Sei sulla pagina 1di 28

Direttore responsabile Daniele Tamburini Societ editrice: Immagina srl via San Bernardo 37 - Cremona Amministrazione e diffusione: via

ia San Bernardo 37 - Cremona tel. 0372 435474 - fax 0372 597860


Direzione e redazione: via S.Bernardo 37, Cremona - tel 0372 454931 redazione@ilpiccologiornale.it Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it
Aut. del Tribunale di Cremona n 5/2013 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it
PICCOLO
il
www.ilpiccologiornale.it
Anno I n. 34 SABATO 13 SETTEMBRE 2014 Periodico 0,02 copia omaggio Non riceve alcun finanziamento pubblico
Edizione chiusa
alle ore 21
SETTIMANALE
Gianluca Epicoco (Sap): Abbiamo solo sei auto, di cui tre rotte. Un quadro desolante dai sindacati di polizia
LINCHIESTA Forze dellordine in difficolt a causa dei tagli lineari operati dal Governo: problemi di organico e mezzi
E DIFFICILE GARANTIRE LA SICUREZZA
ARCIMBOLDO, CRISTINA CAPPELLINI:
COME HO CONVINTO GALIMBERTI
a pagina 5
VIABILITA
a pagina 2

Senso unico, ma
non per le bici. Fiab
e Comune a favore
llora, pare ormai certo
che i Bronzi di Riace
non andranno all'Ex-
po, ma che ne sar
ospite il nostro "Ortolano",
opera dell'Arcimboldo che
Cremona accoglie nel Museo Civico e che,
pare, abbia fornito ispirazione ai disegna-
tori della Walt Disney Italia, per disegnare
la mascotte della stessa Expo. Si
chiama"Foody", una cosa tipo "cibotto", ed
in linea - dicono sul sito ufficiale - con i
contenuti della manifestazione. Anzi, Foody
propone tali temi in modo "empatico",
"sincero, saggio e rispettoso". Caspita. Non
capita spesso di dire certe cose di un essere
umano: fa piacere che si dicano almeno di
una mascotte, di un disegno, di un logo de-
stinato ad essere riprodotto in mille salse.
Va da se' che il quadro dell'Arcimboldo - che
pure non amo particolarmente - sia tutt'al-
tra cosa: ma tant', tutto fa brodo (inoltre,
parliamo di verdure ...). A parte gli scherzi,
anche in questa occasione si sono visti op-
posti schieramenti: chi non vuole spostare
le opere d'arte, fragili per natura e sottopo-
ste a rischi, e chi, come Sgarbi, grida al
passatismo e al conservatorismo. Sincera-
mente non so chi abbia tecnicamente ragio-
ne: mi pare, per, che voler assemblare i
Bronzi, l'Arcimboldo e chiss cos'altro in
un'unica sede sia un po' da circo delle me-
raviglie, "venghino venghino", un po' Italia
in miniatura, un po' Disneyland, appunto.
Mi hanno insegnato a scuola, in anni molto
lontani, che un'opera d'arte si apprezza nel
suo contesto: e quando viene "prestata", in
genere per completare un percorso su un
autore, una corrente etc. Ora per non vo-
glio fare il sapientone in un campo non mio.
Dico solo che il sindaco Galimberti, dopo il
fiero "no", si fatto convincere dalla Regio-
ne: sono bastate alcune telefonate dell'as-
sessora Capellini e, dopo breve riflessione,
ha deciso di prestare l'Ortolano per quattro
mesi. Un Ortolano part-time, tanto per non
scontentare nessuno. Ok, andiamo avanti.
A
Tutto bene quel
che finisce bene. O no?
LEDITORIALE di Daniele Tamburini
LOrtolano allExpo per quattro mesi
QUARTIERE 1
a pagina 6

Numerose lamentele
dei cittadini per le
condizioni della zona
LINTERVISTA ALLASSESSORE
a pagina 7

Maura Ruggeri:
Abbiamo ereditato
un bilancio pesante
ALESSIA MANFREDINI
a pagina 8

Differenziata,
ora necessario
un cambio di passo
CICLISMO a pagina 26
Stefano Baffi
vince nel segno
della tradizione
BASKET SERIE A a pagina 25
Sfumato Cusin
la Vanoli punta
sul lungo Hyman
CALCIO LEGA PRO a pagina 23
La Cremo cerca
il riscatto contro
il quotato Novara

a pagina 3
SOTTOPASSO
V
IA PER
SIC
O:
-38 GIOR
N
I
ALLA FIN
E
DEI LAV
OR
I
LECONOMISTA
MUTUI: PERCHE IN ITALIA
SONO I PIU CARI?
a pagina 4

INIZIA GIOVEDI 18
a pagina 9

Tennis in carrozzina,
torneo nazionale
alla Baldesio
CASALMAGGIORE
a pagina 14

Desalu racconta
il record italiano
e sfila in Baslenga
di Michele Scolari
a posizione del ministro
Maurizio Lupi, comparsa
sulla stampa il 6 settembre,
contraria alla proposta di
regolamentare il senso uni-
co eccetto bici, attraverso una norma-
tiva ben precisa da inserire nel nuovo
Codice della Strada, ha suscitato il di-
sappunto dellassociazione Fiab Cre-
mona.
Una lettera al sindaco Gianluca Ga-
limberti stata inviata nei giorni scorsi
dal presidente Piercarlo Bertolotti, per
chiarire la posizione di Fiab e chiedere
un sostegno, da svolgere unendosi a
tutti gli altri sindaci ed sssessori alla
mobilit di piccole e grandi citt italia-
ne, che attendono un chiarimento su
questo tema da anni. Che la gente
comune faccia confusione tra contro-
mano e controsenso posso capirlo
commenta Bertolotti - ma che lo faccia
il Ministro delle Infrastrutture mi stupi-
sce. Lo abbiamo gi detto, ma lo riba-
disco: non corretto parlare di con-
tromano e neppure di controsenso,
perch d lidea di una deroga ad un
principio sancito dalle leggi. Invece,
corretto parlare di senso unico eccet-
to biciclette, come esiste il senso
unico per le auto mentre gli autobus e i
taxi possono andare nei due sensi.
Come accade in tutto il resto dEu-
ropa: difatti tale modifica richiesta
dalla Fiab e da molti Comuni italiani
scrive il presidente nella lettera al pri-
mo cittadino consentirebbe di alline-
arci a tanti paesi europei nei quali, pi
che in Italia, la mobilit ciclistica viene
promossa e favorita. Il timore di tro-
varsi davanti ciclisti che sfrecciano im-
provvisamente contromano nelle stra-
de non sarebbe dunque obiettivo. Per
cominciare, specifica Bertolotti, il
senso unico sarebbe applicabile solo
ad alcune strade, prevalentemente nei
centri urbani, e dovrebbe accompa-
gnarsi ad alcune condizioni e provvedi-
menti di moderazione del traffico e
della velocit. Secondariamente, le
esperienze e le rilevazioni statistiche di
grandi e piccole citt europee, ma an-
che di molte citt italiane, attestano
che lintroduzione del doppio senso
ciclabile, praticato con la dovuta intelli-
genza tecnica, porta ad una riduzione
dellincidentalit e favorisce l'incre-
mento degli spostamenti in bicicletta.
Terzo punto: nel resto dell'Europa i
cittadini sono pi attenti e rispettosi
alle norme, non gli automobilisti, e lo
sono non per dono divino, ma perch
da tempo l sono state adottate varie
misure volte a favorire il senso civico.
La nostra associazione ha gi avuto
modo di evidenziare allamministrazio-
ne comunale l'utilit di praticare il sen-
so unico eccetto bici anche nella citt
di Cremona, non solo in maniera occa-
sionale come gi avvenuto in passato,
ma attuabile di fatto in tante strade del
centro cittadino, anche a codice vigen-
te con una visione tecnica-culturale
meno supina e formalistica della tradi-
zionale organizzazione del traffico.
Lassociazione chiede quindi al sinda-
co di unire la sua voce a quella di altri
sindaci nel richiedere al governo di in-
trodurre nel Codice della Strada norme
utili a favorire la circolazione urbana e
quotidiana delle biciclette, compreso il
senso unico eccetto bici, superando
ogni dubbio interpretativo e anacroni-
stico.
E la risposta del Comune stata
positiva. Lassessora alla salute e al
territorio Alessia Manfredini sottoscri-
ve il contenuto della lettera inviata nei
giorni scorsi dagli assessori alla mobili-
t dei Comuni di Bologna, Milano e
Torino al ministro Maurizio Lupi per
sottolineare il ritardo nell'uniformare
la normativa italiana a quella europea
per gli interventi volti a favorire luso
della bicicletta nelle citt e per auspi-
care, dopo la bocciatura, avvenuta
nella commissione trasporti della Ca-
mera, che il senso unico eccetto bici
possa tradursi in un voto diverso al
Senato. Il senso unico eccetto bici, le
case avanzate (la linea di stop ai se-
mafori per le due ruote), la svolta conti-
nua a destra, le zone 30 - ribadisce
lassessora - sono azioni diffuse da
tempo in quasi tutti i Paesi europei e
hanno dimostrato nella pratica la pro-
pria efficacia, sia per favorire l'aumen-
to del numero di ciclisti, sia, cosa an-
cora pi importante, per garantire la
sicurezza di chi si sposta in bicicletta.
L
Fiab e Comune di Cremona sono favorevoli allinserimento della nuova norma nel Codice della Strada
Contromano? No, senso unico ma non per le bici
Gi alcune citt in Italia come Reggio
Emilia, Lodi o Bolzano hanno iniziato spe-
rimentazioni in tal senso. Ora arrivato il
tempo per ridurre i margini di discreziona-
lit. L'attuale Amministrazione auspica
che in sede di approvazione del nuovo
Codice della strada si introducano quelle
azioni finalizzate a facilitare e rendere pi
efficaci gli interventi a favore della ciclabi-
lit in ambito urbano e si armonizzi la
normativa nazionale con quella di molte
realt europee. Occorrono norme certe
che mettano in condizione i Comuni di
operare e favorire la redazione di un piano
della ciclabilit, realizzando tracciati prio-
ritari e mettendo in sicurezza gli esistenti.
Per questa ragione ci auguriamo, assie-
me agli assessori alla mobilit di Milano,
Torino e Bologna che, dopo la bocciatura
avvenuta in sede di commissione della
Camera del senso unico eccetto bici, si
possa trovare una valutazione diversa in
Senato. Il Comune di Cremona far la sua
parte, coinvolgendo il sottosegretario e
senatore cremonese Luciano Pizzetti su
questa partita
CREMONA
Tornano i treni elettrici sulla Brescia-Cremona.
Da luned 15 settembre, 28 delle 31 corse pre-
viste da orario saranno servite da elettromotrici
ALe582, che hanno concluso il periodo di manu-
tenzione. Tre corse continueranno ad essere ser-
vite con composizioni diesel ALn668; questo ma-
teriale infatti deve prestare servizio anche sulla
linea Brescia-Piadena-Parma, non elettricata.
FERROVIE
Sulla Brescia-Cremona
Tornano i treni elettrici
LASSESSORA MANFREDINI:
IL COMUNE FARA LA SUA
PARTE, COINVOLGENDO
LUCIANO PIZZETTI
Piercarlo Bertolotti
Oltre 700 lavoratori dipendenti
di Croce Rossa a tempo determi-
nato saranno stabilizzati e potran-
no contare sul mantenimento dei
livelli salariali: questo il risultato di
mesi di confronto tra Croce Ros-
sa, Areu (delegata dallAssessora-
to alla Salute) e organizzazioni
sindacali. Risultato finale, il pros-
si mo 17 settembre l a fi rma
dellaccordo che definisce conte-
nuti e tempi della stabilizzazione.
Croce Rossa ha avviato il pro-
cesso di riorganizzazione della
propria struttura: dal 1 gennaio
tutti i Comitati Locali e Provinciali
sono stati trasformati in associa-
zioni di promozione sociale, men-
tre il Comitato Centrale e il Comi-
tato Regionale restano soggetti
pubblici fino al 2015. Sulla base
dellaccordo tra CRI e Organizza-
zioni sindacali, gli attuali dipen-
denti a tempo determinato che
svol gono l a propri a atti vi t
nellambito del soccorso sanitario
vedranno i loro contratti ridetermi-
nati con scadenza al 30/09/2014 e
dal prossimo 1 ottobre saranno
assunti con contratto ANPAS a
tempo indeterminato alle dirette
dipendenze dei singoli Comitati
Locali o Provinciali.
Si tratta di un accordo che il
vicepresidente di Regione Lom-
bardia Mario Mantovani definisce
storico: Un vero e proprio eser-
cito di precari sottolinea Manto-
vani - verr stabilizzato. Inoltre
continueremo a garantire ai nostri
territori quel presidio di sicurezza
ed efficacia che da sempre Croce
Rossa rappresenta per i cittadini
della nostra Regione. Ringrazio
per questo AREU che ha seguito
per conto di Regione Lombardia i
tavoli di lavoro e tutti i soggetti
che hanno collaborato al raggiun-
gimento di questo risultato. Uniti
si vince.
Il senso di responsabilit di
AREU, Sindacati e Croce Rossa
regionale della Lombardia spie-
ga Maurizio Gussoni, Presidente
regionale CRI hanno consentito
da una parte il salvataggio di oltre
700 posti di lavoro e dallaltro il
mantenimento del servizio di qua-
lit offerto in Lombardia da Croce
Rossa. E un esempio virtuoso di
come la Pubblica Amministrazio-
ne, riesca, quando decide di farlo,
a risanare se stessa in tempi brevi
e con risultati ottimali.
Massima soddisfazione anche
da parte dei sindacati.
Privatizzazione della Croce Rossa, occupazione
garantita per 700 lavoratori in Lombardia
Bertolotti: Alcune rilevazioni statistiche nelle citt europee, ma anche italiane,
attestano che questa norma, se applicata con intelligenza, riduce lincidentalit
di Laura Bosio
ome possibile garantire la
sicurezza dei cittadini, quan-
do dallo Stato non vengono
forniti i mezzi necessari per
lavorare? Se lo chiedono i sin-
dacati di polizia, che da settimane stanno
protestando per una situazione sempre
pi pesante.
Abbiamo almeno 15 agenti in meno
dell'organico previsto, dichiara Gianluca
Epicoco, segretario provinciale del Sap di
Cremona. La questura cittadina conta
150 agenti, e altri 40 sono presenti nel
commissariato di Crema. Un problema
notevole anche quello degli automezzi:
la squadra volante, che quella che ga-
rantisce la sicurezza in citt, ha in dota-
zione "sei auto, che gi non sono molte.
Di queste per ne funzionano solo tre,
perch le altre sono guaste e non ci sono
i soldi per ripararle spiega ancora Epico-
co. Inoltre una di queste viene spesso
utilizzata per il servizio di accompagna-
mento alla frontiera degli immigrati. Dun-
que a pattugliare il territorio ne restano
soltanto due. E si tratta di auto che hanno
almeno 150mila chilometri e che devono
girare per 24 ore, per poter coprire tutti i
quattro comparti cittadini. C' sempre il
rischio che anche queste restino in pan-
ne, prima o poi. Senza contare che con
cos poche pattuglie a disposizione c' il
rischio di non averne una disponibile nel
momento in cui il cittadino chiama il 113
per chiedere aiuto. E' una situazione dav-
vero critica.
Anche la Polizia stradale in difficol-
t'. La sezione di Cremona dispone di
quattro autovetture con colori distituto di
propri et del l e autostrade Centro
Padane,utilizzabili esclusivamente per
servizi in ambito autostradale, nonch di
due autovetture con colori di serie per
servizi di polizia giudiziaria e burocratici,
peraltro anche questi di propriet della
concessionaria autostradale. Dunque la
sezione di Cremona,attualmente, non di-
spone di alcuna autovettura n motovei-
colo per servizi in ambito di viabilit
ordinaria,fatta eccezione per una sola
autovettura Alfa 159 assegnata al dirigen-
te della Sezione, fino a pochi giorni fa in
servizio a Milano - spiega ancora Epico-
co.
Non tutto. Il distaccamento di Pizzi-
ghettone ha prestato lunica autovettu-
ra con colori distituto di cui dispone,
unAlfa 159 (230.000 Km circa allattivo)
al distaccamento di Crema, a sua volta
rimasto senza auto per le note problema-
tiche di guasti e mancate riparazioni do-
vute alle carenze di fondi. A sua volta il
distaccamento di Pizzighettone, nel frat-
tempo rimasto senza autovetture, ha per
un periodo utilizzato lautovettura Alfa
159 in dotazione al dirigente della sezio-
ne, poi inviata a Milano e ora girata al di-
staccamento di Crema, e sta ora utiliz-
zando ununica autovettura Alfa 159 (con
oltre 170.000 Km) ricevuta in prestito dal-
la sezione di Polizia Stradale di Lodi. Il
distaccamento di Pizzighettone dispone
poi di unaltra autovettura Fiat Punto con
colori di serie per servizi burocratici.
Il distaccamento di Crema, quindi,
attualmente dotato di solo unautovettura
assegnata al dirigente della sezione e ri-
cevuta in prestito (quella appartenente a
Pizzighettone e utilizzata da Crema nel
frattempo andata in avaria), due moto
BMW e unautovettura Ford Fiesta con
colori di serie per servizi burocratici.
Il distaccamento di Casalmaggiore di-
spone di un'unica autovettura con colori
distituto Alfa Romeo 159, unautovettura
Fiat Punto con colori di serie per servizi
burocratici e non dispone di motoveicoli.
Cremona intanto rimasta senza mo-
tociclette, in quanto le tre in dotazione
sono attualmente in servizio a Milano per
servizi istituzionali.
Per la polizia stradale, quindi, risultano
inutilizzabili una moto della sezione di
Cremona, due autovetture del distacca-
mento di Crema, unautovettura del di-
staccamento di Casalmaggiore e tre au-
tovetture del distaccamento di Pizzighet-
tone. Un totale quindi di sette mezzi in
avaria, fermi in attesa di riparazioni, an-
che se impossibile tracciare un quadro
preciso per levoluzione continua (in ne-
gativo) della situazione evidenzia ancora
il segretario Sap.
Un quadro desolante, secondo i sinda-
cati di polizia, e in continuo peggiora-
mento, quello in cui devono lavorare i
poliziotti, che percepiscono stipendi da
1.300 euro al mese, pi altri sei euro per
ogni ora di straordinario. I tagli lineari
disposti dal Governo hanno colpito tutti,
indistintamente - dice Epicoco -. I cittadi-
ni devono capire che non investire sulla
sicurezza va a discapito di tutti. Non ab-
biamo delle grandi pretese, ne' chiedia-
mo il rinnovo del contratto nazionale, pe-
raltro bloccato dal 2010. Chiediamo sol-
tanto di permettere al personale di poter
lavorare in condizioni di sicurezza ade-
guate e con mezzi funzionanti. E che
vengano sbloccati i tetti salariali: oggi chi
viene promosso ad una carica superiore,
percepisce ancora lo stipendio della cari-
ca precedente, a causa di ci. Anche il
nostro questore non percepisce lo sti-
pendio previsto dalla sua carica, per tale
motivo.
Una situazione che sta creando disa-
gio e malcontento. I politici non si rendo-
no conto che tutto questo demotivagli
esponenti delle forze dell'ordine, e que-
sto rappresenta un rischio per la demo-
crazia. Avere degli agenti esasperati non
positivo e pu essere addirittura un pe-
ricolo.
Peraltro, la carenza di mezzi e di agen-
ti non l'unico problema: i tagli hanno
portato infatti a una situazione difficile
anche nella gestione stessa degli uffici.
Tanto per fare un esempio, le donne
delle pulizie hanno solo due ore per pulire
tutta la questura. Il risultato che spesso
dobbiamo pulirci da soli le scrivanie.
Un'altra assurdit che per le piccole ri-
parazioni delle nostre auto in garanzia
dobbiamo rivolgerci ad un'autofficina di
Manerbio, perch quella che avevamo
prima a Cremona non viene pagata da
due anni e non ci ripara pi nulla.
Non solo la polizia ad avere proble-
mi: i Vigili del fuoco non si trovano in una
situazione molto migliore. I fondi a di-
sposizione in questi anni sono diminuiti
drasticamente - evidenzia Roberto Toldo,
comandante del comparto di Cremona -.
Abbiamo dovuto contenere alcune attivi-
t, come la manutenzione delle caserme.
Cerchiamo di gestire al meglio le cose
con le poche risorse disponibili, ma vi
sono situazioni logistiche drammatiche:
ad esempio a Crema c' una sede inade-
guata e non ci sono fondi per farne una
nuova. Anche i mezzi non sono in condi-
zioni ottimali, pur se li gestiamo al meglio.
Alcuni fondi in pi per ci consentirebbe-
ro di fare quella manutenzione che ora
non ci possiamo permettere di fare. An-
che l'organico del corpo notevolmente
ridotto, specialmente se confrontato con
quello degli altri Paesi europei. A Cre-
mona e provincia i Vigili del fuoco sono
120, ma siamo sotto organico conclude
Toldo.
Il problema delle sedi, peraltro, deci-
samente pi ampio: ogni corpo delle for-
ze dell'ordine ha una propria sede e
spende molto per l'affitto annuale. Solo
la questura di Cremona costa 600mila
euro all'anno - spiega ancora Epicoco -.
Anche i carabinieri sono in affitto, e cos
altri corpi. Quando abbiamo una struttu-
ra, come la ex caserma Manfredini, che
non costerebbe nulla di affitto e che per le
sue dimensioni potrebbe contenere tutti:
Questura, Stradale, Carabinieri, Guardia
di finanza, Vigili del fuoco, ecc. Da tempo
porto avanti l'idea di realizzare l la citta-
della della sicurezza, dove tutte le forze
dell'ordine potrebbero lavorare insieme,
organizzandosi con un'unica centrale
operativa, un unico centralino, un unico
servizio mensa, ecc. Questo comporte-
rebbe risparmi per centinaia di migliaia di
euro. Parlano tanto di spending review,
eppure continuano a pagare affitti carissi-
mi . Il Sap a questo proposito sostiene
anche la proposta di unificazione delle
forze dell'ordine. A ottobre passer an-
che da Cremona il camper che sta giran-
do l'Italia per far firmare una petizione che
chiede al Governo di unificare le forze di
polizia.
C
La mancanza di risorse sta riducendo lefficienza delle forze dellordine. Epicoco (Sap): Abbiamo solo sei auto di cui tre sono rotte
E sempre pi difficile garantire la sicurezza
Problemi anche per la stradale, che a Cremona dispone di una sola vettura per i servizi di viabilit. Pizzighettone rimasta senza
Cronaca Sabato 13 Settembre 2014
3
Gianluca Epicoco
Il Vescovo Dante Lafranconi riflette sulle numerose feste in oratori e parrocchie: Raccolta di offerte per chi nei campi profughi
Preghiera per i cristiani perseguitati nel mondo
In un breve messaggio alla diocesi il vescovo Dante
riflette sulle tante feste degli oratori e di insediamento
dei nuovi parroci di settembre. Eventi di gioia e di fede
che striderebbero se al loro interno non fosse contem-
plata una incessante preghiera per i cristiani persegui-
tati - soprattutto in Iraq, Siria, Nigeria.
Sono le feste degli Oratori che segnano il passaggio
tra le iniziative estive (Grest e Campi-scuola) e la ripresa
delle attivit pastorali scandite da percorsi catechistici,
formativi, associativi. La partecipazione, in genere,
numerosa sta a dire che gli Oratori costituiscono un
punto di riferimento per giovani e adulti, per i ragazzi e
le loro famiglie. Occorre salvaguardarne insieme la
preminente funzione educativa. Insieme vuol dire che
genitori e catechisti, sacerdoti e suore, allenatori spor-
tivi e animatori si propongano intenzionalmente di col-
laborare per accompagnare la crescita di quanti daran-
no fisionomia alla societ di domani. E anche alla
Chiesa, nella sua concreta configurazione di tante
comunit che sul territorio testimoniano la vitalit del
Vangelo e la continuit del compito missionario affidato
da Ges Cristo ai suoi discepoli.
Alle feste degli Oratori, che riguardano pressoch
tutte le parrocchie, si aggiungono per alcune quelle
dellingresso dei nuovi parroci. Anche in queste occa-
sioni si fa festa. Giustamente; perch nella comunit il
sacerdote memoria della presenza di Cristo che
mette continuamente a disposizione della Chiesa il
patrimonio che le ha lasciato: la sua Parola, la sua
misericordia fattasi corpo e sangue nellEucaristia e
grazia di perdono e di rinnovamento nella riconciliazio-
ne, la partecipazione alla sua condizione di figlio di Dio,
la destinazione a condividere la sua beatitudine.
Sento il bisogno di ricordare che queste feste sono
vere se emergono dal terreno della fede e della preghie-
ra. Questa deve avere il primo posto e dare il tono alla
festa. In caso contrario apparirebbe uno stridente con-
trasto tra il nostro allegro Settembre e il glorioso
Settembre dei martiri che ininterrottamente bagnano di
sangue la terra in cui vivono o che sono costretti ad
abbandonare. Per questo motivo chiedo che in tutte
queste occasioni non manchi la preghiera: per i cristia-
ni perseguitati perch testimonino con umilt e fierezza
la propria fede; e per noi perch ritroviamo il gusto di
vivere la nostra con coerenza e senza vergogna.
E alla preghiera perch non abbinare una certa
austerit che ci consenta di aiutare economicamente le
molte persone cristiane e non che nei campi profu-
ghi sono allo stremo di cibo, acqua, medicine, vestiti?
Le offerte possono essere inviate alla Caritas di
Cremona, che poi provveder a inoltrarle alle Caritas
dei Paesi interessati.
+ Dante, vescovo
Il Vescovo Dante Lafranconi
di Laura Bosio
embrerebbe il momento giusto
per comprare casa, poich i
prezzi delle abitazioni sono
davvero bassi. Tuttavia le incer-
tezze del mercato immobiliare
sono molte, spesso proprio a causa del
mutuo: conviene davvero pagare la casa
una volta e mezza il suo valore per paga-
re un mutuo? Cosa ne influenza vera-
mente il costo? Ne parliamo con la pro-
fessoressa Maria Rosa Borroni, docen-
te di Economia degli intermediari e dei
mercati finanziari all'Universit Cattolica
del Sacro Cuore.
Per quale motivo i mutui italiani
costano cos tanto?
Innanzitutto bisogna ricordare che la
colpa non solo delle banche: in Italia vi
sono costi aggiuntivi che in altri Paesi
europei non hanno. Costi legati soprat-
tutto alla burocrazia e a normative trop-
po pesanti. Ad esempio c' il costo di
iscrizione di ipoteca, l'obbligo del notaio,
gli oneri di registrazione, e via di seguito.
Se iniziassimo a scomputare tutte que-
ste voci di costo, il prezzo complessivo
per il debitore si ridurrebbe.
Quanto influisce lo spread?
Moltissimo. Se analizziamo anche il
tasso di interesse vediamo che esso
sostanzialmente legato allo spread. Que-
sto valore ha una grande variabilit: di-
pende dal tipo di mutuo, dall'importo e
dalla durata del finanziamento, al tipo ti
tasso (fisso o variabile). Anche il tipo di
reddito del soggetto richiedente il mutuo
incide sullo spread: il tasso sar pi bas-
so per chi ha un lavoro a tempo indeter-
minato, piuttosto di chi invece precario.
I mutui con tasso variabile risentono
meno l'andamento altalenante dello
spread, in quanto si tratta di tassi che
variano in base alle condizioni di merca-
to. Nel tasso fisso, invece, le banche
devono compensare gli eventuali rischi
futuri legati alla instabilit del mercato, e
lo fanno con spread pi elevati.
A influenzare il costo dei mutui sono
anche le condizioni di raccolta delle ri-
spettive banche. Mi spiego: i depositi
oggi sono sempre pi rari, dunque la
banca per reperire denaro deve rivolger-
si o al sistema bancario, o alla Bce o al
prestito obbligazionario.
Quanto pesa la situazione interna
delle banche sul costo finale del mutuo?
Parecchio. Ad esempio, a ottobre
verranno resi noti i risultati di un indagine
sullo stato di salute delle banche, e gi
girano delle voci su quali potrebbero es-
sere gli istituti di credito con pi proble-
mi. Le banche in questione, ad esempio,
dovranno pagare interessi pi alti, che a
loro volta riverseranno sulla clientela.
Non dimentichiamo poi che molte
banche in questi mesi hanno messo in
atto operazioni di efficientamento della
gestione. Ovviamente quelle che sono
ancora indietro su queste operazioni
avranno tassi pi alti, per coprire le spe-
se in pi.
Un altro aspetto che incide molto sul
costo del mutuo, il rapporto tra l'am-
montare del prestito e il valore del bene:
pi questo alto, pi cresce il rischio per
la banca.
Quali sono i lati positivi dei nostri
mutui?
Ad esempio, mentre all'estero in ca-
so di mancato pagamento di tre rate di
fila il debitore viene considerato insol-
vente, in Italia vi sono tempi ragionevol-
mente lunghi prima di parlare di insol-
venza.Lungi da me l'idea di fare una di-
fesa tout court delle nostre banche, che
hanno comunque ancora molte cose da
migliorare, tuttavia bisogna ricordare
che se i mutui da noi hanno costi troppo
alti, la colpa spesso di una burocrazia
che soffoca ogni cosa.
Parlando di prestito pi in generale,
recentemente la Bce ha stabilito la ri-
duzione dei tassi di interesse. Questo
che ricadute avr?
Si spera molto positive. La Bce ha
definito sia la riduzione dei tassi sia un
ammontare di risorse a disposizione
delle banche, a condizione che vengano
usate a sostegno dell'economia. Si vuo-
le fare in modo di stimolare gli investi-
menti da parte delle imprese. Dunque vi
una responsabilit forte anche da parte
delle imprese stesse. Sento spesso dei
banchieri lamentarsi che non c' do-
manda di buon credito. Infatti solitamen-
te i prestiti richiesti per investimenti van-
no dal 10 al 15%. Il resto sono prestiti
richiesti per ristrutturazioni finanziarie
delle imprese.
Quale deve essere allora l'atteggia-
mento delle imprese? Serve un cam-
bio di rotta?
Si deve imparare diversamente il
prestito bancario. Il problema dell'im-
prenditoria italiana che ha sempre la-
vorato troppo a credito, anzich utilizza-
re capitale proprio. La prassi vorrebbe
che il rapporto di capitale proprio e capi-
tale preso in prestito dovrebbe essere di
1:1, invece troppo spesso decisamen-
te sproporzionato. L'imprenditore tende
a non voler impegnare il capitale proprio,
e questo non giusto.
S
economia: Maria Rosa Borroni, docente di Economia degli intermediari finanziari: Vi sono costi aggiuntivi che gli altri Paesi non hanno
Mutui italiani: perch sono cos onerosi?
I prezzi delle case sono bassi ma comprare unabitazione non facile. Le variabili che vanno a formare il costo del prestito sono molte
Federconsumatori e Adusbef: Pi vigilanza
Dai dati elaborati dallultimo bollettino Bce e dal Supple-
mento Bankitalia Moneta e Banche (entrambi dellagosto
2014 riferiti a giugno) la media dei tassi applicati in Italia per
i mutui, del 4,47% (in calo di 20 punti base dal 4,67% del
mese precedente) contro una media Ue del 3,18%, con un
differenziale di +129 punti base, che porta un italiano a
pagare per ogni mutuo trentennale di 100.000 euro, circa
25.000 euro in pi a fine prestito. Lo dicono Federconsu-
matori e Adiusbef, che evidenziano come anche i prestiti
finalizzati al credito al consumo sono regolati ad una media
di 7,18% in Italia (in calo di 10 punti base rispetto al 7,28%
del mese prima), contro il 5,50 % nellarea euro (spread pi
elevato di +168 punti base), a conferma che le decisioni
Bce sui tassi di interesse tardano ad arrivare o non arrivano
affatto agli sportelli, assegnando allItalia il poco invidiabile
primato del costo del denaro tra i pi alti dEuropa.
La presunta maggiore solidit delle banche italiane,
secondo l'associazione di consumatori, stata addossata
a correntisti ed utenti dei servizi bancari, che continuano a
pagare su ogni mutuo trentennale di 100.000 euro (fissato
oggi al tasso del 4,47% in Italia contro 3,18 % dellarea
euro), un surplus di circa 25.000 euro in pi alla scadenza
rispetto ai mutuatari europei; ben 257 euro di costi di ge-
stione in pi, su ogni conto corrente non convenzionato
fissato in Italia a 371 euro contro 114 media Ue (+225%),
che si traduce in costi complessivi di 6,7 miliardi di euro in
pi lanno a carico di famiglie ed imprese.
Se la Bce ha portato il tasso di riferimento allo 0,15%
e dovesse finanziare le aste ad un tasso inferiore all1%,
non dovr consentire che le banche possano prestare quei
fondi alle imprese al tasso dell11,48% con i tassi soglia
non considerati usura fino al 18,35%; gli scoperti senza
affidamento prestati al 16,25% (tassi soglia 24,250%) ag-
gravati dal salasso occulto del Civ (Commissione Istruttoria
Veloce ) di 70 euro per un solo giorno di scopertura di 500
euro.
Adusbef e Federconsumatori chiedono maggiore vigi-
lanza ed ulteriori vincoli, compreso un tetto massimo sugli
interessi da applicare su quelle somme avute in prestito,
dati i noti comportamenti predatori delle banche, che regi-
strano un differenziale elevato di tassi su mutui e prestiti
offerti in Italia rispetto ad Eurolandia.
Cronaca Sabato 13 Settembre 2014
4
di Laura Bosio
l celebre quadro dell'Arcim-
boldo dal titolo "l'Ortolano",
che sembrerebbe avere ispi-
rato i disegnatori della Walt
Disney nella realizzazione
della mascotte dell'Expo, sar tra
le opere darte esposte nella ormai
prossima esposizione universale,
dopo che il sindaco Gianluca Ga-
limberti ha deciso di concederlo in
prestito per i primi mesi della mani-
festazione. La notizia che inizial-
mente il sindaco aveva negato tale
prestito, in quanto il quadro avreb-
be dovuto essere esposto in una
serie di eventi del territorio, ma,
dopo un incontro con l'assessora
regionale Cristina Cappellini, si
trovato un accordo.
Assessora, come ha convinto
il sindaco?
Dopo le notizie apparse sui
giornali nei primi giorni, in cui il
sindaco Galimberti negava con for-
za il prestito del quadro a Expo, ho
avuto con lui dei contatti telefonici,
per chiarire quale fosse la sua posi-
zione e per spiegargli che la mia
proposta non intendeva affatto to-
gliere visibilit al territorio, bens
incrementarla, in quanto proprio a
quel quadro si ispirata la Walt
Disney nel disegnare la mascotte di
Expo2015. Penso che il sindaco
abbia riflettuto e capito che era
necessario trovare una mediazione
per non perdere una cos incredibi-
le opportunit. Questo un esem-
pio concreto di cosa significhi il
vero dialogo politico, quello basato
sull'ascolto e sulle decisioni prese
per il bene dei territori.
Ci spieghi quali sono esatta-
mente i termini dell'accordo che
avete raggiunto.
Abbiamo concordato che per i
primi quattro mesi della manifesta-
zione il quadro verr prestato a Ex-
po, mentre negli ultimi due torner
a Cremona. Dobbiamo ancora de-
cidere se, durante il periodo di tem-
po in cui lo terremo a Milano, verr
collocato nel padiglione Italia o in
quello della Lombardia. La cosa
certa che avr la pi ampia visibi-
lit. Anche il fatto che sar protago-
nista dell'inaugurazione contribuir
a porlo al centro dell'attenzione.
Cosa rappresenta per Expo
questo quadro?
Oltre a esserne il simbolo, rap-
presenta uno dei temi principali
dell'esposizione: quello dell'ali-
mentazione.
E la liuteria avr un ruolo?
Poich durante l'Expo ci sar
occasione per valorizzare ogni ter-
ritorio con le proprie peculiarit,
abbiamo pensato che per il vostro
territorio non si poteva prescindere
dal valorizzare la liuteria. Per que-
sto ci verranno dati in prestito alcu-
ni pezzi della collezione del Museo
del Violino.
Si temuto spesso che Expo
possa essere troppo Milanocen-
trica...
Il nostro intento proprio l'op-
posto! Vogliamo valorizzare l'intero
territorio lombardo. Per questo
stiamo invitando ogni provincia a
fare rete per presentare progetti di
valorizzazione. A questo proposito
abbiamo stanziato 10 milioni per
finanziare un bando proprio desti-
nato alla valorizzazione dei territori.
Saranno erogati 3 milioni nel 2014
e 7 nel 2015, per progetti che sa-
ranno cofinanziati fino al 50% da
Regione Lombardia. Obiettivo
quello di promuovere sul nostro
territorio lombardo tutte le attivit e
i progetti inerenti a Expo e le nostre
eccellenze. Puntiamo a stimolare
l'aggregazione di tutti i soggetti
pubblici e di tutti quelli che hanno
interesse a promuovere il territorio
a livello provinciale.
Tuttavia sembra che a livello di
territori vi sia ancora un certo ri-
tardo.
Vi sono province che sono pi
avanti, altre che invece sono in ri-
tardo. Deve passare il messaggio
di quanto sia importante fare squa-
dra, per mettere in campo progetti
integrati.
Cremona a che punto ?
So che si sta lavorando a pieno
ritmo, anche con il contributo della
Camera di Commercio. Vi sono del-
le proposte importanti per valoriz-
zare l'agroalimentare, che la pe-
culiarit fondamentale del vostro
territorio. Ma naturalmente non po-
teva non essere giocata anche la
carta della liuteria, che per voi
senza dubbio vincente, soprattutto
anche grazie alla presenza di una
struttura unica come il Museo del
Violino. Non dimentichiamo che re-
centemente i liutai di Cremona sono
stati dichiarati patrimonio dell'Une-
sco. La storica decisione stata
presa il 5 dicembre 2012 a Parigi: la
tradizione liutaria cremonese stata
iscritta nella lista rappresentativa
del Patrimonio Immateriale
I
Raggiunto laccordo tra il Comune di Cremona e la Regione. Parla lassessora regionale Cristina Cappellini
Ecco come ho convinto Galimberti
Il celebre quadro dellArcimboldo sar volno per valorizzare il territorio cremonese
In arrivo modifiche ai percorsi
Dal 15 settembre nuovi
orari per i bus urbani
Da luned 15 settembre entrer in vigore, fino al 30 giugno
2015, l'orario invernale del servizio di trasporto pubblico
locale e, in concomitanza, saranno introdotte parziali mo-
difiche dei percorsi di alcune linee, valutate congiuntamen-
te da KM SpA e dal Comune.
Le principali modifiche apportate sono le seguenti:
Linea L . Al fine di risolvere le criticit segnalate dal alcuni
utenti e legate allinsufficiente capienza dei mezzi, si preve-
de un variazione di percorso che richiede un leggero allun-
gamento ma che consentir di utilizzare mezzi di maggiori
dimensioni. Le corse in direzione Zaist, una volte giunte in
autostazione, proseguiranno attraverso via della Vecchia
Dogana, via dei Platani, via del Vecchio Passeggio quindi
viale Trento e Trieste, Matteotti, Mazzini, Manzoni, largo
Paolo Sarpi e nuovamente viale Trento e Trieste, piazza
Libert. Sar cos evitato il passaggio in via Gerolamo da
Cremona, garantendo una maggiore sicurezza soprattutto
ai numerosi studenti. Tale modifica alleggerir via Dante
dal passaggio di mezzi pesanti. Per realizzare questa de-
viazione sono in corso di ultimazione alcuni interventi rea-
lizzati dal Comune e volti a garantire le condizioni di sicu-
rezza dei percorsi, di adeguamento marciapiedi e migliora-
mento della segnaletica orizzontale in corrispondenza del
capolinea degli autobus e nei nuovi tratti di percorso.
Linee F e M Quando sar aperta via Persico e conte-
stualmente chiusa via Brescia, le linee saranno instradate
lungo via Persico. Al fine di limitare al massimo gli eventua-
li disagi degli utenti delle fermate di via Brescia/San Ber-
nardo si valuta listituzione di una fermata in via Gallazzi.
Linea D - Le corse dirette al Boschetto transiteranno dal
quartiere Migliaro (che godr quindi di un collegamento
diretto e pi frequente con il centro), da via Ca' del Binda e
via Ossalengo anzich effettuare andata e ritorno per la via
Boschetto.
Linee H - Le corse da e per San Felice e da e per San
Marino effettueranno il percorso di andata in San Felice
attraverso via Corte dei Monaci grazie alla nuova bretella.
Linea H 5 Le corse da Costa S. Abramo saranno prolun-
gate a Castelverde, cos da garantire un collegamento an-
che tra la frazione di Costa e Castelverde. Il collegamento
diretto Castelverde Cremona rimarr comunque garantito
sia dalla linea I1 del servizio urbano sia con il servizio ex-
traurbano.
Linea E Sar prolungato il servizio inserendo unultima
corsa dallospedale alle 20.05 in modo da consentire il ri-
entro dei visitatori.
Si sta infine valutando, congiuntamente con lAmministra-
zione Provinciale, la possibilit di immettere alcune linee
extraurbane in viale Trento Trieste da via della Vecchia
Dogana e da via dei Platani in modo da ridurre il traffico in
largo Palestro, soprattutto nelle ore di punta. Queste modi-
fiche rappresentano l'inizio di un percorso volto all'utilizzo
pi funzionale di via della Vecchia Dogana, che dovr esse-
re attentamente valutato tenendo conto della nuova viabi-
lit connessa alleliminazione dei passaggi a livello.
Cronaca
Sabato 13 Settembre 2014
5
Cristina Cappellini
di Giulia Sapelli
rba non tagliata, scarsa
manutenzione del verde,
problemi di illuminazione e
di viabilit: il quartiere de-
nominato Quartiere 1 (Ri-
sorgimento - Sant'Ambrogio - Incro-
ciatello - via Sesto) presenta numero-
si problemi, tanto che, dopo una riu-
nione svoltasi lo scorso il 17 luglio, il
Comitato di quartiere ha preparato
una serie di segnalazioni al sindaco di
Cremona, Gianluca Galimberti, chie-
dendo che il Comune intervenga al
pi presto.
E di segnalazioni ne stanno arri-
vando altre.Stiamo raccogliendo
proprio in questi giorni dei questiona-
ri dai trecento aderenti al nostro co-
mitato, per capire quali sono le que-
stioni aperte - evidenzia Giancarlo
Allegri, presidente del Comitato -. La
gente si lamenta di varie cose, tra cui
la manutenzione del verde nei parchi,
come quello di piazza Ragazzi del 99,
o quelli vicini a San Zeno, o ancora
quelli dietro al Coni, che sono inac-
cessibili a causa dell'erba alta.
Attendiamo che il Comune si attivi
per l'attivit di falciatura, tanto pi
che con le abbondanti piogge delle
scorse settimane cresciuta note-
volmente. Ma vi sono anche altre
aree verdi che potrebbero essere re-
se maggiormente fruibili, come quel-
le nella zona dell'Incrociatello.
Nel quartiere si denuncia anche la
vicenda del boschetto di via Berga-
mo, che verr tagliato in buona parte
e trasferito a Casalmaggiore. Credo
che sarebbe pi opportuno lasciare
quel verde, se non proprio nel quar-
tiere, almeno nella nostra citt conti-
nua Allegri. C' poi un problema di
illuminazione in alcune strade del
quartiere: In via Fabio Filzi, ad
esempio, ci vorrebbe una illuminazio-
ne pi potente. Lo stesso vale per via
Ghinaglia, dove molti negozianti han-
no evidenziato anche la necessit di
un taglio delle chiome degli alberi
che, per quanto molto belli, rendono
molto buia la zona anche durante il
giorno.
Via Aglio invece stata dimentica-
ta. E' una strada importante per il
quartiere, che garantisce l'accesso al
centro sportivo Stradivari, e ha ur-
gente bisogno di asfaltatura.
E anche il quartiere di case popo-
lari tra via Bergamo e via Castelleo-
ne, secondo i residenti, troppo tra-
scurato. Anche le scuole necessitano
di attenzione: Se nel lato della scuo-
la elementare il tetto gi stato rin-
novato, dalla parte della materna
permane ancora il vecchio eternit -
dice Allegri -. Vorremmo che si inter-
venisse al pi presto. Per quanto ri-
guarda la scuola, si segnala anche un
problema di viabilit all'orario in cui i
bambini escono dall'istituto, river-
sandosi tutti in via Fabio Filzi. Baste-
rebbe fare in modo che i bambini
usci ssero nel l a pi azzetta i n vi a
Sant'Ambrogio, per risolvere il pro-
blema.
Insomma, i problemi sono molti e il
Comitato aspetta solo di discuterli
con il Comune: Galimberti ci aveva
promesso che ci avrebbe riconvoca-
to a settembre, e siamo in attesa di
venir chiamati conclude Allegri.

L'INIZIATIVA
Il Comitato di Quartiere 1, ha orga-
nizzato per sabato 13 settembre una
"camminata" per le vie e nei dintorni
del Quartiere. L'iniziativa, la terza
dall'inizio estate, diventata ormai un
appuntamento fisso.
Alle ore 8, con ritrovo davanti al
supermercato "Qui c'" (ex U2) di via
Filzi, si partir per un tragitto di circa
3 km all'interno del Quartiere, circa 45
minuti. Un momento di aggregazione
per tutti i cittadini.
E
Proteste al quartiere Risorgimento-S.Ambrogio-Incrociatello-via Sesto: erba alta, incuria e strade piene di buche
A seguito del violento nubifragio avvenu-
to nella tarda serata e nella notte di marted
9 settembre, si sono verificate infiltrazioni di
acqua in alcune aule ed ambienti della
scuola primaria G. Miglioli di via Panfilo
Nuvolone al quartiere Cambonino. Nell'edi-
ficio sono in corso lavori di sistemazione
della copertura, in parte gi completati,
mentre il resto delle opere sar portato a
termine entro la fine di settembre (si tratta di
lavori che non compromettono l'attivit di-
dattica). Proprio in questa zona dell'edificio,
che era comunque coperta con appositi teli,
si sono verificate le infiltrazioni dovute alla
notevole quantit di pioggia che si abbat-
tuta sull'intera citt.
Per rendersi conto della situazione il vice
sindaco Maura Ruggeri, insieme all'asses-
sore Andrea Virgilio, accompagnati da Rug-
gero Carletti, dirigente del Settore Urbanisti-
ca e Rigenerazione Urbana, e da Silvia Toni-
nelli, dirigente del Settore Politiche Educati-
ve, si sono recati nella scuola dove hanno
compiuto un sopralluogo insieme a Piergior-
gio Poli, dirigente dell'Istituto Comprensivo
Cremona Uno di cui la Miglioli fa parte.
Stabilito che non sussistono problemi di
inagibilit dell'edificio, l'attivit didattica
potr iniziare, come previsto, nella mattinata
di luned 15, anche se con qualche inevita-
bile disagio poich alcune aule non potran-
no essere utilizzate in quanto interessate dai
lavori per riparare i danni determinati dalle
infiltrazioni. Tutti i bambini potranno comun-
que recarsi a scuola senza dovere essere
trasferiti altrove in quanto ci sono ambienti
sufficienti ed adeguati, all'interno della
struttura, per tutte le cinque classi.
Ci scusiamo con le famiglie per i disagi
dovuti a questo imprevisto, ringrazia per la
collaborazione e la disponibilit tutto il per-
sonale ed assicura che i lavori di ripristino
procederanno il pi celermente possibile fa
sapere l'amministrazione.
Infiltrazioni di acqua
alla Miglioli, ma la scuola
inizia regolarmente
Pi attenzione per quel verde
Cronaca Sabato 13 Settembre 2014
6
Serve una migliore illuminazione in via Fabio Filzi e Ghinaglia. Riasfaltatura per via Aglio
Egregio direttore,
il violento nubifragio che si scatenato la sera
del 9 Settembre ha creato non pochi problemi
nel nostro quartiere (tra via Sesto e via Castelle-
one), e non solo: strade e sottopassi allagati,
cantine e scantinati invasi dallacqua, disagi al
traffico. Ogni volta che si verificano delle precipi-
tazioni, pi o meno abbondanti, la sede stradale
diventa impraticabile e costituisce motivo di
grande pericolo per le persone e per i mezzi che
si trovano a transitarvi.
Si immagini la mia sorpresa quando, nello
scendere in cantina, mi sono ritrovata con lac-
qua alle caviglie. Inutile elencare i danni che lal-
luvione e la mancata pulizia delle fogne (nono-
stante richiesta specifica) hanno provocato a me
e a centinaia di altri cittadini cremonesi.
A questo punto sorge spontanea una doman-
da: se noi cittadini cremonesi paghiamo (obbli-
gatoriamente) un servizio, cio la pulizia della
rete fognaria, per quale ragione essa non viene
eseguita regolarmente in modo da prevenire
questo genere di problemi? Padania Acque o chi
ne ha la competenza potrebbe intervenire e fare
qualcosa, onde evitare che una situazione simile
si ripeta?
B.M.
La Lettera:
MANCATA PULIZIA
DELLE FOGNE
Cronaca
Sabato 13 Settembre 2014
7
di Laura Bosio
niziamo, con questo nume-
ro, una serie di interviste ri-
volte alle nuove assessore
ed ai nuovi assessori del
Comune. Un modo per ap-
profondirne la conoscenza, ma
anche per capire quali sfide la
citt dovr affrontare nel prossi-
mo futuro. Iniziamo con Maura
Ruggeri, vice sindaco e asses-
sora allo Sviluppo e all'Istruzio-
ne. L'assessora quindi ricopre le
funzioni sostitutive del sindaco in
caso di assenza o impedimento
e segue i rapporti con il Consiglio
comunale. Sue anche le deleghe
alle Politiche Educative e al Pia-
no Locale Giovani.
Assessora Ruggeri, che si-
tuazione avete trovato in Co-
mune quando vi siete insedia-
ti?
Sicuramente una situazione
non facile, il cambio di ammini-
strazione ha comportato inserir-
si in scelte decise da altri e do-
verle gestire: la questione della
tari, per fare un esempio, non
stata uno scherzo, senza conta-
re che abbiamo ereditato un bi-
lancio davvero difficile da far
quadrare.
Un primo bilancio di questi
tre mesi di amministrazione?
Sono stati mesi molto intensi
in cui si manifestata da subito
una volont di cambiamento: la
riorganizzazione, la metodologia
di lavoro molto sinergica adotta-
ta dalla giunta, mettersi al lavoro
da subito per presentare proget-
ti condivisi con tutti gli attori del
territorio interessati, ne sono te-
stimonianza.
La settimana prossima inizia
la scuola: quali sono le proble-
matiche che avete trovato e le
cose ancora da risolvere? La
questione del tempo lungo
affidato alle cooperative, che
aveva creato polemiche da
parte dell'opposizione nel
mandato di Perri, come verr
gestita?
Linizio della scuola vede il
mantenimento di un forte investi-
mento del Comune a partire dai
servizi per linfanzia. Abbiamo
garantito lapertura delle quattro
strutture degli asili nido nono-
stante la riduzione degli iscritti,
abbiamo confermato gli assetti
esistenti sulle scuole dellinfanzia
con lofferta del tempo prolunga-
to e le convenzioni con i sogget-
ti privati accreditati. Tuttavia, lin-
tenzione quella innanzitutto di
raccogliere dati, promovendo
unindagine sulla fascia 0/6 anni
per conoscere levoluzione dei
bisogni e della domanda delle fa-
miglie e per verificare possibili
adeguamenti dellofferta educa-
tiva coinvolgendo naturalmente
le cooperative e tutti i soggetti
interessati in una logica di copro-
gettazione.
Parliamo di politiche giova-
nili: in che modo pensate di
coinvolgere maggiormente i
giovani nella vita cittadina, an-
che per evitare che fuggano
all'estero?
Linvestimento sulla scuola e
sulla formazione un elemento
fondamentale per il rilancio della
citt e per immaginare un futuro
per cui andarsene non sia pi una
scelta obbligata per molti giova-
ni, ma questo presuppone la con-
sapevolezza e limpegno di tutta
la comunit e su questo lavorere-
mo in via prioritaria. Intendiamo
proporre un Piano Locale che ab-
bia come obiettivo fondamentale
quello di promuovere il raggiungi-
mento dellautonomia da parte
dei giovani. Le attivit di orienta-
mento scolastico e lavorativo
dellInformagiovani, ad esempio,
si muovono in questa direzione.
Daremo priorit ai progetti che fa-
voriscono laccesso al lavoro, al
credito, alla casa e che offrono
opportunit ai giovani per trasfor-
mare idee e creativit in occasio-
ni di sviluppo professionale.
Lei ha avuto gi un'espe-
rienza come assessora nella
giunta Corada. Quali differenze
vi sono rispetto alla giunta at-
tuale? Come cambiato ri-
spetto ad allora il modo di fare
amministrazione?
Effettivamente molte cose
sono cambiate: a partire dal
2009 gli effetti della crisi si sono
fatti sentire in modo pesante e la
possibilit per i Comuni di di-
sporre di risorse per finanziare
programmi e progetti si drasti-
camente ridotta, quasi azzerata.
Si richiede quindi un cambio di
passo anche nel modo di ammi-
nistrare. Fare sinergie, cercare
collaborazioni, inserirsi in pro-
getti europei oggi una strada
obbligata e richiede non solo un
cambio di mentalit, ma anche
una diversa organizzazione, ci
stiamo lavorando!.
LINTERVISTA ALLASSESSORE - Maura Ruggeri parla di scuola e politiche giovanili: Forte investimento sui servizi per linfanzia
I
Oggi si richiede un cambio di passo anche nel modo di amministrare. Fare sinergie, cercare collaborazioni, inserirsi in progetti europei
Le associazioni di categoria: Non paghiamo la seconda rata della tari
Con l'avvicinarsi della scadenza della se-
conda rata della Tari, le associazioni del
commercio e dellartigianato tornano a pro-
testare, soprattutto alla luce del fatto che
nulla cambiato. Si parla quindi di un vero e
proprio sciopero: le associazioni chiedono
alle imprese di autosospendere, in attesa di
segnali concreti e adeguati da parte del Co-
mune, il pagamento della seconda rata della
Tari che scade luned 16 settembre.
Un atto, secondo le associazioni, di le-
gittima difesa o di autotutela, come
hanno spiegato durante un incontro in Ca-
mera di Commercio i presidenti di Asvicom,
Cna, Confartigianto, Confcommercio e Con-
fesercenti. Un fronte comune che rappre-
senta un nuovo modo di fare rappresentan-
za, capace di dar voce e prospettiva dazio-
ne unitaria ad aziende dellartigianato come
del commercio, del turismo come dei servizi
in senso ampio che si riconoscono in uno
stesso nucleo di principi e di valori. Un
fronte comune contro una tassa che le asso-
ciazioni considerano eccessiva e vessatoria.
Con il Comune si cercato di risolvere il
problema con il confronto e il dialogo, oltre
che con una raccolta di quasi cinquecento
firme. Ma lappello (o il grido dallarme) ri-
masto inascoltato o quasi fanno sapere le
associazioni, che si sono viste costrette ad
alzare il tono delle loro rivendicazioni, di tu-
telare il loro diritto al futuro.
Non sono bastati lunghi incontri, riunio-
ni, discussioni, contradditori con il Comune
di Cremona per far capire a questi ammini-
stratori della citt che subire aumenti 100,
200, fino al 600 per cento per tanti imprendi-
tori oggi insostenibile! ha introdotto Berli-
no Tazza, presidente Asvicom, facendosi
portavoce anche di Achille Mazzini (Confar-
tigianato), Claudio Pugnoli (Confcommer-
cio), Giuseppe Bini (Confesercenti) e Gio-
vanni Bozzini (Cna). Rilancia sul tema il pre-
sidente di Confcommercio Pugnoli: Non
possibile che cinquemila aziende paghino il
43% del costo complessivo di un servizio
che interessa circa 35mila utenze. E non
giusto che per rimediare allerrore il Comune
stanzi un fondo di solidariet irrisorio se
confrontato agli incrementi dei bollettini.
Cos come non accettabile che con una
legge che impone il principio del paghi per
quanto produci che risale a quindici anni fa
non si sia fatto alcun rilevamento, facendo
poi pagare il conto alle imprese.
Gli aumenti sconsiderati cozzano con
landamento delleconomia, con una ripresa
che non c, con consumi ai minimi storici e
stipendi tornati ai livelli di trentanni fa. Men-
tre al contrario limpennata della pressione
fiscale non conosce flessioni. L'unica ri-
sposta che ci stata data dal Comune af-
fermano le associazioni di categoria - : "la
legge dice cos e noi applichiamo la legge" o
peggio ancora "abbiamo ereditato questo
problema e quindi noi non abbiamo colpe".
Accettando nei fatti una situazione ingiusta
e vessatoria. Davanti a qualcosa di vera-
mente ingiusto, di iniquo, un vero e proprio
sopruso le Associazioni hanno proposto a
tutti gli imprenditori, nessuno escluso, di
non pagare la seconda rata. Ma anche di
avviare una concertazione seria per rendere
finalmente equa la tariffa e pi in generale
per applicare lo stesso metodo del dialogo e
del confronto a tutte le decisioni sulla fisca-
lit locale. Quello delle imprese non un
atto dimostrativo o propagandistico. Lo
stato di mobilitazione affermano le cinque
associazioni - andr avanti finche il proble-
ma non verr affrontato nel modo comples-
sivo, ben contenti di fare marcia indietro nel
momento in cui al commerciante, all'artigia-
no verr chiesto di pagare il giusto!.
Un metodo di lavoro che sembra piacere
particolarmente alle associazioni, e che po-
trebbe essere utilizzato ancora in futuro.
Un tavolo di concertazione necessario
- conferma Giovanni Bozzini, presidente di
Cna - Non possiamo subire senza essere
minimamente interpellati dalle amministra-
zioni dei salassi che dissanguano le nostre
imprese fino a farle morire. Con gravi conse-
guenza anche sul fronte occupazione, del
lavoro. Ci stiamo semplicemente tutelando,
speriamo di trovare interlocutori pronti al
confronto. Da parte nostra c la massima
disponibilit. Invita a guardare al lavoro
anche Achille Mazzini, rappresentante di
Confartigianato. Che per questa ragioni
spiega come anche le imprese meno colpite
dalla Tari debbano essere solidali con chi ha
subito aumenti fino al 600%, dando forza
allazione di autodifesa. Oggi sono mag-
giormente in difficolt i commercianti ma
come artigiani non possiamo non essere al
loro fianco - dice Mazzini -. Con una solida-
riet concreta che sono certo sapranno ri-
cambiare. Ecco perch abbiamo voluto cre-
are un forte coordinamento fra le cinque
maggiori associazioni di rappresentanza.
Sullinadeguatezza del fondo di solidariet si
soffermato anche Giuseppe Bini, presi-
dente di Confesercenti. Che chiede al sinda-
co Galimberti e allassessore Manzi di tro-
vare, nel bilancio, le risorse necessarie. Dal
Comune le imprese si attendono una rispo-
sta in tempi rapidi. Ormai sullorlo del bara-
tro, spinte da crisi, tasse e burocrazia non
possono attendere oltre.
Finalmente l'estate
arrivata, e con essa la
voglia di muoversi, viag-
giare, passare un fine
settimana fuori porta e
fare le tanto sospirate
vacanze. Il Cta Acli pro-
muove una serie di gite
e viaggi per tutti i gusti.
21 Settembre - UnA
gitA SUi LAghi. Si visi-
teranno: Riva del Garda,
la grotta della Cascata del
Varone e la cittadina di
Tenno con il suo lago ed il
Borgo canale.
28 Settembre - UnA
gitA A PiSA e dintoR-
ni. Si visiteranno: La Piaz-
za dei Miracoli con la Cat-
tedrale, il Battistero e la
Torre pendente, poi a
Calci per il Complesso
Monastico Certosino.
dal 30 Settembre al
05 ottobre: Calabria
Bizantina e Bronzi di
Riace - Si visiteranno:
Cosenza, Tropea, Bagna-
ra Calabra, Scilla, Reggio
Calabria, Locri, Gerace,
Stilo San Bruno, Sovera-
to, Crotone e Rossano
Calabro.
dal 10 al 12 ottobre
- Un viAggio neLLA
PRovenzA MARittiMA
per visitare Marsiglia,
Tolone, St. Tropez e Port
Grimand.
dal 13 al 17 ottobre -
Una gita pellegrinaggio a
San Giovanni Rotondo. Si
visiteranno: Monte S.
Angelo, Melfi, Rionero in
Vulture, San Severo, Laghi
di Monticchio e il Santua-
rio di Stignano.
dal 24 al 26 ottobre
- Un viAggio in iStRiA.
Itinerario dellepoca vene-
ziana. Si visiteranno:
Parenzo, Pola, Isole Brioni
e Rovigno.
Le iscrizioni e tutte le
informazioni relative agli
eventi saranno fornite
presso la sede di via
Cardinale G. Massaia, 22
o contattando i numeri
di tel. 0372-800423,
800429. Le iniziative
sono in le nostre iniziati-
ve sono in collaborazio-
ne con il CTA di Crema
(Piazza Manziana 17.
Crema tel. 0373-250064).
Sito: www.ctacremona.it
Abbiamo ereditato un bilancio pesante
Maura Ruggeri
di Laura Bosio
ei giorni scorsi, il Movi-
mento 5 Stelle di Cre-
mona ha rivolto unin-
terrogazione all'ammi-
nistrazione comunale,
chiedendo conto della situazione
della raccolta differenziata, dei ri-
cavi che essa fornisce, delle tempi-
stiche per l'estensione del porta a
porta a tutta la citt e della situa-
zione dell'inceneritore. Ne parlia-
mo con Alessia Manfredini, as-
sessora al Territorio e alla Salute.
Il M5S sostiene che il proble-
ma non nelle percentuali di
raccolta, ma nei ricavi previsti
per la vendita dei rifiuti. Come
stanno le cose?
I dati allegati all'interrogazione
presentano una lettura molto sem-
plice. I ricavi derivanti dalla vendita
dei prodotti differenziati sono per il
primo semestre pari a 379.487 eu-
ro, i costi pari a 228.682 euro. Vi
dunque una differenza pari 150.805
euro. Per il momento posso affer-
mare che esiste certamente una
convenienza, in termini economici,
nel differenziare la plastica e la
carta. Per quanto riguarda il resto,
prima di entrare nel merito dei rica-
vi e prendere in considerazione
dati che fanno riferimento ad anni
diversi, ritengo sia opportuno at-
tendere un puntuale approfondi-
mento gi in atto. Solo dopo que-
sto passaggio possibile divulgare
informazioni precise, evitando di
creare confusione nell'opinione
pubblica su dati che vanno invece
spiegati in modo corretto, chiaro e
trasparente.
A che punto siamo a Cremona
sulla questione rifiuti?
Attualmente solo il 51% della
popolazione servita dal porta a
porta, mentre la percentuale di rac-
colta differenziata pari al 53%.
Una situazione di stallo che neces-
sita un cambiamento di rotta a par-
tire dalladdio definitivo al sacco
nero.
Quando prevedete di estende-
re la raccolta porta a porta alla
citt intera?
Non mia abitudine parlare
senza avere esaminato e discusso
con tutte le parti interessate le pos-
sibili proposte. E' questo un ap-
proccio decisamente diverso ri-
spetto ai precedenti amministrato-
ri, che dapprima dichiaravano di
estendere la raccolta differenziata
porta a porta nel 2012, poi nel
2013, quindi ne 2014, rinviando in-
fine il tutto alle calende greche. Per
quanto ci riguarda, abbiamo inizia-
to un confronto con l'attuale gesto-
re cos da permettere di allineare
Cremona con i modelli di raccolta
attuati in altre citt, rivedendo nel
contempo il piano economico fi-
nanziario 2015, cos che risponda
agli indirizzi politici della Giunta.
Infine, siamo perfettamente consa-
pevoli della normativa nazionale
sugli affidamenti diretti. Anche per
questo utile guardare alle scelte
gi avviate in altre realt e non
escludiamo che presto si possa
indire, anche per Cremona, l'asse-
gnazione del servizio tramite gara.
Il centro storico sempre sta-
to per Aem un problema, in meri-
to all'applicazione della raccolta
porta a porta: come si pensa di
ovviare il problema?
Mi permetta una precisazione:
a dire il vero per l'amministrazio-
ne Perri che il centro stato un
problema. Ricordo infatti che il ge-
store si attiene ad un'indicazione
politica, che forse in passato non
stata affatto chiara. L'attuale giun-
ta, fin dai primi giorni del suo inse-
diamento, ha impostato un serio
confronto con Aem Gestioni: insie-
me si sta costruendo un nuovo
modello di servizio conseguente-
mente e coerentemente al piano
economico finanziario. Nelle riu-
nioni dello staff dedicato a questo
tema, gi avviate e che saranno
convocate con costante regolarit,
si stanno elaborando diverse ipo-
tesi partendo dalla consapevolez-
za, lo ribadisco ancora una volta,
che serve un cambio di passo.
Il sindaco ha chiesto ad Aem il
proprio piano finanziario: a che
punto il confronto?
Il confronto serrato ed intenso,
la grande disponibilit da parte di
Lgh, la presenza anche di Primo
Podest, direttore di Lineambiente
e Asterm a Lodi, nella ultima riunio-
ne tenutasi qui a Cremona sono la
dimostrazione che esiste la ferma
volont di valutare ipotesi diverse e
di confrontarci. E' dunque prema-
turo parlarne ora, ma certamente
da parte della Giunta c' una gran-
de determinazione ad arrivare pre-
parati alle scadenze che ci siamo
posti, coinvolgendo tutte le cate-
gorie interessate in vista del 2015.
In tutto questo, non si pi
parlato di inceneritore: a che
punto la questione? E gli studi
per sostituirlo?
Questa domanda mi permette-
re di chiarire alcuni aspetti. Non
parlare di questo argomento non
significa non occuparsene. Vi sono
infatti dei passaggi significativi che
vado subito ad illustrare. L'incene-
ritore appartiene a Lgh: per tale
motivo ci siamo confrontati diretta-
mente con l'amministratore dele-
gato Mazzini e il presidente di Aem
per ricostruire tutta la vicenda a
partire dal 1997 (prima linea), pas-
sando al 2001 (seconda linea), per
giungere a fine luglio all'incontro
con l'assessore regionale Terzi in
Regione, e ora aspettiamo la con-
vocazione, da parte di Regione
Lombardia, del gruppo di lavoro
derivante dal protocollo denomina-
to "decommissioning".
La prossima settimana incontre-
remo i consulenti del Politecnico
che hanno avuto un incarico da
Lgh per fare una valutazione tecni-
co economica e finanziaria della
dismissione dell'inceneritore. Nel
frattempo il Comune si sta adope-
rando per confrontarsi con altri
professionisti e altre realt, andre-
mo a Parma e a Modena e altre
seguiranno, e presto avvieremo un
confronto nelle sedi opportune con
tutte le forze economiche e politi-
che.
N
Lassessora Alessia Manfredini risponde al M5S: Su piano finanziario Aem il confronto serrato. Sullinceneritore stiamo analizzando tutta la questione
Differenziata, serve un cambio di passo
Il M5s interroga l'assessore Manfredini sulla situa-
zione dei rifiuti a Cremona. Con buona pace di chi
continua imperterrito le sue battaglie di retroguardia e
sostiene che la raccolta differenziata fa aumentare i
costi di gestione dei rifiuti, stato messo nero su bian-
co che anche a Cremona, dove il porta a porta anco-
ra lontano dall'aver attecchito a dovere, il saldo tra
entrate e uscite della differenziata positivo! Infatti, nei
primi sei mesi dell'anno in corso, i ricavi per la vendita
dei rifiuti differenziati ai vari Consorzi di recupero e rici-
clo sono stati di circa 380mila euro, mentre i costi per
la gestione della differenziata sono stati di circa 229mi-
la euro, con un bilancio in attivo di circa 151mila euro,
oltre 300mila euro su base annua. E senza tener conto
di altre ricadute sociali positive, come l'aumento dei
posti di lavoro per garantire il servizio.
Dopo questa buona notizia, iniziano i misteri. In un
documento della segreteria cittadina del Pd del di-
cembre scorso, venivano forniti questi dati: produ-
zione annua di rifiuti a Cremona pari a circa 38mila
tonnellate, raccolta differenziata pari a circa 17mila
tonnellate (47%), indifferenziata pari a circa 21mila
tonnellate (53%). Adesso l'assessore Alessia Manfre-
dini ci informa che la raccolta differenziata aumen-
tata a circa il 53%, quindi dovrebbe essere l'indiffe-
renziata ad essere passata al 47%, con inversione
delle quote relative alle tonnellate di rifiuti nei due
flussi. Allora, dato che la differenziata nel 2014 do-
vrebbe raggiungere le 21mila tonnellate, perch nel
documento che ci ha consegnato i ricavi nei primi sei
mesi dell'anno dalla vendita dei rifiuti differenziati ri-
guardano un totale di circa 5.500 tonnellate, 11mila
tonnellate in proiezione annuale? Che fine fanno le
10mila tonnellate di rifiuti differenziati che mancano
all'appello?
E ancora: considerata la significativa diminuzione
dei rifiuti indifferenziati che vengono avviati a smalti-
mento tramite incenerimento e l'altrettanto significati-
va diminuzione delle ceneri prodotte da avviare alla
discarica, con un sostanzioso risparmio rispetto ai co-
sti di conferimento, perch tale risparmio non si tradu-
ce in un risparmio sulle tariffe da applicare per la ge-
stione dei rifiuti, anzi si verificato un aumento abnor-
me soprattutto nei confronti delle attivit imprendito-
riali, che ha suscitato le vivaci e giustificate proteste
delle associazioni di categoria di artigiani e commer-
cianti?
Inoltre, purtroppo, la raccolta differenziata a Cremo-
na non prende piede come dovrebbe e la tariffa pun-
tuale sembra una chimera irragiungibile. L'assessore ci
parla genericamente di un tavolo di confronto che ver-
r avviato a settembre, senza specificare a chi verr
aperto. Anche in questo caso le minoranze verranno
messe da parte?
Il M5S chiede spiegazioni
allamministrazione comunale
sui conti della differenziata
Si svolger il prossimo 21 settembre la
23 edizione della Festa del Volontariato,
che occuper tre piazze cittadine (del
Comune, Roma e Stradivari). Un appun-
tamento ormai tradizionale ma che ogni
anno riesce a rinnovarsi, mettendo insie-
me tutte le diverse anime del Terzo setto-
re cremonese. Insieme un po la paro-
la dordine di questanno: la festa sar il
punto di partenza per mettersi in rete.
Sono 117 le associazioni che questan-
no parteciperanno, con oltre 500 volonta-
ri. Le varie anime del Terzo settore verran-
no divise in cinque aree tematiche: salute
(in piazza Stradivari); assistenza sociale
(piazza Stradivari); ambiente e protezione
civile (piazza del Comune), tutela dei dirit-
ti e cooperazione internazionale (piazza
del Comune); cultura, sport e tempo libe-
ro (via Baldesio). Una nuova modalit che
permetter ai visitatori una panoramica
pi organica e ordinata sui tanti volti del
volontariato cremonese. Verranno coin-
volte 3 piazze, allestite 5 aree tematiche
dopo 11 incontri di preparazione, la Festa
sar una 12 ore no stop con 14 animazio-
ni, 23 eventi collaterali e 500 volontari
coinvolti direttamente.
Tantissimi sono gli eventi in program-
ma nelle 12 ore della giornata. Dalle atti-
vit per bambini alle dimostrazioni di yo-
ga e tai chi, conferenze, concerti, danze,
moda. Tra gli eventi principali si ricorda
#unacollanaper, una serie di 1.650 colla-
ne da 70 cm luna per un totale di 1.150
metri. La collana verr srotolata nelle
piazze del Comune e Stradivari, passan-
do da Cortile Federico II. Ogni pezzo
verr messo in vendita con una donazio-
ne minima di 10 euro. Quanto raccolto
verr destinato a progetti di solidariet
nelle scuole primarie cremonese. Da evi-
denziare sottolinea il direttore del Ci-
svol, Francesco Monterosso -, anche
levento Baratto in festa, che occuper
piazza Roma.
Si tratta di una festa mirata a mettere
in rete le associazioni, ma anche a cerca-
re nuove capacit e nuovi protagonismi
evidenzia il presidente del Cisvol, Giorgio
Reali -. Questa festa deve essere linizio
di un percosro che porti le associazioni a
lavorare insieme.
In questo contesto sar fondamentale
lincontro promosso per il 18 settembre
tra il Terzo settore e la Giunta comunale:
sar loccasione per definire le modalit
di interlocuzione tra istituzioni e Terzo
settore aggiunge Guido Bussi, portavo-
ce del Forum.
Grande soddisfazione proviene dal
sindaco, Gianluca Galimberti, che ribadi-
sce quanto sia fondamentale valorizzare
le piazze di Cremona con un evento di
questo tipo. Questa una vera e propria
rigenerazione urbana. Inoltre credo che il
volontariato sua una delle pi alte espres-
sioni relazionali, perch porta con s un
grande valore, quello della gratuit. Sod-
disfatta anche lassessora Rosita Viola,
secondo cui nel Terzo settore fonda-
mentale la collaborazione. E bello vedere
quanto si pu fare con risorse che pur-
troppo sono davvero molto scarse.
GLI ORGANIZZATORI
Tante e importanti le collaborazioni
che hanno contribuito alla realizzazione
della nuova Festa: a partire dalla nuova
collaborazione stretta con lAzienda
Ospedaliera Istituti Ospedalieri di
Cremona, e poi Azienda Sociale Cre-
monese (entrambi saranno presenti alla
Festa con un proprio stand), Comune
di Cremona e Fondazione Comunitaria
della Provincia di Cremona. A cui sia
aggiungono i patrocini di Provincia di
Cremona, ASL Cremona Regione
Lombardia, Ufficio Scolastico Territo-
riale di Cremona e il prezioso contribu-
to di Cassa Padana Banca di Credito
Cooperativo. Cooperativa Nazareth
Centro Diurno Giona per il supporto
logistico.
GLI EVENTI DELLA GIORNATA
Come sempre ricchissimo il program-
ma di eventi che da mattino a sera costel-
leranno la lunga giornata nelle piazze: ci
saranno attivit rivolte ai bambini, dimo-
strazioni di yoga sul prato per tutte le et,
lezioni aperte di tai chi, conferenze, focus
sul servizio civile volontario, concerti fra
musica classica e rock, balli tradizionali,
moda equosolidale, spettacoli di danza,
unarea dei giardini pubblici di piazza
Roma dedicata al Baratto in Festa, curato
dallAssociazione Banca del Tempo La
Danza delle Ore e levento mattutino
#UnaCollanaPer La collana benefica pi
lunga del mondo.
#unacollanaper. Alle ore 11.00 di do-
menica 21 settembre un unico grande filo
composto da almeno 1650 collane da 70
centi metri ci ascuna verr srotol ato
allombra del Torrazzo (Piazza del Comu-
ne, Cortile Federico II, Piazza Stradivari).
Ogni pezzo stato creato con materiali di
qualit e realizzato a mano da volontari
allinterno di associazioni, strutture per
disabili e centri estivi.
Ogni pezzo sar messo in vendita con
una donazione minima di 10 euro a parti-
re dalle 12.30 e per tutto il pomeriggio. La
somma raccolta costituir un fondo da
destinare a progetti di solidariet nelle
scuole primarie cremonesi realizzati in
collaborazione con le associazioni.
La creazione della maxi-collana stata
resa possibile grazie alla collaborazione
di La Maison di Ivana Girotto, LUmana
Avventura, Centro Estivo CRAL, Centro
Estivo Baldesio, Centro Estivo Flora, La
Tartaruga Onlus, Croce Rossa Italiana,
Apom, Anffas, La Banca del Tempo La
Danza delle Ore, Centro Fumetto Andrea
Pazienza, Cisvol CSV Cremona e le vo-
lontarie del Servizio Volontario Europeo di
servizio al Cisvol.
Lo srotolamento della collana sar ef-
fettuato in stretta collaborazione coi vo-
lontari dellassociazione giovanile Kairos.
Le 117 associazioni partecipanti, distribuite su tre piazze (Stradivari, del Comune e Roma), saranno suddivise in cinque aree tematiche specifiche
Festa del Volontariato, unedizione ricca di novit
Cronaca Sabato 13 Settembre 2014
8
di Vanni Raineri
ono i veri contenuti che
riempiono le parole di
significato e, nella con-
ferenza stampa guidata
dalla regia di Alceste
Bartoletti, tenutasi presso la
Sala della Consulta del Palazzo
Comunale di Cremona, il sinda-
co Gianluca Galimberti ha po-
sto laccento sul valore che il
Torneo Nazionale Open Maschi-
le di Tennis in Carrozzina sta a
significare per lintera citt.
Anche le relazioni tra le per-
sone possono migliorare se si
impara a guardare la citt con gli
occhi della disabilit, condizio-
ne di vita alla quale, pur in vario
modo, tutti apparteniamo. Vi
per la disabilit fisica acclarata
di persone che non vogliono ar-
rendersi e che testimoniano la
loro ferrea volont di vivere, di
volercela fare, di conquistarsi il
diritto di cittadinanza, attraverso
lo sport agonistico. Temi pi o
meno ripresi dalle numerosissi-
me autorit presenti.
Dicevamo di Alceste Bartolet-
ti, il vero artefice del grande
evento, che anche Presidente
della Commissione di Interesse
Pubblico del Distretto Rotary
2050. E con lui Roberto Bodini,
allenatore e vera anima tecnica
della Societ Canottieri Baldesio
organizzatrice dellevento con il
Rotary del Gruppo Stradivari
rappresentato da Gianpiero
Roffi Presidente del RC Cremo-
na e dalla Assistente del Gover-
natore Emanuela Carotti Lan-
franchi.
La sala era gremita di autorit
tutte profondamente interessate
e consapevoli di sentirsi al cen-
tro di un evento utile per la co-
munit. A fianco del sindaco,
lassessore allo Sport Mauro
Plat, la professoressa Rai-
monda Lobina in rappresentan-
za dellUfficio Scolastico provin-
ciale per sottolineare il contribu-
to concreto che le Scuole della
Provincia offriranno al Torneo
attraverso una presenza attiva
degli studenti. Il Questore Vin-
cenzo Rossetto, il dottor Giu-
seppe Lauritano vice presiden-
te Baldesio, il Delegato del Coni
di Cremona Achille Cotrufo ed il
Delegato CIP Giuseppe Bre-
sciani Presidente di Futura on-
lus, societ protagonista a livel-
lo nazionale ed internazionale
nel nuoto. In rappresentanza del
Distretto Rotary 2050 altre due
Figure di rilievo : il vice Governa-
tore Ivo De Lotto che ha soste-
nuto che quanto queste perso-
ne riescono a fare in carrozzina
costituir motivo di grande sco-
perta per molti, ed il presidente
della Commissione Diversity,
Paolo Nolli, che ha omaggiato il
sindaco di alcuni simpatici gad-
get della manifestazione. Per il
Rotary Cl ub Casal maggi ore
Oglio Po, anche in rappresen-
tanza dellintero Gruppo Po, il
Presidente Carlo Stassano ed il
Socio componente di Commis-
sione oltre che in qualit di
sponsor del Torneo, Renato
Cantini. Presenti rappresentanti
della Guardia di Finanza, dei Ca-
rabinieri ed anche il presidente
del Panathlon Club Cesare Bel-
trami, per moltissimi versi cuore
del movimento educativo-for-
mativo e sportivo della citt.
Il torneo si terr da gioved 18
a domenica 21 settembre presso
la Canottieri Baldesio. Oggi, al
Centro Commerciale Cremona
Po, sar allestito un mini campo
da tennis dove, dalle 11 alle 12 e
dalle 17 alle 18, si terr un'esibi-
zione dimostrativa da parte dei
giocatori della squadra di tennis
in carrozzina della Baldesio, vin-
citrice dei Campionati Italiani a
squadre nel 2012.
S
Dal 18 al 21 settembre Cremona ospiter il Torneo Nazionale Open di Tennis in Carrozzina, presentato in Comune
Lo sport veicolo di uguaglianza
Cronaca
Sabato 13 Settembre 2014
9
Pom, il brand del Consorzio
Casalasco del Pomodoro, sostie-
ne la prima edizione del Master
Agribusiness & Food Manage-
ment, promosso dallUniversit
degli Studi di Parma in collabora-
zione con la Business School del
Sole 24 Ore, che si terr luned 15
settembre presso la suggestiva
cornice dellAccademia Barilla a
Parma. Il master si rivolge ai gio-
vani l aureati nel l e di sci pl i ne
scientifiche ed economiche che
desiderano acquisire specifiche
competenze manageriali, dalla
certificazione di qualit al marke-
ting e comunicazione, per opera-
re in aziende, associazioni e enti
del settore alimentare e agro-ali-
mentare. Il corso inizier alle ore 9
con gli interventi istituzionali, tra
gli altri, del Professor Erasmo
Neviani, Delegato del Rettore per
il Progetto Universit di Parma
per Expo 2015, del Direttore
dellUnione Parmense degli Indu-
striali e del Direttore Scientifico
del Master Guido Cristini. Nel
pomeriggio il corso si svilupper
con un workshop durante il quale
il management del Consorzio Ca-
salasco del Pomodoro incontrer
gli studenti per trasferire loro le
capacit richieste per lavorare in
unazienda Made in Italy di eccel-
lenza e illustrare le problematiche
e le potenzialit del settore.
La nostra azienda sostiene
lUniversit degli Studi di Parma
spiega Costantino Vaia (nella
foto in alto), managing director
del Consorzio Casalasco del Po-
modoro poich il progetto del
Master risponde molto bene alla
necessit, sempre pi sentita dal-
le aziende, di investire sulla for-
mazione specifica delle risorse
umane, nellottica di contribuire a
preparare professionisti che po-
tranno poi inserirsi con successo
nel settore strategico del Made in
Italy. Inoltre, la collaborazione con
lUniversit conferma un impor-
tante e proficuo rapporto tra Pom
e le istituzioni locali: il nostro mar-
chio, infatti, ben rappresenta
larea del parmense, territorio ri-
conosciuto come culla dellagro-
alimentare di qualit nel mondo.
Lalta qualit e la distintivit del
vero Made in Italy, che il marchio
esporta con successo in tutto il
mondo, sono infatti strategici per
valorizzare leconomia del territo-
rio e salvaguardare lautenticit
dei nostri prodotti.
Universit di Parma
Master Agribusiness
targato Pom
Giornata da ricordare quella di do-
mani, domenica 14 settembre, per il
quartiere Maristella. Nel pomeriggio
sar celebrata infatti la solenne Eucari-
stia di dedicazione di una nuova chie-
sa. La Messa solenne sar presieduta
dal Vescovo Dante Lafranconi, e per
lui sar la prima inaugurazione di una
chiesa nella nostra Diocesi. La celebra-
zione nella chiesa della parrocchia Im-
macolata Concezione avr inizio alle
ore 16 sul sagrato a forma di anfiteatro,
nel grande spazio verde tra via Persico
e via Agreste, e si concluder con un
brindisi inaugurale.
Poco prima il gruppo dei campanari
di San Matteo della Decima (Bologna)
proporr un concerto di campane gra-
zie ad uninstallazione mobile: le cam-
pane in bronzo della chiesa saranno
infatti posizionati in futuro. Col parroco
Pierluigi Codazzi, ad accompagnare il
Vescovo in processione dalloratorio ci
saranno il vicario don Matteo Alberti,
don Gianpaolo Maccagni (vicario zo-
nale e parroco di S. Francesco dAssisi
allo Zaist) e don Giuliano Vezzosi (par-
roco di S. Bernardo). Concelebreranno
anche altri sacerdoti della citt e non
solo. Fedeli, autorit, progettisti e mae-
stranze, rappresentanti del mondo del
volontariato e associazionismo atten-
deranno sul sagrato. Dopo il saluto li-
turgico da parte del Vescovo, un rap-
presentante della parrocchia conse-
gner le chiavi del nuovo edificio di
culto a monsignor Lafranconi che,
aperta la porta, inviter tutti a entrare in
chiesa. La Messa sar animata con il
canto dalla corale parrocchiale diretta
da Silvano Gregori e potr essere se-
guita anche dallesterno. Subito dopo
la dedicazione della nuova chiesa la
comunit dellImmacolata Concezione
vivr un altro importante momento: il
conferimento dei sacramenti dellinizia-
zione cristiana ai ragazzi di quinta ele-
mentare e prima media proprio nella
nuova chiesa. Di una chiesa al Mari-
stella si sentiva certamente il bisogno,
tanto che per anni nel quartiere a fun-
gere da chiesa stato un capannone in
via Persico affittato dalla parrocchia.
Il nuovo edificio sacro, il cui progetto
fu presentato nel maggio 2010, ha 220
posti a sedere, vanta un sistema di ri-
scaldamento e raffrescamento con ra-
dianti a pavimento. Dopo il rito della
posa della prima pietra celebrato dal
Vescovo il 13 ottobre scorso, sono ini-
ziati i lavori sotto la supervisione dei
progettisti dello Studio Biplano Living
Concept di Persico Dosimo. Nellambi-
to dei lavori stato anche riqualificato il
piazzale delloratorio: lo scorso novem-
bre stato risistemato il campo di cal-
cetto e di basket con il posizionamento
di una superficie in erba sintetica, e
sono stati inoltre piantumati 800 alberi.
I costi di realizzazione si aggirano sui 2
milioni e 785mila euro, grazie a fondi
della CEI e a un contributo della Dioce-
si, che si affiancano alla quota a carico
della comunit.
Domani inaugurata dal Vescovo Lafranconi nella parrocchia Immacolata Concezione. E' costata poco meno di 3 milioni
Il quartiere Maristella ha finalmente la sua chiesa
Da sinistra Cotrufo, De Lotto, Lauritano, Roffi, Plat, Galimberti, Bertoletti, poi con Rosseto, i Comandanti di CC Lenti e GdF Ghiraldini e Bodini
Sopra l'esterno, in basso a sinistra
l'interno della nuova chiesa del Maristella
dalla redazione
l sindaco invier presto la lettera
che trovate in questo articolo alle
15mila famiglie di Crema. Spiega
solo quando e come pagare Imu
(per le seconde case) e la Tasi (la
tassa sui servizi indivisibili) per tutti. Una
batosta. Tremenda. Senza contare la
Tari (tassa rifiuti), un salasso che sta
strangolando non solo le famiglie, ma
anche commercianti, artigiani e piccole
aziende. Gli importi sono aumentati a
dismisura. C chi - come i piccoli im-
prenditori - dovr andare in banca a
chiedere un prestitito per pagare queste
tasse. Altri commercianti e semplici cit-
tadini da noi sentiti sono stati durissimi:
Perch faticare con la raccolta differen-
ziata? Buttiamo dentro tutto in un sacco
e risparmiamo tempo. Stiamo per assi-
stere a una protesta senza limiti.
Con gli utili dellScs non stato pro-
dotto alcun sconto sulla tassa rifiuti. E
neppure le farmacie comunali hanno
contribuito ad abbassare le tasse. Men-
tre tutti i cremaschi stanno pagando le
tasse anche per chi, al Montessori,
usufruisce di servizi a cinque stelle, e
per chi manda i figli al Folcioni (scuola
non dellobbligo) perch i musicisti so-
no stati assunti dal comune a tempo
pieno. Tanto per fare due esempi. Non
solo: i cremaschi pagano il massimo
delle tasse non solo perch questa
amministrazione non sta operando tagli
alla spesa pubblica, ma continua a man-
tenere un organico di oltre 200 dipen-
denti in Comune, e ha assunto, per
esempio, altri vigili;inoltre sta spenden-
do soldi in manifestazioni culturali che
hanno poco successo fuori delle mure
cittadine e quindi non richiamano perso-
ne che possono portare soldi in citt;
profonde soldi in un museo che nessuno
visita. Infine: rendere attrattiva questa
citt per le imprese non mai stata la
questione principale per lamministra-
zione di centrosinistra. Risultato? Le ri-
sorse per il welfare si stanno esaurendo.
Con queste tasse che pagheremo da
qui alla fine di dicembre diventeremo
tutti pi poveri perch altri denari non ci
entreranno in tasca, mentre tante mo-
nete ci verranno prelevate dal portafo-
glio. E solo il risultato dellanalisi che
avevamo anticipato mesi fa. La voglia-
mo ristampare perch - al di l della
retorica o della ideologia - tutto sia ben
chiaro: Un bilancio desolante che
svuoter ancora di pi il portafoglio dei
cittadini, soprattutto dei pi deboli.
Nessuna riduzione della spesa in parte
corrente, nessun intervento strutturale
sui servizi a domanda individuale, solo
e soltanto nuove tasse come se le fami-
glie e le imprese non fossero gi suffi-
cientemente ed abbondantemente
vessate dallo Stato. In questo modo si
deprimono i consumi e gli investimenti
con tutte le conseguenze del caso.
Lo hanno pubblicato anche altri or-
gani di stampa: la pressione fiscale a
Crema la pi alta di tutto il Cremasco:
3,3 per mille per la Tasi, aumento dal 9,6
al 10,6 per mille dellIMU sulle seconde
case, gi incrementato lIrpef del 60%.
Per le imprese, le tasse nel Cremonese
hanno raggiunto il 71%. Pi
di cos, possiamo donare
solo il sangue. Eppure molti
lo avevano preannunciato:
unamministrazione domi-
nata dalla sinistra del Pd,
pi Sel e Rifondazione non
poteva che produrre solo
tasse. Cos stato. Ci sia-
mo rovinati con le nostre mani stanno
convincendosi in molti.
Ed ecco la lettera del sindaco che
arriver nelle vostre case. Cari con-
cittadini, come anticipato nella pre-
cedente lettera, Vi scrivo ancora per
aggiornarVi circa IMU e TASI per il
2014. Il primo acconto va versato entro
il 16 ottobre prossimo (dal 1 ottobre al
16 ottobre). Il saldo, sia per lIMU sia
per la TASI, entro il successivo 16 di-
cembre 2014 (dall1 dicembre al 16 di-
cembre). Per rendere pi agevole il
calcolo dellimposta la direzione tributi
ha messo a disposizione, sul sito del
Comune di Crema ( http://www.comu-
ne.crema.cr.it/ ) un vademecum e due
programmi per determinare lIMU e a la
TASI dovute, oltre al numero di telefono
0373/894295 e lindirizzo
email catasto.comunale@
comune.crema.cr.it
Ricordo che per labita-
zione principale, non di lus-
so, i cittadini debbono pa-
gare solo la TASI,mentre per
le abitazioni di lusso, secon-
de case e gli altri immobili,
vanno corrisposte tanto lIMU quanto la
TASI, questultima in parte attribuita
anche agli inquilini.
Per il calcolo della TASI, qualora ab-
biate bisogno di un aiuto e non abbiate
gi attivato altri riferimenti, potete rivol-
gervi direttamente al Comune. Abbia-
mo, infatti, messo a disposizione, a far
tempo da luned 15 settembre, un ap-
posito sportello per un servizio rivolto
prioritariamente alle famiglie.
Finalmente, dopo quasi un
anno di attesa - tanto vuole la
burocrazia - lAzienda ospeda-
liera di Crema pu avvalersi di
un nuovo direttore dellUnit
Operativa di Cardiologia. Mauri-
zio Eugenio Landolina stato
chiamato a prendere il posto di
un nome di peso, quello di Giu-
seppe Inama, andato in pensio-
ne nel dicembre 2013, ma il suo
curriculum non ha nulla da invi-
diargli. Lui stesso ne consape-
vole: si autodefinisce un Alonso
a bordo di una Ferrari.
Il direttore generale, Luigi
Ablondi, ironizza: non nasconde
di temere il paragone con Mon-
tezemolo, appena licenziato
dallazienda di Maranello ma,
scherzi a parte, sa di essersi
aggiudicato un fuoriclasse e
questo quello che conta.
Landolina stato scelto tra una
rosa di 22 candidati, tutti di alto
profilo. stata una delle sele-
zioni pi impegnative che ab-
biamo mai dovuto affrontare
spiega Ablondi. Non si era
mai visto un interesse cos ele-
vato nei confronti della nostra
azienda. Landolina proviene
direttamente dallospedale San
Matteo di Pavia, di cui, dal
2002, stato responsabile del
Laboratorio di Elettrofisiologia
ed Elettrostimolazione. Classe
1952, Landolina ha accumula-
to una considerevole esperien-
za allestero: a Londra e ad
Amburgo. anche autore di
205 pubblicazioni.
Ma scopriamo qual il so
obiettivo per la Cardiologia di
Crema. Ce lo ha illustrato nei
giorni scorsi, nel corso di una
conferenza stampa a cui han-
no preso parte lo stesso Ablon-
di, la nuova direttrice sanitaria,
Ermanna Derelli, e il direttore
amministrativo, Roberto Sa-
vazza. Il mio compito quello
di far crescere ulteriormente
unelettrofisiologia gi buona,
grazie al lavoro del mio prede-
cessore, perch possa diven-
tare un punto di riferimento non
solo per il Cremasco ma anche
al di fuori della provincia. Il di-
rettore generale mi ha promes-
so che lazienda acquister
nuovi macchinari di cui lUnit
Operativa ha necessit, in par-
ticolare: un sistema di map-
paggio elettrofisiologico com-
puterizzato, per i casi pi com-
plessi. Poco prima del mio arri-
vo, gi stata acqui stata
unapparecchiatura per le Tac
coronariche, uno strumento
che non tutti gli ospedali pos-
sono vantare. Il programma del
direttore ambizioso. Da parte
nostra, saremo allaltezza della
situazione.
Landolina ha gi avuto modo
di entrare nel vivo dellattivit
dellospedale cremasco, con
unoperazione di crioablazione,
effettuata nei giorni scorsi. Ope-
razione conclusasi nel migliore
dei modi. Mi piacerebbe fare
anche elettrofisiologia pediatri-
ca, come quella che esercitavo
a Pavia, mentre un altro mio
obiettivo sar quello di sviluppa-
re il discorso relativo a pacema-
ker e defibrillatori, in cui la mia
esperienza riconosciuta anche
a livello internazionale, perch
anche in questo caso Crema
possa diventare un centro di ri-
ferimento.
LUnit Operativa di Cardiolo-
gia di Crema ha a disposizione
anche una nuova sala emodina-
mica, dove in media vengono
effettuate 130 angioplastiche
primarie allanno, un numero pa-
ri a quello che pu vantare il Ni-
guarda di Milano. Un auspicio
del direttore generale Ablondi
che la presenza di una figura di
altissima qualit, come Landoli-
na, possa contribuire a formare
dei nuovi professionisti interni
allAzienda Ospedaliera.
Auspicio subito fatto proprio
dal diretto interessato: Prove-
nendo da un ospedale universi-
tario, il San Matteo di Pavia, so-
no abituato a insegnare ai giova-
ni, facendoli crescere e, cosa
importante, senza sbarrare loro
la strada. Ho allievi sparsi un po
in tutti gli ospedali della Lom-
bardia. Credo anche ci sia la
possibilit di una convenzione
tra lospedale cremasco e quello
di Pavia, per poter garantire la
presenza, qui a Crema, di spe-
cializzandi, che possano dare
anche un contributo per la ricer-
ca, altro settore per me molto
importante.
Gionata Agisti
10
La lettera del
sindaco; come
e dove pagare
I
Domenica 14 settembre, dalle 9 alle 13, sotto i
portici di piazza Duomo i professionisti del Dipar-
timento di riabilitazione concretizzeranno le inizia-
tive volte a sensibilizzare la popolazione nei con-
fronti di vari fattori di rischio, per la prevenzione di:
malattie cardiocerebrovascolari, malattie polmo-
nari, osteoporosi nelle donne, dipendenze dallal-
col, da sostanze psicoattive e ludopatia.
Levento vedr coinvolti i professionisti delle
varie Unit operative che compongono il Diparti-
mento di riabilitazione dellospedale insieme alle
associazioni onlus Proteggi il tuo Cuore e LAp-
prodo, entrambe con sede a Rivolta DAdda.
Riabilitazione Cardiologia - Direttore dottor
Tommaso Diaco: insieme allAssociazione Pro-
teggi il tuo Cuore si parler della prevenzione
della malattie cardiocerebrovasolari con la misu-
razione della glicemia, del colesterolo, della pres-
sione arteriosa, peso corporeo e BMI, la sommini-
strazione di questionari sullo stile di vita, colloqui
individuali con vari specialisti (medico, infermiere,
fisioterapista e dietista) e divulgazione di materiale
educazionale.
Riabilitazione Respiratoria - Direttore dottor
Alessandro Scartabellati: si occuper del vizio
del fumo, della malattie respiratorie e delle malat-
tie del sonno, con la possibilit di eseguire alcuni
esami strumentali come la spirometria, colloqui
individuali con vari specialisti (medico, infermiere
e fisioterapista), divulgazione di materiale educa-
zionale e proiezioni di filmati, somministrazione di
questionari.
Riabilitazione Neuromotoria - Direttore dot-
toressa Caterina Groppelli: affronter il tema
dellosteoporosi nelle donne con divulgazione di
materiale educazionale e illustrativo delle attivit
svolte a proposito nellUnit Operativa, colloqui
individuali con vari specialisti (medico, infermiere,
e tecnici della riabilitazione) e illustrazioni dei per-
corsi, presenti nellAzienda Ospedaliera, per la
prevenzione dellosteoporosi.
Riabilitazione delle Dipendenze - Dottor
Giorgio Cerizza: si occuper di alcuni temi di
forte attualit che riguardano la dipendenza da
alcool, da sostanze psicoattive e ludopatia con la
distribuzione di materiale educazionale e divulga-
tivo, colloqui individuali con vari specialisti (medi-
co, infermiere ed educatori) e proiezione di filmati.
Sar possibile vivere esperienze interattive per la
valorizzazione del gioco sano.
Lo temevo ed avvenuto: il
sindaco ha scritto unennesima
brutta pagina con le nomine del
presidente e degli amministra-
tori nella Fondazione Benefatto-
ri Cremaschi. Lo dice Simone
Beretta, il quale svela che a
nome di gran parte delle mino-
ranze avevo proposto alla Bo-
naldi la conferma del presidente
uscente Walter Donzelli, nomi-
nato da Claudio Ceravolo e ri-
confermato da Bruno Brutto-
messo. Ritenevamo importante
non perdere quei significativi
spazi e ruoli istituzionali che si
era conquistato per merito e
professionalit dimostrata sul
campo, sia in sede locale che a
livello provinciale e regionale. Il
territorio ne avrebbe tratto di
certo ulteriori vantaggi.
E, invece? Svela ancora Be-
retta: Il no del sindaco a questa
i potesi - i ncomprensi bi l e a
chiunque abbia a cuore vera-
mente gli interessi dei nostri
anziani in difficolt - stato irre-
movibile invitandoci a non met-
terla in difficolt e chiedendoci
di ripiegare su una candidatura
alternativa che lei avrebbe be-
nevolmente considerato. Spia-
ce constatare che la Bonaldi
non stata di parola escluden-
do, dopo averla garantita, la
presenza delle minoranze nel
nuovo Cda. Un fatto grave.
Ma non finita: ecco quanto
sostenuto da Beretta:Una co-
sa certa: il bando non impedi-
va di certo a Conz e Risari di
presentare la loro candidatura
semplicemente perch, a detta
della Bonaldi, il primo era mem-
bro del Cda uscente mentre Ri-
sari doveva essere escluso per
mettere l i sti tuto al ri paro
dellinvadenza e dellarroganza
di certa politica che in passato
non aveva fatto il bene della
Fondazione. Un metodo surre-
ale, avvilente ed istituzional-
mente sbagliato. Unarroganza
da ignoranza manifesta, perch
gli uomini che si sono succeduti
fino allaltro ieri ed espressione
della politica, quella con la P
maiuscola, si sono tutti dimo-
strati allaltezza della situazio-
ne.
Allora, perch escludere lop-
posizione? Beretta unidea ce
lha. E la spiega: La Bonaldi ha
deciso di mettere le mani sulla
Fondazione Kennedy. E questa
la ragione per la quale io ritengo
che abbia deciso di eliminare la
presenza delle minoranze. Non
vuole nessuno a romperle le
uova nel paniere. Il che prelude
ad una opposizione certa e dura
dallesterno da parte di chi, co-
me noi, gli spazi per un naturale
quanto sereno e costruttivo se li
conquister da solo.
Da qui il giudizio di Beretta su
questo sindaco che non man-
tiene le promesse: La Bonaldi
ha dimostrato per lennesima
volta di non avere le buone qua-
lit che un sindaco deve posse-
dere: responsabilit e coerenza
oltre a non dover mai dimenti-
care di essere il sindaco di tutti
e mai di essere il sindaco degli
amici e degli amici degli amici.
La citt non pu fidarsi di chi
non sa mantenere la parola ri-
spetto agli impegni presi e non
sa interpretare le reali esigenze
della comunit.
Sabato 13 Settembre 2014
CREMA
Crema, la pi alta pressione fiscale
Da versare la Tasi e lImu. Al massimo livello. Per mantenere alcuni privilegi. Cremaschi pi poveri
Kennedy: Il sindaco
non ha mantenuto
le promesse. Il perch
Il sindaco Stefania Bonaldi
Domenica, medici in piazza Duomo. I consulti
Il secondo da destra il nuovo primario di Cardiologia, Maurizio Eugenio Landolina
Simone Beretta
Landolina il nuovo primario di Cardiologia
agari perderemo le ele-
zioni, ma avremo avvici-
nato gli esseri umani tra
di loro. E bastato que-
sto messaggio su Face-
book a firma Stefania Bonaldi per
far esplodere una contestazione po-
polare che mai prima di ora aveva
coinvolto il sindaco. Il tema quello
della decisione dellamministrazione
comunale di accogliere la richiesta a
dare avvio alliter che porter la co-
munit islamica ad avere un luogo di
culto in citt. Una decisione che ai
cremaschi non piace.
Sono stati pi di un centinaio in-
fatti - i commenti alla frase del sinda-
co. Scusa Stefania, scrive Paco
diretto al sindaco, ma perch co-
struire una cosa che (e ne sono cer-
to) con un ipotetico referendum, il
90% dei cremaschi non votereb-
be?. Dico solo questo gli fa eco
Simone. Chi ha fatto della parteci-
pazione una propria bandiera non
pu ignorare la volont popolare
quando la stessa in dissenso con la
propria posizione o con quella del
proprio partito. Se non si coinvolge il
popolo su tematiche come queste,
allora smettiamola di parlare di politi-
ca partecipata e diciamo tranquilla-
mente che chi governa fa quello che
gli pare. Basta essere chiari e finirla
con le ipocrisie.
Il sindaco Bonaldi ha voluto repli-
care specificando che la decisione
se permettere di aprire a Crema un
centro culturale islamico verr as-
sunta dal consiglio comunale demo-
craticamente eletto. Un commento,
questo del sindaco, che ha reso lo
scontro tra il primo cittadino e la citt
ancora pi forte. In molti hanno sot-
tolineato che la moschea non era
specificata nel programma elettorale
del primo cittadino e che si rivelata
una amara sorpresa per coloro che
avevano scelto di votare per Stefania
Bonaldi. Tantissimi interventi invoca-
no la voglia un referendum, richia-
mando una proposta del comitato
cittadino NO Moschea a Crema
che proprio sul social network conta
gi di oltre 1.500 adesioni.
Un tema caldissimo, insomma.
Tanto che marted scorso, in Comu-
ne, quando si riunita la commissio-
ne Ambiente, Territorio e Patrimonio,
cera un pubblico numeroso, interve-
nuto proprio in seguito alla voce che
largomento moschea sarebbe stato
allordine del giorno, obbligando cos
la presidente della Commissione, Li-
via Severgnini, a spostare la seduta
presso sala dei ricevimenti.
I cittadini cremaschi hanno atteso
con pazienza lo svolgersi della sera-
ta e la discussione del punto allordi-
ne del giorno relativo alla istituzione
di una nuova pompa di benzina
allIpercoop sino a quando stanchi di
aspettare hanno invocato la discus-
sione del punto successivo, cio la
presa datto delle richieste di varianti
al PGT tra le quali anche quella che
prevede la richiesta della comunit
islamica di poter pregare in uno sta-
bile individuato in via Milano. Richie-
sta non accolta dalla presidente Livia
Severgnini, consigliere comunale del
Pd, che si vista costretta tra il di-
sappunto generale a rimandare la
discussione perch non allordine
del giorno. Una giustificazione che
ha scatenato le ire dei presenti che si
sono alzati e hanno inveito contro
lamministrazione comunale rea, a
dir loro, di non voler affrontare lopi-
nione pubblica cittadina contraria al-
la istituzione di una Moschea.
Il gruppo locale di Rifondazione
comunista, tramite i suoi due consi-
glieri comunali Mario Lottaroli e
Camillo Sartori ha espresso tutta
la sua solidariet alla presidente del-
la commissione stessa, Livia Sever-
gnini e agli altri membri della mag-
gioranza, bersaglio delle polemiche:
lassessore Matteo Piloni e il consi-
gliere di Sel, Emanuele Coti Zelati.
Gli attacchi verbali e gli insulti si
legge nel comunicato di Rifondazio-
ne, sono proseguiti anche in piazza
Duomo, alimentando un clima di ten-
sione enfatizzato dalle forze politiche
di minoranza, attraverso alcuni orga-
ni di stampa e i social network, con
levidente intento di dar vita a una
campagna dodio contro la comunit
islamica e, al contempo, sminuire
limpegno dellamministrazione co-
munale.
A caricarsi sulle spalle la battaglia
politica contro la moschea stato il
capogruppo di Forza Italia, Simone
Beretta, che ha proposto una nuova
raccolta firme da portare al sindaco
Bonaldi unitamente ad un documen-
to pubblico che pare sia in prepara-
zione con il contributo della lista civi-
ca Solo Cose Buone per Crema di
Antonio Agazzi e Battista Arpini. En-
trambe le forze politiche auspicano
nel contributo fattivo della Lega Nord
che, dopo la raccolta firme dello
scorso anno e la proposta di un refe-
rendum mai realizzato, oggi laconi-
camente assente dal dibattito citta-
dino su uno dei temi pi caldi della
politica cittadina.
M
Crema Sabato 13 Settembre 2014
11
Moschea, proteste su facebook e in Comune
Attacchi in Rete al sindaco. Contestazione per il mancato confronto in municipio. Rifondazione: solidariet al centrosinistra
Sulla vicenda
della moschea
intervenuto anche
il consigliere co-
munale di Forza
Italia, Renato An-
corotti. Voglio
fare una premes-
sa, per non cade-
re in argomenta-
zioni banali: non
bisogna confon-
dere una grande
civilt, come quella islamica, con una per-
centuale minima ma, purtroppo estrema-
mente pericolosa, di delinquenti, che con il
vero Islam non hanno nulla a che fare. Su
questo, non possiamo, non dobbiamo e
non vogliamo alimentare confusioni. Spero,
infatti, che da parte occidentale non preval-
ga un opposto integralismo. Conosco per-
sonalmente da tanti anni, per lavoro, mol-
tissimi musulmani e so che loro odiano e
combattono questi fanatici quanto noi. Ci
detto, per, dobbiamo fare i conti con qual-
cosa che conosciamo poco: tra i musulma-
ni che arrivano in Italia, ci sono persone
appartenenti a nazionalit diverse e a diver-
se correnti islamiche. C il rischio che
qualcuno di loro, influenzato da imam che
non provengono da autentiche scuole co-
raniche, possa diventare un terrorista? Non
lo so, ma perch non tutelarsi?.
La sua posizione mutata, in seguito
alle violenze operate dallIsis? Anche di
fronte a quei fatti criminali che si stanno
compiendo in Medio Oriente, il mio no a un
luogo di culto islamico, al momento,
netto. Occorre prudenza, ma questo non
significa chiusura. Quello che ho proposto
da tempo anche il sindaco, Stefania Bo-
naldi, sembrava essere daccordo, ma poi
non se ne saputo pi nulla un percor-
so di confronto, fatto anche di serate aper-
te alla cittadinanza, al termine del quale la
comunit islamica cremasca dovr firmare
un patto donore, in cui si impegna ad ac-
cettare alcune conquiste fondamentali
della nostra Costituzione, in termini di dirit-
ti civili. Inoltre, visto che il luogo di culto
verrebbe costruito con soldi privati, vorrei
sapere da dove proviene questo denaro,
perch la sua certificazione importante,
dal momento che con questultimo si pos-
sono influenzare determinati comporta-
menti. Forse, lalternativa di uno spazio
affittato dal Comune sarebbe migliore ma,
ribadisco, al momento troppo presto,
senza dimenticare che per Crema esistono
altre priorit su cui concentrarsi: sviluppo
economico e lavoro, su tutte. Non da ulti-
mo, un altro motivo di contrariet dovuto
al fatto che, su questo tema, la citt rischia
di dividersi e non credo sia opportuno.
Come considera il comunicato stam-
pa con cui la comunit islamica di Cre-
ma ha condannato nettamente le vio-
lenze? Ne soddisfatto? Lo si pu rite-
nere un primo passo ma, allo stesso tem-
po, mi sembra un gesto talmente scontato
che non mi basta. Facciamo un esempio
concreto: uomo e donna per loro sono
uguali? Perch, se la pensano in modo di-
verso, sono nel Paese sbagliato. Credo
che, nel corso degli anni, abbiamo conces-
so gi troppo. Mi riferisco alle macellerie
islamiche, per esempio, ma anche a quelle
ebraiche, perch non dimentichiamo che
anche gli ebrei adottano un diverso sistema
di macellazione che, a mio giudizio, asso-
lutamente barbaro e crudele nei confronti
degli animali. Ebbene, perch, in questo
caso, la lega animalista non batte un col-
po? Per non parlare della nostra stessa le-
gislazione veterinaria, che non consente
queste pratiche crudeli. Mi sembra una
contraddizione enorme. Attenzione, perch
il caso Inghilterra docet. L, si concesso
molto, si arrivati perfino a permettere dei
tribunali religiosi e, ora, ci si trova a dover
fare i conti con un grande numero di perso-
ne, partite per lIraq e la Siria, a combattere
insieme a questi criminali.
Gionata Agisti
Renato Ancorotti:
Tanta prudenza
e discussioni
per confrontarci
Renato Ancorotti
La presidente della commissione,
Livia Severgnini, ci spiega che lepiso-
dio che lha riguardata stato causato
da un malinteso: Come ho tentato di
spiegare anche in quella sede, non
vero che una discussione sul centro
culturale islamico fosse allordine del
giorno. A far credere il contrario stata
una qualche voce esterna, che ha volu-
to strumentalizzare la questione. Re-
sta il fatto che, evidentemente, un
dibattito si impone. Lei, in particola-
re, e il suo partito, il Pd, non pensate
che, alla luce dei tragici avvenimenti
in Medio Oriente, sia buona cosa una
pausa di riflessione, prima di conce-
dere il nulla osta definitivo al luogo di
culto? Si tratta di un argomento che,
sicuramente, sar di nuovo allattenzio-
ne, non solo del Pd, ma di tutta la mag-
gioranza. Ritengo, per, che quanto sta
accadendo comporti, a maggior ragio-
ne, lesigenza di mantenere ben sepa-
rato ci che attiene alla sfera politica
dal campo dei diritti civili, anche per
non alimentare ulteriori tensioni. Inten-
do dire che concedere un luogo in cui
pregare alla nostra comunit islamica
una decisione che non ha a che fare
con quanto sta accadendo in Medio
Oriente. Peraltro, con questa stessa
comunit, lamministrazione comunale
ha avviato da tempo un confronto, che
si svolto fin da subito in un clima di
dialogo e disponibilit. Aggiungo che
questo coinvolgimento alla luce del
sole garantisce una maggiore sicurezza
che non una ghettizzazione e un atteg-
giamento di chiusura e ostilit. A que-
sto proposito, il comunicato stampa,
con cui la stessa comunit musulmana
cremasca ha preso le distanze dalle
violenze commesse dallo Stato Islami-
co dellIraq e della Siria ne sicura-
mente una riprova soddisfacente.
Egregio sindaco, le ragioni che mi
inducono ad unirmi alla protesta dei
concittadini cremaschi contrari alla
moschea sono molte e tutte pi che
fondate. Non si tratta di xenofobia o di
razzismo o di intolleranza, come repli-
cano i rappresentanti della maggioran-
za ogni volta che si tenta di discutere
sulla questione: si tratta di fatti concre-
ti da tenere in seria considerazione.
LIslam in realt solleva grosse pro-
blematiche di contrasto tra i suoi inse-
gnamenti e i principi del nostro ordina-
mento giuridico (o meglio di ogni de-
mocrazia liberale): lineguaglianza tra
gli individui e la posizione subalterna
della donna rispetto alluomo; la poli-
gamia; il diritto di ripudiare la moglie;
lindistinzione per lislam tra la sfera
politica e quella religiosa.
In secondo l uogo l a tendenza
dellIslam al fondamentalismo, la man-
canza di reciprocit manifestata dagli
Stati a religione islamica verso i cristia-
ni, il rifiuto degli Stati islamici di sotto-
scrivere la Dichiarazione universale dei
diritti dellUomo, le recenti decapita-
zioni avvenute in Siria. Infine, limmigra-
zione clandestina e la presenza sul no-
stro territorio di nordafricani che com-
mettono reati di natura violenta o legati
al traffico di stupefacenti, sono fonte di
preoccupazione per la popolazione lo-
cale che giustamente protesta senza
necessariamente essere razzista.
E allora andiamoci piano con le con-
cessioni che hanno carattere definitivo.
Almeno sino a quando i vari gruppi
islamici presenti in Italia trovino una
rappresentanza e stipulino le intese
con lo Stato. Trattino con lo Stato, non
con lente locale con generici impegni,
che in pratica sarebbero incontrollabili
ed incoercibili. Sino ad allora nessuno
gli impedir di riunirsi a pregare, gli si
concederanno, come si fatto sinora
gli spazi opportuni, ma provvisoria-
mente, per non perdere noi (noi Cre-
maschi, noi Italiani) il diritto tutelare il
nostro territorio.
Opimio Chironi
Severgnini: E stato solo un malinteso
Egregio sindaco, fermati finch sei ancora in tempo
Mario Lottaroli
Livia Severgnini
Opimio Chironi
Molti cittadini in Comune convinti che si aprisse una discussione sulla moschea. Delusi, sono usciti lanciando insulti
Benzinai, centrodestra e commercianti contro il nuovo distributore allIpercoop
Crema
Sabato 13 Settembre 2014
12
dalla Redazione
a frase pi pungente e
che ha scosso pi suc-
cesso stata pronun-
ciata ds Antonio Agaz-
zi: La Coop sei tu, chi
pu darti di pi? Il Pd di Crema.
Ed propri o sul l a ri chi esta
dellIpercoop al Comune di met-
tere in funzione una pompa di
benzina, detta anche pompa
bianca, grazie alla quale poter
attirare pi clienti nel supermer-
cato per il costo competitivo di
benzina e gasolio, si scatenata
la bagarre. Questa pompa bian-
ca (cio senza marchio), infatti,
secondo lassociazione dei ben-
zinai, costringer molti a chiude-
re, mettendo sulla strada gestori
e dipendenti: a rischio ci sarebbe-
ro 20 distributori di carburante.
Variante al piano dintervento
Gran Rond. Ai cittadini di Cre-
ma, questa frase, potrebbe sem-
brare solo uno dei tanti punti
allordine del giorno della com-
missione Ambiente e Territorio
convocata marted scorso in co-
mune. In realt si tratta di una ri-
chiesta di variante al Piano di go-
verno del territorio che prevede
un progetto pi complesso: La
variante infatti implica: la realizza-
zione di un parcheggio pluripiano
di circa 5.000 metri quadrati, la
realizzazione di una nuova strut-
tura di vendita con relativo par-
cheggio e due piccole unit com-
merciali, unitamente alla autoriz-
zazione di una pompa di benzina.
E proprio su questultimo punto e
sullespansione dellarea com-
merciale il dibattito si fa piuttosto
vivace.
Graziano Bossi, titolare di una
pompa di benzina a Trescore Cre-
masco e rappresentante della Fi-
gisc (Federazione Italiana Gestio-
ne Impianti Stradali Carburanti) si
presentato alla commissione
con un cartello al collo che recita-
va: Con il sostegno di clienti e
istituzioni possiamo costringere
le compagnie ad abbassare i
prezzi. Non servono pompe bian-
che, serve fare squadra contro
lindustria che vuole spingere al
fallimento, a Crema e nel crema-
sco, decine di impianti, che crea
disoccupazione, che ci mette
fuori mercato, che guadagna a
spese dei clienti e dei gestori.
Non servono megaimpianti con
pompe bianche. Dobbiamo otte-
nere gli stessi prezzi senza rinun-
ciare a sicurezza, gentilezza, qua-
lit, rispetto delle norme, che solo
il tuo benzinaio ti pu garantire.
Altri benzinai presenti in sala-
non hanno mancato di dimostrare
- anche rumorosamente - il pro-
prio disappunto davanti agli inter-
venti del centrosinistra tutto com-
patto da Sel al Partito Democrati-
co, a Rifondazione, a difendere la
propri a posi zi one favorevol e
allapertura di questo nuovo di-
stributore. E impossibile limitare
le libert offerte dal libero merca-
to hanno pi volte rimarcato.
Anzi, il centrosinistra ha spiegato
di aver fatto tutto il possibile per
ottenere dalla Coop il maggior
numero di opere compensative,
tra le quali un sottopasso ciclope-
donale verso la Gronda Nord.
A fianco degli imprenditori e
dei commercianti, invece, il cen-
trodestra con Tino Arpini, Simone
Beretta (Convincete la Coop a
rinviare nel tempo lapertura del
distributore, vista la crisi che sta
colpendo anche il nostro territo-
rio), Laura Zanibelli (Avete fat-
to uno studio del fabbisogno di
distributori di carburante nel no-
stro territorio) e Antonio Agazzi
ad accusare la giunta di voler fa-
vorire lIpercoop con levidente
richiamo alle relazioni tra il Pd,
ovvero il partito del sindaco Bo-
naldi, e le cooperative rosse.
Christian Di Feo del Movi-
mento Cinque Stelle ha chiesto
direttamente allassessore Mat-
teo Piloni e allassessore al Com-
mercio Morena Saltini quali sono
le reali motivazioni che spingono
la giunta ad autorizzare questa
variante (Mi dite sinceramente
che cosa vi spinge ad essere fa-
vorevoli a questa variante?).
Se il progetto sar approvato o
meno verr deciso in consiglio
comunale tra qualche settimana
ma, vista la tensione respirata in
commissione, siamo sicuri che la
discussione sar animata. A pren-
dere posizione contro il progetto
anche i Commercianti del cen-
tro che imputano allamministra-
zione di voler favorire la grande
distribuzione mettendo a rischio
centinaia di posti di lavoro.
L
La pompa della discordia
I carabinieri del dipendente nucleo operativo nella serata
di sabato scorso hanno tratto in arresto un italiano per de-
tenzione illegale di stupefacente. Verso le 16, gli investigato-
ri, avendo saputo che cera la droga in una casa di Offanen-
go, abitata da un 35 enne del paese, con esperienze legate
alluso di sostanze stupefacenti, si sono appostati nelle vici-
nanze. Hano visto A.B. uscire di casa con fare sospetto,
cos hanno deciso di fermarlo e di perquisirlo. In tasca aveva
1 grammo circa di cocaina. La successiva perquisizione
dellabitazione permetteva altres di trovare nella camera da
letto altre 30 dosi preconfezionate di cocaina, un bilancino di
precisione e due proiettili calibro 44.
A.B., separato, disoccupato, veniva accompagnato in
caserma e dichiarato in stato di arresto per detenzione ille-
gale di stupefacenti e deferito per possesso illegale di muni-
zionamento. E stato, poi, condannato con rito direttissimo
alla pena di 8 mesi e 3.000 euro di multa dal tribunale di
Cremona.
I carabinieri di Vailate hanno deferito allau-
torit giudiziaria tre giovani minorenni per atti
di vandalismo. Gi nella mattinata dello scor-
so 2 settembre, il sindaco del comune di Vai-
late, Paolo Palladini, denunciava ai carabinieri
il danneggiamento del piazzale del cimitero,
con lutilizzo di una bomboletta spray di colo-
re nero. Dopo mirate indagini, gli investigatori
hanno identificato tre giovani ragazze di cui
due di 14 anni e di 13 anni del paese, che
chiamate in caserma hanno ammesso le loro
responsabilit. I genitori delle ragazze si sono
detti disponibili a risarcire il danno. Latto di-
mostrativo veniva giustificato dalle tre ragazze
asserendo essere una scritta fatta quale sor-
presa di compleanno per un loro coetaneo. In
realt il danneggiamento di un piazzale appe-
na rifatto dal Comune di Vailate ha reso leven-
to molto pi dannoso e fastidioso di quanto
potuto immaginare.
I carabinieri del Nucleo ope-
rativo nella serata di luned
scorso, a Dovera, hanno arre-
stato un italiano per detenzio-
ne illegale di stupefacente e di
arma clandestina. Lo stavano
curando da giorni. Finch lune-
d F.B., 55 anni, coniugato, di-
soccupato, di origine siciliana,
usciva di casa con fare sospet-
to. Carabinieri hanno deciso di
andare a vedere che cosa na-
scondeva in casa. Qui hanno
trovato, dentro un sacco di nai-
lon, 1.800 grammi di marijuana
gi essiccata e pronta al con-
sumo, una carabina ad aria
compressa calibro 4,5 priva di
matricola e quindi considerata
arma clandestina, e una pistola
scacciacani. F.B. stato,
quindi, arrestato per detenzio-
ne illegale di stupefacenti e ar-
mi. Anche la moglie convivente
veniva denunciata per il mede-
simo reato.
Scritte al cimitero: minorenni denunciate per vandalismo
Arrestato per marijuana
e la carabina calibro 4,5
Con ottobre partir a Crema il corso specialistico post-
diploma Efficienza Energetica, promosso alla Fondazione
ITS e finanziato da regione Lombardia con 600 mila euro.
ITS (Istituto Tecnico Superiore) nasce attraverso la parteci-
pazione di diversi soci fondatori tra i quali il Comune di
Crema, il Pacioli di Crema, IAL Lombardia, lUniversit di
Milano, il Collegio Geometri di Cremona e con la collabora-
zione dimaltri istituti: il Romani di Casalmaggiore, il Torriani
di Cremona, il Ghisleri di Cremona e lo Stanga di Cremona.
Gli ITS sono unalternativa post-diploma allUniversit
ha detto lassessore con delega allIstruzione, Universit,
Lavoro e Innovazione, Attilio Galmozzi. Sono stati appro-
vati dal ministero dellIstruzione con lo scopo di formare
professionisti attraverso corsi biennali su aree tecnologiche
strategiche ed innovative. Al termine del percorso formativo
lo studente acquisisce il titolo di tecnico superiore (con valo-
re legale, V livello Quadro Europeo delle Qualificazioni).
Unopportunit aperta a chiunque abbia conseguito un
diploma di scuola superiore in qualsiasi tipo di Istituto. Il
corso Tecnico Superiore per la Gestione e la Verifica di Im-
pianti Energetici si terr a Crema presso il Pacioli. Chi acqui-
sir la qualifica di Tecnico Superiore per lefficienza Energe-
tica potr essere impiegato sia in realt pubbliche che priva-
te ovunque vi sia da gestire un patrimonio edilizio ed impian-
tistico con il valore aggiunto dellefficienza energetica,
dellabbattimento dei costi dellenergia e della manutenzio-
ne, del rispetto delle normative e dellintegrazione della so-
stenibilit ambientale.
Il profilo professionale che il corso prepara sar una una
figura altamente qualificata e specializzata ha proseguito
lassessore Galmozzi, spendibile anche sul territorio attra-
verso rapporti di lavoro sia con le aziende pubbliche che
private; non va dimenticato che il corso prevede un tirocinio
finalizzato a presentare i ragazzi al tessuto aziendale territo-
riale e a far loro conoscere le possibilit che le sette aziende
possono offrire.
Laccesso al corso subordinato al superamento di un
preventivo test di selezione ed riservato a tutti i diplomati
delle scuole secondarie di secondo grado, in particolar mo-
do i diplomati degli istituti tecnici e dei licei scientifici. Il
corso biennale e si articola in 4 semestri per un totale di
2000 ore: sono previste esperienze laboratoriali, lezioni in
alternanza (in aula e in azienda), stage di 600 ore in azienda,
con un obbligo di frequentare almeno l80% delle lezioni. I
docenti altamente qualificati proverranno per il 50% da isti-
tuti tecnici e dal mondo universitario e per il restante 50%
dal mondo del lavoro e delle professioni.
Il materiale didattico sar fornito gratuitamente; le spese
di vitto e alloggio saranno parzialmente rimborsate, il contri-
buto di frequenza interamente rimborsato al termine del
corso e sar possibile accedere a borse di studio.
Corso post-diploma: nuova
opportunit di un impiego
Tecnico superiore efficienza energetica
Attilio Galmozzi
Alcuni benzinai di Crema che protestano per la nuova pompa di benzina alla Coop. Sotto: la discussione in Comune
Manette per detenzione
di cocaina e possesso
illegale di due proiettili
Sbucciate le patate, tagliatele
a fette, lessatele per 30 minuti a
partire dall'ebollizione.
Una volta cotte passatele allo
schiacciapatate.
Travasate il passato in una
padellina o in un tegame, unite il
burro e amalgamate a calore
delicato per 7-8 minuti
Spegnete il fuoco, unite 3
tuorli, il parmigiano, sale e pepe
e continuate a mescolare con
un cucchiaio di legno.
Mettete il composto in una
tasca da pasticciere con la boc-
chetta rigata.
Foderate la placca del forno
con carta di alluminio, quindi,
premendo leggermente la ta-
sca, formate sulla placca tanti
cestini del diametro di 6 cm.
Fate appassire la cipolla affet-
tata con l'olio, unite le carote
tagliate a dadini e fate cuocere
per 10 minuti.
Aggiungete i pisellini, ben
scolati e sciacquati, il prezze-
molo e fate cuocere 10 minuti;
al termine salate e pepate.
Spennellate con il tuorlo rima-
sto i cestini e infornateli a 180
C per 15 minuti circa.
Riempite i cestini con le ver-
dure e il caciocavallo a dadini,
infornate per altri 5 minuti e ser-
vite.
NUMERI UTILI
COMUNE DI CREMONA
www.comune.cremona.it
Centralino: 0372-4071
Urp: 0372-407291
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
www.provincia.cremona.it
Centralino: 0372-4061
Urp: 0372-406233 -
PREFETTURA
Centralino: 0372-4881
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0372-5581
COMANDO FORESTALE
DELLO STATO
Centralino: 0372-410307
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0372-21576
Nucleo di polizia tributaria:
0372-28968
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0372-454516
Centrale operativa: 0372-407427
POLIZIA STRADALE
Comando provinciale
Centralino: 0372-499511
QUESTURA
Pronto intervento: 113
Centralino: 0372-4881
VIGILI DEL FUOCO
Pronto intervento: 115
Centralino: 0372-4157511
PROCURA
Centralino: 0372-548233
OSPEDALE DI CREMONA
www.ospedale.cremona.it
Centralino: 0372-4051
Centro unificato
di prenotazione: 800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
AZIENDA SANITARIA
LOCALE DI CREMONA
www.aslcremona.it
Centralino: 0372-4971
Urp: 0372-497215
NUMERI UTILI
COMUNE DI CREMA
www.comunecrema.it
Centralino: 0373-8941
Urp: 0373-894241
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE
Urp Crema: 0373-899822
CARABINIERI Pronto intervento: 112
Centralino: 0373-893700
COMANDO FORESTALE DELLO
STATO Centralino: 0373-82714
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0373-256474
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0373-250867
Centralino: 0373-894212
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0373-897311
POLIZIA DI STATO
Centralino: 0373-897311
VIGILI DEL FUOCO: 115
Centralino: 0373-256222
PROCURA
DELLA REPUBBLICA
Centralino: 0373-878116
SERVIZI SOCIO-SANITARI
DISTRETTO DI CREMA
Centralino: 0373-899320
OSPEDALE DI CREMA
www.hcrema.it
Centralino: 0373-2801
Centro unico
di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
Crema
Cremona
NUMERI UTILI
COMUNE DI CASALMAGGIORE
www.comune.casalmaggiore.cr.it
Centralino: 0375 42668
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
Centralino: 0375-42233
CENTRO PER LIMPIEGO
Centralino: 0375-42213
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0375-284500
POLIZIA MUNICIPALE
Centralino: 0375-40540
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0375-42288
GIUDICE DI PACE
Centralino: 0375-42273
OSPEDALE
Centralino: 0375-2811
Centro unico di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
MUSEO DIOTTI
www.museodiotti.it
Centralino: 0375-200416
MUSEO DEL BIJOU
Centralino: 0375-284423
TEATRO COMUNALE
www.teatrocasalmaggiore.it
Centralino: 0375-284434
DISTRETTO
SOCIO-SANITARIO
Direzione: 0375-284020
Distretto Veterinario:
0375-284029
Casalmaggiore
Taccuino Sabato 13 Settembre 2014
13
INGREDIENTI
Insalata di crostacei ai lamponi
PER 4 PERSONE PREPARAZIONE
Sfiziosi
20 g di gelatina alimentare
secca
Melagrana
2 meloni bianchi
2 cucchiai di pistacchi fre-
schi
Alcune fette di prosciutto
crudo tagliato sottile
3 cucchiai di Sherry
Una zucchina
Mini aspic di melone
bianco ai pistacchi
Fate ammorbidire in acqua fredda 20 g di gelatina in
fogli.
Intanto tagliate a meta 2 meloni bianchi maturi, privateli
dei semi e passate la polpa al mixer in modo da ottenere
8 dl di passato piuttosto liquido.
Scottate in una padella antiaderente i pistacchi, pelateli
e tritateli grossolanamente.
Strizzate la gelatina, fatela sciogliere in un pentolino con
un cucchiaio di acqua, unitela al passato di melone con 3
cucchiai di sherry e ai pistacchi.
Rovesciate il composto in 4 stampini da creme caramel
da porzione e metteteli in frigo almeno per 4 ore a rasso-
dare.
Al momento di servire sformate gli aspic e decorateli
con fettine di prosciutto crudo e pistacchi tritati.
Arricchite il piatto con nastri di zucchina scottati a vapo-
re e chicchi di melagrana.
PREPARAZIONE
INGREDIENTI
PREPARAZIONE
600 g di patate a pastabianca
300 g di carote
200 g di pisellini in scatola
4 tuorli
100 g di caciocavallo
1/2 cipolla
50 g di burro
2 cucchiai di olio evo
20 g di parmigiano grattugiato
Un ciuffo di prezzemolo tritato
Sale e pepe
INGREDIENTI
Antipasti
200 g di lamponi
Un kg di anguria
135 g di astice
135 g di gamberi
135 g di scampi
Menta fresca
5 cucchiai di olio evo
Peperoncino
250 g di rucola
Sale e pepe
Aceto di lamponi
Tagliate i crostacei a meta nel senso della lunghezza,
lavateli, scolateli e fateli saltare per pochi minuti in una
larga padella con un filo d'olio.
Tagliate l'anguria a met e ricavate tante palline di 2-3
cm con l'apposito scavino.
Pulite la rucola e i lamponi, asciugateli e metteteli in
un'insalatiera con i crostacei e le palline di anguria.
Emulsionate in una ciotolina 4-5 cucchiai d'olio con 3
cucchiai d'aceto di lamponi, un pizzico di sale, uno di
peperoncino e qualche foglia di menta tagliuzzata.
Versate il condimento sull'insalata e servite subito.
Spuma di patate alle verdure
Via Maestri Muratori - cantiere per
la ristrutturazione della rete di distribu-
zione energia elettrica (Fine prevista: 30
settembre).
Via Riglio incrocio Via Acquaviva -
cantiere per la ristrutturazione della rete
di distribuzione energia elettrica (Fine
prevista: 30 settembre).
Via Gerre Borghi - cantiere per la ri-
strutturazione della condotta dell'acqua
potabile (Fine prevista 26 settembre).
Via Giuseppina (tratto V.Buoso da
Dovara-V.Gelsomino) - cantiere per
la ristrutturazione della linea dell'illu-
minazione pubblica (fine prevista: 30
settembre).
Via C del Vescovo (tratto da via
Giuseppina a via Poffa) - cantiere per
la ristrutturazione della condotta acqua
potabile, della condotta della fognatura
e della condotta del gas metano (Fine
prevista 23 dicembre).
Via Riglio,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Settembre
Via Maestri
muratori,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Settembre
Via Giuseppina
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Settembre
Via C del
Vescovo
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
23 Dicembre
Via Gerre Borghi
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
26 Settembre
CASALMAGGIORE
Sabato 13 Settembre 2014
14
casalmaggiore@ilpiccologiornale.it
di Vanni Raineri
uando lo intervisti ha uno sguardo tra-
sparente che ti mette a disagio. Ti guar-
da fisso negli occhi col sorriso cortese
di chi ti dice che non c motivo di dedi-
cargli tanta attenzione, ma non ha larro-
ganza per farlo con le parole. Tu allora ti domandi se
davvero stai intervistando la persona giusta, ma ba-
sta ripensare ai numeri che, s, lui, non ti sei sbaglia-
to. Lumilt non inganni: Fausto Eseosa Desalu il
primo casalasco ad aver partecipato agli Europei di
atletica con la maglia azzurra. Una maglia figlia di
quella cerimonia in Municipio di due anni fa, quando
con la maggiore et arrivata la sacrosanta cittadi-
nanza italiana, a lui che nato a Casalmaggiore e che
qui ha sempre vissuto.
Incontriamo Fausto in una Baslenga pronta ad
ospitare domani, domenica 14 settembre, la 30 edi-
zione dellEsagonale del Po, meeting internazionale di
atletica leggera fra le province di Cremona, Mantova,
Modena, Parma, Piacenza e Reggio Emilia. LAtletica
Interflumina EPi Pom parteciper (per Parma, dove
affiliata) con le Cadette (14-15 anni) Daria Sinatra
(80 metri) e Faith Boateng (300), i Cadetti Andrea
Zanazzi (80) ed Edoardo Azzoni (lungo) e le Allievi
(16-17 anni) Giulia Storti (staffetta svedese) e Fran-
cesca Paglia (alto). Il programma prevede, dalle ore
16, gare intitolate alla memoria di grandi dirigenti:
1000 metri Cadetti (7 Memorial Amedeo Becchi),
Alto Allieve (5 M. Claudio Lodi Rizzini), Asta Allievi
(5 M. Guido Guarneri), 110 hs Allievi (5 M. Doralino
Masseroni), 80 Cadette (5 M. Mario Oliva), 80 Ca-
detti (4 M. Alberto Baruffaldi), e 1500 Allieve (3 M.
Maria Teresa Riccaboni). Nel mezzo, alle 18,20, la
gara dei 200 metri assoluti che vedr in pista Fausto
Eseosa Desalu. Con lui saranno allo start Simone
Pettenati (azzurro ai Mondiali di Eugene 2014 Junio-
res) della Modena Atletica, Tommaso Lazzarini della
Fratellanza Modena, Sebastiano Spotti dellAtletica
Arvedi, il russo Ivan Nichik del Cus Parma e Jacobs
Lamont Marcell delle Fiamme Oro. Nelloccasione, a
Desalu e al suo allenatore Gian Giacomo Contini il
sindaco Bongiovanni consegner un riconoscimen-
to. Ma torniamo al nostro Fausto, che sta chiudendo
un 2014 outdoor che lo ha visto crescere in modo
esponenziale. Il primo acuto il 27 aprile con la vittoria
al Trofeo Liberazione di Modena col personale di
1053 sui 100 metri. Lesordio azzurro a Rovereto lo
ha visto capace di un 2067 sui 200 ventoso, quindi
non omologato. A seguire, l8 maggio loro con 2101
a Torino nel campionato Italiano Promesse, poi il nuo-
vo personale sui 200 (2078) nei Campionati Mediter-
ranei di Aubagne il 15 giugno, loro nella staffetta
4x100 e il bronzo sui 200 (con 2082) agli Italiani di
Rovereto. Straordinario il 1049 (nuovo personale) nel
test di Pergine Valsugana il 4 agosto sui 100, poi il
doppio botto. Il 14 agosto il personale sui 200 miglio-
rato di ben 23 centesimi (a 2055) negli Europei asso-
luti di Zurigo (dove la medaglia in finale della staffetta
sfumata per un errato passaggio di testimone), infi-
ne il recente 3228 sugli inediti 300 metri nel Meeting
Internazionale di Rieti del 7 settembre, tempo che gli
valso il record italiano Promesse.
Fausto su questultimo record racconta, con la pi
innocente delle espressioni, un retroscena che rende
lidea del suo valore: Una settimana prima mi han
chiamato gli organizzatori, dicendomi di prepararmi ai
300. Poi si deciso di sopprimere la gara dei 400, e
per me non cera pi posto. Il giorno prima della gara
(!) un atleta ha avuto problemi col viaggio aereo, cos
mi hanno chiesto se potessi sostituirlo. Il resto no-
to: Fausto prepara in tutta fretta la valigia, raggiunge
Rieti, scende in pista in una gara che non ha mai visto
impegnato in passato, e fa il record italiano.
Alle restanti domande Fausto risponde a monosil-
labi, ma non per timidezza o supponenza o falsa mo-
destia, ma per modestia vera. Non riesco a credere
di aver corso con quel tempo una gara inedita. Signi-
fica che ti ritieni adatto al passaggio ai 400 piani?
Ora non li sento ancora miei, ma lanno prossimo
inizier con un paio di uscite. Tra un paio danni forse
mi si vedr su 200 e 400, ma per ora penso ancora ai
100. Una stagione cos? No, non me laspettavo. Se
ritengo di poter migliorare? Ovvio.
Intanto il suo allenatore Gian Giacomo Contini se lo
coccola con gli occhi, evita voli pindarici e scende nel
tecnico: Questa stagione stata lunga per vari
motivi, nella prossima faremo un lavoro pi specifico.
La distanza dei 400 per Desalu formativa: Fausto ha
da sempre un eccellente indice di resistenza (sempli-
ficando: il tempo sui 200 pi competitivo rispetto ai
100), come anche il campione italiano Marani, che
per non pensa ai 400. Prepararsi ai 400 una rivolu-
zione, anche una questione psicologica e serve un
lavoro molto duro, ma le caratteristiche fisiologiche di
Desalu dicono che pu farcela. Nel 2015 far un esor-
dio sui 400 (mai provato da lui), e per questo in inver-
no lavoreremo per incrementare la potenza.
Va bene volare bassi, ma suvvia, un complimento.
Fausto ha una sensibilit strepitosa. Si cimentato
sui 300 e ha distribuito lo sforzo come un veterano. Li
ha dentro, ha capacit di resistenza specifiche innate.
Casalmaggiore si avvia a diventare un punto di riferi-
mento nazionale per latletica, e studiamo la possibi-
lit di allenarlo assieme a Marani, il che sarebbe sti-
molante per entrambi. Il mio sogno una staffetta
4x200 che ai Mondiali alle Bahamas disputasse la fi-
nale, con loro due, Galvan e Manenti. Fausto osser-
va, prende nota e sorride.
Altro servizio a pagina 24
Q
SCANDOLARA RAVARA - Rispar-
mio energetico nelle abitazioni: ridurre i
costi e aumentare il comfort possibi-
le. Questo il titolo del seminario che
si tenuto a Scandolara, che ha visto
una buona partecipazione nonostante
le avversit del tempo e la concomitan-
te partita della Nazionale di calcio.
La presentazione stata fatta dallin-
gegner Francesco Borghesi che ha
inizialmente ringraziato le amministra-
zioni comunali e il Rotary Club Casal-
maggiore Oglio Po che hanno patroci-
nato il seminario, passando poi la paro-
la al dottor Marco Francioni, Team
Manager di Uncanetwork, il quale ha
iniziato ponendosi una domanda: Si
possono ridurre i costi della bolletta
energetica di casa e nel contempo au-
mentare il comfort del proprio vivere?.
Una domanda che sta a cuore certa-
mente a tutti, in tempo di caro bollette.
Si trattato di un seminario informa-
tivo sul risparmio energetico delle abi-
tazioni mirato a spiegare al pubblico
come oggi sia possibile ridurre i costi e
aumentare il comfort della propria abi-
tazione: partendo proprio dai consumi
quotidiani (dove, come e quanto consu-
mano le nostre abitazioni; analisi dei
costi e delle abitudini abitative) per arri-
vare a parlare degli accorgimenti per ri-
sparmiare, aumentando il comfort abi-
tativo attraverso luso congiunto di pi
tecnologie, dalla domotica a quelle da
fonti rinnovabili, per lefficienza energe-
tica della casa. Laccoppiamento di im-
pianti fotovoltaici, con accumulatore e
pompe di calore per il riscaldamento,
permetter di riscaldare labitazione a
costi pressoch nulli.
Si parlato anche di etica soprattut-
to da parte degli operatori del settore,
puntando molto sulla figura del consu-
lente energetico il quale deve valutare
appieno i reali problemi individuando
via via le soluzioni pi idonee da pro-
porre al cliente in funzione delle sue
esigenze, proponendo poi la realizza-
zione degli impianti ad aziende certifi-
cate che siano in grado di dare reali
garanzie del proprio operato. La soddi-
sfazione del cliente sar la nuova parola
dordine e anche la ricerca dei pi ido-
nei finanziamenti mirati che insieme alle
detrazioni fiscali permetteranno di ave-
re un pacchetto a costo zero che in
breve tempo si autopaga permettendo
poi alle famiglie di vedersi il costo della
bolletta energetica azzerata.
Interessante seminario a Scandolara sullabbattimento dei costi che pesano in bolletta
Risparmiare energia e aumentare il comfort in casa
Domani sui 200 nel 30 Esagonale del Po in Baslenga. Poi rivela un retroscena curioso sullexploit a Rieti
Vetrina casalese per Desalu
PIADENA La Fiera entra nel clou con i
suoi appuntamenti pi importanti. Dopo
lassaggio dei giorni scorsi, si parte oggi
con la dimostrazione dei Vigili del Fuoco
del nuovo distaccamento di Drizzona,
quindi concerto in serata ai Giardini Pub-
blici. Giornata dedicata allo spettacolo
quella di domani, quindi luned commedia
e marted i tradizionali fuochi artificiali. Ma
vediamo il programma degli eventi da oggi
sino a venerd prossimo.
Sabato 13 settembre. Ore 16: Via Pla-
tina, Dimostrazione Vigili del Fuoco di
Drizzona. Ore 19.15: Giardini Pubblici, I
costritti che furono Una cena per riunire
le leve! Ore 21.15: Giardini Pubblici, Strada
Facendo in concerto. Domenica 14 set-
tembre. Ore 15.30: Via Libert, Lofficina
dei segni presenta Truccabimbi con Glen-
da Giandebiaggi. Ore 16: Spettacoli in via
Libert e, dalle ore 18, Moda, musica, bal-
lo e tanto altro. Ore 17: Giardini Pubblici,
Musica aperitivo con dj Led. Ore 18: Chio-
stro Palazzo Comunale, Presentazione
delle mostre a cura di Eles Iotti. Ore 21.15:
Giardini Pubblici, La grande corrida piade-
nese. Luned 15 settembre. Ore 15: Via
Libert, Riciclarte organizzato da Lofficina
dei segni. Ore 21.15: Giardini Pubblici,
Commedia dialettale Lobit sensa el mort
della compagnia i Bi Putei di Acquanegra
sul Chiese. Ore 23: Giardini Pubblici, Musi-
ca con dj Led. Marted 16 settembre. Ore
13.30: Via Matteotti, Partenza delle corse
ciclistiche amatoriali VIII trofeo Comune di
Piadena. Ore 16: San Vincenzo in fiera,
Pomeriggio alla casa di riposo tra foto,
balli e canti con il maestro Francesco Ba-
dalotti. Ore 20.30: Via Libert, Lofficina dei
segni presenta Sculture Vegetali, dimo-
strazione di intaglio frutta e verdura con
Ivano Rossi. Ore 21.30: Campo Sportivo,
Spettacolo pirotecnico. Mercoled 17 set-
tembre. Ore 21.15: Chiesa di San Paolo
Ripa dOglio, Vanessa and Friends in con-
certo. Gioved 18 settembre. Ore 21.15:
Cooperativa La Famiglia di Vho, O.P.M. in
concerto. Venerd 19 settembre. Ore 20:
Pala Mg K Vis di via XX settembre, XXV
Memorial Toninelli di basket
Ricordiamo anche la presenza del Luna
Park e il servizio cucina e bar con la degu-
stazione, durante tutta la fiera, di Sua Ma-
est il Tortello Rosso di Piadena.
Fervono i preparativi al Bar Leon dOro
di Piadena che ospiter i tre eventi orga-
nizzati da Officina Dei Segni. Domenica
lartista Giada Giandebiaggi di Truccabim-
bi Cremona dalle 15,30 colorer gratuita-
mente tutti i piccoli (e non!) che vorranno
farsi dipingere viso, braccia o mani. Ai
bambini dai 5 agli 11 anni dedicato il
pomeriggio di luned con il laboratorio cre-
ativo di Riciclarte! I partecipanti invente-
ranno e creeranno giocattoli utilizzando i
materiali di recupero donati dai negozi
Cose Belle, Floridea, Intimfil, La SarTina,
Falegnameria Zammarini e lo stesso Bar
Leon DOro. Un particolare tipo di arte ri-
guarder, invece, lappuntamento di mar-
ted 16. Lintagliatore Ivano Rossi, reduce
dal recente successo ottenuto alla Fiera
Millenaria di Gonzaga, presenter infatti
alcune delle proprie Sculture Vegetali
create con frutta e verdura fresca. Inoltre,
dalle 20,30 e subito dopo i tradizionali
fuochi artificiali, offrir una dimostrazione
pratica di intaglio. Tutte le attivit sono of-
ferte gratuitamente dal bar Leon dOro e si
svolgeranno nello spazio adiacente al lo-
cale, anche in caso di maltempo.
Piadena, la Fiera
entra nel vivo
FESTE
Il dottor Marco Francioni
Il settore velocit dell'Interflumina E'Pi Pom: da sinistra Boateng, Camozzi, Desalu, il tecnico Contini, Goi, Storti e Arr
Il centro Baslenga pronto ad ospitare l'Esagonale del Po
di Vanni Raineri
a stazione ferroviaria di
Casalmaggiore cambier
nome, aggiungendo al pro-
prio quello di Sabbioneta.
E per siglare lintesa con la
citt ducale, ecco subito un trenino tu-
ristico che collega la citt cremonese
al borgo gonzaghesco. In settimana
sono iniziate le corse, e la novit sta-
ta da subito assai apprezzata. Il servi-
zio si concluder il 5 ottobre, in conco-
mitanza con le date della mostra Bru-
nivo and friends: Casalmaggiore Con-
temporanea. I biglietti, al modico co-
sto di 1 euro, sono correlati allacqui-
sto del ticket della lotteria della zucca,
legato alla Festa della Zucca di Casal-
maggiore: in pratica con 1 euro si fa il
viaggio di andata e si partecipa
allestrazione.
Lintenzione di riutilizzare il treni-
no turistico anche da maggio, in occa-
sione di Expo. Sabbioneta in questo
modo si collega meglio alla stazione
ferroviaria casalese, Casalmaggiore si
lega con un centro che vanta un note-
vole presenza turistica che intende in
parte intercettare. Il viaggio inaugura-
le, allietato dalle noti musicali, ha visto
il sindaco Bongiovanni raggiungere
Sabbioneta, dove col collega Aldo
Vincenzi, presenti le due Pro Loco, ha
sottoscritto laccordo nella bellissima
cornice del Teatro allAntica.
Tale accordo presuppone anche un
impegno nel rilanciare la linea di pul-
lman tra Casalmaggiore e Sabbioneta,
in arrivo da Parma con tre corse di
andata e tre di ritorno ( il pullman
degli studenti ha spiegato Bongio-
vanni), oltre al completamento della
ciclabile (mancano i tratti di Ponteterra
e Motta San Fermo) per favorire anche
il cicloturismo, sul quale Expo sembra
mirare molto. Sabbioneta nei giorni
scorsi ha siglato un accordo simile
con Bozzolo: l pure la stazione ferro-
viaria avr la doppia denominazione.
Il trenino sar attivo tutti i giorni,
luned escluso. I biglietti sono distribu-
iti dalle Pro Loco di Casalmaggiore e
Sabbioneta e dai negozi dei commer-
cianti che hanno aderito alliniziativa.
Dopo la partenza in piazza Garibaldi, il
trenino ferma davanti al Duomo, in via
Marconi, presso il cimitero di Casal-
maggiore, al Santuario della Fontana,
a Motta San Fermo, presso il cimitero
di Ponteterra, presso il centro sportivo
di Sabbioneta, in piazza dArmi, in
piazza Ducale, presso il cimitero di
Sabbioneta e ancora in piazza dArmi,
capolinea. Ed ora gli orari: il marted
dalle 15 alle 20.30, il mercoled dalle 9
alle 12.30 e dalle 15 alle 20.30, gioved
e venerd dalle 10 alle 12.30 e dalle 15
alle 20.30, il sabato dalle 9 alle 12.30 e
dalle 15 alle 21, la domenica dalle 10
alle 13.30 e dalle 15 alle 21.
Il rilancio turistico passa anche da
iniziative cos, e il gradimento stato
subito elevato. Grande merito va dato
allassociazione Amici di Casalmag-
giore, formata da Ettore Tamani,
Achille Scaravonati, Stefano Asinari
e Maurizio Toscani. Questultimo af-
ferma: Lidea stata di Zelindo Ma-
desani, e ladesione stata entusia-
stica da parte di enti e sponsor privati.
Ci arrivano richieste di blocchetti di
biglietti da commercianti che li omag-
giano ai loro clienti. Siamo in fase
sperimentale, ma verificheremo la
possibilit di un collegamento costan-
te, magari esteso ad altri paesi. Enti
pubblici, sponsor, Pro Loco e lincas-
so dei biglietti garantiscono la spesa
necessaria. La risposta della gente
andata oltre le attese chiude Toscani
ma il risultato pi bello vedere il
sorriso sulla faccia delle persone.
L
Sopra il trenino turistico in partenza dal Municipio di Casalmaggiore. Sotto la firma dei due sindaci Vincenzi e Bongiovanni
Grande successo sta riscuotendo liniziativa che durer fino al 5 ottobre. E gi si pensa di replicarla
Quel treno per Sabbioneta
Casalmaggiore
Sabato 13 Settembre 2014
15
TOCCO CASALASCO AL FESTIVAL DI MANTOVA
MARTIGNANAREPUBBLICADEGLI ARTISTI
La Sacra Bibbia secondo gli italiani? E ibrida e
essibile. E questo il risultato del sondaggio con-
dotto da Demos&Pi apparso nei giorni scorsi sul-
le pagine di Repubblica: una notizia attualizzata
dal fatto che proprio a Mantova in piazza Castel-
lo, nel contenitore del Festival della Letteratura che
ha richiamato parecchi interessati nella citt virgilia-
na, stato presentato il volume a cura di Ilvo Dia-
manti, noto sociologo e rma di Repubblica e di
Enzo Bianchi, priore di Bose, nel comune di Ma-
gnano sulla Serra di Ivrea. Unopera dal titolo Gli
italiani e la Bibbia, destinata a fare parlare e ad apri-
re discussioni tra fede e laicit (il fondatore di Re-
pubblica Scalfari, del resto, nei mesi scorsi ave-
va riportato in esclusiva unintervista-dialogo con
Papa Francesco sul tema): un volume che parla an-
che il dialetto casalese. Anche Ludovico Gardani,
gi assessore alla Comunicazione durante la giunta
guidata da Luciano Toscani, ha partecipato infat-
ti allopera, fornendo i dati raccolti tramite lindagine
condotta per Demos&Pi assieme a Luigi Ceccarini
e Martina Di Pierdomenico. In particolare Gardani
ha seguito, curato e scritto i capitoli relativi alla diffu-
sione sociale, acquisizione e acquisto della Bibbia,
oltre ai suoi metodi di lettura o ascolto. Il tutto coa-
diuvato da schede statistiche molto precise.
MARTIGNANA PO Prosegue la Fiera di San Se-
rano organizzata dalla Pro Loco. Stasera la serata
danzante vedr protagonista Valentina Valenti, do-
mani sera Sabrina Borghetti: sar attivo il servizio
bar-cucina con un ricco men di piatti tipici. Come
da tradizione domenica 14 dalle ore 9 al via la Re-
pubblica degli artisti, esposizione di oggettistica
di vario genere. Per i bambini gonabili e, dalle ore
16, al via il 3 Trofeo Trattorini a Pedali (per bambini
no ai 10 anni). Ma la grande novit di questanno
levento tra Gioco e Tradizione, parte di un proget-
to che ha visto il coinvolgimento dei giovani di Mar-
tignana in diversi incontri sul tema dei lavori di una
volta, che proprio domenica dalle ore 10 in piazza
avr il suo culmine. In particolare si potr assiste-
re alla dimostrazione pratica dei lavori di una volta e
alla proiezione di un lmato sullo stile di vita che ve-
niva condotto nelle nostre cascine, inoltre verr al-
lestita la mostra di trattori ed attrezzature depoca.
SABBIONETA, MEETING DELLASOLIDARIET
GUSSOLA, TOMBOLAAL CENTRO CULTURALE
SABBIONETA Si svolge venerd 12 alle ore
20,30, alla Locanda Loggia del Grano, il XXI Me-
eting della Solidariet Internazionale per aiutare le
popolazioni dellAfrica. Nelloccasione verr conse-
gnato il Premio Solidariet 2014 a don Ernesto Mar-
cio, parroco di Spineda e Cividale. Tante le autorit
che interverranno, coordinate da Roberto Marchini.
Prenotazioni obbligatorie allo 0375/52060: il numero
di posti limitato, lofferta di 25 euro.
GUSSOLA Nuovo appuntamento con la tombo-
la questa sera alle ore 21 presso il Centro Culturale
di Gussola, dove lassociazione AuserInsieme invita
i propri soci a trascorrere una serata in compagnia.
PIADENA, INCONTRI CON LAFAMIGLIA
PIADENA La Cooperativa La Famiglia organiz-
za una serie di incontri per grandi e piccini presso
la sua sede di via Cavour a Vho di Piadena. Il pri-
mo, rivolto agli adulti, Gli antichi mandala, uno
strumento di una terra lontana: armonia, benesse-
re, consapevolezza per scoprire energia e creativi-
t. Gli appuntamenti, tutti dalle 15,30 alle 17, sono
sabato 20 e 27 settembre, 4 e 11 ottobre. Il costo
di 45 euro. Le iscrizioni (dottoressa Simona Toni-
ni Counsellor psico-pedagogico, 340/2776366) van-
no effettuate entro la settimana che precede ogni la-
boratorio, quindi in questo caso siamo agli sgoccioli.
I successivi corsi sono: Le abe che aiutano a
crescere (per adulti dal 18 ottobre e per bambini dai
5 agli 8 anni dal 15 novembre) e di nuovo Gli antichi
mandala dal 6 dicembre.
Terza Primavera, nuova casa Il richiamo della poesia
SAN GIOVANNI IN CROCE Il gruppo
Terza Primavera ha una nuova casa. Luned
pomeriggio si svolta la cerimonia del taglio
del nastro della sala ex teatrino che si trova
nel complesso Vidoni. Prima del taglio (nella
foto), il sindaco Pierguido Asinari ha sco-
perto la targa dingresso del centro, che ri-
porta la denominazione Sala Vidoni.
E la terza destinazione che trova posto
nellarea del complesso Vidoni, oggetto di
contributo regionale e la cui ristrutturazione si
concluse nel 2009: gi vi trovano spazio la
Biblioteca e lasilo nido, oltre a 14 apparta-
menti privati.
Il bel cortile esterno, chiuso al traffico delle auto, potr essere utilizzato nei mesi
caldi con la posa di gazebo. Lo ha auspicato il sindaco, che ha anche ringraziato le due
componenti della Biblioteca comunale presenti: la responsabile Francesca Lenti e
Laura Nardi. Spero ha aggiunto Pierguido Asinari che nascano progetti dalla
collaborazione tra Terza Primavera e Biblioteca.
Terza Primavera un gruppo spontaneo di 50 persone che attivo a San Giovanni
dallinizio degli anni Ottanta. Fino ad oggi aveva la sua sede di fianco al palazzo muni-
cipale, vicino allex sede della Padana Soccorso. Quegli spazi liberati verranno in futu-
ro utilizzati dal comune per ospitarvi i nuovi uffici comunali, che cos scenderanno
dal primo piano. I componenti di questo gruppo si ritrovano settimanalmente, ma c
da scommettere che con la nuova sede gli incontri saranno pi frequenti. Terza Prima-
vera organizza gite, feste e pranzi in occasione di ricorrenze varie, e rappresenta un
importante momento di aggregazione per gli anziani del paese. Referente Walter
Bonali, segretaria Maria Bice Araldi.
S O L A R O L O
RAINERIO La po-
esia come ingre-
di ente pri nci pal e
dellultima serata di
una sagra paesana,
s u u n p a l c o
al l aper t o. Una
scommessa non da
poco per gli orga-
nizzatori della Fiera
di Solarolo Raine-
rio, che per lhan-
no vinta in pieno. Lappuntamento di luned sera era intitolato Con
il canto, con le parole: che musicaaa!!!, un progetto di e con Jim
Graziano Maglia, il quale ha fatto da collante ad una serie di ospi-
ti che si sono alternati sul palco allestito in piazza.
Gli ospiti fissi erano il regista e attore teatrale Mauro Adorni, il
musicista Pierpaolo Vigolini e il duo Musincanto, formato da
Giampietro Gallo alle tastiere e da Sara Stacchezzini, le cui doti
interpretative hanno sorpreso e strappato applausi. Il centinaio
abbondante di spettatori ha seguito con grande attenzione e parte-
cipazione le due ore e mezza di poesie alternate a musica, barzel-
lette e gags spesso improvvisate. Tra coloro che sono saliti sul
palco, la poetessa originaria di San Lorenzo Aroldo Idia Brighenti
e lautore di poesie dialettali Antonio Danesi. Nel complesso Am-
ministrazione comunale e Pro Loco possono essere soddisfatti
dellesito della Fiera, aiutati anche dal meteo favorevole.
Il folto pubblico che ha assistito allo spettacolo
Speciale Scuola
Sabato 13 Settembre 2014
16
l 15 settembre si torna sui
banchi si scuola. Sono
quasi 8 milioni gli alunni,
secondo i dati diramati
dal Ministero. Aumenta-
no gli stranieri, mentre le classi
saranno un po' meno affollate ri-
spetto a un anno fa.
Per alcuni la campanella gi
suonata, Ma il grosso delle regio-
ni ha previsto l'avvio delle lezioni
per luned. Gli ultimi - il 17 set-
tembre - saranno invece gli alun-
ni pugliesi e siciliani.
Sempre secondo i dati del Mi-
nistero, nelle scuole statali gli
alunni sono ancora in aumento
(pi 2.971 alunni) confermando
un trend che dura ormai da pi di
un decennio. Tuttavia sembra ci
si stia avviando verso un cambio
di trend: dopo anni di incrementi
continui i piccoli iscritti nelle
scuole dell'infanzia cominciano
infatti a diminuire. Si parla di me-
no 9mila rispetto allo scorso an-
no. I posti caleranno e le ipotesi
di assunzione per turn-over -
40mila all'anno - potrebbero sal-
tare. Quest'anno l'unico segmen-
to che segner un incremento
significativo di iscritti quello del-
le scuole superiori, con 32mila
new entry. Mentre le medie ospi-
teranno 20mila ragazzini in meno.
Ad aumentare sono anche le
classi: 1.500 in pi rispetto all'an-
no passato. Questo consente di
mitigare almeno un po' il sovraf-
follamento. Si passa da una me-
dia di 21,5 alunni per classe a
21,4. Decremento che diventa
pi consistente nelle sezioni di
scuola dell'infanzia, che passano
da 23,8 bambini per classe a
23,5. Anche la rete scolastica si
contrarr: funzioner con meno
istituzioni scolastiche - sedi di
presidenza - e meno sedi. Le pri-
me passeranno da 8.644 a 8.519:
il dimensionamento regionale ha
provveduto all'accorpamento di
plessi e istituzioni per razionaliz-
zare la rete scolastica e renderla
pi efficiente. Le seconde cale-
ranno di 100 plessi e quest'anno
si attesteranno sulle 41.383 unit.
Un altro dato in crescita
quello degli alunni disabili: dai
207.244 dello scorso anno si pas-
ser a 210.909. I relativi docenti
specialisti dovrebbero attestarsi
a regime sulle 110mila presenze.
Tuttavia i numeri riguardanti gli
alunni con disabilit sono ancora
provvisori perch per questi ulti-
mi le iscrizioni sono aperte per
tutto l'anno.
Come detto, previsto anche
un incremento della presenza di
alunni stranieri: secondo i calcoli
del Ministero, si sfioreranno le
740mila presenze. Mentre, dopo
anni di tagli, la pianta organica
degli insegnanti - esclusi quelli di
sostegno - potrebbe incremen-
tarsi di oltre 1.700 cattedre.
I dati del ministero contempla-
no anche gli iscritti nelle scuole
paritarie che per la prima volta
dopo decenni scendono sotto la
soglia del milione di alunni: nel
2013/2014 sono stati 993.544. Il
calo pi vistoso si concretizzato
nelle scuole medie con -5,3% e
nelle scuole superiori dove, le po-
litiche contro i diplomifici e le nor-
me adottate dal 2006 in poi sugli
alunni privatisti della maturit
hanno determinato una riduzione
degli iscritti che in appena 6 anni
sono passati da 155mila a 119mi-
la. Un vero e proprio crollo pari al
23 per cento.
I Il 15 settembre si torna sui banchi di scuola
Sono quasi 8 milioni gli alunni iscritti questanno. In aumento gli stranieri, ma le classi saranno meno affollate
Sempre pi giovani utilizzano del-
le app invece dei dizionari. Il dato emer-
ge da una ricerca di Skuola.net, secondo
cui uno studente su 3 ha installato app
scolastiche e le usa al posto di diziona-
ri, quaderni, diari o, addirittura, libri di te-
sto. Una cosa che secondo il 60% dei
1500 intervistati non pace ai prof. Tutta-
via uno studente su 4 dichiara che il pro-
prio insegnante le lascia usare volentieri
durante l'orario di lezione.
Uno studente su 2 dichiara di aver in-
stallato sul proprio telefono una app per
tradurre le parole in lingua straniera. Un
altro 20% circa utilizza servizi di tradu-
zione via web e dunque solo il 30% re-
sta affezionato al vocabolario. L'indagine
afferma inoltre che prima di una interro-
gazione circa la met degli intervistati
usa le app, anche se uno su 3 le afan-
ca ai testi. Un'altra met, invece, ricorre
esclusivamente ai motori di ricerca e alle
informazioni sul web.
Anche prendere appunti pi tecno-
logico: circa 1 su 6 usa i tablet a scuola
al posto del quaderno, mentre 1 su 3 le
usa, ma evita di farlo in classe. Comples-
sivamente, circa il 45% ha quindi abban-
donato il taccuino. Per quanto riguarda i
conti e i numeri, le app speciche piac-
ciono per la possibilit di consultare an-
che formulari e altri servizi e sono scelte
da un ragazzo su 3.
Studenti sempre pi tecnologici: app al posto
del dizionario e gli appunti si prendono sul tablet
E partita con successo da
questanno scolastico la fusione
tra i poli professionali Ala Ponzone
Cimino di Cremona e Fortunato
Marazzi di Crema. Scopo di que-
sto progetto quello di creare un
polo territoriale forte sulla forma-
zione professionale spiega il pro-
fessor Buccellati, vice preside
dellistituto. Si tratta di un proce-
dimento complesso, ma ci per-
mette di avere un punto di riferi-
mento sulla formazione professio-
nale. La forza dellunificazione di
due scuole gi molto quotate sul
territorio ne rafforzer il ruolo.
La formazione proposta
dallistituto sar di due tipi: da un
lato quella dei corsi regionali trien-
nali, dallaltra quella quinquennale
dei corsi statali.
Per quanto riguarda la forma-
zione regionale i corsi sono: ope-
ratore elettrico (di impianti solari
e fotovoltaici), operatore delle
produzioni chimiche, operatore
meccanico spiega ancora Buc-
cellati. Per quanto riguarda i cor-
si quinquennali, abbiamo quello
di manutenzione di mezzi di tra-
sporto e quello di manutenzione
degli apparati, impianti e servizi
tecnici, industriali e civili.
Inoltre a Crema in pi c an-
che il corso dedicato alla moda
(denominato produzioni tessili e
sartoriali).
Un polo di formazione professionale
arrivato il via libera, da
parte del consiglio dei
ministri, allassunzione
di 15mila insegnanti,
13mila docenti di soste-
gno per gli studenti disabili, 4.500 uni-
t di personale ausiliario e 620 dirigen-
ti scolastici. Il ministro dellistruzione
Stefania Giannini quindi autorizzata,
come era gi stato previsto dal piano
di immissioni in ruolo, ad assumere a
tempo indeterminato sulla base delle
graduatorie provinciali vigenti, ossia
quelle del concorso del 2012.
Il pacchetto di assunzioni previsto
per lanno scolastico 2014-2015 era
stato confermato da viale Trastevere
ai sindacati alla fine di luglio specifi-
cando anche che alla scuola dellin-
fanzia sono riservati 2.341 posti,
3.630 alla primaria, 4.999 alla secon-
daria di primo grado, 4.255 alla se-
condarie di secondo grado (posti a
cui aggiungere i 13.342 in totale sul
sostegno).
Sulle novit relative alla scuola,
contenute nel documento del Gover-
no La buona scuola, intervengono
i sindacati. Il documento recepisce
molte proposte che la Flc Cgil ha
presentato in tre diversi dossier: del
giugno 2013 La scuola vince in
quattro mosse, dellaprile 2014 un
documento sulle priorit e le emer-
genze consegnato alla Ministra
Giannini, del luglio 2014 Il cantiere
scuola della Flc Cgil presentato alla
stampa fa sapere il sindacato Cgil.
In modo particolare su: superamen-
to del lavoro precario, istituzione
dellorganico funzionale, eliminazio-
ne delle molestie burocratiche, re-
stituzione del tempo pieno, riforma
degli organi collegiali.
Nel Piano Renzi, tuttavia, secondo
la Cgil, manca qualsiasi cenno alle
assunzioni del personale Ata anzi si
prevede la riduzione degli assistenti
amministrativi a seguito della digita-
lizzazione. Ci inaccettabile.
Inaccettabile anche lassenza di
qualunque riferimento al rinnovo del
contratto di lavoro, nonostante si
parli di profili professionali, carriere,
orari e retribuzioni...
Funzione docente, trattamento
economico, valutazione, mobilit,
fondi per il miglioramento dellofferta
formativa (da ripristinare integral-
mente, come da impegni governativi,
non semplicemente da stabilizzare)
sono materie contrattuali e in sede
contrattuale vanno affrontate. Non ci
sono strade alternative. Il contratto
un potente strumento di innovazio-
ne. Nel documento il sindacato non
viene mai menzionato come interlo-
cutore privilegiato nelle questioni del
lavoro. una colpevole dimentican-
za.
Ad essere sbagliata, secondo i
sindacalisti, anche la proposta di
cancellare completamente lanziani-
t nella valorizzazione professionale.
Il nuovo meccanismo farraginoso,
non chiaro chi valuta che cosa, si
cancellano gli scatti dal 2015, ma il
nuovo sistema entra in vigore dal
2018. Inoltre non chiaro il criterio
scelto per definire a priori la percen-
tuale dei docenti meritevoli degli
scatti triennali. Le risorse sono sem-
pre le stesse ma saranno ripartite su
una platea pi ristretta di lavoratori.
Un sistema articolato di carriere de-
ve essere una modalit integrativa
per valorizzare limpegno dei docen-
ti e del personale Ata in rapporto agli
obiettivi di miglioramento dellofferta
formativa, rafforzando il lavoro in te-
am dei docenti e non la competizio-
ne individuale.
La scuola pubblica, la qualit
dellinsegnamento riguardano linte-
ra societ, secondo la Cgil: Per
questo nellinteresse del Paese re-
golare tali questioni con uno stru-
mento flessibile: il contratto. Dentro
e accanto alla discussione lanciata
dal Governo (positivo che venga fat-
ta con le persone reali e nelle scuole,
e non solo on line, come abbiamo
sempre chiesto) la Flc Cgil avvier un
profondo e capillare confronto di
massa.
Una discussione, indetta possibil-
mente in modo unitario, che coinvol-
ger la categoria e tutti i soggetti
interessati alla scuola (studenti geni-
tori, enti locali, associazioni) per riba-
dire che occorre stanziare risorse per
il recupero del potere di acquisto -
assente nella proposta governativa -,
avviare da subito le trattative con-
trattuali, restituire immediatamente i
fondi sottratti alla scuola, stanziarne
quanto effettivamente ne servono
affinch alle buone parole seguano
buoni fatti. Il testo contiene poi tanti
argomenti affrontati a dir poco in ma-
niera discutibile (banca delle ore dei
docenti, rapporto tra scuole e mon-
do del lavoro, reclutamento ispettivo
e la possibilit per i dirigenti di chia-
mare i docenti che riterranno pi
adatti per lattuazione del Pof di isti-
tuto) sui quali ci riserviamo di dare un
giudizio pi puntuale nei prossimi
giorni.
In sostanza, conclude il sindacato,
manca un obiettivo fondamentale per
allinearci allEuropa: l'elevazione
dell'obbligo scolastico a 18 anni. Emer-
ge invece una visione del sapere in-
fluenzata pi dai bisogni delle imprese.
E
Via libera allassunzione di circa 30mila insegnanti
Cgil sul documento La buona scuola: Manca qualsiasi cenno sullassunzione del personale Ata. Anzi, si prevede una riduzione degli amministrativi. Inaccettabile
17
Sabato 13 Settembre 2014
Speciale Scuola
ome conferma il monito-
raggio Isfol, i cui dati sono
stati pubblicati di recente
sul Sole 24, cresce lappe-
al della formazione profes-
sionale con un trend di crescita degli
allievi che rileviamo anche nella no-
stra realt locale.
LAzienda Speciale della Provincia
di Cremona CR.FORMA con le due
sedi di Crema e Cremona rappresen-
ta oggi un fondamentale riferimento
territoriale per la for-
mazione e leducazio-
ne dei minori in obbli-
go formativo.
Cr.Forma si pre-
senta allavvio dellan-
no formativo con 728
allievi con classi a pie-
no regime spiega
Paola Brugnoli appena riconfermata
direttore generale per il prossimo
triennio - a testimonianza che la scel-
ta della formazione professionale vie-
ne sempre pi percepita come in
grado di preparare efficacemente i
ragazzi allinserimento nelle realt
produttive del nostro territorio.
Il settore di punta sempre quello
meccanico con 397 allievi impegnati
nei percorsi di riparazione autoveico-
li, carrozzeria e termoidraulica setto-
re. Un notevole innalzamento qualita-
tivo della didattica si realizzato
grazie alla partnership attivata con
Magneti Marelli After Marks Spa con
cui stato implementato linsegna-
mento dellauto tronica e della revi-
sione elettronica degli autoveicoli.
Il settore termoidraulico si confer-
ma sia a Crema sia a Cremona
unarea in grado di preparare per il
mondo del lavoro gli artigiani di do-
mani con collaborazioni e protocolli
di intesa attivi con Confartigianato e
con la Cna. Con la Confederazione
Nazionale dellArtigianato e della Pic-
cola e Media Impresa di Cremona
stata attivata una proficua collabora-
zione in materia di corsi di formazione
professionale per il conseguimento
del Patentino dei frigoristi che ha
C
Cr.Forma, al via il nuovo anno formativo
La formazione professionale rivela un trend in crescita. Moltissime le offerte. Brugnoli: Iniziamo lanno con 728 allievi
Formazione continua dei lavoratori, bando della Regione Lombardia
Regione Lombardia promuove e migliora la formazione
continua dei lavoratori e degli imprenditori per il riallinea-
mento delle competenze e delle conoscenze.
E' stato quindi avviato un bando finalizzato a promuo-
vere e migliorare la formazione continua dei lavoratori e
degli imprenditori per il riallineamento delle competenze
e delle conoscenze, in considerazione delle profonde tra-
sformazioni in atto nei modelli organizzativi e di business.
Le risorse disponibili per la realizzazione degli inter-
venti di cui al presente Avviso ammontano a complessi-
vi 15.000.000 di euro, a valere sulle risorse Por Fse,
Asse I, Ob. specifico a), categoria di spesa 62. Regione
Lombardia si riserva di rifinanziare questo avviso con
ulteriori risorse.
Sono destinatari degli interventi lavoratrici e lavoratori
operanti sul territorio Lombardo presso unit produttive
localizzate nel territorio della Regione Lombardia, rien-
tranti nelle seguenti categorie: lavoratrici e lavoratori con
contratto di lavoro di diritto privato a tempo indetermina-
to o a tempo determinato (in entrambi i casi sia a tempo
pieno, sia a tempo parziale); lavoratrici e lavoratori con
contratto di lavoro intermittente o ripartito (di cui al Titolo
V capo I e II del D.Lgs. 10.9.2003 n. 276 e ss.mm.ii.);
lavoratrici e lavoratori con contratto di apprendistato (ai
sensi del Titolo VI del D.Lgs. 10.9.2003 n. 276 o del D.Lgs.
167/2011) per formazione addizionale a quella prevista
dalla normativa di riferimento e riportata dal Piano Forma-
tivo Individuale; lavoratrici e lavoratori con contratto a
progetto (di cui al Titolo VII capo I del D.Lgs. 10.9.2003
n. 276 e ss.mm.ii.); socie-lavoratrici e soci-lavoratori di
cooperative (sia che partecipino o non partecipino agli
utili); titolari, socie e soci di imprese di qualsiasi dimen-
sione, iscritte alla Camera di Commercio di competenza,
aventi sede operativa in Lombardia; nel solo in caso di
impresa familiare di cui allart. 230-bis del Codice Civile,
i collaboratori o coadiuvanti dellimprenditore che presta-
no in modo continuativo la propria attivit di lavoro
nell'impresa (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini
entro il secondo); i coadiuvanti delle imprese commercia-
li ed i soci lavoratori di imprese, compresi gli artigiani; i
liberi professionisti, che esercitano lattivit sia in forma
autonoma che in forma associata.
consentito di procedere ad un am-
modernamento dei laboratori dellisti-
tuto che oggi vanta presso la sede di
Cremona di via Cesari attrezzature
allavanguardia che hanno consenti-
to di potenziare ulteriormente le com-
petenze acquisibili dagli allievi del
corso di termoidraulica nel settore
del DDIF ( diritto dovere di istruzione
e formazione).
Presso la sede di Cremona cresce
il numero degli allievi nel settore risto-
razione (aiuto cuoco
e addetto sala bar)
mentre presso la se-
de di Crema sono
attivi i corsi di esteti-
ca ed acconciatura
ed il settore elettrico
che rappresenta un
vero e proprio fiore
allocchiello dellente soprattutto con
riferimento allinsegnamento della
domotica.
Sono anni che lavoriamo nella
direzione di potenziare il raccordo tra
scuola e lavoro prosegue Brugnoli
e le oltre 600 convenzioni di stage
sottoscritte con le aziende del territo-
rio consentono di realizzare esperien-
ze di tirocinio che servono ai nostri
ragazzi ad avvicinarsi alla realt
dellimpresa prima di entrare definiti-
Sabato 13 Settembre 2014
18
Speciale Scuola
vamente nel mondo del lavoro e alle
aziende per cominciare ad individua-
re i giovani che, al termine degli studi,
si renderanno disponibili nel mercato
del lavoro locale.
Questanno intendiamo puntare
sulla valorizzazione dei talenti che
senza dubbio esistono anche tra gli
studenti della formazione professio-
nale. Per Cr.Forma il 2014/2015 sar
inoltre lanno della sperimentazione
digitale con alcune classi in cui gli
studenti avranno a disposizione ta-
blet e altri dispositivi multimediali che
consentiranno di attivare forme di di-
dattica innovativa.
Lente dispone infine di uno strut-
turato Settore dei Servizi al Lavoro
che offre servizi di preselezione e
orientamento specialistico con
lobiettivo principale di far fronte agli
effetti sociali prodotti dalle trasforma-
zioni in atto nel mercato del lavoro.
CR.FORMA ha adottato un proprio
modello di erogazione dei servizi per
il lavoro per rispondere a queste nuo-
ve necessit ed oltre ad erogare i
servizi di base e specialistici pro-
muove percorsi per favorire loccupa-
bilit e curare un efficiente accompa-
gnamento al lavoro in primis degli
allievi che concludono i nostri percor-
si formativi in DDIF.
Cresce il numero
di studenti nel settore
della ristorazione
Istituto G. Marconi
stato fondato alla fi-
ne degli anni cin-
quanta e la sua pri-
ma sede era viale
Pubblico Passeggio,
a Crema. Verso la fine degli an-
ni sessanta si trasferito in via
Manfredi e attualmente si trova
in via Cortesi.
Allapertura, lIstituto G. Mar-
coni aveva la Scuola Materna,
impostata con il metodo Mon-
tessori, rivoluzionario ed avve-
niristico per i tempi, la Scuola
Elementare e Media, lIstituto
Tecnico per Ragionieri e il Col-
lege, frequentato negli anni dai
rampolli delle pi prestigiose fa-
miglie dItalia e ricordato dai
piacentini per lelegante divisa
che rendeva simili i suoi fre-
quentatori a quelli delle pi pre-
stigiose e famose scuole priva-
te inglesi e americane.
Nella met degli anni settan-
ta, veniva chiesta e immediata-
mente concessa la legalizzazio-
ne del Liceo Scientifico.
In quasi cinquantanni, pres-
so lIstituto G. Marconi hanno
conseguito il diploma e/o la ma-
turit migliaia di alunni prove-
nienti non solo da Piacenza, ma
anche dalle citt e dalle regioni
vicine. Molti di questi alunni so-
no oggi stimati professionisti,
validi imprenditori e hanno rag-
giunto il successo nelle attivit
che hanno intrapreso.
Innumerevoli sono i genitori
che, in questi cinquantanni, sia
verbalmente, sia per iscritto,
anche tramite i pi diffusi mez-
zi di comunicazione, hanno ma-
nifestato allIstituto G. Marconi
la loro gratitudine e riconoscen-
za per averli aiutati a risolvere i
problemi scolastici e personali
dei loro figli.
Attualmente sono attivi
presso lIstituto G. Marconi i
corsi paritari dellIstituto Tec-
nico per Ragionieri e del Liceo
Scientifico e, con il prossimo
anno scolastico, preventivata
lapertura della Scuola Media
di cui stata recentemente
concessa la parit con D.M.
del 25.06.2010 n. 176.
Il funzionamento didattico
dellIstituto G. Marconi, essen-
do la maggior parte dei suoi
corsi paritari, simile in tutto
e per tutto a quello delle corri-
spondenti scuole statali.
I suoi alunni sono promossi
alla classe successiva per
scrutinio interno senza neces-
sit di alcun esame e i voti fi-
nali gli vengono assegnati di-
rettamente dagli insegnanti
che hanno avuto nel corso
dellanno.
I titoli di studio rilasciati
dallIstituto G. Marconi hanno
pieno valore legale co-me se
fossero stati conseguiti presso
le Scuole Statali.
Gli alunni, in occasione degli
esami di Stato, svolgono le va-
rie prove, sia scritte, sia orali,
allinterno del Istituto e godono
di tutti quei vantaggi che ven-
gono riconosciuti a coloro che
hanno frequentato le Scuole
Statali.
La quasi totalit delle classi
sono formate da un numero li-
mitato di alunni.
Un corpo docente, altamen-
te qualificato, garantisce conti-
nuit didattica si-no alla fine
del corso di studi e lo svolgi-
mento dei programmi secondo
le pi moderne metodologie di-
dattiche.
Gli insegnanti dellIstituto G.
Marconi sono soliti instaurare
con i propri alunni un rapporto
di serena collaborazione e cu-
rare in modo personalizzato la
loro formazione culturale e pro-
fessionale. Ogni allievo che ab-
bia problematiche personali di
qualsiasi tipo, anche di natura
extra scolastica, a richiesta,
viene assistito e aiutato con la
massima sensibilit e disponi-
bilit.
Si garantisce massima vigi-
lanza e controllo sulle assenze
e sullandamento scolastico
degli alunni.
I genitori hanno la possibilit
di conoscere il profitto scolasti-
co degli alunni e ogni altra in-
formazione a loro riguardante
anche per via informatica me-
diante lutilizzo di una specifica
password, inoltre, in qualsiasi
momento, potranno comuni-
care personalmente, sia con gli
insegnanti, sia con la Presiden-
za e la Direzione Didattica.
In caso di necessit, lIstitu-
to G. Marconi solito prendere
contatto con le famiglie e con-
cordare con le stesse gli inter-
venti ritenuti pi urgenti.
L
Speciale Scuole
Sabato 13 Settembre 2014
19
Una lunga tradizione scolastica e insegnamento allavanguardia
Istituto G. Marconi: a Crema una scuola altamente qualificata che garantisce una formazione culturale e professionale personalizzata
di Laura Bosio
opo le vacanze spes-
so si presenta la
necessit di disintos-
sicarsi, di rimettersi in
regola per tamponare
gli effetti di uno stile di vita non
propriamente sano. Chiediamo
aiuto alla dottoressa Annalisa
Subacchi nota nutrizionista e
specialista in intolleranze ali-
mentari.

Al rientro dalle vacanze spes-
so la bilancia riserva brutte
sorprese. Complici il troppo
cibo e i troppi alcolici, magari
associati a poco sonno e
ancor meno movimento, il
tanto sudato peso forma otte-
nuto prima di partire risulta
generalmente appesantito di
alcuni chili. Dottoressa, come
vanno affrontate le prime set-
timane?
Niente di grave, capita a tutti.
Limportante non abbattersi e
intervenire subito, per riportare
la situazione alla normalit nel
minor tempo possibile con
unazione depurativa mirata.
Consiglio a chi non lo avesse
fatto o chi lo avesse fatto da
tempo anche il test intolleranze
alimentari: labuso nel periodo
estivo di determinati alimenti
pu infatti aver sviluppato avver-
sione a nuovi cibi favorendo
retenzione di liquidi e gonfiore e
aumento del peso corporeo.
Quali sono le regole da rispet-
tare, in questi casi?
La prima regola riequilibrare
lalimentazione in modo gradua-
le ma costante, a piccoli passi.
Se per alcune settimane lorga-
nismo si abituato a ricevere
2500 calorie al giorno, infatti,
impensabile fornirgliene di punto
in bianco solo 800, specialmen-
te in un momento in cui deve gi
affrontare lo stress del cambia-
mento di clima e di orari. Una
dieta equilibrata da 1500 calorie
circa quindi lideale per torna-
re in forma e perdere da 500
grammi a 1 kg ogni settimana.
La seconda regola bere alme-
no 2 litri dacqua al giorno, per
eliminare le tossine accumulate e
drenare i liquidi in eccesso.
Oltretutto, lacqua un toccasa-
na per lidratazione della pelle,
che rester abbronzata e senza
screpolature molto pi a lungo.
Per 2 o 3 settimane, poi, sareb-
be bene rinunciare ad alcolici e
bibite gassate, da sostituire,
oltre che con lacqua, anche con
tisane purificanti come quelle a
base di t verde, finocchio, coda
cavallina e fucus, da bere 4 o 5
volte al giorno in corrispondenza
dei pasti.
A pranzo e a cena, invece, la
strategia detox prevede insalate
miste (250-300 g), da alternare
con minestre di verdure o passa-
te di pomodoro, pi un secondo
piatto di carne bianca o pesce
(100 g), accompagnati da 20 g di
pane integrale e da un frutto. Il
tipo di cottura ideale quello al
vapore o alla piastra; olio e sale
vanno utilizzati il meno possibile,
mentre le spezie, saporite e
quasi prive di calorie, sono ben
accette.
Infine, per spezzare la monoto-
nia si possono inserire nella
dieta, in quantit moderata,
uova e formaggi magri, meglio
se a pranzo, e primi di pasta o
riso con legumi un paio di volte
alla settimana.
Per tutto il periodo verranno
esclusi gli alimenti risultati intol-
leranti (che varieranno da
paziente a paziente) e tale esclu-
sione potr venire prolungata
anche oltre a seconda del grado
di intolleranza del paziente.
Per un dimagrimento ancora
pi rapido ed efficace, consiglio
40 minuti di corsa o di cammina-
ta veloce allaperto per 3 o 4
volte a settimana: per bruciare i
grassi di troppo, ma anche per
sciogliere lo stress da citt che
altrimenti, spesso, si finisce per
placare con il cibo.
Seguendo questo regime ali-
mentare per quattro settimane i
chili accumulati in vacanza se ne
andranno tanto in fretta quanto
sono venuti, e il corpo torner a
essere sano e in forma come per
la prova bikini.
Ne parliamo con la dottoressa Annalisa Subacchi, nutrizionista e specialista in intolleranze alimentari
D
La dieta disintossicante post-ferie estive
di Ermanna Allevi
Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)
segue dallo scorso numero
[Gentilissima Naturopata, so che lei bravissima con i cri-
stalli, potrebbe parlarmi dell'ametista? grazie Lory]
... A livello fisico, l'ametista rafforza il sistema endocrino e im-
munitario, pulisce il sangue e migliora l'attivit dell'emisfero de-
stro del cervello. Favorisce il sonno, attenua dolori e tensioni le-
gate a emicranie, ferite e gonfiori. Si utilizza nelle malattie del si-
stema nervoso, dei polmoni e delle vie respiratorie in genere.
L'Ametista viene utilizzata anche per il riassorbimento dei liquidi.
A livello psicologico e mentale calma le passioni, le emozioni vio-
lente e la rabbia. E' utile nella tristezza dovuta a perdite. Aiuta il ri-
cordo delle immagini oniriche, favorisce l'ispirazione e la concen-
trazione, l'intuizione superiore, la porta suprema per la realizza-
zione del s. Se indossata, rafforza l'animo e aiuta a sconfiggere
paure e fobie. A livello spirituale altamente protettiva, rappresen-
ta fisicamente il raggio viola alchemico della trasformazione. Cri-
stallo di meditazione per eccellenza, aiuta nell'analisi interiore fa-
cilitando il contatto con la parte pi profonda dell'essere. Aiuta a
diventare consapevoli della propria spiritualit. L'Ametista un
Cristallo Maestro. In cristalloterapia si utilizza sul sesto e settimo
chakra.
Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a:
info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it
Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372.
Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.
CUP Centro Unificato di Prenotazione
Dove: padiglione n. 12, a fianco del
Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori
Orari di apertura al pubblico:
luned - venerd dalle 7.30 alle18.00
orario continuato,
il sabato dalle 8.00 alle 12.00;
Prenotazioni telefoniche: possibile
telefonare al numero verde 800.638.638,
da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00.
PRENOTAZIONI
CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP
Attraverso il CUP si prenotano tutte
le prestazioni ad eccezione delle seguenti,
che devono essere prenotate direttamente
presso le singole unit operative o servizi
come indicato di seguito:
ANATOMIA PATOLOGICA
secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati)
Dove: Poliambulatori, piano Terra.
Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare
contattare la segreteria dellAnatomia Patologi-
ca dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00.
Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00.
Consegna campioni istologici e citologici
La consegna dei campioni citologici urinari
prevista, presso il padiglione 5,
da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30;
per gli altri esami da luned a venerd
dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto).
RADIOLOGIA d
Dove: piano 1, corpo H (ala destra).
TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti
e richiesta di prestazioni con bollino verde
Le prenotazioni vanno effettuate
di persona o via fax.
Orario: da luned a venerd dalle
08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00.
Tel: 0372 405760.
Angiografia
Le prenotazioni vanno effettuate di persona.
Orario: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367.
SENOLOGIA:
Screening mammografico preventivo
biennale Asl Cremona (45-69 anni)
Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled
dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata
al CUP dell'Asl 800 318 999.
Prestazioni con carattere di urgenza,
risonanze alla mammella, agoaspirati,
ecografie
Dove: piano 1, corpo M.
Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00.
Telefono: 0372 405614.
Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata
una nuova linea telefonica dotata
di risponditore automatico
in funzione 24 ore su 24: 0372 405612.
RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE
Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o
ascensore a sinistra vicino l'Ufficio
Informazioni nell'atrio di ingresso)
corpo M, monoblocco ospedaliero.
Orario: da luned a venerd
dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485.
MEDICINA DEL LAVORO:
Visite specialistiche di medicina del lavoro
Tel: 0372 405777 da luned a venerd,
dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente
presso lAmbulatorio Specialistico
di Medicina del Lavoro negli stessi orari.
CENTRO DIABETOLOGICO
Dove: piano 6, corpo H (lato destro),
monoblocco ospedaliero.
Orari: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 13.30
(prima visita per inquadramento
diagnostico-terapeutico e visita di controllo
per monitoraggio metabolico e screening
delle complicanze croniche).
Per le prime visite preferibile che
la prenotazione avvenga di persona comunque
possibile prenotare telefonicamente
da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30.
Telefono: 0372 405715.
CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI
accesso diretto da parte dei cittadini,
con la richiesta del Medico di famiglia
o dello specialista.
Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale.
Orario: da luned a venerd
dalle ore 07.30 alle 10.30.
Telefono: 0372 405663 - 0372 405452
CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI
Monitoraggio delle terapie anticoagulanti.
previsto accesso con prenotazione al numero
0372 405666 - 0372 405663.
Dove: Presso la palazzina del Cup
Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd.
CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA
Test di tolleranza al lattosio e patch test
Accesso con impegnativa del medico curante
Le prenotazioni si effettuano telefonicamente
al numero 0372/408178 da luned a venerd,
dalle 10.30 alle 12; oppure di persona
presso lAmbulatorio di Allergologia (Padiglione
10) da luned a venerd dalle 9.00 alle 13.00.
IMMUNOEMATOLOGIA
E MEDICINA TRASFUSIONALE:
Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia
marziale endovenosa, preparazione di nuovi
emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale:
Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico.
Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero.
Tel: 0372 435887 - 0372 405461
dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd
GENETICA
Dove: piano 2 lato destro del monoblocco
ospedaliero. Prenotazioni telefoniche:
0372 405783
da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30.
MEDICINA LEGALE
Prenotazioni presso Direzione Medica
di Presidio piano Rialzato monoblocco
ospedaliero. Tel: 0372 405200.
PSICOLOGIA
Dove: settimo piano a sinistra.
Prenotazioni da luned a venerd
dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio
di Psicologia, oppure anche telefonicamente
agli stessi orari al numero 0372 405409.
ONCOLOGIA MEDICA
Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i
n reparto da luned a venerd
dalle ore 8.00 alle ore 17.00.
Tel: 0372 405248.
TERAPIA DEL DOLORE
Dove: palazzina n. 9 La prenotazione
pu essere effettuata telefonicamente
al numero 0372 405330
dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd.
Negli altri orari possibile chiamare
lo stesso numero lasciando un messaggio
in segreteria telefonica con il nome e numero
di telefono: al pi presto sarete richiamati.
GLI ORARI
PRESIDIO OSPEDALIERO
DI CREMONA
Salute
20
Sabato 13 Settembre 2014
Il paziente ad alto rischio nefropatie: il 20 settembre convegno
A Cremona il prossimo 20 settembre per la
prima volta si parla di Nefrocardiologia, secon-
do alcuni cultori del cosiddetto link cardio-rena-
le, una vera e propria disciplina scientifica emer-
gente. NellAmbulatorio per la diagnosi e la cu-
ra dellipertensione arteriosa (UO di Nefrologia
- dellOspedale di Cremona) da molti anni l'ap-
proccio all'Ipertensione appunto "nefrocar-
diologico", cio integrato e multidisciplinare.
Lipertensione arteriosa il terreno sul quale
i rapporti tra malattia renale e danno cardiova-
scolare si manifestano in modo pi evidente: da
un lato, infatti, il rene uno dei cosiddetti orga-
ni bersaglio del danno vascolare indotto
dallipertensione arteriosa, dallaltro alcune for-
me di ipertensione secondaria, soprattutto
quelle pi gravi e resistenti al trattamento, sono
causate da varie forme di nefropatia.
In presenza di insufficienza renale, il rischio
di eventi cardiovascolari aumenta dal 40% ne-
gli stadi iniziali fino ad oltre il 200% negli stadi
pi avanzati. Il rene considerato un vero e pro-
prio sensore del rischio cardiovascolare: il ri-
conoscimento di un eventuale danno renale, so-
prattutto nelle sue manifestazioni iniziali, con-
sente da un lato di istituire un trattamento inten-
sivo e multifattoriale della malattia ipertensiva e,
dallaltro, di verificare nel follow-up lefficacia
dei provvedimenti terapeutici intrapresi.
Con lobiettivo di comprendere, individuare e
trattare adeguatamente i rapporti tra malattia
renale ed apparato cardiovascolare, lambula-
torio per la diagnosi e la cura dellipertensione
arteriosa (UO di Nefrologia - dellOspedale di
Cremona), nella persona del dr. Rosario Ariano
referente scientifico - si fatto promotore di
questo evento formativo. Il convegno sar oc-
casione per nefrologi, cardiologi, internisti e dia-
betologi di discutere dei rapporti tra malattie
cardiovascolari, renali e dismetaboliche, con
particolare attenzione al ruolo del rene come
"sensore integrato" del rischio cardiovascolare
nell'Ipertensione Arteriosa. Tra i relatori che par-
teciperanno, si evidenzia la presenza del prof.
Giovanni Strippoli, ricercatore italiano di caratu-
ra mondiale, professore associato allUniversit
di Sidney ed esperto di Evidence Based Medi-
cine. Strippoli ha collaborato a pi protocolli di
ricerca clinica con lambulatorio per la diagnosi
e la cura dellipertensione arteriosa (UO di Ne-
frologia) dellOspedale di Cremona.
Tornano i corsi di formazione per il primo soccorso promossi dallAreu
118 e lAzienda Ospedaliera di Cremona. Il corso si chiama BLS-D (Ba-
sic Life Support Defibrillation ovvero Supporto delle funzioni vitali di ba-
se con Defibrillazione) ed destinato a operatori non sanitari e cittadi-
ni. Lintervento del 118 potrebbe infatti non essere sufficientemente ra-
pido, al contrario di quello di chi gi sul posto. Chi presta soccorso de-
ve saper effettuare tempestivamente il BLS-D, cio il ripristino delle fun-
zioni vitali e defibrillazione, praticando le manovre di rianimazione car-
dio-polmonare di base, e utilizzando i defibrillatori semiautomatici ormai
distribuiti su tutto il territorio. Il corso ha lo scopo di trasmettere agli al-
lievi un metodo che consenta di riconoscere e di gestire il soccorso in
caso di arresto cardiaco e di supportare le funzioni vitali (respiro e circo-
lo) anche attraverso luso del defibrillatore semiautomatico fino al mo-
mento dellarrivo del 118. Le prossime edizioni sono 27 settembre, 8 no-
vembre e 6 dicembre. Per ulteriori informazioni rivolgersi a Centrale Ope-
rativa AAT 118 (Tel. 3356312632 ugorizzi118cr@gmail.com).
Primo soccorso, tornano
i corsi organizzati da Areu
La dottoressa Annalisa Subacchi riceve a:
CREMONA: poliambulatorio
MEDICENTER Cremona 0372-434988
GADESCO PIEVE DELMONA: Poliambulatorio
MED c/o Ipercremona2 0373-803801
CREMA Poliambulatorio SANTA CLAUDIA
c/o ipercoop GranRondo 366-4759134
MANERBIO Poliambulatorio Minervium
Via Verdi 64 - Manerbio 366-4759134
Annalisa Subacchi, Nutrizionista
albo Sez. A n 061604
Master Nutrizione Fitness e Sport,
Diete personalizzate,
test intolleranze alimentari, celiachia,
breath test al lattosio
La dottoressa Subacchi risponde alle vostre domande scrivendo a:
info@nutrizionistabiologo.it oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it
www.nutrizionistabiologo.it Facebook: Lisa Nutrizionista Cell. 366-4759134
dalla redazione
tutto pronto per lini-
zio dello Stradivari
Festival, che par-
te domani con unan-
teprima (in occasio-
ne del compleanno del Museo del
Violino, che in un solo anno ha gi
contato oltre 5mila visitatori dallIta-
lia e dallestero), con il concerto di
Pavel Vernikov e il Trio Cajkovskij
su musiche di Dmitrij ostakovic e
Ptr Ilic Cajkovskij. E un Festival
che vuole valorizzare la forte identi-
t culturale della citt di Cremona -
afferma Francesca Colombo, diretto-
re artistico del festival - la sua storia
e il suo presente, il suo unico saper
fare liutario, riconosciuto dallUne-
sco patrimonio immateriale delluma-
nit, capace ancora oggi di suscitare
lammirazione del mondo. In questo
spirito il Festival propone, nella mera-
vigliosa sede del Museo del Violino,
una variet di occasioni musicali e
non solo, tutte focalizzate sugli stru-
menti ad arco e a pizzico, con le
grandi pagine del repertorio classi-
co interpretate da Pavel Vernikov,
Natalia Gutman, Salvatore Accardo,
il Quartetto di Cremona, lo Stradivari
Quartett, il Quartetto Matamoe, Luigi
Attademo, Avi Avital, unite a momen-
ti riconducibili a un crossover colto
e a generi musicali alternativi, con
interpreti di fama internazionale, qua-
li Viktoria Mullova e Regina Carter,
in un progetto pensato apposita-
mente per Cremona e ancora Sonig
Tchakerian e Richard Galliano. Agli
artisti abbiamo chiesto di raccontare
il rapporto unico e magico con il loro
strumento durante gli incontri larti-
sta e il suo strumento e di suona-
re gli esemplari della collezione del
Museo, antichi e moderni, dialogan-
do con il liutaio. Grande importanza
stata data alla formazione musicale
con il coinvolgimento di giovani musi-
cisti, protagonisti del quotidiano vio-
lin bar e di due omaggi ad Antonio
Stradivari, grazie alla collaborazione
con lIstituto Monteverdi e la Scuola
Internazionale di liuteria, e al pub-
blico dei bambini, cui sono dedica-
ti spettacoli, creati apposta per loro.
Ed ecco quindi lo Stradivari Festival
che, con uno sguardo rivolto ai giova-
ni, coniuga tradizione e innovazione,
storia e contemporaneit, intelligen-
za e svago, con la consapevolezza di
un servizio sociale che la musica pu
svolgere in maniera nobile e profon-
da. Non resta che laugurio di avervi
presto con noi per condividere pas-
sioni, curiosit ed emozioni.
Ricordiamo che il festival si pre-
senta questanno in una veste nuo-
va: 17 giorni di festival, 40 eventi per
oltre 40 ore di musica, con un reper-
torio che spazia dalla musica classi-
ca al jazz, dal tango al crossover, fino
ai compositori contemporanei, con
pi di 60 artisti internazionali, che si
esibiranno nellAuditorium Giovanni
Arvedi e in citt. In programma 16
concerti per una manifestazione uni-
ca al mondo, interamente dedicata
agli strumenti ad arco e a pizzico,
che attraverso diversi generi musi-
cali fa incontrare tradizione e innova-
zione a Cremona, capitale mondiale
della liuteria.
Tutto ci che valorizza le eccel-
lenze della nostra citt, vede lam-
ministrazione presente come soste-
gno e come promozione. Come
Giunta stiamo lavorando ad una pro-
grammazione ampia e precisa, fat-
ta di alleanze e progetti condivisi.
Liniziativa dello Stradivari Festival,
voluta dal Museo del Violino e dal
cavalier Arvedi, che ringraziamo,
unopportunit per tutta la citt, ha
aggiunto Gianluca Galimberti, sin-
daco di Cremona e presidente del-
la Fondazione Museo del Violino
Antonio Stradivari Cremona.
E
Domani lanteprima dello Stradivari Festival
Concerto del Trio Cajkovskij per celebrare un anno di vita del Museo del Violino
&
Cultura Spettacoli
Sabato 20 settembre alle ore 21 sar presente al
Teatro San Domenico di Crema il noto cantautore
dialettale e non solo Van De Sfroos. Inizia proprio
da Crema il suo Tuur teatraal con lo spettacolo in
data zero. Nato a Monza e residente sul lago di
Como, Van De Sfroos con il suo dialetto lombardo in
stile comasco ha ottenuto i primi successi in Svizzera
nel Canton Ticino ed ha vinto pi volte la Targa
Tenco come miglior disco dialettale. Lultimo suo
disco si intitola Goga e magoga ed del 2014.
Van de Sfroos
a Crema
in data zero
La mostra personale dellartista brian-
zola Giusella Brenno, curata da Gianluigi
Guarneri, d inizio allanno artistico 2014-
2015 della galleria Immagini Spazio Arte di
via Beltrami. Levento, fruibile fino al 20 set-
tembre raccoglie le opere di Giusella Bren-
no, laureata in pittura presso lAccademia di
Brera, che si dirama da una ricercata infor-
malit, per poi sublimare verso una colta
figurazione. Cielo, mare, memoria di even-
ti vissuti, sono gli elementi connotativi delle
opere dellartista, che si caricano di valenze
mediterranee e sconfinano nella profondit
dei sogni. Presenti nelle opere, una sensibile
ricerca di trascendenza e di libert, espres-
sa dalla rappresentazione di sconfinati spa-
zi nei quali veleggiano variopinti uccelli, dal
canto sublime.
Nelle opere recenti appaiono sul substra-
to, sabbia, sassi, conglie, donando alla figu-
razione un aspetto fortemente personale,
per la sua lirica tridimensionalit.
Pittrice e poetessa, Giusella Brenno
nata a Desio, ma vive e lavora a Nova Mila-
nese, dove ha lo studio. Come detto, nel
1980 si laureata allAccademia di Belle Arti
di Brera ed docente di Discipline Pittori-
che presso il Liceo Artistico della Villa Rea-
le di Monza.
In mostra le opere
di Giusella Brenno
Anche questanno si tenuta alloratorio
di Scannabue la manifestazione musicale per
band emergenti, lo Scanna rock live arriva-
to alla 4 edizione. Le band sul palco sono
state i The black fire, i The last becks, gli
Aritmia blue e i Crash of a metro. Gran-
dissima laffluenza del pubblico che come
ogni anno ha partecipato allevento, duran-
te il quale sono stati regalati peluches e star-
light a tutti. La famiglia Vailati (Sergio, Lucia
e Gabriel) organizzatori dellevento, ringrazia
lo staff delloratorio, il Fotoclub di Ombria-
no (Luigi, Pietro e Fabiano), lhospital servi-
ce e lemittente televisiva LodiCrema TV per
le registrazioni video trasmesse.
Scanna rock live,
grande successo
La storia dellarte dellincisione
dinvenzione e di traduzione dagli
inizi ai nostri giorni, vista attraver-
so le opere dei grandi maestri. Quat-
tro incontri che illustrano, attraverso
le varie tecniche incisorie, da quelle
dirette (bulino, puntasecca, manie-
ra nera) a quelle indirette (acquafor-
te, acquatinta, ceramolle, ecc.), dai
metodi a rilievo (xilografia e linole-
ografia) fino a quelli sperimentali
del 900, i percorsi creativi e inno-
vativi dellarte a stampa, genera-
ti dalluso manuale di punte e scal-
pelli, di acidi e di inchiostri su matri-
ci di metallo o di legno stampate su
carta mediante torchi e presse, spes-
so anticipatori, a volte pi della stes-
sa pittura, di sempre nuove visioni
del mondo per generazioni di indivi-
dui. Una libert espressiva consegui-
ta per mezzo di una costante speri-
mentazione di mezzi e di possibilit,
sempre condotta nellambito dellori-
ginalit dellopera e cio della realiz-
zazione della matrice da parte dello
stesso autore, senza lausilio di ope-
razioni foto-riproduttive nella resa
grafica dellimmagine, in bianco e
nero o a colori. Il programma: lune-
di 6 ottobre, dalle ore 21 alle 23, la
prassi dellincidere, dai graffiti rupe-
stri alle tecniche dirette dellincisio-
ne calcografica (bulino, puntasec-
ca, maniera nera); gioved 9 ottobre
(dalle 21 alle 23), le tecniche indi-
rette dal XVI secolo ad oggi (acqua-
forte, acquatinta, ceramolle, manie-
ra a zucchero; luned 13 ottobre (ore
21-23), metodi a rilievo (xilografia,
linoleografia) e tecniche innovati-
ve del 900; gioved 16 ottobre (ore
21-23), tre video sullincisione spe-
rimentale del 900: Le proced
Goetz, Henri Goetz e i suoi meto-
di al carborundum, The other side
of the mirror, S.W. Hayter e lAte-
lier 17 di Parigi, Hector Saunier
(Atelier Contrepoint) e la stampa a
colori simultanei a Cremona. Gli
incontri si terranno presso la sede
dellAlac (Associazione latinoame-
ricana di Cremona in via Gioconda
3). Per prenotazioni: 3466507426 -
info@alac-cremona.org (si accetta-
no prenotazioni fino a esaurimento
dei posti, corso gratuito per i soci
Alac e per i non soci richiesto un
rimborso spese di euro 15).
La storia dellincisione in una serie di incontri
Quattro appuntamenti a ottobre presso lAlac che illustrano i percorsi innovativi dellarte a stampa
Con linaugurazione di oggi pomeriggio alle
ore 17, si apre nei chiostri del San Domenico a
Crema la mostra darte contemporanea dal tito-
lo Anestetico del mordace, personale di Ali-
ce Olimpia Attanasio, presentata dal critico dar-
te Paolo Meneghetti. Lartista milanese lavora da
anni sul concetto estetico del buon medicamen-
to sia con opere di pittura che con installazioni.
Nelle intenzioni dellartista, la pittura ad olio su
tela e le installazioni esibiscono gli scenari duna
cura terapeutica pi addolcita quasi edulcora-
ta dei suoi aspetti pi temuti e rifuggiti. Flebo fat-
ti di caramelle, medici con fantastiche sembian-
ze danimali, cordoni di pura liquirizia, la tavo-
la delloculista con la rappresentazione di dol-
ci Ironizzare per esorcizzare, smitizzare e cos
rallegrare il tema della cura medica, serve allar-
tista anche per ironizzare contro la mera lettura
dellarte che si faccia strumentalizzare, per cos
dire mangiare dal mercato. La mostra rimarr
aperta dal 13 al 28 settembre (da marted a saba-
to dalle ore 16 alle 19, domenica dalle 10 alle 12
e dalle 16 alle 19).
Tiziano Guerini
Da oggi le opere di Alice Olimpia Attanasio
Unincisione di Henri Goetz
Il Trio Cajkovskij
Stasera alle ore 20.30 parte dalla piazza
Duomo di Crema la 3 edizione della Not-
te bianca dei bambini. Voluta dal Comune
di Crema e coordinata dallufficio Orientagio-
vani, questa edizione si presenta particolar-
mente ricca per il numero considerevole del-
le associazioni impegnate a rendere la notte
(dalle 20.30 fino alle 24) una notte speciali per
i bambini cremaschi. Csi (con gioca-sport), la
Casa sullAlbero (con 3 laboratori), Io Robot,
Tortuga, Don Chisciotte, La Giraffa Creativa,
Fru Fru Princess (laboratorio, abiti usati sa
barattare, concorso fotografico), il Viaggiatore
Incantato, Instabile Quick, e Artisti&Associati,
si sono uniti per animare il centro storico della
citt, che presenter anche alle ore 22 presso
il palazzo Benzoni Crema tra fantasmi, sto-
ria e mistero In biblioteca con il fantasma.
Al via la notte bianca
remona citt della musica, non solo per
la sua ineguagliabile tradizione liuta-
ria: lintera provincia vanta anche una
prestigiosa storia organaria, a partire
dallorgano Mascioni della cattedrale di
Cremona, certamente tra i pi importanti dEuro-
pa e tra i soli quattro in Italia a poter vantare canne
da 24 piedi (circa 8 metri daltezza). Nel 30 dellul-
tima ricostruzione dello strumento, la Scuola dio-
cesana di musica sacra Dante Caifa di Cremona
e lassociazione MarcAntonio Ingegneri, col fon-
damentale contributo della Fondazione Giovanni
Arvedi-Luciana Buschini, organizzano la 1 edizio-
ne del Festival organistico internazionale intitolato
a Tarquinio Merula, musicista cremonese che nel
1637 diede alle stampe la prima raccolta di sonate
della storia della musica. La rassegna, che si svi-
luppa su otto appuntamenti distribuiti in varie zone
della diocesi di Cremona, con protagonisti alcuni
dei migliori organisti in Italia e nel mondo, stata
presentata mercoled scorso nella sede della curia
vescovile di Cremona dal presidente della Scuola
siocesana don Giuseppe Ferri e dal coordinatore dei
corsi della scuola Marco Ruggeri, insieme al respon-
sabile dellUfficio comunicazione della Diocesi di
Cremona don Claudio Rasoli e al direttore artistico
della rassegna musicale Roberto Codazzi.
La Scuola di musica sacra Dante Caifa - ha
detto Don Giuseppe Ferri - ha raccolto con gran-
de piacere lo spunto dei maestri Roberto Codazzi e
Marco Ruggeri: lobiettivo di questo debuttante festi-
val far conoscere lo straordinario patrimonio orga-
nario della Diocesi di Cremona. Per farlo, si scelto
di affidare concerti alti ed emozionanti a strumen-
tisti di talento conclamato. In un abbinamento fra
strumenti di pregio e interpreti di qualit. Con la spe-
ranza di alimentare nuovi stimoli culturale per favori-
re lapprofondimento artistico.
Quella del Festival organistico internazionale
Tarquinio Merul - ha aggiunto Don Claudio Rasoli
- una proposta al contempo musicale e spirituale:
lorgano, infatti, strumento principe della liturgia in
grado di elevare lanima. Non a caso nel repertorio
dei singoli concerti in programma figurano pagine
bellissime e di eccezionale intensit.
IL PROGRAMMA Domenica 12 ottobre (ore
21) a Calcio (Bg), chiesa di San Vittore, Stefano
Innocenti suoner lorgano F.lli Lingiardi 1854.
Sabato 18 ottobre (ore 21) a Cremona nella chiesa
di SantOmobono, Lorenzo Ghielmi suoner lorga-
no autore anonimo sec. XVII 1733. Domenica 19
ottobre (ore 21) a Ca de Stefani (Vescovato) nella
chiesa di San Bartolomeo, Manuel Tomadin suoner
lorgano A. Bossi e Nipoti 1856. Sabato 25 ottobre
(ore 21) a Cremona nella chiesa di San Michele, Luca
Scandali suoner lorgano Micheli 2013. Domenica
26 ottobre (ore 21) a Stagno Lombardo nella chie-
sa parrocchiale, Marco Ruggeri suoner lorgano
Natale Balbiani 1885. Sabato 1 novembre (ore 21)
a Cremona nella chiesa di San Pietro al Po, Jean-
Claude Zehnder suonr lorgano F.lli Lingiardi 1877.
Marted 4 novembre (ore 21) a Casalmaggiore in
Duomo, Lorenzo Bonoldi suoner lorgano A. Bossi
e Nipoti 1862 - D. Giani 2010. Domenica 9 novem-
bre (ore 21) a Cremona nella Cattedrale, Giancarlo
Parodi suoner lorgano Mascioni 1984.
C
Un festival organario a livello internazionale
Presentata limportante manifestazione musicale in programma da domenica 12 ottobre
Risate garantite con I Legnanesi, che mar-
ted 23 settembre (alle 21) portano in scena al
Ponchielli lo spettacolo La vita fatta a sca-
le..., di Felice Musazzi e Antonio Provasio.
Dopo quasi 50mila spettatori solo a Mila-
no in questo 2014, sold-out in tutte le piazze
e una strabiliante esperienza con il pubblico
romano in piedi ad applaudirli per la seconda
stagione consecutiva, I Legnanesi conti-
nuano il loro tour, pronti a conquistare anche
questa volta gli spettatori e regalare risate su
risate con le nuove irresistibili avventure del-
la famiglia Colombo. Basta, non ce la fac-
ciamo pi, ormai da anni la crisi ci attanaglia
- si sfoga la Teresa - e sulle coste Albanesi
sono gi stati avvistati i primi gommoni cari-
chi di italiani!.
La storia continua, la crisi avanza e luni-
ca soluzione per le donne del cortile sem-
bra quella di vendere le loro case ed emi-
grare, inseguendo il sogno americano: la
famiglia Colombo e le donne del cortile par-
tono alla conquista degli Stati Uniti. Per la
Teresa, la Mabilia e il Giovanni sar la pri-
ma volta in aeroporto: tra check-in, boarding
pass e scale mobili, ne combineranno di tut-
ti i colori. Alla fine, riusciranno a partire? La
terra promessa, il posto dove rifarsi una vita,
resta quella dun tempo, lAmerica, ma sco-
priranno che lAmerica si pu trovare anche
in Italia, basta farsi forza gli uni con gli altri e
restare uniti nelle difficolt. Tornati dal viag-
gio oltreoceano, la situazione non migliora-
ta: stress, guai e ancora guai, neanche lom-
bra di un euro, anzi, addirittura pi squat-
trinati di prima. La Teresa e il Giovanni, tra
un battibecco e laltro, dovranno affrontare
lesaurimento nervoso di Mabilia e assistere
la malata che finir ricoverata in un ospeda-
le psichiatrico. Quando finalmente la Mabi-
lia verr dimessa, eccoli finalmente di nuovo
al completo: la famiglia Colombo, nellamato
cortile, alle prese con i soliti problemi della
solita povera gente.
Risate assicurate
con I Legnanesi
Luca Scandali
Cultura & Spettacoli
Sabato 13 Settembre 2014
22
Per ledizione del 2014 lasso-
ciazione Artisti & Associati, ha
scelto di coinvolgere il pubblico
durante la manifestazione di oggi
e domani al mercato Austrounga-
rico di piazza Trento e Trieste
a Crema, proponendo laborato-
ri artistici per conoscere alcune
delle tecniche utilizzate e per spe-
rimentare personalmente dipin-
gendo insieme allartista. Lo fa
nel contesto dellevento cultura-
le La notte bianca dei bambini
che si svolge proprio questa sera.
Naturalmente i laboratori artisti-
ci rimarranno aperti nel merca-
to Austoungarico anche per la
giornata di domani. Contempo-
raneamente dal 13 al 21 settem-
bre lassociazione proporr alcu-
ne opere di artisti associati o
ospiti presso la sezione archeolo-
gica del Museo di Crema, in piaz-
zetta W. De Gregory, dove lar-
te di oggi avr modo si confron-
tarsi con larte dellarcheologia.
Nel contesto della esposizione
nel cortile del bar presso il Museo
del centro S. Agostino, mercole-
d 17 settembre verr presentato
uno spettacolo di danza africana
a cura di L&F danza.
Laboratori artistici al mercato Austroungarico
E stata presentanta in questi giorni ed disponibile nelle librerie di
Crema in particolare alla libreria Dornetti che ne leditore il libro
autobiografico di Francesca Marazzi a cura di Anna Maria Zimbelli e del
Centro Ricerca Galmozzi dal titolo Una vita. Chi ha bisogno viene
sempre prima. Dice Romano Dasti nella presentazione: Lautobiogra-
fia di Francesca Marazzi un tuffo nel 900. Nella singolarit della sua
parabola esistenziale e nella peculiarit delle sue idee e delle sue scel-
te, in realt si riverbera molto gran parte di quello che sono stati quei
decenni, tra povert e desiderio di una vita dignitosa, tra ingiustizie e
lotta per la giustizia, tra scelte personali e destino collettivo, tra ideali e
ideologie, tra tensione etica e dimensione politica. Francesca Marazzi,
infatti, stata donne di impegno politico e sociale, anima - con il mari-
to Paolo Zanini del Pci del dopoguerra di cui ha pienamente condiviso
levoluzione nel Pds prima e nel Pd poi; fu prima donna in Italia segre-
taria di federazione e membro del Comitato centrale ed stata pi volte
consigliere comunale a Crema. Un libro da leggere per chi vuole cono-
scere meglio gli ultimi 70 anni del nostro Paese e del nostro territorio,
oltre che un percorso di vita vissuta sempre in prima linea.
E uscita lautobiografia di Francesca Marazzi
Jean-Claude Zehnder
Dopo la prestigiosa parentesi dello
scorso anno, in cui il concorso stato
proposto a livello nazionale per celebrare
i 25 anni del Centro fumetto Andrea
Pazienza, si ritorna alla formula tradizio-
nale, pensata per valorizzare i talenti
emergenti del territorio. Si conferma
anche la struttura organizzativa, che
vede collaborare insieme Cfapaz, Avis
comunale, Festa del Torrone, con il fon-
damentale supporto del Comune di
Cremona, nel nome e nel ricordo del
giornalista Floriano Soldi, che in passato,
come direttore di Mondo Padano,
sostenne con convinzione l'iniziativa. I
talenti emergenti, in particolare i giovani,
sono al centro del progetto complessivo
del Cfapaz, di cui il concorso un tassel-
lo importante. A maggior ragione, in un
momento cos difficile, importante for-
nire occasioni che possano consentire la
partecipazione espressiva e il consolida-
mento delle qualit creative personali. Il
concorso assegna premi concreti - fanno
sapere gli organizzatori - offerti da Avis e
altri riconoscimenti messi a disposizione
dalla famiglia di Floriano Soldi e dai
sostenitori delliniziativa. Inoltre, i lavori
saranno esposti in Palazzo del Comune,
durante il periodo della Festa del Torrone.
Una sottolineatura speciale va rivolta ad
Avis, che, attraverso la collaborazione
con il concorso, si ripropone di richiama-
re lattenzione sul proprio fondamentale
ruolo a favore della salute e delleduca-
zione sanitaria. Laugurio che anche
questa collaborazione possa favorire la
diffusione dei valori etici promossi da
Avis. Il regolamento del concorso offre
tutti i dettagli utili per partecipare.
Richiamiamo alcune informazioni fonda-
mentali, come il primo premio di 800
euro, l8 novembre come termine per la
consegna e domenica 16 novembre la
premiazione. Inoltre possono partecipare
al concorso i residenti e i domiciliati nella
provincia di Cremona, nati prima del 31
dicembre 2001. Ricordiamo che il con-
corso riservato ad autori non profes-
sionisti che non abbiano mai pubblicato
fumetti su riviste o albi a diffusione
nazionale, pena lesclusione dal concor-
so. Ogni concorrente partecipa con una
sola storia ispirata al tema della Festa del
Torrone, dedicato alla multimedialit. Il
tema da sviluppare nella propria opera a
fumetti Social, cio le relazioni umane
ai tempi dei social network.
Torna il concorso per fumettisti esordienti
SPORT
lo
Responsabile Fabio Varesi lettere@ilpiccologiornale.it
La Cremo deve subito voltare pagina
di Matteo Volpi
n brusco risveglio dopo il volo pindarico
post-derby. Smaltito lentusiasmo per la
bella vittoria di Mantova, a distanza di so-
li tre giorni la Cremonese tornata sulla
terra per opera del Renate, che ha rega-
lato alla formazione di Montorfano la prima e inattesa
scontta tra le mura amiche dello Zini. Una battuta
darresto che non ha nulla di tragico, anche perch
rimane comunque la prima stagionale, che tuttavia
sottolinea ancor di pi come quello grigiorosso riman-
ga di fatto un cantiere ancora aperto, in attesa di tro-
vare la denitiva quadratura del cerchio. Nel frattem-
po, sul taccuino del giovane gruppo grigiorosso ci
sono particolari importanti di cui prendere nota. Innan-
zitutto, limportanza dei calci piazzati. In Lega Pro
spesso fanno la differenza: se li sfrutti spesso vinci, se
li subisci spesso perdi. Un lato, questultimo, sul qua-
le siamo certi che lo staff tecnico grigiorosso lavorer
a dovere, con la consapevolezza che con una forma-
zione nuova e in parte inesperta, la cura di certi parti-
colari risulti fondamentale. Il progetto-giovani grigio-
rosso, pertanto, continua con la difcile trasferta di
Novara, in programma domani. Una sda che sar
seguita da un buon numero di appassionati, a testimo-
nianza del fatto che lentusiasmo non si placato da-
vanti al primo scivolone stagionale. Lultimo preceden-
te tra Novara e Cremonese sanc la promozione in B
della formazione piemontese dopo 33 anni (3-3 nella
stagione 2009-2010). La formazione guidata da mister
Toscano reduce da un buon pareggio nel derby con-
tro lAlessandria, trascinata dal giocatore probabil-
mente pi forte della rosa, ovvero quel Pablo Gonzalez
che solo un paio di anni fa festeggiava un gol al Milan
in Coppa Italia. Lex di turno sar Dario Bergamelli, ma
tra i piemontesi ci sono anche altri volti noti come Pe-
sce, Miglietta e Corazza. In casa grigiorossa, Montor-
fano dovr fare ancora a meno dellinfortunato Kirilov,
mentre Jadid dovrebbe rientrare in cabina di regia.
PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2): Venturi;
Marongiu, Giorgi, Bassoli, Favalli; A. Marchi, Jadid,
Palermo, Di Francesco; M. Marchi, Brighenti.
4 GIORNATA (14-09) AlbinoLeffe-Como, Giana
Erminio-Alessandria, Mantova-Venezia, Novara-
Cremonese (h 18), Pavia-FeralpiSal, Pordenone-
Bassano, Real Vicenza-Pro Patria, Renate-Arezzo,
Sdtirol-Monza, Torres-Lumezzane.
U
Obiettivo riscattare il ko interno con il Renate, anche se a Novara fare risultato sar dura LEGA PRO
di Tiziano Guerini
Per la prima partita del campionato,
in trasferta a Castel Goffredo, la Pergo-
lettese ha provato a rialzarsi subito dopo
il ko subto in Coppa Italia. Non gli rie-
scito del tutto, ma ci andata vicino con
un pareggio contro la Castellana che
le va indubbiamente stretto. In vantag-
gio per due volte (dapprima al 10 con
Rossi), la Pergolettese si fatta raggiun-
gere allinizio della ripresa da un bel gol
al volo di C su traversone da destra
del bravo Lauricella. Dopo il secondo
gol dei giallobl (28 della ripresa con
Sangiovanni di testa dopo una bella
combinazione Manzoni-Arpini) stato
un rigore perlomeno dubbio con Scietti
che toccava involontariamente la palla
di braccio cadendo a terra a fissare il
risultato sul 2-2 con Belleri che segna-
va dal dischetto al 36. La Pergolettese
torna con qualche rammarico per il risul-
tato, avendo giocato una buona partita
ma soprattutto per le diverse occasioni
da gol non sfruttate a dovere: clamoro-
sa quella di Flaccadori al 35 che avreb-
be chiuso la partita su un bel contro-
piede condotto da Manzoni, che mette-
va lattaccante gialloblu solo davanti al
portiere. Partita nel complesso vivace,
condotta con buona lena nonostante il
caldo, con le due squadre ben disposte
al gioco aperto, senza ostruzionismo. Il
Pergo ha mostrato una buona coesione
fra i reparti (il solo Lorenzi apparso un
poco avulso dal gioco, lasciato un po
solo in avanscoperta), ha saputo tenere
il possesso della palla con un buon fra-
seggio a centrocampo, dove sia Bastone
che Manzoni hanno giostrato a dovere.
Sufficienza piena allattacco, a Rossi non
solo per il bel gol segnato e al rientrante
Patrini che ha dato maggiore solidit alla
difesa, dove il portiere Montaperto ha
sfoderato due belle parate, una per tem-
po. Anche Lorenzi, che pur ha corso mol-
to a vuoto, ha per colpito alla fine del
primo tempo una traversa su deviazio-
ne del portiere con un bel tiro teso dalla
destra dellarea.
Ora occorre che il Pergo sappia ripe-
tere quanto di buono ha mostrato di
saper fare, magari aggiungendo al pro-
prio gioco un po di cinismo in pi per
raggiungere il risultato pieno. Domani
tocca al Seriate degli ex gialloblu Guerci
e Bertazzoli (due brutte gatte da pela-
re!) scendere al Voltini: dovrebbe essere
comunque una festa.
Dopo il buon pari con la Castellana i gialloblu affrontano domani al Voltini il Seriate degli ex Guerci e Bertazzoli
Il successo di Mantova aveva acceso gli entusiasmi, ma il turno infrasettimanale ha riportato i grigiorssi sulla terra
La Pergolettese cerca il primo successo della stagione
Una fase della sfida con il Renate (foto L. Dassi)
1 GIORNATA
Caravaggio-Caratese 0-0
Castellana-Pergolettese 2-2
Castiglione-Pro Sesto 1-0
Lecco-Mapello 0-0
Montichiari-Inveruno 0-2
Pontisola-Olginatese 2-0
Seregno-Ciliverghe 5-0
Seriate-Villafranca 1-0
Virtus Verona-Ciserano 1-1
2 GIORNATA (14-09 h 15)
Ciliverghe-Castiglione
Ciserano-Castellana
Folgore Caratese-Lecco
Inveruno-Caravaggio
Mapello-Virtus Verona
Olginatese-Seregno
Pergolettese-Seriate
Pro Sesto-Montichiari
Villafranca-Pontisola
CLASSIFICA Seriate, Casti-
glione, Pontisola, Seregno,
Inveruno 3; Lecco, Mapello,
Caravaggio, Castellana, Virtus
Verona, Ciserano, Folgore
Caratese, Pergolettese 1; Mon-
tichiari, Ciliverghe, Olginatese,
Pro Sesto, Villafranca 0.
I NUMERI SERIE D
E iniziato sotto la pioggia il lungo week end del
Gp di San Marino e Riviera di Rimini sul circuito Mar-
co Simoncelli di Misano. Un appuntamento al quale
tiene molto Valentino Rossi, sia per la presenza di
tanti tifosi sulle tribune, ma anche per onorare la me-
moria del suo grande amico Simoncelli. Il favorito
comunque Marc Marquez, sempre pi vicino alla
conquista del suo secondo titolo mondiale. Oggi al-
le ore 14.10 le qualifiche e domani alle 14 la gara
(diretta su Sky e in chiaro su Cielo).
Domani
in gara
a Misano
MOTOGP
LEGA PRO 2 GIORNATA
AlbinoLeffe-Arezzo rimv.
Giana Erminio-Lumezzane 2-0
Mantova-Cremonese 1-2
Novara-FeralpiSal 1-0
Pavia-Pro Patria 5-3
Pordenone-U. Venezia 1-1
Real Vicenza-Alessandria 3-2
Renate-Monza 2-3
Sdtirol-Bassano 2-3
Torres-Como 0-2
Monza 7
Pavia 7
FeralpiSal 6
Como 5
Cremonese 4
Torres 4
Alessandria 4
Lumezzane 4
Unione Venezia 4
Giana Erminio* 4
Bassano 4
Novara 4
Real Vicenza 4
Sdtirol 4
Pro Patria 3
Renate 3
AlbinoLeffe* 1
Pordenone 1
Arezzo** 1
Mantova -2
*1 gara in meno
C
L
A
S
S
I
F
I
C
A

G
I
R
O
N
E

A
Alessandria-Novara 1-1, Arezzo-Torres 0-0, Bassano-
Giana Erminio 1-1, Como-Real Vicenza 1-1, Cremonese-
Renate 0-1, FeralpiSal-Pordenone 5-4, Lumezzane-Man-
tova 0-0, Monza-Pavia 1-1, Pro Patria-AlbinoLeffe 1-0,
Unione Venezia-Sdtirol 0-1.
RISULTATI 3 GIORNATA (10-09)
Lorenzi in azione
Piccolo ufcio in centro a Cremona, vicino agli ufci amministrativi
della citt. Completamente ristrutturato con niture molto curate,
riscaldamento autonomo e climatizzazione estiva.
Lufcio/studio formato da 2 locali oltre a antibagno e bagno dota-
to di doccia, locale archivio e cantina al piano interrato.
Ottime possibilit di parcheggio a 100 m. Vendita in regime IVA.
Limmobile esente da spese di intermediazione per lacquirente
VENDESI UFFICIO
ZONA TRIBUNALE
Cell. 333 6865864
i avvicina per la Pom Casal-
maggiore il momento di inizia-
re a sondare la condizione
fisica dopo le prime settimane
di preparazione. Il pre-cam-
pionato della formazione rosa si prean-
nuncia denso di test e di allenamenti
congiunti. Si inizia gioved 18 settem-
bre con la Delta Informatica Trento (A2)
che sar ospite al Pala Pom di Viadana
alle ore 17 e che a distanza di una
settimana, venerd 26, si vedr restitu-
ire la visita da Tirozzi e compagne. A
chiudere il mese di settembre, per la
precisione il giorno 30, lappuntamen-
to con le campionesse dItalia della
Nordmeccanica Rebecchi Piacenza.
Ottobre, ultimo mese prima dellinizio
del campionato, sar in crescendo:
Bolzano e Piacenza i primi due avver-
sari, quindi ben due quadrangolari, il
Memorial Brambilla e Verga a Ostiano
con altre tre formazioni di A1 e il torneo
di Verona dove la Pom affronter
Montichiari, Scandicci e Monza.
Ecco il programma completo dei
test precampionato: 18-09 ore 17 al
Pala Pom Viadana, Pom Casalmag-
giore-Delta Informatica Trentino (A2);
26-09 ore 17.30 al Palasport San-
bapolis Trento, Delta Informatica Tren-
tino (A2)-Pom Casalmaggiore; 30-09
ore 17.45 al Pala Banca Piacenza,
Nordmeccanica Rebecchi Piacenza-
Pom Casalmaggiore; 04-10 (orario da
definire) al Palasport di Sorbolo (Par-
ma), Pom Casalmaggiore-Volksbank
Sudtirol Bolzano (A2); 10-10 ore 17 al
Pala Pom Viadana, Pom Casal-
maggiore-Nordmeccanica Rebecchi
Piacenza; 18 e 19-10 al Palasport
Ostiano il Memorial Brambilla e Verga
con Pom Casalmaggiore, Sanitars
Metalleghe Montichiari, Nordmecca-
nica Rebecchi Piacenza e quarta squa-
dra da definire; 24 e 25-10 al Pala
Olimpia Verona, Quadrangolare con
Pom Casalmaggiore, Sanitars
Metalleghe Montichiari, Savino del
Bene Scandicci e Saugella Team
Monza (A2). Ma gli appuntamenti della
squadra non si esauriscono con gli
impegni agonistici. Nella serata di mar-
ted 16 settembre prevista la cena di
chiusura del Summer Lega Tour, men-
tre mercoled 17 la squadra sar a Gaz-
zuolo (Mantova) per unaltra ospitata.
Domenica 28 settembre in program-
ma la giornata di presentazione nelle
due roccaforti di Viadana (Piazzale Bar
la Perla) e Casalmaggiore in occasione
della festa della Zucca. Infine, la socie-
t Vbc Pallavolo Rosa, che da pochi
giorni ha ampliato la propria presenza
nel web con il profilo Instangram, sta
ultimando i preparativi per il lancio
della campagna abbonamenti che
avverr ufficialmente marted 16 set-
tembre e di cui verr fornita ampia pre-
sentazione nel fine settimana.
Pom, in arrivo le prime verifiche
Stilato il programma dei test amichevoli per preparare al meglio il prossimo campionato
Si comincia gioved 18 settembre con la sfida a Viadana contro il Delta Informatica Trentino, formazione di A2
S
VOLLEY A1
Le giocatrici della Pom alla Festa
dello sport di Piadena
BOCCE
di Massimo Malfatto
Ci sono momenti unici e indi-
menticabili nella vita di ognuno di
noi: sicuramente nellangolo dei
ricordi per Mattia Visconti il cam-
pionato Europeo a squadre con-
quistato pochi giorni fa rester
per sempre indelebile. Un titolo
europeo a soli 17 anni, esatta-
mente un anno dopo quello italia-
no, la sensazione fortissima che
al bocciodromo Letzi di Zurigo
possa essere nata una stella. Una
girandola di emozioni per il vaia-
nese, dal debutto in maglia azzur-
ra che comincia con i successi su
Turchia e Russia (3-0) e Svizzera
(2-1) e alla sconfitta nellindivi-
duale contro lelvetico Aramis
Giani-nazzi (2-12). Il giorno
seguente il trio azzurro formato
da Visconti, Battistini e Miconi
simpone nettamente su Ungheria
e Polonia. Semifinale comoda per
lItalia che si sbarazza della
Slovacchia, mentre nella finale la
formazione azzurra, guidata da
Dante DAles-sandro, supera
agevolmente i padroni di casa
grazie ai facili successi della cop-
pia Battistini-Miconi e di Visconti
che infliggeva una dura lezione
allelvetico Donati Berri (12-4). E
mancata la ciliegina sulla torta al
baby della Achille Grandi, pre-
scelto anche nella specialit indi-
viduale, dove Mattia ha trovato
disco rosso opposto al polacco
Ian Bernatek (12-7) nei quarti di
finale al termine di un match dove
la fortuna non ha certamente aiu-
tato lazzurro. Una sconfitta che
comunque non attenua la soddi-
sfazione della famiglia Visconti e
del clan cremasco di questo
teen-ager che ha centrato il podio
continentale al primo tentativo.
Mattia Visconti doro agli Europei
Stasera epilogo della Targa Il
Torrazzo, gara individuale (con due fi-
nali separate) organizzata dalla Pun-
toRaffaVolo. Due settimane di batterie
caratterizzate da alcune sorprese e
qualche conferma. Nella categoria A
successi di Butta Ferrari, Ghisleri, L.
Ghisolfi e A. Marzolini mentre in cat.B
note positive per Domaneschi, Pompini,
Rossi e Trombini. In categoria C, tra gli
altri, in evidenza Ametrano, Cabrini e
Cavagnoli. Tutta la fase finale in pro-
gramma sulle corsie del bocciodromo
comunale con inizio alle ore 18.30.
MEMORIAL CREMONESI Esulta il
milanese Antonio Canevari che si
imposto nella provinciale (cat.C/D) orga-
nizzata dalla bocciofila Cremosanese.
Dopo aver eliminato Eros Cazzaniga (12-
7), il portacolori della San Pedrino supe-
rava il madignanese Roberto Cerioli per
12-9. Conquistava la finale anche lorobi-
co Omar Canevari che estrometteva il
lodigiano Mario Broglio (12-4) ed in
semifinale aveva la meglio sul castelnuo-
vese Alberto Rossetti per 12-3. Finale
equilibrata e ricca di colpi di scena dove
la spuntava Antonio Canevari sullomoni-
mo Omar (i due non sono parenti!) con il
punteggio finale di 12-11. Ha diretto la
gara Gianpietro Raimondi, arbitri di finale
Francesco Lanzi ed Alessandro Morena.
TERNA DEL PRESIDENTE Ancora
una volta (ma dove sta la notizia?) parla
straniero la Nazionale giunta alla sua
undicesima edizione. Sul gradino pi
alto del podio sono saliti Daniele
Droghetti, Luca Brandoli e Sovente Losi.
Dopo aver vinto la batteria al comu-
nale di Cremona, nei quarti di finale gli
emiliani superavano Basile-G. DAlterio-
Rotundo (12-3), in semifinale Minelli-
Selogna-Trombetta (12-1) ed in finale
avevano la meglio su Pezzetti-Pedri-
gnani-Venturelli per 12-5. Quarto posto
per Bracchi-Fontebasso-Zovadelli stra-
pazzati dai trescoresi per 12-0!
M.M.
Stasera le finali al Bocciodromo comunale
Il Crema 1908 partito con il piede giusto
Lottimo precampionato non era un fuoco di paglia.
Il Crema 1908 di Nicolini si conferma anche allesordio
in Eccellenza, superando nettamente il Pedrocca e il
3-1 finale anche bugiardo. Oltre al successo, a con-
fortare il tecnico nerobianco anche la forza di reazio-
ne della squadra, che non si abbattuta dopo lo
svantaggio ed anzi da questo schiaffo ha tratto bene-
ficio per sciogliere la tensione e dominare gli avversa-
ri. Le reti della vittoria cremasca sono arrivate da
Pagano, Piacentini e Marchesetti: questultimo ha
confermato di essere ancora un giocatore importante,
che in Eccellenza pu fare la differenza. Ora la cosa
importante rimanere con i piedi per terra, perch
siamo solo alla prime battute della stagione, ma il
Crema non ha alcuna intenzione di fermarsi ed anzi
punta a fare il bis domani sul campo della Grumellese,
che allesordio passata in trasferta contro il Riga-
monti. Un importante banco di prova per le ambizioni
della formazione nerobianca.
1 GIORNATA Aurora Travagliato-Palazzolo 3-1,
Cavenago-Villongo 1-1, Crema-Pedrocca 3-1, Darfo-
Vallecamonica 2-1, Orsa Trismoka-Fanfulla 2-1, Rez-
zato-Asola 1-0 Rigamonti-Grumellese 1-2, Sarnico-
Orceana 0-1.
2 GIORNATA (14-09 h 15) Asola-Orsa Tri-smoka,
Darfo Boario-Aurora Travagliato, Fanfulla-Sarnico,
Grumellese-Crema, Orceana-Ca-venago, Palazzolo-
Rezzato, Pedrocca-Vallecamonica, Villongo-Rigamonti.
(M.M.) Un gran bel pomeriggio (estivo) di bocce che ha messo in
copertina Paolo Signorini, splendido vincitore del 4 Gran Premio Mcl
Offanengo, gara nazionale organizzata dalla omonima bocciofila.
Dopo aver eliminato Roberto Manghi, Signorini superava Massimo
Bergamelli (vincitore lo scorso anno), in semifinale simponeva su
Paolo Balboni ed in finale aveva la meglio su Walter Barilani che bissa
il secondo posto della scorsa edizione. Quarto posto per Pietro
Zovadelli. Prestazione fallimentare e senza sorrisi per i bocciofili cre-
monesi, in parte mitigata da quella dei cremaschi che sono riusciti a
piazzare due giocatori nella fase finale. A Soresina note positive del
vulcanico Alberto Pedrignani che si aggiudicava il girone superando
Luca Viscusi ed alla terza partita Fabrizio Gaimarri. Successivamente
il buon Pedrosi sbarazzava del bresciano Giovanni Zogno (12-3) ma
veniva eliminato da Balboni. Buone notizie da Caravaggio dove
Guglieri assoggettava gli avversari, a seguire simponeva sullorobico
Tiziano Leoni (12-8) ma trovava disco rosso da Barilani (9-12). Ha
diretto la gara G. Battista Esposito coadiuvato da Franco Stabilini.
Presente, tra gli altri, il sindaco di Offanengo Gianni Rossoni mentre
gli onori di casa sono stati fatti dal presidente Pasquale Casirani che
ha gi fatto la richiesta della gara nazionale per il prossimo anno.
Signorini ok a Offanengo
La squadra azzurra (Visconti il primo da destra)
Fausto Desalu sempre pi sulla
rampa di lancio. Dopo le ottime presta-
zioni agli Europei Assoluti di Zurigo (sia
nei 200 che in staffetta), lo sprinter casa-
lasco si confermato su altissimi livelli
nel meeting di Rieti, al quale non doveva
neppure partecipare. Chiamato in extre-
mis a causa di alcuni forfait, Desalu ha
corso in modo incredibile i 300 metri in
una gara che ha visto Matteo Galvan
migliorare (in 3201) il record italiano di
Mannea, datato 1979! Ma anche Desalu
(3 in 3228) ha corso vicino al vecchio
limite, confermando di essere pi che
una speranza della velocit azzurra.
NEWS DI SPORT
Desalu si conferma
nel meeting di Rieti
CALCIO ECCELLENZA
Mattia Marchesetti
Sport
Sabato 13 Settembre 2014
24
Grande risultato ai Campionati mon-
diali Master della classe snipe, svoltisi a
Fukuoka in Giappone. LItalia era rap-
presentata dallequipaggio del Circolo
Vela Cremona composto da Renato e
Dario Bruni. La regata si articolata su
sei prove durante le cinque giornate in
programma. Il vento forte ha messo a
dura prova tutti i concorrenti con fre-
quenti scuffie e qualche danno ai mate-
riali. Lequipaggio cremonese si clas-
sificato al secondo posto dietro ai forti
brasiliani Juez e Bianchi ed pertanto
vicecampione del mondo nella catego-
ria Grand Master.
Renato e Dario Bruni
ok ai Mondiali di vela
Grandi soddisfazioni per le pagaie provinciali ai Campionati
italiani svoltisi allIdroscalo di Milano. Soprattutto la Bissolati ha
fatto incetta di medaglie come non le capitava da tempo. Bene
anche la Baldesio, che ha schierato una squadra molto com-
petitiva. Molti sono stati i podi conquistati dalle due canottieri,
tra i quali spiccano ovviamente gli ori del K4 Junior della
Bissolati (Carando, Garavelli, Pagliarini e Lucini) e del K2 Under
23 bissolatino di Vincenzi e Dal Bianco, sulla distanza dei 1000
metri. Sui 500, successi del K2 Ragazze della Baldesio
(Ciboldi-Rambaldi) e del K4 Ragazze della Bissolati formato da
Pandolfi, Nichetti, Mazilu e Miglioli. Gran finale sui 200 con il
duello nel K2 Junior, con la Bissolati (Pagliarini-Miglioli) che ha
superato la Baldesio (Spotti-Scarani). Da segnalare, infine,
largento del rientrante Franco Benedini nel K2 1000 metri.
Tanti podi agli Italiani
CANOA
Nel volley come nel calcio. Mondiali amari an-
che per la squadra di Berruto, mai protagonista e
sicura di non lottare per i primi quattro posti. Un
duro colpo per un gruppo che due anni fa ha con-
quistato il bronzo a Londra. In sette partite, lItalia
ha vinto solo due volte (nella prima fase con Bel-
gio e Francia), incassando ben cinque sconfitte.
In pratica solo con i francesi si vista la vera
squadra, per il resto stata notte fonda. Un bilan-
cio che deve far riflettere.
MONDIALI IN POLONIA
Italvolley
di Berruto
deludente
di Giovanni Zagni
apprima in pianura, ora in
Trentino e da qualche gior-
no anche in palestra con
gli avversari di fronte, la
nuova Vanoli procede a
passo spedito verso la stagione 2014-
2015. Finalmente il roster si comple-
tato con lingaggio del pivot di nazio-
nalit statunitense Travis Hyman, gio-
vane di 210 centimetri e di belle spe-
ranze. Un completamento del roster
dovuto al mancato ingaggio dellaltro
americano Darrius Garrett, a seguito
dei suoi problemi fisici che ne hanno
troncato la carriera al momento di
iniziarne una da noi. In citt si era
sparsa la voce che ci fosse un forte
interessamento per Marco Cusin,
vecchia conoscenza cittadina, ancora
libero da contratti al momento della
risoluzione con Cant, ma ora lingag-
gio di Hyman chiude il discorso e
frena le illusioni della tifoseria.
Probabilmente, dal punto di vista
economico, lingaggio di Cusin era al
di fuori delle possibilit di cassa del
club di patron Aldo Vanoli, senza con-
tare che la dirigenza ha deciso in
questa stagione di puntare sui giovani
e non su giocatori ormai ai vertici, ad
eccezione naturalmente di Luca Vitali.
LA SCHEDA Travis Hyman nato il
12 luglio del 1987 ad Annapolis (Mary-
land) ed cresciuto cestisticamente
alla Old Mill Highschool a Millersville
(Maryland), prima di iscriversi allAnne
Arundel Community College ad
Arnold (Maryland), per poi trasferirsi
nel suo anno da Junior alla Bowie
State University, sempre nel Maryland,
da cui uscito nel 2012. La scorsa
stagione ha militato nei Los Angeles
D-Fenders della D-League, dove in 19
minuti di media ha totalizzato 7,05
punti (51,4% da 2), 6,4 rimbalzi e 1,98
stoppate a partita. Nellestate 2014
stato selezionato per il team della
D-League che ha preso parte alla
Summer League di Las Vegas.
PRIMO TEST Sabato scorso la
Vanoli ha effettuato uno scrimmage
con la Dolomiti Energia Trento, termi-
nato con il successo della squadra di
Maurizio Buscaglia per 86-80 (25-10,
21-24, 18-25, 22-21 i parziali).
Al termine del test amichevole,
coach Cesare Pancotto ha affermato:
Trento mi ha fatto una buonissima
impressione, davvero. A noi questa
partita doveva dire se il lavoro che
stiamo facendo sta andando nella
direzione giusta: consapevoli del fatto
che non avevamo i quaranta minuti
nelle gambe, direi che la risposta
stata affermativa. Eccezion fatta per
un primo quarto in cui abbiamo com-
messo pi errori del dovuto e siamo
stati a guardare.
MONDIALI DI BASKET La tanto
attesa finale tra Usa e Spagna non ci
sar. A sorpresa gli iberici sono stati
battuti nei quarti di finale da una
Francia priva di Parker e Noah, che
ha cos stato eliminati tra la delusione
generale. Per la Spagna, dopo le
amarezze nel calcio, sono arrivate
quelle nel basket. Inutile dire che a
vincere saranno gli Stati Uniti di
coach Krzyzewski, che hanno rifilato
passivi pesantissimi a tutti. Anche in
semifinale, la Lituania ha dovuto
cedere nettamente per 96-68 (18
punti per Irving).
Sfuma il sogno Cusin, arriva Hyman
La dirigenza della Vanoli ha completato il roster con il lungo statunitense di 210 centimetri
Malgrado la sconfitta nel test contro Trento, coach Pancotto si detto abbastanza soddisfatto della prova dei suoi giocatori
D
BASKET A
Travis Hyman
a canestro
SERIA A2 FEMMINILE
Dopo il successo sul Brixia per 67-49,
secondo test positivo per la Tec-Mar
Crema, ospite del Sanga Milano. Un
match che ha mostrato come la condizio-
ne generale stia migliorando, cos come la
tenuta atletica del gruppo. Assenti Giosu,
Caccialanza e Zagni, il coach ha schierato
alcune giovani per fare esperienza. A
Milano si sono giocati quattro tempi (vinti
due a testa) con un risultato finale a favo-
re di Capoferri & C. per 66-57.
Domani contro il Costamanaga in
programma lultimo test prima dei tornei,
che le azzurre vogliono affrontare gi in
clima campionato (in particolare il Memo-
rial Pasquini).
Tec-Mar Crema: buona
prova col Sanga Milano
Cresce la nuova Erogasmet
Crema, che ha destato una
buona impressione nel test al
PalaCremonesi contro ai pari
categoria (e diretti avversari nel
girone B) della Vivigas Costa
Volpino, sulla cui panchina siede
per il secondo anno consecutivo
il cremasco Alessandro Crotti.
L'incontro, chiuso dalla coppia
arbitrale a 235 dal termine per
qualche animosit di troppo,
come a sottolineare limpegno
da campionato profuso dai gio-
catori in campo, ha visto preva-
lere l'Erogasmet Crema con il
punteggio di 71-56. Inizio da
dimenticare per gli uomini di Pat
Baldiraghi, sotto 0-9 in un amen.
E stato Cardellini a rompere il
ghiaccio dopo tre minuti con una
bella entrata, cui hanno fatto
seguito i canestri di Zanella e
Colnago. Un canestro del centro
ex Montichiari ha portato addirit-
tura avanti i leoni biancorossi,
con i bergamaschi che per rea-
givano chiudendo avanti il quar-
to per 23-19. Secondo quarto di
marca totalmente cremasca, con
Zanella, il migliore in campo e
Persico a dominare sotto i tabel-
loni. Crema avanti subito e poi in
fuga con due triple consecutive
dellottimo Colnago, tornato a
disposizione dopo un infortunio.
Il quarto si chiuso sul parziale
di 21-11, a riprova del dominio
dei padroni di casa. Dopo linter-
vallo, lErogasmet ripartita di
slancio: sette punti consecutivi
del play classe 1994 Manuelli,
giocatore che la dirigenza cre-
masca sta valutando per linseri-
mento nel roster, hanno spianato
la strada ai biancorossi che
hanno chiuso la frazione avanti
di sette punti (18-11). Molto
equilibrato lultimo quarto, con il
parziale che al momento della
sospensione recitava 13-11.
Cos Baldiraghi a fine incontro:
Come nelle precedenti uscite
mi piaciuto lo spirito e lintensi-
t che i ragazzi hanno messo in
campo. Lassenza di Tardito mi
ha dato lidea di provare Persico
accanto a Zanella, mi sembra
che la soluzione abbia funziona-
to. Gli obiettivi della nostra anna-
ta devono essere la salvezza ed
il rispetto di tutti gli avversari.
Quello del PalaCremonesi non
stato lunico appuntamento di
rilievo per il basket cremasco.
Ad Offanengo si , infatti, dispu-
tata una amichevole di lusso tra
gli Under 14 dellErogasmet ed i
pari et dellArmani Jeans Mila-
no, facili vincitori nella splendida
cornice del Palacoim. Una festa
per atleti e pubblico.
Marco Cattaneo
DNC Dopo il successo con il
Fiorenzuola (63-62), prosegue
senza sosta la preparazione
dellMg.K Vis di Piadena in vista
dellinizio del campionato. Oggi
alle 18.30 i piadenesi affrontano
in amichevole a Rubiera la Cris-
den Rebasket, formazione che
parteciper alla serie C naziona-
le nel girone emiliano. Al pari di
Piadena, anche la formazione
reggiana si profondamente
rinnovata. Si annuncia un test
molto interessante.
DIVISIONE NAZIONALE B
Erogasmet, un test per che fa ben sperare
LErogasmet in lunetta
Il Milan cerca conferme a Parma
(F.V.) Dopo la sosta per la Nazionale (vitto-
riosa sia con lOlanda che con la Norvegia),
torna il campionato di serie A e il piatto forte
servito alla sera, quando il Milan di Inzaghi
deve dare continuit allottimo avvio di sta-
gione sul campo del Parma, storicamente
ostico ai rossoneri. Sfide non certo proibitive
per le favorite: la Juve che ospita lUdinese di
Stramaccioni, la Roma fa visita allEmpoli,
mentre il Napoli affronta al San Paolo il Chie-
vo Verona. Interessante anche la partita di
S. Siro tra lInter e il Sassuolo dellattaccante
del momento, Simone Zaza. Dopo il delu-
dente pareggio di Torino, i nerazzurri sono
obbligati a vincere per confermare quanto di
buono fatto in precampionato.
2 GIORNATA (14-09 h 15) Cagliari-Ata-
lanta, Empoli-Roma (13-09 h 18), Fiorentina-
Genoa, Hellas Verona-Palermo (15-09 h
20.45), Inter-Sassuolo, Juventus-Udinese
(13-09 h 20.45), Lazio-Cesena, Napoli-
Chievo Verona, Parma-Milan (h 20.45),
Sampdoria-Torino (h 12.30).
CLASSIFICA Milan, Roma, Udinese,
Napoli, Cesena, Juventus 3; Cagliari, Paler-
mo, Sampdoria, Sassuolo, Atalanta, Inter,
Torino, Hellas Verona 1; Genoa, Chievo
Verona, Parma, Lazio, Empoli, Fiorentina 0.
CALCIO SERIE B
Simone Inzaghi
Una capolista a sorpresa. Dopo due giornate, solo la matricola Perugia a punteggio
pieno, grazie allimportante successo di Bari. Gli umbri cercano il tris oggi pomeriggio
contro unaltra favorita, Il Catania che partito molto piano.
2 GIORNATA Bari-Perugia 0-2, Bologna-Virtus Entella 1-1, Brescia-Livorno 0-1, Cit-
tadella-Avellino 3-1, Latina-Crotone 1-0, Pro Vercelli-Catania 3-2, Spezia-Frosinone 2-1,
Ternana-Pescara 1-1, Trapani-Vicenza 2-1, Virtus Lanciano-Modena 2-0. Recupero:
Vicenza-Latina 0-0.
3 GIORNATA (13-09 h 15) Avellino-Spezia, Crotone-Carpi, Frosinone-Bari,
Livorno-Latina (15-09 h 20.30), Modena-Pro Vercelli, Perugia-Catania, Pescara-Bo-
logna (12-09 h 20.30), Trapani-Cittadella, Varese-Lanciano, Vicenza-Ternana (14-09
h 18), Virtus Entella-Brescia
CLASSIFICA Perugia 6; Carpi Virtus Lanciano, Cittadella, Ternana, Livorno, Trapani,
Latina 4; Pro Vercelli, Spezia, Bari, Frosinone, Avellino 3; Pescara 2, Varese (-1) 2;
Catania, Bologna, Vicenza, Modena, Virtus Entella 1; Brescia, Crotone 0.
SERIE B
Montezemolo ha lasciato la presidenza del cavallino dopo il fallimentare Gp di Monza. Al suo posto arriva Sergio Marchionne
Alla Ferrari si chiusa unepoca
Il fallimentare Gp di Monza
verr ricordato a lungo dai tifosi
della Ferrari. Pochi giorni dopo
la gara, che ha visto Alonso
ritirarsi senza mai essere prota-
gonista, il presidente Monteze-
molo ha deciso di lasciare lin-
carico, che viene affidato a
Sergio Marchionne, gi a capo
di Fiat-Chrysler. Una svolta
epocale, dopo 23 anni di presi-
denza Montezemolo, culminata
con il dominio targato Michael
Schumacher. Tempi molto lon-
tani, visto che la Ferrari da sei
anni al-lasciutto e sta vivendo
una delle stagioni pi deludenti
dellultimo decennio. Nel frat-
tempo, il Mondiale vede sempre
il dominio della Mercedes, con
Hamilton e Rosberg (nellordine
a Monza) a battagliare per il
titolo piloti. Alla Ferrari non resta
che puntare almeno a un suc-
cesso, per poi azzerare tutto in
vista della prossima stagione.
Alonso in gara a Monza (fotoservizio Michele Piech e Raul Zacch)
Sport
Sabato 13 Settembre 2014
25
Perugia in vetta a sorpresa
FORMULA 1
Il podio del Gp dItalia
di Fortunato Chiodo
nostri piccoli corrdori crescono
terribilmente bene. Giorno per
giorno, stanno facendosi una bel-
lezza. Ecco il primo vagito su
strada, un ruggito da giovane
leone di Stefano Baffi, 16enne allievo di
Vailate, nipote darte di nonno Pierino e
zio Adriano (due ex professionisti che
hanno fatto storia del ciclismo mondia-
le), che ha cominciato a muovere i suoi
primi passi alla scuola della Unione
Ciclistica Cremasca del presidente
Albino Ferla. Mentre gli avversari gli
fanno la guerra, nel 4 Gran Premio
Fiera di Persichello, patrocinato dal CC
Cremonese-Arvedi, Baffi lascia tutti a
bagno maria e poi scatta una, due, tre
volte, fino a quando il suo bagliore illu-
mina di una luce nuova e cancella il buio
dei nostri incubi, delle nostre paure,
delle nostre depressioni. Baffi, spinge,
attacca, non si volta mai indietro: china-
to sul manubrio, sente il fiato sul collo
del gruppo assatanato, ma appare chia-
ro che stia per compiersi il miracolo, va
diritto incontro al traguardo e al suo
nuovo destino, mentre la folla si lascia
incantare dal segno chiaro dellarrivo in
solitudine . Avete visto che il coraggio
premia? Alle sue spalle ad una manciata
di secondi lemiliano Mirco Remondini,
regolava il gruppo comprendente i cre-
monesi Yuri Andrea Pedroni e Davide
Gastaldi del CC Cremonese-Arvedi.
Baffi si lasciato scappare la fuga di
giornata, poi ha controllato da padrone
la situazione e senza correre rischi
eccessivi ha deciso di muoversi, frantu-
mando il gruppo, spalleggiato dal com-
pagno di squadra, Tommaso Bramati ,
anche lui figlio darte (pap Davide un
ex professionista ora ds della Omega
Pharma, conosciuto come il Jos Mouri-
nho del ciclismo, capace di creare rap-
porti di relazioni e simpatia, stratega
lombardo della corazzata belga), Stefano
non si lasciato sfuggire niente e con
altrettanta sicurezza, a una decina di
chilometri dallarrivo, se ne andato
tutto solo allarrivo, sfrecciando sotto gli
occhi di nonna Giustina, lospite donore
e lex professionista Michele Dancelli.
Era importante non perdere terreno,
mantenere il mio vantaggio. Ringrazio i
compagni di squadra, sono soddisfatto
per come sono andate le cose - dice il
campione italiano della corsa a punti -
la mia prima vittoria su strada e la desi-
deravo tanto. Non niente di compiuto,
per, solo linizio di un lungo viag-
gio.... Ma che inizio. Allenato dallex
professionista Ivan Quaranta, ha impa-
rato tante cose, salito sulla giostra su
pista e su strada. Ma con chi correrai
allesordio nella categoria Juniores?
Ho avuto diverse opportunit e ha
deciso di vestire i colori biancorossi del
CC Cremonese-Arvedi.
ORDINE DARRIVO 1) Stefano Baffi
(Uc Cremasca), 73 km in 1h50, media
39,818 km/h, 2) Mirco Remondini (VC
Pontenure-Raschiani) a 3, 3) Lorenzo
Pellino (Us Ausonia Pescantina), 4) Luca
Longagnani (Davoli Bagnolese Gatta-
tico); 5) Emanuele Tresoldi (Ceramiche
Pagnoncelli), 6) Yuri Andrea Pedroni (CC
Cremonese-Arvedi), 7) Giancarlo Eric
Berlanda (Ausonia Pescantina), 8) Stefa-
no Taglietti (Gs Ronco Maurigi), 9) Eric
Zaninelli (Ausonia Pescantina), 10) Davi-
de Gastaldi (CC Cremonese-Arvedi).
I
Sempre pi sulle orme di nonno Pierino e zio Adriano ha trionfato da campione sul traguardo di Persichello
Stefano Baffi, buon sangue non mente
CICLISMO
Stefano Baffi sul podio
Sport
Sabato 13 Settembre 2014
26
Pubblico delle grandi occasioni nel Trofeo
Comune di Ricengo, manifestazione sospesa
causa la pioggia e recuperato grazie allardire dei
dirigenti dellImbalplst di Soncino. Calano una
esemplare quaterna sulla ruota di Ricengo i virgul-
ti del ciclismo casereccio: salgono in cattedra con
azioni irresistibili Stefano Ganini (Uc Cremasca),
Federica Venturelli (Polisportiva Madignanese),
Manuel Mosconi (Imbalplast) e Mattia Chiodo
(Corbellini Ortofrutta Crespiatica). L Imbalplast di
Soncino trionfa nel torneo per il maggior numero di
partecipanti, mentre il trofeo a punti va alla formazio-
ne del Gs Corbellini Ortofrutta di Crespiatica, prota-
gonista di una stagione superlativa.
ORDINI DARRIVO G1: 1) Stefano Ganini
(Cremasca), 2) Federico Ogliari (Corbellini), 3) Daniel
Zanoni (Imbalplast), 4) Tommaso Cant (Romanese),
5) Christian Erba (Pessano). G2: 1) Thomas Gamba
(Romanese), 2) Gabriele Durelli (Cremasca), 3)
Domenico Cant (Romanese), 4) Marco Mazza
(Romanese), 5) Nicol Moriggia (Imbalplast). G3: 1)
Federica Venturelli (Madiganese), 2) Riccardo Trafeli
(Cavenago), 3) Giuseppe Cavagnoli (CC Cremonese-
Arvedi), 4) Mirko Coloberti (Imbalplast), 5) Valentino
Grassi (Cremasca). G4: 1) Manuel Mosconi
(Imbalplast), 2) Giorgio Omati (Pessano), 3) Edoardo
Ogliari (Corbellini), 4) Luca Pollini (Imbalplast), 5)
Elisa Roccato (CC Cremonese). G5: 1) Filippo Negri
(Corbellini), 2) Jacopo Cagliani (Cavenago), 3) Mattia
Manenti (Romanese), 4) Mattia Erba (Cernuschese),
5) Marco Gaiani (Cernuschese). G6: 1) Mattia Chiodo
(Corbellini), 2) Andrea Piras (Cavenago), 3) Devlyn
Chiappa (Romanese), 4) Andrea Morandi (Imbalplast),
5) Mattia Vanelli (Corbellini).
PEDRETTI E BOSINI PROTAGONISTI A NOVA-
RA E NEL BRESCIANO Giovanni Pedretti, Junior
del CC Cremonese-Arvedi giunto quarto a Novara
nel Gp Michele Gramoni, gara vinta da Stefano
Ciardo, piemontese della Vigor. A Capriano al Colle,
nel Bresciano, Diego Bosini (esordiente del secondo
anno) giunto ottavo.
LA CORSA DI DOMANI Si corre a Soncino il 33
Memorial Gugliemo Colombi, riservato alla catego-
ria Giovanissimi, organizzato dalla Societ Ciclistica
Imbalplast. Partenza alle 14.30.
RALLY DELLE MADONNINE DI MOUNTAIN
BIKE A MADIGNANO Rieccoci al 13 Rally delle
Madonnine, classica di mountain bike, patrocinato
dalla Polisportiva Madignanese, gruppo che ha
messo in moto la macchina organizzativa, con i
bikers impegnati domani nel campionato provinciale
Fci. Partenza alle 9 sul tracciato del Parco del Serio.
Gli atleti dellImbalplast
Imbalplast e Corbellini sugli scudi a Ricengo
E cominciato il conto alla rovescia per il
Mondiale sul strada di Poferrada (Spagna) del
28 settembre (al quale ha dato forfait
Contador). Davide Cassani, 53 anni romagno-
lo, nuovo ct della Nazionale di ciclismo ha solo
limbarazzo della scelta, sa che i corridori che
escono dalla Vuelta hanno il motore a puntino.
Lossatura quella di un gruppo allargato, poi
sceglier la rosa degli 11 azzurri (lannuncio
gioved 18 settembre dopo la Tre Valli Varesine,
ultima prova del Trittico Lombardo) che da
domenica 21 saranno in ritiro a Bra. La parten-
za per Leon della Nazionale prevista per
mercoled 24. Il capitano sar Vincenzo Nibali,
re del Tour de France, anche se da allora si
allenato poco ed una grande incognita. Ci
sono poi tre suoi compagni da prendere in
considerazione: Vanotti, Scarponi e
Gasparotto. Altro nome sicuro Aru, che sta
andando fortissimo alla Vuelta. Poi ci sono
Visconti, i giovani Battaglin, Colbrelli e Formolo
e poi ancora Nizzolo e Trentin. Due i punti
interrogativi: Pozzato e Cuneo.
Grande attesa per gli azzurri
che correranno il Mondiale
Grande entusiasmo per lultima
prova del 2 Trittico Cremonese, mini
sprint sulla pista dello stadio Comunale
di Soncino (in notturna), valida per il
Memorial Trofeo Fendo Soldo (pap
dellex azzurra e tricolore Eleonora
Soldo, componente del Comitato pro-
vinciale Fci), patrocinato dallImbal-
plast. Suscitano lammirazione di tutti i
virgulti che hanno infiammato e dato
vita al torneo salendo sul del podio del
Trittico, capaci di accumulare il mi-
glior punteggi nelle tre prove. Ecco i
leader assoluti: G1 Othniel Yann
(Polisportiva Madignanese), G2 Nicol
Moriggia (Imbalplast Soncino), G3
Cesano Lorenzo (Cremasca), G4
Andrea Morelli (Mincio Chiese), G5
Sebastiano Mindia (Sprint Ghedi) e
Andrea Morandi (Imbalplast Soncino).
C era molta attesa nelle gare (di veloci-
t, corsa a punti e nei mini sprint), come
era prevedibile. Nella G1 successo di
Stefano Ganini (Cremasca), davanti a
Giacomo Federico Ogliari (Corbellini),
Othniel Yann Siene (Madignanese),
Simone Fusarbassini (Corbellini) e
Daniel Zanoni (Imbalplast). G2: 1) Igor
Spagnoletti (Sprint Ghedi), 2) Davide
Maifredi (Sprint Ghedi), 3) Nicol
Moriggia (Imbalplast), 4) Gabriele Durelli
(Cremasca), 5) Giuseppe Grazioli
(Madignanese). G3: 1) Alessandro
Buccellini (Busto Garolfo), 2) Angelo
Fabrizio Zeni (Sprint Ghedi), 3) Federica
Venturelli (Madignanese), 4) Daniel
Colombo (Caluschese), 5) Michele
Daffini (Rodengo Saiano). G4: 1) Matteo
Bicelli (Sprint Ghedi), 2) Andrea Bono
(Rodengo Saiano), 3) Giorgio Gavazzi
(Rodengo Saiano), 4) Michele Festa
(Rodengo Saiano), 5) Luca Pollini
(Imbalplast). G5: 1) Nicolas Borsarini
(Rodengo Saiano), 2) Sebastiano Mino-
ia (Sprint Ghedi), 3) Matteo Bertesago
(Imbalplast), 4) Alex Bono (Rodengo
Saiano), 5) Filippo Negri (Corbellini). G6:
1) Giorgio Cometti (Romanese), 2)
Mattia Chiodo (Corbellini), 3) Devlyn
Chiappa (Romanese), 4) Rocco Andrea
Morandi (Imbalplast), 5) Marco Borlini
(Sprint Ghedi). Prestazione maiuscola
del cremasco Mattia Chiodo e delloro-
bico Giorgio Cometti, dodicenni della
G6 (ci vorrebbe un pallottoliere per con-
tare vittorie e titoli dei due, una trentina
e forse pi, ma lasciamoli divertire, nel
2015 correranno tra gli Esordienti, dove
cambiano la musica e i suonatori...).
Mattia Chiodo, campione lombardo
minisprint e Giorgio Cometti, campione
lombardo su strada e pista, duellano
nella corsa a punti della G6, ma lorobi-
co la spunta.
F.C.
Grande spettacolo in pista a Soncino
La partenza della corsa della G6
TRIATHLON
Latleta del team Stradivari si imposta nella 16 edizione del Citt di Cremona. Tra i maschi ha vinto Massimo De Ponti
Veronica Signorini profeta in patria
Grande spettacolo nella 16 edizione del
Triathlon Sprint Citt di Cremona, chs ha
incoronato Veronica Signorini e Massimo De
Ponti. Sono stati 400 gli atleti che hanno
partecipato allevento organizzato dal team
Stradivari presso il centro sportivo alle porte
della citt del Torrazzo. Le prime protagoni-
ste in gara sono state le ragazze, a seguire
tutte le batterie maschili: la sfida stata
sulla distanza sprint, ovvero 750 metri di
nuoto, 20 km in bicicletta su un tracciato da
ripetersi due volte ed infine 5 km di corsa.
Testa a testa in acqua tra Veronica Signorini,
atleta di casa e Lisa Schanung del Bressa-
none Nuoto. Proprio laltoatesina ha conqui-
stato alcuni secondi di vantaggio allingres-
so in T1, complice un paio di sbavature
della cremonese. La Schanung ha incre-
mentato nei 20 km sullavversaria portando
a circa 1 il distacco sulla Signorini. Latleta
dello Stradivari ha per imposto un ritmo
elevato nella frazione di corsa ed riuscita
a ricucire il divario e ad effettuare il sorpasso
che le ha consentito di vincere la gara tra gli
applausi del pubblico di casa. Al secondo
posto la Schanung, mentre la terza posizio-
ne stata una contesa in famiglia tra
Valentina Carta e Sara Tavecchio del team
Stradivari: le atlete sono giunte praticamen-
te insieme al traguardo. La gara maschile
stata equilibrata ed avvincente e si risolta
solo nel finale. Michelangelo Parmigiani del
Cus Trento ha fatto registrare il migliore
tempo in acqua, ma subito a seguire tutti i
primi sei pettorali hanno formato un gruppo
che ha lavorato bene nei 20 km velocissimi
in bici. Una collaborazione che ha evitato il
rientro dei primi inseguitori e ha portato i
protagonisti della testa della corsa uniti al
secondo cambio. Ritmo elevato a piedi e nel
finale la zampata vincente stata di
Massimo De Ponti che ha allungato e lascia-
to alle spalle Andrea Secchiero (Fiamme
Oro) e Gianluca Pozzati (Cus Trento), rispet-
tivamente secondo e terzo classificato. Ai
piedi del podio lungherese dello Stradivari
Csaba Rendes, quinto Marco Corr del
Minerva Triathlon. La gara di Cremona era
valida come ultima tappa della Coppa
Lombardia: il trofeo stato vinto dal Road
Runner Milano. Al termine della manifesta-
zione le numerose premiazioni; ma lapplau-
so pi grandi a tutti i protagonisti di questa
emozionante 16 edizione.
Il podio femminile
"
casalmaggiore
lattuale amministrazione
partita con il piede sbagliato
Egregio direttore,
non me ne voglia la cittadinanza di Casal-
maggiore per quello che sto per dire, ma
sinceramente latteggiamento, anzi gli
atteggiamenti, dellattuale sindaco di Ca-
salmaggiore proprio non li comprendo.
Ora voi mi chiederete: ma cosa vuole
questo qua, residente a Gussola, che si
intromette in questioni che non lo riguar-
dano e viene a ficcare il naso nel Comune
di Casalmaggiore? Allora, partiamo dal
principio. Si d il caso che io sia stato
leghista prima di Bongiovanni, forse pri-
ma che egli nascesse. Mai e poi mai mi
sarei immaginato che un leghista, unau-
torit in questo caso, si integrasse con gli
indiani (perch di questo si tratta: non
sono loro che si stanno integrando, ma
stanno tentando di integrare noi e con
successo a quanto pare), specialmente
dopo quanto sta succedendo da pi di
due anni tra noi e lo stato democratico
indiano, che non altro fa se non quello di
prenderci per i fondelli. Ed intanto noi ci
facciamo mettere la bandana? Ma dove
si vuole arrivare? Altro caso pietoso, ose-
rei dire, la scelta del segretario comu-
nale. Casalmaggiore merita qualcosa di
pi. Non voglio essere frainteso, intendia-
moci, ma la scelta sinceramente non
delle pi felici. Probabilmente sar anche
bravissima, ma... Niente di personale, ma
un segretario comunale con poca espe-
rienza. Non ha mai diretto Comuni impor-
tanti come quello di Casalmaggiore. Il
suo curriculum? Comuni come Volongo,
al principio e Verolanuova come ultima.
Non sar il fatto che proviene da realt
leghiste e quindi imposta al sindaco le-
ghista? Questa amministrazione parte
sicuramente con il piede sbagliato! E su
questo ci avrei scommesso. Capite ora
del perch io e Lottici, allepoca, siamo
usciti sbattendo la porta?
massimo Pelizzoni
gussola
***
"
dura critica
la verit che ci hanno scippato
tribunale e Procura di crema
Egregio direttore,
con riferimento alle dichiarazioni rese dal
Consigliere regionale Federico Lena a
commento di mie valutazioni inerenti le
responsabilit politiche relative alla man-
cata salvaguardia di Tribunale e Procura
della Repubblica di Crema sono a pun-
tualizzare alcuni fatti che possono aiutare
a meglio comprendere come sono anda-
te, ahim, le cose: il sottoscritto, insieme
al presidente dellOrdine degli avvocati di
Crema, Ermete Aiello, sensibilizz, recan-
dosi nel suo ufficio a Milano, il senatore
Giacomo Caliendo (dellallora Pdl), che
intervenne in aula a favore della salva-
guardia del Tribunale di Crema. Altro non
potevo fare: lallora Pdl come oggi Forza
Italia non ha, purtroppo, il privilegio di
esprimere parlamentari territoriali. Quello
che non potr mai tacere lo scarso peso
politico dimostrato dai parlamentari e dai
Consiglieri regionali del nostro territorio
che altri partiti, invece, esprimono, senza
che la cosa abbia aiutato il Cremasco e la
causa specifica. Non penso proprio, quin-
di, di essere io confuso. Certo, dico cose
scomode, che tuttavia hanno il pregio di
essere vere. Io - povero consigliere comu-
nale di Crema e non (per esempio, i par-
lamentari espressi dal nostro territorio,
come sarebbe stato doveroso, logico e
naturale) - procurai un incontro a Roma
con il sottosegretario alla Giustizia Cosi-
mo Ferri (dellallora Pdl): quel giorno il
governatore di Regione Lombardia Ro-
berto Maroni era pure a Roma, lui dal mi-
nistro Cancelieri, ma salv Vigevano e
Voghera, non Crema. Perch? Io ho una
mia opinione in merito: tutti a Roma e a
Milano hanno percepito la debolezza del-
la nostra classe politica e del suo interes-
se a salvare Tribunale e Procura della
Repubblica di Crema... Uno solo, tra gli
eletti in provincia di Cremona, ha dimo-
strato sul campo di avere peso politico
col dove si puote ci che si vuole:
lattuale sottosegretario del Governo Ren-
zi, Luciano Pizzetti il quale, tuttavia, ha
giocato le sue carte a favore di Cremona
e contro gli interessi di Crema. Del resto,
il dato di fatto che il Tribunale e la Pro-
cura della Repubblica di Crema ci sono
stati scippati; ci pu significare soltanto
specie guardando ci che accaduto in
atri territori, dal meridione al Piemonte -
che i nostri parlamentari e Consiglieri re-
gionali non contano granch, a parte uno,
Pizzetti, che tuttavia, lo ribadisco, ha re-
mato contro la permanenza in attivit del
Tribunale e della Procura della Repubblica
di Crema e infatti lha spuntata. Che la
Lega abbia unattenuante, rispetto ad al-
tri, per il fatto di essere collocata, allora,
allopposizione a livello nazionale in
Lombardia, tuttavia, governava e gover-
na, esprimendo per altro il presidente del-
la Regione assolutamente vero, come
vero linteressamento fattivo dellonor-
vole Nicola Molteni (Lega) che, tuttavia, al
pari di quello del senatore Caliendo
(dellallora Pdl), non ha, in tutta evidenza,
prodotto i risultati sperati. In ogni caso, a
pagina 49 de Il Sole 24 Ore, stata pub-
blicata la notizia della richiesta di referen-
dum - presentata in Cassazione dai Con-
siglieri di cinque Regioni, tra cui non com-
pare la Lombardia di Federico Lena, Car-
lo Malvezzi e Agostino Alloni - per labro-
gazione del D. Lgs. 155/2012, relativo alla
revisione della geografia giudiziaria...
Sono io confuso?
antonio agazzi
Consigliere comunale a Crema
di Servire il cittadino
***
"
sanita
Fondazione maugeri, la regione
lombardia doveva intervenire
Egregio direttore,
lassessore regionale alla Sanit, Mario
Mantovani ha risposto, nel corso del
Consiglio regionale, a uninterrogazione a
risposta immediata del Movimento 5
Stelle Lombardia sulla continuit azien-
dale della Fondazione Maugeri, a rischio
a causa del peggioramento dello stato
patrimoniale e sulladeguatezza del siste-
ma di controlli relativo al sistema sanitario
lombardo adottato da Regione Lombar-
dia. Iolanda Nanni, consigliere regionale
di M5S e prima firmataria dellinterroga-
zione dichiara: La Fondazione Maugeri
un polo di eccellenza con migliaia di
lavoratori sui quali si vuole far ricadere,
con la conversione dei loro contratti da
sanit pubblica a sanit privata e conse-
guenti tagli sulle retribuzioni, la mala ge-
stione finanziaria e le conseguenze degli
scandali giudiziari che hanno coinvolto la
Fondazione. In Commissione Sanit,
M5S ha chiesto la revoca della delibera e
la richiesta stata accolta. Abbiamo oggi
chiesto allassessore di prendere una po-
sizione chiara e inequivocabile anche sul
sistema dei controlli e sulle criticit della
continuit aziendale della Fondazione,
anche per dare continuit e concretezza
alle linee politiche stabilite dalle Commis-
sioni consiliari competenti. La risposta
dellassessore Mantovani stata evasiva
e insoddisfacente in quanto ha scaricato
ogni responsabilit relativa alla manovra
sui lavoratori alla Fondazione, attestando
la piena autonomia decisionale della Fon-
dazione stessa ed eludendo vergognosa-
mente di prendere posizione nel merito
sulle criticit descritte nellinterrogazione
relative sia alla responsabilit della Re-
gione sui controlli sia ai requisiti a garan-
zia della continuit aziendale. Con ci ha
eluso completamente di rispondere alla
domanda da me effettuata inerente un
ambito, quello dei controlli e della traspa-
renza, di stretta competenza di Regione
Lombardia: sempre nellinterrogazione
abbiamo sottolineato come gli ultimi dati
di bilancio, nonch la certificazione di Pri-
cewaterhouse sollevino dubbi sulla con-
tinuit aziendale della Fondazione, critici-
t di fronte alle quali Regione sarebbe
dovuto intervenire. Anche su tali proble-
matiche lassessore non ha dato una ri-
sposta chiara e non ha assunti impegni
precisi, ad ennesima dimostrazione che,
di fatto, il sistema di controlli sulla sanit
lombarda messo in piedi a seguito degli
scandali Maugeri e S. Raffaele risulta, in
concreto, non efficacie e ben poco incisi-
vo. Inoltre, va evidenziato che la Fonda-
zione Maugeri, pur essendo un ente pri-
vato, gode principalmente di erogazione
di milioni di euro pubblici ed eroga un
servizio pubblico essenziale in campo
sanitario per la popolazione lombarda, e
non solo. La Regione ha quindi sia gli
strumenti che la responsabilit di interve-
nire per difendere sia i lavoratori sia il
ruolo sociale, sanitario ed economico
della Fondazione.
movimento 5 stelle lombardia
***
"
Polemica
Quei nuovi cartelli autostradali
creano solo confusione
Egregio direttore,
centropadane, che possiede una quota
azionaria in Brebemi (A35) e gestisce
lA21 e il raccordo autsotradale Corda
molle (Ospitaletto-Montichiari), si mos-
sa in soccorso dellautostrada alleata.
Sono apparsi infatti nei giorni scorsi nuo-
vi cartelli segnaletici, che indicano lac-
cesso alla Brebemi evitando Brescia e
lA4 per arrivare all'aeroporto di Linate,
anche se la stessa A4 conduce a Milano
e quindi a Linate, uscendo da Brescia
Sud, con un percorso tutto autostradale a
differenza di quello indicato da Centropa-
dane. I nuovi cartelli hanno per creato
disagio: nel fine settimana alcuni automo-
bilisti sono tornati indietro al casello di
Centropadane Brescia Sud, da cui erano
usciti, per chiedere informazioni. Infatti, si
erano ritrovati su una superstrada e poi
sulla strada provinciale 19 a due corsie,
cio sulla corda molle, servita a Centropa-
dane per ottenere il rinnovo della conces-
sione. In questi ultimi giorni il traffico sulla
Brebemi stato particolarmente limitato,
come del resto avviene da tempo sulla
Corda molle, con 5mila veicoli al giorno.
dario Balotta
Legambiente Lombardia
***
"
rePlica
i comitati di quartiere sono reali
strumenti di partecipazione
Egregio direttore,
il Partito Democratico ha nel suo dna il
tema della partecipazione dei cittadini
alle scelte amministrative. Pertanto il Pd
ha sempre valutato positivamente lespe-
rienza di coinvolgimento e di protagoni-
smo attivo nellambito dei Comitati di
quartiere, peraltro avviati dalla Giunta Co-
rada e poi istituti formalmente dalla Giun-
ta Perri. E scontato dunque che lattuale
maggioranza lavori, contrariamente a
quanto immagina il consigliere Everet,
per un percorso che veda i Comitati di
quartiere davvero inclusi in alcuni proces-
si decisionali e non, come fino ad ora
stato, solo come semplice interfaccia tra
quartieri e amministrazione. Comitati di
quartiere dunque che non si esauriscono
solo in percorsi rituali di ascolto, senza
alcuna possibilit di effettiva incidenza
decisionale da parte dei cittadini, ma re-
ali strumenti di democrazia partecipativa
che va declinata in diversi ambiti: dallur-
banistica, allambiente, dalle politiche
educative al Welfare. Anche attraverso
lutilizzo delle nuove tecnologie che con-
sentono ai cittadini di essere pi diretta-
mente coinvolti nelle scelte strategiche
dellamministrazione. In riferimento poi ai
problemi logistici degli ambienti di Borgo
Loreto, lamministrazione sta cercando di
trovare una soluzione idonea e ha gi in-
contrato il 5 settembre scorso il Comitato
di quartiere e lassociazione interessata
per condividere la soluzione.
rodolfo Bona e roberto Poli
Gruppo consiliare del Pd
***
"
Punto di vista
viviamo in una societ
che pretende la perfezione
Egregio direttore,
in questa societ cos perfezionista,
schiava di macchine che non sbagliano
mai, ma fatta di persone fragili, la non
infallibilit non ammessa (se tocca gli
altri). E stata abolita ogni franchigia der-
rore, ogni grado di tolleranza. Abbiamo
ingenerato labitudine alla pretesa della
perfezione a fronte della rivendicazione
del diritto alla trascuratezza, perch
qualcun altro deve porre rimedio, deve
trovare la soluzione. Chi pi bravo a
strombazzare questa miscela il pi ac-
clamato. Questo ci ha portato a coltivare
una mala pianta: lintolleranza, declinata
in tutte le sue forme ed espressioni.
anselmo gusperti
cremona
***
"
economia
ma il premier renzi vede
i numeri impietosi della crisi?
Egregio direttore,
leconomia italiana in crisi, ce ne accor-
giamo anche dalle numerose serrande
dei negozi che abbiamo trovato chiuse
dal rientro dalle ferie e che non riapriran-
no pi. I consumi che scendono, il flop
dei saldi estivi, il peso delle tasse, hanno
spinto molti esercenti a gettare la spugna
e a chiudere la propria attivit, approfit-
tando delle ferie estive, poi non hanno
pi riaperto. I primi dati elaborati da Con-
fesercenti sono davvero pessimi e mo-
strano con chiarezza che lItalia in
estrema difficolt. Secondo il report tra
luglio e agosto, nel settore del commer-
cio, per ogni nuova impresa che ha aper-
to i battenti ben due li hanno chiusi. Qua-
si 29mila imprese, hanno chiuso brucian-
do investimenti per 2,9 miliardi di euro.
Nei primi 6 mesi del 2014, il settore nel
suo complesso ha perduto circa 2,4 mi-
liardi di euro di fatturato. Per molti la
chiusura del negozio in cui hanno lavora-
to tutta la vita, magari insieme alla fami-
glia, una sconfitta personale. A soffrire
sono soprattutto le attivit di ristorazio-
ne, il commercio in sede fissa, labbiglia-
mento e le rivendite di giornali. Siamo
quasi alla fine del 2014, che stato peg-
giore di quanto ci aspettassimo. Caro
premier Renzi, questi numeri della crisi,
questo peggioramento giornaliero, non li
vede? O fa come le tre scimmiette?
andrea delindati
cremona
Grazie alla riforma della
giustizia civile approvata in
questi giorni dal Governo, i
creditori possono dormire
sereni. Vengono, infatti, ri-
toccate alcune regole del
processo esecutivo con
particolare riguardo allese-
cuzione forzata mobiliare e
al pignoramento presso
terzi. Anche la figura delluf-
ficiale giudiziario cambia in
quanto la riforma conferi-
sce a questultimo maggio-
ri strumenti nella ricerca dei
beni da pignorare. In parti-
colare, lufficiale giudiziario
delegato al pignoramento
potr, su istanza del credi-
tore, consultare mediante
collegamento telematico
lAnagrafe Tributaria, di cui
si vale lAgenzia delle En-
trate per scovare chi evade
il Fisco. Si tratta di una sor-
ta di database in cui sono
contenuti tutti gli elementi
dai quali possibile indivi-
duare eventuali fonti di red-
dito dei contribuenti. LAna-
grafe Tributaria inoltre
collegata alla cosiddetta
Anagrafe dei conti correnti,
attraverso la quale lammi-
nistrazione fiscale in gra-
do di rivelare in quale istitu-
to di credito sono deposi-
tati i risparmi dei correntisti
furbetti. Di conseguenza,
grazie allAnagrafe Tributa-
ria e allAnagrafe dei conti,
risulter pi agevole la pro-
cedura di recupero del cre-
dito. Il creditore, infatti, una
volta intervistata lAnagrafe
Tributaria, verr a cono-
scenza dellazienda che
eroga lo stipendio al pro-
prio debitore o della banca
in cui sono depositati i ri-
sparmi di questultimo. A
questo punto, il creditore
potr optare per il pignora-
mento presso il datore di
lavoro (in questo caso il pi-
gnoramento limitato a un
quinto dello stipendio), op-
pure per il pignoramento
presso listituto di credito e
bloccare cos il conto cor-
rente (che invece integral-
mente pignorabile). Ma non
tutto. Anche il pignora-
mento dellautoveicolo del
debitore sar pi semplice.
Lufficiale giudiziario potr
infatti interrogare il Pra allo
scopo di verificare quali au-
tomezzi sono intestati al
moroso. Al fine di rendere
ancora pi efficienti nella
ricerca dei beni da pignora-
re gli ufficiali giudiziari, in
favore di questi ultimi la ri-
forma prevede un ulteriore
compenso per ogni pigno-
ramento concluso positiva-
mente. Dunque saranno
premiati gli ufficiali giudizia-
ri pi solerti.
*avvocato stabilito
del Foro di milano
emiliacodignola@libero.it
A cura di Emilia Rosemarie Codignola*
Maggiore tutela per
i creditori con
lanagrafe tributaria

Previsioni meteo a cura di dominique citrigno per sPaZiometeo.com e meteowebcam.it
saBato 13 settemBre domenica 14 settemBre luned 15 settemBre marted 16 settemBre mercoled 17 settemBre
Sabato 13 Settembre 2014
27
Lettere & Opinioni
Per dire la vostra, scrivete a: lettere@ilpiccologiornale.it incomsc@gmail.com