Sei sulla pagina 1di 28

Il

PICCOLO giornale del


0,02 Copia Omaggio
CREMASCO
SBARCO CINESE: LAVORO O FREGATURA?
Direttore responsabile: Sergio Cuti Societ editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474
Direzione e redazione via Tensini Crema tel e fax 0373 30795 email incomsc@gmail.com Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona
Pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012
Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it
ANNO III NUMERO 28 SABATO 12 LUGLIO 2014
Il Comune vuole gemellarsi con la cinese Nanning. Noi abbiamo scoperto dellaltro. Che cosa succeder. Presto.
di Simone Beretta
simoneberetta@libero.it
di Daniele Tarenzi
info@tarenzicar.it
Carlo Malvezzi Agostino Alloni
a Germania ha distrutto il Brasile
calcistico. Lo ha irriso. Mentre, in
Europa, resta la locomotiva economi-
ca. Ma che cosa hanno questi tede-
schi che noi non abbiamo? Lo spiego cos: in
Germania si percepisce che la sfida economi-
ca globale entrata nelle case, e questo di-
scorso non divide, ma unisce. Padri e figli,
giovani e anziani sanno che questo il terre-
no di gioco. E la Germania che solo qualche
anno fa credeva di poter vivere di rendita, ha
dovuto subire, come lItalia, la concorrenza
dei nuovi arrivati. Noi non ci siamo adeguati.
Loro s.
In che modo? Cos: fine dei privilegi sin-
dacali, nuovo Stato sociale con precise rego-
le e paletti. La Germania ha ancora oggi la
maggior quantit di lavoro precario. E solo
da poco stata introdotta la soglia minima di
8 euro lora per i salariati. Tutti stanno meno
bene, ma non sono a casa a spasso. In Italia
stato il contrario: tutti volevano il meglio,
cos alla parte meno sviluppata del Paese so-
no stati concessi privilegi insostenibili. I
28mila forestali della regione Sicilia, per
esempio, continuano a far gridare allo scan-
dalo Ma doverano tutti quanti quando si
compiva questo scempio?
Il pi impotante settimanale tedesco ha
messo in copertina la sfida tedesca del mo-
mento: meno finanza parassitaria e meno
consumi inutili. Consumare di meno ed espor-
tare quel che avanza. I tedeschi hanno capito
che il capitalismo non garantisce uno svilup-
po senza limiti. Cos come si scopre in questo
popolo un crescente bisogno etico. Noi italia-
ni non labbiamo ancora capito. I brasiliani,
forse, neppure loro. E poich i tedeschi cre-
dono che per vincere bisogna prepararsi ade-
guatamente, fare sacrifici, mai sottovalutare
gli avversari, e soprattutto bisogna correre
perch fare con calma un passo alla volta o
girare su se stessi come delle trottole non aiu-
ta a vincere, ecco perch, si diceva, i tedeschi
hanno sconfitto non solo il Brasile del pallo-
ne, ma anche il Brasile nel quale il vecchio
- in politica, in economia e nel sociale - non
ancora tramontato del tutto e il nuovo non
ancora avanzato.
entre nel Pensatoio di parte,
purtroppo con laggiunta del con-
sigliere regionale di centrodestra
che non s mai degnato di infor-
mare i suoi potenziali alleati politici e forse
neppure quelli dellNCD, tentano di pro-
grammare il 2030 del territorio come vasta
area, qualcuno mina alle fondamenta lauto-
nomia dellAzienda Ospedaliera di Crema
che, invece, eccellendo sia sotto il profilo
delle prestazioni sanitarie che di quelle eco-
nomiche e gestionali, merita di essere confer-
mata e rafforzata.
Spiace constatare che chi fino allaltro
ieri si tenacemente battuto per promuovere
nuove mini province, come lattuale presi-
dente della regione Lombardia, oggi si sia
convertito a una logica che allontana i centri
decisionali dalla prossimit degli interessi di
un territorio come il nostro che in questo mo-
do perderebbe definitivamente la sua identi-
t. Dopo la chiusura del tribunale ed altri
servizi non meno importanti, a nessuno da-
to di vendere fumo. Oggi ci troviamo invece
a fare i conti con risicabili partiti ridotti al
nulla dal diffondersi di liste civiche che dal
giorno dopo che hanno vinto faticano ad ave-
re un potere contrattuale serio.
A questo si aggiunge la mancanza di lea-
dership politica di Crema nel dare obiettivi
comuni al Cremasco. Poco importa se alla
guida della regione Lombardia vi una mag-
gioranza di centrodestra che ho sostenuto.
Non far sconti a nessuno. Perch fino allal-
tro ieri con Formigoni la risposta sanitaria
in Lombardia era uneccellenza riconosciuta
in tutta Europa ed oggi diventato una real-
t da trasformare? Razionalizzare la risposta
sanitaria ci sta, e non pu che essere fatta su
vasta scala. Non si comprende per perch
debba avvenire togliendo alle attuali Aziende
lautonomia gestionale. Soprattutto alla no-
stra che ha gi dimostrato che le economie
di scala per contenere la spesa si possono
fare comunque e forse meglio. Non c biso-
gno di occhi a mandorla per salvare il futuro
del Cremasco, di certo per difendere lauto-
nomia della nostra Azienda Ospedaliera
importante non avere occhi strabici.
L M
Perch i tedeschi
sono dei vincenti
Ci stan rubando
anche lospedale
SI STA PROGETTANDO
LA TANGENZIALINA
IL PUNTO DI VISTA/1
IL PUNTO DI VISTA/2
DISCUSSIONE SUL BILANCIO 2014: CI HANNO
RIMESSO LE MANI NEL PORTAFOGLI A PAGINA 10
tornato di attualit quanto aveva
pubblicato Il Cremasco due nume-
ri fa: la possibilit di una tangenziali-
na che, scavalcando Campagnola,
dalla Pandino-Socino arriver nellex Olivetti
e nellarea Pip di Santa Maria. Ecco, a con-
ferma, un documento della Libera artigiani di
Crema, a nome del suo presidente, Marco
Bressanelli
Risale esattamente a un anno fa la pro-
messa fatta agli imprenditori di Crema, da
parte dellamministrazione provinciale e co-
munale, della costruzione di una tangenzia-
lina per aggirare i Comuni limitrofi alla citt.
comprensorio - nei quali le ordinanze vietano
il transito dei mezzi pesanti - e raggiungere
velocemente la zona industriale dellex Olivet-
ti. Nel corso dei 12 mesi trascorsi dallincon-
tro su questo tema avvenuto nella sede della
Libera artigiani di Crema tra lex presidente
della provincia, Massimiliano Salini, con il
suo assessore, Giovanni Leoni, il sindaco di
Crema, Stefania Bonaldi, i dirigenti dellas-
sociazione e la stampa cremasca. nessun
impegno poi stato mantenuto. La Provin-
cia di fatto non si fatta pi sentire. E solo
con la nomina dellassessore Matteo Piloni,
in comune a Crema si tornati a parlare del-
la tangenzialina che dovrebbe partire dalla
strada della Melotta per scendere a Campa-
gnola, aggirarla, e arrivare nella ex Olivetti. Il
percorso lo preciser meglio il progetto che
dovr essere predisposto.
Dodici mesi ad oggi, nei quali la Libera arti-
giani di Crema ha fatto pressioni nei confronti
delle istituzioni, avanzato suggerimenti, sti-
molato incontri, scritto comunicati alla stam-
pa locale affinch questa importante e futura
bretella stradale non finisse nel dimenticatoio.
Tutto questo in favore degli imprenditori che
hanno le aziende sia nellex Olivetti sia nel
Pip di Santa Maria, e che, spesso, dissimu-
lando imbarazzo, devono passare parte del
loro tempo per andare a prendere di persona
i camionisti stranieri e farli arrivare con i Tir
in fabbrica pagando eventuali multe commi-
nate dalla polizia locale. Una situazione che,
per usare un eufemismo, non fa certo onore a
una citt piantata nel cuore della Lombardia,
regione che guarda ai mercati globali.
Qualcosa sembra che si stia finalmente
muovendo. La Libera artigiani ha partecipato
allincontro che si svolto in municipio a Cre-
ma, qualche giorno fa, e voluto dallassessore
Piloni, tra lamministrazione di Crema e i sin-
daci di Cremosano, Campagnola e Pianengo
per capire come realizzare la tangenzialina.
Ci sarebbe la volont di farla. Allimpegno
che non mai venuto a mancare della Libe-
ra artigiani di Crema si unita ultimamente
anche la presa di posizione della Cna perch
venisse data unaccelerata alloperazione. Bi-
sogna ora aspettare settembre per un nuovo
incontro nel quale si dovr cominciare a defi-
nire il tracciato, i costi, i tempi e chi dovrebbe
costruire la bretella: sembra che la scelta stia
per cadere su un partenariato pubblico-pri-
vato. La Libera artigiani e gli imprenditori del-
la pi importante zona industriale di Crema
aspettano ancora fiduciosi.
E
Matteo Piloni Marco Bressanelli
di Laura Bosio
l ponte sul Po che collega Cremona
a Castelvetro Piacentino, ormai un
impianto obsoleto, con i suoi oltre
120 anni, sempre pi inadegua-
to a sostenere i ritmi della societ
odierna. Costruito in epoche in cui non
era neppure ipotizzabile il traffico odier-
no, oggi si trova a dover sostenere ben
pi di quanto previsto in origine come
carico massimo. Si basa su queste moti-
vazioni l'ordinanza di chiusura al traffico
di mezzi pesanti (che entrer in vigore a
partire dal 14 luglio).
Secondo i tecnici, si tratta di un prov-
vedimento necessario. Ci troviamo di
fronte a una struttura a campate lunghe
(tra i 75 e i 90 metri) molto flessibili, in
quanto realizzate in acciaio - dichiara l'in-
gegner Stefano Pozzoli, della Provincia
di Piacenza -. Questo provoca un su-
perlavoro per i giunti di dilatazione, che
vengono sollecitati in maniera eccessiva
proprio dai veicoli pesanti. Proprio questo
ha reso necessario mettere un limite alla
circolazione. Durante diversi sopralluoghi
tecnici ci siamo resi conto che in alcuni
punti si stava verificando un fenomeno di
ossidazione di alcuni elementi, non vitali
per il ponte ma comunque importanti. Per
questo si resa necessaria una ulteriore
restrizione rispetto al precedente provve-
dimento di divieto, entrato in vigore nel
2012: con la nuova norma sar quindi
interdetta la circolazione anche ai mezzi
vuoti con massa a pieno carico superiore
a venti tonnellate.
Per quanto riguarda la velocit - spie-
ga il presidente della Provincia di Piacen-
za, Massimo Trespidi - con un traffico
giornaliero medio transitante sul ponte di
oltre 22.700 mezzi, si potuto riscontra-
re che ben il 50% dei mezzi eccedeva il
limite di velocit ed in parti-
colare per il 65% entro i 10
chilometri orari, per il 33%
tra i 10 ed i 40 chilometri
orari e per il restante 2%
oltre i 40 chilometri orari.
Nel frattempo la Provin-
cia di Piacenza ha messo
nel bilancio, nell'ambito del Piano dei
lavori pubblici 2014-2016, un intervento
di ripristino per 600mila euro, per il rifaci-
mento della pavimentazione
stradale e per il risanamento
di alcuni elementi strutturali
nella parte inferiore e pi an-
tica del ponte, ossia quella
verso Castelvetro. Si tratta
di un ponte metallico di tipo
reticolare che risale al 1890,
mentre la parte cremonese, che fu bom-
bardata durante la seconda guerra mon-
diale, venne ricostruita nellanno 1946 -
spiega ancora Pozzoli -. Quest'ultima fu
per realizzata con un acciaio che non
era certo ottimale, in quanto durante la
guerra l'acciaio "buono" veniva spedito
in Germania per la realizzazione delle
armi. La struttura necessita dunque di
una manutenzione continua e costante.
Il lavoro programmato dalla Provin-
cia di Piacenza prevede il rifacimento
parziale della sovrastruttura viabile e il
ripristino di elementi metallici; l'interven-
to prevede, in particolare, il rifacimento
della impermeabilizzazione e pavimen-
tazione nel tratto piacentino, nonch il
rifacimento delle strutture secondarie
pi ammalorate.
Tuttavia si tratta di interventi che pos-
sono solo mettere rimedio temporaneo
alla situazione. Come abbiamo detto,
un ponte antico, non concepito per
sopportare il traffico di oggi (che gior-
nalmente di oltre 22mila veicoli con
Stefano Pozzoli: E una struttura vecchia che necessita di continua manutenzione
Ormai sono pochissimi i viadotti che consentono il transito al traffico pesante
Sabato 12 Luglio 2014
2
Stanziati 600mila
euro per lintervento
di ripristino
I
Grande successo ha riscosso la rievocazione storica per non dimenticare 10
luglio 1944 a 70 anni dal bombardamento della stazione ferroviaria di Cremona e
del ponte su Po. Numerosi i cittadini Lungo Po Europa (sotto il ponte) per assi-
stere alla manifestazione curata nella parte artistica dalla associazione Emmeci di
Massimo Cauzzi. Si abbassano le luci e Massimo suona il fischietto per richiamare
lattenzione ed iniziare mentre la figlia Ilaria inizia a leggere. La serata prosegue
con alcune videoproiezioni tra cui quello di Bjorg Ive seen it hall a cui fa seguito
il racconto del bombardamento: bilancio molto pesante dove i morti furono 132
(compresi tredici militari tedeschi) ed i feriti almeno un centinaio. Tra le vittime
anche bambini e ben ventisette ferrovieri mentre erano sul lavoro. Ha fatto seguito
la poesia I sgn de le bombe letta in dialetto da Luigi Boldori ed ecco entrare
in scena, molto applaudito, il coro Paulli diretto da Giorgio Scolari con Te deum
che precede lesibizione di Mimma DAvossa e Corrado con Pie Jesu di Faur.
Toccante la lettura dei nomi di tutti i caduti: cinque minuti sono occorsi per leggere
i nomi e ricordarli, solo una quindicina di secondi lattimo delle esplosioni che li ha
portati via Nel corso della serata si sono alternate foto inedite messe a disposi-
zione dallArchivio di Stato e da Roberto Caccialanza, molto suggestivo il balletto
di danza Sporting Life di Rossana Bettoli, Monica Savoldi e Lorenzo Sperzaga che
alla fine hanno mostrato le lettere che compongono la parola "futuro". Suona il
fischietto, si spengono le luci e termina tra emozioni e tanti applausi questa inedita
manifestazione promossa dal Dlf con la collaborazione della Provincia e Comune
di Cremona e dellAir Crash Po Soresina.
Oggi (15-20) e domani (10-20) presso il Circolo canottieri Dlf mostra fotografica
ed oggettistica gh Pippo smorsa la lus.
Massimo Malfatto
Ponte sul Po: ecco perch serve un nuovo
collegamento tra Lombardia ed Emilia
Grande successo per la rievocazione del bombardamento
LA COMMEMORAZIONE
3
punte sino a 24mila, secondo le stime
della Provincia di Piacenza). Si tratta
quindi di una struttura che presenta li-
miti intrinsechi. Basti pensare che un
tempo i tir pesavano 26 tonnellate, ora
ne pesano 44.
Ci sono pericoli immediati? Quello
no, perch comunque con una manu-
tenzione costante pu andare avanti a
sopravvivere - spiega il tecnico -. Tutta-
via per risolvere definitivamente il pro-
blema diventa necessaria a tutti i costi
la realizzazione del Terzo ponte.
Anche a fronte del fatto che i colle-
gamenti commerciali tra Lombardia ed
Emilia Romagna iniziano a scarseggiare:
i ponti che consentono il transito del traf-
fico pesante, infatti, sono sempre meno.
Il ponte di Pavia inibito al traffico pe-
sante per lo stesso motivo per cui stato
bloccato quello di Cremona. Quello di
Piacenza stato ricostruito, ma attraver-
sando il centro abitato non transitabile
dai tir. C' poi quello di San Nazaro, che
a sua volta interdetto al traffico pesan-
te per via della tortuosit dei percorsi.
Stessa cosa per i ponte di Castelnuovo
Bocca d'Adda. Non resta che il ponte
autostradale dell'A21. In questo scena-
rio, un Terzo ponte diventa una soluzione
necessaria, non solo in un'ottica territo-
riale, ma anche nazionale, come colle-
gamento tra nord e sud.
Una volta realizzato il terzo ponte, il
vecchio ponte di ferro potr essere sem-
plicemente dedicato al traffico leggero,
cosa che ora non possibile al 100%,
in quanto si toglierebbe la possibilit di
transitare anche ad autobus e veicoli di
soccorso.
Le origini del Ponte sul Po si collocano nella sto-
ria pi antica della citt di Cremona, che, espan-
dendosi, gi nel 1854 aveva iniziato ad avvicinarsi
al fiume, con la creazione della Strada-Passeggio
, che partiva dalla Porta del Dazio verso sud-ovest
(oggi viale Po).
PRIMI COLLEGAMENTI: IL PONTE DI BARCHE
Come si legge nel sito "PiacenzAntica.it" - che fa
riferimento ad un libro pubblicato alcuni anni fa da
Roberto Caccialanza - il primo vero collegamento
con la riva piacentina arriv una decina di anni dopo,
nell'agosto 1862, con la realizzazione di un ponte di
barche realizzato e gestito dalla Societ Anonima, co-
stituita allo scopo da 18 cittadini cremonesi e piacenti-
ni con a capo il presidente della Camera di Commercio
di Cremona. Attraversando il ponte, si raggiungeva
Mezzano Chitantolo-Castelvetro. Fu un grande evento
per il territorio. Tuttavia, ci furono alcune polemiche,
anche perch lobbligo di pagamento del pedaggio
fu sentito come una limitazione al commercio e alla
libera circolazione delle persone. Inizialmente il ponte
misurava 610 metri, che salirono a 832 a causa dellal-
largamento della sezione del fiume verso la sponda di
Cremona, che obblig ad attraversare un isolotto con
percorso sterrato. Nel 1868 il ponte di barche fu pro-
lungato a 880 metri; nel 1875 ne misurava quasi 970
(due tratte separate da un percorso sterrato sullisola
Mezzadri). Le ulteriori domande di prolungamento,
inoltrate al Ministero dei Lavori Pubblici alla fine degli
anni Settanta dellOttocento, ottennero risposte ne-
gative.
Fu proprio in questo periodo che nacque lidea di
un ponte fisso sul fiume, anche in considerazione dei
problemi legati alla manutenzione di quello esistente
e dei continui mutamenti del corso del Po, che ne im-
ponevano frequenti chiusure.
IL PRIMO PONTE
Nel 1876 si decise di costruire una ferrovia fra Cre-
mona e Borgo S. Donnino (oggi Fidenza): a questo
scopo, fu istituito un consorzio. I progetti del 1878
(Comuni di Cremona, Borgo S. Donnino, Polesine,
Zibello, Roccabianca e altri) e del 1879 (Deputazione
provinciale di Cremona), che prevedevano ledifica-
zione del ponte in localit Polesine, furono eliminati
su richiesta del deputato piacentino Ernesto Pasqua-
li. Egli si prodig per trovare una nuova
ubicazione, in accordo con le istituzioni
cremonesi. La lgge n. 333 del 23 luglio
1881 confer alle Province di Cremona
e di Piacenza il diritto di avere un pon-
te fisso sul Po, in congiungimento dei
rispettivi tratti di Strada Provinciale: in
virt di ci, il Governo avrebbe concorso
per met della spesa effettiva, le Provin-
ce e il Consorzio per la ferrovia Cremona-Borgo San
Donnino, in diversa misura, per la parte rimanente.
Dunque si procedette alla redazione del progetto di
massima e alle pratiche di richiesta dellautorizzazione
ministeriale. Alla fine del 1884 si valut che la relazione
stilata nel febbraio 1882 dallingegnere del Genio Ci-
vile Sante Rapaccioli, approvata dal Consiglio Supe-
riore del Lavori Pubblici e gi in fase di appalto, fosse
ormai superata.
Dunque si studi un nuovo progetto per abbinare
al percorso destinato alla viabilit ordinaria unaltro
per la linea ferroviaria Cremona-Fidenza. La conces-
sione fu accordata con Decreto Reale del 28 luglio
1883. Nel febbraio 1886 lUfficio del Genio Civile di
Cremona present il progetto del viadotto a doppio
uso, la cui ubicazione era stabilita a circa 400 metri a
monte del vecchio ponte in chiatte. Lappalto venne
assegnato il 29 ottobre 1886 alla Societ Nazionale
delle Officine di Savigliano (SNOS); la consegna dei
lavori ebbe luogo il successivo 17 novembre. Linizio
dei lavori risale allaprile 1887, con la delimitazione
dellarea destinata al cantiere e allinizio dellallesti-
mento del ponte di servizio. A causa di ritardi causati
da varianti riconosciute necessarie o utili, nonch da
modifiche sopraggiunte nel regime del fiume a seguito
di piene straordinarie, il ponte non venne inaugurato
nel 1890 - come previsto nel contratto - ma due an-
ni pi tardi; il costo finale ammont a 5.972.000 lire,
compresa la costruzione dei due terrapieni daccesso
(da Cremona e da Castelvetro) e lo spostamento del
tratto finale dellalveo del colatore Riglio, che allepo-
ca si immetteva nel Po proprio dove avrebbe dovuto
sorgere il manufatto.
L'INAUGURAZIONE, NEL 1892
Linaugurazione, che si svolse il 20 settembre 1892,
richiam autorit e spettatori da molte citt italiane
ed ebbe come ospite donore il ministro cremonese
Francesco Genala (in rappresentanza del Re), gran-
de sostenitore dellopera fin dagli inizi e personaggio
determinante a livello governativo per ottenerne la
realizzazione. Le principali vie cittadine, la Porta del
Dazio, il viale Po e lo stesso ponte furono addobbati
a festa con decorazioni imponenti e di grande effetto.
Tra il 17 settembre e il 2 ottobre furono organizzate
importanti manifestazioni culturali, sportive, nonch
spettacoli: levento ebbe una eco sulla stampa nazio-
nale e internazionale, anche per il fatto che allepoca
il nuovo manufatto era, nel suo genere, il
pi lungo dEuropa.
I RITARDI BUROCRATICI
Per motivi tecnico-burocratici, la linea
ferroviaria Cremona-Fidenza (e Cremo-
na-Piacenza) non entr in servizio fino
al 1906, quando tutto il percorso - es-
sendo trascorsi quattordici anni di inat-
tivit - dovette essere completamente ristrutturato.
Lanno successivo, a seguito di furibonde polemiche
e pressioni, fu attivato il primo impianto di illumina-
zione elettrica. Di l a pochi mesi si sarebbe verificata
una delle maggiori alluvioni, seguita da quella del 1926
(che tuttavia coinvolse Cremona solo marginalmente).
Nel febbraio 1929 si registrarono temperature polari,
perci il Po, alla pari di altri corsi dacqua grandi e
piccoli, si ghiacci.
IL BOMBARDAMENTO
Il ponte venne bombardato e la sezione sul Po fu
distrutta in seguito a varie incursioni che si succedet-
tero nel corso della II Guerra Mondiale, a partire dal 13
luglio 1944. Al termine del conflitto, si procedette alla
rimozione dei rottami e alla conseguente ricostruzio-
ne delle parti abbattute, nonch al ripristino di quelle
danneggiate, ovvero quelle verso la sponda piacen-
tina. Secondo tali informazioni si evince perci che il
tratto del percorso stradale verso Castelvetro ancora
quello originario dellOttocento: infatti allinterno del
portale dingresso si possono vedere ancora oggi le
targhe commemorative apposte nel 1892 dalla So-
ciet Nazionale delle Officine di Savigliano.
ALLUVIONI E PIENE
Agli eventi bellici seguirono lalluvione del 1951, la
notevole piena del 1968 e gli interventi di manuten-
zione, restauro e consolidamento degli anni Sessan-
ta e Settanta. Risale al maggio 1990 linaugurazione
del nuovo ponte ferroviario costruito parallelamente
al viadotto ottocentesco cui seguito lo smantella-
mento dellormai obsoleta vecchia travata. Non vanno
dimenticate le alluvioni record del 1994 e del 2000,
cos come le magre degli anni Duemila. Esigenze
improcrastinabili di sicurezza e manutenzione hanno
reso necessaria la profonda ristrutturazione dellintero
percorso stradale eseguito negli anni 2004-2005, che
ha permesso altres di sostituire la vecchia passerella
pedonale, stretta e insicura, con una assai pi ampia
e comodamente ciclabile. Daltronde il transito gior-
naliero, di circa 20.000 fra automobili e mezzi pesanti,
su questo manufatto progettato e costruito centoventi
anni fa crea evidentemente problemi statici che sono
oggetto di studi continui.
Dal ponte di barche a quello in ferro
Il primo vero collegamento di Cremona con la sponda piacentina
arriv nel 1862, ma la struttura che vediamo oggi risale al 1892
Fu inaugurato alla
presenza delle autorit
il 20 settembre
di Laura Bosio
asta con la vecchia conce-
zione di oratorio, quella che lo
individuava semplicemente
come un luogo in cui seguire
la catechesi e far giocare i
bambini. L'oratorio si rinnova, e lo fa par-
tendo da una proposta innovativa, deno-
minata "Giovani insieme". Si tratta di una
riflessione che parte da due livelli: da un
lato la volont di Regione Lombardia di
mettere a disposizione un co-finanzia-
mento (pari a circa 300mila euro) per an-
dare verso l'abbattimento della disoccu-
pazione giovanile, dall'altro lato c'
un'esigenza di tipo pi pastorale, da parte
delle Diocesi, di poter sperimentare qual-
che risorsa laicale giovanile - spiega il
presidente della Federazione Oratori di
Cremona, don Paolo Arienti -. Questo non
significa che si sta configurando una con-
notazione laicale degli oratori, ma che si
vogliono inserire dei giovani in mansioni
specifiche di carattere educativo, che ne-
cessitano di una continuit: dal cortile
all'animazione, alla progettazione di attivi-
t di vario tipo, escluse ovviamente quelle
catechistiche.
Tale progetto prevede in concreto il loro
inserimento lavorativo a supporto delle
attivit animative ed educative di alcuni
oratori dal 1 settembre 2014 al 31 agosto
2015. All'inizio - spiega ancora don Paolo
Arienti, presidente della Focr - dei 350
posti previsti in tutta la regione ce n'erano
stati assegnati 16, poi, data la richiesta,
siamo riusciti ad arrivare a venti. I giova-
ni, la cui et media si aggira sui 24 anni,
saranno assegnati agli oratori di Boschet-
to (Cremona), San Francesco (Cremona),
Sant'Antonio Maria Zaccaria (Cremona)
Brignano Gera d'Adda, Calvenzano, Cara-
vaggio, Casalmaggiore, Casirate d'Adda,
Cassano Annunciazione, Cassano San
Zeno, Cingia de' Botti, Dosimo, Motta
Baluffi, Pandino, Pizzighettone, Rivolta
d'Adda, San Bassano, Sospiro e Spinade-
sco. Uno sar assunto anche dalla Fede-
razione Oratori.
I giovani assunti percepiranno una retri-
buzione netta per un anno di 400 euro
mensili, a fronte di un impegno di 15 ore
settimanali. Il restante contributo, neces-
sario per coprire i costi del progetto, sar
a carico delle singole parrocchie chiamate
a investire complessivamente circa due-
mila euro per lintero anno. La retribuzione
avverr mediante il sistema dei voucher.
Questi giovani vanno ad affiancarsi al
gi presente impegno laicale dei volontari,
che da sempre rimane la spina dorsale
degli oratori stessi continua don Paolo.
E' uno dei primi passi nella direzione di
una nuova concezione degli oratori, che
abbandoni quella ormai vecchia e supera-
ta per assumere un ruolo sempre pi
educativo e di confronto. Come era una
volta non pi adeguato alla realt attua-
le: deve essere ripensato, ragionando per
riportare negli oratori i giovani in et uni-
versitaria - spiega don Paolo -. E' un per-
corso che si sviluppa su diversi fronti, con
la creazione di proposte qualificate: dalle
occasioni di incontro e di formazione spi-
rituale che non siano resuduati dell'adole-
scenza ma che trattino tematiche di un
certo livello, alle proposte pi di tipo cultu-
rale, che possano interessare i giovani
universitari. Per il prossimo anno, ad
esempio, stiamo preparando un percorso
incentrato sull'Expo 2015. L'oratorio deve
diventare il luogo in cui integrare la propo-
sta cristiana e il vissuto quotidiano di
ognuno. Bisogna pensare a proposte di
tipo culturale, ma anche di volontariato, di
servizio e di evangelizzazione.
Il progetto "Giovani insieme" sar dun-
que un primo passo. Ore le parrocchie
dovranno farci pervenire il piano di lavoro,
cio l'elenco delle cose che i neo assunti
dovranno fare nelle loro 15 ore settimanali
- continua don Paolo -: c' chi si dediche-
r al doposcuola, chi presieder il cortile
nei momenti di informalit, chi si occuper
della gestione amministrativa e chi delle
progettazione dei percorsi formativi. In
secondo luogo sar definito il contratto e
dal 1 settembre inizier l'inserimento la-
vorativo.
Don Arienti convinto che questa ini-
ziativa sia un ottimo sostegno educativo
alla ferialit dei nostri ambienti che pur-
troppo non sempre godono di presenze
significative soprattutto in alcuni orari del-
la giornata. In secondo luogo si tratta di
un grande investimento formativo su per-
sone che, anche una volta terminata
l'esperienza, continueranno certamente a
dare una mano in oratorio, ricchi di com-
petenze nuove e pi approfondite. C'
anche un terzo aspetto molto importante:
il progetto rafforza una logica di gestione
dell'oratorio nel segno della corresponsa-
bilit; non pi soli preti in prima linea, ma
anche giovani laici. E ancora questa inizia-
tiva fa capire che nel campo educativo
necessario sempre di pi investire delle
risorse sia in termini economici, sia di
tempo e sia di persone. Infine mi sembra
un'ottima idea per contrastare la dilagante
disoccupazione giovanile oltre che l'occa-
sione per dire a questi ragazzi che credia-
mo nelle loro potenzialit.
B
Al via un progetto contro la disoccupazione giovanile che comporter lassunzione di 20 giovani nelle strutture della Diocesi
Gli oratori diventano datori di lavoro
lunedi 19 luglio
Si va verso labbandono della vecchia concezione: diventano sempre pi luoghi di cultura e di confronto
Cronaca Sabato 12 Luglio 2014
4
Incontro
dei giovani
col vescovo
Luned 14 luglio, alle 19,
nella sede della Federazione
Oratori ci sar un primo incon-
tro di formazione cui parteci-
per anche mons. Lafranconi.
Dopo l'intervento del Vesco-
vo - continua don Arienti - la
serata sar divisa in due parti.
Nella prima, pi tecnica, stu-
dieremo il progetto regionale,
mentre nella seconda, pi pa-
storale, approfondiremo il do-
cumento diocesano su oratori
e pastorale giovanile. Ascolte-
remo anche la voce di un gio-
vane che proviene da unespe-
rienza di servizio laicale in Ora-
torio: a lui abbiamo chiesto di
portare un vissuto e ragionar-
ne con lucidit. A don Irvano
Maglia, delegato diocesano
per la pastorale, chiederemo
una riflessione sintetica sulla
pastorale dinsieme ed inte-
grata, nonch sulle linee guida
della Diocesi.
La formazione poi continue-
r nel tempo in maniera pi
personalizzata, in sinergia tra
F.O.Cr. e parrocchie che si
prenderanno in carico i ragaz-
zi. Previste anche delle verifi-
che lungo il cammino.
Don Paolo Arienti: Questi giovani vanno ad affiancarsi al gi
presente impegno laicale dei volontari, spina dorsale dellattivit
don Paolo Arienti
Sono settimane di fuoco per i pendola-
ri cremonesi: i ritardi sono diventati ormai
all'ordine del giorno, con medie di circa
mezz'ora, soprattutto per i convogli che
da Milano tornano a Cremona la sera.
Tantissime anche le soppressioni che si
susseguono quotidianamente, special-
mente sulla Cremona-Codogno.
Ma ad essere gravemente ammalorata
anche la situazione della tratta Cremo-
na-Brescia, che ultimamente ha vissuto
situazione di notevole disagio. A segnalar-
lo il Movimento 5 Stelle, dietro segnala-
zioni ricevute da alcuni cittadini.
Un problema che si presenta soprat-
tutto quando vengono utilizzate motrici
alimentate a gasolio, mentre con i treni
elettrici per il momento non si registrano
problematiche rilevanti evidenziano dal
Movimento. Questi disservizi vanno dai
ritardi rilevanti alle cancellazioni improvvi-
se e inspiegate delle corse e, come spie-
ga ancora M5S, avvengono solitamente
nel viaggio di ritorno, cio, dalla stazione
di Brescia a quella di Cremona. Molto
spesso il treno si presenta con ununica
carrozza, nella quale salgono tantissime
persone, che spesso sono costrette a
viaggiare in piedi e pigiate allinverosimile,
con frequenti malori di chi costretto in
questa posizione estremamente scomo-
da.
Recentemente, spiegano ancora dal
Movimento, si sono susseguiti ritardi di
ore, che hanno costretto chi doveva parti-
re da Brescia alle 17:43 ad arrivare a Cre-
mona alle 21, perch, una volta soppres-
so il treno senza alcuna spiegazione da
parte del personale ferroviario, i pendolari
hanno dovuto giocoforza utilizzare il servi-
zio alternativo del pullman, che viaggian-
do sulla provinciale ha accumulato tutto
questo ritardo.
Una situazione che non pu pi passa-
re sotto silenzio: Cremona e di conse-
guenza il suo sindaco devono essere con-
sapevoli che molti cittadini, quando sono
fortunati, hanno un lavoro fuori citt e,
oltre Milano, Brescia la citt che con la
sua universit e le sue aziende attira sem-
pre pi cremonesi per studio e lavoro
spiega il Movimento -. Quindi, in mancan-
za di alternative lavorative in citt e nelle
vicinanze, si deve cercare di fare il possi-
bile per offrire un servizio di spostamento
pi veloce ed efficace, perch insoppor-
tabile dover passare quasi tutta la propria
giornata su un mezzo pubblico.
Sempre nellambito del trasporto pub-
blico, dalla cittadinanza arriva anche
unaltra segnalazione, a cui da voce sem-
pre il M5S: La zona industriale di via
Sesto risulta sguarnita di una linea auto-
bus efficiente, in termini di fermate e di
orari di percorrenza, per consentire a chi
lavora in zona di spostarsi con i mezzi
pubblici. Un servizio di questo tipo fareb-
be risparmiare ai lavoratori molte spese
dovute alla gestione e manutenzione della
propria autovettura e la comunit ci gua-
dagnerebbe in salute per la riduzione
dellinquinamento.
Trasporto ferroviario, ritardi allordine del giorno
Ora problemi notevoli anche sulla Cremona-Brescia
Cronaca Sabato 12 Luglio 2014
5
di Giulia Sapelli
estate ha subito una battuta
di arresto improvvisa pro-
prio nel momento in cui
avrebbe dovuto fare pi
caldo, le temperature inve-
ce sono decisamente sotto la media e
una forte instabilit delle condizioni
meteorologiche provoca continui
temporali, anche di notevole inten-
sit.
Chi gi partito per le vacanze ora
ha a che fare con pioggia, vento,
temperature decisamente basse e
addirittura neve in montagna (ad
esempio sul passo dello Stelvio). Co-
me se non bastasse, in alcune zone -
come accaduto qualche giorno fa a
San Daniele Po - si sono riversate
vere e proprie bombe d'acqua, che
hanno provocato danni e allagamenti.
Molti anche i danni alle coltivazioni
soprattutto in Lombardia.
Il responsabile dellimprevista on-
data di maltempo che sta ritardando
l'estate il cedimento dellanticiclone
delle Azzorre che finora non riuscito
a consolidarsi come avrebbe dovuto.
Di conseguenza larrivo di un flusso
daria pi fresca dallOceano Atlanti-
co settentrionale, in particolare dalle
isole britanniche, ha invaso la Francia,
la Spagna e il centro Europa provo-
cando le perturbazioni per lo scontro
con laria calda. Lanticiclone era sta-
to influenzato negativamente dallin-
debolimento del monsone indiano il
quale ha risentito a sua volta dei primi
effetti di El Nio, il fenomeno che ri-
scalda le acque dellOceano Pacifico
e ora alle sue prime battute.
Ma a cosa dovuta questa situa-
zione cos anomala? lo spiega Giam-
paolo Minardi, meteorologo di Arpa
Lombardia. Questa assenza del tipi-
co caldo estivo, abbinata a una forte
piovosit, dovuta ad una circolazio-
ne atmosferica piuttosto variabile,
caratterizzata da frequenti perturba-
zioni che si protraggono da alcune
settimane. Questo provoca i continui
raffrescamenti e le piogge frequenti
che non permettono alle temperature
di alzarsi e di tornare nella media sta-
gionale.
Difficile trovare una causa generale
a questo stato di cose: un'ipotesi po-
trebbe essere quella del cambiamen-
to climatico, tuttavia qualcosa che
non si pu dire con certezza, in quan-
to il cambiamento climatico comun-
que un fenomeno graduale e che si
pu valutare solo nel tempo, come
parametro statistico. Di fatto conti-
nueranno ad esserci estati calde e al-
tre meno. Quello che si potuto os-
servare dagli studi specifici effettuati
che nel corso degli anni si sta verifi-
cando un innalzamento delle tempe-
rature minime e una maggior frequen-
za dei violenti rovesci temporaleschi,
pur non cambiando il quantitativo an-
nuo delle precipitazioni.
Dunque in questi giorni la tempera-
tura continuer a rimanere un pochino
pi bassa rispetto alla media stagio-
nale di soli uno-due gradi.
Il fine settimana sar caratterizza-
to da una forte instabilit, con almeno
due passaggi perturbati, uno nella
seconda met del sabato e l'altro tra
la sera del sabato e la mattina della
domenica. Nel corso della settimana,
dovremmo assistere a una stabilizza-
zione del bel tempo, con innalzamen-
to delle temperature e una riduzione
delle precipitazioni. Questa stabilit
sar comunque passeggera, in quan-
to nel corso di quella successiva le
temperature potrebbero riabbassarsi
al di sotto della media stagionale, con
un nuovo incremento delle precipita-
zioni. Questa situazione potrebbe du-
rare anche fino all'ultima settimana di
luglio.
L
Temperature sotto la media stagionale e frequenti precipitazioni hanno caratterizzato i primi mesi della bella stagione
Unestate incerta fino a fine luglio
Giampaolo Minardi: La prossima settimana avremo una maggiore stabilit, ma sar solo temporanea
Coldiretti: preoccupazione
per le coltivazioni
Larrivo del maltempo non rovina solo le va-
canze di molti italiani, ma fa perdere un intero
anno di lavoro agli agricoltori con la caduta della
grandine che danneggia irrimediabilmente la
frutta sugli alberi in fase di maturazione e le ver-
dure in campo. E quanto afferma la Coldiretti
nel commentare la nuova allerta meteo della
protezione civile per la perturbazione provenien-
te dal nord Europa che si abbatter su importan-
ti aree agricole del paese con temporali accom-
pagnati da grandinate, fulmini e forti raffiche di
vento. Le campagne si trovano in una fase sta-
gionale delicatissima dalla quale - sottolinea la
Coldiretti dipendono i risultati e le opportunit
di lavoro di molte aziende agricole. Larrivo di
una nuova perturbazione dopo il grande caldo
conferma i cambiamenti climatici in atto che si
manifestano proprio - conclude la Coldiretti -
con la pi elevata frequenza di eventi estremi
con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed
intense con vere e proprie bombe dacqua.
Il magazine
disponibile qui:
Corso Garibaldi 228, CREMONA
VIA BISSOLATI, 88 - CREMONA
Troverete il Ricettario tutti giorni
dalle ore 16.00 in poi
Via Cascina Albera - SALVIROLA (CR)
Salumeria
Gastronomia
C.so Mazzini, 41
Cremona
Tel. 366 4099096
CASTELVERDE (CR) via Bergamo 34
Tel. 0372 427318
info@paolospotti.com
PIAZZA ROMA, 22/A
VESCOVATO (CR)
TEL. 0372 830430
Cremona - Bosco Ex Parmigiano
Persichello - Bassano Bresciano
CREMONA
VIA MANTOVA,
54/C
CREMA (CR)
VIA MILANO, 63
Via San Bernardo 37, CREMONA
VIA LIBERT, 31 - PIADENA (CR) VIA MILANO, 12 - CREMONA
d
'
state
E
state
Le Le
di Vanni Raineri
nnamaria Babbini l a
nuova Madre Generale del-
le Suore Canossiane. E
stata promossa (lei non
userebbe questa espres-
sione) dal ruolo di Vicaria Generale lo
scorso 8 maggio, festa della fondatrice
dellIstituto delle Figlie della Carit (le
Canossiane, appunto). Si tratta infatti
della ricorrenza in cui Santa Maddalena
di Canossa fond la congregazione.
Suor Annamaria cremonese, anzi
di pi: lorgoglio per la sua importante
nomina coinvolge tutta la provincia.
Questo perch il padre cremonese, la
madre casalasca e lei nata nel crema-
sco. E figlia infatti di Ernesto Babbini
e Norma Raineri. Lui, originario di
Ostiano, era segretario comunale (oltre
che apprezzato pittore), e per questo si
spostava con frequenza; da qui la na-
scita di Annamaria a Rivolta dAdda,
dove il padre svolgeva in quel periodo
(siamo nel novembre del 1945, a guerra
appena terminata) le sue funzioni. Poi i
genitori si spostarono definitivamente a
Grumello Cremonese, dove hanno vis-
suto anche i fratelli di Annamaria Alber-
to (purtroppo venuto a mancare) e Mi-
rella. La madre Norma invece di Tor-
ricella del Pizzo, sorella di Teofilo Nel-
lo, conosciuto per aver gestito per
decenni una macelleria in paese, e di
Nella, tra le altre cose nonna del perso-
naggio televisivo Raffaello Tonon.
Dopo la scelta fatta in giovane et di
prendere i voti, Annamaria Babbini ini-
zi la sua formazione a Vimercate. Se-
guirono un periodo di studi a Roma e in
Inghilterra e quindi lincarico in Argenti-
na, dove rimasta per ben 35 anni tra-
scorsi ad insegnare nelle scuole e a
servire con slancio apostolico. In quel
periodo stata Madre Maestra delle
novizie e superiora provinciale per 12
anni. Negli anni pi recenti, una nuova
missione in Paraguay e quindi gli incari-
chi di pi alto livello nella Congregazio-
ne religiosa, prima Vicario Generale e
poi, appunto, Madre Generale, vale a
dire guida per tutte le Canossiane nel
mondo. Nel nuovo incarico suor Anna-
maria sar coadiuvata da madre Anne
Tan di Singapore ( lei la nuova vicaria
generale), madre Elma Escalante delle
Filippine e le italiane madre Sandra
Maggiolo e madre Maria Marta Bai-
guera, missionaria in Africa.
La congregazione fondata l8 mag-
gio del 1808 da Maddalena di Canossa
si diffuse rapidamente in Lombardia e
Veneto, e la prima casa allestero fu
aperta ad Hong Kong. In breve tempo
la congregazione venne approvata da
papa Leone XII e recentemente, nel
1988, Giovanni Paolo II proclam santa
la sua fondatrice.
Oggi le canossiane sono presenti in
vari paesi dEuropa, in gran parte
dellAfrica, dellAmerica e dellAsia
orientale oltre che in Oceania, divise in
circa 350 case. La sede generalizia a
Roma. La loro azione si sviluppa so-
prattutto nei settori catechistico, scola-
stico e assistenziale.
La nomina di Annamaria Babbini a
Superiora Generale stata accolta con
entusiasmo dalle sorelle, che non han-
no fatto mancare il loro appoggio e le
preghiere. Auguri sono giunti da ogni
parte, dalla Fondazione Canossiana al-
le case dagli angoli pi remoti dei 35
paesi in cui sono presenti le religiose.
Qualche giorno dopo la promozione a
Madre Generale, suor Annamaria ha
assistito all'udienza di Papa Francesco
in piazza San Pietro ed ha potuto in-
contrare personalmente papa Bergo-
glio, il quale ha benedetto tutte le sorel-
le dell'Istituto guidato dalla suora cre-
monese.
A
Suor Annamaria Babbini, nata a Rivolta d'Adda da padre cremonese e madre casalasca, per 35 anni in Argentina e oggi Madre Generale
Una guida cremonese per le Canossiane
A sinistra Annamaria Babbini nel saluto ufficiale di insediamento, a destra mentre riceve la benedizione di Papa Francesco
Questo l'inizio del saluto ufficiale pro-
nunciato da Annamaria Babbini il giorno
dell'insediamento nella nuova carica.
Carissime sorelle, siamo allinizio di
un nuovo cammino, che introduce ai
prossimi sei anni. Come nel momento
dellaccettazione di questo mandato, ri-
peto il mio eccomi, al Signore e a voi,
che rappresentate lIstituto intero. Vi
ringrazio per la vostra accoglienza e per
la vostra disponibilit a collaborare e a
camminare insieme. Il vostro atteggia-
mento di accettazione, il vostro atteg-
giamento fraterno, mi di molto aiuto e
mi apre alla speranza. Desidero comin-
ciare il mandato con alcune parole di
Papa Francesco, per me molto significa-
tive in questo momento, perch rispon-
dono a quanto ho nel cuore. Lui diceva,
parlando di certe cariche della Curia
Romana: Non si tratta di una promozio-
ne, n di un onore, ma semplicemente di
un servizio, che esige di ampliare lo
sguardo e allargare il cuore. Questa
capacit di guardare pi lontano e ama-
re pi universalmente, e con maggiore
intensit, si acquista solo seguendo la
stessa via del Signore: la via dellabbas-
samento e dellumilt, prendendo forma
di servitore, per facendolo con gioia e
con cuore semplice e umile. Lumilt ci
aiuta perch una virt essenzialmente
relazionale. Benedetto XVI definisce
lumilt come virt dellunit.
Nel saluto ufficiale
i riferimenti ai papi
Benedetto e Francesco
Il Consorzio Casalasco del Pomodoro ha
firmato un accordo orizzontale tra le filiere con
il Gruppo Barilla, leader nei settori di pasta,
sughi e prodotti da forno. Il CCDP era gi part-
ner di Barilla per lo sviluppo, la produzione e il
confezionamento di prodotti derivati del po-
modoro.
Come noto, il Consorzio cremonese asso-
cia oltre 300 aziende agricole site principal-
mente nelle provincie di Parma, Piacenza,
Cremona e Mantova, che coltivano a pomo-
doro circa 4.500 ettari di terreno. La produzio-
ne complessiva di 350.000 tonnellate di po-
modoro fresco e copre lintera filiera del po-
modoro, dal seme al prodotto finito.
Laccordo, che prevede linterazione tra fi-
liera pomodoro e filiera grano duro, si inseri-
sce allinterno del pi amplio progetto Agri-
coltura Sostenibile (Barilla Sustainable Far-
ming) che questanno ha gi visto alla firma di
due precedenti accordi di filiera nellambito
della coltivazione e della rotazione di grano,
barbabietola da zucchero, colza e girasole.
Il Gruppo parmense, infatti, uno dei prin-
cipali utilizzatori di grano duro in Italia e, come
tale, intende promuovere progetti volti a mi-
gliorare la coltivazione, in termini di sostenibi-
lit economica ed ambientale. Laccordo con il
Consorzio Casalasco del Pomodoro, dunque,
dome afferma il comunicato di Barilla, nasce
nel segno di un ulteriore impegno nel promuo-
vere lo sviluppo di attivit congiunte e sinergi-
che con filiere di altre colture, sviluppando
collaborazioni di tipo orizzontale con realt
affidabili del sistema agro-alimentare italiano
che abbiano intrapreso un percorso similare di
sostenibilit ambientale, economica e sociale.
Anche attraverso questo quarto accordo con
Casalasco, Barilla intende supportare gli agri-
coltori nello sviluppo di un sistema pluriennale
di coltivazione sostenibile, garantendo sboc-
chi commerciali a tutte le colture in rotazione,
ritenendo che la corretta ripartizione del valore
economico allinterno della filiera sia uno dei
pilastri fondanti del legame tra mondo agrico-
lo, territorio e industria.
Questo modello di Agricoltura sostenibile
da noi perseguito commenta Paolo Barilla,
Vice Presidente del Gruppo Barilla - anche
nell'interesse dei consumatori, perch solo
attraverso limpegno continuo dell'azienda a
gestire la qualit, la sicurezza alimentare e
l'impatto ambientale lungo tutta la filiera pos-
siamo garantire prodotti migliori valorizzando
le materie prime made in Italy.
Le aziende agricole e gli stabilimenti del
Consorzio Casalasco del Pomodoro, cos co-
me la filiera e la tracciabilit, sono certificati
secondo i pi elevati standard italiani ed euro-
pei. Ladesione a protocolli volontari come il
Global Gap - esteso a tutte le aziende agricole
socie - o a network come la SAI Platform testi-
moniano la costante attenzione per lambiente
e per una produzione sempre pi sostenibile.
Questo progetto, frutto della ormai conso-
lidata partnership con Barilla - dichiara Co-
stantino Vaia, DG del Consorzio Casalasco
del Pomodoro - oltre a rappresentare unulte-
riore opportunit di crescita e valorizzazione
del nostro territorio, evidenzia un chiaro impe-
gno allo sviluppo di un sistema di cooperazio-
ne etico e sinergico per il miglioramento degli
standard ambientali, sociali ed economici.
Il Decalogo per la Coltivazione Sostenibile
del Grano Duro di Qualit realizzato e pro-
mosso da Barilla riafferma il ruolo centrale
della rotazione delle colture.
Lavvicendamento tra diverse specie vege-
tali sugli stessi appezzamenti di fondamen-
tale importanza per il miglioramento delleffi-
cienza della coltivazione e la conseguente ri-
duzione dellimpatto ambientale. Infatti grazie
ai corretti cicli di rotazione possibile ottimiz-
zare limpiego di agro farmaci, migliorare la
gestione dei fertilizzanti, difendere la biodiver-
sit e incrementare la fertilit dei suoli e non
ultimo ridurre i rischi legati alla food safety.
Importante risultato dellazienda di Rivarolo del Re finalizzato all'agricoltura sostenibile e a garantire sbocchi commerciali agli agricoltori
Consorzio Casalasco del Pomodoro, accordo tra filiere con Barilla
Cronaca Sabato 12 Luglio 2014
6
Costantino Vaia Paolo Barilla
Cronaca
Sabato 12 Luglio 2014
7
di Laura Bosio
i assessore della giunta Per-
ri, Claudio Demicheli pron-
to a contrastare politicamen-
te la nuova amministrazione,
pur non tralasciando qualche
critica alla coalizione che non riuscita
a riconfermare il sindaco uscente alla
guida della citt. come nel caso della
Lega cremonese che, secondo l'ex as-
sessore, ha sbagliato su tutti i fronti.
Demicheli in particolare critica la diri-
genza cittadina: E' un partito di poltro-
ne e finch ci non cambier continue-
r a perdere credibilit, come dimostra
il fatto che hanno quasi dimezzato i con-
sensi elettorali.
A questo proposito ho mandato un
corposo dossier a Milano, allegando gli
articoli che documentano la loro attivit
in questi mesi e come si sono compor-
tati in campagna elettorale. Ho ancora
molti rapporti con militanti e sostenitori
e posso affermare con certezza che se
da Milano decidessero di azzerare l'at-
tuale segreteria ci sarebbero un centi-
naio di sostenitori usciti dal partito che
rientrerebbero subito, me compreso.
Non ho mai abbandonato la tessera del
partito, che ho sempre in tasca, anche
se non l'ho fatta a Cremona.
Accennava agli errori dell'ammini-
strazione di Oreste Perri...
L'amministrazione Perri ha fatto
davvero molte cose, solo che non sta-
ta in grado di comunicarle come si de-
ve. Errore, peraltro, fatto anche in cam-
pagna elettorale, dove la comunicazio-
ne ha lasciato davvero a desiderare.
E ora, il centrodestra?
Innanzitutto necessario che vi sia
un ricompattamento a livello nazionale,
con l'individuazione di nuovi leader, co-
me potrebbero essere personaggi del
calibro di Tosi, Maroni o Cattaneo, che
sappiano traghettare il centrodestra
verso le prossime elezioni. Naturalmen-
te anche a livello cittadino le cose de-
vono cambiare e serve un leader forte,
che oggi non esiste. Mi immagino una
persona della societ civile, meglio an-
cora se donna.
Parliamo dell'amministrazione at-
tuale. Galimberti sindaco da un me-
se. Prime valutazioni?
E' presto per fare un'analisi appro-
fondita, ma senza dubbio si pu fare
una valutazione su come ci si trovi di
fronte di nuovo alla vecchia politica. La
giunta composta da vecchi politici
navigati e nell'ufficio del sindaco sono
tornati a gravitare i personaggi di un
tempo, come Lodovico Ghelfi. Senza
contare che ogni mattina nell'ufficio del
sindaco si reca l'ex primo cittadino Pa-
olo Bodini ... Sempre gli stessi uomini.
E come al solito il Pd non premia chi ha
preso pi voti, come accaduto per
Santo Canale, ma gli uomini di partito.
Un altro grande problema quello
della comunicazione verso l'esterno:
nessun assessore rilascia dichiarazioni
senza passare dall'ufficio stampa, non
ricevono i cittadini ... se ne stanno chiu-
si nei loro uffici e basta.
E' il ritorno della democrazia russa,
dove nessuno deve vedere
e sentire nulla. La traspa-
renza che era garantita
dall'amministrazione Perri
ora di certo non esiste pi.
Anche dal punto di vista
amministrativo qualcosa
non va: anche il fatto che
abbiano dato ordine ai propri uffici di
alienare i beni comunali non un buon
segno. Devono iniziare a trovare i soldi
per rispettare tutti gli impegni che il Co-
mune ha, dal contributo al Ponchielli a
quello del Pareggiato.
Cos come mi risultano incomprensi-
bili le dichiarazioni di Carletti in merito
alla eliminazione dei passaggi a livello
e al fatto che il cantiere di via Brescia
non dovrebbe neppure iniziare, quando
invece un'opera gi finanziata e ap-
provata e non pu certo esser stoppa-
ta. Insomma, manca la conoscenza
amministrativa da parte degli stessi
membri della coalizione.
Il suo ex collega asses-
sore Bordi, ha attaccato
Lgh per la questione
dell'inceneritore. Lei cosa
ne pensa?
L'amministrazione Perri
aveva realizzato un percor-
so condiviso, insieme alla
Regione, per arrivare allo spegnimento,
e si stava procedendo in quella direzio-
ne, incrementando la raccolta differen-
ziata. Non semplice confrontarsi con
strutture che devono creare reddito.
Galimberti ha promesso che lo
spegner entro tre anni... secondo lei
possibile?
Credo che si possa arrivare alla
chiusura tra i 3 e i 5 anni. Per ricordia-
mo che quell'impianto produce calore
e reddito e che prima di spegnerlo bi-
sogna trovare una valida alternativa per
lo smaltimento di rifiuti.
E Claudio Demicheli che far ora,
dopo l'esperienza di assessore?
In questo momento mi godo le fe-
rie. Per il "dopo" sto valutando diverse
opzioni. Potrei rientrare ad Aem, ma so-
lo se mi facessero un'offerta degna di
nota. Per il resto sto valutando altre of-
ferte di lavoro, presso uffici legali e ver-
tenze in associazioni di categoria o
nell'ambito del commercio.
Dal punto di vista politico, porto
avanti il lavoro della mia lista, che co-
munque ha raccolto quasi un migliaio
di consensi. Come ho gi detto ho an-
cora rapporti anche con la Lega nazio-
nale, e una tessera in tasca. Non esclu-
do che potrei rientrare, qualora cam-
biasse la dirigenza cittadina.
Intervista a Claudio Demicheli, ex assessore comunale: Sono pronto a rientrare nella Lega Nord se cambia la dirigenza cittadina
Nuovo sindaco, vecchia aria. E tutti chiusi negli uffici
G
Inceneritore? Si
potr chiudere
in 3-5 anni
Nel centrodestra necessario un ricompattamento a livello nazionale, con lindividuazione di nuovi leader. Stesso discorso vale per il livello locale
Festa dellUnit, appuntamento alle Colonie
Padane fino al 21 giugno con tante iniziative
Autovelox via Persico: nuovi avvisatori,
ma il Comitato far ricorso al Tar
Ha preso il via in questi giorni la
Festa dellUnit, organizzata dal
Partito democratico cremonese,
presso la storica cornice delle Colo-
nie Padane, che proseguir fino al
21 giugno. Per l'occasione saranno
in arrivo a Cremona, tra gli ospiti, il
vicesegretario nazionale del Pd Lo-
renzo Guerini, il vicepresidente del
Pd (e presidente della Regione Friu-
li) Debora Serracchiani e lex segre-
tario Pierluigi Bersani.
La vittoria di Cremona, e pi in
generale lo straordinario risultato
delle elezioni europee, ha caricato il
Pd ha sottolineato il segretario
proviciale Matteo Piloni di una
grande responsabilit di guida e
punto di riferimento in grado di sa-
per affrontare le grandi e difficili sfi-
de che abbiamo di fronte, a partire
dalla riforma delle province. Oggi
abbiamo costruito le condizioni per
le quali anche a Cremona una nuo-
va classe dirigente pu e deve di-
mostrare di essere tale e allaltezza
della situazione. Il nostro impegno
va tutto in questa direzione, anche
nelle nostre belle feste che, grazie al
cuore e alla passio- ne di centinaia
di volontari e militanti, da tanti anni
regalano ai cremonesi loccasione
di trascorrere lestate in citt e al Pd
lopportunit di finanziare la nostra
attivit.
Nell'ambito della mamifestazione
sar presente uno spazio di sensibi-
lizzazione contro la violenza sulle
donne: Chiediamo ai cittadini di
partecipare inviando a info@pdcre-
mona.it pensieri o citazioni a soste-
gno del rispetto della donna, frasi
che saranno stampate su cartoncini
e appese su un albero dedicato alla
lotta contro la violenza sulle don-
ne. spiega Elena Bernardini, della
segreteria provinciale.
Lincontro con Guerini ci sar vener-
d 11 (alle 21), mentre venerd 18
(alle 21,30) ci sar quello con la Ser-
racchiani e luned 21 (alle 21) quello
con Bersani. In programma anche
incontri a carattere pi locale, come
quello previsto per marted 15 (alle
21) con il neosindaco di Cremona
Gianluca Galimberti, il vicesindaco
Maura Ruggeri e gli assessori An-
drea Virgilio e Alessa Manfredini.
Spazio anche a musica e a mostre.
Il Comune di Cremona torna sulla questione
dell'autovelox di via Persico, dopo l'incontro
dello scorso primo luglio: una riunione tecni-
ca si svolta gioved pomeriggio. L'assesso-
re alla Citt Vivibile e alla Rigenerazione Ur-
bana con delega alla Sicurezza Barbara
Manfredini, affiancata dal comandante reg-
gente della Polizia Locale Fabio Germn
Ballarino e dal vice comandante Pierluigi
Sforza, ha incontrato i rappresentanti del
comitato Sposta l'autovelox e del comitato
di quartiere Maristella. In sintesi questi gli
aggiornamenti che l'amministrazione comu-
nale ha portato all'attenzione dei due comita-
ti: gli avvisatori a display della velocit di
viaggio sono gi stati ordinati, pattuglie della
Polizia Locale hanno svolto azione preventi-
va in localit Maristella e Case Nuove, lan-
damento delle sanzioni si stabilizzato sulle
60/70 violazioni giornaliere, lo sportello dedi-
cato stato attivato al Comando di piazza
Libert, sono stati distribuiti volantini infor-
mativi al quartiere Maristella e nei comuni di
Persico Dosimo e Grontardo. Dal canto suo il
comitato Sposta lautovelox, costituitosi
formalmente nel tardo pomeriggio di marte-
d, sembra intenzionato a proseguire lungo la
strada intrapresa: quella del ricorso al Tar.
Una cinquantina le persone presenti, che si
sono trovate concordi sulla necessit di fare
ricorso al Tar. I nostri avvocati (Gian Andrea
Balzarini e Massimo Nicoli) hanno in mano
elementi sufficienti per giustificare il ricorso
- evidenzia il presidente del Comitato, Massi-
miliano Zagheni -. Quello che i residenti del
Maristella hanno chiesto non era un autove-
lox in quella posizione, e chiediamo che
venga spostato. Sono gi oltre 230 gli ade-
renti al Gruppo spontaneo nato su Facebo-
ok, ma ancora non si sa con esattezza quan-
ti aderiranno al ricorso, che coster 25 euro a
testa. Nei primi 10 giorni di autovelox sono
state date 450 multe al giorno spiega anco-
ra Zagheni -. Inoltre il Comune si coperto di
ridicolo con questa storia: nel giro di 800
metri abbiamo un semaforo regolato dalla
velocit, un autovelox e in pi ogni tanto si
colloca anche una pattuglia con il telelaser.
Claudio DeMicheli
di Giulia Sapelli
empo di crisi anche per il ma-
trimonio? Certo che divorzi
e separazioni sono molto nu-
merosi. quindi di forte attua-
lit il disegno di legge sul co-
siddetto divorzio breve: basteranno do-
dici mesi di separazione giudiziale o
addirittura sei mesi di consensuale, in-
dipendentemente dalla presenza o me-
no di figli, per concludere un matrimonio
in via definitiva.
Con questo nuovo istituto, lo sciogli-
mento della comunione dei beni sar
possibile gi dal momento in cui arriva
l'autorizzazione da parte del giudice a
vivere separatamente.
In Italia, oltre 200mila coppie potreb-
bero avvalersi di questa normativa fin
da subito, in quanto sono gi separati,
ma non hanno ancora maturato il perio-
do minimo di tre anni attualmente ri-
chiesto.
Oggi, in media, passano tre anni e
otto mesi tra il momento in cui si ricono-
sce la crisi di coppia e quello dell'addio
definitivo. Questo nel caso pi sempli-
ce, quando cio marito e moglie si se-
parano consensualmente.
Secondo il disegno di legge, inoltre,
cambierebbe il momento da cui calcola-
re il decorso del periodo di separazione:
oggi si considera la comparizione di
marito e moglie di fronte al presidente
del tribunale, mentre, con il divorzio
breve, i termini inizierebbero dalla noti-
fica della domanda di separazione o dal
deposito del ricorso, se presentato
insieme dai due coniugi.
Inoltre, mentre ora occorre sempre
attendere, prima di presentare la do-
manda di divorzio, che la separazione
giudiziale sia pronunciata con sentenza
passata in giudicato, nel ddl sul divor-
zio breve si prevede di poter chiedere
lo scioglimento del matrimonio anche
se il giudizio di separazione in corso e
sono ancora pendenti le domande ac-
cessorie.
T
In fase di approvazione il nuovo Disegno di legge che riduce il tempo necessario a ottenere lo scioglimento del matrimonio
Firmato un protocollo di intesa tra Regione Lombardia e Rfi per garantire un miglioramento del servizio per i pendolari
Treni, al via gli interventi sulla linea
Le continue proteste dei pendolari e
forse anche lo sciopero del biglietto attua-
to in queste settimane iniziano a sortire dei
primi effetti per la disastrata linea ferrovia-
ria che collega Mantova a Milano, passan-
do per Cremona e Codogno. E' di gioved
pomeriggio, infatti, il protocollo di intesa
siglato in Regione Lombardia dall'asses-
sore regionale alle Infrastrutture e Mobilit
Alberto Cavalli con il direttore commercia-
le di Rete Ferroviaria Italiana Orazio Iaco-
no. Scopo del documento di individuare
gli interventi infrastrutturali necessari per
migliorare l'orario e garantire livelli di qua-
lit superiori a quelli attuali; unire le forze
per reperire i fondi necessari ad attuarli.
Questa tratta - ha spiegato Cavalli -
rappresenta per noi un nodo cruciale. Pur
non essendo di nostra propriet, abbiamo
deciso di investire per svilupparla. Non
certo un caso, infatti, che 2 dei 4 nuovi
treni Vivalto (da 720 posti) recentemente
messi in servizio siano stati destinati pro-
prio alla tratta Milano-Mantova. I Lombardi
utilizzano sempre pi il Trasporto pubblico
locale e richiedono un servizio migliore e il
nostro impegno deve concretamente cor-
rispondere a questa richiesta.
L'assessore non ha nascosto l'insoddi-
sfazione di Regione Lombardia per le per-
formance che sta facendo registrare la
tratta. Una puntualit al 75 per cento - ha
detto - del tutto inaccettabile. E' una
delle tratte peggiori sul territorio regionale.
Per questo continuiamo a chiedere a Tre-
nord di garantire un servizio migliore. Ab-
biamo chiesto, e garantiamo, a Rfi un
maggior impegno perch molti problemi
sono legati a un'infrastruttura inadeguata
che , per molti chilometri, a binario unico.
Abbiamo individuato i punti sui quali inter-
venire e da l partiamo. Rfi garantisce di
prevedere nella pianificazione dei propri
interventi ferroviari, anche quelli definiti
concordemente. Essendo proprietaria del-
la linea, Rfi potr acquisire dallo Stato le
risorse necessarie in quanto espressione
del gruppo Fs e Regione Lombardia repe-
rire nei limiti del proprio Bilancio fondi a ti-
tolo di cofinanziamento.
Uno dei primi punti su cui si deciso di
intervenire quello del cadenzamento. Il
modello di esercizio futuro prevede la tra-
sformazione dell'attuale cadenzamento di
un treno ogni due ore, in cadenzamento
orario.
Per consentire la riduzione degli inter-
valli di invio dei treni sulla linea, stata in-
dividuata come prioritaria la realizzazione
di posti di blocco intermedi nella tratta
Mantova-Castellucchio; Castellucchio-
Marcaria; Villetta-Cremona e Pizzighetto-
ne-Codogno.
Si sta anche lavorando nella direzione di
eliminare i passaggi a livello, che ad oggi
sono ancora 71 in pochi chilometri di trat-
ta.
L'accordo prevede poi la progettazione
e la realizzazione di alcune opere infra-
strutturali: sottopassi, adeguamento dei
marciapiedi e velocizzazione della linea,
per migliorare l'accessibilit degli impianti
di Marcaria, Torre de' Picenardi, Bozzolo,
Castellucchio e Piadena; interventi tecno-
logici per l'aumento della potenzialit delle
tratte nevralgiche delle linea in particolare
Mantova-Castellucchio, Castellucchio-
Marcaria, Villetta Malagnino-Cremona,
Pizzighettone-Codogno; rinnovo dei binari
e potenziamento tecnologico; interventi
nelle stazioni per l'incremento dello stan-
dard di accessibilit, che comporteranno
un miglioramento nella fruizione del servi-
zio e l'integrazione tra diverse modalit di
trasporto, ciclabile e con i bus del Traspor-
to pubblico locale.
Regione Lombardia e Rfi hanno quindi
deciso di istituire un Tavolo tecnico, che si
riunir con cadenza almeno trimestrale,
per proseguire in modo sistematico il lavo-
ro di confronto, che verr evidentemente
condiviso con il territorio, gli Enti locali e le
Associazioni; definire le priorit degli inter-
venti, predisporre gli accordi attuativi per
la realizzazione degli interventi e monito-
rarne l'attuazione.
Una volta terminati, gli interventi di po-
tenziamento infrastrutturale previsti sulla
linea Milano-Cremona-Mantova consenti-
ranno un miglioramento dei servizi, soprat-
tutto quelli dedicati al trasporto pendolare.
Queste migliorie consentiranno anche
un flusso pi fluido delle merci durante le
ore notturne, quando non sono in servizio
i treni pendolari.
Per far fronte alla situazione di conti-
nui arrivi di profughi e richiedenti asilo in
citt, la Prefettura di Cremona ha emana-
to un nuovo bando di gara per la proce-
dura aperta volta allindividuazione di pi
soggetti per la stipula di convenzioni per
laffidamento del servizio di accoglienza,
in provincia di Cremona, in favore di cit-
tadini stranieri richiedenti protezione in-
ternazionale, in attesa di inserimento nei
centri governativi, ovvero nel circuito
Sprar. Il bando riguarda quindi strutture
che si rendano disponibili ad ospitare i ri-
chiedenti asilo per un periodo tempora-
neo, garantendo per tutti i servizi previ-
sti dal bando: dalla gestione amministra-
tiva degli ospiti allassistenza alla perso-
na, dalla pulizia delle camere alleroga-
zione dei pasti (3 al giorno). La struttura
ospitante dovr altres garantire la forni-
tura dei prodotti per ligiene personale.
Inoltre ad ogni ospite verr erogato un
poket money pari a 2,50 al giorno per
un massimo di 7,50 euro a nucleo fami-
liare, erogato sotto forma di buoni o di
carte prepagate, nonch una tessera te-
lefonica da 15 euro. Per tutti gli ospiti
previsto un servizio di mediazione lingui-
stica e culturale, finalizzato allintegrazio-
ne sul territorio.
Ottomila euro per ripristinare larredo urbano
cittadino in alcune aree verdi che hanno subito
danneggiamenti a strutture e cose, al fine di ren-
derle pi vivibili per i cittadini. Lo stanziamento, fi-
nalizzato a una manutenzione straordinaria, sta-
to approvato nei giorni scorsi dal Comune di Cre-
mona, In seguito a danneggiamenti e rotture di ti-
po diverso, si rendono necessari interventi di ma-
nutenzione straordinaria sullarredo urbano, ubica-
to in aree verdi comunali diverse si legge nella de-
libera comunale. Questi interventi riguardano il ri-
pristino di percorsi pedonali, la riparazione degli
impianti di irrigazione, nonch la fornitura e posa
di giochi nuovi in sostituzione di quelli rimossi e la
riparazione di giochi esistenti.
IN BREVE
Bando per la gestione dellaccoglienza profughi Parchi, riqualificazione
Il gruppo regionale del Partito De-
mocratico, guidato dal consigliere
Agostino Alloni, nella giornata di lu-
ned 14 luglio sar a Crema e a Cre-
mona per la prima tappa di un tour
che lo porter in tutte le province
lombarde a illustrare la propria pro-
posta di riforma della sanit regiona-
le, quanto mai necessaria dopo la
stagione di scandali di cui stata
protagonista negli ultimi anni. All'ini-
ziativa parteciperanno, oltre ad Allo-
ni, il segretario regionale Alessandro
Alfieri, il capogruppo Enrico Bram-
billa, la vicepresidente del Consiglio
regionale Sara Valmaggi e il capode-
legazione in commissione sanit
Carlo Borghetti: alle ore 11 a Cremo-
na, nella sala Zanoni (via Antico Pas-
seggio), si terr l'incontro con gli
operatori. La sanit lombarda va
certamente riformata spiega Alloni
e oggi lo sostiene anche il centro-
destra, che finalmente sta abboz-
zando alcune ipotesi concrete di la-
voro. Noi abbiamo formulato nostre
proposte precise che ora vogliamo
presentare a tutti gli operatori per
avere suggerimenti e anche critiche,
se ci saranno.
Riforma sanit, il Pd presenta la propria idea
Secondo i dati Istat sono circa 200mila le persone che potrebbero usufruire fin da subito della legge
Cronaca Sabato 12 Luglio 2014
8
Lassessore Alberto Cavalli
I DATI
Secondo l'ultima indagine Istat, nel 2012
le separazioni sono state 88.288 e i divorzi
51.319, entrambi in calo rispetto allanno
precedente (rispettivamente -0,6% e -4,6%)
Anche i tassi di separazione e di divorzio,
in continua crescita dal 1995, hanno una
battuta darresto nel 2012. Per ogni 1.000
matrimoni si contano 311 separazioni e 174
divorzi.
La durata media del matrimonio al mo-
mento delliscrizione a ruolo del procedi-
mento risulta di 16 anni per le separazioni e
di 19 anni per i divorzi.
I matrimoni pi recenti durano di meno.
Confrontando i matrimoni celebrati nel 1985
con quelli del 2005, le unioni interrotte dopo
sette anni sono raddoppiate, passando dal
4,5% al 9,3%.
Let media alla separazione di circa 47
anni per i mariti e di 44 per le mogli; in caso
di divorzio raggiunge, rispettivamente, 49 e
46 anni. Questi valori sono aumentati negli
anni per effetto della posticipazione delle
nozze in et pi mature e per la crescita
delle separazioni con almeno uno sposo ul-
trasessantenne.
La tipologia di procedimento scelta in
prevalenza dai coniugi quella consensua-
le: nel 2012 si concluso in questo modo
l85,4% delle separazioni e il 77,4% dei di-
vorzi.
Nel 2012, la durata media del matrimonio
al momento delliscrizione a ruolo pari a 16
anni per i procedimenti di separazione, a 19
per i provvedimenti di divorzio.
Divorzio in un anno: presto sar possibile
Finalmente l'estate arri-
vata, e con essa la voglia di
muoversi, viaggiare, passare
un fine settimana fuori porta
e fare le tanto sospirate
vacanze. Il Cta Acli promuo-
ve una serie di gite e viaggi
per tutti i gusti.
Fino al 27 luglio SoG-
GIornI eSTIvI Al mAre A
ScAnzAno JonIco (bASI-
lIcATA) - Soggiorni settima-
nali e quindicinali a Scanzano
Jonico in Basilicata presso il
Villaggio Portogreco 4***.
AnDAlo (dal 12 luglio al
9 agosto) - Soggiorni quindi-
cinali ad Andalo presso lHo-
tel Stella Alpina 3***.
FrAncIA SPecIAle
(dal 29 luglio al 03 Agosto)
- Un viaggio in Francia per
scoprire lAquitania e Lingua-
doca . Si visiteranno: Monti-
gnac, Sarlat la Canea, Roca-
madur, Perigeaux, Bordeaux,
Albi, Toulose e Carcasson.
GermAnIA (Dal 10 al 17
agosto) - Un Tour in Germa-
nia da carlo magno alla
lega Anseatica. Si visiteran-
no: Treviri, Aquisgrana, Colo-
nia, Brema, Lubecca, Berlino e
Heidelberg.
UnGHerIA SPecIAle
(Dal 20 al 24 Agosto) - un
viaggio per visitare le meravi-
glie dellUgheria speciale. Si
visiteranno: Sopron, Fertod,
Pannonhalma, Budapest e
Gadollo.
Dal 28 al 30 Agosto - Un
vIAGGIo In GermAnIA e lA
bAvIerA InSolITA. Si visite-
ranno: Altotting, Passau,
Berchtesgaden e Salzberwerk.
Dal 12 al 14 Settembre -
Un vIAGGIo AllA ScoPer-
TA Del lAGo DI coSTAn-
zA. Si visiteranno:Bregenz,
Lago di Costanza, Uberlingen
e Fussen in Baviera.
21 Settembre - UnA
GITA SUI lAGHI. Si visiteran-
no: Riva del Garda, la grotta
della Cascata del Varone e la
cittadina di Tenno con il suo
lago ed il Borgo canale.
28 Settembre - UnA
GITA A PISA e DInTornI. Si
visiteranno: La Piazza dei
Miracoli con la Cattedrale, il
Battistero e la Torre pendente,
poi a Calci per il Complesso
Monastico Certosino.
Dal 10 al 12 ottobre -
Un vIAGGIo nellA Pro-
venzA mArITTImA per visi-
tare Marsiglia, Tolone, St. Tro-
pez e Port Grimand.
Dal 13 al 17 ottobre -
Una gita pellegrinaggio a San
Giovanni Rotondo. Si visite-
ranno: Monte S. Angelo, Melfi,
Rionero in Vulture, San Seve-
ro, Laghi di Monticchio e il
Santuario di Stignano.
Dal 24 al 26 ottobre -
Un vIAGGIo In ISTrIA. Itine-
rario dellepoca veneziana. Si
visiteranno: Parenzo, Pola,
Isole Brioni e Rovigno.
Le iscrizioni e tutte le
informazioni relative agli
eventi saranno fornite pres-
so la sede di via Cardinale G.
Massaia, 22 o contattando i
numeri di tel. 0372-800423,
800429. Le iniziative sono in
le nostre iniziative sono in
collaborazione con il CTA di
Crema (Piazza Manziana 17.
Crema tel. 0373-250064).
Sito: www.ctacremona.it
lmeno tre fatti sono certi. Il
primo: una delegazione di
Nanning, citt della Cina, ca-
pitale della regione autonoma
del Guangxi Zhuang nel sud
del Paese, composta da 5/6 persone
stata almeno tre volte a Crema. Il secon-
do: Crema vuole gemellarsi con questa
citt che ha 6 milioni di persone per
scambi culturali, ma soprattutto econo-
mici perch sono questi ultimi che inte-
ressano i cinesi; in poche parole preferi-
scono parlare con Morena Saltini, as-
sessore alle Attivit Produtive, che con
Paola Vailati, assessore alla Cultura.
I contatti sarebbero partiti da Rendu-
stria che nel tempo ha costruito dei
contati con il Nanning Investment Pro-
motion Bureau. Quali sono i progetti che
vorrebbero sviluppare i cinesi? Di due,
possiamo darvi notizie fondate. Del ter-
zo, che riguarda la cosmesi, no. Anche
perch finora filtrate sono molto confu-
se, e anche perch le nostre aziende del
Polo, che sono tutte contoterziste, han-
no rapporti con i pi importanti brand
europei i quali dettano la linea del make-
up mondiale. Alla Fiera di Hong-Kong,
per esempio, partecipano aziende della
cosmesi australiane, coreane e del Ban-
gladesh che, per motivi di costi, hanno
difficolt a partecipare al Cosmoprof di
Parigi oppure al Make-up di Paris, ma le
aziende cinesi non hanno radici sul ter-
reno del mascara, dei rossetti e delle ci-
prie, e comunque a dettare legge nel
settore sono gli europei.
Se verranno a Crema, quale sar la
collaborazione? Come lascia capire Mo-
rena Saltini, i cinesi dovrebbero impian-
tare a Crema aziende di profumi e di
creme naturali (di cui c un aumento
della domanda nel pi popoloso Paese
del Far East), un business che manca
nel nostro territorio nel quale, come si
sa, c uno storico know how di prodotti
cosmetici e per ligiene personale come
gli shampoo? Oppure verranno nel Cre-
masco per copiare la nostra produzione
cosmetica da rifare in Cina a costi infe-
riori? Domande legittime. Che fanno
drizzare le antenne.
Cosmesi a parte, ecco la prima noti-
zia certa, sempre secondo il nostro
assessore alle Attivit Produttive:
Aziende di allevamento di bovini, resi-
denti a Nanning, intendono sviluppare
la produzione di formaggi diretto alla
fornitura del mercato interno. In Cina
non esiste quasi nessuna azienda ca-
searia, la conoscenza e la tecnologia
della produzione di formaggi quasi
inesistente: da qui lesigenza della col-
laborazione con una scuola casearia
italiana (hanno gi preso contatti con
la scuola casearia di Pandino n.d.r.) e
con le aziende di apparecchiature di
produzione di formaggi; pensabile
costruire una joint venture tra lazienda
di Nanning e quella cremasca.
Anche in questo caso, la domanda
viene automatica: se i cinesi vogliono
invitare i nostri migliori tecnici del setto-
re caseario per costruire un caseificio a
Nanning, chiavi in mano, lo fanno per
produrre loro, poi, le mozzarelle e i for-
maggi da vendere nel mondo, oppure
vogliono costruire delle partnership o
delle joint-venture (cio imprese nelle
quali met del capitale cinese e met
cremasco) per conquistare insieme il
mercato dellEstremo oriente? Nel primo
caso una fregatura per noi, nel secon-
do unopportunit.
Il terzo caso molto pi chiaro, alme-
no a parole. Sembra che gli stessi cinesi
di Nanning, ma anche alcune importanti
imprese italiane che avevano delocaliz-
zato in questa parte della Cina, si siano
rivolti a unassociazione di categoria di
artigiani di Crema per chiedere un elen-
co di aziende artigiane specializzate in
meccanica di precisione. I cinesi hanno
puntato i riflettori sul nostro territorio
perch stato un punto di riferimento
per i motorini elettrici (con la Mae), e
tuttora si appoggia su aziende che ma-
neggiano una tecnologia stellare nel
settore della meccanica di precisione,
come i Bettinelli a Bagnolo, e tante pic-
cole e medie aziende artigiane del Polo
della meccanica. Ora, anche in questo
caso, la domanda : i cinesi ci stanno
dando del lavoro, e per il Cremasco,
sarebbe una pacchia per i prossimi anni
oppure arrivano nel Cremasco per im-
possessarsi del nostro know-how? Di
questo, al momento, non c certezza.
Torna anche per questestate la rassegna Bagnolo in musica.
Come da tradizione i fine settimana estivi vedranno susseguirsi vari
gruppi, e generi diversi, nella centrale Piazza Roma. Si cominciato
sabato 5 luglio con la vitalit dei The Mellow Yellow: un progetto
musicale nato nel 2011 che riprende la grande tradizione funky-
soul, reinterpretata e riarrangiata in uno stile energico, divertente,
ricercato e allo stesso tempo con sonorit pi contemporanee.
Questi i componenti del gruppo: Riccardo Parmigiani (chitarra/
cori), Italo Trabattoni (batteria), Corrado Parati (chitarra), Davide
Parati (basso), Fabio Fumagalli (percussioni), Davide Pavesi (ta-
stiere), Angelo Gavardi (sax tenore), Marco Zignani (sax alto e
baritono).
Venerd 11 luglio stato il turno del classico concerto bandisti-
co; questanno stato di scena quella di Trescore e Sergnano. La
Banda, diretta dal maestro Stefano Rossi, si esibita in un reperto-
rio vario che prevedeva brani classici della migliore tradizione
bandistica italiana alternati a composizioni moderne riadattate ad
un organico di soli strumenti a fiato e percussioni. La rassegna
musicale estiva si concluder venerd 18 luglio con un tributo a
Luciano Ligabue con i Tempo da Liga; la cover band nata nel
2011 capitanata da Diego Cambi, vedr sul palco anche Andrea
De Luca, Daniele De Angelis, Andrea Cremaschi e Alberto Priori.
Gli spettacoli sono tutti gratuiti e organizzati dallassessorato alla
Cultura e da quello alle Politiche Giovanili di Bagnolo.
Si tenuta sabato la cerimonia del taglio
del nastro per linaugurazione del rinnovato
circolo del Movimento Cristiano Lavoratori di
Vaiano, chiuso da qualche mese per la ri-
strutturazione dei locali. Alla cerimonia han-
no preso parte, oltre alla dirigenza locale del
circolo con il presidente Angelo Bombelli e
lassistente ecclesiastico e parroco don Atti-
lio Premoli, i vertici provinciali dellMcl gui-
dati dal presidente provinciale Michele Fu-
sari e dallassistente ecclesiastico diocesa-
no don Angelo Frassi, il sindaco di Vaiano,
Domenico Calzi, e i rappresentanti di nume-
rose associazioni operanti nella comunit
vaianese: il pomeriggio stato partecipato
da un nutrito numero di soci del circolo oltre
che di abitanti del paese.
Dopo i saluti scritti del vescovo (letti dal
parroco), sono seguiti gli interventi del presi-
dente di circolo Angelo Bombelli che ha rin-
graziato i presenti per essere intervenuti cos
numerosi, segno di come lMcl di Vaiano sia
un risorsa preziosa per tutta la comunit,
seguito lintervento del presidente provincia-
le Mcl Michele Fusari che ha sottolineato
come per Vaiano fosse un giorno speciale di
festa perch una nuova generazione di cat-
tolici si assunta , con passione e coeren-
za, la responsabilit di impegnarsi , attraver-
so il circolo Mcl, negli aspetti di vita sociale e
aggregativa del paese. Infine i saluti del
sindaco Calzi che si complimentato per
loperazione ristrutturazione portata felice-
mente a termine, e il taglio del nastro con la
benedizione dei locali da parte di don Pre-
moli. E seguito il rinfresco aperto a tutta la
comunit.
9
A
Vi ricordate del Pensatoio a trazione Pd per
ragionare, a partire dallo scorso ottobre, di stra-
tegie utili a rilanciare lo sviluppo economico del
territorio cremasco, con un traguardo preciso: il
2030? C gi stato una specie di fuggi-fuggi che
il nostro giornale ha riportato: se n gi andato,
sbattendo la porta, il consiglierete regionale Car-
lo Malvezzi del Nuovo Centrodestra, il quale ha
detto che consiglier anche altri del centrodestra
e apolitici di scappare a gambe levate.
Ora, negli ultimi giorni, ci sono state frenetiche
telefonate (e ci sono stati anche incontri) di espo-
nenti del Pd a rappresentanti di associazione di
categoria provinciali per convincerli ad aderire al
Pensatoio promettendo lassoluta imparzialit
politica di questo gruppo. Ma hanno ricevuto dei
no decisi sia a Crema che a Cremona. In detta-
glio, chi gi partecipava a questo pool, si dichia-
rer fuori qualora non venga rappresentato anche
il centrodestra nella discussione. Meglio ancora:
basta con il Pensatoio, s a un tavolo istituzio-
nale attorno al quale si possa discutere di econo-
mia.
La parola ora tornata al Pd il quale ha ununi-
ca possibilit: chiudere il Pensatoio perch a
senso unico oppure aprirlo al centrodestra.
Cinesi a Crema: lavoro o fregature?
Annunciato dal Comune il gemellaggio con Nanning. Non solo: ecco cosa abbiamo scoperto
Sabato 12 Luglio 2014
CREMA
Il Pensatoio a trazione Pd al bivio:
molti i no dal mondo economico
Giorgio Pagliari, imprenditore Alessandra Ginelli
Rinnovato il circolo dellMcl di Vaiano: taglio del nastro
Bagnolo in musica: venerd 18 luglio, il tributo a Ligabue
Per il periodo estivo gli uffici
postali di Crema osserveranno
le seguenti chiusure:
San Bernardino
(dal 7 luglio al 12 settembre)
Sabbioni
(dal 7 luglio al 12 settembre)
Santa Maria
(dal 8 luglio al 13 settembre)
Ombriano
(dal 7 agosto al 30 agosto)
Crema, piazza Madeo:
chiusura pomeridiana dal 6 ago-
sto al 27 agosto.
Ricordiamo che lUfficio Postale
di Crema Centro, per il solo perio-
do dal 6 al 27 agosto, sar aperto
al pubblico solo al mattino
Uffici postali:
orari di chiusura
Pietro Bacecchi, dirigente sco-
lastico Istituto comprensivo Cre-
ma 2, comunica che a Crema 2, il
momento di andare in pensione
arrivato per 5 operatori, 4 inse-
gnanti e una collaboratrice scola-
stica. Sono i docenti Beppe Costi
(secondaria di I grado Ombriano),
Donatella Facchinetti (primaria
Sabbioni), Maurizia Lunghi (se-
condaria di I grado Ombriano),
Pinuccia Venturelli (primaria Ca-
pergnanica) e la collaboratrice
Adele De Vito (secondaria di I gra-
do Ombriano).
Il 13 luglio, dalle 8 alle 19, sar
chiuso il traffico ai mezzi a motore
in via Marzale. Lo hanno annun-
ciato in conferenza stampa, las-
sessore ai Lavori Pubblici di Cre-
ma, Fabio Bergamaschi, lasses-
sore di Ripalta Arpina, Riccardo
Andreoli, il sindaco di Madignano,
Guido Ongaro, e Paolo Severgni-
ni, della Fiab, comitato cremasco.
Si ripete cos lesperienza di Ci-
clabile per un giorno.
Lazienda ospedaliera di Crema e Luniversit degli studi di milano,
annunciano lapertura delle iscrizioni al test di ammissione per il Corso
di laurea in infermieristica, anno accademico 2014-2015
Lammissione al corso prevede il superamento del test dingresso per
le lauree delle professioni sanitarie le date di iscrizione ai test sono dal
15 luglio al 26 agosto 2014 (entro le ore 12.00). Il test di ammissione
verr effettuato il 3 settembre. Per accedervi necessario un titolo di
studio di scuola media superiore. Sono 650 i posti disponibili di cui 28
presso lazienda ospedaliera maggiore di crema. La registrazione deve
obbligatoriamente avvenire sul portale www.unimi.it.
Pensionamenti
allistituto
comprensivo
Crema 2
Torna La ciclabile
per un giorno:
chiusa via Marzale
Test dammissione al corso
di laurea in Infermieristica
Portale Muoversi in citt
per chi studier a Crema
Un opportunit per chi decide di studiare a Crema, cerca alloggio ma
soprattutto ha bisogno di capire rapidamente come muoversi in Citt.
Promosso e sostenuto da Acsu (Associazione Cremasca Studi Universi-
tari), in collaborazione con lUniversit degli Studi di Milano, con lobiet-
tivo di creare una piena integrazione tra la citt di Crema e gli studenti
universitari che in essa risiedono, nato studiareacrema.it
Questo sito, adottando tecnologie avanzate e veste grafica semplice,
con un sistema di navigazione che mette in relazione tutti i contenuti,
offre informazioni costantemente aggiornate sui servizi gi presenti sul
territorio cittadino, sulle convenzioni, le attivit di supporto, le opportu-
nit destinate a questa importante componente del nostro tessuto so-
ciale che sono gli studenti. Il sito stato realizzato da Acqua Liofilizza-
ta, uno "spin off" dell'Universit, una societ di giovani ex studenti di
informatica di Crema e punta alla divulgazione presso il mondo giovani-
le. Gi lo scorso anno Acqua Liofilizzata aveva studiato una campa-
gna, portata avanti soprattutto presso i social network, che ha condotto
ad una impennata nelle iscrizioni a Crema, in controtendenza rispetto al
trend degli ultimi anni.
Crema
Sabato 12 Luglio 2014
10
Poche volte tutte le minoran-
ze in Consiglio comunale firma-
no unite un documento. Il bilan-
cio di previsione stata una di
queste. Infatti, a firma di M5S,
Forza Italia, Nuovo Centrode-
stra, Solo cose buone per Cre-
ma, Servire il cittadino, Lega
Nord stato inviato alle reda-
zioni dei giornali questo comu-
nicato che volentieri pubblichia-
mo.
Nessuna riduzione signifi-
cativa della spesa, nessuna
strategia che sia in grado di
dare un senso ad una manovra
di sole tasse che andranno a
penalizzare unaltra volta, come
se ce ne fosse bisogno, tutte le
famiglie, soprattutto quelle gi
in difficolt, e le imprese. Nel
bilancio dellanno scorso ed in
quello di questanno non vi
assolutamente nulla che lo ren-
da equo rispetto ai redditi delle
famiglie. Irpef applicata dai
15.000 euro, mentre Renzi d
80 euro al mese fino ai 25.000
euro. Bilancio che bersaglia in
modo indiscriminato tutti, cos
che il profondo rosso di alcuni
servizi a domanda individuale
viene fatto pagare anche a chi
non messo nelle condizioni di
poterlo fare. Crescer, con mol-
ta probabilit, la spesa sociale
per lincremento delle richieste
di aiuto delle persone in difficol-
t, senza avere per contro risor-
se a disposizione per soddi-
sfarle.
Non aver fatto per tempo una
scelta strategica sui servizi a
domanda individuale, dalla
quale difficilmente saranno in
grado di scappare con il bilan-
cio preventivo del 2015, co-
stringer questa amministrazio-
ne a unulteriore pressione ini-
qua sui cittadini, soprattutto su
quelli che dovranno usufruire di
quei servizi. Dovranno mettere
mano al portafoglio sia pagan-
do le nuove tasse, che sono di-
ventate strutturali al solo fine
del pareggio di bilancio, sia pa-
gando gli aumenti delle tariffe
per i servizi: e tale scelta gi
stata anticipata per il prossimo
futuro nelle dichiarazioni della
maggioranza di sinistra, in fase
di approvazione dellattuale bi-
lancio, se nel 2015 persister
un ulteriore e preannunciato
buco di bilancio di oltre 2 milio-
ni di euro in parte corrente.
E evidente ai bene informati
che tutto questo avviene non
perch le minoranze sono divi-
se tra di loro, ma perch dentro
la maggioranza la voce grossa
la fanno Sel e Rifondazione co-
munista, con lappoggio di
qualcuno del Pd tutt'ora pi a
sinistra di loro ma probabilmen-
te meno coraggiosi nel manife-
starlo.
Spiace poi constatare come
il sindaco e la sua maggioranza
menino vanto di tagli strutturali
del personale, strana cosa per
la sinistra! Ma semplicemente
perch imposti da una legisla-
zione che non consente pi si-
gnificative manovre di assun-
zione rispetto ai
pensi onamenti ,
forse eccessivi in
questi 2 anni in-
sieme alle mobili-
t del personale!
Anzi! O tagli per
l a di mi nuzi one
delle spese dovu-
te alla chiusura
del tribunale: non certo per
scelta amministrativa. Cos co-
me continuano a menar vanto
della ristrutturazione delle par-
tecipate, rispetto alle quali la
sinistra si presentata divisa
non votando compatta l'iter di
ristrutturazione. Ma noto a
tutti che quanto
sta avvenendo lo
, vuoi per una le-
gislazione che ha
costretto a far
c o n f l u i r e i n
ununica societ
tutte le quote de-
tenute dal comu-
ne, vuoi per l a
spending review vuoi anche per
le scelte dei soci di Scrp, gi da
prima dellinsediamento della
giunta Bonaldi alla guida della
citt. Dopo due anni difficile
non sottolineare che il bilancio
della giunta Bonaldi e della sua
maggioranza non sia un disa-
stro. In questo senso ben ven-
ga il bilancio partecipativo pro-
posto dal Movimento Cinque
Stelle e fatto proprio dal consi-
glio comunale di Crema alluna-
nimit.
Per contro non possiamo di-
menticare di denunciare per
lennesima volta che, a fronte
della manifesta disponibilit
delle minoranze al confronto,
delle proposte di tagli alla spe-
sa per cultura o Reindustria o
contratti daffitto o servizi infor-
matici o staff del sindaco (solo
alcuni esempi), delle proposte
di azioni a favore delle imprese
(esempio edili), la chiusura pre-
giudiziale da parte del centrosi-
nistra totale e bigotta. Ideolo-
gica e sempre pi priva di sen-
so.
E vero: a loro spetta lonere
di governare ma essi non deb-
bono mai dimenticare che go-
vernano la citt con poco pi
del 30% di consenso dei cre-
maschi. Il confronto si rende
necessario anche per questo.
Predicare la partecipazione per
disattenderla nelle Istituzioni
non certamente una buona
prova di buon senso. Come non
lo far uso dei soldi della ridu-
zione della tariffa sulla raccolta
e smaltimento dei rifiuti per una
raccolta indifferenziata (sic!) at-
traverso nuovi cestini. Che coe-
renza!
di Gionata Agisti
on stato nemmeno troppo
sibillino lassessore ai Lavori
pubblici, Fabio Bergama-
schi, nel suo intervento in
Consiglio comunale, lo scor-
so 7 luglio, in merito alle risorse che il
bilancio riserva al suo settore. Di sicuro,
non abbastanza per il capogruppo di
Forza Italia, Simone Beretta, che infatti
non si lasciato scappare loccasione
per un affondo. Ecco il messaggio
dellassessore: Le risorse sono sem-
pre inferiori al necessario ma, rispetto
allanno scorso, allinterno della giunta
maturata la consapevolezza di una
maggiore attenzione. I soldi su cui las-
sessore potr contare sono 270mila
euro in pi del 2013. Poco per un com-
parto cos rilevante come quello di cui
responsabile Bergamaschi.
Questo significa una cosa sola re-
plica Beretta. La consapevolezza, da
parte di questa amministrazione, dellur-
genza di dotare di adeguate risorse il
comparto dei lavori pubblici, prima non
cera. E il capogruppo di Forza Italia
invita lassessore non pi a picchiare i
pugni sul tavolo, ma a salirci addirittura
sopra, pestando i piedi. Questa citt
ormai allo sfacelo per quanto riguarda il
decoro urbano. notizia di questi giorni
che perfino il cimitero Maggiore preda
dellincuria. Sono cose che fanno male,
perch se c una cosa che deve sem-
pre essere tenuta in ordine sono proprio
i cimiteri, per rispetto delle famiglie.
Non abbiamo mai voluto speculare su
questo problema, prima dora, ma
adesso che la stampa lha reso di pub-
blico dominio, c solo da vergognar-
si.
Di questo e altro si parlato, nellaula
degli Ostaggi del palazzo comunale, in
fase di approvazione del bilancio di
previsione. Di fronte a una minoranza
che, pur divisa in merito ai 15 emenda-
menti presentati per la cronaca, tutti
bocciati apparsa combattiva e sul
pezzo, la maggioranza di centrosinistra
sembrata perlopi sulla difensiva.
Lunica a segnare un gol stata il sinda-
co, Stefania Bonaldi. Dati alla mano, il
primo cittadino ha dimostrato come il
costo dei dipendenti pubblici sia dimi-
nuito e non poco, in questi suoi due
anni di amministrazione. Lopposizione
sostiene che non sia merito nostro ma
di una norma a livello centrale. Ebbene,
questa norma esiste dal 2007. La verit
che se, tra il 2008 e 2011, sotto lam-
ministrazione del centrodestra, il costo
del personale diminuito solo del
2,43%, in soli due anni, siamo riusciti a
ridurlo del 10,96% (ma i gruppi consi-
glieri di minoranza non sono daccordo
con questa visione, vedi laltro articolo
qui sotto).
Per il resto, lunico a poter rivendicare
i risultati pi concreti stato lassessore
Matteo Piloni - peraltro lultimo acqui-
sto della giunta - che, con le recenti no-
vit in materia di igiene ambientale e
pulizia delle vie urbane, ha dimostrato
che fare politica ha sempre significato
una cosa sola: rispondere alle richieste
dei cittadini, piccole o grandi che siano.
Regola tanto semplice quanto spes-
so disattesa. stato quello delle scarse
risorse per gli interventi pubblici, in par-
ticolare, il tema su cui si concentrata
loffensiva delle minoranze che, con due
emendamenti - il trasferimento della bi-
blioteca al museo civico e la vendita
delle farmacie comunali - ha tentato di
convincere gli avversari della possibilit
di reperire la liquidit necessaria.
Come si fa a non capire che la ven-
dita delle farmacie libererebbe risorse
per i lavori pubblici? interviene sempre
Beretta. Non siamo solo noi a dire che
questo comparto in sofferenza, ma gli
stessi uffici competenti. Peraltro, con i
soldi ricavati, si potrebbero anche fare
pi interventi nel sociale che non con
lutile ormai risibile 3.500 euro a di-
sposizione delle stesse farmacie.
Quella di privilegiare il settore dei
servizi sociali, stata una scelta politi-
ca, rivendicata con convinzione dallam-
ministrazione Bonaldi. Secondo Anto-
nio Agazzi, di Servire il cittadino, si
tratta di una scelta inevitabile: Quando
partiti di estrema sinistra, come Sel e
Rifondazione comunista, hanno un pe-
so cos rilevante nella compagine am-
ministrativa, ne condizionano le deci-
sioni. Il risultato di questo disequilibrio
che la maggioranza fatica a garantire
perfino lordinaria amministrazione.
E, difatti, Emanuele Coti Zelati, di
Sel, ha dichiarato tutta la sua soddisfa-
zione per gli interventi nel campo socia-
le, che non hanno subito alcun taglio.
Quanto alle farmacie comunali, dichia-
ra: Sono un patrimonio della nostra
comunit. Ci rendiamo conto che deb-
bano rendere di pi ma siamo contrari a
una loro messa in vendita. Dello stesso
tenore, lintervento del capogruppo del
Pd, Gianluca Giossi: A questo punto,
mi chiedo perch le farmacie non siano
state vendute prima, ai tempi dellam-
ministrazione di centrodestra. Ad ogni
modo, per quanto ci riguarda, continu-
iamo a ritenere che offrano un servizio
importante. Quanto al trasferimento
della biblioteca al museo civico, visto
che un anno che la minoranza ne par-
la, ci aspettavamo quantomeno uno
studio di fattibilit da parte sua.
In realt, lassessore alla Cultura,
Paola Vailati, aveva gi chiarito, poco
prima, che lamministrazione comunale
si impegnata alla valorizzazione del
museo e che questo il motivo princi-
pale per cui non si vuole prendere in
considerazione la proposta del centro-
destra. Un museo che, per, registra un
numero di visitatori non certo allaltezza
delle aspettative. Inoltre, la biblioteca
diventata ormai uno spazio di rilevanza
sociale, che richiede spazi appositi
continua lassessore. Senza contare i
costi enormi che loperazione richiede-
rebbe - 2 milioni di euro -, che potreb-
bero essere finanziati solo con la vendi-
ta di palazzo Benzoni, uneventualit
per noi inaccettabile, perch depaupe-
rerebbe il patrimonio della citt.
Eppure, sempre secondo il centrode-
stra, questa sarebbe stata unottima
soluzione per contribuire a ridurre in
modo massiccio la spesa pubblica ed
evitare, cos, la scelta adottata dallam-
ministrazione Bonaldi di puntare quasi
esclusivamente sulla leva fiscale. Ricor-
diamo, infatti, che per coprire un disa-
vanzo da 3,5 milioni, la maggioranza ha
deciso che 2,5 milioni entreranno sotto-
forma di nuove tasse. Quanto al milione
restante, verr recuperato per met
dalla razionalizzazione della spesa e,
per laltra met, da accertamenti fiscali.
Laltra possibilit, per evitare laggra-
vio fiscale, era quella di aumentare le
tariffe per i servizi a domanda individua-
le, su cui ha insistito in modo particolare
il consigliere della Lega Nord, Alberto
Torazzi. Anche in questo caso inutil-
mente. Questi ultimi, infatti, sostiene la
maggioranza, saranno oggetto di inter-
vento solo lanno prossimo.
Se, come abbiamo detto, in questo
bilancio previsionale le politiche sociali
lhanno fatta da padrone, a farne le spe-
se non sono state solo le risorse per i
lavori pubblici ma anche quelle per il
lavoro e le imprese che creano occupa-
zione. Per questa voce, infatti, il bilan-
cio ha messo a disposizione solo 50mi-
la euro. La consigliere del Nuovo Cen-
trodestra, Laura Zanibelli, ha provato a
modificare la rotta, con altri due emen-
damenti, sottoscritti anche dai suoi col-
leghi di centrodestra: uno proponeva
lazzeramento dellaliquota Tasi a carico
delle imprese edili per le propriet degli
immobili merci. Laltro la riduzione del
30 per cento della Tari alle imprese che
assumono giovani.
Sappiamo che sono soltanto un
piccolo segnale, non certo risolutivo
ha sottolineato Laura Zanibelli, ma sa-
rebbe stata loccasione per dimostrare
vicinanza alle realt produttive che sof-
frono per questa crisi. Viene da chieder-
si quale sia la priorit di questa ammini-
strazione: non sono le imprese, come
abbiamo visto ma non lo nemmeno la
famiglia, visto che neppure lemenda-
mento per introdurre il bonus beb,
proposto dal consigliere Torazzi, stato
accolto. Alla fine il bilancio, redatto
dalla giunta, stato approvato compat-
to dalla maggioranza consiliare, che ha
respinto anche gli emendamenti propo-
sti dai 5 Stelle.
Due, in particolare, apprezzati anche
dal centrodestra: un maggiore impegno
per il contenimento dei costi, in partico-
lare per quanto riguarda gli affitti che il
Comune paga per alcuni edifici - per
esempio, i 55mila euro lanno per il
Centro per lImpiego - e una revisione
dei contratti per software di vario gene-
re, per cui si spendono circa 80mila
euro annui. La soluzione proposta era
quella di dotarsi di software open
source, instaurando un vero rapporto di
collaborazione con il dipartimento uni-
versitario della citt.
N
Le loro mani nel portafogli dei
cremaschi sempre pi poveri
E i servizi? Le solite buche, erbacce al cimitero, nessun taglio ai privilegi
Le minoranze, concordi:
Solo tasse sui cittadini
Meno dipendenti
non per scelta, ma
per obbligo di legge
Laura Zanibelli (Ncd), Simone Beretta (Forza Italia), Alessandro Boldi (M5s), Antonio Agazzi (Servire il cittadino) e Alberto Torazzi (Lega Nord)
Stefania Bonaldi
di Gionata Agisti
unta sul vivo dalle critiche arri-
vate nei giorni scorsi dal ca-
pogruppo di Forza Italia, Si-
mone Beretta, la lista civica
Lavoro@Impresa ha pronta-
mente replicato, mettendo in evidenza
quanto svolto in Consiglio comunale,
in questi due anni di amministrazione
di centrosinistra, di cui sostenitrice.
Beretta aveva denunciato la dissol-
venza istituzionale della lista in que-
stione, proprio in materia di lavoro:
Sono trascorsi due anni, senza che
abbiano sentito il dovere di coinvolge-
re tutte le forze politiche in Consiglio
comunale, per un impegno condiviso
in favore del nostro territorio accusa il
capogruppo di Forza Italia, che ag-
giunge: Hanno pure ignorato ripetu-
tamente le richieste della minoranza,
in modo particolare dellimprenditore
Renato Ancorotti, di un tavolo specifi-
co sulleconomia.
Il sospetto che la lista sia servita
solo da specchietto per le allodole per
imprenditori e liberi professionisti,
utili solo a portare voti al centrosinistra
nelle ultime elezioni comunali. Da par-
te loro, gli esponenti di Lavoro@Im-
presa, Enrico Tupone e Dante Ver-
delli - questultimo anche consigliere
comunale - hanno ri-
cordato di aver contri-
buito a far realizzare i
punti specifici del pro-
prio programma: lav-
vio dello sportello uni-
co delle attivit produt-
tive (che, per, non
ancora funzionale alle
imprese, ed stato aperto solo dopo
le continue insistenze di imprenditori e
artigiani n.d.r.), il pacchetto di agevola-
zioni fiscali per le neo aziende e le ini-
ziative volte a valorizzare le eccellenze
del nostro territorio.
Inoltre, nei giorni scorsi, hanno pre-
sentato alla stampa un documento
specifico, in materia di rilancio produt-
tivo, che sar oggetto di confronto con
lamministrazione comunale. un lun-
go elaborato, con numerosi propositi,
tra i quali: la creazione di un fondo per
la concessione di incentivi alle piccole
e medie imprese, che decidano di as-
sumere lavoratori inoccupati o disoc-
cupati; crediti agevolati per le stesse e
un contributo per la formazione dei la-
voratori.
Non chiaro, per, come Lavoro@
Impresa intenda concretizzare queste
idee, vista la direzione presa dallam-
ministrazione comunale.
Basti ricordare gli appe-
na 50mila euro stanziati
da questultima per le
i mprese e i l l avoro;
50mila euro salutati dal
consigliere Verdelli, du-
rante il Consiglio comu-
nale in cui stato votato
il bilancio di previsione, come un buon
risultato, visti i tempi di crisi.
Verdelli si anche detto compiaciu-
to del fatto che lamministrazione Bo-
naldi non abbia tagliato i servizi e il
sociale, quando si sa che il settore dei
servizi sociali uscito privilegiato da
questo bilancio proprio a scapito delle
politiche di sviluppo economico e che,
se si fossero aumentate le tariffe per i
servizi individuali, forse qualcosa in
pi per le imprese si sarebbe potuto
trovare.
Per di pi, aumentata lImu sui
capannoni, la seconda casa degli
artigiani. Insomma, qualcosa sembra
non quadrare tra la teoria e la pratica,
in casa Lavoro@Impresa, ma ci
stato impossibile chiedere spiegazioni
in merito a quelle che ci paiono le con-
traddizioni di questa lista civica, in
quanto i loro principali esponenti, tra
cui lo stesso consigliere Verdelli, si
sono trincerati dietro un no comment.
Ad ogni modo, e al di l di tutti i buoni
auspici, messi nero su bianco, nulla
conta di pi, per una lista che porta
impresso nel suo nome lattenzione al
mondo delle imprese, che il giudizio
degli imprenditori di Crema.
Per esempio, gli imprenditori della
zona industriale sono mai stati inter-
pellati in materia di politiche economi-
che o messi al corrente del bilancio
che si andava profilando e che finiva
per penalizzarli non poco? Nessun
coinvolgimento. Zero riferisce Mari-
na Zanotti, titolare della Omz, una
delle aziende insediate nella zona in-
dustriale della ex Olivetti.
Lunica volta che mi hanno contat-
tata, dal Comune, stato per propormi
di mettere la pubblicit della mia azien-
da in piazza Garibaldi, in occasione di
una manifestazione. Insomma, per
chiedermi altri soldi, oltre a quelli che
paghiamo gi sotto forma di tasse.
Non ce la facciamo pi. La pressione
fiscale attorno all80%. In pratica,
lavoriamo per pagare le tasse. Perch
non mi chiamano mai, per chiedermi
quali sono le esigenze di noi imprendi-
tori? Che ne so? Per propormi uno
sconto sul costo dello smaltimento dei
rifiuti, visto che, di fatto, il grosso lo
smaltiamo per conto nostro. A propo-
sito, qualcuno mi sa spiegare perch,
se unazienda deve smaltire dei rifiuti
speciali, paga un sacco di soldi e, in-
vece, un privato niente?
C giustizia in tutto
questo?.
Quindi, nessuno, in
Comune, vi ha mai
proposto di prendere
parte a un tavolo eco-
nomico, per discutere
di sviluppo del territo-
rio? Non ne ho mai saputo nulla, ma
certamente ci piacerebbe essere coin-
volti in alcune scelte che ci riguardano.
Per esempio, non abbiamo un minimo
aggiornamento diretto su quanto lam-
ministrazione comunale sta facendo
per la realizzazione della tangenzialina
esterna a Campagnola, fondamentale
per agevolare il percorso dei camion
dei nostri fornitori. Se fossimo messi al
corrente di questa come di altre cose
potremmo pianificare meglio la nostra
attivit. Ha avuto modo di apprezzare
il servizio offerto dallo Sportello unico
per le imprese, attivato dal Comune?
Quale sportello? Provi andare sul sito
internet e mi dica se ci capisce qual-
cosa. Per di pi, a me e ai miei colleghi
risulta che al momento sia un servizio
del tutto virtuale.
Quanto a Renato Ancorotti, come
si diceva a inizio articolo, in qualit di
consigliere comunale di minoranza, ha
proposto pi volte listituzione di un
tavolo economico: Ma non un con-
fronto limitato alle associazioni di ca-
tegoria precisa. Quello che chiedevo
era un tavolo aperto anche ai singoli
imprenditori, rappresentativi di diversi
settori. Nonostante diverse sollecita-
zioni, per, questa iniziativa non mai
partita.
Come commenta l'industriale della
cosmesi cremasca i 50mila euro messi
a disposizione dal Comune per lo svi-
luppo? Cosa vuole che dica? Meglio
di niente ma, certo, serviranno a poco.
Il vero problema che manca una
strategia per far ripartire lo sviluppo
del territorio. Al di l di tutto, se davve-
ro si vuole far decollare la nostra eco-
nomia, la zona indu-
stri al e deve essere
messa nelle condizioni
di funzionare come si
deve e, in questo sen-
so, la tangenzialina rap-
presenta il capitolo fon-
damentale. soddi-
sfatto dello Sportello
unico per le imprese attivo in Comu-
ne? A mio parere, se si volesse dav-
vero fare qualcosa di utile e concreto,
bisognerebbe che se ne occupasse
una realt come Reindustria, dove c
del personale competente per dare
una mano agli imprenditori. Con tutto il
rispetto, sicuramente di pi che in Co-
mune.
P
Crema
Sabato 12 Luglio 2014
11
Le aziende bocciano Lavoro@Impresa
Agostino Alloni Renato Ancorotti Marina Zanotti
Una lista che, in due anni, non ha mai coinvolto gli imprenditori in scelte che potessero portare benefici alleconomia e alloccupazione
E hanno aumentato
lImu sui capannoni.
Fisco ormai all'80%
Lo sportello unico
per le imprese?
Impossibile da usare
rima delle ultime promesse
(vedi articolo sopra), cerano
state le promesse di due anni
fa, in campagna elettorale. La
lista Lavoro@Imprese pro-
poneva 10 punti da realizzare qualora
Stefania Bonaldi fosse diventata sin-
daco e uno o pi rappresentanti della
lista fossero entrati in consiglio comu-
nale. Fu eletto Agostino Alloni, poi
sostituito da Dante Verdelli. Vi segna-
liamo quelli pi importanti di quei fa-
mosi dieci punti.
Come si legge, precise erano le pro-
messe. I risultati? Poco o nulla. Ver-
rebbe da fare dellironi, facile, pungen-
te e corrosiva. Ma lasciamo che la
gente si faccia la sua idea rileggendo
quegli impegni presi solo due anni fa.
E pensare che il consigliere Verdelli
non vuol parlare con il Cremasco
perch gli abbiamo ricordato gli obbli-
ghi presi davanti agli elettori. Offeso
dovrebbero essere chi ha votato que-
sta lista, non Verdelli, per le promesse
non mantenute. Infine, per una mag-
giore comprensione di quanto sotto
scritto, vogliamo solo ricordare che se
oggi ci sono meno dipendenti in Co-
mune solo merito della legge nazio-
nale che ha bloccato il turnover e che
la Fiera sulla gastronomia partita
lanno scorso e verr ripetuta questan-
no. Per il resto, buona lettura.
Spending Review - tagliare la
spesa corrente si puo
Lobiettivo di un contenimento della
spesa nellordine del 20 percento
raggiungibile introducendo il blocco
del turn-over dei dipendenti comunali,
rivedendo al ribasso lo stipendio dei
dirigenti, accorpando o affidando in
outsourcing alcuni servizi.
Iniziative per Crema: eventi e
imprenditoria
Crema, pur avendone le potenziali-
t, manca di iniziative in grado di esal-
tarne le peculiarit. Da qui nascono
due proposte:
Istituire una fiera nazionale del li-
bro sulla gastronomia invitando case
editrici ed autori, utilizzando le struttu-
re della citt quali il mercato Austro-
Ungarico o aree similari e coinvolgen-
do nellevento con iniziative comple-
mentari e sinergiche le Tavole Crema-
sche e i produttori di beni alimentari
tipici del Cremasco;
Istituire il Festival del make-up
sfruttando la notoriet e le conoscen-
ze del Polo tecnologico della Cosmesi.
Un evento in grado di coniugare
laspetto scientifico a quello commer-
ciale-imprenditoriale aprendo allarrivo
in citt dei grandi marchi del make up
e dei principali brands a livello mon-
diale dellindustria del beauty, nonch
organizzando convegni e invitando i
principali hair sylist e make-up artists.
3.Turismo -
Percorsi del cremasco
Creare un circuito che identifichi e
renda fruibile percorsi che includano i
maggiori monumenti non solo di Cre-
ma ma del Cremasco, con visite alle
chiese, monumenti, beni architettoni-
ci, beni museali, cascine storiche.
Lobiettivo va perseguito mediante
listituzione di un ufficio del turismo
diretto da un tourist manager con alle
dipendenze personale qualificato con
riflessi benefici per il commercio e pi
in generale per limprenditoria cultura-
le del territorio.
Lavoro e imprese
Crema e il suo territorio possono
fare molto per mettere in campo azioni
attive in grado di favorire leconomia,
quindi le imprese e il lavoro:
Conferenza permanente dei servi-
zi tra istituzioni e categorie economi-
che. Strutture per favorire linsedia-
mento e lo sviluppo di aziende a Cre-
ma e nel Cremasco Fondamentale il
ruolo dellamministrazione comunale
che attraverso un lavoro di squadra
sindaco-assessori-dirigenti deve pro-
muovere larrivo di nuove aziende
competitive, supportandole dal punto
di vista burocratico e agevolandole dal
punto di vista fiscale e dei costi. Lin-
serimento nel tessuto delle aziende
deve essere veloce e a costo zero per
gli introiti comunali nella fase della
start-up;
Sportello imprese gestito da
Reindustria
Una volta determinato in modo ana-
litico dal Comune il dossier aziende,
con lok al loro insediamento o alla loro
espansione nel territorio, Reindustria
accompagner le imprese assecon-
dandole nei bisogni e nelle esigenze,
riducendo cos i tempi della burocrazia
a beneficio di una tempestiva operati-
vit. Limprenditore che vuole investire
nel territorio, non inquina, porta tecno-
logia, favorisce loccupazione e assol-
ve agli obblighi fiscali va premiato.
Scuola e lavoro-Formazione-
Istituzione di corsi specializzati con-
certati con le associazioni e le im-
prese
Purtroppo anche a Crema non viene
premiata la meritocrazia come si do-
vrebbe. Che fare, dunque? Il Comune
deve farsi artefice di un sistema di
sponsorizzazioni (aziende, associazio-
ni di categoria, banche, Camere di
commercio) che, in accordo con gli
istituti scolastici, vada a premiare, per
esempio con borse di studio, i pi me-
ritevoli. Essere eccellenti deve diven-
tare un pregio riconosciuto dalla so-
ciet. Per questa ragione la consegna
degli attestati avverr nella Sala degli
Ostaggi, cornice adeguata a garantire
al merito il massimo della visibilit.
Conferenza permanente delle
banche a supporto delle imprese
Da incentivare il ruolo di coordina-
mento del comune per sostenere e
promuovere iniziative a favore delle
piccole e medie imprese del Crema-
sco, degli artigiani e dei lavoratori au-
tonomi in collaborazione con le ban-
che del territorio. Il compito affidato
allassessore allEconomia e allo Svi-
luppo, che si incontra mensilmente
con i responsabili degli istituti di credi-
to, delle associazioni di categoria, del-
la Camera di commercio e con i vertici
dei Confidi.
Obiettivo della riunione, dati alla
mano, sar quello di studiare e capire i
mutamenti della realt economica lo-
cale per esaminare congiuntamente
prospettive e fabbisogni delle aziende,
analizzando il tema della liquidit e
della capitalizzazione. Non si esclude
la possibilit di cercare soluzioni finan-
ziarie (credito desercizio, circolante,
medio-termine, equity) compatibili con
lattuale fase di mercato. Lassessore
allEconomia e allo Sviluppo dovr
avere competenze specifiche a riguar-
do della materia che tratta e del credi-
to e dovr conoscere la business com-
munity del territorio e anche i suoi
problemi.
Imprenditoria giovanile
Il Cremasco se vuole accrescere il
proprio Pil deve favorire limprendito-
rialit giovanile semplificando la buro-
crazia, fornendo risorse e affiancando
le start-up nel loro percorso sui merca-
ti e nei rapporti con il mondo bancario
e finanziario. Il Comune deve farsi pro-
motore di questa crescita utilizzando
la collaborazione con luniversit di
informatica, i fondi regionali ed europei
a favore della nuova imprenditoria, la
partnership con le associazioni di ca-
tegoria e la Camera di commercio, che
gi fanno formazione. Non deve aspet-
tare che i giovani chiedano le informa-
zioni, ma deve farsi parte attiva perch
queste informazioni circolino nel modo
pi veloce e fruttuoso. Il modello da
seguire quello in essere a Padova e
provincia, dove limprenditoria giova-
nile, proprio attraverso i nuovi saperi
formati dalle universit e la spinta in-
novatrice e tecnologica di cui i giovani
sono promotori, sta conoscendo un
autentico boom.
P
Le loro promesse di due anni fa
Impegni mantenuti? Leggete qui
Abbiamo spulciato il programma della lista. Che cosa era stato garantito ai cremaschi in caso di elezione di uno o pi rappresentanti
Enrico Tupone Dante Verdelli
CASALMAGGIORE
Sabato 12 Luglio 2014
12
casalmaggiore@ilpiccologiornale.it
Concentrazione di furti nelle frazioni est di Casalmaggiore, 5 solo tra Fossacaprara e Quattrocase
Una domenica da ladri
Per due giorni i cittadini hanno avuto lopportunit
di visitare la mostra allestita dai Rotary Club Casal-
maggiore Oglio Po e Piadena Oglio Chiese e dal
Rotaract Piadena Casalmaggiore Asola. Unesposi-
zione presso il Ridotto del Teatro Comunale che illu-
strava i vari interventi fatti sul territorio dai tre club di
servizio nellultimo ventennio, e che stata precedu-
ta, sempre a teatro, dal convegno I Rotary per il
territorio, che ha visto gli interventi del nuovo gover-
natore Fabio Zanetti, dei suoi collaboratori Dante
Valerio Ghisi, Lorenza Dordoni e Luigi Borghesi e
di Romina Stringhini, da poche ore presidente del
Rotaract citato (avendo rilevato nel ruolo Melania
Tabaglio). Nel corso della serata intervenuto anche
il sindaco Bongiovanni, mentre i danzatori Anna
Zardi e Lorenzo Eccher hanno proposto un apprez-
zato momento di danza, ed stato proiettato uno
spot realizzato dal giovane Fabio Carlino, parteci-
pante al recente Ryla Junior. Intanto mercoled sera
presso il ristorante La Clochette di Solarolo Rainerio
si tenuta la prima conviviale del Casalmaggiore
Oglio Po dopo il passaggio delle consegne. Il nuovo
presidente Carlo Stassano ha presentato il suo pro-
gramma e poi la sua squadra: i vari presidenti di
commissioni hanno a loro volta puntualizzato le linee
di intervento nei vari settori di competenza.
Rotary, dopo la mostra
Stassano si presenta
Cambio della guardia
all'interno del Listone,
componente civica in
corsa nelle ultime due
tornate amministrative.
La sostituzione non ri-
guarda, per ora, lo schie-
ramento presente in con-
siglio comunale a Casal-
maggiore, dove il Listone
fa sedere ai banchi della
minoranza Matteo Rossi e Carlo Gardani, bens il
rappresentante per la provincia di Cremona nella
Rete del Civismo Lombardo di Umberto Ambrosoli.
Carlo Gardani ha ceduto il testimone a Irene Ghezzi,
candidata consigliere tra le pi votate per Cento-
percento Casalasco lo scorso 25 maggio, che dun-
que entra nella Rete del Civismo: classe 1983, Irene
Ghezzi, laureata in pubbliche relazioni con una spe-
cializzazione in business communication, arriva dalla
frazione di Fossacaprara. E' una turnazione che ci
vedr impegnati di anno in anno: daremo spazio ai
giovani ha spiegato Carlo Gardani. Inevitabile tor-
nare, dato che l'eco in qualche caso non si ancora
spenta, sul presunto tradimento del Listone nei
confronti della compagine silliana. Partiamo col dire
che la Rete del Civismo ha scelto noi non perch
teoricamente di centro-sinistra, ma per un progetto
condiviso sull'area dell'intero Casalasco. A Suzzara
- precisa Gardani - la candidata sindaco sostenuta
da Ambrosoli era appoggiata da formazioni di cen-
tro-destra ed la stessa Maria Luisa Melli che con
merito divenuta presidente della Rete del Civismo.
Ambrosoli ha chiesto conto di come fossero andate
le elezioni, noi abbiamo spiegato di avere lasciato li-
bert di coscienza negli elettori. Lo stesso Ambroso-
li ci ha ringraziato per la sincerit. Ritengo che le
colpe vadano sempre ricercate nei propri errori.
Rete del Civismo
Ghezzi rileva Gardani
omenica, giornata di la-
voro almeno per i ladri.
Casalmaggiore e frazioni
hanno dovuto fare i conti
con una serie di furti con-
centrati in gran parte nella mattinata
di domenica scorsa, anche se in
buona parte emersi nelle scorse ore.
Alcuni altri episodi sono avvenuti
fuori confine, ma solo tra Fossaca-
prara e Quattrocase, frazioni est di
Casalmaggiore, si sono registrati al-
meno 5 episodi. Curiosamente la
concentrazione di furti riguarda le
frazioni che hanno consentito al sin-
daco Bongiovanni di superare Silla,
anche con un programma che face-
va perno sulla sicurezza dei cittadi-
ni. Ovvio che non si pu imputare al
primo cittadino quanto accaduto,
ma sar interessante verificare le
azioni messe in campo dalla nuova
amministrazione per fronteggiare
unemergenza che si fa beffe del co-
lore politico di chi governa.
Veniamo agli episodi. A Quattroca-
se i ladri hanno visitato almeno tre
abitazioni, vicine una allaltra e di pro-
priet di parenti. Secondo alcune te-
stimonianze raccolte, alcuni scono-
sciuti avrebbero suonato il campa-
nello poi, accertatisi che nessuno
fosse in casa, hanno potuto agire in
tutta tranquillit. Chi a casa di paren-
ti e amici, chi in vacanza, le tre abita-
zioni erano tutte libere, quindi i mal-
viventi hanno potuto agire indisturba-
ti. Oltre alla consistenza (non di gran-
de rilevanza) del bottino, i proprietari
possono lamentare lentit dei danni.
I ladri infatti hanno rotto un cancello
e forzato una porta per poter fare ir-
ruzione nelle propriet private. Di cir-
ca 1500 euro per sono riusciti ad im-
possessarsi, trovando anche il tempo
di bere bibite fresche per refrigerarsi.
In una delle abitazioni, con un flessi-
bile hanno anche aperto una cassa-
forte, che per era vuota. Nel com-
plesso tanto disordine e vari danni, e
nessuno nel piccolo paese ha fatto
caso ai rumori.
Ed era la stessa domenica mattina
anche a Fossacaprara quando sta-
ta scoperta unaltra serie di visite
sgradite. In questo caso vittime
dellazione criminosa sono stati il Cir-
colo Oltrefossa e la chiesa parroc-
chiale di San Lorenzo. Nel primo ca-
so si tratta di un dja vu: i volontari
avevano gi provveduto a mettere in-
ferriate alle porte, ma i ladri hanno
trovato il modo per entrare nella sede
del circolo. Ad accorgersi delleffra-
zione gli stessi volontari che domeni-
ca mattina si sono recati al circolo per
organizzare il palio di Fossacaprara,
in programma in agosto. I ladri sono
penetrati attraverso il cortile esterno,
hanno sfondato una porta, rotto
unaltra poi hanno prelevato contanti
dal registratore di cassa e in qualche
cassetto. Anche qui il bottino non
granch: ammonta a qualche centi-
naia di euro. Non contentl, i malviven-
ti hanno poi forzato il lucchetto che
porta in dispensa, dove per non
avrebbero asportato nulla. Probabil-
mente gli stessi ladri si sono poi di-
retti verso la vicina chiesa di San Lo-
renzo, dove hanno rubato gli spiccio-
li delle offerte e provocato altri danni,
come lo sfondamento della porta che
conduce alla sagrestia. Il presidente
del Circolo Oltrefossa Roberto Sarzi
Braga sconfortato dallennesimo
episodio e sta valutando anche di ri-
correre ad un sistema di allarme.
A proposito di chiese, nello stesso
fine settimana alcuni ignoti sono pe-
netrati nella casa parrocchiale di San
Leonardo a Casalmaggiore, dopo
aver divelto uninferriata. Cercavano
soldi ma non ne hanno trovati, cos si
sono limitati a creare il consueto di-
sordine di fogli sparsi ovunque, rinun-
ciando ad entrare nella chiesa. In
questo caso ad accorgersi del raid
stato don Bruno Galletti: anche a lui
come agli altri involontari protagoni-
sti non rimasto altro da fare che re-
carsi presso la caserma dei Carabi-
nieri per formalizzare la denuncia
contro ignoti.
D
Una delle abitazioni di Quattrocase prese di mira dai ladri
International Festival, la carica dei 110. Concerti a go-go
E entrata nel vivo la 18 edizione del Casal-
maggiore International Festival, che ha preso il
via con il primo (dei 45 in programma) concerto
luned scorso. Domenica sono arrivati in citt i
110 studenti, provenienti dai vari angoli del piane-
ta, Appena arrivati, sono stati accolti nellaula riu-
nioni di Santa Chiara dagli organizzatori e inse-
gnanti. Massimo Araldi ha spiegato come sia
sempre pi complesso garantire laccoglienza,
mentre il sindaco Filippo Bongiovanni ha augu-
rato ai ragazzi anche di potersi divertire in questa
bella esperienza di crescita, che consente a Ca-
salmaggiore di aprirsi uno spazio nel mondo. Il
presidente del Casalmaggiore International Festi-
val Angelo Porzani si detto impaziente di ascol-
tare la musica da loro proposta, mentre il direttore
artistico del festival Ann Shih, che lei in lingua in-
glese (con ampi intervalli di cinese data la prove-
nienza dallestremo oriente di parecchi allievi), ha
preferito spronare i ragazzi a dare il loro meglio
per ricambiare laccoglienza del territorio e il gran-
de lavoro fatto dagli organizzatori. Ann Shih ha poi
presentato uno ad uno i professori del corso tra i
quali anche loboista Arnaldo De Felice, che ha
origini proprio a Casalmaggiore, ed Edda Moser,
una delle migliori soprano del mondo. Assente
giustificato (per motivi di salute) il maestro Taras
Gabora, tra i principali artefici del Festival dalla
prima edizione degli anni Novanta, di cui stato
letto un messaggio. Il premio a lui intitolato anche
questanno vedr lassegnazione di 4mila euro al
migliore studente del corso. Anche Alheydis Sch-
neider tra coloro che hanno visto nascere il fe-
stival e pure questanno rappresenter un punto
dappoggio imprescindibile per tutti i giovani mu-
sicisti. Prima di passare a questioni logistiche e
organizzative, Shih ha reso omaggio alla cultura
musicale cremonese, ricordando la figura artistica
di Claudio Monteverdi, alla quale saranno dedica-
ti alcuni concerti, e appassionando i ragazzi con la
rapida anticipazione della visita (con concerto) al
Museo del Violino di Cremona.
Venendo al programma, prosegue oggi alle
19,45 con All that jazz a Le Piazzette di via Ca-
vour, quindi alle 21,15 concerto di studenti e do-
centi nel cortile del Museo Diotti con musiche di
Mozart, Telemann, Schumann, Schubert, Atter-
berg ed Elgar. Domani alle 17,45 Quartetti nellau-
la magna di Santa Chiara, dove alle 21,15 gli allie-
vi proporranno brani di Mozart, Brahms, Schubert
e Shostakovich. Luned alle 17,45 la classe di
violino di Lucia Hall in concerto nellaula magna di
Santa Chiara, e ancora l alle 21,15 musiche di
Rameau, Debussy, Schubert, Brahms ed Enescu.
Nello stesso spazio, marted alle 17,45 Virtuosi-
smo romantico e in sertaa spostamento a Sab-
bioneta, dove alle 21,15, nel Teatro allAntica, ci
sar il concerto di studenti e docenti. Mercoled
Pianoforte romantico alle 17,45 in Santa Chiara,
e alle 21,15 sar Piazza Turati ad ospitare scene
dopera e lieder del Romanticismo tedesco. Gio-
ved in Santa Chiara alle 17,45 musica contempo-
ranea e alle 21,15 brani di Beethoven, Brahms e
Tchaikovsky. Venerd 18 luglio alle 19,45 Kreisle-
riade e tanghi a Le Piazzette, alle 21,15 in Santa
Chiara musica contemporanea e alla stessa ora a
DondolandoArte Atelier a Martignana Po musiche
di Ravel, Bach e Vivaldi. Suggestivo lappunta-
mento delle 24 nella Cappella di Santa Chiara,
con musiche contemporanee a lume di candela.
Il resto del programma, dalla serata nellAudito-
rium Arvedi a Cremona di sabato 19, sino alla
chiusura del 27 luglio, sul prossimo numero.
La chiesa di San Lorenzo a Fossacaprara non stata risparmiata dai malviventi
14
di Vanni Raineri
l Toson dOro altro non che
il gioiello rinvenuto a Sabbio-
neta 25 anni fa nel corso degli
scavi della chiesa della Beata
Vergine Incoronata al collo del
duca Vespasiano Gonzaga, che l
venne sepolto. Del Cavalierato
dellOrdine del Toson dOro, massi-
ma onoreficenza della Casa Reale di
Spagna, Vespasiano fu insignito nel
1585, quando gi era uomo di fidu-
cia di Filippo II che lo nomin Gran-
de di Spagna e successivamente Vi-
cer di Navarra e di Valencia.
Quella che fu nel Rinascimento la
decorazione pi ambita, ritrovata
sullo scheletro del duca, ora diventa
a sua volta motivo per lassegnazio-
ne di un premio. Il Rotary Club Ca-
salmaggiore Viadana Sabbioneta
infatti ha creato il premio Toson
dOro di Vespasiano Gonzaga, e
questanno, attraverso la apposita
Commissione, verr effettuata la
prima assegnazione. Anzi, proprio
questa mattina, quando presso il
Teatro allAntica della citt gonza-
ghesca si terr la consegna. E la
prima persona individuata, tra i per-
sonaggi italiani che si siano distinti
in campo culturale o sociale, il
professor Umberto Veronesi. Il pre-
stigioso oncologo stamane alle 11
dunque ricever il premio che ha
avuto come primo ideatore il club
presieduto da Mario Fazzi, che di
recente ha passato il testimone a
Pietro Sganzerla. Fazzi avrebbe
dovuto consegnare il premio a Vero-
nesi gi alcuni mesi fa, ma lappun-
tamento era stato rinviato un paio di
volte a causa delle condizioni di sa-
lute del professore, per il cui contat-
to stato importante il coinvolgi-
mento di Ulisse Bocchi e Pia Sirini.
Come noto Veronesi, oltre che
esimio chirurgo di fama internazio-
nale, stato anche ministro e sena-
tore della Repubblica Italiana ed
direttore scientifico dellIstituto eu-
ropeo di oncologia, da lui fondato.
Nato a Milano nel 1925, un perso-
naggio davvero dalle mille sfaccet-
tature. Fu bocciato due volte al gin-
nasio e si rifatto abbondantemen-
te con gli studi, cresciuto in una
famiglia molto religiosa e si dichiara
agnostico. Ha idee socialiste rifor-
miste (fu chiamato da Craxi a far
parte dellassemblea nazionale del
Psi) e fu minacciato di morte dalle
Brigate Rosse. Appena laureato de-
cise di dedicarsi alla cura contro i
tumori, e il suo contributo nel setto-
re stato fondamentale. In partico-
lare invent la chirurgia conservati-
va per la cura dei tumori mammari.
Nel 2000 fu nominato ministro della
Sanit nel governo Amato, e cele-
bre la sua lotta a favore della leg-
ge antifumo. Pi recentemente
stato eletto senatore con il Partito
Democratico. Tante le battaglie di
cui Veronesi si reso protagonista,
oltre a quella citata contro il fumo.
Quella ad esempio per la depenaliz-
zazione e legalizzazione delle dro-
ghe leggere, quella contro la vivise-
zione e la sperimentazione animale,
quella a favore degli ogm. Secondo
lui lingegneria genetica un modo
efficace per combattere la fame nel
mondo e ridurre limpatto dei pesti-
cidi. Lamore per gli animali si sposa
in lui con la convinzione che la car-
ne non sia un alimento necessario
nellalimentazione umana, anzi so-
stiene che la dieta vegetariana ha
benefici influssi contro il cancro. Si
dice vegetariano (da tempo) per ri-
spetto degli animali ancor pi che
per motivi di salute. E favorevole
alle centrali nucleari, e agli inceneri-
tori, per lui innocui, ed infine un
sostenitore del testamento biologi-
co e delleutanasia, e su parecchi
dei temi citati ha scritto libri di suc-
cesso. Il Toson dOro si aggiunge
ad una lunga serie di riconoscimen-
ti ricevuti, tra i quali anche per ben
13 volte la laurea honoris causa.
Alla cerimonia di consegna del
premio seguir, alle ore 13, una
conviviale del Rotary Club presso il
ristorante Bifi di Casalmaggiore. Da
segnalare che stato il Ministero
dei Beni Culturali a conferire al club
il permesso di riprodurre in esclusi-
va lonoreficenza, grazie al fatto che
il socio Gino Monici fu lo sponsor
dei restauri che riportarono alla luce
il gioiello.
I
A sinistra un primo piano del professor Umberto Veronesi, a destra il premio che gli sar consegnato stamattina
Stamattina nel Teatro allAntica di Sabbioneta la consegna dellonoreficenza al noto oncologo
Il Toson dOro a Veronesi
Casalmaggiore
Sabato 12 Luglio 2014
13
CONSORZIO POMODORO, RUOLO REGIONALE
MERCOLED SERACINEMAAL MUSEO DIOTTI
SAGRAALL'ORATORIO DI VICOBONEGHISIO
A pochi giorni dallaver stretto un importante ac-
cordo con la Barilla (di cui riferiamo a pagina 6), il
Consorzio Casalasco del Pomodoro ottiene un nuo-
vo importante riconoscimento. Proprio ieri la Regio-
ne Lombardia ha riconosciuto allazienda Casalasca
la qualica di Organismo di difesa delle produzio-
ni agricole dalle avversit atmosferiche sul territorio
regionale. La delibera stata approvata su indica-
zione dellassessore allAgricoltura Gianni Fava, ori-
ginario proprio dellOglio Po. Il Consorzio Casalasco
del Pomodoro svolger attivit di difesa passiva del-
le produzioni agricole per quanto riguarda i rischi
atmosferici tramite la gestione, per conto dei pro-
pri soci, di polizze assicurative collettive agevolate
dai nanziamenti pubblici.
Questa opportunit concessa a livello legislativo
ha affermato Fava - rappresenta un ulteriore servi-
zio offerto da una delle pi importanti realt a livel-
lo mondiale nella lavorazione del pomodoro e si in-
serisce in un percorso fortemente dinamico che il
Consorzio Casalasco del pomodoro ha intrapreso a
supporto dei propri soci
Primo appuntamento mercoled 16 luglio con la
rassegna di cinema allaperto proposto nel cortile
del Museo Diotti e ideata e curata da Emanuele Pi-
seri, dal titolo Chiss perch capitano tutte a me!,
che un po il lo conduttore delle 5 proiezioni. Si
parte dunque mercoled alle ore 21,30 con Zoran il
mio nipote scemo di Matteo Oleotto. Paolo Bres-
san, un quarantenne alla deriva, cinico e misantro-
po, trascorre le sue giornate in osteria da Giustino.
Professionista della menzogna compulsiva, lavora di
malavoglia in una mensa per anziani e insegue sen-
za successo lidea di riconquistare Stefania, la sua
ex moglie. Ma entra in scena Zoran....
Segnaliamo che dal 15 luglio al 31 agosto il Mu-
seo sar chiuso al pubblico nei consueti orari e apri-
r solo per gli appuntamenti serali in calendario: ol-
tre ai mercoled del cinema allaperto, i concerti del
Casalmaggiore International Music Festival di stase-
ra e venerd 25 luglio, con latteso recital pianistico
di Pavel Kolesnikov.
VICOBONEGHISIO - La parrocchia di Vicobone-
ghisio organizza presso loratorio la Sagra di S. Mar-
gherita. Si parte venerd 18 luglio alle ore 21 con la
commedia La lna gista, proposta dalla Com-
pagnia Dialettale Nati per caso; alle 23 risottata e
spazio dj. Sabato 19 alle 19,30 apertura cucina lo-
cale, e dalle 21,30 musica e divertimento con Radio
Circuito 29 live, con dj Andrea Lamari e la voce di
Andrea Giubellini; alle 23 altra risottata. Domeni-
ca 20 inne alle 18,30 aperitivo in musica con i Ve-
spanauti, e in cucina dalle 19,30 Ps gat e psina
rust oltre ai piatti locali; dalle 21,30 concerto dei
Five Live. Sabato e domenica spazio giochi e truc-
ca bimbi.
UN CORSO DI AUTODIFESAPER LE DONNE
GUSSOLA LA.S.I. (associazioni sportivesocia-
li italiane) in collaborazione con Cassa Padana or-
ganizza un corso gratuito di autodifesa personale
riservato alle donne, che verr fatto in caso di rag-
giungimento di un numero minimo di partecipan-
ti. Le iscrizioni si ricevono presso le liali di Cassa
Padana BCC. Le lezioni saranno tenute da istrutto-
ri A.S.I. diplomati in arti marziali, e i corsi sono aper-
ti a donne di ogni et: non si tratta infatti di corsi di
tness n di preparazione atletica. Per informazioni
telefonare allo 0375/260066 o rivolgersi a gussola@
cassapadana.it.
GUSSOLA, LATOMBOLASLITTAADOMENICA
GUSSOLA La tombola gussolese si sposta per
una volta alla domenica. Domani, domenica 13 lu-
glio alle ore 21, infatti, presso il parco comunale il
Coordinamento Popolare di Gussola invita tutti i
propri aderenti a trascorrere una serata in compa-
gnia giocando a tombola.
Sinistra a Gussola
SAN MARTINO DEL LAGO Anche questanno
San Martino ospita la festa dellUnione di Palvareta
Nova, giunta alla seconda edizione. Un evento creato
con la collaborazione de Gli Amici dei Sapori, il Circo-
lo Frassati e i volontari dei 4 paesi che compongono
lunione, e che si intreccia con altre iniziative, vale a
dire lattesa visita del Vescovo brasiliano Stringhini e
una nuova app. Partiamo proprio da questultima
novit: l'Unione Palvareta Nova protagonista
dell'Agenda Digitale Italia. Costituita dai Comuni di
San Giovanni in Croce, San Martino del Lago, Voltido
e Solarolo Rainerio, si dota di un applicazione per
smartphone e tablet (scaricabile sia su Apple Store sia su Google Play) che racchiude in un unico
strumento le informazioni di contatto e come interagire in modo pi smart con l'Amministrazione. Da
segnalare l'invio delle Notifiche Push dell'Unione su tutti gli aspetti della vita e delle relazione del
territorio. Il sindaco di San Giovanni Pierguido Asinari, dopo analisi e sviluppo, sceglie uno strumen-
to di E-Democracy (importante la sezione Push Notifiche Istituzionali) per valorizzare sia il contesto
storico-culturale sia il tessuto produttivo attraverso apposite sezioni che garantiscono alle attivit
commerciali delle vere e proprie vetrine digitali ove potersi promuovere, senza costi per il primo anno
di attivazione. MyPalvareta, disponibile dal 13 luglio sui principali store di riferimento, un progetto
che va nella direzione dello sviluppo e della promozione sfruttando appieno le possibilit che la tec-
nologia mobile offre anche alle amministrazioni pubbliche, in un contesto sempre pi trasparente tra
ente e cittadino.
Tornando alla festa, iniziata ieri sera, prosegue stasera con la Blood Brothers Band in concerto, e
domani con la presentazione del servizio Media Library Online e appunto della nuova app MyPalva-
reta. Nel corso della serata un maxischermo proietter la finale dei Mondiali di calcio, ed anche il vi-
deo della spettacolare inaugurazione di Villa Medici del Vascello. In entrambe le serate sar attivo il
servizio cucina con un menu speciale. Chiudiamo con la gi annunciata visita del Vescovo Pedro
Luiz Stringhini, giunto ieri dal Brasile. Questa sera sar a cena alla festa di San Martino, nellambito
di un ricco programma di visite: stamattina visita a Villa Medici e messa a Drizzona, nel pomeriggio
visita al Duomo di Cremona e incontro col Vescovo Lafranconi, quindi visaita al Santuario di Caru-
berto prima della festa dellUnione. Domani messa a San Giovanni, pranzo con le famiglie Stringhini
e nel pomeriggio il saluto a San Giovanni.
GUSSOLA Ha ben ragione la sinistra di Gussola a
fare festa, dopo aver vinto le elezioni comunali e aver
posto fine a 15 anni di amministrazione di centro de-
stra. Sinistra in festa il nome della manifestazione
che si terr dal 17 al 21 luglio prossimi, e si ricorder
come lo scorso anno proprio allinterno della festa si
riusc a stabilire un accordo fra le diverse anime della
sinistra che ha poi portato alla vittoria politica.
Venendo al lato festaiolo, la prima serata della ma-
nifestazione organizzata dallAssociazione A sinistra
si terr gioved 17 luglio, con lOrchestra Luca Canali
e un menu di piatti tradizionali con laggiunta di pe-
scegatto e rane fritte e fritto misto di mare. Venerd 18
Rock&gnoc con i gruppi Attic Room e Blues Around,
e in cucina gnocco fritto con salumi. Sabato 19 ballo
con Jolanda Moro, domenica 20 ballo con Fausto
Tenca e luned 21 chiusura della festa con una Super-
tombola. In ogni serata in cucina ampia scelta di
piatti tradizionali e alle 23,30 risotto, domenica 20
anche pranzo alla festa. Da segnalare sabato dalle
19,30 alle 21,30 il dibattito nellapposito spazio.
Tavoli imbanditi a Sinistra in festa dell'anno scorso
Un'immagine dell'edizione 2013
Unione Palvareta, festa con app
Sabato 12 Luglio 2014
14
Germania e Argentina alla resa dei conti al Maracan
di FABIO VARESI
homas Mller contro Leo Messi, come
Lothar Matthus contro Diego Mara-
dona. La forza e la qualit atletica
contro il genio e limprevedibilit. Nel
recente passato la doppia sfida ter-
minata in parit (con un successo a testa), quindi
la finale di domani sera una sorta di bella tra
due delle grandi favorite di Brasile 2014, che
hanno tenuto fede al pronostico. Riguardando il
cammino delle due squadre, la Germania ha sicu-
ramente offerto un calcio migliore, con afferma-
zioni straripanti contro Portogallo (4-0 allesordio)
e Brasile (7-1 in semifinale). La squadra tedesca
non ha punti deboli e tutti sanno attaccare, diven-
tando alloccorrenza punte pericolose. Di fronte,
per, c unArgentina che ha quasi sempre vinto
e che pu trovare il gol in ogni momento. A livello
atletico i sudamericani appaiono meno in palla
dei tedeschi, ma tatticamente sanno come far
soffrire gli avversari. La sensazione che Sabella
voglia ripetere il copione impartito ai propri gioca-
tori prima della semifinale con lOlanda, rischian-
do il meno possibili e sperando che Messi torni
ad essere il fenomeno del Barcellona. Dipender
quindi dalla Germania la spettacolarit o meno
della finale. Se i tedeschi troveranno il gol in
tempi brevi (come accaduto con il Brasile),
allora lArgentina dovr cambiare atteggiamento
e la partita si infiammer. Altrimenti potrebbe
ripetersi la gara del 1990, una delle pi brutte
finali dei Mondiali. Dopo aver umiliato la squadra
di casa, il rischio che la Mannschaft si monti
la testa, ma difficilmente i tedeschi perdono la
solo sobriet e probabilmente non accadr nep-
pure stavolta. Una curiosit: Brasile e Italia hanno
vinto il loro quarto mondiale 24 anni dopo il terzo.
E la Germania ha conquistato la sua terza coppa
nel 1990: fate voi i calcoli...
Prima del gran finale (domani al Maracan),
stasera alle 22 (ora italiana) un Brasile ferito cerca
di riconquistare i propri tifosi (anche se non sar
facile) vincendo la finalina contro lOlanda.
LE QUOTE DI IZIPLAY Ecco le quote relative
alle due finali dei Mondiali brasiliani, in program-
ma oggi e domani che si possono giocare con
Iziplay presso lAgenzia Ippica di Cremona in via
Ruffini 28. Brasile-Olanda: successo brasiliano a
2.15, pareggio a 3.60, vittoria oranje a 3.20. Ger-
mania-Argentina: affermazione tedesca a 2.25,
pareggio a 3.20 e successo argentino a 3.40.
T
Domani sera a Rio atto conclusivo del Mondiale brasiliano tra le due squadre che hanno meritato pi di tutte di giocarsi la prestigiosa coppa
Una vittoria a testa nelle finali iridate
Germania-Argentina diventata ormai un classico del calcio mondiale. Per
ben due volte si sono infatti trovate di fronte nella finale iridata: la prima nel
1986 e la seconda quattro anni dopo. Il bilancio di una vittoria per parte.
Nell86 in Messico, fu Maradona a decidere una partita strana: avanti 2-0, i
sudamericani subirono la rimonta tedesca, ma nel finale Maradona invent un
passaggio illuminante per Burruchaga, che sigl il definitivo 3-2.
29 giugno 1986 - Stadio Azteca di Mexico City
ARGENTINA-GERMANIA OVEST 3-2 (1-0)
ARGENTINA: Pumpido, Brown, Cuciuffo, Ruggeri, Olarticoechea, Giusti,
Batista, Maradona, Enrique, Burruchaga (89 Trobbiani), Valdano. Ct.: Bilardo.
GERMANIA OVEST: Schumacher, Jakobs, Berthold, Karlheinz Forster,
Briegel, Matthus, Brehme, Magath (63 Hoeness), Eder, Rummenigge, Allofs
(46 Vller). Ct: Beckenbauer.
ARBITRO: Arppi Filho (Brasile).
RETI: 23 Brown, 56 Valdano, 74 Rummenige, 82 Vller, 88 Burruchaga.
***
Nel 1990 in Italia, molti protagonisti della finale di quattro anni prima erano
ancora in campo, ma stavolta la sfida fu noiosissima, con lArgentina preoc-
cupata soprattutto di non prenderle. Maradona non era pi il fenomeno del
1986 e la Germania si adegu alla mediocrit generale. Fu larbitro Codesal
Mndez ad animare la partita a 5 minuti dalla fini, quando assegn un dubbio
rigore per fallo su Vller. Il mancino Brehme fece gol dal discehetto (di destro)
e la Germania divenne campione del mondo per la terza volta.
8 luglio 1990 - Stadio Olimpico di Roma
GERMANIA-ARGENTINA 1-0 (0-0)
GERMANIA: Illgner, Augenthaler, Berthold (75 Reuter), Kohler, Buchwald,
Brehme, Hassler, Matthus, Littbarski, Klinsmann, Vller. Ct: Beckenbauer.
ARGENTINA: Goycoechea, Simon, Serrizuela, Ruggeri (46 Monzon),
Troglio, Sensini, Burruchaga (54 Calderon), Basualdo, Lorenzo, Dezotti,
Maradona. Ct.: Bilardo.
ARBITRO: Codesal Mndez (Messico).
RETI: 85 Brehme su rigore.
***
Negli ultimi due Mondiali, Germania-Argentina andata in scena sempre
ai quarti di finale. Nel 2006 in terra tedesca, lAlbiceleste era nettamente
favorita, ma perse 5-3 dopo i rigori (1-1 al 120 con la reti di Ayala e Klose).
Nel 2010 in Sud Africa dominio tedesco per 4-0, con lArgentina allenata da
Maradona travolta dai gol di Mller, Klose (doppietta) e Friedrich.
CT: ALEJANDRO SABELLA
GARAY
MASCHERANO
DEMICHELIS
ROMERO
PEREZ
(DI MARIA)
ROJO
BIGLIA
LAVEZZI
ZABALETA
MESSI
HIGUAIN
NEUER
CT: JOACHIM LW
HUMMELS
HWEDES
BOATENG
SCHWEINSTEIGER
MLLER
LAHM
KHEDIRA
ZIL
KLOSE
KROOS
DOMANI ALLE 21 AL MARACAN
DIRETTA SU RAI 1 4-2-3-1
Speciale
I PRECEDENTI
Maradona nel 1986
15
Germania e Argentina alla resa dei conti al Maracan
Thomas Mller contro Leo Messi
nel 2010 in Sud Africa. I due suoi
i pi attesi nella finale di domani
Domani sera a Rio atto conclusivo del Mondiale brasiliano tra le due squadre che hanno meritato pi di tutte di giocarsi la prestigiosa coppa
Una vittoria a testa nelle finali iridate
1986 e la Germania si adegu alla mediocrit generale. Fu larbitro Codesal
Mndez ad animare la partita a 5 minuti dalla fini, quando assegn un dubbio
rigore per fallo su Vller. Il mancino Brehme fece gol dal discehetto (di destro)
e la Germania divenne campione del mondo per la terza volta.
8 luglio 1990 - Stadio Olimpico di Roma
GERMANIA-ARGENTINA 1-0 (0-0)
GERMANIA: Illgner, Augenthaler, Berthold (75 Reuter), Kohler, Buchwald,
Brehme, Hassler, Matthus, Littbarski, Klinsmann, Vller. Ct: Beckenbauer.
ARGENTINA: Goycoechea, Simon, Serrizuela, Ruggeri (46 Monzon),
Troglio, Sensini, Burruchaga (54 Calderon), Basualdo, Lorenzo, Dezotti,
Maradona. Ct.: Bilardo.
ARBITRO: Codesal Mndez (Messico).
RETI: 85 Brehme su rigore.
***
Negli ultimi due Mondiali, Germania-Argentina andata in scena sempre
ai quarti di finale. Nel 2006 in terra tedesca, lAlbiceleste era nettamente
favorita, ma perse 5-3 dopo i rigori (1-1 al 120 con la reti di Ayala e Klose).
Nel 2010 in Sud Africa dominio tedesco per 4-0, con lArgentina allenata da
Maradona travolta dai gol di Mller, Klose (doppietta) e Friedrich.
Il Mondiale brasiliano sta per fini-
re ed tempo di bilanci. Partiamo
dai bocciati. Al primo posto di que-
sta poco gradita classifica collo-
chiamo la Spagna, campione di
tutto, che inevitabilmente godeva
dei favori del pronostico, soprattut-
to per la fama conquistata in quattro
anni di trionfi. Ma gi dodici mesi fa
in Confederations Cup, proprio in
Brasile, gli iberici avevano mostrato
una certa involuzione tattica, favori-
ta dalla stanchezza dei suoi inter-
preti, incapaci di tenere alto il ritmo
dellormai famoso tiki-taka. La ras-
segna ha confermato il declino di
unepoca irripetibile e della pochez-
za delle nuove leve, volute forte-
mente da Del Bosque, ma apparse
non allaltezza dei senatori. In parti-
colare il celebrato Diego Costa, per
mesi conteso da Spagna e Brasile,
fa deluso e probabilmente il manca-
to impiego di David Villa ha contri-
buito alla repentina eliminazione
delle Furie rosse. Al pari della
Spagna, mettiamo lItalia, sulla
carta sicuramente pi affamata
degli ormai ex campioni del mondo
ed evaporata dopo la prima partita.
Le polemiche del dopo Mondiale
confermano le disastrosa spedizio-
ne azzurra, fallimentare sia in campo
che nello spogliatoio. Tra i bocciati
collochiamo anche lInghilterra, an-
cora una volta spedita a casa con
largo anticipo. Rispetto allItalia,
non ha nemmeno avuto un guizzo
dorgoglio ed ha terminato il girone
allultimo posto con un solo punto
allattivo. Male anche il Portogallo,
che per non poteva schierare il
miglior Cristiano Ronaldo e per il
resto dispone solo di comprimari o
poco pi. Pi o meno, tutte le altre
Nazionali eliminate non avevano
grandi aspettative, a parte forse il
Ghana, che per si fatto male da
solo con uno spogliatoio a dir poco
vulcanico. Un discorso a parte meri-
ta la Russia di Capello: ingaggiare
un grande allenatore non basta per
far strada in un Mondiale, se i gio-
catori a disposizione sono modesti.
Alla fine lAlgeria ha meritato gli
ottavi di finale e lo ha dimostrato
facendo soffrire per 120 minuti la
grande Germania. Per concludere
con le delusioni, parliamo del
Brasile. I verdeoro sono s arrivati
fino alle semifinali, ma grazie a
molta fortuna e a qualche svista
arbitrale favorevole. Ma il tracollo
contro i tedeschi (1-7) rende il bilan-
cio della squadra di casa disastro-
so, soprattutto perch tutti o quasi
erano convinti che avrebbe alzato la
coppa a Rio de Janeiro. Invece, alla
dolorosa sconfitta del 1950 se ne
aggiunge unaltra che per molti
decenni lascer il segno in giocatori
ed appassionati. Tra le note liete
della rassegna iridata, troviamo la
Costa Rica, spedita a casa da
imbattuta e con solo due gol incas-
sati (uno su rigore). Le vittorie con
Italia e Uruguay sono state due
autentiche imprese, mentre con
Grecia e Olanda la fatica si fatta
sentire e i costaricani si sono rifu-
giati ai rigori. Con gli ellenici anda-
ta bene, ma con gli oranje arrivata
uneliminazione meritata, che per
non inficia il capolavoro di Pinto e
dei suoi ragazzi. Bene anche
Algeria, Cile (eliminato immeritata-
mente dal Brasile), Messico, Francia
e Colombia, che per ha fallito la
prova di maturit con la squadra di
casa. Positivi gli Stati Uniti, la
Svizzera ed il Belgio, anche se
questultimo si giocato male il
quarto di finale con lArgentina.
Discorso a parte merita lOlanda:
partita fortissimo (5-1 alla Spagna),
nelle gare ad eliminazione diretta
apparsa meno spumeggiate ed alla
fine ha deluso in semifinale (ko ai
rigori con gli argentini), fallendo
ancora una volta lappuntamento
con il successo iridato.
Tra i singoli, la sorpresa del
Mondiale sicuramente James
Rodriguez, talento della Colombia e
del Monaco che far parlare ancora
a lungo di s. Convincente anche
Thomas Mller, che ha confermato
quanto di buono aveva fatto vedere
quattro anni fa in Sud Africa.
Discrete o poco pi le prestazioni di
Neymar e Messi, che non hanno
certo incantato come si prevedeva,
anche se largentino stato spesso
decisivo per una delle due finaliste
in campo domani. Ma il giocatore
che ha sicuramente lasciato unim-
pronta un portiere: il tedesco
Manuel Neuer, bravissimo tra i pali e
puntuale nelle uscite con i piedi,
tanto da consentire ai tedeschi di
giocare con una difesa molto alta.
Davvero un fenomeno.
Spagna e Italia le grandi delusioni
OTTAVI DI FINALE
28-06 h 18.00 Brasile-Cile 4-3 dopo i rigori
28-06 h 22.00 Colombia-Uruguay 2-0
29-06 h 18.00 Olanda-Messico 2-1
29-06 h 22.00 Costa Rica-Grecia 6-4 dopo i rigori
30-06 h 18.00 Francia-Nigeria 2-0
30-06 h 22.00 Germania-Algeria 2-1 dts
01-07 h 18.00 Argentina-Svizzera 1-0 dts
01-07 h 22.00 Belgio-Usa 2-1
04-07 h 18.00 Francia-Germania 0-1
04-07 h 22.00 Brasile-Colombia 2-1
05-07 h 18.00 Argentina-Belgio 1-0
05-07 h 22.00 Olanda-Costa Rica 4-3 dopo i rigori
QUARTI DI FINALE
*In diretta
su Rai 1
08-07 h 22.00 Brasile-Germania 1-7
09-07 h 22.00 Olanda-Argentina 2-4 dopo i rigori
SEMIFINALI
12-07 h 22.00 Brasile-Olanda* a Brasilia
FINALE 3-4 POSTO
13-07 h 21.00 Germania-Argentina* a Rio de Janeiro
FINALISSIMA
Tra i singoli sono piaciuti James Rodriguez (Colombia) e i tedeschi Neuer e Mller
PROMOSSI&BOCCIATI
Speciale
Matthus nel 1990
SABATO 12 LUGLIO
LUDILUGLIO ISOLANO - BALLO LISCIO E
TORTA FRITTA
Luogo: - ISOLA DOVARESE
Con Raffaele e Saba - Via Garibaldi (ore 21)
CIRCUITO DI CREMONA - MEMORIAL
"MARIA GRAZIA DONATO"
(evento sportivo)
Luogo: - CREMONA
Rally nazionale auto moderne - Rally nazio-
nale auto storiche - Partenza da Cremona -
Piazza Comune - Percorso di gara in provin-
cia di Piacenza e di Parma, arrivo a Cremona
in Piazza del Comune.
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL FE-
STIVAL - CONCERTO AL MUSEO DIOTTI
(Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Con i giovani musicisti e i docenti del corso
di Perfezionamento - Cortile del Museo Diot-
ti (ore 21.15)
ODISSEA - ".....NON E' STATO IL FREDDO
LA COSA PEGGIORE...."
(Teatro)
Luogo: - CORTE DE'CORTESI CON CI-
GNONE
Spettacolo teatrale con Marco Zapplaglio -
Casa Marchioni - (ore 21.30)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL CONCERTO JAZZ (Con-
certo)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Con i giovani musicisti del corso di Perfezio-
namento - C/o Le Piazzette (ore 19.45)
FESTA DELL'UNIONE DEI COMUNI PAL-
VARETA NOVA
Luogo: San Martino del Lago
Musica, festa ed enogastronomia.
13 LUGLIO
MOSTRA-MERCATO DI ANTIQUARIATO,
VINTAGE E ARTIGIANATO ARTISTICO
(Antiquariato)
Luogo: - CASTELLEONE
Piccolo antiquariato, hobbistica, collezioni-
smo, quadri, vintage nel centro storico (ore
9/19) - Le bancarelle del mercatino sono col-
locate in Piazza Borgo Isso, Viale Santuario,
Via Garibaldi, via Roma, Via Mura Manfredi.
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CON-
CERTO CON L'ORCHESTRA
SVIZZERA OERLIKON (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Chiesa Santa Maria Maddalena (ore 11.30)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC
ACADEMY (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto di apertura degli insegnanti - Au-
ditorium Camera di Commercio (ore 21)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL FE-
STIVAL - CONCERTO IN SANTA CHIARA
CON I QUARTETTI (Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto con gli allievi del Corso di perfe-
zionamento - Aula Magna Santa Chiara (ore
17.45)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL FE-
STIVAL CONCERTO SERALE IN SANTA
CHIARA Luogo: - CASALMAGGIORE
Con i giovani musicisti del corso di Perfeziona-
mento - Aula Magna Santa Chiara (ore 21.15)
APERTURA DEL BOSCO DIDATTICO CA-
SCINA STELLA E DELL'ECOMUSEO DEL
PAESAGGIO (Visita guidata)
Luogo: - CASTELLEONE
L'area di 25 ettari di estensione stata sot-
toposta ad interventi di rinaturalizzazione. E'
aperta regolarmente al pubblico la seconda
domenica del mese (eccetto gennaio, ago-
sto e dicembre) - Su prenotazione in altre
giornate.
MAXI TOMBOLATA
Luogo: - ANNICCO
Piazza Misani (ore 21)
ODISSEA - UNA BANDA DI CLOWN
(Teatro)
Luogo: - SONCINO
Spettacolo teatrale con Madame Rebine -
Parco del Tinazzo (ore 16).
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CON-
CERTO DELL'ORCHESTRA SVIZZERA
OERLIKON (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Chiesa Santa Maria Maddalena (ore 11)
FESTA DELL'APPARIZIONE
Luogo: - DEROVERE
Sagra popolare e celebrazioni liturgiche - Il
santuario della Parola Divina edificato nel
1702 lungo il Canale Delmona, che costeg-
gia l' antica Via Postumia, testimonia l'appa-
rizione della Madonna ad una piccola sordo-
muta che riacquist miracolosamente la
parola - Localit C de' Cervi
14 LUGLIO
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC ACA-
DEMY (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto degli studenti - Auditorium Came-
ra di Commercio (ore 19)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC ACA-
DEMY (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto degli studenti - Auditorium Came-
ra di Commercio (ore 21)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL - CONCERTO DELLA
CLASSE DI VIOLINO DI LUCIA HALL
(Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto con gli allievi del Corso di perfe-
zionamento - Aula Magna Santa Chiara (ore
17.45)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL CONCERTO IN SANTA
CHIARA (Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
con gli allievi del Corso di perfezionamento
- Aula Magna Santa Chiara (ore 21.15)
15 LUGLIO
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC ACA-
DEMY & JVL (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto degli studenti - Auditorium Came-
ra di Commercio (ore 21)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL - VIRTUOSISMO ROMAN-
TICO (Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto con gli allievi e docenti del Corso
di perfezionamento - Aula Magna Santa
Chiara (ore 17.45)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC ACA-
DEMY & JVL (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto degli studenti - Auditorium Came-
ra di Commercio (ore 19)
16 LUGLIO
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL FE-
STIVAL - GALA' DI CANTO (CONCERTO
LIRICO)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto vocale con i giovani musicisti del
corso di Perfezionamento - Piazza Turati (ore
21.15)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL - PIANOFORTE ROMANTI-
CO (CONCERTO LIRICO)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto con gli allievi e docenti del Corso
di perfezionamento - Aula Magna Santa
Chiara (ore 17.45)
LE NOTTI DI SAN LORENZO
Luogo: - TORRE DE' PICENARDI
Visite guidate e antiche suggestioni con gli
sbandieratori ed i musici dei Dovara - Ca-
stello San Lorenzo (ore 21)
17 LUGLIO
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC ACA-
Sabato 12 Luglio 2014
16
Estate nel territorio
Cremona
e il Cremonese
IL CALENDARIO DELLE SAGRE E DELLE FESTE NEL TERRITORIO
Giorno per giorno musica, sagre e spettacoli
17
Estate nel territorio
SABATO 12 LUGLIO
CALA LA NOTTE, S'ILLUMINA LA
ROCCA
Luogo: - SONCINO
Serata storica in rocca con musiche
d'epoca, danze, degustazioni e antiche
suggestioni
NOTTE BIANCA
Luogo: - PIANENGO
Animazione, musica, giochi per bambi-
ni, shopping serale
"E TI DONO DI ME" (Musica)
Luogo: - CREMA
Musica, balletti e monologhi - A cura
dell'AVIS - Cremarena (ore 21)
DOMENICA 13 LUGLIO
MOSTRA-MERCATO DELL'USATO E
PICCOLO ANTIQUARIATO (Antiqua-
riato)
Luogo: - RIVOLTA D'ADDA
Piccolo antiquariato, curiosit, collezio-
nismo - Piazza Vittorio Emanuele II (ore
8.30/23.00)
MERCOLEDI 16 LUGLIO
CREMONA SUMMER FESTIVAL -
CREMONA INTERNATIONAL MUSIC
ACADEMY ORCHESTRA (Concerto)
Luogo: - CREMA
Concerto degli studenti - Piazza Duomo
(ore 21)
GIOVED 17 LUGLIO
E...STATE A RIVOLTA - SESTO GIOVE-
DI' D'ESTATE
Luogo: - RIVOLTA D'ADDA
Cena in piazza e spettacolo dialettale
(dalle ore 20) - Piazza Vittorio Emanuele II
Molte anche le feste dellUnit
Crema e Cremasco
Molti gli appuntamenti organizzati dal Parti-
to Democratico sul territorio. Oltre alla festa
dell'unit di Cremona, che si svolge in questi
giorni, fino al 21 luglio, anche nei paesi vi
sono diverse iniziative.
FESTA DEL PD DI GAMBARA: Dall' 8 fino
al 18 agosto
FESTA DEL PD DI PANDINO: dal 6 al 18
agosto
FESTA DEL PD DI PIADENA: dal 26 Luglio
al 3 agosto.
In luglio e agosto quelle di Cremona, di Gambara, di Pandino e di Piadena
DEMY (Concerto)
Luogo: - CREMONA
STREET CONCERT - - Concerti diffusi - Pa-
goda Giardini Pubblici di Piazza Roma,
Piazza Stradivari, Portici Piazza del Comu-
ne (ore 20)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL FE-
STIVAL CONTEMPORARY INTERNATIO-
NAL MUSIC EXCHANGE (Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto per violino e pianoforte di Sean Ri-
ley e Everett Hopfner - Aula Magna Santa
Chiara (ore 17.45)
GIOVEDI' D'ESTATE
Luogo: - CREMONA
Animazione, arte e musica e shopping serale
nel centro storico di Cremona
SBARAGLIO D'ESTATE
Luogo: - CASTELLEONE
Serate di animazione, musica e shopping nel
centro storico, a cura dell' Ass. Botteghe di
Castelleone
I GIOVEDI' D'ESTATE AL MUSEO DEL VIO-
LINO (evento culturale)
Luogo: - CREMONA
apertura straordinaria dalle ore 20.30 alle
23.00 - Alle ore 21.30 audizione speciale
nell'Auditorium Giovanni Arvedi , in compa-
gnia del violino Stradivari Vesuvius 1727
BURATTINI D'ESTATE (Burattini / Mimi)
Luogo: - CREMONA
Spettacolo dedicato ai bambini , nell' ambito
dei "Gioved d'estate"- Loggia dei Militi (ore
21.15)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL CONCERTO IN SANTA
CHIARA (Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto - Aula Magna Santa Chiara (ore
21.15)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CREMO-
NA INTERNATIONAL MUSIC ACADEMY &
JVL (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto dell'Orchestra - Auditorium Camera
di Commercio (ore 21)
FESTA DELL A BIRRA
Luogo: - CORTE DE'CORTESI CON CI-
GNONE
Musica e gastronomia Campo Sportivo (ore 21)
18 LUGLIO
BUONASERA SORESINA BUONASERA
Luogo: - SORESINA
Artisti in piazza, pittori e giocolieri, musica dal
vivo , danza, shopping serale, esposizione di
auto e moto d'epoca, apertura straordinaria
del "Museo delle Bambole" e del Museo "Ve-
locipiedi e Biciclette antiche" (ore 21-24)
Piazza Garibaldi e Via Genala
E......STATE CALVATONESE (Sagra)
Luogo: - CALVATONE
Serate musicali, giochi popolari e cucina tipi-
ca locale - (ore 21)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC ACA-
DEMY (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto con gli insegnanti - Auditorium Ca-
mera di Commercio (ore 21)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL CONCERTO IN SANTA
CHIARA (Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
CIME - Contemporary Music Exchange - Au-
la Magna Santa Chiara (ore 21.15)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL CONCERTO JAZZ (Con-
certo)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Le Piazzette (ore 19.45)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL CONCERTO DEI MAIN-
ZER VIRTUOSI (Concerto)
Luogo: - MARTIGNANA PO
DondolandoArte Atelier (ore 21.15)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA INTERNATIONAL MUSIC ACA-
DEMY & JVL (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concerto degli studenti - Auditorium Camera
di Commercio (ore 19)
FESTA DEI FAS
Luogo: Besenzone ( Fiorenzuola d'Arda).
A
Speciale Piccoli Animali
Sabato 12 Luglio 2014
La toelettatura una moda sempre pi
diffusa tra i proprietari dei piccoli animali. Tut-
tavia, affinch tale procedura sia meno fasti-
diosa e spiacevole possibile bisogna fare in
modo che sia vissuta come un gioco piace-
vole e divertente. Ad esempio importante
ricordare che vi sono alcune parti del corpo,
come zampe, sedere e orecchie, che hanno
unimportanza per la comunicazione dellani-
male, e che vanno quindi avvicinate con de-
licatezza e attenzione.
Importante anche la scelta dei prodotti
da usare, che non alterino il ph naturale della
loro pelle. Per i pelosi con mantello pi lungo
fondamentale inoltre spazzolarli e lavarli
con uno shampoo specifico, soprattutto
quando la stagione del cambio del pelo.
Sicuramente in un centro specifico sapranno
trattare al meglio il vostro amico a quattro
zampe.
In aggiunta alla toelettatura complessiva
non dimenticate di compiere ulteriori piccoli
gesti di pulizia quotidiana; importante, ad
esempio, controllare le orecchie, dove faci-
le si creino infezioni, pulire i denti e anche
regolare le unghie.
La toelettatura: missione possibile
attenzione per il proprio
animale domestico si
nota anche dagli acqui-
sti che si decidono di
fare per il suo benesse-
re, dai mangimi ai prodotti per
la salute. Al giorno d'oggi ad
esempio grande la cura che
gli appassionati di animali pre-
stano nella scelta dei mangimi,
come spiegano dal negozio Zo-
ogreen di Crema: Grande at-
tenzione soprattutto ai mangimi
per cani, in quanto molti amici
a quattro zampe al giorno d'og-
gi sono pieni di allergie. Per
questo si acquistano alimenti
allergenici e iperproteici, come
Trainer, Eukanuba, Hill's e Ro-
yal Canine. Per i gatti, invece,
c' chi predilige prodotti di fa-
scia alta, chi invece sceglie
quella pi economica: il nostro
negozio pu soddisfare ogni
tipo di esigenza. Ad esempio
ultimamente molto diffusa
una nuova linea, denominata
Oasi, che propone un mangime
naturale che contiene il 40% di
carne fresca.
Molte sono anche le novit
sul comparto giochi: si cercano
sempre pi spesso giochi
istruttivi, in particolar modo
quelli che spingono l'animale a
dover cercare la crocchetta o il
biscotto all'interno del gioco
stesso.
Per la cura dell'animale c'
invece una novit che sta pren-
dendo tantissimo piede: si
chiama Furminator, ed una
spazzola che elimina tutto il pe-
lo morto fino in profondit, ma
soprattutto evita che l'animale
torni a perdere pelo ed effettua
al contempo un massaggio alla
cute spiegano ancora da Zoo-
green.
Infine in questa stagione so-
no fondamentali gli antiparassi-
tari: Le marche di riferimento
sono FrontLine e Advantix:
l'animale deve essere coperto
soprattutto tra aprile e settem-
bre, ma molti preferiscono con-
tinuare la cura tutto l'anno.
I PRODOTTI DI ZOOGREEN
Il negozio Zoo Green, con sede
a Crema (CR) mette a disposi-
zione della clientela un vasto
assortimento di prodotti dedi-
cati al giardinaggio e agli ani-
mali domestici e da cortile.
La variet e la qualit degli
articoli proposti in grado di
soddisfare ogni esigenza e ne-
cessit della clientela. Inoltre,
grazie al costante aggiorna-
mento sulle novit e le innova-
zioni del settore, l'attivit rinno-
va periodicamente la merce
esposta con le ultime uscite,
per restare sempre al passo
con le richieste del mercato.
Tra i prodotti disponibili pres-
so il negozio: concimi liquidi,
attrezzi da giardino, concimi
solidi, articoli per il giardinag-
gio, alimenti dietetici per ani-
mali, integratori per gatti, ali-
menti per cani, alimenti per
gatti, accessori per animali do-
mestici, diserbanti, impianti ed
attrezzature per innaffiatura
giardini, concimi oligominerali,
fertilizzanti naturali, croccantini
per animali, integratori per cani,
fertilizzanti, alimenti per anima-
li, impianti di irrigazione, artico-
li per roditori e altro.
S
La cura per gli animali passa dal cibo
Da Zoogreen tantissimi prodotti di alta qualit: dallalimentazione alla cura
Importante la scelta dei prodotti pi adeguati, che non alterino il ph naturale della pelle
"
quesito
Perch la ciclabile di via Postumia
non stata mai completata?
Egregio direttore,
vorrei portare alla sua attenzione e si-
curamente a quella di molti amanti del-
la bicicletta una situazione inspiegabile
per i pi, unopera incompiuta allitalia-
na per intenderci. Parlo della pista ci-
clabile di via Postumia, unopera pre-
gevole e necessaria per certi versi. Per
chi usa la bicicletta per lavoro, per pia-
cere o per qualsiasi altra motivazione,
la pista ciclabile costruita con una cer-
ta accortezza sta dimostrando tutti i
propri benefici sicuramente fino a Ma-
lagnino. A Malagnino il percorso della
pista ciclabile si interrompe costrin-
gendo i ciclisti ad occupare via Postu-
mia, molto stretta in quel tratto, per
alcune centinaia di metri, con tutti i ri-
schi del caso, per poi riprendere il suo
percorso protetto ed in sicurezza. E a
tal proposito che non si capisce per-
ch, essendoci lo spazio, la pista cicla-
bile si interrompa in modo non com-
prensibile per chi la utilizza. Non so e
non voglio addentrarmi nei meandri
delle competenze, a me come a tanti
altri piacerebbe sapere se permangono
le intenzioni di terminare lopera in mo-
do razionale e chi ne ha la competenza,
si faccia carico dei ritardi che ad oggi
paiono ingiustificati. Si sentono consi-
derazioni strane sullo stato dellopera
e sulle motivazioni che ne hanno impe-
dito una razionale realizzazione. Sareb-
be auspicabile che qualcuno fornisse
una spiegazione plausibile.
Angelo ongari
Cremona
***
"
ProtestA
Lautovelox di via Persico
serve solo per fare cassa
Egregio direttore,
il problema dellautovelox di via Persi-
co sta affliggendo con pesanti balzelli
la comunit cremonese della zona Ma-
ristella. Seguendo le pubblicazioni del-
la stampa locale, sembra che il misu-
ratore di velocit sia stato invocato
dagli abitanti, ma altre informazioni ri-
velano che il citato sistema non sareb-
be stato richiesto, oppure avrebbe
dovuto essere posizionato in un altro
tratto della medesima strada. La con-
fusione sullargomento regna sovrana,
ma rimane il fatto che una nutritissima
schiera di cittadini locali stata pesan-
temente sanzionata dal repressore
della velocit. Il cittadino attento, per,
ha da tempo compreso che il fine ulti-
mo dei Comuni italiani non quello di
far rispettare la legge, oppure di ricon-
durre lautomobilista alla prudenza nel-
la guida, ma quello di ricolmare le cas-
se comunali di denaro fresco, che vie-
ne impiegato per aggiustare i bilanci
dissestati. Questi dissesti amministra-
tivi, secondo il nostro modo di pensa-
re, non sono causati da ristrettezze
creditizie, ma vanno ricercati nel modo
perverso della gestione della cosa
pubblica, che in Italia non conosce
controlli stringenti e tantomeno indivi-
dua e reprime i responsabili dei tracol-
li finanziari. Ai soli Comuni italiani si
addebita la colpa di aver accumulato
un debito complessivo di oltre 53 mi-
liardi di euro, ai quali vanno aggiunti
almeno altri 30 causati dalle partecipa-
te e altre societ in house. LItalia da
troppo tempo soffre di una grave crisi
congiunturale, che ha colpito in parti-
colare le fasce povere della societ e
proprio sopra queste categorie in pe-
renne difficolt si abbattuta la man-
naia di unimposizione fiscale inflessi-
bile, discutibile, dura e perversa. Lo
Stato e gli enti locali impongono tasse
esose e gabelle dai nomi incomprensi-
bili, affondando perennemente le mani
nelle tasche degli italiani e tenendoli
sotto schiaffo dovunque e comunque,
per cui anche in ogni angolo della stra-
da viene teso un agguato che frutta
denaro da immettere nelle casse di co-
loro che a parole dicono di gestire il
potere in nome del popolo italiano. Il
Movimento 5 Stelle di Cremona sostie-
ne le ragioni del comitato spontaneo
Sposta lautovelox di via Persico e
intende ribadire e stigmatizzare che il
rilevatore elettronico della velocit
solo un metodo molto alla moda per
affondare le mani nelle tasche del cit-
tadino, al fine di incanalare nelle casse
comunali denaro fresco col solo scopo
di incrementare il bilancio. Di questi
proventi non si conosce limpiego, ma
si presume che serviranno per conso-
lidare il potere interno dell'attuale am-
ministrazione, stimolando aumenti sti-
pendiali, emolumenti e indennit varie
per i soliti dirigenti, assessori o altre
figure di spicco della macchina comu-
nale. Magari fossero impiegati per il
soccorso di chi versa da tempo in sta-
to di indigenza e che durante la stagio-
ne invernale rischia di morire di stenti,
a causa di bollette astronomiche e in-
sostenibili. Ricordiamo che il comitato
spontaneo Sposta l'autovelox di via
Persico ha indatto marted scorso una
riunione per la sua ufficializzazione.
Con tale iniziativa, il comitato, compo-
sto da centinaia di abitanti della zona
Maristella e di Persico Dosimo, intende
sottolineare le modalit scorrette di
posizionamento dellautovelox e il suo
utilizzo a fine vessatorio, non per agire
nellottica della prevenzione e della si-
curezza, ma unicamente per fare cassa
a spese dei cittadini.
Movimento 5 Stelle Cremona
***
"
nutrie
siamo di fronte a unemergenza
che necessita di interventi radicali
Signor direttore,
con una presenza di nutrie che pru-
denzialmente stimata in 900mila esem-
plari, come calcolato dallUniversit di
Pavia, incaricata del monitoraggio, sia-
mo di fronte a una vera emergenza che
necessita di interventi urgenti e radica-
li, senza pi alcuno spazio per i dibatti-
ti da salotto. Predica la massima ur-
genza lassessore allAgricoltura della
Lombardia, Gianni Fava, intervenendo
a Spineda sul tema delle nutrie, alla
presenza delle organizzazioni sindaca-
le agricole delle province di Cremona e
Mantova, fra le pi colpite dalla presen-
za dei roditori. Lentit dei danni cau-
sati dalle nutrie ingente dichiara
Fava al punto che fra il 2003 e il 2013
la Regione Lombardia ha sostenuto in-
dennizzi agli agricoltori per quasi
1.250.000 euro, cifra alla quale devono
essere aggiunti 3.050.000 per i piani di
contenimento delle nutrie. Senza di-
menticare i danni riportati dai consorzi
di bonifica, che possono essere stima-
ti in ulteriori 3 milioni di euro di danni.
Per lassessore lombardo allAgricoltu-
ra serve un cambio di rotta incisivo:
Fra le proposte avanzate da alcune
sigle agricole, era quella di inserire la
nutria fra le specie cacciabili, ma non
la soluzione efficace in termini di con-
tenimento dellemergenza. Anche i cin-
ghiali sono stati inseriti nellelenco del-
le specie cacciabili, ma sono ancora
presenti nelle campagne a danneggiare
i raccolti e i campi. Da qui la necessit
di andare verso leradicazione delle nu-
trie. Il primo impegno assunto stato
quello di approvare un progetto di leg-
ge regionale, che sostanzialmente mo-
difica lattuale legge 20/2002 e inseri-
sce come finalit della legge leradica-
zione della nutria afferma lassessore
e invito il consigliere regionale Carlo
Malvezzi, presente a Spineda, di solle-
citare i colleghi in Consiglio regionale
ad affrontare lemergenza in maniera
veloce e pragmatica. Lobiettivo
quello di far recepire la normativa an-
che al Parlamento, specifica Fava,
perch gi oggi il decreto del ministro
dellAmbiente, Gian Luca Galletti, pre-
vede leradicazione di alcune specie
animali, ma bisogna fare in modo che
venga consentito alle Regioni di indivi-
duare le specie oggetto di eradicazio-
ne. Perch parliamo di un problema
che riguarda principalmente il Nord.
Lassessore Fava si aspetta, a fronte di
una politica di intervento cos decisa,
le lamentele e i ricorsi di qualcuno, ma
porteremo avanti la nostra battaglia. In
tempi rapidi verr messa in piedi una
task-force composta da tutti i soggetti
interessati allemergenza nutrie, assi-
cura Fava, dal momento che abbiamo
a che fare con una situazione che non
coinvolge solamente il mondo agricolo.
Le nutrie, infatti, costituiscono un pro-
blema anche per la viabilit, tenuto
conto che nelle strade della Bassa Pa-
dana moplto frequente la possibilit
di imbattersi in incontri pericolosi con i
roditori. Verr anche coinvolta la Dire-
zione generale della Salute della Regio-
ne Lombardia, perch tali animali rap-
presentano unemergenza sul piano
igienico sanitario, per la trasmissione di
malattie pericolose per luomo e per gli
animali. Fra le possibili soluzioni per
leradicazione delle nutrie sar presa in
considerazione una accurata campa-
gna di sterilizzazione, attraverso le nuo-
ve tecnologie a disposizione.
Assessorato allAgricoltura
della regione Lombardia
***
"
Punto di vistA
nel provincellum si riscontrano
confusione e populismo
Egregio direttore,
per certi aspetti la legge Delrio, meglio
conosciuta come svuota province,
dopo il porcellum rischia di trasfor-
marsi nel provincellum. Cos oggi
comunemente chiamata la legge Delrio
che non consente ai cittadini di votare
per il rinnovo dei presidenti e dei Con-
sigli provinciali. Per molti aspetti in que-
sta legge si riscontra molta confusione
o, meglio, molta demagogia e populi-
smo quando, ad esempio, previsto
che presidente e Giunta provinciale so-
no prorogati fino al 31 dicembre 2014
senza percepire alcun compenso o in-
dennit. Cio lavorate come prima, ma
a titolo onorifico! A Cremona, a seguito
della elezione del presidente Massimi-
liano Salini nel Parlamento Europeo, il
22 luglio arriver il Commissario straor-
dinario prefettizio, il quale percependo
gi una retribuzione lavorer a titolo
onorifico. O per lui si far uneccezio-
ne? Vedremo. La circolare del Ministero
dellInterno del 1 luglio scorso dipana
la materia legata alle elezioni di secon-
do livello di presidente e Consiglio pro-
vinciale. La data delle elezioni dome-
nica 28 settembre dalle 8 alle 20 e po-
tranno votare solo i sindaci e i consi-
glieri comunali in carica. A Presidente
pu candidarsi solo un sindaco dei Co-
muni della provincia, mentre a consi-
gliere provinciale (dodici in totale) si
possono candidare solo i sindaci e i
consiglieri dei Comuni della provincia
e, solo per la prima elezione, anche i
consiglieri provinciali uscenti. Il presi-
dente dura in carica quattro anni, men-
tre i consiglieri due. Tutti quanti, se-
guendo londa demagogica che si
impadronita anche di Renzi, svolgeran-
no il loro mandato a titolo onorifico. Ma
quel che rende ancora pi difficile se
non impossibile far fronte agli incarichi
che dovranno svolgere la situazione
del bilancio. La Provincia di Cremona
non ha debiti. Paga i fornitori a 32 gior-
ni unico ente pubblico in Italia per
il continuo taglio ai trasferimenti statali,
ai quali si aggiunge quello fatto di re-
cente, render difficile anche per la no-
stra Provincia chiudere il bilancio e ri-
spettare il Patto di stabilit. Il sottose-
gretario Nava, nel presentare agli am-
ministratori comunali la Riforma delle
Province segnalava che in Lombardia
ben cinque Province non sono in grado
di chiudere il bilancio. E ad una mia pre-
cisa domanda, ha risposto che nel
2015 nessuna Provincia sar in grado
di chiuderlo. Da ci ne consegue: con
quali risorse le Province eserciteranno
le seguenti funzioni fondamentali? Pia-
nificazione territoriale provinciale di
coordinamento, nonch tutela e valo-
rizzazione dellambiente, per gli aspet-
ti di competenza; pianificazione dei
servizi di trasporto in ambito provincia-
le, autorizzazione e controllo in materia
di trasporto privato, in coerenza con la
programmazione regionale, nonch
costruzione e gestione delle strade
provinciali e regolazione della circola-
zione stradale ad esse inerente; pro-
grammazione provinciale della rete
scolastica, nel rispetto della program-
mazione regionale; raccolta ed elabo-
razione di dati, assistenza tecnico-am-
ministrativa agli enti locali; gestione
delledilizia scolastica; controllo dei fe-
nomeni discriminatori in ambito occu-
pazionale e promozione delle pari op-
portunit sul territorio provinciale. Per
indipendentemente dai giudizi che si
possono avere sullutilit o meno delle
Province, non si pu prescindere dalla
richiesta di semplificazione avanzata
dai cittadini i quali chiedono solo che
sia individuato finalmente chi fa che
cosa. Perci sul superamento dei
processi burocratici sempre pi ingar-
bugliati che si dovr valutare lefficacia
di questa legge. Per di questa sempli-
ficazione difficile trovare traccia nel
provincellum.
Giuseppe trespidi
Segretario Provinciale dellUdc
***
"
PoLemiCA
Come si fa a giustificare
atti di terrorismo?
Egregio direttore,
come pu una persona sensata cerca-
re di giustificare quello che agli occhi di
tutti sono atti di terrorismo. Ma come
pu una persona sensata cercare di
capire quello che passa nella mente di
questi criminali? Ma come pu una
persona sensata cercare di capire quel-
lo che succede in Paesi oppressi dal
terrorismo, vedi Somalia, Sudan e Ni-
geria dove donne e bambini, la parte
pi debole, vengono regolarmente vio-
lentate e trucidati! I terroristi hanno bi-
sogno di fondi e devono agire, altri-
menti sono fuori dal gioco e non pos-
sono sopravvivere. Ad Israele non con-
viene di certo alimentare il fuoco del
conflitto! Serve solo ai criminali che vi-
vono di questo e non certo ad uno sta-
to di diritto!
massimo Pelizzoni
Gussola
Buongiorno avvocato, te-
mo fortemente che mia mo-
glie mi tradisca e vorrei met-
tere un registratore nella sua
auto per avere la prova del
tradimento oppure spiarla.
Le chiedo se ci lecito o se
questo mio comportamento
potrebbe violare la privacy.
roberta
***
Il coniuge geloso che in-
stalla un registratore nel-
lauto del proprio partner
incorre sempre nelladdebi-
to penale di fraudolenta in-
tercettazione delle altrui
conversazioni. Per intercet-
tazioni si intende ogni ripre-
sa, sia sonora che visiva,
effettuata di nascosto e ido-
nea ad invadere la riserva-
tezza della persona, come
pu essere un filmato regi-
strato da una telecamera
nascosta. Pertanto vietato
e punito penalmente con la
reclusione da sei mesi a
quattro anni il fatto di inter-
cettare le comunicazioni di
un soggetto nellambito di
una sua sfera privata, come
labitazione o lautomobile
situata nelle pertinenze
dellabitazione o della priva-
ta dimora. Spiare lecito
nel caso che si pedini una
persona senza invaderne la
privacy. Se, tuttavia, il pedi-
namento del coniuge so-
spettoso sconfina in am-
bienti riservati e privati, co-
me laltrui dimora, ci inte-
gra una condotta illecita. A
stabilirlo la Corte di Cas-
sazione (Cass. Sent. n.
9235/2012) chiamata a de-
cidere di un investigatore
privato incaricato da un ma-
rito di raccogliere informa-
zioni sulla moglie per docu-
mentarne linfedelt. Il de-
tective era riuscito a filmarla
a casa dellamante, grazie
al consenso di questulti-
mo. Inutile per limputato
chiamare a propria giustifi-
cazione il fatto che luomo
gli avesse concesso lauto-
rizzazione a infiltrarsi nel
proprio domicilio. Infatti, se-
condo i giudici, nel caso in
questione si ha una interfe-
renza nella vita privata ai
danni della moglie fedifra-
ga. Chi infatti frequenta un
luogo di privata dimora, an-
che se si tratta della casa di
unaltra persona, confida
nel fatto che quellambiente
sia privato e dunque si
comporta presumendo che
le proprie condotte tenute
saranno viste solo da quan-
ti che in esso siano stati le-
citamente ammessi.
*Avvocato stabilito
del Foro di milano
emiliacodignola@libero.it
A cura di Emilia Rosemarie Codignola*
Si pu spiare
il partner infedele?

Previsioni meteo a cura di dominique Citrigno per sPAZiometeo.com e meteowebcam.it
sAbAto 12 LuGLio domeniCA 13 LuGLio Luned 14 LuGLio mArted 15 LuGLio merCoLed 16 LuGLio
Sabato 12 Luglio 2014
19
Lettere & Opinioni
Per dire la vostra, scrivete a: lettere@ilpiccologiornale.it incomsc@gmail.com
Giulia Sapelli
era dell'ospedale divi-
so in reparti statici fi-
nita. Cambia infatti
l'organizzazione della
struttura che da luned
ha ufficialmente adottato il mo-
dello "per intensit di cura". Sco-
po finale quello di razionalizza-
re le risorse, eliminando i tempi
morti di ricovero, e rendendo pi
agile la gestione dei pazienti, che
vengono messi al centro. Nel lun-
go termine, si dovrebbe anche
verificare una riduzione anche
dei costi di gestione dei pazienti,
a fronte di una spesa sostenuta
per questa ottimizzazione pari a
1.200.000 euro.
Di fatto a cambiare sempli-
cemente l'approccio ai vari casi
che si presentano in ospedale:
esso sar differenziato non pi
per settori, ma sulla base della
gravit del paziente. In sostanza,i
pazienti che dovranno subire in-
terventi che richiedono solo po-
chi giorni di ricovero (massimo 5
o 6), afferiranno ad una nuova
unit operativa, la week surgery,
che funziona da luned a venerd
e che accoglie chi deve sostene-
re degli interventi programmati,
delle pi diverse discipline. Il re-
parto sar gestito da una equipe
di infermieri e dai medici dei vari
reparti in base al tipo di patologia
del paziente.
Nei reparti tradizionali, rimar-
ranno invece gli altri pazienti, con
situazioni pi complesse e con
pi lunghe esigenze di ricovero.
A questo proposito, anche le va-
rie unit operative sono state ra-
zionalizzate, raccorpando quelle
pi affini: integrazione delle unit
operative di Neurologia e di Neu-
rochirurgia; integrazione delle
unit operative di Nefrologia e
Urologia; trasferimento dell'unit
operativa di Otorinolaringoiatria
presso l'unit operativa di Chiru-
gia Generale; trasferimento al
terzo piano dell'unit operativa di
Ortopedia.
La riorganizzazione per inten-
sit di cura favorisce un approc-
cio terapeutico interdisciplinare:
durante la degenza il medico,
referente clinico, a spostarsi ver-
so il paziente e linfermiere divie-
ne referente assistenziale - evi-
denzia Simona Mariani, diretto-
re generale dell'Ospedale di Cre-
mona - In sei mesi siamo riusciti
a riorganizzare il lavoro di tutto
l'ospedale, attraverso la relizza-
zione di una task force che, lavo-
rando a stretto contatto con l'Asl,
ha analizzato quali fossero le pro-
blematiche da risolvere. Il pa-
ziente al centro, e su di esso si
imposta il percorso di cura. Un
processo, quello dellintensit di
cura, che implica competenze e
innovazione sia sotto il profilo or-
ganizzativo sia culturale. La per-
sona ricoverata fruir dellappor-
to di pi professionisti che lo ac-
compagneranno nelle varie fasi e
livelli della cura.
In questi mesi stato svolto un
lavoro preparatorio scrupoloso
che ha coinvolto i professionisti
delle salute a vari livelli, in parti-
colare le quipe direttamente in-
teressate dal cambiamento, at-
traverso percorsi di formazione
realizzati ad hoc, incontri infor-
mativi e operativi coordinati da
una Task-force condotta dal di-
rettore sanitario Camillo Rossi in
collaborazione con i Direttori di
Dipartimento, il Servizio infermie-
ristico Aziendale (Sitra), la For-
mazione e la Comunicazione. In
tutto questo a giocare un ruolo
fondamentale stato anche lUf-
ficio Tecnico che ha seguito pas-
so passo lo spostamento dei re-
parti e la creazione dei nuovi spa-
zi destinati lAstanteria/medicina
durgenza (adiacente al Pronto
Soccorso) e la Week Surgery. Im-
portante il supporto dei Sistemi
Informativi e delle Tecnologie
Biomedicali che hanno consenti-
to il trasferimento dei dati e il ri-
pristino di tutte le postazioni in-
formatizzate anche nelle nuove
sedi.
Lo scopo far diventare il pre-
sidio ospedaliero di Cremona de-
dicato in particolar modo agli
acuti: a questo proposito un ruo-
lo centrale sar anche quello del
nuovo reparto di medicina d'ur-
genza, collocato proprio accanto
al Pronto soccorso, dove i pa-
zienti possono restare ricoverati
temporaneamente, per il tempo
necessario a verificare se sar
opportuno un ricovero in un re-
parto specifico o se sar possibi-
le dimetterli spiega ancora Ma-
riani.
La spesa affrontata, pari a
1.200.000 euro, stata finanzia-
ta con risorse interne, come evi-
denzia Ida Beretta, direttore am-
ministrativo: l'integrazione tra
neurologia e neurochirurgia
stata fatta grazie all'alienazione
di beni aziendali, ed costata
500mila euro; Il trasferimento di
ortopedia costata 280mila eu-
ro, per i quali sono stati utilizzati
i residui di un vecchio mutuo. Per
l'ampliamento della riabilitazione
specialistica, con sei nuovi posti
letto, abbiamo speso 360mila
euro, sempre recuperati dai pro-
venti di alienazioni. Infine, con
100mila euro di contributo regio-
nale, abbiamo spostato la neuro-
logia al secondo piano.
Siamo solo all'inizio del per-
corso - ha aggiunto Camillo Ros-
si, direttore sanitario -. Abbiamo
realizzato un modello per intensi-
t di cura che fosse su misura ri-
spetto alle esigenze del nostro
territorio, suddividendo i ricoveri
programmati da quelli in urgenza:
in questo modo ogni paziente ri-
cever le cure appropriate rispet-
to a quella che la propria con-
dizione.
A cambiare anche il ruolo
degli infermieri, che diventa cen-
trale nell'assistenza al paziente:
Normalmente gli ospedali sono
organizzati per settori - spiega
Nadia Poli, dirigente del Sitra -.
Invece, con questo nuovo mo-
dello, tutto si ribalda: esiste un in-
fermiere referente per un gruppo
di 7-8 pazienti, che sar il punto
di riferimento per cure, terapia, ri-
sposte diagnostiche, ecc. L'in-
fermiere collabora strettamente
con il medico.
Per ognuno dei nuovi reparti,
quello di Medicina d'urgenza e
quello della week surgery, sono
stati assegnati 14 infermieri, che
hanno volontariamente scelto di
intraprendere questi nuovi per-
corsi.
Nuovo modello organizzativo che mette il paziente al centro. Nascono la week surgery e la medicina durgenza
L
Intensit di cura: come cambia lOspedale
di Ermanna Allevi
Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)
Gentilissima Naturopata buongiorno e complimenti, leggo sempre
la Sua rubrica e mi piace tantissimo. Si parla molto di: piante, erbe,
oligo-elementi, gemmo-derivati e altro, ma come si possono utilizza-
re e perch? Spero possa rispondermi. Un saluto cordiale(anche se
per istinto Le direi affettuoso) M.Luisa
La natura mette a disposizione molte piante-fiori-radici, di ogni colore
e dalle svariate forme e molti sono i metodi di preparazione ai quali possia-
mo affidarci: tisane, decotti, tinture madri, macerati glicerici, oligo elemen-
ti, gemmo derivati, oli essenziali, ecc. L'informazione della pianta o dell'er-
ba o della radice viene trasmessa anche attraverso l'olfatto e l'epidermide.
E' importante conoscere di ogni pianta o erba officinale il principio attivo e
le controidindicazioni prima dell'assunzione della stessa. Attraverso que-
sta rubrica non mi possibile spiegarle l'utilizzo delle varie piante, ma pu
trovare dei buoni testi in libreria, si accerti solo che oltre alle indicazioni
sull'utilizzo della pianta, ci siano anche le note di attenzione e controindi-
cazioni perch sono le pi importanti.

Buongiorno, vorrei sapere a cosa servono e le caratteristiche dei
"Fiori di Bach" grazie Andrea
Edward Bach era un medico inglese che per primo not una certa
corrispondenza tra alcuni fiori ed emozioni e stati d'animo dell'essere
umano. I Fiori di Bach sono 38 e questo il motivo per cui non posso
soddisfare la Sua richiesta. Aquisti un buon libro e trover la spiegazio-
ne dei fiori nei dettagli, ma qualora decidesse di utilizzarli Le consiglio il
parere di un esperto.
Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a:
info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it
Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372.
Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.
CUP Centro Unificato di Prenotazione
Dove: padiglione n. 12, a fianco del
Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori
Orari di apertura al pubblico:
luned - venerd dalle 7.30 alle18.00
orario continuato,
il sabato dalle 8.00 alle 12.00;
Prenotazioni telefoniche: possibile
telefonare al numero verde 800.638.638,
da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00.
PRENOTAZIONI
CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP
Attraverso il CUP si prenotano tutte
le prestazioni ad eccezione delle seguenti,
che devono essere prenotate direttamente
presso le singole unit operative o servizi
come indicato di seguito:
ANATOMIA PATOLOGICA
secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati)
Dove: Poliambulatori, piano Terra.
Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare
contattare la segreteria dellAnatomia Patologi-
ca dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00.
Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00.
Consegna campioni istologici e citologici
La consegna dei campioni citologici urinari
prevista, presso il padiglione 5,
da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30;
per gli altri esami da luned a venerd
dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto).
RADIOLOGIA d
Dove: piano 1, corpo H (ala destra).
TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti
e richiesta di prestazioni con bollino verde
Le prenotazioni vanno effettuate
di persona o via fax.
Orario: da luned a venerd dalle
08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00.
Tel: 0372 405760.
Angiografia
Le prenotazioni vanno effettuate di persona.
Orario: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367.
SENOLOGIA:
Screening mammografico preventivo
biennale Asl Cremona (45-69 anni)
Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled
dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata
al CUP dell'Asl 800 318 999.
Prestazioni con carattere di urgenza,
risonanze alla mammella, agoaspirati,
ecografie
Dove: piano 1, corpo M.
Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00.
Telefono: 0372 405614.
Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata
una nuova linea telefonica dotata
di risponditore automatico
in funzione 24 ore su 24: 0372 405612.
RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE
Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o
ascensore a sinistra vicino l'Ufficio
Informazioni nell'atrio di ingresso)
corpo M, monoblocco ospedaliero.
Orario: da luned a venerd
dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485.
MEDICINA DEL LAVORO:
Visite specialistiche di medicina del lavoro
Tel: 0372 405777 da luned a venerd,
dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente
presso lAmbulatorio Specialistico
di Medicina del Lavoro negli stessi orari.
CENTRO DIABETOLOGICO
Dove: piano 6, corpo H (lato destro),
monoblocco ospedaliero.
Orari: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 13.30
(prima visita per inquadramento
diagnostico-terapeutico e visita di controllo
per monitoraggio metabolico e screening
delle complicanze croniche).
Per le prime visite preferibile che
la prenotazione avvenga di persona comunque
possibile prenotare telefonicamente
da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30.
Telefono: 0372 405715.
CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI
accesso diretto da parte dei cittadini,
con la richiesta del Medico di famiglia
o dello specialista.
Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale.
Orario: da luned a venerd
dalle ore 07.30 alle 10.30.
Telefono: 0372 405663 - 0372 405452
CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI
Monitoraggio delle terapie anticoagulanti.
previsto accesso con prenotazione al numero
0372 405666 - 0372 405663.
Dove: Presso la palazzina del Cup
Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd.
CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA
Test di tolleranza al lattosio e patch test
Accesso con impegnativa del medico curante
Le prenotazioni si effettuano telefonicamente
al numero 0372/408178 da luned a venerd,
dalle 10.30 alle 12; oppure di persona
presso lAmbulatorio di Allergologia (Padiglione
10) da luned a venerd dalle 9.00 alle 13.00.
IMMUNOEMATOLOGIA
E MEDICINA TRASFUSIONALE:
Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia
marziale endovenosa, preparazione di nuovi
emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale:
Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico.
Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero.
Tel: 0372 435887 - 0372 405461
dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd
GENETICA
Dove: piano 2 lato destro del monoblocco
ospedaliero. Prenotazioni telefoniche:
0372 405783
da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30.
MEDICINA LEGALE
Prenotazioni presso Direzione Medica
di Presidio piano Rialzato monoblocco
ospedaliero. Tel: 0372 405200.
PSICOLOGIA
Dove: settimo piano a sinistra.
Prenotazioni da luned a venerd
dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio
di Psicologia, oppure anche telefonicamente
agli stessi orari al numero 0372 405409.
ONCOLOGIA MEDICA
Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i
n reparto da luned a venerd
dalle ore 8.00 alle ore 17.00.
Tel: 0372 405248.
TERAPIA DEL DOLORE
Dove: palazzina n. 9 La prenotazione
pu essere effettuata telefonicamente
al numero 0372 405330
dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd.
Negli altri orari possibile chiamare
lo stesso numero lasciando un messaggio
in segreteria telefonica con il nome e numero
di telefono: al pi presto sarete richiamati.
GLI ORARI
PRESIDIO OSPEDALIERO
DI CREMONA
Salute
20
Sabato 12 Luglio 2014
In tutto il mondo si vive di pi: mediamente, una bambina e un bam-
bino nati nel 2012 hanno, rispettivamente, un'aspettativa di vita di cir-
ca 73 anni e 68 anni. Si tratta di 6 anni in pi rispetto all'aspettativa di
vita media mondiale relativa a un bambino nato nel 1990.
L'Italia uno dei Paesi con maggiore aspettativa di vita. Con riferi-
mento ai maschi, siamo al quarto posto della classifica (a pari merito
con Israele, Singapore e Nuova Zelanda): un italiano che nasce nel 2012
pu aspettarsi di vivere per 80,2 anni, contro una media mondiale di 68.
Si vive di pi solo in Islanda, Svizzera e Australia.
Con riferimento al sesso femminile, l'Italia al quinto posto: una fem-
mina italiana ha un'aspettativa di vita di 85 anni, contro una media mon-
diale di 73. In testa alla classifica ci sono Giappone, Spagna, Svizzera
e Singapore. Sono questi alcuni dei risultati delle "Statistiche Sanitarie
Mondiali 2014" dell'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanit).
LItalia uno dei Paesi con
maggiore aspettativa di vita
Sicurezza alimentare: in Lombardia programmati 53.480 controlli
Un piano integrato sperimentale che con-
sentir ai diversi attori di definire criteri omoge-
nei di controllo, cos da contrastare in maniera
ancora pi puntuale e rigorosa ogni forma di
frode alimentare e di contraffazione in vista di
Expo 2015. E' quanto ha dichiarato il vice pre-
sidente e assessore alla Salute di Regione
Lombardia Mario Mantovani, in occasione del-
la presentazione del programma (sperimentale
di controllo coordinato tra le autorit compe-
tenti) in materia di sicurezza alimentare, qualit
degli alimenti e repressione delle frodi svoltosi
a Palazzo Lombardia.
Questo provvedimento consente di mettere
in campo una vera e propria 'task force' a tute-
la della popolazione rispetto ai potenziali rischi
correlati al consumo di alimenti non sicuri sot-
to il profilo dei requisiti igienico sanitari. Tra le
altre finalit del piano vi sono il contrasto alle
importazioni clandestine, l'esercizio di attivit
non registrate, o non riconosciute, e la defini-
zione di protocolli garantiti per quanto concer-
ne i processi industriali e/o artigianali preposti
alla produzione di alimenti destinati al consumo
umano. Con la costituzione del Tavolo regiona-
le di coordinamento delle Autorit Competenti,
Regione Lombardia, di concerto con il Ministe-
ro della Salute, ha il compito di promuovere sul
territorio regionale le necessarie sinergie. Una
azione congiunta che ha permesso di program-
mare in Regione Lombardia per l'anno corren-
te 53.480 controlli a fronte dei 64.485 impianti
alimentari attualmente in attivit.
Preparare la base rivestendo lo
stampo con un foglio di carta da
forno bagnato e strizzato.
Fate ammorbidire leggermente il
gelato, sbriciolate le meringhe con
le mani e amalgamatele al gelato
con un cucchiaio di legno o con
una spatola.
Versate il composto nello stam-
po, livellatelo e mettetelo in freezer
a rassodare.
Fate bollire un litro d'acqua in
una pentola, immergete i pistacchi
e sbollentateli per 30 secondi.
Sgocciolateli, finche sono anco-
ra caldi, privateli della pellicina,
strofinandoli fra le dita, quindi tri-
tateli grossolanamente.
Lavate rapidamente le fragole,
tuffandole in acqua fredda, poi
asciugatele con carta assorbente,
senza eliminare il picciolo verde.
Versate la panna in una ciotola a
bordi alti, unite lo zucchero a velo
e montatela con la frusta, aumen-
tando gradualmente la velocita e
amalgama verso la fine lo zucche-
ro a velo.
Togliete lo stampo dal freezer, ca-
povolgete il gelato su un piatto da
portata, eliminate la carta e distri-
buite con un cucchiaio la panna
sulla base di gelato.
Tagliate le fragole a meta e distri-
buitele sulla superficie del dolce.
Spolverizzate con la granella di
pistacchi e portate subito la me-
ringata in tavola.
NUMERI UTILI
COMUNE DI CREMONA
www.comune.cremona.it
Centralino: 0372-4071
Urp: 0372-407291
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
www.provincia.cremona.it
Centralino: 0372-4061
Urp: 0372-406233 -
PREFETTURA
Centralino: 0372-4881
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0372-5581
COMANDO FORESTALE
DELLO STATO
Centralino: 0372-410307
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0372-21576
Nucleo di polizia tributaria:
0372-28968
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0372-454516
Centrale operativa: 0372-407427
POLIZIA STRADALE
Comando provinciale
Centralino: 0372-499511
QUESTURA
Pronto intervento: 113
Centralino: 0372-4881
VIGILI DEL FUOCO
Pronto intervento: 115
Centralino: 0372-4157511
PROCURA
Centralino: 0372-548233
OSPEDALE DI CREMONA
www.ospedale.cremona.it
Centralino: 0372-4051
Centro unificato
di prenotazione: 800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
AZIENDA SANITARIA
LOCALE DI CREMONA
www.aslcremona.it
Centralino: 0372-4971
Urp: 0372-497215
NUMERI UTILI
COMUNE DI CREMA
www.comunecrema.it
Centralino: 0373-8941
Urp: 0373-894241
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE
Urp Crema: 0373-899822
CARABINIERI Pronto intervento: 112
Centralino: 0373-893700
COMANDO FORESTALE DELLO
STATO Centralino: 0373-82714
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0373-256474
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0373-250867
Centralino: 0373-894212
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0373-897311
POLIZIA DI STATO
Centralino: 0373-897311
VIGILI DEL FUOCO: 115
Centralino: 0373-256222
PROCURA
DELLA REPUBBLICA
Centralino: 0373-878116
SERVIZI SOCIO-SANITARI
DISTRETTO DI CREMA
Centralino: 0373-899320
OSPEDALE DI CREMA
www.hcrema.it
Centralino: 0373-2801
Centro unico
di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
Crema
Cremona
Via Maestri Muratori - cantiere per la ristruttura-
zione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine
prevista: 30 luglio).
Via Gerre Borghi - cantiere per la ristrutturazione
della condotta dell'acqua potabile (Fine prevista: 29
agosto).
Via Plasio - cantiere per la ristrutturazione della re-
te di distribuzione energia elettrica (fine prevista: 14
agosto).
Via del Maris - cantiere per la ristrutturazione della
fognatura e della condotta dell'acqua potabile (fine
prevista: 14 agosto).
Via Berenzi - cantiere per la ristrutturazione della
condotta del gas metano (Fine prevista: 1 agosto).
Via Giuseppina (tratto V.Buoso da Dovara-V.Gel-
somino) - cantiere per la ristrutturazione della linea
dell'illuminazione pubblica (fine prevista: 5 settembre).
Via Flaminia - cantiere per la ristrutturazione del-
la linea dell'illuminazione pubblica (Fine prevista: 18
luglio),
Via Olona (tratto V. Serio-V. Mella) - cantiere per
la ristrutturazione della condotta del gas metano (fine
prevista: 18 luglio).
Via Bissolati (tratto dal n. 74-V.S.Tecla) - cantiere
per la ristrutturazione della rete di distribuzione ener-
gia elettrica, condotta acqua potabile, allacci alla fo-
gnatura e posa condotta del teleriscaldamento (Fine
prevista: 31 luglio).
Via del Consorzio - cantiere per la ristrutturazione
dei marciapiedi (Fine prevista: 25 luglio).
NUMERI UTILI
COMUNE DI CASALMAGGIORE
www.comune.casalmaggiore.cr.it
Centralino: 0375 42668
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
Centralino: 0375-42233
CENTRO PER LIMPIEGO
Centralino: 0375-42213
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0375-284500
POLIZIA MUNICIPALE
Centralino: 0375-40540
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0375-42288
GIUDICE DI PACE
Centralino: 0375-42273
OSPEDALE
Centralino: 0375-2811
Centro unico di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
MUSEO DIOTTI
www.museodiotti.it
Centralino: 0375-200416
MUSEO DEL BIJOU
Centralino: 0375-284423
TEATRO COMUNALE
www.teatrocasalmaggiore.it
Centralino: 0375-284434
DISTRETTO
SOCIO-SANITARIO
Direzione: 0375-284020
Distretto Veterinario:
0375-284029
Casalmaggiore
Taccuino Sabato 12 Luglio 2014
21
Via Livrasco,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 giugno
INGREDIENTI
Plum cake alla ricotta
PER 4 PERSONE PREPARAZIONE
Al cucchiaio
600 g di lamponi
600 g di panna da montare
200 g di zucchero
zucchero al velo
2 albumi
Vino bianco
Acquavite di lamponi
Souffl delizia di lamponi
Lavate rapidamente i lamponi nel vino, poi tenete da parte
i 12 piu belli e passate quelli rimasti al frullatore con un bic-
chierino di acquavite di lamponi e 2 cucchiai di zucchero
semolato.
Montate a neve densa gli albumi.
Mettete lo zucchero semolato rimasto in una casseruola
con mezzo bicchiere di acqua e fatelo sciogliere mescolan-
do, quindi unitelo ai lamponi, insieme agli albumi montati e
alla panna (anch'essa montata con 2 cucchiai di zucchero al
velo).
Circondate il bordo di uno stampo da souffle di 20 cm di
diametro con una striscia di cartoncino da pasticceria alta 6
cm, rivestita di alluminio e fissatela con un elastico.
Versate nello stampo la crema e passate in freezer per al-
meno 6 ore.
Al momento di portare in tavola, levate il cartoncino. Deco-
rate con i lamponi tenuti da parte e servite subito.
PREPARAZIONE
INGREDIENTI
400 g di gelato alla stracciatella
120 g di meringhe gia pronte
2 dl di panna fresca
2 cucchiai di zucchero a velo
20 fragole
50 g pistacchi sgusciati non salati
INGREDIENTI
Dolci
4 panini raffermi
Burro (o latte)
3 uova
Scorza d'arancia
grattuggiata
50 g di uvetta
200 g di ricotta
50 g di scorza di
mandarino candita
50 g di gherigli di
noce
Spezzettate 2 panini e fateli ammorbidire in un bic-
chiere di latte. Grattugiate i panini rimasti, fateli rosola-
re in 20 g di burro, uniteli al pane ammorbidito e frullate
il tutto.
Aggiungete al composto le uova, la scorza dell'aran-
cia, l'uvetta, la scorza del mandarino a dadini, le noci
tritate e la ricotta.
Mescolate e trasferite in uno stampo da plum-cake
imburrato e foderato di carta speciale anch'essa im-
burrata.
Cuccete a bagnomaria per 40 minuti e servite freddo.
Meringata con
fragole, gelato
e pistacchi
Via Olona,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
18 Luglio
Via Bissolati,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
31 Luglio Via Del Consorzio,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
25 Luglio
Via Plasio,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
14 Agosto
Via Maestri Muratori
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Luglio
Via del Maris,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
14 Agosto
Via Giuseppina
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
5 Settembre
Via Berenzi
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
1 Agosto
Via Flaminia
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
18 Luglio
Via Gerre Borghi
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
29 Agosto
dalla redazione
l Museo del Violino far suo-
nare lautunno di Cremona con
Stradivari Festival, un appunta-
mento che questanno si pre-
senta in una veste nuova, ad un
anno esatto dallapertura del museo:
17 giorni di festival, 40 eventi per
oltre 40 ore di musica, con un reper-
torio che spazia dalla musica classica
al jazz, dal tango al crossover, fino ai
compositori contemporanei, con pi di
60 artisti internazionali, che si esibiran-
no nellAuditorium Giovanni Arvedi e
in citt. In programma 16 concerti per
una manifestazione unica al mondo,
interamente dedicata agli strumenti ad
arco e a pizzico, che attraverso diversi
generi musicali fa incontrare tradizio-
ne e innovazione a Cremona, capita-
le mondiale della liuteria e patrimonio
immateriale dellUnesco per larte liu-
taria. Tra i protagonisti della kermes-
se Pavel Vernikov, Viktoria Mullova,
Richard Galliano, Regina Carter,
Natalia Gutman, Sonig Tchakerian,
Salvatore Accardo, Avi Avital, Luigi
Attademo, il Quartetto di Cremona,
lo Stradivari Quartett, il Quartetto
Matamoe, il Duo Leonore e molti altri.
Oltre ai concerti, Stradivari Festival
presenta un ricco calendario di appun-
tamenti, guide allascolto, workshop e
mostre per incontrare gli artisti, cono-
scere gli strumenti ad arco e i mae-
stri liutai che li hanno costruiti: a
Cremona in pochi giorni saranno suo-
nati i migliori strumenti contempora-
nei e alcuni tra i pi preziosi strumen-
ti antichi, alcuni messi a disposizione
per loccasione dal Museo del Violino
e dalla collezione di Carlo Alberto
Carutti esposta al Museo Civico. Per
scoprire tutti i segreti del mondo del-
la liuteria italiana, dal 14 settembre
al 12 ottobre, il Museo del Violino ne
ripercorre la storia recente, attraver-
so tre mostre curate da Virginia Villa e
Fausto Cacciatori: Cremona 1937,
unesposizione sulla liuteria del XX
secolo, Liutai italiani del XXI secolo,
una grande rassegna che testimonia
la vivacit eclettica di una tradizione
del passato che vive ancora oggi e
Maestri, omaggio alla carriera, dedi-
cata a quattro grandi liutai contempo-
ranei, Francesco Bissolotti, Giancarlo
Guicciardi, Gio Batta Morassi e
Renato Scrollavezza, che tutti potran-
no incontrare sabato 27 settembre in
un vis vis a loro dedicato su Il saper
fare liutario: racconto di una vita. In
programma sabato mattina anche altri
incontri di approfondimento come Il
valore economico del violino (4 otto-
bre) e I concorsi nazionali di liute-
ria (11 ottobre). Stradivari Festival
inaugura con unanteprima domenica
14 settembre, in occasione del com-
pleanno del Museo del Violino, che
in un solo anno ha gi contato oltre
50mila visitatori dallItalia e dalleste-
ro, con concerto di Pavel Vernikov e il
Trio Cajkovskij su musiche di Dmitrij
ostakovic e Ptr Ilic Cajkovskij. La
kermesse vera e propria prende il via
sabato 27 settembre con il concerto
Stradivarius in Rio: Viktoria Mullova
suoner lo Stradivari Julius Falk del
1723 in un crossover tra le note di
Bach e musiche brasiliane.
I
Stradivari Festival, grande evento della musica
In 17 giorni ben 16 concenti di artisti internazionali che si esibiranno nellAuditorium Arvedi
&
Cultura Spettacoli
Domani i Dear Jack, finalisti della trasmissione
Amici di Maria de Filippi (trasmessada Canale 5),
secondi classificati, incontreranno i fan presso il
Centro Commerciale Cremona Due, per foto e
autografare i loro cd. Il tutto a partire dalle ore 17.
Vincitori del premio della critica ad Amici, ama-
tissima e seguitissima gi allinterno del program-
ma, conta gi pi di 165mila likes sulla loro pagina
Facebook e oltre 5 milioni di visualizzazioni del loro
videoclip su YouTube.
I Dear Jack
incontrano
i propri fans
Si svolta nei giorni scorsi a Palazzo Zevallos
Stigliano di Napoli, concesso per loccasione da
Intesa Sanpaolo, la cerimonia di donazione di 13
strumenti ad arco, che CremonaFiere ha promosso
a favore del progetto Musica e societ dellAsso-
ciazione Alessandro Scarlatti di Napoli, in collabo-
razione con la Fondazione Con il Sud. Nel corso
dellincontro si tenuto un breve concerto del Coro
della Scuola Borsellino di Napoli, dove il progetto
dellassociazione verr realizzato. CremonaFiere,
attraverso Mondomusica, Cremona Pianoforte e
Mondomusica New York, ha tra i propri obiettivi
il sostegno e la promozione della diffusione della
cultura musicale, nella convinzione che la musica
abbia un valore oltre che culturale anche formati-
vo; questo interesse si esplicita anche attraverso
iniziative concrete di donazione di strumenti musi-
cali a progetti che riconoscono gli stessi scopi. La
donazione al progetto Musica e societ dellAs-
sociazione Alessandro Scarlatti di Napoli fa seguito
ad altre due iniziative che si sono svolte nel 2013 e
nel 2014, in occasione di Mondomusica New York,
a favore di due scuole di musica la Opus 118 e
la Mount Carmel Holy Rosary School di Harlem a
New York. Ci molto piaciuto il progetto dellAs-
sociazione Scarlatti che, nella sua realizzazione, si
ispira a El Sistema, il modello didattico musicale
venezuelano del maestro Abreu, che consente un
accesso gratuito e libero a bambini e fanciulli di tutti
i ceti sociali. Gli strumenti che abbiamo donato oggi
saranno impiegati dalla giovane orchestra costituita
con questo progetto circa un anno fa, ha dichiara-
to Antonio Piva, presidente di CremonaFiere.
CremonaFiere ha donato tredici strumenti ad arco a Napoli
Salvatore Accardo e lOrchestra da Camera Italiana
E ti dono di me: con questo titolo che
anche un invito alla solidariet ed alla
generosit, lAvis di Crema invita tutti al
concerto voluto dai loro giovani iscritti
al teatro CremArena piazzetta W. De
Gregory questa sera alle ore 21 (in-
gresso libero). Questi gli interpreti: Ni-
col Premi, autore e presentatore dei
monologhi (dalla solitudine egoistica e
scettica, al gesto altruistico di avvicina-
mento e di dialogo con gli altri) interval-
lati da brani musicali interpretati dallor-
chestra Cremaggiore con canzoni pre-
sentate da Francesca Grassi Scalvini,
e i balli curati dalla scuola di danza Us
Chieve. Con questo eventi lAvis Cre-
ma si prefigge lo scopo di sensibilizza-
re i cittadini non solo nei confronti della
propria benemerita realt (oltre 1000
iscritti volontari per oltre 2000 donazio-
ni) ma in generale verso un sentimento
di cittadinanza e di fraternit umana.
Concerto organizzato dallAvis Crema
Viene inaugurata domani (e rester aper-
ta fino al 24 agosto), presso il Museo della
Stampa di Soncino la mostra dal titolo Lar-
tista e il suo mondo di Liliana Esteban, nata
il 25 dicembre 1959 a Lanus in provincia di
Buenos Aires in Argentina. Ha conseguito il
titolo di insegnante darte elementare pres-
so la Scuola darte nazionale Manuel Belgra-
no nel 1981; come professoressa di arte si
specializzata in disegno e incisione pres-
so la Scuola comunale d'arte Carlos Morel
nel 1985. Si inoltre laureata come fotogra-
fa professionista presso il Centro fotografico
de Quilmes nel 1987.
Professoressa di Incisione delle Cattedre
di Incisione I e III presso la Facolt di Belle
Arti Manuel Belgrano (Isfa) e professoressa di
fotoincisione presso lIstituto superiore di bel-
le arti Ernesto de la Crcova (1996-1997),
inoltre docente di Incisione presso la Scuola
di belle arti Carlos Morel (1987) e professo-
ressa di Incisione presso la Scuola di Belle Arti
Rogelio Irurtya (1993-2000). Attualmente
lavora come insegnante darte presso scuo-
le elementari, medie e superiori a livello nazio-
nale, provinciale e comunale. E stata, inoltre,
docente dincisione, metodologia dellinse-
gnamento e sistemi di composizione presso la
Scuola di belle arti Manuel Belgrano (1990
2010). Nel suo studio privato tiene corsi di pit-
tura, composizione e fotocomposizione.
Mostra di incisioni
di Liliana Esteban
Unincisione di Liliana Esteban
Questa sera, alle ore 21 (con replica
alle 22) nella Chiesa Beata Vergine del Ro-
sario di Montodine (nella foto), in occa-
sione dellapertura delle celebrazioni per
il centenario della Grande guerra, la par-
rocchia di Montodine propone allatten-
zione della cittadinanza il libro Un sepol-
cro ed unanima del montodinese mons.
Francesco Piantelli. Durante la serata ci
sar la lettura di alcuni passi del volume
da parte di Fausto Lazzari, con musiche a
cura di Claudio Demicheli e introduzione
di A. Maria Piantelli.
Stasera celebrazioni
della Grande guerra
Continua la stagione di Odissea questa
sera a Corte de Cortesi alle 21,30 con
Non stato il freddo la cosa peggiore.
Lettura-concerto da testimonianze di so-
pravvissuti nei campi di concentramento
tedeschi che si terr a Casa Marchioni (vi-
colo Nazario Sauro 15). Voce recitante di
Gian Marco Zappalaglio, sottolineature
musicali di Marco Ravasio, accompagna-
mento al violoncello di Raffaella Matta.
Domani pomeriggio, alle ore 16 a Son-
cino nel parco del Tinazzo, laboratorio-
spettacolo per bambini e adulti con il cir-
co-teatro di Madame Rebin Una banda
di clown con Alessio Pollutri, Andrea Bru-
netto e Max Pederzoli. Alle ore 19.30 poi lo
stesso Alessio Pollutri presenter allOste-
ria Finiletti di Pumenengo, il proprio libro
Come un colibr!
Lettura-concerto
a Corte de Cortesi
di Tiziano Guerini
Il presidente e il direttore artisti-
co rispettivamente Giovanni Marot-
ta ed Enrico Coffetti hanno gi ela-
borato il programma con gli appun-
tamenti in abbonamento della nuo-
va stagione del teatro San Domenico
di Crema. Archiviata con buoni risul-
tati di pubblico e di critica la prece-
dente annata, ora il teatro di Crema
si ripresenta al proprio pubblico con
una serie di proposte teatrali di sicura
interesse. Inizio folgorante per saba-
to 15 novembre con il Re Lear di Wil-
liam Schakespeare interpretato da un
nome eccellente come Michele Placi-
do. Il sabato successivo 29 novem-
bre vedr sulla scena Anna Galiena,
Marina Massironi, Chiara Noschese e
Sergio Munia in Tres di Juan Carlos
Rubio. Domenica 14 dicembre sar
Livia Ravera con il suo Nuda proprie-
t. Interpreti Lella Costa, Paolo Cala-
brese, Claudia Gusmano, Marco Pal-
vetti. Il Casanova di Ruggero Cap-
puccio con Roberto Herlitzka e Mari-
na Sorrenti sar a Crema sabato 17
gennaio. Sabato 31 gennaio toccher
alla Mandragola di Nicol Machia-
velli con Jurij Ferrini, Luca Cicolella,
Matteo Al, Michele Schiano Di Cola,
Angelo Maria Tronca, Alessandra Fra-
betti e Cecila Zingaro. Luned 16 feb-
braio il San Domenico ospiter I vici-
ni di Fausto Paravidino accompa-
gnato da Iris Fusetti, Davide Lorino,
Monica Salassa, e Sara Putignano.
Venerd 27 febbraio Satura Blues
DaCru Company in prima assoluta.
Domenica 8 marzo andr in scena
Prendila cos di e con Sergio Sgril-
li. Domenica 15 marzo Antigone, una
storia africana di Massimo Luconi.
Infine venerd 27 marzo Antonio Cor-
nacchione con Lucia Vasini presen-
teranno Lho fatto per il mio Paese.
Un cartellone ampio e interessante
che sicuramente attirer gli appassio-
nati del teatro, ma anche coloro che
sono alla ricerca di buone occasio-
ni per passare una serata divertente
e intelligente. Da notare che a parti-
re da luned 14 luglio sar gi possi-
bile acquistare gli abbonamenti per la
prossima stagione presso la segrete-
ria del teatro in via Verdelli da luned
a venerd (tel. 0373-85418).
Presentata la nuova stagione del San Domenico
Inizio folgorante sabato 15 novembre con Michele Placido protagonista in Re Lear
Bernhard Casper professore emerito di Filosofia del-
le religioni allUniversit Freiburg im Breisgrau. A lui la
cultura filosofica italiana deve il valore del dialogo espres-
so durante la partecipazione ai Colloqui Castelli di Roma;
la cultura filosofica tedesca deve lintroduzione nel dibat-
tito filosofico contemporaneo gli stimoli decisivi legati
alla riflessione di Emmanuel Levinas. Ospite fisso da di-
versi anni della rassegna Filosofi lungo lOglio, anche
questanno Casper sar presente in terra bresciana. In
ben due appuntamenti: marted 15 luglio allAuditorium
S. Fedele in piazza Zamara a Palazzolo sullOglio, alle ore
21.15 con una lezione dal titolo Fidarsi: cibo della nostra
vita. Momenti del suo accadere; e successivamente do-
menica 20 luglio, alle 21.15 nella Chiesa di S. Maria dei
Campi a Travagliato, con una comunicazione dal titolo Il
ritorno di Civerchio: lassunzione nella chiesa di Santa
Maria dei Campi. Un argomento, questultimo, che Ca-
sper ha ampiamente trattato in una sua recente opera dal
titolo Evento della pittura ed esistenza umana vissuta.
Su due opere di Vincenzo Civerchio a Travagliato e che
dovrebbe attirare la suggestione critica di molti crema-
schi dal momento che il Civerchio uno dei pittori cre-
maschi pi presenti in citt con le proprie opere, pi fa-
mosi e pi noti della citt di Crema.
Casper torna alla rassegna Filosofi lungo lOglio
Bernhard Casper
Michele Placido in Re Lear
SPORT
lo
Responsabile Fabio Varesi
Rivoluzione in casa Videoton. Sui 14 giocatori
sino ad ora a disposizione di mister De Ieso, ben 7
sono volti nuovi e nella nuova rosa non troviamo
pi nomi come De Freitas e Taranto, accasatisi
lontano da Crema e per la prima volta dopo quasi
dieci anni non vestiranno la maglia rossoblu gli eroi
della scalata alla C1. Lasciano infatti il capitano
Cristian Giulivi, il bomber Francesco Serina e la
diga Michele Marazzi e del tecnico delle due pro-
mozioni, Massimo Valente.
Rivoluzione
in casa
Videoton
lettere@ilpiccologiornale.it
Un altro Lombardo in grigiorosso?
di Matteo Volpi
na colonia di giovani talenti
pronta a vestire il grigiorosso. I
primi due nomi sono quelli di
Radoslav Kirilov e Giacomo
Venturi, rispettivamente attac-
cante bulgaro e portiere, entrambi classe
92. Kirilov arriva dal Chievo e si presenta
come il classico attaccante esterno di ma-
novra (non vanta numeri da bomber con le
maglie di Rimini, Chievo, Lumezzane, Carpi
e Venezia ), veloce e scattante che ha
allattivo anche il debutto con la Nazionale
Under 21 bulgara. Il faentino Venturi, invece,
un portiere di belle speranze ben cono-
sciuto da Simoni e Giammarioli, che lo han-
no visto allopera al Gubbio due stagioni fa.
Il suo cartellino di propriet del Bologna e
il suo nome presenza costante nelle varie
selezioni giovanili azzurre, dove viene ap-
prezzata la sua esplosivit e la sua attitudine
a cavarsela anche fuori dai pali, come spes-
so viene chiesto ai portieri moderni. Due
ottimi colpi dunque, a cui ne seguiranno altri
a breve. Qualora non dovesse andare in por-
to la pista che porta a Daniele Moroni del
Parma, per la mediana sembra ben avviata
la trattativa che porta a Mattia Lombardo,
figlio dellindimenticato Attilio. A differenza
del padre ( un esterno destro offensivo tut-
to sprint e corsa), il ragazzo classe 95
giocatore pi tecnico e ricopre il ruolo di me-
diano basso, posizione che, per, non gli
impedisce di trovare la via del gol con una
certa facilit e la dimostrazione la si pu
tranquillamente trovare nei 10 gol messi a
segno in 32 presenze con la maglia della
Primavera doriana nella scorsa stagione,
sotto l'occhio vigile Enrico Chiesa. Restiamo
in attesa dellufficialit, ma le premesse per
un Lombardo-bis ci sono tutte. Nelle ulti-
me ore trapelato anche il nome di Stefano
Morrone come possibile chioccia del cen-
trocampo. Lex mediano di Palermo, Chievo,
Livorno Parma (solo per citarne alcune)
potrebbe arrivare sullasse dei rapporti pre-
ferenziali presenti con il Parma che ne detie-
ne al momento il cartellino; sebbene lingag-
gio del giocatore non risulti propriamente in
linea con lottica poca spesa, massima resa
varata dalla nuova gestione Simoni.
STAFF TECNICO Il nuovo preparatore
sar Angelo Bozzetti, che ha gi lavorato a
fianco di Montorfano nella stagione 2001-
2002 e rappresenta senza dubbio un gradi-
to ritorno in casa grigiorossa, dopo le espe-
rienze allestero in Romania e Medio Orien-
te. Si va cos a completare lo staff tecnico
che guider la squadra in Lega Pro unica.
NEWS E stata, infine, ufficializzata lami-
chevole con il Modena, squadra di serie B e
protagonista nell'ultima stagione dei playoff
della serie cadetta. Lamichevole sar di-
sputata gioved 31 luglio alle ore 17 presso
il Campo comunale Lotta di Fanano.
U
Tra i giovani seguiti dalla societ c anche il figlio di Attilio, protagonista alla Cremo negli anni 80 LEGA PRO
di Tiziano Guerini
In settimana si andata defi-
nendo a poco a poco la fisio-
nomia della nuova rosa della
Pergolettese. Dopo gli acqui-
sti di Stefano Lorenzi, Dino
Sangiovanni (cremasco), Ste-
fano Martinelli (fine prestito)
Alessandro Cazzamalli (crema-
sco) e di Alessio Manzoni (pro-
babile), fin dallo scorso luned
arrivata lufficializzazione della
firma del centrocampista crema-
sco Michele Patrini, provenien-
te dal Fidenza. Si concretizza,
cos, uno degli obiettivi del diret-
tore generale Cesare Fogliazza
quando ipotizzava una squadra
con forti lineamenti locali. Se si
tiene presente che anche Alex
Guerci, gi della Pergolettese
due stagioni or sono e trigolese
di origine, cos come Amedeo
Tacchinardi in odore di ricon-
ferma e castelleonese, il qua-
dro dei giocatori locali si infit-
tisce. Si spera evidentemente
che lorgoglio della maglia pos-
sa fare la differenza. Oltre a
Tacchinardi sono nellobiettivo
della dirigenza per la riconferma
Mario Scietti e Manuel Davini,
mentre si fa conto sulla crescita
dei vari Under del settore giova-
nile quali Davide Panepinto che
tanto si mise in luce durante le
ultime partite del campionato
vittorioso di serie D con allena-
tore Roberto Venturato; e poi
Simone Cinquetti, Alex Bossi,
Nicol Piras, Andrea Ardini e
Andrea Rancati. Se sar cam-
pionato di serie D ci dovranno
essere in campo ogni partita
almeno quattro Under e quindi
di giovani c comunque biso-
gno. Ma, sar campionato di
serie D? Tutto lo lascia credere,
se non fosse che sia i giocatori
gi ufficializzati che gli ambienti
dirigenziali, lasciano continua-
mente trasparire il desiderio e
la volont di ripescaggio nella
serie superiore. A met luglio
si sapr esattamente quan-
te societ attualmente avente
diritto alla serie C effettivamen-
te avranno le carte in regola
e poi entro il 28 luglio lazio-
ne del ripescaggio avr la sua
conclusione, perch con agosto
riprender lattivit agonistica e
la preparazione in un modo o in
un altro dovr essere gi in fase
avanzata. Comunque il raduno
della squadra fissato per il 24
luglio. Il resto si vedr.
Il centrocampista cremasco reduce dalla stagione al Fidenza. La societ vuole ora confermare Scietti
Nelle ultime ore sono stati perfezionati gli ingaggi dellattaccante Radoslav Kirilov e del portiere Giacomo Venturi
Pergolettese, Michele Patrini lultimo arrivato
Mattia Lombardo
Prosegue la campagna di
raffrzamento del Crema 1908.
Lultimo arrivo si chiama Diego
Pedrocca, centrocampista nato
a Rovato (Bs) nel 1984 ed ha
giocato nel 2004-2005 in serie
C2 nella Pro Sesto e dal 2005 al
2008 nel Sal in serie D. Ha
quindi indossato la maglia della
Castellana Castelgoffredo dal
2008 al 2012, diventandone
anche capitano. Dal 2012 alla
stagione appena conclusa ha
militato nel Mapellobonate Cal-
cio, realizzando ben 11 reti. E
un onore per me far parte del
Crema 1908 - afferma il nuovo
centrocampista - quando mi
stata offerta la possibilit di
giocare in una squadra tanto
prestigiosa come il Crema, ho
subito accettato con entusia-
smo, bench avessi ricevuto
altre proposte. Mi stimola la
nuova dirigenza e lapproccio
che si deciso di dare alla
societ, un indirizzo professio-
nale che non facile trovare.
Sono dunque estremamente
soddisfatto della scelta e non
vedo lora di cominciare questa
stimolante avventura.
Abbiamo concluso un ac-
cordo con un giocatore forte-
mente voluto dallo staff tecni-
co, le caratteristiche calcistiche
e umane di Diego, auspichiamo
possano darci un valore ag-
giunto in termini tecnici, tattici e
di esperienza - dichiara Massi-
miliano Gnatta, direttore gene-
rale del Crema - il fatto che
nelle ultime stagioni da centro-
campista abbia timbrato pi
volte il tabellino dei marcatori,
stato sicuramente elemento
importante nella valutazione e
nella scelta del giocatore.
RITIRO Intanto la societ ha
individuato in Breguzzo (provin-
cia di Trento), il luogo ideale per
il ritiro per la preparazione esti-
va. Al ritiro parteciper anche
Luca Bressanelli, centrocampi-
sta cremasco classe 1996,
nelle scorse stagioni nelle fila
della Cremonese. Infine, nellor-
ganico del settore giovanile
stato inserito Emanuele Edallo,
quale allenatore di una delle
due squadre che parteciperan-
no al campionato Giovanissimi.
ECCELLENZA
Michele Patrini
SERIE D
Il Crema ingaggia
Diego Pedrocca
Scietti in gol la scorsa stagione
FUTSAL
Attilio Lombardo
Piccolo ufcio in centro a Cremona, vicino agli ufci amministrativi
della citt. Completamente ristrutturato con niture molto curate,
riscaldamento autonomo e climatizzazione estiva.
Lufcio/studio formato da 2 locali oltre a antibagno e bagno dota-
to di doccia, locale archivio e cantina al piano interrato.
Ottime possibilit di parcheggio a 100 m. Vendita in regime IVA.
Limmobile esente da spese di intermediazione per lacquirente
VENDESI UFFICIO
ZONA TRIBUNALE
Cell. 333 6865864
VERO AFFARE
VENDESI APPARTAMENTO
Libero ristrutturato, mq. 56
Ingresso, sala con cucina aperta, stanza matri-
moniale, bagno,
balcone, ripostiglio, cantina, ascensore.
Pavimenti in marmo e parquet.
Adiacenze P.zza Risorgimento.
Condominiali + riscaldamento 100/mese.
Mezzi pubblici a 50 mt.
69 mila possibilit mutuo
(rata mensile 290,00).
CI.En.G-EPh226,27 kWh/mq
No agenzie. 338-6222325 / 334-2010940
Sport
Sabato 12 Luglio 2014
24
di Giovanni Zagni
ran colpo stato lingag-
gio di Luca Vitali (prean-
nunciato dal nostro gior-
nale la settimana scorsa,
ndr) per il campionato a
venire che riporter a Cremona un
atleta che tanto bene aveva fatto
due stagioni addietro in maglia
Vanoli. Pensiamo che la trattativa
non sia stata n lunga, n troppo
complicata, poich da parte di Vitali
cera certamente la disponibilit
mentale a riprovarci in un contesto
che laveva accolto bene e rilanciato
anche nelle sue ambizioni professio-
nali. Luca, giocatore di intelligenza
cestistica notevole, nonch dotato
di buoni fondamentali tecnici, si era
caricato sulle spalle moltissime re-
sponsabilit in proprio e per il bene
della squadra, risultando determi-
nante per la bu-na riuscita dellim-
presa. In questo ambito, cio senza
rigide briglie sulle spalle, Vitali aveva
dato il meglio di s, giostrando an-
che in posizione di ala forte, o di
guardia o di playmaker con risultati
sempre di notevole contenuto (col-
lezionando 28 minuti di media, 13.3
punti, 4.3 assist, 3.8 rimbalzi e tiran-
do con il 50% da 2 punti e il 45,2%
da 3 punti in stagione). Per me
Cremona significa tanto. Ci diverti-
remo, sono state le prime parole di
Vitali al general manager Andrea
Conti, subito dopo la firma. Se il
progetto societario vuole molti gio-
vani e magari italiani, ingaggio
migliore non poteva esserci, a
nostro parere. Oltre a Vitali, la diri-
genza ha ingaggiato anche Fabio
Mian, esterno ventiduenne di
Gorizia, alto 196 centimetri, che ha
militato nellultima stagione in
Legadue Silver con la Fortitudo
Moncada Agrigento, centrando la
promozione in Legadue Gold. Ora
attendiamo che si formi, con calma,
il roster completo. Andrea Conti
visioner tanti stranieri nei tornei
che sta seguendo in Usa, mentre
lassistente Lepore ne ha visti tanti
di giovani in Europa e chiss che
non peschi bene a prezzi di saldo.
Gi, perch molte saranno le socie-
t costrette a taner bassi gli ingaggi,
in quanto pochi sono i club che
navigano nelloro. Si ipotizza ancora
un campionato diviso nettamente in
due: quello dei ricchi e quello di
chi vuol resistere ad ogni costo nelle
posizioni acquisite. Mettiamoci pure
la Vanoli tra queste ultime, sperando
che si veda buon basket, tanta
intensit e chiss che con un pizzico
di buona sorte con il sostegno del
pubblico, non si possa far solletico
anche ai cosiddetti grandi.
La Vanoli si affida ancora a Vitali
Colpo di mercato della societ, che a riportato a Cremona uno dei protagonista di due stagioni fa
Terzo ingaggio italiano per la squadra biancoblu, dopo il lungo Campani e il giovane goriziano Fabio Mian (22 anni)
G
BASKET A
Luca Vitali con il presidente Aldo Vanoli
NAZIONALE
Ottimo esordio degli azzurri di Pianigiani nella
Trentino Cup. LItalia ha battuto nettamente la
Germania, che per si presentata con una squa-
dra giovane e senza le sue stelle. In ogni caso, era
importante offrire una prova convincente e lobiet-
tivo stato centrato. E sceso in campo anche il
neo biancoblu Luca Vitali, autore di 5 punti. La sua
presenza in Nazionale conferma la considerazione
che Pianigiani nutre nei suoi confronti.
ITALIA-GERMANIA 91-59 (26-16, 54-30; 68-47)
ITALIA: Vitali 5 (1/3, 1/2), Poeta (0/2 da tre), De
Nicolao 3 (1/2 da tre), Datome 13 (1/8, 3/5), Cervi
2 (1/2), Magro 4 (1/3), Cinciarini (0/2 da tre), Mora-
schini 7 (1/2, 0/1), Pascolo 17 (8/8), Della Valle 7
(2/2, 1/4), Aradori 13 (4/6, 1/3), Polonara 20 (4/6,
3/6). All.: Pianigiani.
GERMANIA: Vargas (0/1, 0/1), Tadda 4 (2/5,
0/3), Staiger 5 (0/3, 1/3), Benzing 2 (0/1, 0/1),
Doreth 3 (1/2 da tre), Seiferth 6 (3/5, 0/1), Zirbes 20
(7/9), Kleber 14 (4/6, 1/3), Voigtmann 5 (1/5),
Mangold. All.: Mutapcic.
ARBITRI: Mattioli, Paternic, Vicino.
Il neo biancoblu ha realizzato
cinque punti in maglia azzurra
Gli azzurri (foto www.fip.it)
MotoGp: Rossi cerca
il podio in Germania
Dopo il rinnovo di contratto con la Yamaha, Valentino
Rossi cerca un buon piazzamento nel Gp di Germania, che
in carriera ha vinto cinque volte. Sul circuito del Sachsenring,
il favorito sempre Marc Marquez (caduto, senza conse-
guenze, nelle prime libere di ieri), che fino ad ora si aggiu-
dicato tutte le gare del Mondiale 2014. Nella classifica irida-
ta, il giovane spagnolo ha addirittura 72 punti di vantaggio
sulla coppia Rossi-Pedrosa. Oggi alle 14.05 (in diretta su
Sky) appuntamento con le qualifiche, mentre domani alle 14
spazio alla gara della MotoGp (in diretta sempre su Sky).
DALLITALIA & DAL MONDO
Il siciliano ora il grande favorito al Tour, 16 anni dopo il successo del Pirata
Vincenzo Nibali sulle orme di Pantani
E un Tour de France che fa sognare gli appassio-
nati italiani. Al via della Grande boucle i favoriti erano
tre: Chris Froome (vincitore nel 2013), Alberto
Contador (trionfatore in giallo nel 2007 e nel 2009) e il
nostro Vincenzo Nibali, che dopo il Giro e la Vuelta,
sogna un fantastico tris. Battere la concorrenza sem-
brava per unimpresa titanica, ma dopo poche
tappe, il siciliano gi diventato il padrone del Tour.
Subito in maglia gialla, nella temuta Ypres-Arenberg
Porte du Hainaut (5 tappa), che prevedeva il transito
sul pav della Parigi-Roubaix, ha dato spettacolo,
giungendo terzo e soprattutto staccando Contador di
oltre due minuti. E poi allarrivo, Nibali ha scoperto
che Froome era caduto pi volte e che era costretto
ad abbandonare la corsa. La strada che porta a Parigi
ancora lunga, ma lo squalo dello Stretto e lAstana
hanno preparato al meglio il Tour, quindi ci sono tutti i
presupposti per far sventolare il tricolore italiano, 16
anni dopo Pantani. Nibali in maglia gialla da sei
giorni ed ha sempre dato la sensazione di controllare
la corsa con grande autorit, grazie anche alla forza
dei compagni di squadra. Il suo obiettivo quello di
arrivare al giorno di riposo (15 luglio) senza faticare
troppo, per poi cercare di incrementare il vantaggio in
classifica. Nella tappa di ieri (la 7 da Epernay a Nancy
di 233 km), successo di Matteo Trentin (Omega
Pharma) che ha bruciato allo sprint Peter Sagan.
CLASSIFICA GENERALE 1) Vincenzo Nibali
(Italia), 2) Jakub Fugslang (Danimarca) a 2, 3) Peter
Sagan (Slovacchia) a 44, 4) Michal Kwiaktowski
(Polonia) a 50, 5) Tony Gallopin (Francia) a 145.
LE PROSSIME TEPPE Oggi si corre la Tomblai-
ne-Grardmer di 161 km, mentre domani e luned
sono in programma due tappe di montagna: la
Grardmer-Mulhouse di 166 km e la Mulhouse-La
Planche des Belles Filles di 161 km.
Sorteggio di Eurolega poco benevolo per lEA7 Milano,
inserita nel girone con Barcellona, Fenerbahe, Panathinaikos
e Bayern Monaco. Pi abbordabile, almeno sulla carta, il
raggruppamento del Banco Sardegna Sassari che ha pesca-
to come squadre forti solo Real Madrid e Efes Istanbul.
BASKET EUROLEGA DURA PER MILANO
CICLISMO
LErogasmet Crema ha pre-
sentato alla stampa ed ai tifosi
Andrea Pedroni, nuovo responsa-
bile tecnico del proprio settore
giovanile. Andrea Pedroni, classe
1967, ha iniziato la sua attivit di
allenatore al Bresso Basket, dove
rimasto dall82 all89 come
istruttore minibasket e del settore
giovanile. Nel 92 stato chiama-
to dallAmbrosiana Milano, socie-
t nella quale rimasto fino al
2000 ricoprendo lincarico di alle-
natore del settore giovanile, assi-
stente in serie A2 (1993-94) e
capo allenatore in serie C2 (1998-
99). Dal 2000 al 2007 Andrea
stato impegnato invece a Casal-
pusterlengo, sempre nelle vesti di
istruttore di minibasket, settore
giovanile e assistente allenatore
in serie B2. Nel 2005 ha iniziato
pure una collaborazione con
Piadena (head coach in serie C1),
che proseguita fino al 2007 per
poi interrompersi per lasciare
spazio ad un nuovo ritorno a
Casalpusterlengo (con incarico
anche di responsabile del settore
giovanile) e successivamente a
Monza, sempre come capo alle-
natore in C1. Il rapporto con
Piadena si riallacciato nel 2010:
Andrea ha ripreso le redini della
squadra in Dnc, portando la
squadra alla semifinale dei pla-
yoff. Lultima stagione ha visto il
tecnico milanese impegnato a
Domodossola, nel girone A della
Dnc. Nel suo corposo curriculum
vanta ben 5 finali nazionali come
primo allenatore delle categorie
giovanili e ben due secondi posti
nazionali come assistente nella
categorie Under 20 (a Casalpu-
sterlengo). Fra i giocatori pi
famosi allenati da Pedroni, ri-
cordiamo Danilo Gallinari (ora
star della Nba), Aradori, Gugliotta,
Poletti e Simoncelli. Laugurio di
tutti i tifosi del basket cremasco
naturalmente quello di vedere
analoghi successi anche in que-
sta nuova avventura sotto le inse-
gne del leone biancorosso. La
crescita dellErogasmet Crema,
promossa in Dnb al termine della
scorsa stagione, facilmente
osservabile anche dai numeri del
settore giovanile, cresciuto negli
anni sia nei numeri che nella qua-
lit, con diversi atleti gi nel giro
della prima squadra. La nomina
di un tecnico di provate capacit
espressamente dedicato al setto-
re giovanile la logica conse-
guenza della volont dei dirigenti
cremaschi di migliorare sempre di
pi la possibilit di crescere ta-
lenti, con la ferma determinazio-
ne a fornire ad ogni atleta la giu-
sta collocazione ed una sicura
prospettiva anche nella carriera
da Senior, punto dolente di molte
altre realt. Andrea lavora a
tempo pieno nel mondo della
pallacanestro e lavorer in esclu-
siva per noi, consentendoci di
sviluppare al meglio i progetti
scuola e tutto il settore giovani-
le, ha dichiarato il presidente
Donarini. Queste le prime dichia-
razioni cremasche di coach
Pedroni: Lesperienza ci insegna
che importantissima la forma-
zione di base, a partire quindi
dalle scuole e dal minibasket. Il
sogno di ogni societ quello di
formare giocatori per la propria
prima squadra e questo deve
essere il nostro obiettivo.
Andrea Pedroni molto probabil-
mente assumer in prima perso-
na la cura delle formazioni delle
Under 13 e Under 19, coordinan-
do poi il lavoro degli altri tecnici
dell'Erogasmet.
Marco Cattaneo
DIVISIONE NAZIONALE B
Con Pedroni lErogasmet punta suoi giovani
Dopo aver scelto il nuovo coach Mar-
co Mazzali, lMgKVis Piadena ha asse-
stato tre colpi di mercato uno dietro lal-
tro. Il primo, in ordine di tempo, lester-
no reggiano Davide Cacciavillani, classe
1990. Dopo essere cresciuto nella Palla-
canestro Reggiana, si trasferito a Cavri-
ago per disputato un campionato di serie
B. E stato poi ingaggiato dal Bernareg-
gio, con il quale ha giocato le ultime due
stagioni. In attesa della conferma del play
Leonardo Malagutti, la dirigenza piade-
nese ha messo sotto contratto Stefano
Mascadri, guardia del 1993. In carriera ha
giocato a Brescia in Dnc, a Villafranca e
la scorsa stagione a Montichiari in serie
B. Ieri, infine, la societ ha raggiunto un
accordo con Giorgio Carrara, ala-pivot
bresciana, classe 91, 204 centimetri
daltezza. Giovane di talento, Carrara
reduce da due stagioni giocate a Pizzi-
ghettone in serie C Regionale. Sotto la
sapiente guida di coach Mazzali, il 23en-
ne bresciano ha la possibilit di crescere
e di essere protagonista anche in una
categoria impegnativa come la Dnc.
Dnc: Piadena ingaggia Cacciavillani, Mascadri e Carrara
La presentazione i coach Pedroni
Nibali in maglia gialla
chi arriva e chi parte alla
Pom Casalmaggiore. Nei
giorni scorsi la dirigenza
ha completato la diagona-
le delle centrali titolari,
ingaggiando Lauren Gibbemeyer, gio-
catrice statunitense che nellultima sta-
gione ha difeso i colori dellImoco Volley
Conegliano a partire dalla fine di genna-
io. Prima di approdare alla formazione
veneta, con la quale ha giocato i playoff
(eliminando tra laltro nei quarti proprio
la formazione casalasca), ha giocato
nel campionato azero nelle fila del
Lokomotiv Baku. La centrale attual-
mente impegnata con la Nazionale a
stelle e strisce per preparare i prossimi
Mondiali in Italia ed reduce dalla dop-
pia vittoria che gli Usa hanno ottenuto
nel giro di due giorni ai danni del Brasile
(3-1 a Irvine e 3-0 a Los Angeles), grazie
anche ai suoi diciotto punti complessi-
vi. Quella con la maglia rosa per lei la
terza esperienza nel campionato italia-
no: nella stagione 2012-2013 aveva
infatti militato nella Kgs Robursport
Pesaro, annata preceduta dallavventu-
ra giapponese con la maglia della
Toyota Auto Body Queenseis. Gioca-
trice dal fisico imponente, alta 188
centimetri, lex Conegliano rappresenta
unatleta di rara potenza offensiva e che
ha nel muro e nellattacco i propri
cavalli di battaglia. Con Jovana Steva-
novic si candida, dunque, a formare
una delle coppie centrali pi affidabili
della prossima A1. Mister Davide
Mazzanti (che diriger la Nazionale
Juniores agli Europei di categoria in
Estonia e Finlandia) conferma limpor-
tanza dellarrivo in squadra della statu-
nitense: La Gibbemeyer una centrale
di altissimo livello con un muro e un
attacco da far invidia. Mi piace il suo
modo di stare in campo, la sua autorit,
la sua classe. Aggiungiamo una vera
guerriera alla nostra squadra. Con la
serba Stevanovic, la Gibbemeyer oltre
al ruolo di centrale condivider anche
quello di protagonista alla prossima
competizione mondiale facendo sogna-
re i tifosi rosa. Come detto, c anche
chi parte ed un abbandono doloroso.
Dopo la maglia azzurra, Tai Aguero dice
addio anche alla formazione di
Casalmaggiore che laveva riconferma-
ta nel proprio roster solo qualche setti-
mana fa con lintento di affidarle il ruolo
di regista. Due rinunce strettamente
legate al desiderio di dedicarsi unica-
mente e in maniera completa alla fami-
glia. La giocatrice italo-cubana si era
rimessa in gioco a febbraio, accettando
con entusiasmo e motivazioni a mille la
proposta della Vbc Pom, applicandosi
con impegno e dedizione per recupera-
re quanto prima la condizione fisica ed
arrivando a calcare il campo con la
maglia rosa sul finire di torneo e duran-
te i playoff, il tutto senza rinunciare al
piccolo Pietro, che spesso lha accom-
pagnata in palestra durante le partite e
che anche nei ritiri azzurri. La convoca-
zione in Nazionale e lidea del tecnico
Marco Bonitta di riproporre la Tai regi-
sta vista ai tempi in cui inizi la carriera,
laveva ulteriormente motivata, convin-
cendo anche la formazione casalasca a
seguire la medesima strada. Quindi, sul
finire della scorsa settimana la comuni-
cazione esternata al tecnico della
Nazionale di lasciare il ritiro di Darfo
Boario, dove le azzurre stanno prepa-
rando Grand Prix e Mondiali. Una deci-
sione che Tai Aguero ha esteso al suo
club di appartenenza, la Pom
Casalmaggiore: E stata una scelta
difficile, ma alla quale non ho potuto
sottrarmi. Amo la pallavolo, stata la
mia passione, ma la famiglia viene
prima di tutto e gli impegni in Nazionale
e in campionato con la Pom sarebbero
stati eccessivi. La famiglia rimane, la
pallavolo no. Nei pochi mesi in cui sono
stata a Casalmaggiore, mi sono sentita
a casa, la disponibilit della societ e di
tutta la dirigenza mi hanno regalato
unesperienza splendida che non
dimenticher. Ringrazio il presidente
Boselli per avermi voluta in questa
avventura ed avermi permesso di rimet-
termi in gioco sul massimo palcosceni-
co nazionale e sono dispiaciuta di non
aver potuto mantenere fede allimpe-
gno preso con lui e con la societ. Alla
domanda se si tratti di un addio al vol-
ley, Tai non ha dubbi. Chiudo qui con il
volley giocato, sono felice di averlo
fatto in una squadra come la Pom e
dopo alcune splendide settimane in
Nazionale. Le auguro il meglio, sta
nascendo una grande squadra, la
seguir da spettatrice, non escludo di
venire di tanto in tanto alle partite.
Rivolgo lultimo pensiero ai tifosi rosa,
sono stati semplicemente fantastici,
hanno capito di dovermi aspettare e mi
hanno veramente regalato splendide
emozioni. Siamo dispiaciuti per la
decisione di Tai commenta il presi-
dente Boselli ma la rispettiamo. Siamo
onorati di aver avuto nella nostra squa-
dra una giocatrice che ha fatto la storia
della pallavolo e che ha confermato,
anche in maglia rosa, che i successi si
costruiscono oltre che sulla classe e le
doti tecniche, sulla correttezza, lumilt
e labnegazione. Gioco forza, cambia-
no i programmi societari sul fronte della
palleggiatrice, a giorni si attende luffi-
cializzazione della giocatrice a cui sar
affidata la cabina di regia.
Pom tra partenze illustri e nuovi arrivi
Dopo laddio di Tai Aguero (per motivi familiari) stata ingaggiata la centrale Gibbemeyer
Il tecnico Mazzanti applaude larrivo della giocatrice statunitense, che sicuramente giocher i Mondiali
C
VOLLEY A1
Lamericana Lauren Gibbemeyer (numero 5)
BOCCE
Sono in svolgimento a Dordrecht in Olanda i Campionati Europei Juniores
di nuoto. Numeroso il gruppo azzurro in vasca (34 atleti), tra i quali Giulia
Verona (nella foto), 15 anni della Sport Management, reduce da una stagio-
ne da assoluta protagonista a livello nazionale. Ai Criteria
giovanili dello scorso marzo a Riccione ha conquistato
ben 2 medaglie doro: nei 100 farfalla e nei 200 rana. Non
solo. Al trofeo Citt di Milano giunta terza nei 200 rana
(in 23310), dimostrando tutte le sue le enormi potenzia-
lit, confermate anche nella rassegna continentale. Nei
50 rana giunta 9 in batteria col il tempo di 3299 (pri-
mato personale). Poi 200 rana arrivata 4 in batteria (23066) e 2 in semi-
finale (22868), stabilendo sempre il primato personale. Nella finale di ieri ha
colto un ottimo 6 posti in 23015. Ora prover a ripetersi nei 100 rana.
Sport
Sabato 12 Luglio 2014
25
di Massimo Malfatto
Quando il gioco si fa duro,
Mattia Visconti risponde presen-
te. Bottino: due vittorie in venti-
quattro ore ed ottavo successo
stagionale (tra i Seniores). Ancora
un exploit del vaianese che
salito sul gradino pi alto del
podio nel trofeo Castelnuovo
organizzato dallomonima boc-
ciofila cremasca. Eliminato il
milanese Ciro La Fortuna, Mattia
simponeva su Paolo Guglieri
(12-6) e su Giancarlo Della Noce
per 12-5. Conquistava la finale
anche Massimo Paladini, che
superava Rino Sabattoli per 12-5
ed in semifinale aveva la meglio
su Paolo Lucca per 12-7. Nulla
da fare in finale per il cremosane-
se, sconfitto da Mattia per 12-4.
En plein bresciano nella catego-
ria C/D grazie allaffermazione di
Antonio Fusetti, che estromette-
va nellordine Roberto Pedrini
(12-5) e Matteo Branchi 12-4. In
finale approdava anche Pietro
Gatti che eliminava Eros Cazza-
niga (12-10) e Mario Di Domenico
per 12-8. Finale in famiglia e vit-
toria di Fusetti (categoria D) sul
compagno Gatti per 12-7.
Ha diretto la gara Gianpietro
Raimondi, arbitri di finale Capetti
e Padovani.
TROFEO LODIVECCHIO Ven-
tiquattro ore prima della vittoria
cremasca, show di Mattia
Visconti con pap Roberto (per
lui 7 successo) sulle corsie lodi-
giane. Dopo aver superato nel
recupero Zovadelli-Campolungo
(12-7), la famiglia Visconti elimi-
nava i trescoresi Venturelli-Pez-
zetti (12-10), in semifinale i pave-
si Cuffaro-Silvotti (12-3) ed in
finale avevano la meglio sui
milanesi Roberto Crepaldi e
Daniele Boccalari per 12-11.
La famiglia Visconti non si ferma
C grande attesa per la Notturna di
Cremona, gara Nazionale sotto le stel-
le che andr in scena questa sera.
Diciannove formazioni di Cremona e
nove di Crema tra le 192 coppie (due
batterie in meno dello scorso anno!) in
rappresentanza di dieci comitati regiona-
li, trentasei provinciali e ben 108 societ.
Si giocher in tutti gli impianti cremonesi
e presso i bocciodromi di Soresina,
Crema, Casalpusterlengo, Pontenure,
Carpaneto, Verolanuova. Si inizier alle
ore 17 sotto la direzione di Alessandro
Morani che sar assistito da Ennio
Clementi, finali alle prime ore del mattino
sulle corsie della societ organizzatrice
canottieri Bissolati, in caso di pioggia
trasferimento al bocciodromo comunale.
TROFEO SOMS Podio quasi intera-
mente straniero quello della gara
Regionale ben organizzata dalla omoni-
ma bocciofila di Torre dePicenardi.
Hanno vinto, con pieno merito i manto-
vani Emanuele Polini e Francesco
Omodei. Dopo aver eliminato Zinetti-
Ghisolfi (12-7), i portacolori della
Castellana si sbarazzavano di Fran-
cisco e Dova (12-1) ed in semifinale
simponevano su Sordini-Perini per 12-8.
Approdavano in finale anche Luca
Sprega e Gianluca Negri che esordivano
superando senza molti problemi Visioli e
Pagliari (12-1) ed in semifinale avevano
la meglio su Bastoni e Vicardi. Finale a
senso unico e successo di Polini-Omodei
sui piacentini con il punteggio finale di
12-5. Ha diretto la gara Ennio Clementi.
MEMORIAL MILANESI Il comitato di
Bergamo si aggiudicato il quadrango-
lare regionale. Dopo aver superato
Milano (36-30), gli orobici simponevano
sui pur bravi ragazzi di Cremona per
36-12. Quarto posto per Brescia. La for-
mazione grigiorossa, guidata da Roberto
Dilda era formata da Alessandro Ferri,
Marco Luccini, Elia Ravasi ed Andrea
Stoian. Ha diretto la gara Vanni Capelli.
M.M.
Stasera va in scena la notturna di Cremona
Ventuno medaglie al Festival dei Giovani
Quattro ori, 9 argenti e 8 bronzi il bottino
delle canottieri provinciali nella 25 edizione
del Festival dei giovani, andato in scena lo
scorso week end sulle acque del lago di
Comabbio a Corgeno. Nelle classifica finale
(vinta dal Varese Sc), Baldesio ed Eridanea si
sono classificate a pari merito al 40 posto
con 220 punti, 74 il Flora (109) e 91 la Bis-
solati (83). Nelle gare del venerd, nel singolo
Cadetti bronzo per Giada Casablanca (Bis-
solati) e Filippo Pasqualini (Baldesio), argen-
to per Davide Ingrosso (Eridanea) e bronzo
per Salvatore Giardino, sempre dellErida-
nea. Nel singolo Allievi C, oro per Sebastiano
Filiberti (Eridanea), argento per Michele Mon-
fredini (Baldesio) e per Riccardo Calestani
(Eridanea), bronzo per Matteo Ferrari e
Lorenzo Bonetta della Baldesio. Medaglia
dargento anche per Marco Bonvissuto (Bis-
solati). Sabato sono arrivati altri nove podi:
nel singolo Allievi B1, terzo posto di Gabriele
Gregori (Bissolati), negli Allievi B2 argento
per Simone Arcaini (Bissolati), bronzo per
Edorado Tamburelli (Baldesio). Sempre negli
Allievi B2, bronzo per Alessandro Superchi
(Baldesio), argento per Andrea Rossetti (Eri-
danea), Mattia DallAsta (Eridanea), Federico
Beltrami (Flora) e Lorenzo Romani (Baldesio).
E poi tra i Cadetti arrivato loro di Filippo
Pasqualini della Baldesio. Soddisfazioni
anche la domenica, con i successi nel dop-
pio Allievi B2 di Mattia DallAsta e Andrea
Rossetti (Eridanea), di Federico Beltrami e
Jacopo Gualtieri (Flora), mentre Riccardo
Calestani e Sebastiano Filiberti sono arrivati
terzi nel doppio Allievi C.
LUCERNA Nel week end va in scena la
tappa di Coppa del mondo con Simone Rai-
neri impegnato nel quattro di coppia.
Serata estiva, ottimo livello di gioco e pubblico numeroso fino alle
prime ore del mattino, sicuramente richiamato dalla presenza di parecchi
bocciofili di grande levatura nella fase finale. Non poteva avere successo
migliore il memorial Agostino Marchesini, gara regionale notturna orga-
nizzata dalla bocciofila Santamaria. Una nottata da incorniciare per
Stefano Guerrini ed Andrea Zagheno, una vittoria significativa perch la
pi difficile, inattesa ed insperata ma sicuramente la pi importante della
stagione. I portacolori della Achille Grandi eliminavano negli ottavi i mila-
nesi Di Biase-Pasqualini (12-9), nei quarti Crepaldi-Boccalari (12-11), ma
la prodezza la compivano in semifinale dove simponevano sui compagni
Mussini-Ricci (12-7), che a loro volta avevano superato (sul filo di lana) i
compagni di societ Meroni e Travellini. Nella parte bassa del tabellone
si distinguevano i legnanesi Daniele Lodigiani e Domenico Stracchi che
eliminavano Ferrari-Pandolfi (12-11) e poi i lodigiani Brunetti-Belloni per
12-8. Titoli di coda tutti per Guerrini e Zagheno che avevano la meglio
(nettamente) su Lodigiani e Stracchi per 12-3. Ha diretto la gara Franco
Stabilini, arbitri Eugenio Barbieri e Massimo Testa. La prossima gara
sotto le stelle del calendario cremasco in programma sabato 19,
organizzata dalla bocciofila Cremosanese.
M.M.
Bravi Guerrini e Zagheno
i vincitori Antonio Fusetti e Mattia Visconti
Si chiusa con un onorevole terzo
posto per la Pom Casalmaggiore la
prima tappa del Lega Volley Summer
Tour Rilastil Cup 2014. Alle rive di Traiano
di Terracina, per la formazione del duo
Botti-Pini arrivato il bronzo. Giunte in
semifinale dopo aver superato la fase ad
incroci nelle gare di sabato (successo su
Montichiari per 2 -0), Sestini e compa-
gne hanno trovato sulla propria strada in
semifinale la corazzata Ecolav Urbino
che ha comunque dovuto sudare le pro-
verbiali sette camicie per riuscire a supe-
rarle. La sconfitta ha costretto la Pom a
giocarsi la finalina per il terzo posto con
il Volley Bergamo, battuto 2-0 al termine
di una gara ben giocata. Lappuntamento
(senza la capitana Diletta Sestini, ma con
una Veronica Angeloni in pi) ora per
questo week end presso il Summer
Village di Riccione (Piazzale Roma) dove
andr in scena lAll Star Game.
SEMIFINALE: Ecolav Urbino-Pom
Casalmaggiore 2-0 (17-15, 15-12).
FINALE 3-4 POSTO: Volley Berga-
mo-Pom 0-2 (8-15, 13-15).
BEACH VOLLEY
Buon terzo posto
nella prima tappa
La Pom sulla sabbia
CANOTTAGGIO
Europei: 6 Giulia Verona
NUOTO
di Fortunato Chiodo
on c dubbio che limportanza dei
Campionati regionali su pista della pre-
stigiosa di Busto Garolfo (Mi), la cui
fama oltrepassa ormai i confini regionali,
ha esaltato le imprese del ciclismo pro-
vinciale cremonese. Formidabili prestazioni sono
arrivate da Diego Bosini e Luca Rastelli (CC
Cremonese-Arvedi), resisi protagonisti di un auten-
tica pezzo di bravura conquistando loro e il titolo di
campioni regionali 2014: il primo ha spadroneggiato
nella corsa a punti Esordienti bacchettando tutti i
rivali, laltro era impegnato a destreggiarsi nel quar-
tetto a inseguimento Allievi. Rastelli, Gazzoli (Otelli),
Apostoli (Nuvolera) e Moreni (Mincio Chiese) hanno
avuto la meglio sul team bresciano della Feralpi
Monteclarense e sul quartetto dellUc Cremasca
(Stefano Baffi, Daniele Donesana, Stefano Frigerio e
Pippo Sanvito). Chiara Consonni (Estado Mexico
Eurotarget) si imposta nellinseguimento Allieve
sulla sanbassanese Marta Cavalli (Valcar Pbm) e
sulla compagna di squadra Martina Fidanza. Nella
velocit Esordienti, affermaazione di Luca Volpi
(Rodengo Saiano) e Diana Locatelli (Sangiulianese).
Oro per Michele Gazzoli (Aspiratori Otelli) nella
corsa a punti Allievi, medaglia d argento per
Andrea Cesaro (Feralpi), bronzo per il nipote darte
di nonno Pierino e zio Adriano, Stefano Baffi di
Vailate, portacolori dellUc Cremasca.
MEMORIAL BOMBELLI A VAIANO Ciak si gira!
Questa volta non il set di un film, o un servizio
fotografico, ma una super festa del ciclismo giova-
nile a Vaiano Cremasco a ricordo di Andrea
Bombelli, dirigente che ha fatto la storia del cicli-
smo mondiale, senza tanto tirarsela, era un perso-
naggio solare. Mi fermo qui... Ivan Quaranta, ex
professionista, campione del mondo della velocit
Juniores, vaianese verace, ciclisticamente cresciu-
to nel vivaio della societ ciclistica Vaianese
(tanto per citarne uno), insieme ai dirigenti del
suo club, con il patrocinio dallUc Cremasca,
societ per la quale responsabile tecnico della
categoria Allievi, organizza domani il 3 Memorial
Andrea Bombelli, a ricordo del presidentissimo,
riservato alla categoria Giovanissimi (7-12 anni),
con partenza alle 9.30.
CONVOCAZIONE AL TROFEO LOMBARDIA DI
PAVIA Alessandro Rossi, responsabile dei
Giovanissimi del Comitato provinciale di Cremona
della Fci, ha convocato per il Trofeo Lombardia in
programma domani a Pavia: G1, Gabriele Forconi
(Imbalplast), Andrea Pentolini (Gioca in Bici Oglio Po
Casalmaggiore), Stefano Ganini(Cremasca) e Yann
Siene (Pol. Madignanese), G2, Gabriele Durelli (Cre-
masca) Giuseppe Grazioli (Madignanese).
N
Oro e titolo lombardo nella corsa a punti Esordienti e nel quartetto a inseguimento nella categoria Allievi
Bosini e Rastelli super ai Regionali
CICLISMO
Il velodromo di Busto Garolfo
Sport
Sabato 12 Luglio 2014
26
Stefano Moro, campione lombardo
Junior, ha fulminato tutti nel Gp Map"
che si svolto a Osio Sotto (Bg). Il
17enne velocista di Fontanella, porta-
colori della Ciclistica Trevigliese pre-
sieduta da Gigi Meriggi, in dirittura
darrivo ha superato nettamente
Galimberti e Cima, della Feralpi Mon-
teclarense e Alan Giacomelli (Cene).
Gara che si decisa nellultimo giro di
boa con lattacco di una cinquantina
di atleti (partenti 160, fra cui il il cam-
pione dItalia, Davide Plebani), fermato
dalla giuria per leccessivo ritardo
accumulato nei confronti dei fuggitivi.
Prima del traguardo ci provava Simone
Cottone (Trevigliese), ma il suo allungo
non ha avuto fortuna. Per Stefano
Moro, al suo esordio con gli Juniores,
si tratta della seconda affermazione su
strada dopo il trionfo a Budrio di Cor-
reggio (Re).
ORDINE DARRIVO 1) Stefano
Moro (Trevigliese), km 115 in 2h 32,
media 45,229 km/h, 2) Marco Galim-
berti (Feralpi Monteclarense), 3) Imerio
Cima (idem), 4) Alan Giacomelli (Cene),
5) Matteo Sombrero (Aspiratori Otelli
Mastercrom).
MAGIC MOMENT DELL AZZUR-
RO AFFINI Edoardo Affini, con un
numero spettacolare, ha vinto da solo
il 17 Trofeo San Rocco a Fabbrica di
Piccioli, nel Pisano, una classica per
Juniores. A soli 24 ore dal trionfo trico-
lore della cronosquadre, lazzurro e
mantovano Affini del team veronese
Contri Autozai, ha costruito e realizza-
to sulle colline pisane della Valdera il
trionfo, mettendo in fila Albanese
(Stabbia) e Vallomio (Cipriani).
CAMPIONATI ITALIANI JUNIOR E
ALLIEVI NEL BERGAMASCO Sabato
scorso a Vidalengo, frazione di Cara-
vaggio, sono stati assegnati i titoli
italiani a cronometro a squadre.
Splendida affermazione del quartetto
veneto, pilotato dalla grande perfor-
mance del mantovano Edoardo Affini
(affiancato da Riccardo Verza, Mattia
Cristofaletti e Nicol Forconi), che ha
trascinato il team della Contri Autozai
al successo tricolore tra gli Junior.
Niente da fare per lAspiratori Otelli,
giunta a 122, la veneta Northwave a
206; quarta la Ciclistica Trevigliese
(Moro, Brescianini, Cottoni e Rottigli)
a 219. Gli Junior del CC Cremonese-
Arvedi e della Polisportiva Madigna-
nese hanno dimostrato grinta e corag-
gio. Podio tutto veneto nella sfida
Allievi: oro per il Velo Club Bassano
1892, che conquistava il campionato
italiano a cronometro a squadre con
Faresin, Pigato, Biasion e Ferronato.
F.C.
Stefano Moro
Stefano Moro non ha rivali a Osio Sotto
Si corrono domani e domenica a Darfo
Boario Terme i Campionati italiani su strada
Esordienti e Allievi. Le sensazioni sono buone,
c da sperare nei portacolori del ciclismo
cremonese, ai quali gli manca il coraggio din-
ventare la corsa: sono saliti su molti podi e
chiss che nel futuro di questi ragazzi non ci
sia un podio di una grande corsa.
MARTINELLI STAGISTA Davide Martinelli
(Team Colpack), ventunenne bresciano, trico-
lore a cronometro degli Under 23 e figlio di
Beppe (team manager dellAstana), dal 1
agosto sar stagista in alcune gare tra i pro-
fessionisti del Team Sky, la squadra del bri-
tannico Chris Froome.
TRE GIORNI OROBICA Presentata la 3
giorni orobica per la categoria Juniores in
programma dal 17 al 27 luglio, con 37 squa-
dre schierate (tra le quali 3 straniere), con 185
corridori al via.
A Darfo Boario i tricolori
per Esordienti e Allievi
Giovanissimi a Montodine nel Memo-
rial Villa-Trofeo Franco Bragonzi, patro-
cinato dallUc Cremasca, con ben 196
atleti alla partenza. Sei rasoiate, un trac-
ciato spettacolare, con arrivo in leggera
salita sul pav di Montodine che ha
tagliato il fiato ai virgulti. Comunque
vanno tutti applauditi. Non ha voluto
attendere molto per gustarsi il trionfo
Federico Ogliari di Credera Rubbiano: ha
messo il turbo il puledrino di sette anni
del Gs Corbellini Ortofrutta di Crespiatica
ed ha vinto solitario, conquistando il
decimo trionfo nel 2014. Si lasciato alle
spalle Stefano Gotti (Brembillese),
Stefano Gaini (Cremasca) e Daniel
Zanoni (Imbalplast Soncino). Lorobico di
Zogno, Andrea Rinaldi (Bremibillese) ha
trionfato nella corsa della G2, distanzian-
do i coetanei. Spunto pregevole di Daniel
Colombo (Caluschese): ha rimontato
dun soffio sulla fettuccia darrivo il pan-
dinese Fabio Faletti (Gs Corbellini Orto-
frutta- Crespiatica) nella G3; al quinto
posto Giuseppe Cavagnoli (CC Cremo-
nese-Arvedi), mentre Mirko Coloberti
(Imbalplast), coinvolto in una caduta,
stato prontamente assistito dallHospital
Service e trasportato allOspedale di
Crema per un trauma facciale. Ha la-
sciato il segno Yuri Carroni (Ceramiche
Pagnoncelli): il campione regionale della
G4 (10 anni) ha fatto il vuoto sullaltro
orobico Andrea Genini (Brembillese) e
Manuel Mosconi (Imbalplast Soncino).
Parla dialetto pavese la corsa degli undi-
cenni: Andrea Luccotti (Riders Team
Pavia) ha vinto in volata sugli orobici
Daniele Anselmi (Pagnoncelli), Andrea
Comi (Caluschese), Fabio Crepella Giani
(Albano Ciclismo) e Marco Gaiani (Cernu-
schese). Attesissima lultima corsa dei
dodicenni, con lorobico Giorgio Cometti
(Romanese) e il cremasco Mattia Chiodo
(Gs Corbellini Crespiatica): due campio-
ne regionale, il primo su strada, laltro nei
minisprint. Se la sono giocata allo sprint,
con un po di nervosismo e forse anche
qualche scorrettezza nellultima curva
prima dellarrivo, con il trionfo di Cometti
che metteva la ruota davanti a Chiodo,
che poi scoppiava in lacrime e sussurra-
va di essere stato depistato dal rivale.
Mattia Chiodo beffato a Montodine
09.00 tG1 lIS/che teMpo fa
10.00 MIxItalIa
10.30 quark atlante
11.30 lInea verde orIzzontI eState
12.30 Market. var
13.30 tG1 teleGIornale
14.00 lInea Blu. attualit
15.20 leGaMI. att
16.10 un cIclone In convento.tf
17.00 tG1 teleGIornale
17.15 a Sua IMMaGIne. attualit
17.45 paSSaGGIo a nord oveSt
18.50 reazIone a catena. quiz
20.00 tG1 teleGIornale/tG Sport
22.00 MondIale fInale 3poSto
07.05 overland 8. att
08.20 quark atlante
09.05 dreaMS road 2011
10.00 con I tuoI occhI. doc
10.30 a Sua IMMaGIne. att
10.55 Santa MeSSa
12.00 recIta dell'anGeluS
12.20 lInea verde eState. att
13.30 tG1 teleGIornale
14.00 per SeMpre MIa. var
16.55 tG1 teleGIornale
17.00 caprI. fiction
18.50 reazIone a catena. quiz
20.00 tG1teleGIornale/tG Sport
21.00 MondIale 2014 fInale
09.30 punto europa. doc
10.00 la nave deI SoGnI. film
11.25 Il noStro aMIco charly.tf
12.10 la noStra aMIca roBBIe.tf
13.00 tG2 GIorno
14.00 MarIe Brand e l'aMore
che uccIde. film
15.40 Squadra Spec.colonIa. tf
16.30 Go! BraSIl-Go! carIoca. Sport
17.15 drIBBlInG MondIale
18.05 arctIc aIr. tf
19.35 Il coMMISSarIo rex. tf
20.30 tG2 20.30
21.05 Il doppIovolto della follIa. f
22.45 luther. telefilm
09.15 la nave deI SoGnI. f
10.45 la nave deI SoGnI-2. f
11.30 MezzoGIorno In faMIGlIa
12.10 la noStra aMIca roBBIe.tf
13.00 tG2 GIorno/tG MotorI
13.45 Sereno varIaBIle eState
14.30 delIttI In paradISo. tf
15.30 Il coMMISSarIo vera lanz.tf
16.30 Il coMMISSarIo herzoG.tf
17.25 Squadra Spec. lIpSIa.tf
18.05 reIGn. tf
18.50 drIBBlInG MondIale.Sport
19.35 Il coMMISSarIo rex. tf
20.30 tG2 20.30
21.05 hawaII fIve-0. tf
09.00 adaMo ed evelIna. film
10.35 la 100 chIloMetrI. f
12.00 tG3/Sport notIzIe/Meteo3
12.45 la SIGnora del weSt. tf
13.35 tIMBuctu. doc
14.00 tG reGIone/tG3
14.50 tG3 lIS
15.00 tour de france ciclismo
17.30 tour replay. Sport
18.10 I MISterI dI Murdoch. tf
19.00 tG3/tG reGIone/Meteo
20.00 BloB. variet
20.15 SuperStorIa 2014. doc
21.05 Sapore dI Mare. film
23.00 tG3/tG reGIone
09.40 chIMera. film
11.30 tGr reGIoneuropa. att
12.00 tG3 teleGIornale
12.10 tG3 fuorI lInea eState. att
12.25 telecaMere. att
12.55 vISIonarI. att
14.00 tG reGIone/tG3 Meteo
14.30 tour de france. ciclismo
17.30 tour replay. Sport
18.10 Squadra Spec. vIenna. tf
19.00 tG3/tG reGIone/Meteo/BloB
20.05 I fIGlI del deSerto. film
21.05 Sapore dI Mare 2. film
23.00 tG3/tG reGIone
23.15 ondata dI calore. film
SabatO 12 dOMenICa 13
CANALE 5
ITALIA 1
RETE 4
07.55 traffIco/Meteo.It
08.00 tG5 MattIna
09.10 BellI dentro. Sit
10.00 Melaverde. attualit
11.00 foruM. attualit
13.00 tG5 teleGIornale/Meteo
13.40 dallaS. tf
14.40 SoS la natura SI Scatena. f
19.00 Il SeGreto. quiz
20.00 tG5 teleGIornale/Meteo
20.40 paperISSIMa SprInt. var
21.10 roSaMunde pIlcher. f
23.30 SpecIale tG5
00.30 tG5 raSSeGna StaMpa
01.00 papaerISSIMa SprInt
07.50 traffIco-Meteo. attualit
07.55 tG5 MattIna
09.15 dreaM hotel. fIlM
12.00 Melaverde. att
13.00 tG5 teleGIornale/Meteo
13.40 l'arca dI no. attualit
14.00 Il peccato e la verGoGna. fic
15.40 anna e I cInque. tf
17.00 per fortuna che cI SeI. f
20.00 tG5 teleGIornale/Meteo
20.40 paperISSIMa SprInt. variet
21.10 prIMa o poI MI SpoSo. f
23.20 x-Style. attualit
00.30 tG5 notte/raSSeGna
StaMpa/Meteo.It
08.40 dIStretto dI polIzIa 9. tf
10.45 rIcette all'ItalIana. att
11.30 tG4 teleGIornale/Meteo
12.00 un detectIve In corSIa. tf
13.00 la SIGnora In GIallo. tf
14.00 lo Sportello dI foruM. att
15.30 nuove Scene da un
MatrIMonIo. var
16.15 IerI e oGGI In tv SpecIale
17.00 poIrot. film
18.55 tG4 teleGIornale/Meteo
19.35 IerI e oGGI In tv. attualit
19.55 teMpeSta d'aMore. Soap
20.30 Il SeGreto. Soap
21.25 the MentalISt. film
07.05 tG4 nIGht newS
07.55 zorro. tf
08.30 pIaneta terra. doc
09.20 MaGnIfIca ItalIa. doc
10.00 Santa MeSSa
10.50 pIaneta Mare. attualit
13.00 le StorIe dI alIve. att
13.55 donnavventua. doc
14.25 dalle ardenne all'Inferno. f
17.05 detectIve extralarGe. f
18.55 tG4 teleGIornale/Meteo
19.35 Il rItorno dI coloMBo.tf
21.30 Il SolISta. film
23.45 ray. film
01.10 tG4 nIGht
SabatO 12 dOMenICa 13
LA 7
SabatO 12 dOMenICa 13
07.30 tG la 7
07.55 oMnIBuS. attualit
09.45 coffee Break. att
11.00 Mode & ModI. att
11.40 In onda. attualit
12.25 4 donne e un funerale. tf
13.30 tG la7
14.20 tG la7 cronache. attualit
14.40 dIane uno SBIrro In
faMIGlIa.tf
16.40 lone rIder. film
18.15 l'ISpettore BarnaBy. f
20.00 tG la7
20.30 In onda. att
21.10 Il coMMISSarIo MaIGret. tf
07.00 raSSeGna StaMpa
07.55 oMnIBuS. attualit
09.45 lone rIder. film
11.40 cat Ballou. film
13.30 tG la7
14.00 tG la7 cronache. attualit
14.40 jane doe. film
16.40 McBrIde oMIcIdIo dopo
Mezzanotte. film
18.15 l'ISpettore BarnaBy. f
20.00 tG la7
20.30 otto e Mezzo. att
21.10 la BattaGlIa della
neretva. film
23.50 tG la7
10.00 la partIta dI huGony
11.30 coSa Bolle In pentola
12.00 creMona In GIallo
12.30 le cItt della MuSIca
13.00 coSa Bolle In pentola
13.30 tG creMona
14.00 GIovanI a confronto. att
16.00 teleGIornale
16.30 GIoIellI Sotto caSa
17.00 le noStre reGIonI
17.30 GIoIellI Sotto caSa
18.00 creMona In GIallo
19.00 tG creMona/nazIonale
20.30 Il GIorno del SIGnore
09.00 Il concerto
10.50 Santa MeSSa. da creMona
12.00 anGeluS
12.15 Il GIorno del SIGnore
13.00 GIoIellI Sotto caSa
13.30 tG della doMenIca
14.00 GIovanI a confronto
16.00 tG della doMenIca
17.00 forMato faMIGlIa
18.00 pronto dottore
19.00 tG della doMenIca
19.30 la partIta dI huGony
20.30 GIoIellI Sotto caSa
21.00 le noStre eGIonI
21.30 rock on
07.00 tutto In faMIGlIa. Sitcom
07.45 la vIta Secondo jIM. tf
08.35 dance acadeMy. tf
09.45 SuBurGatory. Sit
10.30 Glee. tf
12.25 StudIo aperto/Sport
14.05 queSto pIccolo GrandeaMore. f
16.15 tre MetrI Sopra Il cIelo.f
18.30 StudIo aperto/Meteo
19.00 toM & jerry. cartoni
19.20 dennIS la MInaccIa dI
natale. f
21.10 MaMMa ho allaGato la
caSa. film
23.15 coraIne e la porta MaGIca. f
06.45 Supercar. tf
08.45 a-teaM. tf
10.30 no ordInary faMIly. f
12.25 StudIo aperto/Sport
14.05 SuperMan II. film
16.35 MaI dIre nInja. f
18.30 StudIo aperto/Meteo
19.00 la vIta Secondo jIM. Sit
19.30 G.p. deGlI StatI unItI
SuperBIke Gara 1
21.00 dISturBIa. film
23.15 G.p. deGlI StatI unItI
SuperBIke Gara 2
00.30 la vendetta dI
halloween. film
Speciale Piccoli Animali
Sabato 12 Luglio 2014
ome ogni anno per le
famiglie che ospitano
un amico a quattro
zampe si pone il soli-
to problema: chi ba-
der al cane? Chi dar da man-
giare al gatto? Se non si hanno a
disposizione amici e parenti a cui
chiedere favori, non resta che
concedere le ferie anche al pro-
prio amico a quattro a zampe.
Tanto pi che oggi sono ormai
migliaia le strutture e servizi turi-
stici pet friendly, ovvero attrezza-
te per accogliere cani e gatti,
sparse su tutto il territorio nazio-
nale. Come se non bastasse
quest'anno anche la tecnologia
accorre in aiuto degli amanti degli
animali: infatti novit di
quest'estate la app gratuita per
tablet e smartophone "Amici",
nata da un'idea dell'omonima as-
sociazione onlus per la difesa dei
diritti degli animali e di Royal Ca-
nin, che raccoglie oltre 6500 in-
serzioni di hotel, campeggi e
bed and breakfast disponibili ad
accogliere cani e gatti. Inoltre
l'applicazione localizza con faci-
lit l'ambulatorio veterinario pi
vicino, per mettere la propria vil-
leggiatura a riparo da ogni im-
previsto.
E per chi non potesse invece
portare con s il proprio quadru-
pede, moltissime sono le offerte
di pensioni dedicate apposita-
mente allo stallo degli animali da
compagnia, fornite di tutti i con-
fort e le comodit necessarie af-
finch riescano a superare senza
traumi il periodo di distacco.
Sull'app in questione si trova di
tutto: dalle spiagge fornite di ogni
comfort per il bagno del cane, al-
le camere d'albergo con lettiera,
passando per gli agriturismo con
ampio giardino sorvegliato. Per
chi fosse alle prime armi c' an-
che un sessione dedicata ai con-
sigli, in cui il famoso dog trainer
Simone Dalla Valle spiega tutto
ci che c' da sapere per prepa-
rarsi alla partenza.
La Onlus Amici ha pensato an-
che ai cani e gatti meno fortunati,
che passeranno le vacanze co-
stretti in un canile o in un gattile:
per ogni iscritto entro l'estate la
Onlus regaler loro un pasto, in
attesa che qualcuno decida di
portarli in vacanza. Il mondo in-
torno agli amici a quattro zampe
in continua espansione: il 55%
ha in casa un animale domestico,
il 9% degli italiani non bada a
spese per il proprio animale da
compagnia e la principale cate-
goria, quella degli alimenti per
cani e gatti, cresciuta del 2,1%,
per un totale di 1 miliardo e 735
milioni di euro di fatturato. In
particolare, il mercato compo-
sto da 932 milioni di euro di ali-
menti per gatti e 703,4 milioni di
euro per quelli per cani, a cui
vanno ad aggiungersi 99,9 milio-
ni di snack funzionali e fuoripa-
sto, categoria quasi interamente
dedicata al cane.
U
In vacanza con gli amici a 4 zampe
Per chi deve partire tantissime le opzioni: dagli alberghi e spiagge pet friendly alle pensioni
Anche per il 2014, in occasione dell'esta-
te e delle vacanze, partita la campagna
anti abbandono dell'Enpa: l'Ente Nazionale
Protezione Animali, infatti, ha presentato la
nuova campagna di sensibilizzazione, dal
titolo "Non lasciare che le sue vacanze fini-
scano qui".
La nuova campagna di sensibilizzazione
contro l'abbandono degli animali occuper
giornali, radio, televisioni, siti internet fino al
prossimo 31 agosto: nello stesso periodo
sar attivo un numero verde dell'Enpa per
denunciare chi abbandona cani, gatti e altri
animali domestici nel periodo estivo. Marco
Bravi, responsabile Comunicazione e Svi-
luppo Iniziative Enpa, sottolinea quanto il
fenomeno sia ancora, purtroppo, molto in-
tenso:
La scorsa estate abbiamo raccolto ed
elaborato importanti dati sugli abbandoni in
autostrada che evidenziano come il feno-
meno sia ancora piuttosto vasto, soprattut-
to nel mese di Agosto e in alcune Regioni
pi che in altre: cani e gatti continuano ad
essere abbandonati in vista delle vacanze
estive - spiega l'associazione -. Per questo
Enpa lancia un importante messaggio so-
ciale, sottolineando che labbandono non
pu essere unalternativa, mai.
La campagna invita i proprietari degli ani-
mali a organizzare le vacanze pensando
anche ai loro fidati amici, proponendo le
tante strutture pet friendly dove trascorrere
le vacanze estive con i nostri amici a quattro
zampe. Strutture che si possono trovare
anche sulla comoda app Vacanzebestiali,
da scaricare per programmare le proprie
ferie estive.
Torna la campagna contro l'abbandono degli animali