Sei sulla pagina 1di 28

PICCOLO giornale del

CREMASCO
Il

Direttore responsabile: Sergio Cuti Societ editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474
Direzione e redazione via Tensini Crema tel e fax 0373 30795 email incomsc@gmail.com Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona
Pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012
Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it

0,02 Copia Omaggio

ANNO III NUMERO 44 SABATO 22 NOVEMBRE 2014

Il confronto in Comune ha messo in rilevo come la tensione sia altissima e la citt sia spaccata: proteste, commenti sprezzanti, sfott e qualche insulto

MOSCHEA, NIENTE CONSULTAZIONE POPOLARE


IL PUNTO DI VISTA/1

A PAGINA 12

I visori notturni
contro i furti

Una storia mia,


da raccontare

di Federico Biondini
federico.biondini@logiman.it

abato 15 novembre, ore 20, ore 14


circa. Davanti alla televisione, mentre guardo il Tg 1 mi appare Luca
Lotti - dal 28 febbraio 2014 sottosegretario alla presidenza del consiglio dei
ministri, lunico personaggio dellattuale
governo che pu dire di no a Renzi - che
sosteva: Dobbiamo agevolare le imprese
e permettere loro di investire.
Chiaro esempio di chi predica bene e mazzola male. Come posso lasciarmi andare
ad un commento simile? Il perch semplice, potreste rispondere, perch tu sei
di destra e allora ce lhai con la sinistra.
No. Non cos che funziona. Lo posso dire
perch parlo di me, della mia professione,
della mia esperienza! Tutta farina del mio
sacco! Il buon Lotti fu la persona di riferimento del comune di Firenze con cui discussi, circa quattro anni fa, dell'opportunit di far lavorare in questo Comune una
multinazionale che aveva peraltro gi approvato linvestimento. In quel periodo
feci continuamente su e gi dagli Appennini, neanche fossi andato a pregare in un
santuario.
Aggiungo anche che furono presentati
progetti che rispettavano tutti i regolamenti urbanistici, compresa la destinazione
duso dellarea. La faccio breve: il comune
nella sua immobilit non agevol le imprese e i loro investimenti come oggi sostiene Lotti. Lultima tappa di questo strazio fu lincontro con la responsabile
dellufficio tecnico del comune di Firenze
che ci disse chiaro e tondo che da parte
del amministrazione Comunale, bench il
progetto rispettasse tutti i paletti posti, non
cera la volont di farci realizzare lopera. Proprio cos.
Ai fiorentini stata cos tolta la possibilit di avere 50 posti di lavoro "freschi" a
tempo indeterminato, investimenti per circa 20 milioni, e 250 posti di lavoro per
circa 2 anni
Nel servizio successivo, sempre al Tg1,
c era un altro politico che diceva: Serve
una classe di imprenditori allaltezza...
Infatti. Con questi s'ampiantem p.

IL PUNTO DI VISTA/2

IL PUNTO DI VISTA/3

di Daniele Tarenzi info@tarenzicar.it

E noi continuiamo a farci del male

l mestiere antico della famiglia Cinzano, vinificatori dal 1757, si preservato negli anni. Ora il grande stabilimento dellazienda,
a Santa Vittoria dAlba, nel Cuneese, in
mano alla multinazionale Diageo, leader mondiale nella produzione di bevande alcoliche. Ha
consolidato manodopera, innovazione, saperi
made in Italy. Il risultato? Occupazione anche
per lindotto, creazione di ricchezza senza far
concorrenza ai produttori locali perch imbottigliano e confezionano anche per lestero: vodka,
rum, vini doltre oceano.

Ma la mannaia dellultimo aumento delle accise sugli spirits (scatter dsal 1 gennaio su firma ancora
del governo Letta) rischia di compromettere tutto. E non solo a Santa Vittoria dAlba. Federvini,
con Assobirra, in allarme: la pressione fiscale
record (+ 30% in soli 15 mesi) potrebbe determinare qualcosa come 9mila esuberi nelle filiere.
Siamo alle solite. Perch una multinazionale dovrebbe venire o restare nel Belpaese per farsi del
male? Ma soprattutto: perch noi italiani continuiamo a farci del male?
A PAGINA 9

CASERMA DEI POMPIERI:


CONTRORDINE COMPAGNI

di Salvatore Vetere
s.vetere@ddlspa.it

ome la signora Stefania Bonaldi


un sindaco, cos sindaco anche
Claudio Sessa, primo cittadino di
Torre Boldone, comune di 8.500
abitanti circa, in provincia di Bergamo.
Eletto nel 2009 stato riconfermato nel
maggio scorso. Perch ne parlo? Perch in
questa comunit i furti sembravano non
avere mai fine. Cos i cittadini si sono rivolti al loro sindaco e, insieme, hanno deciso di organizzare squadre di volontari per
controllare il comune negli orari pi critici.
Sessa, gi da sei mesi, cio da quando lo
hanno rieletto, ha preso labitudine di girare per le vie della cittadina negli orari
considerati pi a rischio, in compagnia di
assessori e cittadini volontari. Pronti a
contattare le forze dellordine in caso di
avvistamento di soggetti e situazioni sospette. Il gruppo, ora, formato da 40 persone circa. Ma il sindaco di Torre Boldone
si augura che il numero aumenti presto a
50. Alcune di queste persone sono state loro stesse vittime di furti e aggressioni, altre
partecipano per solidariet verso i propri
concittadini. Il gruppo ha preso il nome di
volontari osservatori del territorio, ed
quasi pronto un regolamento che ora al
vaglio del comandante dei vigili. Non si
tratta di unassociazione, ma di un gruppo
comunale che fa capo a me come sindaco
avverte Claudio Sessa. Monitoriamo il
territorio ,soprattutto negli orari e nei punti pi critici. Lui e alcuni assessori hanno
deciso di acquistare a loro spese alcuni visori notturni e altri strumenti per facilitare
il lavoro di monitoraggio. Sono dei rambo
in salsa bergamasca? Neppure per sogno.
Il sindaco, infatti, ammette: Mi rendo conto che questo tipo di azione difficilmente
risolver il problema, ma comunque ritengo che sia un aiuto alle forze dellordine e
un gesto di solidariet verso i cittadini e le
persone pi deboli, come anziani e ragazzini, che sono pi facilmente le vittime di
furti e aggressioni. Vogliamo far sentire alla gente che gli siamo vicini.
Clausio Sessa stato appena rieletto;
Stefania Bonaldi lo sar?

CREMONA
TRASPORTO FERROVIARIO

Cinzia Faris, nuovo


a.d. di Trenord

Cinzia Faris il nuovo amministratore delegato di Trenord, la societ ferroviaria che


gestisce il trasporto regionale in Lombardia.
Il neo-insediato Cda presieduto da Vincenzo

Soprano ha nominato la manager 50enne,


originaria della Val Camonica, che aveva gi
lavorato in Fnm Cargo, ora Nordcargo, la divisione merci del gruppo Ferrovie Nord.

Danni dellalluvione, chiesto lo stato di emergenza

di Laura Bosio

e l'emergenza piena ormai


passata, ora il momento della
conta dei danni. Non sono pochi, soprattutto considerato
che la piena, che ha visto il suo
culmine nella notte tra luned e marted,
la terza per rilevanza negli ultimi anni,
dopo quella del 2000 e del 1994.
Secondo i dati trasmessi dalla Regione Lombardia, il territorio cremonese quello che ha avuto pi persone
evacuate: ben 300 sono stati coloro
che hanno dovuto abbandonare le proprie case per fuggire dal rischio di
esondazione, anche se per fortuna
questa volta la frazione di Sommo Con
Porto si salvata dall'allagamento totale, come invece era accaduto nel
2000. Inoltre sono stati sgomberati alcuni allevamenti di animali nella zona
di Pizzighettone. Ci sono stati danneggiamenti ad attracchi, zone golenali e
altro. Tanto che la Provincia di Cremona ha richiesto proprio in questi giorni
lo stato di emergenza per evento rischio idraulico. Parte del territorio
della provincia di Cremona, attraversato da quattro tra i pi importanti fiumi
italiani: Po, Oglio, Adda e Serio, stato
interessato da fenomeni idraulici rilevanti su tutto il reticolo idrico maggiore
e minore e, soprattutto, da un onda di
piena del fiume Po, che ha comportato
una serie di interventi di protezione civile nonch un monitoraggio straordinario 24 ore su 24 degli argini fluviali dice il presidente Carlo Vezzini -. Tali
eventi hanno provocato, numerosi allagamenti, evacuazioni della popolazione, interruzione di collegamenti viari,
determinando forti disagi alla popolazione di tredici Comuni, ivi compreso il
capoluogo. Ci ha determinato un pericolo per lincolumit delle comunit locali, provocando levacuazione di alcuni nuclei familiari dalle loro abitazioni
nonch lo spostamento di attivit imprenditoriali e la delocalizzazione di
animali.
Per superare la situazione di emergenza, si sono messe in atto misure

Ben 300 gli sfollati sul territorio. Sono ingenti i danni al comparto agricolo

straordinarie, che hanno reso necessario l'impiego di mezzi notevoli e il coinvolgimento di tutte le strutture di prote-

zione civile della provincia: Provincia,


Prefettura, Aipo, Vigili del Fuoco, Forze
dellOrdine, ASL, tutte le Organizzazio-

ni di Volontariato della Provincia (con il


supporto anche della quota regionale),
i militari del X Reggimento Genio Guastatori di Cremona, tutti sono stati impiegati per le attivit tecnico-operative
pi varie, compresa la realizzazione di
opere provvisionali di difesa spondale.
Tutto ci fa ritenere che si ricorra nella
fattispecie ai presupposti previsti
dallart. 5 comma 1 della L. 225/92 e
s.m.i., ovvero che sussistano le condizioni per richiedere la dichiarazione
dello stato di emergenza, per dare supporto e concretezza ai primi interventi
di soccorso e a anticipazione per il ristoro dei danni conclude Vezzini.
DANNI IN AGRICOLTURA
La situazione pi pesante la sta probabilmente subendo il comparto agricolo: si parla di milioni di euro di danni.
Negli ultimi 20 anni per riparare i danni
di frane ed alluvioni stato speso quasi
il triplo di quanto stato stanziato per
la prevenzione fa sapere la Coldiretti,
analizzando i dati emersi alla Conferen-

za nazionale sul rischio idrogeologico.


Si parla di circa 8,4 miliardi di euro di
finanziamenti statali dati a politiche di
prevenzione a fronte di una spesa 22
miliardi di euro nello stesso periodo per
riparare i danni causati da frane ed alluvioni. Il bilancio peraltro ancora pi
grave sottolinea la Coldiretti - se si
considerano le vittime e tragedie familiari che frane e alluvioni hanno provocato. Investire nella prevenzione sempre pi urgente, soprattutto a fronte di
precipitazioni, sempre pi violente e
frequenti. Ricordiamo che pi di 5 milioni i cittadini italiani ogni giorno vivono
o lavorano in aree considerate ad alto
rischio idrogeologico e che sono 6.633
i Comuni (82 per cento del totale) che
hanno allinterno del territorio aree ad
elevato rischio di frana o alluvione. A
questa situazione di fragilit territoriale
non estraneo il fatto che lItalia ha
perso negli ultimi venti anni 2,15 milioni
di ettari di terra coltivata per effetto
della cementificazione e dellabbandono che ha tagliato del 15 per cento le
campagne colpite da un modello di
sviluppo sbagliato che ha costretto a
chiudere 1,2 milioni di aziende agricole
nello stesso arco di tempo.
E qui entra in gioco il problema del
consumo di suolo, tanto dibattuto in
questi giorni, anche a fronte dell'approvazione della relativa legge in Regione,
nei giorni scorsi. Negli ultimi venti anni
precisa la Coldiretti - 480 metri quadrati al minuto di territorio sono stati coperti
ininterrottamente con asfalto e cemento,
edifici e capannoni, servizi e strade con
la conseguente perdita di aree aperte
naturali o agricole capaci di assorbire
lacqua in eccesso, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ispra. Per proteggere il territorio e i cittadini che vi vivono
lItalia deve difendere il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilit di
terra fertile dalla cementificazione nelle
citt e dallabbandono nelle aree marginali con un adeguato riconoscimento del
ruolo, economico, ambientale e sociale
dellattivit agricola.

Cronaca

Sabato 22 Novembre 2014

Polizza contro lalluvione? No grazie

Abbiamo sentito alcuni agenti e tutti ammettono la poca volont nell'accettare il rischio. Fortunato chi ha sfruttato lo spiraglio tra il 94 e il 2000

Il governo chiede che siano i cittadini ad assicurarsi, ma le compagnie non lo consentono. Lunica via lobbligatoriet

di Vanni Raineri

a anni ormai lintenzione di chi ci governa


chiara: per garantirsi i
risarcimenti danni a
seguito di calamit naturali necessario che privati e
aziende si assicurino presso le
varie compagnie, stipulando polizze individuali. Il motivo sta nelle
sempre maggiore frequenza con
cui si verificano gli eventi e nelle
casse sempre pi vuote dello
Stato. Le cifre daltro canto sono
imponenti: lItalia (dati Ocse)
spende in media lo 0,2% del proprio pil per far fronte ai danni da
catastrofi naturali, e tali spese
sono sempre crescenti. Questo
per cause che vanno da motivi
climatici anche a colpe umane:
solo la scorsa settimana abbiamo
verificato come la manutenzione
dei fossi, nel caso delle alluvioni,
sia pericolosamente diminuita. Lo
stesso Stato, a causa della pesante situazione economica, ha
ridotto gli interventi per prevenire
i disastri, cos che le ripercussioni
per le varie comunit interessate
si prolungano nel tempo.
Lalluvione, cos come il terremoto, non sono catastrofi imprevedibili, ma eventi che puntualmente si verificano in un paese
come il nostro che purtroppo vi
soggetto per natura. Vanno dunque trattati come tali, anche nel
sostenerne il rischio. Per questo
da circa ventanni che in un modo
o nellaltro il governo tenta di far
s che siano i cittadini a sostenere
il peso economico di tale rischio,
concentrando le proprie risorse
nelle opere di prevenzione e non
solo di ripristino e risarcimento.
Ad avvicinarsi pi di tutti
allobiettivo fu Mario Monti che
nel 2012 pens bene di costringere gli italiani a stipulare le poliz-

Una casa minacciosamente circondata dal Po nell'alluvione di inizio settimana

ze obbligatoriamente, il che in realt avviene in parecchi paesi europei. Un po quel che accade nel
caso delle polizze auto. Monti inser l'obbligo all'articolo 2 del decreto legge che si proponeva di
riformare la protezione civile. Tale
articolo fu per abolito dal Parlamento, ed oggi ci ritroviamo in
una giungla in cui il cittadino si
districa a fatica.
Questo perch, di fatto, nessuna compagnia assicura volentieri
il danno da alluvione. Altra questione il terremoto, rischio che
oggi, grazie anche alla presenza
di precise mappature territoriali,
si pu assicurare in modo quasi
completo.
Provate voi stessi a rivolgervi a
qualche agenzia assicurativa: difficilmente vi verr risposto direttamente che la polizza che copre
il rischio alluvione non si pu stipulare, ma di fatto uscirete
dallufficio senza quel documento.
Abbiamo sentito a tal proposito alcuni agenti di una certa importanza, sulle piazza di Cremona
e di Casalmaggiore (i due centri
principali della provincia per il ri-

schio alluvione). Ne abbiamo garantito lanonimato, in quanto, pi


che unintervista, ci interessava
sapere davvero come stanno le
cose.
Non tutte le compagnie assicurano alluvione e terremoto ci
dice un agente cremonese -. Posto che in golena nessuno pu
pi assicurarsi contro lesondazione del Po, tale rischio lo si copre in caso di clienti di una certa
importanza (ma inserendo franchigie adeguate) e attivit produttive. Qualche societ canottieri
ad esempio si assicura. Per il terremoto diverso: ci sono centri
nazionali che riconoscono i rischi
dei vari siti, e in base allindice di
pericolosit si decide se assicurare e a quali condizioni. Tabelle
precise per le compagnie sul rischio alluvione non ce ne sono.
Diciamo che alle aziende la polizza si concede (copre al massimo
il 70-80% del danno), per il privato pu al momento limitarsi a risarcimenti fissi, del tipo si incassa
un risarcimento di 50mila euro
pagando un premio annuale di
500 euro, indipendentemente dal
valore della casa. Il settore poco

Un'area di escavazione completamente ricoperta dall'acqua


e i mezzi spostati sull'argine maestro a Torricella

disciplinato, di fatto le compagnie


lo rifiutano, perch per loro non
ne vale la pena.
Si dice che se ci fosse lobbligo le cose cambierebbero. Spero accada. E comodo non cautelarsi e sperare che poi ci pensi lo
Stato. Con lobbligo di coprire le
calamit naturali, lo Stato avrebbe un notevole risparmio. Potendo concentrare le sue risorse nella prevenzione. E magari anche
nellincentivare tali polizze: pagherebbe sempre meno rispetto
agli ingenti risarcimenti. Magari
si pu fare con tariffe flat (a prezzo fissato) applicate dalle compagnie. Lideale sarebbe trattarle
come le polizze auto: obbligatorie
ma libere, col controllo dellantitrust.
Veniamo ora a un agente casalese. Il terremoto si concede a
tutti, linondazione e alluvione come garanzie catastrofali le diamo
solo alle aziende. Non abbiamo
nemmeno in catalogo la possibilit di dare la garanzia, anche se
qualche deroga pu esserci, nel
caso il cliente sia gi nostro e conosciuto. So che si sta valutando
un prodotto per assicurare il ri-

schio tramite una societ interna


riassicurandosi a livello internazionale. Il problema che per diminuire i costi necessario che
ad assicurarsi sia un numero tale
di persone che consenta di diminuire i costi. Una raccolta premi
sostenibile per risarcire poi i danni.
Cos un altro agente: Devo
ammettere che le compagnie certi tipi di rischi non li coprono volentieri. Vale a dire? Abbiamo
prodotti legati al terremoto: possiamo coprire il 50% o il 70% dei
danni, al netto delle franchigie,
dopo una visita di tecnici che valutano la zona e il tipo di edificio
da assicurare. Il rischio alluvione
lo affrontiamo collegato ad aziende, discorso diverso per le abitazioni. Come mai? Le persone
che sentono tale esigenza sono
quelle che solitamente hanno un
rischio maggiore, e se si assicurassero solo loro, dovrebbero pagare premi elevatissimi. L'unico
modo per abbassare i premi sarebbe rendere obbligatoria la polizza. Dunque dovrebbe intervenire lo Stato. Certo, nessuna
compagnia al momento sta assi-

curando il rischio alluvione a Genova, per fare un esempio. Lo


Stato corrisponde a chi ha perso
la casa nel terremoto dell'Emilia il
50% della cifra necessaria, ma
spesso il cittadino non in grado
di addossarsi il rimanente 50%,
perch magari sta ancora pagando il mutuo della casa. La copertura va resa obbligatoria. Oggi gli
unici cittadini che sono coperti
sul rischio alluvione sono coloro
che hanno sfruttato l'unica possibilit che si apr tra il 1994 e il
2000, sono in pratica gli unici ad
avere garanzie, e spesso hanno
una copertura del 70%.Fino a
che disdetta non li separi... La
grave alluvione del 2000 ha in
pratica convinto le compagnie a
non accettare pi il rischio.
Non molto diversa la situazione presentata da un ulteriore
agente: Da un anno abbiamo la
possibilit di stipulare polizze che
coprono gli eventi sismici, precisamente l'85% del valore di ricostruzione e l'intero contenuto.
Ovviamente dipende dalla localit
in cui si trova l'abitazione. S, il
coefficiente cambia a seconda
della provincia. Devo dire che
stiamo facendo parecchie di queste polizze, la gente sempre pi
sensibile sul tema. Quanto costa? I premi sono bassi: il premio
minimo di 85 euro all'anno per
case del valore di 300mila euro, e
si arriva fino a poco pi di 120
euro all'anno. S, ma l'alluvione?
Valutiamo solo rischi industriali,
per il momento non i privati.
Dunque non sembra esserci
scampo: o lo Stato introduce
lobbligo, e il settore si disciplina
come avviene quasi dappertutto
allestero, o tocca sperare che
non accada a noi. Ma siamo in
grado, oberati di tasse di ogni tipo, di accollarci anche una polizza del genere?

Cronaca

Sabato 22 Novembre 2014

Il bullismo al tempo di internet


Attenzione alta sullutilizzo della rete da parte dei giovanissimi. Casarotti (Polizia Postale): E forte il rischio di diventare delle vittime o di cadere nellillegalit

Un fenomeno in crescita, soprattutto nei social network. Molto frequente infatti la sottrazione del profilo Facebook, utilizzato per prendere di mira qualcuno

di Laura Bosio

ttenzione alta a Cremona sul


tema del bullismo e soprattutto del cyberbullismo, fenomeno sempre pi frequente, come recentemente denunciato dalle associazioni dei consumatori. Al punto che recentemente il
Ministero dellInterno ha deciso di avviare una Campagna che attraverso lattivazione di un servizio sms, permette a
chiunque ne vittima o testimone, di
segnalare fenomeni di bullismo attraverso linvio di un semplice messaggio. Si
tratta di un numero a 5 cifre preceduto
dal prefisso delle singole citt.
L'interesse sulla questione anche
dimostrato dalle numerose iniziative
messe in campo in questi giorni, dal
convegno svoltosi venerd all'Einaudi,
su temi come disagio, prepotenza, bullismo, fragilit relazionale. O come il convegno in programma per sabato a Palazzo comunale, sul tema Genitori e figli nel web - La comunit locale e le
nuove tecnologie. Un convegno organizzato in occasione della pubblicazione
di un volume sul tema, in cui si analizzano i problemi legati alla crescente propensione allutilizzo degli strumenti digitali da parte di bambini e ragazzi. E che,
talvolta, non si accompagna a una corrispondente consuetudine e familiarit
alluso del Web da parte di genitori ed
educatori.
Il punto chiave fondamentalmente
la responsabilit nellutilizzo del Web spiega Gerardo Paloschi, direttore generale di Linea Com e autore dellintervento introduttivo -. Occorre mettere a
tema il criterio di giudizio e una visuale
che consenta di meglio comprendere
vincoli ed opportunit di questa rivoluzione digitale, cos da permettere ai ragazzi di sfruttare al massimo ed in modo
creativo gli indubbi vantaggi della rete.
Ma per arrivare ad un utilizzo virtuoso
della rete, bisogna conoscerne i rischi. E
il bullismo proprio uno di quelli che in
questi anni si sono mostrati pi insidiosi.
Cos come spiega l'ispettore capo Al-

Come riconoscere il giovane vittima di bullismo


Il ragazzo che stato vittima di
episodi di bullismo o manifesta segnali pi o meno espliciti, che ad
un controllo attento possono essere facilmente riconoscibili, e consentono al genitore e all'educatore
di rendersi conto che qualcosa non
va. In particolare.

berto Casarotti, responsabile della sezione Polizia postale e delle comunicazioni di Cremona, intervenendo nel volume promosso da LineaCom e realizzato
da Paloschi insieme ad Alessandra Mariotti, proprio sui rischi del web per i
giovanissimi.
Il bullismo ai tempi di internet, come
spiega il funzionario, un fenomeno in
crescita. A noi si rivolgono sempre pi
genitori, che scoprono, guardando il
profilo del figlio su Facebook, le chat o
gli sms, che preso di mira da un bullo,
che online lo infastidisce, lo minaccia, lo
offende, lo perseguita. Altre volte, inve-

Segnali espliciti: il ragazzo torna


a casa coi vestiti stracciati o sgualciti,
con i suoi oggetti personali rovinati,
chiede o ruba denaro in casa, nasconde lividi o ferite, ecc..
Non espliciti: il ragazzo, improvvisamente, diventa riluttante a frequentare determinati luoghi come la
scuola o il centro sportivo o alcuni
ce, a metterli in guardia sono altri genitori o i figli pi grandi.
Molteplici sono i modi che il cyberbullo utilizza per colpire le proprie vittime. Molto frequente - spiega Casarotti
- la sottrazione del profilo Facebook e
del suo account. Spesso questi bulli
sono compagni di scuola della vittima,
che entrano nel suo profilo a sua insaputa, pubblicando a suo nome post, foto e messaggi ingiuriosi, allo scopo di
screditarlo. Questo pu succedere perch magari i ragazzi non tengono adeguatamente nascoste le proprie password: i ragazzi le rivelano all'amico del

compagni. Soprattutto se gli atti di


bullismo avvengono a scuola, il ragazzo manifesta ad esempio un calo
nel rendimento scolastico.
In questi casi la migliore arma non
nascondere n nascondersi, ma
venire allo scoperto, segnalando e
confidandosi con genitori ed insegnanti.
cuore e alla fidanzata, salvo poi scoprire
che il segreto non stato mantenuto e
che qualcuno ha violato il loro account.
E in quel momento il cyberbullo gi in
azione.
Ma a sottovalutare i rischi della rete
non sono solo le incaute vittime, ma
spesso anche gli stessi bulli, come spiega ancora Casarotti: I ragazzi spesso
non distinguono tra una battuta burlesca detta a voce e una ingiuria scritta sul
social network. Un post su internet visibile da chiunque e per sempre: non
basta, infatti, cancellarlo dalla propria
bacheca, perch una volta condiviso,

continua a vivere di vita propria. Fingersi


un'altra persona e pubblicare al suo
posto false informazioni non rientra propriamente nella categoria degli scherzi,
in questo modo si adotta un comportamento illegale, in violazione del codice
civile, di quello della privacy e di quello
penale. Insomma, quella che per qualche cyberbullo pu sembrare solo una
"bravata", in realt qualcosa di molto
pi grave e che pu portare a conseguenze pesanti.
Importante, per i giovanissimi, conoscere a fondo il problema e sapere
come prevenirlo. Fondamentale tenere sempre segreta la propria password,
scegliendone una che non sia facilmente identificabile. Non bisogna mai pubblicare delle foto o notizie che potrebbero essere utilizzate contro di loro. Ultima
precauzione, ma non meno importante,
di non dare mai corda ai persecutori,
ma di avvisare immediatamente i propri
genitori, per poi venire nei nostri uffici a
sporgere denuncia.
Anche i genitori devono tenere costantemente l'attenzione alta. Se si ha il
sospetto che il proprio figlio sia vittima
di un cyberbullo, non bisogna minimizzare l'accaduto - raccomanda l'ispettore capo -. E' bene invece contattare
sempre i nostri uffici, portandoci copia
del materiale "sospetto", in modo da
permetterci di inquadrare la situazione.
In questo modo noi potremo consigliare
i genitori su quale sia il comportamento
pi efficace da adottare. Successivamente toccher loro decidere se sporgere o meno denuncia.
Ma soprattutto importante sensibilizzare i giovani a non diventare a loro
volta bulli e a non mettere in atto comportamenti illegali cosa che a volte pu
capitare anche inconsapevolmente.
Con i moderni cellulari ci vuole un attimo a fare un video a qualcuno e postarlo in rete. Questo per non legale: si
tratta di una violazione della privacy,
passibile di denuncia - continua Casarotti -. Prima di pubblicare qualcosa su
un'atra persona, necessario avere il
suo consenso.

Cronaca

Una petizione presentata da istituzioni e associazioni perch il Governo cancelli la riduzione di spesa

Terzo Settore: tagli non pi sostenibili

Bussi: Ci sono persone che ritirano il proprio parente dalla casa di riposo perch con la loro pensione si mantiene la famiglia

di Laura Bosio

iprendere un parente
dalla casa di riposo
perch non si riesce
pi a pagare la retta,
ma soprattutto perch la sua pensione pu consentire di mantenere la famiglia:
questa e' una delle strade che le
famiglie stanno percorrendo pe
far fronte alla situazione di povert, che ormai colpisce il 10%
dei cremonesi (si parla di povert assoluta). Una situazione che
potrebbe aggravarsi se passer
quanto previsto nella legge di
stabilit, ossia un ulteriore taglio
al Fondo nazionale per le politiche sociali e al Fondo per la non
autosufficienza.
Proprio per questo venerd
mattina il cartello cremonese
Alleanza contro la povert, nato pochi mesi fa tra le associazioni del territorio, ha presentato un'istanza al Prefetto e ai
parlamentari del territorio, in
cui si chiede di intervenire
presso il Governo per bloccare
i tagli. Alla petizione hanno
aderito, oltre ad una cinquantina di associazioni, anche il Comune di Cremona, quello di
Crema, l'Azienda sociale di
Cremona, il Cisvol e la Fondazione Germani di Cingia del
Botti - evidenzia il portavoce
del Forum del Terzo Settore,
Guido Bussi - E' inaccettabile
che a fronte di un aumento della povert, che a Cremona riguarda circa 7mila persone, lo
Stato diminuisca il suo impegno. A questi tagli preannunciati si aggiungono gli ulteriori
tagli dei trasferimenti alle Regioni e ai Comuni, con la facile
previsione di una riduzione delle prestazioni. La lotta alla povert e alle diseguaglianze so-

ciali costituisce un presupposto indispensabile per la rinascita e lo sviluppo dei territori.


Le conseguenze di questi tagli potrebbero essere assolutamente devastanti: Sarebbe pi
difficile aiutare le persone in difficolt, in quanto vi sarebbero
meno risorse da destinare a
queste fasce di popolazione evidenzia Bussi. Questo riguarda non solo i poveri, ma anche i
disabili e le persone non autosufficienti. Questo significher
consegnare un certo numero di
persone ad uno stato di totale
abbandono. Il fatto che vi siano
persone che hanno ritirato i propri parenti anziani dalla casa di
riposo perch la pensione sarebbe servita a sfamare la famiglia, indicativo di una situazione gi pesantissima.
Peraltro il terzo settore ha gi
subito, negli ultimi anni, molti
tagli, non ultimo quello al 5 per

mille, che potrebbe ridursi ulteriormente. Non possibile pensare di lasciare ai margini una
cos grossa parte di popolazione. L'iniziativa rappresenta un
grido d'aiuto da parte di chi ogni
giorno si impegna per tendere la
mano al prossimo, senza chiedere nulla in cambio. E che ora
rischia di trovarsi davvero senza
pi risorse per portare avanti la
propria importante missione.
La nostra iniziativa si propone di alzare il livello di attenzione su questo problema, ma
soprattutto di far capire al governo centrale che su questi
temi non si pu pi tagliare conclude Bussi. Soprattutto a
fronte di questo preoccupante
incremento della povert. Non
dimentichiamo, infatti, che la
legge di stabilit prevede anche un forte taglio ai patronati,
che rappresentano un importante servizio a persone che

non possono permettersi di pagare un commercialista.


LA PETIZIONE
Il cartello di Alleanza contro
la povert in Italia ha presentato a Roma una proposta, indirizzata al Governo alla vigilia della
presentazione della Legge di
stabilit, contenente lintroduzione del Reis (reddito di cittadinanza) ed il varo di un Piano
Nazionale contro la povert assoluta. In questa occasione si
ricordato come cambiata nel
nostro Paese la povert durante
la crisi economica: nel 2007 i
poveri assoluti erano 2,4 milioni,
cio il 4.1% della popolazione;
nel 2013 erano 6 milioni, il 9.9%,
oggi la cifra non pu che essere
aumentata. Nel nostro territorio,
Cremona al 9.3%, come molte
altre citt lombarde, a dimostrare che la povert non certo
concentrata solo al Sud.

Sabato 22 Novembre 2014

Il rapporto Unicef sulla povert infantile nei paesi ricchi denuncia che in Italia il 15.9% dei
bambini e degli adolescenti vive
in condizione di povert relativa.
Purtroppo, a oggi nel testo di
legge del Governo le risorse per
i Fondi Sociali Nazionali, dedicati appunto attraverso gli interventi di Regioni e Comuni, alle
categorie pi svantaggiate, invece di aumentare come la realt richiederebbe, vengono drasticamente tagliati.
Infatti (ricordando che nel
2008 lo Stato interveniva complessivamente con 1,3 miliardi
di euro!) oggi la previsione che
rispetto al 2013 vengono tagliati
pi di 200 milioni: il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali
passa da 400 a 300 milioni
(comprensivi dei 30 milioni del
Fondo per lInfanzia e ladolescenza); il Fondo per la Non autosufficienza passa da 350 a
250 milioni (pur prendendo atto
dellimpegno del Governo di
reintegrare il fondo, riteniamo
indispensabile tenere alta lattenzione)
Contemporaneamente a questi tagli vengono ulteriormente
ridotti i trasferimenti alle Regioni
e ai Comuni. Mentre la povert
aumenta, diminuisce l'impegno
dello Stato.
Pertanto chiediamo al Governo:
Che i Fondi Sociali Nazionali vengano riportati almeno alle
quote del 2013
Che da subito si metta in
campo un Piano Nazionale contro la Povert Assoluta
Chiediamo inoltre ai parlamentari, ai consiglieri regionali
ed ai sindaci eletti nella Provincia di Cremona di sottoscrivere
e sostenere le nostre richieste
presso il Governo.

raccolta di
santa lucia
per i bambini
poveri

Torna anche questanno liniziativa della Caritas


Cremonese
denominata
Raccolta di Santa Lucia a
sostegno dei bambini che
vivono in famiglie con situazioni di difficolt economiche. La collaborazione della
Caritas con Santa Lucia, del
resto, non una novit, visto
che era gi stata sperimentata lo scorso anno, chiedendo a tutte le parrocchie
un gesto di solidariet nei
confronti di questi bambini.
Lappello di questanno,
rivolto a singoli e comunit,
quello di offrire un dono:
non importa se si tratta di
un giocattolo, un libro o una
scatola di cioccolatini. E non
importa neppure il valore
economico. Non ci sono
indicazioni su cosa donare
spiegano dalla Caritas se
non alcune raccomandazioni: che si tratti di cose possibilmente nuove, o comunque in buono stato e non
deperibili. Chiediamo anche
di impacchettare il dono e
apporre un biglietto che permetta a S. Lucia di capire se
quel regalo andr destinato
a un maschietto o a una
femminuccia. La raccolta
sino a met dicembre presso la Caritas cremonese, in
via Stenico 2 B, a Cremona
(tel. 0372-35063, caritas@
diocesidicremona.it).

Cronaca

Sabato 22 Novembre 2014

Linceneritore e gli interessi economici

Pezzoni: Se limpianto cremonese, come richiesto da Lgh, fosse inserito nella categoria B1, potrebbe essere destinato a ricevere rifiuti da tutta Italia

La Lombardia fa il doppio gioco: da un lato proclama lincostituzionalit dellarticolo 35, dallaltro vuole autorizzare il passaggio di categoria dellimpianto

di Laura Bosio

hi percorre via San Rocco,


in auto o in biciclette, lo individua immediatamente:
svettante, di quel colore azzurro che forse vuol richiamare il colore del cielo, linceneritore di
Cremona ormai entrato a far parte
del paesaggio. Eppure ai cremonesi
questo paesaggio non piace. Chiedono di spegnerlo, ormai da tempo. E le
amministrazioni locali hanno risposto
che s, lo avrebbero spento. Lattuale
amministrazione ha addirittura promesso che lo far entro tre anni. Ma a
quanto pare pi facile a dirsi che a
farsi, soprattutto valutando l'articolo
35 della legge Sblocca Italia, in cui si
prevede lutilizzo degli inceneritori attualmente sottoutilizzati per bruciare i
rifiuti provenienti da altre regioni: per il
governo, un modo rapido e indolore di
risolvere il problema dei rifiuti, per i
gestori degli impianti un nuovo modo
di fare business.
L'inceneritore di San Rocco potrebbe essere proprio uno di quelli atti a
ricevere rifiuti: questo denunciano le
associazioni ambientaliste di Cremona, che nei giorni scorsi si sono riunite
a Palazzo Cattaneo per discutere della
situazione. Nei mesi scorsi Aem Gestioni ha avviato liter per ottenere
dalla Regione Lombardia il riconoscimento R1 per linceneritore di San
Rocco. Una bella autocandidatura per
favorire il proprio ingresso nella Rete
nazionale integrata, cosa che consentirebbe di classificarlo come impianto
con recupero di energia spiega Marco Pezzoni (CreaFuturo). E la Regione,
che da un lato intende dichiarare lincostituzionalit dellarticolo 35, dallaltro sta portando avanti la pratica per
concedere questo riconoscimento,
che porterebbe linceneritore cremonese ad essere visto con particolare
interesse dai livelli nazionali, per diventare uno di quegli inceneritori adatti a
ricevere rifiuti da fuori. Questa ambivalenza della Regione potrebbe spiegar-

Il magazine

VIA MASSAROTTI 84/C


CREMONA

LA MOZIONE DEL PD: NON SI ACCETTINO RIFIUTI DA FUORI


Sulla questione intervenuta nei
giorni scorsi una mozione del gruppo
di maggioranza in Consiglio comunale
(firmatari uno per gruppo i 3 consiglieri Arcaini-Bonali-Pontiggia) riguardante il percorso di decommissioning
dell'inceneritore di Cremona e gli sviluppi normativi conseguenti all'approvazione del decreto Sblocca Italia.
Molteplici le richieste dei consiglieri, che impegnano la Giunta a
chiedere all'assessore regionale Terzi
di recuperare il tempo perduto e a
procedere celermente al lavoro del
gruppo di lavoro (GdL) interistituzionale a seguito del protocollo sottoscritto
a maggio tra Regione, Provincia di
Cremona, Comune di Cremona, Arpa
Lombardia e Asl Cremona, finalizzato
alla valutazione tecnica di dismissione dell'impianto di incenerimento dei
rifiuti di Cremona.
Ma anche a chiedere al proprietario dell'impianto di Cremona, Lgh,
di non accettare rifiuti solidi urbani di
provenienza extra regionale e in sede di

Le

modifica del decreto Aia mantenere il


codice D10 dellimpianto di cui gestore, e predisporre un piano industriale
con nuova impiantistica per un divers o
sistema di smaltimento dei rifiuti.
Al Governo si dovr chiedere
lesclusione dell'impianto di Cremona
dallapplicazione dellarticolo 35, sulla
base dellappartenenza del territorio
comunale alle aree critiche in termini
di inquinamento atmosferico.
Bisogna invitare il Governo a confermare il principio dei bacini ottimali e
della vicinanza tra luogo di produzione
e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, costruendo strategie coerenti con
detti principi, nonch ad attuare il
pi velocemente possibile un nuovo
piano di raccolta dei rifiuti, che preveda lestensione del porta a porta,
partendo dal centro storico, cos da
incrementare sensibilmente la pratica
della raccolta differenziata, generando
altres posti di lavoro e migliorando la
qualit ambientale della citt; in questo modo verrebbe anche facilitato il

icette
d ' utunno
A
VIA MARTIRI
INSURREZIONE, 27
SORESINA (CR)

percorso verso la dismissione dell'inceneritore e si eviterebbe di incentivare l'apertura di nuove discariche.


Secondo i consiglieri, il Governo
dovrebbe impegnarsi al riconoscimento e rispetto del ruolo delle Regioni e della loro autosufficienza in tema
di trattamento dei rifiuti urbani; in
particolare necessario chiedere al
Governo che venga salvaguardata per
la Lombardia la pianificazione di settore approvata, che prevede il potenziamento della Raccolta Differenziata e
del Riciclaggio e l'avvio del processo
di decommissioning degli inceneritori,
sostituendo quelli pi obsoleti e inquinanti con nuova impiantistica Tmb,
vietando potenziamenti o la costruzione di nuovi impianti di termovalorizzazione.
Infine la Giunta dovr insistere
affinch Regione Lombardia preveda
nel prossimo bilancio finanziamenti per i territori che riconvertono e
dismettono i propri impianti d'incenerimento con nuova impiantistica.

disponibile qui:

si con il fatto che ad ogni tonnellata di


rifiuti in pi ricevuta i gestori dovranno
pagare un tot alle Regioni a titolo di
compensazione.
Scopo delle associazioni ambientaliste quindi quello di impedire che il
governo inserisca linceneritore di Cremona nella Rete nazionale integrata,
cio tra gli impianti di preminente interesse nazionale destinati a bruciare i
rifiuti solidi urbani senza vincoli di provenienza e fino a saturazione del carico termico.
Come gi detto, per linceneritore
di San Rocco, che brucia 50.000 tonnellate allanno, potrebbe significare
una disponibilit ad accogliere altre
70.000 tonnellate/anno per i prossimi
5-10 anni, alla faccia dello spegnimento entro tre anni di cui si parlato attacca Pezzoni.
Intanto il tempo stringe: nellarticolo
35 infatti viene specificato che il governo, su proposta del Ministero
dellAmbiente , entro 90 giorni con
proprio decreto individua a livello nazionale la capacit complessiva di
trattamento dei rifiuti urbani e assimilati degli impianti di incenerimento in
esercizio con lindicazione espressa
della capacit di ciascun impianto. E
di giorni ne sono gi passati dieci.
Certo, si parla di gestire una fase
di emergenza, ma non sfuggir a nessuno che quel progressivo riequilibrio pu durare anche oltre un decennio, che la durata della fase di emergenza dipende dallesclusivo giudizio
del governo e che intanto sono solo
due le Regioni che hanno una capacit
di incenerimento superiore alla propria
produzione regionale di rifiuti: Lombardia ed Emilia Romagna. Cos come
non sfuggir a nessuno che la tecnologia adottata prioritariamente sia ancora quella dellincenerimento.
Insomma, si continua a utilizzare
una vecchia modalit che in molti ritenevano ormai superata, invece di incentivare i nuovi piani industriali, che
prevedano il trattamento a freddo
conclude Pezzoni.

MARZALENGO
DI CASTELVERDE

DOTT. SSA ANNALISA SUBACCHI

poliambulatorio
MEDICENTER Cremona
Via Giuseppina

VICOLO PERTUSIO, 4
CREMONA

S. SAVINO - CREMONA

ESTETICA
E
BENESSERE
VIA GIUSEPPINA 11/D
CREMONA

VIA DONATORI DEL SANGUE, 8


SOSPIRO (CR)

VIA CROTTI

CASCINA REMAGLIE
PESSINA CREMONESE (CR)

ZIBELLO (PR)

CASTELLEONE - CREMONA

CREMONA
C.SO PIETRO VACCHELLI, 55

VIA S. BARBARA, 19
CREMONA

VIA MONTELLO, 13D


ZONA PIAZZA CASTELLO
CREMONA

COSTA S. ABRAMO
CREMONA

VIA CAVOUR - CREMA

PROSSIMA
APERTURA
PIAZZA ROMA, 22/A
VESCOVATO (CR)
TEL. 0372 830430

A PALAZZO
TRECCHI

CASTELVERDE (CR) via Bergamo 34


Tel. 0372 427318
info@paolospotti.com

CELLA DATI (CR)


VIA GIUSEPPINA 28

Cremona - Persichello
Bassano Bresciano

VIA ORTI ROMANI


CREMONA

VIA BRESCIA, 22 CREMONA

Cronaca

Sabato 22 Novembre 2014

Tutti i danni della speculazione finanziaria

Leconomista Nino Galloni: lunione bancaria europea toglier ulteriore autonomia e sovranit alle banche a favore della grande finanza

Dalleuro non si esce con le chiacchiere, le utopie o i referendum, ma grazie ad un percorso di ripristino della sovranit monetaria

di Daniele Tamburini

a crisi economica non


si attenua, anzi nonostante le rassicurazioni
del governo e l'invito
ad essere ottimisti lanciato dal premier Renzi dall'Australia, le cose sembrano peggiorare. Disoccupazione crescente, aziende in difficolt, tassazione alle stelle, sfiducia. Niente sembra far presagire una inversione di tendenza.
Il governatore della Bce, Mario
Draghi, ha detto che le stime di
crescita dell'area euro sono state riviste al ribasso, che le previsioni per il 2015 e 2016 sono per
una ripresa modesta ed insiste
sul bisogno urgente di riforme
strutturali, esortando sostanzialmente i governi a continuare nella politica di austerit. In un quadro drammatico, ci hanno colpito le affermazioni dell'economista Nino Galloni, secondo il quale ci pu essere una via alternativa all'attuale politica di austerit.
Antonino Galloni stato direttore
generale al ministero del Lavoro
e funzionario presso il ministero
del Bilancio. Nel suo ultimo libro,
Il futuro della Banca", delinea
una teoria bancaria e finanziaria
rivoluzionaria, che se attuata potrebbe ridurre la pressione fiscale del 50%.
Professor Galloni vuole
spiegare ai nostri lettori in che
modo, secondo lei, si potrebbe
ridurre la pressione fiscale e rilanciare la nostra economia?

Il professor Nino Galloni

Oggi siamo incastrati in una


situazione drammatica: si tagliano le spese per ridurre le tasse,
ma si dimentica che leffetto di
una riduzione della spesa pubblica sul pil pi che proporzionale sicch il pil stesso si riduce e,
per mantenere, i parametri europei occorre rimandare la riduzione delle tasse. Tuttavia se, a parit di tasse, il pil si riduce chiaro che aumenta la pressione fiscale. Oggi, per la prima volta alle banche conviene riconoscere
come funzionano veramente (anche la Banca dInghilterra ha
pubblicato uno studio in questo
senso): creano moneta dal nulla
indebitando imprenditori, depositi e conti correnti servono solo
a gestire le richieste di liquidit
dei clienti, quindi realizzano un
immane margine operativo dato
dalla differenza tra le rate dei prestiti e dei mutui meno i loro costi

Assicurazione
dei volontari,
lincontro

di funzionamento. Anche depositi e conticorrenti andrebbero tolti dal passivo come se il gestore di un garage per occultare
i guadagni mettesse le automobili parcheggiate al passivo!
Gli ultimi governi sembrano
avere un potere limitato o comunque subire in certa misura
i cosiddetti poteri forti, economici e finanziari. Secondo lei
possibile intervenire sul sistema bancario, magari attraverso una legge dello Stato?
Allora, il punto di partenza il ripristino della netta separazione tra
banche di credito e banche speculative: se no, non si pu far nulla
neanche per liberare i governi dalla nefasta influenza della finanza.
Oggi le banche avrebbero interesse ad allontanare debiti finanziari e
crediti inesigibili che le porterebbero a perdere esse stesse auto-

nomia nei confronti delle banche


centrali e ad essere assorbite dalle concentrazioni finanziarie considerate troppo grandi per fallire.
Oggi l'Europa sembra accelerare il percorso verso lUnione Bancaria Europea (Ube):
che ne pensa?
LUnione Bancaria Europea
costituisce il punto di arrivo di
tutta la strategia finanziaria iniziata decenni fa con la perdita di sovranit monetaria degli Stati: servir a mettere le banche sotto la
grande finanza che si arricchisce
peggiorando la condizione dei
debitori perch si basa sullaumento della quantit delle emissioni, non pi sulla redditivit dei
singoli titoli finanziari.
A seguito della sua teoria,
l'Italia dovrebbe, quindi, uscire
dall'Euro...

Dalleuro non si esce con le


chiacchiere, le utopie o i referendum, ma grazie ad un percorso
di ripristino della sovranit monetaria degli Stati che, se stanno
nelleuro devono ricominciare ad
emettere moneta fiduciaria (buoni acquisto, certificati di credito,
voucher, ci non impedito dai
trattati europei) da far circolare
presso i privati e poi recuperare
con le tasse: la crescita del pil ed
il riassorbimento della disoccupazione porteranno al miglioramento dei conti pubblici; contemporaneamente occorre liberare le aziende di credito dalle
storture della finanza che serve
solo ad accumulare debiti.
Mario Draghi, in questi giorni, ha ribadito che la scelta
dell'euro irreversibile, ma che
la Bce non pu obbligare nessuno a restarci. Secondo lei
che significa? quali scenari
prevede nel prossimo futuro?
Mario Draghi uomo della
grande finanza internazionale,
ma si trova anche a fare il capo
della BCE. Il progetto quello di
controllare la liquidit e ci implica che gli Stati non possano
emettere nessun tipo di moneta
e la stessa funzione creditizia sia
secondaria rispetto allazione
ben pi pesante (ma lontana
dalleconomia reale) della finanza. Quindi, con questi due passaggi (gli Stati che ricominciano
ad emettere moneta nuova, ancorch fiduciaria, e le banche di
credito che si liberano della speculazione) se ne potr uscire.

Approvato dalla Giunta il progetto preliminare per nuove strutture al Cimitero di Cremona. Primo lotto da 450.000 euro

La Legge sul Volontariato prevede


per le organizzazioni lobbligo di assicurare i volontari attivi per tutti i rischi
derivanti da malattia, infortunio e responsabilit civile per danni provocati a
terzi. Su questo tema il Cisvol CSV di
Cremona organizza due incontri informativi a Crema il 24 novembre e a Cremona. L'assicurazione obbligatoria
anche per le associazioni di promozione sociale che svolgano attivit in convenzione. Per altre forme di associazione, pur non essendo obbligatorio, assicurare i volontari quanto meno opportuno per tutelare il loro operato e
l'associazione stessa, nonch gli amministratori. La questione assicurativa
porta dunque i responsabili delle associazioni a doversi orientare tra compagnie e polizze, alla ricerca della soluzione pi sicura, economica ed adeguata
alle attivit svolte.
Tra gli obiettivi degli incontri, la presentazione della Polizza Unica del Volontariato, un prodotto assicurativo
che consente alle associazioni di assicurare, con uniformit di costi e garanzie, i propri aderenti. Si vuole inoltre
fornire informazioni sugli obblighi assicurativi, dalla tutela dei volontari alla
responsabilit civile verso terzi, alle responsabilit degli amministratori.

Nuove tombe, un progetto da 1.360.000 euro

Approvato dalla Giunta il


progetto preliminare generale
e lo stralcio del 1 lotto per la
realizzazione di cappellette e
tombe di famiglia nel campo 1
del Civico Cimitero. Il costo
complessivo dellintervento
pari a 1.360.000 euro, il costo
previsto del primo lotto di
450mila euro.
Per soddisfare le numerose richieste di manufatti per
tombe di famiglia - dichiara
lassessore al Territorio e alla
Salute Alessia Manfredini che
ha presentato la proposta di
delibera a sindaco e colleghi
ha programmato questo intervento in pi lotti, prevedendo la costruzione di cappellette e tombe romane nel campo
1 del Civico Cimitero. Il 1 lotto prevede ledificazione, nel
corso del 2015, di 16 cappellette a 5 posti. Il 2 lotto, che
sar attuato nel 2016, prevede
il completamento dellintervento con la realizzazione di
ulteriori 16 cappellette a cinque posti e 58 tombe romane
a quattro posti. Per venire incontro alle numerose richieste
pervenute, il progetto sar illu-

strato sabato 22 novembre,


alle ore 10.00, nella Sala del
Commiato del Polo della Cremazione (ingresso da via dei
Cipressi, 8).
Il progetto riguarda il programma di riutilizzo del campo 1 per la costruzione di manufatti per tumulazioni familiari. La zona di intervento posta nella parte nord est, nei
pressi di via dei Cipressi, fa
parte dellampliamento post
ottocentesco. A nord ed est
delimitata dal muro di cinta
verso il parcheggio e la via
Cipressi, a sud dalle edicole di
famiglia costruite negli anni
Settanta, ad ovest dal viale
secondario che delimita un
campo di inumazioni, sullo

sfondo verso nord ovest si


trovano gli edifici di recente
realizzazione destinati a tumulazioni e polo della cremazione. Lintervento complessivo,
che verr attuato in pi lotti
funzionali, comprende la realizzazione di un corpo ipogeo
con 58 tombe romane a 4 posti per un totale di 232 posti e
32 cappellette a un piano fuori
terra da 5 posti per un totale di
160 posti.
Lintervento sar realizzato
in pi lotti differenziati autonomi e funzionali. Con il primo
lotto si realizza il comparto
sud delle cappellette composto da due corpi di fabbrica
con 16 edicole a 5 posti per
un numero complessivo di 80

posti. E prevista inoltre la realizzazione degli impianti per la


raccolta delle acque meteoriche e la sistemazione transitoria dei viali che verranno completati in via definitiva dopo
aver completato tutti i lotti di
intervento.
Gli orientamenti progettuali
tengono conto di una pluralit
di aspetti: realizzare la continuit storica con la configurazione planimetrica del manufatto ottocentesco; garantire
con un linguaggio contemporaneo in continuit con gli edifici di recente costruzione,
lintegrazione architettonica
con lintero complesso; inserimento ambientale sostenibile;
definire una composizione
planivolumetrica che consente di attuare lintervento in pi
lotti funzionali programmati
nel tempo; adottare una modularit di tipologia che, con
laggregazione di pi edicole
di famiglia, possa consentire,
laddove richiesto dai concessionari, di disporre di un numero variabile di posti; ottimizzare gli spazi e le risorse
disponibili.

Siamo ormai nel pieno


della stagione autunnale,
ma la voglia di muoversi e di
viaggiare non tramonta mai:
dal vero e proprio soggiorno
al week end fuori porta, alla
gita in giornata. Soprattutto
a fronte del fatto che il maltempo estivo non ha consentito a molti di partire. Il
Cta Acli promuove una serie
di gite e viaggi per tutti i
gusti.
Dal 29 al 30 novembre:
Mercatini di Natale a
Salisburgo - Fine settimana
per vedere i mercatini di Natale a Salisburgo con i suoi laghi.
Dal 29 Novembre 2014
al 29 Maggio 2015: "Inverno
2014/2015 Mare - soggiorni
individuali al mare a Diano
Marina - Albergo Villa Gioiosa
ed ad Arma di Taggia presso
la Villa Sacra Famiglia.
30 novembre: Fiera
dellArtigianato - una giornata presso la Fiera dellArtigianato di Milano; unoccasione
irrinunciabile per quanti condividono ed apprezzano la bellezza e loriginalit del prodotto artigianale italiano, europeo
ed extraeuropeo.
Dal 06 al 07 dicembre:
Mercatini di Natale a Monaco
e dintorni.
7 dicembre: Mercatini di
Milano Obej-Obej - Giornata
a Milano in occasione della
Festa di S. Ambrogio per la
tradizionale manifestazione
degli Ho Bej Ho Bej.
Dal 13 al 14 dicembre:
Mercatini di Natale sul Lago
di Costanza - Fine settimana
per vedere i mercatini di Natale sul lago di Costanza. Si visiteranno i mercatini di Bregenz,
la Penisola di Lindau e la cittadina di Insiedeln con la sua
Abbazia Benedettina.
Dal 20 al 21 dicembre:
Mercatini di Natale in Costa
Azzurra - week end per vedere i suggestivi mercatini della
Costa Azzurra a Nizza ed a
Cannes.
Dal 29 al 30 Dicembre:
Mercatini di Natale in Svizzera - Week end per vedere i
mercatini di Natale a Berna,
Montreaux e visita del Castello di Chillo
Capodanno al mare in
Puglia - Capodanno in Puglia
nella meravigliosa zona di
Ostuni.
Le iscrizioni e tutte le
informazioni relative agli
eventi saranno fornite presso la sede di via Cardinale G.
Massaia, 22 o contattando i
numeri di tel. 0372-800423,
800429. Le iniziative sono in
le nostre iniziative sono in
collaborazione con il CTA di
Crema (Piazza Manziana 17.
Crema tel. 0373-250064).
Sito: www.ctacremona.it

IN BREVE

Cittanova, progetto di recupero come spazio per cultura e spettacolo


Migliorare e sviluppare lutilizzo di
Palazzo Cittanova con attivit collocate nell'ambito della cultura e dello
spettacolo, salvaguardandone la fruizione pubblica e luso di polo funzionale, con unattenzione agli operatori
locali. La Giunta ha approvato, nella
seduta di oggi, l'atto di indirizzo riguardante la fruizione di questo pregevole e storico edificio su corso Garibaldi. Sar emanato un avviso pubblico con l'invito a presentare manifestazioni di interesse sulla sala posta al
primo piano di Palazzo Cittanova (capienza di 300 posti, completa di palco, impianto microfonico, schermo

per proiezioni). Le proposte di utilizzo


della sala ad uso polifunzionale dovranno essere di attivit di natura artistico/culturale e garantire che la sala non venga sottratta alla disponibilit collettiva e alluso pubblico. Sar
verificata la disponibilit dei soggetti
interessati alla concessione, dando
avvio ad un confronto concorrenziale,
sulla scorta della proposta gestionale
presentata, finalizzata allindividuazione e alla definizione degli strumenti e delle modalit pi idonee a soddisfare gli obiettivi dellEnte, garantendo la parit di trattamento dei partecipanti. Le proposte non dovranno

prevedere alcun costo a carico del


Comune, anche per eventuali interventi che si rendessero necessari per
adeguare la sala alluso proposto. La
durata della concessione sar di tre
anni, rinnovabili per altri tre. Sono linee di indirizzo - afferma lassessore
alla Citt vivibile e Rigenerazione urbana Barbara Manfredini - per iniziare un percorso di condivisione e di coprogettazione su palazzo Cittanova
con unattenzione agli operatori locali, in unottica di salvaguardia della
fruizione pubblica e di promozione di
attivit nell'ambito culturale e dello
spettacolo"

Il 27 novembre inaugura lo spazio di coworking Cobox


E' tutto pronto per il taglio del nastro di Cobox,
il coworking di Cremona che verr inaugurato gioved 27 novembre. Nato dalla volont del consorzio Crit Cremona Information Technology e soprattutto di MailUp, Microdata Group e Linea
Com, Cobox si pone come la casa delle startup
e degli imprenditori, emergenti o gi affermati, nel
campo dellinformation technology.
Con sede a Cremona in via dei Comizi Agrari
10, Cobox uno spazio attrezzato e funzionale:
sono 26 le postazioni in openspace per coworker,
a cui si aggiungono quattro uffici, gi occupati da
quattro aziende residenti. Poi una zona formazione di 30 posti, unala ristoro, uno spazio per eventi, workshop e presentazioni; infine una sala riunioni con videoproiettore da 12 posti e salette per

riunioni da quattro posti. Il tutto provvisto di collegamenti in banda ultra larga grazie a Linea Com.
Cobox un ecosistema locale a supporto della digital innovation e delle imprese nascenti. Perch, oltre a mettere a disposizione postazioni di
lavoro, Cobox crea sinergie e partnership, mettendo in contatto startup e imprenditori con consulenti qualificati. Tutto questo grazie alle collaborazione gi siglata, tramite PoliHub, con la sede cremonese del Politecnico di Milano.
Per linaugurazione di gioved 27 novembre
appuntamento alle ore 17.45 Cobox ha scelto
un ospite deccezione: Riccardo Luna, il principale interprete della cultura digitale in Italia, insignito lo scorso settembre del titolo di Digital Champion dalla Presidenza del Consiglio.

Cronaca

Sabato 22 Novembre 2014

intervista: Roberto Galletti, nuovo segretario cittadino, che ha vinto per 141 voti la competizione contro lavversario, Roberto Poli

La priorit? Bisogna iniziare a ricostruire il partito


E

Roberto Galletti il
nuovo segretario cittadino del Partito
democratico. Alle
elezioni di domenica
16 novembre stato eletto con
141 voti (alle urne i tesserati, 320
gli aventi diritto), contro i 109
dell'avversario, Roberto Poli.
E' quindi l'area del partito vicina al senatore Luciano Pizzetti
ad aver conquistato la supremazia. Tra i sostenitori si trovano
vecchi esponenti del partito, ma
anche nuove leve. Tra gli altri, il
gruppo che ha sostenuto Galletti
era composto da: Luigi Lipara,
Eleonora Sessa, Franco Verdi,
Sara Pellizzoli, Andrea Artoni,
Francesca Baldini, Rodolfo Bona, Francesca Pontiggia, Ivan
Moretti, Ilde Bottoli, Gianfranco
Berneri, Francesca Fulco, Stefano Maestri, Fiorella Lazzari, Michele Aglio, Daniela Placchi,
Francesco Pinzi, Elena Guerreschi, Palmiro Omo, Giada Sacchetti, Gianfranco Mignotti, Vera
Castellani, Sergio Giazzi, Cristina
Manfredini, Silvio Gradaschi,
Francesco Castagnidoli, Aurora
Diotti, Gianni Bruschi, Silvia Mineri, Massimiliano Sciaraffa, Rosalba Azzali, Giuseppe Tadioli,
Anna Del Barba, Giancarlo Storti.
Abbiamo rivolto qualche domanda al nuovo segretario, per
delineare il suo programma per i
prossimi mesi.
Si aspettava questa vittoria?
Mi aspettavo un confronto
importante e cos stato, su tutto il territorio e nei circoli. Una
sfida bella e impegnativa, ma
anche una interessante esperienza politica. Ma ora bisogna
mettersi al lavoro....
Quali sono le priorit?
Innanzitutto bisogna iniziare
a ricostruire il partito. Un Pd che
sia aperto alla citt e che sappia
confrontarsi non solo con le altre
forze politiche di maggioranza,

Atti vandalici e
tentativo di scasso
alla sede di
via Ippocastani

Bisogna
esserci.
La politica
fatta
di presenza
e di ascolto
ma anche con i cittadini e con le
associazioni del territorio. Penso
ad un partito vicino alla gente,
magari ripartendo proprio da
quelle periferie che sono state
trascurate.
Dovremo affrontare delle sfide
importanti e la fase che stiamo
vivendo senza dubbio difficile.
In che modo intende riavvicinare il partito alla gente, in
una fase storica in cui si sta
vivendo una forte disaffezione
rispetto alla politica dei partiti?
Prima di tutto bisogna esserci. La politica deve essere fatta di
presenza e ascolto, prima di tutto. Il Pd da quel punto di vista ha
gi gli strumenti necessari, in
quanto strutturato in circoli e
altri punti di riferimento per il territorio. Allora il momento di
potenziare questi strumenti, che
devono essere utilizzati per in-

Sempre pi dura la vita dei pendolari


cremonesi, che devono fare i conti con
disservizi ormai fuori controllo. Al punto
che l'amministrazione comunale di Cremona intervenuta ancora una volta,
sollecitando lincontro con lassessore
regionale alle Infrastrutture e Mobilit
Alberto Cavalli. Lo ha fatto lassessore
al Territorio e alla Salute, con delega alla
Mobilit, Alessia Manfredini con una
lettera urgente inviata nel pomeriggio di
gioved.
Il 17 ottobre scorso ricorda lassessore
-, si era tenuto un incontro in Regione,
presenti il sindaco di Cremona Gianluca
Galimberti, lassessore alla mobilit del
Comune di Lodi Tommaso Premoli e il vice sindaco del Comune di Mantova
Espedito Rose. In quelloccasione, tra
laltro, la Regione aveva manifestato la
propria disponibilit tecnica ad approfondire una nuova fattibilit di velocizzazione
della tratta in un tavolo di confronto.
Il 27 ottobre, con una lettera a firma
congiunta, i sindaci di Cremona, Mantova e Lodi, avevano sollecitato un in-

contrare i cittadini.
Ma non si tratta solo di organizzare incontri formali sul territorio, bisogna partecipare attivamente alla vita della citt. Nella
mia esperienza di coordinatore di
circolo cittadino, ad esempio,
avevo iniziato a costruire un tessuto di relazioni che uscivano dal
partito. Questo ora dovrebbe essere fatto ovunque. Alla politica
oggi manca molto la capacit di
parlare con la gente, ma il Pd sul
territorio sempre stato presente
e ora si tratta solo di riprendere i
contatti. Il nostro compito, come
partito, fungere da intermediari,
cogliendo le esigenze delle persone e costruendoci dei progetti
attuabili.
Nel Pd nazionale per i problemi non mancano, a partire
dallo stesso Renzi, ormai ampliamente contestato anche da

stessi esponenti del partito...


La polarizzazione su alcune
posizioni preconcette, secondo
me serve a poco. Bisogna avere
un orizzonte comune, ripartendo
dal lavoro e dai diritti. I problemi
da risolvere oggi sono la mancanza di lavoro e il fatto che stiamo rischiando di veder deteriorare alcuni diritti fondamentali.
Tuttavia le contestazioni a
Renzi dicono che il problema
non viene affrontato nel migliore dei modi...
Siamo un partito plurale, con
diverse sensibilit al suo interno,
ed normale che esse si confrontino- D'altro canto attorno a
noi non vi certo una grande
dialettica politica, da parte delle
altre forze politiche....
Recentemente la sede del
Pd di Cremona stata presa di

mira da ignoti vandali. Come


commenta questo episodio?
Le tensioni sono naturali nella societ, ma credo che le cose
debbano essere gestite nel modo corretto. Bisogna tornare a
discutere in forma civile. Questi
atti di vandalismo sono manifestazioni di intolleranza mascherate da politica, e non c'entrano
assolutamente nulla con i problemi che stiamo affrontando. Sono
azioni che condanno. Noi comunque andiamo avanti per la
nostra strada.
Parliamo della nuova segreteria... qualche nome?
Indicare dei nomi prematuro. La cosa certa che sto cercando di andare al di l dei confini con cui abbiamo portato avanti la mia proposta. Ora l'imperativo cercare il pi possibile di
stare uniti.

Pendolari, disagi senza fine.


Interviene lamministrazione

contro tecnico, da tenere entro il mese


di novembre, in merito alla verifica della
fattibilit della velocizzazione della linea Milano Lodi Cremona- Mantova, accompagnato dalla richiesta di
entrare nel merito del protocollo di intesa stipulato da Regione con RFI lo
scorso luglio. Nel frattempo lassessore
regionale Alberto Cavalli aveva annunciato, il 12 novembre scorso, investimenti sulla rete ferroviaria cos come
previsto nel protocollo di luglio. Negli
ultimi giorni poi lassessore Alessia
Manfredini ha dapprima avuto un incontro a Cremona con Melchiorre Di
Mercione, PM Team Sviluppo Locale di
RFI, per il raddoppio del della linea fer-

Nei giorni scorsi la sede del


Pd di Cremona stata presa di
mira dai vandali, dopo quanto
gi accaduto nelle scorse settimane ai circoli di Milano e alla
sede di Bergamo. Durante la
notte tra marted e mercoled
soggetti ignoti hanno prima
messo fuori uso limpianto di
videosorveglianza e poi si sono
scatenati contro il muro esterno
e la porta dingresso cercando
di scassinarla e rompendo il vetro blindato, per poi deturparla
con scritte sui NoTav e sugli
sgomberi. I fatti si sono verificati dopo le due, cio dopo la
chiusura della sede, rimasta
aperta fino a tardi per una riunione. A fare linquietante scoperta stata limpiegata che alle otto del mattino si recata al
lavoro.
Il clima che si respira preoccupante ha detto il segretario provinciale Matteo Piloni e
anche questo gesto lo dimostra. Si tratta di una precisa
strategia di intimidazione e violenza nei nostri confronti, e nei
confronti del Pd a livello nazionale in quanto, oggi, soggetto
politico di presidio sociale e
punto di riferimento. Non saranno di certo queste azioni a fermare il lavoro che stiamo facendo sia a livello nazionale e regionale, sia nei territori.

roviaria Cremona-Cavatigozzi.
Infine, marted 18 novembre, lassessore si recata a Milano: qui, a margine
della seduta del Consiglio regionale, ha
incontrato lassessore regionale Cavalli
e gli ha ricordato limpegno assunto a
suo tempo. Ultimo passaggio stata la
lettera di gioved, con la quale viene
nuovamente sollecitata la convocazione
urgente dellincontro.
Comprendendo le difficolt, visti i ritardi insostenibili e la mancanza di tavolo e
interlocutori, poich nei giorni scorsi
Trenord ha rinnovato i suoi vertici, abbiamo deciso di sollecitare nuovamente
lassessore regionale Alberto Cavalli a
organizzare al pi presto sia il Tavolo
tecnico che il Tavolo territoriale del servizio ferroviario nel Quadrante Sud dove
il Comune intende fare la sua parte
conclude Manfredini.
Del resto anche i comitati dei pendolari
sono esasperati, soprattutto dopo i ben
14 convogli soppressi lo scorso luned.
Ma le soppressioni sono ormai all'ordine
del giorno.

IN BREVE

Discarica di Malagnino, incontro


Incontro tecnico-informativo con le autorit locali, a cui ha partecipato il Presidente della Provincia, Carlo Vezzini, presso la discarica di Malagnino, dove il territorio provinciale ha conferito rifiuti sino al 2011, al fine di prendere visione delle operazioni di ripristino ambientale in corso di realizzazione. I progettisti dellintervento hanno dapprima richiamato le tecnologie impiantistiche
adottate per la realizzazione della discarica che sin dallinizio ha
visto gestire la raccolta regolata e controllata del percolato, laspirazione del biogas per la sua trasformazione in energia elettrica
oltre al monitoraggio permanente dei teli di contenimento, per poi
soffermarsi sulle operazioni di copertura definitiva con quattro diversi strati di materiale inerte al fine di garantire una gestione controllata per il futuro e favorire la progressiva riqualificazione ambientale dell'impianto. Al sopralluogo hanno partecipato anche:
Alessia Manfredini, assessore al Territorio e alla Salute del comune di Cremona; Federico Zamboni e Enrico Ferrari presidente e
direttore Aem Gestioni; Giuseppe Azzini e Giovanni Damiani, dirigenti dellAem; Andrea Guereschi; amministratori locali, tra cui
i sndaci di Malagnino Carla Cribi, di Bonemerse Oreste Bini, di
Gadesco Davide Viola, di Vescovato Maria Grazia Bonfante, di
Pieve San Giacomo Libero Zini.

Nuovi successi dellOncologia di Cremona


Lo studio "Tribe", alla cui realizzazione ha partecipato anche lOncologia di
Cremona (diretta da Rodolfo Passalacqua) stato pubblicato sulla prestigiosa
rivista medica internazionale "New England Journal of Medicine". Si tratta di
uno studio italiano multicentrico randomizzato di fase III, in cui pazienti affetti
da cancro del colon-retto metastatico,
non precedentemente trattati con chemioterapia, sono stati trattati con una
nuova ed originale combinazione di farmaci chemioterapici in associazione
a una terapia anti-angiogenetica con Bevacizumab. Questa strategia terapeutica, confrontata con la terapia convenzionale, stata associata ad un
vantaggio significativo in sopravvivenza, tale da rappresentare da ora in
avanti un potenziale nuovo gold standard nel mondo per trattamento dei tumori del colon-retto. LOncologia di Cremona ha collaborato attivamente alla ricerca fornendo un contributo fondamentale al raggiungimento di questo
importante risultato. Lo studio stato coordinato presso lARCE (Area di Ricerca Clinica Epidemiologica) con la responsabilit del dr. Gianluca Tomasello che co-autore di questo studio.

Il November Porc fa tappa a Zibello


Sabato 22 novembre il November Porc entra nel vivo della tappa di
Zibello. E se il Culatello e i suoi parenti (Strolghino, Spalla Cruda di Palasone e Spalla cotta di S. Secondo, Prete, Vescovo e Mariola) si schierano al mercato (che si apre dalle ore 9), assieme ad altre specialit della Bassa (primi fra tutti Prosciutto di Parma e Parmigiano Reggiano), va
sottolineato che fanno loro da contorno una ben nutrita schiera di eccellenze provenienti da quasi tutta lItalia. Sabato sera, il PalaTenda di Contrada Pallavicino ospiter la notte giovane con la musica dei dj di Radio Bruno e poi lesibizione della band Sei come 6. E per loccasione
si apre la cucina, con specialit pi adatte ai ragazzi, come il McPork
(con prodotti locali) e la birra. Sabato 22 ci sar anche liniziativa del Comune di Soragna con November Food Tour, ovvero visite ad aziende
di produzione di Culatello di Zibello Dop e Parmigiano Reggiano. Sempre sabato, inizia il pacchetto turistico di Parma Incoming, Verdi
nellaria Parma nel piatto. Invece gi da venerd iniziato il Raduno
dei camperisti. Da segnarsi che domenica 23 c la possibilit di raggiungere Zibello da Parma, con un bus gratuito che parte alle 9:40 dalla Stazione FS e ripartir da Zibello alle ore 17:30. Una occasione da non perdere, in quanto domenica ci sar la realizzazione dello Strolghino pi lungo (gi nel Guinness dei Primati) e la sua degustazione gratuita.

Cronaca
Venerd mattina, in occasione della Festa dell'Albero promossa ogni anno il 21 novembre da Legambiente, all'interno
del bosco filtro Tramoil, collocato tra la via Eridano e l'area dove
sorge la Cascina Fabio Moreni
dell'omonima Fondazione sono
state messe a dimora gli allievi della classe prima meccanici dello Ial cinquanta piante di
specie autoctone. Gli studenti
sono stati ricevuti dall'assessore al Territorio e alla Salute Alessia Manfredini, dall'assessore alla
Citt Vivibile e alla Rigenerazione
Urbana Barbara Manfredini, dai
tecnici del Consorzio Forestale
Padano e dai tecnici delle Serre
Comunali e da rappresentanti del

Sabato 22 Novembre 2014

Nuova piantumazione fatta dagli studenti dello Ial in occasione della Festa dellalbero

50 nuove piante al bosco-filtro di Tamoil

quartiere. L'iniziativa stata resa


possibile grazie al coinvolgimento
del Circolo Vedo Verde di Legam-

biente di Cremona, nonch ai


lavori compiuti dagli addetti al
Servizio Verde e Serre del Comu-

ne. I ragazzi, con gli assessori e gli esperti, hanno piantato


50 piante delle seguenti essenze: Cornus Sanguinea (sanguinello), Euonymus Europaeus (fusaggine), Viburnum Opulus (pallon di
maggio), Quercus Robur (farnia)
e Acer campestre (acero campestre).
La Festa dell'Albero nasce con
lobbiettivo di sensibilizzare lopinione pubblica sullimportanza
del patrimonio arboreo e boschi-

vo mondiale e italiano, per tutelare la biodiversit, contrastare i


cambiamenti climatici e prevenire il dissesto idrogeologico. D'altra parte, valorizzare lambiente, il
patrimonio arboreo e boschivo e
le tradizioni legate allalbero nella
cultura italiana ed operare verso
una migliore vivibilit degli insediamenti urbani sono obbiettivi che effettivamente ricalcano il
dettato del Protocollo di Kyoto.
La scelta caduta sul bosco

filtro Tamoil, realizzato nel 1998,


in quanto interessato da un intervento per preservarne il valore ambientale, nonch tutelare e
migliorare la biodiversit forestale
all'interno di un pi ampio comparto di trasformazione ecologico ambientale (parco del Lugo,
parco Morbasco sud, parco Trebbia). Si tratta di opere realizzate attraverso il Consorzio Forestale Padano, di cui il Comune di
Cremona socio, e con il quale
stata stipulata una convenzione
per realizzare e gestire interventi
forestali. La piantumazione attuata risponde anche alla volont di
restituire ai cittadini un'area accogliente per una citt sempre pi
vivibile e sostenibile.

Nasce Artventuno.it, il nuovo quotidiano online


Sul web dal 26 novembre, una voce indipendente, distante dai luoghi comuni, ma soprattutto un luogo di confronto politico e sociale

di Daniele Tamburini

ercoled 26 novembre nasce


un nuovo quotidiano online:
lo troverete in rete all'indirizzo www.artventuno.it. Diciamolo subito: iniziamo una
avventura coraggiosa, in tempo di crisi; ne
siamo consapevoli. Iniziamo un percorso
che ci auguriamo possa essere lungo, affrontando le difficolt che certamente ci
saranno, ma ricco di incontri e di esperienze positive. Vogliamo raccontare la societ, nei fatti, nei progetti, nelle conquiste,
nelle speranze ma anche nei conflitti, nelle
ingiustizie e nelle prevaricazioni. Il nostro
un progetto indipendente: non abbiamo finanziatori n alcun contributo pubblico o
privato. La situazione dell'informazione, a
Cremona, la conosciamo bene: ne facciamo parte, ne conosciamo le dinamiche, i
limiti, i condizionamenti, anche molto forti.
La situazione economica e il forte calo
della pubblicit inevitabilmente condizionano la nascita e lo sviluppo di una informazione autonoma, libera da condizionamenti politici e istituzionali. Noi abbiamo
deciso di provarci, siamo determinati e
pieni di entusiasmo, consapevoli che non
sar facile anche perch, appunto, l'unico
sostentamento verr dalle inserzioni pubblicitarie.
Art. Ventuno, anche se nella fase di start

up nasce come supplemento de "Il Piccolo", di fatto una testata autonoma e se le


cose andranno nel verso giusto lo diventer anche formalmente, nel giro di pochi
mesi. L'indipendenza il presupposto fondante. Vogliamo dare voce anche a chi non
ce l'ha: il nostro giornale vuole essere un
luogo di confronto politico e sociale dove
lo scambio sia privilegiato e calato nella
realt, lontano dai luoghi comuni e
dall'omologazione: racconteremo la socie-

t che viviamo cos come . Polemizzeremo, criticheremo, ma con consapevolezza


e senso di responsabilit. La nostra sar
un'informazione utile, in grado di recuperare vuoti e silenzi: vogliamo intercettare e
dare spazio a chi quotidianamente vive la
nostra citt. Ecco che cos' l'omologazione: piegarsi alle opinioni correnti, tenere
sotto traccia i nodi di crisi, le contraddizioni, accettare che la realt possa essere
raffigurata in modo piatto e non nelle mille

sfaccettature che la contraddistinguono.


Partiamo fiduciosi perch abbiamo delle professionalit importanti per capacit
ed esperienza: Federico Centenari, per
tanti anni giornalista al quotidiano "La Cronaca", poi a Cremona Oggi e a Mondo
Padano, il responsabile della redazione.
Lo conosciamo bene, ha collaborato anche a "Il Piccolo". Sar affiancato da Mattia Guazzi, anche lui a "La Cronaca" e a
"Mondo Padano". Fondamentale sar l'ap-

porto di validi collaboratori: tra questi Fabio Varesi e Alberto Guarneri. Inoltre autori
qualificati ci aiuteranno ad affrontare temi
importanti, attraverso rubriche settimanali.
Siamo pi che consapevoli delle difficolt che incontreremo: per questo abbiamo posto particolare attenzione al piano
dei costi, ma gi dal primo anno dovremmo riuscire ad andare a break even. Seguiteci e sosteneteci. E, perch no, dateci un
in bocca al lupo!

10
"

replica

Il passato devessere
sempre tenuto presente
Egregio direttore,
ritengo che sia difficile qualificare le opinioni del signor Massimo Pelizzoni di
Gussola, apparse su il Piccolo del 8 novembre scorso. Esse hanno, infatti, il
sapore di quelle opinioni che abitualmente esprimono o quei furbetti per i quali le
cose sono andate secondo i loro intenti,
o i malati di unutopica democrazia, che
fa comodo a chi ha interesse che il potere rimanga nelle mani di chi, al momento,
lo detiene; oppure chi accredita alla storia la facolt di stabilire, strumentalmente, chi stano i buoni e i cattivi. La storia
racconta i fatti accaduti, lasciando a chi
la studia il compito dinterpretarne i particolari acquisiti dalle motivazioni e dai
comportamenti di tutti i protagonisti. Si
ormai da molto tempo appurato che le
varie forme di convivenza, compreso
lattuale metodo democratico, allatto
pratico si assomigliano, poich tutte sono guidate e manovrate da minoranze.
Per questa ragione, il passato devessere sempre tenuto presente e ben conosciuto, allo scopo di mettere a confronto
le diverse esperienze relative ai problemi
da risolvere che, pur in contesti diversi,
sono sempre le medesime.
Claudio Fedeli
Cremona
***

"

alunne dellEinaudi

Grazie alla professionalit


delle nostre insegnanti
Signor direttore,
siamo le alunne della classe 3 B del corso socio-sanitario dellIstituto Einaudi di
Cremona che hanno partecipato, i giorni
20 e 21 novembre, al Progetto di animazione per bambini delle scuole materne
dal titolo: lape Fiordaliso, durante la
festa del torrone ed attraverso il suo
giornale, vorremmo pubblicamente ringraziare la nostra scuola che ci offre ogni
anno molte occasioni di crescita personale e professionale e vogliamo dire grazie alle nostre professoresse Aprea e
Dizioli per la loro grande pazienza, professionalit e dedizione al loro lavoro e
per la capacit che hanno dimostrato di
aiutarci e sostenerci in questa nostra
nuova prova, che, anche per merito loro,
stato un vero successo.
Alunne della 3 B
***

"

Lettere & Opinioni

Sabato 22 Novembre 2014

bonemerse

La Giunta ha molte difficolt


nei rapporti politici
Gentile direttore,
la gestione associata dei servizi fondamentali diverr obbligatoria per tutti i Comuni italiani entro il 31 dicembre. Si tratta
di un primo passo verso lunione vera e
propria che consentir di risparmiare denaro e di ottimizzare la gestione; purtroppo lamministrazione di Bonemerse si
appresta a chiedere una deroga alla Regione per non essere riuscita a far partecipare il nostro paese ad una Unione di
Comuni con un numero minimo di 5000
abitanti, come previsto dalla legge: saremo costretti a realizzare la gestione associata solo con Malagnino senza Gerre de
Caprioli, Stagno Lombardo, Pieve DOlmi
e San Daniele. Lunione zoppa solo con
Malagnino raggiunge il numero di 3150
abitanti invece dei circa 8000 dellunione
che si prospettava da tempo con gli altri
3 o 4 Comuni ed quindi probabile che
si vadano a perdere molte delle economie
di scala e le pratiche virtuose che il condividere le funzioni fra pi amministrazioni dovrebbe favorire. Purtroppo il sindaco
Bini e gli assessori non hanno saputo dirci nulla riguardo a quanto i cittadini di
Bonemerse saranno danneggiati in termi-

Per dire la vostra, scrivete a: lettere@ilpiccologiornale.it incomsc@gmail.com

FURTO DAUTO
IN PARCHEGGIO
La Cassazione (sentenza
n. 14319 del 28-06-2011)
ha stabilito che se vi rubano
lauto in un parcheggio comunale, il Comune o la societ concessionaria non
sono obbligati a risarcire
lautomobilista derubato
qualora sia esposto lavviso
parcheggio non custodito
allingresso dellarea di sosta. Secondo lorientamento della Corte, infatti, nel
caso in cui lautomobilista
concluda un contratto di
parcheggio senza custodia
con il gestore del parcheggio, questultimo non sia
tenuto a sorvegliare lauto,
essendo obbligato solamente a mettere a disposizione larea per la sosta (e
non anche per la vigilanza).
Ben diversa la situazione
nel caso in cui le parti abbiano stipulato un contratto
di parcheggio con custodia.
In tal caso, il gestore sar
obbligato a custodire lauto
e dunque a restituirla nello
stato in cui gli era stata affidata. In questultimo caso,
trova applicazione la disci-

A cura di Emilia Rosemarie Codignola*

plina del deposito di cui


allart. 1766 e seguenti del
codice civile, secondo cui
lobbligazione fondamentale del gestore di parcheggio
proprio quella di custodire
lautovettura e restituirla al
proprietario alla scadenza
del contratto. Il posteggiatore pertanto sar responsabile se non avr adottato

ni di qualit di servizi o di mancati risparmi da parte del nostro Comune: tutto ci


proprio in un momento in cui la tassazione locale aumentata vertiginosamente!
E evidente che la nostra Giunta (soprattutto parte di essa) abbia grandissime
difficolt di rapporto politico con la maggior parte delle amministrazioni dei paesi
limitrofi: infatti su 115 Comuni della Provincia di Cremona, solo il nostro Comune
e Malagnino sono costretti a richiedere
questa deroga! Noi della minoranza abbiamo proposto che il sindaco Bini organizzi un ulteriore incontro con i primi cittadini dei paesi vicini, perch pensiamo
che la situazione attuale sia unoccasione
persa per tutti i Comuni coinvolti dato che
una seria gestione associata delle funzioni, costituita da 6 Comuni, avrebbe una
capacit di trattativa maggiore sia, ad
esempio, nella definizione dei contratti
con i fornitori che nei rapporti con la confinante Cremona che, ovviamente, avr
maggiore voce in capitolo su tanti possibili fronti. Se questo incontro avvenisse,
la nostra Giunta dovrebbe rinunciare a
velleit egemoniche e discriminatorie nei
confronti di altri Comuni o microfoni nascosti per registrare gli incontri: bisogna
collaborare con gli altri sindaci, non rischiare di indispettirli! Sarebbe opportuno che maggioranza e minoranza lavorassero assieme per percorrere gli spazi
ancora aperti per allargare lunione.
Purtroppo, noi, non siamo stati mai avvertiti di ci che stava succedendo nemmeno dopo che la nostra Giunta andata a piangere in Prefettura: il risultato
sotto gli occhi di tutti.
Luca Ferrarini
Angelo Garioni
Consiglieri comunali di Bonemerse
***

"

punto di vistA

Bolletta pagata due volte


C qualcosa di poco chiaro
Egregio direttore,
leggendo la lettera in merito ad una bolletta dellEnel pagata due volte tramite
rid, mi viene da sorridere. Ora, io vorrei
sapere con quale banca questo signore
lavora ed in che modo stato consigliato
dagli impiegati stessi (sempre che li abbia
coinvolti), visto che sarebbe stato facile,

le misure necessarie per


prevenire ed evitare il furto,
a meno che non dimostri
linevitabilit dellevento.
Tra gli eventi imprevedibili
che escludono la colpa rientra la rapina (e non il furto). Questultima, infatti, a
differenza del furto presuppone oltre alla sottrazione
del bene anche la violenza

quanto semplice, restituire al mittente,


cio allEnel, il doppione del pagamento.
La mia, probabilmente sar deformazione professionale, ma io, in banca, ci ho
lavorato fino a qualche mese fa (dal primo
luglio sono felicemente in pensione) e
posso assicurare che possibile stornare
rid nelle successive otto settemane, se il
cliente lo ritiene opportuno. Invito pertanto il lautore della lettera ad essere pi
sincero nellesplicazione delle sue rimostranze, perch quanto da lui esposto
non convincente.
Massimo Pelizzoni
Gussola
***

"

calamita naturali

La prevenzione un investimento,
ma anche un risparmio
Egregio direttore,
lItalia ha il record europeo di calamit naturali, 2007 morti in 50 anni. Di fronte ai
morti, alle frane, alle bare nei torrenti, davanti a persone che spalano fango, lo
scaricabarile tra Governo e Regioni assurdo. In pi gli italiani ci hanno messo del
loro, rimarco, spiegando come la teorizzazione dello sviluppo edilizio degli anni
sessanta sia stato un errore, causato anche dalle minori conoscenze geologiche
rispetto ai dati che possibile rilevare con
le attuali tecnologie. Detto ci, consumiamo 8 metri quadri al secondo di terreno
agricolo. Mancano i piani paesaggistici
regionali (per altro prescritti dal codice dei
Beni culturali del paesaggio). E manca
soprattutto una carta geologica aggiornata (per il 60 per cento del territorio vale
quella del 1862), oltre ai Piani di emergenza comunali tenuti nei cassetti. O si rompe
uno schema di decenni e si cambiano
strategia e politica facendo delle messa in
sicurezza la prima fondamentale opera
pubblica e infrastrutturale del Paese, oppure si contempleranno i disastri. O si
sforano tetti, patti, vincoli e quando devi
spendere per prevenire tragedie, semplicemente spendi, oppure faremo ancora
inutili battaglie a colpi di interviste. Lopera di prevenzione paga. Non solo un
investimento, ma un risparmio.
Celso Vassalini
Volontario e vice presidente
Protezione Civile Aifos

"

alla persona o minaccia. Il


posteggiatore per essere
sollevato da ogni responsabilit dovr dimostrare di
aver subto una rapina. Prova non facile da raggiungere dato che la denuncia
della rapina ai carabinieri
costituisce un semplice indizio e non una prova del
fatto. Morale della favola:
controllare attentamente
allentrata del parcheggio
quale tipo di avviso viene
esposto allingresso e se
manca un avviso esplicito,
valutare la concreta prestazione di parcheggio (ad es.
se il posteggiatore prende
in consegna le chiavi
dellauto, sussiste lobbligo
di custodia).
*Avvocato Stabilito
del Foro di Milano
emiliacodignola@libero.it

critica

Poveri noi... Eppure qualcuno


dice che siamo vicini alla ripresa
Egregio direttore,
con la Legge Tutela e uso del suolo del
1977 lo Stato imponeva a tutti i Comuni la
redazione del Piano Regolatore da sottoporre allesame e allapprovazione delle
Regioni. Con gli Oneri di urbanizzazione
dava inoltre ai Comuni le risorse sufficienti per urbanizzare, il loro sviluppo senza
indebitarsi. Da allora un esercito di architetti e ingegneri sono tuttora al lavoro con
un costo annuo per i Comuni (Istat, 2012)
di 930 milioni, con lausilio di un altro esercito che lavora negli uffici tecnici comunali al costo di 1,800 miliardi, mentre la rata
di rimborso debiti grava (Istat, 2012) per
5,807 miliardi. Troppi miliardi impiegati da
quasi quarantanni, mica a tutela del territorio, ma a tutela del business edilizio
e di conseguenza di chi ci ha mangiato
sopra. Con concessione dei mutui dalla
statale Cassa depositi e prestiti. Povera
Italia, poveri paesi colpiti, poveri noi
abbiano commesso lennesimo errore
umano. Mentre qualcuno continua a
sbandierare che siamo sulla strada del
progresso e della ripresa!
Andrea Delindati
Cremona
***

"

segnalazione

Importanti novit sulla casa


nel decreto Salva Italia
Egregio direttore,
nella legge di conversione n. 164/14 del
cosiddetto decreto Salva Italia (n. 133/14)
pubblicata in G.U. n. 262 dell11-11-2014,
in vigore dal 12-11-2014, sono presenti
alcune novit sulla casa, tra cui la possibilit per i Comuni di riconoscere unaliquota Imu pi bassa per gli immobili locati per
i quali il locatore ha accettato una riduzione del canone. Allart. 19, infatti, stato
aggiunto il comma 1 bis che sancisce la
possibilit di definire latto di riduzione del
canone per i contratti di locazione ex art.
2, commi 1, 3 e 5 L. 431/98 (contratti convenzionati) tramite lassistenza delle organizzazioni della propriet e dei conduttori

che hanno stipulato il relativo accordo territoriale. Nel caso di Cremona, le organizzazioni di categoria firmatarie dellaccordo
sono Uppi, Appe, Appc, Sunia e Uniat. Il
conduttore pu inviare al locatore specifica richiesta motivata di riduzione del canone. In caso di conclusione positiva della trattativa il Comune pu riconoscere
lapplicazione di unaliquota Imu ridotta
nei confronti del locatore. A questo proposito rivolgiamo un forte appello al Comune
di Cremona, affinch accolga fattivamente
questa possibilit normativa che favorirebbe equamente gli interessi sia dei proprietari (che pagherebbero unaliquota ulteriormente ridotta sullImu) che degli inquilini (che avrebbero una riduzione del
canone), incrementando cos il mercato
delle locazioni, attualmente ridotto ad un
preoccupante livello di stagnazione. Attendiamo, a questo riguardo, i necessari
chiarimenti attuativi da parte del Comune
di Cremona.
Rossella Bazzi
Segretario provinciale Uppi Cremona
***

"

cremona

Imboccata la strada giusta


sul tema dei diritti civili
Egregio direttore,
la maggioranza di Centrosinistra che governa Cremona ha imboccato la strada
giusta sul tema dei diritti civili per portare
Cremona a fianco delle altre grandi citt
europee ed italiane. Il Partito Democratico e Fare Nuova la Citt hanno presentato un ordine del giorno che assume la
bont della registrazione dei matrimoni
tra persone dello stesso sesso contratti
allestero come elemento per non discriminare i cittadini tra di loro, sviluppando
la mozione del Movimento 5 Stelle con
uno stimolo al Parlamento nazionale ad
inquadrare dal punto di vista legale le
nuove forme familiari ed invitando il sindaco a fare quanto in suo potere per rispondere positivamente in caso di richieste di trascrizione da parte di cittadini
cremonesi, ponendo al contempo la necessit di un percorso che porti allistituzione di un Registro delle unioni civili
presso il Comune di Cremona, unico strumento attuabile da un ente locale per
sostanziare il riconoscimento di diritti.
Sinistra per Cremona fa propria questa
necessit espressa dalla altre due forze
di maggioranza traducendola in una mozione immediatamente operativa che
propone allapprovazione del Consiglio
comunale di Cremona il Registro delle
Unioni Civili presentando il testo del regolamento nella sua versione che in
corso di approvazione definitiva presso il
Comune di Crema, facilitando dunque
liter burocratico con un testo che ha gi
ottenuto il via libera da una maggioranza
politica analoga a quella di Cremona e
che ha gi avuto il vaglio e le opportune
modifiche da parte degli uffici tecnici preposti. Immaginiamo dunque che entrambe queste mozioni troveranno, come logica conseguenza luna dellaltra, riscontro positivo in Consiglio comunale, dato
che la maggioranza di Centrosinistra ha
espresso chiaramente la propria volont
di dare vita ad uno strumento concreto
come il Registro delle Unioni Civili, sulla
falsariga di quello approvato negli altri
160 comuni che lo hanno istituito. La citt di Cremona potrebbe quindi in pochi
mesi compiere quei passi che attendavamo da anni, colmando il divario con le
altre citt. Quando il Registro diverr effettivo, il Comune di Cremona dar un
grande segnale di vicinanza e di solidariet a tutte le coppie etero ed omosessuali conviventi che oggi non vedono riconosciuti in alcun modo i propri affetti,
ed avr sancito che per quanto attiene il
proprio livello di competenza amministrativa, nessun cittadino deve essere discriminato per le proprie condizioni personali e sociali, ottemperando appieno allarticolo 3 della Costituzione Italiana.
Gabriele Piazzoni
Presidente Arcigay Cremona

Previsioni meteo a cura di Dominique Citrigno per SPAZIOMETEO.com e Meteowebcam.it

Sabato 22 novembre

Domenica 23 novembre

Luned 24 novembre

MArted 25 novembre

Mercoled 26 novembre

CREMA

Bergamaschi, e la buca in piazza Marconi?


questione. Lassessore ai Lavori
pubblici, Fabio Bergamaschi
sostiene di aver inviato un tecnico del Comune per un sopralluogo in piazza Marconi, il quale
per non ha trovato la buca.
Per questo, sul numero scorso avevamo scritto: Insomma,

Nonostante le lamentele, non


ancora stata coperta la buca
che si trova sul marciapiede in
piazza Marconi, tra il bar Teatro
e Il Setaccio. E nella quale sono
cadute alcune persone. Qualcuna si fatta davvero male. In
Comune hanno ben presente la

redazione

onta di pi linteresse di partito (e gli interessi di bottega) che il bene della citt.
Questo il sunto della conferenza stampa tenuta dal capogruppo di Forza Italia, Simone Beretta, in merito alla nuova caserma dei vigili
del fuoco il cui costo sar a carico del
Comune di Crema per 400.000 euro ed il
resto dellinvestimento necessario a carico degli altri comuni, Crema compresa,
attraverso un canone pari a 0,38 euro per
abitante. Dove sta il problema? I problemi stanno in almeno due questioni.
La principale, secondo Beretta, questa: La stessa proposta fu prospettata
dalla giunta Bruttomesso. Se fosse stata realizzata gi a quei tempi oggi, probabilmente, la caserma dei vigili del fuoco, ma anche quella della polizia, sarebbero gi una realt. Certamente pi
contenuta nei volumi e nei costi rispetto
a ci che era lecito ed ambizioso sognare. In poche parole: anche ai tempi della
giunta Bruttomesso era gi stato detto
addio a un progetto faraonico, daccordo
con i ministeri romani.
Ma non finita: secondo il capogruppo di Forza Italia: se la caserma dei pompieri fosse stata realizzata gi alcuni anni
fa, insieme alla nuova caserma della
polizia di Stato, queste strutture avrebbero certamente pesato nel tentativo di
salvare il nostro tribunale ingiustamente
affossato dalla miopia di un parlamentare
del Pd cremonese e dalla supponenza di
un sindaco che volle essere da subito pi
realista del re.

per farla breve: o ha preso un


abbaglio il tecnico comunale o i
commercianti di piazza Marconi
hanno avuto delle allucinazioni
perch avrebbero creduto di
vedere una buca, una donna
che ci caduta dentro, unambulanza che lha raccolta da

terra e tanti vigili attorno.


Fatto sta che lassessore
Bergamaschi, da noi ricontattato, ha assicurato che provveder a far controllare meglio e
chieder agli uffici di intervenire
quanto prima. Al momento, nulla di fatto.

Ma il Pd, con Lega e sentinelle, lo bocci. Ora lo ripropone. Perch? chiede Beretta

Caserma pompieri, progetto nostro

Simone Beretta

La domanda dobbligo: perch non


si fece nulla? Contro quel progetto, ricorda Beretta, si schier una maggioranza
trasversale che andava dal Pd alla Lega,
dallUDC alle sentinelle, questultime
sparite nel nulla. Si opposero con determinazione ritenendo che la nuova caserma fosse di totale competenza del ministero degli Interni e che lente locale non
poteva e non doveva sostituirsi allo Stato. Anzi, in tanti si spinsero anche oltre
denunciando che sarebbe stato illegittimo farlo.

E, invece? E arrivato il solito contrordine compagni. Cio? Oggi il sindaco di Crema, evidentemente folgorato
sulla via di Damasco afferma il capogruppo di Forza Italia, ha rimesso in
campo esattamente la mia proposta
che a suo tempo aveva ostacolato in
tutti i modi. Ci dovr, quindi, spiegare
perch oggi sarebbe possibile quello che
fino allaltro ieri riteneva che non lo fosse.
E evidente che privilegi linteresse di
bottega rispetto a quello generale. Scelse di accodarsi allUdc e alle sentinelle

Scatta la nuova protesta del corpo insegnante a Crema Nuova

Elementari, pi stranieri che italiani


Vi ricordate la vicenda delle elementari di Crema Nuova
di via Curtatone e Montanara con la protesta del personale docente perch in molte classi i bambini stranieri o figli
di stranieri erano ben oltre il 30% del totale, tetto massimo
fissato dallattuale legge? Dopo quella protesta, il circolo
aveva provveduto a introdurre una seconda classe prima.
Ma la situazionew non sarebbe migliorata di molto.
Scrive, infatti, il quotidiano on line Cremaoggi che il
pi informato sulla questione: Le maestranze della scuola
di Crema Nuova non vogliono portare avanti oltre questa
situazione perch i numeri dei bambini stranieri sono sem-

pre alti. Secondo i bene informati (nessuno vuole fornire i


dati ufficiali) sono questi: classi prime: 16 stranieri e 14
italiani; classe seconda: dieci italiani e 13 stranieri (percentuale stranieri del 56.5%); classe terza: dieci italiani e 14
stranieri (58.3%); classe quarta: dieci italiani e dieci stranieri (50%); classe quinta: cinque italiani e nove stranieri
(64.3%) e nelle due classi prime ci sono 1 italiani e 15
stranieri, quindi con una percentuale superiore al 50%.
Sempre secondo il sito on line, lassessore allIstruzione, Attilio Galmozzi ha assicurato che il problema sar
risolto.

Dopo 161 anni,


le Ancelle hanno
lasciato Crema
Due persone travolte
da un albero: colpiti
alla testa dai rami
Due uomini sono stati travolti e
uccisi dal crollo di una quercia secolare pericolante nel parco di Villa
Stringa. A Vidolasco, frazione di Casale Cremasco. Sono cos deceduti
Achille Grazioli, 67 anni, architetto, e
Giambattista Lupo Stanghellini, 69
anni, giardiniere storico della villa,
entrambi di Bagnolo. Il primo, gi tecnico comunale e insegnante alle medie, lascia la moglie e il figlio; il secondo, vedovo, lascia le due figlie.
Sui due cadaveri stata disposta
lautopsia. In merito allincidente, i
carabinieri stanno ricostruendo la dinamica. Sembra che il grosso albero
abbia ceduto di schianto. I due uomini hanno cercato di mettersi in salvo
ma sarebbero stati pesantemente
colpiti dai due principali rami della biforcazione della quercia. Il colpo in
testa sarebbe stato mortale.

11

Sabato 22 Novembre 2014

Gioved scorso, le Ancelle della Carit dopo


161 anni - hanno lasciato definitivamente la loro
struttura di via Bottesini, e quindi la citt.
Da qualche anno avevano ceduto tutta la parte scolastica alla Fondazione Manziana. La mancanza di vocazioni religiose ha costretto la madre
generale, Gabriella Tettamanzi, con il suo Consiglio, a ritirare le ultime due suore rimaste a
Crema.

Continuano i lavori Trova 5mila euro, li


in via Mazzini, ma porta ai carabinieri
sar ancora per poco La giusta ricompensa
L'Amministrazione Comunale comunica che in questi giorni si stanno
effettuando alcune verifiche rispetto
agli impianti della rete del sistema
idrico e fognario nella intersezione fra
Via Mazzini e Via Civerchi a Crema.
Questo comporta la necessit di rimuovere parte del lastrico (costituito
da sampietrini) per potere effettuare
scavi di una certa profondit sotto il
sedime stradale.
Temporaneamente, dovendo ripristinare il manto per permettere passaggio sicuro di pedoni e veicoli autorizzati al transito in ZTL e per non lasciare cantieri permanenti nel centro
cittadino, verr disteso del conglomerato bituminoso. Si tratta di una soluzione temporanea in quanto, appena
conclusi i saggi sul reticolato idrico e
fognario, sar ripristinata la copertura
in porfido.

Aveva perso 5mila euro circa, una


ragazza li ha trovati e li ha consegnati
ai carabinieri che li hanno ridati al legittimo proprietario. Protagonista di
questo episodio M.F., 54 anni di
Crema, titolare del bar del centro
commerciale ex Girandola di Bagnolo
Cremasco. Luomo, dopo aver chiuso
il negozio, e arrivato alla sua macchina parcheggioata nel posteggio sotterraneo, nel salire in auto ha perso il
borsello con lincasso del giorno.
Il giorno dopo, domenica, una
donna di Bagnolo, di 40 anni, commessa di un negozio del centro commerciale, andata dai carabinieri di
Bagnolo Cremasco e ha consegnato
un borsello con dentro 4.770 euro in
contanti. I carabinieri sono riusciti a
risalire al legittimo proprietario, che
ha ricompensato la donna che gli
aveva trovato i soldi.

per sbancare politicamente il botteghino;


devo dire che il botteghino lo sbanc e
con esso liquid pure, purtroppo per loro, tutte le sentinelle nessuna esclusa.
Certamente un successo politico perpetrato sulla pelle e la dignit dei veri
servitori dello Stato quali sono i vigili del
fuoco e i poliziotti.
Al di l del ruolo di opposizione, Beretta ha posto delle domande legittime:
Pur essendo sempre convinto che la
caserma dei pompieri si debba fare, perch oggi il comune potrebbe realizzare

quello che laltro ieri per la Bonaldi, quando era capogruppo del PD in consiglio
comunale, non era possibile fare? Perch oggi il comune potrebbe sostituirsi
allo Stato rispetto a funzioni che la legge
non gli assegna? Andranno pur spiegate
le ragioni di allora rispetto a quelle di
oggi perch nulla sul piano normativo
cambiato. Anzi, forse qualcosa s; il rischio di unoperazione che potrebbe
configurarsi allo stato dellarte come elusione al Patto di stabilit.
Ma al di l di quello che viene denunciato da Forza Italia come un peccato di
incoerenza dellattuale sindaco e del Pd,
Beretta pone un altro problema: i soldi.
E consiglia sindaco e giunta a chiedere
un parere preventivo alla Corte dei Conti perch, avverte, un conto costruire
un proprio immobile (vendendo, ma lo
faccio solo a mo di esempio, due farmacie comunali) e poi affittarlo allo
Stato, un altro conto , invece, mettere
tanti soldi in una struttura che, poi, sar
di propriet non del Comune di Crema,
ma di Scrp, la holding dei Comuni cremaschi, nella quale il nostro municipio
vanta solo un 25% circa. Se qualcuno
si chiede perch lattuale amministrazione improduttiva la risposta negli
atteggiamenti e nellincoerenza di ieri
sottolinea Beretta.

Ospedale, al via la fatturazione


elettronica: pagamenti pi rapidi
Lazienda ospedaliera di Crema
stata scelta come capofila a livello regionale della sperimentazione riguardante la fatturazione elettronica. I benefici? Tanti. Li ha spiegati lassessore regionale alla Sanit, Mario Mantovani. I
principali punti di forza sono la rapidit
e, soprattutto, la trasparenza: uno degli
elementi fondamentali quando si parla
di soldi pubblici.
Perch tra tutte le strutture sanitarie
lombarde, Regione Lombardia ha individuato il Maggiore di Crema quale capofila per la sperimentazione? Labbiamo
individuato per la solidit contabile
dellazienda, per la professionalit e per
il buon posizionamento nelle classifiche
dei tempi di pagamento ha aggiunto
Enrica Mainardi, direttore generale
dellunit economico-finanziaria del
comparto Salute in Regione Lombardia.

Il protocollo dintesa tra Regione Lombardia e Assobiomedica per la promozione della fatturazione elettronica, impegner - fino alla scadenza della sperimentazione, il prossimo 31 marzo 2015
- le aziende sanitarie ad erogare i pagamenti entro 30 giorni lavorativi ed i fornitori entro 15 giorni. Concluso il periodo
di sperimentazione, i pagamenti torneranno ad essere effettuati secondo le
scadenze previste dal contratto.

L'autismo nei bambini e ragazzi:


130 docenti ne stanno discutendo
Venerd 14 novembre, iniziato il
primo dei quattro incontri di formazione
dei docenti dellIstituto Comprensivo di
Bagnolo che ha avuto come tema lautismo e disturbi pervasivi dello sviluppo.
Il corso stato tenuto da due psicologhe dellambulatorio privato della Fondazione di Sospiro. Presenti allincontro
circa 130 docenti dei tre ordini di scuola: infanzia, primaria e secondaria di
primo grado dei quattro comuni e gli
assistenti ad personam. Presenti anche
le suore della scuola dellinfanzia comunale di Bagnolo.
Le psicologhe relatrici hanno parlato
di una questione molto attuale e importante come quella del disturbo dello
spettro autistico di cui molti bambini
soffrono. Il corso ha lobiettivo di formare il personale docente sul giusto approccio da tenere con bambini autistici,
definendo lautismo come quella sindrome comportamentale causata da un
disordine dello sviluppo, biologicamen-

te determinato, con un esordio nei primi


tre anni di vita. Le aree prevalentemente
interessate sono quelle relative alla comunicazione sociale, allinterazione sociale reciproca e al gioco funzionale e
simbolico. LOrganizzazione Mondiale
della Sanit ha stilato delle linee guida
per aiutare gli operatori e tutte le persone coinvolte a fare chiarezza. Vi deve
essere una presa in carico clinica, precoce e intensiva: pi intenso il lavoro,
pi vi margine di miglioramento.
Corinne Campolo

12

Crema

Sabato 22 Novembre 2014

Niente consultazione popolare sulla musalla islamica. Lo ha dichiarato il sindaco durante lincontro pubblico in Comune

di Gionata Agisti

e voleva essere unoccasione per


confrontarsi e fare chiarezza, cos non stato. Lincontro pubblico - organizzato dal giornale
Mondo Padano - che si tenuto nella sala dei Ricevimenti di palazzo
comunale, lo scorso 17 novembre, per
parlare dellipotesi di un luogo di culto
islamico in citt - una musalla -, ha visto
fronteggiarsi, senza apparente possibilit
di compromessi, due fronti opposti. A
prevalere stata lanarchia: proteste,
commenti sprezzanti, sfott e perfino
qualche insulto, a cui il moderatore il
direttore di Mondo Padano, Fabrizio
Loffi non ha saputo o potuto far fronte
nella maniera adeguata. Va detto, infatti,
che non pu essere addebitato solo al
moderatore quello che riteniamo il fallimento delliniziativa, pur lodevole in partenza.
La tensione, infatti, era palpabile gi
dai primi interventi e non ha aiutato molto
a stemperare latmosfera lepisodio increscioso in cui inciampato il sindaco,
Stefania Bonaldi, soltanto un giorno
prima. Come si sa, la Maratonina della
citt di Crema, corsa domenica 16,
stata vinta da un atleta marocchino, Abd
al-Latif Batel, che si rifiutato di farsi
premiare da una donna. Forse, pensava
che dellincombenza si sarebbe fatta carico qualche ragazza in vesti discinte, ma
cos non era: il compito sarebbe spettato
al sindaco della citt. Fatto sta che
questultima ha preferito cedere alle volont dellatleta e del suo manager, facendo un passo indietro.
Lepisodio, ricordato dallo stesso moderatore in occasione della serata, ha
scatenato subito le proteste di parte del
pubblico presente, che non si sentirebbe
pi garantito dal primo cittadino, accusato di aver screditato il suo ruolo e limmagine della citt. A non aiutare a chiarire le
ombre che molti cremaschi intravedono
in questo progetto di un luogo di preghiera sono stati anche alcuni interventi
da parte di diversi esponenti della comunit musulmana della citt. Un giovane
ha sottolineato che, nella storia, sono
stati i cristiani a scatenare pi guerre, rispetto ai musulmani.

Moschea, la citt ormai spaccata

Da sinistra: Dhaouadi, Branca, Bonaldi, Loffi, Torazzi, Arpini, Ancorotti e mons. Lingiardi

Uno degli anziani della comunit, invece, durante lintervento di una signora
del pubblico, di origini anglosassoni, le
ha urlato di tacere, nel momento in cui la
stessa accennava a entrare nel merito di
questioni religiose che, a dire del contestatore, lei ignorava. Lanziano, zittito a
sua volta da altri presenti, non ha certo
dato una mano a quanti rivendicano la
possibilit di un confronto, rispettoso, s,
ma aperto su ogni punto. Peraltro, la
stessa signora, poco prima, aveva accusato un altro dei responsabili della comunit di avere postato su Facebook delle
frasi offensive nei confronti della minoranza siriana, musulmana ma di confessione sciita, al governo del Paese arabo.
A nostro giudizio, linteressato non ha
chiarito sufficientemente la questione,
sostenendo di fatto, a un certo punto - e
in questo difeso dallo stesso moderatore
- che ognuno su internet libero di esprimere quello che vuole. Si trattato di un
altro passo falso, nel corso della serata,
che non ha mancato di scatenare una
delle tante rumorose proteste di quanti,
tra il pubblico, si dichiarano contro la
moschea o musalla.
Al netto di tutto, c da dire che, se
davvero esiste questa contrapposizione
tra sunniti e sciiti anche a Crema, cosa

succeder quando questi ultimi chiederanno pure loro un luogo per pregare?
Per la cronaca, una richiesta di unaltra
musalla o di una struttura analoga esisterebbe gi, come ha rivelato il consigliere
comunale del Nuovo Centrodestra, Laura Zanibelli. Ad ogni modo, lunica notizia emersa nella serata che non ci sar
alcuna consultazione popolare.
Non solo niente referendum, quindi che non possibile, stante lo statuto
comunale vigente ma nemmeno qualsiasi possibilit formale, da parte della
cittadinanza, di esprimere la propria opinione. Lo ha dichiarato lo stesso sindaco: Non sono i cittadini a decidere se un
diritto tale. Lo stabilisce la nostra Costituzione. Per me, vergognoso che la
comunit islamica della citt abbia dovuto presentare per ben quattro volte una
richiesta per un luogo di culto, senza venire ascoltata. vero che, in campagna
elettorale, non abbiamo mai parlato di
realizzare una musalla a Crema, ma abbiamo sostenuto limportanza di rispettare i diritti di tutti, questo s. Al momento,
stiamo valutando la possibilit di cedere
alla comunit islamica il diritto di superficie sul terreno individuato in via Milano,
tenendo presente che lonere della costruzione spetta, ovviamente, solo a lei.

Questo ci consentirebbe di stipulare una


convenzione con la stessa comunit, in
cui poter precisare una serie di assicurazioni a tutela della libert di tutti.
Ma proprio questo il vero problema
di natura politica: perch non vendere
direttamente il terreno e scegliere invece
la strada della cessione gratuita del diritto di superficie? In questultimo caso,
infatti, ci si pu chiedere se lamministrazione sarebbe pronta a concedere lo
stesso diritto a ogni associazione che ne
facesse richiesta. Anche tra il pubblico,
qualcuno si chiesto se questa scelta
non rischi di andare a discapito degli interessi della citt. Quella della convenzione, comunque, forse un modo per
venire incontro a quanto, sotto il nome
di Patto donore, chiede da tempo il
consigliere comunale di Forza Italia, Renato Ancorotti, anche lui invitato come
relatore, anche se ha tenuto a precisare
di essere presente solo come privato
cittadino.
Non ho nulla contro lIslam in s ma
si tratta di una religione composita e, per
tutelarci da eventuali integralismi, vorrei
dalla comunit musulmana di Crema una
serie di prese di posizione: contro la pratica dellinfibulazione che praticata da
molti Paesi in cui lIslam la religione

Tino Arpini: E soprattutto una questione di sicurezza e di reciprocit di diritti


A margine dellincontro pubblico tenutosi in comune, organizzato da Mondo Padano, c da segnalare
una sostanziale cristallizzazione delle posizioni pro e
contro. Un dialogo tra sordi che tende ad annullare reciprocamente le ragioni delle parti.
Una, prevalentemente la sinistra, d priorit al diritto
incondizionato di pregare, anche come mezzo che favorisca una migliore integrazione delle varie culture; ma
lo fa in modo talmente ingenuo da lasciar intravedere
qualche interesse elettoralistico in una fascia di popolazione in immigrazione massiccia, alla quale si dovr
prima o poi riconoscere anche qualche diritto civile,
che gi i nascituri sul nostro suolo possono chiedere al
compimento del 18simo anno. E in questa volont di
concedere facilmente luoghi privati per il culto, ostentano lalleanza con la chiesa cattolica, grazie a interpretazioni benevole di alcuni, ma non tutti, presbiteri o laici
cattolici di punta, che si distinguono per i loro poco
celati orientamenti politici.
Unaltra parte, prevalentemente di centrodestra, che
non mette in discussione il diritto di tutti, quindi anche
degli islamici, di pregare in un luogo adeguato. Il problema che proprio verso gli islamici sorgono preoccupazioni di sicurezza per i frequenti casi di infiltrazioni da
parte di estremisti, che nemmeno i responsabili sono in
grado di fugare quando dichiarano di non conoscere
personalmente tutti quelli che vi si recano per la preghiera. Lislam rappresenta una multiculturalit che li

differenzia, quando non li contrappone,


rendendo difficili soluzioni univoche o
Intese con la Stato Italiano, come avvenuto per tutte le altre religioni; per questo potrebbero esserci anche a Crema,
pi moschee. Gli alert del ministero degli Interni nel 2014 sono numerosi ed
consolidato il dato del proselitismo occidentale a favore della guerra santa.
Il secondo elemento da considerare
la reciprocit di diritti, visto che nei
Paesi a cultura-religione-governo islamici le minoranze, ed in particolare i
cristiani, nellordine stimato di almeno
7.000 allanno, vengono ammazzati e
le chiese distrutte. Infine, ma non da ultimo, la mancanza di considerazione per i diritti delle donne e le
difficolt per i matrimoni misti.
Stiamo correndo il rischio di una conquista islamica
di tutto il mondo occidentale, facendolo teatro di quelle
tragedie quotidiane che si intensificano sempre pi nel
Medio Oriente ed alle quali ci stiamo purtroppo inconsapevolmente abituando senza alcuna reazione. Questo potrebbe essere un disegno strategico facilitato
dalla estrema fragilit interiore dellOccidente cristiano,
che smarrisce sempre pi la sua anima identitaria e si
piega facilmente a qualsiasi altra cultura, nel nome del
multiculturalismo, che diventa indifferentismo e autole-

Crema dei giochi: tutto il programma


di sabato e domenica nelle sale Agello
Al via la terza edizione di Crema di
Giochi, la manifestazione cittadina dedicata al gioco di societ ed alla cultura del
gioco: unidea nata, sviluppata e organizzata allinterno del Laboratorio Ludico
Creativo Il Cristallo dellAleph. Lidea
fondante di Crema di Giochi da sempre quella di far riscoprire la cultura del
gioco, i valori educativi trasmessi dai giochi di tutti i tipi e la voglia di divertirsi insieme riappropriandosi del proprio tempo. Ledizione 2014 di Crema di Giochi
si spostata dalla sua sede storica per
offrire spazi ampliati e sar caratterizzata
da unofferta ludica rinnovata nei suoi
tratti generali. Si svolge, infatti. in due
giornate nelle sale Agello, in piazzetta
Winifred Terni de Gregorj ed ospita, oltre
ai consolidati tavoli liberi per i giochi da
tavolo, numerosi eventi ludici di ogni ge-

nere: dagli scacchi ai giochi da tavolo, dai


giochi di carte ai giochi di investigazione,
dai wargames ai giochi di ruolo e teatrali,
dagli incontri con autori di giochi e le loro
creazioni agli approfondimenti su aspetti
culturali e sociali dellattivit ludica.
Le due giornate sono organizzate come segue: sabato 22 novembre - dalle
ore 14 alle 24 - giornata dedicata ai giochi
che prevedono una componente narrativa e teatrale: giochi di ruolo, di narrazione, di interpretazione, di comitato e murderparty; domenica 23 novembre - dalle
ore 10 alle 20 - giornata dedicata ai giochi
da tavolo, ai wargames e agli incontri a
tema. Tutti i giorni sar a disposizione
unarea ludica libera. Crema di Giochi
consentir inoltre alla citt di Crema di
partecipare alla manifestazione nazionale
La Settimana del Gioco in Scatola.

sionismo. Un fatto recente anche


nella nostra citt lo conferma: se
alla premiazione del vincitore della
maratonina di domenica scorsa
qualche cattolico avesse chiesto ad
eventuali ragazze immagine un poco discinte di scostarsi dal palco,
sarebbe stato tacciato di bigottismo e subito emarginato; siccome
lha chiesto un marocchino, persino
la sindaca, seppur ben coperta,
avrebbe dovuto allontanarsi per
non sollevare suscettibilit alcuna,
e tutti si sono rispettosamente adeTino Arpini
guati.
Senza dire di tutte le riserve sul piano tecnico di
quellarea di 3.300 mq individuata dal Sindaco su via
Milano quale luogo di culto e per la quale chiede al
Consiglio Comunale di approvare la variante al PGT.
Non ho mai capito, infatti, perch, una volta eventualmente approvata, dovrebbe andare necessariamente al
Centro Culturale Arabo piuttosto che ad unaltra confessione. Si dice gi anche in diritto di superficie, senza
sapere a quale prezzo con quale metodo di assegnazione. Un appezzamento di area stralciata da un lotto di
24.000 mq di propriet comunale, un vero tesoretto che
potrebbe irrimediabilmente sgonfiarsi di valore.
Tino Arpini Solo cose buone per Crema

dominante; contro i matrimoni combinati


e contro il velo integrale, che nasconde il
viso, in barba alle nostre leggi. Infine,
chiediamo di sapere da dove provengono i soldi con cui la comunit cremasca
intende costruire la musalla. Vengono
forse dallArabia Saudita, che uno dei
Paesi arabi pi integralisti?.
ul palco dei relatori, anche il presidente della comunit islamica, il tunisino
Bouzaiane Dhaouadi, che, da parte
sua, si detto, a fine assemblea, daccordo a un eventuale Patto donore; il
professor Paolo Luigi Branca, docente
alla Cattolica ed esperto di lingua e cultura araba; monsignor Emilio Lingiardi,
parroco della Cattedrale; il consigliere
comunale della Lega Nord, Alberto Torazzi e il suo collega della lista civica
Solo cose buone per Crema, Tino Arpini.
Se il parroco ha fatto un resoconto
della sua esperienza pluridecennale in
Palestina, mettendo in evidenza i frutti di
una buona collaborazione tra cristiani e
musulmani, il professor Branca ha invece
inquadrato il problema cremasco nella
prospettiva nazionale di unItalia non attrezzata culturalmente al cambiamento
che si sta verificando sul suo territorio.
La realt non si ferma con i no. Va avanti, nonostante tutto. vero che, a volte,
abbiamo avuto a che fare con persone
poco raccomandabili, ma in questo frangente gli enti pubblici latitano. Di fatto, si
disinteressano a un fenomeno che in
crescita e non intervenire significa anche
non regolamentare.
Quanto al consigliere Arpini, ha invitato a domandarsi se quanto sostenuto da
alcuni, a livello nazionale, in merito al
fatto che lIslam possa conquistare spazi
sempre maggiori, a scapito dei diritti di
tutti, sia da considerarsi preoccupazione
concreta o allarmismo. Torazzi, infine, ha
invitato ad attendere una legge nazionale
in materia, prima di fare passi in avanti:
Da sempre, chiediamo una legge che
regolamenti moschee, centri culturali e
musalle. Al loro interno, i sermoni devono
essere pronunciati in italiano e gli imam
devono disporre di un patentino, che
certifichi il loro tipo di preparazione. Occasioni come quella di stasera sono comunque importanti, perch la gente
preoccupata. In Italia, si sono verificati
episodi gravi e non sempre le moschee
sono riuscite a frenare lestremismo.
Per concludere, lincontro lascia limpressione di un nulla di fatto e se questo
luogo di culto si far, la citt, a meno che
non intervergano occasioni di incontro
pi costruttive, magari promosse dalle
istituzioni stesse, rimarr nettamente divisa. Se non decisamente contraria.

Santa Cecilia, Trigolo celebra la patrona della musica


Si tiene domenica 23 a Trigolo la
celebrazione per la patrona della musica, occasione molto sentita in paese
perch il locale corpo bandistico sfil
per la prima volta in pubblico proprio il
giorno di S. Cecilia del 1848. Una messa sar celebrata alle ore 10.30 dal
parroco don Vilmo Realini e sar animata dalla Schola Cantorum Monsignor Corrado Moretti, diretta da Giovanna Stanga ed accompagnata allorgano da Marco Dossena, mentre il
corpo bandistico Giuseppe Anelli,
diretto da Vittorio Zanibelli, accompagner i momenti principali della solenne funzione.
Al termine, come da tradizione, la
banda porter il proprio saluto in musica alla cittadinanza percorrendo le vie
del paese e, alle ore 12.30, tuti si ritroveranno presso la mensa scolastica
comunale per il pranzo sociale. Duran-

te il quale il maestro Zanibelli e il presidente Antonio Pini, tracceranno il


consuntivo dellannata trascorsa e indicheranno gli obiettivi del nuovo anno
musicale, con un invidiabile organico di
56 suonatori, 40 dei quali residenti a
Trigolo ed una scuola di musica che

propone ben 9 diversi corsi frequentati


da 30 allievi alcuni dei quali, anche
adulti, provenienti dai centri vicini. Significativo anche il numero dei simpatizzanti del sodalizio che annovera
ben 238 soci onorari e 24 soci sostenitori, oltre a numerosi collaboratori.

Crema

Le aziende cremasche della cosmesi presenti


anche al Cosmoprof Asia di Hong Kong
Cosmoprof Asia di Hong
Kong si sta imponendo come
evento capace di richiamare i
pi importanti marchi internazionali della cosmesi. Lultima edizione ha registrato cifre da capogiro: 76.200 metri quadrati
destinati a 2.168 espositori da
43 paesi del mondo, 60.985 visitatori da 125 paesi di cui 37.575
provenienti oltreoceano. Duccio
Campagnoli, presidente di BolognaFiere afferma che Cosmoprof Asia una piattaforma di
rete mondiale in cui possibile
realizzare incontri importanti e la
sua crescita negli anni conferma
la sua leader nellinfluenzare il
settore della bellezza.
Anche per quest'anno le
aziende del Polo della Cosmesi,
nelle nuove vesti di Associazione, hanno portato in fiera ci che

le rende uniche: la qualit e la


grande capacit creativa tipica
italiana. Le aziende del Polo presenti in fiera (precisamente nella
hall 5G che accoglie le imprese
conto terziste e di marchio): Gi
Piccos's Cosmetics, Omnicos

Passa la palla, non si gioca da soli

opo il grande successo


dellincontro Il Terzo Tempo, lA.C. Crema 1908
ha organizzato il secondo
evento previsto dal suo ciclo di appuntamenti Sport & Cultura, questa volta dal titolo: Passa la
palla: quando la prospettiva fa la
differenza. Alla serata, che si tenuta la sera dello scorso 14 novembre, nella sala dei Ricevimenti del
palazzo comunale, hanno partecipato, come relatori, tre protagonisti del
mondo del calcio: il giornalista sportivo Paolo Cond, lesperto allenatore di settori giovanili, Alessio Pala,
e lallenatore ed ex giocatore Sergio
Porrini.
Come ha ricordato il presidente
dellA.C. Crema, Enrico Zucchi:
Questo ciclo di incontri ha lintento
di dare continuit al progetto giovanile Crema Academy e si inserisce
allinterno di quella serie di progetti
formativi ed educativi che lA.C.
Crema 1908 sta promuovendo alla
citt e allintero territorio cremasco.
Devo dire, con grande soddisfazione, che lo sta facendo con un grande
successo di pubblico.
A met fra un talk show e una
chiacchierata da bar sport, la tavola
rotonda stata loccasione per discutere di alcuni temi importanti che
ruotano intorno al mondo del pallone, attraverso le esperienze, ai massimi livelli, di tre grandi protagonisti
del calcio italiano e internazionale.
Paolo Cond, infatti, uno dei migliori giornalisti sportivi del panorama nazionale e internazionale. Scrive
per La Gazzetta dello Sport ed un
grande esperto di calcio estero, nonch unico giurato italiano per lassegnazione del Pallone dOro. Alessio
Pala stato ed tuttora un allenatore
e talent scout molto esperto. Quanto
a Sergio Porrini, ricordato soprattutto per i successi ottenuti con la
maglia della Juventus.

Da sinistra: Sergio Porrini, Paolo Cond e Alessio Pala

Dopo i saluti, da parte del consigliere comunale, delegato allo Sport,


Walter Della Frera e del delegato
Coni per il nostro territorio, Fabiano
Gerevini, il compito di moderare gli
interventi toccato ad Angelo Colombo, responsabile dei progetti
speciali per la societ nerobianca.
Questo incontro nasce proprio per

realizzare un sogno ha commentato


questultimo. Credo sia interessante mettere a confronto i tre punti di
vista che accompagnano il mondo
del calcio ma che sono anche metafore della vita. Dapprima, la prospettiva intellettuale, autorevole ed
esperta del giornalista, quindi, quella
di chi coordina e dirige il gioco - lal-

lenatore - e, infine, quella di chi il


gioco lo mette in pratica. Per capire,
alla fine, come sia importante da che
punto di vista si guarda la palla ma,
pi di tutto, quanto sia fondamentale
che questa continui a girare.
Tra i temi, affrontati nel corso della
serata: i punti di vista sui giovani e
come possano essere valorizzati
allinterno del campionato di serie A;
il ruolo del collettivo e, allo stesso
tempo, limportanza della individualit nel gioco del calcio; il fair play e il
cambio di mentalit che questo atteggiamento comporta; la forza di
volont, necessaria per emergere.
La nostra cultura sportiva ancora
troppo legata al risultato intervenuto Porrini e, tra laltro, lossessione per il risultato penalizza il bel gioco. Dobbiamo cambiare questapproccio, altrimenti sar difficile riuscire a dare spazio ai giovani senza
bruciarli, quando non rendono subito come si vorrebbe pretendere.
Tanti, purtroppo, hanno gi fatto
questa fine.
Riguardo al fair play in campo,
Cond fa mea culpa: I mass media
hanno una grossa responsabilit in
questo senso, perch potrebbero riuscire a indirizzare gli atteggiamenti.
Di gesti di onest se ne vedono pochi durante le partite e questo anche conseguenza della priorit data
alla vittoria a tutti i costi, di cui si
gi parlato. Una vittoria che, certo,
importante ma che va costruita
con fatica e passione, una passione
che - stato sottolineato dai relatori
- si vede poco nei giovani calciatori
di oggi, gi orientati al mito del successo, da raggiungere il pi velocemente possibile.
Ci vuole un lungo percorso di
maturazione, per raggiungere questi
obiettivi ha commentato Alessio
Pala, e, in questa direzione, allenatore e societ devono procedere di
pari passo, con pazienza e stabilendo inizialmente gli obiettivi. Non
facile.

Pmi Day: studenti alla Maus di Bagnolo e allAiolfi di Madignano


LAssociazione Industriali di Cremona, in particolare la rappresentanza della piccola e media
impresa ha organizzato, lo scorso 14 novembre,
un primo avvicinamento delle scuole al mondo del
lavoro. Liniziativa in questione era dedicata alle
terze medie del territorio provinciale, invitate a visitare alcune aziende locali. Per loccasione, hanno
partecipato una quindicina di istituti scolastici, tra
cui anche il plesso Rita Levi Montalcini, di Bagnolo e Vaiano Cremasco, diretto dalla professoressa Paola Orini.
Ho partecipato alla visita che ha interessato le
tre classi terze delle medie di Bagnolo ha raccontato la stessa dirigente, invitate allazienda Maus,
a cui ha preso parte anche il sindaco di Bagnolo,
Doriano Aiolfi. In tutto, eravamo in 28 persone e
siamo stati accolti dal titolare della Maus, lingegner Stefano Agostino e dalla nipote, Maria Luisa Gasparini. I ragazzi hanno visitato lazienda
divisi in gruppi e hanno avuto modo di parlare con
i tecnici, gli operai e con lo stesso Agostino. Posso
dire che gli studenti si sono dimostrati molto contenti e soddisfatti, cos come, peraltro, anche gli
stessi rappresentanti dellazienda di Bagnolo. In-

somma, stata uniniziativa vissuta in modo positivo da entrambe le parti. Quanto alle terze di
Vaiano, invece, hanno visitato lazienda Aiolfi, di

Tutte le multe

A chi vende
oppure offre alcol
ai minori o lascia
i vetri per terra

Group, Eurovetrocap, Capardoni


e Icc. Poco distanti gli imponenti
e prestigiosi stand di Baralan,
Brivaplast Group e Landoll. Presenti anche Renato Ancorotti di
Ancorotti Spa e Stefano Moretti
di Lumson.

Continua leducativo ciclo di incontri promosso dallA.C. Crema 1908 sulla cultura dello sport

di Gionata Agisti

13

Sabato 22 Novembre 2014

Madignano. Anche qui, come ci fa sapere sempre


la dirigente Orini, con esito molto positivo e soddisfacente. (g.a)

Giuliano Semeraro e Stefania Bonaldi

E' stata emessa l'ordinanza con cui il sindaco di Crema, nell'ambito dei suoi poteri in materia di sicurezza urbana e convivenza civile,
intende affrontare il problema del consumo eccessivo di alcol nei giovani, il conseguente degrado per labbandono di bottiglie e vetri negli
spazi aperti, ma soprattutto porre in essere
unazione dissuasiva ad un fenomeno dilagante
anche tra i minori.
Diversi sono i fenomeni correlati al consumo
eccessivo di alcolici registrati in questi anni: dalla
semplice alterazione dei rapporti e delle relazioni
da parte degli assuntori di alcolici, fino al bullismo
e violenze che si estendono anche a danno dei
cittadini residenti e degli utenti della strada. Non
hanno certo minore importanza gli atti teppistici
relativi alla rottura di contenitori in vetro e di danneggiamento del patrimonio pubblico e privato,
che possono inoltre comportare disturbo alla
quiete e al riposo delle persone, fino a culminare
talvolta - in atti di minzione su suolo pubblico,
spesso in corrispondenza degli ingressi carrai e
pedonali delle residenze private.
Questo provvedimento annuncia Stefania
Bonaldi ha un unico obiettivo: tutelare la salute
dei nostri ragazzi. Il divieto vale per chioschi, bar,
ristoranti e ogni genere di attivit commerciale,
supermercati compresi ed interpreta la normativa
nazionale, con ulteriori pene anche pecuniarie.
Saranno sanzionati anche i maggiorenni che, in
pubblico, cedano a minorenni bevande alcoliche
dopo averle acquistate. Il comportamento dei
minori sar perseguibile, cos come quello degli
esercenti.
Questo tipo di provvedimento adottato dal
primo cittadino, parte da un impianto normativo
nazionale di riferimento (lart. 689 del C.P. e la
Legge quadro sul consumo di alcolici L.125 del
2001 modificato dal cos detto D.L. BALDUZZI
del 2012) che ha inasprito le sanzioni in tema di
consumo e somministrazione di alcolici, estendendo tale divieto anche ai maggiori di anni 16 e
minori di anni 18. I soggetti interessati dal provvedimento sono: lesercente, il cliente minorenne,
il cliente maggiorenne.
Per lesercente che somministrasse o vendesse alcolici ai minori di anni 16 sono previste sanzioni penali. E prevista invece una sanzione amministrativa di importo pari a 500 euro in
caso di somministrazione e/o vendita a maggiori
di 16 ma minori di18 anni. Non mancher una
sospensione di 3 mesi della licenza in caso di
reiterazione della violazione. Lordinanza entrer
in vigore dopo che avremo comunicato il tenore
del provvedimento alle associazioni di categoria
del commercio ed ai gestori di pubblici esercizi
chiarisce Stefania Bonaldi ai quali chiediamo, fin
da ora, collaborazione. Auspichiamo unalleanza
con tutti loro, perch, insieme a noi, pongano
maggiore perizia nei controlli sullet del cliente
ed impediscano la somministrazione nei casi di
esaurimento degli spazi interni al locale, onde
evitare che si utilizzino impropriamente le aree
pubbliche antistanti. Questo gi risolverebbe
buona parte dei problemi segnalati dai cittadini.
Ma che cosa succede al minorenne che non
rispettasse il divieto? Una sanzione di 200 euro
quando si consumasse alcol e sanzione di 200
euro in caso di abbandono di bottiglie, bicchieri
di qualsivoglia materiale sul suolo pubblico o comunque in spazi di accesso pubblico. Ultimo
soggetto colpito dallazione del provvedimento
sar il maggiorenne. Quando colto a non rispettare il divieto dellacquisto mediato per conto di un
minorenne dovr pagare una sanzione pari a 200
euro. Per il non rispetto del divieto di consumo
bevande sul suolo pubblico e in caso di abbandono di bottiglie ed ogni altro contenitore altra
sanzione pari a 200 euro.
Questa ordinanza scaturita dalla necessit
di far fronte chiarisce il comandante della polizia
locale, Giuliano Semeraro - ad un fenomeno
sempre pi preoccupante: il consumo di alcolici
da parte dei minori di anni 18. Nel contempo si
intende stigmatizzare tutti quei comportamenti
correlati che creano gravi riflessi alla sicurezza
stradale e alla convivenza civile.

14

Sabato 22 Novembre 2014

CASALMAGGIORE

casalmaggiore@ilpiccologiornale.it

Gli angeli della sabbia salvano la golena

Nonostante il mancato supporto di Protezione Civile e Aipo, cinque persone hanno lavorato per un giorno per impedire la rottura dellargine

LA PIENA

La paura
e il sollievo

Stavolta ha tenuto. La situazione del Po stata critica nelle giornate di luned e


marted, ma i danni pi gravi
sono stati evitati. Nella giornata di domenica sono state
sgomberate tutte le cascine
della golena, tanto che si dava quasi per scontato che
lacqua vi sarebbe tornata,
come gi avvenne nel 94 e
nel 2000. Marted pomeriggio il sospiro di sollievo finale: gli allagamenti hanno interessato solo unatra di Agoiolo. Gli argini hanno tenuto,
anche se costante stato il
monitoraggio della protezione civile. In qualche caso si
intervenuti per arginare qualche fontanazzo, fenomeno
come noto preoccupante, in
quanto rischia di far saltare
un argine. A Torricella ad
esempio (nella foto) accaduto domenica, ma anche a
Fossacaprara quando il livello era gi sceso, per evitare
in ogni caso problemi. La riapertura del ponte tra Viadana
e Boretto gioved mattina ha
decretato di fatto lannuncio
di scampato pericolo.

di Vanni Raineri

differenza tra angeli del fango e angeli della sabbia. I


primi intervengono a
danno fatto per dare
una mano ai disperati che vedono i loro averi distrutti, i secondi
intervengono prima che il danno
sia fatto, facendo s che la speranza abbia il sopravvento sulla
disperazione.
C anche differenza tra eroi e
furbi, e stranamente talvolta
una differenza che sembra sottile, dipende se si guarda da un
lato o dallaltro. Di un argine, in
questo caso.
La storia che raccontiamo
quella di 5 uomini che, contro le
regole delluomo e della natura,
hanno salvato chilometri e chilometri di golena, dove si trovano
le loro case, le loro famiglie e i
loro campi. Per un giorno e una
notte, tra luned e marted, hanno
lavorato instancabilmente per
portare sacchi di sabbia sullargine di Santa Maria, ed evitare che
il fiume tracimasse inondando le
loro abitazioni. Perch loro soli e
non la protezione civile? E presto detto.
Ormai lAipo, che sovrintende
le infrastrutture sul corso del Po,
considera lintera golena area di
sfogo per le piene del Grande
Fiume. Largine comprensoriale
che tutela una vasta area che va
da Motta Baluffi e Casalmaggiore, dove vivono decine di persone, luned era a serio rischio di
tenuta. Il livello arginale costante tranne che allaltezza di Santa
Maria, a Vicobellignano. Questo
perch, in caso di esondazione,
preferibile che lacqua faccia il
suo ingresso in golena a valle, e
non tra Motta e Torricella, in
quanto creerebbe un minore pericolo rientrando contro corrente.

Il punto in cui l'argine comprensioriale di Santa Maria incontra l'argine maestro: i sacchi di sabbia qui sono stati posti dalla protezione civile

Luned appunto lacqua ha raggiunto il culmine nel punto pi


basso dellargine. La protezione
civile ha concentrato i suoi sforzi
nel punto in cui larginello incontra largine maestro (si vede nella
foto sopra): non era l che doveva
rompere. Poco oltre invece
stava il punto critico, ed qui
che i 5 si sono concentrati. Hanno chiesto sacchi di sabbia alla
protezione civile e alAipo che
per, pur a malincuore, non hanno esaudito la loro richiesta. Le
regole sono regole. Senza darsi
per vinti, sono riusciti a reperire
sabbia qua e l, e hanno iniziato
a compiere la loro opera.

Le previsioni dice uno di


loro erano di una piena che in
realt stata sovrastimata. Quindi si trattava di arginare in quel
momento il pericolo, non credo
proprio che abbiamo fatto qualcosa di sbagliato. La notte poi
c stato un punto in cui lacqua
tracimava pericolosamente, e nel
buio siamo riusciti a limitare il
fenomeno. Se ne fosse passata
di pi avrebbe scavato largine e
non ci sarebbe stato nulla da fare. Ad un certo punto lacqua
continuava a passare e siamo
dovuti andare via per evitare
guai. Fortunatamente largine ha
tenuto. E stato il pensiero dei

nostri cari a darci la forza per non


crollare.
Davvero singolare la situazione sul posto, con tanti volontari
che, pur non potendo intervenire,
di fatto facevano il tifo per loro,
che alla fine sono stati portati
idealmente in trionfo dalle persone che vivono in golena e che gli
hanno manifestato tutta la loro
riconoscenza.
Questi 5 angeli della sabbia
hanno rischiato lincolumit riuscendo a preservare case e campi: un esempio da non imitare,
ma il fatto di non aver ricevuto
laiuto delle istituzioni non li fa
passare automaticamente dalla

parte del torto.


Anche per un altro fattore: E
vero che in quel tratto prosegue il nostro interlocutore - largine deve essere pi basso, i livelli
li decide lAipo. Ma il punto che
per la scarsa manutenzione il livello l era pi basso di quanto
previsto. Ora di quegli argini se
ne occupa il Consorzio d Bonifica del Navarolo, e nei prossimi
mesi insister affinch siano fatti
controlli precisi perch si ripristini la quota fissata. E vero che
golena, ma golena anche quella di Sommo e di Stagno Lombardo, dove invece si interviene
in modo diverso.

Canneto, la stagione apre nel segno di Tot


Questa sera La Belle Epoque propone Signori si nasce, ed io, modestamente, lo nacqui

Stasera, sabato 22 novembre,


presso il Teatro Comunale "Mauro Pagano" di Canneto sull'Oglio
andr in scena il primo spettacolo della stagione teatrale 2014'15 dedicata al compianto cannetese Vincenzo Brusatazzi.
Sar ospite la Compagnia
dOperetta La Belle Epoque"
con uno spettacolo molto particolare che merita di essere visto:
Signori si nasce, ed io, modestamente, lo nacqui, ovviamente dedicato al grande Tot.
Perch realizzare uno spettacolo sul grande comico napoletano? Semplicemente perch
una Compagnia di Operette come la Belle Epoque non pu fare

a meno di ricordare il pi grande,


che ha dato il via ad unintera
generazione di comici fino ai
giorni nostri.
Lo spettacolo vuole soprattutto sottolineare laspetto poetico
di Antonio de Curtis, attraverso
le voci soliste della Compagnia,
alla riscoperta di un fantastico
repertorio musicale dai pi sconosciuto, che andr al di l delle
classiche canzoni che hanno fatto da colonna sonora ai successi
cinematografici.
Ampio spazio anche alla poesia di Tot, che ci consegna un
autore sempre ispirato
dallamore e dal fascino indiscreto di una Napoli inedita. A

cunzegna, uocchie ncantatore, lacquaiola, a livella ed altre


ancora a sottolineare il percorso poetico di Tot.

Lo spettacolo prevede inoltre


la riproposizione di alcune delle
scenette comiche pi famose ed
esilaranti che hanno segnato
unepoca cinematografica e teatrale ancora oggi ineguagliabile.
La produzione realizzata
con musiche eseguite dal vivo
dallorchestra del Maestro Tazzari, ed interazioni video con i
cantanti e gli attori della Compagnia
Il tutto ricordando Tot, e con
lui il miglior periodo della ricostruzione del nostro paese attraverso le espressioni allegre e malinconiche del pi grande comico
e attore della commedia dellarte
che lItalia possa vantare.

Casalmaggiore

Sabato 22 Novembre 2014

Divisi in guerra, uniti nel ricordo

Sabato 29 a Casalmaggiore i consoli di Austria e Ungheria per commemorare i Caduti della Grande Guerra: 7 le tombe straniere

di Giovanni Gardani

asalmaggiore ricorda la Grande Guerra, della quale ricorre il


Centenario proprio in questo
2014 (anche se lItalia entr nel
conflitto bellico solo nel 1915),
e lo fa ancora una volta in modo originale
e azzeccato. Dopo il restauro della chiesetta dedicata specificamente ai Caduti della
Prima Guerra Mondiale a Quattrocase con
cerimonia il 4 novembre scorso, stavolta
toccher invece proprio al capoluogo casalese.
Liniziativa fissata per il prossimo 29
novembre, un sabato, e coinvolger sia
Cremona che, appunto, Casalmaggiore.
Questo perch tali centri sono gli unici, in
provincia, a ospitare nel proprio cimitero
comunale Caduti non solo italiani, ma anche austriaci e ungheresi. In particolare a

Casalmaggiore sono sette le lapidi, ora


scolorite e sulle quali quasi impossibile
leggere il nome del defunto, dedicate alla
memoria di sette soldati dellesercito austro-ungarico. Dobbiamo infatti ricordare
che la geografia di inizio secolo, destinata
a modificarsi profondamente proprio a
causa dellesito del conflitto bellico mondiale, era molto diversa da quella attuale e
i confini di quello che fu lImpero AustroUngarico premevano assai pi a Sud rispetto allattuale posizione geografica del
Tirolo. Ecco perch non deve sorprendere
che alcuni soldati fossero stati sepolti proprio a Casalmaggiore, dove con ogni probabilit caddero in battaglia. Mentre le
nove lapidi di soldati italiani (nella fattispecie casalesi) sono ben leggibili, sugli altri
sette cippi si riconoscono a malapena un
paio di nomi, Joseph e Gyorgy, con ogni
probabilit un austriaco e un ungherese: e

qui sta il punto. Il comune di Casalmaggiore, infatti, ha sposato in pieno lidea del
cavalier Claudio Mantovani della Federazione cremonese dellIstituto del Nastro
Azzurro, di progettare un restauro conservativo del monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale nel cimitero di Casalmaggiore, realizzato dallartista Aroldi negli anni 20, ossia dopo il conflitto.
Quel monumento sta tornando a nuovo
in questi giorni, grazie allopera certosina
di ricerca filologica e di restauro vero e
proprio approntato da alcuni volontari. Per
quanto concerne la ricerca storica, il grazie va a Maria Chiara Mandelli, Luciano
Fontana e Rosario Nasca, maresciallo

A sinistra le
7 tombe di
caduti
dell'Impero
Austo-Ungarico
presenti al
cimitero di
Casalmaggiore.
A destra
il restauro

Riqualificazione in vista per via Roma

Il Distretto dellAttrattivit,
che ha in Casalmaggiore il comune capofila per il Casalasco,
oltre che la sede di diversi incontri tenutisi negli ultimi mesi,
prende ormai corpo e forma in
maniera definitiva, tanto che,
dopo lultimo passaggio nella
giunta comunale casalese di
luned scorso, anche sullAlbo
Pretorio stato presentato il
progetto, mediante la pubblicazione della delibera numero
245.
Se da un lato la lunga delibera elenca feste tradizionali dei
vari comuni coinvolti, tra fiere,
sagre e momenti comunitari
che ben conosciamo, dallaltro
espone alcune novit significative. Su Casalmaggiore, infatti,
si parla della riqualificazione
della stazione ferroviaria e
dellazione di promozione
dellExpo-bus, con riferimento
al progetto gi in essere - e sperimentato con successo nelle
scorse settimane - che include
anche Sabbioneta. Altro punto
cardine quello relativo al cicloturismo, che necessita di spazi
adeguati alla logistica. Il percorso preso in considerazione
quello della ciclabile Unesco
che collega Peschiera del Garda, Mantova e Sabbioneta, e
dunque tocca il comprensorio
Oglio Po. Limpegno quello di
realizzare un sistema di collegamento adeguato, al momento

mancante, si specifica nella delibera, per poter tornare al punto di partenza via ferrovia.
Altri piani messi in atto dai
vari comuni (si pensi a Gussola,
delle cui intenzioni gi avevamo
scritto) riguardano la riqualificazione dello scenario di sfondo e
quindi rete internet wireless, arredo urbano, illuminazione sostenibile, completamento delle
piste ciclabile e segnaletica ad
hoc migliorata. Ma il progetto
pi importante, che comporta la
spesa in conto capitale di
13.322 euro, per met da parte
di Regione Lombardia e per
met da parte del comune di
Casalmaggiore, quello della
riqualificazione di via Roma. Il
comune investe infatti anche il
10% della cifra sopra indicata
(ossia 661,12 euro) nella realizzazione di cartine, web marketing e incoming, ma via Roma
merita un approfondimento.
Lintenzione quella di riqualificare il tratto di via Roma tra il
rond in localit Baraccone e
lincrocio con via Guerrazzi,
considerato porta di ingresso
della citt, grazie alla presenza
dei monumenti dedicati al Bijou
e al Canottaggio, di recente posa. In particolare gli alberi presenti, come si legge nel progetto realizzato da Uber Ferrari
dellUfficio Ambiente, sono cresciuti in modo non uniforme e
alcuni hanno raggiunto notevoli

dimensioni in dieci anni, causano danni ai marciapiedi con le


radici e andando a inibire anche
la corretta illuminazione. Si tratta, in termine tecnico, di Liriodendron Tulipifera, albero originario dellAmerica settentrionale, che raggiunge fino a 25 metri
daltezza.
In sostanza si intende creare
unalberatura con dimensioni
pi contenute e consone (anche
per la presenza delle abitazioni
molto vicine), di garantire una
migliore illuminazione e un percorso pedonale in sicurezza
verso il centro cittadino. Per
questo verranno effettuate operazioni di abbattimento (circa
3mila euro), eliminazione di
ceppaie (poco pi di 2mila euro,
il tutto naturalmente in sicurezza), prima di piantumare nuovamente con la Parrotia persica
Vanessa (3800 euro circa),
meno invasiva come specie e
per la quale si applicher uno
schema di impianto a triangolo
alternato. Le buche non oggetto di piantumazione, viene precisato nel progetto, saranno sistemate con asfalto freddo,
mentre le buche oggetto di
reimpianto saranno riempite
con terra e sempre con asfalto
freddo ma solo nella sistemazione perimetrale (1200 euro).
Chiuderanno le operazioni dieci
interventi di irrigazione per il
primo anno (900 euro).

delArma dei Carabinieri e comandante


della stazione di Torre de' Picenardi. Simonetta Arrighi sta invece provvedendo materialmente a ridipingere di nero le scritte
del monumento. Pi difficile, come detto,
risalire ai nomi dei soldati caduti, ma si
prover, dopo le sabbiature necessarie
per ripulire il marmo, anche a portare a
termine questimpresa sulle lapidi.
Il progetto di restauro conservativo
stato realizzato dallingegnere dellUfficio
Tecnico comunale Enrico Rossi, che ha
ottenuto il nulla osta della Sovrintendenza
dei Beni Culturali, dato che come noto il
cimitero di Casalmaggiore sottoposto a
vincolo artistico. Non tutto: alla cerimonia del prossimo 29 novembre parteciperanno anche i consoli generali a Milano di
Austria e Ungheria, oltre a una delegazione nazionale della Croce Nera Austriaca.
Linsegnamento di Casalmaggiore sar
proprio questo: essendo stato un conflitto
mondiale, il ricordo non sar soltanto verso i Caduti italiani, ma anche verso i vicini
di casa, allepoca visti come nemici. Per
questo saranno suonati, dopo linno di
Mameli, anche gli inni nazionali di Austria e
Ungheria. Levento inizier alle ore 16 e, al
termine, sar posta una piccola targa
commemorativa della giornata. Anche se
lopera pi importante sar senza dubbio
la riscoperta del monumento di quelle lapidi, che finalmente ritroveranno un nome e
pi dignit.

Oggi i funerali di Paolo

PIADENA - Si celebrano
oggi alle ore 15 i funerali di
Paolo Umberto Busi, il 34enne piadenese cui risulttao
fatale un incidente stradale
mercoled sera sull'incrocio
di Cadimarco, nel bresciano,
gi teatro di tragedie. Destino fatale: sulla stessa Provinciale, a soli 3 km di distanza,
11 anni fa mor in un sinistro
la sorella Laura.

15

concorso aido, i premi


GUSSOLA - Come gi annunciato, domani, domenica 23 novembre alle ore 16, il Gruppo
Comunale Aido Gussola Onlus
consegner i premi del 7 Concorso Fotografico per dilettanti.
Lappuntamento presso il Salone Parrocchiale di Piazza Comaschi. Le varie opere si potranno
ammirare per gi da oggi, grazie
allesposizione nei seguenti orari:
oggi dalle 16 alle 19, domani dalle
10 alle 12 e dalle 15 alle 19 e luned dalle 9 alle 12, durante il mercato settimanale. Liniziativa ha il patrocinio della Biblioteca Comunale
Giancarla Assandri.

incontro a scandolara

SCANDOLARA RAVARA Terza e ultima delle tre serate organizzate dallAmministrazione comunale di Scandolara presso la
Sala Polivalente di via Marconi.
Venerd 28 novembre, alle ore
21, la dottoressa Chiaristella Ferrari del Centro Milarepa, specializzata in floriterapia e in bioterapie
dei disturbi del comportamento, interverr sul tema Emozioni, stati danimo e disarmonie del
comportamento.

da gussola gita a trento


GUSSOLA Il Circolo Sinistra
Ecologia e Libert di Gussola organizza la tradizionale gita a Levico e a Trento in occasione dei
mercatini di Natale. La gita si terr
domenica 21 dicembre, con partenza da Gussola alle ore 7. Larrivo previsto alle 10 a Levico,
dove si visiteranno i mercatini situati presso il parco secolare degli
Asburgo, con mostra dei presepi lungo il centro storico. Dopo il
pranzo, alle 14 partenza per Trento e allarrivo visita dei mercatini che questanno interesseranno
Piazza Fiera e Piazza Cesare Battisti. Alle 17,30 partenza per Gussola. La quota di partecipazione
di 42 euro, e comprende pullman,
assicurazione e pranzo. Le iscrizioni si raccolgono telefonando al
numero 0375-260100.

COMUNE DI CASALMAGGIORE
(PROVINCIA DI CREMONA)
SERVIZIO URBANISTICA

Prot. n. 2014/0026144
AVVISO DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER LA VARIANTE 2014 AL PIANO DELLE REGOLE E AL
PIANO DEI SERVIZI DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (PGT) VIGENTE.
PREMESSO che il Comune di Casalmaggiore dotato di Piano di Governo del Territorio (PGT) approvato
con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 26.01.2010, esecutivo a tutti gli effetti a seguito dellavvenuta pubblicazione sul BURL -sezione e concorsi- n. 26 del 30.06.2010;
RITENUTO di dover procedere ad una variante di PGT vigente finalizzata a:
1) ad accogliere per quanto possibile le richieste di proposte di modifica al PGT pervenute e quelle even
tualmente che perverranno nel periodo di tempo da fissare nellavvio al procedimento, andando a modi
ficare solo il piano delle Regole (PdR) e apportare allo stesso le modifiche che si rendessero necessarie;
2) apportare al Piano dei Servizi le variazioni che si rendessero eventualmente necessarie a seguito delle
modifiche al Piano delle Regole;
3) rettificare eventuali errori cartografici e materiali presenti nelle tavole di azzonamento;
RICHIAMATA la L. R. marzo 2005 n. 12 legge per il Governo del Territorio,in particolare lart. 13 che disciplina la procedura di approvazione delle varianti agli atti costitutivi il PGT;
RITENUTO pertanto di avviare il procedimento per una variante agli atti costituenti il Piano di governo del
Territorio PGT Vigente, avente i contenuti sopra indicati;
CONSIDERATO che lAmministrazione comunale intende assicurare unadeguata informazione ai cittadini
in merito alla definizione delle scelte urbanistiche e la trasparenza dellazione amministrativa;
RICHIAMATA la delibera di Giunta Comunale n. 237 del 30.10.2014 avente per oggetto lavvio del procedimento per variante PGT 2014;
NELLA CONVINZIONE
che lapporto collaborativo dei cittadini rappresenti un fondamentale contributo nei momenti di formazione
e aggiornamento dello strumento urbanistico comunale;
SI INVITANO
tutti coloro che sono interessati, a presentare le proprie proposte, suggerimenti,indicazioni, in merito alla
variante al Piano delle Regole e al Piano dei Servizi del vigente del PGT e alle eventuali modifiche cartografiche entro il 19 dicembre 2014.
Le proposte di variante devono essere presentate in duplice copia presso il protocollo comunale.
Il Responsabile del Servizio Urbanistica resta a disposizione, previo appuntamento da concordare, per
ulteriori chiarimenti sulle proposte di variante ammissibili e sulle modalit di presentazione.
Casalmaggiore, 19 Novembre 2014

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA


Geom Lipreri Pietro

16

Sabato 22 Novembre 2014

Salone dello Studente

Scuole in prima linea anche per Expo 2015

Torna come ogni anno, per la 19 edizione, lappuntamento con lorientamento scolastico, dal 26 al 29 novembre a Santa Maria della Piet

orna anche quest'anno, dal 26 al 29 novembre, l'ormai tradizionale appuntamento del


Salone dello Studente
Junior, dedicato a informazione
e orientamento, organizzato
dallAgenzia Servizi Informagiovani del Comune di Cremona,
giunto alla diciannovesima edizione edizione.
Una manifestazione dedicata
ad alunni ed insegnanti delle
scuole secondarie di primo grado, aperto alle famiglie e ai cittadini, disponibile anche ad entrare nelle classi, in una nuova formula condivisa con i dirigenti
scolastici. Cornice dell'evento,
come da alcuni anni a questa
parte, sar il Centro Culturale S.
Maria della Piet (piazza Giovanni XIII).
Le classi partecipanti alla manifestazione avranno la possibilit di ospitare direttamente a
scuola un orientatore dellAgenzia Servizi Informagiovani del
Comune di Cremona che realizzer un intervento di informazione orientativa finalizzato a preparare gli studenti alla visita al
Salone dello Studente Junior ed
in particolare alla ricerca delle
informazioni utili a sostenere una
scelta consapevole o ad aiutare
i ragazzi, dopo la visita al Salone,
a rafforzare le capacit di analizzare ed elaborare criticamente le
informazioni raccolte.
EXPO PER LE SCUOLE Le
mattinate del 26, 27, 28 e 29 novembre dalle 8.30 alle 12.30 saranno dedicate alle Scuole Secondarie di Primo Grado. Le
classi prenotate avranno la possibilit di visitare larea espositiva ospitante le Scuole Secondarie di Secondo Grado e gli
Enti di Formazione Professionale e di partecipare a uno o pi
laboratori.
Al tema dellorientamento, filo
conduttore della manifestazione,
saranno dedicati il laboratorio
sul metodo di studio Lo faccio
domani: quando rimandare diventa uno stile e Identiteknicamente Scopri la professione!,

Pomeriggio per i docenti

curato dal Gruppo Giovani Industriali di Cremona.


Ad Expo Milano 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la
Vita, ed in particolare al tema
dellalimentazione nei suoi molteplici, aspetti saranno dedicati i
laboratori proposti dal Settore
Cultura e Musei del Comune di
Cremona (La cucina romana antica, I misteriosi personaggi di

Giuseppe Arcimboldo, Che cosa


mangiano gli animali?) dallASL
della provincia di Cremona (ASL
Amica dei bambini a scuola e
Scegli la salute La mia spesa
salutare), dal Centro Fumetto
Andrea Pazienza (Laboratorio
lampo di fumetto: nutrire i fumetti!) e la proiezione del film
documentario di Morgan Spurlock, Super Size Me.

SICUREZZA Non mancheranno i laboratori dedicati alla prevenzione e alla sicurezza condotti dalla Questura di Cremona (Lattivit
di prevenzione della Polizia di Stato) e dalla Polizia Locale del Comune di Cremona (Uno slogan per la
sicurezza) e altre proposte culturali (Estetica e geometria in un minerale: le Donazioni Cauzzi e Guarneri al Museo di Storia Naturale).

Nel corso delle giornate espositive sono previsti, inoltre,


due incontri dedicati ai docenti delle Scuole Secondarie di
Primo Grado.
Il 27 novembre, dalle 14.30 alle 15 in Sala Rodi, si terr la
Presentazione del progetto di alfabetizzazione Con parole
cangianti, a cura del Servizio Politiche Educative del Comune di Cremona. Nato nel 2005, il progetto vede lavorare in
rete sui programmi di alfabetizzazione rivolti agli studenti non
italofoni di recente immigrazione, il Comune di Cremona,
l'Ufficio Scolastico Territoriale, la rete delle Scuole Secondarie di Secondo Grado e la Formazione Professionale, avvalendosi della consulenza di docenti alfabetizzatori esperti.
Durante il periodo estivo, offre attivit di alfabetizzazione
anche per i ragazzi che passano dalla Scuola Primaria alla
Secondaria di Primo Grado e/o dalla Secondaria di Primo
Grado a quella di Secondo Grado.
Il 28 novembre, dalle 14.30 alle 18.30, presso il Centro
Culturale Santa Maria della Piet, sar presentata ai docenti delle Scuole Secondarie di Primo Grado lOfferta formativa
territoriale cremonese. Lincontro organizzato dallAgenzia
Servizi Informagiovani del Comune di Cremona e dallUfficio
Scolastico Territoriale di Cremona. Dopo lincontro, i docenti partecipanti potranno visitare larea espositiva del Salone
dello Studente Junior per confrontarsi direttamente con i
colleghi delle Scuole Secondarie di Secondo Grado e degli
Enti di Formazione Professionale.

Salone dello Studente

Sabato 22 Novembre 2014

17

Tanti appuntamenti per tutti i gusti. E per gli studenti numerosi laboratori a cui partecipare e orientarsi

l sabato pomeriggio, il Salone


dello Studente Junior, dalle
14.30 alle 19, sar aperto alle
famiglie, oltre che a tutta la cittadinanza: per l'occasione sar
possibile visitare larea espositiva
che ospita le Scuole Secondarie di
Secondo Grado e gli Enti di Formazione Professionale per confrontarsi
direttamente con i docenti e raccogliere informazioni e materiale utile.
Accompagneranno la visita incontri
ed eventi.
Allinterno dello spazio espositivo
possibile raccogliere materiale informativo sulle diverse realt scolastiche; i docenti sono a disposizione
dei ragazzi e delle famiglie per informazioni e colloqui sulla scelta formativa.
Guitar Sitter
La Guitar sitter una baby sitter innovativa, che si prender cura dei
vostri figli cantando e insegnando a
suonare la chitarra.
E' Franziska Freymadl, una cantautrice, chitarrista e cantante italotedesca che, nel coso del pomeriggio,
proporr a tutti i bambini presenti
semplici canzoni ed esercizi di chitarra molto divertenti ed efficaci.
Quando: dalle 14.30 alle 19.00
Dove: Centro Culturale Santa Maria
della Piet Piazza Giovanni XXIII
Dallinformazione alla
scelta: come trasformare
le informazioni in un
progetto per il futuro
scolastico dei propri figli
Presentazione alle famiglie dellofferta formativa territoriale delle Scuole
Secondarie di Secondo Grado e degli Enti di Formazione Professionale
e consigli per accompagnare e sostenere decisioni efficaci e consapevoli.
Quando: dalle 15.30 alle 16.30
Dove: Sala Rodi Centro Culturale
Santa Maria della Piet Piazza Giovanni XXIII
Salone in musica
La visita allarea espositiva sar accompagnata da momenti musicali.
Quando: dalle 17.30 alle 19.00
Dove: Sala Rodi Centro Culturale
Santa Maria della Piet Piazza Gio-

Il sabato dedicato a tutta la famiglia


Il circuito delle citt
murate e castellate

vanni XXIII.
I laboratori
26 novembre 2014
Lo faccio domani: quando rimandare diventa uno stile
La cucina romana antica
I misteriosi personaggi di Giuseppe
Arcimboldo
Che cosa mangiano gli animali?
Estetica e geometria in un minerale: le Donazioni Cauzzi e Guarneri al
Museo di Storia Naturale di Cremona
Uno slogan per la sicurezza
ASL Amica dei bambini a scuola
Scegli la salute La mia spesa salutare
Laboratorio lampo di fumetto: nutrire i fumetti
Lattivit di prevenzione della Polizia di Stato
Proiezione film: Super Size Me
27 novembre 2014
Lo faccio domani: quando rimandare diventa uno stile
La cucina romana antica

I misteriosi personaggi di Giuseppe


Arcimboldo
Estetica e geometria in un minerale: le Donazioni Cauzzi e Guarneri al
Museo di Storia Naturale di Cremona
Uno slogan per la sicurezza
ASL Amica dei bambini a scuola
Scegli la salute La mia spesa salutare
Identiteknicamente Scopri la professione
Laboratorio lampo di fumetto: nutrire i fumetti
Lattivit di prevenzione della Polizia di Stato
Proiezione film: Super Size Me
28 novembre 2014
Lo faccio domani: quando rimandare diventa uno stile
I misteriosi personaggi di Giuseppe
Arcimboldo
Che cosa mangiano gli animali?
Estetica e geometria in un minerale: le Donazioni Cauzzi e Guarneri al
Museo di Storia Naturale di Cremona

Uno slogan per la sicurezza


ASL Amica dei bambini a scuola
Scegli la salute La mia spesa salutare
Laboratorio lampo di fumetto: nutrire i fumetti...
Proiezione film: Super size me 29
novembre 2014
Lo faccio domani: quando rimandare diventa uno stile
La cucina romana antica
I misteriosi personaggi di Giuseppe
Arcimboldo
Che cosa mangiano gli animali?
Estetica e geometria in un minerale: le Donazioni Cauzzi e Guarneri al
Museo di Storia Naturale di Cremona
Uno slogan per la sicurezza
ASL Amica dei bambini a scuola
Scegli la salute La mia spesa salutare
Laboratorio lampo di fumetto: nutrire i fumetti...
Lattivit di prevenzione della Polizia di Stato
Proiezione film: Super Size Me

Quando si parla di turismo didattico,


si parla anche del Circuito Citt Murate e Castellate in Provincia di Cremona, un contenitore turistico e promozionale dei siti fortificati locali, avviato
dal Servizio Promozione Turistica
della Provincia di Cremona, in sinergia con alcuni Comuni ed Associazioni
Pro Loco, con la fattiva collaborazione
dell'Archivio di Stato di Cremona, del
Sistema Turistico Po di Lombardia e
dell'Istituto Italiano dei Castelli tramite
la sua Delegazione locale.
Fan parte di questa rete i territori di
Crema, Soncino, Pizzighettone, Pandino, Torre de Picenardi, San Giovanni in
Croce, Casteldidone, Tornata, Scandolara Ravara (fr. Castelponzone).
Il prossimo appuntamento collegato al salone dello Studente a Cremona, in programma il 26 novembre, sar
loccasione per presentare, nello stand
della Provincia di Cremona, Servizio di
Promozione Turistica, attivit, laboratori ed opportunit di visite scolastiche
fuori porta ai siti fortificati del territorio
afferenti al Circuito, con possibilit di
una differente fruizione della storia locale, attraverso lesperienza diretta con
i segni lasciati nelle varie comunit nelle epoche passate.

18

Salone dello Studente

Sabato 22 Novembre 2014

Orientamento: tantissime iniziative collaterali

ei mesi di novembre,
dicembre, gennaio,
febbraio e marzo torna Orientamento e
dintorni, il ricco calendario di eventi, seminari, workshop, scuole aperte, attivit, incontri e approfondimenti organizzati da realt del territorio e
dedicati a scuole, docenti, ragazzi, famiglie, operatori di settore e
cittadini in genere. Tema principale della rassegna sar Expo
Milano 2015 Nutrire il Pianeta,
Energia per la Vita con eventi e
laboratori sullalimentazione nei
suoi molteplici aspetti. Non mancheranno poi i tradizionali appuntamenti di orientamento che
avranno lo scopo di favorire una
scelta consapevole del percorso
di studi, anche grazie alla presentazione dellofferta formativa
provinciale, e di facilitare il passaggio tra i diversi ordini di scuole. La rassegna vuole essere,
inoltre, unoccasione per mettere
in risalto gli enti e le associazioni
del territorio che si occupano di
educazione, salute, prevenzione,
sicurezza, cultura, volontariato,
tempo libero, ecc.
IL PROGRAMMA
Giochi matematici
Gara matematica rivolta agli
alunni delle classi quinte della
scuola Primaria, in collaborazione con luniversit Bocconi di Milano. Per iscrizioni mandare mail,
specificando Nome Cognome
Scuola di appartenenza e recapito, ai seguenti indirizzi: matelementari5@libero.it; amministrazione@scuolamediavirgilio.it
A cura di: Istituto Comprensivo
Cremona Due Scuola Secondaria di Primo Grado Virgilio
Luogo: Istituto Comprensivo
Cremona Due - Scuola Secondaria di Primo Grado "Virgilio" - Aula Magna
Data: 22/11/2014.
Ora: dalle 9 alle 12

Scuola Aperta
Attivit di presentazione del piano dellofferta formativa e visita
dellistituto
Luogo: Istituto d'Istruzione Superiore "Arcangelo Ghisleri" - Sezione associata Istituto tecnico
statale per geometri "Pietro Vacchelli" - Aula Magna.
Data: 22/11/2014.
Ora: dalle 15 alle 17

FuoriDallaRete Onlus.
Luogo: Fondazione Citt di
Cremona - Sala Conferenze.
Data: 24/11/2014.
Ora: dalle 18.
Motivazioni, stimoli e ricerche per affrontare una scelta
di carattere imprenditoriale
Levento inserito allinterno
dei Seminari organizzati da
Smea Alta Scuola in Economia Agro-alimentare dellUniversit Cattolica nellambito
dellattivit formativa del corso
di Master che organizza seminari di approfondimento aperti
al pubblico esterno. Luogo:
Smea (Universit Cattolica)
Data: 26/11/2014.
Ora: dalle 14.30 alle 16.30.

Open day
Possibilit di visitare i laboratori
e scoprire i nostri progetti e attivit.
Obiettivi: incontrare i docenti, conoscere e vivere la nostra realt
scolastica.
Luogo: Liceo Linguistico "Beata
Vergine".
Data: 22/11/2014.
Ora: dalle 15.30 alle 17.30
Scuola Aperta
Giornata di presentazione
dellistituto con le varie attivit in
aule e/o laboratori
Intervengono genitori e allievi
delle scuole secondarie di primo
grado.
Luogo: Istituto d'Istruzione Superiore "Antonio Stradivari" - Istituto d'Istruzione Superiore "Antonio Stradivari" - Istituto Tecnico e Professionale per la Moda e
l'Arredo, Via Santa Maria in Betlem, 7/a
Data: 22/11/2014.
Ora: dalle 14:30 alle 17.30.
Scuola Aperta
Giornata di presentazione
dellistituto con le varie attivit in
aule e/o laboratori
Intervengono genitori e allievi
delle scuole secondarie di primo
grado.
Luogo: Istituto d'Istruzione Superiore "Antonio Stradivari" - Liceo Musicale, Scuola Internazionale di Liuteria, Via Colletta.
Data: 22/11/2014.
Ora: dalle 14:30 alle 17.30.

Open Day
Presentazione dei programmi del
corso per Perito Agrario, attraverso la visita alla scuola e ai laboratori e lincontro con le famiglie degli allievi della scuola media
Luogo: Istituto d'Istruzione Superiore "Stanga" - Istituto Tecnico Agrario - Aula Magna.
Data: 22/11/2014.
Ora: dalle 15 alle 18.
Scuola Aperta
Visita della scuola e presentazione dei corsi di studio.
Luogo: Liceo Ginnasio Statale
"Daniele Manin" - Aula Magna.
Data: 22/11/2014.
Ora: dalle 15 alle 18.
Scuola Aperta
In tale occasione verranno date
informazioni
approfondite
sullofferta formativa del nuovo
Liceo Artistico, sar possibile visitare i laboratori ed avere contatti con gli insegnanti e gli alunni dellIstituto. Verranno, inoltre,

programmati stages e laboratori, anche personalizzati, da effettuarsi durante i momenti pi significativi dellattivit didattica
Luogo: Liceo artistico statale
"Bruno Munari" - sede di Cremona.
Olio: Luce, cibo, medicia un
Openday alternativo
Una giornata di scuola aperta in
cui gli studenti del Liceo proporranno un gioco sulle caratteristiche dellolio, mentre gli studenti
del C.F.P. Addetto alla preparazione Pasti della stessa sede,
prepareranno degli stuzzichini
facendo gustare e individuare le
particolarit di questo elemento.
Levento in collaborazione con
il Sistema Museale M.O.eSE.
arte cultura e storia fra Serio e
Oglio - ed stato progettato
allinterno di una rassegna triennale iniziata lo scorso anno con il
tema del pane e terminer il prossimo anno con il vino. Il tutto secondo le indicazioni di Media Expo 2015.

Luogo: Istituto "Sacra Famiglia"


- Chiostro.
Data: 23/11/2014.
Ora: dalle 09 alle 17.
Stage di Orientamento
La Scuola offre la possibilit di
accogliere in stage gli studenti in
uscita dalle scuole medie, sia attraverso la Scuola Media di appartenenza sia privatamente
Luogo: Istituto d'Istruzione Superiore "Stanga" - Istituto Tecnico Agrario - Aula Magna
Data: 24/11/2014.
Ora: dalle 08.30 alle 12.30.

Autostima femminile
In contro sul tema: prevenire la
violenza sulle donne
Conducono: la Prof. Laura Bellodi, Medico Psichiatra, Professore Ordinario di Psichiatria e
Preside della Facolt di Psicologia presso lUniversit VitaSalute San Raffaele di Milano e
Presidente del Comitato Scientifico e Socia Fondatrice di

V edizione della giornata della sicurezza nei cantieri


Liniziativa aperta a tutti i settori, ai committenti pubblicie privati, agli studenti, alle imprese
e ai professionisti, si focalizzer sulla sensibilizzazione alla sicurezza sui posti di lavoro puntando alla formazione di una
cultura alla sicurezza in senso
generale Intervengono: la dott.
ssa Maria Grazia Cappelli, segretario generale C.C.I.A.A.
Cremona, dott.ssa Monica Livella, INAIL Cremona, dott.ssa
Anna Marinella Firmi, direttore
SPSAL ASL Cremona, dott.
ssa Daniela Dolara, responsabile dellU.O. PSAL di Cremona, Ispettore Mauro Bernardelli, responsabile vigilanza tecnica DTL di Cremona, dott. Mauro Rivolta, direttore Scuola Edile Cremonese.
Luogo: Camera di Commercio
- Sala Maffei, Via Lanaioli, 7.
Data: 28/11/2014.
Ora: dalle 08.30 alle 12.30.

Speciale Scuola

Sabato 22 Novembre 2014

19

Attualmente sono attivi i corsi paritari dellIstituto Tecnico per Ragionieri e del Liceo Scientifico, a cui segue il doposcuola

Al Marconi si formano professionisti e validi imprenditori

a scelta della scuola


superiore oggi
tutt'altro che semplice: bisogna considerare tantissime variabili e soprattutto bisogna affidarsi a una scuola che sappia
offrire la miglior preparazione
per quelle che sono le proprie
esigenze. A questo proposito
lIstituto G. Marconi, fondato
alla fine degli anni cinquanta,
propone un'offerta formativa
davvero ampia. In questi anni,
presso lIstituto G. Marconi
hanno conseguito il diploma
e/o la maturit migliaia di alunni
provenienti non solo da Piacenza, ma anche dalle citt e dalle
regioni vicine, ed sempre molto gettonata dai cremonesi.
Molti di questi alunni sono
oggi stimati professionisti, validi imprenditori e hanno raggiunto il successo nelle attivit
che hanno intrapreso spiegano dall'istituto. Innumerevoli
sono i genitori che, in questi
cinquantanni, sia verbalmente,
sia per iscritto, anche tramite i
pi diffusi mezzi di comunicazione, hanno manifestato
allIstituto G. Marconi la loro
gratitudine e riconoscenza per

averli aiutati a risolvere i problemi scolastici e personali dei loro


figli.
Attualmente sono attivi pres-

so lIstituto G. Marconi i corsi


paritari dellIstituto Tecnico
per Ragionieri e del Liceo
Scientifico, a cui segue il dopo-

scuola sino alle ore diciassette


effettuato degli stessi insegnanti del mattino. Inoltre sono
attivi corsi serali e di recupero
anni. di recupero anni. Il funzionamento didattico dellIstituto
G. Marconi, essendo tutti i suoi
corsi paritari, simile in tutto
e per tutto a quello delle corrispondenti scuole statali. I suoi
alunni sono promossi alla classe successiva per scrutinio interno senza necessit di alcun
esame e i voti finali gli vengono
assegnati direttamente dagli insegnanti che hanno avuto nel
corso dellanno. I titoli di studio
rilasciati dallIstituto G. Marconi
hanno pieno valore legale come
se fossero stati conseguiti presso le corrispondenti Scuole
Statali. Gli alunni, in occasione
degli esami di Stato, svolgono

le varie prove, sia scritte, sia


orali, allinterno del Istituto e
godono di tutti quei vantaggi
che vengono riconosciuti a coloro che hanno frequentato le
Scuole Statali. La quasi totalit
delle classi sono formate da un
numero limitato di alunni. Un
corpo docente, altamente qualificato, garantisce continuit
didattica sino alla fine del corso
di studi e lo svolgimento dei
programmi secondo le pi moderne metodologie didattiche.
Gli insegnanti dellIstituto G.
Marconi sono soliti instaurare
con i propri alunni un rapporto
di serena collaborazione e curare in modo personalizzato la
loro formazione culturale e professionale. Ogni allievo che abbia problematiche personali di
qualsiasi tipo, anche di natura

extra scolastica, a richiesta,


viene assistito e aiutato con la
massima sensibilit e disponibilit.
Si garantisce massima vigilanza e controllo sulle assenze
e sullandamento scolastico
degli alunni. I genitori hanno la
possibilit di conoscere il profitto scolastico degli alunni e ogni
altra informazione a loro riguardante anche per via informatica
mediante lutilizzo di una specifica password, inoltre, in qualsiasi momento, potranno comunicare personalmente, sia
con gli insegnanti, sia con la
Presidenza e la Direzione Didattica. In caso di necessit, lIstituto G. Marconi solito prendere contatto con le famiglie e
concordare con le stesse gli interventi ritenuti pi urgenti.

20

Salute

Sabato 22 Novembre 2014

GLI ORARI
CUP Centro Unificato di Prenotazione
Dove: padiglione n. 12, a fianco del
Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori
Orari di apertura al pubblico:
luned - venerd dalle 7.30 alle18.00
orario continuato,
il sabato dalle 8.00 alle 12.00;
Prenotazioni telefoniche: possibile
telefonare al numero verde 800.638.638,
da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00.
PRENOTAZIONI
CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP
Attraverso il CUP si prenotano tutte
le prestazioni ad eccezione delle seguenti,
che devono essere prenotate direttamente
presso le singole unit operative o servizi
come indicato di seguito:

ANATOMIA PATOLOGICA
secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati)
Dove: Poliambulatori, piano Terra.
Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare
contattare la segreteria dellAnatomia Patologica dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00.
Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00.
Consegna campioni istologici e citologici
La consegna dei campioni citologici urinari
prevista, presso il padiglione 5,
da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30;
per gli altri esami da luned a venerd
dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto).
RADIOLOGIA d
Dove: piano 1, corpo H (ala destra).
TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti
e richiesta di prestazioni con bollino verde
Le prenotazioni vanno effettuate
di persona o via fax.
Orario: da luned a venerd dalle
08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00.
Tel: 0372 405760.
Angiografia
Le prenotazioni vanno effettuate di persona.
Orario: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367.
SENOLOGIA:
Screening mammografico preventivo
biennale Asl Cremona (45-69 anni)
Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled
dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata
al CUP dell'Asl 800 318 999.
Prestazioni con carattere di urgenza,
risonanze alla mammella, agoaspirati,
ecografie
Dove: piano 1, corpo M.
Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00.
Telefono: 0372 405614.
Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata
una nuova linea telefonica dotata
di risponditore automatico
in funzione 24 ore su 24: 0372 405612.
RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE
Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o
ascensore a sinistra vicino l'Ufficio
Informazioni nell'atrio di ingresso)
corpo M, monoblocco ospedaliero.
Orario: da luned a venerd
dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485.
MEDICINA DEL LAVORO:
Visite specialistiche di medicina del lavoro
Tel: 0372 405777 da luned a venerd,
dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente
presso lAmbulatorio Specialistico
di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

PRESIDIO OSPEDALIERO
DI CREMONA

Carcere e salute mentale, sabato convegno in Sala Zanoni

CENTRO DIABETOLOGICO
Dove: piano 6, corpo H (lato destro),
monoblocco ospedaliero.
Orari: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 13.30
(prima visita per inquadramento
diagnostico-terapeutico e visita di controllo
per monitoraggio metabolico e screening
delle complicanze croniche).
Per le prime visite preferibile che
la prenotazione avvenga di persona comunque
possibile prenotare telefonicamente
da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30.
Telefono: 0372 405715.
CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI
accesso diretto da parte dei cittadini,
con la richiesta del Medico di famiglia
o dello specialista.
Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale.
Orario: da luned a venerd
dalle ore 07.30 alle 10.30.
Telefono: 0372 405663 - 0372 405452
CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI
Monitoraggio delle terapie anticoagulanti.
previsto accesso con prenotazione al numero
0372 405666 - 0372 405663.
Dove: Presso la palazzina del Cup
Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd.
CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA
Test di tolleranza al lattosio e patch test
Accesso con impegnativa del medico curante
Le prenotazioni si effettuano telefonicamente
al numero 0372/408178 da luned a venerd,
dalle 10.30 alle 12; oppure di persona
presso lAmbulatorio di Allergologia (Padiglione
10) da luned a venerd dalle 9.00 alle 13.00.
IMMUNOEMATOLOGIA
E MEDICINA TRASFUSIONALE:
Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia
marziale endovenosa, preparazione di nuovi
emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale:
Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico.
Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero.
Tel: 0372 435887 - 0372 405461
dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd
GENETICA
Dove: piano 2 lato destro del monoblocco
ospedaliero. Prenotazioni telefoniche:
0372 405783
da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30.
MEDICINA LEGALE
Prenotazioni presso Direzione Medica
di Presidio piano Rialzato monoblocco
ospedaliero. Tel: 0372 405200.
PSICOLOGIA
Dove: settimo piano a sinistra.
Prenotazioni da luned a venerd
dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio
di Psicologia, oppure anche telefonicamente
agli stessi orari al numero 0372 405409.
ONCOLOGIA MEDICA
Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i
n reparto da luned a venerd
dalle ore 8.00 alle ore 17.00.
Tel: 0372 405248.
TERAPIA DEL DOLORE
Dove: palazzina n. 9 La prenotazione
pu essere effettuata telefonicamente
al numero 0372 405330
dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd.
Negli altri orari possibile chiamare
lo stesso numero lasciando un messaggio
in segreteria telefonica con il nome e numero
di telefono: al pi presto sarete richiamati.

a cura della dottoressa Annalisa Subacchi


Nutrizionista albo Sez. A n 061604
Master Nutrizione Fitness e Sport, Diete personalizzate,
test intolleranze alimentari, celiachia, breath test al lattosio

Voglio assaggiare la verdura!


Sogno o realt utopistica? Forse molti di voi riconoscono questa
frase urlata dai propr figli, altri la vedono come un incubo od una imposizione. Infatti spesso ai bambini non piace n frutta n verdura.
Questo problema, tuttavia , diventer importante in adolescenza ed in
et adulta dove frutta e verdura sono indispensabili grazie al loro potere antiossidante e sono ricchi di oligoelementi essenziali per la vita.

"La salute mentale dietro le sbarre . psichiatria e carcere". Questo il titolo del
convegno che sabato 22 novembre (Ore
9-12.30) si svolge in Sala Zanoni. La relazione tra Psichiatria e Sistema Carcerario un tema molto presente tra gli operatori, che va a sommarsi ai problemi del
sovraffollamento, della carenza di personale e di strutture adeguate, della convivenza, in spazi ristretti, di persone senza
disturbi di salute mentale con altre sofferenti - affermano gli organizzatori
dell'evento -. Accade, ora, che vicende
afferenti alla Sanit, nei momenti di crisi
delle persone portatrici di patologie, siano affrontati, per i pi svariati motivi, come questioni attinenti la Sicurezza e lOrdine pubblico.
Viene a mancare, cos, lappropriatez-

za del "ricovero" e si innescano problematiche complesse, a volte molto complesse!, per gli interessati, i loro familiari e
lordinamento carcerario tutto. Ecco, allora, che la Psichiatria deve intervenire in un
ambito gi carico di complessit, distogliendo personale dai Servizi Territoriali,
gi oberati di "prese in carico" di utenti
sempre pi numerosi, e giovani, bisognosi di cure adeguate, che presentano episodi di malessere mentale anche per gli
effetti negativi innescati dalla crisi generale, non solo economica, perdurante nel
nostro Paese.
Aics ne vuole discutere, senza pregiudizi e stereotipi, orientata ad affrontare
positivamente le molte sfaccettature che
presenta questa particolare emergenza,
spesso nascosta allopinione pubblica.

Verr presentata TINsieme, associazione di volontariato a sostegno della Terapia intensiva neonatale

Nati prematuri, convegno a SpazioComune

di Laura Bosio

nche quest'anno si
celebra in tutto il
mondo la Giornata
del bambino prematuro, che a Cremona
vedr impegnati gli operatori
della Terapia Intensiva Neonatale, che promuovono un incontro
aperto ai cittadini che si svolger marted 25 novembre alle 17
presso SpazioComune. Nel
corso della giornata forniremo
alcuni dati relativi alla terapia
intensile neoatale, ma presenteremo anche la formazione di
un'associazione di volontariato
che si propone di sostenere la
terapia intensiva neonatale nella
sua attivit, con eventi formatici,
acquisto di apparecchiature ma
anche il sostegno alle famiglie in
difficolt - spiega Carlo Poggiani, direttore dell'unit operativa
di terapia intensiva neonatale.
L'associazione si chiamer TINsieme.
Perch la sensibilizzazione sul
problema tanto importante?
In Italia 50000 bimbi nascono
prima della 37a settimana di
gestazione. Ogni anno nel
mondo nascono pretermine
circa 15 milioni di bambini, in
Italia sono circa 50000 (circa il
7% delle nascite) e la prematurit diventata la principale
causa di mortalit infantile e di
disabilit congenite sia nei paesi
sviluppati sia in via di sviluppo.
In circa la met dei casi la causa
rimane sconosciuta, tuttavia
esistono delle condizioni di
rischio che aumentano questa
possibilit.
Quando un parto viene definito pretermine?

Il dottor Carlo Poggiani,


direttore dell'Unit operativa
di terapia intensiva neonatale

La gravidanza dura mediamente


da 37 a 42 settimane. Quando il
parto si verifica prima del compimento della 37a settimana di
et gestazionale la nascita
considerata pretermine. Se la
nascita avviene prima della 28a
settimana di gravidanza considerata estremamente prematura.
Quali sono i rischi per un bambino nato prematuramente?
La funzionalit degli organi di
questi bambini non ancora
adeguata, in quanto non sono
ancora sviluppati completamente. Dunque pi prematuro il
parto e maggiore il rischio di
sviluppare complicanze. I principali problemi a cui va incontro
comprendono: difficolt a mantenere un'adeguata temperatura
corporea, a respirare e ad alimentarsi. Inoltre pi bassa
l'et gestazionale e maggiore il
rischio infettivo per una riduzione dei sistemi di difesa immunitari. Le infezioni possono essere
contratte dalla madre o dopo la

nascita dall'ambiente esterno.


Le complicanze pi diffuse sono
enterocolite necrotizzante, retinopatie, emorragie cerebrali,
apnee, cardiopatie.
Quali sono le azioni terapeutiche nei confronti di un bambino prematuro?
Appena nasce un bambino
prematuro viene posto in incubatrice per garantire il controllo
della temperatura e ricostruire
artificialmente l'utero della
mamma; si posiziona all'interno
del nido realizzato con materiali morbidi e gli si fa indossare
il cappellino e dei piccoli abiti
che servono a creare il senso di
contenimento e i limiti del proprio corpo.
Di cosa hanno bisogno questi
neonati?
A causa dell'immaturit, questi
bambini hanno bisogno di monitoraggio continuo delle funzioni
vitali, per cui i genitori vedono
dei sensori collegati ad apparecchiature; e nel caso in cui
non siano in grado di alimentar-

si autonomamente necessiteranno di tubicini per l'infusione


per via venosa di miscele di
nutrimenti. Se il bambino non
in grado di respirare autonomamente possono essere necessarie delle mascherine o delle
nasocannule per mantenere una
pressione positiva continua nei
polmoni durante tutto il ciclo
respiratorio, ma nei casi pi
gravi il bambino viene intubato e
collegato ad un respiratore
automatico.
GENITORI PREMATURI, QUALI
MECCANISMI PSICOLOGICI?
Tutte queste condizioni possono
far assumere al bambino un
aspetto non gradevole ed
aumentare il senso di angoscia
e di impotenza nei genitori che
gli stanno a fianco. Spesso nei
genitori dei bambini prematuri si
osservano dei meccanismi psicologici di protezione: la negazione, la colpevolizzazione, il
patteggiamento, l'elaborazione
della nascita prematura.

di Ermanna Allevi

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)


Gentilissima Naturopata buongiorno e tanti complimenti per la sue rubriche, sempre molto interessanti e chiare. Mi stato consigliato da un erborista l'olio essenziale di Tea tree come antibatterico per una ferita che fatica a
guarire, ma mi chiedo: come pu la pianta del the curare un'infezione della
pelle? Sono certa che sapr rispondere nel modo che le appartiene: esaustivo e chiaro. E' d'accordo sulla scelta dell'erborista? Grazie e ancora complimenti. Gabry

La dottoressa Subacchi risponde alle vostre domande scrivendo a:


info@nutrizionistabiologo.it oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it
www.nutrizionistabiologo.it Facebook: Lisa Nutrizionista Cell. 366-4759134

L'Albero del t o Tea tree in realt non ha nulla a che vedere con l'albero
che produce il t, si tratta di un arbusto o albero a foglie persistenti, presente
esclusivamente nelle regioni costiere del nord-est dell'Australia, le parti utilizzate sono le foglie, dalla cui distillazione, per corrente di vapore, si estrae
l'olio essenziale. La pianta da cui viene estratto l'olio essenziale Tea tree si
chiama: Melaleuca alternifolia, ma si trova anche la Melaleuca viridifolia che
produce l'olio essenziale di Niaouli, mentre dalla Melaleuca leucadendron si
estrae l'olio essenziale di Cajeput. Questo nome fu dato a questa pianta dal
capitano Cook, nel 1770, perch, quando sbarc con i suoi marinai in Australia , ne utilizz le foglie per farsi un t che risult molto piacevole, speziato e
rinfrescante. Si rese poi conto che quelle foglie avevano altre propriet, perch se applicate sulle ferite, queste non si infettavano. L'uso dell'olio essenziale deve essere veicolato da un olio base, perch come ogni olio essenziale
(fatta eccezzione per un paio di olii) pu essere urticante e il suo uso deve
essere limitato sia per zone che per durata. Il tea tree viene impiegato come
antisettico, antivirale, antifungino, antibatterico, immunostimolante e cicatrizzante. Secondo alcuni studi de il "Medical Journal of Australia" del 1930,
veniva riconosciuta a questa pianta la sua efficacia contro l'herpes simplex,
afte, stomatiti, ascessi, foruncoli, verruche, piccoli tagli e scottature. Non ho
nessuna informazione per poter rispondere alla sua domanda sulla scelta che
Le ha consigliato l'erborista, per questo Le ho scritto l'utizzo di questa pianta,
cos avr gli elementi per decidere da sola.

La dottoressa Annalisa Subacchi riceve a:


CREMONA: poliambulatorio MEDICENTER Cremona 0372-434988
GADESCO PIEVE DELMONA: Poliambulatorio MED c/o Ipercremona2 0373-803801
CREMA Poliambulatorio SANTA CLAUDIA c/o ipercoop GranRondo 366-4759134
MANERBIO Poliambulatorio Minervium Via Verdi 64 - Manerbio 366-4759134

Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a:


info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it
Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372.
Riceve a Crema in via Castello 12 e telefonando al 388 9037275.

* * *
Come possiamo convertire i nostri figli e convincerli a consumare frutta e verdura senza urla o pianti?
Un consiglio che do spesso quello di presentarli in modo giocoso e fantasioso. Le zucchine della variet rotonda col cappello diventano ripiene di carne, oppure le pesche a met ripiene di
cioccolato ed amaretti sono un ottimo fine pasto da consigliare al
posto di merendine confezionate piene di grassi saturi. Oppure polpette di carne ripiene di zucchine carote o spinaci sono un secondo e contorno unito. Cerchiamo quindi di farli abituare fin da piccini a sapori nuovi, senza imposizioni traumatiche che si porteranno avanti per tutta la vita.

21

Taccuino

Sabato 22 Novembre 2014

NUMERI UTILI
Cremona

Viale Cambonino
racchetta per
via Seminario
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
21 Novembre

Via Volontari
del sangue,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
23 Dicembre

COMUNE DI CREMONA
www.comune.cremona.it
Centralino: 0372-4071
Urp: 0372-407291

VIA BRESCIA
Dal 10 novembre lavori
stradali attuati per conto
del Comune per
realizzazione sottopasso:
Fine lavori:
primavera 2015

AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
www.provincia.cremona.it
Centralino: 0372-4061
Urp: 0372-406233 PREFETTURA
Centralino: 0372-4881
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0372-5581
COMANDO FORESTALE
DELLO STATO
Centralino: 0372-410307
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0372-21576
Nucleo di polizia tributaria:
0372-28968
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0372-454516
Centrale operativa: 0372-407427

Via Giuseppina
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
28 Novembre

NUMERI UTILI
Casalmaggiore

COMUNE DI CASALMAGGIORE
www.comune.casalmaggiore.cr.it
Centralino: 0375 42668
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
Centralino: 0375-42233
CENTRO PER LIMPIEGO
Centralino: 0375-42213
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0375-284500
POLIZIA MUNICIPALE
Centralino: 0375-40540
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0375-42288
GIUDICE DI PACE
Centralino: 0375-42273
OSPEDALE
Centralino: 0375-2811
Centro unico di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118

Via Volontari del Sangue - cantiere per la ristrutturazione della


rete di distribuzione energia elettrica (fine prevista: 23 dicembre).
Via Olona (tratto Lugo-Chiesa) - cantiere per la ristrutturazione della condotta del gas metano
(Fine prevista 5 dicembre).
Via Giuseppina (tratto V.Buoso
da Dovara-V.Gelsomino) - can-

tiere per la ristrutturazione della


linea dell'illuminazione pubblica
(fine prevista: 28 novembre).
Via C del Vescovo (tratto da
via Giuseppina a via Poffa) - cantiere per la ristrutturazione della
condotta acqua potabile, della
condotta della fognatura e della condotta del gas metano (Fine
prevista 23 dicembre).

GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0373-256474

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE
Urp Crema: 0373-899822
CARABINIERI Pronto intervento: 112
Centralino: 0373-893700

POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0373-250867
Centralino: 0373-894212

COMANDO FORESTALE DELLO


STATO Centralino: 0373-82714

Viale Cambonino racchetta


per Via Seminario - cantiere per
la ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine
prevista: 21 novembre).
Via Gaspare Pedone - cantiere
per la ristrutturazione della rete
di distribuzione energia elettrica
(Fine prevista: 5 dicembre).

POLIZIA STRADALE
Centralino: 0373-897311
POLIZIA DI STATO
Centralino: 0373-897311
VIGILI DEL FUOCO: 115
Centralino: 0373-256222

SERVIZI SOCIO-SANITARI
DISTRETTO DI CREMA
Centralino: 0373-899320

300 g di tagliatelle all'uovo


12 capesante gia sgusciate
Un mazzetto piccolo di rucola
Uno scalogno
Mezza arancia non trattata
0,5 dl di brodo vegetale
Olio
3 cucchiai di vino bianco secco
Sale, Pepe

OSPEDALE DI CREMA
www.hcrema.it
Centralino: 0373-2801
Centro unico
di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118

Lasagne golose
ai semi di papavero
INGREDIENTI PER 4 PERSONE
Per la sfoglia:
Per il condimento:
500 g di farina
100 g di burro
5 uova
30 g di zucchero
Sale
20 g di semi di papavero
Sale

PREPARAZIONE
Dividete a meta le noci delle capesante (la parte bianca).
Sbucciate lo scalogno, tritatelo fine e rosolatelo in una larga padella
con l'olio.
Unite le capesante tagliate a meta
e fatele saltare per 2 minuti.
Bagnatele con il vino, lasciatelo
evaporare, quindi scolate le capesante con un mestolo forato e tenetele in caldo.
Frullate il fondo di cottura con 5
coralli (la parte arancione delle capesante), il brodo, il succo dell'arancia e mezzo cucchiaino di scorza
grattugiata.

Rimettete il composto sul fuoco e


portate a ebollizione. Dopo 2 minuti
unite la rucola a listarelle, le noci e i
coralli rimasti, salate e pepate.
Cuocete al dente le tagliatelle in

acqua bollente salata, a cui avrete


aggiunto un cucchiaio di olio, scolatele mantenendole un po' umide e
saltatele nella padella per qualche
istante. Servite subito.

Tagliolini alla norcina con i tartufi

MUSEO DEL BIJOU


Centralino: 0375-284423

INGREDIENTI
PER 4 PERSONE
500 g di tagliolini
all'uovo freschi
50 g di burro
Un tartufo nero
Un dl di olio
extravergine
di oliva
80 g di parmigiano
grattugiato
Sale
Pepe

DISTRETTO
SOCIO-SANITARIO
Direzione: 0375-284020
Distretto Veterinario:
0375-284029

AZIENDA SANITARIA
LOCALE DI CREMONA
www.aslcremona.it
Centralino: 0372-4971
Urp: 0372-497215

PROCURA
DELLA REPUBBLICA
Centralino: 0373-878116

Tagliatelle con le capesante al profumo darancia

MUSEO DIOTTI
www.museodiotti.it
Centralino: 0375-200416

TEATRO COMUNALE
www.teatrocasalmaggiore.it
Centralino: 0375-284434

OSPEDALE DI CREMONA
www.ospedale.cremona.it
Centralino: 0372-4051
Centro unificato
di prenotazione: 800 638 638
Emergenza sanitaria: 118

Primi - speciale pasta fresca

INGREDIENTI
PER 4 PERSONE

COMUNE DI CREMA
www.comunecrema.it
Centralino: 0373-8941
Urp: 0373-894241

VIGILI DEL FUOCO


Pronto intervento: 115
Centralino: 0372-4157511
PROCURA
Centralino: 0372-548233

VIA BRESCIA - CHIUSURA


dal 10 novembre - lavori stradali per conto del Comune
per il sottopasso (Fine prevista: primavera 2015).

Crema

QUESTURA
Pronto intervento: 113
Centralino: 0372-4881

Via C del
Vescovo
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
23 Dicembre

Via Olona,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
28 Novembre

NUMERI UTILI

POLIZIA STRADALE
Comando provinciale
Centralino: 0372-499511

PREPARAZIONE
Pulite il tartufo con una spazzolina, poi passatelo con uno
straccetto umido. Sciogliete il burro in una piccola casseruola
e unitevi l'olio extravergine affinche si scaldi solo un po'.
Grattugiate il tartufo in una terrina calda e unitevi il parmigiano e il pepe.
Fate lessare i tagliolini in acqua salata, scolateli, versateli
nella terrina col tartufo, mescolate e condite con il burro e l'olio
extravergine caldi, unendo un mestolino di acqua di cottura.
Versate i tagliolini su un piatto di portata preriscaldato e
serviteli, aggiungendo, nel caso, una ulteriore grattugiata di
tartufo.

PREPARAZIONE
Setacciate la farina sulla spianatoia e impastatela
con le uova e un pizzico di sale.
Lavorate a lungo fino a ottenere un impasto liscio
e sodo. Avvolgetelo in una pellicola per alimenti e
fatelo riposare per 30 minuti.
Tirate una sfoglia non troppo sottile, poi tagliate
delle losanghe di 10 cm di lato.
Pestate nel mortaio i semi di papavero e lo zucchero, poi mettete a rosolare il composto con il
burro in una piccola casseruola e salate a fine cottura.
Lessate la pasta in acqua salata, scolatela al dente, quindi conditela con il burro ai semi di papavero.
Mescolate e servite ben caldo.

Cultura&Spettacoli
Paola Moglia
partecipa
alla Triennale

segnata dallo studio sulla materia e il colore che


danno un significato profondo che congiunge il
divino al terreno. I temi dei miei quadri - rivela
lartista - sono lo spazio, linconscio e lacqua visti
come un modo di trovare linfinito nel finito.

Alla triennale di Roma dal titolo Last Paradise,


inaugurata ieri presso il Chiostro del Bramante,
espone anche Paola Moglia, con lopera scelta da
Philippe Daverio. Il lavoro di Paola Moglia un viaggio attraverso i diversi momenti di una ricerca,

Primo appuntamento il 18 e 19 dicembre con Beppe Fiorello in Penso che un sogno cos

Stagione di prosa con grandi personaggi

Filippo Cosentino
domani da Quinto

Il suo esordio discografico nel 2011 con


Lanes (featuring Fabrizio Bosso) aveva
suscitato paragoni importanti con la musica
del Pat Metheny pi ispirato (Luciano Vanni, Jazzit): domani il chitarrista emiliano Filippo Cosentino (nella foto) presenta i brani del
recente disco Human Being in trio con Carlo
Chirio (basso) e Carlo Gaia (batteria) allosteria del Quinto di Picenengo (frazione di Cremona). La data fa parte del cartellone della rassegna Domeniche in jazz, interamente dedicata al meglio della scena jazzy italiana.
Lappuntamento ogni domenica dalle 21.30
in via Fr Gherardo da Cremona 6 e lingresso sempre gratuito. E chi volesse prenotare un posto a sedere pu chiamare lo 037227454. Paola Turci, Francesco Tricarico, Mauro Ermanno Giovanardi, James Thompson,
Nick Beccattini, Javier Girotto, Tom Kirkpatrick, Barend Middelhoff, Don Stapleson, Craig
Silberschlag sono solo alcune delle collaborazioni intrecciate negli anni da Filippo Cosentino. Al successo del disco di debutto seguita
la pubblicazione del sophomore album, intitolato Human being, che, attraverso la musica,
pone una domanda e una riflessione sul significato dellessere umano, affrontata attraverso
gli otto brani che costituiscono lopera e che
Cosentino percorre alternando chitarra elettrica, acustica, classica e baritona con il pianoforte. Special guest in fase di incisione, il sassofonista statunitense Michael Rosen (impegnato sia al sax soprano che al tenore).

dalla redazione

eppe Fiorello, Marco Paolini,


Filippo Timi e Paolo Rossi:
quattro grandi personaggi che avremo il piacere di
vedere ed ascoltare nei loro
spettacoli di cui sono interpreti e allo
stesso tempo autori. Si racconteranno sul palco, a loro modo, attraverso
canzoni e storie, vere o inventate, ma
pur sempre appartenenti al loro vissuto. Ma la stagione non trascura per
questo i grandi testi classici. Iniziati
nel 2014, proseguono anche nel 2015
i festeggiamenti per i 450 anni dalla nascita di Shakespeare, quindi
non potevano mancare Re Lear (e
altro acclamato interprete, Michele
Placido) e La dodicesima notte che
vede sul palco un mostro sacro del
teatro italiano: Carlo Cecchi. E ancora un classico, ma stavolta della contemporaneit: Lo zoo di vetro di
Tennessee William in una messinscena che ha meritato in pieno lapprezzamento della critica nazionale e
del pubblico, di un regista e attore di
spicco del panorama italiano: Arturo
Cirillo. Unattenzione speciale poi al
trittico di spettacoli della stagione
non a caso chiamata diversaMente:
tre storie vere, personaggi realmen-

Frankenstein Junior in scena

te vissuti, la cui vita verr raccontata


ora con taglio giornalistico, ora con
gli occhi di chi non conosceva e vuole sapere. Frost-Nixon, lo scandalo
Watergate e la conseguente caduta di
Nixon nella realizzazione, quasi cinematografica, di quelle che tengono
inchiodati alla poltrona, dello sto-

rico duo Bruni-De Capitani; gli anni


di piombo, il sequestro e la morte di
Aldo Moro (lo spettacolo porta lemblematico titolo di Aldo Morto) raccontati da un nuovo talento del teatro italiano, Daniele Timpano, troppo
giovane per aver vissuto quei fatti,
ma forse proprio per questo capa-

Adriana Lecouvreur stasera in scena al Ponchielli

(foto Alessia Santambrogio)

Prosegue la stagione lirica del


Ponchielli con Adriana Lecouvreur di
Francesco Cilea, in scena (in replica) stasera alle ore 20.30. La direzione
dorchestra affidata a Carlo Goldstein,
mentre la regia di Ivan Stefanutti.

Adriana Lecouvreur fu lopera che consacr Francesco Cilea come uno dei
pi interessanti compositori italiani del
Verismo musicale. Il libretto di Arturo
Colanutti tratto da un dramma di
Eugne Scribe e Ernest Legouv, caval-

Il fascino dei viaggi insieme a Anna Maspero

La scrittrice presenta marted in sala Alessandrini il suo ultimo libro Il mondo nelle mani
di Tiziano Guerini
Marted 25 novembre in sala Alessandrini (in via Matilde di Canossa a
Crema) alle ore 21 per la rassegna Il
viaggio attraverso le immagini verr presentato Il mondo nelle mani,
libro e video con bellissime immagini
in giro per il pianeta in compagnia di
Anna Maspero. Il mondo nelle mani.
Divagazioni sul viaggiare (ed. Polaris) lultima fatica di Anna Maspero, viaggiatrice e scrittrice. Lautrice
vi ha messo tutta la sua passione e
la sua esperienza di viaggiatrice. Un
libro che accompagna, che offre passaggi dautore nati dalla sua lunga
esperienza di viaggi, ma anche dalla
sua capacit di confrontarsi con altri
Lanno scolastico del Civico istituto
musicale Luigi Folcioni, ad un mese
dallinizio delle lezioni, ormai nel pieno della propria programmazione. Archiviata la quota dei primi iscritti a 242
- il numero ottimale, a parere del direttore Alessandro Lupo Pasini dati gli
spazi a disposizione (senza per questo escludere altre possibili iscrizioni
nel corso dei primi mesi di lezioni) definiti i 16 insegnanti, si posto ma-

ce di dare un sguardo diverso, pieno di schietti interrogativi, come piena di interrogativi la tragica fine del
Pirata Pantani in un racconto vero
fatto non solo di parole ma anche di
immagini e testimonianze che cercano solo giustizia in un Italia dove la
giustizia tante volte non c. La stagione poi, come sempre, ci porter
allegramente nel tourbillon delle feste
di fine anno: Il Paese del sorriso il
pomeriggio di Santo Stefano, la notte di San Silvestro fra brindisi e musica accompagnati dalla Rimbamband
e la Befana con il divertentissimo
musical Frankenstein Junior. Da oggi
sono in vendita presso la biglietteria del Teatro, i biglietti per i singoli spettacoli della stagione di prosa
2014-2015 con le seguenti modalit:
distribuzione contromarche alle 9.30
e apertura della biglietteria alle 10.30.
Compatibilmente con la presenza
di pubblico allo sportello, verranno
accettate le prenotazioni telefoniche.
A partire da lunedi 24 novembre (dalle ore 10.30) sar anche possibile
acquistare i biglietti per gli spettacoli online sul sito www.vivaticket.it.
Lesordio in programma il 18 e 19
dicembre con Fiorello, che proporr
lo spettacolo dal titolo Penso che un
sogno cos.

aspetti del viaggio che non siano solo


quelli turistici. Per esempio, la riflessione sul viaggio dei migranti, che
spesso percorrono rotte inverse e
parallele a quelle dei turisti. La trama
il fluire del viaggio: lautrice disegna
mappe fisiche e mentali, muovendosi fra citt e deseri lungo un cammino dove le tappe non sono luoghi,
ma parole chiave per riflettere sul
dove, sul come e soprattutto sul perch del nostro andare. Anna Maspero ha fatto del viaggio un modo di
vita, ha visitato numerosi Paesi, viaggiando sia da sola, sia con amici o
accompagnando gruppi. Ha pubblicato Bolivia, dove le Ande incontrano lAmazzonia, A come Avventura e
Saggi sullarte del viaggiare.

Anna Maspero in uno dei suoi viaggi

Folcioni, le lezioni entrano nel vivo

no alle novit che perfezionano di anno in anno lofferta formativa dellistituto di via Verdelli a Crema. Il piano
tariffario, se si considera che allinsegnamento di unora settimanale dello
strumento musicale prescelto, si devono obbligatoriamente aggiungere
due ore di teoria funzionale (lo scorso

anno considerate facoltative), scende


al costo di 8,50 settimanali cui si devono aggiungere i 100 di iscrizione.
Cos oltre agli insegnamenti tradizionali, si sono aggiunti: imparare rock,
il laboratorio ritmico, il solfeggio
funzionale allo strumento scelto e il
laboratorio scriviamo una canzone.

Naturalmente continua la stretta collaborazione con il Conservatorio Nicolini di Piacenza.


Lo scorso anno - commenta in
proposito il maestro Lupo Pasini - 14
nostri allievi hanno brillantemente superato gli esami pre-accademici,
mentre lallievo Lorenzo Rossi ha ottenuto lammissione agli ultimi anni
per la laurea in organo con il voto di
27\30.

Mostra per ricordare Fermi Chiara Gasparini in un nuovo balletto

Nellanno in cui si celebra il 60 anniversario della scomparsa di Enrico Fermi, Premio Nobel per la Fisica nel 1938, risulta interessante soffermarsi sul rapporto fra la scienza e larte contemporanea. Proprio per questo, da domenica scorsa,
presso le sale del Podest di Soresina, si tiene la rassegna Il
sapere dipinto, curata da Simone Fappanni e realizzata con il
patrocinio e la collaborazione dellamministrazione locale, che
muove proprio in questa direzione.
A confrontarsi su questa intrigante tematica sono stati invitati una quarantina di artisti provenienti da diverse province:
Piacenza, Mantova, Firenze, Trento, Milano, Sassari, Cremona,
Brescia, Parma, Bergamo, Cagliari e Lodi.

Ancora una volta (e con piacere) Chiara


Gasparini sar al Teatro San Domenico di
Crema per un nuovo balletto classico, Cenerentola. Un impegno artistico di prima grandezza per venerd 28 novembre, alle ore 21,
con una finalit benefica che fa onore agli
interpreti ed agli organizzatori. Assieme alla
stella cremasca del balletto classico, la compagnia napoletana Nuovo balletto italiano
con Marco Protano ed altri nove bravissimi
interpreti. La coreografi e la regia firmata da Giuseppe Protano e le musiche sono

di Sergej Prokofev. Per Chiara Gasparini -


lei stessa che lo dice - il realizzarsi di un
sogno, anche perch si tratta di un balletto
che da quando stato rappresentato la prima
volta alla fine dellOttocento, ha visto come
interpreti principali tutte le pi famose prime
donne della danza mondiale. La finalit benefica si tradurr nella donazione di un cane
addestrato per non vedenti da parte del Lyon
Club Gerundo di Crema. Presso gli uffici del
Teatro in via Verdelli a Crema sono disponibili
i biglietti per assistere allo spettacolo.

lo di battaglia di molti grandi interpreti di fine 800 come Eleonora Duse e


Sara Bernhardt. La vicenda si incentra sullattrice settecentesca Adriana
Lecouvreur, sulla quale Cilea si document approfonditamente.

Il sabato del museo


con Pietro Martini

Questo pomeriggio, alle ore 16.30 presso il Museo civico di Frema e del Cremasco
in piazzetta W. De Gregory (in sala Cremonesi), per la rassegna Il sabato del museo
Pietro Martini parler sul tema La costituzione della Loggia Serio a Crema. La massoneria a Crema negli anni delle lotte politiche dopo lunit dItalia. Si tratta - ci dice
il relatore - della anticipazione di un mio articolo sullargomento che verr pubblicato
sul prossimo numero della rivista Insula Fulcheria . Prosegue Pietro Martini: Nel 1859
nasce il Grande Oriente dItalia a Torino e
nel 1862 la loggia massonica Serio a Crema. Ne fanno parte i nobili patrioti legati alla
realt piemontese; fra di essi spicca Enrico
Martini che ha una statura politica di livello internazionale; ma poi i Marazzi, gli Zurla.... Quali caratteristiche sociali e politiche
caratterizzano gli aderenti a questa loggia?
Si tratta della nuova borghesia di matrice
nobiliare che guarda con interesse alle innovazioni imprenditoriali e sociali e che vive un
atteggiamento anticlericale non su basi culturali e teologiche, ma per ragioni pratiche
di natura politico-amministrativa. Linteressante appuntamento a cura della redazione della rivista Insula Fulcheria.

Debora Villa a Crema

Donne che corrono dietro ai lupi, in scena marted 25 novembre alle 21 al Teatro San
Domenico, il nuovo spettacolo di Debora
Villa, un viaggio, un vagabondare tra storia
antica e recente, tra favole e cronache, tra
cinema e canzoni per provare a capire qual
la situazione della donna ai giorni nostri, se
davvero cambiata dai tempi delle caverne
o ci sono ancora inquietanti analogie con le
sue sorelle preistoriche. Per rispondere agli
annosi quesiti che girano intorno alluniverso
femminile e la sua misteriosa evoluzione da
Adamo ed Eva a oggi, Debora Villa ci accompagna in un percorso fatto di microracconti ironici e taglienti, a dimostrazione del fatto
che forse il sesso debole oggi giorno non sia
pi quello femminile.

SPORT

lo
lettere@ilpiccologiornale.it

A Yas Marina
si decide
il Mondiale
FORMULA 1

E scoccata lora della verit nel duello tutto Mercedes per la vittoria del titolo iridato piloti. Domani
ad Adu Dhabi (ore 14 in diretta su Sky e Rai 1) si
corre lultimo Gp della stagione, che mette in palio
il doppio dei punti rispetto al solito. Al momento

Responsabile Fabio Varesi

Lewis Hamilton ha 17 punti di vantaggio su Nico


Rosberg e con il secondo posto sarebbe certo del
titolo, ma sul circuito di Yas Marina tutto pu succedere. Domani sar lultima gara di Alonso su Ferrari e di Vettel (prossimo ferrarista) sulla Red Bull.

La Cremo oggi sfida il suo passato

In settimana la societ ha affidato la squadra al nuovo allenatore Giampaolo nella speranza di cambiare marcia

di Matteo Volpi

o spettro del Moratti della Lega Pro


riprende le sembianze del Cavalier Arvedi.
O viceversa, fate voi. Il rinvio della gara
di sabato scorso a Como ha fatto da
preambolo passivo allesonero di Mario
Montorfano, scalzato dalla panchina grigiorossa su
cui si insediato Marco Giampaolo. Un epilogo evidentemente gi scritto per Montorfano, la cui grande
fedelt alla causa grigiorossa anche stavolta non
bastata a far scoccare la scintilla denitiva, ma assolutamente a sorpresa per quanto riguarda il successore. Voci di corridoio davano tra i pi papabili Torrente
(ancora sotto contratto) e Alessio Tacchinardi (che
si era proposto a pi riprese); mentre alla ne la
scelta caduta su un allenatore molto pi preparato che rispecchia, per, unautentica scommessa. I
molti esoneri presenti nella sin qui giovane carriera
di Giampaolo sono frutto anche della franchezza e
dellorgoglio di un personaggio tutto sommato vero,
ma anche un po atipico per il mondo del calcio. Non
un caso che qualche anno fa il suo nome potesse
essere avvicinato persino alla Juventus, mentre ora il
tecnico di Giulianova (sebbene allanagrafe risulti di
origini italo-svizzere) si trovi a ripartire dalla Lega Pro.
Una sda per tutti, dunque, per provare lennesima
rimescolata di carte nella Cremonese dellera Arvedi.
Alle porte per ora c gi la partita con il Pavia,
nellinferno dello stadio Fortunati, campo mai inviolato da inizio stagione sul quale gli uomini del grande
ex Ricky Maspero hanno vinto cinque partite su sei,
pareggiando solo contro la Torres. Larrivo della pro-

I NUMERI

13 GIORNATA GIRONE B
Castiglione-Lecco
1-2
Ciliverghe-Montichiari
2-0
Ciserano-Mapello
0-1
Olginatese-Sondrio
1-2
Pergolettese-F. Caratese 1-2
Pontisola-Castellana
2-2
Pro Sesto-Caravaggio
1-1
Seregno-Virtus Verona
3-1
Villafranca-Inveruno
2-2
Ha riposato: Aurora Seriate
14 GIORNATA (23-11 h 14.30)
Aurora Seriate-Pontisola
Caravaggio-Ciliverghe
Castellana-Seregno
Folgore Caratese-Ciserano
Inveruno-Pergolettese
Lecco-Pro Sesto
Montichiari-Olginatese
Sondrio-Villafranca
Virtus Verona-Castiglione
Riposa: Mapello
CLASSIFICA Seregno 31;
Castiglione 27; Inveruno 24;
Lecco 22; Sondrio 21; Pro
Sesto 20; Ciserano 19; Virtus
Vecomp 18; Mapello, Pontisola
17; Caravaggio, Villafranca 16;
Aurora Seriate 15; Pergolettese
13; Folgore Caratese 12;
Ciliverghe 10; Olginatese 8;
Castellana 6; Montichiari 0.

LEGA PRO 13 GIORNATA


Alessandria-Bassano

rinv.

Como-Cremonese

rinv.

Mantova-Pordenone

1-0

Monza-Torres

sosp.

Pavia-Giana Erminio

3-0

Pro Patria-Arezzo

1-2

Real Vicenza-Novara

3-0

Renate-FeralpiSal

1-2

Sdtirol-Lumezzane

2-0

U. Venezia-AlbinoLeffe

2-0

CLASSIFICA GIRONE A

LEGA PRO Nel pomeriggio i grigiorossi affrontano in trasferta il Pavia allenato dallex Ricky Maspero

Il tecnico ama
un calcio corale
CARATTERISTICHE

Real Vicenza 26
Bassano*
25
Pavia
24
Monza*
23
Como*
23
Novara
22
Alessandria* 20
FeralpiSal
20
Unione Venezia 19
Arezzo
19
Giana
16
Sudtirol
16
Torres*
16
Mantova
14
Renate
13
Cremonese* 13
Pro Patria
11
AlbinoLeffe
10
Lumezzane
10
Pordenone
5

PROSSIMO TURNO (22/24-11)

Arezzo-Real Vicenza, Bassano Virtus-Como, FeralpiSal-Monza, Giana Erminio-Mantova, Lumezzane-Unione


Venezia, Novara-AlbinoLeffe, Pavia-Cremonese (2211 h 15), Pordenone-Renate, Pro Patria-Alessandria,
Torres-Sdtirol,
priet cinese ha rilanciato la formazione pavese verso
ambizioni di alta classica.
PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1): Battaiola,
Gambaretti, Giorgi, Bassoli, Favalli; A. Marchi, Jadid;
M. Marchi, Palermo, Kirilov; Brighenti.

Giampaolo con il ds Giammarioli


(Fonte Ufficio Marketing US Cremonese)

CHI E GIAMPAOLO E lemblema di un calcio


dalle idee moderne, ma tuttavia reduce da esperienze decisamente sfortunate, lultima delle quali culminata con le incredibili dimissioni indotte a Brescia,
dove il tecnico fu ferocemente contestato dalla tifo-

(M.V.) Dal punto di vista


tattico, Giampaolo un allenatore che predilige sostanzialmente la difesa a 4, in
grado di sfociare in 4-3-12 o 4-2-3-1 a seconda delle esigenze. Unidea di calcio propensa al gioco corale, che sar poi da valutare
quanto in grado di sposarsi
con le dinamiche pi pratiche e stringenti della Lega
Pro. Staremo a vedere. E
visto che nel calcio contano i
risultati, le statistiche relative
alla sua carreira di allenatore
sembrano essere al momento implacabili: 25,9% vittorie, 29,3% pareggi e 44,9%
scontte (fonte http://www.
transfermarkt.it/).

seria delle Rondinelle al punto di far persino perdere


le sue tracce per qualche giorno.
Persino la trasmissione Chi lha visto improvvis
una mini inchiesta su una sua presunta sparizione
prima del suo addio al Brescia.

SERIE D Il ko interno con la Caratese ha aperto ufficialmente la crisi. E domenica c la sfida con lInveruno

Non sono pi ammesse distrazioni in casa gialloblu


di Tiziano Guerini

La Pergolettese perde per due reti ad


una lultimo appello per un campionato appena decente, contro una Caratese
apparsa non cos modesta come la classifica lasciava prevedere. Certamente il
Pergo ci ha messo del suo per restituire agli
avversari quella folgore che accompagna
il loro nome! Sapevamo, invece, gi dopo
le prime partite, che i gialloblu non erano un fulmine di guerra, ma non ci aspettavamo certo una squadra inconsistente,
impalpabile come carta velina, pronta ad
ogni strappo, come quella vista la scorsa
domenica. Che il gol della sconfitta sia arrivato al 48, quindi ancora una volta durante il tempo di recupero (se non sbagliamo il
conto per difetto, dovrebbe essere la quarta volta che accade in questo campionato)
non fa testo, n costituisce una scusante, n pu essere casuale. Alla squadra di
casa mancavano Tacchinardi e Manzoni,
oltre a Martinelli, come a dire il braccio e
la mente, ma gli assenti non hanno sempre
ragione. Le colpe stanno in un primo tempo
del Pergo giocato in modo contratto, con

Il rigore realizzato da Lorenzi

troppe palle perse a centrocampo favorendo le ripartenze degli avversari, ottenendo


il risultato di dare coraggio alla squadra
ospite, che aveva iniziato con circospezione per poi, per una buona mezzora, capaci di tenere in mano la partita fino a pervenire al gol del vantaggio al 4 della ripresa

con DAprile. Il conto viene pareggiato dalla Pergolettese subito al 6, grazie ad un


calcio di rigore per un fallo su Patrini, che
Lorenzi calcia bene alla destra del portiere.
Nella circostanza viene espulso per proteste Dellamaggiora e ti aspetti finalmente
un Pergo maramaldo. In effetti da questo

momento in poi si nota una certa prevalenza di gioco (si fa per dire) della squadra di
casa, del resto assolutamente sterili e cos
tutto si risolve in tentativi velleitari (al 20
con Patrini) o sbagliati (al 21 con Lorenzi).
N le cose cambiano con lingresso al
30 di Rossi. E cos dopo una prevalenza
inconcludente, la nemesi colpisce: campanello dallarme al 40 con Cesana della
Caratese che si trova tutto solo davanti a
Montaperto, ma si imbambola sul tiro. Poi
al 48 il numero 9 Zorloni non sbaglia e fa
secco il Pergo. Doppio suicidio, che la curva Sud stigmatizza con una contestazione
che - toni a parte - non si pu veramente non condividere. Ora veramente lotta
per la salvezza e non basta che battano un
colpo i giocatori: tocca sopratutto allallenatore e alla dirigenza prendersi le proprie responsabilita'. Come andr domani
contro lInveruno? Il pronostico purtroppo
sembra facile, perch si tratta di una squadra che veleggia al terzo posto della classifica con 24 punti. Ma siamo arrivati al punto che non sono ammesse n distrazioni,
n facile rassegnazione prima di aver combattuto allarma bianca.

24

Sport

Sabato 22 Novembre 2014

CALCIO ECCELLENZA

Un Crema in salute va allassalto del Fanfulla

Andrea Chiappella

Malgrado unaltra buona prestazione, il


Crema ha dovuto accontentarsi di un pareggio sul campo del Sarnico. Occasione sprecata a parte, i nerobianchi sono apparsi in
salute e capaci di rimontare il gol di svantaggio (siglato dai bergamaschi con Nichesola
al 12), grazie alla rete di Chiappella, bravo a
sfruttare di testa un cross di Pedrocca. Nella
ripresa, con un Crema in palla, arrivata
loccasione per la vittoria, ma Cantoni ha
spedito sulla traversa un calcio di rigore.
Con una classifica che si fatta interessante, i cremini allenati da Nicolini vuole ora
tornare alla vittoria, domani nel derby con il

Fanfulla, reduce dalla sconfitta interna con il


Rigamonti Castegnato e alla prese con una
preoccupante crisi di risultati. Una buona
occasione, quindi, per i nerobianchi per salire ancora in classifica e alimentare le ambizioni di inizio stagione. In classifica continua
a dominare il Darfo Boario, che per stato
costretto al pareggio nel big-match di giornata contro la Grumellese, che resta seconda a cinque punti dalla capilista.
11 GIORNATA Asola-Cavenago 0-2,
Darfo Boario-Grumellese 1-1, Fanfulla-Rigamonti Castegnato 1-2, Orsa Trismoka-Vallecamonica 1-2, Palazzolo-Villongo 1-0, Pedrocca-

TENNIS A1

Orceana 3-1, Rezzato-Aurora Travagliato 1-0,


Sarnico-Crema 1-1.
12 GIORNATA (23-11 h 14.30) Aurora
Travagliato-Orsa Trismoka, Crema-Fanfulla,
Cavenago-Palazzolo, Grumellese-Pedrocca,
Orceana-Rezzato, Rigamonti CastegnatoAsola, Vallecamonica-Sarnico, Villongo-Darfo
Boario.
CLASSIFICA Darfo Boario 27; Grumellese
22; Rigamonti Castegnato, Vallecamonica 20;
Pedrocca, Orceana 19; Crema 15; Orsa Trismoka, Aurora Travagliato 14; Sarnico 13;
Cavenago, Rezzato 12; Fanfulla, Villongo 11;
Palazzolo 7; Asola 4.

Il Tc Crema cerca
oggi la salvezza

Dopo il pari in Puglia, domani il


Tennis Claub Crema cerca la salvezza,
in una sfida casalinga che la vede favorita, anche se vincere non sar facile.
ANGIULLI BARI-TC CREMA 3-3
Marinelli (Angiulli) b. Mora (Crema)
6-0 6-2, Pellegrino (Angiulli) b. Remedi
(Crema) 6-4 6-2, Ungur (Crema) b.
Viola (Angiulli) 3-6 6-4 6-3, Sinicropi
(Crema) b. Capkovic (Angiulli) 6-7 7-6
6-0, Sinicropi-Ungur (Crema) b. Pellegrino-Viola (Angiulli) 6-1 6-3, Capkovic-Marinelli (Angiulli) b. PaganiRemedi (Crema) 6-4 6-2.

La Pom nella tana di Tai Aguero

Dopo aver conquistato 8 punti nelle ultime tre partite la formazione rosa prova a salire ancora in classifica

stata molta Pom nel


quarto turno di andata, giocato mercoled sera. La
squadra di Davide Mazzanti
dapprima ha subto laggressivit e la spavalderia delle ospiti
ma poi, una volta assestati i meccanismi di gioco, riuscita a fare la voce
grossa, incamerando altri tre punti,
per un bottino di 8 nelle ultime tre
partite. S, perch, domenica pomeriggio, sempre a Viadana, la squadra
rosa non aveva dato scampo al
Montichiari, battuto per 3-0. Dopo
aver rotto il ghiaccio a Bergamo - ha
affermato Marika Bianchini, al termine
del match con Montichiari - finalmente
arrivato anche il primo successo sul
nostro campo e davanti ai nostri tifosi,
che ci hanno sostenuto per tutta la
gara. Non era facile affrontare Montichiari, che veniva da un gran risultato
con Modena, ci abbiamo creduto
dallinizio alla fine e la vittoria meritata. Poi il successo su Firenze, sempre
per 3-0. Ancora una volta la squadra
si espressa su buoni livelli in attacco
- rivela il tecnico - dove ho apprezzato
la gestione dei colpi e intenzione di
sfruttare il muro aperto delle avversa-

Casalmaggiore
e Witors:
belle vittorie

SERIE A1 3 GIORNATA
Busto Arsizio-Novara

0-3

Casalmaggiore-Montichiari

3-0

Firenze-Bergamo

1-3

Modena-Scandicci

3-1

Piacenza-Forl

3-1

Urbino-Conegliano

1-3

CLASSIFICA

VOLLEY A1 Stasera in diretta tv le casalasche affrontano a Forl la squadra dellitalo-cubana, ex di turno


Novara
11
Bergamo
10
Piacenza
9
Modena
9
Casalmaggiore 8
Conegliano
7
Busto Arsizio 5
Montichiari
5
Scandicci
4
Forl
3
Firenze
1
Urbino
0

RISULTATI 4 GIORNATA
Casalmaggiore-Firenze 3-0, Conegliano-Bergamo 0-3, Modena-Piacenza 3-1, Montichiari-Busto Arsizio 3-2, NovaraUrbino 3-0, Scandicci-Forl 3-0.

Ortolani e Mazzanti esultano al termine del match

rie. Anche il servizio ha reso come ci


aspettavamo dando seguito a quanto
provato in allenamento e limitando gli
errori cosa che in altre gare, vedi
Bergamo, non ci era riuscita.
Archiviamo unaltra gara con il
massimo profitto aggiunge Serena
Ortolani -. Lunico momento di difficolt lo abbiamo avuto allinizio di
gara, Firenze partita molto disinvol-

ta, noi abbiamo avuto bisogno di


qualche scambio per prendere ritmo,
ma poi siamo filate via senza tentennare, con tranquillit e sicurezza.
Insomma, una Pom in grande crescita, che stasera torna in campo per
centrare la quarta vittoria consecutiva. Di fronte alle telecamere di
RaiSport 1, la formazione rosa affronta in Romagna il Volley 2000 Forl di

RUGBY C2

Turno molto positivo per Casalmaggiore e


Witors Cremona. I casalaschi, vincendo 11-7
la sfida al vertice sul campo del Desenzano,
sono saliti in vetta alla classifica assieme al
Cus Brescia. E dopo la pausa in programma
lo scontro diretto in terra bresciana, per il pri-

Paladini e Degli Agosti


vincono a Capergnanica

Non sono mancate le sorprese nel 13


trofeo Fasoli Malachia e Cerioli Mario, gara
individuale (con due finali separate) organizzata dalla bocciofila Capergnanica. Nella
categoria A/B successo di Massimo Paladini.
Il portacolori della Cremosanese eliminava
nei quarti il trescorese Morrys Vailati (12-9)
ed in semifinale Marco Belli per 12-5.
Approdava in finale anche Mattia Visconti
che esordiva imponendosi su Alberto
Pedrignani (che nel recupero aveva estromesso Giuseppe Zafferoni) e quindi superava
Luciano Pezzetti per 12-3. Si prevedeva un
nuovo en plein del giovane vaianese, ma
sulla sua strada trovava un irresistibile
Paladini che vinceva con pieno merito: punteggio finale 12-3. Parla pieranichese la
categoria C/D grazie alla splendida performance di Angelo Degli Agosti: nel recupero
estrometteva il bresciano Eugenio Foschetti,
nei quarti superava loffanenghese Gabriele
Rossoni ed in semifinale si sbarazzava di
Osvaldo Todeselli per 12-2. Conquistava la
finale anche Ezio Ghiraldi che simponeva nei
quarti su Alessandro Cerioli (che aveva eliminato nel recupero Sergio Severgnini) ed in
semifinale sul madignanese Roberto Cerioli
per 12-5. Niente da fare per il ferroviere in
finale: tentava di dare un ultima soddisfazione alla sua bocciofila (Dlf cessa lattivit) ma
veniva sconfitto da Degli Agosti per 12-8. Ha
diretto la gara Arturo Casazza, arbitri di finale
Eugenio Barbieri e Massimo Testa.
COPPA ITALIA SENIORES Per questa
manifestazione non sono mancati i problemi
(rinunce) per il ct cremasco Luigi Comolli
che ha convocato i seguenti giocatori:
Frattini, Guglieri, Guerrini, Pedrignani e
Zagheno.
M.M.

mato solitario. Sorride anche la Witors


Cremona, che si imposta nello scontro diretto con il Marco Polo (in trasferta) per 27-17: un
successo che permette ai grigiorossi di salire
a quota 2 e abbandonare lultimo posto in
classifica. Alla ripresa trasferta a Bergamo.

Tai Aguero, ex di turno. Litalo-cubana,


infatti, ha giocato per alcuni mesi a
Casalmaggiore la scorsa stagione,
annunciando in estate di voler lasciare il volley. Ma il richiamo della competizione, lha spinta ad accettare
lofferta di Forl, ripescata in serie A1.
Un match, quindi, non facile, anche
se la Pom ha tutte le carte in regola
per incamerare altri tre unti, che la
proietterebbero ancor di pi nei quartieri alti della classifica.
6 GIORNATA (23-11 h 18) Bergamo-Scandicci, Busto Arsizio-Urbino, Conegliano-Montichiari, Firenze-Modena, Forl-Casalmaggiore (2211 h 20.30 su RaiSport 1), PiacenzaNovara (22-1 h 20.30).

Pieve 010, stasera scontro


salvezza col Giovinazzo
HOCKEY PISTA A1

Non bastata al Pieve 010 una prestazione volitiva e determinata per bloccare
la corsa della capolista Forte dei Marmi,
che sulla pista di San Daniele Po si
imposta 7-4. Nel primo tempo i rossoblu
hanno risposto colpo su colpo ai toscani,
passando a condurre 4-3 con le reti di
Ambrosio ed Emanuele Civa. Poi nella
ripresa, finch Vallina ha neutralizzato le
azioni degli ospiti, la partita stata in
equilibrio, ma quando Forte dei Marmi ha
affondato i colpi, non c pi stato nulla
da fare. Stasera a San Daniele altro
match casalingo contro Giovinazzo, che
in graduatoria ha un solo punto in pi dei
rossoblu. Si tratta di una partita molto
importante per la corsa alla salvezza del
Pieve 010 che non pu permettersi di
perdere. Il caloroso pubblico locale dovr
essere trainante per i giocatori in pista.
CLASSIFICA (7 giornata) Forte dei
Marmi 21; Breganze 18; Trissino 16; Viareggio 13; Valdagno 12; Bassano 11; Lodi
10; Follonica, Matera 9; Sarzana, Giovinazzo, Correggio 6; Pieve 010 5; Prato 0
8 GIORNATA Breganze-Forte dei
Marmi, Correggio-Sarzana, Lodi-Matera,
Pieve 010-Giovinazzo (22-11 h 20.45),
Prato-Bassano, Trissino-Valdagno, Viareggio-Follonica.
Marco Ravara

Primo importante successo dellAchille Grandi


BOCCE

di Massimo Malfatto

Non c modo migliore per cominciare una competizione che con una
vittoria. Una Achille Grandi bella e
vincente fa la voce grossa e liquida il
San Sebastiano per 2-0 nella prima
giornata del campionato italiano per
societ di serie C. Squadra tosta e ben
amalgamata quella del presidente
Rodolfo Guerrini che dimostra di avere
un anima ed un carattere, anche se ha
ancora parecchi margini di miglioramento: grande prova del collettivo, una
partita quasi perfetta quella della formazione guidata dal tecnico Oliviero Parati,
un segnale ben chiaro e forte alle formazioni avversarie. Dolce il sapore del
trionfo per i ragazzi Stefano Guerrini,
Mattia Visconti ed Andrea Zagheno, una
prestazione da incorniciare: la loro terna
gioca con grande determinazione e si
aggiudica agevolmente entrambi i set
con i punteggi 8-3 e 8-0. Sullaltra corsia altalenante la prova di Alberto
Pedrignani: andava fuori giri nel primo

LAchille Grandi al gran completo

set dove veniva sconfitto dal veneziano


Roberto Callegari, ma lesperienza del
Pedro usciva nel secondo incontro
vinto per 8-6. Seconda fase con in
campo le formazioni di coppia. La famiglia Visconti simponeva nel primo set
(8-3) ma andava in sofferenza nel
secondo dove trovava disco rosso per
5-8. Strepitosi per gioco e continuit
Guerrini e Pedrignani che sfoderavno

una splendida prestazione che gli consentivano di aggiudicarsi entrambi i set


con i netti punteggi di 8-0 ed 8-3.
Prossimo impegno tra due settimane
la vicina, ma insidiosa trasferta a
Bergamo contro una Tritium con il
dente avvelenato per la sconfitta subita
sulle corsie veronesi. Un cliente scomodo quello orobico con il quale non si
pu dare nulla per scontato, ma se il

team di Elia Avaldi vuole consolidare le


sue notevoli ambizioni di promozione
non potr permettersi passi falsi e
smettere di avere fame.
Risultati: A. Grandi-San Sebastiano
2-0; La Veronese-Tritium 2-0. Classifica: A. Grandi, La Veronese punti 2;
San Sebastiano, Tritium 0. Prossimo
turno (6-12): Tritium-A. Grandi e San
Sebastiano-La Veronese.

Stasera la finale del memorial Berlonghi a Soresina

Questa sera epilogo del memorial Gianpietro


Berlonghi, gara regionale individuale giunta alla
diciannovesima edizione. A questa penultima gara
dellannata agonistica hanno partecipato 184 giocatori, tre settimane di batterie. Nella categoria A
successi di Caccialanza, Lupi Timini, Parlato,
Pezzetti e Reghenzani mentre in cat.B in evidenza

Assirati, Bonelli, Celardo e Defendenti. Infine in


cat.C, tra gli altri, note positive per Generali,
Guadrini, Mereni, Petrini, Motti, Nicolini e per il
madignanese Barbieri. Le finali, sotto la direzione di
gara di Giuseppe Mosconi, inizieranno (con i recuperi) alle ore 17 sulle corsie del bocciodromo di
Soresina dove si svolger tutta la fase finale.

COPPA ITALIA La formazione del comitato di


Cremona, forse sarebbe appropriato denominarla
Flora (cinque giocatori su sei giocano nella bocciofila rivierasca) sar formata da Caccialanza,
Campanini, Celardo, Domaneschi, Massarini e
Galluzzi, ct Ripari.
M.M.

Sport

25

Sabato 22 Novembre 2014

Vanoli in Trentino per stupire ancora


Domani pomeriggio contro il team di Buscaglia servir unaltra grande prestazione per salire ancora in classifica

di Giovanni Zagni

na grande Vanoli ha strapazzato lEnel Brindisi,


imponendosi domenica
scorsa al PalaRadi per
87-72. Una vittoria ottenuta in virt di grandi doti tecniche ed
agonistiche, al cospetto di un avversario certamente di prima fascia in
questo campionato, che sta cercando di onorare anche con grande
impegno finanziario. Insomma, gli
scroscianti applausi degli oltre 3000
presenti a fine gara sono stati meritatissimi, poich la squadra di Pancotto
ha giocato veramente bene, con generosit e qualit, mai mollando
anche quando gli ospiti parevano sul
punto di rientrare. Una gran giornata
di basket, con piena soddisfazione di
tutti e se si conoscevano gi le doti di
qualcuno dei protagonisti, stavolta
vogliamo commentare con favore le
prestazioni dei giovani atleti di colore,
che mostrano sempre pi di essersi
inseriti in fretta in un mondo loro sconosciuto fino ad un paio di mesi fa.
Bravi loro e bravi chi li ha ndividuati
ed accolti sotto il Torrazzo. Segnaliamo con particolare soddisfazione
le prestazioni di Vitali e Campani che
si sono fatti carico di trascinare il

SERIE A 6 GIORNATA
Avellino-Reggio Emilia

88-94

Bologna-Venezia

79-83

Capo dOrlando-Caserta

68-64

Cremona-Brindisi

87-72

Milano-Cant

83-64

Roma-Varese

87-78

Sassari-Pesaro

92-64

Trento-Pistoia

86-72

CLASSIFICA

SERIE A Il netto successo sullEnel Brindisi ha ulteriormente galvanizzato lambiente biancoblu


SERIE A2 FEMMINILE

Tec-Mar Crema, girone


dandata molto positivo

Sassari
10
Reggio Emilia 10
Venezia
10
Milano
8
Cremona
8
Cant
6
Brindisi
6
Trento
6
Roma
6
Avellino
6
Bologna (-2)
4
Pistoia
4
Varese
4
Capo dOrlando 4
Pesaro
2
Caserta
0

IL PROSSIMO TURNO (23-11 h 18.15)

Brindisi-Bologna, Caserta-Cant (22-11 h 20.30), Pesaro-Capo dOrlando, Reggio Emilia-Roma (22-11 h


20.30), Sassari-Avellino (24-11 h 20), Trento-Cremona, Varese-Milano (h 20.30), Venezia-Pistoia.
gruppo. Ma il plauso va esteso a tutti
coloro che hanno prodotto questo
momento magico del basket cremonese. Ma il campionato propone una
trasferta insidiosissima a Trento dove
lentusiasmo per la promozione in
serie A sta trascinando la squadra
verso risultati sorprendenti, con interpreti che si vanno affermando su tutti

Campani contro Brindisi (foto Mario F. Rossi)

i campi, dopo linizio inevitabilmente


negativo, con sconfitte con Milano e
Reggio Emilia. Successivamente i
trentini hanno battuto Cant, Varese
e Pistoia ed ora sono assestati a 6
punti in classifica, solo 2 in meno dei
biancoblu. Facendo leva su un quintetto, nel quale trovano posto italiani
di valore come Pascolo e Spanghero,

la compagine di coach Buscaglia


gioca un basket veloce ed atletico,
con la sfrontatezza ed il coraggio dei
giovani, ma anche con la necessaria
sapienza tattica. Ci vorr insomma
una Vanoli concentratissima e vogliosa per tenere a freno lardire dei
trentini, oltretutto sospinti da un tifo
calorosissimo.

Cera il pubblico delle grandi occasioni


per tributare lultimo saluto al presidente
Spinelli, recentemente scomparso. In tanti
hanno risposto allappello ed anche la TecMar Crema non ha tradito le attese, centrando il settimo successo consecutivo contro
Albino, battuto abbastanza agevolmente.
Una vittoria che ha permesso alle azzurre di
conservare il primato solitario, in attesa
dellesito della sfida di stasera tra le inseguitrici Ferrara e Vicenza, che permetter a chi
avr la meglio di agganciare le cremasche,
ferme per il turno di riposo. Insomma, al termine del girone di andata, il bilancio delle
azzurre decisamente positivo.
8 GIORNATA Alpo-Virtus Cagliari 75-50,
Astro Cagliari-Vicenza 71-79, Crema-Albino
78-57, Ferrara-Muggia 72-52. Ha riposato:
Biassono.
9 GIORNATA (22-11 h 20.30) AlbinoVirtus Cagliari, Biassono-Astro Cagliari (h
20), Muggia-Alpo, Vicenza-Ferrara. Riposa:
Crema.
CLASSIFICA Crema 14; Ferrara, Vicenza 12; Astro Cagliari, Albino, Alpo 6; Biassono, Virtus Cagliari 4; Muggia 0.

LErogasmet vuole i punti dopo gli applausi


SERIE B

ssato ad Orzinuovi, al cospetto di una delle corazzate del


campionato, la terza sconfitta
consecutiva, lottando alla pari
con gli avversari gli ultimi tre
quarti dopo aver chiuso sotto di
dieci il primo. Un grande Zanella
non bastato per contrastare i
talenti dellattacco di casa,
apparso superiore per classe e
variet di soluzioni. I locali hanno
dominato il primo quarto di gioco,
approfittando di unErogasmet
dalla carburazione lenta, che ha
pi volte perso banalmente palla
in attacco. La Gag, dopo il 5-0
iniziale, ha chiuso il primo periodo avanti per 23-13, conservando fino alla fine i dieci punti di
vantaggio accumulati. Dal secondo quarto in avanti gli uomini di
Baldiraghi hanno fatto praticamente partita pari con i pi quotati avversari, senza per riuscire
a scalfire il distacco accumulato
ad inizio match. Ogni volta che i
biancorossi hanno trovato le rare
soluzioni da fuori uscita la classe degli avversari, con il match
blindato da una tripla di Ferrarese
quando i cremaschi si erano por-

tati fino al meno otto. E finita cos


85-75 e per lErogasmet resta il
rimpianto per un primo quarto
che ha deciso il match e la soddisfazione di aver giocato quasi alla
pari anche con Orzinuovi, dopo
aver sfiorato la vittoria con
Montichiari. Comera facile prevedere, ora la classifica si fa
meno lusinghiera e lincontro
casalingo con lUrania Milano,
formazione imprevedibile e gi
vittoriosa in due trasferte, si presenta come il primo vero spartiacque della stagione. I Wildcats
allenati da Marcello Ghizzinardi,
ex coach di Casalpusterlengo,
Fidenza e Gragnano in B1, rispetto alla scorsa stagione contano
quattro conferme e quattro novit
in organico. In cabina di regia si
alternano il ventenne Federico De
Bettin e Matteo Giovanelli, trentunenne con precedenti a Monticelli, quando affront lErogasmet in Dnc e Rieti. Il play di
Seriate un ottimo agonista e

DIVISIONE NAZIONALE C
Dopo il turno di riposo, lMg.K Vis Piadena
obbligata a battere stasera il Lissone, che in classifica ha due soli punti in pi dei piadenesi. Un autentico scontro diretto, assolutamente da non sbagliare, per rientrare nel gruppo delle squadre che puntano alla salvezza. Lapporto del pubblico sar sicuramente importante per lMg.K Vis, che deve
riscattare un avvio di stagione avaro di soddisfazioni. Nellultimo turno il Lissone ha piegato di misura

I NUMERI
8 GIORNATA Arzignano-Bologna
82-94, Costa-Volpino-Pordenone 5667, Montichiari-Desio 65-50, Orzinuovi-Crema 85-75, Trieste-Cento
72-79, Udine-Lecco 55-56, Urania
Milano-Lugo 58-44.
9 GIORNATA (23-11 h 18) Cento-Orzinuovi, Crema-Urania Milano,
Desio-Bologna, Lecco-Costa Volpino, Lugo-Bergamo, Montichiari-Arzignano, Pordenone-Udine.
CLASSIFICA Udine 12; Pordenone, Orzinuovi, Cento 10; Lugo, Urania
Milano, Montichiari, Bologna 8; Crema 6; Bergamo, Lecco, Arzignano,
Costa Volpino 4; Desio 2; Trieste 0.

difensore tenace, abile nel contropiede, non disdegna di rinunciare ad un tiro per favorire lopzione migliore di un compagno,
pur avendo un tiro da fuori rispet-

tabilissimo. In questa categoria


oltre al ruolo naturale di guardiaplay, pu giocare alloccorrenza
anche da ala piccola. La guardia
il montenegrino Dusan Stije-

povic, ex Ostuni e Trapani, fedelissimo di coach Ghizzinardi che


lo ha avuto in Legadue a Casalpusterlengo, dove cresciuto
cestisticamente assieme a Pietro

Delicato scontro diretto per Piadena

Milanotre e si annuncia agguerrito, ma il match


appare comunque alla portata di Piadena, se riuscir finalmente a proporre il suo miglior basket. In
classifica ora comanda Opera, tallonata dal Saronno, ma tante squadre sono racchiuse in pochi punti
e con due successi consecutivi si pi scalare tante

iVanoli
l Magazi
n
e
Basket
della

LErogasmet Crema in azione

posizioni. E quello che si augura il pubblico piadenese, a partire da stesera.


9 GIORNATA Arcisate-Cant 76-71, BernareggioManerbio 81-57, Boffalora-Nerviano 69-76, IseoCarpe Diem Calolziocorte 73-70, Lissone-Milanotre
52-50, Olginate-Saronno 55-56, Opera-Club 7 Laghi

Aradori. Lala piccola Marco


Torgano, vivaio Desio, con Alessandro Pagani a cambiare luno e
laltro. Punti di forza della compagine meneghina sono gli interni,
come lala grande Riccardo
Bazzoli, atleta che pu giocare da
esterno o da secondo lungo, con
precedenti in B1 (Riva del Garda,
Treviglio) e tanti punti nelle mani.
Il pericolo numero uno per il
canestro biancorosso sar, per,
il centro Paleari, atleta eccezionale, dotato di grinta e carisma,
con un grandissimo talento offensivo. Riesce a coniugare bene
luno contro uno, sia con la mano
destra che con la mano sinistra,
senza disprezzare il palleggio
arresto e tiro. Gioca alloccasione anche i pick and roll, ma
diventa pericolosissimo dai tre
punti dallangolo. Il cambio dei
lunghi infine Andrea Merlati,
figlio darte e prodotto del settore giovanile dellOlimpia. La
lotta sotto i tabelloni sar probabilmente la chiave per la vittoria nel match.
Marco Cattaneo

Gazzada 74-66. Ha riposato: Piadena.


10 GIORNATA (22-11) Cant-Iseo, Carpe Diem
Calolziocorte-Bernareggio, Club 7 Laghi GazzadaBoffalora, Manerbio-Olginate, Milanotre-Opera, Piadena-Lissone (h 21), Saronno-Arcisate.
CLASSIFICA Opera 14; Saronno 12; Bernareggio,
Club 7 Laghi Gazzada, Milanotre, Olginate, Arcisate
10; Lissone, Carpe Diem Calolziocorte, Iseo, Nerviano
6; Boffalora, Manerbio 6; Piadena 4; Cant 0.

26

Sport

Sabato 22 Novembre 2014

CALCIO SERIE A

SERIE B

Un derby delicato per entrambe Carpi, la bella favola continua

(F.V.) Un derby che pu rappresentare lo spartiacque della stagione. Chi perde, rischia di acquire una
crisi di risultati, che influir sul prosieguo della stagione. Ecco perch Milan-Inter di domani sera il match
pi atteso, anche per lesordio di Mancini sulla panchina nerazzurra. Ma il clou per le parti nobili della
classifica in programma al sabato. Alle 18 la Roma
impegnata a Bergamo, campo storicamente ostico
per i giallorossi, mentre la Juve pu rischiare a Roma
contro la Lazio. Il Napoli, che ospita il Cagliari, spera
di accorciare le distanze della prime della classe.

12 GIORNATA (23-11 h 15) Atalanta-Roma (22-1 h


18), Cesena-Sampdoria, Genoa-Palermo (24-11 h
20.45), Hellas Verona-Fiorentina, Lazio-Juventus
(22-11 h 20.45), Milan-Inter (h 20.45), Napoli-Cagliari,
Parma-Empoli, Torino-Sassuolo (h 12.30), UdineseChievo Verona.
CLASSIFICA Juventus 28; Roma 25; Napoli 21;
Sampdoria 20; Lazio, Genoa 19; Milan, Udinese 17;
Inter 16; Hellas Verona 14; Fiorentina, Palermo 13; Sassuolo, Torino 12; Cagliari, Empoli, Atalanta 10; Chievo
Verona 8; Cesena 7; Parma 6.

Prosegue la favola del Carpi, sempre pi capolista della serie B. Grazie anche agli scivoloni
delle dirette concorrenti, gli emiliani hanno preso
il largo e oggi cercano altre conferme a Brescia.
14 GIORNATA Avellino-Vicenza 0-1, Bologna-Brescia 1-2, Carpi-Cittadella 5-2, CrotoneBari 3-0, Latina-Virtus Lanciano 1-0, LivornoPro Vercelli 3-1, Pescara-Frosinone 3-0, Ternana-Spezia 0-0, Trapani-Catania 2-2, VaresePerugia 1-1, Virtus Entella-Modena rinviata.
15 GIORNATA (22-11 h 15) Avellino-Varese,

Bari-Trapani, Brescia-Carpi, Catania-Latina


(23-11 h 18), Frosinone-Livorno (21-11 h 20.30,
Modena-Pescara, Perugia-Ternana, Pro Vercelli-Virtus Entella, Spezia-Bologna, VicenzaCittadella, Virtus Lanciano-Crotone.
CLASSIFICA Carpi 28; Frosinone 25; Livorno,
Spezia 24; Avellino 23; Virtus Lanciano, Bologna,
Trapani 22; Perugia 21; Pro Vercelli, Brescia 17;
Pescara, Catania, Bari, Varese (-1), Vicenza 16;
Modena*, Virtus Entella*, Ternana 15; Crotone,
Latina 13; Cittadella 12. * Una partita in meno.

Ho ancora tanta voglia e sogno Rio

CANOTTAGGIO Lazzurro Michele Manzoli fa un bilancio della stagione appena conclusa e parla del suo futuro

ichele Manzoli (22 anni a dicembre)


uno degli atleti pi titolati del canottaggio provinciale. Lo abbiamo intervistato
al termine di una stagione che pu rappresentare una svolta nella sua carriera.
Prima di tutto fai un bilancio del tuo 2014.
Direi che stata un ottima annata, che mi ha
fatto crescere tantissimo sotto ogni aspetto, sia dal
punto di vista tecnico-fisiologico, che dal punto di
vista umano. Sono enormemente soddisfatto per
essere riuscito a conquistare il titolo italiano in singolo Under 23, facendo registrare il record italiano
che non veniva battuto da 24 anni e per il quarto
posto ottenuto ai Mondiali Under 23 nel quattro di
coppia e, anche se la medaglia di bronzo mi sfuggita di pochi decimi, mi porter dentro sempre
lesperienza di essere stato capitano e porta bandiera della nazionale Under 23.
Nel tuo futuro c ancora il canottaggio?
Per i prossimi anni sicuramente, anche perch
sento che ho ancora tantissimo da dare a questo
sport e il sogno Rio 2016 sempre vivo in me, per
fare canottaggio ad alto livello in Italia non facile,
perch arrivi ad una certa et e diventa difficile continuare a gareggiare, se si studia o si lavora.
Qual la gara che non dimentichi?
Ce ne sono tante, ma quelle che mi hanno rega-

Manzoli capovoga agli ultimi Mondiali Under 23

lato pi emozioni e che ricordo perfettamente sono


due: la vittoria ai Campionati italiani del 2011 nel
doppio Under 23 con Marco Chiodelli Palazzoli, gara
stupenda e combattuta fino al traguardo, una delle
gare pi belle che abbia mai fatto e i Campionati
italiani Under 23 di questanno in singolo, quando
penso davvero di essere riuscito ad esprimere al
meglio tutto me stesso e la mia voglia di vincere. A
met gara, a causa di condizioni pessime del campo
di regata, ero quinto a circa 6-7 secondi dal primo; a

quel punto qualcosa scattato in me e la voglia di


conquistare il titolo mi ha spinto fino alla vittoria.
Ovviamente non si possono scordare le 2 medaglie
dargento ai Mondiali.
E la pi grande delusione?
La mia pi grande delusione stata la finale dei
Campionati italiani del 2013 nel quattro di coppia
Under 23: eravamo i favoriti e i campioni in carica,
ma qualcosa non andato e siamo arrivati quinti. E
stata una sconfitta che mi ha segnato, ma nello stesso tempo mi ha fatto maturare e aprire gli occhi su
molte cose.
Secondo te, come sta il canottaggio italiano?
Sicuramente non bene, stiamo passando un
periodo molto difficile. Il canottaggio italiano lo
specchio della situazione generale che c in Italia,
soffriamo e facciamo fatica a mantenere determinati standard che fino a poco tempo fa ci potevano
sembrare scontati. Dobbiamo lavorare e sacrificarci
per riportare lItalia e il canottaggio a primeggiare
nel mondo.
Chi potr puntare al podio a Rio 2016?
Con il continuo stravolgimento degli equipaggi,
difficile fare un pronostico. Sicuramente il doppio
Senior maschile la barca pi competitiva e quella
che ha pi possibilit di fare risultato. Per le altre
imbarcazioni dipender tutto dal lavoro del prossimo

anno e mezzo.
Cosa ne pensi della tua societ, la Baldesio?
Io personalmente dopo 10 anni passati alla
Baldesio, sono molto legato alla societ. Mi ha dato
la possibilit di crescere e centrare grandi obbiettivi,
senza farmi mai mancare nulla. Allo stato attuale si
sta puntando sui giovani, con lobbiettivo di aprire un
nuovo ciclo vincente e penso che la strada sia quella
giusta. Da settembre gi 12 nuovi ragazzi delle categorie Allievi e Cadetti si sono avvicinati al mondo del
canottaggio. Inoltre, nelle categorie Ragazzi, Junior e
Under 23 ci siano atleti con grandissime potenzialit
che nei prossimi anni continueranno a tener alto il
nome della Baldesio. Una nota piacevole deriva dal
riavvicinamento di atleti Senior, che negli anni passati avevano appeso il remo al chiodo, portando in dote
un grande bagaglio desperienza, che sar sicuramente daiuto ai pi giovani.
Per concludere, cosa vuoi dire ai ragazzi che si
vogliono avvicinare al canottaggio?
Come dico spesso, il canottaggio una scuola di
vita, uno sport che ti insegna regole, disciplina e
rispetto per gli altri, ideali che nella vita contano. Poi
uno sport unico, che ti fa vivere a contatto con la
natura, modella il fisico e tempra la mente, nudo e
crudo ti mette davanti ai tuoi limiti, il segreto sta nel
superarli. sempre.

Premiati i protagonisti di una stagione positiva


CICLISMO

Come ormai accade da trentasei anni,


lattivit agonistica svolge al termine
lasciando spazio a consuntivi e bilanci
della stagione cremonese appena conclusa, che evidenzia la validit del movimento, garantendo nuova linfa e adeguata scuola ai giovani ciclisti, un concreto investimento per il futuro. Cerimonia di premiazioni dei Premi Spasta, al Centro sportivo Stradivari di
Cremona, sala Carlo Balzarini stracolma,
merito di Alamo e Luigi Gagliardi, impareggiabili promotori dellevento storico
mondano cittadino, la culla del ciclismo
provinciale. A fare gli onori della casa il
presidente dello Stradivari Stefano Tosi,
con il sindaco di Cremona, Gianluca
Galimberti, che nel suo intervento si
soffermato sullampliamento delle ciclabili, sul progetto di ciclabilit lungo il Po,
e sui problemi dellimpiantistica di
Cremona: Per raggiungere questi obiettivi deccellenza, dobbiamo impegnarci
nel coltivare lo sport della bici, partendo
dalla base, un grande momento di coesione sociale. Prima delle premiazioni,
sono stati ricordati con un minuto di
silenzio Alessandro Terenzi e Alessandro
Maggi, direttore sportivo ed esordiente
dellImbalplast di Soncino che ci hanno
lasciato. Non vogliamo aggiungere altre
parole. Passa agli archivi un altro anno di
grande ciclismo e sulla passerella sono
saliti le stelle del ciclismo del presente e
del passato e tante autorit. Ospite deccezione Dino Zandeg (ex professionista
con 40 vittorie in carriera, tra cui il Giro
delle Fiandre), saggio e solare, stuzzicato
sulla sua carriera ciclistica ed amante del
canto, si esibito nel brano che aveva

dedicato in diretta negli studi Rai di


Milano a Vincenzo Nibali, nel corso di
una tappa dellultimo Tour de France. E
poi ancora: Adriano Baffi, 70 successi in
carriera, tra i quali la maglia ciclamino
al Giro dItalia, tre titoli italiani nella corsa
a punti, tante Sei Giorni, che ha detto ai
microfoni: Il ciclismo una grande famiglia, la mia passione e sono felice di
essere sono stato riconfermato sullammiraglia della Trek. Ai complimenti per
una miriade di tricolori conquistati dal
movimento ciclistico cremonese, il consigliere nazionale della Federciclismo
Corrado Lodi, non ha mancato di aggiungere che sono i frutti della disponibilit
del velodromo Fassa Bortolo di Montichiari. Che dire di Ivan Quaranta? Ha
illuminato la sua carriera con 39 vittorie
nel mondo dei professionisti. La pi
bella? Quella al Giro dItalia, su Cipollini,
con successo di tappa e maglia rosa.
Quaranta, nuovo tecnico dellUc Cremasca nella categoria Allievi, ha replicato allintervento di Lodi: Forse era anche
giusto aggiungere che malgrado siamo
sprovvisti del velodromo di Crema, per
allenarci, abbiamo raggiunto obiettivi di
spessore agonistico. Massimo Rabbaglio, team manager del CC CremoneseArvedi, festeggia insieme a Diego Bosini
e a Giovanni Pedretti, con due titoli italiani su pista. Pedretti, ciclisticamente cresciuto al club cittadino, ha confermato il
passaggio tra i dilettanti con la Conti-

LUnione Ciclistica Cremasca, presieduta da


Albino Ferla, tra le societ che in Italia ha acquisito benemerenze nel campo del ciclismo, tira le
somme della stagione 2014 con una festa sociale
programmata presso lagriturismo Ca del Facco
di Salvirola, domani alle ore 12.30. Scusate se
poco: Stefano Baffi, nipote darte di nonno Pierino e
zio Adriano, ha conquista il titolo tricolore della
corsa a punti Allievi; con lui sar festeggiato il
Ghepardo Ivan Quaranta, velocista principe, ex
professionista, maglia rosa al Giro dItalia e direttore
sportivo dellUC Cremasca, tecnico che ha portato
questanno un boom di diffusione e non solo con
Baffi. Ma sul resto della squadra non mi sbilancerei,
molto, perch avremo modo di parlare nel prossimo
numero. Che dire sul fronte della categorie
Esordienti, con Anselmo Francesconi (sempre molto

Giovanni Pedretti

Stefano Moro con Ivan Quaranta

Diego Bosini

Elena Bissolati premiata

nental Mg.K Vis Trevigiani. Rossano


Grazioli, presidente del CC CremoneseArvedi, ha fatto una disamina dei suoi
quattro anni di gestione: Grazie ai tutti i
collaboratori, hanno lavorato duramente
con passione e professionalit e i risultati sono arrivati. Limpegno continuer,
stiamo gi lavorando sul Circuito
Internazionale del Porto, il fiore allocchiello del ciclismo cittadino e sono gi

arrivate le prime sei iscrizioni. Hanno


ricevuto lambto riconoscimento del
premo Spasta 2014: Simon Curlo
(Imbalplast Soncino), esordienti del
primo anno e Diego Bosini (CC Cremonese-Arvedi), esordiente del secondo
anno, lallievo Stefano Frigerio (UC Cremasca, lo Junior Giovanni Pedretti (CC
Cremonese-Arvedi), il dilettante del
primo anno Davide Donesana (Mi

Cremasca e Madignanese in festa


pacato, silenzioso, mai esagerato, ma con tanta
grinta nelle gambe), a dettar la sua legge come
sprinter di razza, in unannata travolgente con tante
vittorie, il titolo di campione provinciale, secondo
nel ranking lombardo, insieme ai bilancio dei virgulti capeggiati da Stefano Ganini, 14 successi e il
titolo di campione lombardo dei Mini Sprint.
FESTA SOCIALE DELLA MADIGNANESE Festa
sociale della ciclistica Polisportiva Madignanese,
presieduta da Mara Pola, sempre domani alle ore
12.30, presso lOratorio Don Bosco a Madignano,
nel corso del quale sar presentato il bilancio dellanno e presentati gli obiettivi per il 2015. Ospite

donore, che sar festeggiato anche per la sua


popolarit di telecronista per 18 anni alla Rai,
Davide Cassani, 53enne romagnolo, 15 stagioni e
27 vittorie da professionista e ct della Nazionale
italiana dallo scorso gennaio. Da indiscrezioni, la
ciclistica Madignanese nel 2015 sar ai nastri di
partenza anche con una formazione Esordienti,
oltre con Allievi, Juniores e Giovanissimi.
PREMIO ANNUALE ALFO FERRARI A
CREMONA LAssociazione Ciclisti Cremonesi ha
programmato per domenica 21 dicembre alle ore
10.30, presso il Salone dei Quadri di Palazzo
Comunale di Cremona, lassemblea annuale, come

Impianti Guerciotti) e l Under 23 Alberto


Amici (Mi Impianti Guerciotti).
Ad
applaudire cerano tanti protagonisti del
mondo del ciclismo, campioni, tecnici,
grandi ex, giovanissimi atleti, sponsor e
dirigenti. Premio alla memoria di
Giampietro Tambani, assegnato allallieva Marta Cavalli (Valcar Pbm), salita sul
podio nella Classica Coppa Rosa di
Trento, nonch argento e bronzo ai
Campionati italiani su pista. Premi speciali per la stellina Elena Bissolati
(Team Re Art), campionessa italiana su
pista donne Juniores nelle specialit del
keirin, velocit e velocit a squadre in
coppia con Mirian Vece, campionessa
europea nello scratch e quarta ai mondiali nel keirin. Squillo di premi speciali
del ciclismo cremonese su pista: Stefano
Baffi (UC Cremasca), tricolore della
corsa a punti Allievi, stuzzicato sul salto
nella categoria Juniores nel 2015 con il
CC Cremonese-Arvedi e se favorisce di
pi la pista alla strada, ha rivelato:
Cercher di farmi vedere da Marco Villa,
perch la pista mi piace tantissimo, pur
non tralasciando la strada, dove
questanno sono stato sfortunato. Premio speciale allo Junior Stefano Moro
(SC Trevigliese), medaglia doro nel chilometro da fermo, uno sport duro e difficile che richiede tutto e di pi. Insomma,
il movimento c, ma dobbiamo dare ai
giovani talenti il tempo di crescere.
Fortunato Chiodo

ormai tradizione, in memoria dellindimenticabile


Alfo Ferrari. Saranno consegnati riconoscimenti a
tre personaggi che hanno contribuito, con passione
ed impegno, a tener vivo il prestigio del ciclismo
giovanile nella nostra provincia. Riconoscimento
dei Premi Ferrari a Roberto Ceruti e Renato
Pelizzoni, ex corridori professionisti e Giovanni
Sgalbazzi, dirigente ed organizzatore. Il premio
Massimo Vincenzi, medaglia d oro alla memoria,
sar consegnato alla giovane promessa Luca
Rastelli. Il premio speciale Tarcisio Brambilla alla
memoria, sar consegnato a Marcello Ventura gi
consigliere comunale con delega allo sport del
comune di Cremona. Terminata la premiazione in
Comune, alle 12.30 ritrovo presso il ristorante
Dordoni per il pranzo sociale.
F.C.