Sei sulla pagina 1di 28

il

SETTIMANALE

PICCOLO
www.ilpiccologiornale.it

Direttore responsabile Daniele Tamburini Societ editrice: Immagina srl via San Bernardo 37 - Cremona Amministrazione e diffusione: via San Bernardo 37 - Cremona tel. 0372 435474 - fax 0372 597860
Direzione e redazione: via S.Bernardo 37, Cremona - tel 0372 454931 redazione@ilpiccologiornale.it Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it
Aut. del Tribunale di Cremona n 5/2013 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it

Anno I n. 45 SABATO 29 NOVEMBRE 2014

Edizione chiusa
alle ore 21

Periodico 0,02 copia omaggio

Non riceve alcun finanziamento pubblico

Ancora dibattito sui tempi di chiusura. Manfredini: Stop graduale entro tre anni, come avevamo promesso

a pagina 2

INCENERITORE: CE LA RACCONTANO GIUSTA?

Ma lopposizione non convinta: Il centrosinistra non fornisce tempi certi. Ci sottopongono una mozione che non presenta riferimenti temporali

DITECI LA VERITA

orrei scrivere un
articolo intitolato:
diteci la verit. Indirizzato a tutti. La verit
merce rara: forse lo
sempre stata, ma ora pare
davvero la pietra filosofale. Cos come la pietra cercata per secoli da alchimisti e scienziati, la verit potrebbe tramutare in oro tanta parte melmosa e scura dei tempi che viviamo.
Lassenza di verit porta a smarrimento e incertezza. Che senso ha, si
chiede il cittadino mediamente informato, che il governo parli dellavvenuta creazione di decine di migliaia di
posti di lavoro, quando lIstat - non
Landini oggi, comunica cifre completamente contrarie? E come interpretare il fatto che i 5 Stelle abbiano
fatto della trasparenza e della verit
il loro cavallo di battaglia, quando la
loro base si sta rivoltando contro
Grillo e Casaleggio anche per lassenza di limpidezza nel loro agire? E
che dire dei movimenti ondivaghi che
da sempre caratterizzano lagire e le
parole di Berlusconi, tanto che anche
le persone di pi provata fede di centrodestra faticano a capire e sono
amaramente disillusi? Il populismo
va a braccetto con la reticenza. Urlare slogan, per nascondere i fatti. Parlare alla pancia della gente, salvo
fare marce indietro precipitose. Porsi
come salvatori della patria, salvo
passare il cerino in mano ad altri.
Parlare di trasparenza, salvo sottrarsi al confronto e magari anche al conflitto. Blindare linformazione (ahi,
sindaco Galimberti). E inutile parlare di casa di vetro, se le pareti sono
foderate di ovatta.

FURTI NELLE ABITAZIONI:


CRESCE LA PREOCCUPAZIONE

a pagina 6

INDUSTRIA

ARVEDI ACQUISTA A
TRIESTE MA MINACCIA
DI LASCIARE CREMONA
TASSE

a pagina 8

Salasso Tasi
Ma sulla prima
casa calano

POLITICA

Intervista:
che fine ha fatto
il centrodestra?

a pagina 7

di Daniele Tamburini

TIFOSI

a pagina 5

a pagina 3

LE RACCOMANDAZIONI DEI CARABINIERI


ALLINGRESSO DEL PALARADI

Torna domani
il Magazine
della Vanoli

BASKET SERIE A

pagina 25

CALCIO LEGA PRO

Grigiorossi sempre
peggio, ma c
chi ancora spera

PIADENA

Ritrovato il corpo
di Emilia Azzini,
sparita domenica

a pagina 23

VOLLEY A1

a pagina 15

a pagina 24

Biancoblu a caccia Cremonese, sabato Con Busto Arsizio


la Pom vuole
dellimmediato
ad alta tensione
stupire ancora
riscatto con Varese contro lArezzo

LEDITORIALE

CREMONA
SABATO 29 NOVEMBRE

Prosegue lo Sportello
degli Angeli custodi

Sabato 29 Novembre (Ore 10.30-12), presso


il centro Polide prosegue lo Sportello d'Ascolto dell'associazione Angeli Custodi (tutela degli
Ospiti e Familiari nelle Case di Riposo). Il presi-

dente Giuseppe Bruno ricorda che l'obbiettivo


prioritario resta quello delle rette, il cui importo
e il coinvolgimento dei Familiari, mettono a dura
prova la situazione economica delle famiglie.

Inceneritore, incertezza sulla dismissione?


Lassessore Manfredini promette: Entro tre anni lo spegneremo. Opposizione: Il centrosinistra non d tempi certi

LE PRINCIPALI
TAPPE
DELLA VICENDA

Sul tema dell'inceneritore c'


un passaggio in commissione
Territorio e Salute il 25 novembre, alla luce della prima riunione del gruppo di lavoro costituito a seguito del protocollo sottoscritto il 12 maggio tra Regione Lombardia, Comune Provincia Arpa Lombardia Asl per
l'avvio di attivit finalizzate alla
valutazione tecnica del ruolo
dell'impianto di incenerimetntno nella filiera dei rifiuti a
scala comunale, provinciale e
regionale, e alla valutazione di
possibili alternative all'esercizio
dello stesso. Il decreto ha formalizzato la costituzione del
gruppo e ha previsto un fine lavori prorogato, di un anno, dicembre 2015 rispetto all'impegno scritto nel protocollo di
maggio. Il Comune di Cremona
ha chiesto di anticipare la chiusura dei lavori a giugno e ha
concordato una stringente calendarizzazione delle sedute.
Ogni mese verr convocato il
gruppo di lavoro. Sono gi previste una nuova data, l'11 dicembre, e una serie di audizioni
con esperti del settore, compreso anche il proprietario Lgh.

Nei giorni scorsi il sindaco del


Comune di Cremona Gianluca
Galimberti, il vicesindaco Maura
Ruggeri e lassessore al Territorio
e alla Salute Alessia Manfredini,
con il segretario generale Pasquale Criscuolo e lavvocato Enrico
Cistriani, hanno incontrato Gino
Ruggeri, cittadino dei Radicali costituitosi parte civile al posto del
Comune di Cremona nel processo
di primo grado, Sergio Ravelli,
segretario dell'Associazione radicale Piero Welby e lavvocato

di Laura Bosio

inceneritore ( o meglio, il termovalorizzatore) chiuder entro tre anni? L'assessore


Alessia Manfredini, rispondendo alle istanze delle associazioni ambientaliste di Cremona, conferma l'intenzione dell'amministrazione
comunale di mantenere fede alle promesse fatte in campagna elettorale in merito
alla dismissione dell'impianto.
Come esplicitato nelle linee di mandato, lintento politico dellAmministrazione quello di andare verso la graduale
dismissione dell'impianto entro tre anni ribadisce Manfredini -. E necessario approfondire tutti gli aspetti economici e
tecnici, anche nel gruppo di lavoro costituito in Regione Lombardia. E necessario pensare - nel piano di investimenti di
Lgh, in sinergia con gli altri soci -, ad una
nuova filiera di impianti alternativi all'incenerimento, partendo dalla quota parte
che riguarda il teleriscaldamento cittadino che attualmente viene alimentato
dall'inceneritore. Come detto in campagna elettorale, occorre produrre un serio
piano industriale.
Lo stop all'incenerimento arriverebbe
quindi quasi automaticamente, una volta
individuate le alternative che consentano
non solo di trattare i rifiuti, ma anche di
alimentare il teleriscaldamento. LAmministrazione sta lavorando anche per aumentare il ritiro dei rifiuti porta a porta, al
fine di minimizzare il conferimento presso
l'impianto dell'inceneritore e sta mettendo in campo azioni al fine di diffondere
buone pratiche in tema di raccolta differenziata - continua l'assessore -. Ladesione del Comune di Cremona alla Settimana della riduzione dei rifiuti va proprio
in questa direzione.
Della questione si parlato anche nel
corso dell'ultimo consiglio comunale,
dove sono state presentate le mozioni
della Lega e del Pd, con richieste molto
simili. La seconda mozione, che stata
approvata,, promossa dal consigliere Filippo Bonali, impegna la Giunta, tra le altre cose, di chiedere al proprietario
dell'impianto di Cremona, Lgh, di non
accettare rifiuti solidi urbani di provenienza extra regionale e in sede di modifica
del decreto Aia mantenere il codice D10
dellimpianto di cui gestore, e predi-

Alessia Manfredini
sporre un piano industriale con nuova
impiantistica per un diverso sistema di
smaltimento dei rifiuti; a chiedere al Governo, sulla base dellappartenenza del
territorio comunale alle aree critiche in
termini di inquinamento atmosferico,
lesclusione dell'impianto di Cremona
dallapplicazione dellart. 35 del D.Lgs. n.
133 del 12 settembre 2014.
La seconda mozione, che stata respinta, presentata dal consigliere della
Lega, Alessandro Carpani, chiedeva l'impegno a dichiarare il proprio territorio libero da rifiuti di origine extraregionale e
ad adottare qualunque provvedimento
mirato a vietare l'ingresso, lo stoccaggio,
il conferimento, il trattamento o lo smaltimento di rifiuti proveniente da fuori Regione, a tutela della salvaguardia e della
salute pubblica e dell'incolumit dei cittadini.
Insomma, una richiesta bipartisan, che
viene anche ribadita da diversi interventi
fatti in aula. Cos come molti sono i dubbi
che sono stati sollevati, a partire proprio
dalle tempistiche: secondo l'opposizione, durante la relazione fatta in commissione, infatti, l'assessore Manfredini non
sarebbe stata molto chiara sulle effettive
tempistiche, come ha evidenziato Giorgio
Everet (Forza Italia).
Sulle tempistiche qualche dubbio
stato sollevato anche dal consigliere di
Obiettivo Cremona, Luigi Amore, convin-

to che Nessuno pu riuscire in tre anni a


riconvertire l'impianto, riscaldare i 10mila
utenti serviti dal teleriscaldamento, trovando un'alternativa valida. Dateci tempistiche chiare e diteci quali saranno i
costi di questa operazione.
Tutti sono comunque d'accordo sulla
necessit di dismettere l'impianto: Il nostro inceneritore obsoleto, quindi non
dovrebbe neppure essere preso in considerazione come impianto dove indirizzare i rifiuti ha detto Lucia Lanfredi (M5S).
A ribadire che le tempistiche saranno
rispettate, comunque, anche il consigliere del Pd Roberto Poli Nessuna marcia indietro rispetto alla tempistica. Se
quando eravamo all'opposizione spingevamo nel chiedere date certe era perch
c'era molto fumo sull'argomento, tanto
che non sono state prese decisioni in
questa direzione. Per noi invece la direzione gi stabilita ed quella dello
spegnimento.
Tuttavia una risposta certa dalla Giunta non arriva, soprattutto in merito alle
istanze relative all'articolo 35 e alla necessit di non accettare rifiuti solidi urbani da fuori regione. A sottolineare la confusione anche l'intervento del consigliere Maria Vittoria Ceraso che ribadisce
come la maggioranza, dopo aver proclamato la necessit di tempistiche certe
quando era all'opposizione, ci sottopone
oggi una mozione nella quale non esiste

alcun riferimento temporale, alcuna data


certa entro la quale impegnare questa
amministrazione ad attuare le azioni contenute nel documento, tra le quali: richieste ed esortazioni varie all'assessore regionale, a Lgh, al Governo e un forte impegno nell'attuazione il pi velocemente
possibile del nuovo piano di raccolta dei
rifiuti. E' questa la concretezza tanto
sbandierata qualche mese fa dall'attuale
maggioranza? Perch non c' pi alcun
accenno al termine inderogabile dei tre
anni per la dismissione dell'inceneritore?
Come mai non ci sono ancora date certe
sul tema del completamento della raccolta differenziata su tutto il territorio? Forse
perch quando si assume la responsabilit dell'amministrazione di una citt si
prende atto della situazione reale, delle
problematiche da affrontare su un tema
cos complesso e importante e dei limiti
oggettivi con i quali ci si scontra non
sempre superabili con l'impegno, la buona volont e i vincoli temporali. Ci dimostra che ci sono diversi modi anche per
esercitare il ruolo di opposizione. Il Pd
qualche mese fa ha volutamente ignorato
la complessit della questione e pur di
screditare e mettere in difficolt l'amministrazione allora in carica ha fatto proposte, come quella dei tre anni, ideologiche
e prive di fondamento, tanto vero che
oggi che sono al governo della citt non
si sentono di riproporle.

Tamoil, Comune: Il milione di risarcimento


verr utilizzato per azioni sulla raffineria

Alessio Romanelli. Lamministrazione ha certamente a cuore la


questione Tamoil e attende le motivazioni della sentenza per prendere decisioni, ha spiegato il sindaco. La Giunta, inoltre ha deciso
di chiedere una garanzia fideius-

soria prevista dal comma 7


dellart. 242 del D.Lgs. 152/06. La
Giunta comunale, nella seduta del
15 ottobre scorso, ha preso atto
dellentit e della durata degli interventi previsti nel progetto di
Miso (messa in sicurezza operati-

va) ed ha ritenuto di proporre lapplicazione della percentuale massima prevista dalla normativa, pari
al 50 % del valore stimato degli
interventi.
Sindaco, vicesindaco e assessori, inoltre, hanno assicurato che

il milione di risarcimento riconosciuto al Comune di Cremona attraverso la costituzione di Gino


Ruggeri verr finalizzato ad azioni
coerenti con la vicenda Tamoil,
annunciando la volont di una
condivisione rispetto alle destina-

zioni specifiche. Il milione, infatti,


gi stato previsto nellassestamento di Bilancio 2014 in conto
capitale e non in spesa corrente.
Rassicurazioni da parte
dellamministrazione anche rispetto allOsservatorio Tamoil.
Come tutti gli altri osservatori ha spiegato lAssessore A. Manfredini - vogliamo renderli pi efficaci. Entro dicembre contiamo di
attivarli in una nuova formula, pi
agile, e con la caratteristica di una
convocazione ogni sei mesi.

Cronaca

Sabato 29 Novembre 2014

Escalation di furti in casa: come tutelarsi

Livio Propato, comandante dei carabinieri di Cremona: Molto utile fare il collegamento diretto dellallarme con il centralino del 112

Fondamentali i rapporti di buon vicinato: a volte bastano per sventare un colpo efferato

di Laura Bosio

ono in aumento i furti nelle


abitazioni del territorio:
nelle scorse settimane
molti sono stati gli episodi
di effrazione, sia portati a
termine che sventati.
Si tratta di un fenomeno purtroppo sempre pi diffuso, specialmente nei mesi invernali, un po' perch
il periodo in cui le giornate sono
pi corte e viene buio prima, un po'
perch oramai da tempo i furti aumentano con l'avvicinarsi del periodo natalizio.
Il fenomeno del furto in abitazione si manifesta in diverse forme
- spiega Livio Propato, comandante dei Carabinieri di Cremona -. C'
il classico furto con scasso, che
prevede la forzatura di porte e finestre, ma anche quello pi subdolo,
di cui sono vittime prevalentemente
le persone anziane, di chi cerca di
farsi aprire la porta con uno stratagemma, ad esempio spacciandosi
per un tecnico dell'Enel, per introdursi in casa e distrarre la persona,
mentre un complice commette il
furto. Per quest'ultima casistica,
le principali raccomandazioni sono
di non fidarsi e di non aprire mai a
nessuno. Chi ha parenti anziani
cerchi sempre di sensibilizzarli a
diffidare di chiunque cerchi di entrare in casa con qualche scusa e
di non aprire a nessuno.
Per quanto riguarda invece la
modalit classica del furto con
scasso, che passa dalla forzatura
della porta a quella delle finestre, la
prima raccomandazione avere un
allarme con il collegamento diretto
al 112. Si tratta di un servizio assolutamente gratuito, basta avere
un commutatore di chiamata, che
quando scatta l'allarme giri automaticamente la chiamata alla centrale dei carabinieri - spiega ancora
Propato -. Ogni volta che si aziona,

Livio Propato, comandante


dei Carabinieri di Cremona

in pochi minuti la pattuglia arriva


sul posto. Questo sistema di sicurezza utile soprattutto a chi sta
tutto il giorno fuori casa, per motivi
di lavoro. Tra l'altro anche la modalit di accesso al servizio semplicissima: sufficiente recarsi in caserma e fare la richiesta di allaccio.
Anche chi va fuori citt per il fine
settimana, magari a sciare, deve
prestare particolare attenzione.
Vi sono naturalmente altre precauzioni che si possono prendere:
E' opportuno chiudere sempre
bene gli infissi e tirare gi le serrande - continua il comandante dei
Carabinieri -. Attenzione anche a
non lasciare soldi o gioielli in casa:
i soldi meglio portarli con s e non
girare mai con grosse cifre e i gioielli possono essere depositati
presso cassette di sicurezza in
banca.
Uno dei maggiori problemi della
nostra epoca, che facilita non poco
l'azione dei ladri, la perdita dei
rapporti di vicinato. Un buon rapporto con i vicini far s che vi sia

sempre una sorta di controllo in pi


sulla propria casa. Un vicino infatti,
pu notare movimenti sospetti e
avvertire qualcuno. I mancati rapporti tra vicini comportano spesso
indifferenza rispetto a quanto accade. Ricordo di un episodio in cui da
una casa hanno portato via anche
dei mobili, dicendo che stavano
facendo un trasloco, senza che
nessuno del vicinato si insospettisse.
A questo proposito, le forze
dell'ordine raccomandano anche ai
cittadini di prestare particolare attenzione a quanto accade: diversi
furti, nelle scorse settimane, sono
stati sventati proprio grazie alle
chiamate di gente che aveva notato movimenti strani e che ha subito
chiamato il 112. Chi ha subito un
furto, deve chiamare immediatamente le forze dell'ordine: capita
che molti pensinosiano titubanti e
tardino ad avvertire parenti e amici,
perdendo tempo prezioso, che magari consentirebbe ai carabinieri di
individuare tempestivamente i mal-

fattori, prima che si allontanino.


Ma chi sono questi malviventi?
Si tratta spesso di piccole bande,
che colpiscono non solo sul nostro
territorio ma anche da quelli limitrofi. Solitamente colpiscono tra le 16
e le 20, ma non c' una regola generale: vi sono stati, infatti, diversi
colpi anche nelle ore diurne.
E' particolarmente importante
evitare in ogni modo di trovarsi
faccia a faccia con il ladro: se si
avvertono dei rumori sospetti o se,
tornando a casa, si notano dei movimenti sospetti o luci accese che
non dovrebbero esserci, bisogna
immediatamente avvertire le forze
dell'ordine, evitando di entrare da
soli continua Propato.
Dal canto loro, i carabinieri sono
impegnati in una attivit di presidio
del territorio sempre pi capillare:
Facciamo pattugliamenti mirati,
sulla scorta delle esperienze degli
altri anni. Convogliamo le energie
nei controlli, cercando di essere in
giro negli orari pi disparati conclude Propato.

TANTISSIMI GLI EPISODI


VERIFICATISI NELLE SCORSE
SETTIMANE SUL TERRITORIO

24/11 - I militari dellArma di Pizzighettone sono


intervenuti dopo lallarme lanciato da una famiglia del
paese e sono riusciti a bloccare il tentativo di furto
in una villa. I carabinieri hanno bloccato un cittadino
albanese di 33 anni con addosso parte della refurtiva
e arnesi da scasso. Ha cercato di scappare a piedi
attraverso le vie del paese. Fuggiti invece gli altri due
complici, che con il favore del buio si sono dileguati
attraverso la campagna.
I tre si sono introdotti in una villa di via Boldori poco
dopo le 18, forzando la porta finestra, mentre allinterno
si trovava la famiglia residente (padre, madre e figlio
piccolo) che in un primo momento non si accorta di
nulla. I malviventi stavano fuggendo attraverso il giardino, quando sono stati visti dal capofamiglia, che al
momento del furto si trovava al piano superiore e che,
alla vista dei ladri, ha lanciato lallarme.
23/11 - Un sedicenne finito agli arresti per il tentativo di furto commesso con altri due ragazzini (che
sono riusciti a dileguarsi) a Pizzighettone, nella stessa
zona dove il giorno prima pi o meno alla stessa ora
avevano messo a segno unincursione in una villetta. I
fatti sono avvenuti intorno alle 18.30, quando un passante ha notato i tre ragazzini che si aggiravano con fare
sospetto attorno ad unabitazione di via Verdi. Luomo,
che alcuni giorni prima era stato a sua volta vittima di un
furto in abitazione, ha immediatamente allertato il 112.
Quando sono arrivati gli uomini dellArma di Pizzighettone, i tre ragazzi, tutti di nazionalit albanese, avevano
gi iniziato a forzare una porta finestra.
19/11 - Foglio di via per tre uomini, residenti in
Piemonte, trovati nei paraggi di un condominio di via
Montello in cui era stato consumato un furto in casa,
con atteggiamento sospetto. Gi noti alle forze dell'ordine per precedenti di polizia per truffa e furto e dei
tratti somatici di uno di loro. Sono stati identificati dalla
Questura, che ha avviato gli accertamenti necessari a
raccogliere elementi su possibili legami con il furto e ha
loro notificato tre fogli di via con divieto di ritorno nel
comune di Cremona per tre anni.
17/11 - Sorpreso dai carabinieri un terzetto sudamericano specializzato in furti in appartamento, mentre
tentava un colpo luned pomeriggio al quartiere Zaist,
in via Aspromonte. Quando i carabinieri sono arrivati,
hanno subito tratto in arresto il palo, che stava per
allertare i complici nellabitazione.

Cronaca

Sabato 29 Novembre 2013

Violenza contro le donne: io rompo il silenzio

Il 25 di novembre si celebrata la Giornata Internazionale: grandi protagonisti gli studenti delle scuole superiori, in prima linea nella sensibilizzazione

Troppo spesso questo tema viene visto come un problema esclusivamente della donna

dell'esperienza dell'associazione
Aida e mi venuto da pensare che
non stavo facendo niente per oppormi a una realt che comunque
non mi andava bene. Allora ho pensato che non potevo restare con le
mani in mano e che dovevo provare
a fare qualcosa. Cos mi sono resa
disponibile per questo progetto. Mi
sono resa conto di come questa
realt sia molto pi vicina di quanto
sembra e che per cambiare le cose
bisogna impegnarsi tutti.
Emma: Mia zia volontaria di
Aida da anni e quindi una realt
che conosco fin da quando ero
bambina. Cos, quando si presentata l'opportunit di fare qualcosa, ho deciso di mettermi in gioco. Ero a prima a vedere quello
della violenza come un fenomeno
lontano da me; poi, seguendo i
corsi di formazione, mi sono resa
conto che il problema importante.

di Laura Bosio

a Giornata internazionale
per l'eliminazione della
violenza contro le donna
e' stata celebrata a Cremona con la partecipazione di una celebre artista, Elina
Chauvet, e l'installazione delle sue
scarpe rosse, che hanno colorato
la citt.
Ma occorre sensibilizzare le giovani generazioni su questo tema:
non a caso, alcune e alcuni studenti del Manin hanno dato vita ad un
progetto, promosso dall'associazione Aida, per creare consapevolezza e condivisione. Siamo convinte che se la comunicazione arriva da coetanei, sia pi efficace spiegano Emma ed Ilaria, due delle
ragazze del gruppo (formato da
sette studenti, delle classi 3 e 4 C
del Liceo classico) -. L'altro giorno
abbiamo tenuto un corso su questo
tema, durante l'assemblea d'Istituto. La partecipazione stata notevole: c'era circa una sessantina di
studenti. Avviare il dibattito inizialmente non stato semplice, ma
poi, nella seconda ora, abbiamo
iniziato a vedere pi partecipazione
e in molti sono intervenuti nella discussione. E' stato gratificante e
credo che sia un punto di partenza.
Ma i giovani oggi come vivono
questo problema?
Credo che l'atteggiamento pi
comune sia di distacco: si pensa
che cose del genere non capiteranno mai a noi, che nessuno di noi
verr mai violentata/o, n tantomeno commetter atti di violenza. Insomma, la questione apparentemente sembra lontana dal mondo
della scuola. Per in verit le cose
non stanno cos. Se tutti si disinteressano di quello che accade, alla
fine le vittime rimangono da sole. E'
giusto che tutti si pongano il problema, che ne parlino....

Invece questo non accade?


Spesso no... soprattutto da
parte degli uomini: basti pensare
che al corso ce n'erano solo cinque, su sessanta partecipanti ...
Purtroppo troppo spesso il tema
della violenza viene visto come un
problema solo della donna. Quante
persone, di fronte al caso di una
donna violentata, se ne escono con
affermazioni come "Per non doveva andare in giro vestita cos" e
cose simili? Cos si fa ricadere la
colpa di tutto sulla donna, quando
invece sarebbe ora di rendersi conto che un problema prima di tutto
dell'uomo.
Per la risposta da parte degli
studenti stata buona...
Diciamo che una Giornata nazionale risveglia l'interesse. Il 25
novembre tutti pubblicavano su fb
foto e stati che richiamavano questa giornata. Il problema che poi
negli altri 364 giorni dell'anno non

se ne parla mai. Invece l'attenzione


deve essere alta tutto l'anno.
Ma il fatto che episodi come
questi siano ormai presenti sui media, in quanto se ne parla spesso,
non ha cambiato l'approccio al
problema?
Rendersi conto che queste cose accadono spesso provoca una
forte indignazione. Ti viene da pensare "E' successo ancora?". Solo
che la maggior parte della gente,
passata l'indignazione del momento, poi se ne dimentica.
Per ora solo voi del Manin portate avanti una simile iniziativa...
Si, ma la nostra intenzione
esportare l'iniziativa anche nelle altre scuole, organizzando corsi. Auspichiamo anche di trovare nuove
adesioni a questo progetto.
Come siete arrivate a prendere
la decisione di partire con questo
progetto?
Ilaria: Ho sentito parlare

IL CONCORSO
L'opera di sensibilizzazione fatta
dalle ragazze del Manin ha fatto s
che la scuola promuovesse un concorso letterario rivolto alle classi 3,
4 e 5 superiori del territorio. L'idea
mi era venuta quattro o cinque mesi fa racconta Raimondo, rappresentante distituto -. Il concorso,
denominato Iris, acronimo di Io
rompo il silenzio, vuole sensibilizzare sul tema, chiedendo ai ragazzi
di partecipare con diverse produzioni letterarie: dalla poesia, alla
prosa, al testo teatrale. Credo che
su questi temi vi sia molto interesse
da parte della scuola: basti pensare
che al Manin vi un gruppo di giovani impegnati proprio su questa
problematica. Questo concorso ha
anche lo scopo di non smettere di
parlare della violenza contro le
donne una volta passato il 25 novembre. I lavori dovranno essere
consegnati entro l8 febbraio, e i
vincitori verranno premiati l8 marzo, per la Festa della donna.

Zapatos Rojos: scarpe rosse


per ricordare le tante donne
morte a Ciudad Juarez

La citt si colorata di rosso in occasione della Giornata internazionale per leliminazione della Violenza
contro le donne, il 25 novembre. Con levento Zapatos
Rojos, centinaia di scarpe rosse hanno invaso le vie
della citt, da Palazzo Cittanova fino a piazza del Comune: uninstallazione artistica dellartista Elina Chauvet nata allo scopo di sensibilizzare lopinione pubblica
sul delicato tema della violenza contro le donne.
La violenza - ha detto il sindaco Gianluca Galimberti si sconfigge con le parole e con i gesti, attraverso i
rapporti che vanno di nuovo instaurati tra le persone.
La societ nella quale viviamo contrassegnata purtroppo anche dalla violenza, alla quale, sempre secondo il sindaco Galimberti, con l'arte e la cultura, unendo
le forze delle istituzioni, dei territori, delle associazioni e
dei rappresentanti tutti della societ civile: per questo
Elina Chauvet, con la sua forma artistica, insegna come
si pu sconfiggere la violenza, soprattutto quella contro
le donne. Serve poi un cambiamento della mentalit, ha
aggiunto il sindaco, che porti a ritenere quelli che ora
sono ingiustamente considerati dei punti di debolezza
delle donne siano invece percepiti come elementi di
forza, utili a costruire una societ migliore.
Zapatos Rojos, come ha spiegato Elina Chauvet,
un progetto darte pubblica che assume, nella sua fase
finale, la forma di uninstallazione composta da centinaia di paia di scarpe rosse da donna per puntare il dito
contro lomert che avvolge la scomparsa e luccisione
di centinaia di donne a Ciudad Jurez e per dire basta
alla violenza di genere. Ogni paio di scarpe, raccolto
attraverso lattivazione di una rete di solidariet in uno
specifico contesto culturale e territoriale, rappresenta
una donna e la traccia di una violenza subita. Sistemate
ordinatamente lungo un percorso urbano, le scarpe ne
ridisegnano lo spazio e lestetica, visualizzando una
marcia di donne assenti, un corteo che sottolinea il dolore che tale mancanza provoca tanto a livello sociale
quanto nei propri cari.
Zapatos Rojos dunque, prima di tutto, un appello
rivolto alle cittadine e ai cittadini per manifestare la propria solidariet verso le donne che, nel mondo, hanno
subito violenza, per le donne uccise o rapite e di cui si
sono perse le tracce. Il progetto rimanda alla situazione
di Ciudad Jurez, citt di frontiera nel nord del Messico
dove, a partire dal 1993, centinaia di donne vengono
rapite, stuprate e assassinate.

Cronaca
Numerose le iniziative programmate dal Comune di Cremona in occasione della sesta edizione della Settimana Europea
per la Riduzione dei Rifiuti (dal 22
al 30 novembre). Questa settimana il Comune di Cremona, in sinergia con Aem Gestioni e le
scuole, attua lazione che ha per
titolo "Differenziamoci. Per un riciclo, recupero e riuso dei rifiuti".
In particolare si punter sulla
maggiore sensibilizzazione ad
una maggiore differenziazione dei
rifiuti e riciclo, progettando attivit per aiutare i cittadini a migliorare il proprio atteggiamento verso
la raccolta differenziata e pi in
generale verso comportamenti

Presto verr realizzata una nuova casa dellacqua al quartiere Po


virtuosi a tutela dellambiente,
dando indicazioni sul ciclo dei rifiuti e sulle conseguenze di una
non corretta gestione del ciclo
integrato (conseguenze ambientali economiche, degrado) .
Sempre coinvolgendo le scuole, in collaborazione con Padania
Acqua stato attivato il progetto
didattico TVB Ti Voglio Bere
che ha riscosso un grande successo, raccogliendo oltre 1000
adesioni e si protrarr anche nei
prossimi mesi nelle scuole comunali. Questo progetto nasce con
lintento di sensibilizzare gli alunni

e le loro famiglie al tema Acqua


bene primario.
"Che cosa mangiano gli animali?" invece il ciclo di incontri
organizzati al Museo di Storia Naturale, tenuti dalla conservatrice
Cinzia Galli e rivolti alle scolaresche. Durante queste giornate gli
studenti avranno anche la possibilit di apprendere che il ciclo
alimentare degli animali un ciclo
chiuso con un inizio, una fine e
zero sprechi. Potranno fare un
paragone con il ciclo alimentare
degli uomini, che diversamente,
un ciclo aperto, in quanto il cibo

Sabato 29 Novembre 2014

che gli umani consumano, spesso viene sprecato e non pi utilizzato da altri, producendo cos rifiuto. Inoltre nelle prossime settimane, in alcune scuole, verranno
posizionati nuovi contenitori per
effettuare una corretta raccolta
differenziata dei rifiuti.
Sul tema dellacqua e la riduzione della plastica il Comune di
Cremona, in sinergia con Padania
acque, installer una nuova casa
dellacqua nel quartiere Po per
incentivare lutilizzo dellacqua
pubblica. In questi giorni vengono inoltre distribuiti negli uffici del

Comune alcune caraffe per ridurre lutilizzo delle bottigliette dacqua in Comune (la prima stata
collocata sulla scrivania del sindaco). Nove caraffe verranno donate, simbolicamente, ai Comitati
di quartieri.
Altre iniziative saranno rivolte
alla cittadinanza e sul nuovo modello di raccolta nel 2015. In particolare si punter su una maggiore differenziazione dei rifiuti e
riciclo. Da luned prossimo entra
in vigore il nuovo orario per la
raccolta del cartone presso le attivit commerciali: questa nuova

modalit consentir a rendere pi


decoroso il centro storico. La
Giunta sta inoltre elaborando,
con Aem Gestioni, un nuovo modello di raccolta differenziata partendo dal centro storico per lanno 2015.
Anche gli uffici del Comune di
Cremona, sono coinvolti nella
settimana europea. Grazie alla
collaborazione di AEM Gestioni,
in alcuni uffici verranno riposizionati nuovi contenitori differenziati
per tipologia di rifiuto (secco, carta, plastica). Ma le iniziative non si
fermano a questa settimana, nei
prossimi giorni verr costituito un
nuovo Osservatorio che si occuper di rifiuti.

Cremonese, c chi ancora ci spera

Nonostante i numerosi insuccessi collezionati dalla squadra, ancora molti tifosi sperano che i grigiorossi possano risollevarsi

Non mancano tuttavia anche le critiche e anche chi questanno ha deciso di appendere al chiodo la tessera del tifoso: Squadra inconcludente

di Laura Bosio

orza Cremo, non mollare. A


dispetto dei continui e dolorosi
insuccessi che la squadra di
Cremona sta collezionando in
questo campionato, che potrebbero far pensare ad una disaffezione
dei tifosi verso la propria squadra, dai
cittadini arriva, invece, un coro di sostegno a una squadra che, visti i recenti risultati, potrebbe addirittura rischiare la
retrocessione. La Cremo si trova infatti al
quartultimo posto in classifica, avendo
collezionato, nelle ultime partite, una serie di sconfitte.
I tifosi pi giovani sono tra coloro che
ci credono di pi: Io e i miei amici abbiamo iniziato ad andare allo stadio proprio
quest'anno racconta Stefano, studente
18enne, che insieme ad alcuni compagni
di classe ha messo in piedi un gruppo di
sostegno - seppur non organizzato, per
ora - di giovanissimi appassionati dei
colori grigiorossi. Insieme andiamo allo
stadio ogni domenica, quando la squadra gioca in casa - continua Stefano -. E'
vero che i risultati in questo periodo sono
scarsi, ma questo non deve spegnere
l'entusiasmo. Speriamo che la squadra
possa riprendersi. Il campionato anco-

ra lungo, e credo che le cose possano


ancora cambiare. Forse non possiamo
sperare di vincere qualcosa, ma possiamo ancora credere in un buon piazzamento.
Non sono solo i pi giovani, tuttavia, a
tifare Cremonese. Non vado allo stadio

ma seguo comunque la Cremonese - afferma Ernesto, 65enne pensionato -.


Sono affezionato alla nostra squadra,
anche se non sta dimostrando un grande
sprint, ultimamente. Ma confido che le
cose possano ancora cambiare.
Anche secondo me le cose possono

cambiare - aggiunge Sergio, 62enne -.


Non ho condiviso l'esonero di Montorfano, ma ora bisogna guardare avanti. La
squadra ha bisogno di vittorie per riacquistare fiducia in s stessa.
La perplessit rispetto all'allontanamento dell'allenatore Mario Montorfano,
peraltro in seguito a una partita non giocata, comune a molti dei tifosi. E' vero
che i risultati della squadra sono tutt'altro
che soddisfacenti, ma non sono convinto
che questi continui cambi alla guida siano positivi - dice Paolo, 38 anni -. La
squadra ha bisogno di continuit e di
compattezza, ma questo non lo stiamo
vedendo. Sono convinto che le cose
possano cambiare in meglio, ma serve
un impegno da parte di chi decide le cose. Non sono pochi ad individuare nella
dirigenza il principale motivo dei cattivi
risultati che si stanno collezionando.
Non si voluto investire, e i risultati si
vedono - dice Claudio, 52enne, tifoso
della squadra da circa 40 anni -. E' tanto
tempo che non vado allo stadio ma non
ho mai smesso di seguire il campionato
dei grigiorossi. Quello che vedo oggi, mi
fa male. Vedo una squadra poco convinta, smarrita, a cui manca un punto di riferimento. Ma soprattutto non vedo una
dirigenza vicina ai giocatori. Ci sono an-

cora speranze per i nostri colori, ma le


cose devono cambiare.
Tuttavia non mancano anche coloro
che, dopo anni di risultati negativi, hanno
appeso al chiodo la tessera del tifoso e
ogni interesse rispetto al calcio territoriale. La Cremonese? Non so neppure dove sia posizionata in classifica. Dopo i
primi risultati, ho smesso di seguirla dichiara Emilio, 38 anni. Non siamo ancora a met campionato ma sono gi riusciti a deludere met dei tifosi con delle
partite assolutamente scandalose. Non
si riesce a portare a casa un risultato e
abbiamo cambiato gi tre allenatori.
Qualcuno dovrebbe farsi delle domande.
Deve esserci qualcosa che non va a
monte - aggiunge Paola, 43enne -. Se
una squadra non funziona, forse qualcosa non funziona neppure a livello dirigenziale. Sono state fatte scelte discutibili,
che dovrebbero essere analizzate e riviste. Nel frattempo noi tifosi ci siamo stufati di seguire questa inarrestabile serie
di sconfitte. Andavo allo stadio con un
gruppo di amici, ma quest'anno abbiamo
smesso di comprare i biglietti. Ora la
domenica ci troviamo a bere la cioccolata: un passatempo decisamente pi soddisfacente.

Cronaca

Sabato 29 Novembre 2014

Antonio Stradivari,
una giornata
per ricordare
il celebre liutaio
Questanno Cremona e il Museo del Violino hanno scelto di ricordare Antonio Stradivari con una giornata speciale nelle vie della
Citt, in programma gioved 18 dicembre,
anniversario della sua morte. STRADIVARImemorialday, con la direzione artistica di
Francesca Colombo, nasce per rendere
omaggio al grande Maestro cremonese, ma
soprattutto per raccontare di lui, dei suoi
luoghi, delle sue botteghe, dei suoi strumenti, dei suoi desideri, delle sue musiche.
Lappuntamento per tutti alle ore 16 alla
chiesa di SantAgata (corso Garibaldi 121),
dove il 4 luglio 1667 un giovanissimo Antonio
Stradivari spos Francesca Ferraboschi. Alle
18, con cinquanta rintocchi delle campane
del Duomo, avr inizio la fiaccolata che, partendo dalla chiesa di SantAgata e coinvolgendo tutta la citt, far sosta nei luoghi significativi della vita di Stradivari: la prima
casa nuziale con bottega in corso Garibaldi,
la Galleria 25 Aprile, dove sorgevano la casa
e la bottega dove visse e lavor dal 1680, i
giardini pubblici dove un tempo era la basilica di San Domenico e la Cappella del Rosario dove trov sepoltura. La fiaccolata terminer alle 19.00 in piazza Marconi, di fronte al
Museo del Violino, eletto nuova casa del liutaio. Le fiaccole formeranno un grande fal
che arder tutta la sera davanti al Museo, in
memoria di Stradivari. Proprio al Museo del
Violino, alle ore 19.30, sar collocata, con
una cerimonia ufficiale, la pietra sepolcrale di
Antonio Stradivari. Allinterno del Museo del
Violino stata allestita una nuova sezione,
accanto ai reperti stradivariani gi presenti,
per ospitare questo prezioso patrimonio storico: una ricostruzione in vetro della Cappella
del Rosario accoglier la lapide, il testamento olografo, conservato fino ad oggi presso
lArchivio di Stato, latto di morte e quello di
sepoltura, custoditi allArchivio Diocesano.
La manifestazione si concluder con un
concerto, in programma alle ore 21 presso
lAuditorium Giovanni Arvedi del Museo del
Violino: la star internazionale del violino Nicola Benedetti, scozzese di origini italiane di
soli ventisette anni, suoner lo Stradivari
Gariel del 1717, messo a disposizione da
Jonathan Moulds, accompagnata al pianoforte da Alexei Grynyuk.

Arvedi acquista a Trieste ma


minaccia di lasciare Cremona

I dirigenti dellacciaieria in una lettera lasciano intendere che la produzione potrebbe essere spostata altrove

di Andrea Pighi

ul versante cremonese l'Acciaieria Arvedi sta incontrando una serie di problematiche


che hanno impedito il processo produttivo completo
per oltre un mese, tra il forno messo
sotto sequestro e poi dissequestrato e
gli ostacoli tecnici e burocratici da affrontare, problematiche tali da spingere il gruppo dirigenziale dell'azienda a
inviare una lettera al giornale la Provincia e a Mondo Padano (ma non agli
altri media). Nella lettera inviata viene
evidenziato come la sicurezza sia stata
sempre garantita, dall'Azienda, in quarant'anni di attivit. Nell'amaro sfogo
dei dirigenti si arriva ad avanzare l'ipotesi, nemmeno tanto velata, che la
propriet, delusa, possa spostare altrove l'attivit. Su tutt'altro fronte:
quello della acquisizione della Ferriera
di Trieste, invece, le cose volgono per
il meglio. Infatti, come gi avevamo
anticipato, stato raggiunto l'accordo
per la messa in sicurezza, la riconversione industriale e lo sviluppo economico dell'area della Ferriera di Servola
(Trieste). L'accordo stato sottoscritto
a Roma lo scorso venerd alla presenza del presidente del Consiglio Matteo
Renzi, dal ministro dell'Ambiente e
della Tutela del Territorio e del Mare
Gian Luca Galletti, dalla ministra dello
Sviluppo economico Federica Guidi,
dalla presidente della Regione Friuli
Venezia Giulia Debora Serracchiani,
dalla presidente dell'Autorit portuale
di Trieste Marina Monassi, e da Giovanni Arvedi per conto della Siderurgica Triestina S.r.l., Societ controllata
da FinArvedi S.p.A., che ha recentemente rilevato la Ferriera di Servola
dalla Lucchini S.p.A. Era presente anche il viceministro dello Sviluppo economico Claudio De Vincenti.
Per Giovanni Arvedi, Trieste con-

Firmato laccordo per la Ferriera


di Servola. Il cavaliere:
Sar il completamento
della produzione cremonese
sentir di completare il ciclo produttivo
del Gruppo, con la laminazione a freddo, che purtroppo a Terni stata tolta.
Rappresenta quindi il completamento
del ciclo produttivo che si svolge a
Cremona, dove facciamo la laminazione a caldo Ma non tutto: Cremona
aveva anche bisogno di uno sbocco
sul mare, e Trieste ha inoltre uno dei
fondali pi importanti d'Italia - continua Arvedi -. Per Cremona sar luogo
di imbarco e sbarco dei materiali e loro
spedizione verso l'Europa dell'Est.
Quindi in Italia riavremo l'acciaio magnetico, a Trieste.
La firma di venerd scorso conclude
positivamente il lungo e complesso
percorso finalizzato ad individuare un
nuovo soggetto imprenditoriale interessato a gestire lo stabilimento siderurgico e a contribuire alla reindustrializzazione e al rilancio economico e
produttivo dell'area, salvaguardando i
livelli occupazionali, impegnandosi a
fare, d'intesa con gli Enti pubblici, una
serie di interventi di risanamento ambientale.
Sono 400 i dipendenti che grazie
all'accordo avranno salvo il posto di
lavoro. Si salva il lavoro tenendo

aperte le fabbriche e le aziende, non


alimentando le polemiche e le tensioni
- ha commentato Renzi -. Si salva il
lavoro risolvendo le crisi industriali,
non giocando a chi urla pi forte. Questo accordo un passo in avanti importante, che porta un segnale di speranza in una delle pi grandi crisi che
avevamo. Un'operazione che, grazie
ad un investimento privato, fatto da
una delle pi grandi realt italiane, e da
un investimento pubblico, consente di
salvare 410 posti di lavoro diretti e un
migliaio di posti di lavoro nell'indotto.
Un vero e proprio lavoro di squadra,
fatto insieme ai lavoratori, ai sindacati,
alle istituzioni e ovviamente ad Arvedi.
Abbiamo trovato un punto di equilibrio importante che ha consentito di
risolvere in poco pi di un anno una
crisi industriale complessa, una tra le
pi gravi del Paese, con la continuazione di un'attivit industriale ma soprattutto, nell'interesse dei nostri cittadini, con il risanamento ambientale di
un sito messo fortemente alla prova
dalle produzioni ha detto la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani. Credo sia l'immagine migliore di un Paese che sta tentando in

tutti i modi di risollevarsi, di mantenere


la propria produzione di qualit, di
guardare lontano, perch non vogliamo perdere quello che abbiamo, vogliamo consolidare la nostra industria.
Non possiamo rinunciare alla siderurgia, un settore strategico che fondamentale. Credo davvero che abbiamo
dato prova tutti insieme che esiste la
possibilit di fare, e di fare bene. Un
fatto concreto come questo la risposta migliore a tanti che ancora non
credono in questo Paese.
Insomma, questo accordo potrebbe
addirittura essere un esempio eccellente (cos lo definisce la ministra per
lo Sviluppo economico, Federica Guidi), che potrebbe essere replicato in
altre situazioni. Fin dall'inizio tutti
hanno avuto a cuore un interesse primario, strategico, nel preservare la siderurgia, nel preservare posti di lavoro,
in un totale rispetto dell'ambiente continua Guidi -. Anzi, puntando ad un
miglioramento dal punto di vista ambientale, con un'impresa, con un imprenditore che fa il suo mestiere: ci
crede, rischia e condivide con le istituzioni locali e con il governo.

Cronaca

Sabato 29 Novembre 2014

Che fine ha fatto il centrodestra a Cremona?

Per lex assessore Francesco Zanibelli non sparito, si sta leccando le ferite, dopo la sconfitta delle elezioni amministrative

Il Centrosinistra ha sbandierato la partecipazione per mesi, poi si barricato a Palazzo e non incontra nessuno

di Giulia Sapelli

Attivit politica ridotta,


il passaggio di diversi
componenti eletti in
Consiglio comunale al
Gruppo misto: cosa
accade nel centrodestra cremonese, che sembra essere diventato un po' troppo silenzioso e
ben poco incisivo, negli ultimi
mesi? Ne parliamo con un ex assessore, Francesco Zanibelli, vice coordinatore cittadino di Forza Italia.
Premetto che ormai sono abbastanza fuori dai giochi, in quanto per motivi lavorativi non sto
spesso a Cremona, e sono Iotta
e Ghidotti ad essere pi titolati di
me a parlare. Ci detto, credo
che il centrodestra a Cremona sia
ancora nella fase in cui "ci si lecca le ferite", dopo la doccia gelida della sconfitta elettorale. Una
sconfitta che si pu attribuire a
molteplici ragioni. Da un lato, ci
sono stati sicuramente errori nostri, di "giovent", in quanto era
la prima volta che ci trovavamo
ad amministrare; ma anche,
dall'altro lato, ha influito il boom
del Pd a livello nazionale: l'effetto
Renzi ha sortito effetti un po'
ovunque. Accanto a tutto questo,
Forza Italia si trova nel suo momento peggiore dal 1994 ad oggi.
Tutti questi motivi hanno portato all'allontanamento di diverse
persone del centro destra dall'attivit politica della citt e non solo. Questo ovviamente determina
un rallentamento dell'attivit di
una forza politica, che comunque
quando era al governo della citt
dimostrava notevole attivismo.
Ora, invece, gi diversi eletti
del centrodestra sono passati
al Gruppo misto...
Questo fenomeno ha senza
dubbio assottigliato le nostre fila.
Inoltre il nostro attuale capogruppo, persona molto seria e motivata, al suo primo mandato, e si
approccia alla politica nel modo
di chi vuole imparare, ma anche
essere autorevole. E ci vuole tempo. Del resto, quando eravamo
noi al governo della citt avevamo di fronte un'opposizione ben

Francesco Zanibelli

mino iotta: Il centrodestra ce


E i Congressi di Forza Italia, di cui
da tempo si parla? A brevissimo,
probabilmente gi gennaio, almeno
per quanto riguarda i congressi comunali. Lo evidenzia Mino Iotta, coordinatore provinciale di Forza Italia:
In questi mesi abbiamo lavorato
molto e finalmente siamo arrivati al
traguardo del congresso. Quello provinciale arriver subito dopo, e sar
fatto per delegati, ossia in ogni comune verranno nominati dei delegati
che dovranno votare al congresso
provinciale. Insomma, presto in Forza Italia vedremo un cambio di volti e, spero, anche di generazione.
E se apparentemente il centrodestra sembra
silenzioso, solo perch sta lavorando senza dir
nulla a nessuno. Il risultato delle elezioni provinciali, che ha messo in luce come il centrodestra
poco efficace. Dunque credo sia
giusto, ora, dare il tempo all'attuale opposizione di riorganizzarsi e diventare pi incisiva.
Quanto pesa l'effetto Salvini?
Anche questo influisce molto,
soprattutto su Forza Italia: lui parla in modo molto efficace, interpretando il sentimento delle persone e le loro paure. Cosa che invece Forza Italia non sta facendo.
Molti, nel partito, ora stanno alla
finestra a guardare cosa succede
ai livelli pi alti: dopotutto nel partito tutto ancora legato alle
scelte del leader.
Prima ha accennato all'effetto Pd...
In questa fase abbiamo un

abbia un maggior numero di amministratori sul territorio rispetto al centrosinistra - 460 contro 430 -. La presenza capillare sul territorio c', ma siamo penalizzati dalla Legge Del Rio,
una vera e propria legge ad partitum,
cucita addosso al Pd. Sul territorio il
Pd ha conquistato i centri grossi, e
questo li rende forti, in quanto con
questa nuova legge chi ha in mano i
grandi centri ha in mano il territorio.
Il lavoro che sta portando avanti
ora il partito quello di un forte coordinamento territoriale, che ci consenta di rendere competitiva la posizione degli amministratori
di centrodestra nei confronti di quelli di centrosinistra spiega ancora Jotta. Insomma, Il centrodestra c', e lo dimostra il fatto che le nostre riunioni di zona, che si susseguono a ritmi quotidiani, sono molto partecipate.

Renzi che si comporta come faceva Berlusconi, porta avanti le


stesse idee... tutto questo crea
confusione nella gente, che non
crede pi a nulla.
Insomma, ora in citt solo il
centrosinistra sta lavorando...
Senza dubbio loro in questo
momento sono pi vivaci, ma
semplicemente perch si trovano
nelle stanze del potere. Non dimentichiamo che loro, storicamente, hanno sempre alimentato
delle clientele, raccogliendo approvazione anche grazie a favori
concessi. La stessa provenienza
del sindaco si rif a questa osmosi tra radicamento nella societ e
rappresentanza istituzionale.
Ci detto, hanno sbandierato
per mesi la necessit di una poli-

tica partecipata, ma stanno facendo l'esatto contrario. Si sono


trincerati a palazzo e non incontrano nessuno. Quando ero amministratore mi capitava di incontrare decine di persone ogni settimana: per noi assessori era normale. Loro invece vanno avanti
senza un confronto, come abbiamo visto nella vicenda delle strisce di corso Garibaldi o del senso unico in via Brescia. Tradiscono quella che sempre stata una
caratteristica del centrosinistra,
ossia quella della condivisione e
dell'ascolto.
In modo molto opportuno, loro
puntano tutto sulla comunicazione istituzionale, senza per consentire ai singoli amministratori di
confrontarsi n con la gente n
tanto meno con i media. Hanno

individuato dei comunicatori professionisti che fanno una vera e


propria operazione di cosmesi e
maquillage sulle notizie, rendendole il pi possibile positive, prima di trasmetterle alla stampa.
Questo racconta di un'amministrazione che ha bisogno di indorare la pillola, come del resto il Pd
gi fa a livello nazionale.
Noi, con il nostro essere un po'
naif nella nostra modalit di amministrare, davamo la garanzia
che le notizie arrivassero ai cittadini in modo non mediato. Questo senza dubbio non ha favorito
noi, cos come il modo di comunicare che segue l'attuale amministrazione sta favorendo loro.
Prendiamo ad esempio le strisce
blu in corso Garibaldi: hanno
speso soldi, finendo con il rovinare l'asfalto e dovendone poi
spendere altri per risistemarlo. Se
avessi fatto io un'operazione del
genere, spendendo soldi per dipingere una strada di azzurro e
per di pi sulla base del progetto
del fratello di un collega - come
stato per Galimberti - sarei stato
mandato a casa immediatamente e probabilmente anche denunciato. Questi invece fanno quello
che vogliono e nessuno ha nulla
da dire. Vogliamo parlare degli arredi urbani posticci collocati nei
due mesi della prova sperimentale? Arredi decisamente fuori da
ogni normativa di legge, in quanto dovrebbero essere ancorati a
terra, senza spigoli vivi, omologati e via di seguito. Se qualcuno si
fosse fatto del male, ci sarebbero
state pesanti conseguenze per
l'amministrazione.
Tornando all'opposizione,
quando torner' a muoversi?
Bisogna lasciarle il tempo di
riprendersi dallo shock della
sconfitta e dalle tensioni che ne
sono seguite: assolutamente
normale, in una compagine politica, che una sconfitta elettorale
porti alla rottura di certi equilibri.
Come ho detto, dobbiamo leccarci le ferite, e vedere cosa succede a livello nazionale. Con tutto ci, per una forza politica pi
difficile parlare ai cittadini, se non
si amministratori in carica. Ci
vuole tempo.

Siamo ormai nel pieno


della stagione autunnale,
ma la voglia di muoversi e di
viaggiare non tramonta mai:
dal vero e proprio soggiorno
al week end fuori porta, alla
gita in giornata. Soprattutto
a fronte del fatto che il maltempo estivo non ha consentito a molti di partire. Il
Cta Acli promuove una serie
di gite e viaggi per tutti i
gusti.
Dal 29 al 30 novembre:
Mercatini di Natale a
Salisburgo - Fine settimana
per vedere i mercatini di Natale a Salisburgo con i suoi laghi.
Dal 29 Novembre 2014
al 29 Maggio 2015: "Inverno
2014/2015 Mare - soggiorni
individuali al mare a Diano
Marina - Albergo Villa Gioiosa
ed ad Arma di Taggia presso
la Villa Sacra Famiglia.
30 novembre: Fiera
dellArtigianato - una giornata presso la Fiera dellArtigianato di Milano; unoccasione
irrinunciabile per quanti condividono ed apprezzano la bellezza e loriginalit del prodotto artigianale italiano, europeo
ed extraeuropeo.
Dal 06 al 07 dicembre:
Mercatini di Natale a Monaco
e dintorni.
7 dicembre: Mercatini di
Milano Obej-Obej - Giornata
a Milano in occasione della
Festa di S. Ambrogio per la
tradizionale manifestazione
degli Ho Bej Ho Bej.
Dal 13 al 14 dicembre:
Mercatini di Natale sul Lago
di Costanza - Fine settimana
per vedere i mercatini di Natale sul lago di Costanza. Si visiteranno i mercatini di Bregenz,
la Penisola di Lindau e la cittadina di Insiedeln con la sua
Abbazia Benedettina.
Dal 20 al 21 dicembre:
Mercatini di Natale in Costa
Azzurra - week end per vedere i suggestivi mercatini della
Costa Azzurra a Nizza ed a
Cannes.

La rilevazione dei prezzi sugli immobili evidenzia un trend ancora in chiaroscuro, ma non mancano segnali incoraggianti per il futuro

Dal 29 al 30 Dicembre:
Mercatini di Natale in Svizzera - Week end per vedere i
mercatini di Natale a Berna,
Montreaux e visita del Castello di Chillo

to la ripresa delle compravendite.


Per Feroldi si pu dare una boccata dossigeno al
settore delledilizia solo con azioni precise e agevolazioni in materia fiscale. Oggi ledilizia privata fortemente penalizzata - spiega -: un fardello che ne impedisce il rilancio. Servono regole chiare ed equilibrate.
Dal 1 gennaio 2014 sono cambiate le imposte di acquisto con una riduzione della tassa di registro oltre alle
tasse fisse, ma purtroppo mancato un ridimensionamento dellIva aumentando il divario chi acquista da un
privato e che lo fa rivolgendosi ad una impresa.
Anche questa rilevazione prezzi vuole essere una
pubblicazione utile per ridare fiducia al mercato - continua Feroldi perch testimonia trasparenza verso chi
vende o acquista un edificio. uno strumento attendibile che mettiamo a disposizione non solo degli associati ma di tutti i cittadini.

Capodanno al mare in
Puglia - Capodanno in Puglia
nella meravigliosa zona di
Ostuni.

I prezzi delle case calano a picco: -10% a Cremona, -15% in provincia

Come ogni anno si rinnova lappuntamento con il


rilevamento prezzi sugli immobili. La pubblicazione,
giunta alla quarta edizione, stata presentata da Paolo
Feroldi, per la Fimaa e Nicola Generani, responsabile
dellIstituto di credito. Il 2014 stato un anno in chiaroscuro ma non mancano segnali incoraggianti sul futuro.
I prezzi - conferma Feroldi - sono scesi. Cremona
citt di un dieci per cento, linterland fino al quindici.
Anche il cremasco e il casalasco registrano la stessa
flessione. Non manca qualche isola felice con valutazioni di fatto inalterate rispetto a quelle del 2013. Ma va
guardato con fiducia il ritorno alla crescita, nei primi sei
mesi, delle compravendite. Una ripresa ancora fragile
che speriamo trovi una conferma anche con il nuovo
anno.
Anche Cariparma ha indicatori positivi. A livello nazionale - spiega Generani -, abbiamo un aumento dei

mutui concessi di circa il 13%. Cremona si attesta su


un valore solo leggermente inferiore. In un mercato che
si autoregolamenta i prezzi pi convenienti che in passato, uniti ai bassi tassi dei finanziamenti, hanno favori-

Le iscrizioni e tutte le
informazioni relative agli
eventi saranno fornite presso la sede di via Cardinale G.
Massaia, 22 o contattando i
numeri di tel. 0372-800423,
800429. Le iniziative sono in
le nostre iniziative sono in
collaborazione con il CTA di
Crema (Piazza Manziana 17.
Crema tel. 0373-250064).
Sito: www.ctacremona.it

IN BREVE

Il presidente della Provincia Vezzini al convegno sulle Province


Il presidente della Provincia di Cremona Carlo Vezzini
parteciper al convegno organizzato dall'Unione delle
Province Lombarde (Upl) dal titolo Citt metropolitane e
Province: missione possibile?. Il tema del convegno sar quello di discutere del futuro delle Province e delle Citt metropolitane, alla luce della fase attuativa del processo di riforma della legge Delrio. Un tema delicato ed importante, visto che questa innovazione istituzionale pu
rappresentare un'innovazione importante per il governo
complessivo del territorio, ma rischia di essere compromessa dai pesanti tagli alle risorse degli enti di area vasta. A questo proposito i presidenti delle Province lombarde hanno sentito l'esigenza di invitare a questo incontro
tutti i parlamentari del territorio, i rappresentanti della Regione e di Anci Lombardia per organizzare un confronto
aperto sulla situazione degli enti locali. Le amministra-

zione provinciali manterranno tutte le funzioni fondamentali stabilite dalla legge Delrio, in modo particolare su edilizia e gestione scolastica, strade e viabilit, ambiente e
coordinamento territoriale - fanno sapere dall'ente -. Oltre a queste le Province lombarde e la Regione Lombardia stanno discutendo sullattribuzione di altre funzioni
delegate escluse dalla riforma, che dovranno essere attribuite entro il 31 dicembre 2014. Nellambito del procedimento di riordino delle materie attualmente esercitate dalle Province, fino allemanazione della normativa attuativa
di Stato e Regioni, le amministrazioni provinciali continueranno a svolgere le attuali funzioni senza soluzione di continuit. Al termine di questo periodo le funzioni, unitamente alle risorse umane, finanziarie e strumentali necessarie
per il loro svolgimento verranno assicurate dallente subentrante nei casi previsti dalla normativa.

Cambia lorario di ritiro degli imballaggi di cartone


Aem Gestioni Srl, in accordo con il Comune
di Cremona, come gi comunicato nei giorni
scorsi, a partire dal 1 dicembre 2014 cambier l'orario di ritiro degli Imballaggi in cartone,
presso le attivit commerciali del centro storico e delle zone esterne. In questi giorni stata avviata, a tale proposito, una campagna informativa rivolta a tutte le attivit commerciali
coinvolte. Sar consegnato a ciascuna attivit
un volantino in cui saranno indicati gli orari di
ritiro dellimballaggio in cartone e le modalit
di raccolta da osservare, quali: disporre i cartoni ordinatamente, debitamente piegati in modo da occupare il minor spazio possibile, e comunque tali da non costituire intralcio alla circolazione veicolare e pedonale; ridurre il volu-

me degli imballaggi in cartone ed esporli esclusivamente sulla sede stradale prospiciente la


propria attivit nel giorno ed allorario indicato.
Si rammenta inoltre che la frequenza di ritiro dellimballaggio in cartone non subir variazioni.
La diversa organizzazione della raccolta degli imballaggi di cartone finalizzata a garantire un maggiore decoro del centro storico, in
particolare dell'area pedonale e della ztl. Il ritiro del cartone sar effettuato nelle ore centrali
della giornata (12.30-14.30) alla chiusura dei
negozi, per evitare prolungate giacenze di rifiuti sul suolo pubblico. Nelle altre aree la raccolta anzich al mattino verr effettuata in orario
pomeridiano.

Cronaca

Sabato 29 Novembre 2014

Mannaia Tasi, ma Cremona si salva

Interessante ricerca del Caf Acli per il Sole 24 Ore, che mette a confronto lIci del 2011, lImu del 2012 e labbinata Imu-Tasi del 2014

Prime case, seconde case, negozi e capannoni industriali: aumenti generalizzati, ma nelle citt vicine va molto peggio

di Vanni Raineri

all'Ici alla Tasi, quanto


ci costa la casa?
Un'interessante ricerca stata condotta
dal Caf Acli per Il Sole
24 Ore, che ha fatto un'elaborazione sulla base delle aliquote
definitive della Tari, mettendola a
confronto in tutti i capoluoghi di
provincia con l'Ici del 2011 e
l'Imu del 2012.
Sull'abolizione dell'Ici sull'abitazione principale fu condotto un
battage mediatico notevole, ma
quel che emerge di fatto che
anche sulla prima casa il cittadino italiano oggi paga pi di allora. D'altronde sappiamo benissimo che la casa, essendo immobile per definizione, l'obiettivo
preferito da chi deve riscuotere
con la certezza dell'introito.
La ricerca pubblicata dal quotidiano milanese ha riguardato
quattro tipologie di tassazione:
quella sulla prima casa, quella
sulla seconda casa, sui negozi e
sui capannoni. Complessivamente emerge che il prelievo medio sullabitazione principale in
Italia arriva al 2,6 per mille, a
fronte dell'1 per mille che rappresenta lo standard di legge. Sulla
seconda casa alla Tasi si aggiunge l'Imu, che in questo caso rimasta, il che porta ad un 10 per
mille circa.
Queste aliquote serviranno
per pagare il saldo del 16 dicembre. E' vero che Ici e Tasi non si
equivalgono, ma le sole differenze sembrano essere quella formale del codice di tributo e quella sostanziale della deduzione
completa dai redditi (per l'Ici era
solo del 20%).
Purtroppo emerge un'ingiustizia sociale, pesante soprattutto
in questi tempi di crisi, che riguarda le abitazione principali.
Nel 2012 le case con bassa rendita, approfittando delle detrazioni fisse, spesso erano esenti dalla
tassazione, mentre oggi ad ap-

profittare del decremento sono


soprattutto gli immobili di pregio.
Concentriamo ora la nostra
attenzione su Cremona, partendo dalla prima simulazione fatta
dal Caf Acli: l'abitazione principale di rendita media di una famiglia di tre persone con reddito di
35mila euro. Rispetto all'Ici del
2012, la Tasi di quest'anno ha
segnato un decremento del 9%,
unico caso rispetto alle province
limitrofe, dove lincremento
stato in certi casi enorme (si pen-

pago il tabaccaio con


500 euro falsi: denunciato
romeno di 23 anni
Gli agenti della squadra volante della Questura, impegnati nella prevenzione dei
reati contro il patrimonio ed in
particolare i furti e le truffe,
sono intervenuti nella serata
di gioved presso una tabaccheria del centro dove una
settimana prima un romeno
residente a Cremona, accompagnato da un connazionale
residente a Milano con numerosi precedenti di polizia, aveva acquistato una stecca di
sigarette del valore di 50 euro
con una banconota da 500.
Fin da subito il commerciante aveva dubitato dellautenticit della banconota, ma
alla fine si era lasciato convincere, e gli aveva consegnato
un resto di 450 euro.
Nello stesso giorno la moglie del negoziante si era recata presso un istituto di credito, ma non riuscendo ad ottenere la verifica immediata
della validit della banconota,
laveva restituita al marito, che
si era successivamente presentato presso labitazione
del romeno, raccontando la
vicenda alla madre di questi.
La donna si era quindi impegnata, entro il 27 novembre, a
restituire lintera somma di
500 euro, ma in cambio voleva la restituzione della banconota oggetto della controversia. La restituzione non si era

verificata, e nel frattempo il titolare della tabaccheria ha riscontrato la falsit dei 500
euro. Per questo il tabaccaio,
imbattutosi nel romeno e nel
suo accompagnatore, ha preteso la restituzione del dovuto. Proprio in quel momento
intervenuta la volante che dopo aver appreso della vicenda
ha condotto in Questura lautore della spendita della banconota che alla fine ha ammesso i fatti, aggiungendo di
aver ricevuto il denaro da un
suo conoscente. Il romeno, 23
anni, stato quindi denunciato per spendita e introduzione
nello Stato, di monete falsificate. Gli investigatori della
Questura, anche in relazione
ad un altro sequestro di banconote false avvenuto recentemente a Cremona sul quale
hanno proceduto i carabinieri,
stanno proseguendo nelle indagini allo scopo di risalire ad
eventuali falsificatori provenienti da altre provincie e arrivati a Cremona con lintento
di spendere banconote false.
La Questura, anche in vista
delle prossime festivit, esorta i commercianti a porre
maggiore attenzione nella verifica dellautenticit delle
banconote, eventualmente
anche munendosi delle speciali apparecchiature, ormai di
uso corrente.

si al +324% di Mantova). Si partiva da un livello di 159 euro diventato 145, al di sotto della media
nazionale. Curioso il caso di Treviso, dove si scesi da 150 euro
a 0: qui la prima casa non si paga, come a Ragusa (dove erano
solo 13 euro).
Altra situazione quella della
seconda simulazione: una casa
di propriet affittata a canone libero considerando l'Ici del 2011
e la somma tra Imu e Tasi del
2014. Qui l'incremento a Cremo-

na pesante, del 129%. Il livello


di partenza era infatti nella media
(358 euro), quello corrente salito a 818, certo lontano dai 2012
di Roma (al secondo posto c'
Siena con 1778) ma considerevole. In realt la situazione delle
province limitrofe ovunque
peggiore. Certo questo al cittadino interessa relativamente: il salasso rilevante.
Veniamo alla terza simulazione, relativa a un capannone di
categoria D1 con rendita media

nazionale. Anche in questo caso


Cremona segna un aumento sostanzioso (del 78%) ma al di sotto di tutti i vicini: dai 2299 euro
dell'Ici del 2011 ai 4100 euro di
Imu e Tasi 2014. Il record nazionale appartiene ad un gruppo di
citt, tra cui Brescia, con 4868
euro.
Infine la simulazione che riguarda un negozio usato dal proprietario con rendita media nazionale. Qui il confronto tra Ici
2011 e imposte 2014 pi pesante: da 398 a 882 euro, un aumento del 122%. Anche in questo caso un incremento notevole
ma ben al di sotto dei capoluoghi
vicini. Da notare le cifre folli calabro-pugliesi: Foggia arriva a
2302 euro, Crotone addirittura a
2549. Suona strano che in questa graduatoria prevalgano capoluoghi di provincia del centrosud, considerata la condizione
particolarmente disagiata in cui
si muove l'economia meridionale.
Complessivamente, laumento della tassazione sensibile,
ma altrove le cose vanno decisamente peggio. Lunico caso in
cui il cremonese paga pi di un
cittadino di una provincia limitrofa quello del negozio, dove appartiene a Mantova la cifra pi
bassa.
Molto interessante anche
l'analisi conclusiva che Il Sole 24
Ore fa coi suoi giornalisti sulla

base di questa ricerca. Intanto, in


7 citt su 10 l'imposta sulla prima
casa aumentata rispetto all'Imu
2012, e il quadro peggiore nelle
citt di provincia come Cremona,
a causa delle ormai rare detrazioni. Si mette poi in guardia su un
incremento stellare in vista per
l'anno prossimo, se non venissero confermati gli aiuti statali. Un
cenno poi fatto alla reazione
degli italiani agli aumenti con i
casi pi eclatanti, dalle case di
Caltanissetta regalate agli extracomunitari ai capannoni scoperchiati in Triveneto per essere riaccatastati. Quando non vengono addirittura demoliti. Insomma
il mattone sembra diventato pi
un peso fiscale che il classico
bene rifugio.
Quanto alla local tax, un auspicio, anche perch riporterebbe probabilmente alle detrazioni
che furono dell'Ici, con una maggiore progressivit del carico fiscale. Proprio sul numero di ieri,
Il Sole 24 Ore ha valutato il possibile effetto dei nuovi parametri
standard allo studio del governo
(vale a dire aliquota base del 2
per mille e detrazione fissa di 90
euro), in base al quale sarebbero
oltre 3 milioni le prime case degli
italiani risparmiate dalla nuova
imposta, la tassa unica chiamata
a semplificare raggruppando Imu
e Tasi. Tutto per, si precisa, dipender anche dalle scelte che
verranno fatte dai vari comuni.

Lindice di puntualit del 65% sulla tratta Mi-Mn e del 45% sulla tratta Codogno.Mantova

Linea Mi-Cr-Mn, peggiorano i dati sulla puntualit


Gravi criticit per il servizio ferroviario in
transito da Cremona, e in particolare lungo la
Milano-Cremona-Mantova. Dati che sono
emersi nel corso della riunione, svoltasi gioved pomeriggio a Milano, nella sede della
Regione, del tavolo territoriale del Servizio
Ferroviario Regionale quadrante sud, che
comprende la linea Mi-Cr-Mn. Sono stati
nuovamente messi in evidenza i gravi problemi riguardanti i continui ritardi e le soppressioni di corse che, negli ultimi periodi, si sono
fatti sempre pi frequenti, causando gravi disagi allutenza. Trenord ed RFI hanno constatato che la linea viaggia su standard peggiori
rispetto agli anni passati, tanto che lindice di
puntualit (corse entro i 5 minuti di ritardo sul
totale corse) del 65% sulla tratta Milano
Mantova e del 45% sulla tratta Codogno
Mantova, mentre uno standard accettabile
non dovrebbe essere inferiore all80%. Altro
problema sollevato quello relativo alla capienza del convoglio utilizzato dagli studenti
sulla tratta Cremona Mantova delle 14.15:
problema che, in base a quanto riferito, negli
ultimi giorni stato risolto.
Dalla riunione anche emerso che al
momento in corso lo studio di fattibilit sul
cosiddetto treno dei capoluoghi, quale servizio aggiunto, nei giorni festivi, nel periodo di
Expo 2015. Saranno quanto prima forniti aggiornamenti sulla fattibilit tecnica.
Allincontro, al quale hanno partecipato i
referenti di Regione Lombardia, di Trenord,
Ferrovie Nord e RFI, nonch gli enti locali interessati e i comitati pendolari, sono state
presentate la novit previste dal cambio orario, che per il quadrante sud (linea Mantova
Cremona Milano) non sono particolarmente
rilevanti.
Ma la riunione servita anche a fare il
punto sulla situazione del servizio ferroviario

regionale e per chiedere ai referenti presenti


un aggiornamenti rispetto a quanto concordato negli incontri tra gli amministratori di
Cremona, Mantova e Lodi con lassessore
regionale alle Infrastrutture e Mobilit Alberto
Cavalli fanno sapere dallamministrazione
comunale -. Nel corso della riunione stato
chiesto un approfondimento sugli interventi
previsti nel Protocollo di intesa siglato a luglio
di questanno tra Regione Lombardia e RFI,
in particolare per quanto riguarda i tempi. Il
protocollo prevede tre tipologie di interventi
tutti volti a migliorare le infrastrutture ed i

servizi. In particolare i primi due (realizzazione


di posti di blocco intermedi e interventi su
armamenti ferroviari volti a migliorare la velocit dei treni merci presenti sulla linea e quindi le prestazioni complessive) dovrebbero
essere operativi entro fine 2016. Per il terzo
intervento, che prevede una migliore gestione degli incroci, sono previsti tempi meno
brevi, non ancora chiaramente definiti.
Lunedi 1 dicembre prevista invece la riunione del quadrante est, alle 16,30, dove
verr affrontato il servizio lungo le tratte Cremona-Brescia e Cremona-Treviglio.

Cronaca

Sabato 29 Novembre 2014

Moltissimi i messaggi di augurio e di apprezzamento indirizzati alla redazione

Artventuno, da subito un grande successo

Mercoled scorso nato il


nuovo quotidiano web di Cremona: www.artventuno.it. Le
varie pagine sono state sfogliate
da un altissimo numero di lettori, nel giorno di partenza e in
quelli successivi. Sono stati
tanti i contatti e quindi le perso-

ne che si sono collegate al sito


anche pi volte nell'arco della
giornata. Molto alto anche il
tempo medio per visita: oltre 4
minuti; evidentemente, gli articoli pubblicati hanno suscitato
particolare interesse. Moltissimi
anche messaggi di augurio e di

apprezzamento che abbiamo


ricevuto, per telefono, via mail,
via sms e attraverso la pagina
facebook, sia per i contenuti sia
per la veste grafica. Che dire?
Sappiamo quanto sia difficile
l'impresa, ma l'ottimo inizio ci
conforta ed per noi di grande

stimolo. Intanto, vogliamo esprimere la nostra gratitudine a


Filippo Centenari, che ha realizzato la grafica del sito, e a Incode, il nostro webmaster. Una
grafica efficace fondamentale,
e noi ce l'abbiamo. Avanti cos!
D.T.

In provincia di Cremona (eccetto il Cremasco) sono 50 gli esercizi pubblici che hanno aderito alliniziativa: 3 meno dellanno scorso

Il 29 novembre torna la Colletta Alimentare

Prevista la partecipazione sul territorio di un migliaio di volontari, mobilitati per lintera giornata nella raccolta di prodotti di largo consumo non deperibili

di Laura Bosio

orna sabato 29 novembre


l'ormai tradizionale appuntamento con la Giornata nazionale della Colletta alimentare. L'appello che gli
organizzatori fanno a tutti quello di
fermarsi un minuto in pi nel supermercato, per fare una spesa aggiuntiva alla
propria: bastano poche cose, alimenti
non deperibili di prima necessit e a
lunga conservazione, da donare per i
poveri della citt.
Alimenti che saranno distribuiti a
quasi 9mila strutture caritative sparse
in tutta Italia. Un aiuto indirizzato a oltre
1.950.000 persone povere che vedr in
prima linea anche il territorio cremonese con 50 supermercati aderenti.
Le donazioni di alimenti ricevute il
29 novembre nei supermercati aderenti andranno a integrare quanto la Rete
Banco Alimentare recupera grazie alla
sua attivit quotidiana, combattendo lo
spreco di cibo, oltre 62.000 tonnellate
distribuite lanno scorso.
Questa 18esima edizione della
Giornata Nazionale della Colletta Alimentare (che ha ottenuto il patrocinio
di Expo 2015) coinvolger in tutta Italia
pi di 11mila supermercati e 135mila
volontari.

In provincia di Cremona (eccetto il


Cremasco) sono 50 gli esercizi pubblici
che hanno aderito alliniziativa: tre in
meno dello scorso anno, perch chiusi
o in ristrutturazione. Prevista la parteci-

pazione sul territorio di un migliaio di


volontari, mobilitati per lintera giornata
del 29 novembre per raccogliere prodotti di largo consumo non deperibili
da destinare ai poveri attraverso le as-

sociazioni del territorio operanti nel


settore dellassistenza, come le Conferenze San Vincenzo, Cucine benefiche,
Casa Famiglia S. Omobono, Cooperativa Nazareth ed altre associazioni.

E' la risposta a dati che sono davvero


allarmanti: 1 italiano su 10 soffre di povert alimentare. In soli sette anni la povert assoluta quasi triplicata: si
passati dai 2,4 milioni di persone nel
2007 ai 6 milioni di poveri del 2013. Soggetti incapaci di sostenere la spesa minima per alimentazione, casa e vestiti.
Per poter ricevere gli alimenti, donati in forma completamente gratuita, le
strutture caritative stipulano di volta in
volta una convenzione direttamente
con ciascuna Organizzazione Banco
Alimentare del proprio territorio. La
convenzione implica limpegno da parte delle strutture caritative ad utilizzare
i prodotti ricevuti esclusivamente a favore di persone bisognose e richiede la
disponibilit a visite periodiche da parte di responsabili della Rete Banco
Alimentare che verificano innanzitutto
leffettiva attivit di assistenza svolta,
la gestione trasparente delle quantit
ricevute e delle scorte e il rispetto delle
norme igienico sanitarie nel trattamento degli alimenti.
Lo scorso giugno, in occasione della
Colletta straordinaria, resasi necessaria perch le scorte erano gi esaurite,
nel Cremonese erano state raccolte 30
tonnellate di cibo. In questo caso i supermercati coinvolti erano stati 25 e
600 i volontari allopera.

Natale in coro: torna la Rassegna coristica


Il Comune aderisce alla Giornata
di Usci. Al via gioved 4 con il primo concerto internazionale contro la pena di morte

Al quinto anno della sua attivit lAssociazione Usci Cremona, Delegazione


dellUsci Lombardia, che raggruppa
Societ Corali risiedenti nella provincia
di Cremona, organizza la sua tradizionale rassegna musicale Natale in Coro
2014. Si tratta di sette appuntamenti
che vedranno esibirsi ben nove cori
iscritti.
Prossimo appuntamento per giovedi
4 dicembre - ore 21 - nella Chiesa di
SS. Siro e San Sepolcro si esibiranno il
coro Cai Cremona, diretto da Cristiano
Villaschi, e il coro Il Cantiere, diretto da
Carla Milanesi.
Sabato 13 dicembre, ore 18, protagonista la Schola Gregoriana di Cremona,
diretta da Antonella Soana nella chiesa
di Santa Lucia partecipando ai Vespri
ed alla Messa.

Martedi 16 dicembre (ore 21) nella chiesa di San Sebastiano si esibiranno il


coro Ana diretto da Carlo Fracassi, il
coro della Facolt di Musicologia, diretto da Giovanni Cestino e la Camerata di
Cremona, diretta da Marco Fracassi.
Venerd 19 dicembre (ore 21) presso la
chiesa di San Michele in Cremona si
esibir il coro Polifonico Cremonese
diretto da Federico Mantovani.
Domenica 21 dicembre (ore 16.30)
presso la Chiesa di San Luca il coro
Paulli diretto da Giorgio Scolari eseguir Cantiamo il Natale.
Domenica 21 dicembre (ore 16) nella
Chiesa di Corte d Cortesi di esibir il
Coro Il Discanto, diretto da Daniele
Scolari.
La rassegna unisce in una stessa sera
corali di tipologie e frequentazioni mu-

sicali diverse, con la convinzione che la


ricchezza e la variet favoriscano la
crescita culturale dei cori e del loro
pubblico, che segue con affetto e partecipazione la loro attivit. I concerti
sono a ingresso gratuito.

Il Comune di Cremona, su proposta


pervenuta da "La Tenda di Cristo", aderisce alla XIII giornata internazionale Cities
for Life Citt per la vita/Citt contro la
pena di morte, che si celebra domenica
30 novembre, a ricordo della prima abolizione della pena capitale nel Granducato
di Toscana avvenuta il 30 novembre 1786.
Liniziativa, promossa dalla Comunit di
Sant'Egidio, ha l'obiettivo di mettere in rilievo il ruolo che, nel processo per l'abolizione della pena di morte, possono svolgere i Comuni, soggetti collettivi catalizzatori di energie e risorse proprie delle societ civile che rappresentano. Comuni
che possano incoraggiare, negli ambiti di
propria competenza, la diffusione di iniziative educative e culturali che mantengano
viva lattenzione su questo tema cruciale,
connesso, purtroppo, al fenomeno della

violenza diffusa in tanti contesti urbani.


Per l'occasione stato individuato il Palazzo Comunale come monumento significativo che possa diventare il logo vivente della campagna attraverso una sua illuminazione: domenica 30 novembre infatti le luci del secondo piano del Palazzo
rimarranno accese dalle 16.30 alle 17.30.
La Comunit di S. Egidio stata chiamata a far parte della task force che
sosterr questo impegno, con un programma di iniziative gi presentate al Ministero degli Esteri e finalizzate a sostenere laccelerazione del processo abolizionista in diversi Paesi del Mondo. Saranno realizzate due importanti iniziative in
Asia e intensificati i rapporti con i Paesi
che allinizio di dicembre voteranno
allOnu un'ulteriore moratoria universale
per impedire nuove esecuzioni.

10
"

bonemerse

La posizione delle telecamere


una questione di buon senso
Egregio direttore,
abbiamo letto, in unintervista del sindaco di Bonemerse, Oreste Bini, che
nel nostro paese verranno installate 8
telecamere per la videosorveglianza e
che queste impegneranno quasi tutta
la somma svincolata dal Patto di stabilit (36.000 di soldi nostri congelati).
Ci lascia stupiti e delusi scoprire che 2
telecamere verranno collocate per sorvegliare la palestra, i campi da tennis e
dintorni, altre 2 per beccare gli incivili
e ladri di rifiuti alla piazzola ecologica,
mentre le ultime 4 controlleranno un
pezzetto di via Roma (Municipio e
scuola) e di piazza Mazzini, insomma:
sorveglieranno soprattutto beni pubblici e parte di via Roma. Siamo consapevoli che la videosorveglianza sia
un deterrente contro la malavita, ma
questa amministrazione sembra non
aver davvero a cuore la maggior sicurezza di noi cittadini; infatti, le vie di
accesso a Bonemerse sono cinque,
ma queste non saranno coperte dalla
videosorveglianza ed ai malintenzionati rimarr la possibilit di percorrere la
stragrande maggioranza delle strade
del Comune senza essere registrati
dalle telecamere. Ci piacerebbe che il
sindaco Bini e i suoi assessori decidessero di cambiare lubicazione di almeno cinque telecamere per posizionarle
allinizio delle vie di accesso al nostro
paese: in questo modo, se a Bonemerse si verificassero ancora furti, sarebbe
possibile controllare le autovetture
transitate da queste strade nel lasso di
tempo in cui i furti fossero avvenuti.
Certamente non si risolveranno tutti i
problemi, ma il controllo degli accessi
sar un buon deterrente contro la microcriminalit: una questione di semplice buon senso.
Tiziano Sanfelici
Giovani Losacco
Bonemerse
***

"

punto di vista

Come delfino di Berlusconi


suggerisco Matteo Salvini
Egregio direttore,
visto che Berlusconi si sta dannando
lanima per trovare un delfino, dopo il
cataclisma elettorale in Emilia Romagna e rifacendomi ad unipotesi formulata un mesetto fa, antidoto chiamato
Lega Italia, ci sia consentito di suggerire il nome di Salvini: non sar dei suoi,
ma il meglio in circolazione. Il quale,
sbarazzatosi dei pretendenti al soglio
del senatur, escluso per le note vicissitudini, si sta rivelando lunico in grado
di rimpiazzarlo con una politica concentrata sugli immigrati, sullEuropa e sulla
legge Fornero, lasciando perdere i lacerti dellNcd (Nessun comun denominatore). Per un Matt(e)o in salsa verde,
il castigamatti in casacca verde.
Massimo Rizzi
Cremona
***

"

Lettere & Opinioni

Sabato 29 Novembre 2014

critica

Lingolfamento del Tribunale


di Cremona era inevitabile
Gentile direttore,
non le nego che, quando ho letto le
dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa dal procuratore della Repubblica di
Cremona, dottor Roberto Di Martino,
ho avuto un sussulto: Se prima eravamo in ginocchio, adesso mi vien da
dire sotto terra; moltiplico i pani e i
pesci; lufficio gip era gi in condizioni
disastrate. Non ho potuto fare a
meno di riandare con la memoria a
quella famosa gita a Roma - cos da

Per dire la vostra, scrivete a: lettere@ilpiccologiornale.it incomsc@gmail.com

Incidente in
condominio: scatta
il risarcimento
Strano ma vero. Per legge non previsto alcun obbligo a carico delledificio
condominiale di stipulare
una polizza in caso di responsabilit civile per danni
arrecati a terzi o per eventuali calamit naturali.
Lamministratore pertanto
non tenuto ad assicurare
ledificio, a meno che non
abbia ricevuto lautorizzazione dellassemblea condominiale. In tale ultima
ipotesi, le spese relative
allassicurazione del condominio vanno ripartite tra
tutti i condomini in base alle
quote millesimali di compropriet. Nel caso, invece,
in cui il condominio non sia
interessato a stipulare la
polizza, i condomini interessati possono singolarmente
e in ogni momento stipularne una per proprio conto
sulla relativa propriet
esclusiva e sulle quote di
propriet comune. Detto
ci, giova ribadire che il
condominio, in quanto custode del fabbricato,
sempre responsabile per i
danni subti dai condomini e
dai terzi allinterno dei loca-

A cura di Emilia Rosemarie Codignola*

li condominiali, salvo che


ci sia avvenuto per caso
fortuito. Vale a dire, a causa
di un evento imprevedibile
ed eccezionale. Il danneggiato per ottenere il risarcimento del danno, ha lonere
di dimostrare che questo si
verificato allinterno del
locale condominiale e che
non frutto di una propria
disattenzione o sbadataggi-

pi parti fu dispregiativamente definita


- di cui fui lorganizzatore e che vide
una delegazione di sette amministratori e politici del territorio cremasco incontrare lallora sottosegretario alla
Giustizia, Cosimo Ferri: oltre al sottoscritto, il sindaco di Crema Bonaldi,
quello di Spino dAdda Riccaboni,
quello di Bagnolo Cremasco Aiolfi, le
parlamentari Fontana e Comaroli, il vicepresidente emerito della Regione
Rossoni e il segretario dellUdc di Crema, avvocato Boschiroli. La gita, invece, aveva una funzione estremamente concreta: avendo appreso del
possibile varo di un decreto correttivo,
la richiesta era di inserire Crema fra i
Tribunali per i quali prevedere una proroga dellattivit giudicante e non solo
di quella di archivio. Tanto pertinente
era che se non in contemporanea,
poco prima che il sottosegretario Ferri
ci ricevesse, alle ore 12.30 il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, nel corso di un incontro
con il ministro Anna Maria Cancellieri,
contrattava e otteneva deroghe per Vigevano e per Voghera, ma non per
Crema. Ebbene, in nostra presenza, il
sottosegretario Ferri volle telefonare al
presidente del Tribunale di Cremona,
dottoressa Ines Marini, avendogli il
sottoscritto fatto visionare un documento, a firma Pio Massa (presidente
facente funzione del Tribunale di Cremona), i cui contenuti venivano confermati, successivamente, anche dal presidente in carica, Ines Marini: la richiesta, cio, da parte del Tribunale accorpante, di una proroga, per problematiche organizzative. Sarebbe bastato
che la presidente Marini non smentisse
se stessa e il proprio predecessore e
Crema avrebbe avuto la proroga; invece, ripetutamente incalzata dal sottosegretario che le leggeva telefonicamente lestratto di una relazione in tal
senso da lei redatta, la presidente assicur che Cremona era pronta, grazie
al poderoso lavoro condotto nei mesi
estivi. Fu la pietra tombale di ogni possibile proroga e, la sera stessa fu varato il decreto correttivo, non includendo
la sede di Crema. Che cosa voglio dire? Che non solo la politica cremonese
Pizzetti su tutti, come ebbe a sottoli-

ne. In buona sostanza, deve


dar prova di avere prestato
una adeguata diligenza
nellattivit svolta. In particolare, nel caso di una caduta per le scale condominiali a causa del pavimento
scivoloso, secondo la Corte
di Cassazione (sent. n. 4277
del 24-02-2014) spetta al
danneggiato provare il collegamento tra un pericoloso

trattamento del pavimento


(ad es. il passaggio della cera) da parte del condominio
e lincidente da lui subto. La
Corte ha ricordato infatti
che il condominio, in quanto
custode dei beni condominiali, ha il potere/dovere di
eliminare le situazioni di pericolo relative ai beni medesimi. Morale della favola: se
scivolate per le scale del
condominio o inciampate
nello zerbino situato nellatrio, inviate una richiesta
di risarcimento danno con
raccomandata a.r. allamministratore del condominio.
Scattate le foto del luogo
del sinistro e conservate i
certificati medici per le cure
effettuate. Avete 5 anni di
tempo per proporre azione
di risarcimento.
*Avvocato Stabilito
del Foro di Milano
emiliacodignola@libero.it

neare persino il parlamentare di Sel,


Franco Bordo e in parte, purtroppo,
quella cremasca ha voluto laccorpamento di Crema a Cremona; anche la
magistratura cremonese non si risparmiata, in tal senso. Lo stesso dottor Pierpaolo Beluzzi, con il progetto
Digit Smart - guadagnando per altro
lentusiastica adesione del sindaco di
Crema - ha aiutato ad archiviare 216
anni di storia del Tribunale di Crema, un
Tribunale che, ai vertici nazionali per
efficienza, serviva qualcosa come
151.000 cittadini. Non era prevedibile
che, dallaccorpamento, Cremona sarebbe risultata ingolfata? Come lo
stesso procuratore evidenzia, inoltre,
era naturale che il personale cremasco, magari alle soglie della pensione,
cercasse di avvicinarsi a casa, chiedendo il trasferimento, per esempio a
Lodi. Facendo il verso alle favolette di
Esopo mi vien da ricavare, in conclusione, la morale: la scarsa lungimiranza
di politici e magistrati pu rischiare di
produrre danni irreparabili al servizio
giustizia nel nostro territorio. Ma, forse,
un rischio gi in atto.
Antonio Agazzi
Consigliere Comunale a Crema
per Servire il cittadino
***

zia corrono con velocit diverse, abusando degli strumenti, come la prescrizione, per continuare ad assolvere sistematicamente il capitale, gli appetiti
di potere e di profitto. Per questo la
sentenza non solo lascia senza colpevoli la vicenda Eternit, ma rassicura e
strizza locchio allarroganza dei padroni, confermando che ci sono priorit da tutelare che usciranno sempre
indenni dalle aule di giustizia: la logica
del profitto e larricchimento ad ogni
costo, a discapito di salute, dignit e
sicurezza dei lavoratori. E una vera e
propria sentenza beffa, dopo che
hanno fatto ammalare, morire e tuttora
esistono persone ammalate di tumore,
contratto con lamianto. Questo il
prezzo, lobolo da pagare in questo
procedimento di accusa contro lamianto assassino, a presa lenta ed elevata resistenza, adoperata per la realizzazione di tegole, lastre e tubature, di
gas metano. Volendo brevemente trarre una conclusine dico solo: che ancora una volta il capitalismo uccide e viene sempre salvato.
Andrea Delindati
Cremona
***

"

Ribadisco che la fusione porter


solo benefici allutenza

caso eternit

Ancora una volta il capitalismo


riuscito a salvarsi
Egregio direttore,
dopo oltre due ore di camera di consiglio, la Corte ha accolto la richiesta del
Procuratore generale che aveva invocato lannullamento, senza rinvio, della
precedente sentenza della Corte dappello di Torino nei confronti della ditta
elvetico-belga per intervenuta prescrizione. Cancellata, dunque, con un colpo di spugna la condanna a 18 anni per
il reato di disastro ambientale doloso,
emessa nel giugno del 2013 a carico
del magnate svizzero Stephen Schmidhein, ex presidente del consiglio di
amministrazione di Eternit. E grazie alla
prescrizione, spariscono anche tutti i
risarcimenti per i familiari delle vittime.
E la conferma che i tempi della giusti-

"

acqua pubblica

Egregio direttore,
ho letto lintervento del sindaco di Spino dAdda, Riccaboni sulla proposta di
fusione tra Padania Acque Gestione e
Padania Acque Patrimoniale e non
condivido la volont di allungare i tempi di un percorso inevitabile e gi in
notevole ritardo. Che senso ha pagare
due consigli di amministrazione, due
collegi dei revisori, tutto questo ha dei
costi di gestione che si riflettono sulle
bollette dell'utenza che hanno ormai
dei costi elevati. Lutenza ha diritto a
vedere una riduzione dei costi, un rilancio degli investimenti, un miglioramento delle prestazioni e della qualit del
servizio erogato. Questa fusione rafforza la gestione e riduce i costi, oltre a
rispondere ad una richiesta diffusa dei
consumatori e dei comitati in difesa

dellacqua pubblica, che si battono per


ununica azienda pubblica provinciale.
Lex presidente della Provincia, Salini
ha contrastato in tutti i modi la realizzazione di una societ interamente pubblica, senza la presenza del socio privato, non vorrei che le richieste di Riccaboni, anche se sembrerebbero di
buon senso, siano finalizzate a mantenere lo status quo, impedendo una fusione che porter solo benefici allutenza e alla funzionalit di Padania Acque.
In caso contrario Riccaboni e coloro
che la pensano come lui, vadano a
spiegare ai cittadini cremonesi che in
questi giorni hanno ricevuto bollette
dellacqua salatissime, che meglio
continuare a pagare due consigli di amministrazione invece di uno, scaricando i costi sui consumatori. Realizzare in
tempi rapidi la fusione delle due societ e trasformare la futura unica Padania
Acque in una azienda totalmente pubblica il percorso obbligato per coloro
che hanno sostenuto e votato il referendum sullacqua pubblica nella nostra provincia.
Piergiuseppe Bettenzoli
Segretario del circolo di Crema
di Rifondazione Comunista
***

"

lombardia

Lega e alleati lanciano la corsa


alla speculazione selvaggia
Egregio direttore,
con lapprovazione della legge 140, votata pochi giorni fa dal Consiglio regionale, Maroni, Lega e alleati lanciano la
corsa alla speculazione selvaggia, a un
ulteriore cementificazione del territorio
e a un enorme consumo di suolo. Infatti, viene dato il via libera al convenzionamento degli interventi attuativi su
tutte le superfici previste dagli strumenti urbanistici vigenti. Per la Lombardia ci significa 55mila ettari di nuove urbanizzazioni di territori agricoli:
una superficie superiore al territorio urbanizzato negli ultimi 15 anni! Non basta! Per assicurarsi che la speculazione
approfitti fino in fondo di questa manna, vengono snellite le procedure di
approvazione dei piani d'intervento.
Tutto questo comporta dei rischi molto
chiari: ricorso delle imprese ad eccessi
di indebitamento e fallimento successivo; interruzione dei cantieri e abbandono di opere incompiute; ulteriore penetrazione nel settore immobiliare della
criminalit organizzata che dispone di
denaro di provenienza illecita; aumento
dei disastri provocati dalle piogge in
conseguenza dellulteriore impermeabilizzazione dei suoli. La Lega e le destre nuocciono gravemente allambiente e alla salute dei cittadini lombardi!
Mandiamoli a casa!
Francesca Berardi
Federazione del Prc
circolo R. Luxemburg
***

"

iniziativa

Stop vivisection, consegnate


le firme al Parlamento Europeo
Egregio direttore,
il 26 novembre scorso, alle ore 14, i cittadini europei promotori di Stop vivisection hanno annunciato la prossima
consegna alla Commissione Europea di
1.170.326 firme certificate raccolte su
tale iniziativa. La conferenza stampa
che si svolta a Strasburgo al Parlamento Europeo ed stata presentata
dagli eurodeputati Fabio Massimo Castaldo (Movimento 5 Stelle), Michele
Rivasi (Verdi) e Stefan Eck (Gue). LIniziativa dei cittadini europei (Ice) Stop
vivisection nata dallimpegno di alcuni cittadini desiderosi di porre rimedio al
continuo aggravarsi della situazione sanitaria in Europa, per tutelare il futuro
della nostra stessa specie.
Equivita

Previsioni meteo a cura di Dominique Citrigno per SPAZIOMETEO.com e Meteowebcam.it

Sabato 29 novembre

Domenica 30 novembre

Luned 1 dicembre

MArted 2 dicembre

Mercoled 3 dicembre

CREMA
A

di Gionata Agisti

due settimane dalla premiazione della Maratonina, continua a far discutere il caso del
vincitore, latleta marocchino
Abd al-Latif Batel, che si sarebbe rifiutato di farsi premiare da una
donna, e del sindaco, Stefania Bonaldi
la donna in questione - che ha deciso
di fare un passo indietro per evitare polemiche. Nei giorni immediatamente seguenti, si sono alternate una serie di dichiarazioni per spiegare quel gesto.
Dapprima, una smentita sul passo indietro del sindaco. La presidente dellassociazione, Elena Ginelli, dichiarava, infatti, che, fin dallinizio, era stato deciso
che a premiare il vincitore sarebbe stato
Walter Della Frera, consigliere comunale delegato allo Sport. Batel ha detto,
conosceva il rituale della premiazione,
per aver partecipato nelle passate edizioni, quando sul podio cerano due ragazze immagine dellAstoria, diciamo
poco vestite. Per questo, il suo manager
ha chiesto con estremo garbo se fosse
possibile evitare una foto con queste ragazze, che per questanno non cerano. Paola Ginelli continua: Abd al-Latif
non ha niente contro le donne. Il protocollo prevedeva che a premiare il vincitore fosse il delegato allo sport Walter Della
Frera. Mi chiedo come si possano alterare i fatti in questo modo solo per strumentalizzarli.
Poi, per, anche lorganizzatore
dellevento, pure lui della Bike & Run,
Franco Pilenga, si sentito in dovere di
far pubblicare una dichiarazione, dalle
sfumature un po diverse da quelle riferite a Cremaonline, evidentemente con
lintenzione di mettere la parola fine alla
vicenda: Al momento della premiazione, il manager o compagno di squadra
del vincitore ci ha cortesemente chiesto
se fosse stato possibile che Abd al-Latif
potesse non venire fotografato e premiato in presenza di ragazze, dato che le
foto sarebbero apparse su tutti i giornali
e la cosa non avrebbe fatto piacere alla
sua famiglia. La richiesta ci parsa corretta, in quanto lui, partecipando tutti gli

11

Sabato 29 Novembre 2014

Il trofeo da una donna? No. Il caso del vincitore della Maratonina. Inchiesta nel centrosinistra

Quel rifiuto, unoffesa per le donne?

(foto tratta dal sito Cremaonline.it)

anni alla nostra manifestazione, era consapevole del fatto che, nelle ultime edizioni, delle ragazze immagine di un nostro sponsor lo avrebbero premiato e
fotografato con il loro prodotto. Questo
quanto.
Ma qualcosa non torna. Che senso ha
parlare di ragazze immagine, dal momento che questanno, a differenza degli
anni precedenti, non ce nerano? Sarebbe bastato chiarire al manager, o a
chiunque fosse, questo malinteso e il
problema sarebbe stato risolto. E ancora: perch tirare in ballo le donne se,
come dice Elena Ginelli, era gi stato
precedentemente stabilito che a premiare il vincitore della Maratonina sarebbe
stato Walter Della Frera?
Ecco, dunque, la versione del consigliere Della Frera, che riporta la sua versione dei fatti, per come lha vissuta:
successo tutto cos velocemente che la

cosa non stata chiara nemmeno per


me e per il sindaco. Gli organizzatori sono venuti a comunicarci che il vincitore
chiedeva la cortesia di non essere fotografato vicino a una donna al momento
del premio, per motivi familiari. Il sindaco
non ha voluto indagare e, vista la concitazione, mi ha invitato a occuparmene, in
quanto avrei rappresentato pi che degnamente la citt. A mio giudizio un po
una forzatura sostenere che il compito
delle premiazioni toccava a me, dal momento che evidente che nulla vietava al
sindaco, presente sul palco, di premiare
lei il vincitore.
Fatto sta, comunque, che la decisione
del sindaco stata quella di accondiscendere alla volont dellatleta che ci
sia stato o meno, a monte, un malinteso
-, per cui abbiamo voluto sondare il parere di diverse donne, impegnate nella
societ o facenti riferimento allarea di

centrosinistra, la stessa del sindaco, per


capire se lepisodio le ha offese e se, al
posto del primo cittadino, si sarebbero
comportate allo stesso modo. Facciamo
notare - e ci pare singolare - che dai loro
commenti traspare una maggiore accondiscendenza nei confronti di gesti e
comportamenti compiuti da persone di
altre culture, quando, invece, se gli stessi gesti fossero stati compiuti da italiani,
gli stessi atteggiamenti verrebbero definiti quanto meno maschilisti.
Ci troviamo sempre pi spesso a dover gestire problemi per i quali siamo impreparati commenta Rita Brambini,
della Cgil. Ovvio che, a caldo, fatti del
genere possano offendere le donne che
nel nostro Paese hanno dovuto lottare a
lungo, per avere spazi e diritti nella societ. Ma io credo che si debba affrontare la
questione cercando di comprendere laltro. Certo, di primo acchito, mi sento offesa; poi, per, penso subito a quanto
ignoriamo gli uni degli altri e a quanta
strada ci sia ancora da fare nellera della
globalizzazione delle religioni e dei pensieri. Se fossi stata nei panni di Stefania
Bonaldi, avrei agito nello stesso modo
scelto dal sindaco. Un atteggiamento di
accoglienza il suo, che mi parso molto
tipico di una donna.
Anna Acerbi, direttrice di sede di Cr
Forma, a Crema, invita a non sopravvalutare la faccenda: Ritengo ci siano situazioni molto pi gravi, rispetto a quanto accaduto. In questo caso, lepisodio
conferma il fatto che ci troviamo a dover
fare i conti con la necessit di una maggiore comprensione tra culture diverse,
con un altrettanto differente senso civico, ma da qui a parlare di offesa nei
confronti delle donne ce ne passa. Se mi
fossi trovata al posto del sindaco, avrei
adottato lo stesso atteggiamento, considerato anche il ruolo di equilibrio che il

primo cittadino chiamato a rivestire.


Teresa Caso, consigliere comunale
del Pd, riporta un aneddoto analogo che
lha vista protagonista: Qualche anno
fa, mi capitato di conoscere un imam
ospite in Italia, che non dava la mano
alle donne. Mi ha spiegato il motivo, che
non ha a che fare con un concetto di
supremazia delluomo, e devo dire che
non mi sono sentita offesa. Anche alla
luce di questa esperienza, devo dire che
lepisodio capitato alla Maratonina non
mi ha turbata. Chiaro che non accetto
tutto ci che sottomissione della donna e che presente anche in certi ambienti islamici, ma mi chiedo se la nostra
cultura, che vede spesso la donna come
un oggetto, non sia altrettanto violenta
nei suoi confronti. Lepisodio che ha visto protagonista il sindaco, non mi
sembrato per nulla una mancanza di rispetto nei confronti delle donne.
Ed ecco, cosa ne pensa Paola Caravaggio, presidente dellassociazione
Donne contro la violenza, che, per,
precisa di voler intervenire in questa sede solo a titolo personale: Il non aver
voluto essere fotografato a fianco di una
donna non lo vedo per forza di cose come una mancanza di rispetto nei confronti del genere femminile. Il pensarla
diversamente penso abbia a che fare
con una mancanza di conoscenza di una
religione come lIslam. LIslam, infatti,
come anche il Cristianesimo, presenta al
suo interno alcune divisioni. Per di pi,
sono da tenere presenti le differenze culturali tra i diversi Paesi musulmani e anche allinterno di ogni singolo Paese,
come ce ne sono tra Italia del nord e del
sud, per intenderci. Sono ovviamente
contro tutto ci che lede i diritti di una
donna ma credo che questo singolo episodio sia stato caricato di una valenza
negativa senza un motivo giustificato.

Donne contro la violenza:


Moschea, Consiglio comunale aperto le scarpe rosse sono 134

Lo hanno chiesto tutti i consiglieri di opposizione. I perch della scelta


Con un documento firmato
dai consiglieri di minoranza,
arrivata al presidente del Consiglio comunale, Vincenzo
Cappelli, e al sindaco Stefania Bonaldi, la richiesta di un
consiglio comunale aperto sul
tema delleventuale costruzione moschea, musallah o centro culturale arabo e di non
procedere a varianti urbanistiche finalizzate a prevedere
ulteriori nuovi spazi di culto rispetto a quelli gi previsti.
Ecco le firme: Antonio Agazzi,
Renato Ancorotti, Tino Arpini, Simone Beretta, Alesssandro Boldi, Christian Di
Feo, Paolo Patrini, Alberto
Torazzi e Laura Zanibelli.
Costoro sostengono, avendone le prove, che lattuale
maggioranza consiliare di centrosinistra intende dar corso
alla richiesta di realizzare a
Crema una moschea, musallah
o centro culturale arabo. Ma
questi consiglieri di opposizione rilevano che lesperienza
di moschee e/o centri culturali
arabi in Lombardia, in particolare in provincia di Cremona,
ha originato, a volte, situazioni
di pericolo per lordine pubblico e la sicurezza dei cittadini.
Gli stranieri non hanno solo
diritti, ma anche doveri. Quali? Eccoli: Chi arriva in un
Paese straniero ha il dovere di

conoscere e rispettare la cultura, le tradizioni e le regole ivi


vigenti, ritenuto opportuno,
inoltre, che la multiculturalit
non debba portare al rischio
di un offuscamento dei nostri
valori, ma piuttosto, miri al
rafforzamento e al miglior approfondimento delle nostre
radici giudaico-cristiane.
Inoltre, la giunta Bonaldi intende portare in discussione,
al Consiglio comunale, la variante Pgt funzionale a trovare
allocazione alla moscheamusallah-Centro culturale
arabo, obiettivo programmatico, per altro, taciuto ai cremaschi nel corso dellultima
campagna elettorale amministrativa.

Di fronte alla prospettiva di


avere una moschea in citt,
lopposizione in Consiglio comunale, verifica lormai evidente contrariet di gran parte
della citt e del territorio rispetto a tale ipotesi e sostiene che una simile scelta,
avente carattere di irreversibilit, non pu e non deve essere
assunta prescindendo dalla
messa in atto di una forma di
consultazione popolare la quale certifichi il sentire comune
dei nostri concittadini.
Inoltre, di fronte al tema moschea, appurato che ben
altre sono le priorit del Cremasco, ovvero la sicurezza, lo
sviluppo, loccupazione, la detassazione per famiglie e im-

prese, attanagliate da crisi,


tasse e stretta creditizia. Senza dimenticare che i cristiani,
in alcuni Paesi islamici, sono
oggetto di brutali persecuzioni, torture, massacri, pulizie
etniche, in nome di un fanatismo che rischia di esplodere
anche in Italia, visto che, in
Italia, mancano accordi concordatari e/o intese con lIslam,
simili a quelli che intercorrono
con tutte le altre confessioni
religiose, al fine di regolamentare i vari aspetti della vita civica su cui impattano le varie
fedi, nel quadro di riferimento
sancito dallart. 19 della Costituzione.
In conclusione lopposizione al centrosinistra sottolinea
che la criticit dellattuale fase storica suggerirebbe di evitare, a Crema, unilaterali fughe
in avanti che potrebbero dividere ulteriormente una comunit che mai ha negato, per altro, la possibilit a chiunque di
praticare liberamente il proprio
culto, concedendo anche appositi spazi pubblici, sotto il
controllo delle autorit preposte a garanzia dellordine e
della sicurezza.
Firmato: Forza Italia, Lega
Nord, Nuovo Centro Destra,
Unione di Centro, Fratelli dItalia, Solo cose buone per Crema, Servire il cittadino.

Anche questanno, a ricordo


delle troppe donne vittime di violenza e soprusi, in piazza del
Duomo sono state esposte 134
paia di scarpe rosse a ricordo dei
134 femminicidi perpetrati durante lo scorso anno. Questo evento
stato organizzato dallamministrazione comunale e dalle associazioni del territorio che aiutano
le vittime di violenze.
Alla libreria Dornetti stato
regalato un libro dallassociazione Donne contro la violenza,

mentre al teatro S. Domenico,


Debora Villa ha recitato nello
spettacolo Donne che corrono
dietro ai lupi. Al S. Agostino c
stata la conferenza di padre
Mario Millardi sul tema Monica
e le confessioni di S. Agostino.
Infine in municipio c stato lincontro con Elina Chauvet, ideatrice della rappresentazione
delle scarpe rosse. Gli incontri
di sensibilizzazione proseguiranno sino al prossimo 22 gennaio.

Islam a Crema, dibattito


con Daniela Santanch

Il Club socio culturale Forza


Silvio Crema 1, rendere noto
che sabato 29 novembre alle ore
11, organizza nella Sala dei Ricevimenti a Crema levento-dibattito: Islam a Crema: Emigrazione
o Integrazione?. Parteciperanno la senatrice di Forza Italia
Daniela Santanch, la vice coordinatrice regionale di Forza Italia con delega alle attivit dei
club, Elena Centemero ed attesa la partecipazione anche
della Senatrice della Lega Nord,
Silvana Comaroli. Moderer
lincontro il giornalista della Provincia, Paolo Gualandris.

12

Crema

Sabato 29 Novembre 2014

In Italia, la prima impresa che ha raggiunto il massimo riconoscimento nella cosmesi. Il fatturato salito a 30 milioni

di Gionata Agisti

stata unoccasione di festa


la consegna del certificato di
qualit Certiquality alla Ancorotti Cosmetics Spa,
dellimprenditore cremasco
Renato Ancorotti. La consegna del
prestigioso riconoscimento alla eccellenza gestionale avvenuta il 27 novembre, nella sede dellazienda, in via del
Commercio, alla presenza del presidente dellistituto Certiquality, Giovanni
Ceriani e di diversi ospiti, tra amici
dellimprenditore cremasco e rappresentanti delle istituzioni.
Il certificato in questione rappresenta
il traguardo delle certificazione dei sistemi di gestione per la qualit, lambiente
e la sicurezza, conformi alle norme internazionali: ISO 9001, ISO 14001 e BS
OHSAS 18001. Nel ringraziare i presenti, Ancorotti non ha mancato di sottolineare il merito di chi ha seguito la procedura per il conseguimento della certificazione, i suoi collaboratori, Stefano
Bergamaschi e Alessio Vigani e il neo
direttore generale dellazienda, Marco
Mazzola che, da parte sua, ha anticipato il prossimo obiettivo: Il mio impegno
non solo quello di mantenere il livello
raggiunto, ma anche di migliorarlo. Per
questo, ci stiamo attrezzando per poter
raggiungere, lanno prossimo, un altro
importante traguardo, la certificazione
UNI ISO 13485, in materia di dispositivi
medicali. Ritengo che la Ancorotti Cosmetics abbia tutti i presupposti per riuscire nellintento.
Lazienda, infatti, sta diversificando la
sua produzione e aumentando i propri
siti nella ex Olivetti, che sono ormai nove. I suoi risultati sono pi che incoraggianti e, oltre a rappresentare unottima
eccezione a una congiuntura pi che
negativa, premiano limpegno della Ancorotti Cosmetics alla qualit e allattenzione al territorio, tanto in termini di rispetto dellambiente, quanto di occupa-

Ancorotti, lazienda eccellente

Da sinistra: Massimiliano Falanga, Gianni Rossoni, Gian Domenico Auricchio, Renato Ancorotti, Morena Saltini, Giovanni Ceriani, Giuseppe Zucchetti, Federico Lena

zione a favore di Crema e del suo circondario. Il fatturato annuale si aggira


infatti attorno ai 30 milioni di euro, mentre, nel 2015, si dovrebbero raggiungere
i 35 milioni. Un altro fiore allocchiello
dellazienda il suo 60% e oltre di lavoratrici, alcune di loro occupate in posizioni chiave.
da tempo che pensiamo a un riconoscimento per la Ancorotti Cosmetics
intervenuto il presidente di Certiquality, Ceriani. Si tratta, peraltro, della prima azienda di cosmesi a ottenerlo in
Italia. Mai, come in realt di questo tipo,
larte e la tecnologia si compenetrano
per generare unimprenditorialit di livello. Tra gli amici, che non hanno voluto
far mancare la loro presenza, anche il

sindaco di Offanengo, gi vice presidente della Regione, Gianni Rossoni:


Questo traguardo il frutto di un lavoro
che Renato ha portato avanti nel tempo,
con la determinazione e la convinzione
che lo caratterizzano. La razionalizzazione e lottimizzazione che ha messo in
atto nella gestione della sua azienda,
sono sempre state finalizzate a una
maggiore efficienza e basta guardarsi
attorno per ammirarne i risultati.
Non posso che fare i complimenti ad
Ancorotti, per aver ottenuto un attestato
di questo tipo e per i risultati di bilancio
della sua azienda, di grandissima importanza nella situazione economica in cui
ci troviamo il commento di Gian Domenico Auricchio, presidente della

Alzheimer: corsi di formazione per famiglie e volontari


Lassociazione Italiana
Malattia di Alzheimer di Crema trasmette il calendario
inerente un corso di formazione organizzato per famigliari e volontari. Saranno
docenti del corso anche
professionisti dellospedale
Maggiore di Crema: Alessandro Prelle, direttore di
Neurologia, Riccardo Saponara, medico di Neurologia,
Vanessa Raimondi di Psicologia clinica. Il corso organizzato nellambito del progetto Luniuone fa la forza:
volti amici accanto a chi di-

mentica finanziato dal Bando Volontariato 2014.


I incontro, gioved 11 dicembre, ore 20.45-22.30.
Diagnosi e terapia nella
malattia di Alzheimer e altre
demenze. Alessandro Pelle
e Riccardo Saponara , Neurologia e UVA Ospedale di
Crema.
II incontro, gioved 18
dicembre ore 20.45-22.30.
Malattia di Alzheimer: dalla
parte di chi cura. Alice Gardinali, psicologa e psicoterapeuta, consulente Fondazione Benefattori Cremaschi

e A.I.M.A. Vanessa Raimondi, Psicologia clinica U.O.


Neurologia, ospedale di
Crema.
III incontro, gioved 8
gennaio ore 20.45-22.30.
Accanto ai malati di Alzheimer: la relazione come cura. Clara Pelizzari, psicologa e psicoterapeuta, consulente Fondazione Benefattori Cremaschi e A.I.M.A.
Moira Sangiovanni, psicologa, consulente A.I.M.A.
IV incontro gioved 22
gennaio, ore 20.45-22.30 I
Servizi del Territorio a favore

dei malati di Alzheimer.


Gloria Regazzi, responsabile gestionale RSA Fondazione Benefattori Cremaschi,
vicepresidente A.I.M.A di
Crema.
V incontro, gioved 5
febbraio ore 20.45-22.30.
Terapia occupazionale per
le demenze: autonomia e
centralit del paziente e del
caregiver. Christian Pozzi,
terapista occupazionale
presso Ancelle della Carit Cremona e docente universit Cattolica in Terapia
occupazionale e geriatria.

Trattamento della fibrillazione


atriale mediante crioablazione
LUnit operativa di Cardiologia dellospedale di Crema,
diretta da Maurizio Landolina, ha in corso un programma
di trattamento della fibrillazione atriale mediante crioablazione. La tecnica, approvata a livello internazionale,
comunemente utilizzata nei maggiori Centri cardiologici in
Italia e allestero. Nellambito di questo programma, lUnit
operativa di Cardiologia ha attivato una collaborazione
scientifica con la Clinica Pasteur di Tolosa (Francia) e nei
giorni 25 e 26 novembre il dottor Serge Boveda, direttore
dellElettrofisiologia della Clinica Pasteur, stato presente
in Sala di Elettrofisiologia per tre procedure di crio-ablazione programmate.

il dott. Maurizio Landolina, il dott. Serge Boveda, il dott.


Pietro Maria Agricola durante la procedura di crio-ablazione

Scannabue: rubano pannelli solari al bocciodromo


I malviventi hanno preso di mira il
bocciodromo di Scannabue, dove nella
notte da venerd a sabato hanno portato via 51 pannelli solari del peso di 25
chili luno per un danno di 60mila euro.
Il danno stato comunicato al presidente Moro di Scrp. Avverte il sindaco

di Scannabue : La struttura sorge vicino a delle case, anche se la zona non


illuminata, non ci sono allarmi o telecamere. Adesso dobbiamo fare la gara
per appaltare un nuovo impianto. Ci
vorr parecchio tempo. Il bocciodromo assicurato.

Pacioli, considerato tra i migliori istituti in Europa


Listituto Pacioli ha
rappresentato lItalia a
Bruxelles in un workshop
di ricerca e di costruzione dei modelli didattici
innovativi. La scuola superiore cremasca stata
scelta dalla European
Schoolnet dellUnione
Europea e lIndire del
Ministero dellIstruzione

italiano. Il 19 novembre a
Bruxelles erano presenti,
insieme al Pacioli per
lItalia, i rappresentanti
delle scuole del Portogallo, dellEstonia, della
Finlandia e della Norvegia, cio di alcuni dei sistemi scolastici pi evoluti. Lo scopo del workshop era quello di pro-

gettare la produzione di
video che rappresentasse le migliori pratiche
didattiche da proporre
poi, come modello alle
scuole europee. Una
troupe dellEuropean
Schoolnet a febbraio arriver a Crema e filmer
il modo di lavorare del
Pacioli.

Camera di Commercio di Cremona e, da


pochi giorni, eletto presidente di Unioncamere Lombardia. Da imprenditore,
so bene quanto sia difficile ottenere una
certificazione cos prestigiosa. Per
lamministrazione comunale, era presente lassessore alle Attivit produttive,
Morena Saltini: Limpegno sociale che
il territorio riconosce alla Ancorotti Cosmetics un motivo di vanto anche per
lamministrazione della citt, in quanto
svolge un ruolo di volano e di stimolo
per altre aziende, sollecitate a fare lo
stesso.
Ad augurarsi che anche altre realt
produttive possano seguire lesempio
della Ancorotti Cosmetics, il consigliere
regionale della Lega Nord, Federico

Lena, mentre, per loccasione, Massimiliano Falanga, direttore generale


dellAssociazione Industriali di Cremona, ha consegnato a Renato Ancorotti
un altro riconoscimento, da parte della
stessa Assoindustria, sempre dovuto ai
risultati eccellenti dellazienda di cosmesi. Infine, Giuseppe Zucchetti, direttore della Libera Artigiani: Non ho
ma dubitato che tu potessi ottenere
questo risultato e, da cremasco, ti ringrazio per gli obiettivi di fatturato che
hai conseguito, che rappresentano una
ricchezza per il territorio, ma, soprattutto, ti ringrazio per essere restato a Crema. Troppo facile delocalizzare, quando
le cose vanno male. Rimanere qui, invece, una scelta che ti rende onore.

Natale, Gran Gal da Rotary Pandino e Rotaract


Un grandissimo
evento per raccogliere
fondi a favore del reparto di pediatria
dellospedale di Crema e degli Istituti
Ospitalieri di Cremona. E questa liniziativa Gran Gal di Natale promossa da Rotary Pandino Visconteo e Rotaract Terre Cremasche che
si terr venerd 5 dicembre ore 20.00 a
Cassano dAdda. Oltre 350 ospiti sono
attesi nelle sale di Villa Borromeo per
una serata che si ispira al Ballo della
Rosa di MonteCarlo e che vede al fianco dei club presieduti da Marina Zanotti e Pietro Perolini numerosi sponsor. Sono pi di 40 sponsor locali e
nazionali che hanno deciso di sostenere
questa serata allinsegna della beneficenza spiega Perolini, presidente del
Rotarct Terre Cremasche. Lamborghini,
Gag Milano, il negozio Andy in via Mazzini, Ancorotti Cosmetics sono alcuni
dei nomi che hanno aderito alliniziativa
organizzata dai due club cremaschi.
Per quanto ci riguarda spiega Marina Zanotti, presidente del Rotary Pandino, devolveremo la nostra parte di ricavato per un progetto gi in essere presso gli Istituti Ospitalieri di Cremona nella
Breast Unit guidata dal dottor Daniele
Generali. Contribuiremo a realizzare delle stanze ad alto comfort per le pazienti
del reparto oncologico e anche per i loro

famigliari chiamati ad
assisterle. Il Rotaract,
invece, sovvenzioner
lacquisto di una culla
incubatrice per il reparto di pediatria dellospedale di Crema nonch
lacquisto di due schermi LCD per gli ambulatori del reparto che serviranno per divertire i

piccoli pazienti.
La serata vedr la partecipazione dei
nomi pi importanti del mondo produttivo e professionale della Provincia. Il
catering della cena sar curato dagli
chef di Villa Toscanini di Ripalta Guerina, lintrattenimento musicale sar affidato al maestro Alessandro Lupo Pasini e a cui seguir un dj set curato da
DJ Cino, giovane Dj del cast di Quelli
che il Calcio, la trasmissione di RAI 2.
Seguir inoltre una ricchissima lotteria
con premi che vanno da borse firmate
Moschino a week end per due persone
nei pi lussuosi hotel della penisola offerti da The Leading Hotels of the
World.
Abbiamo ricevuto tantissime adesioni spiega Marina Zanotti, segno che
abbiamo puntato su un service sentito
dal territorio. Ci sono pochi posti disponibili ed possibile acquistare il biglietto
contattando la segreteria dei nostri club
sul sito internet che contiene tutte le informazioni www.grangaladinatale.it o
chiamando il numero 346-7515845.

Servizio civile: 65 domande


per cinque posti di lavoro

E stato realizzato il primo flash mob


di Crema by Aperunning: grande stupore

Sono 65 le candidature al bando di concorso del Servizio civile presso il Comune di Crema. Chiuso ufficialmente venerd scorso, mette a disposizione 5 posti di lavoro: 3 presso la
biblioteca di via Civerchi e 2 presso i servizi
sociali. Le domande d'iscrizione sono ora al
vaglio degli uffici comunali.
Per limpiego in biblioteca, le domande sono state 48. Su 64 candidati, 36 le iscrizioni al
femminile (33 per un lavoro in biblioteca) contro le 29 maschili.
Sono 33 le richieste rivolte al servizio bibliotecario, mentre ammontano solamente a 3
quelle rivolte ai servizi sociali. Al contrario, il
sociale ha suscitato molto pi appeal tra il genere maschile, che ha presentato 14 candidature: una in meno rispetto alle quelle inerenti la
biblioteca. Quella del servizio civile unesperienza spendibile nel curriculum, e per 30 ore a
settimana garantisce circa 430 euro al mese

Riceviamo e pubblichiamo: Mercoled 26 novembre


2014 stato realizzato il primo flash
mob di Crema by
Aperunning. Nonostante il tempo il
flash mob ha dato
grandi risultati con
la presenza di numerose persone che
lo staff Aperunning
ringrazia una per
una. Il gruppo si
mosso per le vie del centro creando stupore tra i passanti.
All'arrivo, previsto presso il locale Zanzibar, il proprietario Luca li ha
tenuti al caldo con un ricco aperitivo a buffet. Vi Aspettiamo tutti al prossimo flash mob. Tenetevi aggiornati seguendoci su Fb Aperunning o
contattandoci al numero 389-4630327.

Crema

Suicidio o disgrazia? Sia lEnel che la polizia romena stanno indagando sul volo mortale

Cassani, precipitato dal quarto piano

dalla redazione

atteo Cassani, 42 anni, cremasco, da dieci


anni allEnel, direttore
generale del colosso
italiano dellenergia a
Bucarest, precipitato dal quarto
piano della sede dellazienda. E
morto sul colpo. LEnel ha aperto
unindagine interna per scoprire le
cause che hanno portato al tragico
volo. Al momento lipotesi pi attendibile suicidio: Cassani si sarebbe
lanciato dalla finestre del suo ufficio,
ma la polizia romena non vuole trascurare altre piste investigative come quella di un drammatico incidente. Ampio spazio stato dato
alla notizia dalla televisione romena.
Personaggio noto e stimato a Crema, il dirigente lascia i suoi genitori.
Dopo aver conseguito la laurea
in ingegneria industriale, al Politecnico di Milano, Cassani nel 2000

A lato Matteo Cassani, sopra i vari reparti sul luogo dell'incidente

stato responsabile del settore Business Development per Enel Italia.


Quattro anni dopo stato nomina-

to direttore dello stesso settore in


Romania, carica che ha ricoperto
fino al 2009, quando stato nomi-

nato ceo di Enel Energie ed Enel


Energie Mountenia, sempre con
sede in Romania.

La Croce rossa festeggia i suoi primi 150 anni


Tutti gli eventi a Crema, in piazza Duomo: pesca di beneficenza, screening, croci di anzianit

Il Comitato di Crema della Croce


Rossa Italiana, in occasione della
chiusura dellanno in cui si festeggiano i 150 anni di storia dellassociazione di volontariato pi grande
del mondo, organizza una giornata
di festeggiamenti in piazza Duomo.
Lappuntamento per sabato 29
novembre dalle 9 alle 18. A partire
dalle 9 e per tutta la giornata, la
zona antistante lingresso del Comune sar animata dalla pesca di
beneficenza, dove i giovani della
CRI faranno pescare i piccoli cremaschi aspettando Santa Lucia e
Babbo Natale. Allinterno degli uffici della Pro Loco, dalle 9 alle 11.30
le infermiere volontarie eseguiranno
screening gratuiti provando pressione, glicemia e colesterolo.
La mattinata proseguir in Sala
Ricevimenti del Comune alle ore 10
con la consegna delle Croci di an-

zianit a 35 volontari che svolgono


ininterrottamente il loro servizio
gratuito a favore dei cremaschi da
15 e da 25 anni. Alle 11.30 il centro
di Piazza Duomo diventer la scena

Pierfranco Accardo
il nuovo ceo del
gruppo Chromavis
Riceviamo e pubblichiamo: Pierfranco Accardo il nuovo amministratore delegato del gruppo Chromavis. Subentra a Michele Marini che
lascia lazienda per motivi familiari.
Accardo entra in carica in un importante momento di crescita per la societ. Dopo lintegrazione della divisione FarevaColor avvenuta lo scorso
Luglio, Chromavis diventa la business unit del gruppo Fareva dedicata
al make-up, con Headquarter sempre
a Vaiano e siti produttivi e filiali in
Italia, Francia, Polonia, Brasile, USA e
Asia. Un percorso di crescita continua che porta Chromavis ad acquisire un nuovo potenziale strategico,
nuove piattaforme produttive anche
in mercati esteri, oltre che una nuova
e pi completa offerta di prodotto.

di un malore; i truccatori e i simulatori della Croce Rossa daranno voce e corpo ad un signore che, passeggiando in centro, viene colto da
un arresto cardiaco. Ci sar la di-

mostrazione come si interviene,


come si allertano i soccorsi e come
eseguire un massaggio cardiaco.
Elenco dei volontari premiati (15
anni): Barbasetti di Prun Fabrizio,
Beccalli Marisa, Bignami Sonia,
Boldiszar Giuliana, Bonciani Paola,
Calatr Maria Luisa, Coti Zelati Enrico, Guarneri Ermanno, Guerini
Rocco Roberto, Inzoli Stefano,
Leggieri Cristina, Locatelli Clara,
Marchesi Maria Rosa, Martellosio
Giuseppe, Olmo Nicoletta, Picco
Doriano, Piloni Andrea, Raimondi
Rosangela, Ricci Elisabetta, Segantini Perla, Tupone Maria Ersilia,
Zagheni Matteo, Zecchini Carolina.
(25 anni): Belloni Maria Luisa, Bergonzi Angelo, Capelli Vincenzo,
Cornalba Giovanni, Gerevini Fabiano, Guerci Carlo, Lipani Gaspare,
Nicchi Giuseppina, Passeri Enrico,
Ricetti Liliana.

Ex distributore di porta Serio: chi vuole acquistarlo?


Lassessore ai Lavori Pubblici
e alla Viabilit, Fabio Bergamaschi, annuncia che stata deliberata la procedura per acquisire
le manifestazioni dinteresse alla
gestione dellarea di propriet
comunale ex distributore di via
Diaz-porta Serio per una durata
di dieci anni. Nei prossimi giorni,
appena pubblicata la delibera
allalbo pretorio, sar possibile
conoscere nel dettaglio il bando
e inoltrare le relative manifestazioni .
Si tratta di area fino ad alcuni
anni fa soggetta a concessione
per stazione di distributore di
carburante ed ora, dopo la bonifica effettuata, a disposizione
dellamministrazione comunale
che intende riaffidarla in concessione a soggetti interessati ad
una gestione che contempli anche la sua riqualificazione.
Il contesto monumentale in cui
si inserisce lex distributore di car-

buranti afferma lassessore Bergamaschi, tale da meritare non


solo il ripristino del decoro, ma
una compiuta valorizzazione. Infatti Porta Serio e il Torrione sono,
insieme ai giardini pubblici, monumenti attigui allarea e costituiscono gli elementi di ingresso al centro cittadino. Intendiamo rilanciare
la zona. La manifestazione di interesse con contestuale richiesta
di invito, dovr essere presentata
in forma scritta al Comune a mezzo raccomandata del servizio postale oppure mediante agenzia di
recapito autorizzata o essere consegnata a mano presso lufficio
protocollo. I dettagli e il modulo
della domanda saranno pubblicati
anche sul sito del Comune.
La concessione avverr a seguito di procedura pubblica di
selezione, bandita in una seconda fase, dopo questo primo step
di acquisizione di manifestazioni
di interesse, che servir a sonda-

Le ricerche sono rivolte a candidati delluno e dellaltro sesso (L:903/77 e L. 125/91) Trattamento dati personali secondo D.Lgs. 196/2003 visionabile sul sito www.maxwork.it Aut. Min.
Prot. N 1239 - SG del 22/12/2004
Maxwork S.p.A. - Agenzia per il lavoro Sede Legale via DellEsquilino, 38 00185 Roma
Sede Amministrativa e Direzione Generale Largo Porta Nuova, 14 - 24122 Bergamo

OPERAIO CALDAISTA ESPERTO NELLA PROVA FUMI E RIPARAZIONE CALDAIE. FINALITA ASSUNZIONE. SEDE
DI LAVORO: VICINANZE CREMA.
OPERAIO CON ESPERIENZA NELLA
CONDUZIONE DEL MANITOU. INDISPENSABILE ESSERE IN POSSESSO
DI ADEGUATO PATENTINO.
SEDE DI LAVORO: VICINANZE CREMA.

CUOCO SENIOR. GRADITA ESPERIENZA PREGRESSA MATURATA IN CUCINE DI MEDIO/ALTO LIVELLO. SEDE DI
LAVORO: VICINANZE ROMANO DI LOMARDIA.
PERSONALE ISCRITTO ALLE LISTE
REGIONALI DI MOBILITA PER AZIENDE DEL CREMASCO OPERANTI IN
VARI SETTORI.

Maxwork S.p.A. - Filiale di Crema Via Lago Gerundo, 18/3 - 26013 Crema (CR)
Tel. 0373 200471 - Fax. 0373 203449 mail: maxddlcrema@maxwork.it www.maxwork.it

13

Sabato 29 Novembre 2014

re il terreno e capire l'effettivo e


reale interesse dei privati. Il criterio di aggiudicazione, gi reso
noto ai partecipanti di questa
prima fase di selezione, sar
quello della offerta economicamente pi vantaggiosa, dando
tuttavia massima valorizzazione
agli aspetti tecnico qualitativi
della proposta.
Il sindaco Stefania Bonaldi
conclude anticipando una ulteriore novit: Nelle prossime settimane daremo corso ad un altro
intervento di grande significato,
ovvero la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione per i
giardini pubblici di Porta Serio.
Recuperare il degrado per creare
bellezza e sicurezza. Lobiettivo
questo e ci fa piacere annunciarlo in concomitanza con questo
bando, in queste ultime giornate
di raccolta firme promossa dal
FAI per la valorizzazione del Torrione di Porta Serio.

Luoghi del cuore:


recupero Torrion
e Mura venete

La votazione non ancora terminata, ma la


scadenza sabato, 29 novembre. Il regolamento semplice, lo scopo nobile. Dare la possibilit a due gioielli del territorio di essere difesi, attraverso un percorso mirato di recupero, studio
e valorizzazione. #iotifoper e #cremaperlemura
sono gli hashtag con cui i cremaschi possono
sostenere il Torrion e le Mura; valorizzazione, tutela, bellezza e affetto, sono alcune tra le
motivazioni tra cui scegliere al momento della
segnalazione.
Il concorso i luoghi del cuorespiega lAssessore Fabio Bergamaschi, mira a sensibilizzare cittadini e istituzioni al tema del rispetto e
della promozione del patrimonio delle nostre
citt, un patrimonio la cui bellezza spesso non
riesce mai ad allinearsi al potenziale espresso.
Con loccasione di questo concorso, vogliamo
sostenere uno specifico progetto di azione volto
al recupero del Torrion di Porta Serio e delle
Mura Venet..
Per aiutare il Luogo del Cuore cremasco a
scalare la classifica nazionale del FAI ancora
possibile votare online al link diretto http://iluoghidelcuore.it/luoghi/81652 oppure scaricando
lapp su smartphone collegandosi a http://iluoghidelcuore.it, firmando presso lURP del Comune, la Biblioteca, il Museo Civico e presso
tutti i negozi che espongono il marchio della
campagna.

Lena (Lega):
nuove norme nella
lotta alle nutrie

Abbiamo dimostrato
di non attendere la solita
melina romana, ma
deciso di intervenire in
un ambito, quello della
lotta alla nutria, che esige strumenti rapidi ed
efficaci. Cos Federico
Lena, consigliere regionale della Lega Nord, interviene a seguito dellapprovazione delle nuove
norme per il contenimento della nutria approvate dal Consiglio regionale lombardo. Una serie
di scoordinate modifiche alla legge nazionale ha
completamente cambiato le carte in tavola circa
lapproccio al problema nutria, a partire dalle
competenze, la cui attribuzione risulta oggi essere in capo ai Comuni. E con questa legge la
Regione conferma le competenze ai Comuni,
individua la Provincia come ambito ottimale di
coordinamento degli stessi e disciplina come
devono essere congegnati i piani di eradicazione al cui interno, e solo al loro interno, possono
essere utilizzati i metodi di cattura e di abbattimento previsti nella presente normativa.
Continua il consigliere regionale Lena: Non
mi sento di negare del tutto che lambito di
estrema novit della norma possa portare con
essa elementi di criticit, ma la scelta politica di
questo consiglio, approvando questo atto, indica chiaramente la rinuncia allimmobilismo di
fronte a scelte errate compiute a livello centrale, accollandosi il rischio di proporre soluzioni
coraggiose e innovative, tra cui la valorizzazione delle carcasse e delle pellicce di nutria, con
questa legge non pi classificate come rifiuti
speciali.

Vailati: regalato un intero laboratorio informatico


Novembre si sta rivelando prezioso per le scuole di
Crema e per lAssociazione Borgo San Pietro; stato,
infatti, appena consegnato in comodato alla scuola
primaria di Borgo San Pietro il materiale per i laboratori ludico creativi offerti da Inner Wheel Club Crema, e ci si appresta a consegnare, sempre in comodato gratuito per la scuola, un intero laboratorio informatico per la media Vailati.
Limportante donazione del Rotary Club Crema
Host che, ancora una volta, si dimostra un club attento alle esigenze educative e al miglioramento delle
strumentazioni informatiche delle scuole cremasche.
Lanno scorso, infatti, questo Rotary ha donato alla
primaria di Borgo San Pietro 15 tablet ed ora doner,
come si diceva, un intero laboratorio informatico,
completamente nuovo e dotato di pc portatili, versatili ed utilizzabili immediatamente dagli studenti delle
Vailati e dai loro insegnanti. La media Vailati per tanto
tempo stata dimenticata e, nella penuria di fondi

pubblici, non riuscita ad aggiornare i laboratori e gli


strumenti educativi per proporre attivit e progetti
educativi innovativi e moderni a favore dei ragazzi,
pur con limpegno massimo profuso dagli insegnanti.
La consegna del laboratorio, avverr con una conferenza stampa nella sede della scuola Vailati in via
del Ginnasio, martedi 2 dicembre alle ore 11, alla presenza della dirigente Rabbaglio, del presidente del
Rotary Club Crema, Franco Bonfanti, degli insegnanti e della presidente dellassociazione Borgo San
Pietro, Maria Luisa Crotti. Davvero un grazie enorme
va al Rotary Club Crema ed al suo Presidente per aver
creduto in un progetto e soprattutto per aver investito
sulla formazione dei giovani, essenziale in un momento di crisi per poter preparare nuove generazioni capaci di affrontare la sfida globale del mondo di lavoro
a parit di mezzi e condizioni rispetto a nazioni economicamente pi forti o semplicemente pi attente a
spendere fondi pubblici nella scuola e per la scuola.

14

Sabato 29 Novembre 2014

FINE DI UN AMORE A TEATRO

CASALMAGGIORE

casalmaggiore@ilpiccologiornale.it

Emilia, stata una disgrazia?


Ritrovato il corpo della 73enne Azzini a Piadena, nei pressi della sua abitazione. Le ricerche erano iniziate domenica

di Giovanni Gardani

Clture de lamour, ne di
un amore. E lo spettacolo
teatrale che va in cena stasera alle ore 21 al Comunale
di Casalmaggiore, proposto
da Emilia Romagna Teatro
Fondazione. Uno spettacolo di Pascal Rambert con
traduzione di Bruna Filippi,
con Anna Della Rosa e Luca
Lazzareschi. E con la partecipazione del Piccolo Coro
della Bassa, formato da Leonardo Allegretti, Marco Assensi, Isabel Avosani, Alice
Ballabeni, Letizia Besacchi,
Nicole Farina, Mariarita Felicetti, Davide Lena, Rebecca
Lena, Matteo Scaglioni, Alice Solimei, Eleonora Visioli
e Marco Visioli. Maestro del
coro Cesare Visioli.
Clture de lamour racconta della separazione di
una coppia che cerca di
mettere ne a qualcosa:
alla propria storia comune,
a una storia che vorrebbero
chiudere per sempre. Sono
mossi dalla rabbia e dalla necessit urgente di dividersi.

BIJOU, MUSEO PER TUTTI

Il Museo del Bijou di Casalmaggiore organizza la


mostra I Bijoux delle Feste, che si terr dal 13 dicembre 2014 al 25 gennaio
2015. Verranno esposti monili in materiale non prezioso, hand-made, a tema natalizio o comunque adatti
alle festivit, quindi eleganti,
luccicosi, da sera. Il museo invita chi ne produca a
partecipare con 5 creazioni, a titolo completamente
gratuito. Le uniche condizioni sono la consegna e il
ritiro dei bijoux a proprio carico e spese e la partecipazione alla inaugurazione,
che si terr sabato 13 dicembre alle ore 16.30. Per
aderire, compilare il modulo che si trova sul sito www.
museodelbijou.it (sezione
News/Eventi) e inviarlo entro il 2 dicembre allindirizzo mail info@museodelbijou.it o a l.frigerio@comune.
casalmaggiore.cr.it, insieme
alle immagini dei bijoux che
si intendono proporre per la
mostra.

na tragica notizia arrivata ieri mattina attorno alle 11.30 da


Piadena, per la precisione dalla frazione
del Vho: infatti stato ritrovato il
cadavere di Emilia Azzini in un
canale, il Cavo Magio, che rappresenta una derivazione della
Delmona. Il corpo della donna di
73 anni scomparsa da casa da
domenica mattina e per la quale
si sono mobilitati uomini della
Protezione Civile, dei Vigili del
Fuoco e dellArma dei Carabinieri, giaceva in un canale che si trova a pochi metri dal distributore
Retitalia, molto vicino a via Ferraris, praticamente dallaltro lato
della strada rispetto allabitazione
della famiglia Furini-Azzini, distante allincirca 250 metri, dalla
quale Emilia si era allontanata domenica mattina. La conferma
arrivata dalla famiglia e dalle autorit dopo il riconoscimento. Sul
posto sono giunti anche gli uomini delle Onoranze Funebri Giani.

A sinistra l'abitazione di Emilia Azzini (nel riquadro) e a sopra il canale in cui ieri stato trovato il corpo privo di vita

Si concludono cos le lunghe


ricerche durate per quasi una
settimana, che hanno coinvolto
uomini e volontari che senza sosta hanno provato a capire, battendo ogni metro quadro del territorio piadenese, quale fosse
stato il destino di Emilia: che, invece, giaceva in un canale a pochi passi da casa. Anche la trasmissione tv Chi lha visto? di
mercoled sera si era occupata
del caso.

Ancora non si sa nulla in merito alle cause della morte, anche


se prende corpo anche lipotesi
della disgrazia: non si esclude
che la signora, che aveva qualche problema di deambulazione,
possa essere scivolata nel canale
Cavo Magio mentre inseguiva il
gatto da poco scappato da casa.
Questa ipotesi potrebbe anche
giustificare labbigliamento da
casa della donna, che come detto indossava il pigiama al mo-

mento della scomparsa. Rimane


anche un mistero come sia possibile che nessuno labbia notata
prima, in quanto il cadavere
stato rinvenuto proprio di fronte
allabitazione della donna, sullaltro lato della strada. Secondo alcune voci non ufficiali, pare che i
cani avessero avvertito lodore,
ma non riuscivano a trovarla. Per
questo sarebbero state aperte le
chiuse: lacqua, inondando il fosso, ha fatto s che il cadavere,

probabilmente incagliato nellerba alta venisse a galla. Prima,


probabilmente, si trovava quindi
pi a monte, forse verso Bozzolo.
Questo spiega per quale motivo
nei giorni precedenti le squadre
di ricerca, pur avendo perlustrato
palmo a palmo tutta la zona, non
avessero trovato traccia del corpo. I residenti della zona del canale, peraltro, confermano che lo
stesso fino a gioved sera era
praticamente privo di acqua.

Tempio induista, scontro feroce Rivaroli-Borghesi


Il sindaco: Richiesta protocollata e registrata da lui. Che replica con durezza

SCANDOLARA RAVARA - La richiesta da parte dei fedeli


ind di avere un lugo di culto individuato a Castelponzone,
oltre che far discutere in paese e nel capoluogo Scandolara,
ha provocato un aspro scontro politico tra maggioranza e
opposizione, e in particolare tra il sindaco Velleda Rivaroli e
il capogruppo di minoranza Francesco Borghesi. Quest'ultimo era assente nel Consiglio comunale di mercoled, nel
corso del quale il sindaco aveva illustrato la richiesta fatta da
due indiani residenti a Vescovato e Pessina, ma protocollata
e valutata da Borghesi. Questi ieri ha replicato in modo decisamente pesante, con un comunicato che in parte segue.
Caro Sindaco, Lei forse non sa che chiedere lecito e
rispondere cortesia se poi si tratta di una pubblica amministrazione rispondere dobbligo, ma evidentemente la
Sua arroganza le impone di pensare di essere superiore e di
poter manipolare i fatti e i pensieri altrui come meglio le piace, ma dimenticavo che essendo la faccia ripulita del sindaco precedente, per lo pi pregiudicato e con qualche altra
denuncia in fase di giudizio, per conflitto di interessi, non si

nemmeno resa conto che del tempio Ind su cui ha voluto


scatenare questa sterile polemica, io non centro niente.
Come libero professionista sono stato incaricato da anni alla
sistemazione e alla messa a norma del capannone incriminato, i cui proprietari, castellini di origine e milanesi di adozione si sono affidati a me. Questi, in contatto con il gruppo
induista in questione per la vendita dellimmobile, mi hanno
incaricato di informarmi presso lamministrazione della possibilit o meno per la trasformazione in luogo di culto del
capannone in oggetto, cosa che come ben sa ho fatto, inoltre ci siamo incontrati, con Lei, larchitetto e lassessore ai
servizi sociali. Avute queste informazioni le ho riportate alla
propriet, come il mio incarico richiede e qui finisce... Credo
che un proprietario possa fare ci che vuole della sua propriet e ovviamente venderla a chi vuole... Lei ha bisogno di
un consulente per le decisioni e responsabilit anche in un
settore di cui stata assessore per 5 anni. Sa di solito ci si
laurea oggi in 5 anni, ma evidentemente andata leggermente fuoricorso e forse per questo che la responsabilit

e lumilt non sono proprio nelle Sue corde e aggiunge ora


anche la falsit, ma poi cosa condivider col consulente?...
Non forse Lei che ha fatto promesse a Castello e poi ha
fatto voltagabbana? Vuole ora riacquistare credito a Castello
descrivendomi come il lupo cattivo che vuole affossare il
nostro Borgo? O sta, pi realisticamente, mirando a mete
pi ambite e remunerative come lExpo piuttosto che ai reali bisogni di Castello?.

Casalmaggiore risistema lilluminazione comunale. Lenergia sar graduale


E uno dei progetti pi interessanti legato al Paes, ossia al Patto per lenergia
sostenibile al quale il comune di Casalmaggiore ha aderito nei mesi scorsi, prima con lamministrazione Silla poi con la
nuova giunta Bongiovanni. Ed stato
anche uno dei pochissimi punti in comune tra due visioni politiche molto diverse
spesso in conflitto.
Lintenzione quella di risistemare dal
punto di vista energetico (e di conseguenza economico) limpianto di illuminazione comunale, che lamministrazione
ha riscattato da Enel dopo la nuova legislazione in materia: un percorso portato
avanti dallallora assessore Tiziano Ron-

da che ora viene perfezionato, nel progetto esecutivo, da Vanni Leoni, attuale
assessore alla Viabilit e ai Lavori Pubblici. Sin qui nulla di nuovo, ma una determina pubblicata allAlbo Pretorio on line
del comune di Casalmaggiore rende note
le prime cifre dello stesso progetto.
Anzitutto i costi: il comune investir in
totale 47.824 euro, di cui 45mila reperiti e
messi a bilancio per il 2015, e i restanti
2.824 euro prelevati dal bilancio 2014.
Ma in realt questo un investimento
preliminare - spiega Leoni - dato che
questi soldi torneranno poi in cassa, nel
momento in cui verr promosso il bando
per la realizzazione del progetto. Quando

infatti questo bando verr lanciato, tra le


varie aziende che parteciperanno ve ne
sar una vincitrice, che dovr farsi carico
dei costi di realizzazione, e otterr poi
contributi proprio dal bando stesso. Di
fatto il comune anticipa questi soldi, impegnandoli a bilancio.
Intanto il comune di Casalmaggiore ha
affidato lincarico del progetto alla societ Ies srl con sede a Brescia in via Villa, la
stessa che lo stesso Leoni aveva gi contattato quando era sindaco di Gussola
per altre opere inerenti al settore dei lavori pubblici. Lintenzione quella di realizzare un impianto di illuminazione intelligente, con punti luci ad intensit diversa

a seconda dei luoghi e delle ore della


giornata: per esempio la piazza potrebbe
avere unilluminazione pi soffusa, per risaltarne la bellezza, mentre alcuni punti
critici dove pi spesso si verificano furti,
avranno una percentuale di luce maggiore.
Non solo: anche limpiego dellenergia
elettrica sar graduale e varier a seconda delle ore di luce o di buio, con un
conseguente risparmio energetico. Ora,
con questo progetto che entra anche nei
dettagli, non resta che attendere luscita
del bando: intanto il comune ha fatto la
sua parte impegnando parte della spesa
a bilancio.

Casalmaggiore

Sabato 29 Novembre 2014

Argine, la verifica dellaltezza

Polemiche a seguito del resoconto sugli angeli della sabbia. Ma i primi sacchi li ha messi il Navarolo ed ora si misura

di Vanni Raineri

ono state davvero tante


le reazioni allarticolo degli angeli della sabbia
che salvano la golena,
pubblicato sabato scorso. In particolare, rimostranze sono piovute da membri della protezione civile che vi hanno letto critiche al loro operato, o almeno
scarsa valorizzazione mentre veniva esaltata unoperazione discutibile, per qualcuno anche delinquenziale. Lo strascico di polemiche arrivato gioved sera anche in Consiglio comunale, dove
stato chiesto al sindaco di prendere posizione a difesa dei volontari impegnati, evidentemente ritenuti offesi dallarticolo incriminato.
Diciamo subito che il termine
di angeli si rif a chi si presenta
allimprovviso a dare una mano,
si materializza sul posto e senza
percepire lombra di un euro
nemmeno di rimborso spese. Altra cosa chi presta il suo supporto in modo organizzato come
la protezione civile. A questa va il
grazie incondizionato di tutti noi,
non solo di chi vive in golena ma
di tutti quelli che sono protetti
dallargine maestro: ha sempre
retto, ma lattenzione non va abbassata di un grado. Il loro lavoro
stato encomiabile. Da parte
nostra abbiamo per descritto
una singola operazione, condotta
da un gruppo di persone che si

Santa Maria: il Po ha raggiunto l'altezza dell'argine e si prepara a tracimare

I primi sacchi posati nel punto critico, ma dal Consorzio di Bonifica

sono impegnate a fondo per salvare la propria golena, e alle quali gli organi ufficiali non potevano
dare una mano. Costoro non
hanno alzato largine in una notte

di un metro, potevano solo tamponare un breve tratto particolarmente critico, e lo hanno fatto
con notevoli sforzi. Il grazie che
hanno ricevuto da chi vive in go-

lena stato sincero, proviamo a


pensare di trovarci acqua e fango
in casa nostra senza speranza,
ormai, di ricevere unombra di indennizzo perch la golena appartiene al fiume. Spesso ce la prendiamo giustamente con chi ha
costruito, magari abusivamente,
in zone a rischio, e poi magari ha
approfittato di un condono. Sono
casi ben diversi, la nostra gente
vive in quelle cascine golenali da
oltre un secolo.
Detto questo, il titolo era un
po provocatorio, e gi allinizio
del pezzo stato specificato che
a volte tra eroi e furbi il confine
molto sottile. Abbiamo anche aggiunto che hanno rischiato lincolumit, e che non si tratta di un
esempio da imitare. Di fatto ci
siamo limitati a fotografare una
situazione, non tanto per dare

giudizi, poi ognuno ne tragga la


propria conclusione, e se le cose
a suo avviso sono andate diversamente lo dica pure.
Sta di fatto che nei giorni successivi allalluvione si iniziato a
posare picchetti per la misurazione del livello arginale: quello
comprensoriale privato, ma ovviamente il livello lo stabilisce
lAipo, e tendenzialmente pi
basso di 120 cm rispetto al maestro. La sensazione che la scarsa manutenzione abbia influito, e
una prima conferma ci viene proprio dal Consorzio di Bonifica del
Navarolo, che ha in gestione da
anni il tratto di golena tra Motta e
Martignana, mentre solo dal 1
gennaio 2014 anche quello di
Agoiolo e Vicobellignano (prima
era il Consorzio Santa Maria).
Strana davvero questa doppia
gestione della stessa golena. In
ogni caso, se fino a Martignana
problemi gravi non ne sono stati
riscontrati, il tratto verso Casalmaggiore ha presentato forti criticit: l'argine pi stretto e presenta parecchie buche. E in atto
dunque una revisione completa.
Sta di fatto che la posa di quei
sacchi sul tratto pi critico stata
compiuta mentre la piena si stava
esaurendo, ma soprattutto, in
quel tratto i primi sacchi li ha posati proprio il Consorzio del Navarolo. I privati, angeli o demoni
che siano, sono arrivati dopo a
dar manforte, ed hanno compiuto
il loro miracolo.

Un defibrillatore donato a Torricella del Pizzo


Ad opera della famiglia Fadani-Buoli dellagriturismo Torretta

TORRICELLA DEL PIZZO - Il sindaco Emanuel


Sacchini ha presentato una importante donazione
alla comunit fatta dalla famiglia Fadani-Buoli, che
gestisce lagriturismo Torretta di via Marconi. Non
avendo una farmacia che potesse rientrare nei finanziamenti regionali per la posa di un defibrillatore
ha detto Sacchini - avevamo riferito in Consiglio
comunale (dove Cristina Fadani capogruppo di
minoranza, ndr) della necessit di dotarci, anche
noi, di uno strumento cos importante. Dobbiamo
ringraziare la famiglia Fadani per la grande disponibilit e generosit dimostrate.
La gente in paese ha motivato Cristina Fadani
- collabora sempre con noi e partecipa alle nostre

iniziative. E un paese unito, e noi abbiamo avuto


laiuto di tutti. Ci sembrato giusto ricambiare la
comunit.
Quanto al corso per la formazione dei volontari,
questo a carico del Comune e fatto in collaborazione con la Croce Rossa: sono gi 5 i volontari che
stanno seguendo i corsi. Il defibrillatore stato posizionato allinterno dellambulatorio medico, nel
palazzo comunale. Uno spazio chiuso che consentir di conservare al meglio il dispositivo. Lambiente
rimarr aperto dalle 7 alle 17, orari in cui qualcuno
sempre presente in comune, e nel corso dei vari
eventi organizzati in paese, ma ci sar sempre qualche volontario in possesso delle chiavi di accesso.

IN BREVE

Il Vho di Morandi

PIADENA Il Vho nei film


di Giuseppe Morandi. In
occasione del 50 anniversario della fondazione, la
Cooperativa La Famiglia, in
collaborazione con la Biblioteca dellUnione dei Comuni
Piadena e Drizzona, propone liniziativa che si terr domani, domenica 30 novembre, alle ore 16,30, presso la
sala coop La Famiglia, alla
presenza dellautore.

Cena-concerto
MARTIGNANA PO Serata esclusiva quella organizzata il 12 dicembre a
DondolandoArte. Sar presente infatti la cantautrice
americana Jackie Perkins
che proporr un concerto.
Lapertura sar alle ore 18
per gli aperitivi, quindi dalle
20 la cena, come sempre
con proposte allettanti della
cucina. E gradita la prenotazione (335/6571243,
0375/201339, antonella@artestudiofoto.com).

Serata Gospel
CANNETO SULLOGLIO
Il Rotary Club Piadena
Oglio Chiese, in collaborazione con lAssessorato alla
Cultura di Canneto
sullOglio, organizza una
Serata Gospel presso il Teatro Mauro Pagano di Canneto. Lappuntamento per
gioved 4 dicembre alle ore
21, ad esibirsi sar il gruppo
Joy Voices Youth Choir di
Casalmaggiore. La serata
a favore delle scuole di Canneto e Piadena: il ricavato
sar infatti utilizzato per la
donazione di attrezzature
scolastiche. Lingresso ad
offerta libera.

Antichi mandala

Emanuel Sacchini, Cristina Fadani, Gianfranco Fadani e Manuela Buoli

Concerto di Natale per combattere la polio nel mondo


Il Rotary Club Casalmaggiore Viadana Sabbioneta presieduto da Pietro Sganzerla organizza per gioved
18 dicembre alle ore 21 presso il
Teatro Vittoria di Viadana un concerto di Natale. Il ricavato dell'evento
sar devoluto a favore del service
del Rotary International End Polio
Now, volto a debellare la poliomelite
nel mondo. Sar un magnifico spettacolo di divertimento, musica,

15

emozioni. A partire dalle ore 21, il


concerto prevede nel primo tempo
musiche anni 50 eseguite dalla Bertolucci Swing Band (diretta dal maestro Alessandro Creola, molto conosciuto nel territorio in quanto docente di Sassofono e Solfeggio della
Societ Musicale Estudiantina di
Casalmaggiore) e nel secondo tempo i pi suggestivi brani gospel,
spiritual e inni a cura di Nehemiah H.

Brown (reverendo residente a Firenze) e il suo Faith Gospel Choir, una


quindicina di elementi provenienti
dal modenese che vogliono trasmettere anche con il canto la gioia
della fede e del Natale. La serata
aperta a tutti.
Ulteriori informazioni sul sito
www.rccasalmaggioreviadana.org,
attivo anche per la prevendita on-line dei biglietti (costo 10,00).

PIADENA Ultima della


serie di incontri organizzati
dalla Cooperativa La Famiglia di Vho di Piadena. Gli
antichi mandala riservato
ai bambini dai 5 anni. Uno
strumento di una terra lontana, colori, rilassamento e
armonia in 3 appuntamenti:
sabato 6, sabato 20 e sabato 27 dicembre, dalle 15 alle
16,30. Il costo di 35 euro.
Iscrizioni al numero
340/2776366.

Gussola, tombola
GUSSOLA Il Coordinamento Popolare invita i soci
al nuovo appuntamento con
la tombola, presso il Cetro
Culturale di via Marconi, alle
ore 21 di stasera.

VA 101

RTI VIA MANTO

PANIFICIO USBE

BIANCO PALATO

LIO 1

BELSIT VIA OG

O3

VIA SAN TOMAS

A LIBERTA

SO PIAZZA DELL

ERAS
CASA DEL MAT

ELLI CORSO
CAFF PONCHI

UELE 39 B

VITTORIO EMAN

GALLI SEMENTI

VIA MANTOVA

75 A

VINO 17
LINI VIA SAN SA

FORNERIA MER

CATELLO 27

ENTO VIA MER

LIAM
GINGER ABBIG

LAVAND

MANTOVA
ERIA ERIKA VIA

91

GBC - OB STORE

VIA MANTOVA

1L

O MATTEOTTI 38

KIKILEN CORS

IOIELLI CORSC

PELLEGRINI G

CAVOUR 5

A CREMONESE

AGLIE PESSIN

M
NI CASCINA RE
RITURISMO I PI

AG

RALE VICOLO

NT
RISTORANTE CE

PRONTO PIZZA

PRATICHE AUTO

ZOOTE

SCUOLA IAL LO

MBARDIA VIA DA

OTTI 64

I CORSO MATTE

31

PERTUSIO 4

ERINO 35
CNICA VIA SOLF

SPEEDY VIAGG

VIA GHINAGLIA

NTE 121

ALQUATI VIA M

ANTOVA 1

20

Salute

Sabato 29 Novembre 2014

GLI ORARI
CUP Centro Unificato di Prenotazione
Dove: padiglione n. 12, a fianco del
Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori
Orari di apertura al pubblico:
luned - venerd dalle 7.30 alle18.00
orario continuato,
il sabato dalle 8.00 alle 12.00;
Prenotazioni telefoniche: possibile
telefonare al numero verde 800.638.638,
da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00.
PRENOTAZIONI
CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP
Attraverso il CUP si prenotano tutte
le prestazioni ad eccezione delle seguenti,
che devono essere prenotate direttamente
presso le singole unit operative o servizi
come indicato di seguito:

ANATOMIA PATOLOGICA
secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati)
Dove: Poliambulatori, piano Terra.
Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare
contattare la segreteria dellAnatomia Patologica dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00.
Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00.
Consegna campioni istologici e citologici
La consegna dei campioni citologici urinari
prevista, presso il padiglione 5,
da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30;
per gli altri esami da luned a venerd
dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto).
RADIOLOGIA d
Dove: piano 1, corpo H (ala destra).
TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti
e richiesta di prestazioni con bollino verde
Le prenotazioni vanno effettuate
di persona o via fax.
Orario: da luned a venerd dalle
08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00.
Tel: 0372 405760.
Angiografia
Le prenotazioni vanno effettuate di persona.
Orario: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367.
SENOLOGIA:
Screening mammografico preventivo
biennale Asl Cremona (45-69 anni)
Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled
dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata
al CUP dell'Asl 800 318 999.
Prestazioni con carattere di urgenza,
risonanze alla mammella, agoaspirati,
ecografie
Dove: piano 1, corpo M.
Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00.
Telefono: 0372 405614.
Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata
una nuova linea telefonica dotata
di risponditore automatico
in funzione 24 ore su 24: 0372 405612.
RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE
Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o
ascensore a sinistra vicino l'Ufficio
Informazioni nell'atrio di ingresso)
corpo M, monoblocco ospedaliero.
Orario: da luned a venerd
dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485.
MEDICINA DEL LAVORO:
Visite specialistiche di medicina del lavoro
Tel: 0372 405777 da luned a venerd,
dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente
presso lAmbulatorio Specialistico
di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

PRESIDIO OSPEDALIERO
DI CREMONA
CENTRO DIABETOLOGICO
Dove: piano 6, corpo H (lato destro),
monoblocco ospedaliero.
Orari: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 13.30
(prima visita per inquadramento
diagnostico-terapeutico e visita di controllo
per monitoraggio metabolico e screening
delle complicanze croniche).
Per le prime visite preferibile che
la prenotazione avvenga di persona comunque
possibile prenotare telefonicamente
da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30.
Telefono: 0372 405715.
CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI
accesso diretto da parte dei cittadini,
con la richiesta del Medico di famiglia
o dello specialista.
Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale.
Orario: da luned a venerd
dalle ore 07.30 alle 10.30.
Telefono: 0372 405663 - 0372 405452
CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI
Monitoraggio delle terapie anticoagulanti.
previsto accesso con prenotazione al numero
0372 405666 - 0372 405663.
Dove: Presso la palazzina del Cup
Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd.
CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA
Test di tolleranza al lattosio e patch test
Accesso con impegnativa del medico curante
Le prenotazioni si effettuano telefonicamente
al numero 0372/408178 da luned a venerd,
dalle 10.30 alle 12; oppure di persona
presso lAmbulatorio di Allergologia (Padiglione
10) da luned a venerd dalle 9.00 alle 13.00.
IMMUNOEMATOLOGIA
E MEDICINA TRASFUSIONALE:
Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia
marziale endovenosa, preparazione di nuovi
emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale:
Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico.
Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero.
Tel: 0372 435887 - 0372 405461
dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd
GENETICA
Dove: piano 2 lato destro del monoblocco
ospedaliero. Prenotazioni telefoniche:
0372 405783
da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30.
MEDICINA LEGALE
Prenotazioni presso Direzione Medica
di Presidio piano Rialzato monoblocco
ospedaliero. Tel: 0372 405200.
PSICOLOGIA
Dove: settimo piano a sinistra.
Prenotazioni da luned a venerd
dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio
di Psicologia, oppure anche telefonicamente
agli stessi orari al numero 0372 405409.
ONCOLOGIA MEDICA
Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i
n reparto da luned a venerd
dalle ore 8.00 alle ore 17.00.
Tel: 0372 405248.
TERAPIA DEL DOLORE
Dove: palazzina n. 9 La prenotazione
pu essere effettuata telefonicamente
al numero 0372 405330
dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd.
Negli altri orari possibile chiamare
lo stesso numero lasciando un messaggio
in segreteria telefonica con il nome e numero
di telefono: al pi presto sarete richiamati.

Violenza sulle donne, percorsi


rosa negli ospedali lombardi

Fatturazione elettronica, al via un servizio sperimentale


In Lombardia viene anticipato
a novembre l'avvio di un nuovo
servizio che la legge nazionale indica per il 31 marzo 2015. Questa
la decisione della Giunta regionale, come evidenzia Mario Mantovani, vice presidente e assessore
alla Salute di Regione Lombardia,
che ha tenuto a battesimo il lancio del nuovo sistema di Fatturazione elettronica, attivato per la
prima volta dall'Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema. Il nosocomio di Crema, infatti, una delle sei aziende 'Pilota'
individuate da Regione Lombardia per dare il via al sistema di fatturazione. Sono molto soddisfatto - ha aggiunto Mantovaniperch questa azienda stata

una delle prime realt che si


adeguata ai nuovi processi di informatizzazione.
Nella sala riunioni dell'Azienda ospedaliera, i dirigenti responsabili del servizio regionale,
insieme agli esperti di Lombardia Informatica, hanno dettaglia-

tamente illustrato in merito alle


varie fasi del sistema elettronico
di emissione, controllo, registrazione e pagamento delle fatture.
Esistono Regioni che pagano i
loro fornitori a 900 giorni - ha aggiunto l'assessore Mantovani
ponendo l'accento anche sui

benefici collaterali, ma non certo di minore importanza, della


Fatturazione elettronica -. Ci sar pi trasparenza, ci sar pi rapidit. Avremo un miglioramento complessivo non solo dei
conti in sanit, ma anche
dell'economia del Paese.
Il servizio attivato, in base
all'accordo siglato con Assobiomedica, prevede infatti l'impegno
a pagare entro 15 giorni lavorativi per gli acquisti di beni e servizi
direttamente ordinati dai propri
uffici; prescrivere gli enti partecipati di pagare entro 15 giorni lavorativi; prescrivere di pagare entro 30 giorni lavorativi i fornitori
delle Aziende Sanitarie pubbliche
da essa dipendenti.

Appuntamento sabato 29 novembre con un convegno in cui si parler della qualit di vita di chi ha subito trapianti

Trapiantati: limportanza di fare sport

di Laura Bosio

ncora troppi sono


oggi i tab sulla donazione degli organi,
come testimoniano
numeri non del tutto
confortanti: in Italia ci sono 9.000
persone in lista di attesa, ma si
riesca a far fronte solo a 3.000
trapianti al giorno.
Purtroppo la sensibilit della
popolazione su queste tematiche
ancora scarsa, in Italia - spiega
il dottor Alberto Bonvecchio
medico anestesista della Terapia
intensiva e coordinatore locale
prelievi di organi e tessuti, area
della provincia di cremona -.
L'Italia su questi temi divisa in
due: al centro-nord sono circa il
25% coloro che si oppongono
alla donazione degli organi del
parente defunto, mentre al centro-sud la percentuale sale a
45%.
Abbattere il numero delle
"opposizioni" quindi uno dei
primari obiettivi di chi si occupa
delle
Un altro tema fondamentale,
che sar anche argomento di un
convegno (in programma per
sabato 29 novembre presso
l'Aula Magna Madga Carutti
dell'Ospedale di Cremona) dal
titolo "Nuova vita a tutto sport",
quello della qualit di vita dei
pazienti trapiantati. Anche grazie alle tecniche sempre pi
accurate, la maggior parte dei
trapiantati oggi sono persone
che spesso hanno una vita normale e che addirittura riescono a
praticare sport ad alti livelli continua il medico -. Insomma, il
trapiantato non sar necessaria-

Il dottor Alberto Bonvecchio,


medico anestesista
della Terapia intensiva

mente un disabile con bisogno di


assistenza continua, ma una persona che pu avere una qualit
di vita buona, e soprattutto decisamente migliore di prima del
trapianto, quando magari era
dipendente da cure e medicine.
ESERCIZIO FISICO: I BENEFICI
Di fatto, oggi ampiamente
dimostrato che gli individui sottoposti a trapianto di organo
possono recuperare una buona
qualit di vita e da sempre lattivit sportiva rappresenta, per
molti trapiantati, un percorso di
recupero e benessere e un
mezzo per testimoniare lefficacia del trapianto.
Esistono numerosi sport che
possono essere praticati per
svago dai trapiantati, come il
nuoto, il jogging, la ginnastica, lo
sci di fondo; tuttavia, se seguiti
dal proprio medico, i trapiantati
possono praticare sport anche a
livello agonistico, partecipando a
gare e manifestazioni e raggiungendo ottimi risultati.

Meno farmaci. Sono molti i


vantaggi che un trapiantato pu
ottenere da un costante esercizio
fisico. Lo sport da tempo una
terapia riconosciuta dal mondo
medico. importante per tutti
perch previene linsorgere di
malattie, ma lo ancora di pi
per chi ha gi problemi di varia
natura. Nel trapiantato in particolare, lo sport e un corretto stile di
vita concorrono a prevenire e
curare disfunzioni metaboliche
quali il diabete o larterosclerosi,
che spesso insorgono in seguito
al trapianto a causa dei farmaci
immunosoppressori.
Benessere psicologico. Lintrinseca particolarit del trapianto ha importanti ricadute sul
piano psicologico del paziente.
Lidea e limmagine di s viene in
un qualche modo riposizionata e
la vita assume un valore e significato assolutamente nuovo.
Lequilibrio psicologico pu
essere fortemente aiutato dalla
ripresa delle attivit quotidiane
normali, tra cui anche lo sport, a

maggior ragione se veniva praticato prima del trapianto. Lo sport


funge quindi da autopromozione:
laffermazione di un io finalmente
completo e fiducioso nel futuro.
Praticare lo sport inoltre sintomo di partecipazione attiva e in
prima persona al recupero della
normalit, opponendosi allatteggiamento passivo e medicalizzato per cui ci si affida, impotenti,
alle cure del medico.
Un trapiantato che pratica
sport (non necessariamente a
livello agonistico) una delle
testimonianze pi immediate del
successo di questa terapia.
inoltre un simbolo importante che
infonde fiducia ed energia e stimola altri trapiantati (che si sentono ancora malati) a fare lo stesso. Lulteriore passo avanti costituito dallaspirazione a raggiungere livelli agonistici testimonia il
desiderio non solo di tornare alla
vita di sempre, ma anche di
eccellere, non solo di tornare ad
essere come gli altri, ma di essere addirittura pi degli altri.

di Ermanna Allevi

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)


Gentile Naturopata, ho sentito parlare in un programma televisivo del Genep per curare influenza, tosse e altro, volevo
sapere da Lei se vero o se erano sciocchezze, perch io lo
conosco come liquore. La ringrazio e Le faccio tantissimi complimenti per le Sue rubriche, che seguo con grande attenzione
e passione, ma non ha mai pensato di pubblicare un libro? Se
lo far me lo faccia sapere, perch lo acquister.
Un cordiale saluto. Mariapia

Attivare nei Pronto soccorso degli ospedali lombardi un percorso


rosa per accessi con precedenza e massimo rispetto della privacy per
le persone vittime di violenza, in particolare donne e bambini. Lo chiede una mozione, primo firmatario Paola Macchi (M5S) e firmata anche
da Sara Valmaggi (PD), Carolina Toia (Lista Maroni), Donatella Martinazzoli (Lega Nord) e Maria Teresa Baldini, del gruppo Misto, discussa dal Consiglio regionale della Lombardia al termine della seduta
odierna. Il provvedimento stato approvato allunanimit.
Solo una donna su 50 denuncia infatti le violenze subite. Il documento invita, tra laltro, la Giunta a prevedere in tempi brevi allinterno della programmazione dellattivit amministrativa la realizzazione
dei percorsi rosa nelle strutture sanitarie pubbliche della Lombardia,
attuando interventi per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza nei
confronti delle fasce deboli della popolazione.

Chiamato anche "aspirina di montagna", il genep un rimedio


naturale noto per la sua efficacia nel combattere il raffreddore, influenza, costipazioni e mal di gola. E' una pianta aromatica che
cresce nelle zone alpine e appenniniche, conosciuta in particolare
per il liquore che se ne estrae. Pianta preziosa per le sue molteplici virt, in particolare riguardo l'apparato respiratorio. Le propriet
del genep sono legate ai suoi principi amari, i suoi estratti si rivelano un balsamo efficace per la tosse, bronchite e alcune forme
asmatiche. E' un eccellente rimedio anche per aiutare la digestione, perch ricca di oli essenziali, tra cui il cineolo, un ossido terpenico che si rivela utile per stimolare il buon funzionamento gastro
intestinale. Valido aiuto anche per chi soffre di flautenza.
Per quanto riguarda il libro, la informo che ho pubblicato un
magazine, con "il piccolo Giornale". Se le inetessa, pu recarsi in
via S. Bernardo 37, alla redazione de "il piccolo" e potr richiederne una copia arretrata gratuitamente.
Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a:
info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it
Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372.
Riceve a Crema in via Castello 12 e telefonando al 388 9037275.

21

Taccuino

Sabato 29 Novembre 2014

NUMERI UTILI
Cremona

Viale Cambonino
racchetta per
via Seminario
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
5 Dicembre

Via Volontari
del sangue,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
23 Dicembre

COMUNE DI CREMONA
www.comune.cremona.it
Centralino: 0372-4071
Urp: 0372-407291

VIA BRESCIA
Dal 10 novembre lavori
stradali attuati per conto
del Comune per
realizzazione sottopasso:
Fine lavori:
primavera 2015

AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
www.provincia.cremona.it
Centralino: 0372-4061
Urp: 0372-406233 PREFETTURA
Centralino: 0372-4881
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0372-5581
COMANDO FORESTALE
DELLO STATO
Centralino: 0372-410307
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0372-21576
Nucleo di polizia tributaria:
0372-28968

Via Giuseppina
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
28 Novembre

POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0372-454516
Centrale operativa: 0372-407427

Via C del
Vescovo
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
23 Dicembre
Via Olona,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
5 Dicembre

Via C del Vescovo (tratto da via Giuseppina a via Poffa) - cantiere per la ristrutturazione della condotta acqua potabile, della
condotta della fognatura e della condotta del
gas metano (Fine prevista 23 dicembre).

COMUNE DI CREMA
www.comunecrema.it
Centralino: 0373-8941
Urp: 0373-894241

NUMERI UTILI
Casalmaggiore

COMUNE DI CASALMAGGIORE
www.comune.casalmaggiore.cr.it
Centralino: 0375 42668
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
Centralino: 0375-42233
CENTRO PER LIMPIEGO
Centralino: 0375-42213
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0375-284500
POLIZIA MUNICIPALE
Centralino: 0375-40540
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0375-42288
GIUDICE DI PACE
Centralino: 0375-42273
OSPEDALE
Centralino: 0375-2811
Centro unico di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
MUSEO DIOTTI
www.museodiotti.it
Centralino: 0375-200416
MUSEO DEL BIJOU
Centralino: 0375-284423
TEATRO COMUNALE
www.teatrocasalmaggiore.it
Centralino: 0375-284434
DISTRETTO
SOCIO-SANITARIO
Direzione: 0375-284020
Distretto Veterinario:
0375-284029

Via Volontari del Sangue - cantiere per


la ristrutturazione della rete di distribuzione
energia elettrica (fine prevista: 23 dicembre).
Via Olona (tratto Lugo-Chiesa) - cantiere
per la ristrutturazione della condotta del gas
metano (Fine prevista 5 dicembre).
Via Gaspare Pedone - cantiere per la
ristrutturazione della rete di distribuzione
energia elettrica (Fine prevista: 5 dicembre).
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0373-256474

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE
Urp Crema: 0373-899822
CARABINIERI Pronto intervento: 112
Centralino: 0373-893700

POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0373-250867
Centralino: 0373-894212

COMANDO FORESTALE DELLO


STATO Centralino: 0373-82714

VIGILI DEL FUOCO


Pronto intervento: 115
Centralino: 0372-4157511
PROCURA
Centralino: 0372-548233
OSPEDALE DI CREMONA
www.ospedale.cremona.it
Centralino: 0372-4051
Centro unificato
di prenotazione: 800 638 638
Emergenza sanitaria: 118

Viale Cambonino racchetta per Via Seminario - cantiere per la ristrutturazione


della rete di distribuzione energia elettrica
(Fine prevista: 5 dicembre).
Via Giuseppina (tratto V.Buoso da Dovara-V.Gelsomino) - cantiere per la ristrutturazione della linea dell'illuminazione pubblica (fine prevista: 28 novembre).

PROCURA
DELLA REPUBBLICA
Centralino: 0373-878116

POLIZIA STRADALE
Centralino: 0373-897311
POLIZIA DI STATO
Centralino: 0373-897311
VIGILI DEL FUOCO: 115
Centralino: 0373-256222

AZIENDA SANITARIA
LOCALE DI CREMONA
www.aslcremona.it
Centralino: 0372-4971
Urp: 0372-497215

SERVIZI SOCIO-SANITARI
DISTRETTO DI CREMA
Centralino: 0373-899320

OSPEDALE DI CREMA
www.hcrema.it
Centralino: 0373-2801
Centro unico
di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118

Secondi - speciale pesce

Rotoli di sogliola in salsa di cipollotti e basilico


INGREDIENTI
PER 4 PERSONE

Crema

QUESTURA
Pronto intervento: 113
Centralino: 0372-4881

Via Gaspare
Pedone
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
5 Dicembre

VIA BRESCIA - CHIUSURA dal 10 novembre - lavori stradali per conto del
Comune per il sottopasso (Fine prevista:
primavera 2015).

NUMERI UTILI

POLIZIA STRADALE
Comando provinciale
Centralino: 0372-499511

4 sogliole a filetti
4 cipollotti
1/2 bicchiere di vino
bianco secco
Un dl di brodo vegetale
Un limone
Un bel mazzetto di basilico
6 pomodorini ciliegia
5 cucchiai di olio evo

INGREDIENTI PER 4 PERSONE


350 g di polpa
Un kg di polpo
di merluzzo
Una cipolla
Una melagrana
Una foglia di alloro
30 g erbe aromatiche
2 ciuffi di prezzemolo
miste fresche
Un limone non trattato
Olio evo
2 spicchi d'aglio
Sale
200 g di farro
Pepe in grani
600 g di vongole

PREPARAZIONE
Dopo aver pulito i cipollotti, tritatene uno accuratamente.
Disponete i filetti di sogliola su un
tagliere, salateli, insaporiteli con una
macinata di pepe, cospargeteli con il
cipollotto tritato e arrotolateli in modo
da ottenere dei rotolini molto compatti.
Tagliate a fettine sottili i 2 cipollotti
rimasti, trasferiteli in una teglia da
forno e conditeli con un pizzico di
sale e l'olio.
Disponetevi sopra i rotolini di sogliola e bagnate il tutto con il vino
bianco. Cuocete nel forno preriscaldato a 200 gradi per circa 15 minuti,
poi tenete i rotolini in caldo.
Riunite nel mixer i cipollotti con il

Insalatina tiepida
al profumo di mare

fondo di cottura, il brodo vegetale


leggermente intiepidito, una manciata di foglie di basilico e il succo di
mezzo limone: frullate finche avrete
ottenuto una salsa omogenea.

Suddividete la salsa nei piatti, disponetevi sopra i rotolini di pesce e


completate la composizione con i
pomodorini tagliati a spicchi e qualche foglia di basilico.

PREPARAZIONE

Trancetti di salmone in salsa di zenzero


INGREDIENTI
PER 4 PERSONE
2 spicchi d'aglio
Lardo a fettine
Olio Evo
Pomodori maturi
4 fette
di salmone
Un pezzo
di zenzero
Cipolla

PREPARAZIONE
Fate soffriggere un pezzetto di radice di zenzero fresco grattugiato, l'aglio tritato e 1/2 cipolla tagliata a
dadini con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.
Unite 3 pomodori maturi tagliati a cubetti e fate cuocere per 15 minuti circa.
Tagliate in 4 parti i filetti di salmone, poi avvolgetene
ciascuno in due fettine sottili di lardo.
Fate cuocere i trancetti di salmone ottenuti sotto il grill
del forno per una decina di minuti.
Serviteli con la salsa di zenzero e pomodoro, a parte.

Fate lessare il polpo per 2 ore in acqua con la cipolla, l'alloro, il prezzemolo, la scorza del limone,
uno spicchio d'aglio e qualche grano di pepe.
Intanto lessate il farro in acqua salata per
mezz'ora, scolatelo, conditelo con le erbe miste
tritate, olio, sale e pepe e tenetelo in caldo.
Pulite le vongole, quindi fatele cuocere con poco
olio e l'aglio rimasto. Appena si aprono, sgusciatele
e filtrate il liquido di cottura.
Lessate il merluzzo tagliato a dadini con l'acqua
delle vongole per 5 minuti coperto, quindi unitelo
aln polpo a tocchetti, alle vongole e al farro. Aggiungete i chicchi della melagrana, regolate di sale,
pepate, mescolate e servite tiepido.

Cultura&Spettacoli
In diretta
la prima
della Scala

Grazie alla collaborazione tra il Teatro Ponchielli


e SpazioCinema Cremona Po, gli abbonati del
Ponchielli potranno assistere allinaugurazione
della stagione operistica del Teatro alla Scala di
Milano, in programma il 7 prossimo dicembre pres-

so lo SpazioCinema Cremona Po. Alle 17.30, infatti, ci sar in diretta dal Teatro alla Scala di Milano
Fidelio di Ludwig van Beethoven, opera in due
atti, cantata in tedesco, diretta da Daniel Barenboim, regia di Deborah Warner.

Lopera di Offenbach viene rappresentata nel teatro cremonese dopo dodici anni di assenza

Les Contes dHoffmann torna al Ponchielli

Parte dal Ponchielli


il tour della Mannoia

Parte dal Ponchielli, stasera alle ore 21,


il tour live di Fiorella Mannoia. Il 2014 un
anno importante per la cantante romana,
visto che lo scorso 26 settembre uscito il
nuovo singolo dal titolo Le parole perdute
(musica Bungaro e Chiodo, testo della stessa Mannoia), mentre il 21 ottobre stato il
momento di Fiorella, unantologia musicale con straordinarie collaborazioni. Numerosi
amici e colleghi di Fiorella, hanno infatti voluto dare il loro contributo a un progetto che
celebra in modo speciale i 60 anni dellartista e i suoi 46 anni di carriera. Un progetto
straordinario, che include 2 cd: uno raccoglie il meglio del repertorio di Fiorella, arricchito dallinedito Le parole perdute, laltro
vede la Mannoia reinterpretare celebri brani e duettare con prestigiosi nomi del panorama musicale italiano. Collaborazioni nate
da rapporti di profonda stima professionale e affetto e che, proprio per questo motivo, conferiscono un valore aggiunto a questo
album. E arriviano al tiour dal titolo Fiorella
live, che parte proprio stasera a Cremona.
Durante il concerto ascolteremo i successi
della sua carriera e i brani del nuovo album.
Insomma, ancora una volta lartista incanter il pubblico con le mille sfumature della sua
voce e canzoni senza tempo, scritte per lei
dai pi grandi autori italiani.

dalla redazione

ltimo appuntamento, domani mattina alle ore 11


nel Ridotto del Teatro
Ponchielli, della rassegna
Aperitivo con lopera,
questa volta dedicato a Les Contes
dHoffmann di Jacques Offenbach,
rappresentata al Teatro Ponchielli
sabato 6 e lunedi 8 dicembre. Il
musicologo Vincenzo Borghetti offrir una chiave di lettura dellopera
di Offenbach, che nella storia della musica occidentale, rappresenta
uno dei titoli dopera maggiormente
sottoposti a revisione, con moltissime versioni della stessa, diverse
luna dallaltra. Tra le cause principali della tormentata vicenda editoriale
dei racconti vi fu, in primo luogo, la
morte di Offenbach: il compositore,
infatti, non fece in tempo ad orchestrare la partitura o a lasciare specifiche indicazioni (come era solito fare) su come procedere. A tale
scopo fu incaricato un altro autore (Ernst Guiraud), che per si prese la libert di apportare non poche
modifiche alla partitura, alcune delle quali ancora influenzano le rappresentazioni moderne dellopera.
Ad aggravare la situazione contri-

Lopera lirica Les Contes dHoffmann


(foto Alessia Santambrogio)

bu un incendio scoppiato nel 1887


allOpra-Comique, il teatro parigino dove i racconti avevano visto la
luce (nella versione di Guiraud) e
dove era contenuta la maggior parte dei documenti relativi al dramma
di Barbier musicato da Offenbach.
Base comune a tutte le diverse versioni dellopera rimangono comun-

que le vicende amorose del poeta tedesco Eta Hoffmann, uno dei
maggiori rappresentanti della cultura romantica europea, alla costante
e vana ricerca della donna perfetta:
i suoi racconti testimoniano la delusione, lo sconcerto e la mortificazione provati di fronte allimpossibilit di
trovare il vero amore, rinvenuto infi-

ne nella sua stessa arte, la poesia.


Le singole peculiarit delle donne
amate da Hoffmann nei Racconti si
riscontrano anche nellabile scrittura
di Offenbach, in grado di sottolineare musicalmente le specifiche caratteristiche dei tre personaggi femminili. Lopera torna al Ponchielli dopo
dodici anni (lultima volta nel 2002).

In mostra fino al 29 dicembre le opere di Marina Berra

Domani alle 17.30, presso la galleria Italart in via Beltrami a Cremona,


viene inaugurata la mostra personale
di Marina Berra dal titolo Abstract
textures (aperta fino al 29 dicembre). Marina Berra, nata a Milano il

7 luglio 1969, da sempre amante


dellarte ed ha iniziato a dipingere
cimentandosi dapprima con una pittura di tipo figurativo. Grazie allincontro con lartista Luigi Profeta,
divenuto poi suo maestro, ha comin-

cia ad utilizzare vari materiali che


rendono via via sempre pi materici
i suoi quadri. Le sue opere nascono
da un processo introspettivo, che la
conduce ad esprimere stati danimo
ed emozioni personali.

Una commedia accattivante stasera al San Domenico

Appuntamento con Tres: sul palco Anna Galiena, Marina Massironi e Amanda Sandrelli
di Tiziano Guerini
Una commedia brillante,
dopo gli esordi dello scorso
autunno e i successi a Roma,
Milano, Genova... Questa sera,
al teatro San Domenico di Crema, alle ore 21 si apre il sipario per il secondo appuntamento con la rassegna della grande
prosa. Tre prime donne sul palcoscenico per una commedia
accattivante e dal titolo esplicito: Tres. Una commedia
per la regia di Chiara Noschese, scritta dallo spagnolo Juan
Carlos Rubio. Tre amiche un
tempo inseparabili, si ritrovano
ventanni dopo, non pi giovani
e mai diventate madri. Marisa,
attrice e conduttrice televisiva
Al centro culturale SantAgostino,
nella sala Cremonesi, per la rassegna
Sabato al museo, alle ore 16,30 di
sabato 6 dicembre il Gruppo Antropologico Cremasco presenter il volume
I luoghi della memoria: cimiteri e museo diffuso. Argomento a dir poco insolito, ma certamente di interesse dal
momento che proprio a partire dal

nubile, Carlotta avvocato divorziata, Angela rimasta vedova.


Decidono follemente di rimanere incinte per inseminazione, di uno stesso uomo che a
loro avviso corrisponda alluomo ideale. Entra cos in scena
Alberto e le cose, gi complesse, si complicano ulteriormente... Sul palco interpreti di livello: Anna Galiena, Marina Massironi e Amanda Sandrelli. Alberto
interpretato da Sergio Muniz.
Dopo la prima al teatro di Crema con Re Lear di Shakespeare - il massimo del dramma
politico-esistenziale - ora tocca
all'attualit apparentemente pi
scanzonata e futile. Ma siamo
proprio sicuri che non sia ugualmente un dramma?

Nuda propriet
con Lella Costa

I protagonisti della commedia

Torna la rassegna Sabato al museo

culto dei morti che nata lumanit.


Luomo lunico animale che ha coscienza della propria morte. Il libro ci dice larchitetto Edoardo Edallo,
che del Gruppo Antropologico Cremasco il presidente - illustra i cimi-

teri del nostro territorio cremasco e in


particolare si sofferma su quello di
Crema, per mostrare e discutere gli
aspetti artistici che ci si ritrovano.
Anche i cimiteri apparentemente minori racchiudono, infatti, cappelle e

statue spesso di autori di una certa fama e sempre di pregevole fattura. I cimiteri pi antichi - continua Edallo hanno spesso anche delle storie da
raccontare e costodiscono la 'memoria dei nostri paesi: alcune di queste
storie sono presenti nel libro assieme
ad alcune tesi di laurea di nostri giovani studiosi.

Sala intitolata a Giorgio Costi Mostra del collezionismo alla Pro Loco

Domani pomeriggio, alle ore 18 in piazza Aldo Moro a Crema, verr intitolata la sala della musica al primo piano al compianto maestro Giorgio Costi (1912-1984), che fu direttore
del Civico istituto musicale Folcioni dal 1943 al 1975, nonch
fondatore e direttore del Coro Marinelli di Crema e per moltissimi anni apprezzato organista della chiesa di S. Giacomo
di Crema. Per loccasione si terranno interventi musicali con
musiche di J. S. Bach e N. Dolci. Direttore il maestro Giuseppe
Costi. Presente anche il Coro Marinelli con il direttore Marco
Marasco. Nel corso della manifestazione verranno assegnate due borse di studio intitolate al maestro Giorgio Costi, agli
allievi pi meritevoli della classe d'organo diretta dal maestro
Francesco Zuvadelli dellIstituto Folcioni.

Oggi pomeriggio, alle ore 16.30 presso


la sala espositiva della Pro Loco di Crema
in piazza Duomo 22, si apre la tradizionale
mostra del collezionismo che questanno ha
per titolo Magia di farfalle. La Pro Loco di
Crema continua cos una tradizione sempre
molto gradita dal pubblico cremasco, che ha
modo, in un periodo molto particolare dell'anno, di ammirare cimeli e memorie che ci vengono dal recente passato grazie alla competente pazienza di quanti amano raccogliere e
conservare le cose belle di un tempo. Elena
Moretti, presidente della Pro Loco, ricorda

che la mostra sul collezionismo ormai una


tradizione ultra decennale della Pro Loco:
Questanno, con i colori delle farfalle, chiamiamo tutti e sopratutto i ragazzi delle scuole
a ricordare questa tradizione che ci introduce
ogni anno alle feste di dicembre. Un doveroso omaggio anche al collezionista Gianfranco
Colombo di Trescore Cremasco: Sar sempre presente durante le aperture della mostra
(orari d'ufficio o previa prenotazione) per illustrare il materiale espositivo e le ragioni della
collezione. Lesposizione rimarr aperta fino
a domenica 14 dicembre.

Tratto dal romanzo di Lidia Ravera, Piangi pure, edito da Bompiani, va in scena al
San Domenico la commedia Nuda propriet. Appuntamento domenica 14 dicembrealle ore 21, con Lella Costa e Paolo Calabresi. La trama: innamorarsi a 60 anni
una sfida, una forma darte, un capolavoro. E la vittoria della libert contro gli stereotipi. Iris contro ogni logica si innamora
di Carlo e Carlo di Iris. Lui dopo un po, ma
va bene cos. Tutto comincia con una stanza in subaffitto. Iris la offre a Carlo, psicanalista sfrattato del pianoterra. Intanto lei,
rimasta senza un soldo, vende in nuda propriet la casa. Dissipatrice accanita, senza pensione, non ha altra scelta che cedere il suo unico bene al miglior offerente, fingendosi molto pi malandata di quello che
. Il miglior offerente senza scrupoli e una
nipotina bella e nullafacente fa irruzione
proprio quando Iris e Carlo capiscono che
sta succedendo qualcosa di imprevedibile.
Mentre Carlo scopre di essere malato, Iris si
accorge che non pu pi fare a meno di lui,
della sua intelligenza, della sua ironia, della
sua capacit di decifrare la vita per quello
che . Carlo affascinato da questa donna
incasinata e vitale, che si espone, si dichiara, senza farsi mortificare dalle convenzioni.
Decidono di vivere insieme tutto quello che
resta da vivere. In due riescono a guardare
in faccia la realt, a chiamare per nome tutte le loro paure e a riderci sopra. Iris Lella
Costa, che ha scelto dopo anni di teatro in
solitaria di regalarsi al pubblico in una commedia intelligente e spiritosa, come intelligente e spiritosa tutta la sua storia di teatro; Carlo Paolo Calabresi, che con la sua
presenza contribuisce alla creazione di una
coppia inedita e sorprendente.

SPORT

lo
lettere@ilpiccologiornale.it

Casalmaggiore
si gioca
il primato
RUGBY

Domani torna il campionato di serie C1, con il


Crema Rugby che ospita il Valle Camonica, appaiato in classifica ai neroverdi a quota 10 punti. In
C2, trasferta abbordabile per il Cremona Rugby,
impegnato sul campo del Rugby Bergamo Cadetta,

Responsabile Fabio Varesi

in classifica un punto dietro ai grigiorossi. Scontro


al vertice, invece, per il Casalmaggiore, impegnato
in trasferta con il Cus Brescia Cadetta. Le due
squadre sono in vetta alla classifica con 21 punti e
domani si giocano il primato solitario.

Ora la Cremo deve dare un colpo

Oggi pomeriggio allo Zini arriva un avversario agguerrito, che sta attraversando un buon periodo di forma

di Matteo Volpi

empre pi grigio e con una luce rossa


lampeggiante. Cos si presenta lorizzonte di una Cremonese protagonista di un
autunno assolutamente da dimenticare.
Nemmeno larrivo di Giampaolo ha sancito quelleffetto entusiasmo che tutti si aspettavano
e la batosta di Pavia ha confermato i limiti oggettivi di una squadra che probabilmente nemmeno
con Guardiola o Mourinho alla sua guida potrebbe fare miracoli. Oggi alle 14.30 allo Zini arriva
un Arezzo agguerrito e pronto a iniggere un altro
colpo basso ad una Cremonese che non vince
ormai da pi di un mese. Il nuovo tecnico, a suon
di doppie sedute, sta lavorando molto per cercare
di dare unidentit pi pratica ad una squadra che
continua a confermarsi troppo acerba per un campionato che non perdona come quello della Lega
Pro. In settimana si rivista una vecchia conoscenza come Paolo Castellini, tornato in grigiorosso per allenarsi con la squadra e papabile rinforzo
per il prossimo mercato. Ma oggi non potr essere
della partita. LArezzo, guidato dallallenatore Ezio
Capuano, che ad inizio stagione ha proclamato di
voler salvare la squadra granata per poi portarlo in
B, reduce da due vittorie consecutive e si presenter in grande forma. Senza checche, per citare
parole utilizzate proprio dal suo vulcanico tecnico
solo qualche settimana fa, ma con voglia di fare
risultato, trascinati dai due ex di turno Bonvissuto
e Dettori. Un clima agguerrito, pertanto, che male
si addice alla pochezza di carattere vista la scor-

LEGA PRO 14 GIORNATA


Arezzo-Real Vicenza

2-0

Bassano Virtus-Como

1-0

FeralpiSal-Monza

1-0

Giana Erminio-Mantova

0-2

Lumezzane-U. Venezia

3-2

Novara-AlbinoLeffe

4-1

Pavia-Cremonese

4-1

Pordenone-Renate

1-3

Pro Patria-Alessandria

1-3

Torres-Sdtirol

0-1

CLASSIFICA GIRONE A

LEGA PRO La classifica fa paura e la sconfitta di Pavia costringe i grigiorossi a fare risultato con lArezzo
Bassano*
28
Pavia
27
Real Vicenza 26
Novara
25
Como*
23
Monza*
23
FeralpiSal
23
Alessandria* 23
Arezzo
22
Sudtirol
19
Unione Venezia 19
Mantova
17
Giana
16
Torres*
16
Renate
16
Cremonese* 13
Lumezzane
13
Pro Patria
11
AlbinoLeffe
10
Pordenone
5

PROSSIMO TURNO (28/30-11)

AlbinoLeffe-Giana Erminio, Como-Lumezzane, Cremonese-Arezzo (29-11 h 14.30), FeralpiSal-Pro Patria,


Monza-Alessandria, Novara-Mantova, Real VicenzaTorres, Renate-Pavia, Sdtirol-Pordenone, Unione Venezia-Bassano.
sa settimana al Fortunati di Pavia, ma noi continuiamo ad illuderci che quella non fosse la vera
Cremonese. Davanti al pubblico amico, la formazione di Giampaolo dovr fornire una prestazione importante, altrimenti inizia a mettersi davvero

Brighenti in azione nellarea del Pavia (foto Ivano Frittoli)

male. Squalicato Battaiola e con Venturi infortunato, rivedremo Galli tra i pali e davanti a lui una formazione probabilmente meno verticale con Jadid
che, nonostante qualche guaio sico, dovrebbe
essere regolarmente in campo in cabina di regia.

PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2): Galli; Palomeque, Giorgi, Gambaretti, Favalli; Di Francesco, A.


Marchi, Jadid, Palermo; Manaj , Brighenti.
Cronaca e commenti della partita
sul sito www.artventuno.it

SERIE D Il successo di Inveruno ha rilanciato i gialloblu, che si confermano efficaci con le grandi del girone

Tre punti vitali per la Pergolettese. Ora il Sondrio


di Tiziano Guerini
Diavolo di un Pergo! Perde in casa con
le ultime in classifica e vince in trasferta contro le prime. E mostrando pi grinta e convinzione, che hanno fatto la differenza nella partita di Inveruno rispetto alle
ultime prestazioni. Tanto pi che anche la
squadra di casa - a dire il vero nelle ultime
partite in deficit di risultati dopo un buonissimo avvio di campionato - ha giocato una discreta partita. La Pergolettese,
per, ha sempre avuto in mano la partita,
riuscendo ad andare in vantaggio con due
gol di scarto e questo alla fine ha fatto la
differenza. La cronaca. I gialloblu devono
ancora rinunciare a due degli uomini pi
efficaci, Tacchinardi e Manzoni, ma stavolta sono i presenti a meritare gli elogi,
primo fra tutti Brunetti che risulter alla
fine il migliore in campo. I cremaschi partono bene: dopo una punizione dal limite al 4 dellInveruno con Ambrosini, che
Montaperto respinge a fatica, per 10 minuti
il Pergo a fare la partita fino a giungere
al gol di Lorenzi al 9 con un bel colpo di
testa a due passi dal portiere, su bel cross

La grinta di Venturato

di Brunetti. Da questo momento lInveruno a ruminare calcio, peraltro senza


costrutto, quando verso la fine del primo
tempo ancora il Pergo, prima con Bigotto
e poi con Lorenzi, a rendersi pericoloso. Si
rientra in campo per la ripresa ed subito
raddoppio: al 6 lispirato Brunetti sorprende da lontano il portiere Bordin con un tiro
a parabola. Ci sarebbe anche un terzo gol
- al 15 ancora con Lorenzi - ma larbitro
annulla per fuorigioco. Adesso lInveruno
spinge molto e non potrebbe essere altrimenti e Montaperto deve fare gli straordinari, salvo doversi arrendersi - senza colpa
- al 20 quando Repossi dalla destra manda un bel pallone al centro per De Masi
che non sbaglia. Il Pergo si accontenta
di qualche ripartenza che potrebbe avere sorte migliore con Rossi e con Lorenzi;
riesce anche a finire in attacco con un calcio dangolo e con un bel colpo di testa
che finisce di poco alto. Stavolta i quattro
minuti di recupero non provocano disastri:
che sia un buon segno per il proseguo del
campionato? Perch la prossima partita,
domani al Voltini contro il quotato Sondrio,
non sar una passeggiata.

I NUMERI

14 GIORNATA GIRONE B
Aurora Seriate-Pontisola 2-0
Caravaggio-Ciliverghe
0-2
Castellana-Seregno
1-3
F. Caratese-Ciserano
3-1
Inveruno-Pergolettese
1-2
Lecco-Pro Sesto
5-1
Montichiari-Olginatese
1-2
Sondrio-Villafranca
4-0
Virtus Verona-Castiglione 0-1
Ha riposato: Mapello
15 GIORNATA (30-11 h 14.30)
Castiglione-Castellana
Ciliverghe-Lecco
Ciserano-Inveruno
Mapello-Folgore Caratese
Olginatese-Caravaggio
Pergolettese-Sondrio
Pro Sesto-Virtus Verona
Seregno-Aurora Seriate
Villafranca-Montichiari
Riposa: Pontisola
CLASSIFICA Seregno 35;
Castiglione 30; Lecco 26;
Inveruno, Sondrio 24; Pro
Sesto 20; Ciserano 19;
Virtus Verona, Aurora Seriate
18; Mapello, Pontisola 17;
Pergolettese, Villafranca,
Caravaggio 16; F. Caratese 15;
Ciliverghe 13; Olginatese 11
Castellana 6; Montichiari 0.

24

Sport

Sabato 29 Novembre 2014

CALCIO ECCELLENZA

Crema obbligato a battere il fanalino di coda

Mattia Marchesetti

Il Crema continua a raccogliere meno di


quanto meriterebbe e i troppi pareggi penalizzano la classifica dei neroverdi, che per il
valore espresse potrebbero essere in una
posizione migliore. Anche contro il Fanfulla,
i cremini hanno dominato per lunghi tratti la
partita, ma sono andati in svantaggio (sinistro dal limite dellarea di Rapelli al 31) e
tutto si complicato. Solo al 63 arrivato il
pareggio, grazie a una zampata di Chiappella, gi in gol la settimana prima. Poi la
pressione del Crema poteva portare al meritato successo, ma all88 Marchesetti ha
sprecato il calcio di rigore del possibile 2-1.

TENNIS A1

to-Asola 0-1, Vallecamonica-Sarnico 0-1,


Villongo-Darfo Boario 3-1.
13 GIORNATA (30-11 h 14.30) Asola-Crema, Darfo Boario-Cavenago, Fanfulla-Vallecamonica, Grumellese-Orceana, Orsa Trismoka-Rezzato, Palazzolo-Rigamonti Castegnato, Pedrocca-Villongo, Sarnico-Aurora
Travagliato.
CLASSIFICA Darfo Boario 27; Grumellese
25; Vallecamonica, Rigamonti Castegnato 20;
Orceana, Pedrocca 19; Aurora Travagliato 17;
Crema, Sarnico 16; Cavenago, Rezzato 15;
Villongo, Orsa Trismoka 14; Fanfulla 12; Palazzolo, Asola 7.

Insomma, altri due punti sprecati, che


lasciano i nerobianchi all8 posto, a met
classifica. Ora serve un colpo esterno e
loccasione di domani ghiotta, perch la
formazione di Nicolini impegnata sul
campo di Asola, contro il fanalino di coda,
che ha solo 7 punti in classifica. Il successo
per il Crema dobbligo, per terminare in
crescendo il girone dandata e iniziare il
ritorno con rinnovate ambizioni.
12 GIORNATA Aurora Travagliato-Orsa
Trismoka 4-0, Cavenago-Palazzolo 6-1, Crema-Fanfulla 1-1, Grumellese-Pedrocca 1-0,
Orceana-Rezzato 0-2, Rigamonti Castegna-

Tc Crema salvo
allultimo respito

Vincendo lultimo doppio, il Tennis


Claub ha centrato la salvezza in A1.
TC Crema-Angiulli Bari 4-3 (andata 3-3) - Remedi (Crema) b. Pellegrino
(Angiulli) 7-5 6-2, Marinelli (Angiulli) b.
Coppini (Crema) 7-6 7-5, Viola (Angiulli) b. Ungur (Crema) 7-5 6-2, Sinicropi (Crema) b. Capkovic (Angiulli)
6-2 6-2, Marinelli-Capkovic (Angiulli)
b. Coppini-Menga (Crema) 6-3 6-3,
Sinicropi-Ungur (Crema) b. Pellegrino/Viola (Angiulli) 6-1 7-6, RemediUngur (Crema) b. Pellegrino-Viola
(Angiulli) 6-3 6-0.

La Pom sogna unaltra impresa


Il test infrasettimanale con Montichiari (vinto 3-1) ha confermato lottimo stato di forma delle casalasche di Mazzanti

rosegue il momento magico


della Pom Casalmaggiore,
passata con autorit sabato
sera sul campo di Forl e salita
al quarto posto in classifica.
Una vittoria con il minimo sforzo, cos
la si potrebbe definire quella che le
rosa hanno conseguito in terra romagnola, non abbinata al gioco champagne esibito con Montichiari e Firenze,
ma comunque legittimata da una supremazia di gioco, che solo nel primo
set stata insidiata da una volitiva e
combattiva Volley 2002. Tanti i dati che
lo confermano a partire dai muri, ben
diciassette, al quale ha dato un grosso
contributo la coppia di centrali formata
da Stevanovic e Gibbemeyer, che
guarda caso figurano tra le prime tre
della classifica di Lega, rispettivamente
al primo posto con 22 blocks realizzati
e al terzo con 18, mentre ad insidiare la
leadership rosa tra le due si colloca
Cristina Chiricella (19 muri) dellIgor
Gorgonzola Novara. La centrale serba
si tra laltro conquistata il titolo di top
score dellincontro con 18 punti a pari
merito con Tirozzi; lunica ad avvicinarsi nelle fila delle locali stata Koleva
con diciassette. Altro fondamentale
che si conferma punto di forza della
Pom la battuta, che ha fruttato undici punti. Dai nove metri la formazione di
Casalmaggiore si conferma micidiale
se vero che anche la classifica di
Lega dei servizi vede ancora una volta
tra le prime, due giocatrici rosa, Marika
Bianchini con 10 ace e Valentina Tirozzi

Sergio Petrini incanta


tutti nel Berlonghi

SERIE A1 5 GIORNATA
Bergamo-Scandicci

3-1

Busto Arsizio-Urbino

3-0

Conegliano-Montichiari

3-1

Firenze-Modena

0-3

Forl-Casalmaggiore

0-3

Piacenza-Novara

1-3

CLASSIFICA

VOLLEY A1 Passata con autorit a Forl, la formazione rosa affronta domani la quotata Yamamay Busto Arsizio
Novara
14
Bergamo
13
Modena
12
Casalmaggiore 11
Conegliano
10
Piacenza
9
Busto Arsizio 8
Montichiari
5
Scandicci
4
Forl
3
Firenze
1
Urbino
0

PROSSIMO TURNO (30-11 H 18)


Bergamo-Piacenza, Ca0salmaggiore-Busto Arsizio, ForlFirenze (29-30 h 20.30), Montichiari-Novara, ScandicciConegliano, Urbino-Modena (29-30 h 20.30).

La Pom durante un time-out

con 8, tra le quali si frappone lattaccante Klineman con 9 battute vincenti.


Dati che incoraggiano allottimismo
per il prosieguo del campionato, visto
e considerato che la squadra ancora
in crescita a quanto condizione fisica
ed intesa tra le giocatrici. Non abbiamo giocato benissimo esordisce
Davide Mazzanti ma uscire dal
campo di Forl con i tre punti ci rende
comunque felici per essere riuscite a
risolvere a nostro favore le situazioni
difficili. Ancora positivo il rendimento
del muro e della battuta, che ci hanno
permesso di sopperire ad una giornata
che ci ha viste un po disordinate in
difesa. Lapproccio alla gara non
stato dei migliori, fortunatamente il

Si sottopone ad un piccolo intervento


chirurgico (cataratta), quarantotto ore dopo
scende sulle corsie del bocciodromo di
Soresina per disputare la fase finale dove si
esalta, gioca alla grande e si aggiudica la
gara: portento della medicina? Stiamo parlando di Sergio Petrini, protagonista del 19
memorial Gianpietro Berlonghi, gara regionale separata al possibile. Dopo essersi
sbarazzato di Ugo Scanacapra per 12-2, il
portacolori (e factotum) della canottieri
Baldesio superava il ferroviere Enrico
Mereni (12-6) ed in semifinale simponeva
sul sanitario Oscar Maestri per 12-4. Tra i
big si metteva in evidenza Filippo Celardo.
Il neo-acquisto della canottieri Flora liquidava il piacentino Maurizio Olini (che aveva
eliminato il beniamino di casa Giacomo
Bonelli) ed il compagno di societ Livio
Francisco sempre per 12-2 ed in semifinale
aveva la meglio sul mantovano Francesco
Parlato per 12-9. Finale molto equilibrata
con Petrini che partiva senza timori reverenziali (6-0), sul 9-2 subiva la reazione di
Celardo, manteneva la lucidit nei momenti
delicati (11-10) e vinceva con il punteggio
finale di 12-10. Ha diretto la gara Giuseppe
Mosconi, arbitri di finale Massimo Barbisotti
e Battista Filini.
TROFEO TELETHON Due settimane di
pausa prima dellultima serale della annata,
una gara a coppie organizzata dal comitato
di Cremona. La manifestazione, giunta alla
sua sesta edizione, comincer marted 9
mentre le finali saranno in programma sabato 13 sulle corsie del bocciodromo comunale, con una innovazione: si inizier nel primo
pomeriggio per concludersi in orario ragionevole. Iscrizioni valide entro il 1 dicembre.
M.M.

risultato ci ha comunque dato ragione. Ma la vittoria di Forl gi alle


spalle e la Pom Casalmaggiore protesa verso il match di domani, quando a
Viadana arriver la corazzata Unendo
Yamamay Busto Arsizio. In previsione
dellimportante impegno con la formazione bustocca, che segner il ritorno
da avversaria al Pala Pom di Viadana
di Letizia Camera, le rosa hanno sostenuto mercoled pomeriggio al Pala
George di Montichiari un allenamento
congiunto con la Metalleghe Sanitars
Montichiari. La formazione bresciana,
affrontata dalle casalasche solamente
dieci giorni fa in campionato (vittoria
della Pom 3-0) rappresentava, per
caratura e qualit tecniche, lavversa-

rio ideale per testare schemi e meccanismi di gioco in vista della gara con
Diouf e compagne. E il riscontro del
campo stato ancora una volta incoraggiante, visto che la Pom si imposta per 3-1, confermando di attraversare un ottimo stato di forma. Tante e
tutte positive sono state, infatti, le indicazioni che mister Davide Mazzanti ha
potuto ricavare dalla gara e che il tecnico delle rosa sapr fare tesoro in
vista del match con la Unendo Yamamay Busto Arsizio, formazione di valore, anche se un po attardata in classifica (attualmente settima con otto
punti allattivo).
Cronaca e commenti della partita
sul sito www.artventuno.it

Pieve 010, a Sarzana


altro scontro salvezza
HOCKEY PISTA A1

(Marco Ravara) Il Pieve 010 non ha


fallito sabato scorso, sulla pista di San
Daniele contro Giovinazzo, il ritorno alla
vittoria. Si trattava infatti di un confronto diretto alla salvezza ed i pievesi si
sono imposti 5-2. Sono passati in testa
gli ospiti, con pronta risposta rossoblu
e pareggio di dAmbrosio. Giovinazzo
approfitta di un rimpallo favorevole ed
insacca il 2-1, ma nemmeno stavolta il
Pieve 010 si scompone e Manuele Civa
impattava. Sulle ali dellentusiasmo
erano i pievesi a siglare il 3-2 con Bresciani. Nella ripresa il sodalizio di Ariano
Civa non concedeva nulla e Marchini e
De Tommaso mettevano al sicuro il
risultato. Sul 5-2, il Giovinazzo ha messo la gara sulla bagarre, ma Civa e
compagni non hanno perso la testa. Il
Pieve 010 ha cos abbandonato il
penultimo posto della graduatoria e
stasera (ore 20.45) impegnato nella
delicata trasferta di Sarzana.
CLASSIFICA (8 giornata) Forte dei
Marmi 24; Breganze 18; Trissino 16; Valdagno 15; Viareggio 14; Lodi 13; Bassano 11; Follonica 10; Sarzana, Matera 9;
Pieve 010 8; Giovinazzo, Correggio 6;
Prato 3.
Cronaca e commenti della partita
sul sito www.artventuno.it

A Scannabue ancora uninsaziabile Achille Grandi


BOCCE

di Massimo Malfatto

La corazzata Achille Grandi non fa


sconti neppure nelle ultime gare della
stagione. La riprova c stata nella
provinciale organizzata dalla bocciofila
Scannabuese dove ha dominato (quattro coppie tra le prime sei della classifica) e vinto. Una annata grandizzata
di fronte a questa bocciofila che continua a stupire tra risultati (quaranta i
successi), gioco e spettacolo.
Sul gradino pi alto del podio del 6
trofeo Sandro Curti sono saliti Stefano
Guerrini e Andrea Zagheno, terzi lo
scorso anno in questa manifestazione
battuti dai trescoresi Marazzi e
Cremonesi. Dopo aver eliminato la
famiglia Visconti (anche loro finalisti
nella scorsa edizione), la coppia cremasca simponeva sui compagni di
societ Frattini-Pedrignani (12-9) ed in
finale aveva la meglio su Maicol Tedoldi
ed Evaristo Padovani per 12-11. A
completare len plein della bocciofila di
via De Marchi il quarto posto di Angelo

i vincitori premiati da Gabriella e Laura Curti

Bosi ed Oliviero Parati sconfitti in


semifinale dalla coppia cremosanese
per 12-4. Nella categoria C/D ancora
una bella performance di Luigi Foppa

Pedretti ed Alfredo Branchi. I portacolori della Cremosanese superavano


in semifinale Gatti e Foschetti (i bresciani avevano eliminato i beniamini di

casa Erba e Padovani!) ed in finale


simponevano, anche in questo caso
come nella finale precedente sul filo di
lana, su Adriano Aloisi e Mauro Poletti.
Quarto posto per i madignanesi Cerioli
e Ginelli che nei quarti avevano superato i soresinesi Palandi e Motti.
Ha diretto la gara Franco Stabilini,
alle finali gradite le presenze di
Rosolino Bertoni, sindaco di Scannabue che era accompagnato dallassessore Pietro Rossi.
TARGA CODOGNESE La famiglia
Visconti soffre allinizio, ma poi detta
legge anche nella Regionale organizzata dalla bocciofila Codognese.
Decimo successo stagionale per pap
Roberto mentre sono ben venti, tra
seniores ed juniores, quelli di Mattia.
Superati nel recupero Tiengo-Suardi
(12-11), i portacolori della Achille
Grandi eliminavano i milanesi SantiFontebasso per 12-4, i beniamini di
casa Mariani e Cantagalli (12-6) ed in
finale avevano la meglio sui lodigiani
Pettinari e Renesto per 12-4.

Coppa Italia 1 turno: debacle Cremona, derubata Crema

Sono 64 le rappresentative (Cremona e Crema gi


a casa), impegnate per la conquista della Coppa Italia Seniores. Sulle corsie di S. Lazzaro di Savena la
formazione grigiorossa affronta Lecco, ma deve fare
a meno di Domaneschi, colpito da influenza. Alberto
Caccialanza perde il set per 6-8, viene sostituito
(0-2) da Celardo che subisce il cappotto! Disco rosso

della terna Massarini-Campanini-Galluzzi (6-8, 7-8) e


della coppia Massarini-Galluzzi (8-4) e Cremona
torna sconsolata a casa.
A pochi chilometri di distanza (Castel S. Pietro) c
Crema-Trapani. Lindividualista Paolo Guglieri viene
sconfitto in entrambi i set per 8-6 e 8-1, la terna
Guerrini-Zagheno-Pedrignani vince il set 8-2, ma

perde il secondo (7-8) per una contestatissima decisione arbitrale che annulla il pallino della vittoria a
Pedro. La coppia Frattini e Zagheno vince 8-6, poi
ko 1-8, Guerrini-Guglieri simpongono 8-3, ma perdono (inopinatamente) 7-8 e anche lavventura cremasca si ferma alla prima difficolt.
M.M.

Sport

25

Sabato 29 Novembre 2014

La Vanoli vuole subito rialzare la testa


Domani al PalaRadi arriva una Openjobmetis Varese in difficolt, ma non per questo rassegnata alla sconfitta

SERIE A Il ko di Trento dopo tre overtime brucia ancora, ma la squadra ha confermato di essere in salute

uando regna lequilibrio e


si va addirittura alla disputa di tre overtime, ci vuole
anche un briciolo di buon
a sorte o un pizzico di
freddezza in pi per vincere. Purtroppo non andata bene e quindi
diciamo, brava Trento.
Troviamo attenuanti nellimpossibilit di far giocare lacciaccato
Campani (speriamo gi ristabilito per
domani), nella stanchezza di molti
titolari nei momenti cruciali e se si
deve dirla tutta, nel trio arbitrale
poco benigno nei confronti dei biancoblu, anche in alcune situazioni
facilissime da valutare, non rilevate
sia in difesa che in attacco. Peccato,
perch gli uomini di Pancotto hanno
confermato sul campo della Dolomiti
Trento il loro stato di salute complessivo, con qualche protagonista
super, citiamo su tutti Kenny Hayes
(34 punti con 32 di valutazione,
10/14 ai tiri liberi, 66,7% da 3 punti e
5 rimbalzi), nonch Luca Vitali sempre anima e mente in campo, Marco
Cusin (13 rimbalzi), Ferguson e
Clark, ma anche le seconde linee
hanno fatto il loro.
Insomma, unaltra giornata di

SERIE A 7 GIORNATA

CLASSIFICA

di Giovanni Zagni

Brindisi-Bologna

75-64

Caserta-Cant

95-107

Pesaro-Capo dOrlando

62-60

Reggio Emilia-Roma

87-87

Sassari-Avellino

81-75

Trento-Cremona

116-114

Varese-Milano

97-107

Venezia-Pistoia

66-63

SERIE A2 FEMMINILE

Crema contro Vicenza


per restare al vertice

Sassari
12
Reggio Emilia 12
Venezia
12
Milano
10
Trento
8
Cremona
8
Brindisi
8
Cant
8
Avellino
6
Roma
6
Bologna (-2)
4
Varese
4
Pistoia
4
Pesaro
4
Capo dOrlando 4
Caserta
0

IL PROSSIMO TURNO (30-11 h 18.15)

Avellino-Trento, Bologna-Reggio Emilia, Cant-Brindisi


(29-11 h 20.30), Capo dOrlando-Sassari (01-12 h 20),
Cremona-Varese, Milano-Pesaro, Pistoia-Roma, Venezia-Caserta (h 20.30).
luce, offuscata solo dal tabellone
finale. Ma domani si torna in campo,
poich al PalaRadi arriva la Openjobmetis Varese, compagine di grande tradizione che sta vivendo un
momento di difficolt tecnica, cui la
dirigenza sta cercando di porre rimedio con alcuni innesti pesanti. Per
ora la panchina pare un po' corta,

Hayes stato tra i migliori a Trento (foto Mario F. Rossi)

ma per la consolazione di coach


Pozzecco, a brevissimo termine le
situazioni potrebbero cambiare.
Comunque, domenica scorsa
Varese ha impegnato duramente
Milano con i vari Diawara, Robinson,
Daniel e Rautins, tenendo in scacco
i campioni dItalia sino ai secondi
finali. Siamo certi che gli uomini di

Pozzecco verranno da noi con tanti


tifosi al seguito, che mal sopportano
la situazione e perci saranno ancora pi agguerriti del solito. Ai biancoblu le risposte sul piano puramente
sportivo, ovviamente e buon divertimento a tutti.
Cronaca e commenti della partita
sul sito www.artventuno.it

Come era prevedibile, Ferrara ha sfruttato il turno di riposo del Basket Team Crema e passando con autorit a Vicenza, ha
raggiunto le azzurre in vetta alla classifica
del girone. Le due capolista sono indubbiamente le migliori e probabilmente tutto si
decider nello scontro diretto. Per il momento alle cremasche non resta che continuare la marcia di testa, battendo Vicenza
domani alle 18 (prima giornata di ritorno) in
un match tuttaltro che agevole, ma che il
Basket Team affronta con i favori del pronostico. Ancor pi agevole il compito di
Ferrara, impegnata a Biassono contro un
avversario in grandi difficolt.
9 GIORNATA Albino-Virtus Cagliari 6672, Biassono-Astro Cagliari 41-65, MuggiaAlpo 68-100, Vicenza-Ferrara 54-68. Ha riposato: Crema.
10 GIORNATA (30-11) Alpo-Albino,
Biassono-Ferrara, Crema-Vicenza (h 18),
Virtus Cagliari-Muggia. Riposa: Astro Cagliari.
CLASSIFICA Crema, Ferrara 14; Vicenza 12; Astro Cagliari, Alpo 8; Albino, Virtus
Cagliari 6; Biassono 4; Muggia 0.

LErogasmet sfida a Bergamo il grande ex


SERIE B

LErogasmet Crema torna a


sorridere, dopo aver superato di
slancio lostacolo Urania Milano,
grazie a una prestazione brillante
e a un dominio oltre ogni aspettativa. I Wildcats milanesi vantavano finora la miglior difesa del
campionato ed avevano vinto
tutte le trasferte della propria stagione, cogliendo anche scalpi
prestigiosi, come ad esempio
quello di Montichiari, a riprova
della portata dellimpresa compiuta dagli uomini di Baldiraghi. Il
match. Inizio equilibrato dellincontro, con Bazzoli che sigla il
primo canestro del match, in un
quarto che lo vedr protagonista
assoluto con 10 punti. La risposta
cremasca arriva con un piazzato
da tre di Ferri, che porta avanti
Crema. I leoni biancorossi saltano
agevolmente i tentativi di raddoppio avversari, trovando spesso
facili conclusioni dallarco, mentre
con Paleari ben controllato, lUrania fatica maggiormente a trovare
la via del canestro, affidandosi
soprattutto a Bazzoli. Tra due
formazioni conosciute per lintensit difensiva, esce un incontro ad
alto punteggio, anche a causa di
alcune amnesie difensive di
entrambi gli schieramenti. Un

canestro in contropiede di
Giovanelli d lultimo vantaggio
agli ospiti sul 18-19, ma lErogasmet reagisce e chiude avanti per
24-20. Il secondo quarto vede
linerzia spostarsi decisamente
dalla parte dei padroni di casa.
Zanella e Tardito giganteggiano
sotto i tabelloni, Persico non da
meno ed un Colnago finalmente
libero da acciacchi, rivaleggia con
Del Sorbo nel bucare la retina
avversaria. A met del periodo i
punti di vantaggio dell'Erogasmet
sono dieci (33-23) e la differenza
di intensit messa in campo dalle
due formazioni si percepisce
anche dalla tribuna. Il +15 dellintervallo appare come la logica
conseguenza di quanto visto in
campo. Nella ripresa i Wildcats
tentano il tutto per tutto, ma il
tentativo di rimonta si rivela un
fuoco di paglia. Oltre al solito
Zanella, sono soprattutto Persico
e Del Sorbo a portare punti nel
carniere cremasco, mentre dallaltra parte lingresso in partita di
Paleari serve solamente a limitare
i danni. La frazione termina sul

DIVISIONE NAZIONALE C
Ancora un ko per lMg.K Vis Piadena, alla quale
non bastato un super secondo quarto (22-6) per
tornare a incamerare i due punti, indispensabili per
risalire la classifica. Alla sirena si imposto di
misura il Lissone: una sconfitta che acuisce la crisi
di risultati dei piadenesi, che stasera alle 21 proveranno a stravolgere il pronostico sul parquet di

I NUMERI
9 GIORNATA Cento-Orzinuovi
68-74, Crema-Urania Milano 80-56,
Desio-Bologna 67-76, Lecco-Costa
Volpino 84-77, Lugo-Bergamo 6568, Montichiari-Arzignano 89-74,
Pordenone-Udine 72-75.
10 GIORNATA (30-11 h 18) Arzi-gnano-Orzinuovi, Bergamo-Crema
(h 18), Bologna-Pordenone, Costa
Volpino-Montichiari, Lugo-Cento,
Urania Milano-Lecco, Trieste-Desio.
CLASSIFICA Udine, Orzinuovi 14;
Montichiari, Pordenone, Cento, Bologna 12; Urania Milano 10; Lecco, Crema, Lugo 8; Bergamo 6; Costa Volpino, Arzignano 4; Desio 2; Trieste 0.

65-46 e quando lultimo quarto


inizia con quasi tutto il quintetto
titolare dellUrania in panchina, si
capisce la partita finita. Finisce
80-56 per lErogasmet, che sale
ad 8 punti in classifica. Ora il
calendario mette sulla strada dei
biancorossi la Co.Mark Bergamo,

LErogasmet a canestro

allenata dallex per eccellenza, il


coach della promozione Alessandro Galli. I bergamaschi, formazione alla vigilia accreditata di
una posizione nei playoff, hanno
fino ad ora un po tradito le attese, non riuscendo a dare continuit alla bella vittoria esterna con-

tro Orzinuovi, anche se vengono


da un turno favorevole con la vittoria in trasferta a Lugo. Gli uomini di Galli schierano in cabina di
regia Michele Magini, playmaker
votato al gioco di squadra e poco
incline a personalismi, da molti
ritenuto pronto per un ulteriore

Piadena cerca limpresa stasera a Iseo

Iseo. Un successo darebbe, infatti, morale a una


squadra che deve provare ad invertire la rotta.
10 GIORNATA Cant-Iseo 59-68, Carpe Diem
Calolziocorte-Bernareggio 93-75, Club 7 Laghi Gaz-

zada-Boffalora 67-60, Manerbio-Olginate 87-83,


Milanotre-Opera 81-77, Piadena-Lissone 61-64,
Saronno-Arcisate 91-60.
11 GIORNATA (30-11) Arcisate-7 Laghi Gazzada,

salto di qualit ed il prodotto del


vivaio Lorenzo Deleidi, atleta rapido ed ottimo contropiedista. Lo
spot di guardia occupato dal
cremonese Marco Bona, giocatore dalle spiccate doti offensive, da
Simone Cortesi, giocatore capace
di ricoprire pi ruoli, in grado di
colpire sia da sotto usando la sua
forza fisica, sia da fuori grazie al
suo buon tiro da 3 punti, gran
lottatore e uomo squadra e dallex
Scavolini e Roma Fabio Zanelli,
ottimo passatore, in difesa spesso luomo delle missioni speciali
per fermare lavversario pi pericoloso, grazie alle sue ottime
qualit atletiche. Le ali sono
Jacopo Mercante, giocatore fisicamente straripante ed ottimo
difensore ed il capitano Andrea
Guffanti, bravo in difesa e giocatore molto duttile. Vicino al canestro agiscono lex Orzinuovi Chiarello, abile in difesa e grande rimbalzista e Cristiano Masper, centro di 208 centimetri tra i migliori
del campionato nel ruolo, in grado
di dare punti, difesa e rimbalzi.
LErogasmet dovr sfoderare una
prestazione super per bissare il
successo dello scorso anno allItalcementi.
Marco Cattaneo

Bernareggio-Milanotre, Boffalora-Manerbio, Iseo-Piadena (29-11 h 21), Nerviano-Carpe Diem Calolziocorte, Olginate-Lissone, Opera-Cant.
CLASSIFICA Saronno, Opera 14; 7 Laghi Gazzada,
Lissone, Milanotre 12; Bernareggio, Carpe Diem
Calolziocorte, Iseo, Olginate, Arcisate 10; Nerviano,
Manerbio 8; Boffalora 6, Piadena 4, Cant 0.

26

Sport

Sabato 29 Novembre 2014

CALCIO SERIE A

SERIE B

La Juve chiede strada al Torino Sfida al vertice oggi a Carpi

(F.V.) Lultimo turno di Champions League ha arriso


maggiormente alla Juventus, che vincendo a Malm,
ha ipotecato il passaggio del turno. Con il morale alto,
in bianconeri chiedono strada al Torino in un derby
che i granata non vincono da 19 anni. Sfida ad alto
rischio anche per la Roma, che dopo lamaro pareggio di Mosca, ospita lInter di Mancini.
12 GIORNATA (23-11 h 15) Atalanta-Roma 1-2,
Cesena-Sampdoria 1-1, Genoa-Palermo 1-1, Hellas
Verona-Fiorentina 1-2, Lazio-Juventus 0-3, MilanInter 1-1, Napoli-Cagliari 3-3, Parma-Empoli 0-2,

Torino-Sassuolo 0-1, Udinese-Chievo Verona 1-1.


13 GIORNATA (30-11 h 15) Cagliari-Fiorentina,
Cesena-Genoa, Chievo Verona-Lazio (29-11 h 20.45),
Empoli-Atalanta, Juventus-Torino (h 18), Milan-Udinese,
Palermo-Parma, Roma-Inter (h 20.45), SampdoriaNapoli (01-12 h 20.45), Sassuolo-Verona (29-11 h 18).
CLASSIFICA Juventus 31; Roma 28; Napoli 22;
Sampdoria 21; Genoa 20; Lazio 19; Milan, Udinese 18;
Inter 17; Fiorentina 16; Sassuolo 15; Hellas Verona,
Palermo 14; Empoli 13; Torino 12; Cagliari 11; Atalanta
10; Chievo Verona 9; Cesena 8; Parma 6.

Grazie al rocambolesco pareggio di Brescia, il


Carpi ha difesa la vetta della classifica e oggi prova ad allungare sul Frosinone nello scontro diretto.
15 GIORNATA Avellino-Varese 0-0, Bari-Trapani 2-1, Brescia-Carpi 3-3, Catania-Latina 1-0,
Frosinone-Livorno 5-1, Modena-Pescara 2-0,
Perugia-Ternana 2-2, Pro Vercelli-Virtus Entella
2-0, Spezia-Bologna 1-1, Vicenza-Cittadella 1-1,
Virtus Lanciano-Crotone 1-1.
16 GIORNATA (29-11 h 15) Bologna-Bari (3011 h 13.30), Carpi-Frosinone, Cittadella-Brescia,

Crotone-Modena, Latina-Pro Vercelli, LivornoPerugia, Pescara-Lanciano (28-11 h 20.30), Ternana-Catania, Trapani-Spezia, Varese-Vicenza,
Virtus Entella-Avellino.
CLASSIFICA Carpi 29; Frosinone 28; Spezia
25; Livorno, Avellino 24; Virtus Lanciano, Bologna
23; Perugia, Trapani 22; Pro Vercelli 20; Catania,
Bari 19; Modena*, Brescia 18; Varese (-1), Vicenza 17; Pescara, Ternana 16; Virtus Entella* 15;
Crotone 14; Cittadella, Latina 13. *Una partita in
meno.

Per la Cremasca un 2014 da ricordare

CICLISMO La storica societ presieduta da Albino Ferla ha celebrato i tanti successi ottenuti nellultima stagione

di Fortunato Chiodo

he dire dellUnione Ciclistica Cremasca,


presieduta da Albino Ferla! Tanto di cappello, visto che fa esattamente ci che ci
si aspetta: stravince, senza mai dare limpressione di faticare. Chi riuscito a
vederla in difficolt, invitato a rivolgersi a un buon
medico. La vecchia signora del ciclismo italiano
insaziabile e ha festeggiato allagriturismo Ca del
Facco a Salvirola, facendo rivivere ai commensali i
risultati entusiasmanti di questo 2014, a conferma
della validit del vivaio e delle strutture. La passione ciclistica labbiamo nel sangue - dice soddisfatto
Ferla - non abbiamo lesinato energie e sacrifici, tutti
noi del direttivo. Siamo riusciti a caricare questi
nostri magnifici ragazzi, portandoli al grado di efficienza che ci eravamo proposti. Tanti ospiti donore
al convivio, molto festeggiati, anche per la loro
popolarit, tra i quali ex professionisti cremaschi
come Pietro Scandelli, gregario del Cannibale
Eddy Merckx alla Molteni, cresciuto nella societ
cittadina, Adriano Baffi (ora direttore sportivo della
Trek), Mar-co Villa (ha fatto i primi passi in bici con
pap Ettore, presidente della Cremasca) due titoli
iridati su pista nella Madison e bronzo olimpico a
Sidney, ora ct della Nazionale su pista, Davide
Bramati (direttore sportivo della Omega Pharma
Quick Step, corazzata belga che schiera Cavendisch,
Tony Martin e Uran Uran), Ivan Quaranta (responsabile lombardo su pista a Montichiari e trainer della
Uc Cremasca), Franco Priori (pinza doro, sullammiraglia del cambio ruota per tanti anni anche al
Giro dItalia) e il dottor Walter Della Frera, delegato
allo sport del Comune di Crema. Annata magica per
il conseguimento dei risultati eccezionali.

Gran gala ciclistico della Polisportiva


Madignanese. Presso il Centro parrocchiale Don Giovanni Bosco a Madignano, personaggi ed ospiti e soprattutto appassionati dello sport del ciclismo
si sono dati appuntamento per la sfilata
delle premiazioni voluta dalla societ
ciclistica, presieduta da Mara Pola in
sinergia con il vertice dirigenziale. Uniti si
vince! Inutile star qui a tirare conclusioni
troppo scontate. Saggio e deciso il commento della presidentessa: Devo difendermi, mi sono difesa. Mi d morale. Ma
era solo una prova: adesso cominciamo
quelle vere. Certo, non posso nasconderlo, sono molto contenta. E inutile
negarlo, stato un 2014 eccezionale,
con le formazioni delle categorie
Giovanissimi, Esordienti e Juniores e se
non tutti hanno trionfato, poco importa,
solo linizio. Per fortuna nel 2015 la
nidiata sar completata anche dallinserimento degli Allievi. Un suo giudizio
sugli Juniores? Si poteva ottenere qualcosa di pi ci ha spiegato il direttore
sportivo Marco Cotogno - mancata
lesperienza, spero limpegno sia migliore nella nuova annata. I virgulti sono il
motore trainante, ma che dire della categoria Allievi? Luciano Capolocchio non
hanno avuto grinta e coraggio e sono
mancati i risultati. Poi la volta del
cremonese Fausto Tomasoni, direttore

I Giovanissimi con Quaranta e Ferla


Da sinistra: Villa, Bramati, Stefano Baffi,
Quaranta, Adriano Baffi e Della Frera

Ripercorriamo, dunque, il cammino rivedendo il


primo bagliore tricolore dellanno: quello di Stefano
Baffi, quindicenne di Vailate, nipote darte di nonno
Pierino e zio Adriano, che studia da perito agroalimentare a Caravaggio e mangia pane e pista
Allenato da Ivan Quaranta, si laureato campione
italiano nella corsa a punti Allievi su pista al velodro-

mo Mercante di Bassano del Grappa (Vi). Questo


giovane rampollo della saga dei Baffi, ha cominciato
la giovane carriera al velodromo della citt di Crema,
intitolato a Pierino Baffi e come tutti i suoi coetanei
costretto a emigrare, ha ottenuto questanno il suo
primo titolo tricolore in carriera. Gi secondo nellinseguimento a squadre con la Lombardia, Baffi Junior
prima si era aggiudicato anche la Tre Sere di Busto
Garolfo, insieme al compaesano e compagno di
squadra Daniele Donesana, quella di Dalmine con
Michele Gazzoli (Aspiratori Otelli Mastercrom), il tricolore per la Lombardia nel Madison in coppia con
Stefano Oldani (Team Pro Bike Junior). E infine, ha
messo la firma nella classica su strada di Persichello,
alla grande con il fiato sul collo del gruppo. Mi fermo
qui! Stefano Pedrinazzi, team manager dellUc
Cremasca, ha fatto la disamina della stagione.
Questanno - ha detto Pedrinazzi - motivi per far
festa ce ne sono parecchi, basti ricordare la maglia
tricolore di Stefano Baffi nellindividuale a punti e la
vittoria del campionato lombardo del piccolo Stefano
Ganini. Ma, come ripete spesso Ferla, la soddisfazione maggiore vedere tutti i nostri ragazzi alle gare,
entusiasti, sorridenti, orgogliosi di portare una maglia
storica (la Cremasca nata nel 1932). Che dire poi
dai Giovanissimi? Arrivando ai numeri dalla categoria Giovanissimi, 25 sono stati i campioncini tesserati, suddivisi per ordine di et, con notevoli risultati
sotto le direttive dei direttori sportivi Giancarlo e
Antonio Moretti. Otto erano gli Esordienti guidati dal
tecnico Secondo Pizzocri, sei sono state le vittorie
conquistate e numerosissimi i piazzamenti ottenuti.
Passando alla categoria Allievi, i 7 ragazzi seguiti dai
direttori sportivi Francesco Borselli e Ivan Quaranta,
hanno vinto 4 corse su strada, oltre ai grandi risultati conseguiti su pista. Oltre alla gi citata maglia tri-

colore, ricordiamo le due medaglie dargento di


Daniele Donesana e Stefano Baffi ed il 4 posto di
Tommaso Bramati, figlio darte, ottenuti sempre agli
Italiani. LUc Cremasca, inoltre, vanta un vivace settore amatoriale e conta pi di 35 iscritti. Notevole
anche limpegno organizzativo provinciale con ben
11 gare allestite durante il 2014: di questo dobbiamo
ringraziare Giuseppe Maccalli e Marco Grossi, ormai
coppia storica della segreteria, ai quali si affiancata
Tiziana Brocchieri, presenza femminile graditissima,
oltre che capace. Qual il rapporto con le autorit
politiche e sportive? Lanno 2014 ha per avuto
anche eventi drammatici per il movimento- spiega
Pedrinazzi - mi riferisco allincidente del 24 luglio di
Alessandro Maggi, il quale ha avuto oltre alla tragica
fine del giovane ragazzo dellImbalplast, anche la
morte del direttore sportivo Alessandro Tarenzi.
Questo funesto evento ci deve far riflettere sulla sicurezza nelle uscite in bicicletta, ma soprattutto il fatto
che una citt come Crema, che vanta centinaia di
appassionati e amanti del ciclismo, non abbia un
piccolo impianto dove poter girare in bici in sicurezza. Se si vuole che il ciclismo acquisti dignit di
sport, si prenda consapevolezza che nel 2015 non
pi possibile che dei bambini che vanno dai 7 ai 12
anni girino con le loro biciclettine in un area industriale aperta al traffico. Lamministrazione comunale ci
ha sempre considerati uno sport marginale, basti
ricordare la vicenda velodromo, nessuno si sognerebbe pi di far giocare una partita di calcio sul
sagrato della chiesa. Non chiediamo un impianto
bellissimo come quello di Cremona, ci basterebbe un
nastro dasfalto chiuso al traffico, dove i nostri ragazzi, ma anche gli amatori che non si sentono sicuri a
girare per le strade, possano divertirsi con le loro
bici. Il messaggio lanciato chiaro e forte...

La Madignanese rilancia la sfida nel 2015

sportivo dei Giovanissimi, ma anche


team manager, che vara la rivoluzione?
E un vivaio interessante; con Federica
Venturelli, abbiamo vinto nella G3 il
Trofeo Rosa e otto successi. Dobbiamo
per dar loro il tempo di crescere. Quali
sono le novit per il 2015? Accanto a
Giovanissimi, Allievi e Juniores ci saranno gli Esordienti Andrea Morandi, Davide
Di Stasio, Mattia Tomasoni, Alex Cambi
e Simone Amighini. Gli Allievi sono
Thomas Campetti (dal CC Cremonese),
Marco Testa (riconfermato), Giorgio Verta
(dalla Corbellini), Andrea Manini (riconfermato, diretti da Luciano Capolicchio.
Ecco gli Juniores: Nicola Forlani, Stefano
Vicini, Timis Gratian, Luca Fogliazza,
Stefano Pedrini (riconfermati), Alberto
Bombelli (dalla Otelli), Cristian Ghidini
(dal CC Cremonese) e Nicola Sammaciccia (della Madignanese che far
lesordio nella categoria superiore).
Responsabile sar Roberto Montini. I
direttori sportivi sono Eraldo Lanzi e
Giancarlo Cambi, aiutati da Mario
Toscani e Marco Codogno.
MINALI E VIVIANI AL TEAM COLPACK Due grandi talenti veronesi, un

RICONOSCIMENTI
Il mese di dicembre dedicato alle premiazioni
di societ, dirigenti, allenatori, atleti che hanno
onorato nel corso dellanno i colori sociali ad ogni
livello. E un momento particolarmente atteso da
tutti, anche da chi da pochissimo ha conosciuto il
significato di sport agonistico secondo i principi e
valori di lealt. Sar la Canottieri Baldesio a dare il
via a queste manifestazioni: oggi alle ore 17.30
presso il palazzetto sociale, il presidente Sanfelici
e tutti i consiglieri consegneranno i riconoscimenti
ai loro tesserati.
Far seguito la Canottieri Bissolati, presieduta
da Maurilio Segalini il pomeriggio del 6 dicembre
alle 16 nel proprio palazzetto in via Riglio e due
giorni dopo entrer in scena la Canottieri Flora con

Atleti e dirigenti della Madignanese

figlio e un fratello darte, arrivano a rinforzare la pattuglia di atleti dilettanti del


Team Colpack, squadra bergamasca
diretta dagli ex professionisti Gianluca
Valoti e Antonio Bevilacqua, in vista della
stagione agonistica 2015. Stiamo parlando di Attilio Viviani, 18enne di Vallese di
Oppeano, fratello minore del professionista Elia Viviani, che nel 2014 ha vinto 4

gare su strada, oltre ai numerosi raccolti


su pista tra i quali spiccano il campionato europeo dello scratch, e Riccardo
Minali, 19enne di Isola della Scala, figlio
dellex professionista Nicola Minali, tre
volte sul podio con la maglia della
Generali Store-Bottoli.
MOSER E BAFFI, FIGLI DARTE,
APPENDONO LA BICI AL CHIODO Ci

Coppa Alquati a Cadenazzi e Cattaneo


il gruppo damministrazione guidato da Alberto
Superti, nella location del locale Juliette 96 alla
Corte dei Monaci in via Mantova. Il Panathlon Club
Cremona ha assegnato i premi annuali del sodalizio presieduto da Cesare Beltrami, che ormai da
decenni costituiscono gli Oscar' dello sport cremonese. La cerimonia di consegna avverr nel
corso della cena degli auguri del Club in programma il 16 dicembre a Palazzo Pallavicino.
Il 57 Trofeo Panathlon da assegnare ad atleta o
societ che si siano distinti nellanno con grandi

risultati stato attribuito a Maria Bresciani (Asd


Futura) cinque volte campionessa del mondo ai
recenti Mondiali di nuoto paraolimpico Dsiso per
atleti con disabilit intellettiva unitamente ad una
medaglia dargento e cinque di bronzo.
La Coppa Alquati (60 edizione) riservata ai giovani che non abbiano compiuto i 21 anni e distintisi in campo sportivo e scolastico, stata attribuita
ad Andrea Cattaneo (Canottieri Bissolati), classe
1998, campione del mondo ad Amburgo ai Mondiali di canottaggio Juniores nella specialit del 4

sono ancora sul sito ufficiale dei rispettivi team di appartenenza, ma appendono
la bici al chiodo due figli darte. Chiudono
la loro carriera nel mondo professionistico perch tutto gli costava fatica. Ignazio
Moser, nato il 14 luglio 1992, figlio del
grande Francesco, con una decisione
che ha stupito la Bmc che ha provato a
fagli cambiare idea. Era una promessa,
adesso lavora per lazienda vinicola con
pap Francesco, a Pal di Giovo (Trento).
Ha detto: Fine e basta, la bicicletta s, il
ciclismo no, non faceva pi per me.
Stessa decisione per Piero Baffi, nato il 8
settembre 1990, figlio di Adriano, ex
professionista e direttore sportivo della
Trek Factory Racing.
Ha deciso di ritirarsi, correre significa
leggerezza, se non hai leggerezza ti stacchi anche in discesa, non c stata lurgenza di interrogare, n il bisogno di
spingere o provare, ha fatto la sua bella
esperienza biennale tra nel mondo professionistico del team lussemburghese
Contineltal Leopard Development, tornato sui banchi di scuola a studiare di
Fisioterapia a Cremona.
F.C.

di coppia e promosso alla classe terza del Liceo


Scientifico Aselli con la media di 8,4 e ad Altea
Cadenazzi (Societ Agoge), classe 1999, campionessa del mondo a Rimini ai Mondiali di kikboxing
nella specialit Light contact per Cadetti, limite di
peso 65 kg, medaglia di bronzo negli stessi
Mondiali nella specialit Point Fighting per Cadetti,
limite di peso 65 kg e promossa alla classe terza
del Liceo Musicale Stradivari con la media di 8,14.
La 3 Coppa Nolli per atleti con disabilit stata
attribuita alla squadra di canottaggio Adaptive
della Canottieri Flora, con i suoi numerosi atleti che
hanno brillato in campo nazionale ed internazionale in gare di adaptive rowing.
Marco Ravara