Sei sulla pagina 1di 56

MERCOLED 20 APRILE 2011 ANNO 136 - N.

93

In Italia

EURO 1,20

Milano, Via Solferino 28 - Tel. 02 6339 Servizio Clienti - Tel. 02 63797510

Fondato nel 1876


Coppa Italia LInter vince a Roma La finale si avvicina
F. Monti, Ravelli, Valdiserri alle pagine 46 e 47

www.corriere.i
In Lombardia Pochi camici bianchi No al numero chiuso
di Simona Ravizza a pagina 30

Roma, Piazza Venezia 5 Tel. 06 688281

Su Sette Leonardo DiCaprio un uomo in green


Domani in edicola con il Corriere

I NUOVI POPULISMI EUROPEI

Saltano le norme per le nuove centrali. Di Pietro: trucco per impedire il quorum su giustizia e acqua Tremonti Meno di altri

LA FRATTURA CULTURALE
di ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA

Conti pubblici da correggere La decisione dovrebbe far cadere il referendum, polemica nel 2013-2014

Il governo rinuncia al nucleare


Il governo si ferma sul nucleare: saltano le norme per le nuove centrali. La decisione dovrebbe far cadere il referendum: polemica. Un trucco per impedire il quorum sugli altri quesiti.
ALLE PAGINE 2 E 3 Arachi, L. Salvia, Serra

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

er quanto tempo ancora le classi dirigenti europee adagiate nella vulgata europeista reggeranno alla pressione dei cambiamenti sempre pi impetuosi che vanno manifestandosi tra le grandi masse dei loro Paesi? questa la domanda che pongono le elezioni di domenica scorsa in Finlandia. La strepitosa affermazione del partito populista-antieuropeista dei Veri Finlandesi, balzato al terzo posto con il 20 per cento dei voti, lultimo campanello dallarme, infatti, dopo quelli gi risuonati in Italia, in Olanda, in Danimarca, in Ungheria; mentre a Parigi il Front National di Marine Le Pen gi arriva nei sondaggi a insidiare il presidente Sarkozy. LEuropa oggi teatro di una grande, progressiva frattura culturale tra i vertici e la base delle sue societ. E il nuovo populismo, di cui tanti lamentano i successi, appare n pi n meno che come una sorta di nemesi che si abbatte su classi dirigenti che hanno cessato da tempo di essere popolari, cio di essere in sintonia con i sentimenti, gli umori, le paure e le speranze delle grandi masse. Da tempo, infatti, tutte le lite europee in testa gli intellettuali e incluse quelle economiche agiscono e parlano come pietrificate in una visione immobile del mondo, dominata da un pugno di principi guida: linternazionalismo, lespansione illimitata dellindividualismo e dei suoi diritti, lidolatria del proceduralismo consensualistico, lidea che leconomia rappresenti il regolatore supremo delle collettivit umane. una visione del mondo specialmente forte nellEuropa occidentale ma che agli occhi delle popolazioni europee appare or-

mai sempre pi incongrua rispetto ai nuovi scenari interni e internazionali. Le oscure prospettive della crescita economica; il calo demografico e linvecchiamento con il dubbio futuro dei sistemi pensionistici; limmigrazione; lavvento di universi culturali, come quello elettronico-telematico, inediti e pervadenti, profondamente spaesanti; la messa in crisi degli antichi paradigmi della sessualit, della procreazione e della genitorialit: tutto contribuisce a diffondere nella massa dei meno istruiti, dei pi anziani, dei soggetti deboli cio nella maggioranza , un clima di inquietudine, di timori oscuri, di ricerca non tanto di sicurezza quanto di certezze, di valori stabili e riconosciuti. , al fondo, unindistinta ma fortissima domanda di politica che si leva dalle viscere delle societ europee. Una domanda di nuovi traguardi pratici, di nuove mobilitazioni collettive e insieme di nuovi orizzonti ideali: che le lite sembrano per incapaci di intendere e ancor pi di soddisfare. Queste non si rendono conto che negli ultimi decenni, sia pure inavvertitamente, hanno privato le masse popolari della sola cultura che insieme al socialismo era valsa ad integrare le masse suddette nelluniverso della modernit e nella prospettiva dellemancipazione: la cultura della nazione. Cio la cultura che dopo la fine del socialismo/comunismo era lunica in cui quelle masse erano abituate storicamente a riconoscersi. Le quali masse, adesso, sono sul punto, addirittura, di vedersi obbligate a rinunciare pi o meno anche al Welfare. E dunque di restare davvero come integralmente nude di fronte alla storia.
CONTINUA A PAGINA 40

Giannelli

Economia

PERCH NESSUNO SI STRACCIA LE VESTI


di SERGIO RIZZO

Fiat e ex Bertone: senza il s Fiom limpianto chiude


di RAFFAELLA POLATO
A PAGINA 33

accaduto esattamente ci che si poteva immaginare. Nessuno scandalo, per come vanno le cose in Italia. Bisognerebbe solo avere il coraggio di ammetterlo, evitando il ricorso a formule ipocrite. Perch la scienza, qui, centra come i cavoli a merenda.
A PAGINA 3

Il record delloro La prima volta a 1.500 dollari


di GIOVANNI STRINGA
A PAGINA 34

La correzione dei conti pubblici nel biennio 2013-2014 va fatta, e dovrebbe essere da 15 miliardi di euro, lo 0,5% del Pil ciascun anno, ma questo dipende da come andr leconomia nel prossimo biennio. Il ministro dellEconomia, Giulio Tremonti, disegna la rotta dei prossimi mesi. Ma aggiunge che la situazione italiana meno spiazzata rispetto ad altri Paesi e la richiesta di correzione dei conti fra le pi basse del mondo. E mentre, sostiene il ministro, si cerca di concordare le mosse pi importanti con lEuropa, Tremonti afferma che dopo la crisi pensare a nuovi trattati sar unipotesi da prendere in considerazione.
ALLE PAGINE 12 E 13

R. Bagnoli, Sensini, Taino

Possibile rivedere il Trattato di Schengen

Moratti: o io o lui. Ma il passo indietro un giallo

Milano, il candidato anti-pm chiede scusa a Napolitano Mi dimetto dalla lista pdl
EMBLEMA / FRANCESCO MALAVOLTA / GUARDIA COSTIERA

Chiede scusa a Napolitano e annuncia: Mi dimetto dalla lista del Pdl. Il candidato anti-pm Roberto Lassini, che si assunto la responsabilit dei manifesti contro i giudici, ha scelto di farsi da parte dopo lultimatum del sindaco di Milano, Letizia Moratti. Ma sul passo indietro resta il giallo.
ALLE PAGINE 5 E 6

Allassessore

Garibaldi, Giannattasio, Soglio

La minaccia dei tassisti: tu come Biagi


di ANDREA SENESI

ORA LA CITT PRIMA DI TUTTO


di GIANGIACOMO SCHIAVI

LEuropa apre allItalia sugli immigrati M


di LUIGI OFFEDDU e GOFFREDO BUCCINI

barco record a Lampedusa: ieri, su un barcone arrugginito salpato dal porto libico di Zwara, sono arrivati 760 migranti (nella foto, i soccorsi). Per il ministro degli Esteri, Franco Frattini, il segnale che la ritorsione di Gheddafi cominciata. LEuropa apre A PAGINA 15 allItalia: possibile la revisione del Trattato di Schengen. Oggi il voto.

ilano corre al voto strattonata dalla politica nazionale, tra il caso Ruby, la Minetti, le procure ostili, il processo Mills e Berlusconi che chiede di votare Letizia Moratti immaginando un referendum su di lui, perch il verdetto del 15 maggio 2011 sar un test per il governo. E se Milano cominciasse a pensare anche a Milano?
A PAGINA 40

avoratori esasperati che potrebbero offrirgli la stessa sorte del compianto Marco Biagi, il giuslavorista ucciso nel 2002 dalle Br. La frase apparsa in un volantino firmato Ugl, il sindacato vicino al centrodestra e rivolta a Raffaele Cattaneo, assessore lombardo, dopo una lunga trattativa con i tassisti milanesi.
A PAGINA 24

Nel 91 assassin i genitori. Era in semilibert

Napoli, sospetti di gara truccata e costi gonfiati

Multa per un sorpasso: Sotto inchiesta i lavori torna in carcere Maso al teatro San Carlo
di LUIGI FERRARELLA e GIUSEPPE GUASTELLA di FIORENZA SARZANINI

La first lady Usa

9 771120 498008

er uninfrazione in un sorpasso azzardato, Pietro Maso torna in carcere e rischia di perdere la semilibert avuta dopo aver scontato 17 anni per lomicidio del padre e della madre, uccisi ventanni fa, prima di andare in discoteca. Movente, leredit.
A PAGINA 23

10 4 2 0>

Laereo di Michelle Muoiono sfiora i rapitori una collisione di Arrigoni


di GUIDO OLIMPIO
A PAGINA 19

Blitz a Gaza L

Uno si ucciso

di DAVIDE FRATTINI
A PAGINA 17

a Procura di Napoli indaga sullappalto da 55 milioni di euro per la ristrutturazione del teatro San Carlo di Napoli, inserito nella lista dei Grandi Eventi per le celebrazioni del 150 dellUnit dItalia. E accusa la commissione aggiudicatrice di aver truccato la gara.
A PAGINA 29

2
#

Primo Piano

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Nucleare LItalia

La ricerca sul nucleare va avanti comunque, indipendentemente dalle scelte del Paese Stefania Prestigiacomo, ministro dellAmbiente

Salta il piano del governo per le nuove centrali nucleari


Protestano i referendari: trucco per fermare anche gli altri quesiti
La proposta

54
Mesi il tempo che i coreani e i giapponesi impiegano per realizzare gli impianti nucleari. Per quel che riguarda il rientro economico, secondo alcuni studi economici sono sufficienti 10-12 anni

E Tremonti: energie rinnovabili con gli eurobond


ROMA Un piano di ricerca europeo per le energie rinnovabili, come quella eolica e quella solare, finanziato con gli eurobond, i titoli emessi in comune dagli Stati Ue. La proposta arriva dal ministro dellEconomia Giulio Tremonti, nel corso di unaudizione davanti alla commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo. Credo sia arrivato il momento di investire in ricerche alternative ha detto Tremonti combinando questi piani con la nuova struttura geopolitica del Mediterraneo. Il ministro propone di finanziare questi piani per investimenti in nuove energie, anche con gli eurobond, strumento finanziario sul quale gli Stati membri discutono da anni. Ma secondo Tremonti il momento per un passaggio storico anche dopo il Il passaggio disastro nucleare di Fukushima, che il momento di un non riducibile passaggio storico. alla banalit di un I Verdi: ma con un decreto incidente tecnico si limitano gli incentivi ma molto pi rilevante in cifra storica. Critico Pier Luigi Bersani: Tremonti ha la capacit di fare i titoli sui giornali dice il segretario del Pd ma dovrebbe stare alla sostanza. Sulle rinnovabili abbiamo un sistema sostenuto da incentivi ma si sospeso tutto da un giorno allaltro e abbiamo pi di 100 mila occupati che rischiano il posto. Se poi si vuole discutere un fondo europeo di sostegno siamo i primi a dirlo, sono 15 anni che lo diciamo. Anche i Verdi contro Tremonti: Mentre lui afferma che necessario sostenere le rinnovabili dice il presidente Angelo Bonelli il governo al quale appartiene fa esattamente lopposto. Nella bozza di decreto sulle rinnovabili si fissa un limite di spesa per gli aiuti a 6-7 miliardi di euro allanno e un obiettivo di 23mila megawatt fino al 2016. Un tetto alla potenza istallata incentivata prosegue Bonelli che meno della met rispetto a quello della Germania. Il governo ha deciso di affossare un settore che lanno scorso ha creato occupazione quanto quattro stabilimenti di Mirafiori. Per questo oggi i Verdi manifesteranno in piazza insieme ai lavoratori del settore.

ROMA Un emendamento a sorpresa al cosiddetto decreto Omnibus in discussione in Senato. E le centrali nucleari sono sparite dalla geografia dellItalia. Almeno per adesso. Con molta probabilit, intanto, dovrebbe essere cancellato il referendum sul nucleare previsto per giugno. E su questo le polemiche sono arrivate, a valanga: le opposizioni non hanno esitato a pensare che lemendamento sia stato un trucco del governo per far fallire anche gli altri due quesiti referendari, quello sul legittimo impedimento in testa. I sondaggi di questi giorni indicavano che il nucleare avrebbe trascinato oltre il quorum anche gli altri referendum e hanno preoccupato non poco Palazzo Chigi. successo ieri, verso lora di pranzo. A Palazzo Madama si stava per chiudere la seduta del mattino e lemendamento del governo arrivato a corredo dellarticolo 5 del decreto, quello che, subito dopo la tragedia del Giappone, aveva gi previsto una moratoria di un anno sul nucleare. Lemendamento nuovo dovrebbe invece

Protesta Una manifestazione contro il nucleare in Italia

(Ansa/Guido Montani)

mettere sul nucleare una pietra sopra, per sempre. E adesso importante andare avanti e guardare al futuro impiegando le migliori tecnologie disponibili sul mercato per la produzione di energia pulita, si affrettato a dichiarare ieri Paolo Romani, titolare del dicastero dello Sviluppo economico che lautore dellemendamento, mentre Stefania Prestigiacomo, ministro per lAm-

biente, ha preferito ribadire: La ricerca sul nucleare va avanti comunque, indipendentemente dalle scelte del Paese. Le opposizioni hanno schiumato rabbia. In testa Antonio di Pietro, leader dellIdv, il partito che ha presentato il testo sul referendum: un golpe, ha tuonato. E poi spiegato: Se il governo avesse deciso di rinunciare al nucleare non potremmo che essere felici. Inve-

ce con questo emendamento si posticipa soltanto lindividuazione delle localit in cui realizzare le centrali. E si vuole far fallire la partita referendaria. Con Di Pietro anche lindignazione del capogruppo a Montecitorio, Massimo Donadi e di quello di Palazzo Madama, Felice Belisario. Era stato Giulio Tremonti, ministro dellEconomia, ad annunciare a Bruxelles questa

svolta dellesecutivo. E da Roma stato invece il giovane ministro Giorgia Meloni ad accarezzare liniziativa: La scelta del governo la soluzione ideale. Luscita dal nucleare segno di libert e autonomia dalle lobby. Dai banchi del Senato si levata alta la voce di Francesco Rutelli, leader dellApi: Siamo contenti che il governo abbia voluto recepire un emendamento gi presentato dal nostro gruppo. Per sar importante ridiscutere tutto il decreto "Omnibus", visto che questa scelta sposta il discorso di circa 30 miliardi. Il decreto Omnibus dovrebbe essere approvato definitivamente stamattina, in Senato. E per diventare legge dovr andare alla Camera. Una legge che non convince gli Ecodem di Palazzo Madama, guidati dai senatori Pd Francesco Ferrante e Roberto Della Seta: Quella del governo non altro che una legge truffa, ma considerando che tutti i maggiori Paesi si avviano ad uscire dallenergia atomica questo trucco finir per essere il definitivo harakiri dei nostri nuclearisti. Pier Luigi Bersani, segretario del Pd, convinto: con ogni evidenza che il governo sta scappando dalle proprie decisioni, dice infatti prima di annunciare uninterrogazione al governo sulle energie rinnovabili, un piano che molti dubbi ha suscitato negli ambientalisti, Wwf in prima linea.

Alessandra Arachi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lesperto Marco Ricotti, docente di impianti nucleari al Politecnico di Milano

La ricerca scientifica deve continuare


Non sappiamo ancora dove depositare le scorie
MILANO Sullo stop del governo al nucleare non vuole commentare. Non sono un politico. Marco Ricotti, docente di Impianti nucleari al Politecnico di Milano e membro dellAgenzia per la sicurezza nucleare italiana, pu invece fare delle valutazioni da tecnico. Dice: A prescindere dalle decisioni politiche prese, bisogna rendersi conto che abbiamo un carico di lavori tecnici dai quali non possiamo comunque scappare. Le priorit da affrontare, secondo il professore, sono tre. La prima legata alla gestione di rifiuti radioattivi. Siamo lunico Paese al mondo a non avere ancora un deposito. I rifiuti ad alta radioattivit finora li abbiamo mandati in Francia e in Inghilterra per il ritrattamento, e comunque ritorneranno nel giro di dieci-dodici anni. Dove li metteremo?. A questi bisogna aggiungere le scorie che arrivano dallattivit quotidiana di ospedali e fabbriche. Per adesso le stocchiamo dentro contenitori e in luoghi che non sono ancora il deposito unico che ci manca. E che si render indispensabile anche per il decommissioning, cio per lo smantellamento degli impianti nucleari che abbiamo in Italia: a Caorso, Trino Vercellese, Garigliano e Latina. Per Ricotti, la decisione del luogo e
Tecnico Marco Ricotti membro dellAgenzia per la sicurezza nucleare italiana

Lorenzo Salvia
RIPRODUZIONE RISERVATA

della tecnologia di gestione dei rifiuti di passato, presente e futuro il primo dovere. Il secondo implicito nella stessa posizione geografica dellItalia. Spiega: Ci sono centrali ai confini. Questo significa che dobbiamo essere assolutamente certi della loro sicurezza. E perch ci sia possibile necessario partecipare agli stress-test. Ricotti non esclude poi di continuare a riflettere sul nucleare. In Europa stanno costruendo reattori di terza ge-

nerazione e forse una valutazione ulteriore sulla loro adeguatezza andrebbe fatta. Il docente insiste anche sullimportanza di un lavoro culturale. Allobiezione che le conseguenze di eventuali incidenti non sono calcolabili, come nel caso di Chernobyl, replica: LUnscear, il comitato scientifico specializzato delle Nazioni Unite, di recente ha rivisto le stime di quel disastro, che altri basavano erroneamente sulla cosiddetta teoria lineare senza soglia. Molti confondono ancora la dose collettiva con quella individuale: e invece non dimostrato e non dimostrabile che una piccolissima radiazione dia un danno certo.

Elvira Serra
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Primo Piano

3
#

Quella del governo non altro che una legge truffa in salsa nucleare Roberto Della Seta, senatore del Partito democratico

I sardi voteranno comunque sul nucleare nel referendum consultivo regionale di maggio Ugo Cappellacci, governatore della Sardegna

Il verdetto La consultazione prevista il 12 e 13 giugno

Abolizione del voto o quesito ristretto Ultima parola ai giudici


La decisione finale alla Cassazione
Il progetto

Conchiglia dacciaio su Chernobyl


Ecco il progetto: una cappa dacciaio da 20 mila tonnellate per coprire la centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina (dal sito del Guardian) ROMA Alla fine, come sempre succede per i referendum, sar la Corte di Cassazione a decidere che fare. Ovvero se questo emendamento presentato ieri dal governo sar in grado di abolire, oppure no, la consultazione referendaria sul nucleare, gi fissata per il 12 e il 13 giugno prossimo. C un ufficio apposta per questo nella Corte di Cassazione: si chiama ufficio centrale per il referendum ed lo stesso che vaglia lammissibilit dei quesiti e la validit delle firme. lufficio che venne istituito con la legge che introdusse i referendum nel nostro Paese (la numero 352 del 1970) con larticolo 39. Cos, a braccio, le prime analisi di alcuni costituzionalisti sembrerebbero optare per leffettiva cancellazione del quesito referendario. Il punto principale, infatti, capire se lemendamento presentato ieri mattina dal governo in Senato abroga totalmente le disposizioni che hanno recentemente reintrodotto la produzione di energia nucleare in Italia. Quelle disposizioni, cio, che sono state messe in discussione con il referendum sul nucleare del prossimo giugno. questa prima analisi che sembrerebbe far dire che il referendum sul nucleare verr alla fine abolito. Lemendamento del governo, infatti, riproduce quasi pedissequamente il testo del referendum. Le differenze sarebbero poche e, soprattutto, puramente formali. Ma il condizionale dobbligo. Il

Le urne

I tre quesiti Nelle date del 12 e 13 giugno, insieme al quesito sul nucleare, gli italiani saranno chiamati ad esprimersi sui temi della privatizzazione dellacqua e dellabrogazione del legittimo impedimento Il decreto Un emendamento del governo al decreto Omnibus rimuove le norme sul ritorno al nucleare. Il timore di alcuni sostenitori dei referendum che, senza il quesito sul nucleare, sarebbe pi difficile raggiungere il quorum per gli altri due

quesito promosso dallItalia dei Valori di Antonio Di Pietro ben articolato e chiede la cancellazione di circa settanta norme contenute nei provvedimenti varati di recente dal governo Berlusconi per il ritorno del nucleare in Italia. Ed cos che la Suprema Corte avr il compito di stabilire se labrogazione delle norme sulla realizzazione di nuovi impianti nucleari sia sufficiente nel senso richiesto dai promotori del referendum stesso ha spiegato Piero Alberto Capotosti, presidente emerito della Corte Costituzionale. Potrebbe succedere che la Corte di Cassazione valuti che lemendamento del governo al cosiddetto decreto Omnibus soddisfi soltanto in maniera parziale le richieste del comitato promotore. Ed allora la consultazione non verrebbe abolita ma si terrebbe per un quesito ristretto. C unaltra ipotesi sollevata a gran voce dalle opposizioni per far salvare il referendum: ovvero il fatto che nellemendamento del governo si parli di una sorta di rinvio di dodici mesi per quel che riguarda le scelte sulla politica nucleare del governo. Ma per i giuristi questa obiezione non sembra poter incidere in alcuna maniera nella decisione della Suprema Corte. Infatti implicito nel concetto stesso di abrogazione di una norma la possibilit di poterne presentare unaltra anche il giorno seguente.

Al. Ar.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il commento

MA QUANTO CI COSTER QUESTA MARCIA INDIETRO?


di SERGIO RIZZO

iciamo le cose come stanno: nel centrodestra nessuno si stracciato le vesti dopo che il governo ha archiviato unavventura atomica mai cominciata davvero. Perch come era apparso sempre pi chiaro man mano che lincidente di Fukushima si manifestava in tutta la sua tragica dimensione, il referendum di giugno si sarebbe rivelato un passaggio politicamente catastrofico per lattuale maggioranza. Non soltanto. Nel governo cera pure qualcuno convinto che londata emotiva abbattutasi dal Giappone su tutta lEuropa avrebbe esposto un centrodestra non antinuclearista a qualche rischio anche alle prossime elezioni amministrative. Meglio allora mandare pietosamente in soffitta ogni progetto.

Dunque accaduto esattamente ci che si poteva immaginare. Nessuno scandalo, per come vanno le cose in Italia. Bisognerebbe soltanto avere il coraggio di ammetterlo, evitando soprattutto il ricorso a formule ipocrite come quella infilata nellemendamento che seppellisce per la seconda volta (e probabilmente in modo definitivo) le ambizioni nucleariste del quarto governo Berlusconi, dove si giustifica lo stop a tutti i progetti al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche. Perch la scienza, qui, centra come i cavoli a merenda. Allenergia atomica si pu essere favorevoli o contrari, con argomentazioni valide per entrambe le posizioni. Il problema della sicurezza esiste ed molto serio. Come quello dello smaltimento delle scorie radioattive, mai risolto. Qualche nuclearista convintissi-

mo, come lex ministro repubblicano dellIndustria Adolfo Battaglia, oggi si dice perfino persuaso che tenendo conto di tutte le variabili in gioco il tanto sbandierato minor costo del nucleare rispetto alle altre fonti una favola. Dallaltro lato, per contro, si afferma che oltre a essere nettamente pi a buon mercato lenergia atomica non ha emissioni nocive per latmosfera contrariamente ai combustibili fossili con i quali alimentiamo i nostri impianti. E che ci hanno reso schiavi dei Paesi produttori di petrolio. Aggiungendo che la sicurezza ha fatto passi da gigante e che non avrebbe senso opporsi alla costruzione di centrali nucleari in un Paese che ne ha decine a poca distanza dai propri confini, dalla Francia alla Slovenia. Senza considerare che una scelta del genere contribuirebbe ad af-

francare lItalia dalla sua notevole dipendenza dallestero anche in termini di importazioni: non vogliamo lenergia atomica ma ne compriamo a rotta di collo dai francesi. Ebbene, la decisione di fare marcia indietro non ha niente a che fare con la valutazione ponderata di tutti questi fattori, unico elemento che avrebbe potuto giustificare una presa di posizione seria. Certo, dopo il dramma di Fukushima si stanno riconsiderando in tutta Europa i progetti nucleari. Sulle centrali di vecchia generazione stato giustamente acceso un faro: e non potrebbe essere diversamente. Ma tutto questo sta avvenendo sulla base di analisi e considerazioni tecniche sulle quali si discute e si discuter ancora a lungo. La scelta italiana invece appare dettata unicamente da motivazioni di carattere politico. Per giunta di breve respiro. Tanto da far sorgere il sospetto che anche nel rilancio del nucleare (ricordiamo che era stato uno dei cavalli di battaglia del centrodestra alle ultime elezioni politiche) laspetto veramente importante fosse il possibile dividendo politico. Nei cinque anni consecutivi passati in precedenza al governo, Silvio Berlusconi si era mostrato piuttosto tiepido verso leventualit di un ritorno al nucleare. Ogni qualvolta lipotesi riaffiorava veniva rammentato co-

me in seguito al referendum del 1987 lItalia (che pure era stata allavanguardia in questo campo) aveva perduto progressivamente tutte le proprie competenze. E che a quel punto sarebbe stato complicatissimo rimettere in moto una macchina ferma da almeno tre lustri. Poi, passati non pi quindici, ma ventanni, ecco linversione a U. Va detto che nemmeno dopo quel colpo di teatro il rilancio del nucleare sembrato essere davvero in cima ai pensieri del governo. Basti considerare che le operazioni sono rimaste ferme per almeno cinque mesi nel periodo intercorso fra le dimissioni del ministro Claudio Scajola e la nomina del suo successore Paolo Romani. E che al varo della famosa agenzia per la sicurezza nucleare, per capirci quella che dovrebbe dire dove si faranno le centrali, si arrivati dopo un estenuante braccio di ferro sulle persone da mettere a capo di quella struttura. Rimasta per mesi, dopo la sua costituzione, senza nemmeno una sede fisica. Chiuso ora mestamente per la seconda volta il capitolo nucleare, resta unincognita. Che costo ha avuto finora, e avr nei prossimi anni, questa decisione? Qualcuno al governo si posto la domanda? E soprattutto, ha una risposta?
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Primo Piano

Il caso Milano Le scelte

Mi aspetto dal Pdl che prenda ufficialmente le distanze da questo candidato Renato Schifani, presidente del Senato

Moratti: o io o lui. E il candidato: mi dimetto


Confronto con Berlusconi sui cartelloni anti giudici. Il primo cittadino: lista con 47 nomi invece di 48
MILANO Alla fine, Roberto Lassini si scusa e rinuncia alla candidatura nella lista del Pdl. Ed proprio il suo riferimento politico, il senatore e coordinatore del Pdl lombardo Mario Mantovani, a dover chiedere il passo indietro allavvocato che si assunto la responsabilit dei manifesti anti-toghe. Anche perch ieri mattina Letizia Moratti ha alzato il tiro: O io o lui, ha detto il sindaco a Mantovani facendo sapere di essere pronta a dimettersi perch la mia candidatura incompatibile con quella di Lassini. Concetto ribadito, con altrettanta risolutezza, in una telefonata con Berlusconi. Gi il giorno prima la Moratti, dopo aver condannato il contenuto del manifesto (Via le Br dalla magistratura), aveva chiesto che il Pdl isolasse Lassini ed era andata a pescare un precedente che aveva consentito, a un candidato, di ritirarsi presentando la richiesta alla Commissione elettorale circondariale. Un precedente che fa giurisprudenza. Avremo una lista con 47 nomi invece di 48 aveva tagliato corto il sindaco a Mantovani ma almeno avremo dato prova di chiarezza ai nostri elettori. Cos, Mantovani, dopo essersi consultato con il presidente del Consiglio, ha scritto la lettera a Lassini in cui, pur riconoscendogli il profondo disagio subito per aver subito, da innocente, una dolorosa carcerazione preventiva; pur apprezzando la sensibilit dimostrata in questi giorni avendo lei chiarito in numerose sedi il senso della sua iniziativa provocatoria, arriva al punto: Quella da lei intrapresa non la strada giusta e la provocazione da lei promossa, facendo riferimento alle Br, risulta essere inaccettabile e pertanto da respingere fermamente: noi siamo per la libert e per il rispetto assoluto della persona e riteniamo che sia il confronto democratico lunica sede per far vincere le nostre idee e realizzare le nostre speranze. Per questo, ha concluso, sono a chiederle ufficialmente il

Indagato Lascia anche Di Capua, il capo della segreteria di Mantovani, coordinatore lombardo del Pdl: indagato dalla Procura

ritiro della sua candidatura presso la Segreteria del Comune di Milano. A fare pressioni su Lassini ieri era arrivato anche il presidente del Senato, Renato Schifani: Mi aspetto dal Pdl che prenda ufficialmente le distanze da questo candidato Roberto Lassini. Occorre far gesti

15/16
Le prossime elezioni amministrative si svolgeranno il 15 e il 16 maggio, con eventuale ballottaggio due settimane pi tardi, il 29 e il 30 maggio. I principali comuni al voto sono Milano, Bologna e Napoli

48
Le liste per le Amministrative di Milano si compongono di 48 candidati. Il ritiro di Roberto Lassini costringerebbe il Popolo della libert a presentare una lista con un candidato in meno

concreti perch si abbassino i toni e vengano condannate senza se e senza ma queste iniziative. Pdl compatto, con lopposizione impegnata a chiamare in causa il premier: Il presidente del Consiglio accusa il portavoce nazionale dellIdv, Leoluca Orlando lispiratore politico degli indegni manifesti contro i magistrati milanesi: non si mai dissociato dal vilipendio contro i giudizi e stato lui il primo ad avere parlato di brigatismo giudiziario. Il candidato sindaco del centrosinistra, Giuliano Pisapia, insiste: Lassini non un isolato, c una strategia politica incompatibile con la democrazia. ormai evidente che non si tratta dell' iniziativa di un singolo ma di una strategia che va avanti da mesi, sono chiare le responsabilit politiche dei vertici del Pdl locale e non per un messaggio rivolto a delegittimare la magistratura e avvelenare la campagna elettorale. Nel frattempo, anche il segretario particolare di Mantovani Giacomo Di Capua, indagato insieme a Lassini e a un tipografo per la stessa vicenda, ha rinunciato allincarico al ministero dei Trasporti, dove il senatore sottosegretario. Mi ha presentato le dimissioni conferma Mantovani e mi dispiace molto. Forse ha esagerato, ha buttato il cuore oltre l'ostacolo.

La vicenda

Il fatto I manifesti contro i pm brigatisti


Venerd 15 aprile, sugli spazi per la propaganda elettorale compaiono dei vistosi manifesti a sfondo rosso con la scritta Via le Br dalle procure. Le affissioni sono firmate da un gruppo poco noto, lassociazione Dalla parte della democrazia. Due giorni pi tardi, il 17 aprile, gli autori del manifesto hanno un volto, quello dellavvocato Roberto Lassini. Gi sindaco democristiano di Turbigo (Milano), 49 anni, con Mani pulite finisce in carcere per 42 giorni per tentata concussione. Oltre cinque anni pi tardi, il proscioglimento. Oltre a Lassini, nellinchiesta dei pm Spataro, Pradella e Pomarici, finisce anche Giacomo Di Capua, 30 anni. il capo della segreteria di Mario Mantovani, coordinatore pdl della Lombardia

Elisabetta Soglio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le reazioni Il passo indietro dopo le critiche di Napolitano


Dopo una dura presa di posizione di Giorgio Napolitano, dopo quella del sindaco Letizia Moratti (O me o lui), dopo lintervento del presidente del Senato Renato Schifani, ieri sera Roberto Lassini si scusato del manifesto e ha annunciato il ritiro della sua candidatura a consigliere comunale di Milano nella lista del Pdl. Il ritiro di un concorrente un fatto raro, che tuttavia ha un precedente: lo ha scovato la stessa Letizia Moratti, anche se il Viminale ritiene il ritiro tecnicamente impossibile. Oltre allex sindaco di Turbigo, dimissioni anche per Di Capua, che ha fatto un passo indietro rispetto allincarico con Mantovani presso il ministero dei Trasporti, di cui il coordinatore lombardo si rammaricato

Dietro le quinte Il colloquio chiarificatore

Il sindaco chiama il premier Questo danneggia anche te


MILANO Non ho bisogno di fare il sindaco. stata una telefonata lunga, tesa e complicata, quella che c stata ieri mattina fra il sindaco Letizia Moratti e il presidente Silvio Berlusconi. Il premier, avvertito dal coordinatore lombardo Mantovani dellintenzione del sindaco di dimettersi nel caso in cui fosse rimasto in lista per il Pdl Roberto Lassini, ha cercato di convincerla ad attenuare i toni: Letizia, pensaci bene. Ma la Moratti stata risoluta come forse mai stata in questi cinque anni da sindaco. Berlusconi ha insistito a lungo, cercando di spiegarle le implicazioni politiche del suo aut-aut, difendendo non il contenuto dei manifesti ma lesasperazione di un uomo che stato vittima della giustizia ingiusta e che ha dovuto restare 50 giorni in carcere e aspettare cinque anni prima di venire riconosciuto innocente. Ma la Moratti, pur ribadendo stima e fedelt al mio presidente, non arretrata di un passo: Silvio, questa cosa danneggia anche te. E al premier che insisteva invitando ad una maggiore cautela nella presa di posizioni, ancora una volta: Silvio, credimi, questa storia sta danneggiando anche te. Fino alla dichiarazione che ha lasciato Berlusconi senza altri argo-

Dal 2006 Letizia Moratti, 61 anni, ex ministro dellIstruzione Eletta nel 2006 a sindaco di Milano, si ricandida per il centrodestra alle elezioni di maggio (Newpress)

menti: Non ho bisogno di fare il sindaco. Certo, in questa fase la Moratti ha un grandissimo potere contrattuale: fuori lei dalla competizione elettorale, il Pdl e il centrodestra resterebbero a piedi. E perderebbero la citt su cui invece, come ha spiegato lo stesso presidente, domenica scorsa al Teatro Nuovo, si far un test nazionale. Per questo Berlusconi ha dato lobiettivo di far vincere la Moratti al primo turno e impedire alla sinistra la spallata al governo che vorrebbe dare, cominciando proprio dalla roccaforte lombarda. In realt, fra i due non si misurata una prova di forza fine a se stessa. Lattacco alla magistratura coinvolgendo le Br ha offeso in modo indecoroso e inaccettabile le vittime del terrorismo. Il sindaco ne ha fatta una questione di principio e su questa non torner indietro. E Berlusconi ha scelto il male minore.

E. So.
RIPRODUZIONE RISERVATA

6
#

Primo Piano

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Il caso Milano Il protagonista

Vincino

Lautore dei manifesti Sono pentito Scuse a Napolitano


Telefonata con il premier. Dubbi sulluscita dalla lista
MILANO Dimissioni irrevocabili dalle liste del Pdl. Pi una lettera di scuse al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e alle vittime del terrorismo. Si conclude cos la giornata pi difficile dellavvocato Roberto Lassini, il patrocinatore dei manifesti Via le Br dalle procure, candidato nelle liste del Pdl alle amministrative milanesi. Ma la vicenda destinata ad avere un seguito: perch ci sono molti dubbi legali sul fatto che Lassini possa dimettersi dalle liste elettorali. E alla domanda se in caso di elezioni forzate fosse comunque disposto a rinunciare al posto in Comune, Lassini non risponde. Si allontana dalla sala e si chiude in unaltra stanza. Tutti lo cercano. Lui chiuso nel comitato elettorale di via Rugabella con i suoi fedelissimi. C anche Tiziana Maiolo. Per decidere cosa fare. Da una parte le parole di Napolitano, ma soprattutto il diktat del sindaco Letizia Moratti: O io o lui. Lassini non vuole mollare. Non per laut aut del primo

Ruby su Oggi

Io parte lesa? S, ma dai pm

MILANO Ruby a ruota libera in unintervista sul numero di Oggi in edicola. La giovane smentisce di essere incinta, annuncia che il suo testimone di nozze sar Lele Mora e se la prende con i magistrati: Ho deciso di non costituirmi parte civile perch non mi sento parte lesa. Anzi, mi sento parte lesa. Parte lesa dai pm.

cittadino. Lex sindaco di Turbigo parla anche con il premier Silvio Berlusconi. Mistero fitto sulla conversazione. Anche se un alto dirigente del Pdl si lascia scappare una frase significativa: Se fosse stato per Berlusconi, Lassini avrebbe dovuto resistere. E lo stesso avvocato, qualche ora dopo, conferma questa impressione: vero dice ai microfoni della Zanzara nei manifesti che ho fatto cerano le stesse cose gi dette da Berlusconi. La svolta arriva con la telefonata del coordinatore regionale del Pdl Mario Mantovani, pressato a sua volta dalla Moratti. Lassini si precipita in viale Monza su una Smart. Il dado tratto. Dimissioni. Ma come? Si sentono pareri ed esperti legali. Fonti diverse dicono cose diverse. possibile cancellarlo dalle liste? impossibile? C un precedente giuridico che va nel primo senso. Altri dicono il contrario. Tecnicamente, si apprende al Viminale, dopo la presentazione ufficiale delle liste, non possibile pi cancellarsi. Alle 19 e 30, un Lassini nervo-

Il ritiro Roberto Lassini lascia la sede del suo comitato elettorale a Milano dopo la conferenza stampa con cui ha annunciato il suo passo indietro (Fotogramma)

sissimo si presenta davanti alle telecamere. Legge la lettera a Napolitano. Si dice amareggiato e pentito. Di questo chiedo pubblicamente scusa a Lei che rappresenta la nostra Repubblica e il popolo italiano. Ricorda il suo passato di perseguitato della giustizia: Mi

rendo conto che il messaggio espresso in quel manifesto, da me in qualche modo patrocinato, tradiva una rabbia personale con cui ho convissuto per anni e non teneva in giusta considerazione il dolore di altri italiani e lattacco non voluto allo Stato. Ripete: Ho sbagliato.

Voglia accettare le mie scuse pi sentite che rivolgo anche, e soprattutto, a tutte le vittime del terrorismo e ai loro familiari che con il dolore devono convivere. solo il primo atto. Il passaggio pi delicato arriva adesso. Ho rassegnato le mie dimissio-

ni irrevocabili dalla lista elettorale del Pdl e le ho consegnate nelle mani di Mantovani, ma la battaglia per una giustizia giusta portata avanti da Berlusconi proseguir. Abbiamo ricevuto tante adesioni. Non abbandoneremo la battaglia. A chi gli chiede se si sente un capro espiatorio non risponde. Stesso silenzio alla domanda su chi sia il mandante. Mantovani conferma: Lassini ha fatto il suo dovere. Ha chiesto scusa per un gesto inconsulto e inaccettabile. Domani (oggi per chi legge, ndr) ci recheremo allUfficio elettorale per verificare le modalit delle dimissioni. Ma sicuro che tutto filer liscio? I legali del sindaco Moratti mi hanno dato assicurazioni in questo senso. Nel frattempo il comitato elettorale di Lassini smobilita. Anche se i supporter non si danno per vinti e assicurano che di lui si sentir parlare per tutta la campagna elettorale. Solo a questo punto lavvocato si lascia andare a una battuta: Chiedo scusa anche ai giudici, ma io sono piccolo piccolo... pensate che quando ero in carcere mi chiamavano il tangentopolino, ero il sindaco del quinto raggio.

Maurizio Giannattasio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giusi La Ganga Lex psi coinvolto in Tangentopoli sostiene Fassino

Scandalizzato dai toni violenti Stefania Craxi? Torni a sinistra


ROMA A Giusi La Ganga hanno fatto piacere le parole di Stefania Craxi su Berlusconi, quando la figlia di Bettino, sottosegretario agli Esteri, dice che Berlusconi dovrebbe fare un passo indietro per salvare la sua dignit. La Ganga stato grande amico e sodale di Craxi: Entrambi siciliani di origine, uno arrivato a Torino e uno a Milano, due terroni del Nord. La Ganga dice di essere assediato da sms, messaggi su Facebook, lettere da ex compagni socialisti: Mi sembra che il nostro mondo si stia liberando dallappoggio a Berlusconi, si sgretola qualcosa. La Ganga, classe 1948, riemerge alla politica in questi giorni, candidato a Torino nella lista Pd, al fianco di Piero Fassino, in corsa per diventare sindaco. C stata una riunione tempestosa con i giovani del Pd, lo accusavano di far perdere voti. Perch La Ganga fu un simbolo di Tangentopoli. Ricevuti molteplici avvisi di garanzia, si spogli dellimmunit parlamentare, patteggi una condanna a 20 mesi e restitu 500 milioni di finanziamenti al Psi. Poi, per 20 anni si inabissato, solo che la politica una malattia seria. Non so dice se lintervista di Stefania sia linizio di una nuova strada politica per lei. Di certo la base socialista finita con Berlusconi si riavvia verso la sua naturale collocazione, nel centrosinistra. Bettino sarebbe daccordo? Lui sempre stato anticomunista, ma era un uomo di sinistra. Perch gran parte dei dirigenti socialisti scelsero Berlusconi? Per disperazione, per rabbia, per rancore. Io sono uno dei pochissimi ex socialisti a non essere entrato in Forza Italia. C voluta la mia pazienza per sopportare il clima di quegli anni.... Adesso a Milano c la storia di quei manifesti, Via le Br dalle Procure, a cura di quel candidato pdl, ex dc, arrestato nel 1993 e poi prosciolto per tenTorinesi Piero Fassino, allora giovane dirigente del Pci insieme al socialista Giusi La Ganga in una foto scattata a Torino negli anni Settanta (Photonews). Oggi La Ganga sostiene la corsa a sindaco di Fassino

tata concussione... Sono scandalizzato! La storia di Roberto Lassini mi pare un frutto avvelenato di questa politica intesa come rissa da cortile. In un clima cos i meno avveduti perdono il controllo delle proprie azioni. Certo, a forza di aizzare le parti come al Colosseo o negli stadi, si arriva a questi risultati ed oltre. Il primo passo verso la violenza sono sempre gli eccessi verbali. La Ganga si sente vicino mai come oggi al presidente Napolitano: Interpreta il sentimento della maggioranza degli italiani. Ma Berlusconi al termine del suo percorso politico? politicamente finito, anche se ancora

Colosseo

A furia di aizzare le parti come al Colosseo, i meno avveduti tipo Lassini perdono il controllo delle proprie azioni

non decretata la fine formale. Se qualche frutto positivo poteva darlo, ormai pu fare soltanto danni. La Ganga fu segnato a vita da una vignetta di Forattini: cera lui, alto, grosso e calvo come Craxi, con mascherina nera e mitra. La didascalia diceva: Attenti, arriva la gang. Ora va in giro per Torino e dintorni e porta a cena vecchi socialisti, per riavvicinarli alla sinistra, nella fattispecie al Pd di Piero Fassino: Questa la mia missione: riportare a casa i socialisti. Sono rimasti per troppo tempo in esilio. Potrebbe fare lassessore in una giunta Fassino? Assolutamente no.

Andrea Garibaldi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

8
#

Primo Piano
La scheda

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Politica e giustizia Lo scontro

La soddisfazione di Berlusconi: abbiamo recuperato 4 punti


Sfogo con i suoi: perch nessuno interviene quando insultano me?
ROMA Abbiamo recuperato quattro punti e questo limportante. A Berlusconi le polemiche piacciono, e talvolta piacciono di pi i risultati che producono. Il primo frutto dei toni e dello scontro in materia di giustizia secondo il presidente del Consiglio germogliato in queste ore, sotto forma di numeretti e grafici utili per affrontare con successo il voto amministrativo. Lo raccontava ieri a Palazzo Grazioli, al termine dellincontro con il leader dei ribelli libici, un Cavaliere che nelle vicenda dei manifesti, nella tensione con il Quirinale, nelle polemiche interne al Pdl sul passo indietro di Lassini, vedeva comunque il bicchiere mezzo pieno. Non potr uscire dalla lista elettorale, almeno tecnicamente, ma se qualcuno nello staff del premier pronostica addirittura una messe di voti per lex democristiano che ha fatto infuriare Letizia Moratti e il Quirinale, e provocato unonda di disapprovazione nel suo stesso partito, vuole dire che i conti ad Arcore si fanno con un altro metro. Del resto il copyright del manifesto incriminato, laccostamento fra toghe e Brigate rosse, appartiene al presidente del Consiglio, che lo usa in modo ormai disinvolto, in pubblico e in privato, almeno da un mese. Ne ha parlato anche nella cena della settimana scorsa con i corrispondenti stranieri, addirittura rimarcando la maggiore gravit dei tratti eversivi dei magistrati rispetto ai terroristi, essendo i primi dei pubblici funzionari. Ieri Berlusconi ha avuto da ridire e non poco sulla decisione del sindaco di Milano (la telefonata ha avuto toni molto accesi). Continua a registrare le differenze che ieri sera, dopo il Tg1, ha anche rimarcato Giuliano Ferrara: magistrati che fanno comizi contro il governo e nessuna istituzione che dice nulla, tantomeno il Colle; manifesti e talk show contro il premier, in cui mi viene dato del mafioso, e nessuno dice nulla; intellettuali come Asor Rosa che invocano un intervento militare per neutralizzare il governo e nessuno continua a dire nulla; mentre un uomo che stato in galera per 50 giorni e assolto solo dopo cinque anni, visto che del Pdl, non ha diritto alla rabbia, allo sfogo. Ieri Berlusconi ha riconosciuto che stampare quei manifesti stato un errore, ma nessuno ovviamente potr convincerlo che un errore anche il messaggio che i

In campo Anche Ferrara in tv ha accusato il Quirinale di doppio standard verso giudici e premier

Le polemiche I rapporti tra Pdl e Lega Nord nelle ultime settimane volgono al brutto, complici le imminenti elezioni Amministrative Giustizia Il capogruppo del Carroccio alla Camera, Marco Reguzzoni, ha definito la presa di posizione di Giorgio Napolitano un monito doveroso, visto che la Lega vuole risolvere i problemi veri della Giustizia Amministrative Mentre Letizia Moratti attende che Umberto Bossi partecipi almeno a uniniziativa elettorale al suo fianco, nel Pdl non mancano i malumori per la corsa solitaria del Carroccio in molti piccoli Comuni. Ma le polemiche, nelle ultime settimane, sono state numerose: dalla gestione dellemergenza immigrati ai festeggiamenti per il 150ennale dellUnit

manifesti riportano, perch quellaccostamento, lessicalmente e storicamente indigeribile, riflette comunque le sue convinzioni sul ruolo che una parte della magistratura svolge da alcuni anni, un ruolo che ritiene fuori dallalveo costituzionale, tollerato trop-

po da troppe istituzioni, paragonabile moralmente alleversione. Per questo ieri il Cavaliere ha ingoiato un rospo, si tappato la bocca e si consolato con i suoi sondaggi.

Marco Galluzzo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mattia Calise Il 20enne ago della bilancia

CON LA NUVOLA ITALIANA INSIEME ALLA TUA AZIENDA CI GUADAGNA ANCHE L AMBIENTE.

Seguici su:

nuvolaitaliana.it

Il grillino che vale il 5% Punto sui non elettori Ballottaggio? Non scelgo
MILANO Ha letto i son- sapia. Si pu far politica solo daggi, Calise? Le danno tra il con passione e volontariato. 4,8 e il 5,1 per cento. Meglio politica o antipolitica? del Terzo Polo. Gli iscritti di Milano al moNiente male, vero? Anche vimento sono 8 mila. Met dei perch rifiutiamo i rimborsi nostri attivisti non sono elettoelettorali, non possiamo per- ri, ma cittadini partecipativi: metterci manifesti e spot in tv. gi una piccola rivoluzione deSiamo giovani, concreti. Possia- mocratica. Siamo stufi di una mo solo crescere. classe politica autoreferenziaLa silenziosa avanzata dei le, lontana, isolata. Io non offro grillini nella roccaforte berlu- un pacchetto di promesse: ma sconiana: ci credete? un progetto in cui non contano Caspita, se ci crediamo. A n destra n sinistra. Bologna, in un anno e mezzo, A chi toglier consensi, allosiamo saliti dallo 0,7 al 12 per ra: a destra o a sinistra? cento dei consensi. E sa perSpero a entrambi gli schiech? Il nostro unico consigliere ramenti, in uguale misura il pi attivo di tutti: la miNessuna preferenza? glior pubblicit elettorale un Per la malapolitica? No. nuovo modo di fare politica. Mattia Calise, 20 anni e 1.838 fan su Facebook, tre esami alla laurea in Scienze politiche, il candidato sindaco per Milano del Movimento 5 stelle di Beppe Grillo. Vogliamo 2-3 consiglieri. Ma studia da In corsa sindaco? Mi sto prepa- Mattia Calise, 20 anni, tre esami alla laurea rando. Ieri ho af- in Scienze politiche, il candidato sindaco frontato il Piano per Milano del Movimento Cinque stelle del territorio, strumento potente, moderno, Neanche al ballottaggio? ma anche rischioso. La "Bat-caNoi non siamo un partito, verna" di Moratti jr, per dire, non diamo indicazioni di voto. il primo effetto distorto di que- I nostri elettori saranno liberi sto Pgt. Noi vogliamo salvare di scegliere il meno peggio. Milano dallennesima, tremenA destra: Letizia Moratti. da colata di cemento. In cinque anni ha risposto A chi si rivolge, Calise? solo a lobbysti e palazzinari. Il Ai non elettori. A chi dice: traffico asfissiante, la svendinon possiamo pi appaltare il ta di Metroweb un paradigma nostro voto ai professionisti di inefficienza. della politica, perch non ci Di l, Giuliano Pisapia. vuole nulla a essere migliori di Risponde comunque alle loquesta classe politica. giche di partito, cos non si Giovane, ambizioso e politi- cambia. vecchia politica. camente scorretto. E il sindaco ventenne? Gli altri sono partiti vecchi, Combatte lemergenza amfermi. Noi spenderemo meno bientale, traffico e smog, e podi 10 mila euro per la campa- tenzia i mezzi pubblici. Armando Stella gna elettorale, contro i 6 milioni di Moratti e il milione di Pi RIPRODUZIONE RISERVATA

Scegli Nuvola It Energreen, scopri come ridurre i costi della tua impresa e renderla pi innovativa.
Nuvola It Energreen una piattaforma di servizi della Nuvola Italiana dedicata allottimizzazione della spesa energetica aziendale. Unofferta modulare che consente di monitorare e razionalizzare i costi delle forniture energetiche. Cos le imprese abbassano i costi e le emissioni di CO2 diventando un modello di ecosostenibilit. Con Nuvola It Energreen la tua azienda scopre un modo nuovo per ottimizzare le risorse diventando ancora pi innovativa, efciente e moderna.

La Nuvola Italiana. Il cloud computing di Telecom Italia.

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Primo Piano
Riforme e Giustizia I ministri Umberto Bossi e Angelino Alfano

9
#

Se si cancellano 15 mila processi per eliminarne due ci sono 15 mila parti lese che non avranno giustizia Enrico Letta, Pd

Centrodestra Stop dei lumbard sulle leggi ad personam: no ad altri casi Jucker

Giustizia, la Lega elogia il Quirinale Alfano: ora la riforma costituzionale


Il ministro: lobiettivo votare le modifiche alla Carta entro lestate
ROMA Avanti tutta sulla giustizia. Senza tentennamenti, senza ipocrisie, senza farsi mettere i paletti tra le ruote da nessuno. Che si chiami Anm, opposizione, o perfino Giorgio Napolitano. Il diktat di Silvio Berlusconi ai suoi chiaro: sulla riforma della giustizia il governo si gioca molta della propria credibilit, dopo oltre un decennio di promesse su un cambiamento epocale che ancora non si vede. Quando e come poi alla riforma costituzionale verranno affiancate tutte le leggi che hanno in qualche modo a che fare con i processi del premier (prima fra tutte quella sulla prescrizione breve, che non dovrebbe essere varata dal Senato prima delle Amministrative, esattamente come quella sul cosiddetto processo lungo), si vedr forse gi oggi in un vertice a Palazzo Grazioli. Perch essendo una questione di opportunit politica, tempi e parole dordine vanno gestiti con accortezza, come predicano (anche al Cavaliere) sia i suoi fedelissimi, sia gli imbarazzati alleati leghisti. Decisamente significativa luscita di ieri del capogruppo del Carroccio alla Camera, Marco Reguzzoni, che in questi giorni di furiose polemiche sulla giustizia sceglie di stare dalla parte del capo dello Stato e del suo monito doveroso, perch serve assolutamente pi pacatezza per poter risolvere i veri nodi della giustizia. Quelli veri appunto, che interessano da vicino i cittadini: A noi della Lega spiega Reguzzoni interessa portare a termine una riforma della giustizia che non renda pi possibile che un assassino come Ruggero Jucker sia in libert dopo pochi anni per aver usufruito di uno sconto di pena, grazie al rito abbreviato. Questo tipo di giustizia non ci piace ed nostro preciso dovere un vertice di maggioranza tra Pdl, Responsabili e Lega rimessa in cima alle priorit. Lobiettivo dice il ministro quello di arrivare al primo voto della riforma entro lestate. Intendiamo procedere ad un ampio confronto con tutte le forze politiche. Secondo noi aggiunge il vicepresidente dei deputati Massimo Corsaro bisogna assicurare la massima disponibilit di tempi alle commissioni per approfondire tutti i temi, ma bisogna anche arrivare alla conclusione del processo riformatore, e ci sembra possibile terminare la probabile quinta lettura entro la fine del 2012. S, stavolta quella giusta per farcela, speriamo di riuscire ad ottenere il risultato in un clima di dialogo, ci crede Paolo Bonaiuti. La riforma comincer ad essere esaminata nelle commissioni congiunte Affari costituzionali e Giustizia a partire dalla prossima settimana, ma il clima non pare rasserenato, anche se appunto lapprovazione del processo breve slitter sicuramente a dopo le Amministrative cos come la legge, che pure gi incardinata al Senato, che prevede la possibilit per un imputato di chiedere che vengano ascoltati tutti i testimoni presentati dalla propria difesa e che provocherebbe di fatto lestinzione per prescrizione del processo Mills. Temi spinosissimi, che certo non spariscono dallagenda. Ma che, con un voto delicato e difficile tra tre settimane, meglio che vengano precauzionalmente messi da parte.

La Nota
di Massimo Franco

Il Carroccio si ritaglia un ruolo di mediazione con la magistratura


on chiaro se abbiano influito pi la missiva indignata spedita luned da Giorgio Napolitano al vicepresidente del Csm, Michele Vietti; oppure le pressioni della Lega sul Pdl, e la volont di Silvio Berlusconi di chiudere un fronte scivoloso con la magistratura. La lettera con la quale ieri Roberto Lassini, autore dei manifesti in cui chiedeva via le Br dalle Procure, ha rinunciato alla candidatura a Milano, tende ad archiviare un episodio imbarazzante. Ma per il modo in cui si sviluppato, il caso lascia dietro di s margini di ambiguit nelle reazioni del centrodestra. Non risolve, n poteva, il conflitto fra il capo del governo e i giudici che lo processano. E crea una piccola crepa nei rapporti fra Berlusconi e il partito di Umberto Bossi, schierato in modo netto con il Quirinale. Non la prima volta che succede. Quando si discute di giustizia, e soprattutto quando sembra spuntare una tensione con il capo dello Stato, la Lega entra in sofferenza; e chiede a Berlusconi di abbassare i toni. Lo schema si ripetuto anche ieri. Intanto, la Padania ha relegato il caso Lassini nelle pagine interne, quasi rimuovendolo: segno che non voleva dare risalto ad una vicenda che contrapponeva di fatto la maggioranza a Napolitano. Poi intervenuto Marco Reguzzoni, capogruppo alla Camera ed esegeta di Bossi, per dire che il monito del Colle doveroso. E per non essere frainteso, Reguzzoni ha aggiunto che occorre smorzare i toni dello scontro di questi giorni: uno smarcamento da palazzo Chigi. Il passo indietro del candidato milanese arrivato poche ore dopo. Con scuse pubbliche al presidente della Repubblica ed ai familiari delle vittime del e con lammissioRegge lasse con terrorismo; ne di essere amareggiato e il Pdl ma si pentito per il contenuto dei propri manifesti elettorali. Dalrafforza la tronde, per la piega che aveva sintonia con il preso la vicenda, era difficile fiQuirinale nisse diversamente: a meno di aprire un conflitto istituzionale col capo dello Stato, oltre e prima che con la magistratura. A neppure un mese dal voto amministrativo, con sondaggi non proprio trionfali, e con una legge sul cosiddetto processo breve da approvare al Senato, il governo ha deciso di sacrificare Lassini per non trascinare ed aggravare il contenzioso. Ma la sua rinuncia irrevocabile arrivata senza una sola parola di Berlusconi sulla vicenda; e con la maggioranza bersagliata dalle opposizioni per non essersi pronunciata subito contro i manifesti definiti ignobili da Napolitano: anche se il sindaco di Milano, Letizia Moratti, aveva definito incompatibile con la sua la candidatura dellesponente del Pdl. Non solo: rimane da chiarire se la rinuncia sia possibile dopo la scadenza dei termini. A sentire Antonio Di Pietro, leader dellIdv, no; ma esistono precedenti che dicono il contrario. Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, sostiene che il Pdl raccoglie quello che ha seminato: ha diffuso il degrado al di l di questo manifesto vergognoso. Al fondo, tra gli avversari rimane limpressione che Lassini abbia espresso in modo inaccettabile lastio contro la Procura di Milano, diffuso nel Pdl. Politicamente, stato un autogoal. Da ammettere, per, per procedere ad una riforma della giustizia circondata da polemiche. Il Guardasigilli Angelino Alfano annuncia che lobiettivo di arrivare al primo voto della riforma entro lestate. In mezzo ci sono altre votazioni parlamentari; le amministrative in citt come Milano, Torino, Napoli; e poi i referendum sulla privatizzazione dellacqua, sul legittimo impedimento e sullenergia nucleare: anche se questultimo depotenziato dalla rinuncia del governo al progetto di nuove centrali, dopo il disastro in Giappone. Si tratta di un percorso di guerra che Berlusconi convinto di vincere. Salvo sorprese.

Consigli da alleati Imbarazzo leghista per i tempi e le parole dordine del Cavaliere: serve pi accortezza Cautela elettorale Il voto al Senato su prescrizione breve e processo lungo slitta a dopo le Amministrative
riformarla. Il risultato di questo sostanziale stop alle accelerazioni su eventuali leggi ad personam (lemendamento al processo breve che bloccherebbe i processi in attesa di eventuali pronunce della Consulta deve ancora essere messo a punto, per ora assicura Maurizio Gasparri lo leggo solo sui giornali...) si traduce subito in un rilancio della riforma della giustizia, quella alta, quella solennemente presentata da Angelino Alfano e ieri dopo

Buona Pasqua e buon federalismo


La sorpresa nelluovo di Pasqua? Il federalismo. il soggetto scelto da Umberto Bossi per i suoi cartoncini dauguri personali. Alla sua destra, nel disegno, Roberto Calderoli e, dietro di lui, Roberto Maroni

Paola Di Caro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Fli Urso e Ronchi lanciano FareItalia: tra gli ospiti Gasparri e Matteoli si scambiano cortesie con Bocchino

E per un giorno i colonnelli di An tornano insieme


ROMA Urso e Ronchi compiono quasi un miracolo. Nei saloni cupi di Palazzo Ruspoli lex viceministro e lex ministro di Berlusconi, deputati di Fli, area moderata, mettono seduti fianco a fianco e in vena di reciproche cortesie Matteoli e Gasparri e Italo Bocchino. Vale a dire due degli ex colonnelli di Fini rimasti fedeli a Berlusconi nel Pdl e il nuovo delfino di Fini, pi volte feroce critico del presidente del Consiglio, dopo la separazione. Ed era atteso un altro importante ex colonnello ora berlusconiano, Gianni Alemanno, bloccato dagli impegni da sindaco di Roma. Saggirava per il Palazzo anche Luca Barbareschi, passato dal Pdl a Fli e poi uscito da Fli. Accolto anche lui con serenit, per dire il clima sorprendentemente (viste le cronache degli ultimi mesi) privo di coltelli. Avveniva, tutto questo, in occasione della nascita di FareItalia. Una nuova associazione politica presieduta da Urso per far incontrare le diverse correnti del centrodestra che si ispirano al popolarismo europeo e vogliono ricostruire il sistema politico italiano. Ci sono dunque gli ospiti di nome, come Matteoli e Gasparri, che rispondono allinvito perch comunque prima o dopo bisogner allestire un dopo Berlusconi: Sono qui spiega il ministro Matteoli perch nelle aule parlamentari ormai non c pi confronto, ma solo scontro. Oggi la politica si pu fare solo nelle fondazioni e nelle associazioni.... C Bocchino che partecipa per acquietare il clima dentro Fli e interpreta FareItalia cos: pur sempre unassociazione fiancheggiatrice di Fli... Nasce dalla logica di tenere Fli nel centrodestra. A Urso queste parole apparirebbero riduttive e si vede anche dallelenco dei soci promotori veri e propri: Versace, Malgieri e Moles del Pdl, Baldassarri di Fli, Saia e Menardi di Coesione nazionale (ex Fli), Centaro e Fleres di Forza del Sud (Miccich), Poli Bortone di Io Sud e poi anche Adornato, Lib e Galletti dellUdc. Ruolo di osservatrice per Linda Lanzillotta, mente economica dellApi di Rutelli. Andrea Ronchi dice: Abbiamo il sogno di ricostruire il centrodestra, non di distruggerlo. Vogliamo il Ppe italiano, grande scommessa non riuscita al Pdl. Questo non si fa scimmiottando la sinistra, si fa senza contrapposizioni n antiberlusconismo. Ronchi strappa lapplauso quando chiede solidariet per la magistratura infangata dai manifesti di Milano. In quale campo lavorer FareItalia? Prepareremo proposte comuni sulle riforme necessarie al Paese dice Urso . Riforme istituzionali, federalismo, welfare, giovani, economia, ambiente. Per dare unidea del lavoro futuro sono state chiamate due personalit esterne alla politica, leconomista Marco Vitale e lavvocato Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio. Vitale si rivolto soprattutto ai giovani, ha citato De Gasperi (Mettetevi alla stanga e provate!), e ha aggiunto che la vera sfida per la classe dirigente declinare il futuro al plurale, non al singolare. La politica ha aggiunto nasce per eliminare le paure, non per crearle. Ambrosoli ha insistito sui concetti di responsabilit e legalit, da far fermentare in attesa di unepoca migliore. Esempio di responsabilit: la ferita del sistema giustizia va addebitata agli ultimi 20 anni, non solo agli ultimi 4 mesi. Il presidente della Camera Gianfranco Fini non si affacciato a Palazzo Ruspoli. Quasi contemporaneamente commemorava Randolfo Pacciardi a Montecitorio: Il suo presidenzialismo non voleva dire un uomo solo al comando.

Quando erano uniti


Adolfo Urso e Andrea Ronchi, promotori di FareItalia, punto di riferimento dei finiani contrari ad alleanze con il Pd. A destra, i colonnelli di An al congresso di Rimini dellaprile 2002: da sinistra Matteoli, Urso, La Russa, Fini, Alemanno e Gasparri

RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Garibaldi
RIPRODUZIONE RISERVATA

10 Primo Piano

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Le urne Gli scenari

In una situazione come questa sarebbe doveroso restituire la parola agli elettori Pier Ferdinando Casini, Udc

Dal premier ai Democratici 3 Le legislature troncate Il partito del voto anticipato


Il Pd: lunica via duscita. Per Ferrara c aria di elezioni
Comunali
ROMA Le invoca Rosy Bindi: La cosa migliore per il Paese sarebbe andare al voto. Le evoca Silvio Berlusconi: C da chiedersi se non gioverebbe andare a votare. Le elezioni quelle politiche, non le amministrative di maggio tornano alla ribalta. E si profilano come un possibile sbocco autunnale. Il presidente del Consiglio lascia intendere ai fedelissimi che si potrebbe andare alle urne tra ottobre e novembre. Sarebbe unipotesi da non trascurare, a suo giudizio, nel caso in cui si vinca a Milano e Napoli. La vittoria in quelle due citt, il ritornello che Berlusconi ripete in questi giorni ai suoi interlocutori, va ottenuta a tutti i costi perch metterebbe a tacere Fini, i malumori della Lega e le fibrillazioni del Pdl. Non solo: rappresenterebbe una risposta anche nei confronti di Giorgio Napolitano. Di quel Napolitano che vorrebbe andare fino in fondo sulle questioni sollevate in questi giorni, perch delle due luna: o il premier non ha detto il vero quando ha sostenuto che un magistrato gli ha riferito del patto segreto tra il presidente della Camera e lAnm, e la cosa non pu non avere conseguenze, o quel che ha affermato corrisponde alle realt e quindi toccherebbe a Fini pagarne il dazio. Dunque, dopo un successo elettorale a Milano e Napoli il centrodestra potrebbe pensare ad andare alle urne per sparigliare tutti i giochi. Speculare il ragionamento che viene fatto nel Partito democratico. Massimo DAlema si incarica di illustrarlo: Se ci fosse un risultato clamoroso alle amministrative, specialmente al Nord, questo potrebbe aprire la crisi del governo. E portare alle elezioni politiche, che restano sullo sfondo anche per il Pd. Come dice esplicitamente il vice segretario Enrico Letta: Noi vogliamo il voto anticipato. lunica via duscita ribadisce il presidente del Copasir. Anche il moderato Pier Ferdinando Casini, daltra parte, la pensa cos: In una situazione come questa sarebbe doveroso restituire la parola agli elettori. Pure Il Foglio di Giuliano Ferrara ieri, in prima pagina, adombrava la possi-

I casi dagli anni 90


dienti propagandistici o minacce che siano, le notizie che accreditano la possibilit di un precipitare degli eventi politici sono inevitabilmente e indissolubilmente legate allavvicinarsi del voto amministrativo di maggio. Lapprossimarsi di questa competizione elettorale accende i toni e rende pi aspro lo scontro. Berlusconi si sta spendendo in prima persona, ci ha messo come si suol dire la faccia, presentandosi come capolista sia a Milano che a Napoli, convinto com che politicizzare quel voto sia per il centrodestra unarma vincente. Il Pd ha fiutato la trappola e per questo motivo il segretario Pier Luigi Bersani continua a ripetere che quelle elezioni non saranno un referendum su Berlusconi s, Berlusconi no, ma rappresenteranno una scelta per le citt e per il Paese, perch non se ne pu pi di parlare dei problemi del premier, ora di parlare dei problemi della gente. Per la tentazione di mandare lavversario al tappeto forte e il leader del Pd non riesce a sottrarsi completamene alla sfida lanciata dal presidente del Consiglio: Berlusconi dice che un test nazionale? Se ci cerca, ci trova. Sono ottimista sulle amministrative, in particolare per Milano. Gi, perch il sogno del Partito democratico quello di riuscire a espugnare una citt roccaforte del centrodestra e nel contempo far cadere il governo (la Lega ha gi fatto sapere che se si perde nel capoluogo lombardo crolla tutto). Quindi Bersani tenta di galvanizzare gli elettori per mandarli a votare. Certo, cos facendo c il rischio di risvegliare anche quelli di centrodestra e di ridurre le sacche dastensione da quella parte, ma evidentemente secondo Bersani un rischio che vale la pena di correre.

1994 Legislatura chiusa dopo 2 anni con il governo Ciampi, protagonista dellaccordo sulla concertazione (nella foto, il tavolo con le parti sociali)

Rai, giallo sulle proiezioni Si faranno per quattro citt


ROMA Oggi in consiglio di amministrazione il direttore generale Mauro Masi (foto) annuncer che la Rai indir una offerta multipla con una base di 180.000 euro per affidare lincarico a una delle cinque ditte convocate per realizzare le proiezioni per le imminenti elezioni amministrative. Non su tutto il territorio nazionale ma nelle quattro principali citt: Milano, Torino, Bologna e Napoli. Dovrebbe cos concludersi la durissima polemica interna alla Rai, ma anche tra Masi e il centrosinistra. Fino a ieri sera non cera ancora alcuna sicurezza materiale sullitinerario. I primi giorni di marzo il vicedirettore generale per il Palinsesto, Antonio Marano, aveva scritto a Masi chiedendo delucidazioni proprio sulle proiezioni delle amministrative. E qui le versioni divergono diametralmente. Dice Bianca Berlinguer, direttore del Tg3: Se adesso lazienda intende correre ai ripari decidendo di trasmettere le proiezioni amministrative, sar la prima ad esserne felice e mi auguro che sia proprio cos. Solo luned mi era stato assicurato il contrario. Avevo chiesto al vicedirettore Marano di conoscere lorario delle proiezioni. Grande stata la mia sorpresa quando mi stato risposto che non ci sarebbero state. Dalla direzione generale si insiste sostenendo che la Rai avrebbe dovuto sostenere una gara europea per affidare lincarico superiore ai 200 mila euro: per questa ragione si limitata a quattro citt, abbassando i costi. E sempre per questa ragione, stando ancora agli ambienti di Masi, non stato possibile rinnovare lincarico a Emg Ricerche di Fabrizio Masia, titolare delle ultime proiezioni, che nel frattempo ha preso accordi col Tg di La7 diretto da Enrico Mentana. Proprio Mentana avrebbe detto no allipotesi proposta dalla Rai di condividere il lavoro (e i costi) di Emg Ricerche. Ma la polemica politica divampa. Fabrizio Morri, Pd: Impensabile che la Rai favorisca la concorrenza privando gli italiani della massima informazione necessaria durante le elezioni amministrative anche attraverso le proiezioni. Alessio Butti, Pdl: Una tempesta in un bicchiere dacqua, siamo certi che almeno nelle quattro grandi citt la Rai trasmetter le proiezioni

Milano e Napoli decisive Berlusconi pensa alle urne in caso di vittoria nelle due citt Bersani ottimista su Milano
bilit di uno scioglimento anticipato della legislatura e titolava in questo modo: Tira aria di elezioni. Tant vero che torna a rimbalzare nei palazzi della politica la voce secondo cui il capo dello Stato, di fronte a una situazione bloccata e allimpossibilit di mandare avanti lattivit parlamentare in modo proficuo, potrebbe accelerare sullo scioglimento. Voce, questa, che viene smentita al Quirinale ma che, ci nonostante, continua a circolare: segno della difficolt dellattuale frangente politico e dellimpazzimento della situazione. Indiscrezioni, rumors, espe-

1996 Dopo il primo governo Berlusconi, Dini (nella foto con Rainer Masera e Filippo Mancuso) guida lesecutivo del ribaltone fino al voto anticipato

2008 Il governo Prodi sfiduciato al Senato dopo meno di due anni (nella foto, il premier con Arturo Parisi e Francesco Rutelli). Si torna alle urne

Maria Teresa Meli


RIPRODUZIONE RISERVATA

Lintervista Trentanni fa al vertice de LUnit. Penso a un giornale che stia nella tradizione riformista della sinistra italiana

Direttore a 87 anni? S. E orienter la politica


Macaluso, ex pci, guider Il Riformista: sar una faticaccia, volevo sfilarmi ma si sono impuntati
ROMA E va bene, daccordo... la facciamo, questa intervista, la facciamo... per, prima, dobbiamo intenderci, eh?. Su cosa, direttore? Dico: non che il sottoscritto, Emanuele Macaluso, cos imbecille da non capire che la situazione complessa, e che rimettermi a fare il direttore di un giornale, nel caso specifico de Il Riformista, a 87 anni, sar una faticaccia notevole.... anche un bella sfida. Guidasti LUnit una trentina danni fa e... Senti: sar anche, come dici tu con un po di retorica, una bella sfida. Ma vuoi la verit? Beh, la verit che per far ripartire questo giornale, un po tutti, ad un certo punto, hanno concordato sul mio nome. Io avrei voluto sfilarmi, ma quelli, niente: si sono impuntati. Serviva... Dai, facile: gli serve uno in grado di garantire, per un certo periodo, linea politica ed editoriale. Punto. Gli Angelucci sono fuori. Gli Angelucci sono usciti, accollandosi tutti i debiti. Noi prendiamo la testata libera e pulita. Noi chi? Noi che siamo nella cooperativa de Le ragioni del socialismo, la rivista che io gi dirigo e che sempre stata titolare del finanziamento pubblico. Per adesso siamo soli in questa avventura. Ma chiaro che speriamo presto di essere in buona compagnia con altri finanziatori. Il presidente della cooperativa Gianni Cervetti, 77 anni, altro ex grande dirigente comunista di area migliorista.

La testata
Il Riformista Il quotidiano arancione nasce nel 2002 da unidea di Claudio Velardi, Antonio Polito e Emanuele Macaluso

E allora?. C curiosit sulla linea politica. Io voglio fare un giornale libero, senza partiti di riferimento. Anzi: io immagino che possa essere Il Riformista a determinare un po della politica italiana. Mi stai dicendo che non avrai rapporti con il Pd? Rapporti? Sentimi bene: io non sono iscritto al Pd. E sai perch? Perch io ero contrario alla sua fondazione. Tanto contrario da scriverci su un libro: Al capolinea. Solo che alla fine il Pd ce lo ri-

La svolta Macaluso ne appena diventato direttore dopo luscita di scena delleditore, la famiglia Angelucci. Presidente della cooperativa editrice lex parlamentare pci Gianni Cervetti

troviamo ugualmente, e per lo vedi anche tu cos, no? Non ha una base politico-culturale, non ha regole.... Mi sa che vuoi dargli una mano. Beh, senti cosa ti dico: io non giocher n allo sfascio del Pd, n inseguir le sue fortune. Cercher invece di lavorare per dargli unamalgama. Spiegati: a chi ti rivolgerai? Io voglio un giornale che stia nella tradizione riformista della sinistra italiana, pensando alla sinistra cattolica e poi al grande mondo dei sindacati, delle cooperative, del volontariato.... Cosa pensi di Bersani? Penso che eserciti il suo ruolo con dignit e onest. la struttura del partito che non tiene. Ti sarai accorto che non sono in grado di fare una battaglia sul testamento biologico solo perch c un pezzo di partito che sta l, minaccioso, con le valigie pronte. Quanto pesa DAlema? DAlema una personalit del partito, ma non lui, se questo che vuoi farmi dire, il problema. Il guaio del Pd lassenza di fondamenta. Per questo non riesce a darsi una lea-

dership. Immagino non ti piaccia Renzi, il rottamatore dei vecchi. Renzi dovrebbe capire che a casa ti manda il popolo, il voto, gli iscritti ti mandano a casa, non uno che al mattino s svegliato un po storto.... Berlusconi. Eh... Potremmo parlarne per ore, ma voglio dirti una cosa a cui tengo: non mi piacciono i magistrati, come il procuratore aggiunto di Palermo Ingroia, che salgono sul palco insieme ai leader di partito a fare comizi sulla giustizia. I loro comizi, purtroppo, aiutano Berlusconi a sostenere che la magistra-

Ero contro la fondazione


del Pd, ma ora c. Non giocher allo sfascio n ne inseguir le fortune
tura fa politica. Da Antonio Polito erediti una redazione irriverente, di talento. Lo so, e questo mi conforta. Ho chiesto a Stefano Cappellini, che ha diretto il giornale nellultimo periodo, di restarmi al fianco. Io mi porter solo un altro vice. Il primo editoriale, quando? Forse il Primo Maggio, in omaggio al mio passato da sindacalista. (Nella segreteria del Pci con Togliatti, Longo e Berlinguer. Deputato e senatore. Amico personale del presidente Giorgio Napolitano).

Direttore
A 87 anni, Emanuele Macaluso torna direttore de Il Riformista: Una bella fatica. In realt, lex esponente riformista del Pci sempre stato direttore della rivista Le ragioni del socialismo

P. Co.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabrizio Roncone
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Primo Piano 11

Etica e politica Il caso

Vogliono fare campagna elettorale sulla pelle dei malati e delle famiglie Benedetto Della Vedova, Fli

Slitta lesame del biotestamento Nuovo scontro alla Camera


Fini: precedenza al Documento di economia e finanza. Lira di Sacconi
ROMA Sul biotestamento scontro alla Camera tra maggioranza e opposizioni, con il governo che, per bocca di Maurizio Sacconi (ministro del Welfare), auspica il pi tempestivo esame del disegno di legge nella convinzione che il Parlamento non possa abdicare al suo ruolo in favore del ruolo creativo dei segmenti ideologizzati della magistratura. Il nuovo braccio di ferro scoppia in seguito alla decisione del presidente della Camera, Gianfranco Fini, di confermare nella conferenza dei capigruppo il calendario della precedente riunione in base al quale il disegno di legge sul fine vita era posto allultimo punto dellordine del giorno, una decisione alla quale si giunti in assenza di un accordo tra opposizione e Pdl, Lega nord e Responsabili. La maggioranza, invece, ha insistito nella richiesta di anticipare alla prossima settimana lesame in Aula del provvedimento. E cos le norme che hanno gi ottenuto il via del Senato allindomani dellemozione provocata dalla morte di Eluana Englaro saranno discusse soltanto il prossimo mese di maggio. Il motivo, secondo quanto stato fatto trapelare dallentourage di Fini, dipende dalla decisione del governo che ieri ha trasmesso il Documento di economia e finanza (Def) (ha precedenza assoluta dovendo essere votato entro la fine di aprile), costringendo cos il presidente della Camera a riunire subito la conferenza dei capigruppo per fissare i tempi della discussione. In quel contesto Pdl, Lega campagna elettorale sulla pelle dei malati e delle famiglie. La scelta, per, irrita non poco i gruppi di maggioranza al punto che Marco Reguzzoni (Lega nord) obietta: Un argomento del genere non pu stare fermo anni, ma ovviamente Fini ha dato ragione alle minoranze. E lUdc, che in un primo momento con Pier Ferdinando Casini aveva chiesto di accelerare, oggi (ieri, ndr) si schierata con lopposizione. Non solo. Reguzzoni coglie dietro lescamotage tecnico-procedurale un risvolto politico e, proprio per questo, una sorta di contraddizione nel campo dellUdc. C argomenta una volont politica manifesta di non fare approvare la legge. Insomma, lUdc dice una cosa fuori e ne fa unaltra nei palazzi. Questa sottolineatura come la presa di posizione del ministro Sacconi che denuncia gli evidenti tentativi di dilazionare sine die lesame della legge fa scattare Luciano Galletti, che in una lettera a Fini annuncia la disponibilit dellUdc a lavorare ad oltranza. E Casini, respingendo le obiezioni di Sacconi e Reguzzoni, chiarisce: Sul biotestamento non accetto speculazioni da parte di nessuno, tantomeno da chi ha presentato in ritardo il Def, obbligando la Camera ad anteporlo ad altri argomenti in discussione. E preannuncia, venendo cos incontro alla pretesa della maggioranza, che la prossima settimana chieder linversione dellordine del giorno alla Camera e lesame immediato di quella legge.

La scheda

La lettera

Il ddl sul fine vita


Presentato nellottobre del 2008, il ddl sulle Disposizioni a tutela della vita nella fase terminale aveva per primo firmatario Roberto Cota (Lega). Il relatore oggi Domenico Di Virgilio (Pdl)

Gelmini: a settembre istituti tecnici superiori per lasse scuola-lavoro

Il caso Eluana e le polemiche


La discussione del disegno di legge arriv nel momento in cui pi alte erano le polemiche sul caso di Eluana Englaro, la giovane in stato vegetativo da 17 anni che mor nel febbraio 2009. La discussione fu sospesa

I nodi da sciogliere
Gli aspetti del ddl che pi dividono riguardano lobbligo di alimentazione e idratazione del paziente, nonch il ruolo del medico, non obbligato a seguire le Dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat)

In Aula Maurizio Sacconi, ministro del Welfare (Milestone media)

nord e Responsabili hanno proposto di esaminare nel corso della prossima settimana anche il biotestamento, cosa che non stata accolta dalle opposizioni e cos, mancando lunanimit, Fini ha confermato il calendario dei lavori precedentemente fissato. Ormai cosa fatta dice il capogruppo del Pd, Dario Franceschini . Il Pdl e la Lega nord vogliono solo fare campagna elettorale su temi che andrebbero discussi in un clima di confronto pacato. Portarlo in Aula in campagna elettorale fa semplicemente orrore. Gli fa eco Benedetto della Vedova (Futuro e libert): Vogliono fare

Il Pd allattacco Franceschini (Pd): Temi da discutere in un clima di confronto pacato. Portarli in Aula in campagna elettorale fa orrore La Lega sfida lUdc Il leghista Reguzzoni: LUdc voleva accelerare, ora sta con lopposizione. E Casini fa retromarcia: Invertire ordine del giorno

Polemica sul rinvio


Il biotestamento sar discusso a maggio. Il nuovo rinvio deriva dal mancato accordo in parlamento sullordine dei lavori. Le opposizioni ritengono che il tema non possa essere affrontato in campagna elettorale

Lorenzo Fuccaro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il duello Lex premier al direttore di Micromega: ragionamenti da regime. La replica: hai creato la non-opposizione

DAlema-Flores, lite tra stalinismo e Bicamerale


ROMA Doveva essere il calumet della pace dopo anni di polemiche. Il presidente del Copasir e il filosofo dei movimenti allo stesso tavolo, intenti a cercare insieme la formula magica per liberare lItalia da Berlusconi. Invece Massimo DAlema e Paolo Flores dArcais se le sono date (pubblicamente) di santa ragione. Toni di voce garbati e niente fischi, ma il duello stato di quelli che i titoli di stampa sono soliti consegnare agli archivi come rissa. E dire che nel bel mezzo del dibattito, rivolto al moderatore Bruno Manfellotto, lex premier aveva provato a sottrarsi: Non mi va di litigare.... Il teatro della fallita riconciliazione lAlpheus di Roma. In sala ci sono poco pi di cento persone, tanti capelli bianchi e diversi amici di Flores. Daltronde stato lui a invitare il gi segretario della Quercia, teorizzando che prima o poi bisognava tornare a parlare con DAlema. Ma lesito del colloquio non sembra essere il migliore degli auspici per la tanto invocata unit delle opposizioni. La premessa di Flores che il governo Berlusconi un regime mostruosamente le: Il bunga bunga al Quirinale sarebbe il disgregarsi della coscienza civica degli italiani. Poi laffondo: Dire che Berlusconi ha retto tutti questi anni per la debolezza dellopposizione, una forma logica tipica dello stalinismo. Flores non si offenda.... Flores invece si offende e provoca lalleato/avversario: Stalinista io, che nel 67 sono stato espulso dal Pci? Faccio finta di non aver sentito. Berlusconi nel 96 era un uomo finito, se risorto stato grazie a una cosa che non volevo richiamare... La Bicamerale! La madre di tutte le non-opposizioni. Potrebbe finire qui, con DAlema che scuote la testa seccato e contesta lanalisi sbagliata di Flores: Non vero nulla. Malgrado tutto ho una irresistibile simpatia per Paolo, ma chi ritiene la Bicamerale una concessione oscena a Berlusconi non sa spiegare perch lui vot contro. Invece il sipario si chiude con lex premier che invoca unit tra partiti e movimenti, esce dalla sala e si trova davanti una decina di giovani blogger vicini a Piero Ricca, tre dei quali gli gridano: DAlema, puzzi di muffa!.

forte, in stato di golpe permanente. E la colpa, sostiene il direttore di Micromega, della debolezza dellopposizione. Perch il Pd non ha lottato per applicare la legge del 57 che avrebbe reso Berlusconi ineleg-

Faccia a faccia Il dibattito tra Paolo Flores DArcais (a sinistra) e Massimo DAlema, moderato da Bruno Manfellotto (al centro)

Matteo Colaninno: il suo team rosso

Montezemolo? Star con il Pd


MILANO Luca Cordero di Montezemolo di sinistra, se scender in politica lo far assieme al Pd. Il deputato democratico Matteo Colaninno immagina cos la discesa in campo del presidente della Ferrari durante la trasmissione di Radio2 Un giorno da pecora. Poi spiega: Il mio un auspicio. Lui non di destra e non berlusconiano, non si candider nel Pdl. E visto che alla guida di un team dove il rosso il colore dominante non dovrebbe essergli difficile entrare in politica con noi....

gibile? Perch non ha tappezzato lItalia di manifesti con Silvio che bacia la mano a Gheddafi? E perch non presenta un pacchetto di controproposte a difesa dei giudici? DAlema si chiude il viso tra le mani e forse si morde la lingua. Poi contesta la tattica dagli effetti salvifici di Flores: La lista civica a cui lui vuole dare vita pu fare questi manifesti che cambierebbero lumore dellopinione pubblica.... Non che veda le liste civiche come una minaccia, ma fiuta il pericolo: Stiamo attenti a non aprire la strada a qualche altro avventuriero. Per lui la priorit costruire lalleanza costituente pi larga possibile, attorno a un programma da dopoguerra. Perch lo scenario inquietante che Berlusconi rivinca e conquisti il Col-

Caro direttore, ancora una volta Dario Di Vico, sul Corriere di ieri, interviene efficacemente sui temi dellintegrazione tra scuola e lavoro e sul nesso causale tra sistema formativo e competitivit del Paese. Condivido pienamente le sue analisi e voglio ricordare quanto abbiamo detto e fatto in questa direzione. A settembre 2009 con i ministri Maurizio Sacconi e Giorgia Meloni abbiamo elaborato Italia 2020: piano di azione per loccupabilit dei giovani attraverso lintegrazione tra apprendimento e lavoro. Gi allora sostenevamo che occorre recuperare il valore educativo e culturale del lavoro e superare il pregiudizio verso listruzione tecnica e professionale. Questa diffidenza infatti per troppo tempo ha allontanato i nostri giovani da prospettive occupazionali che consentono invece una straordinaria realizzazione di s e del bene comune. Abbiamo poi riformato listruzione tecnica e professionale e luniversit. Abbiamo rilanciato lapprendistato come contratto di primo impiego, utile sia per lassolvimento dellobbligo di istruzione e lottenimento di una qualifica professionale, sia per il conseguimento di titoli di studio universitari e di alta formazione, compresi i dottorati. Sono sempre stata convinta che il miglior contributo della scuola contro la crisi sia proprio il rilancio dellistruzione tecnica e professionale; per questo la riforma lha profondamente rivalutata, proprio in considerazione delle grandi opportunit lavorative che questa pu offrire. A fronte di una disoccupazione giovanile cos elevata, non possiamo pi accettare il paradosso, rilevato periodicamente dallindagine Excelsior di Unioncamere, per cui le imprese non riescono a trovare 130.000 tecnici a causa del disallineamento tra lofferta formativa della scuola ed effettive esigenze del mondo del lavoro. A settembre partiranno anche i 58 istituti tecnici superiori, che rappresentano il miglior modello di integrazione tra scuola e lavoro. Sono infatti gestiti da fondazioni di cui devono necessariamente far parte un istituto tecnico o professionale, ununiversit e le imprese. Come prevede lo stesso decreto istitutivo, mi auguro che gli Its possano integrarsi ulteriormente con il sistema produttivo. importante anche che vengano coinvolti nelle politiche attive per il lavoro e che si raccordino con le associazioni datoriali e i fondi interprofessionali. I giovani e le loro famiglie devono poter scegliere con la massima consapevolezza i percorsi di studio. Per questo abbiamo dato grande importanza al tema dellorientamento, fornendo tutte le informazioni necessarie sulle scelte che danno i migliori risultati occupazionali. Assieme al ministero del Lavoro stiamo lavorando per migliorare i modi e i tempi della transizione tra scuola e lavoro. Anche per questo abbiamo previsto che i curricula dei laureati e dei diplomati siano conferiti dalle scuole e dalle universit alla borsa nazionale del lavoro. Rifuggendo ogni retorica, possiamo affermare che la nostra azione sta producendo risultati concreti. I dati delle iscrizioni alle scuole superiori per il prossimo anno scolastico 2011/2012 hanno fatto registrare un aumento dello 0,4% degli iscritti agli istituti tecnici, dato dalla somma algebrica della discesa dello 0,7% del settore economico e dellaumento dell1,1% del settore tecnologico, cos come si registrata una crescita dell1,9% per il liceo tecnologico. Ha quindi ragione Di Vico quando sostiene che occorre insistere pazientemente su questa strada, ricordando sempre che fa sicuramente meno rumore la foresta che cresce rispetto allalbero che cade.

Mariastella Gelmini
ministro dellIstruzione

Monica Guerzoni
RIPRODUZIONE RISERVATA

12 Primo Piano
#

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Crescita La ripresa

Il giudizio diffidente espresso da Confindustria diventer nei prossimi giorni positivo non appena metteremo in campo atti concreti Maurizio Sacconi, ministro del Welfare

Imprese allattacco sulle riforme: bene il rigore, scossa deludente


Galli (Confindustria): le misure per la crescita? Criteri troppo generali
ROMA Bene il rigore sui conti ma il programma nazionale di riforme (Pnr) presentato dal governo appare deludente e scarso di stimoli per la crescita. Secondo il direttore generale di Confindustria Giampaolo Galli la manovra annunciata dal ministro del Tesoro Giulio Tremonti, pari a 39 miliardi nel biennio, rischia di essere pi gravosa di quella voluta da Maastricht per entrare nelleuro con forti tagli sugli investimenti pubblici (11 miliardi gi nel 2012) in grado di deprimere leconomia. Per Rete imprese Italia, il network dei piccoli e dei servizi, sono da condividere gli obiettivi di pareggio ma manca la scossa. Insomma di quella frustata promessa dal premier Silvio Berlusconi una paio di mesi fa per rilanciare lo sviluppo del Paese non c traccia. Cos il mondo produttivo, davanti alle commissioni congiunte Bilancio di Camera e Senato, ha sostanzialmente bocciato la ricetta economica approvata settimana scorsa dallesecutivo e inviata a Bruxelles. Il governo, da tempo pressato dalle critiche degli im-

I dossier aperti

Troppo poco sullefficienza energetica e sulla riorganizzazione del sistema giudiziario. Gi previsti i piani sui trasporti e sulle infrastrutture

prenditori (Marcegaglia in testa), non fa una piega. Il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi si dice sicuro che il giudizio diffidente espresso da Confindustria diventer nei prossimi giorni positivo non appena metteremo in campo atti concreti. E intanto sembra contento di incassare il via libera alla linea del rigore che di questi tempi non poca cosa in un Paese con un grande debito pubblico. Lungo e articolato lintervento di Galli che da subito

ha evidenziato in modo critico che il Pnr non indica le azioni concrete per la crescita e la competitivit del sistema. Leconomista si detto preoccupato della cifra della manovra messa in campo nel periodo 2010-2014 che ammonta a 5,3 punti di Pil contro i 4 del quadriennio precedente lingresso nelleuro. Va dato atto al governo di aver assunto un quadro macroeconomico pi realistico - continua Galli - per limitare i contraccolpi del risana-

Il caso

E aumentano le tariffe degli aeroporti


ROMA in dirittura d'arrivo la stipula del Contratto di programma tra la societ Aeroporti di Roma, lEnac e il governo, cui legato lo sblocco delle tariffe aeroportuali e il contestuale piano di investimenti nello scalo romano di Fiumicino. Lo ha detto ieri Fabrizio Palenzona, presidente di Gemina, la holding che controlla Aeroporti di Roma. Ma al convegno organizzato da Michele Meta (capogruppo del Partito democratica ai Trasporti della Camera), doverano presenti ieri tutte le istituzioni locali, si respirava ancora aria dincertezza. La trattativa in mano al governo: si sta lavorando per avere un testo condiviso si limitato a confermare il presidente dellEnac (lEnte nazionale per laviazione civile), Vito Riggio. Il convitato di pietra continua a restare il ministero dellEconomia che sul ritocco delle tariffe per il momento non si ancora espresso.

A. Bac.
RIPRODUZIONE RISERVATA

mento sulla ripresa sarebbe opportuno introdurre con maggior decisione le riforme per liberare leconomia. E qui lelenco snocciolato da Galli abbastanza impietoso. Bene il riferimento al processo civile ma il Pnr non fa accenno alla riorganizzazione del sistema giudiziario. Giusti gli interventi per infrastrutture e trasporti ma si tratta di risorse gi previste. Cos sul fronte dellenergia mancano interventi per riorientare lefficienza energetica. Deludenti gli strumenti per la ricerca e innovazione, significative carenze per rafforzare la concorrenza, sulla riforma fiscale siamo ancora allenunciazione di criteri troppo generali. Lex premier Romano Prodi, che nei giorni scorsi aveva condiviso il duello ideato da Tremonti contro la Francia nella pretesa di reciprocit, ieri si schierato con lallarme-solitudine lanciato dalla Marcegaglia. Per il Professore la richiesta di Confindustria significa che manca una politica industriale e che ora bisogna farla.

Industriali
Confindustria, guidata da Emma Marcegaglia (foto), d un giudizio positivo dellazione del governo nel controllo dei conti pubblici ma esprime la sua insoddisfazione per il programma di riforme presentato dallesecutivo a Bruxelles per accelerare la crescita. Secondo Confindustria mancano azioni concrete per la competitivit

Roberto Bagnoli
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Primo Piano 13
#

Sono da condividere gli obiettivi di pareggio di bilancio ma manca la scossa per leconomia italiana Cesare Fumagalli, Rete Imprese Italia

Manca una politica industriale: bisogna farla. questione di capire le caratteristiche del nostro sistema e spingerle in avanti Romano Prodi, ex premier

La manovra Laudizione del ministro dellEconomia alla Camera

Conti, la correzione va fatta ma molto meno di altri


Tremonti: dopo la crisi pensare a nuovi trattati in Europa
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

La corsa per lEurotower

Bce, il primo s da Berlino per Draghi Schuble prova a convincere Merkel


DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

Candidato Il governatore della Banca dItalia Mario Draghi, candidato alla guida della Bce

BERLINO Un peso massimo del governo tedesco, il ministro delle Finanze Wolfgang Schuble, disposto ad appoggiare la candidatura di Mario Draghi alla presidenza della Banca centrale europea (Bce). Si tratta della prima volta che un esponente del governo di Berlino apre la porta a un uomo del Sud per occupare la posizione che in autunno sar lasciata libera da Jean-Claude Trichet. Non ancora la Germania che appoggia Draghi, ma uno sviluppo che aumenta sensibilmente le sue chance di ottenere il posto. L'ostacolo principale, ora, si chiama Angela Merkel, che per ora pare ancora scettica rispetto all'opportunit di dare la poltrona di zar finanziario europeo a un uomo proveniente da un Paese ad alto debito pubblico. Un portavoce del ministero delle Finanze ieri ha detto che la posizione tedesca sar resa nota in giugno. Secondo il quotidiano finanziario

tedesco Handesblatt, Schuble apprezza la buona reputazione di Draghi come banchiere centrale, la sua personalit e la sua integrit e lo vedrebbe bene al vertice della Bce. In effetti, l'italiano di gran lunga la scelta pi ovvia per competenze, esperienza, profilo morale, prestigio tra coloro che possono aspirare a guidare l'istituzione finanziaria pi importante d'Europa. Se non c' ancora stata una convergenza sul suo nome solo per ragioni politiche e orgogli nazionali. Fino a qualche mese fa pareva certo che Berlino volesse la presidenza della Bce per Axel Weber, presidente della Bundesbank, ma quando questi si tirato indietro Frau Merkel si trovata nella situazione di non avere un'alternativa tedesca da mettere sul tavolo. Ora si tratta di vedere se Schuble riuscir a convincerla come in questi mesi ha fatto in molti passaggi decisivi nella gestione della crisi finanziaria in Europa che Draghi sarebbe ottimo anche per la Germania.

Danilo Taino
RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES La correzione dei conti pubblici certo va fatta, e sar come minimo dello 0,5% un anno e lo 0,5% laltro anno ma questo dipende da come andr leconomia nel prossimo biennio. A tarda sera, davanti al Senato, il ministro delleconomia Giulio Tremonti disegna cos la rotta dei prossimi mesi. Quella correzione che si definisce ora come inevitabile, si pu tradurre con manovra, parola di per s mai affascinante. Ma il ministro, fin da oggi, prova a mettere dei paletti: la situazione italiana meno spiazzata rispetto ad altri Paesi, la richiesta di correzione dei suoi conti fra le pi basse del mondo. Si attraverseranno mari non calmissimi, questo lo sanno tutti. Mentre si cerca per di concordare le mosse pi importanti con lEuropa, Tremonti lancia dalla tolda un messaggio in bottiglia allopposizione: il Def, il Documento su conti pubblici e riforme presentato dal governo e che dovr poi essere vistato da Bruxelles, un gioco, un meccanismo che si apre a tutte le proposte. Anche con lintervento delle forze politiche, economiche e sociali. E dunque sono attesi i documenti dellopposizione. Ma le proposte devono essere scritte con metrica europea. Subito dopo il s del Parlamento, il Def si tradurr in fatti: Le prime azioni riguarderanno il Meridione, le opere pubbliche, ledilizia privata. Pi in l, il macigno: la riforma del fisco. Farla non semplice, ammette Tremonti, e infatti un solo Paese la sta mettendo in cantiere ed il Regno Unito. Noi ci stiamo lavorando con fortissimo impegno. Apprezzer lEuropa? Questa la domanda che attende risposta.

Nel frattempo, Tremonti lancia qualche scandaglio anche in quella direzione. Eccolo infatti, ieri mattina, allEuroparlamento di Bruxelles, dove raccoglie applausi bipartisan. Il ministro parla della nuova Europa davanti alle crisi, e dei principi di solidariet. Questo posto non poi cos brutto, dice. E parla naturalmente di quellaula, ma forse pu esserci una traduzione libera delle sue parole: anche lUnione Europea, come il suo Europarlamento, non poi cos brutta, n per il ministro n per lItalia. Possibili destinatari del messaggio: gli euroscettici, quelli che hanno pro-

posto di saltar fuori dalla Ue. Con un caveat, per, un ulteriore monito aggiunto dal ministro: questa stessa Europa deve rinnovarsi perch davanti alle crisi geopolitiche stata drammaticamente insufficiente nellapplicare i principi dei suoi Trattati (Schengen non viene nominato, ma la sua ombra sembra affacciarsi dietro ogni parola). Uscire da quegli stessi Trattati? Credo che sia unipotesi da prendere

Crescita

Possiamo fare di pi La crescita per stata dell'1,3%, come Londra ma con la met del deficit

in considerazione anche perch i Trattati sono stati scritti prima della globalizzazione; e forse proprio la crisi pu essere la ragione per pensare a una nuova convenzione spero ancora pi intensa. Ma in questa cornice, ancora possibile portare avanti il sogno europeo? Credo di s dice il ministro ma a certe condizioni. Ancora applausi trasversali. Tremonti parla poi della crisi dellenergia atomica. Lo far anche pi tardi, a Roma, dicendo che sul nucleare va fatta una profonda riflessione anche dal lato economico. Io ho sottoscritto un programma che conteneva la parola nucleare e avrei qualche difficolt ad escluderla. Evidentemente unincidenza sul Pil ce lha. Ma, aggiunger il ministro, quando si ha il nucleare si pu avere un beneficio attuale in bolletta ma se poi c un problema allora pu diventare un maleficio generale. Agli eurodeputati, ripropone invece il tema delle energie alternative coniugandolo a quello dei sommovimenti geopolitici: arrivato il momento di investire in progetti sulle energie alternative anche con gli Eurobonds, e anche in Paesi che soffrono la paura e la fame. Ci che accade nel Mediterraneo ha gi toccato noi e toccher anche lAsia. Ma lEuropa stata missing in No action, nellapplicare a tutto ci i suoi grandi principi. Mentre per la crisi economica ha dato uninterpretazione molto ampia ma non abbastanza dei suoi stessi principi. Baster? Speriamo. E se sar stato una culpa, il modo in cui tutto stato gestito, per Tremonti sar stata comunque una felix culpa.

Luigi Offeddu
loffeddu@rcs.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il piano e le cifre

Niente questanno, poi interventi a tappe per raggiungere il pareggio entro il 2014
ROMA Giulio Tremonti ammette che tutto dipender dalla crescita delleconomia. Anzi, dice il ministro, il nostro quadro economico tale per cui si pongono obiettivi di necessaria maggiore crescita. Senza un aumento del prodotto interno lordo pi forte di quanto non si preveda oggi, poco pi dell1 per cento annuo, la mano riduzioni del deficit ben pi ampie dello 0,5% annuo, che rappresenta lo sforzo minimo di avvicinamento allobiettivo chiesto dallUnione Europea ai paesi della zona euro, e al quale ha fatto riferimento ieri Tremonti. Nella Decisione di Economia e Finanza appena approvata dal Consiglio dei ministri, pronta per essere consegnata a Bruxelles, la dimensione dello sforzo necessario per rispettare il programma di riduzione del deficit non quantificata in termini assoluti. Ma quelli relativi rendono comunque lidea dei nuovi interventi sul bilancio della Repubblica. Tra fine 2012 e fine 2014 lindebitamento netto dovr scendere dal 2,7% del pil allo 0,2%, un calo del deficit di due punti e mezzo (dal 3,9% del 2011 al 2,7%, poi all1,5% ed infine allo 0,2% nel 2014). Tradotto in soldoni, come ricordava la Banca dItalia nel bollettino statistico pubblicato due giorni fa, sono 30-35 miliardi di euro abbondanti di manovra. In due anni. Si tratterebbe di una correzione ancor pi pesante di quella in corso, che arriva a 24 miliardi di euro, ma che ha valenza triennale, perch copre il periodo dal 2010 al 2012. Certo, se invece dell1,3%, il prodotto interno lordo salisse al 2% annuo e oltre, tutto sarebbe pi semplice, lentit dello sforzo di risanamento dei conti si ridurrebbe di parecchio. La Banca dItalia ha detto di aver tirato fuori i numeri dai documenti del Tesoro. la correzione che dobbiamo fare non in questo biennio, ma verso il prossimo. Come minimo lo 0,5% in un an-

Laudizione
Il ministro dellEconomia Giulio Tremonti ha annunciato ieri durante la sua audizione al Senato che la correzione dei conti pubblici italiani sar dello 0,5% del pil lanno nel biennio 2013-2014

In linea con Bankitalia Il recente bollettino statistico della Banca dItalia ha dato stime dellentit della manovra correttiva che sono in linea con lindicazione del ministro
novra di correzione dei conti che si profila per il 2013 e 2014, a cavallo di fine legislatura, rischia di essere pesante. Se il tasso di incremento del prodotto interno lordo rester quello che , tra il 2013 e il 2014, ovvero per raggiungere il pareggio di bilancio per il quale il governo si impegnato con lEuropa, serviran-

no e lo 0,5% nellaltro. Ma tutto dipende da come andr leconomia nel prossimo biennio, ha spiegato il ministro ieri sera al Senato, ascoltato sugli ultimi documenti di finanza pubblica presentati dal governo. Ma proprio l'andamento dell'economia l'incognita: in Italia dobbiamo e possiamo fare molto di pi, ma i nostri conti non sono spiazzati rispetto a quelli degli altri paesi europei, ha spiegato il titolare dellEconomia. Per il 2011 ed il 2012, in compenso, non ci sono grandi difficolt nel far quadrare i conti della finanza pubblica. Servir, comunque, una manutenzione della legge di Stabilit triennale varata alla fine

1,1%
Camera Laula di Montecitorio Il tasso di crescita atteso dal governo per il 2011, leggermente al di sotto delle stime precedenti e appena sotto al tasso registrato nel 2010

2,7%
Il disavanzo del bilancio pubblico italiano rispetto al prodotto lordo previsto dal governo per il 2012, circa due punti sotto al 2010

0,2%
Lobiettivo di deficit rispetto al Pil nel 2014 presentato dallItalia a Bruxelles, sul quale il governo si impegnato con gli altri governi della zona delleuro

dellanno scorso. Da qui alla fine di giugno bisogner far fronte al rifinanziamento di alcune voci di spesa coperte solo per met anno e tra queste quelle per le missioni di pace internazionali. A maggior ragione alla luce della tendenza dei conti pubblici, si dovr mettere mano anche a uno o pi provvedimenti che stimolino lo sviluppo. La piena attuazione delle riforme previste nel Piano Nazionale che accompagna la Decisione di Economia e Finanza (che in pratica sostituisce il vecchio Dpef, il documento di programmazione), secondo il governo, dovrebbe garantire da sola un aumento del prodotto interno lordo dello 0,4% allanno nel breve periodo. Ed a questo si dedicher il governo nelle prossime settimane, mettendo a punto il nuovo Piano Casa, le nuove regole per le opere pubbliche e per il credito dimposta sulla ricerca scientifica. Magari, nel frattempo, pensando anche a blindare lequilibrio di bilancio nella Costituzione.

Mario Sensini
RIPRODUZIONE RISERVATA

14
Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Boutique Via Pietro Verri, 1/3 - Tel. 02 7639 0365 - Milano - www.canali.it

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Primo Piano 15

Immigrati Gli arrivi

La Ue apre allItalia: possibile rivedere il trattato di Schengen


Oggi il primo voto. Maxi sbarco a Lampedusa
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

In porto Larrivo a Lampedusa della barca di venti metri con 760 persone a bordo

(Seminara/Afp)

BRUXELLES Questa mattina, la Commissione Europea in seduta collegiale discuter e voter sulla necessit di una revisione delle norme Schengen (riguardanti la circolazione delle persone allinterno delle frontiere Ue); sullopportunit di rafforzare i meccanismi che portano alla ridistribuzione dei migranti fra i vari Paesi, mecca-

nismi affidati finora soltanto alla solidariet. E sulla necessit di introdurre altri meccanismi, definiti di emergenza, quando un singolo Stato non adempia ai suoi obblighi di controllare la sua sezione della frontiera esterna, cio del confine della Ue (nel caso dellItalia, si tratterebbe per esempio della frontiera marina di Lampedusa). Questi sono i punti elencati nella bozza di documento, di

cui il Corriere venuto a conoscenza, che verr esaminata dai commissari Ue. Tutto questo mentre ieri a Lampedusa c stato un maxisbarco: 760 migranti su una imbarcazione proveniente dalle coste libiche. Le varie opzioni su cui discuter la Commissione europea sono elencate sotto forma di domande, rivolte ai componenti del collegio. La pi importante viene collegata al fatto che

una pressione migratoria incontrollata possa generare reazioni non coordinate nel sistema Schengen (Italia e Francia non vengono nominate, ma il riferimento sembra scontato). La domanda retorica rivolta ai commissari : Siete daccordo sul fatto che sia necessaria una revisione del sistema di governance Schengen, e sullistituzione di 1) meccanismi di emergenza quando uno Stato mem-

bro non adempia ai suoi obblighi... 2) o quando una porzione particolare del confine esterno sia sottoposta a una pressione inaspettata dovuta a eventi esterni?. E ancora: (siete daccordo sul fatto che sia necessaria) in situazioni realmente critiche una reintroduzione coordinata e temporanea dei controlli a una o pi sezioni della frontiera interna?. Il documento della Commis-

sione chiarisce poi che lemergenza immigrazione ha avuto anche un impatto politico sui Paesi Ue. E che ne sono scaturiti dibattiti nazionali che hanno condotto a reazioni assai polarizzate e a tratti populiste. Ci sono lezioni, dice Bruxelles, da trarre da questa crisi, che ha messo in luce dei successi, soprattutto perch sono state evitate tragedie su larga scala, ma anche alcune debolez-

ze. Laltro punto sensibile la redistribuzione dei migranti. Fino a oggi i meccanismi spontanei non hanno funzionato granch: a parte lesempio assai limitato di Malta. La Commissione prende perci in esame la possibilit di rafforzare quegli stessi meccanismi, pur senza ipotizzare che un giorno possano divenire obbligatori.

Luigi Offeddu
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lisola e i familiari gi in Europa

Amer e le altre mamme che cercano i figli appena sbarcati


DAL NOSTRO INVIATO

Ricerca
Amer, da 30 anni in Italia, a Lampedusa per cercare il figlio Sofien (Capasso)

*Risparmio di 270 euro stimato rispetto a uno scaldacqua elettrico tradizionale e sul fabbisogno medio annuo di acqua calda sanitaria di una famiglia di 3 persone e temperatura media annua dellaria di ingresso pari a 15C (costo unitario energia elettrica 0,22 euro/kWh). Lintegrazione al fotovoltaico riduce il costo dellenergia elettrica di oltre il 95% grazie allutilizzo diretto dellenergia generata dal pannello e allenergia addizionale scambiata con la rete. **Costo della chiamata da telefono sso: 0,143 euro al minuto in fascia oraria intera e 0,056 euro in fascia oraria ridotta (Iva inclusa).

LAMPEDUSA Sotto il sole di met mattina, Tahar trascina il trolley rosso, piccolo ma stracarico: Un pantalone, tre magliette, qualche camicia, alors!, voglio che mio fratello sia decente, mon ami, non siamo pezzenti tunisini, solo tunisini! Io poi vengo da Lyon.... Siede sul guardrail della strada di Imbriacole, si massaggia le caviglie manco si fosse fatto duemila chilometri a piedi, la mette gi dura: No autoroutes, qua al Sud, voi italiens, eh?... che schif. sbarcato qui pure lui con un barcone, tre anni fa, ma non gli andata male: la Francia non faceva ancora la faccia feroce, sicch arrivato a Lione senza problemi, ora ha un commerce, si sente addosso un po di grandeur ed tornato con unidea avventurosa: ripigliarsi il fratello Hamdi, uno dei tunisini altrimenti da rimpatriare male, in fretta e furia e senza cavilli, come stiamo facendo da giorni, due voli al giorno. Se proprio non pu portarselo via, gli piacerebbe salutarlo, rivestirlo, insomma dargli una sistematina, la maman gi a Tunisi si preoccupa. Accanto ha Helmi e Mouhamed, giovani come lui, benvestiti come lui, come lui indispettiti con noi italiens: ciascuno con un fratello chiuso forse qui nel centro chera daccoglienza ed diventato di detenzione. Parla-

dei tre uomini suo marito, un pescatore trapanese che per devessere un buon diavolo, e le ha detto solo vai. Dove? Ma qui a Lampedusa, si capisce. Sofien, 27 anni, il figlio grande di Amer, era rinchiuso a Imbriacole quando hanno dato fuoco al centro: fuggito e per una settimana rimasto nascosto dalla Lampedusa underground, unisola che non c, con ventenni convinti che la sfida pi importante della vita non sia la marca dei prossi-

Dalla Francia Tahar arrivato dalla Francia per vedere il fratello: Ho un pantalone e qualche camicia, voglio che sia decente

mi jeans da comprare. Poi s riconsegnato: dove scappi, qui? Vogghio liberar lu, no problema de travajo, vado a ouvrir un Internet Point per lu, a Trapani, giura Amer. Sulla lunga strada di sofferenza che unisce il corso di Lampedusa ai reticolati di Imbriacole, incontra cos una seconda mamma tunisina, ma cittadina francese, che alloccorrenza racconta anche qualche balla per tirare fuori il suo figliolo: minorenne, ridatemelo, dice al posto di guardia della stazione marittima,

re, solo parlare con loro, est-il possible?, chiedono a due carabinieri di guardia. I carabinieri, due bravi figli, sinformano. Il caldo aumenta nel vallone di Imbriacole. Lampedusa una porta girevole. In quel momento, in mezzo al mare, Vivian, nigeriana, 23 anni, sballottata da sessanta ore su un barcone partito da Tripoli con quasi ottocento poveracci come lei, vede la salvezza, le motovedette della nostra guardia costiera che la scortano sullisola, ma sente anche le doglie, sa che sta per diventare mamma a minuti, suo marito rimasto in Libia, lei si stringe nel giaccone nero, fa una smorfia e prega il dio dei migranti perch le scacci la paura. E siccome non sempre questione di confini e carte da bollo, quel dio concede un lungo giorno alle famiglie, quaggi: famiglie di migranti, che cercano altri migranti, o che tentano solo di sopravvivere, o magari di dare la vita a chi migrante non sar pi, domani. In via Roma, al bar Mediterraneo della ciclonica Silvana Luc (Ho nascosto tunisini in casa e anche dietro al cimitero), staziona da due giorni una mamma. Si chiama Amer, sta da trentanni in Italia, ha un portafoglio di finto coccodrillo che contiene le foto di tutti i suoi ricordi e le copie di tutti i suoi (validissimi) permessi di soggiorno: Guarda, ici, amigo. Parla lesperanto dei randagi, quello di Salvatore, il monaco del Nome della Rosa, ha tre figli da tre uomini diversi e nessuno

Ariston ecoacqua: lo scaldacqua ad alta efcienza energetica.


ARISTON ha inventato NUOS, lunico scaldacqua a pompa di calore che ti fa risparmiare no a 270 euro allanno sulla bolletta con prestazioni senza paragoni. E oggi integrando NUOS a un impianto fotovoltaico correttamente dimensionato puoi fare la doccia tutto lanno praticamente a costo zero*. NUOS, il modo intelligente per produrre acqua calda.
Servizio Clienti Ariston

199.111.222** (seleziona tasto 3)

www.nuosariston.it

prima che salti fuori il bluff. Qui ci si prova, prendi i figli e scappa. Se sei minorenne ti salvi, se ha il politico (lasilo politico, nella lingua di Amer) ti salvi, se poi scodelli un figlio una bella fortuna, tutti ti coccolano, non pu andar male. Questo deve pensare Vivian mentre le si rompono le acque e la stendono su una barella, ormai in salvo al porto di Lampedusa, tra telecamere, teli termici, biscottini, braccia levate in segno di giubilo degli altri ottocento disperati come se avessero vinto la maratona. Italiani menteurs, bugiardi!, strilla invece Tahar davanti ai cancelli chiusi di Imbriacole. Un ufficiale molto cortese appena uscito fuori a dirgli che suo fratello e gli altri due ragazzi sono al Cie di Modena da tre giorni. Ora, a parte che i tunisini non vengono mandati da Lampedusa in Italia ma di nuovo in Tunisia, Tahar giura di avere parlato con suo fratello appena ventiquattro ore prima, sul cellulare che gli aveva dato un italiano: Mi ha detto che stava qua, a Lampedusa, sbuffa, trascinando con stizza il trolley rosso che adesso sobbalza su sassi aguzzi come un visto negato. Il bar Mediterraneo diventa a fine mattinata il porto delle lacrime per le famiglie tunisine. Tutti l, allo stesso tavolo, le due mamme, i tre fratelli, a parlottare fitto e a cercare qualche avvocato di buon cuore che dia una mano, o una notizia. La notizia arriva: Oggi rimpatriano tutti i tunisini sbarcati a Lampedusa il 13. Parte laereo delle due di pomeriggio, Tahar alza I migranti gli occhi al cielo: Mio fra- a bordo di una tello arrivato il 13. Su carretta di venti quellaereo i tunisini sono metri sbarcati ieri ventinove. Impossibile a Lampedusa e avere notizie certe e rapi- provenienti dalle de sullidentit di quei ven- coste libiche. Tra tinove, e anche questo loro cerano 62 non pare rassicurante. donne e 17 Ma qua non scompare bambini nessuno, stai sicuro!, ci dice un poliziotto bravo, che s gestito lemergenza dallinizio. Eppure, alle due, Tahar crolla: Li portano a Tunisi, tutti. Le due mamme consolano i tre fratelli, il senso dinutilit pu mordere il cuore. come con certi fax, piovuti in extremis a valanga al posto di polizia dellaeroporto, giuro sul mio onore che Thyss Riad mio fratello e mi prender cura di lui appena arriva in Francia: ci vuol altro a bloccare i rimpatri. I ragazzi del centro sociale Askavuza e i loro compagni antirazzisti ci provano ingaggiando una sfida a rimpiattino con la polizia, vengono perquisiti come fossero terroristi, la sfida ricomincia la sera dopo. Ma neanche questo basta. Vivian una strada lha trovata, per s e per la bambina che ha poi partorito al poliambulatorio di Lampedusa alle quattro del pomeriggio. Un medico della Croce Rossa prova a metterci il cappello: La piccola si chiamer Angela, nome italiano!. Balle. Pietro Bartolo, direttore del poliambulatorio, taglia corto: Quel medico non s neanche avvicinato, Vivian ce lo dir domani, il nome, quando avr parlato col marito in Libia. Al primo piano, ginecologia, la bambina un puffo scuro in una coperta, tra giornalisti sciatti e volontari che sgomitano per un angolo di telecamera. Aspetta la prima poppata di vita e, francamente, se ne infischia.

760

Goffredo Buccini
RIPRODUZIONE RISERVATA

16
#

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Esteri

Qualcuno venga a fermare la carneficina di Misurata, o moriremo Abdoullati, un leader degli insorti

Nella citt sottassedio ci sono decine di migliaia di bambini in trappola James Elder, portavoce Unicef

Libia Il leader di Bengasi, ricevuto da Napolitano, denuncia: 10 mila le vittime del regime di Tripoli. Berlusconi: sto dalla parte degli insorti

Gheddafi usa i clandestini contro di noi


Frattini incontra il capo dei ribelli Jalil. Londra annuncia linvio di addestratori militari
ROMA Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha attribuito al regime di Gheddafi di aver messo in cantiere partenze come quella del peschereccio approdato ieri a Lampedusa con 760 persone. Si sono imbarcati dal porto di Zwara, ha riferito il titolare della Farnesina su profughi e migranti alle commissioni Esteri e Difesa di Senato e Camera. Il Colonnello, ha sostenuto, punta a usare questi viaggi come strumento di pressione su di noi, ritorsioni per aver offerto le basi alle incursioni aeree della Nato sulle sue forze che attaccano gli insorti e i civili nelle zone liberate. Secondo Frattini, il Consiglio di transizione degli insorti libici dar prove sullorganizzazione di quel traffico da parte del regime di Gheddafi, che fortunatamente ha dovuto evacuare quellarea. Questa interpretazione dei fatti combacia con unesigenza del ministro: spingere i leghisti, che del contrasto ai flussi di migranti via mare dal Nord Africa fanno una bandiera, a porre meno limiti alle operazioni militari in Libia. Dopo lallontanamento di Gianfranco Fini dal Pdl, la Lega pi vitale di prima per il governo di Silvio Berlusconi. Frattini ha evitato pressione militare su Gheddafi, Jalil aveva spiegato che metter in testa allelenco dei Paesi ai quali essere grati i primi Stati a riconoscere il Consiglio: Ci sar cooperazione, amicizia forte con Italia, Qatar, Francia in primo luogo. Poi tutti gli altri amici, Usa Regno Unito, che ci hanno sostenuto, ma ciascuno a seconda di quanto sostegno ci ha dato oggi. La Gran Bretagna ha annunciato linvio di consiglieri militari in Libia. Sarebbero una dozzina. Il Guardian scrive che formeranno una squadra con altri della Francia per migliorare le capacit belliche dei ribelli. Frattini ha riferito che Jalil stima in 10 mila i morti, vittime di un regime sanguinario. Musulmano che ha in fronte il segno dovuto ai ripetuti contatti con il suolo per pregare, il capo del Consiglio stato dalla Comunit di santEgidio, cattolica, garantendo di esser l per un segnale al mondo: Per dire che agiamo per la pace e che lIslam non la religione del terrorismo. Neanche uccidere il tiranno da cacciare, Gheddafi, secondo Jalil obiettivo del Consiglio.

Insieme Il capo del Consiglio di transizione libico dei ribelli, Mustafa Abdel Jalil (a sinistra), e il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini ieri a Roma (Reuters/Max Rossi)

sempre di scontrarcisi in pubblico, per ha dovuto fare i conti con i suoi alt su sollecitazioni rivolte allItalia dagli Usa e altri alleati. E ieri il ministro ha affermato: E dimostrando fiducia nella transizione verso la nuova Libia che ci garantiamo un futuro di maggiore controllo migratorio. Dallinizio delle rivolte in Maghreb, ha aggiunto, in Italia sono arrivati non pi di tremila profughi, rispetto ai 500 mila andati in direzione di Egitto, Tunisia e Algeria. Consapevole del contesto politico locale, cominciando da Roma la sua prima visita in

Lemergenza

I flussi dal Maghreb dallinizio dellanno

Richieste di aiuti per le citt assediate

Dalla Tunisia sono arrivate 372 imbarcazioni per un totale di 23.589 migranti e dalla Libia 18 barche con 4.061 persone. Lo ha detto Alfredo Mantovano, sottosegretario allInterno. Rimpatriati finora 330 tunisini

Lagenzia per gli aiuti umanitari dellOnu (Ocha) afferma che in Libia ci sono 800.000 persone che hanno bisogno di aiuto, 330.000 intrappolate nelle citt teatro di combattimenti e oltre 100.000 sfollate

Europa da quando presiede il Consiglio di transizione libico, Mustafa Abdel Jalil, gi ministro della Giustizia del Colonnello, ha dichiarato: Agiremo insieme per chiudere i nostri confini a questi flussi di africani sfruttati da Muammar el Gheddafi. Ricevuto da Giorgio Napolitano, poi da Berlusconi assistito dal ministro della Difesa Ignazio La Russa e da Frattini con lamministratore delegato dellEni Paolo Scaroni, Jalil ha incontrato anche Enel e altre aziende. Il Cavaliere si sarebbe definito dalla parte degli insorti. Nel chiedere maggiore

Maurizio Caprara
RIPRODUZIONE RISERVATA

con il pacchetto relax superSemplice puoi gestire senza pensieri il gas e la luce di casa grazie a:
- solo 3 voci di costo in bolletta per monitorare meglio le spese di gas e luce:
piccolo contributo fisso mensile di 5,99 euro per il gas e da 1,99 euro per la luce corrispettivo su metricubi e chilowattora consumati sconto del 15% per il gas e del 40% per la luce sui consumi annui che non eccedono quelli di una famiglia media italiana e sono pari a 1.200 Smc/anno e 2.700 kWh/anno

- prezzi di gas e luce bloccati per due anni, comprensivi di tutte le voci di costo a esclusione delle imposte - stesso prezzo della luce sia di giorno sia di notte, senza preoccuparsi della tariffa bioraria
In pi, sottoscrivendo relax superSemplice entro il 14/07/2011, potrai avere al costo di soli 3 caff al mese la manutenzione annuale programmata del tuo climatizzatore effettuata da un tecnico specializzato degli energy store eni.

eni gas e luce la soluzione pi semplice


visita i negozi energy store eni, chiamaci al 800 900 700 o vai su eni.com

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Esteri 17
#

Gaza La madre di Vittorio: no alla pena di morte. Oggi la salma in Italia

Arrigoni, finisce nel sangue il blitz nel covo degli assassini


Hamas: suicida la mente del sequestro, preso un complice
La vicenda
DAL NOSTRO INVIATO

Rapimento Vittorio Arrigoni, 36 anni, attivista filo-palestinese, stato rapito gioved scorso da un gruppo salafita a Gaza. In un video (foto), i rapitori minacciavano di ucciderlo se un leader salafita non fosse stato liberato da Hamas Strangolato E stato ucciso poche ore dopo, strangolato dai rapitori prima dellirruzione nel covo della polizia di Hamas Ultimo saluto La salma, portata in Egitto (su richiesta della famiglia che non voleva farla passare da Israele), arriva oggi in Italia Ricercati Due dei salafiti ricercati sono morti ieri nel blitz di Hamas, il terzo stato catturato

GERUSALEMME Questa volta il Giordano tiene in ostaggio i suoi due complici. I palestinesi sarebbero pronti a trattare, a non dare ascolto allo straniero, a seguire il richiamo dei famigliari e ad accogliere la mediazione di Abel Walid Al Maqdisi, lo sceicco che volevano far liberare dalle carceri di Hamas. Come per Vittorio Arrigoni, ucciso prima che scadesse lultimatum, il capo della banda non vuole trattare. Il pomeriggio dassedio finisce, quando Abdel Rahman Bereitz lancia una granata nella piccola stanza. Da ore sono rinchiusi nel capanno tirato su nel campo rifugiati di Nusseirat, circondati dai poliziotti di Hamas. La ricostruzione quella del ministero degli Interni e al governo fa gioco mostrare il fanatismo dei salafiti. Dei tre ricercati, sopravvive Mohammed Salfiti che nelle foto diffuse da Hamas indossa il basco delle forze di sicurezza: lui e altri complici erano ancora stipendiati dal ministero degli Interni. Bilal al Omari, laltro palestinese, morto per le ferite e Abdel Rahman si sarebbe sparato

Campo profughi Un soldato di Hamas davanti al covo dei presunti assassini ad Al Nusseirat, Gaza (Epa)

dopo aver innescato la granata. Adesso il padre del Giordano, 22 anni, racconta allagenzia Ansa che il figlio aveva lasciato Irbid, nel nord del Paese, e gli studi di ingegneria per andare a Gaza e approfondire la legge islamica:

I COLPEVOLI Foto segnaletiche, diffuse dalla polizia di Hamas, dei presunti assassini di Arrigoni, contro i quali ieri scattato il blitz 1 Bilal al Omari: ucciso 2 Il Giordano: suicida 3 Muhammad Salfiti: ferito

Aiutava i bisognosi, non pu essere responsabile dellomicidio. Gli uomini di Hamas sono convinti che sia stato lui a organizzare il sequestro e a strangolare Arrigoni con il fil di ferro. La foto segnaletica mostra un ragazzo con la barba folta della devozione, il volantino elenca i nomi che avrebbe usato per muoversi sotto falsa identit nella Striscia. Sarebbe entrato dal Sinai, dal confine con lEgitto, attraverso i tunnel scavati sotto la sabbia dai contrabbandieri.

Lassassinio di Vittorio ha voluto dimostrare che il governo non pu garantire la sicurezza spiega allagenzia Reuters lanalista Hani Habib . Hamas non ha risparmiato sforzi per trovare ed eliminare questa cellula: voleva prendere i responsabili e voleva farlo in fretta. Egidia Beretta, madre di Arrigoni, chiede che i colpevoli paghino ma nel rispetto della vita umana. So che a Gaza vige la pena di morte. Sono contraria e anche mio figlio lo era. Hamas ha celebrato luned

i funerali solenni per lattivista italiano dellInternational Solidarity Movement, arrivato nel 2008 con la prima flottiglia di solidariet che ha voluto rompere dal mare lembargo israeliano. La bara avvolta nella bandiera italiana e in quella palestinese stata coperta di petali di rosa, i soldati hanno onorato il feretro con il saluto militare. La salma arriva oggi in Italia.

Davide Frattini
meridiano.corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Siria La fine dello stato demergenza non basta alla rivolta

Assad revoca le leggi speciali Ma la polizia fa strage a Homs


DAL NOSTRO INVIATO

GERUSALEMME I ministri hanno preso appunti come allievi diligenti. Senza guardarlo negli occhi, senza intervenire. E da studenti hanno eseguito il compito assegnato: il presidente Bashar Assad lo aveva chiesto nel discorso di sabato e ieri sono stati presentati i tre progetti per abolire lo stato demergenza in vigore da 48 anni. Adesso manca la sua firma. La televisione di Stato al-

arrestato il dissidente Mahmmoud Issa. E con un raid allalba ha svuotato la piazza pi grande della citt industriale. Nellassalto sarebbero morti altri quattro dimostranti. Qui il movimento dopposizione ha cercato di replicare la strategia adottata dagli egiziani in piazza Tahrir: creare uno spazio protetto, dove mantenere unadunata permanente. La propaganda attorno alla cospirazione salafita sembra voler preparare i siriani

terna lannuncio delle riforme alle notizie di un complotto salafita che vorrebbe destabilizzare la Siria. Sei militari sarebbero stati uccisi a Homs, gli estremisti avrebbero freddato tre bambini e avrebbero assaltato due stazioni di polizia. Anche lopposizione e le organizzazioni per i diritti umani raccontano di sparatorie a Homs, le vittime per sono i manifestanti, almeno dieci sarebbero stati ammazzati dalle squadre del regime. La polizia ha

Concessioni
Leggi speciali In vigore dal 1963, sono state abolite ieri dal governo Manifestazioni S a proteste pacifiche, ma con lok del ministero degli Interni Corte suprema Abolita la Corte suprema per la sicurezza dello Stato

alle leggi anti-terrorismo che dovrebbero essere introdotte per assicurare la sicurezza dei cittadini e la stabilit della nazione. Il ministero degli Interni ha minacciato chi scende in strada: Viene vietato ogni tipo di manifestazione o raduno, qualunque sia la causa per la quale sono organizzati. Uno dei tre progetti di legge dovrebbe permettere cortei pacifici, ma solo dopo aver ottenuto lautorizzazione dalla polizia. Il governo propone anche di abolire la Corte suprema per la sicurezza dello Stato, il tribunale creato nel 1968 come strumento della repressione. Il terzo passaggio labolizione dello stato demergenza, che fa da giustificazione alle norme speciali, agli arresti arbitrari e agli abusi contro gli oppositori. I manifestanti chiedono di pi: lo smantellamento degli apparati di sicurezza e lapertura del sistema politico, da sempre esclusiva del Baath. Gli slogan ripetono: Vogliamo la caduta del regime. Assad ha promesso di dare spazio ai sindacati e alle organizzazioni dei cittadini. Perch nascano nuove formazioni deve cambiare larticolo 8 della Costituzione, quello che garantisce lesclusiva al partito di regime. La gente in strada sta su un pianeta dice al New York Times lattivista Wissam Tarif , il presidente e i suoi fedelissimi su un altro.

D.F.
RIPRODUZIONE RISERVATA

18

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Esteri 19
#

Ultimo atto Lacrime e commozione al Congresso comunista

Washington

Laddio (in tuta) di Fidel Basta con i leader a vita


Castro affida la sua Cuba al fratello Ral
L'AVANA E' l'immagine dell'eternit del potere, pitturata a fresco. I due fratelli seduti uno al fianco dell'altro, Fidel in silenzio a prendere appunti, tuta sportiva Fila su camicia scozzese grigia; Ral in guayabera bianca, tirato come in un romanzo di Garca Mrquez, loquace e sorridente. Gli eterni Castro, senza pi l'uniforme verde oliva che hanno vestito per mezzo secolo: tanto era imperiosa sul corpo slanciato del lder mximo, quanto appariva truce nell'eterno numero due, capo dell'esercito dall'et di 29 anni, il duro del regime. Il cambio di look dei due ottuagenari non casuale, visto che assomiglia molto alla ricetta presentata per la Cuba dei prossimi anni: il sistema non muta, il socialismo irreversibile, ma ora autorizzato a vestirsi di nuovo. Gli uomini della vecchia guardia restano tutti, fino a soluzione biologica, si teme, perch la ricerca di successori di valore non finita. Fidel Castro lascia anche l'ultima carica, quella di segretario del partito comunista, ma resta padre nobile, militante semplice e soldato delle idee. Resta l'unico, naturalmente, a strappare il boato e le lacrime delle delegate di provincia quando appare a sorpresa alla sessione finale del Congresso del Pcc, e poi alza il braccio del

Potere
Fidel Castro (84 anni) in tuta da ginnastica alza il braccio del fratello Ral (80) che indossa la tradizionale guayabera (Reuters)

Compagni
Revolucin Fidel e Ral Castro guidano la rivoluzione contro il regime di Batista, scoppiata nel 1956 e conclusasi tre anni dopo con la vittoria dei ribelli (nella foto i fratelli con il Che) Comando Fidel nominato premier del nuovo Stato nel 1959, per poi diventarne presidente nel 1976. Manterr questa carica fino al 2008, quando passer il testimone al fratello Ral, che da ieri anche segretario del partito

fratello nel gran finale, mentre la platea canta l'Internazionale. Ma non dice una parola. Alle ovazioni abituato, muove leggermente la testa, punta l'indice sul mento barbuto, in un suo gesto caratteristico. Ogni tanto borbotta qualcosa al fratello, che annuisce. Non dovrebbero, ma sembrano ancora ordini, come dal 1953 in poi. In mattinata, sul sito web del regime, Fidel aveva messo il timbro definitivo, approvando le riforme proposte da Ral al congresso. Soprattutto, scrive l'ex presidente, vedo con molto interesse la proposta di limitare a due mandati di cinque anni le alte cariche dello Stato e del partito. Riforma del-

la quale gli effetti sono rimandati. Il numero due del partito dopo Ral Jos Machado Ventura, e poi viene Ramiro Valdez, successione interna, senza alcuna sorpresa. I due hanno rispettivamente 81 e 79 anni, ed erano sulla Sierra Maestra con i Castro. Il Politburo (3 nomi nuovi su 15) e il comitato centrale restano zeppi di militari e anziani. Ral ha ribadito che il ricambio avverr nel prossimo

Socialismo di mercato Lerede: Avanti con le riforme, ma non permetter mai il ritorno al capitalismo

quinquennio, stesso tempo indicato per le riforme economiche. Su queste Fidel Castro non ha speso una parola. Pare adeguarsi. Quando, dopo la caduta dell'Urss e con i cubani alla fame, fu costretto ad aprire all'iniziativa privata lo fece male e controvoglia. Ai piccoli ristoranti e agli affittacamere vennero poste tali limitazioni che la maggioranza chiuse in pochi mesi. Qualcosa di simile avvenne in molte joint-venture con gli stranieri. Ral sempre apparso pi convinto e meno ideologico del fratello, ma la frase chiave della svolta di questi giorni proclama che occorre aggiornare il modello economico al fine di dichiarare il carattere irreversibile del socialismo. Gattopardismo tropicale? Non possiamo fare miracoli dall'oggi al domani, le riforme andranno al ritmo che richiedono le circostanze oggettive, dice Ral. E' ancora marxismo-leninismo puro nell'enunciato, cos come nelle espressioni che parlano di autocritica, critica costruttiva e rettifica. Ai cubani che vogliono sapere quando potranno comprare e vendere una casa e soprattutto quando smetteranno di guadagnare 15 euro al mese, per poi arrangiarsi illegalmente per mangiare e vestirsi, non sono arrivate risposte. Per il cambio del quadro normativo innegabile e pu innescare di tutto. L'iniziativa privata non pi l'eccezione, non appena tollerata, ma diventa un braccio dell'economia a fianco di quella statale. Saranno benvenuti nuovi investimenti dallestero. Quanto e come si vedr.

Paura per Michelle: laereo presidenziale evita una collisione


WASHINGTON Un altro errore dei controllori del volo americani. E questa volta poteva avere conseguenze drammatiche per la first lady, Michelle Obama. Il suo aereo stato costretto a interrompere la fase di atterraggio perch troppo vicino a un jet militare. Una vicinanza relativa circa 3 miglia - che in certe situazioni pu creare dei rischi. Questa la ricostruzione dellincidente, avvenuto luned alla base aera di Andrews, a sud est di Washington. Un Boeing 737 della flotta presidenziale in rotta di avvicinamento alla pista. A bordo Michelle Obama e la moglie del vice presidente, Jill Biden, che tornano da New York dopo un evento tv. Al pilota viene data lautorizzazione allatterraggio. Ma dal centro di controllo non si sono accorti che davanti c un gigantesco C 17 dellUs Air Force anchesso in discesa. Poco dopo i controllori comprendono che i due aerei sono troppo vicini, al di sotto della distanza di sicurezza delle 6 miglia. Allora ordinano al jet della first lady di eseguire una serie di manovre a S per ritardare latterraggio e dare tempo al C 17 di sgombrare la pista. Ma i velivoli continuano ad essere troppo vicini e i controllori temono che il Boeing della first lady possa entrare nella turbolenza provocata dalla scia del jet militare. Decidono di annullare latterraggio. Il 737 di Michelle riprende quota e compie un paio di giri sopra Andrews, quindi atterra. La storia rivelata ieri dal Washington Post ha costretto la Casa Bianca a emettere un comunicato: Chi era a bordo si accorto di quanto stava accadendo e nessuno si fatto male. Lepisodio rende ancora pi aspra la polemica sui controllori di volo. Nellultima settimana 6 sono stati sospesi perch sorpresi a dormire durante il turno notturno, mentre altri sembra guardassero un film su un lettore DVD. Uno scandalo che ha spinto le autorit a rivedere gli orari di lavoro e a procedere a verifiche pi severe sul personale.

Guido Olimpio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Rocco Cotroneo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il commento

Il Pulitzer a una fotografa che stata leale con Haiti


Sguardo
Una foto di Carol Guzy scattata dopo il terremoto di Haiti nel gennaio 2010. La fotografa stata premiata insieme a due colleghi. E la sua quarta volta di DAVIDE MONTELEONE*

Premiati

Questa foto di Carol Guzy la pi evocativa della serie da lei realizzata con i colleghi Nikki Kahn e Ricky Carioti sul terremoto di Haiti e premiata con il Pulitzer per la categoria breaking news photography. E una foto che ha il pregio di riunire il difficile lavoro di documentazione di questo genere di avvenimenti con la forza emotiva che limmagine stessa sa suggerire. Sembrerebbe essere stata realizzata verso la fine della giornata, il controluce lo suggerisce, e ha in s una sorta di rassegnazione e di stanchezza, per la tragedia che si consumata, ma forse anche per quello che lautrice deve aver visto nella sua giornata di lavoro. Lefficacia di unimmagine dipende anche da questo: non solo da quello che accade intorno, ma anche da quello che lautore o lautrice prova quando realizza la fotogra-

I tre vincitori Carol Guzy (a sin.). Nikki Kahn, e Ricky

Carioti Su Haiti Lavorano per il Washinton Post e hanno vinto il Pulitzer per la categoria delle foto di cronaca

fia. Questimmagine raccoglie sinteticamente tutti gli elementi narrativi: la devastazione, le rovine, la sofferenza, ma allo stesso tempo c una coppia che cammina, mano nella mano, verso la luce. Una traccia di speranza come nella natura delluomo in queste occasioni. Lautrice non nuova ai Pulitzer, e in un periodo in cui spesso le foto fatte da non professionisti sono quelle che vediamo per prime penso a quelle scattate con i cellulari e con sistemi di fortuna un pregio che ci si possa ancora soffermare sullefficacia di immagini realizzate con professionalit ed etica. Nella foto di Carol Guzy c anche questo, anche dal punto di vista tecnico: non stata ritoccata per niente o molto poco, rispetto alle abitudini di oggi, ed giusto che sia cos per le fotografie leali verso avvenimenti simili. Trovo importante che ci siano professionisti che continuino a fare le foto di attualit sempre meglio, anche dal punto di vista estetico. *Fotografo
RIPRODUZIONE RISERVATA

20

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Esteri 21

Il caso

La Costituzione esalta la Nazione, rende obbligatorio il lavoro, limita la libert dinformazione, impone le stesse tasse a ricchi e poveri
Cosa cambia
Ronde Attivisti ungheresi di estrema destra ostili alla comunit rom (Afp)

Quei fantasmi dellintolleranza che si alzano dalla mia Ungheria


La nuova Carta magiara risveglia gli incubi del passato nazista e comunista
di GIORGIO PRESSBURGER

La nuova Costituzione Proposta dal primo ministro conservatore Viktor Orbn e dal suo partito di destra Fidesz stata approvata luned dal Parlamento

LEuropa a poco a poco sta diventando di nuovo un ricettacolo di fantasmi. Fantasmi nuovi e vecchi si aggirano per le nostre citt, nelle nostre strade, nelle nostre case. E anche nella nostra mente. Chi avrebbe creduto, fino a quindici, ventanni fa di sentir risuonare vecchie marce che incitano allodio, parole dordine che toccano i toni del forsennato razzismo, del becero disprezzo per gli altri, per chi non siamo noi? Chi noi? I membri della nostra Nazione, della nostra Regione, citt, del nostro quartiere, pianerottolo. Non abbiamo forse visto un bambino ucciso perch appartenente a una famiglia troppo rumorosa? C una tendenza a esaltare tutte le forme di egoismo. Tutto questo succede nel nostro Paese, sul nostro Continente. Su quel Continente, sul quale duemilacinquecento anni fa nata la democrazia. E anche se certi slogan che risuonano oggi in Ungheria come in Finlandia, simili a quelli di alcuni nostri Partiti, che incitano al volgare disprezzo (fra di bal) possono suonare soltanto come battute elettorali, pure fanno sorgere dalla terra, dai soffitti delle case, dagli scantinati, vecchi fantasmi macabri, fantasmi di morte. In Ungheria come da noi. Chi, come me, in questi Paesi, ha visto la propria famiglia sterminata dai nazisti tedeschi e anche da quelli casalinghi, a sentire il voco di questi fantasmi, non pu restare indifferente. Le sfilate di guardie nazionaliste, le mezze frasi antisemite buttate l mettono paura. C un partito che ha il 18% dei voti, che basa i suoi programmi su atteggiamenti di questo tipo. Un mio amico ha preferito trasferirsi a Berlino. Un altro in Israele. Nei Paesi dellEuropa centrale questi fantasmi si infilano dappertutto nelle case, come i famosi Poltergeist, delle favole e dei film dorrore. E ora nella civilissima Ungheria, nel Paese di dieci milioni di abitanti che pu annoverare dieci premi

Nobel tra scienziati e scrittori, che ha dato i natali allinventore dei computer, ai pi grandi musicisti del secolo passato come Liszt, Bartk o Ligeti o Kurtg, a insigni psichiatri e medici, nelle pieghe della nuova Costituzione varata in questi giorni dal Parlamento con i due terzi dei voti, si insinuano le figure di questi fantasmi. La costituzione abolisce il nome di Repubblica Ungherese e conferisce quello di Paese Magiaro. (Magyarorszg). Questo forse per ammonire certe minoranze tra le quali zingari e ebrei? Quella Costituzione stata varata e progettata da un solo partito di nome Fidesz. La sinistra si ritirata dallaula, al momento della votazione. Ma i due terzi erano della Fidesz.

Molti articoli vincolano i voti a venire ai due terzi della maggioranza. Quindi chiss quanto peseranno sulla politica ungherese del futuro. I fondi delle pensioni sono propriet dello stato. Le tasse (16%) sono uguali per tutti per i ricchi e per i poveri. C una legge che inficia pesantemente la libert dei mezzi di comunicazione. Tutto per entro un limite ambiguo e non sempre identificabile. Durante la conversazione con un vecchio amico avvocato civilista domando come la gente prende tutto questo. Con indifferenza. S, la settimana scorsa ci sono state quattro manifestazioni, ma il resto : indifferenza. Come sappiamo lindifferenza un morbo terribi-

Potere La nuova Carta restringe i poteri della Corte Costituzionale e allarga quelli dellesecutivo sulla magistratura Nazione Mischia la nazione politica e quella etnica, considerando parte della nazione anche gli ungheresi che vivono oltreconfine Aborto Sostiene che la vita del feto deve essere protetta dal suo concepimento aprendo la strada al divieto dellaborto

le. Pu condurre a disastri. possibile che il Paese in cui sono cresciuto, dove ho imparato ad amare la letteratura, la musica, dove tutti i bambini sapevano (e molti sanno ancora) suonare qualche strumento, dove avevo appreso e poi divulgato lamore per lItalia, possibile che queste disgustose figure prendano vita di nuovo? Il 57% degli ungheresi dichiarano che avrebbero preferito il referendum a questa sorta di appropriazione, mi dice un amico scrittore. Ma si vede che dormono. Se ne accorgeranno al risveglio. Molti chiamano la Costituzione ungherese Costituzione di Pasqua. Sar firmata dal presidente infatti luned. La Resurrezione dunque. Resurrezione della grande Ungheria (mire territoriali?). Ma torniamo allamore per lItalia. A dire il vero molti affermano a Budapest che i consiglieri per la comunicazione del premier ungherese siano gli stessi del Primo Ministro italiano. Populismo dunque? S, c la promessa di un milione di nuovi posti di lavoro. Non abbiamo sentito per caso questa stessa frase qui da noi? Il lavoro secondo la Nuova Costituzione sar obbligatorio per tutti (come sotto il regime di Stalin). Questo pare soddisfare coloro che affermano che i rom non amano il lavoro. E per questo, se il caso, vanno puniti. Da parte mia questo mi riporta a sessantanni fa, quando, terminato il liceo davvero brillantemente, mi vidi negata la possibilit di accedere agli studi universitari. Non ero figlio di operai, n di contadini poveri. Ma di un poverissimo piccolissimo borghese: autore di cruciverba, panettiere, garzone cartolaio, calciatore. Io andai a lavorare come panettiere. Poi venne il 56 e la rivolta. Cosa contrapporre allora oggi ai pericolosi fantasmi del passato? Il sogno dellEuropa, per esempio. (La nuova costituzione ungherese decreta che la moneta ufficiale il fiorino. Niente euro, dunque. Due terzi dei voti per abolire questo). Il sogno dellEuropa, senza mire di supremazia per puro populismo, per puro egoismo, pura indomabile, inesauribile avidit di ricchezza. Gli esempi positivi ci sono. (Guardiamo al Nord). E se non ci fossero, bisognerebbe inventarli. Inventare una delle principali facolt degli esseri umani.
RIPRODUZIONE RISERVATA

NUOVA PUNTO 150. BUON VIAGGIO,ITALIA!

A 9.900 CON LA TRASPARENZA DEL PREZZO VERO FIAT.


FIAT TI INVITA A TORINO PER LE GRANDI MOSTRE DI www.italia150.it

Nuova Punto 150 1.2 bz. 3p. prezzo promo 9.900 (IPT esclusa) e per la versione 5p. + 800. Offerta valida fino al 30.4.2011 con il contributo dei Concessionari Fiat. Consumi ciclo combinato: 5,2 (l/100km). Emissioni CO 2 : 123 (g/km).

WWW.FIATPUNTO.IT

22
#

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Cronache
Terrorismo Il neofascista mai pentito: nel 1976 uccise il giudice Occorsio

Processo Pierluigi Concutelli rimasto in carcere per 24 anni

malato, pena sospesa Concutelli ora libero


Lex compagno di cella: lo stimo, star con me a Ostia
ROMA Gli hanno sospeso la pena per gravi motivi di salute, gli stessi che un anno fa lavevano portato agli arresti domiciliari. E cos la cronaca torna a occuparsi di Pierluigi Concutelli, il killer neofascista che nel 1976 uccise il pubblico ministero romano Vittorio Occorsio, titolare delle indagini sul suo gruppo di appartenenza, Ordine nuovo. Occorsio fa parte della lista dei dieci magistrati ammazzati dalle organizzazioni eversive tra gli anni Settanta e Ottanta, a cui il presidente della Repubblica ha deciso di dedicare la prossima giornata della memoria delle vittime del terrorismo, il 9 maggio. Allindomani dellannuncio del Quirinale, il blog FascinAzione del giornalista Ugo Maria Tassinari ha rivelato che da sabato scorso lassassino di uno di quei magistrati praticamente libero. Anche se temporaneamente, fino al 2 marzo 2013, e potendosi muovere e parlando a fatica. Pochi mesi dopo lomicidio Occorsio, nel febbraio 1977, Concutelli fu arrestato e rivendic platealmente la sua militanza neofascista, con tanto di saluto romano a favore di fotografi. Lappartamento in cui fu ammanettato era pieno di armi e munizioni. In carcere elimin altre due persone, Ermanno Buzzi e Carmine Palladino, due camerati considerati spie, che potevano aiutare a fare luce sulla strage di Brescia (1974) e altre trame occulte dellestrema destra; li strangol per punire il loro tradimento, guadagnando altri due ergastoli. Con questo curriculum criminale rimasto in cella per 24 anni filati, fino al 2001, quando gli fu concessa la semilibert, permesso di uscire al mattino per andare a lavorare e rientro la sera. In prigione aveva imparato il mestiere di giardiniere, e sera messo a curare le aiuole dei cimiteri romani, Verano e Prima Porta, finch nel 2008 fu sorpreso con qualche canna che - disse - gli serviva per uso terapeutico. Ma tanto bast a revocare i permessi e richiuderlo, come dicono i detenuti, fino ai ripetuti ictus che hanno sancito lincompatibilit del suo stato di salute con il carcere. E che ora hanno determinato la sospensione della pena. Oggi Concutelli dunque un signore arrivato alla soglia dei 67 anni, piuttosto malandato, ospite prima del fratello e a Portogruaro, in provincia di Venezia, e adesso a Ostia, sul litorale romano, in una casa che gli ha procurato un ex compagno di detenzione e di ideologia: Emanuele Lele Macchi di Cellere, generazione successiva a quella del killer di Occorsio, sedici anni trascorsi in carcere per associazione, sovversiva, banda armata e attentati vari. Nessun omicidio, ma non questo che fa la differenza tra chi passato dalla lotta armata, rimasto legato a quellesperienza e non rinnega il proprio passato. Come Concutelli, appunto, e come Lele Macchi. Il quale si sta occupando delle cure del suo amico Pierluigi e, senza enfasi ma con una punta di orgoglio, spiega: Lho conosciuto in galera, e ho imparato a rispettarlo e stimarlo. Concutelli uno che non s pentito n dissociato a differenza di tanti altri straccioni prostrati alle regole imposte dalla societ in cui viviamo. E ha scelto di pagare in silenzio per un atto coraggioso e molto particolare. Quellatto lomicidio del suo giudice, seguito da altri due delitti commessi dietro le sbarre. Che Macchi liquida come azione insurrezionale, inseri-

2008
Una foto di Pierluigi Concutelli durante la trasmissione su La 7 Niente di personale. Al terrorista era stata da poco revocata la semilibert

ta in una particolarissima filosofia di vita (e di morte): Io ho rispetto per tutte le vittime, ma la vita fatta anche della morte degli altri. Compresi quelli ammazzati nelle guerre dichiarate o alimentate dai governi. La morte una cosa orrenda, solo il Padreterno dovrebbe distribuirla, invece purtroppo amministrata anche dagli uomini. C chi delega ai soldati o ai boia e chi agisce personalmente, come ha fatto Concutelli. Che per questo ha scontato una lunghissima galera. Tra i responsabili delle morti di tanti nostri amici, invece, non ha pagato nessuno. Macchi si definisce un anarchico, come s tante volte definito Concutelli, uno che amava lazione pi che la teoria. In quei giorni prima sparavo e poi pensavo, ha scritto nel libro Io, luomo nero, pubblicato tre anni fa. Sera ribellato alle regole della destra pi istituzionale e in quelle memorie ha svelato che uno suo camerata era stato l l per ammazzare lallora segretario del Msi, Giorgio Almirante. Anche per questa sua aura ribelle, prima ancora che fascista, i giovanissimi dei Nuclei armati rivoluzionari volevano farlo evadere. Non ci riuscirono, e finirono nelle sue stesse carceri speciali. Di cui Concutelli, negli anni Novanta, scrisse una sorta di Guida Michelin, per raccontarne condizioni di vita, vitto e alloggio; invece delle stellette, distribuiva chiavi, gavette, sbarre e grate.

Le reazioni

Il figlio della vittima: non si scusato Il nipote: pena di morte

Giovanni Bianconi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Cronache 23
#

La scheda

1976
Il 10 luglio il giudice Vittorio Occorsio viene ucciso a Roma (sotto la sua auto). Lanno successivo per lomicidio viene arrestato Concutelli (a sinistra)

Milano Denunciato per minacce. Il legale: chiarir

Un sorpasso vietato E Pietro Maso ritorna in carcere


Di nuovo recluso dopo il lavoro allesterno
MILANO Per uninfrazione stradale in un sorpasso azzardato, Pietro Maso torna in carcere e rischia di perdere la semilibert alla quale nel 2008 era stato ammesso dopo aver scontato in carcere 17 anni per lomicidio nel 1991 del padre e della madre, uccisi a bastonate per leredit prima di andare in discoteca con gli amici. Nella valutazione del magistrato di sorveglianza Roberta Cossia nelle cui carte Maso anche al centro di una denuncia per minacce e una controdenuncia per estorsione attorno a un piccolo prestito di denaro , il ritiro della patente stato provvedimento amministrativo sufficiente a far scattare in via cautelare la sospensione del beneficio a Maso, tornato dunque nel reparto semiliberi di Opera senza pi poter uscire dal carcere in attesa delludienza del 5 maggio. Qui il Tribunale di Sorveglianza (presidente Pasquale Nobile De Santis, giudice Maria Laura Fadda) valuter sia se ridargli la semilibert o revocargliela del tutto, sia se affidarlo ai servizi sociali come Maso aveva chiesto il 29 marzo scorso, in linea con quel percorso di rieducazione evocato persino dallallora presidente della Corte dAppello Giuseppe Grechi allinaugurazione dellanno giudiziario 2009. Bench condannato nel 1992 per lassassinio dei genitori a 30 anni, Maso finir in realt di scontare la sua pena tra un anno e mezzo, grazie allindulto e allo sconto della "liberazione anticipata" che detrae 45 giorni ogni 6 mesi di reclusione, cio 1 anno ogni 4. Dal 22 ottobre 2008 Maso usufruiva del regime di semilibert in considerazione di un positivo percorso di recupero sociale marcato da un diploma, un posto di lavoro, e una relazione sentimentale difesa dalla curiosit dei media anche con il rifiuto di offerte di denaro per lesclusiva sulle nozze. Alle 7,30 di ogni mattina usciva dal carcere di Opera per andare a lavorare in unazienda che as-

Venti anni fa

MILANO Vittorio Occorsio ha 23 anni e porta lo stesso nome di suo nonno, il giudice ucciso nel 1976 dal commando neofascista di cui faceva parte Pierluigi Concutelli, il leader di Ordine Nuovo. Non parlo solo come nipote premette Vittorio ma perch credo che lItalia da oggi sia un Paese meno sicuro con lui in libert. Io dice senza mezzi termini a Concutelli avrei dato la pena di morte. Il padre Eugenio, il figlio del giudice assassinato, cerca di correggere il tiro di quellaffermazione: Quel che ha detto mio figlio Vittorio riflette lo sconcerto e il dolore della nostra famiglia nellapprendere la notizia della liberazione di Concutelli dice . Per di pena di morte non il caso di parlarne per-

Lagguato Il giudice Occorsio (foto) fu ucciso da Pierluigi Concutelli a Roma la mattina del 10 luglio 1976

La P2 Ad aprile di quello stesso anno fu il primo magistrato a indagare sulla loggia P2

ch estranea alla cultura della nostra famiglia. E ancora: un momento di profonda amarezza e grande dolore ma non vorrei che prevalessero dichiarazioni estemporanee, come quella improvvida e inopportuna di mio figlio, che ha parlato di pena di morte. Di pena di morte non il caso di parlare perch estranea alla civilt democratica. La famiglia del magistrato ucciso esprime la rabbia per il mancato pentimento di Concutelli. Siamo di fronte a un uomo prosegue Eugenio Occorsio che ha scontato oltre 30 anni di carcere, una pena enorme. In tutti questi anni, per, come famiglia abbiamo aspettato invano una parola di pentimento e di scuse.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La condanna Pietro Maso stato condannato a 30 anni per lassassinio dei genitori, il 17 aprile 91 Il permesso Dal 22 ottobre 2008 Maso (nella foto con la fidanzata) era in semilibert: lavorava in unazienda di computer e rientrava in carcere alle 22.30

sembla computer e rientrava in cella alle 22,30. Tutto filato liscio per due anni e mezzo per il giovane di Montecchia di Crosara (Verona) che a luglio compir 40 anni. Nei giorni scorsi, per, ecco la leggerezza: sorpasso oltre la doppia linea continua, contravvenzione, multa e ritiro della patente. Una tegola aggiuntasi, nel fascicolo della Sorveglianza, alla denuncia intentata a Maso da un uomo che afferma di essersi sentito apostrofare ti ammazzo nel corso di una lite sulla restituzione di un prestito di meno di duemila euro, ma che Maso ha a sua volta denunciato per estorsione, rappresentandosi parte debole esposta (a causa del suo terribile passato) a strumentalizzazioni altrui. Questa persona non stata in grado di produrre prove o testi, ci sono solo le sue parole, spiega lavvocato di Maso, Maria Pia Licata, fiduciosa nelludienza del 5 maggio. Maso chiarir tutto, assurdo anche solo pensare che a pochi giorni dalla decisione sullaffidamento in prova ai servizi sociali Maso possa essersi compromesso per un questione di soldi, di cui non ha bisogno e che non sono il suo punto debole.

Luigi Ferrarella lferrarella@corriere.it Giuseppe Guastella gguastella@corriere.it

24 Cronache
#

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Milano I dirigenti della federazione trasporti: atto intimidatorio, sospeso lautore

Dossier illegali, il pm

Taxi, la minaccia allassessore: Rischi di fare la fine di Biagi


Volantino del sindacato Ugl: i lavoratori sono esasperati
MILANO Lavoratori esasperati che in futuro potrebbero offrirgli la stessa sorte del compianto Marco Biagi, il giuslavorista ucciso nel 2002 dalle Brigate Rosse. Unintimidazione, forse una minaccia. Sicuramente qualcosa di stonato, forse davvero roba da matti, come suggeriscono gli altri sindacalisti. La frase al centro dello scandalo nero su bianco in un volantino firmato dallUgl, la sigla storicamente vicina al centrodestra. Il personaggio nel mirino invece Raffaele Cattaneo, assessore lombardo ai trasporti, colpevole di una serrata trattativa sindacale coi tassisti milanesi. Una questione di tariffe per le corse da e per Malpensa e Linate. Pochi centesimi che possono valere un avvertimento. E un diluvio di reazioni. DellUgl, intanto, che ha deciso limmediata sospensione del delegato (e dirigente provinciale nel settore trasporti) Antonio De Candia, lautore materiale del volantino. Un sindacalista-tassista molto battagliero, raccontano i colleghi, spesso scon-

Finta microspia Tronchetti va prosciolto


MILANO I pm Alfredo Robledo e Nicola Piacente chiedono di archiviare il presidente di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, lex dirigente della sicurezza di Telecom, Giancarlo Valente, lex capo della Security Giuliano Tavaroli, linvestigatore privato Emanuele Cipriani e il suo tecnico Giorgio Verzoletto per la finta microspia piazzata nellagosto 2001 nellauto dellallora amministratore delegato di Telecom Enrico Bondi per favorire le dimissioni secondo liniziale ipotesi degli allora segretario generale e capo della Security, Vittorio Nola e Piero Gallina. Pur rilevando che restano sicuramente punti oscuri nella vicenda, come il fatto che la bonifica dellauto di Bondi fu affidata non alla Security di Telecom ma a quella di Pirelli e da questa a Cipriani e Verzoletto, i pm concludono che non vi sono elementi per ritenere che la cimice sia stata collocata dietro istigazione o con compartecipazione a qualsiasi titolo dei nuovi vertici (Tronchetti allepoca). Sui pm ha pesato la testimonianza nel 2010 di Bondi, che ha spiegato come gi Agosto 2001 prima della microspia avesse Il congegno deciso deliminare venne trovato la funzione di Nola nellauto e sostituire Gallina dellex ad Bondi con un proprio uomo di fiducia come Gallo Modena: segno, per i pm, che la microspia, se finalizzata a allontanare Gallina e Nola, pu essere considerata (in parte) unazione illecita inutile, i cui responsabili erano evidentemente ignari dei cambiamenti che Bondi intendeva apportare nei quadri della funzione security. Analoga considerazione vale per la nuova propriet di Telecom: Gallo Modena venne sostituito da Tavaroli senza che vi fosse la necessit di alcun espediente per permettere o accelerarne lavvicendamento. Tronchetti, tra laltro, nonostante Bondi non ne ravvisasse la necessit, segnal alla magistratura, con la denuncia del 18 settembre 2001, il rinvenimento della microspia. E larticolo Quella cimice di Bondi pubblicato da Borsa e Finanza, che Nola interpret come teleguidato strumento di pressione di Telecom? Non vi sono allo stato prove che riconducono la pubblicazione a una precisa strategia aziendale, dicono i pm, per i quali la notizia arriv al cronista da un manager Stet che nutriva rancore verso Nola per lemarginazione aziendale di suo fratello.

La vertenza
Il confronto in corso un confronto fra la Regione Lombardia e i tassisti: riguarda ladeguamento di alcune tariffe

Il documento
Il volantino che lUgl ha distribuito ieri. In giallo la frase sullassessore Cattaneo

Lo scontro Le parti sono ai ferri corti sui pedaggi: i tassisti lamentano che dovrebbero pagare di tasca loro alcuni adeguamenti Il volantino LUgl scrive in un volantino: Temiamo che qualche esasperato possa offrire allassessore Cattaneo (foto) la stessa sorte di Biagi

fessato dagli stessi vertici della segreteria. E che ieri davanti ai compagni di lavoro avrebbe abbozzato una spiegazione: Non volevo intimidire nessuno. stata solo isolata una frase dal contesto. Dal segretario nazionale dellUgl Trasporti, Fabio Milloch, arrivata in ogni caso la condanna pi assoluta: A Cattaneo rivolgiamo le nostre pi sentite scuse per un gesto deprecabile e ignobile che lede gravemente non solo la sua dignit personale, ma anche la carica istituzio-

nale che ricopre e verso cui nutriamo il pi profondo rispetto. Un segnale dimbarbarimento osservano tutti, a cominciare dallo stesso Cattaneo. In una citt alle prese con la vicenda dello slogan sui magistrati brigatisti, lennesimo richiamo al terrorismo assume un suono ancora pi macabro. Lassessore sotto minaccia giura per di non essere preoccupato per lepisodio: Temo piuttosto che questa vicenda sia il sintomo di un malessere pi gra-

5.000
Le licenze rilasciate dal Comune di Milano per il servizio taxi in citt

Catanzaro, aggredito da un gruppo di coetanei

Bimbo picchiato a scuola grave

CATANZARO Un gioco finito tragicamente o un vero pestaggio? Un bambino di sei anni stato pestato da alcuni coetanei Rom e si trova ricoverato in condizioni critiche allospedale di Catanzaro. Lepisodio accaduto ieri mattina in un asilo a sud della citt. I ragazzini stavano giocando quando allimprovviso la maestra si trovata a sedare una rissa che aveva coinvolto un gruppetto di bimbi. Sembrava un semplice litigio e vista let dei partecipanti nulla faceva immaginare una simile violenza di colpi che alcuni

bambini avrebbero sferrato contro un loro coetaneo. Le urla di dolore di uno di loro ha insospettito le maestre che hanno dovuto utilizzare le maniere forti per riportare la calma. Sembrava tutto finito tanto che gli studenti hanno ripreso le lezioni. Lo stesso bimbo coinvolto nella rissa sembrava ripresosi tanto da partecipare allattivit scolastica senza particolari disturbi. Poco prima dello squillo della campanella, per, si accasciato in classe, manifestando forti dolori alladdome e alla testa. Le

insegnanti hanno chiamato il 118 e il bambino stato portato in ospedale. I medici del pronto soccorso gli avrebbero diagnosticato un forte trauma cranico e hanno disposto il suo ricovero in chirurgia. Le sue condizioni sono gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita. I carabinieri hanno avviato le indagini e hanno sentito le maestre dellasilo. Si tenta di capire il motivo che abbia scatenato tanta violenza nei confronti della vittima.

Carlo Macr
R PRODUZIONE RISERVATA

ve. E cio della continua e progressiva demonizzazione dellavversario politico, vissuto ormai come un nemico da annientare. E quel manifesto sui magistrati esprime la stessa idea di fondo, ecco. Un delirio incivile che testimonia un clima teso e un indebolimento dei punti fermi del libero confronto democratico, sottolinea preoccupato uno dei candidati della corsa a sindaco, il presidente finiano del Consiglio comunale Manfredi Palmeri. Solidariet rigorosamente bipartisan. Una barbara aggressione, dice il presidente lombardo Roberto Formigoni: Fa bene Cattaneo a sottolineare di voler continuare a lavorare con serenit, ma certo non fanno bene alla democrazia esplosioni di violenza che giungono ai livelli pi aggressivi e pi vili. Una frase delirante da condannare con durezza assoluta, gli fa eco il segretario regionale del Pd Maurizio Martina. Anche lItalia dei Valori condanna senza appello. Secondo i consiglieri regionali dipietristi si tratta di esasperazioni ingiustificabili che non possono trovare spazio alcuno. E ancora: Per quanto aspro e difficile, il confronto tra le diverse parti non pu mai varcare i confini della civilt. Minacce di questo tipo sono gravi e intollerabili.

Luigi Ferrarella
lferrarella@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Senesi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Palermo In carcere Tranchina, vicino al boss Graviano. Aveva raccontato di aver comprato il telecomando usato per uccidere Borsellino

Preso per la strage di via DAmelio. Parla, poi ritratta


PALERMO A 19 anni di distanza si allunga la lista dei carnefici della strage di Via DAmelio. Ieri gli uomini della Dia hanno fermato Fabio Tranchina, personaggio di secondo piano della famiglia mafiosa di Brancaccio. Il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari e gli altri pm che coordinano linchiesta sullattentato in cui furono uccisi il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della scorta lo accusano di concorso nella strage. Ma il fermo si reso necessario per evitare la fuga o possibili ritorsioni, in quanto Fabio Tranchina aveva gi cominciato a collaborare con i magistrati di Firenze. Tranne poi ritrattare tutto. A convincerlo a fare marcia indietro pare sia stata la moglie che sorella di Cesare Lupo, pezzo da novanta sempre di Brancaccio. Tranchina stato fermato ieri pomeriggio proprio al suo rientro da Firenze. A suo carico stato emesso anche un secondo ordine di cattura, questa volta della procura di Palermo, per associazione mafiosa. Immediatamente interrogato si per il momento avvalso della facolt di non rispondere. In ogni caso i magistrati di Caltanissetta, ma anche quelli di Palermo, attribuiscono molto importanza a questo fermo che potrebbe aggiungere tasselli importanti non solo per decifrare i retroscena sulla strage di Via DAmelio, ma anche alle indagini su eventuali mandanti esterni e sulla presunta trattativa Stato-Mafia. Per anni Fabio Tranchina stato infatti uno degli uomini pi vicini al boss Giuseppe Graviano. Ne ha gestito la latitanza e gli ha fatto anche da autista personale. Questo gli ha permesso di acquisire notizie di prima mano sulla rete dei rapporti del capo della famiglia Brancaccio a cominciare da quelli col mondo politico. Inoltre avrebbe personalmente partecipato ad alcune

La vicenda

Il 19 luglio 1992
In alto, Paolo Borsellino; a destra, la strage di via DAmelio. Lesplosione avvenuta sulla strada, davanti allabitazione della madre del giudice

Lattentato Il 19 luglio 1992 in via dAmelio muoiono in un attentato Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta Gli ergastoli Il processo di primo grado si conclude il 26 settembre 1997 con gli ergastoli a 24 boss Processo bis Nel 2002 la Corte dAssise dappello di Caltanissetta infligge 13 ergastoli ai mandanti ed esecutori della strage La revisione A far riaprire le indagini le dichiarazioni del neo-pentito Gaspare Spatuzza (2008) che si autoaccusa di aver rubato la 126 utilizzata come autobomba

fasi organizzative della strage di Via DAmelio. Proprio su questo versante ai magistrati di Firenze avrebbe raccontato di aver acquistato in un negozio di Palermo due telecomandi. Uno dei quali, ha detto, potrebbe essere stato utilizzato per uccidere il giudice Borsellino. Ma soprattutto ha raccontato di aver accompagnato Giuseppe Graviano in un sopralluogo nei pressi di Via DAmelio nei giorni precedenti la strage. Anche se successivamente si rimangiato tutto per i magistrati siciliani e fiorentini si tratta comunque di dichiarazioni importanti per ricostruire i retroscena di tutta la stagione delle stragi del 92-93. In pi le procure di Palermo e Caltanissetta sperano che possa raccontare anche quel che sicuramente venuto a sapere dei rapporti e della rete di interessi dei fratelli Graviano. Lavvio di collaborazione di Tranchina si inserisce nel pi vasto quadro ridisegnato da Gaspare Spatuzza sullattentato di Via DAmelio che ha por-

tato a ribaltare le conclusioni della prima inchiesta e dei relativi processi basati sulle dichiarazioni del pentito Vincenzo Scarantino. Proprio Spatuzza alcuni mesi fa aveva chiamato in causa Tranchina in ragione del suo rapporto di fiducia con i fratelli Graviano. E di lui si era incidentalmente parlato anche nel processo DellUtri. Tranchina era gi stato ar-

Le piste Per gli investigatori potrebbe portare elementi sui mandanti esterni e sulla trattativa Stato-mafia
restato una prima volta assieme al cognato Cesare Lupo. Dopo aver scontato una pena di 4 anni e mezzo era tornato in libert ma avrebbe continuato a mantenere rapporti, anche sulla piazza milanese, con la cosca dei fratelli Graviano

Alfio Sciacca
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

25
a cura di RCS Pubblicit

it-is LIVING, COOKING AND RELAX


GRANDE ENTUSIASMO IN TRIENNALE A MILANO

design Simone Micheli R&S Euromobil

by Gruppo Euromobil: Euromobil cucine, Zalf mobili, Dsire Divani

DESIGN-ARTE-CULTURA UNA FORMULA DI SUCCESSO


llarte e design guardiamo per crescere e migliorarci. Convinti che arte e design, passato e futuro siano uniti dalla medesima esigenza di arricchire lanimo e la vita delluomo

Fratelli Lucchetta Pubblico numeroso e ampi consensi alla presentazione inTriennale del progetto per la casa contemporanea it-is, living, cooking and relax, che ha messo ancora una volta in risalto la capacit del Gruppo Euromobil di coniugare design, arte e cultura. Ed ora it-is non pu mancare lappuntamento con il MilanoFuoriSalone. Tre speciali eventi sicuramente in grado di esaltare ancora una volta questa nuova e rivoluzionaria icona domestica. it-is il progetto di una cucina dalla grande carica espressiva che persegue loriginale filosofia Euromobil: Living and Cooking. Un progetto nato dallincontro tra i Fratelli Lucchetta e il designer Simone Micheli. Che cos ci racconta: Mi sfidarono, dicendomi che con tutte le curve e le geometrie fluide presenti nel mio dna espressivo, sarebbe stato improponibile per loro industrializzare un mio sogno progettuale. Ma il senso di rivoluzione di forme e contenuti presenti nellinsieme modulare proposto da Micheli ha invece presto convinto Euromobil. Vivere il vortice delle idee, dei progetti e delle emozioni suggerite dai designers e dagli artisti ha sempre assicurato creazioni deccellenza al Gruppo.

Un sorprendente progetto dominato dalla scelta cromatica del black & white

it-is CONTEMPORARY
Zalf dividono gli ambienti cucina e soggiorno lasciando tra di loro libert di dialogo. La cucina, contraddistinta dalle ampie ante con gli angoli arrotondati, propone tecnologie allavanguardia e dettagli di alta qualit costruttiva. Le colonne hanno le ante centrali complanari, per un pratico e immediato utilizzo, mentre il tavolo curvato con spessore differenziato sottolinea un design deccellenza. proprio questa caratteristica del sottile piano-lavoro in pietra acrilica naturale, che scende in modo fluido, in un unico pezzo, sul pianotavolo, con uno spessore pi importante, che personalizza fortemente la cucina it-is. Innovativi sistemi di illuminazione, con interessanti e scenografiche soluzioni a led, danno luce agli interni dei mobili e sottolineano, con elegante delicatezza, alcuni particolari. Le finiture delle ante delle basi, dei pensili e dei mobili sono in laccato lucido nei colori bianco e nero, le maniglie in cromo lucido. In evidenza nella zona giorno-relax una chaise longue e una poltroncina a marchio Dsire e il tappeto it-is che ripropone, quasi in modo ironico, il disegno e i colori delle ante.

Un marchio, cinque stili di vita


Cos nata it-is, La cucina perfetta per la casa contemporanea, caratterizzata da differenti possibilit compositive e numerose varianti di colore e finiture, per andare incontro alle nuove abitudini e ai rinnovati bisogni delluomo, per soddisfare tutti gli stili di vita: dal sorprendente Contemporary al raffinato Fashion, dal creativo Urban allarmonico Natural, per finire con leffervescente New Pop. Ma it-is non solo cucina, un progetto architettonico, 100% made in Italy, dedicato anche allambiente giorno ed in particolar modo alla zona relax e che, grazie alle linee armoniche e continue proposte anche dai divani e dalle sedute Dsire, si presenta come un nuovo amico domestico a cui poter chiedere un metaforico abbraccio.

na soluzione distributiva per spazi di ampio respiro dove le leggere ante scorrevoli Pic di

t-is un insieme contenutistico che evoca semplicit classica fusa alla leggera fluidit di cui necessita il mondo contemporaneo

Simone Micheli

it-is Contemporary, un grande ambiente multifunzionale con accessori allavanguardia e con una grande carica espressiva

26

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

a cura di RCS Pubblicit

Ricchezza di materiali per una cucina elegante e raffinata

it-is FASHION
and Cooking, dove gli elementi della cucina entrano elegantemente nella zona giorno. Lisola centrale, attrezzata con piano cottura e lavello, ha le basi con ante in frassino touch laccato visone, una particolare finitura per unimmagine davvero raffinata. Anche la cappa diventa un piacevole elemento darredo mascherando abilmente la sua funzione. Il piano top, in pietra acrilica naturale color bianco, si abbassa in modo sinuoso, per proseguire armonicamente con il piano tavolo. Particolari le sedie it-is abbinate, con seduta e schienale che ripropongono il motivo delle ante, cos come loriginale tappeto disponibile in differenti composizioni. La cucina completata dalle colonne, con ante laccate grigio opaco e maniglie cromo lucido. Le librerie proposte fanno parte della collezione it-is Living; il divano, la chaise longue e le poltroncine portano la firma di Dsire.

n unico grande ambiente allinsegna del Living

it-is Fashion, incontro tra la naturalit del legno e la raffinatezza del laccato

Uno spazio industriale, affascinante e creativo scenario di casa

it-is URBAN

G
it-is Urban, volumi sinuosi ed equilibrati per soddisfare la personalit e le esigenze delluomo contemporaneo

li spazi industriali si trasformano in ambienti domestici e gli stili di vita si ade-

guano interpretando con creativit le nuove situazioni. it-is, per questa tipologia abitativa, suggerisce un ampio spazio cooking separando larea living con una quinta. La cucina riunisce nellisola e nelle colonne tutti i suoi indispensabili accessori e una scenografica doppia cappa definisce la zona cottura. Il piano top si modella in modo armonico e sinuoso con il piano snack, pi alto e servito dai pratici sgabelli it-is. Il colore pi indicato per questambientazione il frassino touch laccato grigio perla, quasi a voler ricordare il colore del cemento industriale. Spostandoci nella zona giorno troviamo it-is Living, alla parete la composizione di mobili contenitori proposta nelle stesse tonalit degli elementi della cucina, alternate al laccato terra opaco. Per il relax, Dsire propone il divano it-is e le poltrone Lacoon, di Jai Jalan.

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

27
a cura di RCS Pubblicit

Armonia e naturalezza per un ambiente puro ed essenziale

it-is NATURAL
tura. Un rigore stilistico che si traduce con legni e segni chiari: il frassino touch laccato creta per le basi e il laccato opaco canapa per i pensili e per le colonne. Per il top previsto un piano in quarzo brughiera sand con la morbida finitura velluto. II tavolo-snack in frassino touch laccato creta

n un ambiente dominato prevalentemente dalla luce, la cucina it-is viene proposta con calde cromie, ispirate ai colori tenui della na-

abbinato a due sgabelli. In tutte le composizioni delle cucina it-is lo spazio viene sempre organizzato alla perfezione, con utili accessori e pratici sistemi brevettati Euromobil per rendere la cucina unesclusiva compagna domestica. La zona relax, progettata con linseparabile camino, qui caratterizzata dalla poltroncina in cuoio intrecciato nella versione color naturale. Divano e tappeto it-is, a marchio Dsire, trovano sempre spazio nella zona living.

it-is Natural, caldo abbinamento cromatico per uno stile dispirazione nordica

Un effervescente spazio multicolor dove le tinte si mescolano a piacere

it-is NEW POP


soluzione compositiva super basic, con colori vivaci e contrasti netti. I colori proposti sono il laccato bianco del frassino touch per le basi, il laccato rosa big bubble opaco per i pensili, mentre la colonna frigo in versione laccato lavanda opaco. Al centro dello spazio dominano il tavolo, con gamba acciaio e le sedie it-is. Nellarea relax it-is Living, con una divertente composizione alla parete abbinata alle poltroncine in cuoio intrecciato e allimmancabile divano it-is di Dsire.

na cucina-soggiorno che rievoca alla memoria latmosfera che dominava negli anni 60-70. La proposta quella di una

it-is New Pop, idee e soluzioni per un pubblico giovane e dinamico

Cucine: Euromobil Via Circonvallazione 21 - 31020 Falz di Piave (TV) Italy Tel. +39 0438 9861- www.euromobil.it Mobili: Zalf Via Marosticana 9 - 31010 Maser (TV) Italy Tel. +39 0423 9255 - www.zalf.com Divani: Dsire Via Piave 25 - 31028 Tezze di Piave (TV) Italy Tel. +39 0438 2817- www.divani-desiree.com

28

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

a cura di RCS Pubblicit

it-is LIVING, COOKING AND RELAX


ABRUZZO ARREDO EMME MOBILI DI TIBERIO LIDIA VIA OSIMO, 110 - 62020 CASALBORDINO (CH) 0873/916146 gianluigimoretta@virgilio.it DAMICO ARREDAMENTI S.R.L. VIA SELVA PIANA, 54 - 66043 CASOLI (CH) 0872981239 pierluigi@damicodesign.it DATAGRAPH S.R.L. CORSO EUROPA, 32- 66054 VASTO (CH) - 0873/363865 maison.vasto@hotmail.it MOBILI ZUGARO DI ZUGARO ANTONIO & C. SAS SS. 17 KM. 44,300 - 67020 SAN GREGORIO (AQ) 0862/441343 mobilizugaro@virgilio.it AMBROSINI FERRUCCIO & C. SNC VIA G. DANNUNZIO, 94 - 65010 VILLANOVA DI CEPAGATTI (PE) 085/9771159 info@ambrosiniarredamenti.it D1 INTERIOR DESIGN S.R.L.-UNIPERSONALE SS. 16 NORD, 275 - 64022 GIULIANOVA (TE) 0858028568 d1ordini@d1interiordesign.it BASILICATA CENTRO ARREDI DEI F.LLI CANARIO & C. SNC VIA EMILIO SALGARI, 7/23 - 75100 MATERA (MT) 0835/386312 centroarredicanario@tiscali.it DIL MOBILI ARREDAMENTI S.R.L. CONTRADA VERNETA 85042 LAGONEGRO (PZ) - 0973/21902 dilmobili@inwind.it FRANCO VITO & C. SNC ZONA INDUSTRIALE - 85020 PIANO S.NICOLA (PZ) 0971/64183-4-5 ordini@gruppofranco.com KREO ARR.TI DI CUTOLO ANTONIO VIA OFANTINA S.N. 85029 VENOSA (PZ) 0972/374689 kreoarredamenti@tiscalinet.it CALABRIA ABITARE ARR.TI DI MACRI & ROBERTO CORSO UMBERTO I, 205/207 - 88068 SOVERATO (CZ) 0967/521518 abitare.arreda@libero.it AMBIENTI SOLUZIONI DARREDO DI PERRI F. VIA DEL PROGRESSO, 477 B - 88046 LAMEZIA TERME (CZ) 0968453875 info@ambienti.biz PULTRONE ARREDAMENTI SRL VIA NAZIONALE 150 - 88060 BADOLATO (CZ) 0967814138 pultrone.sov@infinito.it CASA DELLARREDAMENTO DUE DI MAZZEI S. VIA VERDI, 27 - 87036 RENDE (CS) 0984/404353 vendita1. mazzei@alice.it LEONETTI G. & C. SAS ARREDAMENTI VIA CONA, 58 - 87050 CASOLE BRUZIO (CS) 0984/432023 leonettigc@hotmail.com MIROMI SRL VIA DELLAGRICOLTURA, 18 - 87060 CANTINELLA DI CORIGLIANO (CS) 098380580 info@miromi.it TURCO PER LARREDAMENTO SRL VIA EUROPA, 84 87030 CAMPORA SAN GIOVANNI (CS) 0982/46089 graziella@gruppoturco.it AZZAR MOBILI & C. SAS CORSO GARIBALDI 55789127 REGGIO CALABRIA (RC) 0965/892979 COSMARREDI SNC DI COSMA PASQUALE & C.VIA NAZIONALE, 182 - 89022 CITTANOVA (RC) 0966/653233 cosmarredi@cosmarredi. it EDIL CONDERA CUZZOLA S.R.L. V.REGGIO CAMPI II, TRONCO 216 - 89100 REGGIO CALABRIA (RC) 0965895432 info@edilcondera.it FORME NUOVE S.R.L. VIA NAZIONALE, 188/E - 89053 CATONA (RC) 0965600730 info@formenuovearredamenti.it MAGAZZ ANTONINO VIA BUOZZI 84 - 89015 PALMI STAZIONE (RC) 0966/23565 info@arredamentimagazzu.it VALENTI PER ARREDARE DI VALENTI P.&C. SAS VIA XXIV MAGGIO, 38 - 89040 BIVONGI (RC) 0964731067 valart@tiscalinet.it DIODATO GIOVANNI VIA SAN FRANCESCO 13 - 89814 FILADELFIA (VV) 0968724314 alberto.diodato@gmail.com VIOLA ARR.TI DI DELUCA ROCCO VIA NAZIONALE SS. 18 - 9689851 IONADI (VV) 0963263446 violarredamenti@libero.it CAMPANIA F.LLI IANNACE & C. SNC C.DA IANNASSI - 82010 S.NICOLA MANFREDI (BN) 0824778179 info@iannacemobili.it NOVARREDO S.R.L. DEI F.LLI PIANTADOSI VIA APPIA 123 - 83016 TUFARA VALLE (BN) 0824840019 carmine.piantadosi@novarredo-srl.it FRANCHINO MARIO & C. SAS DI PAGLIARO G. VIA DOMITIANA, 249 - 81034 MONDRAGONE (CE) 0823/978185 info@franchino.it PETRILLO ARREDI S.R.L. PIAZZA MARCONI, 20/21- 81100 CASERTA (CE) 0823/216901 crescendo_anna@alice.it ARDIN SAS DI SELEZIONI DINTERNI VIA DELLE PUGLIE, 51/52 - 80026 CASORIA (NA) 081/7590502 ardin@ardin.it BRANCACCIO S.R.L. CORSO A.DE GASPERI, 161 - 80053 CASTELLAMARE DI STABIA (NA) 0818711359 info@brancaccioarredamenti.com DE LAURETIS GIOVANNI BATTISTA VIA G.TESTA 22/24 - 80124 NAPOLI (NA) 0817626269 gianni@aessedesign.it G.G.B. & C. SNC DI G. & G. BARILE CORSO EUROPA, 244 - 80010 VILLARICCA (NA) 081/8941452 barilearredamenti@libero.it IL MODULO DI LELLO GARGIULO S.R.L. VIA DEGLI ARANCI, 33/D - 80067 SORRENTO (NA) 081/8785697 ilmodulosorrento@yahoo. it RINASCIMENTO MOBILI S.R.L. VIA FAMIGLIETTTI GALL.COMM. SEDICI CASA - 80040 VOLLA (NA) 0817731113 info@rinascimentomobili.it UGLIANO S.R.L. VIA CUPA PIEDITERRA, 30 - 80044 OTTAVIANO (NA) 081/8278124 info@ugliano.it ARR.TI EREDI DI FEZZA EMIDDIO SAS VIA MATTEOTTI, 12/48 - 84014 NOCERA INFERIORE (SA) 081/5177941 fezzarosario@libero.it ARR.TI MARTORELLI DI A.MARTORELLI &C.SAS VIA NAZIONALE, 517 - 84025 NOCERA SUPERIORE (SA) 081/933225 arredamentimartorelli@ virgilio.it CASA AMICA S.R.L. VIA XXV LUGLIO, 150 - 84013 CAVA DEI TIRRENI (SA) 089/444699 info@ casamicarredamenti.it MOBILIFICIO SALVATORE VIGNAPIANO S.R.L. VIA DEI GOTI, 165 - 84012 ANGRI (SA) 081949715 info@vignapiano.it TELESE ARREDO II S.R.L. VIA DELLE INDUSTRIE, 5 - 84092 BELLIZZI (SA) 0828/54062 info@telesearredo.it EMILIA ROMAGNA ACCORSI ARR.TI DI ACCORSI SANZIO & C.SNC VIA ALTEDO, 48 - 40018 SAN PIETRO IN CASALE (BO) 051818081 info@accorsiarredamenti.it INTERFORM S.R.L. VIA R.GRIECO, 48/A - 40024 CASTEL S.PIETRO TERME (BO) 051/944868 laura@interformfactory.com MACCAFERRI ARREDA DI MACCAFERRI D.& C.SNC VIA PONTE NUOVO, 23/A - 40066 PIEVE DI CENTO (BO) 051/974503 maccaferriarreda@libero.it MATTEUZZI S.R.L. VIA COLLAMARINI, 20 - 40138 BOLOGNA (BO) 051532142 info@matteuzziarredamenti.it RAGGI SOLUZIONI DINTERNI SNC VIA LIBERT 340065 PIANORO (BO) 051/777654 info@raggiarredamenti.it A3IDE BY ZANELLA DI MAURO ZANELLA &C.SAS VIA PRIMICELLO, 89 - 44030 TAMARA (FE) 0532/866174 a3ideinfo@virgilio.it 3 B ARR.TI DI BEZZI FLAVIO & C. S.A.S. PIAZZALE DEL LAVORO, 30/31- 47100 FORL (FC) 0543/242113 b@3barredamenti.com ANSALONI ARR. TI DI ANSALONI WALTER VIALE GRAMSCI, 133 - 40014 CREVALCORE (MO) 051/981514 ansaloniarredi@ libero.it F.LLI BONETTI SNC V. CIRCONVALLAZIONE OVEST 1550 - 41054 MARANO SUL PANARO (MO) 059/793375 info@bonettiarredamenti.it LINEA ARR.TI DI STRUFALDI F. & C. SAS VIA VOLTA, 13 - 41013 CASTELFRANCO EMILIA (MO) 059/923027 fstrufy@hotmail.com MODULARIS DI VANNA ZANOTTI VIALE XX SETTEMBRE, 45/A - 41049 SASSUOLO (MO) 0536-980168zanottiv@modulariszanotti.191.it RIGHI ARREDAMENTI PER INTERNI S.R.L.VIA TOSCANINI, 11 - 41019 SOLIERA (MO) 059567777 righiperinterni@ libero.it S.VINCENZO28 S.R.L. VIA SAN VINCENZO, 28 - 41100 MODENA (MO) 059226425 s.vincenzo28@ libero.it VACCARI S.R.L. VIA CARPI RAVARINO 1865 - 41019 SOZZIGALLI DI SOLIERA (MO) 059563813 fornitori@arredamentivaccari.com ARCO ARR.TI DI OPPICI & C. SNC VIA MATTEOTTI, 41/B - 43015 NOCETO (PR) 0521/628300 acquisti@arcoarredamentisnc.it LUCCA ARREDAMENTI DI LUCCA REMO GALLERIA POLIDORO, 4/C - 43100 PARMA (PR) 0521/284118 info@luccarredamenti.191.it ABITA S.R.L. VIA GORRA, 55 - 29122 PIACENZA (PC) 0523590361 info@abitasrl.info ARREDORAMA DI BERSANI & C. SNC VIA PIACENZA, 31/A 29016 CHIAVENNA LANDI - CORTEM. (PC) 0523836188 info@arredorama.it OLIVIO PAGLIUGHI ARREDAMENTI VIA MILLO, 19 - 29100 PIACENZA (PC) 0523570344 info@pagliughi. it BAGGIONI ARREDAMENTI SRL VIA CAROLI 13 - 48020 REDA DI FAENZA (RA) 0546639295 info@baggioniarredamenti.it LENZI DESIGN S.R.L.VIA MODENA, 2 - 48024 MASSA LOMBARDA (RA) 0545/82123 info@lenzidesign.com ARR.TI STEFANI DI STEFANI CARLO & C. SNC VIA GOTI, 50 - 42019VENTOSO DI SCANDIANO (RE) 0522/857997 info@arredamentistefani.it BELLI ARREDAMENTI S.R.L. VIA DANIELA DA TORRICELLA, 58 - 42100 REGGIO EMILIA (RE) 0522/333141 info@belliarredamenti.it SPAGGIARI MOBILI NUOVA LINEA SNC VIA ROMA NORD, 59/B - 42030 VEZZANO SUL CROSTOLO (RE) 0522/601500 info@ spaggiarimobili.it IL PRISMA DI BIAGETTI ALDO VIA NUOVA CIRCONVALLAZIONE 78 - 47900 RIMINI (RN) 0541771473 commerciale@ilprisma.it FRIULI VENEZIA GIULIA MOBILI VIVARELLI S.R.L. VIA PITTERI, 3 - 34170 GORIZIA (GO) 0481533042 arredamentivivarelli@virgilio.it VISINTIN ARREDAMENTI DI VISINTIN LUIGI VIA L.ANCONETTA 8 - 34074 MONFALCONE (GO) 0481/481884 visintin@visintinarreda.it ABITA S.R.L.VIA GHIRANO, 33 - 33080 VILLANOVA DI PRATA (PN) 0434/626159 info@abitarredamenti.com DE ZOTTI GIANNI & C. SNC VIA DIAZ, 12/14 - 34124 TRIESTE (TS) 040/3220464 info@dezotti.it LANZA ARREDAMENTI VIA STAZIONE PROSECCO, 13 - 34010 SGONICO (TS) 040225498 info@lanzarreda.it B. & C. INTERNI S.R.L. VIA P. ZORUTTI, 85 - 33030 CAMPOFORMIDO (UD) 0432662895 becinterni@gmail.com DE ZOTTI GIANNI & C. SNC VIA PONTEBBANA, 10 - 33019 TRICESIMO (UD) 0432851157 info@dezotti.it GALASSIA INTERIOR DESIGN S.R.L. VIALE EUROPA, 122 - 33054 LIGNANO SABBIADORO (UD) 0431/428733 galassiarredamenti@libero. it LINEA DESIMON S.R.L. VIA DEI BOSCHI, 43 - 3040 PRADAMANO (UD) 0432/671107 osoppo@desimonarredamenti.com ROSON &COCCOLO ARREDAMENTI S.N.C. VIA MARITTIMA, 11 - 33058 S.GIORGIO DI NOGARO (UD) 0431/65649 rosonecoccolo@rosonecoccolo.com LAZIO GIGANTE ARREDAMENTI SRL VIA AUSONIA 03043 CASSINO (FR) 0823901057 gigantearredamenti@alice.it SEVI MOBILI S.R.L. S.P. S.CECILIA, 36 - 03010 TECCHIENA DI ALATRI (FR) 0775/409022 sevimobili@sevi.it ARR.TI CECCAROLI SAS VIA NERVA, 18 - 04011 APRILIA (LT) 06/9254007 ceccaroli@ inwind.it BENVENUTI ARREDAMENTI - FORME VIA PICASSO, CENTRO COMMERCIALE MORBELLA 04100 LATINA (LT) 0773601659 benvenuti@benvenutiarredamenti.it BENVENUTI ARREDAMENTI - SPAZI VIA CROCEFISSO 104 - 04100 BORGO S.MARIA LATINA (LT) 0773/643015 bsm@benvenutiarredamenti.it HOME DESIGN GALIMBERTI VIALE EUROPA 111 04019 TERRACINA (LT) 340-1009657 e-mailvittygioy@libero.it LA MANNA LUIGI VIA VARIANTE, 99 04018 SEZZE (LT) 0773/888903 luigilamanna@libero.it PADOVANI S.R.L. VIA GARIBALDI, 6/C - 04024 GAETA (LT) 0771/741124 michele@padovani.it ABITARE S.R.L. VIA COMUNALI, 41/B - 02100 RIETI (RI) 0746480372 carlo@abitareoffice.it ACRONOS ARREDAMENTI VIA AURELIA 316 -00165 ROMA 06/6223900 info@acronosarredamenti.com ADA S.R.L. VIA VINCENZO MONTI, 10 - 00034 COLLEFERRO (ROMA) 06-97235088 info@architetturedarredo.com ARREDARE BY FATTORINI VIA GASPERINA 10 00118 ROMA 06/72671095 tuscolana@byfattorini.it ARREDARE S.R.L.VIA DI FONTANA CANDIDA, 65 - 00132 ROMA 0620766121 info@arredaree.it BENEDETTI S.R.L. PIAZZA DELLEMPORIO 19/31 - 00153 ROMA 065782554 cucine@benedettiarredamenti.eu BINACCI ARR.TI S.R.L. VIA C. COLOMBO 440/F 00145 ROMA 06/54602042 p.binacci@binacci.it BINACCI ARREDAMENTI S.R.L. VIA TIBURTINA, 440/446 - 00159 ROMA 06/4393130 p.binacci@binacci.it IMMAGINE DESIGN DI ROMONDINI P. & C. SNC VIA PRATI FISCALI, 315 - 00141 ROMA 06/8862373 immaginedesign@fastwebnet.it MOBILNOVO Architettura degli Interni VIA SICILIA, 267 - 00187 ROMA 06/42011545 mobilnovo@mobilnovo.it MOBILNOVO S.R.L. VIA ANASTASIO II,103 - 00165 ROMA 06/6381104 mobilnovo@mobilnovo.it STEFANO MALGARINI S.R.L.VIA GREGORIO VII, 11042 ROMA 06/6390650 emafro@fastwebnet.it BOCCOLINI ARR.TI S.R.L.VIA CASSIA, KM.41,30 - 01036 NEPI (VT) 0761571137 commerciale@boccoliniarredamenti.it PACO ARREDI DI CORTESE TIZIANA VIA BELLUNO, 5/15 - 1100 VITERBO (VT) 0761/325326 pacoarredi@fastwebnet.it LIGURIA CROSETTI ARREDAMENTI SNC VIA L.VETRANO, 35/37R - 16152 GENOVA (GE) 0106507227 crosetti@crosetti.it F.LLI VIAGGI & FIGLI SNC VIA CENTURIONA, 15 R - 16139 GENOVA (GE) 0108393447/010876007 info@viaggiarredamenti.it I MOBILI DI CAMPORA ALESSANDRO & C. SNC VIA ISOCORTE, 21 R -16164 PONTEDECIMO (GE) 010714465 info@camporamobili.it PALMIERI ARCHITETTURA DINTERNI SAS VIA MARAGLIANO, 12 -16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) 0185288474/ 0185285217 palmierisas@libero.it SCHENONE ARR.TI DI SCHENONE GIANCARLO STRADONE S.AGOSTINO 11/R -16123 GENOVA (GE) 010/2477428 schenone@schenone.it G.T.C. SRL VIA MANZONI, 63/69 -18038 SAN REMO (IM) 0184/500180 gtc@rosenet.it PICCONALBICOCCO S.R.L. VIA VITTORIO EMANUELE, 190-18012 BORDIGHERA (IM) 0184/261432 info@picconalbicco.it MOBILCENTRO SNC VIA AURELIA 136 - 19030 CASTELNUOVO MAGRA (SP) 0187/675473 mobil-centro@libero. it GANDOLFO PIERGIORGIO ARR.TI VIA ROMA, 109 - 19121 LA SPEZIA (SP) 0187737253 piergo0e@ gandolfomobili.191.it MOBILIFICIO FIORIN SNC VIA AL PIEMONTE,1 REG. CARR 17036 LECA DALBENGA (SV) 0182/20222 roberto.fiorin@fiorinarredamenti.com BIARREDA S.R.L. VIA DELFINO 64 BIS - 17017 MILLESIMO (SV) 019/584851info@biarreda.it LOMBARDIA AGAZZI ARREDA S.R.L. VIA VITTORIO VENETO, 1118 -24030 PRESEZZO (BG) 035/618110 agazzi.arreda@libero.it AL PORTICO S.R.L. VIA CESARE BATTISTI, 185 - 24025 GAZZANIGA (BG) 035/711520 - 347434 marco.bosio@alporticoarredamenti.com ARREDAMENTI EPIS LEANDRO SNC VIA MONSIGNOR CROTTI, 23 - 24020 VILLA DI SERIO (BG) 035661312 info@arredamentiepis.com ARREDAMENTI GIULIANI S.R.L. VIA DEI TERMINI 3 - 24040 OSIO SOPRA (BG) 035/501080 giuliani_arreda@ libero.it ARREDI VALLI ENIO E MARCO E C. SNC VIALE ITALIA, 42 - 24060 VILLONGO (BG) 035927055 valli.enio@aliceposta.it BASSINI MOBILI S.R.L. VIA AL PONTE, 3 - 24050 GHISALBA (BG) 0363/92277 triangoloarredamenti@libero.it HABITAT ARREDA S.R.L. VIA PROVINCIALE 23, PONTE SELVA 24020 PARRE (BG) 035/706138 habitatarreda@yahoo.it OASI DEL MOBILE DI ARIAZZI PROTASIO Via Mazzini, 26 - 25020 BASSANO BRESCIANO (BS) 030/9935309 info@oasidelmobile.it BARBIERI ARREDI DI BARBIERI G. VIA DEI TIGLI, 14- 25027 QUINZANO DOGLIO (BS) 030/9336400 BARBIE46@barbierigiuseppe2.191.it OIKOS MOBILI & DESIGN SNC F.LLI BIANCHI VIA BRESCIA, 134/B - 25018 MONTICHIARI (BS) 030/9658995 oikos.bianchi@libero.it TOSI MOBILI LIVING NOW VIA PASSEGGIATA, 1- 25010 POZZOLENGO (BS) 030/918250info@tosimobili.it LA VECCHIA FILANDA S.R.L. VIA DELLE GINESTRE, 2/A - 22020 BIZZARONE (CO) 031/809298 info@lavecchiafilanda.it MOBILI BELINA SAS DI GIANMARIO BIANCHI & C VIA CESURA, 57/59 - 22070 VERTEMATE CON MINOPRIO (CO) 031901959 mobilibelina@ virgilio.it NEXT S.R.L. VIA VALASSINA, 30 - 22060 AROSIO (CO) 031/761450 nextarosio@libero.it RESTELLI ARREDAMENTI S.R.L. VIA COMO, 43 - 22078 TURATE (CO) 02/9688278 info@restelli.it SALA E TRAVELLA SNC ARR.TI V. MENAGGIO 37 - S.PIETRO SOVERA - 22010 CARLAZZO (CO) 0344/70476 progettazione@ salaetravella.it DOSSENA ARR.TI DI DOSSENA G.LUCA & C.SAS VIA DANDREA 13 - 26010 OMBRIANO DI CREMA (CR) 0373/230250 dossenaarredamenti@libero.it ARCO DESIGN SAS DI COGLIATI MONICA & C.VIA TRIESTE, 11 - 23807 MERATE (LC) 0399902860 arcodesign@gmail.com MASSIMO MOLTENI S.A.S.VIA DE GASPERI, 8 ERBA-LECCO - 22030 CESANA BRIANZA (LC) 031/655803 tecnico@massimomolteni.it MCL CASA DEL MOBILE SRL VIA PROVINCIALE, 100/B - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) 0341700194/0341735018 mclcasa@email.it RAIMONDI SNC DI RAIMONDI SERGIO & C.VIA GREPPI, 5 - 22059 ROBBIATE (LC) 039/513552 info@raimondiarredamenti.com RIGAMONTI CASA VIA VOLTA 7/C - 23845 COSTA MASNAGA (LC) 031/855649 rigamontiarredamenti@alice.it GRANATA ARR.TI DI GRANATA ALBERTO & C.SNC VIA CODOGNINO,16 - 26854 CORNEGLIANO LAUDENSE (LO) 037169264 info@arredamentigranata.it EVERS S.R.L.VIA CREMONA, 36 - 46100 MANTOVA (MN) 0375200612 evers. gruppoimca@libero.it PEDRAZZOLI ARR.TI DI PEDRAZZOLI N.& C.SAS VIA CANTONE, 128 - 46020 S.GIACOMO DELLE SEGNATE (MN) 0376616190 info@pedrazzoliarredamenti.it ARREDAMENTI SARTOR S.R.L. VIA DELLA MECCANICA, 17 - 20026 NOVATE MILANESE (MI) 023561282 info@arredamentisartor.it CARIMATI ARR.TI SNC DI CARIMATI R. & C. CORSO SEMPIONE, 212 - 20025 LEGNANO(MI) 0331442018 info@carimatiarredamenti.it CENTRO CAMERETTE VIA ROMA, 27 - 20020 SOLARO (MI) 02/96793393 info@centrocamerette.net CLM MILANO SNC VIALE MONTENERO, 32 - 20135 MILANO (MI) 02/5464229 paolo@clmarredamento.it CLM ROZZANO SNC VIA LOMBARDIA, 161 - 20089 ROZZANO (MI) 02/57514758 paolo@clmarredamento.it DOFMA SNC DI DONGHI &C. VIA ROMA, 3 - 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI) 02/36532048 dofma.euromobil@dofma.com DOFMA SNC DI DONGHI & C. VIALE MARELLI, 152 - 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI) 02/22474032 info@dofma.com GALBIATI ARREDA S.R.L. VIALE CERTOSA 21 20149 MILANO (MI) 02/33002617 info@galbiatiarreda.com F.LLI PEDRAZZINI CENTRO ARR.TO S.R.L.VIA TOLSTOJ, 81 - 20098 SAN GIULIANO MILANESE (MI) 02/98260044 info@pedrazziniarreda.it PIAZZA DELLA VITTORIA S.R.L. VIA MARTIRI DELLA LIBERT 53 - 20085 LOCATE DI TRIULZI (MI) 02/90733084 piazzavittoria@tiscali.it SET-DESIGN VIA GUIDO DA VELATE, 9 - 20162 MILANO (MI) 02/6471650 info@ set-design.it ELLEDUE CENTROCUCINE VIA INDIPENDENZA, 194 - 20036 MEDA (MB) 0362/340198 alberto@elleduecentrocucine.it I F.LLI MARIANI DI VIA MACALL VIA MACALL, 70 - 20038 SEREGNO (MB) 0362230643 sorellemariani@yahoo.it LA CAMERETTA IDEALE S.R.L.VIA CARDUCCI 96 - 20035 LISSONE (MB) 039/793946 ordini@camerettaideale.it MARIANI MULTIPLI DI ARREDAMENTO SAS VIA G.PRATI, 53 - 20038 SEREGNO (MB) 0362/230547 info@mariani-mda.it MOBILIA VIA VITTORIO EMANUELE, 79 - 20059 VIMERCATE (MB) 039/6082194 moscaelongoni@mobilia.albaweb.it REGONDI INTERIOR DESIGN VIA UMBERTO I, 155 - 20039 VAREDO (MB) 0362/580125 info@regondi.it SPINELLI GALLERIA DEL MOBILE SAS V.LE REPUBBLICA 1- 20035 LISSONE (MB) 039/481265-2459373 spinellimobili@ gmail.com ARREDAMENTI ROMANONI S.R.L.VIA MOLINO TRE MOLE, 1 - 27100 PAVIA (PV) 0382466548 info@romanoniarredamenti.it DOMUS SRL CORSO TOGLIATTI, 41 - 27029 VIGEVANO (PV) 0381/311608 domusarredamenti@libero.it SUARDI ARREDAMENTI S.R.L. VIA ADAMELLO, 2/A - 27010 SIZIANO (PV) 0382/617884 info@suardi.com G.F. DI FIORONI WALTER & C. SAS VIA SAMBUCO, 4 - 23011 ARDENNO (SO) 0342/662224 areatecnica@gfarredamenti.com MOBILIFICIO BOTACCHI S.R.L.VIA STELVIO, 45 23030 CHIURO (SO) 0342/482601ufficio.vendite@mobilificiobotacchi.191.it ARREDAMENTI ARIES DI ARIES LAURA VIA MILANO, 8 - 21023 BESOZZO (VA) 0332770809 arredamentiaries@libero.it CASA DELLA CAMERETTA (BRIANCESCO) VIA TORRICELLI, 3 S.S. VARESINA - 21049 TRADATE (VA) 0331-840702 info@casadellacameretta.com CENTRO ARREDAMENTO TOSI SNC VIA G.FANTI 6 - 21050 BUSTO ARSIZIO (VA) 0331/635110 mr_hub73@hotmail.com COLOMBO ARR.TI S.R.L. VIA EMILIA, 4 - 21013 GALLARATE (VA) 0331/790207 colombo.arredamenti@tin.it IL MOBILE DI VARESE S.R.L. VIA DANDOLO, 55 - 21100 VARESE (VA) 0332/286510 marianna@ilmobiledivarese.it MOBILI SALA DI SALA MASSIMO & C. SAS VIA MANZONI, 40 - 21018 SESTO CALENDE (VA) 0331/924760 mobilisa1@mobilisala.191.it RESTELLI ARREDAMENTI S.R.L. VIA G.P. CLERICI, 93/A - 21040 GERENZANO (VA) 02/96481154 info@restelli.it MARCHE MOBILEMME DEI F.LLI M.& G.MEZZELANI SNC VIA DELLARTIGIANATO, 10 - 60027 OSIMO (AN) 071-717600 info@mobilemme.it PARADISI ARR.TI DI PARADISI F. & C. SNC VIA SS.CROCEFISSO, 25 - 60010 OSTRA VETERE (AN) 071965968 info@paradisiarredamenti.it STUDIO MAISON S.R.L.VIALE DELLA VITTORIA, 16 - 60030 JESI (AN) 073156880 info@studiomaison.it CONTEMPORANEO SNC VIA SEVERINO MEM, 2 - 60030 SERRA DE CONTI (AN) 0731/879547 info@contemporaneohouse.it EUSEBI ARREDAMENTI SRL VIA CAPO DI TERMINE 1 - 63038 RIPATRANSONE (AP) 0735753322 eusebi@eusebi. it PROPOSTE INTERNI S.R.L. VIA DEL COMMERCIO, 3 - 62010 MONTECASSIANO (MC) 0733/290047 marta@proposteinterni.it AGOSTINI ARR.TI SNC DI AGOSTINI F. & C.VIA ROMA, 87 - 61032 FANO (PU) 0721805073 agostiniarredamenti@interfree.it SPADONI ARREDAMENTI S.R.L. VIA FLAMINIA, 1 - 61032 FANO (PU) 0721/860945 spadoni.arredamenti@gostec.net MOLISE DURBANO ARR.TI S.R.L. VIA BARI, 61 - 86034 GUGLIONESI (CB) 0875/681013 infoarredamenti@interfree.it PIEMONTE ALLIEVI LUIGI & C. S.N.C. VIALE RIMEMBRANZA, 137- 15067 NOVI LIGURE (AL) 0143/322263 mobilificioallievi@libero.it IDEAL MOBILI SNC DI CANCELLIER & DRERA STRADA CASALE-VALENZA, 1/3 -15032 BORGO S.MARTINO (AL) 0142/429435 ideal.mobili@virgilio.it GAREFFA GIANMARCO VIA MONTE RAINERO, 37/E - 14100 ASTI (AS) 0141598390 emporio.casa@alice.it PIA MOBILI DI PIA SERGIO E ROBERTO SNC FRAZIONE REPERGO, 32 - 14057 ISOLA DASTI (AS) 0141/958767 piamobili@katamail.com CENTRO CUCINE MONTEFERRARIO SNC VIA MILANO, 76 - 13856 VIGLIANO BIELLESE (BI) 015/510583 cucine@centrocucinemonteferrario.it MARTINA DESIGN PER ARREDARE SNC SS. LAGHI DI AVIGLIANA, 163 - 12030 MANTA DI SALUZZO (CN) 0175/86313 info@martinadesign.it MOBILI PAROLA ANDREA & C. SNC VIA PO 1, SS. LAGHI AVIGLIANA - 12022 BUSCA (CN) 0171/946715 info@parolamobili.it MOBILI TRE DI SAS VIA VALLE MACRA, 1 - 12060 MAGLIANO ALPI (CN) 017466154 sandra@mobilitredi.com MOBILI COMINAZZI SNC VIA MARTINETTI 223 - 28010 CAVALLIRIO (NO) 0163806045 mobilicominazzi@libero.it PORZIO GIOVANNI ARR.TI VIA ROMA, 24 - 28068 ROMENTINO (NO) 0321860630 spazio_porzio@alice. it BELLATO MOBILI DI ROMANO BELLATO CORSO MONCENISIO 19 - 10090 ROSTA (TO) 011/9567773 bellatomobili@yahoo.it CEI S.R.L. VIA REISS ROMOLI, 12 - 10155 TORINO 0112467292 betta.cei@libero.it CONTE ARREDAMENTI S.A.S.STRADA TORINO, 59/61 - 10040 LEIN (TO) 011/9980106 conte@contearredamenti.it GROBBO ARREDAMENTI SAS VIA C.BATTISTI, 26/29 - 10020 CAMBIANO (TO) 0119440282 info@grobboarredamenti.it IL CUBO DESIGN & FURNITURE S.A.S. SP. 460 REG. S.MARTINO 17/B - 10087 VALPERGA (TO) 0124-493719 info@ilcubo.it IMMAGINE ARR.TI SRL - STUDIO DINTERNI C.SO VITTORIO EMANUELE, 68 - 10121 TORINO (TO) 0115621437 info@immagine-arredamenti.191.it KREOCASA S.R.L. VIA GUIDO RENI, 229 - 10137 TORINO (TO) 0113098301 info@kreocasa.it MOBILIFICIO REGINA S.R.L. VIA BAGETTI, 15 - 10143 TORINO (TO) 011/5215265 regina.mobili@gmail.com NUOVE DIMENSIONI DI GAREFFA G. & C. SNC VIALE VITTORIO VENETO, 16 - 10034 CHIVASSO (TO) 0119101295 giovanni. centrone@fastwebnet.it PIVATO SAS DI PIVATO CLAUDIO E DARIO PIAZZA LUIGI REY, 16 - 10048 VINOVO (TO) 0119651246 pivatomobili@libero.it ARR.TI POSSETTI DI POSSETTI MARCO FRAZ. PONTETTO, 2 - 28864 MONTECRESTESE (VB) 0324/232900 info@possettiarredamenti.it PUGLIA ANGIOLA ARR.TI VIA ACQUAVIVA 2 - 70029 SANTERAMO IN COLLE (BA) 080/3022200 commerciale@angiolaarredamenti.it ARR.TI VITO LUCAMANTE & C. SAS VIA P. AMEDEO 322/A-B 324-326 - 70122 BARI (BA) 080/5232349 lucamante.arr-ti@libero.it GIARI ARREDAMENTI S.R.L. VIA EPIFANIA, 83 - 70010 CAPURSO (BA) 080/4553373 info@giariarredamenti.it LOVI CASA DI ANTONIO LORUSSO VIA G.AMENDOLA, 126 - 70126 BARI (BA) 080/5539975 lovi@lovicasamobili.it MOB.LA LANTERNA SAS DI MARASCIULO G.& C.VIA LEPANTO 38 - 70043 MONOPOLI (BA) 080/8872137 lalanternamobili@ yahoo.it MOBILIFICIO TORINESE S.R.L. VIA FOGGIA 165 - 70051 BARLETTA (BA) 0883-510444 info@ mobilificiotorinese.it MOBILIFICIO VALENTE SAS DI VALENTE P.& C.VIA G.BOVIO, 286 - 70052 BISCEGLIE (BA) 0803955770 info@arredamentivalente.it MOBILMANIA SAS DI FUSILLO ANDREA & C.VIA SALVO DACQUISTO, 7 - 70015 NOCI (BA) 080/4972751 info@mobilmania.it NUOVO SPAZIO ARREDAMENTI S.R.L.VIA PARISI, 99 -70022 ALTAMURA (BA) 0803103050 info@nuovospazioarredo.it PIERO PONZONI ARREDAMENTI S.R.L. CONTRADA S.SIMEONE, 84/A - 70026 MODUGNO (BA) 080/5057474 ponzonimobili@libero.it STRIPPOLI MOBILI S.R.L. SS.98 KM.50 - 70033 CORATO (BA) 080/8724393 stripmob@ tin.it VINCENZO SICOLO DI SICOLO V. & C. SNC VIA P. SCOPPIO, 2 (ZONA ART.LE) - 70032 BITONTO (BA) 080/3717674 info@sicoloarredamenti.com ANGELINI TRADE S.R.L. VIA DELLINDUSTRIA, 45 - 72015 FASANO (BR) 080/4420675 info@angeliniarredamenti.it ARREDAMENTI DANGELO S.A.S.VIA TELESFORO,

design Simone Micheli R&S Euromobil

by Gruppo Euromobil: Euromobil cucine, Zalf mobili, Dsire Divani


178 - 71100 FOGGIA (FG) 0881/741743 dangelo@dangeloarredamenti.com BALDASSARRE MATTEO VIA DI VITTORIO, 167-169 A-B-C - 71043 MANFREDONIA (FG) 0884/541964 arredamenti.baldassarre@tin.it CIAVARELLA ARREDAMENTI S.R.L. PIAZZA ERNESTO DE MARTINO, 17 - 71014 SAN MARCO IN LAMIS (FG) 0882459719 arrediciavarella@yahoo.it MOB.CIO ITALIA DI CAPUTO GIUSEPPE SAS VIA MANFREDONIA, KM. 0,700 - 71042 CERIGNOLA (FG) 0885/429396 info@mobilificioitalia.com PALMA ARR.TI DI PALMA CAROLINA VIA EMILIO, 29 - 74100 TARANTO (TA) 099/377017 palmarredamenti@interfree.it REPUBBLICA DI SAN MARINO (SM) MOBILIFICIO GENNARI SRL VIA 3 SETTEMBRE, 224 - 47031 DOGANA (SM) 0549/905305 info@mobiligennari.com SARDEGNA CANNAVERA ARR.TI DI F. CANNAVERA & C.SNC VIA DEI CARROZ, 26 - 09131 CAGLIARI (CA) 070/505505 info@cannavera.it GUTTUSO ARREDAMENTI SAS VIA ROMA, 72/B - 09124 CAGLIARI (CA) 070/663530 guttusoarredamenti@tiscali.it MANCA SERGIO VIA CARMINE, 2 - 09032 ASSEMINI (CA) 070/941124 arredamentimanca@alice.it ZANDARA YOUNG S.R.L. VIALE MARCONI, 202 - 09131 CAGLIARI (CA) 070/4525675 zandaradesign@tiscali.it ART DESIGN DI CASULA MARIA & C. SNC VIA OGGIANO, 72 - 08100 NUORO (NU) 078437368 arr.art-design@tiscali.it ARCHETIPO S.R.L. VIA POZZO, 1/A - 07026 OLBIA (OT) 0789/603003 cookycucine@virgilio.it ARTEX CASA S.R.L. VIA ZARA, LOC. S.PANTALE - O7026 OLBIA (OT) 078965424 artexcasa@tiscali.it APEDDU ARREDAMENTI S.R.L. VIALE PORTO TORRES, 44 - 07100 SASSARI (SS) 079260254 direzione@apedduarredamenti.it FERRONI ARNALDO SNC DI ROBERTO & AURELIO VIA GIOVANNI XXIII, 47 - 07041 ALGHERO (SS) 079/978782 ferroniarredamenti@tiscali.it MOBILIA & C. DI TAVERA PASQUALE CORSO VITTORIO EMANUELE, 284 - 07044 ITTIRI (SS) 079442366 mobilia@mobiliaeco.it STILMOBIL S.R.L. Z.I. STRADA STATALE 131 KM.202 - 07030 MUROS (SS) 079345151 stilmobil@stilmobilsassari.it SICILIA SPINA ARREDI DI SPINA MARIO VIA W.A.MOZART 32 - 93012 GELA (CL) 0933835292 info@ spinaarredi.com ABITARE S.R.L. VIA PASUBIO, 2 - 95129 CATANIA (CT) 095376766 info@vogliadiabitare.com IN CASA S.R.L. VIA GARIBALDI, 29/A - 95020 ACI BONACCORSI (CT) 0957899190 incasasrl@ beppeliotta.it SPAZIO DI GAETANO GROSSO VIA MADONNA DELLA VIA, 45/A - 95041 CALTAGIRONE (CT) 0933/25481 info@spaziocaltagirone.it ZARB & FIGLI S.R.L.VIA ANDRONE, 42/51 - 95124 CATANIA (CT) 095/320221 zarba.arredamenti@tiscali.it DI STEFANO MOBILI SAS DI DI STEFANO R.&C VIA PERGUSINA - COMPL. ENNADUE - 94100 ENNA (EN) 093541008 riccardo@distefanomobili.it LIVING DI BOVE ALEXANDRO & C. SAS VIA DEL MARE, 114 - 98051 BARCELLONA POZZO DI GOTTO (ME) 0909762996 living@livingweb.it MOLLURA & C. S.R.L. SS. 114 KM.6,400 - TREMESTIERI - 98128 MESSINA (ME) 0906258945 info@mohd.it OTTAGONO ARCH. DINTERNI DI R.MANTARRO CORSO REG. MARGHERITA, 591/3 - 98028 S.TERESA DI RIVA (ME) 0942/793105 info@ottagonodesign.com HS SRL S.S. 285, KM 8,300 - 90012 CACCAMO (PA) 091/6250175 commerciale@sunseri.it ARR.TI BARONE ROSARIO & C. SAS VIA CAV. VITTORIO VENETO, 36 - 97019 VITTORIA (RG) 0932/987937 design@ baronearredamenti.it SPAZIO ARR.TI VIA ARCHIMEDE, 122 - 97100 RAGUSA (RG) 0932229744 info@ spazioragusa.it DE LUCA ARREDA S.R.L. SS.124 FLORIDIA-SIRACUSA K.109 - 96014 FLORIDIA (SR) 0931545054 info@delucaarreda.it FORMA DI BELLOMARE FILIPPO VIALE ITALIA, 113 - 96011 AUGUSTA (SR) 0931/991010 filippo.bellomare@fastwebnet.it ARDAR STORE S.R.L. VIA BALATELLE, 27 - 91011 ALCAMO (TP) 0924/22860 ardar.ardar@tin.it TOSCANA STUDIO DINTERNI SNC DI BELTRAMI E GALASSI VIA G.FRACASSI, 1 - 52029 CASTIGLION FIBOCCHI (AR) 0575/47055 info@studiodiinterni.com ARREDAMENTI F.LLI ALDERIGHI VIA GRAMSCI, 26 - 50050 LIMITE SULLARNO (FI) 0571/57070 arredfllialderighi@alice.it LAMA S.R.L. VIA G.AMENDOLA, 8 50058 SIGNA (FI) 055/875249 tecnico@lamaarredamenti.it SPAGNOLI NOVARO SNC PIAZZA UMBERTO I, 16/17 - 50015 GRASSINA (FI) 055640034 spagnoli.online@tin.it SPAZIO E FORME S.R.L. VIA PIER PAOLO PASOLINI, 50 - 50013 CAMPI BISENZIO (FI) 055/895731 info@spazioeforme.com HABITAT INTERNI S.R.L. VIA AURELIA NORD, 26/A - 58100 GROSSETO (GR) 0564/412140 info@habitatinternigrosseto.it ARR. TI BARLETTA DEI F.LLI BARLETTA & C.SNC VIA AURELIA, 2/C - 57024 DONORATICO (LI) 0565/777187 info@arredamentibarletta.it ARR.TI FIASCHI ANDREA & C. SAS VIA CARDUCCI, 160 - 57037 PORTOFERRAIO (LI) 0565-914191 info@fiaschiarreda.it BLUSCURO HOMEDESIGN DI BENUCCI GRAZIANO VIA TRIESTE, 12/14 - 57029 VENTURINA (LI) 0565857008 bluscurobenucci@interfree.it MF ARREDAMENTI SAS VIA DEGLI ACQUAIAOLI 36 - 57121 LIVORNO (LI) 0586405213 mf.arredamenti@libero.it PASQUINI ROMANO VIA AURELIA SUD,CENTRO ITALMAC - 55049 VIAREGGIO (LU) 0584/392701 ufficiocommerciale@romanopasquini.it PELLEGRINI ARREDAMENTI S.R.L.VIA ROMANA, 31/42 - 55012 ANTRACCOLI (LU) 0583/952391 info@arredamentipellegrini.it ARR.TI BATTAGLIA DINO DI EZIO & S.LLE SAS VIA ALDO MORO, 121 - 54028 VILLAFRANCA LUNIGIANA (MS) 0187/493007 luca@battagliarredamenti.it F.LLI MAZZI S.R.L. VIA CATAGNINA, 11 - 54100 MASSA (MS) 0585/831036 info@mazziarredamenti. com CARDINI HOME DESIGN S.R.L. PROVINCIALE LIVORNESE EST, 230 - 56030 PERIGNANO LARI (PI) 0587/616062 commerciale@cardini.it MOBILI BIONDI SAS DI BIONDI SERGIO & C. VIA PISANA, 33/B 56048 VOLTERRA (PI) 0588/81136 info@mobilibiondi.it GI.EMME CUCINE DI MENCHI GUALT. & C. SNC VIA STATALE FIORENTINA, 177/A - 51038 OLMI (PT) 0573718986 info@giemmecucine.com MOBILI CECCONI DI BIAGINI VALERIA &C.SNC VIA BOLOGNA, 95 - 59100 PRATO (PO) 0574-464295 info@ cecconiarredamenti.it EUROMOBILI S.R.L. VIA G. DI VITTORIO, 56 - 53040 BETTOLLE - SINALUNGA (SI) 0577/624777 info@euromobilidesign.it MOB.CIO FURZI SNC DI FURZI MARIA, JULA & C. VIALE VESPA, 488 - 53025 PIANCASTAGNAIO (SI) 0577/786019 marco@furzi.com MOBILI CONTI E ANSELMI SNC LOC. PONTE FECCIA 130/A - 53012 CHIUSDINO (SI) 0577/751075 contieanselmi@libero.it SACCHINI ARREDA S.R.L. VIA PISANA, 173/175 - 53035 POGGIBONSI (SI) 0577/987211 info@sacchiniarreda.com TRENTINO ALTO ADIGE CASTIGLIONI & GITZL S.R.L. VIA DANTE 35/A - 39042 BRESSANONE (BZ) 0472/830936 LOFT 21 SNC VIA MENDOLA, 21/D - 39100 BOLZANO (BZ) 0471260149 info@loft21.it MOBILI PLANER SRL VIA BOLZANO 12 - 39057 S. MICHELE APPIANO (BZ) 0471/671000 info@planer.it AGOSTINI ARREDAMENTI S.A.S. VIA DELLA PAUSA, 92 - 38010 MOLLARO DI TAIO (TN) 0463/469231 info@agostiniarredamenti.it ARR.TI EUROMOBIL DI FABBIANI GIOVANNI LENO CENTER - VIA MAIOLICHE 137 - 38068 ROVERETO (TN) 0464/423571 luca@archfabbiani.com ARR.TI SERAFINI & C. SAS VIA CESARE BATTISTI, 36 - 38077 PONTE ARCHE (TN) 0465/701455 info@serafinidesign.it MOBILI MATTEOTTI FRANCESCO S.R.L. STR. GARDESANA OCCIDENTALE 15B - 38074 DRO (TN) 0464504360 mobilimatteotti@libero.it MOBILI ZENI LINO S.R.L. VIA POSTAL, 29 - 38010 GRUMO S.MICHELE ALLADIGE (TN) 0461/650476 info@mobilizenilino.it UMBRIA ARREDAMENTI COLLARETTI S.R.L. LOC. S.CHIODO - 06049 SPOLETO (PG) 0743223163 info@collaretti.com MANDARINI NICOLA & FIGLIO S.R.L. VIA FERRIERA, 52 - 06089 TORGIANO (PG) 075/5990662 nicoletta@mandarini.com MOBILI MAGALOTTI VIA FRANCESCO NARDI 17 - 06017 SELCI DI SAN GIUSTINO UMBRO (PG) 075/8583434 mobilimagalotti@alice.it MOBILIA SCATENA SNC DI BATTAGLINI G.& C.VIA MONTELLO, 11- 06024 GUBBIO (PG) 075919305 info@mobiliascatena.it CASARREDO SNC VIA MAESTRI DEL LAVORO 56 - 05100 TERNI (TR) 0744/811508 info@casarredolockmann.com URBANI MOBILI SRL VIA NAZIONALE 87/C - 05010 FABRO SCALO (TR) 0763/832073 info@urbanimobili.it VALLE DAOSTA CASA PI DI PARRINI & C. SAS LOC. GRAND CHEMIN, 16 - 11020 SAINT CHRISTOPHE (AO) 0165/236795 info@casapiuarredamenti.it MOB. PRAMOTTON G. & C. SAS FRAZIONE BREIL, 2 11020 NUS (AO) 0165/767692 - 767952 info@pramottonmobili.it VENETO SERGIO SANSON ARREDAMENTI S.R.L. VIA FELTRE, 82/G - 32036S EDICO (BL) 043782695 info@sansonarredamenti.it SOMMARIVA DI DAMIAN MAURIZIO SNC VIALE CADORE, 57 - 32014 PONTE NELLE ALPI (BL) 0437/99336 sommariva.mobili@fastwebnet.it ARZENTON MOBILI S.R.L. VIA ROMA, 26 - 35040 PONSO (PD) 0429/95022 este@mobili-arzenton.it DE TONI SAS DI DE TONI MARCO MARIA & C. VIA CASTELLANA 68, SP.53 KM.30 - 35018 SAN MARTINO DI LUPARI (PD) 049/5952100 info@detoniarredamenti.it INTERNI S.R.L.VIA VALMARANA, 67 - 35027 NOVENTA PADOVANA (PD) 049/8930470 marco.interni@libero.it MAGGIOLO LUCIANO CUCINE E ARREDAMENTI VIA EUGANEA, 5/A - 35033S. BIAGIO DI TEOLO (PD) 049/9902165 info@maggioloarredamenti.it MARCATO ARREDAMENTI VIA ROMA, 175 - 35010 VIGODARZERE (PD) 049/8871270 amministrazione@marcatoarredamenti.it RONCATO REMO VIA POZZETTO, 71 - 35017 PIOMBINO DESE (PD) 049/9365037 info@roncato.it VALENTINI INTERIORS SNC SS. DEL SANTO, 40 - 35010 CADONEGHE (PD) 049/700699 chiara@valentini-interiors. it VOLTAN INDUSTRIA MOBILI SNC VIA 2 GIUGNO, 235 - 35020 LEGNARO (PD) 049641083 info@voltanindustriamobili.it CALLEGARO ARREDA DI CALLEGARO GIORGIO GALLERIA A. BALOTTA, 4 - 45100 ROVIGO (RO) 042527459 callegarogianpietro5@gmail.com CASABELLA ARREDAMENTI S.N.C.VIA P. GEMELLI, 36 - 31040 POSTIOMA DI PAESE (TV) 0422/99051 ivanodelazzari@casabella.org DIEFFE S.R.L. CORTE MAGGIORE, 20 - 31044 MONTEBELLUNA (TV) 0423609919 info@studio-df.net GIRARDI ARR.TI DI GIRARDI RENATO & C.SNC VIA I MAGGIO, 72 - 31059 ZERO BRANCO (TV) 0422/485706 girardiarredamenti@libero.it ATTICO INTERNI VIA TEMPESTA, 57/A - 30033 NOALE (VE) 0415801974 info@atticointerni.it MUSE & SOF - FLEGIMA S.R.L. PIAZZA GIORDANO BRUNO, 21 - 30175 MESTRE (VE) 041/5040230 TREVISAN MOBILI SNC DI ALDO TREVISAN & C. VIA PADANA - 30030 MALCONTENTA (VE) 041921747 vera@gruppotrevisan.it ABITARE MOBILTRE VIA VERONA, 20/22 - 37012 BUSSOLENGO (VR) 045/7151166 abitare@mobiltre.net ARCHITETTURA DINTERNI ZOCCATELLI A. SNC VIA CAPITELLO, 15 - 37060 LUGAGNANO DI SONA (VR) 045/984539 info@zoccatellialbino.it ARR.TI FREDDO SNC DI GONZATO MASSIMO & C. VIA VILLAFONTANA, 221/A - 37050 VILLAFONTANA DI OPPEANO (VR) 0456989020 info@freddo-arr.it ARREDO DESIGN SNC CORSO VENEZIA 143/A - 37131 VERONA (VR) 045/8402337 arredo.design@libero.it MASSIGNAN SAS DI MASSIGNAN GIORGIO & C. VIA MANTOVANA, 83/E - 37137 VERONA (VR) 045/953410 info@massignan.com SELEZIONE ARR.TI S.R.L. VIA F.GAROFOLI, 299- 37057 SAN GIOVANNI LUPATOTO (VR) 045/545691 info@selezionearredamenti.com SQUASSABIA ARR.TI BY SQUASSABIA GROUP S.P.A.VIA STRADONE 13 - 37060 RONCOLEVA DI TREVENZUOLO (VR) 045/7350162 servizio.clienti@squassabia.com VIVI LATUACASA S.R.L.VIA FONTANA 3/C - 37054 NOGARA (VR) 0442/510756 info@vivi-latuacasa.com CASA DESIGN - DE MARCHI ARREDAMENTI VIA FERRARO, 21 - 36061 BASSANO DEL GRAPPA (VI) 0424-567756 info@demarchiarreda.com DAL ZOTTO S.R.L. VIA S.DOMENICO SAVIO, 3 - 36036 TORREBELVICINO (VI) 0445/512100info@dalzottoarredamenti.it DE MARCHI ARREDAMENTI S.R.L. VIA BRENTA, 19 - 36055 NOVE (VI) 0424/828246 info@demarchiarreda.com IL TETTO SAS DI FAVA G. & C. SAS VIA RIVIERA BERICA, 77 - 36024 NANTO (VI) 04441446305 info@iltettoarredamento.it MOBILIFICIO ROSSI SAS DI ROSSI CARLO & C. VIA DEL COSTO, 48 - 36016 THIENE (VI) 0445/362513 info@mobilificiorossi.it SILVESTRI ARREDAMENTI SNC VIA CHIESA, 5 - 36050 POZZOLEONE (VI) 0444462229 silvestri@silvestriarreda.it ARR.TI ZANCAN C.SO SS. FELICE E FORTUNATO, 76 - 36100 VICENZA (VI) 0444/236451 zancan.arred@libero.it

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Cronache 29
La decisione di Galan

Napoli Inchiesta Grandi eventi, verifiche su De Lise

Appalti truccati nei lavori di restauro del teatro San Carlo


Costi lievitati di 20 milioni di euro
DAL NOSTRO INVIATO

Venezia, Sgarbi non diventer sovrintendente


ROMA Con una scelta adottata in totale solitudine, come sottolineano i suoi collaboratori, ieri il ministro per i Beni culturali Giancarlo Galan ha scritto a Vittorio Sgarbi, spiegandogli perch ha deciso che non sar lui il nuovo sovrintendente al polo museale speciale di Venezia e che la scelta cadr su un dirigente interno allamministrazione. Dopo la sentenza della Corte dei Conti, Galan ha capito che non esistevano le condizioni per affidare lincarico al di l dei candidati concorrenti al bando e che hanno i titoli necessari secondo la legge: Galan avrebbe dovuto affrontare nuovi ricorsi e probabili nuovi invalidamenti, com avvenuto con lultima nomina di Sgarbi, dichiarata illegittima proprio dalla Corte dei Conti. In una lettera, Galan chiede a Sgarbi di non aprire nuovi contenziosi: Sono certo che in cuor tuo sai che la scelta compiuta lunica percorribile, se si vogliono evitare ulteriori ritardi e contenziosi che in questo momento Critico Sgarbi non gioverebbero a nessuno. Quanto al suo incarico di responsabile del padiglione Italia alla Biennale gli assicura massima collaborazione: Un obiettivo cui dar il mio pi convinto sostegno, trattandosi di un progetto di grande rilievo per ledizione 2011 della storica manifestazione... La mia e la tua lunga attivit politica ci insegnano che non sempre gli obiettivi si possono perseguire attraverso le normali procedure amministrative.

NAPOLI Gara truccata per lassegnazione dei lavori di ristrutturazione del San Carlo di Napoli. Il sospetto, pesantissimo, emerge dallinchiesta avviata dai magistrati partenopei sui Grandi eventi che riguarda i criteri seguiti dalla Struttura di missione della Ferratella, delegata dal governo a gestire delle commesse, che aveva inserito lappalto da 55 milioni di euro nellelenco degli interventi previsti per le celebrazioni dellUnit dItalia, anche tenendo conto che il teatro parte del patrimonio mondiale dellUnesco. E lo aveva fatto lievitare fino a 75 milioni. Le verifiche riguardano anche lattivit del Consiglio di Stato guidato da Pasquale De Lise, visto che lazienda esclusa e poi riammessa era assistita in giudizio da suo genero, lavvocato Patrizio Leozappa. Nel fascicolo napoletano trasmesso qualche settimana fa per competenza ai colleghi di Roma tornano dunque gli stessi nomi e le stesse procedure gi emerse nelle indagini dei pubblici ministeri di Firenze e Perugia sullaffidamento delle commesse durante la gestio-

ne del provveditore Angelo Balducci e dei funzionari che collaboravano con lui. Basti pensare che il presidente della commissione aggiudicatrice per il San Carlo era Claudio Rinaldi, il commissario dei Mondiali di nuoto accusato di corruzione per i suoi rapporti con lo stesso Balducci e con limprenditore Diego Anemone che gli avrebbe depositato soldi su un conto di San Marino. La procedura inizia nel luglio 2008: si stabilisce lo stanziamento e si apre il bando. Lappalto viene assegnato alla Cobar, capofila di unassociazione temporanea dimprese, nonostante il reclamo di una ditta concorrente, la Pa.Co. Costruzioni, che contesta il rispetto del bando. Il disciplinare di gara prevede, per la partecipazione di associazioni o consorzi, che la fideiussione mediante la quale viene costituita la cauzione provvisoria dovr a pena di

Il parente Le ditte riammesse erano difese dal legale Leozappa, genero del presidente del Consiglio di Stato

esclusione essere necessariamente intestata a tutte le imprese che costituiranno il raggruppamento, ma Cobar non ha rispettato la clausola. Quanto accade in seguito viene ricostruito nellinformativa della polizia che ha eseguito le verifiche per conto del sostituto procuratore Graziella Arlomede. Nonostante la violazione si legge nella relazione la commissione aggiudica lappalto alla Cobar, prima in via temporanea, come previsto dalle procedure, poi circa un mese dopo in via definitiva nonostante la manifesta irregolarit procedurale e quindi in violazione della normativa vigente. A questo punto la Pa.Co. presenta ricorso al Tar. Il 17 dicembre 2008 ottiene ragione. I giudici amministrativi annullano gli atti di gara impugnati e condannano la presidenza del Consiglio dei ministri-Struttura di missione al risarcimento dei danni per oltre un milione di euro. I lavori eseguiti dalla Cobar vanno avanti. Il restauro riguarda lintero teatro, dal foyer al palcoscenico, dalla platea ai palchi, dai camerini agli scaloni. Salgono i costi, aumentano i subappalti. Intanto la stessa Cobar presenta ricorso al Consiglio di

75
Riapertura Linaugurazione del Teatro San Carlo di Napoli dopo il restauro il 27 gennaio 2010: and in scena La clemenza di Tito di Mozart

Milioni di euro il valore (lievitato) dellappalto per risistemare il teatro San Carlo

Stato. Che ribalta il verdetto. Scrivono gli investigatori nella loro relazione: opportuno rimarcare che gli interessi della Cobar venivano tutelati dallavvocato Patrizio Leozappa, genero del neopresidente del Consiglio di Stato De Lise, soggetto estremamente chiacchierato per aver emesso sentenze a favore delle parti assistite dal genero, poi completamente ribaltate da altri tribunali. Per i magistrati che hanno indagato sui Grandi eventi quello di Leozappa un nome noto, visto che proprio Balducci gli chiese

di assisterlo nelle cause amministrative che riguardavano le ordinanze sui Mondiali di nuoto. Scelta condivisa da altri imprenditori poi finiti nelle indagini sugli appalti per il G8 e per le celebrazioni dellUnit dItalia. Poich il provvedimento di esclusione dalla gara vincolato alla violazione di una clausola del disciplinare, indubbio che la Cobar doveva essere esclusa, evidenziano gli investigatori. Ora i magistrati romani dovranno stabilire chi ha violato le norme.

Paolo Conti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Fiorenza Sarzanini
RIPRODUZ ONE RISERVATA

30 Cronache
#

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Sanit Il capo dei presidi: Pronti a aumentare le matricole

Ospedali senza medici Via il numero chiuso


La Lombardia vuole abolire lo sbarramento nelle facolt
MILANO Stop al numero chiuso nelle facolt di Medicina. Con le iscrizioni allOrdine dei medici in caduta libera, il rischio altrimenti di essere costretti a importare giovani laureati dallestero. Lo dice lassessore alla Sanit della Lombardia, Luciano Bresciani (Lega). La provocazione arriva assieme alle tabelle che fotografano lemorragia inesorabile di dottori. Nei prossimi cinque anni gli ospedali sono destinati a svuotarsi: ci sono pi pensionamenti che ingressi in corsia. Secondo le previsioni in Lombardia mancheranno di qui al 2015 almeno 7.600 camici bianchi (il 40% di quelli attuali). Presenter la proposta domani ai presidi delle sei facolt di Medicina lombarde dice lassessore Luciano Bresciani . La mia idea di studiare un progetto pilota a livello regionale per aumentare gli iscritti a Medicina. Il problema da risolvere lemergenza medici. Una questione che, come emerso pi volte, non riguarda solo la Lombardia, ma tuttItalia. Ovunque, infatti, le corsie si stanno spopolando per londata di pensionamenti dovuti allet media avanzata dei camici bianchi (56 anni). Secondo il Piano sanitario 2011-2013, approvato a gennaio dal Consiglio dei ministri, nel giro di cinque anni andranno in pensione 17 mila dottori. E la crisi, per la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) guidata da Amedeo Bianco, rischia di essere ancora pi grave: dagli attuali 294.971 camici bianchi (tra medici di famiglia, ospedalieri, pediatri di libera scelta e professionisti della Guardia medica) si scender a 253.420 (41 mila 550 in meno). necessario, quindi, correre in fretta ai ripari. Finora la richiesta principale avanzata al ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca (Miur) stata quella di aumen-

Negli atenei
Il numero chiuso Nelle facolt di Medicina, il numero chiuso stato introdotto alla fine degli anni Novanta, per regolamentare il boom di richieste. Il calo di numeri subentra con la specializzazione e la carenza di borse di studio Gli iscritti in aumento Nellanno accademico 2009/2010 gli iscritti alle facolt di Medicina in tutta Italia erano circa 9 mila, contro i quasi 7.000 di dieci anni fa. Le aspiranti matricole nel settembre 2010 sono state 90.000, ma i posti a disposizione negli atenei erano soltanto 8.755

tare il numero dei contratti finanziati dallo Stato per le scuole di specializzazione. Ogni borsa di studio vale 30 mila euro. Le cinquemila di oggi, limitate anche per motivi economici, sono considerate insufficienti. di sabato scorso la protesta, sempre per restare in Lombardia, del governatore Roberto Formigoni: Il numero di posti di specializzazione messi a disposizione non sufficiente per coprire il fabbisogno di medici denuncia Formigoni . Abbiamo chiesto al Miur di avere 527 borse di studio in pi ogni anno. quanto ripete da anni il presidente della Fnomceo, Amedeo Bianco: Bisogna programmare correttamente la formazione in base al numero di medici necessari negli ospedali. uno sforzo che non pu pi essere rimandato.

Ma adesso lassessore lombardo Luciano Bresciani va oltre. E, con la sua idea di abolire lo sbarramento per lingresso nelle facolt di Medicina, tocca un altro nervo scoperto. quello dei test dingresso, spesso contestati per la loro inadeguatezza nella selezione dei candidati migliori. Lanno scorso li

hanno sostenuti 90 mila aspiranti dottori, per soli 8.755 posti a disposizione. Spiega Eugenio Gaudio, alla guida della Conferenza dei Presidi delle facolt di Medicina e Chirurgia: Il numero di matricole ammesse va ritoccato allins del 20%. Con almeno duemila ammessi in pi allanno. Noi siamo pron-

Le previsioni Pi pensionamenti che assunzioni. Nei prossimi 5 anni mancher il 40% dei dottori ora in corsia

ti a farlo, ma ci vuole il via libera del Miur. E sul tavolo del ministero di Mariastella Gelmini resta aperta anche la sfida di migliorare il questionario dammissione, che prevede 80 domande multiple, la met di logica e cultura generale, 18 di biologia, 11 di chimica e 11 di fisica e matematica. allo studio lipotesi di prendere in considerazione il voto di maturit sottolinea Vincenzo Ziparo, preside di Medicina e Psicologia de La Sapienza di Roma . Sar analizzata anche lintroduzione di una graduatoria unica nazionale, considerata pi equa, al posto di quella odierna, realizzata ateneo per ateneo. Noi gi da questanno ne sperimenteremo una unica per le nostre tre facolt di Medicina. Insomma, anche lopportunit di migliorare il test dingresso allordine del giorno. La sua eliminazione tout-court rischia di scontrarsi, invece, con la capacit degli atenei di ospitare una pletora di studenti e con la drastica riduzione dei docenti. dello scorso luglio lallarme del preside di Medicina della Statale di Milano, Virgilio Ferruccio Ferrario. La rottamazione dei prof che compiono 70 anni ne mander in pensione, solo alla Statale, almeno 73 entro il 2015. Quasi uno su due. Meno medici, ma anche meno docenti.

Simona Ravizza
sravizza@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Barcellona

Parioli

Incendio alla Sagrada Familia

Riciclaggio: 3 indagati tra i clienti


ROMA Salgono a tre gli iscritti nel registro degli indagati con laccusa di riciclaggio nellinchiesta sulla maxitruffa ai Parioli. Lipotesi che i prodotti finanziari della Egp di Gianfranco Lande siano serviti a riciclare capitali sporchi e che, oltre a Lande (e ai suoi soci), altre persone se ne siano servite per ripulire denaro della criminalit organizzata. Fra gli indagati sarebbero finiti un mediatore, Matteo Cosmi e Giuseppe Giuliani Ricci: gli ultimi due avrebbero investito soldi del clan dei Piromalli. Intanto Silvia Verdone, sorella di Carlo, il cui nome compare nella lista dei truffati smentisce e annuncia querele: sostiene che si tratti di unomonimia. Il chirurgo Pietro Bormioli puntualizza di non aver mai avuto precedenti per frode. Come primario del reparto era stato indagato in seguito a unispezione dei Nas e puntualmente archiviato.

BARCELLONA Momenti di paura ieri mattina alla Sagrada Familia (foto), il tempio capolavoro di Antoni Gaud consacrato nel novembre scorso da Benedetto XVI, e messo in pericolo dallincendio appiccato nella sacrestia da un uomo apparentemente squilibrato. Le fiamme sono divampate nel locale distruggendo i paramenti e i mobili in legno ed espandendosi nella cripta, nucleo originario dellopera di Gaud. Il presunto incendiario, Jos Maria L. S., 65 anni, stato bloccato da un gruppo di fedeli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il. Sa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Cronache 31
Su Sette

Animali Arrivato in Liguria dallAfrica, era diventato la mascotte di Voltri. Speravamo avesse ripreso la sua migrazione

La favola (triste) del viaggio di Feny


Il fenicottero rosa colpito a morte da un ragazzino. Gli insulti su Facebook
GENOVA Quando gli agenti della Forestale di Arenzano si sono presentati alla porta G. scoppiato a piangere e il padre muratore ha detto, sconsolato: Siete qui per il fenicottero. Storia di Feny, il fenicottero rosa che dallAfrica si fermato a riposare alla foce del torrente Leira nel quartiere di Voltri, estremo ponente di Genova, e non ha pi volato. Qui come un paese, si conoscono tutti dice la guardia forestale. Infatti c voluto poco per identificare G., il tredicenne che sabato sera ha preso a pietrate Feny. Non volevo ucciderlo, ma solo vederlo volare ha raccontato ai genitori e poi agli agenti. Ma cos andata e adesso anche i forestali cercano di calmare gli animi dei voltresi inferociti per aver perso la mascotte, lelegante, etereo fenicottero dalle sfumature rosa. Il ragazzino ha perfino ricevuto minacce su Facebook (Ti faremo fare la stessa fine, Meriti di essere preso a pietrate) e gli amici confermano: Adesso ha un po di paura. La mamma lo ha accompagnato a scuola temendo qual-

DiCaprio d lezioni di ecologia


MILANO Non ama essere definito un imprenditore ecologico. Suo malgrado lo . Basti pensare che il suo sito www.leonardodicaprio.com diventato il centro di aggregazione dei pionieri del verde perduto. Lui, lo straordinario interprete di The Departed e Revolutionary Road, si definisce un attivista ambientalista. Cos si racconta Leo DiCaprio nel servizio di copertina di Sette in edicola domani. Vive a Los Feliz, il quartiere pi verde di Los Angeles, guida unautomobile ibrida, ha installato pannelli solari nelle sue abitazioni. Cerco di vivere green, as much as I can, pi che posso. Questo il mio motto, spiega e va avanti. Mi interessa da sempre il rapporto tra mondo rurale

Belli e fragili Aldo Verner della Lipu: Sono animali fragilissimi, belli e rari, basta poco perch si possa far loro del male
che brutto episodio. E non ha trovato conferma ma ha molto preoccupato la notizia che un energumeno si presentato armato di bastone nei pressi della casa del tredicenne. Feny si posato sul greto del torrente di questa delegazione industriale che da mezzo secolo ha sacrificato il suo mare ai traffici portuali e ai container, gioved scorso, portando con s il fascino di Paesi lontani e la fragilit di un animale raro. I voltresi sono andati a fotografarlo, la Lipu ha festeggiato levento e aggiornato le statistiche (solo due fenicotteri rosa si sono fermati a Genova in quindici anni), un lettore ha mandato la foto al Secolo XIX e Feny diventato una star. Sabato sera G. andato a mangiare la pizza con quattro coetanei, per festeggiare un compleanno. Verso le 11 di sera il gruppetto andato a vedere il fenicottero. G. ha raccolto una pietra dal greto del Leira e ha tirato con mira purtroppo infallibile: Ho visto che faceva qualche passo, poi caduto, ha raccontato. Qualcuno intervenu-

Nel torrente Il fenicottero Feny alla foce del Leira, a Voltri, in provincia di Genova (Agostino Razore)

to per fermare la sassaiola. Il tredicenne spaventato tornato a casa e ha raccontato tutto in famiglia. Non riesce a dormire da quella sera e piange dice la mamma Gabriella , un

bravo ragazzino, buono e ama gli animali, non so cosa gli ha preso ma non voleva fare del male. Non fatene un mostro. La forestale arrivata a suonare alla porta di G. attraverso

Il progetto di Londra

Una funicolare sul Tamigi


LONDRA Un nuovo ponte sul Tamigi a unire le due sponde della capitale britannica. Ma sar sospeso in aria: la prima funicolare di Londra sar lunga 1,1 km e unir la penisola di Greenwich con i Royal Docks. Costo stimato: 45 milioni di euro. Sar completata per i Giochi olimpici del 2012.

una ricerca su Facebook, dopo che diverse persone avevano segnalato via Internet la scomparsa del fenicottero da domenica mattina: Speriamo abbia ripreso la migrazione, ma qualcuno ha postato il racconto della sassaiola e indicato il responsabile. Ieri i forestali hanno cercato il corpo di Feny lungo tutta la costa, da Voltri a Arenzano, ma non lhanno trovato. La denuncia scattata nei confronti del pap di G. per maltrattamento di animali potrebbe quindi essere pi lieve: la prova della morte non c. Chiss dicono i voltresi forse solo caduto, si ripreso ed migrato verso la Camargue. Difficile, commenta Aldo Verner della Lipu: una specie fragilissima, bella e rara, possono facilmente essere feriti a morte con una pietra. Una volontaria della Lipu, professoressa, suggerisce in una lettera aperta un corso di ornitologia per in-

segnare ai ragazzini che non si distrugge cos insensatamente la bellezza. Questo timido animale scrive la docente di Voltri ci ha permesso di conoscere un mondo che avremmo continuato a ignorare. Ora parliamo di Camargue, di Africa, di Sardegna, di gamberetti come se non avessimo fatto altro nella vita. E forse la punizione per il loro gesto sciocco, conclude, i ragazzini lhanno gi avuta con la visione di un essere vivo che cade moribondo sbattendo le ali. Intanto la Forestale ha anche controllato i negozi degli imbalsamatori per verificare se qualcuno abbia portato il povero Feny per trasformarlo in trofeo. In questo caso limbalsamatore dovrebbe fare denuncia perch i fenicotteri sono fauna protetta. Non dalle pietre dei ragazzini.

e aree urbane, tra disponibilit delle risorse e modelli di consumo. Sostengo i prodotti biologici contro il potere delluomo che mira a distruggere e a non salvare la natura. A cominciare dalle lampadine di uso comune, io lancio appelli. Non mi interessa la politica che strumentalizza lambiente, non voglio cariche e ruoli: il mio ruolo quello di promuovere sempre pi un impegno e una consapevolezza delle tematiche ambientali. Lultima campagna sulla quale ha voluto mettere la faccia quella rivolta alla salvezza delle tigri: ha fatto stampare migliaia di volantini ricordando a tutti che un tempo le tigri erano 100.000 e oggi sono rimaste solo in 3.200. Ora il suo sogno una rete tv che 24 ore su 24 si occupi dei problemi del pianeta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Erika Dellacasa
RIPRODUZIONE RISERVATA

La foto

Se Tom e Jerry diventano amici


di DANILO MAINARDI

FOTO KIKAPRESS

e si considera che il gatto selvatico, migliaia di anni fa, venne addomesticato per la sua straordinaria abilit di sterminare i topi, fuor di dubbio che limmagine che simpaticamente ora ce lo mostra divenuto amico per la pelle del suo tradizionale nemico non pu che riempirci di stupore. Ma, al di l di tutto ci, questa fotografia cos peculiare ci ribadisce pure una verit scientifica importante: che gli istinti cos come una volta concepiti, non esistono. E cio come un qualcosa di scritto dentro (ora si direbbe nel Dna) e di totalmente indipendente dallesperienza. Infatti ora sappiamo che, perch un gatto

diventi un predatore di topi, occorre che mamma gatta gli impartisca una serie di vere lezioni, accompagnate da esercitazioni pratiche. Lassenza di questa specialissima didattica, per, non sarebbe sufficiente per trasformare un gatto in un vero amante dei topi. Senza una scuola, gli si creerebbe semmai un po di confusione mentale o, se vogliamo, un atteggiamento di totale

Il falso mito dellistinto Non vero che il gatto sia cacciatore di topi per istinto: in casi particolari possono persino adottarsi lun laltro

indifferenza nel confronto delle sue tradizionali prede. Per far fare a un gatto il passo innaturale verso lamore murino occorre invece qualcosa in pi e cio far crescere insieme fin da giovani nel fatale periodo sensibile dellimprinting la preda e il predatore. A ben pensarci, per potrebbe anche esserci una strada alternativa, cio quella di una mamma gatta che, precocemente, ha perso i suoi gattini. La gatta sarebbe in questo caso cos motivata alladozione da accontentarsi persino del fascino discreto dei segnali infantili murini. E lo stesso potrebbe accadere a una gatta, nellevento non infrequente, che abbia appena terminato uno stato di pseudogravidanza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

32
TRIBUNALE DI LATINA
ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G.E.N. 194/06 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO E CON INCANTO IL NOTAIO NICOLA RICCARDELLI Avvisa che il giorno 7 giugno 2011 alle ore 10,00 e seguenti proceder presso il suo studio in Latina, alla via Oberdan 24, alla vendita senza incanto del seguente immobile sito in Comune di Cisterna di Latina (LT), Via C. Colombo numero 6 e precisamente: - porzione di fabbricato per civile abitazione con al piano seminterrato un ampio locale provvisto di angolo cottura, ripostiglio, disimpegno al vano scala di collegamento al piano superiore e un bagno. Al piano rialzato tre camere, un locale disimpegno, ingresso, un bagno e un ampio balcone, con annessa area giardinata ad uso esclusivo. Limmobile sar posto alla vendita senza incanto in un unico lotto al prezzo base di asta rib. di euro 138.000,00 ril. 2.760,00 AVVISA ALTRESI che in caso di asta deserta leventuale successivo incanto avr luogo presso lo studio del Notaio Nicola Riccardelli in Latina alla via Oberdan, 24, il giorno 5 luglio 2011 alle ore 10,30 al prezzo rib. 138.000,00 ril. 5.000,00. Tribunale di Latina. E.I. 269/06 Il Notaio Nicola Riccardelli avvisa che il giorno 7 giugno 2011 alle ore 10,00 e seguenti proceder presso il suo studio in Latina, alla via Oberdan 24, alla vendita senza incanto dellimmobile sito in Comune di Latina (LT), Via Medardo Rosso s.n.c. e precisamente: porzione di villetta a schiera per complessivi due piani fuori terra con annessa area giardino di esclusiva propriet. Detto immobile si compone di un piano interrato adibito a garage e rustico; piano terra con cucina, sala, e un bagno; piano primo con tre camere da letto e piano sottotetto adibito a mansarda. Prezzo base rib. IV incanto 302.250,00 ril. 6.045,00. AVVISA ALTRESI che leventuale successiva vendita con incanto avr luogo presso lo studio del Notaio Nicola Riccardelli in Latina alla via Oberdan, 24, il giorno 5 luglio 2011 alle ore 10,00 al prezzo base rib. euro 302.250,00 rilancio 10.000,00.

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

TRIBUNALE DI LATINA
AVVISO DI VENDITA LAvv. Claudio Spinosa avvisa che per la E.I. n. 299/06 proceder alla vendita del seguente bene sito in Maenza, Contrada Monte Acuto: intera piena propriet di immobile composto da ingresso, wc, sala da pranzo, cucina, camera da letto, cantina, di complessivi mq. 66 circa,con circostante terreno di mq. 7000 circa. Privo di alcune rifiniture e degli allacci. Libero. La vendita SENZA INCANTO si terr il 14/06/2011, ore 15.45 presso lo studio del professionista delegato in Latina, via G.B. Vico n. 35 al prezzo base di euro 32.000,00, con offerte in aumento,in caso di gara, non inferiori ad euro 600,00. In caso di asta deserta la vendita CON INCANTO si terr, nel medesimo luogo ed alle medesime condizioni, il giorno 21/06/2011 alle ore 15.45. Le offerte dacquisto, munite di cauzione pari al 10% del prezzo base, dovranno essere depositate entro le ore 13.00 del giorno precedente la vendita presso lo studio del professionista. Limmobile potr essere visionato, previo accordo. Informazioni e visione perizia: Avv. Claudio Spinosa, via G.B. Vico n. 35, Latina. Tel. e fax 0773/691579.

PROVINCIA DI NAPOLI
DIREZIONE GARE E CONTRATTI Via Oberdan, n. 32 (Palazzo BNL) IV piano - 80134 Napoli Sito Web: http://www.provincia.napoli.it e-mail address: contratt@provincia.napoli.it Fax 081/5525763 - Tel. 081/7946250 Oggetto: Lavori di manutenzione straordinaria presso lITC Moscati di SantAntimo - Importo complessivo lavori 974.196,88 oltre IVA al 20%. CIG: 0559225F0D. Determinazione Dirigenziale di indizione di gara n. 10189 del 13/10/2010. Sistema di aggiudicazione: Procedura aperta ai sensi dellart. 82 DLgs. 163/2006. Importo a base dasta Euro 974.196,88, oltre IVA, inclusi gli oneri non soggetti a ribasso. Sedute di gara: 25/01/2011. Offerte pervenute nr. 257. Impresa aggiudicataria: COSTRUZIONI GENERALI MAISTO, con sede legale in VILLA DI BRIANO (CASERTA). Ribasso offerto 39,77409%. Durata dei lavori: 18 mesi. Direttore dei lavori: arch. Sandro Leone. Determinazione n. 2246 del 25/02/2011 di approvazione del verbale di gara. Il Dirigente - Dott. Carlo de Marino

Ente aggiudicatore: Lombardia Informatica S.p.A. - con sede in Milano, Via Don G. Minzoni 24, tel. 02/39331.1, fax 02/39331.225. AVVISO DI AGGIUDICAZIONE DI GARA Procedura Aperta - Gara 4/2010/LI per la per la fornitura del servizio di Full Service per la Comunicazione CRS-SISS. Si rende noto che la gara 4/2010/LI, procedura aperta, pubblicata su GUUE 2010/S153-236845 del 10/08/2010 per la fornitura del servizio di Full Service per la Comunicazione CRS-SISS. E stata aggiudicata al concorrente: RTI: AB Comunicazioni S.r.l. (mandataria) Via Mestre, 15 - 20132 Milano e Gruppo Moccia S.p.A. (Mandante). Valore finale dellappalto: 3.000.000,00 (IVA esclusa) Lombardia Informatica S.p.A. Il Responsabile Funzione Affari Legali e Contrattuali Dr. Sandro Sisler

Distribuzione dei Proventi Netti relativi a tre compartimenti del Fondo comune di investimento Fonditalia Il Consiglio di Amministrazione di Fideuram Gestions S.A., sulla base del risultato netto al 31/03/2011, ha deliberato la distribuzione dei Proventi Netti, secondo quanto indicato nellart. 18 del Regolamento di Gestione del Fondo, a favore dei partecipanti dei compartimenti di seguito indicati: Fonditalia Euro Corporate Bond S: Euro 0,06 Fonditalia Euro Yield Plus S: Euro 0,03 Fonditalia Global Bond S: Euro 0,05 Il Provento Netto sar distribuito per ogni quota in circolazione alla data del 15/04/2011. A partire dal valore netto dinventario calcolato con riferimento al 18/04/2011 la quotazione dei compartimenti indicati terr conto dello stacco della cedola. Tale provento sar posto in pagamento a partire dal 21/04/2011.

Comune di Sarno

ESTRATTO AVVISO ESITO GARA Procedura ristretta per laffidamento di un Servizio di sondaggio riguardante la rilevazione sulla condizione occupazionale dei laureati degli atenei consorziati, indetta dal Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, con sede in viale Masini 36 - 40126 Bologna (tel 051/6088911, fax 051/6088988, www.almalaurea.it), con bando pubblicato sulla GUCE n. 2010/S 232-355434 del 30/11/2010 e sulla GURI, V serie speciale, n. 146 del 20/12/2010 (CIG 0646491D3C). A conclusione della procedura si comunica che, in base al criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa, il servizio stato aggiudicato alla Societ SWG S.r.l., via San Francesco 24 - 34133 Trieste, come da avviso pubblicato sulla GUCE n. GU/S S72 117243-2011-IT del 13/4/2011 e sulla GURI , V serie speciale, n. 46 del 18/4/2011. Il Direttore del Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA Prof. Andrea Cammelli

COMUNE DI PALAGONIA
AVVISO DI GARA Il pubblico incanto riguardante i lavori di Intervento di adeguamento e miglioramento della scuola media Don Milani (CUP: B56E10000760005 e CIG: 06606902A2) dellimporto a b.a. di 270.659,85 oltre 8.370,92 per oneri di sicurezza (Categoria prevalente OG1, Classifica II), esperito i giorni 19, 20, 21, 24, 25, 26, 27, 28 Gennaio e 10/03/2011 stato aggiudicato allimpresa Cavalli Salvatore, con sede in Milo (CT) via G. Mazzini 13, con il ribasso del 20,9002%. Il verbale di aggiudicazione provvisoria pubblicato integralmente allAlbo Pretorio Comunale mentre lestratto delle risultanze di gara sar pubblicato sulla GURS. Il Capo Dipartimento Dott. Arch. Saverio Sinatra

PIANO PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI NEL COMUNE DI SARNO, LOCALITA INGEGNO ESTRATTO BANDO DI ASSEGNAZIONE LOTTI PUBBLICATO IN DATA 20 APRILE 2011 Agro Invest S.p.A., Societ Mista di Trasformazione Urbana costituita ai sensi dellart. 120 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267. AVVISA E INDETTO il bando per lassegnazione dei lotti da concedere in diritto di propriet ricadenti nellambito del P.I.P. del Comune di Sarno in localit Ingegno, per una superficie complessiva di circa mq. 44.224. Le imprese interessate dovranno inoltrare la domanda e tutti i documenti ad AGRO INVEST S.p.A. - sede operativa via Michelangelo Buonarroti snc - 84012 Angri (SA), in busta chiusa e sigillata, entro il termine perentorio del 6 giugno 2011, a mezzo del Servizio Postale di Stato con raccomandata A/R, corriere autorizzato oppure mediante consegna a mano allindirizzo su indicato. Per il termine ultimo di presentazione delle istanze far fede il timbro dellufficio postale accettante per le spedite a mezzo raccomandata A/R, mentre per le domande consegnate a mano far fede la data ed il numero di protocollo rilasciato da Agro Invest S.p.A.. La consegna dovr essere effettuata in orario di ufficio, dalla ore 9 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 17.30 di tutti i giorni feriali, sabato escluso. Il Bando integrale e tutti gli allegati previsti sono pubblicati sui siti internet www.agroinvest.it e www.comune.sarno.it. Altre informazioni possono essere richieste allindirizzo di Agro Invest S.p.A, alla via Michelangelo Buonarroti snc, Angri (Sa), telefono 081 5186671 - fax 081 5187326, e-mail: info@agroinvest.it. Il Sindaco LAmministratore Delegato Avv. Amilcare Mancusi Dott. Franco Annunziata

Torino, Via Gramsci, 7 - Capitale sociale: Euro 156.209.463,00 i.v. Registro Imprese di Torino e codice fiscale n. 02751170016 - Appartenente al Gruppo Bancario Veneto Banca e soggetta ad attivit di direzione e coordinamento di Veneto Banca S.c.p.a.

COMUNE DI CASSINE
Piazza Vittorio Veneto n.1 15016 CASSINE (AL) Tel. (+39)0144.715151 - Fax (+39)0144.714258 ESTRATTO BANDO DI PROCEDURA APERTA E indetta per il giorno 17.05.2011, (marted), ore 14.00 una PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DELLA FORNITURA MEDIANTE NOLEGGIO DI N. 2 STRUMENTI FISSI PER LA DOCUMENTAZIONE DIGITALE DI EVENTUALI INFRAZIONI AL PASSAGGIO CON IL ROSSO (ART. 146 C.D.S) E SERVIZI COLLATERALI, PER ANNI CINQUE. Importo complessivo: . 450.000,00= (IVA esclusa). Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente pi vantaggiosa secondo i criteri indicati nel Bando di gara. Termine di presentazione dellofferta: 16.05.2011, (marted), 2011 ore 12,00 (termine perentorio). Il Bando stato inviato allUfficio Pubblicazioni Ufficiali della UE in data 01.04.2011, (venerd), e pu essere scaricato, unitamente alla restante documentazione di gara, dal sito Internet www.comune.cassine.al.it, link AppaltiGare-Aste. Cassine, l 01.04.2011 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Geom. Gloria GIAVINO

Bilancio Individuale e Bilancio Consolidato al 31.12.2010


Il bilancio dellesercizio chiuso al 31.12.2010, approvato dallAssemblea degli Azionisti del 19 aprile 2011 ed il bilancio consolidato alla stessa data sono a disposizione di chi ne faccia richiesta presso la sede sociale e presso Borsa Italiana SpA. La suddetta documentazione inoltre disponibile sul www.bancaintermobiliare.com Sezione Corporate Governance. Torino, 20 aprile 2011 sito

COMUNE DI PALAGONIA
Estratto di bando di gara
Stazione appaltante / Informazioni / Documentazione: Ga leria di Base del Brennero Brenner Basistunnel BBT SE, Dr. Johann Hager, Grabenweg 3, A-6020 Innsbruck, Tel.: +43/512/4030, Fax: +43/512/4030-110, E-mail: ava@bbt-se.com. Denominazione e oggetto dellappalto: AP105 (Finestra di Ampass), Innsbruck (Austria). Lavori per la realizzazione del lotto preliminare V32, finestra di Ampass, comprendenti: realizzazione con metodo in tradizionale della fi2 2 nestra di Ampass con sezioni di scavo comprese tra 32 m e 74 m (13 m scavo a cielo aperto, circa 300m avanzamento nel materiale sciolto, circa 1045 m avanzamento nella roccia); realizzazione del deposito Ampass Sud; potenziamento della strada di cantiere Ampass con piazzola di manovra; realizzazione del raccordo autostradale Ampass; realizzazione del raccordo autostradale Tulfes; spostamento della strada provinciale L283 (circa 500m), della strada comunale Halslweg (circa 190m) e potenziamento di strade rurali; spostamento del gasdotto ad alta pressione (circa 765 m); realizzazione di un drenaggio sostitutivo della strada provinciale L283 nell'area di deposito. Procedura di affidamento: Procedura aperta. Documentazione dappalto: Gli atti di gara sono disponibili solo su supporto digitale. Dopo aver richiesto gli atti di gara, si invieranno i diritti di accesso al server FTP contenente tutti g i atti di gara. Termini per la presentazione delle offerte: Le offerte devono pervenire presso Galleria di Base del Brennero Brenner Basistunnel BBT SE, Grabenweg 3, A-6020 Innsbruck entro le ore 12:00 di luned 06.06.2011. Data di invio del bando alla Commissione: 15.04.2011. Per maggiori informazioni si prega di consultare i seguenti siti web: www.bbt-se.com e http://ted.europa.eu Il Consiglio di gestione Ing. Konrad Bergmeister Ing. Raffaele Zurlo

AVVISO DI GARA Il pubblico incanto riguardante i lavori di Intervento di adeguamento e miglioramento dellI.T.C. - V.E. Orlando - 1 stralcio aggiornamento prezzi. (CUP: B56E10000750005 e CIG: 0660993CAA), dellimporto a b.a. di 271.960,96 oltre 6.340,02 per oneri di sicurezza (Categoria prevalente OG1, classifica II) esperito i giorni 03, 14, 15, 16, 17, 18, 24, 25, 28, Febbraio e 01, 02, 03, 04 e 16 Marzo 2011 stato aggiudicato allimpresa B.O.N.O. costruzioni s.r.l., con sede in Montelepre (PA), C.da Bonagrazia con il ribasso del 21,1744%. Il verbale di aggiudicazione provvisoria pubblicato integralmente allAlbo Pretorio Comunale mentre lestratto delle risultanze di gara sar pubblicato sulla GURS. Il Capo Dipartimento Dott. Arch. Saverio Sinatra

AZIENDA ULSS N. 17 - REGIONE VENETO


VIA MARCONI N.19 35043 MONSELICE (PD) - ITALIA Telefono 0429/788431 - Telefax 0429/788228 ESTRATTO DEL BANDO DI GARA Indirizzo presso il quale possibile ottenere ulteriori informazioni: U.O.C. PROVVEDITORATO E LOGISTICA - DIPARTIMENTO TECNICO AMMINISTRATIVO - Via Marconi n. 19 c/o Ospedale - 35043 Monselice (PD) - Telefono 0429/788431 - Telefax 0429/788228. Posta elettronica certificata (PEC) - protocolloinformatico.ulss17@pecveneto.it. Indirizzo Internet (URL) www.ulss17.it. Denominazione conferita allappalto dallamministrazione: Procedura negoziata per il servizio di ristorazione N. Gara 171611 CIG 1650784E09. Quantitativo o entit totale: Offerta in ribasso sullimporto complessivo biennale a base dasta di 3.600.000,00, IVA esclusa, a pena esclusione dalla gara. Non sono previsti oneri per la sicurezza legati al DUVRI. Durata dellappalto o termine di esecuzione: 24 (ventiquattro) mesi. Altre informazioni: Aggiudicazione allofferta economicamente pi vantaggiosa, come previsto dalla lex specialis. Le modalit di presentazione della domanda di partecipazione sono contenute nel bando integrale gi trasmesso per la pubblicazione nella G.U.R.I., nella G.U.U.E, nel sito internet aziendale, nonch sui siti informatici previsti dalla normativa vigente per la pubblicazione. Sul sito www.ulss17.it scaricabile il modello di istanza di partecipazione e la dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet, che si consiglia di utilizzare e che comprende tutte le dichiarazioni richieste per la partecipazione alla procedura negoziata. Il termine perentorio per la presentazione delle istanze di partecipazione previsto per il 31 maggio 2011 alle ore 12,00. Il Direttore Generale - Giovanni Pavesi

LAMIAT S.p.A. indice le seguenti gare: * [Rif. PA 9/11] - Servizio di raccolta e trasporto rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi effettuato nellambito territoriale della Citt di Torino e della sua provincia. Importo a base di gara: 936.000,00 + IVA (compresi costi di sicurezza); * [Rif. PA 10/11] - Fornitura di n. 7 veicoli con MTT 26 t allestiti di attrezzature a gancio unico centrale per la movimentazione di carrozzerie scarrabili e servizio di manutenzione Full Service. Importo a base di gara: 918.400,00 + IVA (compresi costi di sicurezza). La documentazione delle gare disponibile sul sito aziendale: http://www.amiat.it - Sezione Appalti e Gare. I bandi sono stati inviati alla G.U. della Comunit il 07/04/2011. LAmministratore Delegato Dott. Maurizio Magnabosco

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI


UFFICIO CONTRATTI ESTRATTO DEL BANDO DI GARA Questa Universit intende procedere allaffidamento del servizio trasporto studenti presso i Poli della SUN nel Territorio di Caserta e Provincia per la durata di anni 2, con opzione al rinnovo per un ulteriore anno, mediante procedura aperta, ai sensi degli artt. 55 e 83 del D.Lgs. 163/06 e s.m.i. secondo il sistema di aggiudicazione dellofferta economicamente pi vantaggiosa. Importo complessivo presunto per il biennio: . 883.592,88 oltre IVA al 20%. Data limite per il ricevimento delle offerte ore 12.00 del giorno 18.05.2011. Il bando pubblicato sul sito www.unia2.it e potr essere ritirato presso lUfficio Contratti sito in Caserta Viale Beneduce 10 (tel. 0823/274967 fax 0823/274950). IL DIRIGENTE RESPONSABILE (Dott. Raffaele LANOTTE)

COMUNE DI PALAGONIA
AVVISO RISULTANZE DI GARA Il pubblico incanto riguardante i lavori di Intervento di adeguamento e miglioramento della scuola media G. Ponte - 1 stralcio aggiornamento prezzi (CUP: B56E10000770005 e CIG: 0660239E71) dellimporto a b.a. 266.739,76 oltre 8.349,03 per oneri di sicurezza (Categoria prevalente OG1, Classifica II), esperito i giorni 26 e 31 gennaio, 02, 04, 07, 09, 10, 11, 14, febbraio e 15 Marzo 2011 stato aggiudicato allimpresa S.C.S. Costruzioni edili s.r.l. con sede in Maletto (CT) via G. Verdi 21 con il ribasso del 21,0810%. Il verbale di aggiudicazione provvisoria pubblicato integralmente allAlbo Pretorio Comunale mentre lestratto delle risultanze di gara sar pubblicato sulla GURS. Il Capo Dipartimento Dott. Arch. Saverio Sinatra

AUTORITA PORTUALE DI PALERMO ESITO DI GARA Si rende noto che lappalto dei lavori di Riqualificazione ed avanzamento del Molo S. Lucia del porto di Palermo (procedura aperta) stato aggiudicato con Decreto del Presidente n. 165 del 11-03-2011 dalla costituenda A.T.I. ADOR.MARE s.r.l. con sede in Palermo (Mandataria) e Research s.p.a. con sede in Bacoli (Napoli). IL SEGRETARIO GENERALE (Ing. Riccardo DAmico)

PROVINCIA DI SONDRIO
AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, DIRETTA ALLA COSTITUZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO In data 13 aprile 2011 lUniversit degli Studi di Milano ha pubblicato presso la Divisione Personale Via S. Antonio 12, Milano n. 1 bando di selezione pubblica per assunzioni di personale con rapporto di lavoro a tempo determinato. Il bando inoltre pubblicato sul sito Internet dell'Ateneo: http://www.unimi.it/. IL CAPO DIVISIONE PERSONALE

PROVINCIA DI PISTOIA
Piazza San Leone n. 1 tel. 0573/374258, fax 0573/374543 AVVISO DI APPALTO AGGIUDICATO Procedura ristretta per lappalto dei lavori a corpo denominati: Variante alla SR436 Francesca tra la localit Pazzera e la SP 26 Camporcioni in localit Biscolla - Lotto II. Impresa aggiudicataria: Vescovi Renzo s.p.a. Prezzo di aggiudicazione: 3.948.495,00 oltre 100.000,00 per oneri della sicurezza. Il presente avviso pubblicato sulla GURI 5 serie speciale n. 47 del 20/04/2011 nonch sul profilo del committente. Il Responsabile del Procedimento - Ing. Paolo Mazzoni

ESITO DELLA GARA AVENTE LA FORMA DI PROCEDURA APERTA, ESPERITA PER LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI SISTEMAZIONE COLLEGAMENTO S.S. N. 36 - S.P. N. 2 IN COMUNE DI NOVATE MEZZOLA - 1 STRALCIO DI COMPLETAMENTO - CUP: C16G10000140003- CIG: 0600521D97 Con determinazione n. 435, in data 22 marzo 2011, il dirigente del settore Lavori pubblici, viabilit e trasporti ha aggiudicato i lavori in oggetto alla ditta T.M.G. Scavi s.r.l. da Berbenno di Valtellina (SO), che ha offerto il ribasso del 30,346% sul prezzo a base di gara di 1.123.171,75.=, inclusi 34.500,00.= non soggetti a ribasso, in quanto oneri per la sicurezza. Alla procedura aperta hanno partecipato 11 concorrenti come risulta dagli atti. Sondrio, li 6 aprile 2011 IL DIRIGENTE - Quirino Gianoli

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

33

Economia
Indici delle Borse
FTSE MIB 21.249,90 0,31% 0,33% 0,97% 0,53% 0,35% 0,57%

FTSE MIB
Londra Francoforte Parigi (Cac40) Hong Kong Tokio (Nikkei) Madrid 5.896,87 0,46% 7.039,31 0,18% 3.908,58 0,70% 23.520,62 -1,30% 9.441,03 -1,21% 10.376,50 0,31%

La settimana

Cambi
1 euro 1 euro 1 euro 1 euro 1 euro 1,4302 dollari 0,8780 sterline 1,2842 fr. sv. 0,18% -0,01% 0,05% 0,16% 1 euro 118,2300 yen

Unipol La settimana

Titoli di Stato
Titolo Ced. Quot. Rend. eff. 19-04 netto % Titolo Ced. Quot. Rend. eff. 19-04 netto %

Btp 99-01/11/10

0,75 1,64 2,18 3,26 3,13 3,57 3,81 4,65

Btp 04-01/02/20 4,500% Btp 07-15/09/23 2,600% Btp 98-01/11/29 5,250%

99,92 98,07 99,29

3,98 5,09 4,70 4,85 4,85 1,82 2,33 -

FTSE It.All Share 21.988,87 FTSE It.Star Dow Jones Nasdaq S&P 500 12.084,66 12.266,75 2.744,97 1.312,62

Btp 01-01/08/11 5,250% 101,03 Btp 07-15/04/12 4,000% 101,77 Btp 02-01/02/13 4,750% 103,43 Btp 04-15/09/14 2,150% 103,22 Btp 04-01/02/15 4,250% 102,15 Btp 02-01/08/17 5,250% 105,84 Btp 08-01/08/18 4,500% 100,97 Btp 08-15/09/19 2,350% 100,32

Btp 02-01/02/33 5,750% 103,19 Btp 03-01/08/34 5,000% 94,15 Cct 04-01/05/11 0,750% 100,00 Cct 05-01/11/12 0,750% Cct 07-01/12/14 0,890% Ctz 09-31/03/11 99,71 97,62 -

8,9210 cor.sve. -0,15% 1,3694 dol.can. -0,55%

La lente
LE TASSE DEGLI OBAMA: 450 MILA DOLLARI AL FISCO USA
a famiglia Obama, Barack e la moglie Michelle, hanno versato 453 mila e 770 dollari nelle casse del fisco americano, anno di riferimento 2010. Gli introiti di casa Obama hanno toccato quota 1 milione e 700 mila dollari, in netta discesa rispetto al 2009, quando raggiunsero i 5 milioni e 500 mila dollari (per un corrispondente prelievo fiscale di un milione e 800 mila dollari), grazie alla vendita dei libri scritti dal presidente. Ora Obama propone di aumentare le tasse per i contribuenti che superano la soglia di 250 mila dollari e quindi, di fatto, si iscrive nel novero dei milionari cui chiedere un sacrificio supplementare. Con due notazioni. Nel 2010 il presidente ha alleggerito il carico fiscale di 22.215 dollari per ricavi collegati a diritti editoriali maturati all'estero. Nello stesso tempo ha donato 245 mila dollari a 36 fondazioni benefiche. A cominciare dai 131 mila dollari devoluti alla Fisher House Foundation che si occupa delle spese mediche dei veterani di guerra. E proprio in questi giorni Obama insiste sulla necessit di tagliare il bilancio della Difesa. Come dire: fare politica anche con la dichiarazione dei redditi.

La vertenza Lincontro con Camusso, Bonanni e Angeletti. Sacconi: preoccupati per il futuro dellauto

S allintesa o lex Bertone chiude


Marchionne alla Fiom: Decisione subito. Assemblea il 2 maggio
MILANO Le posizioni non sono cambiate di una virgola e nessuno, per la verit, se laspettava. Ma il tempo ormai scaduto: questione di ore, pochi giorni al massimo, e per le Officine Automobilistiche di Grugliasco potrebbe essere decretato non il rilancio ma la chiusura definitiva. Nessun investimento, nessun rientro al lavoro dei mille dipendenti dopo sei anni di cassa integrazione. Lincontro tra Sergio Marchionne e i vertici sindacali finisce cos, con questo crudo avviso-ultimatum della Fiat alla Fiom. Sono gli uomini di Maurizio Landini che hanno la maggioranza nella ex Bertone. Ed Landini a ripetere (anche ieri) il netto no a qualsiasi accordo fuori dal contratto nazionale. In questo modo per, ribadisce il Lingotto, non ci sono le condizioni per linvestimento, sarebbe impossibile realizzare gli obiettivi. E dunque, se non ci sar in tempi brevissimi una precisa e dichiarata approvazione, Fiat rinuncer al progetto e avvier la ricerca di una nuova allocazione per la nuova Maserati. In altre parole: i 500 milioni promessi andranno altrove. Peggio. A Torino, ieri, la Fiom si presentata fresca di ricorso contro la newco di Pomigliano. Non una mossa distensiva. E Marchionne non si limitato a questa battuta rivolta a Landini: Ci sono stati dei referendum. E voi ci fate causa? Non dovrei nemmeno stare qui a discutere. Ci rimasto, invece. Dopodich, altrettanto chiaro, ha invitato i metalmeccanici Cgil ad assumersi la responsabilit anche di questa posizione. Dalle conseguenze, potenzialmente, ancora pi pesanti: il futuro di Fabbrica Italia potr essere condizionato dagli sviluppi delle azioni giudiziarie promosse dalla Fiom.

Generali

Pellicioli: le Generali? Autonome


Il confronto Susanna Camusso, numero uno della Cgil e, a sinistra, il ceo Fiat Sergio Marchionne

unipoteca pesante. E prevedibile, visto il livello dello scontro. Dal vertice di ieri giorno dei dati di mercato in Europa: 4,7%, con Fiat che crolla del 20% ma segna un +65% record con lAlfa nessuno si aspettava nulla perch tutti ci arrivavano dalle posizioni di sempre. Raf-

Gi le vendite in Europa Il mercato auto in Europa in calo del 4,7%, il gruppo del Lingotto scende del 20%. Recupera il marchio Alfa Romeo (+65%)

Parmalat, la soglia del 30% e i risparmiatori isolati


fa hanno assistito attoniti alla sentenza di assoluzione per banche e banchieri nel processo milanese per aggiotaggio. I francesi sono rimasti poco sotto la soglia dellOpa: mossa del tutto legale, sia chiaro. Anche se si potrebbe discutere del controllo effettivo di una societ che prima dellinteresse internazionale era una vera public company con azionariato molto diffuso. La cordata italiana dovr valutare le proprie mosse. Ma, certo, se il risultato dovesse rimanere anche per essa sotto il 30%, la bandiera italiana al posto di quella francese sarebbe una magra consolazione per i piccoli azionisti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

di MASSIMO SIDERI

Giuseppe Sarcina
RIPRODUZIONE RISERVATA

embra ormai una classica never ending story: anche ieri sul dossier Parmalat si sono tenute delle importanti riunioni tra gli attori principali della cordata italiana. I nodi restano sempre gli stessi: come amalgamare la questione Granarolo nelloperazione di sistema? Quale strada prendere per scalzare i francesi di Lactalis dallarrocco del 28,9% in cui si sono rintanati? Allearsi o andare al muro contro muro? Puntare sulla tattica o sulla strategia? Nel frattempo, per, lunica certezza che i piccoli risparmiatori stanno a guardare. Quegli stessi risparmiatori Parmalat che solo due giorni

faele Bonanni, Luigi Angeletti e Roberto Di Maulo restano al fianco del Lingotto. Susanna Camusso, al suo primo incontro con Marchionne, non pu o non riesce a smarcare la Cgil dalla linea dura Fiom: alla fine, con Landini, rinvia la decisione alle rappresentanze aziendali. Che infatti si riuniscono subito e convocano assemblea e referendum per il 2 maggio. Il cerino torna in fabbrica, insomma, e la domanda : potr la Fiom sconfessare se stessa? Non ci scommette la Fiat. Non ci scommettono gli altri sindacati. I quali comunque strappano a Marchionne una promessa: lui la nuova Maserati la porterebbe negli Usa, ma un frontale pure con Cisl, Uil e Fismic sarebbe devastante, per cui si riserva di tenere in considerazione la loro richiesta di dare la preferenza a un sito italiano. Nel caso, potrebbe essere Mirafiori. Nel caso, ci sarebbe sempre il futuro a rischio per i 1.096 di Grugliasco. E forse, come teme Maurizio Sacconi, per lo stesso futuro dellauto a Torino e in Italia. Anche il ministro sembra per pensare soprattutto alla Fiom quando avverte: Il governo ha sin qui operato per accompagnare il consenso della maggioranza dei lavoratori. Non resterebbe spettatore di fronte a una situazione critica.

Raffaella Polato
RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO Le Generali? Una compagnia autonoma, come labbiamo sempre conosciuta. E non ci sono esami da fare al group ceo Giovanni Perissinotto. Cos ieri Lorenzo Pellicioli, amministratore delegato di De Agostini (socio a Trieste con il 2,43%) e consigliere del Leone, ha disegnato a margine dellassemblea di Dea Capital la compagnia post-Geronzi. Dice: Ora abbiamo la governance che abbiamo sempre sostenuto. Sul top management del Leone Non c alcun esame da fare, solo la gestione normale. Noi siamo abbastanza soddisfatti della performance. E cosa va fatto per far crescere il titolo? Lavorare seriamente, come sempre. Sul governo societario Pellicioli sottolinea: Abbiamo lavorato per un modello con un capo azienda e un chairman allinglese. Dal 6 aprile, data delle dimissioni di Cesare Geronzi da presidente del Leone, abbiamo la governance che avevamo sempre progettato, proposto e sostenuto.
RIPRODUZ ONE RISERVATA

34 Economia Mercati Record nel corso della seduta per la corsa ai beni-rifugio. Largento ai massimi da oltre 30 anni

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Il dolore di Alba, sar lutto cittadino


Fratelli I due fratelli Ferrero, Giovanni e, a sinistra, Pietro

Loro sfonda quota 1.500 dollari


Rally dei contratti future a New York. In dodici mesi rialzo di oltre il 30%
MILANO Il nuovo record delloro, arrivato ieri per la prima volta sopra i 1.500 dollari loncia (1500,50 i future intraday a New York) fa sorridere soprattutto gli europei. Quelli che ci hanno investito, naturalmente. I risparmiatori che tre anni fa, prima del patatrac delle Borse e del crollo dei Pil, hanno venduto i propri euro per comprare dollari, e quindi usato il biglietto verde per acquistare oro, oggi possono tornare dal metallo giallo alla moneta unica con un guadagno del84,3%. Mentre gli investitori a stelle e strisce, o comunque quelli partiti direttamente con un portafoglio in dollari, devono accontentarsi di un pi 69% (+30% soltanto nel 2010). leffetto cambio, che ha visto gli europei comprare dollari quando leuro era pi forte (tre anni fa valeva 1,56 dollari, oggi 1,43) e oggi vendere biglietti verdi pi pesanti rispetto ad allora. Passando naturalmente per un investimento, quello nelloro, che quasi non ha avuto eguali - almeno per ora, almeno negli ultimi anni - nel suo mix di solidit e rendimenti. Per capirlo, basta entrare in una grande banca e salire nellufficio di un trader. Sulla scrivania i soliti sei/otto schermi che lo accompagnano durante tutta la giornata, con le quotazioni - per esempio - di azioni, valute e gio per eccellenza, proprio da tante crisi, dal credito alle Borse fino al debito pubblico. E trascinando anche largento, ai massimi da oltre trentanni, a quota 43,9 dollari loncia. E adesso? Continuer la corsa del metallo giallo? I problemi del debito americano si faranno sentire nei prossimi mesi/anni sul dollaro? O, magari, una stabilizzazione economica internazionale torner a premiare con pi decisione il rischio e meno la sicurezza? Mentre molti analisti si pongono queste domande, il settimanale transalpino Le Point ha rivelato che la zecca francese (Monnaie de Paris) ha appena coniato una moneta doro da mille euro e unaltra in argento da 100 euro: la prima volta che un Paese dellEurozona lancia uniniziativa di questo genere. E in Italia il numero dei negozi Compro oro passato nel giro di un decennio da cinquemila a oltre 20 mila. Il punto - sostengono non pochi economisti - che alcuni riferimenti saldi del passato, dal dollaro valuta rifugio ai titoli di Stato a prova di terremoto, non sembrano pi offrire quelle certezze che in molti, soprattutto oggi, chiedono. Da qui, appunto, la spinta alloro. A meno di altre, nuove sorprese.

Limpero della Ferrero si affida a Giovanni Pietro sempre con noi


MILANO Sempre con noi dice la scritta sopra la grande foto che occupa tutta la home page del sito web italiano della Ferrero il giorno dopo la scomparsa improvvisa di Pietro Ferrero, 48 anni. Lerede dellimpero della Nutella, di cui Pietro era amministratore delegato insieme al fratello Giovanni, stato stroncato luned da un malore mentre pedalava in sella alla sua amata bicicletta, durante una pausa di lavoro, a Citta del Capo, dove ha casa. Al vertice operativo dellazienda, presieduta dal padre Michele, che a 85 anni conserva lultima parola sulle scelte strategiche, adesso Giovanni resta solo. Finora il fratello, pi giovane di appena un anno, si era occupato della parte commerciale, mentre Pietro si dedicava allinnovazione. Tocca ora al fratello Giovanni continuare a guidare il Gruppo Ferrero verso traguardi ancora pi alti tenendo forti e vive l'ispirazione e la motivazione sociale, da Pietro sempre fermamente volute, ha affermato ieri l'azienda in un comunicato, nel quale ringrazia di cuore i moltissimi che hanno voluto associarsi all'immenso dolore della famiglia per la tragica e repentina scomparsa. Nella nota sono spiegate le ragioni della missione nel continente africano. Pietro Ferrero era in Sudafrica per dare un ulteriore slancio all'Impresa Sociale di La famiglia Johannesburg. Si tratta di uniniziativa Il presidente Michele imprenditoriale, fin Ferrero rientrato dallinizio voluta e ispirata ieri a Montecarlo da Pietro, che si propone dal Sudafrica non soltanto di creare posti di lavoro nelle zone meno favorite del pianeta, ma anche di devolvere una parte delle risorse generate alla tutela della salute e alla crescita educativa dei bambini pi poveri di quelle aree. Michele Ferrero, che accompagnava il figlio, rientrato subito in Italia dal Sudafrica, per poi raggiungere Montecarlo, dove ormai risiede da anni. E nel Principato lhanno raggiunto anche la moglie Maria Franca Fissola e laltro figlio Giovanni, con la moglie Paola Rossi. E invece volata in Sudafrica la moglie di Pietro, Luisa Sturmia, la madre dei suoi tre figli ancora piccoli (Michael di 4 anni, Marie Eder di 3 anni e John di un anno e mezzo), per seguire le procedure per il rientro della salma. Non si sa, per, quando verr data lautorizzazione, visto che dovr essere eseguita lautopsia. Marco Giungi, ministro consigliere dell'ambasciata italiana a Pretoria, ieri ha dichiarato che probabile che Ferrero sia morto per cause naturali, verosimilmente per un attacco di cuore. Ma il portavoce della polizia della citt, Frederick van Wyk, ha reso noto che la causa della morte non ancora stata confermata. E qualcuno ora ricorda che il nonno di Pietro, Giovanni, fondatore dellazienda, fu stroncato da un infarto a soli 51 anni. Ad Alba, dove quasi ogni famiglia ha almeno un componente dipendente dellazienda dolciaria, intanto il sindaco Maurizio Marello ha annunciato che sar dichiarato il lutto cittadino il giorno dei funerali di Pietro Ferrero. La data non ancora stata fissata. E non escluso che, al rientro in Italia, la salma sia composta in una camera ardente nella sede del gruppo.

materie prime. Se si guarda allandamento degli ultimi tre anni - per intenderci, dal pre-grande recessione al crac Lehman fino ai giorni nostri le azioni sono oggi in molti ca-

si ancora lontane dai valori del passato; le valute viaggiano spesso sulle montagne russe; e il petrolio si decisamente ripreso ma dopo esser precipitato a fine 2008; mentre loro -

in tutta questa tempesta - ha sperimentato quasi indisturbato una crescita sostanzialmente costante delle quotazioni (in dollari) che va avanti da anni. Premiato, come bene rifu-

Tre domande a Antonio Foglia

in arrivo Continueranno una nuova bolla? a salire i prezzi?

una protezione efficace dei risparmi ?

La corsa dei prezzi si traduce in una bolla quando la crescita dei valori esponenziale spiega Antonio Foglia, consigliere della Banca del Ceresio ; negli ultimi anni la crescita dei prezzi delloro stata invece ordinata e non esplosiva come durante la bolla tecnologica (anni 90) o della Borsa giapponese (anni 80).

Le quotazioni delloro aggiunge Foglia possono tornare a scendere fino a un terzo dei valori attuali, cos come continuare a salire fino a 5.500 dollari loncia: un numero giustificabile perch a quel prezzo il rapporto tra lo stock totale di oro estratto e le attivit finanziarie mondiali tornerebbe ai livelli gi visti durante il picco del 1980.

Loro di per s di difficilissima valutazione. Il costo estrattivo dipende dagli sbalzi dellenergia. Ma le quotazioni non rispondono tanto a un valore industriale quanto a fattori emotivi: si compra perch ci si sente pi sicuri, ma quasi impossibile vendere al massimo, quando massima la paura.

G. Str.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovanni Stringa
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il debito americano Dopo il monito di S&P sul rating

Lira di Pechino su Geithner Pi seriet con noi creditori


DAL NOSTRO INVIATO

NEW YORK Anche la Cina mette sotto pressione Barack Obama. Letto il report di Standard & Poors, (giudizio negativo sulla tenuta del debito americano), il ministero degli Esteri di Pechino ha messo in chiaro le sue preoccupazioni. Ci auguriamo - la dichiarazione di Hong Lei, portavoce del ministero - che il governo Usa adotti al pi presto misure responsabili per proteggere gli interessi degli investitori. E con questo laspro dibattito sul bilancio americano viene promosso (almeno quello) al

rango di tema sensibile nella politica internazionale. Proprio ieri il presidente americano ha cominciato il deficit tour, di fatto una tre giorni di semi campagna elettorale, incontrando gli studenti delluniversit di Annandale, nel Nord Virginia. Oggi visiter il quartier generale di Facebook a Palo

In cassa A fine febbraio la Cina custodiva 1.154 miliardi di dollari in titoli pubblici statunitensi

Alto, in California, con tappa finale, gioved, a Reno, nel Nevada. La scelta di tre Paesi strategici in vista delle presidenziali del 2012 conferma che, almeno finora, gli sforzi del Presidente si sono concentrati sul versante interno, nel tentativo di arginare il revival liberista (servono drastici tagli alla spesa pubblica) lanciato dai repubblicani. Al lordo di qualche sortita idiota, come quella di Marylin Davenport, militante dei Tea Party, che, in un fotomontaggio, ha trasformato Obama in un cucciolo di scimpanz. Ben pi insidioso il segnale di avvertimento cinese che, ve-

rosimilmente, costringer il presidente ad allargare il compasso dei suoi ragionamenti. Stando ai dati ufficiali pubblicati dal Dipartimento del Tesoro americano, a fine febbraio 2011, il governo di Pechino custodiva 1.154 miliardi di dollari come controvalore di titoli pubblici statunitensi. Pi o meno l8% del totale, visto che lo stesso Dipartimento del Tesoro stima che il prossimo 16 maggio lindebitamento raggiunger il limite di 14 mila e 290 miliardi fissato per legge, come prevede la regola cardine della finanza americana introdotta nel 1939. A prima vista difficilmente gli iper-pragmatici governanti di Pechino si riterranno soddisfatti dalle promesse e dalle suggestioni offerte ieri da Obama agli studenti della Virginia. Come il richiamo alle condivisione delle responsabilit rivolto a milionari e miliarda-

ri; oppure il rilancio della scommessa sulla green economy. E ai ragionieri cinesi poco importa se lattuale inquilino della Casa Bianca conti di uscirne tagliando le spese militari, ma salvando la polpa della riforma sanitaria. Dal punto di vista cinese quello che ora conta capire se Obama avr la duttilit politica per trovare un compromesso con i repubblicani su misure di pronto intervento, responsabili appunto. Non a caso, sempre ieri, Guan Jianzhong, responsabile della pi grande agenzia di rating cinese, Dagong Global Credit, in unintervista a Dow Jones Newswires notava: Pi si accumulano titoli del Tesoro americano e pi si devono mettere in conto delle perdite: questo diventato un autentico mal di testa per i dirigenti cinesi.

Giuseppe Sarcina
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giuliana Ferraino
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Economia 35 Panorama

Il riassetto Assemblea a fine giugno. Cambia lo statuto: fino a cinque deleghe per ogni socio

Draghi piega Bpm, aumento da 1,2 miliardi


La Vigilanza impone una radicale semplificazione e riorganizzazione
MILANO La Popolare di Milano obbedisce a Bankitalia e si avvia ad approvare un aumento di capitale fino a 1,2 miliardi. Il consiglio del 12 maggio gi in calendario sulla trimestrale convocher lassemblea straordinaria per fine giugno con la ricapitalizzazione allordine del giorno. Loperazione, che con laccordo di bancassurance firmato sempre ieri con i francesi di Cova e che prevede la vendita dell81% di Bipiemme vita, porter il core tier 1 all8,6%, avr per global coordinator Akros e Mediobanca. Piazzetta Cuccia inoltre si impegna a garantire la sottoscrizione delleventuale inoptato. La lettera del Governatore Mario Draghi, che ha sollecitato il rafforzamento patrimoniale dopo che il board della Popolare aveva bocciato laumento da 600 milioni proposto dal presidente Massimo Ponzellini, ha dunque convinto il consiglio Bpm che si espresso allunanimit. Non solo. Il board, al quale Ponzellini ha riproposto ieri la ricapitalizzazione rivista sulla base delle valutazioni espresse da Via Nazionale anche al termine degli accertamenti ispettivi, conclusi con un giudizio parzialmente sfavorevole, ha deciso di integrare il piano industriale con alcune proposte che andranno a ridisegnare il perimetro del gruppo bancario. Oltre allaumento di capitale, la Bpm cambier lo statuto per portare da due a cinque le deleghe di voto per ciascun vo sulla quale Bankitalia appare molto sensibile ci sono poi, oltre ad azioni sui costi e sul sistema informatico, la dismissione di partecipazioni non strategiche e la ridefinizione delle politiche di remunerazione e incentivazione anche alla luce delle indicazioni contenute nel verbale ispettivo. Come si legge nella nota finale, Bpm auspica che gli interventi e le misure organizzative (che saranno oggetto di approfondimento in un consiglio straordinario intermedio che potrebbe tenersi il 3 maggio) possano far venir meno i penalizzanti requisiti patrimoniali indicati come misura prudenziale temporanea dalla Banca dItalia. Con laumento e la rimozione di tali requisiti, la banca prevede che nel 2013 potr disporre di un core tier 1 del 9,8%, incluso il rimborso dei Tremonti Bond.

Pi ricavi per Sogefi utili a 6,7 milioni Ora multinazionale


Sogefi chiude il primo trimestre 2011 con ricavi per 255,8 milioni in crescita del 19,6% e un utile netto a quota 6,7 milioni (+76,6%). In 30 anni siamo diventati una multinazionale con testa in Italia che punta a crescere ancora nei mercati emergenti, in particolare Cina, India e America Latina ha detto il presidente Rodolfo De Benedetti. Carlo Bertazzo il nuovo amministratore delegato di Gemina: va a sostituire Guido Angiolini dimissionario. Il consiglio ha anche deliberato il trasferimento della sede legale e operativa da Milano a Fiumicino, dal primo agosto per creare sinergie con la propria controllata Aeroporti di Roma (nella foto il presidente di Gemina Fabrizio Palenzona). Chiesi Farmaceutici chiude il 2010 con un fatturato di 1,015 miliardi, +16,4%. Dada cede Dada.net a Buongiorno per 28,5 milioni. Dada riacquister il 13% del capitale residuo da Sony Music Entertainment per 7,2 milioni.

Massimo Ponzellini

socio, incremento dunque superiore a quello gi in progetto (3) e che porter la Milano a condividere con il Creval il record nel settore. Sar inoltre avviata la radicale semplificazione del gruppo che avr luogo probabilmente con gli accorpamenti delle banche di Legnano, Alessandria e Mantova. La razionalizzazione era da tempo nellagenda del direttore generale Fiorenzo Dalu, verso il quale si era perci

focalizzato un certo malcontento che sembrava potesse sfociare con la sua uscita: con lok il tema del vertice operativo sembra ora sospeso. Fra le altre misure di rilie-

Stipendi e cessioni Via alle cessioni. Via Nazionale chiede la ridefinizione delle politiche di remunerazione e incentivazione

Sergio Bocconi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Battaglie legali

Apple contro Samsung Copie spudorate di iPhone e iPad


MILANO Quelli della me- tersi al lavoro per trovare la morsicata non ci sono an- uno stile proprio e delle soludati leggeri: il design, linter- zioni tecnologiche alternatifaccia e anche lo stesso packa- ve. Inoltre, come riporta il ging usato da Samsung per lo Wall Street Journal, nella dosmartphone Galaxy S e per cumentazione ci sono le elail tablet Galaxy Tab sono borazioni grafiche e le immaspudoratamente copiati da gini che mettono in evidenza quelli delliPhone e delliPad. la somiglianza dei dispositiLa Apple ha scatenato lenne- vi. Un portavoce della Samsima guerra dei bresung ha detto che il vetti ieri: la causa gruppo risponder contro la societ coall'azione legale, prereana stata avviacisando che i breta lo scorso venerd vetti e la propriet con il deposito delintellettuale del lazione legale presgruppo sono uno so la corte distretdei fattori del suo tuale californiana. Il continuo e crescenfurto e la difesa del- Steve Jobs te successo dei suoi le propriet intelletprodotti. Peraltro i tuali sembra semGalaxy usano la piatpre di pi la chiave taforma Android dei rapporti tra le della Google, antasociet delleconogonista principale mia digitale. Tanto della societ di Cuche Apple e Sampertino. Secondo gli sung sono anche esperti la causa ridei partner commercorda molto da viciciali importanti: il Gee-sung Choi no lo scontro legale gruppo di Steve che aveva visto conJobs solo nel 2010 ha pagato trapposte Apple, Microsoft e a l l a s o c i e t g u i d a t a d a Xerox. Gee-sung Choi circa 6 miliarIn effetti i prodotti Galaxy di di dollari per i microchip sembrano essere riusciti a usati dal MacBook Pro e da al- conquistare un proprio pubtri suoi prodotti. blico attirato dalla tecnologia Nelle 38 pagine della docu- e dal design venduti spesso a mentazione depositata, Ap- un prezzo pi ridotto rispetto ple afferma che Samsung ai prodotti Apple. Massimo Sideri avrebbe scelto di copiare Ipad e iPhone invece di met RIPRODUZIONE RISERVATA

36

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Nome

Data Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

Nome
Azimut Trend America Azimut Trend Europa Azimut Trend Italia Azimut Trend Pacifico Azimut Trend Tassi Azimut Trend

Data Valuta
15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 31/03 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR

Quota/od.
9,720 12,395 15,566 6,262 8,845 20,440 4,967 4,903 5,099 4,516 3,666 2,506 5,282 5,107 4,959 5,088 5,337 5,189 5,180 5,607 4,996 5,175 6,113 4,679 6,760 4,768 3,079 4,797 5,337 4,475 4,745 5,455 5,551 5,024 3,220 4,547 3,669 5,001 4,790 5,330 6,087 5,347 4,837 4,535 5,501

Quota/pre.
9,667 12,398 15,585 6,264 8,851 20,405 4,972 4,912 5,101 4,508 3,652 2,490 5,277 5,098 4,949 5,076 5,337 5,193 5,173 5,602 4,991 5,171 6,103 4,664 6,713 4,766 3,079 4,796 5,329 4,474 4,742 5,453 5,550 5,027 3,225 4,539 3,671 5,002 4,791 5,314 6,090 5,352 4,828 4,525 5,468

Nome

Data Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

Nome
EuroMTS Cash 3 Months FTSE RAFI Asia Pacific Ex-Jap FTSE RAFI Asia Pacific Ex-Jap FTSE RAFI Dev. 1000 Fund FTSE RAFI Dev. Europe Mid-Sm FTSE RAFI Emerging Mkts FTSE RAFI Emerging Mkts FTSE RAFI Europe FTSE RAFI Hong Kong China FTSE RAFI Italy 30 FTSE RAFI Switzerland FTSE RAFI US 1000 FTSE RAFI US 1000 Global Agriculture NASDAQ OMX Global Agriculture NASDAQ OMX Global Clean Energy Global Listed Private Eq. MENA NASDAQ OMX MENA NASDAQ OMX Palisades Global Water

Data Valuta
18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 EUR EUR USD EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR USD EUR EUR EUR USD EUR

Quota/od.
101,607 5,620 7,983 8,992 9,378 7,371 10,470 7,492 15,094 5,584 7,349 6,802 9,663 9,054 12,861 4,972 6,277 8,501 12,076 7,787

Quota/pre.
101,605 5,546 7,996 9,034 9,507 7,418 10,695 7,642 14,920 5,748 7,409 6,783 9,780 9,054 13,054 5,001 6,310 8,502 12,259 7,782

Nome
Asia Opportunities EUR2 Asia Opportunities USD2 Credit Opportunities EUR2 Diversified EUR Emerg. Mkts Dynamic EUR2 Emerg. Mkts Dynamic USD2 Euro Liquidity European Corporate Bonds European Fixed Income European Opportunit EUR European Opportunit EUR2 European Small Cap EUR ForExtra Yield EUR Global Convertibles EUR Global Convertibles USD Italian Opportunities EUR Italian Value EUR Japan Opportunities EUR Japan Opportunities JPY Latam Opportunities EUR2 Latam Opportunities USD2 Market Neutral EUR US Dollar Bonds US Dynamic EUR US Dynamic USD US Small Cap USD US Value EUR US Value USD World Opportunities EUR World Opportunities USD 3A Dynamic UCITS Fund EUR

Data Valuta
15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 13/04 EUR USD EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR JPY EUR USD EUR USD EUR USD USD EUR USD EUR USD EUR

Quota/od.
176,610 179,800 164,580 230,000 122,160 129,620 150,908 201,870 189,190 296,220 166,500 287,530 160,220 202,530 200,720 30,500 217,330 118,430 11487,000 174,720 177,280 150,970 310,880 107,460 111,880 199,130 148,310 149,800 141,980 294,300 1009,610

Quota/pre.
176,830 180,050 164,580 229,680 122,180 129,660 150,903 201,610 189,010 295,580 166,140 286,950 160,210 202,100 200,340 30,500 217,510 119,090 11552,000 173,530 176,090 151,110 310,170 107,210 111,630 197,160 147,600 149,120 141,230 292,830 1012,740

Nome
US All Cap A US Dollar Bond A hdg US Dollar Bond A US Dollar Liquidity A US Large Cap A US Large Cap A US Large Cap EUR hedged A US Small & Mid-Cap Equ A US Small & Mid-Cap Equ A US Smaller Companies A

Data Valuta
18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 USD EUR USD USD EUR USD EUR EUR USD USD

Quota/od.
107,330 127,020 18,670 105,200 50,100 71,620 95,180 112,980 162,190 81,120

Quota/pre.
107,750 126,800 18,640 105,200 49,850 71,990 95,670 111,950 162,330 81,060

AcomeA SGR - numero di tel. 800.89.39.89 info@acomea.it AcomeA America AcomeA Bilanciato AcomeA Eurobbligazionario AcomeA Europa AcomeA FdF Pacifico AcomeA FdF Paesi Emergenti AcomeA Globale AcomeA Italia AcomeA Liquidit AcomeA Multi Fd Linea Aggressiva AcomeA Multi Fd Linea Dinamica AcomeA Multi Fd Linea Prudente AcomeA Obbligazionario Corporate AcomeA Obbligaz. Internazionale AcomeA Performance 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 11,884 3,672 12,688 10,695 3,342 6,455 8,490 17,763 11,626 3,634 4,508 5,002 6,644 7,893 17,532 11,876 3,673 12,717 10,691 3,349 6,461 8,482 17,768 11,633 3,642 4,523 5,016 6,661 7,907 17,564

AZ FUND MANAGEMENT SA
AZ F. Active Selection AZ F. Active Strategy AZ F. Alpha Man. Credit AZ F. Alpha Man. Equity AZ F. Alpha Man. Them. AZ F. American Trend AZ F. Asset Plus AZ F. Asset Power AZ F. Best Bond AZ F. Best Equity AZ F. Bond Trend AZ F. Bot Plus AZ F. Commodity Trading AZ F. Conservative AZ F. Corporate Premium AZ F. Dividend Premium AZ F. Emer. Mkt Asia AZ F. Emer. Mkt Europe AZ F. Emer. Mkt Lat. Am. AZ F. European Dynamic AZ F. European Trend AZ F. Formula 1 Absolute AZ F. Formula 1 Alpha Plus AZ F. Formula 1 Alpha Plus 20 AZ F. Formula 1 Conserv. AZ F. Formula 1 Dynamic Trading AZ F. Income AZ F. Institutional Target AZ F. Italian Trend AZ F. Opportunities AZ F. Pacific Trend AZ F. Qbond AZ F. QProtection AZ F. Qtrend AZ F. Reserve Short Term AZ F. Solidity AZ F. Strategic Trend AZ F. Trend AZ F. US Income

www.eurizoncapital.it tel. 02 88101 Eurizon Az Alto Divid Eur Eurizon Az Asia Nuove Econom. Eurizon Az Energie Mat Pr Eurizon Az Europa Multiman Eurizon Az Italia 130/30 Eurizon Az Mondo Multiman Eurizon Az Salute E Amb Eurizon Az Teconol Avanz Eurizon Azioni Finanza Eurizon Azioni PMI America Eurizon Azioni PMI Italia Eurizon Azioni PMI Europa Eurizon Bilanc Euro Multiman Eurizon Diversificato Etico Eurizon Focus Az America Eurizon Focus Az Europa Eurizon Focus Az Internaz Eurizon Focus Az Italia Eurizon Focus Az Paesi Em Eurizon Focus Azioni Euro Eurizon Focus Azioni Pacifico Eurizon Focus Cap Protetto 12/2014 Eurizon Focus Far I T 07 Eurizon Focus Gar 06/2012 Eurizon Focus Gar 09/2012 Eurizon Focus Gar 12/2012 Eurizon Focus Gar 03/2013 Eurizon Focus Gar I Sem 06 Eurizon Focus Gar II Sem 06 Eurizon Focus Gar II T 07 Eurizon Focus Gar III T 07 Eurizon Focus Gar IV T 07 Eurizon Focus Ob Eur Corp Eurizon Focus Obbl Cedola Eurizon Focus Obbl Emerg Eurizon Focus Obbl Euro Eurizon Focus Obbl Euro BT Eurizon Focus Obbl Euro HY Eurizon Focus Pr Dinamico Eurizon Focus Pr Moderato Eurizon Focus Pr Prudente Eurizon Focus Rend As 2 A Eurizon Focus Rend As 3 A Eurizon Focus Tesoreria Dollar Eurizon Focus Tesoreria Dollar Eurizon Focus Tesoreria Euro A Eurizon Focus Tesoreria Euro B Eurizon Liquidita' A Eurizon Liquidita' B Eurizon Obbl Etico Eurizon Obbl Euro Corp BT Eurizon Obbl Internazionali Eurizon Obiettivo Rendimento Eurizon Rendita Eurizon Soluzione 10 Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Eurizon Team 1 Eurizon Team 2 Eurizon Team 3 Eurizon Team 4 Eurizon Team 5 Intesa Cass Centro Prot Din Passadore Monetario Teodorico Monetario Unibanca Azionario Europa Unibanca Monetario Unibanca Obbligaz Euro 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 26,382 11,261 9,891 5,900 17,508 3,460 15,051 3,971 17,525 23,034 4,854 9,331 36,267 7,951 9,140 8,685 7,521 12,512 9,603 13,890 3,981 4,946 5,156 5,113 5,083 5,091 5,116 5,256 5,239 5,120 4,940 5,185 5,681 6,085 11,782 14,013 15,071 7,701 5,438 5,432 5,503 5,278 5,525 11,572 16,685 7,693 7,753 7,298 7,491 5,314 7,623 8,323 8,156 6,000 6,874 6,167 24,273 5,996 5,711 4,818 4,114 4,014 5,752 7,126 7,474 6,388 5,736 5,748 26,397 11,274 9,854 5,887 17,513 3,451 14,925 3,980 17,559 22,791 4,859 9,311 36,269 7,955 9,091 8,664 7,498 12,514 9,586 13,882 3,993 4,954 5,157 5,119 5,089 5,097 5,125 5,259 5,240 5,121 4,942 5,187 5,673 6,086 11,768 14,010 15,078 7,697 5,433 5,430 5,503 5,278 5,526 11,543 16,691 7,696 7,755 7,301 7,494 5,309 7,620 8,304 8,163 6,002 6,874 6,161 24,234 5,996 5,712 4,819 4,108 4,007 5,756 7,130 7,478 6,378 5,740 5,749

*I LIVELLI DI PROTEZIONE RELATIVI AI FONDI DEFENSIVE SONO CONSULTABILI SUL SITO INTERNET WWW.SCHRODERS.IT

www.sorgentegroup.com Fondo Donatello-Michelangelo Due Fondo Donatello-Tulipano Fondo Donatello-Margherita Fondo Donatello-David Fondo Donatello-Puglia Uno Caravaggio di Sorgente SGR 30/06 30/06 30/06 30/06 30/06 EUR EUR EUR EUR EUR EUR 56242,509 50282,489 27332,950 57301,183 3083,178 53356,770 49261,948 26502,119 55927,623 3175,541

Tel: 02 77718.1 www.kairospartners.com

Si tratta di Fondi Immobiliari chiusi

AKROS ABSOLUTE RETURN AKROS DYNAMIC AKROS MARKET NEUTRAL AKROS LONG/SHORT EQUITY

28/02 28/02 28/02 31/03

EUR EUR EUR EUR

507343,447 491404,844 499512,222 505332,415

503543,224 487969,545 496645,495 508337,101

KAIROS PARTNERS SGR


Kairos Div. + I Kairos Div. + P Kairos Equity A Kairos Fix. Inc. A Kairos Fix. Inc. I Kairos Italia A Kairos Low Vol. A Kairos Low Vol. B Kairos Low Vol. I Kairos Medium Term A Kairos Medium Term B Kairos Multi-Str. A Kairos Multi-Str. B Kairos Multi-Str. I Kairos Global Kairos Income Kairos Small Cap KIS - Ambiente A KIS - Ambiente I KIS - America A KIS - Asia A KIS - Bond A KIS - Bond I KIS - Dynamic A KIS - Dynamic D KIS - Dynamic I KIS - Dynamic X KIS - Global A KIS - Global D KIS - Global I KIS - Global X KIS - Income A KIS - Income D KIS - Income I KIS - Income X KIS - Long - Short A KIS - Long - Short D KIS - Long - Short I KIS - Long - Short X KIS - Sm. Cap A KIS - Sm. Cap D KIS - Sm. Cap I KIS - Sm. Cap X KIS - Target 2014 X KIS - Trading A KIS - Trading D KIS - Trading I KIS - Trading X KIS - Trend I 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 31/03 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 08/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 21/06 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 543822,945 539116,180 761906,760 579494,235 515342,703 560573,950 744521,566 510476,274 518262,542 559839,201 801616,101 574415,422 533350,880 5,918 6,739 9,662 104,720 104,760 152,130 131,860 107,720 107,930 115,630 114,580 115,780 116,450 82,120 79,670 82,160 83,030 106,340 104,510 107,170 107,500 110,690 109,670 110,760 111,510 91,390 90,780 91,580 92,530 106,410 107,740 106,550 107,940 108,540 99,560 535292,148 539844,374 756200,137 574363,786 510793,739 557600,477 740399,229 507811,244 515396,939 555610,485 794638,735 569677,411 528601,575 5,897 6,740 9,621 104,690 104,720 151,940 131,930 107,850 108,050 115,540 114,500 115,690 116,360 81,840 79,400 81,890 82,760 106,390 104,560 107,220 107,500 110,780 109,770 110,850 111,590 90,940 90,330 91,130 92,070 106,330 107,820 106,630 108,020 108,630 100,700

www.albertinisyz.it Tel 02 30306.1 Albertini Syz Multistrategy Cl.A Albertini Syz Multistrategy Cl.B Albertini Syz Innovation Cl.A Albertini Syz Innovation Cl.B 28/02 28/02 28/02 28/02 EUR EUR EUR EUR 653260,860 468353,331 644377,364 488153,470 648256,215 464538,843 639692,295 484360,137

Tel: 0041916403780 www.pharusfunds.com info@pharusfunds.com PS - Absolute Return PS - Absolute Return B PS - Aliseo A PS - Best Global Managers A PS - Best Global Managers B PS - Bond Opportunities PS - Bond Opportunities B PS - Inter. Equity Quant A PS - Inter. Equity Quant B PS - Liquidity PS - Market Neutral PS - Market Neutral B PS - Opportunistic Growth PS - Podium Flex A PS - Podium Flex C PS - Soprarno Global Macro A PS - Soprarno Global Macro B PS - Soprarno Relative Value A PS - Soprarno Relative Value B PS - Strategic Colibr PS - Titan Aggressive PS - Titan Conservative PS - Valeur Income PS - Value PS - Value B 19/04 19/04 19/04 12/04 12/04 19/04 19/04 19/04 19/04 18/04 19/04 19/04 19/04 18/04 31/12 19/04 19/04 19/04 19/04 18/04 12/04 19/04 19/04 19/04 19/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 97,590 102,610 98,610 102,610 103,520 141,410 104,570 116,250 116,370 118,460 90,740 86,080 96,480 98,880 100,000 98,720 98,940 98,890 98,720 87,010 104,960 98,630 101,480 97,240 98,580 97,530 102,550 99,460 102,410 103,310 141,320 104,500 117,780 117,860 118,450 90,470 85,830 96,770 98,630 98,340 98,560 98,410 98,240 86,850 104,740 98,710 101,470 97,860 99,200

KAIROS INTERNATIONAL SICAV

Amundi Absolute Amundi Azioni QEuro Amundi Breve Termine Amundi Corporate 3 anni Amundi Corporate Giugno 2012 Amundi Dynamic Allocation Amundi EONIA Amundi Equipe 1 Amundi Equipe 2 Amundi Equipe 3 Amundi Equipe 4 Amundi Eureka BRIC Ripresa 2014 Amundi Eureka China Double Win Amundi Eureka Cina Ripresa 2015 Amundi Eureka Doppia Opp 2014 Amundi Eureka Double Call Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Double Win 2013 Amundi Eureka Dragon Amundi Eureka Oriente 2015 Amundi Eureka Ripresa 2014 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 Amundi Eureka Settori 2016 Amundi Eureka USA 2015 Amundi Europe Equity Amundi For. E. Eq. Op. 2013 Amundi For. E. Eq. Op. Due 2013 Amundi For. Em.MktEq.R.2014 Amundi For. Gar. Hi. Div. 2014 Amundi Form Gar.E.Mk.Eq.R 2013 Amundi Form Gar.Eq.R.DUE 2013 Amundi Form Gar.Eq.Recall 2013 Amundi Form Gar.Mer.Emergenti Amundi Form Garantita 2012 Amundi Form Garantita 2013 Amundi Form Garantita Due 2013 Amundi Form Priv.Div.Opportunity Amundi Global Emerging Equity Amundi Global Equity Amundi Liquidit Amundi Obbligazionario Euro Amundi Pacific Equity Amundi Pi Amundi Premium Power Amundi Private Alfa 2007 Amundi QBalanced Amundi QReturn Amundi USA Equity Unibanca Plus

12/04 15/04 15/04 12/04 12/04 15/04 25/02 15/04 15/04 15/04 15/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 15/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 12/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 12/04 15/04 15/04 15/04 15/04

EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR

5,336 13,243 7,407 97,168 4,951 5,379 101,967 5,260 5,213 5,209 4,917 5,504 5,834 5,184 5,248 5,317 5,766 5,065 6,290 4,960 5,394 5,105 4,734 5,052 4,513 4,588 4,594 5,101 4,749 5,012 4,783 4,750 5,689 5,020 4,888 4,850 4,940 5,279 4,529 8,988 5,387 4,674 5,664 5,272 4,904 8,561 5,737 4,854 5,293

5,349 13,232 7,414 97,279 4,952 5,384 101,970 5,259 5,213 5,208 4,914 5,529 5,862 5,225 5,324 5,342 5,786 5,072 6,276 4,981 5,409 5,129 4,734 5,083 4,506 4,600 4,609 5,127 4,759 5,015 4,785 4,754 5,689 5,022 4,889 4,853 4,941 5,285 4,516 8,988 5,386 4,672 5,664 5,270 4,913 8,561 5,724 4,837 5,293

Carige Azionario Europa Carige Azionario Internazionale Carige Azionario Italia Carige Bilanciato 10 Carige Bilanciato 30 Carige Bilanciato 50 Carige Corporate Euro Carige Total Return 1 Carige Total Return 2 Carige Liquidita Euro Carige Monetario Euro Carige Obblig Euro Carige Obblig Euro Lungo Termine Carige Obblig Globale Difesa Classe A Difesa Obiettivo TFR Classe A Obiettivo TFR Rivalutazione Classe A Rivalutazione Valorizzazione Classe A Valorizzazione

15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03

EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR

5,690 6,872 5,348 5,577 5,354 6,100 6,664 5,199 4,456 6,383 11,756 10,809 5,557 6,069 13,517 13,342 11,109 10,980 10,603 10,291 12,589 12,343

5,679 6,877 5,350 5,575 5,351 6,094 6,656 5,197 4,454 6,384 11,758 10,804 5,549 6,078 13,552 13,380 11,125 10,999 10,760 10,451 12,706 12,463

Fondo Pensione Aperto Carige

Strategic Trend Inst. C Strategic Trend Retail C

15/04 EUR 15/04 EUR

103,840 103,550

104,060 103,790

Bim Az. Small Cap Italia Bim Azionario Europa Bim Azionario Globale Bim Azionario Italia Bim Azionario USA Bim Bilanciato Bim Corporate Mix Bim Flessibile Bim Obblig. Breve Term. Bim Obblig. Globale Bim Obbligazionario Euro Sicav Asia Flessibile Sicav Azionario Euro Sicav Azionario Italia Sicav Bil.Equ. Italia Sicav Fortissimo Sicav Europa Flessibile Sicav Monetario Sicav Obblig. Area Europa Sicav Patrimonio Globale Sicav Patrimonio G. Reddito Synergia Azionario Europa Synergia Azionario Globale Synergia Azionario Italia Synergia Az. Small Cap Italia Synergia Azionario USA Synergia Bilanciato 15 Synergia Bilanciato 30 Synergia Bilanciato 50 Synergia Monetaria Synergia Obbl. Corporate Synergia Obbl. Euro B.T. Synergia Obbl. Euro M.T. Synergia Tesoreria Synergia Total Return Symphonia MS Adagio Symphonia MS America Symphonia MS Asia Symphonia MS Europa Symphonia MS Largo Symphonia MS P. Emer. Symphonia MS Vivace

Tel: 800/614614 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR

7,263 10,001 4,071 7,031 6,351 22,475 5,588 3,859 6,550 5,837 6,878 6,229 5,808 10,754 5,416 2,817 5,114 7,471 9,527 5,210 7,143 6,249 6,331 5,859 5,743 6,604 5,278 5,463 5,668 5,028 5,459 5,067 5,168 5,065 5,288 5,906 4,074 5,353 5,723 5,769 13,707 5,405

7,367 10,165 4,121 7,175 6,366 22,648 5,574 3,884 6,553 5,801 6,866 6,239 5,934 10,977 5,453 2,845 5,160 7,473 9,514 5,252 7,149 6,353 6,411 5,983 5,828 6,624 5,288 5,489 5,716 5,031 5,446 5,068 5,161 5,066 5,297 5,899 4,061 5,359 5,761 5,773 13,695 5,416

Numero Verde 800-533377 - www.schroders.it Schroder International Selection Fund SICAV EQUITY- I ABS- I Num tel: 178 311 01 00 www.compamfund.com - info@compamfund.com Bluesky Global Strategy A Bond Euro A Bond Euro B Bond Risk A Bond Risk B CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. A CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. B European Equity A European Equity B Multiman. Bal. A Multiman. Bal. M Multiman. Eq. Afr. & Mid. East A Multiman. Eq. Afr. & Mid. East M Multiman.Target Alpha A 15/04 15/04 15/04 13/04 13/04 13/04 13/04 15/04 15/04 14/04 14/04 13/04 13/04 13/04 USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 1327,097 1156,681 1130,636 1251,259 1217,471 1418,641 1382,660 1230,274 1184,026 110,668 112,052 78,599 80,109 109,476 1326,363 1156,336 1130,311 1248,707 1215,091 1419,179 1383,289 1228,389 1182,041 110,754 112,134 78,844 80,347 109,121 28/02 EUR 560460,701 555891,249 28/02 EUR 7324,832 7037,408 ASIAN OPP CAP RET EUR DYNAMIC GROWTH RET EUR EUROPEAN BOND CAP INST FLEX DUR CAP RET EUR A FLEX QUANTITATIVE HR6 A EUR FLEX STRATEGY RET EUR HIGH GRWTH CAP RET EUR ITALY CAP RET A EUR 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 8,317 815,601 902,819 1115,184 99,071 102,889 79,068 21,619 8,261 851,554 902,695 1116,374 98,939 103,282 81,256 21,983 Asia Pacific Property Sec. A Asian Bond Abs.Re. A Asian Convertible Bd A Asian Convertible Bd A Hd Asian Equity Yield A Asian Smaller Companies A BRIC (BR,RU,IN,CH) A BRIC (BR,RU,IN,CH) A China Opportunities A Em. Eur. Dbt Abs. Ret. A Em. Mkts Dbt Ab.Ret.EUR Hdg A Emerging Asia A Emerging Asia A Emerging Europe A Emerging Markets A Emerging Markets A Emerging Mkts Dbt Abs Ret A EURO Active Value A EURO Bond A EURO Corporate Bond A EURO Dynamic Growth A EURO Equity A EURO Government Bond A EURO Liquidity A EURO Short Term Bond A European Allocation A European Defensive A* European Dividend Max. A European Dividend Max. A European Equity Alpha A European Equity Yield A European Large Cap A European Smaller Comp A European Special Sit A Glb Emer Mkt Opps A Glb Emer Mkt Opps EUR A Global Bond A Global Convertible Bd A Global Convertible Bd A Hd Global Corp B Eur Hedge A Global Clim.ChgeEq.A hdg Global Clim.ChgeEq.A Global Corporate A Global Credit Duration A Global Div.Maximiser A Global Div.Maximiser A Global Energy A Global Equity A Global Equity Alpha A Global Equity Alpha A Global Equity Yield A Global Equity Yield A Global High Yield A Global HYield EUR Hedge A Global Infl L B USD Hed A Global Infl Linked Bond A Global Prop Securities A Global Prop. Sec. EUR Hdgd A Global Smal Companies A Greater China A Indian Equity A Italian Equity A Japanese Equity A Japanese Equity EUR Hdgd A Japanese Large Cap A Japanese Smal Companies A Latin American Fund A Latin American Fund A Middle East A Pacific Equity A Pacific Equity A QEP Global Quant Act Val A QEP Global Quant Act Val A Strategic B Euro Hedged A Strategic Bond A Swiss Equity A Swiss Equity Opps A Swiss Small & Mid Cap A UK Equity A 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 USD USD USD EUR USD USD EUR USD USD EUR EUR EUR USD EUR EUR USD USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR USD USD EUR EUR EUR USD USD EUR USD USD USD USD EUR USD EUR USD USD EUR USD EUR USD EUR USD USD USD EUR JPY EUR JPY JPY EUR USD USD EUR USD EUR USD EUR USD CHF CHF CHF GBP 122,340 12,190 112,940 113,410 20,850 186,010 153,160 218,590 259,470 17,850 28,400 17,630 25,170 24,290 9,850 14,100 26,390 27,750 15,370 16,330 3,110 21,070 8,440 121,580 6,680 18,590 9,800 74,810 56,340 40,250 11,620 160,930 21,780 104,190 15,760 14,270 11,020 110,870 109,440 128,460 8,690 9,490 8,690 109,550 7,700 5,700 42,910 15,740 92,390 132,030 81,080 115,740 32,160 30,620 25,890 25,370 119,490 112,950 129,690 39,230 133,050 22,820 537,000 55,070 734,060 50,460 39,150 56,210 8,980 8,030 11,480 102,810 147,990 128,880 135,210 28,250 121,760 24,710 3,160 123,660 12,170 113,440 113,920 20,840 186,480 152,510 219,830 260,150 17,840 28,480 17,550 25,310 24,170 9,810 14,170 26,460 28,060 15,340 16,330 3,160 21,330 8,430 121,570 6,670 18,690 9,860 75,130 56,580 40,510 11,720 162,340 21,910 104,690 15,880 14,230 11,030 110,960 109,530 128,270 8,690 9,540 8,670 109,660 7,770 5,750 42,920 15,890 92,410 133,380 80,990 116,760 32,170 30,620 25,830 25,310 119,370 112,830 130,550 39,390 135,470 23,060 540,760 55,470 740,720 50,420 38,620 56,020 9,050 7,990 11,550 102,620 149,200 128,930 135,250 28,390 121,140 24,730 3,180

Tel: 848 58 58 20 Sito web: www.ingdirect.it Dividendo Arancio Convertibile Arancio Euro Arancio Bilancio Arancio Borsa Protetta Agosto Borsa Protetta Febbraio Borsa Protetta Maggio Borsa Protetta Novembre Inflazione Pi Arancio Mattone Arancio Profilo Dinamico Arancio Profilo Equilibrato Arancio Profilo Moderato Arancio Top Italia Arancio 18/04 18/04 18/04 01/03 13/04 13/04 13/04 13/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 39,130 51,390 53,540 48,380 54,090 52,210 55,530 53,740 49,870 38,060 56,050 53,820 51,230 48,520 39,130 51,030 53,460 48,320 54,080 52,250 55,540 53,780 49,760 38,440 55,760 53,630 51,130 49,860

www.newmillenniumsicav.com Distributore Principale: Banca Finnat Euramerica - Tel: 06/69933475 NM Augustum Beatrice Eq Fd A NM Augustum Corp Bd A NM Augustum High Qual Bd A NM Augustum Pan European Eq A NM Euro Bonds Short Term A NM Euro Equities A NM Global Equities A NM Inflation Linked Bond Europe A NM Large Europe Corp A NM Previra World Cons A NM Q7 Active Eq. Int. A NM Q7 Alpha Balanced A NM Q7 Globalflex A NM Total Return Flexible A 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 15/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 121,160 165,110 132,830 85,220 129,780 39,530 55,440 104,190 115,980 122,480 79,170 96,710 107,340 115,120 122,750 165,160 132,920 86,960 130,010 40,460 55,930 104,000 115,760 122,690 79,850 96,350 107,380 115,280

Numero Verde 800 255783 info@animasgr.it - www.animasgr.it Anima America Anima Asia Anima Convertibile Anima Emerging Markets Anima Europa Anima Fondattivo Anima Fondimpiego Anima Fondo Trading Anima Liquidit Anima Obbligaz Euro Anima Obiettivo Rend. Americhe Corporate Bd Emerging Markets Bd Emerging Markets Eq Europa Iniziativa Europa Italia Monetario Pacifico Pianeta Risparmio Sforzesco Tesoreria Valore Globale Visconteo Capitale Piu' C.Azionario Capitale Piu' C.Bilanc. 15 Capitale Piu' C.Bilanc. 30 Capitale Piu' C.Obbligaz. 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 4,403 6,217 6,338 10,694 4,342 14,415 19,445 13,572 6,690 7,171 5,943 9,232 7,528 6,420 7,448 13,423 7,414 15,611 12,191 4,927 9,690 7,542 10,177 6,943 20,509 35,397 4,858 5,344 5,165 5,482 4,438 6,219 6,360 10,651 4,411 14,479 19,483 13,734 6,691 7,180 5,948 9,199 7,529 6,412 7,455 13,631 7,501 15,953 12,201 4,871 9,571 7,541 10,185 6,946 20,567 35,527 4,888 5,359 5,186 5,481

DB Platinum
Agriculture Euro R1C A Comm Euro R1C A Comm Harvest R3C E Croci Germany R1C A Currency Returns Plus R1C Dyn Aktien Pl R1C A Liq Alpha Euro4TotRet R1C A 15/04 18/04 15/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 15/04 15/04 15/04 18/04 13/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR JPY USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 89,500 170,730 98,960 983,570 118,220 91,260 92,800 6342,270 113,540 95,420 101,110 98,870 86,400 103,050 105,930 10037,510 89,550 172,930 98,980 987,930 119,890 91,540 94,560 6366,420 114,940 95,510 101,110 98,760 86,270 102,910 105,730 10068,160

La lista completa dei comparti Invesco autorizzati in Italia disponibile sul sito www.invesco.it

Invesco Funds
Asia Balanced Fund Asia Consumer Demand Asia Consumer Demand E Asia Infrastructure Asia Infrastructure E Balanced-Risk Allocation Balanced-Risk Allocation E Em. Local Cur. Debt Em. Local Cur. Debt E Em. Local Cur. Debt A-Distr.M Energy Fund Euro Corp. Bond Euro Corp. Bond Euro Corp. Bond E Euro Corp. Bond A-Distr. M Euro Inflation-Linked Bond Global Total Return (EUR) Bond Gold & Precious Metals Gold & Precious Metals E Greater China Eq. Greater China Eq. E Pan European Eq. Pan European Eq. E Pan European Structured Eq. Pan European Structured Eq. E 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 USD USD EUR USD EUR EUR EUR USD EUR USD USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR USD USD JPY JPY USD USD 9,950 9,830 8,760 9,870 10,880 10,000 11,960 10,012 10,322 11,270 9,360 10,047 10,047 13,246 11,204 9,994 10,026 9,630 8,570 9,830 24,620 9,820 11,230 9,990 8,730 35,820 35,220 1602,000 619,000 39,800 18,820 1,121 1,665 1,000 10,050 9,930 8,800 9,990 10,950 10,010 11,970 10,069 10,332 11,333 9,480 10,053 10,053 13,254 11,210 9,983 10,030 9,750 8,630 9,930 24,750 9,900 11,310 10,030 8,770 36,390 35,730 1634,000 632,000 40,150 19,120 1,120 1,665 1,000

DB Platinum IV
Croci Euro R1C B Croci Japan R1C B Croci US R1C B Dyn. Bd Stabilitt Plus R1C A Dyn. Cash R1C A Dyn. ETF Selector 3 R1C A Dyn. ETF Selector 6 R1C A Dyn. ETF Selector 8 R1C A Sovereign Plus R1C A Systematic Alpha Index R1C A

UBI Pr. Active Beta UBI Pr. Active Duration UBI Pr. Alpha Equity UBI Pr. Azionario Etico UBI Pr. Azioni Euro UBI Pr. Azioni Europa UBI Pr. Azioni Globali UBI Pr. Azioni Italia UBI Pr. Azioni Mercati Emerg. UBI Pr. Azioni Pacifico UBI Pr. Azioni USA UBI Pr. Bilanc. Euro Rischio Cont. UBI Pr. Euro B.T. UBI Pr. Euro Cash UBI Pr. Euro Corporate UBI Pr. Euro Medio/Lungo Ter. UBI Pr. Obblig. Dollari UBI Pr. Obblig. Glob. Alto Rend. UBI Pr. Obblig. Globali UBI Pr. Obblig. Globali Corp. UBI Pr. Portafoglio Aggressivo UBI Pr. Portafoglio Dinamico UBI Pr. Portafoglio Moderato UBI Pr. Portafoglio Prudente UBI Pr. Privilege 1 UBI Pr. Privilege 2 UBI Pr. Privilege 3 UBI Pr. Privilege 4 UBI Pr. Privilege 5 UBI Pr. Tot. Ret. Mod. A UBI Pr. Tot. Ret. Mod. B UBI Pr. Tot.Ret. Dinamico UBI Pr. Total Return Prudente

Tel. 02 - 430241 www.ubipramerica.it 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR

4,693 5,662 5,046 5,052 5,792 5,974 4,571 5,039 11,435 6,652 4,180 5,889 6,788 7,319 7,912 6,933 4,933 9,529 5,698 7,015 5,316 5,589 5,897 6,079 5,592 5,634 5,561 5,355 5,154 5,097 5,122 4,964 10,532

4,705 5,657 5,055 5,153 5,900 6,062 4,577 5,130 11,418 6,569 4,165 5,927 6,791 7,324 7,891 6,920 4,864 9,531 5,636 6,996 5,351 5,596 5,887 6,066 5,593 5,638 5,568 5,374 5,180 5,093 5,118 4,975 10,523

Numero verde 800 124811 www.nextampartners.com-info@nextampartners.com Nextam Bilanciato Nextam Flessibile Nextam Obblig. Misto AAM Pro Select A AAM Pro Select I BInver International A BInver International I Citic Securities China A Citic Securities China I Fidela A Fidela I Income A Income I International Equity A International Equity I Italian Selection A Italian Selection I Liquidity A Liquidity I Multimanager American Eq.A Multimanager American Eq.I Multimanager Asia Pacific Eq.A Multimanager Asia Pacific Eq.I Multimanager Emerg.Mkts Eq.A Multimanager Emerg.Mkts Eq.I Multimanager European Eq.A Multimanager European Eq.I Strategic A Strategic I 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 19/04 19/04 25/11 18/04 18/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 6,171 4,790 6,041 4,823 4,869 5,016 4,964 5,287 5,378 5,387 5,399 5,401 5,564 5,601 5,290 5,330 3,628 3,743 4,452 4,573 4,557 4,653 3,752 3,853 4,941 5,063 6,213 4,831 6,050 4,854 4,900 4,973 5,296 5,371 5,381 5,412 5,413 5,676 5,714 5,291 5,331 3,594 3,707 4,425 4,545 4,539 4,635 3,766 3,867 4,975 5,098

NEXTAM PARTNERS SICAV

Tel. 02/88219.1 - direzione@gruppoesperia.com www.gruppoesperia.com

Duemme Sicav
Asian Equities C Bond Euro Area C Bond Inflation Linked C Corporate Bond Euro C Dynamic Allocation Efficient Equity Opportunity C Euro Equities C Euro Investments C Flexible Strategies C Global Allocation C Global Convertible Plus Gov Bond Euro Medium Term C Italian Stocks Money Market C Private Equity Strategies C Revenues C Sector Investments Strategic Portfolio C Trading US Equities C Usa Short Term C 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 18/04 JPY EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD USD 6161,000 138,170 100,170 120,320 94,190 100,520 114,400 98,020 104,530 94,000 100,330 99,740 115,960 74,280 105,800 91,060 100,640 94,370 102,210 110,680 112,170 111,970 6155,000 138,090 100,180 120,110 94,150 100,450 114,530 98,720 104,720 94,220 100,150 99,570 115,980 74,400 105,850 90,780 100,450 94,370 102,900 110,410 111,660 111,960

Invesco Funds II
Global Small Cap Value R Global Value Eq. R Japanese Eq. Advantage R Japanese Value Eq. R US Small Cap Growth R US Value Eq. R

AZIMUT SGR - tel.02.88981 www.azimut.it - info@azimut.it Azimut Bilanciato Azimut Formula 1 Alp +20 Azimut Formula 1 Conserv Azimut Formula 1 Hi. Risk Azimut Formula 1 Low Risk Azimut Formula 1 Risk Azimut Garanzia Azimut Prev. Com. Crescita Azimut Prev. Com. Equilibrato Azimut Prev. Com. Garantito Azimut Prev. Com. Protetto Azimut Scudo Azimut Reddito Euro Azimut Reddito Usa Azimut Solidity Azimut Strategic Trend 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 24,151 6,317 6,383 6,910 6,616 6,605 12,345 9,727 10,901 9,821 11,472 7,588 15,528 5,547 7,868 5,277 24,144 6,316 6,380 6,909 6,615 6,605 12,355 9,729 10,904 9,822 11,476 7,584 15,539 5,515 7,876 5,269

Asian Equity B Asian Equity B Capital Opportunities Capital Opportunities Hdg Emerg Mkts Equity Emerg Mkts Equity Hdg European Equity Greater China Equity Greater China Equity Growth Opportunities Growth Opportunities Hdg Italian Equity Japanese Equity Japanese Equity Hdg Reserve Liquidity Swiss Equity Swiss Equity Hdg US Equity US Equity Hdg

www.vitruviussicav.com 18/04 EUR 18/04 USD 18/04 USD 18/04 EUR 18/04 USD 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 USD 18/04 USD 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 JPY 18/04 EUR 18/04 EUR 18/04 CHF 18/04 EUR 18/04 USD 18/04 EUR

78,440 108,830 96,540 90,600 476,350 471,450 219,900 90,730 128,820 54,790 60,970 88,790 91,560 120,510 118,130 111,460 84,410 115,540 129,640

78,290 108,690 97,900 91,850 481,450 476,410 222,910 90,750 128,960 55,350 61,580 90,580 92,210 121,380 118,130 112,740 85,340 117,030 131,330

Invesco Stic
Euro Liquidity US Dollar Liquidity US Dollar Treasury 19/04 EUR 18/04 USD 18/04 USD

Duemme Sgr
Duemme Hedge Dynamic Duemme Hedge Performance Duemme Hedge Protection 31/01 EUR 419442,360 421596,810 31/01 EUR 571185,351 572206,696 31/01 EUR 566276,292 567485,995

Dynamic US Market Dynamic US Market EQQQ EQQQ

Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.invescopowershares.net 18/04 EUR 6,261 18/04 USD 8,894 18/04 EUR 39,655 18/04 USD 56,330

6,250 9,012 39,329 56,705

8a+ Eiger 8a+ Gran Paradiso 8a+ Latemar 8a+ Matterhorn 8a+ Monviso

Tel 0332 251411 www.ottoapiu.it 18/04 EUR 4,923 5,027 18/04 EUR 5,432 5,438 18/04 EUR 5,227 5,260 08/04 EUR 640438,425 628879,409 18/04 EUR 5,172 5,162
Quota/od. = Quota odierna
132DC53B

www.oysterfunds.com Absolute Return EUR2 Absolute Return Italy 15/04 EUR 15/04 EUR 149,370 162,650 149,290 162,680

Legenda: Quota/pre. = Quota precedente;

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Economia/Mercati Finanziari 37

Piazza Affari RIMBALZO CON PIRELLI LUXOTTICA E TODS


di GIACOMO FERRARI

Sussurri & Grida

Lex commissario Cirio per lUnione delle banche arabe


(f.d.r.) luomo delle missioni se non impossibili certamente difficili. Molto difficili. Gli era stata affidata la Cirio dopo il crac. E poi la Roma nella transizione tra la gestione Sensi e quella dellaccoppiata Unicredit-Tom Dibenedetto. Ora per il supercommissario Attilio Zimatore arrivato un nuovo incarico: il Ministero dellEconomia lo ha nominato commissario straordinario di Banca Ubae, listituto controllato al 67% dalla Lybian Foreign Bank. Dopo lo scoppio della guerra e la decisione dellOnu di congelare i beni di Gheddafi allestero la Banca dItalia aveva messo Ubae in gestione provvisoria. Forse nella speranza che il conflitto si sarebbe risolto rapidamente. Ma non successo e cos Palazzo Koch ha deciso di anticipare i tempi e chiedere subito a Via XX Settembre di sciogliere gli organi amministrativi dellistituto italo-libico e dichiarare lamministrazione straordinaria. Zimatore lavorer fianco a fianco dellaltro commissario, Corrado Casalino, e dovr verificare che lattivit della banca avvenga rispettando le sanzioni internazionali. Il ministero ha anche nominato il consiglio di sorveglianza composto da Raffaele Lener, Oliviero Pesce e Maurizio Losavio, questultimo gi incaricato da Bankitalia di seguire la gestione provvisoria di Ubae dopo lo scoppio del conflitto. Ora la conferma per dare continuit al lavoro svolto in queste settimane.
RIPRODUZIONE RISERVATA

odesto rimbalzo per le Borse europee dopo il tonfo della vigilia, nonostante le preoccupazioni per i debiti sovrani di alcuni Paesi, come dimostra l'exploit dei rendimenti all'asta di ieri dei titoli greci. A Piazza Affari l'indice Ftse-Mib ha recuperato lo 0,31%, in linea con il resto dei listini del Vecchio Continente, alla vigilia della campagna dividendi delle principali quotate, oggi al via con Saipem e Fiat spa, mentre domani sar la volta di Fiat Industrial e Snam. Ieri le migliori performance, nell'ambito dei 40 titoli principali, hanno riguardato nell'ordine Pirelli (+2,99%), Luxottica (+2,42%) e Tod's (+2,38%), che hanno partecipato al rally di tutto il comparto del lusso. Significativi anche i rialzi di Snam (+2,03%) e Fiat (+1,78%), che potrebbe abbandonare il rilancio degli stabilimenti ex Bertone se la Fiom non cambier la propria linea di opposizione. Ha ripreso inoltre a correre, nel segmento Star, Poltrona Frau, che ieri ha toccato il nuovo massimo dell'anno grazie a un balzo del 6,26%. In calo invece Telecom (-2,26%) fra le blue-chips e, fra i minori, Dada (-6,9%) che ha ceduto a Buongiorno la propria controllata Dada.net.
R PRODUZIONE RISERVATA

Da Mosca a Algeri, GE fa i conti a chi spreca il gas


(a.jac.) General Electric fa i conti del gas sprecato. Secondo uno studio della multinazionale statunitense (Flare gas reduction: recent global trends and policy considerations) durante lestrazione del petrolio ogni anno vengono sprecati nel mondo 150 miliardi di metri cubi di gas naturale: una quantit pari al 5% della produzione mondiale. Senza contare limpatto devastante sullambiente. Il gas proviene dai giacimenti petroliferi e fuoriesce insieme al greggio ma poich non conveniente recuperarlo, viene regolarmente bruciato a cielo aperto (gas-flaring). Solo per fare un esempio la quantit di gas bruciato senza produrre calore o elettricit corrisponde al 30% del fabbisogno annuo di gas dellUnione Europea e al 23% di quello Usa, mentre nellatmosfera vengono rilasciate 400 milioni di tonnellate di anidride carbonica (quanto prodotto da 77 milioni di auto). Eppure secondo il rapporto di GE si potrebbe catturare il gas e riutilizzarlo per produrre energia, oppure re-iniettarlo nel sottosuolo per incrementare lestrazione di petrolio. Con un recupero di circa 20 miliardi di dollari a vantaggio delle economie dei Paesi produttori. In cima alla classifica dei Paesi spreconi la Russia ma anche Kazakistan, Iran, Iraq, Libia e Algeria non sono da meno. Tra i virtuosi la Nigeria che ha ridotto le emissioni da flare gas del 28% dal 2000, Norvegia, Indonesia e Angola. E per il curatore del rapporto, Micha-

el Farina con una maggiore attenzione globale il fenomeno potrebbe essere diffusamente eliminato in cinque anni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Venini e quelle voci sulla fornace in vendita


(fr. bas.) Lamministratore delegato Giancarlo Chimento taglia corto: Ogni volta che c il Salone del mobile a Milano torna la voce che io stia vendendo Venini, ma non cos. Senn cosa farei dopo?. In effetti nellambiente del design i rumors raccontavano di un Chimento interessato a cedere il marchio storico che ha reso famoso il vetro soffiato di Murano nel mondo. Lazienda, che questanno festeggia i 90 anni, stata rilevata dal gruppo Italian Luxury Industries di Chimento insieme alla 2G Investimenti di Giuliano e Guglielmo Tabacchi nel 2001 (nel 1998 era finita in mano a Royal Scandinavia, ceduta dalla famiglia Gardini). iniziata cos la nuova vita della fornace. Ma la recente crisi economica ha colpito anche il lusso e Venini ha registrato nel 2009 un calo del fatturato del 32%. Il 2010 ha visto una timida ripresa, complicata da un rischio cassa integrazione evitato grazie a contratti di solidariet. I piani di Chimento prevedono di andare avanti sulla strada del rilancio. Ho da poco preso un nuovo direttore generale, mette le mani avanti lamministratore delegato, che aggiunge: Io comunque parlo con tutti. Hanno preso contatti con me dei fondi. Poi se si tratta di unofferta di quelle che non si possono rifiutare....
RIPRODUZIONE RISERVATA

Borsa Italiana
Nome Titolo Tel.
A A.S. Roma .....................(ASR) A2A .......................................(A2A) Acea......................................(ACE) Acegas-Aps...........................(AEG) Acotel Group * ......................(ACO) Acque Potabili .......................(ACP) Acsm ....................................(ACS) AdF-Aerop.Firenze ..................(AFI) Aedes * ...................................(AE) Aedes 14w *.....................(WAE14) Aeffe *...................................(AEF) Aicon * ...................................(AIC) Alerion ..................................(ARN) Amplifon...............................(AMP) Ansaldo Sts *.........................(STS) Antichi Pell ..............................(AP) Apulia Pront...........................(APP) Arena ....................................(ARE) Arkimedica ...........................(AKM) Ascopiave *...........................(ASC) Astaldi * ................................(AST) Atlantia ..................................(ATL) Autogrill ................................(AGL) Autostrada To-Mi .....................(AT) Autostrade Mer. ................(AUTME) Azimut..................................(AZM) B B&C Speakers ...............(BEC) Banca Generali .....................(BGN) Banca Ifis *...............................(IF) Banca Pop. Emilia R. .............(BPE) Banca Pop. Sondrio.............(BPSO) Banco Popolare .......................(BP) Banco Popolare w10.........(WBP10) Basicnet................................(BAN) Bastogi......................................(B) BB Biotech *............................(BB) Bca Carige ............................(CRG) Bca Carige r........................(CRGR) Bca Finnat * ..........................(BFE) Bca Intermobiliare .................(BIM) Bca Pop.Etruria e Lazio * .......(PEL) Bca Pop.Milano......................(PMI) Bca Pop.Milano 13w .......(WPMI13) Bca Pop.Spoleto ....................(SPO) Bca Profilo ............................(PRO) Bco Desio-Brianza ................(BDB) Bco Desio-Brianza rnc ........(BDBR) Bco Santander ....................(SANT) Bco Sardegna rnc ...............(BSRP) Bee Team ..............................(BET) Beghelli...................................(BE) Benetton Group .....................(BEN) Beni Stabili ...........................(BNS) Best Union Co......................(BEST) Bialetti Industrie *...................(BIA) Biancamano *.......................(BCM) Biesse * ................................(BSS) Bioera.....................................(BIE) Boero Bart.............................(BOE) Bolzoni *................................(BLZ) Bon.Ferraresi...........................(BF) Borgosesia..............................(BO) Borgosesia rnc......................(BOR) Brembo * ..............................(BRE) Brioschi..................................(BRI) Bulgari ..................................(BUL) Buone Societ .......................(LBS) Buongiorno *.........................(BNG) Buzzi Unicem ........................(BZU) Buzzi Unicem rnc ................(BZUR) C Cad It *..........................(CAD) Cairo Comm. *........................(CAI) Caleffi....................................(CLF) Caltagirone ..........................(CALT) Caltagirone Ed.......................(CED) Camfin .................................(CMF) Camfin 09-11 w ............(WCMF11) Campari ................................(CPR) Cape Live ................................(CL) Carraro ...............................(CARR) Cattolica As.........................(CASS) CDC ......................................(CDC) Cell Therap...........................(CTIC) Cembre * .............................(CMB) Cementir *............................(CEM) Cent. Latte Torino * ................(CLT) Ceram. Ricchetti.....................(RIC) CHL.......................................(CHL) CIA .........................................(CIA) Ciccolella ................................(CC) Cir..........................................(CIR) Class Editori ..........................(CLE) Cobra * .................................(COB) Cofide ...................................(COF) Cogeme Set ..........................(COG) Conafi Prestito' .....................(CNP) Cred. Artigiano ......................(CRA) Cred. Bergamasco...................(CB) Cred. Emiliano .........................(CE)
0,817 1,151 8,485 4,062 38,980 1,432 1,133 12,050 0,180 0,039 0,819 0,199 0,561 4,112 10,120 0,565 0,303 0,025 0,300 1,677 5,565 15,810 9,490 11,220 22,390 8,085 3,846 10,920 5,245 8,515 5,830 1,976 2,686 1,531 48,750 1,620 2,670 0,478 4,220 2,860 2,526 0,660 3,100 0,360 3,714 3,698 8,105 9,400 0,445 0,673 5,125 0,730 1,410 0,389 1,811 7,640 2,156 28,400 1,245 9,015 0,151 12,270 0,331 1,398 9,465 5,425 3,820 3,236 1,213 2,040 1,680 0,375 0,065 4,770 0,249 3,790 18,380 1,657 0,276 7,365 2,150 2,862 0,270 0,121 0,269 0,671 1,644 0,440 1,220 0,730 0,260 1,027 1,437 23,250 4,548 -11,25 +0,52 +1,92 +0,54 +0,59 -0,35 +2,16 -0,17 +1,35 +4,34 +1,55 -1,68 +0,36 +3,37 +0,10 +1,16 +2,23 +0,40 +1,76 -0,24 +1,64 -0,38 -0,58 +3,89 +0,77 +0,37 +1,75 +0,37 +0,48 +0,12 +1,66 +0,97 -0,44 -0,07 -0,53 +1,00 +1,83 +1,60 +0,48 -0,56 -0,08 -5,65 -0,13 +0,38 +0,31 +1,35 +2,06 +1,36 +0,69 +0,62 +0,71 +2,15 +4,38 +3,24 -1,10 +0,21 -0,72 +1,35 -0,66 +0,08 +2,72 +0,53 -2,55 +1,13 +1,85 +0,60 +2,49 +4,50 +1,02 +5,96 +0,64 -0,49 +1,72 +11,52 +1,45 +0,56 -1,31 -1,14 -0,50 +3,11 -0,59 +1,29 -1,12 +0,25 +1,74 -0,42 -0,29 +1,41 -0,47 +1,16 -22,61 +9,83 -3,03 +11,98 -11,39 -0,21 +4,62 +11,27 -6,54 -8,11 +61,12 +12,72 +6,15 +8,78 -5,51 +19,72 -14,28 -2,34 -33,66 +6,07 +12,31 +2,13 -10,89 +9,89 -1,80 +17,34 +2,29 +19,21 -0,85 -10,37 -5,97 -19,84 -4,07 -0,26 +0,31 +3,18 -3,78 -3,63 +0,96 -6,23 -5,22 -45,00 -10,01 -18,18 -8,30 -0,39 +2,86 -0,53 +10,83 -2,04 +2,50 +13,88 +2,17 +9,94 +37,20 +42,01 +1,10 -3,50 -3,56 +14,91 +8,40 +50,18 -15,13 +20,10 +8,98 -0,46 -6,72 +19,30 +4,84 +15,32 -2,27 +0,40 -1,66 -2,15 -0,99 -2,51 -4,02 +0,98 +0,88 +18,60 +1,78 +16,82 +6,89 -8,88 -9,26 +3,07 +19,74 -2,44 -8,06 +8,39 -29,49 +2,91 +10,71 +12,97 -2,66 0,817 1,001 7,770 3,628 38,200 1,350 1,040 10,830 0,178 0,036 0,477 0,158 0,478 3,598 9,700 0,472 0,296 0,025 0,295 1,527 4,670 15,270 9,255 9,600 21,750 6,745 3,710 8,955 4,940 8,500 5,735 1,957 2,478 1,480 47,680 1,470 2,590 0,470 4,175 2,860 2,493 0,671 3,082 0,360 3,700 3,562 7,400 8,710 0,380 0,653 4,600 0,633 1,330 0,351 1,286 5,010 2,100 28,340 1,237 7,725 0,135 7,280 0,331 1,053 7,960 4,902 3,780 2,685 1,120 1,749 1,655 0,329 0,056 4,438 0,232 3,723 17,760 1,450 0,157 5,965 2,030 2,400 0,253 0,121 0,261 0,651 1,337 0,425 1,194 0,647 0,248 0,949 1,279 20,300 4,263

Quotazioni in diretta sul telefonino: invia QUOTA <sigla titolo>, ad esempio: QUOTA ACE al numero 482242. Costo 0,5 Euro per SMS ricevuto. Info su www.corriere.it/economia
Nome Titolo Tel. Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz Rif. Rif. 03-01-2011 Anno Anno (in milioni (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)
3,302 0,227 0,081 1,230 0,923 3,640 0,975 20,840 11,720 5,890 8,165 1,530 32,000 1,186 2,448 21,320 0,756 1,110 1,325 14,160 1,606 4,260 4,526 1,944 1,310 23,900 16,840 9,710 0,969 0,438 0,022 0,112 5,800 2,232 -0,78 -3,36 -0,12 -1,84 -0,32 -6,91 +0,88 +2,96 +3,26 -1,01 +2,96 +0,59 -0,19 +3,13 -3,62 +1,28 -0,13 +0,91 +0,38 -2,28 +0,82 -0,47 +0,31 +0,31 -1,50 +1,49 -0,06 +0,36 +0,21 +1,53 +6,93 -6,67 +4,88 -1,06 -0,32 +0,49 -16,75 +14,31 -6,63 -25,56 +16,07 -13,88 -11,01 -2,89 +39,81 +33,04 +1,43 -22,48 -16,02 +38,62 -12,66 -9,09 +0,53 +11,85 +11,53 -3,51 +19,89 +23,66 +5,31 +11,21 +2,56 -6,18 +0,73 -9,98 -26,78 -15,79 +2,47 +19,36 3,063 0,223 0,081 1,052 0,906 3,640 0,819 20,240 10,990 5,705 5,820 1,125 30,170 1,150 2,442 15,040 0,736 1,100 1,285 12,410 1,435 4,220 3,692 1,563 1,217 21,140 16,340 9,620 0,960 0,432 0,021 0,112 5,390 1,860 3,695 784,4 0,281 0,161 12,7 1,295 40,9 1,000 138,9 5,020 63,1 1,111 80,7 24,580 856,1 13,690 469,7 6,540 345,8 8,165 1219,0 1,600 471,2 36,090 1785,7 1,573 16,5 3,265 19,1 22,380 238,7 0,907 3926,2 1,287 122,8 1,539 57,9 15,140 68,6 1,768 101,8 4,515 118,2 4,640 42513,5 2,048 9675,5 1,377 23,3 24,090 295,4 18,420 67573,2 10,440 1460,1 0,973 91,8 0,498 41,0 0,029 0,143 6,275 299,2 2,400 78,9

Borse Estere
indici

Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz Rif. Rif. 03-01-2011 Anno Anno (in milioni (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)
1,249 1,181 8,750 4,138 44,140 1,477 1,133 12,500 0,231 0,049 0,980 0,281 0,582 4,372 11,200 0,596 0,384 0,029 0,453 1,685 5,960 16,900 10,970 11,220 24,380 8,475 4,080 11,490 5,585 9,895 6,600 2,753 3,100 1,660 50,850 1,812 2,780 0,522 4,250 3,210 3,163 1,254 3,455 0,440 4,120 3,750 9,300 9,950 0,505 0,732 5,350 0,754 1,450 0,425 1,811 7,810 2,280 31,430 1,349 9,085 0,173 12,270 0,409 1,409 10,760 6,090 4,447 3,250 1,399 2,118 1,945 0,390 0,070 4,945 0,411 4,468 20,310 1,750 0,322 7,420 2,340 4,100 0,305 0,150 0,296 0,777 1,671 0,520 1,440 0,730 0,371 1,069 1,461 23,940 5,505 116,5 3605,3 1801,7 221,4 162,5 50,9 85,8 108,9 131,8 87,0 21,9 246,3 893,1 1217,0 25,3 70,9 31,7 25,9 392,0 546,6 9536,3 2421,1 985,1 97,8 1161,1 41,6 1221,8 280,4 2164,7 1781,2 3490,1 161,5 27,2 2627,9 465,4 172,7 658,1 215,1 1044,2 91,7 242,4 436,8 48,6 62,1 30,8 134,4 936,3 1400,6 13,0 28,9 60,8 207,5 55,4 159,7 55,1 600,7 119,0 3709,8 3,6 148,2 1562,2 219,9 34,7 251,8 15,2 245,0 207,6 252,6 2771,4 11,7 176,7 1003,9 20,4 124,2 340,7 28,6 22,0 19,0 24,2 121,6 1304,5 45,9 25,9 522,8 16,2 47,6 406,9 1433,3 1511,5

Nome Titolo

Tel.

Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz Rif. Rif. 03-01-2011 Anno Anno (in milioni (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)

Nome Titolo

Tel.

Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz A New York valori espressi in dollari, a Londra Rif. Rif. 03-01-2011 Anno Anno (in milioni in pence, a Zurigo in franchi svizzeri (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)
1,422 2,262 1,219 2,576 3,060 0,150 5,120 2,570 6,545 5,975 8,860 0,440 1,222 1,077 0,518 0,566 0,716 8,540 2,378 15,330 0,225 0,048 0,011 0,172 0,850 1,354 0,798 1,694 2,634 6,975 20,340 0,506 0,092 0,243 1,286 22,600 0,400 7,735 5,395 12,670 36,860 39,250 1,649 9,880 7,725 0,564 0,082 0,997 7,040 8,495 2,430 4,124 2,838 5,680 0,077 1,938 0,510 7,905 1,474 0,226 0,517 0,973 0,198 0,400 0,844 16,940 3,334 3,568 0,621 0,079 0,002 86,000 1,495 10,330 8,745 5,790 0,001 1,634 2,058 0,510 0,020 0,387 0,021 4,576 1,399 4,300 3,970 11,460 3,080 5,200 0,786 0,710 +0,14 -7,36 +0,53 +9,28 -0,25 +15,33 +0,94 +6,34 -1,10 -7,76 -31,51 -1,54 +32,99 +5,76 +33,16 +2,99 +6,68 +2,14 +4,82 -0,34 -2,48 -10,11 +6,26 +26,17 +1,13 +3,56 -1,05 +13,72 -2,92 -26,01 +1,13 -4,85 +0,23 +17,79 +3,21 +50,60 +0,33 +18,84 +1,67 -5,11 +0,42 +4,81 -18,52 +1,00 -7,93 +0,18 +0,41 +2,97 +29,20 -0,06 +9,92 +0,53 -16,55 -2,44 +9,07 +1,75 -1,62 +0,59 +2,88 +1,77 +42,54 +12,20+109,09 -0,65 +10,09 +1,58 -7,61 +0,13 -10,64 +9,59 +21,03 -0,13 +13,75 +8,99 +1,85 -7,65 +0,22 -2,18 +7,53 -0,36 +3,06 -3,61 -1,40 -0,26 +2,05 +2,55 -11,39 +4,33 +0,49 +0,20 +21,59 +0,28 +18,32 +2,16 +17,01 +0,41 -8,13 +2,03 +10,93 +4,65 +13,29 +0,35 +14,75 -0,39 +0,26 +0,52 +13,00 +3,97 +4,18 -1,62 -1,68 +0,27 +4,99 -7,80 +2,68 -4,26 -24,25 -2,26 -0,87 +1,07 -17,05 -0,03 +24,00 -0,53 +2,74 +1,56 -8,43 +0,85 +4,51 +1,88 -2,25 +0,16 -4,09 +1,55 -2,00 -8,70 +2,38 +16,42 +4,11 -0,19 -4,88 +1,22 +61,94 +0,78 -12,80 -83,87 -0,12 +3,16 +2,39 +7,47 -0,20 +8,86 -15,25 -0,08 +6,91 -0,95 -9,57 +0,48 +9,54 -0,07 +6,47 -0,46 +7,50 +0,05 +10,74 +5,91 +15,64 -4,11 -42,43 +0,19 +7,49 +4,73 +70,21 +0,78 +40,04 1,420 2,035 1,035 2,260 3,040 0,144 3,538 1,878 5,580 5,250 8,565 0,433 0,892 0,967 0,429 0,527 0,677 6,965 1,200 12,750 0,221 0,044 0,011 0,162 0,824 1,017 0,717 1,685 2,300 6,605 19,100 0,344 0,031 0,211 1,080 21,420 0,313 6,795 4,925 11,600 33,560 35,010 1,575 9,750 7,210 0,499 0,069 0,725 5,750 7,060 2,378 3,668 2,263 4,930 0,071 1,675 0,468 7,865 1,400 0,195 0,493 0,967 0,179 0,280 0,812 15,700 3,100 3,490 0,614 0,071 0,002 71,950 1,436 8,710 5,360 5,745 0,000 1,474 1,790 0,458 0,019 0,354 0,020 4,140 1,281 3,980 3,513 8,150 2,830 4,780 0,445 0,469 1,622 2,600 1,554 2,686 3,813 0,245 7,100 2,570 6,650 6,050 10,110 0,490 1,222 1,205 0,593 0,792 0,766 9,400 2,957 15,950 0,248 0,058 0,019 0,188 0,887 1,354 0,880 2,078 2,758 7,240 21,490 0,607 0,183 0,293 1,392 25,300 0,400 8,500 6,180 13,720 38,520 39,250 2,022 10,700 7,745 0,640 0,095 0,997 7,340 8,495 2,773 4,124 2,950 5,770 0,096 2,016 0,573 9,645 1,590 0,473 0,720 1,144 0,239 0,400 1,025 18,510 3,418 3,780 0,712 0,090 0,003 87,500 1,495 11,340 9,395 7,875 0,003 1,997 2,150 0,543 0,024 0,412 0,025 4,756 1,520 4,498 4,064 11,460 5,350 5,360 0,831 0,785 64,5 3931,2 958,3 45,9 156,2 128,5 3099,9 72,8 10,6 57,0 170,3 32,5 440,9 235,8 134,3 74,1 3284,6 83,9 22,0 46,9 27,1 982,1 23,5 77,6 62,9 1438,5 185,2 82,2 200,0 14,4 259,4 35,9 114,0 39,5 720,8 16168,1 5,5 1560,1 99,3 433,0 76,5 160,9 0,7 114,0 1926,3 283,4 14641,4 324,9 516,5 32,2 915,3 44,2 196,7 21,6 13201,5 284,2 2,2 5115,0 6672,3 99,2 66,8 145,9 2636,2 45,7 656,7 23,0 3713,8 31748,5 49,6 1082,7 505,7 46,9 41,7 186,4 266,1 591,6 3,1 415,0 19,1 2,4
MERCATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19-04 Amsterdam (Aex) . . . . . . . . . . . . . 353,17 Brent Index . . . . . . . . . . . . . . . . . 121,51 Bruxelles-Bel 20 . . . . . . . . . . . . 2692,45 DJ Stoxx Euro . . . . . . . . . . . . . . . 279,83 DJ Stoxx Euro50 . . . . . . . . . . . . 2857,61 DJ Stoxx UE . . . . . . . . . . . . . . . . 274,42 DJ Stoxx UE50. . . . . . . . . . . . . . 2570,45 FTSE Eurotr.100. . . . . . . . . . . . . 2313,67 Hong Kong HS . . . . . . . . . . . . . 23520,62 Johannesburg . . . . . . . . . . . . . 27084,93 Londra(FTSE100) . . . . . . . . . . . . 5896,87 Madrid Ibex35 . . . . . . . . . . . . . 10376,50 Oslo Top 25. . . . . . . . . . . . . . . . . 398,22 Singapore ST. . . . . . . . . . . . . . . 3125,37 Sydney (All Ords) . . . . . . . . . . . . 4874,31 Toronto(300Comp) . . . . . . . . . . 13736,83 Vienna (Atx). . . . . . . . . . . . . . . . 2793,38 Zurigo (SMI) . . . . . . . . . . . . . . . 6326,65 selezione FRANCOFORTE. . . . . . . . . . . . . . . 19-04 Allianz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98,92 Bayer Ag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54,02 Beiersdorf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44,05 Bmw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58,79 Commerzbank Ag . . . . . . . . . . . . . . 4,25 Deutsche Bank n . . . . . . . . . . . . . . 40,00 Deutsche Post . . . . . . . . . . . . . . . . 12,57 Deutsche Telekom n . . . . . . . . . . . 11,00 Dt Lufthansa Ag. . . . . . . . . . . . . . . 14,70 Hugo Boss Ag . . . . . . . . . . . . . . . . 56,82 Metro Ag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46,88 Porsche Vz . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42,68 Siemens n . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92,35 Volkswagen Ag . . . . . . . . . . . . . . 104,65 PARIGI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19-04 Air France . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11,23 Air Liquide . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93,63 Alstom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42,03 Axa SA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14,63 Bnp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50,13 Cap Gemini . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40,34 Carrefour . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30,01 Casino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67,41 Ciments Francais. . . . . . . . . . . . . . 71,20 Crdit Agricole. . . . . . . . . . . . . . . . 10,65 Danone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48,59 France Tlcom. . . . . . . . . . . . . . . 15,32 Havas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,75 L'Oral . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83,20 Michelin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60,88 Peugeot S.A. . . . . . . . . . . . . . . . . . 27,17 Renault. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36,32 Saint-Gobain . . . . . . . . . . . . . . . . . 44,09 Sanofi-Synthelab . . . . . . . . . . . . . . 51,19 Socit Gnrale . . . . . . . . . . . . . . 43,71 Sodexho Alliance . . . . . . . . . . . . . . 51,87 Total . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40,54 NEW YORK. . . . . . . . . . . . . . . . . . 19-04 Amazon Com. . . . . . . . . . . . . . . . 178,82 American Express . . . . . . . . . . . . . 46,64 Apple Comp Inc . . . . . . . . . . . . . . 337,86 At&T. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30,31 Bank of America . . . . . . . . . . . . . . 12,34 Boeing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73,15 Carnival . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38,01 Caterpillar Inc . . . . . . . . . . . . . . . 106,10 Cisco Systems. . . . . . . . . . . . . . . . 16,61 Citigroup Inc . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4,53 Coca-Cola Co . . . . . . . . . . . . . . . . 67,07 Colgate Palmolive . . . . . . . . . . . . . 81,42 Dow Chemical. . . . . . . . . . . . . . . . 37,70 DuPont . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54,67 Exxon Mobil . . . . . . . . . . . . . . . . . 83,80 Ford Motor . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14,66 General Electric . . . . . . . . . . . . . . . 20,26 General Motors . . . . . . . . . . . . . . . 29,59 Goldman Sachs . . . . . . . . . . . . . . 151,89 Hewlett-Packard . . . . . . . . . . . . . . 39,99 Honeywell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57,46 Ibm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165,40 Industrie Natuzzi Sp. . . . . . . . . . . . . 4,21 Intel Corp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19,86 Johnson & Johnson . . . . . . . . . . . . 62,69 JP Morgan . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44,66 Lockheed Martin . . . . . . . . . . . . . . 77,01 Luxottica Grp Spa . . . . . . . . . . . . . 32,18 McDonald's. . . . . . . . . . . . . . . . . . 76,60 Merck & Co. . . . . . . . . . . . . . . . . . 33,76 Microsoft . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25,15 Monsanto Co. . . . . . . . . . . . . . . . . 66,85 Morgan Stanley . . . . . . . . . . . . . . . 26,10 Nike Inc. Cl. B . . . . . . . . . . . . . . . . 78,73 Occidental Pet. . . . . . . . . . . . . . . . 98,71 Pfizer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20,53 Procter & Gamble . . . . . . . . . . . . . 63,86 Texas Instruments . . . . . . . . . . . . . 34,54 Unilever NV . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,54 Us Steel Corp. . . . . . . . . . . . . . . . . 52,74 Walt Disney. . . . . . . . . . . . . . . . . . 41,35 Whirlpool . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86,10 Xerox . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10,55 Yahoo Inc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16,12 LONDRA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19-04 3i Group . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260,50 Anglo American . . . . . . . . . . . . . 3053,00 AstraZeneca . . . . . . . . . . . . . . . 2970,27 B Sky B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 834,56 Barclays Plc . . . . . . . . . . . . . . . . 290,55 BP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452,50 British Airways . . . . . . . . . . . . . . 276,46 British Telecom . . . . . . . . . . . . . . 188,70 Burberry Group . . . . . . . . . . . . . 1222,38 Glaxosmithkline . . . . . . . . . . . . . 1243,31 Marks & Spencer. . . . . . . . . . . . . 376,81 Pearson Plc . . . . . . . . . . . . . . . . 1104,84 Prudential . . . . . . . . . . . . . . . . . . 726,27 Rolls Royce . . . . . . . . . . . . . . . . . 629,56 Royal & Sun All . . . . . . . . . . . . . . 132,00 Royal Bk of Scot . . . . . . . . . . . . . . 41,51 Schroders Plc . . . . . . . . . . . . . . 1797,07 Unilever Plc . . . . . . . . . . . . . . . . 1949,04 Vodafone Group. . . . . . . . . . . . . . 174,60 ZURIGO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19-04 Nestl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53,15 Novartis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50,30 Ubs . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16,20 var.% +0,56 -0,79 +0,61 +2,76 +1,53 -0,32 -0,99 +0,14 +1,00 -0,46 +0,71 -0,09 +1,60 var.% +0,13 +0,19 +0,14 +1,28 -0,99 +0,02 +0,22 -0,01 -0,08 -0,51 +1,16 -0,33 -0,58 +1,75 +2,01 +2,63 +0,08 +1,03 +0,81 +0,55 +0,17 -0,30 var.% +0,27 +1,26 +1,81 -0,64 +0,49 +1,23 +2,12 -0,72 +2,49 -0,36 +0,09 +1,86 +1,62 +0,84 +0,27 +1,40 -1,27 -1,23 +0,60 +0,61 -0,33 -1,86 +1,22 +3,69 +1,59 +0,14 +2,35 -0,52 -0,50 +0,28 +1,01 -1,69 +0,19 +1,70 +0,64 -0,22 -0,72 +1,62 +4,46 +0,36 +1,44 -1,12 -1,38 var.% -0,53 +2,35 +0,60 +0,43 -0,05 +0,19 -2,14 -0,42 +6,66 +0,19 +1,62 +1,27 +1,51 +0,57 +1,85 -0,72 +0,85 +1,41 var.% +1,82 +3,46 +0,56 var.% +0,14 -1,46 +0,64 +0,45 +0,34 +0,50 +0,32 +0,33 -1,30 +0,50 +0,46 +0,31 +1,19 -0,60 -1,44 +0,25 +0,36 +1,31

Cred. Valtellinese .................(CVAL) Cred. Valtellinese 10w ....(WCVA10) Cred. Valtellinese 14w ....(WCVA14) Crespi ...................................(CRE) Csp .......................................(CSP) D D'Amico *........................(DIS) Dada * ....................................(DA) Damiani *.............................(DMN) Danieli ..................................(DAN) Danieli rnc ..........................(DANR) Datalogic * ............................(DAL) De'Longhi .............................(DLG) Dea Capital *.........................(DEA) Diasorin *...............................(DIA) Digital Bros *..........................(DIB) Dmail Group * ......................(DMA) DMT * ..................................(DMT) E Edison ............................(EDN) Edison r ..............................(EDNR) EEMS * ...............................(EEMS) El.En. * ..................................(ELN) Elica * ...................................(ELC) Emak * ...................................(EM) Enel.....................................(ENEL) Enel Green Pw....................(EGPW) Enervit ..................................(ENV) Engineering * ........................(ENG) Eni .........................................(ENI) Erg........................................(ERG) Erg Renew ............................(EGR) Ergy Capital...........................(ECA) Ergy Capital 11w ................(WECA) Ergy Capital 16w ............(WECA16) Esprinet * ..............................(PRT) Eurotech * .............................(ETH) Eutelia ...................................(EUT)

Il Sole 24 Ore ........................(S24) 1,340 +1,28 -3,94 1,300 1,510 59,1 Ima * .....................................(IMA) 14,510 -3,07 13,850 15,200 533,9 Immsi ....................................(IMS) 0,862 +0,12 +3,86 0,780 0,910 296,0 Impregilo................................(IPG) 2,224 +0,36 +3,68 2,047 2,462 895,1 Impregilo rnc........................(IPGR) 8,200 +1,23 +5,81 7,355 8,200 13,1 Indesit....................................(IND) 8,340 +1,96 +1,77 7,700 8,720 945,5 Indesit rnc ...........................(INDR) 6,910 -1,00 +0,36 6,640 7,220 3,6 Intek.......................................(ITK) 0,497 +0,40 +26,30 0,394 0,520 64,9 Intek 11w ..........................(WIT11) 0,024 +5,26 -4,00 0,022 0,029 Intek r ................................(ITKRP) 0,748 +0,20 +9,20 0,660 0,815 4,3 Interpump * ..............................(IP) 5,915 +1,02 +3,14 5,360 6,175 577,7 Interpump 12 w * ..............(WIP12) 0,774 +1,51 +15,97 0,630 0,874 Intesa Sanpaolo......................(ISP) 2,092 +1,06 +1,80 1,891 2,590 24793,5 Intesa Sanpaolo rnc..............(ISPR) 1,823 +0,61 +1,05 1,695 2,245 1704,3 Invest e Sviluppo ....................(IES) 0,014 -0,72 +11,29 0,012 0,019 17,5 Invest e Sviluppo 09w......(WIES12) 0,006 +89,66 0,002 0,007 Irce *......................................(IRC) 2,140 -2,28 +34,68 1,528 2,190 63,3 Iren ........................................(IRE) 1,350 +1,89 +7,48 1,184 1,391 1586,3 Isagro * ..................................(ISG) 3,550 -0,28 +2,08 3,368 3,853 63,0 IT WAY * ................................(ITW) 1,922 +5,37 -25,33 1,824 2,764 8,4 Italcementi................................(IT) 6,935 +0,73 +5,08 5,895 7,650 1225,1 Italcementi rnc .......................(ITR) 3,540 -0,34 -2,95 3,350 3,886 376,2 Italmobiliare...........................(ITM) 29,060 +1,08 +12,90 25,100 29,230 644,4 Italmobiliare rnc...................(ITMR) 18,290 +0,22 +2,24 17,290 19,730 297,0 Italy 1 Invest w ...................(WIT1) 0,700 0,510 0,700 Italy 1 Invest...........................(IT1) 9,550 +0,42 8,768 9,950 143,1 J Juventus FC * ...............(JUVE) 0,836 +0,12 -12,41 0,780 0,986 168,4 57,6 K K.R.Energy......................(KRE) 0,060 +2,92 -13,17 0,058 0,074 K.R.Energy 12w..............(WKRE12) Kerself ..................................(KRS) 2,678 +0,68 -22,99 2,660 3,700 46,9 Kinexia..................................(KNX) 1,881 +4,50 -11,90 1,800 2,135 38,9 KME Group ...........................(KME) 0,363 +1,11 +9,83 0,325 0,391 160,5 KME Group 09w.............(WKME09) 0,010 -11,93 -45,76 0,010 0,021 KME Group 11w.............(WKME11) 0,010 -1,92 -28,17 0,008 0,017 KME Group rnc ...................(KMER) 0,710 +1,43 +22,10 0,576 0,724 30,8

Exor ......................................(EXO) Exor prv.................................(EXP) Exor risp................................(EXR) Exprivia *...............................(XPR) F Falck Renewables * ........(FKR) Fiat............................................(F) Fiat Ind. priv............................(FIP) Fiat Ind. risp ...........................(FIR) Fiat Industr................................(FI) Fiat prv....................................(FP) Fiat rnc....................................(FR) Fidia * ...................................(FDA) Fiera Milano * .........................(FM) Finarte C.Aste .......................(FCD) Finmeccanica........................(FNC) FNM .....................................(FNM) Fondiaria-Sai .........................(FSA) Fondiaria-Sai rnc.................(FSAR) Fullsix....................................(FUL) G Gabetti Pro.S. .................(GAB) Gabetti Pro.S. 13w .........(WGAB13) Gas Plus................................(GSP) Gefran * ..................................(GE) Gemina ................................(GEM) Gemina rnc ........................(GEMR) Generali ....................................(G) Geox .....................................(GEO) Gewiss .................................(GEW) Greenvision ............................(VIS) Gruppo Coin..........................(GCN) Gruppo Edit. L'Espresso...........(ES) Gruppo Minerali M...............(GMM) H Hera...............................(HER) I I Grandi Viaggi .................(IGV) IGD *......................................(IGD)

22,230 18,660 17,290 1,015 1,520 6,285 6,050 6,120 9,995 5,090 5,025 3,720 4,232 8,780 0,480 6,090 3,622 2,400 0,130 0,036 3,842 4,744 0,690 1,032 15,050 4,474 5,065 4,358 6,630 1,980 3,930 1,658 0,980 1,549

+1,41 -10,83 +0,32 -0,74 +2,98 -7,54 +0,30 +6,45 +0,86 -9,25 +1,78 -10,53 -0,82 -3,20 -0,41 -0,97 +0,86 +11,06 +2,41 -3,78 +1,56 -4,92 +2,71 +0,88 -1,12 -2,71 +0,57 +1,97 +2,17 -4,99 -1,22 -3,79 -0,33 -9,34 +9,29+118,18 +1,41 -41,13 -63,85 -2,73 +0,89 +5,89 -0,86 +27,78 +2,99 +8,63 +0,27 +4,51 +3,09 +29,96 +25,84 -0,82 -7,23 -1,49 -14,78 +3,99 +15,72 -12,08 +0,48 +6,97 +6,47 +19,52 +0,26 +5,37

19,060 15,390 13,880 0,948 1,200 5,870 5,750 5,745 8,685 4,720 4,710 3,495 4,100 8,500 0,470 5,805 3,466 1,071 0,128 0,035 3,800 4,230 0,532 0,925 13,810 3,377 3,940 4,340 6,630 1,615 3,930 1,528 0,776 1,445

25,760 3548,3 19,870 1431,2 18,940 156,7 1,155 52,8 1,758 448,1 8,050 6787,2 7,415 628,9 7,395 492,2 10,660 10885,6 6,385 517,9 6,375 398,9 4,140 18,9 4,500 178,7 9,865 5080,6 0,515 119,3 7,565 759,4 4,560 154,9 2,400 25,0 0,245 32,8 0,098 4,160 175,0 5,250 68,2 0,706 1012,3 1,170 3,9 16,990 23502,9 4,504 1149,5 5,065 607,8 4,835 25,3 7,870 923,0 2,054 806,5 4,490 23,3 1,702 1843,9 0,980 41,6 1,575 479,3

60,1 L La Doria *..........................(LD) 1,920 +0,26 +2,56 1,849 2,068 Landi Renzo *..........................(LR) 2,410 +1,35 -19,20 2,112 3,015 271,3 Lazio .....................................(SSL) 0,585 +1,74 -23,19 0,459 0,761 39,9 Lottomatica ...........................(LTO) 14,030 +49,10 8,925 14,240 2416,7 Luxottica ...............................(LUX) 22,400 +2,42 -2,23 21,310 23,490 10409,6 M Maire Tecnimont ..............(MT) 2,820 -0,14 -16,26 2,650 3,638 914,2 Management e C. .................(MEC) 0,213 -0,98 -0,56 0,208 0,221 101,9 Marcolin ...............................(MCL) 4,326 +3,69 -5,29 4,084 4,795 266,4 MARR * ..............................(MARR) 8,800 +1,03 +0,69 8,080 8,930 585,2 Mediacontech ......................(MCH) 2,156 -2,00 -8,26 2,156 2,470 40,0 Mediaset ................................(MS) 4,296 +0,37 -5,48 4,280 4,923 5087,1 Mediobanca............................(MB) 7,385 -0,61 +9,25 6,555 8,010 6384,5 Mediolanum .........................(MED) 3,750 +0,16 +19,90 3,092 4,084 2757,3 Meridiana Fly........................(MEF) 0,076 -1,69 +67,26 0,043 0,092 105,4 Meridie ...................................(ME) 0,261 -2,10 -23,63 0,261 0,358 13,4 Meridie 11w ....................(WME11) 0,011 -38,55 0,009 0,018 Mid Industry Cap ...................(MIC) 10,450 +4,50 9,365 10,450 39,6 Milano Ass...............................(MI) 0,938 +0,32 -21,44 0,902 1,405 525,5 Milano Ass. rnc......................(MIR) 1,107 -0,81 -17,14 1,075 1,487 34,1 Mirato * ................................(MRT) Mittel.....................................(MIT) 2,700 +0,30 -12,05 2,530 3,197 191,5 MolMed ...............................(MLM) 0,590 -1,42 +43,96 0,381 0,623 126,4 Mondadori..............................(MN) 2,756 +1,62 +2,26 2,376 2,862 706,9 Mondo HE.............................(MHE) 0,685 +10,49+331,59 0,157 0,720 13,5 Mondo Tv * ...........................(MTV) 6,540 -0,38 +38,49 4,690 7,200 28,5 Monrif..................................(MON) 0,424 -0,28 +5,55 0,399 0,460 64,2 Monte Paschi Si. ................(BMPS) 0,881 +0,51 +2,62 0,794 1,016 4817,9 Montefibre ..............................(MF) 0,135 -3,77 -10,47 0,135 0,170 18,0 Montefibre rnc....................(MFNC) 0,290 +0,03 -1,66 0,279 0,321 7,5 Monti Ascensori....................(MSA) 0,661 -2,58 -22,05 0,660 0,848 8,8 Mutuionline *........................(MOL) 5,590 +2,76 +13,16 4,806 5,590 218,2 N Nice *............................(NICE) 2,860 -1,38 -6,00 2,860 3,400 334,3 Noemalife .............................(NOE) 6,060 +0,83 -5,16 5,890 6,390 26,2 Novare ....................................(NR) Olidata ............................(OLI) 0,550 -0,99 -9,09 0,530 0,670 18,7 O

P Panariagroup * ..............(PAN) Parmalat ................................(PLT) Parmalat 15w ................(WPLT15) Piaggio ...................................(PIA) Pierrel ...................................(PRL) Pierrel 12w.....................(WPRL12) Pininfarina ............................(PINF) Piquadro .................................(PQ) Pirelli & C. ...............................(PC) Pirelli & C. rnc .......................(PCP) Poligr. S.Faustino *.................(PSF) Poligrafici Editoriale...............(POL) Poltrona Frau.........................(PFG) Pop Emilia 01/07.............(BPER15) Pramac .................................(PRA) Prelios...................................(PRS) Premafin Finanziaria ................(PF) Premuda .................................(PR) Prima Industrie * ....................(PRI) Prima Industrie 13w *......(WPRI13) Prysmian ...............................(PRY) R R. De Medici * .................(RM) R. Ginori 1735.........................(RG) R. Ginori 1735 11w ..........(WRG11) Ratti ......................................(RAT) RCF .......................................(RCF) RCS Mediagroup ...................(RCS) RCS Mediagroup risp ..........(RCSR) RDB * ...................................(RDB) Realty Vailog............................(IIN) Recordati *............................(REC) Reply * ..................................(REY) Retelit.....................................(LIT) Retelit 11w ......................(WLIT11) Risanamento...........................(RN) Rosss....................................(ROS) S Sabaf S.p.a. * .................(SAB) Sadi .......................................(SSI) Saes *.....................................(SG) Saes rnc *.............................(SGR) Safilo Group...........................(SFL) Saipem.................................(SPM) Saipem risp........................(SPMR) Saras ....................................(SRS) Sat ........................................(SAT) Save....................................(SAVE) Screen Service......................(SSB) Seat PG...................................(PG) Seat PG r ..............................(PGR) Servizi Italia * .........................(SRI) Seteco International * ............(STC) SIAS .......................................(SIS) Snai ......................................(SNA) Snam Gas .............................(SRG) Socotherm.............................(SCT) Sogefi *...................................(SO) Sol ........................................(SOL) Sopaf.....................................(SPF) Sorin.....................................(SRN) Stefanel * ............................(STEF) Stefanel risp * ...................(STEFR) STMicroelectr. ......................(STM) T Tamburi ...........................(TIP) Tamburi 13w ...................(WTIP13) TAS .......................................(TAS) Telecom IT ..............................(TIT) Telecom IT Media .................(TME) Telecom IT Media rnc .........(TMER) Telecom IT rnc......................(TITR) Tenaris ..................................(TEN) Terna ....................................(TRN) TerniEnergia *........................(TER) Tesmec * ...............................(TES) Tiscali.....................................(TIS) Tiscali 14w ......................(WTIS14) Tod's.....................................(TOD) Toscana Fin .............................(TF) Trevi Fin.Ind. ...........................(TFI) TXT e-solution *.....................(TXT) U UBI Banca .......................(UBI) UBI Banca 11w................(WUBI11) Uni Land ...............................(UNL) Unicredit ...............................(UCG) Unicredit risp ......................(UCGR) Unipol ....................................(UNI) Unipol 13w......................(WUNI13) Unipol prv ............................(UNIP) Unipol prv 13w...............(WUNP13) V Valsoia............................(VLS) Viaggi Ventaglio .....................(VVE) Vianini Industria......................(VIN) Vianini Lavori.........................(VLA) Vittoria Ass. *.........................(VAS) Y Yoox *...........................(YOOX) Yorkville Bhn ...........................(BY) Z Zignago Vetro *.................(ZV) Zucchi...................................(ZUC) Zucchi rnc...........................(ZUCR)

Dati a cura dellagenzia giornalistica Radiocor. Monete Auree: ConFinvest F.L. Milano

* Titolo appartenente al segmento Star.

B.O.T.
Scadenza Giorni Pr.Netto
15.03.11 15.04.11 16.05.11 15.06.11 15.07.11 15.08.11 25 55 85 116 99,927 99,828 99,719 99,506

Valuta al 21-04-11

Euribor
Periodo
1 sett. 1 mese 2 mesi 3 mesi 4 mesi 5 mesi 6 mesi

Monete auree
T. 365
1,173 1,188 1,233 1,362 1,463 1,559 1,662

Oro
19 apr
Oro Milano (Euro/gr.)

Tassi
Mattino Sera
34,12 33,84

Rend.
0,97 1,03 1,38

Scadenza Giorni Pr.Netto


15.09.11 14.10.11 15.11.11 15.12.11 16.01.12 15.02.12 147 176 208 238 270 300 99,430 99,258 99,060 98,919 98,693 98,432

Rend.
1,24 1,37 1,44 1,42 1,53 1,70

T. 360
1,157 1,172 1,216 1,343 1,443 1,538 1,639

Periodo
7 mesi 8 mesi 9 mesi 10 mesi 11 mesi 12 mesi

T.360
1,716 1,791 1,883 1,955 2,026 2,108

T.365
1,740 1,816 1,909 1,982 2,054 2,137

19 apr

Denaro Lettera
231,89 252,03 231,89 252,03 231,89 252,03 965,77 1.058,74 180,40 204 180,30 202,97 180,30 202,97

Sconto

Interv

Sconto

Interv

Sterlina (v.c) Sterlina (n.c) Sterlina (post.74) Krugerrand Marengo Italiano Marengo Svizzero Marengo Francese

Oro Londra (usd/oncia) 1.495,00 1.490,50 Argento Milano (Euro/kg.) Platino Milano (Euro/gr.) 1.021,67 42,08

Palladio Milano (Euro/gr.)

17,42

Italia Area Euro Canada Danimarca Finlandia

1,25 1,25 0,99 1,00 1,25

1,25 1,25 0,00 1,00 1,25

Francia Giappone G.B. USA Svezia

1,25 0,30 0,00 0,75 1,50

1,25 0,10 0,50 0,25 1,50

38
LETTERA INEDITA SULLOSSERVATORE

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Le scuse del frate che confess Cavour in punto di morte

Con un documento inedito pubblicato sullOsservatore Romano, il prefetto dellArchivio segreto vaticano, Sergio Pagano, torna sulla confessione resa da Camillo di Cavour (nel ritratto) in punto di morte, nel giugno 1861. Lo statista fu assolto dal francescano Giacomo da Poirino, bench fosse stato scomunicato per lannessione al Regno dItalia di territori dello Stato pontificio. Secondo le disposizioni del papa Pio IX, Cavour non avrebbe potuto ricevere i

sacramenti senza una pubblica ritrattazione di quellatto. Ma frate Giacomo non la chiese e fu chiamato a rendere conto a Roma. Dopo un colloquio con Pio IX, in cui aveva ipotizzato che la ritrattazione si potesse considerare implicita, il francescano scrisse al Pontefice una lettera, scoperta da poco e ora pubblicata dallOsservatore, in cui sosteneva di aver compiuto il proprio dovere, ma chiedeva scusa nel caso il Papa lo tenesse per

manchevole. Nonostante questo, scrive Pagano, il frate venne punito con la proibizione di udire confessioni, la sospensione dallamministrazione della sua parrocchia e la sospensione a divinis. Solo molti anni dopo, nel 1882, frate Giacomo avrebbe ammesso il suo errore, ottenendo il ritiro della censura da parte del nuovo Papa, Leone XIII. Antonio Carioti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Cultura
di IDA BOZZI

Il premio Calvino a Giovanni Greco


Giovanni Greco, 40 anni, attore, regista e traduttore romano di origini calabresi, ha vinto il premio Calvino 2011 con Malacrianza, un romanzo sullinfanzia perseguitata. La giuria del riconoscimento, dedicato agli esordienti, ha voluto premiare la temeraria impresa di narrare linfanzia delle periferie del mondo globale, da Napoli al Brasile ai Paesi dellEst.

Anticipazioni La storia di una relazione incompleta tra una donna e il suo amante. In libreria da oggi per Rizzoli

Eva, non basta credere di amare


Il nuovo romanzo di Giorgio Montefoschi: la passione e la solitudine

na relazione clandestina colta nel suo momento di massimo rigoglio, quando sembra schiudersi per la coppia di amanti una nuova intimit e gli incontri furtivi in cui la passione detta le sue semplici regole non bastano pi. Ma lintimit difficile da costruire, avverte Giorgio Montefoschi nel suo nuovo romanzo Eva, in uscita oggi per Rizzoli (pp. 276, e 18.50), da cui tratto il brano che pubblichiamo

Fragilit C il possesso fisico, ma c anche lincapacit di creare il senso di rifugio di una famiglia
in questa pagina. Cos Giovanni, il protagonista maschile, che pure vive al massimo grado di intensit la relazione con Eva (Perch io ti amo pi di ogni altra cosa al mondo), via via nel procedere del romanzo non sa vedere o non riesce a interpretare i piccoli segnali, i silenzi, i malesseri e la strana stanchezza della donna (tolse le mani; si gir ancora e, rannicchiandosi in posizione fetale, scoppi in un pianto dirotto). Non basta che Giovanni viva quasi solo per lei e ne sia davvero innamorato, al punto che la sua esistenza fuori dai loro incontri appare insignificante, quasi scandita in modo meccanico, come il ticchettio di un orologio che misura lattesa di lei (il lavoro al giornale, i pochi gesti quotidiani, il caff, la lettura dei giornali), reso da Montefo-

schi con uno stile scabro ed essenziale allestremo. Il protagonista non riuscir, nel susseguirsi delle stagioni di una Roma bellissima e mutevole, ad andare oltre il fugace possesso fisico e una serenit troppo delicata per durare: forse gi placato o rassicurato com dalla presenza di lei, forse convinto che tutto stia andando nel migliore dei modi (Eva lo vedevo era rapita dallesplosione della primavera. Le piaceva tutto). O forse inevitabilmente estraneo, incapace di creare il senso di calore e di rifugio di una famiglia. Qui lautore di romanzi come La casa del padre (Premio Strega nel 1994), Il segreto dellestrema felicit, Lidea di perdersi e Le due ragazze con gli occhi verdi sembra dar corpo in Eva a una delle donne segrete dei suoi libri, presenza leggerissima tra i due uomini che se la contendono. Il marito Fabrizio e lamante Giovanni alla fine appariranno a Eva, nei fatti, incuranti della sua solitudine e fragilit, luno per egoismo e per una grave malattia, laltro per il suo amore famelico ma cieco (Tu sei un uomo incapace di amare). Non baster la vicenda di Giorgio, lamico altrettanto fragile e solo, che vive in attesa della sua donna perennemente in viaggio per lavoro ed prossimo a un cedimento inatteso e fatale. Non baster il senso di solitudine e di incompletezza che lo stesso Giovanni prova, ad aprirgli gli occhi sulla crisi e sulla malattia che si avvicinano. E toccher a tutti i protagonisti cercare altre vie per comprendere le istanze pi profonde, pi spirituali di ciascuno, e dellamore.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lincipit

Jack Vettriano (The tourist trap, olio su tela, particolare). In alto a destra: Giorgio Montefoschi

Aveva una mano sotto il cuscino; gli occhi, spalancati in direzione del soffitto. Era il primo pomeriggio di un gioved della met di giugno

Il brano

Vorrei che fosse sempre primavera


di GIORGIO MONTEFOSCHI

va lo vedevo era rapita dallesplosione della primavera. Le piaceva tutto: laria tiepida, il colore tenero del cielo, il profumo dei fiori. Una sera, mentre eravamo sul divano aveva allungato le gambe, mi poggiava la testa sui ginocchi sussurr: Se fosse per me, vorrei che fosse sempre primavera. Sempre primavera?, dissi. S, sempre primavera, ripet. E pensa che, da ragazza, a quindici, sedici anni, era una stagione che non mi piaceva affatto. Perch?.

Perch mi faceva sentire fragile.... Fragile, hai detto?. Fragile, s... Tutto quello sbocciare, quel crescere, i germogli, lerba nei prati e ovunque; non lo so: avevo limpressione che fosse eccessivo, troppo... E che, passandomi dentro, rendesse fragile me. Era una specie di febbre senza febbre. Che rifiutavo, infatti: aspettavo solo che se ne andasse. Ora, invece, il contrario: vorrei che non finisse mai la primavera.... Sera girata, intanto. Che dici?, domand, tirandosi su e puntando un gomito al bracciolo. Dico risposi, che mi sarebbe piaciuto conoscerti da ragazza.

Figurati, sorrise. Non ti sei perso niente. La strinsi contro il petto. Intuivo che aveva bisogno di essere cullata, di smarrirsi; che ancora la insidiava questa fragilit simile a una febbre senza febbre che un tempo le passava dentro, provocata dal risveglio della natura; che, essendone inconsapevole lei stessa, prendendolo da molto lontano, affrontava un discorso oscuro. Cos, le carezzai i capelli e dissi: Avanti, spiegami per quale motivo non mi sarei perso niente, secondo te. Per il semplice motivo, mi restitu la carezza alla cieca sulla faccia, che ero magrolina... non ero un granch.

Eri magrolina?. S. La tipica ragazzetta insignificante. Non ci credo. Ti sbagli. Solo verso i ventanni ho cominciato a vedermi appena pi decente allo specchio. Non eri pi magrolina. Meno. Maveva messo un braccio dietro al collo. Dalla strada non veniva alcun rumore. Tu hai sonno? disse, al termine dun paio di minuti durante i quali non parlammo. No, dissi. Io, un po. Vuoi andare a letto?. Col capo fece cenno di s. Spegnemmo le luci, quindi; attraversammo il corridoio; in bagno, riempimmo i bicchieri vuoti che avevamo sul comodino; ci spogliammo; entrammo sotto le lenzuola. Stanotte disse, venendo dalla parte mia, dormiamo. Va bene, dormiamo dissi, aderendo poich mi dava le spalle col corpo al suo. Di l a poco, ci addormentammo. Alle sette, il suono netto di due parole pronunciate nellincoscienza mi svegli. No! aveva detto a voce alta, come per scongiurare qualcosa. Aiuto.... Adesso, la testa rigida sollevata dai cuscini, fissava la parete di fronte. Sognavi?, dissi piano. S rispose, adagiandosi. Era un sogno brutto?. Bruttissimo. Cadevo allindietro. Da dove?. Da una scala. Nel vuoto.... Eri sola?. Mi pare di s. Comunque, non la prima volta che mi succede di farlo questo sogno che cado allindietro. A te non succede mai?. S dissi, qualche volta lho fatto anchio. E cosa pu voler dire?. Credo mi pare di averlo letto in un articolo di giornale che sia la paura per qualcosa che ci spaventa e insieme ci attrae. Ci alzammo. Era una giornata bellissima: unaltra giornata bellissima della seconda met daprile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Terza Pagina 39 Anniversari Il 25 aprile 1951 usciva il primo numero. I ricordi di Luigi Pedrazzi, i programmi di Piero Ignazi
Sotto: il primo numero de il Mulino, quindicinale, il 25 aprile 1951. A lato: il nuovo numero della rivista, oggi bimestrale. A sinistra: altre copertine del Mulino che ha cambiato spesso periodicit

Elzeviro
Il volume di Manlio Cancogni

GLI ANGELI NERI DELLANARCHIA


di ARTURO COLOMBO
anlio Cancogni lo conosciamo soprattutto come geniale scrittore, fin dalle pagine di Una parigina (1960), La linea del Tomori (66), Il ritorno (71) o anche lintimo Perfidi inganni , appena uscito da Elliot. Ma con la storia degli anarchici italiani da Pisacane ai circoli di Carrara, che ci ripropone nel volume Gli angeli neri (Mursia, pp. 144, e 14), Cancogni oggi allegramente oltre i novanta (come precisa Beppe Benvenuto nella prefazione) ci offre un singolare, vivacissimo viaggio fra i personaggi chiave e gli episodi pi eloquenti, che hanno caratterizzato il movimento libertario di casa nostra. E lo fa cominciando da Carlo Pisacane, pronto a solidarizzare anche con i detenuti del penitenziario di Ponza, perch se erano diventa-

Pisacane e i circoli
di Carrara, Bakunin e Bresci: la storia del movimento libertario
ti ladri, rapinatori, assassini la colpa andava pur sempre alla societ che con le sue ingiustizie aveva negato loro i pi elementari diritti alla vita. Importa poco che poi Pisacane finisse come sappiamo fin dai banchi di scuola con la sfortunata spedizione di Sapri. A Cancogni interessa molto di pi condurci a ripercorrere le vicende di questi angeli neri, che non coinvolgevano solo volti dai nomi ben noti (come Carlo Cafiero o Amilcare Cipriani, Francesco Saverio Merlino o Pietro Gori, Gino Lucetti o Errico Malatesta) ma trovavano consensi in settori diversi dellopinione pubblica, anche se spesso sottolinea Cancogni certe loro proteste sfociavano nel comico e nel pittoresco, perch malgrado gli arresti, le evasioni, gli spari, a prevalere troppe volte

erano i toni minacciosi, i cappellacci e i ferraioli neri, i fiocchi anchessi neri, le barbe e i pizzi mefistofelici. Intendiamoci bene: con la sua prosa avvincente Cancogni capace di suscitare la nostra spontanea, quasi immediata simpatia, appena ci mette davanti, per esempio, la figura di Bakunin gigantesco, barbuto, gonfio con quegli occhi piccoli di scoiattolo che si accendevano di ammiccanti scintille, oppure ci spiega che Bresci, lassassino di Umberto I nel luglio del 1900, non era affatto quel povero squilibrato, come avevano fatto credere le cronache di allora, ma era un uomo sano, intelligente, soddisfatto, ben consapevole del gesto (pur riprovevole) che aveva compiuto. N il discorso cambia, appena incontriamo, nellestate del 1914, la famosa Settimana Rossa, con epicentro fra Ancona e Bologna, che aveva visto manifestazioni sovversive di unampiezza senza precedenti. Il problema vero, per, un altro. Questo continuo aut aut fra autorit e libert, destinato a costituire il dilemma ispiratore degli eroici furori anarchici (come non esita a definirli senza cautelosi eufemismi), diventa per Cancogni unoccasione propizia direi, pedagogica per indurre il lettore non solo ad appassionarsi di certi aneddoti, ma soprattutto a riflettere che al giorno doggi, anzich riconoscere qualche valore, ancora attuale, allanarchia e ai suoi miti libertari, dobbiamo renderci conto del ruolo, della funzione, dellimportanza spettante allo Stato, a ogni Stato. Senza dimenticare che se nella nostra realt contemporanea sono cresciuti, addirittura troppo, certi invasivi poteri statali, adesso abbiamo un bisogno enorme di recuperare quel senso di autorit, soprattutto se espressa dal basso, che ci sottragga alle suggestioni dei cattivi maestri e ci insegni il difficile compito di un autentico vivere democratico.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I 60 anni del Mulino da Dossetti a Internet


La rivista che ha privilegiato lanalisi alle ideologie
dal nostro inviato DINO MESSINA
BOLOGNA Nel racconto di Luigi Pedrazzi, classe 1927, presidente dellAssociazione il Mulino, la nascita della rivista da cui scatur la casa editrice, lIstituto Carlo Cattaneo, insomma una delle grandi realt della cultura e della politica del Novecento italiano, legata a unimmagine gioiosa nel tempo cupo della guerra. Cerano i bombardamenti, le scuole erano chiuse e molti di noi, studenti del liceo Galvani, eravamo sfollati sulle colline. Io, che avevo una formazione pi cattolica, stavo a Gaibola e Nicola Matteucci, che gi allora si definiva laico, a Roncrio. Verso il tramonto ci lanciavamo in bici per incontrarci e scambiare dei libri. Pu essere questa la scena primordiale dellincontro tra laici e cattolici che uno dei refrain quando si parla di Mulino, la rivista nata il 25 aprile di sessantanni fa da quel gruppo di ragazzi del liceo Galvani che intanto avevano superato la maturit e si erano laureati: Cerano Fabio Luca Cavazza, Federico Mancini, Antonio Santucci, Nicola Matteucci, tutti laici che sarebbero diventati professori universitari. Poi il gruppetto dei cattolici: cio il sottoscritto, Gian Luigi Degli Esposti e Pier Luigi Contessi che formavamo il nucleo dei cattolici. Si aggiunse quindi un assistente universitario che ci colpiva perch era infinitamente pi colto e pi povero di noi, Ezio Raimondi. Il miracolo della nascita di una rivista affidata a un gruppo di giovani dotati soltanto di cultura fuori della norma e di tanto entusiasmo avvenne grazie a Cavazza, che convinse lavvocato Giorgio Barbieri, presidente dellassociazione industriali di Bologna e della societ Poligrafici che pubblicava "Il Resto del Carlino", a metterci a disposizione carta e tipografia. Nacque cos un quindicinale che assomigliava al Mondo che nel novembre 1951 si trasform in mensile per ospita-

I protagonisti

Direttori Sopra: Luigi Pedrazzi, presidente dellAssociazione il Mulino e direttore della rivista dal 61 al 65 e, a destra, lattuale direttore Piero Ignazi. Sotto: il primo convegno del 1954. Da sinistra: Pedrazzi, Felice Battaglia, Nicola Matteucci, Antonio Santucci, Pier Luigi Contessi

Appuntamenti Il 60 anniversario della rivista viene ricordato nel nuovo numero con un editoriale firmato dal caporedattore Bruno Simili. Inoltre con una serie di articoli nella versione online, da domani al 26 aprile richiamata anche sul sito del Corriere della Sera: www.rivistailmulino.it. Interventi e testimonianze di: Luigi Pedrazzi, Ezio Raimondi, Piero Ignazi, Bruno Simili, Carlo Galli, Alberto Casadei, Guido Formigoni, Pier Virgilio Dastoli e Roberto Santaniello. Due i convegni previsti: il 13 maggio alle 18 al Salone del libro di Torino; il 10 e 11 giugno a Bologna

re articoli pi lunghi sui vari aspetti della societ, della cultura e della politica. Nel 1954 quella rivista fatta da ragazzi non ancora trentenni vinse il premio Viareggio e ci spinse Barbieri a dare i finanziamenti per una casa editrice, che avrebbe pubblicato una decina scarsa di volumi allanno. Contemporaneamente venne fondata lAssociazione degli amici del Mulino e nel 1956, dopo un viaggio negli Stati Uniti di Pedrazzi e altri colleghi, arrivarono i finanziamenti del Twentieth Century Fund allAssociazione (non ancora Istituto) Carlo Cattaneo. A mano a mano che limpresa cresceva aumentavano le adesioni: Ingaggiavamo i giovani che ci sembravano pi promettenti: dal milanese Giorgio Galli, che avrebbe sviluppato con noi le tesi sul bipartitismo imperfetto al giuslavorista genovese Gino Giugni o allo storico romano Pietro Scoppola. Nel colorito e lucido racconto di Pedrazzi, che nel 1964 invest leredit dello zio Emilio per rilevare le quote da Barbieri, le varie tappe sono legate allincontro con figure storiche: Un giorno buss alla porta della nostra stanzetta Gaetano Salvemini: "Com che siete cos programmisti? Avete per caso letto i miei libri?". Una volta venne Giuseppe Dossetti e ci disse che gli piacevamo perch il nostro liberalismo non sfociava nel liberismo, alcuni di noi erano cattolici ma non clericali, altri socialisti non filocomunisti. E ancora prima ci fu lincontro con Benedetto Croce, quindi il dialogo con Aldo Moro pi che con Amintore Fanfani. Fu quella del Mulino la fucina in cui venne elaborata culturalmente lesperienza del centrosinistra. Alcuni amici dellAssociazione molti anni dopo furono protagonisti di unaltra grande esperienza politica, quella dellUlivo: due nomi su tutti, Romano Prodi e Arturo Parisi. Sessantanni dopo il testimone di quei ragazzi che scelsero il nome per la loro rivista in base alla passione che avevano avuto per Il mulino del Po di Riccardo Bacchelli passato nelle mani di Piero Ignazi, professore di Scienze politiche allUniversit di Bologna. La direzio-

ne di Ignazi, succeduto alla lunga conduzione di Edmondo Berselli, ha coinciso con un periodo di radicale trasformazione, a cominciare dal formato pi grande e da una presenza sempre pi convinta sul web: interventi quotidiani che rendono davvero movimentata la vita di un bimestrale. Del rapporto tra riviste di cultura e web dice Ignazi discuteremo in un convegno a Bologna il 10 e l11 giugno. La domanda se le riviste cartacee siano ancora valide portatrici di un pensiero lungo nellera della rete. Quel che abbiamo cercato di fare in questi due anni e mezzo analizzare a fondo i fenomeni nazionali e internazionali continuando la grande tradizione di valorizzazione delle scienze sociali empiriche cara al "Mulino". Ci siamo concentrati su alcuni aspetti nazionali (per esempio la scuola, lintegrazione degli immigrati, il lavoro) e sui

Le origini Lavventura cominci sotto le bombe della guerra dallamicizia di un gruppo di studenti del liceo Galvani
fatti emergenti a livello internazionale, utilizzando sul sito online un gruppo di circa settanta collaboratori che ci aggiornano sulle aree cruciali del mondo. Ignazi ritiene che il dialogo tra le culture laica e cattolica sia ormai un dato acquisito e che esistano nuove frontiere su cui il Mulino si debba impegnare: Siamo convinti continua Ignazi di vivere in Italia la fase finale di un populismo che ha esaurito la sua carica distruttiva. Tuttavia c ancora difficolt a confrontarsi con le componenti che hanno creduto nel populismo italiano. Su questo terreno il nostro lavoro pu essere molto utile. Credo, infine, che nel prossimo futuro della rivista si aprir una fase pi propositiva.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Restauri La facciata verso la pista restituita al disegno originario realizzato ventanni fa. Le suggestioni del nuovo impianto di luci

Laeroporto di Linate come lo aveva colorato Aldo Rossi


di STEFANO BUCCI
on il buio i led del nuovo impianto di illuminazione valorizzano al meglio lair side che Aldo Rossi aveva progettato e realizzato (tra il 1991 e il 1993) per laeroporto di Linate. E che ora torna allantico splendore grazie ad un intervento di restyling (da 771 mila euro) che il Corriere ha potuto visitare in esclusiva. La facciata sul piazzale degli aerei dellEnrico Forlanini ha finalmente riacquistato i caratteri tipici di unopera di Aldo Rossi nascosti da anni di smog. A cominciare dai colori: verde, giallo, bianco mixati ai marmi di Candoglia (quello del Duomo) e Baveno. Dunque Milano ritrova il suo Aldo Rossi: larchitetto milanese (1931-1997) premiato con il Priztker nel 1990. In

particolare a Linate ci si pu confrontare con il Rossi capace di sposare hi-tech e gusto vernacolare, che rende il Forlanini simile ad altri aeroporti di archistar, da quello di Londra Stansted di Norman Foster a quello di Siviglia San Paolo di Rafael Moneo. Tutto sembra essere nato per caso: Parlavamo un anno fa con il presidente della Sea Giuseppe Bonomi dice Davide Rampello, presidente della Triennale e ci chiedevamo cosa fare per valorizzare Linate. Ci venuta in mente la facciata di Rossi. Tecnicamente si parla di unidropulitura a pressione controllata con soluzioni in acqua di sali speciali e di materiali protettivi per recuperare le torri e le pareti in marmo locale. E di interventi di riverniciatura: il verde delle travi di coronamento, dei correnti e dei mon-

In alto a sinistra un disegno di Aldo Rossi per Linate. Sopra e accanto, le architetture restaurate

tanti delle vetrate, delle pensiline; il bianco delle colonne cilindriche laterali (tipicamente rossiane); il giallo dei pontili di imbarco. E di una nuova illuminazione con led dai fasci di luci concentrati e radenti per dare particolare risalto agli elementi di Aldo Rossi, ritrovando ad esempio quel suo piacere per la cultura metafisica, per lirreale, per unarchitettura fatta di pochi elementi compositivi. A questo si aggiunto il recupero del corpo basso a est, risalente agli anni Ottanta, dove sono stati invece sostituiti pavimenti e rivestimenti. Mentre Bonomi sottolinea le difficolt di un restauro al buio, lavorando soltanto di notte per motivi di traffico e di sicurezza. Questo restauro lanticipazione di un pro-

getto pi radicale: il concorso internazionale per ristrutturare la facciata di Linate su viale Forlanini (anche se i lavori potranno cominciare solo quando sar terminata la nuova linea di metropolitana che dovrebbe arrivare a Linate). E forse, si potrebbe persino riportare qui il tanto contestato monumento a Pertini, quel Cubo, ciclicamente messo in discussione per la sua collocazione troppo centrale e compressa. Molto pi vicino nel tempo invece il nuovo logo di Linate che sar firmato da Pier Luigi Cerri. Purtroppo, i passeggeri in transito sono per ora gli unici fortunati che possono gustarsi il restauro. Tanto che viene da chiedersi: perch non organizzare a Linate una bella mostra, magari riunendo le fotografie, le piantine e i bellissimi disegni di Rossi, un universo di aerei dai tanti colori, attualmente rinchiuso nella Palazzina Sea affacciata sullIdroscalo?
RIPRODUZIONE RISERVATA

40

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Idee&opinioni
IL LIBRO DEI SOGNI SULLA FUTURA LEADERSHIP

Corriere della Sera SMS


Le news pi importanti in anteprima sul tuo cellulare. Invia un sms con la parola CORRIERE al 4898984
Servizio in abbonamento (3 euro a settimana). Per disattivarlo invia RCSMOBILE OFF al 4898984 Maggiori informazioni su www.corrieremobile.it

ASOR ROSA, I FANTASMI DELLA SINISTRA E LUSO DELLE PAROLE ESPLOSIVE

Uomini di Stato da lacrime e sangue Ecco cosa serve alla nostra politica
di GIORGIO FEDEL

Pierluigi Battista
RIPRODUZIONE RISERVATA

INTERNET E ANALFABETISMO LA SALVEZZA UNA SCUOLA MIGLIORE


Una delle prime regole che i veterani insegnavano ai giovani giornalisti era evitare di usare pi volte la stessa parola in un articolo. Ho provato a fare la stessa raccomandazione ai miei studenti (insegno in un corso di scienze della comunicazione), ma ogni volta che correggo una prova scritta verifico che fatica sprecata: il loro lessico cos povero che, se devono scrivere senza laiuto del software, non ce la fanno. Ma c di peggio: i testi sono infarciti di errori di grammatica e di sintassi che, qualche decennio fa, sarebbero costati un quattro a uno studente delle elementari. Laltro giorno Alessandro Schiesaro ordinario di Letteratura latina alla Sapienza di Roma e consigliere del ministro Gelmini , riflettendo sul Sole24Ore in merito allanalfabetismo di ritorno che minaccia la generazione Internet, scriveva che non si pu accusare la rete di avere ridotto il tempo dedicato a leggere e scrivere, visto che, al contrario dei precedenti media audiovisivi, ha favorito unevidente rivincita del testo (anche se quella degli sms e dei post su Facebook una testualit sui generis). Aggiungeva che i test Invalsi (che fra qualCHIARA DATTOLA

che settimana coinvolgeranno milioni di ragazzi italiani in migliaia di scuole per il terzo anno consecutivo) servono anche a misurare le dimensioni dellhandicap e a farci capire come restituire ai giovani il gusto della lettura lenta, pi adatta a formare soggetti dotati di consapevolezza critica delle frenetiche abbuffate di dati. A ragionare e fare connessioni, insomma. Condivido lobiettivo, ma temo che i test servano a scoprire una cosa forse scontata, per quanto misurata: i digital natives non sanno litaliano. I media digitali plasmano i cervelli, modificando il modo di ragionare prima che di leggere e scrivere, n possiamo limitarci a dire che questo gi successo con lintroduzione della stampa e della tv. Per trasformare i ragazzi in utenti consapevoli dei nuovi media, servono investimenti per formare i docenti. Perch senza buoni insegnanti la scuola serve ben a poco. Se poi si riuscisse ad abbassare il numero degli studenti per classe e adeguare le infrastrutture scolastiche sarebbe buona cosa. I test in fondo sono solo una misura non la soluzione.

arriva non con la retorica, ma con lallontanarsi dalla trappola del democraticismo malinteso che ci affligge: lossessione dei sondaggi; le battute ad effetto mirate solo a stimolare lemotivit, il dire sempre al pubblico ci che esso desidera sentire, giocare sulla sua seducibilit. Per contro, il nuovo presidente del Consiglio dovrebbe coltivare una sorta di sofisticatezza politica, conoscere cio il carattere complicato dei problemi e dei fatti di potere. Il che significa, tra laltro, far tesoro dellesperienza politica, ossia valutare con argomentazioni aperte e precise i meriti dei suoi predecessori e gli errori da loro commessi, facendo sempre i conti con il principio di realt, con il problema fondamentale delle societ aperte (il pluralismo dei valori e lincompatibilit dei valori da perseguire). consistente lazione di un capo politico che scopre le carte e riesce a far capire alle masse le ragioni per cui sono ben guidate e lo saranno in futuro. Questo significa che la preoccupazione principale vada alla posta in gioco, non alla seduzione del pubblico. Donde la necessit della esplicitazione di una meta da raggiungere ( solo in vista di una meta esplicita e appassionata una causa che loratoria di un capo muove le menti e i cuori). E questo quasi

BEPPE GIACOBBE

Conferma tutto, tranne lappello (paradossale e provocatorio, par di capire) a polizia e carabinieri. Alberto Asor Rosa replica sul manifesto alla valanga di attacchi che gli sono piombati addosso quando era sembrato che avesse invocato un golpe democratico per difendere lItalia dai golpisti antidemocratici. Niente golpe, per carit. Abbiamo frainteso. Siamo caduti nellequivoco. Lui voleva dire che il golpe lo sta gi facendo Berlusconi, e tutti noi abbiamo letto come se il golpe lo volesse fare Asor Rosa. Ma se tutti (o la stragrande maggioranza) cadono nello stesso equivoco, la colpa delle menti ottenebrate che interpretano male, o di chi non si era fatto capire? Leffetto finale, il primo a sorriderne dovrebbe essere proprio Asor Rosa, uomo di spirito e capace di autoironia, stato simile a chi, dopo aver raccontato male una barzelletta, si accorge che luditorio rimasto impassibile. Fosse solo un incidente, per, si potrebbe chiudere qui la controversia. E invece da questo colossale fraintendimento se ne pu ricavare una lezione politica: mai maneggiare in modo inaccurato

concetti esplosivi come emergenza democratica, dittatura, golpe, regime. Mai scambiare i propri fantasmi con la realt. E i fantasmi sono quelli di una sinistra incapace di comprendere le ragioni delle sue molteplici e reiterate sconfitte e dunque di arginare loffensiva berlusconiana nellunico modo efficace consentito nelle democrazie: vincendo le elezioni e cercando di governare passabilmente per confermare il consenso elettorale democraticamente acquisito. Perdura invece nella sinistra la convinzione assunta come dogma che le sue sconfitte siano dovute alla cattiveria del Nemico o addirittura alla decadenza antropologica di un elettorato irretito dalle magie di un grande ciarlatano. Una spiegazione puerile. Una spiegazione autoassolutoria, consolante, semplicistica. Nelle cui pieghe si annida la tentazione per soluzioni pi sbrigative, alimentata da una sempre pi accentuata sfiducia nelle virt del voto. Ecco la radice dellequivoco che Asor Rosa conferma con unanalisi apocalittica della realt italiana. Ma senza golpe, almeno.

l popolo italiano a breve (nel caso di elezioni anticipate) o alla scadenza naturale della legislatura (2013) dovr pronunziarsi su quale sar la nuova coalizione di governo, il nuovo presidente del Consiglio. Il che spinge subito il pensiero a divagare su una questione fondamentale (ma lasciata ancora nellombra del non detto): quale tipo di uomo politico si vorrebbe alla guida del Paese? Quali le qualit auspicabili della sua leadership? Le indicazioni al riguardo sono difficile da reperire. Da un lato, lodio e la delegittimazione imperanti nei confronti di Silvio Berlusconi sono tali da diffondere ( questo uno dei motivi che causano linconsistenza programmatica dellopposizione) unaspettativa salvifica; per la quale basta sconfiggere lattuale presidente del Consiglio, e il vincitore del centrosinistra sar il grande toccasana, il rimedio di tutti i mali dItalia. Dallaltro, Berlusconi ha dato al suo ruolo di reggitore del governo italiano limpronta di una personalit dirompente (nel bene e nel male), colorata da una variet di incarnazioni e aspetti: imprenditore di successo, elogiatore del fare con diligenza, attore politico creativo e anticonformista, ma anche fautore di de-istituzionalizzazione del ruolo presidenziale, privo di tatto e di ritegno, innovatore del linguaggio politico rivolto ora alluomo comune, amante delle barzellette volgari, audace e insieme ingenuo, smanioso della popolarit e libertino, attento ai colpi di scena, e via elencando. Tutto ci crea ovviamente il problema di chi possa mai essere il suo successore nel centrodestra (quale personalit?). In effetti, il panorama poco entusiasmante in entrambi gli schieramenti; e sarebbe facile gioco fare nomi e puntare gli spilli della debolezza su capi e capetti di una classe politica che, con leccezione di qualche elemento migliore, senza bussola, afflitta da demagogia, ideologismi, incolta, illiberale, e specchio di un Paese realmente in declino e alla ricerca di se stesso. E allora: apriamo il libro dei sogni. Il futuro leader in Italia deve assolutamente porre in primo piano senza infingimenti il problema del senso dello Stato, dellassolutezza della forza delle istituzioni politiche. Lo Stato deve contare, senza residui, pi della propria parte. A questo si

inevitabilmente comporta non linfiorettatura delloperato del governo, bens la presa di decisioni impopolari. Il che rinvia alla qualit essenziale di un vero capo politico: la lungimiranza (connessa con una visione dei fini pubblici, e la commisurazione dei mezzi in rapporto ai fini). Politico lungimirante, stante la situazione di grave crisi e in varie sfere (economia, politica interna, arena internazionale), chi dice le cose nello spirito delle lacrime e sangue e delletica della responsabilit. Secondo questa etica, che per Max Weber letica specificamente politica, lazione buona se, e solo se, sono buone le sue conseguenze. Le quali nei loro risvolti positivi (valutati in base a interessi generali riguardanti la comunit considerata nel suo insieme) si dispiegheranno sul lungo periodo, per cui necessario al presente sopportare il peso negativo delle decisioni. Di tutto questo io, capo politico decidente, mi assumo la responsabilit. Resta il problema di chi potr essere il probabile candidato a divenire luomo di Stato. Il Paese ne ha bisogno. Se non fosse cos, avremmo la (weberiana) maledizione della nullit che incombe sempre sullagire dei politici e sulla vanit dei potenti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ELEZIONI AMMINISTRATIVE E TEST NAZIONALI

Carlo Formenti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Milano adesso pensi a se stessa


di GIANGIACOMO SCHIAVI

LA FRATTURA CULTURALE EUROPEA LEVATRICE DEI NUOVI POPULISMI


SEGUE DALLA PRIMA

Non un caso se lEuropa lambito dove la frattura culturale tra masse ed lite si manifesta pi clamorosamente. Tutta la costruzione europea stata portata avanti, infatti, sulla base di una drammatica sottovalutazione della politica; sulla base della convinzione che leconomia rappresentasse la dimensione decisiva, che leconomia fosse in grado di produrre la politica. Laddove, se qualcosa aveva dimostrato il Novecento, era esattamente il contrario, e cio che deve essere la politica a comandare. Per la salvezza della stessa economia. Cos come sempre la costruzione europea lambito dove il democratismo economicistico post-nazionale delle lite del vecchio continente ha avuto e ha modo, logicamente, di dispiegarsi con maggiore ampiezza. E dunque naturale che sia regolarmente lUnione europea quella chiamata a pagare oggi il prezzo pi alto per le scelte delle lite di cui sopra. Perch mai gli elettori fin-

landesi o quelli di qualunque altro Paese dovrebbero mostrarsi solidali con le disastrate finanze di Grecia o Portogallo? Si pu essere solidali davvero solo con coloro a cui ci sentiamo legati da vincoli di comune appartenenza, nei confronti dei quali esiste la convinzione di stare nella stessa barca dal momento che condividiamo con essi unorigine e un destino: e cio, per esempio, perch siamo abitanti di una stessa patria politica. Avere una medesima moneta, invece, tuttaltra faccenda e di ben minore valore: in nome della quale si pu al massimo rinunciare a qualche vantaggio, non gi fare sacrifici realmente tali. E se qualcuno si mette in testa dimporli, come meravigliarsi se allora la terra comincia a tremare sotto i piedi, se dovunque prendono a crescere i partiti dellatavismo, della chiusura nel comunitarismo, nel caldo della Heimat, e infine dellesclusione e dellodio?

Ernesto Galli della Loggia


RIPRODUZIONE RISERVATA

ra manifesti indecenti e piazze urlanti, Milano corre verso il voto strattonata dalla politica nazionale, e il caso Ruby, e la Minetti, Mora, Fede e le Procure ostili, le toghe rosse, le intercettazioni, il processo Mills e via cos fino a Berlusconi che chiede di votare Letizia Moratti immaginando un referendum su di lui, perch il verdetto del 15 maggio 2011 sar un test per il governo: si mette la scheda nellurna del Lorenteggio o della Barona, ma si manda un segnale al Paese e al suo premier. E se Milano cominciasse a pensare anche a Milano? Al disordine del suo traffico, agli orari dei bus, ai marciapiedi intasati, ai parcheggi incompiuti, alle periferie sinistrate, alle case per i giovani e a dare continuit al fermento culturale che si incrocia tra il Museo del Novecento e la Triennale, ma si perde fuori dalla cerchia dei Navigli dove non basta rispondere con il coprifuoco alle richieste di vivibilit e sicurezza? Ci sarebbe tanto da chiedere ai candidati alla poltrona di sindaco, ma le domande in questi giorni sembrano sepolte dal caos mediatico di una partita che pare giocarsi altrove. Eppure Milano si muove, ribolle con le sue energie creative, cerca nuove strade per uscire dalla crisi che ne ha rallentato il passo: c il design, la moda, la ricerca medica, leccellenza sanitaria, il polo delle tecnologia, ci sono le universit con duecentomi-

la studenti, c il futuro da disegnare per gli scali ferroviari dismessi, la cucitura tra vecchi e nuovi quartieri, la gestione del piano di governo territoriale con le sue novit e le possibili distorsioni. E c lExpo sullo sfondo, che disincagliato dalla zavorra degli interessi e delle aree pu diventare una grande occasione, di sviluppo e di opportunit. Un capitale, che insieme al volontariato e alla cultura, pu amalgamare il nuovo corso se verranno attutite certe contrapposizioni, garantita laccoglienza, il riconoscimento del merito e la solidariet. Di tutto questo si parla troppo poco, e sottovoce, perch fino ad oggi sono stati eccessivi gli strepiti, le ingiurie, le offese anche vergognose apparse sui cartelloni elettorali: unombra sulle attese che suscita una campagna elettorale tra persone di qualit, come sono oggi i candidati a Palazzo Marino. Bene ha fatto dunque il sindaco Letizia Moratti a rompere il clima di rischiosa condivisione che sembrava intrappolare la sua corsa elettorale nella guerra infinita tra il premier e la Procura: il suo aut aut di ieri, suggerito dallintervento di Umberto Ambrosoli sul Corriere, stato efficace e liberatorio. Mettendosi in gioco nella sua alleanza di centrodestra, Letizia Moratti ha dato una sterzata netta ad una campagna che sembrava aggirare, per una sorta di ragion di Stato, la questione locale. E invece questo il terreno sul quale si devono dare risposte, qui

che Milano deve discutere con il senso alto della politica le questioni del futuro, che sono locali e nazionali, e passano sempre attraverso la partecipazione responsabile dei cittadini. Dietro i tanti slogan c molto da capire e da verificare, per esempio quali saranno le scelte dei candidati per alleggerire il disagio dei quartieri pi periferici, quelli che ricevono promesse ad ogni tornata elettorale e poi si ritrovano a combattere le solite battaglie: spaccio, occupazioni abusive, traffico, mancanza di luoghi di ritrovo per i giovani, dove le famiglie non hanno la possibilit di evasione nel weekend, perch mancano i soldi. Un impoverimento che tocca anche il Comune, con 2 miliardi e mezzo di euro nel bilancio annuale, ma alle prese con i tagli orizzontali del Tesoro che rischiano di mettere in crisi manutenzioni stradali e scuole civiche, ma anche la nascita della grande Brera e la continuit di gestione dei musei, come quello di Scienze naturali. Se il sindaco uscente punta a far conoscere quel che di buono ha fatto, Giuliano Pisapia e Manfredi Palmeri, gli sfidanti di centrosinistra e Terzo Polo, cercano di dimostrare quel che a Milano manca. I cittadini vogliono conoscere, sapere. E chiedere. Sapendo che a Milano, il buono, il bello, il giusto sono apprezzati, da ogni parte vengano. gschiavi@rcs.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

41
Le lettere, firmate con nome, cognome e citt, vanno inviate a: Lettere al Corriere Corriere della Sera via Solferino, 28 20121 Milano - Fax al numero: 02-62.82.75.79

Lettere al Corriere
Risponde Sergio Romano
Non condivido quanto da lei affermato sul Corriere dell11 aprile: arrivato il momento di stabilire che lesercizio di una qualsiasi professione privata non compatibile con il mandato parlamentare. Ma quale professionista affermato rinuncerebbe al suo lavoro per diventare parlamentare? Forse lei auspica un parlamento popolato di netturbini in aspettativa?! Quanto al conflitto di interessi, se la moglie del netturbino un avvocato che assiste il presidente del Consiglio a difendersi con le leggi, dalle azioni giudiziarie che lo concernono, come risolviamo il caso? Forse eliminando dal Parlamento anche i netturbini? Sarebbe ora di finirla con queste patetiche discussioni. I conflitti di interesse sono diffusissimi in ogni campo. Pensi a quanti magistrati hanno sposato avvocati. vero che non possono lavorare nello stesso tribunale, ma si conoscono tutti e hanno tutti consapevolezza della situazione. Maria Teresa Dadduzio larovere.mt@aliceposta.it Cara Signora, elle maggiori democrazie gli avvocati in Parlamento sono sempre stati numerosi e la loro presenza, insieme a quella dei membri di altre professioni liberali, garantiva alle istituzioni il continuo contributo della societ civile. Anchio sono convinto che la burocratizzazione dei partiti e la professionalizza-

E-mail: lettere@corriere.it oppure: www.corriere.it oppure: sromano@rcs.it

LE PROFESSIONI LIBERALI E IL MANDATO PARLAMENTARE


zione della politica rendano i parlamenti meno liberi e i dibattiti pi prevedibili. Ma dagli anni in cui i rappresentanti delle professioni arricchivano il dibattito politico, vi sono stati almeno due importanti cambiamenti. In primo luogo le condizioni economiche del parlamentare sono cambiate. Era giusto che fosse autorizzato a esercitare la sua professione quando aveva diritto, tuttal pi, a una modesta indennit. meno comprensibile che possa continuare a fare il suo mestiere quando gli viene assicurata, per rappresentare il suo collegio, una larga gamma di benefici: salario, indennit per i collaboratori, rimborso di alcune spese, pensione. In secondo luogo i parlamenti, negli ultimi decenni, hanno enormemente esteso larea dei loro interventi. Non vi ormai materia, dalledilizia alla sanit, dagli albi professionali ai contratti agricoli, dalla sicurezza nelle fabbriche al traffico stradale e ferroviario, dallinsegnamento alla formazione tecnica, in cui lesecutivo e il legislativo non siano chiamati a intervenire con norme inevitabilmente destinate a limitare alcuni diritti individuali, a creare aspettative e a finire, prima o dopo, nelle aule dei tribunali. Sono materie che interessano, in un modo o nellaltro, avvocati, notai, ingegneri, professori universitari, architetti, pubblicisti e periti di varie competenze. In uno Stato corporativo questi sarebbero in parlamento quali rappresentanti delle loro associazioni professionali. In una democrazia parlamentare devono rappresentare i loro elettori, non i loro clienti. Sono queste, cara Signora, le ragioni per cui lesercizio della professione dovrebbe, a mio avviso, essere sospeso per la durata del mandato. Lei ha ragione quando osserva che il conflitto dinteressi pu manifestarsi anche attraverso i legami familiari. Ma il fatto che una legge non possa evitare tutti i conflitti dinteresse non dovrebbe impedirci dal cercare di evitare, per quanto possibile, quelli pi gravi e visibili.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tuttifrutti
di Gian Antonio Stella

Onorevole Speroni legga questi libri


mpegnato comera a scegliere cravattine alla texana e giacche fucsia o giallo paglierino con cui rompere lanonimato, leurodeputato Francesco Speroni, la cui attivit ricordata pi che altro per lassunzione come portaborse al Parlamento europeo (12.750 euro al mese) di Riccardo Bossi, il figlio maggiore dellamico Umberto, non ha mai trovato il tempo per leggere libri sullemigrazione italiana. Ne avesse letti, non avrebbe osato dire le parole indecenti dellaltro giorno: Noi siamo invasi, c gente che viene in Italia senza permesso, violando tutte le regole. A questo punto vanno usati tutti i mezzi per respingerli, eventualmente anche le armi. E se fossero in fuga da persecuzioni, guerre, genocidi? Sempre clandestini sono! Non ce lhanno certo scritto in fronte se sono profughi!. Come a dire: intanto spariamo, poi si vedr. E se fossero cristiani sudanesi o nigeriani in fuga dai macellai dellIslam fanatico? Amen. I nuovi crociati che marcano il territorio affiggendo il crocifisso alla parete non possono curarsi di questi dettagli. Se avesse letto il reportage di Egisto Corradi che nellinverno del 1947 attravers il Piccolo San Bernardo con i clandestini nostri, lignaro Speroni saprebbe che solo l col bel tempo passavano centinaia e centinaia di emiEviter cos granti per notte: una volta ne pasdi ripetere sarono mille in poco pi di venticon nidiate intere di le cose indecenti quattrore, bambini. Tra gli ultimi passati che dice sugli una donna incinta, percossa dalla straordinaria fatica, partor emigranti due settimane fa, mentre scendeva il versante francese. Se avesse letto Il cammino della speranza di Sandro Rinauro sarebbe stato seppellito da migliaia di citazioni di documenti ufficiali che dimostrano che gli italiani hanno detenuto a lungo il primato dellesodo clandestino. Un esempio? Citiamo fra i tanti il direttore della Manodopera straniera del ministero del Lavoro francese Alfred Rosier, secondo cui alla fine del 1948 (Speroni era gi nato) dei 15.000 italiani presenti nel dipartimento agricolo del Gers, ben il 95% era irregolare o clandestino. Se avesse letto il bellissimo Addio patria di Ulderico Bernardi o lo struggente New Italy di Floriano Volpato, conoscerebbe la storia di quei circa trecento trevigiani che nellaprile 1880, imbrogliati da un marchese francese che prometteva di fondare una Nouvelle France papalina al di l del Borneo, passarono clandestinamente il confine con la Francia e clandestinamente quello con la Spagna per imbarcarsi sul piroscafo India diretto verso lestremo oriente per arrivare infine a Sydney, stremati e pazzi di dolore per avere perduto lungo il viaggio tantissimi bambini e tantissimi vecchi, 368 giorni dopo la partenza. Ma certo, conoscere quelle e tante altre storie di emigrazione disperata e illegale italiana, lo imbarazzerebbe poi al momento di sparare sciocchezze sulla nostra diversit. Meglio non sapere, giusto? Meglio fingere di non sapere...

PER I REFERENDUM

Tempi sbagliati
Caro Romano, forse potremmo essere chiamati a esprimerci nuovamente sul nucleare. Gi labbiamo fatto nel 1987 allindomani della sciagura di Chernobyl. Ora siamo allindomani di una nuova disgrazia, quella di Fukushima. Non difficile immaginare come i cittadini si esprimeranno: l'unica incognita riguarda il raggiungimento del quorum. I referendum celebrati, loro malgrado, a ridosso di eventi di cronaca che li riguardano, non andrebbero sospesi? Ma soprattutto, la politica energetica di un Paese andrebbe sottratta alle materie referendarie, alla stregua del fisco. Perch, in queste condizioni, equivale a esprimersi su un quesito fiscale all'indomani di un inasprimento delle tasse.
Luca Brusatassi brusatassi68@hotmail.it

delitto che ha fortemente turbato la pubblica opinione? Non so se sia legalmente possibile, ma mi piacerebbe che maggioranza e opposizione si accordassero per rinviare di un anno il referendum sul nucleare e giustificassero il rinvio con la necessit di un dibattito nazionale destinato a chiarire tutti i termini della questione.

PER LIDENTIFICAZIONE

Le tessere elettroniche
da parte dei candidati o dei presentatori delle liste.
Giovannino Gliozzi Reggio Calabria

DDL MINISTRO MELONI

Calare non solo let


Il ministro della Giovent Giorgia Meloni ha presentato un ddl per abbassare a 18 anni l'et per essere eletti a Montecitorio e a 25 per il Senato. Mi scuser il ministro: pensavo che fosse pi urgente una legge per abbassarne il numero, e non let dei prossimi eletti.
Silvano Stoppa silvano.stoppa@poste.it

motivo di orgoglio vedere che le autorit rilasciano una tessera elettronica, con foto e chip, agli immigrati; tuttavia noi, nonostante le leggi in materia, disponiamo ancora di documenti cartacei che a volte suscitano l'ilarit dei concittadini europei. Che ne pensa il ministro Brunetta?
Aldo Bove aldo.bove@hotmail.com

prezzi energetici e alimentari in quanto alimentatori di inflazione. Il rimedio, secondo me, peggiore del male: se si sovrappone allaumento dei prezzi quello del costo del denaro, inevitabilmente seguir quello del costo del lavoro. Non solo non ci sar sbarramento, ma totale via libera a ogni ulteriore aumento del costo della vita e dellinflazione.
Giovanni Bertei, La Spezia

ILLECITI ELETTORALI

Votanti in buona fede


Ogni volta che si scoprono illeciti, soprattutto elettorali, gli interessati sostengono che non debbono rassegnare le dimissioni perch stato il popolo a eleggerli. vero, ma lelettore pensava che tutto fosse regolare e non fossero state compiute gravi illegalit

DIFESA DELLA VITA AUMENTI COSTO DENARO

Rimedi sbagliati?
Continuano i ritocchi in aumento del costo del denaro, il primo gi attuato e i successivi annunciati per giugno e dicembre come correttivi allaumento dei

Rispetto o disinteresse?
Una testimone di Geova stata lasciata morire nonostante l'appello disperato del figlio ai medici di effettuarle la trasfusione che lei rifiutava e che le avrebbe salvato la vita. Mi chiedo come ci si possa tollerare, salvo poi rifiutarsi di alleviare le sofferenze di persone che da anni sono immobilizzati quasi completamente e lo chiedono espressamente. Forse pi che un rispetto per la vita e della persona mi sembra un totale disinteresse.
Ardengo Alebardi sfoggia@libero.it

La tua opinione su corriere.it/opinioni/


Lagenzia di rating Standard & Poors boccia il debito Usa. Obama: un giudizio politico. Ha ragione?

SUL WEB Risposte alle 19 di ieri

La domanda di oggi
Tremonti: un grande progetto europeo per le fonti rinnovabili e la ricerca di energie alternative. Ha ragione?

Sono daccordo e al suo esempio ne aggiungo un altro. Sarebbe saggio indire un referendum propositivo sulla pena di morte dopo un efferato

RR
48,3 No 51,7

RIPRODUZIONE RISERVATA

Interventi & Repliche


Le spese per gli uffici dei senatori
Abbiamo letto larticolo di Sergio Rizzo dal titolo Ottantun milioni spesi in 14 anni. Il conto salato per gli uffici dei senatori (Corriere, 17 aprile). Pur apprezzando lintento di rigore che lo ha ispirato e pur non volendo e non potendo entrare nel merito dellintera vicenda, che deve farsi risalire come da Rizzo ben specificato a un periodo in cui ogni nostra responsabilit nella Amministrazione del Senato era venuta a cessare, desideriamo integrare le sue informazioni con alcune precisazioni. Il contratto di locazione dell'ex albergo Bologna risale a un'epoca molto anteriore a quella in cui collocato nellarticolo, che, invece, fa riferimento, piuttosto, alla vicenda del rinnovo del suddetto contratto. In quelloccasione, cio nel 1997, si trattava di negoziare il rinnovo medesimo a fronte di una richiesta da parte del locatore di un aumento di circa il 100% del canone fino ad allora corrisposto. Dopo una lunga e dura trattativa, che fu condotta principalmente per merito dell'allora vicepresidente sen. avv. Contestabile e dei senatori questori, si riusc a mantenere inalterato il canone previsto dalloriginario contratto e in pi si ottenne che il locatore inserisse nel nuovo contratto unopzione di acquisto a favore del Senato, che poi quella cui fa riferimento larticolo e che ha successivamente consentito all'amministrazione alcuni importanti risparmi di spesa. Quella trattativa si inquadrava in una generale politica di contenimento della spesa per il funzionamento dell'assemblea di Palazzo Madama, di cui Rizzo ci ha dato atto in altre sue precedenti inchieste giornalistiche. Nicola Mancino e Damiano Nocilla istituzioni, pur di sconfiggere lavversario. Difendo come posso un Paese a cui rimango profondamente legato. Chi punta il dito spesso nasconde molto di pi. C tanto bisogno in Italia di un giornale come il Corriere che difenda il Paese e che sia fedele al rispetto di tutte le posizioni. Michele Sacco, msacco.uni@virgilio.it

Vincino

Limmagine dellItalia allestero


Ho letto larticolo di Antonio Polito apparso sul Corriere del 18 aprile. Vivo allestero da alcuni anni e ritengo insopportabile il continuo puntare il dito contro lItalia. Credo che in parte sia dovuto allinvidia, in parte (maggiore) al fatto che ce la cerchiamo. Con comportamenti inadeguati di chi ci rappresenta, con un insensato cupio dissolvi che si riflette altres in una classe politica pronta a distruggere la (debole) reputazione del Paese e delle

Pavia: il preside di Scienze politiche


Ringrazio il collega prof. Giuseppe Vecchio, per le precisazioni avanzate, su cui concordo (Corriere di ieri). Aggiungo solo che il preside della Facolt di scienze politiche di Pavia, non il sottoscritto, ma il prof. Fabio Rugge, valido condottiero.
Giorgio Fedel

2011 RCS QUOTIDIANI S P.A.

4
FONDATO NEL 1876
DIRETTORE RESPONSABILE

Ferruccio de Bortoli
CONDIRETTORE

S.p.A. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE


PRESIDENTE

Sede legale: Via Angelo Rizzoli, 8 - Milano Registrazione Tribunale di Milano n. 139 del 30 giugno 1948 Responsabile del trattamento dei dati (D. Lgs. 196/2003): Ferruccio de Bortoli privacy.corsera@rcs.it - fax 02-6205 8011
COPYR GHT RCS QUOTIDIANI S P.A.

Luciano Fontana
VICEDIRETTORI

Piergaetano Marchetti
CONSIGLIERI

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digi ali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge. DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA 20121 Milano - Via Solferino, 28 - Tel. 02-6339 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano - Tel. 02-2582 1 - Fax 02-2582.5306 PUBBLICIT RCS Pubblicit Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. 02-50956543 - www.rcspubblici a.it

Antonio Macaluso Daniele Manca Giangiacomo Schiavi Barbara Stefanelli

Giovanni Bazoli, Luca Cordero di Montezemolo, Diego Della Valle, Cesare Geronzi, Antonello Perricone, Giampiero Pesenti e Marco Tronchetti Provera
DIRETTORE GENERALE SETTORE QUOTIDIANI ITALIA

Giulio Lattanzi

EDIZIONI TELETRASMESSE: Tipografia RCS Quotidiani S.p.A. 20060 Pessano con Bornago Via R. Luxemburg - Tel. 02-95.74.35.85 S RCS Produzioni S.p.A. 00169 Roma - Via Ciamarra 351/353 - Tel. 06-68.82.8917 S SEPAD S.p.A. 35100 Padova - Corso Stati Uniti 23 - Tel. 049-87.00.073 S Niber S.r.l. 40057 Cadriano di Granarolo dellEmilia (Bo) - Via Don G. Minzoni 54 - Tel. 051-76.55.67 S Tipografia SEDIT Servizi Editoriali S.r.l. 70026 Modugno (Ba) - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - Tel. 080-58.57.439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. 95030 Ca ania - Strada 5 n. 35 - Tel. 095-59.13.03 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. 09034 Elmas (Ca) - Via Omodeo - Tel. 070-60.131 S BEA printing bvba - Maanstraat 13, 2800 Mechelen, Belgium S Sports Publications Production 1300 Metropoli an Ave. Brooklyn, NY 11237 S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 Coslada (Madrid) S La Nacin - Bouchard 557 - 1106 Buenos Aires S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. A ber o Jackson Byington N1808 - Osasco - So Paulo - Brasile S Miller Distributor Limited Miller House, Ai port Way, Tarxien Road Luqa LQA 1814 - Mal a PREZZI: * Non acquis abili separati, il gioved (nella regione Sardegna la domenica) Corriere della Sera + Sette e 1,50 (Corriere e 1,20 + Set e e 0,30); il sabato Corriere della Sera + IoDonna e 1,50 (Corriere e 1,20 + IoDonna e 0,30) . A Como e prov., non acquistabili separati: m/m/v/d Corse a + Cor. Como e 1,00 + e 0,20; gio. Corsera + Set e + Cor. Como e 1,00 + e 0,30 + e 0,20; sab. Corsera + IoDonna + Cor. Como e 1,00 + e 0,30 + e 0,20. In Campania, Puglia, Matera e prov., non acquis abi-

li separati: lun. Corse a + CorrierEconomia del CorMez. e 0,80 + e 0,40; m/m/v/d Corse a + CorMez. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Set e + CorMez. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorMez. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. In Veneto, non acquis abili separati: m/m/v/d Corsera + CorVen. e 0,80 + e 0,40; gio. Corse a + Set e + CorVen. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorVen. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. In Trentino Alto Adige, non acquis abili separati: m/m/v/d Corsera + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Set e + CorT ent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorTrent. o CorAl oAd. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. A Bologna e prov. non acquis abili separati: m/m/v/d Corsera + CorBo e 0,53 + e 0,67; gio. Corsera + Set e + CorBo e 0,53 + e 0,30 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorBo e 0,53 + e 0,30 + e 0,67. A Firenze e prov. non acquis abili separati: l/m/m/v/d Corse a + CorFi e 0,53 + e 0,67; gio. Corsera + Set e + CorFi e 0,53 + e 0,30 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorFi e 0,53 + e 0,30 + e 0,67.

ISSN 1120-4982 - Certificato ADS n. 7100 del 21-12-2010

La tiratura di marted 19 aprile stata di 629.428 copie

PREZZI DI VENDITA ALL'ESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 5,80 (recargo envio al interior $ 0,50); Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; CH Fr. 3,00; CH Tic. Fr. 3,00; Cipro e 2,70; Croazia Hrk 15; CZ Czk. 61; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 2,10; Marocco e 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00;

Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 25; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; UK Lg. 1,80; Ungheria Huf. 550; U.S.A. USD 3,00. ABBONAMENTI: Per informazioni sugli abbonamenti nazionali e per l'estero tel. 0039-02-63.79.85.20 fax 02-62.82.81.41 (per gli Stati Uniti tel. 001-718-3610815 fax 001-718-3610815; per il Brasile Numero Verde 0800-558503 solo per San Paolo e 00xx11-36410991 per tutte le altre localit). ARRETRATI: Tel. 02-99.04.99.70. SERVIZIO CLIENTI: 02-63797510 (prodotti collaterali e promozioni).

*Con "Sette" e 2,70; con "Io Donna" e 2,70; con "Style Magazine" e 3,20; con "Corriere Enigmistica" e 2,50; con "Economia&Famiglia" e 2,00; con "Storia dItalia" e 9,10; con "La Cucina del Corriere della Sera" e 6,10; con "I Classici dellArte" e 8,10; con "LEuropeo" e 9,10; con "La storia universale Disney" e 9,19; con "Guidare sicuri" e 2,20; con "Capolavori delle grandi Civilt" e 11,19; con "LAccademia" e 11,19; con "Roma e Grecia" e 11,19; con "Paolo Conte" e 5,10; con "Venditti Remastered" e 11,19; con "Tutto Dante" e 11,10; con "Dentro Faber" e 12,10; con "Io scrivo" e 14,10; con "Bob Dylan" e 14,10; con "Il Mondo" e 4,00

42

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

43

Spettacoli
Lanticipazione Il compositore al Piermarini con la scandalosa Quartett tratta da de Laclos

MILANO Sono stati amanti, adesso sono amici. Anzi, complici. Legati dal pi inestricabile dei vincoli, quello di chi ha commesso insieme le peggiori nefandezze. Lei la marchesa di Merteuil, lui il visconte di Valmont. Due aristocratici ricchi e libertini, usi a giocare con le vite degli altri, a manovrarli secondo il loro piacere. Cos abili da riuscire addirittura a manipolare il loro stesso autore, Choderlos de Laclos, che nel 1782 scrisse Les liaisons dangereuses come monito contro il vuoto morale di una classe sociale al tramonto. Invano. Sfuggitigli di penna, Merteuil e Valmont hanno trasformato con il loro amorale cinismo quel romanzo epistolare in un capolavoro della seduzione, della perversione, della vendetta. Proibito dalla censura, adorato dai lettori dogni tempo, pi volte trasposto al cinema (Le relazioni pericolose di Stephen Frears nel 1988, Valmont di Milos Forman nel 1989) centanni dopo dalla sua nascita, nel 1982, riscritto per il teatro dal drammaturgo tedesco Heiner Mller. Titolo emblematico, Quartett. I quattro protagonisti della vicenda: Isabelle de Merteuil, Sebastin de Valmont e le loro vittime, la giovane Volanges e madame de Tourvel, oggetti del desiderio di lui e del divertimento di lei. Una pice breve, crudele, violentissima, che Bob Wilson trasform in uno spettacolo memorabile con Isabelle Huppert.

Sul palco Allison Cook; sopra Close, Malkovich e Pfeiffer

Reinvento alla Scala le relazioni pericolose


Luca Francesconi: unopera su seduzione e cinismo
invece si scambiano le parti. Si travestono, si calano nei ruoli. Lei diventa la vergine Volanges, lui lintegerrima Tourvel... E viceversa. Un continuo gioco di coppie e di ruoli, di maschere che si mettono e si levano nel tentativo di eccitarsi. Ma i due non fanno mai sesso, se lo raccontano. Un tour de force non indifferente per gli interpreti veri, Allison Cook (Merteuil) alla quale dar il cambio Sinead Mulhern nella recita del 3 maggio e Robin Adams (Valmont), impegnati in una ardua polifonia di voci, in continue variazioni di tonalit. E se sdoppiarsi non basta, ci pensa Oll. Da enormi placente nasceranno tre Valmont e tre Merteuil anticipa Francesconi . La moltiplicazione cellulare di una coppia sterile. Tante altre vite uguali alle loro, come loro ossessivamente impegnate in un teatrino privato da ripetere in infinite varianti. Piroette didentit, minuetti scandalosi danzati sullorlo dellabisso. Finch arriva lultima recita. Il tempo scorre e il corpo decade.

Due i direttori

Il pubblico spier i protagonisti


nella loro intimit, collocati in una stanza sospesa nel vuoto: proprio come in una dimensione voyeuristica
Ora Quartett diventa opera lirica. La prima il 26 aprile alla Scala, che lha commissionata a Luca Francesconi, autore della musica e del libretto, scritto in inglese perch lingua pi adatta al mlange di pop folk jazz della mia musica, come spiega lautore. Singolare fin dalla locandina, lopera vede nel cast non uno ma due direttori: Susanna Mlkki e Jean-Michal Lavoie. Non una ma due orchestre: la prima, da camera, in buca, la seconda, grande formazione pi coro, nascosta da qualche parte in teatro, impegnata a suonare dal vivo ma invisibile. Altrettanto audace si annuncia la messa in scena di Alex Oll, catalano, leader dei Fura dels Baus. Si parte da una stanza sospesa nel vuoto racconta Francesconi, 55 anni, milanese, compositore e direttore della Biennale Musica di Venezia . Una stanza illuminata dentro uno spazio tutto nero. Dentro la marchesa e il visconte. Fuori noi, il pubblico che li spiamo in ogni loro intimit. Una dimensione voyeuristica, da peep show. Ma i due non sono mai soli. Interpretano anche gli altri personaggi. Laclos faceva accadere tutto attraverso lo scambio delle lettere, qui
Autore Luca Francesconi, autore della musica e del libretto di Quartett: la prima il 26 aprile alla Scala

Lopera vede nel cast non uno ma due direttori: Jean-Michal Lavoie (foto a sinistra) e Susanna Mlkki; inoltre, sono impegnate due orchestre: la prima, da camera, in buca, la seconda, grande formazione pi coro, nascosta in teatro

Un passaggio inaccettabile per chi tutto ha puntato sullimmagine. Per chi ha bandito il sentimento. Lamore un sentimento per domestici, sostiene lei. Quando la marchesa scopre che il complice ha rotto la regola, si innamorato della Tourvel, scatta la furia, il possesso. Valmont suo, di nessunaltra. Se il loro gioco non pu continuare, lui deve morire. Valmont lo capisce, ha paura. Lintimit di quelle mura non protegge pi, anzi minaccia. Lei gli porge il bicchiere di vino avvelenato, lui lo manda gi. Quella coppia che si scanna dentro la sua roccaforte una metafora di sconcertante attualit del nostro mondo di occidentali pasciuti, annoiati. Noi che pensiamo che quattro mura possano salvarci, separarci dal temibile sud del mondo. Noi che siamo il 15% del pianeta e ne consumiamo l80% denergia. Una civilt sterile, che si avvita su se stessa, che al sacro ha preferito la techn, che pensa di poter controllare tutto, persino la natura. Alla fine, a spazzar via quei manichini, Francesconi far arrivare lo tsunami. La musica diventa una pulsazione primordiale, avverte che le masse sono in marcia, si avvicinano sempre di pi. Niente potr fermarli. Noi saremo spazzati via. A meno che.... A meno che qualcuno non osi linosabile. Sar la donna, rimasta sola, a spezzare la gabbia. Alla donna, la pi forte, la sfida di affacciarsi al mondo.

Giuseppina Manin
RIPRODUZIONE RISERVATA

Aveva 70 anni

morto Sarrazin star con Jane Fonda


MONTREAL Lattore canadese Michael Sarrazin, linterprete dagli indimenticabili occhi scuri di Non si uccidono cos anche i cavalli?, nel quale accanto a Jane Fonda (nella foto, i due nel film), morto domenica sera in un ospedale di Montral all'et di 70 anni dopo una lunga malattia. Nato a Qubec City (Canada) il 22 maggio 1940, si fece conoscere come spalla briosa di George C. Scott nella commedia Carta che vince carta che perde (1967) e poi si afferm come star di ruoli drammatici di disperata intensit grazie al film di Sydney Pollack che conquist nove nomination allOscar. Ruoli drammatici che Sarrazin recit con estremo vigore anche in Sfida senza paura e Usanze di allora.

44 Spettacoli
Il personaggio Lattrice la protagonista della pellicola Il primo incarico di Giorgia Cecere, nei cinema dal 6 maggio

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Brevi
IL FESTIVAL

Isabella Ragonese: irresistibile sgusciare da un ruolo allaltro


A teatro con il fascino androgino dellOrlando di Virginia Woolf
ROMA Labito che dovevo indossare aveva una targhetta appesa con su scritto Stefania Sandrelli. Era quello in Sedotta e abbandonata di Germi, una vestaglietta siciliana, dice Isabella Ragonese. Il 6 maggio esce Il primo incarico di Giorgia Cecere, storia di una maestrina nellItalia degli anni 50 e del suo trasferimento in un paesino sperduto del Sud, tra studenti ingovernabili e una natura ostile. un film depoca ma non lo abbiamo affrontato in questo modo, potrebbe essere una ragazza di oggi la cui vita cambia completamente dice Isabella. Per la regista, un western dei sentimenti. Perch una storia di viaggi, passaggi, conquiste riprende la Ragonese . A me la Cecere diceva: sei il mio John Wayne. Ma gli abiti che indosso, la vita stretta, il reggiseno a punta, esaltano laspetto femminile. Questattrice candidata al David di Donatello per La nostra vita di Luchetti: la prima volta e spero non sia lultima. Isabella, che deve fare ancora 30 anni, tocca spesso le corde estreme racchiuse in un corpo di donna: lesbica al cinema in

Isabella Ragonese, 29 anni; sopra, in Il primo incarico

Viola di mare, a teatro (debutto a gennaio al Manzoni di Milano poi la tourne) dovr vedersela col fascino androgino di Orlando, dal romanzo di Virginia Woolf. Sar una grossa produzione con la regia di Emanuela Giordano. Orlando racchiude la parte maschile e quella femminile di noi tutti, perch la ricerca della felicit ci riguarda allo stesso modo dice la regista che ha intitolato lo spettacolo La commedia di Orlando. Isabella: Dici Virginia Woolf e pensi al suicidio. Invece il nostro sar un inno alla gioia e alla vita. Orlando in realt mantiene la sua identit in una continua scoperta, che gli permette di vivere uneterna prima volta. Non vuole scimmiottare

Sul David

La candidatura al David di Donatello per il film La nostra vita? la prima volta e spero non sia lultima

gli illustri precedenti, il film con Tilda Swinton, il teatro a Parigi con Isabelle Huppert. Cercher di cogliere lessenza delladolescenza, quel momento in cui non si capisce cos bene se si uomo o donna. Mi piacerebbe una platea di giovani, questa storia parla un po di loro, quando si torna a casa scombussolati dopo aver dato il primo bacio. A lei piace lambiguit? Ho bisogno di chiarezza, sono una da bianco o nero, cresciuta in unepoca in cui le parole si usano in modo sbagliato e vengono manipolate. Per il mio mestiere basato sullambiguit. Orlando lho scelto perch non mi piaceva lidea di un eventuale monologo, lassolo che dimostri che vengo dal teatro. da quattro anni che non lo faccio. Volevo ritrovarmi in una compagnia. Sia al teatro che al cinema ho interpretato personaggi molto diversi fra loro. Ho fatto delle rinunce e non facile, mi proposero non so quante precarie dopo Tutta la vita davanti di Virz, anche se una ragazza col posto fisso alla mia et sarebbe un film di fantascienza. Quando ho cominciato mi dicevano che non potevo fare la sensualona o la caratterista, che ero una via di mezzo. Normali non si mai se si sceglie questo mestiere. Ma c lanonimato nel senso buono del termine, la gente non mi riconosce perch non ho tratti fisici evidenti. Io sguscio da un personaggio allaltro. Penso di essere sfuggente, nel fisico e nel carattere. Come il suo Orlando.

Law e Uma Thurman giurati a Cannes


Gli attori Jude Law e Uma Thurman, ma anche il regista francese Olivier Assayas, sono tra i membri della giuria, presieduta da De Niro, della 64 edizione del Festival di Cannes, che si terr dall'11 al 22 maggio. Tra gli altri componenti della giuria, lattrice e produttrice argentina Martina Gusman e il produttore cinese Nansun Shi.

NON CI PAGANO I DIRITTI

Happy Days, il cast denuncia la Cbs


Quattro dei protagonisti di Happy days hanno denunciato la Paramount-Cbs accusandola di aver sfruttato i loro diritti di immagine senza versare loro un dollaro. La denuncia stata presentata da Anson Williams (Potsie), Don Most (Ralph Malph), Marion Ross (Marion Cunnigham) e Erin Moran (Joanie).

DA MADAME TUSSAUDS

Una statua di cera per Susan Boyle


Una statua di cera che riproduce le sembianze di Susan Boyle stata svelata al Madame Tussauds di Blackpool, in Inghilterra. Sono entusiasta ha detto la cantante hanno fatto un fantastico lavoro. Al Madame Tussauds, tra le star musicali, sono immortalati anche Justin Bieber, Lady Gaga e Taylor Swift.

Valerio Cappelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Spettacoli 45
Verdetto dappello

Edizione super Lundicesima stagione stata la pi lunga ma riuscita a premiare ancora il reality di punta di Canale 5
lit. Nella casa si innamorato di Margherita (terza classificata) che ha ceduto alla sua corte serrata. Con questi 300 mila euro vorrei iniziare un'attivit tutta mia dice Andrea e magari anche aprire un mutuo per la casa e andare a viverci con Margherita. La quale commenta con la consueta esuberanza: Essere usciti insieme ancora pi figo, perch da questo momento possiamo vivere insieme tutte le emozioni che ci aspettano. Ed gi tutto molto bello per Paolo Bassetti, presidente e ad di Endemol Italia GF ha dimostrato di avere ancora una tenuta straordinaria. Il mio grazie va ad Alessia, a Mediaset e a Pier Silvio Berlusconi che questanno ha convinto tutti noi a fare unedizione cos lunga. E lui, il vicepresidente Mediaset, replica cos: Mai, un reality stato acceso con successo per sei mesi, 24 ore su 24. Con Grande Fratello 11, Mediaset ha vinto una sfida molto difficile. E conclude: Ora Alessia ha cose ancora pi importanti da fare ( in dolce attesa, ndr), ma la aspettiamo tutti per la prossima edizione. Lei ringrazia per la fiducia e dice: Ci sar.

Springsteen: assolto il promoter


MILANO Il promoter Claudio Trotta stato nuovamente assolto al termine delludienza di secondo grado nel processo penale che lo vedeva imputato per i 22 minuti oltre il limite orario sforati nel concerto che Bruce Springsteen (foto) tenne il 25 giugno 2008 allo stadio di San Siro. La Corte appello del tribunale di Milano ha

Abbraccio Ferdinando abbraccia il vincitore Andrea (con la giacca scura) Nel tondo Alessia Marcuzzi

Grande fratello, record con Andrea il bravo ragazzo controcorrente


Marcuzzi: un romanzo popolare pieno di normali storie damore
Le pagelle
di ALDO GRASSO
Andrea Cocco Vincitore un po a sorpresa, litalo-giapponese cos perfetto da sembrare finto: bello, educato, istruito, abile in cucina. La sua affermazione testimonia forse che il reality non pi specchio del peggio della societ, anzi. Dopo qualche settimana nellombra ha trovato le luci della ribalta grazie alla scoperta del tradimento della fidanzata: piange molto e poi trova consolazione tra le braccia di Margherita. Accusato di azzerbinarsi. Come gli altri protagonisti del reality un perfetto personaggio da Comdie humaine. Davide Baroncini Segni particolari: gli improbabili abbinamenti di colore nel look e il culto per il Teorema di Marco Ferrandini, che ha applicato alla lettera ad almeno due delle sue tre conquiste femminili allinterno del GF. Prendi una donna, trattala male... Intelligente e arrogante quanto basta, molto amato e molto odiato in casa e fuori, uno di quelli che nel corso del GF hanno dichiarato di aver compiuto il famigerato percorso. Guendalina Tavassi Romana verace, mean girl in tutto e per tutto, ha partecipato al Grande fratello in cerca di un futuro migliore per la figlia avuta in et adolescenziale con Remo, che ha rincontrato sotto locchio del GF. Ed stata subito soap opera di bassa lega: abbracci, insulti, test di gravidanza esibiti come trofei. A giochi fatti, si fatta riconoscere pi per la sua risata mefistofelica e per le ripicche nei confronti degli ex amici che per altro. Margherita Zanatta La varesina dalle urla facili, in perenne stato di sovreccitazione, unica donna ad arrivare in finale, figlia della gloria del basket Marino Zanatta, o daddy come lo chiama lei, a cui le sue intemperanze hanno causato non pochi imbarazzi: prima fra tutte limprobabile liaison con il coatto Nando, finita a insulti e parolacce. Ha ripiegato poi sul pi presentabile Andrea Cocco, accompagnandolo cos verso la vittoria. Ferdinando Giordano Era il vincitore annunciato o come lo ha anche definito Alfonso Signorini il vincitore morale di questa undicesima edizione. Ancor prima di entrare nella casa del Grande fratello, gli era stato assegnato il ruolo del cercatore di riscatto: da un passato difficile, dal padre implicato in tristi vicende di camorra, dai complicati rapporti con la sua stessa famiglia. In realt poi nella casa stato forse il pi normale di tutti, smentendo i pronostici della prima ora Nando Colelli Chiaro esempio di come il passaggio dallanonimato alla celebrit possa avere esiti perversi. Esce dalla casa e tempo due giorni molla Margherita via registrazione video, finendo poi vittima, non si sa quanto complice, di unimboscata di quelli de Le iene che gli fanno confessare, tra le altre cose, di aver sedotto la varesina per strategia di gioco. Limpressione che la macchina del reality abbia a un certo punto trovato in lui il capro espiatorio perfetto. MILANO Difficile stabilire se sia pi sorprendente che il Grande fratello, giunto allundicesima edizione, ancora abbia la forza di trattenere davanti al video 6.622.000 spettatori (32.79% di share); o che la replica del Commissario Montalbano superi il GF in termini assoluti grazie ai 6.947.000 spettatori (share del 24.91%) che non hanno voluto perdersi, ancora una volta, il giallo di Andrea Camilleri. Dunque da una parte lItalia di Zingaretti, dallaltra quella che vuol conoscere il vincitore dei reclusi da sei mesi. E il vincitore stato Andrea Cocco, 33 anni, italo-giapponese, pr e modello, che ora sogna il cinema. Un ragazzo garbato, dai modi gentili: una mosca bianca in un reality show (e non solo). Lo ammette anche la conduttrice Alessia Marcuzzi, ora che il gioco finito: Andrea era il mio favorito. Non ho mai incontrato un ragazzo cos educato. Ma anche Ferdinando (laltro finalista, il figlio del camorrista, ndr) una persona deliziosa. Loro due sono la dimostrazione che non vero che il Gf trash e che litigare non paga. Sono due ragazzi sensibili, rispettosi delle donne, galanti. E questo un bellissimo messaggio per i giovani. Il motivo del successo? Il GF un grande romanzo popolare pieno di storie damore Storie normali, di ragazzi normali. Proprio come Andrea. Che commenta: Mi dispiace per Ferdinando, anche lui meritava di vincere. Sono rimasto davvero molto sorpreso dalla mia vittoria. Ancora sono frastornato, incredulo. Un ragazzo raffinato, colto e di grande sensibi-

Maria Volpe
RIPRODUZIONE RISERVATA

confermato la sentenza di primo grado: il fatto non costituisce reato. Lo ha fatto sapere, tramite un comunicato, la Barley Arts, di cui Trotta titolare, spiegando che le motivazioni della sentenza, che ha dato nuovamente torto al pm e allavvocato di parte civile del Comitato San Siro Vivibile, saranno depositate e rese note entro il 20 maggio 2011. Trotta si dichiarato 22 volte moderatamente soddisfatto.

Habemus Papam

6,5

I vescovi su Moretti: complesso e superficiale


MILANO Un film complesso e segnato da superficialit. questo il giudizio, che ha la forma del paradosso, della Commissione nazionale valutazione film della Cei, la Conferenza episcopale italiana, in una scheda su Habemus Papam, il nuovo film di Nanni Moretti che immagina un papa (interpretato da Michel Piccoli) paralizzato dal compito che lo attende e bisognoso del sostegno di uno psicoanalista (Nanni Moretti). Sulla crisi di identit che attanaglia il neoeletto pontefice si legge nella nota della Commissione Cei di valutazione dei film il regista getta uno sguardo di comprensione ampia e generosa, la radiografia di una "repulsione" improvvisa, che non trova origine n lascia intravedere soluzioni. Una parabola sulla rinuncia sottolinea la nota che il mestiere furbo e esperto di Moretti lega anche e comunque alla cassa di risonanza massmediatica che la
Davanti al Pontefice Nanni Moretti in una scena di Habemus Papam dove interpreta uno psicoanalista che ha in cura il Papa in crisi

5,5

LEGGI a pagina 55 la rubrica di Aldo Grasso A FIL DI RETE sulla conclusione dellundicesima edizione del Grande Fratello

scelta del mondo vaticano comporta. Dal distacco tra lo scenario scelto e lapproccio un po elementare nel descriverlo, deriva che il film, dal punto di vista pastorale, da valutare come complesso e segnato da superficialit. Anche Avvenire che nei giorni scorsi aveva ospitato la lettera aperta del vaticanista Salvatore Izzo che aveva invitato a boicottare il film ieri tornato sullargomento, nel forum delle lettere a cui risponde il direttore Marco Tarquinio. I nostri lettori che stupidi non sono scrive Tarquinio hanno deciso, o decideranno, in tutta libert che cosa farsene di questa storia di celluloide. Io avrei ancora intenzione di andare a vederla (da cronista vado sempre alla "fonte"), ma se continua cos mi faranno passare la voglia.... La critica di Tarquinio soprattutto rivolta a Fabio Fazio (con cui ha un conto aperto sui temi bioetici), che a Che tempo che fa domenica scorsa, presente Moretti, ha trasformato la lettera di Izzo ad Avvenire in un editoriale di Avvenire, come se linvito a boicottare il film fosse del quotidiano dei vescovi.

Renato Franco
RIPRODUZIONE RISERVATA

46
#

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Sport
Le pagelle Roma

Murdoch punta alla F1 di Ecclestone

LONDRA La News Corp di Rupert Murdoch starebbe formando un consorzio per lanciare unofferta su tutta la F1 controllato da Bernie Ecclestone. Lo scrive Mark Kleinmann, giornalista di Sky News, tv di propriet di Murdoch: News Corp ha avuto contatti con alcune persone collegate ad almeno uno dei team della F1 oltre che con Carlos Slim, miliardario messicano che passa per essere luomo pi ricco del mondo. News Corp si starebbe muovendo con la consulenza della Jp Morgan.

Vucinic da licenziamento
5 DONI Travolge Juan ma larbitro lo grazia. Il tiro di Stankovic velenoso, ma lui parte comunque in ritardo. Siamo ai titoli di coda. 5 CASSETTI La pubalgia lo costringe ad allenarsi poco e per uno solo fisico come lui un guaio. Sostituito da Rosi che fa pure peggio. 6 N. BURDISSO Fa il suo contro il fantasma di Milito e prova a dare la sveglia a una squadra senza un briciolo della sua grinta. 5,5 JUAN Partecipa al pasticcio iniziale, poi se la cava con lanticipo contro i poveri resti di Milito. Non d mai la sensazione di completa sicurezza. 5 RIISE Duello a scartamento ridotto con Zanetti. Sale male e concede a Pazzini la palla che poteva costare lo 0-2. 6 PIZARRO Prova a cucire il gioco di una squadra gi in vacanza. Senso del dovere ammirevole, risultati scarsi non per colpa sua. 5 DE ROSSI N carne n pesce. In ritardo pi volte su Stankovic, rischia un rigore per fallo di mano che Rizzoli, ieri fuori forma, non vede. 6 TADDEI Il meno peggio. Guadagnerebbe un rigore (fallo di Stankovic), ma anche in questo caso Rizzoli sbaglia la valutazione. 5 PERROTTA Senza Totti davanti gioca dimezzato. Non pi lincursore dei tempi di Spalletti e la tecnica non certo migliorata. 3 VUCINIC Un gioco a premi impazza a Roma: era pi facile segnare il gol a porta vuota col Palermo o quello a un metro da Julio Cesar? Dicono che voglia andare via, ma la Roma che deve cacciarlo. 5,5 BORRIELLO A secco dal 2 febbraio ha il merito dellassist che Vucinic spreca in maniera incomprensibile. Esce dopo una botta alla testa. 5 MNEZ Mezzora senza dare nulla. 5 MONTELLA Terza sconfitta casalinga consecutiva. La Roma si squagliata, come le sue speranze di restare anche nella prossima stagione.

La semifinale Pur non brillando, la squadra di Leonardo si aggiudica la gara dandata. I giallorossi riescono a tirare in porta soltanto una volta

Luca Valdiserri
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le pagelle Inter

Lucio sempre infallibile


6 JULIO CESAR Ringrazia Vucinic per averlo graziato al 9 e poi deve parare il primo tiro nello specchio (Taddei) al 90. 6 MAICON Sbaglia troppi appoggi ma non fa mai mancare la spinta. Serata tranquilla contro Vucinic con le scarpe al contrario. 7,5 LUCIO Gigantesco. Non sbaglia un intervento, chiude su tutti, litiga con amici (Julio Cesar) e nemici (Juan). E, oltre agli avversari, marca bene anche lincerto Ranocchia di ieri sera. 5 RANOCCHIA Soffre ogni volta che preso in velocit e perde due palloni uscendo dalla difesa. A Roma direbbero: a ridatece Samuel. 6 NAGATOMO Mette in crisi Cassetti con la sua velocit. Peccato che, arrivato sul fondo, non trovi mai il cross giusto. 7 STANKOVIC il giocatore che fa la fortuna degli allenatori. Rizzoli gli toglie un primo gol con un fischio molto dubbio, ma il secondo una perla. Contro la Roma trova sempre una motivazione in pi. 6,5 CAMBIASSO Davanti alla difesa, dove preferisce giocare. Leonardo ha spesso scelto Thiago Motta, in quel ruolo, ma non facile capire il perch. 6 J. ZANETTI A scartamento ridotto, ma con la Roma attuale basta e avanza la sua esperienza. 6,5 SNEIJDER Vivo e nel gioco, anche se il tocco magico della stagione scorsa non c pi. Prova il tiro con continuit, senza fortuna. 5 MILITO Un fantasma. Anticipato spesso, non tira mai in porta. Stagione da dimenticare. 6 PANDEV Largo a sinistra obbedisce al piano di Leonardo. Niente di speciale, ma utile. 5,5 PAZZINI Per Milito nellultimo quarto dora, sbaglia un gol solo davanti a Doni. Appannato. 6,5 LEONARDO Tra due squadre malate non certo la sua quella che esce con le ossa rotte. Sar un premio di consolazione, forse, ma la Coppa Italia sempre meglio che niente.

ROMA Come un anno fa. LInter vince ancora allOlimpico contro la Roma, in Coppa Italia e con lo stesso punteggio (1-0). Il 5 maggio 2010, aveva deciso un gol di Diego Milito, nella finale, che aveva coinciso con lavvio del triplete; stavolta, ha deciso un tiro maligno di Dejan Stankovic, prima dellintervallo: i giochi, viste le abitudini e il momento delle due squadre, restano aperti pensando alla semifinale di ritorno di San Siro (11 maggio). Di certo i nerazzurri partono davanti e il successo, senza subire gol, evento capitato soltanto contro il Chievo nelle precedenti cinque partite, segna un progresso globale nella condizione dei nerazzurri. Non sono ancora guariti, ma qualche miglioramento c stato. I giallorossi, invece, non sono riusciti a invertire la tendenza delle gare in casa, rimediando la terza sconfitta consecutiva dopo quelle con la Juve e il Palermo e hanno fatto veramente poco per mettere sotto pres-

LInter si consola
3
vittorie in questa stagione per lInter sulla Roma: una in Supercoppa (3-1), una in campionato (5-3) e una in Coppa Italia (1-0). Una vittoria per i giallorossi (1-0 in campionato)

Roma Inter

0 1

Marcatore: Stankovic 45 p.t. ROMA (4-2-3-1): Doni 5; Cassetti 5 (Rosi s.v. 33 s.t.), N. Burdisso 6, Juan 5,5, Riise 5; Pizarro 6, De Rossi 5; Taddei 6, Perrotta 5 (Simplicio s.v. 28 s.t.), Vucinic 3; Borriello 5,5 (Mnez 5 18 s.t.). All.: Montella 5 INTER (4-3-1-2): Julio Cesar 6; Maicon 6, Lucio 7,5, Ranocchia 5, Nagatomo 6; J. Zanetti 6, Cambiasso 6,5, Stankovic 7 (Mariga s.v. 49 s.t.); Sneijder 6,5; Milito 5 (Pazzini 5,5 30 s.t.), Pandev 6 (Obi s.v. 37 s.t.). All.: Leonardo 6,5 Arbitro: Rizzoli 4 Ammoniti: Taddei, Maicon, N. Burdisso, Ranocchia, Sneijder Recuperi: 1 pi 430

sione lavversario: un tiro in porta, quello di Taddei al 45 della ripresa, riassume bene le difficolt della squadra di Montella, spesso contestata dal pubblico, proprio per la mancanza di idee e di energie che hanno messo in vetrina, in uno stadio ben lontano dallesaurito di un anno fa (appena 23.979 paganti) e che non ha nemmeno ascoltato in silenzio linno prima di iniziare. LInter ha approfittato del ritmo basso della Roma per tenere in mano il gioco gi nel primo tempo, anche se la palla-gol pi clamorosa di tutto il match, prima della rete di

Stankovic, capitata sul piede di Vucinic, che da un metro e in solitudine riuscito a calciare il pallone a lato (9). Unoccasione che Montella, quando giocava, avrebbe trasformato, anche con gli occhi bendati. Dopo 120, era stata lInter ad andare in gol, sullerrore congiunto di Juan e Doni, che metteva

Quanti errori Partita costellata di errori, la formazione di Montella al terzo k.o. consecutivo in casa

Stankovic nella condizione di segnare a porta vuota, ma Rizzoli ha annullato la rete per una leggera spinta del serbo, apparsa del tutto ininfluente. Non stato, questo, lunico errore di quello che dovrebbe essere il miglior arbitro italiano, visto che ha ignorato un mani in area di De Rossi (17) e un contatto duro sempre in area di Stankovic su Taddei (32), sbagliando anche altro. Nessun disegno particolare, ma lennesima dimostrazione del modesto livello dei fischietti di casa, che non azzeccano nemmeno le decisioni pi semplici, nonostante le belle parole che pronuncia ogni

Botta alla testa per Borriello, paura rientrata

Leonardo: Grande prova di maturit


ROMA LInter riparte. E Leonardo sa quanto sia importante spezzare il trend negativo: S, bisognava bloccare questa sequenza negativa: sembra facile ma non lo era per una serie di fattori che ti fanno perdere la tranquillit. Era un momento difficile da gestire ma la squadra ha dimostrato grande maturit: vincere allOlimpico non era per nulla scontato. Leo si concentra poi sul futuro, quello immediato ma non solo: Io non ho nessuna preoccupazione: vivo oggi e non penso tanto avanti, ma alla partita di sabato. Devo solo trovare adesso le soluzioni perch la squadra continui a vincere e sia costante. Dobbiamo riprendere il ritmo e restare lucidi e calmi in questo finale di stagione. Per il resto con la societ ho un rapporto apertissimo e senza alcun problema. Diverso lapproccio di Vucinic la partita avrebbe preso unaltra piega. Anche perch abbiamo finito in crescendo, anche dal punto di vista atletico. Non credo assolutamente a una crisi fisica: ci si sofferma solo sul risultato, ma non siamo sulle gambe. Certo che da quando c stato il cambio di societ, molte cose in campo non funzionano al meglio: probabile che qualcuno si faccia condizionare, anche se non dovrebbe accadere. Ma non si pu entrare del tutto nella testa dei giocatori. Comunque noi ci crediamo ancora: siamo convinti di poter ribaltare il risultato. Con Borriello, abile e arruolato: lattaccante dopo il brutto colpo alla testa stato sottoposto a una Tac, che ha escluso complicazioni. Per Borriello 24 ore di riposo.

Tecnico Leonardo soddisfatto (Epa)

l.v.
R PRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Montella, ancora sconfitto in casa: Non sono daccordo con chi dice che lInter ha meritato il successo premette il tecnico della Roma abbiamo creato molto ma purtroppo abbiamo sbagliato gol facili: se avessimo segnato con

a. rav.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Sport 47
#

Samp: i tifosi contro Cavasin Rissa sfiorata

GENOVA (e.d.) Una cosa mai vista allallenamento della Sampdoria. Dopo lassalto al pullman della squadra, ieri toccato al tecnico Alberto Cavasin essere duramente contestato. Tira fuori i c... e dimettiti!, gli hanno gridato. Ho perso sette chili!, la replica. Poi la minaccia: Ti aspetto sotto casa e qui anche Cavasin ha alzato la voce, solo l'intervento della polizia ha evitato la rissa. Amareggiato Riccardo Garrone: Queste sono cose da teppisti.

Juve-Delneri Dipender dal finale

MILANO La Juventus prende tempo. Beppe Marotta (che ha scatenato pi di unillazione incontrandosi col procuratore di Roberto Mancini, Giorgio De Giorgis, al Forum milanese per ds) ha parlato di due, tre innesti, senza rivoluzioni. Su Delneri stato vago. La societ giudica sullopera e la professionalit nellarco della stagione. Non siamo fermi: Delneri ha un contratto biennale, alla fine valuteremo. La Juve vorrebbe tenerlo, anche per mancanza di alternative, ma spera in un finale scoppiettante.

Protagonista Stankovic decisivo: Non segno mai in modo banale

Dejan, nulla di casuale nel gol capolavoro Ho festeggiato in anticipo


Sono felice, ma con la Roma non mai finita
ROMA un pallone partito a San Siro il 5 aprile, alle 20.45 e 23 secondi, clamorosamente dentro la porta dello Schalke da cinquanta metri, quando ancora tutto sembrava possibile; ribattuto a Parma da trenta metri e finito contro la traversa, quando quasi tutto era gi compromesso; atterrato ieri sera sullesterno destro dello scarpino di Dejan Stankovic per infilarsi nellangolo alla destra di un (colpevole) Doni. Dico la verit, quando lho calciata ho iniziato a esultare mezzo secondo prima: ero sicuro che fosse gol. Ma non c niente di casuale nel tiro che mette Leo in buona posizione per non leggere i tituli di coda e l'Inter per ripartire, il prossimo anno, con qualcosa da rimirare in bacheca (solo in buona posizione, sia chiaro, perch, come ricorda Stankovic, non finita, basta rivedere le partite che abbiamo giocato con la Roma per sapere che hanno spesso avuto risultati strani). Non c' niente di casuale, perch in momenti cupi come questi, ci si pu interrogare su come faccia Mirko Vucinic a sbagliare gol cos (il secondo in tre giorni, dopo lharakiri con il Palermo, e sarebbe stata un'altra partita, ammette Deki), fermarsi a pensare a comera bello Milito quando era Milito e non lologramma che c in campo, accendere un cero nel ricordo degli assenti, Mourinho e Ranieri e le loro dispute verbali, farsi prendere dalla malinconia perch non ci sono Etoo e Totti, con il loro carico di gol e classe, oppure si pu pedalare, ritararsi in fretta sui nuovi obiettivi, rendersi conto che per questanno i sonon sono deluso per com andata: c un po di rammarico perch abbiamo fatto uno sforzo enorme per rimanere l vicini al Milan, ma io sono sempre orgoglioso di questa squadra. Stankovic fa parte della vecchia guardia, quella che non ci sta a farsi dare per finita e quella che non ha apprezzato certi sbandamenti nello spogliatoio. E quella che si ricorda da dove venuta e quando iniziato il ciclo magico: Ricordiamoci che cinque anni fa per lInter la Coppa Italia era come la Champions e il Mondiale per club assieme ride Deki . Comunque questa stata una vittoria importante, veniamo da un momento difficile e la risposta della squadra stata eccezionale. In questo modo abbassiamo la tensione che era cresciuta attorno a noi. Adesso continuiamo cos, con Leo: serve unInter umile, attenta, compatta, con tanto gioco. Non c niente di casuale che abbia risolto Stankovic perch nelle ultime cinque partite e relative quattro sconfitte lui era uno dei pochi rimasti sopra la linea di galleggiamento, ancora voglioso di tentare limpossibile e con ancora qualche energia da spendere. E, ieri sera, dopo due minuti, proprio a Deki stato annullato un gol regolare: Cambiasso lo lancia e lui si trova l, pronto al pallonetto, Juan e Doni vanno in cortocircuito da soli, larbitro fischia un fallo. Ma forse era troppo semplice. Gi, i gol banali non fanno per me. mai una volta che il portiere respinga e io metta dentro da due passi. Ma va bene cos.

Prodezza Il gran gol di Dejan Stankovic (Gmt/Di Stasi)

Dopo i dispiaceri in campionato e in Champions, i nerazzurri battono la Roma con Stankovic


settimana il presidente (e designatore-ombra) dellAia, Nicchi. La partita stata costellata da una serie impressionante di errori, soprattutto nel primo tempo, segno della condizione imperfetta dei giocatori e della paura di sbagliare. Al contrario di Vucinic, Stankovic ha trovato uno dei suoi colpi preferiti, e ha sfruttato il miglior lavoro dei nerazzurri, che sono entrati in campo concentrati e decisi a non perdere loccasione di arrivare in finale. Si sono viste azioni interessanti, anche se mancata la lucidit negli ultimi venti metri, una caratteristica comune anche al secondo tempo, quando i nerazzurri si sono trovati nella condizione migliore per colpire in contropiede, ma hanno sempre sbagliato qualcosa al momento di chiudere. Pazzini, entrato al posto di Milito nellultimo quarto dora, ha avuto la palla del 2-0 al 45, ma la sua conclusione stata respinta da Doni. La Roma ha sempre stentato, incapace di dare velocit al gioco per sorprendere i nerazzurri, che per una volta hanno giocato con le linee di difesa e di centrocampo vicine, soffocando qualsiasi iniziativa avversaria, sotto la guida di Lucio e Cambiasso, che hanno tenuto cucita la squadra come ai vecchi tempi. Adesso la Roma deve compiere limpresa a San Siro per inseguire la finale che i nuovi proprietari made in Usa vogliono fortissimamente, ma lInter, sebbene incerottata, non vuole perdere la grande occasione.

Fabio Monti
RIPRODUZIONE RISERVATA

gni di grandezza sono finiti, rivoltare il cappotto vecchio e tenere duro. Non c niente di casuale nel fatto che a risolvere la sfida tra le deluse sia stato (lex laziale) Stankovic, il pi lesto nellaffrontare il cambio di prospettiva, il primo a capire quanto sia essenziale avere un trofeo cui aggrapparsi e impedire il crollo: Sono sempre realista, io. Conquistare lo scudetto pressoch impossibile, ma se andiamo in Champions e portiamo a casa un trofeo sar comunque una stagione positiva. Quindi no,

Abbracci
Dejan Stankovic festeggiato da Pandev e Cambiasso. Sotto, a sinistra Pep Guardiola con il nuovo look, a destra Jos Mourinho (Ipp, Afp, Ap)

Arianna Ravelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

La sfida A Valencia la finale di Coppa del Re fra polemiche e le accuse di difensivismo a Mou

Bara e Real inseguono un titolo al veleno


Atto secondo, primo titolo. Stasera non c domani, perch in fondo a Barcellona-Real Madrid (ore 21.30, Mediaset Premium Calcio) c una Coppa del Re da alzare. E allora nella bolgia del Mestalla (perfetto stadio da Corrida calcistica, con le sue tribune a picco sul prato) aspettiamoci di tutto. Il primo atto del QuadriClasico sabato nella Liga ha confermato che questa non sar mai una partita qualsiasi. Per strappare l1-1 e scalfire alcune certezze del super Bara Mourinho ha schierato uno stopper a centrocampo, attirando accuse anche dai puristi di Madrid, fra cui Alfredo Di Stefano. A lui Jos ha risposto ieri: una leggenda e lo rispetto, ma lallenatore sono io. Poi, a chi gli chiedeva come mai in Spagna considerino una mezza vergogna giocare come lInter lanno scorso, ha replicato in tipico Mourinho style: Chiedete ai tifosi dellInter se si vergognano del fatto che sulla maglia non hanno pi spazio per le coccarde... Se perdiamo? La vita continua. Io vado per la mia strada. Nella vita ho avuto contro sempre persone piccole e mediocri. Insieme a questa, ci sono poi varie altre polemiche pi futili. La prima riguarda lerba: al Bernabeu, impedendo di tagliarla e irrigarla, Mou ha offerto al Bara una foresta secca nemica del suo gioco rasoterra. Per oggi il Barcellona ha ottenuto che al Mestalla i fili derba non superino i 25 millimetri, il limite massimo nelle partite internazionali, e che se non piover come da previsioni il campo verr irrigato. Un altro argomento caldo la paura che i tifosi catalani fischino linno spagnolo. Per coprire leventuale sacrilegio ai Reali in tribuna, stato approntato un impianto da 100 mila watt, ma i medici ammoniscono: si arriver a 120 decibel, si rischia la salute. Concorda la Societ di cardiologia che, scoprendo oggi ci che ogni tifoso sa dalla nascita, aggiunge: Attenzione. Il Clasico accelera i battiti. Ma va? Un altro bellargomento il dopopartita di sabato con gli sputi di Pepe ai barcellonisti e Piqu che avrebbe detto ai madridisti: Mercoled vinceremo la Coppa del vostro re. Senza contare che la Uefa oggi potrebbe punire Iniesta, colpevole di essersi fatto ammonire apposta nellandata dei quarti di Champions in modo da saltare il ritorno e giocare in semifinale con il Real. Il Madrid fu punito per aver fatto lo stesso con Ramos e Alonso contro lAjax e chiede giustizia. E il match? Se il pressing selvaggio del Real riesce a togliere ossigeno al Bara, tutto pu succedere. Sabato andato in leggera confusione persino Messi, che a un certo punto ha scaraventato il pallone con rabbia in tribuna. Ieri Guardiola si scusato per Leo e ha spiegato: Non penso che il Real ci affronti come una provinciale, penso solo al nostro gioco, che non cambier. Pu essere un limite e Mourinho lo ha gi smascherato con lInter. In tutto ci, claro che non poteva mancare neanche un nuovo polpo profeta, tal Iker, erede del compianto Paul. Il cefalopode spagnolo che si chiama come il portiere del Real, Casillas, e vive e guarda le partite in un acquario vicino a Malaga ha pescato la sardina del Real. Dicono sia uno serio perch ha gi indovinato l1-1 di sabato. Stasera si gioca la faccia anche lui.

Lattacco di Jos Una vergogna giocare come lInter? Chiedete ai tifosi nerazzurri se si vergognano di tutti i titoli

Alessandro Pasini
RIPRODUZIONE RISERVATA

48

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Sport 49
Ritorno Zlatan Ibrahimovic titolare nellattacco del Milan in Coppa Italia dopo la doppia espulsione e la doppia squalifica in campionato; nel tondo, Barbara Berlusconi, che oggi debutta nel consiglio damministrazione della societ rossonera (Richiardi, Olycom)

Doppio Ibra su due fronti: contro il Palermo e la squalifica

Fotofinish
CALCIO

Il Milan non sazio La Coppa Italia ci piace eccome...


Allegri: Concentrati per andare in finale
MILANO Dallesonero ad opera del vulcanico Cellino alla possibilit di replicare dallaltra parte del Naviglio le gesta di un eroe milanese come Jos Mourinho. Tutto in dodici mesi. piena di sorprese la vita per Massimiliano Allegri, il tecnico definito da Adriano Galliani un vero fuoriclasse, lallenatore che in questo movimentato finale di stagione ha la possibilit di ottenere il double italico. Ovvero scudetto e Coppa Italia, un bottino pieno che alle latitudini rossonere nessun allenatore mai riuscito a ottenere. Laccoppiata non solo un traguardo storico osserva Allegri. Tutti abbiamo il dovere di concentrarci per affrontare il Palermo nel migliore dei modi. Ho vinto la Coppa Italia di C con il Livorno nel 1987, mi piacerebbe andare in finale. Del resto questa competizione allinizio non conta molto, ma stavolta sono arrivate in fondo le prime della serie A. Sarebbe bello che pure in Italia potesse rivestire la stessa importanza che la coppa ha in Inghilterra oppure in Spagna. Ecco perch il tecnico milanista non ceder alla tentazione di effettuare un massiccio turnover. In attacco per si rivedr Ibrahimovic, con una grande voglia di rivalsa dopo le tante giornate di riposo forzato. Ultimamente ha giocato poco, penso che far una grande partita commenta il tecnico. Quando lo svedese scender in campo, la corte di giustizia federale si sar gi espressa sul ricorso che lavvocato Cantamessa andr a discutere a Roma. Il legale rossonero ha chiesto la riduzione di una giornata alle tre complessivamente comminate dal giudice sportivo al centravanti svedese per le offese rivolte al guardalinee durante Fiorentina-Milan.

Calciopoli, chiusa la fase dibattimentale


Conclusa ieri a Napoli la fase dibattimentale del processo Calciopoli. Dal 3 maggio, cominceranno le arringhe, con la requisitoria dellaccusa. Sul prosieguo del processo incombe per listanza di ricusazione del presidente Teresa Casoria avanzata dai pm. La sentenza della Corte dappello (chiamata a decidere in materia) attesa per il 20 maggio.

Milano, ore 20.45


Milan
4-3-1-2 1 Amelia 17 Oddo 15 Sokratis 33 Thiago Silva 77 Antonini 16 Flamini 10 Seedorf 21 Pirlo 27 Boateng 11 Ibrahimovic 99 Cassano

Palermo
4-3-2-1 46 Sirigu 16 Cassani 3 Goian 6 Bovo 42 Balzaretti 8 Migliaccio 21 Bacinovic 23 Nocerino 27 Pastore 10 Miccoli 51 Pinilla

Arbitro: DE MARCO di Chiavari Tv: ore 20.45 Raiuno Tempo reale: www.corriere.it

Battesimo Oggi assemblea dei soci

Esordio di Barbara nel cda societario


MILANO Ha iniziato a farsi vedere sempre pi spesso in tribuna a San Siro. S, certo, poi si capito anche perch. In campo cera un osservato speciale: Pato. Ma anche vero che il Milan la squadra di casa, un amore di lungo corso, che va oltre le simpatie personali di Barbara Berlusconi. La quale, dopo aver conquistato un posto nel consiglio damministrazione della Fininvest, adesso ha scelto Milanello per proseguire la sua scalata casalinga. Oggi la terzogenita del premier far il suo ingresso nella stanza dei bottoni del club rossonero. Lappuntamento per le 16 in via Paleocapa, quartier generale della Fininvest. In programma c lassemblea dei soci dellAc Milan convocata per lapprovazione del bilancio 2010 che si sarebbe chiuso con una perdita di una cinquantina di milioni, superiore a quella dellanno scorso quando la maxi-plusvalenza di 74 milioni incassata con la cessione di Kak aveva addolcito il rosso. Ma in programma c soprattutto la nomina del nuovo consiglio damministrazione e quindi lesordio di Barbara Berlusconi. Ventisei anni, due figli, una laurea in filosofia con 110 e lode allUniversit Vita-Salute San Raffaele, tesi su etica ed economia nel pensiero di Amartya Sen, la giovane Berlusconi ha le idee chiare sul suo futuro. Anche se fino a qualche tempo fa non contemplava il mondo del calcio. Chiss se il flirt con Pato centra qualcosa. Pubblicamente lerede del premier ha sempre detto di essere interessata alleditoria, al mondo dei media, alla comunicazione. Al lavoro della sorella Marina, insomma, che dal ponte di comando di Segrate gestisce limpero Mondadori. Ma le toccato il Milan. Poco male. Barbara lha presa comunque sul serio. A San Siro diventata ormai una presenza fissa (lo sar anche adesso che Pato stato costretto allo stop?) e alla fine dellanno scorso la giovane erede si fatta vedere spesso negli uffici di via Turati a curiosare e chiedere, dando limpressione che non volesse limitare il suo impegno alle riunioni del board ma assumere anche un ruolo pi operativo. Adriano Galliani spieg che al momento non cera nulla di preciso in programma: Prima vuole conoscere bene la realt societaria rossonera. E il dossier, come si dice, Barbara lo sta studiando da tempo. Da oggi avr modo di studiare ancora pi da vicino il club. E di dare un suo contributo, qualcuno dice nel marketing, settore mai troppo sviluppato dalle squadre italiane ma che pu diventare una grande fonte di profitto. Non che i conti del Milan vadano male. In via Turati hanno la consegna del silenzio, ma secondo alcune indiscrezioni il bilancio 2010 del club rossonero si sarebbe chiuso con ricavi per 250 milioni, in calo rispetto al 2009 ma stabili rispetto al passato quando non cerano state maxi-plusvalenze da cessione, e con una perdita di una cinquantina di milioni. Che Silvio ripianer, pare rinunciando ad alcuni crediti vantati dalla Fininvest. E cos il fair play finanziario della Uefa salvo.

50 milioni di perdita Indiscrezioni parlano di un bilancio con ricavi per 250 milioni e una perdita di circa 50 milioni di euro

Vero che il giocatore da subito, ovvero nellimmediato dopo gara di Firenze, ha specificato che gli insulti erano rivolti a se stesso e non allassistente dellarbitro. Su questo punto e sul fatto che il vaffa sia entrato nel linguaggio comune cos da essere ricondotto a un comportamento irriguardoso e non ingiurioso verter il ricorso dellavvocato della societ rossonera. Ma prima c la Coppa Italia e uno Scudetto da conquistare. Sapete cosa mi d fastidio? Che si parli di campionato gi vinto quando la matematica ci d torto. Cadere ora pi facile rispetto ad un altro momento. Ci mancano nove punti, di certo la partita di sabato con il Brescia decisiva per lo scudetto. Non possiamo assolutamente giocare con sufficienza. Stasera giocheranno dal primo minuto Pirlo (lultima volta da titolare fu sempre in Coppa Italia, Milan-Bari, 20 gennaio) e pure Seedorf che il 28 aprile prossimo a Roma sar nominato Cavaliere dellordine di Orange Nassau per i meriti sportivi e limpegno sociale. Per conto della Regina Beatrice dei Paesi Bassi, lambasciatore S.E. Alphonsus Stoelinga consegner al centrocampista del Milan lonorificenza con le relative insegne. Saranno presenti Adriano Galliani e il presidente Silvio Berlusconi che terr un discorso. Uomo in pi per il Milan in questo finale di stagione, Seedorf sta dimostrando sul campo di potersi meritare il rinnovo del contratto (in scadenza). Ariedo Braida ha rimandato alla prossima settimana il viaggio in Sudamerica per seguire da vicino la vicenda Ganso. Il talento del Santos (quasi) a un passo.

CICLISMO

Trentino, subito Kloden Freccia, c Contador


Giro del Trentino: nella crono di apertura Riva del Garda-Arco (13.4 km) vittoria del tedesco Kloden, a 1 Malori. Nibali 4 a 10. In Belgio si corre la 75 Freccia-Vallone, 201 km da Charleroi al muro di Huy: i favoriti sono Contador, Rodriguez, i fratelli Schleck, Gilbert. Cunego, Basso e Di Luca ci provano (diretta su Eurosport e RaiSport2 ore 14).

BASKET

Toronto boccia Bargnani Siena ospita Brindisi


Bryan Colangelo, presidente e gm dei Toronto Raptors, scarica senza mezzi termini Andrea Bargnani: lenigma di tutti gli enigmi. Ha limiti mentali. Non ha fatto le cose che avremmo voluto da lui: nessuno incedibile. Serie A: la Montepaschi Siena recupera stasera (ore 20.30) ospitando in un testacoda lEnel Brindisi ultima in classifica.

VOLLEY

Gara 5 dei quarti tra Monza e Modena


Stasera alle 20.30 al PalaIper di Monza gara 5, la bella dei quarti di finale dei playoff scudetto tra Paradiso Monza e Casa Modena (diretta tv Raisport 1), che sono sul 2-2: chi vince va in semifinale, dove ad attendere c la qualificata Itas Diatec Trentino. Domani alle 20.30 gara 5 tra Lube Macerata e Sisley Treviso (diretta Raisport 1).

Federico De Rosa
RIPRODUZIONE RISERVATA

Monica Colombo
RIPRODUZIONE RISERVATA

OPERAI
Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 all'indirizzo internet:

1.4

www.piccoliannunci.rcs.it

oppure tutti i giorni feriali a: MILANO (20122): Via SOLFERINO 22, tel.02/6282.7555 - 02/6282.7422, fax 02/6552.436 dal luned al venerd 9.1517.45 orario continuato - e-mail agenzia.solferino@rcs.it. BOLOGNA (40126): via San Donato 85/a, telefono 051/42.01.711, fax 051/42.01.028 dal luned al venerd 913/14-18. FIRENZE (50122): Lungarno Delle Grazie 22, tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34, dal luned al venerd 9.00 13.00 / 14.00 17.30. BARI (70122): Via VILLARI 50, tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126, dal luned al venerd 9-13 / 14.30-18. NAPOLI (80133): Vico S. NICOLA ALLA DOGANA 9, tel.081/497.7711, fax 081/497.7712, dal luned al venerd 913 / 14.45-17.30. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

CUSTODE cinquantenne referenziato con esperienza ventennale, italiano, bella presenza, offresi per condominio o aziende zona Milano, Como e provincia. 338.83.41.932.

IMMOBILI TURISTICI

SANREMO Bordighera a 5 m (metri capito!) mare privato vende irripetibile nuova villetta arredata giardino piscina spiaggia privata possibilit posto auto solo euro 159.000 costava euro 199.000 pazzesco! Vieni a vederla con lassegno. Tel. 035.47.20.050.

CAMPEGGI E NAUTICA

10.3

COLLABORATORI FAMILIARI

1.6

SESSANTENNE pensionato ottima presenza libero impegni famigliari offresi come autista custode. 339.21.40.757.

PRESTAZIONI TEMPORANEE

1.7

Golf & Country Village Stintino ESCLUSIVE da euro VILLE 170.000,00 anzich euro
250.000,00. Possibilit piscina. 335.21.85.03 - 030.22.40.90 gruppor.it

TERRENI

AFFITTO o vendo posto barca 12 metri. Porto Sole Sanremo. Tel. 348.67.12.471. DEIVA MARINA direttamente sul mare affittasi luglio - agosto roulotte attrezzata 4 persone, gazebo, fontana, lavello, frigo, cucina gas, posteggio auto. 333.42.03.903.

19
AUTOVETTURE

AUTOVEICOLI
19.2

RAGIONIERE trentennale esperienza area amministrazione finanza controllo disponibile prestazioni temporanee. 347.63.67.628.

MONFERRATO cascina collinare comoda posizione 5 ettari - vigneti - moscato prato - grande casa pi stalla - fienile cantina - magazzini - attrezzature varie - ottimo reddito 520.000,00 trattabili 0141.82.42.60 - 347.96.30.214.

12

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

CQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 - 02.89.51.11.14.

21

PALESTRE SAUNE MASSAGGI

COMPRAVENDITA

7.1

RICERCHE DI COLLABORATORI
2.2

AGENTI RAPPRESENTANTI

DITTA Rival spa, prodotti per industrie, negozi e ingrosso, seleziona 5 venditori/ici monomandatari automuniti, su zone libere in Lombardia - Emilia - Piemonte. Offronsi: zona in esclusiva + valide provvigioni + concorso spese interessante commisurato ai risultati. Enasarco. Telefonare 0332.45.83.38 Fax 0332.45.76.64 www.rival.it

1
IMPIEGATI

OFFERTE DI COLLABORAZIONE
1.1

5
ACQUISTI

IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA


5.4

IMPIEGATO pluriennale esperienza cerca lavoro preferibilmente settore legale presso societ o studi. Tel. 349.26.41.516. RAGIONIERE pluriennale esperienza Co.Ge, fornitori, banche, bilanci, serio, preciso, offresi. 340.62.20.076. RAGIONIERE 48enne esperienza amministrativo contabile aziende medio-piccole, inglese, ottimo francese. 02.57.40.24.13. esperienza pluriennale nei diversi settori commerciali esamina proposte. holst@fastewebnet.it

SOCIET dinvestimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03.

6
OFFERTA

IMMOBILI RESIDENZIALI AFFITTI


6.1

RUSSO MADRELINGUA

WASHINGTON / Foppa. Ampio bilocale mq. 75 privato affitta in nuova costruzione, ottime finiture, arredo elegante. Stabile esclusivo, palestra, lavanderia centralizzata. Classe B .Possibilit box. Referenziati. Tel. 335.14.56.908.

ABBIAMO Liguria levante 59.000 favolose suite pronte arredate 100 mt. mare piscina solarium beauty farm che prezzo! E tutto vero! No mediazione. Tel. 035.47.20.050. ADIACENTE Madonna di Campiglio, in elegante nuovo residence, zona benessere, deposito sci riscaldato, comodo impianti, puoi acquistare la culla del tuo riposo. Da 79.000 euro. 035.24.18.34. AFFARE Montecarlo confine. Grande appartamento in villa, vista mare / Monaco. euro 465.000 italgestgroup.com 0184.44.90.72. AFFARISSIMO Sardegna a ridosso delle spiagge pi belle nuova residenza finita con materiali di prima qualit, aria condizionata, servita di tutto. 48.500 euro. 035.41.23.029. ATTENTI investitori. Lago Garda 109.000,00. Appartamenti in villa. Vista spettacolare. Impresa. 035.56.58.50. FORTE DEI MARMI vendo 200 metri dal mare nuova indipendente tre camere tre bagni resede posto auto. Affare 348.39.18.155. LAGO COMO Tremezzo in residence con piscina, nuovo bilocale con giardino, posto auto. 250.000,00 euro. 0344.30.167. LIGURIA Vesima (Ge). Allinterno della stessa cornice scelta dallarchitetto pi famoso dItalia per linsediamento del proprio spettacolare studio professionale, ineguagliabile vista sul mare, privato vende casale di 275 mq e 3.000 mq di circostante terreno. www.vesima.it tel. 333.20.14.850. PRIVATO vende due appartamenti otto minuti Portovenere / Cinque Terre. Panorama incomparabile. 331.85.89.857.

10

VACANZE E TURISMO
10.1

ALBERGHI-STAZ. CLIMATICHE

SIAE SRL GRUPPI acquirenti inteABBIAMO ressati ad investire tutti i settori


ovunque. Telefono 02.89.28.06.00.

al mare Abruzzo Roseto Roses Hotel quattro stelle. 2 bambini gratis, direttamente sulla spiaggia, parco giochi, animazione, mini fattoria, piscine. Tel. 085.89.36.203 www.roseshotel.it

PASQUA

SOLDI? ESTERI acquistano la INVESTITORI tua attivit. Pagamento immediato! TEL: 800.47.22.66 - 02.29.41.40.44.
ATTIVIT da cedere/acquistare artigianali/industriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14. NAVIGLI vendesi importante bar serale solo a competenti, incaricato Cantore 02.86.99.55.32.

Rimini Miramare Hotel Aurora Mare tre stelle. Tel. 0541.37.23.20 - Pochi passi mare. Inaugurato Maggio 2010. Ottima cucina. Tutto compreso 3 gg. Euro 150,00. RIMINI Hotel Leoni Tre Stelle tel. 0541.38.06.43. Direttamente mare, climatizzato. Gratis spiaggia, biciclette, parcheggio, palestra, idromassaggio, sauna. Cucina romagnola, pranzo pasquale, colazione contorni buffet, bevande ai pasti 3 giorni tutto compreso Euro 147,00 giorno supplementare Euro 39,00. www.hotelleoni.it RIMINI Hotel Torretta Bramante Tre Stelle. Tel. 0541.38.07.96. Fronte mare. Climatizzato. Gratis spiaggia, uso palestra, biciclette, sauna, idromassaggio. Scelta men, pranzo pasquale, colazione contorni buffet. Bevande ai pasti. Parcheggio. 3 giorni tutto compreso Euro 147,00 giorno supplementare Euro 39,00 www.hoteltorrettabramante.it SANREMO albergo centralissimo familiare. Camere bagno tv. Pensione completa euro 50. Telefono 0184.50.14.60.

PASQUA

ABBANDONA ansia e fatica attraverso il rilassante piacere dei nostri massaggi olistici. Relax totale. 02.29.40.17.01 366.33.93.110. ABBANDONA ansia e fatica con il benessere dei nostri trattamenti. Promozioni. 02.29.52.60.35. ABBINA mente e corpo attraverso il rilassante piacere dei nostri massaggi olistici. Milano. 02.39.40.00.18. ACCOGLIENTE centro italiano, ambiente discreto, professionalit, totale relax. Tante promozioni. Tel. 02.39.66.45.07. AMBIENTE elegante, massaggi olistici, hammam, bagno turco. Nuovo centro. Prenotazioni. 340.89.43.041. AMBIENTE nuovo elegantissimo! Trattamenti antistress, idromassaggio. Terzo trattamento met prezzo! 02.49.46.01.28 - 345.13.53.829.

AMBIENTE rinnovato: massaggi olistici per rilassare mente e corpo. Tel. 02.66.98.13.15. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi olistici. 50,00 Euro unora. Milano 02.27.08.03.72. CINQUE GIORNATE nuovo, percorsi benessere, massaggi olistici. Classe prestigio. Professionalit. Promozioni. 02.54.01.92.59. DEJA VU promozioni massaggi rilassanti orientali. Ambiente esclusivo, climatizzato. Anche domenica. 02.39.56.67.75. PROMOZIONE pasquale su massaggi rilassanti, antistress, idrorelax, anche domenica. Zona Fiera. 02.33.49.79.25. SAN BABILA ambiente classe, centro rinnovato, massaggi olistici ayurvedici. Totale benessere. 02.39.68.01.02. ZONA centro, trattamenti antistress, ayurvedici, thai. Unora 50 euro. 02.32.96.08.31.

24

CLUBS E ASSOCIAZIONI

A MILANO distinta agenzia presenta eleganti accompagnatrici, affascinanti modelle ed interessanti hostess. In tutta Italia. 335.17.63.121. CASALINGHE intriganti 899.89.79.72. Esibizionista 899.00.41.85. Euro 1,80 min./ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 - Arezzo.

18

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

da MAG GGIO ad AGOS STO 20 011 pubblicare il tuo annuncio ancora conv venien nte! pi
Per informazioni chiamaci allo 02.6282.7555 / 7422 agenzia.solferino@rcs.it
e

ACQUISTIAMO Brillanti, Oro, Monete, pagamento SUPERVALUTAZIONE, contanti. Gioielleria Curtini, via
Unione 6. - 02.72.02.27.36 335.64.82.765.

50
Durante una missione di lavoro in Sud Africa, improvvisamente mancato all'immenso affetto dei suoi cari il Delio Fabbri partecipa con profonda tristezza all'immenso dolore della famiglia per la perdita del Giorgio Gandola con la sorella Maria Claudia e Cid Barbuti vicino al signor Michele e alla sua famiglia per l'improvvisa, immatura perdita del figlio Young & Rubicam Brands partecipa al dolore della famiglia Ferrero per la improvvisa scomparsa di La A. De Robertis & Figli S.p.A partecipa al dolore della famiglia per la scomparsa del

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

dottor

Pietro Ferrero
Affranti dal dolore ne danno l'annuncio la moglie Luisa con i piccoli Michael, Marie Eder e John, il pap Michele e la mamma Maria Franca che intensamente lo adoravano, il fratello Giovanni con la moglie Paola e i figli Michele e Bernardo.- Del caro Pietro rimangono indelebili nel nostro cuore l'infinita bont, il nobile spirito umanitario e l'alta coscienza professionale che vogliamo ricordare con una commossa preghiera.- La data dei funerali verr resa nota al rientro della salma in Italia. - Monaco, 19 aprile 2011. L'Ambasciatore Francesco Paolo e Claris Fulci, con i loro figli, partecipano con profonda commozione allo straziante dolore della moglie Luisa e figli, di pap Michele e mamma Maria Franca, di Giovanni e Paola Ferrero e figli per l'improvvisa, tragica scomparsa dell'amatissimo

Dott. Pietro Ferrero


di cui ricorda l'acume, l'intelligenza e la professionalit. - Milano, 19 aprile 2011. Giancarlo e Simona De Bona sono vicini a tutta la famiglia di Michele e Maria Franca Ferrero per il gravissimo lutto che li ha colpiti con la perdita improvvisa e tragica del dottor

Pietro Ferrero
e partecipa con commozione e profondo cordoglio al grave lutto. - Ponte San Marco, 19 aprile 2011. Cristina Rossello piange l'amico

Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Il Gruppo WPP partecipa al dolore della famiglia Ferrero per la improvvisa scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Putignano, 19 aprile 2011. Il Board di TNS Italia e tutti i dipendenti partecipano all'immenso dolore della famiglia Ferrero per l'improvvisa e prematura scomparsa del

La societ Giusto Faravelli S.p.A. partecipa al dolore della famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente, il Consiglio di Amministrazione e la Direzione Acquisti di Bennet SpA partecipano al grande dolore della famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del

Dario Righetti e tutti i soci del network di Deloitte in Italia partecipano con profondo cordoglio al dolore della famiglia per la prematura scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 20 aprile 2011. Dario Righetti, profondamente colpito, partecipa con commozione al dolore della signora Luisa, dei figli e dei familiari per la tragica scomparsa del loro caro

Dott. Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Angelo Colussi, la dirigenza e le maestranze tutte del Gruppo Colussi esprimono profondo cordoglio alla famiglia per l'improvvisa ed immatura scomparsa di

dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente signor Urs Bhler, l'Amministratore Delegato Calvin Grieder, la dirigenza e tutti i collaboratori del gruppo Bhler, sono vicini alla famiglia in questo tragico momento per la perdita del

Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Enrico Massimo e Marco Giovanni Carle sono affettuosamente vicini alla famiglia Ferrero per la scomparsa del carissimo

Pietro Ferrero
e ricorda la seriet, la probit e l'impegno dei suoi primi passi nel mondo del capitalismo italiano. - Milano, 19 aprile 2011. I membri, i collaboratori e i dipendenti dello Studio dell'Avvocato Cristina Rossello gi Studio dell'Avvocato Professor Ariberto Mignoli e Associato si stringono vicini alla famiglia del dottor

Dott. Pietro Ferrero


- Montano Lucino (CO), 19 aprile 2011. Alberto Grando, a nome della SDA Bocconi School of Management, desidera esprimere sentite condoglianze alla famiglia e al Management di Ferrero per l'improvvisa scomparsa di

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 20 aprile 2011. Il Presidente di Assolombarda Alberto Meomartini, il Direttore Generale Antonio Colombo, la Giunta e tutte le imprese associate, partecipano al dolore del Dottor Michele Ferrero e della sua famiglia per l'improvvisa scomparsa di

Pietro Ferrero
nel ricordo del suo tratto umano e delle sue elevate capacit manageriali ed imprenditoriali. - Milano, 18 aprile 2011. I soci e i dipendenti di PricewaterhouseCoopers esprimono il loro profondo cordoglio per la prematura scomparsa di

Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Mario e Giovanna Greco partecipano affranti all'immenso dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa di

Dott. Pietro Ferrero


- Segrate, 19 aprile 2011. L'Amministratore Delegato Marzio Perrelli e la Direzione di HSBC Italia partecipano al lutto della famiglia e del Gruppo Ferrero per la prematura scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Hans Thoenes e tutti i colleghi della Eric Salmon & Partners partecipano con profonda commozione al dolore dei familiari per la tragica scomparsa del

Pietro Ferrero
ricordando i momenti di studio e di lavoro trascorsi insieme. - Milano, 19 aprile 2011. Guido, Luca Paolo ed Emanuela Barilla ricordano con affetto

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Stefano Fabrucci, Fabrizio Bernasconi e tutta la RBA Design si uniscono al profondo dolore della famiglia Ferrero e di tutti i collaboratori dell'azienda per la prematura scomparsa del

Pietro
- Monaco, 19 aprile 2011. Le societ del Gruppo Ferrero International S.A., i loro amministratori, dirigenti e personale tutto partecipano con profondo cordoglio al grave lutto della famiglia per la improvvisa scomparsa del

Pietro
di cui ricorderanno sempre la gentilezza, l'amicizia e la grande passione sportiva insieme alle eccezionali doti imprenditoriali e manageriali. - Milano, 19 aprile 2011. Francesco Rotondi partecipa al lutto dei famigliari per la perdita del carissimo

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Carlo Bindella, Alessandro Lualdi, Giuseppe Panzera e tutti i soci dello Studio Tributario e Societario - Deloitte, partecipano con cordoglio al grande dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa di

dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Citigroup partecipa al lutto dei familiari per la tragica perdita del loro caro

Pietro
amico sportivo e leale, imprenditore serio e preparato. - Parma, 19 aprile 2011. Il Gruppo Barilla con tutto il Consiglio di Amministrazione raccolto intorno alla famiglia Ferrero nel tristissimo momento della scomparsa di

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Alfredo Ambrosetti, Valerio De Molli, i partner e i colleghi di The European House-Ambrosetti piangono l'improvvisa e prematura scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Il Consiglio di Amministrazione, i Dirigenti ed il personale di Azelis Italia partecipano al grave lutto dei familiari per la tragica scomparsa del dottor

dottor

Pietro Ferrero
indimenticabile e amatissimo Chief Executive Officer del Gruppo. - Lussemburgo, 19 aprile 2011. La Ferrero S.p.A., il Consiglio di Amministrazione, il Collegio Sindacale, i dirigenti ed il personale tutto esprimono sentimenti di profondo cordoglio e partecipano al dolore della famiglia per la improvvisa scomparsa del Presidente

dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente Cavaliere Giovanni Pomarico, i componenti del Consiglio di Amministrazione, i titolari del Gruppo Selex con i dirigenti della Centrale Nazionale, esprimono il pi profondo cordoglio per la prematura scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Giorgio Armani partecipa commosso al dolore dei familiari per la scomparsa di

Pietro
imprenditore di talento. - Parma, 19 aprile 2011. Enrico Cucchiani affettuosamente vicino ai familiari e partecipa al loro dolore per la prematura e improvvisa scomparsa di

Pietro Ferrero
- Milano, 18 aprile 2011. La Molini Lario S.p.A. di Alzate Brianza (CO) prende parte al lutto della famiglia Ferrero per la tragica scomparsa di

Dott. Pietro Ferrero


e partecipano, con profonda commozione, al grande dolore della famiglia e del Gruppo Ferrero. - Milano, 20 aprile 2011. La direzione e il personale di ZenithOptimedia Group partecipano con profondo cordoglio al lutto della famiglia per la scomparsa del

Pietro Ferrero
- Trezzano sul Naviglio, 19 aprile 2011. La societ Symrise e l'Amministratore Delegato Italia Daniele Sardi sono vicini alla famiglia Ferrero e ai suoi collaboratori per l'improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. La Giorgio Armani S.p.A. e consociate partecipano al lutto della famiglia per la scomparsa di

dottor

Pietro Ferrero
- Alzate Brianza, 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: Franco Castelli. Alessandro Castelli. I collaboratori di Primo Piano - Studio Milano Cinque, con dispiacere sincero, porgono le proprie sentite condoglianze alla famiglia Ferrero ed a tutti coloro che sono stati colpiti dalla tragedia della scomparsa di

dott. Pietro Ferrero


valoroso rappresentante dell'imprenditoria italiana. - Trezzano sul Naviglio, 19 aprile 2011. Giuliano ed Alberto Berno e tutti i componenti della SPS Promotion sono vicini con affetto alla famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa del grande

Pietro Ferrero
ricordandone le grandi qualit professionali, il senso del dovere e la sua visione di sviluppo sostenibile e responsabile dell'impresa. - Alba, 19 aprile 2011. La Fondazione Piera Pietro e Giovanni Ferrero, il Consiglio di Amministrazione, il Collegio dei Revisori dei Conti ed i collaboratori tutti esprimono sentimenti di profondo cordoglio e partecipano al lutto della famiglia per la scomparsa del

Pietro
- Monaco di Baviera, 18 aprile 2011. Enrico Cucchiani, presidente di Allianz S.p.A., si unisce al cordoglio dei familiari per la perdita del

dott. Pietro Ferrero


- Torino, 19 aprile 2011. Il Presidente di Cargill Italia Silvio Ferrari, profondamente colpito dalla scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 20 aprile 2011. Il Presidente Urbano Cairo con l'Amministratore Delegato Uberto Fornara, tutti i Consiglieri di Amministrazione, i Sindaci, i Dirigenti, i dipendenti e i collaboratori della Cairo Communication partecipa sentitamente al dolore della famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Antonio Bulgheroni e famiglia partecipano commossi all'immenso dolore del signor Michele e famiglia per la tragica immatura scomparsa del figlio

dott. Pietro Ferrero


per anni apprezzato Consigliere di Amministrazione della societ. - Milano, 18 aprile 2011. Partecipano al lutto: Enrico Cucchiani. Michael Diekmann. Giuseppe Vita. Nerio e Stefania Alessandri sono vicini alla famiglia Ferrero e partecipano con profondo cordoglio alla scomparsa del caro

Pietro
Giuliano Berno - SPS Promotion. - Milano, 19 aprile 2011. Profondamente colpiti dalla prematura scomparsa di

dott. Pietro Ferrero


esprime a nome di tutta l'azienda il pi sentito cordoglio alla famiglia. - Milano, 19 aprile 2011. Robert Bosch GmbH Packaging Technology e la Rappresentanza Italia Guarnerio & Mantelli S.r.l. esprimendo commosso cordoglio partecipano al lutto dei familiari per la scomparsa del dottor

dottor

Pietro Ferrero
- Varese, 19 aprile 2011. Gerardo Braggiotti partecipa al lutto della famiglia per la prematura scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Ab System e Pspsystem si stringono attorno alla famiglia Ferrero per la perdita del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. La Kerry Ingredients & Flavours Italia partecipa commossa al dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
grande sostenitore della missione della fondazione e dei suoi valori sociali e culturali. - Alba, 19 aprile 2011. Le societ del Gruppo Ferrero Middle & Eastern Europe G.m.b.H., i loro amministratori, i dirigenti e personale tutto partecipano con profonda commozione al grande dolore della famiglia per la improvvisa scomparsa del Vice Presidente

Pietro Ferrero
le Maestranze, gli impiegati ed i Dirigenti della Bormioli Rocco e Figlio esprimono il loro profondo cordoglio.- Alla famiglia, la condivisione del loro grande dolore.- Francesco De Bartolomeis. - Fidenza, 19 aprile 2011. Monica Fabris e i collaboratori di GPF esprimono il loro sentito cordoglio per la scomparsa di

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Luigi e Tina Cremonini insieme ai figli Claudia, Vincenzo, Serafino e Augusto, profondamente addolorati, si stringono alla famiglia Ferrero per l'improvvisa e prematura perdita del caro

Dott. Pietro
abilissimo manager e uomo di grandi valori. - Treviglio, 19 aprile 2011. Sgomenti per la morte di

Pietro Ferrero
- Waiblingen - Milano, 19 aprile 2011. Partecipiamo commossi al grande dolore della famiglia per la scomparsa di

dott. Pietro Ferrero


- Torino, 19 aprile 2011. Il Presidente e i professionisti del Gruppo ISMO sono vicini ai famigliari e agli amici della Ferrero per l'improvvisa scomparsa di

Pietro
La sincerit della sua amicizia, l'integrit della persona e la sua riservatezza rimarranno indelebili nella nostra memoria. - Cesena, 18 aprile 2011. Paolo e Francesca Scaroni sono vicini alla famiglia tutta nel dolore per la scomparsa di

dottor

Pietro Ferrero
ricordandone con stima la sua grande umanit e capacit imprenditoriale. - Francoforte, 19 aprile 2011. La societ Ferrero France SA, il Consiglio di Amministrazione, i dirigenti ed il personale tutto esprimono sentimenti di profondo cordoglio e partecipano al grave lutto della famiglia per la improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
Il mondo intero piange oggi la scomparsa di un grande imprenditore, erede di una famiglia che ha conferito prestigio all'economia del nostro Paese in tutto il mondo, coniugando valori fondamentali come l'onore, l'onest e il lavoro. - Castelvetro di Modena, 19 aprile 2011. Ci uniamo con profonda tristezza e affetto al grande dolore della famiglia Ferrero per la perdita del

Pietro
Claudio, Carl e tutto lo studio Lazzarini Pickering abbracciano Luisa e i bambini in questo terribile momento. - Roma, 20 aprile 2011. Goldman Sachs International partecipa con profondo cordoglio al dolore della famiglia per la scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011.

Pietro
Sentite condoglianze, Grey Milano. - Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente di Confindustria Ancma Corrado Capelli ed il Direttore Generale Pier Francesco Caliari, partecipano al lutto della famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa di

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. L'Amministratore Delegato Giuseppe Brambilla di Civesio e tutti i collaboratori del Gruppo Carrefour Italia, partecipano al dolore della famiglia per l'improvvisa e prematura scomparsa di

Pietro Ferrero
Enrico Montangero e tutta l'agenzia sono vicini alla famiglia e ai vertici aziendali del Gruppo Ferrero in questo tragico momento. - Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente AIIPA, Cesare Ponti, i Vice Presidenti e il Direttore anche a nome degli associati e dei dipendenti dell'Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari, partecipano con profonda commozione al lutto dei familiari per la tragica scomparsa di

Pietro
- Milano, 19 aprile 2011.

Dott. Pietro Ferrero Dott. Pietro Ferrero


Niccol Chiusano stringe commosso in un forte abbraccio Michele e Maria Franca in questo tristissimo e tragico momento. - Torino, 19 aprile 2011. Luca di Montezemolo partecipa commosso al dolore di Michele e di tutta la famiglia Ferrero per la tragica scomparsa di - Milano, 19 aprile 2011. Carlo Salvatori e Lazard Italia partecipano commossi al dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa del Dottor

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente Maurizio Sella, i membri del Consiglio Direttivo, gli associati, i collaboratori dell'Associazione Italiana delle Aziende Familiari profondamente commossi si uniscono al dolore della famiglia Ferrero per l'improvvisa e tragica scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Il gruppo Ogilvy & Mather partecipa al dolore della famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del

dottor

Pietro Ferrero
per molti anni amministratore di alto profilo della societ. - Mont Saint Aignan, 19 aprile 2011. Le societ Ferrero Ardennes S.A., Ferrero SA/ NV e Soremartec S.A. si uniscono al grande dolore della famiglia per la improvvisa scomparsa del loro Presidente

Dott. Pietro
Marco Costaguta e famiglia. - Milano, 19 aprile 2011. Tutta Bain & Company partecipa al grande dolore della famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Massimo D'Aiuto, Amministratore Delegato Simest S.p.A., profondamente colpito, esprime il proprio commosso cordoglio alla famiglia per l'improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 20 aprile 2011. La famiglia Anghileri ed i collaboratori della Novacart SpA sono vicini alla famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


uomo di grandi doti umane e professionali, impegnato nella vita economica e sociale del nostro paese. - Milano, 19 aprile 2011. Leo Wencel, capo mercato del gruppo Nestl in Italia esprime, a nome di tutto il gruppo, il suo pi profondo cordoglio alla famiglia Ferrero per l'improvvisa e irreparabile perdita di

Dott. Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Alberto Merlati, con tutta l'agenzia La Fabbrica, partecipa al lutto per la prematura scomparsa di

dottor

Dott. Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Gabriele ed Evelina Galateri di Genola sono affettuosamente vicini alla famiglia Ferrero per la scomparsa del carissimo amico

Pietro
imprenditore di valore e capacit, e grande sportivo. - Maranello, 19 aprile 2011. Francesco Micheli, tramortito, partecipa al dolore dei famigliari per la scomparsa di

Pietro Ferrero
ricordandone la grande capacit imprenditoriale. - Bruxelles, 19 aprile 2011. La societ Soremartec SAM, il Consiglio di Amministrazione, i dirigenti ed il personale tutto partecipano al grave lutto della famiglia per la improvvisa scomparsa del suo Presidente e Amministratore Delegato

Pietro Ferrero
di cui desidera ricordare non solo il grande talento di imprenditore, ma anche la costante e preziosa attivit dedicata alla crescita della terra di Langa da entrambi tanto amata. - Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente, l'Amministratore Delegato, il Consiglio di Amministrazione, la Direzione e il Collegio Sindacale di Mediobanca ricordano il tratto umano, la capacit e la visione imprenditoriali, il prezioso contributo professionale assicurato costantemente negli anni della sua partecipazione agli organi sociali dell'istituto dal

Dott. Pietro Ferrero


- Roma, 19 aprile 2011. Il Presidente Giancarlo Lanna, l'Amministratore Delegato Massimo D'Aiuto, i Consiglieri di Amministrazione ed i Dirigenti della Simest SpA, partecipano al grande dolore della famiglia per la prematura scomparsa del

Dott. Pietro
- Garbagnate Monastero, 19 aprile 2011. Maurizio Travaglini, Alberto Gennari e tutti i collaboratori di Architects of Group Genius sono vicini alla famiglia e a tutte le persone dell'azienda per la dolorosa scomparsa del dottor

Pietro
- Torino, 20 aprile 2011. Caro

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Bruno Ermolli, profondamente colpito, partecipa con profondo cordoglio al grave lutto della famiglia per la tragica scomparsa di

Pietro
- Milano, 20 aprile 2011. Giovanni Ghelardi, Sandro Gorra e i colleghi di Republic sono vicini alla famiglia e all'azienda per la scomparsa di

dottor

Pietro Ferrero
ed esprimono il loro profondo cordoglio. - Monaco, 19 aprile 2011. Il Presidente Flavio Biondi, l'Amministratore Delegato Raimondo Zanaboni e i dirigenti di RCS Pubblicit partecipano sentitamente al cordoglio della famiglia per l'improvvisa scomparsa di

Pietro
te ne sei andato lasciandoci un vuoto incolmabile.- Non potr mai dimenticare questi tre anni vissuti intensamente nelle nostre sfide quotidiane.- Daniele Bond. - Alba, 20 aprile 2011. Giorgio, Augusto Perfetti e famiglia esprimono profondo cordoglio e sentita partecipazione alla famiglia Ferrero per la tragica perdita del caro

Dott. Pietro Ferrero


- Roma, 19 aprile 2011. La Presidenza e la Direzione di Italdesign Giugiaro partecipano con profondo cordoglio al dolore della famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa di

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. IFF International Flavors & Fragrances partecipa al lutto che ha colpito la famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del figlio

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Angelo e Cristiana Benessia ricordano con affetto e indicibile rimpianto la gioia di vivere e il dolce sguardo del carissimo

Pietro Ferrero
amministratore delegato del Gruppo Ferrero. - Milano, 19 aprile 2011. Remo Lucchi, Giuseppe Minoia, Silvio Siliprandi, con tutta GfK Eurisko, partecipano con profondo cordoglio al lutto della famiglia e dell'imprenditoria italiana per la scomparsa dell'amministratore delegato del Gruppo Ferrero

Dott. Pietro Ferrero


e si stringono con commozione alla moglie Luisa, ai tre figli, al fratello Giovanni, ai genitori e ai famigliari tutti in questo triste momento. - Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente e i partecipanti al patto di sindacato di Mediobanca partecipano al grande dolore della famiglia Ferrero per la prematura scomparsa di

Pietro
- Trezzano sul Naviglio, 19 aprile 2011. Il Presidente Enrico Zoppas e l'Amministratore Delegato Pierluigi Tosato, a nome del gruppo San Benedetto, partecipano al dolore che ha colpito la famiglia, la societ Ferrero e l'imprenditoria italiana per la tragica scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Andrea Monti, la Direzione e le Redazioni de La Gazzetta dello Sport sono vicini alla famiglia e partecipano al suo dolore per l'improvvisa perdita di

Dott. Pietro Ferrero


- Bioggio, 19 aprile 2011. Profondamente addolorati, il Chief Executive Officer Ubaldo Traldi, il Consiglio di Amministrazione, i dirigenti e i dipendenti tutti del Gruppo Perfetti Van Melle partecipano al grave lutto della famiglia Ferrero per l'improvvisa e prematura scomparsa del

Pietro
e abbracciano la sua sposa Luisa, il pap Michele e la mamma Maria Franca, il fratello Giovanni e tutti i loro cari, unendosi ad essi nella preghiera consolatrice. - Torino, 19 aprile 2011. Gli avvocati e i collaboratori dello studio legale Benessia Maccagno partecipano commossi al terribile dolore del signor Michele Ferrero, della signora Maria Franca e di tutta la famiglia per la improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
eccezionale erede e prosecutore di un marchio storico che ha promosso il genio italiano nel mondo. - Moncalieri, 19 aprile 2011. Giorgetto e Maria Teresa Giugiaro partecipano commossi al grave lutto che ha colpito la famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa di

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente Barbara Zucchi Frua e il Direttore Generale Marella Caramazza della Fondazione Istud si uniscono al dolore della famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Scorz (Ve), 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: Matteo Zoppas e Tullio Versace. Il Presidente di Brembo S.p.A. Ingegnere Alberto Bombassei partecipa con profondo cordoglio al dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
ricordandone le straordinarie qualit imprenditoriali e umane. - Milano, 19 aprile 2011. Renato Pagliaro ricorda con commozione l'animo gentile accompagnato dal talento imprenditoriale del

Pietro Ferrero
imprenditore di qualit, uomo di sport e grande amico del nostro giornale. - Milano, 19 aprile 2011. Marco Tronchetti Provera partecipa con amicizia al dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa di

Pietro Ferrero
un uomo che con concretezza, singolare sensibilit, grande dedizione e capacit ha seguito con attenzione l'evoluzione del marchio di famiglia rendendolo uno dei pi importanti del nostro Paese. - Moncalieri, 19 aprile 2011. I dipendenti tutti della Nomura partecipano sentitamente al lutto della famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa del dottor

Dott. Pietro Ferrero


- Lainate, 19 aprile 2011. Ferdinando Brachetti Peretti vicino alla moglie Luisa e a tutta la sua famiglia per l'improvvisa scomparsa del caro amico

Dott. Pietro Ferrero


- Stresa, 19 aprile 2011. La Fondazione Istud porge le pi sentite condoglianze alla famiglia Ferrero per l'improvvisa e dolorosa scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


ricordandone le impareggiabili doti umane e professionali profuse nella sapiente guida del Gruppo Ferrero. - Torino, 19 aprile 2011. Il presidente Marina Berlusconi, l'amministratore delegato Pasquale Cannatelli, il direttore generale Danilo Pellegrino, i dipendenti e i collaboratori di Fininvest partecipano al gravissimo lutto per l'improvvisa scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


e partecipa con grande tristezza al dolore dei famigliari. - Milano, 19 aprile 2011. Roberta e Alberto Nagel si stringono forte a Luisa, Michael, Marie Eder e John nell'affettuoso ricordo di

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Gian Marco e Letizia Moratti si stringono con molto affetto alla famiglia Ferrero e piangono la scomparsa di

Pietro
- Roma, 19 aprile 2011. Fabrizio ed Elisabetta Di Amato sono vicini con grande affetto alla famiglia Ferrero per l'improvvisa perdita del caro amico

Dott. Pietro Ferrero


imprenditore di successo e uomo di rara sensibilit, simbolo dell'eccellenza imprenditoriale italiana all'estero. - Bergamo, 19 aprile 2011. La Federazione Italiana dell'Industria Alimentare (Federalimentare), la sua Presidenza, la Direzione, il Gruppo dei Giovani, il sistema associativo con tutti gli imprenditori, partecipano con profonda commozione al grave lutto che ha colpito la famiglia Ferrero per l'improvvisa e prematura scomparsa del carissimo figlio, amico e collega

Dott. Pietro Ferrero


- Stresa, 19 aprile 2011. Il Presidente Luigi Abete, la Giunta e il Consiglio Direttivo, il Direttore Generale Stefano Micossi e i dipendenti tutti di Assonime partecipano al dolore della moglie e della famiglia tutta, ed in particolare del pap Michele e del fratello Giovanni per la scomparsa del

Pietro
- Milano - Roma - Londra, 19 aprile 2011. Nando Pagnoncelli e Ipsos Italia esprimono le loro pi sentite condoglianze e sono vicini in questo momento di grande dolore alla famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del

Pietro
un amico speciale, sensibile e generoso che mancher moltissimo. - Milano, 19 aprile 2011.

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Marina Berlusconi si unisce con profonda commozione al dolore della moglie Luisa, dei figli e di tutti i familiari per la prematura scomparsa di

Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Carissima Luisa, ci stringiamo in silenzio a te e ai bambini, increduli e profondamente addolorati, per salutare

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente Fabrizio Di Amato, il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale del gruppo Maire Tecnimont partecipano al dolore della famiglia Ferrero per la scomparsa del caro

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: Enrico Billi. Federico Galimberti. Marta Pavan. Jennifer Hubber.

Dott. Pietro Ferrero


componente delle Giunta di Assonime, imprenditore lungimirante, innovativo, solidale che ha sviluppato e consolidato nel mondo la leadership di una grande impresa italiana. - Roma, 19 aprile 2011.

Pietro
Caro Giovanni ti sono molto vicino in questo tristissimo momento nella certezza che i saldi principi tuoi e della tua famiglia sapranno esserti di guida.- Alberto Nagel. - Milano, 19 aprile 2011. L'amministratore delegato di The Nielsen Company Italia, Roberto Pedretti, esprime il proprio cordoglio e quello di tutta l'azienda per l'improvvisa scomparsa di

Pietro
nostro caro amico.- Luigi e Stefania con i ragazzi. - Milano, 19 aprile 2011. La famiglia di Mike Bongiorno vicina alla famiglia di

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Mina Gregori e Maria Cristina Bandera unitamente al Consiglio della Fondazione Roberto Longhi partecipano commosse al grande dolore della famiglia nel ricordo di

Pietro Ferrero
- Roma, 20 aprile 2011. Il Presidente di INDICAM Carlo Guglielmi con i Vice Presidenti Carlo Alberto Demichelis e Domenico de Simone, i Consiglieri Giuseppe Alemani, Riccardo Castiglioni, Daniela Della Rosa, Francesca di Carrobio, Andrea Di Paolo, Marco Francetti, Giovanni Antonio Grippiotti, Monica Imovilli, Gianantonio Peretti, Elena Pigozzi, Ulisse Vivarelli e il Segretario Generale Silvio Paschi partecipano al grave lutto della societ Ferrero per l'improvvisa e tragica scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Bernardo Caprotti costernato si unisce a tutta la grande famiglia Ferrero nell'immenso incolmabile dolore per l'ingiusta repentina perdita del

Pietro Ferrero
JWT/RMG Connect tutta si stringe attorno alla famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa del caro Pietro. - Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente Giulio Tremonti, i Presidenti Onorari Cesare Romiti e Carlo Scognamiglio, i Vice Presidenti John Elkann, Enrico Letta, Paolo Savona e Lucio Stanca, il Segretario Generale Angelo Maria Petroni, il Comitato Esecutivo, i Direttori Generali Marta Dass e Giovanna Launo, lo staff di Aspen Institute Italia partecipano al grave e improvviso lutto che ha colpito la famiglia Ferrero per la scomparsa del

Pietro Ferrero
con l'affetto di sempre. - Milano, 20 aprile 2011. Giorgio e Giulia Passarella sono vicini all'immenso dolore di Luisa e famiglia per la sconvolgente perdita di

Pietro Ferrero
- Firenze, 19 aprile 2011. La Presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, i Vice Presidenti, il Consiglio Direttivo, la Giunta e la Direzione Generale partecipano profondamente commossi al dolore della famiglia per la scomparsa di

Pietro Ferrero
Il Board di Mec Italia profondamente colpito dalla grave perdita, partecipa al lutto della famiglia Ferrero. - Milano, 20 aprile 2011. Il presidente Carlo Magri, i vicepresidenti Francesco Apostoli e Luciano Cecchi, il segretario generale Alberto Rabiti, il Consiglio Federale e tutta la Federazione Italiana Pallavolo partecipano commossi al dolore della famiglia per l'immatura scomparsa di

Pietro Ferrero
- Corsico (MI), 19 aprile 2011. L'ingegner Luca Montrone, a nome del Gruppo Norba, esprime sentite condoglianze alla famiglia Ferrero per l'incolmabile perdita del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Esselunga S.p.A. partecipa con profondo cordoglio al lutto per l'improvvisa prematura scomparsa dell'amministratore delegato del Gruppo Ferrero

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. La Carle & Montanari SpA, la Direzione Generale, i dirigenti e le maestranze si uniscono al lutto della famiglia per la perdita del

Pietro
- Rapallo, 19 aprile 2011. Paolo e Silvia Vagnone commossi partecipano al dolore della famiglia per la scomparsa dell'amico

Dott. Pietro
- Conversano, 19 aprile 2011. Il Presidente, i Vice Presidenti, l'Amministratore Delegato, il Direttore Generale di UniCredit, anche a nome del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale e della Direzione Generale partecipano con profondo cordoglio al grave lutto del Cavaliere del Lavoro Michele Ferrero e dei famigliari tutti per la tragica scomparsa del figlio

Dott. Pietro Ferrero


e porge le pi sentite profonde condoglianze. - Limito, 19 aprile 2011. Carlo ed Isabelle Clavarino con Elena, Luca e Giulia profondamente addolorati si stringono con grande affetto a Luisa, Michail, Maria Eder, John e a tutta la famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del caro

Pietro Ferrero
imprenditore che con il suo impegno ha saputo portare avanti con successo la tradizione di famiglia accompagnando con lungimiranza il percorso innovativo dell'azienda. - Roma, 20 aprile 2011. Agugiaro e Figna con il Presidente Giorgio Agugiaro e l'Amministratore Delegato Alberto Figna partecipano con dolore al grave lutto che ha colpito l'azienda e la famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del

Pietro Ferrero
affermato imprenditore e grande sportivo. - Roma, 19 aprile 2011.

Dott. Pietro Ferrero


membro del Comitato Esecutivo di Aspen Institute Italia. - Roma, 20 aprile 2011. L'avvocato Giorgio Mondini unitamente ai soci e collaboratori dello studio legale Mondini Rusconi partecipa al lutto della famiglia e del Gruppo Ferrero per la tragica scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Rozzano, 19 aprile 2011. Il Presidente Giuseppe Brambilla di Civesio, il Direttore Generale Bruno Aceto, il Consiglio Direttivo di Indicod-Ecr profondamente commossi partecipano al grande dolore della famiglia e dell'azienda per la prematura scomparsa di

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011.

Pietro Ferrero
Ferdinando e Anna Castellano unitamente ai collaboratori di Schema partecipano al lutto della famiglia e dell'azienda. - Torino, 19 aprile 2011. Catalina Marketing partecipa al dolore della famiglia e dell'azienda per la scomparsa del

Pietro Ferrero
In questo momento di grande dolore abbracciamo i signori Maria Franca e Michele Ferrero e famiglia con l'affetto di sempre.- Elena e Stefano Fabrucci Randone. - Milano, 19 aprile 2011. Mariolina sgomenta vicina con tutto il suo affetto a Maria Franca per la tragica scomparsa del figlio

Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Lorenzo Boglione, con i figli Enrico e Marco, profondamente commosso partecipa al grande dolore della famiglia per l'improvvisa e prematura scomparsa del carissimo figlio

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. I collaboratori tutti della societ Fedesa Sam esprimono il proprio profondo dolore per l'improvvisa e prematura scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Il presidente Luigi Bordoni, i vicepresidenti Francesco Averna, Giorgina Gallo e Valerio Di Natale, i consiglieri, le aziende associate e tutti i dipendenti di Centromarca partecipano con profonda commozione al lutto della famiglia e della societ Ferrero per la tragica, prematura scomparsa di

dott. Pietro Ferrero


- Collecchio, 20 aprile 2011. Giovanni Puoti con Gerardo Longobardi, Christian Bianchi e tutti i colleghi dello Studio partecipa con grande commozione al dolore della famiglia e delle aziende del Gruppo Ferrero per l'improvvisa scomparsa di

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. SymphonyIRI Group partecipa al dolore della famiglia e dell'azienda Ferrero per l'improvvisa morte del suo Chief Executive Officer

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Didier Truchot, Jean-Marc Lech e il Gruppo Ipsos partecipano al dolore della famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa del

dott. Pietro Ferrero


e si stringono affettuosamente ai membri della famiglia partecipando al loro grande dolore. - Monaco, 19 aprile 2011. Gilda Bojardi e le redazioni di Interni e GCasa partecipano al lutto della famiglia per l'improvvisa e tragica scomparsa di

dott. Pietro Ferrero


persona di straordinarie doti umane e capacit professionali, che rimarr sempre vivo nel ricordo di chi ha avuto il privilegio di conoscerlo. - Torino, 19 aprile 2011. Il Presidente Enrico Boglione, l'Amministratore Delegato Carlo Clavarino e tutto il Consiglio di Amministrazione di Aon SpA partecipano al lutto della famiglia Ferrero per la prematura scomparsa del caro

Pietro
- Milano, 19 aprile 2011. Sgomenti e addolorati alla notizia dell'improvvisa scomparsa del

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Il presidente del consiglio di sorveglianza Corrado Faissola, il presidente del consiglio di gestione Emilio Zanetti, il consigliere delegato Victor Massiah, il direttore generale Graziano Caldiani, anche a nome degli altri componenti degli organi collegiali di UBI Banca, partecipano con profondo cordoglio al lutto che ha colpito la famiglia Ferrero per l'improvvisa prematura scomparsa del

Pietro Ferrero
ricordando le sue elevatissime doti di intelligenza e umanit. - Roma, 19 aprile 2011. Attilio Maseri e Aldo Pietro Maggioni, a nome della Fondazione Per il Tuo Cuore e di tutti i dipendenti, partecipano con profonda commozione e cordoglio al dolore della famiglia Ferrero, che tanto generosamente ha contribuito alla ricerca, per la prematura scomparsa di

Pietro Ferrero
L Industria di Marca perde un imprenditore aperto, innovativo e di grande rigore morale. - Milano, 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: Alberto Bauli. Edwin Botterman. Antonio Bulgheroni. Stefano Clini. Angelo Colussi. Marina Deserti. Jean Jacques Dubau. Sami Kahale. Stefano Leonangeli. Gaetano Mele. Filippo Meroni. Carlo Nardello. Debora Paglieri. Umberto Pasqua. Massimo Potenza. Mario Preve. Giovanni Rana. Manuela Soffientini. Lamberto Vallarino Gancia. Antonio Vanoli. Leo Wencel. Roberto Bucaneve. Ivo Ferrario. Renato Schiava. Il presidente Aldo Sutter, il vicepresidente Filippo Meroni, il consiglio direttivo e tutte le aziende associate a IBC - Associazione Industrie dei Beni di Consumo - esprimono il loro commosso cordoglio alla famiglia per l'improvvisa e prematura scomparsa di

Dott. Pietro Ferrero


- Parigi, 19 aprile 2011. Le maestranze, i dirigenti e tutti i collaboratori della Cellografica Gerosa SpA partecipano al lutto che ha colpito tutti i dipendenti della societ Ferrero per la scomparsa improvvisa del loro Amministratore Delegato

Dott. Pietro Ferrero


Linda Gobbi e Francesco Morace esprimono le pi sentite condoglianze a tutta la famiglia. - Milano, 19 aprile 2011. Future Concept Lab partecipa, commossa, al cordoglio di Soremartec Italia e del Gruppo Ferrero per l'incredibile scomparsa dell'Amministratore Delegato

Pietro Ferrero
- Milano, 18 aprile 2011.

dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011.

Pietro Ferrero
Vicino alla famiglia in questo momento di grande dolore.- Andrea Caremoli. - Monza, 20 aprile 2011.

Pietro Ferrero
- Firenze, 19 aprile 2011. Il Presidente del Comitato Leonardo, Luisa Todini, il Consiglio Direttivo ed i soci tutti partecipano con profonda commozione al dolore dei familiari per la tragica scomparsa del caro amico

Pietro Ferrero
- Inverigo, 19 aprile 2011. Le famiglie Gerosa, profondamente colpite dalla improvvisa scomparsa del

dott. Pietro Ferrero


- Bergamo, 19 aprile 2011. J.P.Morgan partecipa con vivissima commozione e profondo cordoglio alla prematura scomparsa del dottor

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Giovanni Li Calzi, nel ricordo degli anni di sport, abbraccia

sig. Pietro Ferrero


partecipano al lutto dei familiari. Ruggero Gerosa, Maria Rosa, Claudio, Angelo, Luca, Fabrizio, Carolina, Elia, Federico. - Inverigo, 19 aprile 2011. Il Presidente Valerio Di Natale ed i membri del Consiglio di Amministrazione di Kraft Foods Italia sono vicini alla famiglia Ferrero per l'improvvisa e prematura scomparsa del

Pietro Ferrero
Uniti nel dolore per la prematura scomparsa.Caremoli S.p.A. - Monza, 20 aprile 2011. Guidalberto Guidi partecipa commosso al dolore della famiglia Ferrero per la scomparsa del carissimo

Pietro Ferrero
grande uomo, imprenditore e sportivo. - Milano, 19 aprile 2011. Paolo Radici si unisce al dolore della perdita della famiglia Ferrero per la scomparsa dell'amico

Dott. Pietro Ferrero


manager brillante, uomo di rara sensibilit e profonda umanit. - Roma, 18 aprile 2011. Il presidente Luca Garavoglia e il consiglio di amministrazione del Gruppo Campari partecipano con profondo cordoglio al lutto della famiglia per la scomparsa di

Pietro Ferrero
professionista di grandissima levatura e persona di indiscusse doti umane e morali. - Milano, 19 aprile 2011. Patrick Smith, Chief Executive Officer FutureBrand Worldwide, e Susanna Bellandi, Chief Executive Officer FutureBrand Milano e Parigi, partecipano con profondo cordoglio al lutto della famiglia Ferrero e dell'azienda tutta per l'improvvisa scomparsa del suo amministratore delegato

Pietro
- Milano, 20 aprile 2011. Beppe e Fernanda Cattaneo si stringono con affetto a Luisa, ai bimbi e a tutti i familiari per la scomparsa di

Pietro
- Leffe, 20 aprile 2011. Roberto e Maria Rita Bertazzoni addolorati, si stringono con affetto a Luisa ed ai famigliari, in questo difficile momento di dolore per la perdita del caro

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Roberto e Patrizia Calvi con tutti i dipendenti della E. Calvi partecipano commossi al dolore della famiglia Ferrero per l'improvvisa scomparsa del

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente dell'UPA - Utenti Pubblicit Associati - Lorenzo Sassoli de Bianchi, il Direttore Generale Giovanna Maggioni e il Consiglio Direttivo partecipano con grande affetto al dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa del carissimo

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Forchets S.p.A. si unisce al dolore della famiglia per la scomparsa del

Pietro
Lo ricorderemo sempre per la sua grande umanit e per la riservatezza e la passione che mostrava nell'affrontare le sfide della sua vita. - Roma, 19 aprile 2011.

Pietro
- Parma, 19 aprile 2011.

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011.

Dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011.

dott. Pietro Ferrero


- Milano, 19 aprile 2011.

Pietro Ferrero
imprenditore dalle grandi capacit umane e professionali. - Milano, 19 aprile 2011.

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

Sport 51

Interrogati otto giocatori

Pass per disabili in uso ai giocatori del Bologna


BOLOGNA Le targhe di otto giocatori del Bologna associate a un pass invalidi per poter entrare in centro liberamente e senza doversi preoccupare di multe, occhi elettronici, blocchi del traffico e divieti della zona a traffico limitato. Tocca anche i calciatori rossobl linchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Valter Giovannini, sui permessi handicap concessi a Bologna a chi non ne aveva diritto. Ieri quattro vigili si sono presentati al centro tecnico di Casteldebole per controllare la posizione di alcuni calciatori. Nessuno indagato, ma dopo lallenamento sono stati sentiti in otto: Di Vaio, Mudingayi, Portanova, Viviano, Mutarelli, Moras, Morleo, Esposito. La polizia municipale ha voluto accertare perch le loro auto, tutte di grossa cilindrata, erano associate a un permesso handicap regolarmente rilasciato dal Comune. I giocatori avrebbero spiegato ai vigili che la persona titolare del pass fornisce servizi alla societ e di tanto in tanto ha bisogno di essere aiutata e prelevata. Sotto le Due Torri a ogni permesso possono essere associate un massimo di dieci targhe, ma i frequenti cattivi utilizzi hanno spinto la Procura ad aprire unindagine che ha gi portato alliscrizione di quattro persone nel registro degli indagati. I controlli sui giocatori del Bologna sono arrivati quasi

Da Di Vaio a Viviano La difesa dei calciatori rossobl: La persona titolare del permesso fornisce servizi alla societ e ha bisogno di aiuto

casualmente dopo un incrocio sui dati degli accessi in centro. Dalla societ fanno sapere: una cosa perfettamente lecita in qualit dei servizi che questa persona rende ai giocatori. Nessuno dei calciatori espone il pass invalidi sulla propria auto, ma grazie alla targa smarcata gli otto (tutti residenti in centro e ovviamente sanissimi) possono muoversi con una certa libert. Ora sar la Procura ad accertare se ci sono eventuali irregolarit.

Isabella Lami
RIPRODUZIONE RISERVATA

Capitano Il bolognese Marco Di Vaio (LaPresse)

Personaggio Il nome nuovo dellacqua azzurra: si allena con Magnini, ha conosciuto la fidanzata in caserma

Lutto

I sogni doro dellex dorsista pigro


Dotto: Ho scoperto lo stile libero per caso, ora voglio lOlimpiade
MILANO Pi pisolo che Dotto. Luca Dotto ride malgrado la piattezza della battuta. La sua avventura di nuotatore si avviata con un andamento lento. Devo ringraziare i miei genitori Guglielmina e Fabrizio che mi hanno spinto in piscina. Io, per natura, sono pigro. Anche quando ho cominciato a vincere le prime gare non mi sono entusiasmato. Ci ho messo un po, ho dovuto passare ai regionali. Sono veramente professionista da due anni, da quando sono a Roma. Gli estremi, nello sport, si sintetizzano: il bambino pigro diventato il ragazzo pi veloce dellacqua azzurra. A 21 anni compiuti laltro ieri, con il quarto tempo mondiale sui 100 sl (4858) e il quinto sui 50 sl (2204), oltre a qualificarsi per i Mondiali di Shanghai (15-31 luglio), ha puntellato di ragioni il suo sogno. Non mi hanno sorpreso le prestazioni ai campionati italiani. Con Claudio Rossetto e Alessandro Mencarelli, i miei tecnici, volevamo farci sentire. Punto alle finali ai Mondiali. Il progetto di arrivare competitivo a Londra, di cercare loro, anche se non sar facile. Stiamo iniziando un percorso. Quello di Luca Dotto comincia a Camposampiero, in provincia di Padova. Ma l ci sono solo nato, attenzione, parenti e amici si risentono quando viene fuori Dotto di Camposampiero. Io sono di Tombolo. Terza gloria sportiva locale dopo il ciclista (oro olimpico nel tandem, 1960) Giuseppe Beghetto e il calciatore Dino Baggio. La sua una strada fatta al rovescio: Luca nuotava a dorso. La svolta nel 2005, campionato italiani giovanili a Imperia. Dovevo gareggiare nella mia specialit, per avevo il tempo anche per i 50 stile. La gara era la prima del primo giorno. Ho nuotato nella batteria pi scarsa, eppure ho vinto, con il tempo migliore. E mi sono trovato campione italiano. Via dal dorso, senza suggeritori: Me ne sono accorto io, scegliendo la gara per sfizio. Quando pensa a punti di riferimento, fa i nomi dei numi (tutelari) Alexander Popov e Matt Biondi. Ma non imito nessuno, penso a essere me stesso. Sono Luca Dotto e basta, unico nel mio genere. anche figlio unico, buona forchetta, goloso dei manicaretti di mamma Guglielmina, dalla pasta con il sugo danatra al tiramisu. Come il suo non ne esiste un altro al mondo. Soprattutto quando uno arriva dalla mensa del Coni. Si allena a Roma, con Filippo Magnini. E come va? Meglio di cos non potrebbe andare. In questi due anni si creata una buona amicizia, anche se, da quando ho cominciato a batterlo, qualcuno semina zizzania. Certo essere battuti non fa piacere. Infatti. Un anno fa mi dava molti pi consigli, adesso meno, ma fa sempre il tifo per me, quando non c lui nella stessa batteria. Legge thriller e biografie storiche, ha paura dei film horror (Mai e poi mai), ascolta musica per rilassarsi, sempre sul bus che lo porta dallalbergo alla piscina (senza sarei divorato dalla tensione, il mio preferito Jason Mraz). Ma la sua grande passione lo sport, a 360 gradi, dal calcio (Juve) al basket (Boston Celtics). Ho sempre seguito tutto, anche il tamburello. E quindi la sua fidanzata non poteva che essere una sportiva, la spadista catanese Rossella Fiamingo. Galeotta fu la caserma del Corpo Forestale dello Stato. Non facile incrociarci, ci riusciamo due volte al mese. Era pigro, ora va veloce. Conservando, per, la giusta lentezza nei rapporti umani. Ho amici e buoni rapporti anche con gli avversari. Chi? Cesar Cielo: ci sentiamo e dopo gli Europei di Eindhoven mi ha fatto i complimenti. Il prossimo passo ottenerli dopo averlo battuto. A Londra, magari.

Addio Waitz la donna maratona


MILANO Dopo aver lottato per sei lunghi anni contro il cancro, si spenta ad Oslo, a 57 anni, la norvegese Grete Waitz (foto Ap), una delle pi grandi fondiste di tutti i tempi. Ottima mezzofondista, primatista mondiale dei 3.000 nel 1976 con 83175, formidabile crossista, 5 volte iridata di specialit, la Waitz rimane nella storia come latleta che ha fatto decollare la maratona femminile a livello mondiale. In unepoca in cui sembrava pura follia per una donna una gara di 42 km e 195 metri. Vanno ricordati i suoi 9 successi a New York a partire dal 1978 quando vinse in 2.3230 con 9 di vantaggio sulla seconda. Nel suo palmars anche le due vittorie a Londra dove nell83 ottenne il personale con 2.2529. Nello stesso anno a Helsinki si laure campionessa mondiale, mentre nel 1984 ai Giochi di Los Angeles dovette accontentarsi dellargento dietro lamericana Joan Benoit.

Rivelazione Luca Dotto, 21 anni, oro agli assoluti nei 50 e nei 100 stile libero (LaPresse)

Giochi 2012

Casa Italia a Londra, bella e strategica


ROMA A un anno e cento giorni dalla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Londra (27 luglio-12 agosto 2012), il presidente del Coni, Gianni Petrucci e il segretario Raffaele Pagnozzi hanno presentato la sede di casa Italia, che per la prima volta sar anche la casa del Comitato Paralimpico (i Giochi paralimpici sono in programma dal 29 agosto al 9 settembre 2012), come ha ricordato Luca Pancalli. Dopo unanalisi che ha coinvolto 15 sedi, alla fine stato scelto il Queen Elizabeth II Conference Centre, situato fra i monumenti storici di Londra: labbazia di Westminster, il Big Ben e il Parlamento. Una posizione strategica, per una struttura di sei piani (e 6.000 metri quadrati), con vista sulle bellezze della capitale inglese, ma facilmente raggiungibile dalla zona del villaggio olimpico e degli impianti di gara. Questa volta la sede di casa Italia, la pi bella da quando stato deciso di allestire queste strutture, avr unimportanza fondamentale, perch lOlimpiade che torna a Londra dopo 64 anni sar loccasione decisiva per lanciare e dare forza alla candidatura di Roma, visto che i membri del Cio dovranno scegliere la sede per ledizione 2020 il 7 settembre 2013 a Buenos Aires.

La base Casa Italia: sei piani (6 mila metri quadrati), con vista sulle bellezze londinesi e vicino agli impianti sportivi

f. mo
RIPRODUZ ONE RISERVATA

Giorgio Rondelli
RIPRODUZ ONE RISERVATA

Roberto Perrone
RIPRODUZIONE RISERVATA

LOCMAN
ITALY
MONTECRISTO
WWW.LOCMAN.IT
L O C M A N S . P. A . M A R I N A D I C A M P O I S O L A D E L B A

Movimento meccanico automatico S.I.O. (Scuola Italiana di Orologeria) o cronografo al quarzo. Titanio e acciaio. Impermeabile fino a 10 atm.

BOUTIQUES LOCMAN: G MILANO: VIA M. GONZAGA, 5 - TEL 02 36512893 G FIRENZE: VIA TORNABUONI, 76/R - TEL 055 211605 G BRESCIA: CORSO ZANARDELLI, 30 - TEL 030 280055 G MARINA DI CAMPO: PIAZZA G.DA VERRAZZANO, 7 - TEL 0565 977734 G PORTOFERRAIO: CALATA MAZZINI, 17 - TEL 0565 915896 G PORTO AZZURRO: VIA VITALIANI, 20 - TEL 0565 920312 G MONTECATINI TERME: VIA S.MARTINO, 2/A - TEL. 0572 904094 G PORTO CERVO: VICOLO DEL CERVO - TEL 0789 92425 G CERVINIA: VIA CARREL - TEL 0166 940195

E IN TUTTE LE MIGLIORI GIOIELLERIE

52
La moglie Franca con i figli Caterina e Lorenzo, annunciano con immenso dolore la scomparsa del caro Il Presidente di Assomusica Associazione Alessandro Bellucci e i soci tutti, partecipano al dolore della famiglia Fabiani - De Gasperi per la prematura scomparsa del caro amico e socio Increduli e affranti Vittorio e Chicca Tarella piangono la scomparsa della Si spenta la

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

mancato all'affetto dei suoi cari

Luis Manuel Martins Dos Reis, Southern European Cluster Leader e amministratore delegato Hay Group in Italia partecipa commosso alla scomparsa del

Juan Jos "Pepe" Fabiani Zignago


I funerali avranno luogo mercoled 20 aprile 2011 alle ore 15 nella chiesa di San Fedele, parrocchia di Santa Maria della Scala in San Fedele piazza San Fedele 2 Milano. - Arona, 18 aprile 2011. Ciao

Pepe
- Roma, 19 aprile 2011. Etnocom Etnomktg Srl si stringe intorno alla famiglia di

Prof.ssa Ancilla Nicolini Tarella


moglie e mamma meravigliosa, adorata impareggiabile.- Il suo immenso amore unito ad una grande forza ci ha prottetti e guidati per affrontare ogni accadimento della vita rendendola per quanto possible felice.- Addio al tuo dolce sorriso caro amore nostro.- Un particolare ringraziamento al dottor Alberto Volonterio, alla signora Battistina Bassu, al personale tutto del reparto di neurologia dell'Ospedale Niguarda, diretto dal dottor Roberto Sterzi, per le amorevoli cure.- Le esequie presso parrocchia di San Gioachimo gioved 21 aprile ore 9. - Milano, 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: La famiglia Goldstein. Enrico e Lucia Ghislandi. Elena e Massimo De Lucia. La cugina Elsa con Vittoria e famiglia vicina a Vittorio e Chicca per la scomparsa di

Prof.ssa Ancilla Nicolini


raro esempio di professionalit e umanit nel ruolo di Primario Pediatra, ricoperto per tanti anni presso la divisione Mariani dell'Ospedale Niguarda Ca' Granda.- La ricordano con affetto e gratitudine i suoi allievi, collaboratori e il personale infermieristico. - Milano, 19 aprile 2011. mancato il 18 aprile, all'affetto dei suoi cari

Gabriele Sacchetti
La moglie Anna, Alberto con Ulrike, Lorenzo e Giovanni lo ricordano con amore.- Si ringraziano Vidas e l'amico Claudio per il grande aiuto. - Milano, 19 aprile 2011. Partecipa al lutto: La famiglia Piccoli. Baby e Patrick si stringono con affetto ad Anna, Alberto, Ulrike, Lorenzo e Giovanni per la perdita di

2000 - 2011 Averti avuto accanto stato un grande dono

Dott. Emanuele Lanza


Grazie, mio amato Lele per la vita straordinaria che mi hai regalato.- Mi manchi tanto.- Tua moglie Marisa. - Milano, 20 aprile 2011. 2000 - 2011 Forse un giorno scopriremo che non ci siamo mai perduti e che tutta quella tristezza in realt non mai esistita

Dott. Pietro Ferrero


manager e imprenditore di grande valore riconosciuto e stimato a livello internazionale. - Milano, 18 aprile 2011. Claudia Scandroglio, Michele Stasi e i colleghi internazionali di Hay Group sono vicini alla famiglia ed ai collaboratori del gruppo Ferrero per la scomparsa del

Juan Jos Fabiani


- Roma, 20 aprile 2011. MoneyGram International si unisce al dolore della famiglia di

Cesare Antico
uomo retto, vissuto per la propria famiglia e spirato serenamente tra le braccia della moglie, in grazia di Dio e con tutti i conforti spirituali.- Ne danno l'annuncio, con indicibile dolore, i figli Amanda, Lavinia, Olindo, la moglie Nadia e il genero Massimiliano Lecce.- I funerali seguiranno mercoled 20 aprile alle ore 14.45, nella chiesa della Santissima Trinit in via Giusti 25 a Milano.- Indi si proseguir per il cimitero di Bareggio ove avverr la tumulazione nella cappella di famiglia. - Milano, 19 aprile 2011. La sorella Marisa con Vito, i figli Elena Andrea e Federico piange la scomparsa di

Pepe
te ne sei andato troppo presto.- Sei sempre stato e resterai per sempre nei nostri cuori.- Chela, Roberto, Mayura, Maya. - Roma, 20 aprile 2011.

Dott. Emanuele Lanza


Ricordarti vivere i migliori anni della mia vita.Caro pap, continuo a volerti molto bene.- La tanto affezionata nuora Barbarella con i bimbi Emanuele e Francesco sentono la mancanza di un nonno che sarebbe stato meraviglioso. - Milano, 20 aprile 2011. 2000 - 2011

Dott. Pietro
e porgono sentite condoglianze. - Milano, 18 aprile 2011. Bank of America Merrill Lynch vicina alla famiglia Ferrero per la scomparsa del Dottor

Juan Jos Fabiani


vincitore del MoneyGram Award 2009. - Roma, 20 aprile 2011. Natalino Irti vicino al dolore della famiglia per la scomparsa dell'

Gabriele
- Milano, 20 aprile 2011. Margherita Marzatico con Marco e Paola abbraccia con affetto Anna, Alberto e la famiglia tutta in questo doloroso momento per la scomparsa del

Pepe
Pi che uno zio... un padre, un amico, una guida.- Mi mancherai tanto.- Con amore la tua Mayetta con Alessandro, Leonardo e Lorenzo. - Roma, 20 aprile 2011. Ciao

Pietro Ferrero
- Milano, 19 aprile 2011. Il Presidente Franco Goglio e l'intero gruppo Goglio partecipano con profondo cordoglio al lutto della famiglia Ferrero e del Gruppo Ferrero per la dolorosa e improvvisa scomparsa dell'Amministratore Delegato

Avv. Michele Capodanno


colto gentiluomo e avvocato insigne. - Roma, 19 aprile 2011. Alessandro Pedersoli profondamente commosso partecipa al dolore di Gigliola per la scomparsa dell'

Ancilla
- Milano, 19 aprile 2011. Nel grande dolore per la perdita della carissima

Dott. Gabriele Sacchetti


caro amico di una vita. - Milano, 19 aprile 2011. mancata al nostro affetto

Dott. Emanuele Lanza


Caro pap Lele mi sei sempre stato vicino, e vicino continuo ancora a sentirti.- Ti voglio bene.Massimo con Claudia, Cristina ed Emanuele. - Milano, 20 aprile 2011. 2000 - 2011

Cesare
- Milano, 18 aprile 2011. Carissima Amanda, il tuo indimenticabile pap

Pepe
ti ricordo con affetto.- Amelia Caracino. - Milano, 19 aprile 2011.

Pietro Ferrero
- Daverio, 19 aprile 2011. Deutsche Bank si unisce al dolore della famiglia e dei dipendenti del Gruppo Ferrero per la scomparsa del

Avv. Michele Capodanno


carissimo amico e illustre collega. - Milano, 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: Studio Pedersoli e Associati. Alberto e Baby Santa Maria partecipano al dolore di Gigliola per la scomparsa dell'amico

Prof.ssa Ancilla Nicolini Tarella


Valeria Montani con i figli: Giovanna, Luisa con Chiara, Massimo con Monica, Davide e Giulia si stringono con tanto affetto a Chicca e pap. - Sozzago, 19 aprile 2011. Lilia, Franca, Angelo, Isabella e Cristiana si stringono a Vittorio e Chicca nel ricordo della carissima

Cesare
resta nei nostri cuori e nei ricordi di una vita.Abbraccio te, Lavinia, Olindo e la cara Nadia.Chicca con Cinzia e famiglia. - Milano, 19 aprile 2011. Il ragioniere Enrico Panigada e collaboratori di studio partecipano commossi al dolore dei familiari per la scomparsa del carissimo signor

Rosella Battaglia
Cara Lella, tutti noi ti ricorderemo sempre.- I funerali si svolgeranno presso la chiesa di piazza del Rosario mercoled 20 aprile alle 11.- La famiglia Battaglia ringrazia Rosy per l'affetto e le cure prestate. - Milano, 19 aprile 2011. Ricordiamo con affetto

Dott. Emanuele Lanza


Il vuoto che mi hai lasciato incolmabile sento molto la tua mancanza.- Restami vicino, ho tanto bisogno di te.- Ti voglio bene.- Gianluca. - Milano, 20 aprile 2011. 2004 - 2011

Dott. Pietro Ferrero


Amministratore Delegato Gruppo Ferrero, avendone apprezzato le grandi qualit umane e professionali nei lunghi anni di conoscenza e collaborazione. - Milano, 19 aprile 2011. L'Amministratore Delegato, il Direttore Generale, il Direttore Commerciale e la Direzione tutta di Conad partecipano con profonda commozione al lutto della famiglia per l'improvvisa scomparsa di

"Ancora qui sono, caro fratello, ancora qui, sempre con te, con la tua gioia, con il tuo dolore.- Ancora qui". Ancora e per sempre amici Lidio Paolo Simonetta Tiziana Giacomo Jacopo Federica Francesca Bruna Angelo distrutti dal dolore per la perdita dell'amico

Pepe
si stringono con un forte abbraccio a Franca Caterina e Lorenzo. - Milano, 19 aprile 2011. Ciao

Michele Capodanno
ricordandone le eccezionali doti di professionalit e umanit. - Milano, 20 aprile 2011. Pasquale Lbano con profondo rimpianto ricorda l'

Don Giovanni Saldarini


gi parroco di Carate Brianza, che ha seguito i nostri primi passi, insegnandoci, nella stima al carisma del movimento, ad amare Cristo e la sua Chiesa.- Comunione e Liberazione Carate Brianza. - Carate Brianza, 19 aprile 2011. Gisella con Maurizio e Rosanna annuncia la scomparsa della carissima mamma

Ancilla
- Milano, 19 aprile 2011. Cara

Cesare Antico
- Milano, 19 aprile 2011. Marted 19 aprile venuta a mancare a San Paolo del Brasile

Elisabetta Campiglio
Poppy, il tuo sorriso, la tua gioia e la tua serenit illumineranno sempre la nostra vita.- Con infinito affetto mamma e pap. - Milano, 20 aprile 2011. 20 aprile 2009 - 20 aprile 2011

Pepe
grazie di tutto.- Con tanta tristezza nel cuore abbracciamo Franca Caterina e Lorenzo.- Sarah, Marta e Gigi, Barbara e Patrick, Luca e Eugenia, Rosy e Gianfri. - Milano, 19 aprile 2011. Ciao

Avv. Michele Capodanno


ed accanto ai familiari ed ai colleghi dello studio in questo triste momento. - Milano, 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: Il Notaio Anna Napoli. Le collaboratrici e i collaboratori dello Studio Lbano. Peppino e Valentina Sbis partecipano con profonda commozione al dolore di Gigliola e dei familiari per la perdita del caro

Ancilla
sei stata per me una grande amica.- Ti ho avuto sempre al fianco nelle ore felici come in quelle del dolore.- Il vuoto che mi lasci immenso.- Mi stringo a Vittorio e a Chicca per questa struggente perdita con tutto il mio affetto.- Lella Persico. - Milano, 20 aprile 2011. Paola con le figlie, Marco con Paola e le figlie ricordano con tanto affetto la professionalit e l'amicizia della "zia"

Sua Altezza Serenissima Principessa

Pietro Ferrero
e ne ricordano le grandi doti umane e imprenditoriali. - Bologna, 20 aprile 2011. Carissimo Dino, sono molto vicino a te, Andrea e Ruggero, con infinita tristezza per la perdita della vostra cara

Cecilia Czartoryska Rostworowska


Ne danno il triste annuncio la figlia Margherita, il marito Carlo e la figlia Maria Clotilde. - Roma, 19 aprile 2011. Giancarlo, Anna Fiorio profondamente addolorati sono vicini ad Alfredo e Roberta per la morte di

Bruna Parodi Weil


I funerali si svolgeranno nella parrocchia di Pantigliate mercoled 20 aprile alle ore 11.- Indi a Staglieno. - Pantigliate, 18 aprile 2011. serenamente tornata in Cielo

Dott. Bruno Feliziani


Sei sempre con me e nel cuore di chi ti ha conosciuto.- Con amore Lorenza. - Milano, 20 aprile 2011.

Pepe
Te tendremos siempre en nuestros corazones.Alberto Manrique y Elsa Villaescusa. - Verona, 19 aprile 2011.

Daniela Tabusso Bonasia


dopo una lunga e dolorosa sofferenza.- Il tuo amico Vittorio e famiglia. - Milano, 19 aprile 2011. Partecipano al lutto: Lucilla e Oreste Lazzari. Anna e Giorgio Manfredini. Betta e Lillo Massione. Walter Anedda, Luca Bicocchi, Simone Donatti, Giuseppe Grazia, Renzo Guffanti, Giuseppe Puttini, Monica Vecchiati, Ugo Menziani, Susanna Zeller, Concetta Ferrari, Barbara Siclari, Roberto Alessandrini, Giovanni Battista Furno, Monica Petrella, Maurizio Redeghieri, il Direttore Generale, l'Assemblea dei Delegati e tutti i dipendenti, con profondo e immenso dolore si stringono a Lella, Edoardo ed Elena, per la scomparsa del caro amico

Ancilla
e sono vicini a Vittorio e Chicca nel loro grande dolore. - Milano, 20 aprile 2011. Cara Chicca ricorderemo sempre con affetto tua mamma

Cornelia Sequi
Ciao Nene ti porteremo sempre nel cuore.- I nipoti Carlo, Chiara, Barbara, Lorenza e famiglie.I funerali oggi alle ore 11 parrocchia San Gottardo Ticinese. - Milano, 19 aprile 2011.

Avv. Giorgio Fuga


Giogi, il tempo passa ma la tua lumino Cesira ti sente sempre vicino.- Ti ricordano i tuoi figli generi nipoti e pronipoti. - Milano, 20 aprile 2011.

avv. Michele Capodanno Pepe


Un abrazo y un beso grande!- Alberto, Elsa y tus amigos de la pea criolla. - Verona, 19 aprile 2011. Siamo tutti vicini a Franca, Caterina e Lorenzo per la prematura scomparsa di generoso amico e illustre esempio di non comuni doti intellettuali ed umane. - Milano, 19 aprile 2011. L'Ordine degli Avvocati di Milano sentitamente partecipa al lutto dei familiari per la scomparsa dell'

Marina Antonietti
- Milano, 19 aprile 2011.

Prof.ssa Ancilla Nicolini


e ti siamo vicini in questo momento doloroso per te, per tuo pap e per noi tutti.- Carla e Gigi, Anna e Luciano, Serena e Sandro, Lella. - Milano, 19 aprile 2011. Porteremo sempre nei nostri cuori il ricordo della

Avv. Michele Capodanno


- Milano, 19 aprile 2011. Si spento ieri l'ingegnere

Pepe
Rdl & Partner. - Milano, 18 aprile 2011. Profondamente colpiti per la scomparsa di

Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

ACCETTAZIONE NECROLOGIE E ADESIONI

TARIFFE BASE IVA INCLUSA: CORRIERE DELLA SERA PER PAROLA: Necrologie 6,00 Adesioni al lutto 12,00 A MODULO: Solo anniversari, trigesimi e ringraziamenti 650 TARIFFE BASE IVA INCLUSA: GAZZETTA DELLO SPORT PER PAROLA: Necrologie 2,30 Adesioni al lutto 4,50 A MODULO: Solo anniversari, trigesimi e ringraziamenti 310

Pasquale La Ficara
La moglie Elena, i figli Maria Rosaria con Francesco Saverio, Edoardo con Tiziana, i nipoti Elena, Marina, Vittoria, Tommaso Paolo e Giuseppe Pasquale lo ricorderanno sempre con amore e gratitudine.- I funerali si svolgeranno oggi alle 15.30 nella chiesa di San Tommaso Moro via dei Marrucini 1. - Roma, 19 aprile 2011. Gun Riario Sforza, Rosa Monticelli, Giorgio e Loredana Alessio con Herbert e Giovanni, Giovanni e Teresa Giuffr con Lina, Adele e Caterina, si stringono accanto ad Elena, Maria Rosaria, Francesco, Edoardo e Tiziana costernati per la dipartita dell'amico

Prof.ssa Ancilla Nicolini


che ci fu vicina nei momenti difficili e partecipiamo con tanto affetto al dolore di Chicca e di suo padre.- Ida Gallori, Lella, Gianluca e Allison, Corinna, Lorenzo. - Milano, 19 aprile 2011. Rosetta e Gigi si stringono con affetto a Chicca nel grande dolore per la perdita della sua

SERVIZIO TELEFONICO E TELEFAX ATTIVO DA LUNED A DOMENICA 14-20


CON SUPPLEMENTO 20% SULLA TARIFFA BASE

Ettore Cavo
Stimatissimo collega e sempre apprezzato componente del Consiglio di Amministrazione della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti, vero esempio di integrit e competenza professionale. - Roma, 19 aprile 2011. Il Presidente, i Vice Presidenti il Consiglio di Amministrazione, il Collegio Sindacale e tutti i collaboratori del gruppo Coeclerici partecipano al dolore della signora Graziella e di tutta la famiglia per la scomparsa del

Pepe Fabiani
uomo di grande personalit professionale ed umana che mancher a tutti noi, ci uniamo nel ricordo con immenso affetto alla signora Franca e ai figli.- Dalia, Alessandra, Carola, Giorgia, Francesco, Arianna, Betta, Matteo e tutta la Goigest. - Milano, 19 aprile 2011. Siamo vicini a Franca e ai suoi splendidi figli per la scomparsa del grande

Fax Necrologie 02 50956003 - 02 50956033 Tel. Necrologie 02 50984519


SI ACCETTANO CHIAMATE ANCHE DA CELLULARI SOLO DIETRO PAGAMENTO CON CARTE DI CREDITO L'INVIO DI UN FAX DEVE ESSERE ACCOMPAGNATO DA COPIA DI UN DOCUMENTO DI IDENTIT

mamma
- Milano, 19 aprile 2011. Stringendoci a Vittorio e Chicca ricorderemo sempre la nostra

Pepe
Persona onesta, unica che stimeremo sempre moltissimo.- Quando ci ritroviamo, caro Pepe, abbiamo un sacco di cose da fare.- E noi saremo sempre vicini a te e alla meravigliosa Donna Franca.- Dalia, Ombretta e famiglia. - Milano, 19 aprile 2011. Lo staff di Latinoamericando accanto alla moglie Franca e ai figli Caterina e Lorenzo in questo momento di profondo dolore per la perdita di

SERVIZIO SPORTELLI Milano: Via Solferino 22, luned venerd 9.00 17.45 orario continuato Bologna: Via San Donato 85, luned venerd 9.00 13.00/14.00 18.00 Firenze: Lungarno Delle Grazie 22, luned venerd 9.00 13.00/14.00 18.00 Napoli: Vico S. Nicola Alla Dogana 9, luned ve nerd 9.00 13.00/14.45 17.30 Bari: Via Villari 50, luned venerd 9.00 13.00/14.30 18.00

Dott. Ettore Cavo


per lunghi anni stimato membro del Collegio Sindacale delle societ del gruppo. - Milano, 19 aprile 2011. I collaboratori della ditta Mec & Gregory's partecipano commossi al dolore della signora Giuliana, figli e nipoti per la scomparsa del carissimo

Ing. Pasquale La Ficara


Galantuomo di cui ricorderanno sempre le grandi doti di umanit e professionalit. - Roma, 19 aprile 2011. Ieri ha concluso la sua vita terrena

Ancilla
che ci ha lasciati nella memoria del suo affetto e dei suoi insegnamenti.- Alberto, Cristina, Angelo, Chiara. - Milano, 19 aprile 2011. Partecipa al lutto: La famiglia Locatelli. Pino e Uli Cislaghi Fundar abbracciano affettuosamente Vittorio e Chicca ricordando commossi la Professoressa

SERVIZIO FATTURAZIONE NECROLOGIE: TEL. 02 50956632 - FAX 02 25886632 - E-MAIL: fatturazione.necrologie@rcs.it


Informativa ai sensi dellart. 13 D.Lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali"). Conformemente all'impegno e alla cura che la nostra societ dedica alla tu tela dei dati personali, La informiamo sulle modalit, finalit e ambito di co municazione e diffusione dei Suoi dati personali e sui Suoi diritti, in confor mit all'art 13 del D Lgs 196/2003 Per permetterle di usufruire dei servizi offerti da RCS Pubblicit S p A , la stessa deve trattare alcuni Suoi dati I dati personali che Lei fornir al Titolare, verranno registrati e conservati su supporti elettronici protetti e trat tati con adeguate misure di sicurezza I dati saranno trattati da RCS Pubblicit S p A esclusivamente con modalit e procedure necessarie per fornirLe il servizio da Lei richiesto I dati non saranno diffusi ma potranno essere comunicati, sempre per la predetta finalit, alle Societ del Gruppo RCS Mediagroup, oltre che a so ciet che svolgono per nostro conto compiti di natura tecnica od organizza tiva strumentali alla fornitura del servizio richiesto, e che sono stati nomina ti Responsabili del Trattamento Lei ha diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati e come essi sono utilizzati Ha anche il diritto di farli aggiornare, integrare, rettifica re o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento Ricordiamo che questi diritti sono previsti dal Art 7 del D Lgs 196/2003 Per ogni informazione riguardo ai diritti pu rivolgersi, a tal fine, al Responsabile del trattamento dei dati personali di RCS Pubblicit S p A scri vendo allo stesso c/o RCS Pubblicit S p A via Rizzoli 8 20132 Milano

Giancarlo Martinelli
Lo annuncia con grande dolore Viviana insieme a Paola e Luigi, Gigi e Luisa, Andrea e agli adorati nipoti Camilla, Silvia, Micol e Giacomo.- La messa sar celebrata oggi nella parrocchia di Santa Maria Segreta, in via Mascheroni, alle ore 15. - Milano, 20 aprile 2011.

Cavaliere

Giuseppe Fino
maestro per tutti noi di umanit e professionalit. - Milano, 20 aprile 2011.

Pepe
amatissimo marito, padre e nostro Direttore. - Arona, 18 aprile 2011.

Ancilla Nicolini Tarella


amica carissima e amorevole. - Milano, 19 aprile 2011.

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

53
Ogni giorno le PREVISIONI della tua citt sempre con te Digita: mobile.corriere.it nel browser del telefonino
Il servizio gratuito salvo i costi di connessione internet previsti dal piano tariffario del proprio operatore Maggiori informazioni su www.corriere.it/mobile

Il Tempo
OGGI
LE PREVISIONI
a cura del Centro Epson Meteo
Trento Trieste Aosta Milano Torino Bologna Venezia

IL SOLE

Bari
Sorge alle Tramonta alle
6.08 19.38

Palermo Bologna Firenze


6.25 19.47 6.24 20.05 6.25 20.04

Torino
6.38 20.21

Napoli
6.18 19.47

Roma
6.24 19.56

Milano
6.30 20.15

Genova
6.34 20.15

Venezia
6.18 20.03

LA LUNA

Nuova
3 Maggio

Primo quarto
10 Maggio

Piena
17 Maggio

Ultimo quarto
25 Aprile

DOMANI

VENERD

SABATO

DOMENICA

Genova

Firenze

Ancona

Perugia LAquila ROMA Campobasso

Tempo ancora bello in gran parte dItalia, per la presenza di una zona di alta pressione che estende la sua inuenza a quasi tutta lEuropa centro-orientale e che tende ad allungarsi anche verso il Mediterraneo Centrale. Qualche nuvola potr formarsi nelle ore centrali del giorno solo sulla fascia alpina, prealpina, sullAppennino centro-meridionale e in Sicilia, con qualche locale piovasco sui rilievi lucani e siciliani. Temperature in ulteriore lieve aumento, con valori no a 22, 23 gradi.

IN EUROPA
Bari

Napoli

Potenza

Catanzaro Cagliari

LE TEMPERATURE DI OGGI
23 Aosta 22 Torino 22 22 21 21
Milano Trento Venezia Trieste

21 Genova 22 Bologna 23 21 18 19
Firenze Perugia Ancona LAquila

21 Roma 16 Campobasso 21 18 16 19
Napoli Bari Potenza Catanzaro

19 R. Calabria 20 Catania 20 22 19 19
Palermo Alghero Cagliari Olbia

Palermo

Tempo stabile e soleggiato grazie allalta pressione su gran parte dellEuropa centroorientale, mentre una perturbazione investe la Penisola Iberica, con piogge soprattutto in Portogallo e nella Spagna occidentale. Altri sistemi nuvolosi si muovono ad alte latitudini attraverso Scozia, Nord dellIrlanda e Scandinavia. Ancora instabile in Turchia e, al mattino, anche in Grecia e Bulgaria.
MARE

<-10
Oslo Helsinki
Alta Pressione

15
Edimburgo

6
Stoccolma 12

-10-5 -5-0 0-5


Bassa Pressione

13
Dublino

Copenaghen

18 25
Amsterdam Berlino Varsavia

17 23 Londra 25
Parigi

20
Praga

21
Vienna

Kiev

14

5-10 10-15 15-20


Fronte Caldo

23 22
Milano

23
Belgrado

22
Barcellona Madrid Lisbona Roma

23
Tirana

18
Bucarest

20-25
Ankara

17 21
Algeri Tunisi

17

21
Atene

25-30 30-35 >35

Fronte Freddo

12 16

17

27

21
Fronte Occluso

VENTO

Sole

Nuvolo

Coperto

Pioggia

Rovesci Temporali

Neve

Nebbia

Debole

Moderato

Forte

Molto forte

Calmo

Mosso

Agitato

LE TEMPERATURE DI IERI IN ITALIA


min
Ancona Aosta Bari Bologna Bolzano Brescia Cagliari S = Sereno

ASIA AUSTRALIA
max min
S S S S S S S

NORD AMERICA
16
Seul Tokyo

SUD AMERICA
Bogot Caracas

AFRICA
Casablanca

max

min
S S S N S N S

max

min
S S S S S S S

max

min
S S S S S S S

27
max
Pechino
S S S S S S S

31

+5 +8 +8 +7 +8 +7 +6

+16 +18 +16 +20 +24 +20 +19

Campobasso Catania Crotone Cuneo Firenze Genova Imperia

+7 +5 +8 +9 +4 +12 +12

+16 +18 +18 +19 +22 +19 +19

LAquila Lecce Messina Milano Napoli Olbia Palermo

+1 +8 +11 +7 +9 +4 +10

+19 +19 +19 +21 +20 +18 +18

Parma +6 Perugia +3 Pescara +4 Pisa +5 Potenza +5 R. Calabria +11 Rimini +6 R = Rovesci

+20 +21 +17 +20 +17 +18 +18

Roma Torino Trento Trieste Udine Venezia Verona

+7 +8 +9 +10 +7 +10 +7

+21 +21 +23 +22 +21 +20 +22

19
Lima

26

Il Cairo

25 33 28 24
Rio de Janeiro Lagos Luanda Nairobi

33

Delhi Shanghai

16 21

10
Vancouver

24 7
Chicago Santiago New York

Bangkok

36

Giacarta

32 24 Sydney

San Francisco 16 Los Angeles

Buenos Aires

25 28

20

27
Citt del Messico

22

23

P = Pioggia

N = Nuvoloso

T = Temporale

C = Coperto

V = Neve

B = Nebbia

19 Citt del Capo

Sudoku Difficile
9 5 1 6 9 5 6 4 4 6 5 3 3 4 7 8 3 6 1 7 8 5 1
Altri giochi su www.corriere.it

Giochi e pronostici
2 8 7
Come si gioca Bisogna riempire la griglia in modo che ogni riga, colonna e riquadro contengano una sola volta i numeri da 1 a 9
LA SOLUZIONE DI IERI
6 4 1 9 7 5 2 3 8 5 7 2 6 8 3 9 1 4 3 9 8 4 1 2 6 5 7 1 2 4 5 6 8 3 7 9 7 3 5 2 4 9 1 8 6 9 8 6 7 3 1 5 4 2 2 1 9 8 5 7 4 6 3 4 5 7 3 2 6 8 9 1 8 6 3 1 9 4 7 2 5

Oggi su www.corriere.it
Il caso Video / 1

Lotto
Estrazioni di marted 19 aprile 2011

10eLotto I numeri vincenti 41 77 51 21 14 40 54 24 22 89 8 47 31 20 32 38 36 39 84 82 56 64 52 54 63 20 59 70 55 37 78 80 30 11 71 84 5 19 53 70 58 48 82 69 33 12 75 85 78 90 33 38 12 35 3


14 20 21 22 24 31 32 36 38 39 40 41 47 51 54 56 77 82 84 89

Jackpot indicativo prossimo concorso: 44.900.000,00 Ai 6: nessuno Ai 5 stella: nessuno 26.554,00 Ai 5+: 588.446,18 Ai 4 stella: Ai 3 stella: 1.500,00 Ai 5: 33.948,82 Ai 2 stella: 100,00 Ai 4: 265,54 Agli 1 stella: 10,00 Ai 3: 15,00 Agli 0 stella: 5,00 www.corriere.it/giochiepronostici

5 Puzzles by Pappocom

BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE

Concutelli: il ritratto
Il commento-audio di Giovanni Bianconi sullex terrorista nero tornato in libert.
La coppia

Il meglio del basket


Pallacanestro: le migliori azioni dellundicesima giornata di ritorno della serie A.
Video / 2

Spotlight

Ambra
La Angiolini e il cinema: Prima prostituta con Battiston, poi sposa di Picone.

Superenalotto
Combinazione vincente

12 21 34 64 67
70 Numero SuperStar

1 Numero Jolly

La prima alla Scala


Barbara Berlusconi e il bomber del Milan Pato a teatro per la Turandot: guarda le immagini.
Ambiente

Alemanno in romanesco
Il sindaco sfodera il dialetto per frenare alcuni contestatori.
Gara tra bici

Il Giretto dItalia
Sfida tra i Comuni per vedere chi usa pi due ruote. I lettori scrivono le loro tappe.

Il pianeta in festa
La Giornata della Terra: tutte le iniziative in programma in Italia.

54

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera

Programmi Tv
Teleraccomando
di Maria Volpe
PER DISTRARSI PER RIFLETTERE

Rai1
rai.it 6.10 ASPETTANDO UNOMATTINA. Attualit 6.30 TG 1. 6.45 UNOMATTINA. Attualit. Con Michele Cucuzza,Eleonora Daniele 10.00 VERDETTO FINALE. Attualit. Con Veronica Maya 10.50 APPUNTAMENTO AL CINEMA. Attualit CHE TEMPO FA. 11.00 TG 1. 11.05 OCCHIO ALLA SPESA. Attualit. Con Alessandro Di Pietro 12.00 LA PROVA DEL CUOCO. Variet. Con Antonella Clerici 13.30 TELEGIORNALE. 14.00 TG 1 ECONOMIA. Attualit TG1 FOCUS. Attualit 14.10 SE... A CASA DI PAOLA. Talk show. Con Paola Perego 16.10 LA VITA IN DIRETTA. Attualit. Con Lamberto Sposini, Mara Venier. Nel programma: Tg 1; Che tempo fa 18.50 LEREDIT. Quiz SERA 20.00 TELEGIORNALE. 20.30 QUI RADIO LONDRA. Attualit. Con Giuliano Ferrara 20.35 TIM CUP: Semifinale: Milan Palermo, andata. Calcio TG 1 60 SECONDI. 23.10 PORTA A PORTA. Attualit. Con Bruno Vespa 0.45 TG 1 - NOTTE. TG1 FOCUS. Attualit 1.15 CHE TEMPO FA.

Rai2
rai.it 7.00 CARTOON FLAKES. Ragazzi 9.45 CRASH - FILES. Attualit 10.00 TG2PUNTO.IT. Attualit 11.00 I FATTI VOSTRI. Attualit. Con Giancarlo Magalli, Adriana Volpe, Marcello Cirillo 13.00 TG 2 GIORNO. 13.30 TG 2 COSTUME E SOCIET. Attualit 13.50 MEDICINA 33. Rubrica di attualit medica 14.00 POMERIGGIO SUL 2. Attualit. Con Caterina Balivo, Milo Infante 15.00 QUESTION TIME. Attualit 15.45 CRAZY PARADE 16.10 LA SIGNORA IN GIALLO. Telefilm 17.00 TOP SECRET. Telefilm 17.45 TG 2 FLASH L.I.S. METEO 2. 17.50 RAI TG SPORT. 18.15 TG 2. 18.45 MAURIZIO COSTANZO TALK. Talk show 19.40 LISOLA DEI FAMOSI. Reality 20.30 TG 2 20.30. 21.05 DOMENICO MODUGNO - IL GRANDE VOLO. Variet 23.10 TG 2. 23.25 CLOSE TO HOME. Telefilm. Con Jennifer Finnigan, Kimberly Elise 0.10 RAI 150 ANNI. LA STORIA SIAMO NOI. Attualit. Con Giovanni Minoli 1.00 TG PARLAMENTO. Attualit

Rai3
rai.it 7.00 TGR BUONGIORNO ITALIA. Attualit 7.30 TGR BUONGIORNO REGIONE. Attualit 8.00 RAI 150 ANNI. LA STORIA SIAMO NOI. Attualit 9.00 DIECI MINUTI DI... PROGRAMMI DELLACCESSO. Att. 9.10 AGOR. Attualit. 11.00 APPRESCINDERE. Talk show 12.00 TG 3. SPORT NOTIZIE. METEO 3. 12.25 TG 3 FUORI TG. Attualit 12.45 LE STORIE - DIARIO ITALIANO. Attualit 13.10 LA STRADA PER LA FELICIT. Telefilm 14.00 TGR. TGR METEO. 14.20 TG 3. METEO 3. 14.50 TGR LEONARDO. Attualit 15.00 TG 3 L.I.S. 15.05 WIND AT MY BACK. Telefilm 15.50 GT RAGAZZI. 16.00 COSE DELLALTRO GEO. Variet. Con Massimiliano Ossini 17.40 GEO & GEO. Documenti 19.00 TG 3. 19.30 TGR. TGR METEO. 20.00 BLOB. Attualit 20.10 COTTI E MANGIATI. Serie. Con Flavio Insinna, Marina Massironi 20.35 UN POSTO AL SOLE. Soap 21.05 CHI LHA VISTO? Attualit. Con Federica Sciarelli 23.15 PARLA CON ME. Talk show. Con Serena Dandini 24.00 TG3 LINEA NOTTE. Nel programma: TG Regione; Meteo 3

Rete4
mediaset.it/rete4 6.55 ZORRO. Telefilm 7.55 NASH BRIDGES I. Telefilm 8.50 THE SENTINEL. Telefilm 10.15 CARABINIERI. Telefilm 11.25 ANTEPRIMA TG 4. 11.30 TG 4 TELEGIORNALE. Nel programma: Meteo; Vie dItalia 12.00 WOLFF - UN POLIZIOTTO A BERLINO. Telefilm 12.50 DISTRETTO DI POLIZIA. Telefilm 13.50 IL TRIBUNALE DI FORUM ANTEPRIMA. Attualit 14.05 IL TRIBUNALE DI FORUM. Attualit. Con Rita Dalla Chiesa 15.10 FLIKKEN COPPIA IN GIALLO. Telefilm 16.15 FILM OCEANO ROSSO. (Dramm., Usa, 1955). Regia di William A. Wellman. Con John Wayne, Lauren Bacal 18.55 TG 4 - METEO. 19.35 TEMPESTA DAMORE. Soap Opera 20.30 WALKER TEXAS RANGER. Telefilm 21.10 LE INDAGINI DI PADRE CASTELL. Telefilm. Con Francis FultonSmith, Christine Dring, Hans Peter Hallwachs 23.20 I BELLISSIMI DI RETE 4. 23.25 FILM ABOUT A BOY UN RAGAZZO. (Commedia, Usa, 2002). Di Paul Weitz, Chris Weitz. Con Hugh Grant

Canale5
mediaset.it/canale5 6.00 TG 5 PRIMA PAGINA. Attualit. Nel programma: Traffico; Meteo 5; Borse e Monete 8.00 TG 5 MATTINA. 8.40 MATTINO CINQUE. Variet. Con Federica Panicucci, Paolo Del Debbio. Nel programma: Tg 5 Ore 10 11.00 FORUM. Attualit. Con Rita Dalla Chiesa 13.00 TG 5. Nel programma: Meteo 5 13.40 BEAUTIFUL. Soap Opera 14.10 CENTOVETRINE. Soap 14.45 UOMINI E DONNE. Talk show. Con Maria De Filippi 16.15 POMERIGGIO CINQUE. Variet. Con Barbara DUrso. Nel programma: Tg 5 minuti 18.50 CHI VUOL ESSERE MILIONARIO. Quiz. Con Gerry Scotti. Nel programma: Tg 5 - Anticipazione 20.00 TG 5. METEO 5. 20.30 STRISCIA LA NOTIZIA. Tg Satirico 21.10 NON SMETTERE DI SOGNARE. Telefilm. Con Katy Saunders, Roberto Farnesi, Giuliana De Sio 23.45 MATRIX. Attualit. Con Alessio Vinci 1.30 TG 5 NOTTE. METEO 5. 2.00 STRISCIA LA NOTIZIA. Tg Satirico 2.30 SQUADRA MED - IL CORAGGIO DELLE DONNE. Telefilm

Italia1
mediaset.it/italia1 6.15 UNA PUPA IN LIBRERIA. Serie 6.55 CARTONI ANIMATI 8.45 PLASTIK ULTRABELLEZZA. Variet. Con Elena Santarelli 12.15 COTTO E MANGIATO IL MEN DEL GIORNO. 12.25 STUDIO APERTO. Nel programma: Meteo 13.00 STUDIO SPORT. 13.40 I SIMPSON. Cartoni 14.35 FUTURAMA. Cartoni 14.55 E ALLA FINE ARRIVA MAMMA! Serie 15.25 ZACK E CODY SUL PONTE DI COMANDO. Serie 16.25 ZEKE E LUTHER. Telefilm 16.50 CAMERA CAF. Serie 17.25 CAMERA CAF RISTRETTO. Serie 17.35 LOVE BUGS. Serie 18.10 COTTO E MANGIATO IL MEN DEL GIORNO. 18.30 STUDIO APERTO. Nel programma: Meteo STUDIO SPORT ANTICIPAZIONI. 19.00 STUDIO SPORT. 19.30 C.S.I. MIAMI. Telefilm 20.30 TRASFORMAT. Quiz. Con Enrico Papi 21.10 LE IENE. Variet. Con Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Ilary Blasi 24.00 SATURDAY NIGHT LIVE. Variet 1.25 POKER1MANIA. Variet 2.15 STUDIO APERTO - LA GIORNATA. 2.30 BEVERLY HILLS 90210. Telefilm 3.25 BEVERLY HILLS 90210. Telefilm

La7
la7.it 6.00 TG LA7. Nel programma: Meteo; Oroscopo; Traffico 6.55 MOVIE FLASH. Attualit 7.00 OMNIBUS. Attualit 9.40 COFFEE BREAK. Attualit. Con Tiziana Panella 10.30 (AH)IPIROSO. Attualit. Con Antonello Piroso 11.25 LISPETTORE TIBBS. Telefilm 12.30 DUE SOUTH - DUE POLIZIOTTI A CHICAGO. Telefilm. 13.30 TG LA7. 13.55 FILM IL RAGAZZO SUL DELFINO. (Avventura, Usa, 1957). Regia di Jean Negulesco. Con Sophia Loren, Alan Ladd, Clifton Webb. 15.55 ATLANTIDE - STORIE DI UOMINI E DI MONDI. Documentario 17.35 MOVIE FLASH. Attualit 17.40 LEVERAGE. Telefilm 18.40 JAG - AVVOCATI IN DIVISA. Telefilm 19.40 G DAY. Tg Satirico 20.00 TG LA7. 20.30 OTTO E MEZZO. Attualit. Con Lilli Gruber 21.10 EXIT - USCITA DI SICUREZZA. Talk show. Con Ilaria DAmico 24.00 TG LA7. 0.10 MOVIE FLASH. Att. 0.15 STORIA PROIBITA DEL 900 ITALIANO. Documentario 1.05 PROSSIMA FERMATA. Attualit. Con F. Guiglia

MTv
mtv.it 15.00 MTV NEWS. 15.05 JERSEY SHORE. Telefilm 16.00 MADE. Variet 17.00 DISASTER DATE. Variet 17.30 DISASTER DATE. Variet 18.00 TRL THE BATTLE. Musica 19.00 MTV NEWS. 19.05 I SOLITI IDIOTI. Variet 19.30 I SOLITI IDIOTI. Variet 20.00 NINAS MAL. Telefilm 21.00 TRL AWARDS 2011. Musica 24.00 SPECIALE MTV NEWS. 0.30 I SOLITI IDIOTI. Variet

Ricordando Modugno

Inchiesta choc sulla droga

Film documentario in omaggio all'arte e alla musica di uno dei pi grandi cantanti italiani: Domenico Modugno (foto). Nel docufilm, la vita artistica e umana del cantore di Volare viene ripercorsa attraverso il ricordo di artisti e amici: da Massimo Ranieri ad Adriano Aragozzini, Gigliola Cinquetti, Franco Migliacci, Enrica Bonaccorti, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro e altri ancora. Le immagini raccontano i luoghi dove nato e vissuto lartista: un'occasione per ripercorrere la straordinaria carriera di Modugno.

Ennesima inchiesta davvero scioccante. Luigi Pelazza mostra come avviene alla luce del sole lo spaccio di droghe pesanti in un bosco nel Gallaratese (nei pressi di Varese). Un ragazzo ex tossicodipendente ha accompagnato le Iene in questo bosco in cui un gruppo di spacciatori vende diversi tipi di droga. Lui e il complice delle Iene riescono a oltrepassare i controlli e a riprendere con una telecamera nascosta cosa davvero accade in quel posto. Ma alla fine vengono scoperti e rincorsi da un energumeno con un machete.

Deejay TV
12.00 DEEJAY HITS. Musicale 13.30 THE CLUB. Musicale 13.55 DEEJAY TG. 14.00 LOREM IPSUM. Musicale 14.15 MOTHERBOARD. Musica 15.00 THE FLOW. Musicale 16.00 DVJ POP. Musicale 17.00 ROCK DEEJAY. Musicale 18.00 DEEJAY NEWS BEAT. Musicale 18.55 DEEJAY TG. 19.00 UOMINI CHE STUDIANO LE DONNE. Attualit 20.00 LOREM IPSUM. Musicale 20.15 MOTHERBOARD. Musica 21.00 R.U.F.U.S. Musicale 22.00 DEEJAY CHIAMA ITALIA. Variet 23.30 TRIN TRUN TRAN. Musicale

Domenico Modugno Il grande volo, Raidue, 21.05

Le Iene show Italia 1, ore 21.10

Film e programmi
Hugh Grant playboy in crisi La scoperta di Katy Saunders

Federica Sciarelli Ilaria DAmico e i casi Claps e Shepp e il voto nelle citt
Federica Sciarelli racconta la storia di Patrizia, scomparsa a soli 19 anni: stato il padre a farla sparire. Inoltre ultimi aggiornamenti sul caso Claps e sulle gemelline Shepp. Chi lha visto? Raitre, ore 21.05 Chi leversivo? Il voto nelle citt e lo scontro tra poteri. In primo piano nel programma di Ilaria DAmico lItalia divisa tra il voto imminente e lo scontro istituzionale. Exit La7, ore 21.10

Digitale Terrestre

Single e ricco, Will (Hugh Grant, foto) cerca solo rapporti superficiali. Ma il suo stile di vita entra in crisi quando incontra il dodicenne Marcus che invade il suo mnage quotidiano. About a boy Retequattro, ore 23.25

Sesta puntata della fiction che racconta il suo sogno damore e di quello del ballo di Giorgia (Katy Saunders, foto). Oggi scopre di avere una sorellina e si confida con Lorenzo. Non smettere di sognare Canale 5, ore 21.10

PREMIUM GALLERY 14.15 HOLLYWOOD COLLECTION. Rubrica Studio Universal 14.18 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION IV. Telefilm JOI 14.45 FRANCIS ALLACCADEMIA. Film Studio Universal 14.46 THE O.C. I. Telefilm MYA 14.55 MALCOLM V. Telefilm STEEL 15.09 FUORI CONTROLLO. Film Premium Cinema 15.20 MALCOLM VI. Telefilm STEEL 15.36 UNA MAMMA PER AMICA I. Telefilm MYA 15.50 SMALLVILLE VII. Telefilm STEEL 15.59 MONK VI. Telefilm JOI 16.48 THE EVENT. Telefilm JOI 16.50 THE LAST DAYS OF DISCO. Film Studio Universal 16.59 JERSEY GIRL. Film MYA 17.12 THE EASTWOOD FACTOR. Film Tv Premium Cinema 17.39 THE EVENT. Telefilm JOI 18.25 HAMBURG DISTRETTO 21 III. Telefilm STEEL 18.49 LA PAPESSA. Film Premium Cinema 18.50 LA SCALA A CHIOCCIOLA. Film Studio Universal 19.08 MYA MAG. Rubrica MYA 19.15 HAMBURG DISTRETTO 21 III. Telefilm STEEL 19.21 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION III. Telefilm JOI 19.23 ONE TREE HILL V. Telefilm MYA 20.05 VISITORS I. Miniserie STEEL 20.09 THE PHILANTROPIST. Telefilm JOI 20.25 UNDER THE INFLUENCE. Show Studio Universal 21.00 GREEN ZONE. Film Premium Cinema 21.00 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION IV. Telefilm JOI 21.00 UGLY BETTY I. Telefilm MYA 21.00 PAURA DAMARE. Film Studio Universal 21.50 UGLY BETTY I. Telefilm MYA 21.50 TRAUMA I. Telefilm STEEL 21.51 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION IV. Telefilm JOI 22.40 THE TUDORS III. Telefilm MYA 22.40 BATMAN. Film STEEL 22.50 THE MENTALIST III. Telefilm

RAI 4 14.00 LISOLA DEI FAMOSI - INSIDE STORY. Reality 14.50 FLASHPOINT. Serie 15.40 WAREHOUSE 13 II. Serie 16.25 BEING ERICA. Serie 17.10 STREGHE VIII. Serie 18.00 THE LOST WORLD II. Serie 18.45 DOCTOR WHO. Serie 19.30 WAREHOUSE 13 II. Serie 20.20 FLASHPOINT. Serie 21.10 RUSH HOUR 3 - MISSIONE PARIGI. Film 22.45 ROME. Serie CIELO 16.55 ITALIAS NEXT TOP MODEL COLLECTION. Variet 18.05 PROJECT RUNWAY - TAGLIA, CUCI E.. Variet 19.00 CIELO TG24 SERA. 19.30 GLI SGOMMATI. Variet 19.35 BORIS. Telefilm 20.10 TOP CHEF. Variet 21.05 HELLS KITCHEN - IL DIAVOLO IN CUCINA. Variet 22.00 PROJECT RUNWAY - TAGLIA, CUCI E.. Variet

Matt Damon in missione in Iraq

Pam Grier hostess del denaro sporco

Bagdad, 2003. Roy Miller (Matt Damon, foto) e la sua squadra ricevono dai loro comandanti lincarico di scovare nel deserto dellIraq i depositi dove si suppone siano custodite armi di distruzione di massa. Ma scoprir di essere coinvolto in unaltra operazione. Green Zone Premium Cinema, ore 21

Jackie Brown (Pam Grier, foto) lavora come hostess in una piccola compagnia aerea e come secondo lavoro porta denaro sporco per il contrabbandiere darmi Ordell (Samuel L. Jackson). Quando la polizia la ferma, deve scegliere cosa fare. Dirige Tarantino. Jackie Brown Iris, ore 21

Corriere della Sera Mercoled 20 Aprile 2011

55
Forum Televisioni: www.corriere.it/grasso Videorubrica Televisioni: www.corriere.tv

Dal Satellite
Film e programmi
Gerard Butler ribelle in un videogame

Cinema
16.45 LA BELLA SOCIET 20 anni di storia italiana (1960-80) nella storia di due fratelli siciliani che a Torino conoscono una presunta terrorista. Sky Cinema 1 HD 17.10 IL SIGNOR ROBINSON MOSTRUOSA STORIA DAMORE E DAVVENTURE Durante una crociera un e timido turista (P. Villaggio) fa naufragio in unisola tropicale. Qui conosce unindigena esotica e affascinante... Sky Cinema Classics 17.15 LODORE DELLA NOTTE Roma, fine anni 70. Un poliziotto il capo di una banda di rapinatori, detta dellArancia Meccanica. Con V. Mastandrea e G. Tirabassi. Sky Cinema Hits HD 17.35 BROTHERS La vita del soldato Sam Cahill sconvolta dalla guerra in Afghanistan. Al suo ritorno, la famiglia ne subir le conseguenze. Sky Cinema Passion HD 17.40 LERA GLACIALE 3 - LALBA DEI DINOSAURI Stavolta Manny, Diego, Sid se la vedranno con i dinosauri. La ghianda d ancora filo da torcere allo sfortunato Scrat. Sky Cinema Family 17.55 2012 DOOMSDAY Il fatidico 2012, Giorno del Giudizio, coglie 4 stranieri in pellegrinaggio ai piedi di un antico Tempio Maya. Sky Cinema Max HD 18.35 CARLITOS WAY A. Pacino Carlito Brigante, un uomo che tenta inutilmente di uscire dal mondo della malavita. Irriconoscibile e perfetto S. Penn. Sky Cinema 1 HD 19.00 I DIABOLICI Due donne si uniscono contro luomo che entrambe amano uccidendolo. Simuleranno un incidente in piscina... Sky Cinema Classics 19.15 THE ITALIAN JOB Remake di Un colpo allitaliana, diretto nel 1973 da P. Collinson; ora con M. Wahlberg, C. Theron, D. Sutherland ed E. Norton. Sky Cinema Hits HD 19.20 MIMZY - IL SEGRETO DELLUNIVERSO Le peripezie di due intraprendenti bambini che trovano una strana scatola con alcuni oggetti curiosi... Pellicola del 2007. Sky Cinema Family 20.55 CORSE A PERDICUORE A Trieste, un giovanotto timido trova finalmente una ragazza che fa per lui. Con A. Luotto e M. DAngelo. MGM 21.00 ELF Un ragazzino allevato dagli elfi, da grande (W. Ferrell) decide di ritrovare suo pap. Divertente favola. Sky Cinema Family 21.10 PANDORUM - LUNIVERSO PARALLELO Due astronauti si risvegliano nella loro navicella senza nessun ricordo riguardo la loro missione. Li sveglia un rumore inquietante... Sky Cinema 1 HD 22.35 RIFLESSI IN UNO SPECCHIO SCURO Il sergente Johnson (S. Connery) deve fermare un killer che sevizia delle bambine. Tratto da unopera teatrale di John Hopkins, diretto da S. Lumet. MGM

Sport
11.00 BILIARDO: GIORNO 5 Campionato del Mondo. Diretta Eurosport 14.00 CICLISMO: FRECCIA VALLONE Diretta Eurosport 14.45 CALCIO: PARTITA INAUGURALE Torneo internazionale Citt di Rieti. Diretta RaiSport 1 16.30 BILIARDO: GIORNO 5 Campionato del Mondo. Diretta Eurosport 16.45 CALCIO: PEL 1958, 1962, 1966, 1970 FIFA World Cup Classic Players ESPN 16.50 CALCIO: COPPA DEI CAMPIONI: AMBURGO - JUVENTUS 1983 Tutto Coppe ESPN 16.55 BILIARDO: A BAR LUCIANA - LES JEUS SONT FAIT Campionato a squadre - Serie A RaiSport 1 17.00 RUGBY: NORTHAMPTON SAINTS ULSTER Heineken Cup Sky Sport 2 HD CALCIO: SPARTAK MOSCA PORTO Europa League Sport Italia 17.45 CALCIO: 2006 GERMANIA FIFA Mini World Cups ESPN 18.00 AUTOMOBILISMO: EP. 15 Grand Prix Story ESPN BASKET: BRINDISI - TERAMO Serie A Sky Sport 2 HD 18.25 CALCIO: SAMPDORIA - LECCE Serie A. Diretta RaiSport 1 18.30 AUTOMOBILISMO: EP. 16 Grand Prix Story ESPN TENNIS: GIORNO 3 Torneo WTA di Stoccarda. Diretta Eurosport 19.00 CALCIO: COPPA DEI CAMPIONI: PORTO - BAYERN MONACO 1987 Tutto Coppe ESPN WRESTLING: EP. 42 WWE Superstars Sky Sport 2 HD 20.00 MOTOCICLISMO: 2004 PHILLIP ISLAND (MOTOGP) Top 10 Valentino Rossi ESPN TENNIS: FINALE ATP World Tour 1000 Masters Montecarlo Sky Sport 2 HD 20.15 BILIARDO: GIORNO 5 Campionato del Mondo. Diretta Eurosport 20.30 PALLAVOLO: QUARTI DI FINALE Campionato Italiano. Diretta RaiSport 1 20.40 CALCIO: TOTTENHAM HOTSPUR ARSENAL Premier League. Diretta Sky Sport 1 HD 21.00 CALCIO: INTERNACIONAL EMELEC Copa Libertadores Sport Italia 22.00 PUGILATO: MUHAMMAD ALI - LA LEGGENDA ESPN Boxing ESPN 22.15 BASKET: DALLAS - PORTLAND NBA Sky Sport 2 HD 22.30 ARTI MARZIALI: TROFEO CARIPRA RaiSport 1 23.00 CALCIO: CHIEVO - ROMA 15/05/10 Serie A Roma ESPN CICLISMO: FRECCIA VALLONE Eurosport CALCIO: CHELSEA - BIRMINGHAM CITY Premier League Sky Sport 1 HD 24.00 PUGILATO: JOHN H. STRACEY ESPN Boxing ESPN

A fil di rete
di Aldo Grasso

Limprevedibilit del Grande fratello


opo undici stagioni e un numero imprecisato di concorrenti, resta ancora qualcosa da dire sul Grande fratello, il reality che ha segnato un punto di non ritorno, una linea di demarcazione tra due diverse et della tv? Con una puntata interminabile e sfiancante, in un trionfo di rvm riepilogativi, parenti in lacrime, grida isteriche (soprattutto dellultima donna in gara, Margherita Zanatta) e confronti tra i protagonisti guidati dalla conduzione Vincitori e vinti zuccherosa di Alessia Marcuzzi, si chiusa ledizione pi lunga del reality, durata sei Mel mesi, iniziata tra le polemiGibson La Passione che sulluso disinvolto della batte la bestemmia da parte dei parteStoria. Nella cipanti e conclusasi con il settimana di Pasqua, trionfo di Andrea Cocco, litaLa7 mette in onda La lo giapponese dai modi eduPassione di Mel cati. Gibson, incorniciata dal Dalla prima, memorabile dibattito con Enrico edizione, molto cambiato, Mentana: gli spettatori, per molti versi la sperimentanella sovrapposizione, zione si fatta maniera: la sono 1.704.000, 6% di principale trasformazione ha share coinvolto i modi di innescare le interazioni tra i concorrenTina ti. Si sa che il reality una forAnselmi midabile macchina narratiRaitre va, che deve il suo successo superata da principalmente alla riuscita La7: La del processo di selezione dei Grande Storia di Raitre partecipanti: se il cast azzecfa parlare Giuliano cato, fatta, basta aspettare Vassalli e Tina Anselmi. che le personalit emergano, Per 1.079.000 che i caratteri si scontrino nelspettatori che seguono lo spazio auto-concluso della il programma in casa. Mai come in questa edisovrapposizione, 3,8% zione, per, stato il confrondi share to con il mondo esterno a innervare il racconto del reality, a generare discorso e commento: dallo svelamento del tradimento subito da Andrea e Margherita, al passato difficile di Ferdinando. La dilatazione dei tempi del programma, dovuta a ragioni aziendali, ha avuto in realt anche un curioso effetto stilistico, oltre alla necessit di un continuo ricambio del cast: per chi rimasto pi a lungo sotto locchio delle telecamere, sono alla fine cadute tutte le maschere di prevedibilit dei comportamenti. Proprio in questo sottile margine di imprevedibilit sta forse il fascino del format, la sua ragione di vita catodica dopo pi di un decennio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

2034: i detenuti di un carcere sono manovrati dai giocatori di un videogame online che li costringono a combattere fra loro. Ma Kable (Gerard Butler, foto), campione da 27 incontri, decide di ribellarsi. Gamer Sky Cinema 1, ore 23

Tom Hanks guida una banda di ladri

Per arrivare al forziere di un casin, una sgangherata banda di ladri guidata da un professore (Tom Hanks, foto) affitta la cantina di unanziana vedova. Che scopre il piano. Regia dei fratelli Coen. Ladykillers Sky Cinema Comedy, ore 21

LaBeouf e Monaghan Un ricatto misterioso

Serie Tv
14.05 15.10 16.55 17.50 NIN Disney Channel I-CARLY Nickelodeon I SIMPSON Fox HD SONNY TRA LE STELLE Disney Channel WILL & GRACE Fox Life GRANI DI PEPE III Rai Gulp BIG TIME RUSH Nickelodeon HANNAH MONTANA Disney Channel C.S.I. MIAMI Fox Crime HD LIFE BITES Disney Channel BATMAN Nickelodeon WHITE COLLAR Fox HD INCINTA PER CASO Fox Life SPARTACUS: SANGUE E SABBIA Sky Uno N.C.I.S. ANTHOLOGY Fox Crime HD C.S.I. MIAMI Fox Crime HD I GRIFFIN Fox HD

Intrattenimento
14.15 15.15 15.20 16.15 17.00 18.20 18.25 19.05 19.15 20.10 20.45 21.00 22.00 22.15 23.00 23.50 23.55 ALLA CASA CI PENSA LUI LEI THE RACHEL ZOE PROJECT E! CHEF PER UN GIORNO LEI TELENOVELLIAMO LEI TOUGH LOVE E! S.O.S. TATA Fox Life TOP CHEF - SOLO DESSERTS LEI GLI SGOMMATI Sky Uno THE RACHEL ZOE PROJECT E! CHEF PER UN GIORNO LEI TOP CHEF LEI DANCE TIME Disney Channel BRIDALPLASTY E! GLI SGOMMATI Sky Uno THE REAL L WORD E! WIPEOUT - PRONTI A TUTTO K2 GLI SGOMMATI Sky Uno VIVA VIVALDI! Classica I ROBINSON K2

Ragazzi
18.40 18.45 19.20 19.30 20.00 20.10 21.15 21.20 SIAMO FATTI COS DeAkids TOM & JERRY TALES Boomerang A TUTTO REALITY: IL TOUR! K2 BEN 10 Cartoon Network LA PANTERA ROSA Boomerang DUE FANTAGENITORI K2 LA FORESTA DEI SOGNI Boomerang LE NUOVE AVVENTURE DI SCOOBY-DOO Cartoon Network I PINGUINI DI MADAGASCAR Nickelodeon FREESTYLE DeAkids A TUTTO REALITY: IL TOUR! K2 ROBOTBOY Cartoon Network DUE FANTAGENITORI Nickelodeon TOOT & PUDDLE Boomerang A TUTTO REALITY: IL TOUR! K2 FARHAT Rai Gulp

Documentari
13.10 14.05 14.20 15.05 16.20 17.30 18.05 19.05 21.05 21.10 21.25 21.55 22.00 TOP MACHINE Discovery Science MEGA WORLD Discovery Science ESPN FILMS ESPN COME FATTO Discovery Science LA NUOVA CASA DEI SOGNI LEI LUOMO DEI LEONI Sky Uno TOP MACHINE Discovery Science GADGET SHOW Discovery Science MITI A MOTORE National Geographic COME FATTO Discovery Science SCIENZA DELLINCREDIBILE National Geographic IL MEDITERRANEO DI FRANCESCO Yacht & Sail IL GIRO DEL MONDO IN 80 ISOLE Yacht & Sail ANIMAL ARMAGEDDON Discovery Channel HD

Jerry e Rachel (Shia LaBeouf e Michelle Monaghan, foto) non si conoscono, ma le loro strade si uniscono quando una misteriosa donna inizia a ricattarli e a impartire ordini a entrambi. Eagle Eye Sky Cinema Hits, ore 21.10

18.05 19.15 19.20 20.50 21.00 22.00 22.10 22.45 22.55 23.10 23.45 0.40 0.45

21.25 21.45 21.50

Thriller fotografico con Robin Williams


Il film che segna lesordio in veste di cattivo di Robin Williams, qui ossessivo persecutore di una famiglia che non corrisponde pi allimmagine da lui costruita sviluppandone le foto. One hour photo Sky Cinema Hits, ore 23.20

Radio
RADIO 1 rai.it 13.35 ATTENTI A PUPO. 14.05 CON PAROLE MIE. 14.45 NO COMMENT. 15.35 BAOBAB - LALBERO DELLE NOTIZIE. 17.20 IL COMUNICATTIVO. 17.40 TORNANDO A CASA. 19.20 RADIOUNO SPORT. 19.30 LA MEDICINA. 19.35 ASCOLTA, SI FA SERA. RADIO 2 13.35 ITALIA150. BAZ. 13.40 UN GIORNO DA PECORA. 15.00 COS PARL ZAP MANGUSTA. 15.15 OTTOVOLANTE. 16.00 BRAVE RAGAZZE. 17.00 610 (SEI UNO ZERO). 18.00 CATERPILLAR. 19.50 MARINAI, PROFETI E BALENE. 20.00 DECANTER. rai.it RADIO 3 rai.it 13.00 LA BARCACCIA. 14.00 TRE COLORI. 14.30 ALZA IL VOLUME. 15.00 FAHRENHEIT. 16.00 AD ALTA VOCE. 18.00 SEI GRADI. UNA MUSICA DOPO LALTRA. 19.00 HOLLYWOOD PARTY. 19.50 RADIO 3 SUITE. 20.30 IL CARTELLONE. RMC 7.00 9.00 10.00 11.00 13.00 15.00 18.00 20.00 22.00 radiomontecarlo.net SI SALVI CHI PU DESI, LUISELLA RAPHAEL. ALFONSO SIGNORINI SHOW. IN TEMPO REALE FARCHETTO, VENEGONI. TEO TEOCOLI G. MANCINI. IN THE MUSIC BRAGATTO. IN THE MUSIC DI MAGGIO. ANTEPRIMA NEWS M. VALLI. MARCO PORTICELLI. MONTE CARLO NIGHTS NICK NIGHTFLY. RADIO 105 105.net 7.00 TUTTO ESAURITO GALLI, PIZZA. 10.00 105 FRIENDS TONY, ROSS. 13.00 105 ALLUNA CATTELAN. 14.00 LO ZOO DI 105 M. MAZZOLI. 16.00 MUSIC & CARS ALVIN, DJ GIUSEPPE. 19.00 105 NON STOP YLENIA, BRIGANTE, LEONE DI LERNIA. 21.00 105 NIGHT EXPRESS SPADA, FABIOLA. 23.00 LO ZOO DI 105 M. MAZZOLI. VIRGIN RADIO virginradioitaly.it 7.00 BUONGIORNO DR FEELGOOD. 9.30 VIRGIN ROCK LIVE ANDREA ROCK. 10.30 THE ROCKET MARCO BIONDI. 12.30 MUSIC HISTORY PAOLA MAUGERI. 13.30 VIRGIN INVESTIGATION BUREAU. 14.00 REVOLVER RINGO. 18.00 VIRGIN GENERATION. 19.30 VIRGIN INVESTIGATION BUREAU. 20.30 VIRGIN ROCK LIVE.

56

Mercoled 20 Aprile 2011 Corriere della Sera