Sei sulla pagina 1di 14

Parapsicologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


La parapsicologia (più raramente detta metapsichica) è la
disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici[1] tre
categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra
mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia
non è lo studio di ogni fenomeno paranormale[1], nonostante si I primi studi di parapsicologia
occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei impiegavano le Carte Zener negli
alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma esperimenti di telepatia
[2]
comunque attribuibili alla psiche dell'uomo . Alcune
organizzazioni, come l'Associazione Parapsicologica
(Parapsychological Association, Inc.), sostengono l'esistenza di talune forme di abilità psichiche
paranormali in base ai risultati dei loro test[1].

La comunità scientifica tuttavia non ritiene provata l'esistenza di fenomeni paranormali[3][4][5][6][7].


Oggetto di critica sono sia i metodi utilizzati negli studi, sia i risultati ottenuti[3][8]. La comunità
scientifica e accademica è unanimemente schierata nel considerare la parapsicologia una pseudoscienza
vista la mancanza, in più di un secolo di ricerche, di alcun tipo di prova oggettivamente verificabile circa
l'esistenza di abilità paranormali[9][10][11][12].

Indice
Storia
Inizi
Era di Rhine
Fondazione della Parapsychological Association
Incremento delle ricerche negli anni settanta
Dopo gli anni settanta
Ricerche
Esperimenti Ganzfeld
Psicocinesi e generazione casuale di numeri
Critiche
Frodi
Critiche dei risultati sperimentali
Mancanza di carattere cumulativo
Metapsichica
Note
Voci correlate
Altri progetti
Collegamenti esterni

Storia
Il termine parapsicologia fu coniato intorno al 1889 dallo psicologo Max Dessoir. Il termine fu poi
adottato da J.B.Rhine nel 1930 in luogo di "ricerca psichica" al fine di indicare un significativo
discostamento dalle metodologie di laboratorio allora utilizzate[13] Il termine deriva dal greco παρά
(para) e psicologia. I parapsicologi indicano i fenomeni psichici oggetto della loro ricerca con il termine
"Psi", termine che intende essere descrittivo senza che vi sia sotteso un meccanismo[14].

Inizi
Nel 1875, Edmund Gurney e Frederic W. H. Myers affermarono di avere
riunito un buon numero di casi, a loro dire accertati, di telepatia spontanea.
Essi quindi vollero intraprendere degli esperimenti, per vedere se fosse
possibile provocare la trasmissione di pensiero, e trovare così la spiegazione
di quello che ritenevano un fenomeno di telepatia spontanea: e interessarono
sir William Fletcher Barrett al loro progetto.[15]

Nel 1876 il Prof. W. Barrett lesse una relazione sui suoi esperimenti
all'Assemblea dell'Associazione Britannica, tenuta a Glasgow, che fu accolta Il filosofo e psicologo
con disdegno ed esclusa dall'inserzione nell'Annuario dell'Associazione.[15] statunitense William
James (1842-1910) fu tra
Nel 1882 venne fondata a Londra la Society for Psychical Research (SPR). i primi a effettuare
L'istituzione di tale società fu il primo passo che gli scienziati fecero per ricerche nel campo della
organizzarsi al fine di investigare i presunti fenomeni paranormali. I primi parapsicologia
associati furono filosofi, studenti, scienziati, educatori e politici come Henry
Sidgwick, Arthur Balfour, William Crookes, Rufus Osgood Mason and
Charles Richet.[16]. L'SPR distinse i propri studi in diverse aree: telepatia, ipnosi, fenomeni di
Reichenbach, esperienze di apparizioni, e gli aspetti psichici dello spiritismo. Uno dei primi lavori svolti
dall'SPR fu il "censimento delle allucinazioni" volto a ricercare esperienze di apparizioni e allucinazioni
in persone sane prive di problemi psichici. Tale ricerca fu il primo tentativo di dare una valutazione
statistica dei fenomeni paranormali; la successiva pubblicazione del rapporto, nel 1886, Phantasms of the
Living costituisce ancora oggi una fonte importante per la ricerca parapsicologica. L'SPR divenne un
modello per altre associazioni simili che sorsero in altri paesi europei e negli Stati Uniti d'America verso
la fine del XIX secolo. Nel 1885 a New York nacque l'American Society for Psychical Research (ASPR)
soprattutto grazie al supporto dello psicologo William James[17].

Oggi sia la SPR che la ASPR continuano le loro ricerche su fenomeni paranormali. Il fine della SPR è
dichiarato in ogni numero del proprio giornale: esaminare senza pregiudizio e con spirito scientifico
quelle facoltà dell'uomo, reali o supposte, che appaiono inesplicabili a qualsiasi ricognizione generale[18].

Nel 1897, Carl Gustav Jung, appena ventiduenne, tenne una conferenza nella quale sostenne l'idea
dell'esistenza di una “forza vitale”, l'anima, che supera di molto la nostra coscienza, portando una vasta
documentazione di fenomeni di materializzazione, telecinesi, sdoppiamento, telepatia, chiaroveggenza, i
sogni profetici. Condusse degli esperimenti utilizzando come medium la propria cugina di 15 anni, e
nella tesi di specializzazione sostenne per la prima volta che nello stato di trance emergono una o più
personalità inconsce che sono presenti nel medium (proiezione esterna di complessi autonomi
dell'inconscio). Nel 1948, arriva a concludere che

««Dopo aver raccolto, nel corso di mezzo secolo, esperienze psicologiche di molti
uomini e in molti paesi, non mi sento più così sicuro […] che una metodologia e una
riflessione esclusivamente psicologiche possano venire a capo dei fenomeni in
questione. Non soltanto le constatazioni della parapsicologia, ma anche le mie stesse
riflessioni teoriche mi hanno condotto a certi postulati che toccano la sfera delle
rappresentazioni della fisica atomica, ossia del continuum spazio-tempo. Con ciò si
solleva il problema della realtà transpsichica, che è il fondamento diretto della psiche»»

(JUNG C.G. (1920/1948), I fondamenti psicologici della credenza negli spiriti, in: Opere, vol. 8, Bollati
Boringhieri, Torino 1976)

Era di Rhine
Nel 1911 la Stanford University divenne il primo istituto accademico negli Stati Uniti a studiare la
percezione extrasensoriale (ESP) e la psicocinesi in laboratorio. I lavori erano guidati dallo psicologo
John Edgar Coover. Nel 1930 la Duke University divenne la seconda maggiore università a indagare
criticamente i presunti fenomeni ESP e la psicocinesi. Sotto la guida dello psicologo William McDougall
e con l'aiuto di altri come Karl Zener, Joseph B. Rhine e Louisa E. Rhine e utilizzando dei volontari scelti
tra gli studenti, il laboratorio divenne operativo. Al contrario del tradizionale approccio della ricerca
psichica, il quale generalmente richiedeva "prove qualitative" per i fenomeni paranormali, gli esperimenti
alla Duke University puntarono alla ricerca "quantitativa", usando un approccio statistico con le carte
Zener e i dadi. Conseguenza di questi esperimenti alla Duke fu che tale tipo di metodo fu adottato in
larga parte del mondo da chi indagava i fenomeni paranormali[17].

Il libro pubblicato da Rhine, New Frontiers of the Mind (1937), fece conoscere al mondo le risultanze dei
lavori svolti nel laboratorio. Nel suo libro Rhine utilizzava largamente la parola "parapsicologia" per
descrivere le ricerche condotte alla Duke. Rhine inoltre fondò un autonomo laboratorio di parapsicologia
all'interno della Duke e iniziò a pubblicare il Journal of Parapsychology del quale era coeditore
McDougall[17].

Gli esperimenti alla Duke attirarono molte critiche dagli psicologi, i quali tacciavano tali studi di
mancare di prove circa l'esistenza dell'ESP. Rhine e i suoi colleghi cercarono di indirizzare queste critiche
verso nuovi esperimenti, articoli e libri e riassunse le critiche e le sue risposte al riguardo in un libro:
Extra-Sensory Perception After Sixty Years.[19] Il consiglio direttivo della Duke University ebbe nel
tempo sempre meno interesse verso la parapsicologia, e dopo il pensionamento di Rhine nel 1965, ogni
collegamento tra ricerca parapsicologica e l'università venne meno. In seguito Rhine diede vita alla
Foundation for Research on the Nature of Man (FRNM) e all'Institute for Parapsychology per continuare
i lavori svolti nel laboratorio della Duke[17]. Nel 1995, centenario della nascita di Rhine, l'FRNM fu
rinominato Rhine Research Center che ha come scopo quello di implementare la condizione umana
creando una consapevolezza scientifica su quelle abilità e capacità sensitive che sembrano trascendere gli
ordinari limiti dello spazio e del tempo[20].

Fondazione della Parapsychological Association


L'Associazione Parapsicologica, Parapsychological Association (PA), fu creata a Durham in Carolina del
Nord il 19 giugno del 1957. La sua istituzione fu proposta da J. B. Rhine in un workshop sulla
parapsicologia tenuto nel laboratorio della Duke University. Il fine dell'associazione, così come descritto
nello statuto, è "promuovere la parapsicologia a scienza, diffondere la conoscenza di essa e integrare le
scoperte con quelle compiute in altri campi scientifici"[21].

Sotto la direzione di Margaret Mead, l'associazione fece grandi passi in avanti nel campo della
parapsicologia e nel 1969 divenne affiliata della American Association for the Advancement of Science
(AAAS), la più grande associazione scientifica del mondo.[22]. Nel 1979 il fisico John A. Wheeler
affermò che la parapsicologia è una pseudoscienza e che quindi l'affiliazione all'AAAS andava
riconsiderata[23]. Tuttavia la richiesta di Wheeler non ebbe successo[23]. Oggi, l'Associazione
Parapsicologica conta 300 aderenti tra associati e affiliati e mantiene la sua affiliazione all'AAAS[24]. Il
convegno annuale dell'AAAS prevede un forum dove i parapsicologi possono presentare le proprie
ricerche agli scienziati di altre aree e portare avanti la parapsicologia nell'attività di lobbismo sulle linee
di condotta nazionali relative alla scienza[24].

Incremento delle ricerche negli anni settanta


L'affiliazione della Parapsychological Association all'American Association for the Advancement of
Science unitamente alla generale apertura verso i fenomeni psichici e all'occulto segnò gli anni settanta
come il decennio caratterizzato dall'incremento delle ricerche nel campo parapsicologico. In questi anni
vennero fondate altre importanti organizzazioni: l'Academy of Religion and Psychical Research,
l'Institute of Noetic Sciences (1973), la International Kirlian Research Association (1975), e il Princeton
Engineering Anomalies Research Laboratory (1979). Il lavoro sulla parapsicologia fu altresì svolto nello
Stanford Research Institute (SRI).[13]. Gli stessi scopi della ricerca parapsicologica furono ampliati. Lo
psichiatra Ian Stevenson condusse gran parte delle proprie discusse ricerche sulla reincarnazione durante
questi anni. Lo psicologo Thelma Moss impiego molto del suo tempo nello studio dell'effetto Kirlian nel
laboratorio parapsicologico di UCLA. L'influenza di maestri spirituali provenienti dall'Asia e le loro
affermazioni sui poteri prodotti dalla meditazione, spinse la ricerca verso gli "stati alterati della
coscienza". Il direttore dell'American Society for Psychical Research, Karlis Osis, condusse esperimenti
sulle esperienze extracorporee e sui segnali astrali. Il fisico Russell Targ coniò il termine "visualizzazione
remota" (remote viewing) per utilizzarlo nelle sue ricerche psi nel 1974[13].

In quegli anni anche gli accademici che non si occupavano di parapsicologia sembravano ottimisti sulle
ricerche che si stavano conducendo. Nel 1979 un sondaggio tra più di 1100 professori universitari negli
Stati Uniti mise in luce come solo il 2% degli psicologi ritenesse la percezione extrasensoriale
impossibile. Una più alta percentuale (34%) riteneva che i fenomeni ESP fossero già provati o che
comunque fosse possibile provarli. In un'altra area di studio la percentuale fu perfino più alta: il 55% di
coloro che si occupavano di scienze naturali, il 66% di coloro che si occupavano di scienze sociali
(esclusi gli psicologi) e il 77% degli insegnanti d'arte e di materie umanistiche riteneva che fosse utile
compiere ricerche sull'ESP[25]. I sondaggi sul paranormale continuarono attraverso gli anni settanta sino
agli inizi degli anni ottanta. Proprio all'inizio degli anni ottanta la Parapsychological Association affermò
di avere ricercatori affiliati in più di trenta Stati. Inoltre, analoghe ricerche erano condotte da ricercatori
non affiliati alla PA nell'Europa dell'est e in Unione Sovietica[13].

Dopo gli anni settanta


Dagli anni settanta in poi la considerazione per le ricerche parapsicologiche è andata via via scemando.
Le prime ricerche furono considerate inconcludenti e i parapsicologi si trovarono di fronte la forte
opposizione dei loro colleghi accademici[13]. Alcuni effetti che sembravano essere paranormali, ad
esempio l'effetto Kirlian, scomparvero quando furono testati sotto stretto controllo, lasciando quindi
queste ricerche ad un punto morto[13]. Molti laboratori di ricerca statunitensi furono chiusi, citando come
ragione la mancanza di accettazione da parte della scienza e lasciando così la ricerca parapsicologica
confinata nelle istituzioni private finanziate con fondi privati[13]. Dopo ventotto anni di ricerche il
Princeton Engineering Anomalies Research Laboratory ha chiuso i propri laboratori nel 2007[26].

Due università negli Stati Uniti hanno ancora dei laboratori per la parapsicologia: il dipartimento per gli
studi percettivi, che è una unità del dipartimento di medicina psichiatrica dell'università della Virginia,
studia la possibilità di una permanenza del conscio dopo la morte del corpo; il laboratorio Veritas
dell'Università dell'Arizona conduce ricerche sui medium. Varie istituzioni private, incluso l'Institute of
Noetic Sciences, conducono e promuovono la ricerca parapsicologica. La Gran Bretagna è leader in
Europa nella ricerca parapsicologica con privati che hanno fondato laboratori all'interno della Università
di Edimburgo, della Universita di Northampton, e della Liverpool Hope University, e anche in diverse
altre[26]. Le ricerche parapsicologiche inoltre hanno trovato incremento anche in alcune sub-discipline
della psicologia. Un esempio ne è la psicologia transpersonale che si propone di studiare gli aspetti
trascendenti o spirituali della mente umana e anomalie psicologiche, analizzando credenze paranormali
ed esperienze soggettive anomale con i tradizionali strumenti della psicologia[26][27]

Ricerche
La parapsicologia studia un certo numero di apparenti fenomeni paranormali, tra i quali:

Telepatia: il trasferimento di informazioni o sensazioni attraverso il pensiero tra gli individui


non ricorrendo ai classici cinque sensi.
Percezione extrasensoriale (ESP): percezioni che non possono essere attribuite ai cinque
sensi
Chiaroveggenza: capacità di acquisire conoscenze di eventi, luoghi o oggetti, che possono
essere lontani (nel tempo o nello spazio) oppure nascosti, attraverso una presunta
percezione extrasensoriale
Psicocinesi: l'abilità della mente di influenzare la materia, il tempo o l'energia
Reincarnazione: rinascita dell'anima in nuovo corpo dopo la morte
La Parapsychological Association sottolinea come il campo d'interesse non abbraccia tutti i fenomeni
paranormali e così anche non si interessa di astrologia, UFO, vampiri, alchimia o stregoneria[1].
Fra gli altri fenomeni parapsicologici-medianici studiati: precognizione, xenoglossia, psicometria,
rabdomanzia e radioestesia, telecinesi e psicocinesi, ectoplasmia, apporto di oggetti (impronte e calchi
medianici, dermografismi), termogenesi, levitazione, scrittura automatica, aura e aureola, divinazione.

I parapsicologi impiegano una moltitudine di approcci nelle loro ricerche che includono approcci
qualitativi come la tradizionale psicologia ma anche metodologie quantitative empiriche. I loro studi più
contestati utilizzano la meta-analisi per esaminare prove statistiche dei fenomeni paranormali.

Esperimenti Ganzfeld
Gli esperimenti Ganzfeld (in tedesco significa "intero campo") sono una
tecnica usata per testare le presunte capacità telepatiche di un soggetto. La
tecnica fu sviluppata per mettere velocemente in silenzio il "rumore
mentale" utilizzando una leggera copertura che nascondesse l'ambiente alla
vista e all'udito. L'isolamento del senso della vista è solitamente ottenuto
creando una luce rossa soffusa. L'udito è invece bloccato con "rumore
Partecipante di un
esperimento Ganzfeld i
bianco" o suoni similari. Il soggetto inoltre è di solito seduto con la schiena
cui proponenti reclinata in una posizione confortevole per minimizzare il senso del tatto.
sostengono mostrino
prove di telepatia. In un tipico esperimento ganzfeld, il "mittente" e il "ricevente" sono
isolati[28]. Al mittente è mostrato un video o immagini e gli viene chiesto di
inviarle mentalmente al ricevente. A questi, mentre si trova nello stato
"ganzfeld", viene chiesto di parlare a voce alta dei propri processi mentali, incluso le immagini, i pensieri
e ciò che sente; alla fine del periodo di "invio", tipicamente lungo dai venti ai quaranta minuti, il
ricevente viene tirato fuori dallo stato ganzfeld e gli vengono mostrate quattro immagini o dei video, uno
solo dei quali è quello visualizzato dal mittente. Il ricevente prova quindi a indicare quella giusta
utilizzando le percezioni avute durante l'isolamento. Secondo i parapsicologi Dean Radin, Charles
Honorton, e Daryl Bem i risultati dell'esperimento condotti complessivamente in più di tremila sessioni
da due dozzine di ricercatori nel mondo indicherebbe che l'immagine corretta è individuata più spesso di
quanto ci si aspetterebbe in base al caso[29]. L'affermazione fatta dai parapsicologi su tali dati che sono da
loro stati definiti statisticamente significativi ha innescato un acceso dibattito sulle riviste di psicologia su
come interpretare correttamente i dati[30]. Nel 1999, Milton e Wiseman hanno pubblicato un articolo che
sottolineava la non replicabilità dei risultati di Bem e Honorton[31].

Psicocinesi e generazione casuale di numeri


L'avvento della potente e poco costosa elettronica e dei computer ha permesso la creazione di esperimenti
pienamente automatizzati al fine di studiare l'interazione tra mente e materia. Nella maggior parte di
questi esperimenti un generatore casuale di numeri (RNG), basato su rumori elettronici o radioattivi,
produce un flusso di dati che sono registrati e analizzati dal software di un computer. Un individuo prova
ad alterare con la mente la distribuzione dei numeri. Tale tecnica è stata usata sia per testare la
psicocinesi su individui che su più ampi gruppi di persone[32]. La maggior parte della meta-analisi
dell'RNG sono state pubblicate ogni cinque anni, sin dal 1986, sulla rivista Foundations of Physics[32].
Robert G. Jahn, fondatore del Princeton Engineering Anomalies Research (PEAR) e la collega Brenda
Dunne affermano che la dimensione dei risultati è piuttosto piccola ma hanno una significatività statistica
se considerati nel tempo e in relazione al tipo di esperimento. Le più recenti meta-analisi sono state
pubblicate nel Psychological Bulletin unitamente a molti commenti critici[33][34]. Tale meta-analisi era
composta da 380 studi, con dei risultati che avevano una significatività statistica anche se molto piccola e
comunque spiegabile con la publication bias cioè la tendenza dei ricercatori a attribuire un diverso valore
ai risultati positivi rispetto ai risultati negativi.

Critiche
Molti analisti ritengono che l'intero corpo di prove in favore della parapsicologia sia di scarsa qualità e
raccolte in assenza di un adeguato controllo. Secondo questa visione, l'intero campo della parapsicologia
non ha prodotto nessun risultato concludente. Essi fanno riferimento alle frodi, agli studi deficitari, a un
pensiero "magico", al bias cognitivo[35] per spiegare i risultati prodotti dalla parapsicologia.[36]. Gli
scettici notano inoltre che il desiderio della gente di credere nel paranormale comporta l'ignorare i forti
elementi che provano che esso non esiste[37]. La realtà dei fenomeni
studiati dalla parapsicologia e la scientificità della ricerca stessa sono
oggetto di disputa tra studiosi e ricercatori indipendenti. Nel 1988 la U.S.
National Academy of Sciences pubblicò un rapporto che concludeva "non
c'è alcuna giustificazione scientifica emersa dalle ricerche condotte in
oltre 130 anni circa l'esistenza di fenomeni paranormali"[38], tuttavia,
nello stesso rapporto si raccomanda di monitorare alcuni ricerche come
quelle sulla psicocinesi per possibili futuri sviluppi. Gli studi al Princeton
Engineering Anomalies Research Lab (il cui monitoraggio era
raccomandato dal rapporto sopra citato) si sono da allora conclusi
fallendo nell'ottenere un responso positivo dalla comunità scientifica
nonostante[26]. Nel 2008 uno studio che utilizzava la risonanza magnetica
funzionale mostrò come non ci fosse alcun individuabile effetto psi[35]. In
aggiunta a questo, i metodi usati dai parapsicologi sono considerati dai Immagine artefatta di un
critici, e tra questi anche da coloro che hanno scritto gli standard fantasma (ottenibile con
scientifici per il California State Board of Education[3], doppia esposizione), molto
pseudoscientifici[39]. comune nelle foto del XIX
secolo.
Alcuni critiche più specifiche rilevano che i parapsicologi non hanno
chiaramente definito l'oggetto del fenomeno, non danno una semplice
ripetibilità dell'esperimento che possa dimostrare, a richiesta, gli effetti psi e neanche una teoria
fondamentale che spieghi il passaggio paranormale di informazioni[40]. James E. Alcock, professore di
psicologia alla York University affermò che pochi dei risultati degli esperimenti parapsicologici hanno
suggerito ricerche interdisciplinari nei principali campi scientifici come nella fisica o nella biologia.
Alcock sostiene che la parapsicologia rimane una scienza isolata la cui validità è discutibile[41] e nella sua
interezza non è qualificabile come "scientifica"[42].

Frodi
Nella storia della ricerca parapsicologica ci sono stati casi di vere
e proprie frodi. Gli esperimenti Soal-Goldney del 1941-43 (che
attestavano abilità precognitive) per lungo tempo furono guardati
come i migliori esperimenti nel campo per i controlli indipendenti
e i testimoni volti a prevenire la frodi. Tuttavia molti anni dopo, i
sospetti di imbroglio furono confermati quando le prove
statistiche, scoperte e pubblicate da altri parapsicologi, indicarono
che il Dott. Soal aveva imbrogliato alterando i dati
James Randi, illusionista e debunker,
originali[41][43][44]. noto critico delle affermazioni sul
paranormale
Walter J. Levy, direttore di un istituto di parapsicologia, riportò
una serie di successi nel campo ESP che poggiavano sulla
manipolazione, controllata da un computer, di soggetti non umani come uova e ratti. I suoi esperimenti
mostrarono dei risultati positivi molto alti. Poiché gli esperimenti non coinvolgevano soggetti umani e
poiché il processo di test era per lo più automatizzato, tali risultati non subirono le critiche circa
l'observer-expectancy effect evitando così i rilievi sull'influenza che le aspettative del soggetto possono
avere sul risultato[45]. Tuttavia i ricercatori che seguirono Levy si insospettirono circa il metodo usato.
Riscontrarono che Levy aveva interferito con le macchine che registravano i dati, creando manualmente
stringhe di risultati positivi. Rhine licenziò quindi Levy e rese pubblica la frode in numerosi
articoli[46][47].

Molti spiritisti e medium usano l'imbroglio e molti di loro sono stati smascherati già dai primi ricercatori
nel campo come Richard Hodgson[48] e Harry Price[49]. Negli anni venti l'illusionista Harry Houdini disse
che ricercatori e osservatori non avevano ancora creato procedure sperimentali tali da evitare le frodi[50].
Nel 1979 l'illusionista e debunker James Randi realizzò una truffa-trappola conosciuta come Progetto
Alpha nel quale Randi inviò, sotto copertura, due giovani illusionisti al McDonnell Laboratory for
Psychical Research con lo specifico fine di mostrare quanto inadeguati fossero i metodi sperimentali ivi
usati e quanto presente fosse la tendenza a "credere" di chi si occupa di parapsicologia[51].

Critiche dei risultati sperimentali


Sebbene alcuni analisti critici ritengano scientifico lo studio parapsicologico, non sono convinti dei
risultati sperimentali[52][53]. Affermano infatti che i successi dei risultati sperimentali sono da imputare a
cattive procedure, ricercatori scarsamente preparati o metodi deficitari[54][55][56][57]. Ad esempio i dati
prodotti dal laboratorio del PEAR sono stati criticati da ricercatori come la professoressa di statistica
Jessica Utts e lo psicologo Ray Hyman[58].

Ci sono tuttavia delle eccezioni, come ad esempio la dichiarazione congiunta della stessa Jessica Utts e
del nobel per la fisica B.D.Josephson, in cui si afferma che l'esistenza dei fenomeni PSI è stata
sperimentalmente provata.[59][60]

Taluni critici affermano che i risultati positivi riportati dai parapsicologi vadano attribuiti all'effetto di
selezione, la maggiore meta-analisi dei risultati è stata pubblicata nel Psychological Bulletin, unitamente
a una serie di commentari critici volti a escludere un bias di pubblicazione[33][34]. Per i critici come Victor
J. Stenger i parapsicologi fanno un cattivo uso delle meta-analisi al fine di creare l'errata impressione di
una significatività statistica dei risultati[61].

Mancanza di carattere cumulativo


Una critica mossa da Ray Hyman concerne quello che lui chiama "carattere cumulativo" che caratterizza
la scienza. Da Newton ad oggi la fisica è molto cambiata, evolvendo sui dati precedenti; ciò non toglie,
tuttavia, che l'esperimento di Newton sia ancora valido e replicabile. Validità e replicabilità che invece
mancano al campo di ricerca della parapsicologia dove i precedenti esperimenti vengono scartati e ne
vengono ideati di nuovi: «negli anni trenta sostenevano che erano gli esperimenti di indovinamento delle
carte condotti da J. B. Rhine a provare la realtà della ESP. La generazione successiva abbandonò gli
esperimenti di Rhine, ritenendoli metodologicamente troppo viziati, ed esaltò come prova delle facoltà
telepatiche il lavoro di Soal-Goldney. La generazione successiva dovette abbandonare anche i risultati di
Soal quando Betty Markwick (1978) dimostrò in modo convincente che Soal aveva alterato
artificialmente i suoi dati. Oggi nessuno considera più le sorelle Creery, Smith e Blackburn, gli
esperimenti di Rhine o quelli di Soal come valide prove dell'esistenza di facoltà paranormali.»[62].

La teoria scientifica è caratterizzata dalla presenza di equazioni numeriche, dalla precisa predizione di
fenomeni (talora non ancora noti) poi osservati in natura o in laboratorio, e da un riscontro sperimentale
che sia: quantificabile, misurabile, riproducibile. Se mai esiste, il fatto paranormale è ritenuto essere
l'effetto prodotto:
della mente umana;
di una qualche entità terza, presenza reale quanto invisibile ad occhio umano e agli
strumenti: persona cosciente, libera e incorporea (ad esempio: Dio, angeli, demoni, anime
di defunti);
di entrambe: un soggetto umano, potenziato da entità terze.
Nel caso della mente umana, si tratta di facoltà ancora non del tutto note, e perciò nemmeno riproducibili
e controllabili.

Negli altri due casi, il fenomeno paranormale non è riproducibile, e per questo nemmeno falsificabile.
Secondo una consolidata tradizione di fede comune a varie religioni non solo cristiane, ciò che
chiamiamo Spirito può apparire in un forma corporea ai cinque sensi, ma in sé è incorporeo: non ha
massa, né tempo né spazio. Non è quindi misurabile in sé, se non nei suoi eventuali effetti paranormali.
Inoltre, tali enti in ogni qualità sono più perfetti dell'essere umano, non sono subordinati ai viventi, e
nella vita ordinaria ignorano e non possono essere obbligati in qualche modo a rispondere a ciò che viene
loro chiesto: il fenomeno paranormale non è riproducibile, o riproducibile "a comando", con la certezza
di poter misurare ogni volta un risultato sperimentale. Non esiste la possibilità di un'istanza cruciale
"spirituale", che interroghi la natura in modo da costringerla a rispondere "sì o no".

Metapsichica
Il termine "metapsichica" fu proposto nel 1905 dal professor Charles Richet in un discorso alla Società
per la Ricerca Psichica (SPR) britannica, per indicare lo studio dei fenomeni paranormali. Il termine
"metapsichico", caduto in disuso da quasi un secolo, viene nuovamente riproposto nel 2017 dallo
scrittore Alois Zorvën[63] nelle sue opere filosofiche, per designare tutti i fenomeni che superano il campo
fisico e metafisico con un carattere minimo di razionalità e oggettività.

Quando utilizzò la parola per la prima volta, Richet definì la metapsichica come «lo studio delle proprietà
della mente che emergono dal campo limitato di osservazione della psicofisiologia ancora universalmente
accettato e insegnato». Successivamente riforomulò la definizione come «lo studio dei fenomeni
meccanici o psicologici causate da forze che sembrano intelligenti oppure da potenze di origine
sconosciuta e latenti nell'intelligenza umana».

Nel suo Traité de métapsychique pubblicato nel 1922, affermò che questa parola ebbe per lui la stessa
autorità di Aristotele. Aristotele, dopo aver trattato le forze fisiche, sviluppò la trattazione delle grandi
leggi della natura che vanno oltre le cose della fisica, intitolandolo metafisica (Oltre le cose fisiche),
aggiungendo che «è ora importante definire il psichica. Ciò che caratterizza il fatto metapsichico,
qualunque esso sia, è che sembra dovuto a un'intelligenza sconosciuta (umana o non umana)».[64]
Appartengono al dominio della metapsichica:

i fenomeni oggettivi, percebili dai sensi dei presenti, suscettibili di una rilevazione
strumentale, misurabili, quantificabili ed eventualmente riproducibili sperimentalmente;
i fenomeni soggettivi, di natura extrasensoriale, confermati indirettamente (telepatia,
chiaroveggenza, veggenza, retrospezione).
Nel suo penultimo corso di fisiologia tenuto alla Facoltà di Medicina di Parigi, il 24 giugno 1925 affermò
che «un fenomeno è metapsichico quando non può essere spiegato dai fatti classici della psicologia, della
meccanica o della fisiologia normale, o piuttosto abituale».[65]

Note
1. (EN) FAQ of Parapsychological Association (https://parapsych.org/articles/36/76/what_is_par
apsychology.aspx)
2. ^ dr.Edoardo Borra "50 parole chiave della parapsicologia", edizione Paoline (1980) - pag.7
alla voce "Che cosa è la parapsicologia?"
3. Science Framework for California Public Schools, California State Board of Education, 1990.
4. ^ Wheeler, J. A., Point of View: Drive the Pseudos Out..., in Skeptical Inquirer, vol. 3, 1979,
pp. 12–13.
5. ^ Kurtz, P., Is Parapsychology a Science?, in Skeptical Inquirer, vol. 3, 1978, pp. 14–32.
6. ^ Druckman, D. and Swets, J. A. eds., Enhancing Human Performance: Issues, Theories
and Techniques, National Academy Press, Washington, D.C., 1988, p. 22, ISBN 0-309-
07465-7.
7. ^ Reuters, Telepathy gets academic in Sweden, CNN, 5 settembre 2003. URL consultato il 9
marzo 2009.
«Despite decades of experimental research ... there is still no proof that gifts such as
telepathy and the ability to see the future exist, mainstream scientists say.».
8. ^ Sean Carroll describes it as such on his blog Cosmic Variance (http://cosmicvariance.com/
2008/02/14/american-association-for-the-advancement-of-pseudoscience/)
9. ^ David Layton, Studies in Science Education, University of Leeds, Centre for Studies in
Science Education, 1974.
10. ^ Cordón, Luis A., Popular psychology: an encyclopedia, Westport, Conn, Greenwood
Press, 2005, p. 182, ISBN 0-313-32457-3.
«The essential problem is that a large portion of the scientific community, including most
research psychologists, regards parapsychology as a pseudoscience, due largely to its
failure to move beyond null results in the way science usually does. Ordinarily, when
experimental evidence fails repeatedly to support a hypothesis, that hypothesis is
abandoned. Within parapsychology, however, more than a century of experimentation has
failed even to conclusively demonstrate the mere existence of paranormal phenomenon, yet
parapsychologists continue to pursue that elusive goal.».
11. ^ Bunge, Mario, A skeptic's beliefs and disbeliefs, in New Ideas in Psychology, vol. 9, nº 2,
1991, pp. 131-149.
12. ^ Blitz, David, The line of demarcation between science and nonscience: The case of
psychoanalysis and parapsychology, in New Ideas in Psychology, vol. 9, 1991, pp. 163-170.
13. J. G. Melton, Parapsychology. In Encyclopedia of Occultism & Parapsychology, Thomson
Gale, 1996, ISBN 978-0-8103-9487-2.
14. ^ D. J. Bem, Honorton, C., Does psi exist? Replicable evidence for an anomalous process
of information transfer, in Psychological Bulletin, vol. 115, 1994, pp. 4–18,
DOI:10.1037/0033-2909.115.1.4.
15. Eugenio Osty, Telepatia, Milano, Istituto di Studi Psichici, 1934, p. 24.
16. ^ John Beloff, Handbook of parapsychology, Van Nostrand Reinhold, 1977, ISBN 0-442-
29576-6.
17. Arthur S. Berger, Berger, Joyce, The Encyclopedia of Parapsychology and Psychical
Research, Paragon House Publishers, 1991, ISBN 1-55778-043-9.
18. ^ Robin Wooffitt, The Language of Mediums and Psychics: The Social Organization of
Everyday Miracles, Ashgate, 2006, ISBN 0-7546-4202-X.
19. ^ Rhine, J.B. (1966). Foreword. In Pratt, J.G., Rhine, J.B., Smith, B.M., Stuart, C.E., &
Greenwood, J.A. (eds.). Extra-Sensory Perception After Sixty Years, 2nd ed. Boston, US:
Humphries.
20. ^ The History of the Rhine Research Center, Rhine Research Center. URL consultato il 29
giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2007).
21. ^ History of the Parapsychological Association, su The Parapsychological Association. URL
consultato il 29 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2008).
22. ^ J. G. Melton, Parapsychological Association. In Encyclopedia of Occultism &
Parapsychology, Thomson Gale, 1996, ISBN 978-0-8103-9487-2.
23. John Archibald Wheeler, Geons, Black Holes, and Quantum Foam: A Life in Physics, W. W.
Norton, 1998, ISBN 0-393-04642-7.
24. Harvey J. Irwin, An Introduction to Parapsychology, Fourth Edition, McFarland & Company,
2007, ISBN 0-7864-1833-8. URL consultato il 31 luglio 2007.
25. ^ M. W Wagner, Monnet, M., Attitudes of college professors toward extrasensory
perception, in Zetetic Scholar, nº 5, 1979, pp. 7–17.
26. Lucy Odling-Smee, The lab that asked the wrong questions, in Nature, vol. 446, nº 446, 1º
marzo 2007, pp. 10–11, DOI:10.1038/446010a. URL consultato il 29 giugno 2007 (archiviato dall'url
originale il 30 giugno 2007).
27. ^ Etzel Cardena, Varieties of Anomalous Experience: Examining the Scientific Evidence
Recently at the PA annual convention and conference, AP members re-recognizing "the
forgotton pioneers of parapsychology", thus re-examining and accepting the roles of
additional contributors of parapsychology, overlooked over the years, that pertain to today.,
American Psychological Association (APA), 2004, ISBN 1-55798-625-8.
28. ^ The Ganzfeld Psi Experiments: A Critical Appraisal, Ray Hyman, Journal of
Parapsychology 49, 1985.
29. ^ Dean Radin, The Conscious Universe: The scientific Truth of Psychic Phenomena,
HarperSanFrancisco, 1997, ISBN 0-06-251502-0.
30. ^ Daryl J. Bem, Honorton, Charles, Does psi exist? Replicable evidence for an anomalous
process of information transfer (PDF), in Psychological Bulletin, vol. 115, nº 1, 1995, pp. 4–
18, DOI:10.1037/0033-2909.115.1.4. URL consultato il 31 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 17
marzo 2017).
31. ^ Ganzfeld (http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=100415)
32. (EN) Brenda J. Dunne, Jahn, Robert G., On the quantum mechanics of consciousness, with
application to anomalous phenomena , in Foundations of Physics, vol. 16, nº 8, 1985,
pp. 721–772, DOI:10.1007/BF00735378. URL consultato il 31 luglio 2007.
33. Bösch H, Steinkamp F, Boller E, Examining psychokinesis: the interaction of human
intention with random number generators—a meta-analysis, in Psychological bulletin,
vol. 132, nº 4, 2006, pp. 497–523, DOI:10.1037/0033-2909.132.4.497, PMID 16822162.
«The study effect sizes were strongly and inversely related to sample size and were
extremely heterogeneous. A Monte Carlo simulation revealed that the small effect size, the
relation between sample size and effect size, and the extreme effect size heterogeneity
found could in principle be a result of publication bias.».
34. Radin, D.; Nelson, R.; Dobyns, Y.; Houtkooper, J., Reexamining psychokinesis: comment on
Bösch, Steinkamp, and Boller, in Psychological bulletin, vol. 132, nº 4, 2006, pp. 529–32;
discussion 533–37, DOI:10.1037/0033-2909.132.4.529, PMID 16822164.
35. Moulton ST, Kosslyn SM, Using neuroimaging to resolve the psi debate, in Journal of
cognitive neuroscience, vol. 20, nº 1, gennaio 2008, pp. 182–92,
DOI:10.1162/jocn.2008.20.1.182, PMID 18095790. URL consultato il 13 ottobre 2008.
36. ^ David G Myers, Psychology, 8th, Worth Publishers, Inc., 2006, ISBN 0-7167-6428-8.
37. ^ David G Myers, Putting ESP to the Experimental Test (PDF), su davidmyers.org. URL
consultato il 17 novembre 2015.
38. ^ (EN) Druckman, D. and Swets, J. A. eds., Enhancing Human Performance: Issues,
Theories and Techniques, National Academy Press, Washington, D.C., 1988, p. 22, ISBN 0-
309-07465-7.
39. ^ (EN) Barry L. Beyerstein, Distinguishing Science from Pseudoscience (PDF), su Simon
Fraser University, 1995. URL consultato il 31 luglio 2007.
40. ^ (EN) Ray Hyman, Evaluation of the program on anomalous mental phenomena, in The
Journal of Parapsychology, vol. 59, nº 1, 1995. URL consultato il 30 luglio 2007 (archiviato dall'url
originale il 9 luglio 2012).
41. (EN) J. E. Alcock, Parapsychology, Science or Magic?, Pergamon Press, 1981, ISBN 0-08-
025772-0.
42. ^ (EN) J. E. Alcock, Science, pseudoscience, and anomaly, in Behavioral and Brain
Sciences, 1998.
43. ^ C. Scott, Haskell, P., "Normal" Explanation of the Soal-Goldney Experiments in
Extrasensory Perception, in Nature, vol. 245, nº 5419, 1973, pp. 52–54,
DOI:10.1038/245052a0. URL consultato il 31 luglio 2007.
44. ^ B Markwick, Haskell, P., The Soal-Goldney experiments with Basil Shackleton: new
evidence of data manipulation, in Proc Soc Psychical Res, vol. 56, 1978, pp. 250–277.
45. ^ (EN) Sheep Goat Affect, Parapsychological Association. URL consultato il 13 agosto 2008
(archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2007).
46. ^ (EN) Rhine, J.B, A new case of experimenter unreliability, in Journal of Parapsychology,
vol. 38, 1974, pp. 137–153.
47. ^ Bauer, E, Criticism and Controversy in Parapsychology – An Overview (PDF), in European
Journal of Parapsychology, vol. 5, 1984, pp. 141–166. URL consultato il 31 luglio 2007 (archiviato
dall'url originale il 21 giugno 2007).
48. ^ (EN) Hodgson, Richard (1855 - 1905) Biographical Entry, Australian Dictionary of
Biography, Online Edition. URL consultato il 3 agosto 2007.
49. ^ Harry Price Library Biography, Senate House Library, University of London. URL consultato il
3 agosto 2007 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2007).
50. ^ (EN) Harry Houdini, A Magician Among the Spirits, Arno Press, 1987.
51. ^ Randi, J. (1983) The Project Alpha experiment: Part one: the first two years. Skeptical
Inquirer, Summer issue, Pages 24-33 and Randi, J. (1983) The Project Alpha Experiment:
Part two: Beyond the Laboratory,” Skeptical Inquirer Fall issue, Pages 36-45
52. ^ Ray Hyman, Evaluation of the program on anomalous mental phenomena, in The Journal
of Parapsychology, vol. 59, nº 1, 1995. URL consultato il 30 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 9
luglio 2012).
53. ^ James E. Alcock, Jahn, Robert G., Give the Null Hypothesis a Chance (PDF), in Journal of
Consciousness Studies, vol. 10, nº 6-7, 2003, pp. 29–50. URL consultato il 30 luglio 2007
(archiviato dall'url originale il 10 agosto 2007).
54. ^ Akers, C., Methodological Criticisms of Parapsychology, Advances in Parapsychological
Research 4, PesquisaPSI, 1986. URL consultato il 30 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 27
settembre 2007).
55. ^ Child, I.L., Criticism in Experimental Parapsychology, Advances in Parapsychological
Research 5, PesquisaPSI, 1987. URL consultato il 30 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 27
settembre 2007).
56. ^ Richard Wiseman, Smith, Matthew, et al., Exploring possible sender-to-experimenter
acoustic leakage in the PRL autoganzfeld experiments - Psychophysical Research
Laboratories, in The Journal of Parapsychology, 1996. URL consultato il 30 luglio 2007.
57. ^ E. Lobach, Bierman, D., The Invisible Gaze: Three Attempts to Replicate Sheldrake's
Staring Effects (PDF), su Proceedings of the 47th PA Convention, 2004, 77–90. URL consultato
il 30 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2007).
58. ^ George P. Hansen, Utts, Jessica; Markwick, Betty, Critique Of The Pear Remote-viewing
Experiments, in Journal of Parapsychology, vol. 56, nº 2, 1992-06, pp. 97–113. URL consultato
il 2 luglio 2007.
59. ^ (EN) The paranormal: the evidence and its implications for consciousness (http://anson.uc
davis.edu/~utts/azpsi.html) Archiviato (https://web.archive.org/web/20080518064937/http://a
nson.ucdavis.edu/~utts/azpsi.html) il 18 maggio 2008 in Internet Archive..
60. ^ Le affermazioni della Utts sono tuttavia state contestate, si veda remote viewing (http://ww
w.skepdic.com/remotevw.html), e respinte nel merito, si veda The Evidence for Psychic
Functioning: Claims vs. Reality (http://www.csicop.org/si/9603/claims.html) Archiviato (http
s://web.archive.org/web/20070519021029/http://www.csicop.org/si/9603/claims.html) il 19
maggio 2007 in Internet Archive.
61. ^ Victor J. Stenger, Meta-Analysis and the Filedrawer Effect, su Committee for Skeptical
Inquiry, Committee for Skeptical Inquiry, 2002. URL consultato il 30 luglio 2007 (archiviato dall'url
originale il 13 febbraio 2008).
62. ^ Parapsicologia: una valutazione critica (http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=100067)
di Massimo Polidoro
63. ^ (FR) anno 2017 Alois Zorvën, L'artifice - contre - nature, p. 29, ISBN 978-2-9562701-0-2.
Citazione: "Malgré l’essor technologique, la transition entre l’humain naturel et un humain
artificiel passe par une période de transition relativement longue. La date de début de cette
transition est très subjective à identifier. Il est logique de considérer qu’elle débute à partir
du moment où l’humain a été capable de modifier sensiblement le fonctionnement naturel
de son métabolisme – physique, psychique, métaphysique, autant que métapsychique
(terminologie et concept attribués à Charles Richet, Prix Nobel de médecine 1913)." .
64. ^ Charles Richet, Traité de métapsychique, Paris, Félix Alcan, 1922
65. ^ Lezione davanti alal Facoltà di Medicina di Parigi del 24 giugno 1915, pubblicata in
Charles Richet, La science métapsychique, in La Presse Médicale, nº 51, 27 giugno 1925,
pp. 857-862.

Voci correlate
Aldilà
Cumberlandismo
Esperienze extracorporee
Esperienze ai confini della morte
Paranormale
Pseudoscienza
Psicologia dell'insolito
Scrittura automatica

Parapsicologi e sensitivi

Ernesto Bozzano
Gustavo Rol
Hyppolite Baraduc
Massimo Inardi

Investigatori di presunti fenomeni paranormali

James Randi
Harry Houdini
CICAP

Premi per la dimostrazione di fenomeni paranormali

International Zetetic challenge


Altri progetti
Wikimedia Commons (https://commons.wikimedia.org/wiki/?uselang=it) contiene
immagini o altri file su parapsicologia (https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:P
arapsychology?uselang=it)

Collegamenti esterni

Parapsicologia, su thes.bncf.firenze.sbn.it, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.


(EN) Parapsicologia / Parapsicologia (altra versione), su Enciclopedia Britannica,
Encyclopædia Britannica, Inc.
(EN) Parapsicologia, su The Encyclopedia of Science Fiction.
Associazione Italiana Scientifica di Metapsichica A.I.S.M. (http://www.metapsichica.net/hom
e/home.asp?sid={210C0B59-DB85-4BC6-A22D-93E5F1484DF6}&idca=3&idpa=1)
Sezione sulla parapsicologia del (http://www.cicap.org/new/argomento.php?id=141) Cicap
(EN) Sito della Parapsychological Association, su parapsych.org.
Controllo di GND (DE) 4044631-1 (https://d-nb.info/gnd/4044631-1) · NDL (EN, JA) 00576348 (http
autorità s://id.ndl.go.jp/auth/ndlna/00576348)

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Parapsicologia&oldid=110698342"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 7 feb 2020 alle 16:29.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono
applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.