Sei sulla pagina 1di 64

La cultura

Javier Maras Innamoratevi senza convivere


CONCITA DE GREGORIO

A richiesta la guida con Repubblica

La scienza

Arriva Master 2013 lentrata principale al lavoro

Caccia al lago tremila metri sotto i ghiacci


ELENA DUSI

Fondatore Eugenio Scalfari


1 2 www.repubblica.it

Direttore Ezio Mauro


CON ECO - ARTI DELL800 11,10

lun 10 dic 2012

Anno 19 - Numero 49

1,20 in Italia

luned 10 dicembre 2012

SEDE: 00147 ROMA, VIA CRISTOFORO COLOMBO, 90 - TEL. 06/49821, FAX 06/49822923. SPED. ABB. POST., ART. 1, LEGGE 46/04 DEL 27 FEBBRAIO 2004 - ROMA. CONCESSIONARIA DI PUBBLICIT: A. MANZONI & C. MILANO - VIA NERVESA, 21 - TEL. 02/574941. PREZZI DI VENDITA: PROV. VE CON LA NUOVA DI VENEZIA E MESTRE 1,20; PROV. NU-OR CON LA NUOVA SARDEGNA 1,20 (CON IL VEN E D 1,50). AUSTRIA, BELGIO, FRANCIA, GERMANIA, GRECIA, IRLANDA, LUSSEMBURGO, MALTA, MONACO P., OLANDA, PORTOGALLO, SLOVENIA, SPAGNA 2,00; CANADA $1; CROAZIA KN 15; REGNO UNITO LST 1,80; REPUBBLICA CECA CZK 64; SLOVACCHIA SKK 80/ 2,66; SVIZZERA FR 3,00; UNGHERIA FT 495; U.S.A $ 1,50

Il presidente del Consiglio: Il mio futuro? Non lo so ancora. Il capo del Pdl al vertice di Milano: fatto laccordo con la Lega

Monti: ecco perch mi dimetto


Paura per i mercati. Schulz: Berlusconi minaccia la stabilit Ue
Il premier

R2

Basta Cina lAmerica ritorna al made in Usa


dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI

Sono preoccupato ma a questo punto non potevo evitarlo


EZIO MAURO
L GIORNO dopo senza amarezza, ma con molte preoccupazioni. Sono convinto di aver fatto la cosa giusta spiega Mario Monti a chi lo chiama per un saluto nel momento in cui si apre la crisi del suo governo e in ogni caso non potevo farne a meno, dopo quel che successo. Ma sono preoccupato, naturalmente: non per me, ma per quel che vedo. Quel che il presidente del Consiglio vede, lo si osserva anche dallestero, e la preoccupazione per la deriva politica, istituzionale, finanziaria dellItalia ancora maggiore. A Monti, alla sua persona e alla sua politica, legato il recupero di credibilit faticosamente riconquistato dallItalia in questi tredici mesi, dopo il baratro di fiducia e di consenso in cui era precipitato il nostro Paese nei mesi di agonia del governo Berlusconi, prima della caduta del Cavaliere nel novembre di un anno fa. E questo clima internazionale di incertezza sul futuro dellItalia e sulle capacit del Paese di rimanere ancorato allEuropa con una politica autonoma di responsabilit si somma allapprensione per le mosse di Berlusconi. SEGUE A PAGINA 2

ROMA - Monti ha deciso di dimettersi per la sfiducia data al suo governo dal Pdl. Non sa se si candider. Sui mercati tornata la paura per lItalia. Per il presidente del parlamento Europeo, Schulz, Berlusconi minaccia la stabilit Ue. SERVIZI DA PAGINA 2 A PAGINA 9

Il personaggio

Il racconto

E ora Montezemolo pensa a candidarsi


ROBERTO MANIA ONTEZEMOLO candidato nella lista per Monti. Finora il presidente di Italia Futura si era dato un profilo diverso. SEGUE A PAGINA 9

I miracoli elettorali del grande illusionista


FILIPPO CECCARELLI ER attenti, che Berlusconi le campagne elettorali le sa fare. Come presidente del Consiglio, come si capito, un disastro. SEGUE A PAGINA 6

Lallarme del governo se il decreto non sar approvato

Caos sulle Province Scuole a rischio


Il premier Monti dopo la messa a Milano con la figlia Federica CCOLO di nuovo. Il Cavaliere. Ri-discende in campo. E sfida tutti. Il centrosinistra che da qui torner ad essere riassunto nellalveo dei comunisti. Il Terzo Polo di centro gli utili idioti. E prima di tutto e di tutti: Monti. Il Professore. SEGUE A PAGINA 37

Il Cavalier Rieccolo e il muro del Professore


ILVO DIAMANTI

ROMA Non solo risparmi sfumati, tra 370 e 535 milioni a regime. Ma anche lievitazione dei costi per Comuni e Regioni, blocco della riorganizzazione periferica dello Stato, Citt metropolitane soffocate sul nascere. Insomma, un caos istituzionale in piena regola. Questi i gravi e pesanti effetti vagliati dal governo qualora il decreto sul riordino delle Province imboccasse il tunnel dellinsabbiamento parlamentare. CONTE A PAGINA 11

Il leader del Venezuela indica Maduro come successore

Chvez, dramma in diretta tv Non sono guarito forse lascer


OMERO CIAI A PAGINA 19

NEW YORK L TASSO di disoccupazione ai minimi da quattro anni (7,7 per cento). Per tutto il 2012 la creazione di nuovi posti di lavoro viaggia al ritmo di 150 mila ogni mese. Ci sarebbe gi di che farci sognare. Ma dietro la ripresa americana c dellaltro: una rinascita della vocazione manifatturiera. Il revival del made in Usa cominciato. A sorpresa, smentisce quella regola ferrea della globalizzazione che dagli anni Novanta ha imposto di delocalizzare i mestieri industriali verso paesi a basso costo del lavoro: in Asia, in Sudamerica, o nellEst europeo. Dai due ai tre milioni di posti di lavoro nei prossimi cinque anni, il traguardo che il Boston Consulting Group considera realistico per lindustria americana (esclusi i servizi). Posti di lavoro domestici, sul territorio nazionale: colletti blu, tecnici, ingegneri della produzione. Una svolta inattesa. Anche se Barack Obama la persegue dallinizio del suo mandato, la missione di reindustrializzare lAmerica sembrava a molti una chimera. ALLE PAGINE 39, 40 E 41

Il caso

Gli spettacoli

Russell Crowe: salvate la tomba del Gladiatore


SILVIA BIZIO LAURA LARCAN
I TUTTE le grandi nazioni del mondo, lItalia in particolare dovrebbe essere una guida nel promuovere limportanza di esplorare e conservare il passato antico. Parola di Russell Crowe. il divo di Hollywood, che al cinema ha vestito i panni da premio Oscar de Il Gladiatore, a scendere in campo per salvare a Roma il mausoleo di Marco Nonio Macrino. SEGUE A PAGINA 22

Lo sfogo di Muccino Hollywood, sei spietata


dal nostro inviato CURZIO MALTESE NEW YORK GNUNO ha diritto di usare il proprio talento come crede. Gabriele Muccino ha deciso di metterlo al servizio dello star system di Hollywood. Dopo i due film con Will Smith, La ricerca della felicit (2006) e Sette Anime (2008), appena uscito nelle sale Usa il suo terzo film americano, Playing for Keeps. SEGUE A PAGINA 54

I bianconeri vincono

Napoli battuto adesso lInter lanti-Juve

NELLO SPORT

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LA CRISI DI GOVERNO POLITICA INTERNA


LA CERIMONIA DEL NOBEL A OSLO
Oggi Mario Monti sar a Oslo per partecipare alla cerimonia di consegna del Nobel per la pace allUnione europea. Sar anche loccasione per incontrare i vertici della Ue e i leader europei, tra i quali Angela Merkel, Franois Hollande e Mariano Rajoy

LA LEGGE DI STABILIT
Appena rientrato a Roma, il premier si occuper dellapprovazione della legge di stabilit, indispensabile per evitare al Paese lesercizio provvisorio: Monti prevede di dimettersi dopo il varo definitivo della legge da parte del Parlamento

I VERTICI EUROPEI
Si apre una settimana decisiva per i negoziati europei e il futuro delleurozona. Gioved 13 e venerd 14 sono previsti a Bruxelles latteso Eurogruppo straordinario sulla crisi della Grecia e il vertice Ue

AL BAR
Monti allinterno della pasticceria Biffi mentre si concede un caff e una brioche salata al prosciutto Alle spalle la figlia Federica

Lagenda

Il premier

Ecco perch mi sono dimesso Adesso c molta preoccupazione ma non potevo proprio evitarlo
Monti: il mio futuro in politica? Ora non lo so
EZIO MAURO
(segue dalla prima pagina) ER tutta la giornata Monti (e anche Giorgio Napolitano, dal suo appartamento al Quirinale) hanno dovuto prendere atto di questo allarme internazionale, che pu innescare una nuova spirale di sfiducia nei confronti dellItalia, allargandosi dalle cancellerie europee agli Stati Uniti, ai mercati. S, ho avuto molte telefonate dallestero, si limita a dire Monti. Telefonate per capire cosera successo e soprattutto che cosa pu succedere adesso, in un Paese che non ha ancora compiuto il suo risanamento, e resta in una situazione complicata e difficile. Nessuna telefonata, invece, a nessun uomo politico prima di discutere sabato sera con Napolitano al Quirinale la scelta delle dimissioni. Nemmeno i ministri pi importanti erano stati avvertiti. La mia decisione non ha avuto bisogno di un confronto politico spiega il Capo del governo . Non vero che mi sono consultato con gli onorevoli Bersani e Casini prima di andare al Quirinale. Non ne avevo il tempo, e in qualche modo potrei dire che non ne ho avvertito la necessit. Nel senso che mi era ben chiaro che cosa dovevo fare. Ecco perch non ne ho parlato nemmeno con esponenti del governo. Ho voluto confrontarmi soltanto con il Capo dello Stato. Poi, a cose fatte, ho chiamato Bersani e Casini. E dopo anche lonorevole Alfano. Ma quando salito al Quirinale, in ritardo sullappuntamento per colpa dellaereo che lo riportava in Italia da Cannes, Monti in realt aveva gi preso la sua decisione. Non un orientamento per le dimissioni, ma la decisione vera e propria di lasciare, in modo irrevocabile, sottoposta soltanto alla verifica istituzionale del Presidente della Repubblica, con il quale lintesa stata fortissima in tutti questi mesi, e soprattutto nei momenti di maggiore difficolt interna e internazionale. Avevo in realt deciso da pochissime ore dice il Premier e pi esattamente proprio durante il volo da Cannes a Roma. Ho avuto modo di pensare, inevitabilmente, a cosa aveva rappresentato per lItalia Cannes lo scorso anno, con quel G8 allinizio di no-

Decisione solitaria

La gente a Milano Presidente, resista


Qualcuno ha applaudito, qualcun altro gli ha rivolto incoraggiamenti: Vada avanti, non ci abbandoni, Resista. Cos diversi milanesi hanno salutato Mario Monti alluscita dalla messa. Uno solo gli ha rivolto una battuta contrariata ci rubi le pensioni. Il premier, accompagnato dalla figlia Federica, ha fatto una breve passeggiata a piedi per le vie limitrofe, entrando in una farmacia.

La mia decisione non ha avuto bisogno di un confronto politico. Mi sono confrontato solo con il Capo dello Stato
Il G8 di Cannes

Ho pensato, inevitabilmente, a cosa rappresent per lItalia quel G8 di Cannes in cui il governo fu messo alle strette

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.governo.it www.quirinale.it

Il Capo dello Stato: Tra otto giorni parler, far il necessario fino allultimo giorno

Verso il voto il 24 febbraio Lallarme di Napolitano Vedremo cosa fanno i mercati


UMBERTO ROSSO
ROMA Al presidente della Repubblica per licenziare le Camere e fissare le elezioni non resta che lultimo tassello: lapprovazione della legge di Stabilit. E con il governo che chieder al Senato di anticiparne lesame a mercoled prossimo, Giorgio Napolitano pronto a tempi strettissimi: scioglimento del Parlamento entro il 20 gennaio e alle urne il 17 o 24 febbraio (poco probabile che si riesca il 10). La crisi corre, con molte preoccupazioni per il capo dello Stato. A cominciare dallattesa per le reazioni dei mercati, che riaprono oggi, alle annunciate dimissioni di Mario Monti: Vedremo come reagiranno, dice prudente linquilino del Colle. Che segue con apprensione gli eventi ma che per le dichiarazioni pubbliche su quel che successo si prende ancora qualche giorno. Al ricevimento per il tradizionale concerto di Natale, nella Cappella Paolina del Quirinale, discute a quattrocchi con Gianni Letta ma si sottrae al pressing dei cronisti: Parler solo tra otto giorni alla cerimonia per i saluti alle alte cariche dello Stato e l far le mie valutazioni. A quel punto, tempistica e sbocchi della crisi dovrebbero uscire definitivamente dalla nebbia. In base alla richiesta del governo alla conferenza dei capigruppo di anticipare i tempi (fissati in origine dal 18 al 21 dicembre), Palazzo Madama potrebbe approvare la manovra di bilancio gi gioved prossimo. La Camera dare il s definitivo entro la PRESIDENTE settimana. E il capo dello Stato annunciare lo scioglimento prima di Il capo dello Natale. Stato Giorgio Per votare quando? Ci saranno di mezzo le festivit, le necessit or- Napolitano ganizzative del ministero degli Interni, i giorni utili per far raccogliere le firme anche a quanti (per esempio Grillo) si presentano per la prima volta, e la consuetudine che quantifica in due mesi il tempo necessario per tutto ci. Si arriva a conti fatti allultima o alla penultima domenica di febbraio. Con una rassicurazione dal capo dello Stato: Facciamo quello che dobbiamo fare fino allultimo giorno. Come a dire che le sue ipotizzate dimissioni anticipate a marzo non sono scontate. Anzi, nel nuovo calendario con elezioni a febbraio scompare di fatto l ingorgo istituzionale. Con elezioni ad aprile infatti Napolitano si sarebbe ritrovato ad affidare lincarico al nuovo premier a ridosso dallavvio della partita per il successore al Quirinale. Cambiata la tempistica, si azzera anche il rischio di sovrapposizione istituzionale che avrebbe spinto Napolitano a uscire prima di scena per lasciare nelle mani del suo successore lintero iter di nomina del futuro governo. A questo punto, la decisione di lasciare prima il Colle diventer unicamente una sua scelta personale, libero dal peso dei condizionamenti. E conter molto sulla sua opzione anche lesito del voto, perch far la differenza se le urne consegneranno allinquilino del Quirinale un risultato chiaro e netto, o al contrario incerto e confuso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO:ANSA

vembre in cui il nostro governo fu messo alle strette. Le cronache ricordano lisolamento di Berlusconi tra i Capi di Stato e di governo degli altri Paesi, la sfiducia palpabile nei confronti dellItalia, precipitata in coda ai Pigs, dopo la Spagna e appena prima della Grecia, con i dubbi diffusi sulla nostra capacit di sfuggire al rischio default insieme con Atene. Anche quel ricordo ha consigliato Mario Monti a scegliere la giornata festiva di sabato per la resa dei conti finale: Ho preferito che la decisione e lannuncio cadessero in un giorno di mercati chiusi, con ventiquattro o trentasei ore di tempo per riassorbire un eventuale colpo, nella speranza naturalmente che il colpo non ci sia. Spiegando subito, in ogni caso, che le dimissioni diventeranno effettive solo dopo lapprovazione della legge di stabilit, che spero proprio arriver come previsto. La dichiarazione di Alfano che annunciava la presa di distanza del Pdl e la fine dellesperienza del governo Monti stata la causa definitiva della scelta del Professore perch meditata e circostanziata, dopo gli attacchi e i preannunci di crisi da parte di Silvio Berlusconi. Lho interpretata veramente come un attestato di sfiducia dice Monti anche se non espressa in modo formale. Ma non era necessario, tutto era ormai chiaro. Chiaro anche il preannuncio di un Vietnam parlamentare, con il Pdl che puntava ad avere le mani libere in una lunga campagna elettorale, boicottando ogni provvedimento del governo (a partire dal taglio delle Province e dallincandidabilit per i condannati) senza assumersi formalmente la responsabilit di una crisi. Monti dunque sarebbe stato rosolato a fuoco lento sulla graticola parlamentare. possibile, anzi probabile
www.chanel.com

spiega il Professore , ma non stato questo lelemento determinante nella mia decisione. Il fatto importante e per me decisivo un altro: io non sento pi intorno a me una maggioranza che, sia pure con riserve e magari anche a malincuore, sia capace di sostenere con convinzione la linea politica e di programma su cui avevamo concordato. Questo venire meno agli impegni presi, questo venire meno della responsabilit condivisa da parte del-

la maggioranza anomala che aveva accettato di far fronte al risanamento necessario, dividendosi il costo politico ed elettorale dei sacrifici, ha convinto Monti a prendere liniziativa formale della crisi, con un chiarimento definitivo. Non potevo fare altrimenti chiarisce il presidente del Consiglio . Non sarebbe stato giusto, e nemmeno possibile. E oggi, non ha molta importanza vedere che una parte di quella maggioranza incrinata dica che non ha mai dichiarato la sfiducia in modo formale. Le cose sono chiare. Che cosa resta? Il bilancio di questanno di governo in condizioni drammatiche, e Monti trover il modo di farlo. Le telefonate di riconoscimento per limpegno del Paese in questi mesi, venute dallestero. E gli inviti, ripetuti, ad andare avanti, a non interrompere qui questa avventura politica e culturale nel segno dellEuropa. Molti spingono per una candidatura, per una scelta decisa, per la benedizione a qualche lista, scommettendo che Monti in politica non si fermer qui. Non lo so risponde il Professore , non lo so proprio. Se dovessi candidamente dire il mio sentimento oggi, direi che sono molto preoccupato. E non mi riferisco soltanto a quella parte politica da cui venuto questo epilogo, con le mie dimissioni. No, la mia preoccupazione pi generale. C come un senso di solitudine, il giorno dopo. Come concluder la domenica di crisi il Professore? Telefonando al Presidente Ciampi, per gli auguri del suo compleanno. Una voce autorevole, e amica.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I mercati

Ho preferito che lannuncio cadesse a mercati chiusi per riassorbire un eventuale colpo. Spiegando che le dimissioni saranno effettive solo dopo il s alla legge di stabilit
La sfiducia di Alfano

La dichiarazione fatta da Alfano lho interpretata veramente come un attestato di sfiducia anche se non espressa in modo formale. Tutto cos era ormai chiaro
Il futuro

Il mio futuro? Non lo so, non lo so proprio. Oggi sono preoccupato. E non mi riferisco solo a quella parte politica da cui venuto questo epilogo. una generale preoccupazione

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LA CRISI DI ECONOMIA GOVERNO

PER SAPERNE DI PI www.europarl.europa.eu www.ecb.int/ecb/html/index.it.html

I mercati
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE ANDREA TARQUINI
BERLINO Berlusconi minaccia la stabilit dellItalia e dellUnione europea, minaccia tutti noi nella casa comune. Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo, socialdemocratico ma spesso in contatto con Angela Merkel, usa le parole pi dure. Joerg Asmussen, membro tedesco del board della Banca centrale europea (Bce), incalza: Chiunque dopo le elezioni governi in Italia, sappia che dovr continuare sulla linea del risanamento impostata da Monti. E Klaus Regling, numero uno del Fondo salva-Stati, ci invita a proseguire nelle riforme. Ironico invece sul ritorno del nostro ex premier il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius che loda Monti: Non spetta a me entrare nel merito degli affari italiani e commentare il fatto che Berlusconi, il cui bilancio come sanno tutti da elogiare, abbia fatto conoscere le proprie intenzioni. In serata lo stesso Berlusconi risponde a Schulz: Assurdo e inaccettabile che il presidente del Parlamento europeo possa esprimere giudizi cos sulla politica italiana. E ancora: Se in Italia c una persona pi europeista di Berlusconi-dice lex premier me la facciano trovare. Ore di tensione in tutta Europa in

LEuropa teme il ritorno di Berlusconi Schulz: Una minaccia per tutti noi
Oggi difficile prova per lo spread. La preoccupazione di Draghi
attesa della riapertura dei mercati, mentre il presidente della Bce Mario Draghi a Oslo ma secondo fonti economiche torna oggi a Francoforte per fronteggiare di persona la giornata. Come reagiranno Borse, operatori e spread al ritorno di quello che la Sueddeutsche Zeitung definisce lo spirito maligno di Roma: la questione aperta sconvolge tutti. Allarme rosso, dunque, per cancellerie e leader. Per Angela Merkel e Franois Hollande, Mariano Rajoy e Jos Luis Durao Barroso. Spread, rating dei fondi salva-Stati, rating delle economie europee: laddio di Monti e il ritorno in scena di Berlusconi hanno sconvolto ogni prognosi. E hanno reso visibile laltissimo peso specifico dellItalia nellEurozona. La sola idea che Roma torni a rischio, fa tremare: ben altri costi che non con Atene, Lisbona o Madrid. Il ritorno di Berlusconi minaccia Italia ed Europa intera, che hanno bisogno di stabilit, ha insistito Schulz. Molti dei problemi dellItalia sono il risultato degli anni in cui Berlusconi stato primo ministro, il suo ritorno un gioco politico, molto legato ai suoi interessi particolari, che mette in secondo piano quelli del Paese. Gli italiani sanno bene chi stato la fonte dei problemi e chi ha contribuito a risolverli. Ma vediamo quali sono i nuovi timori per lEuropa.

CONTINUITA O MENO Non siete Pigs, la fortuna dEuropa sono i due Supermario, Monti e Draghi, ci aveva detto giorni fa un politico chiave di un paese forte. Un Supermario in meno pu risvegliare sui mercati il terrore di una nuova crisi finanziaria italiana. Leffetto politico del ritorno del Cavaliere fa anche paura. Pochi giorni fa due membri del team di Angela Merkel avevano detto a Repubblica di aver sperato in un normale confronto centrosinistra-centrodestra, primarie contrapposte. Al solo menzionare lipotesi di ritorno dellex premier, rinata in loro la preoccupazione per una deriva dei conti italiani e per i suoi riflessi sullintera economia dellEurozona. ALLEANZE NELLA UE Con Monti, sia il presidente francese, il socialista Franois Hollande, sia il premier conservatore spagnolo, Mariano Rajoy, hanno perduto un alleato insostituibile. Hollande aveva creato con lItalia unalleanza decisiva per negoziare con Berlino politiche rigorose ma anche pi inclini a favorire la ripresa, rispetto alla linea dellausterit della Bundesrepublik. Adesso improvvisamente solo, con sempre pi problemi in casa. E per Rajoy divenuto molto pi difficile imporre il suo durissimo piano di tagli, gi contestato in piazza. POPULISMO ED EUROSCETTICISMO Da Helsinki a Varsavia, le dimissioni di Monti rafforzano i no allEuropa pi unita. Persino paesi forti come la Finlandia hanno emarginato i populisti in ascesa solo con grandi coalizioni conservatori-socialisti. AllEst il ritorno di Berlusconi aiuta solo lautocrate ungherese Viktor Orbn con consiglieri forniti dal Cavaliere e da Vladimir Putin.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Bce: chi succede a Monti non dovr rinunciare al rigore Ironie di Fabius sullex premier

LEADER
Mario Draghi e Martin Schulz

Nel team di Angela Merkel c nervosismo per il nostro nuovo quadro politico

Il caso

E si riaffaccia il rischio di una richiesta di aiuti


Monti: Speriamo che lItalia non ne abbia bisogno. Al Tesoro la escludono
percepisce un certo timore. C chi chiede informazioni sul Pd e sulla coalizione di centrosinistra che fuori dal Paese per molti rappresentano un enigma. Tutti chiedono anche le reali possibilit che lo spauracchio Berlusconi vinca. Con laddio di Monti lItalia torna ad essere poco comprensibile, poco prevedibile, confessava ieri un leader Ue. Daltra parte la settimana che inizia oggi in Italia non sar intensa solo sul fronte politico, ma anche sui mercati. Pochi giorni fa lo spread era sceso sotto i 300 punti, record positivo negli ultimi nove mesi. Poi il ritorno di Berlusconi, lo strappo del Pdl e il differenziale tra Btp e Bund che tornato a salire a 330 punti, non ancora un livello preoccupante ma una chiara inversione di tendenza. E i mercati non hanno ancora reagito alle dimissioni di Monti, anche se erano gi preparati alla fine del suo governo. Eppure i media stranieri si interrogano su un possibile ritorno di sfiducia e speculazione. Alla partita contribuiranno i tanti appuntamenti della settimana. Mercoled in calendario un'asta di Bot annuali da 6,5 miliardi, gioved toccher ai Btp. Stesso giorno dellEcofin chiamato a trovare un vitale accordo europeo sullUnione bancaria. Giovedi il summit Ue sulla futura governance delleuro e il bollettino della Bce. Tutti elementi in grado di rinforzare o destabilizzare il quadro. Dunque qualche timore sullItalia torna. Con Monti che proprio oggi a Oslo, dove parteciper alla consegna del Nobel alla pace alla Ue, rassicurer i colleghi europei sulla tenuta del Paese. Eppure c chi anche a Roma, dentro e fuori al governo, non esclude che la richiesta di intervento della Bce e del fondo salva-Stati Esm, insieme formano lo scudo anti-spread, possa tornare di attualit. Ci si chiede come un governo dimissionario e senza maggioranza possa negoziare con lEuropa le condizioni per attivarlo. Condizioni che potrebbero anche essere pesanti, limitando fortemente la sovranit italiana e le scelte dei prossimi governi. Al Tesoro negano lipotesi. Lo stesso Monti molto scettico. Ma tutto dipende dai mercati, confessa il capo di un partito dellex strana maggioranza. E daltra parte sabato al forum economico di Cannes prima delle dimissioni lo stesso premier aveva detto: Sarei felice se nonostante le fibrillazioni lItalia non dovesse chiedere lo scudo. Certo sarebbe una beffa che lammutinamento di Berlusconi vanificasse i sacrifici imposti da Monti proprio per evitare il tracollo, la cessione di sovranit e il traumatico arrivo della Troika.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ALBERTO DARGENIO
ROMA I telefoni hanno iniziato a squillare sabato notte. Le linee riservate restano incandescenti. Dopo le dimissioni di Mario Monti dalle Cancellerie di mezzo mondo ci si informa con una certa ansia su cosa succeder in Italia. I timori di tutti sono sulla tenuta di un Paese che appena un anno fa, quando al timone cera Berlusconi, ha incredibilmente rischiato di affondare leuro e con esso leconomia planetaria. Gli occhi sono puntati sui mercati. Oggi il primo verdetto. Ma tutta la settimana segnata in rosso nei calendari dei governanti europei. Tra Bruxelles e Francoforte si vive il delicatissimo passaggio politico italiano con una certa apprensione. E sottovoce si riprende a parlare degli spread, dellItalia, della possibilit che alla fine Roma possa capitolare e chiedere lintervento dello scudo europeo. I timori ci sono tutti, anche se di intensit divergente. Ad esempio, se a Palazzo Chigi si attende con trepidazione la reazione dei mercati alle dimissioni di Monti, al Tesoro ieri sera ostentavano maggiore tranquillit. Dalle istituzioni europee e dalle grandi cancellerie si

LA VIGNETTA DEL FINANCIAL TIMES


Si vede Berlusconi uscire dal Colosseo con il pollice verso, e davanti a lui Mario Monti

La stampa estera

SENZA PUDORE
Se Berlusconi avesse pudore - scrive il Financial Times la smetterebbe di giocare con il presente del proprio Paese

IRRESPONSABILE
Lo spirito maligno dellItalia titola lal Suddeutsche Zeitung, che definisce Berlusconi totalmente irresponsabile

MORIRE UCCIDENDO
Per El Pais, Berlusconi disposto a morire uccidendo e si ricandida perch teme i giudici

IL TICKET
LEconomist vede Monti al Quirinale e scrive: LEuropa non dovrebbe preoccuparsi per un governo Bersani

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LA CRISI DI GOVERNO POLITICA INTERNA

Il centrodestra

Doverose le dimissioni di Monti E Berlusconi fa il patto con la Lega


Batto Bersani in un mese, Renzi benvenuto tra noi
CARMELO LOPAPA
ROMA Sorpreso dalle dimissioni di Monti? No, era un atto doveroso, la strana maggioranza era finita e poi non c' un solo indicatore economico che sia positivo. E ora mi basta un mese per battere Bersani e Casini, sono pi giovane politicamente. Silvio Berlusconi risponde serafico ai giornalisti che lo attendono tarda sera davanti alla pizzeria di Milano dove ha cenato con la figlia Marina, i nipoti, Maria Rosaria Rossi e Francesca Pascale. Un Cavaliere a tutto campo che ha voglia di provocare: Se Renzi volesse venire con noi, sappia che ai liberali tengo sempre la porta aperta. E che si prepara al voto per il 24 febbraio, in con Alfano un fuoriclasse, ed in ticket con me - e dando per fatto laccordo con la Lega: Ho gi parlato con Bossi e Maroni. Di alleanza col Carroccio da concludere con la candidatura di Maroni in Lombardia aveva parlato poche ore prima ai dirigenti pidiellini convocati nella sua residenza di via Rovani, a Milano, proprio per districare la matassa complicata per il voto del Pirellone. Si profilo un ticket tra il leader leghista e Mariastella Geltorno al 16 per cento di consensi. Per Berlusconi ora di lanciare la rincorsa. Come nel 2006. Pochi minuti di colloquio a quattrocchi con Ignazio La Russa, il quale gli avrebbe posto di nuovo la questione dello spacchettamento, lopportunit di dar vita a un nuovo soggetto di destra al fianco della nascitura Forza Italia. Il Cavaliere li invita a procedere: Se voi ritenete sia giusto cos, io non ho nulla in contrario. Poco distante da via Rovani, sempre a Milano, nelle stesse ore incontro top secret (e negato dai diretti interessati) tra il premier Monti e il capogruppo Pdl Mario Mauro. Lesponente ciellino non ha lesinato critiche al ritorno di Berlusconi nei giorni scorsi. Un the e scambio di impressioni col premier. Mauro non lunico. Un plauso al gesto (di dignit) di Monti arrivato ieri anche da Franco Frattini che spera in un Pdl ancorato al Ppe. Tace per ora Raffaele Fitto, che nega per di aver partecipato a cene o incontri con altri esponenti in rotta. Crosetto, Meloni e Cattaneo, ormai ex candidati alle primarie Pdl, lanciano invece una manifestazione per domenica prossima, per discutere di quel che successo e che passato sulle nostre teste, mai con Monti, ma si pu stare nel centrodestra e non necessariamente nel Pdl dice Crosetto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La curiosit

PIZZERIA

Littizzetto in tv contro lex premier Adesso ha proprio rotto il c....


MILANO Mi viene gi la colite, tornato Berlu.... Luciana Littizzetto ieri sera a Che tempo che fa, la trasmissione condotta da Fabio Fazio, ha preso di mira la ri-discesa in campo di Silvio Berlusconi. Io non dico di avere pudore che un sentimento antico - ha aggiunto -. Ma almeno una pragmatica sensazione di avere rotto il cazzo.... Sul sito della trasmissione vari commenti di approvazione.

Dopo il vertice in via Rovani, Berlusconi ha cenato in una pizzeria in via Monti con Francesca Pascale e la deputata Maria Rosaria Rossi. Poi si aggiunta la figlia Marina

Il caso

Ci sar un ticket con Alfano: lui un fuoriclasse. Per la Lombardia ipotesi Maroni-Gelmini
FILIPPO CECCARELLI
mini: Potrebbe essere un punto di arrivo dice il Cavaliere). Lintesa strategica per conquistare seggi importanti al Senato, soprattutto in Lombardia. Viviana Beccalossi lasciando quellincontro aveva ipotizzato: Si potrebbero fare primarie di coalizione. Ma dal Carroccio nicchiano. Accordo? La presenza di Berlusconi non aiuta stronca in serata Matteo Salvini. Resta per il Pdl il nodo Albertini in corsa e per nulla intenzionato a mollare. Mentre a Roma Francesco Storace lancia ufficialmente la sua corsa alla Regione Lazio. Al vertice milanese al quale sono presenti anche Alfano e La Russa, Gelmini e Romani, Lupi e la Brambilla, Mantovani e Santanch, Ronzulli e Formigoni il Cavaliere non fa alcun cenno al premier Monti e alle dimissioni annunciate due giorni fa, con una certa sorpresa di tutti i partecipanti. A Formigoni che chiede ragguagli sulla data esatta delle politiche risponde il segretario Alfano: Quasi certo il 10 o il 24 febbraio. E Berlusconi: O luna o laltra data, in ogni caso si far lelection day e noi per febbraio saremo pronti. Lo ha ribadito: Siamo gi in campagna elettorale, io dalla prossima settimana sar in tutte le trasmissioni tv che mi inviteranno. Poi ha rivelato i responsi sorprendenti dellultimo focus consegnatigli dalla Ghisleri. Su cento elettori Pdl, a differenza di qualche settimana fa, il 98 per cento disposto a votare di nuovo per noi. Risultato che, neanche a dirlo, il leader ricollega al suo ritorno in scena. Anche se il partito gravita ancora at(segue dalla prima pagina) A QUANDO si tratta di attizzare la curiosit, conquistare lattenzione, imporre temi, vendere promesse e alla fine anche raccattare voti, accidenti, un mostro, nel senso latino di monstrum, un fenomeno, un prodigio, un leader rapace e soprattutto capace di produrre autentici miracoli elettorali. Se ne pu chiedere dolorante conferma a Occhetto, a Veltroni, a Rutelli e anche al professor Prodi che nel 2006 sembrava avesse stravinto, e invece in quella interminabile notte ebbe paura, come tutti gli elettori del centrosinistra,

Dai bonus allImu abolita Silvio re degli illusionisti tenta lultima rimonta

Cita Ges e Putin, promette dentiere Nelle campagne elettorali lex premier fa miracoli
che la pi pazzesca rimonta della Cdl riportasse di slancio Berlusconi al primo posto. Ancora una settimana di invasioni televisive, manifestazioni affettive, maledizioni psico-emotive e con la dovuta complicit degli errori della sinistra, che sera messa a invocare pi tasse, il sorpasso, per non dire lo sfondamento, sarebbe stato ineluttabile. Garant allora bonus-beb alle mamme e carte-oro ai pensionati, cui pure fece intravedere dentiere gratis (Operazione Sorriso) e perfino un cagnolino, pure gratis.

Nellarco di un mese si proclam Napoleone, Giustiniano, Churchill e Ges. Fece visita a un giovane uscito dal coma, sembra ascoltando una sua perorazione su nastro. Fece capire che il gasolio arrivava grazie allamicizia con Putin e incurante delle proteste diplomatiche arriv ad accusare i comunisti, nel caso specifico cinesi, di utilizzare i bambini come concime nei campi. In un empito di intimit disse (a un sacerdote sardo) che praticava una forma di astinenza sessuale, una sorta di offerta votiva pre-elettorale e pur afflitto da una terribile sciatalgia lombare, durante un talk-show scatt in piedi riempiendo dimproperi Diego Della Valle. E pareggi una partita che era persa. Non gli mancano lesperienza, la tempra, il tempismo e specialissime male arti che in queste occasioni diventano buonissime.

ANTOLOGIA
La copertina del libro che il Pdl ha dedicato allanalisi delle campagne elettorali del suo leader

Guarda caso, ha fatto partire lodierna campagna proprio nel momento in cui gli italiani debbono pagare lImu, salatissima. E questa la sua quattordicesima campagna elettorale, essendosi battuto in cinque elezioni politiche, quattro europee e quattro regionali. Un record che gli impone la corona spettante a uno dei pi grandi affabulatori del mondo. Ha promesso le grandi opere, il

ponte di Messina, meno tasse per tutti, perfino la vittoria sul cancro. Limperatore degli illusionisti, certo, ma pur sempre il numero uno. Il pi grande cinico specialista delle emozioni; uno straordinario tecnico del consenso al quale si deve il seguente motto, terrificante nella sua efficacia predatoria: Se un messaggio pubblicitario impiega pi di tre secondi per essere capito, vuol dire che non

chiaro, se non addirittura sbagliato. Questo consigliava ai suoi venditori Berlusconi quando il fondatore di Twitter, Jack Dorsey, era ancora alla scuola materna. Non ha paura di niente e di niente si vergogna. Nel 2008 ha aperto un comizio parlando per sette minuti di Mamma Rosa, che se nera appena andata, e ha concluso: Giovani, state vicini alle vostre mamme!. Nel corso del ventennio ha regalato telefilm, euro-convertitori, opuscoli apologetici sulla sua vita, ma anche pacchi di pasta. Nel 1994 si offerto come se fosse gi presidente; lultima volta si consentito il lusso di aggiungere: La mia condanna definitiva: dovr fare il presidente del Consiglio. In primavera uscito un libro, comprensibilmente patinato e illustrato, che gli ultimi sviluppi rendono molto pi interessante di

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.renatobrunetta.it www.pdl.it

Lintervista

Brunetta: Serve unoperazione verit contro il grande imbroglio di questo esecutivo

Basta con le balle del premier ora deve evitare di candidarsi


ROMA Il Pdl pronto a quella che Renato Brunetta definisce una gigantesca operazione verit. Contro il terrorismo dei luoghi comuni e dello spread, contro il grande imbroglio che ha portato al governo Monti. Onorevole, dicono che labbia suggerito lei il tagliente discorso di Alfano alla Camera. Sono 13 mesi che analizzo giornalmente la politica economica del governo: le incongruenze, le contraddizioni, le falsit. Come la balla colossale detta da Monti a inizio mandato, che lo Stato rischiava di non pagare gli stipendi. Sono pronto a qualsiasi confronto pubblico per dimostrare il contrario. Non mi dir che andava tutto bene? No, ma nessuno si chiesto quale sia stato il ruolo delle banche tedesche, che a giugno 2011

Finiamola con il terrorismo degli spread. La Merkel? Ride bene chi ride per ultimo
Renato Brunetta hanno cominciato a liberarsi dei titoli italiani facendo puntare la speculazione su di noi. ora di finirla con il terrorismo degli spread, il momento di riprenderci la nostra sovranit. Con il ritorno di Berlusconi? LEuropa ufficialmente preoccupata. Martin Schulz un socialista, non lEuropa. E comunque, le istituzioni europee non hanno voce in capitolo sulla libert di Berlusconi di candidarsi o meno. come se noi sindacassimo sulle scelte di Angela Merkel, che lEuropa la sta uccidendo con il suo egoismo, la sua arroganza e il suo calvinismo. Ma il governo Berlusconi caduto anche per la perdita di credibilit a livello europeo. Sarkozy finito. La Merkel rischia. Penso che rida bene chi ride per ultimo. Cosa intende quando dice che comincerete una grande operazione verit? Faremo una conferenza stampa a fine anno, dati alla mano, per far vedere gli effetti di ogni singola riforma del governo Monti.

Riforme che avete votato anche voi. Siamo stati messi in una condizione di emergenza. E mi faccia dire: un presidente del Consiglio che stato chiamato in quella situazione, dovrebbe poi abbandonare ogni velleit politica. Monti non deve candidarsi? Mi sembra sia anche la linea di Napolitano, che lo ha detto non pi di 15 giorni fa. Cos come ci aveva detto di volere una chiusura ordinata della legislatura, mentre Monti non lo ha consentito. Il Pdl pronto alle elezioni? Si chiamer ancora cos? Per quanto mi riguarda, comunque si chiami, sono per il Pdl e lunit dei moderati. E per denunciare le mani sullItalia da parte dei poteri forti, delle banche e della finanza. (a.cuz.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO:FOTOGRAMMA

CONTRATTO E CROCIERA
Da sinistra: Berlusconi firma il Contratto con gli italiani nello studio di Porta a Porta: era l8 maggio 2001; a bordo di Azzurra, la nave della libert, nel 2000; a Vicenza nel 2006 inveisce contro alcuni imprenditori che avevano criticato il suo governo; con la madre Rosa, da lui citata per sette minuti in un comizio del 2008

mo fermarci qui. In quelle pagine, pi che la teoria, c la storia, levoluzione e soprattutto la pratica che ha rivoluzionato le forme e in qualche modo larte della politica e anche del potere. Dai fondali dei comizi con cielo & nuvolette al Contratto con gli italiani, dalluso dei sondaggi a quello degli inni e degli spot nelle loro molteplici versioni, dal kit del candidato allopuscolo-fotoromanzo, dalla nave Azzurra al presidente operaio fino al premio Berluskaiser per i migliori taroccamenti on line, ecco, il marketing si celebra con lorgoglio di chi non solo ha fatto sembrare di colpo la propaganda degli

quanto fosse apparso allora. Sintitola: Come Berlusconi ha cambiato le campagne elettorali in Italia e lhanno scritto lonorevole Antonio Palmieri, responsabile Internet del Pdl, e altri tre tecnici di marketing politico Gianni Comolli, Cesare Priori e Massimo Maria Piana le cui competenze sono state al servizio del partitoazienda fin dai tempi dalla discesa in campo. Berlusconi firma una prefazione niente affatto di circostanza che si conclude: Ne abbiamo pensate e realizzate tante e, come dimostra la nuova, grande avventura del Pdl, non intendia-

Arriv a evocare la vittoria sul cancro e a rilanciare i taroccamenti dei suoi manifesti
avversari ferma allet delle pietra, ma nellarco di un ventennio li ha spinti a scimmiottarla, a farla propria, a estenderla, magari adesso anche a rinnovarla. E quindi attenti. Perch lodierno Berlusconi sar vecchio, sar bollito, sar finito, sar in bolletta con le banche, magari sar anche condannato per prostituzione minorile. Ma rimane Berlusconi, e fino a prova contraria in campagna elettorale non c (ancora) politico che possa mangiargli nel piattino o piattone che sia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

REPUBBLICA.IT Un anno da premier, una gallery semiseria firmata da Filippo Ceccarelli

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LA CRISI DI GOVERNO POLITICA INTERNA


FINI
Monti ha fatto un gol in contropiede a Berlusconi: il Cavaliere sa che ha gi perso, cos Gianfranco Fini

PER SAPERNE DI PI www.partitodemocratico.it https://twitter.com/PontifexRoma

RICCARDI
Quello di Monti un gesto di responsabilit e chiarezza verso gli italiani dice il ministro Riccardi

CASINI
Monti ha compiuto un gesto di seriet. No alla vecchia politica dice il leader udc Casini

Hanno detto

Il centrosinistra

Bersani avverte tutti Alle elezioni resto io il candidato premier


In caso di pareggio niente Monti bis
GIOVANNA CASADIO
ROMA Monti in campo? Il Pd va dritto per la sua strada. Lindicazione delle primarie stata chiara. E allindomani del voto, se vinceremo, il mio primo incontro sar con il Professore, per capire quale potr essere il suo impegno. Per Pier Luigi Bersani stata una giornata di telefonate: rimasto a Piacenza, dove stamani incontrer il candidato governatore della Lombardia, Umberto Ambrosoli. Il segretario democratico ribadisce che si tratta di accelerare lapprovazione della legge di Stabilit, il decreto Ilva, e poi rimboccarsi le maniche per affrontare le elezioni a febbraio. Ma

Segretario Pd
Il segretario del Pd Pierluigi Bersani candidato premier del centrosinistra, dopo aver vinto le primarie Ora la possibile discesa in campo di Mario Monti cambia lo scenario delle prossime elezioni

Vaticano

Il dispiacere del Papa Davvero si dimesso?


CITTA DEL VATICANO Wirklich?. Davvero? Il Papa tedesco ha manifestato dispiacere nellapprendere la scelta di Mario Monti di concludere la sua esperienza di premier. Benedetto XVI rimasto colpito dalla decisione, ma ne ha infine compreso i motivi. Tra lAppartamento e la Presidenza del Consiglio sono intercorsi colloqui, e lo stesso ufficio del segretario di Stato vaticano, Tarcisio Bertone, ha avuto contatti con esponenti del governo. Nel contesto il Vaticano ha valutato il ruolo di Silvio Berlusconi. Joseph Ratzinger, il cui asse con il capo del governo stato fin dallinizio molto forte, ha poi scelto di non toccare pubblicamente largomento della crisi politica. E allAngelus ha fatto solo un riferimento alla sobriet, tratto distintivo del governo Monti, commentando il Vangelo su Giovanni Battista: Occorre vivere ha detto in maniera essenziale. Il Papa continua a seguire gli sviluppi con grande attenzione. Oggi il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, rientrato da Genova (lItalia ha bisogno di speranza, ha detto nellomelia), valuter la situazione allinterno della Conferenza episcopale e con i principali collaboratori. (m. ans.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

tatto con Montezemolo; avverte che chiunque guider il paese dovr tenere i conti pubblici sotto controllo e mantenere gli impegni con lEuropa. Il presidente della Camera, e leader di Fli, vorrebbe un rassemblement di forze di cittadini con Monti e che lui benedica laicamente questo schieramento. Obiettivo? Quello di continuare la politica del rigore e rassicurare lEuropa. Eppure Stefano Fassina, il responsabile economico del Pd, considerato un gauchista, ritiene che anche rispetto allEuropa siamo su una rotta che non funziona e che va corretta. E che c una specificit programmatica del centrosinistra, di rigore ma

Il leader Pd al Wsj: Senza di noi lItalia sarebbe un problema per il mondo


la mossa di Monti - e soprattutto la possibilit che il Professore si candidi direttamente o che dia in franchising il proprio marchio, lAgenda Monti -, costringe i Democratici ad aggiustare il tiro. E a ribadire che non ci possono essere alternative alle scelte compiute dai militanti di tutto il centrosinistra. Bersani mette dunque le mani avanti: il candidato premier, forte di un 60% di consensi alle primarie, e resta lui. Tuttavia, se Monti accentua il suo profilo anti berlusconiano e i supporter CasiniMontezemolo-Riccardi insistono per un fronte di salvezza nazionale - sono i timori dello stato maggiore democratico -, le quotazioni di un Monti di nuovo premier, potrebbero salire. In quel caso, per, lavvertimento di Largo del Nazzareno piuttosto netto: Monti non sarebbe pi super partes e se si fosse speso in prima linea con i centristi, avrebbe assai meno chance di diventare presidente della Repubblica dopo Napolitano. Anche per questo lanciano un monito agli alleati Udc e montiani: Il Professore non va tirato per la giacchetta. In unintervista al Wall Street Journal Bersani dichiara che se non ci sar una maggioranza parlamentare, la soluzione non sar n Monti n Bersani ma nuove elezioni. E lancia un messaggio agli osservatori internazionali: Senza di noi lItalia sarebbe un problema per lEuropa e per il mondo. Per il resto, la strategia bersaniana sempre quella di costruire un Polo progressista che si allarghi poi a unalleanza con i Moderati,

Pier Ferdinando Casini spinge per unire larea progressista e quella del Ppe
pure di sensibilit sociale, equit, sviluppo. Nel Pd ci sono filo montiani accesi (molti dei quali hanno votato Renzi alle primarie), ma difficilmente potranno rimettere in discussione la corsa di Bersani per Palazzo Chigi. Troppo netta stata la vittoria del segretario. Mercoled Bersani riunisce segreteria e segretari regionali: l si far il punto della situazione e si parler di liste. Sar mantenuta la promessa di primarie/consultazioni a inizio gennaio per scegliere i candidati al Parlamento e ci sar il nodo delle deroghe per gli elefanti ( i leader di lungo corso), da affrontare. Su una cosa Democratici e centristi sono completamente daccordo: sullirresponsabilit di Berlusconi e Pdl. Sono bastati due giorni dal suo ritorno in campo e Berlusconi ha portato il paese sullorlo della crisi. Ha fatto cadere il governo Monti e ha messo a rischio i sacrifici degli italiani, attacca Dario Franceschini, il capogruppo Pd alla Camera. Lirresponsabilit del Pdl colpisce i pi deboli, denuncia Francesco Boccia. Per Veltroni e per Rosy Bindi il ritorno di Berlusconi precipita il paese nel passato. Gi oggi Anna Finocchiaro, la presidente dei senatori democratici, far il punto su come proseguire i lavori al Senato. La riforma elettorale rimarr nel porto delle nebbie dove si trova da tempo. La legge di Stabilit avr la precedenza su tutto con un iter velocissimo. Il Pd punta al raccordo con il governo per alcune modifiche, anche perch in questo provvedimento economico del governo c dentro di tutto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

in nome della governabilit del paese. Una coalizione post-voto, perch con il Porcellum un patto Pd-centristi subito - al netto di altre considerazioni politiche come il malumore vendoliano - non sarebbe conveniente.

Casini invece spinge per laggregazione di tutte le forze del centro con la speranza proprio di un Monti-bis: In Italia c unarea progressista, che ha fatto le primarie con la vittoria di Bersani dice - e unarea che a livello euro-

peo si ritrova nel partito popolare e nella politica responsabile che in questi mesi ha fatto Monti. Questarea non pu andare dispersa, composta da chi come noi ha sostenuto il governo Monti e da gran

parte della societ civile... dobbiamo presentare unofferta politica adeguata agli italiani. Casini in sintonia con Fini che si augura di rivedere Monti premier; rivela di essere quotidianamente in conFOTO:ANSA

Lintervista

Letta: Dobbiamo impostare la nostra campagna nel segno dellottimismo

Monti e Pierluigi troveranno unintesa


ALBERTO DARGENIO
ROMA Le dimissioni di Monti sono un gesto politicamente intelligente e avveduto, una scelta di saggezza. Se fosse rimasto al suo posto sarebbe stato messo sulla graticola dal Pdl facendo entrare il Paese in una situazione di totale fibrillazione che alla lunga avrebbe portato al crollo di quella credibilit che abbiamo acquisito con tanta fatica. Enrico Letta, vicesegretario del Pd, guarda al futuro con ottimismo, fiducioso sulla capacit del centrosinistra di governare ma ricorda che nei prossimi giorni ci sar ancora bisogno della saggezza di Napolitano per evitare che la legislatura finisca davvero male: stiamo vivendo un momento delicato e restano da approvare la Legge di Stabilit, il pareggio di bilancio in Costituzione e il decreto Ilva. Certo che Berlusconi tornato a incidere sulla vita del Paese. Dobbiamo impostare una campagna elettorale che non sia un referendum pro o contro Berlusconi. Al contrario dobbiamo spiegare agli italiani e allestero che senza BerluEnrico Letta

sconi e il suo partito in maggioranza saremo in grado di fare cose estremamente utili per la competitivit del Paese, di rendere il lItalia pi attrattiva. Ad esempio, Berlusconi ha impedito al governo di mettere il falso in bilancio, lautoriciclaggio e lallungamento della prescrizione nel decreto contro la corruzione. Noi invece lo faremo e questo conter molto per gli investitori. Non teme che intanto con laddio di Monti su di noi si possa abbattere una nuova tempesta finanziaria? No, sono fiducioso e ottimista, non siamo nel novembre 2011 e sono convinto che un governo di centrosinistra scelto dagli elettori sar una soluzione politicamente forte, in grado di curare anche laspetto sociale che sta facendo soffrire i cittadini e pienamente accettato da mercati a partner Ue. Di questo il Pd deve prendere consapevolezza, dobbiamo essere fiduciosi nei nostri mezzi. Oltretutto credo che tanto la comunit internazionale quanto gli investitori accoglieranno con favore la prospettiva di elezioni pi ravvicinate che faranno chiarezza rispetto ad una campa-

gna elettorale lunga e con un governo indebolito. Ci sar un allargamento al centro? Mi fido di Bersani e delle sue scelte, lui il leader legittimato dalle primarie Quale ruolo per Monti? Monti ha dimostrato grande saggezza nelle scelte politiche e penso che far lo stesso in questo frangente. Aspettiamo e vediamo. Non penso che torner alla Bocconi e sarebbe negativo se lo facesse. In questo anno Monti e Bersani si sono intesi bene, sono certo che troveranno la soluzione migliore. Vorrei aggiungere che le primarie hanno dimostrato il grande ruolo che Renzi ha avuto nel regalare nuovi consensi al Pd: sarebbe un errore se non creassimo le condizioni per farlo uscire dalla citt di Firenze, spero che al pi presto sia in pista affianco a Bersani nel guidare la nostra colazione verso le elezioni. Laccelerazione verso il voto far saltare le primarie per i parlamentari? No, faremo il possibile e limpossibile per tenerle.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LA CRISI DI GOVERNO POLITICA INTERNA

PER SAPERNE DI PI www.italiafutura.it www.acli.it

I centristi
ITALIA FUTURA
Il leader del movimento Italia Futura, Luca Cordero di Montezemolo

Patrimonio

(segue dalla prima pagina)

ROBERTO MANIA
N CAMPO, s, a sostegno di un progetto centrista in continuit con la cosiddetta agenda Monti, ma non candidato a un seggio parlamentare. Ora lo scenario mutato. A questo punto potrei candidarmi, ripete negli ultimi giorni ai suoi pi stretti collaboratori. La crisi, la fine del governo della strana maggioranza, la nuova sfida populista e anti-europea della destra berlusconiana, stanno obbligando il leader del movimento Verso la Terza Repubblica a ripensare la tattica. Anche perch cos sostiene Montezemolo nelle conversazioni private - c una parte dellestablishment italiano, pi vicino alleconomia reale che alla finanza, che dopo aver guardato con scetticismo alloperazione di Italia Futura & co., ora la considera, insieme allUdc di Pier Ferdinando Casini, tra le poche opportunit per arrivare a un Monti bis. Obiettivo, daltra parte, auspicato, dietro le quinte, da Washington, dai tecnici di Bruxelles e Francoforte, e da non poche Cancellerie europee. Soggetti che non votano, sia chiaro, ma che contano nellorientare la formazione dellopinione pubblica nazionale. Per nessuno il ritorno del Cavaliere, anche solo nella campagna elettorale, pu essere rassicurante. Non si tratta di fare il Terzo polo, spiega Montezemolo. Si tratta di non disperdere il patrimonio di governabilit interna e di affidabilit internazionale costruito da Monti in questo anno a Palazzo Chigi. E proprio per questo fuori discussione che se il Professore decidesse di candidarsi la leadership sono parole del presidente della Ferrari sarebbe sua. E con il suo imprimatur aggiunge - un listone di centro supererebbe il 15 per cento. Partita aperta, che non fa escludere nemmeno a Montezemolo lipotesi, tutta sulla carta per ora, di unalleanza elettorale, stante il Porcellum, con il Pd di Pier Luigi Bersani. Dunque, per rafforzare larea liberale e moderata, quella che dovr da una parte vedersela (a meno di un eventuale apparentamento) con lasse socialdemocratico Bersani-Vendola, e dallaltra

Berlusconi e Briatore mi avevano telefonato da Malindi chiedendomi di fare il capo dei moderati
Lofferta di Silvio

Non si tratta di fare il Terzo Polo, ma di non disperdere il patrimonio costruito da Monti
FOTO:FRANCESCHI

E Montezemolo prepara la discesa in campo Voglio aiutare Mario a tornare a Palazzo Chigi
Il leader di ItaliaFutura a questo punto non esclude un accordo con il Pd
I personaggi
BONANNI
Raffaele Bonanni, segretario della Cisl, fautore della lista Monti

DELLAI
Il presidente della Provincia di Trento, Lorenzo Dellai

OLIVERO
Andrea Olivero, il presidente delle Acli, schierato per una lista per il premier

con un Pdl rancoroso in cerca di improbabili rivincite, potrebbe servire il ragionamento del presidente di Italia Futura un ulteriore passo avanti personale, al di l della necessit di cambiare e ringiovanire la classe dirigente. La novit secondo Montezemolo che nello scontro che si prospetta tra Bersani e Berlusconi nessuno, per ragioni diverse, difender fino in fondo lazione del governo dei tecnici. Non Berlusconi, va da s, perch, dopo il discorso della sfiducia alla Camera di Angelino Alfano, ha gi scelto quale sar il canovaccio della campagna elettorale, tutta centrata sui temi economici e sociali e sullaccusa a Monti, spread a parte, di avere peggiorato il quadro macroeconomico (debito, Pil, disoccupazione) e le condizioni reali degli italiani (supertassazione e crollo del reddito disponibile). Ma nemmeno il Pd, al cui interno (tanto pi con lalleanza elettorale con Sel di Vendola) ci sono settori rilevanti, sensibili agli argomenti della Cgil e della Fiom, che chiedono ritocchi significativi alle due rifor-

me che pi hanno segnato il governo dei tecnici: quella delle pensioni e quella del lavoro. Invece servirebbe continuit con lagenda Monti. Montezemolo si dato 48 ore per decidere, per quanto in ogni caso abbia gi scelto di stare dentro la prossima campagna elettorale: andr in televisione, parteciper ai dibattiti, ci metter la faccia. Domani sar a Reggio Emilia per la convention di

Verso la Terza Repubblica. Loccasione, probabilmente, per annunciare la prossima mossa, cio la candidatura. Per ora Montezemolo non ne ha parlato direttamente con Monti. Aspetta la decisione del premier, ma il fatto che questultimo si senta pi libero di muoversi porta argomenti al progetto della lista per Monti. Che piace alla Chiesa italiana. Pare, infatti,

Il caso

Libert e Giustizia e il rischio-populismi Se si saldano per lItalia sar un disastro


ROMA In Italia si aggira lo spettro di una pericolosissima campagna elettorale. A lanciare lallarme Libert e Giustizia. Non resta che lavorare con limpegno di una buona parte dItalia scrive in una nota la presidente dellassociazione Sandra Bonsanti affinch i populismi beceri, lantieuropeismo e lantieuro, insieme allantitasse, non si saldino in un incontro che non pu che portare al disastro. Del nostro Paese e delle sue istituzioni democratiche. Per Libert e Giustizia rimane larea del centro sinistra a guardia del sistema istituzionale. Non cosa da poco. Ma il Pd deve essere allaltezza delle aspettative.

che il cardinale Angelo Bagnasco, capo della Cei (la Conferenza episcopale) abbia molto incoraggiato la costruzione di un nuovo centro moderato che coinvolge i cattolici impegnati nelle associazioni della societ civile. Progetto del tutto compatibile con i disegni di Casini, tanto che tra Italia Futura e lUdc i rapporti si sono fatto assai pi fluidi dopo le iniziali polemiche e incomprensioni. Montezemolo ha chiesto a Casini di rinnovare il pi possibile tra i suoi, mentre rimane la contrariet al patto con il Fli di Gianfranco Fini che un elettorato moderato continuerebbe a percepire ancora come un derivato di Berlusconi. E con il Cavaliere, Montezemolo non vuole avere collegamenti, nemmeno indiretti. Nonostante Berlusconi labbia corteggiato fino a qualche settimana fa. Insieme a Flavio Briatore lha chiamato dalle spiagge di Malindi: Luca, devi essere tu il capo dei moderati italiani! Devi essere il nostro leader. Poi scomparso. E ora prepara la ridiscesa in campo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lintervista

Lallarme di Giulia Bongiorno: va licenziata nonostante la crisi prima di Natale, il Pdl non pensi di salvare i condannati

Liste pulite, legge da approvare o trionfa lantipolitica


LIANA MILELLA
ROMA Non la convince. Critica pi di un punto, ma sul decreto per le liste pulite, che attende il parere obbligatorio ma non vincolante delle Camere, Giulia Bongiorno ritiene che si debba fare una battaglia per licenziarlo definitivamente prima di Natale. Non farlo sarebbe un clamoroso regalo allanti-politica. necessario dare, dice la presidente della commissione Giustizia della Camera e portavoce di Fli, un netto segnale di rottura rispetto agli anni abominevoli di Berlusconi sulla giustizia. crisi. Il decreto sar affondato? Sarebbe un ennesimo atto di autolesionismo da parte dei parlamentari. A quel punto, sarebbe facile dire che si riempiranno le liste con i condannati. Il Parlamento deve avere il coraggio di precipitarsi a votarlo subito, senza se e senza ma. Il Pdl, che con Bruno ha la presidenza della prima commissione della Camera, remer contro. un colpo di coda evitabile? Non credo che vorranno accelerare. Il punto che i cittadini tendono a considerare le gravi responsabilit del Pdl sulla giustizia come responsabilit dei politici tout court. E quindi che si deve fare? Esprimere il parere subito, anche prima di Natale. Lei ha definito fiacco il decreto. Era fiacca anche la legge anti-corruzione, tuttavia c stata una forte spinta della gente e di Repubblica, per sostenerla. Si deve fare pure per le liste pulite? I cittadini sono stanchi, non a torto, di una classe politica al centro di scandali. Si deve andare

I cittadini sono stanchi, non a torto, di una classe politica al centro di scandali
ALLA CAMERA
Giulia Bongiorno presidente della commissione Giustizia

avanti sollecitando anche pubblicamente le forze politiche a non tergiversare: se si parla di Terza Repubblica non possiamo riproporre la giustizia abominevole degli anni di Berlusconi. Serve un cambio di rotta che al momento non vedo. Severino dice abbiamo fatto quello che potevamo fare. Resteranno fuori reati importanti? Tempo fa avevo segnalato co-

me non avesse senso escludere la truffa e lappropriazione indebita, come pure il traffico di influenze e la corruzione tra privati (nelle societ non quotate), specie considerando che questi reati sono diventati cavalli di battaglia per il governo. E il falso in bilancio? Restano fuori quello contravvenzionale e quello dannoso nellambito delle societ non quota-

te. Se il decreto decadesse quanto si avvantaggerebbe chi, come Grillo, gli arancioni o Di Pietro, punta a strappare voti con la polemica anti-casta? Moltissimo, sarebbe un super regalo di Natale. La prova regina del cambiamento della politica sar la trasparenza, le liste pulite. Sarebbe bene che fin da ora i partiti dichiarassero se, al di l delle leggi, intendono candidare condannati. Visto che in bilico ci sono personaggi come DellUtri che hanno patteggiato, escludere il patteggiamento non un modo per salvare i noti condannati? Nella delega non erano previste dispense o norme transitorie, cos come introdotte nel decreto. Oltretutto, non vedo perch discriminare chi stato condannato rispetto a chi ha patteggiato.

Vorrei ricordare che il patteggiamento una scelta consapevole. Non finir che, grazie al previsto voto di Camera e Senato su chi condannato in corso di legislatura, alla fine tutti resteranno dentro? Il testo del governo lascia qualche margine di dubbio in caso di incandidabilit sopravvenuta durante il mandato. Non c pi lautomatismo previsto nella legge delega. Il decreto avrebbe dovuto almeno stabilire pur nel rispetto dellautonomia delle Camere qualche criterio guida per contenere al massimo i tempi della decisione ed eliminare i rischi di arbitrio. Stimo molto i ministri proponenti, ma le troppe timidezze mi fanno venire il sospetto che in questa strana maggioranza qualcuno non gradisse qualcosa di pi rigoroso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LA CRISI DI ECONOMIA GOVERNO


SALVA-ITALIA
Il primo decreto Monti salva le Province, ma ne limita funzioni e personale, a favore dei Comuni, e solo 10 consiglieri

PER SAPERNE DI PI www.funzionepubblica.gov.it www.governo.it

11

SPENDING REVIEW
Poi il decreto taglia-spesa fissa i parametri per la fusione delle Province: meno di 350 mila abitanti e sotto i 2.500 km quadrati

NUOVO DECRETO
Il taglio delle 35 Province e le nuove regole elettorali rischiano di saltare per la pregiudiziale del Pdl sul decreto

Le tappe

Province, allarme del governo Senza decreto caos istituzionale


Scuole, strade rifiuti: non si sa chi sar competente
VALENTINA CONTE
ROMA Non solo risparmi sfumati, tra 370 e 535 milioni a regime. Ma anche lievitazione dei costi per Comuni e Regioni, blocco della riorganizzazione periferica dello Stato, Citt metropolitane soffocate sul nascere. Insomma, un caos istituzionale in piena regola. Questi i gravi e pesanti effetti vagliati dal governo qualora il decreto sul riordino delle Province imboccasse il tunnel dellinsabbiamento parlamentare. Chi si occuperebbe della manutenzione di scuole e strade, della gestione dei rifiuti, della tutela idrogeologica e ambientale? E chi subentrerebbe ai mutui contratti dalle Province con banche e Cassa depositi e prestiti? E poi che fine farebbero il personale, gli immobili, i finanziamenti? A questi interrogativi, infilati in uno studio che il dicastero della Funzione pubblica ha spedito ad alcuni senatori, prover a rispondere la tiamo quattro mesi di caos. Mercoled o votiamo turandoci il naso o diciamo di no, perch i difetti del decreto sono talmente grandi che prevalgono sulla sua bont, risponde Saltamartini. Ma il Pdl non vuole figurare come capro espiatorio. Valuteremo bene le ricadute politiche. In realt un accordo tra i relatori (e con il governo) gi esiste. Almeno su alcuni punti. Primo, salvare non 51 ma 55 Province, evitando le fusioni Perugia-Terni, Rieti-Viterbo, Avellino-Benevento, Matera-Potenza. E staccare in due la macro-Provincia toscana (Pisa-Livorno e LuccaMassa). Secondo, far decadere le giunte non il 1 gennaio 2013, ma il 30 giugno 2014. Terzo, lasciare ai Consigli comunali il potere di scegliere la Provincia capoluogo post-fusione. Quarto, alzare il

AL SENATO
Oggi si discute del riordine delle Province al Senato, alla commissione Affari costituzionali
FOTO: AGF

numero dei consiglieri da 10 a 16-18-20 a seconda degli abitanti. Fermo restando che le Citt metropolitane partono dal 2013 e che le Regioni a Statuto speciale hanno sei mesi per adeguarsi. Un accordo dalle ore contate.
RIPRODUZIONE RISERVATA

A rischio risparmi da mezzo miliardo Lesecutivo contro la pregiudiziale di incostituzionalit


commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama. Dove questa sera i relatori Enzo Bianco (Pd) e Filippo Saltamartini (Pdl) proveranno a sminare il percorso del decreto 188 che riduce le Province delle Regioni ordinarie da 86 a 51, in vista del suo approdo in aula mercoled prossimo, quando sar sottoposto alla pregiudiziale di incostituzionalit annunciata dal Pdl. Qualora passasse, il decreto sarebbe da riscrivere. In pratica la sua fine, con la legislatura agli sgoccioli. Resterebbero i nuovi accorpamenti, per. Perch il decreto solo lultimo anello di una catena di provvedimenti (Salva-Italia e Spending review) che di fatto gi ridisegnano la mappa di questi enti locali. Bruciarlo ora, porterebbe al caos istituzionale, paventato dal ministro Patroni Griffi. Con le Province svuotate di competenze, servizi a rischio da accollare a Comuni e Regioni, e la possibilit che la Corte Costituzionale intervenga (alcune Regioni hanno gi impugnato il decreto) per ripristinarle tutte, evaporando mesi e anni di lavoro. Una follia, demagogia allo stato puro, non convertire il decreto, avverte Bianco. Mi appello con forza ai colleghi senatori: non permet-

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

12
I CANDIDATI
Sono stati avvisati con unemail dello staff tutti coloro considerati candidabili, perch lo erano gi stati o avevano meno di un mandato e la fedina penale punita

LE SCELTE DEI PARTITI POLITICA INTERNA


GLI ELETTORI
Potevano votare gli iscritti al MoVimento che hanno mandato i documenti digitalizzati entro settembre 2012. Dovevano ricevere unemail, ma per molti non stato cos

LE PREFERENZE
Si potevano scegliere 3 persone nella propria circoscrizione, guardando i profili e i video, ma ci sono stati problemi di caricamento e di collegamento

LA RICEVUTA
Non c stata nessuna ricevuta del voto, come ventilato inizialmente. Alcuni hanno segnalato di non riuscire a votare, o di poterlo fare pi volte. Nessun controllo sullo scrutinio

I punti

N controlli esterni n dati ufficiali le mani di Grillo e Casaleggio sulla macchina delle primarie
Giallo sui voti dei candidati. I dissidenti: pi trasparenza
ANNALISA CUZZOCREA TIZIANO TONIUTTI
ROMA Nessuna certificazione del voto, nessun controllo di terzi sullo scrutinio, nessun dato ufficiale sul numero degli elettori, sulla suddivisione delle circoscrizioni o sui voti ricevuti dai diversi candidati. Una sola certezza: con Parlamentarie fatte in questo modo, senza un software certificato da un esterno, senza controlli di alcun tipo ai seggi seppure online Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, nel segreto del server, avrebbero potuto fare, indisturbati, qualsiasi cosa. Scegliere i capolista, manomettere le votazioni, recepire dei voti e non raccoglierne altri. Quel che certo, che il capo politico dei 5 stelle ha scelto la totale opacit. Il MoVimento che entrato nei consigli comunali e regionali con le webcam in mano, e che proclama di voler fare lo stesso in Parlamento, sceglie i suoi portavoce rimettendosi alla buona fede dei capi supremi. Che hanno deciso tutto: i requisiti di chi poteva candidarsi e di chi poteva votare, la suddivisione delle circoscrizioni, le inclusioni e le esclusioni ad personam.

I numeri
1.400
Tanti erano i candidati alle Parlamentarie del MoVimento 5 stelle in tutto il Paese, compresa la circoscrizione Estero

95.000
Il giorno in cui si chiuso il voto Beppe Grillo ha parlato di 95mila voti disponibili nelle diverse circoscrizioni

31
Le liste presentate erano 31, suddivise in circoscrizioni regionali (pi di una per le pi popolose)

31.600
Dividendo i voti disponibili per le tre preferenze da accordare, si desume un corpo elettorale di 31.600 persone

1.770. Che divisi per tutti i candidati, fa una manciata di voti ciascuno. NESSUNA CERTIFICAZIONE ATTENDIBILE Non dico che i risultati siano stati truccati, ma era sicuramente possibile farlo, dichiara a Repubblica uno dei maggiori esperti di strategie di Rete italiani. Per evitare ogni dubbio, il MoVimento avrebbe dovuto e potuto affidare a un agente terzo, magari una societ di rilevazione statistica come la Doxa, la gestione dei voti e dei conteggi, certificandone la validit attraverso lutilizzo di una struttura esterna a Ca-

Lesperto: Possibile in teoria truccare i risultati, serviva la certificazione di un ente terzo


CORPO ELETTORALE SCONOSCIUTO Fino a gioved sera, giorno della conclusione del voto, non se ne sapeva proprio nulla. Lunico numero conosciuto era quello dei candidati: 1.400. Poi, un post in cui si parla di 95mila voti disponibili. Qualcuno ha pensato si trattasse degli aventi diritto. Sbagliato: il giorno dopo gli stessi attivisti segnalano che quel numero va diviso per tre, perch ciascuno poteva esprimere tre preferenze. Quindi, il corpo elettorale coloro che sono stati abilitati a votare da Grillo e Casaleggio dovrebbe essere di 31.600 persone. Anche su questo, per, non c alcuna certezza n alcuna ufficialit. Cos come non si sa in base a cosa siano state divise le circoscrizioni, visto che non si tenuto conto della maggiore o minore presenza del MoVimento nelle diverse regioni (il che influisce non poco sul numero delle preferenze che un singolo candidato riesce a prendere). Di pi: di quei 31mila, alcuni non sono riusciti o non hanno voluto votare. Secondo i dati raccolti da alcuni attivisti, che si parlano sulla pagina Facebook Solo 5 stelle, in Trentino avrebbero votato solo 173 persone, in Umbria 311, in Liguria 650, in Emilia

saleggio Associati, ovvero la spina dorsale tecnologica della presenza web di Beppe Grillo. La mancanza di trasparenza d adito a congetture. come se in una partita di calcio una delle squadre facesse anche la funzione dellarbitro. Per garantire lelettore e i candidati, invece, si poteva anche solo realizzare un sistema di certificati elettronici collegati al codice fiscale, con la gestione delegata a un terzo attore. Cos il voto sarebbe stato sicuro. Le Parlamentarie sono elezioni a costo zero, ma sono mancati i servizi necessari per garantirne la veridicit e la trasparenza.

IL NUMERO DEI VOTI Per chi non ha votato, il numero delle preferenze ricevute dai candidati resta un mistero. Consultando gli elenchi sul blog compaiono solo nome, cognome e posizione in lista. Se per si accede al portale con le credenziali utilizzate per votare, si arriva a una pagina in cui i numeri dei voti compaiono, ma solo per la circoscrizione di competenza. Nel Lazio 1 la capolista Federica Daga ne ha presi 390. La seconda, Marta Grande, 335 e 332 la terza, Roberta Lombardi. Numeri esigui per una consultazione da 95 mila voti previsti, anche nelle circoscri-

Attenti alla rabbia degli italiani


Beppe Grillo torna allattacco: Attenti alla rabbia degli italiani, ha scritto ieri sul suo blog a proposito della crisi di governo. Il leader del M5S ha anche criticato lipotesi di votare a febbraio perch creerebbe ostacoli alle liste che devono raccogliere le firme

zioni popolose. Il tutto, inficiato dallimpossibilit (o dalla possibilit ripetuta) di votare per bizze del sistema, denunciata da alcuni aventi diritto. LATTESTAZIONE DEL VOTO Nessun documento, cartaceo o elettronico, ha certificato la votazione, comera stato inizialmente annunciato. Lunica testimonianza era data dal sistema web che, quando si accedeva alla sezione elettorale nei giorni del voto, mostrava la scritta Hai votato. La schermata ora sparita, sostituita dai risultati. Lo staff (oc-

Lhacker

Il software utilizzato non garantisce dagli abusi


ROMA La mancanza di trasparenza nelle operazioni di voto a 5 stelle apre il campo a diversi interrogativi sulla validit delle elezioni. Raoul Chiesa, presidente dellazienda di sicurezza informatica Cyberdefcon, collaboratore Onu e figura storica della scena hacker italiana, spiega perch per avere elezioni sicure bisognava agire diversamente. Le elezioni web del M5S sono affidabili da un punto di vista del risultato e della sicurezza dei dati? Lesperienza insegna che se un software aperto, ci sono molte pi possibilit che sia sicuro, se chiuso Chiesa: Le no. piattaforme Nel caso delle Parlamentarie si votato su una piattaforma elettro- chiuse sono nica proprietaria, appartenente al anche quelle Non Partito di Grillo. Quali rischi meno sicure ci sono? Il problema che se la piattaforma chiusa, ovvero il codice con cui realizzata non accessibile da altri che non siano gli sviluppatori, non si pu affermare che sia sicura o che sia priva di difetti o bachi. Nel sistema realizzato da Grillo e Casaleggio la sicurezza del voto appare non certificabile in nessun modo. Bisogna fidarsi e basta? Se chi utilizza la piattaforma non invia allesterno i dati a chi pu verificarne la sicurezza, non si pu affermare che il dato elettorale non sia abusabile. (t.t.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.beppegrillo.it www.repubblica.it

13

Lintervista

Parla David Dill, docente di informatica a Stanford e membro della task force sulle elezioni online in California

LAmerica ha bocciato quel sistema anche un ragazzino pu violarlo


RICCARDO STAGLIAN
ROMA Se non si prevede un modo di verificare, se tutto si svolge senza lasciare traccia, il voto online una soluzione in cerca di un problema. Ovvero che il potenziale ricostituente della democrazia la riduca a cabala elettronica. David Dill, docente di informatica a Stanford, ne convinto. uno dei massimi esperti sul tema. Ha scritto paper, un progetto di legge e ha collaborato con la task force del governo della California per far s che il voto elettronico sia, oltre che comodo, sicuro. Professore, in Italia abbiamo appena avuto le prime primarie online di un movimento politico. C da festeggiare per la novit tecnopolitica o interrogarsi? Io mi preoccupo dei voti espressi via internet se non resta anche una copia, una scheda cartacea. Di cosa ha paura? Quasi ogni studioso che ha studiato il voto via internet negli Stati Uniti, e ce n ormai un discreto numero, ha concluso che non si pu David Dill, professore a Stanford Qual il problema tecnologico? A molte persone piacerebbe poter votare dal pc o dal cellulare. Ma il software su queste piattaforme non affidabile. Milioni di portatili sono gi, allinsaputa dei loro padroni, controllati da botnet e virus. Per ipotesi un hacker potrebbe votare dalla macchina controllata. Beh, sembra uno scenario limite... Ma non lo . pi difficile entrare in unurna elettronica come quelle che abbiamo in America, molto pi facile violare una qualsiasi votazione online come quelle avvenute da voi. Anche un hacker ragazzino pu potenzialmente farlo. Perci sono fortemente contrario a votazioni elettroniche che non lascino una traccia cartacea. La carta lunica salvezza? Credo che sia la via pi sicura. Alcune primarie negli Stati Uniti si svolgono con voto palese. In quel caso si potrebbero pubblicare tutti i voti su internet con accanto il nome del votante. Cos, anche senza schede cartacee, si potrebbe controllare se i conti tornano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La scheda cartacea

Senza traccia cartacea non si pu capire se il voto stato cambiato dopo essere stato espresso
fare in maniera davvero sicura. Il problema di base che, se il voto segreto, n il votante n lo scrutinatore possono dire se stato cambiato tra il momento in cui stato espresso e quello in cui viene contato. Servono ancora vari passi avanti tecnologici per evitare ci.

LE VINCITRICI
Tre donne si sono piazzate nelle prime posizioni nella circoscrizione Lazio 1: dallalto, Federica Daga, Marta Grande e Roberta Lombardi. In generale, su 31 circoscrizioni in 17 c una donna a capo della lista. cos anche in Emilia, Lombardia 1, Liguria

corre ricordarlo, del tutto misterioso) ha comunicato di aver avuto problemi con gli indirizzi gmail, uno dei pi diffusi. Sarebbe questa la ragione della mancata ricevuta, cos come delle mail non arrivate agli aventi diritto cui erano state promesse come via libera al voto. LE POLEMICHE Alcuni dissidenti hanno lanciato una petizione in cui chiedono al guru di rendere immediatamente pubblici e trasparenti il numero totale certo delle persone iscritte al Portale, di coloro che so-

no stati abilitati al voto e dei votanti suddivisi per regione e provincia. Altri stanno facendo un sondaggio online per verificare quante persone sono incappate in problemi o irregolarit. Puntuale, un post scriptum apparso sul blog minaccia: Sono in corso alcuni tentativi di acquisire i dati degli iscritti al MoVimento 5 Stelle tramite sedicenti sondaggi o censimenti pubblicati su Facebook. Sono ovviamente degli illeciti e saranno denunciati alle autorit. Anche stavolta, di risposte nel merito, nemmeno una.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lattivista

Brogli non ce ne sono stati ma servono metodi migliori


ROMA Fabio Alemagna un attivista storico del MoVimento 5 stelle. Nel 2008 ha organizzato la manifestazione Io sono Saviano, unidea partita su Internet e finita nelle piazze di sei citt diverse, organizzata completamente dal basso contro tutte le mafie. Ha partecipato alle parlamentarie, arrivato dodicesimo nella circoscrizione Campania 1. Ha proposto che la prossima volta si usi un software specifico, Helios Voting. Perch? una nuova tecnologia che consente di crittografare il voto prima che venga inviato al server, cos nessuno Alemagna: pu sapere a cosa corrisponda, anche Procedure non se viene registrato, ed poi possibile verificarlo, insieme al conteggio fina- trasparenti? Ci ci fidiamo degli le. Secondo lei perch c stata po- organizzatori ca trasparenza? Forse perch la si considerata superflua, in un contesto in cui si ritenuto che la fiducia verso gli organizzatori sia un requisito essenziale. Come se non si ritenesse la trasparenza un valore in s, ma piuttosto uno strumento da adottare a seconda dei casi. convinto che alle Parlamentarie non ci siano stati trucchi? S, perch se li avessero fatti prima o poi si verrebbe a sapere. Siamo stati in pochi a votarci, le irregolarit verrebbero fuori. (a.cuz.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

14

LA CRISI MONDO IN MEDIO ORIENTE

LUNIVERSIT CONTESA
Al Azhar una delle sedi di studio pi importanti del mondo islamico

IL CONFRONTO
Un manifestante dialoga con i militari schierati a difesa del palazzo presidenziale

Il reportage

La battaglia di Al Azhar lUniversit che decide sulla Sharia in Egitto


Nel cuore dellIslam sunnita conteso da moderati e radicali
VANNA VANNUCCINI
IL CAIRO A chi appartiene Al Azhar? Tra i tanti paradossi a cui ci sta abituando la primavera araba c anche quello che la massima autorit teologica del mondo sunnita possa cessare di essere un polo moderato dellislam, com stata fino ad oggi, e diventare un fortino dellislam pi radicale. Liberare istituzioni come al Azhar, che determina ci che islamico e ci che non lo , per noi pi importante che vincere le elezioni o riscrivere la costituzione afferma Mohammed Nour, portavoce del partito salafita. I salafiti e i Fratelli musulmani usano la parola liberare perch mirano a spingere alle dimissioni lattuale gran

La scheda

LE ORIGINI
Al Azhar fu fondata nel X secolo. Nei secoli il prestigio delluniversit crebbe: oggi la massima autorit religiosa dellislam sunnita liberatoria per contrarre matrimonio (vengono qui soprattutto chi sposa stranieri o persone di altre religioni). El Tayeb ha partecipato al colloquio con il presidente dal quale sono rimasti lontani i partiti dellopposizione. Ma se Morsi ha fatto un passo indietro sui poteri eccezionali, non ha per ceduto di un millimetro sulla data del referendum sulla nuova costituzione. Sul referendum la Fratellanza musulmana punta tutte le sue carte per islamizzare il paese e farne una quasi teocrazia di tipo iraniano. Il testo costituzionale stabilisce che le leggi approvate dal parlamento dovranno aderire ai princpi stabiliti dalle quattro scuole dellislam (inclusa quella wahabita). Potrebbe significare lobbligo delle donne di coprirsi il capo, la separazione dei sessi, il matrimonio per le bambine di nove anni e la creazione di una polizia religiosa per proteggere i valori della vera famiglia egiziana, promuovendo la virt e mettendo al bando il

LE INFLUENZE
Per secoli, prima del prevalere del sunnismo, allinterno del centro studi si sono incontrate e scontrate diverse correnti politiche e religiose vizio. Chi avr lultima parola insindacabile su che cosa vizio e che cosa virt sar appunto Al Azhar. Lopinione dei massimi teologi dellonorevole Istituto sar decisiva in tutte le questioni che riguardano il diritto islamico, afferma

IL POTERE
Dal 1961 il presidente egiziano a scegliere chi guida Al Azhar: per questo sotto Mubarak il centro stato accusato di essere prono al potere larticolo 4, e il linguaggio del testo costituzionale stato lasciato volutamente ambiguo per permettere in futuro anche interpretazioni molto restrittive. La battaglia per Al Azhar gi cominciata e el Tayeb siede ormai su una poltrona pericolante. Il parti-

LA RIVOLUZIONE
Con la rivoluzione al Azhar ha cercato di riconquistare la sua indipendenza: nei giorni scorsi ha chiesto a Morsi di ritirare il decreto sui nuovi poteri to salafita Al Nour chiede che il prossimo gran Imam venga eletto direttamente dagli studenti e dal corpo insegnante, che ormai proviene sempre pi spesso dallArabia Saudita (lImam el Tayeb ha una laurea in filosofia islamica presa alla Sorbona). El Tayeb potrebbe essere presto costretto a dimettersi ci dice un suo stretto consigliere. Lambasciatore Mahmud Abdel Gawad ci riceve con molta cordialit e un buon caff arabo nel suo studio al secondo piano. il consigliere diplomatico e uno dei pi stretti collaboratori del gran Imam. Parla un italiano perfetto che stato lodato perfino da Monti durante la sua visita in Egitto. Spiega che il riferimento alla Sharia c sempre stato nella costituzione egiziana, ma come sempre nellislam il problema linterpretazione. Nessuna religione come lislam, che a differenza del cristianesimo non ha avuto una Riforma, viene interpretata in modi che non

hanno nulla a vedere con il Corano e la tradizione del Profeta. Mi racconta una storia della vita del Profeta che gli ha appena raccontato il gran Imam. Maometto rimprover aspramente i suoi fedeli che uccisero un uomo perch si era allontanato dalla fede, dopo che lui aveva detto di lasciarlo in pace. La vita umana sacra. I fanatici invece continuano ad uccidere. Al Azhar stata sempre orgogliosa della sua moderazione, equidistante dagli estremisti radicali ma anche dai modernisti. Se questo ruolo cambiasse, cambierebbero molte cose nel mondo islamico. Gawad sindigna che i salafiti vadano dicendo che al Azhar daccordo sul matrimonio delle bambini a nove anni. Semplicemente non vero. E aggiun-

La massima autorit teologica del mondo sunnita potrebbe diventare un fortino degli estremisti
Imam Ahmed el Tayeb per impadronirsi della prestigiosa Universit, accampando come pretesto che el Tayeb era stato nominato da Mubarak (nel 2010, alla morte del precedente gran Imam) come tutti i grandi sceicchi di Al Azhar prima di lui, tradizionalmente nominati (a vita) dal presidente egiziano. Solo questanno, prima di lasciare il potere, i militari avevano decretato che in futuro la nomina del gran Imam sar riservata a una commissione di 40 teologi interni allUniversit. Nel grande campus di al Azhar, dove studiano migliaia di studenti, la settimana cominciata come al solito. La crisi, percepibile dovunque nella capitale, qui sembra ancora lontana. Gli uffici del gran Imam e dei suoi consiglieri sono al secondo piano di un palazzo non distante dallingresso principale del campus. Al pianoterra, due persone pregano inginocchiate verso la Mecca, altre aspettano la

Il consigliere del grande imam: Il nostro Paese non diventer una teocrazia
ge: Con una costituzione cos il giorno dopo il referendum lEgitto sar ancora pi ingovernabile di oggi. Di politica lambasciatore Gawad non vuole parlare, non questo il suo ruolo, dice. Ma crede che, in tutto lEgitto, molta gente che aveva votato per Morsi oggi non lo rifarebbe. Lignoranza, dicono qui, la causa principale della crescita dellestremismo. Gli egiziani sono pi ottanta milioni e quasi il quaranta per cento della popolazione analfabeta. facile abbindolarli. Bisognerebbe diffondere il vero islam, ma come? I mezzi finanziari per farlo li hanno solo gli estremisti. Fuori dalluniversit sono riprese le manifestazioni e i presidi di piazza Tahrir e davanti al palazzo presidenziale restano pieni di gente. Il testo costituzionale reprime le nostre libert e i nostri diritti ha detto El Baradei, invitando tutti a proseguire la protesta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il caso

Morsi non convince lopposizione domani nelle strade torna la protesta


IL CAIRO Il passo indietro di Morsi, che ha revocato il decreto con il quale si assegnava poteri assoluti, non ha convinto lopposizione: manca la sospensione del referendum sulla Costituzione e nella revoca del decreto restano in realt gli effetti negativi. Dopo aver bocciato la nuova mossa del presidente ieri il Fronte di Salvezza Nazionale ha annunciato una nuova manifestazione di protesta per domani. Subito dopo lAlleanza delle Forze Islamiste ha convocato una dimostrazione, sempre per domani, in difesa del referendum. In mattinata, alimentando la tensione, una pattuglia di F-16 egiziani ha sorvolato a bassa quota la capitale, ufficialmente per manovre di addestramento.

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.aljazeera.com www.haaretz.com

15

La polemica

Il presidente allo Spiegel: Ci saranno due Stati e tre blocchi di colonie. Ma dovremo cedere pezzi di territorio

Israele, Peres avverte Netanyahu Adesso trattiamo con i palestinesi


DAL NOSTRO CORRISPONDENTE FABIO SCUTO
GERUSALEMME Il presidente Shimon Peres lultimo dei padri fondatori dello Stato di Israele, la sua autorevolezza gli consente di assumere posizioni sempre pi spesso non in linea con lattuale governo di Benjamin Netanyahu, specie per quel che riguarda le trattative di pace con i palestinesi e la colonizzazione della Cisgiordania. Lo stallo delle trattative di pace negli ultimi tre anni hanno messo Israele in una difficile posizione e bisogna guardare al futuro non al passato, ed ecco perch il governo israeliano che uscir dalle elezioni del prossimo 22 gennaio dovr aprire subito le trattative con i palestinesi perch non c unopzione migliore di quella di una soluzione con due Stati, Israele e la Palestina. Un consiglio e un monito al tempo stesso per il premier Netanyahu, dato dai sondaggi vincitore anche al prossimo voto. Dobbiamo mettere la parola fine e dire che i peccati del passato sono perdonati e che non ci accuseremo pi a vicenda, ha confidato allo Spiegel il presidente israeliano. Se vogliamo essere sinceri, ha detto Peres al settimanale tedesco, i dati di fondo di un accordo sono chiari: ci saranno due Stati e tre blocchi di insediamenti, per i quali dovremo

,,
concedere ai palestinesi un pezzo di territorio ugualmente grande. Gli insediamenti occupano tra il 2% ed il 6% della superficie del territorio della Cisgiordania ed un territorio ugualmente

Ho cercato di convincere Abu Mazen a non fare questo passo allOnu, ma credo che lui sia un partner serio
LEADER
Il presidente dello Stato di Israele, Shimon Peres

grande dovremo darlo ai palestinesi da unaltra parte. Non si tratta di un problema insolubile. Parole chiare che certamente non possono esse condivise dal premier Netanyahu, impegnato in-

Siria

Gruppi iracheni affiliati ad Al Qaeda combattono al fianco dei ribelli anti-Assad


RESTITUIAMO semplicemente il favore ai fratelli siriani che hanno combattuto al nostro fianco in Iraq: tra i ribelli che affrontano il regime di Bashar al Assad, uno tra i gruppi pi potenti e organizzati il Fronte al Nusra, gli estremisti islamici affiliati ad al Qaeda. Lo racconta il New York Times in un reportage da Baghdad: il gruppo, che costituisce ormai una delle remore pi serie per lOccidente nellappoggiare la rivoluzione dei ribelli siriani, riceve donazioni dallestero. Con i continui successi militari ottiene nuove armi e attrae reclute.

LE CONTESTAZIONI
La folla di dimostranti riunita al Cairo davanti al palazzo presidenziale urla slogan contro il presidente Morsi
FOTO:ANSA

vece in una rappresaglia a tutto campo dopo il ricorso della Palestina allOnu, dal blocco delle restituzioni doganali allAnp alla decisione di sbloccare la costruzione di migliaia di case negli insediamenti attorno a Gerusalemme. Dellopzione di uno scambio di territori, poi, Netanyahu e la maggioranza di ultra-destra che lo sostiene non vogliono nemmeno sentirne parlare. Su quale sia lunico partner credibile per la pace Peres non ne ha mai fatto mistero, anche dopo liniziativa di Abu Mazen allAssemblea generale dellOnu che il presidente israeliano ha comunque giudicato sbagliata. Ho cercato di convincerlo a non fare questo passo proprio ora, non era il momento. Ma credo ancora che lui sia un partner e un uomo serio e lo rispetto, ha raccontato laltro giorno Peres alla tv israeliana. Ma Abu Mazen ha mostrato coraggio nella sua iniziativa allOnu nonostante la forte opposizione di Israele e degli Stati Uniti, coraggio non solo andando a Palazzo di Vetro, ma nellaffermare di essere contro il terrorismo e a favore della pace. Peres giustifica in qualche modo il comportamento del leader dellAnp: Si sentito abbandonato da noi, dagli Usa, dallEuropa e dal resto del mondo, e voleva fare qualcosa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

MONDO

PER SAPERNE DI PI www.adolfoperezesquivel.org www.nobelprize.org

17

ATTIVISTA
Adolfo Prez Esquivel, argentino, premio Nobel per la pace nel 1980

Il Nobel Esquivel contro la Ue Fa la guerra, non merita il premio


Oggi a Oslo fra le polemiche la consegna del riconoscimento
si erano combattuti. Non le sembra un buon motivo per il Nobel? Per un Nobel alla memoria s, per un Nobel al futuro no. Se questo il motivo del premio, doveva essere attribuito 50 anni fa. Oggi lEuropa un continente che non cerca risposte alla crisi profonda del mondo: un mondo che necessiterebbe di un cammino diverso per il futuro, di rivedere le basi e i contenuti del suo essere. Non mi pare che lEuropa sia protagonista in questa discussione. Qual la ricetta europea di fronte alla crisi economica? Per quello che vedo io la guerra: che, lo sappiamo bene, fa molto bene alle economie dei paesi

FRANCESCA CAFERRI
Un premio senza senso: un riconoscimento per la pace dato a chi fa la guerra. No, il mio consenso non lo avranno mai. Adolfo Prez Esquivel, argentino, pittore e scultore ma soprattutto attivista per i diritti umani, ha vinto il premio Nobel per la pace nel 1980 per il suo impegno contro la dittatura del suo paese. Da allora, del massimo riconoscimento internazionale consegnato ogni anno a chi si batte in nome dei diritti, diventato una delle anime critiche. E in quanto tale pochi giorni fa ha preso posizione ufficialmente, con una lettera inviata allAccademia dei Nobel e firmata insieme ai colleghi Nobel Desmond Tutu, sudafricano, e Mairead Maguire, irlandese, contro il riconoscimento assegnato alla Ue. Come a dire che, prima dei contestatori che ieri hanno marciato a Oslo e si preparano a fare la stessa cosa oggi, sono arrivati lui e i suoi colleghi. Signor Prez Esquivel, lei, Tutu e Maguire avete scritto nella vostra lettera che lUnione europea non degna del Nobel: perch? Perch portatrice di una contraddizione enorme. Chi vince il Nobel chiamato a lavorare per la pace: lUnione europea, tramite la Nato, in questo momento coinvolta in molti conflitti nel mondo. di fatto in uno stato permanente di guerra. In molte realt, e posso citare lIraq e lAfghanistan, ma anche la Libia e la Siria, lUnione ha scelto di usare le armi invece che gli strumenti della pace. Questo ha preoccupato me, ma anche Tutu e Maguire: per questo abbiamo deciso di agire. La vostra lettera ha creato polemiche: qualche risposta? No, nessuna. E siamo piuttosto delusi. Non ci hanno risposto da Oslo, n da Bruxelles. Ma del resto non mi aveva risposto neanche Obama, quando gli avevo scritto dopo la sua assegnazione del Nobel, per chiedergli di fare qualcosa per la pace: ha continuato con le sue guerre e questo un motivo in pi per me per temere che Bruxelles faccia lo stesso. Detto ci, credo che sia stato comunque importante scrivere: penso che i criteri di assegnazione del premio da qualche tempo a questa parte siano discutibili. importante dirlo. Non potr per negare che lEuropa vive una situazione di pace da oltre 50 anni, e che protagonisti di questa pace oggi sono paesi che per secoli prima

La cerimonia

Sul palco sedicenne milanese


OSLO Saranno i leader delle tre principali istituzioni europee a ritirare oggi il premio Nobel per la pace in nome dellUnione europea, Herman Van Rompuy, Jos Barroso e Martin Schulz, affiancati da 4 giovani. Ci sar anche litaliana Elena Nicoletta Garbujo, 16 anni, al terzo anno delle superiori, di Novate Milanese. Elena una dei vincitori del concorso per ragazzi tra gli 8 e i 24 anni indetto dalla Ue per premiare disegni e tweet sulla pace. Molti leader europei non saranno presenti. Ieri a Oslo ci sono state proteste contro lassegnazione del premio.
coinvolti. Lei il premio a chi lo avrebbe dato? A Evo Morales, che da anni lavora per lintegrazione delle diverse culture nella sua Bolivia e che facendo questo offre un modello diverso di sviluppo. Questa la mia proposta personale, ma non voglio suonare ra-

dicale: io ho festeggiato il premio dello scorso anno, attribuito a tre donne eccezionali, come Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakkol Karman che hanno lavorato per la pace e il cambiamento nei loro paesi. Quello che voglio direi che questo riconoscimento dovrebbe andare a chi propone forme di pensiero e di azione utili, diverse, rivoluzionarie: come le premiate del 2011, appunto. Non a gente come Al Gore, che ha fatto un film e poi ha smesso di occuparsi di ambiente. O Barack Obama, che ha fatto tante promesse ma deve ancora chiudere il carcere di Guantanamo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il futuro

Se la ragione della vittoria sono 50 anni di convivenza, il premio vecchio. Dobbiamo guardare al futuro

I protagonisti
VAN ROMPUY
Il presidente del Consiglio europeo sar nella delegazione sul palco

BARROSO
A ritirare il premio anche il presidente della Commissione

SCHULZ
Con loro il presidente del Parlamento, unico organo eletto

Romania

Il centrosinistra vince le elezioni un trionfo per il premier Ponta


BUCAREST La coalizione di centrosinistra (Usl) del premier Victor Ponta, 40 anni, ha stravinto le elezioni in Romania conquistando la maggioranza assoluta con il 57% dei consensi. Al centrodestra di Mihai Ungureanu (Ard), vicino al presidente Traian Basescu, va il 19%. Ponta, leader del partito socialdemocratico, era andato al potere a maggio alla caduta del governo Ungureanu e si era scontrato platealmente con il presidente Basescu chiedendone la destituzione attraverso referendum. La Romania ha votato per il futuro, non per il passato. I cittadini hanno confermato che le bugie non portano risultati. Abbiamo vinto una battaglia estremamente importante, ha detto.

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

MONDO

PER SAPERNE DI PI www.presidencia.gob.ve www.eluniversal.com

19

LELEZIONE

LA MALATTIA
Nel luglio del 2011 gli viene diagnosticato un tumore: operato tre volte, si cura a Cuba

IL QUARTO MANDATO
Nonostante la malattia, il 7 ottobre stato riconfermato presidente per la quarta volta

Le tappe

Hugo Chvez, 58 anni, viene eletto per la prima volta presidente del Venezuela nel 1998

Il dramma di Chvez in diretta tv Ho di nuovo il cancro, forse lascio


IlpresidentedelVenezuelaindicaMadurosuccessore
OMERO CIAI
NON era un arrivederci, sembrava un addio il discorso televisivo della notte scorsa del presidente venezuelano. Intorno a un tavolo, nel palazzo di Miraflores, circondato dai suoi pi stretti e fedeli collaboratori, Chvez ha ammesso per la Hugo Chvez bacia un crocifisso durante il messaggio tv alla nazione altri presenti. Era troppo. Sarebbero diventate simbolicamente dimissioni in diretta e in anticipo. A Caracas lex ministro degli Esteri Nicols Maduro, nominato vicepresidente lo scorso 10 ottobre, viene considerato luomo di fiducia del regime cubano, di Ral e Fidel Castro. Ma anche, da sempre, uno degli uomini pi leali a Hugo Chvez. Si conobbero nel 1992 quando la moglie di Maduro, Cilia Flores, avvocato, assunse la difesa del colonnello Chvez allora agli arresti per un fallito tentativo di golpe ai danni del presidente Carlos Andrs Prez. Da giovane Maduro era stato maoista e, negli anni Novanta, era un leader sindacale e lavorava come autista di autobus. Chvez lo volle con s, tra i fondatori del Movimento V Repubblica, il partito bolivariano che nacque in quegli anni tra i giovani ufficiali dellesercito. Con lavvento di Chvez in politica nel 1998 Maduro venne eletto deputato, poi nel 2006 divenne ministro degli Esteri. Nato nel 1962, Maduro uno dei pochi tra i collaboratori del caudillo che non cresciuto nelle Forze armate. Leader dellala civile del movimento chavista (e del Psuv, il partito socialista unificato) considerato un moderato sgradito alle frange pi radicali della rivoluzione boliva-

New York

Protestano i soccorritori dell11 settembre Niente soldi per i nostri risarcimenti


NEW YORK Protestano i soccorritori dell'11 settembre, gli eroi tanto celebrati che per mesi lavorarono tra le macerie di Ground Zero. Dopo oltre due anni dalla firma di Obama del James Zadroga 9/11 Health and Compensation Act, che prevedeva risarcimenti per coloro che si erano ammalati dopo aver lavorato a contatto con le sostanze tossiche sprigionate dalle macerie, i soldi ancora non di vedono. Il Congresso ha stanziato 2,7 miliardi di dollari per il fondo di risarcimento.
senza aver fatto testamento. Cos lha fatto, da grande leader populista qual , ed tornato al Cimeq, lospedale dellAvana, dove nei prossimi giorni sar sottoposto al quarto intervento chirurgico dal luglio del 2011. La mia opinione ferma ha detto , piena, come la luna piena, irrevocabile, assoluta, che se io non fossi in grado di svolgere le mie funzioni e fosse necessario convocare nuove elezioni voi dovreste eleggere Nicols Maduro come presidente. Mentre Chvez parlava, alla sua sinistra Maduro aveva laria sconvolta, quasi impaurita. A un certo punto Chvez stava addirittura per passare a Maduro la spada di Bolivar (bastone del comando in Venezuela) ma si fermato tra gli sguardi attoniti degli

Il leader torna a Cuba per unaltra operazione: Non sono ancora guarito
prima volta di fronte al Paese quello che ha negato e conservato nel pi assoluto segreto per mesi. Il tumore diagnosticato per la prima volta un anno e mezzo fa non stato vinto. Il presidente non guarito nonostante tre interventi chirurgici, la chemio e la radioterapia.

IL VICEPRESIDENTE
Nicols Maduro, ex ministro degli Esteri, vicepresidente

E ora, appena due mesi dopo la sua rielezione, la situazione grave. Tanto grave che il presidente rientrato da Cuba soltanto per designare un successore in diretta tv, per chiedere con il cuore ai suoi militanti di appoggiare un suo delfino, strozzando sul nascere le lotte intestine che potrebbero scoppiare nel movimento chavista se lui dovesse abbandonare la scena

Ha scelto come delfino il suo vice per fermare sul nascere le lotte tra i chavisti
riana. Grandi baffi, un faccione pacifico, Maduro un uomo affabile che oltre a essere leale a Chvez e a Cuba stato un seguace, insieme alla moglie, di Sathya Sai Baba, il guru spirituale indiano scomparso poco pi di un anno fa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

CRONACA

21

Evacuiamo il rione dellIlva, bufera su Clini


Il ministro: una possibilit. Lassessore pugliese: cos crea allarmismo tra gli abitanti dei Tamburi
DAL NOSTRO INVIATO GIULIANO FOSCHINI
TARANTO Evacuare il quartiere Tamburi, quello pi vicino allIlva, e trasferire i 20mila residenti in una nuova zona della citt, una new town. A lanciare la proposta stato ieri il ministro dellAmbiente, Corrado Clini. Levacuazione ha detto una delle possibilit. Sappiamo che le caratteristiche abitative del quartiere sono tali per cui alcune aree risultano pi esposte. Queste possono essere evacuate, ovviamente se gli abitanti sono disponibili. Quella di Clini non esattamente una boutade. Nel senso che fa riferimento a unidea gi strutturata dal sindaco, Ippazio Stefano, nei mesi scorsi. Lidea aveva detto Stefano quella di mettere a disposizione del Comune le aree di propriet demaniale, un tempo a disposizione della Marina Militare, ormai in disuso. Il progetto riguardava in particolare le cosiddette case parcheggio, un enorme condominio a pochi passi dalle ciminiere del siderurgico. In quei tuguri spiega il sindaco vivono pi di duecento famiglie in condizioni di enorme disagio. L'inquinamento nel loro caso un'aggravante. Se il governo accogliesse la dire che non hanno alcuna intenzione di coprire i parchi naturali. Quindi, ci stanno prendendo in giro. E una mossa del genere non li salverebbe dal risarcimento civile che devono ai tarantini. La proposta di Clini non piace nemmeno allassessore regionale allAmbiente, Lorenzo Nicastro. Non so se il ministro in possesso di dati diversi da quelli in possesso della Regione Puglia. Francamente io trasecolo. Si crea cos afferma Nicastro un allarmismo assolutamente ingiustificato rispetto ai dati in nostro

FOTO: INGENITO

149
LE CAUSE

6 mld
I DANNI

20 mila
GLI ABITANTI

Le cifre

Le cause civili presentate dagli abitanti del quartiere Tamburi contro lIlva

Per gli ambientalisti, il valore dei danni causati dallIlva di 6 miliardi di euro

Gli abitanti di Tamburi, dove si toccano i picchi di morti e malati, sono 20 mila

Gli ambientalisti: Ma non ci avevano detto che con lAia il problema si sarebbe risolto?
possesso. Se poi il ministro ha dati diversi lo deve dire. Allora facciamo evacuare il rione Tamburi, poi Taranto e poi la Puglia.... Duro anche il commento delle associazioni ambientaliste: Ma Clini lo stesso che diceva che con lAia il problema inquinamento a Taranto sarebbe stato risolto? Le sue dichiarazioni sono molto gravi e preoccupanti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

mia proposta ci vorrebbe poco per regalare una casa dignitosa a questa gente. Ora Clini andato oltre, proponendo uno spostamento dellintero quartiere. Dietro lidea in realt c anche una paura che lIlva e gli enti locali hanno ben chiara da qualche settimana a questa parte. La storia quella, raccontata da Repubblica nei giorni scorsi, delle 149 cause civi-

li presentate da cittadini del Tamburi contro lIlva lamentando il deprezzamento delle loro abitazioni. Cifra richiesta, nove milioni di euro. Nel giro di pochi giorni si aggiunta unaltra trentina di cittadini, il giudice ha nominato un perito esterno per valutare il danno effettivo: se fosse confermata la tesi dei denuncianti (ed difficile che possa accadere il contrario, viste le perizie chimi-

che e sanitarie che documentano che a causare linquinamento sia stato proprio lo stabilimento siderurgico) Ilva sarebbe chiamata a un importantissimo sforzo economico. E non potrebbe essere la sola. Lo stabilimento ha gi chiamato nel procedimento la Provincia e lo stesso potrebbe fare con gli altri enti: Noi dice lIlva abbiamo sempre lavorato con tutte le autorizzazioni in regola.

Quindi, la difesa, se abbiamo creato danni, la colpa non nostra ma al massimo di chi ci ha autorizzato. La cifra del risarcimento destinata a salire in maniera importante: secondo una stima dellassociazione ambientalista Peacelink, sino a sei miliardi. Ma se pensano di evacuare il quartiere Tamburi attacca lavvocato Filippo Condemi, che sta seguendo la causa civile vuol

Il caso

LEANDRO PALESTINI
ROMA morto ieri a Roma, allet di sessantanni, Riccardo Schicchi, il re del porno italiano, il fondatore del partito dellAmore. Fotografo, produttore e imprenditore, fu lo scopritore di star come Moana Pozzi e CicciolinaIlona Staller. E di Eva Henger, che diventer poi sua moglie, e che stata accanto a lui fino allultimo. Lo sdoganatore della pornografia made in Italy, come lo ricorda con affetto lattore Rocco Siffredi, morto allospedale Fatebenefratelli di Roma, dove era ricoverato da diversi mesi per un diabete mellito, che gli aveva causato seri problemi alla vista, fino a portarlo allo stato di coma. Era malato da anni, praticamente cieco

Invent le dive del porno allitaliana muore il re dellhard Riccardo Schicchi


La scuderia

intanto altre modelle, tra cui Mal detta Ramba, Baby Pozzi e Maurizia Paradiso e soprattutto Moana Pozzi. A fine anni Ottanta usciranno i film Moana la scandalosa, Moana la bella di giorno, Fantastica Moana. Dietro le frequenti comparsate televisive della Pozzi c sempre lui, Riccardo Schicchi, ormai diventato il pi accreditato produttore e talent scout italiano del settore. E, in alcuni talk show, il regista-imprenditore arriva a no-

MOANA
Nel 1986, Schicchi firm la regia del primo film di successo di Moana Pozzi

CICCIOLINA
Ilona Staller lanci insieme a Schicchi lagenzia di casting e produzione Diva Futura

EVA
Sposa il produttore nel 1994. Con lui Eva Henger avr due bambini, Mercedes e Riccardo

Si avvicin ai radicali con cui Ilona Staller fu eletta e fond il partito dellAmore
bilitare le sue pellicole e a sottolineare che, dietro una pornostar (ad esempio Moana Pozzi) pu esserci anche una testa pensante. Tra le ultime sue produzioni I segreti di Moana (2010). Da seguace del partito radicale di Marco Pannella certo non fu estraneo alle elezioni politiche del 1987, quando Ilona Staller fu eletta parlamentare. Nel 1990 stato tra i fondatori del partito dell'Amore, che per non arriv al quorum per approdare alla Camera. Lavorando nella pornografia, Riccardo Schicchi nella sua carriera ha avuto diversi procedimenti giudiziari: nel 2006 fu condannato in primo grado con laccusa di associazione per delinquere, violazione della legge sullimmigrazione e sfruttamento della prostituzione. Coinvolto anche nello scandalo Vallettopoli fu arrestato e poi scarcerato. Nonostante la separazione, Eva Henger, da cui ha avuto due figli, gli stata vicino fino allultimo. Tra gli amici pi stretti, lattore Rocco Siffredi, che saputa della sua morte ha dichiarato: Per me stato un padre, a Riccardo devo tutto. Per lItalia della pornografia questo un grave lutto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Aveva 60 anni Fotografo e talent scout, scopr Moana, Cicciolina e spos Eva Henger
e con le gambe che si sbriciolavano, ricorda Siffredi, ma sempre con quel sorriso stampato. I suoi ultimi lavori erano la cura di qualche ragazza in chat, non certo la fine che meritava. Nato in Sicilia, ad Augusta, il 12 marzo 1952, Schicchi si era diplomato in fotografia. Di lui si racconta che a quattordici anni venne espulso dal liceo scientifico perch sorpreso a spiare nei bagni delle ragazze. Diventato fotografo, firm dei reportage per Epoca da vari luoghi del mondo. Fu anche reporter in zone di guerra. Attratto dal mondo della sessualit, negli anni Settanta la sua carriera ha una svolta. Per il fatale lincontro con la modella ungherese Ilona Staller, poi soprannominata Cicciolina. Dopo gli inizi con una trasmissione radiofonica e le prime trasgressioni nel mondo

della fotografia, del 1977 il primo nudo integrale in una discoteca e nel 78 il primo seno scoperto in diretta Rai. Nel 1979 firma il pornosoft italiano, Cicciolina amore mio con Ilona Staller protagonista (regista insieme a Damiani e Mattei). Nel 1983 fondano assieme Diva

Futura, agenzia per modelle e modelli sempre legati al mondo dell'erotismo. Nel 1984 produce Il pornopoker, nel 1989 passa al primo vero hardcore italiano, Telefono Rosso. Sempre con la Staller usciranno I racconti sensuali di Cicciolina e Cicciolina Number

One. Tanto che Cicciolina diventa un sinonimo di seduzione porno-soft, usato persino nel gergo familiare. Dopo un primo tentativo di approdo in politica con la Lista del Sole, Schicchi entra nel Partito Radicale di Marco Pannella. Lancia

L8 dicembre ci ha lasciato

Maria Laura Spissu ved. Pirastu


Ne danno lannuncio Roberta e Silvia, Daniela con Roberto e Flavio e Anna. Le esequie avranno luogo l11 dicembre al Tempietto Egizio del Verano. Per dettagli sullorario telefonare al 338/2752976. Roma, 10 dicembre 2012 Simonetta, Enrico e Marina abbracciano con tantissimo affetto Roberta, Daniela e Roberto con Silvia e Flavio nel grande dolore per la scomparsa di

Mariannita piange la perdita del coraggioso e affettuoso fratello Col.

Con grande dolore annunciamo la scomparsa del carissimo

Renzo Berzi
Anna Lucia con Irene e Raffaele. Le esequie si terranno marted 11 dicembre alle ore 10.30 presso la Basilica della SS. Annunziata. Non fiori ma offerte allAssociazione Tumori Toscana. Firenze, 10 dicembre 2012
Ofisa Viale Milton 89 (Fi)- 055/489802

Carlo Lospinoso
profondamente grata al Gruppo del Padiglione 22 dellAntea per la professionalit e la delicata attenzione nello svolgimento del loro lavoro. I funerali si svolgeranno oggi alle ore 16 nella chiesa di San Roberto Bellarmino in piazza Ungheria in Roma. Non fiori ma opere di bene. Roma-Genova, 10 dicembre 2012 Le famiglie Bondioli e Bonsignore partecipano al dolore di Sergio e Enrico e dei loro cari per la scomparsa di

mancata

Anna Maria Rebaudengo


giornalista persona perbene. Grazie per questo pezzo di strada percorso assieme. Stefano, Paolo e Giova. Per orari e luogo esequie telefonare dalle 14 alle 18. Torino, 10 dicembre 2012
o.f. Giubileo tel. 011/8181

Laura
Roma, 10 dicembre 2012

Roberto Massi Gentiloni Silverj


Caro zio, ci mancher il tuo affetto e la tua straordinaria cultura. Sereno viaggio verso quella realt in cui hai dato prova di credere fermamente. Stefano, Nicol, Clemente, Ignazio, Beatrice Arizpe, Natalia, Francesco, Maria, Teresa, Pietro, Marosia Invrea. Roma, 10 dicembre 2012

Laura Materia
Arezzo, 10 dicembre 2012

IL PERSONAGGIO
Riccardo Schicchi, imprenditore del porno

800.700.800

ACCETTAZIONE TELEFONICA NECROLOGIE


Operatori telefonici qualicati saranno a disposizione per la dettatura dei testi da pubblicare Si pregano gli utenti del servizio telefonico di tenere pronto un documento di identicazione per poterne dettare gli estremi alloperatore (ART. 119 T.U.L.P.S.)

Il servizio operativo TUTTI I GIORNI COMPRESI I FESTIVI DALLE 10 ALLE 19:30

PAGAMENTO TRAMITE CARTA DI CREDITO: VISA, MASTERCARD, CARTA S

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

22

CRONACA
IL PERSONAGGIO
Un'epigrafe attribuisce il sepolcro al generale Marco Nonio Macrino (II sec. d.C.)

Lappello dellattore

Di tutte le grandi nazioni, l'Italia in particolare, dovrebbe essere una guida nel promuovere l'importanza di esplorare e conservare il passato antico
PREMIO OSCAR
Russell Crowe vinse lOscar col Gladiatore

IL LUOGO
Nel 2008 la scoperta a Roma. La tomba sar reinterrata, servono tre milioni di euro

La scheda

Russell Crowe Salvate la tomba del Gladiatore


Ispir il film, il suo sarcofago in rovina
(segue dalla prima pagina)

SILVIA BIZIO LAURA LARCAN


LA tomba del generale dellimperatore Marco Aurelio che ha ispirato la star dellarena di Ridley Scott, Massimo Decimo Meridio. Il magnifico monumento funerario del II secolo d.C., venuto alla luce nel 2008 alla periferia di Roma in via Vitorchiano, lungo la via Flaminia, considerato tra i ritrovamenti pi importanti degli ultimi trentanni per la potenza architettonica dei suoi marmi, sar reinterrato. Una scelta dolorosa e non certo presa a cuor leggero dalla Soprintendenza ai beni archeologici di Roma che, come dichiara la soprintendente Mariarosaria Barbera, non in

pubblica, a lanciare un appello: I membri dellamministrazione comunale di Roma dovrebbero sempre incoraggiare i cittadini italiani ad essere fieri dei successi e della gloriosa storia del loro Paese. E per salvare il monumento partita ieri una petizione online, Save the Gladiators Tomb, promossa dallAmerican Institut for Roman

Culture che coinvolge una rete mondiale di studiosi e ricercatori. Vogliamo testimoniare al ministero per i Beni culturali che c grande interesse per questa scoperta da parte della comunit scientifica di

tutto il mondo racconta larcheologo americano e divulgatore scientifico Darius Aarya, che al mausoleo di Macrino ha dedicato documentari per History Channel . Non contestiamo loperazione di reinterro perch ne comprendiamo le motivazioni, ma vorremmo che si prendessero in

considerazione tutte le possibili soluzioni. Come ultima chance, puntiamo a raccogliere fondi per salvare il monumento. Daltronde, da quando la notizia della scoperta del monumento funebre del condottiero romano ha fatto il giro del mondo, in America s accesa subito una grande passione nei confronti di Macrino legato al personaggio del film con Russell Crowe. E anche la stampa doltremanica si occupata del destino che incombe sul monumento, con The Guardian che ieri ha denunciato la sorte triste dei beni culturali in Italia afflitti dalla scure dei tagli. Reinterrare una sconfitta come la definiscono gli archeologi americani, se si considera che, conti alla mano, fino ad oggi la Soprintendenza di Roma ha spe-

La Soprintendenza: non ci sono soldi per i restauri, verr ricoperto. Caccia a fondi di privati
so, tra scavi, restauri, interventi demergenza, circa 700mila euro e ne serviranno almeno altri 250mila per ricoprire larea. Unapertura a collaborare arriva gi dalla propriet del terreno, il Gruppo Bonifaci, che sullarea punta a realizzare tre palazzine: Siamo disponibili a sostenere economicamente unoperazione di valorizzazione dellarea collaborando con la Soprintendenza ad un progetto di qualit condiviso, in cui il patrimonio archeologico possa convivere in modo intelligente con i nostri interventi residenziali, dice Cristian Toffano. La partita potrebbe cos riaprirsi, come commenta la soprintendente Mariarosaria Barbera: Prendo atto con soddisfazione e spero di poter valutare proposte concrete e di qualit al pi presto. Prima di reinterrare, ogni ipotesi alternativa deve essere esplorata. Ma bisogna fare in fretta. Perch, come ribadisce Russell Crowe, dai dettagli delle esplorazioni archeologiche che vediamo e capiamo quello che ci lega alla nostra storia, quello che la storia ci pu insegnare e cosa pu essere il nostro futuro con quella conoscenza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il mausoleo fu scoperto a Roma nel 2008, ospitava i resti del generale Marco Macrino
grado di spendere tre milioni di euro per un progetto di valorizzazione che preveda anche la protezione e la bonifica dei 13mila metri quadrati dellarea. E certo resta la sensazione che, fosse emerso nelle periferie di Berlino, Parigi o Washington, il mausoleo di Macrino avrebbe avuto altro destino. Perch la tomba del Gladiatore, con le sue colonne e trabeazioni intere, i frammenti colossali di timpani, la raffinata manifattura delle decorazioni, la gigantesca iscrizione dedicatoria, conservati negli strati millenari di fango del Tevere, potrebbe essere anche ricostruita. E dallo scavo di via Vitorchiano potrebbe partire il progetto del parco archeologico dellantica via Flamina, un moderno museo allaperto da godere in bicicletta o in treno. Un sogno che spinge Russell Crowe, interpellato da Re-

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

ATTUALIT

PER SAPERNE DI PI www.locationset.com www.airbnb.it

23

E il tinello diventa un set il business delle case date in affitto al cinema


Decuplicate in tre anni. Un bilocale valle mille euro al giorno
CRISTIANA SALVAGNI
ROMA Ciak, si gira. Non siamo in uno studio cinematografico, ma nella cucina a giorno della signora Nicoletta: da un lato della telecamera gli attori, dallaltro le trenta persone della troupe. In una villa come la sua, 700 metri quadrati pi seimila di giardino a sud di Roma, un paio di giorni di riprese valgono cinquemila euro. Utili a pagare lImu, le bollette o il mutuo. Sono sempre di pi gli italiani che offrono la casa per le riprese di film e pubblicit: negli ultimi tre anni, secondo le agenzie specializzate, lofferta aumentata di dieci volte. Con la mia famiglia abbiamo cominciato tre anni fa, per far fronte alle tasse e alla manutenzione racconta Nicoletta. un lavoro sporadico e, a seconda della sceneggiatura, impegna alla pavimentazione del cortile. Il business promette bene anche per il futuro: nei giorni scorsi la Rai ha deciso di abbandonare le fiction in costume per dare pi spazio alle storie di attualit e di girare solo in Italia le prossime produzioni. Unottima notizia, soprattutto per i giovani. Sapesse quanti ne vedo lavorare nei film ambientati in casa mia racconta Alfredo Espositi, ex imprenditore informatico di 76 anni che con la moglie Annamaria abita in una villa di duemila metri quadri a Bassano Romano, tra Viterbo e Roma. Nella mia Casina di Poggio della Rota hanno girato BorisIl film, Incantesimo, Una moglie bellissimadi Leonardo Pieraccioni e La moglie di pap con Simona Ventura e Massimo Boldi. Prima era unattivit extra, ora queste entrate sono fondamentali per pareggiare i costi. Punta sui set pure Tommaso Armati, 30 anni, consulente web in unagenzia di comunicazione. Dopo unesperienza positiva con uno spot, ho deciso di affidare il casale di famiglia, un ex frantoio a Fara Sabina, vicino a Rieti, a un location manager. A spingermi stata la possibilit di far fruttare le spese sostenute per la ristrutturazione, ma anche la soddisfazione di vedere valorizzato un posto amato. Non passa giorno senza che qualcuno mi offra la propria casa racconta poi Chiara Brambilla, titolare dellagenzia milanese Face&Place, specializzata in servizi fotografici e rclame. Gli spot prediligono spazi di design: un tempo i proprietari erano diffidenti, oggi aumentata la disponibilit, ma le tariffe di partenza si sono dimezzate, da duemila a mille euro al giorno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Non solo ville di lusso: ricercate anche le abitazioni in periferia e vissute


vari spazi: le camere da letto, il bagno, il garage o la piscina. A diventare set non sono soltanto i palazzi o gli appartamenti prestigiosi, ma anche i loft, i bilocali in quartieri popolari, gli scantinati e i negozi. Le produzioni chiedono atmosfere di tutti i tipi, purch vissute spiegano Bruno e Clarissa Rosa, titolari dellagenzia romana Set Location, trentanni di esperienza alle spalle. Il salone nobile come lufficio di periferia: con la crisi le fiction vanno al risparmio e ambientano le storie in situazioni comuni. Le tariffe? Dai 500 ai cinquemila euro al giorno. I prezzi sono regolati da contratti di affitto temporanei che comprendono lassicurazione contro i danni. Non male per un disturbo che in media dura due o tre giorni insiste Rosa. Infatti, se un tempo le residenze pi esclusive non venivano cedute, adesso sono molte quelle messe sul mercato. Dai privati ai condomini: nel quartiere Garbatella, a Roma, un palazzo degli anni Venti che ospita quaranta famiglie ha fatto da location a diverse scene de La Piovra, Distretto di Polizia e Romanzo criminale. Quei soldi hanno finanziato piccoli lavori di ristrutturazione, dai cornicioni

Lintervista

Marco, avvocato romano: con la crisi, lo rifarei

Qualche traccia sul parquet ma ci ho pagato le vacanze


ROMA Tre giorni a dormire da mamma e ci siamo pagati una vacanza ai tropici. Marco, 35 anni, professione avvocato, ha affittato la sua casa a una produzione cinematografica. Nove minuti di girato, tre giorni di affitto e, nelle tasche, circa quattromila euro. Un bellaffare. Beh, economicamente molto vantaggioso, soprattutto se non si maniaci della casa. Perch? Girare un film richiede una quantit di forze inimmaginabile: avremo avuto cinquanta persone dentro casa. E com il suo appartamento? Un attico a Roma Nord di grande design, ma piccolo: 70 mq. Lhanno voluto perch il regista se ne era innamorato (il suo aiuto un mio caro amico), ma gli spazi erano molto ridotti per le loro necessit. Ci hanno messo mesi per farci sapere se lavrebbero preso, in genere cercano case pi grandi. Un bel business... Si guadagna bene. Guadagnano bene i proprietari, ma anche il condominio: spesso si paga qualcosa allintero palazzo per i disagi che si creano con tutti i macchinari. Nel nostro caso, per, non stato fatto e ho dovuto litigare con i vicini. Controindicazioni? Lunico problema se la casa molto delicata: le troupe non hanno la stessa cura dei proprietari, ovviamente. E, soprattutto, gli eventuali danni non sempre vengono risarciti dall'assicurazione. E se la produzione piccola non detto che rimborsi. Ma in tempo di crisi, al netto di qualche segno sul parquet, ne vale senzaltro la pena. (m.e.v.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

CIAK
Romanzo Criminale a Roma, Garbatella

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LETTERE,COMMENTI&IDEE

PER SAPERNE DI PI www.repubblica.it www.demos.it

25

LINEA DI CONFINE

MARIO PIRANI

Se la restanza a spiegare lItalia


e nostre attese, ubriacate da cifre negative e previsioni catastrofiche, non si sono liberate dalla paura di crolli crescenti, sullo sfondo di un crac inarrestabile che nessuna delle tante casse inventate, per interventi di ultima istanza, ha dimostrato di saper definitivamente evitare. Gli annunci ottimistici che punteggiano i discorsi programmatici di qualche premier, voglioso di risollevare gli animi, hanno effetti di brevissima durata. Pi consolidati i presupposti di nuove disgrazie. questombra di un pericolo sempre imminente e definitivo che spinge a prestare attenzione ai tanti appuntamenti di esperti che puntualmente si riuniscono a Cernobbio come a Davos, ad Aspen come a Bruges. Negli ultimi anni tutti questi autorevoli e autocompiacenti personaggi, col prevalere di economisti accademici, si sono concentrati per offrire il frutto delle loro faticate elucubrazioni ad altrettanto autorevoli colleghi, incrociando eleganti teoremi matematici sulla velocit del movimento dei capitali con schemi spesso incapaci di fornire una risposta sullattesa di equilibri razionali. Daltra parte, sembra andato in disuso il vecchio insegnamento di Alfred Marshall (18621924): Usa la matematica come una scala per salire; poi buttala via e spiega tutto in buon inglese. Mi sono ricordato peraltro di questo acuto detto del grande economista proprio poche sere fa alla presentazione del Rapporto 2012 del Censis, un appuntamento che Giuseppe De Rita onora da ben 42 anni e che si caratterizza, appunto, per un grosso paper introduttivo in cui i dati economici, le statistiche, i calcoli matematici hanno in effetti un peso relativo. In realt il lettore del Rapporto Censis, ampiamente ragguagliato nei giorni scorsi dai quotidiani, cerca piuttosto una caratteristica ricorrente nellannuale rendiconto che riguarda la psicologia mutevole degli italiani e i sommovimenti del pensiero riposto, in paragone con quelli rilevati lanno passato, che rivelano il trend psicologico da comparare fra una stagione e

IL CAVALIERE RIECCOLO E IL MURO DEL PROFESSORE


ILVO DIAMANTI
(segue dalla prima pagina) l vero responsabile della crisi economica italiana. Che, ovviamente, quando cera Lui, era molto meno pesante. Anche se i Nemici i Comunisti Pessimisti la agitavano ad arte, come argomento polemico contro di Lui. Eccolo di nuovo. Berlusconi. Non poteva essere diversamente. Impensabile che uscisse di scena spontaneamente. Ammettendo, in questo modo, la propria sconfitta. La fine del Berlusconismo. Daltronde, i sondaggi dopinione spiegano e giustificano la sua decisione. Anche al di l dei motivi personali che lo muovono. Lesigenza di tutelare i propri interessi e di difendersi dai molteplici procedimenti giudiziari che lo riguardano. Al di l di tutto ci, lultimo anno ha dimostrato lincapacit del centrodestra di re-inventarsi. Di trovare unidentit e una leadership alternative. Senza Berlusconi. In meno di due anni, il PdL sceso, nei sondaggi, dal 30% al 18%. Solo un anno fa era ancora al 25%. Il suo delfino, Angelino Alfano, si dimostrato incapace di nuotare da solo. In un anno: il PdL si diviso. Il 44% dei suoi elettori sceglierebbe Berlusconi come candidato premier. Dunque, meno di met. In ogni modo, per, quasi l80% di essi preferirebbe che il candidato venisse scelto attraverso le primarie (Atlante Politico di Demos, dicembre 2012). Ma il PdL non come il Pd. Come il centrosinistra. Non ha radici nel territorio. Solo An aveva legami di appartenenza con la societ. Ma, dopo lunificazione con il o meglio, lannessione al PdL, confluita anchessa nel partito personale di Berlusconi. Dove i rapporti fra il leader e il suo popolo avvengono per identificazione personale e per via mediale. Impossibile per altri interpretare lo stesso ruolo. Ma difficile anche selezionare il gruppo dirigente, tanto pi il candidato premier, dal basso. Cos il PdL, insieme al centrodestra, ha perso terreno. E lo ha, parallelamente, ceduto ai concorrenti. Al centrosinistra, al Pd. Allo stesso M5S. Allarea grigia dellincertezza. Per questo Berlusconi ri-disceso in campo. Per opporsi alla scomparsa del PdL. Per ritardare, almeno, la fine della Seconda Repubblica. Fondata da e su Berlusconi. Sul partito personale. Sulla democrazia del pubblico. Eccolo di nuovo. Il Cavaliere. Evoca la memoria del 2006 (come ha suggerito Roberto DAlimonte sul Sole 24 Ore). Quando tutti lo davano per sconfitto e lui, da solo, riusc a rimontare. Fino, quasi, a pareggiare, contro il centrosinistra guidato da Prodi. Ma i tempi sono cambiati, da allora. Il PdL, oggi, pesa molto meno di FI, da sola. La Lega: alla ricerca del terreno perduto. Fiaccata dagli scandali interni. Ma anche dalle divisioni. Non sar facile tornare con Berlusconi, dopo un lungo periodo di opposizione. Contro il governo. Ma anche contro Berlusconi. Il quale, peraltro, oggi molto debole, dal punto di vista del consenso personale. La fiducia nei suoi confronti si ridotta al 20%. Alla fine del 2005 era intorno al 32% e nei primi mesi del 2006 era risalita oltre il 35% (dati dellAtlante Politico di Demos). Daltronde la Tv, sua tradizionale alleata, oggi conta meno. Peraltro, la posizione dei concorrenti appare molto pi solida di allora. I consensi del Pd si aggirano intorno al 38%. Una misura, certamente, accentuata dalle primarie e dal declino dellIdv. Tuttavia, il divario rispetto al PdL appare enorme. Difficilmente colmabile. Certo, la legge elettorale pu complicare la conquista di maggioranze stabili al Senato. Ma, a differenza del 2006, Berlusconi e il Centrodestra non potranno contare sullalleanza con i Centristi. LUdc e le altre formazioni del Terzo Polo correranno da sole. Per se stesse e, soprattutto, contro Berlusconi. Perch il Cavaliere ha annunciato il suo ritorno contro Monti. Dunque, contro il Pd e, ancor pi, contro il Terzo Polo di Centro. Che a Monti ha giurato fedelt. Eccolo di nuovo. Berlusconi. Nel 2006 si era presentato come lImprenditore contro i Nemici del Mercato. Fiducioso che non vi fossero tanti coglioni che votano sinistra. Oggi, invece, il leader dello schieramento antipolitico. Far campagna elettorale contro i comunisti del Pd, contro lEuro e lEuropa. Contro Monti. Insieme alla Lega e in concorrenza con il M5S. Monti, da parte sua, ha annunciato le dimissioni, dopo la legge di stabilit. In questo modo, divenuto lattore protagonista. Della prossima campagna elettorale e, ancor pi, della stagione dopo il voto. Anche se non detto che scenda in campo direttamente. Che promuova una lista personale. O che accetti di venire candidato (premier) da uno schieramento. Il Terzo Polo: rischia di essere un soggetto limitato, rispetto alle ambizioni del Professore. Il centrosinistra: come potrebbe proporre il suo nome, dopo aver mobilitato milioni di elettori per scegliere il candidato premier? (E poi, come la prenderebbe Sel?). Annunciando le dimissionI da premier, Monti ha rifiutato di diventare bersaglio della campagna elettorale di Berlusconi. E di altri soggetti politici. Ma, in questo modo, costringer tutti a esprimersi e a schierarsi sulla sua esperienza di governo. Sulle riforme fatte e su quelle non fatte. Sul suo ruolo. In politica interna, ma anche in politica estera. Nei rapporti con la Ue, la Bce, lFmi. Con gli altri governi internazionali. Presso i quali il Professore gode di largo credito. Monti, daltronde, dispone ancora di un ampio consenso personale anche in Italia, superiore al 47%. Mentre il suo governo ha la fiducia di circa il 44% degli elettori (Dati Demos, dicembre 2012). Un sostegno ampio rispetto ai governi che lhanno preceduto, in tempi assai meno difficili. Ma anche in confronto ai governi e ai premier degli altri paesi europei in condizioni economiche migliori del nostro. Che si presenti come candidato premier (non come parlamentare, ovviamente, visto che senatore a vita) oppure no, Monti destinato ad essere il protagonista della prossima campagna elettorale. Il nuovo Muro che attraversa la politica italiana. E divide partiti ed elettori. Pro o contro. Ci rafforza lidea che le prossime elezioni costituiscano una svolta. Perch offrono loccasione per chiudere la Seconda Repubblica. Di andare oltre il Berlusconismo. Oltre Berlusconi. Definitivamente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

laltra. Come reagire allemergere di diagnosi psichiche pi che economiche che portano, senza alcuna prova ma per impressione che hanno cominciato a funzionare tre grandi spinte di sopravvivenza: resistere facendo perno sulla restanza; esaltare la differenza degli atteggiamenti e dei comportamenti; operare un continuo riposizionamento delle presenze e delle azioni? Siamo quindi alle prese non con formule economiche ma con parole magiche, la principale delle quali restanza. Spiega il Gran Sacerdote del Trend annuo: Quando si in crisi e tutto sembra venir meno quasi automatico far conto su quello che ci resta, sulla restanza, per usare una focalizzazione semantica di Jacques Derrida che, partendo dalla parola rsistance, ed eliminando il si intermedio, evidenzia il concetto di restanceche ben esprime anche nella traduzione quanto sia essenziale nei pericoli difendere, riprendere, valorizzare ci che resta di funzionante dei precedenti processi di sviluppo. Difficile sciogliere lenigma della parola chiave del Rapporto Censis 2012, ma non impossibile. Arrovellandomi mi tornato alla mente un lontano viaggio per visitare le rovine del grandioso tempio di Apollo a Didimo, un centinaio di chilometri da Efeso. Ero in compagnia di uno dei pi noti storici della mitologia greca, Marcel Detienne, e di un eminente storico dellarte, oggi scomparso, Giuliano Briganti, e, ascoltando le loro osservazioni oltremodo stimolanti, mi si configur una fantasiosa analogia, con le vicende odierne. Cosa era quel tempio, come anche quello di Delfi, dove singoli individui e rappresentanti di collettivit venivano a chiedere consigli sul da farsi e previsioni sul futuro e, dietro pagamento ricevevano una risposta scritta dai sacerdoti, incaricati di interpretare loracolo, cosa era se non la sede istituzionale dei consulting group dellantichit? E le risposte non erano anchesse ambivalenti e problematiche: Ibis redibis non morieris in bello?
RIPRODUZIONE RISERVATA

I BENI CULTURALI SENZA UNA POLITICA


SALVATORE SETTIS
inalmente rivelati i progetti del ministro Lorenzo Ornaghi. Rispondendo con solo nove mesi di ritardo a una lettera firmata da oltre cento direttori di musei, archivi, biblioteche che lamentavano lo stato deplorevole dei beni culturali e il nessun riconoscimento dei loro meriti e del loro lavoro, il ministro ha parlato chiaro (Corriere della sera, 8 dicembre): bando alle ciance, la vera priorit del nostro tempo evitare a ogni costo il diffondersi della peste dellinvidia e delle gelosie sociali, che porterebbero a un incattivimento della societ italiana pi pericoloso dello spread, pi nefasto di ogni immaginabile stallo dei partiti o del sistema rappresentativo-elettivo. Ecco dunque lagenda Ornaghi: la pace sociale si raggiunge rinunciando a invidie e gelosie, ognuno si accontenti del suo stato, zitti e mosca. Quanto al suo dicastero, pro bono pacis sar meglio non rispondere nemmeno al direttore degli Uffizi, anzi bastonarlo se si accorge che il suo stipendio un decimo di quello dei suoi colleghi americani e un ventesimo di quello di un deputato (italiano) che vende il voto al miglior offerente. No al-

FONDATORE EUGENIO SCALFARI DIREZIONE Ezio Mauro direttore responsabile vicedirettori Gregorio Botta, Dario Cresto-Dina, Massimo Giannini, Angelo Rinaldi (art director) caporedattore centrale Fabio Bogo, caporedattore vicario Massimo Vincenzi, caporedattore internet Giuseppe Smorto
GRUPPO EDITORIALE LESPRESSO Spa Consiglio di amministrazione Presidente: Carlo De Benedetti Amministratore delegato: Monica Mondardini Consiglieri Agar Brugiavini, Rodolfo De Benedetti, Giorgio Di Giorgio, Francesco Dini, Sergio Erede, Mario Greco, Maurizio Martinetti, Elisabetta Oliveri, Michael Zaoui, Tiziano Onesti, Luca Paravicini Crespi Direttori centrali Pierangelo Calegari (Produzione e Sistemi informativi), Stefano Mignanego (Relazioni esterne), Roberto Moro (Risorse umane) Divisione Stampa Nazionale - Via Cristoforo Colombo, 98 - 00147 Roma Direttore generale: Corrado Corradi - Vicedirettore: Giorgio Martelli REDAZIONI Redazione centrale Roma 00147 - Via Cristoforo Colombo, 90 - tel. 06/49821 Redazione Milano 20139 - Via Nervesa, 21 - tel. 02/480981 Redazione Torino 10123 - Via Bruno Buozzi, 10 - tel. 011/5169611 Redazione Bologna 40125 - Via Santo Stefano, 57 - tel. 051/6580111 Redazione Firenze 50121 - Via Alfonso Lamarmora, 45 - tel. 055/506871 Redazione Napoli 80121 - Riviera di Chiaia, 215 - tel. 081/498111 Redazione Genova 16121 - Via XX Settembre, 41 - tel. 010/57421 Redazione Palermo 90139 - Via Principe di Belmonte, 103/c - tel. 091/7434911 Redazione Bari 70122 - Corso Vittorio Emanuele II, 52 - tel. 080/5279111. PUBBLICIT A. Manzoni & C. - Via Nervesa, 21 - 20139 Milano TIPOGRAFIA Rotocolor SpA - 00147 Roma, Via Cristoforo Colombo, 90 STAMPA - Edizioni teletrasmesse: Bari Dedalo Litostampa srl - Via Saverio Milella, 2 Catania ETIS 2000 Spa - Zona Industriale VIII strada Livorno Finegil Editoriale - Via dellArtigianato Mantova Finegil Editoriale presso Citem Soc. Coop. arl - Via G. F. Lucchini Paderno Dugnano (MI) Rotocolor SpA - Via Nazario Sauro, 15 Padova Finegil Editoriale - Viale della Navigazione Interna, 40 Roma Rotocolor SpA - Via del Casal Cavallari, 186/192 Salerno Arti Grafiche Boccia SpA - Via Tiberio Claudio Felice, 7 Sassari La Nuova Sardegna SpA - Zona Industriale Predda Niedda Nord Strada n. 30 s.n.c. Gosselies (Belgio) Europrinter S.A. - Avenue Jean Mermoz Toronto (Canada) Newsweb Printing Corporation, 105 Wingold Av. Norwood (New Jersey) 07648-1318 Usa - Gruppo Editoriale Oggi Inc., 475 Walnut Street. Malta Miller Newsprint Limited - Miller House, Airport Way - Tarxien Road - Luqa LQA 1814 Grecia Milkro Digital Hellas LTD - 51 Hephaestou Street - 19400 Koropi - Greece ABBONAMENTI Italia (c.c.p. n. 11200003 - Roma): anno (cons. decen. posta) Euro 403,00 (sette numeri), Euro 357,00 (sei numeri), Euro 279,00 (cinque numeri). Tel. 199 787 278 (0864.256266 da telefoni pubblici o cellulari). E-mail: abbonamenti@repubblica.it Arretrati e servizio clienti: www.servizioclienti.repubblica.it, e-mail: servizioclienti@repubblica.it, tel. 199 787 278 (0864.256266 da telefoni pubblici o cellulari) gli orari sono 9-18 dal luned al venerd, il costo massimo della telefonata da rete fissa di 14,26 cent. al minuto + 6,19 cent. di Euro alla risposta, IVA inclusa.

RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DATI (D. LGS. 30-6-2003 N.196): EZIO MAURO REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N. 5 DEL 7-1-1994 Certificato ADS n. 7196 del 14-12-2011 La tiratura de la Repubblica di domenica 9 dicembre 2012 stata di 471.022 copie

linvidia sociale, viva larmonia. un modello che si pu estendere: per esempio, guai ai disoccupati che vorrebbero lavorare, sono solo degli invidiosi. Vergogna se un malato che non pu curarsi per i tagli alla sanit dice che chi pu permettersi unassicurazione godr di miglior salute. Vituperio su alunni, insegnanti e genitori che vorrebbero una scuola pubblica funzionante, e osano ricordare che secondo la Costituzione (art. 33) scuole e universit private, compresa la Cattolica di cui Ornaghi stato rettore fino a un mese fa, hanno piena libert ma senza oneri per lo Stato. Tutta invidia. Qualcuno si permette di ipotizzare una societ in cui tutti i meriti ottengano il loro giusto compenso? Ma una critica sprovvista di un realistico contributo costruttivo, anzi un malvezzo. Questi incattivimenti meglio eliminarli alla radice, pax vobiscum. E perch non affrontare gli altri nodi della politica stigmatizzando anche gli altri vizi capitali? Un brillante biologo conteso da universit di tutto il mondo vorrebbe una cattedra in Italia (ma non pu: i concorsi sono bloccati da sette anni)? Pecca di su-

perbia! Un operaio di Taranto protesta perch allIlva si registra un aumento dei tumori fino al 419 %? Si macchiato di un altro vizio deplorevole, lira. Un malato si lamenta della pessima qualit del cibo in ospedale? Si penta, sta peccando di gola. Un direttore resiste allidea di privatizzare attivit e biglietteria del suo museo? Ma avarizia! Restano due vizi nella lista, lussuria e accidia. Del primo abbiamo registrato fin troppi esempi (in Parlamento e nei CdA), ma non incattiviamoci al punto di ricordarli. Di accidia viene accusato frequentemente proprio Ornaghi, ma si tratta palesemente di distorsioni o fratture che caratterizzano la nostra convivenza civile. E a Gian Antonio Stella che gli aveva chiesto ragione della sua ostinata assenza dalla scena (detta in linguaggio curiale, quel Ministero davvero sede vacante), il ministro risponde serafico che s, magari fra un mesetto, trascorso questo periodo di feste, potrebbe concedergli un incontro. Piuttosto, in questa politica-catechismo, varr la pena di ricordarsi anche dei Dieci Comandamenti. Settimo: Non rubare, per dirne una.

Ma allora come mai Ornaghi ha difeso in Parlamento il suo consigliere Marino Massimo De Caro, arrestato pochi giorni dopo per il furto di migliaia di libri nella biblioteca napoletana dei Girolamini di cui, proprio in quanto consigliere del ministro, era stato nominato direttore? E come mai Ornaghi non ha sentito nemmeno il bisogno di scusarsi via via che la magistratura scopriva altri furti del De Caro (ancora e sempre in galera), in decine di altre biblioteche in cui entrava come suo consigliere? Forse per non incattivire? Sar, invece, ostensione di bont la sua tesi, spesso ripetuta tra un coro di fischi, che meglio che lo Stato se la svigni dai musei e ceda il passo ai privati? Per troppo tempo abbiamo sperato che la destra colta e pulita del governo Monti segnasse un progresso rispetto alla destra becera e incolta dei governi Berlusconi, ma almeno in questo caso non cos. Sar forse per carit cristiana, ma certo Ornaghi ha voluto dimostrare urbi et orbi che il povero Bondi non era, dopotutto, il peggior ministro possibile. Bisogna ammetterlo, ce lha fatta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Linchiesta

Sci

La storia

Stadi dEuropa svuotati dalla crisi Resistono solo inglesi e tedeschi


FRANCESCO SAVERIO INTORCIA

Maze, lanti Vonn regina del gigante E il suo video rock spopola su internet
ENRICO SISTI

Yeman, Fatna e la carica allegra dei nuovi italiani dellatletica


ALESSANDRA RETICO
LUNED 10 DICEMBRE 2012

SPORT
16a Giornata
ATALANTA-PARMA ROMA-FIORENTINA CAGLIARI-CHIEVO PALERMO-JUVENTUS PESCARA-GENOA SIENA-CATANIA TORINO-MILAN INTER-NAPOLI SAMPDORIA-UDINESE BOLOGNA-LAZIO 2-1 4-2 0-2 0-1 2-0 1-3 2-4 2-1 ore 19 ore 21
* una gara in meno

La Classifica
JUVENTUS INTER NAPOLI ROMA FIORENTINA LAZIO* MILAN CATANIA ATALANTA (-2) PARMA 38 34 33 29 29 29 24 22 21 20

UDINESE* 19 CHIEVO 18 SAMPDORIA* (-1) 17 CAGLIARI 16 TORINO (-1) 15 BOLOGNA* 14 PALERMO 14 PESCARA 14 GENOA 12 (-6) SIENA 11

IL PUNTO

GIANNI MURA

STRAMACCIONI E LA SFIDA DEL REALISMO


L 2-1 dellInter non dispiace alla Juve: meglio avere i secondi a 4 punti che a 2. E un risultato che rilancia lInter, irriconoscibile rispetto allectoplasma di Parma, e non pu deprimere il Napoli, che nel finale ha pi volte sfiorato il pareggio e non lavrebbe demeritato. Campo gelato, temperatura sotto lo zero, partita calda, senza tempi di studio. LInter ha il giocatore che pu decidere la partita, ed Guarin. Un gol e un assist a Milito, che sente i grandi appuntamenti. Un gol dopo appena 7, botta al volo su angolo di Cassano: cos che il Napoli costretto a giocare una gara controvento, dattacco, regalando allInter il contropiede. E in contropiede arriva il 2-0. Estremamente pratica, lInter. Altri diranno cinica: due tiri due gol, pi un palo (di Cassano) prima del gol in mischia di Cavani. LInter, in sostanza, si trova la strada in discesa. Il Napoli in salita. Ci mette molto coraggio, molta buona volont, ma negli ultimi sedici metri gli manca lucidit e forse un po di fortuna. La difesa dellInter (con Cambiasso al centro, da libero, non Silvestre) soffre ma tiene, anche quando Mazzarri manda in campo unaltra punta, Pandev, che combina poco. Le decisioni di Stramaccioni non sono mai banali: Guarin ha giocato da trequartista, quando occorreva, e poi s sacrificato quasi da terzino su Zuniga. E quando occorreva, sotto lincalzare del Napoli, il tecnico ha richiamato prima Cassano e poi Milito. E mentre in casa della Juve sera presentato con il tridente, ieri ha preferito dare pi copertura. Una sana lezione di realismo. Non che Mazzarri ne avesse bisogno, non certo un superficiale. Lo ha tradito la leggerezza della difesa, sul gol di Guarin. Ha costruito molte occasioni, poi, due in particolare con Insigne e Maggio, ma senza cambiare il risultato. SEGUE IN II DI SPORT

La Juve ritrova il suo tecnico in panchina dopo i 4 mesi di squalifica, vince a Palermo, allunga in vetta: +4 sullInter che ha battuto il Napoli

Ritorno e
fuga
Roberto Mancini

FUORI 120 GIORNI


Antonio Conte si ripreso ieri la panchina della Juventus. Era stato squalificato per omessa denuncia il 10 agosto: 10 mesi dalla Disciplinare e dalla Corte di Giustizia, ridotti a 120 giorni dal Tnas. Ha saltato in tutto 22 gare: 15 di A, 6 di Champions e una in Supercoppa

Conte assapora di nuovo una vittoria dal campo dopo il caso scommesse: soffre, sbraita, urla poi festeggia e nel dopo gara non risparmia le battute. Decide un gol di Lichtsteiner
Allinterno

I nerazzurri tornano secondi scavalcando la squadra di Mazzarri, colpita da Guarin e Milito. Inutili la rete di Cavani e il forcing finale. Oggi Samp-Udinese e Bologna-Lazio

Scalata Milan passa anche a Torino ma perde De Jong


CURRO IN V DI SPORT

Derby di Manchester Mancini ko al 92 e litiga con Balotelli


FRANCESCHINI IN VII DI SPORT

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

28

REPUBBLICA SPORT
Chiellini La cosa pi stupefacente che continuiamo a migliorare e che stiamo dimostrando che neanche la Champions ci ostacola

Bonucci Dovevo tirare, invece le idee mi hanno inceppato. Giusta lammonizione, brutto Le frasi esempio, mi serva da lezione per il resto, gran vittoria

Vittoria dei bianconeri nel segno del tecnico, di nuovo in panchina dopo 4 mesi: due pali e tante occasioni. Decide Lichtsteiner. Ed +4 sullInter seconda

Effetto
IL PUNTO
GIANNI MURA

I DETTAGLI DI UN LEADER
(segue dalla prima di sport) A JUVENTUS a Palermo vince pi nettamente di quanto dica l1-0. In panchina tornato Conte e s notato da certi dettagli: Lichtsteiner ha appena segnato sullassist di Vucinic, servito da un bel lancio lungo di Pirlo, e Conte strilla perch qualcosa, nella posizione del regista, non gli torna. Tra i pali e le parate di Ujkani, il tecnico si ritrova una squadra che conosce bene, che non segna in proporzione a quanto costruisce: vecchio difetto, ma quasi sempre il gol arriva. Era una partita temuta, dopo la lunga e positiva trasferta di Donetsk in Champions League. Lex di turno, Miccoli, ci ha provato, ma il suo bel destro in diagonale era in fuorigioco e davanti non ha avuto molta compagnia. Il tremendismo di Conte stato assecondato dal tempo: pioggia, grandine, fango. La squadra ha risposto, pur restando sulle spine fino allultimo. Vucinic si sta specializzando in assist, non tutti sfruttati a dovere. Il Palermo ha chiesto un rigore ma il tocco di braccio di Pirlo avvenuto fuori area: la punizione (non concessa) ci stava, il rigore proprio no. Tra chi insegue, in attesa, di vedere cosa fa oggi la Lazio, salita la Roma, che ha raggiunto la Fiorentina battendola sabato nello scontro diretto. Partita divertente, con errori difensivi enormi, ma anche giocate di pregio. Per Zeman quattro vittorie di fila, dopo il derby perso, e un Totti che continua a segnare ma, soprattutto, a essere un esempio per la truppa. Non era cos scontato, in una stagione che sembrava da buttare ma forse non lo . Dalla mischia s tolto il Milan: 4-2 in casa del Torino, anche l molte papere, ma il Milan ha pi solisti. Una tegola linfortunio al tendine dAchille di De Jong: stagione finita. A 14 punti dalla testa si obbligati a vivere alla giornata, a fare calcoli piccoli: la coda del gruppo a 5 punti.

Conte
EMANUELE GAMBA PALERMO JUVENTUS

RIPRODUZIONE RISERVATA

PALERMO stata una vittoria tipicamente contiana, di forza e sprechi, di passione e spaventi, di felice fatica, con le maglie zuppe di fango, le bocche spalancate a implorare unultima dose di ossigeno. Netta ma complicata, enormemente utile e altrettanto gratificante perch ha scavato un solco in classifica prima ancora che lopposizione si scannasse nelle primarie, architettata da un paio di geni (Pirlo, soprattutto Vucinic) e decisa da un terzino (Lichtsteiner). Una vittoria piena di meriti e di contraddizioni, senzaltro indiscutibile, parecchio simbolica perch otto mesi fa qui la Juventus conquist la vetta e non lha mai pi condivisa con nessuno e perch, insomma, la prima domenica con Conte davvero qualcosa di diverso, che si ricorder. Uno a zero non troppo ma abbastanza. Per colpa dei loro soliti vizi, i bianconeri non sono riusciti ad accomodare una partita pi semplice. Ci sono stati due pali (uno per tempo, e sempre di Vucinic) e un gol che stato una perfetta mescolanza di creativit e schemi, con il lussuoso colpo di tacco del montenegrino in giornata di grazia che ha liberato il martellante Lichtsteiner davanti a Ujkani, il quale aveva fatto e far (su Matri, sul solito Vucinic) parate eccellenti in situazione analoghe ma in quel caso ha dovuto arrendersi allimplacabile evidenza del destro dello svizzero. Il Palermo ha retto alla pari per mezzora, mettendoci vigoria, pressing e velocit ma non sufficiente efficacia, perch ci sarebbero voluti due Miccoli, uno che lanciasse e un altro che andasse a prendere i suoi lanci. Gasperini ci ha pensato nellintervallo, ha creduto di poter rimediare inserendo Brienza ma ha commesso un peccato di presunzione, perch ha sbullonato un assetto che stava funzionando, almeno nella sua parte difensiva: le aggressioni alternate di Barreto e Morganella a Pirlo e Marchisio avevano inchiodato le tradizionali fonti di gioco della Juve, che nella ripresa hanno

0-1
PALERMO (3-5-2) Ujkani Munoz, Donati (24 st Dybala), Von Bergen Pisano (1 st Brienza), Morganella, Barreto, Kurtic (29 st Viola), Garcia Miccoli, Ilicic. JUVENTUS (3-5-2) Buffon Barzagli, Bonucci, Chiellini Lichtsteiner (19 st Padoin), Vidal (9 st Pogba), Pirlo, Marchisio, Asamoah Matri (27 st Bendtner), Vucinic. Arbitro: De Marco. Reti: 5 st Lichtsteiner. Note:espulso Morganella al 30 st. Ammoniti Lichtsteiner, Pirlo, Bonucci. Spettatori paganti 13.452, abbonati 9.286, incasso 652.340 euro, quota abbonati 127.387 euro.

IL PROTAGONISTA
Lichtsteiner autore del gol vittoria della Juve ( la sua seconda rete questanno). Accanto il difensore del Palermo Kurtic

A Palermo basta un gol per la festa del ritorno


to aggiungere quella fisica (acuita dallingresso di Pogba al posto dellinfortunato Vidal) e il Palermo ha finito per essere sbriciolato: lunico tiro in porta, di Kurtic, risale all11 del primo tempo. Lespulsione di Morganella per doppia ammonizione (sorte risparmiata a Pirlo) ha inibito ogni possibilit di riequilibrare il match, ma non ha comunque staccato la spina al Palermo, che rimasto in vita fino allultimo secondo battendo un paio di corner, catapultando qualche cross e insomma facendo quasi pagare alla Juve il conto della sua scarsa concretezza, visti i contropiedi sprecati da Vucinic, da Bendtner e alla fine persino da Bonucci, stramazzato ai piedi di Ujkani e punito per una simulazione di cui chieder immediatamente scusa tramite Twitter. Gli juventini hanno festeggiato come otto mesi fa, come festeggiano da otto mesi. Implacabili, che Conte sia con loro oppure no.
RIPRODUZIONE RISERVATA

invece ritrovato libert di espressione. Tra un tempo e laltro sul Barbera, gi flagellato dalla pioggia e da un vento gelido, si scatenata una grandinata che ha appesantito il campo, riempiendolo di pozze e fango cui i bianconeri si sono adattati prima e meglio degli avversari. Alla superiorit tecnica hanno potu-

PALERMO
6.5 Le voci vogliono a gennaio a Palermo un nuovo portiere, ma lalbanese sfodera una bella prova con almeno due parate decisive. MUNOZ 6 Una incertezza nel primo tempo, ma vince il duello con Matri. DONATI 6 Deve pensare a coprire e a far ripartire lazione rosanero. Da un suo passaggio errato inizia lazione che porta al gol della Juve. Dal 24st Dybala 5: in quasi mezzora tocca la palla una sola volta. VON BERGEN 5 Soffre tantissimo Vucinic e sul gol la sua marcatura molle sul montenegrino decisiva. PISANO 5.5 Ha il compito di allargare la squadra. Ma lo fa soltanto a corrente alternata. Dal 1 st Brienza 5.5: dovrebbe dare la spinta nel secondo tempo. Per la sua azione piuttosto discontinua. MORGANELLA 5
UJKANI

Le pagelle

MASSIMO NORRITO
dinato in difesa.
6 Il gioco della Juve a volte lo salta, ma il suo peso in campo si sente. Dal 9 st Pogba 6: tanta forza sulla destra. PIRLO 7 Gli serve un tempo per mettersi in moto e soffre le marcature avversarie. Quando gli danno spazio diventa micidiale. MARCHISIO 6.5 Ci fossero medaglie per chi corre d pi, lui vincerebbe certamente quella doro. Fa la spola e va anche al tiro ASAMOAH 5.5 Timido nel primo tempo. Meglio nella ripresa. MATRI 5 Giornata no. Il sacrificio non basta. Dal 27 st Bendtner 6:entra subito in partita e sfiora il gol. VUCINIC 7.5 Il migliore. Due pali e un assist magistrale di tacco. ARBITRO DE MARCO 5.5 Unammonizione e una punizione in meno per un fallo di mani di Pirlo al limite dellarea.
VIDAL
RIPRODUZIONE RISERVATA

Pirlo dirige, Vucinic magistrale Matri lunica nota stonata


Rovina una prova dignitosa con due ammonizioni in soli otto minuti con conseguente espulsione e Palermo in inferiorit numerica. BARRETO 6 Lotta in mezzo al campo. Si sacrifica ma non sempre preciso. KURTIC 6 Il suo tiro lunico del Palermo in tutta la partita.Dal 29 st Viola sv. GARCIA 5.5 Guarda Liecthsteiner involarsi verso la porta per il gol partita della Juve. ILICIC 5.5 Incostante. A volte lezioso quando invece ci vorrebbe concretezza. MICCOLI 6 Predica nel deserto, anzi nel pantano. Regge da solo tutto lattacco, ma non mai pericoloso

JUVENTUS
6 Un voto di solidariet per il freddo che ha preso in un pomeriggio inoperoso. Una sola parata sul tiro di Kurtic BARZAGLI 7 Inizia con una perfetta diagonale su Ilicic. Una prova senza sbavature. BONUCCI 6 Il Palermo non punge e lui si limita alla ordinaria amministrazione. Nel finale potrebbe segnare ma si butta a terra in area dopo un innocuo contatto con il portiere. CHIELLINI 6.5 Difende senza grossi problemi e prova anche la spinta in avanti LICHTSTEINER 7 Perfetto nellinserimento sul gol. Spinge tanto ed spesso nel vivo dellazione. Dal 19 st Padoin 6: orBUFFON

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI palermocalcio.it www.juventus.it

29

Buffon Certe volte rimpiango di non giocare in una piccola, in giornate gelide e piovose come queste. dura rimanere caldi in situazioni simili

Lichtsteiner Offrir una cena a Vucinic e a tutta la squadra, perch abbiamo vinto una partita complicata. Era importante farlo soprattutto per Conte

Gasperini Per mezzora abbiamo tenuto testa alla Juve, con Brienza perch pensavo di vincere. Nella ripresa si sono adattati allacqua meglio di noi

Il protagonista

Mesi di dolore, ma sono pi forte


Urla, gioia, polemiche: lallenatore della Juve non cambia: Siamo speciali
PALERMO a telecamera che gli hanno incollato addosso ha frugato impietosa nei suoi labiali (Pirlo, che ci stai a fare l in mezzo?, e la Juve aveva appena segnato), ha scandagliato la sua mimica, le sue reazioni, il cappellino nero con il quale si protetto della pioggia e che ogni tanto toglieva per ravvivarsi i capelli, i suoi saltelli, le sue imprecazioni, la sua esultanza e alla fine ci ha dato un verdetto assolutamente confortante: Antonio Conte lo stesso di qualche mese fa, n pi calmo n pi scatenato, non depresso, inibito, spiritato, lucido e spigoloso pi di quanto fosse mai stato prima. Ho provato del dolore. Magari queste sono fesserie, rispetto a chi soffre per cose davvero serie, ma quando fai il tuo mestiere con passione ed entusiasmo e poi non puoi sentire lodore dellerba allora s, un dolore. Per stata anche unesperienza formativa, ho imparato tante cose e in particolare a guardarmi in-

lenatore come una macchina di Formula Uno con le gomme sgonfie: se nemmeno questo lha fermata, e di pi non poteva proprio fare, vuol dire che ho dei giocatori speciali, dei collaboratori speciali. E speciale pure la societ, e un po lo sono anchio. Lo Speciale Uno, ecco la traduzione in italiano di Mourinho, for-

se davvero lunico collega che riuscirebbe a tenergli testa, soprattutto ora che lui stesso ha certificato la sua forza, la sua importanza. Nel giorno del grande e invitto ritorno, ha spiattellato le sue emozioni senza vergognarsene, ha dissimulato pi che ha potuto lemozione e ha dato lidea di aver calpestato, in questi mesi di penitenza, molti sentieri ghiaio-

si, a giudicare dal numero di sassolini estratti dalle scarpe. Lanno scorso tutti hanno riconosciuto il mio lavoro, ma questanno ho notato che quello che ha fatto la Juve stato sottostimato e si dato molto spazio a realt emergenti e ritorni di fiamma. Non ha fatto nomi, ma parso un identikit di Stramaccioni e Zeman: se non lo lo dica, prima

La solita frecciata: I primi siamo noi ma il nostro lavoro sottostimato, si parla di altri...
torno e a conoscere meglio le persone, nel bene e nel male. Il mio pensiero sulla vicenda non cambia di una virgola, ma questa esperienza non mi ha consumato: mi ha fortificato. Conte lo stesso di sempre. Anzi, semmai pi Conte ancora, un Conte al quadrato. Una squadra senza al-

TOCCO DI CLASSE
Soluzione di classe e fantasia: il colpo di tacco di Vucinic che libera Lichtesteiner e consente alla Juve di andare in vantaggio

che il sospetto diventi certezza. E tutti quelli che dicevano che lanno scorso vincevamo perch non avevamo la Champions? Bene, adesso ce labbiamo e non perdiamo punti: questa non forse dedicata a Mazzarri? Da lass ho visto una squadra che faceva le cose provate in settimana, tutto memorizzato, tutto meccanizzato. Se non avessi una societ fortemente al mio fianco, se non avessi questi collaboratori, questi giocatori che antepongono il noi allio, che hanno sposato la mia idea di calcio, avremmo preso delle batoste, non saremmo i primi in classifica, non saremmo i primi della classe. E questa la riposta a quelli che dicevano che io ero solo un tifoso, che mi comportavo da tifoso. Invece ho dimostrato di essere molto di pi, e non dimenticatevi che sono soltanto 14 mesi che lavoriamo, eppure in giro ho sentito dire che siamo a questi livelli da anni. Ma dove? una soddisfazione che la squalifica ha ingigantito ancora di pi. Per finire: La gioia pi grande me lha data la vittoria di Donetsk. E si parlava di biscotto, che maleducazione. Adesso ricomincer il solito tran tran, lo Special Uno torner ai suoi prati, allodore dellerba, ai sassolini che ogni tanto ancora caver dalle scarpe. Se non avessimo vinto a Palermo, con tutto quello che abbiamo sprecato, li avrei tenuti due giorni negli spogliatoi, e poi in ritiro in Sicilia: questa per i suoi giocatori, ma loro non si offenderanno, no. (e.g.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

30

REPUBBLICA SPORT
Mazzarri Abbiamo preso gol al primo calcio dangolo e su mezzo tiro in porta. Poi stato un nostro monologo Che dire? Bravi e cinici loro

Stramaccioni Contro la Juventus avevamo attaccato, stavolta abbiamo pensato a limitare Cavani e Le frasi Hamsik, con grande umilt Io sono il Normal One

La squadra di Mazzarri paga due distrazioni difensive, poi sciupa anche in attacco. Stramaccioni azzecca tutto

LInter mordi e fuggi si prende il secondo posto Napoli, Cavani non basta
Guarin e Milito: i nerazzurri vincono 2-1 a San Siro
Le pagelle
MARCO AZZI

Cambiasso bene da libero Insigne sempre pericoloso


INTER
6.5 Si fa trovare pronto su Inler e prende un gol in mischia senza avere troppe responsabilit. RANOCCHIA 6.5 Vince quasi tutti i duelli aerei e prova a sfruttare larma dellanticipo, spesso con buoni risultati. CAMBIASSO 6 Si aggrappa allesperienza e riesce a cavarsela come difensore centrale, nonostante qualche brivido inevitabile. JUAN JESUS 6.5 Brasiliano atipico, perch bada sempre al sodo e alloccorrenza manda pure il pallone in tribuna. Efficace. NAGATOMO 6 Prende poche iniziative e si annulla nel duello di corsa sulla fascia con Zuniga. ZANETTI 6 Gli tocca fare il mediano e si mette in trincea, rinunciando alle sue amate serpentine. Lavoro oscuro, ma utile. GARGANO 6
HANDANOVIC

INTER NAPOLI

2-1
INTER (3-4-1-2) Handanovic Ranocchia, Cambiasso, Juan Jesus Nagatomo, Zanetti, Gargano, Pereira Guarin Cassano (15 st Palacio), Milito (29 st Coutinho). NAPOLI (3-4-1-2) De Sanctis Gamberini (1 st Pandev), Cannavaro, Britos Maggio, Inler (13 st Dzemaili), Behrami, Zuniga Hamsik (39 st Mesto) Insigne, Cavani. Arbitro: Rizzoli. Reti: 8 pt Guarin, 39 pt Milito, 9 st Cavani. Note: ammoniti Handanovic, Gamberini, Gargano, Pandev, Behrami, Britos. Spettatori 57.374 (paganti 22.148, abbonati 35.226) per un incasso totale di 1.421.801.

NAPOLI
5.5 Non il pi colpevole, ma nemmeno lui fa il massimo per evitare i due gol. GAMBERINI 5 In affanno, forse condizionato dal colpo al naso. Non si oppone al raddoppio di Milito ed esce nellintervallo. Dal 1 st Pandev 6: entra con la voglia giusta e colpisce la traversa in mischia, innescando la carambola del gol. CANNAVARO 6.5 Comanda il reparto arretrato con autorit e risolve pi di una situazione pericolosa. BRITOS 6.5 Rude quando serve, ma anche elegante in qualche disimpegno. MAGGIO 6 Spinge tanto e reclama anche un rigore nella ripresa, ma ha una buona chance di testa e la spreca. INLER 5.5 Compassato, non riesce a sveltire la manovra. Prova a riscattarsi con il tiro dalla distanza, trovando per Handanovic. Dal 13 st Dzemaili
DE SANCTIS

GOL ARGENTINO
Milito realizza di destro il gol del 2-0 dellinter. Per lattaccante argentino si tratta dellottava rete in questo campionato

ANDREA SORRENTINO MILANO analisi del fotofinish non lascia dubbi: oggi lInter la sfidante della Juve. Il Napoli piegato, di forza e di intensit, eppure non sovrastato, anzi vivo fino allultimo, con Maggio che all87 ha la palla del pareggio ma la schiaccia di testa su Handanovic. Sono gli episodi a determinare partite simili, e il Napoli paga due disattenzioni difensive che lInter tramuta ferocemente in gol. Poi i nerazzurri conservano, soffrono e conservano dopo l1-2 di Cavani, ritrovano lo spirito e la gamba che a novembre li avevano abbondonati, e ora sono di nuovo l, a mostrare a fine partita i pugni di Stramaccioni che torna stratega raffinato e chi vuole intendere intenda. Il gelo non paralizza le buone intenzioni, n lapplicazione allo spartito, semmai cristallizza le fisionomie. LInter tutta mordi e fuggi, con Guarin incursore deputato al cambio di ritmo quando si ruba palla, mentre Cambiasso preferito a Silvestre al posto di Samuel, tanto Cavani centravanti di sommo movimento e difficilmente parte in posizione centrale, mentre di Hamsik si occupa Zanetti. Il Napoli ragnatela di passaggi, di triangolo in triangolo cerca larea guadagnando progressivamente metri, impone il palleggio, attende bagliori da Insigne che nella sua prima a San Siro esibisce rapidit ed eleganza nel tocco. Ma tutto si incanala subito in favore dellInter, che all8 passa su schema da corner chiaramente preparato a casa: Cassano calcia da sinistra ma ben al di l del grumo umano che si ad-

densa laocoontico a centro area e si sposta sul primo palo, Tot calcia lontanissimo sul secondo palo dove piomba Guarin, partito quindici metri fuori dallarea senza marcatori, e di piatto destro buca De Sanctis. Per far gol simili ci vogliono tempismo e tecnica sopraffina. LInter ora gioca la partita che sognava, chiama il Napoli e prova a ripartire. Ma i tempi di gioco di Inler e

gli altri sovrastano tutto, mentre Milito e Cassano non si muovono a dovere nei contrattacchi, cos gli ospiti vivono il loro miglior momento ma proprio adesso che perdono la partita, perch non approfittano di un avversario intimidito e rintanato, che soffre gli uno-due nella propria trequarti: Handanovic non mai chiamato a intervenire, loccasione migliore di Insi-

gne in contropiede (destro a giro fuori di un soffio al 18) mentre Maggio e Cavani divorano due occasioni a un passo dalla porta, ma entrambi sono in fuorigioco. La bravura dellInter, o la sua buona ventura, di saper resistere e di colpire ancora al secondo sussulto di un primo tempo da faina: scrollone di Pereira a sinistra e cross, ai 25 metri raccoglie Guarin che scherza Behrami

Scommesse

Guarin

Cassano

Cavani

Oggi disciplinare, rischio penalizzazione


ROMA Il Napoli trema. Ore 11, la Commissione Disciplinare apre il nuovo processo sportivo al calcioscommesse: 11 tesserati coinvolti e 6 club, tra cui quello azzurro. Palazzi potrebbe chiedere 2 punti di penalizzazione per il Napoli (responsabilit oggettiva) dopo lammissione dellex portiere Gianello di aver tentato di combinare Sampdoria-Napoli del 16 maggio 2010. Combine che il giocatore avrebbe proposto anche al capitano Paolo Cannavaro e a Grava, che rischiano 6 mesi di squalifica per omessa denuncia.

7
Sente il peso della partita e gioca con il freno a mano un po tirato contro i suoi ex compagni. PEREIRA 6 In crescita, anche se le incursioni di Maggio gli creano qualche problema. Nel finale sfiora lautogol con una carambola piedemano. GUARIN 7 Esecutore perfetto dello schema che sblocca il risultato e sempre pericoloso quando avanza. suo anche lassist per il bis di Milito. MILITO 6.5 Appena gli capita il pallone buono non si fa pregare e lo spedisce in fondo alla rete. Poi non ne tocca molti altri, anche se si d molto da fare. Dal 29 st Coutinho sv. CASSANO 6.5 Pennella lassist per Guarin e gioca in posizione molto avanzata, pestando perfino i piedi a Milito. Ma utile e colpisce un palo esterno. Dal 15 st Palacio 6: prezioso, anche se non segna.

6.5

5.5: non riesce ad entrare bene in partita. BEHRAMI 5.5 D la sensazione di prevalere su Guarin, invece se lo perde nelle azioni dei gol. Bravo nel recupero del pallone, ma troppo falloso. ZUNIGA 6 Si agita tanto e pareggia il duello con Nagatomo. HAMSIK 6 sempre nel vivo del gioco, anche se non trova il guizzo decisivo. Dal 39 st Mesto sv. CAVANI 6 Sfata il tab di San Siro in mischia. INSIGNE 6.5 lui lattaccante pi pericoloso e mette paura ad Handanovic con due tiri da lontano. Cala un po alla distanza, ma supera lesame San Siro. ARBITRO RIZZOLI 6.5 Lascia correre molto, allinglese. Il Napoli chiede due rigori, lInter vorrebbe il secondo cartellino giallo per Behrami. Proteste ingiustificate.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Delneri ko allultimo atto lite furiosa negli spogliatoi


PESCARA La clamorosa lite con alcuni giocatori nello spogliatoio, al termine della partita di Pescara, rischia di essere lultimo atto di Gigi Delneri come allenatore del Genoa. La settima sconfitta su otto partite della sua gestione, potrebbe infatti costargli la panchina, nonostante sette giorni fa il presidente Preziosi avesse garantito che sarebbe andato avanti con lui allinfinito. La soluzione pi semplice sarebbe richiamare De Canio, lallenatore che era stato esonerato con ignominia quando il Genoa era nono in classifica, ma prende anche campo lipotesi di una soluzione interna con la promozione di Liverani, attualmente alla guida degli Allievi. Per il Pescara la prima vittoria della gestione Bergodi. Ha sbloccato il risultato Abbruscato al 7 della ripresa, raddoppio al 28 di Vukusic, complice una clamorosa incertezza di Frey. (gessi adamoli)
RIPRODUZIONE RISERVATA

PESCARA GENOA

2-0
PESCARA (4-3-2-1) Perin 6.5 Balzano 6, Cosic 5.5, Terlizzi 6 (16 st Capuano 6), Modesto 6 Nielsen 6, Toni 6.5, Bjarnason 7 Vukusic 6.5 (42 st Jonathas sv), Weiss 7 Abbruscato 6.5 (29 st Cascione sv). GENOA (4-1-4-1) Frey 4 Sampirisi 4, Granqvist 4.5, Canini 4.5, Moretti 4.5 Tozser 4.5 (11 st Seymour 5) Jankovic 4 (29 st Rossi sv), Kucka 4.5, Merkel 4 (11 st Immobile 4), Vargas 4.5 Borriello 4. Arbitro: Celi 6. Reti: 7 st Abbruscato, 28 st Vukusic. Note: ammoniti Modesto, Togni, Kucka, Sampirisi, Vargas e Seymour.

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.inter.it www.sscnapoli.it

31

Nocerino Ho fatto una stupidaggine, ma la mia forza stata di reagire fino al gol, che dedico a mia moglie, anche se lei tifosa del Torino

Santana Quando segni e perdi, sarebbe molto meglio non segnare. Dopo l1-0 siamo riusciti nellimpresa di farci tre gol da soli

Allegri La vittoria per De Jong Sul quarto gol abbiamo smesso di giocare. Il diverbio tra Mexs e Robinho? Buon segno

Rimonta da Milan, la scalata continua


Toro avanti, poi poker rossonero. De Jong ko, stagione finita. Mexes-Robinho, rissa sfiorata
ENRICO CURR TORINO ullo sfondo delle Alpi innevatissime, nello stadio delle Olimpiadi invernali congruamente ghiacciato, il Milan era presto scivolato su una lastra di guai. Dopo una ventina di minuti De Jong si era rotto il tendine dAchille sinistro, dopo mezzoretta Nocerino aveva offerto a Santana loccasione per un assolo che nemmeno il chitarrista e, dopo altri 5, si era visto Allegri sgridare per tutti Emanuelson: scena emblematica, in quanto metafora dellinadeguatezza costruttiva del centrocampo, orfano di Montolivo e perfino di Boateng e della sua intermittenza. Solo che il Torino, sull1-0, caduto ancora pi goffamente e non si rialzato pi: di regali agli avversari ne ha fatti quattro di seguito, sfruttati nellordine dal funambolico Robinho, dal felice penitente Nocerino, dallastuto Pazzini e dallimmancabile El Shaarawy. A nulla servita a quel punto la reazione finale, con linutile gol di Bianchi. La sintesi della partita tutta qui, n vale la pena di edulcorarla. Prima dellerrore di Nocerino, il gioco milanista consistito nella fisiologica scelta di evitare le distrazioni in difesa e di affidarsi allinventiva di Robinho ed El Shaarawy. Quello del Torino, fondato su volont analoga, stato pi marcatamente difensivo, per via del divario tecnico: nel molto teorico 4-2-4, per, Cerci era cos latitante e Meggiorini cos impreciso che Ventura, a furia di arrabbiarsi con loro (e con Di Cesare, che ha spalancato unautostrada al magnifico slalom dell1-1, con artistico cesello desterno sinistro nel sette), nellintervallo si sentito male. Il seguito del pomeriggio non ha certo contribuito a farlo stare meglio, mentre Allegri alla fine si sentito benissimo. Il Milan continua a scalare la classifica e di questo passo si presenter non distante dalla zona Champions alla sfida prenatalizia con la Roma, nellaltro Olimpico, quello meno ghiacciato. Per ora TORINO MILAN

2-4
TORINO (4-4-2) Gillet Darmian, Di Cesare, Ogbonna, Masiello Cerci (1 st Birsa), Basha, Gazzi, Meggiorini (20 st Sansone), Santana (28 st Verdi) Bianchi, Meggiorini. MILAN (4-3-1-2): Amelia Abate, Mexs, Yepes, De Sciglio Nocerino, De Jong (22 pt Ambrosini), Emanuelson Robinho Pazzini (37 st Bojan), El Shaarawy (34 st Flamini). Arbitro: Romeo. Reti: 29 pt Santana, 40 pt Robinho, 5 st Nocerino, 16 st Pazzini, 31 st El Shaarawy, 36 st Bianchi. Note: ammoniti Darmian, Abate, Masiello, Emanuelson. Spettatori paganti 11.587, abbonati 8.539, incasso totale 430.130 euro.

Il gol del 3-1 realizzato da Pazzini in porta, di testa, unavventurosa respinta del portiere del Torino, sia la furberia di Pazzini, che ha dato una spintarella al molle Masiello e ha scagliato in rete il pallone, dopo essersi fermato un attimo, nel timore che arrivasse un fischio. Ma Romeo, nella circostanza, ha arbitrato allinglese, altro che Giulietta. Di raggelante c stato linfortunio di De Jong (lintervento domani in Spagna dal professor Orava, il chirurgo che oper Beckham), nonch il finale con vistosa rissa sul campo tra Mexs e Robinho, separati a fatica da Ambrosini. Casus belli: gli eccessivi rischi che la squadra stava correndo e laiuto troppo blando del brasiliano in copertura. Di sicuro la vicenda terr banco nelle prossime ore pi degli impegni di Coppa Italia (gioved con la Reggina) e di campionato (domenica col Pescara). Lo spazio principale, comunque, se lo prender il mercato. Galliani, che si presentato a Torino con i vertici cinesi del Guanghzou di Lippi intenzionati a un ricco accordo commerciale, ha escluso la caccia al sostituto di De Jong. Tra poco torna Muntari e rester Strasser. Ma Berlusconi, inaugurando la campagna elettorale, stato possibilista. Un regalo ai tifosi? Vedremo. Lolandese Strootman del Psv (costa 16 milioni) tornato di attualit, senza soppiantare Balotelli e Sneijder.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le pagelle

ENRICO CURR

Gillet spiana la strada ai rivali El Shaarawy ancora a segno


TORINO
4 Il primo intervento vero del suo pomeriggio luscita imperfetta che consegna lassist a Nocerino. Si supera, in peggio, offrendo anche a El Shaarawy il pi facile dei gol. DARMIAN 5 Ex di fugaci trascorsi giovanili, soffre la solida catena formata dai suoi imberbi successori De Sciglio ed El Shaarawy: dalla sua parte il Milan sfonda sempre. DI CESARE 5 Fragilissimo nei contrasti su chi avanza palla al piede, abbocca alla finta di Robinho e non solo. OGBONNA 5 Stilista obbligato a usare la ramazza, la disdegna e insiste nei ghirigori. MASIELLO 5 beffato da Pazzini e dallarbitro sul 3-1. Ma non che in precedenza la sua opposizione fosse stata molto fiera. CERCI 4.5 Linconcludenza pressoch totale induce Ventura alla legittima sostituzione, dopo avere invano cercato di spronarlo. Dall1 st Birsa 6: un po pi attivo e utile alla causa. BASHA 5.5 Si muove tanto, per sostenere un centrocampo dai chiari limiti tecnici. Al dinamismo, per, non coniuga la precisione. GAZZI 5 Un incontrista dovrebbe innanzitutto contrastare, cosa che lui si astiene dal fare, lasciando che Robinho e Pazzini sinfilino in area per infierire sul Toro. BIANCHI 6 La sua pericolosit resta potenziale, per assenza di palloni. Sfrutta lunico, mettendo a nudo la blanda marcatura di Mexs. MEGGIORINI 5 Punta un tantino spuntata, non si avventa con la dovuta cattiveria sulloccasione che potrebbe sbloccare la partita. Dal 20 st G. Sansone 6: almeno vitale. SANTANA 6.5 Lui s che si avventa sul dono di Nocerino, ma per le circostanze tattiche chiamato poi alla copertura e larma migliore del Torino rimane nel cassetto. Dal 28 st Verdi sv: ingresso tardivo.
GILLET

MILAN
6 Nellaltalena stagionale con Abbiati il posto suo. Lo difende con unuscita su Meggiorini e un altro paio di buone parate. ABATE 6 Riappare a destra, ma i compagni ignorano levento per lintero primo tempo. MEXES 6 Esce con eleganza dallarea. Non sfoggia quasi mai lanticipo su Bianchi. YEPES 6 Non gli si chieda il fioretto, che non possiede. Ennesimo capitano dellanno milanista: combattivit e qualche amnesia. DE SCIGLIO 7 Non patisce il trasloco sulla sinistra, che percorre con assiduit, diventando come nell1-1 il vero centrocampista aggiunto. NOCERINO 6 Innesca la fuga vincente di Santana e il peccato non veniale. Per sa espiare presto col primo gol stagionale. DE JONG sv Lascia scena e stagione dopo 20 di ordinaria interdizione da difensore travestito da centrocampista. Dal 22 pt Ambrosini 6: entra a freddo, ma scalda a poco a poco un Milan gelido. EMANUELSON 5.5 Non accende la scintilla, come esige da lui il copione. Galleggia fino al guizzo della traversa. ROBINHO 7 Ha licenza di inventare e se la prende volentieri, creando dal nulla il gol, avviando il raddoppio e muovendosi da trequartista. PAZZINI 7 Oltre al gol e al palo, assai dinamico: aiuta con sponde e arretramenti un gioco troppo sincopato. Dal 37 st Bojan sv. EL SHAARAWY 7 Ancora una volta non si fa problemi a trasformarsi in gregario. Il premio a tanta umilt il regalo di Gillet, che lui scarta senza farsi pregare. Dal 34 st Flamini sv. ARBITRO ROMEO 5.5 Decisioni opinabili sulla carica del gol di Pazzini e su due mischie in area milanista.
AMELIA
RIPRODUZIONE RISERVATA

e assiste a meraviglia Milito, controllo per tagliar fuori Gamberini e destro nellangolo, 2-0. Ci vuole un altro Napoli, meno gigione e pi aggressivo, cos ecco il 4-2-4 della ripresa con Hamsik e Insigne ali, pi Pandev-Cavani. Un palo esterno di Cassano (5) poi tutto Napoli: Handanovic vola su Inler ma poco dopo cade in mischia, dopo miracolo su Pandev (partito per in fuorigioco), traversa ancora di Pandev, nuovo salvataggio del portiere sul rimpallo e infine Cavani ribadisce in rete. Ma qui lInter sa raggrumarsi a difesa del golletto di vantaggio, Palacio garantisce la pericolosit in contropiede e dal corri e tira dellultima mezzora non sgorga altro se non mischie, palloni che sibilano, spizzati e scalciati in area, mezze occasioni che non diventano gol. LInter ancora viva, il Napoli pure, e ci rivedremo presto tutti insieme alla caccia della Juve.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL MALORE DI VENTURA
Nellintervallo il tecnico del Torino, irritato per gli errori della squadra, ha avuto uno sbalzo di pressione. rientrato in panchina dopo 3 della ripresa, sostituito dal vice Sullo. Alla fine sotto osservazione dei medici del 118 lo riscaldano lennesima, convincente prova dei due ventenni, El Shaarawy e De Sciglio, e le invenzioni di Robinho, pienamente restituito alla causa in attesa di chiarire se rester a Milanello oppure se decider di tornare in Brasile al Santos. Nella graduatoria dei quattro gol di ieri, il suo supera per bellezza sia quello del capocannoniere, che si fiondato sulla presa ben poco tentacolare di Gillet, sia il primo stagionale di Nocerino, che ha spinto

Paloschi di nuovo in gol Chievo super a Cagliari


CAGLIARI un Chievo cinico e capace di concretizzare al massimo le occasioni quello che la spunta a Is Arenas. Nonostante la superiorit in campo dallundici di casa, i veronesi centrano le uniche vere chance da gol della partita, stendendo di fatto i rossobl che invano hanno cercato di reagire. Bravo Corini a schierare una squadra capace di contenere le sfuriate degli isolani, poco precisi, bravissimi Paloschi di testa prima, e Thrau su punizione poi, a mettere a segno le due reti per gli scaligeri, eccezionale Sorrentino tra i pali. (federico gaviano)
RIPRODUZIONE RISERVATA

CAGLIARI CHIEVO

0-2
CAGLIARI (4-3-1-2) Agazzi 5.5 Pisano 6, Ariaudo 6, Astori 6, Avelar 5.5 Casarini 6 (29 st Ibarbo 5.5), Conti 6, Nainggolan 5.5 Cossu 5 Pinilla 5, Sau 5 (28 st Thiago Ribeiro 6). CHIEVO (4-3-3) Sorrentino 7.5 Sardo 6 (26 pt Jokic 6.5), Dainelli 6 (15 st Farkas 6), Cesar 6.5, Dram 6 Guana 6, Rigoni 6.5, Cofie 6 Hetemaj 6, Paloschi 6.5, Thrau 6.5 (44 st Papp sv). Arbitro: Russo 6. Reti: 22 st Paloschi, 42 st Thrau. Note: ammoniti Ariaudo, Conti, Pinilla, Cesar, Cossu, Dram, Thrau. Spettatori 12.000 circa.

Ribaltone Catania Cosmi, notte fonda


SIENA Il Catania balla il tango a Siena e centra la prima vittoria esterna della stagione. Per i senesi la settimana che porta al derby con la Fiorentina inizia malissimo: secondo ko di fila in casa, ultimo posto in classifica e panchina di Cosmi che vacilla. Dopo il vantaggio di Rosina al 10', il Catania si trasforma nella ripresa. Il dinamismo e la tecnica degli etnei squarciano la difesa senese, con Castro che sigla l1-1 dopo 5. Il Siena vacilla e poi crolla, con Bergessio che firma la doppietta decisiva. Brutto momento dice Cosmi ma non mi rassegno: dobbiamo ritrovare fiducia. (giovanni pellicci)

SIENA CATANIA

1-3
SIENA (3-4-2-1) Pegolo 6 Neto 5, Paci 5.5, Felipe 5.5 Sestu 5.5, Vergassola 5.5 (7 st Rodriguez 5), Bolzoni 5, Del Grosso 5 (35 st Mannini 5) Rosina 5.5, Valiani 5.5 (26 st Larrondo 5) Calai 5. CATANIA (4-3-3) Andujar 6 Alvarez 6.5, Rolin 6, Legrottaglie 6.5, Marchese 6 Lodi 6.5, Almiron 6.5, Salifu 6.5 (46 st Capuano sv) Castro 7, Bergessio 7.5 (42 st Doukara sv), Gomez 6.5 (46 st Paglialunga sv). Arbitro: Doveri 6. Reti: 10 pt Rosina, 5 st Castro, 22 st e 37 st Bergessio. Note: ammoniti Legrottaglie, Sestu, Almiron e Rodriguez. Spettatori 8.240.

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

32

REPUBBLICA SPORT

vuoto in media un posto su due, peggio nei Pigs: in Irlanda, Portogallo e Grecia la crisi sta colpendo il divertimento pi popolare. E pure la Spagna ora trema

FRANCESCO SAVERIO INTORCIA


ezzo pieno, mezzo vuoto. Ogni maledetta domenica una poltroncina su due resta libera negli stadi europei. La crisi svuota le tribune insieme ai portafogli e aumenta il suo peso fra i fattori della desertificazione degli spalti. Investe il continente, ma produce effetti diversi a seconda del tessuto economico dei singoli paesi. Fra i primi venti campionati, dallInghilterra fino alla Bulgaria, la percentuale media di riempimento degli impianti sfiora il 50 per cento. Cattedrali sprecate, ma non per tutti. Perch lEuropa a due velocit ha uno specchio fedele nelle code al botteghino. Da un lato le sofferenze dei Pigs si ripercuotono anche sui club. Dallaltro, Germania e Inghilterra continuano ad avere stadi pieni.

Linchiesta

Gli impianti inglesi e tedeschi sono i soli a restare sempre pieni persino quando si tratta di serie B
RICCHI E POVERI Il pallone diventa un bene superfluo, se non di lusso, e risente della riduzione di spesa delle famiglie nei paesi maggiormente colpiti dalla crisi: una voce da tagliare. Fra i Pigs, i paesi con i conti pubblici in disordine e uneconomia nazionale poco competitiva, i dati sullaffluenza allo stadio sono una fotografia lucida e disarmante. La Grecia, campione dEuropa solo otto anni fa, oggi al diciottesimo posto per media spettatori, con unemorragia di pubblico irrefrenabile (in questo inizio stagione ha perso un altro 4,8%) e un indice di riempimento degli stadi al 28,3%. E questo nonostante si possa accedere a una gara di Super League anche con 10 euro, se non si hanno grandi pretese. Non va meglio al Portogallo. La Super Liga ha registrato un calo del 19,2% della media paganti, scesa a 8.851. Le strutture si riempiono per

Addio cari
il 38,3%, fuori portata anche i 15 euro nel settore pi popolare per una partita del Porto (8 per i soci). Affluenza ai tornelli in picchiata anche in Irlanda: solo il 29,5% dei posti disponibili. Qui la media spettatori storicamente bassa, ma con la crisi si registrato un ulteriore calo del 25%. LA RESISTENZA SPAGNOLA Un caso a parte quello spagnolo. In apparenza, la Liga non perde spettatori e resiste al terzo posto fra i campionati pi seguiti dEuropa. Ma allinterno del Paese corrono due binari: il fascino internazionale di Barcellona e Real con la sfida fra i due giocatori pi forti del mondo

stadi
(Messi e Ronaldo), poi il resto della povera compagnia. Soltanto 7 volte si registrato finora il sold out, e sempre con il Bara in campo. Senza i due club che da otto anni si litigano lo scudetto, la percentuale di stadi pieni sarebbe poco superiore al 50, in media con i dati grigi dEuropa. Eppure per vedere la prossima gara dei blaugrana al Camp Nou contro lAtletico non si spendono meno di 57 euro. Roba da ricchi. Il calcio un bene di lusso, ha detto a El Pas il presidente del Getafe, Angel Torres. Il pallone specchio del paese anche in questo: la Spagna al secondo posto per diseguaglianza sociale interna secondo Eurostat (34 di coefficiente Gini, la forchetta di reddito fra ricchi e poveri). E leconomista Jos Maria Gay de Libana, presentando il suo annuale report su calcio e finanza, stato drastico: Entro cinque anni il calcio spagnolo rischia di chiudere. Propone una liga iberi-

Povera Europa, il calcio un lusso


SCHERMAGLIE
ANTONIO DIPOLLINA

bentornato festosi, gli applausi del pubblico in studio (su Sky). Lex arbitro Paparesta che quasi si commuove nel salutarlo (su Mediaset Premium) e lo si pu capire. La botta di simpatia contagiosa nonch virale con il montaggio delle migliori imitazioni di Crozza e lui che in risposta fa il brillantone S, mia moglie imita Crozza che imita me (nello Stadio Sprint della Rai). Non poteva puntare su una migliore accoglienza in tv Antonio Conte, reduce da mesi di assenza per una pericolosa missione in Afghanistan, o qualcosa di simile. *** Sky lo segue per tutta la gara con una telecamera fissa battezzata Conte Cam, ed tutto talmente bello che la citano anche nel 90 Minuto della Rai. Ma alla prossima partita si ripete, vero? Non si interrompono le emozioni. *** Chi avrebbe mai detto che mi sareste mancati? E invece mi siete mancati. (Per di pi, Conte esordisce con battutaccia contro quelli di Sky, ma gli viene

Il verdetto delle tv Conte diventa un eroe


immediatamente perdonata) *** Trapattoni su Italia1 sta commentando la Juve di Champions e dice: Certo, la presenza di Conte in panchina avr tutto un altro impatto. E l, fuori campo, crolla qualcosa in studio o esplode un faretto, con notevole botto. E il Trap: Ecco, questo limpatto. *** Mediaset Premium ha preso la buona abitudine di mandare random certe gare clou di campionati esteri cosiddetti minori (ieri il derby di Atene). Micidiale invece lappuntamento settimanale nella prima mattina di sabato o domenica con il Sydney di Del Piero. Ieri peraltro infortunato e assente, roba da infliggere come punizione per scommesse perdute. *** Alla tristissima notizia della morte di Schicchi molti appassionati - di calcio, ovvio - hanno cercato a tentoni sullo scaffale (la vista quello che ) la vetusta videocassetta di Moana e Cicciolina ai Mondiali. *** Io adesso mi alzer lentamente da questa sedia. Lo dico al nostro cameraman senn si arrabbia (Sabrina Gandolfi, Sabato Sprint, Raidue). Non voglio avere atteggiamenti farisei (Claudio Lotito, Quelli che). La difesa granata tipo Italo Calvino, fatta di cavalieri inesistenti (Emanuele Dotto, chi altri?

Tutto il calcio). Paperona del portiere belga! Anzi, Paperoga (Emanuele Dotto, etc etc). *** Questa una squadra che sanno tutti quanti cosa fare (Antonio Conte, Stadio Sprint). La Sampdoria attende la gioielleria Pozzo (Franco Lauro non si ricorda sul momento come si chiama lUdinese e allora improvvisa, 90 Minuto). Sentiamo che ne pensa il signor Zeman (Sabrina Gandolfi porta il massimo rispetto al tecnico boemo, Sabato Sprint) *** Victoria Cabello: Mettiamo che la Lazio vinca lo scudetto. Lei per lo spogliarello della festa chi preferirebbe? 1) Anna Falchi 2) Violante Placido 3) Ilaria DAmico 4) Io Claudio Lotito: Mah, dipende Spogliarello in pubblico in privato? Ho fatto la battuta! (Quelli che, Raidue)
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.manutd.com www.mcfc.co.uk

33

Mancini Dura perdere un derby dopo avere dominato la ripresa. Adoro Balotelli, ma non Le frasi voglio che sprechi tutto il talento che ha

Ferguson La facilit con cui la gente pu ferirci sta diventando un problema. spiacevole vedere un tifoso del City entrare in campo con intenti bellicosi

Rio Ferdinand Messaggio su twitter: Non ci posso credere, sono stato colpito con una monetina da due penny, potevano usare almeno una sterlina...

CALCIO ESTERO

Mancini perde il derby al 92 lite con Balotelli e posto a rischio


Lo United vince 3-2. Una moneta ferisce Ferdinand
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE ENRICO FRANCESCHINI LONDRA l calcio inglese delude in Europa ma ieri lEuropa si fermata a guardare il calcio inglese: e lo spettacolo non lha delusa. Come una finale, il derby di Manchester produce gol, emozioni e pure un epilogo di monetine, sangue e scuse. Vince lo United, 3-2, con la rete decisiva di Van Persie su punizione allultimo minuto, dopo avere condotto 2-0 con una doppietta di Rooney. Al termine, Ferguson abbraccia i suoi uno ad uno: i Red Devils salgono a 6 punti di vantaggio in testa alla Premier sui rivali cittadini e a +10 sul Chelsea (terzo), e soprattutto vendicano i due derby perduti della scorsa stagione (incluso un umiliante 1-6). Lanno passato abbiamo vinto il titolo allultima azione dellultimo match, possiamo ancora farcela, non meritavamo di perdere, cerca di consolarsi Roberto Mancini, ma la conclusione di una settimana terribile, prima leliminazione dalla Champions, poi la sconfitta nel derby e il distacco dallo United che si allunga. Nel suo bilancio negati-

Spagna
15a giornata
ESPANYOL - SIVIGLIA REAL SOCIEDAD - GETAFE MALAGA - GRANADA VALLADOLID - REAL MADRID OSASUNA - VALENCIA LEVANTE - MAIORCA ATHLETIC BILBAO - CELTA VIGO ATLETICO MADRID - DEP. LA CORUNA BETIS - BARCELLONA RAYO VALLECANO - SARAGOZZA 2-2 1-1 4-0 2-3 0-1 4-0 1-0 6-0 1-2 ORE 21

La classifica
BARCELLONA ATL. MADRID REAL MADRID BETIS MALAGA LEVANTE GETAFE VALENCIA VALLADOLID REAL SOCIEDAD 43 37 32 25 25 24 23 21 21 21 RAYO V.* SIVIGLIA SARAGOZZA* ATHL. BILBAO CELTA VIGO MAIORCA OSASUNA GRANADA LA CORUNA ESPANYOL 19 19 16 15 15 13 13 12 11 11

SEI PUNTI DIETRO


Roberto Mancini. Accanto il gol di Van Persie che ha deciso il derby di Manchester. Il City ora a 6 punti dallo United

Inghilterra
16a giornata
ARSENAL - WEST BROMWICH 2-0 ASTON VILLA - STOKE CITY 0-0 SOUTHAMPTON - READING 1-0 SUNDERLAND - CHELSEA 1-3 SWANSEA - NORWICH CITY 3-4 WIGAN ATHLETIC - QPR 2-2 MANCHESTER CITY - MANCHESTER UTD 2-3 EVERTON - TOTTENHAM 2-1 WEST HAM - LIVERPOOL 2-3 FULHAM - NEWCASTLE ORE 21

all86. Il pareggio potrebbe starci, invece al 90 Tevez atterra Rafael, Van Persie tira a carambola, Nasri alza una gamba e devia in modo imprendibile, finisce 3-2. A Mancini non resta che sperare nellinse-

guimento per cogliere lultima possibilit di riscatto. Oltre che di conservare il posto da 8 milioni di euro lanno sulla panchina che gli hanno dato gli sceicchi di Abu Dhabi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La classifica
MANCH. UNITED 39 MANCH. CITY 33 CHELSEA 29 WEST BROMWICH 26 EVERTON 26 TOTTENHAM 26 ARSENAL 24 SWANSEA 23 STOKE CITY 23 NORWICH CITY 22 WEST HAM LIVERPOOL FULHAM NEWCASTLE ASTON VILLA SOUTHAMPTON WIGAN SUNDERLAND READING QPR 22 22 17 17 15 15 15 13 9 7

ca, allargata ai portoghesi. LA LEZIONE ANGLOTEDESCA Il calo nei nostri stadi una costante: -7,8% rispetto allanno scorso. Dallavvento della crisi a oggi, seimila spettatori in meno (in un campionato intero, 2,3 milioni di biglietti persi). Solo lo Juventus Stadium fa sempre il tutto esaurito. Nonostante la fuga, i prezzi restano cari come nel resto dEuropa, a fronte di servizi scadenti. La Germania da due anni doppia lItalia: in media 42mila spettatori contro 20mila, lindice di riempimento 86% contro 48%. La Serie A sui livelli della Polonia (45,7%) e un po meglio solo di Romania, Portogallo, Irlanda e

Red Devils avanti con doppio Rooney. Poi la rimonta, ma allo scadere decide Van Persie
vo va aggiunta anche lennesima prestazione deludente di Balotelli, sostituito nella ripresa da Tevez dopo un ennesimo errore, e SuperMario se ne va negli spogliatoi guardando arrabbiato il suo coach, sebbene debba prendersela solo con se stesso. E nonostante una sfida sostanzialmente corretta, alla fine Rio Ferdinand deve farsi medicare un taglio a un occhio per una monetina che i tifosi dellEtihad Stadium gli tirano in testa durante le celebrazioni degli ospiti, mentre Joe Hart, il portiere del City, deve trattenere un ultr che invade il campo e punta verso il difensore dei Diavoli Rossi. Mi hanno detto che era una moneta da due penny, poteva almeno essere da una sterlina, ironizza Rio su Twitter, ma la sua faccia insanguinata non una bella pubblicit per il football inglese, infatti Ferguson sarrabbia, queste cose succedono sempre pi spesso, capitato anche contro il Chelsea, non va bene e in serata il City fa un comunicato per scusarsi. Ma in primo piano c stato il pallone. Due gol nel primo tempo, due volte Rooney, entrambe in contropiede, nonostante una partenza migliore del City. Lo United gioca alla sua maniera, rapido, economico, spietato, potrebbe andare 3-0 (larbitro annulla per fuorigioco inesistente un gol di Young). A quel punto lo United si distrae, Tour accorcia le distanze dopo un batti e ribatti al 60, Zabaleta pareggia

Germania
16a giornata
AMBURGO - HOFFENHEIM BORUSSIA DORTMUND - WOLFSBURG STOCCARDA - SCHALKE 04 NORIMBERGA - DUSSELDORF FRIBURGO - GREUTHER FUERTH AUGSBURG - BAYERN MONACO E. FRANCOFORTE - WERDER BREMA B. MGLADBACH. - MAGONZA HANNOVER - BAYER LEVERKUSEN 2-0 2-3 3-1 2-0 1-0 0-2 4-1 2-0 3-2

La classifica
BAYERN M. LEVERKUSEN DORTMUND FRANCOFORTE SCHALKE 04 STOCCARDA AMBURGO B. MGLADBACH FRIBURGO 41 30 27 27 25 25 24 24 23 MAGONZA HANNOVER WERDER BREMA NORIMBERGA WOLFSBURG DUSSELDORF HOFFENHEIM AUGSBURG GREUTHER F. 23 23 21 19 19 18 12 8 8

Prezzi alti e impianti vecchi. In Italia gli spettatori sono calati del 7,8%. Solo la Juve fa lesaurito
Grecia. Se la Francia resiste ma liniezione di petroldollari e campioni non ha riempito gli stadi (66,6%) lInghilterra galoppa. Arene piene al 94,6%, quasi impossibile trovare un ticket per United, City, Chelsea, Arsenal, Liverpool e Newcastle. Unico campionato ad aver aumentato (3,3%) le presenze. Eppure un biglietto per i Red Devils in offerta si trova a 32 sterline, non meno. Ma il dominio anglotedesco certificato da un altro dato: al settimo e ottavo posto fra i tornei pi seguiti ci sono Championship e Zweite Liga: la serie B inglese (69%) e tedesca (75%) riempiono gli stadi come il resto dEuropa pu solo sognare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Francia
16a giornata
TOLOSA - BASTIA PSG- EVIAN NANCY - VALENCIENNES MONTPELLIER - AJACCIO TROYES - NIZZA RENNES - BREST SOCHAUX - LILLA REIMS - BORDEAUX MARSIGLIA - LORIENT SAINT-ETIENNE - LIONE 0-0 4-0 1-1 3-0 1-1 2-2 1-1 0-0 0-3 0-1

La classifica
LIONE MARSIGLIA PSG ST. ETIENNE VALENCIENNES RENNES BORDEAUX LORIENT TOLOSA NIZZA LILLA 34 29 29 26 26 26 26 24 23 23 22 MONTPELLIER BASTIA BREST REIMS SOCHAUX AJACCIO EVIAN TROYES NANCY 20 19 18 17 16 16 16 9 9

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

34

REPUBBLICA SPORT

CURIOSIT E NUMERI

GIORGIO FARINA

Le vittorie esterne del Catania nellanno 2012, entrambe a Siena. La prima, 1-0 con rigore di Lodi il 22 febbraio scorso

I gol di Lichtsteiner con la Juve. Quando lo svizzero ha segnato i bianconeri hanno sempre vinto

4.06 5
Escludendo lo 0-3 a tavolino di Cagliari, la media gol nelle gare della Roma. In totale sono 61: 35 fatti e 26 subiti

Le volte che Donadoni ha incontrato da tecnico, senza vincere, lAtalanta, dove cresciuto: 2 pari e 3 ko

Le reti dei centrali di difesa della Fiorentina. Con il gol alla Roma Roncaglia ha raggiunto Savic a 2, Rodriguez a 4

21

I mesi dallultimo gol di Rosina in A. Prima di ieri era andato a segno lultima volta in un Parma-Cesena 22 del febbraio 11

84.6 1953
La percentuale di gol segnati nel secondo tempo (11 su 13 totali) da El Shaarawy, miglior marcatore del campionato

Lanno dellultima quaterna del Milan in casa del Toro: un 4-1 con gol di Nordahl, Soerensen (2) e Liedholm

IL GOL

GIANNI MURA
a segnalare i gol di Amauri, Osvaldo, Robinho (per la finta di corpo e il cambio di piede), Lichtsteiner (per lassist di tacco che riceve), Thereau e Guarin. Il pi bello quello segnato da Totti alla Fiorentina, dopo unazione molto spettacolare. A partire dallo spiovente di Pjanic, che serve Totti. Il capitano occupa una posizione centrale, fuori dallarea. Stoppa con la coscia destra e lancia in area, sulla destra, De-

Lafotografia

Lesterno da fuoriclasse di Totti


ATALANTA-PARMA

stro. Che potrebbe anche tirare, ma non se la sente e preferisce restituire il pallone a Totti, che ora in area, poco oltre il dischetto del rigore. Il passaggio rasoterra, e qui arriva la degna conclusione. Per essere pi sicuro di fare centro, Totti alza il pallone con un tocco leggero e subito dopo lo colpisce al volo, di esterno destro. Grande tecnica, grande scelta di tempo, grande precisione. E grande gol.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DIFF. ANNO PRECEDENTE

Risultati e Classifica
2-1 4-2
Reti: 4 pt Denis, 38 pt Peluso, 45 pt Amauri

Serie A
PUNTI
JUVENTUS INTER NAPOLI ROMA 0-2 0-1 2-0 1-3 LAZIO MILAN CATANIA PARMA UDINESE CHIEVO 2-4 CAGLIARI TORINO (-1) BOLOGNA 2-1 ore 19 ore 21 PALERMO PESCARA GENOA SIENA (-6)

IN CASA
6 5 6 4 6 6 4 5 5 4 3 3 3 2 2 3 3 3 1 3 1 1 2 2 2 1 0 1 0 3 3 3 1 2 2 2 3 1 2 3 1 16 0 19 0 17 1 17 4 10 2 14 0 10 2 10 3 4 4 8 5 7 5 8 7 8 5 9 7

IN TRASFERTA
6 6 4 5 2 3 3 1 2 1 1 2 2 2 1 1 0 1 2 1 1 0 1 0 3 1 3 3 2 2 4 0 2 2 5 0 2 1 1 2 1 17 2 16 3 10 5 12 6 11 7 10 9 8 9 7 6 7 5 4 5 5 4 3 4 3 4 3 4

TOTALE
2 1 3 2 5 2 3 4 2 5 7 3 3 4 7 2 5 2 33 10 4 29 17 3 29 14 5 38 26 3 29 18 4 24 18 6 28 21 7 17 23 +6 +2 +1 -3 -3 -2 -8 -9

G V N P F S V N P F S V N P F S
2 13 11 2 19 12

38 +2 16 34 +8 16 33 +9 16 29 +5 16 29 0 15

ROMA-FIORENTINA
Reti: 7 pt Castan, 13 pt Roncaglia, 19 pt e 46 pt Totti, 2 st El Hamdaoui, 43 st Osvaldo

3 19 14 3 12 13 3 4 4 6 6 4 2 7 6 5 5 4 7 10 8 16 7 12 9 17 9 18 7 15 8 9 4 11 2 14 4 14 5 10 7 10 2 18 14

CAGLIARI-CHIEVO
Reti: 22 pt Paloschi, 42 st Threau

FIORENTINA 29 +9 16 24 -10 16 22 +1 16 20 +2 16 19 -15 15 18 16 15 14 14 14 12 11 -1 16 B 15 -5 16 B 16 -4 15 -6 16 B 16 -9 16 -6 16

PALERMO-JUVENTUS
Reti: 5 st Lichtsteiner

6 22 24 -10 6 19 22 -10 4 22 24 -10 8 19 27 -14 7 19 21 -11 8 14 26 -16 6 17 21 -16 9 17 20 -15 8 14 23 -18

PESCARA-GENOA
Reti: 7 st Abbruscato, 28 st Vukusic

ATALANTA (-2) 21 +4 16

3 10 11 1 12 10

SIENA-CATANIA
Reti: 10 pt Rosina, 5 st Castro, 22 st e 37 st Bergessio

3 10 14 4 11 14

SAMPDORIA (-1)17

TORINO-MILAN
16 st Pazzini, 31 st El Shaarawy, 36 st Bianchi

7 11 9 12 9 9

Reti: 29 pt Santana, 40 pt Robinho, 5 st Nocerino,

2 13 2 12 5 3

E Messi fa sparire il record di Mller


SIVIGLIA La caccia finita: con le due reti di ieri al Betis Siviglia (il Barcellona ha vinto 2-1), Leo Messi ha raggiunto e superato Gerd Mller (85): ora il record di gol in un anno solare suo con 86 reti e pu migliorarlo. In Liga Messi a 23 gol in 15 partite. Dietro di lui Radamel Falcao a 16. Ieri il colombiano dellAtletico Madrid ha realizzato una cinquina contro il Deportivo (6-0). E domenica c la sfida di vertice: Barcellona-Atletico Madrid.

INTER-NAPOLI
Reti: 8 pt Guarin, 39 pt Milito, 9 st Cavani

8 16 8 10

2 10 12 30 -20 3 10 16 28 -20 5 7 15 20 -17

SAMPDORIA-UDINESE BOLOGNA-LAZIO

5 11 18

I marcatori
13 reti: El Shaarawy (Milan, foto); 11 reti: Cavani (Napoli); 9 reti: Klose (Lazio); 8 reti: Milito (Inter), Lamela e Osvaldo (Roma), Di Natale (Udinese); 7 reti: Hamsik (Napoli)

Samp a caccia di conferme Ma Di Natale fa paura


GENOVA Dopo due vittorie e un pareggio che hanno tolto la Sampdoria dalla mischia dei posti caldi, Ferrara cerca una nuova conferma del buon momento contro lUdinese: Siamo convinti di poter fare una partita con ritmi elevati dice il tecnico con particolare attenzione ad un avversario che ritengo un giocatore straordinario che quel nanetto che sta l davanti, Tot Di Natale. Lo dico affettuosamente. Per questa sfida i blucerchiati recuperano Romero in porta, mentre Berardi rimarr in dubbio fino allultimo. Niente da fare invece per Eder e Munari. Dallaltra parte c Guidolin: Spero di vedere la stessa squadra che ha vinto col Cagliari e che ha perso con il Liverpool. Di nuovo tra i convocati Muriel.

Lazio, sfida a Bologna Klose e Marchetti in campo


Brkic Heurtaux Danilo Angella Basta Pinzi Allan Pereyra Armero Maicosuel Di Natale

SAMPDORIA UDINESE
Romero Berardi Gastaldello Rossini Costa Maresca Soriano Tissone Obiang Poli Icardi 22 13 28 35 3 6 21 12 14 16 98 1 75 5 4 8 66 3 37 27 77 10

Prossimo turno
Sabato 15 dicembre, ore 18: Udinese-Palermo; ore 20.45: Lazio-Inter. Domenica 16 dicembre, ore 12.30: Fiorentina-Siena; ore 15: CataniaSampdoria, Chievo-Roma, Genoa-Torino, Juventus-Atalanta, Milan-Pescara, ParmaCagliari; ore 20.45: Napoli-Bologna

Arbitro: Gervasoni
ore 19: Sky Sport 1, Sky Calcio1, Dt Mediaset

BOLOGNA Loccasione per il Bologna di quelle irripetibili: ko tutte le squadre in fondo alla classifica, ad eccezione del Pescara, la squadra di Pioli potrebbe fare un bel salto verso la tranquillit. Anche se di fronte si trova una Lazio che viene da un pareggio e due vittorie in campionato: Dobbiamo continuare a migliorare la classifica si affretta a dire Pioli. La Lazio recupera Klose e Marchetti: Non ci considerano lanti Juventus? Meglio cos. Sta a noi dimostrare di esserlo con i fatti ribatte Petkovic che poi aggiunge: Stiamo tornando nelle migliori condizioni. Il Bologna per in casa forte e crede ancora di pi in s quando gioca nel proprio stadio.

BOLOGNA LAZIO
Agliardi Motta Antonsson Cherubin Morleo Perez Krhin Diamanti Taider Kone Gilardino 25 11 5 21 3 15 4 23 6 33 10 22 39 20 2 26 24 87 8 15 6 11 Marchetti Cavanda Biava Ciani Radu Ledesma Candreva Hernanes Gonzalez Mauri Klose

Arbitro: Damato
ore 21: Sky Sport 1, Sky Calcio1, Dt Mediaset

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

REPUBBLICA SPORT
Mondiale club, Monterrey e Al Ahly in semifinale
I MESSICANI del Monterrey hanno battuto 3-1 i sud coreani dellUlsan Hyundai qualificandosi alla semifinale del Mondiale per club, dove affronteranno il Chelsea. In semifinale anche gli egiziani dellAl Alhy che hanno sconfitto i giapponesi del Sanfrecce 2-1. Ora li attende il Corinthians. Semifinali in programma il 12 e 13 dicembre.

PER SAPERNE DI PI www.tinamaze.com www.fis-ski.com

35

Serie B, Varese ok
NEL posticipo di B, il Varese batte 1-0 il Cittadella con gol di Rea (foto): ora quarto in classifica. Nel recupero della gara di sabato lEmpoli batte 3-1 il Cesena.

Val dIsere, Blardone 5


ALLAUSTRIACO Hirscher (15410) il gigante di Val disere. Secondo il tedesco Luitz, terzo lo statunitense Ligety. Quinto posto per Massimiliano Blardone.

Sci
ENRICO SISTI
ina laltra Lindsey. Vonn e Maze non si sopportano e nessuna delle due particolarmente simpatica alle altre. Si pu presumere che lamericana invidi la libert della slovena. La vede muoversi sganciata dal sistema (col suo Team to aMaze, una squadra per deliziare) e soffre. Di sicuro alla Maze pesa lo spaventoso numero di vittorie dellavversaria, ormai a un passo dalla Proell. Eva contro Eva. Due fenomeni, due belle donne, due copertine ambulanti di rivista patinata con due gambe piene di muscoli e unimmane capacit organica di sopportare lacido lattico. Da due regine che scendono prendendosi idealmente a pedate con la punta degli scarponi non si pu pretendere anche che si vogliano bene. Della Vonn sappiamo quasi tutto. Lunico punto interrogativo resta la malattia che lha costretta al ricovero un mese fa (ma non doveva essere cos grave). Della Maze invece non si sa ancora abbastanza. E come se pur avendo un anno in pi della rivale (29) in realt fosse pi giovane, meno usata, meno famosa, meno tutto. Di fatto, per ragioni assortite, non ha mai trovato il ritmo per esprimere le proprie qualit. Sono almeno cinque anni che in giro si

Maze regina di gigante tra rock e fascino da star


Tina, lanti-Vonn che spopola anche su Youtube
Risultati
Gigante a St.Moritz: 1) Maze (Slo) 21107; 2) Rebensburg (Ger) 21115; 3) Worley (Fra) 21162; 7) Curtoni (Ita) 21357. Classifica generale: 1) Maze 677; 2) Hoefl-Riesch 443; 3) Vonn 414. dice: Tranquilli che Tina prima o poi esplode. Eppure, malgrado i due argenti di Vancouver, pur essendo la campionessa del mondo in carica in gigante (a Garmisch), questo il primo anno in cui Tina scopre la costanza di rendimento in CdM: dopo dieci gare si gi portata a casa i tre giganti di stagione (100% di resa fra Soelden, Aspen e ieri St. Moritz) e una supercombinata (venerd a St. Mo-

UN ORO MONDIALE
Tina Maze, 29 anni, oro in gigante ai Mondiali di Garmish 2011; due argenti ai Giochi di Vancouver

ritz). Che sia il momento di Tina, in testa alla classifica di Coppa, lo si capisce dal nervosismo dellaltra. Rientrato il caso del fuck u Maze non si sa se veramente urlato o meno da Lindsey alla fine del superG di sabato, ieri le due si sono strette la mano. Ma una pace forzatamente armata, sono mani che trasudano rabbia, percorse da corrente elettrica, aspettando la Val dIsre del prossimo weekend. Tina: Non mi sono mai sentita cos bene. Scia da sogno grazie al suo gruppo italiano, il suo fidanzato e coach Andrea Massi, Livio Magoni (fratello di Paola) il suo vice, Andrea Vianello lo skiman. In Slovenia, dove Tina ancora vive (a Crna na Koroskem), una star conclamata. Non sorprende che il suo video, manifesto esistenziale della propria indipendenza e insieme omaggio ai suoi molteplici sponsor personali (ne conta 7 incluso Armani), una canzone disco-rock intitolata My way is my decision, stile Cher, curata dagli stessi autori che scrivono per April, la Lady Gaga di Lubjiana, sia uno dei pi cliccati su youtube, quasi 900 mila visioni nel giro di pochi giorni, nemmeno fosse Tina Turner, e che la maggior parte dei commenti, in sloveno sboccato, contenga pensierini come: E adesso cara Lindsey rosica pure quanto ti pare!.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

36

REPUBBLICA SPORT
Volley: Macerata ko, Trento campione dinverno
CARLO Magri confermato per la 6 volta presidente della Federazione volley. Marco Mencarelli guider la nazionale femminile al posto di Massimo Barbolini. La 10 di A1: CuneoMacerata 3-2; LatinaPiacenza 0-3; V.ValentiaPerugia 3-0; VeronaTrento 0-3; Ravenna-C.Grotte 2-3. Classifica: Trento 26, Macerata 22, Vibo e Cuneo 20, Piacenza 19, Latina 17, Modena 15.

PER SAPERNE DI PI www.mannypacquiao.ph www.legabasket.it

Pallanuoto, U.18 iridati


LA NAZIONALE italiana Under 18 di pallanuoto ha vinto la 1 edizione del mondiale di categoria in Australia: gli azzurrini hanno battuto lUngheria 10-8.

Slittino, Zoeggeler 4
LAZZURRO Armin Zoeggeler quarto nella gara di Cdm ad Altenberg, in Germania. Vince il tedesco Felix Loch, 2 e 3 i connazionali Langenhan e Ludwig.

Pugilato

Pacquiao, il mito finisce ko uno shock per le Filippine


Destro terribile di Marquez: due minuti di paura
DAL NOSTRO INVIATO EMANUELA AUDISIO MIAMI finito a faccia in gi, con le braccia lungo i fianchi. Ha dato una musata pazzesca ed rimasto l immobile, quasi morto. Gli occhi chiusi, senza reazione. Un brutto ko. La moglie Jinkee si messa a urlare, a piangere, salita sul ring mentre al marito mettevano ghiaccio in testa. Per due lunghissimi minuti Pacquiao stato un corpo che non cera pi. Poi ha riaperto gli occhi, ma non si ricordava chi era n dove fosse. Il destro di Marquez lo ha preso in controtempo, sulla mascella, mentre stava andando avanti, in unazione un po troppo scombinata. Manny non ha nemmeno visto arrivare il pericolo. Il pugno perfetto: un cazzotto terribile, buio, fine di tutto. Lui che cade come un fantoccio sul ring dellMgm Grand Garden Arena. Allultimo secondo della sesta ripresa quando era avanti di un punto. Per le Filippine, gi devastata dal ciclone Bopha, un dramma terribile. Pacquiao il loro volto nel mondo, celebre e immenso. Ma forse a 34 anni sul viale del tramonto. Per la prima volta in dieci anni il pugile-deputato andato ko. Non gli ha por-

108 jab. Poi per, al sesto, la distrazione fatale. Pacquaio va gi come un albero tagliato alla radice. Seconda sconfitta consecutiva, la quinta della carriera. Poi ci sar anche la Tac in ospedale. E lipotesi di una quinta sfida. Ma

mamma Dionisia da Manila incita il figlio a ritirarsi: Lasci il pugilato, pensi alla politica. Anche se lo stipendio cambier e non sar di 26 milioni di dollari per 18 minuti di lavoro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Pacquiao a terra dopo il terribile colpo subito dal messicano Marquez al sesto round

Basket

Varese e Sassari oltre quota cento bene anche Roma


WALTER FUOCHI
spettando Milano e i suoi terrori da grande incompiuta, che non possono davvero ripetersi, stasera a Pesaro contro gli ultimi della fila, e aspettando anche Siena, che ora sta meglio e si misura in casa coi penultimi di Cremona, il campionato continua a promuovere le protagoniste impreviste: entrambe, ieri, oltre quota cento. Varese era caduta otto giorni fa a Roma, per la prima e unica volta, e s subito rifatta sbaragliando Montegranaro (14/27 da tre, Green 18 punti, Sakota, Polonara e Ere 16 i pi prolifici). E prima in solitudine e non sta usurpando nulla. E Sassari, che scoppia di salute e veniva dal colpo di Milano, aveva gi archiviato allintervallo la pratica Reggio Emilia: 57-36, 22 tiri infilati su 30 tentati (di cui 10 da tre), per poi chiudere, dopo 40, sul +21 (e festa pi grossa per Easley, 23, e Drake Diener, 21). Continua a marciare anche Roma, capace di dilagare nel finale ad Avellino (21 di Goss, 20 di Datome), cos come a gioco lungo Cant ha domato Biella (18 di Leunen, 17 di Markoishvili) e potr ora dedicarsi al suo spareggio europeo: il match di gioved a Istanbul contro il Fenerbahce di Simone Pianigiani, chi vince andr avanti e chi perde sar fuori. Il campionato si fermer poi per lAll Star Game e, dopo la sosta di domenica prossima, proporr il 23 una Milano-Varese gi gravida di sentenze pesanti. Risultati: Avellino-Roma 79-94, Sassari-Reggio Emilia 105-84, Cant-Biella 85-62, Varese-Montegranaro 106-88, Brindisi-Caserta 82-74, Venezia-Bologna 65-51. Stasera (20.30): Siena-Cremona, Pesaro-Milano (diretta tv). Classifica: Varese 20; Sassari 18; Siena 16; Cant e Roma 14; Bologna e Brindisi 12; Milano, Reggio E. e Caserta 10; Venezia 8; Cremona, Montegranaro, Biella e Avellino 6; Pesaro 4.

Un match furioso, poi la disfatta di un eroe nazionale. La madre: Adesso pensi alla politica
tato bene la visita nello spogliatoio di Mitt Romney, candidato repubblicano sconfitto da Barack Obama, che si era presentato con un mal augurante: Ciao Manny, io ho gareggiato per la presidenza e ho perso. E cos la sfida numero 4 dei welter finisce per la prima volta al messicano Juan Manuel Marquez che ci provava inutilmente da otto anni (un pareggio e due sconfitte ai punti). Dopo 42 round lunghi una vita Marquez ce lha finalmente fatta, ma anche il suo volto era devastato, perdeva sangue dal naso quasi fratturato. Per grazie ad un instancabile lavoro di piedi e girando sempre a sinistra il messicano riuscito a buttare gi una leggenda come Pacquiao che ha tirato molti colpi, ma stato anche impreciso. Nel 2 round Marquez aveva problemi con il filippino che buttava sempre freneticamente la testa avanti, ma nella terza gli ha mollato un destro che lo ha steso. Era dal 2003 che Pacquiao non finiva al tappeto. Unonta da vendicare e infatti la faccia segnata di Marquez, 39 anni, toccato da un sinistro micidiale e contato al quinto round, stava l a dimostrare la furia e lorgoglio del filippino, che ha tirato in tutto 256 colpi di cui

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

REPUBBLICA SPORT
Nekagenet Crippa Fatna Maraoui
Maratoneta, nata in Marocco nel 77, in Italia dal 98 dopo un passaggio in Francia: cittadina italiana dal 2004, dopo le nozze

PER SAPERNE DI PI www.fidal.it www.repubblica.it/sport

37

Yemaneberhan Crippa
Nel 2012 ha vinto il titolo italiano di corsa campestre, argento nel tricolore di corsa in montagna e la Wmra Youth Cup in Irlanda

Le loro vite

Campione italiano di corsa in montagna, 18 anni, nato in Etiopia, in Trentino dal 2005 e vive con otto fratelli adottati dai Crippa

La storia
ALESSANDRA RETICO
Tione di Trento i fratelli Crippa non sono diversi da nessuno. Mille metri di altitudine, un gelo linverno che ti strappa la pelle, una casa sepolta nel bianco e ogni giorno su e gi fino in paese per andare a scuola. Tre volte alla settimana prendono la corriera, unora e mezza di viaggio stile polare per raggiungere il campo datletica. Tutti gli adolescenti da queste parti attraversano la nebbia, ma per i Crippa non uguale: La neve proprio non ci va gi, maledettamente fredda. Neka e

Sono nati in Etiopia e in Marocco, oggi corrono nella nazionale azzurra di atletica, sempre pi multietnica, appena rientrata dai felici Europei di cross. Non avevamo niente, vogliamo diventare campioni. Dallex pastore alla mamma, ecco i loro racconti
tata una cosa seria. Esterno alto. Adesso le partite le vedo dalla tribune. Tifo Inter, con Mourinho siamo arrivati al top. fidanzato con Elena, anche lei atleta. italiana, come me. In Etiopia ci tornato due volte: Da quando me ne sono andato, 13 ottobre 2005, sono cambiate molte cose. Ho lasciato baracche, ho ritrovato palazzi. Hanno costruito le strade e ci lavorano i cinesi. La gente del posto dice che gli rubano il lavoro, io dico che ognuno deve avere opportunit. Guardando gli alberi dove mi arrampicavo da ragazzino, ci penso da dove vengo. E dove sono arrivato: io non ho mai avuto problemi di integrazione. Beh, a parte la neve. Non ci ho mai fatto amicizia. La conosce da pi tempo, Yeman. arrivato che aveva sei anni. Facevo il pastore l, e un po mi manca. Mucche, pecore, capre. Eravamo una deci-

NAZIONALI

LItalia siamo
Yeman non lavevano mai vista prima di finire quass. Sono nati in Etiopia, clima dolce e umido, mica cattivo. Nekagenet maggiorenne da poco, arrivato sette anni fa in Italia per raggiungere il fratello Yemaneberhan, sedici anni di cui dieci da trentino: Non mi ricordo pi la lingua dei miei genitori. Che sono morti entrambi. Neka, Yeman e altri quattro fratelli insieme a due cugini hanno vissuto in un orfanotrofio degli altopiani africani, nel villaggio Madonna della vita. Sono stati adottati tutti e otto da Roberto e Luisa Crippa che hanno messo su una famiglia formato caos. E molta allegria. Mamma a pranzo e cena usa decine di padelle, ognuno ha i suoi gusti. Facciamo gli schizzinosi, tranne che per la pasta, sintende, piace a tutti. Una nuova famiglia dItalia. Con i suoi ultimi figli. I G2 che studiano, crescono, vivono qui. Hanno laccento delle valli i Crippa, s, ma per il resto non vedi la differenza: creste aguzze alla Balotelli, alla El Shaarawy. Ieri a Budapest erano nella squadra dei 33 azzurri per gli europei di cross, nella categoria juniores (Yeman 32, Neka 41). Una nazionale con altri tre (ex) stranieri, i marocchini Ahmed El Mazouri, Nadia Ejjafini, Fatna Maraoui. Le facce del futuro, ma se ai Crippa glielo fai notare ti fanno: Per noi lunica differenza che prima non avevamo niente, adesso vogliamo diventare campioni. Nekagenet: Il nostro coach Massimo Pegorari dice che ho un motore adatto alle lunghe distanze, 5mila metri in pista, in futuro 10 km, maratona e mezza maratona. campione italiano juniores di corsa in montagna nel 2012. Sono cambiato? Sono felice. Faccio sport e guardo avanti. Fa lalberghiero, operatore di sala: Per sono una schiappa in tedesco. Non ci ho capito mai niente, invece qui in Trentino hai voglia se serve. Vado bene in storia e scienze. E a calcio. Giocava nella squadra del paese, poi ha lasciato quando latletica diven-

A sinistra, Nadia Ejjafini, di Rabat, classe 77, italiana dal 2009 per nozze e sotto, Ahmed El Mazoury, 22 anni, marocchino cresciuto a Lecco. Al centro, Yemaneberhan Crippa, 16 anni. (Foto Colombo/Fidal)

noi

Medaglie da Budapest Lalli oro, terzo Meucci


Gli Europei di corsa campestre di Budapest si sono chiusi ieri con la vittoria di Andrea Lalli, 25 anni, oro nella prova assoluta di 10km. Bronzo a Daniele Meucci, 27 anni: terzo posto per la squadra maschile. LItalia non aveva mai vinto medaglie individuali nelle precedenti edizioni. Nella gara femminile, Nadia Ejjafini settima, Fatna Maraoui, 14 e Italia quinta.

na di ragazzini, andavamo a rubare la frutta e a giocare a calcio. Il pallone lo facevamo intrecciando i calzini. Yeman gioca ancora e bene, centrocampista nel Tione. Interista pure lui. Il suo nome, letteralmente, mano destra di Dio. Ricorda certi gol divini. Per ho deciso che la mia vita latletica. Ha il turbo, il ragazzino. Pegorari spiega che deve ancora fare volumi, giovane, ma lo vedo mezzofondista, 5mila in pista. Questanno ha vinto il titolo italiano di categoria di corsa campestre e nei 3000 metri in pista, argento nel campionato tricolore di corsa in montagna e primo nella Wmra Youth Cup di Glendalough, Irlanda. Cosa diventer? Lo capir andando avanti. Lontano arrivato Ahmed, dal Marocco a Brivio, 15 chilometri da Lecco. Aveva 3 anni quando ci andato ad abitare con i genitori, ora ne ha 22. Diploma di perito elettronico, ha giocato anche lui a calcio, attaccante di fascia con buone doti, ma dal 2004 solo atletica per paura di infortunarsi. Non tifo, ma questanno mi piace il Napoli. Campione italiano di cross tra gli allievi nel 2007 e juniores lanno successivo. Dal 2009 nelle Fiamme Gialle. Nel 2011 largento sui 10000 metri negli Europei under 23 di Ostrava. Ha tre fratelli, tre sorelle, tutti in Italia. Non ho mai avuto problemi di integrazione, e poi ero cos piccolo. Non li ha avuti Nadia Ejjafini, 35 anni, da Rabat in Marocco passando per la Francia la maratoneta arrivata a Genova nel 2000, poi a Biella. Cittadinanza nel 2009, per un matrimonio due anni prima. mamma. Atleticamente azzurra solo nel 2011, nellesercito. Fare sport aiuta a integrarti, perch essere diversi una cosa naturale. Non ti senti mai escluso. Fatna Maraoui, 35 anni, maratoneta, marocchina e sposata con un italiano anche lei, due figli, lo dice cos: Lintegrazione una crescita. Devi capire e adeguarti al mondo che trovi, imparare la lingua. Ti viene restituita accoglienza e sapere. E a volte neve.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 10 DICEMBRE 2012

Il personaggio

La cultura

Camille Paglia contro le popstar Modelli antiquati e antifemministi


ANGELO AQUARO

Bouquet, Sereys e gli altri vegliardi sono i protagonisti del teatro francese
ALBERTO ARBASINO

39

Le grandi aziende tornano a scegliere la produzione interna Dai computer ai vestiti, ecco perch il made in Usa batte la delocalizzazione
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE FEDERICO RAMPINI NEW YORK l tasso di disoccupazione ai minimi da quattro anni (7,7 per cento). Per tutto il 2012 la creazione di nuovi posti di lavoro viaggia al ritmo di 150 mila ogni mese. Ci sarebbe gi di che farci sognare. Ma dietro la ripresa americana c dellaltro: una rinascita della vocazione manifatturiera. Il revival del made in Usa cominciato. A sorpresa, smentisce quella regola ferrea della globalizzazione che dagli anni Novanta ha imposto di delocalizzare i mestieri industriali verso paesi a basso costo del lavoro: in Asia, in Sudamerica, o nellEst europeo. Dai due ai tre milioni di posti di lavoro nei prossimi cinque anni, il traguardo che il Boston Consulting Group considera realistico per lindustria americana (esclusi i servizi). SEGUE NELLE PAGINE SUCCESSIVE CON UNINTERVISTA DI EUGENIO OCCORSIO

America
OGGI SU REPUBBLICA.IT
Musica Twitter

Fabbrica
LUNED
CRISTINA NADOTTI

SE LA FINE DEL MONDO TI FA RICCO


e il mondo finir il 21 dicembre ci sar comunque chi avr vissuto da nababbo almeno nei suoi ultimi giorni. A Bugarach, il paese dei Pirenei francesi dove, secondo i seguaci della New Age, ci sar un varco spazio temporale per sfuggire allApocalisse, il sindaco ha proibito laccesso alla zona. Da buon montanaro, il signor Jean-Pierre Delord si stufato di tutta quella gente che arrivava alla montagna per un sopralluogo al possibile rifugio e ha allertato addirittura la Missione interministeriale di lotta contro le sette. I suoi concittadini, invece, hanno optato per scoraggiare i visitatori con prezzi, quelli s, davvero da apocalisse. Gli allocchi si possono spennare, del resto. E infatti a Bugarach negli ultimi giorni c stato limbarazzo della scelta per dare in affitto un quadrato di terra dove sistemare il sacco a pelo. E siccome lignoranza non si abbina soltanto con la povert, c anche chi ha potuto vendere a prezzi impensabili per Bugarach case e terreni. Anche la fine del mondo ha un suo valore commerciale e, se non succeder nulla, Bugarach potr sempre rivendere la sua immagine come il Paese pi furbo del mondo.

Mina canta gli Stati Uniti: unesclusiva


Scienza

Cos funzionano i filtri anti-Instagram

Arte astratta il cervello si emoziona


La guida Immagini iPad

Quei gadget da mettere sotto lalbero


Interattivit

Surf a remi la curiosa sfida sulla Senna

OGNI GIORNO UNA RISPOSTA SULLA FILOSOFIA

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

40

LINCHIESTA R2ECONOMIA
Dalla Apple alla Hewlett Packard, dalla General Electric alla American Giant, le grandi aziende statunitensi hanno ripreso a produrre in patria limitando le delocalizzazioni e rendendo concreto lobiettivo del presidente Obama di reindustrializzare lAmerica

Il ritorno del made in

USA
(segue dalla copertina)

I numeri

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE FEDERICO RAMPINI

APPLE
Investir 100 milioni per riportare negli Stati Uniti alcune produzioni di computer Mac

HEWLETT PACKARD
Partita prima della Apple, la HP produce a Indianapolis parte dei suoi 50 milioni di computer lanno

NEW YORK osti di lavoro domestici, sul territorio nazionale: colletti blu, tecnici, ingegneri della produzione. Una svolta inattesa. Anche se Barack Obama la persegue dall'inizio del suo mandato, la missione di reindustrializzare l'America sembrava a molti una chimera. E invece sta accadendo, con protagonisti illustri. Apple annuncia che riporter alcune produzioni di computer negli Stati Uniti. Altre aziende informatiche l'hanno preceduta. Tutte le case automobilistiche qui hanno ripreso ad assumere da oltre due anni. C' perfino un ritorno di marche di abbigliamento, le prime che fuggirono verso l'Estremo Oriente. Elettrodomestici. Mobili. Macchinari. L'elenco dei settori contagiati da questa ondata patriottica lungo. Ma le considerazioni politiche e d'immagine - che pure pesano - non bastano a

7,7%
DISOCCUPAZIONE

100 mld
PIL DI RITORNO

4
PRODUTTIVIT

2-3 mln
I POSTI

A novembre il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti sceso al 7,7%, il minimo dal 2008, mentre la creazione di nuovi posti cresce al ritmo di 150mila al mese

Secondo uno studio di Boston Consulting, con il ritorno al made in Usa gli Stati Uniti possono riportare a casa 100 miliardi di Pil nella sola attivit manifatturiera

I lavoratori americani mantengono un livello di produttivit di circa quattro volte superiore ai lavoratori cinesi, i cui salari stanno oltretutto crescendo molto velocemente

Secondo lo studio di Boston Consulting la rilocalizzazione pu portare alla creazione di 2-3 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti nei prossimi cinque anni

GENERAL ELECTRIC
Ha assunto operai in Usa per produrre elettrodomestici: frigoriferi, caldaie lavastoviglie, lavatrici

Abbiamo la responsabilit di creare occupazione nel nostro Paese, ha detto Tim Cook
spiegare questi segnali d'inversione di tendenza. Vent'anni dopo il trattato Nafta (liberoscambio nordamericano) e il mercato unico europeo che segnarono l'inizio della globalizzazione versione 2.0; undici anni dopo l'ingresso della Cina nell'Organizzazione mondiale del commercio, si sta aprendo una nuova fase? Per Harold Sirkin, che ha diretto lo studio per il Boston Consulting, qualcosa sta cambiando nelle dinamiche dei costi relativi, coi

AMERICAN GIANT
Ha fabbriche solo in Usa e distribuisce solo via Internet: cos competitiva con le produzioni asiatiche

salari cinesi che crescono velocemente, mentre i lavoratori americani mantengono una produttivit quattro volte superiore. Il vantaggio di produttivit l'effetto un elevato volume d'investimenti da parte delle imprese. Il risultato: secondo questa ricerca, gli Stati Uniti possono riportare a casa 100 miliardi di Pil solo nell'attivit manifatturiera. evidente la potenza simbolica di Apple. Per tante ragioni. Il colosso fondato da Steve Jobs oggi la pi grande societ del mondo per il suo valore in Borsa. identificata con il meglio della tecnologia americana, la capacit d'inventare e rinnovarsi continuamente, d'imporre trend e mode che contagiano il mondo, rivoluzionano il nostro modo di consumare informazioni, immagini, musica, o di comunicare fra noi. Proprio Apple, d'altra parte, aveva sancito in modo apparentemente irrevocabile la fine di una vocazione manifatturiera americana. Fa testo quella scritta che appare su tutti i suoi prodotti: Designed in California. Assembled in China. Come a dire: la Silicon Val-

ley conserva una leadership nel progettare, concepire, disegnare. Ma la produzione di oggetti appartiene ad altre zone del mondo. Proprio Tim Cook, il successore di Jobs e attuale chief executive, fu il cervello strategico della catena asiatica di produzione, tra la Foxconn di Shenzhen e altre basi operative a Taiwan. Perci colpisce che oggi sia Cook ad annunciare un primo investimento di 100 milioni per riportare negli Stati Uniti alcune produzioni (non solo assemblaggio, precisa) di computer Mac. Proprio quelli che abbandonarono la cittadina di Fremont (a sud di san Francisco) dieci anni fa. Abbiamo la responsabilit di creare occupazione nel nostro paese, dice Cook. La frase pu suscitare il sospetto che si tratti di un'operazione politica, per ingraziarsi un'Amministrazione Obama rinvigorita dalla seconda vittoria elettorale. Tanto pi che l'immagine di Apple stata macchiata dai ripetuti scandali del suo fornitore cinese (abusi contro gli operai, catene di suicidi, scioperi). Ma gli esperti spiegano che c' anche

una logica economica dietro il ritorno a casa. Eventi come lo tsunami in Giappone o le inondazioni in Tailandia hanno messo in evidenza la fragilit di una catena logistica troppo dilatata. Dal controllo di qualit alla flessibilit nel rispondere a nuove condizioni di mercato, la prossimit al consumatore torna ad avere delle attrattive.

Dietro loperazione anche il fatto che la vicinanza al consumatore ha i suoi vantaggi


Se Apple fa sempre notizia, altri l'avevano preceduta, nel suo stesso settore. Hewlett Packard, che vende 50 milioni di personal computer all'anno, ne produce una parte a Indianapolis. importante poter soddisfare gli ordinativi del cliente americano in cinque giorni, spiega il suo vicepresidente Tony Prophet. Il leader mondiale dei microprocessori, Intel, ha fabbriche in Oregon e Arizona. Perfino la cinese Le-

novo, che rilev la divisione pc di Ibm, di recente ha assunto 115 operai come avanguardia di una nuova produzione in North Carolina. un'inversione netta rispetto al 2008, quando alla vigilia della prima elezione di Obama la texana Dell chiuse la sua fabbrica di Austin per delocalizzare in Cina. Altri settori confermano la tendenza. General Electric ha assunto operai qui in America per produzioni che vanno dai frigoriferi alle lavastoviglie, dalle lavatrici alle caldaie. Continental investe 500 milioni per una nuova fabbrica di pneumatici nella South Carolina, da 1.600 posti. La Ford ha assunto di recente altri 1.200 operai nel Michigan. Volkswagen e Honda hanno aumentato i loro organici nel Tennessee e nell'Indiana. Nel settore dell'auto incidono le concessioni salariali fatte dal sindacato metalmeccanico durante l'ultima crisi. Alla General Motors e alla Chrysler la confederazione United Auto Workers ha accettato che i nuovi assunti guadagnino poco pi della met. Ma il rilancio delle assunzioni stato possibile anche perch la cura Obama (auto pi piccole e verdi, tutela del potere d'acquisto attraverso le manovre anti-recessive) ha fatto ripartire il mercato di consumo, compresi gli acquisti di vetture. Il caso pi clamoroso nell'abbigliamento. Sulle orme di American Apparel, la startupdi San Francisco American Giant diventa l'altra marca tutta made in Usa. Grazie a una distribuzione fatta esclusivamente su Internet, taglia i costi d'intermediazione e cos diventa competitiva con le fabbriche delocalizzate in Asia. Cotone all'antica, zero poliestere, con queste ricette American Giant ha un tasso di redditivit superiore a giganti come Levi's. Pubblicizza maglioni fatti per durare una vita, e ha fabbriche solo dentro i con-

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.whitehouse.gov www.bcg.com

41

Lintervista

Robert Engle: sfruttano i vantaggi del dollaro debole

Riportare a casa lindustria americana ora conveniente


EUGENIO OCCORSIO
improvvisa esplosione dellinsourcing, il ritorno a casa delle aziende americane dopo anni di outsourcing, ha due motivazioni tra loro apparentemente distinte eppure concatenate: la fine della convenienza fiscale nellinvestire allestero e il fatto che costruire una fabbrica negli Stati Uniti oggi pi competitivo. Robert Engle, classe 1942, economista della School of Business della New York University dove insegna management of financial services, ha vinto nel 2003 il premio Nobel insieme con linglese Clive Granger per lo sviluppo di metodi di analisi delle serie storiche economiche con volatilit variabile nel tempo. Dietro il consueto ermetismo dellAccademia delle Scienze di Stoccolma, significa che segue con criteri scientifici le dinamiche, tra laltro, della globalizzazione. Professore, ci spiega le due ragioni del fenomeno di cui parlava? Allora. La prima motivazione, quella della convenienza fiscale, una diretta conseguenza delle complesse e interminabili discussioni sul fiscal cliff, laumento delle tasse previsto per fine anno che tanto spaventa per la riduzione dei consumi che porter anche perch combinato con il simultaneo taglio di una serie di spese pubbliche. Bene, in questi negoziati stato rimesso in discussione lintero sistema fiscale degli Stati Uniti e lunica cosa certa che questo ne uscir rivoluzionato sia per i cittadini che per le imprese. E unaltra cosa certa che queste ultime saranno chiamate a pi di un sacrificio. Il che giusto, intendiamoci. Per le corporation finir una serie di nicchie di privilegio a partire proprio dallattuale regime favorevole di cui gode chi ha investimenti in essere, come le fabbriche, allestero. Oggi accade che tutti i soldi che vengono fatturati allestero non obbligatorio che tornino in America, neanche quando le fabbriche producono utili. Possono essere tranquillamente depositati presso qualche banca dello Stato ospitante, o di un terzo Paese, e al fisco americano non arriva un dollaro. Tutto questo ripeto certo, o quasi, che finir in conseguenza dellaccordo sul fiscal cliff qualsiasi esso sia. A proposito, a che punto sono le trattative? Il mondo se lo chiede. Mancano cos pochi giorni, e cos vasto luniverso degli argomenti trattati...Per qualche speranza ce labbiamo. Mi sembra davvero difficile che si spinga il Paese in recessione, non bisogna neanche sottovalutare la possibilit di una serie di proroghe. Pensi che uno dei provvedimenti di questo pacchetto, cio le misure per i tagli automatici di una serie di spese pubbliche, dal Medicare ai bilanci militari, stato chiuso talmente in fretta che gli stessi relatori al Congresso hanno detto: non vi preoccupate, solo un abbozzo, lo cambieremo sicuramente. Come la legge elettorale in Italia, insomma. Ci spiega ora la seconda delle ragioni che indicava, le impreviste opportunit che si aprono investendo in America piuttosto che altrove? Collegato con il discorso fiscale che facevo, ma non solo con esso, c un ragionamento matematico. Il dollaro una valuta molto sottovalutata, e questo un bene per le nostre esportazioni. N mi sembra che sul medio termine questa situazione finir: la Banca centrale europea quanto mai riluttante ad abbassare i tassi, nonostante ora glielabbia chiesto, incredibili dictu, perfino la Bundesbank. Risultato: leuro rester forte. Poi c la Cina: lamministrazione americana dopo un braccio di ferro di anni sembra aver ottenuto che lo yuan sar rivalutato pur gradualmente. Insomma, il valore del dollaro rester basso sul medio termine, sicuro. Non finita. La crisi recente, se uno strascico pesante ha lasciato in America, proprio sotto forma di una disoccupazione che sta solo lentamente rientrando. Per cui il mercato del lavoro debole e si pu assumere a costi convenienti. Viceversa, le rivolte operaie in Cina e in altri Paesi, unite al crescente sviluppo di altre piazze tipiche di outsourcing, dal Messico alla Romania, buon per loro, sta alzando il costo del lavoro in fasce immense di mondo. Miscelando tutti queste considerazioni, perch non investire nella madrepatria? Siamo di fronte ad un fenomeno strutturale o una serie di coincidenze? Senzaltro la prima che ha detto per tutti i motivi esposti. Con unaggiunta. comunque un buon segnale che nomi come Apple o GE vogliano costruire nuove fabbriche, per non parlare dellindustria dellauto che torna ad assumere in America. segno di salute e anche, grazie al cielo, di ritorno del manifatturiero in America dove oggi non vale che il 12% del Pil, una percentuale ai minimi storici.

fini nazionali. Fa impressione perch il tessile fu il pesce-pilota nelle delocalizzazioni. La Banca mondiale conferma che qualcosa sta cambiando nei rapporti di forze e nell'equazione della competitivit. La sua classifica sulle nazioni dov' pi facile fare impresa vede una rimonta degli Stati Uniti, mentre regrediscono India e Brasile. Tra i fattori chiave: il costo dell'energia continua a calare negli Stati Uniti; l'automazione riduce l'incidenza dei salari; l'immigrazione negli Stati Uniti ringiovanisce la forza lavoro e al tempo stesso garantisce una crescita costante della platea dei consumatori. Non guasta la politica del dollaro debole perseguita dalla Federal Reserve, che

,,

finita anche la possibilit di guadagni fiscali per chi investe allestero

Boston Consulting: londata patriottica pu valere 2-3 milioni di posti di lavoro in 5 anni
rende meno care le esportazioni made in Usa. Qualche merito va pur dato a Obama, che della ricostruzione industriale dell'America fece una bandiera gi quattro anni fa. Le politiche contano - dice il capo dei suoi consiglieri economici Gene Sperling - perch dal sostegno alla ricerca tecnologica fino agli investimenti in infrastrutture, abbiamo fatto di tutto per aiutare questo circolo virtuoso. Il ritorno dell'industria fa effettovalanga, attira emuli, inverte un processo di decadimento dell'intero tessuto industriale. Come sostiene Jared Bernstein che stato il consigliere economico del vicepresidente Joe Biden: Nulla pi distruttivo che lasciare milioni di lavoratori ai margini del processo produttivo, esposti al logoramento della loro capacit.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

42

IL PERSONAGGIO R2MONDO

PER SAPERNE DI PI www.hollywoodreporter.com www.forbes.com

La sociologa americana attacca le cantanti bianche e dallaria innocente, come Taylor Swift e Katy Perry Ci fanno tornare allimmagine delle donne anni 50: meglio il bollente erotismo di Rihanna e Beyonc

La femminista Paglia contro le popstar Pessimi modelli


DAL NOSTRO INVIATO ANGELO AQUARO NEW YORK remate tremate Katy Perry e Taylor Swift: contro di voi si scaglia la grande Camille Paglia. Oh yes, la teorica del postfemminismo tornata e a 65 anni nel suo mirino finiscono ancora i miti dello showbusiness. Solo che verso le dive di oggi la sociologa non ha certo la stessa simpatia che ai tempi dimostr verso Madonna. La signora Ciccone fu celebrata giu-

Le protagoniste

KATY PERRY
La cantautrice californiana, 28 anni, criticata perch ostenta ancora uno stile da reginetta adolescente

TAYLOR SWIFT
Nel mirino per la voce monotona e il look da modella che le hanno permesso di guadagnare 57 milioni a 22 anni

RIHANNA
Promossa: nella musica della cantante delle Barbados, sostiene Paglia, c la sensualit caraibica

SAGGISTA
Camille Paglia, 65 anni, intellettuale femminista

Lintellettuale 20 anni fa lod Madonna fra le polemiche: ora torna a dividere


sto ventanni fa come il simbolo di provocazione & liberazione in quel testo fondamentale che fu Sex, Art and American Culture. Ma quale liberazione ci propongono invece le sue emule? Nes-

suna. Al contrario invece delle loro rivali nere: da Beyonc a Rihanna. Camille sfoglia la classifica delle donne pi ricche di Forbes e riflette: sconcertante che la 22enne Taylor Swift guadagni 57 milioni e Katy Perry 45 milioni di dollari. Ma soprattutto: cosa pu dirci lascesa e il trionfo di Swift e Perry sullimmagine attuale della donna nel mondo dello spettacolo?. Detto fatto: Malgrado la distanza passata da quando,

alla fine dei 60, irruppe la seconda ondata femminista, oggi siamo tornati allimmagine delle ragazzine timide e modeste dei borghesissimi anni 50. Non una critica: una bomba. Che naturalmente divide subito lAmerica. Quei conservatori del New York Post, il tabloid di SuperRupert Murdoch, ne approfittano per dare addosso allicona liberal, accusandola di cercare la provocazione per lanciare il suo libro appena uscito,

Glittering Images. Ma il dubbio che a fare impallidire i conservatori sia il razzismo allincontrario dellanalisi affidata al The Hollywood Reporter. Perch Katy & Taylor paragonate nientemeno che alla trinit delle tiranne bionde degli anni 50, e cio Doris Day, Debbie Reynolds e Sandra Dee sono stese con il pi classico delluno-due. Prima si smonta lappeal di questa generazione di ricche ragazze bianche: e poi si esalta

al contrario lautentico e bollente erotismo delle loro rivali nere. A partire da Rihanna e Beyonc: eredi di quella Jennifer Lopez entrata nella storia per quella foto di Vanity Fair, 1988, dove mostrava maliziosamente allobiettivo le sue rotondissime chiappe di lingerie avvolte. Nero insomma s che sexy: tanto pi se multiracial. Con le sue radici multiculturali (padre delle Bahamas e madre creola di Lousiana) Beyonc attinge alla

profondit emozionale del gospel nero e allinsolenza spudorata dellhip hop. Mentre Rihanna, nata e cresciuta alle Barbados, ha un elemento di intensit erotica e una sensualit ispirata al sole e al mare dei Caraibi. Serve aggiungere altro? Forse no: Camille grandissima e la sua prosa seducente (quasi) come le curve di JLo: ma il femminismo da cartolina non sar un po troppo?
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LA SCIENZA R2CRONACA

PER SAPERNE DI PI www.ellsworthlive.org.uk www.pnra.it

43

Una spedizione inglese al Polo Sud triveller unarea incontaminata da secoli, cercando tracce di organismi Lobiettivo: scoprire se si pu resistere in condizioni estreme

Antartide
ELENA DUSI
in dove pu arrivare la vita? Mentre un robot analizza il suolo di Marte alla ricerca di molecole organiche, unaltra battuta di caccia sta partendo in Antartide. Nella lente c un lago sepolto sotto tre chilometri di ghiaccio, composto da acqua purissima a una temperatura che sfiora lo zero. L in fondo la pressione di trecento atmosfere, non penetra un raggio di luce e ogni contatto con il mondo esterno stato tagliato centinaia di migliaia di anni fa. Eppure nel lago Ellsworth, nella zona ovest dellAntartide, ci si aspetta di trovare tracce di vita. Anche in condizioni cos estreme possibile infatti che dei batteri riescano a sopravvivere, succhiando lossigeno dallacqua e le rare sostanze chimiche che si sono depositate sul fondo del lago. Se la vita pu accontentarsi di cos poco, diventa allora meno improbabile che la scintilla sia scoccata anche altrove nello spazio. Per esempio su Europa, un satellite di Giove con un oceano ricoperto dalla superficie gelata. O su Mercurio, la cui faccia in ombra ha appena rivelato un enorme mare

Caccia alla vita nel lago nascosto tremila metri sotto i ghiacci perenni

litri dacqua che verranno portati dai 12 gradi sotto zero dellestate antartica fino a 90 gradi. Il liquido caldo verr poi spinto in profondit lungo la trivella, permettendole di affondare nel ghiaccio. Arrivata sul fondo del lago, la sonda prelever un cilindro di tre metri di sedimenti e lo porter in super-

ficie. Su questo campione inizieranno poi i delicati test per la ricerca delle tracce di vita batterica. Evitare ogni contaminazione con lambiente esterno e con i batteri essenziale per il successo delle analisi. Per questo lacqua usata nella trivellazione sar sterilizzata e tutti i materiali verranno puliti

con gli stessi metodi usati per le sonde spedite a raccogliere campioni nello spazio. Queste precauzioni erano in parte mancate alla spedizione russa che a febbraio scorso aveva raggiunto il lago Vostok, uno dei pi grandi bacini liquidi dellAntartide. Per contrastare la pressio-

ne della calotta di ghiaccio sovrastante, in una parte del percorso verticale di quattro chilometri fu usato addirittura cherosene. E dalle prime analisi dei campioni estratti dal fondo del Vostok (nella parte orientale del continente) nessuna traccia di vita ancora emersa.

Tremila metri sotto al ghiaccio


Bollitore

Antartide
i laghi che sono stati osservati sotto ai ghiacci Lago Ellsworth trivellazione condotta dagli inglesi in questi giorni

90 mila litri di acqua vengono riscaldati fino a 90 gradi. Servono ad alimentare la trivella che scioglie il ghiaccio

Base in superficie qui i ricercatori vivono e lavorano da 8 settimane per raggiungere la profondit del lago

387

Oceano Atlantico

Antartide
Oceano Indiano

Lago Whillans gli americani inizieranno la trivellazione nel 2013

Oceano Pacifico Mare di Ross

Lago Vostok trivellazione completata dai russi a febbraio del 2012

A gennaio del 2013 anche il terzo dei 387 laghi antartici scoperti finora verr punzecchiato dagli scienziati. La spedizione questa volta porta la bandiera a stelle strisce e punta a raggiungere il lago Whillans, a sud-ovest del continente. Ogni missione di questa portata ha bisogno di una manciata di anni di preparazione con radar e test sismici per definire i bordi del bacino, la sua distanza dalla superficie e lo spessore dello strato di acqua. Conoscendo anche gli spostamenti del ghiaccio nella zona sotto esame, possibile farsi unidea dellet del lago. Nella loro aspettativa di incontrare una qualche forma di vita nel ventre del polo sud, gli scienziati sono stati galvanizzati da una notizia di pochi giorni fa. Una grande quantit di batteri stata ritrovata nel lago Vida, sempre in Antartide, a meno 13 gradi e in unacqua sei volte pi salata del mare. Questo bacino si trova solo 27 metri sotto al ghiaccio e non completamente isolato dallambiente esterno. Ma sopravvivere in condizioni cos ostili, anche per un semplice batterio, vuol dire che la vita pu raggiungere confini che sono ancora tutti da esplorare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Uno scaldabagno da 90mila kg dacqua alzer la temperatura da -12 gradi a 90


di ghiaccio. Oggi la purezza e lincontaminato isolamento del lago Ellsworth hanno le ore contate. I ricercatori del British Antarctic Survey (Bas) sono oggi esattamente sopra di lui. Lo raggiungeranno con una trivella che usa acqua a 90 gradi per mangiare il ghiaccio. Lo scavo inizier mercoled spiega da Cambridge Heather Martin, del Bas. Dodici scienziati del team stanno lavorando nella base. Gli ultimi test sui materiali sono positivi. Se non incontreremo intoppi raggiungeremo il lago tra il 14 e il 16 dicembre. Per oggi nella base inglese prevista laccensione dello scaldabagno: il contenitore con 90 mila

Lintervista

Carlo Barbante, chimico dellUniversit di Venezia e del Cnr

Scavo
La trivella Pompa acqua calda in profondit, sciogliendo il ghiaccio

Quei fondali sono come un libro di storia ci sveleranno anche levoluzione del clima
ghiaccio
ROMA acqua purissima quella che si trova sotto al ghiaccio dellAntartide racconta Carlo Barbante, professore alluniversit di Venezia, direttore dellIstituto per la dinamica dei processi ambientali al Cnr e membro della Commissione scientifica nazionale per lAntartide. Barbante sta partecipando allanalisi dei campioni del lago Vostok e partir a gennaio per la trivellazione del lago Whillans. Che aspetto hanno questi bacini? Le tracce di sostanze chimiche nellacqua sono praticamente nulle. Sul fondo invece si accumulano i sedimenti che andremo a studiare e che ci raccontano il clima e le eventuali forme di vita di centinaia di migliaia di anni fa. Ma bisogna lavorare molto rapidamente, quando si raggiunge il lago. Il foro della trivella si congela e si restringe di mezzo centimetro allora. Perch dovrebbe esserci vita in condizioni cos dure? Perch mezzo milione di anni fa la vita era un fenomeno gi consolidato sul pianeta. In fondo a quei laghi potrebbero esistere batteri capaci di resistere a pressioni trecento volte superiori allatmosfera, a temperature vicine allo zero, al buio e a quantit quasi nulle di sostanze nutrienti. Alla spedizione del lago Whillans parteciper la Nasa. Perch? Capire quali sono i limiti della vita sulla Terra ci orienter nella ricerca di eventuali esseri viventi nello spazio. (e.d.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il fondo del lago I sedimenti sono il luogo dove pi probabile trovare tracce di vita

roccia

r.trinchieri@repubblica.it

150 metri Profondit del lago Ellsworth

IN MISSIONE
Carlo Barbante, chimico a Ca Foscari, Venezia

3.000 metri

FOTO: NATIONAL GEOGRAPHIC

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LINIZIATIVA R2SPETTACOLI & TV

PER SAPERNE DI PI www.thebeatles.com www.repubblica.it

45

Da domani in edicola Magical mystery tour. nato come colonna sonora del film Ma si rivelato un grande album, con laggiunta di All you need is love e Hello Goodbye
Tutte le copertine della collana
Da domani il cd Magical Mistery Tour rimasterizzato sar in edicola a 9,90 euro pi il prezzo di Repubblica

4 DICEMBRE
Yellow Submarine

9
16 OTTOBRE
Sgt. Peppers Lonely Hearts Club Band

11 DICEMBRE

Magical Mystery Tour

23 OTTOBRE
Abbey Road

Beatles
ERNESTO ASSANTE
l 1967 dei Beatles stampato nella memoria di ogni rock fan che si rispetti perch lanno di pubblicazione di Stg.Pepper. Ma i Beatles erano talmente creativi e produttivi che nello stesso anno del loro capolavoro psichedelico, si misero in testa di realizzare anche un film. Lidea, di Paul McCartney, prendeva spunto da quello che Ken Kesey e i suoi Merry Pranksters stavano facendo negli Usa girando la California a bordo di un

10

18 DICEMBRE
A Hard Days Night

30 OTTOBRE
Let It Be

Lestate dellamore in undici brani poi i magnifici quattro si sciolgono


al contrario un gioiello di grande bellezza, il naturale compendio, il secondo capitolo, dell'avventura psichedelica di St. Pepper. Si, perch Magical Mistery Tour solo in parte la colonna sonora del film, che viene completata ed arricchita da unaltra serie di brani che invece sono in relazione diretta con il Sergente Pepe e la sua Banda dei Cuori Solitari. Pubblicato originariamente come un doppio ep, che conteneva i brani del film, Magical Mistery Tour usc quindi come album la cui seconda facciata era composta da una serie di singoli che non avevano visto la luce su nessun lp. I brani della colonna sonora del film erano sei, ed gi difficile definire questi come un prodotto minore, a partire dal brano che d il titolo al film, in perfetto stile Pepper, un gioiello compositivo di McCartney nel quale, con il contributo di Lennon e gli altri, la musica dei Beatles risulta ancora sorprendente, un mix di ricordi del passato e fughe in avanti arrangiato con luso di fiati ed effetti speciali che lo rendono ancora oggi modernissimo. E poi altri capolavori come The fool on the

11

6 NOVEMBRE
The Beatles The White Album

bus scolastico ridipinto con i colori del flower power. Macca convinse gli altri che, dopo i successi di A hard days nighte Help, era giunta lora che i Beatles dirigessero loro stessi un film e che i viaggi psichedelici di Kesey potessero essere lo spunto per un magical mistery tour completamente beatlesiano. E cos fu. Ma se il film, trasmesso poco prima di Natale dalla Bbc, fu accolto tiepidamente sia dalla critica che da pubblico, lalbum, che erroneamente viene considerato come un disco minore della produzione beatlesiana,

24 DICEMBRE
Please Please Me

12

31 DICEMBRE
With the Beatles

Il 67, lanno di Stg. Pepper fecero questo gioiello tra passato e fughe in avanti
hill, ancora di McCartney, la bellissima Blue jay way di Harrison, lunico brano strumentale dell'intera discografia beatlesiana, Flying, per altro anche lunico pezzo firmato da tutti e quattro i Beatles, la nostalgica Your mother should know di McCartney e quindi lassoluto gioiello dell'album, I'm the walrus di Lennon, capolavoro psichedelico inarrivabile, in cui la complessit si fonde con lironia. A questi si aggiungono i singoli gi pubblicati allepoca, cinque pezzi, Baby your're a rich man e altri quattro pi o meno direttamente collegati a Stg. Pepper, i due brani che lo avevano preceduto, le meravigliose e liverpuliane Penny Lane e Strawberry Fields Forever, e le due canzoni che chiusero il progetto, Hello Goodbye e All you need is love, colonna sonora dell estate dellamore del 1967. Un album magnifico, dunque, lultimo prima che le tensioni tra i quattro inizino a crescere portandoli fino allo scioglimento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

13

13 NOVEMBRE
Help!

8 GENNAIO
Beatles for Sale

14

20 NOVEMBRE
Rubber Soul

15 GENNAIO
Past Masters

27 NOVEMBRE
Revolver

REPUBBLICA.IT Sul sito uno speciale con la storia del gruppo e i video girati a Liverpool e Londra

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

46

R2AUTOMOTORI

Oltre il 40 per cento delle auto vendute dalla casa di Monaco sono versioni a quattro ruote motrici Lescalation del fenomeno e larrivo di nuove tecnologie che rendono la guida sempre pi facile

Attrazione
integrale
Novit 4x4
piccola arrivata nelle concessionarie con le sue varianti 4x4 accoppiate a dei propulsori diesel e benzina fino a 320 Cv. Particolarit principale delle automobili marchiate xDrive dicono i progettisti Bmw - non a caso proprio quella di riuscire a marciare senza problemi su ogni tipo di fondo stradale, persino i pi impegnativi tipo fango e neve. Sicu-

PAOLO ODINZOV
ra il 1985 quando la Bmw fece debuttare la berlina 325i Allrad. Con quel modello gli uomini dellelica bianca e blu aprivano un nuovo e importante capitolo nella loro avvincente storia non priva di colpi di scena. Per la prima volta e con sorpresa di molti introducevano, infatti, nel mercato una vettura a quattro ruote motrici, violando quella ferrea e severa tradizione che fino allora aveva visto tutte le automobili Bmw equipaggiate rigorosamente con una trazione posteriore. Da quel momento sono passati 27 anni e la scelta dei tedeschi si rivelata una mossa vincente capace di contribuire fortemente al loro successo. Basti pensare che solo in Italia oggi oltre il 40 per cento delle auto vendute dalla casa di Monaco sono equipaggiate con una trazione integrale. E che tutte le vetture da lei prodotte nelle diverse fabbriche sparse nel mondo, dalla piccola X1 al-

Il prototipo Panda Monster


Sia chiama Monster Truck e sar la protagonista del prossimo spot on air della Fiat. una Panda 4x4 su pianale Jeep CJ7 con ruote da trattore del diametro di 150 cm, alta 3 metri e 90

Effetto Xdrive, lultima seduzione Bmw


rezza e massime prestazioni sottolineano i tedeschi - vengono impiegando a bordo tecnologie che via, via con il passar del tempo sono state evolute fino a renderle delle vere primizie nel settore. Dalla Serie 3 Allrad, capostipite della categoria, le vetture integrali Bmw ha fatto, dunque, molta strada, guadagnando consensi tra la gente ma anche arricchendosi di dotazioni nella meccanica sempre pi sofisticate e pronte a porle su un livello superiore rispetto a molte delle rivali in commercio.

La scuola
ALESSANDRO VAI
nche se diminuiscono ogni anno, gli incidenti stradali che coinvolgono i giovani sono sempre troppi. La poca esperienza al volante unita allimprudenza tipica dei ventanni, formano un cocktail micidiale. Leducazione stradale fatica a entrare nelle scuole e lesame per la patente non contempla le situazioni di emergenza. I corsi di guida sicura potrebbero, cos, essere di grande aiuto, ma costano e sono pressoch ignoti al grande pubblico. Fortunatamente le iniziative private di responsabilit so-

Nel 1985 il debutto della 325 Allrad la prima berlina 4x4 realizzata dal costruttore tedesco
la Serie 6 Gran Coup tranne la roadster Z4, vengono adesso realizzate per un totale di 46 modelli almeno in una versione che, distinta dalla lettera X sul cofano, impiega proprio una meccanica tutto terreno. Allappello, per completare la cerchia nella gamma attuale, mancava infatti solo la Serie 1. Ma pochi giorni fa anche la

La sicurezza secondo Zanardi studenti in pista a Vallelunga


ciale sono in aumento come quella che la Bmw ha messo a punto insieme allUniversit Luiss Guido Carli. Trecento studenti (tra gli iscritti ai primi due anni, ovvero la categoria pi a rischio) potranno frequentare gratuitamente la Bmw Group Italia Driving Academy, una delle migliori scuole di guida sicura presenti sul territorio nazionale. Il padrino del progetto, al circuito di Vallelunga, Alex Zanardi, ex pilota di Formula 1, due volte iridato nella Formula Cart americana e medaglia doro ai recenti Giochi Paralimpici di Londra, campione nello sport e nella vita. Prendere la patente solo il primo passo per entrare nel mondo delle auto - ha detto il pilota - ma non vuol dire sapere guidare correttamente. Partecipare a un corso di guida sicura significa confrontarsi con situazioni di emer-

genza che, se affrontate per la prima volta su strada, possono portare a conseguenze drammatiche. Gli istruttori insegnano i comportamenti corretti, manovre di emergenza e responsabilit nella guida. I trecento partecipanti entreranno nel programma di monitoraggio del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che dal 2009 studia gli effetti dei corsi di guida sicura sulla riduzione dellincidentalit. A uno di loro, che si distinguer particolarmente nellanno accademico, andr anche una borsa di studio erogata direttamente da Bmw Italia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.bmw.it www.motoguzzi.it

47

Come si guida
PAOLO FERRINI
uattro ruote motrici non sono solo per Suv e fuoristrada. La storia dellautomobile ci consegna anche granturismo, vetture da rally e perfino monoposto di F1 e Indy. In ogni caso il risultato finale, trasferito alla produzione di serie, un superiore controllo del veicolo e quindi un migliore comportamento su strada con evidenti vantaggi di aderenza, guidabilit e sicurezza. Le 4x4 non sono per tutte uguali. Ci sono quelle a trazione integrale permanente (ovvero con quattro ruote sempre in presa) e quelle a trazione integrale inseribile, nelle quali il guidatore o un sistema elettronico provvede a rendere motrici anche

Dalla frenata alla tenuta pregi e difetti delle 4x4


un secondo asse (solitamente quello anteriore). La prima soluzione adottata su vetture destinate ad un impiego prevalentemente stradale, la seconda a quelle per un utilizzo misto strada/fuoristrada. Il comportamento di una vettura a quattro ruote motrici molto pi fluido di quello di una di tipo convenzionale ed in un certo senso abbastanza assimilabile a quello delle trazioni anteriori per facilit ed a quello delle posteriori per feeling di guida. In caso di errore di guida, una 4x4

tende a manifestare un comportamento sottosterzante. Su quelle dotate per di un differenziale centrale per ripartire la potenza tra i due assali, la potenza viene scaricata ora sull'avantreno ed ora sul retrotreno. Questo fatto, se da un lato assicura indubbiamente una maggiore tenuta, dallaltro si traduce in un comportamento a volte sottosterzante ed altre sovrasterzante che pu mettere in difficolt il guidatore meno esperto o distratto. Oltre che su fondi scivolosi, la maggiore aderenza delle auto 4x4 si esprime anche in fase di frenata in quanto il freno motore agisce su tutte e quattro le ruote, riducendo gli spazi di frenata e migliorando la guida al limite.
RIPRODUZIONE RISERVATA

AudiR8

Cos i fuoristrada in Italia


(gennaio-novembre 2012)

1 Volkswagen Tiguan 2 Bmw X3 3 Range Rover Evoque 4 Audi Q5 5 Audi Q3 6 Toyota Rav4 7 Fiat Freemont 8 Dacia Duster 9 Fiat Sedici 10 Ford Kuga

7.918 7.903 6.984 5.432 4.853 4.510 4.317 4.056 3.696 3.414

Due ruote

Il ritorno della California cos la Guzzi fa sognare


In strada con la Touring in stile retr
IRENE SADERINI
a prima cosa che si nota da fermi, gi solo mettendola in moto, la vibrazione del motore. Tanto scapita il bicilindrico, tanto ferma la moto: come possibile? Le vibrazioni sono croce e delizia per gli adepti del custom, perch se non si pu dire che fare un viaggio sopra una lavatrice sia piacevole, i sobbalzi rimangono prerogativa irrinunciabile di chi sposa questa filosofia. Se il bicilindrico di Mandello vibra e la California rimane ferma lo si deve alla magia del montaggio elastico che non trasmette il movimento del propulsore lungo gli assi n al guidatore n alla moto. Arriva il momento di inserire la prima e lasciare la Croisette di Cannes per raggiungere il golfo di Saint Tropez, lungo il percorso che costeggia il mare, passa per le rocce rosse e scavalca lEsterel, il tempio per chi ama le curve da queste parti. Sulle strade c una confusione che non spaventa la California 1400. Nonostante la stazza e il peso, si districa cambiando agilmente corsia. Quando si comincia a scorrere, sono proprio i freni i primi a lasciare piacevolmente sorpresi. Contrariamente alla maggior parte delle custom, se si chiede prepotentemente alla Ca-

Completamente rinnovata la moto pi famosa. Ecco come dal design alla tecnologia
lifornia di fermarsi, si ferma. Se questa poderosa motocicletta da 322 kg in ordine di marcia frena in modo cos pronto, anche merito dell'ABS a due canali previsto di serie, cos come il Traction Control. la versione Touring, lespressione pi classica, il gioiello destinato a quelli che hanno una dipendenza totale dalla

La gamma Jaguar
Nel prossimo futuro tutte le Jaguar avranno una versione a trazione integrale (nella foto la XF) per rispondere alla domanda di Stati Uniti e Canada, territori spesso sotto la neve

La prossima Prius
In arrivo, secondo le indiscrezioni del settimanale Auto Express, unevoluzione della Toyota Prius che preveder anche lallestimento della vettura con la trazione integrale

Il modello
La Guzzi California 1400 Touring (96 Cv, cambio a sei marce, consumi inferiori al 15%) arriva nelle concessionarie: il listino parte da 17.300 euro

Affari & Finanza


4x4 della casa, capace non solo di controllare ma addirittura di prevenire le eventuali perdite di aderenza che possono verificarsi durante la marcia. A questa si associano sistemi come ad esempio il controllo di stabilit Dsc, oppure il Dynamic Performance Control: esclusiva assoluta della Sports Activity Coup X6 che consente di ripartire in modo attivo la coppia motrice sulle ruote dellasse posteriore in modo da fornire al pilota lo stesso e affascinante feeling di guida offerto in curva dalle auto Bmw con la sola trazione posteriore. Per provare il tutto e convincere sulle qualit delle loro automobili a trazione integrale, i bavaresi ormai da diversi anni organizzano nelle principali localit sciistiche italiane delle sessioni di test drive aperte al pubblico. Unoccasione per mettere a dura prova persino lentry level nella gamma. Ovvero la crossover X1 che nella sua categoria, guarda caso, andando in controtendenza nel mercato tra le poche a poter vantare da noi la maggior parte delle vendite proprio nella edizione a quattro ruote motrici.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Prima fra tutte una centralina elettronica intelligente, cuore del pi recente sistema xDrive e adottata per la prima volta sul Suv X3 che tra laltro il modello pi venduto tra le

motocicletta. Il parabrezza Patrol, per esempio, non lascia passare nemmeno uno spiffero e le valigie laterali da 35 litri permettono anche di esagerare con i bagagli. E poi, va detto: rispetto una qualsiasi quattro ruote, le intimit meccaniche della California, messe a nudo, appagano la vista degli esteti pi esigenti. Ci si siede a 740 mm da terra, e per manovrare questo cromatissimo gigante sufficiente farsi aiutare dal motore, rimanendo con i piedi ben piantati a terra cos da avere sempre la sensazione di controllare al meglio ogni spostamento, facilitando solo lazione dei due pistoni da 104 mm, con vibrazioni che spariscono sfiorando il gas, lasciando per chi guida solo il meglio, le cosiddette good vibrations. La California 1400 Touring elegante come le vecchie Guzzi, piccola e maneggevole come una moto moderna e dotata di tecnologie inedite se rapportate alla categoria delle custom. Dulcis in fundo, la gestione elettronica del propulsore prevede il sistema Ride-by-Wire multimappa, al debutto assoluto su una custom di Mandello. Le tre modalit di erogazione consentite dalla California, hanno nomi rigorosamente in italiano: Turismo, Veloce, Pioggia. Particolari, oltre alle rifiniture di tutto rispetto, capaci di mandare in visibilio qualsiasi mercato estero.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lauto del futuro in fibra di carbonio


Viaggio a Seattle nel centro ricerche dove si producono i materiali pi avanzati del mondo per le prossime vetture a emissioni zero Dalla Bmw i3 completamente elettrica che la casa di Monaco introdurr il prossimo anno sul mercato ai modelli che verranno. Ecco i segreti di questi progetti

IL PILOTA
Alex Zanardi sar in pista con gli studenti Luiss per insegnare i segreti della guida sicura

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

CULTURA
PARLAMI DAMORE/29.
Javier Maras racconta Gli innamoramenti che anche il titolo del suo nuovo romanzo

*
49

LALEGGE DEL DESIDERIO NON HO MAI


CONVISSUTO LA DISTANZA LA CHIAVE DI UNA BUONA RELAZIONE

DISEGNO DI GIPI

CONCITA DE GREGORIO
e sigarette di Javier Maras stanno distese una accanto alLa serie laltra, trattenute dieci a destra e dieci a sinistra da un elastico piatto, ordinate nei due lati di un portasigarette laccaParlami damore raccoglie to di rosso, bello, antico. Sono sigarette tedesche molto leginterviste sulleducazione gere fabbricate dalla ditta Reemtsma. Estrae una sigaretta sentimentale. Di Javier Maras dal suo letto dargento, la fuma. Non si pu fare a meno di pensare, ogni Einaudi ha appena pubblicato volta che ne sfila una, al gesto preliminare, forse mattutino, di certo Gli innamoramenti (trad. di quotidiano: quello di toglierle dal pacchetto e allinearle l sotto lelastiG. Felici, pagg. 320, euro 20) co, con metodo. Al tabaccaio che deve averne una riserva solo per lui, nella rivendita sotto casa nel cuore di Madrid. Le sue Reemtsma, don Javier, buona giornata. Lascia immaginare, il portasigarette rosso, una libreria di volumi altrettanto ordinati in una Mourinho: una figura detestabile, se ne andr presto spero. Poi lamicasa docile alle abitudini del suo proprietario. Niente animali dome- cizia, che come diceva Oscar Wilde pi tragica dellamore perch dustici, niente computer. Niente telefoni cellulari, niente auto nel gara- ra pi tempo. Certo che la ricompensa che ti d lamore pi forte. ge. Solo una macchina da scrivere, un fax. I volumi in inglese nella paLamore, o linnamoramento? Questultimo, lei scrive, produce rete dei libri inglesi, la collezione dei sol- debolezza: ho un debole, si dice. Rende vulnerabili. datini di piombo allineata davanti. MolLinnamoramento una condizione che non tutte le lingue certiti di Crimea, i pi belli. Lacqua di co- ficano. In italiano e in spagnolo s, c una parola per dirlo, ma in altri lonia nel bagno. La buona musica, ac- idiomi servono perifrasi. Cadere, essere in. Come fosse un transito o canto alla tv lo scaffale dei film. Luomo un accidente. E certo molto faticoso, quanto inevitabile, innamorarche uccise Liberty Wallance tra tutti il si. Prevede un grado di audacia e di insensatezza che con let, direi preferito. pi con lesperienza, si tende ad evitare. Questo perch ci si impigriNessun intruso. Nessuna donna. E sce. Si scansa la fatica. Tuttavia io stesso vedo con certezza che le uniper con un lampo di ironia che dice che stagioni della vita che abbiano qualche interesse, a posteriori, sostato per caso che non mi sono mai pro- no quelle: le storie damore molto appassionate, complicate, intense, priamente sposato. Propriamente nel quelle che portano con s grandi sofferenze e momenti stupendi. senso che non c stata la certificazione, Quello lapice dellesistenza, senza dubbio. un accidente del destino: Una volta Perch dice a posteriori? C unet per innamorarsi? una mia morosa era gi sposata e a quel No, non direi. E pi o meno sempre lo stesso, dai 7 anni in poi. Sotempo non cera il divorzio, in Spagna. lo che purtroppo col tempo si diventa pi prudenti e, credendo di preUnaltra volta lei era americana e cera servarsi, si evita la pena. Con la fatica e con la pena anche la meravila distanza, anzi due: le americane sono glia, va da s. state due. Una volta era italiana, ed era A lei quante volte successo? lei ad essere incerta sul mio conto. Gli Quante volte sono stato innamorato? Difficile dirlo, capita di creocchi gi lunghi si allungano nel sorriso. dere di esserlo, durante, e poi non lo si era o al contrario capita di ostiE un elenco che parla di treni troppo narsi a pensare che no, non lo si , e invece bisogna infine arrendersi. lenti, di disincontri e contrattempi. Nel suo italiano perfetto e lettera- Diciamo quattro comunque: quattro volte, almeno. Sono state e sono rio il termine morosa dice qualcosa del suo amore italiano, stata tuttora sempre relazioni a distanza, senza vera convivenza. Per cause certo lei a consegnargli il vocabolo perch dice infatti - lunico mo- di forza maggiore, dico a me stesso, per poi in verit chiss se volendo per imparare una lingua senza studiarla avere un amore. Litaliano lha imparato cos. Gli innamoramenti (Einaudi), sintitola il suo ultimo romanzo. Un uso vertiginoso della lingua, unipnosi ad andamento lento. Unanatomia del sentimento amoroso implacabile: come vedere un film al rallenty, con un fotogramma che si insinua nellaltro. E una donna che guarda. Dalla finestra sul cortile, osserva e racconta. Ma davvero dunque vuole parlare damore, di me e dellamore?, domanda e sfila unaltra sigaretta dal suo letto. Davvero. Potrebbe mettere in ordine gerarchico gli amori della sua vita? Amori di ogni genere: persone e cose. Persone pi di ogni cosa, senza dubbio. Persone, e certo donne al primo posto. Poi le persone in generale. Mio padre, mio fratello. Le persone che abbiamo amato, quelle rispetto alle quali abbiamo avuto la sensazione di non poter vivere senza. Poi si vive senza, certo. Ma dopo. Al secondo posto un tempo avrei messo la lettura, oggi non pi. Ricordo di aver sentito mio padre dire: pi divento vecchio meno leggo. Allora non capivo, ora s. Leggo meno anche io, dopo aver letto cos tanto. Poi il cinema, certamente. Ci sono film che non smetterei mai di rivedere. www.raffaellocortina.it Liberty Wallance, Sentieri selvaggi. Poi il calcio, anche se sempre di meno a causa di questo

Le storie appassionate e complicate sono lapice dellesistenza

Massimo Recalcati

Jacques Lacan
Desiderio, godimento e soggettivazione

do non avrei potuto E probabile che mi trovi meglio cos. Che la chiave del desiderio sia la distanza. In questo senso la raccomando. Con le donne che ho amato ho conservato quasi sempre una grandissima amicizia, anche questo non consueto. Alcune sono diventate amiche tra loro. E questo non la spaventa? No ride no, no. Non temo possano farmi del male, neppure se in coalizione. Le donne che ho amato hanno avuto tutte tre caratteristiche: ridevano molto, erano buone persone ed erano molto intelligenti. Non necessariamente in questordine, ma sempre tutte e tre le cose. Persone molto interessanti, persone che restano. E la prima volta, in questo romanzo, che assume un punto di vista femminile. S, sono abituato a scrivere in prima persona e qui lo sguardo doveva essere quello di una donna: solo una donna pu osservare in quel modo la felicit di una coppia. E cos che inizia la storia, una donna che guarda una coppia. Le prime trenta pagine sono il racconto di una vicenda reale. Volevo raccontare di una donna che resta con un uomo che le ha causato una grande disgrazia. Una donna che infligge a quelluomo la punizione di restargli accanto. Poi, invece, il racconto andato altrove. Sembra pi interessato al tema della morte che a quello dellamore, il racconto. E possibile. O comunque ugualmente interessato. Lidea che si possa fare a meno di qualcuno che ci appare indispensabile, e amare oltre, andare oltre. Prendo in prestito un romanzo di Balzac, per dirlo. Ma anche I tre moschettieri, il titolo viene da l. Mi incanta Dumas. Certo Shakespeare. Certo Cervantes. La letteratura, vede, fatta da individui. La letteratura sono uomini. Cervantes spagnolo, eppure il meno spagnolo degli scrittori: Cervantes. Rileggendo, che quello che ormai faccio, trovo nei grandi scrittori di ogni tempo e di ogni luogo i medesimi cardini. Proust lo dice con ferocia: capita che a uno non importi pi niente della persona per la quale viveva. Balzac con seriet, Shakespeare con il consueto mistero. Cos il tempo. Hereafter, cos. In definitiva, penso adesso a questaltezza della vita, si tratta di presenza e di assenza. Di amore e di morte, solo questo. Con lironia che serve a dire quel che non si pu davvero indicare. Noi spagnoli abbiamo qualche difficolt, ci manca la vostra grazia italiana. La risata che incanta e che innamora. La risata che ci rende deboli e ci appassiona, che capisce e che dimentica senza negare. Innamorarsi questo. Una magnifica vulnerabilit del corpo, una speciale capienza dellanima. Ricordo di una volta in cui presi un aereo dallAmerica per venire proprio in Italia, insensatamente, sapientemente, per passare una notte a convincere una donna del mio amore per lei, e lei del suo per me. Ricordo che mi trovai alle sei di mattina per strada, cera un altro che arrivava e non potevo occupare quel posto. Ricordo me stesso con la valigia, per strada, allalba. Non possibile descrivere quella pienezza, quella assoluta inevitabile assurdit. Eppure, ancora oggi, la memoria di quel momento non mi abbandona.

Le donne che ho avuto ridevano tanto ed erano molto intelligenti

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

50

CULTURA R2CULTURA
Da Michel Bouquet a Jacques Sereys, i nati negli anni Venti sono protagonisti sul palco Mentre Alfredo Arias, sempre a Parigi, presenta parodie di vecchi music hall

Lacustica perfetta, nuovo romanzo di Daria Bignardi

ULTIME SCENE DA UN MATRIMONIO


LEONETTA BENTIVOGLIO
rno ama Sara, che gli prende il cuore quando sono adolescenti. Non si rivedono per sedici anni, ma intanto Arno continua a custodire in s limmagine potente di quella ragazza libera e strana, cos anticonformista e diversa dalle altre. Poi la ritrova come una giovane donna malinconica, e il sentimento intatto. Si sposano, vivono a Milano, fanno figli. La loro unione cresciuta sullamore. Niente ricatti, fantasmi, tradimenti, ipocrisie, frustrazioni apparenti. Arno, lungo gli anni, non smette mai IL LIBRO di desiderarla e resta semLacustica pre convinto di adorarla, perfetta mentre lavora come viodi Daria loncellista alla Scala. ProBignardi ve, studio, tourne, molte (Mondadori, serate fuori casa per i conpagg. 200, certi. Sara segue i bambini, euro 18) fa la chioccia, si tuffa in cerBignardi avanza con ti personali giacimenti di riflessioni e ricordi sotto- una sua pacata naturalezza, cerca londa della musimarini. Arno non vuole ascoltare ca anche nella prosa, diseleco di quei pensieri, lui gna vari comprimari: la che come musicista do- spregiudicata Klara, mavrebbe riconoscere lacu- dre tedesca di Arno, femstica perfetta. Finch, in minista per profonda voun giorno poco prima di cazione, nata ad Amburgo Natale, Sara sparisce bru- e ancora in cerca di vasti talmente, abbandonando- panorami nordici; il padre lo con i figli. Gli lascia scrit- Guelfo, rustico e accoto che se ne andr via per un gliente, saggio di cose di po, che ha bisogno di stare campagna e congenitada sola. Arno deve frantu- mente indifferente ai solmarsi in mille pezzi per di; lamica della giovent riavvolgere allindietro, co- di Sara, Paola, che era spericolata con la droga e che oggi ha scelto il convento, come in un vecchio feuilleIl puzzle ton. La suora potr svelare della fisionomia ad Arno interi mondi, sedi Sara con greti di un passato non loni suoi segreti si tano, squarci depressivi e ricompone via via spirituali nella vita di sua moglie. Sul palcoscenico della me in moviola, il significa- memoria ritrovata, il puzzto, le mancanze e i punti le della fisionomia di Sara, oscuri della loro relazione. lessere umano pi vicino Sintitola Lacustica per- ad Arno, ma anche il pi fetta (Mondadori) il nuovo sconosciuto per il comparomanzo di Daria Bignardi, gno, si ricompone via via e il sottotitolo potrebbe es- davanti allimperfetto sere il bergmaniano Scene ascoltatore. Arno comda un matrimonio. Qual- prende quella fuga, indaga cosa di sommesso, nostal- quella misteriosa soffegico, ferito, percorre que- renza, osserva se stesso ste pagine che narrano la nellincapacit di aver caducit dellamore, i si- amato la sua donna. Lelenzi degli uomini, i segna- splorazione va avanti e inli che affossano un rappor- dietro, apre lo sguardo a to, linguaribile fragilit dei rapidi momenti dessere, legami in questepoca di trova le parole per dirlo. Il ruoli non definiti nella cop- tempo della fine di un pia, e di fatica tremenda amore sempre circolare. nello strutturarli. RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI ARZILLI VEGLIARDI


Quei magnifici ottantenni sovrani del teatro francese nel nome di Proust e Ionesco
ALBERTO ARBASINO
cone di culto per pi o meno giovani, alcuni signori della scena tardo-ottantenni - nati negli anni Venti - attirano e intrigano vasti pubblici in teatri tradizionali, dunque piuttosto piccoli: Hbertot, Nouveauts, Vieux-Colombier. In novit stagionali o venerandi classici novecenteschi: Ionesco, Proust. Sar dunque ovvio chiedersi: chi pi grande, Robert Hirsch o Michel Bouquet, nel rappresentare lAlzheimer? Nel verismo dei sintomi, chiaramente prevale il giovane contemporaneo autore Florian Zeller, con Le Pre. Ma sorprendente come il vecchio Ionesco, in Le roi se meurt, ne individuasse e raffigurasse gli indizi, quando i disturbi senili non avevano ancora un nome clinico. Robert Hirsch mezzo secolo fa era un atroce indimenticabile Bouzin, diretto da Jacques Charon in Un fil la patte di Feydeau, tutto brutto e ripugnante e schifoso e ridicolo, ma dissen- in dubbio la propriet. Il marinatamente vanesio, tra scivo- to dellunica figlia (laltra late sghembe e cavernosit scomparsa, idealizzata) ma tracheali. O un Britannicus che noi vediamo impersonato tutto urlo e furore in un rigore da due corpulenti diversi. Gocneoclassico; o in pacato dialo- ce, medicine, sciroppi, e dungo moderno con Annie Girar- que il corpo pu rivelarsi alledot e inconfessabili turpitudi- gro e gioviale. Ma perch si dini, per la Macchina da scrivere scorre tanto di partenze e sogdi Cocteau. Stavolta, in spazi luminosi alla Hopper sempre pi spogli, Sar dunque ovvio riducendosi finalmente a un chiedersi: chi cronicario dabbene, i balbettii e gorgogli tradizionali e con- il pi grande venzionali tirano una ricerca nel rappresentare mirata e sbadata di una ango- lAlzheimer? sciosa realt esistenziale. E lo spettatore complice di una vera commedia degli inganni. giorni a Londra se poi non ci va Piena di tormentoni tipica- nessuno? Le identit che si riconoscomente senili: lorologio che non si trova mai al suo posto. no o no implicano sorveglianLappartamento di cui si mette ze e attenzioni anche da parte

dello spettatore? Diligenza nelle applicazioni? Abbisognando infine duna conclusione, eccoci dunque in una clinica affabile e anonima per questi disturbi diffusi e tipici di una senilit ormai programmata, prevedibile. *** Le roi se meurt di Eugne Ionesco tuttora un testo mirabile. Macabro e paradossale, metafisico e parossistico: recitato a una velocit impassibile e folle soprattutto da Juliette Carr, consorte anche nella vita del

protagonista Michel Bouquet, re moribondo Brenger 1, in una sala del trono vagamente dlabre, vagamente gotica. Fra questa vecchia regina, divertentissima oltre che finta seriosa e rapidissima, una regina giovane molto sentimentale, un medico di corte anche astrologo e carnefice. Tutto pieno di bachi, bruchi, ragnatele. Ma gi o non pi lora di colazione? E quanti decenni saranno passati, da allora? Quanti difetti e disturbi confusi nel palazzo cadente, poi. Ha inizio la cerimonia!. Ma qua-

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

PER SAPERNE DI PI www.comedie-francaise.f www.brunomondadori.com

51

DISEGNO DI TULLIO PERICOLI

Il saggio di Bazzocchi sulle mutazioni degli anni 60 tra arte ed etnografia

LO SBARCO SULLA LUNA VISTO DALLA PROVINCIA


VALERIO MAGRELLI
tins de Paris hanno trionfato portando anche in Italia tanto Kitsch e camp e vintage e rtro che nel Sudamerica ha sempre abbondato, con eccessi e successi di conghe e milonghe e tanghi, amapole, violetere, Carmen Miranda con tacchi e turbanti parossistici. Uno dei protagonisti fu sempre Alfredo Arias, che adesso si produce al Petit Montparnasse in un minuscolo doppio allestimento di Buenos Arias, presentando parodie di vecchio music hall con Hermanas e Cinelandia. Cos, mentre appaiono autentiche le nostalgie per le radici - film anni Trenta su schermi balneari stracciati dal temporale una rievocazione della allora diva Libertad Lamarque pu risultare analoga a una celebrazione satirica di Leda Gloria, Giuditta Rissone, Paola Barbara. Fiori di veleno e Lasciati baciare o Comprami un gelato, in memoria di Mina e Patty Pravo mancano concretamente di se mi baci ti do il mio veleno o una rosa scarlatta sul seno, mentre la caricatura di Cathy Berberian non funziona in tunica corta a pieghine, senza acconciature e parrucche fantastiche. Del resto, un balletto per te, in memoria delle gemelle televisive Kessler, con musiche registrate e loro severe e rigide spesso di profilo, risulta il contrario della classica parisienne disinvoltissima. Per, i francesi meno vecchi, cosa ne caverebbero? Arias appare come un anziano Aroldo Tieri, un po ironico e un po corrivo. Fa ancora il rapido giro delle capitali dello spettacolo: Parigi, Broadway, nonch lItalia. Sempre con un gusto camp preso molto sul serio. E tardi. Con le spiegazioni. Alberto Arbasino
RIPRODUZIONE RISERVATA

I personaggi
BOUQUET
Recita in Le roi se meurt di Eugne Ionesco con la moglie Juliette Carr

SEREYS
Lattore della Comdie in teatro con la recherche du temps Charlus

HIRSCH
adesso protagonista di Le Pre dellautore Florian Zeller

le? Ecco il pre-Alzheimer secondo Ionesco. (Ma vidi Michel Bouquet altrettanto tremolacchiante e bravissimo nella Prova inammissibile di John Osborne, mezzo secolo fa). Nel sedile accanto, nellintervallo, un ragazzino divora un romanzo seriale di Maurice Drouon. *** Il pi vispo tra questi ottantasettenni, Jacques Sereys della Comdie Franaise, molto beniamino del pubblico ammiccante e connivente, porge una

sceneggiatura elegante e dolcificata Du ct de chez Proust. In questa puntata, la recherche du temps Charlus, circa la seduzione della giovinezza, i mercoled di Mme Verdurin, le framassonerie tra uomini, Saint-Loup e Rachel e le poltrone Luigi XIV, assolutamente mancano le scene forti di Proust. Falsetti per le dame, piuttosto, e catarri che per forza rammentano il compianto Luchino Visconti. *** Per vari decenni les Argen-

el 1969 lo sbarco sulla luna fu salutato in molti modi, ma forse la reazione pi inattesa fu quella che Martin Heidegger affid a una delle sue rare interviste. Davanti alle prime immagini del nostro pianeta raccolte dal satellite, il filosofo tedesco comment: Non so se voi abbiate avuto paura, ma io mi sono piuttosto spaventato vedendo la terra inquadrata dalla luna. Di fronte al dispiegarsi illimitato della tecnologia, queste parole esprimono un senso di totale spaesamento. Per la prima volta nel corso della storia, labitante del globo pot vedere dallesterno il proprio suolo, la propria casa, la propria immagine. Come davanti a uno specchio astronomico, pot scoprire uno sguardo dal di fuori, per dirla con il titolo di un testo in cui Alberto Boatto mise in luce tutta la violenza insita in una simile inversione prospettica. IL LIBRO Nasce da questi interrogativi il saggio di Adriano Bazzocchi, LItalia vi- LItalia vista sta dalla luna (Bruno Mondadori, pagg. 147, euro 16). Se il riferimento pi dalla Luna di Adriano immediato il Pasolini di La Terra le al cinema subentrano la letteratu- Bazzocchi vista dalla Luna (lepisodio inserito ra, la critica darte, la pittura e lan- (Bruno nel film collettivo del 1967 Le Streghe), altre sono le opere dellautore tropologia. Pur continuando a occu- Mondadori, parsi di registi (con Visconti e Anto- pagg. 147, esaminate da Bazzocchi: La rabbia (dove compare un astronauta sonioni), ora lo studio si sofferma su euro 16) vietico che guarda da un obl il noLonghi, Testori, Arcangeli, Morandi, stro pianeta) e Mamma Roma (in Morlotti, Guttuso, e soprattutto su cui la Magnani diventa lincarnaDe Martino, Soldati, Carlo Levi. zione di una Roma arcaica, popolaSaranno questi ultimi a scendere re, animalesca). Ad esse viene depi a fondo nel cuore dellItalia, ridicato un bel capitolo, che si soffercorrendo agli strumenti delletnografia (grazie a capolavori come ma prima sulloriginale uso del montaggio, insieme severo e elegiaMorte e pianto rituale), della divulco, poi sul rivoluzionario impiego gazione televisiva (magari per soddella colonna sonora, capace di fare disfare forme di autobiografia convivere Bach con Violino tzigano. Tuttavia, il regista che occupa pi spazio risulta Fellini, cui sono consaIl regista che occupa pi spazio crate due sezioni su cinque. Dopo un Fellini. Il suo film conclude capitolo su La dolce vita, ne abbiamo la vicenda allegorica del nostro infatti un altro su La voce della luna, satellite, compiendo un processo ultima pellicola del regista e suo testamento visivo. In certo modo il che va da Dante a Leopardi film conclude la vicenda allegorica del nostro satellite, portando a comsentimentale e gastronomica) o pimento quel processo di reificaziodel romanzo (come nel caso di Crine che va da Dante a Leopardi. A lunsto si fermato a Eboli). Tra i primi go percepito come organismo viesploratori di un mondo altro vente, faccione che Mlis acceca dentro il mondo italiano, saranno con un razzo allalba del cinema loro a porsi nuove domande: Co(1902), il corpo celeste conserva me entrare in rapporto con i nativi? sembianze umane e femminili anCome conoscere modelli di penche per il maestro romagnolo, ma siero alternativi a quello razionale? solo per chiamare a piena la voce: In che modo rappresentare condiPubblicit! zioni di vita del tutto opposte a Fin qui il percorso indicato nel tiquelle del mondo borghese motolo del volume di Bazzocchi. Eppudernizzato?. re, una volta saggiata la distanza spaLa vera luna, ormai, andava cercaziale e culturale legata alla conquista ta in Lucania o nella pianura padana: delle stelle, la luna abbandonata a un universo ignoto, un microcosmo favore della provincia italiana. A queimmobile nel tempo. sto cambiamento di obbiettivo, ne corrisponde un altro, in base al qua RIPRODUZIONE RISERVATA

Lautore ha firmato un contratto da 15 milioni di sterline per inventare solo trame e protagonisti

WILBUR SMITH, PAGATO PER NON SCRIVERE


LONDRA Non sono male 15 milioni di sterline (18 milioni di euro) per scrivere sei libri. Ma ancora meglio sono 15 milioni di sterline per non scriverli. E il curioso contratto firmato da Wilbur Smith, uno dei pi famosi autori di best-seller al mondo, con la sua nuova casa editrice HarperCollins. L80enne scrittore, che ha venduto 120 milioni di copie in 26 lingue, ha raggiunto un accordo per altri sei romanzi, dei quali per dovr soltanto delineare trama e personaggi: a scriverli penseranno i ghost writer o i co-autori selezionati da lui insieme al suo agente e alleditore. Liniziativa non senza precedenti: altri campioni di best-seller fanno lo stesso, come Tom Clancy, lautore di La grande fuga dellOttobre Rosso e innumerevoli altri libri ma pure di formati televisivi, sceneggiature, videogiochi. Pare che Wilbur Smith non si fermer a sei volumi: secondo le indiscrezioni del Sunday Times, lautore avrebbe in mente idee per altri 30 o 40 trattamenti da trasformare in libri con laiuto di un team di collaboratori. Daltra parte, commentano i critici inglesi, non lo stile letterario che gli ha dato il successo, bens la capacit di inventare storie, solitamente sullo sfondo dellAfrica colonialista (sua grande passione) o dellantico Egitto, e personaggi che piacciono al pubblico. Il nuovo contratto, insinuano i maligni, sarebbe anche merito della sua quarta moglie, di 40 anni pi giovane, che potr cos godere per lungo tempo i diritti dautore dei nuovi libri scritti, anzi non scritti, da Wilbur Smith. Enrico Franceschini
RIPRODUZIONE RISERVATA

LO SCRITTORE
Wilbur Smith ha venduto circa 120 milioni di copie con i suoi romanzi

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

LE
52

MOSTRE

DI REPUBBLICA

LO STUDIO Alessandro e Campaspe nello studio di Apelle

Alla Villa Manin di Passariano, Udine, dal 15 dicembre pitture e disegni ripercorrono lattivit di uno degli artisti pi amati dallaristocrazia europea del Settecento

TIEPOLO
CLAUDIO STRINATI PASSARIANO (Udine) urata da Giuseppe Bergamini, Alberto Craievich e Filippo Pedrocco, la mostra su Giambattista Tiepolo alla Villa Manin di Passariano tra le pi importanti esposizioni organizzate questanno in Italia. La sede in s memorabile. Edificata nel Seicento divenne la dimora dellultimo Doge di Venezia, Ludovico Manin, cacciato nel 1797 da Napoleone Bonaparte. Bella e carica di memorie, profondamente connessa al Tiepolo cui fu gi dedicata una bella mostra nel 1971. Ed ecco di nuovo Tiepolo torna in questa regale dimora con la necessaria visita a Udine, a due passi da qui, dove giovanissimo lasci i primi grandi saggi del suo pennello nel Palazzo Patriarcale, oggi Museo Diocesano. Oltre sessanta dipinti e oltre settanta disegni delineano tutta la vicenda del maestro, per riaccostarsi a un grande pittore, definito come uno dei pi grandi pittori di tutti i tempi. Ma valida questa indicazione? Tiepolo (1696-1770) cos importante? O, invece, ormai lontano dalla nostra sensibilit? quindi dalle mode del momenLa migliore risposta proprio to con una indubbia componella mostra odierna, sulla base nente di caducit e inevitabile dellimpostazione con cui sta- superficialit profusa negli inta pensata e realizzata. Tiepolo numerevoli affreschi, pale dalemerge qui come artista grande e legato al suo tempo in modo pi complesso e problematico Piega le sue doti di quanto una ricognizione su- rimarchevoli perficiale potrebbe indurre a pensare, interpretandolo come alla creazione simbolo del pittore della classe di un autentico dirigente. Larga parte della sua linguaggio prolifica attivit, effettivamente, consiste nella celebrazione delle famiglie nobili, dei re- tare, opere sacre e profane. Che fosse sorretto, per, da gnanti, delle personalit di massimo spicco politico e am- una mano benedetta dal cielo ministrativo sparse un po in fuori discussione e basta esamitutta lEuropa, dipendente nare i meravigliosi disegni che

IL MAESTRO CHE DIPINGEVA LINFINITO DEL CIELO E I POTENTI DELLA TERRA

ABRAMO
Abramo visitato dagli angeli

la mostra presenta per farsene unidea chiara. Tiepolo un disegnatore infallibile e fluente, come Raffaello Sanzio o Pablo Picasso. La qualit del tratto eccelsa e la materia pittorica da lui inventata poi pressoch incomparabile, da collocare ai livelli massimi. Quello che hanno fatto Piero della Francesca nel Quattrocento, Rosso Fiorentino nel Cinquecento, Caravaggio nel Seicento; Tiepolo lo fa nel Settecento. Ha reinventato la tecnica pittorica formulando una tipologia e una struttura del colore e della costruzione dellimmagine che sono invenzione sua e solo sua. Certo lo possiamo paragonare agli altri del suo tempo iscrivendolo nella tradizione tipica dei pittori barocchissimi che dilatano lo spazio a dismisura e popolano il

cielo di infinite figure, librandosi verso un mondo ipotetico di utopistica bellezza. Ma tutto questo apparenza. Larte del Tiepolo si basa certamente su precedenti, modelli, pregiudizi e luoghi comuni, ma consiste soltanto nella peculiarit assoluta e profonda del suo stile. La mostra, allora, fa vedere Tiepolo per quello che veramente: artista prodigioso e incomparabile che piega le sue doti rimarchevoli alla creazione di un autentico linguaggio artistico che prescinde largamente dagli scopi per i quali stato attivato. Bisogna pensare a come si chiama. Tiepolo il cognome di una nobile famiglia veneta e Giambattista stato il pittore della nobilt per antonomasia, facendo della propria arte una cerimonia di carattere teatrale

Informazioni utili
Giambattista Tiepolo, Villa Manin, Passariano di Codroipo (Udine) dal 15 dicembre al 7 aprile 2013. A cura di G. Bergamini, A. Craievich, F. Pedrocco. Organizzazione: Azienda Speciale Villa Manin. Orari: da luned a venerd 9-18; sabato, domenica e festivi 9-19; 25 dicembre 14-19; 31 dicembre 9-14; 1 gennaio 11-19. Biglietti: intero 10 euro; ridotto 8 e 6. Informazioni: telefono 0432-821210; fax 0432-821229

PER SAPERNE DI PI www.villamanin-eventi.it www.musdioc-tiepolo.it www.studioesseci.net

53

IL BANCHETTO
Banchetto di Antonio e Cleopatra

Lanalisi

Il rapporto con lo scrittore a caccia di capolavori per le corti

I QUADRI-RICORDO PER ALGAROTTI LAGENTE DEI RE


CARLO ALBERTO BUCCI
iuro che mi sarebbe pi caro star un giorno in compagnia sua e parlare di pittura che tutti li divertimenti di questa villa, che mi creda non pochi. Cos Giambattista Tiepolo scrive a Francesco Algarotti, autore nel 1762 del trattatello Sopra la pittura, auspicando nuovi incontri ed ennesime discussioni sui temi dellarte che erano cari ad entrambi. Il pi grande, e radicato in Laguna, dei pittori veneziani del Settecento era in rapporti non solo intellettuali con il pi brillante, e girovago, dei pensatori di Venezia. Li teneva uniti, innanzitutto, il mercato. Al rapporto tra Tiepolo pittore e Algarotti, press agent presso i maggiori collezionisti dEuropa, dedicata una sezione della mostra a Villa Manin, a Passariano. Quattro quadri e sette incisioni stanno a rappresentare lintesa, apparentemente impossibile, tra Tiepolo, il genio del rococ, e Algarotti, il cantore dello stile antagonista, quel classicismo incarnato dallopera di Andrea Palladio, studiato sulle ville nel Vicentino e filtrato dal palladianesimo inglese. La mano sporca di colore, inchiostri e grafite dellartista che 1740 aveva lasciato Venezia per affrescare il soffitto di palazzo Clerici a Milano, arriv addirittura ad incrociarsi con quella elegante e profumata del cortigiano che nel 1743, dopo il tour da Parigi a Londra, dalla Russia alla Prussia, era tornato a Venezia, proveniente da Dresda, per fare acquisti su commissione del suo padrone, Augusto III di Sassonia, re di Polonia. A quattro mani, e a doppia firma, infatti IL RITRATTO un Pulcinella del Mu- Ritratto di Antonio seo Correr di Venezia. Riccobono Si tratta di una delle prime volte che Tiepolo affronta il tema della Lintesa impossibile maschera napoletana tra il genio rielaborato anche nel dipinto nella Cucina di del rococ Pulcinella (ora a Maid- e il cantore dello stone, Leeds Castle stile antagonista Foundation) e poi ripreso dal figlio Giandomenico in una serie portentosa di affreschi e tele. E lo fa, appunto, accompagnando il tratto grafico da dilettante di Algarotti. Con il pi giovane amico (Giambattista del 1696, Francesco del 1712), il maestro che poi affrescher le corti di Wrzburg e di Madrid (dove mor nel 1770) realizza altre sei incisioni su stagno: si tratta di studi di espressione, e di elementi classici, conservati nelle raccolte civiche di Venezia e dati in prestito per la mostra di Villa Manin. Oltre alle carte, il feeling tra i due rimasto impresso negli olii. Giunto in Laguna con lincarico di ampliare e aggiornare la quadreria di Dresda, Algarotti si rivolge a quello che il conte Tessin aveva definito e celebrato come seguace di Veronese. La pittura chiara e gli scorci arditi del maestro manierista del Cinquecento continuavano a splendere nel gusto illuminista delle corti europee. E se Tessin, ambasciatore del re di Svezia, inutilmente aveva tentato di trascinare con s Tiepolo alla corte scandinava (tornandosene a casa per con la Danae oggi allUniversit di Stoccolma), Algarotti pensa solo a chiedergli quadri per Augusto III e per il potente ministro Bhrle. Nascono cos le tele del Tiepolo Flora, Mecenate presenta le arti ad Augusto, il Banchetto di Antonio e Cleopatra. O come Diana e Atteone, dove il tema delle metamorfosi di Ovidio, affrontato nel Cinquecento da Tiziano in chiave tragica, viene rielaborato ed edulcorato con eleganza tutta settecentesca. Il dramma di Atteone mutato in cervo e sbranato dai cani della dea ormai, visivamente e concettualmente, sullo sfondo. Domina la scena la nudit lunare di Diana e delle sue ancelle, olimpico gineceo che Atteone aveva incautamente violato con lo sguardo pagando con la vita il suo gesto voyeuristico. A questo cambiamento di gusto e di registro poetico partecip Algarotti che, ottenute le tele per i suoi signori, volle per la propria collezione un bozzetto. Ebbe insomma da Tiepolo quadri-ricordo di opere che non sarebbero mai state dipinte, n esportare, senza la sua mediazione, intellettuale e commerciale. La firma di Algarotti, stavolta, non impressa nella matrice tiepolesca. Ma negli olii limpronta del suo edonismo altrettanto incisiva.

DANAE
Il mito di Danae

MECENATE
Mecenate presenta le arti ad Augusto

LE SABINE
Il ratto delle Sabine

ALLEGORIA Il Tempo scopre la Verit


trascritta, sulla base dellinsegnamento del cinquecentista Paolo Veronese, nelle forme di una fastosa scena dove i personaggi si presentano alteri, incarnando le parti loro prescritte dalla committenza, formulati dal pittore con facilit e magniloquenza. Tutti sono splendidi, superbamente abbigliati e padroni di s, promananti un senso di superiore posizione nella societ che porta lindividuo (un santo, una nobildonna, un eroe mitologico, un personaggio storico, un capace esponente della classe borghese) a esibire quella puzza sotto il naso che contraddistingue chi tende a sentirsi al vertice del potere. Ma il fatto che Tiepolo era pure perfettamente conscio del contrario. Si chiamava Tiepolo ma sapeva bene di non appartenere affatto alla nobile famiglia di tal nome. Era solo unomonimia. La famiglia sua era borghese e neanche tanto abbiente ma impar presto cosa possa significare portare in s una tale ambiguit, perch il tratto regale Giambattista ce laveva per natura cos che lattitudine a dipi arguti e spiritosi che abbiano mai praticato la professione del pittore. Rappresenta, quindi, quello che gli viene chiesto ma mai disgiunto da ci che sente profondamente con uno scarto, supremamente colto e sincero, di ironia, di convinto amore per la verit e la semplicit essenziale delle cose della vita, e con una moderazione e un equilibrio stilistico che ne fanno un miracolo di autocoscienza e di umanissima consapevolezza. Basta vedere come rappresenta se stesso nel corso della vita, inserito nei contesti sacri e profani che viene dipingendo a cominciare dalle storie bibliche nellArcivescovado di Udine, tra i pi grandi capolavori della storia della pittura occidentale, fino alla reggia di Wrzburg, apoteosi del Barocco in s e per s. Tesse una favola bella e commovente di amore per gli aspetti pi intimi e segreti della vita, un continuo stupore di stare a questo mondo proprio per descriverlo e capirlo, dove la concreta umilt dello stile nutre il pi sfarzoso degli eloqui pittorici mai realizzati. E in mostra lo si vede, dai mirabili pennacchi della chiesa dellOspedaletto, ai soffitti maestosi come quello di Villa Cordellina, fino alle immani pale daltare come la santa Tecla di Este. Fasto, successo, mondanit sono i contenuti che coprono e svelano i messaggi segreti dellartista, dal desiderio di sentirsi a proprio agio nella vita, alla speranza di trovare rassicurazione e conforto nelle gioie dellamore e dellamicizia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Rappresenta quello che gli viene chiesto, ma mai disgiunto da ci che sente
pingere i vincenti e gli spocchiosi gli apparteneva senza problemi. Poteva farlo meglio di chiunque altro e lo fece. Ma era, in realt, uno degli uomini

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

56

SPETTACOLI
Quello che so sullamore in sala dal 10 gennaio stato stroncato in Usa Il regista, 30 chili di pi per lo stress, fa un amaro bilancio dei 6 anni a LosAngeles

&TELEVISIONE

(segue dalla prima pagina)

DAL NOSTRO INVIATO CURZIO MALTESE NEW YORK l film sar in Italia dal 10 gennaio col titolo Quello che so sullamore. Cast da paura, dal nuovo sex symbol, lo scozzese Gerard Butler a Jessica Biel, Uma Thurman, Catherine Zeta-Jones, Dennis Quaid. Ha incassato sei milioni di dollari nel primo week end, non proprio un flop, ma neppure un successo, soprattutto per uno che con gli ultimi due titoli aveva incassato mezzo miliardo in giro per il mondo, pi di quanta accada a un bravo regista italiano in molte vite. La critica lha stroncato quasi allunanimit, con punte di perfidia del Los Angeles Times: Un film che non c alcuna ragione di vedere, a meno che non vogliate fare sesso con Gerard Butler. In realt Quello che so sullamore un caso esemplare di come Hollywood uccida il talento. La storia sarebbe originale e interessante,

Gabriele Muccino Cos Hollywood ha distrutto il mio talento

quella di un ex calciatore scozzese che finisce male una grande carriera nel campionato di soccer americano, perde tutto, ma decide di riconquistare lunica cosa in cui ancora crede, lamore per la moglie e il figlio. Una storia dolente di sogni americani e disillusioni, caos familiari, un romanzo di formazione di un quarantenne che ha rinviato la stagione della maturit inseguendo le parabole di un pallone. Soltanto che da un certo punto in poi il film prende la piega imposta dalle majors di un episodio di lusso di Desperate housewives, con Uma Thurman e Catherine Zeta-Jones, nellinconsueto ruolo di mogli frustrate, a caccia grossa del bel Gerard. Il prevedibile finale non quello aperto immaginato dallautore. E allora, che cosa successo? La prima risposta Muccino la mette sotto gli occhi, mentre viene incontro nella hall dellalbergo di Manhattan. Trenta chili in pi di stress, laria lisa di un reduce. Sembra lo stanco zio dAmerica del trentenne felice e sconosciuto dei tempi di LUltimo bacio. Succede che sono venuto qui a fare il gladiatore e non ero attrezzato. Con Will Smith era una passeggiata, mi lasciava libero di girare come volevo. Qui ho capito che cos davvero Hollywood, unindustria spietata dove la gente racconta balle dalla mattina alla sera. Contano solo i grafici, i test, il marketing, il profitto. Lerrore stato forse illudersi di portare le sfumature agrodolci e artigianali della commedia allitaliana nella fabbrica mondiale dei generi cinematografici. S, qui i generi sono ferrei, si applicano protocolli. Il nostro modo di concepire la commedia oltre le co-

IL FILM
Quello che so sullamore: un cast stellare con Gerard Butler, Jessica Biel, Catherine Zeta-Jones, Dennis Quaid, Uma Thurman

lonne dErcole, come pretendere dimporre il divieto delle armi in Louisiana. Se ti impacchettano il film commedia sentimentale si aspettano che accadono certe cose, sempre le stesse. Monicelli, Risi, Scola per la commedia americana sono arte davanguardia. Ho capito perch Woody Allen ormai gira soltanto in Europa. Nel mezzo dello sfogo, compare allimprovviso Bruce Willis, qui per una prima. Lo saluta con calore, lo riempie di complimenti. curioso sentir parlare cos di Hollywood un regista italiano quarantenne che ha coronato il sogno di molti colleghi europei: adorato dalle star, si permesso perfino il lusso di rifiutare proposte faraoniche, come girare il terzo episodio della saga di Twlight. In fondo lAmerica riconosce il talento. Lo riconosce e lo insegue, vero, ma come il leone insegue la gazzella, per sbranarla. Uno simmagina che arrivato a questo punto, il difficile sia dirigere Butler o Uma Thurman o Jessica Biel o Dennis Quaid, e invece quello stato un gioco. La fatica fuori dal set, nellarena dello show business. Non c rispetto per lintelligenza del pubblico. Se devo fare un bilancio dopo sette anni e tre film, devo dire che ho imparato una marea di cose, come regista e uomo. Ma forse ero pi sereno quando avevo di meno. Oggi vola a Roma. Non vedo lora. Nel futuro immediato due progetti, uno americano e uno italiano, dovr scegliere. Sono comunque ormai con un piede qui e uno dallaltra parte delloceano. Uno sradicamento estremo anche per uno come lui. Ma non ho rinunciato allidea di portare qualcosa dellAmerica da noi e viceversa. Che cosa manca al cinema italiano per superare il fatale confine di Chiasso? La voglia di farlo davvero. Abbiamo ancora talento. Manca forse la scrittura, la mia generazione non ha avuto Age e Scarpelli. A parte questo, rimaniamo una societ chiusa, diffidente del mondo. Il berlusconismo stato questo, unanomalia ostinatamente provinciale, masche-

Un sacco di balle

Sono venuto qui a fare il gladiatore e non ero attrezzato. Ora so cosa la fabbrica del cinema, unindustria spietata dove la gente racconta balle dalla mattina alla sera
LItalia

Non vedo lora di tornare a Roma Far ancora un po qua e un po l dalloceano. Noi abbiamo prodotto tanti capolavori: Monicelli, Risi, Scola... sono il futuro, non il passato

RABBIA
Gabriele Muccino, 45 anni, ingrassato 30 chili per lo stress accumulato col nuovo film Quello che so sullamore

rata di modernismo. Nei suoi film sempre nascosto un modello classico del cinema italiano. I Vitelloni dietro LUltimo Bacio, Bellissima per Ricordati di me, il rapporto fra padre e figlio di Ladri di biciclette per La ricerca della felicite anche Quello che so sullamore. Nessun cinema ha prodotto tanti capolavori concentrati nel tempo come il cinema italiano fra il dopoguerra e gli anni Sessanta. Sono anche storie attuali? No, sono pi che attuali, sono avanti. Per me guardare ai nostri classici non significa guardare al passato, ma al futuro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Festival

Il cult di Spielberg

la Repubblica

San Marino premia Sophia Loren


Dedicata a Tonino Guerra la prima edizione del San Marino Film Festival. Per lapertura questa sera nel nuovo Palazzo del cinema verr premiata anche Sophia Loren.

E.T. restaurato torna nei cinema italiani


Torna nei cinema italiani dopo trentanni il film E.T. Lextraterrestre, il cult di Steven Spielberg nel 1982 da oggi in versione restaurata nelle sale The Space Cinema.

LUNED 10 DICEMBRE 2012

57

Zucchero: Non perdiamo la tenerezza e incanta Cuba col blues e le parole del Che
DAL NOSTRO INVIATO RITA CELI LAVANA un sogno che si avvera per Zucchero Fornaciari, ma anche un evento speciale per Cuba il concertone che sabato sera il musicista italiano ha tenuto a LAvana davanti a 40mila persone. Tre ore di musica, grazie anche allautorizzazione, per la prima volta a Cuba, di poter utilizzare audio, luci, video, scenografie arrivate dallItalia, otto container zeppi di materiale giunti a Cuba dopo 40 giorni di navigazione. Insieme allattrezzeria Zucchero ha portato sullisola la sua miscela di blues, rock, soul lasciandola contaminare dai suoni e dai musicisti cubani, gli stessi con cui ha realizzato il suo nuovo disco, La Sesin Cubana, registrato allAvana: dalla trascinante Nena, il brano che apre lalbum, ai classici del suo repertorio contaminati dai suoni dellisola come Baila, Cos celeste, Lurlo, fino alla versione italiana di Guantanamera. Una festa della musica (che sar trasmessa su Rai2 l8 gennaio) preceduta da sei mesi di preparazione, e dalla speranza nata 22 anni fa, allindomani della celebre esibizione al Cremli-

La cantante

La cantante Adele

IL SOGNO
Zucchero Fornaciari sul palco dellAvana in concerto davanti a 40mila persone: Per me come un sogno che si realizzato: ci pensavo da 22 anni

rata, con Laritza Baccallao, con Equis X Alfonso, per chiudere con David Bianco. Durante la serata Zucchero ha voluto rendere omaggio anche a John Lennon nellanniversario della sua scomparsa dedicandogli Spicinfrin boy, ma stata soprattutto la gente e il popolo di Cuba il destinatario di questo concerto. Per questo il bluesman non intende replicare a chi dallItalia lo ha criticato per aver suonato a Cuba senza pensare ai dissidenti: Sono cose gratuite

Adele, multa per il figlio non registrato


ROMA Multata perch non ha ancora iscritto allanagrafe suo figlio. quanto si prospetta per Adele, neo-mamma. La cantante rischia una sanzione pecuniaria pari a mille sterline per aver superato il limite previsto dei 42 giorni per la registrazione del proprio bambino. Il figlio della cantante inglese e del compagno Simon Konecki nato il 19 ottobre, quindi ben 51 giorni fa. A riportare la notizia il quotidiano inglese The Sun, al quale gli ufficiali hanno confermato che n Adele n il fidanzato hanno rispettato lappuntamento per la registrazione. Molto probabilmente si trattato di una svista fa sapere una fonte del giornale, si spera che la polizia non vada a bussare a casa della coppia.

AllAvana in 40mila per ascoltare il rocker italiano in concerto con i brani dellultimo album la Sesin Cubana , i duetti con artisti locali e i vecchi successi
no, l8 dicembre del 1990. Ho aspettato tanto tempo ma forse stato meglio cos, dice Zucchero esausto al termine del concerto. Lorganizzazione andata avanti tra mille difficolt ma il risultato stato un concerto come lo avrei fatto in Italia o in Europa. A 57 anni posso anche permettermi di rischiare, ma per noi che labbiamo vissuta stata una missione impossibile. A cominciare dal reperimento del luogo del concerto poi trovato nellInstituto de Arte. Ma la vera sorpresa stato il pubblico- continua il musicista di Roncocesi Non cerano manifesti per le strade dellAvana, il concerto era stato annunciato alle radio e tv locali, ma stato il passaparola a portare il pubblico superando ogni aspettativa. I cubani hanno ballato sulle note di Overdose, Con le mani e Diavolo in me ma che ha anche apprezzato lAve Maria no morro, una canzone popolare portoghese che ha voluto dedicare ai familiari delle vittime delluragano a Santiago. Cos come tra i pezzi pi applauditi stato il Miserere introdotto dal pianista Frank Frnandez. Dopo di lui altri si sono uniti in inediti duetti in spagnolo: con Buena F, che aveva aperto la seper alzare il polverone. Erano 22 anni che aspettavo questa serata e lho voluta dedicare al popolo cubano, per la sua storia, la cultura e la musica di questa isola. Per questo dal palco ho citato il Che: Dobbiamo rafforzarci senza mai perdere la tenerezza. E per il futuro c un altro sogno: un disco e un concerto con Ennio Morricone.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

R2PROGRAMMI
LEPOPEA DI FELICE GIMONDI CHIUDE LE SFIDE

PER SAPERNE DI PI www.la7.it www.sfide.rai.it

59

LINFEDELE Gad Lerner chiude il programma parlando di governo in crisi e di lotta alla povert. Tra gli ospiti Susanna Camusso (Cgil), il ministro Elsa Fornero e il cardinale Angelo Scola. La 7 - 21.30 RAI 1
6.45 Unomattina: Allinterno: Che tempo fa / 7.00-8.009.00-10.00 Tg1 / 7.30 Tg 1 L.I.S. / 7.35 Rai Parlamento Telegiornale / Che tempo fa / 9.05 I Tg della storia / 9.30 Tg1 Flash 10.00 Unomattina Occhio alla spesa 10.25 Unomattina Rosa 10.55 Che tempo fa 11.00 Tg1 11.05 Unomattina Storie vere 12.00 La prova del cuoco - conduce A. Clerici 13.30 Telegiornale 14.00 Tg1 Economia 14.10 Verdetto finale 15.15 La vita in diretta. Allinterno. 16.50 Rai Parlamento Telegiornale / 17.00 Tg1 / 17.10 Che tempo fa 18.50 Leredit - con C. Conti 20.00 Telegiornale 20.30 Affari tuoi - conduce M. Giusti 21.10 Lisola, con Blanca Romero, Marco Foschi, Simone Montedoro, Alexandra Dinu, Andrea Giordana Tg1 60 Secondi 23.15 Porta a Porta 0.50 Tg1- Notte 1.20 Che tempo fa 1.25 Sottovoce 1.55 Real School 2.20 Mille e una notte Film: La forza dellamore - di Leigh Jason, con Barbara Stanwyck

ltima puntata di Sfide (RaiTre 22.40). Il programma di Simona Ercolani, condotto da Alex Zanardi, si chiude con una storia romantica, epica, dal sapore d'altri tempi: quella di Felice Gimondi, protagonista silenzioso delle due ruote e sportivo rispettato dai compagni e dagli avversari. In occasione dei suoi settantanni, Sfide lo racconta da vicino, con interviste inedite del campione e con i protagonisti del ciclismo degli anni Sessanta. Dal tour vinto nel 1965

(strappato al rivale Raymond Poulidor) al giro del 1967 rivaleggiato con Gianni Motta e poi vinto, fino agli epici duelli con Eddy Merckx, considerato il ciclista pi forte di tutti i tempi e suo eterno rivale. La puntata si chiude con lultimo trionfo al giro dItalia nel 76, quando ormai sul viale del tramonto Gimondi mantiene la promessa fatta a se stesso: tornare a vincere. A 34 anni, si concede una straordinaria vittoria in una gara a tappe superando in volata i rivali Merckx, Baronchelli e Moser.

CAMPIONE
Felice Gimondi protagonista di Sfide

RAI 2
6.00 6.20 6.40 8.45 9.30 10.00 11.00 13.00 13.30 13.50 14.00 14.45 15.30 16.15 17.00 17.45 17.50 18.15 18.45 19.35 20.30 21.05 22.40 23.25 23.40 0.30 1.00 1.10 1.15 1.55 3.35 4.10 5.40 Due uomini e mezzo - Tf Tutti odiano Chris - Tf Cartoon Flakes La Signora del West - Tf Sorgente di vita Meteo2 Tg2 Insieme I fatti vostri - con G. Magalli, A. Volpe, M. Cirillo Tg2 Giorno Tg2 Costume e Societ Medicina 33 Seltz Senza traccia - Tf Cold Case - Tf Numb3rs - Tf Las Vegas - Tf Tg2 L.I.S. Meteo2 Rai Tg Sport Tg2 Squadra Speciale Cobra 11 - Tf Il commissario Rex - Tf Tg2 20.30 N.C.I.S. Los Angeles - Tf Cold Case - Tf Tg2 Talenti dItalia Protestantesimo Rai Parlamento Telegiornale Meteo 2 Harpers island - Tf Vento di Ponente Videocomic Universit telematica Videocomic

RAI 3
6.30 7.00 7.30 8.00 9.00 10.00 10.10 11.00 11.25 11.30 12.00 12.25 12.45 13.10 14.00 14.20 14.50 15.00 15.05 15.10 16.00 17.40 18.10 19.00 19.30 20.00 20.10 20.35 21.05 22.40 0.00 0.10 1.05 Il caff di Corradino Mineo Tgr Buongiorno Italia Tgr Buongiorno Regione Agor Agor Brontolo Spaziolibero Rai 150 anni. La Storia siamo noi Codice a barre Tg3 Minuti Buongiorno Elisir Tg3 / Meteo3 Tg3 Fuori Tg3 Le storie - Diario italiano Lena, amore della mia vitaTf Tg Regione Tg Regione Meteo Tg3 / Meteo3 Tgr Leonardo Tg3 L.I.S. Tgr Piazza Affari La casa nella prateria - Tf Cose dellaltro Geo Geo & Geo Meteo3 Tg3 Tg Regione / Tg Reg. Meteo Blob Comiche allitaliana Un posto al sole Che tempo che fa del luned - con F. Fazio Sfide Tg3 Linea Notte Tg Regione / Meteo3 Fuori orario. Cose (mai) viste Film: Notti rosse - di G. Franju, con J. Champreux RaiNews

CANALE 5
6.00 Prima pagina 7.55 Traffico / Meteo5 /Borse e Monete 8.00 Tg5 Mattina 8.40 La telefonata di Belpietro 8.50 Mattino Cinque 10.00 Tg5 - ore 10 10.05 Mattino Cinque 11.00 Forum 13.00 Tg5 Meteo5 13.40 Beautiful - Tf 14.10 Centovetrine 14.45 Uomini e Donne 16.20 Pomeriggio Cinque - conduce B. DUrso 18.00 Tg5 Minuti 18.05 Pomeriggio Cinque - conduce B. DUrso 18.50 Avanti un altro! - con P. Bonolis 20.00 Tg5 Meteo5 20.40 Striscia la notizia - La voce dellinsolvenza 21.10 Film: La custode di mia sorella - di Nick Cassavetes, con Cameron Diaz, Alec Baldwin 23.30 Film: Codice donore - di R. Reiner, con Tom Cruise, Demi Moore, Jack Nicholson 2.30 Tg5 Notte Meteo5 3.00 Striscia la notizia (r) 3.50 Uomini e donne 5.00 Media Shopping 5.15 Tg5 Notte (r)

ITALIA 1
6.40 Cartoni 8.45 ER - Medici in prima linea Tf (due episodi) 10.30 Rookie Blue - Tf (due episodi) 12.10 Cotto e mangiato - Il men del giorno 12.25 Studio aperto Meteo 13.00 Sport Mediaset 13.40 Futurama - Tf 14.10 I Simpson - Tf 14.35 Cartoni 15.00 Fringe - Tf 15.50 No Ordinary Family - Tf 17.40 Buona fortuna, Charlie Sitcom 18.30 Studio Aperto Meteo 19.20 C.S.I. - Scena del crimine Tf (due episodi) 21.10 Colorado - con Belen Rodriguez, Paolo Ruffini 23.45 Led Zeppelin - Celebration Day 1.20 Undici - con P. Pardo 3.15 Sport Mediaset 3.50 Studio Aperto - La giornata 4.05 Media Shopping 4.20 Film: Luomo puma - di Alberto De Martino, con Walter George Alton, Donald Pleasence, Sydne Rome 6.10 Media Shopping

RETE 4
5.55 6.20 6.50 7.45 8.40 9.50 10.50 11.30 12.00 12.55 14.00 14.45 15.30 16.35 16.45 Tg4 Night News Media Shopping T.J. Hooker - Tf Miami Vice - Tf Hunter - Tf Carabinieri - Tf Ricette di famiglia Tg4. Allinterno: Meteo 4 Detective in corsia - Tf La signora in giallo - Tf Tg4 Telegiornale Meteo Lo sportello di Forum Rescue Special Operations - Tf Ieri e oggi in Tv Tvm: Agatha Christie: cianuro a colazione - di R. M. Lewis, con A. Andrews, D. Raffin Tg4. Allinterno: Meteo Tempesta damore - Telenovela Walker Texas Ranger - Tf Quinta colonna - con P. Del Debbio I bellissimi di R4 Film: Coraggio... fatti ammazzare - di C. Eastwood, con M. Currie, P. Drake Tg4 Night News LItalia che funziona Scene da un matrimonio Come si cambia Media Shopping Film: La stagione dei sensi - di M. Franciosa, con U. Kier, L. Belli Zig Zag

LA SETTE
06.00 Tg La7 meteo oroscopo traffico - Informazione 06.55 Movie Flash 07.00 Omnibus 07.30 Tg La7 09.55 Coffee Break, conduce Tiziana Panella con Enrico Vaime 11.00 L'aria che tira, conduce Myrta Merlino 12.20 Ti ci porto io in cucina con Vissani 12.30 I men di Benedetta (r) 13.30 Tg La7 14.05 Cristina Parodi Live, conduce Cristina Parodi 16.25 Movie Flash 16.30 Il commissario Cordier -Tf 18.20 I men di Benedetta, conduce Benedetta Parodi 19.15 G' Day, di Geppi Cucciari 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, conduce Lilli Gruber 21.10 L'infedele, conduce Gad Lerner - diretta. In contemporanea su La7.it 23.45 Omnibus notte 00.50 Tg La7 Sport 00.55 Madama Palazzo (r) 01.30 Movie Flash 01.35 La7 Doc "La strada romana: la via Flaminia" 02.30 La7 Doc "Hiroshima e Nagasaki" 03.25 Otto e mezzo (r)

DEEJAY TV
13.55 14.00 14.20 15.00 15.55 16.00 18.00 18.55 19.00 20.00 20.20 21.00 21.30 22.30 23.30 0.00 Deejay Tg Lorem Ipsum Shuffolato 3 e 1/2 Occupy Deejay Deejay Tg Occupy Deejay Felicity - Tf Deejay Tg Jack on tour 2 Lorem Ipsum Shuffolato 3 e 1/2 Fuori Frigo Revenge - Tf Deejay chiama Italia Late night whit the Pills Fuori Frigo

MTV
9.45 10.40 11.40 13.30 14.20 15.10 16.00 16.50 17.40 18.30 19.30 21.10 22.00 22.50 23.50 0.40 Teen Cribs Plain Jane: la nuova me Teen Mom Buffy lAmmazzavampiri Scrubs Geordie Shore Calciatori - Giovani speranze Friendzone: amici o fidanzati? 16 anni e incinta Randy Jackson presents Scrubs Jersey Shore Club Priv: Ti presento i Dogo Ridiculousness: Veri American Idiots Guy Code: Guida galattica per uomini veri South Park

18.55 19.35 20.30 21.10 23.55 0.00

1.10 2.20 2.30 3.10 3.50 4.10 5.35

3.00

SATELLITE

SKY

DIGITALE TERRESTRE

[servizio a pagamento]

RAI

cinema mattina

cinema pomeriggio

cinema sera

cinema notte

6.00 6.30 6.50 7.10 7.35 8.20 9.05 9.50 10.40 11.25 12.10 12.55 13.35 14.20 15.05 15.50 16.35 17.20 17.25 18.15 19.00 19.45 20.25 21.10 22.50 23.55 1.30 1.35 2.20 2.25 2.45

RAI 4
Maddechea La situazione comica Musiclife Entourage - Serie Tv Being Erica- Serie Tv One Tree Hill - Serie Tv Heartland - Serie Tv Star Trek- Tf Farscape - Serie Tv Babylon - Serie Tv Streghe - Serie Tv Supernatural - Serie Tv Medium - Tf Private Practice - Tf Being Erica- Serie Tv One Tree Hill - Serie Tv Streghe - Serie Tv Rai News Star Trek- Tf Farscape - Serie Tv Babylon - Serie Tv Supernatural - Serie Tv Medium - Serie Tv Film: Backwoods - di K. Serra, con G. Oldman, P. Cosidine Boardwalk Empire - Serie Tv Film: Sky Fighters - di G. Pires, con B. Magimel Appuntamento al cinema Mad Men - Serie Tv Rai News Weeds - Serie Tv Entourage - Serie Tv

PREMIUM

9.05 Natale a Rio - di N. Parenti Sky Cinema 1 HD 9.30 Superman II - di R. Lester Sky Cinema Hits HD 10.05 Soluzione estrema - di B. Schroeder Sky Cinema Max HD 10.35 I pompieri - di N. Parenti Sky Cinema Comedy 11.15 Lo straniero - di O. Welles Sky Cinema Classics 11.30 La vita facile di L. Pellegrini Sky Cinema Passion 12.35 Una moglie per pap - di J. Nelson Sky Cinema Family HD 13.00 Benvenuti a Cedar Rapids di M. Arteta Sky Cinema 1 HD

14.00 Missione eroica - I pompieri 2 di G. Capitani Sky Cinema Comedy 14.30 Spy Kids - di R. Rodriguez Sky Cinema Family HD 15.05 Cowboys & Aliens - di J. Favreau Sky Cinema Hits HD 15.35 Drunken Master II - di C. Liu Sky Cinema Max HD 16.50 Ligabue Campovolo - Il film di M. Salom Sky Cinema 1 HD 17.15 Il bambino e il poliziotto di C. Verdone Sky Cinema Comedy 18.55 X-Men - L'inizio - di M. Vaughn Sky Cinema Hits HD

21.00 Cenerentola a Parigi - di S. Donen Sky Cinema Classics 21.00 Rio - di C. Saldanha Sky Cinema Family HD 21.00 Fright Night - di C. Gillespie Sky Cinema Max HD 21.00 Cavalcando col diavolo di A. Lee Sky Cinema Passion 21.00 Grande, grosso e... Verdone di C. Verdone Sky Cinema Comedy 21.10 Lezioni di cioccolato 2 di A. Federici Sky Cinema 1 HD 21.10 Thor - di K. Branagh Sky Cinema Hits HD

22.45 Neverland - Un sogno per la vita di M. Forster Sky Cinema Family HD 22.50 Citt amara - di J. Huston Sky Cinema Classics 22.50 La missione di Clara Rinker di C. Gerolmo Sky Cinema Max HD 23.15 Cose da maschi di C. Koch Sky Cinema Comedy 23.25 Appuntamento sotto il vischio di G. Mendeluk Sky Cinema Passion 0.25 Sotto il vestito niente-L'ultima sfilata di C. Vanzina Sky Cinema Max HD

sport
20.55 Calcio: Bologna - Lazio Serie A Sky Sport 1 HD 20.55 Calcio: Bologna - Lazio Serie A Sky Supercalcio HD 21.00 Ep. 19 Icarus Replica Sky Sport 2 HD 21.05 Wrestling: This Week on WWE Pro Wrestling Differita EuroSport HD 21.05 London remix Replica Sky Sport Extra 21.30 Basket: Chicago Bulls - New York Knicks NBA Replica Sky Sport 2 HD 21.30 Scherma: Fioretto Femminile Olimpiadi 2012 Replica Sky Sport Extra 21.45 Wrestling: Vintage Collection Pro Wrestling Differita EuroSport HD 22.00 Pattinaggio figurato: Programma Libero Femminile ISU Grand Prix Series Replica Eurosport 2 22.15 Scherma: Fioretto Femminile Olimpiadi 2012 Replica Sky Sport Extra 22.45 Curling: Una partita Campionato Europeo Femminile Differita EuroSport HD 22.45 Calcio: Bologna - Lazio Serie A Replica Sky Sport 3 HD 23.00 Pallamano: EHF Euro 2012 Show Eurosport 2 23.00 (E' sempre) Calciomercato Sky Sport 1 HD 23.00 (E' sempre) Calciomercato Sky Supercalcio HD 23.15 Salto con gli sci: Coppa del Mondo Replica Eurosport 2 23.15 Ciclismo: Prova in linea Olimpiadi 2012 Sintesi Sky Sport Extra 23.25 Boxe: Italia - Ucraina World Series of Boxing Replica Sky Sport 2 HD 23.50 Tiro a segno: Pistola 10m Olimpiadi 2012 Replica Sky Sport Extra

9.55 La strada per Avonlea - Tf 10.45 Le sorelle McLeod - Serie Tv 11.30 Alice Nevers: professione giudice Miniserie 13.05 Le ragazze di Piazza di Spagna - Tf 13.35 Capri - Tf 14.30 Un medico in famiglia - Tf 15.25 Piloti 15.40 Appuntamento al cinema 15.45 Il maresciallo Rocca - Miniserie 17.30 Rai News 17.35 Perla Nera - Telenovela 18.25 Terra nostra - Telenovela 19.20 Incantesimo - Tf 20.15 Un medico in famiglia - Tf 21.10 Lispettore Coliandro - Miniserie 23.00 Tutti pazzi per amore - Serie Tv 0.55 Rai News 1.00 Film: Good Day For It - di N. Stagliano

17.30 Film: Sweet Charity - di B. Fosse, con S. Davis Jr. , S. MacLaine 19.30 Film: Il meraviglioso paese - di R. Parrish, con R. Mitchum 21.15 Film: Alamo gli ultimi eroi - di J. Lee Hancock, con D. Quaid 23.35 Drugstore 0.05 Film: Veronica Guerin - Il prezzo del coraggio - di J. Schumacher, con C. Blanchett, C. Farrell 1.40 Rai News Notte 1.45 Film: Angels in America - Cattive notizie - di M. Nichols, con Al Pacino, M. Streep, E. Thompson 2.45 Film: Breakfast on Pluto - di N. Jordan, con C. Murphy

13.30 14.15 15.05 15.35 16.05 17.00 18.15 18.20 18.35 19.25 19.55 20.40 21.15 22.15 23.10

RAI 5

20.00 Judo: -48kg femminile/-60kg maschile Olimpiadi 2012 Replica Sky Sport Extra 20.15 Ep. 3 Nissan The Quest Replica Sky Sport 2 HD 20.15 Ep. 44 Momenti di Golf Replica Sky Sport 3 HD 20.30 Sky Calcio prepartita Sky Sport 1 HD 20.30 Ep. 14 Adrenalinik Sky Sport 2 HD 20.45 Watts EuroSport HD 20.45 Golf: Nelson Mandela Championship PGA European Tour Replica Sky Sport 3 HD

MOVIE

8.30 Film: Il seme del tamarindo - di B. Edwards, con J. Andrews, O. Sharif 10.20 Appuntamento al cinema 10.25 Film: Fiume rosso - di H. Hawks, con J. Wayne, M. Clift 12.10 Film: In fuga col cretino - di A. Barberian, con G. Lanvin 13.55 Film: Game Change - di J. Roach, con E. Harris, J. Moore 15.55 Film: Cry Baby - di J. Waters, con J. Depp, A. Locane 17.25 Rai News

Dreams Road No Reservations Ubiq Concrete Canvas David Letterman Show Concerto di Natale - Juni Orchestra Rai News Cool Tour Zoom No Reservations Concrete Canvas Dreams Road Passepartout I ragazzi del coro - Debutto allOpera Cool Tour Film doc: Cos mangiavamo - di S. Barzini 0.25 Rai News

FOX
10.30 10.45 11.15 11.40 11.55 12.20 12.35 12.55 13.00 13.05 13.30 13.40 13.55 Bones Fox Life L'uomo di casa Fox HD How I Met Your Mother Fox HD The Big Bang Theory Fox HD C.S.I. New York Fox Crime HD Sex and the City Fox Life I Griffin Fox HD Lupi di mare National Geographic Channel Strega per amore Fox Retro Tutto in famiglia Fox HD L'uomo di casa Fox HD Criminal Minds Fox Crime HD Megafabbriche National Geographic Channel 14.00 14.50 15.00 15.15 15.30 15.30 15.55 16.10 16.30 16.55 17.10 17.30 I Simpson Fox HD How I Met Your Mother Fox HD Tre cuori in affitto Fox Retro The Big Bang Theory Fox HD Unforgettable Fox Crime HD Top Secret Fox Retro Gli Apocalittici Italiani National Geographic Channel Scrubs Fox HD Supercar Fox Retro La baia di Shanghai National Geographic Channel Ghost Whisperer - Presenze Fox Life MacGyver Fox Retro 18.05 Misteri a 360 National Geographic Channel 18.10 Una mamma per amica Fox Life 18.30 The Big Bang Theory Fox HD 19.00 How I Met Your Mother Fox HD 19.10 Criminal Minds Fox Crime HD 19.20 Tutto in famiglia Fox HD 19.45 L'uomo di casa Fox HD 20.00 Strega per amore Fox Retro 20.05 Sex and the City Fox Life 20.10 I Simpson Fox HD 20.30 Strega per amore Fox Retro 20.55 Squadra speciale UFO National Geographic Channel 21.00 Last Resort Fox HD 21.00 C.S.I. - Scena del crimine Fox Crime HD 21.00 King Fox Life 21.00 Spazio 1999 Fox Retro 21.55 Dexter Fox Crime HD 21.55 The Client List - Clienti speciali Fox Life 21.55 Tab National Geographic Channel 22.00 Batman Fox Retro 22.45 Wilfred Fox HD 22.45 School of Glam - Questione di stile Fox Life 22.50 N.C.I.S. Los Angeles Fox Crime HD 22.55 American Gypsies National Geographic Channel

MEDIASET PREMIUM

GIALLO
Studio Universal 19.20 Verso lEden - di C. Costa-Gravas Premium Cinema Emotion 21.15 Cop Land - di J. Mangold Premium Cinema Energy 21.15 Come ammazzare il capo... e vivere felici - di S. Gordon Premium Cinema 21.15 Ho camminato con uno Zombie diJ. Tourneur Studio Universal 21.15 Kinky Boots - di J. Jarrold Premium Cinema Emotion 22.35 Il petroliere di P. Thomas Anderson Studio Universal 23.05 Die Hard - di J. McTiernan Premium Cinema Energy 23.05 Johnny English la rinascita di O. Parker Premium Cinema 23.10 Jane Eyre - di F. Zeffirelli Premium Cinema Emotion 08.00 08.55 09.50 10.45 11.35 12.30 13.15 14.10 15.00 15.50 16.40 17.35 18.30 19.20 20.10 21.00 21.50 22.50 23.40 00.30 01.30 02.20 03.10 Squadra Emergenza Matlock Ironside Quincy The Practice - Professione avvocati In tribunale con Lynn Crossing Jordan Crossing Jordan Shark - Giustizia a tutti i costi Law & Order - I due volti della giustizia Matlock In tribunale con Lynn Squadra Emergenza Law & Order: Parigi Giudice Amy Law & Order: Uk Law & Order: Uk Justice nel nome della legge In Justice Il fuggitivo Profiler - Intuizioni mortali Matlock Ironside

cinema

10.25 Dungeons & Dragons - di C. Salomon Premium Cinema 10.40 Il miglio verde - di F. Darabont Premium Cinema Emotion 11.35 Lacchiappasogni - di L. Kasdan Studio Universal 13.30 The Sixth Sense - di M. N. Shyamalan Premium Cinema Energy 13.50 Step Up - di A. Fletcher Premium Cinema Emotion 14.00 Ritratto di signora - di J. Campion Studio Universal 15.20 Inkheart - di J. Softley Premium Cinema Energy 15.45 La doppia ora - di G. Capotondi Premium Cinema 17.10 White Noise - di G. Sax Premium Cinema Energy 17.30 Il dolce e lamaro - di A. Porporati Premium Cinema 17.35 Step Up 2 Streets - di J. Chu Premium Cinema Emotion 18.20 Pleasantville - di G. Ross

FOCUS
13.20 14.05 14.55 15.45 16.40 17.30 18.25 19.15 20.05 21.00 21.50 22.50 23.40 0.35 1.20 In principio era la terra I segreti del tempo Le citta segrete Potrebbe succedere I signori dellacqua In principio era la terra Ricerca negli abissi I segreti del tempo Le citt segrete La storia delluniverso La storia delluniverso Le citt segrete Le citt segrete Forensic Files Potrebbe succedere

CIELO
13.30 Celebrity Now - Satira Selvaggia 14.00 Junior Masterchef Australia 14.45 Dog Whisperer 15.45 Famiglia Extralarge 16.30 Fratelli in affari 17.15 Gli svuotacantine - A caccia di tesori 18.00 X Factor - Rewind 18.30 Ante Factor 19.00 X Factor 2012 21.10 X Factor 2012 23.30 Film. L'innocenza del diavolo - di J. Ruben

TV2000
8.30 S.Messa 9.10 Nel cuore dei giorni Arancio 10.55 Quel che passa il Convento 13.05 Stefanie un angelo in corsia - Fiction 16.00 Nel cuore dei giorni Rosa 18.00 Rosario da Lourdes 18.30 Tg 2000 19.00 Romanzo Familiare 21.20 Giardini e misteri 22.10 Mapper

REAL TIME
15.00 Torte in corso con Renato 15.25 Guardaroba perfetto 15.55 Party Mamas 16.20 Quattro matrimoni 17.15 Paint Your Life 18.15 Cucina Con Ale 18.40 Il boss delle torte 19.10 Torte in corso con Renato 19.40 Cucine da incubo USA 20.40 Pazzi per la spesa 21.10 Cortesie per gli ospiti 22.10 Obesi: un anno per rinascere

ANAS S.p.A.
DIREZIONE GENERALE

AVVISO AL PUBBLICO
Itinerario E78 Grosseto - Fano - tratto Grosseto - Siena (S.S. 223 di Paganico) dal km 30+040 al km 41+600 Studio per la valutazione di incidenza del progetto E78 Grosseto - Fano tratto Grosseto - Siena (S.S. 223 di Paganico) dal km 30+040 al km 41+600 sito in Comune di Civitella Paganico (GR) e in Comune di Monticiano (SI)
La scrivente ANAS S.p.A. premesso che: lopera in oggetto indicata stata dichiarata strategica e di preminente interesse nazionale dalla Delibera CIPE n 121; le procedure di approvazione dei progetti e di nanziamento dellopera sono regolate dal Decreto Legislativo 12.04.2006 n. 163 e s.m. e i.; laccertamento della compatibilit ambientale dellopera in oggetto stato espresso con DEC/VIA/1465 del 18 gennaio 1993 rilasciato dal Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio di concerto con il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali; il CIPE, con le delibere n. 78/07 e 123/07 pubblicate sulla G.U.R.I. n. 111 del 13/5/08, ha approvato con le prescrizioni e le raccomandazioni proposte dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il progetto denitivo dellintervento in oggetto, anche ai ni dellattestazione della compatibilit ambientale; ha presentato istanza ai sensi dellart. 185 comma 7 del Decreto Legislativo n. 163/2006 e varianti ai sensi dellart. 169 del Decreto Legislativo n. 163/2006; nel corso della verica di ottemperanza e dellelaborazione del progetto esecutivo si valutata la necessit di fornire dei chiarimenti in merito allincidenza dellintervento con il S.I.C. Val di Farma ed il S.I.C. Basso Merse, ed a tal ne ha predisposto lo studio di incidenza ai sensi dellAll. G del DPR 357/97 come aggiornato dal DPR 120/2003

AVVISA
del deposito dello Studio per la Valutazione di Incidenza in copia presso il Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Direzione per le Valutazioni Ambientali - via Cristoforo Colombo, 44 - 00147 ROMA, la Regione Toscana - Direzione Generale della Presidenza, Settore Valutazione di Impatto Ambientale Piazza dellUnit, 1 - 50123 FIRENZE, il Comune di Civitella Paganico, via 1 Maggio, 6 - 58045 CIVITELLA MARITTIMA (GR) ed il Comune di Monticiano, Piazza S. Agostino, 1 - 53015 MONTICIANO (SI). Il presente progetto esecutivo stato sviluppato in coerenza con il progetto denitivo approvato dal CIPE con le delibere n. 78/07 e 123/07, con varianti, modiche ed integrazioni connesse al recepimento delle prescrizioni disposte dal CIPE stesso sul progetto denitivo, compreso la valutazione dellincidenza dellintervento con il S.I.C. Val di Farma ed il S.I.C. Basso Merse. Chi interessato pu far pervenire al Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con raccomandata A/R, le proprie osservazioni entro 30 gg. dalla data odierna. IL DIRETTORE CENTRALE PROGETTAZIONE ad interim CONDIRETTORE GENERALE TECNICO Ing. Gavino CORATZA
VIA MONZAMBANO, 10 - 00185 ROMA Tel. 06/44461 - Fax 06/4454956 - 06/4456224 sito internet www.stradeanas.it

ESTRATTO BANDO DI GARA Oggetto: Noleggio di compressori mobili ad aria comprensivo di servizio di garanzia e supporto tecnico. Tipo di appalto: Servizi. Tipo di procedura e criterio di aggiudicazione: Negoziata - Prezzo pi basso. Bando di gara n: GCG000094728. Luogo di prestazione: Area Sperimentale di Sesta - Radicondoli (Siena). Termine per la ricezione delle domande di partecipazione: 20/12/2012. Testo integrale del bando: il testo integrale del bando stato pubblicato sul Supplemento alla Gazzetta Ufficiale della Unione Europea (GU/S) del 20/11/2012 n 2012/S 223-367989. Il testo integrale inoltre disponibile sul sito www.acquisti.enel.it. Riferimento: Enel Servizi S.r.l. - Direzione Operativa Acquisti - Approvvigionamenti Ingegneria e Ricerca - Via Arno, 42 - 00198 ROMA. Societ: Enel S.p.A. - Viale Regina Margherita, 137 - 00198 ROMA
Enel S.p.A. Viale Regina Margherita, 137 00198 Roma

COMUNE DI RIO MARINA (LI)

(Arch. Adriana Mercantelli)

la Repubblica

LUNED 10 DICEMBRE 2012

METEO

PER SAPERNE DI PI meteo.repubblica.it

63
dati a cura di 3BMeteo.com - Elaborazione grafica: Centimetri.it

Aosta

Meteo in tempo reale su

Mare e venti oggi

Mattino
Fenomeni sparsi sul medio-basso Adriatico, specie tra Abruzzo, alta Puglia e relativa dorsale, nevosi dai 600-800 m. Qualche piovasco sul Nord della Sicilia. Sole altrove salvo addensamenti sui crinali alpini e Sardegna. Minime stabili. Venti tesi da NO.

Perugia

Mercoled
Soleggiato su Tirreniche e Nord, salvo maggiori addensamenti sui crinali alpini. Ancora instabile tra Adriatiche orientali, medio-bassa Calabria e Nord Sicilia, con neve fino a bassa quota. Temperature in calo, specie ad Est. Venti moderati settentrionali.

Campobasso

Pomeriggio
Acquazzoni sui settori settentrionali delle Isole. Qualche fenomeno tra Abruzzo e Molise, con tendenza a peggioramento anche su Marche, basso Adriatico e Calabria, con neve fino in collina. Pi sole altrove. Massime in rialzo al Sud. Venti tesi tra NE e NO. Mattino: Il tempo tende a peggiorare per l'arrivo di un nuovo impulso instabile da Ovest. Molte nubi sui settori alpini, specie di confine, con deboli nevicate. Nuvolosit in aumento tra medio-alto Tirreno, Sardegna e Spezzino, con prime deboli precipitazioni, nevose sino a quote molto basse sulla Toscana settentrionale. Nubi meno significative sul resto del Nord e sulle Adriatiche, ancora abbastanza soleggiato al Sud. Minime in calo, freddo. Venti tesi da ONO. Pomeriggio: Instabile al Centro e sulle regioni del basso Tirreno con fenomeni in intensificazione e trasferimento ad Adriatiche ed al resto del Sud entro sera, localmente anche sottoforma di tempoale. Nevicate sulla dorsale oltre 800-1100 metri, pi in alto sui settori meridionali. Residue nevicate anche sulle Alpi confinali, schiarisce invece sulla Val padana e successivamente in Toscana. Temperature massime in aumento, specie al Sud. Venti sino a tesi da Ovest.

Gioved
Peggiora da Ovest dopo una mattinata ancora in larga parte soleggiata. Primi fenomeni tra pomeriggio e sera sulle Tirreniche e al Nord Ovest, con nevicate sino in pianura in Valpadana. Temperature in rialzo al Cento Sud. Venti moderati in rotazione da SO. SOLE Sorge Tramonta

Ieri
min max min

Oggi
max percep. UV

Domani
min max UV

Ieri
min max min

Oggi
max percep. UV

Domani
min max UV

Ieri
min max min

Oggi
max percep. UV

Domani
min max UV

0-2

3-5

6-7

8-10

>11

IN EUROPA
Reykjavik Helsinki Oslo Stoccolma Gteborg Riga Edimburgo Belfast Dublino Birmingham Londra Bruxelles Nantes Parigi Berna Lione Marsiglia Kaliningrad Amsterdam Amburgo Colonia Francoforte Monaco Minsk Berlino Praga Bratislava Vienna Budapest Varsavia Kiev Copenaghen Vilnius Tallinn

NEL MONDO

Lussemburgo Tours Bordeaux Gijon Bilbao Madrid Valencia Malaga Algeri Tolosa

B
Chisinau Bucarest

A
Lisbona

Lubiana Zagabria Milano Belgrado Sarajevo Roma Tirana

Porto

Barcellona

Sofia Skopje Salonicco Atene Istanbul

B
Smirne

Tunisi Valletta

Iraklion Larnaca