Sei sulla pagina 1di 1

La Sonata in Mi minore op. 90 del 1814 rappresenta l'inizio dell'ultimo periodo Beethoveniano.

Il materiale
sonoro ridotto all'essenziale ma pieno di significato e rivoluzionario nell'impianto formale. composta di
due movimenti: il primo - con l'indicazione in tedeco di inconsueta incisivit <<Mit Lebhaftigkeit und
durchaus mit Empfindung un Ausdruck>> (<<Con vivacit e sempre con sentimento ed espressione>>) -
oscilla tra un carattere vigoroso, deciso negli accordi, e un atteggiamento di preghiera, quasi di supplica.
Questo particolarmente evidente nelle battute iniziali in cui il primo motivo da suonare forte e il secondo,
che appare gi alla terza batuta, piano. Questo dualismo giustifica un aneddoto che riporta Schindler:
"Beethoven avrebbe voluto descrivere l'innamoramento del dedicatario, Moritz von Linchnowsky; il primo
tempo sarebbe una lotta fra testa e cuore e il secondo, invece, una conversazione con l'amata". Anche per il
secondo movimento Beethoven fornisce unindicazione di tempo e carattere in tedesco: <<Nicht zu
geschwind und sehr singbar vorzutragen>> (<<Non troppo mosso e molto cantbile>>). Si tratta di un Rond
dal carattere lirico e agreste; quasi una romanza senza parole di ampio respiro e dal registro
prevalentemente affettuoso.