Sei sulla pagina 1di 36

Quindicinale

Anno XXXI

15.04.2010
Numero

558
periodico di attualità dei comuni di alano di piave, quero, vas, segusino

Speciale Elezioni Regionali - pag. 1/7


Il 25 Aprile a Colmirano - pag. 9
Dalla Transumanza alle Terre Selvagge - pag. 10/11
Congresso Nazionale FIDAS 2010 - pag. 13
La Piave Tegorzo al quintultimo posto - pag. 20
A Quero i paperoni del feltrino - pag. 31
Chiuso in redazione il 06.04.2010
http://digilander.libero.it/tornado
Tassa pagata/Taxe Perçue/Ordinario Autorizzazione Tribunale BL n. 8 del 18/11/80 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, DCB BL
AL MOLIN
Taglio muri
Carotaggi
Ristorante - Pizzeria
Fori su ogni tipo di muratura e spessore
(muri a sassi, cotto e cemento)
Per l’adeguamento alla legge sulle fughe di gas

Tel. 0439.787310 Cell. 328.3577366


Dalla Piazza Livio via Monte Cornella, 40
32030 QUERO (BL)

Per rinnovare la tua casa

todoverto di Todoverto Paolo & C.


S.N.C.

SPECIALITà PESCE imbiancature interni - esterni


termocappotti - spatolati
ALANO DI PIAVE
Piazza dei Martiri, 13 - Tel. 0439.779129 Alano di Piave • Via Caduti e Dispersi in Russia
- chiuso il martedì - Tel. 0439.779208 - Cell. 348.7346084

Specialità:
Grigliate, Spiedi,
Selvaggina,
Porchette,
Pasta, Gnocchi,
Dolci fatti in casa.

Riposiamo il Lunedì
di De Paoli Cinzia & C. s.n.c. È gradita la prenotazione
Via S. Michele, 34 - 31040 Curogna di Pederobba (TV)
Tel. e fax 0423 64089 - Cell. 329 1299112 - trattoriadacialt@libero.it

V.D.M.
di Marco Van Dijk
ELETTROTECNICA
Cell. 335-7604181

impianti elettrici civili e industriali – manutenzione e riparazione automazion


impiantieelettrici civili eimpianti
industriali
V.D.M.
progettazione montaggio fotovoltaici
manutenzione e riparazione
distributore e installatore automazione
autorizzato
ELETTROTECNICA
industriale
CAME
progettazione e montaggio impianti fotovoltaici
vendita al dettaglio di materiale elettrico, ferramenta (minuteria) e piccola a
di Marco Van Dijk Cell. 335-7604181
distributore e installatore autorizzato CAME
impianti elettrici civili e industriali
Quero – (BL)
manutenzione
– Via deleFagher,
riparazione
14 automazione industrial
vendita al dettaglio
progettazione di materiale
e montaggio elettrico,
impianti fotovoltaici
Orario
ferramenta di(minuteria)
apertura:
distributore 9.00-12.00
e piccola
e installatore / attrezzatura
autorizzato16.00-19.00
CAME
Tel.
vendita al0439-829124 – Fax 0439-788523
dettaglio di materiale – E-mail:
elettrico, ferramenta marco.vandijk@tiscali.it
(minuteria) e piccola attrezzatura
Quero (BL) – Via del Fagher, 14
Orario di apertura: 9.00-12.00 / 16.00-19.00
Tel. 0439-829124 – Fax 0439-788523 – E-mail: marco.vandijk@tiscali.it

il tornado Sede: Via J. Kennedy - 32031 FENER (Belluno). direttore responsabile: Mauro Mazzocco. redattori: Sandro Curto, Silvio Forcellini. collaboratori:
Alessandro Bagatella, Francesco Dal Canton, Ivan Dal Toè, Gianni De Girardi, Antonio Deon, Foto Comaron, Fotocolor Resegati, Silverio Frassetto, Ermanno Geronazzo, Cristiano
Mazzoni, Sergio Melchiori, Antonio Spada, Andrea Tolaini.
abbonamenti: italia Abbonamento annuale (18 numeri)  20,00 ESTERO Abbonamento annuale (18 numeri)  40,00.
L’abbonamento può essere sottoscritto o rinnovato nei seguenti modi: 1- versando la quota sul c/c postale n. 10153328 intestato alla pro LOCO di FENER; 2- pa-
gando direttamente ad uno dei nostri seguenti recapiti: NEGOZIO “DA MILIO” - Alano; pasticceria “dolci pensieri” - Fener - BAR JOLE - Fener; MAURO MAZZOCCO - Quero;
ALESSANDRO BAGATELLA - Quero; BAR “PIAVE” Carpen - LOCANDA SOLAGNA - Vas; ANTONIO DEON - Vas; BAR “BOLLICINE” - Scalon; bazar di A. Verri - Segusino.
1 SPECIALE ELEZIONI

Basso Feltrino: Lega Nord al 39%, Pdl al 27%, Pd al 17,4%, Idv al 4,3%, Udc al 3,8%

Il voto regionale: anche su Alano, Quero e Vas


si abbatte la valanga leghista. Bene il Pdl.
di Silvio Forcellini
La valanga leghista si abbatte anche sul Basso Feltrino, mentre pure il partito di cui è leader Silvio Berlusconi
incrementa i propri voti. Questo, dati alla mano, il primo commento che può essere fatto sull’esito del voto regionale
del 28-29 marzo 2010, che ha sancito la nettissima affermazione della coalizione di centrodestra. Il ministro leghista
Luca Zaia, candidato alla presidenza della Regione Veneto da Lega Nord, Popolo della Libertà e Alleanza di
Centro, consegue - sommando i dati di Alano, Quero e Vas - un clamoroso 64,5% e distanzia di anni luce gli altri sei
“pretendenti” alla poltrona di Giancarlo Galan. Giuseppe Bortolussi, candidato del centrosinistra, si ferma al
24,6%, mentre Antonio De Poli, candidato del centro, racimola il 5,6%, David Borrelli (Movimento a 5 stelle di
Beppe Grillo) il 3,9%, Gianluca Panto (Partito Nasional Veneto) lo 0,7%, Silvano Polo (Veneti Indipendensa) lo
0,5% e Paolo Caratossidis (Forza Nuova) lo 0,2%. Nello specifico, Luca Zaia ottiene il 65,4% dei consensi ad
Alano, il 67,7% a Quero e il 52,9% a Vas. Il suo principale avversario, Giuseppe Bortolussi, si ferma invece al
22,7% ad Alano, al 22,6% a Quero e al 36,3% a Vas.
Sempre considerando congiuntamente i dati di Alano, Quero e Vas, la Lega Nord, con il 39%, è di gran
lunga il partito più votato, incrementando i propri consensi sia rispetto alle Regionali 2005 (+19,3%) che alle
Europee 2009 (+4,6%), l’ultima consultazione in ordine di tempo cui siamo stati chiamati e che utilizziamo qui per
un significativo raffronto. Bene anche il Popolo della Libertà, che sale al 27%, con un incremento sia rispetto alle
Regionali 2005 (+5,5%) che alle Europee 2009 (+3%). In calo invece il Partito Democratico, che si ferma al 17,4%
(-12,8% rispetto al 2005, -1% rispetto al 2009), mentre l’Italia dei Valori, con il 4,3%, incrementa i propri voti
rispetto al 2005 (+3%) ma ne perde rispetto al 2009 (-2,2%), così come l’Udc, con il 3,8% (+ 2,3% rispetto al 2005,
-2,4% rispetto al 2009). Per tutti gli altri dati, rimandiamo alle tabelle che appaiono nelle pagine seguenti.
Un ultimo cenno sull’affluenza alle urne, che ad Alano è stata del 53,6% (nel 2005: il 56,7%), a Quero del
54,1% (nel 2005: il 60,6%) e a Vas del 56,9% (nel 2005: il 64,2%).

Il voto regionale ad Alano: Lega Nord 43,7%, Pdl 23,7%, Pd 16,6%, Idv 4,1%, Udc 3,7%

Ad Alano, con il 43,7%, la Lega Nord si conferma il partito più votato, incrementando percentualmente i propri voti
sia rispetto alle Regionali 2005 (+23,2%) che rispetto alle Europee 2009 (+9,1%).
Per quanto riguarda le altre principali forze politiche: al Popolo della Libertà va il 23,7% dei voti
(percentuale invariata rispetto alle Regionali 2005, ma in calo dello 0,5% rispetto alle Europee 2009); al Partito
Democratico va il 16,6% (-11,3% rispetto al 2005, -3,7% rispetto al 2009); all’Italia dei Valori va il 4,1% (+3%
rispetto al 2005, -1,5% rispetto al 2009); all’Unione di Centro va il 3,7% (+2,1% rispetto al 2005, -2,4% rispetto al
2009).
Ad Alano superano l’1% anche: il Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo (4%), l’Unione Nord Est (1,8%) e
Sinistra Ecologia e Libertà - Psi (1,4%).

Il voto regionale a Quero: Lega Nord 37%, Pdl 31,7%, Pd 16%, Udc 3,6%, Idv 3,2%
Anche a Quero, con il 37%, la Lega Nord si conferma il primo partito, segnando un +17,4% rispetto alle Regionali
2005 e un +0,7% rispetto alle Europee 2009. Anche il Popolo della Libertà, con il 31,7%, aumenta sensibilmente i
propri voti (+10,5% rispetto alle Regionali 2005, +5,5% rispetto alle Europee 2009).
Il Partito Democratico ottiene il 16% (-16,1% rispetto al 2005, +1,1% rispetto al 2009), l’Italia dei Valori il
3,2% (+1,3% rispetto al 2005, -2,3% rispetto al 2009), l’Unione di Centro il 3,6% (+2,5% rispetto al 2005, -2,3%
rispetto al 2009).
A Quero superano l’1% anche: il Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo (3,4%), la Federazione della Sinistra
(1,9%), Sinistra Ecologia e Libertà - Psi (1,4%) e l’Unione Nord Est (1,4%).

Il voto regionale a Vas: Lega Nord 28,6%, Pdl 25,2%, Pd 23,5%, Idv 8%, Udc 4,9%
Concludiamo con i dati di Vas, dove la lista più votata è sempre quella della Lega Nord. Il movimento di Umberto
Bossi fa suo infatti il 28,6% dei voti (con un incremento dell’11,5% rispetto alle Regionali 2005, ma con un calo dello
0,9% rispetto alle Europee 2009).
Il Popolo della Libertà sale al 25,2% (+9,3% rispetto al 2005, +6,9% rispetto al 2009) e sopravanza il
Partito Democratico, che si attesta al 23,5% (-8,5% rispetto al 2005, +1,4% rispetto al 2009). All’Italia dei Valori
va l’8% (+7,3% rispetto al 2005, -3% rispetto al 2009), all’Unione di Centro va il 4,9% (+2,7% rispetto al 2005, -2%
rispetto al 2009).
A Vas superano l’1% anche: Sinistra Ecologia e Libertà - Psi (3,1%), il Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo
(2%), l’Unione Nord Est (2%) e la Federazione della Sinistra (1,7%).
2 SPECIALE ELEZIONI

I 60 nuovi consiglieri regionali, divisi per lista:


Listino regionale di Luca Zaia
Luca Zaia, Marino Zorzato, Piergiorgio Cortelazzo, Bruno Cappon, Mauro Mainardi, Nereo Laroni
Listino regionale di Giuseppe Bortolussi
Giuseppe Bortolussi
Lega Nord
Paolo Tosato, Andrea Bassi, Vittorino Cenci, Sandro Sandri, Marino Finozzi, Roberto Ciambetti, Nicola Ignazio Finco,
Maurizio Conte, Arianna Lazzarini, Santino Bozza, Federico Caner, Franco Manzato, Gianpero Possamai, Luca Baggio,
Matteo Toscani, Cristiano Corazzari, Daniele Stival, Giovanni Furlanetto
Popolo della Libertà
Massimo Giorgetti, Davide Bendinelli, Giancarlo Conta, Clodovaldo Ruffato, Leonardo Padrin, Remo Sernagiotto, Dario
Bond, Elena Donazzan, Costantino Toniolo, Marialuisa Coppola, Renato Chisso, Moreno Teso, Carlo Alberto Tesserin
Partito Democratico
Sergio Reolon, Franco Bonfante, Roberto Fasoli, Stefano Fracasso, Giuseppe Berlato Sella, Piero Ruzzante, Claudio
Sinigaglia, Mauro Bortoli, Graziano Azzalin, Laura Puppato, Diego Bottacin, Andrea Causin, Lucio Tiozzo, Bruno Pigozzo
Italia dei Valori
Gustavo Franchetto, Antonino Pipitone, Gennaro Marotta
Rifondazione Comunista - Sinistra Europea - Comunisti Italiani
Pietrangelo Pettenò
Unione di Centro
Stefano Valdegamberi, Raffaele Grazia, Stefano Peraro
Unione Nord Est
Mariangelo Foggiato

I voti ai candidati consigliere per le Regionali in provincia di Belluno


SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTÀ Deon Giovanni detto "Nino" 371, Pauletti Diego 378.
PD Reolon Sergio 8.901, Vendramini Paolo 2.557.
ITALIA DEI VALORI Baldan Roberto 145, De Barba Stefano 299.
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA Polli Jacopo 186, Nesello Lorenzo 161.
PDL Bond Dario 9.246, De Bona Oscar 5.750.
LEGA Bellot Raffaela 3.213, Toscani Matteo 4.169.
PARTITO NASIONAL VENETO Busato Gianluca 20, Turco Barbara 1.
UDC De Pasqual Fulvio 321, Manfroi Vittorino 233.
UNIONE NORDEST Nicolai Mario 155, Bellenzier Ernesto 87.
MOVIMENTO 5 STELLE Marengon Adriano 134, Sponga Giampaolo 295.
I voti ai candidati consigliere per le Regionali in provincia di Treviso
ITALIA DEI VALORI Zanoni Andrea 4.773, Bortoletto Davide 294, Corò Leonardo 319, Corrocher
Dino 97, Dal Sie Ludovico 46, Del Bianco Emanuela 165, Giust Maurizio14, Seno Loredana 186.
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA Atalmi Nicola 995, Corò Marcella 76, Pettenò
Pietrangelo 264, Pavan Giulia 80, Chaibi Said 75, Scarpa Lidia 45, Costa Claudio 31, Zanetti
Danilo 107.
PD Puppato Laura 26.230, Franco Fabrizia 234, Masiero Chiara 151, Pillon Rita 588, Bottacin
Diego 4.519, Fresch Tiziano 40, Napol Giovanni 861, Niero Claudio 1.495.
IDEA Sartorato Luca 287, Bettin Gianfranco 168, Lazzarato Susanna Antonia 23, Pin Antonella 5,
Danieli Paride 96, Zampolli Alessandro 24, Poloni Andrea 8, Santi Paola 7.
SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTÀ Cabino Anna Caterina 202, Beggio Maurizio 61, Bertolo
Mario 61, Buattini Claudio 18, Dall’Agata Stefano 114, De Marco Luca 135, Marangon Marco 42,
Zanatta Paolo 41.
ALLEANZA DI CENTRO NEL VENETO Colomban Massimino 1.158, Roma Fiorenzo 526,
Dinoto Carmelo 63, Pellegrino Luca 29, Gentili Giuseppe Antonio 76, Spolaore Rosanna 71,
Franco Giuseppe 33, Chessa Angelo 41.
LEGA Baggio Luca 7.526, Caner Federico 11.705, Manzato Franco 11.167, Donadel
Marco 1.901, Pettenà Fulvio 7.353, Possamai Gianpiero 10.165, Sartor Claudio 4.049, Serena
Marco 4.927.
PDL Gerolimetto Amedeo 7.783, Sernagiotto Remo 11.324, Baggio Loreta 1.497, Berri Vincenzo
219, Burgio Lorenzo 333, De Trovato Alberto 98, Montuori Giuseppe 290, Zanini Vittorio 891.
FORZA NUOVA Visentin Davide 82, Daniel Sonia 50, Dotto Luca 52, Nascimben Alberto 20,
Pirrelli Francesco 25, Pasqualato Matteo 9.
PARTITO NASIONAL VENETO Busato Gianluca 53, Panto Gianluca 210, Chiavegato Lucio
Amedeo 5, Bellon Alessia 15, Tessari Sabrina 6, Colombara Chiara 4, Nicetto Riccardo 3, Minetto
Francesco 7.
VENETI INDIPENDENSA Zuanetti Gaetano 52, Modolo Renato 11, Falezza Francesco 2, Rossi
Andrea 12, Casetta Dino 14, Fiorot Enrico 19, Bonotto Francesco 21, Toffoli Thomas 40.
3 SPECIALE ELEZIONI

C O M U N E DI A L A N O
Candidato sez.1 sez.2 sez.3 tot % Liste collegate sez.1 sez.2 sez.3 tot %
Lega Nord
LigaVeneta 184 159 164 507 43.7%
Bossi
Luca Zaia 305 283 295 883 65.5%
PDL
Berlusconi per 90 82 103 275 23.7%
il Veneto

Di Pietro Italia
11 21 16 48 4.1%
dei Valori

PD
Partito 64 71 58 193 16.6%
Giuseppe Democratico
97 114 96 307 22.8%
Bortolussi
Sinistra
Europea-Rif. 2 1 2 5 0.4%
Com.Italiani

Sin. Ecol. e
4 5 7 16 1.4%
Libertà - PSI

Libertas
Unione di 16 19 8 43 3.7%
Antonio De Centro
31 25 20 76 5.6%
Poli
Unione
7 5 9 21 1.8%
Nordest

Partito
Gianluca
3 2 4 9 0.7% Nasional Veneto 0 2 4 6 0.5%
Panto
Panto

Movimento
David Borrelli 30 22 9 61 4.5% 5 Stelle 24 17 5 46 4.0%
Beppe Grillo.it

Paolo
1 3 0 4 0.3%
Caratossidis

Silvano Polo 3 1 5 9 0.7%

schede
10 3 0 13 0.9%
bianche
schede
18 12 14 44 3.1%
nulle
4 SPECIALE ELEZIONI

C O M U N E DI Q U E R O
Candidato sez.1 sez.2 tot % Liste collegate sez.1 sez.2 tot %
Lega Nord
LigaVeneta 158 189 347 37.0%
Bossi
Luca Zaia 327 329 716 67.7%
PDL
Berlusconi per 138 159 297 31.7%
il Veneto

Di Pietro Italia
17 13 30 3.2%
dei Valori

PD
Partito 86 64 150 16.0%
Giuseppe Democratico
141 98 239 22.6%
Bortolussi Sinistra
Europea-Rif. 12 6 18 1.9%
Com.Italiani

Sin. Ecol. e
9 4 13 1.4%
Libertà - PSI

Libertas
Unione di 23 11 34 3.6%
Antonio De Centro
33 18 51 4.8%
Poli
Unione
8 5 13 1.4%
Nordest

Partito
Gianluca
2 5 7 0.7% Nasional Veneto 1 3 4 0.4%
Panto
Panto

Movimento
David Borrelli 26 13 39 3.7% 5 Stelle 24 8 32 3.4%
Beppe Grillo.it

Paolo
0 0 0 0.0%
Caratossidis

Silvano Polo 4 1 5 0.5%

schede
11 1.0%
bianche
schede
28 2.6%
nulle
5 SPECIALE ELEZIONI

COMUNE D I VAS
Candidato sez.1 sez.2 tot % Liste collegate sez.1 sez.2 tot %
Lega Nord
LigaVeneta 67 33 100 28.7%
Bossi
Luca Zaia 143 67 210 52.9%
PDL
Berlusconi per 63 25 88 25.2%
il Veneto

Di Pietro Italia
22 6 28 8.0%
dei Valori

PD
Partito 57 25 82 23.5%
Giuseppe Democratico
107 37 144 36.3%
Bortolussi Sinistra
Europea-Rif. 3 3 6 1.7%
Com.Italiani

Sin. Ecol. e
11 0 11 3.2%
Libertà - PSI

Libertas
Unione di 11 6 17 4.9%
Antonio De Centro
20 9 29 7.3%
Poli
Unione
4 3 7 2.0%
Nordest

Partito
Gianluca
3 0 3 0.8% Nasional Veneto 3 0 3 8.9%
Panto
Panto

Movimento
David Borrelli 7 2 9 2.3% 5 Stelle 5 2 7 2.0%
Beppe Grillo.it

Paolo
1 1 2 0.5%
Caratossidis

Silvano Polo 0 0 0 0.0%

schede
4 0 1.0%
bianche
schede
13 4 4.1%
nulle
6 SPECIALE ELEZIONI

C O M U N E DI S E G U S I N O
Candidato sez.1 sez.2 tot % Liste collegate sez.1 sez.2 tot %
Lega Nord
LigaVeneta 322 336 652 63.2%
Bossi

Alleanza di
Luca Zaia 408 456 864 76.3% 3 4 7 0.7%
Centro DC-
Veneto
PDL
Berlusconi per 54 77 131 12.7%
il Veneto

Di Pietro Italia
12 21 33 3.2%
dei Valori

PD
Partito 44 60 104 10.1%
Democratico

Sinistra
Giuseppe
67 96 163 14.4% Europea-Rif. 2 7 9 0.9%
Bortolussi
Com.Italiani

Idea Nucleare? No 0 1 1 0.1%


Grazie

Sin. Ecol. e
0 1 1 0.1%
Libertà - PSI

Libertas
Unione di 22 16 38 3.7%
Antonio De Centro
34 26 60 5.3%
Poli
Unione
10 6 16 1.6%
Nordest

Partito
Gianluca
4 5 9 0.8% Nasional Veneto 4 4 8 0.8%
Panto
Panto

Movimento
David Borrelli 6 21 27 2.4% 5 Stelle 6 16 22 2.1%
Beppe Grillo.it

Paolo Forza
2 3 5 0.4% 3 2 5 0.5%
Caratossidis Nuova

Veneti
Silvano Polo 1 4 5 0.4% 1 1 2 0.4%
Indipendensa

schede
4 1 5 0.4%
bianche
schede
11 21 32 2.7%
nulle
7 SPECIALE ELEZIONI

COMUNE D I VAS QUERO ALANO


Liste Provinciali Candidati sez1 sez2 tot sez1 sez2 tot sez1 sez2 sez3 tot
Deon Giovanni detto Nino 1 0 1 0 0 0 0 3 0 3
Sin. Ecol.
e Libertà
Pauletti Diego 1 0 1 4 2 6 1 1 4 6

Reolon Sergio 19 12 31 31 17 48 17 12 9 38
Partito
Democratico
Vendramini Paolo 4 0 4 3 4 7 8 4 6 18

Baldan Roberto 0 0 0 0 0 0 3 1 0 4
Italia
dei Valori
De Barba Stefano 1 0 1 0 0 0 0 0 2 2

Sinistra Polli Jacopo 0 0 0 1 0 1 0 0 0 0


Europea
R.C.I. Nesello Lorenzo 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Bond Dario 43 22 65 98 125 223 27 34 61 122


Popolo della
Libertà
De Bona Oscar 1 2 3 10 3 13 19 10 12 41

Bellot Raffaella 6 0 6 26 28 54 30 22 19 71
Lega Nord
Toscani Matteo 3 0 3 5 12 17 4 8 5 17

Partito Busato Gianluca 0 0 0 0 1 1 0 0 0 0


Nasional
Veneto Turco Barbara 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

De Pasqual Fulvio 0 0 0 0 2 2 0 0 0 0
UDC
Manfroi Vittorino 2 1 3 0 0 0 0 1 0 1

Nicolai Mario 0 0 0 1 0 1 0 0 0 0
Unione
Nord Est
Bellenzier Ernesto 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Marengon Adriano 0 0 0 1 0 1 0 0 0 0
Mov. 5 Stelle
Beppe Grillo
Sponga Giampaolo 0 0 0 1 0 1 2 1 0 3

Agraria
MARCHI
• ALIMENTI PER ANIMALI
• PRODOTTI PER L’AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO
• PELLETS E TRONCHETTI • PRODOTTI FITOSANITARI
• BOMBOLE GPL • PIANTINE DA ORTO

OFFERTE SPECIALI DI PRIMAVERA


• BOTTIGLIE VETRO EXTRA • BOTTIGLIE PER OLIO 500 ML VERDI
• PATATE DA SEMINA • PIANTINE DA ORTO • PIANTE DA FRUTTO
• BULBI PER FIORI • CORTECCIA FRANCESE • VASI PER FIORI

Zona Industriale, 68 - PEDEROBBA (TV) - Tel. e Fax 0423 688902


8 cronaca

Quero, ha riaperto il Caffè Centrale


di Silvio Forcellini
Dopo tre mesi di chiusura per cambio
di gestione, lo scorso primo aprile ha
riaperto i battenti a Quero il Caffè
Centrale, che si affaccia su piazza
Marconi. Il Caffè Centrale è ora
gestito da Tranquilla Forlin, Giulia
Bee e Loretta Bof (la quale, dopo 11
anni in “periferia”, alla Birreria
Offside, approda finalmente in
“centro”). Chiuso il lunedì, negli altri
giorni osserva il seguente orario:
dalle 6.30 alle 24.00 (il venerdì e il
sabato dalle 6.30 del mattino alle
2.00 di notte). Tutte e tre di Seren del
Grappa, Tranquilla, Giulia e Loretta -
che si avvalgono anche della
preziosa collaborazione del querese
Massimiliano “Max” Andreazza - a
mezzogiorno propongono alla
clientela insalatone, toast,
bruschette, oltre naturalmente a
spritzoni con stuzzichini vari, un buon
bicchiere di prosecco e tanta
cordialità e simpatia. Una curiosità: la
inaugurazione del locale ha avuto
come sottofondo le musiche di Ermanno Fagherazzi, di Lamosano, un ex compagno di scuola di Paolo Feltrin che il
nostro abbonato querese ha ritrovato dopo ben 31 anni: davvero una scena da “Carramba che sorpresa!”… Allo
staff del Caffè Centrale gli auguri di buon lavoro dalla redazione del Tornado. Nella foto, uno scorcio del locale. In
secondo piano gli stessi volti già immortalati lo scorso 31 dicembre in occasione della chiusura sotto la precedente
gestione. Clienti affezionati, non c’è che dire: tre lavadùre che rispondono al nome di Cassol, Curto e Feltrin.

Gli appuntamenti della Pro Loco di Fener


Oltre al TORNEO DI CALCIO-BALILLA che si terrà
DOMENICA 25 APRILE al Parco del Piave (e di cui
pubblichiamo a fianco la locandina), la Pro Loco di
Fener propone altri due appuntamenti:
SABATO 1° MAGGIO
PICNIC ALLA CROCE DEL PIAJO
Il tradizionale appuntamento del 1° maggio è
organizzato dal gruppo “Fener I Giovani” con, alle
11, il ritrovo al Costesèl e, alle 12.30, la grigliata alla
Croce del Piajo. E’ gradita la prenotazione. Per
informazioni rivolgersi a Valerio Schievenin, cell.
329-7433860.
DOMENICA 2 MAGGIO
GARA DI AUTOMODELLI RADIOCOMANDATI
Presso la Pista Verde del Parco del Piave, si terrà la
gara valida per il trofeo “Tecnovi” con al mattino le
prove libere e le qualifiche e al pomeriggio le
semifinali e le finali. Per tutta la giornata la Pro Loco
di Fener garantirà il servizio bar e cucina.
9

il comune di alano di piave


in collaborazione con le

associazioni d’arma ed ex combattenti alanesi


organizza

anniversario
del 25 aprile
presso il
monumento agli alpini
(Zona Industriale Colmirano)

programma
ore 9.45 - ritrovo in p.zza martiri e deposizione Corona al monumento partigiano;
ore 10.30 - S. messa ricordando i Caduti per il Tricolore presso
la Chiesa S. giacomo di Colmirano;
ore 11.45 - Sfilata al Monumento degli Alpini e discorsi di rito;
ore 12.30 - ristoro.

Il Sindaco
le Associazioni d’Arma ed Ex Combattenti Alanesi

sarà presente la banda cittadina

associazioni e cittadinanza sono invitati


Stampa dbs rasai 3.10
10 LETTERE AL TORNADO

Grazie Gilberto
di Settimo Rizzotto
E' tanto che volevo mettere una fotografia della corale di Quero, di cui sono orgoglioso di far parte, come ringraziamento
per la pazienza e la bravura del nostro maestro Gilberto Meneghin. Egli riesce a farci cantare tutti "magnificamente", così
da rendere più solenni le messe più importanti di Quero, con i giovani organisti che si alternano con impegno, compati-
bilmente con i loro studi o lavoro. Ti ringrazio per la tua disponibilità.

attualità

Biblioteca dell’Unione di Comuni di Quero e Vas

dalla transumanza
alle terre selvagge
Immagini, testimonianze, emozioni di viaggiatori speciali

QUERO – Centro Culturale


Giovedì 22 aprile 2010 ore 20,30
Sulle tracce degli ultimi pastori del Triveneto
Un centinaio di splendide suggestive fotografie
che raccontano il viaggio degli ultimi pastori transumanti

Testimonianza dell’autore Adolfo Malacarne


Presentazione di Sandro Dalla Gasperina

Giovedì 29 aprile 2010 ore 20,30


9289 chilometri sulla Transiberiana: da Mosca a Pechino
Per 25 giorni ed attraverso 6 fusi orari, tra gli sterminati territori di Russia, Mongolia e Cina.
In treno alla scoperta dei principali elementi fisico-politici, del carattere e dello stile di vita
delle popolazioni dei tre grandi Paesi: il viaggio di un vita.

Testimonianze e racconti di Norina Marcolin


Insegnante di educazione fisica appassionata di sport e di viaggi

Giovedì 6 maggio 2010 ore 20,30


Per 25 giorni ed attraverso 6 fusi orari, tra gli sterminati territori di Russia, Mongolia e Cina.
In treno alla scoperta dei principali elementi fisico-politici, del carattere e dello stile di vita
delle popolazioni dei tre grandi Paesi: il viaggio di un vita.
11 attualità
Testimonianze e racconti di Norina Marcolin
Insegnante di educazione fisica appassionata di sport e di viaggi

Giovedì 6 maggio 2010 ore 20,30


Un VIAGGIO più vicino al CIELO
In sella alla sua mountain bike,
percorre le strade del Ladakh, nel piccolo Tibet,
superando il passo dei passi, il Kardung La a quota 5.606 metri...”

Racconto di un'esperienza di Toni Mondin,


Ingegnere libero professionista appassionato di ciclismo da sempre

Giovedì 13 maggio 2010 ore 20,30


Proiezione del film Into the Wild - Nelle terre selvagge
Il film è del 2007, scritto e diretto da Sean Penn, basato sul romanzo di Jon Krakauer “Nelle terre
estreme”, in cui viene raccontata la storia vera di Christopher McCandless, giovane proveniente dal
West Virginia che subito dopo la laurea abbandona la famiglia e intraprende un lungo viaggio di due
anni attraverso gli Stati Uniti, fino a raggiungere le terre sconfinate dell'Alaska.
Ingresso libero
INFO Biblioteca di Quero tel. 0439 787097 E mail biblioteca.quero@feltrino.bl.it Martedì 9,00 - 13,00 Giovedì e Sabato 14,30 - 18,30

In Famiglia Cristiana nr. 10 del 7 marzo 2010


Intervista al dr. Antonio Dal Canton
presidente della Sin, la Società italiana di nefrologia
(M.M.) Il Dr. Antonio Dal Canton, direttore del servizio di nefrologia all’Ospedale San Matteo
di Pavia, professore ordinario di nefrologia all'Università di Pavia, oltre ad un nutrito
curriculum di studi e riconoscimenti accademici, ha anche una caratteristica che per noi ha
una particolare rilevanza: nelle sue vene scorre sangue querese! Suo padre era, infatti,
Mario Dal Canton (Crepèr), che in molti ricordano per la sua innata giovialità. Antonio è
cresciuto lontano da Quero, ma ci veniva spesso per brevi periodi di ferie, almeno fino a
quando glielo hanno concesso i suoi innumerevoli impegni di studio e lavoro. Ora è fra i più
importanti studiosi della nefrologia e l’intervista della testata “Famiglia Cristiana” era proprio
dedicata all’importanza del rene, in occasione della giornata nazionale dedicata a questo
organo, l’11 marzo scorso. Tre pagine per spiegare l’importanza del rene, le patologie che
possono colpirne la funzionalità, i rimedi attuali e quelli allo studio e, non ultimo, gli stili di
vita che possiamo adottare per diminuire il rischio di agevolarne la sua compromissione.
Con un linguaggio chiaro, il Dr. Antonio ha saputo mettere ben a fuoco tutte le
problematiche legate a questo importantissimo organo, dal cui buon funzionamento dipende
la depurazione del nostro organismo. Una chiarezza di cui aveva dato prova anche durante
la precedente partecipazione alla trasmissione televisiva “Elisir”, in onda su Rai 3, chiamato
quale esperto del settore. Il testo dell’intervista, per chi ha perso la versione cartacea, si può
leggere integralmente sul sito della rivista: http://www.sanpaolo.org/fc/1010fc/1010fc62.htm
Informazioni sul rene e la sua funzionalità di possono reperire presso:
Fondazione italiana del rene: Tel. 081/55.62.922 Fax: 081/54.66.844 Sito: www.fondazioneitalianadelrene.org
Società italiana di nefrologia: Tel. 06/44.65.270 (Lun-Ven. ore 9-17) Fax: 06/44.65.270 Sito: www.sin-italy.org

poesia

NON HO BISOGNO DI DENARO...


Alda Merini
Io non ho bisogno di denaro.
Ho bisogno di sentimenti,
di parole, di parole scelte sapientemente,
di fiori detti pensieri,
di rose dette presenze,
di sogni che abitino gli alberi,
di canzoni che facciano danzare le statue,
di stelle che mormorino all'orecchio degli amanti....
Ho bisogno di poesia,
questa magia che brucia la pesantezza delle parole,
che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.
12 LETTERE AL TORNADO

Tossici di serie A e tossici di serie B


Anche in questi giorni è scottante il tema della droga; se ne dibatte nei talk-show, vengono intervistati i personaggi famosi
che ne fanno, o ne hanno fatto, uso. Ma, grande pregio della televisione, che tutto riesce a rendere patinato e trendy, ha
trasformato anche la visione dello “sballo” come tappa irrinunciabile nel percorso personale di ognuno. “Faccio uso di co-
caina per essere sempre pimpante al lavoro”; “mi faccio di acidi per scrivere canzoni più vere e maledette”. E’ questo ciò
che si sente; si è arrivati a idealizzare questo mondo, questo sporco mondo. I “Vip” collezionano sedute terapeutiche in
comunità e le sfoggiano nei programmi in Tv per fare i predicatori e fare audience; ma chi, in un varietà, ha mai anche so-
lo osato accennare ai veri tossici? Quelli di “serie B” ! Quelli che si fanno le stagnole nei sottopassaggi delle stazioni,
quelli che si prostituiscono per una dose, o quelli, i più tanti, che muoiono aspettando di entrare in una comunità.
Sono la madre di una “tossica di serie B”, non la madre di chi si fa le canne il sabato sera per noia o pippa nei lussuosi
bagni di bar per gente dabbene, e mi arrabbio quando vedo strumentalizzato anche questo schifo per vendere più Cd o
per impietosire il grande pubblico.
Non vorrei più vedere tratto un tema così grave, così serio e dalle mille scioccanti sfaccettature, in maniera così leggera e
da persone assolutamente non competenti!
Una mamma che continua a lottare

La riflessione di Gramellini
La lettera che ci è stata consegnata e che pubblichiamo qui sopra, si sposa perfettamente con un commento di Gramel-
lini, comparso sul quotidiano “La Stampa” e lo riproduciamo qui sotto per sottolineare una volta di più che certi temi han-
no bisogno di tutto, fuorché di ipocrisia. I commenti di Gramellini si trovano anche sul sito del quotidiano e ne consiglia-
mo a tutti la lettura, cliccando su: http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/hrubrica.asp?ID_blog=41
La prima caratteristica delle polemiche all’italiana è che, un attimo
dopo che sono scoppiate, non si capisce già più di che cosa
parlano. Prendiamo il caso Morgan. Di scandaloso, nelle sue
dichiarazioni, non c’era l’ammissione dell’uso di droga, vizio diffuso
nello spettacolo e non solo lì, ma il messaggio che la cocaina
sarebbe un ottimo antidepressivo. Parole devastanti, anche perché a pronunciarle era un divo della tv. Ebbene, questi
due aspetti - l’esaltazione della coca come farmaco e l’impatto della popolarità televisiva - sono subito scomparsi dal di-
battito per lasciare posto all’immagine dell’artista maledetto che si droga, capro espiatorio da immolare sull’altare del
prossimo festival di Sanremo. La seconda caratteristica delle polemiche all’italiana è l’immediata trasformazione del capro
espiatorio in figliol prodigo. Gli si vieta Sanremo, ma lo si invita a tutti gli altri programmi perché si ravveda e chieda per-
dono. Il più rapido è don Vespa, che per la cerimonia del pentimento ha convocato un prete vero, don Mazzi, da non con-
fondere con il direttore della prima rete Mazza, che non vuole Morgan al festival, e con il direttore del festival Mazzi, che
invece gli tenderebbe la mano. Non ci capisco più una mazza, sbotta Morgan, e su questo è difficile dargli torto. Comun-
que si sottrae al rito purificatorio: se non lo vogliono più a Sanremo, pazienza. «Diamogli una seconda possibilità», insiste
invece l’onorevole Bersani con toni da prelato. Perché la terza caratteristica delle polemiche all’italiana è che il Pd sta zit-
to quando dovrebbe parlare, ma se c’è da rimanere zitti, si può star sicuri che parlerà.

Una fede adulta, oltre gli scandali


Dio, è al di sopra delle religioni e delle chiese
Caro “Tornado”, scrivo queste due righe nel mattino di Pasqua (mentre noi cristiani festeggiamo Cristo risorto e
vincitore del male), e nei giorni delle polemiche sulla pedofilia e contro il Vaticano.
Una fede vera e adulta ci fa credere in Dio e in Gesù Cristo, ma ci permette anche di criticare le religioni e le chiese
quando sbagliano. Le religioni e le chiese “non sono oggetto di fede”; sono strade, strumenti che possono condurre a
Dio, ma che a volte costituiscono un ostacolo. Io non posso “credere” (nel senso di “dar fiducia”) in qualsiasi religione
che tollera la schiavitù e la tortura, che non promuove la pace e la giustizia tra i popoli, che sta coi ricchi non coi poveri,
che patteggia col potere e coi governi.
Inoltre una fede adulta, deve distinguere tra Chiesa-comunità universale dei credenti, e chiesa intesa come istituzione,
gerarchia, Vaticano, ecc.
Quindi non è una eresia dire che soltanto Dio e Gesù Cristo possono essere oggetto di fede. Da secoli si è scritto che
“la Chiesa è santa e peccatrice”, come siamo ciascuno di noi...
Basterebbe ricordare quanto Gesù di Nazareth ha lottato contro la casta sacerdotale e contro una religione fatta di
prescrizioni e di esteriorità, che faceva valere le leggi più delle persone.
Già Gandhi diceva: “Credo in Cristo, ma non nei cristiani”. E se amiamo la Chiesa, dobbiamo ”criticare” ed esigere
che sia fedele al messaggio evangelico iniziale.
A livello personale, dopo tanti anni e tante esperienze, posso dire che “credo” in Dio - in Cristo e nel suo Vangelo, al
di là degli sbagli storici ed attuali della chiesa, dei preti e dei cristiani.
Sono orgoglioso e grato di essere stato contemporaneo di papa Giovanni 23°, del Concilio Vaticano II°, di don Milani,
di don Puglisi, di Primo Mazzolari, di Don Ciotti, di P. Zanotelli, di Mons. Tonino Bello, e di tanti altri.
Sono grato alla chiesa che - nonostante tutto - mi ha trasmesso il Vangelo e la fede; che mi ha messo con testimoni
fondamentali come Teresa di Calcutta, Annalena Tonelli, Oscar Romero, il Card. Martini.
Questa è la chiesa in cui “credo” e su questa strada, vale la pena essere cristiani!!
Mi sento di poter dire “mettiamo al centro Cristo e il suo Vangelo, tutto il resto è relativo”.
Tante cose possono e devono cambiare. Antonio Spada (4 aprile 2010 )
13

Federazione Associazioni
Donatori di Sangue

Congresso Nazionale
FIDAS 2010
Fiera di Primiero: 30 aprile e 1 maggio
CONSIGLIO REGIONALE Provincia Autonoma Comunità di Primiero
TRENTINO ALTO ADIGE di Trento Provincia Autonoma di Trento

REGIONE DEL VENETO Comunità Montana


Feltrina

CITTÀ DI FELTRE

Primiero Energia S.p.A.


Grafica SMAA - Stampa DBS - Mc 3-10

FELTRE
Domenica 2 maggio 2010
GIORNATA NAZIONALE
dei Donatori di Sangue
FIDAS
PROGRAMMA
Ore 8.00 Ritrovo Donatori a Prà del Moro Ore 10.30 Interventi Presidente
Ore 9.15 Arrivo Fiaccola Nazionale FIDAS
dal Tempio del Donatore ed Autorità
Ore 9.30 Santa Messa presieduta da Ore 11.00 Inizio Sfilata
S.E. Mons. Giuseppe Andrich Ore 14.30 Scioglimento corteo
14 LETTERE AL TORNADO

La falsa partenza dei governatori leghisti


di Silvio Forcellini
La legge 194, o legge sull’aborto, fu votata a suo tempo dalla maggioranza degli italiani. Molti politici sembrano a-
verlo dimenticato, per furore ideologico, per fini strumentali, per compiacere la gerarchia ecclesiastica o sdebitarsi
con essa, per delirio di onnipotenza da molti voti raccolti… Tra questi i neogovernatori leghisti del Piemonte e del
Veneto, Roberto Cota e Luca Zaia, che, appena eletti, hanno subito dichiarato che «la pillola abortiva Ru486 sareb-
be rimasta nei magazzini» delle regioni da loro amministrate. Dimenticando anche, questi “liberisti alla bagna cau-
da” o “al radicchio trevigiano”, che, al di là delle proprie rispettabilissime convinzioni personali, le leggi vigenti vanno
rispettate (ma qualcuno poi deve averlo fatto presente ai due, magari dopo aver impartito loro anche un breve ri-
passo di scienza politica sulla rule of law, la sovranità della legge che, con la separazione dei poteri, è uno dei pila-
stri del liberalismo). Se un organismo nazionale, rigorosamente scientifico e riconosciuto in Europa, quale è l’Aifa,
dichiara un farmaco innocuo e disponibile per la popolazione, è un diritto di tutti poterlo utilizzare, in base all’articolo
32 della Costituzione che sancisce il diritto alle cure. Punto.
Sia chiaro: nessuno vuole l’aborto, che va combattuto soprattutto con l’informazione e la prevenzione e non
con gli anatemi, ma va sottolineato anche il fatto che, dall’entrata in vigore della legge 194, gli aborti in Italia sono
più che dimezzati. Così come in nessuno dei paesi dove è stata introdotta la pillola abortiva (cioè nella maggior par-
te dell’Europa e negli Stati Uniti) si è verificato un aumento degli aborti. O c’è chi, per mettersi la coscienza a posto,
preferirebbe ipocritamente che si ritornasse alla piaga degli aborti clandestini o, nel caso della Ru486, che la si ac-
quistasse privatamente via internet: occhio non vede, cuore non duole?
C’è anche chi, sempre tra i politici, ha parlato di «banalizzazione dell’aborto» in caso di introduzione della
pillola Ru486 (sproloquiando di “partito della vita” opposto al “partito della morte”, categorie che, come l’odio oppo-
sto all’amore, con la politica non c’entrano assolutamente nulla, ma tant’è…). A questa dichiarazione ha replicato
da par suo il professor Umberto Veronesi che, probabilmente, ne sa un po’ di più sull’argomento di un qualsiasi
sottosegretario (e che ha già “bollato” come anticostituzionali i pronunciamenti dei due governatori). Riporto di se-
guito le sue illuminanti parole: «Molti credono che la Ru486 faciliti l’aborto e dunque possa indurre le donne a prati-
carlo a cuor leggero. In realtà le esperienze dei Paesi (la maggior parte di quelli europei e gli Stati Uniti) che da di-
versi anni hanno introdotto la pillola abortiva, provano che non è vero: in nessuno di essi si è verificato un aumento
degli aborti. Del resto chi ha a che fare con il mondo femminile negli ospedali, sa bene che la scelta di abortire per
una donna è sempre risultato di una situazione disperata e si traduce in una forza disperata. Nulla e nessuno può
indurre una madre a rinunciare a un figlio, ma se la decisione è presa, nulla e nessuno la fermerà. Togliere a una
donna la possibilità di interrompere la gravidanza farmacologicamente, invece che chirurgicamente, è solo una inu-
tile punizione fisica. Il quadro che ne deriverebbe è che le donne meno informate, meno abbienti e che si ritrovano
nelle situazioni più tragiche (pensiamo a chi è vittima di violenza sessuale) subiranno un intervento chirurgico evita-
bile, mentre quelle più colte e con maggiori mezzi finanziari si rivolgeranno ad altre regioni o alle cliniche private,
magari all’estero. Il rischio è inoltre che si crei un “mercato nero” della pillola. Rinunciare alla maternità è una scelta
non solo drammatica, ma che fa paura e la paura ci fa facilmente cadere in balìa di chiunque ci prometta di liberarci
in fretta dai nostri spettri. Quando si parla di aborto, ci si dimentica che nessuno vuole l’aborto, e le prime a non vo-
lerlo sono le donne, per le quali è un atto che va contro l’imperativo del loro Dna alla riproduzione. Nel momento in
cui si trovano nella condizione di dover agire contro la loro fortissima pulsione alla maternità, cadono in una situa-
zione di panico e devono essere protette, aiutate, ma non abbandonate. E tantomeno punite. Se davvero si vuole
fare qualcosa di efficace per evitare gli aborti bisogna agire prima che la decisione venga presa. Bisogna combatte-
re ignoranza e disinformazione, preparare le ragazze a una maternità responsabile, promuovere l’educazione ses-
suale nelle scuole, diffondere la conoscenza dei metodi anticoncezionali, dare informazioni complete e corrette sul-
la pillola anticoncezionale. E’ importante creare un senso di responsabilità anche nei maschi, che comunque non
vengono mai colpevolizzati (e men che meno puniti) in caso di maternità indesiderata. L’aborto è un problema cultu-
rale. Sarebbe troppo facile risolverlo dicendo no alla pillola Ru486, che non è che una modalità diversa di compiere
lo stesso atto. Una diversità che sta esclusivamente nella maggiore attenzione alla salute e alla psicologia femmini-
le».
Ai due governatori, invitati nel frattempo ad un’imbarazzante marcia indietro dai propri alleati di governo
(anche in base ai sondaggi che segnalano come la maggioranza degli italiani sia favorevole alla pillola Ru486), si
erano rivolte invece due donne di valore. La prima è Chiara Saraceno, una delle sociologhe italiane di maggior fa-
ma che della questione femminile ha fatto l’oggetto privilegiato dei suoi studi, assieme ai modi di formazione della
famiglia, ai rapporti tra le generazioni e ai sistemi di welfare. Docente di Sociologia della Famiglia presso la facoltà
di Scienze politiche all'università di Torino fino al 2008, attualmente è professore di ricerca presso il Wissenschaf-
tszentrum für Sozialforschung di Berlino. Ricopre inoltre numerosi incarichi accademici, anche a livello internaziona-
le, e istituzionali in Italia. La seconda, che non ha bisogno di tante presentazione, è la celebre giornalista Natalia
Aspesi. Di seguito i loro esaurienti interventi, che ho tratto da internet.

L’IMPOSIZIONE DEL DOLORE


di Chiara Saraceno
A un giorno dalla vittoria elettorale il neo-governatore del Piemonte ha mandato un messaggio chiaro, che sia stru-
mentale o dettato da autentica convinzione. Ora che c’è lui le donne piemontesi (ma forse altri governatori di centro
destra seguiranno l’esempio, avviando una nobile gara sulla pelle delle donne) continueranno ad abortire con il
15 LETTERE AL TORNADO

massimo del dolore possibile. Proprio ora che, dopo mesi di ritardi e rimpalli, sembrava che la Ru486 potesse fi-
nalmente essere somministrata anche in Italia, sia pure con maggiori restrizioni che nel resto del mondo, Roberto
Cota ha dichiarato che, dato che lui è personalmente contro l’aborto, la pillola abortiva in Piemonte non sarà distri-
buita. Non so se abbia il potere di bloccare effettivamente un farmaco approvato da tutte le istituzioni preposte. An-
che se abbiamo ormai imparato quanto l’arroganza dei politici al potere possa interferire con le norme di diritto e
con i più elementari principi di rispetto dei diritti, della dignità e della libertà dei singoli. In ogni caso, ha mandato un
segnale chiaro di intimidazione all’intero sistema sanitario, che sappiamo quanto sia dipendente dalla politica. Do-
vranno avere molto coraggiosi i sanitari piemontesi a somministrare la pillola Ru486 alle donne che lo richiederan-
no, invece di praticare su di loro l’aborto tradizionale. Le donne piemontesi sono comunque avvertite. Roberto Cota
è uno dei candidati governatori che non ha ritenuto opportuno rispondere neppure con una frase di circostanza alla
richiesta di una associazione di donne - Pari o Dispare - che aveva chiesto a tutti i candidati di esprimersi circa
l’opportunità di istituire strumenti di monitoraggio per valutare l’impatto sulla disuguaglianza di genere delle politiche
regionali. Appena eletto governatore ha affrontato proprio un punto cruciale della libertà femminile: la libertà di ave-
re o non avere un figlio, di accettare o non accettare una gravidanza non voluta. Ha detto chiaro che per lui quella
libertà non esiste, non ha valore. La vita di una donna vale meno di quella di uno zigote o di un feto alle prime set-
timane. E se proprio una donna insiste a non voler dar corso a una “vita nascente”, che patisca fino in fondo. E so-
prattutto non le sia lasciata la possibilità di decidere, insieme al medico, quale è il modo più sostenibile e più appro-
priato. «Uteri che camminano», le donne sono viste solo come appendici del proprio utero gravido. Se potessero,
questi signori reintrodurrebbero il carcere per chi abortisce. Certo è un po’ paradossale che questo paladino della
«vita umana fin dalla nascita», anche in contrasto con la libertà e la dignità delle cittadine concretamente esistenti,
sia il rappresentante di un partito che molto spesso viceversa mostra profondo sprezzo per le vite umane già nate e
presenti: bambini e adulti immigrati, specie se poveri, o di religione o di colore della pelle diversi. Difendere la «vita
nascente» è facile, non costa nulla ai politici e fa sentire buoni e apprezzati dalla chiesa cattolica. Assumersi re-
sponsabilità verso «la vita nata» è molto più complicato e costoso.

LA VOLONTÀ DI PUNIRE
di Natalia Aspesi
I nemici della pillola Ru486 hanno trovato un nuovo slogan per combatterla, anche adesso che è stata approvata
dai sapienti componenti dell’Agenzia italiana per il farmaco: il suo uso indurrebbe a una “clandestinità legale” chi af-
fronta con quel metodo una interruzione di gravidanza. Anche se verrà somministrata solo in ospedale, che non si
può definire un luogo propriamente clandestino. Come slogan non ha alcun significato, ma consente di riavvicinare
alla parola aborto la parola clandestino, cioè a ricacciare quel drammatico evento esclusivamente femminile
nell’ombra non solo del peccato ma anche in quella del crimine. Ancora una volta donne assassine, sia pure in mo-
do legale. Insomma, criminali legalizzate. Sono almeno trent’anni, da quando si cominciò a parlare di una possibile
pillola abortiva, che fu giudicata ancora più diabolica dell’intervento chirurgico, pur spaventoso; è da più di venti, da
quando in Europa ha cominciato ad essere prescritta negli ospedali e in alcuni casi venduta nelle farmacie (e ades-
so anche su Internet), che in Italia la si combatte con tanta fermezza che ogni tentativo di introdurla e sperimentarla
alla luce del sole, cioè legalmente, è stato contrastato e fatto fallire. Naturalmente la guerra non è finita: agli obietto-
ri di coscienza dell’intervento chirurgico si aggiungeranno quelli della pillola: a meno che, e questo sarebbe un im-
previsto capovolgimento, pur di impedire l’uso luttuoso della stessa, si finisca con ritenere un male minore l’aborto
tradizionale. Tra i detrattori della povera Ru486 ci sono quelli che sbandierano i 29 decessi che avrebbe causato
non si sa in quanti anni né in quanti paesi: sinceramente quando l’aborto era clandestino e quindi illegale, e al posto
della chirurgia c’erano i ferri da calza e della pillola il decotto di prezzemolo, erano migliaia all’anno le donne che
morivano. E a meno che ai nostri difensori dell’embrione interessi solo la sopravvivenza delle donne portatrici dello
stesso, e da tener quindi lontane dalla eventuale pericolosità della pillola, bisognerebbe impedire agli italiani tutti di
guidare la macchina visti i più di 5000 morti l’anno sulle strade, e anche in alcuni casi di lavorare, contando i tre
morti al giorno su impalcature, pozzi, fornaci eccetera. Clandestinità legale e decessi sono le solite espressioni di
stanca ipocrisia che si ritengono dovute per ragioni politiche e non certo morali. Allora paiono più accettabili gli ana-
temi terrorizzanti che neppure Savonarola avrebbe pronunciato e che richiamano antichi dipinti popolari pieni di
diavoli che strappano la lingua o impalano dal di dietro certi poveri nudi peccatori. In questi casi non ci si attiene alla
realtà e alla logica, ma all’apocalisse più punitiva. “Veleno letale” è una bella espressione forte, vaticana, ancora più
forte “pesticida umano”, lanciato come un dardo dal vescovo di San Marino. Il più savio da quelle parti è monsignor
Fisichella che ricorda, come è giusto per lui, come è l’aborto in sé ad essere per un cattolico peccato grave, così
grave da meritare la scomunica, come ricorda monsignor Sgreccia, appellandosi però non alle coscienze morali e
religiose delle persone, ma al solito governo, perché si svegli dal suo torpore sul tema. La parlamentare Carlucci
tuona, tanto per dire una sciocchezza, «si legalizza l’aborto fai da te», colpa naturalmente della sinistra anche se
molte sue colleghe di coalizione, più accorte, o tacciono o non hanno nulla in contrario. C’è chi da gentiluomo, co-
me il sottosegretario Mantovano, vuole soccorrere le donne che si sa sono sempre incapaci e sventate e guai ad
abbandonarle a se stesse come avverrebbe con la pillola. Brilla come sempre per pugnace crudeltà il presidente
del Movimento per la Vita Carlo Casini, al fronte antiabortista sin dagli anni 70, e da allora non si è mai fermato. Il
suo timore è che la pillola banalizzi l’aborto, che le donne, inaffidabili, la prendano come un bicchier d’acqua, non
percepiscano l’abisso del loro gesto, non soffrano abbastanza ed estinguano il senso di colpa e il rimpianto in meno
di cent’anni. Ci sarebbero altre cose da dire, poi viene in mente che da anni si dicono sempre le stesse, anno dopo
anno, non solo contro la legge che consente l’interruzione di gravidanza (quella clandestina non interessa), ma an-
che contro la prevenzione, gli anticoncezionali, i condom, ugualmente degni di scomunica. Si vorrebbe che almeno
per una volta visto che siamo anche noi, povere italiane, cittadine d’Europa più che del Vaticano, non si facesse
tanto ripetitivo casino attorno a quell’interruzione di gravidanza che non sarà mai sconfitta né da leggi proibizioniste,
16 LETTERE AL TORNADO

né da anatemi vescovili, né dal dolore individuale o dal senso di irrimediabile perdita: perché questa è la vita delle
donne, oggi di quelle più povere, più abbandonate e più sole, e meno male che adesso c’è (speriamo) la Ru486.

IL PECCATO DELLE DONNE


di Natalia Aspesi
Potevano essere altri, più fiammeggianti e costruttivi, più remunerativi e sperati, insomma vere proposte di libertà, i
primi solenni impegni presi dagli scalpitanti nuovissimi governatori del povero Nord che si avvia malconcio a precipi-
tare nella Padania. Roberto Cota e Luca Zaia, due non brutti giovanotti in cravatta verde, sono stati eletti a furor di
popolo anche da frotte di ammiratrici che ne adorano il celodurismo di partito. Ebbene, i due si sono subito dimo-
strati soprattutto devoti, tradizionalisti, forse nostalgici della messa in latino, e soprattutto ben diversi dai faciloni loro
alleati pdl, che si sono fatta la brutta fama di perdigiorno dietro escort ambosessi e sempre a gridare su pratiche di
giustizia che non interessano ad anima viva tranne una. Si sa che ormai le donne sono diventate l’anello più floscio
della società, loro che pareva avessero in mano il mondo e adesso invece non basta un bel sedere per far carriera,
se non sai almeno praticare l’igiene dentale. Quindi prima che agli evasori, agli inquinatori, ai criminali, ai fannulloni
e persino ai clandestini, i nuovi ras della Padania hanno preso subito a randellate le donne; che se non ci fossero
non ci sarebbe l’aborto, quindi l’obbligo di perder tempo con un grattacapo epocale irrisolvibile, reso stordente dal
continuo martellare ecclesiastico che ogni mattina si sveglia, dà un veloce sguardo annoiato sulla montagna impol-
verata di pratiche pedofile che riguardano i suoi pii fratelli in tutto il mondo, e subito gli viene un diavolo per capello
pensando all’infame dal nome innominabile, la diavolessa Ru486, che gli fa passare anche la voglia del cappucci-
no. Quella pozione luciferina ha qualcosa di veramente abominevole: procura l’aborto senza che chi la ingoia quasi
se ne accorga, la paziente non subisce ferri chirurgici o aspiratori, non si sente strappare le viscere, non si dissan-
gua, non prova che lievi dolori. Ignominia su ignominia, i nemici del farmaco sostengono che con questo metodo
sbrigativo la peccatrice non ha tempo di sentirsi quello che è, un’assassina, e di continuare a soffrire e chiedere
perdono per tutti i suoi giorni. Questo non è vero, perché se non in termini così apocalittici, non c’è aborto che non
lasci una ferita in una donna, che sempre si chiederà a cosa ha rinunciato e chi sarebbe stato quella rinuncia una
volta diventata persona. Certo, l’interruzione di gravidanza, voluta dalla legge 194 e necessariamente cruenta, pia-
ce di più ai nemici dell’aborto, in quanto punitiva: anche se poi, quel che davvero si meriterebbero le donne sarebbe
un bel ritorno all’aborto clandestino, quando almeno le malvagie assassine spesso morivano come meritavano. A
questo punto risulta chiarissimo, e senza condizionali, che le parole dei vescovi alla vigilia delle elezioni erano un
ordine cui non si poteva disubbidire. E i vincitori hanno subito risposto come dovevano, rassicurato le gerarchie, in
cambio dell’appoggio alla vittoria: a questo punto, la morte della Ru486 potrebbe anche preludere a una revisione
della legge 194. Ci sono ministri mistici o governatori tutto casa e chiesa che si svegliano pensando ai feti, e giù la-
crime, e già si armano per mettere definitivamente le donne al tappeto con una legge che renda una interruzione
legale più difficile che un Nobel al pensoso erede Bossi. Il problema è che i feti di Cota, Zaia e tutti gli altri governa-
tori spaventati e inetti, non hanno nessuna riconoscenza; se ne stessero lì, buoni, feti per sempre, non darebbero
fastidio: ma pretendono di diventare bambini, di crescere e farsi noiosi e ingombranti e pieni di pretese: e si lamen-
tano dei preti pedofili, e non si accontentano di pane e acqua alla refezione scolastica, e fan fare brutte figure ai
giovanotti che li ammazzano di botte, e strillano se li vendono per la prostituzione o li usano per ricavarne organi
sani. Cota e amici, giusto martellare la cattiva pillola, ma magari una vostra premurosa occhiata leghista su come
vivono i bambini, non potreste sprecarla più per i bambini che per i feti?

LEGNA DA ARDERE STAGIONATA DI FAGGIO E CARPINE IN BANCALI - PELLETS -


ACCENDIFUOCO - LEGNA DA ARDERE IN SACCO

PELLET PU-

SCONTO PARTICOLARE LEGNA E PELLET


PER I RESIDENTI NEI COMUNI DI :
ALANO DI PIAVE - QUERO - SEGUSINO - VAS - VALDO
Alimentari Via D. Alighieri, 26 - FENER (BL)
PUTTON GABRIELE Tel. 0439 789388
18 cronaca

In ricordo di Quirino (Rino) Andreazza


nato nel 1922 a Quero, secondo di tre fratelli, è deceduto in Australia il 14 dicembre 2009
A Quero, dove viveva con la famiglia, ha trascorso la prima parte della sua vita.
Arruolato nell'Arma dei Carabinieri, con l'entrata in guerra dell'Italia fu mandato nei
Paesi dell'Est, con compiti che facevano particolare riferimento all'ordine pubblico e
con mansioni delicate nei confronti delle popolazioni invase. Fu questo un periodo
difficile che lo segnò nella sua dignità di uomo e di cristiano nei momenti di tragedie
e di sofferenze che le popolazioni locali ebbero a subire. Ed è in quel periodo che
conobbe l'allora Nunzio Apostolico Angelo Roncalli (divenuto prima Patriarca di
Venezia e poi Pontefice col nome di Papa Giovanni XXIII). Conobbe da vicino
l'opera ed il grande impegno di questo Grande Pontefice per la salvezza soprattutto
di tanti Ebrei perseguitati in quell'era funesta per l'Europa.
Fu quello un alto esempio che lo segnò e che Rino, poi, in Australia, trasfuse nei
rapporti tra gli immigrati Italiani e le locali autorità australiane, onde facilitare
l'acquisizione di diritti e doveri, diventandone un punto di riferimento altamente ap-
prezzato: un moderno addetto sociale. Ritornò spesso in Italia con la amata moglie
Maria e anche da solo, dimostrando una incolmabile nostalgia ed un amore per la
Patria d'origine veramente encomiabili. Il ricordo di Quirino Andreazza (Rino Sani) è
esemplare in quanti lo conobbero ed apprezzarono.
Grazie Rino, per la tua grande testimonianza di cittadino e di cristiano!
Abbiamo raccolto questa testimonianza da persona che lo conobbe molto bene e che desidera restare dietro le righe di
questo scritto. Aggiungo alcune mie riflessioni, per l’amicizia che Rino ha voluto mantenere con me nonostante ci sepa-
rasse l’oceano. A nome mio personale e di tutta la redazione porgo le più sentite condoglianze ai figli, le nuore ed i nipoti
e parenti e ai tanti amici che Rino ha lasciato nella città di Griffith. (Alessandro Bagatella)

Foto tratte dal libretto delle preghiere stampato per l’occasione delle esequie. Qui sopra: Rino con la famiglia.

LETTERE AL TORNADO

In memoria di Luigino Peron


Il giorno prima del suo 76° compleanno se n’è andato Luigino Peron, mio cognato.
Mi piace definirlo “un galantuomo”, aggettivo fuori uso, ma più che mai calzante.
Padovano di nascita e di residenza, Querese per matrimonio, gli piaceva passare,
quando poteva, le ferie ed i fine settimana a Quero.
Indimenticabili le discussioni, i confronti che nascevano dalla lettura dei quotidiani e
le partite a carte con i nostri cugini Nino e Sarina, sotto la pergola di casa, luogo di
ritrovo ed incontro privilegiato della famiglia.
Non l’ho mai visto arrabbiato o alterato.
Gli sono particolarmente riconoscente per la pazienza, disponibilità e affetto
dimostrati nell’assistenza dei miei genitori.
Ora, come suo desiderio, riposa nel nostro cimitero.
Ciao Luigino, ci mancherai.
Giovanni Polloni
19 cronaca

Ricordando Antonio Bizzotto


02.01.1923 – 07.03.2010
Vivere circondati dall’amore è una grande fortuna e accomiatarsi da
questa vita gustando appieno questo frutto è una delle sensazioni che
deve aver provato Antonio, querese d’adozione, che ha varcato la
soglia dell’eternità mentre stava dialogando serenamente con la
moglie Maria. Una partenza invero brusca, ma comunque serena,
consapevole di aver attorno a sé l’affetto profondo dei suoi cari, delle
figlie Ivana e Donatella, che sempre lo hanno sostenuto, dei nipoti
premurosi nei suoi confronti, dei generi e di tutti coloro che ne hanno
apprezzato l’umanità. Per ricordarlo sono giunte in redazione le
righe che seguono, anch’esse testimoni del suo positivo passaggio in
questa terrena dimensione, aperte alla speranza di una vita futura.
Pensiamo che il bene che seminiamo in questa seppur breve vita, possa lasciare un segno incancellabile. Per-
ciò, in ogni angolo che ci verremo a trovare, non potremo mai dimenticare chi ci ha indicato la via, chi ci ha
insegnato a camminare con le nostre gambe, chi ci ha sostenuto o, se necessario, teneramente rimproverato
perché sbagliavamo, chi ci ha scosso dal nostro torpore, chi ci ha da sempre profondamente amato.
Quel filo che ci lega non può rompersi neanche con la morte, perché il ricordo di coloro che ci hanno voluto
bene rimane vivo in noi ed è sprone per andare avanti con ottimismo e fiducia.
La famiglia ringrazia tutte le persone che gli hanno voluto bene.
Un pensiero ai vicini di casa sempre presenti con una parola, un gesto, un sorriso e molto di più.
Alla cara bambina che ha chiesto come si muore, al caro bambino che si preoccupa per la solitudine di
chi è rimasta solo.

Una favola: la piccola larva e la libellula


C'era una volta, sul fondo di uno stagno tranquillo, una colonia di larve d'acqua. Le piccole larve erano tutte molto felici
anche se vivevano lontano dal sole. Trascorrevano lunghi mesi indaffarate, spostandosi velocemente nell'acqua e sulla
soffice melma del fondale. Tutte avevano però notato che, di tanto in tanto, una di loro perdeva interesse alle attività
delle compagne. La larvetta solitaria si arrampicava lungo lo stelo di una delle ninfee dello stagno, pian piano spariva
allo sguardo delle amiche e nessuno la rivedeva più. "Guarda" - disse una volta una delle piccole larve a un'altra - "una
di noi sta salendo su per lo stelo della ninfea. Secondo te, dove sta andando? Su, sempre più su, pian pianino, dove
va?". E proprio mentre la stavano osservando, la piccola larva sparì. Le sue amiche aspettarono e aspettarono ma lei
non tornò più."È strano" disse una larva all'altra. "Ma non era contenta qui?" chiese una seconda. "E dove pensate che
sia andata?" aggiunse una terza. Erano tutte molto perplesse. Alla fine, una delle larve d'acqua, quella che era a capo
di tutta la colonia, riunì le compagne e disse: "Ho un'idea. La prima tra noi che salirà su per lo stelo di una ninfea deve
promettere che tornerà a raccontarci dove è andata e perché". "Promesso!" dissero tutte solennemente. Un giorno di
primavera, non molto tempo dopo, la stessa larvetta che aveva proposto il piano si ritrovò a scalare lo stelo della ninfe-
a. Saliva su, sempre più su. E prima ancora di rendersi conto di cosa stesse facendo, aveva ormai attraversato lo
specchio d'acqua e si era ritrovata sulla larga foglia verde di una ninfea che galleggiava in superficie. Lì, si era addor-
mentata. Quando si risvegliò, si guardò intorno con sorpresa. Non riusciva a credere ai suoi occhi: era avvenuto un in-
credibile cambiamento! Si accorse di avere quattro grandi ali d'argento e una lunghissima coda. Il calore del sole la a-
sciugò rapidamente, lei mosse le ali e si ritrovò improvvisamente a volare in alto, sopra la superficie dell'acqua: era
diventata una libellula! Lanciandosi in picchiata e volteggiando in grandi curve, volava nell'aria, emozionata da una no-
vità così grande. Dopo un po', atterrò felicemente sulla foglia della ninfea per riposarsi. E proprio in quel momento
guardò in basso, verso il fondo dello stagno. Si trovava esattamente sopra le sue vecchie amiche, le larve d'acqua! Lo-
ro se ne stavano come al solito a correre qua e là, proprio come lei aveva fatto fino a poco tempo prima. Solo allora la
libellula si ricordò della promessa: "La prossima di noi che salirà su per lo stelo della ninfea tornerà a raccontarci dove
è andata e perché". Senza pensarci due volte, si lanciò a capofitto nell'acqua. Però, appena toccò la superficie, rimbal-
zò via: ora che era diventata una libellula non poteva più rientrare nell'acqua. "Non posso a tornare," - disse dispiaciuta
- "ci ho provato, ma non riesco a mantenere la promessa; comunque, anche se riuscissi a tornare, nessuna delle mie
compagne mi riconoscerebbe. Mi sa che non posso fare altro che aspettare fino al momento in cui anche loro saranno
diventate libellule. Solo allora capiranno cosa mi è accaduto e dove sono andata". E la libellula, con un battito di ali, vo-
lò via nel suo nuovo mondo di sole e di aria.

Il mercatino
Vendo console Wii completa di tutto, usata pochissimo, con un
joystick, a 129,00 €uro in ottime condizioni.
Info: 348. 37 48 322
20 calcio

Calcio - Seconda Categoria


Piave Tegorzo al quintultimo posto
di Cristiano Mazzoni
Il secondo successo esterno permette alla Piave Tegorzo di raggiungere il quint’ultimo posto in classifica e di alimenta-
re le speranze di salvezza. Infatti i tre punti ottenuti con l’Altivolese hanno permesso alla squadra di Giuseppe Prosdo-
cimo di portarsi ad una sola lunghezza dal sest’ultimo posto, ovvero la salvezza diretta, occupato sempre dal Lentiai.
Ora a cinque giornate dal termine la Piave Tegorzo avrà la possibilità di poter operare il sorpasso sebbene il calendario
non sia proprio dei più facili dovendo affrontare, ad eccezione della Juventina Mugnai, tutte formazioni in lotta per i
play-off.
I prossimi incontri vedranno la Piave Tegorzo impegnata in due trasferte dapprima domenica 18 aprile (ore 16:00) con-
tro la Juventina Mugnai e poi in quella successiva contro il Valdosport, mentre domenica 2 maggio (ore 16:30) affronte-
rà in casa il Fiori Barp Sospirolo.
25a GIORNATA: Altivolese – Piave Tegorzo 0 a 1
Una rete di Andrea Coppe al 28° della ripresa ha permesso alla Piave
Tegorzo di espugnare il campo dell’Altivolese e di conquistare tre punti
importanti in chiave salvezza. Una vittoria meritata quella ottenuta dalla
squadra di Giuseppe Prosdocimo in virtù di un predominio territoriale
pressoché costante e di una superiorità tecnico-agonistica evidente.
Nel primo tempo dopo un iniziale fase di studio la Piave Tegorzo bisognosa
di punti per rimpolpare una classifica deficitaria rompeva gli indugi e creava
due ghiotte occasioni al 15° e al 20° con Khalid Rahli che lanciato a rete
veniva però in entrambi i casi anticipato dal portiere in uscita. Alla mezz’ora
si rendeva nuovamente pericolosa con un’incornata di Andrea Coppe sulla
quale il portiere locale si faceva trovare pronto alla parata mentre nel finale
di tempo reclamava un netto calcio di rigore quando un tiro ravvicinato di
Simone Binotto veniva respinto con il braccio da un difensore sulla linea di
porta. La compagine bianco-verde nella ripresa non demordeva e
continuava a premere. La sua costanza veniva premiata al 28° quando su
un perfetto traversone di Mirko Schievenin il gran colpo di testa di Andrea
Coppe non lasciava scampo al portiere dell’Altivolese. Nel finale di gara i
padroni di casa tentavano di raddrizzare l’incontro ma la difesa della Piave
Tegorzo questa volta non si faceva sorprendere e la vittoria veniva messa
in cassaforte.
Il portiere Giulio De Faveri CLASSIFICA CAMPIONATO DOPO 25a GIORNATA
Caerano 55, San Vittore 47, Ztll Sx Piave 45, Fiori Barp Sospirolo 44, Union Maser 43, Fossalunga* 42, SP Calcio 2005
41, Valdosport 40, Bessica 29, Altivolese 28, Lentiai 24, Piave Tegorzo 23, Foen 22, Eagles Pedemontana 18, Juven-
tina Mugnai 17, Agordina 14. (* 1 punto di penalizzazione).

ASTERISCO

Sottoscrizione a premi pro Parrocchia - Festa del Patrono di Quero


I numeri vincenti
Lampadario Lampe n.719 - collana donna Pasa n.39 - coppia 2 lumetti Lampe n.635 - occhiali da sole donna 2Esse
n.998 - lume a tre luci Lampe n.614 - buono spesa 30€ Ellegi n.194 - 2buoni solarium trifacciale+buono sconto 20%su
prodotti Fiorestetica n.536 - 2 lampade Favero n.888 - collana uomo Pasa n.780 - abbon.Il Tornado n.634 - occhiali da
sole uomo 2Esse n.216 - buono 20€ Offside n.460 - plafoniera Perenz n.561 - buono 20€ Offside n.881 - buono spesa
15,00€ Frutteto n.118 - buono spesa 15,00 € Panif.Schievenin n.964 - soppressa macell.Fabio n.759 - torta gelato
6pers gelateria Millegusti n.512 - confezione fioreria Della Bianca n.577- buono piega Metamorfosi n.925 - buono piega
Profili n.602 - 2 buoni solarium trifacciale Fiorestetica n.414 - buono colazione Nuova Locanda n.31 - buono colazione
bar al Cavallino n.722 - confezione fioreria Della Bianca n.849 -quadro con cornice Pasa n.192 - prodotti
bellezza+sconto 20%su prodotti Fiorestetica n.453 - 2 faretti Perenz n.980 - prodotti per decoupage ColorCasa n.136 -
quadro Dal Canton Pierina+carriola Scariot Aldo n.542 - buono 4 coppette da 2 palline gelateria Millegusti n.165 -
cestino di pasqua fioreria Della Bianca n.79 - computerino per bici Special n.218 - set di prodotti ferramenta Andreazza
Moreno n.471- prodotti per decoupage ColorCasa n.188 - camicetta donna n.792 - creme corpo erboristeria Armonia
n.175 - abat-jour per bimbi cartoleria Schievenin Albertina n.258 - prodotti Bertelle n.146 - creme corpo erboristeria
armonia n.957 - lampada da tavolo Perenz n.822 - prodotti bellezza+sconto 20% su prodotti Fiorestetica n.491 -
prodotto per capelli VenusLook n.445 - colomba pasquale panif. Favero n.494 - set coltelli distrib. Agip n.890 - prodotti
Maria Pia n.647 - set asciugami+centri Antoniazzi n.731 - pallone+dvd distrib.Agip n.539 - buono 2 coppette da 2
palline gelateria Millegusti n.803 - vaso terracotta+peluche Maria Pia n.883 - buono 1 coppetta da 2 palline
gelat.Millegusti n.362 - set vasetti spezie n.725
Il ritiro dei premi dovrà essere effettuato entro e non oltre il 28 aprile presso la canonica di Quero.
Il Consiglio Pastorale ringrazia di cuore tutte le attività che hanno partecipato a questa iniziativa.
21

NUOVO NEGOZIO DI
PARRUCCHIERA

Dal
4 m a g g i o 2 0 1 0

Alano di Piave (BL) - Piazza Martiri


Tel. 0439 779745
22 ASTERISCO

Magico incontro a Sirmione


Durante una
vacanza a
Sirmione, Evaristo
Menegon ha visto
parcheggiata una
Bentley 61/2 Old
N.2 (1930 e non ha
resistito alla
tentazione di
vedersi ritratto in
foto assieme ad
essa, considerato
che le auto storiche
lo hanno sempre
appassionato.
Eccolo qui,
noncurante di tutto,
mentre assapora un
gelato, guardando
con malcelata
invidia il proprietario
della famosa auto
inglese.

La moglie, Maria
Rita Zuco

attualità

SETTORE TECNICO - Servizio Mobilità e Trasporti

L’abbonamento agevolato per andare a scuola


Rimborso spese per servizi diversi
anno scolastico 2009 - 2010
Gli studenti residenti nella provincia di Belluno che utilizzano il servizio di trasporto pubblico per il quale non viene
emesso direttamente l’abbonamento Unico Studenti o che utilizzano altri o più mezzi pubblici ( es. DolomitiBus +
Trentino Trasporti, DolomitiBus + SAD, DolomitiBus + SAF, ecc.) e che sostengono complessivamente una spesa
superiore alla tariffa di Unico Studenti per raggiungere il proprio Istituto scolastico (fino alle scuole superiori
comprese, sia pubbliche che private, senza limiti di età) collocato anche al di fuori del territorio provinciale hanno
diritto al rimborso per la parte eccedente la tariffa stessa.
Rimborso previsto: la maggiore spesa sostenuta, al netto di eventuali contributi di Enti e associazioni, rispetto a
quella agevolata, come sotto indicata, per l’anno scolastico 2009 - 2010
Tariffa applicata indipendentemente dalla fascia chilometrica percorsa per il tragitto residenza/domicilio – scuola,
comprensiva di eventuali trasbordi dovuti all’attuale programmazione del servizio:
Abbonamento Unico studenti settimanale 11,40 euro
Abbonamento Unico studenti mensile 28,00 euro
Abbonamento Unico studenti annuale ( 10 mesi ) 231,50 euro
Termini e modalità di presentazione della domanda di rimborso-autocertificazione: la domanda va presentata
unitamente alla documentazione di spesa in originale, ESCLUSIVAMENTE, al Comune di residenza entro la data del
15 luglio 2010
quella agevolata, come sotto indicata, per l’anno scolastico 2009 - 2010
Tariffa applicata indipendentemente dalla fascia chilometrica percorsa per il tragitto residenza/domicilio – scuola,
comprensiva di eventuali trasbordi dovuti all’attuale programmazione del servizio:
23
Abbonamento Unico studenti settimanale 11,40 euro attualità
Abbonamento Unico studenti mensile 28,00 euro
Abbonamento Unico studenti annuale ( 10 mesi ) 231,50 euro
Termini e modalità di presentazione della domanda di rimborso-autocertificazione: la domanda va presentata
unitamente alla documentazione di spesa in originale, ESCLUSIVAMENTE, al Comune di residenza entro la data del
15 luglio 2010
Fac simile di domanda-autocertificazione: è disponibile presso il proprio Comune o presso l’Ufficio Trasporti– via
S. Andrea n. 5, Belluno – tel. 0437 959338 o sul sito internet :www.provincia.belluno.it
Il rimborso avverrà a cura dell’Amministrazione Provinciale.
N.B. L’agevolazione “Unico studenti” non è cumulabile rispetto al contributo regionale disposto dalla D.G.R. n. 1756
del 16.06.2009 pertanto nel caso di liquidazione del citato contributo regionale l’utente beneficiario si impegna a
rimborsare all’Amministrazione Provinciale l’importo dell’agevolazione utilizzata, per l’ abbonamento “Unico studenti”,
entro l’importo massimo del contributo regionale ricevuto.

Investire in istruzione, il futuro della nostra provincia

LETTERE AL TORNADO

L’Associazione Agricoltori Coldiretti Quero


ricorda che:

il 25 Aprile 2010 a Quero


si terrà la tradizionale
“Fiera di S. Croce”
Gli agricoltori saranno presenti presso il piazzale della canonica con:
degustazione e vendita dei prodotti locali
formaggio in diretta
mostra del bestiame
(problemi di sanità veterinaria permettendo)
24 LETTERE AL TORNADO

prot. 4085/6883 Al consigliere Paola Corrado capogruppo del gruppo consiliare “Uniti per Valdobbiadene”
Oggetto: Risposta all’interrogazione in merito alle antenne montane
In risposta all’interrogazione in oggetto, si rileva che nell’ultimo semestre l’amministrazione ha affrontato la questione
degli impianti di telecomunicazione in area
montana, con le seguenti iniziative ed attività:
- l’affidamento di un incarico al perito Dino
Damian, che ha effettuato una ricognizione
completa degli impianti di telecomunicazione
esistenti sulla base della documentazione agli
atti del Comune e di sopralluoghi sul territorio,
e ha prodotto una relazione finale nella quale
si evidenzia che il territorio montano è
caratterizzato da un alto numero di impianti e
di antenne, situazione generatasi negli
decenni ‘70 - ‘90 a causa dell’insediamento
incontrollato di questi impianti, e ha proposto
alcune soluzioni, sia di tipo ambientale che
relative all’inquinamento, per la definizione
delle relative problematiche.
In particolare, per la località Barbaria il perito
propone l’individuazione di un sito, da realizzarsi
su proprietà comunale, nel quale installare un
unico impianto di telecomunicazioni che possa
ospitare tutti le 13 emittenti attualmente insediate
su diversi tralicci. Il perito Damian ha avuto diversi
incontri con la società consortile R5 a rl di Padova,
che aveva presentato un progetto per
l’installazione di un impianto di telecomunicazioni,
e ha verificato con la ditta richiedente le soluzioni
tecniche che consentano il rispetto dei limiti di
qualità delle emissione radioelettriche.
Per quanto riguarda la località di Pianezze, il
perito Damian propone diverse soluzioni in
quanto, oltre a dover considerare la realtà di
Klasse uno srl, in detta località le situazioni di
inquinamento non potranno comunque essere
risolte con un unico traliccio: dovranno quindi essere individuati dei siti di proprietà comunale nei quali possano
essere installati uno o due tralicci, a seconda dell’altezza degli stessi, della tecnologia delle antenne, ecc.
- l’affidamento di un incarico di consulenza legale all’avv. Francesco Vettori di Vicenza, per un parere legale in
merito alla soluzione delle problematiche derivanti dalle installazioni di impianti di telecomunicazioni e, in
particolare:
ƒ alla regolamentazione del settore degli impianti di telecomunicazione nel territorio comunale. Su questo punto il
legale ha già trasmesso una nota, nella quale indica, quale soluzione più adeguata per dotare il Comune di uno
strumento di regolamentazione della materia, l’approvazione di una variante allo strumento urbanistico vigente
finalizzata alla realizzazione di impianti di interesse pubblico;
ƒ all’iter procedurale da seguire, da parte del Comune, al fine di valutare l’istanza di installazione di un impianto di
telecomunicazioni in località Barbaria, su terreno di proprietà comunale, avanzata dalla società consortile R5 a
r.l. di Padova;
ƒ all’iter da seguire per la valutazione della richiesta di autorizzazione paesaggistica presentata dalla ditta Klasse
uno srl;
- l’organizzazione di incontri con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Province di
Venezia, Belluno, Padova e Treviso, tenutisi il 3 dicembre e il 15 dicembre 2009, nel corso dei quali sono state
individuate alcune modalità condivise di affrontare le problematiche del settore delle telecomunicazioni, in
particolare è stata concordata l’importanza di prevedere che eventuali impianti di telecomunicazione vengano
insediati su aree di proprietà comunale, al fine di garantire all’ente un maggior controllo delle stesse.
Il 29 dicembre 2009 è pervenuta dal Ministero dei Beni Culturali – Soprintendenza per i Beni Ambientali e
paesaggistici delle province di Venezia, Belluno, Padova e Treviso una nuova proposta di dichiarazione di notevole
interesse pubblico dell’area prealpina collinare dell’alta marca trevigiana. E’ quindi ripartita la procedura per
l’istituzione del vincolo, con la possibilità, per i Comuni interessati, di chiedere eventuali modifiche.
- organizzazione di un incontro con la Regione Veneto – Assessorato alla Cultura, tenutosi il 29 dicembre 2009 a
Venezia, nel corso del quale è stata presentata la situazione relativa agli impianti di telecomunicazione nel territorio
del Comune e le problematiche derivanti dalla loro presenza. Dall’incontro è emerso che la Regione Veneto è ben
conscia delle difficoltà che i Comuni incontrano nel gestire una materia così complessa, e si è resa disponibile a
valutare la possibilità di un tavolo tecnico – accordo di programma, per il quale metterebbe a disposizione anche i
propri tecnici, per supportare l’amministrazione nelle scelte che a breve dovrà affrontare in tema di impianti di
telecomunicazioni. Anche in ambito regionale si ritiene opportuno che gli impianti siano insediati su aree di
proprietà comunale, al fine di garantire un miglior controllo del rispetto delle norme in materia igienico sanitaria e di
inquinamento ambientale, ciò in quanto l’attività di controllo verrebbe esercitata dal Comune per mezzo di
professionisti esperti in materia.
- Visto il parere dell’avv. Francesco Vettori, nel bilancio di previsione 2010 è stato previsto uno stanziamento di
25 LETTERE AL TORNADO

20.000,00 euro (oneri esclusi) per l’affidamento dell’incarico della redazione di una variante urbanistica finalizzata
all’individuazione delle aree nelle quali consentire l’insediamento di impianti di telecomunicazioni, e delle relative
norme regolamentari.
La Regione Veneto, con nota del 19 gennaio 2009, ha diffidato le emittenti situate in località Barbaria a provvedere
all’adozione delle misure necessarie alla riduzione a conformità degli impianti, assegnando loro un termine di 180
giorni per adempiere. Non risulta che il provvedimento sia stato sospeso o revocato, anzi la Regione Veneto, nel mese
di settembre 2009, ha emesso ordinanze di “Adozione delle misure protettive atte a ricondurre i valori di esposizione ai
campi elettromagnetici entro i parametri stabiliti dalla normativa vigente”. Le emittenti hanno presentato un ricorso al
Tribunale Amministrativo Regionale, il quale ha fissato il termine del 30 giugno 2010 quale data entro la quale le
emittenti dovranno adeguare le emissioni ai parametri di legge. La Società Consortile R5 a r.l., che ha le proprie
emittenti in località Barbaria, non ha presentato un progetto in sanatoria ma aveva già presentato, il 17 ottobre 2008,
un progetto per l’installazione di un impianto di telecomunicazioni, già visionato dalla 3^ commissione consiliare in
occasione degli incontri specifici sugli impianti di telecomunicazioni, nel quale sono state accolte anche le osservazioni
e le proposte di modifica del perito tecnico Dino Damian. Il progetto, agli atti dell’ufficio sportello unico per le attività
produttive, è disponibile per la visione dei consiglieri comunali e sarà oggetto di presentazione e confronto con tutte le
realtà interessate.
Per quanto riguarda invece l’impianto di telecomunicazioni di Klasse Uno srl, il Tribunale di Treviso, accogliendo
l’istanza della ditta proprietaria, ha ordinato il dissequestro dell’impianto.
Valdobbiadene, 30 marzo 2010
IL SINDACO (Zambon Beranardino)

attualità

Sostegno economico alle famiglie


L’Ufficio Servizi Sociali dei Comuni di Alano di Piave, Quero e Vas informa le famiglie in difficoltà a seguito
dell’attuale crisi economico-finanziaria, che sono attive le seguenti iniziative a sostegno del reddito:
"Progetto Fondo Straordinario di Solidarietà" promosso dalla diocesi di Padova, le
fondazioni Cariparo e Antonveneta e dalla Provincia di Padova
Nel territorio della diocesi Padova sono stati aperti dei Centri di Ascolto Straordinari, dove chi ha perduto il lavoro a
seguito della crisi economica può sostenere i colloqui per l'accesso a un sostegno finanziario/pagamento bollette:
Requisiti richiesti per presentare domanda:
- aver perso il lavoro dopo il 1° ottobre 2008;
- non godere di ammortizzatori sociali né ricevere altri stipendi;
- essere residenti nel territorio della diocesi di Padova.
Le persone residenti nei comuni Alano, Quero, Vas e Segusino (facenti parte del Vicariato di Quero) possono rivolgersi
al Centro Ascolto Straordinario nelle sede di Bassano del Grappa:
via delle Fosse – tel. 0424 529975
aperto al pubblico il mercoledì dalle 20,00 alle 22,00 e il sabato dalle 10,00 alle 12,00
“Fondo straordinario di solidarietà per chi perde il lavoro”
promosso dalla Provincia di Belluno
Prevede l’erogazione di un contributo, per un importo massimo di € 3.000,00, a coloro che si trovano in una situazione
di disagio economico, dovuto alla perdita del posto di lavoro e che presentano i seguenti requisiti:
• perdita del lavoro dal 01 giugno 2008 compreso a causa di
‐ licenziamento (escluse le dimissioni volontarie, il licenziamento per giusta causa, disciplinare e
giustificato motivo soggettivo), sia per i dipendenti a tempo indeterminato che determinato, con
qualsiasi tipo di contratto (vi rientrano i lavoratori che a tale data abbiano maturato un periodo
lavorativo di almeno 3 anni);
‐ mancato rinnovo di una qualsiasi tipologia di contratto di lavoro a termine (vi rientrano i lavoratori che a
tale data abbiano maturato un periodo lavorativo di almeno 3 anni, con uno o più contratti anche non
continuativi);
‐ cessazione della propria attività di lavoro autonomo in ragione della crisi.
• Indicatore della Situazione Economica (ISEE) relativo all’anno 2008 non superiore ad € 20.000,00;
• patrimonio mobiliare al lordo delle franchigie ISEE alla data del 31.12.2008 non superiore ad € 7.000,00 a
testa per ogni membro del nucleo familiare;
• abbiano percepito nel corso del 2009 un reddito da lavoro (dipendente e/o autonomo) non superiore ad €
5.000,00 lordi dall’inizio dell’anno 2009 o, comunque, nel semestre precedente la domanda;
• siano preferibilmente cittadini italiani e risiedano stabilmente nella Provincia di Belluno almeno dal 01.01.2004;
• risultino iscritti al Centro per l’Impiego di riferimento (Dichiarazione di Disponibilità ai sensi del D.Lgs. 181/2000
resa entro la data di presentazione della richiesta del contributo).
I requisiti sopra riportati devono essere posseduti in modo cumulativo.
Non possono accedere al Fondo coloro che, all’atto della domanda godono di altri ammortizzatori sociali (ad esempio
Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria e/o Straordinaria, Mobilità, indennità di disoccupazione) oppure siano risultati
beneficiari di altri Fondi straordinari di solidarietà gestiti da altri Enti.
Coloro che possiedono i requisiti possono presentano domanda di ammissione ai benefici del fondo esclusivamente
rivolgendosi ai seguenti CAAF abilitati, allegandola dichiarazione sostitutiva unica (DSU) relativa all’ISEE 2008:
• 50&Più S.r.l. CISL Cnfagricoltura
• A.C.L.I. CGIL Nordest Confartigianato
• A.P.P.I.A. - C.N.A. U.I.L. C.I.A.
26 MUSICA

COMUNICATO STAMPA
In occasione dell’uscita dell’album Piano Car di Stefano Ianne
Stefano Ianne Project
Sei concerti – 20/26 aprile 2010
Stefano Ianne - composizioni musicali, piano,
tastiere
arrangiamento per archi di Valter Sivilotti
Simone D’Eusanio . violino
Manuel Vignoli . violino
Manuela Trombini . viola
Paolo Baldani . violoncello
Ricky Portera . chitarra
Nick Beggs . basso
Terl Bryant . batteria
Parte ad aprile 2010 il tour promozionale, in accordo con
UNICEF e RaiTrade, in occasione dell'uscita del
quarto album Piano Car dell’artista Stefano Ianne -
compositore minimalista inquinato da pathos romantico -
che vede la partecipazione di artisti di fama
internazionale quali Trilok Gurtu, Ricky Portera (Lucio
Dalla), Nick Beggs (Kajagoogoo/Steve Hackett), Terl
Bryant (John Paul Jones/Led Zeppelin), Mario Marzi,
John De Leo, Gennaro Cosmo Parlato e altri. I
concerti si terranno in sei città italiane cominciando da
Modena, Bologna, Pordenone, Conegliano, Caerano S.
Marco (TV) per terminare a Ravenna. Il tour vede
l'artista esibirsi accompagnato da una formazione
sperimentale composta da piano e tastiere, un quartetto
d'archi (arrangiamenti di Valter Sivilotti), una chitarra,
un basso elettrico e un batterista.
Alla formazione standard si aggiungeranno vari special
guests.
Prevendite tramite il circuito Bookingshow
Stefano Ianne è uno degli artisti di riferimento del
(www.bookingshow.com) movimento contemporaneo in Italia e in Europa.
Compact Disk, via S.Pellico, 32 Montebelluna Artista Rai Trade, è autore della musica di “Montanelli
Tel 0423 300377 TV”, dello spot TV di una nota acqua minerale e della
colonna sonora di Beket di Davide Manuli; nel 2009 è
stato in playlist su Rai Radio Uno per ben cinque mesi con “Mondovisioni”, album live registrato con l'orchestra de “I
Pomeriggi Musicali” (60 elementi). Il brano omonimo è cantato da Antonella Ruggiero. Nella musica di Ianne infinite
variazioni e microvariazioni rinnovano i temi musicali del pianoforte, attorno ai quali si sviluppano gli arrangiamenti, ora
delicati, ora più incisivi, che esaltano soprattutto gli archi e i fiati. Riuscita e funzionale la scelta delle percussioni. Ciò
che maggiormente sorprende è il fortissimo impatto emotivo.
Il tour è accompagnato e sostenuto dai ragazzi e le ragazze di YOUNICEF, il movimento dei giovani sostenitori italiani
dell'UNICEF, con l'idea di aggregare nuovi giovani volontari in questo viaggio musicale.
I concerti sono a pagamento. Prevendite attive tramite il circuito Bookingshow
www.bookingshow.com Contact Center 800 58 70 55
Per informazioni: F&B Promotion mob. 339 4281845 info@fbpromotion.net www.fbpromotion.net e www.ianne.org
STEFANO IANNE – piano e composizione
Nel novembre 2006 ha dato vita all’opera Variabili Armoniche, album registrato in studio con un ensemble ad hoc di 30
elementi orchestrali e con la partecipazione di Valter Sivilotti in qualità di elaboratore orchestrale e di Simone
d'Eusanio. Da questo primo album il brano Aurore è stato scelto come colonna sonora dello spot dell’ “Acqua Panna” in
onda dal 1°giugno 2008. Nell’aprile 2008 esce l’opera Elephant, registrata live al Teatro Dal Verme di Milano con
l’orchestra de I Pomeriggi Musicali e con la partecipazione di Rolf Hind (John Adams –compositore - London
Sinfonietta). Il concerto è stato dedicato alla lotta che l’Unicef sta portando avanti per ridurre la mortalità dei bambini a
causa dell’aids. È presente nell’album una traccia video d’animazione della storia di ”Elephant”, ambientata a Parigi ai
primi del Novecento. Il video è dedicato al Coe Cameroun. Sempre nel 2008 i brani “Flying” e “Concerto per violino
quarto” sono la colonna sonora di Beket, film del regista surrealista Davide Manuli, in concorso al Festival di Locarno.
Detti brani fanno parte della terza opera di Ianne dal titolo Mondovisioni uscito nel 2009 e che vede la partecipazione
di Antonella Ruggiero. Da gennaio 2009 è un artista Rai Trade. Stefano Ianne è uno dei pochissimi compositori in
27 MUSICA

grado di mettere tutti d'accordo, essendo in grado di coniugare sperimentazione e attenzione alla melodia. Il suo è un
minimalismo particolare, lontano dalle
Compilare e presentare presso i punti vendita o musiche di Basinsky o dal cinema
ottenuto per sottrazione di Aki
la sera del concerto al botteghino Kaurismaki. Paradossalmente è una

COUPON SCONTO musica che trova la sua massima


espressività con l'orchestra sinfonica.
Nel minimalismo solo Philip Glass, in
BIGLIETTO SCONTATO parte, si era cimentato con questo
approccio.

€ 28,00 OSPITI INTERNAZIONALI


DELL’ALBUM PIANO CAR:
Trilok Gurtu, il percussionista più
NOME…………………………COGNOME………………………... importante al mondo; John De Leo, ex
VIA…………………………….CAP…………….CITTÁ….…………… cantante dei Quinto Rigo
Mario Marzi, uno dei più accreditati
E-MAIL………………………………..
sassofonisti classici; Gennaro Cosmo
BARRARE LA CASELLA DI RIFERIMENTO: Parlato cantante molto originale del
panorama pop italiano: NOTE
□ UNDER 18 MUSICISTI: Nick Beggs (basso) è il
NUMERO CARTA IDENTITA'..................................................... leader dei Kajagoogoo (“Neverending
□ STUDENTI DI MUSICA story”, “Too shy”); Terl Bryant
(batteria) suona con John Paul Jones,
NOME SCUOLA………………………………..……………………
ciò che resta dei Led Zeppelin; Ricky
CITTA’……………………….STRUMENTO………………………. Portera (chitarra) è lo storico chitarrista
□ STUDENTI UNIVERSITARI di Lucio Dalla e Stadio; Simone
FACOLTÁ……………………….Nr. TESSERA............................ d'Eusanio (violino) violinista storico di
CITTÁ…………………………………….. Alice ed Elisa;
Valter Sivilotti è il direttore
□ PROFESSIONISTI d'orchestra, elaboratore degli archi
TITOLO……………………………. CITTÁ………………………...
Piano Car
□ UNUCI NUMERO TESSERA.................................................
Stefano Ianne
□ TORNADO.......NUMERO ABBONAMENTO……..……………
Project
Per ulteriori informazioni: info@fbpromotion.net Tel 051 358345 / mob. 339 4281845
Concerto a Conegliano
Venerdì 23 aprile 2010 ore 21.00
presso Auditorium Dina Orsi
via L.Einaudi, 136 – CONEGLIANO – TV
Prevendite tramite il circuito Bookingshow (www.bookingshow.com)
Jungle Records, viale Matteotti, 31 Conegliano Tel 0438 410746

Grazie all’amico Stefano, che ha offerto la possibilità di avere uno sconto sul
biglietto d’ingresso per gli abbonati al nostro quindicinale. Per avere lo sconto
basterà presentare alla cassa il coupon sopra riportato ricordandosi di segnare
il codice di abbonato. Ogni abbonamento usufruirà di uno sconto.
ASTERISCO
Sconti 2010 per i tesserati Auser
Tutti i soci che esibiranno la tessera Auser dell’anno in corso, possono beneficiare di sconti nei
seguenti negozi convenzionati:
Ditta Sconto Note
COLORIFICIO PAULIN – Feltre
25 % + 10 %
Negozio Viale Monte Grappa
Az. Flovivaistica MONDOVERDE
10 %
di Dalla Zanna Pietro - Lentiai
LATTEBUSCHE
10 %
Bar bianco di Busche
ANTICA ERBORISTERIA
10 %
(vicino Porta Imperiale) – Feltre
Vivaio SCARIOT MARCO
10 %
Via Casonetto – Feltre
PNEUSMARKET – Feltre 10 % Sconto praticato sui prezzi già scontati
BORGATO
10 % Per una spesa superiore a 20,00 €uro
frutta e verdura - Fener di Alano di Piave
28 CALCIO

LETTERE AL TORNADO

LA FAMIGLIA
Come argomento di studio scolastico. 
LA DETERMINANTE IMPORTANZA DEI FIGLI
di Roberto Forcellini
Non s’è mai parlato tanto di famiglia, come in questi ultimi tempi.
Famiglia di qua, famiglia di là, famiglia su, famiglia giù, la famiglia
sembra sia diventata una sorta di pass-par-tout per ogni discorso.
Un termine molto trendy, che si adatta a tutte le circostanze. Ma cosa è la FAMIGLIA? Siamo sicuri che, quello che ci
viene proposto, corrisponda alla realtà? Qual è il messaggio che traspare dai mezzi di comunicazione, sul pianeta
FAMIGLIA? Quale esempio di FAMIGLIA, passiamo noi adulti , alle future generazioni? Queste dovrebbero essere
domande che ogni genitore dovrebbe porsi, se ha a cuore un futuro sereno e costruttivo per i propri figli. Queste, ed al-
tre domande simili, sono state il propellente che mi ha spinto ha proporre all’insegnante di Scienze Sociali, di mia figlia
Vania, ad illustare alla sua classe, il mio concetto di FAMIGLIA. Un concetto maturato sul campo, come genitore di una
LA DETERMINANTE IMPORTANZA DEI FIGLI
di Roberto Forcellini
Non s’è mai parlato tanto di famiglia, come in questi ultimi tempi.
29famiglia
Famiglia di qua, famiglia di là, famiglia su, famiglia giù, la LETTERE AL TORNADO
sembra sia diventata una sorta di pass-par-tout per ogni discorso.
Un termine molto trendy, che si adatta a tutte le circostanze. Ma cosa è la FAMIGLIA? Siamo sicuri che, quello che ci
viene proposto, corrisponda alla realtà? Qual è il messaggio che traspare dai mezzi di comunicazione, sul pianeta
FAMIGLIA? Quale esempio di FAMIGLIA, passiamo noi adulti , alle future generazioni? Queste dovrebbero essere
domande che ogni genitore dovrebbe porsi, se ha a cuore un futuro sereno e costruttivo per i propri figli. Queste, ed al-
tre domande simili, sono state il propellente che mi ha spinto ha proporre all’insegnante di Scienze Sociali, di mia figlia
Vania, ad illustare alla sua classe, il mio concetto di FAMIGLIA. Un concetto maturato sul campo, come genitore di una
FAMIGLIA numerosa, ed in questi ultimi 4 anni, come coordinatore provinciale per Belluno dell’Associazione Nazionale
Famiglie Numerose. Tutto è partito dall’assemblea di classe il giorno delle elezioni dei rappresentanti dei genitori, du-
rante la quale il docente di scienze sociali, che riveste anche il ruolo di coordinatore di classe, ha consegnato a tutti noi
una scheda di studio nella quale era illustrato il progetto di studio sulla FAMIGLIA. Naturalmente tra gli aspetti trattati
non ho notato riferimenti su ciò che la mia esperienza ha potuto costatare sul campo. Ecco quindi l’idea di sperimenta-
re una lezione suppletiva sull’argomento, puntando sulla determinante importanza dei figli. Sucessivamente, come
rappresentante di classe, ho potuto riavvicinare il docente, il quale a mia sorpresa, s’è subito dimostrato entusiasta
dell’iniziativa, contagiando positivamente i suoi colleghi, dandomi così il via alla preparazione della lezione. Ho quindi
preparato una video-presentazione di 30 diapositve (slide), costruita partendo dagli articoli 29,30 e 31 della Costituzio-
ne Italiana, i 3 Valori base dell’ANFN, andando a curiosare nel sito dell’ISTAT, illustando le varie proposte dell’ANFN
per contrastare il declino demografico, per finire con lo slogan, sempre dell’ANFN, “+ figli + futuro”. La lezione s’è svol-
ta venerdì 26 marzo c.a. nelle ultime due ore di lezione. Ho trovato un’ottima collaborazione da parte del personale
scolastico per la predisposizione dell’apparecchiatura necessaria alla proiezione in aula. La video-presentazione, con
relativa spiegazione delle slides, è durata tutta la prima ora, lasciando spazio nella seconda alle domande di appro-
fondimento, sia da parte degli studenti che del loro insegnante. Parecchi gli interventi provenienti dalla maggioranza
dei ragazzi e delle ragazze, puntati prevalentemente sui valori dell’ANFN, in particolare sul concetto: “FAMIGLIA come
Comunità d’amore” . Il loro livello d’attenzione è stato buono, considerando la loro età e l’orario della inusuale lezione.
Anche il professore s’è dichiarato più che soddisfatto, palesando la possibilità di un seguito, naturalmente nelle altre
classi dello stesso indirizzo. È stato omesso ogni riferimento politico, a causa delle consultazioni elettorali in corso.
Chi fosse interessato ad avere il file della video-presentazione, è pregato di inviarmi la propria richiesta scritta via mail
a: robertoforcellini@alice.it.
 
ATTUALITÀ
 
 

PITTORI PER GENERAZIONI!!!

Car. Edil
di Ferdinando Carraro
PITTORE RESTAURATORE
Via Roma - Quero (BL)
Cell. 339.2242637
30 cronaca

Foto dal “Gambero” di Cortellazzo

Dopo la notizia dell’evento, apparsa sul


numero scorso, ecco due foto della gita a
Cortellazzo, per il pranzo di pesce al
“Gambero”, organizzata dalla Pro Loco di
Fener in collaborazione con l’Inter Club
Fener. Nella prima, una parte dei ben settanta partecipanti; nella seconda, un brindisi beneaugurante. Foto di
Silverio Frassetto.

LETTERE AL TORNADO

Domenica 23 maggio 2010 traversata dal passo di san Boldo a col Visentin
Escursione impegnativa. Ritrovo a Lentiai (piazza Crivellaro) alle 6,45. Trasferimento in auto al passo
di san Boldo (40 minuti). Percorso: passo di San Boldo (709) – casera Montevecchio (897) – monte
Cimone (1.294) – La Posa (1.100) – rifugio pian de le Femene (1.163) – monte cor (1.322) ore 11,30 – col
delle Piatte (1.344) – monte Pezza (1.436) – col Visentin (1.763) ore 14 – monte Faverghera (1.611) – rist.
La Casera (1.396). Pranzo al sacco. Trasferimento in pullman al passo di san Boldo. Ritorno alle auto
previsto per le 17,30. Dislivello complessivo 1.400 metri – Note l’escursione è priva di difficoltà ma, vista
la lunghezza, se ne sconsiglia la partecipazione a chi non è adeguatamente allenato a percorrere lunghi
tragitti a piedi. Si prevedono due soste di mezz’ora equamente ripartiti durante il tragitto. Il costo del
trasferimento in pullman da “la Casera” al passo di san Boldo sarà stabilito in base al numero di
partecipanti e non sarà comunque superiore a 10 Euro.

Da sabato 29 maggio a martedì 1 giugno 2010


gruppi del Gran Sasso, Sirente-Velino e Majella (da Sulmona)
Escursioni giornaliere facili e di media difficoltà.
Iscrizioni con versamento della caparra (150 €) entro il 20 aprile
Il programma si trova sul retro del presente volantino
ESCURSIONI SUCCESSIVE
Dom. 20/06 rifugio Tita Barba (da Domegge di Cadore)
Dom. 04/07 rifugio Semenza (Alpago)
Dom. 18/07 cima Zeledra (da Madonna di Campiglio)
I programmi e le foto delle escursioni sono disponibili anche sul sito www.bassofeltrino.it
Si raccomanda attrezzatura da escursionismo: giacca, impermeabile, zaino, scarponi e guanti. In caso di maltempo le
escursioni saranno annullate. La decisione dell’eventuale annullamento verrà presa nel luogo e al momento della partenza. Si
Iscrizioni con versamento della caparra (150 €) entro il 20 aprile
Il programma si trova sul retro del presente volantino
ESCURSIONI SUCCESSIVE
Dom. 20/06 31
rifugio Tita Barba (da Domegge di Cadore) LETTERE AL TORNADO
Dom. 04/07 rifugio Semenza (Alpago)
Dom. 18/07 cima Zeledra (da Madonna di Campiglio)
I programmi e le foto delle escursioni sono disponibili anche sul sito www.bassofeltrino.it
Si raccomanda attrezzatura da escursionismo: giacca, impermeabile, zaino, scarponi e guanti. In caso di maltempo le
escursioni saranno annullate. La decisione dell’eventuale annullamento verrà presa nel luogo e al momento della partenza. Si
consiglia ai partecipanti di portare al seguito sempre accessori invernali (guanti, berretto e giacca a vento) e accessori
protettivi in caso di pioggia (poncho) anche nel periodo estivo. Improvvisi temporali o critiche condizioni meteorologiche
potrebbero rendere indispensabili questi capi. LA MONTAGNA NON VA MAI SOTTOVALUTATA NEMMENO QUANDO
NON SONO PREVISTE DIFFICOLTÀ.
Informazioni ed adesioni: Edy Ballerin 0439.56391 Fulvio Mondin 0439.776111
Luciana Facchin 349.1977428 dopo le 17 Nadia Dalla Sega 333.3616402
e.mail: escursionismosenzaconfin@tin.it. O escsenza.confini@libero.it
Durante le escursioni sarà a disposizione il 340/7356924 (copertura permettendo). Il programma può subire variazioni ed è
pertanto prudente dare la preventiva adesione per essere informati di eventuali cambiamenti dell’ultimo momento. L’orario di
ritorno di tutte le escursioni va inteso indicativamente ed è calcolato tenendo conto di un giusto numero di soste e di condizioni
climatiche nella norma.
La partecipazione alle uscite di Escursionismo senza confini è subordinata all’accettazione e alla
firma del documento “Esonero da responsabilità” che avrà validità per l’intero anno escursionistico.
Gli organizzatori declinano ogni responsabilità in caso di incidenti prima, durante e dopo le escursioni.
cronaca

Giovanni Mondin
conquista la pensione
Dopo 32 anni di
attività con il Comune
di Quero, Giovanni
Mondin, originario
della frazione di
Schievenin, ha
timbrato per l’ultima
volta il suo cartellino
di presenza sul posto
di lavoro e si è
meritatamente messo
a riposo. Questa la
notizia ufficiale, ma
siamo sicuri che
Giovanni non saprà stare con le mani in mano, abituato com’è a curare anche
altri interessi, in particolar modo orientati alla conservazione del patrimonio
agricolo di famiglia. Dal primo aprile Giovanni ha incrociato le braccia ed ora si
godrà la pensione. Per festeggiarlo i compagni di lavoro lo hanno immortalato
con il sudato diploma di neo pensionato e mentre compie per l’ultima volta il
giornaliero gesto di timbrare il cartellino.
A Giovanni i migliori auguri per la sua nuova vita da pensionato.
attualità
La notizia è stata data dal
quotidiano “Il Corriere delle
Alpi” di sabato 3 aprile, la cui
pagina è qui a fianco
riprodotta.
Pare che, secondo le medie
statistiche, i contribuenti di
Quero siano fra quelli che
non se la passano male,
seguiti a ruota da quelli di
Alano. Oltre ad aver
conquistato il podio per la
classifica dei più ricchi (in
quattro dichiarano in media
217.653 euro) i contribuenti
di Quero si attestano su un
reddito annuo di 18.744 (8°
posto fra i Comuni feltrini),
quelli di Alano dichiarano
18.467 euro (9° posto) e, in
fondo alla classifica, quelli di
Vas con 17.504 euro di
reddito (13° posto).
I dati sono relativi all’anno
2007.
32 come eravamo

Anni Sessanta, le
scuole di avviamento
professionale a
Quero
di Alessandro Bagatella
La foto che pubblichiamo a fianco ci è stata fornita dal
nostro abbonato querese Sergio Bagatella ed è stata
scattata nel 1961, durante una gita presso l’ossario
tedesco di Quero. Vi sono ritratti gli alunni della 3^ A
delle scuole di avviamento professionale. In piedi, da
sinistra, Bernardino Collavo, Elzio De Faveri (deceduto), Sergio Bagatella e Gabriele Spada; accosciati, sempre da
sinistra, Luigi De Bortoli, Pietro Ceccato (deceduto) e Federico Fiabane.

Anni Ottanta, cerimonia a Mariech

(S.C.) Nelle foto forniteci da Duilio Specia di


Quero una cerimonia presso il Monumento ai
Partigiani di Mariech di Valdobbiadene nella metà
degli anni Ottanta. Fra le autorità, l’allora sindaco
di Vas Amore Canton e lo stesso Duilio, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale di Quero, con a fianco la
moglie Elisa. Il Monumento ai Partigiani immortalato in una delle due foto reca la scritta: “In questi luoghi, per libera
scelta e nella lotta comune contro il nazifascismo, unirono i loro destini i partigiani della Brigata Garibaldi
“G.Mazzini”. I suoi 126 caduti tutto donarono perché la nostra sia terra di pace, libertà, democrazia e giustizia”.

cronaca

Dario Codemo: tecnico


l mercatino del Tornado
della prevenzione
Affittasi a Segusino ex studio medico da adibire ad ambulatorio o studio
Il trenta
professionale, ubicato marzo
in via Piave e dotato di due stanze, uno stanzino, un bagno,
scorso,
riscaldamento autonomo, con a Padova,
giardino con gazebo e ampio parcheggio (nella foto a
Dario Codemo,
fianco). Per informazioni telefonare di al 328.5416606.
Alano di Piave, ha
Affittasi a Valdobbiadene
conseguito appartamento
la composto da ingresso, cucina, soggiorno,
tre camere e doppi servizi, con
laurea in “Tecniche posto auto interno, caldaia indipendente e vista
panoramica. L’appartamento è
della prevenzione sito in via Erizzo, al 4° piano del “Condominio 2000”.
Per informazioni telefonare al
nell’ambiente e nei328.5416606.
Affittasi spazi commerciali (150 mq) presso luoghi
l’exdi “Cucina
lavoro”, Italia” di Alano di Piave, via Licini 9. Per
informazioni telefonare allo 0439-779014 oppure con alil voto di 110.
329-8633865.
A conclusione del
Vendesi Fiat 600, ben tenuta, con bollo pagato. Per informazioni telefonare allo 0439-779523.
suo ciclo di studi
ha discusso la tesi dal titolo: “La cultura della sicurezza parte dalla
formazione nelle scuole. Formazione sulla sicurezza per studenti
delle classi quinte dell’Itis Negrelli di Feltre”.
I genitori, i fratelli Lucio e Gabriele, con Monica e Cristina, si
congratulano con lui, uniti a tutti i parenti, e gli augurano un felice
futuro! (Nelle foto: Dario con i genitori ed i fratelli)
impianti elettrici
civili e industriali
MOZZELIN SANDRO
Alano di Piave
Tel. 0439 779014 - Cell. 329 8633865
È gradita la prenotazione

via Monte Grappa, 28 · Feltre


tel. 0439 842 603 · www.bancapopolare.it

due esse s.n.c.


di Stramare nicola e oscar
Via S. Rocco, 39 - 31040 SEGuSINo (TV)
Telefono e Telefax 0423.979344
Via della Vittoria - 32030 FENER (BL)
Telefono 0439.789470

onoranZe
terre armate - strade forestali - muri in roccia Funebri
ripristino frane - Fornitura inerti

Merceria Olimpia
mi trovi a Fener (bl)
via dante alighieri, 22
fronte supermercato
articoli merceria
intimo - ancHe taglie Forti
aperto tutti i giorni
dalle 8.30 alle 12.30 articoli da cucina
e dalle 16.00 alle 19.00 articoli per ricamo Via Caduti e Dispersi in Russia, 10
32031 ALANO DI PIAVE (BL)
chiuso arredo bagno Codice Fiscale e P. Iva 01027490257
Mercoledì pomeriggio
e domenica serviZio stireria Tel. 0439 787707 - Cell. 347 9775461
Tel. 0439 776076 - Cell. 380 5154637
ed altro!
a Fener, in Piazza Dante,
troverete una vasta selezione
di dolci e paste
preparati con cura artigianale
Tel. 0439 776171
Chiusura lunedì

Alessia Rizzotto
impresa edile Consulente per Viaggiare

L'unica agenzia di viaggi anche a domicilio


Fabrizio Mondin
Stampa DBS - Rasai di Seren del Grappa (BL)

nei giorni e negli orari che preferisci!

costruzioni civili e industriali viaggi di nozze * vacanze in tutto il mondo


viaggi su misura * gruppi * lastminute
ristrutturazioni e manutenzioni di ogni tipo week end * itinerari culturali e archeologici
vacanze in barca a vela
allacciamenti fognature
cell: 349.5282262
email: a.rizzotto@cartorange.com
tel. 349.3024131 web: www.consulenteperviaggiare.com