Sei sulla pagina 1di 52

www.ilsole24ore.

com

E 1,50* In Italia

Venerd 2 Settembre 2011

Quotidiano Politico Economico Finanziario Y Fondato nel 1865


LINCHIESTA DI NAPOLI AUTO

Posteitaliane Sped. inA.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art. 1, c. 1, DCB Milano

Anno 147 Numero 239

OGGI IN EDICOLA

Ricatto al premier, arrestato Tarantini Le carte: Lo teniamo sulla corda


Simone Di Meo u pagina 27, commento u pagina 24

Fiat guarda ai nuovi mercati emergenti


Paolo Bricco u pagina 37

BEAUTIFUL MINDS: ARCHIMEDE, IL PRIMO GENIO


Dvd di Giulio Giorello a 9,90 euro

SPECIALE MANOVRA E MERCATI Berlusconi: se necessario Iva al 22% per tre mesi - Tremonti: i saldi restano invariati - Sconto leggero agli enti locali, pi tagli ai ministeri

Contro gli evasori faro sui conti correnti


Il contribuente dovr indicare al Fisco gli estremi - Carcere per violazioni oltre 3 milioni - Redditi online
LA ROTTA SBAGLIATA

I due errori di un decreto realizzato sotto stress


di Alessandro Leipold

tupore allibito. E allarme. Da quasi trentanni residente allestero (di cui 26 al Fondo monetario internazionale), sono questi i sentimenti che mi hanno colto allarrivo a Fiumicino marted e alla lettura da vicino del tormentato cammino del decreto di correzione dei conti pubblici italiani. La manovra di Ferragosto gi di persnataconidifettidiunparto sotto stress sta ogni giorno (se non ogni ora) impasticciandosi vieppi. A tal punto da essere ormai sconsolatamente priva di due elementi imprescindibili:unacopertura assicurata(inunequilibrioequotratagli e entrate) e un disegno organico di spinta alla crescita. Senza questi ingredienti, la manovra non credibile, mentre i mercati ci aspettano al varco. Sorge il quesito: possibile che il Governo non percepisca il momento cruciale che stiamo attraversando? Possibile che il coro unanime di tutti gli osservatori indipendenti non lambisca n Montecitorio, n i vertici brianzoli? Duole che sia necessario, ma cerchiamo di spiegare nuovamente la gravissima precarietincuicitroviamo,aggiungendoci a questo coro. Puntoprimo: la stabilizzazione del differenziale dei tassi sui titoli pubblici intorno ai 300 punti base sopra ai Bund tedeschi gi comunque oltre la sogliadisostenibilit temporanea, drogata dagli acquisti della Bce sul mercato secondario. Ma la Bce non potr continuare tale sostegno a lungo, e lammontare acquisito settimanalmente difatti gi in discesa. Con una manovra che si allontana sempre pi da quanto auspicato nella lettera TrichetDraghi, non si pu ragionevolmente contare sulla volont di Francofortedi esporsi ulteriormente nei confronti di un Paese che non mostra laffidabilit ricercata.
Continua u pagina 24

Il Governo ha presentato ieri gli emendamenti alla manovra. Per contrastarelevasionefiscalesaranno rafforzati i controlli attraverso i canali bancari. stato introdotto lobbligopericontribuentidisegnalare in dichiarazione dei redditi gli estremi dei conti correnti, le banche e gli operatori finanziari presso cui si effettuano le operazioni. Lagenziadelle Entratepotrelaborare liste selettive di contribuenti da sottoporre a controllo. Saranno pubblicati online sui siti dei Comuni i redditi dei contribuenti. Subito incarcerechievadepidi tremilioni di euro. Il gettito della Robin Hood Tax andr agli enti locali, mentre per i ministeri il taglio previsto inmanovrarestanellaversione originaria.Tremonti:isaldirestanoinvariati. Il premier: se necessario lIva al 22% per tre mesi.
Servizi u pagine 2-15

Le novit fiscali dellemendamento alla manovra

LINTERVISTA

I CONTI BANCARI Nelle dichiarazioni dei redditi e dellIva dovr essere indicata la propria banca

SANZIONI PENALI Importi pi bassi per il reato di evasione e carcere se limposta non versata supera i 3 milioni

I REDDITI ONLINE Sui siti dei Comuni saranno pubblicate le dichiarazioni dei redditi dei contribuenti

Trichet: lItalia rispetti gli impegni, riforme per crescere


di Beda Romano
er otto anni il nome di JeanClaudeTrichetstatosinonimodiEuropa.Senzagliinterventi straordinari della Banca centrale europea da lui guidata chiss se avremmo ancora la zona euro. Molti in Germania e altrove ritengono che listituto abbia tradito il suo mandato; ma cosa sarebbe successo se non avesse deciso di calmare il mercato acquistando titoli pubblici,ierigreci e portoghesi, oggi italiani e spagnoli?Isuoidetrattori sostengono che potrebbe subire il destino di Alan Greenspan, il Maestro americano ora cos criticato. Ma alle sceltepi controverseTrichet stato costrettodaunapoliticachehadisatteso le proprie responsabilit, nonostante la crisi avesse messo

IlDocumento
IL TESTO

Ecco gli emendamenti su Fisco ed enti locali


u pagina 15

I BENI DELLE SOCIET Denuncia delle assegnazioni destinate a soci e familiari con nuovo sistema di prelievo
LE SANZIONI PENALI

SOCIET DI COMODO Aumenta limposta e stretta per le societ in perdita per tre anni consecutivi

COOP Aumento del 10% del prelievo sulle attivit economiche delle societ cooperative

LA LOTTA ALLEVASIONE

IlDizionario
LE PAROLE DELLA STRETTA

La scorciatoia delle manette Primi segnali nellemergenza


di Enrico De Mita di Salvatore Padula
o, non passer alla storia come un piano organico contro levasione. Eppure il pacchetto di norme per scovare chi non paga le tasse, presentato ieri in Senato dal Governo, offre alcuni segnali da non sottovalutare.

Focus sui contribuenti e sulle societ di comodo


Servizi u pagina 14

li emendamenti alla manovra di Ferragosto puntano sullinasprimento delle sanzioni penali in materia tributaria: i reati scatteranno pi facilmente e si allungheranno i termini per la prescrizione.
Continua u pagina 8

in mostra le debolezze istituzionali dellEuropa. In unintervista dicommiatoalSole24Ore,ilbanchiere ha proprio messo laccentosulla necessit perla politica di riprendere le redini del processo europeo. La crisi scoppiata nel 2007hacambiatopelle: non pi uno sconquassofinanziario o economico, una crisi debitoria, e quindi anche sociale e politica. In questo senso bisogna leggere lavvertimento di Trichet allItalia di modernizzare urgentemente leconomia. Pensare che una storia millenaria sia dipersgaranziadisopravvivenza,quandoanchePaesi comeUsa oRegnoUnitosonoincrisi,illusorio, se non pericoloso.
Intervista u pagina 5

Continua u pagina 7

Il direttivo della Confindustria boccia le nuove misure di politica economica: rischi per lItalia e lEuropa

DEBITO PUBBLICO

Risposta debole e inadeguata


Enti locali in rivolta - Errani (Regioni): carico sproporzionato - Alemanno: va rivista
Confindustria esprime forte preoccupazione per una manovracheapparedeboleeinadeguata. Il Consiglio direttivo riunitosi ieri a Milano evidenzia i rischi che uninadeguatagestione deiproblemi di finanza pubblica pu avere perlItaliaepertuttalEuropa.Cresceintantola protestadeglientilocali. Per il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, il carico della manovra sproporzionato. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno: misure da rivedere.
Servizi u pagine 4 e 13

Domanda in calo per i titoli spagnoli


di Mara Monti u pagina 16

LE ANALISI DEL SOLE


SOCIET COOPERATIVE GIUSTIZIA ENTI LOCALI

LA BUSSOLA PER IL RISPARMIATORE

Permettere un utilizzo pi ampio dellinterpello


di Luca Gaiani
u pagina 10

La richiesta di sacrificio appare sopportabile


di Gian Paolo Tosoni
u pagina 11

Vietti: senza i mini-tribunali pi risorse e funzionalit


di Giovanni Negri
u pagina 12

Purch la differenza non la metta il cittadino


di Eugenio Bruno
u pagina 13

Locchio alleconomia reale


di Vittorio Carlini
a finanza chiede pi economia reale. Paradossalmente, questo il messaggio che scaturisce dalla riformulazione dei componenti dello Stoxx europe 50 e

dellEurostoxx50.Nelprimopaniere, su quattro societ escluse, ben tre sono big del credito: UniCredit, Intesa Sanpaolo e Socit Gnral.
Continua u pagina 20

Mercati

FTSEMib
15670,82

L DowJonesI. B FTSE100 L XetraDax B Nikkei225 L E/$


11493,57 5418,65 5730,63 9060,80

Fai 150 e vinci... un iPad!


Reg. Dep. presso Promozioni&Concorsi-MI Montepremi 2.316,00 Scad. 30/09/2011

1,4285

B Brentdtd L OroFixing L
118,01 1821
variaz.% var.%ann.

0,69 -23,07

variaz.% var.%ann.

-1,03 11,92

variaz.% var.%ann.

0,45 0,97

variaz.% var.%ann.

-0,94 -5,81

variaz.% var.%ann.

1,18 1,50

variaz.% var.%ann.

-1,14 11,60

0,08 54,91
31.08

variaz.% var.%ann.

0,41 46,09

variaz.% var.%ann.

Le Assicurazioni della nuova generazione

enzia Vieni in Ag ito o visita il s group.it www.uniqa

uarta sedutain rialzoper le Borseeuropeespinte dai dati macro Usa e in particolare da quello sul settore manifatturiero, in calo ma migliore delle attese.LindicedareaStoxx600incassaun+0,63%. Cos, esclusa Francoforte (-0,94%), le altre Borse Ue sono migliorate: Londra +0,45%, Parigi +0,28%, Milano +0,69%. In serata tuttavia Wall Street si indebolita:S&P-1,19%eNasdaq-1,30%.
Var% 31.08 Var% in.an. 16468,10 15563,20 20469,79 10115,57 44,20 830,78 0,58 0,69 0,08 0,03 0,84 0,74 -20,88 -22,32 -15,04 -12,60 -20,71 -20,17

PRINCIPALI TITOLI - Componenti dellindice FTSE MIB


Titolo A2A Ansaldo Sts Atlantia Autogrill Azimut H. B. Popolare B.P. Milano Bulgari Buzzi Unicem Campari Diasorin Enel Green Power Enel Eni Pr.Rif.E Var.% 0,958 6,265 11,320 8,590 4,928 1,199 1,475 12,220 6,955 5,765 29,920 1,616 3,430 14,150 -0,67 -0,56 0,98 -0,69 -0,44 0,42 -0,61 0,00 -0,36 1,50 -0,03 0,69 0,88 1,07 Titolo Exor Fiat Ind. Fiat Finmecc. Fondiaria-Sai Generali Impregilo IntesaSanpaolo Lottomatica Luxottica Mediaset Mediobanca Mediolanum Monte Paschi Si Parmalat Pirelli & C. Prysmian Saipem Snam Rete Gas STMicroelectr. Telecom Italia Tenaris Terna Tod's UBI Banca Unicredit Pr.Rif.E Var.% 16,920 6,735 4,298 5,200 1,501 12,590 1,820 1,162 11,160 20,710 2,670 6,415 2,608 0,426 1,671 5,670 11,270 31,340 3,378 4,606 0,860 11,550 2,574 81,250 2,592 0,948 1,62 -0,52 -0,78 0,39 -0,73 0,08 0,89 2,47 1,27 -0,29 -1,04 -0,16 -0,23 -0,82 1,58 -2,74 0,09 0,26 0,54 -0,39 1,78 -0,17 1,98 1,31 0,23 0,58

QUANTITATIVI TRATTATIE
01.09 Azioni:numero 883.760.030 Azioni:valore 1.994.574.818 Titolidi Stato 644.119.900 Obbligazioni 39.948.180 944.873.339 1.996.125.993 516.772.654 33.617.579

INDICI
Paese/Indice BORSE EUROPEE DJ Eurostoxx AmsterdamAm. Exc. Bruxelles Bel20 Francoforte Dax HelsinkiOmxh Gen LisbonaPsi 20 Londra Ftse 100 MadridIbex 35 Parigi Cac 40 Vienna Atx Index ZurigoSwiss Mkt ALTREBORSE NewYork DJIndustr. NewYork S&P 500 NewYork Nasdaq C. TokyoNikkei 225 HongKong Hang S. SanPaolo Brsp Bov. Shanghai Comp. SydneyAll Ordin. SingaporeStraits T. Toronto300 Comp. 01.09 Var.% 228,87 293,96 2266,82 5730,63 5779,35 6303,86 5418,65 8761,10 3265,83 2277,61 5531,54 11493,57 1204,42 2546,04 9060,79 20585,33 58118,20 2556,04 4382,70 2867,18 12700,74 0,02 0,35 -0,05 -0,94 0,20 -0,26 0,45 0,49 0,28 -0,11 0,05 -1,03 -1,19 -1,30 1,18 0,25 2,87 -0,44 0,29 -0,63 -0,53

FUTURES
01.09 Var FTSE MIBSettembre 11 15630 88 EurexBund 10a(set11) 135,30 0,74

BORSAITALIANA IndiciGenerali FTSEIt.AllShare(31.12.02=23356,22) FTSEMIB(31.12.97=24401,54) FTSEIt.MidCap(31.12.02=20146,67) FTSEIt.Star(28.12.01=10000) Mediobanca(2.1.06=100) ComitGlobale(1972=100) 01.09 16563,63 15670,82 20486,63 10118,61 44,57 836,96

ICAMBIDELLEURO (rilev.Bce)
Valuta 01.09 DollaroUsa 1,4285 Yengiapponese 110,0800 Sterlina inglese 0,8812 Franco svizzero 1,1417 Renminbi cinese 9,1138 Dollarocanadese 1,3954 Corona svedese 9,0960 Dollaroaustral. 1,3349 Diff. -0,0165 -0,4700 -0,0044 -0,0253 -0,0995 -0,0187 -0,0680 -0,0180

+0,58
16590 16480 16370
apertura chiusura

10902

MATERIE PRIME
Prezzi uff. a Londra ($/t) 01.09 Var.% Alluminio 2401,5 Caff rob 2295,0 -0,10

9 770391 786418

16260

INDICE CAMBI (22 valute) IndiceSole-24Ore 110,69 -0,70

*Con "English 24" E 5,90 in pi; con "I Viaggi del Sole" E 6,90 in pi; con "LImpresa" E 5,90 in pi; con "I Maestri del Design" E 12,90 in pi; con "I Miti del Jazz" E 9,90 in pi; con "I Capolavori Premio Strega" E 9,90 in pi; con "Q&A - Misura il tuo sapere" E 3,50 in pi; con "Beautiful Minds" E 9,90 in pi; con "La Manovra Economica" E 6,90 in pi

Prezzidivendita allestero:AlbaniaE2,AustriaE 2,BelgioE 2,DanimarcaKr 20,FranciaE 2,GermaniaE 2,GreciaE2,IrlandaE 2,LussemburgoE2,Monaco P.E2,Norvegia Nkr15,Olanda E2,Polonia Pln9,PortogalloE2,Repubblica Ceca Czk62, SloveniaE2,SpagnaE 2,SvizzeraSfr3,20,TunisiaTD 4,25,TurchiaE2,Uk lgs1,80, UngheriaHuf 540, Usa$3.

Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

LE MODIFICHE IN PARLAMENTO

Ora no stop a Palazzo Madama, testo in Aula da marted

Tentativo di dialogo con lopposizione ma resta ancora lopzione fiducia

Sconto light, Comuni allattacco


Pi tagli ai ministeri, supertassa solo per gli statali - Tremonti: saldi rispettati
Marco Rogari
ROMA

La copertura c ma prenota un gettito futuro


ROMA

Un mini-sconto da 1,8 miliardi agli enti locali agendosulla Robin tax con conseguente nuovo appesantimento di 1 miliardo dei tagli ai ministeri. questa la sintesi dellaccordo raggiunto, faticosamente e non senza difficolt sulle coperture, nellamaggioranzasulle modificheallamanovra.Unintesa,duramente contestata da Comuni e Regioni e con lincognita del "caso-dicasteri", con cui viene confermatalabolizionedelcontributo di solidariet sui redditi elevati,manonperstataliepen-

LINTESA

Il ministro dellEconomia chiude in Commissione laccordo sui ritocchi e apre allemendamento Pd sulla spending review
IL CASO DICASTERI

Il ministro della Difesa La Russa: rischio paralisi Anche per i tecnici del governo c il pericolo di una stretta insostenibile
sionati, che viene coperta con il pacchetto fiscale anti-evasione congegnato dal ministro Giulio Tremonti, di cui fa parte anche la stretta sulle agevolazioni per le societ cooperative. Confermato anche lo stralcio dal decretodelle misuresulleProvince, che confluiranno nel disegnodileggecostituzionale diriforma dellassetto istituzionale, con cui saranno anche dimezzati i parlamentari. Allaccordo si giunge con il contributo attivo di Tremonti, che non a caso, dopo un vertice con il presidente del Senato RenatoSchifanieilministroRobertoCalderoli,firmaincalce,insie-

mealrelatoreAntonioAzzollini (Pdl), i ritocchi alla manovra. I saldi resteranno assolutamente invariati, garantisce il ministro dellEconomia scegliendo per una breve conferenza stampa la poltrona del presidente della commissione Finanze di palazzo Madama, Mario Baldassarri (Fli),unodeisuoiprincipaliantagonisti. Oggi afferma Tremonti il Senato ha definito i contenuti del decreto manovra, congrande efficacia e responsabilit.Iltestosarapprovatocon due sole differenze rispetto a quello iniziale (tutto il gettito della Robin tax ai governi locali eilpacchettoanti-evasioneinsostituzione del contributo di solidariet). Tremonti fa anche una mini-apertura allopposizione, dichiarandosi pronto ad accogliere lemendamento gi presentato dal Pd, primi firmatari Anna Finocchiaro e Enrico Morando, sulla spending review percontenerelespesedellapubblica amministrazione. La faticosa intesa sulle modifiche, tra cui anche quella che frena la prevista liberalizzazione degli orari dei negozi (tornerebbea esserelimitata allelocalitturistiche),sblocca,dopodiversi giorni di stop and go, liter deldecretoalSenatoincommissione Bilancio. Che ieri riuscitaadapprovaresoltantolemendamentodelGoverno sullariorganizzazione degli uffici giudiziari (tribunalini) e che da questa mattina proseguir le votazioni "no stop" per consegnare gi luned il testo allAula di Palazzo Madama. Ma lintesa non stempera le tensioni che stanno accompagnando il percorsoparlamentare della manovra da oltre 45 miliardi. I primi ad andare allattacco sono i Comuni, scontenti del mini-sconto, con il sindaco di Roma, Gianni Alemanno (Pdl), particolarmente duro. Allattacco vanno anche le Regioni, con il governatore lom-

bardo Roberto Formigoni, e quello del Lazio, Renata Polverini (entrambi del Pdl), che tornano a puntare il dito contro linsostenibilit dei tagli. Si apre poi il caso ministeri. La decisione di utilizzare tutti gli 1,8 miliardi di gettito atteso dalla Robin Hood tax sul fronte degli enti locali, privano i dicasteri del miliardo di alleggerimento dei tagli previsto dalla manovra. Tagli che tornano ora a quota 6 miliardi (7 se sinclude il Dl 98). Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, parla apertamente di rischio-paralisi per i ministeri.Uneventualitavallata anche dalle valutazioni dei tecnici di diversi dicasteri. Lintesa,passataconlaLegainsilenzio, continua a inoltre a suscitareperplessitindiversiambientidelPdlperladecisionediancoraregranpartedelle coperturea misure anti-evasione, e per questo motivo duramente criticata dallopposizione. Tanto vero chenel Pdl cchi ipotizza chela partita non sia ancora chiusa e che alla fine il Governo sar di fatto costretto a esercitare la clausola di salvaguardia, ovvero a ricorrere a un aumento dellIva, sul quale il Tesoro ha semprefrenato.SilvioBerlusconi,chenon ha mai negatoquesta eventualit,ieriseradaParigiha dettoche,sepropriodovesseessere necessario, si potrebbe anche decidere un aumento dellIva al 22% per tre mesi. Il Senato, mentre il Quirinale continua a seguire con una certa preoccupazione il tormentato cammino della manovra, intanto cerca di accelerare. Anche per questo motivo Schifani ha chiesto a maggioranza e opposizione di sfrondare il pi possibile gli emendamenti. Il fantasma della fiducia per resta dietro langolo e potrebbe materializzarsi la prossima settimanaunavoltaconcluso lesame del testo in commissione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le novit al Senato
RISORSE ENTI LOCALI RIASSETTO MINI-TRIBUNALI REVISIONE DELLA SPESA

Non pi il 50% ai ministeri LerisorsederivantidallaRobin Taxandrannototalmentea ridurreitagliaglientilocalienon pipermetaiministeri.Lo prevedelemendamentoalla manovra,afirmadelministro dellEconomia,GiulioTremonti,e delrelatore,AntonioAzzollini. Nellaversioneoriginalela manovraprevedevachei proventidellaRobinTaxfossero destinatiaridurreitaglial50% deglientilocalieal50%dei ministeri.Nonpassalipotesiche pureerastataventilatalascorsa settimana,ovverolestensione dellaRobinTaxalleimpresedei settoriautostradeetlcoltreche alleaziendeenergetiche

Legge delega DelegaalGovernoper riorganizzareladistribuzionesul territoriodegliufficigiudiziari, tenendocontodialcunicriteri basecomelestensione,il numerodegliabitanti,icarichidi lavoroelesopravvenienze,la specificitterritorialeela variabilecriminalitorganizzata. Sipartirdagliufficidiprimo grado,tenendofermala presenzadeltribunaleordinario neicircondarideiComuni capoluogodiprovincia.Con loperazioneverrannorecuperati unmigliaiodimagistratie5.700 dipendentiamministrativida impiegareinufficidimedie dimensioni

S allemendamento Morando Date per accolto lemendamento Morando. quanto ha detto ieri il ministro dellEconomia Giulio Tremonti riferendosi alla proposta del Pd di "Revisione integrale della spesa pubblica" da attuare anche attraverso la cosiddetta "spending review". In particolare, in base allemendamento proposto dal senatore del Partito democratico, il ministero dellEconomia dovrebbe avviare una ridefinizione dei fabbisogni standard propri dei programmi di spesa delle amministrazioni centrali dello Stato

NO CONTRIBUTO SOLIDARIET

TAGLI A PICCOLI COMUNI

PACCHETTO ANTI-EVASIONE

Restano misure Pa e pensionati Saltailcontributo di solidarietdel5%per i redditi soprai 90mila euroe del10% peri redditioltrei 150mila. Restanoinvigorele norme precedentiallamanovra di agostocheprevedevano una misuraanaloga(tetto agli stipendie nonprelievo Irpef)per idipendenti delpubblico impiegoeper i pensionati.Lo prevedeunemendamentodel ministroTremonti edelrelatore Azzollini.Sar lalotta allevasione haspiegatolo stessoTremontia garantirele entratechedovevanoarrivare dalcontributodisolidarietdei privatiora cancellato

Stretta sulle incompatibilit SoppressionedelleGiuntee obbligodigestioneassociatadei servizineiComuniconmenodi milleabitanti.Riduzionedi assessorieconsiglieridelle Provinceinattesadellaloro cancellazione.Strettasulle incompatibilitdiparlamentari edeurodeputati.Sonole principalimodifichesuicosti dellapoliticacontenutenegli emendamentidelrelatoree del ministroTremonti.Neimunicipi conmenodimillecittadinile funzioniesecutivesarannosvolte dalleunionidiComuniche dovrannogestireinviaassociata lefunzioniamministrativeei servizipubblicilorospettanti

Da stretta penale a dati online Corposoilpacchetto anti-evasione.Sipartedal carcereperchievadepidi3 milioni.Ledichiarazionidei redditisarannopubblicatesui sitiInternetdeiComuni.Nella dichiarazionedeiredditidovr essereindicatalabancapresso cuisihaunrapporto:nel dettagliodovrannoessere obbligatoriamenteindicatigli estremiidentificatividei rapporticonglioperatori finanziariincorsonelperiododi imposta.Strettasullecoop: previstounaumentodal30al 40%delpesodegliutilinella formazionedellabase imponibile

Il nuovo pacchetto antievasione coprir per gran parte glieffettidellarinunciaalcontributo di solidariet, che resta in piedi per le amministrazioni pubbliche e le pensioni doro. Con le nuove coperture messe a punto dal governo, sisostituisceinsostanzaunentrata assolutamente certa (3,8 miliardiaffidatialla superirpef del 5% sui redditioltre i 90mila euroedel10%oltre150milaeuro) con un gettito il cui impatto evidentemente potr essere verificato solo a consuntivo. Si tratta in poche parole della "prenotazione" ex ante di entrate future, nella fondata aspettativadelloroeffettivoincasso. Resta sempre larma di riserva dellaumento dellaliquotaordinariadellIva(1punto, 1 punto e mezzo), in linea come ha ribadito il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi - con quanto avviene in molti altri paesi europei. Per il resto, il gettito atteso dellaRobintax(1,8miliardi)sarutilizzatopercoprireiminoritagliaglientilocali.Neconsegue che i ministeri dovranno far fronte con conseguenti risparmidispesaalmancatogettitoassegnatoloronellaversione originaria della manovra. Le novit, contenute negli emendamenti del governo presentati ieri pomeriggio in commissioneBilancioal Senato, sono il frutto di unulteriore limatura messa a punto dai tecnici dellEconomia e del placet politico giunto nel corso di una serie di riunioni di maggioranza a palazzo Madama, alla presenza del ministro dellEconomia Giulio Tremonti. Da Tremonti ho avutoconfermadi saldipichesolidi per la manovra, ha commentato il capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri. E lo stesso Tremonti ha parlato di asso-

luta invarianza di gettito. Sulfrontedegliulterioripossibiliincassi,siregistra quanto affermato ieri mattina dal direttore dellAgenzia delle Entrate, Attilio Befera a proposito delle somme effettivamentericavabilidalvecchiocondono del2002-2003. La questione nota, ed oggetto anche di un emendamento del Pd alla manovra. Sono in ballo 4 miliardi di Iva evasa. Condono giudicato nel 2008 illegittimo dalla Corte di Giustizia europea poich contrastava con i due cardini fondamentali del diritto comunitario: la neutralit fiscale e la parit di trattamento. La tesi di Befera che in realt circa 2,5-2,7 miliardi sono inesigibili. Un miliardo di euro in procedura concorsuale e 1,5 miliardi sono riferiti a soggetti che hanno una mareadidebitifiscaliecontributivi. Oltre 1 miliardo invece allincasso e sar privilegiato laccesso bancario. Somma che ad adiuvandum potrebbe aggiungersialcarnetdellenuove entrate. A parere di Stefano Loconte, il tributarista che ha patrocinatolacausaperleccezione di costituzionalit della legge Bersani-Visco del 2006 sulraddoppiodeiterminidiaccertamento, si tratter al contrario di una somma di gran lunga inferiore. LemendamentodelPdpunta invece a imporre lesecuzione degli accertamenti da parte dellAgenzia delle entrate entro il termine ultimo del 31 dicembre 2011, ammettendo tuttavialapossibilitchepossano disporsidellerateizzazionidei pagamenti entro un massimo di dieci periodi dimposta. Ne deriverebbe - secondo i calcoli del PD - un gettito straordinario pari ad almeno 5,7 miliardi di euro allanno fino al 2021.
D.Pes.
RIPRODUZIONE RISERVATA

In rivolta sindaci e governatori del centro-destra: critici Formigoni, Polverini e Alemanno

Sugli enti locali Lega delusa, malessere Pdl


Barbara Fiammeri
ROMA

A prevalere linsoddisfazione. Soprattutto nel Pdl. I ministri del partito di Silvio Berlusconi sono preoccupatissimi per i tagli che gravano sulle loro spalle e sindaci e governatori delPdl, coscomeanche lattualepresidente dellAnci Osvaldo Napoli, sono i pi agguerriti contro le scelte decise dal governosugli entilocali.Limpressione che, pi che la rottura della catena istituzionale (copy-right di Renata Polverini, governatrice del Lazio), con questa manovra si incrini profondamentelunit politica del-

la maggioranza. La situazione drammatica, lamanovravarivista,esclamail sindacodiRomaGianniAlemanno, che assieme al governatore dellaLombardiaRobertoFormigoni (Hanno definitivamente seppellito il federalismo) tra i pi arrabbiati. A far perdere laplombcertoiltimorediritro-

LE TENSIONI

Berlusconi: nessun problema, tutti sanno che cos la disciplina di partito Nella maggioranza timori per nuovi interventi in autunno

varsidasoliafronteggiareleproteste di cittadini inviperiti per laumento dei biglietti di treni e autobuso dellemense degliasili, maanche lincertezzasul futuro. Nessuno infatti crede che sia finita qui. I ministri, su cui resta intonso il taglio di 6 miliardi di euro previsto fin dallinizio dal decreto, temono entro la fine dellanno una nuova sforbiciata. Paventa il rischio paralisi Ignazio La Russa. Evita invece di parlare Roberto Maroni. Il ministro dellinterno si era fatto garante della riduzione del taglio ai Comuni, che c stata ma assai inferiore a quella assicurata dal

plenipotenziario del Carroccio. Il no a qualunque intervento sulle pensioni di anzianit gli ha impedito di rilanciare. Il Carroccio insomma qualcosa ha ottenuto, ma il Pdl? La cancellazione del contributo di solidariet, voluta in primis da Berlusconi, quello che ha incassatoil partito guidato da Angelino Alfano. Il malessere per forte. Anche perch dopo il vertice di Arcore tutti erano convintichequantomenosi fosse aperta la stagione del confronto, della mediazione fino ad allora negata dal ministro dellEconomia. E invece ieri Tremonti, dopo aver disertato

ilConsigliodei ministri, si presentato al Senato assiemeal ministro leghista Roberto Calderoli con gli emendamenti alla manovra. Non solo. Il ministro ha fatto anche sapere di voler far suo lemendamento del Pd sulla spending review, senza accennarefa notare ilvicepresidente del Pdl alla Camera Massimo Corsaro che analogapropostaeragistatapresentata dal sottosegretario Guido Crosetto. Poco male, aggiunge lesponente del Pdl, se il gesto per migliorare il rapporto con lopposizione. Nel Pdl e lo stesso premier continuanoaripeterechealmomento la fiducia non prevista e che uneventualit a cui si ricorrer solo qualora fosse indispensabile. Ma sono in pochi a crederci davvero. Anche perch le parole pronunciate da Berlusconi a Parigi sul crimi-

nale atteggiamento del Pd e degli altri partiti contrari al governo non sembra proprio un ramoscello dulivo. Berlusconi dice che nel Pdl noncisonoproblemi,chetutti sanno cosa sia la disciplina di partito. Ma il ricorso alla fiducia,se ci sar, servir proprio ad evitareammutinamentitra lefila della maggioranza, dove non si esclude che pi di qualcuno sia nel Pdl che nella Lega possavotare emendamentidellopposizione. Nel Pdl avvertono il rischiopoliticodellimpopolarit della manovra. I sondaggi indicano che tanto il partito che il Cavaliere continuano a perdere punti. Come se non bastasse linchiesta giudiziaria LavitolaTarantini, fa tornare alla ribalta della cronaca le chiacchierate frequentazioni del premier. E questo certamente non aiuta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le nuove coperture
Introiti sostitutivi del contributo di solidariet. In milioni di euro Soggetti in perdita sistematica Indeducibilit beni in godimento

261,7
Societ di comodo

138,6
Nuovi obblighi dichiarativi

92,1
Minori sgravi alle coop

145,0
Liste contribuenti a rischio

169,6

TOTALE

283,6

3.897,9
Premio a Pmi che usano contante

145,0
Sanzioni penali per gli evasori Operazioni soggette a Iva

1.075,0

143,0

La mobilitazione del Pd. Laffondo: i saldi non sono invariati, la lotta allevasione finta, i tagli agli enti locali mettono le mani in tasca agli italiani per procura

Bersani denuncia: preparano il condono


Lina Palmerini
ROMA.

CONTRASTO

I saldi invariati come dice Giulio Tremonti non ci sono,gliannucidellalottaallevasione fiscale sono finti e, soprattutto,nascondono unnuovo condono, inoltre le mani in tasca agli italiani le metterannomaperprocura,facendolo fare agli enti locali. Se si potesse raccontare in estrema sintesi laffondocheieriPierluigiBersani ha lanciato alla manovra nuovamente rivista e corretta si partirebbe da questi tre punti. Tre capisaldi del decreto che lopposizione smonta pezzo dopo pezzo spiegando perch i

conti non tornano, perch la guerra agli evasori non realeesoprattuttoperchicittadini ne faranno le spese visto che Regioni, Province e Comuni non saranno pi in grado di garantire i servizi a causa del ripristino dei "vecchi" tagli, quelli su cui Roberto Maroni in persona sieraimpegnato(elavevaspun-

OCCHI SULLA LEGA

Il Carroccio guarda con attenzione aisindaci padani.Fassina: Votino il nostro emendamento contro i tagli alleamministrazioni locali

tata) per ridurli. Invece ieri tutto tornato in discussione con gli amministratori anche e soprattutto di centro-destra sul piede di guerra e un Pd che ora crede si possa consumare latto finale contro il Governo magari giocando di sponda proprio con la Lega. Chiss. Noi stiamo lavorando attivamente per creare unalleanza mirata con la Lega sul fronte dei tagli agli enti locali. Anche perch negli ultimi tempi si molto rafforzata la nostra interlocuzionecon gli amministratori del Carroccio. StefanoFassina, responsabile economico del partito, punta sul malessere

padano per riuscire a smontare maggioranza e manovra perch, dice, chiaro che siamo alla resa dei conti: il Pdl ha dovuto subire il "no" alle pensioni e ora ha rimesso sul piatto i tagli a sindaci e Governatori. E dunque su quellemendamento targato Pd che cancella i tagli coprendo i quasi 5 miliardi con una imposta sui grandi valori immobiliari a partire da 1 milione e 200mila euro il partito di Bersani spera di tirarsi dietro e strappare un "s" leghista. E mentreilministro Tremonti pubblicamente ha dato gi per approvato un emendamento del Pd a firma Enrico Morando,

quello sulla spending review, il partito gli risponde attaccando proprio il suo fiore allocchiello: quellodellalottaaigrandievasori. Un annuncio tanto popolare maperilsegretariodelPdaltrettando inconsistente: Fanno la faccia truce agli evasori ma dietro si inventano un altro condono. Io dico: condoni basta! Ci metteremo di traverso, ora le tasse di devono pagare. Certo, nel maxi-emendamento non c traccia mentre si spara contro i grandi evasori prevedendo il carcere ma anche questo che non convince. Il contrasto allevasione di massa si fa con misure ordinarie, con la traccia-

Pier Luigi Bersani

bilita 300 euro, ilresto finzione. Non ha dubbi Fassina mentre il vero perno su cui fare leva per indebolire la maggioranza resta quello degli enti locali. Ed su quel tasto che Bersani insiste, come ha fatto ieri con i cronisti dopo lincontro con la delegazione Anci e Upi ma anche nella riunione del coordinamentoPddovestataconfermata la mobilitazione del partito. Il Governo diceva il leader Pdstadandounabottamicidialeallacondizionedeicittadiniriducendo i servizi o facendo in modo che i servizi costino di pi, perch i tagli si scaricano da parte degli enti locali con una maggiorpressione fiscale.Quindi quando Berlusconi dice che non mette le mani nelle tasche degli italiani, gliele fa mettere agli altri per procura. Infine i "saldi invariati" che

per il Pd invece sono variati eccome. Lo spiega Giovanni Legnini che segue la manovra al Senato:Va benissimorafforzare gli strumenti di lotta allevasione fiscale anche se abbiamo seri dubbi che cos come concepite possano funzionare ma che da cos incerte e presunte nuove entrate tributarie si possa ricavare la sicurezza della copertura finanziaria della manovra lo pu sostenere solo un Governo allo sbando. Laffermazione del ministro Tremontisecondo ilquale i saldi restano invariati costituisce quindi solo un mero auspicio e, in quanto tale, non credibile. Insomma, cifre e misure non sono allaltezza della crisi n delle richieste dellEuropa e della Bce. Soprattutto perch conclude Fassina manca il piatto forte: le misure per la crescita.

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

LE MODIFICHE IN PARLAMENTO

Tremonti: al posto del contributo di solidariet contributo dallevasione

Il premier: opposizione criminale che aizza la speculazione

Fisco in banca a caccia di evasori


Nelle dichiarazioni gli estremi dei conti - Soglie ridotte per far scattare il carcere
Dino Pesole
ROMA

Berlusconi: se serve portiamo lIva al 22% per tre mesi


Carmine Fotina
ROMA

Al posto del contributo di solidarietavremouncontributo dallevasione. Il ministro dellEconomia,GiulioTremontihacommentato cosieri inSenato il nuovo pacchetto di emendamenti alla manovra di Ferragosto,cheriscrivele misurefiscalidellamanovra. Lenuove misure compensano il mancato gettito (3,8 miliardi a regime) del contributo di solidariet del 5% sui redditi oltre i 90mila euro e del 10% oltre i 150mila euro, che esce definitivamente di scena. Le novit sono molteplici. In primo piano lintroduzione dellobbligo per i contribuenti di segnalare in dichiarazione

PUBBLICAZIONE ONLINE

Con un successivo decreto si fisseranno i criteri per mettere sui siti dei Comuni i dati fiscali dei contribuenti
deiredditi lebanche egli operatorifinanziaripressocuisieffettuano le operazioni. Su questa base, lAgenzia delle Entrate predisporrspecifichelisteselettive di contribuenti da sottoporreacontrollo.Sipuntadunque a rafforzare le verifiche attraverso il canale bancario, cos da rendere pi cogente il ricorsoalredditometro e allaccertamento sintetico del reddito dei contribuenti ritenuti a maggiore rischio di evasione. Una misura che per Tremonti dovr agire soprattutto sotto il profilo della deterrenza. Gettito previsto dallobbligo di indicare gli operatori finanziaria 145 milioni nel 2012-2014, mentre lelaborazionedelleliste selettive consentir di incassare 156,2 milioni nel 2012, 545,7 nel 2013 e 665,4 nel 2014 1,3 miliardi. Le imprese e gli esercizi che utilizzano strumenti di pagamento diversi dal contante potranno avere uno sconto sulle sanzioni, in caso di violazione delle dichiarazioni Irpef e Iva. Gli incassi effettivamente realizzati dai Comuni nella lotta allevasione verranno attribuiti non pi al 50% come previsto dal decreto legislativo sul fisco municipale, ma nella totalit. Sar un decreto del presidente del Consiglio, su proposta del ministro dellEconomia, a stabilire criteri e modalit per la pubblicazione sul sito del comune delle dichiarazioni dei redditi, anche con riferimento a determinate categorie di contribuenti. In tal modo - ha osservato Tremonti

- la collaborazione dei comuni diverr effettiva, necessaria e non solo teorica. Abbiamo 8mila comuni e 4 milioni di partite Iva, molte auto di lusso rispetto a quanto viene riportato nelle dichiarazioni dei redditi. Si punta altres a rafforzare la lotta allevasione sotto il profilo della rilevanza penale: qualora limposta evasa o non versata sia superiore a tre milioni di euro, non verr applicata la sospensione condizionale della pena contemplata nellarticolo 163 del codice penale. In sostanza, potrebbero aprirsi le porte del carcere. La stima di 210 milioni di maggiori entrate nel 2012, 457,5 nel 2013 e 407,5 nel 2014. Quanto alle societ di comodo,siconfermala strettaannunciata nei giorni scorsi attraverso una maggiorazione del 10,5% della relativa aliquota Ires. Lemendamento del governo precisa che tale incremento di tassazione si applicher al reddito imputato per trasparenza.Lastretta "vale"25,1milioni di maggior gettito nel 2012, 33,5 milioni nel 2013 e 33,5 milioni nel2014.Lesocietchepresentinodichiarazioniinperditafiscale per tre anni consecutivi saranno considerate inoltre non operative. Chiaro anche in questo caso lintento antielusivo perch di fatto scatter lequiparazione alle societ di comodo, con un maggior gettitostimatoin622,3milionineltriennio 2012-2014. Sono in arrivo al tempo stesso norme antielusive pi stringenti per i casi di concessione digodimentodibenidellimpresa a soci a familiari. Per lomissione della comunicazione sar applicata una sanzione del 30%, e lAgenzia delle Entrate potr controllare sistematicamentela posizione di quanti abbiano utilizzato i beni concessi in godimento ai fini della riscostruzione sintetica del reddito. I costi relativi ai beni dimpresa ceduti a soci e familiari dellimprenditore, per un corrispettivoannuoinferiorealvaloredi mercato del dirittodi godimento, non saranno in ogni caso ammessi in deduzione del reddito imponibile. Si stima nel totale un maggior gettito di 148,6 milioni sempre nel triennio 2012-2014. Per quel che riguarda le cooperative, sale dal 30 al 40% la tassazione sugli utili accantonati a riserva. Per le cooperative di consumo si passa dal 55 al 65 per cento. Stando alla relazione tecnica, si avr un maggior gettito di 46,2 milioni nel 2012, 61,7 milioni nel 2013 e 61,7 milioni nel 2014.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il nuovo pacchetto fiscale


CARCERE AI MAXI-EVASORI ON LINE TUTTE LE DICHIARAZIONI I CONTI BANCARI IN DICHIARAZIONE

Napolitano

Oltre i 3 milioni Chisarcondannatoperaver evasoimposteperoltretremilioni dieuroandrincarcere senza poterbeneficiaredella sospensionecondizionaledella penaprevistadalcodicepenale.La strettaanti-evasioneprevede inoltrelabbassamentodellesoglie oltrelequaliscattanolepeneperi reatifiscali.Perlomessa dichiarazione,lasanzione(dauno atreannidireclusione)scatta a partireda30milaeurodiimposta evasa(invecedeiprecedenti150 milionidivecchielire).Iterminidi prescrizioneperireatifiscali vengonoelevatidiunterzo, mentreilpatteggiamento ammessosoloseprima dellaperturadelprocedimentidi primogradoilcontribuentesaldail suodebito

Sui siti dei Comuni Ledichiarazionideiredditi sarannopubblicatesuisiti InternetdeiComuni.Criterie modalit,comeprevede lemendamentoAzzollini-Tremonti allamanovrabis,sarannostabiliti conundecretodelpresidentedel Consigliosupropostadelministro dellEconomia,dintesaconla ConferenzaStato-Citt. IComuniinoltreincasseranno tuttelesommediquanto recuperatoconlalottaallevasione fiscale,nellambitodellaloro partecipazioneallattivitdi accertamentotributario.Viene infattiraddoppiatalaquotaad appannaggiodeiComuniper incentivarnelapartecipazionealla lottaallevasionerispettoal50% previstodaldecretosul federalismofiscalemunicipale

Dalle Entrate liste selettive Nelladichiarazionedeiredditi dovressereindicatala banca pressocuisihaunrapporto. Lobbligodiindicaregliestremi identificativideirapporticongli operatorifinanziarinelle dichiarazionidei redditivalenon soloperlebanchemaanche per Poste,intermediarifinanziari, impresediinvestimento, organismidiinvestimento collettivodelrisparmio,societ digestionedelrisparmio Leinformazionipotranno essereutilizzatedallAgenzia delleEntrate, dopouna consultazioneconle associazionidicategoriadegli operatorifinanziari,per elaborarelisteselettive di contribuentidasottoporrea controllo

DalQuirinale estrema attenzione sugli emendamenti


ROMA

GETTITO PREVISTO:

GETTITO PREVISTO:

GETTITO PREVISTO:

1 miliardo SOCIET DI COMODO: IRESAGGRAVATA MINORI SGRAVI ALLE COOPERATIVE


Non operativo chi in perdita fissa Confermata la stretta annunciata nei giorni scorsi sulle societ di comodo: prevista una maggiorazione del 10,5% della relativa aliquota Ires. Lemendamento del governo precisa che tale incremento di tassazione si applicher al reddito imputato per trasparenza. La stretta "vale" 25,1 milioni di maggior gettito nel 2012, 33,5 milioni nel 2013 e 33,5 milioni nel 2014 Le societ che presentino dichiarazioni in perdita fiscale per tre anni consecutivi saranno considerate non operative. Di fatto scatter lequiparazione alle societ di comodo, con un maggior gettito stimato in 622,3 milioni nel triennio 2012-2014 Per imponibile utili al 40% Arrivalastrettasullecoop:in particolareprevistounaumento dal30al40%delpesodegliutili nellaformazionedellabase imponibile.Lalegge904del1977 prevedeinfattichenon concorronoaformareilreddito imponibiledellesociet cooperativeedeiloroconsorzile sommedestinatealleriserve indivisibili.Lemendamentodel governoapportamodifichealla legge311del2004laddovesi prevedechequantoprevistodalla legge904nonsiapplicaalle societcooperativeeloro consorziamutualitprevalente eallerelativedisposizionidi attuazioneetransitorieperla quotadel30%degliutilinetti annuali.Conlamodificalaquota portataal40%

428 milioni
PREMI A PMI SENZA CONTANTI
Alle imprese sotto i 5 milioni Sanzionidimezzateperlepiccole impreseconricaviecompensi dichiaratinonsuperioriai5milioni dieurochenonutilizzanoil contante,nelcasoincui commettanoomissioninella presentazionedelladichiarazione deiredditiedellimpostasul valoreaggiunto Pergliesercentiimpreseoartie professioniconricaviecompensi dichiaratinonsuperioria5milioni dieurosileggeneltestoiquali pertutteleoperazioniattive passiveeffettuatenellesercizio dellattivitutilizzano esclusivamentestrumentidi pagamentodiversidaldenaro contante,lesanzioni amministrativeprevistedal decretolegislativo471del1997 sonoridotteallamet

GETTITO PREVISTO:

GETTITO PREVISTO:

GETTITO PREVISTO:

353 milioni 169 milioni 145 milioni

Dal Quirinale giuntaieri seraconfermacheipassaggidelpercorso parlamentare della manovra vengono seguiti con estrema attenzione. Il tutto in stretto contatto con il presidente del Senato Renato Schifani, che pi volte in questi giorni sceso in campo per invitare maggioranza e governoadaccelerareitempidipresentazione degli emendamenti e ora a ridurli in quantit. La preoccupazione del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, peraltro non solo riferita al gran caos delle modifiche alla manovra, con misure ( il caso delle pensioni) prima annunciate poi rapidamente riposte nel cassetto, ma anche al nodo cruciale delle coperture. Le misure individuate dal governo sostituiscono il gettito certo del contributo di solidariet con gli incassi che ci si prefigge di ricavare attraverso il nuovo giro di vite sulla lotta allevasione. Napolitano - lo ha detto chiaramente nel suo discorso inaugurale delmeeting di Cl diRimini - ritieneche levasionesia unaintollerabile stortura da combattere con unazione costante e capillare. Il problema la tenuta complessiva dei saldi, che ora per oltre 3 miliardi vengono affidati a entrate il cui gettito per definizione non accertabile ex ante. Lattenzione del Colle si sposta sulle votazioni e dunque sul testo definitivo che sar licenziato dallaula del Senato. Nel frattempo, gli uffici tecnici del Quirinale cominceranno ad esaminare il testo, sia pure nella sua versione in itinere.Quelchecontaevidentemente che il decreto allesame di palazzoMadamanonperdadiforzaecredibilit.Ilgiudiziodeimercati non si farebbe attendere. Per ilresto,Napolitanohapivolterichiamato maggioranza e opposizioneadaresegnaliconcretidicoesioneinunfrangentecosdelicatoperlanostraeconomia.Hainvitato tutti a uscire rapidamente da logiche di scontro e da calcoli di parte. Vedremo come andr nelle votazioni, ma le premesse non solo delle migliori, e questo accentua le preoccupazioni del presidente della Repubblica.
D. Pes.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessunpericolodimancare lobiettivo del pareggio di bilancionel2013.SilvioBerlusconi coglie loccasione della corniceparigina dellaconferenzasullaLibiaperrassicurareCommissione e principali partner europei dopoi continui cambi di scena sulla manovra. Ho dato rassicurazioni che manterremo gli impegni e che raggiungeremo il pareggiodibilancio nel2013diceilpremier,precisandodiaverne parlato con il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy e con il presidente della Commissione Jos Manuel Barroso,ancheloropresentialla conferenzasullaLibia.Inevitabile, a margine dellevento di Parigi,entrareneidettaglidiunamanovra di difficile gestazione ma non ci sono problemi per lapprovazione in Parlamento e che lascia aperte incognite suisaldi.Diquiilriferimentoancora una volta allaumento dellIva, arma che il premier ha sempre tenuto in considerazione.Stavolta Berlusconi tornasul tema con unipotesi nuova di zecca, linnalzamento di due punti ma limitato a untrimestre. Laumento dellIva commentaunariserva,noinonlabbiamo utilizzata ma passando dal 20 al 21% avremmo 4 miliardi in pi. Sono l a disposizione e con un provvedimento il premier pu attuarlo da un giorno allaltro. una clausola di salvaguardia assoluta per raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2013. Poi lipotesi dellaumento a tempo: Se fosse necessario lIva potrebbe passare dal 20 al 22%, ad esempio per tre mesi. Di certo il premier lascia intendereche iltema destinatoa restare al centro del dibattito e per questo cianciare sullIva nonhanessunsenso,inunoccasione come questa in cui abbiamo dovuto chiedere lintervento della Bce per difenderci dalla speculazione internazionale che dopo Grecia, Irlanda e Portogallo mirava a fare affari con i titoli del debito pubblico italia-

no che abbiamo ereditato dai precedenti governi. Insomma, il Cavaliere ostenta sicurezza sul percorso della manovra ed convinto di poter arginare le possibili preoccupazioni dellUnione europea che non pi tardi di due giorni fa, con il commissario agli Affari economici e monetari Olli Rehn, aveva tenuto a sottolineare come Bruxelles seguir con particolare attenzione gli sviluppi futuri, soprattutto per quanto riguarder le riforme strutturaliperlacrescita.Compattezza un altro concetto che il premier tiene a fare emergere per dare un segnale alla Ue ma ancheaglialtriosservatoridipeso, vedi Bce e Germania, che

INCONTRO CON BARROSO

La rassicurazione: LItalia rispetter gli impegni sul pareggio nel 2013. Nessun problema per la manovra in Parlamento
aspettanoconattenzioneunquadro definitivo della manovra. Non ci sono problemi per quanto riguarda il Parlamento ribadisce Berlusconi . Si cianciato di divisioni allinterno del Pdl che fatto di libere persone che esprimono le loro preoccupazioni ele loro opinioni ma sanno che cos la disciplina di partito e linteresse del Paese. Quindi, la promessa, nessunostacolo sullultimometro, al momento del voto sono sicurissimo che tutti andranno nelladirezione che ilnostro Governo avr scelto sempre per il bene dellItalia. E ancora una volta il pensiero corre a chi viene accusato di remare contro. Purtroppo in Italia dice poco prima di lasciare Parigi abbiamo unopposizione e una stampa di sinistra anti-italiana, che ha un atteggiamento criminale capace di influenzare negativamente i mercati e aizzare la speculazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

REUTERS

Obiettivo pareggio. Silvio Berlusconi con il presidente della Commissione Ue, Jos Manuel Barroso

Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

LE MODIFICHE IN PARLAMENTO

No a corporativismi: sacrifici da distribuire equamente fra tutti

La replica di Berlusconi alle critiche: Andiamo avanti per la nostra strada

Manovra debole e inadeguata


Confindustria: forte preoccupazione per le scelte sulla grave situazione dei conti e della ripresa
Nicoletta Picchio
ROMA

Fabbisogno in calo di 5,8 miliardi Bene le entrate


Dino Pesole
ROMA

Una manovra debole e inadeguata. Per una serie di motivi che vengono elencati: Alcune componenti della manovra non sonovalutabili e nonc la certezzasuisaldi.Nonsolo:Lamanovra squilibrata sulle entrate e non contiene le adeguate misure perlacrescita.Inoltre rinviasine die i tagli ai costi della politica e degli apparati amministrativi. Servono misure strutturali, una riorganizzazione della macchina delloStato,tagliaicostidellapolitica: In questo nuovo scenario gli imprenditori non si tireranno indietro di fronte ad ulteriori impegni e sacrifici. Dalla Confindustria arrivano durissime critiche alla manovra, propriomentre al Senatosi stavano presentando gli emendamenti altesto.IeriaMilano,inAssolombarda, si riunito il direttivo straordinario della confederazione, il

I RILIEVI

Mancanza di certezza sui saldi, squilibrio sulle entrate, rinvio sine die della riduzione di perimetro e costi della macchina dello Stato
LE PROPOSTE DEL DIRETTIVO

Interventi su pensioni, liberalizzazioni, privatizzazioni, infrastrutture con fondi Ue, riduzione delle tasse su lavoratori e imprese
primodopolevacanze.Unappuntamentochesi sarebbedovutotenere la prossima settimana, ma che stato anticipato, anche per una tempestiva analisi della manovra. E il giudizio di Confindustria non poteva essere pi netto nelgiudicarlainadeguata,a quasi un mese di distanza dal monito della Bce, una posizione che stata condivisa unanimamente daldirettivo,alqualehannopartecipato, oltre alla presidente, Emma Marcegaglia, imprenditori di spicco del vertice confindustriale,tracuiAlbertoBombassei,Giuseppe Recchi, Marco Tronchetti Provera, Gabriele Galateri di Genola, Luigi Abete, Giorgio Fossa, Gianmarco Moratti, Carlo De Benedetti, Diana Bracco. Molto spesso le forze sociali aspettano il governo per poi criticarlo. Noi andiamo avanti per la nostra strada stato il commento del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, alle critiche di Confindustria. Noi andiamo avanti per la nostra strada - ha aggiunto il premier - ringraziamo quando c' sostegno ma se siamo sicuri di aver fatto

bene, andiamo avanti. Tutto il direttivo di Confindustria ha espresso forte preoccupazione per come viene affrontata la grave situazione della finanzapubblicaedellaripresadella crescita. E sia il dibattito, sia il comunicato finale hanno sottolineatoirischicheunagestioneinadeguata di questi problemi possa avereperlItaliamaanchepertutta lEuropa. Occorre altro, si legge nel titolo del testo. E gli imprenditori richiamano la politica alla necessit di agire con grandesensodiresponsabilitedeterminazione, facendo appello alla coesione delle forze politiche e sociali. Soprattutto vanno superati i corporativismi: I sacrifici, purtroppo necessari, devono esseredistribuitiequamentefratutti. Per Confindustria limperativo coniugare il rigore dei conti con la crescita. E per raggiungere questo obiettivo si sollecitano una serie di interventi: agire sulle pensioni, allungando la vita lavorativa, in linea con i Paesi europei pi avanzati; ridurre le tasse su chi produce, lavoratori e imprese, spostando il carico su tutto il resto, nulla escluso. Inoltre privatizzare, a partire dalle societ dei servizi pubblici locali, e dismettere il patrimonio pubblico; liberalizzare le professioni e i servizi pubblici locali in modo pi incisivo rispetto a quanto previsto dalla manovra; investire in infrastrutture attraverso i fondi europei. Misure che vanno attuate contemporaneamente, in un disegnostrutturaleeunitario,pervalutarne costi e benefici in una visione dinsieme. Interventi che dovranno essere accompagnati, continua il comunicato, da una profonda riorganizzazione del funzionamento della macchina dello Stato, da una riduzione del suoperimetroedeisuoi costi,sottolineandoche i tagli ai costi della politica non sono rinviabili. Tra i commenti, alluscita del direttivo, quello di De Benedetti, che ha sollecitato le riforme, come quella delle pensioni, ed ha ipotizzato anche la patrimoniale, allinterno di una riforma fiscale che riduca le tasse sul lavoro;MorettiPolegatohalanciato lidea di un taglio del 50% dei contributiperigiovani,perfavorire loccupazione. Tra i messaggi di preoccupazioneper lasituazioneeconomica del Paese, anche quello di Paolo Graziano, presidente degli industriali di Napoli, che critica la mancanza delle liberalizzazioni, delle privatizzazioni, delle riforme strutturali e misure per la crescita, del Piano Sud. Vuoti particolarmente pesanti nella situazione economica di Napoli e della Campania.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSA

CINQUE PRIORIT
Leve per la crescita Perconiugareilrigoredei contielacrescitagli industrialisuggeriscono cinqueinterventi. Interventisulsistema pensionisticocheportino lItaliaaunlivellodivita lavorativainlinea conipaesi europeipiavanzati. Ridurreletassesu chi produce,suilavoratorie imprese,spostandoilcarico sututtoilresto,nulla escluso. Privatizzazionia partire dallesocietdiservizi pubblicilocaliperliberarle dallingerenzapoliticae recuperareefficienza; dismissionideipatrimoni immobiliaripubblici Liberalizzazionidelle professioniedeiservizi pubblicilocalipiincisivee certerispettoaquanto previstonellattuale formulazionedella manovra. Investimentiin infrastruttureanche attraversolutilizzodeifondi europei.

Una manovra squilibrata. Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria

Titoli di Stato. Ancora tensioni sul mercato, proseguono gli acquisti della Bce

Lo spread torna sopra quota 300


Celestina Dominelli
ROMA

Gli stop and go sulla manovra-bis non convincono i mercati e la giornata di ieri si chiusa conlospreadtratitolidiStatoitaliani e Bund che, dopo un avvio poco sopra i 290 basis point, ha toccatolasogliadi301,2 puntibase spingendo il rendimento sul

LE OMBRE SUL DIFFERENZIALE

Pesano gli stop and go della maggioranza. Incidono anche le incertezze su Grecia e Irlanda e i dati macro della Germania
decennale italiano a quota 5,15 per cento. Un andamento che ha indotto la Bce a nuovi acquisti di titolidelTesoro.Secondoglioperatori,lEurotowersarebbeintervenuta per rilevare quantitativi moderati. Abbiamo visto ancora attivit delle banche centrali sullItalia soprattutto sui decennali,harivelatopidiundealer. La sensazione diffusa tra gli operatori, per, che i benefici

effetti prodotti dallintervento diFrancofortesistianoormaiattenuando. Nessuna banca centrale - spiega alla Reuters Alessandro Tentori, strategist a Bnp Paribas mai riuscita a contenere i tassi. Lintervento pu essereuninizio,loccasioneperdare il tempo ai governi di prendere provvedimenti, ma pi il tempopassasenzachelemisurearrivino, pi leffetto delle banche centrali si riduce. A complicare il quadro hanno poi contribuito le perduranti incertezze su Grecia e Irlanda, ma anche i dati non esaltanti diffusi ieri sugli indici Pmi manifattura in Germania ed Eurozona, oltre alla conferma, in seconda lettura, che il Pil tedesco nel secondo trimestre del 2011 salito solo dello 0,1 per cento. Senza contare i risultati non molto soddisfacenti registrati sempre ieri dallasta dei Bonos spagnoli a cinque anni. Il governo iberico ha collocato Bond a cinque anni per 3,6 miliardi di euro, a met gamma del volume previsto (3-4 miliardi),conunrendimentopari al 4,489%, in calo rispetto al 4,871%dellultimaanalogaemis-

Il differenziale
Spread BTp-Bund a 10 anni (andamento di ieri in punti base) Apertura Chiusura

302

300

298

296

sione del 7 luglio scorso, e il "bid tocover"(ilrapportotradomanda e offerta) che sceso a 1,76 a fronte del 2,85 segnato a luglio. Alterminedellastailrendimento dei titoli spagnoli a 10 anni sul mercato secondario salito di 7 punti base al 5,11 per cento. Secondo alcuni operatori del mercatolondinese,laBceavrebberipresocoslacquistodiBonossubitodopoilcollocamentomattutino, assorbendo titoli con durata fino a 10 anni. Sembra che la Spagna - osserva il capo analista di Nordea, Jan Von Gerich - sia capace di finanziarsi sui mercati almeno fino a quando la Bce offre il suo aiuto. Proprio sullimpegno di Francoforte a sostenere i titoli degli Stati in difficolt arrivato ieri un nuovo avvertimento di Jens Weidmann, presidente della Bundesbank. Sul lungo periodo queste misure logorano la fiducia nelle banche centrali. Le decisioni sulla possibilit di assumere nuovi rischi vanno prese dai governi e dai Parlamenti, gli unici legittimati democraticamente a farlo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

294

Il fabbisogno del settore statale, indicatore di grande importanza perch fotografa i flussi mensili che hanno diretta incidenza sul debito, risulta in calo di circa 5,8 miliardi in gennaio-agosto rispetto allanalogo periodo del 2010. Si raggiunta quota 46,8 miliardi rispetto ai 52,5 miliardi dello scorso anno, anche grazie al saldo di agosto che si attestato a circa 6,9 miliardi dai 7,94 miliardi dello stesso mese del 2010. Stando a quanto ha comunicato ieri sera il ministero dellEconomia, al nettodellerogazione per il sostegno finanziario alla Grecia, che nei primi otto mesi del 2011 stato di circa 5 miliardi a fronte dei circa 3 miliardi del 2010, il miglioramento del fabbisogno del 2011 risulta pari a circa 7,9 miliardi. Risultato che a parere dellEconomia si deve al buon risultato delle entrate fiscali in linea con quanto registrato nei mesi precedenti. Dal lato dei pagamenti, rispetto al mese di agosto dello scorso anno, si registrano maggiori prelievi da parte delle amministrazioni territoriali. Si conferma in ogni caso la tendenza gi evidenziata nei primi sette mesi dellanno, quando il disavanzo di cassa si attestato a 39,6 miliardi, rispetto ai44,6 miliardi del 2010. Ancheinquestocasolaperformance stata attribuita per gran parte al buon andamento delle entrate fiscali e allefficacia delle misure di contenimentodellaspesa.SilvioBerlusconi, nel suo discorso alle Camere del 3 agosto sulla situazione economica del Paese si era spinto fino a prevedere lazzeramento del fabbisogno per fine 2011. Linterrogativo in realt tutto sulla possibilit di centrare o meno il target di crescita dell1,1% fissato dal governo per fine 2011, che peraltropotrebbeessereritoccato al ribasso (attorno allo 0,8%) quando tra breve (il termine il 20 settembre) il ministrodellEconomiaGiulioTremonti presenter lanota di aggiornamento delle stime macroeconomiche definite in aprile con il Documento di economia e finanza. Con la crescita 2011 a quota 1,1% si punta a un deficit pari al 3,8% del Pil. Leventuale revisione al ribasso della stima trascinerebbe il deficit verso il 4 per cento. Poco male, perch le duemanovrecorrettivesiconcentrano sul 2013-2014, cos da assicurareal2013 ilpareggiodi

bilancio. Tuttavia il trascinamento del maggior deficit 2011 sul 2012, unito alleventualit che si debba ritoccare al ribasso anche la stima di crescita per il prossimo anno (attualmente all1,3%) allontanerebbelapossibilit diridurreildeficit all1,3% e dunque renderebbeimpervialamarciadiavvicinamento al pareggio di bilancio.Sequestosareffettivamente lo scenario, appare evidentecheoccorrerintervenirenuovamente incorsodope-

PRIMI OTTO MESI

Dato sceso a 46,8 miliardi LEconomia: al netto degli aiuti alla Grecia il miglioramento del 2011 pari a 7,8 miliardi
ra prima di tutto sul 2012 con una manovra aggiuntiva che, estendendo i suoi effetti anchealbienniosuccessivo,assicuri il rispetto dei target: deficit allo 0,2% nel 2013 (close to balance) e allo 0,5% nel 2014. Scenari evidentemente tutti da definire, anche perch prima di tutto occorrer valutare in che misura, a consuntivo, le due manovre congiunte riusciranno a correggere effettivamente il deficit secondo il percorso immaginato dal governo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il fabbisogno
Dati in milioni di euro
2010 2011 PERIODO GENNAIO-AGOSTO

52.597

46.800

MESE DI AGOSTO

7.942 6.900

Leconomista. Per Onofri (Prometeia) servono misure strutturali, come la riduzione degli oneri contributivi a carico dei datori

Alla festa Api. Casini: ok, ma saraicome tutti noi


cento nel 2012) il punto centrale non andare a inseguire con nuove stangate una dinamica al ribassodelpilmaagireconintervento di respiro, che diano una direzionedimediotermineeimpediscano un blocco degli investimenti del genere di di quello che si determin a fine 2008. essenziale - sottolinea evitare che le imprese si trovino di fronte a un eccesso di incertezza. Onofri tiene molto a due ricette di politica economica. La prima unariformasemplicedellepensioni, che passi per un allineamento pro-quota al regime contributivo e innalzi per tutti, uominiedonne,laforchettadiuscita prevista dalla riforma Dini (portandola tra 62-63 anni e 68-70). La seconda proposta quella che passa per la riduzione degli oneri contributivi a carico dei datori di lavoro, a fronte di un aumento dellaliquota Iva sui beni di consumo: una misura che avrebbe il vantaggio di offrire un sostegno economico alle impreseesportatrici,agendocome una sorta di svalutazione per via fiscale.

Basta incertezze, ora le pensioni


Rossella Bocciarelli
ROMA

Profumo: Pronto a dare il mio contributo in politica


ROMA

a sostanza, mi sembra, che si cerca di tenere insieme lintera manovraconunadosemaggioredilotta allevasione fiscale: in fondo, sitrattadiunelasticosufficientemente flessibile per legare tante cose.... Il professor Paolo Onofri, uno dei soci fondatori del think tank bolognese Prometeia, non nasconde il suo scetticismo sulla nuova veste della manovra di bilancio, cos come emerge dagli emendamenti presentati ieri in Senato e sulla coerenzadellasua aritmeticacontabile: Sa com, inserita nellinsieme di un articolato decreto, chi pu dire se dalla lotta allevasione si ricaveranno 3 o 4 miliardi... Secondo leconomista oggi occorrerebbe innanzitutto un linguaggio pi trasparente per indicareidati difatto.Adesem-

pio,invecedidire:dobbiamofarlo perch ce lo chiede lEuropa, sarebbe forse pi opportuno dire: ce lo chiedono i nostri creditori,vale adire idetentoridi titoli pubblici italiani non residenti. Non solo i non residenti... E il riferimento al ruolo di sostegno al debito italiano esercitato in questo momento sul mercato secondario dalla Banca centrale europea. Per questo aggiunge che essenziale procedere in primo luogo a unopera di ricostruzione di credibilit della classe politica, attraverso la riformacostituzionale,ildimezzamentodeiparlamentarielabolizione delle province. Se si fosse arrivati a questo percorso attraverso modalit condivise con lopposizionesarebbestato molto meglio. Il recupero di credibilit della classe politica dovrebbe essere la necessaria premessa per poi procedere ad

unefficace azione di controllo del disavanzo nel 2013-2014. In questo momento, invece, si riesce solo a realizzare un patchwork di misure realizzato in modo da non disturbare troppo certe constituency. Disicuro,il quadromacroeconomico che listituto bolognese haappenaaggiornatonongiustifica i facili ottimismi: Nelle nostre precedenti stime vedevamo una crescita italiana intorno allo 0,9 per cento per il 2011 e un ritmo analogo di sviluppo anche per lanno prossimo. Adesso, invece,ciaccingiamoametterene-

PIL

Il centro studi bolognese rivede al ribasso le stime della crescita economica: nel 2011 scender a 0,7%, nel 2012 a 0,2-0,3%

ro su bianco nuove valutazioni: lincremento del Pil questanno non superer lo 0,7 per cento mentre nel 2012 la crescita sar intorno allo0,2-0,3 per cento. A determinarequestofortedecelerazione contribuir, nellanalisi di Prometeia, in primo luogo una performance peggiore delleconomia mondiale. Cos per ilcommercio internazionale le vecchie stime preconizzavanotassidicrescitadell8percento, ora le nuove previsioni parlano di un +6,5 per cento. Da questo rallentamento spiega Onofri dovrebbe derivare almeno uno 0,2-03 per cento in meno di crescita per leconomia italiana. Ma il resto della frenata, certamente,legatoalladinamicadella domanda interna. Secondo leconomista anche se la bassa crescitadeterminerunaretroazione negativa sul deficit (dovrebbe attestarsi intorno al 2 per

IMAGOECONOMICA

La ricetta. Paolo Onofri

Sono pronto, se necessario, a dare il contributo per far funzionare le cose. Alessandro Profumo, intervenendo ad un dibattito alla festa nazionale dellApi,hadettodiesserepronto ad entrare in politica. Da parte mia - ha aggiunto - ci metterei tutta la passione. Lex ad diUnicredit -che nel frattempo entrato nel cda dellEni - ha commentato anche la manovra, che a suo dire non adeguatanellequantitedassolutamente insostenibile. Intervenendo alla Festa nazionaledi AlleanzaperlItalia,a Labro, ha aggiunto che serve unapatrimonialemoltorilevante per risolvere lo stock di debito. Bisogna rivedere i meccanismidispesauscendodallamentalit dei tagli lineari ed entrare in quella dei tagli quantitativi. Tutto questo richiede una for-

zapoliticachenonesisteassolutamente. La situazione insostenibile e stiamo ballando sullorlo del baratro. Ad ascoltarlo cera il leader dellUdc, Pierferdinando Casini:Profumo haunsaccodisoldi, ha lavorato bene perch unafralepersonepiintelligenti ci siano in italia e ci pu insegnare tanto cose. Il ministro dellEconomialofarebbebenissimo. E, rivolto allex banchiere, che lo ascoltava dalla platea, ha aggiunto: ...e fai politica, adessonon tiinteressapilavorare. Tuttavia, ha avvertito il leader centrista abbozzando un monito poi reiterato rispondendo a una domanda sul ruolo di Luca Montezemolo: neppure Profumo sar luomo della provvidenza, sar uno come altri, con pi esperienza di altri in una materia specifica, a dare il suo contributo.

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO
Ritardi italiani e priorit europee
Otto anni al timone della Bce Jean-ClaudeTrichetguidalaBancacentrale europeadal1novembredel2003,quando succedetteallolandeseWimDuisenberg, primopresidentedellistituto diFrancoforte. Trichet(compir69anniil20dicembre), lascerlincaricoilprossimo1novembre,e sarsostituitodaMarioDraghi Fedeleguardianodellastabilitdeiprezzi(il principaleobiettivodellaBcenelmandato contenutonelTrattatoistitutivo),haalzatoil costodeldenarodellEurozonaadaprileea luglio,portandoloall1,5%,unicaBanca centralediunPaeseavanzatoafareunascelta distrettamonetaria,quandoancora leconomialottaconlacrisi
A CONFRONTO

INTERVISTA AL PRESIDENTE DELLA BCE

Il Governo confermi e concretizzi gli obiettividi riduzionedel deficit

Servono riforme per valorizzare limmenso potenziale del Paese

Costo del lavoro per unit di prodotto, indice ultimo trimestre 1998 = 100 relativo alla Germania Germania Italia Spagna Francia

1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011

135 130 125 120 115 110 105 100 95


Fonte: Eurostat

Potenziale inespresso PerTrichetinItaliac unpotenziale immensochenonsiesprimecomedovrebbe, diconseguenzalacrescitaeconomica deludente.Perquestaragioneservirebbero riformestrutturaliperaumentareil potenzialedicrescitadiuneconomia ingessatadatroppiostacoli Comemostra il grafico a sinistra,dalla fine deglianni 90 lItalia ha sperimentato una forte perditadi produttivitdel lavoro nei confrontidei suoi principali partner allinternodellEurozona, con un forte aumentodel costo per ciascuna unit di prodotto,una dinamica che ha penalizzato la competitivit del sistema economico

LA FORBICE SI ALLARGA
Indice relativo allItalia (I trimestre 2004=100)
Costo unitario del lavoro Margini di profitto 04 05 06 07 08 09 10 11

124

120 116 112 108 104 100 96 92


Fonte: Eurostat

Lagenda europea PerTrichetimportantechelEuropaporti rapidamentealtraguardoledecisionidel Consiglioeuropeodel21luglioscorso,cheha potenziatoeresopiflessibileilfondo salva-StatiEfsf.Laltrocantiereapertoquello dellasorveglianzaedelcoordinamentodelle politichedibilancioedicompetitivitnazionali: Consiglio,CommissioneeParlamentostanno lavorandoallamessaapuntodiseiprogetti legislativisuquestamateria. Apropositodieurobond,ilpresidentedella Bceaffermachemeglioconcentrarsisugli strumentiesistenti,ciolEfsf,chepugi emettereobbligazionieuropeegarantitedagli Statimembri

Trichet: LItalia rispetti gli impegni


Dalla Banca centrale europea linvito a non annacquare le misure annunciate a inizio agosto da Berlusconi
Beda Romano
FRANCOFORTE. Dal nostro corrispondente

Jean-Claude Trichet ha guadagnato un postodiprimopianoneilibridistoria.Secondo presidente della Banca centrale europea dopo Wim Duisenberg, il banchiere francese ha retto listituzione in anni drammatici, attraverso una crisi ritenuta la pi grave da quelladel1929.Peralcuniluomochehasalvaguardato la tenuta dellunione monetaria neimomentipidifficiliquandoilpoterepolitico ha disertato la scena; per altri colui che ha attraversato il Rubicone, accettando che listituzione acquistasse titoli di stato sul mercatoemettendoarischiolindipendenza dellabanca.Commentandoinquestaintervista di fine mandato lattualit pi dibattuta, Trichet,69anniilprossimo20dicembre,tratteggia un giudizio sul primo decennio della zona euro e su un istituto monetario che si appresta a lasciare in eredit a Mario Draghi. Sulla recente manovra del governo italiano, ilbanchierecentralefacapirediesserepreoccupato da un possibile indebolimento delle misureannunciate il 5 agosto. Un suo connazionale, lex presidente della Commissione europea Jacques Delors, ha affermato nei giorni scorsi che la zona euro sullorlo del baratro. unopinione particolarmente pessimista, senzaltro dettata dalla delusione. Lei la condivide? Ho molta ammirazione per Jacques Delors,mamipermettadiriassumerelamiaattualevisionedellecose.Primadituttoabbiamo una moneta unica credibile, che nel corso degli ultimi 12 anni ha mantenuto il suo valoreinterminidistabilitdeiprezziinmodo notevole rispetto alle monete nazionali precedenti negli ultimi 50 anni. La solidit della moneta in s non in discussione e i cittadini di tutta Europa ci esortano a continuare a preservare la stabilit dei prezzi. Nel suo insieme poi la zona euro in una situazione migliore di altri Paesi in termini di politicadibilancio.Nel2011,ildeficitpubblico dovrebbe essere del 4,5% del Pil quando negliStatiUniti oinGiapponesar dicirca il 10% del Pil. Detto ci, abbiamo avuto debolezze molto serie in termini di governance economica e dei conti pubblici che la crisi globale ha messo in luce. Mauominipoliticiavvedutinonesitano a parlare di un rischio di smembramento della zona euro. I punti di debolezza non possonoessere negati. Le debolezze devono essere corrette. Deboli politiche di bilancio e unattenzione insufficiente agli indicatori di competitivit non sono stati seguiti con rigore e corretti pertempo. I Paesi europei devono correggerelasituazioneattuale.Allorointernomodificando le loro politiche nazionali - come devono fare tutte le economie avanzate, tra cui gliStatiUnitieilGiappone-ecollettivamente rafforzando fortemente il controllo reciprocoe lagovernance.

A proposito di governance. Da pi parti si discute della possibilit di creare obbligazionieuropee.Lex premier italianoRomano Prodi ha propostola creazione di un fondogarantitodalleriserveaureedeiPaesi, che emetterebbe titoli obbligazionari con i quali riacquistare debiti nazionali e fare nuoviinvestimenti. A questo stadio, abbiamo le obbligazioni emessedalfondodistabilitEfsfchesonoobbligazioni garantite dallEuropa. Il messaggio principale del consiglio direttivo di introdurre rapidamente, pienamente e totalmente le decisioni prese dai capi di stato e di governoeuropei Il21 luglio. Suquestofronte,laratificainalcuniPaesi,come la Germania,va al rallentatore? Non voglio parlare di singoli Paesi. Tutti i 17StatimembridellazonaeurodevonoattuaretutteledecisionipresedalConsiglioeuropeo.Lattuazione,pienaerapida,importan-

EUROBOND PREMATURI

Abbiamo gi a disposizione il nuovo fondo Efsf che pu emettere obbligazioni garantite dagli Stati europei
PASSAGGIO DI CONSEGNE

Draghi conosce listituzione estremamente bene. Sono certo che sapr garantire la continuit e la credibilit della Banca
te,anche perla fiduciadei cittadinieuropei. Lidea di obbligazioni europee quindi non lattira? Eppure, c chi convinto che inquestecircostanzebisognipensareasoluzioni pi innovativee ambiziose. importantenotarecheilnuovofondoEfsffinanziatoattraversolemissionediobbligazionigarantite dagli Stati europei.Il consiglio direttivo della Bce crede sia importante cheisingoliPaesisisentanoresponsabilidelle loro politiche di bilancio. Al tempo stesso ilconsiglioconsideraessenzialechelasorveglianzareciprocaavvenganelmodopirigoroso.Dallanascitadelleuroabbiamochiesto un importante rafforzamento della governance collegiale. E ben prima della crisi, nel 2004e2005,abbiamodifesoilpattodistabilit e di crescita quando era sotto attacco da partedeigrandiPaesidellazonaeuro.Consiglio,CommissioneeParlamentostannolavorando alla messa a punto di sei progetti legislativiche avrannoil compitodirafforzarela sorveglianzadellepoliticheeconomiche,delle politiche di bilancio e delle politiche di competitivit.Siamoallostadiofinaledeinegoziatiedesortole parti araggiungere unaccordoil pi rapidamente possibile. In questo decennio la Bce riuscita con successo a mantenere la stabilit dei prez-

zi. Ma uninflazione bassa non bastata ad evitare lo sconquasso di questi anni. Ai suoi occhi sufficiente monitorare linflazione? La crisi non dimostra forse che oltre a guardare alla zona euro nel suo insieme, la Bce dovrebbe anche giudicare pi apertamente di quanto non abbia fatto nel recente passato levoluzione economica deisingolipaesi? Le rispondo prima di tutto ricordandole cheilTrattatoci imponedimantenerelastabilitdeiprezzinellazonaeuro,nondisorvegliarelepoliticheeconomichedeidiversipaesi. Questo il compito dellEurogruppo e della Commissione. Noi la stabilit dei prezzi labbiamo garantita. Ci detto, dalla nascita delleuro abbiamo costantemente chiesto ai Governi di rispettare le loro responsabilit.AbbiamodatoallEurogruppoinformazionidettagliatesullevoluzionedellacompetitivitdegliStatimembriechiediamounmonitoraggio rigoroso delle politiche economichee dibilancio. Secondo lei quindi la colpa della situazione attuale dei governi nazionali. Parliamo allora dellItalia. Come valuta gli sforzi del Paese in questi suoi otto anni di presidenza? Leconomia italiana ha un potenziale straordinariotenutocontodellaqualitdellesue risorse umane e della sua cultura dimpresa. Eppure la crescita economica stata deludente. Per questa ragione credo che riforme strutturali siano necessarie per aumentare il potenziale di crescita di uneconomia ingessata da troppi ostacoli che le impediscono di esprimersial meglio. IlPaesestatooggettodiviolenteturbolenze di mercato questa estate. Come giudicailrecentepacchettodimisurediausteritpresentate dalgoverno italiano? LemisureannunciatedalGovernoil5agostosonoestremamenteimportantiperridurrerapidamenteildeficitpubblicoemigliorare la flessibilit delleconomia italiana. quindiessenziale chegli obiettiviannunciati dimiglioramentodellefinanzepubblichesiano pienamente confermati e concretizzati. Questodecisivoperconsolidareerafforzare la qualit e la credibilit della strategia italiana e dellimpegno del Governo italiano a ripagarei suoi debiti. E sul fronte delle riforme strutturali? La grave situazione italiana, come daltronde la drammatica deriva greca, non forse legata anche a un assetto economico invecchiato, non solo al debito pubblico elevato? Ilmiomessaggiochiaro:essenzialeche venganointrodottetuttequellemisurecapaci di permettere nel medio termine al potenziale italiano di esprimersi pienamente. C oggiunpotenzialeimmensochenonsiesprimecomedovrebbe. In Italia, il messaggio che avete mandato al governo italiano allinizio di agosto per esortarlo a prendere nuove misure di

AFP

risanamento ha suscitato polemiche. Comemai questa sceltainsolita? Il giudizio del consiglio direttivo che le turbolenzedimercatodelliniziodiagostorichiedessero un messaggio al Governo italiano. Stavamo assistendo a una progressiva perdita di fiducia degli investitori e abbiamo ritenutochefosseutilecondividereconleautoritin Italiale nostre riflessionisulle misure pi appropriate per ristabilire la fiducia delmercato. Alcuni commentatori sostengono che vi stato uno scambio: nuove misure di risanamento in cambio delrilancio degli acquistidiobbligazionipurdiridurreirendimentiobbligazionari italiani. No. Non c stato alcun negoziato. Abbiamoinviatoilnostromessaggiosullabasedella nostra analisi sulle ragioni delle turbolenzedimercato.Abbiamoanalizzatoledecisioniprese dal governo. S, ma proprio questultima decisione particolarmente delicata anche perch criticata in Germania, preoccupata da una qualche forma di monetizzazione del debito, e perch ha messo in mostra divisioni nel consiglio direttivo. I suoi detrattori le rivolgono unaccusa precisa: sostengono che Lei verr ricordato come il presidente che ha fatto perdere lindipendenza della banca. Sono appena tornato dal Parlamento europeo e posso dirle che le nostre decisioni sonostate commentatefavorevolmentedai deputati.Dettoci,ilconsigliodirettivoagisce molto prudentemente, anche nelluso di misure straordinarie, in modo da non mettere in pericolo la credibilit e la solidit della Bce e dellEurosistema. Tenga conto che da quando scoppiata la crisi, nellagosto 2007, mentre il nostro bilancio aumentatodicirca il77%,quellodella Federal Reserve salito del 226%, quello della Banca dInghilterra del 200%. In altre parole, la crisi ci ha imposto di adottare un certo numero di misure non convenzionali, ma lo abbiamo fatto con prudenza e sempre nellotticadigarantireunamiglioretrasmissione della politica monetaria. Tutti sanno che siamo fieramente indipendenti. Lei lascer a fine ottobre dopo otto anni la guida della Bce. Verr sostituito tra due mesi dallattuale governatore della Banca dItalia Mario Draghi. Ha suggerimenti da dargli? Mario Draghi da molti anni un membro del consiglio direttivo saggio e forte. Conoscelistituzioneestremamentebeneedstatonaturalmentepartecipe ditutteledecisioni che abbiamo preso. Quel che conta che listituzione permanga. Sono certo che Mario Draghi sapr garantire la continuit e la credibilitdellistituzionenellungotermine.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Monito allItalia. Il presidente della Bce Jean-Claude Trichet

www.ilsole24ore.com La versione integrale dellintervista

STANCO DI RICERCHE IMPOSSIBILI?


ViaLibera Doc-Index24, la soluzione del Sole 24 ORE, veloce, semplice, automatica e sicura per gestire e archiviare tutti i file elettronici e i documenti cartacei. ViaLibera Doc-Index24 con ricerche personalizzate e full-text permette il recupero dei dati con un click. Con ViaLibera Doc-Index24 potrai archiviare, anche con Conservazione Sostitutiva, e ricercare i tuoi documenti contabili e scali dei Software Gestionali del Sole 24 ORE ViaLibera e Studio24 Commercialisti.

VIALIBERA DOC-INDEX24. IL SOFTWARE CHE ARCHIVIA, ORGANIZZA E RICERCA I TUOI DOCUMENTI


www.GePcommunication.it

PRENOTA UNA DIMOSTRAZIONE GRATUITA SUL SITO www.agenti24.it/coupon064


www.vialibera.ilsole24ore.com Per ulteriori informazioni contattare il servizio clienti: 02 3022 5680 Disponibile presso la rete agenti de Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

LOTTA ALLEVASIONE/1

Pi facile per lamministrazione individuare i soggetti da accertare

Con il nuovo meccanismo crescono i dati per il redditometro


LANALISI
di Salvatore Padula

In Unico tutti i rapporti finanziari


Le informazioni serviranno per elaborare le liste selettive di contribuenti da verificare
Dario Deotto

Nelle dichiarazioni dei redditi e dellIva si dovranno indicare i dati degli intermediari finanziari. Queste informazioni, poi, potranno essere utilizzate dallagenzia delle Entrate per lelaborazione di specifiche liste di contribuenti da sottoporre a controllo. questa una delle rilevanti novit contenute nellemendamento presentato ieri. Si tratta di una delle principali misure in materia di contrasto allevasione, anche se la norma proposta sembra avere pi un contenuto psicologico che sostanziale. Viene stabilito che nelle dichiarazioni dei redditi e dellIva si dovranno riportare obbligatoriamente gli estremi identificativi dei rapporti intrattenuti con gli intermediari finanziari nel corso del periodo dimposta oggetto della dichiarazione.Sitratta dei rapportiintrattenuti con le banche, le Poste italiane, le imprese di investimento, le societ di gestione del risparmio e ogni altro intermediario finanziario (la norma richiamai soggettidicui allarticolo 7, sesto comma, del Dpr 605/1973). Va rilevato che la norma contenuta nellemendamento pone lobbligo di indicazione per tutti i soggetti tenuti allapresentazione delle dichiarazioni: quindi sia persone fisiche che giuridiche. La norma non prevede, per, un trattamento sanzionatorio in caso di omissione o di irregolarit nella comunicazione di questi dati. da ritenere, tuttavia, che si applicher la sanzione "residuale" da 258 a 2.065 euro (articolo 8 del Dlgs 471/1997) per le violazioni relative al contenuto e alla documentazione della dichiarazione. Lanuovadisposizionesullindicazionedeglioperatori finanziaricon i qualisi intrattengono i rapporti trover applicazione dalle dichiarazioni relative a Unico 2012, quindi in relazione al periodo dimposta 2011.

Viene ulteriormente stabilito con lemendamento che, sulla base dei nuovi dati comunicati dal contribuente con la dichiarazione dei redditi e dellIva, lagenzia delle Entrate potr procedere - sentite le associazioni degli operatori finanziari per le tipologie di informazioni da acquisire - alla elaborazione di specifiche liste selettive di contribuenti da sottoporre a controllo. La norma viene prevista in deroga alle comunicazioni che vengono effettuate dagli intermediari finanziari (enon solo) allanagrafe tributaria. Va rilevato che, per quanto concerne i rapporti con gli intermediari finanziari,

LAPAROLA CHIAVE

Indagini finanziarie
7 Si tratta delle indagini relative ai rapporti intrattenuti dal contribuente con banche, poste italiane spa, societ di gestione del risparmio, fiduciarie, imprese di investimento e ogni altro operatore finanziario. Le operazioni che vengono effettuate con gli intermediari finanziari possono essere poste a base delle rettifiche dell'amministrazione finanziaria. In particolare, il contribuente deve dare dimostrazione che di queste operazioni ne ha tenuto conto per la determinazione del suo reddito. Per imprenditori e professionisti i prelievi non giustificati (perch non viene data indicazione del beneficiario degli stessi prelievi) possono determinare la presunzione che si tratta di ricavi o compensi che non sono stati dichiarati

le comunicazioni allanagrafe servono per attivare tutta la procedura relativa ai controlli e agli accertamenti basati sui rapporti intrattenuti con gli intermediari stessi. In particolare, previa specifica autorizzazione, gli uffici dellamministrazione finanziaria possono richiedere agli intermediari i dati di ogni rapporto intrattenuto dal contribuente. Ilfatto chelanorma contenuta nellemendamento venga prevista in deroga a queste disposizioni non sembra mutare di molto la sostanza delle cose. Infatti, nellemendamento si parla semplicemente di formazione di apposite liste selettive sulla base dei dati comunicati con la dichiarazione. Non sembra, quindi, che la nuova norma possa eliminare, ad esempio, la richiesta di autorizzazione per procedereai controlli.Lasensazione che si ha, quindi, che si trattadiunamisura prevalentemente psicologica che, per, comporta nuovi adempimenti per i contribuenti. Risulta, comunque, la rilevanza sempre pi a trecentosessanta gradi delle indagini finanziarie. In particolare, va ricordato che le operazioni per le quali il contribuente non riescea dimostrare che hanno rilevato ai fini della determinazionedelreddito (o che nonavevano rilevanza ai fini del reddito dichiarato)risultanoposte abase delle rettifiche dellamministrazione finanziaria. Per quanto concerne i prelievi, rimane fermo che quelli non giustificati (perch il contribuente non indica il beneficiario) e che non risultano dalle scritture contabili, possono essere assunti come ricavi o compensi non dichiarati per gli imprenditori e i professionisti. Cos come sempre pi rilevanza assumono le indagini finanziarie per laccertamento sintetico.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I percorsi
MARKA

Non un piano organico: Il metodo Rubik Roma e Parigi primi segnali nellemergenza guardano a un patto con Berna
u Continua da pagina 1 Lino Terlizzi
LUGANO

01 | IN DICHIARAZIONE La nuova strada percorribile dallagenzia prevede che nelle dichiarazioni dei redditi e dellIva si debbano riportare gli estremi identificativi dei rapporti intrattenuti con gli intermediari finanziari nel corso del periodo dimposta oggetto della dichiarazione. La norma, che riguarda le persone sia fisiche che giuridiche, non prevede espressamente una sanzione in caso di omissione o di irregolarit nella comunicazione ma probabilmente si potr applicare la sanzione "residuale" da 258 a 2.065 euro per le violazioni relative al contenuto e alla documentazione della dichiarazione 02 | GLI INTERMEDIARI Si tratta banche, Poste italiane, imprese di investimento, societ di gestione del risparmio e ogni altro intermediario finanziario 03 | LA DECORRENZA Il nuovo adempimento scatter per le dichiarazioni relative a Unico 2012, quindi in relazione al periodo dimposta 2011. quindi opportuno che gi da ora i contribuenti facciano mente locale e annotino gli estremi degli operatori di cui si sono serviti nel 2011 04 | LE LISTE Il passaggio successivo sar lelaborazione, da parte delle Entrate, di liste di contribuenti da

sottoporre a controlli , sulla base dei nuovi dati comunicati con la dichiarazione dei redditi e dellIva. Le Entrate dovranno prima sentire le associazioni degli operatori finanziari per le tipologie di informazioni da acquisire. Lo scopo finale quello di arrivare alle liste di "sospetti" in tempi pi brevi che con gli strumenti gi a disposizione. Limpianto delle indagini finanziarie, (basato sullarticolo 32 del Dpr 600/1973), tuttavia, rimane immutato e le disposioni contenute nellemendamento non si sostituscono a quelle dellarticolo 32 in alcun modo. 05 | LINVITO Lufficio pu quindi invitare il contribuente a fornire dati e notizie rilevanti relativi ai rapporti intrattenuti con gli intermediari finanziari 06 | LACCERTAMENTO I dati ed elementi relativi ai rapporti intrattenuti con gli intermediari sono posti a base degli accertamenti se il contribuente non d dimostrazione che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito 07 | LE CONSEGUENZE Per i professionisti e gli imprenditori i prelevamenti non giustificati sono posti come ricavi o compensi se il contribuente non indica il beneficiario e semprech i prelievi non risultino dalle scritture contabili

Il fronte locale. Le indicazioni arriveranno con decreto del presidente del Consiglio

Nei Comuni il reddito finir online


Antonio Criscione

VALORI IN RETE
La delega Lemendamentoaldecreto diFerragostoprevedechecon decretodelPresidentedel Consigliodeiministri,su propostadelministro dellEconomia,dintesaconla ConferenzaStato-Citte autonomielocalisonostabiliti icriteriperlapubblicazione sulsitodelcomunedeidati delledichiarazioni,anchecon riferimentoadeterminate categoriedicontribuenti odireddito Gli altri dati Conlostessodecreto sono individuatiglialtridatiche lagenziadelleEntratemette adisposizionedeicomuni perfavorirelattivitdi accertamentoelemodalit ditrasmissionedeidati

PeriComuniil100%delgettitodallattivitdiaccertamento confermato, ma solo se entro lafinedellannomettonoincampo i consigli tributari. quanto prevede lemendamento della maggioranza al decreto legge 138del2011.Confermata,poi,per i Comuni la possibilit di mettere online i redditi dei residenti anche se per questo occorrer un Dpcm che sar proposto dal ministero dellEconomia, da varare dintesa con la conferenza Stato-Citt ed autonomie locali. Iltestodellemendamentofiscale,quindi,confermalenovitannunciate in questi giorni, sulla destinazione agli enti del gettito dellevasione recuperata. Il "prezzo" da pagare , per, listi-

tuzione dei consigli tributari, che vengono previsti quali soggetti che affiancano i comuni nelle segnalazioni. La norma prevede esplicitamente che la disposizione dellarticolo 12 bis non si applica se entro il 31 dicembre 2011 il consiglio tributario non istituito. Non si capisce se opera lo stesso la partecipazione al 50% oppure no, visto che viene abolita solo la norma che prevede laumento. Dun-

IL PREMIO

Alle amministrazioni locali il 100% di quanto accertato se entro la fine dellanno verr costituito il Consiglio tributario

que, le norme del Dpr 600 del 1973cheprevedonolapartecipazione dei comuni allaccertamento, vengono riscritte prevedendo come soggetto "concorrente" il consiglio tributario. Il tentativo era stato gi fatto dal Dl 78 del 2010. Il fatto che nellemendamentovengadinuovo prevista una scadenza perentoria, la quale peraltro viene postacomecondizioneperlapartecipazioneaunattivitimportante come la lotta allevasione, dimostra che i comuni probabilmentenonhannograditolanovitelistituzioneavvenutainmeno casi di quelli previsti. Senza contarechea oggisupidi8mila Comuni,ad aderire alprotocollo per la segnalazione dellevasionesono stati solo 540 municipi.

Perquantoriguardalapubblicazionedeidati deicontribuenti sul sito del Comune, occorrer, come detto, un Dpcm che disciplinilamodaliteicriteriperpoter mettere in pubblica evidenzairedditideiresidenti.IComuni in base alla norma potranno essere autorizzati a pubblicare i dati anche spacchettandoli per determinatecategorie dicontribuenti o di redditi. Per esempio il Comune potrebbe pubblicare soloquellichestannoinunacertafasciadireddito,maanchestabilire di rendere noti, per esempio,quellideiprofessionistiodegli autonomi, oppure per determinate prestazioni di servizi. Quindi facendo attenzione alle caratteristiche del territorio, i Comunipotrebberoanchesolle-

citarei propri concittadini a collaborare a fare il riscontro di quanto dichiarato, per esempio, dalmacellaio o dallidraulico. La norma che sta per essere propostaallattenzionedelSenato,precisapoi chelostesso Dpcmindividuer gli ulteriori dati che lAgenzia metter a disposizione delle amministrazioni comunali (precisando anche in questocasoComunieconsiglitributari). Si puntualizza, inoltre, che queste informazioni sono messealorodisposizioneperfavorire lattivit di accertamento. Inoltreil Dpcm dovr fissarele modalit di trasmissione idonee agarantirelanecessariariservatezza. Si tratta di una precisazione importante, perch proprio lallargamento della platea che potr accedere a questi dati potrebbe indurre la necessit di ridurre le informazioni fornite, per garantire la privacy.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Germania e Regno Unito hanno gi siglato nelle scorse settimane. Francia e Italia non hanno sin qui aderito, ma nei due Paesiqualcuno ora ci pensa. Il piano svizzero Rubik, che prevede una sostanziosa nuova imposta liberatoria in cambio del mantenimento dellattuale segreto bancario elvetico, resta sulla scena. A Parigi c stato mercoled un incontro tra il ministro del Bilancio, Valrie Pcresse, ed il segretario di Stato svizzero per le questioni finanziarie, Michael Ambhl, un alto funzionario di Berna che in pratica il capo dei negoziatori sul versante Rubik. Ilministeroelveticodelle Finanzehaprecisato che nonsono iniziati negoziati, ma ha confermato che lincontro c stato e che il piano elvetico stato illustrato a Parigi. Un passo di per s significativo, se si considera che ancora pochi giorni fa sia a Parigi che a Berna circolavano voci insistenti su una chiusura totale a Rubik da parte della Francia. Formalmente la posizione francese, come daltronde quella italiana, resta di sostegno allo scambio automatico diinformazioni fiscali, maevidentementeallinternodelGoverno di Parigi qualcuno ora vuole capire meglio il dossier Rubik. Anche perch limposta liberatoria prevista da questultimo, per gli investitori non residenti che hanno patrimoni non dichiarati in Svizzera,moltopiampiadelleuroritenuta concordata a suo tempo tra Berna e Ue. In pratica, si tratta di parecchi miliardi di euro tra sanatoria per il passato e futura imposta in vigore dal 2013. Sia in Italia che in Svizzera vi sono poi voci sulla possibilit di unintesa tra Roma e Berna basata sullo schema Rubik. Bisogna lavorare sulla base dello schema degli accordi fatti dalla Svizzera con Germania e Regno Unito, ha dichiarato al Corriere del Ticino il sottosegretario italiano allEconomia Luigi Casero. Per le prossime settimane era gi previsto un incontro italo-elvetico, dopo un lungo periodo di assenza di accordi fiscali tra le due parti. Si pu cominciare a parlarne nellincontro previsto. La prospettiva questa, bisogna superare le incomprensioni del passato tra Italia e Svizzera, ha aggiunto Casero.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Auto, barche e appartamenti. Stretta su familiari e soci che utilizzano propriet dimpresa

Tassato luso privato dei beni aziendali


Raffaele Rizzardi

difficilequantificareilgettitodellenuovenormeperlatassazione dellutilizzo dei beni di impresa da parte dei soci e dei loro familiari, ma questa misura si impone per varie ragioni. I principali segni esteriori della ricchezza pi rilevante e spesso ostentata raramente sono intestati alle persone che ne fanno uso. Le nuove disposizioni costituiscono lanello della catenamancante aifini del nuovo redditometro, al relativo controllo dei movimenti finan-

ziari di entit superiore a 2.500 e 3.600 euro (se il beneficiario decidessedipagare ilcorrispettivo dellutilizzo) e alla reintroduzione della pubblicazione delle dichiarazioni dei redditi. Lemendamento istituisce

LA PROCEDURA

Per mettersi in regola lazienda dovr notificare lutilizzo allagenzia e allinteressato che potr dichiarare il relativo reddito

una nuova categoria di reddito diverso, aggiungendo la lettera h-ter) allarticolo 67 del Tuir: concorre al reddito (non sidice di chi, madovrebbe essere del fruitore) la differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo annuo per la concessione in godimento di beni dellimpresa a soci o familiari dellimprenditore. Questa disposizione concorreconlasuccessivaenunciazione, secondo cui i costi relativi ai beni di impresa concessi in godimento a tali soggetti, per un

corrispettivo annuo inferiore al valore di mercato del diritto di godimento,nonsonoinognicaso ammessi in deduzione dal reddito imponibile. Abbiamo pertanto una norma relativa ai beneficiari, nella categoria dei redditi diversi da quelli di impresa, e unaltra relativa allimpresa. Qui bisognerebbe per per evitare una doppiatassazione acarico degli stessi soggetti distinguere tra il mondo delle imprese individuali e delle societ di persone e quello delle societ di capita-

le. Nel primo caso lindeducibilit determina gi un aumento del reddito imponibile dellimprenditore individuale o del socio tassato per trasparenza, mentre nel secondo caso corretto individuare una tassazione a carico della Srl o Spa, che haunredditoproprio,eunaacarico di chi percepisce un dividendo in natura, come avevamo ipotizzato nella conclusione dellanalisi pubblicata ieri. Iltestodovrpresumibilmente essere ancora migliorato, per esempio per quanto riguarda i nuovi adempimenti, in quanto ipotizza che la comunicazione della disponibilit di questi beni debba essere comunicata

dallimpresaconcedenteovvero dal socio o dal familiare. Premesso che la norma parla correttamente di corrispettivo annuo (i beneficiari potrebbero, infatti, pagare il servizio alla chiusura dei conti aziendali), dovrebbe essere pi che sufficiente una segnalazione allAgenzia da parte dellimpresa osocietconcedente,connotifica per conoscenza al beneficiario, affinch questi possa includere il reddito figurativo nella propria dichiarazione. Lefficacia di queste disposizioni si basa prevalentemente sulla sistematicit dei controlli, per i quali viene incaricata lAgenzia, che dovr evidente-

menteavvalersianchedellopera della Guardia di Finanza, per i controlli su strada delle auto o neiportituristiciperleimbarcazioni. Il comma 36-septesdecies ribadisce anche la rilevanzadi qualsiasiforma difinanziamento o capitalizzazione della societ effettuata dai beneficiari dei beni aziendali. Questultimorichiamodiattenzionecertamente meglio pertinente dellaprecedentenormasullesocietinperdita sistemica,che invecelasciavaindisturbatelesocietcontinuamente ricapitalizzate dai soci, operazione, di regola, indizio del rientro in azienda degli incassi in nero.
RIPRODUZIONE RISERVATA

E contiene alcuni elementi di discontinuit rispetto al disagio, quasi allimbarazzo, con cui la maggioranza di centro-destra ha spesso maneggiato il tema dellevasione fiscale. Ci sono, cos, molti aspetti di rilievo: una nuova stretta sulle societ di comodo, vale a dire quelle utilizzate per mettere immobili, barche e beni di lusso "personali" al riparo dalle pretese del fisco; un ulteriore coinvolgimento dei sindaci nella caccia a chi non paga le tasse, con tanto di minaccia di "gogna mediatica", attraverso la pubblicazione online dei redditi dichiarati; il pugno pesante con le imprese strutturalmente in perdita, che saranno di fatto equiparate alle societ di comodo; lobbligo di indicare nelle dichiarazioni gli estremi dei rapporti con banche e operatori finanziari; il premio della riduzione delle sanzioni amministrative per i contribuenti (artigiani, commercianti, professionisti) che non usano il contante; il pesante giro di vite sul penal-tributario, forse la norma che far pi discutere. Non sappiamo ancora se il rigore proposto tra i commi serve solo a dare credibilit a misure dai risultati incerti (come sempre sono le norme contro levasione) decisive per per mantenere inalterati i saldi della manovra, dopo la rinuncia al contributo di solidariet e ai minori tagli agli enti locali. Non sappiamo neppure se questo intervento avr la forza per superare indenne e senza annacquamenti lesame dei due rami del Parlamento. Quel che sappiamo, invece, che levasione fiscale resta uno dei grandi problemi di questo paese, non lunico purtroppo, ma di sicuro uno dei pi preoccupanti. E che per risolverlo serve un po di coraggio e tanta onest intellettuale. Non possiamo lamentarci ogni volta per lelevato livello di evasione salvo poi recriminare prontamente di fronte a ogni iniziativa finalizzata a colpire i disonesti. Distinguendo per tra il rigore e gli eccessi. Si pensi al penal-tributario: sanzioni pi severe possono sempre essere accettate ( curioso - sia detto per inciso che il superamento della legge "manette agli evasori", nel 2000, sia arrivato proprio per mano dellallora ministro Visco e che oggi sia proprio il ministro Tremonti a riproporre la linea dellintransigenza, linea che in realt non aveva dato in passato risultati travolgenti). Ma come la mettiamo con tutti quei casi in cui la contestazione di evasione non si basa tanto su violazioni sostanziali (fatture false; operazioni inesistenti; dichiarazioni non presentate) quanto sullapplicazione di norme interpretative, sullabuso del diritto piuttosto che sullantieconomicit di un comportamento? Ecco, se non vogliamo che tutto il contenzioso fiscale venga trasferito nelle Procure della Repubblica dobbiamo almeno auspicare uno sforzo di realismo da parte dellamministrazione finanziaria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

LOTTA ALLEVASIONE/2

Per chi estingue il debito tributario la pena si riduce di un terzo

Raddoppio pi frequente per i termini dellaccertamento


LANALISI
Enrico De Mita

Soglie ridotte: reati fiscali pi facili


Nessuna sospensione condizionale della pena se levasione supera i 3 milioni di euro
Antonio Iorio

Il regime penale tributario vienerivoluzionato: commettere un reato sar molto pi facile perch le soglie di punibilit vengono decisamente abbassate. Per la prescrizione ci vorranno circa 15 anni da quando la violazione stata commessa, mentre per ottenere il patteggiamento necessario, invece, estinguere le violazioni tributarie. Nessuna sospensione condizionale della pena in presenza di evasioni fiscali superiori ai 3 milioni di euro. In tema di fatture per operazioni inesistenti (sia emissione siautilizzoindichiarazione)viene abrogata lattenuante che attualmente prevede la reclusione da 6 mesi a 2 anni nel caso in cui fatture o altri documenti per operazioni inesistenti siano inferiori a euro 154.937,07. Ci comporter che scatter semprelasanzionebasedellareclusione da 1 a 6 anni a prescindere dallimporto delle false fatture,ilche sinceramente appare spropositato: basti pensare che ancheuna schedacarburanti recante importi superiori al reale per pochi euro potr in futuro comportare la sanzione fino a 6 anni di reclusione! La dichiarazione fraudolenta realizzata mediante altri artifici, che attualmente si configura quandocongiuntamentea)limposta evasa superiore, con riferimento a una singola imposta,a77.468,53euro;b)lammontare complessivo degli elementi attivi sottratti allimposizione,anchemediante indicazione dielementipassivifittizi,superiore al 5% di quelli dichiarati ovvero a 1.549.370,70 euro, in conseguenza degli emendamenti scatter per imposta evasa superiore a soli 30.000 euro e selammontarecomplessivodegli elementi fittizi superiore a 1 milione di euro. Anchele sogliedelladichiarazione infedele vengono riviste decisamente al ribasso. Limposta evasa, che oggi deve essere superiorea 103.291,38euro,infuturo sar di 50.000 euro, mentre lammontare complessivo degli elementiattivisottrattiallimposizione, che oggi deve superare il 10% di quelli dichiarati ovvero 2.065.827,60 euro, in futuro dovr superare i 2 milioni di euro. Infine, lomessa presentazione della dichiarazione, che oggi si configura quando limposta evasa superiore, in riferimento alle singole imposte a 77.468,53 euro, in futuro scatter con levasione di soli 30.000 euro. Viene introdotta una nuova misura accessoria nel caso di condanna per uno dei reati tributari. In particolare qualora

limposta evasa o non versata superi i tre milioni di euro non trover applicazione listituto della sospensione condizionale della pena. Anche le attenuanti cui pu beneficiare il contribuente, allorch, prima dellapertura del dibattimentodiprimogrado,decida di estinguere i debiti tributari, anche mediante speciali procedure conciliative (adesione, conciliazione, acquiescenza,ecc.)subisconomodifichesignificative in senso restrittivo. La diminuzione delle pene previste, una volta estinto il debito tributario, che attualmente erafinoalla met,infuturolo sar solo fino a un terzo. Inoltre il contribuente per poter beneficiare del patteggiamento in sede penale dovr: a) estinguere ai fini fiscali il debito tributario costituente delitto anche, come si detto, ricorrendo anche alle procedure conciliative vigenti nellordinamento tributario; b)

Laggiornamento del diritto penale tributario


LA NORMA MODIFICATA SANZIONE ATTUALE COME CAMBIA

Lammissione

Dichiarazionefraudolentaconusodifattureoaltridocumentiper operazioniinesistentieconindicazionedielementi passivifittizi inferioriaeuro154.937,07(articolo2) Dichiarazionefraudolentarealizzatamediantealtriartifici,quando congiuntamente(articolo3):1)limpostaevasasuperiore,con riferimentoaunasingolaimposta,aeuro77.468,53;2)lammontare deglielementiattivisottrattiallimposizione, anchemediante indicazionedielementipassivifittizi,superioreal5%diquelli dichiaratiosuperioreaeuro1.549.370,70 Infedeledichiarazionequandocongiuntamente(articolo4): 1)limpostaevasasuperiore,conriferimentoaunasingolaimposta, aeuro103.291,38;2)lammontarecomplessivodeglielementiattivi sottrattiallimposizione,anchemedianteindicazionedielementi passivifittizi,superioreal10%diquellidichiaratiovverosuperiore aeuro2.065.827,60 Omessapresentazionedelladichiarazionequandolimpostaevasa superiore,inriferimentoallesingoleimposte,superiorea77.468,53 (articolo5) Emissionedifattureoaltridocumentiperoperazioniinesistenti perunimportoinferioreaeuro154.937,07 Peneaccessorie(articolo12)

DA 6 MESI A 2 ANNI DI RECLUSIONE DA 1 ANNO E 6 MESI A 6 ANNI DI RECLUSIONE

RECLUSIONE DA 1 ANNO A 6 ANNI LE SOGLIE DIVENTANO RISPETTIVAMENTE: EURO 30.000 EURO 1 MILIONE

Befera: inesigibili 2,5 miliardi del condono


IMAGOECONOMICA

La scorciatoia delle manette al servizio dei controlli


u Continua da pagina 1

DA 1 A 3 ANNI DI RECLUSIONE

LESOGLIEDIVENTANO RISPETTIVAMENTE: EURO50.000 EURO2MILIONI

DA1A3 ANNI DIRECLUSIONE

LA SOGLIA SCENDE A 30.000 EURO

Il direttore. Attilio Befera

IL PARADOSSO

Sullemissione di false fatture scatter sempre la sanzione della reclusione indipendentemente dallimporto delloperazione
corrispondere le sanzioni. Gli emendamenti purtroppo ignorano alcuni dei principali problemi e, considerato linnalzamentodellesoglie,verosimile che, se in sede di approvazione definitiva non si interverr, tali problemi finiranno per mettereindifficolt siaicontribuenti, sia gli stessi uffici giudiziari. In particolare nel caso della dichiarazione infedele che non richiede alcuna specifica condotta artificiosa o fraudolenta, i verificatori sono soliti segnalare sempre e comunque alla Procura laccertamento in presenza del superameno delle soglie, non distinguendo se lasserita evasione dipenda dallinterpretazione di norme antielusive, da casi di antieconomicit, da presunzioni fiscali, piuttosto che dacondottedieffettivaviolazione degli adempimenti fiscali (di norma operazioni in nero). Pur volendo comprendere la severit delle modifiche sarebbe opportuno che venisse espressamente previsto che in assenza di condotte fraudolente il reato non possa configurarsi. In caso contrario, stante labbassamento delle soglie, si rischia, ancor pi di oggi, di portare davanti ai giudici penali non gli evasori ma coloro che hanno erroneamente interpretato la normativa tributaria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DA 6 MESI A 2 ANNI DI RECLUSIONE

RECLUSIONE DA 1 ANNO A 6 ANNI NONCSOSPENSIONECONDIZIONALE SELASOMMAEVASAONONVERSATA SUPERA3MILAEURO LADIMINUZIONEPASSADALLAMETA 1/3.SIPUPATTEGGIARESOLOSESI ESTINTALAVIOLAZIONEFISCALE PERIDELITTI(TRANNEOMESSI VERSAMENTIEINDEBITE COMPENSAZIONI)LAPRESCRIZIONE DECORREDALGIORNOSUCCESSIVOA QUELLODISCADENZADELTERMINE PERLACCERTAMENTOOCOMUNQUE DALLANOTIFICAZIONEDELLAVVISO

Circostanzaattenuante(articolo13).Lepeneprevistesonodiminuite finoallametenonsiapplicanolepeneaccessoriesesiestingueai finitributarilaviolazione Prescrizione(articolo17)

Lestinzione del delitto. Termini dilatati

Prescrizionelungaanche15anni
La prescrizione dei principali reati tributari si allunga in modospropositatopotendoarrivare in molti casi anche a superare i 15 anni da quando la violazione stata commessa. Lemendamento infatti spostailterminedidecorrenzadella prescrizione, che in genere coincide con il momento della commissione del reato, al giorno successivo a quello di scadenzadeltermineperlaccertamento delle imposte evase o comunque dalla notificazione dellavviso di accertamento. Ne consegue che gli ordinari termini di prescrizione dei reati tributari, previsti dalla legge 251/2005 (c.d. legge Cirielli), pari a 6 anni, estensibili a sette anni e mezzo in presenza di una causa interruttiva, non decorrono pi da quando la violazione stata commessa, ma da quando stato notificato lavviso di accertamento ovvero dal giorno successivo a quello di scadenza del termine per laccertamento fiscale. In altre parole, la maggior parte delle violazioni penali (quelle legate alla presentazione della dichiarazione) si commettono allatto della presentazione della dichiarazione. Attualmente i 7 anni e mezzo iniziano a decorrere proprio da tale data. In futuroinvecei setteanni e mezzo (ovvero sei in assenza di cause interruttive) dovrannoessere computati dalla notifica dellaccertamento ovvero dalla scadenza del termine per laccertamento fiscale. verosimile, quindi, che il termine prescrizionale per molte violazioni inizier a decorrere al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione che, in virt della recente sentenza della Corte

I PARAMETRI

Il decorso inizier solo dopo la scadenza del tempo a disposizione per effettuare le verifiche da parte degli uffici

Costituzionale stante il reato, si raddoppia (diventando ottavo anno successivo). A questo punto occorrer aggiungere da 6 anni a 7 anni e mezzo, giungendo cos a ben oltre 15 anni da quando la violazione stata commessa. Peresemplificare: unaviolazionecommessaconlapresentazione della dichiarazione del prossimo anno e relativa al periodo 2011 si prescriver tra il 2026 ed il 2028, (decadenza azione accertamento con reato: settembre 2020 pi ordinari termini da 6 a 7 anni e mezzo). Il che, sinceramente, anche in coerenza con le ripetute necessit (e censure in sede internazionale di processo breve e giusto processo appare veramente spropositato.
A. I.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I "desaparecidos" del condono 2002 rischiano di far risultare praticamente inutile riscuotere gli importi non pagati per fare cassa. Dei 4 miliardi di euro non riscossi, infatti, circa 2,5-2,7 sono inesigibili perch imputabilia contribuentifallitio spariti. E con loro sparita anche la possibilitperlamministrazione finanziaria di recuperare gran parte degli importi che mancano. Lohasottolineatoieri il direttore dellagenzia delle Entrate, Attilio Befera, a margine dei lavori della commissioneBilancio delSenato sullamanovra di Ferragosto. Quella di andare a caccia dei contribuenti che avevano pagato solo la prima rata del condono, lasciando un "conto aperto" con lamministrazione era unipotesi circolata nei giorni scorsi. Ma dei 4 miliardi di euro che mancano allappello, un miliardo di euro in procedura concorsuale ha spiegato Befera e 1,5 riferito a soggetti che hanno una marea di debiti fiscali e contributivi. Praticamente queste somme sono inesigibili perch si tratta di gente fallita o sparita. Oltre un miliardo di euro invece allincasso e sar privilegiato laccesso bancario. I condoni del 2002 valevano, sulla carta, 26 miliardi di cui solo 20,8 sono stati riscossi al 31 dicembre 2010, cio a otto anni di distanza. Secondo la Corte dei conti servirebbero almeno dodici anni per incassare tutto larrestrato. Ma intanto il numero dei "desaparecidos" potrebbe continuare ad aumentare.
Fr.Mi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Imprese e professioni. Favorita la tracciabilit

Documenti. Per contrastare levasione balneare


nuale Iva si applica la sanzione dal 120 al 240% dellammontare del tributo dovuto per il periodo dimposta o per le operazionicheavrebberodovuto formare oggetto di dichiarazione. Se dalla dichiarazione Iva presentata risulta unimposta inferiore a quella dovuta, o uneccedenza detraibile o rimborsabile superiore a quella spettante, si applica la sanzione dal 100 al 200% della differenza. Chi,indifformitdelladichiarazione, chiede un rimborso non dovuto o in misura eccedente, punito con sanzione dal 100 al 200% della somma non spettante. Chi viola gli obblighi sulla documentazione e registrazione di operazioni imponibili Iva punito con la sanzione fra il 100 e il 200% dellimposta relativa allimponibile noncorrettamente documentato o registrato nel corso dellesercizio;allastessasanzione, commisurata allIva, soggettochi indica,nelladocumentazione o nei registri, unimposta inferiore a quella dovuta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sconto sulle sanzioni per chi non usa contante


Tonino Morina

Lo scontrino fiscale dobbligo in spiaggia


Lo scontrino e la ricevuta fiscale tornano in spiaggia: saranno dobbligo per i servizi quali ingresso o sdraio. infatti destinato a scomparire lesonero dallo scontrino o dalla ricevuta fiscale per i servizi prestati dagli stabilimenti balneari. questa una delle novit prevista dallemendamento del Governo e del relatore: si dispone infatti la soppressione della lettera rr) del comma 1 dellarticolo 2 del Dpr 696/1996. La lettera rr) prevede lesonero dal rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale per le prestazioni di servizi rese sul litorale demaniale dai titolari delle concessioni. Considerato che si trattadiunemendamentoapportato al decreto legge 138/2011, questa novit, di norma, avr effetto dal giorno successivo a quello della pubblicazione della legge di conversione sulla Gazzetta Ufficiale, salvo che la legge non disporr diversamente. Di conseguenza, anche per i servizi da spiaggia, finora esclusi dallobbligodelrilasciodeldocumento fiscale, sar necessario emetterelo scontrinoolaricevuta fiscale. A titolo di esempio, lobbligo riguarder tutte le attivittipichedeglistabilimentibalneari,qualilaccessoagliimpiantidibalneazione,lusodispogliatoi, cabine e docce, nonch dei

Chi dir "addio" alle operazioni in contanti potr beneficiarediunosconto sullesanzioni amministrative. Saranno infatti ridotte alla met le sanzioni per chi documenter con strumenti tracciabili, come assegni, bonifici ecarte di credito, tutteleoperazioniattiveepassive effettuate nellesercizio dellattivit dimpresa, arte o professione.Loprevedelemendamentoinmateria fiscale,presentato dalla maggioranza, al decreto legge 138/2011. Iltagliodellesanzioniprevisto dal comma 36-vicies ter, inserito allarticolo 2 del decreto, per gli esercenti imprese, o arti e professioni, con ricavi o compensifinoa 5milioni dieuro che per tutte le operazioni attive e passive effettuate nelleserci-

zio dellattivit usano strumenti tracciabili. Lo sconto del 50% siapplichersullesanzioniintema di violazioni relative alla dichiarazionedelle impostedirette,dellIva e ai rimborsi, nonch per le violazioni degli obblighi relativi alla documentazione, registrazione e individuazione delle operazioni soggette Iva. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi si applica la sanzione amministrativa dal 120 al 240% delle imposte dovute, con un

LINTERVENTO

La riduzione del 50% si applicher a chi documenta lattivit con strumenti come assegni o carte di credito

minimo di 258 euro; se non sono dovute imposte, si applica la sanzione da 258 euro a 1.032 euro; essa pu essere aumentata fino al doppio nei confronti degli obbligati alla tenuta di scritture contabili. Se nella dichiarazione indicato, ai fini delle singole imposte, un reddito imponibile inferiore a quello accertato, o, comunque, unimposta inferiore a quelladovutaouncreditosuperioreaquellospettante, siapplica la sanzione dal 100 al 200% della maggior imposta o della differenza del credito; la stessa sanzione si applica se nella dichiarazione sono esposte indebite detrazioni o deduzioni, anche se esse sono state attribuite in sede di ritenuta alla fonte. Nel caso di omessa presentazione della dichiarazione an-

CLIENTE SENZA MACCHIA

Il bagnante non rischia nulla se il gestore non gli consegna la ricevuta per sdraio e ombrellone

servizi igienici, il noleggio di sedie a sdraio, lettini e ombrelloni. Sarannoaltressoggettealrilasciodeldocumentofiscaleleattivit qualificabili come tipicamente connesse a quelle balnearichesolitamentevengonoeffettuate nellambito degli stabilimenti, quali il noleggio di pattini edi piccole barchenon a motore. In ogni caso, si ricorda che non pi prevista alcuna sanzione a carico del cliente per la mancata consegna della ricevuta o scontrino. Per la sanzione principale, in caso di mancata emissione di ricevute o scontrini, applicabile larticolo 6 del decreto legislativo 471/97: la sanzione in ogni caso pari al 100% dellimposta corrispondente allimporto non documentato e non pu essere inferiore a 516 euro. Il contribuente, che riceve latto di contestazione con lirrogazione della sanzione di 516 euro, pu comunque fruire della definizione agevolata, pagando 172 euro (33,33% di 516 euro).
T. Mor.
RIPRODUZIONE RISERVATA

afunzionedellesanzioni penalinellalotta allevasionefiscaleun temaestremamentedelicato, chetalorastatofalsatocol demagogicoslogandelle "manetteaglievasori".La primaosservazionechela leggepenalequalcosadipi dellalottaallevasione,se questavieneintesacome accertamentodellamateria tassabile.Laleggepenale tributariatuteladiunbene collettivochesipu ricondurreallordinepubblico intesocomestabilite funzionamentodelloStato.In unasocietcomelanostra, dovelaconsiderazionedel doverefiscalenonancora diffusa,dovelevasione fenomenodimassa,doveil ruolodellamministrazione nonharaggiuntolimparzialit volutadallaCostituzione,dove leleggitributariesonoinfinite einconoscibili,lafunzione dellasanzionepenaleancora pocoavvertitadallacoscienza collettiva.Unaleggecome quellapenaletributaria comportaunavalutazione condivisasudoveridei cittadini,conoscenzae conoscibilitdelleleggi tributarie;cgrande confusionesuidirittiesui doverideicittadinima soprattuttosulla configurazionechedeveavere unordinamentotributario perchsiameritevoleditutela penalecomebenecollettivo. Quelloesistenteunsistema fondatosucompromessi politicicheprescindonoda principi.Lasopportabilit fiscalecoincideconquella politicadellesingolecategorie. Lapresenzadelconcordato completaunsistema sperequatocheproduce unimpressionanteevasionedi massa.Cdachiedersiquanto questaevasionesiaeffettodi causestrutturali dellordinamentoequantosia ribellioneallaleggetributaria. Lapresenzadisanzioni penalichecolpiscono levasionenonpuessere esaltatacomeincentivoal concordato,siainsede amministrativacheinsede giudiziaria,anzichtuteladiun ordinamentochesiarazionale eperequato.Tenendoconto cheviviamoinunafase transitoria,dalpuntodivista politicoistituzionale,occorre chelapoliticatributariaoperi unrovesciamentopsicologico, siapuregradualedella situazione,costruendoun sistematributarionelquale nonvisianessuna giustificazioneperlevasionee inducendocoslopinione pubblicaacondannare moralmente,primaancorache giuridicamentechisiribella dolosamentealdoverefiscale. Altracondizione fondamentaleperchlalegge penaleabbiaunsolido fondamentola semplificazionelegislativa.La leggepenaledovrebbe combatteresolola"frode fiscale",queicomportamenti maliziosidirettiasottrarre materiatassabile allimposizione.Lasanzione penalenonpuessere strumentoordinario dellaccertamento;nonper casoidueprocedimenti, tributarioepenale,sono autonomi.Ilgovernononpu coltivarelillusioneche lattuazionediunsistema tributariorazionaleegiusto passiprincipalmenteperlavia penale.Menosivadavantial giudicepenalemeglio.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

10 Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

FISCO E SOCIET/1

Le nuove disposizioni applicabili alle compagini di comodo

Effetto sugli acconti in pagamento da giugno 2012


IL COMMENTO
di Luca Gaiani

Doppia stretta sulle non operative


Maggiorazione Ires del 10,5% per le Spa e le Srl e per gli enti in perdita da tre anni
Luca Gaiani

Doppia stretta per la tassazionedelle societnonoperative dalla manovra dagosto. Lemendamento del Governo al decreto legge 138/11, depositato ieri al Senato, stabilisce, con decorrenza dal 2012, lincremento al 38% dellaliquotaIresdovutadaglientinonoperativielestensionedelle norme alle societ che, per tre esercizi consecutivi, hanno dichiaratounaperdita fiscale. Per le societ di capitali che rientrano nella disciplina degli enti non operativi (articolo 30, della legge 724/94), scatta, dal 2012, una maggiorazione dellIres del 10,5%, corrispondente, dunque, alla Robin taxintrodotta per le imprese del settore energetico. LIres potenziata si applicher anche sulla parte di reddito imputato da societ di persone (Snc, Sas), che risultanodicomodo,asocietdicapitali. In pratica una Srl (non di comodo) che detiene una quota in una Snc (di comodo) pagher il 27,5% sullintero reddito dichiarato, oltre al 10,5% sulla parte di tale risultato formata dallimporto assegnato per trasparenza dalla Snc partecipata. In caso di adesione alla tassazione di gruppoo al regimedi trasparenza,lamaggiorazioneverrliquidata separatamente dalla societconsolidata(odallapartecipata), mentre la consolidante (o i partecipanti della trasparente) tasseril reddito ricevuto con le regole ordinarie. Le societ di

comodo che partecipano a societ di capitali trasparenti applicano invece la maggiorazione sul proprio reddito complessivo senza tener conto di quello imputato dalla partecipata. Nessuna maggiorazione inveceprevistaperlesocietdipersone che attribuiscono il risultato fiscale a persone fisiche, in quanto, in questi casi il reddito di comodovieneassoggettatoadaliquoteIrpefprogressive. Dovr essere chiarito se lIres del38%siapplichi(comesembre-

LAPAROLA CHIAVE

Societ di comodo
7 Sono strutture utilizzate per schermare al fisco beni (case, auto, imbarcazioni) che vengono tenuti a disposizione dei soci o di loro famigliari. Per stanare queste societ, che hanno un regime fiscale penalizzato (reddito minimo con Ires che ora sar portata al 38%), la legge utilizza, dopo la stretta del Governo, due test alternativi: un volume dei ricavi inferiore a soglie calcolate in percentuale del valore dei beni posseduti o lesistenza di perdite dichiarate per tre anni consecutivi.

rebbedaldatoletteraledellanorma, che richiama genericamente larticolo75delTuiredunquelintero reddito imponibile dellente) anche alla eventuale parte di reddito dichiarato che supera quello minimo presunto. Questa parte, attualmente, esce per cos dire dal regime "di comodo", potendo essere compensata con perditepregressematuratequandolasocieteraoperativa.Nessuna novit, infine, in materia di IrapediIva.Lanorma,conformemente alle regole dello Statuto del contribuente, assume efficacia dallesercizio successivo a quelloincorsoallentratainvigoredella legge diconversione della manovra e dunque, in genere, dal 2012. Gli acconti Ires relativi a taleesercizio dellesociet che risultano di comodo nel 2011, dovranno essere rideterminati applicando al dato storico la nuova aliquotamaggiorata.Restaperaltrofermalapossibilitdiutilizzare il metodo previsionale e dunquedi versaregliacconti al 27,5% da parte di chi ritiene di superare nel 2012 le soglie richieste per essereoperativi.Chiinvecerisulter operativo per il 2011 (Unico 2012)calcolerlacconto perlanno successivo su base storica ignorando la nuova norma, anche se, a consuntivo, dovesse diveniredicomodo. In questocaso (societoperativanel2011chediventa di comodo nel 2012), invece, lIres del 38% si dovr valutarepergliaccontiprevisionali.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le novit in arrivo

Permettere un utilizzo pi ampio dellinterpello


Si parte da subito

Prelievo pi alto Ilredditodellesocietdicapitali consideratedicomodotassato conlaliquotadel38%;nessuna maggiorazioneperlesocietdi personeconsocisoggettiallIrpef

Perdite penalizzate Sonodicomodoanchelesociet chedichiaranoperditefiscalipertre anniconsecutivi,oppuredueanniin perditaeunoconredditoinferiore allesogliedeglientinonoperativi

Giustificazioni confermate Restanoferme,ancheperlesociet inperditatriennale,lecausedi disapplicazioneprevistepergli altrientidicomodo(peresempio societconalmeno10dipendenti)

Lenovitscattanodal2012(Unico 2013),masidovrannoconsiderare gipergliaccontidaversarea giugnoenovembreditale esercizio

Il focus. Le conseguenze

Coinvolti i piccoli con i conti in rosso


Le societ in perdita sistematica entrano nel regime delle non operative. Lintervento del Governo attrae alla relativa disciplina, con decorrenza dal 2012, quelle societ (di capitali o di persone) che, pur superando le soglie di ricavi minimi della legge 724/94, dichiarano per tre esercizi consecutivi una perdita fiscale, oppure evidenziano una perdita in due di essi e un reddito inferiore a quello presunto nel terzo anno. Inquesticasileregoledeglientidicomodo(compresalanuova Ires del 38%) scattano dal primo eserciziosuccessivoalverificarsi della condizione. Condizione che, si ritiene, dovr nuovamente essere misurata prendendo a baselesercizioeidueprecedenti.Adesempio,unasocietinperdita dal 2012 al 2014 diverr dico-

modonel2015,maseinquestultimo anno dichiarer un reddito superiore al minimo, uscir dal vincolo nel triennio 2013-2015 e nonsardi comodo nel 2016. Restano valide, anche per gli enti in perdita triennale, le cause di disapplicazione previste dallarticolo30dellalegge724/94(societ con almeno 10 dipendenti o 50 soci,societquotate,societcongrueecoerentiaglistudidisettore, ecc.), comprese quelle del Provvedimento Entrate del 14 febbraio 2008, e ci al fine di evitarediconsideraredicomodosociet con struttureaziendali realiesenzafinalitelusive.Lesonero dal regime delle non operati-

ve per chi in perdita sistematica dovrebbe inoltre potersi ottenere attraverso lo strumento dellinterpello preventivo anche selalegge(chesulpuntononvienemodificata)loprevedeattualmente solo in presenza di situazionichehannoimpeditodiconseguirericavialmenopariaquelliminimienoninvecediprodurre risultati reddituali positivi nel triennio. La stretta sulle societ inperditascattadal2012(conimpattoanchesugliacconti):pertale esercizio le societ dovranno misurare i risultati reddituali dichiaratiperiltriennio2009-2011.
L. Ga.
RIPRODUZIONE RISERVATA

a stretta sulle societ di comodo studiata dal Governo si basa su due strumenti: un forte aumento del carico fiscale individuale (considerando lIrap si arriva al 42%) e lampliamento dei soggetti coinvolti, con lestensione alle societ in perdita sistematica. La penalizzazione colpisce indipendentemente dalle cause che hanno generato linsufficiente volume di ricavi o il ripetersi di bilanci in perdita. Per evitare di attrarre al nuovo regime societ operative (si pensi a grandi aziende in crisi) si sono fatte salve le cause di esonero gi previste, ma questo non pare sufficiente per salvaguardare molte altre situazioni di contribuenti che non realizzano i parametri, ma che nulla hanno a che vedere con lelusione. In questi casi, non rester che attivare linterpello disapplicativo, che ora la legge ipotizza solo per dimostrare linsufficienza dei ricavi e si auspica venga esplicitamente esteso alla dimostrazione delle cause dei risultati negativi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano 11

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

FISCO E SOCIET/2

Nel settore della distribuzione la soglia passa dal 55 al 65%


Limpatto

Nonsono inclusenel riassetto imprese agricole e della piccola pesca


IL COMMENTO
Prima Dopo
di Gian Paolo Tosoni

La coop paga il 10% in pi


Aumenta la base imponibile dellutile nelle societ mutualistiche
Gian Paolo Tosoni

Calcolo dellIres per cooperative con la nuova percentuale del 40% di utile imponibile

A) Utile ante imposta

5.000
B) Variazioni in aumento

5.000 800 220 4.780 550 4.230 2.411,10 126,90 1.692 800 308 2.800 770 220 550 770

Aumenta del 10% la base imponibiledellutiledellesocietcooperative a mutualit prevalente. Ilcomma36bisdellemendamento al decreto legge n. 138/2011 modifica le percentuali degli utili comunque assoggettati ad Ires previste dallarticolo 1, comma 460 della legge n. 311/2004: in particolare la percentuale del 30% che si applica alla generalit delle cooperative viene aumentata al 40%, mentrelapercentualedel55%prevista per le cooperative di consumo aumentata al 65. Questi aumenti comportano quindi un aumento della base imponibile pari al 10% degli utili risultanti dal bilancio civilistico. Inoltre sono soggetti ad Ires i costi non deducibili, ma su questo non ci sono novit, ad eccezione delle cooperative agricole, mentre per quelle di lavoro se lammontaredelleretribuzionieffettivamente corrisposte ai soci non inferiore al 50% degli altri costi,

non assoggettata ad Ires limpostaregionale.Nonsonostateinteressate allaumento del 10% della base imponibile le cooperative agricole e della piccola pesca le qualipertanto continuanoatassare soltanto il 20% degli utili di bilancio. Per cooperative agricole si intendono quelle indicate nellarticolo 1 del Dlgs 228/2001 ovvero sia quelle che operano a valle della produzione agricola (di trasformazione dei prodotti conferiti dai soci), sia quelle a montechefornisconoprevalentemente ai soci beni e servizi. Il comma 36 ter introduce una norma generica che pu essere oggetto di diverse interpretazioni. Viene stabilito che larticolo 12 della legge n. 904/77 (esenzione daIresdellesommedestinateariserva indivisibile) non si applica alla quota del 10% degli utili netti annuali. La prima lettura porta allinterpretazione che tale quota diutilitassatisiagicompresanella percentuale stabilita dal com-

ma 460 della legge n. 311/2004. Infattise la coop, inbase a questa ultima legge, non pu applicare lesenzione (articolo 12 della legge 904) per il 40% degli utili e quindi li assoggetta ad Ires automaticamente tassa la quota minima del 10. Questa interpretazione comporta la tassazione del 10% degli utili per quelle cooperative che prima ne erano escluse come quelle sociali (legge n. 381/1991). Conunasecondainterpretazione si potrebbe sostenere che la quota del 10% degli utili netti annuali, riguardi specificamente quelli accantonati a riserva e sia aggiuntiva allaumento gi previsto nel comma 460 della legge n. 311/2004. Quindi anche le coop agricole ad esempio subirebbero un aumento della base imponibiledel10%elageneralitdellecooperative verrebbe tassata nella misura del 50% dellutile di bilancio(40 + 10). Unulteriore lettura porterebbe a sostenere che trattandosidiutilinettiannualiaccan-

IL PERIMETRO
Lintervento Saledel10%la base imponibiledellutiledelle societcooperativea mutualitprevalente.In pratica,vengonomodificatele percentualidegliutili comunqueassoggettatiad Irespreviste dallarticolo1, comma460della leggen. 311/2004 Inparticolarela percentuale del30%chesi applicaalla generalitdellecooperative vieneaumentataal 40%, mentrelapercentualedel55% previstaperlecooperativedi consumoaumentata al65. Nonsonostateinteressate dallaumentodel10%della baseimponibile le cooperativeagricoleedella piccolapescalequalipertanto continuanoatassaresoltanto il20%degliutilidibilancio

tonati a riserva il 10% colpisce lentit delle riserva medesima. Pertanto per le cooperative a mutualit prevalente vi sarebbe un aumento della base imponibile del 3% (10% del 30% che laquota minimadiutilidadestinareallariserva legale) ovvero del 7% per le banche di credito cooperativo. Questedueinterpretazioniporterebbero tuttavia al risultato di ridurrelaquotadiriservalegale obbligatoria.Seadesempiounacooperativa decide di accantonare la sola riserva legale e di distribuire il70% dellutile dopoaverlo regolarmentetassato,selulterioretassazione del 10% colpisce la riserva legale questa si ridurrebbe per effetto delle imposte ad una quotainferioreal30%dellutilemedesimo e sarebbe illegittimo. Tenuto conto che siamo in presenza di un emendamento sarebbe auspicabile che il testo definitivo consentadi giungeread unainterpretazione chiara.
RIPRODUZIONE RISERVATA

800 220
D) Differenza (utile netto = A - C)

C) Ires su variazioni in aumento (B x 27,5%)

La richiesta di sacrificio sembra sostenibile

4.780 412,5
F) Nuovo utile civilistico (A - C - E)

E) Ires su utile netto (27,5% del 40% di 5.000 = 550)

4.367,5 2.926,22 131,02 1.310,26


L) Variazioni in aumento (=B)

G) Quota esente di utili accantonati (57% x F) H) 3% destinato ai Fondi mutualistici (3% x F) I) Quota utile imponibile fiscale (F - G - H)

Adempimenti. Super-acconto nel prossimo giugno

800
versati ai fondi mutualistici ma che secondo lagenzia delle Entrate questa deduzione nonpu ridurre la quota minima imponibile. Particolare il calcolo dellIres a debito per le banche di credito cooperativo le qualihanno lobbligodiaccantonare a riserva legale almeno il 70 per cento degli utili netti annuali (articolo 37 del decreto legislativo n. 385/1993). La percentuale di utilesoggetto adIresnon per diversa dallealtre cooperative (circolare n. 34/E/2005) e quindi pari al 40 per cento. Si potrebbe ritenere che lutile di bilancio sia tassato nellamisuradel40% esulresiduo il 70% debba essere accantonato a riserva legale. Se, ad esempio, lutile di bilancio ante imposte pari a 100 (escludendo per semplicit eventualivariazioniinaumento) si determina lIres del 27,5% su 40, pari ad 11 con un nuovo utile civilistico di 89 di cuiil 70% deveessere imputato a riserva legale. Resta sempre da stabilire come agisce il comma 36 ter che assoggetta comunque ad Ires il 10% degli utili netti annuali.
G.P.T.
RIPRODUZIONE RISERVATA

M) Variazioni in aumento per Ires (40% C + E)

Nuovi calcoli a partire dal 2012


Il nuovo calcolo dellIres a debito non un obbligo immediato in quanto le nuove maggiori percentuali decorrono dal periodo dimposta successivo a quello di entrata in vigore della legge e cio dal 2012 per le coop con esercizio coincidente con lanno solare. Tuttavia occorrer tener conto delle nuove percentuali in sede di determinazione dellacconto per il periodo di imposta successivo e quindi nella sostanza a giugno del 2011.Inquesta paginariproduciamounesempio del complicato calcolo di determinazione dellIres a debito confrontando il risultato prima e dopo le modifiche apportate con la manovra fiscale. Insostanza lunicavariazione riguarda lutile netto di bilancio che viene tassato nella misuradel 40 percento in luogo del 30 per cento. Di conseguenza, lIres viene portata in aumento nella stessa misura del 40 per cento in cui viene assoggettato ad Ires lutile imponibile (secondo le indicazioni fornite dallagenzia delle Entrate con la circolare n. 34/E/2005). Ovviamente, la correttezzadelcalcolo pubblicato dipende dalla interpretazione dellarticolo 36 ter e cio se il 10 per cento dellutile netto annuale sia gi compresoomenonellapercentuale del 40. Si ricorda che le societ cooperativepossono dedurre il 3 per cento degli utili

189,75
N) Imponibile fiscale (I + L + M)

2.300
O) Ires complessiva (N x 27,5%)

632,5
P) Ires su variazioni in aumento (= C)

220 412,5
R) Ires complessiva (P + Q = O)

Q) Ires su utile al netto di imposte su variazione (= E)

632,5

l contributo richiesto alle societ cooperative per laumento del gettito fiscale sopportabile in quanto investe il 10% degli utili di bilancio. Considerando che il conto economico delle coop mira al pareggio, in valore assoluto il gettito non sar pesante. La norma salva le cooperative agricole dimostrando attenzione per il settore primario perennemente in crisi. Tuttavia va chiesto al legislatore uno sforzo tecnico per comprendere il significato della disposizione generale di assoggettamento a Ires del 10% degli utili netti annuali. La tecnica legislativa deve essere comprensibile e non si capisce perch dopo una norma che prevede che la quota di utili tassabile passa dal 30% al 40% per la generalit delle cooperative e dal 55% al 65% per quelle di consumo, debba essere ulteriormente specificata la tassazione del 10% degli utili. Se tale tassazione vuole essere aggiuntiva perch non aumentare direttamente la percentuale di utili tassabili (50 anzich 40)? Se invece si vuole colpire una quota degli utili destinati alla riserve obbligatorie, si corre il rischio dellillegalit riducendo con le imposte, la quota minima di accantonamento prevista dalla legge.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MANOVRA ESTIVA: PER NON NAVIGARE A VISTA.


La Guida pratica alla Manovra e al Decreto Sviluppo edita dal Sole 24 ORE rappresenta lo strumento indispensabile per approfondire tutte le novit dei decreti 70 e 98 dopo la loro conversione in legge: reddito dimpresa e IVA, agevolazioni e semplicazioni, aumenti dimposta, accertamenti e riscossione, studi di settore e contenzioso tributario, modiche alle norme su pensioni, contributi previdenziali e lavoro. Grazie al contributo degli esperti del Sole 24 ORE, la guida ricca di chiarimenti, casi pratici e risposte ai quesiti pi comuni.

IN EDICOLA CON IL SOLE 24 ORE A 6,90 IN PI*.


*Offerta valida in Italia dal 26/07/2011 al 26/09/2011

Disponibile anche in formato PDF p su www.pagina24.ilsole24ore.com

12 Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO
INTERVISTA

GIUSTIZIA

Possibile recupero sul territorio di circa 500 magistrati


Le sedi distaccate
ABRUZZO 8 Atessa 8 Atri 8 Giulianova 8 Ortona 8 Penne 8 SanValentino BASILICATA 8 Pisticci CALABRIA 8 Acri 8 ChiaravalleC. 8 Cinquefrondi 8 MelitoP.Salvo 8 SanMarcoA. 8 Scalea 8 Siderno 8 Strongoli 8 Tropea CAMPANIA 8 Afragola 8 Airola 8 Amalfi 8 Aversa 8 Capri 8 Carinola 8 Caserta 8 Castellammare 8 CavadeiT. 8 Cervinara 8 Eboli 8 Frattamaggiore 8 Gragnano 8 Guardia Sanframondi 8 Ischia 8 MaranodiN. 8 Marcianise 8 MercatoS.Se. 8 Montecorvino 8 PiedimonteM. 8 Portici 8 Pozzuoli 8 Sapri 8 Sorrento 8 TorredelG. EMILIAR. 8 Carpi 8 Cesena 8 Faenza 8 Fidenza 8 Guastalla 8 Imola 8 Lugo 8 PavulloF. 8 PorrettaT. 8 Sassuolo FRIULIV.G. 8 CividaleFriuli 8 Palmanova 8 SanVitoalT. LAZIO 8 Alatri 8 AlbanoL. 8 Anagni 8 Anzio 8 Bracciano 8 Castelnuovo 8 CivitaC. 8 Frascati 8 Gaeta 8 Montefiascone 8 Palestrina 8 Sora 8 Terracina LIGURIA 8 Albenga 8 Pontremoli 8 Sarzana 8 Ventimiglia LOMBARDIA 8 Abbiategrasso 8 Breno 8 Cant 8 CassanoAdda 8 CastiglioneS. 8 Clusone 8 Desio 8 Erba 8 Gallarate 8 GrumelloM. 8 Legnano 8 Luino 8 Morbegno 8 Rho 8 Sal 8 Saronno 8 Treviglio MARCHE 8 CivitanovaM. 8 Fabriano 8 Fano 8 Jesi 8 Osimo 8 S.BenedettoT. 8 S.ElpidioM. 8 Senigallia MOLISE 8 Termoli PIEMONTE 8 Bra 8 Chivasso 8 Ciri 8 Domodossola 8 Moncalieri 8 NoviLigure 8 Orgomanero 8 Susa 8 Varallo PUGLIA 8 AcquavivaF. 8 Altamura 8 Andria 8 Apricena 8 Barletta 8 Bitonto 8 CampiSal. 8 CanosadiP. 8 Casarano 8 Cerignola 8 Fasano 8 FrancavillaF. 8 Galatina 8 Gallipoli 8 Ginosa 8 Grottaglie 8 Maglie 8 Manduria 8 Manfredonia 8 MartinaF. 8 Mesagne 8 Modugno 8 Molfetta 8 Monopoli 8 Nard 8 Ostuni 8 Putignano 8 RodiG. 8 Rutigliano 8 RuvodiP. 8 SanSevero 8 Tricase 8 Trinitapoli SARDEGNA 8 Alghero 8 Carbonia 8 Iglesias 8 LaMaddalena 8 Macomer 8 Olbia 8 Sanluri 8 Sorgono SICILIA 8 Acireale 8 Adrano 8 Alcamo 8 Augusta 8 Avola 8 Bagheria 8 Belpasso 8 Bronte 8 Canicatt 8 Carini 8 Castelvetrano 8 Cefal 8 Corleone 8 Giarre 8 Grammichele 8 Lentini

Da evitare i vari campanilismi: il ministro tenga il punto

MicheleVietti

VicepresidenteCsm

Senza i minitribunali pi risorse e funzionalit


Adesso da rivedere il sistema delle impugnazioni
ANSA

8 Licata 8 Lipari 8 Mascalucia 8 MazaraVallo 8 Milazzo 8 Monreale 8 Partanna 8 Partinico 8 Patern 8 S.AgataM. 8 Taormina 8 Vittoria TOSCANA 8 Carrara 8 Cecina 8 Empoli 8 Montevarchi 8 OnsummanoT. 8 Orbetello 8 Pescia 8 Piombino 8 Poggibonsi 8 Pontassieve 8 Pontedera 8 Portoferraio 8 Sansepolcro 8 Viareggio TRENTINOA.A. 8 BorgoV. 8 Bressanone 8 Brunico 8 Cavalese 8 Cles 8 Merano 8 Silandro 8 TionediT. UMBRIA 8 Assisi 8 CittCastello 8 Foligno 8 Gubbio 8 Todi VENETO 8 Adria 8 CastelfrancoV. 8 Chioggia 8 Cittadella 8 Conegliano 8 Dolo 8 Este 8 Legnago 8 Montebelluna 8 PieveCadore 8 Portogruaro 8 SanDonP. 8 Schio 8 Soave

E il Senato vota il primo s alla delega


ROMA

Giovanni Negri
MILANO

Promossala delega sulla geografia giudiziaria. Adesso serve per una riflessione sul sistemadelleimpugnazioniedasubito si potrebbero tagliare 15 giorni di una chiusura estiva dei tribunali assolutamente anacronistica. Il vicepresidente del Csm Michele Vietti fa il punto sulle numerose questioni aperte nellannoso rapporto tra giustizia ed efficienza. Il Csm da tempo insisteva sulla necessit di un intervento di semplificazione dei nostri uffici giudiziari. Adesso sembra che sia arrivato il momento... Finalmente, verrebbe da dire. Nonsipucheesprimereunsincero e convinto apprezzamento alloperato del ministro Nitto Palma che ha seguito una strada che avevano tracciato ancora di recentesiailPresidente dellarepubblica sia lo stesso Consiglio superiore della magistratura. Con gli attuali chiari di luna dellaspesapubblicaunmiglioreutilizzo dei mezzi esistenti non pu che passare di qua, tenuto contodelfattochesiaimagistrati sia il personale amministrativo,perilqualedaanninonsipossono fare nuove assunzioni, costituiscono risorse limitate da impiegare al meglio. Un intervento importante anche per il significato di modernizzazione. Senza dubbio. La nostra geografiagiudiziariaassolutamenteinadeguata.Risaleatempipre-

Favorevole. Il vicepresidente del Csm Michele Vietti

cedenti lunit dItalia. Oggi anche i sistemi di comunicazione sono diversi e le possibilit di accesso alla giustizia aumentate. Quanto alle dimensioni degli uffici, basti pensare che ben 72 tribunali hanno meno di 16 magistrati in organico, quando una soglia di almeno 18 stata giudicatadalCsmcomerequisito minimo per funzionare. I margini di recupero di efficienza sono molto ampi: con la cancellazione delle sezioni distaccateelasoppressione/accorpamentodeipiccolitribunalisipotrebbero ricollocare circa 500 magistrati, un numero pari a quello di 2 concorsi, e 5.000 dipendenti amministrativi. Con effetti possibili anche sulla velocit dei processi?

Conlafinedelsistemaparcellizzato si recuperer anche funzionalit: in molte sedi oggi basta una malattia o un trasferimento per rallentare drammaticamente i processi. Con una cos ampia presenza di minitribunalinonsipuneppureraggiungere lobiettivo di una giustizia specializzata,richiestaagranvoce dagli operatori economici. Ma adesso non prevedibile il fuoco di sbarramento dei diversi campanilismi? prevedibile, ma non bisogna farsi tirare per la giacca. Su questo soccorre quanto detto dalpresidenteGiorgioNapolitano agli uditori giudiziari sugli insostenibili particolarismi. Bisogna che il ministro tenga il punto e realizzi quanto annun-

ciato: la soppressione degli uffici sottodimensionati e gli accorpamenti conaseguenti. Il Csm, che mi auguro verr coinvolto dalministro anche aldi l delparere ufficiale, pronto a fare la sua parte. E sulla semplificazione dei riti approvata ieri dal Consiglio dei ministri? Rischia di essere unoccasioneperduta.Ancheconilimitiposti dalla delega si poteva forse osaredi pi.stata fattauna meritoria opera di riclassificazione dellefonti,masenzaricaduteapprezzabili sui tempi dei processi. Basti pensare ai giudici di pace che ora dovranno utilizzare un nuovo rito, quello del lavoro, per giudicare le opposizioni alle sanzioni amministrative. Quali altre misure si potrebbero adottare perrientrare negli standard europei di durata dei giudizi? Va ripensato il sistema delle impugnazioni. Il vero collo di bottiglia non in primo grado ma in appello e in Cassazione. A Roma solo il 5% delle sentenze diprimogrado riformatoin appello. E poi un mese e mezzo di blocco estivo degli uffici non pi sostenibile. Quindici giorni si potrebbero tagliare subito, congelandoiterminiperildeposito dei provvedimenti. Va nella direzione giusta infine uno degli emendamenti alla manovra che prevede la responsabilit disciplinare per giudice e avvocato chenonhannorispettatolaccordo sul calendario delle udienze.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo s alla revisione della geografia giudiziaria. La commissione Bilancio del senato ha approvato ieri lemendamento con la delega alGoverno.Peril relatoreAntonioAzzollini(Pdl)lavotazione si conclusa in un clima di seriet: penso che sul punto il Parlamento abbia scritto una bella pagina. Articolate la posizione delle opposizioni: il Pd si astenuto sul complesso della della delega, ma ha votato no alla sola parte che prevede laccorpamento delle Procure, contrari invece Idv e Terzo Polo. Siamo lieti che il Governo abbia accolto il nostro invito a discutere della giustizia civile e della revisione delle circoscrizionigiudiziarienellambito della manovra economica, maladelegachechiedeilministro non va bene e cos com non la possiamo votare. Lo annunciano in una nota congiunta i capigruppo del Terzo Polo Gianpiero DAlia (Udc), Candido De Angelis (Fli-Api) e Giovanni Pistorio (Mpa) presenti oggi in commissione Bilancio. Si tratta, infatti spiegano i tre esponenti del Terzo Polo di una delega sostanzialmente in bianco che non fissa alcun criterio certo per la soppressione o laccorpamento dei tribunali e delle sezioni distaccate. Dal testo si capisce che la soppressione o laccorpamento dei tribunali avverr non in base a criteri oggettivi,maa secondadelpeso politico o territoriale di chi condiziona le scelte. Eierisonoscesiincampoanche i giovani avvocati. Per lAi-

galanecessit di contenerela spesa pubblica obbliga ad un riordino degli uffici giudiziari, tuttavia sarebbe una misura gi sufficiente ed adeguata quella che sopprimesse le sedi distaccate ed accorpasse i giudici di pace. Se la maggioranza intendesseugualmenteinsisterenellasoppressionedei tribunaliminori,sarebbefondamentale che, nei criteri cui attenersi per la loro individuazione, si tenessecontoinnanzituttodella realt socio-economica in cui sono essi sono insediati.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I PUNTI CHIAVE
1 | Il taglio ai tribunali Riduzione degli uffici giudiziari di primo grado: assicurata lesistenza di un tribunale ordinario nei circondari dei comuni capoluogo di provincia 2 | Sezioni distaccate ridotte Sulle sezioni distaccate soppressioni e accorpamenti: in ogni distretto di Corte dappello assicurati, comprese le distaccate, almeno 3 degli attuali tribunali 3 | Procure ridimensionate Drastica operazione di accorpamento con la possibilit per la Procura accorpante di svolgere le funzioni requirenti nellambito di pi tribunali 4 | Federalismo giudiziario Gli enti locali per potere disporre ancora dellufficio del giudice di pace ne dovranno sostenere i costi

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano 13

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

LE MODIFICHE IN PARLAMENTO

Luned protesta unitaria a Roma Formigoni: il federalismo sepolto


Laltalena dei tagli
Com cambiata la stretta su ministeri e autonomie da Ferragosto a oggi
Ministeri* 2012 Regioni ed enti locali
Riducibili a:

Errani: consegneremo al Governo i contratti per il trasporto locale


LANALISI
Eugenio Bruno

Sconto da 1,8 miliardi a Regioni ed enti locali Autonomie in rivolta


I fondi dalla quota di Robin tax dei ministeri
Eugenio Bruno Roberto Turno
ROMA

Manovra bis

Vertice di Arcore

Riducibili a:

Emendamenti del relatore

Riducibili a:

7.000 6.000

6.100 5.100

7.000 4.000

6.100 3.100

7.000 6.000

7.000 4.200

Purch la differenza non la metta il cittadino

Doveva essere un dimezzamento dei tagli per 3 miliardi, si rivelatouno sconto di 1,8 miliardi affidato ai futuri introiti della Robin Hood tax. Il Governo apre solo in parte i cordoni della borsa e riaccende lo scontro con Regioni ed enti locali. Lemendamento

LA COPERTURA

Lo sconto per non arriver subito perch lEconomia dovr prima accertare i maggiori introiti derivanti dalla nuova imposta
alla manovra bis presentato ieri in commissione Bilancio del Senato lascia lamaro in bocca a governatorie sindaci che annunciano per luned una manifestazione unitaria a Roma. Il federalismo morto, sostengono compatti. E preparano unaltra iniziativa clamorosa: la consegna allEsecutivo dei contratti di servizio con Trenitalia e le aziende di trasporto locale. Si calcola che solo per il trasporto pubblico locale mancano allappello 1,5 miliardi. rottura insomma. La doccia fredda per le autonomie arriva nel pomeriggio a PalazzoChigi.I ministriMaroni, Fitto e Calderoli e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, rivelano ai rappresentanti di Regioni, Anci e Upi che la stretta al patto di stabilit

sar allentata solo per 1,8 miliardi anzich di 3 come annunciato luned scorso al vertice di Arcore. Di fatto la soluzione a cui giunto il Governo quella di destinare lintero gettito delladdizionale Ires sulle imprese energetiche al comparto delle autonomie. A discapito dei ministeri che ne avrebberodovuto riceverela met.Losconto inognicasononarriver subito: lEconomia dovr primaaccertareimaggiori introiti derivanti dalla Robin tax e poi girarli ai diretti interessati. Lo strappo di governatori, sindaci e presidenti di Provincia statoimmediato.Inunaconferenza stampa unitaria hanno confermato che, allo stato delle cose, col Governo rottura. Il primo passo sar intanto la manifestazione di luned, preceduta da incontri con Schifani e con tutti i capigruppo del Senato. Poi la consegna al Governo dei contratti non pi onorabili per il Tpl. Ad annunciare questa mossa estrema stato il presidente della conferenza delle Regioni,VascoErrani(EmiliaRomagna, Pd): Con i tagli saremo costretti a ridurre del 75% i servizi di trasporto pubblico locale. La nostra iniziativa ha aggiunto sarquelladi portare alGoverno i contratti sul Tpl e gli chiederemo di rispondere di questicontratti. Per nondire deitagli da7,5 miliardi alla sanit per il biennio 2013-2014 previsti dalla manovra di luglio che, a detta di Errani, renderanno le Regioni grandi Asl a rischio default. Preoccupazioni e toni concitati sono bipartisan. I governatori

del Pdl non si tirano certo indietro. Roberto Formigoni (Lombardia) attacca: Oggi il federalismo fiscale stato seppellito definitivamente. Non siamo pi intenzionati a metterci la faccia da soli. La situazione cos grave che o si procede ad aumenti delle tariffe o si proceder ai tagli dei servizi pubblici. Per Renata Polverini (Lazio) dopo due manovre si rompe la catena istituzionale perch si continua a procedere, non solo in maniera unilaterale, ma intervenendo in quei livelli istituzionali che poi garantiscono, per conto del Governo, servizi importanti. Daccordo anche il presidente facente funzioni dellAnci e vicecapogruppo del Pdl alla Camera, Osvaldo Napoli, che chiede forti modifiche altrimenti la situazione disastrosa. La mobilitazione dei sindaci continua, conferma Napoli, che alza il tiro: Vogliamo che la gente sappia perch dobbiamo prendere provvedimenti e di chi sono le responsabilit e lo diremo in modo chiaro se la manovra non potr essere cambiata. InattesadelvotodelSenatoappuntamento dunque a luned quando i rappresentanti delle autonomie manifesteranno la loro opposizioneallamanovra.Mercoled invece i governatori in seduta straordinaria promettono di presentareunapropostadiautoriforma sui costi delle strutture delle istituzioni, anche a Costituzione invariata e facendo perno sul Codice delle autonomie.
RIPRODUZIONE RISERVATA

2013

6.000 3.200

6.000 3.200

6.000 3.200

*Limporto totale per i ministeri include anche il contributo imposto dal decreto 98 di met luglio

Taglioallepoltrone.Salta lasoppressionedelle mini Province: dimezzatidasubito solo assessorie consiglieri

Via le giunte nei piccoli Comuni


ROMA

Via le giunte e obbligo di gestione associata dei servizi nei Comuniconmenodimilleabitanti. Riduzione di assessori e consiglieridelleProvinceinattesadellalorocancellazione. Stretta sulle incompatibilit deiparlamentari e degli eurodeputati. Sono le principali modifiche alla voce costi della politica contenutenegli emendamentidelrelatore Antonio Azzollini (Pdl) e del ministro Giulio Tremonti alla manovra bis. Proposte su cui la commissione Bilancio si concentrer da stamattina ma che un primo effetto lo hanno gi avuto: rendere ancora pi tesi i rapporti con le autonomie. I pi adirati sono i Comuni. Nei municipi con meno di mille cittadini resteranno in vita i sindaci e i consiglieri comunali mentrescomparirannogliassessori.Lefunzioniesecutivesarannosvoltedalle unionidi Comuni

chedovranno gestirein viaassociata tutte le funzioni amministrative e tutti i servizi pubblici loro spettanti. Questa forma di aggregazione sar obbligatoria dalla prima tornata elettorale successiva al 13 agosto 2012, dovrmettereinsieme unapopolazione di almeno 5mila abitanti (3mila nelle zone montane) e, dal2014, sarassoggettata alpatto di stabilit interno. Norme che non si applicheranno n a Campione dItalia ne ai Comuni con un territorio coincidente con una o pi isole. Diverse dunque le novit rispetto alla versione originaria

SCELTE CRITICATE DALLANCI

Affidati alle Unioni di Comuni tutti i servizi e le funzioni amministrative Riunioni serali nei municipi con meno di 15mila abitanti

del Dl 138 che eliminava sia iconsiglierichegliassessorieobbligavalepiccole citt (masolo quelle confinanti tra loro) a unirsi in non meglio identificate unioni municipali. Ma i cambiamenti lasciano assolutamente insoddisfatta lAnci che nei giorni scorsi ha chiesto a gran voce lo stralcio della disposizione e listituzione diuna bicameralina peril riassetto istituzionale. Il vicepresidenteEnricoBorghihaparlatodi una proposta imbarazzante, bollandocomeunanormafascista che nemmeno ai tempi di Napoleone sarebbe stata mai imposta, la previsione che le Giunte e i consigli dei municipi fino a 15mila abitanti si riuniscano solo di sera, salvo casi straordinari di eccezionale gravit. Una misuranataperrisparmiaresuipermessi ma che, fanno notare dallAnci,rischiadifaresplodere icostiperglistraordinaridelpersonale che dovr aprire le sedi.

Lo stralcio stato invece concesso alle Province. Dellarticolo 15delDl138,chesopprimevaquelle con una popolazione inferiore ai300milaabitanti,rimastosolo il dimezzamento dei membri di giunteeconsigli.Inattesadellariforma costituzionale che almeno stando allaccordo sottoscrittoluned ad Arcore tra Lega ePdl nelleprossime settimane dovr rimettere mano allintero livello provinciale affidando i compiti di riorganizzazione alle Regioni. Inquellasededovrebbeessere affrontata la riduzione dei parlamentari. Nei loro confronti per ora vengono precisati meglio i contorni dellincompatibilit assoluta con altri incarichi sancita dallamanovrabis.Taledivietoriguarder ogni carica pubblica elettivainunarealtterritoriale conpidi5milaabitantieinteresser anche gli eurodeputati.
Eu. B.
RIPRODUZIONE RISERVATA

protagonistidellestate 2012 restano i tagli alle autonomie. Le Regioni e gli enti locali chiedevano di cancellarli, la maggioranza volevadimezzarli e la Lega addiritturaazzerarli. Ma lemendamentodel relatore alla manovrabis ha sciolto ogni dubbio:lo sconto nel 2012 sar di 1,8 miliardi anzich dei 3 promessi. Immediate si sono levate le proteste di governatori,sindaci e presidenti di Provincia. Del Nord e del Sud, di centrodestra e di centrosinistra. Tutti uniti nel sottolineareche, nonostante la concessione dellEsecutivo, la stretta complicher lerogazione dei servizi e uccider"nella culla" il federalismo.Ma come spesso accade il non detto che deve farriflettere. Se siaccettuano i riferimenti alle tariffe del trasporto locale, nessun amministratore ha detto chiaramente che per far quadrare iconti dovr aumentarele addizionali locali. Enon vorremmoche fosse questo lepilogo della vicenda inassenza di ulteriori abbuonidel Governo. La coperta corta e, infondo, Regionied enti locali qualcosa lhannoottenuto, peraltro a discapito dei ministeri che hanno perso la loro met dellatorta della Robin tax. Almeno stavolta la periferiaha vinto sulcentro.

14 Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

IL DIZIONARIO

Gli emendamenti del Governo spiegati dagli esperti del Sole

Il giudizio di efficacia sui conti e la valutazione di fattibilit

FISCO E COMUNI, TUTTE LE NOVIT


Dalle nuove regole sui beni aziendali allintervento sulle cooperative per arrivare alla tracciabilit dei pagamenti
UMBERTO GRATI

i punta sulla lotta allevasione per uscire dal guado e risistemare i conti: gli emendamenti approvati ieri si concentrano suprattutto sul recupero del gettito evaso da contribuenti e societ di comodo. Scatteranno immediatamente le manette per chi evade pi di 3 milioni di euro, e i contribuenti avranno lobbligo di dichiarare le banche con cui si hanno rapporti. Entra poi nel redditometro la concessione in godimento di beni delle imprese a soci e familiari. Sul fronte degli enti locali, ai Comuni spetteranno i proventi della Robin Hood tax e i sindaci avranno nuovi strumenti per contrastare levasione, come la possibilit di pubblicare le dichiarazioni dei redditi dei propri cittadini.

Tra le altre novit, il taglio alle agevolazioni per le cooperative e il riordino degli uffici giudiziari entro dodici mesi. Saranno accorpati i piccoli tribunali e ridotte o soppresse le 220 sezioni distaccate. Il taglio riguarder anche gli uffici dei giudici di pace. Gli emendamenti confermano lapplicazione del contributo di solidariet per i parlamentari, gli statali e i pensionati che percepiscono annualmente almeno 90mila euro, mentre scompare il prelievo per i dipendenti privati e gli autonomi. Tutte le novit sono riportate, voce per voce, in questo dizionario.
A CURA DI

LEGENDA
LA VOCE DEL DIZIONARIO
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm

da

1 a 10
ALTA MEDIA BASSA

FACILIT DI REALIZZAZIONE

Eugenio Bruno, Antonio Iorio, Luca Gaiani, Luigi Lovecchio, Francesca Milano, Tonino Morina, Giovanni Negri, Raffale Rizzardi, Gian Paolo Tosoni

B
BENI AZIENDALI
EFFICACIA SUI CONTI

dal 1gennaio 2011 al 31 dicembre 2014. Il contributo che spetta ai parlamentari invece del 10% sulla parte eccedente i 90 mila euro e del 20% per la parte eccedente i 150mila euro

violazionirelativealcontenuto ealla documentazionedella dichiarazione

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

7
BASSA

COOP
EFFICACIA SUI CONTI

E
ENTI LOCALI
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

6
MEDIA

I beni delle societ messi a disposizione dei soci o dei loro familiari a titolo gratuito, o per un corrispettivo inferiore al valore di mercato del diritto di godimento, determinano una perdita di imponibile, in quanto spese di natura personale vengono "scaricate" dal reddito di impresa. Scompare inoltre un indizio per il redditometro dei beneficiari (soci e persone da loro designate, in genere familiari), in quanto non risulta in automatico alcun riferimento alla persona fisica. Lemendamento impone alle societ di comunicare alle entrate i dati relativi ai beni concessi in godimento, con la presumibile indicazione anche del beneficiario, in quanto viene ora qualificata una nuova fattispecie tassabile nei suoi confronti come reddito "diverso". Lindeducibilit dei costi relativi viene ribadita dal provvedimento, trattandosi di una regola che rientra nei principi generali dellinerenza delle voci che concorrono alla determinazione del reddito di impresa. Il gettito effettivo di queste misure risulta evidentemente subordinato allentit dei controlli, non solo contabili, che potranno essere eseguiti. Per i beneficiari di questi servizi, viene ribadita la verifica dei finanziamenti e delle ricapitalizzazioni, spesso indizio di rientro del "nero"

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

6
ALTA

Aumenta del 10% la percentuale degli utili delle societ cooperative soggetti ad Ires. Infatti la percentuale minima del 30% viene aumentata al 40%; tale aumento riguarda la generalit delle cooperative. Per quelle di consumo laumento sempre di dieci punti comporta laumento della base imponibile minima dal 55 al 65 per cento. Sono escluse dallaumento le cooperative agricole le quali mantengono la percentuale del 20% di utile imponibile. Viene anche introdotta una disposizione generica secondo la quale la detassazione degli utili accantonati a riserva indivisibile non si applica per una quota pari al 10% degli utili. Questa disposizione colpisce le cooperative sociali le quali fino ad ora potevano accantonare a riserva indivisibile il 100% degli utili usufruendo della esenzione da Ires. Le nuove maggiori percentuali decorrono dal periodo dimposta successivo a quello di entrata in vigore della legge, quindi dal 2012 per le coop con esercizio coincidente con lanno solare

Traipicolpiticisonoglientilocali:lastrettaal pattodistabilitsarallentatasoloper1,8 miliardianzichdi3.Restaconfermata labolizionedellegiunteelobbligodigestione associatadeiservizineipiccoliComunicon menodi1.000abitantimasopravvivonoi consigli.SaltalacancellazionedelleProvince sottoi300milaabitanti:seneparlerconunDdl costituzionale

I
IRES
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

7
ALTA

D
DICHIARAZIONE DEI REDDITI
EFFICACIA SUI CONTI

C
CONSIGLI TRIBUTARI
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

6
MEDIA

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

3
MEDIA

Si tratta di un istituto rilanciato nellarticolo 18, Dl 78/2010. In forza di questultima disposizione, nei comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti, il consiglio avrebbe dovuto essere istituito entro novanta giorni, mentre nei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti era prevista la costituzione di un consiglio "consortile" (cio di pi comuni) entro 180 giorni. La funzione quella di costituire un organo tecnico di ausilio alla cooperazione dei comuni allaccertamento delle entrate erariali. La disciplina della composizione e del funzionamento del consiglio stabilita nel regolamento comunale. Lemendamento governativo prevede il coinvolgimento obbligatorio del Consiglio tributario nella comunicazione delle proposte di accertamento da parte dellagenzia delle Entrate, ai sensi dellarticolo 44, Dpr 600/73 CONTRIBUTO DI SOLIDARIET
EFFICACIA SUI CONTI

Nelledichiarazionidei redditienelle dichiarazioniIva lepersonefisiche ele personegiuridichedovrannoriportare gli estremiidentificativi dei rapportiintrattenuti congliintermediari finanziari (banche,Poste italianeSpa, impresediinvestimento, Sgr). Lomissionenoncomportaalcunasanzione specificamapotrebbeessereapplicataquella "residuale"da258 a 2.065euro previstaper le

LaliquotaIresperlesocietdicapitalichenon superanoiparametridellesocietdicomodo (ochesitrovanonellanuovasituazione descrittaalpuntochesegue)crescedel10,5%, ciodal27,5al38%adecorreredallesercizio 2012.Lamaggiorazionesiapplicaanchealla quotadiredditoimputatoasocietdicapitali, dasocietdipersonecherisultanodicomodo; lasuperIresapplicataindividualmenteda partedellesocietdicapitalidicomodoche hannooptatoperlatassazionedigruppooper ilregimeditrasparenza.GliaccontiIresdel 2012(16giugno2012e30novembre2012)delle societdicomodosicalcolerannocomesela normafossegistatainvigorenellanno precedenteedunqueavendoabaseuna impostastoricamaggioratadel10,5percento. Nessunamaggiorazioneinveceperlesociet dicomododipersonecheimputanoilredditoa personefisichesoggetteallIrpef

una prima volta nel 2003 e poi ulteriormente con il Dl n. 78/2010. Da ultimo, lo stesso costituisce uno dei pilastri portanti del federalismo fiscale. La partecipazione dei comuni si sostanzia in segnalazioni qualificate allagenzia delle Entrate destinate ad essere recepite in avvisi di accertamento. A fronte dellattivit svolta, i comuni sono remunerati con una quota che, attualmente, pari al 50% della maggiori somme riscosse. Lemendamento presentato prevede che, per gli anni 2012, 2013 e 2014, la suddetta quota sia pari allintero maggior gettito. Lincremento tuttavia condizionato alla istituzione del Consiglio tributario entro la fine di questanno. Il settore in cui si esplica con maggiore frequenza la cooperazione quello dellevasione immobiliare PUBBLICAZIONE REDDITI
EFFICACIA SUI CONTI

tributari, fatta eccezione per quelli di omesso versamento e indebita compensazione, inizia a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del termine per laccertamento delle imposte evase o comunque dalla notificazione dellavviso di accertamento ROBIN TAX
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

7
ALTA

stabilimenti balneari, quali laccesso agli impianti di balneazione, luso di spogliatoi, cabine e docce, nonch dei servizi igienici, il noleggio di sedie a sdraio, lettini e ombrelloni. Saranno altres soggette al rilascio del documento fiscale le attivit qualificabili come tipicamente connesse a quelle balneari che solitamente vengono effettuate nellambito degli stabilimenti, quali, ad esempio, il noleggio di pattini e di piccole barche non a motore STRUMENTI TRACCIABILI
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
La Robin tax - il cui gettito doveva andare per met ai Comuni e per met ai ministeri per ridurre limpatto dei tagli - sar devoluto interamente ai Comuni mentre i tagli ai ministeri resteranno invariati
FACILIT DI REALIZZAZIONE

6
BASSA

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

4
ALTA

S
SOCIET IN PERDITA TRIENNALE
EFFICACIA SUI CONTI

L
UMBERTO GRATI

LISTE SELETTIVE
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

6
BASSA

Lemendamento governativo prevede la possibilit per i comuni di pubblicare sul proprio sito i dati relativi alle dichiarazioni dei redditi dei cittadini residenti sul proprio territorio. A tale scopo, annunciata lemanazione di un apposito Dpcm, dintesa con la conferenza Stato - citt. Non stabilito alcun termine per ladozione del decreto. La pubblicazione potr riguardare anche singole categorie di contribuenti ovvero di reddito. Con il medesimo decreto inoltre saranno indicati gli ulteriori dati messi a disposizione dei comuni e dei consigli tributari, al fine di potenziare la cooperazione allaccertamento. Si ricorda che attualmente previsto il deposito presso le sedi comunali delle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti assoggettati a controllo, ai sensi dell'articolo 69, Dpr 600/73

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

5
ALTA

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

4
MEDIA

Unodeglistrumenticoncuiilgovernointende combatterelevasionefiscalequelloche prevedelelaborazione,dapartedellagenzia delleEntrate,listeselettivedi contribuentida sottoporreacontrollo.Lapossibilitdi elaborarelistedicontribuenti einuovivincoli perilpatteggiamentopotrebberoportaresecondolestimecontenutenellarelazione tecnica-unmaggiorgettitostimabileincirca 200milionidi europeril2012eadecorreredal 2013incirca600milionidieuro

R
REATI TRIBUTARI
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

3
MEDIA

Le societ che, pur superando le soglie di ricavi minimi previste dalla legge, dichiarano, per tre esercizi consecutivi, una perdita fiscale sono considerate di comodo a partire dallesercizio seguente al triennio (con i conseguenti impatti ai fini Ires/Irpef, Irap e Iva). Lo stesso se, nel triennio, le societ hanno chiuso due esercizi in perdita fiscale e un altro dichiarando un reddito inferiore a quello minimo presunto dalla legge. Restano ferme le cause di disapplicazione gi previste dalla legge (ad esempio, societ con almeno 10 dipendenti, societ congrue e coerenti agli studi di settore, societ con almeno 50 soci, ecc.). Dubbi sulle modalit di disapplicazione mediante interpello. Lestensione della disciplina alle societ in perdita triennale scatta dall'esercizio 2012 (si ritiene avendo a base la situazione reddituale del periodo: 2009-2011), con valenza gi nel calcolo degli acconti di tale anno STABILIMENTI BALNEARI
EFFICACIA SUI CONTI

Sanzioni ridotte alla met per chi documenter con strumenti tracciabili, quali assegni, bonifici e carte di credito, tutte le operazioni attive e passive effettuate nellesercizio dellattivit. questa una novit prevista da un emendamento al decreto legge 13 agosto 2011, n. 138. Con linserimento del comma 36-vicies ter, allarticolo 2 del decreto, infatti disposto che per gli esercenti imprese, o arti e professioni, con ricavi o compensi dichiarati non superiori a 5milioni di euro, i quali, per tutte le operazioni attive e passive effettuate nellesercizio dellattivit usano esclusivamente strumenti di pagamenti diversi dal denaro contante, le sanzioni di cui agli articoli 1, 5 e 6 del decreto legislativo 471/1997 sono ridotte alla met. In pratica, chi incasser e pagher solo con strumenti tracciabili, eliminando qualsiasi operazione con il denaro contante, beneficer dello sconto del 50% per le sanzioni in tema di violazioni relative alla dichiarazione delle imposte dirette, alla dichiarazione dellIva e ai rimborsi, nonch per le violazioni degli obblighi relativi alla documentazione, registrazione e individuazione delle operazioni soggette allIva (articoli 1, 5 e 6, decreto legislativo 471/1997)

T
TRIBUNALI
EFFICACIA SUI CONTI

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

7
MEDIA

P
PARTECIPAZIONE
EFFICACIA SUI CONTI

La super Irpef resta, ma solo per gli statali, i parlamentari e le pensioni doro. Per gli statali il contributo sar in vigore dal 1gennaio 2011 al 31 dicembre 2013 e riguarder gli stipendi superiori a 90.000 euro lordi annui, che verranno ridotti del 5% per la parte eccedente. Quelli che superano i 150mila euro subiranno una decurtazione del 10% della parte eccedente. Per i pensionati che superano questi importi il contributo sar dovuto

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

6
MEDIA

La partecipazione dei comuni allaccertamento delle entrate tributarie dello Stato un istituto che stato rilanciato

Vengono abbassate le soglie di imposta evasa che fanno scattare le sanzioni penali. In particolare per la dichiarazione fraudolenta commessa con altri artifizi e lomessa presentazione della dichiarazione, la soglia di rilevanza penale da 77.000 euro circa si abbassa a 30.000, mentre per la dichiarazione infedele limposta evasa oer far scattare la sanzione penale si abbassa a 50.000 euro rispetto agli attuali 103.000 euro circa. Per beneficiare del patteggiamento ai fini penali poi necessario estinguere il debito fiscale. In ogni caso leventuale definizione della violazione fiscale, ai fini penali comporter un abbattimento al massimo fino ad un terzo della pena e non pi fino alla met. Infine la prescrizione dei reati

mmmmmmmmmm
FACILIT DI REALIZZAZIONE

9
ALTA

Sotto locchio del Fisco anche gli stabilimenti balneari. Sar obbligatorio emettere lo scontrino o la ricevuta fiscale per i servizi prestati dagli stabilimenti balneari. La novit, di norma, dovrebbe avere effetto dal giorno successivo a quello della pubblicazione della legge di conversione sulla Gazzetta ufficiale, salvo che la legge non disporr diversamente. Di conseguenza, anche per i servizi da spiaggia, sar obbligatorio emettere lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale. Lobbligo riguarder le attivit tipiche degli

Il ministero della Giustizia avr 12 mesi di tempo per procedere alla revisione della geografia giudiziaria. Lobiettivo di recuperare risorse sia economiche, unottantina di milioni, sia umane, circa 500 magistrati e 5.000 dipendenti amministrativi, da ridistribuire sul territorio per garantire pi efficienza. Previsto laccorpamento dei piccoli tribunali con la conservazione di almeno 3 uffici per Capoluogo di di provincia, la soppressione/riduzione delle 220 sezioni distaccate, la semplificazione delle piccole procure. Tagliati anche gli uffici dei giudici di pace, ma gli enti locali potranno conservarli a patto di farsi carico delle spese di funzionamento

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano 15

LAMANOVRA DIFERRAGOSTO

IL TESTO DELLE MODIFICHE

Gli emendamenti del Governo su fisco ed enti locali

Per recuperare gettito si punta sui risultati della lotta allevasione


sarebbe determinata applicando le disposizioni di cui ai commi da 36-terdecies a 36-septiesdecies. 36-undevicies. Nelle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e imposta sul valore aggiunto sono obbligatoriamente indicati gli estremi identificativi dei rapporti con gli operatori finanziari, di cui allarticolo7,sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, in corso nel periodo dimposta. 36-vicies.Inderogaaquantoprevisto dallarticolo 7, undicesimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, lagenzia delle Entrate pu procedere, sulla base dei dati di cui al comma 36-undevicies, sentite le associazioni di categoria degli operatori finanziari per le tipologie di informazioni da acquisire, alla elaborazione di specifiche liste selettive di contribuenti da sottoporre a controllo. 36-vicies semel. Al comma 1 dellarticolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1996, n. 696, abrogata la lettera rr). 36-vicies bis. Al decreto legislativo 10 marzo 2000 n. 74, sono apportate le seguenti modifiche: a) allarticolo 2 soppresso il comma 3; b) allarticolo 3, comma 1, lettera a), le parole: a lire centocinquantamilionisonosostituitedalleseguenti: a euro trentamila; c) allarticolo 3, comma 1, lettera b), le parole: a lire tre miliardi sono sostituite dalle seguenti: a euro un milione; d) allarticolo 4, comma 1, lettera a), le parole: a lire duecento milionisonosostituitedalleseguenti: a euro cinquantamila; e) allarticolo 4, comma 1, lettera b),le parole: a lire quattromiliardi sono sostituite dalle seguenti: a euro due milioni; f) allarticolo 5, comma 1, le parole: a lire centocinquanta milioni sono sostituite dalle seguenti: a euro trentamila; g) allarticolo 8 soppresso il comma 3; h) allarticolo 12, dopo il comma 2, aggiunto il seguente comma: Per i delitti previsti dagli articoli da2a10-quaterdelpresentedecreto, qualora limposta evasa o non versata sia superiore a tre milioni di euro, non trova applicazione listituto della sospensione condizionaledella pena di cui allarticolo 163 del Codice penale; i)allarticolo13,leparole:allamet sono sostituite dalle seguenti: a un terzo; l) larticolo 17 sostituito dal seguente: Articolo 17 - Prescrizione 1. I termini di prescrizione per i delitti previsti dagli articoli da 2 a 10delpresentedecretosonoelevati di un terzo.; m) allarticolo 13, dopo il comma 2, aggiunto il seguente comma: 2-bis. Per i delitti di cui al presente decreto 1applicazione della penaaisensidellarticolo 444delCodicedi procedurapenalepuessere chiesta dalle parti solo qualora ricorra la circostanza attenuante di cui ai precedenti commi 1 e 2.. 36-vicies ter. Per gli esercenti imprese o arti e professioni con ricavi e compensi dichiarati non superiori a 5 milioni di euro i quali per tutte le operazioni attive e passive effettuate nellesercizio dellattivit utilizzano esclusivamente strumenti dipagamento diversi dal denaro contante, le sanzioni amministrative previste degli articoli 1, 5 e 6 del decreto legislativo18 dicembre 1997, n. 471, sono ridotte alla met. ENTI LOCALI Sostituire larticolo 16 con il seguente: Articolo 16 (riduzione dei costi relativialla rappresentanzapolitica nei Comuni e razionalizzazionedelleserciziodelle funzionicomunali). 1. Al fine di assicurare il conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica, lottimale coordinamento dellafinanza pubblica, il contenimento delle spese degli entiterritorialie ilmigliore svolgimento delle funzioni amministrative e dei servizi pubblici, a decorrere dalla data di cui al comma 9, i Comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti esercitano obbligatoriamentein forma associata tutte le funzioni amministrative e tutti i servizi pubblici loro spettanti sulla base della legislazione vigente mediante ununione di Comuni ai sensi dellarticolo 32 del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000. Le disposizioni di cui al presente commanon si applicano ai Comuni il cui territorio coincide integralmente con quello di una o di pi isole, nonch al Comune di Campione dItalia.

Premioachievitaicontanti
Pubblichiamo il testo degli emendamentiallamanovradi Ferragosto,decreto legge 138/2011, presentati ierialSenatodallamaggioranza, inmateria di fisco ed enti locali. FISCO Allarticolo 1, sono apportate le seguenti modificazioni: al comma 1 soppresso lultimo periodo; al comma 12 le parole: al 50 per cento, sono sostituite dalle seguenti: alla totalit; dopoil comma12sonoinseriti i seguenti: 12-bis. Al fine di incentivare la partecipazione dei Comuni allattivit di accertamento tributario, perglianni 2012,2013e 2014,laquota di cui allarticolo 2, comma 10, lettera b), del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, elevata al 100 per cento. 12-ter.Al fine di rafforzare gli strumenti a disposizione dei Comuni per la partecipazione allattivit diaccertamentotributario,allarticolo 44 del Dpr 29 settembre 1973, n. 600, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma secondo, dopo le parole: "dei comuni", sono inserite le seguenti: "e dei Consigli tributari" e dopo le parole: "soggetti passivi", sono inserite le seguenti: "nonch ai relativi Consigli tabulari"; b) al comma terzo, la parola: "segnala", sostituita dalla seguente: "ed il Consiglio tributario segnalano"; c) al comma quarto, la parola: "comunica" sostituita dalle seguenti: "ed il Consiglio tributario comunicano"; d) al quinto comma, la parola "pu", sostituita dalle seguenti: "ed il Consiglio tributario possono"; e) in fine, aggiunto il seguente comma: "Con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dellEconomia e delle finanze, dintesa con la Conferenza Stato-Citt ed autonomie locali, sono stabili criteri e modalit per la pubblicazione,sulsito delComune,deidatirelativi alle dichiarazioni di cui al commasecondo, anchecon riferimento a determinate categorie di contribuenti ovvero di reddito. Con il medesimo decreto sono altres individuati gli ulteriori dati che lagenzia delle Entrate mette a disposizione dei Comuni e dei Consigli tributari per favorire la partecipazione allattivit di accertamento, nonch le modalit di trasmissione idonee a garantire la necessaria riservatezza". 12-quater. Le disposizioni di cui ai commi 12, primo periodo, e 12-bis non trovano applicazione in caso di mancata istituzione entro il 31 dicembre 2011, da parte dei Comuni, dei Consigli tributari.. Conseguentemente: allarticolo 2, sono apportate le seguenti modificazioni: i commi1 e 2, sono sostituiti dal seguente: 1. Le disposizioni di cui agli articoli 9, comma 2, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 e 18, comma 22-bis, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,dalla legge15 luglio 2011,n. 111, continuano ad applicarsi nei terminiiviprevisti rispettivamente dal 1 gennaio 2011 al 31 dicembre 2013 e dal 1 agosto 2011 al 31 dicembre 2014.. In fine, sono aggiunti i seguenti commi: 36-bis. Allarticolo 1, comma 460, della legge 30 dicembre 2004, n. 311,sono apportatele seguentimodificazioni: a) alla lettera b), le parole per la quotadel30per centosonosostituite dalle seguenti: per la quota del 40 per cento; b)allalettera b-bis),le parole per la quota del 55 per cento sono sostituitedalleseguenti: perlaquota del 65 per cento. 36-ter. Al comma 1 dellarticolo 6 del decreto legge del 15 aprile 2002 n. 63, le parole si applica in ogni caso alla quota degli utili netti annuali sono sostituite dalle seguenti: non si applica alla quota del 10 per cento degli utili netti annuali. 36-quater. Le disposizioni di cui ai commi 36-bis e 36-ter si applicano a decorrere dal periodo dimposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della leggedi conversionedel presente decreto. Nella determinazione degli accontidovutiperilperiododiimposta di prima applicazione della presente legge si assume, quale imposta del periodo precedente, quella che si sarebbe determinata applicando le disposizioni di cui ai commi 36-bis e 36-ter. 36-quinquies.Laliquota dellimposta sul reddito delle societ di cui allarticolo 75 del Testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, dovutadaisoggettiindicatinellarticolo 30, comma 1, della legge 23 dicembre 1994, n. 724 applicata conunamaggiorazionedi10,5punti percentuali. Sulla quota del reddito imputato per trasparenza ai sensi dellarticolo 5 del Testo unico delle imposte sui redditi dai soggetti indicati dallarticolo 30, comma 1, della legge 23 dicembre 1994,n.724,a societoentisoggetti allimposta sul reddito delle societ trova comunque applicazione detta maggiorazione. 36-sexies. I soggetti indicati nellarticolo 30, comma 1, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, che hanno esercitato lopzione per la tassazione di gruppo di cui allarticolo 117 del Testo unico delle imposte sui redditi, assoggettano autonomamente il proprio reddito imponibile alla maggiorazione prevista dal comma 36-quinquies e provvedono al relativo versamento. 36-septies.Il comma36-sexiestrova applicazione anche con riguardo alla quota di reddito imputato per trasparenza ai sensi dellarticolo 5 del Testo unico delle imposte sui redditi, da uno dei soggetti indicati nellarticolo 30, comma 1, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, a una societ o ente che abbia esercitato lopzione per la tassazionedigruppoaisensidellarticolo 117 del Testo unico delle imposte sui redditi. 36-octies.Isoggettiindicatinellarticolo 30, comma 1, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, che hanno esercitato, in qualit di partecipati, lopzione per la trasparenza fiscaledicui allarticolo115oallarticolo 116 del Testo unico delle imposte suiredditi, assoggettano autonomamente il proprio reddito imponibile alla maggiorazione prevista dal comma 4 e provvedono al relativo versamento. I soggettiindicatinellarticolo 30,comma 1, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, che abbiano esercitato, in qualit di partecipanti, lopzione per la trasparenza fiscale di cui al citato articolo 115 del Testo unico delleimpostesuiredditi assoggettano il proprio reddito imponibile alla maggiorazione prevista dal comma 36-quinquies, senza tener conto del reddito imputato dalla societ partecipata. 36-novies. Le disposizioni di cui ai commi da 36-quinquies a 36-octies si applicano a decorrere dal periodo dimposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Nella determinazionedegli acconti dovuti per il periodo di imposta di prima applicazionedellaleggediconversionedel presente decreto si assume,qualeimpostadelperiodo precedente, quella che si sarebbe determinata applicando le disposizioni di cui ai commi da 36-quinquies a 36-octies. 36-decies. Pur non ricorrendo i presupposti di cui allarticolo 30, comma 1, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, le societ e gli enti ivi indicati che presentano dichiarazioni in perdita fiscale per tre periodi dimposta consecutivi, sono considerati non operativi a decorrere dal successivo quarto periodo dimposta ai fini e per gli effetti del citato articolo 30. Restano ferme le cause di non applicazione della disciplina in materia di societ non operative di cui al predetto articolo 30 della legge n. 724 del 1994. 36-undecies. Il comma 36-decies trova applicazione anche qualora nellarcotemporaledi cuialprecedente comma, le societ e gli enti siano per due periodi dimposta in perdita fiscale e in unoabbiano dichiarato un reddito inferiore allammontare determinato ai sensi dellarticolo 30, comma 3, della citata legge n. 724 del 1994. 36-duodecies. Le disposizioni di cui ai commi 36-decies e 36-undecies si applicano a decorrere dal periodo dimposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Nella determinazione degli acconti dovuti per il periodo di imposta di prima applicazione del presente decreto si assume, quale imposta del periodo precedente, quella che si sarebbe determinata applicando le disposizioni di cui al presente articolo. 36-terdecies. Allarticolo 67, comma 1, del Testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, dopo la lettera h-bis), inserita la seguente: h-ter) la differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo annuo per la concessione in godimento di beni dellimpresa a soci o familiari dellimprenditore. 36-quaterdecies. I costi relativi ai benidellimpresaconcessiingodimento a soci o familiari dellimprenditore per un corrispettivo annuoinferiorealvaloredimercatodel diritto di godimentonon sono in ogni caso ammessi in deduzione dal reddito imponibile.

36-quinquiesdecies. La differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo annuo concorre alla formazione del reddito imponibile del socio o familiare utilizzatore ai sensi dellarticolo 67, comma 1, lettera h-ter), del Testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni. 36-sexiesdecies. Al fine di garantire lattivit di controllo, nelle ipotesi di cui al comma 36-quaterdecies limpresa concedente ovvero ilsociooilfamiliaredellimprenditore comunicano allagenzia delle Entrate i dati relativi ai beni concessiingodimento. Conprovvedimento del direttore dellagenzia delle Entrate da emanarsi entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversionedelpresentedecretosonoindividuati modalit e termini per leffettuazione della predetta comunicazione. Per lomissionedella comunicazione, ovvero per la trasmissione della stessa con dati incompletionon veritieri, dovuta,insolido,unasanzioneamministrativaparialtrentapercentodella differenza di cui al comma 36-quinquiesdecies. Qualora, nellipotesidicuialprecedenteperiodo, i contribuenti si siano conformatialledisposizionidicuiaicommi36-quaterdecies e36-quinquiesdecies, dovuta, in solido, la sanzione di cui allarticolo 11, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471. 36-septiesdecies. Lagenzia delle Entrate procede a controllare sistematicamente la posizione dellepersonefisichechehannoutilizzato i beni concessi in godimento e ai finidellaricostruzione sinteticadel redditotiene conto,in particolare, di qualsiasi forma di finanziamentoo capitalizzazione effettuata nei confronti della societ. 36-duodevicies. Le disposizioni di cui ai commi da 36-terdecies a 36-septiesdeciessiapplicanoadecorreredalperiododimpostasuccessivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Nella determinazione degli accontidovutiperilperiododiimpostadiprima applicazionedellaleggedi conversionedel presente decreto si assume, quale imposta del periodo precedente, quella che si

Nei piccoli Comuni alleanza sui servizi


2.A ciascuna unione di cui al comma 1 hanno facolt di aderire anche Comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti, al fine dellesercizio in forma associata di tutte le funzioni fondamentali lorospettanti sulla base della legislazione vigente e dei servizi a esse inerenti, anche al fine di dare attuazione alle disposizioni di cui dellarticolo 14, commi 28, 29, 30 e 31, del citato decreto legge n. 78 del 2010, come da ultimo modificato dalla legge di conversione del presente decreto. I Comuni di cui al primo periodo hanno, in alternativa,facolt diesercitare mediante tale unione tutte le funzioni e tutti i servizi pubblici loro spettanti sulla base della legislazione vigente. 3. Allunione di cui al comma 1, in deroga allarticolo 32, commi 2, 3 e 5, secondo periodo, del citato Testounicodicui aldecretolegislativo n. 267 del 2000, si applica la disciplina di cui al presente articolo. 4. Sono affidate allunione, per conto dei Comuni che ne sono membri, la programmazione economico-finanziaria e la gestione contabile di cui alla parte II del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, e successive modificazioni, con riferimento alle funzioni da essi esercitate per mezzo dellunione. I Comuni che sono membri dellunione concorrono alla predisposizione del bilancio di previsione dellunione per lanno successivo mediante la deliberazione, da partedelconsigliocomunale,daadottarsi annualmente, entro il 30 novembre, di un documento programmatico, nellambito del piano generale di indirizzo deliberato dallunione entro il precedente 15 ottobre. Con regolamento, da adottarsi,entro centottantagiorni dalladatadi entratain vigore della legge di conversione del presente decreto, ai sensi dellarticolo 17, comma 1, della citata legge n. 400 del1988,esuccessivemodificazioni,supropostadelministrodellInterno, di concerto con il ministro per le Riforme per il federalismo, sono disciplinati il procedimento amministrativo-contabile di formazione e di variazione del documento programmatico, i poteri di vigilanza sulla sua attuazione e la successione nei rapporti amministrativo-contabili tra ciascun Comune e lunione. 5.Lunionesuccedea tuttiglieffettineirapportigiuridiciinesserealla data di cui al comma 9 che siano inerenti alle funzioni e ai servizi a essa affidati ai sensi dei commi 1, 2 e 4, ferme restando le disposizioni di cui allarticolo 111 del Codice di procedura civile. Alle unioni di cui al comma 1 sono trasferite tutte le risorse umane e strumentali relativeallefunzionie aiserviziloro affidati ai sensi dei commi 1, 2 e 4, nonch i relativi rapporti finanziari risultanti dal bilancio. A decorreredallanno 2014, le unioni di Comuni di cui al comma 1 sono soggette alla disciplina del patto distabilitinternoperglienti localiprevistaperiComuniaventicorrispondente popolazione. 6. Le unioni di cui al comma 1 sono istituitein modoche lacomplessiva popolazione residente nei rispettivi territori, determinata ai sensi dellarticolo 156, comma 2, del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, sia di norma superiore a 5.000 abitanti, ovvero a 3.000 abitanti qualora iComuniche intendanocomporre una medesima unione appartengano o siano appartenuti a Comunitmontane.Entroduemesi dalla data di entrata in vigore dellaleggediconversione del presente decreto, ciascuna Regione hafacoltdiindividuare diversilimiti demografici. 7. Le unioni di Comuni che risultinocostituitealladatadicuialcomma 9 e di cui facciano parte uno o pi Comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti, entro i successivi quattro mesi adeguano i rispettivi ordinamenti alla disciplina delle unioni di cui al presente articolo. I Comuni appartenenti a forme associative di cui agli articoli 30 e 31 del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000 cessano di diritto di farne parte alla data in cui diventano membri di ununione di cui al comma 1. 8. Nel termine perentorio di sei mesidalla datadi entrata in vigore dellaleggediconversione del presente decreto, i Comuni di cui al comma 1, con deliberazione del consiglio comunale, da adottarsi, a maggioranza dei componenti, conformemente alle disposizioni di cui al comma 6, avanzano alla Regione una proposta di aggregazione, di identico contenuto, per listituzione della rispettiva unione. Nel termine perentorio del 31 dicembre2012, la Regione provvede,secondoilproprio ordinamento, a sancire listituzione di tutte le unioni del proprio territorio come determinate nelle proposte di cui al primo periodo e sulla base dellelenco di cui al comma 16. La Regione provvede anche qualora la proposta di aggregazione manchiononsiaconformealledisposizioni di cui al presente articolo. 9.Adecorreredalgiornodellaproclamazione degli eletti negli organidigovernodelComuneche,successivamente al 13 agosto 2012, sia per primo interessato al rinnovo, nei Comuni con popolazione fino a1.000 abitantiche sianopartidella stessa unione, nonch in quelli con popolazione superiore che esercitino mediante tale unione tutte le proprie funzioni, gli organi di governo sono il sindaco e il consiglio comunale, e le giunte in carica decadono di diritto. Ai consiglideiComuniche sonomembri di tale unione competono esclusivamente poteri di indirizzo nei confronti del consiglio dellunione,fermerestandolefunzioninormative che a essi spettino in riferimentoalleattribuzioninonesercitate mediante lunione. 10. Gli organi dellunione di cui al comma 1 sono il consiglio, il presidente e la giunta. 11. Il consiglio composto da tutti i sindaci dei Comuni che sono membridellunionenonch,inprimaapplicazione, dadueconsiglieri comunali per ciascuno di essi. I consiglieri di cui al primo periodo sono eletti, non oltre venti giorni dopo la data di istituzione dellunione ai sensi del comma 9, in tutti i Comuni che sono membri dellunione dai rispettivi consigli comunali, con la garanzia che uno deidueappartenga alleopposizioni. Fino allelezione del presidente dellunione ai sensi del comma 12, primo periodo, il sindaco del Comune avente il maggior numero di abitanti tra quelli che sono membri dellunione esercita tutte le funzioni di competenza dellunione medesima. La legge dello Stato pu stabilire che le successive elezioni avvengano a suffragio universale e diretto contestualmente alle elezioni per il rinnovo degli organi di governo di ciascuno dei Comuni appartenenti alle unioni. La legge dello Stato di cui alquartoperiododisciplinaconseguentemente il sistema di elezione;lindizionedelleelezioniavviene ai sensi dellarticolo 3 della legge 7 giugno 1991, n. 182, e successive modificazioni. Al consiglio spettano le competenze attribuite dal citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000 al consigliocomunale,fermo restando quanto previsto dai commi 4 e 9 del presente articolo. 12. Entro trenta giorni dalla data di istituzione dellunione ai sensi del comma 9, il consiglio convocato di diritto ed elegge il presidente dellunionetraipropricomponenti. Al presidente, che dura in carica due anni e mezzo ed rinnovabile,spettano le competenzeattribuite al sindaco dallarticolo 50 del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, ferme restando in capo ai sindaci di ciascuno dei Comuni che sono membri dellunione le attribuzioni di cuial successivo articolo 54, e successive modificazioni. 13. La giunta dellunione composta dal presidente, che la presiede, e dagli assessori, nominati dal medesimo fra i sindaci componenti il consiglio in numero non superiore a quello previsto per i Comuni aventi corrispondente popolazione. Alla giunta spettano le competenze di cui allarticolo 48 del citato Testo unico di cui al decreto legislativon.267 del2000;essa decade contestualmente alla cessazione, del rispettivo presidente. 14. Lo statuto dellunione individua le modalit di funzionamento dei propri organi e ne disciplina i rapporti. Il consiglio adotta lo statuto dellunione, con deliberazioneamaggioranzaassolutadeipropri componenti, entro venti giorni dalla data di istituzione dellunione ai sensi del comma 9. 15. Ai consiglieri, al presidente e agli assessori dellunione si applicanole disposizionidicuiagliarticoli 82 e 86 del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, e successive modificazioni, e ai relativi atti di attuazione, in riferimento al trattamento spettante,rispettivamente,ai consiglieri, al sindaco e agli assessori dei Comuni aventi corrispondente popolazione. Agli amministratori dellunione che risultino percepire emolumenti di ogni genere in qualit di amministratori locali ai sensi dellarticolo 77, comma 2, del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, e successive modificazioni, fino al momento dellesercizio dellopzione,nonspetta alcuntrattamento per la carica sopraggiunta. 16. Lobbligo di cui al comma 1 non trova applicazione nei riguardi dei Comuni che, alla data del 30 settembre 2012, risultino esercitare le funzioni amministrative e i servizi pubblici di cui al medesimocomma 1medianteconvenzione ai sensi dellarticolo 30 del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000. Ai fini di cui al primo periodo, tali Comuni trasmettono al ministero dellInterno,entroil15ottobre2012,unattestazione comprovante il conseguimento di significativi livelli di efficaciaed efficienzanellagestione, mediante convenzione, delle rispettiveattribuzioni. Condecreto del ministro dellInterno, da adottarsi entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono determinati contenuti e modalit delle attestazioni di cui al secondo periodo. Il ministero dellIntento, previa valutazione delle attestazioni ricevute, adotta conpropriodecreto,dapubblicarsi entro il 30 novembre 2012 sul proprio sito internet, lelenco dei Comuni obbligati e di quelli esentati dallobbligo di cui al comma 1. 17. A decorrere dal primo rinnovo diciascunconsigliocomunalesuccessivoalla datadi entratain vigore della legge di conversione del presente decreto: a) per i Comuni con popolazione finoa1.000abitanti,ilconsiglio comunale composto, oltre che dal sindaco, da sei consiglieri; b) per i Comuni con popolazione superiorea 1.000efinoa 3.000abitanti,il consiglio comunale composto, oltre che dal sindaco, da sei consiglieri e il numero massimo degli assessori stabilito in due; c) per i Comuni con popolazione superiore a 3.000 e fino a 5.000 abitanti, il consiglio comunale composto, oltre che dal sindaco, da sette consiglieri e il numero massimo degli assessori stabilito in tre; d) per i Comuni con popolazione superiore a 5.000 e fino a 10.000 abitanti, il consiglio comunale composto, oltre che dal sindaco, da dieci consiglieri e il numero massimo degli assessori stabilito in quattro. 18. A decorrere dalla data di cui al comma9, ai consiglieri dei Comuniconpopolazionefinoa1.000abitantinonsonoapplicabili ledisposizionidi cuiallarticolo82delcitato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, e successivemodificazioni;non sonoaltres applicabili, con leccezione del primo periodo del comma 1, le disposizioni di cui allarticolo 80 del citato Testo unico di cui al decretolegislativon.267del 2000,esuccessive modificazioni. 19. Allarticolo 38, comma 7, del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, e successive modificazioni, dopo le parole: "previsti dal regolamento", sono aggiunte le seguenti: "e, nei Comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti, si tengono esclusivamente in orario serale, salvo casi straordinari di eccezionale gravit,adeguatamentemotivatanellatto di convocazione".

20.Allarticolo 48, comma1, del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, aggiunto, in fine, il seguente periodo: "Nei Comunicon popolazione fino a 15.000 abitanti, le riunioni della giunta si tengono esclusivamente in orario serale, salvo casi straordinari di eccezionale gravit, adeguatamente motivata nellatto di convocazione". 21. Allarticolo 79, comma 1, del citato Testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, e successive modificazioni, le parole: "per lintera giornata in cui sono convocati i rispettivi consigli" sono sostituite dalle seguenti: "per il tempo strettamente necessario per la partecipazione a ciascuna seduta dei rispettivi consigli e per il raggiungimento del luogo di suo svolgimento". 22.Allarticolo14,comma28,delcitato decreto legge n. 78 del 2010, e successivemodificazioni, le parole: "fino a 5.000 abitanti, esclusi le isolemonocomune", sono sostituite dalle seguenti: "superiore a 1.000 e fino a 5.000 abitanti, esclusi i Comuni il cui territorio coincide integralmente con quello di una o di pi isole". 23. Allarticolo 2, comma 7, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, e successive modificazioni, le parole:"leisolemonocomune"sono sostituite dalle seguenti: "i Comuniilcuiterritoriocoincideintegralmente con quello di una o di pi isole". 24. Allarticolo 14, comma 31, alinea, del citato decreto legge n. 78 del2010,esuccessive modificazioni, le parole: "5.000 abitanti o nel quadruplo del numero degli abitanti del Comune demograficamente pi piccolo tra quelli associati",sonosostituitedalleseguenti:"10.000abitanti,salvodiversolimitedemograficoindividuatodallaRegioneentro duemesidalladata di entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge 13 agosto 2011 n. 138"; le lettere b) e c) del medesimo comma 31 sono sostituite dalla seguente; "b) entro il 31 dicembre 2012 con riguardo a tutte le sei funzioni fondamentali loro spettanti ai sensi dellarticolo21,comma5,dellacitata legge n. 42 del 2009.". 25. A decorrere dal primo rinnovo dellorgano di revisione successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto, i revisori dei conti degli enti locali sono scelti mediante estrazione da un elenco nel quale possono essere inseriti, arichiesta,isoggettiiscritti,alivello regionale, nel Registro dei revisori legali di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, nonch gli iscritti allOrdine dei dottori commercialistiedegliesperticontabili. Con decreto del ministro

dellInterno, da adottarsi entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono stabiliti criteri per linserimento degli interessati nellelenco di cui al primo periodo, nel rispetto dei seguenti principi: a) rapporto proporzionale tra anzianit di iscrizione negli albi e registri di cui al presente comma e popolazione di ciascun Comune; b) previsione della necessit, ai fini delliscrizionenellelenco di cui al presente comma, di aver in precedenzaavanzatorichiestadisvolgere la funzione nellorgano di revisione degli enti locali; c) possesso di specifica qualificazione professionale in materia di contabilit pubblica e gestione economica e finanziaria degli enti pubblici territoriali. 26. Le spese di rappresentanza sostenutedagliorganidigovernodegli enti locali sono elencate, per ciascunanno,inapposito prospetto allegato al rendiconto di cui allarticolo227delcitatoTestounico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000. Tale prospetto trasmesso alla sezione regionale di controllo della Corte dei conti ed pubblicato, entro dieci giorni dallapprovazione del rendiconto, sul sito internet dellente locale. Con atto di natura non regolamentare, adottato dintesa con la Conferenza Stato-Citt e autonomie locali ai sensi dellarticolo 3 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, il ministro dellInterno, di concerto con il ministro dellEconomia e delle finanze, entronovanta giornidalladatadi entrata in vigore del presente decreto,adottaunoschema tipodelprospetto di cui al primo periodo. 27. Allarticolo 14, comma 32, alinea, del citato decreto legge n. 78 del 2010, le parole "31 dicembre 2013" sono sostituite dalle seguenti: "31 dicembre 2012"; alla lettera a) del medesimo comma 32, le parole "31 dicembre 2013" sono sostituite dalle seguenti: "31 dicembre 2012". 28. Al fine di verificare il perseguimento degli obiettivi di semplificazione e di riduzione delle spese da parte degli enti locali, il prefetto accerta che gli enti territoriali interessati abbiano attuato, entro i termini stabiliti, quanto previsto dallarticolo 2, comma 186, lettera e),dellalegge23dicembre 2009,n. 191, e successive modificazioni e dellarticolo 14, comma 32, primo periodo, del citato decreto legge n. 78 del 2010, come da ultimo modificato dal presente articolo. Nel caso in cui, allesito dellaccertamento, il prefetto rilevi la mancata attuazione di quanto previsto dalle disposizioni di cui al primo periodo,assegna,aglientiinadempienti un termine perentorio en-

tro il quale provvedere. Decorso inutilmente detto termine, fermo restando quanto previsto dal secondo periodo, trova applicazione larticolo 8, commi 1, 2, 3 e 5 della legge 10 giugno 2003, n. 131. 29.Ledisposizionidicuialpresente articolo si applicano ai Comuni appartenenti alle Regioni a statutospecialee alleProvince autonome di Trento e di Bolzano nel rispetto degli statuti delle Regioni medesime, delle relative normedi attuazione e secondo quanto previsto dallarticolo 27 della legge 5 maggio 2009, n. 42, e successive modificazioni. 30. Dallapplicazione di ciascuna delle disposizioni di cui al presente articolo non derivano nuovi n maggiorioneriacaricodellafinanza pubblica. 31. A decorrere dallanno 2013, le disposizioni vigenti in materia di patto di stabilit interno per i Comuni trovano applicazione nei riguardi di tutti i Comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti.. Allarticolo 13, sostituire il comma 3 con il seguente: 3. Fermo restando quanto previsto dalla legge 20 luglio 2004, n. 215, e successive modificazioni, le cariche di deputato e di senatore, nonch le cariche di governo di cuiallarticolo 1, comma2, della citata legge n. 215 del 2004, sono incompatibili con qualsiasi altra caricapubblicaelettivadinaturamonocratica relativa a organi di governo di enti pubblici territoriali aventi, alla data di indizione delle elezioni o della nomina, popolazione superiore a 5.000 abitanti, fermo restando quanto previsto dallarticolo 62 del Testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Le incompatibilit di cuial primo periodosi applicanoa decorrere dalla data di indizione delle elezioni relative alla prima legislaturaparlamentaresuccessiva alla data di entrata in vigore del presente decreto. A decorrere dalla data di indizione delle relative elezioni successive alla data di entrata in vigore del presente decreto, le incompatibilit di cui al primo periodo si applicano, altres, alla carica di membro del Parlamento europeo spettante allItalia, fermo restando quanto previsto dallarticolo 6, commi secondo, terzo, quarto, quinto e sesto, della legge 24 gennaio 1979, n. 18, e successive modificazioni. Resta fermo in ogni caso il divieto di cumulo con ogni altro emolumento; fino al momento dellesercizio dellopzione, non spetta alcun trattamento per la carica sopraggiunta.. Allarticolo 15, sopprimere i commi 1, 2, 3, 4, 6 e 7. Conseguentemente, sopprimere il secondo periodo del comma 5.

16 Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

MERCATI ERISPARMIO

LA GIORNATA

Esito positivo per il collocamento dei governativi francesi e finlandesi

Continua la forte richiesta per i titoli di debito dei Paesi tripla A


AFP

Tensione sullasta spagnola Domanda in calo sui Bonos


Sul mercato secondario lintervento della Bce
Mara Monti
MILANO

LANALISI
Walter Riolfi

La Spagna non tranquillizza i mercati tornati in tensione dopo qualche giorno di pace. Laccoglienza tiepida dellasta dei Bonos a cinque anni tornata ad infondere incertezza tra gli operatori che non sembrano avere risposto con entusiasmo allofferta del Tesoro costretto a ridurre lammontare a 3,68 miliardi di euro, al di sotto del target annunciato di 4 miliardi. Le banche hanno fatto il loro

I TASSI

Il titolo di Stato iberico a 5 anni collocato con un rendimento in calo al 4,489% rispetto al 4,87% del mese di luglio
dovere sostenendo parte dei titoli in asta, ma alla fine la domanda stata solo di 1,8 volte lofferta contro il 2,85 del precedente collocamento del 7 luglio per la medesima scadenza. Uno schiaffo per il Tesoro spagnolo che si consola con il rendimento in calo al 4,489% che per le casse di Madrid rappresentano un costo pi contenuto rispetto al 4,871% di luglio. Segnali discordanti al punto che dopo lasta, i titoli spagnoli sono scesi sul secondario, uno scivolonefrenatodalprovviden-

ziale lintervento della Bce che ha acquistato titoli di Stato spagnoli e in parte italiani, per un ammontare stimato in 10 miliardidieuro.LapresenzadellaBancacentralesembraormaiunacostanteelodimostra lastabilizzazione dei rendimenti al 5,07% per il 10 anni spagnolo e al 4,31 per i Bonos a 5 anni dopo lintervento di Francoforte. I risultati dellasta spagnola con la domanda in calo e la discesa dei prezzi sul secondario aprono nuovi scenari e interrogativi sulla prossima scadenza: il governo spagnolo ha necessit di rifinanziare il debito in scadenza, ma per evitare che lasta venga disertata dovr offrire rendimenti superiori. Il segnale forte e chiaro anche per il Tesoro italiano: allasta di marted per il BTp a tre e dieci anni, la domanda c stata bench prudente e selettiva con il governativo a 10 anni collocato con rendimenti in calo al 5,22% contro il 5,77% dellasta precedente e lo spread tra il BTp e il Bund tedesco sceso fino a 291 punti base. Il raffreddamento stato aiutato, ancora una volta, dalla presenza della Bce che in modo discreto aveva acquistato titoli di Stato italiani sul secondario. Ma la soglia psicologica dei 300 punti stata toccata nuovamente ieri fino a chiudere la seduta a 300,79. Lo spread spagnolo del titolo a 10 anni sul Bund tedesco si invece fermato a 286 punti

LAPAROLA CHIAVE
Mid swap

7 Il Mid swap un tasso interbancario - ovvero un saggio di costo - adottato dalle banche per scambiarsi il denaro cos come accade per il pi conosciuto Euribor. Pi precisamente il Mid swap la media aritmetica della domanda e dellofferta dei tassi di interesse offerti per ogni data scadenza dalle banche per scambiarsi denaro tra loro sul mercato interbancario. Se per esempio si legge su un prospetto informativo mid swap a 6 anni questo significa che esso determinato dal valore medio delle quotazioni denaro-lettera (bid-ask) dellInterest Rate swap (Irs). Il quale a sua volta rappresenta un contratto mediante il quale due parti si impegnano a scambiarsi, a date prestabilite, flussi di cassa secondo uno schema convenuto. Certe volte si pu trovare il mid swap anche nei contratti di mutuo (maggiorato da n punti base) oppure nei rendimenti dei titoli obbligazionari emessi dalle banche.

base. Gli analisti attribuiscono le debolezze dellItalia alle incertezze sulla manovra che tarda ad essere definita. I segnali di nervosismo sui titoli governativiitaliani si sono manifestatisulle scadenze oltre i 10 anni, quelle su cui non interviene la Bce: il BTp 2025 ieri arrivato ad allargare fino a 15 punti base contro i 5 punti del titolo a 10 anni. Di tuttaltro tenore lasta finlandesescadenza2017pertremiliardi di euro collocata con un rendimento dell1,92% e uno spreaddi31puntibasesottoiltassomidswap. Quelladi ieristata la seconda asta dallinizio dellanno spinta dalla forte richiesta del mercato per titoli governativi tripla A. Passata quasi inosservatalastainglesedeititoli a10 anni per 3 miliardi di sterline ben accolta con un bid to cover a 1,99 e un rendimento del 2,762 per cento. Anche lasta francese ha ricevutounabuonaaccoglienza:iltitoloa5 anniper3,5miliardidieurostatocollocatoconunrendimento dell1,93% e una domanda sostenuta da un bid to cover dell1,8; il titolo a 10 anni offerto per3miliardiharicevutouna domanda 2,3 volte superiore ed statocollocatoconunrendimentodel2,9percento.Ancheiltrentennalehaavutounbuonpiazzamento: 1,2 miliardi offerto per una domanda2,2 volte superiore e rendimento al 3,72 per cento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Al Nyse fede nella Fed e attese sugli utili societari


elvederelindice manifatturieroscendere menodelleattese,Wall Streethaavutounsussultodi gioiavolandodioltrel1%.Matre minutidopo,lindiceharipresoa scenderefinendopiinbassodi prima.Reazioneparadossalesesi credechelaBorsaseguai fondamentalidelleconomia; reazionelogicasesipensache WallStreetinvecesensibilealla compiacenzadimammaFed: poichunanotiziaquasipositiva potrebbefarrecedereBen Bernankedalvarareunnuovo quantitativeeasingounavariante deiduechesisonoconclusi. ChelaFederalReserve,nella riunionedel20-21settembre, possadeciderediinondareil mercatodinuovaliquidit (acquistandoTreasuryalunga durata,oppuremutui cartolarizzati)stadiventando convinzionediffusa,alpuntoche GoldmanSachs,JPMorgan, NomuraeMorganStanleyla dannopercerta.Dovrebbe servireatenersuimercati: lobbligazionario,quellodelle materieprimeesoprattuttoWall Street.Cosstatodopoil discorsodiBernankeaJackson Hole,loscorsoanno.Ecosgli operatorisaspettanochesia ancheperiprossimimesi.Mala Borsa,adispettodel peggioramentodellecondizioni economiche,avevatrovato nellultimoannounformidabile supportonellafortecrescitadegli utiliaziendali.Conuneconomia pocosopralasogliadella stagnazione,maconprofitti societaristimatiinaumentodel 15%sul2011,odel14%nel2012,ci sarebbespazioperfarsalirela Borsa:tantopiconunbassop/e (prezzosuutili)stimatoa11,5per ilprossimoanno. Mase il consenso degli analisti fossetroppo ottimistico ela crescita degli utilisocietari (almassimo storico perle aziendenon finanziarie) fosse il risultatodi un draconiano taglio deicosti e pertanto non fosse replicabile infuturo, come stima lufficiostudi diSocGen, cosa accadrebbea Wall Street? Bloombergavverte che su105 societdellS&P che hanno fatto previsioniper iltrimestre in corso, 43 hanno rivistoal ribasso le stimee solo 10le hanno alzate. Ancheperquesto in SocGen saspettanoche la crescitadei profittinei prossimi 4-6 trimestri si riducaa menodel 5per cento.

Occhio alle quotazioni. Un investitore allinterno della Borsa spagnola

I rendimenti
Bonos a 5 anni
gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto

6,0 5,5 5,0 4,5 4,0

Borse. Reazione negativa allindebolimento del settore manifatturiero Usa - Oggi le statistiche occupazionali

Wall Street gi in attesa dei dati sul lavoro


Marco Valsania

La giornata
Variazioni % di ieri

Le borse sono rimaste in balia di contrastanti segnali sulla salute delleconomia, americana e europea. Wall Street ha oscillatobruscamentetraguadagni e perdite prima di chiudere conunribassoaggravatodaititoli finanziari: lindice Standard & Poors 500 scivolato dell1,19% e il Dow Jones dell1,03 per cento. Il Nasdaq ha perso l1,3 per cento.InEuropalindicedelmercato britannico Ftse 100 riuscito a guadagnare lo 0,39%, il Cac 40 francese lo 0,28% e Piazza Affari a Milano lo 0,69 per cento. MaFrancofortehaasuavoltaaccusato flessioni: il Dax ha battutoin ritirata dello0,94 per cento. Gli indici statunitensi, reduci da quattro giorni di rialzi e in un clima caratterizzato da bassi vo-

lumi di scambi, hanno reagito con nervosismo a un indebolimento del settore manifatturiero. La frenata mostrata dallIsm, il sondaggio tra i direttori acquisti delle imprese, in agosto stata meno pronunciata delle attese, lasciando il comparto in espansione.Unapi attenta analisi delle statistiche ha tuttavia rivelato fragilit nelle componenti principali, dai nuovi ordini alla produzione e alloccupazione. Le domande di sussidi di disoccupazione, inoltre, nellultima settimana sono diminuite di 12mila unit rimanendo per al di sopra della soglia di 400mila, che segnala un mercato del lavoro debole. Il pessimismo stato alimentato dalle revisioni delloutlook economico stilate dalla Casa

Bianca: il prodotto interno lordo, stando allufficio di bilancio di Barack Obama, potrebbe frenare all1,7% nel 2011, un intero punto percentuale in meno di quanto previsto in febbraio. Con una disoccupazione che rimarr vicina al 9% sia questanno che lanno prossimo. Ma qualche operatore ha suggerito chenellatmosfera di apprensione persino dati allapparenza moderatamente incoraggianti, se allontanano lo spettro di im-

NEL VECCHIO CONTINENTE

In Europa Francoforte perde terreno, ma le altre piazze finanziarie mettono a segno nuovi leggeri rialzi Bene Piazza Affari (+0,69%)

minenti recessioni, potrebbero in realt allarmare il mercato, cheauspicainterventi di soccorso alla crescita daparte della Federal Reserve. Gli investitori aspettano oggi con preoccupazione il dato nazionale sulla disoccupazione, considerato uno degli elementi essenziali per valutare le condizioni dellespansione e prevedere le prossime scelte della Fed al vertice del 20 e 21 settembre. I pronostici vanno da 75mila nuovi posti di lavoro (la media degli analisti di borsa) a 25mila (Goldman Sachs, che li ha ridimensionate proprio ieri) fino a timori di aperti cali. I dati economici in Europa ieri sono stati ancora pi deboli di quelli americani. Lindice manifatturiero finale Pmi per il mese

MILANO FTSE MIB

+0,69

FRANCOFORTE DAX

-0,94

USA S&P 500

-1,19

scorso elaborato da Markit Economicsscivolatoaquota49entrandoin territorio di contrazione cio sotto la soglia di 50 per la prima volta dal settembre del 2009. Nelleurozona lindice italiano sceso a 47 da 50,1. Le statistiche si sommano ad altri recentisintomi didebolezzaevidenziati dal Vecchio continente. Il mercato fatica a fare chiarezza sulla direzione ha detto Marc Pado di Cantor Fitzgerald . Lattivit economica non sta arretrando ma ha sicuramente rallentato a passo di lumaca. Robert Pavlik di Banyan Partners ha concordato che sul mercato domina al momento lesitazione davanti alle perplessit economiche. Tra i settori sotto pressione, a Wall Street, nelle ultime ore ci sono stati i titoli finanziari, il cui indice sceso nel promeriggio dell1,2 per cento. Hanno perso terreno grandi firmequali Goldman Sachs, Morgan Stanley,

Bankof America, Jp Morgan, Citigroup. Goldman ha ceduto il 2,6% risentendo di un accordo con la Fed per il pagamento di future multe sui mutui legate alla ex controllata Litton Loan Servicing, la cui cessione a Ocwen Financial, annunciata in giugno, stata completata ieri. La Banca centrale statunitense ha anche ordinato alla societ un riesame indipendente delle praticheimmobiliari.Il comparto auto ha a sua volta perso quota, nonostante abbia messo a segno vendite in aumento il mese scorso:General Motors haceduto oltre il 4 per cento. Nel Vecchio continente, in risposta alle paure, hanno dimostrato tenuta anzitutto i titoli difensivi, dalle telecomunicazioni alla farmaceutica, che offrono robusti dividendi. Deutsche Telekom, GlaxoSmithKline, VodafoneeFranceTelecomsonoparsi tra i pi premiati.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Fake English

Real English

GRATIS!

PER TE MESI

English24. Subscribe now!


A AL CONCORSO ECIP RT VIVAEnglish24! PA

Un anno a soli 59,00


English24. Coinvolgente, curioso, tutto in inglese!
Usef ul! t! Grea

English24 il newsmagazine de Il Sole 24 ORE che ti aiuta a migliorare l'inglese con articoli in lingua originale delle pi grandi testate internazionali (Financial Times, The Guardian, Newsweek...) e approfondimenti a cura della redazione sugli argomenti della pi stretta attualit, scelti e proposti per tenere allenata la lingua e allargare il tuo vocabolario! Scopri il linguaggio politico e finanziario, divertiti con quello della moda, confrontati con quello dell'informazione. E per imparare ancora di pi, alla fine di ogni articolo un Reminder Box, per trovare parole e frasi da riutilizzare nella vita quotidiana. Abbonati oggi!

Con ogni copia un CD audio indispensabile per migliorare la comprensione della lingua: corretta pronuncia, forme idiomatiche e nuovi vocaboli grazie anche a dialoghi in contesti reali.

w! t no Do i

Con lAbbonamento solo vantaggi

due mesi gratis! ogni mese riceverai direttamente a casa tua la tua copia non perderai nemmeno un numero avrai la tua collezione completa da consultare ogni volta che vuoi partecipi al concorso VIVAEnglish24

Vinci due settimane a Londra


English24, in collaborazione con VIVA, mette in palio per chi si abbona una splendida vacanza studio per perfezionare linglese alla prestigiosa The Hampstead School of English.
Scade il 31/12/2011 - Montepremi 2.220,00 Regolamento sul sito www.ilsole24ore.com/english24

Per abbonarti vai subito sul sito www.ilsole24ore.com/english24 e clicca su come abbonarsi

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano 17

MERCATI ERISPARMIO

IL CREDITO NEL VECCHIO CONTINENTE

Per la raccolta lEba propone di usare parte delle risorse dellEfsf

Il commissario europeo Rehn: esaustivo lo stress test di luglio


LANALISI
Marco Valsania
carenze di forse 200 miliardi di eurotemute dal Fondo MonetarioInternazionale. La stessa uscita delrapporto di 54 pagine, datato 16 agosto a firma dello stratega della divisionesecurities Alan Brazil, rivelatrice delpessimismo. Anche a costo di apparirepoco delicati: il caso di Goldman, chese con il documento veste i pannidi speculatore ribassista, conil cappello di consulente deigoverni stata invece in questigiorni tra ipromotori a Londradi un evento dedicato a salvare lEuropa: un incontro tra investitori eautorit spagnolea caccia di credibilit. La banca americana anche tra igrandi facilitatori del collocamento deibond di Madrid.Gi durante la crisi del 2008 Goldman aveva suscitato polemiche per aver scommesso contro il mercato immobiliare mentrecollocava derivati del mattonetra gli investitori.Con strategie di trading qualiquelle di Brazil Goldman potrebbe di nuovofar guadagnare non solo alcuniclienti ma gonfiare i propri bilanci.Come market maker deiprodotti pu intascare lautecommissioni. E ilrapporto preceduto da unammissioneesplicita: Goldmanpotrebbe avergi agito sulle raccomandazioni. Unica magra consolazioneper lEuropanelle pagine di Goldman: prendonodi mira anchele sfide aimercati presentateda Stati Uniti eCina, denunciando la debolezza delle piccoleimprese americane e il debito federale da uan parte e linsostenibilit dellacrescita di Pechino dallaltra.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Banche, guerra di cifre sugli aumenti


Fmi: i bond pubblici peseranno per 200 miliardi di dollari - Contrarie Ue e Bce
Alessandro Merli

Si accende la polemica fra Fondo monetario e autorit europee sullo stato di salute delle banche del Vecchio continente e limpatto che la crisi del debito sovrano nelleurozona pu avere sui bilanci bancari. Secondo una versione preliminare del Global Financial Stability Report, che lFmi pubblicher a fine mese alle riunioni annuali di Washington, una valutazione rispondente ai valori di mercato dei titoli di pubblici di Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna, Belgio e Italia in portafoglio alle banche ridurrebbe il capitale ordinario di queste di circa 200 miliardi di dollari, un calo del 10-12%. La stima basata sui prezzi dei credit default swaps, i contratti di assicurazione contro il possibile fallimento, sul debito dei Paesi dellarea euro entrati nel mirino dei mercati. La settimana scorsa, il nuovo direttore dellFmi, Christine Lagarde, aveva affermato al seminario dei banchieri centrali a Jackson Hole, in Wyoming, che le banche europee hanno bisogno di nuovi capitali e che, in caso di necessit, questi debbono essere forniti attraverso interventi obbligatori con denaro pubblico. Alla signora Lagarde avevano subito replicato il presidente della Banca centrale europea, JeanClaude Trichet, e il commissa-

rio europeo, Olli Rehn. Questultimo ha ricordato tra laltro che le banche europee sono state sottoposte non pi tardi del luglio socrso a uno stress test molto completo. I mercati finanziari sembra-

LA STIMA DEL FONDO

La flessione dei titoli di Stato di Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna, Belgio e Italia ridurrebbe il capitale del 10-12%

LAPAROLA CHIAVE
Cds

7 Il Cds (Credit default swap) unoperazione di swap, o scambio, e in questo caso ha la funzione di trasferire lesposizione creditizia di prodotti a reddito fisso tra le parti. il derivato creditizio pi usato. In pratica un accordo tra un acquirente e un venditore per mezzo del quale il compratore paga un premio periodico a fronte di un pagamento da parte del venditore in occasione di un evento relativo a un credito (come ad esempio il fallimento del debitore) cui il contratto riferito.

no per allineati con lFmi nella loro valutazione sia del debito pubblico europeo sia delle condizioni delle banche. Il primo, soprattutto per quanto riguarda Italia e Spagna, sostenuto in misura significativa dagli acquisti compiuti dalla Bce nelle ultime settimane. Quanto alle banche, la riluttanza a prestare fondi le une alle altre tornata a livelli vicini a quelli seguiti al fallimento di Lehman Brothers. Lo spread fra Libor, il tasso del mercato interbancario sulla piazza londinese, e Ois, il tasso overnight, spread che misura la fiducia delle banche nelle loro controparti, si allargato a 0,64%, poco al di sotto dei livelli toccati per lultima volta nellaprile 2009. Il presidente di Deutsche Bank, Josef Ackermann, pur negando la necessit di ricapitalizzazione obbligatoria per le banche europee e sostenendo che Deutsche a livelli di capitalizzazione pi forti che mai, ammette che i rischi sono in aumento e che soprattutto le banche Usa sono esistanti a fornire liquidit e che le condizioni di raccolta a lungo termine sono difficili. Molte banche dei Paesi in difficolt dipendono in misura crescente per la propria raccolta dalla liquidit messa a disposizione dalla Bce. Anche le associazioni delle banche tedesche, sia pubbli-

che che private, e il ministro del Bilancio francese, Valerie Pecresse, hanno sostenuto ieri che la capitalizzazione sufficiente. Posizione che era stata ribadita anche dalla European Banking Authority, che ha condotto gli stress test, dopo le dichiarazioni della signora Lagarde. LEba appare tuttavia preoccupata delle difficolt di raccolta delle banche europee e ha elaborato una proposta per utilizzare parte delle risorse dellEfsf, il fondo europeo salva-Stati, per garantire la liquidit del sistema bancario. La proposta, ancor prima di essere discussa in sede ufficiale, ha gi suscitato forti critiche di autorit nazionali, compresa la Bafin, lente di vigilanza tedesco. Le valutazioni del Fondo monetario sulle banche europee sono ancora suscettibili di esser riviste prima della pubblicazione e sono gi sottoposte a pesanti obiezioni da parte dei rappresentanti europei nel consiglio dellFmi. La sensazione di disagio sullo stato delle banche europee e sullintreccio fra crisi bancaria e crisi del debito pubblico comunque diffusa: nei giorni scorsi lorganismo contabile internazionale Iasb ha criticato linsufficiente svalutazione dei titoli del debito greco nei conti semestrali delle banche recentemente pubblicati.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il big del credito Usa

BLOOMBERG

Il doppio cappello di Goldman sullEuropa

Lascia Mellon, ceo di Bank of New York


Robert Kelly (nella foto) si dimesso a sorpresa dal vertice di Bank of New York Mellon a causa di divergenze nellapproccio alla gestione della societ. L'attuale presidente della banca, Gerald Hassell, ha preso le redini operative del gruppo. Bank of New York Mellon il pi grande istituto al mondo per le attivit di custodia di asset.

on una mano scrive un manuale per guadagnare dalla crisi dellEuropa. Con laltra offre consigli su comesalvarla. Il vizio della partitasui due tavoli di GoldmanSachs, stella della finanza americana la cui storia costellatadi scommesse aggressive.Un rapporto preparatoper suggerire strategie di trading aisuoi miglioriclienti, igrandi hedg fund, raccomanda anzitutto due puntatenegative sul Vecchiocontinente: una opzione put, di vendita, a sei mesisulleuro nei confronti del franco svizzero.E lacquisto di un Cds, lassicurazione contro i default, su un indicedel credito di aziende europee, lo iTraxx Europe series 9, per un quinto composto di banche e assicurazioni. Ilrapporto lancia ancheun pesante allarme su singoliistituti, chepotrebbero essereobiettivo di operazioni short, ribassiste, identificando i pi indebitati su una classifica di 77. E stima le necessit di ricapitalizzazionedelle banche delleurozona in una cifra astronomica, mille miliardi di dollari. Ben superiori anche alle

18

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

19

20 Primo piano

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

MERCATI ERISPARMIO

I NUOVI INDICI DELLE BORSE EUROPEE

I colossi dei settori alimentare e chimico rimpiazzano i finanziari

Il paniere riflette i cambiamenti registrati dalle capitalizzazioni


LA BUSSOLA
Vittorio Carlini
hannodatoqualche soddisfazioneairisparmiatori, nongarantitochepossano confermareiltrendnelfuturo prossimo.Anche,esoprattutto,a frontedeinuovirecentitimori perlaripresaeconomica.Paure certificate,pichedallestimedi economistiebanchedaffari (spessounveroepropriofilm dellerrore),daltagliodel costodeldenaroneiPaesi emergenti.Cidetto,per,il messaggioinviatodalle sliding-doorsdellEuroStoxx50 edelloStoxxEurope50nonva sottovalutatodainvestitorie risparmiatori.InunaBorsa drogatadallaliquidit,edagli eccessidivolatilit,sivaalla ricercadisperatadei fondamentali.Nonimportaerailleitmotivediierinellesale operative-cheleconomia rallenti.Sifarannoicalcolisul calodelladomandaaggregatae, basandosisuibilanci,potranno individuarsideimultipliper operare.Unastrategia,allo statoattualedifficilee complessa,macheperlomeno tentalaggancioconlarealt.E chenonpassa,comeinvece spessoaccadenelmondodel credito,attraversosistemidi contabilitaccettatiinEuropa macontestatidagliUsa.O viceversa.Unavolatilit strutturale,anchetralecause dellasfiduciasuifinanziari,dicui laBorse(daieri)sembraunpo menoinnamorata.Certo,le bancherimangonounpilastro deimercati.E,certo,tornareai sempliciPricetoearningo EnterprisevaluetoEbitda sullindustrialediturnonon basta.Lacorrelazionetragliasset elinterconnessionedeimercati imponeunsaltoculturale nellusodimultipliedatidi bilancio.Madilnonsisfugge:oi mercati,econloroinvestitorie risparmiatori,ripartonodai fondamentali;oppurelattesa sarsempreperladroga somministratadallaFedditurno.
vittorio.carlini@ilsole24ore.com
RIPRODUZIONE RISERVATA

Stoxx 50, pi spazio agli anticiclici


Diminuisce il peso delle banche: escono UniCredit, Intesa e Socit Gnrale
Luca Davi

Fuori le banche. Dentro gli anticiclici e i titoli industriali, dallenergia allautomotive. in fin dei conti la migliore certificazione di ci che accaduto negli ultimi, tormentati, mesi di borsa, ilcambiamentodegliindicieuropei targati Stoxx. La composizione dello Stoxx Europe50,inparticolare,cheraccoglie le 50 principali blue chip del Vecchio Continente, stata aggiornatainvirtdellatradizionale review annuale: a partire da luned 19 settembre lindice vedruscireIntesaSanpaoloeUnicredit, le due maggiori banche italiane,chehannopersorispettivamente il 28 e il 24 per cento del valore di borsa a partire da agosto.Ascivolarefuoriancheilsecondogruppofrancesedelcredito,SocitGnrale (cheloscorso mese ha ceduto il 32,7% a Parigi) e il gruppo finlandese della tecnologia Nokia, in calo del 40 per cento dallinizio dellanno. Al loro posto debutteranno la multinazionale Unilever (beni di consumi), la britannica National Grid (utility) e le francesi Lvmh (lusso) e Air Liquide (chimica). Analoghe le dinamiche chehannointeressatolEuroStoxx 50, che considera i titoli dellareaEuro:dalpanierevengono espulsi altri due titoli quotati Oltralpe, la banca Crdit Agricole, e il gruppo ingegneristico Alstom. Ad entrare sono invece le "privilegio" Volkswagen e il gruppo Inditex, la holding della catena di abbigliamento Zara. Insomma, la conferma di ci che si visto nel corso delle ultime settimane in Borsa. Con forti vendite sui gruppi finanziari, le cui capitalizzazioni sono andate via via assottigliandosi sulla scia dei timori che gravano sui debiti sovrani europei. Daltra parte ri-

prendonoquotaititoliindustriali, come le utility (vedi National Grid) o i gruppi della chimica, che stanno subendo meno i contraccolpi della crisi.

Leffetto sui mercati


Annunciate ieri al mercato, le modifiche ai panieri hanno avuto effetti poco significativi. Intesa Sanpaolo, ad esempio, in teoria soggetta a una pressione ribassista, uscita in evidenza (+2,47%) mentre laltra big del credito,Unicredit, ha guadagnato lo 0,58 per cento. Ancora meglio andata a Nokia, che ha chiuso con un guadagno superiore al 5 per cento. E allora, ver-

LANTICIPAZIONE

Luscita Il25agosto,ilSole24Oreaveva anticipatolanotiziadellapossibile uscitadiIntesaSanpaolo, Unicredit,SocitGnralee NokiadallindiceStoxxEurope50 cheraccoglieleblue-chipsdel VecchioContinente.Adeterminare lalorocancellazionedalpaniere statolassottigliamentodellafree floatmarketcapitalization,la capitalizzazioneflottante,che andatariducendosiacausadelle fortivenditedelleultime settimane.

rebbe da dire, essere espulsi da uno dei panieri pi importanti dEuropa non rappresenta una notizia di rilievo per chi opera sui mercati? S e no. No, perch lo Stoxx Europe 50 (da cui sono usciti Intesa e UniCredit) benchmark di riferimento di un numerorisicato di strumenti finanziari quotati. Quindi una cancellazione dallindice "pesa" poco. S, perch i pochi strumenti a replica "passiva", come gli Etf, che hanno lo Stoxx Europe 50 come sottostante, rimodulano i loro pesi non a partire dal giorno dellannuncio - come accade per i fondi attivi, che addirittura si muovono sui rumors - ma il giorno stesso della modifica, ovvero il prossimo 19 settembre. Questo significa che gli effetti negativi si devono ancora verificare sul mercato. E, presumibilmente, lo faranno proprio nel giorno dellaggiornamento dellindice. Con quale impatto? Molto, molto limitato. Secondo Morgan Stanley, la cancellazione dallindice potrebbe equivalere a una pressione di vendita pari a 121 milioni di azioni per Intesa Sanpaolo (pari a circa 138 milioni di euro) e di 144 milioni di pezzi UniCredit (136 milioni di euro). Insomma, poca roba. In assoluto, che la review degli indici non sia neutra confermato anche da una ricerca di Ubs. I quattro titoli che sono entrati da ieri nellindice Msci World (New Gold, Precision Drilling,Gkn eFossil) dallo scorso 16 agosto, giorno dellannuncio della modifica, hanno guadagnatocirca il 3%. Ititoli che invecesono staticancellati dal paniere mondiale (Sino-Forest, Yellow Media, Home Retail) hanno invece ceduto il 4,6 per cento.
luca.davi@ilsole24ore.com
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lo Stoxx Europe 50
CHI ENTRA E CHI ESCE
I titoli che entrano ed escono dal listino europeo dal prossimo 19 settembre

La finanza ora ha sete di economia reale


u Continua da pagina 1

Unilever

Socit Gnrale

S
LV LVM LVMH LVMH VM
MOT HENNES MOT HENNESSY OT HENNESSY T ENN NNESSY LOUIS VUITTON LOU LOUIS VUITTO OUIS O

Lvmh

Intesa Sanpaolo

National Grid

Nokia

Air Liquide

Unicredit

IL PESO DEI SETTORI


I settori sullo Stoxx Europe 50 alla luce delle modifiche dellindice di ieri
Settore ASSICURATIVI AUTOMOTIVE Val. precedente Val. attuale Settore INDUSTRIALI Val. precedente Val. attuale

4,23% 1,63% 17,80% 2,48% 3,35% 15,56% 11,42%

4,12% 1,58% 15,20% 4,78% 4,27% 15,14% 12,27%

4,05% 6,16% 14,48% 2,67% 3,53% 9,40% 3,24%

3,94% 5,99% 14,09% 2,60% 2,77% 9,14% 4,13%

MATERIALI DI BASE OIL & GAS

BANCARI

BENI E SERVIZI

RETAIL

CHIMICI

TECNOLOGICI

FARMACEUTICI FOOD & BEVERAGE

TELECOM.

UTILITY

Nota: i dati calcolano il peso dei settori sulla base della capitalizzazione di Borsa di ieri

Fonte: Ufficio Studi Il Sole 24 Ore

ulsecondo pi importante benchmark, invece, Crdit Agricolecedeilpassoalle azioniprivilegiodiVolkswagene aInditex.Insomma:avanzano motori,carrozzeriee abbigliamento;arretrano impieghiesportelli.Uncambio dellaguardiache,tecnicamente, nondovrebbeavereeffetti sconvolgentiperlequotazioni. Certo,soprattuttosullEuro Stoxx50,ifondireplicanti(gli Etf)aggiornerannoiloropesi(gli altrilohannogifatto).E,certo, ulterioripressionialribassoi titolifuori-uscitipotrannoaverle. Tuttavia,nonpudimenticarsi chelalororilevanzaallinterno deipanierieraormaibassa. IntesaSanpaolo,peresempio, pesavaperlo0,69%(121milioni diazioni)mentreUniCredit rappresentavasolamentelo 0,68%(144milionidititoli). Quindi,giocoforza,la rimodulazionedeiportafoglia benchmarknondovrebbeessere devastante.Manonsolouna questionedipesiecontrappesi. Quellafotografatadallanuova composizionedeilistini,infatti, unarealtdelpassato.Ilmercato guardatoattraversolo specchiettoretrovisore.Ititoli bancarihannosottoperformatoe sonostatiinvitatiaduscire;quelli ciclicihannocorsomeglioe vengonofattientrare.Simili movimenti,tuttavia,nondanno certezzaperilfuturo.Cio,sei compartimaggiormentelegati allandamentodelleconomia

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Primo piano 21

MERCATI ERISPARMIO

IL DIZIONARIO DEL RISPARMIATORE/12

Il confronto per valutare fondi azionari e prodotti derivati

I metodi di giudizio e le accortezze per gli investitori


ILLUSTRAZIONE DI UMBERTO GRATI

LEGGEREGLI INDICI PER CAPIRE LA BORSA


Benchmark, paniere, Euro Stoxx: il vademecum per conoscere le parole chiave che riguardano gli andamenti dei listini
a notizia che Intesa Sanpaolo e UniCredit usciranno dallindice Euro Stoxx 50 rilancia il tema della composizione degli indici di Borsa e il loro significato: cosa significa Euro Stoxx 50? Quali societ fanno parte dellS&P 500? E quali criteri sono adottati per lammissione nellFtse Mib? In questa pagina vi proponiamo una mini-guida per

L
B

lorientamento nel mondo degli indici azionari. Tra laltro compaiono termini come paniere (linsieme dei titoli rappresentati e sintetizzati da un indice azionario) o benchmark (un parametro di riferimento per misurare la performance di altri strumenti finanziari), vocaboli di uso comune quando si parla di Borse e mercati.
DIZIONARIO A CURA DI Andrea Curiat

LEGENDA
LE VOCI DEL DIZIONARIO
LIVELLO DI ATTENZIONE

ALTO

MEDIO

BASSO

BENCHMARK
LIVELLO DI ATTENZIONE

MEDIO

Perbenchmarksiintendeingenerale un parametrodiriferimentooggettivo utilizzatopermisurareeconfrontarele performancedifondiazionari,prodotti derivatiealtristrumentifinanziari.I principaliindicidelleBorsemondiali vengonospessoutilizzaticomebenchmark; selandamentodiunfondoazionariosupera alrialzoquellodellindicepresoa riferimentocome parametrodiconfronto, allorailgestorehabattutoilbenchmark.

primi 50 titoli individuati per capitalizzazione flottante (la parte di azioni effettivamente disponibile sul mercato) e quotati in 12 Paesi delleurozona (Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna). Lo Stoxx Europe 50 un indice che include le aziende leader nei diversi settori economici e quotate in 18 Paesi in Europa (ma non necessariamente nellarea Euro; include quindi anche Svizzera e Regno Unito). Entrambi sono elaborati da Stoxx Limited, joint venture partecipata da Deutsche Brse, Dow Jones e Swx Group.

Italiana, selezionate per liquidit e capitalizzazione. Lindice ponderato in base alla capitalizzazione di mercato, dopo aver corretto i componenti in base al flottante. Il paniere raccoglie l80% circa della capitalizzazione del mercato azionario italiano. Tra i titoli che lo compongono vi sono quelli di primarie societ del settore bancario-assicurativo, energetico, industriale, manifatturiero e delle telecomunicazioni. LFtse Mib nato nel 2009 in seguito alla fusione tra Borsa Italiana e London Stock Exchange, sostituendo il preesistente S&P Mib.

International), una societ quotata sul Nyse e specializzata in prodotti e servizi finanziari. Lindice Msci World, in particolare, si basa su un paniere di oltre 6.000 titoli azionari mondiali; ma tra i numerosi benchmark elaborati dalla societ ce ne sono sia di regionali (Msci Europe, Pacific, Europe&Middle East), sia basati su altre variabili (Small cap, Micro cap, Total return, e cos via).

Nikkei) a partire dal 7 settembre 1950, ma stato determinato retroattivamente sino al 16 maggio del 1949. Ha raggiunto il massimo storico il 29 dicembre del 1989, durante la bolla speculativa della Borsa giapponese.

S
S&P 500
LIVELLO DI ATTENZIONE

P
PANIERE
LIVELLO DI ATTENZIONE

ALTO LoStandard&Poors500unindiceazionario nordamericanocheracchiudeititolidelleprime 500societpercapitalizzazioneflottantequotate suWallStreet(sulNewYorkStockExchange, sullAmericanStockExchangeesulNasdaq). consideratocomeunodeipiimportantiindicial mondo,unveroepropriotermometrodei mercatifinanziariUsa;rappresentailbenchmark principalecontrocuisiraffrontanoirendimenti deiprincipalititoliquotatiinAmericaeacui ancoratoungrandissimonumerodistrumenti derivati.LindicestatocreatodaStandard& Poorsnel1957;sinoal2005ilprincipiodi selezionedei500titolichelocompongonoera quellodellasemplicecapitalizzazione.Trail18 marzoeil16settembredel2005sipassatial criteriodellacapitalizzazioneflottante;lS&P500 inculdeinaltreparolelesocietconilmaggior valoredicapitaleazionariocontrattato liberamentesulmercatosecondarioamericano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ALTO
Linsieme dei titoli rappresentati e sintetizzati da un indice azionario ne costituisce il paniere. Ogni paniere selezionato sulla base di criteri oggettivi e prestabiliti, che possono variare dal controvalore della capitalizzazione delle societ alla loro liquidit in Borsa. I singoli titoli che compongono il paniere possono quindi essere ponderati in vari modi: in modo che abbiano tutti lo stesso peso allinterno dell'indice (indici equally weighted), in base al prezzo delle azioni (price weighted) o in base alla capitalizzazione di Borsa, data dal prezzo delle quote moltiplicato per il numero delle stesse (value weighted).

NIKKEI
LIVELLO DI ATTENZIONE

E
EURO STOXX 50 E STOXX EUROPE50
LIVELLO DI ATTENZIONE

F
FTSE MIB
LIVELLO DI ATTENZIONE

M
MSCI
LIVELLO DI ATTENZIONE

MEDIO
Il Nikkei 225 lindice rappresentativo dei 225 titoli pi scambiati sul Tokyo Stock Exchange. Il peso dei titoli direttamente proporzionale al loro prezzo (come accade per il Dow Jones) e i componenti del paniere sono aggiornati annualmente. lindice pi importante per valutare landamento dei mercati finanziari giapponesi. Il suo valore calcolato quotidianamente dal giornale Nihon Keizai Shimbun (da cui il nome

ALTO

ALTO
Gli indici azionari globali Msci sono benchmark utilizzati come sottostante da oltre 400 fondi internazionali. Vengono elaborati e calcolati dalla Msci Inc (ex-Morgan Stanley Capital

ALTO

LEuro Stoxx 50 un indice che include i

LFtse Mib lindice pi importante dei mercati azionari italiani; include le prime 40 societ italiane ed estere quotate sui mercati gestiti da Borsa

22 Mondo

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Panorama

Il dopo Gheddafi. Clinton e Sarkozy: la guerra non finita, avanti con i raid Nato

AFP

Il caso francese

GIAPPONE

Okada verso le Finanze


Il nuovo premier giapponese, Yoshihiko Noda, ha scelto un ministro delle Finanze la cui caratteristica principale di essere un conservatore fiscale: Katsuya Okada, 58

Scongelati 10 miliardi per aiutare la nuova Libia


Il ras: resister fino alla fine Ultimatum ai lealisti prorogato di 7 giorni
Alberto Negri
PARIGI. Dal nostro inviato

Le promesse petrolifere e le lezioni della storia

anni (nella foto), ex segretario generale del Partito democratico, guider il ministero chiave in un momento nel quale il Giappone deve affrontare la riduzione di un debito pubblico che ha raggiunto dimensioni pari al doppio delleconomia (5mila miliardi di dollari).

CASO BETTENCOURT

LeMondeaccusa: giornalista spiato


Il controspionaggio francese ha passato al vaglio le telefonate fatte da un giornalista del quotidiano Le Monde per tentare di identificare le sue fonti nel caso Bettencourt, che laltro ieri tornato di attualit con i nuovi sospetti sui finanziamenti illeciti ricevuti dal presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy. Lo ha scritto lo stesso Le Monde. I servizi hanno svolto una ricerca sulle fatture dettagliate del telefono usato dal giornalista Gerard Davet fra il 12 e il 16 luglio 2010. E il ministro degli Interni, Claude Gueant, ha confermato ieri che il controspionaggio aveva effettuato ricerche telefoniche ma per indagare, ha detto, sulle fughe di notizie relative a procedimenti giudiziari.

Ci sono due facce della Libia. Una quella esterna, che ha sfilato nei giardini dellEliseo con Jalil e Jibril - la leadership di Bengasi - sottobraccio a NicolasSarkozy:questaLibiaunPaese ricco e vincente che davanti a delegazioni di 60 Stati ha ottenuto ieri, almeno in parte, lo scongelamento dei fondi del regime. Unoperazione che dovrebbe accelerare allOnu con il riconoscimento da parte della Russiadel nuovoGovernoprovvisorio di Tripoli. A Parigi sono stati sbloccati, secondo Sarkozy, 15 miliardi di dollari(oltrediecimiliardidieuro) a fronte di un ammontare calcolato in 50 miliardi e di un patrimonio immenso (stimato 140miliardididollari)perunPaese di sei milioni di abitanti che camminano su straordinarie riserve di gas e petrolio. La ricostruzione della Libia si annuncia come un business importante: ma lo era anche quella dellIraq,rivelatasipoiassaideludente. C per una gran voglia di stringere i tempi: il segretario generale dellOnu Ban ki Moon annunciaunnuovoverticeinternazionale sul caso libico: appuntamento a New York per il 20 di settembre. La Libia esterna premepersistemarelecoseallasvelta,forse controppo ottimismo. PoiclaltraLibia:quellainterna, dove si combatte, con un Gheddafi latitante e minaccioso e gli insorti costretti a prolunga-

relatreguanellassedioallatetragonaroccafortelealistadellaSirte. Questa la Libia che ha ancora paura, dove si regolano conti, si progettano faidee attentati. Soprattutto una Libia dove non si sa ancora chi comanda davvero: gli islamici radicali, rappresentati dal capo militare Abdul Hakim al Hasadi, sono in ascesa mentre Alamin Belhaj deiFratelliMusulmaniammonisce che la rivoluzione non sar confiscatadaisecolaristi.IlpresidentedelCntMustafaJalilassicura qui a Parigi che i libici sono musulmanimoderati:Datecifiducia - il suo appello - siamo dalla parte giusta. E la Nato annuncia, a Parigi, che i raid andranno avanti finch Gheddafi costituir un pericolo. Ma gli interrogativi sul futuro si fanno ancora pi pressanti quando il portavoce del Cnt, Mhamoud Shamman, dichiara, ai margini della conferenza, che i componenti del Consiglio transitorio non si candideranno nei prossimi quattro anni a cariche politiche. Sarkozy e i suoi alleati della Nato non possono annunciare la vittoriaelafinedellaguerramail presidentefrancesegonfiaugualmente il petto: Esattamente un anno fa, il primo settembre - dice - Gheddafi a Tripoli celebrava i suoi 41 anni al potere oggi si nascondeed un dittatore finito. Havinto una scommessa forse per provare a vincerne unaltra: la rielezione, la prossima primavera, allEliseo. Ma forse per lui i sondaggi sullo stato delleconomia saranno pi importanti di quellisullaLibia.Suquellachelui hachiamatoierilafrontieramediterranea riuscito comunque a prendere la guida di unEuropa esitante, costruendo un asse con la Gran Bretagna di David CameronecongliStatiUniti,presentia Parigicon Hillary Clinton.

PER RICOSTRUIRE
I beni di Gheddafi Gli assets sovrani controllati un tempo da Muammar Gheddafi e dalla sua cerchia ristretta, e congelati allestero dai Governi stranieri, si aggirano sui 150 miliardi di dollari. Ora il Consiglio nazionale di transizione spera di vederli sbloccare rapidamente per ricostruire il Paese. Tragliassetsancora congelati,19miliardididollari inGranBretagnafacevanocapo apersone esociet:lafamiglia Gheddafihainvestimentia Londrapermiliardi didollari,il figlioSaifunacasada 16 milionididollari. Undici miliardi di dollari sono depositati in banche francesi, pi di 7 miliardi sono congelati in Germania; nellambito delle sanzioni contro il ras lItalia aveva congelato beni per 8 miliardi Marcia indietro sulle sanzioni LUnioneeuropeaha annunciatolabolizionedelle sanzionineiconfrontidi28 entitlibiche,perconsentirela ripresadelleconomia:porti, compagnieenergetiche, banchesottoilcontrollodelle forzechehannocombattuto Gheddafi.Inomidellesociet verrannoresinotioggi I ritardi della diplomazia Dopoilriconoscimentorusso delConsiglionazionaledi transizionecomelegittimo GovernodellanuovaLibia,trai Paesicheancoradevono riconoscerelenuoveautoritci sonoArgentina,Brasile,Cina, India,Iran,Kenya,Pakistan, ArabiaSaudita,Sudafrica, Venezuela,Zimbabwe

E come ci sono due Libie, c anche unEuropa di prima fila e unaltra di seconda. La Germania,sicuramenteleaderincontrastataincampoeconomico,inpoliticaesteraconilcancelliereAngela Merkel scivolata verso posizioni neutraliste e di disimpegno militare. Mentre lItalia, in unarincorsaaffannosaperdifendere le sue posizioni storiche in Libia, tenta di difendersi come puconfermando limpegno militare nelleoperazioni Nato. Se Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno annunciato lo scongelamento di 1,5 miliardi di dollari a testa di fondi libici, anche il presidente del Consiglio, SilvioBerlusconihacalatosultavolo la sua fiche: 500 milioni di euro di depositi, che si sono materializzati con linee di credito concesse da Unicredit e Ubae. Inquesteduebanche,unapartecipata al 7,5% e laltra a maggioranza libica, ci sono oltre 4 miliardi di liquidi. Se lOnu dar il via libera - ha promesso il premier - arriveranno presto altri 2 miliardi e mezzo. Ma lannuncio sulla Libia pi significativo Berlusconi lo fa uscendo dalla conferenza: Ci impegneremoarimettereinfunzione il Greenstream entro il 15 ottobre. Questa potrebbe esserelamossaforsedimaggioreimpatto per riaffermare le posizionidellEninelcampodello sfruttamento delle risorse energetiche: questa pipeline sottomarinarappresentailcordoneombelicale che lega la Libia allItalia, il canale diretto per la vendita del gas sul mercato europeo. Quasi una risposta alla lettera pubblicata ieri da Liberation in cui la nuova leadership libica promette alla Francia il 35% dei contratti petroliferi: a Parigi per la nuova Libia niente baci alla francese ma miliardi e oro nero.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli amici della Libia. Hillary Clinton e Nicolas Sarkozy ieri allEliseo

Diplomazia e finanza

gni cambio di regime sollevatimori,speranze, illusioni. Nei Paesi del petrolio scatena la corsa alloro nero: ventre a terra per acquisire nuovi contratti odifenderequellivecchi. Comedimostralaletterapubblicata ieri da Liberation in cui il Consiglio di Bengasi il 3 aprile comunica al Qatar che alla Francia, in cambio dellappoggio totale e permanenteagliinsorti,sargarantito il 35% del totale dei contratti petroliferi. Le smentite dei francesi nonconvincono.Ilnuovo padronevieneblanditoeallettato pur di metter le mani sul barile che muove leconomia mondiale. Di quello vecchio si dice tutto il male possibile: Era un mascalzone: ma cosa volete eravamo costretti a trattare con lui. Non importa se poco prima era stato accoltoin pompa magnaallEliseo o a Palazzo Chigi. I nuovi capi, anche se sconosciuti, diventano allimprovviso statisti che lavorano per il bene del popolo. Fu cos anche per il ras libico dopo il colpo di Stato nel 69. Il futuro ras prometteva benissimo. Dormiva su una branda da campo e appariva frugale come un santo. Diceva esattamente le cose che lOccidente voleva sentire dire: le basi Usa e inglesi sarebbero rimaste, i contratti firmati dalla monarchia rispettatie gli stranieri venivano accolti a braccia aperte. Un anno dopo cacciava gli americani, poi gli italiani e nazionalizzava il petrolio. Ma ovviamente questo il passato della Libia e la storia, nonostante le apparenze, non si ripete quasi mai.
A. N.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La ricostruzione. Le stime della Camera di commercio italo-libica

Per le imprese italiane commesse da 5-10 miliardi


Roberto Bongiorni
TRIPOLI. Dal nostro inviato

IRAQ

Primo mese senzavittime Usa


Perla prima volta dallinvasione del 2003, passatoun mese, agosto, senzache leforze Usa registrassero vittimetra i proprimilitari in Iraq.Ben diversala situazione in Afghanistan, dove agosto statoil mese pi cruento per gliUsa fin dai tempi della guerrapost 11settembre: i soldati statunitensi morti sono stati 67.

TWITTER E CUBA

Castro morto ma era un virus


Sarebberoinfondate levoci chedaqualche giorno si rincorronosu Twitter, secondocui Fidel Castro sarebbein fin divita o addirittura gi morto. Allorigine diquestevoci ci sarebbeinfatti un virus informatico.Da alcuni giornisi sonomoltiplicati i messaggisu Twitter sulle precariecondizioni disalute del"lider maximo", tanto cheYoaniSanchez, la famosablogger cubana,si vistacostretta ascrivere di nonaverecertezze al riguardo.

ANNIVERSARIO
2008 2011

Andrea Pininfarina
La famiglia e lazienda lo ricordano con immutato dolore e profondo rimpianto a tutti coloro che lo hanno stimato e gli hanno voluto bene. Una Messa in Sua memoria sar celebrata mercoled 7 settembre alle ore 18,30 a Torino, Chiesa dei Santi Angeli Custodi in via Avogadro 5.

sentire i libici, che siano imprenditori, funzionari del futuro Governo, o semplici cittadini, il rapporto che lega la Libia allItalia , e rester,ancoramoltoforte.Unrapporto privilegiato, sottolineano, anchedalpuntodivistacommerciale. Ma occorre fare presto, perch la ricostruzione della Libia una grande opportunit per le imprese italiane e per leconomia del nostro Paese, che attualmentevivonounacongiunturafinanziaria sfavorevole, spiega da Roma Antonio de Capoa, presidentedellaCameradicommercioitalo-libica.LanalisidideCapoa un appello alle aziende italiane, insidiate ora dallarrivo di nuovo aggressivi competitors. di cruciale importanza spiega-cheil sistemaPaese simuova con la massima velocit allo scopodievitarecheiconcorrentioccupino degli spazi. Il Consiglio nazionale di transizione, il Governo provvisorio dellaLibialiberata, sistagimettendo in moto. I settori in cui si pu suddividere la ricostruzione della Libia, e gli appalti che ne derivano sono sostanzialmente tre: i servizi, gli appalti e le forniture da effettuare a titolo di aiuti umanitarionellambitodiprocedure adottate in via durgenza. In questo caso precisa de Capoa - sono soprattutto le forniture alimentari, medicali e tutte quelleopereindifferibilieurgenti che dovranno essere realizzate nelle prossime settimane. Come la riparazione delle fogne e degli acquedotti. Un secondo settore rappresentatodallefornitureedagli appaltida concludersi con soggetti privati.LaCirenaica,in particolare, - continua de Capoa - aveva poca presenza pubblica, ma era larea industrialmente pi sviluppata. Le imprese che hanno sofferto i danni devono quindi essere messe in condizione di ripartire. Inoltre i privati non attenderanno mesi per riparare i dannisoffertidalleproprieabita-

zioni,aziendeouffici.Inentrambii casi, ilfatto ditrovarsi nelPaese, disponibili, pronti a lavorare e comunque a offrire i propri servizi diventa fondamentale. E se si parla di procedure durgenza,nonvimaterialmente iltempo di bandire delle gare ma si procede per designazione diretta. Noi stiamo cercando di organizzare una serie di missioni di imprenditori disposti a operare immediatamente nel Paese in questi settori: edilizia, impiantistica, alimentare, mobili, arredi e forniture tecnologiche. Il terzo settore, infine, riguarda le commesse e i bandi gi indetti in passato o che dovranno

AGIRE SUBITO

C bisogno di lavori immediati per rimettere in piedi case e aziende danneggiate ma anche di interventi strutturali

c LAPAROLA CHIAVE
Sistema Paese
7 Con sistema Paese si intendono tutte le strutture - pubbliche e private - che collaborano a sostenere lattivit internazionale - dal commercio alla produzione - di un Paese garantendo la competitivit del suo sistema produttivo Contribusicono al sistema Paese le imprese, le istituzioni, politiche ed economiche, sia pubbliche che private, ma anche quelle scientifiche e culturali Il Paese ottiene vantaggi competitivi quando le strutture che compongono il sistema riescono a collaborare in maniera efficiente e determinano, insieme, strategie commerciali nazionali e internazionali

essere indetti nei prossimi mesi, o anni. Dal punto di vista dei numeriquestalapartepirilevante, ma sar anche quella in cui vi saranno il maggior numero di concorrenti. Ritengo - continua il presidente della Camera di commercio italo-libica, - che occorreranno mesi prima che le nuove istituzioni e i nuovi organismipossanomaterialmentefare ripartire le gare gi assegnate o bandirne di nuove. Ecco perch,perilsistemaimprenditorialeitalianoimportantissimo giocare un ruolo attivo fin da adesso, proponendosi e creando stabili organizzazioni, in modo da diventare pi competitivi quandosiriapririlcapitolodellassegnazione delle gare. Il parere di molti addetti del settore quasi unanime: la Libia dispone delle risorse adeguate per acquistare i beni e i servizi. Ma i principali competitors delle imprese italiane sono e saranno imprenditori turchi, tunisini, tailandesi, molto aggressivi sullepolitiche deiprezzi.Unfattore di sicuro successo precisa de Capoa - sarebbe offrire ai clienti libici modalit di pagamento diluite nel tempo (ad esempio utilizzando in via accelerata i sistemi di finanziamenti previsti da Simest con il supporto di Sace). evidente che se un imprenditore italiano offre un prodotto o un servizio con pagamento a 5 anni, a un tasso di interesse di poco pi dell1%, potr competere agevolmente con concorrenti che potranno solamenteapplicaredegli sconti, percon pagamentia brevissimo. Sono dellopinione - conclude de Capoa - che lItalia trarr solo dei vantaggi. Nel senso che non solo manterr quanto aveva gi conquistato, ma potr sia rientrare nel grande gioco delle grandi commesse (di qualsivoglia tipo), sia e soprattutto, sullimmediato, acquisire importanti fette di mercato, che si possonotranquillamente stimare in 5-10 miliardi di euro. Ed una stima prudenziale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Mondo 23
Argentina. Progetto di legge in Parlamento

Politiche monetarie. Listituto reagisce al sostanziale deterioramento delleconomia globale che potrebbe durare a lungo

Il Brasile taglia il costo del denaro


Dopo 5 rialzi da gennaio la Banca centrale abbassa i tassi di 50 punti base al 12%
Gianluca Di Donfrancesco

Kirchner: stretta sulle terre agli stranieri


Roberto Da Rin
BUENOS AIRES. Dal nostro corrispondente

Leconomia mondiale rallenta e la Banca centrale brasiliana taglia di mezzo punto i tassi dinteresse, portandoli al 12 per cento, comunque sempre tra i pi alti al mondo. Una mossa non del tutto scontata, anche se gi allinizio della settimana erano arrivate avvisaglie di uninversione di rotta, dopo i cinque rialzi consecutivi del costo del denaro da gennaio. La frenata negli Stati Uniti e nellEurozona ha convinto il Brasile a spostare lattenzione dalla lotta allinflazione alla crescita e la Borsa ha subito festeggiato, seguita dai sindacati e dagli industriali, mentre il real perde quota sul dollaro. Il Brasile diventa cos il secondo Paese del G-20, dopo la Turchia, a tagliare i tassi per proteggere leconomia. In un meeting straordinario, il 4 agosto, la Banca centrale di Ankara aveva abbassato il costo del denaro al minimo record del 5,75 per cento. E lesempio potrebbe essere presto seguito dal Messico: anche qui leconomia (e inflazione) dovrebbe crescere meno del previsto questanno. La decisione presa dal board della Banca centrale brasiliana nella notte tra mercoled e ieri non stata tuttavia unanime, due consiglieri su sette hanno votato contro, preoccupati dal costo della vita, ormai al 7,1%, ben oltre il tetto del 6,5% fissato per il 2011 e ai massimi da sei anni. Nel suo comunicato, la Banca centrale ha sottolineato che il sostanziale deterioramento delleconomia globale potrebbe durare a lungo e potrebbe frenare il commercio e i flussi dinvestimento nel Paese. Una correzione moderata dei tassi, continua la nota, non impedir di raggiungere il

target dinflazione del 4,5% lanno prossimo. Quello che i membri del board non scrivono nella nota, ma che devono aver considerato, che la frenata delleconomia mondiale raffredder le quotazioni delle commodities, uno dei principali fattori dietro la corsa dei prezzi nel Paese. La discesa dei prezzi delle materie prime, se sar consistente, sar allora un freno allinflazione molto pi efficace di qualsiasi rialzo dei tassi dinteresse. Inoltre, in una fase di potenziale riflusso degli scambi commerciali, di sicuro non aiuta avere un real pesante

SCELTA AUTONOMA?

Lopposizione accusa il Governo e il presidente di aver interferito nella decisione con gli appelli a sostenere la crescita

LAPAROLA CHIAVE
Selic

7 Il tasso Selic (Sistema especial de liquidao e custodia) il tasso dinteresse di riferimento adottato in Brasile. in sostanza lequivalente del tasso della Federal Reserve sui Federal Funds e il tasso refi della Banca centrale europea. Il taglio dal 12,5 al 12% deciso nella notte tra mercoled e ieri arrivato dopo cinque rialzi consecutivi con i quali la Banca centrale brasiliana ha aumentato il costo del denaro di 175 punti base da gennaio

e dalla fine del 2008, la moneta brasiliana stata quella che pi si apprezzata tra le divise dei Paesi emergenti. Insomma, il Brasile si reso conto in fretta che la priorit non pi quella di raffreddare leconomia, quanto piuttosto di preservarne la spinta, ora che i fattori inflattivi esogeni potrebbero esaurirsi. Del resto, i segnali sul fronte interno sono chiari: il Pil del Brasile rallenter questanno al 3,9%, dopo il 7,5% messo a segno nel 2010; la produzione industriale a luglio scesa dello 0,3% e lattivit economica, misurata ogni mese dalla Banca centrale, si contratta a giugno per la prima volta dal 2008. Il taglio dei tassi sembra addirittura coordinato con il Governo, che ha appena corretto al rialzo lobiettivo di avanzo primario dello Stato. In unintervista rilasciata alla Reuters mercoled, poche ore prima della decisione della Banca centrale, il ministro delle Finanze Guido Mantega aveva ribadito la volont di arrestare la corsa del real, assicurando che linflazione sotto controllo. Il giorno prima, il presidente Dilma Rousseff aveva commentato in unintervista alla radio le politiche di riduzione della spesa pubblica, affermando che questo apre la strada alla discesa dei tassi, necessaria per dare sostegno alla crescita. La Rousseff aveva subito puntualizzato che la Banca centrale decide in piena autonomia, ma il taglio arrivato puntualissimo, come le critiche dellopposizione a quelle che sembrano ingerenze sullindipendenza della politica monetaria. E ora in molti sono pronti a scommettere che sia cominciato un ciclo di ribassi del costo del denaro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

BLOOMBERG

SOLARE USA IN CRISI

Falliscelazienda modello di Obama

Priorit alla crescita. Il presidente del Brasile Dilma Rousseff

Inversione di rotta

on gliene va bene una, al povero Obama. Lultima il fallimento di Solyndra, unazienda che produce pannelli solari, la terza del settore a chiudere i battenti in un mese. Nulla di sorprendente, nel periodo di difficolt che gli Stati Uniti stanno vivendo. Se non fosse che quella societ ha ricevuto la bellezza di 527 milioni di dollari dal dipartimento dellEnergia, e gli sperticati elogi del presidente americano che nel maggio del 2010 and a Fremont, in California, a salutare i lavoratori - i 1.100 che hanno appena perso il posto annunciando i suoi piani per promuovere lenergia pulita. Questazienda la prova evidente dellingegno e del dinamismo americani, del fatto che continuiamo ad avere le migliori universit del mondo, le tecnologie pi avanzate, e soprattutto, i migliori lavoratori, disse Barack. Inutile descrivere il sarcasmo ma anche la furia dellopposizione repubblicana, per i soldi buttati al vento in un momento in cui il mercato mondiale del settore crollato e la concorrenza, soprattutto cinese, sembra imbattibile. Obama si accinge a fare un discorso sul rilancio delloccupazione, dopo aver ceduto al diktat repubblicano di pronunciarlo l8 settembre e non il 7, giorno di un atteso dibattito tra i candidati dellopposizione alle presidenziali del 2012. Alla vigilia di un appuntamento del genere, il caso Solyndra non ci voleva proprio. (e.d.c.)

Troppa terra agli stranieri, ora basta. Non lha detto lei, il presidente argentino Cristina Fernandez de Kirchner, ma un suo luogotente, in un tg serale. Intanto per il Parlamento avvia un dibattito sulla Ley de tierras, un disegno di legge che limita lacquisto di terra da parte degli stranieri. Il provvedimento dovr essere approvato nelle prossime settimane ma lorientamento questo: un tetto di mille ettari acquistabili da un singolo imprenditore e non pi del 20% dei terreni agricoli in mano agli stranieri. Non si toccano i diritti acquisiti. LArgentina, va ricordato, un Paese con unestensione nove volte superiore a quella dellItalia ed un grande produttore di materie prime agricole. La domanda di Cina e India sostenuta e le previsioni per i prossimi quindici anni sono di unulteriore aumento delle loro importazioni. Il Governo argentino, da alcuni anni, rilancia nomi e numeri de "Los reyes de la Patagonia", dei re della Patagonia, dei grandi proprietari terrieri stranieri. Tra questi Luciano Benetton, con i suoi 970mila ettari divisi tra le province di Santa Cruz, Chubut, Rio Negro e Neuquen. Poi gli americani: Douglas Tompkins, proprietario di 152mila ettari, Ward Lay, titolare di 80mila, Ted Turner, proprietario di 55mila. Infine un inglese, Joseph Lewis, di 18mila. Le ragioni alla base di una nuova Ley de tierras sono tre. La terra una risorsa strategica e non rinnovabile. Lavvio di una politica economica che impedisca speculazioni

internazionali. La necessit di produrre generi alimentari per la popolazione locale. Pur con qualche distinguo maggioranza e opposizione concordano nel mettere paletti agli acquisti di terre da parte degli stranieri. La questione ha un forte impatto emotivo in un elettorato che, dopo il default del 2001, si ripiegato in una forma di venerazione per la patria e diffida delle indicazioni di tutti gli organismi internazionali; in particolare di Fondo monetario e Banca Mondiale. La scelta del presidente di avviare il dibattito a meno di due mesi dalle elezioni del 23 ottobre non casuale: forse alimenta il sogno di unArgentina granaio del mondo, leader nel settore agroalimentare e agroindustriale. Un progetto gi accarezzato da Peron, che avrebbe voluto riportare il Paese alla gloria degli anni Venti, quando era tra i pi potenti del mondo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I NUMERI

20 milioni
La terra agli stranieri Nel2000,circa7milionidiettari diterraargentinaeranodi proprietdicittadinistranieri. Dopo10annisonodiventati20 milioni

1.000 ettari
Il tetto Lapropostadileggeallesamedel Parlamentofissauntettodimille ettariallaterraacquistabileda unasingolapersonastraniera.Gli stranierinonpotrannopossedere pidel20%delleterreargentine

24 Commenti e inchieste

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

DIRETTORE RESPONSABILE

Lettere
Quei guadagni di carta che illudono quando c il toro
e Borse valori, quando infuria il toro e tutto gira in un tourbillon improntato al rialzo infinito, divengono esse stesse causa di crisi delleconomia vera, quella che si realizza con il lavoro, la produzione, la distribuzione e il consumo di beni, allettando gli operatori con facili profitti di Borsa, cosa assai pi semplice e gratificante che non quella del travagliato processo aziendale. Ma ci che proviene dai mercati finanziari guadagno di carta che, concorrendo alla crisi delleconomia reale, finisce con il ripercuotersi sugli stessi mercati, quando il toro scompare, sostituito dallorso con i suoi devastanti ribassi.
Giovanni Bertei La Spezia

Roberto Napoletano VICEDIRETTORI: Edoardo De Biasi (VICARIO), Elia Zamboni, Alberto Orioli, Alessandro Plateroti, Fabrizio Forquet (redazione romana)
UFFICIO DEI CAPOREDATTORI CENTRALI: Capo:Marina Macelloni Vice: Alberto Trevissoi Integrazione quotidiano-online: Mauro Meazza Informazione normativa e Luned: Salvatore Padula Ufficio centrale: Massimo Esposti, Federico Momoli,

Le lettere vanno inviate a: Il Sole-24 Ore Lettere al Sole-24 Ore - Via Monte Rosa, 91 20149 Milano - fax 02.312055 email: letterealsole@ilsole24ore.com Includere per favore nome, indirizzo e qualifica

DALLAPRIMA

Guido Palmieri, Giorgio Santilli, Alfredo Sessa


Segretario di redazione: Marco Mariani ART DIRECTOR: Francesco Narracci RESPONSABILI DI SETTORE: Daniele Bellasio, Luca

Benecchi, Paola Bottelli, Enrico Brivio, Jean Marie Del Bo, Francesco Gaeta, Attilio Geroni, Laura La Posta, Walter Mariotti, Christian Martino, Armando Massarenti, Lello Naso, Antonio Quaglio, Fernanda Roggero

sortirebberolunicoeffettodirendere ancorapiiniquoilsistemaprevidenziale. Lasoluzionepiequaelinearesarebbe lestensionedelmetodocontributivo: ognunoriceveinbaseaicontributiversatie allasperanzadivitaresiduaallattodel pensionamento.Ilsistemaprevidenziale sarebbeinequilibrio,cisarebbeflessibilit inuscitamaicontribuentinonsarebbero pichiamatiasovvenzionareiritiri anticipati.Unbelpassoavanti,sesipensa chebuonapartedeicontribuenti(ipi giovaniparticolarmente),nonavrannomai accessoaglistessiprivilegicuisonooggi tenutiacontribuire.
Nicola Contadino Pescara

I due errori di un decreto realizzato sotto stress


di Alessandro Leipold
el contempo, il ruolo dacquisto di titoli previsto da parte del fondo Efsf ancora lontano nel tempo, dovendo superare ardui passaggi parlamentari in vari Paesi membri e anche quando arriver sar certamente meno flessibile dellazione della Bce. Per non parlare degli eurobond, auspicati nel Manifesto del Sole 24 Ore e da molti altri (si veda la proposta Prodi-Quadrio Curzio su questo giornale il 23 agosto), ma che sono ancora pi lontani nellorizzonte del fattibile politico europeo. Dobbiamo quindi reggersi interamente sulle nostre gambe, dimostrando un impegno daggiustamento ferreo, se vogliamo sperare di riportare i tassi dei titoli pubblici a un livello sostenibile. Secondo, questo rientro pu essere solo assicurato da una manovra con piena copertura. Inutile continuare a invocare i "saldi invariati" quando, a ogni pi sospinto, si rimpiazzano misure con un gettito almeno ragionevolmente stimabile con un vago impegno di rafforzata "lotta allevasione". AllFmi, la pratica frutto di unesperienza internazionale pluriennale di scontare pesantemente (preferibilmente azzerandola) ogni stima di gettito derivante da tale (eterna) lotta avanzata dai Governi, anche da quelli con un track record pi solido del nostro, dedito a condoni e amnistie. Stupisce in particolare laffidamento che pare si voglia dare al ritorno delle "manette agli evasori", e cio la vecchia legge 516 del 1982, che di manette in realt ne ha fatte scattare ben poche, finendo invece per intasare le Procure con migliaia di procedimenti, destinati a cadere in prescrizione uno dopo laltro. La 516 (o legge Formica) fu infatti mandata in pensione nel 2010. Detto questo, vi certo moltissimo da fare per ridurre levasione in Italia, ma non si quantifichi alcunch come parte di una manovra che voglia essere credibile. Terzo, si ricordi che questa danza sullorlo del precipizio sta avvenendo in un quadro congiunturale gravemente deteriorato. Secondo le indiscrezioni Ansa sulla bozza dellultimo World Economic Outlook, lFmi ha sforbiciato notevolmente le sue previsioni di crescita per il 2011-12. Ancora una volta, lItalia relegata alla posizione di fanalino di coda, con un anemico tasso di crescita medio dello 0,75% nei due anni, sotto la met di quello della zona euro e meno di un terzo di quello tedesco. Questo confronto poco lusinghiero sussiste da anni. Eppure nella manovra non vi traccia di ricette per la crescita, delle growth-enhancing measures auspicate dalla lettera Trichet-Draghi. Da qui anche la continua diffidenza dei mercati e, se persiste, il probabile venir meno del sostegno della Bce. Purtroppo si fatica ormai a vedere, nel desolante dibattito politico attuale, una via duscita virtuosa. Assai lontano appare il metodo della coesione auspicato dal presidente Napolitano e da questo giornale. Quando tale metodo non prevale nemmeno allinterno della maggioranza, con pasticciati compromessi tra veti incrociati, difficile che possa poi unire Governo e opposizione in uno sforzo bipartisan a sostegno del disegno nazionale richiesto dallemergenza attuale. Senza correzione di rotta, il peggio tuttaltro che impensabile: che cio lItalia si ritrovi a far parte di un nucleo di Paesi periferici che molti analisti ormai ritengono incapaci di far parte dellUnione monetaria europea su base duratura. Lo stupore allibito e lallarme sorgono dal fatto che di questo pericolo anche se si spera sia ancora rimosso nel tempo sembra non vi sia nel mondo politico alcuna coscienza. Noi ostinatamente non ci rassegniamo a questo preoccupante stato di fatto.

PROPRIETARIO ED EDITORE: Il Sole 24 Ore S.p.A. PRESIDENTE: Giancarlo Cerutti AMMINISTRATORE DELEGATO: Donatella Treu

Copiamo Berlino
Incliccagione Domenico Rosa
Ilverotablariformaprevidenziale, (premetto:nonsonopensionato)anchesela Legaealcuniministrialleatisiostinanoa sostenere,perragionidiconsensoelettorale, cheilsistemainequilibrio,idatidiconoil contrario.IlnostroPaeselunicoa spenderecircail15%delproprioPilpertale vocecontrounamediadell11%;inmolti Paesiemergenti,nostricompetitorinoltre,il datoquasinullo.Proporreiun innalzamentoa67annipertuttientroil 2020peravereunaquescienzapidignitosa episicura.Iltassodioccupazionedella popolazionechevadai15ai67anninei Paesinordici,compresalaGermania,di oltreil65%mentreinItalianonsiarrivaal 55percento.Alloraleggendache pensionareinanticipoilgenitoresicrea spazioperloccupazionegiovanile.In Germania,nostroprimomercatodisbocco, illimitedetpialtodelnostrohacreato menolassismoepisviluppoperlanazione intera.Copiamo.
Lettera firmata

Il decoro violato e lo scatto che manca


POLITICA E GIUSTIZIA
o stillicidio di notizie provenienti dalle Procure della Repubblica ormai un rumore di fondo della politica edelle istituzioni. Ieri larresto del faccendiere GiampieroTarantiniedellamogliedispostodaimagistratidiNapoli per estorsione nei confronti del presidente del ConsiglionellambitodellinchiestasulleescortaPalazzoGrazioli.Da giorni,dalla Procura diMonza arrivano notizieche se confermate aggraverebberola posizione dellex capo della segreteria politica del Pd ed ex presidente della provincia di Milano Filippo Penati, accusato di essere il perno di una collazione di tangenti per larea ex Falck di Sesto San Giovanni. Tra Roma e Napoli ancora accuse nei confronti di MarcoMilanese,exconsulentedelministroTremonti,che avrebbe, sempre secondo i pm, vuotato le cassette di sicurezza contenenti documenti compromettenti. Ogni giorno, pietra su pietra, tra scandali veri e presunti, turpiloqui "rubati" epubbliche gaffe,si alza damesi e mesi un muro di degrado delle istituzioni che mette a durissima prova il lorodecoro eminala tenutaciviledel Paese.Nelmomentoin cui si discute una manovra di fondamentale importanza, il Paese avrebbe bisogno della coesione invocata dal presidentedellaRepubblicaediunoscattodorgogliodellapoliticae, pidiffusamente,della suaintera classedirigente. La quasi assuefazione con cui ormai si accolgono scandali e avvisi di reati tuttaltro che un segnale incoraggiante.

Diritto tributario, che babele


Tuttioggisiscaglianocontroglievasori fiscali,apartiredaivarileaderdeipartiti. Macomemaioltreil50%delleloro prebendesonoesentidaimposte (rigorosamenteperlegge)mentreperi comunimortaliquestononsuccede?Ecco alcunipuntidaaffrontaresubito:dare certezzaaldirittotributario,conleggicerte esenzapossibilitdiequivoci nellinterpretazioneenellaapplicazione; consentireladeduzioneintegraledituttii costisostenutidalleimprese,senza riduzioniesoloperinerenza.Probabilmente glievasorioipresuntitalisiridurrebbero

notevolmente.Unsemplicecontrollo sullammontaredellimponibile ante-imposteesulleimpostepagatedalle impreseportaaunaliquotaapplicatache oscilladal60al90percento.Nonal35%in lineacolrestodellEuropa.Chiloafferma mentespudoratamenteopiopportuno checambimestiere.Facciafareicontisui bilancipubblicatiesivedr.


Stefano Meliconi Bologna

secondadeiredditipropridiognititolare.In questomodoilrisparmioimmediatoe vienegarantitounequotrattamentoatutti. Lamanovrahanecessitdiprovvedimenti cheproduconoilloroeffettoimmediatoe noninprossimofuturoi.


Fiore Guarriello Ferentino (Fr)

Contributivo per tutti


Daifruttiriconosceretelalbero.Chiamata afronteggiareunagravecrisi internazionalechesinnestasuannosi problemiirrisoltidelPaese,laclasse dirigenteprocedeatentoniproponendo soluzioniestemporanee,frettolosamente ritrattatesottolapressionedicapitaliin fugadalrischio.Lesempiodellepensionia riguardoemblematico:interventi stravagantiecontortiche,seapplicati,

Risparmi subito
Comeridurreicostidellapolitica? Sospendere(enoneliminareotagliare) indennit,contributi,gettonivariealtro corrispostidalloStatoperlecaricheelettive finoalterminedellacrisi.Lapercentuale dellasospensionepotrebbevariaredaun minimodel50%aunmassimodel100%a

I BASTIONI DI ORIONE Daniele Lepido

BACKSTAGE Paola Bottelli


Moda: aziende micro e mini da far diventare terziste dei big Pu diventare un progetto di politica industriale fondamentale per lo sviluppo del nostro Paese

DANTON Daniele Bellasio


C unEuropa che cresce tra il 4 e il 6% lanno Estonia, Lituania e Lettonia prime della classe: il loro Pil dovrebbe crescere nel 2011 del 6,7, del 6,3 e del 4,2%

I DIBATTITI SUI BLOG DEL SOLE 24 ORE www.ilsole24ore.com

Banda larga, mini-dizionario per capire i nuovi cellulari Nellasta sulle frequenze 4G, un lotto a 800 Mhz costa (minimo) 353 milioni, contro i 30 milioni dei 2.600 Mhz. Ecco perch

MERCATI E FINANZA

Campioni isolati nellItalia che arranca Natura e psiche: la propensione al rischio crolla con lincertezza
START-UPEPMIAIVERTICIMONDIALI
gniannoilWorldEconomicForumselezionaunnumero ristretto di startup a livello mondiale. Le migliori, le pi innovative e "realistiche", nel senso di capacitdistaresulmercato.Peril2012,traquesti25"pionieri della tecnologia" c anche unitaliana: la Electro Power Systems di Torino, capace di realizzare e vendere un sistemaunicodi produzione di energiadallidrogeno.Questanno crescer del 300 per cento. Ma non tutto positivo in questa storia. Perch la start-up appartiene allo stesso Paese, lItalia, che nel Global Innovation Index compare al 35 posto su 125 nazioni. Non proprio una posizione di vertice. un Paese a duefacce. Che, per esempio, arretrapi di tutti nellEurozona, stando allindice Pmi. Ma poi ha aziende come la Tecniplast di Buguggiate che esporta quasi il 100% della produzione e ha tra i propri clienti i laboratori di HarvardedellIstitutoMaxPlank.InItalianonmancanointelligenze e capacit dintraprendere, e di competere. Ad essere assente, quasi sempre, un contorno di sistema in grado di sostenere, accompagnare, far emergere e, soprattutto, rendere meno sporadiche queste storie di successo.

La paura? Spinge ai titoli di Stato


di Luigi Guiso

La mossa coraggiosa della Banca brasiliana


TASSIGIDI50PUNTIBASE

a crescita sperata non ci sar, anzi. Linflazione resta alta,manonpilapriorit.Alcontrario,unamonetatroppo forte mette in difficolt le imprese che esportano, in un momento dincerta tenuta degli scambi internazionali. Una minaccia potenziale per loccupazione. Che pu fare una Bancacentrale quandoloscenario macroeconomicodatoper certo si rovescia? Se la banca in questione quella brasiliana, la risposta : invertire la rotta e tagliare i tassi. Dopo cinque aumenti del costo del denaro da gennaio, nella notte tra mercoled e ieri, la Banca centrale ha abbassato i tassi di 50 punti base, portandoli al 12 per cento. Una mossa coraggiosa: con reattivit,listituto metteda parte la lotta allinflazione(peraltro non proprio vincente, i prezzi sono al 7,1%) e converte la sua politica monetaria al sostegno delleconomia, che nel 2011 crescer forse del 3,9%, ben sotto le previsioni e dopo un 2010 chiuso con unespansione del 7,5 per cento. Una mossa coraggiosaperchloscenariomacroeconomicopotrebbecambiareancora,maceranomarginiperfarla:itassiinBrasilerestano tra i pi alti al mondo e di 5 punti superiori allinflazione, negliUsaenellEurozonasonopibassidellindice deiprezzi.

ella Smorfia (il libro dei sogni) alla paura associato il numero 90 e indica che sotto il suo stimolosipossonofarecosealtrimenti impensabili. questa emozione che sembra guidare in questi giorni le sceltefinanziarie dei risparmiatori.In finanza, invece, non c spazio per le emozioni: la decisione di una persona su come investire i propri risparmi governata dalle sue aspettative sui rendimenti relativi delle attivit finanziarie, la loro rischiosit e la capacit di una persona di tollerare il rischio. Questultimo parametro viene preso come un tratto della persona, una sua preferenza, talvolta dipendente dal livello della ricchezza o dallambiente in cui linvestitore opera - ad esempio se vive in un ambiente rischioso o se il reddito del suo lavoro molto incerto -, ma in genere relativamente stabile e mai influenzato dal mutevole stato psicologico dellinvestitore. Perch allora in questi giorni la paura sembra irrompere cos forte nei pensieri degli investitori? forse perch la paura induce pessimismo portando gli investitori a rivedere eccessivamente al ribasso i rendimenti delle azioni? O perch ne amplifica irrazionalmente la rischiosit percepita? Oppure perch, a dispetto di quanto ipotizzato dalla teoria finanziaria, la tolleranza del rischio ha una componente emotiva che risponde alla paura? Distinguere tra queste alternative cruciale. Se una accresciuta avversione al rischio fosse il riflesso di una ricchezza diminuita o di un ambiente diventato pirischioso,giustamentequestoporterebbe a scelte finanziare pi prudenti: perchaddossarsiancherischifinanziari se diventato pi probabile perdere il lavoroosperimentareun calodelreddito? Se invece laccresciuta avversione al rischiorifletteunapauraemotiva,linvestitorepotrebbefarescelte cheinsuaassenzaaltrimentinon farebbeedicui forse potrebbe pentirsi successivamente, quando, rientrata lemotivit, rientra con essa paura e prudenza.

Un numero crescente di studi sostiene che la propensione delle persone nei confronti del rischio ha una base neurologica e questa sarebbe direttamente legata alla paura. Benedetto De Martino, ColinCamerereRalphAdolphsinun recente lavoro pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Science trovano che pazienti con una lesione allamigdala tendono a preferire prospetti pi rischiosi rispetto a persone prive di lesioni. Lamigdala a sua volta quella parte del cervello localizzata nella parte profonda oltre il lobo mediale frontaleeavrebbeunruoloprimarionellaconservazionedellamemoriaassociataastatiemotiviequindi nellaformazione delle emozioni, la paura in particolare. Altri ricercatori hanno trovato che lattivazione di parti del cervello asso-

ciateconleemozioniinduconovariazioninellavversioneper ilrischio:emozioni positive, come la presentazione primadi unasceltafinanziaria di fotoerotiche a uomini eterosessuali li porta a fare investimenti pi rischiosi; lopposto se si viene esposti a emozioni negative, comead esempio lavisionedi cibomarcio. Puquestospiegare la domanda di sicurezza che osserviamo durante il colpodicoda della crisiche viviamoin questi giorni? Per rispondere a questa domanda in un nostro lavoro con Luigi Zingales e Paola Sapienza abbiamo misurato le preferenze per il rischio di un campione dinvestitori italiani nel 2007, prima della crisi, e nel giugno del 2009,dopo il tracollo finanziario ma nel pieno della crisi. Ebbene, i nostri investitori sono diventati marcatamente

Al via i restauri

REUTERS

LaCattedrale diWashingtondopoil sisma


Alcuni operai al lavoro per riparare i danni causati alla National Cathedral di Washington dalla scossa di terremoto che ha colpito lEst degli Stati Uniti lo scorso 23 agosto: la forte intensit del sisma (magnitudo 5,9) aveva fatto temere in un primo momento il peggio, ma a un esame approfondito i danneggiamenti si sono rivelati di lieve entit.

pi avversi al rischio; la loro avversione diventata cos elevata che dopo la crisi sarebbero disposti per assicurarsi controun rischio di una dataentit a pagare un premio mediamente 2,5 volte pigrande di quanto non sarebbero stati disposti prima della crisi. Questo contribuisce a spiegare il successo dei prodotti assicurativi e la forte domanda di titoli del debito pubblico. Manessunodeifattorichevengonocitati nella teoria finanziaria spiega questo drammatico aumento dellavversione per il rischio. Questultima infatti aumentata anche tra le persone la cui ricchezza cresciuta durante la crisi, tra quelle che non avevano investimenti nel mercato azionario e quindi non hannosubtoperditedivalore,etralepersone che non hanno perso il lavoro e il cui reddito non soggetto a fluttuazioni significative come i dipendenti pubblici. Gisappiamocheunareazioneemotivapucausaremutamentinellavversione al rischio, ma pu la paura spiegare una variazione di entit cos elevata come quella che abbiamo osservato? Un esperimento condotto su un campione di studenti dellUniversit di Northwestern dice di s. Per indurre paura, a met del campione stato fatto vedere un estratto di 5 minuti dal film horror di Eli Roth Hostel - miglior film del genere nel 2007 - che mostra una scena cruenta di torturainunoscantinatobuio.Successivamente a tutti i partecipanti stata misurata lavversione al rischio nello stesso modo con cui labbiamo misurata al campione dinvestitori italiani. Lavversione al rischio di quelli sottoposti al trattamento del film risultata di 1,26 voltepi elevata di quellichenonhanno visto il film, un effetto non trascurabile. Maleffetto ancorapiforte - 1,6volte se si escludono quelli a cui i film horror piacciono e che verosimilmente non provanotroppapauranelguardarli.Leffetto sostanziale ma non esattamente grandequantoquellomisurato tragliinvestitori. Si vorr per concedere che una crisi finanziaria ragionevolmente uneventochesegnaemotivamentemolto pi di un film horror di 5 minuti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

alessandro.leipold@lisbouncouncil.net
RIPRODUZIONE RISERVATA

PROPRIETARIO ED EDITORE: Il Sole 24 ORE S.p.A. SEDE LEGALE - DIREZIONE E REDAZIONE via Monte Rosa 91, 20149 Milano Tel. 023022.1 - Fax 0243510862 AMMINISTRAZIONE: via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano REDAZIONE DI ROMA: Piazza dellIndipendenza 23b/c, 00185 - Tel. 063022.1 Fax 063022.6390 e-mail: letterealsole@ilsole24ore.com PUBBLICIT: Il Sole 24 ORE S.p.A. - SYSTEM DIRETTORE GENERALE: Gianni Vallardi DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE: via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano Tel.023022.1-Fax0230223214-e-mail:segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com

Copyright Il Sole 24 ORE S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano puessereriprodottacon mezzigrafici omeccanici qualila fotoriproduzione e la registrazione.
Ilresponsabiledeltrattamentodeidati raccoltiin banchedati diusoredazionale il direttore responsabile a cui, presso il Servizio Cortesia, presso Progetto Lavoro, via Lario, 16 - 20159 Milano, tel. (02 o 06) 3022.2888, fax (02 o 06) 3022.2519, ci si pu rivolgere per i diritti previsti dal D.Lgs. 196/03. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono.

MODALIT DI ABBONAMENTO AL QUOTIDIANO: Prezzo di copertina: 1,50 (il venerd 1,50 con i magazine "IL - Intelligence in Lifestyle" e "Ventiquattro" in abbinata obbligatoria quando previsti). Abbonamento Italia 359 numeri: 430,00 (sconto 20% sul prezzo di copertina) + 19,90 per contributo spese di spedizione se consegna postale. L'Abbonamento Italia con consegna postale NON comprende i magazine "IL Intelligence in Lifestyle" e "Ventiquattro". L'Abbonamento estero Europa al solo quotidiano (posta aerea) 12 mesi: 710. L'Abbonamento estero, nel resto del mondo, al solo quotidiano (posta aerea) 12 mesi: 942. Per sottoscrivere l'abbonamento sufficiente inoltrare la richiesta VIA FAX al N. 0266814296, oppure per posta a Il Sole 24 ORE S.p.A. - Servizio Abbonamenti - Casella Postale 10592 - 20111 Milano, indicando: NOME / COGNOME / AZIENDA / VIA / NUMERO CIVICO / C.A.P.

/LOCALIT / TELEFONO e FAX, oppure via Internet: www.ilsole24ore.com/abbonamenti. Non inviare denaro. I nuovi abbonati riceveranno un apposito bollettino postale gi intestato per eseguire il pagamento. La sottoscrizione dell'abbonamento d diritto a ricevere offerte di prodotti e servizi del Gruppo Il Sole 24 ORE S.p.A. Potr rinunciare a tale diritto rivolgendosi al Database Marketing de Il Sole 24 ORE. Informativa ex D.Lgs. n. 196/03 - Il Sole 24 ORE S.p.A. Titolare del trattamento tratta i dati personali liberamente conferiti per fornire i servizi indicati. Per i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. n. 196/03 e per l'elenco di tutti i Responsabili del trattamento rivologersi al Responsabile del trattamento, che il Direttore Generale dellArea Editrice presso Il Sole 24 ORE S.p.A. - Database Marketing, Via Carlo Pisacane 1 20016 Pero (MI). I dati potranno essere trattati da incaricati preposti

agli abbonamenti, al marketing, all'amministrazione e potranno essere comunicati alle societ del Gruppo per le medesime finalit della raccolta e a societ esterne per la spedizione del quotidiano e per l'invio di materiale promozionale. SERVIZIO ABBONAMENTI: Con Operatore: Tel. 0266814472 - Fax 0266814296 - Da luned al venerd, orario: 8.30 - 18.00. SERVIZIO ARRETRATI PER I NON ABBONATI: Inoltrare richiesta scritta via posta a: Il Sole 24 ORE S.p.A., Servizio Cortesia, presso Progetto Lavoro, via Lario, 16 - 20159 Milano, (Tel. 02 o 06 3022.2888) allegando la fotocopia della ricevuta di versamento sul c.c.p. 519272 intestato a Il Sole 24 ORE S.p.A. Oppure via fax al n. 02 o 06 3022.2519. Il costo di una copia arretrata pari al doppio del prezzo di copertina del giorno richiesto.

STAMPATORI: Il Sole 24 ORE S.p.A., via Busto Arsizio 36, 20151 Milano e Via Tiburtina Valeria, Km 68,700, Carsoli 67061 (AQ) - Societ Edit. "Arena" S.p.A. via Torricelli 14, 37060 Caselledi Sommacampagna, (VR)- Etis 2000S.p.A., 8 strada,29 zona industriale,95100(CT)-PoligraficoSannioS.r.l.C.daTorrepalazzo,zonaindustriale82030Torrecuso (BN) -Stampa quotidianaS.r.l., via GalileoGalilei 280/A,localit Fossatone, 40059 Medicina (BO)- L'Unione Editoriale S.p.A., via Omodeo s/n, 09030 Elmas (CA) - B.E.A. PrintingBVBA,Maanstraat13Unit 17-18(Bedrijvenpark),2800Mechelen (Belgium). DISTRIBUZIONE ITALIA: m-dis Distribuzione Media S.p.A., Via Cazzaniga 1 20132 Milano, Tel. 02-2582.1 Certificato Ads n. 6611 del 10/12/2008 Registrazione Tribunale di Milano n. 322 del 28-11-1965 La tiratura del Sole 24 Ore di oggi 2 settembre stata di 307.643 copie

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Commenti e inchieste 25
Da Berlino. Angela Merkel, a colloquio col premier portoghese Pedro Passos Coelho (nella foto), ha detto: Eurobond risposta sbagliata alla crisi delleuro

La crisi delleuro
LA PROPOSTA PRODI-QUADRIO CURZIO

Il modello Ferguson. Un assetto solido del continente esige capacit progettuale e il dispiegarsi di azioni graduali e incisive
LE INIZIATIVE
Dal manifesto del Sole La proposta del 23 agosto

I due lati che ancora mancano


Il quadrilatero Ue si basa su Parlamento e Bce: da costruire fiscalit e debito
di Giuseppe Berta

a questione degli eurobond continua a ruotare attorno al problema del consenso delle nazioni pi forti dEuropa, che dovrebbero garantirli. Latteggiamento prevalente,che sivorrebbeimprontato alrealismo, quello di sostenere che la loro realizzazione non attuale, come ha fatto ieri anche il premier del Portogallo incontrando la cancelliera Merkel. Dopo aver avvalorato la posizione tedesca, Pedro Passos Coelho haaggiuntochela viamaestra quelladiprocedere speditamentenelprocesso dintegrazione europea. Ora, sarebbe fin troppo facile obiettare che gli eurobond sono un passo fondamentale nel-

A SOSTEGNO DELLEUROPA

Nella congiuntura attuale gli eurobond rischiano di non essere efficaci a meno che non si proceda subito a scelte radicali per lUnione
la direzione dellunit europea. Ma un passo cheoggisiriluttaacompiere.Secondolopinione predominante, a impedirlo la condizione squilibrata dei debiti sovrani dei Paesi dellUnione, che rende questa mossa avventataagliocchidellelettoratodellenazionipiricche, quelle che sarebbero naturalmente candidate a fungereda garanti degli eurobond. Manca dunque il consenso politico per procedere in una direzione che sarebbe sostanziale per il futuro assetto europeo. Limpressione che, nellecondizioni presenti,nonsintendaandare nella direzione di costituire il debito pubblico europeo.A menoche,sisoggiunge talvoltasottovoce, si presentino rischi tali per la moneta unicaeuropeadaindurreaprendereinconsiderazionesoluzionichefinquisonostatescartate o, quanto meno, allontanate perch giudicate premature. Lurgenza dettata da una congiuntura eccezionale non rappresenterebbe il modo miglio-

re per lavvio del debito pubblico europeo. La delicata costruzione continentale si sarebbe dovuta,inrealt,reggeresuuncomplessoequilibriotraeconomiaepoliticachenonsiverificato.DaMaastrichtinpoisubentratounostallo, che se ha reso in apparenza dominanti le ragioni delleconomia, ha invece oscurato quelle della politica. Al punto che sembra essersene persa la traccia. Eppure,fino allanascitadella monetaunica, erachiarocheildisegnodelluniteuropea doveva svolgersi lungo un duplice binario, con uno sviluppo in parallelo del processo economico e di quello politico. Del resto, proprio questo asse ha costituito - come ha scritto Niall Ferguson in un libro molto noto (The Cash Nexus, trad. it. Soldi e potere nel mondo moderno 1700-2000, Ponte alle Grazie, 2001) la"doppia elica" a cui lOccidente debitore in maniera determinante per il proprio sviluppo. Quandosivarleuro,questalezione eraancora presente; in seguito,essa andata semplicemente smarrita, come se la moneta unica potessevivereinunvuotoistituzionale,cheandava invece progressivamente colmato. Ferguson ha incisivamente parlato di un "quadrilatero del potere" che alla base del sistema occidentale: i suoi quattro angoli sono formati da istituzioni fondamentali che si rafforzano a vicenda. Sono il Parlamento, la Banca centrale, lorganizzazione fiscale e il debito pubblico. Nella ricostruzione dello storico scozzese, si tratta di quattro istituzioni regolatrici, che si affermano in parallelo ed emergono alla piena configurazione nella Gran Bretagna moderna. Lascesa economica e politica di questultima legata allavvento di tale assetto istituzionale,chein seguitoverr adottato dallealtrenazionidesiderosediemulareilsuccesso inglese. Il Parlamento e la struttura amministrativa della fiscalit, fondata su una burocrazia indipendente,permettonoilcontrollodellerisorse, che prepara una gestione dinamica del debito sovranoelagaranziaoffertadallaBancacentralecircalemissioneelacircolazionedellamoneta. la specializzazione di queste funzioni e la loro interdipendenza ad assicurare regole pubbliche chefavoriscano losviluppo.

CORBIS

Nellesperienza della costruzione europea sintravede certamente un abbozzo di profilo istituzionale che rinvia a questo modello storico.Allostatoattuale, per,essorimaneterribilmentemonco.Deiquattropilastridel"quadrilaterodelpotere"indicatidaFerguson,nellUnione europea di oggi se ne scorgono a malapena un paio: la Banca centrale e il Parlamento, con poteripergrandementeinsufficienti.Dellealtredueistituzioni,unautonomastrutturafiscale e un debito pubblico continentale, non esiste nemmeno lombra. Ed impensabile che ad essi si possa arrivare solo sotto lurto dellemergenza. Un assetto solido esige unattentissima capacit progettuale e realizzativa e unazione in grado didispiegarsi con gradualit eincisivit. Nulla che possano consentire le condizioni delnostro turbolento presente. Bisognerebbechiedersichecosa abbiaalterato lunificazione europea, inducendo nella suacostituzionelecausedimalessereche stiamo scontando. C stato un tempo in cui lapprodo a unEuropa unita, pur faticoso, veniva complessivamente accettato. Si tratta dellepoca che Maastricht conclude, senza aprirne una nuova. Non a caso, coincide con let in cui lEuropa occidentale appariva pi omogenea, resa tale anche dalla contrapposizione col blocco dellEst. Quando il quadro si dissolto,venutameno lacapacitdintervenire sul disegno europeo per innovarlo, adattandolo alla nuova realt. Si creduto, semmai, che fosse possibile risolvere tutto con un allargamento della Ue, senza interrogarsi sulle sue fondamenta da ricostruire. Ha preso il sopravvento una visione esclusivamente economica, che ha dissolto in pratica lasse della politica, oggi ridotto al silenzio sulle grandi prospettive continentali. Gli eurobond rinviano quindi, loro malgrado, a nodi insoluti, rimossi troppo a lungo per poter essere affrontati in una congiuntura di drammatica confusione come lattuale. Temo che non serviranno proposte, pur generose, per fare diessi uno strumento pi accettabile e meno subordinato a scelte radicali, se permarr lassordante silenzio sul futuro dellEuropa.
berta@unibocconi.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

LEuropa adotti eurobond (titoli di debito europeo) per sostenere i Paesi in crisi, evitando linnalzamento nellarea euro dei tassi e garantendo la possibilit ai Paesi membri di finanziarsi a costi accettabili. LEfsf (ma si possono immaginare emittenti quali Bei o Esm) potrebbe collocare bond fino a 2.000 miliardi (dagli attuali 225) con garanzie per 3.500 miliardi. Questa raccolta potrebbe servire a sostenere investimenti in infrastrutture con ricadute importanti pure per lItalia

p Romano Prodi e Alberto Quadrio Curzio hanno proposto sul Sole 24 Ore di marted 23 agosto la creazione degli EuroUnionBond, emessi dal Fondo finanziario europeo (Ffe). Il capitale dovrebbe essere costituito dalle riserve auree dei Paesi, da obbligazioni e azioni di societ pubbliche. Con mille miliardi di capitale lFfe potrebbe fare una emissione di 3mila miliardi.

Il dibattito

La crescita
Variazione in % sullanno precedente
Italia Area euro

1,3
2010

1,8 1,0 1,6 1,3 1,8


Fonte: Eurostat

2011*

2012*
* stime

p Il 24 agosto, un s bipartisan dai politici italiani allEub. Il 25 agosto il consenso di Sergio Marchionne e Francesco Caselli. Sul giornale del 26 agosto, le critiche di Roberto Perotti e Luigi Zingales: chi paga il conto per i pi deboli? Sul Sole 24 Ore del 27 agosto, lok agli Eub dal Nobel Mundell; il 28 agosto il giudizio di Tremonti; il 30 agosto lanalisi di Gianni Toniolo, il 1 settembre il commento di Mauro Baranzini e ieri di Giorgio Barba Navaretti (sopra).

26

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Politica e societ 27
Le reazioni. Resto per cambiare il Paese

Linchiesta di Napoli. I magistrati: soldi allimprenditore per evitare imbarazzi sulle escort - Irreperibile Lavitola: Non sono latitante

Ricatti al premier, arrestato Tarantini


I due nelle intercettazioni: Lo teniamo sulla corda - E lui: Paese di m..., me ne vado
Simone Di Meo
NAPOLI

Berlusconi: dai Pm fantasie, ho solo aiutato una famiglia


ROMA

Hanno ricattato il presidente del Consiglio per ottenere contanti e benefit per almeno 500mila euro. Lo hanno tenuto con le spalle al muro, sotto la minaccia di cambiare la strategiaprocessualeediparlareintribunale, a Bari, dei suoi incontri con Patrizia DAddario e le escort a Palazzo Grazioli e, dunque,facendolevasullimmaginabile danno mediatico che ne sarebbe seguito. Con laccusa di estorsione,sonostatiarrestatiierimattinalimprenditorepuglieseGianpaoloTarantiniesuamoglie Angela Devenuto, mentre leditore-direttore del quotidiano "LAvanti", Valter Lavitola, latitante. Linchiesta, condotta daipmnapoletaniPiscitelli,Woodcock,CurcioeGreco enatada unaprecedenteattivitdiindaginesu alcunenon megliodefiniteattivitdiconsulenzadiLavitola con le societ del gruppo Finmeccanica Augusta, Selex e Telespazio Brasile, conta altri due indagati (il braccio destro di Lavitola, Fabio Sansivieri, e suo cuginoAntonio Lavitola)esibasaquasiesclusivamentesuintercettazioni telefoniche, anche su utenze straniere, alcune delle quali utilizzate dallo stesso premier su richiesta di Lavitola. Agli atti, c anche una telefonata tra Silvio Berlusconi e il giornalista in cui il presidente del Consiglio si sfoga cos: Anche di questo dice Berlusconi, a proposito della P4 non me ne pu importare di meno... perch iosonocos trasparente,cos pulito nelle mie cose che non c' nulla che mi possa dare fastidio, capito? io sono uno... che non fa niente che possa essere assunto come notizia di reato, quindi io sono assolutamente tranquillo, a me possono dire che scopo, lunica cosa che possono dire di me,chiaro? Quindimi mettono lespiedovevogliono,micontrollano le telefonate,non me ne fot-

te niente io tra qualche mese me ne vado per i cazzi miei, da unaltra parte e quindi vado via da questo paese di merda di cui sono nauseato punto e basta. Un giudizio tranchant cui segue un altro sfogo, a proposito del maxi-risarcimento da 500 milioni di euro alla Cir di De Benedetti: Una rapina basata su due giudici talebani di sinistra... hanno mandato in fumo 25 anni dilavoro...e delsuo sottosegretario: Letta la persona pi pulita e pi onesta del mondo e

FLUSSO DA 500MILA EURO

Dal presidente del Consiglio 20mila euro mensili in forma occulta tramite il direttore dellAvanti, che ha per trattenuto 400mila euro
LA MINACCIA

Alluomo daffari denaro per non cambiare strategia nel processo a Bari in cui accusato di aver reclutato prostitute per il Cavaliere
quindi io non ho nessun timore di nulla che riguardi Letta. Nelle conversazioni spiate, alcune delle quali con la storica segretaria del Cavaliere, Marinella Brambilla, Lavitola utilizza parole cifrate per riferirsi ai soldi da girare ai Tarantini ("foto"), indice scrive il gip delle modalit dissimulate o comunque non trasparenti delle operazioni. Nellordinanza sono citate, tralealtre,ancheleconversazioni del direttore dellAvanti con PaoloPozzessere,direttorecommerciale della Finmeccanica e di questultimo con Debbie Castaneda, modella colombiana ed "amica" di Berlusconi, oppure quella con taleRoberto Guercio, nel corso della quale questulti-

moglichiedediattivarsiconBerlusconiperuninterventosulpresidente albanese Berisha. Dalle indagini, inoltre emerso che della somma di 500mila euro, pervenuta solo per 100mila euro nelleffettiva disponibilit dei coniugi Tarantini essendosi Lavitola appropriato delle somme restanti (destinate a proprie iniziative economiche) e avendo taciuto a Tarantiniil ricevimento dellintera sommaallostessopromessa.Circostanza poi riferita a Tarantini dal suo avvocato, che lavrebbe appreso a sua volta, dallavvocato NiccolGhedini.Inseguitoatalerivelazione,Tarantiniavrebbe chiesto conto a Lavitola, il quale a sua volta gli avrebbe riferito di avere di fatto accantonato la somma su un conto chiuso in Uruguay, per le necessit legate aduna eventuale attivitallestero dello stesso Tarantini, senza metterla a disposizione dello stesso per i consumi eccessivi del suo nucleo familiare. Se dovesse essere necessario sentire il presidente Berlusconi, prenderemo contatti con Palazzo Chigi. Al momento, tuttavia, questa necessit non c, ha commentato in tarda serata il procuratore di Napoli, Giovandomenico Lepore. Se il Presidente del Consiglio intende fare dichiarazionispontanee ha aggiunto Lepore pu farlo quando vuole. Noi, nel proseguimento delle indagini, valuteremo se ascoltarlo o meno. E a proposito delle intercettazioni nelle quali Berlusconi, parlando con Lavitola, si dice estraneo alla vicenda della P4, Lepore afferma: Non sappiamo se quelle parole siano genuine o se Berlusconi le abbia pronunciate sapendo di essere ascoltato.Resta comunque, per linchiesta, lincognita della competenza territoriale, tant che gi nei prossimi giorni lindagine potrebbe approdare a Roma o Milano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La vicenda
LE INTERCETTAZIONI
Nauseato dallItalia laseradel13luglio:il presidentedelConsiglio,Silvio Berlusconi,facendosiintrodurre dauntale"Alfredo"contattaValter Lavitolasullutenzapanamensedi questultimo.Sonole23,14.La telefonatadurapidi13minutie toccadiversiargomenti Ilpremiersisfoga:Traqualche mesemenevado...vadoviada questopaesedimerda...dicui... sononauseato...puntoebasta Lontano dalla P4 SiparladellinchiestadiNapoli sullapresuntaloggiaP4. Berlusconi:Nonmenepu importaredimeno...perchio ...sonocostrasparente...cos pulitonellemiecose...chenonc nullachemipossadarefastidio. Capito?...iosonouno...chenonfa nientechepossaessereassunto comenotiziadi reato...quindi...io sonoassolutamentetranquillo...a mepossonodirechescopo... l'unicacosachepossonodiredi me...chiaro? AncoraBerlusconisullaP4:Io diquestastoria...Valter...nonme nevoglio interessare...sono lontanocentokilometridaquesta storia...unacosachenonmi interessa...enonmenevoglio interessare...diLetta...sono sicuro...nonalcentopercento... maalcentopermille...etuttoil resto...nonmenefotteniente... capito?...diBisignani...di Adinolfi...dituttiqueinomil... nonmenepuimportaredi meno... Adinolfi? Non nessuno Ildiscorsocadesulgenerale dellaGdfAdinolfi,indagato nell'inchiestaP4epresunto "amico"diBerlusconi. Berlusconi:evabb... contraddizioni..antipatie loro...perme...Adinolfinon nessuno...non sosemispiego..io nonsonoamicodiAdinolfi

I PROTAGONISTI
ANSA ANSA

Valter Lavitola
Direttore ed editore dellAvanti

Gianpaolo Tarantini
Indagato a Bari per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione

Limprenditorebarese,arrestato ieriperordinedellamagistratura napoletanainsiemeallamoglie AngelaDevenuto,accusatodi estorsioneaidannidelPresidente delConsiglioSilvioBerlusconi.Il premiersarebbestatoindottoa pagaremezzomilionedieuroil

prezzofinora accertatopermettersialriparo dai"rischi"chesarebberopotuti derivaredaunpossibilecambiodi strategiaprocessualedapartedi Tarantini,indagatoaBariper favoreggiamentoesfruttamento dellaprostituzionediuna molteplicitdigiovanidonne,tra cuiPatriziaDAddario,lecui rispettiveprestazionisessuali eranostateprocurateaBerlusconi

Secondolaccusail"regista" dellestorisioneaidannidel premiersarebbeValterLavitola, direttoreededitoredellAvantigi coinvoltoindiversealtreinchieste, orairreperibileperchallestero. Nonsonolatitante.Sonoallestero perlavoro,haprecisato.Indagati apiedelibero,ancheAntonio Lavitola,cuginodiValter,eun suocollaboratore,FabioSansivieri. Allabasedellinchiestauna quantitdiintercettazioni telefonicheacaricodiLavitola,che pensavadipoteressereal riparodaorecchieindiscretegrazie allasuaschedatelefonica panamense.Masisbagliava:gli investigatorihannoregistratotuttii colloquisuquelcellulare:con Tarantini,conlamogliediquestie almenounoconlostesso presidentedelConsiglio

pura fantasia dei pm. Io ho dato una mano a una famiglia con figli che era abituata a viverenellagioepoisiritrovata in miseria. Lo faccio perch me lo posso permettere. Solo in serata, chiusa la conferenza di Parigi sulla Libia che lo ha tenuto lontano da Roma e dalle questioni legate alla manovra, Silvio Berlusconi commenta la vicenda di Giampaolo Tarantini, arrestato con laccusa di avergli estorto 500mila euro. Giudica fantasiose anche le intercettazionitelefonichesecondole qualiavrebbeaffermato di voler lasciare lItalia: Sono cosedettea tardasera,magari con unsorrisooinmodoparadossale, una cosa che non esiste, minimizza il premier, che anzi deciso a non abbandonare la politicaancheacausadellapossibilitdipubblicareintercettazioni:Restoquiancheperquesto motivo, per cambiare questo paese. Non solo: in questo delicato momento per lItalia, lopposizione,come lastampa disinistra,perBerlusconihanno un atteggiamento criminale e che influisce negativamentesui mercatieaizzalespeculazioni perch accusano il Governo di caos quando invece il Governo sta lavorando per una manovrachesialamenopesante e la migliore possibile, e che si anche dichiarato aperto ad accogliere le idee degli altri. Infatti, sottolinea Berlusconi, lEsecutivo non conosce caos, unitoenelPdlnon cisonoproblemi. Tutti andranno nella direzione scelta dal Governo. Tutti sanno cos la disciplina del partito. Sul caso Tarantini, fra laltro, la maggioranza e i fedelissimi avevano compattamente taciuto per tutto il giorno, mentre lopposizione ha colto loccasione per evidenziare un altro segno del declino del pre-

mier. Al contrario di Berlusconi penso che lItalia sia un grande Paese e sono fiducioso che ce la far, ha detto Pier Luigi Bersani del Pd. Il leader dellUdc, Pierferdinando Casini, invece, non crede che esista questa intercettazione, si vede che ha detto una bugia, visto che non mi pare affatto intenzionatoad andarsene. Prudente anche Italo Bocchino di Fli, al quale suona strano che Berlusconi telefoni a Lavitolautilizzando unutenza telefonica intestata ad un cittadino peruviano per dire che lItalia un paese.... Per Massimo Donadi (Idv) siamo al punto pi bassodella nostra storiarepubblicana. Le squallide vicende che stanno accompagnando la caduta di Berlusconi sono una vergogna nazionale.
Ch.B.

IL LODO MONDADORI

Rapina dalla tessera n. 1 del Pd


Essere intercettato una cosa insopportabile, una rapina come versare 600 milioni da una persona che ha la tessera numero uno del Pd. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in riferimento alla multa pagata dalla Fininvest alla Cir di Carlo De Benedetti. Il pagamento dellimporto - esattamente di 564,2 milioni, versato il 26 luglio - stato stabilito dalla sentenza della Corte dAppello di Milano quale risarcimento del danno causato a Cir dalla corruzione giudiziaria nella vicenda del Lodo Mondadori.

Larichiestadiarresto.Larelazione sultenore di vitadeldeputato decisiva perla sceltadellaGiunta il7settembre

Linchiesta. Trasferita da Napoli

Democratici. Bersani: libert ai singoli di aderire

Sotto esame i lussi di Milanese


NAPOLI

P4, alla procura di Roma gli atti su Adinolfi e Marra


ROMA

Sar la relazione tecnica sul tenore di vita di Marco Milanese uno degli snodi da cui, presumibilmente, dipender landamento della votazione della Giuntaper le autorizzazioni della Camera, che si riunir il 7 settembre prossimo per leggere le nuove carte in arrivo da Napoli e avviare la discussione sulla richiesta darresto nei confronti del deputato indagato per associazione per delinquere, rivelazione di segreto e corruzione. IlegalidiMilanesesiimpegneranno a dimostrare che il dossier integrativo firmato dal peritodellaProcurapartenopea(linchiesta condotta dal pm Vincenzo Piscitelli) in cui c scritto che i lussi del parlamentare Pdl sarebbero incompatibili con il suo pur elevato reddito si basa su fondamenta fragilissime, che nonterrebberocontodielementidifatto,alorodire, inoppugnabili. In sostanza che le dichiarazionifiscalidegliultimianniproverebbero - secondo i legali che Milanese poteva contare su flussi economici rilevanti anche

prima del suo ingresso in politica(360milaeuronel2005,500mila nel 2006, 713mila nel 2007 e 400mila lanno successivo). Soldi leciti, e non proventi di dazioni illegali, come ipotizzato dallaccusa, che gli avrebbero consentito laccensione di leasing per auto e barche di lusso.

LE CASSETTE SVUOTATE

Lipotesi degli investigatori: accessi prima che lindagine fosse resa pubblica La replica: normale utilizzo di una mia propriet
Commenta, proprio riguardo alle indiscrezioni di stampa sulle spesepazzedelsuoassistito,lavvocato Bruno Larosa: Alle chiacchiere non si risponde, noi abbiamo portato fatti e attendiamo i fatti in risposta alle nostre richieste. Il riferimento alla domanda avanzata al pm di acquisizione dei tabulati telefonici dellassicuratore Paolo Viscione, che

agli investigatori ha raccontato dellinfluenza e del potere del politico in determinati ambienti giudiziari tali da consentirgli di conoscere notizie ancora coperte da segreto e di utilizzarle, secondo la ricostruzione della Procura, come potenziale arma di arricchimento personale o di ricatto. Una versione seccamente smentita dagli avvocati di Milanese, che punterebbero invece a dimostrare che a informare Viscione delle indagini a suo carico fosse addirittura un magistrato. A Montecitorio, nelle scorse settimane, sono invece gi arrivati da Napoli gli atti di un vecchio procedimento neiconfronti di Viscione, aperto dalla Procura di Benevento, che sarebbe stato oggetto di una prima fuga di notizie. Procedimento poi archiviato dai magistrati sanniti dopo un iniziale trasferimento alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Si tratta di decine di faldoni, contenenti migliaia di pagine di una indagine risalenteagli anniDuemila,lacui acquisizione stata chiesta dagli

stessi legali di Milanese per smontare alcune delle dichiarazioni accusatorie dellassicuratore, soprattutto in relazione al nomedelpmche lavrebbeistruito (DAvino e non Ardituro, come sostiene Viscione sulla base della presunta soffiata fattagli dal parlamentare). Quanto, invece, allipotesi cheMilanese abbiapotuto svuotare le quattro cassette di sicurezza di Roma e Milano prima che fosse pubblica lindagine a suocarico,lo stesso politicoaveva sostenuto nella sua memoria difensiva: Anche la stampa, su questo punto, ha anticipato che in occasione dellarresto di Viscione (avvenuto intorno al 20 dicembre 2010, ndr) il pubblico ministero avrebbe accertato che avrei aperto quelle cassette: certamente! Come chiunque, quando nellapprossimarsi delle feste di Natale, apprestandosi a lasciare per qualche giorno la propria abitazione, pensa bene di fare di quelle cassette luso che ne proprio.
S.D.M.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono arrivati alla Procura di Roma gli atti dellinchiesta diNapolisullaP4 cheriguardano lex capo di stato maggiore della Guardia di Finanza, il generaleMicheleAdinolfi.Lecarte sono ora al vaglio del procuratoreaggiuntoAlbertoCaperna che gi domani, come di prassi, proceder alliscrizione nelregistrodegliindagatidiRoma e alla formalizzazione delle contestazioni ai soggetti interessati dallinchiesta, che dovrebbe essere affidata al pm Laura Condemi. Oltre ad Adinolfi, il fascicolo vede indagato leditoreepresidentedellagenzia di stampa Adnkronos, PippoMarra.Leipotesidireato sonolestessediNapoli:rivelazione di segreto dufficio e favoreggiamento. Lindagine era stato trasferita a Roma, per competenza territoriale, dal pg della Cassazione lo scorso 11 agosto, su istanza del difensore delgenerale,Enzo Musco. infatti nella Capitale che Adinolfi,secondolaccusa,avrebbe ri-

velato a Marra, nel corso di una cena nella foresteria dellAdnkronos, lesistenza di accertamenti da parte dellautorit giudiziaria di Napoli su Luigi Bisignani, che poi sarebbe stato a sua volta informato. Lalto ufficiale delle Fiamme Gialle ha sempre smentito la circostanza. Liscrizione un atto dovuto. Attendiamo con serenit lesito delle indagini si limita a dire lavvocato Luigi Li Gotti, difensore di Marra. A raccontare ai pm lepisodio delle rivelazioni di Adinolfi stato il deputato del Pdl ed ex consigliere del ministro Tremonti, Marco Milanese, il quale ha riferito di essere stato presente alla cena, aggiungendo che lincontro avvenne intorno a settembreottobre del 2010. Una circostanza sempre negata dalleditore, da Bisignani, e da Adinolfi, secondo il quale la cena ci fu, ma in un periodo non sospetto: a dicembre 2009.
D.Lu.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sul referendum compromesso nel Pd


ROMA

Tangenti. Faro sui finanziamenti ai democratici milanesi dal gruppo edile Percassi

Sistema Penati, verifiche su altri appalti


Sara Monaci
MILANO

Il cosiddetto "sistema Sesto" potrebbe andare oltre Sesto San Giovanni. Linchiesta dellaprocuradi Monza su ungiro di presunte tangenti, che vede indagato per corruzione anchelexleaderdelPdFilippoPenati,cominciaadavereripercussioni anche in altri Comuni dellhinterland milanese, come Segrate e Pioltello. Lindagine ha coinvolto anche limprenditore Michele Molina, ingegnere del gruppo edile Percassi e amministratore delegato di Api, la societ dello stesso gruppocherealizzagrandicentri

commerciali. Il gruppo Percassi, che ha sede a Bergamo, sembrerebbe sia stato nel 2009 uno dei finanziatori del Pd di Milano: secondo alcune fonti interne al Pd avrebbe versato 40mila euro duranteilperiododelleelezioniprovinciali, anche se lex segretario diallora,EzioCasati,nonconfermailversamento.Sisarebbetrat-

TRA PIOLTELLO E SEGRATE

La societ dellimprenditore Molina impegnata nella costruzione di un centro commerciale sbloccato dopo sei anni

tatocomunque diunlegittimofinanziamento,chesiaggiungerebbeaquelloversatoallassociazioneFareMetropolicreatadaGiordano Vimercati per la gestione della campagna elettorale di Penati,sucui per comincianoa interrogarsinonsololaprocurama anche alcuni membri dello stessoPartitodemocratico. In base alle indagini non si esclude che i finanziamenti, la cui entit da verificare, potrebbe essere legata alle vicissitudini di un grande centro commerciale realizzato dal gruppo Percassi in unarea allinterno del Comune di Segrate e molto vicino a Pioltello.

IeriMario De Gaspari,ex sindaco Ds di Pioltello dal 1997 al 2006 ed ex consigliere provinciale durante il periodo in cui Penati era presidente della provincia di Milano, ha inviato una lettera di chiarimento ad alcuni membri della segreteria del Pd di Milano. Ricordando appunto la vicenda del centro commerciale firmato da Percassi. QuandoDe Gaspariera sindaco di Pioltello si oppose alla realizzazionedelcentrocommerciale, uno dei pi grandi dEuropa, per il quale anche Pioltello dovevadareparereconsultivo.Ilmotivo della contrariet era che la strutturaeratroppogrande,met-

teva insieme le volumetrie di 3 centri commerciali che non eranostatiapprovatieinpinonpiacevaallapopolazione.DeGaspari prosegu la sua battaglia anche da consigliere provinciale, ritenendochenoncifosserolecondizioniterritoriali. Il progetto per si sblocc nel consigliocomunalediSegratedopo 6 anni di battaglie e ricorsi. E successivamenteanchePioltello, cheintantoavevacambiatosindaco (non pi De Gaspari ma il democratico Antonello Conca), si adegu con un parere positivo. La Provincia di Milano dette infine il suo ok finale, con un parere positivo sulla mobilit sovracomunale, proprio quando Penati era presidente. De Gaspari, nella sua lettera, dice addirittura che a Pioltello il modello sta ricalcandolamodalitFalck,conlostes-

so gruppo di imprese e gli stessi nomi. Insomma, un sistema di favori personali dove da una parte si finanzia un politico per ottenere in cambio un aiuto. In questo casolaiutoconsisterebbenelrealizzareunasortadivarianteurbanisticaafavoredelgruppoPercassi, che poi avrebbe sostenuto la campagnaelettoralediPenati. Parallelamenteprosegueilfilonediinchiestasulla venditadella Serravalle alla Provincia di Milano da parte del gruppo Gavio, checonquestaoperazioneincass 179 milioni di plusvalenze. Il prezzo(240milionicirca)secondola procuradiMonza potrebbe esserestatogonfiatoaffinchPenatieVimercatipagasseroidebiticonalcuniimprenditori.LaquestioneSerravallepotrebbediventareilcuoredituttalindagine.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Pierluigi Bersani ha almeno due fronti aperti, uno pi serio quello sullinchiesta che riguarda il suo ex capo della segreteria politica, Filippo Penati e il referendum sulla legge elettorale che spacca il partito. E allora la riunione del coordinamento di ieri servita anche per mettere un punto fermo su queste due vicende che per nonostante le dichiarazioni e gli sforzi del segretario continueranno ad andare per la loro strada. Soprattutto perch intorno alla vicenda Penati il colpo pi duro arriva dal fuoco amico, com il caso di Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, eletto anche con i voti del Pd. Ed stato lui in unintervista a dire che il segretario del Pd non poteva non sapere degli illeciti e delle tangenti di cui viene accusato lex presidente della Provincia. Ecco, anche a lui Bersani manda a dire che il popolo del Pd chiede di reagire di fronte a dichiarazioni, allusioni, teoremi calunniosi che vogliono dare del Pd unimmagine distorta. Non permetteremo di azzoppare il Pd come alternativa. stato questo il passaggio chiave del suo discorso al coordinamento del partito in cui non mancata la rivendicazione dellessere diversi sotto il profilo delletica pubblica. La base chiede di fronte a una vicenda dolorosa e a un passaggio difficile di fare passi in avanti anche sul tema delletica. Di cercare di far percepire in che senso vogliamo essere diversi. Ossia, che ci sono criteri di uguaglianza di fronte alla legge, che c il rispetto della magistratura, passi indietro necessari per chi indagato a ruoli di direzione politica. Ma laltro tema spinoso quello del referendum sulla

legge elettorale su cui big del partito si sono gi schierati mettendo la loro firma e tra questi Romano Prodi, Walter Veltroni, Rosy Bindi, Arturo Parisi. Per evitare ulteriori spaccature Bersani ha scelto una via di compromesso lasciando la libert ai singoli di aderire ma senza mettere la faccia del Pd sui quesiti. Il Pd sar amichevole verso il referendum elettorale, cos ha detto ai cronisti ricordando che gi agli scorsi referendum il partito aveva assunto una posizione defilata arrotolando la nostra bandiera per dare voce e spazio alla societ civile. Insomma, ci siamo messi sotto il

LA MEDIAZIONE

Il segretario: amichevoli verso la consultazione Sul tema delletica la nostra base chiede di fare passi in avanti
palco e cos accadr per il referendum elettorale. Condivido la sintesi di Bersani, diceva la Bindi ricordando che ho firmato e sostengo il referendum e condivido la proposta di legge del Pd che una mediazione tra chi sostiene il proporzionale e chi sostiene il maggioritario. Avevo dato il mio appoggio al referendum come arma di dissuasione contro il referendum Passigli. Ora dobbiamo dimostrare simpatia e sostenere il referendum senza schierare il partito nel comitato promotore. E Bersani d un appuntamento: Finita la manovra si apra subito una sessione in Parlamento per la riforma elettorale e il dimezzamento dei parlamentari.
Li. P.
RIPRODUZIONE RISERVATA

28

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

www.formazione.ilsole24ore.com/bs

www.formazione.ilsole24ore.com/bs

20 MASTER FULL TIME: LA CHIAVE DI INGRESSO NEL MONDO DEL LAVORO.


Servizio clienti: tel. 02 (06) 3022.3247/3811 business.school@ilsole24ore.com

16 MASTER

DIRITTO E IMPRESA
Master Full Time
MILANO, dal 21 NOVEMBRE 2011 6 mesi di aula e 4 di stage
Un modello di Italia Independent

Gruppo24ORE

Gruppo24ORE

Sport & business. Intesa tra i club di Serie A sui diritti televisivi; proposta ai calciatori unintesa-ponte Pag. 30
Venerd2Settembre2011

Innovazione. L italiana Electro Power Systems tra le principali 25 start-up a livello mondiale Pag. 30

Made in Italy. Parte da Torino il tour delle piccole imprese dellocchialeria per sfidare i big Pag. 32
www.ilsole24ore.com/economia

Congiuntura. Lindice manifatturiero Pmi dellEurozona segnala diffusi rallentamenti degli ordini e della produzione

Dieci anni di rincari da euro


I prodotti con i prezzi maggiormente aumentati fra il 2001 e il 2011
Ottobre 2001 Giugno 2011

Per lindustria Ue agosto freddo


Gros-Pietro: In atto una correzione strutturale che non coincide con la recessione
Emanuele Scarci
MILANO

RC MOTO A PALERMO

+245%
BIGLIETTI NAVI

+147%
Agosto freddo per ordini e produzione nel settore manifatturiero. Scendono gli indicatori in tutti i grandi paesi industriali dellEurozona e in molti raggiungono i minimi degli ultimi due anni, come in Italia, Francia e Germania. Ieri leuro ha chiuso in forte calo a 1,423 sul dollaro a causa dello scivolone dellindice Pmi. I dati di agosto, secondo Markiteconomics, curatore delle rilevazioni, evidenziano la fine della fase di recupero del settore manifatturiero, iniziata nellottobre del 2009. E addirittura lo sganciamento della locomotiva tedesca dal convoglio europeo. Gli indici mostrano livelli di stagnazione o di contrazione in tutti i paesi monitorati, con valori di produzione in discesa per la prima volta da luglio del 2009; quelli della creazionedi posti lavoro sono scivolati sui minimi annuali. In sintesi, lindice Pmi manifatturiero della zona euro sceso ad agosto a 49 punti dai 50,4 punti di luglio, contro le attese a 49,7. Per quanto riguarda i principali Paesi, in Italia lindice si attestato a 47 punti dai 50,1 di luglio, contro stime a 49,1. In Germania lindice rimasto sopra la soglia psicologica ma scivolato a 50,9 punti dai 52 di luglio; in Francia a 49,1 punti da 50,5. Come interpretare i dati? Si trattadiundatorelativoaunmese "ballerino" come agosto o uncampanellodallarmesuglieffettipsicologiciindottidaunasituazione economica difficile? Per Gian Maria Gros-Pietro, docente alla Luiss, presto per dirlo anche se le crescite zero del Pil di Germania e Francia nel secondo trimestre sono inquietanti. Certo che una stretta sui bilanci pubblici non pu che generare effetti depressivi suiconsumi e sugli investimenti delle imprese.Leconomiaoccidentale dovr comunque vivere un processodiaggiustamento eriorientamento verso i paesi emergenti che non necessariamente coincider con una recessione. Per Fabrizio Guelpa, responsabile industry & banking dellufficiostudidiIntesaSanpaolo, il rallentamento nei fatti da alcuni mesi, anche sul fronte dellexport. E se ora lItalia deve tagliare3puntidiPilcdaaspettarsi quanto meno una brusca frenata delleconomia. Tornando allindice Pmi, che rappresenta il 90% dellattivit manifatturiera nellEurozona, la debolezzadiagostofotografavolumi in discesa sia per la produzione che per i nuovi ordini. Per la prima volta in appena pi di due anni la produzione scesa in tutta la zona euro e i nuovi ordini sono diminuiti per il terzo mese consecutivo e al ritmo pi veloce degli ultimi 26 mesi. La produzione in Francia ed in Italia diminuita per la prima volta, rispettivamente, dal giugno del 2009 e dal settembre del 2009, mentre in Spagna, Austria e Grecia sono stati registrati trend in calo pi marcati. Il rapporto tra nuovi ordini e prodotti finiti che tende ad anticipare la tendenza della produzione, nella zona euro sceso ai minimi in quasi due anni e mezzo. Le giacenze di prodotti finiti sono aumentate, anche se di poco, per la prima volta da dicembre del 2008, trascinate da un incremento da record in Germania. I nuovi ordini destinati allesportazione si sono contratti per il secondo mese consecutivo, scendendo con lo scarto maggiore da giugno del 2009. Meglio loccupazione nellEu-

Colpo di freno
PMI MANIFATTURIERO E IL DATO DI OGNI PAESE LUGLIO AGOSTO

50,4
PAESI Germania

49

SOGLIA PSICOLOGICA

minimo 23 mesi

In Italia lindice sceso a 47 rispetto al 50,1 di luglio. La produzione arretrata per la prima volta dal settembre del 2009

52

50,9

Olanda

minimo 22 mesi

51,4

50,7

LAPAROLA CHIAVE

Francia

minimo 25 mesi

Pmi manifatturiero
7 Il Purchasing managers index (Pmi) fornisce tendenze relative al settore manifatturiero sulla base di variabili quali vendite, occupazione, scorte e prezzi. Gli indici sono generalmente usati per analizzare landamento del business e come guida alle strategie di investimento. Il Pmi si basa su un campione di 3mila aziende manifatturiere di Germania, Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi, Austria, Irlanda e Grecia. Nellinsieme queste nazioni rappresentano il 90% dellattivit manifatturiera nellEurozona.

50,5

49,1

ITALIA

minimo 24 mesi

50,1

47

Spagna

minimo 19 mesi

45,6

45,3

rozona: nel settore manifatturiero in agosto aumentata per il sedicesimo mese consecutivo, ma il tasso di creazione di posti lavoro stato il pi debole registrato dallo scorso settembre. aumentato quindi il numero delle buste paga in Germania, Francia, Paesi Bassi, Austria e Irlanda, in controtendenza rispetto a Italia e Spagna. Ma le brutte notizie non sono finite. I prodotti finiti osserva Chris Williamson, capo economista di Markit sono aumentati per la prima volta da dicembre del 2008: ci fa pensare che le aziende potrebbero tagliare la produzionepernonincrementare le scorte. preoccupante che in Germania i nuovi ordini allexportsianodiminuitirapidamente: ci significa che la zona eurononpu picontare sulleffetto traino di Berlino. Sulla stessa lunghezza donda Guelpa: Tra gli operatori conclude prevaleil pessimismo, basta guardare il prezzo del Wti che annaspa sotto i 90 dollari: una spia delle aspettative degli operatori. E anche lexport non pi vivace come qualche mese fa. Personalmente aggiunge Gros-Pietro non sarei cos pessimista, rimarrei lontano dallevocare il rischio di recessione mondiale. in atto certamente una fase di transizione, indotta soprattutto dalla chiusura dellombrello americano, ma non detto che si debba rinunciare alla crescita. Per esempio, recentemente Morgan Stanleyha soltanto ridotto le stime di crescitamondiale per lanno: dal 4,2% al 3,9 per cento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RC AUTO A NAPOLI

+122%
BIGLIETTO BUS A MILANO E GENOVA

+94%
BIGLIETTI AEREI

+61%
STABILIMENTI BALNEARI

+61%
Fonte: Altroconsumo

Consumi. Potere dacquisto gi del 7%

Italiani pi poveri dopo dieci anni di moneta unica


Marika Gervasio
MILANO

Fonte: Markit Economics

Distretti. A Varese un progetto sulle materie prime con il comparto gomma-plastica

La chimica punta sugli acquisti in rete


Luca Orlando
VARESE. Dal nostro inviato

Squadra che vince non si tocca. Andrea Melgrati, amministratore unico della Mgm, azienda varesina della gommaplastica,escludesenza troppigiri di parole lipotesi di una crescita attraverso fusioni e acquisizioni. La sua azienda ha dimensioni ridotte, 6,2 milioni di fatturato con 32 addetti. In teoria dovrebbe essere tra le prime, nel settore, a sposare la tesi della necessit di uno sviluppo dimensionale. Utile non solo per aggredire con maggioreefficacia imercati esteri, ma come ha indicato uno studiodiCentrobancapresentatoalle aziende delle chimica e della gomma-plastica varesina, anche per invertire il trend di una progressiva erosione dei margini. La corsa delle materie prime spiega il responsabile della Business Intelligence di Centrobanca Pio De Gregorio ha messo le aziende sotto pressione, mettendo in evidenza i limiti di un modello di sviluppo basato sulle Pmi. In particolare, nel settore della gomma-plastica, il costo del capitale nei prossimi anni superer il rendimento atteso, rendendonecessaria unazione forte sul mark-up. La soluzione? Crescitaesternaconfusionieacquisizioni per aumentare le economie di scala. Comparti rilevanti, quellidellachimicaegomma-plasticadiVarese,conungirodaffari da 2,5 miliardi per le 81 aziende preseinconsiderazionenellostudio, che esamina risultati economici e struttura patrimoniale dei due settori. Si tratta per lo pi di Pmi, che tuttavia non sembrano inclini a fare shopping. Qui attorno spiega Vittorio Veneziani, direttore generale della Viba, azienda chimica di Tradate non mi pare ci sia molta voglia di aumentare la capacit produttiva.

La crisi del 2008-2009 ha lasciato il segno, noi ad esempio abbiamo dovuto adottare un contratto di solidariet.Tuttavia,ilnododelle materie prime e la pressione suimarginiprovocatadalraddoppio dei listini in pochi mesi ben presente sul territorio. Per questo, marted 6 verr convocato un tavolo congiunto allUnione Industrialidi Varese per valutare la possibilit di effettuare acquisti comuni, che arriverebbero a centinaia di migliaia di tonnellate per le diverse tipologie di prodotto. Promotori delliniziativa sul territorio proprio Melgrati e Veneziani,rispettivamentepresidenti del gruppo Gomma-Plasti-

IL TERRITORIO

Possibili risparmi di costo fino al 5% per alcuni prodotti Studio Centrobanca: per migliorare i margini lunica via la crescita dimensionale
ca e Chimica nellUnione Industriali di Varese. I risparmi possibilispiegaVenezianipotrebbero essere nellordine del 3-5% e questo per il settore rilevante, vistochegranpartedelcostofinale dei nostri prodotti proprio rappresentato dalle materie prime. Sono ottimista aggiunge Melgrati e lipotesi di una rete verticale allinterno della filiera mi pare abbia buone possibilit di successo. Intanto, per, le strategie delle aziende non si fermano e lorientamento principale oltreconfine. Nonostante le ridotte dimensioni, Vbm produce anche in Romania dal 2000. Scelta fondamentale spiega Melgrati per razionalizzare la produzione.Viba,66milionidiricavi previsti nel 2011, presente in Cina e Ungheria con due joint-

venture e ha siti produttivi anche in Spagna e Francia. Allo studio lingressoinBrasile,doveilsettorechimicoincrescitastabileormai da anni. Le dimensioni ridotte, dunque, non impediscono alle aziendelocalidicrescereallestero: la quota di export spesso superiore al 50% ma vi sono anche casi estremi, come la Tecniplast di Buguggiate,dove le vendite oltreconfinesfioranoil100%peralcune linee. Lazienda opera in una nicchia particolare, le gabbie per piccoli animali da laboratorio (topi e ratti), e vanta tra i propri clienti le principali universit mondiali,tracuiHarvard,oimaggiori centri di ricerca, come il MaxPlanck Institute.Su360addettispiegaladAlessandroBernardini il 10% impegnato in ricerca e abbiamo ottimi rapporti con le universit e in particolare con listituto tecnico per periti plasticidiVarese,dacuiassumiamo alcuni giovani. Tecniplast, con 146 milioni di ricavi nel 2010, ha anche una divisione che segue prodotti plastici di design e conferma la necessit di una strategiamirataperdifferenziarsiinassenza di dimensioni eccessive. Basterannoquestesceltestrategiche per il futuro? Per Giovanni Brugnoli,presidente dellUnione Industriali di Varese, la sfida delleaggregazionivacomunquecolta, pur conoscendo le difficolt, insite nella struttura dei settori coinvolti.A unirequesteimpreseaggiungeilsaperetecnologico, dobbiamo riuscire a lavorare per arrivare a sviluppare un senso di appartenenza ad una rete comune di imprese che abbia come fine la condivisione prima elasoluzionepoidellestesseproblematiche. Lavvio di una rete per gli acquisiti di materie prime potrebbe essere il primo passo concreto in questa direzione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IMAGOECONOMICA

Le dimensioni dei settori a Varese

Dati in migliaia di euro

Fonte: Centrobanca

Italiani impoveriti dopo dieciannidieuro.Manontuttacolpadellamonetaunica,secondo il bilancio di Altroconsumo sulle tasche delle famiglie, attraverso unanalisi di prezzi e tariffe nel decennio appena trascorso. A fronte di un aumento medio dei prezzi al consumo del 21%, il reddito pro capite cresciuto, meno velocemente, del 14% con una conseguente riduzione del potere dacquisto del 7%. Riduzionechehainfluenzato alcuni comportamenti di spesa: per quanto riguarda i consumi alimentari, a fronte di un aumento dei prezzi del 25%, la spesa aumentata solo del 13%, il che significa che i consumatori sono diventati pi selettivi nelle loro scelte dacquisto. Inversa la dinamica delle Tlc. Navigare e telefonare diventato meno costoso (-28%), ma la spesa invece salita(+30%), poichlaquantit di ore passate al cellulare o su internet cresciuta. I comportamenti di spesa, spiegalassociazione,sonostatiinfluenzatidal camminolento e costante dellinflazione, dagli aumenti di prezzo di cereali e derivati (+49% farina e altri cereali), con la dinamica speculativa che ne seguita. Ma anche dai picchi dei rincari in settori nevralgici per il bilancio familiare trasporto marittimo (+147%) e aereo (+61%), treni (+46%), taxi (+34%) a cui si aggiunta la corsa delle bollette di acqua (+52%) e gas (+34%), tassa per la raccolta dei rifiuti (+33%), canone Telecom (+25%, pressoch parallelo allinflazione) ed elettricit (+24%). Secondo Altroconsumo il comparto energetico ha risentito maggiormente dei balzi del prezzo del petrolio e le inefficienze industriali legate alla sua raffinazione e distribuzione. Inefficienze che, per quanto riguarda il prezzo dellenergia elettrica sono state controbilanciate dalla maggiore concorrenza nel mercato introdotta nel 2007. Aumenti si sono registrati anche per bevande alcoliche e tabacchi (+53%), stabilimenti balneari (+61%) e istruzione secondaria superiore (+59%). Per non parlare dei premi Rc auto, che sono cresciuti a dismisura in citt come Napoli (+122%) e Palermo (+77%). Note dolenti per i motociclisti: la Rc moto salita del 245% a Palermo, del 227% a Napoli, del 137% a Roma e del 73% a Milano. Ancora, colazioni e cene sono diventate sempre pi

salate con aumenti medi del 33% in bar e ristoranti con dinamiche, certo, differenti da citt a citt. Il caff, ad esempio, cresciuto pi a Roma (+35,5%) e a Napoli (+31,2%) rispetto a Milano (+18,5%), Torino (+19,8%) e Bari (+15%) che invece ha registrato il rincaro maggiore per la pizza (+45,2%) seguita da Milano (+44%), Napoli (+23,7%), Roma (+20,2%) e Torino (+21%). Il passaggio alla nuova valuta non ha portato di per s incrementi diretti, secondolAssociazione: Su rincari di prezzi e tariffe hanno inciso pi gli ostacoli alla concorrenza, linefficienza industriale e i freni alla distribuzione pi moderna o allofferta anche attraverso la rete. Un esempio per tutti, segnala Altroconsumo, il set-

LINDAGINE

Altroconsumo: i prezzi medi sono aumentati del 21% a fronte di un rialzo del 14% dei redditi pro capite
I PI CARI

Al top dei rialzi, trasporti navali (+147%) e aerei (+61%), bollette di acqua (+52%) e gas (+34%), farina e altri cereali (+49%)
tore delle telecomunicazioni: Grazie anche al forte balzo in avanti dei consumi, il segno negativo parla chiaro: chi scommette nello sviluppo del prodotto e nellofferta di prezzi e tariffe con sconti notevoli per guadagnare utenza vince sul mercato, e anche il consumatore pu giocare un ruolo attivo nella scelta e nel confronto, risparmiando sul proprio bilancio. Alcune riduzioni di prezzo ci sono state, infatti, non acaso proprio in quei settori dove si deciso di aprire alla concorrenza scegliendo forme distributive alternative aggiungono da Altroconsumo . Come i prodotti farmaceutici, con un -28% rispetto ai prezzi del 2001. Unulteriore riprova di comesia virtuosoperilmercato e per i consumatori azzerare le barriere alla concorrenza.Dovecisono resistenze,come nel settore trasporto taxi, i prezzi si sono impennati. In discesa anche i prezzi di prodotti tecnologici come macchine fotografiche (-41%), computer (-64%) e telefonini (-73%).
RIPRODUZIONE RISERVATA

30 Economia e imprese

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Sport & business. Lassemblea della Lega A ha approvato le linee guida per i campionati dal 2012 al 2015

Hi-tech. Electro Power Systems produce celle a idrogeno

Calcio, accordo sui diritti tv


Si punta su introiti per 1,1 miliardi (+10%) - Critico De Laurentiis
Marco Bellinazzo
MILANO

Una start-up italiana tra le top 25 mondiali


Giuseppe Caravita

Non c pace in Serie A. Appena il tempo di dare il via libera, allunanimit, ma dopo una lunga discussione, alla proposta di un accordo-ponte annuale sul contratto collettivo, che in assemblea scoppiata unaccesa polemica tra il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, e i rappresentanti di Infront, che hanno presentato le linee guida per la vendita dei diritti tv del triennio 2012-2015. Il patron del Napoli ha abbandonato la riunione in via Rosellini prima dellapprovazione (16 votifavorevolietreastenuti) dellapiattaformapredispostadallintermediario. Il calcio italiano staperfallirehatuonatoDeLaurentiisperchInfrontcistaconsigliando di vendere i diritti dal 2012 per tre anni a prezzi che non cipermetterannopidicompetere in Champions e di aumentare le nostre entrate. Il tutto per fare un favore a Berlusconi, perch si cerca di vendere a un prezzo bassissimo a Mediaset. Rispetto al miliardo allanno ottenuto con il vecchio accordo dai club della massimadivisione,Infrontgarantirebbeaquantopareunleggero incremento. Si parla di circa 100 milioni di euro in pi. una cifra di poco superiore ha ag-

giunti De Laurentiis e poi, con quali garanzie? Abbiamo visto che le garanzie di Dahlia, che non ci sono state date, ci sono costate almeno 60 milioni di euro. Le contestazioni di De Laurentiis riguardanosoprattutto lemodalit di cessione dei diritti tv. Infront, comenegliultimidueanni,intende venderli a pi emittenti attraverso "pacchetti" (Gold, Silver, ecc.) suddivisi in base ai match trasmissibili e al numero di squadre.SecondoDeLaurentiis, invece, si dovrebbero imboccare altre strade, puntando magari a venderelinteroprodottoaunsolo acquirente, attraverso una vera asta, per spuntare un prezzo pi alto. Si sta parlando di tutti i diritti, digitale terrestre e satellite: per Sky, per esempio, finisce quella impossibilit di comprare che gli aveva imposto Bruxelles. Qui per bisogna sedersi al tavolo con Petrucci, Abete, Berlusconi e pensare al futuro delItalia. DeLaurentiisha ideeinnovative e interessanti, ma spesso per

VERTENZA CONTRATTO

I club hanno proposto ai calciatori unintesa-ponte per un anno, riserve dallAic a causa delle modifiche alla piattaforma di dicembre

motivi di tempo ed opportunit non sono perseguibili, ha commentato il presidente del Parma, Tommaso Ghirardi. Meglio prendere questi soldi subito ha sottolineato, daltro canto, il presidentedelCagliariMassimoCellino che rischiare di prenderne meno tra un anno. Un tavolo sul calcio spa, sotto la regia della presidenza del Consiglio, sar aperto luned prossimo. In quella sede, oltre che di nuovistadi,diinvestimentisuivivai, di norme anti-contraffazione e di revisione delle legge 91 del 1981 sul professionismo sportivo, Coni, Figc, Lega e sindacato dei calciatori dovranno anche riparlare del contratto collettivo. Dopolosciopero dello scorso weekend stigmatizzato ieri dal presidente della Fifa Josef Blatter, a Marina di Ravenna per lavvio delcampionatodelmondodibeach soccer dal 9 settembre si dovrebbegiocarelasecondagiornata. Ma se il presidente della Figc, GiancarloAbete,dicediaspettarsi una soluzione positiva verso la quale siamo tutti indirizzati, inizia a serpeggiare tra gli addetti ai lavori qualche dubbio in pi. Beretta cos ha illustrato le scelte dellassemblea: Abbiamo proposto allAic di firmare un accordo collettivo valido fino al 30 giugno 2012 che recepi-

IL PROGETTO
La piattaforma Infront LassembleadellaSerieAha approvato(16votifavorevolie treastenuti)lelineeguidaper lavenditadeidirittitvdel triennio2012-2015predisposte dallintermediarioInfront. Comenegliultimidueanni, intendecedereapiemittentii dirittitvattraversovari "pacchetti"(Gold,Silver,ecc.) suddivisiinbaseaimatch trasmissibiliealnumerodi squadre.Rispettoalmiliardo allannoottenutoconilvecchio accordodaiclubdellamassima divisione,Infrontgarantirebbe unleggeroincremento.Siparla dicirca100 milionidieuroin pi Le critiche di De Laurentiis PerilpatrondelNapoli, AurelioDeLaurentiis,sitratta diunasommatroppabassache rischiadinonpermetterepiai clubdicompeterein Championsedinonfare aumentareleentratepertre anni.SecondoDeLaurentiisi dirittitvdovrebbepuntarea venderelintero"prodotto" serieAaunsoloacquirenteper spuntare,attraversounavera asta,ilpialtoprezzopossibile

sca i 6 punti implementati secondo gli accordi del negoziato sviluppato nei mesi scorsi, mentre sullarticolo 7 prevediamo di sviluppare nei prossimi 30 giorni un confronto delle parti per arrivare a una soluzione condivisa, in assenza della quale integreremo larticolo 7 dellaccordo con il parere formale del presidente federale Abete formulato senza il concetto della temporaneit per gli allenamenti differenziati per esigenze tecniche. Dunque, eliminato il problema economico legato al contributo di solidariet (un elemento molto importante ha rivelato Beretta per i club che rischiavano di dover pagare almeno 60 milioni di euro) che nelle intenzioni del Governo riguarder solo gli statali, per la Lega la trattativa con lAic si dovrebbe sbloccare. Il sindacato dei calciatori, per, avrebbe preferito un accordo biennale o triennale dellaccordo-ponte e ha scelto di prendersi altro tempo per dare una risposta definitiva. Preoccupano, in particolare, lintegrazione dei sei punti su cui a dicembre era stata raggiunta lintesa. Si teme che non si tratti sono di ritocchi formali. In questo caso la vertenza rischierebbe un lungo "supplementare".
RIPRODUZIONE RISERVATA

Quando part, nel 2005 a Torino, sembrava una missione impossibile. Trasformare in prodotto industriale, vendibile in tutto il mondo a prezzi competitivi,unodeisistemienergetici pi affascinanti, ma anche pi ostici e delicati esistenti: la fuel cell, la cella a combustibile capace di generare elettricit legando lidrogeno allossigeno dellaria. Sei anni dopo, per, lElectro Power Systems in pieno decollo. Questanno cresciamo al 300%, esportiamo per oltre il 70%soprattuttonellareaasiatica, e oltre alla sede torinese

IL SUCCESSO

Selezionata dal World Economic Forum tra i Technology Pioneers Questanno crescer del 300 per cento
pienamente operativa la nostrafabbricaadAostacon45addetti, avviandoci agli 8 milioni di euro di fatturato, spiega AdrianoMarconnetto,amministratore delegato e co-fondatore dellazienda. E soprattuto, ultimo fiore allocchiello, la nomination dellElectro Power Systems tra i Technology Pioneers 2012, una selezione globale tra 25 startup di punta stilata ogni anno dal World Economic Forum. Una buona notizia, certo, in un clima innovativo italiano divenuto piuttosto grigio. Che ancora lo scorso giugno, con la pubblicazione del Global Innovation Index dellInsead, vedeva lItalia relegata al 35esimo posto tra i 125 paesi della graduatoria. Ma lElectro Power Systems simeritatapienamenteilriconoscimento. Frutto non solo di tecnologia ma di tanta attenzione ai costi industriali e a un particolare modello di business, molto mirato, sottolinea

Formazione

ANSA

Torino,boom diiscrizioni alPolitecnico


boom di aspiranti ingegneri a Torino, dove il Politecnico (nella foto, la premiazione dei laureati) fa registrare un aumento pari al 38% nelle pre-immatricolazioni a ingegneria, mentre sale del 14% il numero degli aspiranti architetti. Il trend positivo delle iscrizioni, sottolinea lAteneo, va avanti da diversi anni. Ma la prima volta che la crescita cos elevata nellarco di un solo anno accademico. Gli aspiranti ingegneri e architetti in arrivo da regioni diverse dal Piemonte sono aumentati del 40%, quelli stranieri del 21%. Dallestero o da fuori Piemonte il 55% dei pre-iscritti. Oltre cento i Paesi di provenienza, con Cina, Grecia e Camerun ai primi posti.

spiega Marconnetto. La startup parte infatti, fin dallinizio, con una idea di prodotto piuttostoprecisa inmente. Un sistema capace di generare (via cella elettrolitica) idrogeno (usando elettricit e acqua) e per conservarlo in unabombola.E,incaso dicaduta di elettricit, di avviare allistante la fuel cell per generare la potenza necessaria con quellidrogeno. Due facce di un"gruppo dicontinuit" completamente innovativo. Nel 2007facemmoil primo prototipodiElectroSelf ricordaMarconnetto che piacque a Telecom Italia. Ma ci costrinse a rivedere un po tutto, sul piano dei prezzi. Dovemmo lavorare come matti, fino a riprogettare il90%deicomponenti,earrivare a una fuel cell con diecimila ore di funzionamento garantito.Alla fineper, nel2009, producevamoin serie. E loro certificavano,anche allestero,il nostro sistema. Reso compatto e affidabile ElectroSelf poteva competere con le altre tecnologie di continuit. Per una torre cellulare cosa meglio? Un container di batterie da mantenere in costante condizionamento o un gruppo diesel con un grande serbatoio di gasolio da lasciare incustodito?. Ora Electroself sta mietendo i suoi maggiori successi in India e Cina. Paesi che hanno reti elettriche ancora fragili, spesso con un blackoutalgiorno.Edovelanostramacchina,capacediautoricaricarsirapidamenteeinautomatico particolarmente apprezzata. Di qui in due anni un istallato di 600 ElectroSelf, aiprimipostinelmondopernumero di fuel cells operative (fuori dai laboratori). Il prossimo passo? Stiamo sperimentando,in SardegnaeCina, ilnostro sistema come "storage" di centrali rinnovabili isolate. Sarunmercatosterminatoconclude Marconnetto che ora vediamo a portata di mano
giuseppe.caravita@ilsole24ore.com
RIPRODUZIONE RISERVATA

LIDENTIKIT

I fondatori Electro Power Systems nasce da quattro soci: Emilio Paolucci (presidente), docente al Politecnico di Torino, Adriano Marconnetto (amministratore delegato, nella foto), imprenditore seriale (co-fondatore anche di Vitaminic), Ilaria Rosso (Intellectual property) e Giuseppe Gianolio (vendite) Il prodotto Lazienda hi-tech piemontese lunica al mondo a realizzare un gruppo di continuit elettrico industriale basato sulle celle a combustibile, che si ricarica con elettricit e acqua producendo da s lidrogeno necessario per la fuel cell Il record Decine di startup negli scorsi 15 anni hanno tentato la strada dellidrogeno e delle fuel cells. Moltissime, per, si sono perse per strada. La startup torinese ha invece puntato su una sola applicazione e su una maniacale riduzione dei costi Il futuro Il sistema electroself, oltre a alimentare una stazione tlc pu essere utilizzata per fare da "storage" energertico per "isole" rinnovabili. Per esempio un albergo o un complesso redisenziale che vuole divenire autosufficiente

Elettronica. AllIfa di Berlino si respira aria di crisi tra gli operatori

Internet e 3D non bastano ad accendere il mercato video


BREVI DallEconomia
ALIMENTARE EXPO 2015
Enrico Netti Luca Tremolada
BERLINO. Dai nostri inviati

Tlc. Nella seconda giornata, 31 rilanci per 144 milioni

Lasta delle frequenze 4G supera quota 2,5 miliardi


Daniele Lepido
MILANO

Pisapia incontra il commissario Dalli


Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha incontrato ieri a Palazzo Marino il Commissario Ue per la Salute e le politiche dei consumatori, John Dalli. Al centro dei colloqui la collaborazione con la Commissione Ue in vista di Expo 2015 e per la difesa della qualit dellalimentazione. Nei prossimi anni ha detto Pisapia Milano vuole essere il punto di riferimento nel dibattito su alimentazione e sicurezza.

Granarolo rileva Lat Bri


Il gruppo Granarolo ha annunciato lacquisizione della Lat Bri, terzo produttore di formaggi freschi in Italia. Loperazione, che rileva sostanzialmente la posizione debitoria che si aggira intorno ai 60 milioni comporta lacquisto da parte di Granarolo di tutte le attivit relative alla produzione e commercializzazione dei prodotti caseari freschi Lat Bri e consente di aumentare la presenza nei formaggi freschi. Si prevede che la gestione delle attivit possa generare un fatturato di circa 150 milioni lanno.

Accelera lasta sulle frequenze della telefonia mobile. Dopo un mercoled onesto ma senza scintille, con otto rilanci da59milionidieuro,ieriglioperatori sono tornati a battagliare sugli800Mhz,allargando linteresse per lo spettro a 2.600 Mhz e mettendo a segno 31 offerte per un valore complessivo di 144milionidi euro(oltre203 milioni sullimporto iniziale). La gara arriva cos a superare i 2,5 miliardi di euro (2.506.575.874), abbattendoiltettodei2,4miliardi previsti dalla legge di Stabilit, anche se lobiettivo del ministero arrivare a 3,1 miliardi. Rispetto a ieri sugli 800 Mhz Telecom Italia ha mantenuto due lotti (non contigui) e H3g tornatain gara, segnoche sta facendo sul serio, mentre Wind ha perso un lotto. Vodafone rimane con un solo lotto e probabilmente sta scaldando i motori per le prossime tornate di rilanci. Sugli 800 Mhz la cifra raggiunta di oltre 1,969 miliardi di euro, 144,2 milioni di euro in pi rispetto a mercoled. Minirilanci anche sulla banda a 2.600 Mhz, pari a 291mila euro. Curiosa, invece, la situazione sulle altre frequenze. Continua ildisinteresse perillotto "specifico"degli 800Mhz,il primodei sei, che confina con la banda di La7. I concorrenti lo stanno evitando per i problemi di interferenze che potrebbero esserci tra i telefonini e le televisione.

Al palo anche i 1.800 Mhz, con occupato solo un lotto su tre (da Telecom). Oggi nuova tornata di rilanci. Lasta sul 4G fa emergere comelaspettotecnologicoe quello economico siano legati, perch ci sono frequenze di maggior pregio, che quindi costano di pi. Come mai un lotto a 800 Mhz arrivatoacostare 366milioni di euro e uno a 2.600 Mhz solo 30 milioni? Risponde il professor Antonio Capone del dipartimento di elettronica del Politecnico di Milano: Perch le frequenze pi basse, come quelle a 800 Mhz, consentono unacoperturamiglioredelterritorio, vedono gli ostacoli come trasparentienon hannoproblemi a penetrarli. Le frequenze alte, invece, come i 2.600 Mhz, sono cos dette di "rifinitura" e coprono piccole aree e permettono di aumentare la capacit della rete in termini di megabit al secondo offerti per unit di superficie. Quindi: porto il segnale in una zona con gli 800 Mhz e gli fornisco ulteriore capacit con i 2.600 Mhz. E la differenza tra Fdd (Frequency division duplexing) e Tdd (Time division duplexing)? Nelprimocaso iltelefoninotrasmette e riceve alla stazione radio utilizzando due frequenze diverse(blocchidi 5Mhz),mentre nel secondo caso si usa una frequenza sola da 15 Mhz ma in tempi diversi, come nei vecchi walkie-talkie.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RICERCA

Nuance (Usa) investir su Loquendo


Loquendo non verr depotenziata,ma avropportunit di sviluppo a Torino, anzi sar un polo di eccellenza in Europa. Parola di Paul Ricci, amministratore delegato di Nuance, il gruppo americanochehaappena acquisito da Telecom Italia per 53milionidieurolastessa Loquendo. Un accordo verbale preso davanti al sindaco di Torino, Piero Fassino, e al presidenteesecutivodiTelecom, Franco Bernab. Loperazione, che verr perfezionata entro settembre, non comporter sacrifici per la sede torinese che conta 103 dipendenti, in larga parte ingegneri, anche se i sindacati, che questa mattina hanno tenuto un incontro con i dirigenti nella sede di corso Bramante, manifestanopreoccupazioni.Damolto tempo - ha detto Ricci guardavamoconinteressealla Loquendo. Per noi ci sono grandi opportunit, sappiamoi timoritrala gente sul futuro dellazienda, ma le tecnologie senza le persone non sono nulla.

Dritte per la loro strada. Lindustria dellelettronica di consumo fa i conti con la crisi ma non si scompone pi di tanto e qui a Berlino allIfa, la fiera dellelettronica di consumo pi grande in Europa cheoggi apre, rilancia isuoi cavalli di battaglia: 3D ovunque, internettveunapioggiadi tablet.In paliounmercato ricchissimoche per fa i conti con la frenata dei consumi. La debolezza delle condizionimacro-economiche hadetto HisakazuTorii, vicepresidente di DisplaySearch ci riporta alla crisi del 2008. Ma in particolare

CHIMICA

LO SCENARIO ITALIANO

Vinyls Ravenna passa a CO.EM


Il ramo di azienda dello stabilimento Vinyls di Ravenna, impresa del settore chimico in amministrazione straordinaria con sede a Porto Marghera, stato ceduto alla societ CO.EM., interamente partecipata dal gruppo Igs. Dal 20 settembre inizier per lo stabilimento un nuovo progetto industriale, che garantir la ripresa produttiva degli impianti di Ravenna.

Gfk: il secondo trimestre ha visto un calo del 12% per i beni tecnologici Mancano i contenuti per sostenere i nuovi modelli
lindustria televisiva sempre pi pessimista e sta riducendo gli inventari soprattutto in Usa e Europa. Dello stesso parere Havis Kwon, presidente e ceo di Lg Electronics Home Entertainment: vero che la crisi economico-finanziaria ha limitato le vendite e cos anche il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Per quanto riguarda i Tv 3D, sicuramente la carenza di contenuti tridimensionalieun prezzorelativamente elevato rispetto ai normali tv, uniti alla crisi economica, hanno influito sulle vendite. Oltre ai venti di crisi a rendere pi difficile la ripresa c la saturazione di alcuni mercati chiave. Regno Unito e Olanda hanno ormai toccato il picco e la Germania lo sta raggiungendo avverte Adrian Dienstbier, consulente di Gfk Retail and Technology e nemmeno innovazioni come 3D e

AGRICOLTURA

Il pomodoro sempre pi padano


Il pomodoro sempre pi in salsa padana: il Nord infatti con oltre 36mila ettari rappresenta ormai quasi il 54% di tutti i terreni dedicati a questa coltura in Italia, dove si estendono per oltre 67mila ettari. Il Sud pesa per il 41%, mentre il resto al Centro con 3.436 ettari. LItalia il terzo produttore mondiale dopo California e Cina. Dalla raccolta si attende una resa di 4,5 milioni di tonnellate di cui stima la Coldiretti Lombardia quasi due milioni e mezzo arriveranno dalla Pianura Padana, per un valore allorigine che superer i 200 milioni.

ANTITRUST

Multa sospesa a Manetti e Roberts


stata sospensa la multa da 7,5 milioni inflitta dallAntitrust alla Manetti e Roberts per aver costituito un cartello tra aziende del settore della cosmetica per coordinare gli aumenti dei prezzi di listino trasmessi alla grande distribuzione. Questa la decisione presa ieri dalla prima sezione del Tar Lazio; il 12 ottobre ludienza di merito.

Internet tv riescono a contrastare il calo della domanda. Lelettronica di consumo non ha mai visto un periodo simile aggiunge Manfred Fitzgeralf, membro del board di Loewe, casa tedesca che produce tv . Come tutti abbiamo piani per un peggioramento del clima ma speriamo nel meglio. Secondogli organizzatoridi Ifa, dopo un critico primo semestre atteso un trend di ripresa in Europa, con vendite ai 204 miliardi (+4% sul 2010). A livello mondiale lelettronica di consumo potrebbe segnare un +7% raggiungendo i 690 miliardi. AncheGfksiattendeunrimbalzo. In Europa la domanda si sta spostando verso gli schermi pi grandie3Dequesto dovrebbe aiutareamanteneresostenutoilprezzomediocontinuaDienstbier.Se la crisi dei mercati si placher le vendite di tv raggiungeranno i 39 milionimentresaranno6,4imilioni i modelli 3D. Nelle case degli italiani un televisore su 20 3D, uno su cinque connesso a internet. Sono per ancoranicchie.Anche perch a veniremeno sono icontenuti. Un anno dicrisi sembraaver pesatoeanche molto su produttori e major che hanno preferito non rischiare. SecondoGfkinItaliailgirodaffarideibenidiconsumotecnologicinelsecondotrimestre2011calato del 12,2% a 4,2 miliardi. Il 2010 va detto stato un anno fuori dal comune, ma a parte telefonia (+3,3%, si legga smartphone) e informatica (+0,1%, si legga tablet), tutti gli altri settori mostrano il segno meno. Ma la televisione la cartina al tornasole. Senza incentivi, switch over o Mondiali di calcio soffrir non poco nel 2011. Gfk prevede per lItalia un calo della domanda dal 15 al 20 per cento. Google lanno scorso proprio dal palco dellIfa aveva lanciato la suaGoogleTv.AtterratanegliUsa in primavera si dimostrata un

flop. YouTube e gli accordi con alcune case cinematografiche di Hollywood per ottenere i diritti sui film, e qualche esperimento ad hoc non sono bastati. Tocca oraad Apple ma in ogni caso serviranno contenuti. Un televisore non un tablet o un portatile. Velleitario pensare di portare lesperienza su social network e online sul grande schermo senza una idea forte. Pi complesso il discorso sul 3D. Se lanno scorso erano tutto sommato pochi i pannelli, questanno lindustria ha moltiplicato gli sforzi. Panasonic ha qui annunciato che fornir tecnologie in 3D per la copertura delle Olimpiadi di Londra del 2012. Insieme a 14 broadcasters verr garantita la copertura di almeno10ore didiretta 3D al giorno. Sky in Italia si impegnata con un canale 3D e a fornire almeno una partita alla settimana. Baster?
RIPRODUZIONE RISERVATA

NEL NOSTRO PAESE

4,2 miliardi
Le vendite PerGfknelsecondotrimestreil settorehasubitouncalodel 12%,a4,2miliardidieuro

5%
La penetrazione del tv 3D Nellecasedegliitalianisoloun televisoresu20in3D,mentre unosucinque"smart",cio connessoainternet.Mailvero problemalamancanzadi contenuti

-15%
Il calo della domanda Senzailtrainodegliincentivio dieventisportiviparticolari,il mercatodeitelevisorinel2011 rischiauncalocompresotrail 15e il20%

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Economia e imprese 31
Manovra. Le misure previste dal testo in discussione toccano tre milioni di addetti Istat. Nessuna variazione su base mensile Dossier Acli

Lavoro

MULTINAZIONALI

Alstom, accordo su 280 esuberi


Dopo tre mesi di trattativa stato raggiunto laccordo sul piano di riorganizzazione di Alstom Italia settore trasporti, che prevedeva 280 esuberi spalmati sugli stabilimenti di Savignano (55 unit), Bologna (40), Guidonia (40) e Verona. Gli esuberi potranno essere svolti o con prepensionamento o su base volontaria, tramite un incentivazione economica con unintegrazione al 65% della retribuzione annua lorda pi 100 euro al mese per i primi 12 mesi e 175 euro dal 13esimo al 36esimo mese per ogni mese di mobilit. Per Verona, dove lo stabilimento sar chiuso, prevista una serie di possibilit per la gestione dei dipendenti coinvolti.

Commercio alla prova del libero orario


La soluzione legislativa divide sindacati e imprese
Cristina Casadei

Retribuzioni in frenata a luglio


MILANO

AUTOMOTIVE

Formazione al via in De Tomaso


Verranno attivate luned le procedure per i corsi di formazione dei dipendenti della De Tomaso. quanto deciso in un incontro tra lazienda e le sigle sindacali metalmeccaniche presso lAmma di Torino. I primi a partire saranno i corsi della selleria e della saldatura, che entro fine anno dovrebbero interessare 75 persone su circa mille dipendenti. Una notizia accolta con moderato ottimismo da Fiom, Fim e Uilm. per ancora irrisolta lidentit del socio indiano che dovrebbe entrare nella societ presieduta da Gianmario Rossignolo. Altro nodo da sciogliere quello dellimpianto di Grugliasco (Torino), affittato alla De Tomaso dalla Sit della Finpiemonte: tensione tra azienda e Regione sui ritardi nei pagamenti.

Fine della concertazione e inizio delle controversie, vista dallosservatorio del sindacato. Certezza e possibilit di programmazione, vista dallosservatorio di molte aziende, con leccezione di Confcommercio e Confesercenti che hanno espresso pareri contrari. Tolto il limite delle localit turistiche edelle cittdarte, la liberalizzazione a 360delle aperture e degli orari delle attivit commerciali e di somministrazione di alimenti ebevande, della manovra finanziaria "ancora" prevista dallarticolo 6, comma 4 ha fatto discutere molto nelle aziende della distribuzione e tra i sindacati. Forte limpatto che avr soprattutto sullorganizzazionedel lavoro. Per pianificare il lavoro sette giorni su sette per 365 giorni allanno, o quasi, non serve una legge, ma la concertazione e il dialogo con i rappresentanti dei lavoratori, dice il segretario generale della Fisascat Cisl, Pierangelo Raineri. Il timore che adesso si apra nel terziario e nel commercio una fase di contenzioso, proprio nel momento in cui stava iniziando a svilupparsi un dialogo anche con lAnci, osserva Raineri. La questione di largo interesse, sono oltre 3 milioni i lavoratori coinvolti, continua il sindacalista. Ed soprattutto da discutere in punta di fioretto. La vicenda dellapertura dellIkea a Ferragosto con i contrasti azienda-sindacati e lannuncio dello sciopero a Corsico lo hanno mostrato chiaramente. E del resto lo sanno bene le parti sociali che hanno discusso gli ultimi due rinnovi del terziario. Nel 2008ilcontrattodelcommercio

haprevisto,inviadisperimentazione, il lavoro domenicale, diventato poi organico nellultimo rinnovo a firma separata (mancalaFilcamsCgil) cherisale al febbraio di questanno. Sul tema larticolo 141 dice chenellambitodellacontrattazione di secondo livello, territoriale e aziendale, al fine di migliorare il livello di competitivit, produttivit ed efficienza organizzativa, potranno essere concordatemodalitdiattuazionedelripososettimanale chetenuto conto della disponibilit espressa dai lavoratori, individui modalit idonee a garantire una equa distribuzione dei carichi di lavoro e delle presenze comprendendotuttoil personale.Vistalaparticolaredisciplina che regola il lavoro domenicale previsto dal ccnl del terziario le parti concordano che tale materia sia oggetto di contrattazione di secondo livello. Il ccnl che ha introdotto tra laltro una maggiorazione del 30% sulla quota oraria della normale retribuzione per ciascuna ora di lavoro prestata di domenica, ha risolto una situazione non regolata per cui, in passato, le aziende che potevano e volevano aprire la domenica indicavano sul contratto lobbligo di lavoro domenicale e non necessarimente prevedevano una maggiorazione spiega Raineri . Fatto il salto in avanti con lultimo contratto che prevede che ci sia una discussione con il sindacatonelle aziende per lorganizzazione del lavoro domenicale e una maggiorazione retributiva, adesso si rischia di innescareun processo non governato, sotto il profilo dellorganizzazione del lavoro, di aperture dei negozi. IlsegretariogeneraledellaFilcams Cgil, Franco Martini, oltre a chiedersi che centra aprire gli esercizi commerciali 52 domenichelannoetuttii giornifestivi,magari24 oreilgiorno, con la messa a punto di una ricetta anti crisi che possa fare uscire il paese dal rischio di recessione? osserva che il piccolo e

Orari senza vincoli


La sperimentazione del lavoro domenicale 18 LUGLIO 2008

Nel ccnl del Commercio siglato nel 2008 siindicache-trascorsi 4mesidallasottoscrizionedel ccnlefermerestandoleintese realizzatealivelloaziendalee territoriale-leparticonvenivano, inviatransitoria,diapplicarela disciplinaconcordatainmateria dilavorodomenicale.Pagaoraria maggioratadel30%

Domeniche lavorative a regime 26 FEBBRAIO 2011

Dal ccnl firmato nel 2011 nel testodellarticolo141sullavoro domenicalesparisce lespressioneinviatransitoria. Sistabiliscechelamateria oggettodellacontrattazionedi secondolivelloeviene riconosciutaunamaggiorazione del30%sullaquotaorariadella retribuzioneancheperiparttime

La manovra: aperture libere 12 AGOSTO 2011

Larticolo 6 della manovra di Ferragosto prevedechele attivitcommercialiedi somministrazionedialimentie bevandepossonoesseresvolte, inviasperimentale,senzail rispettodeglioraridiaperturae dichiusura,lobbligodella chiusuradomenicaleefestivaela chiusurainfrasettimanale

medio commercio gi stressato dalla pressione della Gdo, subir un nuovo duro colpo, rischiando di veder ridotta la propria presenza sul mercato e un bel po di lavoro dipendente. La stessa Gdo, principale sponsor delle liberalizzazioni, si ben guardata dal capitalizzare le maggiori aperture ottenute in questianninellacrescitadelloccupazione stabile, quanto in quellaflessibile,aimarginispesso della precariet. Larticolo 6 ha fatto discutere il sindacato s, ma anche le imprese. Tra le associazioni che le rappresentano stato registrato il voto a sfavore di Confcommercio e Confesercenti e quello a favore di Confimprese, Federturismo e Federdistribuzione. Ma, provando a calare larticolo 6 nellorganizzazione aziendale, lamministratore delegato di Carrefour in Italia, Giuseppe Brambilla di Civesio, d un giudizio positivo: Questa norma portaaun superamentodel problema della saltuariet delle aperture domenicali che rende pi difficile la programmazione e lorganizzazione del lavoro. Con la liberalizzazione su tutto il territorio nazionale verrebbe infatti superatala burocrazia locale e quindi potremmo programmareiturniattraversopersonale volontario, disposto ancheedeventualmente aspostarsidipunto vendita,epersoneassunte ad hoc per coprire questa fascia di prestazione. Il presidente del consiglio di sorveglianza di Coop Italia, Ernesto dalle Rive, che guida anche la delegazione impegnata nel rinnovo del ccnl delle Coop, pur non considerando il provvedimento capace di ridare fiducia ai consumatori, prudente, visto che il rinnovo ancora in corso, ma dice che lorganizzazione del lavoro nelle domeniche e nei festivi demandata al secondo livello ed attraverso la concertazione che si deve sviluppare un nuovo modello organizzativo. Insieme ai lavoratori.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I salari degli italiani segnano il passo in luglio e arretrano subaseannua difronteallinflazione, salita in agosto al 2,8%su base annua, record dal 2008. A dirlo lIstat che ha reso noti i dati sulle retribuzioni contrattuali orarie. In luglio nessuna variazione, appunto, rispetto al mese precedente e incremento dell1,7% rispetto a luglio 2010 (+1,8% nella media del periodo gennaio-luglio 2011). Isettorichepresentanogliincrementi maggiori rispetto a un anno fa risultano essere: militari-difesa (3,7%), forze dellordine (3,5%) e attivit dei vigili del fuoco (3,1%). Fermi invece i comparti di ministeri, scuola, Regioni e autonomie, servizio sanitario nazionale. Tra i contratti monitorati dallindagine, sono state siglate in luglio due intese riguardanti rispettivamente, i dipendenti delle aziende municipalizzate del servizio smaltimento rifiuti e i giornalisti. In attesa di rinnovo, secondo lIstat, il 33,2% dei dipendenti,conunattesa chein media di 19,4 mesi. E proprio il mancato rinnovo di molti contratti, in cui il peso negativo maggiore costituito dal settore pubblico impiego alloriginedella stasi delle retribuzioni secondo il segretario confederale dellUgl, Nazzareno Mollicone. Poich non esiste alcun meccanismo automatico di recupero dellinflazione continua Mollicone - lunica via da seguire unaccelerata sullo sblocco dei contratti che

invecetardano adessere rinnovati, inclusi quelli biennali economici e quelli aziendali. Di grave perdita del potere dacquisto parlano le associazioni dei consumatori. I presidenti di Federconsumatori e Adusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, vedono concordi un andamento estremamente preoccupante, a maggior ragione alla luce della corsa inarrestabile dei prezzi edelletariffe che, secondoildato dellOnf, nel 2011 determine-

Tra operai e dirigenti 356 euro di gap (al d)


I 356 euro al giorno che rappresentano la distanza tra lo stipendio dei dirigenti e quello degli operai nel settore privato sono il segno che laquestionedellaredistribuzione si rivela cruciale, ha detto ieri il presidente delle Acli, Andrea Oliveroalla presentazione della ricerca Il lavoro scomposto, presentata al 44esimo incontro nazionale di studi delle Acli che si chiude domani a Roma. La ricerca ha messo a confronto le retribuzioni medie giornaliere dei lavoratori dipendenti nelle diverse professioni del settore privato. Cos emerge che la forbice trala retribuzione di un "quadro" e quella di un operaio di 127 euro al giorno, e di soli 22 euro con quella di un impiegato. Loperaio inoltre si mette in tasca un salario giornaliero di 16 euroinferiore alla media. Peggio di lui solo lapprendista, che guadagna in meno 31 euro al giorno. Le donne, rispetto agli uomini, ricevono in media 27 euro in meno al giorno. Lascomposizionedellavoro fatta dalle Acli, accanto alla divaricazione eccessiva delleretribuzioni,metteinluce anche altri fattori sempre pi dominanti e cio il lavoro sommerso e quello atipico che non riguarda solo i giovani. In Italia, 12 posti di lavoro su 100 sono oggi irregolari, 18% al Sud e 27% in Calabria. Inoltrequasiun lavoratore su quattro (23%) ha una occupazione "non standard", ovvero non a orario pieno e non a tempo indeterminato: il 12%, paria2milioni e700milaindividui, un lavoratore a tempo parziale, mentre l11% un atipico. Secondo il rapporto delle Acli infine il 48% degli atipicihatra i 30 e i49 anni. La composizione interna degli occupati presenta dualismi e divari non pi sostenibili, secondo le Acli, tra lavoratori pi o meno garantiti.
R.La.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CAROVITA

Nellultimo anno i salari (in rialzo dell1,7%) non hanno tenuto il passo dellinflazione (2,8% in agosto)
r una vera e propria stangata di 1.521 euro a famiglia. A peggiorare ulteriormente la situazione-secondo TrefilettieLannutti - contribuiscono le scelte inique e sbagliate del Governo, a cui viene chiesto un vero e proprio blocco dei prezzi e delle tariffe. Dopo aver imposto un deciso stop agli aumenti ormai fuori controllo - conclude la nota congiunta - sar indispensabile avviare tutti i controlli e le verifiche per eliminare le inaccettabili speculazioni che spaziano dai prezzi dellortofrutta alle polizze rc auto, dai prezzi dei carburanti a quelli del materiale scolastico.
R. La.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Vertenze. Viaggio tra i 700 dipendenti il giorno dopo la fallita mediazione al ministero

Ancora sciopero allIrisbus di Avellino


Vera Viola
AVELLINO

Atmosfera sempre pi infuocata alla Irisbus di Flumeri, dopo il fallimento dellennesimo tentativo di mediazione fatto mercoled a Roma dal ministro Paolo Romani. I lavoratori dellostabilimentoirpino,cheieri mattina si sono riuniti in assemblea, hanno approvato, allunanimit, la posizione espressadalsindacato (Cgil,Cisl, Uil e Ugl): il congelamento dei piani Fiat per due mesi sarebbe stato solo un rinvio e non una vera soluzione. E allunanimit i lavoratori (700 diretti e un indotto di circa 2000) hanno

indetto lo sciopero (ieri e oggi), si sono riuniti in assemblea permanente e,infine, diffuso un comunicato per invitare le istituzioni a intervenire. Del resto, il caso Irisbus stato indicato da Vincenzo Scudiere segretario confederale Cgil, come simbolo dellassenza di politica industriale del Governo, nel giorno

LO STALLO

Lassemblea ratifica la linea tenuta a Roma dai delegati: no al congelamento per due mesi dei piani di vendita di Fiat

in cui la Cgil - in preparazione dello sciopero - ha reso noto il dossier con i 20 casi di crisi aziendale pi rilevanti. Siamo abbandonati da tutti, da governo e regione grida conrabbia RenatoIorillo, assessore allo sviluppo del Comune di Flumeri (giunta monocolore Pd), in prima linea nella battagliaperIrisbus.Sottoaccusaprima di tutti la regione Campania.Acuinonfascontiilsegretario regionale della Cisl, Lina Lucci: vergognosae ingiustificabiledicelassenzadellassessore Sergio Vetrella al tavolo che si riunito al ministero. Vetrella assessore allIndu-

stria e ai Trasporti, due settori cardine per la vicenda Irisbus la cuicrisisembrasia legataallariduzione degli investimenti in nuoviautobus.Lassessorecampano dieci giorni fa si era impegnato a destinare parte dei fondi Fas al settore trasporti. Lettera morta, commenta incenzo Petruzziello, segretario della Cgil ad Avellino. Ecos,al momentoleparti restanociascunasulleproprie posizioni.Fiat Industrialhainprogrammadicederelostabilimento Irisbus Iveco di Flumeri lunicoin Italiaaprodurre autobus alla societ molisana Dr Groupe di Massimo Di Risio, in

lizza anche per rilevare limpianto di Termini Imerese. Dr fabbrica Suv. Dalla cessione di Irisbus Fiat ricaverebbe risparmiper35milionilanno.Ilsindacato aveva chiesto il congelamento delloperazione per un annoinattesacheilgovernopotesse destinare fondi al settore del trasporto locale. In Italia precisa Mario Melchionna, segretario della Cisl di Avellino c un parco di 40mila autobus da sostituire. Che senso ha fermare la produzione per poi dovercomprareimezzidaaltriPaesi? Chiediamo che sia la Fiat a continuare.In alternativa la Casa di Torino ci fornisca un piano industriale concordato con imprenditori del settore garanzie sul futuro della produzione edeilavoratori.Nessunareplica, per ora almeno, dalla Fiat.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Secondo la Cgil 1.100 posti persi in 5 anni

Alla Natuzzi altra Cig per 1.300 lavoratori


Vincenzo Del Giudice
BARI

La notizia era nellaria: la Natuzzichiede nuova cassa integrazione, per 1.280 addetti. Lohannocomunicatoidirigenti alle segreterie territoriali di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil di Puglia e Basilicata, nel corso di un incontro presso la sede di Confindustria, in vista dellascadenzadellacassaintegrazione straordinaria, il 15 ottobre 2011, per 1.350 addetti. Ilnuovo ricorso agli ammortizzatori sociali, motivato con le attuali difficolt di mercato,

partirebbe dal prossimo 15 ottobre per procedere a una riorganizzazione aziendale. Al termine di questa fase di due anni gli esuberi scenderebbero a 1.060. I rappresentanti sindacali hanno chiesto che alla luce di questo annuncio vengano accelerati i tempi per la firma in sede governativa dellaccordo di programma per le aziende del mobile imbottito dellarea murgiana. Un territorio che da un decennio a questa parte havistounerosione progressiva dei posti di lavoro.

Avoleressereprudenti-afferma Silvano Penna della Fillea Cgil - nel settore del salottificio sono stati persi non meno di 10mila posti di lavoro, mille per ogni anno. Di certo, secondo i calcoli delle organizzazioni sindacali, negli ultimi 5 anni 6mila addetti sono usciti dalle linee produttive del comparto. Solo dalla Natuzzi, che tuttora il colosso del settore, si sono registrate uscite per 1.100 dipendenti. In questi calcoli - aggiunge Penna - non sono comprese le tantissime piccole aziende a conduzione familiare che hanno chiuso i battenti ma che sfuggono ad ogni stima. Fra le aziende mediograndiche hanno cessato lattivitvanno segnalatele materane Cala e Nicoletti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

32

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Made in Italy Stili Tendenze

&

TREND
CINEMA

Le Pmi dellocchialeria cercano spazio e visibilit


Parte luned da Torino Tocchi di design per far conoscere le aziende di nicchia
Adriano Moraglio

Per il lancio del profumo Burberry sceglie il web


STRATEGIE

Topclass

La moda brasiliana scommette sullexport, che oggi arriva solo al 10%


Marta Casadei

Todssponsorper Diana Vreeland


Tods continua il suo progetto di sponsorizzazione delle arti celebrando, durante il 68festival del cinema di Venezia, la prima del film Diana Vreeland: The Eye has to travel, documentario sulla vita di Diana Vreeland, icona del mondo della moda e fashion editor per eccellenza, curato e realizzato da Lisa Immordino Vreeland. Per celebrare il film, Diego Della Valle, presidente del Gruppo Tods, e Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, ospiteranno un lunch esclusivo all'Harrys Bar, cornice-simbolo di Venezia. La premiere del film prevista per domani alle 17.30. www.tods.com

OGGI ONLINE
WWW.LUXURY24.IT

VIDEOINTERVISTA

Corts: Baller per Obama


Joaquin Corts baller per Barack Obama nella giornata dellorgoglio afro-americano. Un onore per un gitano, ha detto il ballerino

I PI LETTI 1] Intervista a Saverio Moschillo 2] Il nuovo Chromebook di Google 3] Cinque film sui grandi fotografi 4] Boom per gli orologi svizzeri

uned prossimo, 5 settembre, parte da Torino loffensivadellocchialeria italiana di design per farsi spazio negli scaffali e nellevetrine degliotticidicasanostra (e sui nasi dei connazionali, il 60% dei quali soffre di problemi di vista). Obiettivo dichiarato:unasfidaallemultinazionali dellottica e alla grande distribuzione di settore. Una sfida quindi a colossi Luxottica leader mondiale nellocchialeria di alta gamma ma anche Safilo, Derigo, Marcolin, Marchon, e alla Gdo dellocchiale, da Salmoiraghi&Vigan, ad Avanzi ad altri. Al Museo dellautomobilesono statichiamatiaraccolta ivenditoridiocchiali, grazie a un invio di 400 mail tra Piemonte, Liguria e Valle dAosta, per raggiungere almeno una parte dei 10mila punti vendita italiani. Unoccasione di incontro dice la nota ufficiale di "Tocchi di design" - per scambiare ideee opinionie mettereapunto le strategie per promuovere e sostenere la vendita degli occhiali creativi su un mercato dominato dalle multinazionali dellottica e dallagrande distribuzione. Dopo Torino, le tappe successive saranno Milano (il 12 settembre, sempre di luned, tradizionale giorno di chiusura ottici) e Padova (il 19 settembre). Liniziativa dedicata agli ottici indipendenti che fanno della ricerca stilistica la pro-

pria missione e non si lasciano facilmente sedurre dallofferta diocchialirealizzatiindustrialmente su larga scala, spiega GiovanniVitaloni,amministratore delegato della torinese "Nicodesign", una delle aziende promotrici degli incontri. Davide contro Golia, dunque, in un panorama che in Italia contava lanno scorso oltre 900 imprese (-2,4% sul 2009), pi di 16mila lavoratori (-2,7%) e un valore della produzione di quasi 2,5 miliardi (in crescita dell'8,7%), grazie soprattutto allexport (+17,3%) che ha rappresentatol85%delgiro daffari e nonostante una perdita del 2,5% sul mercato domestico. "Siamo piccoli, ma in costante crescita da almeno tre anni, aggiunge Vitaloni. Sono senzaltro Davide gli organizzatori della sfida che parte luneddaTorino,conlastessaNicodesign e i suoi marchi Vanni e Derapage, e la La srl di Lapo Elkann che ha tra i suoi brand lormai famoso Italia Independent , Marma Eyewear e Muse. Accanto a loro altre due aziende di design come la piemontese Vega (di Verbania) e

la Lavia Design, di Daniele Lavia, nipote del celebre attore. Gli ottici entreranno in contatto, e potranno toccare con mano, la qualit dei brand Koali, Lightec, Oga, Okki Factory e Hab. Che questo mondo dellocchialeria sia una parte piccola per quanto aggressiva del settore e a forte vocazione internazionale lo dicono i numeri. Per esempio, Nicodesign hachiusoil2010 conun fatturato di 5 milioni, valore che dovrebbe incrementare del 10% al termine di questanno. A"Tocchididesign"laziendadi viaCollegno 46 bisaTorino, presenter le anteprime della stagione, dalla collezione in acetato Vanni Flame, alla Vanni alla Cavour, al Tornado del marchio Derapage. Anche La srl di Lapo Elkann, con sede in corso XI febbraio a Torino, dove ha un proprio showroom, piccola ma in notevole crescita di volumi di produzione e di affari, come spiega uno

INVELLUTO
Uno dei modelli pi innovativi del marchio Italia Independent, creato da Lapo Elkann

deifondatori,GiovanniAccongiagioco: Nel 2010 abbiamo prodotto 50mila pezzi, questanno dovremmo raggiungere lobiettivo di triplicare le realizzazioni. Il fatturato del 2010 era stato di 3 milioni, maquestanno dovrebbe almeno raddoppiare, grazie anche a una decisa crescita dellexport. "La" ha cominciato ad aprire punti vendita monomarca, ad Alassio, e per dicembre ne sar avviato uno a Courmayeur. Un terzo negozio vedr la luce in Italia entro questanno. Molte le caratteristiche comuni di queste aziende, tra cui, soprattuto, lo stretto legame tra concept e produzione, tutto "in casa". Al Museo dellautomobile, a Torino, a Milano nella sede di Italia Independent e a Padova nellHotel B4 gli ottici "indipendenti" avranno anche unoccasione di formazione con Vitaloni, Accongiagioco, Lavia e Luisa Redaelli di Vega. Al centro anche le opportunit offerte dal web per promuovere il proprio negozio di ottica, alleati - spiegano gli organizzatori - di Google e dei social media, da Facebook a Twitter. Il workshop itinerante, dopo una breve introduzione sullafrontiera di internet,spiegher come utilizzare al meglio i social network pi diffusi per creare una comunity attorno al proprio punto vendita e come cogliere tutte le occasionidi visibilitereperibilit grazie allutilizzo del motore di ricerca Google. I partecipanti agliincontri avrannolapossibilit di ricevere, per un mese, un tutoring personalizzato per la predisposizione dei propri strumenti social sul web.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Burberry ha lanciato ieri in 150Paesiilnuovoprofumo"Burberry Body", descritto dal chief creativeofficerdel gruppodiabbigliamentoeaccessoribritannico Christopher Bailey come il mondo di Burberry tradotto in un profumo, con lo stesso atteggiamento ed energia del nostro classic trench. In linea con la strategia di innovazionedellabrand,lacampagna pubblicitaria per Burberry Bodyverrfattasoprattuttoonline. Il filmato di Mario Testino, il primo per Burberry, verr mostratosu YouTube acirca60 milioni di persone in tutto il mondo prima di essere trasmesso in televisione nelle prossime settimane.RosieHuntington-Whiteley (nellafoto), lattrice e modella inglese resa celebre dal film Transformers, il volto e il corpo di Burberry Body. Agli oltre 8 milioni di "amici" di Burberry su Facebook stata data la possibilit di ordinare un campione del profumo in anteprima e in una settimana ci sono state 250mila richieste da tutto il mondo. Burberry ha deciso di spendere oltre il 60% del budget perilmarketingsuimediadigitali riducendo la pubblicit sulle tradizionali riviste di moda. Nel secondo trimestre 2011 Burberry, quotata alla Borsa di Londra, ha registrato ricavi a 367 milioni di sterline (34% sul 2010).
N.D.I.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Brasile corre veloce. Anche nella moda, un settore che guarda al futuro cercando di valicare i confini nazionali entro i quali viene venduto oltre il 90% della produzione.I biglietti da visita dello Stato carioca sono kermesse ben oliate come la Sao Paulo Fashion Week, che festeggia il suo 15anniversario, e Fashion Rio: un sistema che funziona e si poggia su una macchina pi complessa di programmi governativi che puntano a rendere il Brasile ancora pi forte. Abbiamo avuto un periodo di grande sviluppo, ma ora sentiamo sulle spalle il peso del cambio: il real diventato troppo forte, le esportazioni sono difficili in tutti i settori, specialmente in quello della moda e delle confezioni. Dei 54 miliardi di dollari previsti per il 2011 come fatturato del settore tessile e confezioni solo 1,5 deriva dalle esportazioni. Le importazioni sono in crescita invece: si parla di 5,5-6 miliardi di dollari. Rafael Cervone executive director di Textbrasil, programma di esportazione della moda brasiliana creato nel 2000 dalla collaborazione tra Abit, associazione che riunisce le aziende del settore tessile e abbigliamento, e Apex, agenzia governativa di promozione degli investimenti e delle esportazioni. Attualmente del programma Textbrasil fanno parte 1.200 delle oltre 30mila aziende tessili di tutto il Brasile. Lintento quello di fare della moda - con i suoi due milioni di addetti ai lavori e un giro d'affari che corrisponde a circa il 12% del pil - un settore capace di influenzare il mercato internazionale. Le difficolt

sono tante: costi di produzione esplosi, normative fiscali arretrate e accordi non rispettati. L'Argentina il nostro mercato principale per quanto riguarda le confezioni. Dovremmo avere un accordo doganale che agevola il commercio tra i paesi del Mercosul ma spesso non viene rispettato proprio dall'Argentina, che preferisce importare dalla Cina. Il vero obiettivo del Brasile, capofila dell'acronimo che identifica i grandi di domani, i Bric, resta quello di emanciparsi totalmente dall'America del Sud: le aziende di Textbrasil esportano i loro prodotti sia negli Stati Uniti sia in Europa, specialmente in Francia, Germania, Gran Bretagna e in Italia; il prossimo passo sar caratterizzare sempre di pi la propria produzione. Punteremo su design, innovazione e sostenibilit: sono questi gli aspetti nei quali possiamo fare la differenza. Il mercato interno in Brasile cresce alla velocit della luce: le previsioni per il 2011 sono di un +4,5%. Riuscire a tenere questo ritmo per le aziende brasiliane una sfida. Sul piano dell'ecologia Textbrasil sta gi promuovendo numerosi investimenti: a Rio Porter, fiera del pret--porter che si tiene a Rio de Janeiro due volte l'anno, stato presentato un nuovo cotone naturalmente colorato quindi non tinto che ha avuto grande successo. Per quanto riguarda l'innovazione Textbrasil ha in cantiere un grosso progetto in collaborazione con Finep, strumento del governo brasiliano per finanziare progetti e studi per l'innovazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Offerta valida fino al 4 settembre solo nei punti vendita che aderiscono alliniziativa. Messaggio pubblicitario con finalit promozionale. Salvo approvazione di Findomestic Banca S.p.A. Al fine di gestire le tue spese in modo responsabile, Findomestic ti ricorda, prima di sottoscrivere il contratto, di prendere visione di tutte le condizioni economiche e contrattuali, facendo riferimento alle Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori presso il punto vendita. Chateau dAx, fornitore di beni e servizi per la promozione e collocamento di contratti di finanziamento di Findomestic Banca S.p.A., per lacquisto dei propri beni e servizi legato da rapporti contrattuali con uno o pi finanziatori.

Cristina Chiabotto presenta la sua casa nei negozi Chateau dAx. Il divano Silhouette dal design conviviale, aperto a ricevere tanti amici, disponibile con oltre 1500 possibilit di rivestimento.

La cucina Milano laccata lucida in 101 colori del campionario Colordax, cos come il mobile Simpl per la zona living.

Per la notte, invece, Cristina propone innovative soluzioni anche per rifare il letto senza far fatica. Cristina Chiabotto vi aspetta in tutti i negozi Chateau dAx per vedere la sua casa.

140 negozi in Italia aperti anche domenica pomeriggio www.chateau-dax.it numero verde 800-132 132

Ho deciso. Vendo casa!


Cristina Chiabotto
Tutta la casa di Cristina Chiabotto e le altre collezioni Chateau dAx le puoi avere in comode rate.

Prima rata gennaio 2012.

Goditi la vita! Scegli Chateau dAx.

Lavoro. Aziende alla ricerca dei documenti degli addetti ad attivit usuranti Pag.34
Venerd2Settembre2011

Riscossione. Niente cartella per il canone idrico se non c titolo esecutivo Pag.34

Elettrici e telefonici. Ricongiunzione gratuita a sostegno dei lavoratori in mobilit Pag.34

Dichiarazioni 2011. Il credito trasferito dai soci si rigenera con il quadro RX Pag.35
www.ilsole24ore.com/norme

Giustizia. Approvato il decreto legislativo che risistema la procedura civile, il ministro annuncia una norma sul transitorio

Cassazione. Tra banca e cliente

Un Ddl per i processi pendenti


La scelta per raccordare i contenziosi gi aperti rispetto alla nuova disciplina
Alessandro Galimberti
MILANO

In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del provvedimento governativo che semplifica i riti del processo civile da 33 a tre, si veda Il Sole 24 Ore di ieri provvedimento definitivamente approvato ieri mattina dal Consiglio dei ministri,spunta un altro Ddl per gestire il regime transitorio. Lo ha annunciato altermine del Cdm lo stesso ministro della Giustizia, Francesco Nitto Palma, spiegando che il decreto

LA PROSSIMA TAPPA

In tutti i tribunali saranno concentrate in una sezione specializzata le problematiche relative alla famiglia
riguarderlenorme chedevono assistere la definizione dei processi pendenti, in modo da poter mandare a regime quanto prima lattuale normativa. In sostanza, la gran mole dei processi aperti sui numerosi binari in vigore oggi transiter al nuovo e semplificato regime attraverso un provvedimento legislativo ad hoc. Larmonizzazione temporale dei riti non sar lunica ulteriore iniziativa legislativa - almeno a breve termine sulla materia delicata del rito civile.

Il ministro ha preannunciato un Ddl anche sul tema famiglia, con listituzione del cosiddetto tribunale della famiglia, cui annettiamograndissimaimportanza ha aggiunto Palma ciola concentrazioneallinterno di una sezione specializzata dei vari tribunali di tutte le problematiche che riguardano il nucleofamiliare. Lasemplificazione delegata dalla legge 69 del 18 giugno 2009 (articolo 54) avevainfattitenutofuoridal perimetro della "riduzione a tre" le norme sulle procedure fallimentari, sui procedimenti relativi ai titoli di credito e alla propriet industriale e in materia di minori. Proprio sui minorenni,inparticolare suldisagio giovanile, il ministro ha anticipato la avanzata fase di studio un provvedimento che riguarda lordinamentopenitenziariominorile, altro tassello per laggiornamento complessivo della giustizia civile. La semplificazione processuale, come anticipato ieri, privilegia il modello del rito del lavoro per i procedimenti dove sono prevalenti i caratteri della concentrazione delle attivit processuali oppure nei quali erano previsti ampi poteri di istruzione dufficio. Ricondotti, invece, al modello del procedimento sommario di cognizione, inteso come giudizio a cognizione piena sia pure in forme semplificate ed elastiche, i procedimenti speciali ca-

ratterizzati da una accentuata semplificazione della trattazione o dellistruzione della causa, rivelata, spesso nella maggior parte dei casi, dal richiamo della procedura camerale prevista e disciplinata dagli articoli 737 e seguenti del codice.Per i procedimenti rimasti si invece operata una riconduzione, come criterio di semplificazione residuale, al rito ordinario di cognizione. Reazioni positive, allannuncio della definitiva approvazione del Ddl, arrivano dal mondo dellavvocatura.IlConsiglio nazionale forense, apprezzando anche la stesura del progetto di legge, aggiunge per che il perimetro della delega ha impedito di cogliere altri importanti obiettivi che il Cnf aveva segnalato, e cio il coordinamentodei ritispecialidisciplinati da leggi diverse dal codice di procedura civile scrive il Consiglio.Eraauspicabilechela legge delega desse maggiori poteri al governo tali da sopprimere i riti speciali e semplificare i riti contenuti nel codice di procedura civile. A questo proposito siosservachelatripartizioneindicata (processo ordinario di cognizione, processo sommario, rito del lavoro) si adatta a quasi tutte le esigenze, ma cos come enunciata rimane ancora un criterio di classificazione dottrinale essendo necessario poi calarla nella prassi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel concordato compensazione con prova certa


MILANO

Il percorso
RITI SEMPLIFICATI Lentrata in vigore

INTERVISTA

GiovanniSchiavon

Gazzetta Ufficiale

Pubblicazione del Decreto legislativo sulla Gazzetta Ufficiale

Ddl

Larmonizzazione

Non basta: urgente la riforma strutturale


Giovanni Schiavon, presidentedelTribunalediTreviso, cosa pensa della semplificazione dei riti? Sono molto scettico. Perch? Questi provvedimenti emergenziali veda i tempi della delega sono generalmente scritti "non bene" dal punto di vista tecnico, generano problemi enormi di diritto transitorio e, soprattutto, restano avulsi dai problemi veri della giustizia civile. Cio quali? Dico da tempo, per la verit lo dicono in tanti, che serve unariforma strutturalereale, a cominciare dalla riorganizzazione di uffici, servizi e piante organiche. Che devono essere commisurate alle esigenze del territorio e delleconomia, e non rispondere ad altre logiche, Lo sostengo per il "mio" Veneto,chenon piquello di 50annifa,maunprincipiogenerale. La giustizia civile un pilastro delleconomia, no? E i magistrati? Hanno carichi medi di lavoro eccessivi. Anche perch ce ne sono centinaia fuori ruolo, colpa anche del Csm: non mi sembra giusto.
A.Gal.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Emanazione di un Ddl per il regime transitorio dei processi pendenti

33 3

I riti civili in vigore oggi

I riti civili dopo la semplificazione

DIRITTO DI FAMIGLIA

Unificazione dei procedimenti relativi alla famiglia

Prossima emanazione di un Ddl

ANALISI

Sfoltiti i riti, i procedimenti restano 28


di Bruno Sassani

ellesercizio della delega per la semplificazione dei riti il governo era tenuto a mantenere fermi i criteridi competenza e dicomposizione dellorgano giudicante e a ricondurre i procedimenti contenziosi extra codice ad unodei tre modelliprocessuali previsti dal codice di procedura civile, cio: lavoro, procedimento sommario di cognizione, rito ordinario. Dalla delega restavanofuori - oltreai procedimenti speciali - le procedure concorsuali,difamigliaeminori, quelle del codice della propriet industriale e del codice del consumo, dello statuto dei

lavoratori, della legge cambiaria e di quella sullassegno. Possiamo parlare di riduzione e semplificazione? La risposta negativa. La variet dei riti esiste nella realt, ma stata enfatizzata oltre misura, ben altri essendo i problemi di un processo pi moribondo che malato. stato enfatizzato per la facile presa emotiva e avendo di mira uno scopo: ridimensionare il procedimento camerale, cosa che la Corte costituzionale e la Corte di Cassazione si sono sempre rifiutate di realizzare. Il primo risultato cancellare le procedure in camera di consiglio, ma con tre effetti negativi: ingessatura del rito, allungamento dei tem-

pi, conferimento di rilevanza ai vizi formali non funzionali allesigenza del giusto processo. Chiunque ha un minimo di pratica delle aule sa che il procedimento camerale forse lunico che funziona(va): la sua sostituzione con il mediocre rito degli articoli 702-bis e seguenti comporta la perdita secca di quel poco di giustizia ancora fruibile. poi illusoriofermare lo stato delle cose per un ragionevole arco di tempo: il legislatore di oggi riscrive il presente, ma non v garanzia che il Parlamento,continuamentechiamatoalegiferare su tutto non continui a creare nuovi riti, e soprattutto non continui a fare

quel che ha sempre fatto negli ultimi decenni: legiferare su istituti di diritto sostanziale disegnando, a mo di appendice, unprocedimentoadhoc,camerale o comunque special-specialissimo per la materia regolata (a questo spinge peraltro la legislazione comunitaria, le cui direttive sono diretta a che i parlamenti ricomprendano nella regolamentazione dei rapporti civili anche la loro tutela).Sidirche illegislatoreattuale vuol dare un preciso segnale di inversione di tendenza, ma questo segnale sarebbe reale, e non illusorio, solo se dallariscrittura dei ritiderivassero efficienza e celerit. In ogni caso, la semplifica-

zione difficile da vedere. Ma si pu parlare almeno di riduzione delle procedure? No, perch se i modelli sono tre, i riti effettivi sono tanti quanti i procedimenti contemplati, cio ventotto. Pur ispirandosi al suo modello, ognuno dei procedimenti ha ricevuto una disciplina ad hoc che significa forme e termini autonomi e differenti. Poich inoltre, per larticolo 35 comma 2 del decreto, le norme abrogate o modificate continuano ad applicarsi alle controversie pendenti alla data di entrata in vigore dello stesso, per un certo numero di anni il povero avvocato dovr stare attento a non confondere con i nuovi ventotto ordini di termini e forme quelli preesistenti.
Lautore ordinario di Diritto processuale civile allUniversit di Roma Tor Vergata
RIPRODUZIONE RISERVATA

IMAGOECONOMICA

Il presidente. Giovanni Schiavon

La data con prova certa del patto di compensazione tra il cliente e la banca fa da discrimine nel casodi ammissione del correntista alla proceduradiamministrazione controllata. Solo, infatti, se la convenzione contiene la clausola del diritto di incamerare le somme riscosse per compensare il debito del cliente, la banca potr restare indenne dagli effetti della procedura concorsuale sopravvenuta. Il principio di diritto contenuto nella sentenza 17999/11 della Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione, provvedimento depositato ieri. I fatti di causa riguardavano un contenzioso antico (datato 1992) tra la Banca commerciale italiana dellepocaeunaSpanelfrattempo finita in concordato preventivo. La societ nel 1998 aveva citato in giudizio listituto, sostenendo che il contratto di conto corrente stipulatoconunafilialelombarda con oggetto la riscossione di vari titoli (cambiali, bonifici, ricevute bancarie) non avrebbe consentito al mandatario di trattenere le somme riscosse per conto del cliente stesso, neppure a titolo di compensazione, e chiedeva quindi la restituzione di oltre 432 milioni di lire dellepoca. Nel processo di merito, listituto si era difeso spiegando che le somme a conto corrente venivano anticipate a credito dalla banca stessa sulla base della presentazione di ricevute bancarie "salvo buon fine", in sostanza secondo un patto di annotazione ed elisione, su altro conto "transitorio", di partite di segno opposto. In primo grado il tribunale aveva accolto le ragioni dellazienda ricorrente, ritenendo la sussistenzadi un rapporto di conto corrente bancario con mandato allincasso, con esclusione per di un "patto di incameramento" e del diritto alla compensazione non provato dalla banca, onerata dalla prova. Prova che comparve poi nel giudizio di appello, con il deposito del contratto asseverato da una traduzione dallinglese, prova per op-

posta dalla Spa, sulla base del principio che il mandato allincasso veniva conferito di volta in volta ottenendo dalla banca concessione di anticipi. Risolta la questione dellinterpretazionee validit della prova documentale che spetta alla corte di merito, salvo il caso di violazione di legge nel corso del procedimento ermeneutico la prima sezione civile richiamandosi alla giurisprudenza di legittimit (sentenze 4205/01 e 2539/98) ha statuito che in tema di anticipazione su ricevute bancarie regolata in conto corrente, se le relative operazioni sianocompiuteinepocaantecedente rispetto allammissione del correntista alla procedura di amministrazione controllata, necessario accertare, qualora il fallimento (successivamente dichiarato) del correntista agisca per la restituzione dellimporto delle ricevute incassate dalla banca, se la convenzione relativa allanticipazione su ricevute regolata in conto contenga una clausola attributivadel diritto di "incamerare"le sommeriscosse infavore della banca (cosiddetto "patto di compensazione" o, secondo altra definizione, patto di annotazione edelisione nel conto dipartite di segno opposto).
A. Gal.
RIPRODUZIONE RISERVATA

c LAPAROLA CHIAVE
Patto di compensazione
7 La compensazione un modo di estinzione delle obbligazioni diverso dalladempimento, disciplinato dal Codice civile agli articoli 1241-1252. Si verifica quando due persone fisiche o giuridiche - sono obbligate luna verso laltra: i rispettivi debiti si estinguono per le quantit corrispondenti. La compensazione un atto di autotutela a garanzia della parte che ritenga possibile una eventuale inadempienza dellaltra parte

34 Norme e tributi

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Lavoro. Le aziende devono fornire ai lavoratori le prove dellattivit che d titolo alla pensione anticipata

NOTIZIE In breve
LEGGE LEVI

I passaggi
01 | IL PRINCIPIO La legge indica i soggetti ai quali si pu affidare la riscossione della tariffa, ma non ammette alcuna deroga al principio che per tutte le entrate di natura privatistica aventi natura negoziale occorre richiedere al giudice il titolo esecutivo prima di iscriverle a ruolo. Il creditore pu avvalersi della situazione di privilegio solo per le entrate di natura pubblicistica. Sono esclusi i casi in cui il rapporto tra cittadino e pubblica amministrazione ha alla base rapporti contrattuali 02 | ENTRATE PRIVATE Rientrano nei rapporti negoziali i canoni di affitto e le tariffe per i servizi a domanda individuale: canone depurazione, rette scolastiche, rette per asili nido 03 | LALTRO CANALE La regola non vale per le entrate patrimoniali che hanno natura pubblicistica: tariffa rifiuti (Tia); canone per loccupazione di spazi e aree pubbliche (Cosap); canone per linstallazione di mezzi pubblicitari (Cimp) o altre entrate che hanno la stessa natura

Usuranti, documenti cercansi


Se mancano libri e registri il rimedio la dichiarazione del datore
Barbara Massara

Il vigore lo stop allo sconto sui libri


Stop allo sconto sui libri: da ieri entrata in vigore la legge Levi che impedisce alle librerie di applicare sconto superiori al 15% sui libri. Il divieto vale per tutti: piccole librerie, grandi magazzini, grande distribuzione. Lunica eccezione prevista riguarda le campagne promozionali sui libri del catalogo stabilite dagli editori: in questo caso lo sconto pu arrivare al 25%. Per chi non rispetta il divieto sono previste sanzioni pecuniarie fino a 3mila euro e la sospensione dellattivit commerciale fino a 20 giorni.

Entro fine settembre le aziende dovranno consegnare aidipendentiaddettialavorazioni particolarmente faticose e usuranti che intendano avvalersi del pensionamento anticipato (articolo 2 del decreto legislativo 67/2011) tutta la documentazione da allegare alle domande di accesso al beneficio. Il 30 settembre infatti scade il termine per questi lavoratori, che abbiano maturato e che maturino i requisitipensionisticientroilprossimo 31 dicembre, per presentare allente di previdenza presso il quale sono iscritti la richiesta di accesso al beneficio pensionistico,operintegrareconladocumentazione necessaria la domanda gi presentata. Nellattesa del decreto ministeriale attuativo dellanuove regole, le prime indicazioni operative sono infatti pervenute dal ministero del Lavoro con la circolare 22 del 10 agosto scorso nonch dallInps con il messaggio 16762 del 25 agosto (si veda Il Sole 24 Ore del 26 agosto), e pertanto sia i dipendenti sia le aziende hanno avuto poco tempo a disposizione per occuparsi di questo nuovo adempimento.

domanda,dettagliatamenteindicati nellallegato A della circolare del Lavoro, sono differenziati tra dipendenti del settore privato e pubblico nonch in relazioneallatipologiadilavoratoreaddettoadattivitusuranti,coscome individuata dallarticolo 1 comma 1 del Dlgs 67. Per quanto riguarda le aziende private (si veda la tabella a fianco), indipendentemente dalla categoria di lavoratore "usurato", questedovranno fornire quale prova della sussistenza del rapporto di lavoro, alternativamente, un estratto del libro matricola o del Lul, o comunicazione di assunzione/cessazione/variazione al Centro per limpiego. Perattestareinveceladibizione allattivit usurante, i datori di lavoro dovranno consegnare documentazione diversa a secondadellatipologiadilavoratore: ad esempio per i lavoratori notturnifornirannoicedolinipaga da cui si possano individuare lemaggiorazioninotturnecorrisposte; il contratto di lavoro con specifica indicazione delle mansioni per le attivit usuranti ex articolo2deldecretoministeriale 19 maggio 1999.

te di cinque anni, mentre i periodi di lavorousuranti da certificare utili per il beneficio possono riguardare periodi anteriori (il lavoratore deve aver svolto attivit usuranti per sette anni negli ultimi dieci), le aziende potrebbero non avere pi negli archivi quei documenti. Inquestocaso,per logica,idatori di lavoro emetteranno comunque delle dichiarazioni ora per allora, eventualmente comprovate da altri documenti con ladataoriginaria(adesempioordini di servizio con numero di protocollo interno).

Che cosa serve


Il materiale da fornire ai lavoratori entro il 30 settembre

Documenti attestanti il rapporto di lavoro

Documenti attestanti attivit usuranti svolte

Ulteriori documenti

MANSIONI USURANTI (*) Alternativamente: 8 Libro matricola 8 Lul 8 Libretto di lavoro 8 Ruolo di equipaggio 8 Comunicazione Centro Impiego assunzione/cessazione LAVORATORI NOTTURNI 8 Prospetti paga Alternativamente: con maggiorazione 8 Libro matricola notturne 8 Lul 8 Contratti di lavoro 8 Libretto di lavoro indicante contratti 8 Ruolo di equipaggio collettivi applicati 8 Comunicazione e il livello Centro Impiego assunzione/cessazione di inquadramento LAVORATORI LINEA A CATENA Alternativamente: 8 Libro matricola 8 Lul 8 Libretto di lavoro 8 Ruolo di equipaggio 8 Comunicazione Centro Impiego assunzione/cessazione Contratto di lavoro individuale con indicazione di inquadramento e mansioni Contratto di lavoro individuale con indicazione di inquadramento e mansioni

Riscossione. Sentenza Cassazione

I tempi
Lacircolareministerialericonosce al datore di lavoro 30 giorni per evadere la richiesta presentata dal dipendente, il che vorrebbedire cheentro il30 settembre lazienda deve raccogliere e consegnare la documentazione richiesta entro fine agosto. A ogni modo leventuale tardiva consegna allInps della documentazione integrativa far s che la domanda non sia considerata procedibile e non sia quindi valutata nel merito. Dal2012iltermineper presentareladomandaallInps fissato al31marzodellannodiconseguimento dei requisiti pensionistici agevolati: le aziende devono prepararsialnuovoadempimento archiviando e conservando la relativa documentazione utile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CASSAZIONE

Non si licenzia la promessa sposa


Non si pu licenziare la promessa sposa. Lo ribadisce la Cassazione nella sentenza 17845: la lavoratrice vicina al matrimonio non pu perdere il lavoro. Il periodo di "garanzia" scatta dalla pubblicazione delle nozze in Comune. La sezione lavoro della Cassazione ha ricordato come la tutela accordata dalla legge 9 gennaio 1963 numero 7 alle lavoratrici che contraggono matrimonio fondata sullelemento obiettivo della celebrazione del matrimonio e non subordinata alladempimento di alcun obbligo di comunicazione da parte della lavoratrice al datore.

Salta la cartella nei servizi privati del Comune


Sergio Trovato

I documenti necessari
I lavoratori, al fine di rendere procedibile la domanda, devono rivolgersi al proprio (o ai propri) datori di lavoro affinch questi producano la documentazione necessaria attestante la sussistenza dei requisiti per poter accedere al beneficio pensionistico. I documenti da allegare alla

Le difficolt
Nella circolare il Lavoro si raccomanda che i documenti non siano predisposti ora per allora, ma siano una copia di quelli ufficiali, e che pertanto rechino la dicitura copia conforme alloriginale. Il problema che poich il termine legale di conservazione della documentazionerichiesta generalmen-

CONDUCENTI VEICOLI TRASPORTO PUBBLICO COLLETTIVO (**) Alternativamente: 8 Libro matricola 8 Lul 8 Libretto di lavoro

Q APPROFONDIMENTO ON LINE
Ci che serve per fare la domanda
www.ilsole24ore.com/norme

Nota: (*) Ex articolo 2, Dm 19 maggio 1999; (**) con capienza minima di 9 posti

GAZZETTA UFFICIALE

Segreto di Stato: pubblicato il Dpcm

Verifiche annullate per 465 commercialisti

Sui professionisti lInps si corregge


LInps ha terminato le verifiche sui professionisti cessati dalliscrizione alla Cassa di previdenza dei dottori commercialisti senza aver maturato i requisiti per il diritto alla pensione, che avevano ottenuto il rimborso dei contributi versati (in base allarticolo 21 della legge 21/1986) e ha annullato gli accertamenti notificati a 465 persone nellambito delloperazione Poseidone gestione separata. Lo precisa il messaggio 16883 diramato dallIstituto il 30 agosto, che fa seguito al messaggio 15783del3agosto(si vedaIlSole 24 Ore di ieri). Si chiude cos la vicenda dei provvedimenti di accertamento inviati a liberi professionisti che avevano regolarmente versato i contributi alla Cassa, ma ne avevano ottenuto la restituzione in seguito alla richiesta di cancellazione. Si tratta per lo pi di commercialisti che hanno svolto anche unaltra attivit (ad esempio linsegnamento) e che hanno maturato il diritto al trattamento pensionistico presso una gestione diversa dalla Cassa dei dottori commercialisti. La direzione centrale Entrate dellInps ha terminato le verifiche in seguito alle segnalazioni delladirezionePrestazionidella CassaCommercialisti.Dalconfronto si legge nel messaggio 16883sonoemerse465posizioni sottoposte allaccertamento. QuestaDirezionehagiprovveduto al relativo annullamento con motivazione: "Cassa Naz. le Commercialisti- Rimborso ctr legge 21/1986, art. 21" delle posizioni che sono risultate attive. Nel caso in cui il contribuente richieda conferma delleffettuatoannullamento, le sediInps dovranno rilasciare la stampa del relativo provvedimento. Se le sedi Inps riceveranno istanze di annullamento per la stessa motivazione, dovranno verificare lavvenuto rimborso, acquisire copia delle delibere, e procedere alla richiesta di annullamento.
V. Me.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DIRITTO SOGGETTIVO

Fondo elettrici e telefonici

Revoca Cigs: ricorso in tribunale


La comunicazione direttaallavoratoreperintervenuta decadenza dalla prestazione di cassa integrazione straordinaria (legge 160/88) deve indicare la facolt di presentare ricorso al giudice ordinario. Nella declaratoria di decadenza,spiegalInps(messaggio16045/2011),nonpuessere ravvisato un provvedimentocaratterizzatodallesercizio di discrezionalit amministrativa, ma una mera comunicazione della violazione di una disposizione di legge, con conseguente applicazionedellasanzioneprevistadalla stessa norma. La posizione del lavoratore, continua ancora lente, non pu ricondursi a una posizione di interesse legittimo, che scaturisce da un vizio di legittimit del potere discrezionale attribuito dalla legge alla Pa e tutelato indirettamente in via amministrativa, ma a un diritto soggettivo alla prestazione economica.
Ar. Ro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Cumulo gratuito in aiuto alla mobilit


Andrea Carli Arturo Rossi
MILANO

Perilavoratorielettricietelefonici in mobilit ricongiunzioneadoppiafaccia.Siapre,infatti, la porta per quelli iscritti ai fondielettricietelefonici,cessati dal servizio prima del 30 luglio 2010 che - pur maturando contributi (anche non obbligatori)dopo questa data - non raggiungonocomunqueildirittoalla pensione in questi fondi: hanno diritto al trasferimento della posizione assicurativa allAgo (Assicurazione generale obbligatoria) dellInps atitolo gratuito e dufficio. Niente da fare, invece,per i lavoratori cessati prima dellabrogazione delle norme sul trasferimento gratuito (articolo 12, commi da 12septies a 12undecies della legge 122/10) che, grazie allaccredito della contribuzione figurativa per mobilit, raggiungono il diritto allapensionedelFondo:potranno esercitare la facolt di ricongiunzione ma a titolo oneroso. Dovrannopagareancheilavoratori cessati dal servizio dopo il

30 luglio 2010. LochiariscelInps (messaggio16923/2011). La posizione assicurativa dei lavoratori in mobilit iscritti ai fondi Elettrici e Telefonici, che intendono liquidare la pensione acaricodelFondopensionilavoratori dipendenti (Fpld) dellInps utilizzando anche la contribuzione figurativa accreditatanelfondospecialeincorrispondenzadeiperiodidifruizione della relativa indennit, dovr essere trasferita - sia a titolo gratuitosia oneroso - solo in una fasesuccessivaallultimocontributo figurativo accreditato per questo scopo. Allo stesso modo, spiega ancora lInps, se questi stessilavoratori,ancorainmobilit,presentanounadomandadiricongiunzione nel Fpld (legge 29/79), vi potranno far transitare soloiperiodicontributivimaturatientrolafinedelmesedipresentazionedellarichiesta,conconseguente perdita del diritto allaccredito figurativo nel Fondo dei periodi di fruizione dellindennit di mobilit successivi a quel momento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 203 del 1settembre il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 22 luglio 2011 che contiene le disposizioni per la tutela amministrativa del segreto di Stato e delle informazioni classificate. Le disposizioni contenute nel Dpcm hanno lobiettivo di tutelare le informazioni classificate o coperte dal segreto di Stato dalla sottrazione, manomissione, distruzione, manipolazione, spionaggio o rilevazione non autorizzata. Si stabilisce anche che laccesso alle informazioni classificate venga consentito solo alle persone che hanno necessit di conoscerle in funzione del proprio incarico.

AGENZIA DELLE ENTRATE

In Lombardia gliufficiaprono alle8


Il Lombardia gli uffici dellagenzia delle Entrate da oggi apriranno alle 8 di mattina. Il provvedimento riguarda il servizio di prima informazione e distribuzione dei biglietti numerati e ha lobiettivo di consentire agli utenti di poter essere indirizzati fin da subito verso il servizio richiesto allapertura degli sportelli veri e propri.

Tempi duri per gli esattori. Il canone idrico e le altre entrate di diritto privato degli enti pubblici non possono essere riscossi a mezzo ruolo o ingiunzione in mancanza di un titolo esecutivo. Lo ha stabilito la terza sezione civile della Corte di cassazione, con la sentenza 17628 del 29 agosto 2011. Per i giudici di piazza Cavour pacifica la natura privatistica del rapporto tra il gestore del servizio idrico integrato e lutente. Dunque, poich si tratta di unentrata che ha natura contrattuale, illegittima la cartella notificata da Equitalia con la quale richiesto il pagamento del corrispettivo del servizio in assenza di un idoneo titolo esecutivo. Secondola Cassazione, larticolo 156 del decreto legislativo 152/06 (Codice ambientale) indica i soggetti ai quali possibileaffidarelariscossionedellatariffa,manonammettealcunaderoga al principio che per tutte le entrate di natura privatistica aventinatura negoziale occorre rivolgersi al giudice prima di iscriverle a ruolo. Il soggetto creditore pu avvalersi della situazione di privilegio solo per le entrate di natura pubblicistica. Sono dunque esclusi i casi in cui il rapporto tra cittadino e pubblicaamministrazionehaalla base rapporti negoziali. Per esempio, rientrano nei rapporti contrattuali i canoni di affitto e, in generale, le tariffe per i servizi a domanda individuale (rette scolastiche, asili nido e cosi via).Quindilanorma,perlaCassazione, precisa quali soggetti sono abilitati ma non prevede lapossibilitdiriscossionemediante ruolo con sistema autonomo e scollegato rispetto a quello normale, adottato anche per stesse entrate di diritto privato degli enti pubblici. La riscossione della tariffa pu essere fatta con le modalit previste dal Dlgs 241/97, previa convenzione con lagenzia delleEntrate.Lariscossione,volontaria e coattiva, pu essere affidataaEquitaliaeaiconcessionari iscritti allalbo ministeriale che riscuotono le entrate locali tramiteingiunzione.Anchelarticolo 17 del Dlgs 46/99 dispone che pu essere effettuata me-

dianteruolo lariscossionecoattiva delle entrate di Regioni, Province,Comuni ealtri entilocali, compresa la tariffa del servizio idrico. Ma queste disposizioni, ricordano i giudici, non contengonoalcunaespressaderogaaipresuppostiperlariscossione a mezzo ruolo. In realt, con la riforma della riscossione del 1999 il legislatore ha inteso tutelare le posizioni soggettivedeicittadini,consentendo lutilizzo del ruolo quale strumento privilegiato solo se sussistono particolari interessi pubblici. Nella sentenza, infatti, viene richiamato larticolo 21 del Dlgs 46/99, disposizione spesso disattesa dai concessionari, cheassoggetta le entrate di dirittoprivato, e quindi anche la

LA LINEA

Il ruolo relativo a entrate di natura privatistica possibile solo in presenza di un titolo esecutivo
tariffadelservizio idrico,al presupposto che il credito da riscuotere attraverso liscrizione aruolorisultidatitoloaventeefficaciaesecutiva.Dunque,in caso di mancato pagamento, lente come un normale creditore non ha altra strada che rivolgersi al giudice ordinario per ottenere il titolo (decreto ingiuntivo) che consente poi la riscossione coattiva. La regola per non vale per le entrate patrimoniali che hanno natura pubblicistica e che hanno alla base un provvedimento di concessione come, ad esempio, il canone per loccupazione di spazi e aree pubbliche (Cosap), quello per linstallazione di mezzi pubblicitari (peraltro qualificato tributo dalla Corte costituzionale) o altre entrate che hanno la stessa natura. AnchelaTiapuessereriscossadirettamenteamezzoruolo,aprescindere dalla sua dubbia natura (tributaria o patrimoniale), poich lamministrazione comunale svolge lattivit di smaltimento rifiuti nella qualit di pubblica autorit e in regime di privativa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Norme e tributi 35

Istruzioni per luso


Lelineeguida
NORME
1 Articolo5delTestounico delleimpostesuiredditi, Dpr917/1986 1 Articoli23eseguentidel Dpr29settembre1973,n.600 1 Articolo17deldecreto legislativo9luglio1997, n.241

Dichiarazioni2011
Per la seconda volta Unico SP consente agli associati di passare le ritenute subite in eccesso allente collettivo

IL MECCANISMO

LE COORDINATE

A senso unico
Gli importi attribuiti alla societ non possono tornare ai partecipanti
I punti cardine
1 IL PASSAGGIO DELLE RITENUTE Isocioassociatiallesocietdi personeeassociazionitraartistie professionistipossonoconsentire cheleritenuteoperatesuiredditi dellesocieteassociazioni,che restanounavoltaoperatolo scomputodallorodebitoIrpef,siano usatedallesocietoassociazioni 2 LA SOMMA TENUTA DAL PARTECIPANTE Primadi"passare"leritenute,isoci, inaggiuntaallapartetrattenutaper lIrpef,possonotrattenereimporti perpagarealtridebitipersonali 3 ERRORE A CARICO DEL PARTECIPANTE Leventualeerrorenel"passare"al soggettocollettivounimportodi ritenutesuperiore,chenon permettealpartecipantedipagare ilsuodebitoIrpef,addebitabileal partecipante 4 ASSENSO SENZA LIMITI TEMPORALI Lassensodeisoci oassociatipu riguardareilcreditoderivante dalleritenuteriferiteaun anno dimposta,opuesseredato senzalimititemporali,salvo revoca

6830
Il codice tributo per la compensazione con F24

PRASSI
Agenzia delle Entrate 1 Circolare56/E del23dicembre2009 1 Risoluzione6/E dell11febbraio2010 1 Circolare12/E del12marzo2010 1 Circolare29/E del3giugno2010

Il credito trasferito dai soci si rigenera con il quadro RX


Somme residue utilizzabili lanno successivo
Salvina Morina Tonino Morina

5 LASSENSO DEVE AVERE DATA CERTA Lassensodeisocioassociativa fattotramiteunattocondatacerta, adesempiotramitescrittura privataautenticata,onellostesso attocostitutivo;lassensopu esseredatoconlettera raccomandata;ancheloscambio dicorrispondenza,tramitePec, validoaifinidelladatacerta 6 LA SCELTA PERSONALE Lasceltaindividuale:quella effettuatadaunsociooassociato nonvincolanteperglialtri

7 LA SOCIET USA IL CREDITO PER I DEBITI Ilcreditodelleritenute "passato"alsoggettocollettivo, puessereusatodallasocietdi personeoassociazionein compensazione,perpagarealtre imposteecontributiattraverso F24 8 IL CODICE TRIBUTO PER IL CREDITO Perlusoincompensazione, conilmodelloF24,delcredito trasferitoalsoggetto collettivo,sideveusareilcodice tributo6830

SISTEMA SOLE

Testo Unico imposte sui redditi 2011. diB.Frizzera, E.Gobbi,M.Postal.IlTuir (Dpr917/1986)riportato integralmenteneltestoin vigore,commentatoarticolo perarticoloeaggiornatocon ilDlsviluppo2011.Gruppo 24 Ore, Prezzo 28,80 euro

labancadatichecontiene eintegratralorotuttigli strumentiinformativi realizzatidalGruppo24Ore periprofessionisti

I soci o associati alle societ e associazioni citate dallarticolo 5 del Tuir (Dpr 917/1986) possonoconsentirecheleritenuteoperate sui redditi delle societ e associazioni, che residuano una voltaoperato loscomputodalloro debito Irpef, siano usate dai soggetti collettivi. Per il secondo anno, con Unico 2011, si pu fare questo trasferimento. Le regole per i passaggi delle ritenute ai soggetticollettivi sonostate specificate dallagenzia delle Entrate nella circolare 56/E. I soci partecipanti, prima di "passare" le ritenute al soggetto collettivo, possono trattenere ulterioriimportidausareperpagarealtridebitidiimpostaocontributi personali. La scelta fatta daunsociooassociatononvincolante per gli altri. Lassenso formale dei soci pu riguardare ilcredito derivante dalle ritenute riferite a un anno dimposta, o puesseredatosenzalimititemporali, salva la possibilit di revoca. I soci o associati, che hanno dato lassenso per la prima volta lanno scorso senza limiti temporali, indicando successivamente il trasferimento effettuato nel modello Unico 2010 per i redditi 2009, non hanno avuto bisogno di confermare lassenso. Con il trasferimento delle ritenute, le societ di per-

sone e le associazioni possono compensare propri debiti.

Il trasferimento del credito


Nella circolare 56/E lagenzia delle Entrate avverte che: 1 luso in compensazione da parte della societ o associazione del credito relativo alle ritenute richiede lassenso dei soci o degli associati da manifestare in un atto con data certa, ad esempio tramite scrittura privata autenticata, o nello stesso atto costitutivo;lacorrispondenzatramiteposta elettronica certificata valida ai fini della data certa; 1 lassenso dei soci pu essere riferito al credito derivante dalle ritenuteresiduerelativeaunsingolo periodo dimposta, con necessit, in questo caso, di rinnovo annuale, o a quello derivante da tutte le ritenute residue senza limiti di tempo, fino a revoca espressa; 1 perch la compensazione possaoperare,ilcreditodeverisultare dalla dichiarazione annuale della societ o associazione. Per le Entrate, regolare, ad esempio, il fatto che il credito relativo alle ritenute residue subite nel 2010 sia usato in compensazione dallo studio associato gi dal 1 gennaio 2011, mediante il codice tributo 6830, purch latto di assenso degli associati abbia una data certa, antecedente la data di compensazione,eilcreditorisul-

ti dalla dichiarazione annuale dello studio associato. Una volta che le ritenute sono stateattribuitealsoggettocollettivoeil relativo creditousatoin compensazione con i propri debiti tributari e previdenziali, eventuali importi residui di creditononpossonopiessereritrasferitiaisocipartecipantiedevono essere usati esclusivamente dalla societ o associazione.

Volont manifesta. Possibile lautorizzazione per uno o pi esercizi

Il rinnovo del credito


Nel compilare il modello F24 per lusoincompensazionedelcredito trasferito al soggetto collettivo, lanno da indicare in corrispondenzadelcodice tributodeveesserelannodiimpostarelativo alla dichiarazione dei redditi da cui il credito emerge (il 2010, per il credito indicato in Unico 2011). Se il credito non usato completamente entro la data di presentazione della dichiarazione successiva (30 settembre 2012),limportoresiduo dovressere riportato nel quadro Rx del modello Unico Sp 2012, determinando cos la "rigenerazione" (da2010a2011)dellannodiriferimento da usare, da quel momento in poi, nel modello F24. I soci o associati possono revocare lassenso a trasferire le ritenute al soggetto collettivo, con un atto aventedatacertaoconunamodifica dellatto costitutivo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Delega alluso con data certa


Per capire come funziona il trasferimento delle ritenute da parte dei soci o associati ai soggetti collettivi, si pu fare lesempiodiuno studioassociato, al quale i due partecipanti, entrambi con una quota del 50%, hanno trasferito le ritenute subite nel 2010, per limporto di 6.109 euro ciascuno (in totale 12.218 euro). Lassensodei duepartecipanti stato dato senza limiti temporali, conlettera raccomandata senza busta, in plico inglese (il timbro che d la data certa sulla stessa comunicazione) spedita nel mese di luglio 2011, cio prima che lo studio associato inizi a fare le compensazioni. Per i partecipanti, il "passaggio" delle ritenute si riporta nel quadro Rn del modello Unico Persone fisiche 2011, al rigo Rn 32. Per entrambi, si compila il rigo Rn 32ritenute totali indicando lo stesso importo di 6.109 euro a colonna 3 (di cui ritenute articolo 5 non utilizzate) e colonna 4. Perlo studioassociato,lariattribuzione delle ritenute si riporta al quadro Rk dati relativi ai singoli soci o associati e ritenute riattribuite, e al quadro Rx compensazioni-rimborsi, sezione IV credito Irpef da ritenute subite del modello Unico 2011 societ di persone. Nelquadro Rk si riporta lo stesso importo di 6.109 euro, ai righi Rk1 e Rk2, colonna 12 ritenute riattribuite. Nella sezione IV credito Irpef da ritenute subitesiriportainfinelimporto di 12.218 euro, cio la somma delle ritenute riattribuite dai due partecipanti per 6.109 euro ciascuno, a colonna 3 ritenute presente dichiarazione e a colonna 4 credito da utilizzare in compensazione. Il primo impiego del credito "passato" dai due partecipanti allo studio associato, dopo lassenso ricevuto dagli stessi partecipanti nel mese di luglio 2011, avvenuto in occasione del versamento Iva del secondo trimestre 2011 in scadenza il 16 agosto 2011, rinviatoal 22agosto in seguito alla proroga di Ferragosto. Il debito Iva del se-

condo trimestre, pari a 11.760,50 euro, stato compensato interamente, presentando un modello F24 a saldo zero. Del credito attribuito allo studiocollettivo, di 12.218euro, rimasto dunque un credito residuo di 457,50 euro (12.218 meno 11.760,50). Nel modello F24 a saldo zero, presentato in via telematica il 16agosto 2011,nella sezione erario, sono stati indicati: 1 nel primo rigo, il codice tributo 6032, per lIva relativa al secondo trimestre 2011; il periodo di riferimento, 2011; limporto a debito, 11.760,50 euro; 1 nel secondo rigo, il codice tributo 6830 per il credito Irpef derivante dalle ritenute residueriattribuite dai partecipanti; il periodo di riferimento, 2010, limporto a credito di 11.760,50 euro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TV

A CURA DI LUIGI PAINI

www.ilsole24ore.com/cinema

RADIO 24

IL TEMPO

A CURA DEL CENTRO EPSON METEO

www.ilsole24ore.com/meteo

Alla luce del sole


RAITRE 21.05 Luca Zingaretti (nella foto) interpreta don Pino Puglisi, il sacerdote ucciso dalla mafia a Palermo il 15 settembre 1993

Come investire
12.00 Salvadanaio Estate 2011 da dimenticare per i mercati finanziari. Di Debora Rosciani (nella foto)
6.10 Letture di Radio 24 6.30 Italia in controluce Tangenti a Sesto San Giovanni 6.45 Sotto tiro Lorgoglio di ribellarsi agli estorsori 6.55 Il Gazzettino del Risorgimento 7.00 Gr 24 7.15 24 Mattino 7.20 - In primo piano La rassegna stampa 8.20 - Lintervista Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana 8.35 - Bianco o Nero? Proposta di condono fiscale per recuperare entrate. Sareste daccordo? 9.00 Nove in punto Caccia agli evasori 10.05 I capolavori del Premio Strega Stabat mater, di Tiziano Scarpa 10.10 Compagni di viaggio In Ungheria con Nicoletta Sipos 11.00 Essere e benessere Il meglio di...Dimmi come guidi e ti dir chi sei 12.10 Gazzettino del Risorgimento 12.15 Salvadanaio Mercati, agosto da dimenticare per le Borse 13.00 Gr 24 13.30 Italia in controluce 13.45 America 24 14.00 A tempo di sport LItalia in campo 15.00 I Magnifici Elton John - 5puntata 16.00 La bella estate La luna e i fal 16.45 Chiedo Asilo Due pap 17.00 Focus Economia La giornata economico finanziaria 18.30 La zanzara In volo sullattualit 21.05 Mr Kilowatt 21.10 Nove in punto 22.05 Compagni di viaggio 23.10 I Magnifici

Oggi
min 14 L'Aquila - max 38 Oristano

Domani
min 16 L'Aquila - max 36 Catania

Da non perdere
RAIUNO 12,05 Atleticaleggera:Campionatimondiali. Sono sei le finali in programma: per le donne lancio del giavellotto, 5.000 e 200; per gli uomini getto del peso, salto in lungo e staffetta 4x400. LA 7 13,55 Porte aperte, di Gianni Amelio, con GianMaria Volont,EnnioFantastichini,Italia1989 (108).Hauccisotrepersone, merita sicuramente la pena di morte: ma un giudice, nellItalia del 1936, convinto che non si debba mai, per nessuna ragione, uccidere. RAIUNO 20,30 Calcio: Isole Fr er - Italia. LincontrovalidoperlequalificazionialCampionato europeo dellanno prossimo. RAITRE 23,30 Blu notte - Misteri italiani. Le stragi dei nazisti in Italia: Carlo Lucarelli indaga nella puntata intitolata "Larchivio della vergogna".

RAIMOVIE 23,35 Redacted, di Brian De Palma, con Daniel Stewart Sherman, Usa 2007 (90). Iraq, praticamente un inferno.

con Kabir Bedi, Italia 1976 (125). Bello e invincibile. Viva lavventura! CULT 21,00 La battaglia dei tre regni, di John Woo, con Chen Chang, Cina 2008 (148). Guerra in Cina, quasi duemila anni fa. Torme di soldati, macchine belliche, una cascata di effetti speciali. RETE 4 23,20 Le regole del gioco, di Curtis Hanson, con Eric Bana, Usa 2007 (124). Il giocatore professionista di poker si trova di fronte un super-campione: suo padre! RAITRE 1,25 Fuori orario. Omaggio "notturno" al grande regista russo Aleksandr Sokurov: vengono presentate le prime sei parti del fluviale documentario (659 minuti!) "Retrospettiva di Leningrado", che raccoglie spezzoni di cinegiornali girati nella metropoli russa dal 1957 al 1990.

Attualit
RAITRE 10,40 Cominciamo bene. Quante sono le "caste" in Italia? Perch non passata labolizione degli ordini professionali proposta dal ministro Tremonti nella manovra fiscale? A quali privilegi dovrebbero rinunciare avvocati, magistrati, giornalisti, notai e molti appartenentiad altrecorporazioni?ConGiovanni Anversa e Arianna Ciampoli. RAIUNO 23,10 Tv7. Giovani vite stroncate per futili motivi: storie di campanilismo, rivalit per una ragazza, unocchiata storta, un attimo e scatta la furia incontrollata.

GR 24: allora STRADE IN DIRETTA: ai 15 e ai 45 BORSE IN DIRETTA: alla mezzora Per le frequenze: 800-080408 Per intervenire alle trasmissioni: 800-240024 SMS 349-2386666 I Gr possono essere ascoltati anche su: www.radio24.it www.ilsole24ore.com

Nord: in prevalenza poco nuvoloso, con pi nubi al mattino in pianura al Nordovest e nel pomeriggio su Alpi e Friuli, ma con basso rischio di rovesci. Temperature in aumento. Centro: bel tempo per tutta la giornata, con soltanto il passaggio in passaggio di innocue velature. Temperature in aumento, con punte di 33/34 C in Toscana, Umbria e Lazio. Moderato Scirocco nel Tirreno. Sud e isole: dal pomeriggio in Sardegna e interno della Sicilia; sereno o poco nuvoloso altrove. Caldo in aumento, con punte di 36/37 C nelle isole, 34/35 C nelle altre regioni. Venti meridionali.

Nord: nuvole in aumento al Nordovest con rovesci o temporali sulle Alpi nel pomeriggio, di sera anche in pianura e Liguria; sole o poche nubi fino a sera in Emilia Romagna e al Nordest. Pi afoso. Centro: moderata nuvolosit, ma non compatta, su zone interne e tirreniche. Sole alternato a poche nubi lungo l'Adriatico. Caldo in lieve aumento, con massime tra 30 e 34 C. Venti deboli. Sud e isole: molte nuvole in Sardegna, con rovesci e temporali tra sera a notte. Tempo buono altrove, con solo delle velature in Sicilia e zone tirreniche. Caldo meno intenso in Sardegna.

Spettacolo
RETE 4 16,15 Il Corsaro nero, di Sergio Sollima,

Temperature
Italia
Ancona Bari Bologna Cagliari Firenze Genova Milano Napoli Palermo Roma Torino Venezia
OGGI DOMANI

AVVISI
ECONOMICI
www.ilsole24ore.com
motore di ricerca annunci/informazioni

TEL. (055) 2398646-417, FAX (055) 2396232.

Inserisci il tuo annuncio su Il Sole24Ore e online direttamente

http://annunci.ilsole24ore.com Con operatore: Telefono 800.069.328 Fax 800.168.328 dall'estero Telefono +39 0342 567632 Fax +39 0230223026 e-mail: sportellosystem@ilsole24ore.com Inviare testo e ragione sociale riceverete preventivo e modalit di pagamento Nei nostri uffici.
BOLOGNA: VIA GOITO 13, TEL. (051) 6575962-963 R.A., FAX (051) 239717. GENOVA: VIA DANTE 2/82, TEL. (010) 586263-5531905, FAX (010) 566734. NAPOLI: C.SO UMBERTO I, 7, TEL. (081) 5529763, FAX (081) 5529711. PADOVA: GALL. BORROMEO 3, TEL. (049) 655288 R.A., FAX (049) 655612. ROMA: PIAZZA INDIPEDENZA 23/BC, TEL. (06) 30226100, FAX (06) 6786715. TORINO: C.O G. FERRARIS 108, TEL. (011) 5139811 R.A., FAX (011) 593846. FIRENZE: PIAZZA DEI PERUZZI 4,

Tariffe: Costo a parola 9,00 + IVA 20% min. 10 parole. Neretto: tariffa doppia. Necrologie 19,00 + IVA 20%. Il Sole 24 Ore precisa che tutte le ricerche/offerte di lavoro devono intendersi rivolte agli uomini e alle donne (L. dic. 77 n. 903), le ricerche effettuate direttamente dalle aziende non possono essere fatte in forma anonina Decreto Legislativo 10 settembre 2003 n. 276 art.9, le agenzie accreditate devono citare n. registrazione. Le risposte indirizzate al servizio gestione risposte sportellosystem@ilsole24ore.com, salvo i diritti di cui art. 7 D.Lgs. n. 196/'03; si richiede espressamente al candito di permettere al proprio C.V. consenso al Il Sole 24 Ore il trattamento/manuale automatizzato dei miei dati finalizzato ad un riscontro.

- Rappresentanze offerte Franchising - Consulenza - Outsourcing - Aziende forniture - Servizi Applicazioni Web - Arte - Mostre - Antiquariato - Aste - Auto moto - Nautica - Trasporti - Noleggio - Eventi - Fiere - Convegni - Formazione - Stage offerte - Finanziamenti Leasing - Assicurazioni - Varie - Localit turistiche - Cinema - Teatro - Musica

Villa patrizia 800 da restaurare completamente oltre 1.000 mq., 3 case coloniche, terreno circostante c.a 100.000 mq., viale e alberi secolari. 100 Km da Torino, Milano, Genova autostrada. 1.100.000, 00. Tel. 333 6592596 - 010 3725876.
Finanziamenti Compra-vendita aziende

LOTTO
Lotto Estrazione dell1-9-2011 Nazionale 38 51 65 12 40 Bari 70 81 82 42 69 Cagliari 62 31 2 12 44 Firenze 44 64 86 78 20 Genova 40 66 14 21 77 Milano 76 62 3 39 13 Napoli 74 59 5 43 45 Palermo 58 22 40 41 51 Roma 54 50 46 77 84 Torino 90 13 53 70 14 Venezia 68 22 60 25 23 SuperEnalotto Combinazione vincente 8 12 26 44 48 50 Jolly 68 Numero Superstar 46 Montepremi 2.540.320,33 6 punti 5+1 5 punti 18 21.169,34 4 punti 1.552 245,52 3 punti 56.103 13,58 5 stella 4 stella 3 24.552,00 3 stella 235 1.358,00 2 stella 3.530 100,00 1 stella 20.677 10,00 0 stella 43.962 5,00

18 21 20 24 19 22 20 20 24 21 18 20 17 24 18 11

30 33 34 35 33 28 31 33 35 34 29 29 23 33 25 21

20 22 21 25 21 22 21 22 26 23 19 21 20 25 16 14

30 32 32 32 33 28 30 32 35 34 27 30 24 33 24 25

Europa
Amsterdam Atene Belgrado Berlino

Bratislava Bruxelles Bucarest Budapest Copenhagen Dublino Francoforte Ginevra Helsinki Istanbul Kiev Lisbona Londra Lubiana Madrid Mosca Oslo Parigi

17 14 17 15 12 15 14 16 11 23 18 19 14 14 15 16 8 18

26 24 30 27 18 21 23 28 16 33 27 25 25 23 28 25 17 26

12 16 17 10 13 14 19 15 11 22 16 17 16 13 15 14 11 16

26 24 30 27 20 16 27 29 17 32 27 25 27 23 23 23 16 28

Praga Stoccolma Tirana Vienna Zurigo

10 16 20 15 15 21 25 21 8 17 25 18 12 9 24 22 23

24 18 30 25 26 28 27 35 24 28 35 26 20 18 32 30 25

10 14 20 11 16 20 23 20 10 18 25 20 11 9 24 23 23

24 18 27 23 28 28 29 36 27 29 33 27 19 17 32 31 25

Mondo
Casablanca Hong Kong Il Cairo Johannesburg Los Angeles New Delhi New York Rio de Janeiro Sidney Singapore Tel Aviv Tokyo

Case affitto

RUBRICHE
- Case vendita - Case affitto - Viaggi vacanze Agriturismo - Fitness - Immobili vendita - Immobili affitto - Finanziamenti compra-vendita aziende - Professionisti - Offerte impiego - Domande impiego

FAMIGLIA tre persone CERCA appartamento, zona Sempione, 2000 euro mensili, dal primo ottobre 2011, Tel 0049.1754387292, herrmannmilano@googlemail.com
Immobili vendita

ACQUISTARE VENDERE AZIENDE, Immobili, ricercare soci, ventennale esperienza pagamento contanti. 02/3272448 www.cogefim.com
Finanziamenti - Leasing Assicurazioni

SYSTEM COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA


DIREZIONE GENERALE
Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano Tel. 02.3022.1/.3837/.3807 - Fax 02.30223214 - E-MAIL: direzionegeneralesystem@ilsole24ore.com

LOMBARDIA-TRIVENETO MILANO - LOMBARDIA


Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano Telefono 02.3022.3842/.3859/.3105 - Fax 02.30223951 - E-MAIL: filiale.milanoelombardia@ilsole24ore.com

MONFERRATO

(Alessandria)

MERCHANT BANK Valuta aperture di credito di firma, prestiti partecipativi e rilascio di garanzie bancarie. Disponibile brochure on-line.info@allianceventurecapital.co.uk

PADOVA - TRIVENETO Gall. Borromeo, 4 - 35137 Padova Tel. 049.655288 - Fax 049.655612 - E-MAIL: filiale.padovaetriveneto@ilsole24ore.com

36

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Speciale Piazza Affari/1. Le assicurazioni limitano il calo rispetto allindice Pag. 38


Venerd2Settembre2011

Speciale Piazza Affari/2. Le societ mid-cap reggono lurto della crisi Pag. 39

Energia. Zuccoli (A2A): Improbabile un accordo con Edf entro il 15 Pag. 42

Calcio. Il Manchester United torna in utile Boom di costi per le big inglesi Pag. 43
www.ilsole24ore.com/finanza

SPECIALE PIAZZA AFFARI Lindice Ftse Mib in rialzo dello 0,69% - Moodys taglia il rating a Ubi Banca

TimidorimbalzoaMilano,bancheinaltalena
Corrado Poggi

PiazzaAffariprovaaconsolidareilrecupero.Dopoaverarchiviatounagostoorribilechehalasciato in eredit una perdita del 15,57%,laBorsamilaneseriuscitaieriainiziareilmesedisettembrecon il piede giusto ribaltando negli ultimi novanta minuti di contrattazioni un quadro fino ad allora negativo sulla scia dei dati macrodeludentiinarrivodalleurozona. Nel finale invece la spinta decisiva giunta dagli Stati UniticonlaperformancemiglioredelleattesedellIsmmanifatturiero, rimasto a sorpresa in agosto sopra quota 50 punti. Il bilancio finale di Piazza Affari parla dunque di un rialzo dello 0,69% perilFtseMibedello0,58%per il

Ftse All Share. Fra i vincitori della giornata si sono distinti Telecom Italia (+1,78%), Campari (+1,50%),Tods (+1,31%),Parmalat(+1,58%),Exor (+1,62%)eLottomatica (+1,27%) mentre Pirelli (-2,74%) ha pagato le prese di beneficiodopoilrallydimercoled. Contrastata la performance del comparto bancario su cui pesano le indiscrezioni riportate dal Financial Times secondo gli

LA GIORNATA

Bene il settore energetico, contrastato landamento dei finanziari su cui pesano le valutazioni dellFmi sul capitale dei colossi europei

istituti europei risulterebbero sottocapitalizzati di 200 miliardi di euro qualora iscrivessero a bilancioititolidistatodetenutiagli attualivaloridimercato.Unindiscrezione che sembra chiarire il senso dellesortazione lanciata nei giorni scorsi dal direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, alle banche europee, e a quellefrancesiinparticolare,aprocedere in tempi rapidi a nuovi aumentidicapitale. Sempre nella mattinata di ieri stata inoltre ufficializzata la prossimauscitadalloStoxxEurope 50 di Intesa Sanpaolo e UniCredit, una decisione che era nellaria da diversi giorni causa i drastici cali di capitalizzazione registrati da inizio anno ad oggi.

Entrambi i gruppi sono tuttavia riusciti a chiudere in positivo e i grafici indicano come la svolta al rialzo sia iniziata proprio alle ore 16, quando dagli Stati Uniti stato pubblicato il dato sullIsm. Intesa Sanpaolo ha terminato in rialzodel2,47%beneficiandodellaconfermadelgiudizio aequal weightdapartediMorganStanley a fronte di una riduzione del target price a 1,50 euro contro gli attuali 1,16. Pi modesto il guadagno messo a segno da UniCredit che ha preso lo 0,58% pagando il taglio del rating da equal weight ad underweight da parte dellastessabancaamericanacon abbassamento dellobiettivo di prezzo da 1,5 a 1,05 euro (contro gliattuali0,948).Fraglialtrititoli

del comparto, da segnalare i rialzidi Banco Popolare (+0,42%)e Ubi banca (+0,23%), prima che ieri in tarda serata Moodys annunciasse il taglio del rating da A1adA2.Hanno chiusoinvece in ribasso Mps (-0,82%), Bpm (-0,61%) e Mediobanca (-0,16%). Secondo alcuni operatori i titoli italiani del settore sono stati per buona parte della sedutarallentatianchedaindiscrezioni sui contenziosi aperti tra numerosebancheelAgenziadelle Entrate in merito ad accertamenti per evasioni di imposta percirca un miliardo. Bene nel suo complesso invece il settore energia con guadagni dell1,07% per Eni, dello 0,88%per Enel edello 0,69%per

EnelGreenPowerchehacomunicato lentrata in servizio di un nuovo impianto fotovoltaico nel comune di Canaro, in provincia di Rovigo. Fra le altre blue chips, Mediasethapagatoconunribasso dell1% il nervosismo scatenatosul settore media europeodalla francese Lagardere che a Parigihachiusoinribassodell11%dopoavertagliatogliobiettivifinanziariper il 2011. Chiusura in flessione (-0,78%) anche per la Fiat che nonhatrattobeneficiodagliottimi risultati di vendita riportati dalla controllata Chrysler per agosto con un +31% che rappresenta il miglior risultato per il mese dal 2007. Gli operatori attendevano tuttavia i dati sulle vendite dello stesso Lingotto in Italia, resi noti dopo la fine delle contrattazioni, e che hanno visto un calo in agosto dell1,37% a frontedi un+1,51% per il mercato italiano nel suo complesso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I migliori di ieri
INTESA SANPAOLO
Apertura Chiusura

TERNA
Apertura Chiusura

1,17 +2,47% 1,16

2,58

+1,98%
2,56

1,15

2,54

1,14

2,52

1,13

2,50

Auto. Meeting tra Marchionne e i 22 top manager del gruppo: il tema della crescita Usa, lintegrazione con Chrysler e il nodo Mirafiori

Discesa in agosto malgrado il boom di Lancia

Fiat punta sui nuovi emergenti


Focus su Iran e Nord Africa - Per Ferrari le banche vogliono il listing a Hong Kong
Paolo Bricco

In Italia quota di mercato al 29%


Augusto Grandi
TORINO

Ieri mattina, al quinto piano della palazzina del Lingotto a Torino, iniziata alle nove in punto la prima riunione del Global executive council del gruppo Fiat, lorganismo che raduna i 22 top managerchelavoranoa strettoriporto di Sergio Marchionne. Alcuni non si erano mai incontrati. Soltanto otto sono italiani. Ilmanageritalo-canadeselihadefiniti su Forbes un comitato di nomadi in viaggio. Questo incontro, che continuer oggi, un passaggioessenzialeper ladefinizione dei meccanismi di funzionamentodiunaleadershipdecentrata, con il potere decisionale l dove ci sono i mercati. Con la necessit, per esempio, di realizzaredellecuciturefraunafunzione e laltra, per evitare vuoti o sovrapposizioni. Intanto, sullo sfondo si staglia limplementazione delle strategie future del gruppo. In un contesto denso di incognite, in gioco ci sono i possibili incroci reali fra i piani industriali, gli scenari che mutano a gran velocit e, appunto, la necessit di costruire una struttura dirigenziale non fondata sul one man show (tutti ricordanoancora quando, alCenter for automotive research del Michigan, il 4 agosto lamministratore delegato fece una innocua battuta sul suo futuro personale fra cinque anni fuori dal Fiat causando una caduta del titolo azionario). A Torino e a Auburn Hills sanno bene che il piano dei prodotti non pu non tenere conto di un quadro macroeconomico che cambiaallavelocitdellaluce,minandolidea(finoa poco tempofa condivisa da Marchionne) di una ripresa da cogliere fra il 2012 e il 2014. Il tema della domanda si incrocia con il tema dei volumi. E,

questultimo, con la questione del cosa fare in quale stabilimento, in Italia ma non solo. Un nodo da sciogliere al pi presto perch, almeno nel nostro Paese, la tensione intorno alla Fiat negli ultimi mesi salita. La situazione di Mirafiori, con la cancellazione del Suv e la blanda ipotesi di una citycar, resta fluida. A Torino non possono negare che occorra ritrovare un equilibrio fra una Fiat che, oltre ad infiammare il dibattito politico e sindacale, perde terreno nei numeridellevenditeeunaChrysler dai buoni risultati (vendite negli

LA SFIDA AMERICANA

La controllata di Detroit ad agosto aumenta le vendite del 31%: il miglior risultato dal 2007 e 17mese in aumento

LAPAROLA CHIAVE

Group executive council


7 Il Group executive council il pi alto organo decisionale di Fiat dopo il consiglio di amministrazione. Si occuper della gestione sia del gruppo Fiat che del gruppo Chrysler, incentrando lorganizzazione principale in un solo ed unico organo di controllo. Al Gec fanno capo la supervisione dellandamento dei business, la definizione degli obiettivi, le decisioni strategiche e gli investimenti del gruppo.

Stati Uniti in aumento del 31% ad agosto, miglior agosto dal 2007 e diciassettesimo mese positivo, a fronte del +18% di General Motors e del +11% di Ford). Chrysler che peraltro, come riportato dal Detroit Free Press, a breve cambier la composizione del suo Cda: cinque degli attuali nove membrisonostatisceltidaigoverni americano e canadese, non pi azionisti da quando la societ ha restituito i prestiti. In queste ultime settimane, anche in vista del Global executive council di ieri e di oggi, la struttura interna ha lavorato sul problemadelmercatoitaliano,chenonostante tutto vale il 58% delle macchine vendute da Fiat in Europa occidentale (nei primi sette mesi 340mila su 580mila). In particolare, lattenzione concentrata sul segmento A, quello della Nuova Panda, dove in autunno esordir la temibile Volkswagen Up. Al di l del lavoro consultivo e strategico di queste ore, resta la necessit di insistere sui prodotti a maggiore valore aggiunto. Per esempio la nicchia dei mini-suv e dei cross-over. E il lusso nei mercati emergenti. Non soltanto nei Bric,maancheinquellimenobattuti, come alcune realt dellAfrica del Nord e come lIran. Non a caso a Teheran la Maserati dovrebbe aprire una concessionaria allinizio del prossimo anno. Intanto,haripreso vigoreilballetto sulla quotazione di Ferrari. Secondo lagenzia Reuters, alcune banche di investimento hanno proposto di seguire il suo sbarco alla Borsa di Hong Kong. Valore base di 6,3 miliardi di dollari. A questo proposito un portavocedi Fiatharicordato comeMarchionne di recente abbia detto che lIpo di Ferrari non sul tavolo. Per il momento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

AGF

Al vertice. Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat e Chrysler, posa accanto a un modello Ferrari

I NUMERI

22
I top manager Tantisonoitopmanagerche lavoranoastrettocontattocon laddiFiatSergioMarchionne, chesisonoriunitiieriaTorino;di questisoltantoottosonoitaliani emoltidilorononsieranomai incontrati.Recentementelo stessoMarchionne,in unintervistaalmensile americanoForbes,liaveva definitischerzosamenteun comitatodinomadiinviaggio.

+31%
Le vendite Chrysler Prosegueilrilanciodi Chrysler, checontinuaainanellareottime performance:venditenegliStati Unitiinaumentodel31%ad agosto,miglioragostodal2007e diciassettesimomese consecutivodivenditein progresso.Questidatiassumono unsignificatomaggioresesi raffrontanoaquellideglialtribig Usa:+18%perGeneralMotorse +11%perFord.

6,3 miliardi
LIpo Ferrari Riprendonoconinsistenzale vodidiunapossibilequotazione diFerrariallaBorsadiHong Kong.SecondolagenziaReuters, alcunebanchedi investimento hannopropostodi seguirelIpoa HongKong.Valorebasedi6,3 miliardididollari.Aquesto propositounportavocedi Fiatha ricordatocomeMarchionnedi recenteabbiadettochelIpodi Ferrarinonsultavolo.

Ilmercato italiano dellauto cresce dell1,5% ad agosto, peruntotaledi70.307immatricolazioni, ma nessuno si illude. Il raffronto con lagosto del 2010 che aveva accusato un calo di oltre il 19% rispetto allanno precedente. Daltronde il dato complessivo dei primi 8 mesi emblematico: 1.222.431consegneeunaflessione dell11,96%. Anche le prospettive sono tuttaltro che incoraggianti,visto che loscorso mese i contratti per nuovi acquisti non hanno raggiunto neppure le 70mila unit (-3%), toccando il livello pi basso, per agosto, degli ultimi 13 anni. E Gian Primo Quagliano, presidente del Centro studi Promotor Gl Events, aggiunge che il dato di agosto non neppureinfluenzatodallatempesta che si abbattuta sulleconomia e sui mercati nel mese scorso n dai caotici tentativi del nostro Paese di far fronte allemergenzafinanziaria.Fenomeni che, invece, hanno gi inciso sul clima di fiducia dei consumatori, con effetti che secondo Quagliano potrebberogiinciderenegativamente sulla domanda di auto a settembre e soprattutto nei mesi successivi. Per Federauto la manovra anticrisi affosserulteriomenteilmercato, eleventuale aumento dellimposta provincialedi trascrizionerappresenter un ulteriore freno, come gli aumenti della tassazione sulla Rc auto. Cos come incidono, secondo il Centro studi Nodo di Gordio, le incertezze sulla localizzazione delle produzioni di Fiat, tra interessi per lEuropa dellEst e dubbi su Mirafiori. Proprio il gruppo Fiat ha visto le consegne di agosto scen-

dere del 3,22%, nonostante il boom di Lancia (+22,18% e una quota del 5,42% che la migliore per il marchio torinese dal 2001) vanificato dal calo di Fiat (-8,19%) e di Alfa Romeo (-2,68%).Non basta,adinvertire la tendenza negativa, il buon andamento di Jeep che cresciuta del 14,50%, ma con volumi ridotti: 379 consegne ad agosto. Di conseguenza la quota del Lingotto scesa dal 30,61 al 29,18 per cento. Tra i gruppi stranieri vola Volkswagen(+14,04%),trainata dal marchio principale e da Audi; crescono Ford (+9,76%), Renault (+10,06%), Daimler

LE IMMATRICOLAZIONI

Secondo le previsioni di Promotor lintero 2011 dovrebbe chiudersi con meno di 1,8 milioni di auto, in calo del 9% sul 2010
(+5,41%). Ancor meglio Bmw (+24,14%), Nissan (+37,59%) e Hyundai (+28,32%). Sul fronte opposto Psa contiene le perdite conun calodell1,05%, dovuto alla flessione di Citroen (-15,12%) non compensata dalla crescita di Peugeot (+17,01%). Gm lascia sul campo il 14,80% e Toyota il 31,77%. In caduta anche Suzuki (-10,21%) e Honda (-23,88%), ma vanno ricordate le conseguenzedellotsunamisullaproduzione giapponese. Nel complesso, secondo le stime di Promotor, il 2011 dovrebbe chiudersi con meno di 1,8 milioni di immatricolazioni, in calo del 9% rispetto al 2010. Nella convinzione che il livello sia ormai tanto basso da non essere pi comprimibile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Aspenia

Nelle migliori edicole e librerie

CREDIT DEFAULT SWAP Acquisto


31.08 01.09 25.08 01.09 31.08 31.08 01.09 30.08 01.09 31.08 366,76 461,58 65,50 100,00 35,94 79,79 77,50 50,00 169,00 50,31

Variazione in punti base 30.08 25.08 01.08


-10 -45 -5 4 -1 -3 1 -6 -11 -23 -2 -58 -63 -78 -43 -48 -13 -5 -28 1 -4 5 -3 1 2 -4 -11 -12 5 9 -24 -72 -85 -70 -33 14 1 -11 -7 -2 1 1 6 8 8 9 9 831 222 184 168 163 151 151 148 84 76

INDICI SETTORIALI MONDIALI Variazione in % Indice Energia Materiali Industriali Beni voluttuari Beni prima necessit Salute Finanza Informatica Telecomunicazione Pubblica utilit 1 1 sett. mese 3,76 -10,13 5,89 5,31 4,74 1,29 -8,42 -8,99 -8,38 -1,95 1 anno 9,36 4,37 0,23 4,53 2,31 3,23 2,99

LE SOCIET DI OGGI

Rivista di Aspen Institute Italia

A A2A
Alitalia Anglo American Astaldi Aurelia Autogrill

37 39 44 42 39 37 42 42 37 44 37 37 37 37 37 37 37 37 37

La politica del rischio

Chi migliora
SPAGNA Edp- Energias (P) Telenor (NK) United Utilities (UK) STATI UNITI INGHILTERRA Centrica (UK) Unilever Nv (NL) Repsol (E) SVEZIA

FonSai Ford

37 37 39

G Gavio

General Motors 37

I Intesa Sanpaolo 37 L Lottomatica M United


Manchester Mediaset Mediobanca Mps 37 43 37 37 37 37 37 37 44

B Banca Akros
Banca Popolare di Milano Banco Popolare Bhp Billiton Bpm

Chi peggiora
GRECIA Continental Ag (D) Clariant (CH) Renault (F) Heidelbgcement (D) Lafarge S.A. (F) Thyssenkrupp (D) Peugeot (F) Volvo (SW) Banca Mps (I) 31.08 2705,80 01.09 505,00 01.09 313,50 01.09 412,50 01.09 467,50 01.09 457,50 01.09 332,50 01.09 400,00 01.09 197,50 25.08 398,75

2,43 -4,44 4,11 1,12 -6,54

4,77 -10,28 -13,61 -0,36 -5,06 -5,09 -3,09 -12,81

P Parmalat
Pirelli Prelios

C Campari
Chrysler

Dopo Fukushima: il futuro energetico


Pauregiuste,pauresbagliate

Italia:latomofuggente

Per informazioni e abbonamenti tel. 02.30225680 oppure www.shopping24.it

I credit default swap sono contratti con cui un soggetto, a fronte di pagamenti a favore della controparte, si protegge dal rischio di credito associato ad un determinato sottostante.Il rischio di default collegato ad un emittente obbligazionario, per un prestito didurata quinquennale, emesso in Euro e di rankingsenior. Per i titoli sovrani, invece, il prestito emesso in Dollari USA, mantenendo la durata quinquennale ed il ranking senior. I valori sono espressi in punti base ed indicano percentualmente il costo della copertura dal rischio per valore nozionale dell'asset sottostante. Se, per esempio, il valore facciale dei titoli sottoscritti di 100mila euro, ed il valore del cds di 200 punti base,vuol dire che il sottoscrittoredeve pagare ogni anno 2.000 euro (2% appunto) per assicurarsi dal rischio d'insolvenza dell'emittente. Fonte: Elaborazione Ufficio Studi de Il Sole 24 Ore su dati Thomson Reuters

VOLATILIT A CONFRONTO 1 mese Azioni (Msci Italia) Obbligazioni (Jpm Italia) 3 mesi 6 mesi

E Edison
Enel Enel Green Power Eni Exor

R Rio Tinto
Tods

T Telecom Italia 37
37 37 37 44

45,27 34,69 27,49 14,83 12,40 9,17

Ubi banca UniCredit

Fonte: elaborazionesudatiMsci (indicisettorialimondiali)

F Fiat

V Vale

38 Finanza & Mercati


SPECIALE PIAZZA AFFARI
FOCUS SULLE COMPAGNIE

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Al 30 giugno il gruppo Generali possedeva titoli governativi italiani per un ammontare di 51 miliardi
A Piazza Affari
IL CONFRONTO
Base 1 luglio 2011=100 luglio agosto

Unipol aveva in pancia Buoni per 7 miliardi, mentre FonSai aveva 14 miliardi pari all88% dei bond totali

Assicurazioni in recupero dopo la mossa Bce sui BTp


In ripresa da met agosto - In due mesi calo del 16%
Maximilian Cellino

COS IN BORSA
FONDIARIA-SAI

MEDIOLANUM

100 95
Variazione % dal primo luglio Variazione % dal primo luglio

90 85 80 75 70 65 60
Ftse Mib Ftse all share Assicurativi Ftse all share Bancari

-46,28%
da inizio anno

-19,56%
da inizio anno

Legata a doppio filo con lumore dei mercati nei confronti dellItalia e degli altri Paesi europei sotto pressione per questioni di debito pubblico. Il giudizio netto che gli analisti di Credit Suisse danno di Generali serve a spiegaregranparte deimovimenti di Borsa non soltanto del Leone di Trieste, ma anche degli altri gruppiassicurativi quotatia Piazza Affari. infatti il quantitativo rilevante di titoli di Stato (in particolare italiani) detenuti dalle

LESPOSIZIONE AI SOVRANI

Secondo gli analisti, a muovere le quotazioni stata soprattutto la correlazione con i titoli di Stato italiani detenuti in portafoglio
compagnie ad aver fatto il bello (e soprattutto) il cattivo tempo in questi ultimi due mesi di tensione alle stelle. Il bilancio a livello di settore dal primo luglio in poi di quelli pesanti, ma il -16% registrato dallindiceFtseItaliaAll-ShareInsurancevaanalizzatoafondo,perch il passivo maturato interamente nelle prime settimane ed stato mitigato in parte dal rimbalzo registrato dai titoli assicurativi a partire dall11 agosto. Certo, tuttoilmercatoharecuperatomediamente terreno da quella data, ma la sovrapposizione con landamento dellindice delle blue chip Ftse Mib (vedi grafico a fianco) mostra una decisa sovraperformance del comparto.

E la spiegazione, in fondo, semplice: proprio in quei giorni sonoiniziatii riacquistidellaBancacentrale europea (Bce)suititoli del Tesoro, i cui prezzi hanno invertito tendenza e sono improvvisamente risaliti. Il rischio di svalutazioni pesanti per le compagnie assicurative quindi sensibilmente diminuito e questoha anche contribuito a risollevare le sorti delle azioni quotate sul mercato milanese. Le quote di bond sovrani detenute dalle compagnie non sono piccola cosa: tanto per dare qualche cifra, al 30 giugno Generali possedeva governativi italiani per un ammontare di circa 51 miliardi di euro, ai quali si devono sommare 12,2 miliardi di titoli di altri Paesi periferici (Portogallo, Irlanda, Spagna e Grecia); Unipol deteneva circa 7 miliardi di Btp e poco pi di un miliardo impiegato nei Pigs; il gruppo Fondiaria Sai era invece in termini relativi il maggiore investitore assicurativo in titoli del Tesoro con unesposizione pari a 14,2 miliardi (88% dei bond governativi del gruppo, una quota che potrebbe essere ridotta nel medio termine fino al 70%). Lintervento del Governo, che con un provvedimento ad hoc inserito nel Decreto Anticrisi ha consentito alle compagnie di sterilizzare limpatto delle perdite sui titoli di Stato dellEurozona (entroil limite del 20%) nelcalcolodeilorocoefficientidi solvibilit, funzionando in pratica come una sorta di cuscinetto nelle fasi pi acute della crisi. Ma i problemi delle compagnie non sono soltanto legati alla crisi del debito

LEPAROLE CHIAVE

Embedded value
7 uno dei metodi maggiormente utilizzati per la valutazione del capitale economico di una compagnia di assicurazione. definito come somma algebrica del patrimonio netto contabile rettificato e del valore atteso dei margini del portafoglio polizze gi acquisito. Il patrimonio netto rettificato ottenuto attraverso la riespressione a valori correnti delle principali poste patrimoniali, rilevando le relative plus/minusvalenze latenti al netto degli effetti fiscali.

Combined ratio
7 Il combined ratio delle assicurazioni danni il rapporto fra i premi raccolti e l'insieme delle spese e dei sinistri a carico dalle compagnie. Nel settore responsabilit civile per lauto, questo rapporto si deteriorato negli anni scorsi proprio a causa delle frodi che, con l'aggravarsi della crisi economica, sono esplose. Le compagnie hanno provato a riportare il rapporto sotto il 100% aumentando le tariffe.

pubblico europeo, e lo dimostranoidatituttaltrocheesaltantidiffusi ieri dallAnia sulla raccolta nel ramo vita, in calo del 38,6% a giugno e del 26,2% nel primo semestre 2011. C poi un ulteriore elemento cherischiaamedio termine diimpattare sui bilanci delle societ assicurative, la prospettiva di un nuovo abbassamento dei tassi di mercato determinato proprio dalla situazione di instabilit e dalla possibile fase di stagnazione economica verso cui lEuropa pare dirigersi. Uno scenario di tassi in discesa spiega Stefano Mach, gestore azionario di Azimut penalizzante soprattutto per quelle compagnie che nella maggior parte dei prodotti devono offrire un rendimento minimo garantito. A differenza dei tassi, quanto deve essere riconosciuto alla clientela non diminuisceespinge quindi lesociet assicurative a prendere maggiori rischi (magari proprio incrementando la quota di BTp a scapito dei sicuri Bund) se non si vogliono ridurre i margini. Chi confronta il bilancio borsistico degli assicurativi con quello dei titoli finanziari di Piazza Affari trova comunque un magro motivodi consolazione, perch negli ultimi due mesi le banche hanno sofferto perdite addirittura doppie. Colpa anche in questo caso dellaforteesposizioneaibondsovrani, ma pure - e qui sta gran parte della differenza rispetto alle compagnie - del maggior costo delfunding,cheminacciadiridurre ulteriormente una redditivit gi scesa ai minimi termini.
RIPRODUZIONE RISERVATA

-15,97%

-58,49%
GENERALI

-15,67%
UNIPOL

-23,63%

-33,13%

Variazione % dal primo luglio

Variazione % dal primo luglio

-15,45%
da inizio anno

-13,87%
da inizio anno

-11,40%

-27,32%

Dopo i crolli nella raccolta, ora c attesa per un rilancio dei prodotti a capitale garantito

Le compagnie confidano nel Vita


Il momento potrebbe essere di quelli propizi: i mercati attraversano una fase di turbolenza prolungata e i risparmiatori sono spaventati. Molti di essi, presi anche dal panico, hanno venduto nelle ultime settimane attivit rischiose, soprattutto azioni, e sono alla ricerca di un rifugiodovepotermettereragionevolmente al sicuro il denaro, almenoinattesadiunaschiarita. In teoria uno strumento con lecaratteristicheadatte asoddisfare questo desiderio di sicurezza della clientela potrebbero essere quelle polizze vita il cui andamento, inteso in termini di raccolta, in questi primi sei mesi del 2011 non ha dato certo segnali di particolare vitalit. La promessa di un rendimento garantito potrebbe per essere la risposta giusta per chi cerca di fuggire dalla volatilit. Perilmomentononpossibile evidenziare una chiara tendenza di ripresa per questo tipo distrumenti.forseinfattiancoratroppoprestoper rilevarei risultati dei continui crolli di Borsa sulla raccolta delle polizze: dopotutto lapice della tensione si raggiuntoamet diagosto(e nondettochelallarmesuilistini sia definitivamente rientrato),meseincuilattivitdivendita praticamente ferma. Se ripresa della domanda per i prodotti a rendimento garantito ci sar, lo si vedr quindi probabilmente a partire da questo mese e nel prossimo autunno. infatti molto probabile che chi fuggito dalle attivit arischio sia rimastodisorientato e abbia preferito parcheggiare temporaneamente il denaro in un conto corrente, magari ad alto rendimento. Quello che certo che alcune compagnie stanno confidando in una tendenza del genere e proprioperquestosistannopreparando al lancio di nuovi prodotti che faranno molto probabilmentelevasulbisognodirendimenti sicuri per i clienti. I pi scettici, a questo proposito, sottolineano che difficilmente nel passato la crisi di Borsa e le susseguentivenditedapartedei risparmiatori hanno rappresentato un volano per la raccolta delle polizze a rendimento garantito. Ma in una fase di scarsa vena come quella attuale (e in previsione della riforma delle aliquote fiscali che porter dal 12,5% al 20% laliquota sui proventi di questi prodotti ) ogni elemento, se pur piccolo, potrebbe contribuire alla ripresa.
Ma. Ce.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL SETTORE

Chi cerca di sfuggire alla volatilit dei mercati, pu cercare rifugio nelle polizze Il nodo del trattamento fiscale che sale al 20%

IACP PALERMO

REGIONE BASILICATA

ANAS S.p.A.
Compartimento della viabilit per lUmbria

Via Q. Sella 18 - Pa - Tel. 091-6011111

AVVISO GARA
La GURS n. 32 del 12/08/11 pubblica lestratto del pubblico incanto dei lavori di consolidamento strutturale, drenaggio e allacciamento fognario da eseguirsi nei n. 18 alloggi popolari del lotto 735 ubicato in Via Don Giovanni Colletto nel Comune di Corleone. Importo dei lavori soggetto a ribasso 757.888,832, oneri per lattuazione dei piani della sicurezza non soggetti a ribasso dasta 21.912,47, importo complessivo dei lavori 779.801,30. Finanziamento: legge 19/2005 ex art. 22 comma 9. Gara del 28.09.2011; ore 9.00 R.U.P.: Dott. Pianificatore Rosario Zummo tel. 091/6011226; Responsabile ex art. 4 DPRS 14.01.05 n. 1 : Geom. Pietro Milazzo, presso lU.R.E.G.A. Sito internet www.iacp.pa.it. Codice C.I.G. 3107680AA7. Codice C.U.P. B63F1000011000. IL RESPONSABILE DELLA U.O. 3 Geom. Vincenzo Zummo

ANAS S.p.A.
Compartimento della viabilit per lEmilia - Romagna

Dipartimento Presidenza della Giunta Regionale

ANAS S.p.A.
Compartimento della viabilit per lUmbria

ESTRATTO BANDO DI GARA


La Regione Basilicata indice gara d'appalto mediante procedura aperta per l'assunzione di un mutuo di 3.400.000,00 per il completamento degli interventi conseguenti agli eventi sismici degli anni '80, '81 e '82 di cui alla L. n. 32/92 a valere sulle risorse stanziate dalla l. n. 488/99, art. 54 comma 1 tab. 3 e ripartite dalla De. CIPE n. 123 del 23.12.2003. Criterio di aggiudicazione: prezzo pi basso (art. 82 del D.Lgs. n. 163/06 e s. m. e i.). Termine di ricezione delle offerte: ore 12:00 dell' 11.10.2011. Le offerte devono pervenire al seguente indirizzo: Regione Basilicata - Dipartimento Presidenza della Giunta - Ufficio Risorse Finanziarie e Bilancio - Via Vincenzo Verrastro, n. 4, palazzo della Giunta - 85100 Potenza. I documenti di gara sono rinvenibili sul sito istituzionale dell'Ente (www. basilicatanet.it). Responsabile del procedimento la d.ssa Maria Grazia Delleani (tel. 0971668248/668269 - fax 0971-668302) Firmato IL DIRIGENTE DELL'UFFICIO Dott.ssa Maria Grazia DELLEANI

AVVISO DI ESITO DI GARA


LANAS S.p.A. - Compartimento della Viabilit per lUmbria - Via XX Settembre n. 33 Perugia - rende noto che presso il Compartimento in data 29.10.2010 stata esperita la sotto indicata procedura aperta di cui alla pubblicazione sulla G.U.R.I. n. 113 del 29.09.2010, con aggiudicazione ai sensi dellart. 82 comma 1 e 2 lett. a) del Decreto Lgs. n. 163/06 e con esclusione secondo le modalit previste dagli artt. 86 e successivi del citato Decreto: PG10/07 - CUP F37H10000580001 - CIG 05410253F3 - Provincia di Perugia - S.S. n. 3 Flaminia - Lavori urgenti di risanamento della sovrastruttura stradale fortemente ammalorata tra il Km. 103+900 e il Km. 129+000. Importo a base dappalto 1.002.000,00 di cui 40.000,00 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Tempo di esecuzione dei lavori gg. 90. Impresa aggiudicataria: SARAPPALTI SPA con sede in Via Monte Giberto, 67 - Roma. Importo di aggiudicazione 727.156,60 comprensivo di oneri per la sicurezza, al netto dellofferto ribasso del 28,57%. Responsabile del procedimento: Dott. Ing. Andrea PRIMICERIO. Lesito pubblicato sulla G.U.R.I n. 103 del 2.09.2011 nonch sul sito informatico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e sul sito informatico presso lOsservatorio Lavori Pubblici - Regione Umbria. Lelenco nominativo delle Imprese partecipanti, ammesse ed escluse visionabile sul sito internet www.stradeanas.it, sullalbo della Sede compartimentale di Perugia e sullAlbo Pretorio del Comune di Perugia. IL DIRIGENTE AREA AMMINISTRATIVA Alessandro FICORELLA
VIA XX SETTEMBRE, 33 - 06124 PERUGIA Tel. 075/5749201 - Fax 075/5722929 sito internet www.stradeanas.it

BANDO DI GARA BOLAV39-2011 (ESTRATTO)


STAZIONE APPALTANTE: ANAS S.p.A. - Compartimento della viabilit per lEmilia e Romagna - Viale A. Masini n 8 - 40126 Bologna (Tel. 051/6301111 - Fax. 051/244970); PROCEDURA DI GARA: Procedura aperta ai sensi del DLgs 163/2006 e del DPR 207/2010 smi e nel rispetto di quanto previsto dal DM 145/2000. Determinazione a contrarre ai sensi dellart. 11 comma 2 D.lgs 163/2006 del 09.08.2011 prot. n. 31974; Province Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Bologna, Forl-Cesena, Ravenna, Rimini; Descrizione: Gara MSLAV39/11 SS.SS. nn. TUTTE DEL COMPARTIMENTO. Interventi di distese generali in tratti saltuari delle strade statali di competenza del Compartimento; Categoria prevalente: OG3 classica IV; Importo complessivo dellappalto: Euro 1.604.250,00 tutti a misura di cui per oneri della sicurezza Euro 54.250,00. Quota Incidenza Manodopera 112.297,50 pari al 7% dei lavori; Importo soggetto a ribasso 1.550.000; Cauzione provvisoria: EURO 32.085,00; Termine di esecuzione: giorni 60 consecutivi dalla data di consegna dei lavori; Finanziamento: Lappalto nanziato con mezzi correnti del bilancio ANAS S.p.A.. Procedura indetta con riserva di aggiudicazione; Ai ni dellammissione alla presente procedura concorsuale gli operatori economici dovranno presentare: ricevuta del versamento allAVCP di 140,00 (CIG che identica la procedura: 3137258333); Termine di ricezione: entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 03.10.2011; Richieste informazioni: Ufcio Gare Compartimento ANAS di Bologna, tel 051.6301182/132; BANDO INTEGRALE DI GARA: Il bando in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufciale della Repubblica Italiana (G.U.R.I.) ed altres disponibile in forma integrale sul sito Internet www.stradeanas.it; RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ing. Vincenzo ORLANDO. Il DIRIGENTE AMMINISTRATIVO Dott. Ing. Paolo VENERI
VIALE A. MASINI, 8 - 40126 BOLOGNA Tel. 051/6301111 - Fax 051/244970 sito internet www.stradeanas.it

AVVISO DI ESITO DI GARA


LANAS S.p.A. - Compartimento della Viabilit per lUmbria - Via XX Settembre n. 33 Perugia - rende noto che presso il Compartimento in data 04.11.2010 stata esperita la sotto indicata procedura aperta di cui alla pubblicazione sulla G.U.R.I. n. 113 del 29.09.2010, con aggiudicazione ai sensi dellart. 82 comma 1 e 2 lett. a) del Decreto Lgs. n. 163/06 e con esclusione secondo le modalit previste dagli artt. 86 e successivi del citato Decreto: PG10/10 - CUP F37H10000570001 - CIG 05410822FD - Provincia di Perugia - S.S. n. 3 Flaminia - Lavori urgenti di rifacimento cordoli e solette degli impalcati dei viadotti ubicati tra il Km 111+000 e il Km 133+755 e sostituzione delle barriere bordo ponte e delle reti antisasso pericolanti. Importo a base dappalto 3.284.300,00 di cui 260.000,00 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Tempo di esecuzione dei lavori gg. 365. Impresa aggiudicataria: ALPIN SRL con sede in Via Rivolta, snc - Torrecuso (BN). Importo di aggiudicazione 2.182.608,00 comprensivo di oneri per la sicurezza, al netto dellofferto ribasso del 36.428%. Responsabile del procedimento: Dott. Ing. Andrea PRIMICERIO. Lesito pubblicato sulla G.U.R.I n. 103 del 2.09.2011 nonch sul sito informatico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e sul sito informatico presso lOsservatorio Lavori Pubblici - Regione Umbria. Lelenco nominativo delle Imprese partecipanti, ammesse ed escluse visionabile sul sito internet www.stradeanas.it, sullalbo della Sede compartimentale di Perugia e sullAlbo Pretorio del Comune di Perugia. IL DIRIGENTE AREA AMMINISTRATIVA Alessandro FICORELLA
VIA XX SETTEMBRE, 33 - 06124 PERUGIA Tel. 075/5749201 - Fax 075/5722929 sito internet www.stradeanas.it

www.formazione.ilsole24ore.com

Academy
Via Mario Carucci 131, 00143 Roma

SALES ACCOUNT MANAGER: TECNICHE DI VENDITA E DI NEGOZIAZIONE COMMERCIALE


1a edizione - Milano, dal 26 settembre al 13 ottobre 2011

Avviso ai partecipanti al Fondo Comune di Investimento Immobiliare Chiuso denominato

UNICREDITO UNICREDIT IMMOBILIARE UNO


PROSPETTO DEL PATRIMONIO AL 30 GIUGNO 2011
ATTIVITA A. STRUMENTI FINANZIARI Strumenti finanziari non quotati A1. Partecipazioni di controllo Strumenti finanziari quotati A7. Titoli di debito B. IMMOBILI E DIRITTI REALI IMMOBILIARI B1. Immobili dati in locazione B3. Altri immobili C. CREDITI C2. Altri F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' F1. Liquidit disponibile G. ALTRE ATTIVITA' G2. Ratei e risconti attivi G3. Risparmio di imposta G4. Altre TOTALE ATTIVITA PASSIVITA' H. FINANZIAMENTI RICEVUTI H1. Finanziamenti Ipotecari L. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI L1. Proventi da distribuire M. ALTRE PASSIVITA' M1. Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati M2. Debiti di imposta M3. Ratei e Risconti passivi M4. Depositi Cauzionali M5. Altre TOTALE PASSIVITA VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO al 30/06/2011 Numero delle quote in circolazione 7.046.929 7.046.929 22.861 22.861 3.662.686 142.579 274.460 26.875 50.629 3.168.143 10.732.476 542.374.463 160.000 3.389,840 137,500 150.817.736 79.190.000 79.190.000 71.627.736 71.627.736 387.200.000 377.900.000 9.300.000 13.557 13.557 2.603.007 2.603.007 12.472.639 179.828 5.000.000 7.292.811 553.106.939

SHORT MASTER
Formazione dinamica per le professioni pi richieste dal mercato FORMULA INTENSIVE: 12 GIORNI DI AULA + DISTANCE LEARNING
inclusa una sessione di orientamento alla carriera e contatti con il mondo del lavoro in collaborazione con

Servizio Clienti Tel. 02 5660.1887 - Fax 02 7004.8601 info@formazione.ilsole24ore.com

Il Sole 24 ORE Formazione ed Eventi Milano, via Monte Rosa, 91 Roma, piazza dellIndipendenza, 23 b/c
Organizzazione con sistema di qualit certicato ISO 9001:2008

VALORE UNITARIO DELLE QUOTE al 30/06/2011


Rimborsi o proventi distribuiti per quota nel 2011

publi Kare

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Finanza & Mercati 39


Sono spesso le multinazionali tascabili che hanno realizzato positivi dati di bilancio nel semestre Tra le migliori performance diversi titoli finanziari poco esposti al debito sovrano di Eurolandia
Trasporto aereo. Da 20 a 12,74 milioni

SPECIALE PIAZZA AFFARI


LE AZIENDE MEDIE

Mid-cap pi resistenti alla crisi


Nellagosto nero (-15,5%) delle blue chip hanno ceduto solamente il 6%
Vittorio Carlini

Gavio svaluta la quota Alitalia


Gianni Dragoni
ROMA

In medio stat virtus, recita ladagio.Che,almenonellabollenteestatediBorsa,puestendersi anche alle societ di Piazza Affari. In mezzo ai crolli agostani del paniere delle blue chip (-15,5%),zittozittoilfratellominore delle medie capitalizzazioni infatti riuscito a resistere: il Ftsemid cap ha ceduto solo il 6 per cento. Una performance migliore di quella dellintero listino (-13%) che si replica sulla pi lunga distanza. Dall11 luglio scorso,ciodaquandosiabbattuto lo tsunami di vendite sulla piazzamilanese,leaziendemediehanno persoil5,65% afronte di un Ftse Mib in calo del 15,2 per cento. Con il che la domanda dobbligo: quale il carburante che ha riempito la performance di questi titoli? Una premessa, prima della risposta, necessaria. Se si allargalarcotemporaledellanalisi,anche lemid-cap battonoun po in testa: da inizio 2011 continuanosaperdere(-15,04%)meno delle blue chip (-23%), ma la distanza tra i due plotoncini si riduce. Ci significa che, proprio nel periodo pi difficile, hannodato dimostrazione diesserepiresilientiallacrisi.Ovvero, alle vendite. Una resistenza consenguenzadiunmixdicause.Inprimisva ricordatoche,neimomentidipanicselling,luscitadallequityavviene dapprima con il future: il sell-off si focalizza sul derivato delle blue-chip. E questo, giocoforza,mettealriparolecapitalizzazionipi piccole.Manon soloilfuture.Lemidcapsonoaiutate da un altro aspetto: gli istituzionali, che riducono il rischio azionario, mettono ordine nelportafogliooperandosuitito-

li maggiormente liquidi. E si dimenticano di quelli pi piccoli (sene hanno). Questo duplice fattore, gi da solooffreunaparzialegiustificazionedelperchlemediecapitalizzazioni non sono state travolte dalle vendite. E tuttavia, non mancano altre cause. Quali? Per trovarne una basta guardare al Ftse All Star. Dal primo agosto il paniere delle stelle ha perso il 9 per cento: meno delle blue chip ma di pi delle mid-cap. Qui la differente performance ha una giustificazione piuttosto immediata: le star di Borsa, grazie ai pi alti requisiti di trasparenza e liquidit, sono maggiormente presenti nei fondi esteri. Questultimi, se hanno voluto vendere lasset-Italia (al di l dei

LATTIVIT DALLESTERO

Poco presenti nei portafogli degli investitori internazionali non sono state coinvolte dalle vendite generalizzate che hanno colpito Milano

LAPAROLA CHIAVE
Sell off

7 Con questo termine inglese si intende la vendita di titoli, o altri di altre asset dinvestimento, durante un periodo di ribasso delle quotazioni. La finalit di questa operazione quella di tentare di evitare maggiori perdite in conto capitale

fondamentali aziendali), si sono disfatti anche delle stelle. Le quali, seppur spesso fanno parte del Ftse mid cap, hanno cos dato una maggiore spinta allingi al paniere All Star. Finquialcunedellemotivazioni alla base del trend: quali, per, le societ che hanno fatto meglio?Guardandoalleperformance, subito, salta fuori una sorpresa.Nellatoptencisonocinquefinanziari: la Popolare Sondrio (+6,6% in agosto), Unipol (+4,13%), Banca Carige (+3,74%),CattolicaAssicurazioni (+3,25%) e Popolare Emilia e Romagna(+3,2%). Aldildelfattocheogniazienda una storia a s, qui evidentemente ha giocato a favore il fatto diesseresocietamaggiorevocazione locale (rispetto ai big del credito) e di esserepercepite come meno esposte sul fronte del debito sovrano di Eurolandia. Nellattuale fase il solo detenere titolidistato visto, giustoo sbagliato che sia, come un atout negativo. Pi particolare, invece, la motivazione alla base del rally di Coin (+ 0,3%). In questo caso, infatti, il titolo attirato verso quota 6,5 euro (ieri quotava a 6,495),cioilprezzodOpaoffertodaBcPartnerschepuntaaldelistingdellazienda. Insomma,seppursubasidifferenti, le mid-cap hanno resistito allagosto nero. E il futuro potrebbe essere non cos negativo, soprattutto per le multinazionali tascabili. De Longhi per esempio,chehaarchiviatoilprimosemestre 2011 con lutile in rialzo del 91,6%, ieri balzata del 7,9% anche sulloutlook per lintero 2011.Lunicorischio?Quellodicadereinunasecondarecessione.
vittorio.carlini@ilsole24ore.com
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le performance a confronto

La famiglia Gavio ha svalutato la sua partecipazione nellAlitalia-Cai, riducendo il valoredai20milionidieuroversati a fine 2008 a 12,741 milioni a fine 2010. Lo si apprende dal bilanciodelgruppoAurelia,lasociet capofila della famiglia di Castelnuovo Scrivia, presieduta da Bruno Binasco. Il consolidato di Aurelia dichiara un utile nettodicompetenzadi56milioni nel 2010, 2 in meno del 2009, su un fatturato netto in crescita da 1.626 a 1.839 milioni. IlgruppoGavio,titolarediimprese di costruzioni e trasporti e secondo gestore nazionale di autostrade, con circa il 18% della rete, ha seguito la strada di altri soci della compagnia guidata da Rocco Sabelli, che hanno decisodisvalutarelapartecipazioneacausadeirisultatinegativie dellincertezza delle prospettive di raggiungimento dellutile, slittato al 2012, fonte di malesseretragliazionisti,ridottia 21dopo il ritiro della Fingen. Gavio ha ridotto il valore della sua quota, pari all1,77% del capitale detenuto attraverso la Finanziaria di partecipazioni e investimenti, adeguandola al patrimonio netto di Alitalia, spiegano fonti del gruppo alessandrino. LasvalutazionediGaviocoincide con quella fatta dalla Pirelli,chepossiedeunaquotaidentica. La societ guidata da Marco Tronchetti Provera ha ridotto il valore della partecipazione secondoil fairvalue(cio ilvalore corretto)induetappe,a17,17milioni nel 2009 e a 12,8 milioni nel 2010:lasvalutazione complessiva del 36% circa. Air France-Klm, primo azio-

nista di Alitalia con il 25%, ha svalutato la partecipazione di 40 milioni a quota 298 milioni (quindi dell11,8%) nel bilancio al 31 marzo 2011. Infine il gruppo Benetton, socio attraverso Atlantia, primo gestore nazionale di autostrade, nei conti semestrali al 30 giugno 2011 ha svalutato di 25 milioni la partecipazione iniziale pari a 100 milioni in considerazione delle perdite consuntivate dalla partecipata Alitalia e tenuto conto degli effetti negativi del quadrocongiunturale su alcuni fattori operativi rilevanti nel settore di riferimento.

IL CONSUNTIVO 2010

Lallineamento di valore riguarda l1,77% del capitale che fa capo ad Aurelia, societ capofila del gruppo di Serravalle Scrivia
Un quinto socio, la Fingen dei fratelli Fratini di Firenze, ha ceduto la sua quota il 13 maggio. Lha ricomprata banca Intesa Sanpaolo, motore del progetto Alitalia, pagando lo stesso valore iniziale, 15 milioni. La banca ha mantenuto inalterato a 100 milioni il valore di bilancio della partecipazione Cai nel bilancio separato 2010, ma nel suo consolidato indica un importo inferiore, 82 milioni, come valore di bilancio consolidato. Nel primo semestre 2011 Alitalia ha annunciato una perdita netta di 94 milioni, inferiore ai 164 milioni del 2010. Il risultato beneficia di sopravvenienze attive e proventi non ripetibili, limporto non stato reso noto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

L A P R E I S TO R I A D E L S O F T WA R E PA G H E F I N I TA !
Servizio Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Avviso per estratto gara tramite procedura aperta
In esecuzione alle determinazioni dirigenziali n. 2303 del 10/08/2011 e n. 2338 del 17.8.2011, il Responsabile del Servizio Formazione Professionale e Politiche del Lavoro comunica che verr esperita la seguente gara tramite procedura aperta ai sensi dellart. 83 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.: Servizi di supporto ai centri per limpiego per linserimento di persone in cerca di lavoro e per la promozione a favore del sistema produttivo. Importo a base di gara 261.666,67 (iva esclusa) di cui 261.526,67 somma soggetta a ribasso dasta e 140,00 per gli oneri di sicurezza non soggetti a ribasso. Categoria Altri Servizi; n. riferimento CPC 27 (All. II B d.lgs.n. 163/2006) CIG:3122085A09. Termine ricezione delle offerte: ore 12,00 del 6.10.2011, seduta di gara dalle ore 15,00 del 6.10.2011 - Responsabile del procedimento: Dr. Gabriele Marzano Il bando integrale ed il disciplinare di gara sono consultabili presso lAlbo Pretorio dellEnte e sul sito Internet allindirizzo http//: www.provincia.parma.it. Il Responsabile e Dirigente del Sevizio Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Dr. Gabriele Marzano

www.GePcommunication.it

TRIBUNALE DI COMO
Fallimento N. 97/10
Giudice Delegato: Dott. Vito Febbraro - Curatore: Dott. Vittorio Anzani. Il Curatore del fallimento FLOWLINK GMI S.R.L. con sede legale a Milano, Via Dante n. 14 e sede operativa a Senna Comasco (CO) Via Canturina Vecchia n. 13, codice fiscale 00731870150 COMUNICA CHE indetta una procedura competitiva per la vendita dellintero coacervo, o dei singoli cespiti o per le categorie omogenee di beni che possibile scegliere nellambito dellinventario. Lo stesso pubblicato sul sito: www.studiocorradocantu.it. Le offerte potranno essere anche inferiori al prezzo di perizia. Entro le ore 18.00 del 9 settembre 2011 possono pervenire in busta chiusa offerte irrevocabili per lacquisto dei macchinari, dei mobili e della merce presso lo Studio Corrado & Associati in Cant (CO), Corso Unit dItalia n. 14, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o consegnate personalmente e dovranno essere accompagnate da cauzione pari al 10% del prezzo offerto a mezzo assegni circolari non trasferibili intestati a: Fallimento FLOWLINK GMI S.R.L.. Le buste saranno aperte presso lo Studio Corrado & Associati alle 15.00 del giorno 12 settembre 2011. In caso di presentazione di pi offerte si proceder a gara informale considerando quale base dasta lofferta pi alta. Il regolamento di procedura competitiva e ulteriori informazioni potranno essere acquisiti dal sito www.studiocorradocantu.it o richieste al Curatore, tel. 031/712785 fax 031/700975 e-mail: studio@studiocorradocantu.it. Le informazione e i dati acquisiti in virt della procedura saranno trattati in conformit della vigente normativa sulla privacy.

AVVISO DI GARA
AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: S.C.R. - Piemonte S.p.A. - Corso Marconi n. 10 - 10125 Torino Tel. 011/6548.321 Fax 011/6599.161 appalti@scr.piemonte.it www.scr.piemonte. it. OGGETTO DELL'APPALTO: "Fornitura di aghi, siringhe, deflussori e la prestazione dei servizi connessi in favore delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale di cui all'art. 3, comma 1, lett. a) L.R. 19/2007 (gara 7-2011)", suddivisa in n. 62 lotti; TIPO DI APPALTO E LUOGO DI PRESTAZIONE DEI SERVIZI: Fornitura; Codice NUTS ITC1 Regione Piemonte; IMPORTO COMPLESSIVO PRESUNTO DELL'APPALTO: presunti complessivi Euro 23.468.026,56 oltre I.V.A., oneri della sicurezza Euro 0. TIPO DI PROCEDURA: Aperta. CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE: Prezzo pi basso - Offerta economicamente pi vantaggiosa. TERMINE PER IL RICEVIMENTO DELLE OFFERTE: 30/09/2011 ore 12:00. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ing. Adriano LELI. ALTRE INFORMAZIONI: Il bando di gara integrale stato trasmesso alla GUCE in data 19/08/2011. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Dott. Leo Massari

SYSTEM COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA

CITT di TORINO
PROCEDURA APERTA N. 95/2010 del 15 giugno 2011 per "Lavori di Manutenzione Straordinaria per la Sicurezza in Edifici Scolastici nel Territorio Comunale". Comunicazione a norma dell'art. 65 del D. Lgs. n. 163/06. Sistema di aggiudicazione: artt. 82 e 86, commi 1,3, 3bis, 3 ter e 4 D.Lgs. n. 163/06 e art. 87 D. Lgs. n. 163/06. Hanno presentato offerta n. 20 (venti) ditte. risultata aggiudicataria la ditta EDIL EUROPA SRL, con sede in Corso Sempione, 130 - 10155 TORINO, con il ribasso del 46,22%. Torino, 16 giugno 2011 IL DIRETTORE DEL SERVIZIO CENTRALE CONTRATTI-APPALTI-ECONOMATO dott.ssa Mariangela ROSSATO PN/rf

Liberi dai costi fissi Liberi dagli aggiornamenti Liberi di cambiare


Per informazioni contatta il Servizio Clienti: 02 3022 5670 oppure: www.vialiberapaghe.ilsole24ore.com Disponibile presso la Rete Agenti de Il Sole 24 ORE e le migliori librerie

DIREZIONE GENERALE
Via Monte Rosa, 91 20149 Milano Tel. 02.3022.1/.3837/.3807 Fax 02.30223214 E-MAIL: direzionegeneralesystem@ilsole24ore.com

FILIALE ESTERO (DIREZIONE INTERNAZIONALE) Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano Tel. 02.3022.3809/.3527 Fax 02.3022.3619 E-MAIL: internationaladvertisingdivision@ilsole24ore.com REGNO UNITO, STATI UNITI - IL SOLE 24 ORE UK Ltd. 44, Maiden Lane - 1st Floor - London WC2E 7LN Tel. 0044-207-2402424 - Fax 0044-207-2400024 E-MAIL: maya.biltoo@ilsole24ore.co.uk

40 Finanza & Mercati

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

TuttoRisparmio
Famiglia e soldi sicuri

IL SOLE 24 ORE ONLINE

Educazione finanziaria
I concetti chiave per capire leconomia e la finanza sono al centro del dossier dedicato alleducazione finanziaria su www.ilsole24ore.com/dossier

Fondi comuni. Come costruirsi un equilibrato giardinetto di prodotti di risparmio gestito ricorrendo alla rete

29
QUANDO LACQUISTO ONLINE
1 LOPZIONE CONTO CORRENTE Peracquistareunfondo comunedi investimento onlineinmolticasi, sopratuttosesiutilizzanole piattaformedi bancheonline, sideveaprireunconto correntepresso lintermediarioscelto.Questo consentediregolarein manieraautomaticaesicura tutteleoperazionichesi voglionofaresulcanale, senzadoversipreoccuparedi predisporreibonificiafavore dellesocietdi gestione.In generetuttiglioperatori prevedonocondizioni vantaggiose. 2 UNOPERAZIONE UN BONIFICO Seinvecesioptaperuna piattaformanonnecessaria laperturadiunconto.Dopo averdispostol'ordinedi acquistodelfondoche interessa,ilsistemadella piattaformacomunicale coordinatebancariedella societdigestionescelta.A quelpuntosiprocedeconun bonificobancariodalproprio contodirettamenteallaSgr.E inmanieraanaloga,incasodi vendita,sarlastessaSgrche accrediterilcontocorrente. 3 OCCHIO ALLA PASSWORD Unavoltaseguita laprocedura per laregistrazione e lidentificazione, il cliente riceveuna coppia dipassword per l'accessoe l'utilizzo del sistema. Queste scadono dopo un certo tempo e interrompono inautomatico loperativit proprioper garantire la massima sicurezzaallutente. bene tener docchio lascadenza e i messaggi che segnalanodi modificare lepassword. 4 TRASFERIMENTO FONDI Sesiapertouncontopresso ildistributoreonlineesi voglionotrasferirequotedi fondisulnuovoconto,il passaggiofacileespesso gratuitoseilcollocatoreonline presceltoprevedelacasaei prodottiincatalogo. Inalternativasipucontattare telefonicamenteloperatore oppureseguirelaprocedura ditrasferimento dellequotedeifondicos comeindicatasulsito.

Investire senza muoversi da casa


PAGINA A CURA DI

Lucilla Incorvati

Prezzi pi contenuti e grande libertdi movimento in ogni momento e da ogni luogo. Confronti su un vasto ventagliodiprodottiin piena autonomia, con l'assenza totale di commissionidientrata, diuscita e di switch. Sonoquestiivantaggipiimmediati che consente il web perchivogliasottoscriverefondi comuni di investimento ricorrendo alla rete e spesso senza muoversi da casa. Un canale, questo, certamente pi giovane e meno utilizzato, rispetto a quello dei promotori finanziari e allo sportello bancario, arrivato in Italia circa dieci anni fa e mai pienamente decollato. In questo decennio, infatti, il collocamento di fondi sulle piattaforme internet, non ha raggiunto dimensioni tali da essere paragonati a quanto accaduto in altri paesi dove il canale internet pesa anche fino al 50 per cento. Forse perch linvestitore italiano prima di sottoscrivere un fondo comune di investimento, preferisce ricorrere ai suggerimenti di un esperto come sono i promotori finanziari (canale sempre pi importante per lindustria dei fondi comuni) oppure ad un consulente indipedente. Il business ancora molto

basso ricorda Simone Calamai, amministratore delegato di Fundstore, la prima piattaforma specializzata solo nel collocamentodi fondisia in termini di anzianit sia per numero di fondi (ndr il catalogo contiene 3500 tra fondi e comparti di Sicav e la raccolta supera i 150milioni). Registriamo unimpennata o un rinnovato interesse quando c euforia suimercati,mentre imovimenti sono meno evidenti nella fasi di ribasso. Ma se dieci anni fa il

IL CONFRONTO

Sulle piattaforme specializzate o sui siti delle banche online possibile effettuare utili comparazioni tra pi fondi
ricorso al web avveniva solo da parte di una nicchia di soggetti, oggi abbiamo clienti pi diversificati. Insomma, per le piattaforme di vendita di fondi comuni attive su internet lappeal maggiore resta il fattore prezzo, ma a quanto pare per attrarre clienti non sufficiente offrire prezzi pi vantaggiosi, anche se, seppur lentamente, si allarga il popolo dei sottoscrittori di fondi sul web. Lidea che c dietro questo modello di business si basa sul-

lapossibilit di investire in prodotti ottimi e con estrema facilit senza l'aiuto di intermediari finanziari, seguendo alcune semplici linee guida. Insomma, un modello che si basa su una sorta di disintermediazione sostenibile. Machichesiavvicinaaquesto canale e una volta scelto non lo lascia pi? LidentikitcheraffiguraCalamaicomunquequellodiuninvestitoreinformato,chesimuove con dimestichezza sul canaleedcertamentemoltoconsapevole delle sue scelte. Da un'analisideldatabasedi Fundstore, stata scattata una fotografia dei circa 4500 clienti che popolano la prima piattaforma di vendita di fondi online: nel 2010 stata registrato un incremento del 34% della raccolta, con un utente medio del servizio uomo, di et compresa tra i 40 e i 60 anni, residente soprattutto nelle provincie del Centro-Nordo nellegrandiareeurbanedelSud. Eil12%degliutenti si avvale di consulenti finanziari,conportafogliconcontrovalori medio-alti. Oltre a Fundstore, laltra piattaforma specializzata nella sottoscrizione di fondi comuni quella di OnlineSim (gruppo Ersel), che offre l'opportunitdiconfrontare ecomprare in rete, a commissioni scontate fino al 100% e con un conto a zero spese, 2.600 fondi

comuni di investimento di oltre 70 case di investimento, A questi due si aggiungono Twice Sim e Iw Bank (entrambedelgruppoUbiBanca), Fineco (gruppo UniCredit), Banca SellaeWebankdelgruppoBanca Popolare di Milano. Alcuni di questi operatori hanno spesso offerte vantaggiose: per esempio attualmente Fineco ha previsto un bonus di 2mila euro per chi trasferisce fondi suquestocanaleeha creatoCoreSerie,unmeccanismocheselezionasoloifondicon imigliori rating racchiudendo per la prima volta la qualit dei migliori gestori internazionali in quattro fondi di fondi. Le banche online sono soggetti nati in gran parte alla fine degli anni 90 quando gli investimenti online sembravano l'unica strada percorribile per essere competitivi. Oggi molte di loro hanno una consistente attivit che gli arriva pi dal trading o dallacquistodegliEtf che nondaifondi comuni. Ma un vero e proprio sviluppo consolidato dei supermarketdifondionlinepotrebbe arrivare anche con l'affermazione sul mercato della distribuzione dei prodotti dei consulenti indipendenti. Una figura che in Italia inizia a muovere i primi passi e che potrebbe risvegliare l'interesse per queste piattaforme.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le regole per agire

COSA NON FARE

A COSA FARE ATTENZIONE

COSA FARE

Le soluzioni per due profili


Gli strumenti pi indicati per realizzare obiettivi variagati di investimento

GIOVANEPROSSIMOALLA LAUREA
Ventenne single che ha entrate saltuarie

COPPIA CON ESIGENZE BASE E SENZA FIGLI


Moglie e marito con un conto corrente a testa

La via per prepararsi una rendita vitalizia Disporre per il futuro di entrate aggiuntive
Ungiovanequasineolaureato potrebbeaverenecessitdicrearsi ungruzzoloperglianniavenire oppureaverelanecessitdicostrire uncapitale,destinatoaduna renditavitaliziaoadunapensione siscorta.Certamente,vistoillungo orizzontetemporale(comeminimo siragionasuidieci/20anni),una soluzioneidealepotrebbeessere quelladiricorreadunPac(pianodi accumulo)suunbuonprodotto azionario,magariglobale,che diversificasupimercati. Ilsuggerimentodipreferire unfondodenominatoineuroche facciacoperturadalrischiocambio, inmododanonavereripercussioni sulleperformance. Unaltraalternativapossibile,viste lesogliediingressooggi abbastanzacontenute,quella dicostruirsiunbasketdifondi specializzatiperareageografica emagarialivellosettoriale(per esempiosullematerieprime). Sitrattadiunportafoglioadatto adunprofilodirischioelevato mache,grazieallungoorizzonte temporale,vieneridimensionato. Comprarecasaotrasferirsiinuna pibellaopicomoda. Omagaripensaredicomprarne unasecondapropriet immobiliareinunalocalit divacanza.Oancoramettereda parteungruzzoloalquale attingereperfareduevoltelanno viaggiintornoalmondo. Selanostracoppiadiconiuginon hafiglielafortunadiavereentrate fisse,ilprofilodirischio leggermentealto. Quindi,percrearsiuncapitale, secondogliesperti,lideale costruirsiungiardinettodifondi compostadaunmixdiprodottitra fondiazionarieflessibili,modulati conprodottimonetarioppure fondiobbligazionariche prevedanoilpagamentodiuna cedola.Siconsigliaanche quididareprioritaprodotti denominatiineuroche prevedano,seglobali,delle coperturesulrischiocambi. Potrebbeancheessereipotizzato ilricorsoadunPaccheperla componentepirischiosa(fondi azionarieflessibili).

7 Non trascurare leuro Lamaggiorpartedeifondi comunidiinvestimento sonodenominatiineuro oindollari.Percuisesivuole investiresulmercatocinese oppurebrasilianosipuricorrere afondicomunisia ineurosiaindollari.Masulla sceltafinalenoncidevonoessere dubbi.Nelcorsodi unannoiltassodicambiofra leuroeildollaropuvariare ancheparecchio;inoltre difficileerischiosofare previsionisull'andamento deltassodicambio.Perqueste ragioniconsigliabileoptareper unfondodenominatoineuro, tantopiseilfondononditipo azionario,percuiunandamento sfavorevoledeltassodicambio potrebbefacilmentegenerare unaperditanetta.L'unica ragioneperpreferirefondiin dollariquandositrattidifondi particolarmenteperformantiche nonhannoequivalentiineuro, maunapossibilitpiuttosto rara. 7 Non trascurare lappropriatezza Nelcasodellacquistodifondi onlinelaleggerichiedeche loperatoresiattengaal cosiddettotest sullappropriatezza.Ilchevuol direcheifondiche ilclientevuolesottoscrivere dovrebberorispettare leindicazionidiprofilodirischio delsottoscrittore,emersenel questionariodiregistrazione.In casocontrario,loperatore tenutosoloadavvisare ilclientedellinappropiatezzama seilclientevuolepriocederelo stessopufarlo.Perquesta ragionetuttiifondihanno unpunteggioparamentratoalle rispostecheilclientefornisce nelquestionarioMifid.

7 Processo sicuro beneassicurarsiche ilprocessodiacquistosia sicuro.Sullaretenonviene eseguitaalcunatransazione finanziaria.L'investitore,inun momentoseparatorispetto all'acquistodelfondo, autorizzerlapropriabancaad effettuareuntrasferimentodi denaroaventecome beneficiariolasocietprodotto prescelta. Latrasmissionedeidatirelativi alladisposizionedelcliente avvienenelrispettodegli standardriconosciutialivello internazionaleperlagaranzia elasicurezza delletransazioni. 7 Il giusto consiglio Senonsiespertidifinanzae investimenti,puessereutile affidarsiaisuggerimenti diunpromotorefinanziario multibrand(chicollocaprodotti dipicaseterze) odiunconsulenteindipedente. Lescelte,anchequandosi acquistaonline,devonosempre essereinlineaconilprofilodi rischiodelsottoscrittore,agli obiettividellinvestimento eallasuadurata,oltreche adaltrifattoricherisultano importanti. Quandosihaachefare conunpromotore, benefare attenzioneachequestinon spingaafaremoltitrasferimenti daunfondoadunaltro. Incompenso,ifondicomuni sonostrumentimoltosicurie tutelatidallaleggeenoncda temerecheunpromotore finanziarioscappiviaconi vostrisoldi,ancheperch assegnieaffinivannoperlegge intestatiallasocietdigestione enonallapersonache fisicamenteviproponeo suggerisceuninvestimento.

7 Acquistare via internet Sipurisparmiare passando daunfondoall'altro diuno stessogestorecon un cosiddettoswitch,che comportailpagamentodi una commissionediingressonel nuovofondodatadalla differenzafralecommissioni diingressofraiduefondi oggettodelloswitch. Laprimavolta, unfondo azionariopu costareuna commissionediingresso anchefinoal3% odipi. Masesiricorrealcanale onlinelecommissionidi ingressosonoazzerate sia acquistandoifondionline tramitelepiattaformedi home bankingcheoffronoquesto servizio(Fineco,IWBank, Sella.ity,Webank)sia attraversooperatori specializzati(Fundstore, OnlineSim,etc.). 7 Se lordine sbagliato Sipucancellareun movimentosequestonon ancorastatovalidatoo trasmesso,ciosesitrovain statodi approvazione.Basta andarenell'elencodei movimentiepremereiltasto cancellain corrispondenza dell'operazioneerrata,dando poiconferma nellapagina seguente.Fattaquesta operazione,ilmovimentosar comunquevisibilenella paginadeimovimenti conlo statocancellato. Seci siaccortidell'errorea trasmissionedelmovimento giavvenuta, nessun problema.Bastanon procederealbonificocon la propriabanca odalproprio conto.In ognicaso consigliabilecontattare loperatore.

Come operare. Seguire passo passo la procedura indicata

I prodotti pi gettonati
Nome del prodotto Azionari Aberdeen Global II Multiasset Asia Pacific Chf Aberdeen Global I Emergin Market E2 euro BlackRock global Bgf W.Gold Carmignac Investissement DB Platinum Sicav Agriculture euro Fidelity F. Sicav FFItaly Franklin Templeton I. Asian Growth Categoria Morningstar Perform. Com. di da inizio gestione anno (max) % Nome del prodotto Nordea Norvegian Bond E Eur Pictet Global Emerging Currency Debt R. Pictet Global Emerging Debt hedge euro R. Pimco F. Global Series Plc Pimco Diversified Income E. Eur Hedge Ubs lux Bond F. Aud P. Acc Vontobel Sicav Von Swiss Franc Bond B Chf Flessibili Amundi Volatily Euro Equity Se Extra Fund Categoria Morningstar Obbl. Nok Alt - Valute Obbl. Paesi Emerg. Eur Obbl. Flessibili Eur Obbl. Aud Obbl. Chf Perform. Com. di da inizio gestione anno (max) %

Si parte con la registrazione


L'investitore ha la possibilit,sui sitidedicati,di trovaretutte le informazioni necessarie per sottoscrivere un fondo con facilit e creare un portafoglio adatto al proprio profilo di rischio. Sul sito di Fundstore, per esempio,esisteuna sezione,realizzata in collaborazione con Morningstar, che offre analisi comparative,quantitativeequalitative di tutti i fondi (si veda la tabellaconidiecifondipisottoscritti nel mese di agosto). anche possibile tenere sotto controllo i propri investimenti, tramite la creazione di un dossier perogniinvestitore,chepermette di consultare la lista dei propri movimenti per ogni comparto. Lo stesso dicasi per le numerose piattaforme di home banking dove per obbligatorialaperturadiuncontocorrente per operare mentre sulle piattaforme si pu decidere anche disporredirettamenteunbonificodal proriocontoaquello della societ di gestione che si scelta. Il primo passo da compiere quello della registratazione. Il cliente si deve identificare e poi deve compilare un questionario che, ai fini della Mifid, servir a verificare il grado di approprietezzadeiprodottiscelti.Perlaregistrazione(in ognisitoindicata molto chiaramente la procedura da seguire) indispensabile comunicare i dati essenziali (nome, cognome, email e un numero di telefono), oltre al codice fiscale dell'intestatario, le codella firma. Da quel momento in poituttoavvieneviamail.Quando si vuole acquistare un fondo basta accedere alla pagina compravendita della sezione fondo; inserireilcodicedelfondodanegoziare , dopo aver individuato il fondo, dare ordine di acquisto; leggere attentamente prospetto e documento informativo e stamparliorichiedernegratuitamente l'invio; completare la maschera d'inserimento dell'ordineindicandol'importochesi desidera investire in euro (si ricorda che l'assenso al trattamento deidatipersonaliindispensabileperl'esecuzionedell'operazione!) o il numero di quote che si desidera riscattare. Nel caso in cui si volesse investire su un compartosenzaaggiungereulteriore liquidit, ma convertendo le quote di un altro comparto posseduto, sar sufficiente fare uno switch. Non richiesto linvio di documentazione cartacea:iprospettisonoadisposizione in formato pdf per essere scaricati e salvati e si visualizza il proprioportafoglioin mediadopo circa 5/7 giorni lavorativi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

4,61 -4,03 5,95 3,91 4,27 9,21 1,11 5,81 5,83 4,63 2,83 -1,36 2,67 4,80

0,60 3,00 1,75 1,59 0,90 0,85

DOMANICONILSOLE
NOTIZIE, APPROFONDIMENTI ENUMERIPERILRISPARMIO

LA CONVERSIONE

Se si vuole puntare su un comparto senza effettuare ulteriori bonifici di denaro basta ricorrere al semplice switch
ordinate bancarie del conto corrente (codice Iban e Bic/Swift), il documento di identit dell'intestatario (o degli intestatari). Tra le altre altre cose richieste anche lindicazioni delle password che serviranno per collegarsi e operare. In molti casi richiesta la residenza in Italia. Una volta riempito il questionario lo si deve inviare via fax solo una volta per lautentificazione

Bilanciati Asia Az. Paesi Emerg. Az. S. Metalli Prez. Az. Inter. L. Cap Growth Materie Prime Agr. Azionari Italia Az. Asia ex Giappone Az. S. Beni e Julius Baer Multistock Servizi di luxury brand Consumo Pictet Digital Az. S. Comunication Comunicazioni Threadneedle I. Pan Az. Europa ex Uk European Smaller C. Retail Small/Mid Cap Obbligazionari Bny Mellon Global fund bond Franklin Templeton Global Bond Euro H1 A ACC Nordea Norvegian Bond B Nok Obbl. Globali Eur-Hedged Obbl. Globali Eur-Hedged Obbl. Nok

-6,76 -12,89 2,61 -9,10 8,51 -20,55 -13,78 -3,14 -8,76 -6,70

1,90 1,75 1,75 1,50 2,50 1,50 1,35 1,60 2,90 1,50

Alt - Volatilit

1,30 0,75 0,75 1,00 1,25 2,20 2,05 1,50 1,20

OgnisabatoinallegatoconIl Sole24Oreinedicola Plus24,settimanaledifinanza erisparmio:igranditemi dattualitperlinvestitore,gli approfondimentisumercati, gliinterventidegliesperti.

9,23 3,58 4,68

1,00 0,75 0,60

Franklin Templeton Global Obbligazionari Globali Total Return A Euro H1 Eur-Hedged Obbligazionari Franklin Templeton Global Globali total Return A Eur Eur-Hedged Janus US Flexible Income Obbligazionari Fund "A" ACC eur Diversificati Eur M&G Optimal Income "A-H" Bilanciati ACC Hedge Eur Prudenti Eur Pictet Pictet Absule Return Alt - Multistrategy Global Diversified R Raiffeisen Fondi RAIFF 337 Bilanciati - Strategy Allocation VT Flessibili Eur Soprarno Ritorno Assoluto A Alt - Multistrategy Zest Asset M.Sicav Zest Alt - Multistrategy Global Strategy Fund

(*) I fondi pi sottoscritti nel mese di agosto su Fundstore

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Finanza & Mercati 41

TuttoRisparmio ?
LE VOSTRE DOMANDE AL SOLE
Le-mailperilettori Ilettoripossonoinviarei loroquesitiinviandouna mailallindirizzo: tuttorisparmio@ilsole24ore. com Nei giorni successivi i giornalisti e gli esperti del Sole 24 Ore e di Plus24 risponderanno sulle pagine del quotidiano da luned a venerd. I singoli profili Le domande possono riguardare le scelte dinvestimento finanziario della famiglia e devono indicare: attivit lavorativa e composizione del nucleo familiare; reddito annuo complessivo netto; propensione al risparmio e al rischio; obiettivi da raggiungere con il patrimonio a disposizione. Lo sportello allargato Tuttorisparmio accoglie anche quesiti riguardanti singoli strumenti di finanza personale. Vengono date risposte a domande specifiche che pongano tuttavia problemi di interesse generale per la difesa del risparmio e la tutela di chi ricorre allindebitamento

Famiglia e soldi sicuri

Come sceglie un futuro imprenditore


Ho 32 anni, sono dipendente a tempo indeterminato e single. Pago un affitto di 390 euro al mese. Ho un reddito netto annuo di circa 23 mila euro. La mia propensione al risparmio buona: 400 euro al mese. Il mio patrimonio: buono postale ventennale scadenza 2014 di 2.500 euro; buono postale ventennale scadenza 2014 di 500 euro; piano previdenza e vita Ergo stipulato nel 98 con scadenza 2018. Il capitale previsto che ritirer alla scadenza del 2018 di 26 mila euro. Liquidit di 18 mila euro su conto corrente non vincolato. Piano di accumulo in fondo azionario Ducato geo europa A, sottoscritto nel 2009 dove verso 50 euro al mese. Bond Montepaschi step up / step down emessa il 29.5.2009, in scadenza nel maggio 2014 di 4mila euro; obbligazione Montepaschi a tasso fisso 3% emessa il 30.1.2009, in scadenza gennaio 2012 di 4mila euro . Sono un investitore prudente che intende recuperare inflazione, costi bancari e bolli statali. La propensione al rischio c' ma riguarda una parte minima. L'intenzione , nel giro di 3/4 anni, di iniziare un'attivit in proprio e di avere una base economica su cui fare affidamento. Una domanda: visti gli ultimi flussi abnormi di vendite sulle obbligazioni bancarie, e le dichiarazioni del capo economista dell'authority regolamentare svedese Lars Frisel (il mercato interbancario richia il collasso), mi conviene vendere subito il bond in scadenza nel 2014? Mi potete indicare se rivedere il mio asset allocation e in quale maniera per poter raggiungere gli obiettivi? Maurizio (Torino) Risponde Nicol Nunziata di Jc&associati Sim il profilo RInnanzituttoessere di rischio deve considerato basso, in quanto investimenti. Consigliamo quindi di mantenere i buoni postali, considerando la scadenza ormai prossima e il rischio contenuto. Manterremmo il piano previdenza e vita, anche per il vantaggio fiscale che ne deriva. Il lettore inoltre possiede due bond dello stesso emittente. Considerando che egli stesso ritiene possibile un peggioramento dello scenario economico, concordiamo con la decisione di vendere l'obbligazione con la scadenza pi lunga portando invece a scadenza la pi breve. Considerando la giovane et, riteniamo invece valido l'investimento nel pac che investe in un fondo azionario, sebbene sarebbe consigliabile una maggiore diversificazione in termini geografici. Al fine di evitare il mantenimento della liquidit in un conto corrente che ha un rendimento pressoch nullo, una valida alternativa rappresentata dal trasferimento di una parte della liquidit su un conto online che potrebbe, a parit di rischio, garantire una remunerazione maggiore.

IL CASO
Il professionista che vuol fare trading sulle valute
Sono un professionista 40enne e ho aperto un conto per investire con il trading online. Finora mi sono sempre affidato alla banca ma vorrei variare gli investimenti rispetto ai soliti bond. Mi interesserebbe investire in valute ma ho sentito dire che il Forex pericoloso. vero? E come funziona leffetto leva? C.L. (Benevento) Risponde Andrea Curiat Il Forex pu essere un mercato pericoloso sia per i rischi inerenti sia per le caratteristiche e i meccanismi molto diversi dai pi familiari mercati azionari o obbligazionari, sia per l'effetto leva. Meglio avvicinarvisi solo se si comprendono bene tutti questi tre fattori e se si ha gi una certa esperienza con il trading. Con la leva, i broker offrono la possibilit di effettuare operazioni su cifre elevate, investendo per solo una piccola parte di capitale in derivati. Ogni variazione della valuta si riflette moltiplicata in proporzione sul capitale (in guadagno o in perdita).

investire R insolitoun singolo il di 50% del proprio stock risparmio in titolo

credito.

sottolineata l'intenzione di avviare un'attivit in proprio in un arco contenuto di tempo (3/4 anni). Poi il lettore intuisce di avere un portafoglio molto frammentato (non diversificato), i cui costi tendono alla fine a superare il rendimento. Infine asserisce che la propensione al rischio c', e questo a nostro avviso coerente con la giovane et e gli obiettivi futuri. A livello pi generale, tuttavia, la tipologia di scelte di investimento descritte riflette un'esposizione al rischio contenuta e una eccessiva dispersione degli attivi. Riteniamo perci che sia necessaria una maggiore razionalizzazione degli
ANSA

Met del patrimonio investito in una sola obbligazione


Vorrei un vostro giudizio sull'affidabilit e sul rischio di unobbligazione da me posseduta. Si tratta delle FIAT 01/04/2016 (ISIN XS0613002368). Ho un lotto da 100mila euro. La mia famiglia composta da me e mia moglie, insegnante in pensione con reddito annuo complessivo di circa 60mila euro e modesta propensione al rischio. Possediamo inoltre 100mila euro nel conto corrente online di Fineco. Questi risparmi potrebbero servire nel medio periodo per

LA MAIL PER I QUESITI


tuttorisparmio@ilsole24ore.com
www.ilsole24ore.com

l'acquisto di una abitazione di una nostra figlia. Francesco M. Risponde Stefano Testori di Norisk

obbligazionario e detenere la parte complementare depositata a vista sul conto corrente. Il bond in oggetto un'emissione di taglio istituzionale, visto il lotto minimo di 100mila euro. Di solito questi titoli sono destinati a portafogli milionari, dove i 100mila euro rappresentano una parte frazionaria dell'intero portafoglio cos da diversificare il rischio di credito. Essere creditori non cos poco rischioso quanto si soliti percepire, tanto pi destinando il 50% dei propri risparmi verso un unico soggetto, certo non risk-free. L'emissione da 1 miliardo di Fiat Finance, garantita da Fiat Spa, ha un rating BB, e prevede un tasso cedolare annuo del 6,375% sino alla scadenza dell'aprile 2016. quotata su vari mercati, anche se, visto il taglio istituzionale, le condizioni migliori si spuntano sul mercato over the counter. Nel mese di agosto Fiat ha subito un drastico ridimensionamento del valore di Borsa dell'equity perdendo circa il 40%. Se dall'agosto 2010 Fiat aveva sensibilmente sovraperfomato il broad market, bastato il cambio di prospettiva del mercato dell'ultimo mese a ridimensionare la performance. Il bond, emesso ad aprile di quest'anno quando il prezzo era a livelli pi elevati, non pu che diventare maggiormente rischioso: oggi si pu comprare attorno a 89,9, un rendimento del 9,1% annuo, uno spread del 7,7% sulla Germania. Per rivedere il prezzo attorno alla pari, tutto dipende dalla capacit di Fiat di tornare a brillare sui mercati, facendo rientrare lo spread di

Il portafoglio della coppia che punta a una serena vecchiaia


Coppia di lavoratoridipendenti (43e 49anni) con 2 figlie casa di propriet.Con mutuo ascadenza ottobre2015 e rata trimestrale di 3300euro. Stipendiocomplessivo annuonetto 58mila euro ai quali vanno aggiunti7mila euro lordi annuida affitto (seconda casa di propriet, valore160mila, assoggettata acedolare secca 21%). Propensione al risparmio paria circa 7mila euro lanno. Propensioneal rischio alta.
ANSA

Patrimonio attuale 100mila euro di cui 45mila euro liquidi,45mila ingestioni patrimoniali azionarie ( 50% Italia,38% Europa e America, 12% paesi emergenti: valore2007 di 100mila euro), 10mila euro inazioni (Esprinet, Arena, Brioschi). Vorremmo sapere ache tipo di rischio siamo espostie trovare il giusto investimento pergarantirci una vecchiaiaserena. M.P. Risponde Ida Pagnottella di Cfi advisors Il lettore sta chiedendo il rendimento necessario per raggiungere l'unico obiettivo che ha posto, cio quello di garantirsi una vecchiaia serena. In mancanza di dati contributivi, ho cercato di capire quale potrebbe essere il reddito mensile necessario per mantenere

l'attuale tenore di vita. Al momento c' un reddito mensile di circa 5.290 euro, dal quale possiamo togliere la rata del mutuo ( 1.100 euro mensili) e il risparmio mensile, per capire l'effettivo reddito mensile necessario a questa famiglia, che ho stimato intorno a 2.500 euro. Si ipotizzata l'esigenza di coprire il 40% di questo fabbisogno mensile prelevando dal proprio capitale. Con queste premesse stato generato un piano finanziario dove tutti i valori monetari sono riportati al potere d'acquisto dell'anno del saldo iniziale, ipotizzando un tasso di inflazione annuo del 2%. Il piano d'investimento inizia il primo settembre 2011 fino al primo settembre 2060; il valore del saldo iniziale di 250mila. I rendimenti maturati sono tassati per cassa con l'aliquota scelta del 12,5%. stato ipotizzato un risparmio annuo di 7mila euro all'anno fino al 2027, e poi ipotizzato un piano di prelievi annuali a partire da gennaio 2028 fino al 2060 con un importo iniziale di 12mila euro al valore attuale (17mila euro ai valori 2028), con un adeguamento in aumento del prelievo del 2% annuo , per un totale di 784 mila euro circa. Il rendimento necessario per affrontare questo piano sarebbe del 4,55% netto annuo. Per raggiungere tale rendimento, consiglio di costruire un piano dove bisogna considerare anche l'affitto al netto delle spese. Nel progetto attuale c' un peso eccessivo di azioni italiane (18%); consiglio di rivedere il progetto ribilanciando la parte azionaria verso lestero, bond in valuta e metalli preziosi. pagina a cura di Vitaliano DAngerio

INFORMA
A seguito dello smarrimento di assegni bancari in bianco oggetto delle seguenti denuncie: - 27 luglio 2011 da parte del corriere S.D.A. per sottrazione plichi sigillati; - 30 agosto 2011 per integrazione denuncia del 27 luglio 2011, per elencazione da parte della Filiale Intesa Sanpaolo di Rescaldina (MI) via A. Da Giussano, 43; di seguito si elencano gli estremi dei valori trafugati: - n. 1000 assegni bancari in bianco dal n. 8014844001 al n. 8014845000. Invitiamo pertanto tutti i possibili prenditori a non accettare da terzi i citati valori, anche se allapparenza regolari. Grati per la collaborazione di chiunque vorr tempestivamente segnalare alle nostre Filiali situazioni di relativo tentato utilizzo.
Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede Legale: Piazza San Carlo, 156 10121 Torino Sede Secondaria: Via Monte di Piet, 8 20121 Milano Capitale Sociale Euro 8.545.561.614,72 Registro delle Imprese di Torino e codice iscale 00799960158 Partita IVA 10810700152 Iscr. allAlbo delle Banche al n. 5361 Codice ABI 3069.2 Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia. Capogruppo del gruppo bancario Intesa Sanpaolo, iscritto allAlbo dei Gruppi Bancari.

SOCIET AUTOSTRADA TIRRENICA p.A.


con sede legale in Roma, Via A. Bergamini, 50, Societ soggetta allattivit di direzione e coordinamento di Autostrade per lItalia S.p.A Sede legale in Roma 00159, Via A. Bergamini n. 50 Ufci di Rosignano - 57018 Vada (LI) Localit La Valle n. 9 Capitale Sociale Euro 24.460.800,00 interamente versato Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma e Codice Fiscale n. 00080050537 - Partita IVA n. 04683251005 TEL.: (06) 4363.1 - TELEFAX: (06) 43634129 - 43634732 E-MAIL: info.sat@sat.autostrade.it- WEBSITE: www.tirrenica.it

TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA


Esec. Imm. n. 83/08 + Fall. 17/09 G.E. Dott. Fabio Regolo Lotto unico: intero villaggio turistico alberghiero denominato "Sayonara" sito nel Comune di Nicotera frazione Marina loc. Mortelletto, accesso principale via Marina detta delle Prajie realizzato su una porzione di terreno estesa tot. Mq 28.710 circa. Composto da 31 blocchi con caratteristiche strutturali e destinazioni diverse oltre annesso pertinente terreno sul quale sono realizzati gli impianti sportivi (due campi da tennis ed una palestra), due piscine del tipo Skimmer per tot. Mq 340 oltre locale tecnico piscina di mq 52 in parte utilizzato anche come bar. Vendita senza incanto 18.10.2011 alle ore 10.00 presso il Tribunale di Vibo Valentia (apertura buste ore 9.00 dello stesso giorno). Prezzo base: Euro 6.900.000,00. Offerte in aumento Euro 500.000,00 in caso di gara. Termine presentazione offerte entro le ore 12 del giorno precedente la vendita presso la Cancelleria del Tribunale di Vibo Valentia. Eventuale vendita con incanto 18.10.2011 alle ore 11.00. Custode Avv. Eleonora Greco 0963/472673. Informazioni Cancelleria, sito internet www.tribunaledivibovalentia.net, www.asteannunci.it ove sono visibili avviso, ordinanza e perizia di stima.

MINISTERO DELLA DIFESA ARSENALE M.M. LA SPEZIA


Si rende noto che questa Amministrazione intende esperire n. 10 Procedure Ristrette per interventi di manutenzione (meccanica, carpenteria, tubisteria, condizionamento, ecc.) e fornitura di materiali per apparati installati a bordo di Unit Navali Militari. Data scadenza domande di partecipazione: 19.09.2011 ore 12.00. Le informazioni di dettaglio potranno essere reperite sul sito internet www.marina.difesa.it - link bandi di gara - Marinarsen La Spezia. Le imprese interessate potranno rivolgersi a Marinarsen La Spezia - Ufficio Relazioni con il Pubblico - Tel. 0187/784695 presso cui disponibile la Specifica Tecnica. IL DIRETTORE Amm. Isp. Stefano TORTORA
questo avviso sul sito: http://websystem.ilsole24ore.com/legale/default.htm

CITT DI CHIERI
ESTRATTO BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA
Il Comune di Chieri (TO), con sede in Via Palazzo di Citt 10, 10023 CHIERI (tel. 011.9428.1) indce una gara per la fornitura di un sistema per votazione, registrazione audio/video e streaming per la sala consiglio comunale del Municipio (CIG 311128271F). Termine di presentazione delle offerte: ore 12.30 del 3.10.2011. Aggiudicazione all'offerta economicamente pi vantaggiosa. Importo a base di gara: Euro 110.800,00 + IVA, al lordo dei costi per il personale e degli oneri per la sicurezza (non soggetti a ribasso). Per quanto non qui specificato si rimanda al bando integrale pubblicato sul sito www.comune. chieri.to.it (settore gare appalti). Chieri, 31.8.2011 IL DIRIGENTE dr. Vincenzo ACCARDO

AVVISO DI GARA N. 3/2011 IN AMBITO U.E.

AVVISO DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI APPROVAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO CON VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE, FORMAZIONE DELLINTESA STATO - REGIONE IN MERITO ALLA LOCALIZZAZIONE DELLOPERA
PROGETTO DEFINITIVO: Completamento A12 - Rosignano - Civitavecchia Lotto 2: San Pietro in Palazzi - Scarlino Lotto 3: Scarlino - Grosseto Sud Lotto 4 e 5B: Grosseto Sud - Ansedonia Lotti 5A e 6B: Ansedonia - Tarquinia

Infrastruttura strategica di preminente interesse nazionale le cui procedure di approvazione sono regolate dall Art. 161 del D.Lgs. 163/2006.
Con riferimento allavviso pubblicato in data 25.06.2011, sui quotidiani Il Sole 24 Ore, Il Tempo, Il Tirreno, nonch, sui siti internet della Regione Lazio, Toscana e sul sito della Societ www.tirrenica.it,

con sede in Roma - Via A. Bergamini,50, concessionaria per la progettazione, costruzione e gestione dellAutostrada Livorno - Civitavecchia in virt della Convenzione Unica sottoscritta in data 11.03.2009 con lANAS S.p.A. e divenuta efcace il 24.11.2010,

integra e rettica la predetta comunicazione di avvio del procedimento,


ai sensi dell art. 167 comma 5 del D.Lgs. 163/2006, dellart.24 del D.Lgs 152/2006 e degli art. 7 e 8 della L. 241/90,

AVVISO
Si comunica che al 30.06.2011 il Valore Unitario delle Quote del Fondo Mobiliare Chiuso MELIOREQUITYFUND I di Euro 18.871,894.
Arca Impresa Gestioni SGR S.p.A.

specicando che: per i lotti 4, 5A, 5B e 6B tratto Grosseto Sud - Tarquinia, variando il tracciato dellautostrada rispetto al progetto preliminare, il procedimento approvativo nalizzato, oltre che allapprovazione del progetto denitivo, anche allo svolgimento della procedura di valutazione di impatto ambientale; per i lotti 2 e 3 tratto San Pietro in Palazzi - Grosseto Sud, invece, la procedura nalizzata allapprovazione del progetto denitivo ed al rilascio del parere di verica di ottemperanza alle prescrizioni del provvedimento approvativo del progetto preliminare.
Roma, 02 settembre 2011 LAmministratore Delegato Dott. Ruggiero Borgia

ColombiC&E

LA SOCIET AUTOSTRADA TIRRENICA p.A.

42 Finanza & Mercati


PARTERRE
000

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Energia. Zuccoli (A2A): improbabile un accordo entro la scadenza del 15 settembre

Credito. Parla il country executive Soro

Il raider Bollor svaluta Premafin

a puntatasuPremafin costataa VincentBollor quasi9 milioni di euro in accantonamenti per svalutazione nei primi sei mesi del 2011. Come emerge dalla relazione semestrale della Financiere de lOdet, una delle holding di testa del gruppo del finanziere ed industrialefrancese,ilvalorecontabilenettodel5,03%detenutoinPremafinerasceso al 30 giugno scorsoa 11,67milioni di euroda15,29 milioni allafine del 2010. Altempo stesso il documento, anticipato daRadiocor-Il Sole 24Ore, segnala un aumento degli accantonamenti finanziari dovuto per 8,7 milioni "relativi al deprezzamento dei titoli Premafin". A conti fatti una cifra superiore agli 8,4 milioni che Bollor ha speso nel 2010 per portare la quota in Premafin vicino alla soglia del 5% dallo 0,59% del 2009. La tormentata estate borsistica ha fatto sentire il suo peso, ma in misura pi contenuta, anche su Mediobanca,mainquestocasolasceltadelfinanzierestataquelladiapprofittare delle quotazioni di Borsa per salire verso la soglia del 6%, tetto autorizzato dal patto. (Mar. Man.)

Edison-Edf? Gli italiani giocano su troppi tavoli


Il cda della utility di Milano-Brescia rester aperto fino al summit di luned
Simone Filippetti
MILANO

Rbs riorganizza le attivit in Italia


Marigia Mangano

000

Su Ascopiave pesa solo la latitanza del mercato


ntervistato nei giorni scorsi da una rete televisiva finanziaria, il presidenteead diAscopiave,FulvioZugno,haespresso tuttele sue perplessit sulla Robin Tax, prevedendo un calo sensibile dellutile per la sua societ. Le cose che ha detto lad di Ascopiave, una delle tante utility locali quotate, riguardano lintero settore e sono reali e pi che fondate. Ma la Borsa non si stracciata le vesti per questo. Strano, vero? Lindifferenza del mercato non perch il tema non abbiaimpatto,ma perchin borsail titoloAscopiave comesenonci fosse. Tra le mid cap tra quelle, storicamente, con pochissimi scambi. Solo negli ultimi tre mesi (quindi ben prima della Robin Tax) passato di mano solo l1,67% della capitalizzazione e nellultimo mese (il tormentato agosto) solo lo 0,56%. In soldoni, Ascopiave abituata a veder passare di mano poco meno di 100mila euro al giorno, quando il titolo capitalizza oltre 340 milioni di euro. Bruscolini. Sta tutta qui, nella totale latitanza del mercato, quella sorta di muta indifferenza che accompagna le sorti del titolo. (Fa.P.)

Nessun passo avanti nel complicato rebus di Edison. Ma la palla ora tutta nelle mani del ministro delle Attivit Produttive Paolo Romani: a lui sciogliere il nodo di Edipower, la societ checustodisceleconteseestrategiche centrali elettriche, e attornoacuiruotailriassettodelgruppo energetico tra la francese Edf e gli italiani di Delmi. Il Governo, e in subordine Delmi, vorrebbe chelecentralirimanesseroinmano italiana. Una richiesta che difficilmente Edf accetter, anche perchlabozzadiaccordo iniziale non lo prevedeva.

Diqui lostallo, confermato anchedalfattoche, inattesadelverticeitalo-franceseprevistoperieri ma rinviato a luned, A2A, il principale socio italiano di Edison, via Delmi, ha lasciato aperto il suo consiglio di gestione proprio fino a quel giorno. La riunione del board della utility lombarda,natadallafusione traAemMilanoe Asm Brescia, era stataconvocata per dare il suo ok allesito dellincontro tra Italia e Francia. In assenza di passi avanti, tutti rimangono in attesa: il compito del ministro sar quello di trovare una soluzione che permetta a francesieitalianiundivorzioconsensualedaEdisonsenzachenessuno ci perda. Pi facile a dirsi che a farsi, primo perch francesi e italiani hanno interessi non del tutto coincidenti (i primi non vogliono una Edison impoverita o spogliata dei suoi migliori asset; i secondidevono mantenre la promessa dellitalianit e uscire senza accusare perdite), secondo perch gli italiani sono a loro vol-

ta divisi, con i soci pi piccoli di Delmi che rivendicano autonomiaevoceincapitolo. Unempasse ben riassunta dal presidente del consiglio di gestione, Giuliano Zuccoli: di l c un solo interlocutore, ossia Edf, con un interesse ben definito. Di qua una situazione che lui stesso ha definito molto complicata perch si gioca su molti tavoli. Zuccoli ha anche per fatto capire che ora tutto affidato a Romani, referente della trattativa anche se da A2A tengono a precisare che non si tratta di una delega in bianco. In ogni caso, per salvare litalianit e portare avanti il piano Edipower, proposto da Zuccoli in modo autonomo (tanto che non sono mancat mal di pancia anche dentro la stessaA2A),Delmidovrebbetirare dentro dei soci per finaziare unoperazione da 1-1,5 miliari (oltre che cedere il loro 30% in Edison): tra i candidati ci sarebbero IntesaSanpaolo,vistochelabanca da sempre in prima fila ogni

qualvolta c unoperazione di sistema, e la Cassa Depositi e Prestiti. Tuttavia, al momento non cnessunadecisione:ieriiconsiglieri di A2A non hanno affrontato il tema di eventuali alleati e Zuccoli ha ribadito che lazienda non fragile e sarebbein grado di sopportare uno sforzo simile. Ma il vero ostacolo il rifiuto di Edf a una soluzione cos articolata. Tutto questo succede a meno di due settimane dalla scadenza delpatto di sindacato di Edison, e ormai si dovr andare a una proroga di quela scadenza: lipotesi stata confermata dallo stesso Zuccoli. E proprio la richiesta di rinviosarlaprimacosacheilministro metter sul tavolo lunedi. Lo scioglimento del patto, infatti, sarebbe lo scenario peggiore per lItalia:gliassetEdisonandrebbero allasta e vista la sproporzione di forze in campo, i francesi potrebberovincere la partitaa mani basse. E gli italiani rimanere col cerino in mano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ai tedeschi stata ridotta una multa da 1,3 miliardi

REUTERS

Vittorialegale diSap contro ilcolosso Oracle


Vittoria legale della tedesca Sap contro Oracle negli Stati Uniti: un giudice federale ha bocciato come del tutto eccessiva una condanna a pagare danni per 1,3 miliardi di dollari in un caso di violazione del copyright. La cifra, stabilita da una giuria, stata ridimensionata a 272 milioni. Il caso risale al 2007, quando Oracle accus una controllata di Sap di aver scaricato illegalmente propri software.

000

Igrossi guai diCogeme e le pene di Centrobanca

on una banca eppure anchessa tracollata in borsa. E che tonfo, per Cogeme Set con quel -33% a un mese e addirittura -73% a un anno. Quindi la crisi della finanza mondiale centra benpoconeldestinoavversodellasocietche producecomponenti per lautomotive. Centrano invece ben pi gravi problemi legati alla gestione societaria. A dirlo sono una serie di incidenti di percorso. Dal rinvio della semestrale 2011, alla dimissione dellintero Cda, alla due diligence sui conti affidata a due advisor. Che lasituazioneabbiapi diunconodombralotestimonialimpossibilitdirispettare itempi perla redazionedelbilancio. Traimotivi: la carenza della documentazione di supporto alle scritture di consolidamento; la difficolt nella ricostruzione di alcune voci dellattivo e la necessit di svolgere approfondimenti su giacenze e crediti. C ne in abbondanza per pensare che il ribasso non sia finito qui. Con buona pace di Centrobanca, azionista con il 4,9%, che per ora non ha azzeccato linvestimento. (Fa.P.)

www.formazione.ilsole24ore.com

000

I dipendenti provano a salvare Livingston

QUI IL FUTURO PI CERTO


SHORT MASTER:
Formazione dinamica per le professioni pi richieste dal mercato
AULA + DISTANCE LEARNING
> ENTRA IN AZIENDA
SALES ACCOUNT MANAGER: TECNICHE DI VENDITA E DI NEGOZIAZIONE COMMERCIALE
4 settimane intensive Milano, dal 26 settembre

Royal Bank Of Scotland rilancia sullItalia. Con un acquisto importante: Stefano Parisi, examministratoredelegatodiFastweb, stato nominato senior advisordellabancainItalia.Lanomina di Parisi, manager di lungo corso e attualmente presidente Ass.tel che raccoglie le aziende del settore delle comunicazioni elettroniche, completa un disegnostrategico che haportato alla riorganizzazione della squadra Rbs,conlanominadiAndreaSoro, da poco pi di un anno nuovo country executive della banca per lItalia. Soro, 44 anni, ex CreditSuissedoveharicopertoilruolodico-headperlItaliadelladivisioneFinancialInstitutions,statolosponsorprincipalenellascelta del nuovo senior advisor di Rbs: Penso che la nomina di un manager qualificato come Stefano, spiega in questaintervista al Sole24 Ore, contribuir a far s chelabranchitalianariescaafare quelsaltointerminidimensionaliedibusinesssucuistiamolavorandogidatempoconunimpatto visibile sui risultati della banca. Dal suo arrivo in Rbs, Soro haguidato la squadra della banca controllata dal Tesoro britannico in operazioni importanti come lo spin off di Fiat Industrial, il rifinanziamento di Chrysler e Wind, lacquisizione da parte di PrysmiandiDraka,coscomenelle principali operazioni di ricapitalizzazione delle banche e assicurazioni italiane. Quanto basta perfaredellItaliaunodeiprincipaliPaesiperRbscapacedisuperare gli obiettivi in una fase di mercato difficile. Nel 2010 la bancaha registrato ricavinellordinedei300milionidieuro,increscitadioltreil20%rispettoallannoprecedente,acuihannocontribuito le divisioni di business in cui Rbs attiva: financing e risk management, ma anche settori pi tradizionali dellinvestment banking quali lequity capital marketseilcorporatefinance.Ed proprio su queste ultime attivit che la branch guidata da Soro vuole puntare: La strategia che stiamo portando avanti quella di spostare sempre di pi il focus della banca dal lending a tutta la filiera dellinvestment banking tradizionale. Nel passato Rbs stata infatti protagonista di casi complessiconesposizioniimportanti verso la Hopa di Emilio Gnutti, ma anche la Carlo Tassara di Romain Zaleski e, per finire, il pi attuale piano di ristrutturazione della Risanamento di Luigi Zunino. In questultimo caso, ricorda Soro, la banca ha recentemente esercitato lopzione di acquisto sul pacchetto di immobili agaranziadeiprestitiesistenti,co-

Andrea Soro

NEW ENTRY

Stefano Parisi, ex ceo di Fastweb, stato nominato senior advisor dellistituto inglese controllato dal Tesoro britannico
s come - ricorda - sia per Hopa siaperlaCarloTassaraRbsrientratanelleposizioni.Uncomportamento che a volte stato giudicato aggressivo: Oggi lattenzione ai rischi molto pi alta rispettoalpassato e questo un atteggiamento in linea con gli altri grandi player del settore. Dunquelostrumentodeldebitonon pi la priorit, si opera in modo piselettivosiainterminidibusiness sia in termini di clientela. Questo non significa per snaturare la banca, storicamente presente nel financing, ma ridimensionarla a favore di una presenza piforte nel businessdellinvestment banking tradizionale. Insomma, lobiettivo sembra quello di spingere la branch in modo sempre pi attivo nelladvisory e pi in generale verso un dialogo strategicocoiclienti,dovelacomponentelegataaldebitononpi lelemento principale. Allargare lofferta, dunque, e diversificare i servizi, indirizzati ad un gruppo selezionatodi clienti.Oggi i principaliclientidiRbsinItaliaportanoinomi diEni,Enel,FiateTelecomItalia,maancheilTesoroele principalibancheitaliane.Echiaro che il momento mondiale e il mercatoincuilabancasistamuovendo resta molto complesso: Credo che stiamo attraversando una fase molto diversa dalla crisidel2008perchladebolezza del debito sovrano nelle economieperiferichehainevitabilmenteavutounimpattosulla stabilit del sistema Europa. Detto questo- aggiunge Soro - guardando alleprospettivediRbs,sonofiducioso anche per lanno in corso e le attese sono di ricavi in crescita rispettoal2010.
RIPRODUZIONE RISERVATA

on c pace per Livingston, la compagnia aerea in provincia di Varese, in amministazione straordinaria da pi di un anno. Persino Carlo Toto, ex AirOne, aveva manifestato interesse per il vettore. Ma poi non se ne fece nulla. Ora sono i dipendenti in cassa integrazione per la cessata operativit aziendale, ad annunciare ufficialmente lintenzione di comperare la compagnia aereaoun ramo dazienda,inviandoalCommissario straordinario Daniele Discepolo formale manifestazione di interesse. I dipendenti si sono resi disponibili a congelare i propri crediti(ovvero gli stipendi arretrati di parecchi mesi) ed il Tfr lasciato in azienda per creare una linea di credito presso istituti bancari da affiancare alla garanzia fideiussoria (9,8 milioni di euro) deliberata dal Ministero dello Sviluppo Economico, per rilanciare la compagnia. Il buon fine delloperazione consentirebbe inoltre il reimpiego in tempi ragionevoli della quasi totalit del personale. lultima fermata per evitare il fallimento. (Ma.Mo.)

DallAsta: nessun contatto con Arpe

Bpm, dai soci dipendenti lista unitaria per il vertice


Monica DAscenzo

AGEVOLAZIONE PER GIOVANI UNDER 30 NUOVE PROFESSIONI DIGITALI


8 week end Milano, dal 14 ottobre

ESPERTO DI CONTABILIT E BILANCIO


6 weekend non consecutivi Milano, dal 21 ottobre Roma, dal 4 novembre Verona, dall11 novembre Bari, dal 18 novembre

ASSISTENTE DI DIREZIONE
6 week end non consecutivi Milano, dal 21 ottobre

Grandi opere. Commessa da 350 milioni

STORE E RETAIL MANAGER


6 sessioni di 2 gg Milano, dal 3 ottobre

PAYROLL SPECIALIST
3 settimane intensive Milano, dal 7 novembre

Astaldi far in Polonia una nuova ferrovia


Astaldi si rafforza in Polonia. La societ di grandi opere dellomonima famiglia romana si aggiudicata lappalto del progetto di ammodernamento della linea ferroviaria Varsavia-Lodz. Il valore complessivo dellopera pari a 350 milioni di euro (di cui Astaldi spetta il 40%). Lopera prevede anche la costruzione di una stazione ferroviaria sotterranea. Con questappalto,la Polonia si conferma un mercato strategico e in forte espansione per il gruppo di costruzioni. Al netto della ferrovia Varsavia-Lodz, si attesta infatti a oltre 1,5 miliardi di euro il portafoglio complessivo dei lavori attualmente in esecuzione nel Paese dellEuropa dellEst (Linea 2 della metropolitanadi Varsavia, progetto di ammodernamento della Strada Nazionale NR8), realizzati anche in partnership con imprese locali. Lannuncio segue di poche settmane la pubblicazione di una semestrale con numeri tuttiincrescita.Astaldi havisto salire i ricavi totali a 1.122,3 milioni (+14,3% su base annua) e l'utile netto a 35 milioni (+12,4%). Il portafoglio ordini si attesta a 9,1 miliardi, con oltre 1,1 miliardi di nuove acquisizioni. LEbitda di 119,6 milioni (+6%) e lEbit a 94,9 milioni (+9,4%). Di recente,poi,ilgruppohainiziatoastudiarelarinegoziazionedeldebito per un ammontare di oltre 300 milioni di euro. Al lavoro un pool di quattro banche: Unicredit,IntesaSanpaolo,Bnp Paribas e la scozzese Rbs.
R. Fi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LE NUOVE PROFESSIONI DEL DIGITAL ENTERTAINMENT


4 settimane intensive Milano, dal 24 ottobre

MARKETING E COMUNICAZIONE NELLA MODA E NEL LUSSO


4 settimane intensive Milano, dal 10 ottobre

MANAGEMENT E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO CINEMATOGRAFICO


15 giorni non consecutivi Roma, dal 13 ottobre

inclusa una sessione di orientamento alla carriera e contatti con il mondo del lavoro in collaborazione con

> ENTRA NELLA PROFESSIONE


DIRITTO TRIBUTARIO
9 weekend - 3 moduli Milano, dal 16 settembre Padova, dal 23 settembre Ancona, dal 30 settembre Roma, dal 7 ottobre

CORSO DI PREPARAZIONE ALLESAME DI CONSULENTE DEL LAVORO


4 weekend Bologna, dal 14 ottobre Milano, dal 14 ottobre Padova, dal 14 ottobre Roma, dal 14 ottobre

DIVENTARE CONSULENTE DAZIENDA


8 giorni non consecutivi Milano, dal 20 ottobre Bologna, dal 27 ottobre Roma, dal 27 ottobre

DIVENTARE IMPRENDITORE
8 giorni non consecutivi Bologna, dal 21 ottobre Vicenza, dall11 novembre Milano, dal 18 novembre Ancona, dal 2 dicembre

PROCURATORE SPORTIVO
15 giorni non consecutivi Roma, dal 19 settembre

CORSO DI PREPARAZIONE ALLESAME DI AVVOCATO


5 weekend Padova, dal 30 settembre Messina, dal 30 settembre Milano, dal 7 ottobre Roma, dal 14 ottobre

inclusa una sessione di orientamento alla carriera e contatti con il mondo professionale a cura della Business School del Sole 24 ORE.
PERCORSI FINANZIABILI CON I FONDI INTERPROFESSIONALI FONDIR, FONDIRIGENTI, FOR.TE E FONDOPROFESSIONI Tutti i programmi possono essere personalizzati. Formazione su commessa: tel. 02/3022.3249 - progetti.formazione@ilsole24ore.com Servizio Clienti Tel. 02 5660.1887 - Fax 02 7004.8601 info@formazione.ilsole24ore.com Il Sole 24 ORE Formazione ed Eventi Milano, via Monte Rosa, 91 - Roma, piazza dellIndipendenza, 23 b/c
Organizzazione con sistema di qualit certicato ISO 9001:2008

LaBancaPopolare diMilano punta a lanciare laumento di capitale a settembre e cresce linteresse per capire quale potr essere lesito. Da una parte il consorzio delle banche, capitanate da Mediobanca e da Banca Akros (Barclays, Rbs, Bnp Paribas, Nomura, Sogen, Santander e Ing), sta alla finestrapercapireseilmercatopermetter unoperazione da circa un miliardo e se il cda decider di non esercitare la delega fino al massimo di 1,2 miliardi. Dallaltra,insistentiindiscrezioni indicano la Sator di Matteo Arpe interessata a sottoscrivere la ricapitalizzazione per un ammontare che potrebbe aggirarsiattornoai200milionidieuro,mailportavocedellasociet noncommentairumors. A riguardo, ieri, il presidentedellAssociazionedegliAmici di Bpm, Alessandro DallAsta, ha precisato che non risultano allo stato attuale contatti con Matteo Arpe in relazioneallaumentodicapitale di Bpm di prossima emissione, aggiungendo poi: auspico che laumento di capitale della Bpm possa essere ampiamentesostenuto da coloro che sono i tradizionali portatori dinteresse della banca (clienti, azionistisoci, investitori storici e dipendenti) e che storicamente hanno da sempre creduto nel nostro istituto sot-

toscrivendonele azioni. Che laumento possa essere sottoscritto interamente dagli attuali azionisti difficile proprio per lentit delloperazione. Se fosse confermato linteresse della Sator per la ricapitalizzazione, Matteo Arpe si troverebbe a controllare attorno all11% del capitale (a seguito di unoperazione da 1,2 miliardi). Se,invece,lebanchedelconsorzio si trovassero a dover sottoscrivere il 50% delloperazione avrebbero circa il 4% ciascuna. Inqualunquecaso,inassenzadi una riforma delle popolari, chiunque superasse lo 0,5% del capitaledovrebbescenderesotto questa quota entro un anno. Senzacontarepoicheinsededi assembleahavaloreilvotocapitario, non la quota di capitale di cui si portatori. Sator, quindi, pur forte di un eventuale 11%, dovrebberaccogliereilconsensodiunelevatonumerodeglioltre52milasocidellistituto(8milacircasonosoci-dipendenti). Dalcantoloroisindacatistanno giocando al momento unaltrapartita.Anovembrecisaril rinnovo degli organi dellAssociazione degli Amici di Bpm, e i sindacati, secondo Radiocor, stannolavorandoaunalistaunitaria.Treannifasieranopresentatetrelistedicandidati:unaFabieFiba-Cisl,unatargataFisacCgil,FalcrieSinfubeunaconle insegnediUilcaeDircredito.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Finanza internazionale 43
AP

BREVI Dalla Finanza


SONDAGGIO RADIOCOR

CAMBI E TASSI

www.ilsole24ore.com COMMENTI E DATI IN TEMPO REALE

I manager: lora dicomprarein Borsa


arrivato il momento di comprare in Borsa perch le quotazioni sono scese a prezzi d'occasione. Ne sono convinti oltre due terzi dei 130 banchieri, manager, imprenditori e professori intervistati da Il Sole 24 Ore Radiocor in un sondaggio organizzato in occasione dellannuale workshop organizzato da Ambrosetti a Cernobbio e che si apre oggi. Nonostante ci lopinione prevalente che leconomia sta attraversando momenti ancora molto difficili. Tanto che oltre il 38% del campione ritiene che si realizzer il rischio di ricaduta in recessione.

Il manifatturiero Usa regge e spinge il dollaro I


ldollarorisaleailivellidi duesettimanefaneiconfronti delle monete dei suoi principali partner commerciali spinto da dati migliori del previsto in arrivo dal settore manifatturiero. Il biglietto verde si apprezzato dopo che il report dellInstitute for supply management (lindice resta sopra quota 50, che indica espansione) ha indotto gli investitori a rivedere al ribasso le aspettative per un prossimo nuovo intervento della Fed a sostegno dellecono-

mia,che avrebbedi conseguenzaindebolitola valuta. Leuro cos sceso fino a 1,4224 dollari, mettendo in fila il terzo giorno consecutivo di ribassi. Sostanzialmente stabile il cambio tra biglietto verde e yen, sotto quota 77. Nel corso della giornata la moneta americana ha perso parte dei guadagni in attesa del dato di oggi sulloccupazione. Sugli scudi anche il franco svizzero, che ha guadagnato il 2,2% sulleuro, a 1,1321, da 1,1586 di ieri, e l1,6% sul dollaro.

CAMBI AL 01.09 Rilevazioni BCE


Valute 01.09 Var.% in.an.(1) Stati Uniti (Dollaro-Usd) 1,4285 -1,142 6,91 Giappone (Yen-Jpy) 110,0800 -0,425 1,32 G. Bretagna (Sterlina-Gbp) 0,8812 -0,497 2,38 Svizzera (Franco-Chf) 1,1417 -2,168 -8,69 Australia (Dollaro-Aud) 1,3349 -1,330 1,62 Brasile (Real-Brl) 2,2895 -1,037 3,24 Bulgaria (Lev-Bgn) 1,9558 Canada (Dollaro-Cad) 1,3954 -1,322 4,74 Croazia (Kuna-Hrk) 7,4845 -0,004 1,37 Danimarca (Corona-Dkk) 7,4500 -0,016 -0,05 Filippine (Peso-Php) 60,5030 -0,880 3,78 Hong Kong (Dollaro-Hkd) 11,1209 -1,255 7,08 India (Rupia-Inr) 65,8360 -1,103 10,17 Indonesia (Rupia-Idr) 12160,7000 -1,338 1,32 Islanda X (Corona-Isk) Israele (Shekel-Ils) 5,1074 -0,615 7,80 Lettonia (Lat-Lvl) 0,7093 -0,01 Lituania (Lita-Ltl) 3,4528 Malaysia (Ringgit-Myr) 4,2384 -1,251 3,50 Messico (Peso-Mxn) 17,6351 -2,132 6,57 N. Zelanda (Dollaro-Nzd) 1,6793 -0,803 -2,37 Norvegia (Corona-Nok) 7,6850 -0,704 -1,47 Polonia (Zloty-Pln) 4,1442 -0,094 4,26 Rep. Ceca (Corona-Czk) 24,1540 0,182 -3,62 Rep.Pop.Cina (Renminbi-Cny) 9,1138 -1,080 3,31 Romania (Leu-Ron) 4,2330 0,021 -0,68 Russia (Rublo-Rub) 41,4130 -0,891 1,45 Singapore (Dollaro-Sgd) 1,7208 -0,984 0,42 Sud Corea (Won-Krw) 1519,3100 -1,299 1,35 Sudafrica (Rand-Zar) 10,0219 -1,552 13,08 Svezia (Corona-Sek) 9,0960 -0,742 1,46 Thailandia (Baht-Thb) 42,8260 -1,010 6,61 Turchia (Lira-Try) 2,4584 -1,186 18,80 Ungheria (Fiorino-Huf) 273,1100 0,408 -1,74 X Corona islandese: l'ultima rilevazione BCE pari a 290,00 avvenuta il 3.12.2008; a partire da luned 2.11.2009 Banca d'Italia ha ripreso la quotazione della valuta sulla base di rilevazioni di mercato. Islanda (Corona-Isk) 162,9304 -0,544 5,97 Eritrea nakfa Etiopia bir Gambia dalasi Ghana cedi Gibuti franco Guinea franco Kenya scellino Lesotho loti Liberia $ Libia dinaro Madagascar ariary Malawi kwacha Marocco dirham Mauritania ougulya Mauritius rupia Mozambico metical Namibia $ Nigeria naira Rep. Congo franco Rwanda franco Sant'Elena sterlina* Sao Tome dobra Seychelles rupia Sierra Leone leone Somalia scellino Sudan sterlina Swaziland lilageni Tanzania scellino Togo franco Tunisia dinaro Uganda scellino Zambia kwacha Zimbabwe $ America Antille Oland. fiorino Argentina peso Aruba fiorino Bahamas $ Barbados $ Belize $ Bermuda $ Bolivia boliviano Cayman $ Cile peso Colombia peso Costarica colon Cuba peso Dominicana R. peso El Salvador colon Falkland pound* Giamaica $ Guatemala quetzal Guyana $ Haiti gourde Honduras lempira Nicaragua cordoba Panama balboa Paraguay guar. Per sol 21,4275 24,4476 40,4623 2,1575 253,8745 9720,8532 134,1325 10,0219 103,5663 1,7209 2806,9739 235,2938 11,3050 399,9443 39,8243 38,7838 10,0219 221,0472 1317,1590 856,0708 0,8812 24401,8941 17,3427 6256,0515 2329,2410 3,8240 10,0219 2317,0270 655,9570 1,9610 4029,7930 7088,4884 516,9742 2,5427 5,9972 2,5570 1,4285 2,8570 2,8340 1,4285 10,0138 1,1761 659,3024 2540,8749 726,3208 1,4285 54,4577 12,4994 0,8812 122,7939 11,1709 292,4140 57,6474 26,9129 32,2955 1,4285 5561,1505 3,8951 15,0000 6,90 17,1142 10,01 28,3250 8,14 1,5104 11,11 177,7210 6,90 6804,9375 19,57 93,8975 24,26 7,0157 13,08 72,5000 8,40 1,2047 2,67 1964,9800 -2,11 164,7139 15,93 7,9139 1,12 279,9750 5,87 27,8784 -1,68 27,1500 -11,75 7,0157 13,08 154,7408 8,65 922,0574 7,71 599,2795 7,85 1,6211 2,37 17082,1800 -2,81 12,1405 6,29 4379,4550 11,52 1630,5502 8,98 2,6769 14,27 7,0157 13,08 1622,0000 16,37 459,1929 1,3727 2,05 2820,9962 30,56 4962,1900 10,75 361,9000 6,90 1,7800 4,1983 1,7900 1,0000 2,0000 1,9839 1,0000 7,0100 0,8233 461,5348 1778,7014 508,4500 1,0000 38,1223 8,7500 1,6211 85,9600 7,8200 204,7000 40,3552 18,8400 22,6080 1,0000 3893,0000 2,7267 6,90 12,94 6,90 6,90 6,90 8,21 6,90 6,90 7,34 5,44 -1,18 7,05 6,90 8,90 6,90 2,37 7,28 4,45 7,16 8,55 6,59 10,45 6,90 -8,69 3,84 St.Kitts & Nevis $ Suriname $ Trinidad $ Uruguay peso Venezuela bolivar Asia Afghanistan afghni Arabia S. rial Armenia dram Azerbaidjian manat Bahrain dinaro Bangladesh taka Birmania kyat Brunei $ Buthan ngultrum Cambogia riel Corea Del Nord won Georgia lari Giordania dinaro Irak dinaro Iran rial Kazakistan tenge Kirghizistan som Kuwait dinaro Laos kip Libano sterlina Macao pataca Maldive rufiyaa Mongolia tugrik Nepal rupia Oman rial Pakistan rupia Qatar rial Siria sterlina Sri Lanka rupia Tagikistan somoni Taiwan $ Turkmenistan N.man. U.A.E. dirham Uzbekistan sum Vietnam dong Yemen rial Europa Albania lek Bielorussia rublo Bosnia Erz. marco Gibilterra pound* Macedonia denar Moldavia leu Serbia dinaro Ucraina hryvnia Oceania Fiji $* I. Tonga pa anga* Papua Guinea kina* Polinesia Fr. franco Samoa tala Solomon $* Vanuatu vatu 3,8570 4,7141 9,1255 26,6544 3,7095 67,3395 5,3872 525,0214 1,1234 0,5386 105,2876 9,1710 1,7208 65,8360 5866,1480 3,1427 2,3526 1,0128 1669,9165 15130,6372 209,4252 64,0022 0,3894 11438,7138 2151,3210 11,4517 21,9561 1786,2821 105,2090 0,5498 124,7295 5,2018 67,7655 157,1032 6,7900 41,3566 4,0712 5,2469 2478,5475 29752,8366 305,4133 140,3577 7295,3495 1,9558 0,8812 60,6673 16,1828 100,7209 11,4137 2,4917 2,2885 3,2137 119,3317 3,1853 10,5580 129,7573 2,7000 3,3000 6,3882 18,6590 2,5968 47,1400 3,7712 367,5333 0,7864 0,3770 73,7050 6,4200 1,2046 46,0875 4106,5089 2,2000 1,6469 0,7090 1169,0000 10591,9756 146,6050 44,8038 0,2726 8007,5000 1506,0000 8,0166 15,3700 1250,4600 73,6500 0,3849 87,3150 3,6414 47,4382 109,9777 4,7532 28,9511 2,8500 3,6730 1735,0700 20828,0270 213,8000 98,2553 5107,0000 1,3691 1,6211 42,4693 11,3285 70,5082 7,9900 0,5733 0,6242 0,4445 83,5364 2,2298 0,1353 90,8346 6,90 28,52 6,94 -0,77 6,90 10,13 7,51 8,11 5,24 6,90 11,61 6,90 0,42 10,17 8,31 6,90 -0,72 6,90 6,90 9,38 6,32 1,67 3,57 6,25 7,03 7,01 28,37 6,33 9,17 6,96 8,95 6,94 8,25 5,97 15,40 5,92 6,90 6,90 13,10 14,21 6,90 1,07 81,99 2,37 -2,52 -0,35 -5,02 7,41 1,99 -5,29 -8,96 1,20 -2,02 3,05

Primi in classifica. Nani (a sinistra) esulta con il compagno Javier Hernandez durante la partita vinta 8-2 dal Manchester United contro lArsenal

Calcio inglese. Il Manchester rafforza i conti in vista dellIpo a Singapore

Lo United torna in utile Boom di costi per le big


I team hanno speso 485 milioni di sterline per la campagna acquisti
Nicol Degli Innocenti
LONDRA

PEUGEOT CITRON

Investimenti in India
Il gruppo automobilistico francese Peugeot Citron investir 650 milioni di euro per costruire un impianto di produzione nello stato indiano del Gujarat. La decisione, resa nota ieri dal gruppo, prelude a un ritorno del gruppo in India. Peugeot Citroen installer una linea di montaggio, della capacit iniziale di 170mila unit lanno, nella citt di Sanand, nei pressi di Ahmedabad.

Rilevazioni Banca dItalia


01.09 Africa Algeria dinaro Angola new kwanza Botswana pula* Burundi franc. C. Avorio fran. cfa Capo Verde esc. Comore franc. Egitto sterl. com. # 103,2542 133,4269 9,5429 1786,9345 655,9570 110,2650 491,9678 8,5067 $ 72,2815 93,4035 0,1497 1250,9167 459,1929 77,1894 344,3947 5,9550 in.an.(1) 4,02 7,78 10,77 8,86 9,65

I Reds passano dal rosso al nero. Il Manchester United, prima in classifica nella Premier League inglese, ha annunciato ieri un ritorno allutile lasciandosi alle spalle le perdite dellanno scorso e rafforzando la sua posizione in vista dellIpo da 1 miliardodi sterlinealla BorsadiSingapore il mese prossimo. Il successo in campo della squadra, che questanno ha battuto tutti i record vincendo il campionato inglese per la diciannovesima volta e ora punta alla ventesima, ha contribuito ai risultati positivi aumentando le vendite di biglietti e di magliette e potenziando gli accordi sui diritti televisivi e di sponsorizzazione. I ricavi del Manchester United sono aumentati del 16% a 331,3 milioni di sterline nellultimo anno, mentre lutile stato di 29,7 milioni di sterline, contro una perdita di 14,9 milioni lanno precedente. Lindebitamento accumulato sulla squadra dai proprietariamericani, lafamiglia Gla-

zer, continua per a pesare: 51,3 milioni di sterline, quasi lamet dellutile operativorecorddi 110,9 milioni, sono stati spesi in interessi sul debito. Lindebitamento per sceso ora a 308,3 milioni, il livello pi basso da quando i Glazer avevano acquistato la squadra con un leveraged buy-outda 790milioni disterline nel 2005. I Glazer, odiati dai tifosi dei Reds per avere oberato di debiti la squadra, si trovano in una posizione di forza in vista dell'Ipo di ottobre. La borsa di Singapore stata scelta sia per il forte sostegno che la squadra ha in Asia, con circa cento milioni di tifosi, sia perch al contrario della Borsa di Hong Kong consente una struttura azionaria a due livelli. La vendita di azioni senza diritto di voto ad investitori esterni permette ai proprietari di quotare il 25-30% della societ ma anche di mantenere il controllo gestionale, essenziale secondo i Glazer per poter prendere decisioni in tempi rapidi. SecondoChris Searle, partner dello studio di commercialisti Bdo, la scelta potrebbe per ridurre linteresse per lIpo: Sar accettabile per gli investitori solo fino a quando i risultati, sia finanziari che in campo, saranno positivi, ma se i risultati peggioreranno gli investitori potrebbero pentirsi amaramente di non poter esercitare al-

Euro a pronti e a termine


Z
Quot. (2) Valuta (3) Den. Lett. 1 mese Den. 2 mesi Lett. Den. Lett. Den. 3 mesi Lett. Den. 6 mesi Lett. Den. 12 mesi Lett.

BLOCKBUSTER

Sempre pi in crisi Chiude in Canada


Blockbusterchiude ibattenti ancheinCanada,lasciando 2.500personesenzalavoro. Schiacciatodallacrisi,il colossodellhomevideo che gia giugnoavevachiuso150 puntivenditaintuttoilPaese hadecisodirinunciareancheai restanti253locali.Blockbuster, chehaoperatoinCanadaper21 anni,erainamministrazione fiduciariadalmaggioscorso perbancarotta,condebitiche ammontanoacirca70milioni didollariamericani.

2000 Dollaro Usa premio/sconto (3) 2003 Yen giapponese 2001 Sterlina inglese 2004 Corona danese 2014 Dollaro canadese 2002 Franco svizzero 2007 Corona norvegese 2005 Corona svedese 2016 Dollaro australiano 2015 Dollaro neozeland. 2008 Corona ceca

1,4253

1,4256

109,6500 109,7300 0,8816 7,4457 1,3900 1,1334 7,6847 9,1039 1,3262 1,6746 24,1780 0,8819 7,4540 1,3905 1,1340 7,6945 9,1094 1,3274 1,6769 24,2230

1,4247 1,4250 1,4242 1,4246 1,4238 1,4242 1,4226 1,4230 1,4202 -0,0005 -0,0005 -0,0010 -0,0009 -0,0014 -0,0013 -0,0026 -0,0025 -0,0051 109,5819 109,6677 109,5062 109,5948 109,4376 109,5259 109,1882 109,2873 108,7000 -0,0680 -0,0622 -0,1437 -0,1351 -0,2123 -0,2040 -0,4617 -0,4426 -1,0299 0,8815 0,8818 0,8815 0,8819 0,8815 0,8819 0,8816 0,8821 0,8820 -0,0000 -0,0000 -0,0000 0,0002 0,0004 7,4459 7,4545 7,4451 7,4542 7,4447 7,4541 7,4421 7,4529 7,4429 0,0002 0,0005 -0,0005 0,0002 -0,0009 0,0001 -0,0035 -0,0010 -0,0110 1,3904 1,3910 1,3908 1,3915 1,3913 1,3920 1,3918 1,3927 1,3937 0,0004 0,0005 0,0008 0,0010 0,0013 0,0015 0,0018 0,0022 0,0032 1,1315 1,1326 1,1297 1,1307 1,1282 1,1292 1,1239 1,1248 1,1158 -0,0018 -0,0013 -0,0036 -0,0032 -0,0051 -0,0047 -0,0094 -0,0091 -0,0181 7,6947 7,7049 7,7063 7,7169 7,7167 7,7277 7,7493 7,7620 7,8247 0,0100 0,0104 0,0216 0,0224 0,0320 0,0332 0,0646 0,0675 0,1302 9,1151 9,1210 9,1275 9,1336 9,1385 9,1447 9,1665 9,1741 9,2212 0,0112 0,0116 0,0236 0,0242 0,0346 0,0353 0,0626 0,0647 0,1118 1,3307 1,3320 1,3355 1,3368 1,3395 1,3409 1,3511 1,3526 1,3727 0,0045 0,0046 0,0093 0,0094 0,0133 0,0135 0,0249 0,0252 0,0465 1,6775 1,6799 1,6807 1,6831 1,6840 1,6866 1,6939 1,6968 1,7155 0,0029 0,0030 0,0061 0,0062 0,0094 0,0097 0,0193 0,0199 0,0409 24,1634 24,2115 24,1480 24,1991 24,1366 24,1879 24,0898 24,1650 24,0656 -0,0145 -0,0114 -0,0299 -0,0238 -0,0413 -0,0350 -0,0881 -0,0579 -0,1573

1,4207 -0,0048 108,7393 -0,9906 0,8826 0,0007 7,4498 -0,0041 1,3946 0,0041 1,1183 -0,0156 7,8324 0,1379 9,2276 0,1182 1,3747 0,0473 1,7189 0,0420 24,0976 -0,1253

Dollaro a pronti e a termine


2000 Euro premio/sconto (3) 2201 Yen giappon 2200 Sterlina in 2206 Corona dane 2209 Dollaro can 1,4253 76,9100 1,6160 5,2261 0,9754 0,7961 5,3928 6,3841 1,0738 0,8502 16,9500 1,4256 76,9500 1,6162 5,2270 0,9761 0,7963 5,3948 6,3881 1,0741 0,8510 16,9800 1,4247 -0,0005 76,8905 -0,0195 1,6154 -0,0005 5,2282 0,0021 0,9760 0,0006 0,7950 -0,0010 5,4018 0,0090 6,3943 0,0102 1,0696 -0,0041 0,8483 -0,0018 16,9460 -0,0040 1,4250 -0,0005 76,9335 -0,0165 1,6156 -0,0005 5,2292 0,0022 0,9768 0,0007 0,7956 -0,0006 5,4040 0,0092 6,3985 0,0104 1,0700 -0,0040 0,8491 -0,0018 16,9780 -0,0020 1,4242 -0,0010 76,8636 -0,0464 1,6148 -0,0011 5,2294 0,0033 0,9767 0,0013 0,7941 -0,0019 5,4118 0,0190 6,4052 0,0211 1,0654 -0,0083 0,8464 -0,0037 16,9410 -0,0090 1,4246 -0,0009 76,9082 -0,0418 1,6151 -0,0010 5,2308 0,0038 0,9775 0,0014 0,7945 -0,0017 5,4143 0,0195 6,4094 0,0213 1,0658 -0,0082 0,8472 -0,0037 16,9750 -0,0050 1,4238 -0,0014 76,8381 -0,0719 1,6143 -0,0016 5,2306 0,0045 0,9772 0,0018 0,7932 -0,0028 5,4207 0,0279 6,4148 0,0307 1,0619 -0,0118 0,8444 -0,0057 16,9380 -0,0120 1,4242 -0,0013 76,8821 -0,0679 1,6145 -0,0016 5,2322 0,0052 0,9781 0,0020 0,7937 -0,0025 5,4234 0,0286 6,4191 0,0310 1,0623 -0,0117 0,8453 -0,0056 16,9720 -0,0080 1,4226 -0,0026 76,7303 -0,1797 1,6126 -0,0033 5,2334 0,0073 0,9785 0,0031 0,7909 -0,0051 5,4484 0,0556 6,4401 0,0560 1,0518 -0,0219 0,8387 -0,0114 16,9200 -0,0300 1,4230 -0,0025 76,7781 -0,1719 1,6129 -0,0032 5,2357 0,0087 0,9794 0,0033 0,7913 -0,0049 5,4520 0,0572 6,4451 0,0570 1,0522 -0,0218 0,8397 -0,0112 16,9700 -0,0100 1,4202 -0,0051 76,4610 -0,4490 1,6090 -0,0069 5,2371 0,0110 0,9812 0,0058 0,7861 -0,0099 5,5039 0,1111 6,4857 0,1016 1,0332 -0,0405 0,8265 -0,0236 16,9000 -0,0499 1,4207 -0,0048 76,5170 -0,4330 1,6095 -0,0066 5,2420 0,0150 0,9824 0,0063 0,7880 -0,0083 5,5104 0,1156 6,4932 0,1051 1,0339 -0,0401 0,8277 -0,0232 16,9500 -0,0299

cun controllo sulla squadra, ha avvertito. Nellultimo anno i costi del Manchester United sono aumentati da 185,2 a 220,5 milioni di sterline, soprattutto a causadei ricchistipendi pagati ai calciatori, come dimostra il nuovo contratto da 180mila sterline a settimana spuntato da Wayne Rooney. Nellultimo campionato le venti squadre della Premier League hanno speso 1,4 miliardi di sterline in salari. I costi del calcio inglese continuano a salire: le squadre della Premier League hanno speso 485 milioni di sterline durante la campagna acquisti estiva, 100 milio-

ni dei quali in extremis lultimo giorno, il 31 agosto. La cifra rappresenta un aumento del 33% rispetto allo scorso anno, secondo i calcoli di Deloitte. Le cinque supersquadre - Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City e Manchester United - da sole hanno speso due terzi del totale. Dan Jones, partner dello Sports Business Group di Deloitte, ha avvertito ieri che queste squadre dovranno tenere sotto controllo i costi e fare attenzione a rispettare le regole di fair play finanziario introdotte dallUefa se vogliono continuare a giocare in Europa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IATA

2202 Franco sviz 2207 Corona norv 2208 Corona sved 2211 Dollaro aus 2210 Dollaro neo 2204 Corona ceca

Cresce in luglio il traffico aereo


LaIata,Associazione InternazionaledelTrasporto Aereo,haannunciatoidati relativialtraffico delmesedi lugliodacuirisulta cheil trafficopasseggeriaumentato del5,9%rispettoal luglio2010. Cstato, invece,unristagno nelmercato delsettore merci, conuncalo delladomanda, rispettoailivellidellanno scorso,pariallo0,4percento.

Cambi - Cross rates - Rilevazioni BCE


#
Euro Stati Uniti Giappone Gr. Bretagna Danimarca Canada Svizzera Norvegia Svezia Australia N. Zelanda Rep. Ceca (#) (Usd) (Jpy) (Gbp) (Dkk) (Cad) (Chf) (Nok) (Sek) (Aud) (Nzd) (Czk) 1,0000 0,7000 0,9084 1,1348 1,3423 0,7166 0,8759 1,3012 1,0994 0,7491 0,5955 4,1401

Usd
1,4285 1,0000 1,2977 1,6211 1,9174 1,0237 1,2512 1,8588 1,5705 1,0701 0,8507 5,9141

Jpy
110,0800 77,0599 100,0000 124,9206 147,7584 78,8878 96,4176 143,2401 121,0202 82,4631 65,5511 455,7423

Gbp
0,8812 0,6169 0,8005 1,0000 1,1828 0,6315 0,7718 1,1466 0,9688 0,6601 0,5247 3,6483

Dkr
7,4500 5,2153 6,7678 8,4544 10,0000 5,3390 6,5254 9,6942 8,1904 5,5809 4,4364 30,8438

Cad
1,3954 0,9768 1,2676 1,5835 1,8730 1,0000 1,2222 1,8157 1,5341 1,0453 0,8309 5,7771

Chf
1,1417 0,7992 1,0372 1,2956 1,5325 0,8182 1,0000 1,4856 1,2552 0,8553 0,6799 4,7268

Nok
7,6850 5,3798 6,9813 8,7211 10,3154 5,5074 6,7312 10,0000 8,4488 5,7570 4,5763 31,8167

Sek
9,0960 6,3675 8,2631 10,3223 12,2094 6,5186 7,9671 11,8360 10,0000 6,8140 5,4165 37,6584

Aud
1,3349 0,9345 1,2127 1,5149 1,7918 0,9566 1,1692 1,7370 1,4676 1,0000 0,7949 5,5266

Nzd

Czk

1,6793 24,1540 1,1756 16,9086 1,5255 21,9422 1,9057 27,4103 2,2541 32,4215 1,2035 17,3097 1,4709 21,1562 2,1852 31,4301 1,8462 26,5545 1,2580 18,0942 1,0000 14,3834 6,9525 100,0000

OPZIONI SU VALUTE
www.formazione.ilsole24ore.com

E/Usd
Scadenza Base
1,4336 1,4346 1,4346 1,4346 1,4346

E/Jpy
Volat.(5)
11,1500 12,7050 12,9550 13,4550 13,7000

Usd/Jpy
Base Volat.(5)
14,15 14,45 15,00 15,65 16,65

www.formazione.ilsole24ore.com/bs
Academy

Call#
0,0204 0,0309 0,0367 0,0536 0,0775

Put#
0,0204 0,0300 0,0367 0,0536 0,0775

Scadenza
1 mese 2 mesi 3 mesi 6 mesi 12 mesi

Call#
1,8200 2,5800 3,2300 4,7900 7,0700

Put#
1,8500 2,7500 3,3300 4,9500 7,5000

Scadenza
1 mese 2 mesi 3 mesi 6 mesi 12 mesi

Base
77,0300 77,0300 77,0300 77,0300 77,0300

Volat.(5)
10,6500 10,8500 11,0500 11,5000 12,4500

Call#
0,9500 1,3600 1,6600 2,4000 3,6800

Put#
0,9700 1,4000 1,7200 2,5800 4,0400

BLENDED SYSTEM24

Master part-time - Advanced program

AULA DISTANCE LEARNING TUTORING ON LINE

Strategic Human Resources Management


Modelli organizzativi, innovazione e nuove tecnologie nellHR Management

PAYROLL SPECIALIST
1a edizione Milano, dal 7 al 24 novembre 2011
ACQUISTABILE ANCHE A MODULI > 1 Modulo: Il rapporto di lavoro > 2 Modulo: La retribuzione e lelaborazione della busta paga > 3 Modulo: La risoluzione del rapporto di lavoro e il TFR > 4 Modulo: Il costo del lavoro e le certicazioni periodiche

1 mese 2 mesi 3 mesi 6 mesi 12 mesi

110,6800 110,6800 110,6800 110,6800 110,6800

TASSI A BREVE TERMINE


eM
Emider Scad. Euro(7)
1W 2W 3W 1M 2M 3M 4M 5M 6M 7M 8M 9M 10M 11M 1Y

Irs
Irs (6) Scad. Den. Lett. Euro 1Y/6M 1,60 1,62 2Y/6M 1,41 1,53 3Y/6M 1,64 1,76 4Y/6M 1,86 1,88 5Y/6M 2,09 2,11 6Y/6M 2,29 2,31 7Y/6M 2,45 2,47 8Y/6M 2,58 2,50 9Y/6M 2,68 2,70 10Y/6M 2,79 2,81 11Y/6M 2,87 2,89 12Y/6M 3,06 2,98 15Y/6M 3,14 3,26 20Y/6M 3,22 3,24 25Y/6M 3,27 3,19 30Y/6M 3,12 3,14 40Y/6M 3,08 3,00 50Y/6M 3,00 3,12 Scad. Euro 1M 2M 3M 6M 12 M Usd 1M 2M 3M 6M 12 M Jpy 1M 2M 3M 6M 12 M

Depo, Ois e Fra


Depo Ois* Fra (6) Den. Lett. Den. Lett. Scad. Den. Lett. 1,26 1,36 1,46 1,66 1,75 0,19 0,31 0,97 0,58 0,96 0,39 0,21 0,71 0,83 1,08 1,41 1,56 1,66 1,76 1,96 0,54 0,41 1,17 0,68 1,06 0,71 0,31 0,86 0,81 1,23 0,92 0,90 0,89 0,84 0,79 0,08 0,07 0,07 0,07 0,08 0,01 0,01 0,05 0,06 0,05 0,94 3x6 1,32 1,35 0,91 6x9 1,17 1,20 0,90 9x12 1,13 1,16 0,85 6x12 1,37 1,40 0,81 12x18 1,34 1,36 0,10 3x6 0,47 0,52 0,09 6x9 0,48 0,55 0,09 9x12 0,48 0,50 0,09 6x12 0,57 0,61 0,10 12x18 0,57 0,59 0,11 3x6 0,17 0,19 0,11 6x9 0,17 0,19 0,07 9x12 0,18 0,20 0,07 6x12 0,31 0,33 0,07 12x18 0,31 0,33

Indicatori reali
Euro 12 Austria Belgio Canada Danimarca Finlandia Francia Germania Giappone Gran Bretagna Grecia Irlanda Italia Lussemburgo Olanda Portogallo Spagna Stati Uniti Svezia Svizzera

1a edizione MILANO, dal 29 SETTEMBRE 2011 6 mesi / 3 gg al mese / in aula & distance learning

Paese

GESTIRE DA LEADER LORGANIZZAZIONE E IL CAMBIAMENTO


Sponsor: In collaborazione con: Con il patrocinio di: Partner tecnologico: Media Partner:

SHORT MASTER
Formazione dinamica per le professioni pi richieste dal mercato FORMULA INTENSIVE: 12 GIORNI DI AULA + DISTANCE LEARNING
inclusa una sessione di orientamento alla carriera e contatti con il mondo del lavoro in collaborazione con
Servizio Clienti Tel. 02 5660.1887 - Fax 02 7004.8601 info@formazione.ilsole24ore.com Il Sole 24 ORE Formazione ed Eventi Milano, via Monte Rosa, 91 Roma, piazza dellIndipendenza, 23 b/c
Organizzazione con sistema di qualit certicato ISO 9001:2008

Il Master nanziabile con i fondi interprofessionali Fondimpresa, Fondir e Fondirigenti. Sono aperte le selezioni. Programma e modalit di ammissione www.formazione.ilsole24ore.com/bs
Servizio Clienti tel. 02 (06) 3022.3906 fax 02 (06) 3022.4462/2059 business.school@ilsole24ore.com Il Sole 24 ORE Formazione ed Eventi Milano, via Monte Rosa, 91 Roma, Piazza dellIndipendenza, 23 b/c
Organizzazione con sistema di qualit certicato ISO 9001:2008

1,50 1,50 1,11374 1,50 1,50 1,50 1,50 1,00 0,00 1,57460 1,25 1,25 8,29869 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 0,30 0,10 123,26100 0,50 0,98818 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 1,50 0,75 0-0,25 1,60936 2,00 2,00 10,22480 0,13 0,13 1,30278

Tasso sc.inter.

Dsp

Q2 Q2 Q1 Q2 Q1 Q2 Q2 Q2 Q2 Q2 Q1 Q1 Q2 Q1 Q2 Q1 Q2 Q2 Q2 Q2

Pil Prod. ind. Disoccup. T/T A/A A/A

0,7 1,8 dic-08 -12,5 giu-11 9,9 ago-11 2,5 4,2 4,1 giu-11 7,5 ago-11 5,9 lug-11 3,5 3,9 3,0 giu-11 -2,7 ago-10 12,7 ago-11 3,6 -0,4 2,2 mag-11 0,7 giu-11 7,4 lug-11 2,7 -0,3 1,9 giu-11 -3,2 lug-11 4,1 lug-11 2,9 4,8 3,7 giu-11 0,8 lug-11 6,9 lug-11 3,9 1,6 giu-11 2,9 mag-11 9,1 lug-11 2,0 0,5 2,8 giu-11 8,3 ago-11 7,0 lug-11 2,4 -1,3 -0,9 lug-11 -2,9 lug-11 4,7 giu-11 -0,4 0,7 0,7 giu-11 -5,0 lug-11 4,9 lug-11 5,0 0,6 -5,5 giu-11 -12,3 mag-11 16,6 lug-11 2,4 5,1 giu-11 -0,3 ago-11 14,4 lug-11 2,7 1,0 0,8 giu-11 0,2 lug-11 8,0 ago-11 2,8 -6,9 4,8 giu-11 -6,0 lug-11 6,2 lug-11 2,9 0,6 1,7 giu-11 2,5 lug-11 5,3 lug-11 2,6 -2,4 -0,6 lug-11 -5,6 mag-11 12,1 lug-11 3,2 0,6 0,7 giu-11 -1,9 mag-11 20,9 ago-11 2,9 1,0 1,6 lug-11 3,9 lug-11 9,1 lug-11 3,6 3,9 5,3 giu-11 3,1 lug-11 7,4 lug-11 3,0 1,4 2,3 feb-11 5,7 lug-11 3,0 lug-11 0,5

Pr.cons. A/A

Tassi Interbancari del 01.09


Scadenze O/N 1 sett. 2 sett. 1 mese 2 mesi 3 mesi 4 mesi 5 mesi 6 mesi 7 mesi 8 mesi 9 mesi 10 mesi 11 mesi 12 mesi Libor Cibor Nibor Stibor Pribor 365 Usd Jpy Gbp Chf Cad Aud Dkr Nok Skr Czk 0,83750 0,84913 0,14222 0,11375 0,58063 1,00500 4,85250 0,77000 1,02813 1,04241 0,18556 0,11813 0,60625 1,02917 4,84000 1,24500 2,45000 2,22000 0,83000 1,12563 1,14126 0,19722 0,12375 0,62375 1,04250 4,84175 1,26250 2,56000 0,84000 1,29813 1,31616 0,22150 0,14344 0,66006 1,06000 4,83750 1,34250 2,88000 2,32000 0,97000 1,36063 1,37953 0,26900 0,15938 0,74281 0,00167 1,10417 4,83700 1,43000 3,01000 2,39000 1,06000 1,48375 1,50436 0,32944 0,19313 0,88813 0,00500 1,15167 4,84925 1,53000 3,10000 2,58000 1,20000 1,54813 1,56963 0,37517 0,23875 0,96625 0,01250 1,18583 4,85250 1,58500 3,25000 1,62375 1,64630 0,43044 0,29125 1,06875 0,03083 1,22250 4,86625 1,64250 3,28000 1,70825 1,73198 0,48878 0,33438 1,17438 0,04667 1,25500 4,87500 1,72000 3,37000 2,61000 1,51000 1,76425 1,78875 0,54156 0,38688 1,25625 0,07583 1,30250 4,91375 1,77750 1,81638 1,84161 0,58711 0,43313 1,34375 0,11083 1,35000 4,93425 1,83500 1,86913 1,89509 0,64272 0,47438 1,42969 0,15000 1,39833 4,94500 1,89000 3,57000 2,74000 1,65000 1,92813 1,95491 0,69039 0,50438 1,51281 0,19167 1,48417 4,99750 1,93000 1,98938 2,01701 0,74206 0,52875 1,57531 0,24000 1,57000 5,05000 1,97750 2,05438 2,08291 0,80217 0,55500 1,65094 0,28500 1,66000 5,10625 2,01750 3,78000 2,88800 1,74000 Wibor Pln 4,56000 4,55000 4,56000 4,61000 4,72000 4,85000 4,86000 4,88000

LEGENDA
VALUTE - Rilevazioni BCE e BI (1) Variaz. % dell' su valuta locale rispetto all'ultima seduta dell'anno precedente. Euro, Dollaro a pronti e a termine (2) quot.: quotazione a pronti (spot) rilevata dall'agenzia Reuters intorno alle ore 17.00. (3) valuta: nella tabella dell'euro la modalit di quotazione quella del certo per l'incerto (1 euro pari a quantit variabile di altre divise). In quella del dollaro si usa la modalit del certo per l'incerto (un dollaro pari a quantit variabili di altre divise) con l'eccezione di Sterlina, Euro e Dollaro australiano per le quali adottato il sistema inverso. (4) premio/sconto: differenza di tasso espressa in punti di cambio. Cambi - Cross Rates La tabella confronta le varie valute utilizzando i rapporti di cambio ufficiali della Banca Centrale Europea. Alcuni esempi di lettura dei dati: in orizzontale, nella prima riga, indicato il controvalore delle diverse valute acquisibili con un euro; in verticale, nella prima colonna, riportata la quantit di euro necessaria ad acquistare ciascuna valuta nella sua unit di conto. Per la corona ceca e lo yen giapponese l'unit di conto pari a 100 corone ceche o 100 yen; per le corone norvegesi, danesi e svedesi l'unit di conto pari a 10; per le rimanenti valute uguale a 1. OPZIONI SU VALUTE (5) la volatilit misura la variabilit attesa del valore di cambio cui si riferisce l'opzione; il prezzo call e put l'espressione in punti $ per l'/$ e in punti Jpy per /Jpy e $/Jpy. A cura di IFP Milan Branch. TASSI A BREVE TERMINE (6) Altri derivati - Scadenza IRS: Media dei prezzi relativi a scambi con operatori istituzionali, rilevata alle ore 16. I simboli delle scadenze indicano: il tasso fisso (1Y=1 anno, 2Y=2 anni etc.) e il tasso variabile (3M= 3 mesi, 6M=6 mesi etc.) tra i quali avviene lo scambio. A cura di IFP (Integrated Financial Products) Milano Scadenza FRA: sono indicati i mesi (prima cifra) che mancano al fixing, cio alla liquidazione del differenziale tra il tasso fisso e il tasso variabile indicato nel contratto; la seconda cifra indica la scadenza del contratto. Media dei prezzi alle ore 16 relativi a scambi con operatori istituzionali. A cura di IFP (Integrated Financial Products) Milano. (7) Rappresenta il fixing dei tassi overnight index swaps di e-Mid, rilevato alle ore 18. Il fixing il benchmark di riferimento per le scadenze Irs inferiori all'anno. Indicatori Reali Il tasso di sconto calcolato sulla media fra il tasso marginale di rifinanziamento BCE ed il tasso di deposito. Per il tasso di intervento indicato in prevalenza il tasso pronti contro termine o, in mancanza, un tasso d'intervento equivalente. Il Dsp indica quanta valuta necessaria per acquistare un diritto e si riferisce a due gg lavorativi precedenti. Il PIL rilevato su dati ESA95 EUROSTAT a prezzi costanti destagionalizzati. Le variazioni T/T sono la media dell'ultimo trimestre rispetto al precedente annualizzato. La sigla A/A indica le variazioni anno su anno. Q indica il trimestre di riferimento. Tutti i dati sono in percentuale. La produzione industriale viene rilevata su dati EUROSTAT volume index non destagionalizzati. I dati sulla disoccupazione provengono dalle fonti ufficiali di ogni stato. Le variazioni dei prezzi al consumo (inflazione) sono non destagionalizzate e provengono dalle varie fonti ufficiali locali. Elaborazione su dati Thomson Financial Datastream. Mutui Pubblici Per i mutui contratti dallo Stato fino all'importo di 50 milioni, i tassi massimi suindicati sono diminuiti di 50 punti base. Liquidit (8) rappresentano i tassi del mercato interbancario depositi e-Mid Euribor Il tasso Euribor (Euro Interbank Offered Rate) viene calcolato sulla base dei tassi interbancari sui depositi applicato da un panel di banche europee aderenti alla FBE. Reuters provvede alla raccolta ed al calcolo quot. del tasso Euribor, eliminando, tra tutti gli "offer rates" raccolti, il 15% pi alto e pi basso. Sui tassi rimanenti viene calc. la media arrotondando il valore ai tre decimali. Media Mensile Euribor: le medie mensili Euribor, tengono conto dei due giorni/valuta. Infatti le serie storiche prese in considerazione per il calcolo, contengono i dati di tutti i giorni del mese eccettuati gli ultimi due giorni, con laggiunta degli ultimi due giorni lavorativi del mese precedente.

LImpresa
IL MENSILE DI MANAGEMENT DEL SOLE 24 ORE

ROBERT PUTNAM: LA RICCHEZZA DELLITALIA IL SUO CAPITALE SOCIALE HEAD HUNTER A CACCIA DI MANAGER: LE COMPETENZE CHE CONTANO
Con Il Sole 24 ORE a soli 6,90*
*Offerta valida dal 6 luglio al 7 settembre

Mutui pubblici
(Tasso massimo da applicare su mutui a carico degli Enti locali) Scadenza T. fisso(*) T. variabile
fino a 10 anni IRS 7yrs*+1,20% Euribor 6m+1,30 fino a 15 anni IRS 10yrs*+1,65% Euribor 6m+1,70 fino a 20 anni IRS 12yrs*+1,70% Euribor 6m+1,75 fino a 25 anni IRS 15yrs*+1,90% Euribor 6m+1,95 oltre 25 anni IRS 20yrs*+1,90% Euribor 6m+2,00 (*) Per IRS si intende il tasso lettera verso Euribor a 6 mesi fissato a Francoforte alle h.11,00 del giorno precedente alla stipula del contratto.

Liquidit
Scadenze Eonia(01/09/11) e-Mid/Atic(8)(01/09/11) O/N T/N S/N 1W 2W 1M 0,8840 Euro 0,9356 1,4694 1,9500 Tasso 360 $ 0,2503

Euribor - Eurepo
Tassi interbancari del 01.09. Valuta del 05.09 Tasso Tasso Tasso Tasso Sca. 360 365Eurepo* Sca. 360 365 Eurepo*
1 sett. 2 sett. 3 sett. 1 mese 2 mesi 3 mesi 4 mesi 5 mesi 6 mesi 7 mesi 1,098 1,113 0,768 1,202 1,219 0,783 1,278 1,296 0,787 1,351 1,370 0,805 1,420 1,440 0,802 1,543 1,564 0,794 1,603 1,625 1,668 1,691 1,748 1,772 0,758 1,806 1,831 8 mesi 9 mesi 10 mesi 11 mesi 1 anno 1,854 1,880 1,910 1,937 0,730 1,962 1,989 2,029 2,057 2,089 2,118 0,714

Tassi Bce
Operazioni durata tasso data oper. # mld

IN EDICOLA DAL 6 LUGLIO

in abbonamento su www.shopping24.it

www.limpresaonline.net

Media % mese Agosto 1 mese 1,381 1,400 2 mesi 1,444 1,464 3 mesi 1,558 1,579 6 mesi 1,761 1,786

Operazioni su iniziativa controparti Tasso di rifin. marginale 2,00 Tasso di deposito 0,50 Operazioni di mercato aperto P/t settimanale 7gg 1,50 7gg 1,50 - tasso minimo 1,50% Pronti/termine mensile 203gg 1,50 35gg 1,50 91gg 1,50

13.04.11 13.04.11 31.08.11 122 24.08.11 134 11.08.11 50 10.08.11 76 28.07.11 85

44 Materie prime / Mercati Italia

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Metalli. Rio Tinto: per coprire le richieste serviranno almeno altri 100 milioni di tonnellate lanno

BREVI Dai mercati


PETROLIO

MATERIE PRIME

Minerali di ferro, consumi boom


Accelerano gli utilizzi nei Paesi emergenti - Settore in tensione
Balduino Ceppetelli

Cereali e soia in caduta al Cbot


A lChicagoBoardofTradeieriicontratti a termine su frumento, mais e semi di soia sono bruscamente arretrati, complici vendite di realizzo e buone notizie sullandamentodeiraccolti negliUsa.Variazioni di poco rilievo hanno interesato i futuresulcotonesodo.Ilcacaosileggermente indebolito sulle due sponde dellAtlantico.I contrattiaterminesulcaff robusta hanno ceduto qualche punto, mentrequelli sullarabicahanno chiusoin salita.Si staallentandolatensionesuimercati saccariferi con i prezzi in moderata flessione. Modesti cedimenti hanno interessato oro e argento. Prezzi in altalena sui mercati petroliferi la cui attenzione sempre catalizzata dal bollettino meteo dellarea relativa al Golfo del Messico.

Mercati nervosi per il maltempo


Forti oscillazioni per i prezzi del petrolio che ieri, dopo aver aperto in calo sulla scia di previsioni di un calo nei consumi, hanno investito direzione, sono saliti ai massimi mensili, per poi tornare a scendere. A surriscaldare il mercato lavvicinarsi di un ciclone tropicale al Golfo del Messico, dove le

Per coprire la crescente domanda mondiale serviranno almeno 100 milioni di tonnellate di minerale di ferro in pi lanno per i prossimi otto anni. Sono le stime del colosso minerario anglo-australiano Rio Tinto, il secondo maggior produttore del settore alle spalle della brasiliana Vale, che ha ricordato come la produzione complessiva di minerali di ferro nel periodo in considerazione dovr pi o meno raddoppiare per coprire le richieste; nei primi tempi comunque il maggior output arriver dallampliamento delleestrazioni dalle miniere gi esistenti. Da ricordare che secondo stime Abare lanno scorso sono state commercializzate nelmondooltre mille miliardi di tonnellate di minerali di ferro. Durante una conferenza

sullattivit dei gruppi minerari australiani in Africa, David Joyce, responsabile per lespansione dei progetti minerari di Rio Tinto, ha sottolineato il fatto che i maggiori incrementi dei consumi giungono dai pae-

PROGETTI MINERARI

Il colosso anglo-australiano sta espandendo lattivit in Guinea e Western Australia In movimento anche tutti gli altri big
si che stanno accelerando i processi di industrializzazione quali Cina, India, Indonesia e Vietnam. I Paesi emergenti Cina su tutti coprono infatti il 75% della domanda mondiale. Rio Tinto chiaramente si sta

attrezzando per riuscire a soddisfare la domanda. Loutput verr potenziato nei progetti minerari esistenti e a met 2015 diventer operativo il progetto (in joint venture con la cinese Chinalco) Simandou, in Guinea, che ha richiesto fino a ora investimenti per1,5miliardididollari;laminiera inizier a lavorare a un ritmo di 70 milioni di tonnellate allanno,mahaunpotenzialeproduttivodicirca170milioniditonnellate. Joyce ha poi ricordato che le estrazioninel WesternAustralia verranno portate da 225 a 333 milioni di tonnellate. Chiaramente anche gli altri big si stanno muovendo. Anglo American punta a raddoppiare la produzine a 80 milioni di tonnellate per il 2014, Bhp Billiton sta portando avanti lespansione delle proprie attivit a Jimblear, nel Western Australia,

Minerali di ferro
Indice Platts dei prezzi. $/tonn. 01/09/10 01/09/11

195

185

175

165

155

145

135

con investimenti per 6,6 miliardi di dollari (lobiettivo produrre oltre 220 milioni di tonellate di minerali di ferro lanno a partire dal 2014). Il boom atteso nei consumi chiaramente si rifletter anche sui prezzi, che tuttavia nel breve periodo potrebbero non dovrebbero registrare variazioni di rilievo. Secondo le rilevazioni Platts, il prezzo medio spot in agosto salito a 179 dollari per tonnellata, da 175,2 di luglio, nonostante i timori per landamento delleconomia mondiale e le turbolenze sui mercati finanziari. Per il quarto trimestre poi i grandi produttori potrebbero mantenere i listini invariati, anche perch non si registra ancorauna ripresa della domanda cinese finalizzata al ripristino delle scorte.
RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMODITIES
Merce Mercato Mese Data Prezzo Var.% Merce Mercato Mese Data Prezzo Var.%

Energia e Combustibili
Brent Dated (Usd/bbl) Brent Crude Oil (Usd/bbl) Carbon Emiss (Euc/ton) Etanolo Mais (Usd/gal) Gas Oil (Usd/ton) Gasoline Rbob (Usd/gal) Heating Oil (Usd/gal) Nafta (Usd/ton) Natural Gas (Usc/mbtu) WTI Cushing (Usd/bbl) WTI (Usd/bbl) ICE IPE IPE IPE ICE NYMEX IPE NYMEX NYMEX NWE NYMEX NYMEX CME NYMEX NYMEX LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME ASSOM ASSOM NWE NWE NWE NWE NWE NWE LME LME LME LME LME LME LME ASSOM ASSOM ASSOM LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME LME COMEX COMEX COMEX COMEX FFT ASSOM NWE NWE LME LME LME LME LME LME LME NWE NWE NWE NWE NWE LME LME LME LME LME LME LME Spot Ott Nov Dec Set Set Set Ott Ott Spot Ott Nov Spot Ott Nov Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m Spot Spot Spot Spot Spot Spot Spot Spot Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m Spot Spot Spot Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m Set Ott Nov Spot Spot Spot Spot Spot Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m Spot Spot Spot Spot Spot Settl Spot 3m 15 m Spot 3m 15 m 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 31.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 26.08 26.08 26.08 12.08 26.08 26.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 12.08 12.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 118,02 114,29 113,44 112,88 12,80 2,84 966,50 2,89 3,05 970,00 4,05 4,17 89,00 88,93 89,24 645,00 645,00 590,00 650,00 645,00 590,00 650,00 2360,00 2360,00 2350,00 2370,00 2355,00 2350,00 2370,00 2401,50 2401,50 2437,00 2528,00 2409,00 2445,00 2538,00 8999,50 8661,70 17,50 2,25 3350,00 1350,00 37,50 15,50 21775,00 21775,00 21820,00 21895,00 21730,00 21770,00 21840,00 4700,00 5601,26 5804,76 2559,00 2559,00 2542,00 2582,00 2555,50 2540,00 2575,00 9101,00 9101,00 9131,00 9135,00 9122,00 9140,00 9140,00 414,25 414,95 415,55 424,95 647,98 7483,66 2350,00 1400,00 24000,00 24000,00 24200,00 24365,00 24120,00 24200,00 24345,00 9,50 14,00 49,00 29,50 6,50 2208,00 2208,00 2235,50 2320,00 2219,00 2245,00 2328,00 4147,00 2559,09 941,39 0,08 -0,49 -0,56 -0,63 -0,31 -2,41 -0,72 0,35 -0,97 0,28 0,14 0,09 -0,77 -0,77 -0,77 1,68 1,68 0,86 0,85 0,64 0,86 0,85 -0,04 -0,04 -0,20 -0,74 -0,81 -0,39 0,03 0,17 -1,25 -1,25 -1,16 -1,15 -2,90 -2,92 -2,95 0,02 0,04 0,16 0,16 -0,16 -0,04 -1,18 -1,36 -1,34 -1,04 -1,04 -0,95 -0,98 -1,47 -1,46 -1,51 -1,06 -1,06 -1,05 2,36 0,05 0,14 -0,83 -0,83 0,41 0,43 -0,62 -0,62 -0,67 -2,24 -2,24 -2,21 -1,90 -1,99 -2,01 -1,77 0,29 0,79

Argento (Usd/oz)

Metalli Base

Acciaio Bill Md (Usd/ton) Acciaio Bill Md 1 (Usd/ton) Acciaio Bill Md 2 (Usd/ton) Alluminio Alloy (Usd/ton) Alluminio Alloy 1 (Usd/ton) Alluminio Alloy 2 (Usd/ton) Alluminio HG (Usd/ton) Alluminio HG 1 (Usd/ton) Alluminio HG 2 (Usd/ton) Alpacca Cu64Ni18 (Eur/ton) Bronzo Lega B6 (Eur/ton) Cobalto catodi (Usd/lb) Cromo Fe LoCarb (Usd/lb) Manganese 99,7% (Usd/ton) Manganese Ferro (Usd/ton) Molibdeno Ferro (Usd/kg) Molibdeno Ossido (Usd/lb) Nickel (Usd/ton) Nickel 1 (Usd/ton) Nickel 2 (Usd/ton) Ottone base barra (Eur/ton) Ottone 63 (Eur/ton) Ottone 67 (Eur/ton) Piombo (Usd/ton) Piombo 1 (Usd/ton) Piombo 2 (Usd/ton) Rame grado A (Usd/ton) Rame grado A 1 (Usd/ton) Rame grado A 2 (Usd/ton) Rame (Usc/lb) Rame Merchant (Usc/lb) Rame Elettrol (Eur/qle) Rame Semilav. (Eur/ton) Silicio blocchi (Usd/ton) Silicio Ferro (Usd/ton) Stagno HG (Usd/ton) Stagno HG 1 (Usd/ton) Stagno HG 2 (Usd/ton) Titanio Ferro (Usd/kg) Titanio spugna (Usd/kg) Tungsteno Ferro (Usd/kg) Vanadio Ferro (Usd/kg) Vanadio Pentossido (Usd/lb) Zinco SHG (Usd/ton) Zinco SHG 1 (Usd/ton) Zinco SHG 2 (Usd/ton)

NYMEX NYMEX NYMEX Oro Londra AM fix (Usd/oz) LBMA Oro Londra PM fix (Usd/oz) LBMA Oro AM (Eur/gr) FEDER Oro PM (Eur/gr) FEDER Oro (Usd/oz) NYMEX NYMEX NYMEX Palladio PM fix (Usd/oz) LBMA Palladio (Eur/gr) FEDER Palladio (Usd/oz) NYMEX NYMEX Platino PM fix (Usd/oz) LBMA Platino (Eur/gr) FEDER Platino (Usd/oz) NYMEX NYMEX

Set Ott Nov Spot Spot Spot Spot Set Ott Nov Spot Spot Set Ott Spot Spot Set Ott Spot Set Dec Set Ott Set Dec Mar Nov Gen Mar Spot Set Dec Mar Nov Gen Mar P1 P2 P1 P2 P1 P1 P2 Set Ott P1 P2 Ott Dec Set Nov Feb Mag P1 Set Nov Gen Set Dec Mar Set Nov Gen Set Dec Mar Set Dec Mar Spot Spot Spot Ott Spot Spot Ott Mar Mag Ott Dec Mar Ott Dec Mar Ott Set Spot Spot Spot Spot Spot Ott Spot Spot Spot Spot Spot Spot Spot

01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 26.07 26.07 01.09 01.09 01.09 01.09 26.07 01.09 01.09 01.09 26.07 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 31.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 31.08 31.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09

4148,20 4149,70 4150,70 1815,50 1821,00 36,09 36,20 1826,00 1826,70 1827,70 777,00 18,95 788,55 789,05 1843,00 41,70 1852,90 1852,90 546,45 362,00 362,00 376,60 378,50 715,50 761,00 797,50 208,75 210,00 210,75 440,00 728,75 738,50 750,75 213,00 215,50 217,50 960,00 960,00 1335,00 1310,00 1397,50 1115,00 1100,00 57,71 57,85 960,00 955,00 210,00 215,00 17,68 439,25 433,00 431,25 562,20 1424,75 1434,50 1445,25 290,70 289,75 292,05 2295,00 2325,00 2345,00 3060,00 3075,00 3105,00 1927,00 1945,00 1959,00 232,79 3167,11 28,66 85,18 1,19 1,47 29,59 28,73 27,25 762,80 735,80 722,70 106,08 105,78 103,13 473,00 361,30 486,45 467,20 463,45 455,50 454,85 472,00 1319,00 1567,00 1338,00 1235,00 1564,00 1336,00 1270,00

-0,52 -0,52 -0,53 -0,58 0,41 -0,14 -0,14 -0,14 -0,77 0,06 0,03 -0,11 -0,18 -0,18 -0,42 -2,16 -2,82 -1,10 -1,10 -3,99 -3,85 -3,57 -1,18 -1,18 -1,17 0,20 -3,80 -3,78 -3,63 -0,70 -0,81 -0,68 0,52 1,05 0,38 -1,06 0,45 -1,43 -1,43 0,52 0,69 0,58 0,64 -1,56 -1,67 -1,58 -1,50 0,55 0,52 0,50 -0,13 -0,34 -0,17 -1,23 -1,22 -1,11 -0,46 -0,61 -0,51 0,43 0,56 0,46 -0,37 -0,30 -0,52 -0,58 -1,04 -0,41 -0,39 0,19 -0,03 -0,13 -1,05 -0,88 -0,21 0,23 -0,32 0,68 0,41 0,45 0,53 0,32

Cereali

compagnie petrolifere stanno sospendendo lattivit.

ALLUMINIO

Coloniali. Si sta allargando la forbice tra il mercato fisico e quello a termine

Pechino prepara stop produttivi


sempre assistito a un peggioramento delle miscele da parte dei torrefattori che prediligono la quantit e il prezzo. Ci consola rilevare che sono per in aumento quelli che, indipendentemente dal prezzo, continuano caparbiamente a perseguire la qualit migliore. Unrapidosguardo alleborseatermine cidiconoche irobusta a Londra hanno aperto agosto a 2.102 dollari per tonnellata, sono scesi al minimo mensile il giorno 4 con 2.045 e quindi sono risaliti fino al massimo di 2.377 del 23 agosto, per chiudere il mese a 2.298 dollari. Gli arabica a New York in modo simile sono partiti da 241,35 cents per libbra e hanno toccato il minimo il giorno 8 con234,20.Quindi hannocontinuato a salire fino al massimo di fine mese con 289,10.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Speculatori in manovra sui prezzi del caff


Alberto Gattegno

Come le Borse a termine del caff mostrano ormai da molto tempo un andamento indipendente dal mercato del caff fisico, cos il mercato degli arabica segue traiettorie diverse da quello dei caff robusta. Il mercato borsistico manovrato da grossi investitori finanziari che spostano capitali enormi da una commodity allaltra con la massima disinvoltura, anche diverse volte nellarco di una seduta di borsa. Daltra parte il mercato del caff fisico dipende da fattori tipici del mercato, come domanda ed offerta, produzione e consumi. Comunque nel mondo del caff

non ci sono compartimenti stagni. Vediamo cos che vivaci variazioni delle borse influenzano i prezzi delle varie qualit, mentre produzione, consumi, fattori meteorologici si ripercuotono sul mercato finanziario. E nemmeno i fattori interni delle categorie sono insensibili ai mutamenti avvenuti altrove. Per esempio i consumi possono essere influenzati

LO SCENARIO

Non pi il bilancio domanda-offerta a dettare landamento dei corsi I torrefattori modificano le miscele a causa dei rincari

daiprezziespesso leBorseinseguono landamento del mercato fisico. Succede cos cheseiprezzidegliarabicasuperano certi livelli, i consumi si sposteranno sui robusta. Naturalmentenonsi rinuncer ad un arabica finissimo da 6/7 euro al chilogrammo infavore diun robustamediocre (da 2/3 euro/chilogrammo) ma si avranno scostamenti lenti fra qualit simili a prezzi pi interessanti. Cos si passer dagli arabica naturali pi modesti (4,50/5 euro al chilogrammo) ai robusta pi fini, possibilmente lavati. In ogni caso, quando i prezzi aumentano di tanto come di tanto sono aumentati recentemente abbiamo

Caff Robusta
Liffe - 1 posizione. $/tonn
a

In Cina i produttori di alluminio nella provincia del Guanxi ridurranno lattivit a partire da questo mese a casua di carenza di energia. Possibili ripercusisoni sui prezzi internazionali. Si stima una perdita produttiva del 15%.

CWB CBOT CBOT Farina di soia (Usc/Ston) CBOT CBOT Frumento (Usc/bu) CBOT CBOT CBOT Frumento tenero (Eur/ton) MATIF MATIF MATIF Grano Tenero 1cw (Cad/ton) ICE-CA Granoturco (Usc/bu) CBOT CBOT CBOT Granoturco (Eur/ton) MATIF MATIF MATIF Olio colza crude (Eur/ton) NWE NWE Olio girasole UE (Usd/ton) NWE NWE Olio lino (Usd/ton) NWE Olio palma crude (Usd/ton) NWE NWE Olio di soia (Usc/lb) CBOT CBOT Olio di soia crude (Eur/ton) NWE NWE Orzo Winnipeg (Cad/ton) ICE-CA ICE-CA Riso grezzo (Usc/cwt) CBOT Semi di colza (Eur/ton) MATIF MATIF MATIF Semi soia Usa 2 (Usd/ton) NWE Semi di soia (Usc/bu) CBOT CBOT CBOT

Amber Durum 1 (Cad/ton) Avena (Usc/bu)

Coloniali e bestiame
Caff arabica (Usc/lb) Caff robusta (Usd/ton) Cacao (Usd/ton) Cacao (Gbp/ton) Ico caff Comp (Usc/lb) Icco cacao Index (Usd/ton) Isa zucch Index (Usc/lb) Suini macellati (Usc/lb) Suini vivi (Eur/kg) Suini macellati (Eur/kg) Zucchero grezz 11 (Usc/lb) Zucchero raffin (Usd/ton) ICE-US ICE-US ICE-US LIFFE LIFFE LIFFE ICE-US ICE-US ICE-US LIFFE LIFFE LIFFE ICO ICCO ISA CME PVE PVE ICE-US ICE-US ICE-US LIFFE LIFFE LIFFE

01/08

01/09

ZUCCHERO

2420 2350 2280 2210 2140 2070 2000

LIso prevede un surplus


Il settore saccarifero mondiale potrebbe registrare un surplus do 4,2 milioni di tonellate nella stagione 2011-2012. Sono le ultime stime dellIso (Internationalsugarorganization) che indicano la produzionemondiale increscita al livello record di 172,4 milioniditonnellate,afronte di consumi in crescita del 2% o di 3,32 milioni di tonnellate.

Varie industria
ICE-US ICE-US ICE-US Gomma Rss 3 (Usc/kg) SICOM Gomma Rss 3 (Usc/kg) TOCOM Gomma Smr CV (Usc/kg) MRE Gomma Smr L (Usc/kg) MRE Gomma Smr 5 (Usc/kg) MRE Gomma Smr 10 (Usc/kg) MRE Gomma Smr 20 (Usc/kg) MRE Gomma Tsr 20 (Usc/kg) SICOM Northern Index (Auc/kg cl) AWEX Merino Fine 19 (Auc/kg cl) AWEX Merino Med 21 (Auc/kg cl) AWEX Southern Index (Auc/kg cl) AWEX Merino Fine 19 (Auc/kg cl) AWEX Merino Med 21 (Auc/kg cl) AWEX Eastern Index (Auc/kg cl) AWEX Cotone (Usc/lb)

Metalli preziosi
Argento fix (Usc/oz) Argento fix (GBp/oz) Argento (Eur/kg) LBMA Spot 01.09 LBMA Spot 01.09 FEDER Spot 26.07

MERCATI IN ITALIA
SULLE ALTRE PIAZZE
Padova
Listino della Camera di Commercio di Padova rilevato il 01.09.2011. Prezzi in .

Suini
Suini a peso vivo d'allevamento in provincia (peso netto , prezzi indicativi, elaborati dalla commissione) peso 6 kg. non quot.; 15 kg. 3,110; 25 kg. 2,170; 30 kg. 2,010; 40 kg. 1,830; 50 kg. 1,670; 65 kg. 1,560; 80 kg. 1,490; 100 kg. 1,480. Scrofe di I qualit non quot.; di II qualit non quot.. Suini da macello a peso vivo (prezzi indicativi): 130/145 kg. non quot.; 145/160 kg. non quot.; 160/180 kg. non quot.; oltre 180 kg. non quot.. Scrofe da macello I qualit 0,740; II qualit 0,640.

Pollame e uova
Polli di allevamento intensivo a terra pigmentazione bianca, pesanti 1,15-1,17; gialla leggere 1,15-1,17; gialla pesante 1,15-1,17; galline di allevamento intensivo a terra pesanti 0,45-0,47; in batteria leggere 0,45-0,47; in batteria medie 0,47-0,49; anatre mute femmine 2,00-2,04; maschi 2,05-2,09; oche non quot.; faraone di allevamento intensivo a terra non quot.; tradizionale 2,10-2,14; Tacchini: mini da kg. 3,300 a 3,700 mini non quot.; medie da kg. 4,500 a 5,500 non quot.; pesanti femmine 1,26-1,28; pesanti maschi 1,41-1,43; capponi non quot.; galletti: golden 2,25-2,29; livornesi 2,45-2,49; altri 2,10-2,14; pulcini da carne misti 100 pezzi 34,00-36,00; da uova sessati femmine 58,00-60,00; da campagna misti 46,00-48,00; pollastre da rimonta per produzione uova da consumo (16 settimane) 3,45-3,55; conigli fino a kg. 2,500 1,56-1,62; oltre i kg. 2,500 1,62-1,68; piccioni 5,00-5,20; quaglie 2,75-2,79; uova fresche selezionate cat. A per 100 pezzi XL grandissime 73 gr. e pi 13,60; L grandi da 63 a 73 gr. 11,70; M medie da 53 a 63 gr. 10,40; S piccole meno di 53 gr. 9,30. Uova da cova uova da cova prod. pollame da carne 20,00-21,00; uova da cova prod. pulcini da campagna misti non quot.. Macellato nazionale polli di allevamento intensivo a terra parzialmente eviscerati a pigmentazione bianca pesanti 1,93-1,97; gialla pesanti 1,93-1,97; rosticceria da 1 a 1,3 kg. 2,40-2,44; galline pesanti a busto 1,70-1,74; medie TZ 1,60-1,64; medie a busto 1,70-1,74; anatre mute: femmine 3,35-3,45; a busto 4,30-4,40; faraone di allevamento intensivo a terra 3,30-3,40; tacchini: femmine a busto 2,10-2,14; maschi 2,28-2,32; capponi non quot.; galletti: golden 3,45-3,55; livornesi 3,65-3,75; piccioni 10,00-10,30; quaglie 5,00-5,10; parti di pollo petti con forcella 5,10-5,20; cosciotto 1,95-1,99; ali 1,45-1,49; fegati e cuori 2,60-2,70; ventrigli 2,60-2,70; parti di tacchina: fesa 5,30-5,40; cosce 2,10-2,14; ali 1,40-1,44; parti di tacchino: fesa 5,40-5,50; cosce 2,00-2,04; ali 1,40-1,44; polli a busto congelati 2,000-2,040. Conigli eviscerati 3,90-4,00.

Cereali
Frumento tenero mercantile p.s. inf. a 73/ hl non quot.; Frumento duro fino 294,000-299,000; buono mercantile 289,000-294,000; mercantile non quot.; altri usi non quot.. Granoturco naz. contrattato a Mantova sano e secco: a frattura farinosa, ibridi e sim. 209,000-211,000; a frattura farinosa, ibridi e sim. da fuori provincia 216,000. estero franco arrivo non quot.; Orzo nostrano in natura p.s. oltre 60 sino a 63 205,000-212,000; nostrano in natura p.s. oltre 63 sino a 65 213,000-220,000; oltre 65 221,000-228,000; orzo estero p.s.63/64 229,000-232,000; orzo estero p.s. oltre 66 235,000-238,000; Farina di granoturco integrale non quot.; abburattata non quot.; bramata non quot.. Sottoprodotti del frumento (f.co arrivo): crusca in sacchi consegna motrice 183,000-186,000; autotreno completo, altre prov. 178,000-180,000; rinfusa consegna motrice 153,000-156,000; autotreno completo 143,000-145,000; tritello in sacchi 184,000-187,000; rinfusa 158,000-161,000; farinaccio in sacchi 221,000-224,000; rinfusa 200,000-203,000. Risoni Vialone nano 425,000-450,000; Carnaroli non quot.; Arborio non quot.. Risi: (prezzi indicativi) Vialone nano 1130,000-1170,000; Carnaroli 1550,000-1590,000; Arborio 1270,000-1300,000.

Foraggi e paglia
Foraggio secco maggengo I taglio 2009 in campo non quot.; maggengo I taglio 2010 in cascina non quot.; maggengo I taglio 2011 in campo non quot.; fieno di II taglio 2009 in campo non quot.; fieno di II taglio 2010 in cascina non quot.; fieno di II taglio 2011 in campo non quot.; fieno di III taglio 2011 in campo non quot.; fieno di III taglio 2009 in campo non quot.; fieno di III taglio 2010 in cascina non quot.; Fieno di IV taglio 2009-in campo non quot.; Fieno di IV taglio 2010-in cascina non quot.; erba medica fienata di I taglio 2009 in campo non quot.; erba medica fienata di I taglio 2010 in cascina non quot.; erba medica fienata di II taglio e succ. 2009 in campo non quot.; erba medica fienata di II taglio e succ. 2010 in cascina non quot.; erba medica fienata di I taglio 2011 in campo non quot.; erba medica fienata di II taglio e succ. 2011 in campo non quot.; Fieno II taglio 2010 in campo non quot.; Fieno III taglio 2010 in campo non quot.; Fieno IV taglio 2010 in campo non quot.; erba medica fienata II taglio 2010 in campo non quot.; paglia di frumento pressata da mietitrebbia in cascina (rotoballe) 75,000-80,000; da mietitrebbia in campo (rotoballe) non quot.; foraggi e paglia prov. da fuori provincia fieno I taglio 2011 150,000-155,000; erba medica II taglio 2011 145,000-150,000; erba medica III taglio e successivi 2011 150,000-155,000; paglia di frumento 2011 (rotoballe ) 105,000-110,000; mangimi mangime composto per vacche da latte 320,000-350,000; mangime composto per suini da ingrasso 330,000-345,000; mangime composto per scrofe 330,000-360,000; polpe secche comuni da barbabietola (alla rinfusa) non quot.230,000; mangimi proteici concentrati per bovini 340,000-365,000; mangimi proteici concentrati per suini con 30-32 % di proteine 335,000-360,000; mangimi proteici concentrati per suini con 40-42 % di proteine 345,000-370,000.

Vicenza
Listino della CdC di Vicenza del 01.09.2011 (Iva esclusa). Prezzi in

Cereali
Frumento superfino la tonnellata non quot.; fino 240,00-246,00; buono mercantile 228,00-230,00; mercantile non quot.; North Spring 327,00-342,00; francese non quot.; granone naz. comune um. 14% 210,00-212,00; um. 25% 155,00-157,00; granone estero - arrivo non quot.; orzo vestito estero 224,00-226,00; naz. p.s. sup. 61/63 non quot.; Farine bianca ad alto tenore di glutine tipo W 300 551,00-581,00; tipo "00" 551,00-553,00; tipo "0" 460,00-473,00; di granoturco bramata 480,00-485,00; gialla nostrana 443,00-453,00; Cascami di frumento tenero crusca e cruschello 185,00-188,00; tritello 185,00-188,00; farinaccio 239,00-243,00; germe di granone alla rinfusa 275,00-280,00. Risi e sottoprodotti Carnaroli 1590,00-1640,00; Arborio 1280,00-1320,00; Vialone nano 1150,00-1190,00; Padano non quot.; Mezzagrana 330,00-360,00; Grana verde 335,00-345,00; Farinaccio 229,00-235,00; Pula vergine 175,00-180,00. Risoni Carnaroli non quot.; Vialone nano (55-60) non quot.; Arborio non quot..

Bovini
Da allevamento: vitelli da latte razza Simmenthal 3,90-4,35; razza bruno alpina 1,05-1,85; Pezzati neri da kg 50/52 2,00-2,20. Pezzati neri da kg 30/45 non quot.; Da macello: vitelli a carne bianca extra 3,92-4,13; Simmenthal 3,53-3,61; pezzati neri 2,65-2,76; vitelloni Simmenthal 2,15-2,25; polacchi incroci 2,15-2,20; polacchi bianchi e neri 2,05-2,10; razza bruno alpina 1,70-1,74; pezzata nera 1,70-1,74; Charolaise 2,40-2,50; Limousine leggero (fino a 600 kg.) 2,65-2,75; Limousine pesante (oltre 630 kg.) 2,60-2,65; biondi francesi 2,35-2,45; Irlanda incrocio 2,35-2,45.

Bovini
Bestiame bovino (a peso morto) da macello: vacche razze da carne (R2-R3-U2-U3) oltre 340 kg. 2,730-2,830; pezzate nere o altre razze (O2-O3) da 300 a 350 kg. 2,530-2,630; pezzate nere o altre razze (O2-O3) da 351 kg. e oltre 2,680-2,780; pezzate nere o altre razze (P3) da 270 a 300 kg. 2,380-2,480; pezzate nere o altre razze (P3) da 301 kg. e oltre 2,530-2,630; pezzate nere o altre razze (P2) da 240 a 270 kg. 2,030-2,130; pezzate nere o altre razze (P2) da 271 kg. e oltre 2,080-2,180; pezzate nere o altre razze (P1) fin a 210 kg. 1,570-1,720; pezzate nere o altre razze (P1) da 211 a 240 kg. 1,770-1,870; pezzate nere o altre razze (P1) da 241 kg. e oltre 1,870-1,970; vitelloni da macello a peso morto Limousine da 350 a 380 kg 3,990-4,190; Limousine da 381 a 400 kg 3,960-4,110; Limousine da 401 kg e oltre 3,830-3,980; Charolaise o incr. francesi da 380 a 420 kg 3,930-4,030; Charolaise o incr. francesi da 421 a 450 kg 3,880-3,980; Charolaise o incr. francesi da 451 kg e oltre 3,820-3,920; incr. fr. o irl. o Aubrac o Saler da 360 a 420 kg 3,780-3,930; incr. fr. o irl. o Aubrac o Saler da 421 a 450 kg 3,770-3,870; incr. fr. o irl. o Aubrac o saler da 451 kg e oltre 3,600-3,750; incroci nazionali pie blue bega(U2-U3) da 320 kg. e oltre 3,670-3,820; polacchi o pezz. rossi o incr. naz. da 280 a 320 kg 3,650-3,750; polacchi o pezz. rossi o incr. naz. da 321 a 350 kg 3,550-3,650; polacchi o pezz. rossi o incr. naz. da 351 kg e oltre 3,460-3,560; polacchi o b.n. nazionali da 270 a 340 kg 3,160-3,260; polacchi o b.n. nazionali da 250 a 300 kg 2,860-3,060; scottone da macello a peso morto Limousine da 230 a 270 kg 4,220-4,320; Limousine da 271 a 300 kg 4,120-4,220; Limousine da 301 kg e oltre 4,000-4,060; Charolai-

se o incr. fr. da 260 a 300 kg 3,880-3,980; Charolaise o incr. fr. da 301 a 340 kg 3,810-3,910; Charolaise o incr. fr. da 341 kg e oltre 3,680-3,780; incr. naz. o irl. o pezz. rossa da 240 a 280 kg 3,420-3,570; incr. naz. o irl. o pezz. rossa da 281 a 320 kg 3,380-3,530; incr. naz. o irl. o pezz. rossa da 321 kg e oltre 3,370-3,470; b.n. naz. o incr. naz. da 260 a 300 kg 2,350-2,550; b.n. naz. o incr. naz. da 240 a 270 kg 1,950-2,150; vacche da macello a peso vivo vacche di I qualita` 1,140-1,240; vacche di II qualita` 0,880-0,980; vacche di III qualita` 0,660-0,760; vitelloni da macello a peso vivo incroci naz. con tori pie blue belga 1,940-2,090; con tori da carne (Limousine, Charolaise, piemontese) 1,800-1,930; limousine 2,400-2,580; charolaise 2,260-2,410; incroci francesi 2,130-2,330; simmenthal bavaresi 2,020-2,080; polacchi 1,750-1,900; vitelloni pezzati neri nazionali 1,510-1,640; tori pezzati neri da monta 1,070-1,270; scottone da macello a peso vivo pezzate nere naz. 1,040-1,210; incroci naz. con tori pie blue belga 1,890-2,020; con tori da carne (Limousine, Charolaise, piemontese) 1,630-1,810; limousine 2,290-2,500; charolaise 2,090-2,250; vitelli a carne bianca da 230 a 260 kg. pezzati neri/ rossi esteri 3,250-3,400; pezzati neri nazionali 2,570-2,720; incroci nazionali 3,800-4,100. Capi da allevamento da latte (iscritti al libro genealogico): manzette pezzate nere da ingravidare ( al capo) 930,000-940,000; manze pezzate nere gravide da 3 a 7 mesi 1270,000-1420,000; oltre i 7 mesi 1380,000-1580,000; vacche da latte pez. nere sotto i 5 anni 1450,000-1560,000; oltre i 5 anni 1140,000-1240,000. Capi non iscritti al libro genealogico manzette pezzate nere da ingravidare 680,000-750,000; manze pezzate nere gravide da 3 a 7 mesi 880,000-990,000; oltre i 7 mesi 1050,000-1170,000; vacche da latte pez. nere sotto i 5 anni 1240,000-1290,000; oltre i 5 anni 1040,000-1120,000. Vitelli svezzati e da ristallo svezzati maschi incroci francesi da carne 160/180 kg non quot.; svezzati maschi Simmenthal-austriaci 180/200 kg non quot.; svezzati - maschi incroci Pie blue belga 180/200 kg non quot.. incroci bianchi/rossi dei paesi dell'est da 270 a 330 kg. maschi non quot.; da ristallo - maschi Limousine 240/280 kg 3,350-3,420; da ristallo - maschi - Limousine 281/320 kg 3,120-3,200; da ristallo - maschi - Limousine 321/360 kg 2,890-2,970; da ristallo - maschi - Limousine 361/400 kg 2,740-2,810; da ristallo - maschi - incr. Charolaise x Aubrac 290/330 kg 2,890-2,970; da ristallo - maschi - incr. Charolaise x Aubrac 331/380 kg 2,810-2,890; da ristallo maschi - incr. Charolaise x Aubrac 381/430 kg 2,710-2,780; da ristallo - maschi - incr. Charolaise x Aubrac 431/470 kg 2,510-2,590; da ristallo - maschi - incr. Charolaise x Aubrac 471/500 kg 2,430-2,510; da ristallo - maschi - incr. Charolaise x Saler o Aubrac 330/380 kg 2,740-2,810; da ristallo - maschi incr. Charolaise x Saler o Aubrac 381/420 kg 2,660-2,740; da ristallo - maschi- incr. Charolaise x Saler o Aubrac 421/460 kg 2,540-2,620; da ristallo - maschi- incr. Charolasie x Saler o Aubrac 461/500 kg 2,430-2,510; Saler e Irlandesi - maschi330/380 kg 2,270-2,360; Saler e Irlandesi - maschi- 381/420 kg 2,200-2,270; Saler e Irlandesi - maschi -421/460 kg 2,120-2,200; Limousine - femmine - 270/330 kg 2,570-2,640; Limousine - femmine - 331/360 kg 2,490-2,570; Charolaise femmine - incr. Charolaise x Aubrac 290/330 kg 2,440-2,520; Charolaise - femmine - incr. Charolaise x Aubrac 331/360 kg 2,340-2,410; femmine incr. Charolaise x Saler 290/330 kg 2,250-2,330; femmine incr. Charolaise x Saler 331/360 kg 2,110-2,180; Vitelli maschi esteri polacchi pezzati neri I qual. 55/70 kg al capo non quot.; Simmenthal austriaci/tedeschi 76/90 kg non quot.; Bianchi e rossi dei paesi dell'est 70/85 kg non quot.; vitelli maschi pezzati neri da 40 a 45 kg non quot.; da 46 a 55 kg 1,350-1,650; da 56 a 70 kg 1,250-1,550; vitelli maschi incroci con tori limousine, charolaise e piemontese da 46 a 55 kg 1,400-1,800; da 56 a 70 kg 1,200-1,500; vitelli maschi incroci con tori pie blue belga da 46 a 55 kg 3,650-4,050; da 56 a 70 kg 3,450-3,850.

Tipo 00 (ceneri da 0,50 a 0,40) Tipo 0 (ceneri da 0,65 a 0,51)

405-414 396-404 519-528 509-519 481-491 449-455 515-526 162-163 174-175 219-222 166-168 202-203 214-215 252-257 155-156 167-168 196-198 280-282 213-214 240-244 218-221 222-225 188-191 580-590 330-340 290-300 980-1080 600-700 570-670 570-670 610-710 520-620 680-780 314-315 183-185 120-122 95-105 100-110 110-115 115-120 115-120 120-125 70-90 65-70 70-75 2,3

405-414 396-404 519-528 509-519 481-491 454-460 520-531 142-143 154-155 212-215 146-148 182-183 194-195 245-250 139-140 147-148 178-180 278-280 215-216 240-244 218-221 222-225 193-196 580-590 330-340 290-300 980-1080 600-700 570-670 570-670 610-710 520-620 680-780 317-318 183-185 120-122 95-105 100-110 110-115 115-120 115-120 120-125 70-90 65-70 70-75 2,3

Farine di qualit superiore


Tipo 00 (W300 min.-P/L0,55 max.) Tipo 00 (W280 min.-P/L0,48 max.) Tipo 0 (W250 min.-P/L0,52 max.)

Sfarinati di frumento duro


Semola con caratteristiche di legge superiori ai minimi di legge

Parmigiano reggiano : prod. 2008 - periodo rif. 1/1-30/4 prod. 2008 - periodo rif. 1/5-31/8 prod. 2008 periodo rif. 1/9-31/12 prod. 2009 periodo rif. 1/1-30/4 prod. 2009 periodo rif. 1/5-31/08 prod. 2009 periodo rif. 1/9-31/12 prod. 2010 periodo rif. 1/1-30/4 prod. 2010 periodo rif. 1/5-31/8

fioretto 12,2-12,3 11,6-11,8 12,2-12,3 11,6-11,8 nostrana macin. integrale ibrido germe b.20% grassi stq germe tal quale

389,5-399,5379,5-389, 5 211,5-212,5206,5-207, 5 285-292,5 285-292,5

INDICI
CRB Index 01.09 Var* Var** Generale 340,65 -0,56 2,36 CRB Index 31.08 Var* Var** Industriale 606,39 1,18 -16,22 Cereali 521,96 1,84 8,40 Bestiame 374,36 -0,32 2,70 Metalli Preziosi 1505,13 0,37 21,92 Valuta 177,77 0,20 6,99 Energia 77 900,91 0,44 10,78 Tassi d'interesse 142,77 -1,41 9,45 Dow Jones UBSCI 01.09 Var* Var** Commodity 162,91 -0,93 0,32 Commodity TR 327,50 -0,93 0,37 Commodity Eur 157,17 -0,06 -5,71 Commodity EurTR 315,96 -0,06 -5,66 Energy 108,11 -0,10 -7,47 Industrial 186,35 -1,23 -7,83 Precious Metals 295,95 -0,25 29,18 Goldman Sachs 01.09 Var* Var** Spot 670,38 -0,64 6,10 Total Return 5072,30 -0,64 2,61 Excess Return 492,34 -0,64 2,55 Reuters 01.09 Var* Var** Reuters 3113,60 -0,56 -1,92 Moody's 31.08 Var* Var** Moody 7091,14 0,53 8,27 LME Index 01.09 Var* Var** Lmex 3990,80 -1,31 -5,27 * Variazione % da ieri. ** Variazione % da inizio anno

Altri cereali
Granoturco: naz. comune essiccato estero Yellow Corn Francese Orzo: naz. base 60/62 pesante 63/65 estero comunitario francese 63/65 pesante 66/70 Avena: nazionale p.s. 40% 45% estera tedesca francese bianca nera Semi oleosi: soia nazionale soia estera semi di cotone Farine di estrazione: di girasole naz. (28% s.t.q.) di girasole estera (26/28% s.t.q.) semi di soia integrale tostata di soia tostata naz. 44% s.t.q. 48% s.t.q. est. Argentina 42% stq pellets Argentina 44% s.t.q. soia proteica estera Farina disidratata di erba medica pellets prot. 16% s.t.q. Farina integrale di erba medica pellets prot. 10% s.t.q. Polpe essiccate di barbabietola Glutine di mais Semola glutinata di mais 239-240 225-226

Cruscami di tenero
(rinfusa arrivo) Crusca e cruschello Tritello Farinaccio Cruscame cubettato nazionale Cruscame cubettato estero (sacco arrivo) Crusca e cruschello Tritello Farinaccio

Sementi
Erba medica: in natura IIa molt.calo 15% varieta' Sulla sgusciata(con calo 10%) Trifoglio incarnato Trifoglio alessandrino calo 10% Sementi selezionate certificate erba medica varieta' 1a riprod. erba medica varieta' 2a riprod. Favino Loietto italico Avena di I moltiplicazione Avena di II moltiplicazione Orzo di I moltiplicazione Orzo di II moltiplicazione Frumenti teneri di I riprod. Frumenti teneri di II riprod. Frumenti duri di I riprod. Frumenti duri di II riprod. Triticale II moltiplicazione trifoglio incarnato sulla trifoglio alessandrino veccia comune Selezionate - cat. commerc. Trifoglio squarroso Per esportazione extra U.E. erba medica ( con calo 15% ) erba medica Cereali Foraggere e leguminose Oleaginose Orticole 1300-1450 1300-1450 2400-2600 2400-2600 700-800 750-850

Cruscami di duro
(rinfusa arrivo) Crusca, cruschello e tritello Cruscame cubettato nazionale Farinaccio Farinetta

Granoturco
(rinfusa arrivo) Nazionale comune (um. 14%)

Cereali foraggeri
(rinfusa arrivo) Avena nazionale rossa Avena estera bianca Orzo nazionale (55/57) Orzo nazionale (60/62) Orzo nazionale (62/64) Orzo nazionale (66/67) Orzo estero naz. Frumento per uso zootecnico Sorgo naz. bianco Sorgo estero

1450-1600 1450-1600 540-580

222-225 222-225 228-230 228-230 232-237 232-237 210-215 210-215 260-265 270-275 255-260 265-270 405-408 410-420 410-420

Indici REF-Morgan Stanley


Costo termoelettrico lug-11* ago-11* ott-11 nov-11 ITECTM /MWh 78,56 80,61 80,55 80,18 ITECccgtTM /MWh 86,51 88,68 88,97 88,22 *Valore consuntivo; **Valore forward; I Marzo 2008. Tutti i diritti riservati. ITECTM e ITECccgtTM (gli Indici) sono di propriet di Morgan Stanley & Co. International plc e REF. Ulteriori dettagli su http://www.ref-online.it/itec1.asp.

BORSA ELETTRICA
Prezzo unico nazionale del 02.09.2011
Ore 01.00 02.00 03.00 04.00 05.00 06.00 07.00 08.00 #/MWh 72,000000 69,730000 68,500000 68,500000 68,400000 69,000000 74,837010 77,115024 Ore #/MWh 09.00 96,697623 10.00 110,580000 11.00 117,825814 12.00 118,242608 13.00 88,447141 14.00 87,540244 15.00 99,479436 16.00 99,412621 Ore #/MWh 17.00 97,113998 18.00 85,779139 19.00 85,861561 20.00 88,220274 21.00 103,262332 22.00 90,185310 23.00 80,742676 24.00 74,170119

164-165 169-172 445-447 329-330 339-340 319-320

157-158 161-164 445-447 337-338 347-348 327-328

MONETE DORO
Monete d'oro
Quot. ind. 01.09 Sterlina v.c. Sterlina n.c. Sterlina post 74 20 lire it. 20 franchi svizz. 20 franchi fr. 20 franchi bel. Milano (#) 258.23-296.96 258.23-298 258.23-298 220.27-243.77 218.98-240.15 218.98-240.15 218.98-240.15 8 fiorini aus. 20 marchi 10 $ liberty 10 $ indiano 20 $ liberty 20 $ St. Gaudens 4 ducati Austria 100 corone Austria 100 pesos Cile Krugerrand (SA) 50 pesos Messico 218.98-240.15 257.71-285.08 552.61-666.23 567.59-682.14 1136.21-1262.74 1162.03-1285.98 480.3-588.76 1115.55-1229.17 650.74-769.52 1157.02-1270.48 1378.94-1544.21

Leguminose
Fagioli Borlotti Lamon

1130-1230 1130-1230 60-130 60-80 60-80 60-80 60-80

183-185 188-190 236-238 234-236 656-659 656-659 214-215 209-210

Risoni
Arborio/Volano Carnaroli Baldo Lido, savio e similari Indica

Torino
Listino rilevato dalla Borsa merci di Torino (per tonnellata, base Torino, pronta consegna e pagamento, escl. Iva); prezzi per autotreno completo. Prodotti 25.08.11 01.09.11

Milano - A cura di Confinvest F.L.

Risi e sottoprodotti
Risi: superfini Arborio Baldo Roma fini S. Andrea Ribe-Ringo semifini Padano Italico Carnaroli originario Sottoprodotti: corpetto mezzagrana granaverde farinaccio pula 2,5% pula 1,7% 1260-13001260-1300 860-910 860-910 880-930 880-930 770-810 770-810 725-755 725-755 830-865 830-865 1525-15451525-1545 630-670 630-670 367-377 305-355 228-245 218-231 151-152 175-176 367-377 305-355 223-245 218-226 151-152 175-176

INDICI CONFINDUSTRIA
Indici dei prezzi delle merci aventi mercato internazion. (34 prodotti) ponderati sul commercio mondiale (Usd) e sul commercio italiano (#) Dollari correnti Euro correnti (base 1977=100) (base 1977=100) Giu11 Mag11 Giu10 Giu11 Mag11 Giu10 Alimentari (tot.) 203,90 202,90 125,10 161,50 161,50 116,80 Bevande 130,70 127,10 89,90 103,40 101,00 83,90 Cereali 350,40 349,90 188,00 277,50 278,40 175,50 Carni 150,20 151,40 95,70 119,10 120,60 89,40 Grassi 197,90 195,50 153,10 156,70 155,50 142,80 Non alimentari (tot.) 428,20 428,10 333,10 339,20 340,80 311,00 Fibre 386,80 402,80 194,00 306,10 320,20 180,90 Vari industriali 429,40 425,00 374,90 340,30 338,50 350,20 Metalli 446,00 443,10 352,80 353,20 352,60 329,30 Combustibili (totale)864,30 856,50 572,00 684,80 681,90 534,20 Tot. (esclusi comb.) 329,80 329,30 241,80 261,20 262,10 225,80 Totale generale 624,30 619,80 423,80 494,60 493,40 395,70

Risi
Arborio Baldo Ribe Lido, savio e similari Indica Originario Parboiled Ribe

Cereali
Frumento nazionale: di forza 78/80, prot. 14% panificabile superiore 76/79 panificabile 76/78 biscottiero 74/77 altri usi 65/70 estero: canadese W Red Spr. n2 Utility statunitense Nort. Spring francese 76/78 base 76 f.co Modane comunitario 72/73 255-265 238-243 225-230 223-228 218-223 260-270 241-246 228-233 226-231 221-226

Farine vegetali di estrazione


Soia integr. naz. (prot. 44% s.t.q.)

Farine vegetali disidratate


Erba med. extra - Proteine 17% Fieno di erba medica cub. Erba med. disid. I sfalcio sfarinato di fieno

325-327 335-337 227-230 232-235

Legumi
nazionali: fagioli borlotti tipo Lamon Billo' Cuneo esteri: Fagioli Cannellini bianchi corona borlotti piselli spezzati gialli sgusciati verdi ceci cal. 29/30-31/32 cal. 33 e oltre lenticchie 900-950 950-1000 550-600 650-750 900-950 750-800 900-950 550-600 650-750 900-950 750-800

Farine e cascami
Farine di frumento: tipo 00 w300 prot. 13 630-655 630-655 tipo 00 w250 prot. 12 580-600 580-600 tipo 00 w180 prot. 11 475-495 475-495 tipo 00 granito 570-620 570-620 semola caratt. legge 430-435 430-435 semole caratt. sup. min. legge 495-500 495-500 semola rimacinata (sacco carta - franco forno) Cascami frum. tenero (*) (autotreno): farinetta rinfusa sacco farinaccio rinfusa 215,5-217 210,5-212 sacco 265,5-267 260,5-262 tritello rinfusa 158-159 133-134 sacco 204-205 179-180 crusca/cruschello rinfusa 154-155 129-130 sacco 201-202 176-177 crusca rinfusa 160-161 135-136 sacco 210-211 185-186 estero rinfusa cubettato nazionale germe 370-500 370-500 Cascami frum. duro (*) (autotreno): farinetta rinfusa farinaccio rinfusa 189,5-193 184,5-188 tritello rinfusa 147-149 122-124 cruschello rinfusa 146,5-149 121,5-124 cubettato rinfusa Farine di mais: 422,5-437,5417,5-427,5 bramata

DIAMANTI
Valore medio indicativo, in dollari Usa per carato. I prezzi indicati si intendono per la vendita allingrosso e allorigine nei Paesi di produzione, al netto di spese, valore aggiunto e imposte. Brillanti da un carato (o poco superiori) Colore Qualit Valore E (bianco extra eccezionale) if 21000 F (bianco extra +) si2 6600 G (bianco extra) vvs2 11500 I (bianco sfumato) vvs1 9000 J (bianco sfumato) vvs1 7400 Brillanti da due carati (o poco superiori) D (bianco extra eccezionale +) if 53000 F (bianco extra +) vvs1 30500 G (bianco extra) if 27500 H (bianco) vvs2 18000 I (bianco sfumato) si1 10500 La valutazione si riferisce a pietre: corredate da certificazione di validit internazionale; tagliate a brillante, di buone proporzioni di taglio; esenti da particolarit naturali indesiderate. A cura della Borsa diamanti dItalia Fonte: Rapaport, New York (Internet: www.diamonds.net)

Semi oleosi
(rinfusa partenza) Soia nazionale (um. 14% imp. 2%) Girasole nazionale

Bologna
Listino delle quotazioni all'ingrosso rilevate dal Comitato della Borsa merci di Bologna. Prezzi #/tonn., Iva esclusa (base Bologna). Prodotti 25.08.11 01.09.11

Foraggi
Erba medica di qualita' extra: in cascina Erba medica di pianura di I qualita' in campo - III taglio - rotoballe in campo - III taglio - balloni in campo - II taglio - rotoballe in campo - II taglio - balloni in campo - IV taglio - in rotoballe in campo - IV taglio - in balloni in cascina - I e II taglio- rotoballe in cascina - I e II taglio- balloni in cascina - I - II e III taglio rotobal. in cascina - I - II e IIItaglio balloni Erba medica di montagna/collina: in campo I taglio in rotoballe in campo II taglio in rotoballe in campo III taglio in rotoballe in cascina I taglio in rotobal. in cascina I e II taglio in rotoballe Paglia di grano pressata: in rotoballe in balloni

Frumento tenero nazionale


(rinfusa partenza) N 1 var. speciali forza 80 N 2 var. speciali, kg/hl 79 N 3 fino, kg/hl 78/79 N 4 buono mercantile N 5 mercantile 251-255 233-238 223-228 295-300 305-310 290-295 425-434 254-258 236-241 225-230 295-300 305-310 290-295 425-434

Sementi da prato
Sorgo: gentile zuccherino ibrido erba medica loietto italico trifoglio ladino trifoglio pratense veccia sativa 1400-1700 850-900

Mantova
Listino della CdC di Mantova (prezzi in , Iva escl.) del 01.09.2011.

Caseari
Burro zangolato di creme fresche per la burrificazione 2,450; mantovano pastorizzato 2,650; mantovano fresco classificazione CEE 3,600; siero di latte T. 13,000. siero di latte per uso zootecnico 8,500-9,500; Formaggi: grana padano formaggio "scelto 01", forme intere, franco caseificio o magazzino non quot.; stagionatura di 10 mesi 8,100-8,350; da 14 a 16 mesi 8,700-8,950; di 20 mesi e oltre 9,000-9,250; parmigiano reggiano formaggio "scelto 01", forme intere, franco caseificio o magazzino non quot.; stagionatura di 12 mesi e oltre 10,500-10,700; fino a 18 mesi 11,250-11,500; fino a 24 mesi e oltre 12,100-12,250.

Frumento duro nazionale


(rinfusa) Pr. Nord, fino kg/hl 80 Pr. Nord, buono merc.78 Pr. Nord, merc. kg/hl 76 Altri usi Pr. Centro, fino 80 Pr. Centro, buono m. kg/hl 78 Mercantile kg./hl 75/76 Mercantile kg./hl 72/73

LEGENDA
LEGENDA: Mercati: ASSOM Assomet. AWEX Australian Wool EXchange.
CBOT Chicago Board Of Trade. CME Chicago Mercantile Exchange. COMEX COmmodity Mercantile EXchange New York. CWB Canadian Wheat Board. FFT Francoforte. ICE Inter Continental Exchange, -US United States, -EU EUrope, -CA Canada. FEDER Federbanchi. ICO International Coffe Organization. ICCO International CoCoa Organization. ISA International Sugar Agreement. IPE International Petroleum Exchange. LBMA London Bullion Market Association. LIFFE Euronext Londra. LME London Metal Exchange. MATIF Euronext Parigi. MRE Malaysian Rubber Exchange. NWE North West Europe. NYMEX New York Mercantile EXchange. PVE Productschappen Vee, vlees en Eieren, Utrecht. SICOM SIngapore COMmodity exchange. TOCOM TOkyo COMmodity exchange. Sigle: bbl barile. bu bushel. cwt hundred weight. gal gallone. GBp Uk pence. gr grammo. kg chilo. kg cl kg clean - kilogram of clean yield. lb libbra. mbtu million british termal unit. oz oncia. ston short ton.

Foraggi
Fieno maggengo 140-150 140-150 agostano 115-120 115-120 francese erba medica paglia di grano naz. pressata (*) Per consegne frazionate, o a motrice, maggiorazione di # 6.00

Farine di frumento tenero


Tipo 00 Granito

Burro e formaggi in euro/kg


Burro - zangolato di creme fresche

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239

Risparmio gestito 45

FONDI ASSICURATIVI
UNIT LINKED
Fondi Data 31.08 01.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 01.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 01.08 01.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 Quota 0,827 0,891 0,690 0,778 0,592 0,810 0,374 0,894 0,823 0,941 0,939 1,017 1,030 0,952 0,985 1,091 0,504 0,963 1,107 0,919 0,736 0,833 1,001 0,984 0,953 0,960 0,941 0,931 0,939 0,965 0,935 0,956 0,956 0,959 0,895 0,976 0,931 0,833 0,867 0,914 0,928 0,859 0,993 0,973 0,952 0,966 0,887 0,946 0,997 0,974 0,947 0,944 0,954 0,969 0,920 0,998 0,913 0,836 0,891 0,901 0,923 0,850 1,006 0,991 0,998 1,020 0,982 0,986 0,998 1,016 0,999 1,004 1,004 0,989 0,952 1,033 0,974 0,895 0,943 0,971 0,967 0,890 1,078 1,070 1,021 1,094 1,084 1,078 1,099 1,111 1,112 1,111 1,071 0,822 0,779 0,892 1,007 1,075 1,073 1,061 1,091 1,123 1,141 1,194 1,080 0,999 1,061 1,048 1,020 1,041 1,043 1,008 1,033 0,882 0,976 1,029 1,012 0,999 1,004 1,005 0,974 0,982 0,866 0,911 0,956 1,018 7,474 9,484 5,524 9,915 8,737 7,293 7,068 5,402 3,958 4,743 Gold Fund MultiAzionario MultiMonetario Pension Control Pension Medium Pension Power Percorso 18 Cl. A Percorso 40 Cl. A Percorso 61 Cl. A Percorso 83 Cl. A R.Est. classe D. Property Real Estate 31.08 31.08 31.08 29.07 29.07 29.07 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 30.08 15,474 7,300 10,710 10,931 10,042 8,774 10,441 9,654 8,913 7,916 7,015 7,427 16,590 12,030 6,132 9,551 7,652 5,205 11,826 3,266 11,881 5,268 3,837 11,797 6,837 4,453 4,485 5,671 5,734 3,115 4,133 2,174 9,167 10,013 10,721 12,840 11,983 12,056 103,997 108,322 11,446 10,416 7,076 6,175 6,461 5,443 5,081 61,870 73,480 69,700 6,492 2,938 4,705 3,417 7,323 4,210 5,898 4,376 4,562 4,263 4,887 5,994 4,858 4,093 4,841 5,316 7,876 7,286 3,865 4,530 5,215 Av. New BDM Corallo Av. New BDM Stella Marina Av. New BDM Tritone CU Azimut Accr.Int. CU Azimut Accr.Italia CU Azimut Conserv. CU Azimut Equilibrato CU BDM Conchiglia CU BDM Corallo CU BDM Giove CU BDM Marte CU BDM Mercurio CU BDM Stella Marina CU BDM Tritone CU BDM Urano CU Bond CU Cash CU Equity Ouverture Aviva BNI Balanced Trend Aviva BNI Bond Aviva BNI Flexi Dynamic Aviva BNI Flexi Equity Aviva BNI Flexi Moderate Aviva BNI Trend CU BPL Azionario CU BPL Bilanciato CU BPL Futuro Az. CU BPL Futuro Bil. CU BPL Futuro Obbl. CU BPL Gemini CU BPL Lyra CU BPL Obbl. CU BPL Orion CU BPL Pegasus CU BPL Taurus CU New Gemini CU New Lyra CU New Taurus CU Previd. Cronos 1 CU Previd. Cronos 2 CU Previd. Cronos 3 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 5,180 4,570 3,960 4,590 4,640 5,680 5,270 4,760 5,080 4,950 6,120 6,400 4,560 4,240 6,580 9,050 7,280 8,980 11,530 3,710 4,940 4,880 4,160 4,560 3,260 3,650 4,320 4,250 4,740 5,000 5,550 5,960 4,840 3,610 4,750 4,290 4,640 4,980 4,140 4,720 4,220 3,840 5,360 4,120 5,390 5,280 5,060 4,600 5,350 4,980 5,300 5,050 4,690 5,410 5,070 4,790 4,290 Pargest Globale 60 A Active Bond Fund Active Equity Fund Invest World Garanti Profit Opt.7.08(Nok) 30.08 180,258

Cardif Lux International


24.08 1301,75 24.08 718,870 24.08 1091,26 24.08 16156,00 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 3,550 5,125 6,661 103,730 4,396

Credemvita
Capitale Subito Capitale Subito II Capitale Subito III Capitale Subito IV Crescendo+Azione Crescendo+Base Crescendo+Flessibilit Crescita Equilibrio Forte Crescita Global View 3 Global View 4 Global View 5 Multim. Dynamic Multim. Evergreen Restart Risparmio Sicurezza Soluzione 90 Soluzione 95 Soluzione 97 Special. Europa Special. Italia Special. Pacifico Special. Usa Sviluppo Azionario Globale 1 Azionario Settoriale 1 Do Fa 2006 Fa 2009 Flex EZ Flex FT Flex JP Flex PT Flex SC La 2007 Mi Mi 2006 MI 2009 Re Re 2006 Re 2007 RE 2009 Si 2007 Sol 2006 Sol 2009 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 12,959 12,703 12,808 13,861 10,879 11,196 9,535 7,746 9,747 5,631 9,686 9,512 9,151 6,128 8,649 9,760 9,857 11,991 9,335 9,528 9,737 5,411 5,120 8,218 5,471 8,581 11,380 11,710 10,090 9,630 9,750 8,970 8,850 8,780 8,740 9,240 10,570 10,230 9,019 9,770 10,660 9,670 8,610 9,800 8,070 11,020 10,730 5,889 5,651 5,288 4,606 5,931 4,518 5,304 3,883 3,131 4,422 6,266 3,376 5,586 5,313 3,683 5,700 5,102 4,559 3,382 5,551 4,993 4,399 3,320 6,037 5,614 5,302 4,541 5,873 5,098 4,480 3,400 3,715 2,802 4,262 4,144 2,870 4,540 5,987 5,466 843,385 1071,17 866,525 1091,87 890,963 855,276 4,812 6,397 3,876 5,429 6,621 7,221 4,614 4,769 5,364 4,280 5,012 5,084 4,849 5,091 4,967 5,156 5,205 6,407 3,569 3,482 3,646 3,582 5,503 5,460 5,042 4,906 6,132 7,129 8,884 6,877 7,712 8,579 6,046 6,224 5,997 5,015 4,965 5,170 5,426 4,771 5,210 5,243 5,386 5,482 5,638 3,708 6,145 5,343 5,739 5,340 4,931 3,085 4,680 4,917 5,167 7,263 3,557 6,731 4,858 4,488 4,200 3,575 3,377 3,560 3,434 5,436 4,099 4,998 5,006 4,930 6,197 5,422 5,893 5,076 5,008 4,239 4,936 9,460 4,457 3,750 4,877 3,687 5,954 5,833 5,446 5,130 5,004 5,548 5,533 5,750 4,960 5,846 6,464 6,086 5,477 4,710 3,478 5,746 6,070 6,133 6,140 6,042 5,582 5,176 4,396 5,095 4,246 6,149 4,268 5,172 4,097 3,133 3,904 9,012 3,340 5,676 5,441 6,348 3,330 3,646 6,056 5,236 4,609 3,593 5,164 3,157 6,308 5,793 5,443 4,645 4,440 5,641 4,996 5,478 4,980 3,884 3,128 5,324 6,524 6,771 6,757 5,282 4,788 6,267 6,552 5,039 5,109 1004,76 1126,49 1046,44 951,563 1029,28 1230,23 983,783 1025,62 1088,66 1004,66 965,993 782,821 1355,96 821,856 1178,21 956,527 9,155 9,270

Alico WM
Alico Agriculture Alico Altern. Income Alico Aper.Indiciz.Eur. Alico Aper.Indiciz.Glo. Alico Aper.Indiciz.Ita. Alico Aper.Indiciz.Usa Alico Energy Alico Fondo Hedge Alico Fondo MultiHedge Alico Gest.Azion.Eur. Alico Gest.Azion.Glo. Alico Gest.Bilanc.Eur. Alico Gest.Bilanc.Glo. Alico Gest.Crescita Eur. Alico Gest.Crescita Glo. Alico Liquidit Alico Long Invest. Alico Metals Alico Monet.Protetto Alico Multi Comm. Alico Multi.High.Vol. Alico Multi.Med.Vol. Alico P.P. Eur 2013 Alico P.P. Eur 2014 Alico P.P. Eur 2015 Alico P.P. Eur 2016 Alico P.P. Eur 2017 Alico P.P. Eur 2018 Alico P.P. Eur 2019 Alico P.P. Eur 2020 Alico P.P. Eur 2021 Alico P.P. Eur 2022 Alico P.P. Eur 2023 Alico P.P. Eur 2024 Alico P.P. Eur 2025 Alico P.P. Eur 2026 Alico P.P. Eur 2027 Alico P.P. Eur 2028 Alico P.P. Eur 2029 Alico P.P. Eur 2030 Alico P.P. Eur 2031 Alico P.P. Eur 2032 Alico P.P. Glo 2013 Alico P.P. Glo 2014 Alico P.P. Glo 2015 Alico P.P. Glo 2016 Alico P.P. Glo 2017 Alico P.P. Glo 2018 Alico P.P. Glo 2019 Alico P.P. Glo 2020 Alico P.P. Glo 2021 Alico P.P. Glo 2022 Alico P.P. Glo 2023 Alico P.P. Glo 2024 Alico P.P. Glo 2025 Alico P.P. Glo 2026 Alico P.P. Glo 2027 Alico P.P. Glo 2028 Alico P.P. Glo 2029 Alico P.P. Glo 2030 Alico P.P. Glo 2031 Alico P.P. Glo 2032 Alico P.P. Usa 2013 Alico P.P. Usa 2014 Alico P.P. Usa 2015 Alico P.P. Usa 2016 Alico P.P. Usa 2017 Alico P.P. Usa 2018 Alico P.P. Usa 2019 Alico P.P. Usa 2020 Alico P.P. Usa 2021 Alico P.P. Usa 2022 Alico P.P. Usa 2023 Alico P.P. Usa 2024 Alico P.P. Usa 2025 Alico P.P. Usa 2026 Alico P.P. Usa 2027 Alico P.P. Usa 2028 Alico P.P. Usa 2029 Alico P.P. Usa 2030 Alico P.P. Usa 2031 Alico P.P. Usa 2032 Alico Prot. Trim. Eur. Alico Prot. Trim. Usa Alico Prot.Peak Asia 2011 Alico Prot.Peak Asia 2012 Alico Prot.Peak Asia 2013 Alico Prot.Peak Asia 2014 Alico Prot.Peak Asia 2015 Alico Prot.Peak Asia 2020 Alico Prot.Peak Asia 2025 Alico Prot.Peak Asia 2030 Alico Prot.Peak Asia 2035 Alico R. Bilanciato Alico R. Crescita Alico R. MultiCommodities Alico R. Peak Asia 2011 Alico R. Peak Asia 2012 Alico R. Peak Asia 2013 Alico R. Peak Asia 2014 Alico R. Peak Asia 2015 Alico R. Peak Asia 2020 Alico R. Peak Asia 2025 Alico R. Peak Asia 2030 Alico R. Peak Asia 2035 Alico R. Peak Europa 2011 Alico R. Peak Europa 2012 Alico R. Peak Europa 2013 Alico R. Peak Europa 2014 Alico R. Peak Europa 2015 Alico R. Peak Europa 2020 Alico R. Peak Europa 2025 Alico R. Peak Europa 2030 Alico R. Peak Europa 2035 Alico R. Peak Usa 2011 Alico R. Peak Usa 2012 Alico R. Peak Usa 2013 Alico R. Peak Usa 2014 Alico R. Peak Usa 2015 Alico R. Peak Usa 2020 Alico R. Peak Usa 2025 Alico R. Peak Usa 2030 Alico R. Peak Usa 2035 Alico R. Prudente Alico Sec. Acc. 2016 Alico Sec. Acc. 2017 Alleata Azionaria P Alleata Bilanciata P Fix Garantita Alleanza 06-16 Garantita Alleanza 06-21 Garantita Alleanza 06-26 Garantita Alleanza 06-31 Mix Stock Top

Carige Vita Nuova


Gestilink Aran. Dinamica Gestilink Blu Moderata Gestilink Verde Prudente Protezione Attiva Rosa dei Venti F.Levante

Arca Vita International


Em. Mkt Equities Euro Bonds Europ. Equities Force 25 Force 50 Force 90 Internat. Bonds Japan Equities Money Box UK Equities US Equities

Area Life

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 24.08 24.08 26.08 26.08 30.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 25.08 31.03 25.08 25.08 25.08 26.08 26.08 26.08

Aviva Previdenza

120 Plus Balance 2001 Best World Best World - PIP Brick & Share Brick & Share - PIP Bull & Bear Bull & Bear - PIP Dynamic European Defensive Global 100 Global 120 Global Prestige Global Prestige 2 Global Value Prestige Prestige 2 Saving Units Cash Saving Units Note Trend 2001 Trend 2001 - PIP Value 2001 Value 2001 - PIP World Bond

Cattolica Azionario Cattolica Bilanciato Cattolica Obbligazionario Duomo Unit Moderate Formula Life Az. Fuoriclasse Balanced Linea Azionaria Globale Linea Flessibile Linea Obbligaz. Globale Nuove Rotte Previdenza Azionario P Previdenza Bilanciato P Progetto Attivo Equity

Cattolica Life Limited


ETF Conservativo ETF Dinamico ETF Prud. & Bil. ETF Vivace Guida Life America Guida Life Brillante Guida Life Commodities Guida Life Dinamico Guida Life Europa Guida Life FlexActive Guida Life FlexDefens. Guida Life H Yield Guida Life P.Emergenti Guida Life Pacifico Guida Life Prudente Guida Life Tesoreria Guida Life Wealth New Life Aggressivo New Life Bilanciato New Life Dinamico New Life Monetario New Life Prudente Priv. Insurance Linea Gialla Priv. Insurance Linea Rossa II Priv. Insurance Linea Verde Protezione I/2016 Protezione I/2017 Protezione II/2016 Protezione II/2017 Protezione III/2016 Protezione III/2017 Cp Flex Garantito 2020 Cp Flex Garantito 2025 Cp Flex Garantito 2030 Cp Flex Garantito 2035 Cp Strategia 30 P Cp Strategia 40 P Cp Strategia 55 P Cp Strategia 70 P Cp Unico Aggressivo Cp Unico Bilanciato Cp Unico Prudente Ev Strategia Int.le P

30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 11.07 31.03 11.07 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

3,924 4,212 4,771 4,790 4,114 4,383 5,688 5,882 9,819 5,546 7,070 9,046 3,526 4,870 4,779 4,729 4,641 5,483 5,086 5,885 5,166 5,901 5,065 4,548 5,348 4,797 5,823 5,514 5,131 6,173 3,114 4,855 3,610 6,484 6,065 4,574 4,313 4,366 9,050 8,712 9,070 9,050 8,780 9,045 10,219 10,473 10,230 9,437 7,471 7,845 6,808 6,936 7,489 8,758 10,119 7,649 71,178 147,603 164,261 119,384 118,526 92,921 104,027 54,640 55,303 127,112 146,531 173,112 102,803 98,284 100,077 98,737 106,294 102,233 104,836 104,023 96,720 98,455 94,741 97,264 95,219 94,671 81,463 98,230 91,561 105,586 103,379 105,660 125,521 214,849 192,598 106,292 5,338 5,759 5,497 5,981 6,104 5,724 3,552 4,812 7,094 5,951 5,919 431,976 4,680 11,187 6,727 7,166 6,667 5,519 5,423 5,690 1,994 0,853 1,282 0,920 2,574 2,337 2,415 2,327 2,384 2,426 2,450 2,384 2,426 2,450 2,332 2,373 2,397 1,455 2,534 0,802 4,720 4,043 4,790 4,377 4,846 4,672 0,969 1,101 1,109 0,765 0,861 86,477 29,349 39,622 0,931 11,323 9,150 11,121 8,576 1,279 0,891 1,338 1,756 1,516 2,105 1,178 12,138 4,790 4,626 5,336 4,310 4,897 4,907 5,097 4,970 4,045 3,243 3,713 4,046 5,464 5,085 4,958 4,976 4,929 4,553 4,968 5,020 4,993 4,678 4,688 5,213 4,963 4,948 5,043 5,086 4,697 4,903 4,876 4,880 4,865 4,834 4,989 5,502 5,742 5,039 5,094 10,902 6,216 5,208 3,429 5,501 5,501 5,519 5,507 5,428 5,339 5,439 5,324 5,336 5,447 5,524 5,483 9,927 10,144 11,474 3,982 7,156 11,048 10,917 9,702 7,499 8,594 10,479 10,809 10,763 9,296 11,048 9,587 8,231 8,014 3,624 6,250 10,075 12,711

Crdit Agricole Vita

Aviva Vita
Aviva BPU 1 Aviva BPU 10 Aviva BPU 11 Aviva BPU 2 Aviva BPU 3 Aviva BPU 4 Aviva BPU 5 Aviva BPU 6 Aviva BPU 7 Aviva BPU 8 Aviva BPU 9 Aviva UBI 1 Aviva UBI 2 Aviva UBI 3 Aviva UBI 4

Creditras Vita
2RV B1 2RV B3 2RV B4 2RV B6 2RV D1 2RV D10 2RV D2 2RV D3 2RV D4 2RV D5 2RV D6 2RV D7 2RV D8 2RV D9 2RV Dinamica 2RV Eurounit 1 2RV Eurounit 2 2RV Eurounit 3 2RV Eurounit 4 2RV Eurounit Plan 1 2RV Eurounit Plan 2 2RV Eurounit Plan 3 2RV Eurounit Plan 4 2RV Fip2 2RV Fip5 2RV Fip6 2RV Fip8 2RV Invest 1 2RV Invest 2 2RV Invest 3 2RV Invest 4 2RV Invest 5 2RV Plan 1 2RV Plan 2 2RV Plan 3 2RV Plan 4 2RV Serena 2RV Sicura 2RV Tranquilla 2RV VPP Acqua Marcia 2RV VPP Daniela 2RV VPP Galla 2RV VPP Riccardo 2RV VPP Sequoia 2RV VPP Vitiano CGV Futuroro Azione CGV Futuroro Bilancia CGV Futuroro Euro Azione CGV Futuroro Euro Bilancia CGV Futuroro Euro Moneta CGV Futuroro Moneta Creditras A Bilanc. Pi Creditras A Bilanciato Creditras A Cauto Creditras A Dinamico Creditras A Flessibile Creditras A Mix Creditras A Monetario Creditras A Prudente Creditras A Prudente Pi Creditras A Total Creditras A2 Creditras China Equity Creditras D Az. America Creditras D Az. Europa Creditras D Az. Intern. Creditras D Az. Pacifico Creditras D Bond Mix Creditras D Obbl. Intern. Creditras D Prudente Creditras D Prudente Pi Creditras E Az. America Creditras E Az. CIna Creditras E Az. Em.EU e Med. Creditras E Az. Giappone Creditras E Az. India Creditras E Az.Am.Latina Creditras E Azion. Europa Creditras E Azion. Internaz. Creditras E Inflaz. Pi Creditras E Obbl. Euro 1-3 Creditras E Obbl. Euro Corp. Creditras E Obbl. Euro Oltre 3 Creditras E Obbl. Misto Creditras E Obbl. US Creditras E Strategia 20 Creditras E Strategia 30 Creditras E Strategia 40 Creditras E Strategia 50 Creditras E Strategia 70 Creditras Em. Economy Eq. Creditras Em.Europe&Med.Eq Creditras Euro B. Enhanced Creditras Euro B. Over 3 Creditras Euro Bond 1-3 Creditras Euro Cash Creditras Europe Equity Creditras Extra 06 Creditras Extra 07 Creditras Income Clock Creditras India Equity Creditras Intern. Equity Creditras LatinAmerica Eq Creditras Life Active1 Creditras Life Active2 Creditras Life Active3 Creditras Life Az. America Creditras Life Az. Europa Creditras Life Az. Internaz. Creditras Life Az. Pacifico Creditras Life Bond Selec. Creditras Life Dinamico Creditras Life Flessibile Creditras Life Prudente Creditras M1 Creditras M10 Creditras M2 Creditras M3 Creditras M4 Creditras M5 Creditras M6 Creditras M7 Creditras M8 Creditras M9 Creditras North A. Equity Creditras Opportunit Az. Creditras Pacific Equity Creditras R2 Creditras R3 Creditras Smart Plus Creditras Smart06 Creditras Smart06 Plus Creditras Smart07 Creditras Smart08 Creditras Smart08 Plus Creditras Total Return Creditras Us Bond CRV 2K CRV 4K CRV 5K CRV 6K CRV 8K CRV A1 CRV A3 CRV A4 CRV A6 CRV B1 CRV B3 CRV B4 CRV B6 CRV Balanced CRV Bond CRV D1 CRV D10 CRV D2 CRV D3 CRV D4 CRV D5 CRV D6 CRV D7 CRV D8 CRV D9 CRV Equilibrio CRV Equity CRV Euro 10 CRV Euro 2 CRV Euro 5 CRV Euro 6 CRV Euro 8 CRV Eurodue CRV Eurotre CRV Fip2 CRV Fip5 CRV Fip6 CRV Fip8 CRV Five CRV Four CRV G2 CRV G5 CRV G6 CRV G8 CRV Large CRV Medium CRV One CRV Sicurezza CRV Small CRV Smart 05 CRV Sviluppo CRV Three CRV Two CRV Uniattiva(scad. 06/2017) CRV Uniattiva(scad. 12/2017) Exclusive 12 Exclusive Beta Exclusive Bus Exclusive Cauchi Exclusive Femisia Exclusive Fusine Exclusive Futuro Exclusive Giuliano Exclusive Giulio Exclusive Lucio Exclusive Michele Exclusive Pierangelo Exclusive Romano Exclusive Rosvita Exclusive Seneca Exclusive Ulisse Ch OT Equity Ch OT Long Short

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 25.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 06.06 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08

Ergo Previdenza
Fondo Alpha Extractor Fondo Attivo Fondo Azionario Fondo Bilanciato Fondo Dinamico Fondo Prima Base Fondo Protetto Fondo Protetto 11/04 Fondo Seconda Base Fondo Terza Base

Ch OT New Talent Ch Q-Selection Ch Q-Stone Chal. Formula Pimco Authy Challenge Formula SRI Darta Profilo Protetto Darta Security22,50 Darta Security25 Darta Sintesi 06-2007 Darta Sintesi 10-2007 Darta Special Open Team Darta Special Pimco Darta Target Diamond Darta Target Emerald Darta Target Gold Darta Target Platinum Darta Target Silver Darta Target Stone Darta Target Titanium Darta Team AGI Darta Team Blackrock Darta Team Carmignac Darta Team JPMorgan AM Darta Team Morgan Stanley Darta Team Pictet Darta Team Pimco Darta Team RCM Darta Team Schroders Darta Team Swiss & Global Darta Total Return100 Darta Total Return50 DartaChallenge OpenTeam DartaChallenge Tesoreria DartaChallengeFormula100 DartaChallengeFormula15 DartaChallengeFormula30 DartaChallengeFormula70

30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 29.08 29.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 26.08 25.08 25.08 26.08 26.08 26.08 25.08 25.08 26.08 26.08 01.08 01.08 25.08 25.08

9,298 9,729 9,888 9,898 9,113 5,985 4,553 4,845 4,906 4,929 9,821 10,432 5,536 4,861 5,572 5,273 5,314 5,711 4,657 10,073 10,777 10,647 10,051 11,159 10,705 12,098 10,762 11,046 10,262 4,973 5,023 10,659 10,030 6,855 10,164 9,640 7,318 9,599 10,773 9,530 9,760 7,429 11,422 10,721 10,500 12,532 11,890 5,914 9,680 120,112 103,098 10,254 9,640 9,133 8,551 7,822

Law en e L e

S P n e na ona
m m m m m m

m m m

INDEX LINKED
Rilevazione del 01.09, totale fondi 1069 Rating Sintetico AAA AA A BBB BB B CCC C D (1) n.d. n.r. w.r. Prodotti N. Fondi 4 180 695 93 9 3 2 5 20 19 28 8 3 Data 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 Inc.% 0,37 16,84 65,01 8,70 0,84 0,28 0,19 0,47 1,87 1,78 2,62 0,75 0,28 Valore 93,510 110,040 105,300 113,060 116,500 113,350 105,000 105,000 100,944 96,565 103,511 104,553 102,573 102,573 103,799 102,483 100,361 103,073 105,834 105,000 104,553 35,164 100,944 105,812 96,973 96,565 101,209 101,209 101,209 101,209 98,536 100,251 100,251 96,202 96,202 99,644 99,644 100,805 100,805 99,206 99,206 101,656 101,656 100,467 98,926 101,486 102,807 99,367 103,113 94,735 103,802 102,692 100,637 100,145 98,646 99,277 102,073 98,926 103,073 98,926 98,326 94,281 95,259 95,018 94,073 95,847 96,161 95,291 102,379 102,379 102,379 106,669 101,390 Inc.% mese prec. 0,37 16,85 65,07 8,71 0,84 0,28 0,19 0,47 1,87 1,69 2,62 0,75 0,28 Rating A+ A+ A+ A A A BBB BBB AAAAA+ A+ A A A A BBBA A+ BBB A+ D A+ A+ A A+ A A A A Baa1 A+ A+ A+ A+ A A A A Baa1 Baa1 A A A+ A+ A A BBBA A A A A+ A A+ Baa3 A A+ A A+ Aa2 AA+ A+ A+ A A A A+ A+ A+ A A+ S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P TB Growth 85 Global Eq.2015 TB Growth 86 Equity Rec2015 TB Growth 87 Res. Coupon TB Growth 88 R. Coupon2015 TB Growth 89 Fix Trend 2015 TB Growth 89A FixTrend2015 TB Growth 90 Europe 2016 TB Growth 91 Eurozone 2016 TB Growth 92 Gl.&China2016 TB Growth 93 Euroz.2 2016 TB Growth 94 GlbMkt2017 TB Growth 95 EurDIdx2017 TB Growth 96 DblPerf2017 TB Growth 97 DblCEur2017 TB Growth 98 Australia 2017 TB Growth M.Parma Napoleon 15.08 97,025 A2 MOO 15.08 101,398 A2 MOO 15.08 92,250 A2 MOO 15.08 100,830 A2 MOO 15.08 98,667 A2 MOO 15.08 97,991 A2 MOO 30.08 84,596 A S&P 30.08 84,577 A S&P 30.08 84,577 A S&P 30.08 84,552 n.d. 30.08 82,359 n.d. 30.08 88,384 n.d. 30.08 82,150 n.d. 30.08 79,299 n.d. 30.08 86,392 n.d. 15.12 99,981 A2 MOO 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 97,750 AY D 94,300 A 98,450 A 95,550 A+ 104,022 A 104,022 A 104,022 A 104,022 A 104,022 A 96,700 A 92,660 A 92,510 A 98,100 AA 101,810 AAS&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P

L oyd a o d A ean a To o
m m

Lomba d

AXA MPS Vita

Alleanza di Alleanza Toro Sud Po o V a S p A


m Alleindex 6 2007/10 Alleindex 6 2007/11 AlleIndex 6 2007/12 AlleIndex 6 2008/01 AlleIndex 6 2008/02 Alleindex 6 2008/03

Allianz
m m

Lomba da V a
m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m

Euresa-Life

Estesa Dinamico Estesa Equilibrato Ifis G.Dynamic Allocation Ifis G.Selective Allocation EV Strategia 15 P EV Strategia 30 P EV Strategia 40 P EV Strategia 55 P EV Strategia 70 P

Azs Index 105 B. BV Play Off B. Superbonus C. 5/5 10/07 B. Superbonus Cedola 4+4+4 B. Superbonus Cedola 5/5 Index Superbonus 5+5 LA Ind. 5+5 European 50 LA Ind. Superbonus 5+5 LA Ind. Superbonus 5+5 1/07 LA Ind. Superbonus 5+5 Bis LA Ind. Superbonus 5+5 Ter LA Ind. Superbonus Special LA Indice 110 e lode Ras Index 105 Ras Superbonus 5+5 Ras Superbonus 5+5 II Superbonus 10/2007 Superbonus 11/2007 Superbonus 12 Pi Superbonus 12 Pi II

Antonveneta Vita
Elios Mix Pi Elios Mix Pi 01 Elios Mix Pi 02 Elios Mix Pi 03 Elios Mix Pi 04 Elios Mix Pi 05 Elios Mix Pi 06 Elios Mix Pi 07 Elios Mix Pi 08 Elios Mix Pi 09 Elios Mix Pi 10 Elios Mix Pi 11 Elios Mix Pi 12 Elios Mix Pi 13 Elios Mix Pi 14 Elios Mix Pi 15 Elios Mix Pi 16 Elios Mix Pi 17 Indice ABN AMRO 1/6 Indice Alta Fedelt 1/6 Indice Alta Fedelt 1/7 Indice Alta Fedelt 2/6 Indice Alta Fedelt 3/6 Indice Mem.Coupon 1/8 Indice Protetto 1/7 Indice Protetto 10/6 Indice Protetto 11/5 Indice Protetto 11/6 Indice Protetto 13/5 Indice Protetto 2/6 Indice Protetto 2/7 Indice Protetto 3/6 Indice Protetto 3/7 Indice Protetto 4/6 Indice Protetto 4x4 Indice Protetto 4x4/1 Indice Protetto 4x4/3 Indice Protetto 4x4/4 Indice Protetto 4x4/5 Indice Protetto 4x4/6 Indice Protetto 4x4/7 Indice Protetto 4x4/2 Indice Protetto 5/6 Indice Protetto 6/6 Indice Protetto 7/6 Indice Protetto 8/5 Indice Protetto 8/6

01.07 01.07 31.07 31.07 31.08 31.08 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 01.07 31.08 31.08 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 31.07 30.06 31.07 26.08 26.08

3 3 Memory Equity Basket Everest Index Index Basket Italian Index Linea Forte 70 02/02 Linea Forte 70 04/02 Linea Forte 70 06/02 Linea Forte 70 08/02 Linea Forte 70 10/02 Memory Index Mix Coupon Mix Coupon II Q. Clean Future Q. Index Europe 65 Reditus 2013

BancAssurance Pop.ri

31.08 101,060

A+ S&P

Aspecta Assurance Intern.


Multichance Allegro Multichance Moderato Multichance Vivace Cash Dynamic Euro Blue Chips European Equity P Global Bond Global Equity Italian Equity Target 2010 - 2025 Target 2011 - 2021

EurizonVita Linea Fideuram


29.08 29.08 29.08 29.08 29.08

Idea 03/2006 6 anni Idea 04/2008 Idea 06/2007 3a-Plus Idea 06/2007 5a-Lux Idea 06/2008 8,25% Idea 06/2008 Leva Idea 07/2006 6 anni Idea 09/2008 Idea 10/2005 Idea 12/2005 sei anni

Berica Vita

15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08

97,677 n.d. 101,208 A S&P Y D S&P 99,160 AA- S&P 100,298 A S&P 108,317 A S&P 98,044 A S&P 102,586 A S&P 105,734 (1) 100,814 (1)

Assicurazioni Generali

Assimoco Vita
Euroquota Aggress. Euroquota Equilibrata Euroquota Prudente Option Trend Raiffplanet Aggress. Raiffplanet Equilibr. Raiffplanet Prudente

26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 30.08 30.08

EurizonVita Linea Noricum


Azionario Internazionale Bilanciato Euro Conservativo Dinamico Equilibrato Obbligazionario Euro Specializzato Valore Aggiunto Global Equity Global Equity Plus Global Equity Previ P 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

Cattolica Previdenza
AXA Azionazio Italia AXA Exclusive Azionaria AXA Exclusive Progressive AXA Exclusive Prudente AXA Investimento Assoluto AXA Investimento Europa AXA Investimento Internaz. Gestiplus Linea Dinamica Linea Equilibrata Linea Globale Linea Innovazione Linea Italia Linea Prudenziale Previdenza Assoluto FIP Previdenza Europa FIP Previdenza Internaz. FIP 30.08 29.08 29.08 29.08 25.08 25.08 25.08 30.08 24.08 24.08 24.08 24.08 24.08 24.08 25.08 25.08 25.08 26.08 26.08 26.08 25.08 25.08 25.08 25.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 10,666 10,129 10,283 10,390 10,664 8,894 8,221 9,891 8,398 8,738 6,654 6,733 7,533 9,089 10,481 7,810 7,675 8,482 9,106 9,273 9,409 8,951 8,480 9,433 6,350 4,605 4,975 10,839 5,846 10,004 6,879 7,996 10,000 11,374 10,069 6,704 13,277 7,980 8,726 9,717 8,924 7,802 9,935

Augusta Vita

Azionario Globale Azionario Previdenza P Il Meglio Azionario Il Meglio Bilanciato Il Meglio Obbligaz.

Centrovita

25.08 25.08 25.08 25.08 26.08 26.08 26.08 26.08 25.08 25.08 25.08 26.08 30.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 16.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 11.03 01.09 11.03 01.09 11.03 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 31.08 31.08 31.08 31.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08

EurizonVita Linea Sanpaolo


29.08 29.08 29.08

8,690 10,856 11,317 7,421 9,916 11,939 6,871 118,295 9,152 8,695 7,130

IndicAzione 5 IndicAzione 6 IndicAzione 7 IndicAzione 8

BIM Vita BNL Vita

31.08 103,030 A2 MOO Z D FIT 31.08 94,810 Ba1 MOO 31.08 102,250 Aa1 MOO 29.08 94,550 A S&P

Bim Dividend Cap 2in1 Flexi Andromeda Index Aquila Index Azioni Europa BNL 2in1 BNL Inflazione pi BNL Memory US BNL Memory US II Dividend Plus Dividend Plus II Emerging Alfa Emerging Alfa II Global Titans Global Titans II Global Titans III Grandi Progetti Grandi Progetti II Inflazione Pi II Inflazione Pi III Inflazione Pi IV Large Cap Large Cap II Lybra Index Perseus Index Sagittarius Index Scorpius Index Vela Index Virgo Index

Sw

L e und
m

LUX Mgm

To o d A ean a To o Med o anum n e na ona L e


Flex Equity 100 Global Equity Maximum Progress Quality 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 24.08 24.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 25.08 26.08 26.08 26.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 26.08 26.08 26.08 26.08 25.08 26.08 26.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 25.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 8,573 4,062 3,686 4,681 5,413 3,822 4,724 4,330 4,390 8,853 3,485 3,529 4,860 4,890 6,165 6,154 6,890 20,030 5,750 4,590 3,991 3,253 9,879 9,042 7,819 7,176 9,692 9,417 8,593 8,392 7,314 6,926 6,599 6,577 9,661 9,477 9,165 8,580 8,469 7,862 7,198 6,944 6,782 6,563 6,448 6,453 9,761 9,694 9,492 8,999 8,887 8,441 7,909 7,553 7,620 7,369 7,336 7,383 10,598 10,672 10,727 10,869 10,981 10,735 10,840 10,698 10,647 10,691 10,761 10,663 9,714 9,658 9,559 9,443 9,425 9,283 9,108 8,790 8,722 8,637 8,688 8,665 9,769 9,659 9,535 9,405 9,231 8,953 8,746 8,596 8,558 8,545 8,490 8,540 10,627 10,609 10,374 10,198 1,925 2,272 3,619 4,901 7,356 2,542 2,548 4,394 4,026 3,532 6,582 3,094 2,975 3,342 6,512 3,131 3,933 3,491 5,870 5,746 5,019 5,975 m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m m

AXA Interlife

Alleanza di Alleanza Toro

Allianz

Allianz Conserv. Gold Allianz Conserv. Platinum Allianz Conservativo Allianz Fless. Gold Allianz Flessibile Allianz Monetario Allianz Rifugio Allianz Strategia Pimco Allianz Sviluppo AZ Squadra Vincen.M.Stanley Az Squadra Vincente AGI AZ Squadra Vincente BlackR. AZ Squadra Vincente Pictet AZ Squadra Vincente Pimco Azs Azionario America Azs Azionario Blue Chips Azs Azionario Europa Azs Azionario Innovation Azs Obbligaz.Protetto Azs Previdenza Attiva Azs Previdenza Equilibrata Azs Previdenza Moderata Azs Summa Valore Az. Azs Summa Valore Bil. Azs Summa Valore Ob. LA Anticiclico LA Azionario LA Bilanciato 2007 LA BilanciatoPi LA Capitale Prudente LA Cash LA Conservativo Diamond LA Conservativo Gold LA Conservativo Platinum LA Conservativo Silver LA Convertibile LA Eurobbligazione LA Eurobbligazione Cl. A LA Euroborsa LA Flessibile LA Flessibile Diamond LA Flessibile Gold LA Flessibile Platinum LA Flessibile Silver LA GarantitoPi LA Internazionale 2007 LA InternazionalePi LA Monetario LA Monetario Cl.A LA Monetario Diamond LA Obbligazionario LA Protetto 2007 LA ProtettoPi LA Rifugio LA Rifugio Cl.A LA Sviluppo LA Sviluppo Cl.A Ras America Ras Azionario Europa Ras Azionario Globale Ras Bilanciato Europa Ras Bilanciato Globale Ras Commodity Ras Equilibrato Ras Europa Ras Formula Attiva Ras Formula Equilibrata Ras Formula Moderata Ras Globale Ras Obblig.Europa Ras Obblig.Plus Europa Ras Obblig.Protetto Ras Obbligazionario Ras Oriente Ras Quota Attiva Ras Technology & Resear. Allianz Strategy 15 Allianz Strategy 50 Armonico Armonico 2007 Attivo Attivo 2007 Az. Specializzato Azion. Globale Azionario Bilan. Globale Bilanciato Euro Dinamico Equilibrato Euromoneta Monetario Obblig. Euro Obblig. Misto Obbligazionario Protetto Protetto 2007 Sicuro Trend Trend Dinamico Trend Equilibrato Trend Plus Trend Protetto

Allianz Global Life Limited Antonveneta Vita


30.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 30.08 31.08 30.08 30.08 29.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08

31.08 105,114 31.08 1059,93 31.08 10,459 31.08 89,410 31.08 9,044 31.08 10,326 31.08 10,220 31.08 10,337 31.08 8,737 31.08 9,463 31.08 9,339 31.08 9,822 31.08 9,474 31.08 9,826 30.08 3,291 30.08 3,798 30.08 4,174 30.08 3,522 30.08 6,087 30.08 4,589 30.08 4,767 30.08 4,989 30.08 4,270 30.08 5,988 30.08 7,753 31.08 9,975 31.08 13,360 31.08 9,552 31.08 11,618 31.08 11,844 31.08 13,467 22.06 110041,38 31.08 110,426 31.08 1124,22 31.08 10,920 31.08 11,293 31.08 15,693 31.08 15,099 31.08 6,479 31.08 11,054 31.08 70201,92 31.08 69,723 31.08 702,016 31.08 7,035 31.08 12,968 31.08 8,794 31.08 11,327 31.08 11,466 31.08 11,400 31.08 106908,15 31.08 12,059 31.08 10,513 31.08 12,489 31.08 14,676 31.08 14,140 31.08 13,880 31.08 13,373 30.08 3,271 30.08 4,070 30.08 3,653 30.08 5,769 30.08 5,226 30.08 3,831 30.08 4,492 30.08 3,917 30.08 4,506 30.08 4,747 30.08 4,942 30.08 4,391 30.08 7,927 30.08 6,894 30.08 5,920 30.08 5,109 30.08 5,063 30.08 5,359 30.08 2,472 112,570 105,710 10,369 9,016 11,096 8,586 9,367 8,131 12,594 10,868 10,831 12,392 14,111 11,521 11,908 12,836 12,183 11,424 12,078 10,177 12,440 11,073 7,791 9,617 6,845 10,033 3,176 5,984 10,694 5,227 6,225 9,998 6,396 6,706 3,422 5,590 4,523 6,372

Arca Vita

Aggr. classe Sprint Aggressive AV Total Return Bal. classe Moderate Balanced Capital Tutor Cons. classe Comfort Conservative Dyn. classe Fast Dynamic Flex. classe Active Flexible

Av. Smart06 Plus Aviva D Az. Pacifico Aviva D Bond Mix Aviva E Az. Am. Latina Aviva E Az. America Aviva E Az. Europa Aviva E Az. Internaz. Aviva E Az. Pac. e Giapp. Aviva E Az.Em. EU e Med. Aviva E Azionario Cina Aviva E Azionario India Aviva E Inflazione Pi Aviva E Obblig. Euro 1-3 Aviva E Obblig. Euro Corp. Aviva E Obblig. Euro Oltre 3 Aviva E Obblig. Misto Aviva E Obblig. US Aviva E Strategia 20 Aviva E Strategia 30 Aviva E Strategia 40 Aviva E Strategia 50 Aviva E Strategia 70 Aviva Extra 06 Aviva Extra 07 Aviva Life Active 1 Aviva Life Active 2 Aviva Life Active 3 Aviva Life Flessibile Aviva Oppurtunit Az. Aviva Pip Azionario Aviva Pip Obbligazionario Aviva Smart 07 Aviva Smart 08 Aviva Smart 08 Plus Aviva UniAttiva 06/2017 Aviva UniAttiva 12/2017 CU A Bilanciato CU A Bilanciato Pi CU A Cauto CU A Dinamico CU A Flessibile CU A Mix CU A Monetario CU A Prudente CU A Prudente Pi CU A Total CU A1 CU A2 CU A3 CU A4 CU A6 CU Credit Alfa II CU Credit Beta IV CU Credit Delta VIII CU Credit Gamma VI CU Credit Garanzia CU Credit Omega X CU CRT B1 CU CRT B3 CU CRT B4 CU CRT B6 CU CRT D1 CU CRT D10 CU CRT D2 CU CRT D3 CU CRT D4 CU CRT D5 CU CRT D6 CU CRT D7 CU CRT D8 CU CRT D9 CU CRT Euro 10 CU CRT Euro 2 CU CRT Euro 5 CU CRT Euro 6 CU CRT Euro 8 CU CRT Fip 2 CU CRT Fip 5 CU CRT Fip 6 CU CRT Fip 8 CU CRT G2 CU CRT G5 CU CRT G6 CU CRT G8 CU D Az. America CU D Az. Europa CU D Az. Internazionale CU D Obbligaz. Internaz. CU D Prudente CU D Prudente Pi CU Diamante CU Equity Growth CU Giada CU Mixed Growth CU Moderate Growth CU New Rubino CU New Smeraldo CU New Zaffiro CU R1 CU R2 CU R3 CU Rubino CU Smart Plus CU Smart06 CU Smeraldo CU Star05 CU Vita Allegro CU Vita Andante CU Vita Balanced CU Vita Cronos 1 CU Vita Cronos 2 CU Vita Cronos 3 CU Vita EB Dollar Bond CU Vita EB Dutch Equity CU Vita EB Emu Bond CU Vita EB European Eq. CU Vita EB I. T. Fund CU Vita EB Japanese Eq. CU Vita EB NorthAm. Eq. CU Vita Eurofinancial Eq. CU Vita Europe Click CU Vita European Eq. CU Vita Global Bond CU Vita Global Equity CU Vita Japan Click CU Vita Liquidity Fund CU Vita Mosso CU Vita Prestige Equity CU Vita Protected 70 CU Vita Protected 80 CU Vita Protected 90 CU Vita Technology Eq. CU Vita Usa Click CU Zaffiro Equity Growth Plus F.I.I. 102 F.I.I. 105 F.I.I. 108 F.I.I. 109 F.I.I. 110 F.I.I. 111 F.I.I. 115 F.I.I. 116 F.I.I. 117 F.I.I. 138 F.I.I. 148 F.I.I. 161 F.I.I. 162 F.I.I. 163 F.I.I. 164 F.I.I. 167 F.I.I. 173 F.I.I. 177 F.I.I. 178 F.I.I. 179 F.I.I. 180 F.I.I. 181 Mixed Growth Plus Moderate Growth Plus RV CRT Azione RV CRT Bilancia RV CRT Euro Azione RV CRT Euro Bilancia RV CRT Euro Moneta RV CRT Moneta Yield Alpha Prot. 2014 E-Link Evoluz. 2005 E-Link Increm. 2005 E-Link Stabilit 2005 E-Link Sviluppo 2005

Aviva Assicurazioni Vita


30.08 30.08 30.08 30.08 30.08

30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 07.06 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.06 30.08 21.06 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 31.05 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.06 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08

5,020 3,580 5,490 8,030 6,080 6,050 6,230 6,840 9,200 7,340 8,030 6,040 5,030 4,970 5,170 5,370 4,810 5,180 5,220 5,310 5,500 5,650 4,570 4,930 4,790 4,480 4,030 4,930 4,900 2,860 5,670 5,540 5,520 5,750 5,040 5,120 4,770 4,620 5,300 4,250 4,990 5,100 5,150 5,090 4,950 5,100 5,700 5,130 6,020 6,070 6,070 7,520 7,480 6,990 7,700 6,470 6,010 5,960 5,600 5,200 4,420 6,080 4,360 5,130 4,070 3,120 3,990 8,720 3,440 5,620 5,450 3,530 5,960 5,150 4,520 3,510 5,710 5,590 5,220 4,720 6,450 5,640 4,960 3,840 3,480 3,510 3,570 5,430 5,030 4,890 3,930 4,340 5,070 4,580 4,920 4,260 4,690 4,800 5,760 6,000 5,930 10,590 5,420 5,130 12,640 5,510 4,220 6,720 5,150 5,380 5,160 4,910 5,370 2,800 7,350 3,490 1,260 2,260 2,630 3,400 28,970 5,360 5,060 4,680 27,030 4,940 5,080 5,090 5,380 5,510 5,610 1,970 27,860 11,100 3,840 5,660 6,380 6,780 5,340 4,870 4,590 6,660 6,670 6,650 6,140 5,410 5,880 5,600 5,750 5,810 5,420 6,380 4,850 4,750 4,770 4,840 5,040 4,450 5,020 4,850 6,380 3,380 5,490 6,850 6,920 5,330 10,200 10,830 11,050 9,300 16,640

AXA Excellence Azionaria AXA Excellence Progressive AXA Excellence Prudente AXA Global Ass. b30 AXA Global Ass. b50 AXA Global Ass. b70 Life Absolute Value Life Az. Innovazione Life Az. Internazionale Life Az. Nord America Life Az. Paesi Emerg. Life Azion. Giappone Life Azionario Asia Life Azionario Europa Life Azionario Italia Life Azionario Svizzera Life Family Office Life Monetario Euro Life Multif. Flessibile Life Obbligaz. Europa Life Profilo Dinamico Life Profilo Equilibrato Life Profilo Prudente

AXA Life Europe

Accumulator Best Mix Accumulator Best Perform. Accumulator Best Save

6Attivo-Orchestra Anni 40 Anni 50 Anni 60 Anni 70 Anni 80 Azionario Azionario Blue Azionario Green Azionario Plus Bilanciato Bilanciato Plus Fondo Antonietta Fondo Barbara Fondo Bastigliagefa Fondo BIA11 Fondo Brunello Fondo Ponti Fondo Tito Fourten Fund LV Cap, Att. Base Reddito LV Cap. Att. Base LV Cap. Att. Plus LV Cap. Att. Standard LV Cap. Att. Standard Redd. LV Prosp. Prot.2010 Val.Corr. LV Prosp. Prot.2010 Val.Prot. LV Prosp. Protetta Val.Corr. LV Prosp. Protetta Val.Prot. LV Prospettiva Conservativa LV Prospettiva Dinamica LV Prospettiva Moderata Obbligaz. Blue Obbligaz. Plus Obbligazionario Spot Investments

FATA Vita
Life Dinamico Life Obbligazionario

Fondiaria - Sai
Alfa 2000 Beta 2000 Fonsai Azionario Globale FonsaiLink Azionario Cl.A FonsaiLink Azionario Cl.B FonsaiLink Bilanciato Cl.A FonsaiLink Bilanciato Cl.B FonsaiLink Monetario FonsaiLink Obbligaz. Omega 2000 Quota

Carige Vita Nuova


Economia Marittima 12/13 Ecoprotezione 06/13 Miglior Garanzia 12/15 Miglior Indice 04/12 Perf. Protetta Eurozona 10/13 Protezione Az. Italia 08/13 Protezione e Rendim. 03/13 Protezione e Rendim.2 04/13 Protezione e stabilit 08/14 Protezione e stabilit 2 10/14 Protezione Emergenti 11/12 Protezione Oriente 07/12 Protezione Oriente 2 08/12 Protezione Oriente 3 08/12 Protezione Risorse 12/12 Tutela Valore 04/13 Tutela Valore 2 06/13 NewLife Borsa 33 NewLife Borsa 34 NewLife Borsa 35 NewLife Borsa 36 NewLife Borsa 37 NewLife Borsa 38 NewLife Borsa 39 NewLife Borsa 40 NewLife Borsa 41 NewLife Borsa 42 NewLife Borsa 43 NewLife Borsa 44 NewLife Borsa 45 NewLife Borsa 46 NewLife Borsa 47 NewLife Borsa 48 NewLife Borsa 49 NewLife Borsa 50 NewLife Borsa 51 NewLife Borsa 52 NewLife Borsa 53 NewLife Borsa 54 NewLife Borsa 55 NewLife Borsa 56 NewLife Borsa 57 NewLife Borsa 58 NewLife Borsa 59 NewLife Borsa 60 NewLife Borsa 61 NewLife Borsa 62 NewLife Borsa 63 NewLife Borsa 64 NewLife Borsa 65 NewLife Borsa 66 NewLife Borsa 67 NewLife Borsa 68 NewLife Borsa 69 NewLife Borsa 70 NewLife Borsa 71 NewLife Borsa 72 NewLife Borsa 73 NewLife Borsa 74

31.08 99,950 Aa1 MOO 31.08 95,500 AA- S&P 31.08 96,300 A- S&P 31.08 98,750 Aa1 MOO 31.08 99,250 Aa1 MOO 31.08 83,150 Aa2 MOO 31.08 91,600 Aa3 MOO 31.08 93,350 Aa3 MOO 31.08 82,050 Aa3 MOO 31.08 82,050 Aa3 MOO 31.08 80,250 A2 MOO 31.08 80,250 A2 MOO 31.08 96,300 Aa1 MOO 31.08 96,500 Aa1 MOO 31.08 95,750 Aa1 MOO 31.08 96,850 Aa1 MOO 31.08 96,750 Aa1 MOO 31.08 85,950 Aa2 MOO 31.08 86,450 Aa3 MOO 31.08 102,650 Aa1 MOO 31.08 89,100 A3 MOO 31.08 89,100 A3 MOO 31.08 95,250 AA- S&P 31.08 94,150 A+ S&P 31.08 98,000 Aa2 MOO 31.08 94,150 Baa3 MOO 31.08 104,600 A3 MOO 31.08 96,400 A- S&P 18.08 92,540 A+ S&P 18.08 91,190 A S&P 29.08 82,309 (1) Z n.r. 18.08 101,400 Baa2 MOO 18.08 123,070 BBB+ S&P 18.08 96,050 Baa1 MOO 18.08 97,380 A3 MOO 18.08 93,510 A1 MOO 18.08 96,390 A+ S&P 18.08 97,210 A+ FIT 18.08 98,990 Aa3 MOO 18.08 98,150 Aa3 MOO 18.08 93,380 Baa2 MOO 18.08 93,732 Baa1 MOO 18.08 94,450 A+ FIT 18.08 95,730 A+ FIT 31.03 03.06 03.06 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 103,150 109,150 134,463 Z 109,500 103,640 103,650 107,720 109,420 103,370 102,470 101,590 100,390 100,920 104,000 100,860 107,180 102,740 100,390 100,400 98,680 100,330 100,330 100,960 98,760 99,110 98,770 101,070 98,950 116,140 104,900 96,750 121,740 98,560 101,080 108,030 105,670 110,900 95,530 101,120 92,590 94,010 An.d. n.d. n.d. AAAAn.d. AAn.d. AAAAAn.d. n.d. A(1) AAn.d. An.d. An.d. An.d. An.d. AAAn.d. n.d. n.d. n.d. n.d. AAn.d. A+ A A+ A2 A A A A A+ A+ A+ A+ A A AAA A+ AAA A D A A A+ A A A A+ AA S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P

m W W W

Genertellife

Clerical Medical
Alternative Strategies AXA MPS Balanced AXA MPS Conservative AXA MPS Dynamic Az. Internazionale Azionario Top Ten Balanced Plus A Balanced Plus B Commodities Defensive A Defensive B Dynamic A Dynamic B Emerging Markets Eq. A Emerging Markets Eq. B Euro Govern.Bonds A Euro Govern.Bonds B European Equity A European Equity B Global Real Estate Linea Forte S. Crescente Linea Forte S. Sviluppo Linea Forte Shield Linea Forte Shield 8 Linea Forte Shield Double Liquidity A Liquidity B MPLife 100/2 MPLife 90/1 Obbligazionario Top Ten Pacific Equity A Pacific Equity B Secure A Secure B Usa Equity A Usa Equity B World Bonds Opportunities 31.08 30.08 30.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 07.02 03.08 01.07 31.08 31.08 31.08 18.05 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 18.08 18.08 18.08 31.08 31.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 18.08 9,757 8,701 9,762 7,810 9,874 10,311 11,236 11,165 13,182 10,931 10,875 11,226 11,755 20,563 13,581 10,448 10,405 12,333 12,262 14,344 11,364 10,815 11,982 9,945 9,868 10,004 9,565 11,249 11,364 11,198 12,945 10,445 5,492 12,459 11,754 112,753 10,530 9,349 11,287 88,913 9,873 11,881 12,871 6,315 7,706 10,982 9,920 10,690 9,160 10,668 9,196 6,312 10,857 10,014 9,873 6,880 12,646 11,961 103,610 18,853 10,162 8,188

AXA MPS Vita

Arianna 2003 Attivo Europa Base 75 Base 8 Base 85 Base Progressiva Conservativo Coupon 8% Dinamico Double Engine Aggressivo Double Engine Aggressivo B Double Engine Difensivo Double Engine Difensivo B Double Engine Equilibrato Double Engine Equilibrato B Equilibrato Flessibile Opera 13 Previdenza Aggessivo Previdenza Equilibrato Progr. Europa Quadrifoglio 7+7 Sereno Europa Solista 7 Suite II Target 48 Trend Globale

CMIG Advent. Managed CMIG Balanced Managed CMIG Cautious Managed CMIG Continental Eur.Equity CMIG Euro Bond CMIG Euro Currency Res. CMIG Euro Index Tracking CMIG Europ.Enhanc.Eq.F CMIG German Equity CMIG Guar.Ac. 80%v.cor. CMIG Guar.Ac. 80%v.gar. CMIG Japan Enhanced Equity CMIG Multi Asset Gl. Fund CMIG Pacific BasinEnhanc.Eq. CMIG UK Equity (Gbp) CMIG UK Index Tracking CMIG US Bond CMIG US Currency Reserve CMIG US Enhanced Equity CMIG US Index Tracking Cont. Europ. Equity Crescita Gar. 1& 2 Crescita Gar. 1& 2 ($) Crescita Gar. 1& 2 (Gbp) Crescita Gar. 2000 Crescita Gar. 2001 Crescita Gar. 2004 Crescita Gar. 2004.3 Crescita Gar. 3 Crescita Gar. 3 ($) Crescita Gar. 3 (Gbp) Crescita Gar. 4 Crescita Gar. 4 ($) Crescita Gar. 4 (Gbp) Crescita Gar. 4.02 Crescita Gar. 4.02 ($) Crescita Gar. 4.02 (Gbp) Euro Bond Euro Currency Res. Euro Index Tr. GA70% Flexible GA70% Flexible v.gar. GA80% Flexible GA80% Flexible v.gar. GA90% Flexible GA90% Flexible v.gar. Gbp Currency Res.(Gbp) German Equity Global Bonds (Gbp) Global Equity (Gbp) Global Mixed (Gbp) Japan Bond (Jpy) Japan Equity (Jpy) Japan Index Tr. (Jpy) Pacific Basin Eq. ($) UBS Bond UBS Eur. Opportunity UBS Global Convert UBS Global Equity Uk Bond (Gbp) Uk Equity (Gbp) Uk Index Tr. (Gbp) Us Bond ($) Us Equity ($) US Index Tr. ($) Usd Currency Res. ($)

CNP UniCredit Vita


Blue E.M. CNP A Bilanciato CNP A Bilanciato Pi CNP A Cauto CNP A Dinamico CNP A Flessibile CNP A Monetario CNP A Prudente CNP A Prudente Pi CNP D Az. America CNP D Az. Europa CNP D Az. Internazionale CNP D Az. Pacifico CNP D Bond Mix CNP D Prudente CNP D Prudente Pi CNP E Az. America Latina CNP E Az. Internazionale CNP E Az.Em.Eu Mediterraneo CNP E Az.Pacifico e Giappone CNP E Azionario America CNP E Azionario Cina CNP E Azionario Europa CNP E Azionario India CNP E Inflazione pi CNP E Obblig. Euro 1-3 CNP E Obblig. Euro Corp. CNP E Obblig. Euro Oltre 3 CNP E Obbligazionario Misto CNP E Obbligazionario US CNP E Strategia 20 CNP E Strategia 30 CNP E Strategia 40 CNP E Strategia 50 CNP E Strategia 70 CNP Opportunit Az. CNP Smart 08 CNP Smart 08 Plus CNP Uniattiva (scad.06/2017) CNP Uniattiva- scad 12/2017 Equilibria 110 Bis Green G.E. L. Dinamica L. Dinamica Plus L. Protetta 01 Gennaio L. Protetta 02 Febbraio L. Protetta 03 Marzo L. Protetta 04 Aprile L. Protetta 05 Maggio L. Protetta 06 Giugno L. Protetta 07 Luglio L. Protetta 08 Agosto L. Protetta 09 Settembre L. Protetta 10 Ottobre L. Protetta 11 Novembre L. Protetta 12 Dicembre Profilo Artemide 10 Profilo Artemide 15 Profilo Artemide Plus Profilo Attivo Profilo Bilanciato Profilo Capital 1085 Prog. Equilibria 110 Prog. Equilibria 90 Prog. Opportunity Progetto Azionario Progetto Equilibria Progetto Equilibria 2 Progetto Equilibria 3 Progetto Medium Progetto Obbligazion. Progetto Smart Progetto Sprint Red I.E. Risparmio Attivo Risparmio Bilanciato Risparmio Obbligaz. Yellow E.B.

Alcyone Atlante Elettra Maia Merope Private Selection Star B Equity Star Dynam. Balanced Star Dynam. Growth Star Dynamic Conserv. Star F Equity Star J Bond Star Money Market Star P Bond Star T Bond Star T Equity Azionario Bap Conservativo Bap Dinamico Bap Moderato Flessibile

BancAssurance Pop.ri

01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09

4,777 4,902 4,893 4,911 4,641 4,713 4,626 4,368 3,576 4,626 4,469 4,936 5,180 4,953 4,907 4,565 89,036 101,080 84,740 99,890 95,820

Adria Equilibrio Aptus I Aptus II Aptus III BG 2005-2015 BG 2005-2020 BG 2005-2025 BG 2005-2030 BG 2006-2015 BG 2006-2016 BG 2006-2020 BG 2006-2021 BG 2006-2025 BG 2006-2026 BG 2006-2030 BG 2006-2031 BG 2007-2015 BG 2007-2016 BG 2007-2017 BG 2007-2020 BG 2007-2021 BG 2007-2022 BG 2007-2025 BG 2007-2026 BG 2007-2027 BG 2007-2030 BG 2007-2031 BG 2007-2032 BG 2008-2015 BG 2008-2016 BG 2008-2017 BG 2008-2020 BG 2008-2021 BG 2008-2022 BG 2008-2025 BG 2008-2026 BG 2008-2027 BG 2008-2030 BG 2008-2031 BG 2008-2032 BG 2009-2015 BG 2009-2016 BG 2009-2017 BG 2009-2020 BG 2009-2021 BG 2009-2022 BG 2009-2025 BG 2009-2026 BG 2009-2027 BG 2009-2030 BG 2009-2031 BG 2009-2032 BG 2010-2015 BG 2010-2016 BG 2010-2017 BG 2010-2020 BG 2010-2021 BG 2010-2022 BG 2010-2025 BG 2010-2026 BG 2010-2027 BG 2010-2030 BG 2010-2031 BG 2010-2032 BG 2011-2015 BG 2011-2016 BG 2011-2017 BG 2011-2020 BG 2011-2021 BG 2011-2022 BG 2011-2025 BG 2011-2026 BG 2011-2027 BG 2011-2030 BG 2011-2031 BG 2011-2032 BG A 2018 BG A 2023 BG A 2028 BG A 2033 BG Azionario I BG Azionario II BG Bilanciato I BG Bilanciato II BG Dinamico Espansione Espansione Duemila LVA Az. Italia Previdenza P LVA Az. Previdenza P LVA Az. Usa Previdenza P LVA Din Previdenza P LVA Din. Azionario LVA In Azione LVA Index Az. Previdenza P LVA Index Obb. Previdenza P LVA Ob. Obbligazion. Sviluppo Sviluppo Duemila Tirreno Unit Equilibrio Tirreno Unit Protezione Tirreno Unit Sviluppo Valore

m m

Area Life
m

Net Index Super Nova Net Index Super Nova 2

Assimoco Vita

89,890 Aa2 MOO 89,310 Aa2 MOO

Med o anum V a
m

n e a Sanpao o V a
m m m m m

m m m m m

Pian.Bor. Giugno 2008 Pian.Bor. Maggio 2006 Pian.Bor. Maggio 2008 Pian.Bor. Marzo 2006

Augusta Vita

15.08 105,970 A+ S&P 15.08 98,170 BBB+ FIT 15.08 100,470 Baa1 MOO 15.08 99,500 A+ S&P 19.08 22.08 12.08 30.08 26.08 08.08 98,580 A+ S&P 83,710 Ba1 MOO 94,500 AA- FIT 95,020 A S&P 88,560 A S&P 89,340 A S&P

Augusta Ind.Pi DC07 Augusta Index 02/08 Augusta Index 12/06 Augusta Index 6/06 Augusta Index GN 2007 Augusta Index MG07 m

Cattolica Life Limited

m m m

UN QA L e

m m m m m

Aviva 10+ 07-2013 29.08 Aviva Target 8% 12-2013 29.08 CU Podium 07-2013 29.08 Extra Index 12,90% 12-2013 29.08 UniDifesa Inflazione 10/2017 29.08 UniDifesa Inflazione II 10/201729.08

Aviva Assicurazioni Vita


Zoom 6&6 Zoom 6&6 New Zoom Best All Stars Euro-Usa Zoom Best of Euro Jap Zoom Best of Euro Jap 2+ Zoom Best of Euro-Usa 11-14 Zoom Best of Global Basket Zoom Best of Italia-Usa Zoom Bric40 "5,10+5,10" Zoom Bric40 4+3 Zoom Bric40 5+5 Zoom Bric40 Opp. Mkts Zoom Cl. Mkts New 06-14 Zoom Classics Markets Zoom East&Western Markets Zoom Euro sect New 09-2014 Zoom Euro Sector 08-2014 Zoom Euromix 7 Zoom India&Tr.Mkts Zoom Presente e Futuro Zoom West&TigerMkts

99,730 AA- S&P 95,050 A+ S&P 96,740 AA- S&P 92,360 AA- S&P 85,730 (1) 88,270 (1) 90,700 92,300 99,370 104,530 98,320 97,610 106,460 99,250 93,740 88,310 Z 96,740 87,470 96,760 95,700 97,450 88,720 103,980 102,330 84,380 93,910 AAA AAAA A+ AABaa1 A+ AAA D A AAA+ A AAAAA+ AA A AAS&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P

L e SA

V o a
m

M ano A

m m

Zu
W W W

h nve men L e

Aviva Life

23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08 23.08

Universe Idx 10-2011

Popo a e V a

Aviva Previdenza h L e and Pen on


Aviva 10+ 07-2013 Aviva Target 8% 12-2013 BNI Smart 3 04-2012 CU Net Premium 12-2012 CU Podium 07-2013 Net Bonus 10-2015 Net Express 04-2015 Net Express 11-2014 Net Opportunity 07-2012

29.08 108,920 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 99,730 95,050 95,770 34,490 96,740 32,900 32,370 34,330 45,980 90,590 92,400 99,610 106,520 104,550 97,990 98,410 99,260 104,030 102,330 Z 88,330 94,180 96,830 96,660 87,400 95,600 88,560 97,180 83,940 93,840

A S&P AAAAAAAAAAAAA+ A AAA AAAa3 AA+ AAAAA+ AAAA D A AAA A AAA AAAAA A S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P FIT S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P

CBA Vita

Zu
W

m m m

Aviva Vita

Zu a ana A u a on
m m m m m m m m m m m m W W W W W W W W W m

h L e A u an e p
m m

AvivaVita 6&6 02-2014 AvivaVita 6&6 New 03-2014 Best A.S. Euro-Usa 06-2012 Best Global Basket 11/2011 Best of Euro Jap 02-2012 Best of Euro Jap 2+ 03/2012 Best of Euro-Usa 11-2014 Best of Italia-Usa 05-2012 BPU Euromix 7 09-2012 BPU India&Tr.Mkts Bric40 11-2013 Bric40 4+3 01/2013 Bric40 5,10+5,10 12.2013 Bric40 OpportunMkts11-2012 Classic Markets 05-2014 Classic Mkts New 06-14 East&Western Mkts 06-2013 Euro Sector 08-2014 Euro Sector New 09-2014 Presente e Futuro 09-2013 West&TigerMkts 03-2013

CBA Accumulo II Serie CBA Alta Correlazione CBA Andamento Trimestrale CBA Azioni Euro Blue Chips CBA Azioni Europa CBA Confronto CBA Doppia Prosp. II CBA Doppia Prospettiva CBA Esagono CBA Esagono II Serie CBA Esagono III Serie CBA Esagono IV Serie CBA Everest CBA Indici Globali CBA Japan Trend CBA Media Trimestrale CBA Nuova Europa CBA Obiettivo Dollaro CBA Obiettivo Yen CBA Perform. Alternativa CBA Performance Trimestrale CBA Sette Indici II Serie CBA Sintonia Tre Indici CBA Stock Europa CBA Tre Continenti CBA Tre Indici CBA Tre Indici II Serie CBA Tre Indici Pacifico CBA Win Win

AXA Interlife
m

Centrovita

15.06 99,260 17.08 96,114 17.08 98,900 17.08 99,310 17.08 97,040 17.08 93,135 17.08 97,800 17.08 97,700 17.08 99,581 17.08 98,590 17.08 99,190 17.08 99,160 17.08 97,939 17.08 84,220 17.08 98,240 17.08 98,200 17.08 93,150 17.08 83,920 17.08 97,640 17.08 99,590 Y 15.06 103,779 17.08 96,500 17.08 92,670 17.08 96,550 17.08 98,200 17.08 95,920 17.08 96,550 17.08 107,183 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

a V a
m m m m

LA V

Po e V a
m

Global Domani 1 Global Domani 2 Global Domani 3 Global Domani 4 Global Domani 5 Global Idx agosto 2008 Global Idx aprile 2008 Global Idx febbraio 2008 Global Idx luglio 2008 Global Idx ottobre 2008 Global Trend 1 Global Trend 2 Global Trend 3 Global Trend 4 Global Trend 5 Global Trend 6

26.08 101,440 A2 MOO 26.08 98,430 Baa3 MOO 26.08 96,750 Baa3 MOO 26.08 98,100 A- S&P 26.08 95,500 A S&P 26.08 97,470 AA- S&P 26.08 93,090 A S&P 26.08 87,710 A S&P 26.08 90,350 A S&P 26.08 96,250 A+ S&P 26.08 93,550 A S&P 26.08 93,812 A S&P 26.08 95,377 A S&P 26.08 91,050 A S&P 26.08 89,530 A S&P 26.08 94,440 A S&P

Idx Linked Aprile 2007 Idx Linked Dicembre 2006 Idx Linked Novembre 2006 LV Idx Linked Maggio 2008 LV Idx Linked Nov. 2007

Cnp Europe Life Ltd


IdxLife 15 Star Domani IdxLife 15 Star Oggi IdxLife Aprile 2014 Domani IdxLife Aprile 2014 Oggi IdxLife Best Momentum 2 IdxLife Best Momentum Dom. IdxLife Best Momentum Oggi IdxLife C&P 7 Domani IdxLife C&P 7 Oggi IdxLife C.&Premia 4x4 Dom. IdxLife C.&Premia 4x4 Oggi IdxLife C.&Premia Domani2 IdxLife C.&Premia Domani3 IdxLife C.&Premia Domani5 IdxLife C.&Premia Oggi2 IdxLife C.&Premia Oggi3 IdxLife C.&Premia Oggi5 IdxLife Feb 2014 Domani IdxLife Feb. 2014 Oggi IdxLife Giugno 2014 Dom. IdxLife Luglio 2014 Domani IdxLife M.&Premia Domani IdxLife M.&Premia Oggi IdxLife Maggio 2014 Dom. IdxLife Marzo 2014 Domani IdxLife Marzo 2014 Oggi IdxLife Sett 2014 Domani IdxLife Titano 2 IdxLife Titano Bonus IndexLife Nuove Domani IndexLife Nuove Oggi IndexLife Orso e Toro Domani IndexLife Top 15 Domani IndexLife Top 15 Oggi IndexLife2 Chance Domani IndexLife2 Chance Oggi

115,720 A S&P 105,660 A1 MOO 106,180 Baa1 MOO 96,070 A3 MOO 104,380 A+ S&P 93,520 97,970 81,880 91,780 89,460 91,220 100,450 91,410 96,810 100,390 97,750 98,330 101,930 94,650 100,570 98,680 97,910 86,370 100,190 80,800 80,590 89,060 97,050 81,180 85,590 100,040 91,170 89,460 88,420 97,150 100,350 97,680 96,350 99,660 95,220 97,980 87,580 98,080 86,350 96,970 87,470 96,190 93,700 99,190 89,150 96,610 89,810 88,290 89,910 96,530 101,750 96,780 97,020 97,550 97,720 97,520 97,240 96,730 100,630 95,160 96,750 91,870 91,110 85,470 80,940 102,150 101,150 88,790 86,770 95,830 83,620 99,810 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 A1 A1 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 A1 A1 Aa2 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 Aa3 A A A A A A A2 A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A2 A A+ A+ A A2 A2 A2 A2 MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P MOO MOO MOO MOO

Groupama Ass u a on

RB V a
m

26.08 26.08 26.08 26.08 26.08

m m m m m m

m m

m mm Linea Forte 70 Linea Forte 70A Linea Forte 70B Linea Forte 70C Linea Forte 70D Linea Forte 70E TB Growth 33 Olimpo TB Growth 34 Zaffiro TB Growth 35 Smeraldo TB Growth 37 Turchese TB Growth 37 Turchese/A TB Growth 38 Ambra TB Growth 39 Giada TB Growth 40 Acquamarina TB Growth 41 Corallo TB Growth 42 Perla TB Growth 44 Paesi Em. TB Growth 45 Super4 TB Growth 47 Super4 Pi TB Growth 49 Super4 Pi TB Growth 51 Super5 TB Growth 53 Super4 Pi TB Growth 54 Super5 F.C. TB Growth 55 Italia Ch. TB Growth 56 Italia TB Growth 57 Italia Pi TB Growth 58 Everest TB Growth 59 EverestPlus TB Growth 6 TB Growth 60 EverBest TB Growth 61 PowerEquity TB Growth 62 T. Crescita TB Growth 63 Memory Twin TB Growth 64 TwinCrescita2 TB Growth 65 MemoryTwin2 TB Growth 66 TwinCrescita3 TB Growth 67 MemoryTwin3 TB Growth 68 20 Spread TB Growth 69 11 S.Spread TB Growth 7 TB Growth 70 15 Spread TB Growth 71 MemoryTwin4 TB Growth 72 MemoryTwin5 TB Growth 73 BestSpread TB Growth 74 TwinMem. TB Growth 75 Secure Life C. TB Growth 76 10 Spread R. TB Growth 77 Golden Share TB Growth 78 10 Spread TB Growth 79 AgriOneForAll TB Growth 80 MemoryTwin6 TB Growth 81 WorldOneForAll TB Growth 82 World 6 Index TB Growth 83 Eur.BasketVal TB Growth 84 Double Opport. 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 31.08 01.11 15.12 31.03 31.03 20.05 30.06 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 104,022 A3 MOO 104,022 A3 MOO 104,022 A3 MOO 104,022 A3 MOO 104,022 A3 MOO 104,022 A3 MOO 116,056 A S&P 100,000 A S&P 100,000 A2 MOO 100,000 A2 MOO 100,000 A S&P 100,000 A2 MOO 100,000 A2 MOO 99,790 A2 MOO 99,540 A2 MOO 99,320 A2 MOO 104,200 Aa1 MOO 99,150 A2 MOO 98,870 A2 MOO 98,790 A2 MOO 98,530 A2 MOO 98,390 A2 MOO 98,170 A2 MOO 98,090 A2 MOO 97,830 A2 MOO 97,690 A2 MOO 97,480 A2 MOO 97,360 A2 MOO 88,160 A2 MOO 97,180 A2 MOO 98,500 A2 MOO 98,470 A2 MOO 106,730 A2 MOO 99,500 A2 MOO 114,329 A2 MOO 97,810 A2 MOO 114,169 A2 MOO 99,380 A2 MOO 108,331 A2 MOO 87,310 A2 MOO 96,472 A2 MOO 111,672 A2 MOO 109,836 A2 MOO 97,112 A2 MOO 94,680 A2 MOO 93,930 A2 MOO 108,813 A2 MOO 114,053 A2 MOO 99,135 A2 MOO 110,257 A2 MOO 107,510 A2 MOO 110,698 A2 MOO 106,924 A2 MOO 98,356 A2 MOO 101,789 A2 MOO

NA ASS TAL A
m

Equity America Equity America PIP Equity Asia Equity Asia PIP Equity Europa Equity Europa PIP World Global Bond World Global Bond PIP

BIM Vita

01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08

4,696 4,695 4,793 4,707 4,092 4,082 5,333 5,179 8,160 10,170 10,660 9,460 5,800 5,430 4,930 4,180 4,540 3,220 5,460 5,530 5,470 5,480 2,990 3,090 3,650 4,350 6,270 5,020 6,450 4,180 5,310 7,040 121,980 178,409 137,845 1200,58 174,640 166,589 188,264 113,315 212,006

NG L e Luxembou g

Rea e Mu ua A

u a on

m m m

Bim Vita Allegro Bim Vita Andante Bim Vita Moderato Bim Vita Plus

m m m m m

CNP UniCredit Vita

Bipiemme Vita
BPM AZ 30 BPM AZ 50 BPM AZ 80 BPM AZ Flex Equity 40 Equity 95 Fin. Aurora Dicembre 2002 Fin. Aurora Giugno 2002 Fin. Aurora Marzo 2002 Fin. Aurora Ottobre 2002 Fin. Geographic Areas Fin. Industrial Sectors Financial Audace Financial Equilibrato Financial Global Bond Financial Prudente Financial Riserva Euro Financial Vita Azionario Financial Vita Bilanciato Financial Vita Obbligaz.

n e a Sanpao o L e L d

m m m mm m m m m m m m

La Mond a e Eu opa ne
m

m m m

R pa m o & P ev den a
m m m m m m m m

Cardif

Aviva Life
Armonia

Azionario B Bilanciato B Fondo Fortune 2 Fondo Fortune 33 Fondo Fortune 36 Fondo Fortune 43 Fondo Fortune 7 MF 10036200 Obbligazionario B

Zu San M n a o P ev
m m

h L e n u an e a a

Darta Saving Life A.


m m m

PA

m m m m m m

m M mV

m m %

Delta 2 Domani Delta 2 Oggi Delta 3 Domani Delta 3 Oggi Delta Domani Delta Oggi Fenice Memoria Fenice Memoria II IdxVita Everest Domani IdxVita Everest Oggi IdxVita Pegaso Memoria2 IndexVita Aries IndexVita Cons.&Premia 6D. IndexVita Cons.&Premia 6O. IndexVita Euro Dollaro IndexVita Fenice IndexVita Fenice 2 IndexVita Mix IndexVita Omega 2 IndexVita Omega 3 IndexVita Omega Trend IndexVita Omega Trend II IndexVita Omega4 IndexVita PasoDoble Domani IndexVita PasoDoble Oggi IndexVita Pegaso IndexVita Pegaso Memoria IndexVita Tauri IndexVita Tauri 2 IndexVita Theta IndexVita Theta 2 IndexVita Titano Moltiplica&Premia 2 D. Moltiplica&Premia 2 O. Moltiplica&Premia 2008 D. Moltiplica&Premia 2008 O.

46 Risparmio gestito
Moltiplica&Premia 3 D. 31.08 83,800 Moltiplica&Premia 3 O. 31.08 94,990 Moltiplica&Premia 4 D. YX Moltiplica&Premia 4 O. YX Moltiplica&Premia 5 D. 31.08 87,260 Moltiplica&Premia 5 O. 31.08 102,590 Multiplayer Domani 31.08 84,860 Multiplayer Oggi 31.08 101,090 Olimpia 31.08 87,530 Olimpia 2 31.08 87,140 Olimpia 3 31.08 84,690 Pegaso 2007 31.08 83,880 UniDifesa Inflazione 10/2017 29.08 85,730 UniDifesa Inflazione II 10/201729.08 88,270 A2 A2 B3 B3 A A A A A A A2 A2 (1) (1) MOO MOO MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO Intesa4x4 Ago.04 Serie III Intesa4x4 Ago.04 Serie IV Intesa4x4 Apr.04 Intesa4x4 Apr.04 bis Intesa4x4 Giu.04 Serie I Intesa4x4 Lug.04 Serie I Intesa4x4 Lug.04 Serie II Intesa4x4 Nov.04 Serie I Intesa4x4 Nov.04 Serie II Intesa4x4 Ott.04 Serie I Intesa4x4 Set.04 Serie I Intesa4x4 Set.04 Serie II Intesa4x4 Set.04 Serie III Mistral Ago.05 Serie I,II Mistral Dic.05 Mistral Feb06 Mistral Gen.06 Mistral Lug.05 Serie I,II Mistral Nov.05 Serie I,II Mistral Ott.05 I,II,III,IV Mistral Serie I,II,III Mistral Set.05 I,II,III,IV Obiett24 Apr.05 Serie I Obiett24 Feb.05 Serie I,II Obiett24 Gen.05 Serie I,II,III Obiett24 Mag.05 Serie I,II Obiett24 Mar.05 Serie I Obiett24 Serie I Sector Power Ago.07 Sector Power Lug.07 Sostenibile 2008/1 Sostenibile 2008/2 Super5 Apr.07 Valore Europa Apr.07 Valore Europa Giu.07 Valore Europa Mag.07 Valore Europa mar. 07 World Basket Ago.07 World Basket Dic. 07 World Basket Lug.07 World Basket Ott.07 World Basket Set.07 Cedola In Gara Crescita/Dax Coupon Double Up Eurocoupon Evolution Punto Fermo Revolution/Mem.Coupon Sprint Coupon 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 22.08 31.07 31.07 31.07 91,060 90,980 105,960 105,870 105,020 104,090 104,810 89,270 89,260 95,300 95,110 95,100 95,110 92,340 90,220 88,000 89,160 93,780 91,030 92,830 94,100 93,310 84,070 85,360 94,150 84,130 85,730 92,950 91,900 92,060 88,070 91,450 85,450 94,510 88,430 86,500 95,410 85,650 80,550 85,530 78,650 81,100 Baa2 Baa2 A3 A3 A+ A+ A+ Baa2 Baa2 A+ A+ A+ A+ A2 AAAA AA A2 AAA2 A2 A2 AAA+ Baa2 AAAABaa2 A A A+ A+ A Baa2 A+ A Baa2 A+ AAA A A MOO MOO MOO MOO S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P MOO S&P MOO MOO MOO S&P S&P MOO S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239


Derby Settembre 2005 26.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 29.04 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 30.06 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 31.08 12.08 12.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 31.08 12.08 12.08 12.08 12.08 04.08 12.08 19.08 08.08 29.07 26.08 30.08 96,230 87,070 87,610 89,140 88,650 92,560 90,980 97,660 96,990 106,270 97,690 100,990 88,970 88,200 93,180 92,760 93,070 87,430 89,170 88,230 90,020 81,650 87,540 88,100 88,620 103,380 103,590 101,470 99,380 104,010 101,520 103,920 100,020 101,760 102,810 105,400 105,250 105,440 102,490 121,230 102,230 102,730 103,110 104,060 134,310 98,080 90,980 90,890 91,060 90,980 105,960 105,870 105,020 104,090 104,810 89,270 89,260 95,300 95,110 95,100 95,110 117,540 92,340 90,220 88,000 89,160 93,780 91,030 92,830 94,100 93,310 84,070 94,150 84,130 85,730 85,360 92,950 98,640 91,900 92,060 83,297 82,520 82,248 83,724 88,546 85,450 82,840 82,950 94,510 88,430 95,410 86,500 76,109 85,650 85,530 78,650 81,100 A+ S&P A+ A+ A+ A+ AAAABaa2 Baa2 A+ A+ A+ AAAA Baa2 Baa2 Baa2 A+ AAA+ A+ A AAAAAAA+ AAA AAAA A+ A+ A+ AAA+ A+ A+ AA A+ A+ A3 A+ A+ AAAAA3 A3 Baa2 Baa2 Baa2 Baa2 A3 A3 AAAAAABaa2 Baa2 AAAAAAAAA A+ AAAA AA A+ AAA+ A+ A+ AABaa2 AA AAA+ Baa2 A+ A A Aa3 Aa3 A+ A+ A1 A A+ A+ Baa2 A+ Baa2 A A+ A+ A A A S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO MOO S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P MOO S&P S&P S&P MOO S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P

Sud Polo Vita S.p.A.


All Stars Europa Apr.06 All Stars Europa Giu.06 All Stars Europa Mag.06 All Stars Europa Mar.06 Dynamic Strategy Dic.06 Dynamic Strategy Feb.07 Dynamic Strategy Gen.07 Dynamic Strategy Nov.06 Extra6 Serie I ExtraFour Mar.06 ExtraSTOXX Lug05 Serie I Forza5 Ago.06 Forza5 Apr.06 Forza5 Dic.06 Forza5 Feb.07 Forza5 Gen.07 Forza5 Giu.06 Forza5 Lug.06 Forza5 Mag.06 Forza5 Mar.06 Forza5 Mar.07 Forza5 Nov.06 Forza5 Ott.06 Forza5 Sett.06 GlobalDOC Ago.05 Serie I,II GlobalDOC Apr.05 Serie I,II GlobalDOC Dic.05 GlobalDOC Feb.06 GlobalDOC Giu.05 S. I,II,III GlobalDOC Lug.05 Serie I,II GlobalDOC Mag.05 Serie I,II GlobalDOC Nov.05 Serie I,II GlobalDOC Ott.05 Serie I,II GlobalDOC Set.05 Serie I,II GrandPrix Feb.06 GrandPrix Gen.06 GrandPrix Mar.06 Intesa 6 Plus Serie I Intesa Inox Intesa Inox06 Ago.06 Intesa Inox06 Lug.06 Intesa Inox06 Ott.06 Intesa Inox06 Sett.06 Intesa Inox60 Intesa4x4 Intesa4x4 Ago.04 Serie I Intesa4x4 Ago.04 Serie II Intesa4x4 Ago.04 Serie III Intesa4x4 Ago.04 Serie IV Intesa4x4 Apr.04 Intesa4x4 Apr.04 bis Intesa4x4 Giu.04 Serie I Intesa4x4 Lug.04 Serie I Intesa4x4 Lug.04 Serie II Intesa4x4 Nov.04 Serie I Intesa4x4 Nov.04 Serie II Intesa4x4 Ott.04 Serie I Intesa4x4 Set.04 Serie I Intesa4x4 Set.04 Serie II Intesa4x4 Set.04 Serie III IntesaDOC Mistral Ago.05 Serie I,II Mistral Dic.05 Mistral Feb.06 Mistral Gen.06 Mistral Lug.05 Serie I,II Mistral Nov.05 Serie I,II Mistral Ott.05 I,II,III,IV Mistral Serie I,II,III Mistral Set.05 I,II,III,IV Obiett24 Apr.05 Serie I Obiett24 Gen.05 Serie I,II,III Obiett24 Mag.05 Serie I,II Obiett24 Mar.05 Serie I Obietti24 Feb.05 Serie I,II Obietti24 Serie I Sec. Selection 12/07 Sector Power Ago.07 Sector Power Lug.07 SPV Eurosost. 2008/1 SPV Eurosost. 2008/2 SPV Inflazione Pi SPV Inflazione Pi 2 SPV Inflazione Pi 3 Super5 Apr.07 Top 30 Giu.07 Top 30 Mag.07 Valore Europa Apr.07 Valore Europa Giu.07 Valore Europa Mar.07 Valore Europa Mg.07 W. Basket Red. 12/07 W.Basket Ago.07 W.Basket Lug.07 W.Basket Ott.07 W.Basket Set.07 Index FivePi 03/08 Toro Idx Four Pi 12/06 Toro Ind FivePi DC07 Toro Ind FivePi MG07 Toro Index 06/05 Toro Index FivePi GN07 Toro IndexFour 6/06

FONDI COMUNI E SICAV ESTERI

ARMONIZZATI UE
Cat. Fondo Data Nav/ Risc. Emis.

Alken Fund
AEU European Opps R(7) AEU Small Cap Europe R 01.09 01.09 105,40 74,82 Cl.A 5,192 4,857 9,302 5,519 3,202 3,647 Cl.B 5,515 5,095 9,895 5,701 3,456 4,204 3,874 3,961

Allianz Global Inv. Selection Funds PLC


BBI Active Balanced FLE Bond Return Plus AEM Emerging Markets LAE Euro Liquidity AEU Europe AAS High Dividend APA Pacific(6) AAM USA(6) APS AGIF China ITU AEU AGIF DisEuSacte(6) LAE AGIF Enh.Sht Term E CT LAE AGIF Enh.Sht Term E IT OEH AGIF EuBoSt CE(6) OEH AGIF EuBoSt CTE(6) OEH AGIF EuBoSt ITE(6) OEH AGIF EuHiYi AE(6) OEH AGIF EuHiYi ATE(6) OEH AGIF EuHiYi ITE(6) OEM AGIF Euro Bond CTE AEU AGIF EuSmCa ATE(6) ATE AGIF Gl Hi-TechGth IT AEM AGIF Gr. Markets Pr. ATE APS AGIF Hong Kong ITU APS AGIF Japan ITU APS AGIF Korea ITU APA AGIF Little Dragons A2 APA AGIF Little Dragons CT2 APA AGIF Oriental Inc ATU APA AGIF Oriental Inc ITU APA AGIF T.Ret AsianEq ITU AAM AGIF US Eqs CTE APA Asia Pacific AT APA Asia Pacific CT AAE Best Styles Euroland AT AAE Best Styles Euroland CT AEM BRIC Equity AT AEM BRIC Equity CT AAE Eurol Eq Growth AT AAE Eurol Eq Growth CT AAE Eurol Eq Growth IT AEU Europ Eq Div AT AEU Europ Eq Div CT AEU Europe Eq Growth AT AEU Europe Eq Growth CT AEU Europe Eq Growth IT AAS Glb Agricultural Trends AT AAS Glb Agricultural Trends CT AAS Glb Agricultural Trends IT AAS Global Eco Trends AT AAS Global Eco Trends CT AIN Global Equity AT AIN Global Equity CT AIN Global Equity IT --- Global Metals&Mining AAS Global Sustainability CT 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

Credemvita

ODH Gl High Yield Bd Hdg ASE Gl REIT AIN Index Opport. Fd APS Japanese(Jpy) OEM Long Term European Bd AAE Pan European Eq. OEM Short Term European Bd AEU Sus Fut Pan-Eur AbsRet AEU Sus Fut Pan-Eur Eq APS UK Focus(Gbp) FLE Absolute T250 Bd(7) FLE Absolute TAA 5 FLE Absolute TAA 5(Gbp) FLE Absolute TAA(Gbp) AAM American Equity($)(7) APA Asia Pacific Equity($)(7) APS Australian Resources OPE Em Mkts Bond($)(7) AEM Em Mkts EqSmCap($)(7) AEM Em Mkts Equity($)(7) OPE Em Mkts Local Ccy Bd AEM Em Mkts Spec Sit($)(7) LAE EUR Reserve(7) OMI Europ Aggregate Bd AEM Europ Converg Eq(7) OEC Europ Corporate Bd(7) AEU Europ Equity(7) ASE Europ REIT(7) AEU Europ Value Equity(7) LAV GBP Reserve(Gbp) OAS Gl Aggr Ccy Hdg Bd(7) FLE Gl Conv Abs Ret Hdg(7) FLE Gl Conv Abs Ret($)(7) FLE Gl Conv Abs Ret(Gbp)(7) OAS Gl Convertibles($)(7) AIN Gl Equity Focus($)(7) AIN Gl Equity Income AIN Gl Equity Quant($)(7) ODH Gl High Yield Bd Hdg ODH Gl High Yield Bd($) ASE Global REIT AIN Index Opportunities(7) APS Japanese(Jpy)(7) OEM Long Term Europ Bd(7) AEU Pan Europ Eq Focus AAE Pan Europ Equity(7) OEM Short Term Europ Bd(7) AIN Sust Fut Gl Eq AIN Sust Fut Gl Eq(Gbp) AEU Sust Fut PanEurAbsR(7) AEU Sust Fut PanEurEq(7) APS UK Eq Focus(Gbp)(7) FLE Absolute T250 Bd FLE Absolute TAA FLE Absolute TAA 5 AAM American Equity($) APA Asia Pacific Equity($) APS Australian Resources AEM Em Mkts Eq Sm Cap($) AEM Em Mkts Equity($) OPE Em Mkts Local Ccy Bd AEM Em Mkts Special Sit($) LAE EUR Reserve OMI Europ Aggregate Bd AEM Europ Convergence Eq OEC Europ Corporate Bd AEU Europ Equity ASE Europ REIT AEU Europ Value Equity APS French Equity OAS Gl Convertibles($) AIN Gl Eq Quant($) AIN Gl Equity Income ODH Gl High Yield Bd Hdg ODH Gl High Yield Bd($) ASE Global REIT AIN Index Opportunities APS Japanese Equity(Jpy) OEM Long Term Europ Bd AEU Pan Europ Eq Focus AAE Pan Europ Equity OEM Short Term Europ Bd AIN Sust Fut Gl Equity AIN Sust Fut Gl Equity(Gbp) AEU Sust Fut PanEur AbsRet AEU Sust Fut PanEur Equity

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08

Index Evolution BIP

Crdit Agricole Vita


Az. Pi Gar. (em.55) 1.8.15 Az. Pi Gar. (em.64) 1.8.17 Az. Pi Gar.(em.59) 1.8.16 Az. Pi Gar.(em.60) 1.8.16 Az. Pi Gar.(em.61) 1.8.16 Az. Pi Gar.(em.62) 1.8.16 Az. Pi Gar.(em.63) 3.8.15 Az. Pi Gar.(em.65) 1.2.17 Az. Pi Gar.(em.66) 1.2.18 Az. PiCap.Gar.(em.56)1.8.16 Az. PiCap.Gar.(em.57)1.8.15 Azione Pi (em.29) 30.12.11 Azione Pi (em.30) 31.12.11 Azione Pi (em.31) 29.12.12 Azione Pi (em.33) 31.12.13 Azione Pi (em.36) 30.11.13 Azione Pi (em.37) 30.11.13 Azione Pi (em.38) 30.12.13 Azione Pi (em.39) 30.12.13 Azione Pi (em.41) 30.09.13 Azione Pi (em.42) 30.10.14 Azione Pi (em.43) 30.12.14 Azione Pi (em.44) 30.06.15 Azione Pi (em.45) 31.12.15 Azione Pi (em.46) 31.12.15 Azione Pi (em.47) 31.12.15 Azione Pi (em.48) 30.11.15 Azione Pi (em.49) 20.12.15 Azione Pi (em.50) 21.12.15 Azione Pi (em.51) 28.09.15 Azione Pi (em.53) 13.11.15 Azione Pi (em.54) 1.5.15 Azione Pi 28.03.2013 Azione Pi 28.2.2013 Azione Pi 30.1.2012 Azione Pi 30.11.2012 Azione Pi 30.12.2011 Azione Pi 30.12.2013 Azione Pi 31.01.2013 Azione Pi 31.03.2012 Azione Pi 31.1.2014 Azione Pi 31.12.2011 Azione Pi 31.12.2013

30.08 152,400 AA- S&P 29.08 87,980 A+ S&P 29.08 78,890 A+ S&P 29.08 83,010 A+ S&P 29.08 79,550 A+ S&P 29.08 79,550 A+ S&P 29.08 79,550 A+ S&P 29.08 83,810 A+ S&P 29.08 77,430 A+ S&P 29.08 72,130 A+ S&P 29.08 83,080 A+ S&P 29.08 85,590 A+ S&P 29.08 98,950 A S&P 29.08 98,240 A FIT 29.08 91,050 A S&P 29.08 88,200 A FIT 29.08 90,900 A+ S&P 29.08 90,900 A+ S&P 29.08 89,750 A+ S&P 29.08 88,750 A S&P 29.08 90,980 A FIT 29.08 81,750 A S&P 29.08 80,430 A S&P 29.08 91,540 A+ S&P 29.08 88,200 A S&P 29.08 88,200 A S&P 29.08 98,980 A+ S&P 29.08 91,550 A+ S&P 29.08 90,480 A+ S&P 29.08 82,510 A+ S&P 29.08 96,590 A+ S&P 29.08 96,610 A+ S&P 29.08 86,540 Aa2 MOO 29.08 95,520 A FIT 29.08 93,680 A FIT 29.08 98,500 A S&P 29.08 90,810 A S&P Z n.r. S&P 29.08 96,080 A+ S&P 29.08 100,150 A+ S&P Z n.r. S&P 29.08 89,980 A S&P 29.08 103,320 A+ S&P Z n.r. S&P 85,730 (1) 88,270 n.d.

Allianz Global Investors Lux S.A.


01.09 1799,710 30.08 96,32 01.09 103,490 01.09 1037,190 01.09 101,970 01.09 103,60 01.09 1045,73 01.09 102,68 01.09 106,25 01.09 1072,43 01.09 11,080 01.09 120,73 01.09 11,930 01.09 100,760 01.09 231,670 01.09 14,040 01.09 12,210 01.09 185,670 01.09 182,940 01.09 87,810 01.09 92,010 01.09 25,950 01.09 81,840 01.09 9,860 01.09 9,480 01.09 5,690 01.09 5,560 01.09 79,070 01.09 80,280 01.09 103,240 01.09 101,280 01.09 1095,380 01.09 153,100 01.09 150,340 01.09 119,010 01.09 114,560 01.09 1274,240 01.09 92,770 01.09 102,400 01.09 1077,090 01.09 56,610 01.09 54,810 01.09 5,360 01.09 6,820 01.09 7,110 01.09 83,80 01.09 7,290

Italiana Assicurazioni

L'A.I.V.

93,300 A+ S&P 92,740 A+ S&P 76,870 BB- S&P 91,810 A S&P 92,650 A S&P 97,150 A3 MOO 35,550 BB- S&P 96,320 A S&P 97,289 AA- S&P 95,018 AA- S&P 97,289 AA- S&P

L.A. Vita Az Cedola 4 L.A. Vita Indice 4x4 SPMIB L.A. Vita Monteparma 4x4

Lawrence Life

Cedola Plus (28/05/15) Double Race 2014 MultiCedola (29/06/2015) Top Index I (28/09/2015) Top Index II (29/10/2015)

Creditras Vita

Liguria Vita

29.08 99,980 A- S&P 15.08 95,430 BBB S&P 29.08 102,230 A- S&P 29.08 101,580 A- S&P 29.08 101,550 A- S&P 29.08 29.08 29.08 29.08 94,310 96,700 98,250 97,730 A+ A+ A A+ S&P S&P S&P S&P

UniDifesa Inflazione 10/2017 31.08 UniDifesa Inflazione II 10/201731.08

Darta Saving Life A.


Obiettivo Asia

Grand Prix 7/11/13 Valore Sicuro 1/8/15 World Cup 2 25/6/14 World Cup 27/3/14

29.07 104,145 Aa3 MOO 29.08 29.08 29.08 29.08 93,260 BB+ S&P 94,660 A+ FIT Z D FIT 92,332 A- S&P 98,570 A+ S&P Z D FIT

Lloyd Italico di Alleanza Toro


F.B. Ind FivePi 03/08 F.B. Ind FivePi DC07 F.B. Ind FivePi MG07 F.Borsa Blue Basket F.Borsa Hyper Ind F.Borsa Ind FivePi GN07 04.08 19.08 08.08 30.08 12.08 26.08 26.08 26.08 26.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08

Ergo Previdenza
Energia Massima Ergo Energy Pura Energia Pura Energia Agosto 2006 Pura Energia maggio 2006 Swing per Te

Lombarda Vita Milano Ass.

97,400 A- S&P 98,580 AA- S&P 89,340 A S&P 95,020 A S&P 94,500 AA- FIT 88,560 A S&P 82,595 82,600 84,910 (1) (1) (1)

LV Eurostoxx 50 4+4 LV Eurostoxx 50 4+4 II LV Eurostoxx 50 4+4 III 5 Stelle 28/11/11 BestCoupon 4/10/2012 Challenge 30/03/2014 Dodici Pi 25/06/2012 EuroTop 06/10/2011 EuroTop Plus 5/3/2012 Global Race 28/6/13 Grand Prix 7/11/13 Match Race 30/3/13 Memory 2008 1.7.2013 Metal & Oil 28/11/2011 MultiAsset 25/7/2012 Paesi Emergenti 31/10/12 Paracadute Top Equity 20/1/2013 Valore Sicuro 1/8/15 World Cup 2 25/6/14 World Cup 27/3/14

Boemondo D'AltaVilla Clean Energy Investment Commodity Linked Energie Pulite Energie Rinnovabili Eurotrend Atlantide Eurotrend AutoBasket Eurotrend AutoBasket Op. Eurotrend Cedola Pi Eurotrend Clean Energy Eurotrend EurUsd Eurotrend MultiCedola Eurotrend New Energy Eurovita Bric Eurovita Compatto Eurovita Eurowin Eurovita Power Eurovita Step Up Everest II Social Responsability

FATA Vita

29.08 92,870 BBB+ FIT 26.08 92,970 A S&P 26.08 92,420 A S&P 31.08 97,700 A S&P Z w.r. MOO Z n.r. FIT Z w.r. MOO 31.08 94,310 BBB+ S&P 29.08 89,540 BBB+ FIT Z n.r. FIT 31.08 104,500 A+ S&P 29.08 89,460 BBB+ FIT Z w.r. MOO 31.08 104,650 A2 MOO 31.08 98,080 Baa2 MOO 31.08 94,700 BBB+ FIT 31.08 100,100 BBB+ FIT Z n.r. FIT Z n.r. FIT 31.08 99,680 A+ S&P Y B3 29.07 98,110 Aa3 29.07 98,640 Aa2 29.04 100,060 A+ 26.08 97,652 Aa3 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 15.08 13.08 22.08 30.08 30.08 29.08 15.08 08.08 30.08 30.08 30.08 30.08 15.08 15.08 15.08 15.08 15.07 15.08 15.08 15.08 15.08 15.08 10.08 97,500 95,240 94,310 93,250 96,700 98,250 97,730 AA A+ A A+ A A+ MOO MOO MOO S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P FIT S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P

Popolare Vita

97,500 A- S&P 94,140 A S&P 88,540 A S&P 88,120 AA- S&P 99,560 A S&P 95,900 A- S&P 95,240 A S&P 94,310 A+ S&P 93,250 A S&P 92,580 A+ S&P 15,000 D S&P 98,160 A- S&P 86,450 A- S&P 91,080 BB+ S&P 90,380 A S&P 96,700 A+ S&P 98,250 A S&P 97,730 A+ S&P D A+ D A ABaa3 AAA AAAAA+ A A A Aa3 A2 A A A+ A A A Baa3 Baa3 AAAAAAAAA A A A AA A+ A+ AAA+ A A+ A+ A+ A+ AAAAA+ A+ A Baa3 AA+ A A+ A+ A+ A+ Baa3 A+ D Aa3 A A+ A+ A A+ A+ A+ A+ A A AAA+ A+ A+ A+ A+ A+ (1) (1) A AAA BBB A+ A+ C AAA Baa2 (1) Aaa n.d. A+ A+ A+ A (1) (1) Baa2 A2 A2 A2 S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P FIT FIT FIT FIT S&P FIT FIT FIT MOO MOO S&P S&P S&P S&P MOO MOO MOO MOO

EuroValore Attivo con Fata FATA Evoluzione Fataaffari Bond Forza 5 con FATA Orizzonte 6 Index

Fondiaria - Sai
5 Stelle 28/11/11 Global Race 28/6/13 Grand Prix 7/11/13 Match Race 30/3/13 Valore Sicuro 1/8/15 World Cup 2 25/6/14 World Cup 27/3/14

Groupama Assicurazioni
Blue Coupon Aprile2008 Blue Coupon Dicembre2006 Blue Coupon Dicembre2007 Blue Coupon Giugno2005 Blue Coupon Giugno2006 Blue Coupon Giugno2007 Blue Coupon Luglio2008 Blue Coupon Maggio2007 CapitalPi - Aprile 2011 CapitalPi - Luglio 2010 CapitalPi - Luglio 2011 CapitalPi - Marzo 2010 Ganindex Ottobre2005 Groupama Index Aprile2007 Groupama Index Aprile2008 Groupama Index Dic2006 Groupama Index Luglio2006 Groupama Index Luglio2008 Groupama Index Maggio2007 Groupama Index Nov2006 Groupama Index Nov2006bis Groupama Index Nov2007 95,750 A+ 94,770 A+ 98,620 A+ 96,730 A+ 95,020 A 88,620 A 60,420 CCC 90,340 A 74,160 BBB+ 77,720 BBB+ 70,300 BBB+ 85,210 BBB+ 99,650 AA+ 96,500 A+ 95,750 A+ 74,190 BB 99,360 A+ 60,420 CCC+ 96,070 A+ 97,260 A76,960 BB 94,610 A

INA ASSITALIA
INA Multiply Bond

Intesa Sanpaolo Life Ltd


BP European Stars BP European Stars Reddito BP Global Plus BP Global Reddito BP Inflazione 7 Reddito BP Sector Selection BP Sector Selection 09/2007 BP Sector Selection 10/2007 BP Sector Selection 12/2007 BP Top Markets BP Valore Europa Reddito BP Valore Europa Reddito 2 BP Valore Italia BP Valore Italia Reddito BP World Basket Redd.09/07 BP World Basket Redd.10/07 BP World Basket Redd.12/07 BP World Basket Reddito EurizonLife Euro Sost. 2008/1 EurizonLife Euro Sost. 2008/2 EurizonLife InflazPi 2008/03 EurizonLife InflazPi 2008/1 EurizonLife InflazPi 2008/2 All Stars Europa Apr.06 All Stars Europa Giu.06 All Stars Europa Mag.06 All Stars Europa Mar.06 Dynamic Strategy Dic.06 Dynamic Strategy Feb.07 Dynamic Strategy Gen.07 Dynamic Strategy Nov.06 ExtraFour Mar.06 ExtraSTOXX Lug05 Serie I Forza5 Ago.06 Forza5 Apr.06 Forza5 Dic.06 Forza5 Feb.07 Forza5 Gen.07 Forza5 Giu.06 Forza5 Lug.06 Forza5 Mag.06 Forza5 Mar.06 Forza5 Mar.07 Forza5 Nov.06 Forza5 Ott.06 Forza5 Settembre 2006 FriulAdria Idx Ott. 2004 GlobalDOC Ago05 Serie I,II GlobalDOC Apr.05 Serie I,II GlobalDOC Dic.05 GlobalDOC Feb06 GlobalDOC Giu.05 S. I,II,III GlobalDOC Lug.05 Serie I,II GlobalDOC Mag.05 Serie I,II GlobalDOC Nov.05 Serie I,II GlobalDOC Ott.05 Serie I,II GlobalDOC Set.05 Serie I,II Grand Prix Mar.06 GrandPrix Feb.06 GrandPrix Gen.06 Inflazione Pi 2008/1 Inflazione Pi 2008/2 Inflazione Pi 2008/3 Intesa 6 Plus Serie I Intesa Inox Intesa Inox06 Agosto 2006 Intesa Inox06 Lug.06 Intesa Inox06 Ott.06 Intesa Inox06 Set.06 Intesa Inox60 Intesa Top30 Giu.07 Intesa Top30 Mag.07 Intesa4x4 Intesa4x4 Ago.04 Serie I Intesa4x4 Ago.04 Serie II

98,640 Aa2 MOO 100,000 85,630 106,508 86,950 97,980 100,000 99,740 99,330 98,640 100,000 99,190 93,760 105,860 100,000 77,390 77,190 76,370 84,470 82,220 81,350 83,640 82,430 81,660 87,070 87,610 89,140 88,650 92,560 90,980 97,660 96,990 97,690 100,990 88,970 88,200 93,180 92,760 93,070 87,430 89,170 88,230 90,020 81,650 87,540 88,100 88,620 95,660 103,380 103,590 101,470 99,380 104,010 101,520 103,920 100,020 101,760 102,810 105,440 105,400 105,250 89,760 88,480 98,230 102,490 121,230 102,230 102,730 103,110 104,060 134,310 82,840 82,950 98,080 90,980 90,890 A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ A+ Baa2 Baa2 A+ A2 A+ AA Baa2 Baa2 Baa2 A+ A+ A+ A+ A A+ A+ A+ A+ A2 AAA AAAA A2 A2 A2 AAA2 A2 A+ A+ AA AAAAA+ A2 A3 A+ A+ A+ A+ A3 A+ A+ A3 Baa2 Baa2 S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO S&P MOO S&P S&P MOO MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P MOO MOO MOO S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P MOO MOO S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P MOO MOO MOO

Intesa Sanpaolo Vita

08.06 31.08 08.06 31.08 31.08 10.08 31.08 31.08 31.08 08.06 31.08 31.08 08.06 08.06 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08 12.08

Adesso Agosto (17.08.13) Adesso Dicembre (20.12.13) Adesso Giugno (29.06.13) Adesso Index Aprile (30.4.13) Adesso Novembre (19.11.13) AdessoIndexAgosto06 AdessoIndexAgosto2005 AdessoIndexFebbraio2006 AdessoIndexGiugno2006 AdessoIndexNovembre2005 Aida 30.6.2014 Altiplano 11.07 (12.11.2013) Altiplano 12.07 (20.12.13) Altiplano 5.07 (31.5.13) Altiplano 6.07 (29.6.13) Altiplano 8.07 (31.8.13) Altiplano 9.07 (28.9.2013) Ambra (3.7.2012) Ametista (30.11.2012) Arabesque (02.04.2013) BPN Ottobre 31/10/2014 Calliope (31.01.2012) Cambr (29.06.2013) CrebergAltiplanoGennaio07 CrebergAltiplanoNov06 CrebergAltiplanoSett2006 CrebergIndexAgosto2005 CrebergIndexDicembre2005 CrebergIndexFebbraio2006 CrebergIndexMaggio2006 CrebergIndexMarzo2006 CrebergIndexNovembre2005 CrebergIndexOttobre2005 CrebergIndexSettembre2005 CrebergOttobre 31/10/2014 CrebergPolarAgosto06 CrebergPolarDicembre06 CrebergPolarGennaio07 CrebergPolarGiugno2006 Dioniso (24.11.2011) Eliseo (31/01/2014) Elisir 03.08 (31/03/2014) Elisir 05.08 (30/05/2014) Elisir 07.08 (31/07/2014) Elisir 09.08 (30/09/2014) Fenice 1 (31/01/2014) Futuro 02.08 (15/02/2014) Futuro 03.08 (31/03/2014) Futuro 04.08 (30/04/2014) Futuro 05.08 (30/05/2014) Futuro 06.08 (30.6.2014) Futuro 07.08 (31/07/2014) Futuro 08.08 (29/08/2014) Futuro 09.08 (30/09/2014) Giunone (30.9.2011) Grecale (31.10.2013) Index Red (30.11.2013) Joker (30/09/2014) King (30/05/2014) King II (31/07/2014) King III (30/09/2014) Norma (30/04/2014) Onice (2.10.2012) Pli (28.09.2013) Polar 7.07 (31.7.13) Ponente (28.09.2013) Promenade (31.1.2013) Relev (30.11.2013) Relev Bis (27.12.2013) Scirocco (10.08.2013) Scudo 1 (31/12/20015) Scudo 2 (31/12/20015) Scudo 3 (31/12/20015) Sereno 03.08 (31/03/2012) Start 1 (30.03.2013) Start 2 (07.06.2013) Start 3 (29.06.2013) Topazio (31.3.2012) Tosca (31/03/2014) Turandot (30/05/2014) White (31/07/2014) White 08.08 (29/08/2014) Zaira (31/03/2014)

Poste Vita

16.08 20,000 16.08 90,910 16.08 20,000 16.08 88,940 16.08 95,820 16.08 91,920 01.08 99,840 16.08 99,080 16.08 95,520 16.08 99,510 16.08 90,290 16.08 95,860 16.08 90,930 16.08 90,630 16.08 87,950 16.08 86,940 16.08 90,440 16.08 95,490 16.08 93,040 16.08 97,520 16.08 89,090 16.08 97,630 16.08 90,260 16.08 92,340 16.08 90,230 16.08 91,310 01.08 99,920 16.08 99,360 16.08 99,080 16.08 98,680 16.08 98,950 16.08 99,510 16.08 99,640 16.08 99,800 16.08 89,170 16.08 93,100 16.08 91,280 16.08 92,340 16.08 98,590 16.08 98,170 16.08 90,240 16.08 89,500 16.08 87,690 16.08 92,540 16.08 93,580 16.08 91,240 16.08 87,630 16.08 86,970 16.08 86,550 16.08 87,690 16.08 87,330 16.08 88,120 16.08 93,790 16.08 93,360 16.08 99,060 16.08 95,930 16.08 92,720 16.08 92,550 16.08 86,150 16.08 92,410 16.08 95,740 16.08 86,550 16.08 91,250 16.08 91,840 16.08 20,000 16.08 90,440 16.08 97,800 16.08 89,450 16.08 88,980 16.08 91,090 16.08 81,550 16.08 81,550 16.08 81,550 16.08 101,510 16.08 89,460 16.08 88,310 16.08 86,430 16.08 98,920 16.08 89,480 16.08 86,150 16.08 91,030 16.08 95,290 16.08 89,130 24.08 103,410 24.08 85,730 24.08 119,170 24.08 148,780 24.08 142,440 24.08 98,260 24.08 129,710 24.08 73,370 24.08 135,210 24.08 99,620 24.08 124,650 24.08 83,290 24.08 114,300 24.08 121,000 24.08 90,610 24.08 96,950 24.08 95,500 24.08 96,610 24.08 83,290 24.08 84,440 24.08 125,830 24.08 102,540 24.08 109,900 24.08 123,170 29.08 29.08 26.08 29.08

Toro di Alleanza Toro

97,400 A- S&P 94,500 AA- FIT 98,580 A+ S&P 89,340 A S&P 95,550 AA- FIT 88,560 A S&P 95,020 A S&P

Aurora Alpha Target Aurora Double Alpha Dinamica Aurora 7,25% EnergyAurora EnergyAurora 2 EnergyAurora 3 Equilibrio Aurora Eurowin Index IV/2006 Idx I/2007 AuroraCompatto Idx I/2008 AuroraFenice Idx II/2007 AuroraSprint Idx II/2008 Aur.FastEmerg. Idx III/2007 Aur.Selection Idx III/2008 Aur.Fly 3s. Idx V 2007 Aur.Maxienergy Idx V/2008 Aur.Butterfly II Idx VI/2008 Aur.Sunflower Index II / 2004 Index II / 2006 Index III/2006 Index IV-08 Aur.Butterfly Index IV/2007 Aur.Sel. IIS. Index VI/2007 Aur.Polar Index VII / 2007 Aur.Fly Index VIII/07 Aur.Fly 2 s. Pentathlon Aurora Top30 Aur.Sprint Top30 Aurora UGF Valore Uninvest 2 Diva Uninvest 2 Diva II em. Uninvest 2 Efficace Uninvest 2 G4 Uninvest 2 G4 II emiss. Uninvest 2 Power 15 Uninvest 2 Power 15 II Em. Uninvest 2 Sempre+ Uninvest 2 Sempre+ II Em. Uninvest Conc.25 II Em. Uninvest Concerto 25 Uninvest Energy Uninvest Energy II em.

26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 06.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

YX D 96,425 A 44,450 A 98,170 A+ 98,010 A+ 99,180 A+ YX D 95,290 Baa1 97,980 BBB 89,820 BBB+ 95,030 A 87,620 BBB+ 96,750 A 81,130 BBB+ 95,510 A+ 86,430 A+ 91,350 A+ 100,292 A+ 104,470 A 100,935 Baa1 79,970 BBB+ YX D 89,900 A3 84,010 BBB+ 82,950 BBB+ 83,900 A+ 93,200 A 96,600 A 82,158 (1) YX C YX C YX C YX A YX A 103,390 Baa1 101,833 Baa1 103,020 A 102,590 A Z D Z D 99,320 A+ 99,320 A+

S&P S&P FIT S&P S&P S&P S&P MOO S&P FIT S&P FIT S&P FIT S&P S&P S&P S&P S&P MOO FIT S&P MOO FIT FIT S&P S&P S&P MOO MOO MOO S&P S&P MOO S&P S&P S&P S&P S&P S&P S&P

www.amundi-funds.com Amundi Funds OFL Abs. Forex OFL Abs. Fx. Asia Pac. ($) OFL Abs. High Yield FLE Abs. Stat. Arb. (EUR) OFL Abs. VaR2 (EUR) OFL Abs. VaR2 (USD)($) OMI Abs. VaR4 (EUR) OMI Abs. VaR4 (USD)($) OFL Abs. Vol. Arbitrage FLE Abs.Vol. Euro Eq. FLE Abs.Vol.Wld.Eq.($) OAS Bd. Euro Aggre.($) OAS Bd. Euro Aggregate OEC Bd. Euro Corporate OEH Bd. Euro High Yield OEM Bd. Euro Inflation OEM Bd. Europe OAS Bd. Glb. Corp.($) OPE Bd. Glb. Emerg. ($) OIG Bd. Global($) OAS Convertible Glb APA Eq. Asean ($) APA Eq. Asia ex-Jap ($) APS Eq. Brazil($) AEM Eq. Em.Int.Dem.($) AEM Eq. Emerg. Europe AEM Eq. Emerg. World($) AAE Eq. Euro Select AAE Eq. Euro Select AEU Eq. Eurol. Sm. Cap. AEU Eq. Europe Select AEU Eq. EuropeRestruct. AIN Eq. Glb Clean Pl. E E OAS Eq. Glb. Agricul.($) AEN Eq. Glb. Resourc.($) AIN Eq. Glb. Select($) APU Eq. Global Aqua E E APA Eq. Great. China($) APA Eq. India Infra.($) APA Eq. India($) APA Eq. Japan Val.(Jpy) APA Eq. Korea($) AEM Eq. Latin America($) APA Eq. Thailand($) AAM Eq. US Opport.($) AIN Gems World($) AAE Index Eq. Euro AEU Index Eq. Europe AAM Index Eq. Nrth Am. APA Index Eq. Pacific OIG IndexGlbBd (EUR)Hdg FLE Mltmangrs.L/S Eq. LAE Money Market Euro LAD Money Market Usd

Cl. S 30.08 100,31 30.08 133,24 30.08 102,55 30.08 89,79 30.08 114,21 30.08 116,22 30.08 108,03 30.08 104,57 30.08 115,50 30.08 150,30 30.08 139,29 29.08 159,77 30.08 100,88 30.08 14,95 30.08 13,77 29.08 128,78 30.08 139,01 30.08 121,17 30.08 27,49 30.08 23,54 30.08 10,92 31.08 89,77 30.08 23,25 30.08 107,33 30.08 88,91 30.08 27,05 30.08 93,08 30.08 111,37 30.08 30.08 83,65 30.08 127,51 30.08 57,05 30.08 62,47 30.08 86,96 30.08 88,22 30.08 7,52 31.08 78,49 30.08 24,98 30.08 55,39 31.08 141,14 31.08 5491,00 30.08 20,46 30.08 629,61 30.08 17,05 30.08 9,12 30.08 66,05 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 25.08 93,76 Cl. C 30.08 100,15 30.08 100,02

Cl. M 100,39 107,02 89,66 109,44 102,39 110,14 138,54 105,07 100,72 101,01 119,28 111,31 111,73 107,56 151,38 129,68 102,57 40,15 95,13 105,44 97,32 64,15 106,87 80,28 83,69 127,01 93,90 90,44 102,80 73,59 9172 89,09 103,61 133,38 121,99 92,95 136,45 127,35 113,06 110,76

10,634 7,652 9,890 57 58,707 8,242 13,856 9,212 4,963 3,486 I 103,308 100,707 96,505 110,392 129,262 264,221 97,359 192,797 140,059 367,513 140,018 111,616 117,735 113,675 266,106 139,591 111,364 164,766 176,106 110,804 111,058 106,117 107,034 106,045 178,831 137,416 106,579 127,526 140,005 146,269 81,079 101,981 14667 138,055 95,469 184,488 124,599 111,030 117,954 99,843 163,776 152,842 A 10,119 8,487 9,859 8,278 11,517 9,464 10,312 11,173 13,451 11,035 10,749 11,098 7,594 10,584 6,691 6,000 8,999 6,687 11,731 12,662 10,417 13,738 14,356 7,020 10,131 723 10,717 9,342 8,512 11,058 10,845 11,645 9,081 8,311

FLE Leonardo - Navigator LAE Liquidity FLE Lyxor Multi-Hedge FLE Mellon A.M. - Dyn.Em.M. FLE Morgan Stanley - Act.All. AEM Next 11 Equities AAM North America Equities APA Pacific Equities FLE Schroder Multi Asset FLE Swiss&Global Flex.Strat. AIN T-Cube FLE Threadneedle-Glob. Themes AIN Vontobel - Gl. Elite ASE World Opportunities

01.09 01.09 23.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09

94,92 104,38 93,31 90,74 106,49 89,09 81,27 84,79 97,75 100,56 77,26 92,35 112,20 108,05 Cl. D

BG Sicav
BBI Equita Bilanciato AIT Equita Stock Picking OEM Euro Bond OEB Euro Money AEU European Equities OFL Flexible Euro Bond FLE Flexible European Eq FLE Flexible Global Eq FLE Flexible Italian Eq AIT Italian Equities APA Japanese Equities FLE Multistrategy 30 AAE Small Cap Euro Eq AAM US Equities 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 71,46 108,28 109,13 65,93 100,52 91,73 87,45 68,64 59,20 62,71 101,00 89,86 88,79

OAS Euro Floating AAE Euro Q-Equity AEU Europ. Small Cap Eq. AEU European Equity AEU European Q-Equity FLE GT Asset Allocation AIT Italian Equity FLE Q-Flexible FLE Total Return FLE Total Return Forex OFL Total Return Gov. Bond Eurizon Strategia Flessibile OFL Obbligazioni 03/2016 OFL Obbligazioni 06/2016 OFL Obbligazioni 12/2015 Investment Solutions by Epsilon OFL Cedola x 4 06/2011 FLE Soluzione Attiva Pr.5 2017 FLE Soluzione Attiva Pr.6 2017 FLE Soluzione Attiva Pr.7 2017

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

96,57 63,42 93,47 95,06 69,31 99,38 60,97 102,73 105,08 98,17 100,98 Cl. RD 99,35 98,74 99,07 Cl. R 95,27 97,40 100,43

97,29 64,97 96,08 96,78 70,92 100,87 62,69 105,45 106,60 99,37 101,84 Cl. RD 100,86

Eurizon EasyFund
CL. A LAE Cash EUR 31.08 112,10 LTE CL. R CL. Z OPE Bond Emerging Markets 31.08 219,36 229,17 OAS Bond EUR Floating Rate 31.08 115,01 OEM Bond EUR Long Term 31.08 163,26 169,67 OEM Bond EUR Medium Term 31.08 297,52 309,86 OEB Bond EUR Short Term 31.08 136,23 141,23 OAS Bond GBP 31.08 123,74 129,22 OAS Bond High Yield 31.08 146,36 152,72 OAS Bond Inflation Linked 31.08 119,61 123,47 OAS Bond International 31.08 130,78 133,91 OAY Bond JPY 31.08 120,48 125,58 ODMBond USD 31.08 132,83 138,83 OMI BondCorp.Eur ST 31.08 60,94 63,91 LAE Cash EUR 31.08 111,31 114,17 LAD Cash USD 31.08 89,43 91,81 APS Equity China 31.08 79,21 81,32 ABC Equity Cons.DiscretionaryR 31.08 124,59 131,62 ABC Equity Consumer Staples 31.08 128,60 135,91 AEM Equity Emerg. Mkts Asia 31.08 139,95 147,72 AEM Equity Emerg. Mkts EMEA 31.08 158,12 166,97 AEM Equity Emerging Markets 31.08 188,97 193,45 AEN Equity Energy & Materials 31.08 128,27 135,72 AAE Equity Euro 31.08 68,58 72,54 AEU Equity Europe 31.08 75,70 79,91 AFI Equity Financial R 31.08 38,61 40,90 AIF Equity High Tech 31.08 47,98 50,68 AID Equity Industrials 31.08 124,88 131,90 AIT Equity Italy 31.08 56,55 59,87 APA Equity Japan 31.08 50,50 53,27 AEM Equity Latin America 31.08 358,53 380,60 AAM Equity North America 31.08 57,64 60,99 APA Equity Oceania 31.08 172,90 185,12 ASA Equity Pharma 31.08 63,91 67,52 AEU Equity Small Cap Europe 31.08 373,24 393,82 ATE Equity Telecommunication 31.08 49,37 52,17 APU Equity Utilities 31.08 88,01 92,99 Linea Flex Multiasset CL. R CL. Z FLE ABS Attivo 31.08 104,23 108,24 OFL ABS Prudente 31.08 106,26 109,34 FLE Focus Az.StratFlessibile 31.08 103,09 105,78 FLE Focus Az.StratFlessRL 31.08 103,54 FLE Orizzonte Pr. 12 (a) P 31.08 110,45 FLE Orizzonte Pr. 24 (b) P 31.08 110,53 FLE Orizzonte Pr. 6 (c) P 31.08 108,54 Linea LTE cop. rischio cambio CL. RH CL. ZH OPE Bond Emerging Markets 31.08 291,11 303,49 OAS Bond GBP 31.08 148,35 155,44 OAS Bond International 31.08 142,27 145,73 OAY Bond JPY 31.08 150,38 191,50 ODMBond USD 31.08 206,68 215,80 ABC Equity Cons.Discretionary 31.08 130,70 139,41 ABC Equity Consumer Staples 31.08 142,78 151,84 AEN Equity Energy & Materials 31.08 132,07 140,58 AEU Equity Europe 31.08 76,65 82,50 AFI Equity Financial RH 31.08 40,02 42,43 AIF Equity High Tech 31.08 55,02 58,35 AID Equity Industrials 31.08 134,22 141,52 APA Equity Japan 31.08 58,83 62,19 AAM Equity North America 31.08 89,77 94,64 APA Equity Oceania 31.08 139,98 151,15 ASA Equity Pharma 31.08 72,90 77,22 ATE Equity Telecommunication 31.08 52,33 55,49 APU Equity Utilities 31.08 97,24 103,00 Le Classi I, Z e ZH sono riservate a investitori istituzionali. (a) NAV Obiettivo Eur 104.40, scadenza 14.06.12; (b) NAV Obiettivo Eur 101.28, scadenza 15.06.13; (c) NAV Obiettivo Eur 105.27, scadenza 15.12.11

LAE Euro Reserve AEU Euroland Eq Sm Cos AC AAE Euroland Equity AAE Euroland Growth OEH Europ High Yield Bd OAS Gbl. Inflat. Linked Bond OAS Gbl. Inflat. Linked Bond OIG Glb Bond($) OIC Glb Cr Bond A Cap. OIC Glb Cr. Bond AC hdg OPE Glb Em Mkts Bond ($) AEM Glb Em Mkts Eq. ($) OPE Glb EmMts L Db($) AIN Global Equity($) APA Hong Kong Equity ($) APA Indian Equity ($) APA Japanese Equity (Jpy) APA Korean Equity($) AEM Latin Am Eq cap($) AEM Latin Am Eq($) AEM M.East & N.Afr. Eq($) AEM Russia Equity($) APA Singapore Equity ($) APA Taiwan Equity ($) APA Thai Equity($) AEM Turkey Eq AEU UK Equity (Gbp) ODMUS Dollar Bd($) AAM US Equity ($) AAM US Equity A EurHdg APA Asia ExJap Eq Sm Co($)(7) APA Asia ExJap Eq($)(7) APA AsiaPac exJapEqH.Dv($)(7) OPE Brazil Bd($)(7) AEM Brazil Eq($)(7) AEM BRIC Eq ($)(7) AEM BRIC Markets Eq($)(7) APA Chinese Eq($)(7) AIN Climate Change($)(7) OEC Euro Bond(7) OEM Euro Credit Bond(7) FLE Euro Eq Abs Re(7) OEH Euro High Yield Bd(7) LAE Euro reserve(7) AAE Euroland Eq(7) AEU Euroland Eq Sm Co(7) AAE Euroland Growth I(7) AEU Europe Eq(7) OAS Gbl. Infl. Linked Bond(7) OAS Gbl. Infl. Linked Bond($)(7) OIG Glb Bond($)(7) OIC Glb Cr Bond I Cap.(7) OIC Glb Cr. Bond IC hdg(7) FLE Glb Currency Hdg(7) FLE Glb Currency($)(7) OPE Glb Em Mkts D Tot R($)(7) FLE Glb Em Mkts E Abs R($)(7) AEM Glb Em Mkts Eq($)(7) OPE Glb Em Mkts Lo Db($)(7) OPE Glb Emerg Mkts Bd($)(7) AIN Glb Eq($)(7) FLE Global Macro(7) FLE Global Macro II(7) APA Hong Kong Eq($)(7) APA Indian Eq($)(7) APA Japanese Eq(Jpy)(7) APA Korean Eq($)(7) AEM Latin American Eq($)(7) AEM M.East & N.Afr. Eq I($)(7) OFL Multi Gov. Bd. Strat(7) AEM Russia Eq($)(7) APA Singapore Eq($)(7) APA Thai Eq($)(7) AEM Turkey Eq(7) AEU Uk Eq(Gbp)(7) AAM US Eq($)(7) AEM BRIC Equity($) FLE Euro Eq Abs Re AAE Euroland Growth FLE Glb Currency FLE Glb Currency($) OPE Glb Em Mkts Deb Tot Re($) FLE Glb Em Mkts Eq Abs Re($) FLE Global Macro FLE Global Macro II AEM Latin American Eq($) OFL Multi Gov. Bd. Strat FLE Global Macro

www.bnpparibas-ip.it - tel. 800009944 Fondi comuni di diritto francese FLE BNPP - Grandi Mercati C 31.08 FLE BNPP Match 5 - 03.2013 31.08 FLE BNPP Ren. e Cedola 31.08 FLE Europa Alto Potenziale2 31.08 FLE F.PROT.90-Maggio2010(6) 31.08 FLE F.Prot.90-Sett 2010(6) 31.08 FLE Fondo Multi Time 31.08 FLE Fondo Multi Time II 31.08 FLE Gar.BNPP Aziende Gl. 31.08 FLE Gar.BNPP Camp.D'Eur.2 31.08 FLE Gar.BNPP Eur Alto Pot. 31.08 FLE Gar.Eur.3Sett-Gen2010(6) 31.08 FLE Gar.Eur.BNPP Camp.D'Eur. 31.08 FLE Gar.Eur.Maggio 2010(6) 31.08 FLE Gar.Eur.Sett 2010(6) 31.08 FLE Gar.Eur.Settembre 2009(6) 31.08 FLE Garantito BNP P4 Ener. 31.08 FLE Garantito Eur.Mag.2009(6) 31.08 FLE Imprenditori Vincenti 31.08 FLE Imprenditori Vincenti 2 31.08 Parworld FLE Abs. Ret 100 G. 2012(6) 31.08 FLE Bric 80 Floor 2012(6) 31.08 FLE Gbl Sub.Dev.80 C(6) 29.08 FLE T. Ret. 100 G. 2013(6) 31.08

105,48 5,57 100,41 1007,13 99,75 97,79 5,143 5,045 947,92 1001,98 1028,30 974,35 986,91 963,21 945,29 965,96 1074,95 1010,07 1020,09 979,30 ($p2) 108,52 116,47 91,10 108,12 5,00 4,78 4,96 4,51

($p3)

CoRe Series
LAE CoRe Cash E BBI CoRe Champions E OMI CoRe Coupon E AIN CoRe Dividend E 31.08 31.08 31.08 31.08

Diaman Sicav
12, rue Eugne Ruppert, L-2453 Luxembourg FLE FGS Systematic Trad I(7) 31.08 73,37 FLE FGS Systematic Trad P 31.08 70,88 FLE FGS Systematic Trad R 31.08 69,63 FLE Mathematics I 31.08 649,76 FLE Mathematics P 31.08 803,93 FLE Mathematics R 31.08 787,89 FLE Trend Follower I(7) 26.08 105,24 FLE Trend Follower P 26.08 102,69 FLE Trend Follower R 26.08 101,82 OFL Zenit Dynamic Bond I(7) 31.08 111,23 OFL Zenit Dynamic Bond P 31.08 108,35 OFL Zenit Dynamic Bond R 31.08 106,83

Index Diamante Index Oro Index Uniqa 4,25% 2013 Planet Idx Athena Planet Idx Atlas Planet Idx Aurora Planet Idx Diana Planet Idx Gemini Planet Idx Hydra Planet Idx Pegasus Planet Idx Sirio Planet Idx Uranus Planet Idx Vesta

Vittoria

26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08

80,660 BBB+ 88,730 A 87,300 BBB+ Z D 87,840 Baa1 106,970 A+ 84,910 BBB+ 90,850 A 103,810 A 101,850 A 96,740 A2 102,420 Baa1 79,310 A

FIT S&P FIT S&P MOO S&P FIT S&P S&P S&P MOO MOO S&P

Amundi International Sicav


AIN International SICAV 31.08 Cl. FU-C Cl. FHE-C 176,01 110,72 tel.

Anima Fund
Anima Sgr - Galleria De Cristoforis, 7 - 20122 Milano 02/771201 - info@animasgr.it AEM Emerging Equity 31.08 208,34 OEM Euro Bond 31.08 88,28 AAE Euro Equity 31.08 124,30 AEU European Equity 31.08 80,75 BBI Fondattivo Int. 31.08 51,31 OEC Fondimpiego Int. 31.08 139,42 AIN Global Value 31.08 83,50 LAE Liquidity 31.08 100,16 APA Pacific Equity 01.09 87,54 OFL Perf. Target 31.08 68,72 OIG Pianeta Internat. 31.08 102,25 OFL Saving 31.08 11,37 AAM US Equity 31.08 90,68 BOB Visconteo Int. 31.08 114,53

F.Index Milano 2006 Formula Index 2003 Formula Optimiz 06/07 Zurich Doppio Extra Zurich East & West Zurich Eco-Logica Zurich Ethics Zurich ExtraLine Zurich ExtraValore Zurich InOltre Zurich InPi Zurich Oltre Zurich Oltre&Oltre Zurich Oltre&Oltrebis Zurich OltreMisura Zurich OltreModo Zurich OltrePi Zurich OltrePi Bis Zurich OltreQuota Zurich OltreTutto Zurich OltreValore Zurich Steps F&F Valore 9

Zurich Investments Life

25.08 108,890 Aa3 MOO 25.08 98,250 A- S&P 25.08 73,490 AA S&P

11&Pi 04/06 Alba Arco Campioni 03/05 Classe3A 12/01 Classe3A VR 02/02 DoppioStacco 11/08 Evoluzione 10/01 Ideale 05/02 Index Cup 12/02 Nuovi Mercati 12/06 Primato 08/01 Quarzo Raddoppio 08/02 Raddoppio Premium 10/02 RiservaAttiva 05/08 Slancio 07/07 Slancio 2 10/07 Slancio 3 12/07 Terra Titanium Traguardo 12/04 Trio 05/07 Tripla Forza 09/05 Volata Vincente 05/05 Dax Coupon Performa S&P Mib Coupon S&P Mib Sviluppo

Zurich Life and Pensions


Zurich Deciso Zurich Delta Zurich Energy Zurich Extra Zurich Maextra Zurich Punta Zurich Segna Zurich Water&Green

30.08 80,470 A+ S&P 30.08 98,700 BBB S&P 30.08 92,740 A S&P 30.08 95,520 A- FIT 30.08 91,470 A+ S&P 30.08 81,990 A S&P 30.08 83,880 A+ S&P 30.08 82,100 A FIT 02.08 100,470 A- S&P 30.08 91,600 A+ S&P 30.08 91,330 A+ S&P 30.08 85,790 A S&P 30.08 85,190 A+ S&P 30.08 83,010 A FIT 30.08 82,460 A FIT 30.08 79,430 A FIT 30.08 84,290 A S&P 30.08 81,260 A S&P 30.08 95,270 A- S&P 29.08 89,230 96,480 87,320 81,160 96,640 Y 90,470 87,330 80,760 A+ S&P A+ A+ A+ A C A+ A A+ S&P S&P S&P S&P MOO S&P S&P S&P

Aviva Investors
www.avivainvestors.it FLE Absolute T250 Bd FLE Absolute TAA 5 FLE Absolute TAA Hdg FLE Absolute TAA(Gbp) AAM American Equity($) APA Asia Pacific Equity($) OPE Em Mkts Bond($) AEM Em Mkts Eq AEM Em Mkts Eq SmCapBd AEM Em Mkts Eq SmCapBd($) AEM Em Mkts Eq($) OPE Em Mkts Loc Ccy Bd LAE EUR Reserve OMI Europ Aggregate Bd AEM Europ Convergence Eq OEC Europ Corporate Bd AEU Europ Equity ASE Europ REIT AEU Europ Value Equity APS French Equity LAV GBP Reserve(Gbp) OAS Gl Convertibles Hdg OAS Gl Convertibles($) AIN Gl Equity Focus($) 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 B 10,388 9,745 8,436 10,242 4,744 5,092 9,074 8,563 10,399 9,283 3,858 13,366 9,180 10,996 3,885 2,767 4,708 7,680 7,536 2,852 2,672 10,469 8,212 3,574

Zurich Life Insurance Italia


29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08 29.08

Reale Mutua Assicurazioni

Risparmio & Previdenza


Derby Dicembre 2004 Derby Dicembre 2005 Derby Giugno 2005 Derby Marzo 2005 Derby Marzo 2006 Derby Novembre 2004 Derby Ottobre 2004

92,360 AA- S&P 93,360 AA- S&P 88,810 A+ S&P 91,430 A S&P A+ (1) A A A A A S&P S&P S&P S&P S&P S&P

26.08 101,460 26.08 87,090 26.08 93,930 26.08 97,240 26.08 90,220 26.08 101,750 26.08 102,130

Y ndex e Un on o o an e Leh man B o he X ndex e Un n u Lehman B o he agen e d a o o Z ndex e Un on o o an e e ban he ande

Gruppo Azimut Cl. AZ Fund FLE Active Selection FLE Active Strategy OIG Aggregate Bond Euro FLE Alpha Manager Equity OIH Alpha Manager Credit FLE American Trend BOB Asset Plus BBI Asset Power OFL Best Bond FLE Best Equity OAS Bond Trend LAE Bot Plus BOB Conservative FLE Corporate Premium FLE Dividend Premium AEM Em. Mkt Asia AEU Em. Mkt Europe AEM Em. Mkt Latin America BBI European Dynamic FLE European Trend FLE Formula 1 - Absolute FLE Formula 1 - Alpha Plus FLE Formula 1 - Conservative FLE Formula Com. Trading FLE Formula Macro Dyn.Trad. FLE Formula Target 2014 OEM Income FLE Institutional Target FLE Italian Trend AIN Long Term Value AEU Opportunities FLE Pacific Trend FLE QBond FLE QProtection FLE QTrend LAE Reserve Short Term OMI Solidity FLE Strategic Trend FLE Trend OIG US Income Cl. Azimut FLE Active Selection FLE Active Strategy FLE Alpha Manager Equity OIH Alpha Manager Credit FLE Alpha Manager Thematic FLE Alpha Manager Thematic FLE American Trend BOB Asset Plus BBI Asset Power OFL Best Bond FLE Best Equity OAS Bond Trend LAE Bot Plus BOB Conservative FLE Dividend Premium AEM Em. Mkt Latin America AEU Em. Mkt Europe AEM Emerging Market Asia BBI European Dynamic FLE European Trend FLE Formula 1 - Absolute FLE Formula 1 - Alpha Plus FLE Formula 1 - Alpha Plus 20 FLE Formula 1 - Com. Trading FLE Formula 1 - Conservative FLE Formula 1 - Dyn. Trading OEM Income FLE Italian Trend OIG Long Term Bond AIN Long Term Value AEU Opportunities FLE Pacific Trend FLE QBond FLE QProtection FLE QTrend LAE Reserve Short Term OMI Solidity FLE Strategic Trend FLE Trend OIG US Income Az Fund Multi Asset FLE Area Euro Growth OAS Renminbi Opportunities Rossini Lux AAE Az. Euro APA Az. Giapp. AIN Az. Internat. AAM Az. N. America BBI Bilanciato LAE Euro Monetario(RFEMO) ODMObb. Dollari OEM Obb. L-T OEB Obb.Euro B-T OEM Obb.Euro M-T OEB Obbligaz. TV

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 12.08 12.08

Cl. A 4,514 4,745 5,702 3,912 5,040 2,189 5,188 4,824 4,935 4,861 5,320 5,162 5,431 4,857 4,746 5,462 3,602 5,939 4,328 2,536 4,328 5,368 4,593 5,118 5,442 4,277 5,521 4,952 2,401 4,976 3,760 3,530 4,950 4,787 4,534 6,057 5,208 4,429 4,051 5,586 Cl. A 4,514 4,745 3,912 5,040 3,145 3,145 2,189 5,188 4,824 4,935 4,861 5,320 5,162 5,431 4,746 5,939 3,602 5,462 4,328 2,536 4,328 5,368 4,277 5,118 4,593 5,442 5,521 2,401 5,702 4,976 3,760 3,530 4,950 4,787 4,534 6,057 5,208 4,429 4,051 5,586 Cl. A 4,954 5,053 Cl. R 81,80 79,31 90,79 92,28 99,62 114,12 120,87 116,88 115,45 120,07 107,92 Cl.A 90,24 74,57 91,08 96,11 93,84 96,03 94,85 98,75 105,97 73,54 60,92 93,23 98,44 71,93 84,50 79,78 99,44 90,59 122,05 52,16 93,56 94,06 86,72 83,11

Cl. B 4,514 4,745 5,702 3,912 5,040 2,189 5,188 4,824 4,935 4,861 5,320 5,162 5,431 4,857 4,746 5,462 3,602 5,939 4,328 2,536 4,328 5,368 4,593 5,118 5,442 4,277 5,521 2,401 4,976 3,760 3,530 4,950 4,787 4,534 6,057 5,208 4,429 4,051 5,586 Cl. B 4,514 4,745 3,912 5,040 3,145 3,145 2,189 5,188 4,824 4,935 4,861 5,320 5,162 5,431 4,746 5,939 3,602 5,462 4,328 2,536 4,328 5,368 4,277 5,118 4,593 5,442 5,521 2,401 5,702 4,976 3,760 3,530 4,950 4,787 4,534 6,057 5,208 4,429 4,051 5,586 Cl. B 5,053 Cl. I 84,78 82,15 94,06 95,61 115,48 123,73 119,26 117,22 121,90 109,06

Via Broletto, 46, 20121 Milano, +39 02 72206644 SICAV DNCA Invest Cl. A AEU DNCA Centi Eur 31.08 98,92 OAS DNCA Convertibles 31.08 122,92 OFL DNCA Eur Bd Opp 31.08 111,60 FLE DNCA Eurose 31.08 115,36 FLE DNCA Evolutif 31.08 101,72 AIN DNCA Gbl Lead 31.08 94,340 ASE DNCA Infra Life 31.08 80,71 AIT DNCA Ital Opport. 31.08 51,72 AAS DNCA Miura 31.08 107,20 LAE DNCA Money Mkt Eu 31.08 107,61 Cl. I AEU DNCA Centi Eur 31.08 85,06 OAS DNCA Convertibles 31.08 124,88 OFL DNCA Eur Bd Opp 31.08 117,31 FLE DNCA Eurose 31.08 119,53 FLE DNCA Evolutif 31.08 106,25 AIN DNCA Gbl Lead 31.08 95,160 ASE DNCA Infra Life 31.08 84,09 AIT DNCA Ital Opport. 31.08 52,71 AAS DNCA Miura 31.08 108,49 LAE DNCA Money Mkt Eu 31.08 111,79 Ingenia Lux SICAV Cl. A OEC Income 2012 31.08 100,82 OEC Income 2014 31.08 100,51 Cl. B OEC Income 2012 31.08 100,06 OEC Income 2014 31.08 100,15

Cl. B 92,97 123,25 107,53 115,19 100,05 94,140 79,00 106,90 103,06 Cl. I 101,05 101,32

Eurizon Investment Sicav


OAS Euro Cash I1 OAS Euro Cash I2 OAS Euro Cash I3 FLE Flexible Beta 1 I1 FLE Flexible Beta 2 I1 FLE Flexible Duration 1 I1 FLE Flexible Duration 2 I1 FLE Flexible Eq.Strategy I1 FLE Global One I FLE Global Three I AEU Ins Unit Euro Eq I3 OEM Ins Unit Euro Inc I2 OEM Ins Unit Euro Inc I3 LAE Ins Unit Euro Mon Mkt I1 OEB Ins Unit Euro Sht Trm I OEB Ins Unit Euro Sht Trm I1 OEB Ins Unit Euro Sht TrmTwoI OEM Ins Unit Europe Bds I LAE EMU Cash AEU Europe Equities FLE Scudo FLE Strategic Europe 01.09 597,75 01.09 579,60 01.09 579,88 01.09 508,79 01.09 502,83 01.09 505,06 01.09 497,51 01.09 488,94 01.09 105561,15 01.09 106774,55 01.09 413,37 01.09 598,47 01.09 622,62 01.09 567,28 01.09 530,550 01.09 630,55 01.09 515,420 01.09 515,26 Cl.A 01.09 11,27 01.09 10,13 01.09 747,44 01.09 Cl.I 11,43 10,69 765,11 586,11

AEM BRIC Markets(7) AEM BRIC Markets($)(7)

17,318 35,320 22,575 9,327 25,969 109,470 109,680 17,303 106,768 105,640 29,244 16,584 14,835 21,859 108,700 145,288 4087 16,067 18,406 18,386 8,895 7,676 40,924 12,432 15,967 16,746 25,535 14,501 19,878 16,997 I-Cap 31.08 37,581 31.08 51,369 31.08 16,737 31.08 22,967 31.08 36,722 30.08 22,626 30.08 14,820 31.08 76,546 31.08 5,769 31.08 21,454 31.08 20,449 31.08 10,317 31.08 27,525 31.08 17,325 31.08 23,503 31.08 36,881 31.08 9,469 31.08 29,186 31.08 110,440 31.08 109,984 31.08 17,675 31.08 107,871 31.08 106,540 31.08 31.08 31.08 30.08 10,294 31.08 17,135 31.08 15,266 31.08 30,217 31.08 22,701 31.08 31.08 90,002 31.08 112,577 30.08 156,169 31.08 4275,059 31.08 16,855 31.08 18,728 25.08 9,039 26.08 31.08 7,957 31.08 35,498 31.08 16,745 26.08 17,276 17.06 28,310 31.08 20,424 M1-Cap. 30.08 23,669 31.08 10,248 31.08 9,363 31.08 9,707 31.08 9,666 31.08 13,141 30.08 10,208 31.08 108,965 31.08 89,477 31.08 18,613 26.08 933,985 R1-Cap 31.08 93,199 Z-Cap 30.08 18,377 30.08 26,644 31.08 5562,00 31.08 47,24 31.08 213,27 31.08 251,52

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 25.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 31.08 31.08 31.08 31.08

34,532 22,050 25,601 13,340 28,780 15,645 14,720 21,583 106,383 139,324 582 15,731 8,840 7,551 39,950 12,319 15,594 16,408 25,225 14,297 19,426 L1-Cap 10,788 10,417 13,057 111,073 957,833 M2-Cap. 22,759

AAM KIS - America D AAM KIS - America F AAM KIS - America X(7) APA KIS - Asia A APA KIS - Asia D APA KIS - Asia F OAS KIS - Bond A OAS KIS - Bond D OAS KIS - Bond F OAS KIS - Bond I(7) FLE KIS - Dynamic A FLE KIS - Dynamic D FLE KIS - Dynamic F FLE KIS - Dynamic I(7) FLE KIS - Dynamic X(7) FLE KIS - Global A FLE KIS - Global D FLE KIS - Global F FLE KIS - Global I(7) FLE KIS - Global X(7) FLE KIS - Income A FLE KIS - Income D FLE KIS - Income I(7) FLE KIS - Long-Short A FLE KIS - Long-Short D FLE KIS - Long-Short F FLE KIS - Long-Short I FLE KIS - Long-Short X FLE KIS - Selection A FLE KIS - Selection F FLE KIS - Selection I(7) AEU KIS - Small Cap A AEU KIS - Small Cap D FLE KIS - Small CAP F AEU KIS - Small Cap I(7) AEU KIS - Small Cap X(7) OAS KIS - Target 2014 X FLE KIS - Trading A FLE KIS - Trading D FLE KIS - Trading F FLE KIS - Trading I(7) FLE KIS - Trading X(7) FLE KIS - Trend A FLE KIS - Trend F FLE KIS - Trend I(7)

26.08 26.08 26.08 26.08 22.07 26.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 26.08 26.08

132,70 134,15 135,21 117,22 128,56 116,41 106,86 106,03 106,61 107,15 116,91 115,74 116,75 117,08 117,96 78,71 76,14 78,25 78,77 79,75 106,35 104,43 107,20 105,68 104,51 105,40 105,75 106,66 108,77 108,43 108,88 88,29 87,45 88,03 88,49 89,57 106,08 83,30 82,15 82,98 83,47 84,09 100,72 100,43 100,88

Filiale italiana 0039 02 3206551; www.mandg-investments.it; info@mandg-investments.it M&G Global Dividend Fund A B AIN Global Dividend 01.09 12,48 M&G Dynamic Allocation Fund FLE Dynamic Allocation 01.09 10,35 M&G Investment Funds (1) AAM American 01.09 7,81 APA A M m M M M m m m m m m M m M m m M m M m

m
m

M m M m

M M

M M M M m m m m

HSBC Multi Index Funds


APS APS APS APS Japanese Eq B(Jpy)(7) Japanese Eq Hed. B(7) US Equity B Hed(7) US Equity B($)(7)

m m

Duemme Sicav
FLE Abraxas Global Macro FLE Absolute Return Guar.(6) FLE Alkimis APA Asian Equity C(Jpy) OEM Bond Euro C OIC Bond Inflation Linked OMI Corporate Bd Euro C FLE Dynamic Equity FLE Efficient FLE Equity Opportunity AAE Euro Equities C OIC Euro Investments Plus FLE Flexible Strategies FLE Global Convert.Plus-I(6) FLE Global Convertible Plus - C FLE Global Equity AIN Global Tactical Asset Alloc. FLE Global Total Return OEM Govt B Euro Medium T C FLE High Dividend Euro LAE Money Market AIN Private Eq.Strat. C FLE Strategic Portfolio FLE Systematic Diversification AAM US Equities C($) ODB Usa Short Term C($) 01.09 01.09 29.08 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 98,97 93,89 97,52 5374 136,98 99,65 118,17 66,61 98,44 101,28 76,41 100,77 93,61 94,31 93,90 81,80 108,22 95,27 115,95 75,00 106,10 81,24 81,66 97,64 102,26 111,42 Eurofundlux OFL Alto Rendimento 2014 A OFL Alto Rendimento 2014 B OFL Alto Rendimento 2014 BTA OFL Alto Rendimento 2014 BTB OFL Alto Rendimento 2015 A OFL Alto Rendimento 2015 B AAM American Eq AH AAM American Eq. A AAM American Eq. B AIN Dynamic Multimanager A AIN Dynamic Multimanager B LAE Euro Cash A LAE Euro Cash B AAE Euro Equity A AAE Euro Equity B OFL Euro Government 2013 B OFL Euro Government 2013 D FLE Flexible Volatility B OFL Global Bond D OFL Obiettivo 2012 A OFL Obiettivo 2012 B OFL Obiettivo 2013 A OFL Obiettivo 2013 B APA Pacific Eq. A APA Pacific Eq. B OFL QBond Absolute return A OFL QBond Absolute return B FLE QFund90 Reload A FLE QFund90 Reload B BOB QFund97 A BOB QFund97 B AAE Top 25 Euro B AAE Top 25 Euro D FLE TR Flex 5 A FLE TR Flex 5 B 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 11,702 12,221 9,736 9,747 10,428 10,562 7,155 4,705 5,428 6,963 7,539 11,672 11,874 12,027 12,902 7,336 7,198 9,923 9,835 12,268 12,613 11,832 11,962 15,501 16,839 11,026 11,543 6,210 6,919 12,152 9,974 7,384 6,451 11,694 12,559

www.ingdirect.it; tel. 848585820 FLE Borsa Protetta Agosto FLE Borsa Protetta Febbraio FLE Borsa Protetta Maggio FLE Borsa Protetta Novembre OAS Convertible Arancio AIN Dividendo Arancio OAS Euro Arancio OAS Inflazione Pi Arancio ASE Mattone Arancio BAZ Profilo Dinamico Arancio BBI Profilo Equilibrato Arancio BOB Profilo Moderato Arancio AIT Top Italia Arancio

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

53,94 48,24 51,78 50,97 48,67 35,37 53,92 49,88 35,58 50,20 50,62 50,64 36,21

OMI Globersel BCM Convertible OEC Globersel Corp. Bond AIN Globersel Equity FLE Globersel Opportunity AAS Globersel Pact.Stck Pick AAM Globersel US Eq. Selection AIN Globersel World BBI Leadersel Balanced AAS Leadersel Commodities AEM Leadersel Em. Mkt Mult. OPE Leadersel Em.Bond Opp. FLE Leadersel Flex For Trend FLE Leadersel Flex Mult. LAE Leadersel Global Asset OMI Leadersel Total Ret

30.08 31.08 31.08 31.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

102,84 231,10 346,91 93,17 73,99 89,90 46,01 95,40 93,91 123,93 102,11 96,66 98,94 105,08 105,52

Bca delle Marche Gestione Int. Lux SA

www formaz one lsole24ore com/bs

EXECUTIVE24 Master part t me

BLENDED SYSTEM24
AULA D STANCE LEARN NG TUTOR NG ON L NE

Direzione e Strategia dImpresa


6 ed z one MILANO da 17 NOVEMBRE 2011 13 mes / 3 gg a mese / au a & d s ance earn ng

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

BG Selection Sicav
FLE 3S AEM Africa&Middle East Eq FLE Amundi - Glb Vol Equal FLE Anima-Club FLE Anti-Inflation FLE ARC FLE ARC 10 FLE Barclays - Alpha Select FLE Black Rock - GL MA AEM China&India Eq AEM Eastern Europe Eq FLE Edmond de R. - S. Alpha FLE Eurizon - Concerto AEU Europe Equities BBI Global Diversified BAZ Global Dynamic FLE Global Risk Managed BAZ HSBC - Em. Mkts Solution APA Invesco - Asia Gl. Opps AIT Italy Equities FLE JPM - Best Ideas FLE Kairos - Blend AEM Latin America Eq FLE Lemanik - Glocal Investor 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09

NUOV MODELL D MPRESA PER GUARDARE AL FUTURO DA PROTAGON ST


Mas e n eg a o con Advanced Managemen P og am n pa enza da genna o 2013 consen o en men o de D p oma MBA 24 ORE Bus ness Schoo
M

Mas e nanz ab e con ond n e p o ess ona Fond mp esa Fond e Fond gen Sono ape e e se ez on P og amma e moda d amm ss one www o maz one so e24o e com bs
S C @ m S R m P
m

OR M

m M R

Help desk c/o Eurizon Capital Sgr; Gruppo Intesa Sanpaolo; tel. 02 88101 Eurizon Capital Corporate Fund Cl. I OFL Corporate Bond(7) 31.08 108,09 Eurizon Focus Capitale Protetto Cl. R FLE Protezione 03/2017 31.08 92,83 FLE Protezione 06/2016 31.08 94,98 FLE Protezione 09/2016 31.08 92,61 FLE Protezione 12/2016 31.08 92,91 Eurizon Focus Formula Fund Cl. R FLE Formula Azioni 2014 29.08 113,72 FLE Formula Azioni 2015-1 29.08 101,75 FLE Formula Azioni 2015-2 29.08 94,22 FLE Formula Azioni 2015-3 29.08 93,22 FLE Formula Azioni 2015-4 29.08 91,85 FLE Formula Azioni 2015-5 31.08 90,74 Eurizon Focus Riserva Doc Cl. RD OFL Obbligaz.Corp.06/2015 31.08 96,40 OFL Obbligaz.Corp.12/2012 31.08 100,89 OFL Obbligaz.Corp.12/2013 31.08 97,33 OFL Obbligaz.Corp.12/2014 31.08 97,90 OFL Obbligaz.Corp.12/2014-2 31.08 97,29 Eurizon Liquidity Fund Cl. P Cl. A LAE Eur T0 01.09 101,89 Eurizon Manager Selection Fund Cl. R OMI MS 10 31.08 116,11 BOB MS 20 31.08 112,35 BBI MS 40 31.08 100,55 BAZ MS 70 31.08 93,33 Eurizon MM Collection Fund Cl. I APA Daiwa Equity Japan 31.08 109,07 Eurizon MM Stars Fund Cl. R Cl. I FLE Flexible Strategy 30.08 97,71 99,60 FLE Portable Alpha 30.08 104,53 FLE Total Return Alpha Strat. 30.08 93,61 94,80 Eurizon Multiasset Fund Cl. R BBI Challenger 31.08 91,45 BOB Dynamic 31.08 104,50 LAE Euro Cash 31.08 120,87 BOB Trender 31.08 111,62 Eurizon Opportunit Cl. RD OFL Bond Selection 2012-1 31.08 100,75 OFL Bond Selection 2013-1 31.08 98,97 OFL Bond Selection 2015-1 31.08 97,86 Eurizon Stars Fund Cl. R Cl. I OEH Bond European High Yield 31.08 112,56 113,83 LAE Cash 31.08 106,25 106,50 OFL Em. Bond Total Return 31.08 119,90 121,12 OEM Euro Bond 31.08 121,26 122,64

OFL Abs Ret Credit Strat OFL Abs Ret Glb Macro Strat FLE Abs Ret Multi Strat OPE Central&East Eur. Bonds AEM Central&Eastern Europ. Eq OEM Euro Bonds OEB Euro Bonds 1/3 years OEM Euro Bonds 10+ years OEM Euro Bonds 3/5 years OEM Euro Bonds 5/7 years OAS Euro Convertible Bonds OEC Euro Corporate Bonds OEC Euro Covered Bonds OEM Euro Inflat Linked Bds LAE Euro Liquidity OEH Europ. High Yield Bonds AEU European Eq.Opportunity FLE Garant 1 FLE Garant 2 FLE Garant 3 FLE GaranT 5 FLE GaranT4 APS German Equities FLE Global Equity Allocation APU Global Multi Utilities AEM Greater China Equities AEU High Convinction Europe AAM NorthAm Eq Fund of funds AEU S.A.R.A.S.R.I. OEC Short Term Euro Corp Bds AAE Small&Mid Cap Euro Eq OFL Tactical Bond Allocation ODMUS Bonds

01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 07.04 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09

Cl. D 94,03 113,83 103,33 154,42 204,24 124,29 104,62 109,74 107,56 106,12 91,20 123,46 105,71 115,47 151,67 102,01 105,31 99,91 106,95 96,53 99,15 74,81 94,82 154,82 127,75 101,97 70,03 79,67 102,39 74,28 98,65 112,33

Cl. E 92,87 111,65 101,79 152,35 196,79 122,28 103,99 109,37 107,25 104,26 93,07 121,58 105,63 113,63 134,91 98,12 83,67 90,37 158,02 127,67 97,98 96,02 88,00 102,07 72,82 98,83 111,22

Gestielle Inv. Sicav


Banca Popolare di Novara; Novara Invest Sim; www.bpn.it OEM Bond Euro (I)(7) 31.08 131,02 OEM Bond Euro (R) 31.08 128,11 OEB Cash Euro (I)(7) 31.08 115,91 OEB Cash Euro (R) 31.08 114,05 AIN Glb Eq. Controll. Risk (R) 31.08 100,16 AEU Value Equity Europe (I)(7) 31.08 84,07 AEU Value Equity Europe (R) 31.08 80,48

www.ingim.it ING (L) Invest FLE Alternative Beta 31.08 258,92 FLE Alternative Beta($) 31.08 254,89 APA Asia P H Div 31.08 834,05 AFI Banking & Insurance($) 31.08 396,32 ABC Consumer Goods($) 31.08 940,36 AEM Emerging Europe 31.08 49,69 AEM Emerging Markets($) 31.08 61,27 AEN Energy($) 31.08 1252,03 AAE EURO Equity 31.08 83,90 AAE Euro High Dividend 31.08 286,69 AAE Euro Income Cap 31.08 836,28 AAE Euro Income Dist 31.08 610,69 ASE Europ Real Estate 31.08 596,75 AEU Europe Growth 31.08 258,93 AEU Europe High Dividend 31.08 243,08 AEU Europe Opportunities 31.08 215,99 AEU European Equity 31.08 32,47 ABC Food & Beverages($) 31.08 1242,50 ASE Gl Real Es 31.08 838,88 AIN Glb High Div. (USD)($) 31.08 306,88 AIN Glb High Dividend (EUR) 31.08 216,68 AAS Global Opportunities 31.08 233,48 AEM Greater China($) 31.08 730,33 ASA Health Care 31.08 252,74 ASA Health Care($) 31.08 771,46 APS India Focus 30.08 270,93 AID Industrials 31.08 288,39 AIF Informat. Technologies($) 31.08 643,14 APA Japan(Jpy) 31.08 2126 APA Japanese S & M Caps(Jpy) 31.08 7800 AEM Latin America($) 31.08 2645,56 AEN Materials($) 31.08 1021,66 APS Middle East & North Africa 29.08 280,40 APA New Asia($) 31.08 919,84 ABC Prestige & Luxe 31.08 457,09 AIN Sustainable Growth 31.08 145,39 ATE Telecom 31.08 946,88 ATE Telecom($) 31.08 630,40 AAM US Enhanc Core Conc($) 31.08 57,33 AAM US Growth 31.08 291,53 AAM US Growth ($) 31.08 48,14 AAM US High Dividend($) 31.08 283,96 AAM US Research Ad. 31.08 173,38 AAM US Research Ad.($) 31.08 225,77 APU Utilities($) 31.08 566,50 AIN World 31.08 127,86 ING (L) Patrimonial BAZ Aggressive 31.08 412,64 BBI Balanced 31.08 834,48 BOB Defensive 31.08 415,17 BBI Euro 31.08 430,56 FLE Target Return Bd 31.08 245,93 ING Index Linked Fund FLE Protected Mix 70 P 31.08 23,34 FLE Protected Mix 80 P 31.08 25,63 FLE Protected Mix 90 P 31.08 27,43 ING (L) Renta Fund OPE Asian Debt 31.08 1380,96 OAS Dollar 31.08 1045,43 OPE Em.Mkts.Corp.Deb. 31.08 248,45 OPE Em.Mkts.Deb.(Loc.Bd.) 31.08 253,96 OPE Em.Mkts.Deb.Ha.Cur. 31.08 3734,16 OPE Em.Mkts.Deb.Loc.Cur. 31.08 59,61 OAS Euro 31.08 426,86 ODMEuro Infl. Linked 31.08 282,98 LAE Euro Liquidity 31.08 258,85 OEM Euro Long Duration 31.08 284,55 OEC Eurocredit 31.08 131,85 OEM Euromix Bond 31.08 158,46 OIH Europe High Yield OAS Fx Alpha 31.08 246,97 OIH Global High Yield 31.08 367,49 OAS Sustainable Fix.Inc. ODC US Credit 31.08 950,00 FLE World 31.08 202,56 FLE World 31.08 717,10 FLE World($) 31.08 987,61 La data indicata si riferisce al giorno di valorizzazione.

M M M M

m m m m

M M M M m m m m M mM M mM M M M M

W W W W

m m m m

m m

M M

M M M M M M M M M M M M

HSBC Global Inv. Funds


Tel. 02 72437496; Fax 02 72437490 APA Asia exJap Eq A EurH APA Asia exJapan Eq Sm C($) APA Asia exJapan Eq. ($) APA AsiaPac exJapEqH.Dv($) OPE Brazil Bond ($) AEM Brazil Equity($) AEM BRIC Eq($) AEM BRIC Markets Eq($) APA Chinese Equity ($) AIN Climate Change($) AIN Emerging Wealth ($) OEM Euro Bond OEC Euro Credit Bond 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 A.Cap 16,722 36,853 51,034 18,613 34,806 22,296 14,213 72,676 5,584 7,707 20,613 19,454 E-Cap 36,077 46,848 18,269 22,176 33,857 21,77 13,847 70,362 5,483 7,696 20,334 19,196 M M M M FLE KIS - Absolute A FLE KIS - Absolute F FLE KIS - Absolute I(7) FLE KIS - Ambiente A FLE KIS - Ambiente D FLE KIS - Ambiente F FLE KIS - Ambiente I(7) FLE KIS - Ambiente X(7) AAM KIS - America A AAM KIS - America A - USD 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 26.08 90,96 90,37 91,16 96,58 95,98 95,61 96,63 96,88 135,01 189,61 M

m m

Il Sole 24 Ore Venerd 2 Settembre 2011 - N. 239


OAS Euro Aggr. Bond E OAS Euro Aggr. Bond E D. OAS Euro Aggr. Bond F OAS Euro Aggr. Bond F D. OEM Euro Bond E OEM Euro Bond F OAS Euro Cash Plus E OEC Euro Corp. Short T. E OEC Euro Corp. Short T. F OEC Euro Corp. Trend Bd E OEC Euro Corp. Trend Bd F OEC Euro Corporate Bond E OEC Euro Corporate Bond F OEC Euro Credit Recover2012 E OEC Euro Credit Recover2012 F OEH Euro H. Y. E OEH Euro H. Y. F LAE Euro Liquidity E OAS Euro Short T. E OAS Euro Short T. F OFL Euro Strat. Bond E D. OFL Euro Strat. Bond F D. OFL Euro Strategic Bond E OFL Euro Strategic Bond F AAE Euroland Equity E AAE Euroland Equity F AEU European Eq. Value E AEU European Eq. Value F AEU European Potential E AEU European Potential F AEU European Research E AEU European Research F AIN Glb Diversified Equity E AIN Glb Diversified Equity F OAS Global Aggr. Bond E OAS Global Aggr. Bond F BAZ Global Balanced E BAZ Global Balanced F ASE Global Ecology E ASE Global Ecology F OIH Global High Yield E OIH Global High Yield F AIN Global Select E AIN Global Select F AAS Gold & Mining E AAS Gold & Mining F OAS HY&Em.M.BdOpp.2015E OAS HY&Em.M.BdOpp.2015F AEM Indian Equity E AEM Indian Equity F AIT Italian Equity E AIT Italian Equity F APA Japanese Eq. E APA Japanese Eq. F AEM Latin Am. Equity E AEM Latin Am. Equity F AAM North Am. Bas. V. E Hed. AAM North American Bas. Val. E AAM North American Bas. Val. F OEC Obbl. Euro 09/2014 E OEC Obbl. Euro 10/2014 E OEC Obbl. Euro 11/2014 E OEC Obbl. Euro 12/2014 E APS Russian Equity E APS Russian Equity F OFL Strategic Income E OFL Strategic Income E D. OFL Strategic Income E Hed. OFL Strategic Income E Hed. D. OFL Strategic Income F OFL Strategic Income F D. OFL Strategic Income F Hed. OFL Strategic Income F Hed. D. AEU Top Europ. Play. E AEU Top Europ. Play. F ODMU.S. Dollar Aggregate Bd E ODMU.S. Dollar Aggregate Bd F ODB U.S. Dollar Short T. E ODB U.S. Dollar Short T. F AAM U.S. Fundam. Growth E AAM U.S. Fundam. Growth E H AAM U.S. Fundam. Growth F AAM U.S. Pioneer Fund E AAM U.S. Pioneer Fund E Hed. AAM U.S. Pioneer Fund F AAM U.S. Res. Value E AAM U.S. Res. Value F AAM U.S. Research E AAM U.S. Research E Hed. AAM U.S. Research F ODC US Credit Rec.2014 E Hed. ODC US Credit Rec.2014 F Hed. ODH Us High Yield E ODH US High Yield E Hed. ODH Us High Yield F AAM Us Mid Cap Value E AAM Us Mid Cap Value F Pioneer Invest FLE Total Return E FLE Total Return F Pioneer PF BBI Global Balanced 50 E BBI Global Balanced 50 F AIN Global Changes E AIN Global Changes F BOB Global Defensive 20 E BOB Global Defensive 20 F Pioneer SF FLE EUR Commodities E FLE EUR Commodities F OEB Euro Curve 1-3y E OEB Euro Curve 1-3y F OEM Euro Curve 10+y E OEM Euro Curve 10+y F OEM Euro Curve 3-5y E OEM Euro Curve 3-5y F OEM Euro Curve 7-10y E OEM Euro Curve 7-10y F OIG Global Curve 1-3y E OIG Global Curve 1-3y F OIG Global Curve 7-10y E OIG Global Curve 7-10y F Pioneer SSF FLE Asia 05/2016 E P FLE Asia 06/2016 E FLE Asia 21/12/2015 E FLE Bric 03/12/2015 E FLE Bric 15/12/2015 E FLE Bric 4/12/2015 E FLE Eurostoxx 02/2014 E FLE Eurostoxx 02/2015 E FLE Eurostoxx 05/2014 E FLE Eurostoxx 06/2014 E FLE Eurostoxx 11/2014 E FLE Eurostoxx 12/2014 E P FLE FTSE Mib Prot 10/2013 ODC Obb. Amer. 08/2015 E hdg OEC Obb. Euro 02/2016 E OEC Obb. Euro 03/2016 E OEC Obb. Euro 05/2016 E OEC Obb. Euro 06/2014 E OEC Obb. Euro 06/2016 E OEC Obb. Euro 08/2016 E OEC Obb. Euro 09/2015 E OEC Obb. Euro 11/2015 E OEC Obb. Euro 12/2013 E OEC Obb. Euro 12/2015 E OEC Obb. Euro Pi 02/2016 E OEC Obb. Euro Pi 03/2016 E ODC Obb.Amer 02/2015 E hdg ODC Obbl.Amer 03/2015 E hdg OEC Obbl.Euro 05/2015 E OEC Obbl.Euro 06/2015 E FLE S&P 03/2015 E FLE S&P 05/2015 E FLE S&P 06/2015 E P FLE S&P Luglio 2016 - E P FLE S&P Ottobre 2016 E FLE S&P Settembre 2016 - E 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 6,187 5,028 6,100 5,010 7,984 7,545 61,403 5,562 5,414 5,012 4,977 7,335 6,772 5,013 5,004 7,243 6,668 5,121 6,316 6,097 4,801 4,792 8,273 7,198 3,947 3,622 3,811 5,880 3,568 3,443 3,578 3,277 4,404 4,314 6,532 6,441 6,542 6,410 3,564 3,437 6,608 5,910 3,500 3,385 4,966 4,803 4,967 4,948 5,657 5,525 4,918 4,530 1,778 1,635 4,847 4,769 3,949 3,999 3,847 5,099 5,060 5,065 5,012 4,116 4,100 6,901 4,753 7,971 5,358 6,498 4,713 7,677 4,971 4,755 4,300 5,671 5,516 4,333 4,183 6,292 82,362 7,706 3,784 3,672 3,480 5,413 6,157 4,168 3,965 3,815 5,457 5,436 6,679 5,900 6,257 5,363 4,932 55,980 53,140 4,685 4,358 3,210 3,107 6,210 5,749 4,628 4,474 5,715 5,626 5,576 5,399 5,923 5,873 6,044 5,853 5,552 5,527 6,222 6,346 AEU Star High Potent.Eur.I(7) 31.08 5,697 AEU Star High Potent.Eur.Prest. 31.08 6,659 AEU Star High Potent.Eur.Silver 31.08 4,906 FLE Star Mkt Neutral Eur.I 31.08 5,340 FLE Star Mkt Neutral Eur.Prest. 31.08 5,298 FLE Star Mkt Neutral Eur.Silver 31.08 5,273 OFL Star Prudente Prest. 31.08 5,020 OFL Star Prudente Silver 31.08 5,014 Valore arrotondato alla terza cifra decimale; Prima Funds fornisce sul sito www.primasgr.it, il valore con quattro decimali Swiss Equity(Chf) US Equity($) Barclays Corals Idx Fund A ($) Barclays Corals Idx Fund B Barclays Corals Idx Fund H () Barclays Pure Beta Comm I(7) Barclays Pure Beta Comm R 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 12.08 92,43 50,31 1,06 1,12 1,04 116,33 109,51 10,000 92,02 50,08 Pan Europ.SmCos R#Acc Pan European R#Acc US Opport. R#Acc 31.08 31.08 31.08 31.08 25.08 25.08 5,85 3,08 4,51 200,54 93,58 104,78

Risparmio gestito 47
Mfs Meridian Funds Sicav
London Office tel: +44 207 429 7200 - Fax +44 207 9501701 Absolute Return A1 31.08 15,93 Asia ex-Japan A1($) 31.08 22,45 China Equity A1($) 31.08 8,98 Continental Europ. Eq A1 31.08 10,28 Emerg. Mkts Debt A1($) 31.08 28,76 Emerg. Mkts Debt LoCurr A1($) 31.08 14,58 Emerg. Mkts Equity A1($) 31.08 12,92 Europ. Smaller Comp. A1 31.08 23,18 European Core Eq.Fd A1 31.08 16,52 European Res. A1 31.08 17,91 European Value A1 31.08 18,92 Global Bond A1 ($) 31.08 11,49 Global Concentrated A1($) 31.08 22,16 Global Energy A1($) 31.08 14,56 Global Equity A1 31.08 13,02 Global Equity A1($) 31.08 29,40 Global Multi-Asset A1($) 31.08 15,60 Global Research A1($) 31.08 19,15 Global Total Return A1 31.08 10,83 High Yield A1(6) 31.08 10,11 High Yield A1($) 31.08 19,92 Inflat-Adjusted Bond A1($) 31.08 14,23 Japan Equity A1($) 31.08 7,81 Latin American Equity A1($) 31.08 22,11 Limited Maturity A1($) 31.08 13,69 Prudent Wealth A1($) 31.08 11,43 Research Bond A1($) 31.08 14,91 UK Equity A1(Gbp) 31.08 5,68 US Conc. Growth A1($) 31.08 9,68 US Government Bd A1($) 31.08 16,31 Value A1($) 31.08 13,09

BAZ Dynamic S 01.09 8,438 BAZ Dynamic SH 01.09 8,651 LAE Liquidity S 01.09 10,946 LAE Liquidity SA 01.09 11,028 BOB Moderate S 01.09 9,687 BOB Moderate SH 01.09 9,882 Le quote esposte si riferiscono ai prezzi di chiusura del giorno lavorativo precedente quello sopra indicato

Celsius Investment Fund Sicav

Heritam Sicav
East. Europ.Heritage Energy Fund($)(7) USA Growth($)

Protea Fund Sicav


FLE Tiger Glb Return cap(6) FLE Trading A cap(6) 31.08 31.08 97,15 104,75

Morgan Stanley Bank International Limited Milan Branch; Tel. 02 76331; www.morganstanleyinvestmentfunds.com Cl. A Cl. I OFL Absolute Ret. Currency 31.08 24,58 25,35 APA Asian Equity 31.08 28,90 31,79 APA Asian Property 31.08 10,45 11,48 FLE Diversified Alpha Plus 31.08 25,44 26,30 OPE Em.Mkts Domest.DebtHdg 31.08 29,33 OPE Em.Mkts Domestic Debt 31.08 26,28 26,97 AEM Emerging Markets Equity 31.08 25,50 27,67 OPE Emerging Mkts Debt 31.08 48,35 52,69 OPE Emerging Mkts DebtHdg 31.08 51,62 AEM EmEurop,M-East&Africa Eq 31.08 52,81 56,23 OEM Euro Bond 31.08 12,60 13,38 OEC Euro Corporate Bond 31.08 36,02 37,61 LAE Euro Liquidity 31.08 12,87 13,15 OEM Euro Strategic Bond 31.08 34,14 36,31 OEH Europ.Curr. HighYield Bd 31.08 14,71 15,61 AEU European Equity Alpha 31.08 26,75 29,18 AEU European Property 31.08 18,98 20,81 AEU European Small Cap Value 31.08 33,40 AAE Eurozone Equity Alpha 31.08 6,55 7,04 OIG Global Bond 31.08 27,07 28,80 OIG Global Bond Hdg 31.08 25,68 AIN Global Brands 31.08 46,61 50,15 AIN Global Brands Hedg 31.08 42,81 OAS Global Convertib. Bd Hdg 31.08 29,46 30,72 OAS Global Convertible Bond 31.08 23,62 24,63 AAS Global Infrastructure 31.08 22,03 AAS Global Infrastructure Hdg 31.08 31,55 AIN Global Opportunity 31.08 18,63 AIN Global Opportunity Hdg 31.08 26,79 ASE Global Property 31.08 14,44 14,93 ASE Global Property Hdg 31.08 24,07 AEM Indian Equity 31.08 18,06 18,72 APS Japanese Equity 31.08 20,49 21,99 AEM Latin American Equity 31.08 47,82 52,34 OEB Short Maturity Euro Bond 31.08 19,12 20,37 AAM US Advantage 31.08 22,40 23,36 AAM US Advantage Hdg 31.08 23,83 AAM US Growth 31.08 27,50 30,34 AAM US Growth Hdg 31.08 28,09 AAM US Property 31.08 31,65 34,65 Cl. B Cl. C OFL Absolute Ret. Currency 31.08 23,49 APA Asian Equity 31.08 25,06 18,62 APA Asian Property 31.08 9,53 FLE Diversified Alpha Plus 31.08 24,64 24,54 OPE Em.Mkts Debt Hdg 31.08 25,71 OPE Em.Mkts Domest.DebtHdg 31.08 26,50 OPE Em.Mkts Domestic Debt 31.08 25,13 21,56 AEM Emerging Markets Equity 31.08 22,52 16,63 OPE Emerging Mkts Debt 31.08 42,00 21,47 AEM EmEurop,M-East&Africa Eq 31.08 49,09 19,79 OEM Euro Bond 31.08 11,00 29,32 OEC Euro Corporate Bond 31.08 32,61 28,89 LAE Euro Liquidity 31.08 11,90 25,02 OEM Euro Strategic Bond 31.08 29,69 24,68 OEH Europ.Curr. HighYield Bd 31.08 12,88 31,59 AEU European Equity Alpha 31.08 23,23 23,38 AEU European Property 31.08 16,66 AEU European Small Cap Value 31.08 30,26 AAE Eurozone Equity Alpha 31.08 5,85 OIG Global Bond 31.08 23,42 21,13 OIG Global Bond Hdg 31.08 25,47 AIN Global Brands 31.08 41,86 21,21 AIN Global Brands Hedg 31.08 39,43 OAS Global Convertib. Bd Hdg 31.08 26,90 23,77 OAS Global Convertible Bond 31.08 21,58 AAS Global Infrastructure 31.08 21,76 21,84 AAS Global Infrastructure Hdg 31.08 31,17 AIN Global Opportunity 31.08 18,49 18,51 AIN Global Opportunity Hdg 31.08 26,59 ASE Global Property 31.08 13,74 16,75 ASE Global Property Hdg 31.08 23,88 23,91 AEM Indian Equity 31.08 17,22 13,09 APS Japanese Equity 31.08 22,00 22,03 AEM Latin American Equity 31.08 41,33 16,43 OEB Short Maturity Euro Bond 31.08 16,83 25,380 AAM US Advantage 31.08 21,16 21,92 AAM US Advantage Hdg 31.08 40,96 AAM US Growth 31.08 23,91 19,88 AAM US Growth Hdg 31.08 28,07 AAM US Property 31.08 27,39

www.zmssicav.com; 12, rue Eugne Ruppert, L-2453 Luxembourg BOB Defender I(7) 31.08 98,10 BOB Defender P 31.08 97,80 BBI Global Opportunities I(7) 31.08 93,08 BBI Global Opportunities P 31.08 86,74 BBI Global Opportunities R 31.08 83,97 FLE Stock Picking I(7) 31.08 103,42 FLE Stock Picking P 31.08 101,37 FLE Stock Picking R 31.08 99,52

Riverfield Real Ass E(Chf) SG Active Equities A SG Active Equities A($) SG Active Equities A(Chf) SG Active Equities B(7) SG Active Equities B($)(7) SG Active Equities B(Chf)(7)

31.08 01.09 01.09 01.09

89,09 93,59 93,18 93,18

Nomura Voltage M/T ETF RDX Source ETF RUSSELL 2000 source ETF S&P 500 Source ETF S&P 500 VIX Source ETF Technology S&P US Sel Sec Utilities S&P US Sel Sec

31.08 112,729 31.08 184,02 31.08 32,32 31.08 193,35 31.08 157,10 31.08 54,43 31.08 167,89 31.08 104,81 31.08 105,43 31.08 103,02 31.08 103,220 31.08 102,64 31.08 105,40 31.08 103,51 27.07 27.07 85,99 114,39

HSBC
Euro Gvt Bd C(6) Monetaire Etat I(6) HSBC Euro Liquidity(7) HSBC Sterling Liq Cap(7) HSBC US Dollar Liquidity(7) 31.08 2503,320 01.09 2178,000 01.09 01.09 31.08 1,24 1,37 1,22

Polaris Investment S.A.


Ethical Glb Balanced(7) Geo Environmental(7) GEO Equity Glb I(7) GEO Equity Glb II(7) GEO Equity Glb III(7) GEO Equity Glb V(7) GEO Eur.Eq Tot Ret(7) GEO Glb B.Tot Ret I(7) GEO Glb B.Tot Ret II(7) GEO Glb B.Tot Ret III(7) GEO Glb B.Tot Ret IV(7) GEO Glb B.Tot Ret VI(7) GEO Glb B.Tot Ret VII(7) GEO Glb Balanced I(7) GEO Glb Balanced III(7) GEO Glb Cash Plus(7) Geo Glb Cash Plus II(7) GEO Glb Diversified Strat.(7) GEO Glb Real Bond II(7) Geo Liquidity(7) Geo Liquidity Fund II(7) GEO Short T.Bond III(7) GEO Short T.Bond V(7) GEO Short T.Bond VI(7) GEO Short T.Bond VII(7) GEO Short T.Bond VIII(7) GEO Short T.Bond X(7) Glb Bond(7) Social Responsible F.I(7) 26.08 1136,94 26.08 8369,89 26.08 7037,56 26.08 6644,68 26.08 11447,96 26.08 11621,76 26.08 9786,89 26.08 10784,24 26.08 10630,79 26.08 11404,84 26.08 11138,54 26.08 11216,08 13.05 10393,79 26.08 11064,52 26.08 10998,82 26.08 10464,63 26.08 10173,12 26.08 10690,01 26.08 10729,61 26.08 10079,15 26.08 10057,70 26.08 11491,97 26.08 11686,39 26.08 11687,39 26.08 10468,19 26.08 11631,66 26.08 10919,48 26.08 12167,45 26.08 10911,28

Structured Invest S.A.


Guaranteed April 2009-2014 Guaranteed December 2014 Guaranteed July 2014 Guaranteed June 2009-2015 Guaranteed May 2014 Guaranteed October 2014 Guaranteed September 2014

Controlfida UCITS
Delta UCITS

East Capital
www.eastcapital.it Conv Eastern Europ A cap Eastern Europ A Cap Russian A cap 26.08 31.08 31.08 48,65 66,42 78,38

HSBC Global Liquidity Funds Plc

Hypo Portfolio Selection Sicav


PKB Privatbank A; via S. Balestra 1,CH - 6901 Lugano; tel. +41 919134840; fax +41 919133449 Basic Fund B 25.08 50,98 Equilibrium B 25.08 100,89

Edmond de Rothschild Fund


http://www.edrfund.com - http://www.edrfund.it; Tel: 0033 1 40 17 22 58 (Parigi); Tel: 0039 02 62 48 31 (Milano) Euro Corp Bonds M.T. A C 31.08 221,69 Euro Corp Bonds S.T. A C 31.08 182,68 Euro Gvt Bonds L.T. A C 31.08 228,30 Euro Gvt Bonds M. T. A C 31.08 209,35 Europ. Convert. Bds A C 31.08 190,29 Europe Value A C 31.08 151,31

SUNGEAR SICAV
Tactical Allocation 300 Tactical Bond

ALTRI ARMONIZZATI UE
www.rovere.lu AEU Az. Europa IC(7) AEU Az. Europa RC AAE Az. Internazionale IC(7) AAE Az. Internazionale RC AAM Az. Nord America IC(7) AAM Az. Nord America RC BBI Bil. Paesi Emerg. IC(7) BBI Bil. Paesi Emerg. RC BOB Bilanciato Obblig. IC(7) BOB Bilanciato Obblig. RC OFL Euro Bd Attivo RC FLE Flessibile Attivo IC(7) FLE Flessibile Attivo RC LAE Liquidit IC(7) LAE Liquidit RC OEB Obbl. B.Termine IC(7) OEB Obbl. B.Termine RC OEM Obbligazionario IC(7) OEM Obbligazionario RC BBI Balanced Stra. I(7) BBI Balanced Stra. R OFL Bond Strategy R AEU Eq. Europe(7) AEU Eq. Europe AEM Eq.Em.Mrkts. I(7) AEM Eq.Em.Mrkts. R AAE Eq.Eu.Stra.(7) AAE Eq.Eu.Stra. AAM Equity USA I(7) AAM Equity USA R OEM Euro Gov.Bd I(7) OEM Euro Gov.Bd. R LAE Euro Income(7) LAE Euro Income OAS Euro Infl. Bd. R. ODMUSD Gov.Bd. I(7) ODMUSD Gov.Bd. R
Fondo Data NAV / Risc. Emiss.

Teti International Asset Mgmt S.A.


Gruppo bancario Cassa di Risparmio di Chieti Teti Int. F. Az. Eur. 01.09 2,90 Breve T. E 01.09 5,66 Obb. Euro 01.09 7,25 Obb. Int. 01.09 7,46 Scudo Dinamico 01.09 4,94

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

151,66 123,07 148,05 117,46 148,81 124,53 99,49 98,06 104,24 101,57 100,99 99,84 99,43 101,30 100,63 104,48 102,10 104,69 101,99

Acelum Sicav
Acelum Value Fund 01.09 116,22

Advantage
2 rue d'Alsace, PO Box 1725, L-1017 Luxembourg Tl.: +352 2673461. Absolute Return Global(6) 30.08 93,03 Income B 30.08 196,04 Total Return 30.08 88,83

Efficiency Growth Fund Sicav


SGSS S.p.A. Via Benigno Crespi, 19/A - MAC 2 20159 Milano EGF Euro Global Bd 25.08 99,05 European Ethical Bd 04.07 130,36 Global Bonds 25.08 131,92 Optimum 14.07 59,66 Rappresentato da: Swiss & Global Asset Management (Italia) SGR S.p.A.; jbfundsitalia@swissglobal-am.com, www.jbfundnet.com; tel. +39 02 36604900 JB Multibond ABS B 31.08 97,19 ABS B(Chf) 31.08 89,94 ABS E 31.08 94,26 Absolute Return Bd B 31.08 127,28 Absolute Return Bd B($) 31.08 119,48 Absolute Return Bd Def B 31.08 110,04 Absolute Return Bd Def B($) 31.08 108,96 Absolute Return Bd Def E 31.08 108,40 Absolute Return Bd Def E($) 31.08 107,40 Absolute Return Bd E 31.08 122,20 Absolute Return Bd E($) 31.08 116,57 Absolute Return Bd Plus B 31.08 124,05 Absolute Return Bd Plus B($) 31.08 125,52 Absolute Return Bd Plus E 31.08 120,90 Absolute Return Bd Plus E($) 31.08 122,50 Absolute Return Bond B(Chf) 31.08 110,35 Absolute Return EM B 31.08 114,91 Absolute Return EM E 31.08 112,97 Absolute Return EM-USD B 31.08 113,90 Absolute Return EM-USD E 31.08 112,31 Cred Opportunities B 31.08 141,84 Cred Opportunities E 31.08 136,43 Dollar Medium T. Bd E($) 31.08 156,06 Dollar Bond B($) 31.08 313,45 Dollar Bond E($) 31.08 151,19 Dollar Medium T. Bd B Usd 31.08 186,05 Emerg. Bd EURO E 31.08 209,49 Emerg. Bd EURO B 31.08 287,58 Emerg. Bd USD B($) 31.08 358,70 Emerg. Bd USD E($) 31.08 267,71 Emerg.Mrkt.Infl.Lnkd.Bd B($) 31.08 104,34 Emerg.Mrkt.Infl.Lnkd.Bd E 31.08 104,14 Emerg.Mrkt.Infl.Lnkd.Bd E($) 31.08 103,99 Emerg.Mrkt.Infl.Lnkd.BdB 31.08 104,52 Euro Bond B 31.08 332,69 Euro Bond E 31.08 129,06 Euro Gov. Bd B 31.08 148,85 Euro Gov. Bd E 31.08 133,20 Global Convert Bond B 31.08 93,58 Global Convert Bond E 31.08 46,03 Global H.Y. Bond B 31.08 173,33 Global H.Y. Bond E 31.08 167,17 Inflation Linked Bd B 31.08 110,38 Inflation Linked Bd B ($) 31.08 113,04 Inflation Linked Bd E 31.08 108,77 Inflation Linked Bd E ($) 31.08 111,36 Local Emerg. Bd B($) 31.08 315,45 Local Emerg. Bd E($) 31.08 286,96 Local Emerging Bond B 31.08 228,05 Local Emerging Bond E 31.08 207,58 Swiss Franc Bond B(Chf) 31.08 181,84 Swiss Franc Bond E(Chf) 31.08 108,78 Total Return Bond B 31.08 90,98 Total Return Bond E 31.08 108,94 JB Multicash JB CF MM-CHF/B 31.08 1474,24 JB CF MM-CHF/E 31.08 1030,70 JB CF MM-EUR/B 31.08 2067,30 JB CF MM-EUR/E 31.08 1198,79 JB CF MM-GBP/B 31.08 2287,05 JB CF MM-GBP/E 31.08 1356,35 JB CF MM-USD/B 31.08 1812,21 JB CF MM-USD/E 31.08 1188,09 JB Multicooperation Commodity B 31.08 98,24 Commodity E 31.08 94,42 Commodity E($) 31.08 105,98 Commodity-USD/B($) 31.08 110,28 Strategy Balanced B 31.08 120,26 Strategy Balanced B($) 31.08 109,74 Strategy Balanced B(Chf) 31.08 120,39 Strategy Balanced E 31.08 110,96 Strategy Balanced E($) 31.08 100,35 Strategy Balanced E(Chf) 31.08 111,22 Strategy Growth B(Chf) 31.08 70,35 Strategy Growth E 31.08 76,47 Strategy Growth E(Chf) 31.08 64,64 Strategy Income B 31.08 133,21 Strategy Income B($) 31.08 131,55 Strategy Income B(Chf) 31.08 105,17 Strategy Income E 31.08 125,05 Strategy Income E($) 31.08 119,82 Strategy Income E(Chf) 31.08 96,39 JB Multilabel Artemide B(6) 31.08 102,53 Artemide C(6,7) 31.08 103,02 Vindex B(6) 01.09 101,72 JB Multipartner Absolute 3 B 31.08 100,46 Absolute 3 E 31.08 95,20 JB Multistock Agriculture B 31.08 85,13 Agriculture B ($) 31.08 77,89 Agriculture E 31.08 83,14 Agriculture E ($) 31.08 76,01 Asia Stock B($) 01.09 165,66 Asia Stock E($) 01.09 193,59 Biotech (USD) E($) 31.08 101,39 Biotech B($) 31.08 103,94 Black Sea (EUR)-B 31.08 30,88 Black Sea (EUR)-E 31.08 29,82 Central Europe Stock B 31.08 208,41 Central Europe Stock E 31.08 191,40 Energy Transition B 31.08 117,49 Energy Transition B ($) 31.08 133,24 Energy Transition E 31.08 115,05 Energy Transition E ($) 31.08 130,48 Eur. Selection Fd B 31.08 64,76 Eur. Selection Fd E 31.08 54,06 Eur. Small & Mid Cap B 31.08 117,67 Eur. Small & Mid Cap E 31.08 61,72 Euro Larg.Cap Stock Fd(6) 31.08 92,98 Euro Larg.Cap Stock Fd(6) 31.08 91,770 Eurol. Value St. B 31.08 114,14 Eurol. Value St. E 31.08 80,08 Europe St. B 31.08 244,81 Europe St. E 31.08 57,31 German Value St. B 31.08 189,28 German Value St. E 31.08 108,97 Glb Emg Markets B 31.08 75,43 Glb Emg Markets E 31.08 111,83 Glb Stock B 31.08 68,34 Glb Stock E 31.08 46,66 Infrastructure B 31.08 75,21 Infrastructure E 31.08 72,90 Japan Stock B 01.09 73,29 Japan Stock B(Jpy) 01.09 8364 Japan Stock E 01.09 70,79 Japan Stock E(Jpy) 01.09 6720 JB EF Special Val. EUR 31.08 98,58 JB EF Special Val. EUR 31.08 94,45 Luxury Brands (EUR) B 31.08 144,49 Luxury Brands (EUR) E 31.08 140,72 Natural Resources B 31.08 87,06 Natural Resources B($) 31.08 88,56 Natural Resources E 31.08 84,70 Natural Resources E($) 31.08 86,16 Northern Africa B 29.08 84,54 Northern Africa E 29.08 82,14 Russia B 31.08 93,22 Russia B ($) 31.08 85,32 Russia E 31.08 91,26 Russia E ($) 31.08 83,53 Swiss Small & Mid Cap B(Chf) 31.08 344,51 Swiss Small & Mid Cap E(Chf) 31.08 81,80 Swiss St. B(Chf) 31.08 319,07 Swiss St. E(Chf) 31.08 70,94 US Leading St. B($) 31.08 373,08 US Leading St. E($) 31.08 99,20 US Value St. B($) 31.08 118,08 US Value St. E($) 31.08 109,91

The Century Fund Sicav


Global Equity cl. B(7) Global Fixed Income cl. B(7) 31.08 31.08 11,30 13,35

Ailis Funds
Gruppo San Paolo-Imi; Tel. 800-900151. Collocatore Sanpaolo Invest Sim SpA Ailis Emerging Mkts Eq. F. 31.08 6,78 Ailis Gl. High Yield Bd F. 10.06 6,07 Ailis Bond Gl. Em. Mkts F. 10.06 5,83 Ailis Bond Japan 10.06 4,25 Ailis Bond Usa 10.06 4,24 Ailis Cedola Dinamica 31.08 9,76 Ailis Coupon Plus 31.08 10,59 Ailis Eq. Pacific ex-Japan F. 31.08 6,96 Ailis Eq. Usa Blue Chips 31.08 2,60 Ailis Equity Britain 10.06 5,38 Ailis Equity Europe 31.08 3,45 Ailis Equity Italy 31.08 2,66 Ailis Equity Japan 31.08 2,39 Ailis Euro Bd Medium Term 10.06 7,18 Ailis Euro Bond Long Term 10.06 6,53 Ailis Euro Bond Short Term 31.08 6,04 Ailis Euro Corporate Bond F. 10.06 5,01 Ailis Euro Currency 31.08 6,01 Ailis Inflation Linked 10.06 6,16 Ailis Rendimento Misto 31.08 9,33

THEAM
BNL Asian Tigers(6) BNL Guaranteed 110(6) BNL Protected 75(6) Oscillator Commod. B 01.08 77,19 31.08 107,30 31.08 78,26 31.08 1099,01 31.08 8410,92 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 136,18 167,80 108,38 80,19 79,62 100,40

ETF Market Access


AMEX Gold Bugs Dax Global Asia Dax Global Bric Dax Global Russia DJ Turkey Titans 20 Fund FTSE/JISE Africa Top 40 Jim Rogers Int.Comm. RICI Agricolture RICI Metal South/East Europe Traded Diadema Cap. Plus Inst(7) Diadema Capital Plus F.Ret Diadema Dyn.Eur.Opp F.Ret Diadema Dyn.Eur.Opp I(7) Diadema Dyn.GMS Inst(7) Diadema Dynamic GMS Ret Diadema Eur.Balanced I(7) Diadema Eur.Balanced Ret Diadema Euro Short TB (I)(7) Diadema Euro Short TB Ret Diadema Global Trading Inst(7) Diadema Global Trading Ret Plurima Eur.AbsRetNoLoad Plurima European Abs Ret Plurima European Abs Ret (S2) Plurima European Abs Ret I(7) Plurima Frame Alpha Strat Plurima Frame AlphaStr Ins(7) Plurima Frame AlphaStrNL Plurima Low Volatility Ret Plurima LowVol.InstAlphaSig(7) Plurima Pairstech Bond P Plurima Pairstech Crystal Inst(7) Plurima Pairstech Crystal Ret Plurima Pairstech TAI Plurima PairstechCrystal NoLoad Plurima Quaestio Inst(7) Plurima Unifort Gl. Str.InstP(7) Plurima UniShortTermOpp I(7) Plurima UniShortTermOppIP(7) Plurima UniTR Inst(7) Plurima UniTR InstP(7) Plurima UniTR RetP 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.05 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 25.08 25.08 171,23 31,99 41,73 43,84 118,06 29,59 26,21 108,26 137,46 10,36 95,386 95,972 89,772 92,231 92,025 93,460 94,194 92,167 5,473 5,594 93,392 96,978 5,157 6,871 5,640 5,514 3,979 4,974 4,993 5,321 5,368 4,826 4,682 4,273 4,101 4,569 4,986 4,700 4,922 4,936 4,542 4,569 4,672 121,58 119,95 117,32

Tobam
Anti Ben.EuroEq.

Popso (Suisse) Investment Fund Sicav


Cl.A 115,22 92,77 94,36 90,46 77,10 84,66 62,60 87,44 87,18 99,62 82,86 89,00 39,72 102,29 5019 68,20 69,41 Cl.B 108,11 93,94 96,10 66,79 41,79 92,81 88,59 91,97 35,12 103,96 Distribuito da Banca Popolare di Sondrio Euro Bond 31.08 Euro Corporate Bd(6) 31.08 Euro Flex Quant 31.08 European Equity 31.08 Global Convertible Bd 31.08 Global Opportunity Eq.(Chf)(6) 31.08 Global Opportunity Eq.(EUR) 31.08 Japanese Equity (Jpy) 31.08 Short Mat. Euro Bd 31.08 Swiss Equity(Chf) 31.08 Swiss Franc Bond(Chf) 31.08 Usa Bond($) 31.08 Usa Equity($) 31.08 203,93 10,06 9,99 87,26 11,84 7,93 11,49 781 11,292 111,87 175,32 230,07 155,32

UOB Global Strategies PLC


Paradigm A(7) Paradigm B($)(7) Paradigm C($)(7) Paradigm GPF(7) Paradigm GPF($)(7) Strategic Allocation($)(7)

Sella Capital Management Sicav


01.09 10396,48 01.09 51,50 01.09 47,95 01.09 9743,55 01.09 48,15 01.09 9301,46 01.09 46,08 01.09 12494,77 01.09 12192,19 01.09 10673,67 01.09 52,73 01.09 9898,83 01.09 49,18 01.09 55,19 01.09 54,78 01.09 46,36 01.09 10312,86 01.09 51,42

European & Global Investments

Aleph Sicav
Sede Legale: 39 Alle Scheffer L-2520 Luxembourg; tel. 00352 47672526; fax 00352 47677077 BS Capital Opportunities 29.08 108,70 Diversified 29.08 118,78 Global Flex 29.08 86,24

Capitalis Dynamic Strategy Flexible International Global Assets Global Balanced Global Equity Global Flexible Investimenti Flex Italian Equity M Global May 08 Mirabilis Opera Azionario Opera Obbligazionario Performance Assoluta Trend

01.09 01.09 01.09 25.08 01.09 01.09 01.09 01.09 26.11 29.04 15.06 01.09 01.09 01.09 01.09 27.07 27.07 30.08

Pramerica Financial
Transfer Agent: Sal. Oppenheim jr. & Cie. Luxembourg S.A. Tel. +352 221522-441; Fax +352 221522-600 Worldwide Investors Portfolio Em. Markets Fix. Inc. A($) 31.08 18,63 Em. Markets Fix. Inc. AX($) 31.08 20,27 Glb Real Estate Sec. A($) 31.08 10,90 Glb Real Estate Sec. A 31.08 7,43 Mid Cap Growth A 31.08 19,90 Mid Cap Growth A($) 31.08 29,44 Opp. Eq A 31.08 36,21 Opp. Eq A($) 31.08 53,95 US High Yield A($) 31.08 7,70 US High Yield AX($) 31.08 8,19

MU Japan Fund Plc


MUIJ Garp B(Jpy) MUJGarp($) MUJValue($)

Sella Global Strategy Sicav


n. verde 800 142142 FLE Global Portfolio AIF Internet 30.06 2901,78 30.06 5,01

Allianz Global Investors


Eur Prot Dyn Plus 31.08 01.09 01.09 01.09 01.09 123,99 10,04 12,53 9,92 7,17

Alpha Investment Sicav


Balanced Flex Global Bond Italy Flex

Alternative Strategy
Alpha(6) 30.11 1223,83

Amundi Investment Solutions


L.T.I.F. (SIA) Sicav; Tel. 0041 (0) 556172870; www.s-i-a.ch; info@s-i-a.ch AIN LongT I Alpha 30.08 135,34 AIN LongT I Alpha(Chf) 30.08 159,88 AIN LongT I Alpha(Usd) 30.08 195,34 AIN LongT I Clas(Chf) 30.08 241,11 AIN LongT I Clas(Usd) 30.08 294,59 AIN LongT I Classic 30.08 204,10 AIN LongT II Alpha 30.08 100,52 AIN LongT II Alpha(Chf) 30.08 118,75 AIN LongT II Alpha(Gbp) 30.08 89,140 AIN LongT II Alpha(Usd) 30.08 145,09 AIN LongT II Clas 30.08 107,38 AIN LongT II Clas(Chf) 30.08 126,85 AIN LongT II Clas(Gbp) 30.08 95,22 AIN LongT II Clas(Usd) 30.08 154,99 AEN LongT INat Res 30.08 107,64 AEN LongT INat Res(Chf) 30.08 127,16 AEN LongT INat Res(Gbp) 30.08 95,45 AEN LongT INat Res(Usd) 30.08 155,36 AEM LongT Inv Fd Em Mkt 31.08 77,33 AEM LongT Inv Fd Em Mkt(Chf) 31.08 89,79 AEM LongT Inv Fd Em Mkt(Gbp) 31.08 68,38 AEM LongT Inv Fd Em Mkt(Usd) 31.08 111,34 www.amundi-is.com Dividend(6) Global Double Time Global Double Time II 28.03 31.08 31.08 103,22 5,385 5,764

Aperta Sicav
www.apertasicav.it Em. Markets Equities Euro Corporate Bonds Euro Reserve European Balanced 50 European Equities Global Bonds Global Equities Italian Bonds Italian Stock Swiss/Euro Balanced 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 Cl.A 15,52 11,01 10,08 11,02 11,19 11,64 8,40 11,04 5,21 12,43 Cl.B 13,41 11,05 10,17 9,94 8,96 12,40 9,72 10,69 9,05 13,21

Extra Fund Sicav


Bilanciato Cap High Flex Cap Total Return Opport. Cap

Fagus Multimanager Sicav


Distribuita dal Gruppo Banca di San Marino S.P.A. - www.bsm. sm Balanced Flexible(1,6) 30.08 54,53 Equity Dynamic(1,6) 30.08 35,18 Internat. Long-Short Equity(1,6) 30.08 29,080 International Bond(1,6) 30.08 71,68

www.nef.lu Azionario Euro Azionario Europa Est Azionario Giappone Azionario Globale Azionario Paesi Emergenti Azionario Stati Uniti Cedola D Cedola R Flessibile Immobiliare Obbl. Breve Termine Euro Obbl. Convertibile Europeo Obbl. Euro Corporate Obbl. Paesi Emergenti Obbligazionario Euro Obbligazionario Globale Raiffeisen Return Raiffeisen Vario

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 26.08 30.08 30.08

8,17 22,94 5,90 4,82 33,59 4,54 9,58 9,62 9,37 5,47 12,73 10,41 13,10 21,94 15,54 11,71 10,00 8,98 105,08 159,40 10,56 149,35 99,89 95,11 96,96 87,77 121,37

Rinascimento Sicav
Meliorbanca S.p.A.; tel. 02 290221 Corporate Bonds 01.09 G.A.M.E.S. 01.09 G.A.M.E.S.Arbitrage M.A. 01.09 Short Term 01.09 7,95 114,14 11,42 10,58

Banca del Ceresio (Lugano) Tel. 0041 91 9238422; Ceresio SIM SpA (Milano) Tel. 02 30377351; Belgrave Capital Management Ltd (Londra) 0044 20 78241200; www.vitruviussicav. com Asian Eq.B(6) 31.08 74,96 Asian Eq.B($)(6) 31.08 103,71 Emerg. Mkts Eq. cap H 31.08 420,34 Emerg. Mkts Eq.($) cap 31.08 424,56 European Eq. cap 31.08 194,48 Great. China Eq. cap 31.08 82,43 Great. China Eq.($) cap 31.08 116,89 Growth Opp. cap H 31.08 56,59 Growth Opp.($) cap 31.08 50,93 Japanese Eq. cap H 31.08 112,53 Japanese Eq.(Jpy) cap 31.08 85 Swiss Eq. cap H 31.08 69,06 Swiss Eq.(Chf) cap 31.08 91,72 US Eq. cap H 31.08 120,35 US Eq.($) cap 31.08 107,47

Willerfunds Manag. Comp.


www.willerfunds.com; Tel.02 783301; Morval Sim SpA Willerbond Capital $US($) 31.08 32,26 Europ. Currencies 31.08 25,66 Willerequity Europe 31.08 15,57 Greater China($) 31.08 12,94 Italy 31.08 11,05 Japan(Jpy) 31.08 1303 Latinamerica($) 31.08 95,88 NorthAmerica($) 31.08 23,25 Russia & East.Eur.($) 31.08 31,60 SouthEast Asia($) 31.08 30,71 TradeWinds 31.08 11,09

SAM
Tel. 0041 446531010; www.sam-group.com SAM Smart Energy EUR/B 31.08 14,98 SAM Smart Energy EUR/E 31.08 14,49 SAM Smart Mater. EUR/B 31.08 121,57 SAM Sust Climate EUR/B 31.08 71,67 SAM Sust Global Act EUR/B 31.08 99,90 SAM Sust HealthyLi EUR/B 31.08 96,07 SAM Sust Multi-Th EUR/B 31.08 107,73 SAM Sust Water EUR/B 31.08 131,01 SAM Sust Water EUR/E 31.08 126,86

Sarasin Investmentfonds Sicav, Lussemburgo


www.sarasin.com Sar BondSar USD($) Sar BondSar Wrld Sar Currency Opps CHF B Sar Currency Opps CHF F(7) Sar Currency Opps EUR Sar Emerg-New Frontiers($) Sar Emerging-Gl($) Sar Eq-IIID EUR Sar EquiSar-Global-A Sar EquiSar-Global-F(7) Sar EquiSar-Int.Income A Sar EquiSar-Int.Income B Sar Gl Opt EUR B Sar Gl Ret (EUR) Sar Gl Ret (EUR) F Sar Global-IIID (CHF) Sar Global-IIID (EUR) Sar New Power A Sar New Power B Sar New Power F(7) Sar Oeko Eq-Gl A Sar Oeko Eq-Gl B Sar Oeko Eq-Gl F(7) Sar Oeko Portf. Sar Real E Gl A Sar Real E Gl B Sar Struc Ret EUR Sar Sust Bd-CHF Sar Sust Bd-EUR Sar Sust Eq-Eu A Sar Sust Eq-Eu B Sar Sust Eq-Gl Sar Sust Eq-Gl Em Mkts B Sar Sust Eq-Gl Em Mkts M Sar Sust Eq-Real E Gl Sar Sust Eq-USA B Sar Sust Water A Sar Sust Water F(7) RM Strategic (EUR) 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 104,98 152,63 91,28 92,42 106,76 130,40 335,62 130,42 116,98 118,07 95,55 95,54 101,46 120,23 120,58 302,24 234,54 45,56 45,50 46,83 98,37 98,50 100,22 152,89 99,57 108,57 120,30 157,14 105,32 57,27 57,75 82,28 93,75 94,56 90,64 94,18 93,20 94,37

Nemesis AM
Credit Opp Eur Adv(7) European Value EUR Adv(7) European Value EUR Inst(7) European Value EUR Inv Global Value EUR Adv(7) Global Value EUR Inv Inflation EUR Adv(7) USA Value EUR Adv(7) USA Value EUR Inv

Fideuram Gestions S.A. Lussemburgo


Fideuram Fund Bond Eur HY(6) Bond Glb Em Mkts(6) Bond USD(6) Bond YEN(6) Commodities Eq Glb Em Mkts Eur(6) Eq Pac. ex Jap. A(6) Eq Pac. ex Jap. H(6) Eq USA Growth(6) Eq USA Value(6) Equity Europe(6) Equity Italy(6) Equity Japan A(6) Equity Japan H(6) Equity USA A(6) Equity USA H(6) Euro Bd Long Risk(6) Euro Bd Low Risk(6) Euro Bd Med Risk(6) Euro Corp. Bd(6) Euro Defensive Bd(6) Euro Short Term(6) Europe Eq. Grth(6) Europe Eq. Val.(6) Flexible Opp.(6) Inflation Linked(6) Marshall Wace Tops 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 13,60 11,02 12,34 10,81 12,10 6,51 8,95 7,41 5,67 5,41 6,82 6,99 4,44 3,54 4,98 7,25 16,19 13,91 15,36 6,67 11,40 12,68 11,40 4,76 5,72 14,72 10,02

Symphonia Lux Sicav


FLE Symphonia Alto Valore AIN Symphonia Bestvalue BOB Symphonia Comb. Div. AIN Symphonia Comb.Gl.Tren. AIT Symphonia Equity OFL Symphonia Flexible Bond FLE Symphonia Free Style FLE Symphonia Synapsi TR Str. FLE Symphonia Valore 31.08 9,82 31.08 10,59 31.08 1165,99 31.08 923,97 31.08 2,55 31.08 5,47 31.08 3,68 31.08 10,37 31.08 9,79

New Millennium Sicav


Banca Finnat Euramerica; tel. 06 69933475 OEC Augustum Corporate Bond OEB Augustum High Qual. Bond AEU Augustum Pan Europ. Eq. OEB Euro Bonds Short Term AAE Euro Equities AIN Global Equities OEM Inflation Lkd Bd Eur. OEC Large Europe Corporate BOB Previra World C. AIN Q7 Active Eq.International FLE Q7 Globalflex FLE Total Return Flexible OAS CommPLUSTM StrE($)(6) OPE Dev. Local Mkts E Acc OPE Dev. Local Mkts E Acc unh OMI Divers Inc Adm Acc hdg OMI Divers Inc E Eur hdg Acc E OMI Divers Inc Inv Acc hdg OPE Em Local Bd E Acc unh OPE Em Local Bd E Acc($) OPE Em Mkts Bd Adm Acc($) OPE Em Mkts Bd E Acc($) OPE Em Mkts Bd E Eur hdg Acc OPE Em Mkts Bd Inv Acc($) OFL Em Mkts Bd Inv Hdg(6,7) AEU EqS Pathfinder Eu E(6) AIN EqS Pathfinder F E(6) AIN EqS Pathfinder F Inv($)(6) LAE EuriborPLUS E Acc LAE EuriborPLUS Inv Acc OEM Euro Bond Adm Acc OEM Euro Bond E Acc OEM Euro Bond Inv Acc LAE Euro Liquidity E Acc(7) OAS FX Strat E Acc(7) OIG Glb Bd Adm Acc($) OIG Glb Bd E Acc hdg OIG Glb Bd E Acc unh($)(6,7) OIG Glb Bd E Acc($) OIG Glb Bd Ex-US Adm Acc($) OIG Glb Bd Ex-US Inv Acc($) OIG Glb Bd Inv Acc hdg OIG Glb Bd Inv Acc($) OIG Glb Bd Inv unh Acc($)(7) OIH Glb H.Y. Bd Adm Acc($)(7) OIH Glb H.Y. Bd E Acc($) OIH Glb H.Y. Bd E hdg Acc OIC Glb InvGrCr. Adm Acc hdg OIC Glb InvGrCr. Adm Acc($) OIC Glb InvGrCr. E Acc hdg OIC Glb InvGrCr. E Acc($)(7) OIC Glb InvGrCr. Inv Acc hdg OIC Glb InvGrCr. Inv Acc($) OMI Glb Multi-Asset E Acc hdg OMI Glb Multi-Asset E Acc($) OMI Glb Multi-Asset InvAcc hdg OIG Glb RealRet Adm Acc($) OIG Glb RealRet E Acc hdg OIG Glb RealRet E Acc($) OIG Glb RealRet Inv Acc hdg OIG Glb RealRet Inv Acc($) ODH H.Y. Bd E Acc hdg ODH H.Y. Bd E Acc($) ODH H.Y. Bd Inv Acc hdg ODH H.Y. Bd Inv Acc($) ODB Low Avg Durat. Ad.Acc($) ODB Low Avg Durat. E Acc hdg ODB Low Avg Durat. E Acc($) ODB Low Avg Durat. Inv Acc($) AAM StocksPLUS Inv Acc($) ODMT.R. Bd Admin Acc($) ODMT.R. Bd E Acc hdg ODMT.R. Bd E Acc($) ODMT.R. Bd Inv Acc hdg ODMT.R. Bd Inv Acc($) OFL Unconstrained Bd Adm. OFL Unconstrained Bd Adm.($) OFL Unconstrained Bd E OFL Unconstrained Bd E($) 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 26.08 26.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 Cl.A 156,59 129,17 70,62 128,34 33,05 51,82 103,70 115,03 117,14 70,59 101,36 114,03 10,27 13,63 11,40 11,80 11,69 11,87 13,27 13,87 32,42 32,16 29,69 32,62 30,04 9,91 10,58 10,49 11,11 11,35 16,06 16,14 16,44 10,23 10,32 21,02 19,36 11,64 21,10 14,45 14,67 19,87 21,25 25,72 14,82 14,39 16,19 13,29 13,29 13,43 13,14 13,84 15,25 13,34 13,50 13,59 15,27 14,61 15,00 14,98 15,35 17,91 20,12 17,66 19,61 13,34 8,89 11,81 13,47 11,79 23,20 17,90 23,02 18,36 23,10 11,22 11,16 11,140 10,12 Cl.I 159,44 130,71 72,89 129,51 33,87 53,19 104,90 116,60 119,02 71,67 101,52

Arcipelagos Sicav, 41 Op Bierg L - 8217 Mamer - Luxembourg; 00352 26 396002 Absolute Equity Inst(7) Absolute Equity Ret Dynamic Multistrategy Global Opportunities Value Corporate Bond Ret

tel. 00352 26 396000; fax 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 7,64 7,52 56,86 896,19 95,76

Neutral Sicav
1, boulevard Royal L-2449 Luxembourg Tel. 352 46 71 71 7666; Fax 352 46 71 71 7667 Equity Value 01.09 114,77 Europ Neutral Equity 26.08 80,57 Inflation Linked Bds 31.08 131,54 Inflation-Linked Bds(7) 31.08 105,99

Active Bond Active High Yield Emerging Markets + Global Macrotrend Global Strategy Cl. R Low Volatility

30.08 30.08 30.08 30.08 30.08 30.08

106,00 99,770 96,220 116,82 134,38 117,95

NON ARMONIZZATI UE
Fondo Data NAV / Risc. Emis.

Areion Fund
Credit A 31.08 923,590

Nextam Partners Sicav


Binver International(7) Citics Securities China F. Fidela Income Internat. Equity Italian Selection Liquidity Multim. Am. Eq. Multim. Asia Pac. Eq. Multim. Em. Mkt. Eq. Multim. Eur. Eq. Pro Select Strategic 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 Cl.I (Ist.) Cl.A (Ret.) 4,58 4,50 4,16 0,20 5,15 4,82 5,31 5,30 4,95 4,95 4,69 4,66 5,34 5,30 3,34 3,24 4,17 4,06 4,22 4,14 3,34 3,25 4,70 4,64 4,68 4,56 6,05 6,21

Alpha Fund S.C.A. Sicav Sif


Star4 Equity Hedge(6) 29.07 19.08 19.08 111,62 87,33 99,43

Ares Fund Limited (SAC)


Ares D(6,7) Ares E Alpha(6,7)

Bsi S.A., Lugano


Fondi di diritto svizzero - BSI Multibond(1,6) Multibond Intl(Chf)(1,6) Multibond($)(1,6) Multibond(Chf)(1,6) Multieuropa(1,6) Multihelvetia(Chf)(1,6) Multinippon(Jpy)(1,6) 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 01.09 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 55,54 87,84 123,03 109,05 69,62 279,24 2633 113,30 91,65 86,40 102,70 101,21 103,36

Pimco Funds: Global Investor Series plc

31.08 91,672 31.08 88,726 31.08 91,207 31.08 90,011 31.08 90,860 31.08 90,120 31.08 98,818 31.08 93,349 31.08 92,764 31.08 92,520 31.08 91,148 31.08 92,070 31.08 103,768 31.08 5,098 31.08 5,040 31.08 5,044 31.08 4,901 31.08 4,981 31.08 4,939 31.08 4,981 31.08 4,936 31.08 4,938 31.08 4,993 31.08 5,006 31.08 5,004 31.08 5,003 31.08 5,306 31.08 5,333 31.08 4,914 31.08 4,980 31.08 94,014 31.08 93,939 31.08 94,449 31.08 90,181 31.08 100,215 31.08 92,202

UBI Sicav OFL Active Duration I(7) OFL Active Duration R OFL Active Duration S APA Asia Pacific Eq.-I(7) APA Asia Pacific Eq.-R APA Asia Pacific Eq.-S OPE Emerging Mkt Bd.-I(7) OPE Emerging Mkt Bd.-R AEM Emerging Mkts Eq.-I(7) AEM Emerging Mkts Eq.-R AEM Emerging Mkts Eq.-S BOB Euro Bal Risk Cont.-I(7) BOB Euro Bal. Risk Cont.-R BOB Euro Bal. Risk Cont.-S OEC Euro Corp. Bond-I(7) OEC Euro Corp. Bond-R OEC Euro Corp. Bond-S OEC Euro Corp. Sh.Term I(7) OEC Euro Corp. Sh.Term R OEC Euro Corp. Sh.Term S AAE Euro Eq. High Div. I(7) AAE Euro Eq. High Div. R AAE Euro Eq. High Div. S AAE Euro Eq.-I(7) AAE Euro Equity-R AAE Euro Equity-S OEM Euro Fix. Income-I(7) OEM Euro Fixed Inc.-R OEM Euro Fixed Inc.-S LAE Euro Liq.-I(7) LAE Euro Liquidity-R LAE Euro Liquidity-S BBI Global Dyn. All.-I(7) BBI Global Dyn. All.-R AIN Global Eq.-I(7) AIN Global Equity-R AIN Global Equity-S OIH High Yield Bond-I(7) OIH High Yield Bond-R OIH High Yield Bond-S OEB Short Term EUR I(7) OEB Short Term EUR R OEB Short Term EUR S OFL Total Return Def. I(7) OFL Total Return Def. R OFL Total Return Def. S AAM USA Eq.-I(7) AAM USA Equity-R AAM USA Equity-S

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 06.07 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 30.08 30.08 30.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08

4,879 4,835 4,892 4,546 4,310 5,851 4,984 4,966 5,236 4,999 5,877 10,775 10,864 4,855 6,027 5,881 5,182 5,151 5,073 5,082 4,306 4,157 4,221 3,738 3,560 4,483 9,211 9,057 5,074 5,109 5,050 4,985 4,819 4,792 4,165 3,978 5,016 7,568 7,419 5,611 3,532 3,573 5,075 5,025 5,044 4,913 4,719 5,494

Asia Pacific Perf ACap Asia Pacific Perf BCap($) Asia Pacific Perf CCap Asia Pacific Perf DCap($)

31.08 31.08 31.08 31.08

24,85 34,38 23,93 33,25

BARCLAYS BANK PLC


Celsius Funds PLC Fondo Radar Class A GEMS Fund Cl.F($) Glb Commod. Delta F. ($) Glb Commod. Dyn. F.(Sgd) Inv. Legends F. Cl.A($) Inv. Legends F. Cl.B(Hkd) Inv. Legends F. Cl.E(Sgd) Sector Rotation F. Cl. B Celsius Global Funds SICAV PLC Barclays Dyn. Tracker F. Cl. A Barclays ICI F (Eur)Cl A Barclays ICI F. (Eur) Cl. B Car Long Short F. Cl. A Car Long Short F. Cl. D Car Long Short F. Cl. G Doppio Passo A RMF Diversif. Idx Eur F. Cl. F RMF Diversif. Idx Eur F. Cl. H Target Alpha Prog 4 Cl. G Celsius Funds II PLC Capital RADAR Fd Cl.E Capital RADAR Fd Cl.F ($) Eur. Real Return Fd Cl.B 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 16.08 16.08 31.08 01.09 31.08 31.08 15.01 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 89,17 1,06 100,38 1,03 84,34 81,96 0,84 62,68 1,18 93,41 90,49 109,25 114,41 96,13 116,48 0,88 0,89 99,61

Nextam Partners Sicav Sator


Sator Equity Value Selecta-Dynamic OP(6) Selecta-Protection OP(6)

Corner Banca S.A.


CB-Accent Inc ($)(1,6) CB-Accent Inc (Chf)(1,6) CB-Accent Inc (Eur)(1,6) CB-Accent MM ($)(1,6) CB-Accent MM (Chf)(1,6) CB-Accent MM (Eur)(1,6)

Oppenheim Asset Mgmt Services


01.09 90,630 01.09 102,370

Finlabo Investments Sicav, 41 bd Royal, L-2449; Tel. 00352 27 000 70100; Fax 00352 26 200 868; www.finlabosicav.com Dynamic Absolute Ret. Cl.R 01.09 98,33 Dynamic Emerging Mkts Cl.R 01.09 96,52 Dynamic Equity Cl.R 01.09 130,55

Sarasin Multi Label Sicav, Lussemburgo


31.08 7236,69 31.08 130472,21 31.08 1233,12 31.08 14670,75

Crosscapital Sicav
Diversified Bds Euro(6) Total Ret. Bond Euro(6) Fideuram Multimanager Fund FMF Mkt Neutral(6) 26.08 1127,700 26.08 907,290

SINOPIA FUND
Alternatime(7) Oblig Inflation World H(7) Oblig Inflation World I(7) 29.08 962,79 31.08 147,72 31.08 145,40 31.08 153,72 31.08 148,31 31.08 157,99 31.08 147,03 31.08 151,45 31.08 222,24 31.08 165,34 31.08 134,92 31.08 128,52 31.08 101,65 31.08 110,72 31.08 108,15 31.08 151,00 31.08 198,55 31.08 193,64 31.08 257,50 31.08 144,73 31.08 136,70 31.08 192,19 31.08 246,33 31.08 128,82 31.08 121,50 31.08 154,28 31.08 188,80 31.08 159,61 31.08 186,15 31.08 23,55 31.08 119,31 31.08 174,39 31.08 126,25 31.08 110,03 31.08 10611,00 31.08 110,83 31.08 150,58 31.08 124,12 31.08 153,46 31.08 149,36 31.08 142,73 31.08 322,96 31.08 98,35 31.08 82,63 31.08 102,72 31.08 174,47 31.08 129,62 31.08 178,42 31.08 130,41 31.08 99,69 31.08 132,29 31.08 125,66 31.08 158,41 31.08 258,79 31.08 117,466 31.08 31.08 31.08 99,16 10,27 10,29

Fideuram Gestions S.A. Lussemburgo


25.08 31.07 31.07 31.07 31.08 31.08 12.08 31.08 30.06 132,88 924,09 598,10 913,21 875,80 287,55 494,49 910,67 668,07

Gam Fund Management Limited


GAM Star Fund Plc Abs. Emerging Mkts.* 01.09 10,00 Absolute Europe 31.08 9,45 Asia-Pacific Equity* 01.09 10,00 Asian Equity* 01.09 10,00 China Equity 31.08 8,59 China Equity($) 31.08 9,06 China Equity($)(7) 31.08 10,04 Composite Abs.Re.(7) 29.08 10,32 Composite Abs.Re. 29.08 9,59 Continental Europ.Eq.* 01.09 10,00 Discretionary FX 30.08 8,35 Discretionary FX($) 30.08 8,45 Discretionary FX* 01.09 10,00 Div. Mkt Neutral Cr.($)(7) 01.09 10,00 Em.Market Rates(7) 30.08 10,86 Em.Market Rates C 30.08 10,34 Em.Market Rates($)(7) 30.08 10,95 Em.Market Total Ret.(7) 30.08 10,42 Em.Market Total Ret. C 01.09 10,00 European Equity(7) 31.08 11,64 European Equity C 31.08 13,90 Global Convertible* 01.09 10,00 Global Rates A(7) 30.08 10,02 Global Rates A($)(7) 30.08 10,08 Global Rates* 01.09 10,00 Global Selector 31.08 10,11 Japan Equity(7) 31.08 10,24 Japan Equity* 01.09 10,00 Keynes Quant.Strategies 31.08 10,32 Keynes Quant.Strategies 31.08 10,09 Keynes Quant.Strategies($) 31.08 10,42 Technology($)(7) 01.09 10,00 Technology* 01.09 10,00 Trading($)* 01.09 10,00 Trading* 01.09 10,00 US All Cap Equity(7) 31.08 11,93 US All Cap Equity 31.08 15,38 US All Cap Equity($)(7) 31.08 11,00 US All Cap Equity($) 31.08 13,20 Worldwide Equity(7) 31.08 10,25 Worldwide Equity 31.08 8,65 *Prezzo fisso di offerta iniziale applicabile solamente nel primo giorno di contrattazione

31.08 140,11 31.08 142,90 31.08 1034,91 7,63 8,32 8,93 8,06 10,18 11,39 11,37 12,50 13,10 15,20 0,98 1,10 1,03 0,82

Barclays Luxembourg Portfolios (Sterling) Sicav


Adventurous Growth Pf 30.08 Balanced Pf 30.08 Cautious Pf 30.08 Growth Pf 30.08 Income Pf 30.08 Wealth Global Beta Pf 1 30.08 Wealth Global Beta Pf 2 30.08 Wealth Global Beta Pf 3 30.08 Wealth Global Beta Pf 4 30.08 Wealth Global Beta Pf 5 30.08 Barclays Wealth Ireland Portofolio Emg Mkts Eq.Fund Z(6) 31.08 Europe Alpha Fund Z(6) 31.08 Global Corp. Bond Fund(6) 31.08 US Alpha Fund(6) 31.08

UNIPOL FONDI
(Gruppo Unipol) Fondo multicomparto di diritto irlandese LAE Liquidit 31.08 13,184 AAE Performance Euro 31.08 5,499 OMI Sereno 31.08 12,448 20, boulevard Emmanuel Servais, L-2535 Luxembourg www.bancadelsempione.ch Bonds - Multicurrency Cl. Eur 30.08 104,83 Bonds - Multicurrency Cl. Usd 30.08 99,41 Bonds CHF 30.08 105,67 Bonds EUR 30.08 112,63 Bonds USD 30.08 116,59 Equities Asia 30.08 71,47 Equities Europe 30.08 75,42 Equities Switzerland 30.08 61,43 Equities USA 30.08 118,17 Flexible Low Risk Exp. 30.08 93,81 Short Term Cl. EUR 30.08 106,92 Short Term Cl. USD 30.08 104,04

www.pioneerinvestments.com; tel. 800551552 Pioneer Funds FLE Absolut Ret. Bond E 31.08 5,202 FLE Absolut Ret. M.Str. E 31.08 5,274 FLE Absolut Ret. M.Str.Gr. E 31.08 5,134 OFL Absolut Return Curr. E 31.08 5,239 OFL Absolut Return Curr. F 31.08 5,082 FLE Absolute R.Eur.Eq. EH($) 31.08 101,648 FLE Absolute Ret. As. Eq. E 31.08 5,074 FLE Absolute Ret. Eur. Eq. E 31.08 106,048 FLE Absolute Ret. M. Str. F. 31.08 4,794 APA Asia (ex Japan) Eq. E 31.08 6,071 APA Asia (ex Japan) Eq. F 31.08 5,572 APA China Eq. E 31.08 8,129 APA China Eq. F 31.08 7,398 FLE Commodity Alpha E 31.08 4,724 FLE Commodity Alpha E Hed 31.08 5,274 FLE Commodity Alpha F 31.08 4,603 AEU Core Europ. Eq. E 31.08 6,042 AEU Core Europ. Eq. F 31.08 5,569 AEM Em. Eur. Med. Eq. E 31.08 17,019 AEM Em. Eur. Med. Eq. F 31.08 14,861 OPE Em. Mark. Corp. B. 2016 E 31.08 4,886 OPE Em. Mark. Corp. B. 2016 F 31.08 4,880 OPE Em. Markets B.E Hed. 31.08 9,710 AEM Em. Markets Eq. E 31.08 7,474 AEM Em. Markets Eq. F 31.08 6,686 OPE Em.Mark. Bond LC E 31.08 6,090 OPE Em.Mark. Bond LC E D. 31.08 5,042 OPE Em.Mark. Bond LC F 31.08 6,022 OPE Em.Mark. Bond LC F D. 31.08 5,006 OPE Emerging Markets B.E 31.08 9,538 OPE Emerging Markets B.F 31.08 8,690

Prima Markets Funds APA Asia Pacific Eq. I APA Asia Pacific Eq. Prest. APA Asia Pacific Eq. Silver ODMBond Dollar I ODMBond Dollar Prest. ODMBond Dollar Silver AEM Emerging Mkts Eq. I AEM Emerging Mkts Eq. Prest. AEM Emerging Mkts Eq. Silver AEU Europe Eq. I AEU Europe Eq. Prestige AEU Europe Eq. Silver OIG Global Bond I(7) OIG Global Bond Prest. OIG Global Bond Silver AIN Global Equity I(7) AIN Global Equity Prest. AIN Global Equity Silver OEB Life Short Term Silver LAE Liquidity A LAE Liquidity Class Prestige LAE Liquidity I LAE Liquidity Silver OEM Medium Term Bd I OEM Medium Term Bd Prest. OEM Medium Term Bd Silver FLE Orizzonte 2012 Prest. FLE Orizzonte 2020 Prest. FLE Orizzonte 2030 Prest. OEB Short Term Bd I OEB Short Term Bd Prest. OEB Short Term Bd Silver AAM U.S. Equity I AAM U.S. Equity Prest. AAM U.S. Equity Silver Prima Solution Funds OAS Bd 2013 Silver OAS Bd 2015 Multic. Din. Silver LAE Bd 2015 Multic. Silver OAS Bd 2016 Multic. Silver OAS Bd 2016 Multic. Silver 2 OAS Bd 2017 Crescita Imprese OAS Global Currencies I(7) OAS Global Currencies Prest. OAS Global Currencies Silver FLE Pro 100 En. Pulita Silver FLE Protetto 100 Az.Gl. Silver FLE Protetto 100 BRIC Silver FLE Secure World Eq. Silver FLE Secure World Eq.2Silver FLE Secure World Eq.3Silver OFL Traguardo III 2016 Prima Strategies Funds FLE Flex 50 Class I FLE Star Alpha Strateg. Prest. FLE Star Alpha Strateg. Silver FLE Star Alpha Strategies I(7)

31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 20.09 06.04 31.08 30.08 31.08 30.08 30.08 30.08

8,023 9,340 5,946 5,247 5,295 5,455 4,902 4,845 4,813 6,452 5,037 4,487 5,493 6,368 5,610 5,628 3,906 4,428 5,051 6,404 5,023 5,580 5,504 5,480 7,368 5,576 5,004 4,692 4,667 5,298 5,944 5,543 6,103 4,936 3,909 5,078 4,929 5,008 5,025 4,948 5,008 4,812 4,947 4,617 4,945 4,936 4,927 5,022 5,434 4,896

26.08 26.08 26.08 26.08

4,936 4,883 4,868 4,920

(Gruppo Vontobel Zurigo) Vontobel Fonds Services AG Tel 0041 582835350; Casse Raiffeisen A.Adige Tel 0471 946621 B C OAS Abs Ret Bd (#) 31.08 150,46 164,46 AAS Belvista Comm. ($) 31.08 112,35 191,78 AEM Cent&EastEuropEq (#) 31.08 113,92 71,68 APS China Stars Eq ($) 31.08 123,79 131,46 BOB Def Bal Pf (#) 31.08 79,80 133,05 BOB Def Bal Pf (Chf) 31.08 89,69 BOB Dyn Cap Pf (#) 31.08 101,81 OPE Eastern European Bd (#) 31.08 128,95 171,77 OPE Emerging Markets Bd ($) 31.08 107,36 160,66 AEM Emerging Markets Eq ($) 31.08 632,67 174,19 OEM Euro Bd (#) 31.08 300,72 173,95 OEC Euro Mid Yield Bd (#) 31.08 123,46 155,99 LAE Euro Money (#) 31.08 129,23 160,34 AEU Europ. Eq (#) 31.08 198,78 81,93 AEU Europ. Value Eq (#) 31.08 157,89 114,28 AEU Europ.Mid&Sm.Cap Eq (#) 31.08 109,23 100,13 APA Far East Eq ($) 31.08 360,49 153,76 AAM Glb Resp US Eq ($) 31.08 138,65 170,18 OAS GlbConvertBd (#) 31.08 112,61 154,84 APA GlbRespAsiaExJapEq ($) 31.08 191,98 176,63 AEU GlbRespEuropEq (#) 31.08 115,96 149,07 AIN GlbRespIntlEq ($) 31.08 103,01 AEN GlbTrendCleanTech (#) 31.08 138,77 136,31 AEN GlbTrendFutureRes (#) 31.08 157,64 154,63 AEN GlbTrendNewPower (#) 31.08 86,06 80,69 AAS GlbValEqEx-US ($) 31.08 193,22 122,36 AIN GlbValueEq ($) 31.08 142,69 141,03 APS Japanese Eq (Yen) 31.08 3711,00 6199,00 OAS Swiss Franc Bd (Chf) 31.08 220,93 179,62 AAS Swiss Mid&SmCapEq (Chf) 31.08 91,94 LAV Swiss Money (Chf) 31.08 114,05 APS Swiss Stars Eq (Chf) 31.08 175,58 81,75 BOB Target Return (#) 31.08 95,71 142,82 ODMUS Dollar Bd ($) 31.08 276,20 190,89 LAD US Dollar Money ($) 31.08 126,37 155,09 AAM US Eq ($) 31.08 102,38 112,25 AAM US Value Eq ($) 31.08 503,89 129,89 H hdg HC hdg AAS Belvista Comm. (#) 31.08 77,77 OPE Emerging Markets Bd (#) 31.08 107,24 AEM Emerging Markets Eq (#) 31.08 177,76 166,79 APA Far East Equity (#) 31.08 140,40 AAM Glb Resp US Eq (#) 31.08 140,66 APA GlbRespAsiaExJapEq(#) 31.08 189,27 AAS GlbValEqEx-US (#) 31.08 110,91 123,26 AIN GlbValueEq (#) 31.08 81,85 140,90 AIN US Value Eq (#) 31.08 94,30

Generali Fund Management S.A.


GP & G Fund Dinamico GP & G Fund Equilibrio GP & G Fund Valore VoBa Flex VoBa Money Plus 01.09 01.09 01.09 01.09 01.09 68,63 88,55 97,89 93,35 105,03

Bper International Sicav


Banca Popolare dell'Emilia Romagna s.c.a.r.l. Dynamic Allocation 5 P 31.08 96,17 Equity Asia Pacific($) 31.08 189,08 Equity Eastern Europe 31.08 213,30 Equity Em. Markets($) 31.08 290,38 Equity Europe 31.08 72,82 Equity North America($) 31.08 62,05 European Eq. Small Cap 31.08 173,51 Global Bond 31.08 148,23 Global Convertible Bd EUR 31.08 129,65 Global Medium Term Bd P 31.08 80,55 Multi Asset Div P Dis 31.08 96,24 Short Term 31.08 134,61

www.oysterfunds.com 3A Dyn. UCITS Fd (EUR) A Absolute Return EUR2 Asia Opport. EUR2 Asia Opport. NLE2 Asia Opport. USD2 Credit Opport. EUR2 Credit Opport. NLE2 Diversified CHF Diversified EUR Diversified NLE Dynamic Allocation EUR Dynamic Allocation NLE Emerg. Mkts Dynamic EUR2 Emerg. Mkts Dynamic NLE2 Emerg. Mkts Dynamic USD2 Euro Liquidity EUR Europ. Corporate Bds EUR Europ. Fixed Income EUR Europ. Opport. EUR Europ. Opport. EUR2 Europ. Opport. GBP2 Europ. Opport. NLE Europ. Small Cap EUR Europ. Small Cap EUR2 Europ. Small Cap NLE ForExtra Yield (EUR) EUR Global Convertibles EUR Global Convertibles NLE Global Convertibles USD Italian Opport. EUR Italian Opport. NLE Italian Value EUR Italian Value NLE Japan Opport. EUR Japan Opport. JPY Japan Opport. NLE LatAm Opport. EUR2 LatAm Opport. NLE2 LatAm Opport. USD2 Market Neutral EUR Market Neutral NLE US Dollar Bds USD US Dynamic EUR US Dynamic NLE US Dynamic USD US Small Cap EUR US Small Cap NLE US Small Cap USD US Value EUR US Value NLE US Value USD World Opport. EUR World Opport. NLE World Opport. USD

SKAGEN Funds
Tel: +47 51 21 38 58, www.skagenfunds.com SKAGEN Global(7) 01.09 92,396 SKAGEN Kon-Tiki(7) 01.09 64,064 SKAGEN Tellus(7) 01.09 13,183 SKAGEN Vekst(7) 01.09 156,087

Heracles Funds LTD. (SAC)


Dynamic(6) Fast Cl. C(6,7) Stronghold cl. A(6)

Iris Fund Sicav


Iris Hdg Sel Alpha Iris Knight & Tower Iris Radar Iris Sfera Iris T.R.E

Source markets Plc


www.Source.info BAML Hdg Fund EUR Sou ETF BAML Hdg Fund USD Sou ETF Cosumer Disc European Sou Cosumer Stap European Sou CosumerDisc S&P US Sel Sec CosumerStap S&P US Sel Sec Cyclicals European Source Defensives European Source DJ EURO STX 50 source ETF DJ Euro STX 50 source ETF DB DJ EURO STX Select Div 30 DJ STX 50 source ETF DJ STX 600 OP AUTO & PART DJ STX 600 OP BANKS DJ STX 600 OP BASIC RESOU DJ STX 600 OP CHEMICALS DJ STX 600 OP CONSTRUCT DJ STX 600 OP FINANC SERV DJ STX 600 OP FOOD & BEV DJ STX 600 OP Healthcare DJ STX 600 OP IndGod&Srv DJ STX 600 OP INSURANCE DJ STX 600 OP MEDIA DJ STX 600 OP OIL & GAS DJ STX 600 OP PRSNL&HOUSE DJ STX 600 OP RETAIL DJ STX 600 OP TECHNOLOGY DJ STX 600 OP Telecom DJ STX 600 OP Trvl & Leis DJ STX 600 OP UTILITIES DJ STX 600 source ETF DJ STX Mid 200 source ETF DJ STX Small 200 source ETF Energy S&P US Sel Sector EuroStoxx Opt. Bks S ETF Financials S&P US Sel Sector FTSE 100 source ETF FTSE 250 Source ETF FTSE EMEA 40 Source ETF Health Care S&P US Sel Sec Industrials S&P US Sel Sec Man GLG Europe Plus Sou ETF Materials S&P US Sel Sec MSCI Brazil Source ETF MSCI China Source ETF MSCI Emerging Markets Sou MSCI EMU Sml Cap Sou ETF MSCI Europe source ETF MSCI India Source ETF MSCI Japan source ETF MSCI USA source ETF MSCI World source ETF 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 31.08 158,43 161,88 129,28 173,98 113,13 191,03 96,50 126,13 38,48 23,07 23,05 38,81 177,03 48,36 289,15 198,61 150,27 85,88 176,51 109,16 105,68 38,13 47,63 129,67 204,75 102,53 29,45 73,82 79,20 122,34 40,35 38,99 25,52 318,90 49,187 69,59 35,71 64,23 123,79 137,02 149,80 88,64 170,21 63,50 33,87 39,27 149,42 112,25 44,54 36,99 29,00 29,67

111, av. de la Faencerie L-1511 Luxembourg Tel. +352 2636983 www.iris-sam.com FIS - True Energy 30.06 1049,880

L.P. Alternative F. PCC LTD


CELL "A" Int. Free Style(6,7) 29.07 29.08 29.08 29.08 50,580 142,43 114,36 115,05

Luxicav Plus Sicav


Absolute Return A Cap Full Interest A Cap Short Term A Cap($)

Martin Group Ltd-B.V.I


martingroup@surfbvi.com; tel. 001 2844949800 Martin Group #(6) 25.08 4887,80 4887,80

Mediolanum International Funds Ltd


Mediolanum Fund of Hedge Funds High Volatility(6,7) 30.06 Low Volatility(6,7) 30.06 10,830 9,400 114,91 93,130 114,91

Nextam Partners Ltd.


Nextam Fund(6) 31.07 12.08

One Fund Ltd


One Fund Ltd(6)

P & G Sgr SpA


P&G Low Volatility(7) P&G Struct.Cr.Opport.(7) 30.06 116,643 29.07 162,940

Pioneer Alternative Investment Manag. Ltd. Dublino


(Gruppo Unicredito) Fondi di diritto irlandese L/S European Eq.(6) 29.07 1699,56 L/S.European Eq.($)(6) 29.07 1733,60

Saint George Sicav SIF


SIF Equity Long Short SIF Fix Income Strat. SIF Fix Income Strat.2R 29.07 96,720 29.07 102,310 29.07 94,370 67,510

Seven Fund Trading Plus Ltd


Seven Plus Trading Fund H(6,7) 29.07

Uni Analytics A.G.


Xtra Futures Fund(6) 31.08 1277,69

P & G SGR SpA


P&G UCITS Fund(7) Gescapital SICAV Funds Equity Long Short Inst(7) Equity Long Short Ret Europ.Equ.High Div. Europ.Equ.High Div.(7) European Eq.Rel.Val.Inst(7) Fixed Income Strat.Inst(7) Fixed Income Strat.InstD(7) Fixed Income Strat.Ret Total Ret.Bond Euro Total Ret.Bond Euro(7) Total Ret.Bond Euro(7) 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 31.08 26.08 25.08 25.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 26.08 92,960 92,780 85,320 85,530 89,440 93,740 94,460 93,350 98,090 97,110 97,450 98,05 98,03 99,83 118,97 46,51 42,01 93,10 93,03 93,63 94,21 93,63 93,89 Lemanik Sicav, 41 Op Bierg L - 8217 Mamer - Luxembourg; 00352 26 396002 Dynamic Gwth Cap Retail Flex Duration Cap Retail A Flex Strategy Cap Institut. Flex Strategy Cap Retail High Growth Cap Retail Italy Cap Institut. Italy Cap Retail Italy Cap Retail B Momentum Ret Value Opportunities Ret World Trend Cosmos-BNL Vita ODB(6) CosmosTopTwin Opt Capital(6) CosmosTopTwin Opt Grifo(6)

Wolf Group Ltd


wolfgroup@surfbvl.com; tel. 001 2844949800 Conservative Wolf(6) 25.08 1107,80 1107,80 Global Index Wolf(6) 25.08 111,47 111,47

Parcadia A.M. BNP Paribas Group


tel. 00352 26 396000; fax 31.08 801,80 31.08 1125,40 31.08 1024,80 31.08 95,88 31.08 62,28 31.08 87,97 31.08 18,45 31.08 9,10 31.08 82,80 31.08 8957,38 31.08 90,560 29.08 29.08 29.08 49,82 124,75 311,95

Bull Fund Sicav


14, bvd Royal L-2449 Luxembourg Bull Fund - Flexible 31.08 105,21

Pharma Whealth Manag. Company S.A.


B.P. 714 L-2017 Luxembourg; tel. (00352) 221522-1; fax (00352) 221522-500 Pharma/w Health($) 01.09 253,07

LEGENDA
FONDI ASSICURATIVI
Index Linked: Viene indicato il rating aggiornato dall'emittente o di chi fornisce la garanzia. In caso di rating attribuito da pi agenzie, viene indicato il pi basso. Nel caso di combinazione di titoli obbligazionari e di strumenti derivati, il rating, ove non specificamente riferito alle singole componenti, deve intendersi relativo all'emittente/garante della sola componente obbligazionaria. In presenza di pi titoli obbligazionari viene indicato il rating pi basso dell'emittente/garante. Informazioni di dettaglio sono disponibili sui siti internet delle compagnie. Sigle: MOO: Moody's; S&P: Standard & Poors; FIT: Fitch. (1) L'impresa si assume integralmente il rischio di controparte; n.d. : non disp.; n.r. : non rilev; w.r. : ritirato. Unit Linked: PPiano Individuale Pensionistico

Capita Financial Managers


CitiFX Alpha Fund 1 09.06 1013,90

CB-Accent Lux Sicav


Cornr Banca SA Lugano 004191.8005111 Asian Century 31.08 94,98 94,79 Bac Africa Nat. Resour. 30.06 36,28 36,20 Bond Euro 31.08 132,45 131,89 CIMA Diversified 31.08 103,98 Crossinvest Asia Pacific 31.08 95,88 Crossinvest Balanced 31.08 103,79 102,58 Crossinvest Bond 31.08 115,39 114,48 Crossinvest Conservative 31.08 103,96 102,93 Crossinvest Opportunity 31.08 114,640 113,070 Crossinvest Return F. 31.08 113,01 111,28 Crossinvest Swiss Opp. 31.08 91,25 91,12 Darwin Selection 31.08 101,74 103,17 European Equity 31.08 54,83 54,59 Far East Equity($) 31.08 151,98 151,15 Fixed Income 31.08 115,86 Global Economy 31.08 94,81 94,77 Global Equity 31.08 63,200 Global Quantum Strat. 31.08 94,08 93,99 New World 31.08 90,98 90,78 Quantit. Bond Euro 31.08 98,02 97,52 Swan Bond Opport. 31.08 105,86 105,76 Swan Equity Opport. 31.08 81,070 81,000 Swan Flexible 31.08 99,420 99,330 Swan High Yield 31.08 104,90 104,80

GWM
7H Absolute cl.A(7) 7H Absolute cl.B(7) 7H Absolute cl.C(7) 7H European Opport. Cl.D(7) GWM - Developed Markets I(7) GWM - Global Opportunit. I(7)

Luxicav Sicav
Azionario Europa B Breve Termine B Obbligazionario B Groupe Socit Gnrale BNL Guaranteed 107 Emerald(6) Optimiz Premium Summit Guaranteed(6)

Hedge Invest
Pareturn HiCore Ucits Eur I Pareturn HiCore Ucits Eur M Pareturn HiCore Ucits Eur S Pareturn HiCore Ucits Eur T Pareturn HiCore Ucits Usd S Pareturn HiCore Ucits Usd T

Lyxor International Asset Management


30.08 01.09 31.08 31.08 107,13 141,87 35,10 10,68

Henderson Gartmore Fund


Tel. +39 02 72 14 731; www.henderson.com; info.italy@henderson.com Continental Europ A 31.08 4,93 Emerging Mkts R#Acc 31.08 9,46 Global Bond B 31.08 6,45 Global Focus A 31.08 5,63 Jap Abs Ret A 31.08 2,57 Latin America R#Acc 31.08 16,94

Best of Europe(7) Best of French Equities Large Cap Euro(7) New Europ. Countries

31.08 31.08 31.08 31.08

134,96 149,76 120,19 119,94

Cassa Lombarda, via Manzoni 14 Milano Alternative Strategies 26.08 Anthilia Blue A 01.09 Anthilia Green A 01.09 Anthilia Grey A 01.09 Anthilia Red A 01.09 Dollar Bonds A($) 01.09 Eurocurrencies Bonds A 01.09 Flex 60 26.08 Flex 80 26.08 Flex 90 26.08 Fundamental Europ. Sel. A 01.09 Galileo Defensive A 01.09 Galileo Defensive B Galileo Income A 01.09 Galileo Income B Quant American Sel($) 01.09 Queluz Abs.Brazil Bd(