Sei sulla pagina 1di 28

CREMASCO

Il

PICCOLO

Direttore responsabile: Sergio Cuti Societ editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474 Direzione e redazione via Tensini Crema tel. 0373 83041 email cremasco@cuticomunicazione.it Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona Pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it

ANNO II NUMERO 36 SABATO 21 SETTEMBRE 2013

0,02 Copia Omaggio

SINDACO, VERGOGNA. VAI A CASA


IL PUNTO DI VISTA/1

L'invito dellopposizione, stavolta, (quasi) compatto. Dopo la chiusura del tribunale

Epifani, lo vedrei bene con il colbacco

IL PUNTO DI VISTA/2

pifani, segretario del Pd, ha sostenuto che il video-messaggio di Berlusconi stata una chiamata alle armi. Siamo alle solite: questa sinistra pidiessina non ha dimenticato la lezione che il vecchio Pci aveva appreso dal Pcus: disinformate e calunniate. Io mi immagino Epifani con il colbacco che si affaccia dal Mausoleo di Lenin sulla piazza Rossa accanto alle vecchie mummie del Politburo: Brenev, Kosigin, Suslov, Podgornyi, Andropov e ernenko. E un personaggio anacronistico, come lo sono ormai la Bindi e DAlema. Come segretario della Cgil si contraddistinto per non avere minimamente contribuito allo sviluppo economico di questo Paese. Freddo, distaccato, incolore, non pu vantare neppure lumanit che aveva un Di Vittorio. E limmagine del classico apparatik, cio del burocrate del partito. La sua ragione di vita, come quella del Pd, quella di far fuori Berlusconi. Che cosa faranno Epifani e compagni quando il Cavaliere uscir di scena? Lasceranno la scena da ricchi pensionati, loro che nella vita - da capi del sindacato e del maggior partito della sinistra - hanno avuto unaltra ossessione: quella dellaumento esponenziale delle tasse per mantere una gigantesca e inefficiente macchina burocratica, capace solo di garantire voti. Anche Renzi sta cambiando, pur di accontentare la rabbia antiberlusconiana del partito, si sta alleando con le mummie del Pd, le quali a loro volta vanno a braccetto con rifondaroli e Sel. Gente dalla spocchiosa arroganza che non sa neppure dove iniziare per rendere questo Paese pi moderno e competitivo. Personaggi che sono stati (quasi) sempre smazzolati nelle urne dagli italiani. Infine, non voglio entrare nel merito del lodo Mondadori. Voglio solo rammentare a chi esulta per la vittoria di De Benedetti nei confronti di Berlusconi che lIngegnere di Ivrea come lo chiamavano, ha chiuso lo stabilimento di Crema dellOlivetti lasciando a casa 3.300 famiglie. Per anni quei capannoni rimasero chiusi, e lerovine di quei tempi sono ancora visibili. Ricordare, aiuta.

di Renato Ancorotti rancorotti@gmail.it

Sollevando la Concordia
di Enrico Tupone tuponee@alice.it

a vicenda della nave Costa Concordia una metafora dei peggiori mali italiani e delle migliori risorse di questo paese. Il pressapochismo, la sciatteria, la spavalderia, la mancanza di professionalit, la voglia di apparire e non di essere, insomma tutte le peggiori caratteristiche che hanno contraddistinto coloro che sono stati coinvolti nella vicenda del naufragio del gioiello di casa Costa Crociere, e molte di queste caratteristiche sono le stesse che hanno portato a fondo il nostro paese. Ma loperazione che si sta conducendo in queste ore dimostra anche che lItalia non solo ci, anche lo sfogo del capitano di fregata De Falco della capitaneria di porto di Livorno di fronte al comportamento del comandante Schettino, anche laccoglienza della gente del Giglio ai naufraghi, la pericolosa ricerca delle vittime nella nave sommersa da parte dei sommozzatori, anche limpegno della protezione civile, anche la capacit di tecnici ed ingegneri di studiare ed attuare un piano per disincagliare la nave e per evitare linquinamento delle coste. I numeri del raddrizzamento della nave sono impressionanti: le strutture del cantiere hanno richiesto limpiego di 30mila tonnellate di acciaio, quattro volte il peso della torre Eiffel, la nave squarciata su un fianco per 70 metri si riempita di 236mila metri cubi di acqua di cui ne potrebbero uscire circa 80mila, sei le piattaforme subacquee appositamente create per far poggiare la nave, 600 i milioni spesi sino ad ora ma destinati ad aumentare. Sforzi enormi cos come sforzi enormi stanno facendo il nostro paese, la nostra gente, per raddrizzare leconomia e non solo leconomia perch, come per la Costa Concordia, bisogna raddrizzare la schiena e ridiventare orgogliosi del nostro Paese. Le capacit ci sono, la volont pure, gli uomini anche, allora quello che manca la coscienza di appartenere tutti ad uno stato, ad una nazione in cui perseguire il bene comune e non il vantaggio di pochi.

Sabato 21 Settembre 2013

LOMBARDIA
a Giunta regionale lombarda ha approvato il 'Pria', il Piano regionale di interventi per la qualit dell'aria. Oltre 90 Misure per pi di 2 miliardi di euro di investimenti fino al 2020 per migliorare la qualit dell'aria che respirano i cittadini lombardi. La nostra, ha fatto presente il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, la prima Regione ad adottare un nuovo piano organico di interventi per migliorare la qualit dell'aria. E' importante che le singole Regioni intervengano in questa direzione. Ma non sufficiente, perch l'inquinamento non segue i confini e non possiamo impedire all'aria di entrare in Lombardia. E' fondamentale quindi la realizzazione di un piano macroregionale di interventi. Stiamo lavorando in questa direzione - ha confermato il presidente -, l'altro giorno abbiamo avuto un incontro con il ministro dell'Ambiente Andrea Orlando e con le altre Regioni del Nord e questo il contributo che la Lombardia offre per il raggiungimento di quell'obiettivo. Il prossimo appuntamento sar fra un mese, qui in Regione Lombardia, insieme al Governo e alle altre Regioni, per sottoscrivere un Accordo di programma che realizzi questo progetto. Nel contenimento delle sostanze inquinanti, l'Unione europea impone il raggiungimento di certi obiettivi uguali per tutti. Ma non tutti i territori hanno le stesse caratteristiche e, in particolar modo, le Regioni del bacino padano,

a cura di Laura Bosio

A BERGAMO

Internazionalizzarsi per crescere: il seminario

Qualit dellaria: in Regione approvato il Pria L


per ottemperare alle prescrizioni di Bruxelles, si troverebbero a essere discriminate. Per questo il governatore ha sottolineato con forza l'esigenza che l'Ue riconosca la specificit dell'area padana. Insieme alle altre Regioni e di concerto con il Governo italiano - ha detto - abbiamo deciso di intraprendere un negoziato con la Commissione europea, affinch riconosca la specificit dell'area padana anche sotto questo punto di vista. Non chiediamo deroghe o riduzioni, ma vogliamo che le istituzioni comunitarie intervengano con misure specifiche per i nostri territori, che hanno una realt meteo-climatica particolare, in maniera che l'obiettivo prioritario della tutela della salute dei cittadini sia compatibile con il nostro sistema socio-economico. Fra le misure del Pria il presidente Maroni ha voluto sottolineare in particolare quella sulle biomasse e sulle limitazioni di circolazione per i veicoli pi inquinanti, per i quali la Regione sta studiando degli incentivi per il rinnovo del parco auto. Contrariamente a quanto normalmente si pensa, bruciare legna in maniera sbagliata altamente inquinante, produce Pm e diossina. Noi non vogliamo impedire di accendere i camini, ma intendiamo trovare il giusto compromesso fra la salute dei cittadini e il nostro modo di vivere, al quale teniamo molto. Questo, ha proseguito il governatore, si tradurr nell'estensione di alcune norme gi in vigore, come quella che in Lombardia impone che i camini domestici, fino a una quota di 300 metri, siano chiusi con il vetro e che si adotti un progressivo utilizzo di filtri nelle canne fumarie, come quelli gi impiegati in Trentino, che possono abbattere di oltre il 90 per cento le immissioni del Pm10 in atmosfera. Sul fronte del traffico prevista l'estensione, entro il 2015-2016, delle limitazioni di circolazione per i veicoli pi inquinanti. Il passaggio a mezzi pi ecologici sar accompagnato da misure di incentivo, fra le quali l'esenzione dal bollo auto. L'obiettivo pria al 2020. Riduzione delle emissioni: - Polveri sottili (PM10): -41% - Ossidi di azoto (NO2): -49% - Composti organici volatili (COV): -20% - Ammoniaca (NH3): -16%.

Oltre 90 misure per investimenti di 2 miliardi di euro fino al 2020 per migliorare la situazione lombarda

Internazionalizzarsi per crescere: questo il proposito del seminario dinternazionalizzazione Protagonisti senza frontiere, in programma gioved 17 ottobre presso lEnte Fiera di Bergamo. Una giornata di interventi dedicati alle aziende che vogliono entrare nei mercati esteri ed essere protagoniste di un percorso di sviluppo legato alla grande vetrina dei prossimi Expo: Milano 2015, Kazakistan 2017 e lExpo 2020. Il tema del seminario, Richieste dai mercati internazionali e normative per linternazionalizzazione, verr dibattuto da imprenditori provenienti da mercati esteri ed esperti di diritto italiano e internazionale. Lintera giornata organizzata e promossa da WorkInNetwork. Il seminario costituisce la prima tappa di un progetto a medio/lungo termine con cui WorkInNetwork simpegna a supportare le aziende che vogliono aderire al Metodo Operativo nel processo di preparazione e inserimento nei mercati esteri.

AGEVOLAZIONI

Credito, nuove misure a favore delle imprese

Recupero alloggi popolari in cattivo stato


BANDO DESTINATO ALLE ALER E AI COMUNI
E' stato pubblicato sul B.u.r.l. s.o. n. 31 del 30 luglio 2013 il decreto n 7138 del 26.07.2013 relativo allapprovazione del Bando per interventi di recupero alloggi sfitti". Finalit del bando quello del recupero alloggi sfitti in cattivo stato di manutenzione da riqualificare e rimettere nel circuito abitativo a vantaggio delle fasce sociali pi deboli. Destinatari della misura sono: Le Aler e i Comuni localizzati in area classificata a fabbisogno acuto (Comune di Milano). Aler e Comuni localizzati in area classificata a fabbisogno critico (Comuni di Bresso, Cesano Boscone, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Corsico, Cusano Milanino, Sesto San Giovanni). Aler e Comuni localizzati in area classificata a fabbisogno capoluogo (elevato): Comuni di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Monza, Mantova, Pavia, Sondrio e Varese. Gli interventi ammessi a finanziamento sono quelli di manutenzione ordinaria e di manutenzione straordinaria ai sensi dellart. 27 della Legge Regionale 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Possono essere finanziate le spese relative alle opere civili e impiantistiche riferite al singolo alloggio. Non sono cofinanziabili le spese riferite alle parti comuni dei fabbricati, le spese tecniche e gli oneri vari. L'importo complessivo del programma pari a 20 milioni di euro. Il finanziamento concesso a copertura dei costi ammissibili dellintervento nella misura del 100%, fino ad un massimo di 15.000 euro per alloggio.La presentazione delle domande deve avvenire nel periodo: 23 settembre 2013 23 ottobre 2013.

Il calendario delle sedute del Consiglio regionale


La Conferenza dei capigruppo del Consiglio regionale della Lombardia ha stabilito il calendario dei prossimi lavori consiliari. Il Consiglio torner a riunirsi marted 24 settembre con allordine del giorno le proposte di indizione di referendum consultivi relativi a fusioni di Comuni e il progetto di legge riguardante gli strumenti di competitivit per le imprese. Per il 15 ottobre prevista la discussione del progetto di legge contro le ludopatie e il gioco dazzardo, per il 22 ottobre il provvedimento che modifica la legge 26/03 in materia di risorse idriche e sottosuolo a la legge 5/10 in materia di impatto ambientale. Il 29 ottobre allordine del giorno lesame delle diposizioni in materia di promozione e la tutela delle attivit di panificazione e le nuove linee di sviluppo per le imprese del settore turistico, unitamente allampliamento di presenze nelle aree di mercato.

Con la Dgr n. 608 del 6 settembre 2013 Regione Lombardia ha aderito ad alcune misure previste da Accordo per il credito 2013 stipulato il 1 luglio 2013 tra lAssociazione Bancaria Italiana e le associazioni di rappresentanza delle imprese, avviando nel contempo una autonoma moratoria regionale. Possono partecipare piccole e medie imprese, come definite dalla normativa comunitaria, operanti in Italia e appartenenti a tutti i settori. Le agevolazioni ammissibili, previste sia in presenza di un finanziamento bancario in corso che gode di agevolazione regionale nella forma di cofinanziamento o di contributo in conto interessi sia nel caso di un contributo a valere su risorse esclusivamente regionali sono: operazioni di sospensione dei finanziamenti; operazioni di allungamento della durata dei finanziamenti.

I MERCATI AGRICOLI - TABELLA AGGIORNATA A VENERDI 20 SETTEMBRE 2013 (Fonte: Coldiretti Cremona)
PRODOTTO
FRUMENTO tenero buono mercantile GRANOTURCO ibrido naz.14% um. SEMI di SOIA Nazionale ORZO naz. Peso spec. 55-60 peso spec. 66-68 CEREALI MINORI CRUSCA Alla rinfusa FIENO Maggengo Agostano PAGLIA press. (rotoballe)

UNITA DI MISURA
Tonn.

CREMONA MILANO (18 settembre) (17 settembre)


177-184 195-198

MANTOVA (19 settembre)


189-193

BOLOGNA (19 settembre)


(fino) 198-203 buono m. 190-195 177-181 n.q. (p.spec. 62-64) 194-198 (p.spec. 66-67) 204-208 Sorgo nazionale n.q.

PRODOTTO
VACCHE Frisone 1 qualit peso vivo VACCHE Frisone 2 qualit peso vivo VACCHE Frisone 3 qualit peso vivo MANZE SCOTTONE 24 mesi VITELLI BALIOTTI VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60 kg) pie blue belga

UNITA DI MISURA
kg. Kg. kg.

(18 settembre) (20 settembre)


p.v. 1,06-1,20 p.m 2,40-2,60 pv 0,80-0,95 pm 1,90-2,15 pv 0,51-0,62 pm 1,30-1,50 pm 2,50-3,00 1,08-1,15 0,80-0,90 0,60-0,65

CREMONA

MONTICHIARI

(19 settembre)
da macello 1,13-1,23 0,92-1,02 0,69-0,79

MANTOVA

(16 settembre)

MODENA

Tonn. Tonn. Tonn.

180-182 n.q. 178-184 186-190

204-205 n.q. n.q. 208-210

177-180 n.q. Fino a 65 203-207 Fino a 70 208-213

kg.

1,20-1,30

1,31-1,48

Vitelloni femm. da macello pez. nere (kg. 450-500) p.v. 1,401,55 pm 2,70-3,00 (45-55 kg) 1,30-1,70 (pregiate 70 kg) 3,79-4,38

Tonn.

Triticale 190-193 Sorgo n.q. 133135 160180 loietto: 160180 85-95 133134 125-145 fieno di erba med: 170180 90-100 132-135 Medica fienata 2 t. in campo 160-165 Paglia di frum. casc. 55-60

kg. kg.

0,90-1,10

MONTICHIARI (1 q. 56/60 kg) 1,10-1,20 MONTICHIARI 3,85-4,00

(da 46 a 55 kg) 1,30-1,50 3,40-4,00

3,00-4,00

Tonn. Tonn.

124-125

PRODOTTO
BURRO pastorizzato

UNITA DI MISURA
kg.

CREMONA MILANO MANTOVA (18 settembre) (16 settembre) (19 settembre)


3,85 (dolce) 5,30-5,45 past. 3,50 centr. 4,00 5,30-5,45 3,20

MODENA (16 settembre)


Zangolato di creme X burrificaz. 2,90 --

Tonn.

PRODOTTO
SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI da macello SUINI da macello SUINI da macello

UNITA DI MISURA
15 kg

CREMONA MILANO (18 settembre) (16 settembre)


3,770 3,82

MANTOVA (19 settembre)


3,75

MODENA (16 settembre)


3,770

PROVOLONE VALPADANA fino a 3 mesi PROVOLONE VALPADANA oltre 3 mesi GRANA scelto stag. 9 mesi GRANA scelto stag. 12-15 mesi

kg.

n.q.

kg.

(piccante) 5,50-5,75 7,00-7,20

5,50-5,75

n.q.

PARMIGIANO REGGIANO 12 mesi 8,60-9,00 PARMIGIANO REGGIANO fino a 24 m 10,00-10,50 PARMIG. REGG. 30 mesi e oltre 11,35-12,30

25 kg 30 kg 40 kg 156 kg 176 kg

2,740 2,520 2,160 (da 145 a 160 kg) 1,730 (da 160 a 180 kg) 1,790 (oltre 180 kg) 1,760

2,78 2,54 2,15 n.q. n.q. n.q.

2,68 2,43 2,07 n.q. n.q.

2,740 2,470 2,120 (da 144 a 156 kg) 1,782 (da 156 a 176 kg) 1, 812 (da 11,4980 kg) 1,796 kg.

6,85-7,10

7,15-7,35

kg.

7,80-8,00

7,85-8,65

8,10-8,30

Oltre 176 kg

n.q.

N.B. Le quotazioni del bestiame bovino e del foraggio sul mercato di Cremona avvengono il 1 e il 3 mercoled del mese. Le quotazioni del mercato di Milano avvengono, per la Granaria, il marted (comparto dei cereali e derivati). Per la zootecnia da latte si porta come riferimento anche Montichiari, che quota il venerd. Il mercato di Mantova avviene il gioved. Modena il luned. Il mercato di Bologna, che con la Granaria di Milano fa da riferimento per i cereali, quota il gioved. Tutti gli aggiornamenti della tabella mercati, insieme ai collegamenti alle principali borse, sono sul sito: www.cremona.coldiretti.it.

CREMONA
AL CASCINETTO

Laboratorio gratuito di disegno e pittura

Accordo di collaborazione tra l'assessorato alle Politiche Educative il nuovo gruppo artistico Il Cascinetto di via Maf, nalizzato a promuovere la conoscenza per le tecniche artistiche. L'Asso-

ciazione organizzer un laboratorio gratuito di disegno e pittura rivolto ai bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie dai 6 ai 15 anni, con cadenza settimanale, per complessive 20 ore.

E' necessario mettere in campo una riforma fiscale globale che possa ridurre il costo del lavoro e incrementare invece le tasse sul patrimonio
di Laura Bosio

Aumento Iva dal 1 ottobre, sembra inevitabile


Timpano: La sospensione dellImu sulla prima casa sicuramente ha aggravato la situazione gi precaria delle finanze italiane
OGNI FAMIGLIA SPENDER 95 EURO IN PI OGNI ANNO
Con l'incremento dell'Iva laumento di spesa media annuale delle famiglie di 96,65 euro.Guardando ai singoli territori, per il nord-ovest si prevede un incremento pari a 116,84 euro, per il nord-est di 113,72 euro, per il centro sarebbero 95,12 euro, al sud 75,82 euro e sulle isole 57,69 euro. Il dato emerge da uno studio effettuato da Adiconsum alcuni mesi fa. Laumento di spesa annuale a seguito dellaumento dellIva a seconda della tipologia di lavoro svolto va da 141,26 a 76,53 euro spiegano i tecnici dell'associazione. Guardando alle professioni, l'incremento si concretizzer in 141,26 euro per imprenditori e professionisti, sar di 115,53 euro per i lavoratori in proprio, sar di 127,91 euro per dirigenti e impiegati, di 102,27 euro per gli operai e di 76,53 euro per i pensionati. Un'operazione che, secondo l'associazione dei consumatori, Porter comunque un aggravio per le famiglie, in un momento in cui al contrario necessario riportare a livelli accettabili il loro potere dacquisto, per rilanciare i consumi e quindi la produzione e a seguire loccupazione. Tra laltro, ormi assodato che un aumento di tassazione comporta un calo delle entrate dovuto alla contrazione dei consumi. La sospensione dell'Imu allora stata pi un danno che un beneficio? Il commissario europeo Olli Rehn ha criticato il modus operandi italiano, dicendo che in questo momento l'Italia dovrebbe smettere di tassare il lavoro e dovrebbe spostare la tassazione sui beni e sul patrimonio. In realt le tasse, di qualsiasi tipo esse siano, presentano sempre un elemento recessivo, tanto che anche l'Imu ha avuto un impatto pesante, soprattutto quella sulle imprese o sulle seconde case. Il vero problema che non si pu continuare a trattare il nostro sistema fiscale tirando la coperta una volta da una parte e una volta dall'altra. E' necessario mettere in campo una riforma fiscale globale che consideri tutti i settori e che venga spalmata in modo da ridurre il costo del lavoro e da incrementare invece le tasse sul patrimonio. Questo permetterebbe di rilanciare i consumi, anche se la situazione tutt'altro che facile. Il problema principale che il Paese non sta crescendo, anzi, il Pil in diminuzione. Questo non ci permette di avere delle prospettive molto rosee. Secondo lei la Service Tax avr effetti positivi sulla nostra economia? E' ancora presto per valutare, se ne sa ancora troppo poco. Senza dubbio il fatto di avere una tassa federalista che dia ai Comuni libert di azione e che si commisuri ai servizi erogati positivo, ma vi sono ancora diverse cose da valutare. Ad esempio, il fatto che si vogliano far pagare gli inquilini sbagliato, in quanto questo cambia la natura della tassa: non pi patrimoniale, ma sui servizi comunali. Pensa che riusciremo ad uscire dalla crisi e "agganciare" la ripresa? Da soli probabilmente no. Servir una regia europea deve prendere dei provvedimenti e delle decisioni che permettano di uscire da questa situazione a un Paese che molto indebitato e che non cresce. Attualmente siamo in una situazione sotto controllo, ma non usciamo dal cul de sac in cui ci troviamo, fatto di debiti e decrescita. La situazione deve essere trattata dall'Europa in modo differente rispetto a come vengono normalmente trattate simili situazioni: solo cos possiamo sperare di uscirne.

embrerebbe ormai inevitabile l'incremento dell'Iva, che dal primo ottobre passer dal 21 al 22 per cento, perch non ci sarebbero i soldi per finanziare contemporaneamente labolizione dellImu e il blocco di tale aumento. Quindi, se non si fosse sospesa l'Imu sulla prima casa si sarebbe scongiurato il punto percentuale in pi dell'Imposta sul valore aggiunto, una misura che andr a colpire ulteriormente i consumi. Ne convinto Francesco Timpano, docente di politica economica presso l'Universit Cattolica di Piacenza Essendo due operazioni dallo stesso valore, una avrebbe potuto escludere l'altra. Se quindi non si fosse sospesa l'Imu, probabilmente si sarebbe potuto evitare di aumentare l'Iva. L'aumento dell'Iva in realt era gi stato deliberato da tempo e previsto nel bilancio dello Stato. Poich si tratta di un'azione che avr forte impatto sui consumi, fin dall'inizio della sua attivit le linee guida del Governo erano di cercare le risorse per evitarlo; tuttavia si tratta di un'operazione che costa 4 miliardi di euro, e nella situazione in cui ci troviamo reperire altrove le risorse diventa un'impresa impossibile. La coperta molto stretta, come recentemente ci ha fatto notare la Comunit europea: pare infatti che l'Italia stia gi sforando il tetto del 3% (saremmo al 3,1%) nel rapporto tra deficit e Pil. Dobbiamo chiederci, in una fase in cui ci troviamo gi sul filo del rasoio, come si possano prendere provvedimenti che espongono il Paese al rischio di sforamento, soprattutto essendo usciti da poco da una procedura di risanamento di un deficit eccessivo.

Francesco Timpano, docente di politica economica allUniversit Cattolica

Che effetto ha avuto la sospensione dell'Imu sulla prima casa? Sicuramente ha aggravato la situazione gi precaria delle finanze italiane Dunque il passaggio dell'Imposta sul valore aggiunto dal 21 al 22% inevitabile? Ad oggi l'unica remota possibilit di scongiurare l'aumento dell'Iva sarebbe di reperire un miliardo di qui a fine anno, per spostare l'incremento dell'aliquota al primo gennaio 2014. L'Iva uno strumento utile allo Stato per fare cassa nell'immediato e il suo aumento una procedura di semplice attuazione. Tuttavia per i consumi rappresenta una "botta" non indifferente: lo scorso anno si sono ridotti del 4,3%, quest'anno il calo intorno al 2,5%. L'aumento dell'Iva potrebbe aggravare ancora la situazione.

LEuropa deve trattare la situazione italiana in maniera diversa da ci che accade di solito

Sabato 21 Settembre 2013

Cronaca

Entro il 30 settembre seconda rata della Tares

imposte

Il 30 settembre scade il termine per il pagamento della seconda rata acconto Tares. In attesa di approvare le tariffe della Tares da applicare, il Consiglio comunale ha deliberato il versamento in due rate dacconto, una con scadenza 31 luglio e laltra 30 settembre, determinate secondo i criteri della Tarsu, mentre con la terza rata, a saldo, che scadr il 2 dicembre, verr effettuato il conguaglio di quanto dovuto. Entro il 30 novembre 2013 il Consiglio comunale, salvo eventuali modifiche normative, approver le tariffe definitive della Tares, e sar cos possibile calcolare limporto effettivamente dovuto per lanno 2013. Sar quindi inviata una nuova comunicazione per il pagamento della terza e ultima rata (saldo) che sar calcolata togliendo dallimporto complessivamente dovuto per la Tares quanto gi versato in acconto con le prime due rate. Il pagamento della seconda rata dacconto pu essere eseguito utilizzando il bollettino allegato allavviso o cartella di pagamento ricevuta. Il pagamento pu essere effettuato presso il concessionario, in viale Trento Trieste 16 - tel. 0372 30783, presso tutti gli sportelli postali, presso tutti gli sportelli della Banca Popolare di Cremona, presso qualsiasi istituto bancario utilizzando il bollettino freccia prestampato, attraverso domiciliazione bancaria, on line dal sito www.rti-ica-abaco.it in ununica soluzione presso i totem installati dal concessionario in piazza Stradivari, via Ghisleri (Esselunga), via della Cooperazione (Coop), via Nino Bixio, piazza Aldo Moro (Punto Salute), San Felice (Centro Civico San Felice).

Chiusura dei distributori di carburante, il rischio c


L
di Laura Bosio e misure previste nel secondo Decreto del fare ridurrebbero i 140 distributori di benzina presenti sul territorio cremonese a poco pi di una trentina: ne convinto Graziano Bossi, presidente della Figisc Ascom, che da tempo chiede un riordino del settore fatto con attenzione. E' dal decreto Bersani che si avviata la stretta sui distributori, che partita come una vera e propria caccia alle streghe, dove il gestore la vittima sacrificale. Che si debbano rispettare le norme di sicurezza va bene, cos come indispensabile un riordino del settore, ma tutto questo deve essere fatto ascoltando i protagonisti della filiera stessa e le associazioni di categoria. Insomma, se tagli si devono fare, che stavolta siano fatti seriamente e con la condivisione di tutti, secondo un progetto logico che tenga conto di una molteplicit di fattori. Quando alcuni anni fa Regione Lombardia chiese ai Comuni di indicare quali fossero gli impianti compatibili, parzialmente compatibili e non compatibili alla normativa viabilistica e di sicurezza, nessuno diede tale comunicazione. Allora cosa serve fare nuovi decreti se gi non vengono rispettati quelli vigenti?. In questo decreto c lattesa anagrafe dei benzinai. In cosa consiste? Lo Stato chiede ai benzinai di inviare i loro dati: in questo modo, tutti gli impianti inefficienti o non in regola con le norme di sicurezza , saranno chiusi. Lobiettivo sarebbe eliminare circa 5.000 impianti non a norma. Con tale calo potrebbe aumentare la concorrenza, fattore che potrebbe far abbassare i prezzi dei carburanti, avvicinando il listino prezzi italiano a quello europeo. In questi anni abbiamo visto la pi totale assenza delle amministrazioni su questi temi, tanto che spesso abbiamo visto dare pareri di conformit positivi a impianti che non rispettavano affatto le normative, come ad esempio impianti collocati in prossimit di incroci o di rotonde sottolinea Bossi. La normativa infatti impone che non possano esservi impianti nel raggio di 90 metri da incroci, semafori e rotonde. E vero che molti gestori sarebbero disponibili a chiudere, perch gi in difficolt, anche a causa della crisi. L'importante che questa

Il secondo Decreto del fare potrebbe portare alla dismissione obbligata di molti impianti

Graziano Bossi, Figisc Ascom: Si tratta di riorganizzare il settore con attenzione, non con interventi indiscriminati
operazione venga fatta di concerto con l'associazione di categoria, e che venga rifinanziato il fondo di indennizzo che serve appunto sostenere i gestori che escono da sistema. Le chiusure dovrebbero essere messe in atto, dunque, seguendo certi criteri: altrimenti, si rischierebbero carenze nel servizio. Spiega Bossi: Pensiamo a Crema: se si chiudessero tutti i distributori che non rispettano la prescrizione dei 90 metri ne resterebbero due o tre in tutta la citt, con conseguenti disagi per molti cittadini. Lo stesso discorso vale per Cremona e Casalmaggiore. Pensiamo poi a quelle aree di servizio che magari non sono del tutto compatibili ma che servono due o tre Comuni: chiuderle significherebbe provocare forti disagi per la popolazione di quella zona. Si dovrebbe allora avviare un lavoro graduale, che preveda anche un progetto di collocazione di impianti in aree idonee, di concerto con le Amministrazioni comunali e le compagnie proprietarie dei distributori. Accanto a questo si dovr evitare che vengano date concessioni ai centri commerciali di erogare carburante. Il decreto Viene istituita una anagrafica degli impianti stradali di distribuzione tramite la richiesta ai titolari di autorizzazione di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Viene individuato il 31 marzo 2014 quale data entro la quale gli impianti incompatibili debbano cessare l'attivit di vendita carburanti. Vengono inoltre esplicitati i criteri e le caratteristiche degli impianti da ritenersi incompatibili, differenziati in base all'ubicazione dentro i centri urbani e fuori dai centri urbani. Viene "rialimentato" il Fondo per la razionalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti per dare un contributo alla chiusura degli impianti incompatibili. "Al fine di evitare l'avvio da parte della Commissione europea entro l'autunno 2013 di una procedura di infrazione" nella bozza del futuro decreto viene rimosso l'obbligo di presenza del gestore negli impianti situati nei centri urbani. Vengono ripristinate le condizioni per lo svolgimento delle attivit di vendita tabacchi presso le stazioni di servizio, introdotte dalla normativa di liberalizzazione del settore carburanti nel 2011.

Cronaca LUnione europea ha co-finanziato - per un milione di euro - degli studi per la navigabilit 365 giorni lanno
Viviana Beccalossi: E la premessa per accedere a finanziamenti successivi per la realizzazione del progetto
di Laura Bosio

Sabato 21 Settembre 2013

Regimazione del Po: sar la volta buona?

I Po navigabile tutto l'anno? La prospettiva, pi volte naufragata, ha ripreso vigore in seguito all'approvazione, da parte dell'Unione Europea, di un finanziamento richiesto dall'Aipo per realizzare studi in merito al progetto 365 Po river system - Preliminary project to improve navigation from Cremona Port to the Adriatic Sea. L'intervento, dal costo complessivo di due milioni di euro, finanziato per un milione di euro dalla Ue, per 400.000 euro dalla Regione Lombardia, per 500.000 euro dalla Regione Emilia Romagna e per 100.000 euro da Aipo e Regione Veneto. Lo scopo di completare i precedenti studi sulla navigazione del fiume, che comprende due ipotesi: quella della regimazione e quella della navigazione a corrente libera. Nel primo caso si tratta di approfondire lo studio gi redatto da Aipo nel 2009, in cui si prevedeva la costruzione di 4 sostegni tra Cremona e foce Mincio, con possibilit di previsione di ulteriori sostegni nelle province di Ferrara e Rovigo. Un progetto il cui costo e' stimato in 2 miliardi di euro. Il nuovo studio prevede un approfondimento sulla qualit delle acque, del trasporto solido, delle interazioni con i consorzi si bonifica. Il tutto sar corredato da un'analisi costi/benefici corredata da uno studio economico per valutare le possibili soluzioni attuabili. Per quanto riguarda l'intervento a corrente libera, si prevede invece l'estensione della progettazione a tutto il tratto da Cremona all'Adriatico (attualmente c' un progetto esecutivo per il tratto Cremona-Foce Mincio). Tale progetto costerebbe 93 milioni di euro e si concretizzerebbe attraverso la collocazione di barriere artificiali di terra e massi, che indirizzino la corrente. C'e' la possibilit di sviluppare nuove piattaforme logistiche, per promuo-

Viviana Beccalossi

vere un trasporto multi-modale, nonch per rendere il fiume un vero e proprio corridoio fluviale europeo. Gi nel secondo dopoguerra se ne parlava, ma a quell'epoca la politica scelse di privilegiare le autostrade prima e successivamente i trasporti su ferro sottolinea Luigi Fortunato, direttore dell'Aipo. La navigazione stata sempre la Cenerentola dei trasporti. Speriamo che stavolta si facciano passi concreti. Per ora siamo aperti a entrambe le possibilit di intervento. Teniamo presente che il fiume morfologicamente malato, ossia sta perdendo le sue forme, e una regimazione potrebbe favorire molto il recupero morfologico del fiume. A spiegare l'interesse dell'Europa per il Po ci hanno pensato i tecnici: l'idrovia padano-veneta parte integrante del cosiddetto "corridoio 3 Mediterraneo", ossia un tratto fondamentale della rete del sistema idroviario della Comunit europea spiega Marcello Moretti, tecnico Aipo. Per capire quale sia per l'Europa l'importanza strategica del Po, basti pensare che

per il corridoio 3 previsto, tra il 2014 e il 2030 un intervento per 3.250.000 euro, di cui 1.300.000 finanziato dalla stessa Ue. La navigazione del fiume Po un sogno che tanti amministratori hanno accarezzato senza successo per anni, a causa dei tempi burocratici eccessivi, della carenza di risorse e di tanti altri problemi ha sottolineato Viviana Beccalossi, assessora al territorio, urbanistica e difesa del suolo della Regione Lombardia, durante la conferenza stampa di presentazione del finanziamento. Oggi cambiato l'approccio politico istituzionale: la concretezza che caratterizza questo progetto tangibile. Naturalmente presto per dire quanto coster e dove troveremo le risorse: si tratta di diverse centinaia di milioni. Tuttavia se l'Europa ha deciso di finanziare gli studi, significa che il progetto credibile e che ha le possibilit di accedere ai finanziamenti europei. Lo sviluppo di studi co-finanziati dalla Ue, infatti, premessa per il successivo coinvolgimento di risorse europee anche nella

realizzazione dell'opera stessa. Grande soddisfazione anche del presidente della Camera di Commercio Giandomenico Auricchio, del sindaco di Cremona Oreste Perri e dei presidenti delle Province di Cremona e Mantova, Massimiliano Salini e Alessandro Pastacci, ma anche dei consiglieri regionali Carlo Malvezzi e Agostino Alloni. E' una grande opportunit per concretizzare il sogno di rendere il fiume navigabile per 365 giorni l'anno ha sottolineato Malvezzi. A sollevare qualche dubbio invece il consigliere provinciale Giuseppe Torchio: Bisogna per ricordare che due anni fa sono stati tolti irrevocabilmente ben 76 milioni di euro dalla Regione Lombardia, legati al progetto di Tencara, e che si vanno ad aggiungere al taglio di altri 130 milioni del progetto delle 13 Province del Po, deciso dal Governo Berlusconi. Dunque ben venga questo progetto, ma non venga seguito il cattivo esempio del passato, opera non dell'Unione Europea ma dei nostri governanti.

Inaugurati nei giorni scorsi il nuovo spazio dedicato alla mobilit ciclistica, che funzioner anche come base di appoggio di assistenza ai ciclisti per risolvere occasionali malfunzionamenti: vi infatti a disposizione unattrezzatura minima per lassistenza immediata. Sar inoltre un luogo per organizzare incontri di approfondimento e promuovere la cultura della mobilit sostenibile negli spostamenti in citt. Collocato al piano terra della ex casetta del custode, condiviso con quello destinato alle Guardie Ecologiche Volontarie che, oltre ai compiti specifici del corpo, collaboreranno, in sinergia con la Fiab, per educare i ciclisti alluso corretto della bicicletta nellosservanza delle norme del Codice della strada. Lapertura del nuovo spazio, che sar gestito dai volontari Fiab, stata anche loccasione per presentare il nuovo sistema di bike sharing. Infatti, grazie ad un finanziamento europeo di 295.000 euro, ottenuto tramite un bando regionale, lattuale sistema meccanico di bike sharing in un nuovo servizio completamente automatizzato, con tessera elettronica, che consente il blocco e sblocco automatico della bici e la riconsegna anche in una postazione diversa da quella di prelievo, cosa attualmente non possibile. Le postazioni automatizzate, installate al posto delle esistenti, saranno 8 dotate di 9 colonnine di aggancio (posti bici) ciascuna. Le attuali biciclette del Comune di Cremona - 80 - saranno modificate per essere utilizzate con la nuova modalit. Inoltre con il nuovo servizio di bike sharing vengono messe a disposizione 15 biciclette a pedalata assistita e 3 cargo bike di cui uno a pedalata assistita. La prima mezzora sar comunque gratuita. Il Comune integrer il servizio di bike sharing con 30 biciclette a pedalata assistita del Progetto e-bike0 cofinanziato da Ministero dellAmbiente in collaborazione con Anci e Ducati energia per la sperimentazione del prototipo di bicicletta a pedalata assistita. Verranno fornite al Comune di Cremona 30 biciclette, con 3 speciali reggibiciclette da 10 posti, che saranno posizionati presso il Comando della Polizia Locale, il Settore Lavori pubblici e Palazzo Comunale, a disposizione di dipendenti e amministratori per gli spostamenti urbani. Queste biciclette, dotate di un computer, sensori ambientali e GPS, sono in grado di rilevare e poi scaricare una serie di informazioni. Queste speciali biciclette e reggibici saranno installati entro il mese di novembre.

Al via il nuovo sistema di bike sharing in citt

mobilit sostenibile

Sabato 21 Settembre 2013

Cronaca

levento

Inaugurata venerd la 9 edizione della mostraesposizione Gli hobby non hanno et organizzata dai pensionati della Cna di Cremona. La mostraesposizione, che durer fino a domenica 22 settembre, stata allestita presso l'Auditorium della Camera di Commercio di Cremona. Divenuta ormai un appuntamento biennale, ha aperto le porte

Gli hobby non hanno et, mostra organizzata dai pensionati della Cna
anche ai prodotti artigianali dei "meno anziani", allargando il bacino dei propri espositori anche ai non pensionati. Ancora una volta i pensionati della Cna di Cremona, da sempre impegnati nell'organizzazione di attivit ricreative e culturali, sono in prima fila per dar vita ad un week-end del tutto particolare. Levento vedr la partecipazione di oltre 60 pensionati che nel corso della tre giorni andranno ad esporre il frutto dei loro passatempi. Quadri, fotografie, diversi manufatti in legno, uncinetti, pizzi e merletti sono solo una piccola parte di quello che i nostri pensionati ci dimostreranno di saper fare. Ampio spazio stato dedicato alle donne, alle loro opere e alle loro capacit, dopo la felice esperienza delledizione 2009, anno europeo per le pari opportunit. Infine la mostra continuer la felice impronta data dalla 5 edizione del 2005 con unarea "multietnica" e comunque di ampio respiro, introducendo, tra le opere esposte, manufatti egiziani, indiani, rumeni e peruviani.

Accorpamenti di ospedali e Asl, cosa succeder?


Un disegno di legge regionale presentato dalla Lega ridurrebbe a 5 le Aziende sanitarie lombarde
I sindacati: Il dibattito focalizzato eccessivamente sui temi di ingegneria organizzativa, mentre i cittadini chiedono di avere certezze sui servizi
na sola Asl che comprenda le citt di Cremona, Mantova, Lodi e Pavia, con sede in quest'ultima: la proposta contenuta nel disegno di legge di riforma della sanit lombarda, presentato dal consigliere regionale leghista Fabio Rizzi. L obiettivo di ridurre il numero delle Asl lombarde a 5, come si legge nellarticolo 4 della proposta: "Sono istituite le seguenti Aziende Socio Sanitarie Locali, di seguito denominate Asl, per ciascuna delle quali indicata la sede legale, nel Capoluogo di Provincia con maggior numero di abitanti. La Asl di Milano, comprendente il territorio dei Comuni di Milano, Bresso, Cinisello, Cologno, Cormano, Cusano, e Sesto San Giovanni, con sede a Milano. La Asl dell'Insubria, comprendente le Province di Varese, Como, Lecco e Sondrio, con sede a Varese. La Asl delle Orobie, comprendente le Province di Bergamo e Brescia, con sede a Brescia. La Asl della Brianza e della provincia di Milano, comprendente la Provincia di Monza e della Brianza ed i Comuni della Provincia di Milano non ricompresi nella Asl di Milano di cui al punto A, con sede a Monza. La Asl della Val Padana, comprendente le Province di Pavia, Lodi, Cremona e Mantova, con sede a Pavia". Stessa cosa anche per le aziende ospedaliere, che vengono trattate nell'articolo 5 della proposta. Tra queste: l'Asl della Brianza con due aziende ospedaliere, la Ao Monza e Martesana (San Gerardo, Vimercate, Carate, Giussano, Seregno, Melegnano, Vizzolo, Gorgonzola,

Mario Penci, Uil

Cassano, Cernusco, Melzo, Vaprio) e la Ao del Ticino (Legnano, Busto, Magenta, Cuggiono, Abbiategrasso, Garbagnate, Bollate, Passirana, Rho). Infine, la Asl della Val Padana avr la Ao Pavia Lodi (San Matteo di Pavia, Broni, Vigevano, Casorate, Mortara, Varzi, Voghera, Mede, Lodi, Sant'Angelo, Casalpusterlengo, Codogno) e la Asl Cremona Mantova comprendente Crema, Cremona, Oglio Po, Soresina, Rivolta d'Adda, Mantova, Asola, Pieve di Coriano e Bozzolo. La proposta sta destando preoccupazione negli ambienti sindacali, come

spiega Mario Penci, delegato sindacale Uil. Si tratta di una decisione delicata, che non pu essere presa ai vertici senza prima una condivisione con la gente e i sindacati. Entrando nel merito della situazione locale, le difficolt si presenterebbero nell'unione degli ospedali di Cremona, Mantova e delle loro province continua Penci. Ad esempio, per Cremona potrebbe essere un problema unirsi a una realt problematica come quella di Mantova. Per quanto riguarda le Asl, invece, l'assurdit sta nel voler mettere insieme

territori dalle caratteristiche cos diverse. Ad esempio la struttura dell'Asl pavese completamente diversa da quella di Cremona e Mantova, oppure da quella di Lodi. Il prossimo passo cercar di capire in che modo la proposta verr portata avanti. Staremo a vedere se uscir qualcosa dalle prossime riunioni di Commissione continua Penci. Nel caso che si intenda procedere in questa direzione, ritengo sia necessaria una consultazione con le parti sindacali e con le direzioni interessate. E' inoltre importante che prima di avviare una simile operazione i cit-

tadini vengano adeguatamente informati su quanto accadr. Nessun problema particolare invece per i lavoratori, anche se probabilmente alcuni dovranno spostarsi. Preoccupazione anche da parte della Cgil, secondo cui il dibattito starebbe proseguendo sui binari sbagliati. Da tempo vi lesigenza di una profonda revisione del sistema in essere: dai temi relativi ad un pi equilibrato rapporto pubblico/privato, ospedale/territorio alla riorganizzazione della rete ospedaliera, nonch allequit relativa ai ticket sanitari sottolinea Melissa Oliviero, della segreteria della Cgil Lombardia. Ci sembra che il dibattito di oggi sia focalizzato eccessivamente sui temi di ingegneria organizzativa (numero di Asl e Aziende ospedaliere), mentre linteresse prioritario della cittadinanza di questa regione riguarda la disponibilit e laccessibilit dei servizi del territorio. In Lombardia in questi anni non c stato un serio investimento sui servizi territoriali, a differenza di altre regioni in cui si sono sperimentate modalit di organizzazione dei servizi pi vicini ai cittadini e capaci di garantire la continuit della cura. La Cgil Lombardia - conclude lesponente sindacale - <<ritiene questo il tema prioritario anche ai fini della sostenibilit finanziaria di tutto il sistema, e vuole dare il proprio contributo in un tavolo che per, fino ad oggi, lAssessorato non ha ritenuto di convocare, nonostante la richiesta sia stata inviata unitariamente quattro mesi fa, nello scorso mese di maggio.

Cronaca
Grandissima affluenza alle sale espositive, ma anche ai concerti e agli eventi collaterali. Molti anche gli ospiti illustri

Sabato 21 Settembre 2013

Museo del Violino, dallapertura oltre cento visitatori al giorno


sitatori stranieri, come confermano dagli uffici del museo stesso. Tanti anche i personaggi illustri, che non solo hanno visitato il museo, ma che hanno altres preso parte ai concerti e al workshop sulla conservazione degli strumenti: Mats Tinnsten (provice Chancellor Mid Sweden University), Jayson Dobney (ricercatore del Metropolitan Museum di New York), Arian Sheets (curatrice del National Music Museum del South Dakota), ecc. Continuano intanto gli eventi collaterali allinaugurazione del

Oltre cento visitatori al giorno: questo il dato eclatante - fornito dalla biglietteria del Ponchielli della prima settimana di apertura del Museo del Violino, che in questi giorni ha vissuto un vero e proprio boom di presenze, tra le quali davvero tantissimi sono stati i vi-

L'estate volge al termine, ma non la voglia di viaggiare. Approfittando delle giornate di bel tempo, ma anche in previsione delle belle giornate autunnali, il Cta Acli vi propone tanti nuovi viaggi e gite. museo: la mostra di liuteria storica "Bottega italiana", aprir presso il Padiglione delle Esposizioni Temporanee del Museo dal 22 settembre al 13 ottobre. L'esposizione presenta una piccola ma ben selezionata scelta di strumenti provenienti dalla collezione della Chi Mei Culture Foundation di Tainan (Taiwan). Dal 27 al 29 settembre Tour Istria, itinerario dellepoca veneziana. Si visiteranno: Parenzo, Pola, Isole Brioni e Rovigno. Dal 27 al 29 settembre Tour Istria, itinerario dellepoca veneziana. Si visiteranno: Parenzo, Pola, Isole Brioni e Rovigno. 29 settembre - Giornata dedicata a Bellagio, un vero e proprio Paradiso tra scorci, ville e natura. Dal 30 settembre al 06 ottobre - Tour della Sicilia, terra ricca di arte e storia. Si potranno ammirare: Palermo, Erice, Marsala, Selinunte, la Valle dei Templi, Piazza Armerina, la Villa del Casale, Caltagirone, Ragusa, Modica, Noto, Siracusa, Ortigia, Etna e Taormina. 6 ottobre - Giornata dedicata alla visita di Venezia, citt unica al mondo, e dell Isola di Murano famosa per le sue ineguagliabili vetrerie. Dal 08 al 12 ottobre Tour-pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo. Si potranno vedere inoltre: San Marco in Lamis, Monte SantAngelo, Castel del Monte e Canosa di Puglia. Dal 19 al 20 ottobre Weekend dedicato allEurochocolate (Perugia) con stand, degustazioni gratuite, sculture, negozi, spettacoli, tutti allinsegna della dolcezza del cioccolato. Si visiter inoltre anche Assisi. 20 ottobre - Giornata dedicata alla visita di Vicenza, conosciuta come la citt del Palladio. Si visiteranno inoltre Villa Rotonda e Villa Valmarana ai Nani. Dal 23 al 27 ottobre - Tour della Costiera Amalfitana. Si visiteranno: Capri, Anacapri, Sorrento, Pompei, Napoli e la Reggia di Caserta 10 novembre - Giornata allinsegna dello shopping allOutlet di Serravalle Scrivia dove sono presenti oltre 180 negozi delle migliori marche. 7 dicembre - Giornata presso la Fiera dellArtigianato di Milano; una grande vetrina per le imprese artigiane e unoccasione irrinunciabile per quanti condividono ed apprezzano la bellezza e loriginalit del prodotto artigianale italiano, europeo ed extraeuropeo. Le iscrizioni e tutte le informazioni relative agli eventi saranno fornite presso la sede di via Cardinale G. Massaia, 22 o contattando i numeri di tel. 0372.800423, 800429. Sito: www.ctacremona.it

Malvezzi, Pdl: Ci aspettiamo da Trenord risposte chiare e scelte concrete. Alloni, Pd: Si deve convocare una conferenza di servizio per mettere in luce le priorit infrastrutturali necessarie per la provincia di Cremona, stabilendo un crono programma certo

Pendolari sempre pi esasperati


sarebbe Cremona senza le persone che lavorano a Milano. Sempre che si riesca ad arrivarci. Intanto l'abbonamento ora costa 103 euro, e permane il problema del cancello della stazione sempre chiuso, quando aprendolo favorirebbero parecchio il transito dei passeggeri. I pendolari hanno dovuto attendere le 8.35, quando arrivato il pullman da Mantova, e hanno raggiunto Milano alle 9.40. Come se non bastasse alla rabbia dei pendolari per la mattinata disastrosa si aggiunto il disappunto per il rinvio dell'incontro, convocato proprio per venerd pomeriggio dall'assessore alle Infrastrutture e Mobilit Maurizio Del Tenno per fare il punto sulla situazione del servizio ferroviario nel sud della Lombardia, insieme e Trenord, in cui il territorio Cremonese ha potuto far sentire le proprie ragioni. A organizzare lincontro era stato il consigliere del Popolo della Libert Carlo Malvezzi. I

Lennesima giornata di ritardi e disservizi accresce la rabbia dei viaggiatori, oltre al rinvio dellincontro con i vertici regionali

na mattina di ordinaria follia per i pendolari cremonesi, che venerd mattina hanno vissuto sulla propria pelle l'ennesima giornata di disservizio ferroviario, con soppressioni e ritardi. Sveglia alle 6 e 45. Una colazione frugale e via di corsa alla stazione per non perdere il treno ci racconta un pendolare, Andrea, raccontando la storia di centinaia di persone come lui, che ogni giorno devono fare i conti con una situazione sempre pi pesante. Arrivare trafelati e vedere sul tabellone: treno delle 6 e 58: soppresso; treno delle 7 e 34: 50 minuti di ritardo continua Andrea. L'altoparlante gracchia qualcosa e un treno viene fatto fermare sul binario 1. I lavoratori di Cremona che devono usare il treno per andare a Milano e lavorare chinano il capo per l'ennesima volta. L'abbonamento costa sempre di pi, ma il servizio si rivela sempre pi scadente. Mi chiedo cosa

Agostino Alloni

Carlo Malvezzi

disservizi sulle linee ferroviarie cremonesi ha spiegato Malvezzi avvenuti nel periodo estivo e allinizio di questo settembre hanno evidenziato la necessit e lurgenza di affrontare con lassessore Del Tenno e Trenord questo problema che colpisce molti cittadini della provincia. Ho gi avuto modo di confrontarmi con lAssessore ma reputo sia importante che possa incontrare direttamente le istitu-

zioni del territorio e ho chiesto la presenza anche di un rappresentante di Trenord perch da loro ci aspettiamo risposte chiare e scelte concrete. Noi chiedevamo qualcosa in pi di un incontro come quello convocato dall'assessore, per quanto importante sia replica il consigliere regionale del Pd Agostino Alloni: si deve convocare una conferenza di servizio, preparata in anticipo con

precisione, per mettere in luce le priorit infrastrutturali necessarie per la provincia di Cremona e stabilendo un crono programma certo. Prioritario secondo noi il rinnovo del materiale rotabile, ad oggi, insufficiente e obsoleto. Inoltre necessario far dialogare ferro e gomma in maniera pi efficace in un territorio, come quello cremonese, a domanda debole. Anche la ricerca di Eupolis, commissionata da Regione Lombardia, sottolinea che il grado di insoddisfazione degli utenti aumentato. Stime che non possono essere sottovalutate ma che dimostrano che sono altre lo soluzioni da perseguire. Ci aspettiamo che entro lapprovazione del bilancio di previsione 2014 che il Consiglio regionale voter a met dicembre, conclude Alloni lassessore Del tenno e Trenord vengano sul territorio per sottoporci proposte puntuali che diano risposte concrete al malessere diffuso dei pendolari.

Il Gruppo Ufo Cremona, con la collaborazione e il patrocinio del Comune, promuove una conferenza con il professor Mauro Biglino (nella foto), studioso e traduttore di fama mondiale dei testi sacri biblici, dal titolo "Il Grande Inganno". L'appuntamento in Sala Rodi sabato 28 settembre alle ore 21. Per informazioni e prenotazioni contattare: 3281855418 o info@gruppoufocremona.it. Studioso di storia delle religioni, Biglino ha dedicato 30 anni alle analisi dei testi sacri. Ha tradotto e pubblicato per conto delle Edizioni San Paolo 17 libri dellAntico Testamento. Il Gruppo Ufo Cremona nato nel 2011. Esso riunisce ricercatori,

Gruppo Ufo Cremona: conferenza di Mauro Biglino in Sala Rodi

Domenica 22 Festa del volontariato in piazza Stradivari e del Comune


Appuntamento per domenica 22 settembre in Piazza del Comune e in Piazza Stradivari con la Festa del volontariato. 126 associazioni saranno presenti coi loro stand, per tutta la giornata, nelle due piazze. Un mosaico che fornir un profilo completo dellassociazionismo cremonese. Dalla cultura alla disabilit, dai diritti alla sostenibilit. E insieme alle associazioni musica, teatro e danza, oltre che attivit per i bambini e gli adulti con RicicliAMO, il laboratorio di riciclo a cura dei volontari del Servizio Volontario Europeo, le visite guidate di Cremona Sotterranea, gli spettacoli di RdB Blue Company e Teatrodanza, i concerti di Voz Latina, Diskanto e Complesso Bandistico Citt di Cremona. E poi dibattiti e discussioni con il Live Space Sharing sul tema della citt e dello spazio pubblico curato da Arya, focus sulle possibilit di volontariato in Europa, diritti di cittadinanza e altro ancora. Il tema del bosco del volontariato, abbracciato nel corso della festa dello scorso anno, ritorna con una nuova declinazione: cittadini e associazioni vengono stavolta descritti come erbe essenziali e preziose per la vita e gli equilibri di un complesso ecosistema. La Festa del Volontariato di questanno arriva a pochi mesi di distanza dalla pubblicazione del IX censimento generale dellindustria e dei servizi. Diffuso nel mese di luglio dallIstat, il censimento ha sottolineato come il settore pi dinamico dellultimo decennio in Italia sia stato il non-profit: le istituzioni del comparto sono aumentate del 28% e gli addetti del 39,4% con 4,7 milioni di volontari. Il non profit cresce soprattutto nel Nord e nel Centro Italia, con punte pi alte di presenza e attivit in Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Lazio. Il settore conta sul contributo lavorativo di 4,7 milioni di volontari, 681mila dipendenti, 270mila lavoratori esterni e 5mila lavoratori temporanei. Nel tessuto produttivo italiano, il non profit occupa una posizione significativa: il 6,4 per cento delle unit economiche attive.

studiosi ed appassionati di ufologia con il comune obiettivo dello studio del fenomeno ufo. Il Gruppo mantiene un approccio di tipo razionale e scientifico, raccoglie testimonianze dirette e relativa documentazione, svolge accurate indagini sul territorio.

Sabato 21 Settembre 2013

Cronaca

Scommesse, raffica di arresti a Singapore


Raffica arresti a Singapore nellambito dellinchiesta sul Calcioscommesse. Sono 14 le persone finite in manette. Gli arresti fanno parte di un'operazione congiunta, condotta dal Dipartimento investigativo di Singapore e dall'Unit anticorruzione con il sostegno della Polizia. Sono in tutto 12 uomini e due donne. E, tra loro, oltre a individui oggetto di indagini in altre giurisdizioni in relazione alle attivit di match-fixing, vi anche Tans Seet Eng, il presunto capo della cupola identificata gi nel primo filone dellinchiesta partita dalla Procura di Cremona. La Polizia di Singapore e lUnit anticorruzione, con il sostegno della Polizia, non hanno rivelato la nazionalit dei soggetti arrestati nell'operazione durata circa 12 ore. Let dei fermati varia tra i 38 e 60 anni. Il segretario generale dell'Interpol, Ronald K. Noble ha cos commentato: Le autorit diSingapore hanno compiuto un passo importantissimo.

in breve

Boom del biogas in provincia Ma non mancano i problemi


C
di Michele Scolari on il sempre maggior utilizzo delle biomasse la Lombardia si avvia a diventare la caldaia dItalia (come spiega linchiesta pubblicata il 29 agosto da Luca Zorloni su Il Giorno). E Cremona protagonista di questa tendenza: una gigantesca centrale alimentata dal biogas prodotto nelle decine di biodigestori comparsi sotto la spinta degli incentivi pubblici. In provincia di Cremona gli impianti attivi sono 137 (circa 400 dellintera Lombardia, destinati, avverte il professor Michele Corti sul blog Sgonfiailbiogas.it, a diventare 500 nel 2014): pi di Brescia (55) e pi di Mantova (77), che pure vanterebbero una superficie coltiva maggiore. E altri 25 impianti sono in via di autorizzazione (nel cremasco ne viene autorizzato in media uno alla settimana). Un primato regionale (e nazionale) che, secondo lassessore provinciale allAgricoltura Gianluca Pinotti, ha prodotto un investimento da 400 milioni di euro in cinque anni: circostanza senzaltro positiva negli attuali tempi di crisi, considerando che produrre un megawatt costa circa 4 milioni di euro, e che in 5 anni Cremona ne ha prodotti 96 allanno. Ma a questi dati fanno da contraltare numerosi dubbi e un certo scetticismo di associazioni ambientaliste e comitati (anche lo stesso Pinotti ha dichiarato a Il Giorno che il mercato stato sbilanciato a favore delle energie rinnovabili, l'incentivo ha favorito la speculazione). Innanzitutto, si denuncia un sostanziale vuoto normativo che ha posto inizialmente pochissimi paletti alla proliferazione di impianti. Da parte della Regione Lombardia sono mancate delle linee guida chiare e definite sulle zone che avrebbero dovuto essere inibite al biogas e cos si sono autorizzati digestori un po ovunque, in modo disordinato spiega Maria Grazia Bonfante, coordinatrice provinciale dellassociazione Salviamo il Paesaggio. - Autorizzazioni che continuano tuttora da parte dei Comuni a suon di Pas (procedure abilitative semplificate). Contestualmente, i sindaci dei paesi si sono trovati di colpo tra capo e collo queste strutture, senza squadre di tec-

Inchiesta Dal vuoto normativo allimpatto ambientale: i primi dubbi sul miracolo cremonese

Medicinali scaduti: pediatra denunciato


I carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Brescia hanno scoperto circa 200 confezioni di medicinali scaduti nellambulatorio di un pediatra, situato nel settore sanitario in un paese al confine tra la provincia di Cremona e quella di Brescia. il controllo scattato in seguito alle numerose segnalazioni di alcune famiglie bresciane e cremonesi che portavano in visita dal pediatra i propri bambini. I genitori avevano notato nellambulatorio del medico un quantitativo ingente di medicinali, presidi medici e prodotti destinati allinfanzia, scaduti il 2008 e il 2013. Dai controlli effettuati nello studio emerso che i farmaci erano conservati nel gabinetto-medico e non erano stati smaltiti secondo le corrette procedure di legge. Il medico stato immediatamente identificato e denunciato alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Brescia e il quantitativo di medicinali stato interamenteposto sotto sequestro dai carabinieri.

Comitati e associazioni contro la speculazione: Consumo di suolo, affitti alle stelle, sversamenti incontrollati e aree protette a rischio
nici specialisti n tantomeno norme che regolamentassero almeno la posizione degli impianti (dato che in Conferenza dei Servizi il Comune interpellato per dare parere urbanistico). Questa premessa si lega al discorso della vulnerabilit del territorio: la nostra campagna prosegue Bonfante - si trova in una delle 5 aree pi inquinate al mondo ed gi oppressa da industrie pesanti, dal problema dei nitrati derivanti dallallevamento suinicolo e dalla progressiva cementificazione. La Provincia non avrebbe dovuto considerare questo impatto cumulativo prima che avvenisse lautorizzazione di quasi 140 impianti a biogas?. Uno dei problemi creati dal gas verde, infatti, il depauperamento dei terreni cremonesi, definiti dallo stesso Pinotti tra i pi fertili dEuropa: questione gi affrontata in passato sia nella mozione presentata dalla consigliera provinciale del Pd Mariarosa Zanacchi, sia nellinterrogazione del capogruppo dei democratici Andrea Virgilio. Se c chi, in seguito al crollo del prezzo del mais tra 2007 e 2009, considera legittimo luso dei campi a fini energetici, secondo Maria Grazia Bonfante si parla di mero sfruttamento, che ha creato una distorsione agricola ed economica. Le prime conseguenze sono limportazione di mais dalle province vicine (aumentando il problema delle polveri con il traffico di trattori) e la creazione di una disparit tra chi ha il biogas e gli altri agricoltori. Inoltre, gli affitti dei terreni si sono triplicati (con un beneficio solo per gli affittuari), salito il prezzo del mais e sono stati sottovalutati i costi di manutenzione. Tutto ci ha reso i piani finanziari difficilmente onorabili (nel cremonese sembra vi siano gi 4 o 5 aziende messe in vendita). E i dubbi proseguono sul piano energetico. I sindaci possono autorizzare impianti sino a un megawatt solamente se questi hanno la cogenerazione (diversamente vanno autorizzati dalla Provincia). Ma siamo sicuri che tutti gli impianti vicini al megawatt (nel cremonese sono il 70%) abbiano effettivamente la cogenerazione (il recupero combinato di energia elettrica e termica)? Valutare leffettiva presenza di questo requisito richiede lintervento di tecnici con competenze altamente specifiche (di cui molti Comuni soffrirebbero la mancanza). E nel cremonese i comitati, con la consulenza di specialisti, avrebbero gi segnalato un caso in cui la cogenerazione sarebbe stata indicata solamente sulla carta. E un caso isolato o ce ne sono altri? Sono stati fatti adeguati controlli?. Altre severe verifiche, prosegue Bonfante, sarebbero urgenti per appurare che sia effettivamente rispettata la distanza degli impianti dai corsi dacqua e che non vengano forate le sponde con i tubi di scarico, nonch per fermare ripetuti casi di rogge e fontanili inquinati dagli sversamenti di presunti liquami e digestato (puniti dal 1 gennaio a termini di legge), che rischiano di percolare nelle numerose falde acquifere subaffioranti della campagna cremonese (elencate nelle relazioni idrogeologiche dei Comuni). Altri controlli ancora vengono richiesti dai comitati sulle modifiche richieste da alcune aziende nelle ricette del combustibile (incluso linserimento di rifiuti organici). Divenendo difficile persino la gi contestata alimentazione a mais (per le grandi quantit richieste) auspichiamo che vi siano verifiche per accertare che, nonostante le modifiche alle ricette, le aziende rispettino almeno il requisito per definirsi impianto agricolo (calcolato anche in base alla quantit di prodotto interno utilizzato), necessario per ottenere un regime fiscale Iva agevolato e i contributi agricoli; contestualmente avverte Bonfante nutriamo seri dubbi sul biogas da rifiuti organici auspicando che non si trasformi in far-west incontrollato. I comitati infatti sottolineano che usare i rifiuti per il recupero energetico significa in realt non volerli ridurre affatto, poich ne servirebbero sempre di pi per garantire il funzionamento e la redditivit dei digestori. E nel Piano Regionale dei Rifiuti sono inscritti, anche se in sede di pura possibilit, i presupposti per trasformare gli impianti a biogas in inceneritori di rifiuti. Dopo le 25 centrali gi progettate, a Cremona la corsa sar arrivata al capolinea? Ci sar ancora spazio per dare redditivit alle filiere tradizionali? La vera risorsa per un comparto come quello cremonese, caratterizzato da unagricoltura di qualit, nellagroalimentare conclude Bonfante. Una risorsa da valorizzare il pi possibile, soprattutto dopo lauspicio di premiare questo settore concentrandovi i fondi dellExpo, espresso dal sottosegretario allExpo Maurizio Martina alla festa del Pd di Ombrianello.

Si importa il mais dalle altre province aumentando lo smog

Furto da Spaccabici via 30mila euro


Notte agitata quella tra gioved e venerd in via del Sale per un furto nel negozio di cicli Spaccabici. Non la prima incursione subita dal negozio, che era gi finito nel mirino di alcuni malviventi lo scorso anno. Questa volta i ladri sono penetrati nellesercizio forzando una porta sul retro. Lallarme, collegato alla polizia, scattato subito ma i malviventi sono riusciti nel loro intento, impossessandosi di circa 10 biciclette sportive del valore di circa 3mila euro luna, per un totale di 30mila euro (lentit del furto stata stimata dal proprietario, giunto sul posto dopo essere stato avvertito del furto). Poi si sono dileguati dopo aver caricato la refurtiva, verosimilmente caricata su un furgone o comunque un mezzo pesante. Sono in corso le indagini della polizia per risalire agli autori del furto.

La vera risorsa per Cremona lagroalimentare

Maria Grazia Bonfante

Andrea Virgilio

Gianluca Pinoitti

COMUNE DI SAN DANIELE PO


AVVISO DI DEPOSITO ATTI DI ADOZIONE DELLA VARIANTE N 1 AL PIANO DEI SERVIZI DEL VIGENTE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (P.G.T.) IL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO Ai sensi e per gli effetti dellart. 13 della Legge Regionale 11 marzo 2005 n 12 e s.m.i. RENDE NOTO - che con deliberazione del Consiglio Comunale n 18 del 27 giugno 2013 stata adottata la prima variante al piano dei servizi del piano di governo del territorio (PGT); - che tutti gli atti costituenti la variante al piano di governo del territorio (PGT) sono depositati in libera visione presso la segreteria comunale Piazza F.lli Leoni n 1 per 30 giorni consecutivi, dal 25 settembre 2013 al 24 ottobre 2013 per consentire la libera visione, a chiunque ne abbia interesse, negli orari di apertura al pubblico; - che le eventuali osservazioni, redatte in triplice copia ed in carta semplice (grafici compresi), dovranno essere presentate al Protocollo Generale del Comune nei successivi 30 (trenta) giorni e comunque sino alle ore 13.00 del 23 novembre 2013. Gli elaborati che compongono il piano in argomento sono pubblicati sul sito istituzionale del Comune di San Daniele Po (www.comune. sandanielepo.cr.it). San Daniele Po, l 21 settembre 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO Arch. Lino Orlandini
Provincia di Cremona

Lettere & Opinioni


Evitiamo le polemiche, quello che conta laiuto alle persone
Signor direttore, sabato scorso abbiamo letto con un certo stupore una lettera al direttore di una portatrice di SM che si affanna a voler affermare che le due associazioni nate da circa tre mesi a Cremona che specifichiamo Associazione per la Sclerosi Multipla e Ccsvi nella SM (insufficienza venosa cerebro spinale nella Sclerosi Multipla che si rif agli studi del prof. Zamboni e che presieduta da Nicoletta Mantovani Pavarotti) non hanno nulla a che fare con lAism, associazione benemerita che da anni opera sul nostro territorio. Pensiamo che le motivazioni di questa lettera possano essere solo quelle per la signora di volersi mettere in mostra e di ottenere qualche piccolo elogio dai suoi organi nazionali associativi o da quello che definisce il presidente pro tempo di Brescia che oggi responsabile in qualit di commissario, poich francamente non crediamo che i cremonesi non si siano accorti delle diversit esistenti sul campo e tutte purtroppo per lei a nostro totale favore. In soli tre mesi le nostre due neonate associazioni hanno incrementato, infatti, il loro parco auto a 4 pulmini per trasporto disabili attrezzati e a due auto. Da parte nostra abbiamo reso servizi a moltissimi portatori di SM, ma anche a persone affette da altre patologie similari e siamo disponibili ad aiutare anche persone in difficolt con patologie di diversa natura. Ci pare quindi che lunica preoccupazione della signora in oggetto autrice della lettera possa essere quella di una possibile drastica riduzione nella prossima campagna di raccolta fondi, ma per quale motivo si deve preoccupare? Gli intenti della nostra associazione sono solo il dare aiuto alle persone con Sclerosi Multipla attraverso trasporti, ginnastica dolce, fisioterapia, psicologo individuale e di gruppo di auto mutuo-aiuto. Da ultimo, e chiudiamo, non ci risulta affatto che nostri iscritti, simpatizzanti e volontari abbiano avuto dei ripensamenti e siano ritornati in massa nella casa madre anzi il fenomeno riguarderebbe solamente la stessa signora che risulta infatti iscritta a tutte e due le nostre associazioni ed alla quale auguriamo semplicemente un proficuo buon lavoro. Concludendo ci consenta questa breve considerazione: non sarebbe comunque corretto che tutti lavorassero con impegno e dedizione per i malati del territorio senza inutili, sterili, meschine ed assurde polemiche? Antonio Sivalli Presidente Associazione per la Sclerosi Multipla ***

Sabato 21 Settembre 2013

"

replica

Che cosa comporta il preavviso di fermo amministrativo


Buongiorno avvocato, ho ricevuto una notifica da parte di Equitalia di preavviso di fermo amministrativo nei confronti della mia auto. Chiedo che cosa comporta e se posso impugnarlo. Luciano *** La Legge prevede che del fermo venga data comunicazione al debitore al fine di renderlo edotto dellimminente azione cautelare. In particolare, dal 21 agosto 2013 al debitore deve essere notificata una comunicazione preventiva contenente lavviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute, entro il termine di trenta giorni, sar eseguito il fermo, senza necessit di ulteriore comunicazione. Lavviso deve anche specificare che liscrizione del fermo evitabile, dimostrando entro gli stessi 30 giorni utili per pagare, che il bene mobile, ossia lauto, funzionale allattivit di impresa o professionale. Sia il sollecito

A cura di Emilia Rosemarie Codignola*

di pagamento che il preavviso di fermo devono indicare la natura del debito, il numero della cartella di pagamento, la relata di notifica della stessa, limporto dovuto, nonch lanno di riferimento. Decorsi i 30 giorni senza che il debito sia stato pagato, scatta il fermo amministrativo dellauto tramite iscrizione del provvedimento nei registri mobiliari (in questo caso il Pra). Al fermo del mezzo pu seguire lespropriazione dello stesso, se si

continuasse a non pagare. Stessa cosa nel caso in cui si circolasse con il mezzo fermato. In questultimo caso, prevista anche, ai sensi dellart. 214 comma 8 Codice della Strada, la sanzione della multa variabile da euro 714 a euro 2.859. Se si possa impugnare il preavviso di fermo non pacifico. Sul punto intervenuta pi volte la Cassazione con una serie di sentenze anche contrastanti. Secondo un primo orientamento (Cass.

n. 20301/08 e Cass. n. 8890/09), non si pu fare ricorso avverso detto provvedimento, ma solo contro la comunicazione successiva di iscrizione di fermo. La motivazione che la legge non prevede espressamente che il fermo venga preannunciato, ma solo comunicato dopo liscrizione al Pra. Pertanto, il preavviso non impedisce luso dellauto, n arreca alcuna menomazione al patrimonio del debitore. La Cassazione a Sezioni Unite intervenuta ribaltando il precedente orientamento (Cass. S.U. n. 11087/10) e sancendo che il preavviso atto impugnabile. *Avvocato Stabilito del Foro di Milano emiliacodignola@libero.it

regionale, di cui fa parte lo stesso Mantovani, con un po di make uppropagandistico, ha mantenuto i costi della politica sostanzialmente invariati assicurando esattamente il contrario con dichiarazioni a mezzo stampa. Comunque la dichiarazione-denuncia di Mario Mantovani una ammissione di colpa, proprio il suo partito che ha governato la Lombardia per anni con Formigoni, che ha garantito via via stipendi a dir poco esuberanti. Manca poi alle dichiarazioni di Mantovani una tempistica chiara e certa sugli auspicati tagli degli stipendi dei dirigenti. Qualora lassessore decida di passare dalle parole ai fatti, siamo fin da ora pronti a garantirgli il nostro incondizionato sostegno per la lodevole iniziativa. I portavoce del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale ***

Vogliamo che i cittadini partecipino allattivit politica


Egregio direttore, il Movimento 5 Stelle Cremasco ha presentato la mozione un bilancio partecipativo per Crema, per dotare il Comune di un nuovo strumento di partecipazione e coinvolgimento attivo dei cittadini allamministrazione della cosa pubblica. Richiamando articoli del trattato di Maastricht, la legge regionale e anche lo statuto comunale che invitano le amministrazioni a coinvolgere i cittadini nella vita pubblica, si chiede di vincolare una parte del bilancio alle decisioni assunte direttamente dai cittadini, che potranno scegliere democraticamente, attraverso un percorso decisionale partecipato, come meglio spendere una parte delle risorse del Comune. M5S ha sempre ritenuto suoi punti cardine il coinvolgimento e il consenso dei cittadini nellazione dellamministrazione comunale, al fine di garantire al cittadino consapevolezza e responsabilit nelle scelte della collettivit civica. Riteniamo decisivo, in questa fase caratterizzata dallo scollamento tra elettori e forze politiche, dotarsi di uno strumento nuovo che possa rimediare efficacemente al fenomeno dellastensionismo e dellallontanamento dalla politica e quindi dalla partecipazione alla vita della citt. In concreto chiediamo che lamministrazione preveda spazi decisionali per i cittadini di Crema in uno dei suoi atti decisionali e fondamentali: il bilancio. Si tratta, tra laltro, di uno dei punti cardine del nostro programma elettorale che mira ad introdurre strumenti democrazia diretta nellamministrazione dellente locale. Dato che nelle linee programmatiche il sindaco ha pi volte sottolineato il concetto di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini, ci aspettiamo unampia condivisione e supporto di tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio Comunale. Sarebbe inaccettabile che una proposta di buon senso come quella del bilancio partecipato venisse bocciata sulla base di una preclusione ideologica, privando i cittadini contribuenti di un importante strumento che permette di decidere la destinazione d'uso delle imposte pagate. Auspichiamo, pertanto, che la nostra mozione venga discussa in consiglio comunale e nelle commissioni di riferimento e siamo disponibili a condividere con tutte le forze politiche la stesura dei regolamenti attuativi. Questa la prima di una serie di iniziative che il Movimento 5 Stelle Cremasco metter in atto in questo secondo anno di mandato, per riportare al centro il tema della partecipazione e della democrazia diretta, unico mezzo per riportare davvero il potere di scelta nelle mani dei cittadini. Movimento 5 Stelle Cremasco ***

"

crema

A settembre sorprese poco piacevoli per le famiglie


Egregio direttore, il mese di settembre ha riservato per le famiglie cremonesi numerose sorprese negative che, per quanto preannunciate, ora vengono avvertite in modo tangibile. In particolare in questi giorni di inizio anno scolastico, laumento del costo del buono mensa nelle scuole in cui il Comune gestisce il servizio di ristorazione ha subto un rincaro da 4,37 a 5 euro, che significa un aumento del 12.6% e che calcolato sui 200 giorni di scuola arriva a 126 euro in pi a bambino. E noto quanto abbia pesato laumento delle tariffe degli asili nido: ha determinato la fuga dalle iscrizioni, con il risultato di famiglie costrette a fare da s con i bambini, o con liscrizione ai nidi privati, meno costosi del pubblico per certe fasce di reddito familiare. Con leffetto finale, forse ricercato dallamministrazione, di un drastico ridimensionamento dellasilo pubblico. E con la privazione del servizio per le famiglie di reddito basso e medio. Le proteste delle famiglie e lopposizione del Pd erano evidentemente fondate. Ma lanno non finito e manca il botto finale: siamo in attesa di vedere la proposta della Giunta per lapplicazione della tassa sui rifiuti, la Tares. E temiamo sia per la normativam sia per la performance negativa della raccolta differenziata, che non saranno sorprese positive. Roberto Poli Consigliere comunale del Pd ***

"

tasse

felicissima di questa ennemisa trovata dai nostri illustri, splendidi ed anche intelligentissimi politici... Ivan Loris Dav Spinadesco ***

"

previsione delladuc

Saremo noi a pagare i lavori per smatellare la Concordia


Signor direttore, dopo il raddrizzamento, c lo smantellamento. Il primo stato fatto con soldi privati e tecnici, il secondo sconta le decisioni dei cosiddetti politici, ovvero dei nostri governanti. Ad avere lultima parola sembra essere il presidente della Giunta regionale Toscana, il quale indica Piombino come sede per lo smantellamento del rifiuto speciale Costa Concordia. Ovviamente, per loperazione smantellamento si sono offerti altri governanti, regionali e locali. Pi che una sfida fratricida, come scritto da qualcuno, le offerte potrebbero apparire come concorrenziali, insomma, una sana competizione per offrire le condizioni migliori per un affare (lo smantellamento) milionario (mezzo miliardo) e con migliaia di posti di lavoro garantiti. Per la demolizione della Concordia occorre, per, un porto attrezzato alla bisogna e in Italia ancora non ne esistono. Piombino, tanto per fare un esempio, ha fondali bassi e non ha dighe foranee e aree di comunicazione idonee. Poco prima del Natale scorso, il governo Monti aveva stanziato 110 milioni di euro (e la spending review?) per attrezzare il porto di Piombino. Sono passati 9 mesi e i lavori non sono iniziati. E' probabile che, come succede nel nostro Paese, i lavori se avviati non si concluderanno in tempo, cosicch i 110 milioni di euro non serviranno allo scopo. Vale a dire che il contribuente avr sborsato inutilmente i propri soldi. Ci aggiungiamo che, per mantener in efficienza la nuova struttura portuale piombinese, occorrer spendere, cio prelevare dalle tasche dei cittadini altri soldi. Ecco chi paga e pagher: noi. Primo Mastrantoni Segretario Aduc ***

paragonare la vicenda di una sportiva prestata alla politica con quella di un leader nazionale nellagone politico da ventanni pu apparire improprio. Tuttavia i due casi non sono cos differenti: nel primo caso abbiamo un ministro della Repubblica che, accusata di non aver pagato delle imposte, si dimette dalla carica rivestita; nel secondo caso abbiamo un senatore della Repubblica che, condannato per non aver pagato delle imposte, non si dimette dalla carica rivestita e delegittima chi lo ha giudicato. Traete voi le vostre conclusioni. Isomma, due mesi fa pensavamo che il caso Idem potesse far cambiare il passo alla politica italiana, ma, visti i recenti sviluppi nella cronaca politica, ora ci si chiede se valeva la pena che la Idem si dimettesse. Luciano Sanella Crema ***

"

politica/2

Malgrado i continui attacchi Berlusconi ancora in piedi


Signor direttore, Silvio Berlusconi si conferma un fuoriclasse, un combattente orgoglioso e coraggioso, un leader forte e carismatico che non si d per vinto nonostante sia stato sferrato contro di lui, contro il suo partito, contro il suo popolo, contro le sue aziende che danno lavoro a migliaia di persone un attacco senza precedenti nella storia. Venti anni di processi, di inchieste, di accuse, non lo hanno piegato e non lo piegheranno. Questo sia chiaro a quei magistrati che hanno fatto di questo obiettivo lo scopo della loro vita. Il Pdl insieme al suo presidente non depone le armi, non ci rassegneremo mai, n mai accetteremo di essere spazzati fuori dalla politica per via giudiziaria. Ora ci aspetta con rinnovato entusiasmo una nuova avventura, il rilancio di Forza Italia, insieme agli italiani che hanno creduto e credono in noi, il partito liberale, di centrodestra i cui valori e principi sono incompatibili con quelli di questa sinistra piena di rancore e alimentata solo da un odio cieco verso colui che da anni il suo inarrestabile avversario politico. Susy De Martini Onorevole Pdl-Ecr ***

"

italia in crisi

La mancanza del lavoro davvero un dramma sociale


Caro direttore, prima lIci, successivamente lImu, sono state deleterie per le tasche di chi la casa non la possiede. Il megalomane che ha tolto lIci ha conseguentemente aumentato lIrpef comunale, provinciale, regionale a tutti. Anche a quelli che la casa non la possedevano, lavoratori dipendenti e pensionati si sono visti rivalutare a fine anno le buste paga e le pensioni al lordo e diminuire al netto, superando di gran lunga limporto dellIci stessa. La stessa cosa sta accadendo con lImu. La Tares, laumento dellIva che poteva essere evitato e il prossimo aumento sui ticket, sulle visite e sui medicinali anche alternativi, porteranno nelle casse dello Stato cifre incredibili pagate da tutti, pensionati in affitto e cagionevoli di salute in primis. Ci meritiamo tutto questo? Ci sono un sacco di urgenze da affrontare, ma ce ne una dalla quale dipendono tutte le altre ed quella della disoccupazione cronica. La mancanza di lavoro, che colpisce soprattutto il mondo giovanile, un dramma umano che manda in fibrillazione milioni di famiglie. La responsabilit della politica enorme. La famiglia la cellula della societ, ma il lavoro la cellula della vita. Le riforme istituzionali e i temi sociali non hanno rigenerato la democrazia. Tra le cause del fallimento, secondo me, spicca linteresse personale e la parte peggiore del capitalismo (governanti e politicanti in primis), che concentra troppo potere economico nelle mani di pochi, mettendo a repentaglio la sopravvivenza di milioni di persone. Andrea Delindati Cremona

"

dura critica

Ora la politica penalizza anche chi dona il sangue


Egregio direttore, di cose che avvengono nel mondo o nei pressi di casa nostra, ne leggo a bizzeffe e di eventi che fanno trasecolare ve ne sono quotidianamente, ma la notizia che chi ha donato il sangue deve andare in pensione dopo, perch deve recuperare i giorni persi... beh, dai concedetemelo, questo veramente un provvedetimento a dir poco demenziale. Cio, la signora Fornero non si accontentata di aver fatto casino sulle pensioni e sugli esodati, ma addirittura vuole beffare i donatori di sangue! Pensi caro direttore, che di tutte le manovre adottate nei confronti dei politici e parlamentari, se sono provvedimenti negativi non hanno effetto retroattivo, ma guardacaso, se sono positive, hanno effetto immediato se non retroattivo. Qui si sta parlando di accordi che oramai si perdono nel tempo tra datori di lavoro, sindacati e sanit e ora, si vuole beffare anche la gente che fa del bene! Ma mi domando, c ancora gente in giro convinta che la classe politica attuale stia lavorando per noi e per il nostro bene? Scusatemi, ma io sono molto dubbioso. Comunque la signora Fornero faceva molto pi in fretta a pubblicare i manifesti, con scritto: non donate pi sangue perch altrimenti la prenderete in saccoccia (tanto per usare un eufemismo...). Saluto lAvis che sar

Le dimissioni della Idem non hanno insegnato nulla


Signor direttore, il quadro politico italiano nelle ultime settimane soffre del protagonismo della vicenda giudiziaria di Berlusconi. In casi simili si soliti affermare che un qualsiasi politico estero si sarebbe dimesso seduta stante, senza complicare con le sue vicende personali le dinamiche dellesecutivo. In realt, per non tutti ricordano che qualche tempo fa nel nostro Paese abbiamo avuto lesempio di un cambiamento epocale nella politica italiana: le dimissioni del ministro Idem. Ci sembrava allora che lesempio dato dallex ministro potesse alimentare la speranza che da l nascesse una campagna di purificazione permanente della politica italiana. Le dimissioni della Idem, infatti, erano state, una volta accertata lentit del suo errore, tutto sommato tempestive. Certo,

"

politica

"

replica

"

in lombardia

Basket notturno in via dei Classici non ne ho mai visto


Signor direttore, rispondo al sig. M.S. che sul numero di sabato scorso si lamentava del basket notturno al campo Roby Telli di via dei Classici al quartiere Po. Preciso che sono uno di quelli (e abito anche a poca distanza), ma di basket davvero notturno non ne ho mai visto. A meno che M.S. consideri gi notte inoltrata le 21.30 (il nostro orario massimo di permanenza destate). Il firmatario giustifica il fastidio anche con il fatto che si deve alzare presto la mattina per lavoro e che la palla gli disturba il sonno. Mi riesce difficile capire, forse perch quando ancora ero universitario e facevo lo stagionale in fabbrica, sia dopo il diurno sia tantomeno dopo il notturno il sonno non me lo disturbavano neppure i lavori in corso. M.S. Cremona

Sosteniamo in prima linea i tagli agli stipendi dei dirigenti regionali


Signor direttore, per una volta, nonostante le distanze politiche siderali che ci separano, siamo daccordo con il vice presidente della Regione Lombardia, Mario Mantovani che afferma che necessario decapitare gli stipendi doro dei dirigenti regionali. Alcuni di loro guadagnano pi di 200 mila euro allanno. Mantovani, prendendo evidentemente a prestito i nostri impegni elettorali, sfonda una porta aperta: sono anni che ripetiamo, fuori e dentro le istituzioni, che gli stipendi esorbitanti di politici e dirigenti regionali devono essere tagliati. Abbiamo incominciato dando personalmente il buon esempio come consiglieri regionali, mentre il Consiglio

10

Sabato 21 Settembre 2013

CREMA S

Adesso ci vuole un referendum: il pericolo resta

LEGA E MOSCHEA

Lopposizione: Sindaco, vai a casa

La richiesta arrivata dopo la chiusura del tribunale. Laccusa: Averlo abbandonato al suo destino

acendo seguito a quanto dichiarato nel corso della conferenza stampa organizzata luned 9 settembre per sottolineare le mancanze e obiezioni alla lettera con la quale il sindaco di Crema aveva risposto alla petizione popolare contro linsediamento di un centro culturale arabo in citt, per mano del consigliere Torazzi, stata depositata in consiglio comunale una interrogazione che chiede al sindaco di specificare ulteriormente la sua risposta soprattutto in riferimento alla seconda richiesta formulata nella petizione, riguardante la possibilit di attuare quanto disposto dallarticolo 36 comma f dello Statuto comunale, vale a dire la realizzazione di ricerche e sondaggi presso i cittadini sul tema oggetto della presente petizione. Una possibilit, quella prevista dallo Statuto che, pur non essendo mai stata utilizzata fino ad oggi, potrebbe sopperire, seppur parzialmente, allimpossibilit stante le norme nazionali di indire un referendum tra la popolazione. Difatti il principio da seguire in Italia, come gi avviene in alcuni Paesi europei sostiene la Lega, dovrebbe essere quello di consultare la popolazione locale prima di dare il via libera a progetti di costruzione di moschee, musalle, minareti o strutture adibite ad ospitare i seguaci di Maometto. Dopo la maxi-moschea di Ravenna - seconda in Italia per dimensioni - il Carroccio intende scongiurare la realizzazione di analoghi insediamenti, in particolare a Parma, dove il sindaco grillino Federico Pizzarotti ha gi dato disponibilit a cedere gratuitamente un terreno allassociazione islamica locale. Per introdurre la consultazione obbligatoria, il deputato leghista Nicola Molteni - capogruppo in commissione Giustizia e gi molto attivo nella battaglia contro la chiusura dei tribunali - rilancia la proposta di legge Cota-Gibelli, che prevede anche un registro per gli imam, bilanci trasparenti, niente fondi dallestero, niente scuole islamiche, distanze minime di un chilometro da chiese e sinagoghe, culto solo in italiano.

indaco, vergognati e vai a casa. E questo il riassunto della mozione di sfiducia nei confronti del primo cittadino, firmata da quasi tutti i gruppi di opposizione, tranne i grillini. Quindi: Laura Zanibelli, Simone Beretta e Renato Ancorotti (Pdl), Antonio Agazzi (Servire il cittadino), Alberto Torrazzi (Lega), Battista Arpini e Paolo Patrini (Solo cose buone per Crema). Il motivo? Non avere mai creduto che il tribunale di Crema potesse essere salvato; anzi, di aver pensato da subito come poterlo riutilizzare. Il documento inizia su un ragionamento gi noto. In poche parole, che la soppressione del tribunale e della procura della Repubblica di Crema rappresenta un grave danno inferto allo sviluppo del territorio cremasco, alla sua attrattivit, alla sicurezza e alla qualit della vita della nostra comunit. Obbligher tanti cittadini e imprenditori cremaschi a recarsi a Cremona anche solo per il semplice disbrigo di una pratica afferente a una certificazione dovuta da parte del Tribunale. Si rotta la logica di "prossimit" tanto conclamata ma poco sostenuta - alla persona ed agli interessi reali del territorio. E su questo problema, gran parte dei cremaschi concordano. Da qui il disagio dell'impotenza e la rabbia per un'ingiustizia subita. E si arriva al sodo: di chi la colpa? Hanno certamente sbagliato i governi Monti e Letta, ma soprattutto hanno dimostrato di avere scarso peso le nostre rappresentanze parlamentari e istituzionali; hanno una grave responsabilit politica il senatore Luciano Pizzetti e il suo partito, il Pd cremasco e cremonese, unica forza a non aver votato a favore di un ordine del giorno,

Simone Beretta, Laura Zanibelli, Alberto Torrazzi, Antonio Agazzi, Paolo Patrini e Battista Arpini

approvato in consiglio provinciale, che impegnava a lavorare per la salvaguardia di tribunale e procura della Repubblica di Crema. Ma, oltre a Pizzetti e al Pdi, i partito di opposizione inviduanola vera responsabile di questo scippo, cio il sindaco, StefaniaBonaldi: Si resa colpevole di aver dato per scontato, fin dall'inizio, l'esito finale, non credendo nella possibilit di difendere la presenza a Crema del nostro tribunale (nei mesi estivi, invece, la politica riuscita a ottenere la proroga dell'attivit di non pochi tribunali, in giro per l'Italia, anche nel vicino Piemonte). Tra gaffe, omissis e scelte amministrative totalmente sbagliate e fuori luogo, non si fatta mancare proprio niente, mancando di quella trasparenza - tanto spesso proclamata, non altrettanto, evidentemente, praticata - nel percorso di "difesa" del Tribunale. Non solo, quindi, il sindaco di Crema non si impegnato a salvare il palazzo di giustizia. C dellaltro, e di pi grave, per

Ma lattacco anche al Pd e a Pizzetti

il centro-destra che sottolinea: C' solo da sperare che non abbia politicamente svenduto il "nostro" tribunale per ambizioni politiche. Il sindaco di Crema parlava di caserme nel sito lasciato libero dal Tribunale, aderiva anzitempo - sponsorizzandolo nell'universit di via Bramante al progetto del giudice cremonese Beluzzi (gi candidato a sindaco del centrosinistra a Cremona, su proposta di Pizzetti, rimasto al palo per l'impuntatura dell'uscente Corada) di digitalizzazione del processo civile. Ma la questione non finisce qui: sempre il sindaco non metteva in atto iniziative volte al coinvolgimento degli altri attori del Cremasco, dai sindaci alle categorie economiche, che, insieme, avrebbero potuto dar forza alla richiesta di sospensiva. accordava, inopinatamente e diversamente da altri Comuni in condizione similare, la disponibilit dell'immobile, di propriet comunale, come archivio, pur sapendo che sarebbero state cancellate la funzione e

l'attivit giudicante. Ma, soprattutto, si teneva per 20 giorni nel cassetto il decreto di accorpamento del 9 agosto (neppure trasmesso al consiglio dell'Ordine degli Avvocati)..., cos da far dire al Tar, nel motivare il rigetto della richiesta di sospensiva, che erano del tutto mancanti i presupposti di urgenza, essendo stato formalizzato il ricorso solo il 12 settembre. Ed per questo, secondo lopposizione, che Stefania Bonaldi deve andarsene a casa. Il sindaco di Crema non ha saputo interpretare i sentimenti e gli interessi reali della nostra produttiva realt cremasca. Revocare, poi, al tribunale accorpante, la disponibilit del nostro tribunale come archivio, a tempo peraltro praticamente scaduto, la dice lunga su un'amministrazione guidata da un sindaco confuso e da una giunta non all'altezza della situazione. Il sindaco ha dimostrato di non saper governare con linearit e trasparenza il raggiungimento dell'obiettivo di salvare il mantenimento del presidio del tribunale e della procura della Repubblica a Crema. Quindi l decisione del cen-

trodestra compatto:Per la dimostrata e manifesta incapacit e non trasparenza nei processi decisionali, IL conseguente venir meno del rapporto di fiducia, indispensabile per guidare la citt, si chiede a Stefania Bonaldi di rassegnare le dimissioni da sindaco, consentendo nuove elezioni che ripristinino la fiducia e la legittimazione necessarie per eserciatare il governo della citt. I grillini? Hanno deciso di non appoggiare la mozione di sfiducia che verr presentata in consiglio comunale dall'opposizione. Il motivo? Non pensiamo che il sindaco abbia colpe specifiche della chiusura del tribunale, pi che altro dobbiamo approfondire il perch di eventuali ritardi nelle operazioni di tentativo di salvataggio dello stesso. Quindi in consiglio comunale chiederemmo ragione di questo comportamento. In particolare, del perch il decreto legge arrivato il 9 agosto e che confermava la chiusura del tribunale e la sopravvivenza dello stabile solo per archivio non sia stato diffuso tempestivamente e non siano stati presi i provvedimenti del caso.

Pallavolo, riparte il torneo Taverna: quattro squadre del campionato B2


Sabato 21 settembre alle ore 17.30 al Palacoim di Offanengo prender ufficialmente il via la 32 edizione del Torneo Francesco Taverna. Riparte il torneo che per tanti anni ha visto recitare un ruolo da protagonista alla pallavolo del nostro territorio. E inizia da Offanengo dove gioca la squadra pi rappresentativa, nei campionati nazionali, del panorama cremasco. La manifestazione patrocinata dalla Fipav Lombardia, dalla Fipav Cremona e dal Comune di Offanengo vedr la partecipazione di 4 squadre militanti nel campionato di B2 femminile. Oltre alle padrone di casa dell'Abo Offanengo, scenderanno in campo le formazioni di Pneumax Lurano Bergamo, Pro Patria Milano e Volley La Sportiva di Monticelli del Pro Patria Milano, da sempre una delle migliori formazioni lombarde e italiane capace di essere una fucina di talenti del volley ai massimi livelli. Il programma suddiviso in due giornate con l'inaugurazione del torneo che viene lasciata alle padrone di casa dell'Abo Offanengo che alle 17.30 di sabato sfideranno la Pro Patria Milano. Alle 20.30 invece l'altra sfida che vede di fronte il Pneumax Lurano contro il Volley La Sportiva. Domenica 22 settembre le finali. Sempre con inizio alle 17.30 prima ci sar la finalina del 3- 4 posto e alle 20.30 scenderanno in campo le formazioni vincitrici delle gare del sabato per la finale che assegner il titolo del 32 torneo Taverna.

Sabato e domenica al PalaCoim (Offanengo)

Il Palacoim di Offanengo

Brusati Brescia. Il Lurano, come l'Offanengo, recita il ruolo di matricole essendo al primo anno di militanza nel cam-

pionato nazionale, mentre il Monticelli Brusati si salvato lo scorso anno proprio all'ultima giornata. Diversa la storia

CINEMA
Programmazione settimanale settimanale Programmazione
CREMONA
Spaziocinema Cremonapo (0372-803674) www.spaziocinema.info Rush

Lepica sfida di Lauda e Hunt vista da Howard


Lepica sfida tra Niki Lauda e James Hunt magistralmente narrata dallestro del regista Ron Howard, basata sulla sceneggiatura di Peter Morgan. Sullo sfondo degli anni 70, epoca doro della Formula 1, esplode la grande rivalit sportiva tra i piloti pi talentuosi del momento, laustriaco Lauda (interpretato da Daniel Brhl) e James Hunt (Chris Hemsworth). Il primo, metodico, razionale, introverso e non particolarmente simpatico; l'altro, un playboy, che si gode la vita e corre come se non ci fosse un domani. Due personaggi che non potrebbero essere pi diversi, eppure proprio dal loro rincorrersi ed alternarsi come yin e yang che emerge un tutto compatto e coerente, non pi smontabile e perfettamente aerodinamico come una monoposto. La pellicola ripropone la mitica sfida del mondiale 1976, per raccontare uno spaccato dei Gran Premi di uno dei periodi pi ispirati del Circus, con monoposto molto diverse fra di loro e campioni dalla spiccata personalit, per niente succubi di pr e addetti stampa (senza per le scene del vero incidente di Niki Lauda, che, nel film, sono girate sullo sfondo di una riproduzione del vecchio circuito del Nrburgring, che non coincide con l'attuale configurazione del circuito tedesco). La sceneggiatura di Peter Morgan buona, ma non garantirebbe il risultato se non ci fossero le sfumature portate dagli attori, i loro sguardi, le loro ombre. Dagli esordi in Formula 3, i due piloti, sempre insieme ed eternamente divisi, si definiscono solo reciprocamente, rincorrendosi nella narrazione come le elegan-

Il film della settimana

Filo (349.8310931)

Una fragile armonia

Over 60 Come ti spaccio la famiglia PIEVE FISSIRAGA Cinelandia (0371-237012) www.cinelandia.it Come ti spaccio la famiglia I Puffi 2 Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: Il mare dei mostri Rush Un piano perfetto You're Next

Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo: il Mare dei Mostri Come ti spaccio la famiglia You're next
Monsters University Elysium I Puffi 2

Un piano perfetto

Chaplin (0372-453005) The Grandmaster

CREMA Porta Nova (0373-218411) www.multisalaportanova.it Come ti spaccio la famiglia I Puffi 2 Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: Il mare dei mostri Rush Monster University Un piano perfetto

ti Ferrari 312T2 e McLaren M23 sul nastro dasfalto dei circuiti. Scrittura e interpretazione, a loro volta, non sarebbero sufficienti se non si combinassero con il lavoro ispirato di scenografi e costumisti, con una produzione europea di grande rispetto, che schiva in ogni momento il rischio di scadere nella retorica concentrandosi soltanto sulla competizione dei duellanti sino al terribile incidente del 1 agosto 1976 (che tuttavia non riesce a fermare laccesa sfida tra i due, terminata soltanto nell'ultima prova del campionato, il Gran Premio del Giappone a Fuji, sotto una pioggia battente). Latto finale di una storia che merita di essere rivissuta, fatta di drammi indelebili e miracolose riprese, in cui lavvenimento sportivo fa soltanto da corollario ad una straordinaria e indelebile vicenda umana.

2014: ospedale fuso con Cremona?


ontrario. Cos si dichiara il consigliere Pd Agostino Alloni in merito alla fusione tra lospedale di Crema e quello di Cremona che, stando alle informazioni veicolate dalla stampa, sarebbe realt gi a partire dal gennaio 2014. Alloni, che segue la vicenda dal lontano 2010, quando present uninterrogazione allallora assessore alla Sanit per ricevere rassicurazioni, poi ricevute, in merito al non accorpamento, ora si dice assolutamente contrario alla soppressione del presidio cremasco, tenuto conto dellavanguardia tecnologica e gestionale dellospedale e dell ampio bacino di pazienti cremaschi. Assai pi ampio del bacino del capoluogo cremonese appunto puntualizza Alloni. Non si possono affrontare questioni di rilevanza fondamentale per la popolazione e per le comunit senza partire da un confronto reale con gli interlocutori territoriali, i comuni, i portatori di interesse e la stessa popolazione locale. E profondamente sbagliato il metodo, oltre al fatto di non tener conto di criteri oggettivi per la scelta di razionalizzazione delle strutture sanitarie imposte dai tagli

Crema

Sabato 21 Settembre 2013

11

6 ottobre: statua Agostino Alloni (Pd): Sono contrario a questo accorpamento. della Madonna Ed anche per questo che bisogna mobilitarsi. Ma da subito lungo il Serio

Montodine

Sopra, Agostino Alloni, a lato l'ospedale di Crema

alla spesa pubblica. Non il fatto che Cremona sia capoluogo di provincia dovrebbe influire sulla decisione, bens il dato pi realistico del bisogno di assistenza e di cura e del numero di pazienti.

Alloni propone da subito una sorta di mobilitazione che metta insieme un gruppo di lavoro locale con lo scopo di monitorare la situazione e le decisioni che eventualmente vorranno essere assunte a

livello regionale, partendo con una analisi seria che dimostri come l'ospedale di Crema possa rimanere con la propria autonomia, per ragioni sociali, sanitarie e finanziarie.

350mila euro per la ciclabile a Offanengo


Nelle casse del comune sono arrivati 350.000 euro. Come verranno spesi? Simone Beretta, consigliere comunale del Pdl, unidea ce lha. Per me sostiene, bisogna realizzare la ciclabile di collegamento di Crema-Offanengo rispetto alla quale esiste gi un progetto del comune di Crema oltre ad essere diventato definitivamente proprietario delle aree necessarie che ha acquisito attraverso un accordo bonario con i privati alla fine del 2011. Non vi ragione alcuna per spenderli diversamente considerato che il comune di Offanengo, a fronte della volont pi volte manifestata dal comune di Crema attraverso accordi di programma, ha realizzato a proprie spese il prolungamento della sua ciclabile verso Crema in parte sul nostro territorio fino allaltezza del cavalcavia. Racconta ancora il consigliere Beretta: Non nascondo il rammarico di non averla potuta realizzare da assessore ai Lavori Pubblici e non certo per responsabilit mia. Sarebbe gi una realt se lacquisizione finale delle aree fosse avvenuta un anno prima, ma si sa queste cose richiedono tempo e pazienza. Qualcuno ha pure la responsabilit di non averla inserita nel bilancio 2012. Anche in questo caso ho subto una scelta che non condividevo. Ora per non si possono pi frapporre ulteriori ostacoli rispetto allobiettivo di mettere in sicurezza un tratto di strada pericolosissimo per i ciclisti e quasi impossibile da percorrere a piedi. Se serve qualche risorsa economica in pi credo che la Provincia di Cremona possa e debba fare la sua parte.

Simone Beretta, consigliere comunale Pdl

Lazienda Carioni: un successo dietro laltro


Nello scorso mese di agosto, lazienda agricola Eredi Carioni di Trescore Cremasco, ha partecipato a tre importanti e prestigiose manifestazioni che si sono svolte in Italia. In particolare, i formaggi del caseificio Carioni, sono stati oggetto di scelta e selezione, tra diversi produttori che si sono proposti, per fornire i prodotti ai punti di ristoro qualificati delle manifestazioni, gestiti da grandi chef a livello nazionale. Lo stracchino Carioni e lo spalmabile Bacio di Mamma mucca sono stati premiati, per essere impiegati nella preparazione dei cibi offerti agli ospiti. Per lazienda Carioni, cremasca, che ha sviluppato negli anni il caseificio, utilizzando solo il latte prodotto dalle proprie stalle, questo un moto di orgoglio e particolare soddisfazione per essere stati premiati a fornire i for-

Il caseificio di Trescore ha riscosso applausi a Venezia, Arezzo e Riccione

maggi a queste prestigiose manifestazioni. Per i Carioni, questi riconoscimenti sono stati un ulteriore stimolo a continuare la

propria attivit con lo spirito di crescere ed innovare, per far conoscere lalta qualit ed il gusto unico dei prodotti italiani. Ecco le

manifestazioni di cui si parlato: dal 28 agosto all8 settembre, alla 70.ma edizione del festival del cinema di Venezia. Il gran

gal della moda di Riccione che si svolta il 7 settembre, infine lInternational Arezzo Show Jumping dal 5 all8 settembre.

Fede e arte sacra: sabato 5 ottobre alle ore 21, nella chiesa parrocchiale di Montodine, si svolger il IX Concerto alla Madonna, promosso dal Gruppo Volontari Montodine in collaborazione con la parrocchia S. Maria Maddalena di Montodine e con la commissione cultura della diocesi di Crema Centro Culturale Gabriele Lucchi, con la partecipazione del Gruppo Corale Pietro Marinelli di Crema e la direzione del maestro Marco Marasco con intermezzo del chitarrista Riccardo Filippini di Zappello (Ripalta Cremasca). Un appuntamento da non perdere: domenica 6 ottobre alle ore 19.30 si svolger a Montodine la tradizionale e suggestiva processione mariana sul fiume Serio, che vede barche e canoe illuminate tagliare silenziosamente il filo dell'acqua, fino alla Chiesa della Madonna del Rosario, situato nei pressi del Ponte sul Serio. La statua posta su una piccola imbarcazione, scende lungo il fiume, accompagnata dalle preghiere dei fedeli raccolti sulle sue rive, illuminate da migliaia di luci colorate. Le decorazioni luminose a sfondo religioso esposte lungo le due sponde i fuochi d'artificio e la sorprendente presenza di centinaia e centinaia di persone, fanno da spettacolare cornice alla discesa della Madonna sul fiume. La chiesa della Madonna del Rosario, piccolo gioiello del Seicento edificato dalla Confraternita del Rosario dopo la battaglia di Lepanto (1611/1618), situato nei pressi del Ponte sul Serio e contiene notevoli affreschi di Gian Giacomo Barbelli, il maggior artista cremasco dell epoca, che ha dipinto volta e catino dell abside con i Misteri del Rosario. Da segnalare, in controfacciata due fra i suoi affreschi: Santa Caterina da Siena e i Santi Domenico e Francesco. Info: Pro Loco tel. 0373 66135 Parrocchia tel. 0374 66140 Comune tel. 0373 66104 www.comune.montodine.cr.it

Il Cre ha finalmente trovato una casa. Speriamo


Nuova sede per il Cre. Dopo il sopralluogo al quale hanno preso parte i consiglieri regionali, Carlo Malvezzi e Agostino Alloni, oltre al dirigente del settore Patrimonio della Regione, Enzo Spoto e i volontari del Centro di riabilitazione equestre tra i quali Agostino Savoldi e Luciano Capetti, il Cre potrebbe avere una nuova sede. Circa 80 metri quadrati nellarea degli Stalloni, dove una volta sorgeva la vecchia sede. Speriamo ha esordito Capetti. E lennesimo sopralluogo, ma questa volta sembra sia quella buona, anche perch non possiamo stare nei container tutto linverno, fa freddo. Sono tre locali, uno a posto, gli altri da sistemare, ma possiamo pensarci noi. Poi la riqualificazione potrebbe rientrare nel progetto pi ampio al quale Regione e comune pare stiano lavorando. Resta per un nodo per la salvaguardia del Cre: il mantenimento dei cavalli fino ad opera di Ersaf che per lascer gli

Stalloni. Il costo di circa 20mila euro lanno, ma senza contributo per noi un problema. Il sindaco si impegnato a contattare le banche per cercare un aiuto, in caso contrario per noi sar difficile continuare lattivit afferma Capetti. La continuit di un centro cos importante un tema che mi sempre stato a cuore considerate le finalit che si prefigge

aveva detto Malvezzi che aveva anche chiarito che che le intenzioni della Regione sono quelle di favorire un recupero complessivo dellarea degli Stalloni, allo scopo di insediarvi alcuni servizi di pubblica utilit. Proprio per questo la Regione ha prediposto un Accordo di programma che al vaglio dellamministrazione di Crema.

12

Sabato 21 Settembre 2013

Crema

Stanno rispondendo bene i golfisti al trofeo Street Golf Lexus Cremona-Bianchessi Auto che si giocher il 22 settembre nelle piazze e nelle strade di Crema, una novit in assoluto per la nostra citt dopo i successi di questo evento gi ottenuti a Bergamo, Verona, Santa Margarita Ligure, Val Badia e Sarnico. Al torneo, a due giorni dallapertura delle iscrizioni, hanno gi dato la loro adesione 100 golfisti, in gran parte composti dai rinomati golfisti del Golf Club Ombrianello. Ora si attendono le squadre di Cremona, Milano, Brescia e Bergamo. Crema, insomma, si sta preparando a trasformarsi in un campo da golf a nove buche per

Street golf, domenica c il grande evento


accogliere al meglio 150 sportivi armati dei ferri del mestiere da tutta Italia, oltre ai rinomati golfisti cremaschi del Golf Club di Ombrianello. Come funziona Street Golf? Le buche sono nove e saranno disegnate nelle strade, piazze, guardini e conventi di Crema, grazie anche a un tappeto di erba sintetica di lunghezza da 30 a 170 metri - e le palline, di gomma, daranno al golfista la stessa sensibilit di tirare una pallina vera. Le iscrizioni sono riservate a golfisti con handicap. La categoria di

gioco unica senza conteggi Hcp. La gara aperta anche a giocatori Nc e Ga. Il regolamento: la gara sar disputata con la formula Lousiana, cio giocano gruppi composti, al massimo, da quattro giocatori. Conter molto la strategia nel team. E valido il colpo di sponda e tutto quel che viene in mente ai giocatori pur di mandare la pallina in buca nel minor numero di colpi possibile. Si parte da piazza del Duomo, dove c il Villaggio ospitalit. Qui si dar il colpo dinizio. La prima buca da conquistare nella via

che costeggia palazzo Marazzi. Poi il percorso prosegue nelle zone pi belle della citt: Campo di Marte, il Centro culturale Sant'Agostino, piazza Garibaldi, Giardini pubblici, fino ad arrivare al Palazzo Vescovile e di nuovo in piazza del Duomo. Si comincia alle 10 e si termina alle 18. Ogni squadra impiegher circa due ore per completare il tracciato. Le iscrizioni sono aperte al Golf Club di Ombrianello (0373-231357). Le premiazioni avverranno in piazza Garibaldi. Naturalmente chi vuol provare a fare il suo primo tiro con una mazza potr farlo: in piazza del Duomo sar allestito un struttura gofiabile dentro il quale andare a provare.

di Gionata Agisti

shock a Rivolta d'Adda. Nei giorni scorsi, in paese, stato condotto a termine l'arresto di due persone, uomo e donna, accusate di associazione mafiosa. I due - Salvatore Navanteri e la compagna Luisa Regazzoli - si erano trasferiti da un po' di tempo proprio nel comune cremasco. L'inchiesta, denominata Ciclope, stata portata a termine dai carabinieri: un centinaio di militari, operativi su diversi territori: Siracusa, Agrigento, Catania e, appunto, Cremona. Al centro dell'indagine, una faida per la supremazia in una zona della Sicilia, compresa tra il Catanese e il Siracusano. Oltre a Navanteri (classe 1955, pregiudicato) e Regazzoli - la quale, oltre a essere al corrente delle dinamiche criminali del gruppo, avrebbe avuto anche un ruolo attivo - sono state fermate altre 7 persone: Antonino Alfieri (classe 1958), Alfio Centocinque (classe 1982, pregiudicato), Salvatore Guzzardi (classe 1981, pregiudicato), Cristian Nazionale (classe 1987, pregiudicato), Luciano Nazionale (classe 1990, pregiudicato), Michele Ponte (classe 1972, pregiudicato) e Tommaso Vito Vaina (classe 1965, pregiudicato). Le accuse - caso per caso vanno dall'associazione mafiosa e dal tentato omicidio alla detenzione e porto abusivo di armi. Tutti si trovano in arresto, divisi tra le carceri di Catania Bicocca, Siracusa, Agrigento e Milano. L'operazione ha avuto inizio in seguito alla scoperta, dopo larresto del capo Michele DAvola, nel dicembre 2012, di

Blitz anti-mafia a Rivolta dAdda


Il sindaco del paese, Fabio Calvi: E la prima volta che viviamo un episodio simile
una frangia del gruppo che aveva cercato di imporsi sull'intera banda, provando ad assicurarsi il controllo di zone della Sicilia. Tornando a Navanteri, a quanto risulta dalle indagini, lui e la compagna si erano allontanati dalla Sicilia proprio per fuggire alle vendette dei rivali, rimasti fedeli a D'Avola. Infatti, i fedelissimi di quest'ultimo avrebbero gi tentato di uccidere Navanteri, lo scorso 8 agosto, nei pressi del paese siciliano di Francofonte, ferendolo solo a un occhio, con un colpo di fucile calibro 12. Come risulta dalle indagini, rese possibili anche grazie alle intercettazioni telefoniche e ambientali, Navanteri e i complici stavano progettando un' esemplare risposta armata. Non solo Navanteri, ma anche molti dei 9 fermati si erano gi allontanati dalle zone pi calde dell'isola, tant' vero che, nella maggior parte dei casi, sono stati arrestati in territori lontani dalla loro sfera d'azione. Sempre secondo le ricostruzioni dei carabinieri, la banda criminale era ben strutturata dal punto di vista gerarchico: a capo Navanteri, con Vaina e Alfieri in qualit di vice e Centocinque nel ruolo di gestore della cassa comune.

Fabio Calvi, sindaco di Rivolta dAdda

Come sindaco sono stupito per quanto accaduto commenta il primo cittadino di Rivolta d'Adda, Fabio Calvi. Non avevamo avuto alcun sentore di tutto questo, anche se vero che il nostro paese si trova al confine con Comuni di altre province, maggiormen-

te esposti a fatti di questo genere. A cose avvenute, i carabinieri ci hanno infatti spiegato che da tempo stavano indagando attorno al nostro territorio e questo lo sottolineo, a dimostrazione di quanto stiano lavorando bene. Non conoscevo le due persone arrestate

qui a Rivolta e non mi risulta fossero molto conosciute nemmeno da altri miei compaesani. Ho saputo solo che la figlia della coppia era in rapporti con i nostri servizi sociali. Che io mi ricordi, la prima volta che viviamo un episodio simile.

Soroptimist, aula dascolto per i minori


Luned 16 settembre stata inaugurata lAula di ascolto protetto del minore, nella nuova sede del Tribunale per i minorenni di Brescia, in via Vittorio Emanuele II, 96. Alla presenza di numerosi rappresentanti del mondo giudiziario e dellavvocatura, c stato il taglio del nastro dello spazio spazio protetto che permetter di ascoltare i minori coinvolti in procedimenti giudiziari con tutte le attenzioni che le recenti normative e le acquisizioni degli esperti raccomandano. Liniziativa stata finanziata e realizzata, dintesa con il Comune di Brescia e con il Tribunale per i minorenni, dai Soroptimist Club di Brescia, Garda Sud, Crema, Bergamo, Treviglio-Pianura bergamasca, Iseo-Valle Camonica-Sebino-Franciacorta, nellambito di un progetto pi ampio promosso dalla presidente nazionale del Soroptimist Club dItalia, avvocato Flavia Pozzolini, che ha visto finora lapertura di una quarantina di aule di ascolto in tutta Italia. Maria Carla Gatto, presidente del Tribunale per i minorenni di Brescia, ha ricordato che lattenzione alle modalit di ascolto protetto del minore coinvolto a vario titolo in procedimenti giudiziari si fatta viva a partire dallinizio degli anni Duemila, con i primi gruppi di studio, composti da magistrati ed avvocati. Il minore negli ultimi anni diventato sempre pi protagonista delle vicende giudiziarie che lo riguardano e quella che era unattenzione soprattutto del Tribunale dei minorenni diventata via via anche un tema di rilievo per i tribunali ordinari. Questa evoluzione ben rappresentata anche dalla nostra legislazione nazionale che, in passato, non prevedeva lascolto del minore, salvo per la norma inserita nella legge sul divorzio, che comunque attribuiva allaudizione del minore una funzione residuale. Solo nel 2006 la legge sullaffidamento condiviso ha colmato questo vuoto normativo formalizzando espressamente la possibilit del giudice di ascoltare il minore. In precedenza vi era comunque tutta la normativa internazionale, vincolante anche per il magistrato nazionale, che sottolineava la necessit di ascoltare il minore. Basti ricordare la Convenzione di New York e la Convenzione di Strasburgo, strumenti internazionali che ribadiscono la possibilit del minore di far sentire la propria voce in merito a vicende che lo riguardano. La presidente del Soroptimist dItalia, Flavia Pozzolini ha ricordato che per iniziativa di vari Soroptimist Club italiani in questo biennio sono state inaugurate in diverse citt dItalia una cinquantina di aule di ascolto protetto per i minori che consentono di celebrare un processo pi giusto e, laddove in molte sedi giudiziarie le audizioni dei minori si facevano in sedi diverse e comportavano delle spese, consentono anche di risparmiare risorse importanti, che possono essere investite altrove.

Arci: ricomincia liscio e tango argentino

Droga: arrestato un operaio di Izano

Sabato 21 settembre, allArci di Santa Maria riprende il ballo liscio con musica dal vivo. Mentre mercoled 25 settembre riapre la scuola di tango argentino: una serata gratuita di prova per la formazione dei corsi, dai principianti agli intermedi e ai progrediti.

I carabinieri di Crema hanno arrestato B.T., 35 anni, di Izano, operaio, ritenuto responsabile di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio. Perquisita la sua abitazione, stato trovato in possesso di 122 grammi di marijuana, 42 grammi di cocaina, un bilancino elettronico precisione e 300 euro ritenuti provento dii illecita attivit. Arrestato, stato portato in carcere Cremona.

Crema

Sabato 14 Settembre 2013

Lidea partita da Renato Ancorotti. Chi sta collaborando alla sua riuscita. Lalleanza con lItis

13

In arrivo la Scuola della cosmesi


di Gionata Agisti
Nelle foto in senso orario: Elisabetta Larini, Dino Tavazzi Renato Ancorotti Paola Orini Enrico Fasoli

ntro fine settembre, si dovrebbe sapere quale sar il destino del progetto relativo alla Scuola della cosmesi: si far oppure no? Tutto dipende dalla decisione della Regione, che deve approvare il relativo finanziamento, pari a circa 150mila euro. Il progetto in questione prevede la nascita di quello che, in termini tecnici, detto Ifts, ovvero un'Istituto di formazione tecnica superiore: in altri termini, un percorso alternativo a quello universitario, della durata di un anno, per quanti hanno terminato le normali scuole superiori. Il progetto stato presentato lo scorso 12 settembre e, se tutto andasse per il verso giusto, il nuovo istituto potrebbe essere una realt gi a novembre. L'ispirazione originaria la si deve all'imprenditore Renato Ancorotti, titolare della Ancorotti Cosmetics Spa, una delle aziende principali del distretto cosmetico del Cremasco. Insieme ad altre imprese, all'Itis Galilei, all'ente regionale di formazione Ial e all'Universit di Pavia, che vanta una specifica specializzazione in campo chimico e farmaceutico tutti uniti verso questo obiettivo - Ancorotti ha dovuto aspettare un paio di anni, prima di vedere quasi concretizzata la propria idea. Il nostro settore ha bisogno di giovani ci spiega, ma di giovani che non abbiano una formazione prettamente scolastica, quanto piuttosto un'istruzione rispondente davvero alle esigenze delle aziende che, dai loro dipendenti, pretendono almeno una competenza di base: conoscenza delle materie prime, delle leggi internazionali che regolano il settore, dei macchinari, dellinglese e della ricerca di laboratorio. L'importanza della scuola in questione risiede proprio nella possibilit di colmare l'attuale gap tra il mondo dell'istruzione e quello del lavoro. In questo modo continua Ancorotti, i corsisti potranno avere davvero un'opportunit lavorativa sul territorio,

Questione di giorni e dalla Regione potrebbe arrivare il via libera che pu dare lavoro a numerosi giovani del nostro territorio
ma non solo: pi di una volta, colleghi stranieri mi hanno chiesto se conoscevo giovani preparati per poterli inviare da loro. Inoltre, l'avere a disposizione, ogni anno, un gruppo di persone cos formate eviter a noi imprenditori del settore di farci concorrenza l'un l'altro, come accade in materia di personale. Quello della scuola sarebbe quindi un altro tassello da aggiungersi al mosaico di un distretto sempre pi all'avanguardia a livello internazionale. Un tassello importante prosegue Ancorotti, ma non l'ultimo. Sarebbe necessario, per esempio, anche un codice etico, concordato con tutti gli interessati, comprese le forze sindacali, e occorrerebbe anche un nuovo contratto, perch vero che la cosmetica rientra nel campo della chimica, ma ne costituisce pur sempre un ramo molto importante e che meriterebbe per questo una maggiore autonomia disciplinare. L'interesse per questo progetto condiviso anche dall'amministrazione provinciale, che ne ha seguito e incoraggiato l'iter procedurale. A mio parere, si tratta di una scommessa vincente commenta l'assessore provinciale all'Istruzione e al Lavoro, Paola Orini. Questo tipo di formazione post-secondaria molto raccomandato dall'Unione europea ma in Italia, a differenza di altri Paesi, non ha ancora raccolto l'interesse che merita. L'istruzione che fornisce caratterizzata da un approfondimento della componente tecnica ed pi direttamente volta alle esigenze del mondo del lavoro. Infatti. Si tratta di un'opportunit tanto pi interessante per il nostro territorio, per via della concentrazione che vi si trova di aziende legate al mondo della cosmesi, che necessitano di forza lavoro preparata e per la presenza di un istituto scolastico come l'Itis Galilei che, dalla sua, non vanta solo numeri molto importanti ma anche ottime strutture di laboratorio e altrettanto valide professionalit. Personalmente, credo ci siano tutte le premesse per ottenere il beneplacito della Regione. Come precisa Elisabetta Larini, progettista e responsabile dei processi di valutazione per conto dello Ial, che in questo caso ha funzioni di raccordo tra l'eventuale scuola e le aziende interessate: Questo percorso scolastico prevede mille ore di lezione, compresi stage formativi presso le aziende del territorio. Per quanto riguarda gli insegnanti, si tratta di professionalit tutte provenienti dal settore, mentre il Galilei metter a disposizione i docenti delle materie trasversali. Abbiamo gi raccolto una ventina di adesioni ma, nel caso dovesse presentarsi un numero molto maggiore di richieste, dovremo provvedere a una selezione. Potranno iscriversi tutti coloro in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado,

le vecchie superiori, ma anche i laureati, purch di et compresa tra i 18 e i 35 anni. Il corso sar gratuito. Ad assistere lo Ial in questo suo compito di raccordo, avr una parte attiva anche Cosmoprof, l'ente che, da oltre 45 anni, organizza a Bologna una delle fiere di settore pi rilevanti a livello mondiale. Speriamo che questa cosa meravigliosa possa trovare esito positivo, auspica Dino Tavazzi, il consigliere delegato di Sogecos, la societ che gestisce il Cosmoprof. molto bello che questa idea sia nata dal basso e non per un'esigenza formativa slegata da necessit reali. Il distretto cremasco della cosmesi il pi importante d'Italia e uno dei principali a livello mondiale e, di conseguenza, questiniziativa pu comportare ottimi risultati. Per quanto ci riguarda, faremo il possibile per sponsorizzarla, grazie alla nostra possibilit di mettere in contatto tra di loro le aziende e al battage pubblicitario che siamo in grado di garantire. Ma non ancora tutto: la scuola della cosmesi potrebbe essere la prima di altre iniziative analoghe, anche in altri settori. L'Itis Galilei, infatti, risulta istituto capofila anche di un altro progetto, denominato CosmecCr, anch'esso in attesa di risposta dalla Regione. Quello della scuola della cosmesi si pu definire un esito anticipato di quest'altro progetto che prevede la nascita di un polo formativo tecnico-professionale, relativo non solo alla cosmesi ma anche alla meccanica di precisione spiega Enrico Fasoli, vice preside dell'istituto cremasco. Anche in questo caso, lobiettivo quello di istituire rapporti pi stretti tra l'istruzione e il lavoro, che comportino tirocini, stage e, in genere, un maggior raccordo. Da questo progetto, potrebbero nascere altri percorsi analoghi a quello della scuola della cosmetica. A quest'altra iniziativa partecipano gli istituti scolastici Marazzi di Crema e Torriani di Cremona, Cr-Forma, Reindustria, Crema Ricerche, il Polo della meccanica di Castelleone, quello della cosmesi di Crema e aziende come la Bosch.

14

Sabato 21 Settembre 2013

CASALMAGGIORE

casalmaggiore@ilpiccologiornale.it

Fotovoltaico sul tetto del Romani


Un impianto fotovoltaico di nuova generazione, che consentir un risparmio del 20% superiore rispetto ai precedenti, riveste 290 mq del tetto del Polo Scolastico Romani. Limpianto attivo da giugno, ma soltanto ieri stato presentato dai vertici della Provincia di Cremona, ente proprietario della struttura, dal Gal Oglio Po, che ha finanziato per il 40% linvestimento e dal sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla. Limpianto - ha spiegato Rossano Ghizzoni, ingegnere che ha presentato il progetto - costato 96mila euro contro i 160mila preventivati inizialmente. Parliamo di 79 pannelli in silicio monocristallino da 19.75 Kilowattora. In un anno saranno smaltiti quasi 15mila kg di anidride carbonica grazie alla produzione di circa 22mila Kilowattora. Ogni dato sar registrato e spedito in Provincia per essere analizzato: sar, di fatto, come avere 22 faggi adulti sul tetto della scuola. Dato ancor pi importante: prima della posa del fotovoltaico sul tetto della scuola del Romani, dal 2010 ad oggi, sono stati rimossi 8mila kg di eternit.

IN BREVE

Risiedono a Gussola, avevano rubato abbigliamento a Cremona 2: condannate per direttissima

Arrestate le due sorelle ladre


di Simone Arrighi visto le due giovani difese dallavvocato Lapo Pasquetti. Le sorelle, di origini calabresi, avevano eluso i controlli elettronici del negozio togliendo le placche anti taccheggio dai vestiti rubati e poi infilati in una borsa. Capi di abbigliamento da donna e da bambino, per un totale considerevole di 500 euro. Lazione delle due giovani non era per passata inosservata: dalle telecamere di videosorveglianza dellesercizio commerciale, i vigilanti si erano accorti dei movimenti sospetti delle ragazze. Immediata la segnalazioni ai Carabinieri della stazione di Vescovato, che hanno intercettato le due sorelle mentre uscivano dal centro commerciale di Gadesco Pieve Delmona.

Scandolara, Lim e Wi-Fi a scuola


SCANDOLARA RAVARA Mercoled 25 settembre alle ore 11 presso la Scuola Primaria di Scandolara Ravara si terr linaugurazione delle lavagne interattive multimediali (Lim) e dellimpianto Wi-Fi. Alla cerimonia interverranno il Presidente della Provincia di Cremona Massimiliano Salini e la Dirigente Scolastica Maria Assunta Balestreri. Saranno presenti anche i sindaci dei comuni afferenti alla scuola primaria, in primis il primo cittadino di Scandolara Gianmario Magni. Il sostegno del privati stato fondamentale, come tiene a precisare lassessore alla Cultura Velleda Rivaroli: Dobbiamo ringraziare tre ditte: la Avigest e la Barbieri di Scandolara che hanno acquistato due LIM ciascuna, e la Braga spa per limpianto Wi-Fi che copre tutta la scuola primaria. Queste aziende non si sono risparmiate, tanto che entrambe le innovazioni sono dotate di tecnologie allavanguardia. Nel corso della mattinata i bambini in coro canteranno linno dellistituto e linno nazionale.

Pro Loco di Casalmaggiore, torna la bufera


Gestione troppo famigliare, scarsa democrazia, nessuna votazione su decisioni importanti: queste le questioni allinterno del consiglio della Pro Loco. E il consigliere Giampietro Tenca, ex caporedattore del bisettimanale Casalmaggiore, attende ancora risposte. Marco Vallari, presidente della Pro Loco, aveva ribattuto ad una prima critica sostenendo che i fatti, ovvero il successo della Fiera di Piazza Spagna, era la miglior risposta. Ma io non ho mai criticato gli eventi spiega Tenca - bens i costi, da ex bancario peraltro. Tenca riporta casi specifici: Gli Atomika, band cover dei Nomadi, costata pi di 4mila euro, il doppio di quanto era stata pagata a Gussola nel 2011. Io avevo proposto di analizzare un paio di preventivi diversi: il mio suggerimento non stato nemmeno votato, eppure sono stato tra i fondatori della Fiera di Piazza Spagna. A proposito degli Atomika, non poche polemiche riguardano il fatto che il gruppo, dal palco di piazza Garibaldi, abbia ringraziato il gestore della Baia (gli Atomika suonarono anche nel locale), e non la Pro Loco. C chi, anche tra i cittadini, parla di un connubio che non dovrebbe esistere, mentre Franco Frassanito, consigliere dimissio-

ono state fermate dai Carabinieri di Vescovato gioved sera con laccusa di furto aggravato. Nella borsa, avevano capi dabbigliamento per un valore di circa 500 euro, vestiti appena sottratti al negozio H&M del centro commerciale Cremona Due di Gadesco Pieve Delmona. L.B., 27enne e la sorella M. B., 25enne, hanno passato una giornata agli arresti domiciliari per poi presentarsi in Tribunale a Cremona venerd nel primo pomeriggio, per la Direttissima. Cinque mesi (con sospensione della pena) e 150euro di multa ad ognuna: questo lesito del processo che ha

Tenca torna alla carica: Non discuto il successo delle manifestazioni, piuttosto i costi e il tipo di gestione
messo cos un rompiballe? Uno come me che fa proposte diverse dalle loro?. Per la recente Fiera di Piazza Spagna pare che non sia stato votato il programma con relativi costi: Era gi stato deciso tutto, il consiglio era impotente. Secondo Tenca e Frassanito, un fatto aggravato dai rapporti di parentela tra Vallari, Licinio ed Enrico Valenti, anime della Pro Loco. Altra questione il periodico edito dallassociazione. Io mi sono dimesso da caporedattore, perch volevano farlo diventare un giornalino parrocchiale - spiega Tenca, che su quel giornale ha spesso riempito le pagine culturali - ma potrei ancora scrivere. Eppure nellultimo comitato di redazione non sono nemmeno stato invitato. Attendo ancora risposte da Vallari a un paio di mail che gli ho spedito su tali questioni: non ho niente di personale, ma chiedo chiarezza. Nel mentre nella riunione di gioved le dimissioni di Frassanito sono state respinte all'unanimit. Ma nessuno me lha ancora comunicato, io comunque in Pro Loco non metto pi piede. Situazione calda, anzi rovente. E ancora possibile ricomporre la frattura in serenit? Giovanni Gardani

Corsi di musica con la Araldi


La scuola di musica Costante Araldi d il via ai propri corsi di musica per la stagione 2013-2014. La scuola, che si trova in via Cavour 73 a Casalmaggiore, presso la sede dellex asilo Chiozzi, organizza corsi di Solfeggio e Teoria musicale, Pianoforte e Tastiere, diretti da Fausta Madesani, di Chitarra Acustica Jazz e di Chitarra Acustica Elettrica diretti da Emanuele Cappa, di Flauto dolce e traverso diretti da Rossana Del Re. Viene inoltre approntato un corso propedeutico per bambini, condotto sempre da Fausta Madesani. Per informazioni rivolgersi al numero 0375-43315.

La sede della Pro Loco in piazza Garibaldi

nario Pro Loco, fa un paragone. Nel 2000 proposi quattro spettacoli di livello a soli 5mila euro. Mi dissero di no, perch era la proposta di un privato. Ma allora chi gestisce la Baia non forse un privato?. Altra questione, le dimissioni dal consiglio. In qualche caso, spiegano Tenca e Frassanito, il consigliere viene richiamato in consiglio (vengono riportati due esempi). Ci servi, altrimenti entrano dei rompiballe la frase pi gettonata. Mi chiedo dice Tenca, che precisiamolo non si di-

Il padrone del Rottweiler: Le vittime siamo noi


VICOMOSCANO - La pip del cane? La vera vittima la mia famiglia. Risponde il proprietario del rottweiler, accusato due settimane fa da una vicina di casa di avere scelto deliberatamente labitazione di questa signora come bersaglio per lasciare espletare i bisogni fisiologici dallanimale. La signora aveva detto di avere ricevuto una denuncia - perch aveva cosparso di creolina, disinfettante pericoloso per la salute degli animali, quel muro - proprio dallo stesso padrone. Che ora spiega la sua verit. Per prima cosa nessuna denuncia stata fatta - raccolta D. M. -. Eppure davanti a quella casa stato cosparso dapprima zolfo, che in estate evapora e pu creare infiammazioni, poi la creolina, che ha un odore fortissimo, peggio del gasolio. La foto che hanno spedito al giornale (dove si notano pozzanghere grandi che macchiano il muro, ndr) mostrano un liquido che roba loro e non urina del cane. Mica un elefante. Al di l del caso specifico, D. M. vuole andare a monte: Mi sono informato da avvocati e polizia locale: il cane pu fare i suoi bisogni ovunque, a patto ovviamente che si tratti di suolo pubblico e che il padrone pulisca dove pu. Io ho sempre fatto questo e qualche vicino mi ha persino ringraziato. Non solo: il muro imbrattato di un garage, mentre labitazione si trova a centinaia di metri di distanza, tanto che sorge su unaltra via. Il fastidio olfattivo non ha modo di esistere. La lamentela della vicina risiede nel fatto che la sua auto, passando sulle pozzanghere di urina, porta in casa la stessa sostanza. Ripeto, un cane non un elefante. Mi domando se sia salutare, allora, che lauto calpesti la creolina portandola in garage. Ma D.M. andato oltre: Ho preparato bottiglie dacqua dove ho diluito detersivo profumato. Non appena mi possibile le utilizzo per pulire. E, ripeto, non sarei obbligato a farlo, perch per legge dovrei solo raccogliere gli escrementi. Il vero problema che questa vicina di casa non mi sopporta, mi ha chiamato pi volte terrone sbraitandomi contro. D. ricorda anche un episodio molto grave: Una sera mio figlio di 16 anni stava passeggiando col cane e il figlio della vicina, che stava rientrando in macchina, ha fatto finta di investirlo, sterzando. Poi gli ha urlato contro. Il ragazzo era molto spaventato. Non ho sporto denuncia per quieto vivere. Ricordo poi quella volta che un cagnolino di altri miei vicini se ne stava al fresco nel mio garage, che lasciavo aperto. Non mi sono mai lamentato, perch in fin dei conti, anche se a volte faceva l i suoi bisogni, non dava fastidio a nessuno. Bastava pulire quella volta che sporcava, e stop. Lei, per, non potrebbe cambiare strada? Se giro a destra ho una lunga fila di case per arrivare in campagna e l si tratta di appartamenti che danno sulla strada, non di semplici garage. E l i vicini potrebbero davvero lamentarsi, a ragione. Dato che invece il cane fa pip davanti a un garage, molto lontano dalla zona abitata, e che io pulisco quasi sempre, questa polemica non esiste.

Ferma a fari spenti sul ciglio, camion la investe


SAN GIOVANNI IN CROCE - Una donna di origini africane di 34 anni, residente a Guastalla, finita all'ospedale dopo essere stata, a bordo della sua auto, tamponata da un camion che l'ha spinta in un fossato. L'incidente avvenuto gioved alle 21 circa sulla Statale Asolana tra San Giovanni e Casalmaggiore. Fortunatamente non sono gravi le condizioni della donna, che dopo l'urto stata sbalzata dall'auto, una minicar finita accartocciata nel fosso. Secondo la testimonianza dell'autista del camion, l'auto era ferma a bordo strada a fari spenti. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Cremona e i Carabinieri di Casalmaggiore.

Il 24enne musicista casalasco Zammarini nellorchestra che accompagna Ligabue allArena di Verona

C'

Domenica e luned le ultime delle 6 serate, tutte sold out. Liga un professionista. Che entusiasmo il pubblico
di Vanni Raineri
I partecipanti alla conferenza stampa

Federico tra palco e realt

Casalmaggiore

Sabato 21 Settembre 2013

Volontariato, festa per 56

MANIFESTAZIONI

15

anche un musicista casalasco ad accompagnare Luciano Ligabue nel travolgente successo allArena di Verona. Il rocker di Correggio impegnato in 6 concerti nel celebre anfiteatro romano: 4 li ha fatti luned 16, marted 17, gioved 19 e ieri sera, venerd 20. Gli ultimi due sono in programma per domenica 22 e luned 23 settembre. A seguire il Liga in questo tour de force come detto un musicista casalasco, Federico Zammarini, percussionista di Torricella del Pizzo. Al termine di ogni serata Federico torna a casa, ed in paese che lo incontriamo, di mattina, dopo una di quelle certe notti in cui dormi poco. Ma lui, coi suoi 24 anni non ancora compiuti, non ne porta ancora i segni. Come nasce, gli chiediamo, questa collaborazione? Ligabue gi con le Sette notti in Arena del 2009 aveva lappoggio dellOrchestra dellArena. Questanno ha rinnovato la collaborazione, anche se non con la stessa orchestra, bens la Symphony Orchestra, che diretta dal maestro Marco Sabiu (noto per aver diretto l'orchestra del Festival di Sanremo in pi edizioni, ndr) che cura tutti gli arrangiamenti. Mi hanno chiamato e cos mi occupo di suonare vibrafono, marimba, tamburo e campane; percussioni insomma. In questa decina di giorni di prove e concerti Federico fa il pendolare tra Torricella e Verona: Abbiamo iniziato le prove con lorchestra e il maestro Sabiu, poi dopo un paio di giorni, sabato scorso, si unita la band con Ligabue. Sabiu un ottimo arrangiatore. Le canzoni in buona parte le conoscevo, ma serve a poco quando devi eseguirle. I concerti allArena sono ovviamente sold out da tempo: in due ore sono stati bruciati i biglietti delle 6 serate. Ligabue ha in scaletta una trentina di

Sopra Federico la prima serata all'Arena, sotto il folto pubblico con gli ombrelli aperti attende l'arrivo di Ligabue

brani, di cui una ventina rimangono fissi, gli altri dieci girano. Il concerto si conclude col brano Il sale della terra, che anticipa il nuovo album in uscita il 26 novembre, a distanza di tre anni e mezzo dal precedente, Arrivederci mostro. Il successo allArena aveva fatto pensare ad ulteriori 4 serate, poi per motivi burocratici non se ne fatto nulla. Nella serata inaugurale Ligabue

caduto sul palco, riportando una microfrattura alla spalla, ma nessuno al momento se ne era accorto. La caduta non lho nemmeno vista, ma lui un professionista vero, lo si vede nelle prove, coi tecnici, pronto a rispondere alle esigenze di tutti, i brani li prova e li riprova. Questa una minitourne che non dovrebbe avere seguito. No, anche se si vocifera di una tourne negli sta-

di lanno prossimo. Con lorchestra? Questo dipende da lui, certo lArena ha una cornice particolare, negli stadi latmosfera diversa e magari c meno spazio per unorchestra. Sta di fatto che Ligabue uno dei pochi che vuole lorchestra dal vivo. Non la prima esperienza poprock di Federico Zammarini, diplomato a Parma al Conservatorio in percussioni: Ho collaborato con Elio e le Storie Tese, poi in teatro con Massimo Raineri. Per la maggior parte del mio impegno per la musica classica: ho collaborato con orchestre in vari teatri, spesso suono con lOrchestra Cherubini fondata da Riccardo Muti. E parecchie volte Zammarini ha suonato diretto da Muti, spesso allestero. La domanda dobbligo, specie per un ventenne: meglio il rock o la classica? E bello fare entrambi i generi. Con Ligabue c un grande entusiasmo che contagia la band e i musicisti, coinvolgente. E il ruolo stesso del pubblico che coinvolge, nella musica classica il modo di trasmettere emozioni molto diverso. Diciamo che si passa dal boato al silenzio.

GUSSOLA - Mentre nel corrente fine settimana la festa del volontariato tocca le tappe cremasca (oggi) e cremonese (domani), a Gussola si prepara la Festa del Volontariato Casalasco, che si svilupper tra sabato e domenica prossimi. Unedizione profondamente rinnovata che vedr la partecipazione di ben 56 associazioni casalasche. Nella sede Cisvol di Gussola stata presentata liniziativa, alla presenza per la Cisvol di Giorgio Reali, Katja Avanzini e Sara Ferrari, per il Comune di Gussola del sindaco Marino Chiesa e dellassessore Mara Viola, per Cassa Padana (che ospita nei suoi locali la sede) Fabio Tambani, oltre al presidente Gal Oglio Po Giuseppe Torchio. Sar una due giorni dedicata allassociazionismo, al non-profit e al terzo settore, con stand, mostre, workshop, laboratori, animazione, musica, spazio per i bambini, arte e anche un angolo dedicato alla buona cucina. Molto ricco il programma, che presenteremo nel dettaglio sul prossimo numero.

Fiera a San Giovanni in Croce


Entra nel vivo la Fiera Settembrina. Oggi alle ore 16 presso loratorio parrocchiale, 3 edizione del Cross dei Due Castelli, camminata e corsa non competitiva. Dalle 17 alle 19,30 in piazza Dante mostra mercato del libro a cura della biblioteca comunale. Alle 21, in teatro, concerto tributo a Fabrizio De Andr del gruppo Brocantage. Ingresso libero. Domenica 22 prosegue la mostra del libro. Per loccasione verr presentata la piattaforma digitale MediaLibraryOnline. Alle 17 presso il giardino di Villa Medici del Vascello si terr la sfilata di abiti da sposa Le spose della Dama. Alle 21, in teatro, La Montagna e il Black Camel Group, a cura del Cai di Bozzolo. Luned 23 alle ore 21 in teatro presentazione delle squadre della societ calcistica Psg. Marted 24, in piazza Dante, tradizionale spettacolo pirotecnico offerto da Megavit srl.

Prosegue in piazza Garibaldi la 2 Festa della Zucca. Cucina aperta a mezzogiorno e sera sia oggi che domani.

In corso la Festa della Zucca

Qui trovate la vostra copia GRATUITA de

Bar Giulia GR2 di Rivieri Gianfranco Fermata KM Polo Romani Via Pascoli Sportime Bar Barracuda Portici del Municipio Bar Italia Farmacia Comunale Bar Tavola Calda Distrib. carburante ENI Distr. carburante Ariete Rist. Pizz. Piccolo Paradiso Cartoleria Cartol. Tabacch. Campanini Alim. Tabaccheria Vicini Cartoleria Giamei Alim. Tabacch. Tosi Remo Bar La Nuova Luna Portici del Comune Portici Caff Roma Edic. Tabacch. Camozzi Edic. Tabacch. Lorenzini Bar Time Out Sido Caf Fermata KM Tabaccheria Venturini

angolo Conad Casalmaggiore via Guerrazzi 4 Casalmaggiore via Trento 20 Casalmaggiore via Giovanni Pascoli 28 Casalmaggiore via E. Fermi 19 Casalmaggiore via Martelli 2 Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore Centro Commerc. Padano Casalmaggiore via Repubblica rotonda Diotti Casalmaggiore via Repubblica 76 Casalmaggiore via Molossi 47 Vicobellignano via Dante Alighieri 9/B Vicobellignano via Manzoni 39/B Vicomoscano via Gioberti 74 Quattrocase via Nicol Tommaseo 101 Casalbellotto via Canzio 100 Roncadello via Roma 7 Torricella del Pizzo piazza Italia Scandolara Ravara via Mazzini 3 Castelponzone via Giuseppina 97 Solarolo Rainerio via Matteotti 113 San Giovanni in Croce via Giuseppina 103 Cingia de' Botti via della libert 46/b Martignana di Po via Bardellina Martignana di Po piazza Comaschi Gussola via Roma 93 Gussola

16

Sabato 21 Settembre 2013

Nuova occupazione grazie agli incentivi


en 13.700 nuovi posti di lavoro nel settore costruzioni: sar questo uno dei principali effetti degli incentivi per le ristrutturazioni edili e il risparmio energetico, varati a giugno dal Governo. Una boccata d'ossigeno per il comparto maggiormente colpito dalla crisi e che nell'ultimo anno ha perso 122.000 occupati. A misurare l'impatto delle detrazioni fiscali in edilizia un rapporto di Confartigianato secondo il quale, a luglio, sono 2 milioni i proprietari di immobili orientati ad effettuare nei prossimi 12 mesi un intervento di manutenzione, e grazie alle misure del Governo, il loro numero aumentato del 22,2% rispetto a luglio dello scorso anno. In crescita anche la spesa per ristrutturazioni e riqualificazione energetica che - prevede Confartigianato - nel secondo semestre di quest'anno aumenter di 1.565 milioni, pari al +26%, di cui 1.065 milioni per ristrutturazioni edili e 500 milioni per risparmio energetico. Gli incentivi fiscali hanno gi mostrato in passato il loro effetto benefico sull'edilizia: Confartigianato rivela, infatti, che nel 2011 le detrazio-

Speciale Edilizia

ECOBONUS 2013 Detrazioni

Aria di ripresa, seppur lieve, per il comparto: si prevedono 13.700 nuovi posti di lavoro

Entra nel vivo il decreto legge sui cosiddetti ecobonus del 4 giugno, ora diventato legge. Ricordiamo che le agevolazioni offerte non interessano il solo settore dei mobili ma anche quello degli elettrodomestici: si va dunque dal frigorifero al forno sino ad arrivare persino a complementi darredo, come il divano. Per capire come ottenere la detrazione Irpef occorre prima di tutto tener presente che la richiesta di detrazione pu essere avanzata solo ed esclusivamente per gli acquisti che siano stati effettuati da luglio in poi. Tale detrazione ammonta al 50% sulla spesa effettuata, e verr spalmata in 10 anni e con un importo massimo di 10 mila euro. Nello specifico possono usufruire dello sconto gli acquisti di mobili dal 4 luglio in poi e per elettrodomestici, condizionatori e caldaie acquistati dal 4 agosto in poi. Per entrambe le tipologie di acquisto il limite temporale arriva sino al 31 dicembre 2013. Una volta superata tale data, non potr pi esser possibile ottenere lagevolazione. Bisogna inoltre precisare che la somma massima di 10 mila euro di spesa per elettrodomestici e mobili, ovvero una detrazione massima di 5.000 euro in tranche di 500 euro ogni anno, cumulabile con i 96 mila euro di spesa massima per ristrutturazioni edilizie, per la quale spettano gli altri ecobonus. Attenzione per allacquisto di condizionatori a pompa di calore e caldaie: tale spesa rientra nel montante dei 96 mila euro. E, quindi, non cumulabile. Le spese che rientrano nel bonus vanno dalla manutenzione straordinaria al restauro e risanamento conservativo, dalla ristrutturazione edilizia allinstallazione di pannelli fotovoltaici, dagli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dellimmobile danneggiato da calamit agli interventi di bonifica antiamianto, dalleliminazione delle barriere architettoniche alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali fino alla prevenzione di furti e atti di vandalismo.Dalla possibilit di ottenere sconti, sono esclusi gli interventi di manutenzione ordinaria. Ricordiamo infine che per poter usufruire degli sconti necessario pagare con bonifico bancario o postale sul modulo prestampato per la ristrutturazione edilizia.

per mobili ed elettrodomestici

ni sono state utilizzate da 6.752.644 contribuenti italiani per una cifra di 3.595 milioni e hanno inciso per il 4,2% del valore aggiunto del settore costruzioni. La spesa complessiva effettuata nel 2011 per interventi di ristrutturazione ammonta a 12 mi-

liardi di cui 3,5 miliardi (29,1%) per il risparmio energetico e 8,5 miliardi (70,9%) per il recupero del patrimonio edilizio. Tale spesa rappresenta il 5,8% del valore del fatturato nel settore delle costruzioni e il 13,9% del valore aggiunto. Positivo anche l'impatto sull'ambiente: nel 2011 gli interventi per l'efficienza energetica degli edifici (per detrazioni pari a 1,8 miliardi) hanno generato un risparmio energetico di 1.435 Gwh/anno. Dal 2007 al 2011 il risparmio energetico ottenuto grazie agli ecobonus arriva a 7.637 Gwh/anno. Il maggiore risparmio deriva dall'impiego di impianti di riscaldamento efficienti (40,3%), seguito dalla sostituzione di infissi (22,2%), sostituzione di scalda acqua elettrici (13,6%) e dalla coibentazioni di superfici opache orizzontali (7,8%). Gli incentivi per le ristrutturazioni contribuiranno quindi ad attenuare le pesanti difficolt delle imprese e dei lavoratori dell'edilizia: nellultimo anno, secondo Confartigianato, le costruzioni hanno perso 122.000 addetti, ma dal 2009 ad oggi gli oc-

cupati sono diminuiti addirittura di 391.000 unit. Saldo negativo anche per le imprese: il 2012 si chiuso con la perdita di 61.844 aziende, pari ad una diminuzione dell1,88%. Non andata meglio per le imprese artigiane, che rappresentano la fetta pi consistente delle costruzioni: 571.336 aziende, vale a dire il 63,9% del totale. Nel 2012 hanno chiuso 54.832 costruttori artigiani, con un calo dell1,96%. Segno negativo anche per gli altri indicatori del settore costruzioni: tra il primo trimestre 2013 e lo stesso periodo del 2012, gli investimenti sono calati del 7% e il valore aggiunto diminuito del 6,9% e addirittura del 21,8% tra il 2007 e il 2012. A fronte di questa situazione, Arnaldo Redaelli, Presidente di Confartigianato Costruzioni, sottolinea la necessit di rendere stabili e permanenti gli incentivi per raggiungere pi obiettivi: rilancio delle imprese delle costruzioni, riqualificazione del patrimonio immobiliare, risparmio energetico e difesa dellambiente, emersione di attivit irregolari.

Speciale Edilizia

Sabato 21 Settembre 2013

17

Dalle costruzioni ai serramenti, dagli interni agli impianti: tanti appuntamenti per tutti i gusti
MADE 4 CERAMICS Made expo conferisce alla ceramica un ruolo di rilievo con lintegrazione del progetto Made 4 ceramics, un focus sulla ceramica mirato a scoprire la dimensione del futuro, indagando tra nuove tecnologie e le richieste dellarchitettura internazionale. Unarea espositiva pensata e progettata come uno spazio unico, dove le eccellenze del settore ceramico daranno vita ad un percorso interattivo e virtuoso per illustrare e fare emergere le caratteristiche, le applicazioni e le qualit del prodotto ceramico nel soddisfare le esigenze del mondo delle costruzioni. MADE COSTRUZIONI E CANTIERE Costruire e riqualificare: il sistema delle costruzioni si rimette in moto attraverso linnovazione, la tecnologia e il corretto utilizzo di attrezzature e materiali ad alta prestazione per unedilizia efficiente, sicura e sostenibile. La manifestazione biennale internazionale per il mondo delle costruzioni pronta per lappuntamento di ottobre 2013, con una nuova edizione decisamente specializzata: ampio spazio al Salone Costruzioni e cantiere, dedicato alle soluzioni e alle tecnologie costruttive pi innovative, ai materiali, ai manufatti, alla chimica per ledilizia, agli utensili e alle macchine per cantiere. MADE CITT E PAESAGGIO Con Made citt e paesaggio, Made expo propone ai propri visitatori unarea interattiva e tecnologica, punto di convergenza tra lofferta delle aziende e la domanda di professionisti, enti pubblici e mondo delle costruzioni. Un Salone interamente dedicato alla progettazione e ai prodotti per lintegrazione tra verde, arredo e pavimentazione urbana, illuminazione, impianti sportivi e piscine, costruito nel segno di una gestione virtuosa del territorio.

alle Smart City, torna anche questanno liniziativa Smart Village, che porr le basi per un confronto innovativo tra professionisti e imprese, con unarea che sar interamente dedicata alla sostenibilit e allefficienza energetica. A fronte di una sempre maggiore richiesta di qualit degli spazi abitativi, il Salone Made Interni e finiture il luogo in cui trovare lintera gamma dei prodotti per larchitettura degli interni. Grande attenzione posta sulle caratteristiche dei materiali e sul loro uso, agevolando lincontro tra le imprese espositrici e i target di riferimento quali progettisti, architetti, interior designer, imprese di costruzione, contractor, responsabili di show room.
MADE INTERNI E FINITURE

Lefficienza energetica e la sostenibilit del costruire e dellabitare al centro di Made involucro e serramenti, uno spazio per le soluzioni integrate pi innovative nellambito dei serramenti, delle facciate, dei sistemi di chiusura, delloscuramento e delle protezioni solari, che conferiscono alte performance alledificio.Tra gli appuntamenti dedicati alle soluzioni di riqualificazione e risparmio energetico e

MADE INVOLUCRO E SERRAMENTI

Unonda di energia al Salone energia e impianti, dedicato alle tematiche del risparmio e dellefficienza energetica degli edifici dal punto di vista dell'impiantistica. Un importante spazio dedicato alle pi moderne tecnologie che contribuiscono al raggiungimento della massima efficienza energetica degli edifici. A Made expo 2013 le migliori tecnologie software e dispositivi informatici per progettare e costruire. Made software e hardware il Salone che recepisce le migliori tecnologie per la progettazione architettonica sostenibile, rendering, grafica e design.
MADE SOFTWARE AND HARDWARE

MADE ENERGIA E IMPIANTI

iennalit, specializzazione, internazionalit: questi i punti cardine dell'edizione 2013 di Made Expo, la fiera dedicata ad architettura, design ed edilizia che si svolge a Fiera Milano Rho dal 2 al 5 ottobre. L'edizione di quest'anno si presenta con un format rinnovato in grado di premiare la specificit dei comparti espositivi, in un percorso che rappresenta lintero sistema delle costruzioni. Sei saloni verticali fortemente specializzati sono la risposta di Made expo alle esigenze delle aziende per garantire lincontro diretto tra domanda e offerta: costruzioni e cantiere, involucro e serramenti, finiture e interni, citt e paesaggio,software e hardware, energia e impianti. In questo contesto trova spazio il progetto sulla Ceramica Made 4 Ceramic. Un padiglione dove le eccellenze del settore ceramico daranno vita ad un continuum interattivo e virtuoso, per illustrare e far emergere caratteristiche, applicazioni e qualit del prodotto: un percorso di ridefinizione dinamica del mercato della ceramica utile a soddisfare le esigenze del mondo delle costruzio-

Appuntamento per gli operatori del settore con architettura, design ed edilizia

Made Expo: dal 2 al 5 ottobre a Rho


mente ribadito la centralit delledilizia e delle misure per far ripartire un settore strategico, da troppo tempo bloccato dal clima di incertezza, dai mancati pagamenti e da un sistema economico e burocratico che non facilita gli investimenti. Temi al centro anche del programma del neo Ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, che ha presentato un piano integrato per creare occupazione nel settore: tra le priorit, accelerare le grandi opere cantierate e cantierabili, avviare un piano di manutenzione scuole, prorogare gli incentivi per il risparmio energetico, allargandoli anche alla prevenzione sismica, e infine tradurre in legge laccordo Abi-Ance per il rilancio dei mutui casa, creando cos un nuovo patto tra mondo dellimpresa e del credito che a Made expo si gi concretizzato con un prodotto finanziario unico dedicato da Unicredit alle aziende espositrici.

ni nei prossimi anni. Grande interesse sta suscitando il padiglione dedicato ai componenti, i prodotti e i materiali per lArredobagno, tema rilevante del processo di progettazione, costruzione, ristrutturazione e focus imprescindibile per il mondo della distribuzione.

Riscontri positivi anche per la nuova calendarizzazione di Made expo che a partire da ottobre 2013 avr cadenza biennale. Ledizione successiva si terr quindi nellanno di Expo 2015. Una scelta che soddisfa le esigenze delle aziende che investono in innovazione e che necessi-

tano di tempi adeguati per sviluppare soluzioni e prodotti allavanguardia, in grado di soddisfare le richieste degli operatori internazionali. Ta le priorit c' quella di far ripartire il mercato delle costruzioni. Con queste parole il primo ministro Enrico Letta ha recente-

In particolare il tema dei bonus per il risparmio energetico e per le ristrutturazioni, oltre ovviamente a mettere in primo piano la questione drammatica della sicurezza, rappresenta unoccasione per riqualificare il patrimonio edilizio e dare nuovo vigore al mercato interno, facendo leva non su contributi statali diretti, ma su un sistema di incentivi e di defiscalizzazione per muovere gli investimenti. Le priorit del sistema costruzioni trovano in Made expo una piattaforma ideale di dialogo, proposte e soluzioni per tutta la filiera, partendo proprio dalla specificit di ciascun comparto e dal contributo essenziale a tutto il sistema edilizio - afferma Giovanni De Ponti, amministratore delegato di Made expo -. Secondo i dati Ance, il settore costruzioni dallinizio della crisi ha perso 550mila addetti considerando lindotto, numeri davanti ai quali necessario reagire dando ossigeno alle imprese perch investano su qualit, innovazione e riqualificazione. Le aziende scelgono Made expo per guardare al futuro ed essere protagoniste nel contesto di una manifestazione leader internazionale.

1 8

Pagamento del debito della Pa, ancora troppi ritardi


Due milioni per la sicurezza
La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dellassessore alla sicurezza, protezione civile e immigrazione Simona Bordonali, ha stanziato 2 milioni di euro per l'implementazione di un piano per la messa in sicurezza delle strutture (edifici ed opere pubbliche) che hanno funzione strategica per le attivit di protezione civile e di gestione delle emergenze. Si tratta di un finanziamento piuttosto importante afferma l'assessore -, perch in questo modo le amministrazioni potranno mettere a norma quegli edifici (spesso sono le stesse sedi dei Comuni) in cui dovranno svolgersi le attivit di protezione civile in caso di emergenze di qualsiasi natura come alluvioni, incendi, terremoti o altro ancora. La delibera permette anche di rivedere, con nuovi indirizzi regionali, la politica di prevenzione e protezione del rischio sismico, incentivando, appunto, interventi per la prevenzione nelle zone a maggiore pericolosit, rendendo pi pronte le strutture. I fondi sono messi a disposizione di ben 202 Comuni appartenenti alle province di Bergamo, Brescia e Mantova, che oggi sono identificati allinterno dell'area sismica della regione. I Comuni continua lassessore Bordonali - dovranno partecipare a un apposito bando e poi potranno beneficiare di stanziamenti che andranno a coprire la quasi totalit dell'intervento di messa in sicurezza. In una situazione di diffusa crisi economica ha concluso l'assessore non vogliamo certo correre il rischio che non vengano effettuati lavori di tale importanza anche per prevenire danni ben pi gravi. di 235 giorni il ritardo medio con cui le Pubbliche amministrazioni pagano le imprese edili: tempi ancora troppo lunghi, anche se si registrano i primi segnali di attenzione da parte degli enti locali, che dovrebbero consentire un progressivo, ma lento, miglioramento della situazione. I dati elaborati dallAnce riportano la spaventosa cifra di 12 miliardi di euro di debito delle Pa verso ledilizia. Ma quello che fa ancora di pi temere che la soluzione al problema sia ancora molto lontana sono le rilevazioni del primo semestre 2013. L88% delle imprese edili italiane che ha collaborato con le Pa segnala un ammanco, ci vuol dire che 8 aziende su 10 stanno ancora aspettando di essere pagate dallo Stato. A fare il punto della situazione stato il presidente dellAnce, Paolo Buzzetti, nel corso dellincontro con il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani e il presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti, presso lUfficio della Commissione Ue a Roma. Buzzetti ha presentato i primi riscontri del monitoraggio Ance sullattuazione della direttiva europea in edilizia che mettono in evidenza che molte amministrazioni stanno rinunciando a sottoscrivere nuovi contratti perch non sono in grado di rispettare i tempi dettati dalla normativa europea. I primi riscontri sullattuazione della nuova direttiva europea in Italia mettono in evidenza che la normativa comunitaria rimane ancora in larga misura disattesa nel settore dei lavori pubblici. Ritardi importanti vengono infatti registrati anche per i contratti stipulati dopo il 1 gennaio 2013, ai quali si applica la nuova direttiva. Per questi contratti, si registrano gi tempi di pagamento 2 a 3 volte superiori a quelli fissati dalla normativa europea: stati di avanzamento lavori (Sal) emessi nei mesi di marzo e aprile 2013 quindi 6 mesi fa- non risultano pagati. Permangono inoltre frequenti situazioni in cui le amministrazioni pubbliche (bandi di gara, circolari amministrati-

Sabato 21 Settembre 2013

E di 235 giorni il ritardo medio dei pagamenti, e il debito attuale ammonta a circa 12 miliardi di euro

ve,) disattendono esplicitamente le regole fissate dallEuropa sulla tempestivit dei pagamenti, sia per quanto riguarda i tempi di pagamento che per quanto riguarda gli eventuali indennizzi in caso di ritardo. In questo quadro va sottolineato tuttavia che il decreto sblocca-debiti del governo sta funzionando: ad oggi 4 miliardi sui 7,5 previsti dal decreto sono stati pagati alle imprese di costruzione. Ad oggi, quindi, 4 dei 19 miliardi di euro di crediti vantati dalle imprese del settore delle costruzioni risultano pagati. Altri 3,5 miliardi saranno pagati entro la fine dellanno ma per i restanti 11,5 miliardi, manca ancora una soluzione. Il piano di pagamento dei debiti pregressi, infatti, non prevede nessun pagamento per il settore nel 2014. Comuni e Province sono stati gli enti pi rapidi nel dare attuazione al decreto (circa 3,5 miliardi gi pagati) e nel corso dellestate sono stati sbloccati i primi pagamenti da parte delle regioni. Dal punto di vista territoriale, circa il 45% dei pagamenti sono stati effettuati da enti del Nord, il 30% da enti del Centro ed il 25% da enti del Sud. I punti fondamentali su cui necessario trovare una soluzione sono la riforma del Patto di stabilit interno e il pagamento di tutti i debiti arretrati, che avrebbero effetti positivi per leconomia

del Paese. Basti pensare che leffetto dei pagamenti previsti dal decreto del governo alle imprese di costruzione sullintera economia di oltre 6 miliardi e mezzo, ha sottolineato il presidente dellAnce. Il vicepresidente Ue Tajani ha ribadito che molto positivo quello che il Governo sta facendo per risolvere il problema, ma si detto anche convinto che la cifra messa a disposizione non esaustiva perch non corrisponde a tutto il debito. E fondamentale che tutti i debiti pregressi vengano pagati prima che entri in vigore il fiscal compact. Tajani ha anche messo in guardia lItalia dal rischio infrazione sulla direttiva pagamenti, in quanto sulla tempistica e sul problema delle prassi inique la norma italiana non rispetta quanto previsto dallEuropa. Prorogare ancora i ritardi infatti, sottolinea Tajani, potrebbe voler dire anche disattendere la Direttiva Europea 2011/7 che in Italia stata assorbita dal Decreto Legge 192/2013. LUe, infatti, prevede che gli Stati paghino i loro debiti alle imprese entro un massimo di 30 giorni dallerogazione del servizio, con alcuni casi particolari in cui sono previsti dei rinvii per un massimo di 60 giorni, dopo i quali dovrebbe scattare un tasso di interesse pari a un +8%. Per quanto lo Stato stia tentando di uscire da questa onerosa situazione, il riuscire

auguratamente a rispettare il termine massimo dei 60 giorni avrebbe a sua volta un risvolto negativo: in questo modo le Pa, coscienti delle loro disponibilit effettive insufficienti, ridurrebbero sensibilmente il numero dei bandi di gara per i lavori pubblici, inferendo un altro colpo pericoloso alle imprese italiane. Per cui se da una parte sbloccare i pagamenti darebbe respiro alle aziende che adesso registrano dei pagamenti insoluti, dallaltra vorrebbe dire spezzare le ali agli imprenditori che vorrebbero iniziare nuovi lavori e ai Comuni che effettivamente ne avrebbero bisogno. Lincontro dei tre alti esponenti del mondo imprenditoriale ed istituzionale non si per soltanto limitato a essere un resoconto della triste e difficile situazione italiana. Il Presidente Ance si infatti fatto portavoce di quelle soluzioni che la sua Associazione sta proponendo in maniera attiva e speranzosa, con lauspicio di far breccia nel Governo. Secondo Buzzetti assoluta priorit quella di pagare i debiti che lo Stato Italiano ha attualmente con le imprese. Per loro mancanza di liquidit si sta traducendo infatti nel pericoloso ricorso a strumenti come le anticipazioni e al freno degli investimenti. Inoltre, un fondamentale contributo, secondo Ance, potrebbe venire da una ponderata riforma del patto di stabilit. Il debito da parte di una PA viene contabilizzato come conto capitale, per cui questo mette ancora pi in difficolt le imprese in cui si registrano i pi grossi ammanchi. Ance propone quindi di trovare una modalit migliore e meno vincolante di questa forma di contabilizzazione. Da perfezionare sarebbe anche la certificazione automatica dei debiti da parte delle PA, procedura che sta ancora stentando a essere snellita e velocizzata. In realt Buzzetti sta premendo moltissimo, come succede in tanti altri settori del nostro Paese, per far s che il Governo rifletta e lavori su delle procedure estremamente farraginose che stanno mettendo lItalia in serie difficolt.

Speciale Edilizia

Sabato 21 Settembre 2013

ontinuano gli incentivi sullo smaltimento di amianto: all'interno della detrazione fiscale Irpef del 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia trova infatti spazio anche la bonifica dell'amianto (o Eternit, o asbesto), cio di uno dei materiali pi inquinanti e pi dannosi per l'essere umano. A fari tirare un sospiro di sollievo a chi faceva le corse per arrivare in tempo per la scadenza del 30 giugno stata la proroga della detrazione al 31 dicembre. Risale allo scorso 31 maggio il via libera del Governo al decreto in materia di edilizia e risparmio energetico, in cui sono contenuti tre importanti provvedimenti: il recepimento della direttiva europea sugli "Edifici a energia quasi zero", la proroga al 31 dicembre della detrazione 50% per le ristrutturazioni, la proroga della detrazione 55% - elevata adesso al 65% - per la riqualificazione energetica degli edifici al 31 dicembre 2013 per i privati e a giugno 2014 per i lavori condominiali. Con la detrazione 50%, possibile un tetto massimo di spesa agevolabile di 96.000 euro per lo smaltimento dell'Eternit (bonifica amianto); la detrazione ripartita in dieci rate annuali, la prima rata nell'anno in cui si effettua l'intervento di rimozione. La detrazione per l'amianto all'interno del pacchetto delle ristrutturazioni una misura nata con l'intento di liberare l'Italia da una piaga che ha visto il suo culmine negli ann 80, in cui il vero e proprio abuso di Eternit a livello edilizio e indu-

Smaltimento amianto, gli incentivi


di rigorosamente vietato. Dagli ann 50 a oggi, all'amianto e in particolar modo alla Eternit spa attribuita la morte di circa 3.000 persone tra gli operai degli stabilimenti e gli abitanti delle aree vicine alle quattro fabbriche italiane. Tra l'altro in Italia ci sono ancora 34mila siti da bonificare. Uno dei problemi principali finora stato quello degli alti costi di smaltimento dell'Eternit, spesso insostenibili per i privati. La scelta del tipo di bonifica da effettuare complessa ed legata principalmente allo stato di conservazione dei materiali contenenti amianto. Ogni attivit svolta nei locali deve essere tale da non provocare una contaminazione ambientale e rendere cos possibile l'inalazione. Per questo stata istituita dalla normativa (D.M. 6 settembre 1994) la figura del Responsabile per l'amianto, che ha il compito di informare sulla sua presenza i soggetti interessati, individuare le eventuali cause di pericolo e regolamentare tutti i processi di intervento sui materiali a rischio. Le tecniche di intervento possono prevedere provvedimenti di restauro dei materiali o provvedimenti di bonifica.

Fino al 31 dicembre vale la detrazione fiscale Irpef del 50% come per le ristrutturazioni

19

striale ha causato e purtroppo continua a causare gravi patologie e tumori alle vie respiratorie (asbestosi e mesotelio-

ma pleurico). Lo smaltimento dell'Eternit doveroso: le autorit sanitarie hanno dichiarato cancerogeno l'amianto, quin-

Il restauro indicato preferibilmente per rivestimenti di tubi e caldaie o per materiali di tipo cementizio che presentino danni circoscritti ad una superficie non superiore al 10% del totale. I provvedimenti di bonifica si realizzano con diverse modalit: rimozione o scoibentazione, incapsulamento e confinamento. La rimozione il procedimento pi diffuso perch elimina ogni potenziale fonte di esposizione ed ogni necessit di attuare specifiche cautele per le attivit che si svolgono nell'edificio. E' la procedura che comporta i costi pi elevati ed i pi lunghi tempi di realizzazione. L'incapsulamento consiste nel trattamento dell'amianto con prodotti penetranti o ricoprenti che tendono ad inglobare le fibre di amianto, a ripristinare l'aderenza al supporto e costituire una pellicola di protezione sulla superficie esposta. Il confinamento consiste invece nell'installazione di una barriera a tenuta che separi l'amianto dalle aree occupate dell'edificio. Se non viene associato ad un trattamento incapsulante, il rilascio di fibre continua all'interno del confinamento.

Debito delle pubbliche amministrazioni: anche il Comune di Cremona aderisce a Credito in cassa
Il sindaco Oreste Perri, dopo che la Giunta comunale, su proposta del vice sindaco e dellassessore al Bilancio Roberto Nolli, ha espresso parere favorevole, ha sottoscritto latto di partecipazione, nonch la proposta di contratto che ne permette la realizzazione, delloperazione Credito in Cassa liniziativa, promossa da Regione Lombardia e da Anci Lombardia, che smobilizza un miliardo di euro per pagare le imprese creditrici verso le pubbliche amministrazioni. La misura consente infatti alla Regione di anticipare il pagamento dei debiti scaduti degli Enti locali concedendo nuova liquidit alle imprese di qualsiasi dimensione e settore. Le imprese edili sono quelle che maggiormente risentono di questo problema, e saranno quindi tra quelle che principalmente beneficeranno di tale intervento. Credito in Cassa si rivolge a tutte le imprese lombarde (micro, piccole, medie e grandi) singole in qualunque forma costituite, con sede legale o operativa in Lombardia, appartenenti a tutti i settori, che abbiano crediti scaduti o che saranno scaduti alla data di presentazione della domanda per la fornitura di beni, servizi, lavori nei confronti degli Enti locali lombardi. Un miliardo di euro stato messo a disposizione dalle societ di factoring convenzionate che acquisteranno i crediti vantati dalle imprese nei confronti degli Enti locali aderenti a 'Credito in Cassa', attraverso contratti di cessione del credito pro soluto stipulati con le imprese creditrici. La cessione pro soluto libera in tal modo l'impresa dal rapporto debitocredito con l'Ente locale e vede la societ di factoring quale nuovo creditore dell'Ente locale. I crediti vantati dalle imprese nei confronti dell'En te locale devono essere certificati da quest'ultimo ai sensi del Decreto ministeriale Certificazione del 25 giugno 2012. I crediti devono altres essere scaduti, non prescritti, certi, liquidi ed esigibili al momento della presentazione della domanda di accesso dell'impresa all'iniziativa Credito in Cassa. I crediti possono riguardare sia le spese correnti (spese ordinarie), sia le spese in conto capitale (spese di investimento) e avere un importo minimo di 10.000 euro e massimo di 750.000 per i Comuni e le Unioni di Comuni e di 1,3 milioni per le province e i capoluoghi di Provincia. Se l'impresa si impegna a liquidare a sua volta i propri sub-fornitori, tali importi sono aumentati rispettivamente fino a 950.000 euro per i crediti verso i Comuni e le Unioni di Comuni e fino a 1,5 milioni di euro per i crediti verso le Province e i Comuni capoluoghi di provincia. Grazie alla cessione del credito pro soluto, le imprese possono migliorare la situazione dei propri bilanci immettendovi liquidit e guadagnare la possibilit di accedere a nuovi crediti. Grazie al contributo di Regione Lombardia i costi connessi alle operazioni di cessione dei crediti sono scontati a favore delle imprese nella misura dello 0,75 per cento. Daltro canto gli Enti locali, e dora in poi anche il Comune di Cremona, possono riprogrammare i pagamenti legati a debiti gi maturati anche successivamente alla data del 31 dicembre 2012 (limite temporale previsto dal DL n. 35/2013) e dilazionare il rimborso dei propri debiti fino a 8 mesi per quelli di parte corrente e fino a 18 mesi - nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica - per quelli di parte capitale senza nessun onere economico a proprio carico. Le scadenze massime previste per il rimborso sono di 12 mesi per la parte corrente e di complessivi 36 mesi per gli investimenti, con interessi moratori a carico degli Enti locali inferiori a quelli previsti dalle legge.

20

Sabato 21 Settembre 2013

Salute
Appuntamento sabato 21 settembre con un convegno dedicato al ruolo dellassociazione di volontariato Aipa
CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30. Telefono: 0372 405715. CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da luned a venerd dalle ore 07.30 alle 10.30. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Test di tolleranza al lattosio e patch test Accesso con impegnativa del medico curante Le prenotazioni si effettuano telefonicamente al numero 0372/408178 da luned a venerd, dalle 10.30 alle 12; oppure di persona presso lAmbulatorio di Allergologia (Padiglione 10) da luned a venerd dalle 9.00 alle 13.00. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da luned a venerd dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i n reparto da luned a venerd dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248. TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione pu essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd. Negli altri orari possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al pi presto sarete richiamati.

GLI ORARI
CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: luned - venerd dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: possibile telefonare al numero verde 800.638.638, da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00. PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unit operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dellAnatomia Patologica dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00. Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari prevista, presso il padiglione 5, da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da luned a venerd dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario: da luned a venerd dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO: Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: 0372 405777 da luned a venerd, dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente presso lAmbulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA

abato 21 settembre si celebra la XV Giornata Nazionale del paziente anti coagulato. Per l'occasione Cremona (Palazzo Cittanova ore 9) ospita un importante convegno nazionale dal titolo Ripensare l'Aipa alla luce dei nuovi farmaci anticoagulanti orali. Le terapie anticoagulanti riguardano circa il 2 per cento della popolazione, e richiedono un notevole impegno. Si tratta di pazienti che vanno seguiti per tutta la vita sottolinea la direttrice dell'Ospedale, Simona Mariani. A questo proposito la giornata di studi sar aperta a tutti, pazienti e non. LAipa (Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati), nata a Padova nel 1987, unorganizzazione volontaria presente su tutto il territorio nazionale e ha come scopo principale il sostegno e lassistenza ai pazienti in terapia con farmaci anticoagulanti. La sezione di Cremona, fondata da Giuseppe Miglioli e oggi presieduta da Emilia Giordano, festeggia questanno i 20 anni di attivit e da sempre coopera attivamente con il Centro Emostasi e Trombosi dellAzienda Ospedaliera Cremonese diretto da Sophie Testa. Il Centro segue 4.452 pazienti in terapia anticoagulante orale con farmaci antivitamina K e sono gi una decina i pazienti in trattamento con i nuovi farmaci. Lorganizzazione del centro dal 2002 - in rete telematica con il territorio e, attualmente, sono 15 le sedi periferiche collegate - 13 con i gruppi di Medici di medicina generale e due case di riposo - dove afferiscono direttamente il 33% dei pazienti. La questione dei nuovi farmaci per il trattamento dei pazienti sar al centro del dibattito di sabato. Le novit terapeutiche per i pazienti sono molte e importanti e, soprattutto, determinano e determineranno un cambiamento dellattuale sistema gestionale. In generale, cos come per tutti i trattamenti farmacologici, si devono considerare 3 elementi principali che, non solo condizionano la scelta del trattamento, ma che ne definiscono i vantaggi ed i rischi sottolinea la dottoressa Testa, che pone l'accento sulla necessit di individuare nuovi modelli gestionali per la somministrazione dei farmaci. La valutazione e la scelta individualizzata del farmaco anticoagulante deve prendere in

I nuovi farmaci anticoagulanti S


La dottoressa Sophie Testa, direttore dell'unit operativa Laboratorio Analisi dell'Ospedale di Cremona

considerazione i criteri di efficacia, sicurezza, e tipologia di gestione del paziente Si tratta, peraltro, di farmaci molto costosi che, secondo le case produttrici, possono essere somministrati con meno controlli. In realt le cose non stanno cos, e a questo proposito si avviato un confronto con diverse case farmaceutiche, al fine di iniziare un percorso comune a tutela del paziente, che preveda una revisione delle modalit di comunicazione ma anche la realizzazione di protocolli sperimentali per verificare la migliore modalit di somministrazione dei suddetti farmaci Luso scorretto o inadeguato dei farmaci anticoagulanti orali comporta una maggiore incidenza di complicanze. I nuovi impegni per lAssociazione, anche alla luce dei diritti sanitari dei pazienti, dovranno essere molteplici rivolti a: favorire gli aspetti informativi/educazionali anche utilizzando le nuove tecnologie per migliorare le comunicazioni; rendere disponibile vademecum specifici per singolo farmaco e tesserini identificativi per i pazienti; supportare la ricerca nel campo dei trattamenti antitrombotici, al fine di migliorare lefficacia degli stessi; partecipare attivamente ai tavoli tecnici di politica sanitaria regionale e nazionale conclude la dottoressa Testa. Il ruolo dell'associazione Il lavoro dell'associazione quindi molto importante per la gestione dei pazienti e delle loro famiglie, soprattutto in merito alla somministrazione delle cure. L'Aipa ha fatto partire, dal 2013, un progetto intitolato Ai-

pa e le postazioni Tao: un nuovo modo di collaborare spiega la presidente Emilia Giordano. Scopo dell'iniziativa rendere costante il flusso di indormazioni tra associazione e postazione attraverso la presenza di volontari, ponendo l'attenzione alle necessit e alle problematiche eventualmente presenti al fine di migliorare la qualit di vita. Il convegno far il punto sul ruolo dell'associazione, portando l'intervento dei maggiori luminari della gestione della patologia, ma anche 70 presidenti Aipa provenienti da tutta Italia, che saranno a Cremona per l'occasione. I nuovi farmaci La terapia con anticoagulanti orali rappresenta il trattamento pi efficace in numerose condizioni cliniche quali la trombosi venosa profonda e lembolia polmonare, la fibrillazione atriale e le protesi valvolari cardiache. In Italia i farmaci anticoagulanti orali fino ad oggi disponibili sono stati acenocumarolo e warfarina, due farmaci anti-vitamina K ad azione anticoagulante indiretta (Avk). Recentemente, anche nel nostro paese, sono stati commercializzati i farmaci anticoagulanti ad azione diretta (cosiddetti nuovi anticoagulanti-Noa) dabigatran e rivaroxaban, mentre per apixaban ed edoxaban sono in corso le procedure registrative. Come in tutto il mondo occidentale anche nel nostro paese lutilizzo di farmaci anticoagulanti in costante aumento. Infatti, rapportando il consumo dei due farmaci Avk commercializzati in Italia, Coumadin e Sintrom, (dati

Bisogna verificare la migliore modalit di somministrazione

Aifa), con le dosi medie utilizzate, si stimato che i pazienti in trattamento anticoagulante nel 2008 siano stati circa 1.000.000, con un incremento del 30% rispetto al 2005 (10% su base annua) e una prevalenza nella popolazione generale che si aggira attorno al 1.5%. I quattro farmaci anticoagulanti orali ad azione diretta (Noa), di natura sintetica, hanno azione rapida, selettiva e reversibile del fattore X attivato (rivaroxaban, apixaban, edoxaban) e del fattore II attivato (dabigatran). Sono stati sviluppati e valutati in studi clinici condotti senza monitoraggio di laboratorio e questaspetto e stato considerato come un punto di forza per la semplificazione gestionale dei pazienti. In realt proprio gli stessi studi hanno per dimostrato la relazione tra aumento di complicanze emorragiche e tromboemboliche e le elevate o basse concentrazioni di farmaco misurate con test di laboratorio. Pertanto, se oggi in base alle attuali conoscenze non possiamo considerare il monitoraggio di Laboratorio come uno strumento routinario per la gestione del paziente in Noa, evidenziamo per le necessit sanitarie del paziente in trattamento con i nuovi farmaci anticoagulanti. Tali necessit sanitarie sono rappresentate da una visita medica iniziale nella quale siano determinate le corrette indicazioni o le eventuali controindicazioni farmacologiche e le visite periodiche di follow up, che possono avvenire con cadenza trimestrale. Il paziente deve essere informato ed educato alla corretta e costante assunzione del farmaco e dovr essere adeguatamente preparato per essere sottoposto ad interventi chirurgici o a procedure invasive, quali ad esempio colonscopie o biopsie.

a cura della dottoressa Annalisa Subacchi


Nutrizionista, specialista in test intolleranze alimentari e diete personalizzate, Test del DNA (Lattosio, Celiachia, Breath Test) Master in Nutrizione, Fitness e Sport Presidente ALIAC Onlus di Cremona
Gentilissima dottoressa Subacchi, quali sono i sintomi di unallergia al nichel? Puo portare a carenza nutrizionale, gonore e diarrea? Grazie Teresa Gentilissima Teresa, lallergia al nichel sempre pi diffusa e molto difcile diagnosticarla. Infatti questa allergia da contatto verso i metalli puo anche avere effetti estremamente negativi e fastidiosi se non stiamo attenti alla nostra alimentazione. Sono numerosi gli adulti e i bambini estremamente sensibili a questo metallo che presente in numerosi prodotti, dalle lampo alle bbie, dalle monete ai detergenti, dagli alimenti in scatola ai prodotti per i capelli. Ultimamente la stessa allergia da contatto provoca effetti negativi anche con lintroduzione di certi alimenti, forse per colpa dei cibi troppo rafnati, a causa dellaggiunta di coloranti e di additivi alimentari, il nostro intestino si modicato a tal punto che una persona su due accusa la sindrome del colon irritabile. Diarrea, stipsi, gonore, meteorismo aumento e diminuzione di peso sono patologie che vengono classicate sotto la dicitura SINDROME COLON IRRITABILE. I cibi in questione sono: lenticchie, fagioli, cacao, nocciole e liquirizia per citare quelli che ne contengono una buona quantit; poi ci sono molte verdure e frutti come asparagi, spinaci, cipolle, funghi, kiwi, pomodoro che comunque ne contengono quantit signicative. Che cosa bisogna fare? Si cosiglia in primis un check up per valutare la gravit della situazione. Poi si consiglia una dieta di esclusione nichel free. Dato che si tratta di diete drastiche, che eliminano per un certo periodo la maggior parte dei nutrienti, deve essere elaborato da un Nutrizionista in modo da bilanciare al meglio sia lintroito calorico sia quello vitaminico e nutrizionale della giornata. Una volta disintossicati dal nichel, e lo possiamo notare in quanto orecchini e braccialetti che prima non riuscivamo a portare ora portiamo, si reintroducono prima gli alimenti con poco nichel, poi quelli piu ricchi. La disintossicazione soggettiva: a volta dura un mese, altre volte sei.

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

di Ermanna Allevi

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)

Gentilissima Naturopata buongiorno e tantissimi complimenti per la sua rubrica, per il Magazine e per tutto quello che scrive, veramente brava. Desideravo sapere se c' qualcosa che si pu fare per ritardare la comparsa di (inevitabile, ho 60 anni) problemi all'occhio. Fiduciosa, un affettuoso saluto. Silvia L'occhio continuamente esposto a numerosi stress e fattori nocivi dell'ambiente esterno e i radicali liberi, che cos si riproducono, accelerano il deterioramento della vista. Per ritardare la comparsa di alcuni problemi dell'occhio viene in aiuto la vit.A (retinolo) fondamentale per la retina e per la vista. Si trova preformata negli alimenti oppure sottoforma di carotenoidi, che vengono trsformati in vit.A dall'organismo. I principali carotenoidi per la vista sono la luteina e la zeaxantina, pigmenti oculari contenuti nell'area centrale della retina, utile per filtrare i raggi luminosi e proteggere la retina grazie alla loro azione antiossidante. In natura la luteinasi trova nei vegetali verdi o gialli: broccoli, cavolini di Bruxelles, cavoli, spinaci, zucche. La zeaxantina si trova nel granoturco, tuorli d'uovo, succo d'arancia. Anche la vitamina C ed E protegge dai danni ossidativi all'occhio e il mirtillo migliora la microcircolazione nei capillari dell'occhio.
Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372. Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.

La dottoressa Subacchi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@nutrizionistabiologo.it oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it www.nutrizionistabiologo.it Facebook: Lisa Nutrizionista Cell. 366-4759134 La dottoressa Annalisa Subacchi riceve a: CREMONA: Ambulatorio MEDICENTER Via Giuseppina n.21 tel. 0372/434988 CREMONA: Ambulatorio MED Gadesco Pieve Delmona tel. 0372/803801 CREMA: Ambulatorio Santa Claudia Via La Pira n.8 cell. 366 4759134 MANERBIO: Poliambulatorio MINERVIUM Via Verdi 64 030 9937552

Taccuino

Sabato 21 Settembre 2013

21

numeri utili
Cremona
Via Parcaccia Via volontari del sangue, via del Maris Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Settembre

COMUNE DI CREMONA www.comune.cremona.it Centralino: 0372-4071 Urp: 0372-407291 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE www.provincia.cremona.it Centralino: 0372-4061 Urp: 0372-406233 PREFETTURA Centralino: 0372-4881

Via Migliaro, via Livrasco Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Novembre Via Milano (Cavatigozzi) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Ottobre

Via Persico Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Settembre

CARABINIERI Pronto intervento: 112 Centralino: 0372-5581 COMANDO FORESTALE DELLO STATO Centralino: 0372-410307 GUARDIA DI FINANZA Pronto intervento: 117 Centralino: 0372-21576 Nucleo di polizia tributaria: 0372-28968 POLIZIA MUNICIPALE Pronto intervento: 0372-454516 Centrale operativa: 0372-407427 POLIZIA STRADALE Comando provinciale Centralino: 0372-499511 QUESTURA Pronto intervento: 113 Centralino: 0372-4881 VIGILI DEL FUOCO Pronto intervento: 115 Centralino: 0372-4157511 PROCURA Centralino: 0372-548233 OSPEDALE DI CREMONA www.ospedale.cremona.it Centralino: 0372-4051 Centro unificato di prenotazione: 800 638 638 Emergenza sanitaria: 118 AZIENDA SANITARIA LOCALE DI CREMONA www.aslcremona.it Centralino: 0372-4971 Urp: 0372-497215 OSPEDALE DI CREMA www.hcrema.it Centralino: 0373-2801 Centro unico di prenotazioni: 800 638 638 Emergenza sanitaria: 118

Via Massarotti via Santa Tecla Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Settembre

Via Bissolati Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Settembre

Via Paracaccia, Via Volontari del Sangue, Via del Maris - cantiere per la ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine prevista: 30 settembre). Via Bissolati - cantiere per la sistemazione dei sottoservizi e sede stradale. (Fine prevista: 30 settembre). Via Migliaro, Via Livrasco - cantiere per la ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica. (Fine prevista: 30 novembre).

Via Milano localit Cavatigozzi - cantiere per la ristrutturazione della linea dell'illuminazione pubblica. (Fine prevista: 30 ottobre). Via Massarotti, Via S.Tecla - cantiere per la ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica. (Fine prevista: 30 settembre). Via Persico - cantiere per l'eliminazione delle interferenze per la realizzazione del sottopasso ferroviario. (Fine prevista: 30 settembre).
POLIZIA STRADALE Centralino: 0373-897311 POLIZIA DI STATO Centralino: 0373-897311 VIGILI DEL FUOCO: 115 Centralino: 0373-256222 PROCURA DELLA REPUBBLICA Centralino: 0373-878116 SERVIZI SOCIO-SANITARI DISTRETTO DI CREMA Centralino: 0373-899320

numeri utili
Crema COMUNE DI CREMA www.comunecrema.it Centralino: 0373-8941 Urp: 0373-894241

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE Urp Crema: 0373-899822 CARABINIERI Pronto intervento: 112 Centralino: 0373-893700 COMANDO FORESTALE DELLO STATO Centralino: 0373-82714

GUARDIA DI FINANZA Pronto intervento: 117 Centralino: 0373-256474 POLIZIA MUNICIPALE Pronto intervento: 0373-250867 Centralino: 0373-894212

numeri utili
Casalmaggiore COMUNE DI CASALMAGGIORE www.comune.casalmaggiore.cr.it Centralino: 0375 42668 AMMiNISTRAZIONE PROVINCIALE Centralino: 0375-42233 Centro per lImpiego Centralino: 0375-42213 CARABINIERI Pronto intervento: 112 Centralino: 0375-284500 POLIZIA MUNICIPALE Centralino: 0375-40540 POLIZIA STRADALE Centralino: 0375-42288 GIUDICE DI PACE Centralino: 0375-42273 OSPEDALE Centralino: 0375-2811 Centro unico di prenotazioni: 800 638 638 Emergenza sanitaria: 118 MUSEO DIOTTI www.museodiotti.it Centralino: 0375-200416 Museo del bijou Centralino: 0375-284423 TEATRO COMUNALE www.teatrocasalmaggiore.it Centralino: 0375-284434 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO Direzione: 0375-284020 Distretto Veterinario: 0375-284029

Previsioni meteo a cura di Dominique Citrigno per SPAZIOMETEO.com e Meteowebcam.it

Sabato 21 settembre

Domenica 22 settembre

Luned 23 settembre

MArted 24 settembre

Mercoled 25 settembre

Distretto di Cremona
PIEVE DOLMI SINELLI MARIA GIACOMINA Via Quaini, 10 26040 Pieve dOlmi Tel. 0372-626204 Orari Di Apertura Mattino: 08:10 - 12:10 Pomeriggio: 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO CASTELVERDE CASTELVERDE DI CAVIGGIA Piazza Municipio, 5 26022 Castelverde Tel. 0372-427346 Orari Di Apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO

Farmacie di turno Dal 20 al 27 Settembre


Volongo BELUFFI LUISA Via Garibaldi, 61 26030 Volongo Tel. 0372 845736 Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale SABATO POMERIGGIO CREMONA - FARMACIA 9 A.F.M. DI CREMONA S.P.A. VIA BRESCIA, 167 26100 Cremona Tel. 0372-434136 ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO Casalmaggiore ZANELLA AURELIO Via Cairoli, 2 26041 Casalmaggiore Tel. 0375 42322

Distretto di Casalmaggiore
Rivarolo del Re ed Uniti GHISELLINI SNC Via Aporti, 35 26036 Rivarolo del Re ed Uniti Tel. 0375 534016 Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale

Farmacie di turno e orari dei distretti sono consultabili sul sito: www.aslcremona.it

Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale

luned

SABATO

Distretto di Crema
CREMA GRANATA CARLO Via Matteotti, 17 26013 Crema Tel. 0373-256233 Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale: NO Izano DE MAESTRI MARCELLO Via S. Biagio, 4 26010 Izano Tel. 0373 789045 Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale Sabato pomeriggio Vailate SARTA ROBERTO Via Giani, 2 26019 Vailate Tel. 0363 84022 Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale Sabato Pomeriggio

Cultura &Spettacoli
Le fotografie di Carlo Mari in mostra
DondolandoArte atelier inaugura oggi alle 18 a Martignana Po la mostra fotografica di Carlo Mari dal titolo Fotografia contaminata. La mostra aperta dal giovedi al sabato dalle 17 alle 20. Carlo Mari, nato a Milano nel 1959, un fotografo eclettico di reportage; ha conosciuto il mondo sopra e sotto il mare, ma lAfrica lha stregato fin da quando era un bambino. Nellaffascinante paradiso dellAfrica orientale, infatti, vive per diversi mesi allanno a stretto contatto con la natura ed i popoli indigeni.

Lesposizione stata realizzata dal Antonio Scolari e dai volontari del Drum Bun

Lo Stradivari Quartett

La rassegna Stradivari Festival prosegue stasera alle ore 21 - presso lAuditorium G. Arvedi - con lensemble Stradivari Quartett, composto da quattro giovani e talentuosi interpreti: Xiaoming Wang, Sebastian Bohren, Lech Antonio Uszynski e Maja Weber, a cui sono affidati quattro strumenti del grande maestro della liuteria. Xiaoming Wang suona il violino Antonio Stradivari Aurea 1715, Sebastian Bohren il violino Antonio Stradivari King George 1710, Lech Antonio Uszynski la viola Antonio Stradivari Gibson 1734 e Maja Weber il violoncello Antonio Stradivari Bonamy Dobree - Suggia 1717. Il programma prevede Italienische Serenade di Hugo Wolf, Quartetto op. 74 n. 3 in sol minore Reiterquartett di Joseph Haydn, Verdis Traum (eseguito in prima nazionale) di Martin Wettstein, Quartetto in mi minore di Giuseppe Verdi. Lo Stradivari Quartett lunico ensemble al mondo ad esibirsi con strumenti originali del grande liutaio: capolavori perfetti sono affidati a giovani e talentuosi interpreti in un concorso di eccellenze, capace di esprime il palpito delle emozioni. Il programma, poi, contrappone laerea e trasparente delicatezza del timbro di Italienische Serenade di Wolf al carattere estroverso del Quartetto op. 74 n. 3 di Haydn, mentre la ricorrenza verdiana occasione per un doppio omaggio al Cigno di Busseto, con lesecuzione del Quartetto in mi minore e di Verdis Traum, pagina contemporanea ispirata allopera Macbeth. Costo del biglietti 25 in vendita presso la biglietteria del Teatro Ponchielli (aperta dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 19.30), oppure presso la biglietteria del Museo del Violino (aperta dalle 10 alle 18).

Lo Stradivari Quartett questa sera in concerto

Bambini del mondo in una mostra fotografica


dalla redazione

I volti di tanti, tantissimi bambini, dallAfrica allAlbania, fino in Romania. I loro sguardi, i giochi, le case, il lavoro. Tutto in una mostra fotografica dal titolo Bambini futuro del mondo, realizzata e allestita in via Bonomelli 79 (gruppo Sol.Co) dal fotografo Antonio Scolari e dai volontari Drum Bun, gruppo cremonese che organizza esperienze di volontariato giovanile in Romania e Albania. La mostra stata inaugurata ieri pomeriggio alla presenza del vescovo di Cremona Dante Lafranconi e delle autorit. Liniziativa sostenuta dal Servizio per il Disagio giovanile della Diocesi di Cremona e dalla Cooperativa Sociale Nazareth, entrambi anche collaboratori del progetto Drum Bun. L'occasione? I volontari Drum Bun festeggiano i quindici anni di attivit. Era il 1998, infatti, lanno del primo viaggio in Romania, nato dalla volont di condividere le opportunit educative presenti a Cremona con bambini,

Uno degli scatti in mostra

giovani e adulti in situazione di difficolt, abbandono e emarginazione. Negli anni, il progetto si allargato e arricchito. Dal 2006 il gruppo assicura una presenza continuativa anche in Albania. In quindici anni decine e decine volontari, cremonesi e non, hanno partecipato alle esperienze Drum Bun (ogni anno circa quaran-

ta). La mostra a ingresso gratuito e rimane aperta ogni giorno (sabato e domenica compresi, fino al 6 ottobre) dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle ore 16 alle ore 18.30. Ha il patrocinio del Comune di Cremona ed inserita nel programma della festa del volontariato 2013 promossa dal Cisvol (Centro servizio per il volon-

tariato). In questi quindici anni dichiarano i volontari Drum Bun - e lo diciamo con la giusta soddisfazione, abbiamo accompagnato tantissimi giovani volontari cremonesi non solo a vivere delle buone esperienze, ma a maturare, anche al ritorno, una chiara consapevolezza di servizio al territorio dove si abita. Senza nessuna enfasi, vorremmo ricordare i 15 anni di questa esperienza. E nata una mostra fotografica, frutto di alcuni nostri scatti e, soprattutto, delle splendide fotografie di Antonio Scolari che ha trovato nel viaggio una dimensione importante di vita e che ci aiuta ad allargare sempre i nostri orizzonti. Ricordiamo che da quindici anni la Diocesi di Cremona - Servizio per il disagio nellet evolutiva, in collaborazione con la Coop. Nazareth, promuove una bellissima esperienza di volontariato giovanile (il gruppo si chiamato Drum Bun - buon viaggio) in Romania e in Albania, dove sono purtroppo note le condizioni di forte povert e di abbandono, soprattutto dei minori.

LOpera Galleggiante Festival propone stasera alle 21 a Cella Dati (a Villa Ugolani Dati) il Teatrino della Marignana in Vite senza fine - Storie del secolo scorso di e con Gigio Brunello, regia di Gyula Molnar, scenofonia di Lorenzo Brutti. Vite senza fine un eccezionale gioiello di teatro. Uno spettacolo perfetto in cui il teatro di narrazione incontra il teatro di figura con ritmo e poesia ineguagliabili. Lo spettacolo la storia di un posto vero, di nomi e cognomi e di conoscenze e manualit del lavoro, di un mondo analogico, antecedente e

LOpera Galleggiante Festival propone Vite senza fine


opposto al digitale: un mondo nel quale il lavoro significava mani. Brunello mette in scena il concetto di comunit. Unelegia che si svolge in un paesaggio di presepe laico dove convivono il sacro e il profano, fra tenerezza struggente del ricordo, ironia del destino, comicit degli aneddoti, dolcezza dei giorni perduti, nostalgia di una societ non alienante e non alienata. Brunello parler per tutti gli abitanti e con loro, in un clima di devozione immensa, di amore tenero e affezionato verso quel micromondo di piccoli omini che muove con le sue

mani, illumina sapientemente, quasi accarezza. Si guarda e si osserva in un clima rapito questo grande viaggio nel cuore umano: siamo tornati indietro nel tempo, come quando si giocava con i pupazzi o si sta raccontando un pezzo della nostra storia? Entrambe le cose se a farlo ci sono un abile narratore, un testo lieve e commovente, una regia attenta e degli oggetti bellissimi. Prossimo appuntamento con la rassegna e per gioved 26 settembre alle 21 al Teatro Vittoria di Viadana con Tre atti unici di Anton Cechov.

La 30 edizione propone tre giovani talenti: si comincia con il 13enne Gabriele Duranti
di Tiziano Guerini Parte con domani la 30 edizione del Festival pianistico Mario Ghislandi. Crema continua cos a ricordare la figura di questo suo grande musicista, promuovendo su iniziativa dellIstituto Musicale Folcioni e del Comune di Crema e poi grazie allintraprendenza del Centro culturale diocesano Gabriele Lucchi, il Festival pianistico che porta lustro alla memoria di Mario Ghislandi, illustre giovane pianista morto in un drammatico incidente nelle acque dellAdda nel luglio del 1965. Il Festival occasione per lesibizione e la partecipazione ormai ambta dai giovani pianisti italiani e del mondo e

Domani al via il Festival pianistico Ghislandi


questanno proporr al pianoforte tre grandi nomi: come detto, si incomincia domani allAuditorium Manenti - chiesa di S. Bernardino, ore 21, con Gabriele Duranti giovane talento cremasco di soli 13 anni, gi vincitore di diversi premi nazionali ed internazionali, allievo dellIstituto musicale Folcioni e diplomato presso il Conservatorio Luca Marenzio di Brescia. Il programma prevede musiche di Scarlatti, Beethoven, Schuman e Rachmaninoff. Nelle due domeniche successive sar la volta della cinese Jin Ju (domenica 29 settembre) e di Roberto Corlian (domenica 6 ottobre), titolare della cattedra di pianoforte presso il conservatorio T. Schipa di Lecce. opportunit per far conoscere direttamente alla Regione quanto in tutti questi anni il Centro Ricerca di piazza Premoli a Crema ha fatto per mantenere e diffondere cultura, specie attraverso il recupero e la valorizzazione della memoria storica della citt e del suo territorio, attraverso importanti pubblicazioni, mostre, filmati, incontri con i cittadini

Le opere di Tamburro in mostra a Crema

Antonio Tamburro

La pianista Jin Ju

Mercoled 11 settembre alla sede del Cisvol di Crema (Centro di servizio per il volontariato) stato presentata la 15 edizione della Festa del volontariato di Crema. Giuseppe Strepparola e Nicola Cappabianca , rappresentanti del Forum territoriale del Terzo Settore, Giorgio Reali, presidente del Cisvol, la responsabile del Cisvol Elena Crotti e Maruska Ronchi, dellAssociazione K, hanno presentato il programma della festa, che questanno ha riscosso notevole successo con 55 associazioni partecipanti. La festa svolge oggi in piazza Duomo dalle 10 alle 19. Il programma prevede alle 16 lo spettacolo dellAssociazione K dal titolo Nuovi colori nellaria, alle 17 dimostrazione di arti

Oggi la Festa del volontariato Il compositore Arevalos a teatro


orientali dellassociazione Tartaloto e alle 17.30 il concerto del cantautore Pier Solzi. Sar presente anche un corner speech in cui si alterneranno testimonianze delle varie associazioni. In serata la festa continua con il concerto degli Arm On Stage e Carlo Pestelli alle 21, organizzato dallAssociazione K, Enercom, lassessorato alla Cultura di Crema, il gruppo Pantel e lassociazione Madzi. Altri appuntamenti del Cisvol da ricordare sono la Marcia della Pace LodiCrema il 6 ottobre, il seminario erbe essenziali: il volontario di fronte alla crisi a ottobre e il convegno Agenda Welfare e invecchiamento nel territorio cremasco a novembre. Massimo De Grazia

Lassessore in visita al Galmozzi

Importante presenza nei giorni scorsi al Centro Ricerca Alfredo Galmozzi di Crema dellassessore alla Cultura della Regione Lombardia, Cristina Cappellini. Una visita propiziata dalla diretta conoscenza dellassessore da parte di alcuni esponenti del Centro e presentata dal presidente Felice Lopopolo come unimportante

In diretta sinergia con la mostra Aion di giochi di giardini e altre delizie di Vanni Cuoghi, in atto in questi giorni al Museo Civico S. Agostino in piazzetta W. De Gregory a Crema, sabato 28 settembre, alle ore 21 al teatro San Domenico di Crema si terr una performance del compositore Matteo Ramon Arevalos, cui seguir unasta benefica a favore della fondazione San Domenico. Il musicista e compositore Matteo Ramon si esibir sul palco in una performance al pianoforte. Per loccasione egli ha appositamente composto una rivisitazione de La Folia, noto tema musicale popolare portoghese originato tra i secoli XVI E XVII. Durante la performance musicale, Matteo Ramon Arevalos metter in scena una vera e propria battaglia rinascimentale: le sagome di alcune figure, soldati, armigeri, cavalieri, realizzate da Vanni Cuoghi saranno, infatti, montate sul basamento di rame delle corde del pianoforte, creando una insolita contaminazione fra generi artistici. AUSTROUNGARTE Prosegue il settembre di AustroungArte Artisti & Associati con la mostra di pittura inaugurata la scorsa settimana presso Santa Maria di Porta Ripalta in via Matteotti 46 a Crema. Bella esposizione di opere di pittura degli artisti di A&A e di artisti ospiti. Questa sera, con inaugurazione alle ore 18, la mostra di pittura sar sostituita con lesposizione delle opere di fotografia; mentre alle ore 21 presso il mercato Austroungarico di piazza Trento e Trieste, la compagnia Un teatro proporr lopera teatrale di Henrik Ibsen, Casa di bambola.

Dopo Monaco di Baviera nello scorso luglio e prima di esporre in America, il pittore Antonio Tamburro inaugura a Crema una sua esposizione, questa sera alle ore 18 nella galleria Arteatro, i chiostri della Fondazione San Domenico in via Verdelli 6 a Crema. Artista di fama internazionale innumerevoli le sue mostre allestero molisano di nascita e di residenza, ma ha vissuto anche parecchi anni a Perugia - Tamburro esprime una pittura di forte cromatismo, di stampo espressionista, privilegiando quadri a tema: il genere sportivo (ciclismo, olimpiadi), il ritratto (ha dipinto un ritratto di papa Benedetto XVI esposto in Vaticano), le tematiche Jazz. Ho scoperto Crema, bellissima citt ha rivelato lartista - rispondendo alle sollecitazioni dellamico Umberto Cabini che da tempo mi aveva invitato ad esporre in questa citt: finalmente ho trovato il momento giusto e ne sono felice. La mostra a Crema di Tamburro durer dal 21 settembre al 13 ottobre: una trentina di quadri in prevalenza nei chiostri del San Domenico, ma alcuni verranno esposti anche a Contract in via Stazione 86. Dice Antonio Chessa, consigliere della Fondazione San Domenico presentando levento: Con Antonio Tamburro abbiamo in citt una presenza artistica di grande valore che sicuramente dar ulteriore impulso alle manifestazioni darte di Crema, anche come stimolo per uscire dalla crisi economica attraverso la cultura.

lo
lettere@ilpiccologiornale.it

SPORT

Responsabile Fabio Varesi

In attesa dellesito del ricorso dopo la sfida di Bergamo i grigiorossi sono impegnati per la prima volta nel pomeriggio

Cremo dassalto domani con il Savona


AlbinoLeffe-Cremonese Feralpi Sal-Lumezzane Reggiana-Pro Vercelli San Marino-Como Savona-Pro Patria Sud Tirol-Pavia Vicenza-Carrarese Virtus Entella-U. Venezia

Crema cerca il riscatto col Mariano

ECCELLENZA
Dopo la secca sconfitta di Verdello (2-0), il Crema prova subito a rialzarsi ospitando il Mariano (fermo a un punto in classifica). Nuovo turno casalingo per la Rivoltana, che dopo aver pareggiato (0-0) con il Fanfulla, cerca domani la prima vittoria stagionale. CLASSIFICA (2 GIORNATA) Ciserano, Sondrio Calcio, Verdello 6; Ardor Lazzate, Cavenago 4; Cisanese, Crema, Galbiatese Oggiono, Trevigliese 3; Real Milano 2; Desio, Mariano, Fanfulla, Rivoltana 1; Villa DAlme, Base 96 Seveso 0.

anta voglia di Cremonese. Cresce lattesa nellambiente grigiorosso per il primo impegno pomeridiano della nuova formazione di Torrente, che sar di scena domani allo Zini contro il Savona. Una sfida da tre punti, che tuttavia, raccoglier le insidie di unavversaria che verr a Cremona per vendere cara la pelle, consapevole di non avere nulla da perdere al cospetto di una formazione sulla carta decisamente pi quotata. La formazione ligure, al momento ha conquistato solo tre punti nelle prime tre gare di campionato, vincendo tra le mura amiche la scorsa settimana contro la Pro Patria. Una situazione, daltronde, alla quale Abbruscato e compagni dovranno fare il callo in fretta, visto che si ripeter a lungo nel corso di questa stagione. Anche in vista di questo aspetto, mister Torrente in settimana ha provato un modulo ancora pi offensivo come il 4-2-4, con una doppia bocca da fuoco centrale composta da Abbruscato a fare da apripista per la voglia matta di gol di Brighenti ed il supporto di due esterni offensivi. Una soluzione adatta soprattutto a incanalare fin da subito in modo offensivo le sfide casalinghe contro formazioni che calcheranno il prato dello Zini allinsegna del prima non prenderle, chiudendosi a riccio attorno alla propria area di rigore. E il Savona potrebbe essere una di queste. Da verificare le condizioni di Abbate, uscito ferito in seguito ad uno scontro di gioco avvenuto

2-2 0-3 1-2 2-0 1-0 4-0 2-0 2-1

IL PROSSIMO TURNO (22-9 H 15)


Carrarese-Reggiana, Como-Sud Tirol, Cremonese-Savona, Lumezzane-Virtus Entella, Pavia-San Marino, Pro PatriaAlbinoLeffe, Pro Vercelli-Feralpi Sal, Unione Venezia-Vicenza (21-9 h 20.45).
nellamichevole di gioved scorso contro la Berretti di mister Montorfano. Il terzino, tuttavia, potrebbe farcela. Nel frattempo, la prossima settimana dovremmo conoscere lesito del ricorso effettuato nei confronti dellAlbinoLeffe, che potrebbe regalare la terza vittoria consecutiva (seppur a tavolino) alla Cremonese. PROBABILE FORMAZIONE (4-2-4): Bremec;
Simone Palermo in azione contro lAlbinoLeffe (foto IvanoFrittoli)

CLASSIFICA - GIRONE A

LEGA PRO Torrente sta pensando a uno schieramento offensivo per centrare la terza vittoria stagionale
di Matteo Volpi

PRIMA DIV. 2 GIORNATA

Pro Vercelli Virtus Entella AlbinoLeffe Cremonese Vicenza SudTirol Reggiana Carrarese Lumezzane Pavia U. Venezia Feralpi Sal San Marino Savona Como Pro Patria

9 9 7 7 6 4 4 3 3 3 3 3 3 3 3 0

Abbate (Avogadri), Caracciolo, Bergamelli, Visconti; Loviso, Palermo; Casoli, Brighenti, Abbruscato, Carlini. All.: Torrente POSTICIPO La gara Cremonese-Como, valevole per la 6 giornata del girone di andata del campionato di Priva Divisione Lega Pro verr disputata sabato 12 ottobre 2013, con orario di inizio 20.45. La gara sar trasmessa in diretta su Rai Sport 1.

COPPA ITALIA Il primo turno della fase finale della Coppa Italia Lega Pro vedr impegnati i grigiorossi contro il Bassano Virtus. La gara, ad eliminazione diretta in gara unica, si svolger mercoled 2 ottobre 2013 allo Stadio Zini di Cremona, con orario ancora da definire. La vincente affonter nel secondo turno la vincente della gara Spal-Unione Venezia.

Partenza sprint per i gialloblu (7 punti in tre partite), ma nessuno si monta la testa. Domani trasferta insidiosa contro il Vecomp Verona
di Tiziano Guerini E facile commentare una vittoria ottenuta con la ex prima della classe, giocando con intensit e qualit; meno facile parlare di una partita con ben tre rigori (due per la Pergolettese e uno per il Real Vicenza); per non dire di un quarto, a partita pressoch chiusa, sempre a favore della Pergolettese, che larbitro ha ritenuto fosse eccessivo concedere. E cos la Pergolettese confeziona 4 rigori in tre partite. Ma sarebbe ingeneroso parlare di fortuna e sicuramente sbagliato parlare di favoritismi: il fatto che gli attaccanti del Pergo si muovono in continuazione (vedi Bardelloni), si scambiano passaggi intelligenti (come Jeda), siinfilano in area in velocit (leggi Sambugaro): tradotto, i rigori se li procurano con intelligenza e qualit di gioco. Senza nulla togliere allattacco e alla difesa, autori di una partita impeccabile (a parte il rigore con un fallo forse inutile), un famoso commentatore di calcio scriveva che le partite si vincono a centrocampo: per questo a mio modo di vedere i migliori sono stati Tacchinardi e Zanola. Il primo rigore arriva al 35 per fallo del portiere (ultimo uomo e quindi espulso come da regolamento) su Bardelloni: tiro di Jeda e gol. Ma non un caso: da qualche minuto la Pergolettese batteva alluscio del Real Vicenza. Al 17 Tomei parava con difficolt quella che era parsa una palla-gol di Bardelloni. Nella ripresa dopo 3 minuti con un colpo di testa di capitan Scietti, dopo un batti e ribatti da calcio dangolo, arrivava finalmente anche un gol su azione. Un secondo rigore veniva concesso al 17, stavolta a favore del Real Vicenza: a segno il capocannoniere Alessandrol. Al 29 per il Pergo chiudeva di fatto la partita con un nuovo rigore: stavolta toccava a Bardelloni fare gol. Sotto una pioggia battente dallinizio della partita, il Real Vicenza si arrendeva. E cos la Pergolettese, una neo promossa, si ora in testa alla classifica. Calma e gesso, naturalmente: siamo solo agli inizi. E quanto conferma lo stesso dg Cesare Fogliazza: Gi nelle partite di pre-campionato avevamo avuto segnali positivi dalla squadra che pur si stava formando; poi con larrivo di giocatori pi espert Jeda e Sambugaro - si trovato un buon equilibrio e abbiamo fatto delle buone partite per un campionato che comunque rimane per noi difficilissimo. La marcia in pi per noi lallenatore. Quella di Alessio

La Pergolettese prima e non soffre di vertigini

Il gol di Scietti al Real Vicenza

Tacchinardi stata la scelta giusta: daltra parte avendolo visto impegnato nelle squadre minori, sapevo della sua professionalit, della sua capacit di caricare la squadra e i singoli giocatori. Margini di miglioramento? Il Pergo una squadra che sa stare in campo, ben strutturata, gi con una buona amalgama e una sua logica di gioco. Sono qualit importanti che non possono che migliorare con lallenamento, giocando tutte le domeniche con avversarie che non concedono niente, con lesperienza dei pi giovani che

si accumula, in una parola con limpegno e il lavoro. Come in tutte le cose della vita. Domani, intanto, sulla strada del Pergo c ancora una squadra veneta, la Vecomp Virtus Verona. I rossoblu scaligeri (tre squadre professioniste nel calcio per la citt di Verona!) dopo aver militato per anni nel mondo dei dilettanti, sono approdati questanno in Lega Pro, grazie al ripescaggio. Squadra di quartiere Borgo Venezia la Vecomp Verona presenta loriginalit di avere come allenatore il suo stesso presidente, Luigi Fresco.

Un modo sicuro perch lallenatore non venga mai licenziato dal suo presidente! La Virtus Vecomp una squadra con 5 punti in classifica e non male per una neo-promossa dopo tre partite di cui due fuori casa; anzi, la scorsa domenica, fuori casa, si presa il lusso di battere per 2-0 il quotato Mantova. Ma nella partita di domani, che si giocher a Legnago, sar tutta unaltra musica. 3 GIORNATA Bassano-Spal 2-1, BraDelta Porto Tolle 0-3, Castiglione-Bellaria 1-1, Mantova-Vecomp 0-2, Monza-Alessandria 2-1, Pergolettese-Real Vicenza 3-1, Renate-Cuneo 1-1, SantarcangeloRimini 1-1, Torres-Forl 2-3. 4 GIORNATA (22-8 h 15) Alessandria-Castiglione, Bellaria-Bra, CuneoBassano, Delta Porto Tolle-Santarcangelo, Forl-Mantova, Real Vicenza-Monza, Rimini-Renate, Spal-Torres, VecompPergolettese. CLASSIFICA Pergolettese, Bassano 7; Real Vicenza, Forl 6; Delta Porto Tolle, Monza, Vecomp Verona 5, Santarcangelo, Rimini, Renate, Cuneo 4; Bellaria Igea Marina, Castiglione, Alessandria 2; Spal, Torres, Mantova, Bra 1.

24

Sabato 21 Settembre 2013

Sport
CALCIO NAZIONALE CALCIO PROMOZIONE

Anche se in modo diverso, Napoli (pi convincente) e Milan si sfidano domani sera a S. Siro in un match ricco di spunti interessanti. Pi semplice il compito che attende la Juve (contro il Verona), dopo linatteso pari di Copenaghen. Nel pomeriggio fari puntati anche sul derby di Roma, mentre una Fiorentina incerottata rischia a Bergamo. 3 GIORNATA Fiorentina-Cagliari 1-1, Inter-Juventus 1-1, Lazio-Chievo 3-0, Livorno-Catania 2-0, Napoli-Atalanta 2-0, Parma-Roma 1-3, Sampdoria-Genoa 3-0, Torino-Milan 2-2, Udinese-Bologna 1-1, Verona-Sassuolo 2-0. 4 GIORNATA (22-9 H 15) Atalanta-Fiorentina, BolognaTorino, Cagliari-Sampdoria (21-9 h 18), Catania-Parma (21-9 h 18), Chievo-Udinese, Genoa-Livorno (21-9 h 20.45), Juventus-Verona, Milan-Napoli (h 20.45), Roma-Lazio, Sassuolo-Inter (h 12.30). CLASSIFICA Napoli, Roma 9; Inter, Fiorentina, Juventus 7; Livorno, Lazio, Verona 6; Milan, Udinese, Torino, Cagliari 4; Atalanta, Genoa 3; Bologna 2; Parma, Sampdoria, Chievo 1; Catania, Sassuolo 0.

Serie A, fari puntati Serie B, testa-coda su S. Siro e sul derby per lEmpoli in fuga

Il primato dellEmpoli non certo una sorpresa e il testacoda con il Padova potrebbe permettere ai toscani di inscenare una prima fuga. Vedremo se il ritrovato Palermo (impegnato a La Spezia) sapr rispondere alla squadra di Sarri. 4 GIORNATA Bari-Modena 1-0, Carpi-Empoli 0-2, Cittadella-Latina 0-0, Crotone-Spezia 1-0, Juve Stabia-Siena 2-2, Novara-Padova 1-0, Palermo-Cesena 2-1, Trapani-Reggina, 4-0 Ternana-Brescia 1-2, Varese-Pescara 3-2, Virtus Lanciano-Avellino 1-0. 5 GIORNATA (21-9 h 15) Avellino-Varese, Brescia-Crotone, Cesena-Carpi, Cittadella-Juve Stabia, Empoli-Padova, Modena-Trapani, Latina-Virtus Lanciano (20-9 h 19), Pescara-Bari, Reggina-Novara, Siena-Ternana, Spezia-Palermo (20-9 h 21). CLASSIFICA Empoli 10; Trapani, Virtus Lanciano 8; Palermo, Varese, Novara, Avellino 7; Brescia, Cesena 6; Siena (-2), Pescara, Modena, Reggina 5; Ternana, Spezia, Crotone 4; Carpi, Cittadella 3; Bari (-3), Latina 2; Juve Stabia 1; Padova 0.

La Casalese prosegue il suo campionato allinglese, ma in senso contrario. Un altro 0-2 ha condannato alla sconfitta i biancocelesti di Agazzi al cospetto della forte Castellana. Ma se il ko interno allesordio contro il Carignano aveva lasciato lamaro in bocca per la prestazione deludente di una Casalese senza carattere, lo stesso risultato sempre in casa contro i piacentini ha un amaro che deriva dalla delusione per una gara che avrebbe potuto indirizzarsi diversamente. Nel primo tempo, chiuso sullo 0-0, la Casalese ha colpito due volte lincrocio con due tiri da fuori, prima di Cozzini poi di Franchi. Ad inizio ripresa lingenuit di Franchi ha provocato il rigore dello 0-1, poi lespulsione di DallAsta per una reazione nei confronti di Caritatevoli che aveva commesso fallo: il giudice in settimana ha affibbiato 3 turni di stop alla punta e 2 al difensore. Inoltre, ha squalificato per due giornate il portiere di riserva casalese Pancanti per proteste a fine gara. Domani si torna a Brescello dopo il 2-4 di Coppa. Nel girone F lombardo, replica dei risultati dellesordio: vittoria della Luisiana, pari del Casalbuttano e ko della Soresinese. CLASSIFICA (2 GIORNATA) Bibbiano, Castellana, Montecchio 6; Castelnovese, Basilica 2000, Terme Monticelli 4; Carignano, Medesanese, Ciano 3; Cadelbosco, Fontana Audax, Traversetolo 2; Brescello, Soragna, Valtarese 1; Biancazzurra, Casalese, Povigliese 0. Simone Arrighi

La Casalese ha mostrato alcuni segnali di crescita

Vanoli incompleta, ma in crescita


Sostituito Watson con Kelly, la societ prova lala lettone Ernests Kalve. Domani alle 18 test con Montegranaro
er la prima volta in pre-season, la Vanoli si esibita al PalaRadi, cio davanti al pubblico amico, accorso numeroso per loccasione a conferma dellinteresse che circonda la squadra di Luigi Gresta. I biancoblu hanno battuto un avversario di peso, la Cimberio Varese, per 82-72 (17-22, 39-37; 61-48). Il punteggio non rispecchia del tutto quanto ha detto il campo, poich a 3 minuti dalla fine quando era in vantaggio di 15 lunghezze, coach Gresta ha dato spazio anche ai giovanissimi sostituti e la Cimberio, al completo, ha potuto riavvicinarsi leggermente. Erano partiti forte i varesini, tanto da chiudere sul 22-17 in loro favore il primo quarto, con la Vanoli che faticava ad arginarne le iniziative. Poi per, soprattutto in virt di una ritrovata precisione offensiva ed una migliore organizzazione a copertura del proprio canestro, Rich, Chase e compagni prendevano decisamente in mano il pallino del gioco (61-48 al 30). Pur inferiore sul piano fisico (dominante in area Varese con il centro Hassel, padrone dei rimbalzi), con la panchina cortissima, (ancora assente per infortunio il play Woodside e con il nuovo centro Curtis Kelly arrivato a Cremona il mattino alle 8 per sostituire Watson, al quale Gresta ha concesso 5 nel primo quarto, tanto per consentirgli di salutare festante il pubblico cremonese) e ancora senza lala forte da ingaggiare (Czyz o Hubalek?), la Vanoli ha giocato

LEGA A Malgrado le tante assenze la squadra di Gresta ha fornito una buona prestazione contro Varese
di Giovanni Zagni Nel secondo test di precampionato le azzurre del Basket Team Crema sono passate a Broni al termine di una gara molto convincente e sotto certi aspetti andata ben oltre le aspettative. Era una amichevole, ma si trattata di una partita vera che sicuramente ha portato utili indicazioni ad entrambi i tecnici. Rispetto al primo test contro il Lussana, coach Visconti ha devuto fare a meno di Castorani, ma ha recuperato Gibertini e Zagni, che si sono aggregate al gruppo. Tra un mese inizier il campionato e se il buon giorno si vede dal mattino, il Basket Team Crema potr fare ancora una bella figura. BRONI-BASKET TEAM CREMA 54-62 (11-9, 26-26; 33-50) CREMA: Bertolli, Zagni 4, Scarsi, Capoferri 16, Giosu, P. Caccialanza 15, Sforza, Gibertini 6, S. Caccialanza, Rizzi 9, Picotti 12. All.: Visconti. Domani alle 17 le azzurre sfideranno lAlbino, mentre mercoled alle 19 saranno impegnate sul parquet della Geas. DNC A sorpresa il Pizzighettone (di categoria inferiore) si aggiudicato il Trofeo Toninelli. I rivieraschi hanno superato in semifinale lErogasmet Crema (70-58) e in finale lMG K.Vis Piadena per 86-74. LErogasmet ha poi colto il 3 posto battendo la Sas Lic Verolanuova (72-63). Alle due formazioni di Dnc serve ancora tanto lavoro per raggiungere la forma migliore.

Team Crema a segno anche contro il Broni


SERIE A2

La presentazione della Vanoli in piazza Marconi (foto Mario F. Rossi)

un buon basket, sfruttando al meglio le sue peculiarit: tiro da fuori, inventiva, ardore agonistico e classe individuale. Varese ha sofferto queste frecce acuminate ed ha pagato dazio. Lo stato di forma dei pochi disponibili parso gi buono, a quasi un mese dallinizio del campionato. Da migliorare, ovviamente, qualche meccanismo. Individualmente, un figurone hanno fatto Jason Rich e Brian Chase, il primo premiato alla fine come miglior atleta in campo, ma note positive anche per Spralja, Ndoja, Jackson ed Antonelli. Apprezzato lapporto dei giovani Marchetti e Deme. Ora speriamo che Kelly si inserisca al meglio, che finalmente il play Woodside possa illuminare ancor di pi la scena e che lala forte da individuare sia all'altezza delle aspettative, per poter garantire uno spettacolo sempre vibrante e tecnicamente valido, che porti a tante soddisfazioni come gli appassionati

meritano. Insomma, ci pare siamo sulla strada giusta per vivere una importante avventura sportiva. I TABELLINI Vanoli Cremona: Chase 20, Marchetti 3, Jackson 9, Deme 1, Spralja 14, Antonelli 4, Robinson 3, Fontana, Rich 22, Ndoja 6, Kelly. All.: Gigio Gresta. Cimberio Varese: Scekic 4, Sakota 14, Coleman 8, Rush 11, Clark 3, De Nicolao 2, Balanzoni, Affia, Raffa 3, Mei, Hassel 19, Polonara 8. All.: Fabrizio Frates. LETTONE IN PROVA Da oggi si aggrega alla squadra, per un periodo di prova, lala lettone Ernests Kalve. Ala forte di 2 metri, classe 1987, Kalve ha disputato l'ultima stagione in Ungheria con lo Szolnok, squadra con la quale sceso in campo nel campionato magiaro, nellAdriatic League e in EuroChallenge. In quest'ultima competizione ha segnato 14.3 punti e catturato 5.6 rimbalzi nei 10 incontri disputati.

Nel 2005-2006 ha vinto lo scudetto con la Benetton Treviso. ALTRI TEST Ricordiamo che prima di battere la quotata Cimberio Varese, la Vanoli aveva gi dato segnali positivi, nel match di domenica scorsa con Reggio Emilia, perso 86-80 (16-16, 38-32; 61-52, 68-68) dopo un supplementare, malgrado le numerose assenze (Chase 17, Jackson 16, Rich 22). E domani (ore 18) i biancoblu tornano al PalaRadi per sfidare Montegranaro. EUROPEI Ancora una volta la Lituania (poi finalista) ha sbarrato la strada allItalia agli Europei. Fatale agli azzurri lultimo quarto, dopo 30 di ottimo basket. La squadra di coach Pianigiani (sconfitta ai quarti 81-77), ha steccato anche contro lUcraina (66-58), crollando ancora una volta negli ultimi 10. Oggi alle 17.30 ultima chance di qualificarsi per i Mondiali 2014 nella sfida per il 7 posto contro la Serbia.

Formula 1: Vettel vola a Singapore

Ora o mai pi. Dopo aver fallito lobiettivo a Monza, Alonso non ha alternative: o vince domani il Gp di Singapore (sul circuito di Marina Bay), oppure deve dire definitivamente addio ai sogni iridati. Oltre ad aggiudicarsi la gara, lo spagnolo della Ferrari deve sperare in un aiuto di Vettel, che per non sbaglia un colpo. Nelle prime prove libere di ieri il pi veloce stato Hamilton ed ha preceduto le due Red Bull di Weber e Vettel (solo 7 Alonso). Al pomeriggio, invece, c stato un dominio di Vettel, davanti a Webber e alle Mercedes di Rosberg e Hamilton. Solo sesto Alonso e addirittura 15 Massa. CLASSIFICA 1) Sebastian Vettel (Red Bull) 222; 2) Fernando Alonso (Ferrari) 169, 3) Lewis Hamilton (Mercedes) 141, 4 Kimi Rikknen (Lotus) 134, 5) Mark Webber (Red Bull) 130. IN TV Oggi alle 12 le prove libere 3 (diretta su Sky Sport F1 e Rai Sport 1) e alle 15 le qualifiche (diretta su Sky Sport F1 e Rai 2), Domani alle 14 la gara (diretta su Sky Sport F1 e Rai 1).

MotoGp: Valentino Rossi abbonato al 4 posto


MOTORI
Vale Rossi in gara a Misano (fotoservizio Michele Piech) Jorge Lorenzo dopo il trionfo

Il podio di Misano

Neppure il tifo dei suoi tanti sostenitori, accorsi a Misano per il Gp di San Marino, servito a spingere Velentino Rossi sul podio. Il pesarese ancora una volta arrivato quarto, piazzamento al quale sembra abbonato. Sarebbe stato bello salire sul podio - ha detto Rossi per i tifosi e per tutto il pubblico, ma purtroppo non ce lho fatta. Del resto, stato preceduto dalla pattuglia iberica, al momento fuori postata per tutti. Ha vinto Jorge Lorenzo, davanti a Marc Marquez e a Dani Pedrosa, ma il giovane Marquez mantiene saldamente la vetta della classifica e non ha alcuna intenzione di cedere il passo ai

suoi pi esperti rivali. Ricordiamo che il circuito di Misano da questanno dedicato a Marco Simoncelli, grande amico di Valentino. Prossimo appuntamento domenica 29 settembre in Spagna per il Gp di Aragona. CLASSIFICA MOTOGP 1) Marc Marquez (Honda) 253 punti, 2) Dani Pedrosa (Honda) 219, 3) Jorge Lorenzo (Yamaha) 219, 4) Valentino Rossi (Yamaha) 169, 5) Cal Crutchlow (Yamaha) 146, 6) Stefan Bradl (Honda) 124, 7) Alvaro Bautista (Honda) 112, 8) Andrea Dovizioso (Ducati) 104, 9) Nicky Hayden (Ducati) 95, 10) Bradley Smith (Yamaha) 71.

Sport

Sabato 21 Settembre 2013

CICLISMO Ennesima affermazione stagionale dellesordiente. A segno anche Elena Bissolati e Daniele Donesana

artina Fidanza (Eurotarget) vince il Bottanuco in Rosa, in provincia di Bergamo, riservato agli Esordienti. Ha preceduto la compagna di squadra Consonni, terza la Pedretti (Valcar, e decima Anna Pedroni (CC Cremonese-Arvedi). Tra le donne Allieve si imposta la cremonese Elena Bissolati (Pianeta Rosa) su Arzuffi (Valcar Pbm) e Arzilli (Nencini). Terza la milanese Sara Wackermann nella gara delle Junior, vinta da Natasha Grillo (Vecchia Fontana). BOSINI E DONESANA Diego Bosini (Club Ciclistico Cremonese-Arvedi) ha suonato la nona nel Trofeo Montello di Albano S. Alessandro (Bergamo), facendo male a tutti sul Colle Dei Pasta, da scalare tre volte. Il tredicenne cremonese, leggero come una piuma, ha scremato il plotone degli Esordienti, gli hanno preso i mozzi Luca Colnaghi (Sovico) e Andrea Barbierato (Costamasnaga), ma hanno dovuto inchinarsi. Restando sul tema Esordienti, del secondo anno, Daniele Donesana di Vailate, portacolori dellUc Cremasca, ha vinto a Seregno mettendo in fila i sei compagni davventura, mentre il compagno di squadra Anselmo Francesconi, giunto 8 assoluto e secondo del primo anno. Lucian Buga (Us Biassono), 17 enne lecchese, ha con-

Bosini suona la nona nel Bergamasco


Giuseppe Cavagnoli (CC CremoneseArvedi), 3) Marco Dadda (Imbalplast), 4) Federica Venturelli (CC CremoneseArvedi), 5) Valentino Grassi (Uc Cremasca). CLASSE 2004: 1) Luca Pollini (Imbalplast), 2) Michele Casagrande (Cremasca), 3) Manuel Mosconi (Imbalplast), 4) Elisa Roccato (CC Cremonese-Arvedi), 5) Luca Montefiori (Cremasca). CLASSE 2003: 1) Matteo Bertesago (Imbalplast), 2) Pietro Bonizzoni (Cremasca), 3) Andrea Molaschi (Cremasca). CLASSE 2002: 1) Gabriele Coloberti (SC Imbalplast), 2) Andrea Rocco Morandi (idem), 3) Davide Distasio (idem), 4) Andrea Pianta (idem), 5) Devlyn Chiappa (Cremasca). CLASSE 2001: 1) Simon Curlo (Imbalplast), 2) Gabriele Ceppi (Cremasca), 3) Gabriele Amati (Gs Olimpia). VUELTA A HORNER, NIBALI BEFFATO Chris Horner (RadioShack) ha trionfato nella Vuelta di Spagna. Horner, che fra mese compir 42 anni, il primo corridore a stelle e strisce a trionfare a Madrid. Tra sorprese e qualche sospetto, ha conquista la maglia rossa. Vincenzo Nibali (Astana) ci ha provato fino allultimo, illudendo anche in pi di una occasione di aver fatto male allamericano, ma alla fine ha dovuto inchinarsi di soli 37. Terzo lo spagnolo Alejandro Valverde, distanziato di 136. Bisogner farsene una ragione, perch sempre pi spesso saltano le corse del calendario nazionale come tappi di champagne. Giusto per fare due nomi a caso, stato cancellato il Giro del Piemonte (3 ottobre), classica del fascino storico, riservata ai professionisti e salta a livello provinciale il 17 Trofeo La Cometa, patrocinata dal Gs Migliaro-La Cometa, corsa riservata alla categoria Allievi, in calendario il 22 settembre al Migliaro. Non vogliamo creare diatribe, ma che ci fosse tensione con il Comitato provinciale, era evidente, perch la gara per una dozzina danni era stata programmata l8 settembre, festa patronale del paese. Peccato, ci perde il pubblico. E allora bisogner rassegnarsi alla sincera e spietata autoanalisi. Mentre il ciclismo praticato dalla gente comune vive un clamoroso boom di diffusione, il ciclismo professionale e agonistico versa in stato semicomatoso. La crisi economica ci gioca pesantemente: ormai le squadre della serie A sono due: Lampre e Cannondale, ma entrambe ormai sono gi mezze comprate dagli stranieri, rispettivamente coreani e americani. Tornando al ciclismo casereccio, si corre domani il 12 Trofeo Caccialanza, riservato ai Giovanissimi, manifestazione organizzata dal CC Cremonese- Arvedi e in programma a Corte de Frati. F.C.

25

Salta il trofeo La Cometa, programmato per domani

NEWS

La volata vincente di Diego Bosini

cluso vittorioso il 55 Trofeo Comune di Arcore (Mb), regolando allo sprint il bergamasco Davide Plebani (Team Lvf), il comasco Canziani (BusteseOlona), decimo Nicol Corbetta (CC Cremonese-Arvedi). SUPER IMBALPLAST Non hanno sbagliato nulla i baby ciclisti dellImbalplast di Soncino, la societ organizzatrice dellevento. Ha fatto cinquina sulla ruota del Gran Premio Citt di Castelleone con la solita esecuzione, sgommando di qualit con i virgulti, per garantirsi sia il torneo a punti che

quello per il gruppo pi numeroso. Una mattinata da incorniciare, un mano a mano cruento e spettacolare, qualcosa di straordinario. Laria ha odore di umidit, il cielo plumbeo e la concomitanza di tante corse, ha un pochino scremato il numero dei concorrenti dai 7 ai 12 anni. Baster mettere gli occhi sugli ordini darrivo per ammirare la pole position soncinese. CLASSE 2006: 1) Gabriele Durelli (Cremasca), 2) Nicol Moriggia (Imbalplast). CLASSE 2005: 1) Mirko Coloberti (Imbalplast), 2)

MONDIALI

Cresce lattesa per la rassegna iridata in Toscana


siciliano Vincenzo Nibali? Vincenzo dovr vedersela con il belga Philippe Gilbert, campione del mondo in carica, con lo slovacco Peter Sagan, che sa vincere in tutti i modi e con lo svizzero Fabian Cancellara, treno di Berna che tutti indicano come il grande favorito, ha detto il ct azzurro Paolo Bettini. Bettini ha ufficializzato la Nazionale per i Mondiali, presentato la nuova maglia azzurra e fatto una disamina del suo lavoro. Gli stato chiesto se saspettava che Nibali perdesse la Vuelta? No, comunque, ha saputo perdere bene, si inventato qualcosa, ma contro il nonno, come lo chiama Vincenzo, ha provato a fiaccarlo, ma non si mai perso danimo. Nibali sar il capitano della squadra azzurra? Nibali, sar il punto di riferimento, non veloce, avr la necessit di avere al suo fianco qualcuno. Questi gli undici convocati: Vincenzo Nibali, Giampaolo Caruso, Rinaldo Nocentini, Luca Paolini, Simone Pozzi, Filippo Pozzato, Ivan Santaromita, Michele Scarponi, Diego Ulissi, Alessandro Vanotti e Giovanni Visconti. Il Mondiale lo correranno in 9 , il ct sceglier in un secondo momento le riserve.

(F.C.) Il momento tanto atteso dai tifosi e dagli atleti, arrivato. Per la 13 volta lItalia sar palcoscenico delle competizioni iridate. La prima in assoluto in Toscana, un debito pagato con grande ritardo alla regione che ha dato e continua a dare al ciclismo campioni straordinari, ha detto Renato Di Rocco, presidente della Federazione Ciclistica Italiana. Un percorso adatto al

Giochi fatti per la prova a cronometro del 25 settembre: per lItalia ci saranno Marco Pinotti e Adriano Malori. IL PROGRAMMA 22-9: crono a squadre donne (42 km), crono a squadre uomini (56,8 km); 23-9: crono donne junior, (15 km), crono Under 23 (km 42,7); 24-9: crono uomini Junior (25 km); 25-9: crono uomini Elite (56,8 km); 27-9: gara in linea donne Junior (82 km) e Under 23 (172 km); 28-9: gara in linea Junior (139 km) e donne Elite (139 km); 29-9; gara dei professionisti (272 km), da Lucca a Firenze.

(M.M.) Questanno toccato alla bocciofila Arci S. Barnardino la chiusura del calendario estivo cremasco. Iscritti 128 individualisti al 12 trofeo Franco Martinenghi e non sono mancate le sorprese. Nella categoria A successo di Roberto Visconti che in finale ha superato lo scannbuese Pietro Pandolfi. Nella categoria C una bella performance di Marco Paladini. Il portacolori della Cremosanese si sbarazzava del compagno di societ Michael Tedoldi (12-2) ed in semifinale superava Marco Belli per 12-6. Approdava in finale anche Giorgio Cabrini, non nuovo a prestazioni di rilievo sulle corsie cremasche. Il giocatore della bocciofila Astra simponeva nei quarti di finale su Antonio Lorenzetti (12-8) e quindi aveva la meglio sul ferroviere Ezio Ghiraldi per 12-11. Niente da fare per il pur bravo Cabrini in finale: stanco e deconcentrato veniva sconfitto da Paladini per 12-5. Ha diretto la gara Franco Cantelli, arbitri di finale Eugenio Barbieri e Mario Parati. Lattivit boccistica cremasca osserver due settimane di pausa. Si riprender il 30 con la prima gara del calendario invernale, una individuale (con due finali separate) organizzata dalla bocciofila Bagnolese.

Ultima gara estiva a Crema con il 12 trofeo Martinenghi

Riflettori puntati sulle corsie del bocciodromo di viale Indipendenza dove sono in pieno svolgimento i campionati Europei femminili che assegner tre titoli: a squadre, individuale Seniores e Under 23. Questa prestigiosa manifestazione, organizzata dal Bar Bocciodromo in collaborazione con il comitato cremasco e sotto legida dellEba, in un primo momento era stata assegnata a Cremona nel programma di Cremona Citt Europea dello sport 2013, ma per motivi economici stata spostata a Crema. Dopo i forfait di Polonia, Croazia e Lituania sono comunque tredici le nazioni partecipanti: Italia, Austria, Cipro, Francia, Germania, Liechtenstein, Russia, San Marino, Slovacchia, Svizzera, Serbia, Turchia e Ungheria. Dopo la splendida coreografia e la presentazione in piazza del Duomo, sono iniziate le eliminatorie e subito le azzurre in evidenza. Nel campionato a squadre Italia sorteggiata con Francia e Germania: esor-

Europei femminili: lItalia vola in semifinale


BOCCE

La squadra azzurra con il general manager, i tecnici e il presidente della Federazione mondiale e italiano Romolo Rizzoli

dio senza problemi per le azzurre che superano le transalpine con un eloquente 3-0! Ieri secondo match dellItalia contro la Germania e vittoria 2-1 (bene terna e individuale, in affanno la coppia): successo che vale la qualificazione alle semifinali di questo

pomeriggio. Cantarini senza problemi nella specialit individuale, dove si impone sulla slovacca Iveta Vilhanova per 12-3, mentre nella Under 23 Maria Losorbo stata sconfitta dalla svizzera Laura Riso. Questa mattina al bocciodromo eliminatorie, dalle 14 le semifi-

nali ed a seguire le finali con lassegnazione dei tre titoli. In serata nei chiostri di San Domenico, serata di gala organizzata da Comune di Crema ed Eba. PROMOZIONALE La manifestazione della canottieri Baldesio ha concluso il calendario estivo cremonese ma non lannata agonistica che questanno, in via del tutto eccezionale dura ben quindici mesi e si concluder alla fine di dicembre. In attesa della gara interprovinciale (14-26 ottobre) sono aperte le iscrizioni per il 2 trofeo Azzurri dItalia organizzato dal bocciodromo comunale in collaborazione con la PuntoRaffaVolo. Si tratta di una gara promozionale senza vincoli di societ, con massimi accoppiamenti A-C, B-B. Le iscrizioni si ricevono entro luned 16 presso il bocciodromo comunale. La manifestazione si svolger interamente presso limpianto comunale ed inizier marted 1ottobre per concludersi sabato 12. Massimo Malfatto

(M.M.) Va in archivio anche ledizione 2013 degli Italiani seniores che ha regalato misere soddisfazioni per i bocciofili cremonesi mentre ci sono note positive per i bocciofili cremaschi. Concentrato e sicuro Alberto Pedrignani, una performance da cerchio rosso sulle corsie bresciane: dopo aver esordito alla grande contro il bocciofilo siciliano (12-2), Pedro superava Aleggi (12-9), il bergamasco Massimo Bergamelli (recente vincitore della Nazionale di Offanengo) per 12-10, ma veniva eliminato (12-11!) da Antonio Maffi. Niente da fare per la coppia Guerrini e Guglieri out contro Montegridolfo, mentre splendida performance e quarto posto per Gianfranco Zanelli nellindividuale di categoria B. Il pieranichese vinceva il girone imponendosi sul rappresentante del Piemonte (12-6), delle Marche (129) e dellAbruzzo per 12-10, aveva la meglio sul

Pedrignani e Zanelli ok agli Italiani Riva saggiudica il Trofeo Baldesio


bresciano Nicola Casotti per 12-9, ma trovava disco rosso contro il brianzolo Marco Colombo. Buona anche la prestazione di Vannucchi-Podenzana. Gli offanenghesi simponevano sulla coppia di Ancona per 12-4, Campobasso (12-2) e Cagliari per 12-7 ma venivano eliminati dai romani Ammaniti-Di Bernardo per 12-6. Nella categoria C stata di breve durata il cammino dellindividualista Vailati e di Bosio-Mussi out al primo turno. Notte fonda e blackout delle formazioni cremonesi protagonisti di prestazioni a dir poco sciagurate. Una delle poche note positive Pierantonio Comizzoli sconfitto alla terza partita. Poca gloria per le altre sette formazioni: gli individualisti R.Visconti, Desenzani e Rotta, la terna De Stefani-Frattini-Ghisolfi, le coppie Massarini-Minerva Corbari-Pedretti e Antonioli-Tessadri tutte eliminate nelle prime partite.

Le gare del calendario estivo cre3), Riva si sbarazzava di Gianlibero monese si erano inaugurate con un Bocchi (12-1) ed in semifinale simposuccesso emiliano (Ghiretti e Contini) neva su un sorprendente Vanni e nello stesso modo si sono concluse Bellardi per 12-6. Approdava in finale sulle corsie rivierasche della canottieanche il sanitario Angelo Politi che ri Baldesio dove sul gradino pi alto superava Piercarlo Trombini per del podio salito, con pieno merito, il 12-7, negli ottavi il compagno di parmense Alessandro Riva. Ottima la societ Giuliano Fattebene (12-1), partecipazione dei bocciofili a questo Mariolino Croera (12-5) ed in semifi2 trofeo Baldesio (ben 220 iscritti) nale aveva la meglio su Corrado Il vincitore Alessandro Riva e buono il livello del gioco che ha Cinquetti per 12-9, ma il presidente ripagato gli sforzi organizzativi della bocciofila di via delle Querce era avanti 9-5! Match di finale a Al Porto ed in particolare dei solerti dirigenti Sergio senso unico, senza storia che si dipanato per sole Petrini e Giancarlo Soldi; purtroppo scarsa laffluensei tornate e vittoria di Riva su Politi per 12-3. Ha za del pubblico alla fase finale, ma inutile girarci diretto la gara Giuseppe Mosconi, arbitri di finale intorno che questa non una novit sulle corsie Roberto Soana e Giancarlo Tosi. cremonesi. Dopo aver eliminato Cristiano Lupi (12M.M.

26

Sabato 21 Settembre 2013

Sport

Domani in programma la presentazione della squadra, mentre Camera e Gennari sono state convocate per i Mondiali Under 23

rime due uscite stagione e altrettanti successi per la nuova Pom Casalmaggiore, matricola di serie A1 (che ha scelto la slovena Tina Lipicer come capitano della squadra). La formazione di coach Beltrami, reduce dallargento agli Europei con la nazionale tedesca, ha brillato nel primo test stagionale al cospetto delle campionesse dItalia della Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, superata a domicilio in quattro set (23-25, 27-29, 26-24, 23-25). POMI: Agrifoglio 1, Zago 17, Stevanovic 16, Aguirre 5, Bacchi 19, Lipicer 7, Sirressi (L), Grazietti 5, Olivotto 4, Quiligotti. All.: Beltrami. Poi le atlete in maglia rosa si sono ripetute con la Metalleghe Montichiari. Un successo arrivato per solo al quinto set (25-16, 21-25, 12-25, 25-21, 13-15) e che conferma come in questa fase di preparazione le formazioni siano soggette ad alti e bassi proprio a causa della condizione fisica ancora precaria. POMI: Agrifoglio, Zago 15, Bacchi 17, Lipicer 8, Stevanovic 10, Aguirre 7, Olivotto 5, Grazietti 3, Sirressi (L), Quiligotti (L). All.: Beltrami. Ora spazio alla presentazioni della squadra, in programma domani alle 17.30 con tappe a Viadana presso il Bar La Perla alla presenza del Viadana Volley femminile e in Piazza Garibaldi a Casalmaggiore in occasione della Festa della Zucca (ore 18.30). Intanto, presso la sede della Vbc (che ha nominato Samuele Zambon nuovo segretario generale) arrivata luffi-

Pom, due successi che fanno morale


Ancora soddisfazioni per il team Stradivari
TRIATHLON
E stata una settimana ricca di risultati di prestigio per gli atleti del Triathlon Cremona Stradivari. Csaba Rendes ha conquistato la medaglia di bronzo al Mondiale di Aquathlon, che si svolto a Londra: l'ungherese del team Stradivari ha chiuso la gara in 2903. Tamara Gomez Garrido si invece piazzata al sesto posto nel Mondiale di Triathlon Under 23: la spagnola che questanno stata tesserata dal team verdeblu, ha chiuso la prova iridata in 1h5557. In Italia, Sara Dossena ha vinto il titolo tricolore di Duathlon Classico. Nellappuntamento di Secl, latleta del Triathlon Cremona Stradivari ha conquistato il successo tricolore chiudendo la gara con il tempo di 2h0503 ed un vantaggio di 204 su Monica Cibin (Forhans Team) e terzo posto per Patrizia Tropiano (Asd Nadir) a 1345. Altra vittoria, nel Triathlon Off Road, per Sara Tavecchio: latleta verdeblu si imposta nella gara di Montorfano, dominata e chiusa con il tempo di 2h3729. Ha completato il podio unaltra atleta dello Stradivari, Laura Sala. PODISMO Domani si corre il Giro delle 5 porte di Cremona, gara podistica valevole come campionato provinciale Fidal di 10 km su strada per tutte le categorie. Partenza dal Centro Commerciale Cremona Po in via Castelleone alle ore 9.

Soddisfazioni e medaglie per le canottieri provinciali impegnate lo scorso week end nelle regate disputate a Corgeno sul Lago di Comabbio. Nella Coppa Italia per societ, oro per il due senza Senior A del Flora di Tamara Bernio e Alice Rossi, quinto posto nel doppio Senior A per i bissolatini Andrea e Luca Cattaneo. Medaglie sono arrivate anche nelle regate del meeting nazionale riservato ad Allievi e Cadetti. Oro per la Bissolati nel singolo Allievi C con Giada Casablanca e per lEridanea nel singolo Allievi B1 con Mattia DallAsta (terzo nella stessa gara Federico Beltrami del Flora). LEridanea salita sul podio grazia anche a Riccardo Calestani (singolo Allievi B2) e a Salvatore Giardino nel singolo Allievi C. Per la

Quattro successi a Corgeno

CANOTTAGGIO

Bissolati, argento di Jacopo Bragazzi e Lorenzo Turini nel doppio Allievi C e bronzo di Pablo Corbari nel singolo Cadetti. Due argenti per il Flora con Clarice Cloutier e Alessandra Cotti nel singolo Cadetti. Gli atleti provinciali si sono poi distinti nel Trofeo delle Regioni con la rappresentativa lombarda, che con 16 medaglie (10 ori, 4 argenti e 2 bronzi) ha vinto la classifica generale del Gran Premio dei Giovani. Successo per Clarice Cloutier (Flora) nel quattro di coppia Cadetti insieme a De Boni, Santopolo e Zucchi, mentre Andrea Cattaneo (Bissolati) ha conquistato largento nel singolo Ragazzi. Bronzo, infine, per il quattro di coppia Ragazzi formato dai bissolatini Marcello Caldonazzo e Davide Capasso insieme a Luoni e Cant.

Ultima tappa del Giro nazionale 2013 di Bmx. Martti Sciortino (Bmx Action Cremona) con una prova superlativa ha superato anche Nicol Bonini, fresco campione nazionale. Una cronometro scoppiettante quella corsa nel circuito chiuso friulano di Rivignano (Udine). In scena i medesimi attori del campionato nazionale corso l8 settembre: come detto, ha vnto Martti Sciortino davanti a Bonini della della Ciclomania Racing. La vittoria di giornata non ha permesso a Sciortino di balzare al comando della classifica generale a cronometro, vinta dallo stesso Bonini, ma valsa comunque un'ottimo argento per la generale 2013. C grande soddisfazione in casa biancorossa per i progressi fatti in questultimo periodo dallatleta del sodalizio biancorosso, di

Show di Martti Sciortino in Friuli

BMX

buon auspicio per la prossima stagione. Al via cerano anche i fratelli minori Mauri e Matias Sciortino, che nonostante ottime prove non centrato la finalissima ad otto. Domani, intanto, in programma linterregionale di Varese, con la sfida delle rispettive selezioni regionali: Martti Sciortino garegger per Lombardia 1.

RUGBY Da due settimanel il Rugby Crema tornato al lavoro. Sar una stagione transitoria, con lultimo anno della serie C unica: lanno prossimo ci sar, infatti, il ritorno a C1 e C2. Il Crema ambisce a rientrare in C1, ma per farlo dovr piazzarsi tra le prime quattro del suo girone, che si presenta molto difficile. Il via il prossimo 6 ottobre Ospitaletto.

VOLLEY A1 Dopo aver superato le campionesse dItalia, le casalasche si sono ripetute con Montichiari

Un time-out della Pom

cializzazione della convocazione in azzurro da parte della Federazione di Letizia Camera ed Alessia Gennari in vista dei prossimi campionati mondiali Under 23. Luned la nazionale voler negli Stati Uniti dove si terr uno stage in preparazione della rassegna iridata prevista in Messico. Il rientro in Italia previsto per il 14 ottobre, poco meno di una settimana prima dellinizio del campionato. La convocazione motivo di orgoglio per la Pom che potr vantare, ancora una volta dopo lEuropeo appena concluso (vinto dalla Russia sulla Germania), due proprie rappresentanti in azzurro, ma costringer la squadra a dover fare a meno ancora per qualche settimana di due elementi

chiave nel roster di mister Beltrami. LINTERVISTA Tra le giocatrici pi attese, c sicuramente Valentina Zago. Lattaccante veneta, al terzo anno in magia rosa, reduce da una stagione terminata in crescendo e da un post campionato che lha vista prendere parte allo stage azzurro di Milano e alla Yeltsin Cup e presenziare ad alcune tappe del Summer Tour della Lega proprio con la maglia della squadra di Casalmaggiore. Quindi un risentimento ad una spalla non le ha permesso di restare ancora nel gruppo azzurro, che rimane comunque nei suoi obiettivi: Sono consapevole dellimportanza della stagione alle porte, per me la serie A1 rappresenta una grande platea alla

quale arrivo con la squadra che mi ha lanciata e di cui da tre anni difendo i colori. E una scommessa che intendo vincere ed alla quale mi sto approcciando con grande impegno, consapevole anche che un mio rendimento qualitativamente apprezzabile potrebbe permettermi di rientrare nel giro azzurro. Come squadra, sicuramente dobbiamo crescere ancora molto, sia in termini di intesa che dal punto di vista tecnicotattico e le prime amichevoli servono proprio questo scopo. Che serie A1 sar? Un campionato di altissimo livello con alcune formazioni superiori alla media, ma con altre giovani e desiderose di mettersi in mostra, tra queste la Pom che non vede lora di fare bene.

SABATO 21
10.15 11.05 12.00 13.30 14.00 14.35 16.15 17.00 17.15 17.45 18.50 20.00 20.35 21.15 23.20 10.05 10.00 11.25 12.05 13.00 14.05 14.45 15.00 16.25 17.10 18.05 19.35 20.30 21.05 21.55 10.25 12.00 12.15 13.00 13.10 14.00 15.15 16.50 18.10 19.00 20.15 20.25 21.05 23.10 23.30 LINEA VERDE ESTATE. Att NOSTRA MADRE TERRA. Att LA PROVA DEL CUOCO. Var TG1 TELEGIORNALE EASY DRIVER. Attualit LINEA BLU. Attualit QUARK ATLANTE. Doc TG1 TELEGIORNALE A SUA IMMAGINE. Attualit PASSAGGIO A NORD OVEST. Doc L'EREDIT. Game show TG1 TELEGIORNALE/TG SPORT AFFARI TUOI. Game show NESSUNO MI PU GIUDICARE. F L'ALTRA. Documenti SULLA VIA DI DAMASCO. Att VOYAGER FACTORY IL NOSTRO AMICO CHARLY LA NOSTRA AMICA ROBBIE TG2 GIORNO/ RAI SPORT DETTO FATTO MIX. Attualit PIT LANE. Sport G.P. DI SINGAPORE DI F1 PECHINO EXPRESS DIARIO SERENO VARIABILE. Attualit 90 MINUTO SERIE B SQUADRA SPEC. COBRA11.Tf TG2 NOTIZIE CASTLE. Film ELEMENTARY. Tf TEMPESTA SU PARIGI. Film TG3/SPORT NOTIZIE/METEO3 TGR IL SETTIMANALE. Att KILIMANGIARO ALBUM. Doc KINGDOM. Tf TG REGIONE/TG3 COLPO DI LUNA. Film SOLITARY MAN. Film I MISTERI DI MURDOCH. Tf TG3/TG REGIONE/METEO BLOB. Variet COMMON LAW. Tf HINDEMBURG. Film TG3/TG REGIONE STORIE MALEDETTE. Att

DOMENICA 22
09.05 09.55 10.25 12.00 12.20 13.10 13.30 14.00 17.00 17.05 18.50 20.00 20.40 21.15 23.15 07.00 10.00 10.45 11.30 13.00 13.45 15.40 17.10 18.10 19.35 20.30 21.10 21.45 22.40 01.00 11.15 12.00 12.25 12.55 13.25 14.00 14.30 15.05 15.25 15.50 17.15 19.00 20.20 21.05 23.45 DREAM ROAD 2010. Att PAESI CHE VAI. Att SANTA MESSA RECITA DELL'ANGELUS LINEA VERDE ESTATE. Att POLE POSITION TG1 TELEGIORNALE G.P. DI SINGAPORE DI F1 TG1 TELEGIORNALE UNA VOCE PER PADRE PIO. Att L'EREDIT. Game show TG1 TELEGIORNALE/TG SPORT AFFARI TUOI. Game show UN CASO DI COSCIENZA 5. Film SPECIALE TG1 CARTONI ANIMATI VOYAGER FACTORY IL NOSTRO AMICO CHARLY. Tf LA NAVE DEI SOGNI. Film TG2 GIORNO/TG MOTORI QUELLI CHE ASPETTANO QUELLI CHE...IL CALCIO STADIO SPRINT. Sport 90 MINUTO SQUADRA SPEC. COBRA11.Tf TG2 NOTIZIE NCIS. Telefilm UNDER THE DOME. Telefilm LA DOMENICA SPORTIVA. Sport TG2 NOTIZIE NEW YORK NEW YORK. Tf TG3/METEO3 TELECAMERE SALUTE. Att PRIMA DELLA PRIMA. Att PASSEPARTOUT. Att TG REGIONE/TG3 IN 1/2 ORA. Attualit TGR PRIX ITALIA. Attualit TIMBUCTU. Doc AMORE IN LINEA. Film IL SOTTOMARINO FANTASMA. F TG3/TG REGIONE/METEO/BLOB THE DEFENDERS. Tf LA CADUTA. Film TG3/TG REGIONE 07.40 09.30 10.15 10.30 11.30 12.00 14.00 14.45 15.30 16.45 18.55 19.35 20.30 21.20 23.25 07.55 08.00 09.10 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10

SABATO 21
CARO MAESTRO 2. Fiction BENVENUTI A TAVOLA. Fiction COME SI CAMBIA. Reality RICETTE ALL'ITALIANA. Att TG4 TELEGIORNALE/METEO LA SIGNORA IN GIALLO. Tf TG4 TELEGIORNALE/METEO LO SPORTELLO DI FORUM. Att IERI E OGGI IN TV. Att PERRY MASON. Film TG4 TELEGIORNALE/METEO TIERRA DE LOBOS. Fiction TEMPESTA D'AMORE. Soap GIUSTIZIA A TUTTI I COSTI. F LANDSPEED. Film TRAFFICO/METEO.IT TG5 MATTINA SUPERPARTES. Attualit MELAVERDE. Attualit FORUM. Attualit TG5 TELEGIORNALE/METEO BETTER WITH YOU. Fiction SOTTO IL SOLE DELLA TOSCANA. Film VERISSIMO. Attualit AVANTI UN ALTRO! Quiz TG5 TELEGIORNALE/METEO PAPERISSIMA SPRINT. Variet ITALIA'S GOT TALENT. Talent SPECIALE TG5 HANNAH MONTANA. Sitcom LE COSE CHE AMO DI TE. Sit SUBURGATORY. Sitcom GLEE. Telefilm STUDIO APERTO/SPORT THE PHANTOM. Film SMALLVILLE. Telefilm MAGAZINE CHAMPION LEAGUE STUDIO APERTO/METEO MR. BEAN. Telefilm SPIDERWICK. Film DRAGON TRAINER. Film KULL IL CONQUISTATORE. F SPORT MEDIASET STUADIO APERTO

DOMENICA 22
08.15 09.20 10.00 11.00 11.30 13.00 13.40 14.00 14.40 15.30 16.10 18.55 19.35 21.30 23.00 08.00 08.50 09.10 11.30 12.00 13.00 13.40 14.00 16.20 18.50 20.00 20.40 21.30 00.20 01.20 07.40 08.40 10.30 12.25 13.00 14.00 15.50 18.00 18.30 19.00 19.25 21.25 00.55 VITA DA STREGA. Tf LE STORIE DI VIAGGIO. Doc SANTA MESSA (Foggia) PIANETA MARE. Attualit TG4 TELEGIORNALE/METEO SLOW TOUR. Attualit DONNAVVENTURA. Att TG4 TELEGIORNALE/METEO DONNAVVENTURA SPEC. Doc IERI E OGGI IN TV. Att FUOCO ASSASSINO. Film TG4 TELEGIORNALE/METEO IL COMANDANTE FLORENT. Tf TEMPESTA D'AMORE. Soap VENTO DI PASSIONE. Film TG5 MATTINA TGCOM ELISA DI RIVOMBROSA. Fic LE STORIE DI MELAVERDE. Att MELAVERDE. Attualit TG5 TELEGIORNALE/METEO L'ARCA DI NO. Attualit FLICKA. Film SPANGLISH. Film AVANTI UN ALTRO! Quiz TG5 TELEGIORNALE/METEO PAPERISSIMA SPRINT. Variet IO CANTO. Talent SMASH. Tf TG5 NOTTE FRIENDS. Sit BEETHOVEN 2. Film BEETHOVEN 3. Film STUDIO APERTO/SPORT SPORT MEDIASET XXL NOME IN CODICE: BRUTTO ANATROCCOLO. F VERTICAL LIMIT. Film MIKE & MOLLY. Sitcom STUDIO APERTO/METEO COS FAN TUTTE 2. Sitcom JUMANJI. Film MISTERO ADAM KADMON. Att AI CONFINI DELLA REALT. F 07.30 07.50 09.45 11.00 12.00 12.35 13.30 14.00 14.40 16.30 18.15 20.00 20.30 21.10 24.00

RETE 4

SABATO 21
TG LA 7 TG LA 7/OMNIBUS COFFEE BREAK. Attualit L'ARIA CHE TIRA. Attualit BOOKSTORE. Attualit DUE SOUTH. Telefilm TG LA7 TG LA7 CRONACHE. Attualit L'ISPETTORE BARNABY.Tf THE DISTRICT. Telefilm LA LIBRERIA DEL MISTERO. F TV TG LA7 OTTO E MEZZO. Attualit I BORGIA. Telefilm THE BADGE. Film

DOMENICA 22
07.30 07.50 09.45 11.40 13.30 14.00 14.40 16.30 18.10 20.00 20.30 23.15 00.15 00.35 TG LA 7 OMNIBUS. Attualit FANTOMAS. Film CUORE D'AFRICA. Tf TG LA7 TG LA7 CRONACHE. Att L'ALBERO DELLA VENDETTA. F THE DISTRICT . Telefilm LA LIBRERIA DEL MISTERO A PRIMA VISTA. Film TG LA7 GREY'S ANATOMY. Telefilm SAVING HOPE. Telefilm TG LA7 SPORT HAMBURGER HILL. Film

CANALE 5 16.30
18.50 20.00 20.40 21.10 24.00

LA 7

07.50 08.45 09.45 10.35 12.45 13.40 17.05 17.55 18.30 ITALIA 1 19.00 19.20 21.10 23.05 01.05 01.30

07.00 08.15 09.30 11.00 12.05 13.30 14.00 16.00 16.30 19.00 19.40 20.00 20.30 21.00

BUONGIORNO CREMONA LE CITT DELLA MUSICA DENTRO L'IMPRESA I GIOVANI E LA FEDE CREMONA1 GRANDI EVENTI TG CREMONA LA PIAZZA. Talk GIOIELLI SOTTO CASA GANCIO CIELO TG CREMONA TG NAZIONALE LE STORIE I GIOVANI E LA FEDE CONCERTI

07.00 08.30 11.00 12.00 12.15 13.00 13.30 14.30 15.00 18.00 19.00 21.00 24.00

BUONGIORNO CREMONA-METEO CONCERTI SANTA MESSA. DA CREMONA ANGELUS I GIOVANI E LA FEDE GIOIELLI SOTTO CASA TG DELLA DOMENICA ASPETTANDO CREMONESE SAVONA VIRTUS VECOMP VERONA PERGOLETTESE LE CITT DELLA MUSICA TG DELLA DOMENICA CREMONESE SAVONA VIRTUS VERONA PERGOLETT.