Sei sulla pagina 1di 68

Anno 9 - n 60 - ottobre 2015 - euro 4,50

LA RINASCITA
DEL BORGO

Parisotto Formenton e F&M


RITORNO AL FUTURO
Cepezed
SFIDA AMBIENTALE
Matteo Thun
ICONICO REMIX

FONT Srl - Via Siusi 20/a 20132 Milano - Poste Italiane SpA Sped. in abb. postale 45% D.L. 353/2003 (conv. in. 27.02.2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 DCB Milano
organized by

fiftieth
edition
marmomacc.com

C E L E B R AT I N G T H E BIGGEST STO N E CO M M U N I T Y

STONE + DESIGN + TECHNOLOGY INTERNATIONAL TRADE FAIR

3 0 S E P T E M B E R - 0 3 O C TO B E R 2 0 1 5 V e r o n a , I TA LY

C o - l o c ate d with
14

60
9 INNOVAZIONE E ARCHITETTURA
Linnovazione sfida le conoscenze del tempo per creare
architetture capaci di esprimere nuovi ideali e assolvere
nuove funzioni. Dal Pantheon alla cupola del Brunelleschi,
lItalia ricca di innovazioni che oggi si sono fatte storia,
mentre il tema della conservazione sembra porsi in
antagonismo con la contemporanea volont di innovare.
La quale per, pi che di forme iconiche o pannelli
fotovoltaici, avrebbe bisogno di analisi e progetti capaci di

58
separare quel che va conservato, anche se non porta la
firma di studi illustri, dallesuberante produzione edilizia dal
1945 ad oggi, che a volte merita invece labbattimento.

26 32

4 SFIDA AMBIENTALE 32 LARCHETIPO DEL BORGO ITALIANO


Studio Cepezed, Bruxelles Castello di Postignano, Sellano

9 RITORNO AL FUTURO 44 IL MADE IN ITALY IN CLASSE A


Palazzo Ricordi, Milano Rubinetterie Bresciane Headquarters

14 RAGIONE E SENTIMENTO 50 LEGGERE SOLUZIONI


Complesso Redentore, Catania Nuovo store Mondadori, Milano

20 INCISIONI DI LUCE 58 STILE RUGGENTE


Sede Euromatic, Treviglio Nuovo museo storico dellAlfa Romeo, Arese
In copertina
Il borgo di Castello di Postignano
in provincia di Perugia 26 ICONICO REMIX 64 LETTERE DA MOLTO LONTANO
(foto Gratet & Maglione). Falkensteiner Hotel & Spa, Jesolo Sprawl e mobilit

Direttore responsabile Contributi Editore Prezzo di copertina euro 4,50


IOARCH Costruzioni e Impianti n. 60

Sonia Politi Atto Belloli Ardessi, Gianandrea Font srl, via Siusi 20/a arretrati euro 9,00. Abbonamento (6 numeri)
Barreca, Mariagrazia Leonardi, Moreno 20132 Milano euro 27,00; estero euro 54,00.
Comitato di direzione Maggi, Giovanna Vitale, Silvia Zotti Tel. 02 2847274 Pagamento online su www.ioarch.it
Myriam De Cesco redazione@ioarch.it o bonifico a Font Srl - Unicredit Banca
Carlo Ezechieli Pubblicit www.ioarch.it IBAN IT 68H02 008 01642 00000 4685386
Antonio Morlacchi Franco Bonisoli
pubblicit@ioarch.it Abbonamenti Reg. Tribunale di Milano n. 822 del 23/12/2004.
Graca e impaginazione Tel. 02 2847274 - Fax 02 45474060
Cristina Amodeo Fotolito e stampa abbonamenti@ioarch.it Sped. in abb. postale 45% D.L. 353/2003
Alice Ceccherini Errestampa (conv. in L. 27.02.2004 n.46) art. 1, comma 1 DCB Milano

Diritti di riproduzione riservati. La responsabilit degli articoli firmati degli autori. Materiali inviati alla redazione salvo diversi accordi non verranno restituiti.
EDIFICI PASSIVI

CEPEZED A BRUXELLES

SFIDA AMBIENTALE
Un atrio di sette piani di altezza protetto da una copertura curva trasparente
Simile a una serra, il nuovo edificio dellagenzia ambientale di Bruxelles progettato
dallo studio olandese Cepezed ledificio passivo pi grande dEuropa

La nuova sede di Bel-Brussels, centro espo- terzo piano si trova inoltre un laboratorio di Latmosfera leggera e luminosa dellatrio e
sitivo e informativo di Bruxelles Environ- prove e analisi dellagenzia. Una posizione la struttura metallica di supporto dipinta di
nement, lautorit dellenergia e ambiente di rilievo stata data alla scala continua che bianco conferiscono allarchitettura laspet-
della regione di Bruxelles, stata realizzata dallatrio centrale si snoda e si integra con to di una gigantesca serra.
nellex-area industriale Tour et Taxis, a ovest i loggiati dei piani superiori, invitando gli Il grande spazio al pianterreno ospita il ban-
del porto fluviale ed il risultato di un pro- utenti ad evitare lascensore. co informazioni di forma ovale e, a partire
getto pilota per la riqualificazione dellintera
area, prossima al centro cittadino.
Ledificio si presenta esternamente con un
volume compatto protetto da una coper-
tura curva in parte trasparente e in parte a
pannelli fotovoltaici e si apre allinterno su
un vasto atrio centrale, continuazione della
piazza adiacente che ospita gli edifici storici
Caratterizzato da un dei magazzini e delle scuderie reali recente-
volume compatto e
arrotondato, ledificio
mente restaurati. Affacciati su questo atrio, i
protetto da un primi due livelli ospitano le funzioni pubbli-
sistema di facciata a che: un centro espositivo sui temi dellecolo-
taglio termico con vetri
basso-emissivi a triplo
gia, un auditorium, una biblioteca multime-
strato e schermature diale, un centro conferenze e un ristorante.
automatizzate I quattro livelli superiori sono invece desti-
(foto Leon van Woerkom
| Architectenbureau nati agli uffici, caratterizzati da una dispo-
Cepezed). sizione interna molto aperta e flessibile. Al

[4] IOARCH_60
EDIFICI PASSIVI

Legenda facciata e sezioni: Simile a una serra, il grande e luminoso atrio centrale
1 terrazza caffetteria offre un affaccio comune ai ballatoi dei piani superiori,
2 parcheggio connessi da una scala continua rifinita in legno (foto
3 area uffici Leon van Woerkom | Architectenbureau Cepezed).
4 sala tecnica
5 spazio espositivo
6 ristorante

IOARCH_60 [5]
EDIFICI PASSIVI

dal 2016, unesposizione permanente de- ta resistenza al calore dei vetri si combina
dicata alle principali sfide ambientali delle allazione di schermature esterne automati-
citt del futuro. Collocato nella parte ovest che e degli impianti di ventilazione integrati
adiacente allatrio, lauditorium pavimenta- nelle facciate.
to in legno dotato di 415 posti a sedere e di- Importanti contributi ai criteri costruttivi
spositivi audiovisivei e pu essere destinato passivi provengono dalla ventilazione mec-
anche ad eventi esterni. canica, dallintegrazione delle condutture
Gli open-space degli uffici sono delimitati della climatizzazione nelle solette in calce-
da elementi divisori in legno duro di ciliegio struzzo con distribuzione radiante a soffitto
americano che contrastano con il rigore delle e dal ricorso alla geotermia, mentre il fabbi-
Cepezed pareti bianche e dei pavimenti e soffitti in ce- sogno energetico complessivo integrato da
Fondato nel 1973 da Jan Pesman (Utrecht, 1951) mento grigio chiaro. Grazie alle ampie super- unestesa superficie di pannelli PV integrati
partner e co-direttore dal 2005 con Ronald fici vetrate, gli ultimi piani sono inondati di in facciata. Latrio centrale funziona inoltre
Schleurholts (Roden, 1972), lo studio olandese luce naturale e offrono una vista panoramica come serra bioclimatica in grado di cattura-
con sede a Delft affronta progetti di architettura,
interior, urbanistica, spazi produttivi e di lavoro
sullo skyline di Bruxelles. re e riutilizzare il calore accumulato
Il legno dei divisori un elemento ricorren-
con un approccio che interconnette estetica
e funzionalit, attenzione al dettaglio e alle te e unificante i vari livelli. Al primo piano, SCHEDA
performance energetiche e utilizzo di materiali di accanto al ristorante, lufficio informazioni
Localit Bruxelles
alta qualit. ambientali di Bruxelles aperto ai visitatori
Committente Brussels Environment Agency
www.cepezed.nl caratterizzato da un divisorio in listelli im-
piallacciati, alti circa 3 metri e accostati ver- Anno di realizzazione 2012-2014
ticalmente su una base di legno massiccio. Progetto architettonico Architectenbureau Cepezed
Alcuni listelli sono colorati secondo tonalit Local architects Philippe Samyn and Partners
che rappresentano i diversi campi delle scien- Ufficio tecnico di controllo SECO
ze ambientali di cui lagenzia si occupa. Fisica e progettazione sostenibile delledificio DGMR
Certificato come Excellent secondo il pro- Ingegneria civile Ingenieursbureau SmitWesterman -
tocollo Breeam e conforme alle norme di Ingenieursbureau Meijer bvba
edilizia passiva, ledificio ha una superficie Impianto elettrico e di riscaldamento
di facciata relativamente contenuta ed ben e condizionamento Flow Tech International
Gli spazi degli uffici sono delimitati da elementi divisori isolato grazie soprattutto allutilizzo di tri- Design elementi in legno Nathalie Daele
in legno di ciliegio americano disegnati dallarchitetto
Nathalie Daele (foto Leon van Woerkom | Architectenbureau plo vetro in un sistema di facciata a taglio Superifcie lorda 19.690 mq
Cepezed). termico. Durante la stagione estiva, leleva- Budget 50 milioni circa

[6] IOARCH_60
EDIFICI PASSIVI

Legenda sezione facciata sud:


1 reception
2 parcheggio
3 serbatoio per gli sprinkler
4 ristorante
5 terrazza caffetteria

Legenda piante: 1 entrata 2 desk informazioni 3 ristorante 4 spazio espositivo


5 auditorium 6 penalty desk 7 area spedizioni 8 parcheggio bici 9 terrazza caffetteria
10 area uffici 11 sala meeting 12 sala tecnica

IOARCH_60 [7]
DESIGNCAF
COSTRUIRE LA PACE
stato assegnato ad Hawa Abdi iniziativa in Somalia promossa dalla
Diblaawe, prima ginecologa somala Fondazione Pilosio Building Peace
e attivista per i diritti umani, gi in collaborazione con la Hawa Abdi
candidata al Nobel per la Pace nel Foundation: la realizzazione di un
2012, Il Pilosio Building Peace Award Villaggio della Speranza dedicato ai
2015. Fra gli ospiti delledizione di profughi. Il progetto si basa sul sistema
questanno, lattrice Sharon Stone, costruttivo Re:Build gi impiegato per
insignita del titolo di Building Peace la realizzazione di due scuole destinate
Ambassador per il suo impegno in ai rifugiati siriani in Giordania, grazie
ambito umanitario. Nel corso della alla collaborazione con la Clinton
conferenza stampa sono stati inoltre Global Initiative, Save the Children e
comunicati i dettagli della nuova Relief International.

DOPPIA GARANZIA SUL SISTEMA TETTO


Monier e Velux hanno sottoscritto un Velux. Per 15 anni Monier si impegna
accordo grazie al quale sar possibile a intervenire per valutare la natura
estendere la garanzia di Sistema e lentit di eventuali interventi e
tetto Wierer fino a 50 anni sulle ripristinare direttamente a proprie
tegole e 15 sul sistema tetto in spese la funzionalit originaria della
realizzazioni che includano alcuni copertura, includendo manodopera
modelli di finestre per mansarda e altri oneri. Il certificato emesso
Velux. La garanzia assicura lassenza da Monier, interlocutore unico a
di infiltrazioni dacqua attraverso cui rivolgersi nel caso in cui uno
ogni componente della copertura, qualunque dei prodotti installati -
incluse le finestre da mansarda Wierer o Velux - presenti un difetto.

IL PAVIMENTO CON LE VENTOSE


veloce, removibile, riposizionabile
LINNOVATIVA PAVIMENTAZIONE
DI VIRAG GRAZIE AD UN SISTEMA
DI MICRO-VENTOSE
PU ESSERE INSTALLATA FACILMENTE
SENZA UTILIZZO DI COLLE Accanto,
le finiture
Effetto pietra,
color ardesia;
Effetto lava color
Tack Dry una pavimentazione vinilica adatta grigio-azzurro;
Tendency effetto
ad ambienti residenziali e commerciali, removibile cemento
e riposizionabile pi volte, la soluzione ideale per
sopraelevati e pedane in ambienti espositivi. Le
doghe della linea Evolution di Virag non devono
essere incollate, restano bloccate al sottofondo
grazie a un ecologico sistema di micro-ventose.
La posa rapida e pu essere effettuata su tutte
le superfici lisce, compatte e prive di polvere
quali cemento primerizzato o elicotterato, Dallalto le finiture
pavimenti in resina, marmo, ceramica con fughe effetto legno:
Rovere Black
ridotte, legni e Pvc. Rovere Francese
In zone a intenso calpestio, le singole doghe Noce Americano
Rovere Grigio
eventualmente deteriorate possono essere Acero Grigio
www.virag.com facilmente rimosse e sostituite.
Nelle foto,
Dopo la posa il pavimento immediatamente Tendency,
pedonabile e non richiede ceratura in quanto gi superfici rifinite
con poliuretano e,
trattato con superficie in poliuretano puro Tack sotto, pavimento
Dry compatibile anche con il riscaldamento a a doghe
riposizionabili
pannelli radianti. effetto Rovere grigio

[8] IOARCH_60
MAJOR RENOVATION

PALAZZO RICORDI, MILANO

RITORNO
AL FUTURO
Con un intervento complesso che ha riguardato
struttura, involucro, distribuzione interna e impiantistica
lo storico palazzo milanese diventato ledificio certificato
Leed Core & Shell Gold pi antico al mondo

IOARCH_60 [9]
MAJOR RENOVATION

N el cuore di Milano, tra il Duomo e il


Teatro alla Scala, lo storico Palazzo
Ricordi domina la testata dellisola-
to compreso tra le vie San Raffaele, Berchet
e Foscolo, a ridosso dellingresso laterale
pianto di layout nuovo; un importante in-
tervento stato effettuato sui serramenti,
tutti rinnovati con un significativo miglio-
ramento delle performance energetiche e
dellestetica, in particolare liberando tutte
est della Galleria Vittorio Emanuele II. le vetrine al piano terra commerciale, at-
Gli ultimi interventi erano stati quelli di tualmente occupato per intero da un Fer-
Asnago e Vender, che si erano occupati rari Store. Sono stati inoltre progettati con
della ricostruzione dopo i bombardamen- massima cura del dettaglio e delle finiture
lingresso, gli spazi comuni e i percorsi di
Palazzo Ricordi la prova che si pu lavorare secondo distribuzione verticali.
pratiche green preservando la massima integrit delle La riqualificazione del cortile interno, che
strutture storiche che abbiamo in Italia con un po in precedenza ospitava gli impianti, con
di ingegno, fatica e innovazione. Questo rappresenta la realizzazione di una vasca centrale at-
unopportunit per ridurre i consumi e diminuire ogni traversata da un velo orizzontale dacqua
anno grandi quantit di emissioni di anidride carbonica che scorre sul fondo vetrato e porta luce al
Gianni Silvestrini, presidente di GBC Italia piano inferiore, ha trasformato uno spazio
di fatto inutilizzato nel vero cuore del pro- zione energetica italiana, mentre il parco
ti della seconda guerra mondiale e negli getto: un ambiente vivo e dinamico, fulcro immobiliare nazionale tuttora formato
anni Sessanta avevano realizzato lattuale ideale delledificio. Importanti elementi per la maggior parte da edifici di classe E
piano soppalco e apportato migliorie di- progettuali sono inoltre gli open space che o inferiore.
In apertura, stributive. Oggi, dopo due anni di lavori, ora si affacciano con ampie vetrate su que- Molti gli interventi eseguiti per ottenere la
Palazzo Ricordi: la
facciata su via Berchet. il team formato dallo studio di architettu- sto nuovo spazio. certificazione Leed. Alcuni molto semplici,
La costruzione originale ra Parisotto+Formenton e dalla societ di stata altres realizzata ex-novo una gran- come la destinazione di un locale interno
risale al 1880. Nel ingegneria F&M, che ha seguito anche la de sala riunioni a sbalzo, completamente alledificio a parcheggio verticale di bici-
1920 ledificio divenne
sede della societ direzione lavori, insieme a Esa Engineering vetrata, che si stacca dal corpo principale e clette o le nuove rubinetterie temporizza-
discografica Ricordi. per gli impianti e alla societ di consulen- si proietta verso il Duomo di cui gode pri- te e le cassette a doppio flusso (risparmio
Le strade su cui affaccia za Evotre per il processo di certificazione, vilegiata vista ravvicinata. idrico del 37%), altri pi complessi, resi
ledificio sono state
ripavimentate a spese consegnano al committente e alla citt un Il nuovo edificio risparmia oltre il 35% dei possibili da una progettazione integrata e
del committente su edificio completamente rinnovato. consumi energetici, riducendo del 40% le dal lavoro di squadra svolto dagli studi di
disegno dei progettisti. La riqualificazione completa dellimmobi- emissioni di CO 2 equivalente. Un risulta- architettura e ingegneria: gli interventi di
Sopra, il fronte su via
San Raffaele le, a destinazione commerciale/direzionale, to che inquadra Palazzo Ricordi come un mantenimento e riutilizzo degli elementi
(foto Paolo Utimpergher). ha coinvolto tutti i sette piani con un im- edificio di classe A, secondo la classifica- strutturali e di facciata (l84% del materia-

[ 10 ] IOARCH_60
MAJOR RENOVATION

Affacci e spazi interni


delledificio sono stati
radicalmente modificati.
Da sinistra, una delle
facciate aperte sul
cavedio centrale e una
scala interna
(foto Paolo Utimpergher).

le conservato) con il loro consolidamento;


lintroduzione un termo cappotto interno
ad elevato coefficiente di isolamento nono-
stante la complessit delledificio storico;
la realizzazione di un impianto geotermi-
co con pompa di calore con emungimento
di acqua di falda; il condizionamento con
anello di condensazione ad acqua di falda;
il rifacimento dei serramenti su disegno
originario con vetri selettivi e finestre iso-
lanti; lottimizzazione dellilluminazione
Particolare della vasca
naturale per pi del 90% degli spazi occu- centrale con fondo
pati regolarmente grazie alla distribuzione vetrato che chiude la
interna e alle nuove scelte architettoniche e corte interna e porta
luce ai piani commerciali
di posizionamento degli impianti. sottostanti
Molto articolata stata anche la gestione (foto Paolo Utimpergher).

IOARCH_60 [ 11 ]
MAJOR RENOVATION

F&M Ingegneria
F&M Ingegneria svolge da oltre trentanni attivit
di progettazione e controllo nella realizzazione
di costruzioni civili, commerciali, industriali
e di infrastrutture. qualificata sia in Italia
che allestero per studi di fattibilit, analisi di
compatibilit tecnico-economica-ambientale,
progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva
di nuove opere e restauri, direzione lavori, project
management, collaudi, consegna al cliente e
avviamento attivit, gestione della manutenzione.
Fino ad oggi la societ ha partecipato alla
realizzazione di circa 1.100 progetti in tutto il
mondo. In F&M Ingegneria operano 100 persone
di cui 80 nella sede principale di Mirano, Venezia,
gli altri nelle sedi staccate di Milano, Colonia (dove
nel 2002 nata F&M Retail), Pechino, Podgorica
e Muscat (F&M Middle East).
Nella foto, lingegnere Sandro Favero.

www.fm-ingegneria.com

SCHEDA
Localit Milano
Anno di progetto/realizzazione 2012/2014
Committente A. M. Holdings
Progetto architettonico P+F Parisotto+Formenton
Project Manager Riccardo Bastiani
Collaboratori Naomi Sugita, Francesca Squadrelli
Progetto strutturale F&M Ingegneria
Progetto MEP Esa Engineering
Direzione Lavori F&M Ingegneria
Consulenza per la certificazione Leed Evotre
Consulenza paesaggistica Mario Florena
Consulenza energetica Arch. Francesco Ferraro
Impresa Edile Tecton Soc. Coop.
Impresa impiantistica Elettromeccanica Galli Italo SpA
Superficie lorda complessiva 4.642 mq
Volumetria complessiva 16.600 m3 c.a.

Accanto, sezione
trasversale (CC) e
longitudinale delledificio
(disegni courtesy P+F
Parisotto+Formenton).

[ 12 ] IOARCH_60
MAJOR RENOVATION

P+F Parisotto+Formenton Architetti


Lo studio viene fondato a Padova nel 1990 da
Aldo Parisotto (Monselice, 1962, laurea allo
IUAV nel 1988) e Massimo Formenton (Padova,
1964, laurea allo IUAV nel 1989). La ricerca
progettuale si orienta verso molteplici temi: in
ambito architettonico con realizzazioni museali,
commerciali e residenziali; nellarchitettura
dinterni con il retail design a 360, dal concept
al project management; nel campo del design sia
con collaborazioni con aziende dellilluminazione e
dellarredo come FontanaArte, Viabizzuno, Martini
Light, Minotti Cucine, sia nello yacht design, dove
dal 2013 in corso una collaborazione con Mylius
Yachts. Parisotto+Formenton sono inoltre autori
del concept delle boutique e dei boutique-bar
Nespresso di tutto il mondo, compreso il nuovo
flagship store di Milano in Piazza Liberty.
Dal 2004 lo studio ha una sede anche a Milano.
www.studioparisottoeformenton.it

Altre viste degli spazi aperti sulla


corte centrale e - a destra - dellla
parete vetrata del nuovo corpo uffici
a sbalzo (foto Paolo Utimpergher).

di cantiere che ha visto lo sviluppo di un


attento piano per la riduzione degli impatti
delle attivit di costruzione e la ricerca di
materiali con caratteristiche di sostenibi-
lit. Linstallazione degli impianti stata
perfezionata da un processo di commissio-
ning avanzato, che ha preso avvio fin dalle
prime fasi della progettazione e ha verifica-
to linstallazione, la taratura e il funziona-
mento di tutti gli impianti secondo le spe- ELETTROMECCANICA GALLI ITALO
cifiche di progetto. Impiantistica evoluta Compartecipata dal gruppo francese Eiffage,
A corollario dellintervento e finanziati da la societ opera da pi di 60 anni in Italia nella
iniziativa privata anche i lavori di ripavi- progettazione, installazione e manutenzione di
mentazione delle vie Berchet, Foscolo e San impianti elettrici e speciali, impianti di climatizzazione
Raffaele, secondo disegno e direzione arti- e idrico-sanitari, telecomunicazioni e trasmissione
stica di Parisotto+Formenton, che portano dati, nonch nella progettazione e costruzione di
alla completa pedonalizzazione dellintera quadri elettrici MT/BT.
area interessata dallintervento. A Palazzo Ricordi lazienda, che ha gi realizzato oltre
Il disegno del nuovo manto riprende temi 10 interventi in edifici certificati Leed, ha installato
e materiali storici tipici delle strade mila- impianti elettrici e meccanici rispondenti ai pi elevati
nesi con porzioni di acciottolato e granito, standard tecnologici e energetici, comprendenti
usando ove possibile masselli di recupero sistemi automatizzati di gestione luci e pompe di
provenienti dai depositi comunali, integra- calore ad acqua di falda per il comfort climatico.
ti con lastre nuove di granito bianco. Sono
stati inoltre demoliti i marciapiedi, prefe-
ELETTROMECCANICA GALLI ITALO
rendo un unico livello a raso, con percorsi
Viale Prealpi, 31 - 22036 Erba CO
laterali protetti dalla tipiche colonnine pa- T. 031 614111
rigine in uso a Milano info@galli.eiffage.it | www.egalit.it

IOARCH_60 [ 13 ]
INNESTI URBANI

[ 14 ] IOARCH_60
INNESTI URBANI

COMPLESSO REDENTORE, CATANIA

RAGIONE E SENTIMENTO
Sorretto da un impegnativo progetto strutturale in acciaio, il complesso residenziale
di Scau a Catania genera una nuova relazione con lintorno e ripristina in chiave contemporanea
la cortina stradale dialogando con la citt reale e creando spazi verdi per i residenti

Mariagrazia Leonardi
In alto, il fronte su
strada del complesso
residenziale. Un nuovo complesso residenziale che si svi- lineamenti stradali e i confini del lotto, di- lo scarso pregio architettonico.
Nellimmagine a sinistra luppa ai margini del centro storico di Cata- segna una corte interna: un tetto giardino Luso residenziale accomuna il nuovo com-
il ritmo dei pieni e dei nia, nei tre piani interrati ospita un sistema che permette alle residenze di godere di un plesso abitativo agli edifici circostanti ma la
vuoti evidenziato dal
contrasto cromatico tra di parcheggio di circa sessantacinque posti personale polmone verde in citt. differenziazione linguistica manifesta una
il bianco in aggetto e i auto e, per due piani fuori terra, nove allog- Il progetto si realizza in unarea urbana gi dichiarata appartenenza ad una contempo-
grigi dellinvolucro e della gi di cui sei duplex, che si erigono sul suolo perfettamente configurata e le nuove archi- raneit che con le proprie differenze dialoga
pietra lavica
(foto Giusy Pelleriti). artificiale della sua copertura. tetture riusano le volumetrie preesistenti nel con le preesistenze storiche e con gli scempi
Sotto, prospetto est. La composizione volumetrica, lungo gli al- lotto sostituendo fatiscenti case terrane dal- edilizi degli anni Cinquanta, evidenzian-

IOARCH_60 [ 15 ]
INNESTI URBANI

Pianta del piano terra. La composizione volumetrica


disegna una corte interna con tetto giardino che
permette alle residenze di godere di una piccola oasi
verde in citt (foto Giusy Pelleriti).

done le criticit. Aderente, per giacitura e


allineamenti, al tessuto urbano e rispetto-
so, nelle condizioni altimetriche, delle pre-
esistenze edilizie dellintorno, lorganismo
architettonico si pone quale elemento di
transizione nello skyline urbano tra loriz-
zontalit della facciata storica e la compo-
sizione verticale del costruito risalente agli
anni Cinquanta.
Un lungo corpo orizzontale dialoga a tal fine
da un lato con ledificato storico e si raccorda
dallaltro con una energica struttura vertica-
le che, pur senza raggiungere le notevoli al-
tezze del costruito preesistente, si confronta
con tali volumetrie.
La composizione dei prospetti considera
lintero complesso abitativo come un insie-
me unitario. I pieni e i vuoti sono ritmati
da scansioni verticali che, pur ricercando le
migliori condizioni di illuminazione e om-
breggiamento naturale dei nuovi ambienti
abitativi, si confrontano con le configura-
zioni delledilizia classica del contesto senza
rinnegare le condizioni linguistiche della
contemporaneit.
La trama dei paramenti murari in pietra
lavica e laterizio che caratterizzano la sto-
ria della tecnologia delle costruzioni della
citt di Catania e sono presenti negli edifici

[ 16 ] IOARCH_60
INNESTI URBANI

SCHEDA
Localit Catania
Progetto e direzione lavori
ing. arch. Angelo Vecchio - scau studio srl
con arch. Marco Al
Collaboratori ing. Perla Fiamingo, ing. Giovanni Pane
Progetto 1999
Realizzazione 2002-2015
Strutture ing. Giuseppe Gaeta
Impresa edile Cantieri riuniti Srl
Serramenti in alluminio Cardillo Serramenti Srl
Pavimentazione in resina BASF Spa
Facciata a cappotto Caparol
Superficie del lotto 1.100 mq
Superficie dei piani cantinati 3.300 mq
Superficie piano terra 600 mq
Superficie piano primo 300 mq

La tavola di prospetto evidenzia le altezze e


larticolazione dei volumi che dialogano con le
preesistenze storiche dellintorno urbano. In alto,
la composizione dei fronti ritmata da scansioni
verticali studiate per ricercare le migliori condizioni di
illuminazione e ombreggiamento naturale
(foto Giusy Pelleriti).

IOARCH_60 [ 17 ]
INNESTI URBANI

La trave continua in sommit definisce la cornice di Le sezioni longitudinali mostrano i livelli interrati dellintervento che
chiusura orizzontale, rievocando, in chiave moderna, i raggiunge i dieci metri sotto il livello della strada.
canoni compositivi delledificato storico
(foto Giusy Pelleriti).

CARDILLO SERRAMENTI
Soluzioni personalizzate

Specialista nella produzione e posa in opera di facciate


continue, strutturali, puntuali e ventilate, la Cardillo Serramenti
rappresenta il partner ideale per i progettisti che desiderano attigui, rievocata dalla massa muraria del trasto visivo che contrappone la purezza
sviluppare e realizzare progetti complessi ed innovativi. Con un nuovo. Pietra lavica e laterizio rivestono in- del bianco in aggetto ai grigi dellinvolucro
organico di pi di 40 collaboratori e un ufficio tecnico interno, fatti il basamento delledificio, scanditi da e della pietra lavica.
lazienda offre soluzioni personalizzate nel rispetto dei vincoli fughe orizzontali e, cos come una parasta, La difficile condizione geologica, lelevato nu-
prestazionali che un serramento di qualit oggi deve garantire. marcano chiaramente langolo. La trave mero di piani degli adiacenti edifici moder-
continua in sommit disegna la cornice di ni preesistenti realizzati in cemento armato,
chiusura orizzontale, rievocando ancora i venti metri di altezza del terzo edificio di
una volta, ma in chiave moderna, i canoni fine Ottocento in muratura e la necessit di
compositivi delledificato storico. sviluppare il nuovo intervento fino a raggiun-
CARDILLO SERRAMENTI SRL Lo sfalsamento dei piani in facciata, il rit- gere i dieci metri sotto il livello della strada,
Via Sicula Orientale 8/a (SS 114) mo dei pieni e dei vuoti ulteriormente po- hanno indirizzato i progettisti a scegliere
95016 - Mascali CT
T. 0957784128 sto in evidenza dalla scelta cromatica delle lacciaio quale unico materiale, consentendo
www.cardillo.it | info@cardillo.it finiture che seguono le logiche di un con- la realizzazione delle strutture
[ 18 ] IOARCH_60

RIQUALIFICAZIONI

AMPLIAMENTO UFFICI EUROMATIC, TREVIGLIO

INCISIONI DI LUCE
Scelte architettoniche intelligenti e tecnologia costruttiva a secco S/R integrale
nella sopraelevazione di un prefabbricato industriale alla periferia di Treviglio

Euromatic progetta e realizza impianti lufficio tecnico dellimpresa Vanoncini, dalla verniciatura scura del basamento. Gli
automatici per lindustria farmaceutica. specializzata in questo genere di soluzioni. spazi di lavoro sono definiti da pareti mo-
Rappresentativa della capacit italiana nel Per accogliere le nuove funzioni, larchitet- bili per la necessaria flessibilit del layout
settore delle macchine utensili, lazienda to Francesco Forcella progetta due volumi interno, facilitata anche dalla pavimenta-
cresce e ha bisogno di nuovi uffici e mee- distinti, uno verticale per scale e ascensori zione flottante in lastre di grs porcellanato,
ting room. Lidea pi ovvia quella di re- e quello orizzontale della sopraelevazione sotto le quali corrono gli impianti, e dalla
alizzare un nuovo livello sopra i 400 mq vera e propria. controsoffittatura fonoassorbente. Sporti e
La sede Euromatic. della palazzina uffici, realizzabile per solo Caratterizzato da una finestratura continua gronde metalliche, in misure adeguate ai
Anche grazie alle
scelte cromatiche, la con una struttura leggera. La scelta cade su a nastro, le cui dimensioni variano in al- diversi fronti espositivi, assicurano inve-
sopraelevazione appare una soluzione S/R con telaio portante in ac- tezza da 120 a 170 cm secondo le funzioni ce la necessaria schermatura solare senza
come sospesa sopra ciaio e tamponamenti a secco e da questo interne, il nuovo livello si distacca dal cor- la necessit di creare elementi schermanti
lo zoccolo scuro del
preesistente capannone momento la progettazione procede di pari po esistente su cui poggiato per il colore aggiuntivi esterni o interni.
(foto Giovanna Silva). passo tra lo studio di architettura GFM e bianco dellintonaco, distacco accentuato Il fronte sud dellintero corpo uffici in-

[ 20 ] IOARCH_60
RIQUALIFICAZIONI

Francesco
Forcella

Laureato al Politecnico di Milano e con diverse


esperienze in Italia e allestero, larchitetto
Francesco Forcella (1982) opera nel campo della
progettazione a varie scale, dal master planning
al paesaggio, dallinterior allindustrial design,
in ambito pubblico e privato. Da sempre attento
alle dinamiche di mutazione del contesto urbano,
ambientale e sociale, fonda nel 2008 con Davide
Brembilla lo studio Brembilla+Forcella Architetti.
Dal 2008 al 2014 collabora con lo studio GFM
Associati progettando opere soprattutto in ambito
socio-sanitario e residenziale. Dal 2014 collabora
con lo studio aMDL Michele De Lucchi Srl.
www.brembilla-forcella.it

Mirko
Berizzi

Ingegnere edile/architetto laureato al Politecnico


di Milano, attuale direttore tecnico di Vanoncini
Spa, Mirko Berizzi coordina da una decina danni
lufficio tecnico dellazienda specializzata nella
progettazione e nella costruzione stratificata a
secco S/R [Struttura/Rivestimento].
Esperto nella progettazione fisico tecnica di tutti
i sistemi costruttivi mediante lo studio integrato
del dettaglio (scala 1:5), approccio con il quale
Vanoncini si distingue sul mercato, si occupa
anche di diagnosi energetica e monitoraggio,
consulenza energetica secondo il protocollo
CasaClima, ricerca & sviluppo, supervisione
tecnica dei cantieri e formazione in qualit di
relatore di numerosi convegni, corsi e seminari
tecnici relativi al sistema S/R.

terrotto e sopravanzato, sia in altezza (per


consentire laccesso agli impianti collocati
sul lastrico solare) sia nellimpronta a terra,
dal nuovo volume verticale del corpo sca-
le e ascensori, di colore grigio, che ingloba
lingresso e che sottolinea la propria verti-
calit attraverso ampie vetrate incise nella
superficie in cemento.
Nelle ore serali, i tagli orizzontali e verticali
delle finestre dei due volumi, sfalsati tra loro,
si illuminano creando un dialogo di geome-
trie contrastanti che rendono dinamica la
composizione architettonica
IOARCH_60 [ 21 ]
RIQUALIFICAZIONI

DAL PROGETTO ALLA REALIZZAZIONE: UN CANTIERE SU MISURA


Durato 5 mesi, lampliamento della sede
Euromatic stato realizzato in CA solo per
il nuovo volume dei collegamenti verticali,
mentre la sopraelevazione una costruzione
leggera realizzata interamente a secco su una
struttura portante in carpenteria metallica.
La progettazione esecutiva, curata dalluffi-
cio tecnico di Vanoncini SpA, ha affrontato
diversi aspetti fondamentali per la migliore
riuscita dellopera, soprattutto dal punto di
vista della coibentazione e del conseguente
risparmio energetico delledificio.
La prima considerazione generale riguar-
da il comportamento dei diversi materiali
delledificio e dei loro diversi gradi di dilata-
zione. Per questa ragione, linvolucro esterno
a cappotto del nuovo livello stato proget-
tato come una vela il cui pacchetto in
grado di scorrere di decimi di millimetro
sopra ledificio preesistente, cui congiunta
evitando di fare ricorso a giunti di dilatazio-
ne. I pannelli EPS maschiati ovvero con
profilo a incastro del pacchetto isolante
sono incollati direttamente sulle lastre fibro-
cementizie, senza fare uso di tasselli. La rasa-
tura su rete annegata, infine, realizzata con
uno speciale intonaco organico, pi elastico
di un normale intonaco a base cementizia, in
modo che linvolucro si adatti meglio ai mi-
cromovimenti della struttura.
Un secondo aspetto progettuale riguarda la
finestratura a nastro (che presenta moduli di
diverse altezze) per la quale stata realizzata
unarchitrave in tubolare di acciaio zincato a
cui sono saldati a pettine altri piccoli tubolari
che reggono i singoli elementi del serramen-
to, i quali a loro volta si collegano al carter
metallico superiore, fissato alla parete e che
funge anche da schermatura solare. Poggiata
alla parete sud, larchitrave fasciata in mate-
riale termoriflettente che riducendo le varia-
zioni di temperatura dellacciaio (maggiori di
quelle delle lastre in fibrocemento) elimina i
ponti termici tra esterno e interno.
Il piano di copertura, posto a un livello in-

[ 22 ] IOARCH_60
RIQUALIFICAZIONI

Pagina di sinistra: dettaglio


costruttivo in sezione
verticale del raccordo
tra il nuovo pacchetto
perimetrale dinvolucro
e il corpo prefabbricato
esistente; il nodo individua
il sormonto del rivestimento
fibrocementizio al pannello
prefabbricato di facciata
in grado di svincolare i
movimenti dei due sistemi
costruttivi e di evitare giunti
orizzontali a vista.

A destra, dettaglio costruttivo


in sezione verticale del
sistema di finestratura a
imbotti inserito nel pacchetto
perimetrale dinvolucro;
visibili le modalit di raccordo
tra serramento, carter
di rivestimento esterni e
sistema a cappotto termico
applicato sulla lastra
fibrocementizia, soluzioni
che consentono le rispettive
dilatazioni termiche. Sotto,
lo scheletro di carpenteria in
opera e la nervatura metallica
del sistema di imbotti
con la fasciatura termica
del tubolare di sostegno
delle finestrature mediante
termoriflettenti multistrato.

IOARCH_60 [ 23 ]
RIQUALIFICAZIONI
feriore rispetto alle pareti, forma una va-
sca e porta, fissati alla parete nord, una
fi la di pannelli fotovoltaici adeguatamente
orientati per la cui barra di fissaggio sono
state inserite, isolate direttamente in pare-
te, apposite piastre metalliche. Lo studio del
sistema di smaltimento delle acque meteori-
che della copertura a vasca ha richiesto pen-
denze variabili tra 1,5 e 2% secondo il tipo di
telo impermeabile adottato.
Particolarmente articolato, il pacchetto di
copertura si compone di un pannello san-
dwich coibentato con lamiera grecata allin-
tradosso e carton-feltro allestradosso. Al di
sopra una prima guaina nelle vesti di barrie-
ra al vapore e pannelli in lana di legno mi-
neralizzata (densit 450 kg/mc) incollati al
manto. A seguire un pacchetto pendenzato
composto da una base in EPS accoppiato a
schiuma di polyiso sulla quale stata posa-
ta a colla la guaina impermeabile riflettente
bianca (sistema cool roof).

SCHEDA
Localit Treviglio
Anno di realizzazione 2013
Committente Euromatic Srl
Progetto Architettonico GFM Studio Associato,
Arch. Ambrogio Franco Forcella e Francesco Forcella
Collaboratori Ing. Paolo e Marco Manzoni (DL
strutturale); Arch. Antonio Reduzzi (DL Architettonica,
contabilit, sicurezza)
Progetto e DL MEP SITE Engineering
Progetto esecutivo sopraelevazione Vanoncini SpA
Opere S/R Vanoncini SpA, Mapello
Opere in C.A Intesa Costruzioni Srl, Treviolo
Sup. coperta complessiva mq 3.440,26
Sup. coinvolta dal progetto (PT, 1 e 2) mq 536

A sinistra, dettaglio costruttivo in sezione verticale del


parapetto nord della copertura a vasca; si individua il
canale di smaltimento acque meteorich integrato nel
sistema pendenzato di coibentazione.
Sotto, da sinistra, la fase di incollaggio del sistema
pendenzato sul pannello di lana di legno mineralizzata
e la fase di incollaggio a freddo della guaina bianca
riflettente al pendenzato.

[ 24 ] IOARCH_60
OSPITALIT

FALKENSTEINER HOTEL & SPA, JESOLO

ICONICO REMIX
Larchitettura purista di un nuovo albergo animata dai colori e dalle atmosfere
in stile Art Deco Miami degli interni firmati Matteo Thun & Partners

Situato nelle immediate vicinanze del lito- razze esterne e unarea spa di 1.500 mq con progetto dinterior verso lutilizzo di tona-
rale di Jesolo, lhotel Falkensteiner colpisce sauna, centro wellness e fitness, solarium, lit mediterranee come il beige, il turche-
per la leggerezza e allo stesso tempo per piscine interne ed esterne con vista pano- se e lazzurro e di materiali naturali come
limponenza della sua architettura (proget- ramica sul mare. Il progetto di interior de- il legno e la pietra che contrastano con il
tata inizialmente da Richard Meier) carat- sign riconferma lapproccio progettuale di bianco accecante dei volumi esterni.
Larea bar del nuovo terizzata dallarticolazione di grandi volu- Matteo Thun votato al genius loci, in gra- Il legame con la citt di Venezia riscontra-
Falkensteiner Hotel &
SPA Jesolo, con sullo mi minimali dominati da ampie facciate do di tradurre caratteristiche geografiche bile invece nelle aree della reception e del
sfondo la terrazza di vetro protette da frangisole. Lalbergo e culturali del luogo in elementi stilistici bar, dove i corpi di entrambi i banconi e di
panoramica affacciata 5 stelle si sviluppa su 8 livelli ed dotato contemporanei. Il contatto diretto con il alcuni tavoli sono rivestiti di legno di bric-
sul mare. Il bancone
rivestito con legno di di 126 camere, 7 suite e 18 appartamenti, mare e la spiaggia limitrofa con area pri- cole (i caratteristici pali di legno una volta
briccola recuperato. 3 sale conferenza, bar e ristorante con ter- vata ad accesso esclusivo ha indirizzato il usati per indicare le vie dacqua nelle lagune)

[ 26 ] IOARCH_60
OSPITALIT

A destra, lhotel visto dalla spiaggia


antistante, lupper-bar animato da grandi
lampade sferiche e pianta del piano terra.

trasformati e cos riutilizzati. Unulteriore


fonte dispirazione costituita dalla super-
ficie acquea della laguna, tradotta dallar-
chitetto in arazzi di piastre metalliche, che
rendono omaggio allo stile di Paco Rabanne
e agli anni Settanta, attraverso le quali am-
plificare e trasmettere la luce naturale nelle
zone lontane dalle ampie facciate di vetro.
Camere, suites, appartamenti e zone co-
muni sono caratterizzate dallalternarsi
di pavimenti in pietra naturale, legno e

IOARCH_60 [ 27 ]
OSPITALIT

tappeti. Gli ambienti sono completati da dallutilizzo di tessuti leggeri e dal turche-
Grandi cuscini e SCHEDA
contrasti cromatici per tende scorrevoli, tessuti morbidi e tanti cu- se intenso di alcune pareti. I bagni delle
la reception della spa. scini, mobili in legno e da uccellini e vasi camere sono rivestiti da piastrelle a righe Localit Jesolo VE
Sotto, larea living di in vetro di Murano della collezione Matteo in bianco e giallo e completati da specchi Anno di realizzazione 2015
una delle suite con vista
panoramica sul mare e Thun Atelier. Letti a baldacchino dalle li- in stile barocco per un accento allo stes- Committente Falkensteiner Michaeler Tourism Group
la spiaggia. Nella pagina nee contemporanee rappresentano lele- so tempo iconico e ironico. Nellambiente Progetto architettonico Richard Meier
accanto, larea spa con mento dominante delle camere, delle suite spa il progetto dinterior caratterizzato
piscina coperta in diretta Interior Design Matteo Thun & Partners
comunicazione con la e degli appartamenti, accomunati anche da in senso cromatico da contrasti e tonalit
Project Management Ilona Lssing
terrazza esterna. unatmosfera fresca e luminosa enfatizzata intense
(foto Francesca Lotti)

Matteo Thun & Partners


Fondato nel 2001 in collaborazione con Herbert
Rathmaier, Luca Colombo e Antonio Rodriguez,
lattuale studio di Matteo Thun (Bolzano, 1952)
costituito da un gruppo di lavoro multidisciplinare
che annovera circa 50 professionisti tra architetti,
interior e product designer. In continuit con
il pensiero e lattivit del precedente studio
fondato da Matteo Thun a Milano nel 1984, il
team di lavoro persegue un approccio olistico
allarchitettura che privilegia la semplicit, il
rispetto del genius loci e la filosofia dei 3 zeri: zero
CO2, zero chilometri, zero rifiuti.
www.matteothun.com

[ 28 ] IOARCH_60
OSPITALIT

CLIMAVENETA
Comfort e risparmio energetico

Un ambiente moderno e ricercato come


quello del nuovo Falkensteiner Hotel&Spa di
Jesolo, non poteva trascurare un aspetto tanto
importante per i propri ospiti come il comfort
interno. Rinfrescare puntualmente le stanze
in estate, riscaldare lacqua della piscina nelle
stagioni fredde, ancora rinfrescare una sala
riunioni affollata in inverno mentre si riscaldano
le stanze occupate dagli altri ospiti, sono tutte
peculiarit di cui limpianto di climatizzazione
di una struttura ricettiva di questo livello deve
poter disporre.

Con questi obiettivi, uniti a quello dellefficienza


energetica, i progettisti di Saind Ingegneria
hanno studiato limpianto di climatizzazione
del nuovo hotel. Il suo cuore si compone di
2 unit polivalenti ERACS2-Q/-/XL-CA 2722
della gamma INTEGRA, 9 unit trattamento aria
Nella foto, unit Climaveneta installate presso la nuova
WIZARD ed 1 controllore di tipo MANAGER torre Intesa Sanpaolo a Torino.
3000, tutto fornito da Climaveneta.
Nello specifico le unit polivalenti sono state
scelte per la loro capacit di produrre acqua dellhotel, che non riguardano solo le stanze,
calda e refrigerata simultaneamente e di servire ma anche la spa e larea benessere. La scelta di
quindi sia le unit trattamento aria destinate produrre lacqua calda sanitaria con un sistema
alla diffusione dellaria nelle zone comuni, che a pompa di calore consente inoltre di usare fonti CLIMAVENETA SPA
i fan coil installati per il comfort nelle stanze. rinnovabili senza installare pannelli fotovoltaici, Via Sarson, 57/c
36061 Bassano del Grappa VI
Le stesse unit soddisfano anche la richiesta quindi senza impattare esteticamente sulla T. 0424 509500
di acqua calda sanitaria per le varie esigenze struttura. info@climaveneta.it | www.climaveneta.it

IOARCH_60 [ 29 ]
DESIGNCAF
LARCOBALENO DI PORTA GARIBALDI
Nuova vita per la celebre Torre Arcobaleno, un tempo
anonimo serbatoio dellacqua realizzato nel 1964 nel
perimetro dello scalo ferroviario della stazione FS
Milano Porta Garibaldi. La torre fu oggetto di una prima
ristrutturazione nel 1990, in occasione dei Mondiali di
calcio, che la trasform da opera di servizio degradata
a landmark immediatamente riconoscibile grazie a un
rivestimento di 100mila piastrelle colorate. Artefice
del progetto e dellorganizzazione dei lavori, oggi come
allora, la Divisione Architettura dello studio milanese
Original Designers 6R5 Network nellambito del progetto
Wonderline, che da alcuni anni collega al tema del colore
diverse iniziative nel mondo dellarte e dellarchitettura.
Patrocinata dal Comune di Milano in collaborazione
con Rete Ferroviaria Italiana, Gruppo Fs Italiane, la
riqualificazione della torre un omaggio alla citt in
occasione di Expo 2015 ed realizzata grazie al contributo
economico degli architetti e delle aziende coinvolte
(Bazzea - B Construction Technology, Condor, Fila
Solutions, Mapei e Marazzi).

PROGETTARE PREMIO URBANISTICA 2015


IL BENE COMUNE I VINCITORI
Tamassociati, (lannuncio ha riguardato il nome di Saranno premiati nellambito della Inserimento nel contesto urbano
Simone Sfriso ma la proposta, nello stile dello studio, 12a edizione di Urbanpromo, 17-20 Confcommercio-Imprese per
rimane collettiva), saranno i curatori del Padiglione Novembre in Triennale a Milano, lItalia, Politiche integrate per la
Italia della prossima 15esima Biennale di Architettura i 10 vincitori del concorso indetto valorizzazione dei sistemi commerciali
diretta da Alejandro Aravena. dallIstituto Nazionale di Urbanistica. urbani di Gorizia, Nova Gorica e
Il nome del progetto curatoriale, Taking care I progetti sono stati selezionati sul empeter-Vrtojba
progettare per il bene comune, esplicita la sito dellevento dedicato al marketing Citt di Sarno, Piano urbanistico
profonda convinzione dello studio veneziano urbano e territoriale organizzato da Fondazione Cassamarca, recupero
(nominato Architetto Italiano 2014) riguardo al ruolo Inu e Urbit. Queste le tre categorie. dellArea Appiani a Treviso
dellarchitettura nel diffondere e rendere efficaci Equilibrio degli interessi nel Compagnia di San Paolo, residenza
i principi di socialit, cultura, partecipazione e rapporto pubblico/privato: temporanea di San Salvario a Torino.
integrazione in qualsiasi luogo e a qualsiasi scala. Regione Umbria, Programmi Qualit delle Infrastrutture e
Un progetto in linea con il tema scelto da Aravena, integrati di sviluppo urbano PUC3 degli spazi pubblici
Reporting from the front, incentrato sulla necessit di Cassa depositi Prestiti Investimenti Regione Umbria, primo concorso
coniugare larchitettura con lesigenza di una migliore Sgr, Fiv-Fondo investimenti per le per la riqualificazione delle aree
qualit dellambiente edificato e, conseguentemente, valorizzazioni produttive dismesse
della vita delle persone. Regione Abruzzo con Ministero Fondazione Golinelli, Opificio
delle Infrastrutture e dei Trasporti Golinelli a Bologna
Prospettive per il progetto di Fondazione CRT, Progetto OGR
Territorio Snodo 2 Abruzzo. Officine Grandi Riparazioni di Torino.

Nella foto da sinistra il team che compone Tamassociati:


Emanuela Not, Laura Candelpergher, Simone Sfriso, Raul Pantaleo,
Massimo Lepore, Enrico Vianello.

[ 30 ] IOARCH_60
Mastro Raphael s.r.l., Via delle Industrie, 21 - 06049 - Spoleto (PG)
tel. +39 0743 230801 - www.mastroraphael.com - mastro@mastroraphael.com
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

[ 32 ] IOARCH_60
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

CASTELLO DI POSTIGNANO, SELLANO

LARCHETIPO
DEL BORGO ITALIANO

IOARCH_60 [ 33 ]
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

Scoperto per caso, Postignano, uno dei seimila borghi abbandonati dItalia, inizia la sua seconda vita
nel 1997 con un accurato progetto di restauro filologico avviato dellarchitetto Gennaro Matacena
e completato due anni fa. Il borgo comprende 60 abitazioni, la chiesa, un relais, un centro di
documentazione, una trattoria e due botteghe ed abitato stabilmente da sei persone. Fuori dalle
mura in corso di realizzazione il progetto di un albergo di charme con piscina e centro benessere

Fondato intorno allanno mille lungo una strutture amplificando gli effetti del sisma). caratteristiche storiche, artistiche e paesag-
via di comunicazione che collegava Spoleto RA Consulting, lo studio di progettazione gistiche. Alle esitazioni della committenza,
ad Assisi, Castello di Postignano svolse un degli architetti Gennaro Matacena e Matteo dovute allingente impegno finanziario si
ruolo importante fino al XVI secolo, quando Scaramella, abbandon il primo progetto di tratta di un intervento interamente privato
la popolazione cominci progressivamente a recupero per avviarne un altro, pi radicale, si aggiungevano i tempi della burocrazia:
emigrare, e nel 1967, in seguito a uno smotta- di rinforzo strutturale e ricostruzione fi lo- allorigine privo di vincoli, nel 2004 il borgo
mento, fu definitivamente evacuato. logica capace di ridare vita al borgo nel ri- entrava nellelenco dei monumenti di inte-
La sua conformazione analoga a quella di spetto delle sue specificit originarie e delle resse storico artistico dal Ministero dei Beni
altri borghi murati, specie della Valnerina,
con una disposizione a triangolo, addossata
alle pendici della montagna, e una torre di
avvistamento. Tanto da essere considerato
un archetipo dei borghi collinari italiani
dallarchitetto americano Norman F. Car-
ver Jr, che lo fotograf nel 1967 e ne fece la
copertina del suo volume Italian Hill-towns
(1979, Documan Press). La propriet venne
acquisita, non senza difficolt (quasi 300 ro-
giti con ex-abitanti o loro eredi) tra il 1992 e
il 1994 e nel 1997 vennero avviati i primi la-
In apertura, lingresso vori di restauro, interrotti dal terremoto che
ovest del borgo, in
queste pagine visto il 14 ottobre di quellanno danneggi gra-
dallinterno, comera vemente il borgo (pi per lo stato di abban-
nel 1967 (foto di Norman dono in cui versava che per il movimento
Carver Jr) e com oggi,
dopo il restauro filologico tellurico in s: la mancata manutenzione e le
(foto Gratet & Maglione). infi ltrazioni di acqua avevano indebolito le

[ 34 ] IOARCH_60
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

Postignano:
planimetria generale e funzioni.

Culturali; nel frattempo le normative antisi-


smiche si erano fatte pi stringenti; infine,
il complesso era in lista di attesa per la con- Fuium addum et; non
cessione di finanziamenti (pari al 20% delle nonimmo untilium tarit.
Icae niur hales iam prox
opere) per la ricostruzione. mus; hos in sesside
Trascorsero cos dieci anni, un tempo suffi- novis. Ipionfece tus
ciente a svolgere un meticoloso rilievo ma- omnertuus consules
tem de incum telut
terico, unampia indagine geologica e geo- graribemum hil utem
tecnica e un attento studio storico-artistico (foto Xxxx Xxxxx).
(particolarmente utile in relazione agli affre-
schi rinvenuti) preliminari alla fase proget-
tuale esecutiva e alla ripresa dei lavori, nel
2007, per i quali la Direzione Lavori e il Co-
ordinamento per la Sicurezza hanno dovuto
affrontare problematiche particolarmente
complesse, connesse alla necessit di inter-
venire allinterno di un borgo gravemente
danneggiato e pericolante, alla contempo-
raneit di alcune lavorazioni, alla presenza
di pi imprese operanti in aree contigue e
di difficile accesso. A pieno regime, su una
superficie di sedime di circa 2.500 mq, con
case torri alte fino a 25 metri fondate a quo-
te sfalsate anche di oltre 15 metri, hanno
operato contemporaneamente quattro gru
con interferenza reciproca, in compresenza
di oltre una sessantina di addetti tra operai

(segue a pagina 38)

IOARCH_60 [ 35 ]
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

[ 36 ] IOARCH_60
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI
ANTISISMICA E RESTAURO STRUTTURALE

Le soluzioni strutturali per il consolidamento delle murature, verificate alla luce della
nuova normativa sismica, sono coerenti con le linee guide emanate dalla regione Um-
bria per il restauro di edifici con valenza storico-architettonica, con interventi e tecnolo-
gie simili a quelle originali e con carattere di reversibilit. Preventivamente alla proget-
tazione stata eseguita la verifica sismica dellintero abitato, a seguito della quale sono
stati individuati quindici blocchi (U.M.I.) strutturalmente autonomi, e le conseguenti
posizioni di giunti sismici.

FONDAZIONI: gli edifici presentano muri utilizzate strutture di acciaio, opportuna-


che fondano a quote diverse, su terreni in- mente inghisate alle murature esistenti, ri-
clinati di consistenza non omogenea. Sono vestite di legno.
stati eseguiti scavi anche in roccia ai piani Le volte sono state consolidate mediante la
terra per realizzare cordoli in c.a. per lallar- realizzazione di solette armate sullestra-
gamento delle fondazioni esistenti, ancorate dosso, integrate a mezzo di perforazioni
perimetralmente con solette orizzontali di passanti e barre di acciaio inossidabile con
collegamento. In alcuni casi sono state rea- possibilit di riportare in tensione la catena
lizzate sottofondazioni murarie anche su con capichiave, o completamente ricostruite
micropali. secondo le tecniche tradizionali.
STRUTTURE MURARIE: sono stati ese- COPERTURE: realizzate con struttura por-
guiti interventi di consolidamento mediante tante di legno, tavolato, soletta armata, iso-
iniezioni di malta con miscele a base di calci lante termico, impermeabilizzazione e stra-
idrauliche di origine calcarea con laggiunta to finale con coppi di recupero simili a quelli
di leganti idonei a base non cementizia; ri- esistenti.
costruzioni di porzioni di muratura crolla-
ta con intervento di scuci e cuci in mattoni
pieni; inserimento di diatoni e catene / barre
di acciaio longitudinali nei cantonali; plac-
caggio con piastre di acciaio di cantonali in
fondazione; ristilatura dei giunti con malta
composta da miscele a base di calci idrau-
liche di origine calcarea e laggiunta di le-
ganti idonei a base non cementizia; intonaco
armato con rete elettrosaldata; cerchiature
Alcuni disegni di dettaglio degli interventi
delle bucature con profili di acciaio. strutturali, antisismici e di restauro.
STRUTTURE ORIZZONTALI: i solai sono Dallalto, dettaglio dellinserimento di cordoli
stati realizzati con travi di legno lasciate a di fondazione armati (visibile anche la
progettazione di solette aerate); particolare
vista, a sezione sbozzata rettangolare, sulle dei rinforzi orizzontali delle murature esistenti
quali disposto un tavolato o unorditura e dei collegamenti verticali con murature
secondaria di legname e pianelle di cotto nuove. Sotto, da sinistra, metodo di
restauro e rinforzo dei solai e particolare del
sulla quale stata realizzata una soletta rifacimento di una copertura
armata ancorata con connettori di acciaio (disegni courtesy RA Consulting).
alle travi e perimetralmente a profilati di
Pagina di sinistra: il borgo oggi (foto Gratet &
acciaio ancorati alle murature con barre fi- Maglione), nel 1967 (foto di Norman Carver Jr) e
lettate.Per alcuni ballatoi esterni sono state in fase di cantiere.

IOARCH_60 [ 37 ]
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

RA Consulting
Fondata nel 1986 dallarchitetto Gennaro
Matacena (a sinistra nella foto), laureato nel
1970 alla Facolt dArchitettura dellUniversit di
Napoli, RA Consulting Srl opera con un approccio
interdisciplinare sin dalla fase iniziale della
progettazione, in particolare nel recupero dei beni
culturali, restauro monumentale e museologia. La
societ ha vinto numerosi concorsi internazionali.
Tra le opere pi significative il restauro del Museo
dei Fori Imperiali, nei Mercati di Traiano a Roma,
il Museo Mediterraneo di arte contemporanea
della Zisa a Palermo, il Centro di raccolta di opere
darte in caso di eventi catastrofici a Spoleto.
Attualmente ha in corso il restauro dellUniversit
di Trieste e il restauro dellex convento della
visitazione a Reggio Calabria. Nel 1987
e lavoratori autonomi. sono stati progettati nel rispetto del valore diventato socio di RA Consulting larchitetto
Castello di Postignano una testimonianza storico-artistico del contesto. Negli ambien- Matteo Scaramella (foto in alto a destra); nel 2002
notevole di architettura senza architetti, ti interni i solai e le coperture di legno sono gli architetti Antonio Gravagnuolo e Albino Osnato;
nel 2015 gli architetti Francesco Ferraro, Pierre
come furono definite da Bernard Rudofsky stati assemblati con travi sbozzate a mano, Gratet e Monica Rispoli.
le abitazioni realizzate utilizzando tecniche tavolame irregolare per gli impalcati e ca-
e materiali locali da coloro che le hanno poi priate con incastri, cunei di legno e piastre www.raconsulting.it
abitate. Unarchitettura spontanea diversi- di acciaio per le coperture.
ficata nelle rifiniture e nei dettagli, quali in- Il progetto di recupero ha previsto, inol-
fissi, colori, tessiture murarie, che il progetto tre, un innovativo restauro degli affreschi
di restauro ha preservato, recuperato e valo- rinvenuti nel borgo e danneggiati dal ter- vento di recupero di un borgo abbandonato
rizzato anche ricorrendo a tecniche, proce- remoto, con il procedimento dellanastilosi in Italia (e probabilmente in Europa) e si di-
dimenti e materiali tradizionali. Le superfici informatica. stingue per la capacit di celare, dietro un
esterne sono state ripristinate con pietra fac- Limpatto ambientale determinato dalla meticoloso ripristino dellaspetto origina-
cia a vista, intonacate con la tecnica del raso presenza di aree di parcheggio a margine rio, sistemi impiantistici indispensabili per
sasso, utilizzando intonaci a base di calce o dellabitato stato ridotto al minimo con le attuali esigenze abitative. Ma soprattutto
dipinte con pigmenti di terre naturali; infissi limpiego di materiali cromaticamente com- per la volont e la capacit dei progettisti/
e portoni di legno, ringhiere di ferro, sporti patibili con il contesto, una pavimentazione committenti di raccogliere testimonianze e
di gronda, tegole e comignoli recuperati; pa- integrata con aiuole e la predisposizione di documenti sui modi in cui era abitato, per
In questa pagina, due vimentazioni esterne rifatte utilizzando in un pergolato che forma un continuum col trasferire nelle pietre e nelle vie del borgo lo
immagini della piscina parte pietra di recupero della vecchia pavi- verde della collina circostante. spirito del tempo. Ad esempio, riducendo
e Spa in corso di
completamento - la mentazione e in parte pietra di cava simile, e Il progetto di Postignano, che nel 2014 ha al minimo indispensabile il rifacimento di
piscina allaperto rifacendo acciottolati e battuti di calce con ricevuto dai Club Unesco Europa un atte- piante e partizioni interne, preservando cos
stata inaugurata il mese inerti macinati. stato di merito come efficace interprete dei le dimensioni e le visuali che degli ambienti
scorso - ai piedi del
borgo (render courtesy RA Anche i tombini sulla sede stradale o i pan- valori di salvaguardia e tutela del paesaggio avevano le ultime famiglie che lo avevano
Consulting). nelli di chiusura dei vani contatori esterni e dellambiente, oggi il pi grande inter- abitato
SCHEDA
Localit Sellano PG
Anno di progetto/realizzazione 2007/2013
Committente Mirto Srl
Progetto architettonico RA Consulting, Architetti
Gennaro Matacena, Matteo Scaramella, Antonio
Gravagnuolo, Monica Rispoli, Pierre Gratet
Progetto strutturale Ing. Federico Massimo Mazzolani
Progetto MEP Ing. Mariano Cannaviello (idrotermica);
Ing. Valerio Mangoni di S. Stefano
Direzione Lavori Arch. Gennaro Matacena
Collaborazioni Arch. Pietrangelo Trama,
Arch. Gabriella Fratta, Arch. Andrea Carozza,
Michele Apicella, Geom. Renato Cimmino
Restauro artistico Dott. Paolo Virilli
Consulenza paesaggistica Mario Florena
Consulenza energetica Arch. Francesco Ferraro
Superficie utile 6.000 mq ca
Volumetria complessiva 35.000 mc ca

[ 38 ] IOARCH_60
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

IMPIANTISTICA DAVANGUARDIA TRA MURA MEDIEVALI


Discreti e sottotraccia, gli interventi di ri- consentono di ottimizzare i consumi idrici. durre al minimo limpatto allinterno degli
sanamento e impiantistici hanno miglio- Grande attenzione stata posta nella pro- ambienti, soprattutto dei gruppi frigoriferi,
rato la naturale sostenibilit ambientale gettazione e realizzazione delle reti impian- delle UTA e delle notevoli canalizzazioni in
In alto, uno degli
di questa architettura senza architetti in- tistiche e di infrastrutture pubbliche, di cui partenza e in arrivo. esercizi commerciali
troducendo al contempo gli elementi in- il borgo era totalmente sprovvisto. Lungo le Gli apparati impiantistici nei dislivelli del aperti nel borgo (foto
stradine del borgo sono stati realizzati cavedi terreno, utilizzando interventi di ingegneria Gratet & Maglione).
dispensabili per una fruizione degli spazi Sotto, la sezione
interrati per alloggiare la rete elettrica, idri- naturalistica, sono stati posizionati in terraz- illustra linserimento
secondo gli standard di vita odierni.
ca, gas, fognaria e la fibra ottica. zamenti a ridosso della collina e sottratti alla dellascensore. Il borgo
Per lilluminazione pubblica sono stati utiliz- vista anche con lausilio di una cortina a ver- comprende 60 abitazioni
private, parte in vendita
Per lisolamento termico e il controllo del- zati cavi esterni in fibra minerale che alimen- de, mentre i canali sono posizionati in cavedi e parte gestite come
lumidit ambientale sono stati realizzati tano i lampioni da cassette di rame a parete; interrati realizzati tra edificio e collina. residence.
vespai ventilati e contropareti aerate negli la trasmissione tv, telefonia e dati avviene
ambienti contro terra; la rete stradale sta- tramite una rete in fibra ottica per evitare
ta impermeabilizzata previa esecuzione di lintrusione nel paesaggio di antenne e para-
trincee e drenaggi per evitare infiltrazioni di bole. Per gli interni si scelto un sistema di
acque meteoriche e di falda. climatizzazione a pannelli radianti che, oltre
Dove possibile, murature e coperture sono a ridurre notevolmente i consumi energetici,
state isolate con i pi moderni sistemi inte- a scomparsa e non interferisce con aspetti
grati certificati, prevedendo gli accorgimenti funzionali, distributivi ed estetici.
necessari a eliminare i ponti termici in corri- Limpiantistica elettrica prevede anche una
spondenza di aperture e punti critici. rete di trasmissione dati a servizio di tutti
Per migliorare il comfort acustico sono sta- gli ambienti. La rete di scarico, separata in
ti previsti pannelli isolanti sottopavimento; acque grigie e nere, costituita da tubazioni
negli ambienti con scarsa illuminazione na- insonorizzate acusticamente.
turale sono stati realizzati pozzi di luce per Per superare le barriere architettoniche sta-
migliorare il comfort interno e ridurre il to realizzato un ascensore, scavato nella roc-
consumo di energia elettrica. cia, con due fermate, che supera un dislivello
Reti separate per linnaffiamento del verde complessivo di circa 20 metri.
pubblico con acqua di pozzo o acqua piovana Gli impianti negli edifici a destinazione ri-
recuperata per lo scarico dei servizi igienici cettiva sono stati progettati in modo da ri-

IOARCH_60 [ 39 ]
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

La bottega (foto in alto) uno degli spazi comuni del


borgo. Nelle altre foto immagini dellinterno di alcune
abitazioni. Il progetto di restauro ha ridotto al minimo
gli interventi sui tagli interni, cos da conservare le viste
esterne, lafflusso di luce e le dimensioni originarie degli
ambienti (foto @Gratet & Maglione).

[ 40 ] IOARCH_60
ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI

ARTE ANTICA SVELATA E RESTAURATA


Dalla parete dietro laltare della piccola due terzi della parete appena restaurata sve-
chiesa della Santissima Annunziata, ancor lando un altro affresco, una Crocefissione,
oggi consacrata, ai tempi del primo restauro probabilmente di scuola Folignate, di cento
emergeva un piccolo pannello, parte di un anni precedente.
pi grande affresco, celato da unimbianca- Anche questo secondo dipinto oggi stato
tura. Portato alla luce e restaurato insieme restaurato, al pari di altri piccoli affreschi ri-
alla Sovrintendenza, lo straordinario affre- trovati allinterno di una delle abitazioni del
sco rappresentava il ciclo del Martirio di San borgo, cos che parti di entrambi si possono
Lorenzo, datato al 1570 e attribuito a Simone ammirare allinterno della chiesa.
de Magistris. I quasi 14mila frammenti del Martirio
Il terremoto del 1997 fece tuttavia crollare i crollati, invece, raccolti dopo il terremo-
to tracciando una griglia di un metro per
un metro sul pavimento della chiesa per
conservarli nellordine del ritrovamento,
sono stati stabilizzati e portati al medesimo
spessore uno ad uno, applicati su supporti
numerati e scansionati. Una volta perfezio-
nato il software di rilievo e riconoscimento
fotografico, tutti i frammenti potranno es-
sere ricollocati con precisione nella corret-
ta posizione originale.
La comparsa del secondo affresco fece altres
comprendere ad architetti e restauratori che
la chiesa come appariva era in realt lam-
pliamento di un edificio di culto antecedente
Nella foto in alto, i due affreschi della chiesa della
Santissima Annunziata (anche nelle foto piccole a di minori dimensioni, la cui struttura a vol-
destra): la Crocefissione del Quattrocento e ci che te era in tutto simile alla chiesa, conosciuta
non crollato del ciclo del Martirio di San Lorenzo del come la Porziuncola, che San Francesco fece
1570 attribuito a Simone de Magistris. Sopra, uno dei
pannelli su cui sono conservati i frammenti dellaffresco costruire ad Assisi e che oggi si trova allin-
crollato (foto Gratet & Maglione). terno della Basilica.

IOARCH_60 [ 41 ]
DESIGNCAF
SULLE ORME DEL MAESTRO
LORDINE DEGLI ARCHITETTI P. P. C. DELLA PROVINCIA DI
MILANO, LO STUDIO GABRIELE BASILICO E LA FONDAZIONE
STUDIO MARANGONI ANNUNCIANO LA PRIMA EDIZIONE DEL
PREMIO INTERNAZIONALE DI FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA
E PAESAGGIO GABRIELE BASILICO

Riservato agli under 35, il concorso a cadenza biennale intende


incoraggiare i giovani a indagare larchitettura e il paesaggio attraverso
il linguaggio fotografico per svelarne gli aspetti figurativi, sociali
e culturali. La partecipazione avviene su invito di segnalatori
internazionali: i fotografi sono invitati a sottoporre ai giurati i propri
lavori svolti e un progetto da realizzare. Il vincitore, che sar proclamato
a dicembre, ricever un premio di 15mila euro e avr a disposizione
otto mesi per la realizzazione del progetto, consistente in una ricerca
fotografica di max 20 immagini e relativo apparato di lettura. Il premio
prevede inoltre la pubblicazione di un volume dedicato. premiogabrielebasilico.ordinearchitetti.mi.it

RICETTE FUTURISTE
IN TRIENNALE
PRANZO IMPROVVISATO - VENTIDUE ILLUSTRAZIONI
DI ARTISTI PROVENIENTI DA OGNI PARTE DEL MONDO
CHE INTERPRETANO 22 RICETTE TRATTE DA LA CUCINA
FUTURISTA DI FILIPPO TOMMASO MARINETTI E FILLA.

Ideato dalle illustratrici Cristina Amodeo, Ilaria Faccioli


e GaiaStella, il progetto ispirato da 22 ricette tratte dal testo
futurista, stampate in caratteri mobili dalla Tipografia Fratelli
Bonvini di Milano e tradotte in immagini dagli illustratori Pablo
Amargo, Cristina Amodeo, Gwnola Carrre, Beppe Giacobbe,
Giacomo Bagnara, Ilaria Faccioli, Federica Del Proposto, Bruno
Zocca, Gaia Stella, Philip Giordano, Anne Laval, Elenia Beretta,
Simone Massoni, Sanna Mander, Ilaria Falorsi, Violeta Lopiz + PRANZO IMPROVVISATO
Valerio Vidali, Laurent Moreau, Joohee Yoon, Andr da Loba, 24-30 settembre 2015
Sac Magique, Studio Fludd, Charlotte Trounce. Triennale di Milano
Il catalogo ufficiale della mostra sar disponibile
v.le Alemagna 6, Milano
dal 24 settembre. ISBN 979-12-200-0387-2 (20,00 euro)
pranzoimprovvisato.blogspot.it
A sinistra, illustrazione di Cristina Amodeo.

UN MANUALE DEDICATO AL DISEGNO


QUALE PRIMA E FONDAMENTALE
ESPRESSIONE DELLIDEA CHE CONDUCE
METTERE NERO SU BIANCO
AL PROGETTO ARCHITETTONICO
Non c progetto senza disegno. Ma il progettisti contemporanei tra cui Zaha
disegno architettonico una pratica che ha Hadid, Wolf D. Prix e Massimiliano e Doriana
regole ben precise che forse, con lintenso Fuksas e una serie di esercizi volti a
utilizzo dei software di progettazione, dimostrare come la visione spaziale e la
stiamo dimenticando. Larchitetto berlinese capacit di pensare in termini tridimensionali
Natascha Meuser affronta largomento con un possano essere acquisiti attraverso il metodo.
manuale stimolante, ricco di spunti e modelli
dimostrativi, che si propone come strumento
utile per la pratica quotidiana di studenti,
giovani professionisti e architetti.
La prima parte del testo dedicata alla
storia e alla teoria del disegno architettonico
attraverso i contributi di Klaus Jan Philipp,
Augusto Romano Burelli, Hans-Dieter
Drawing for Architects Ngelke, Sergei Tchoba. Segue una sezione
A cura di Natascha Meuser Drawing for Architects dedicata al disegno a mano libera, forma
Editore DOM publishers
220 pp euro 68,00 originale despressione e firma inconfondibile
ISBN 978-3-86922-414-5 (English) dellarchitetto, con gli esempi di dieci

[ 42 ] IOARCH_60
PUBBLIREDAZIONALE

DAL PROGETTO ALLA REALIZZAZIONE: UN CANTIERE SU MISURA

Designate dal Consorzio stabile


Research, acquisitore dellappalto le
Imprese Forte Costruzioni e Restauri srl
e Ingg. Mario e Paolo Cosenza societ
unipersonale, hanno operato sin dal
2007 al recupero del Borgo di Postignano
e tuttora sono attive, impegnate nella
costruzione dellalbergo e della spa.

le Ditte in questione hanno apportato


il proprio contributo in special modo
relativamente alla categoria OG2, quella
dedicata al restauro monumentale.

La delicatezza dellintervento e la
richiesta di maestranze abili ed esperte
sia nellapplicazione di tecniche
murarie tradizionali che di lavorazioni
di impostazione pi innovativa, ha
dato modo ad entrambe le Imprese di
esprimere al meglio il proprio potenziale
e di instaurare con committenza, gruppo
di progettazione e tecnici addetti alla
direzione dei lavori un sereno e proficuo
rapporto di collaborazione, a tutto
vantaggio del positivo esito del progetto.

LE IMPRESE: FORTE COSTRUZIONI E RESTAURI - INGG. MARIO E PAOLO COSENZA

In un campo delicato come quello del restauro archeologico e di di interventi perfettamente riusciti. La lunga frequentazione di
edifici monumentali, le nostre Societ hanno da sempre perseguito la alcuni dei pi importanti complessi monumentali della nostra
ricerca di unidentit ben definita che consentisse loro di prosperare regione, oltre ad accrescere la nostra competenza, ci ha donato, nel
e crescere professionalmente nel rispetto delle attitudini dei loro tempo, la capacit di andare oltre gli aspetti puramente tecnici ed
componenti e dellideale comune di unelevata specializzazione. imprenditoriali, sensibilizzandoci allaspetto umanistico del nostro
Entrambe le Imprese vantano decenni di attivit continuativa lavoro e consentendoci un sincero rispetto per le opere ed una
esclusivamente dedicata al restauro, avendo avuto lopportunit di naturalezza di approccio nellintervento sulle stesse. Questa lunga,
operare su numerosi siti monumentali ed archeologici, affrontando progressiva crescita stata condivisa con tutti i nostri collaboratori,
e risolvendo una notevole variet tipologica di interventi, di natura in particolar modo con le maestranze specializzate (restauratori,
sempre specialistica, comprendenti tra laltro lo scavo archeologico, decoratori, intonachisti, muratori), che vanno materialmente a
il restauro murario e lanastilosi di strutture antiche, il restauro di tradurre, sui cantieri, la nostra linea operativa. In conclusione le nostre
stucchi, affreschi e mosaici, il risanamento e consolidamento statico Imprese tendono oggi a presentarsi come punto di fusione tra un
di opere in muratura, le coperture su strutture antiche, sia di tipo patrimonio ormai ben consolidato di valori e procedure tradizionali
tradizionale che sperimentale. Operiamo attualmente in varie regioni e lapertura alle nuove tecnologie esecutive e di gestione del lavoro.
dItalia, per conto di committenti privati o di vari enti statali, specie Forte Costruzioni e Ingg. Mario e Paolo Cosenza si propongono oggi
con Soprintendenze Archeologiche e Monumentali con alcune delle come imprese dinamiche e concrete, ma nello stesso tempo sensibili
quali si consolidato un rapporto fiduciario tradottosi in centinaia al valore culturale ed artistico delle opere che vengono loro affidate.
SPAZI DI LAVORO

RUBINETTERIE BRESCIANE HEADQUARTERS, GUSSAGO

IL MADE IN ITALY
IN CLASSE A
Il progetto dellarchitetto Gianfranco Sangalli per la nuova sede direzionale e produttiva del Gruppo Bonomi
si distingue per lestrema chiarezza formale e per la qualit costruttiva, i volumi articolati e i giochi di trasparenze

Inaugurata nel settembre del 2014 dal Pre- zino, e da una palazzina di circa 4.200 mq di piego di elementi metallici. La struttura
sidente del Consiglio, la nuova sede dire- slp destinata a servizi di pertinenza e uffici, degli opifici stata realizzata in acciaio per
zionale e produttiva di Rubinetterie Bre- oltre a unarea di 22 mila mq di superficie poter coprire in ununica campata i 40 me-
sciane Bonomi, azienda avviata nel 1901 e coperta a disposizione per il futuro amplia- tri di larghezza e ampliare gli shed disposti
specializzata nella produzione di valvole, mento dellazienda. in copertura, sfruttando al meglio la luce
sorge in localit Mandalossa lungo il trac- Lintero complesso si caratterizza per lim- naturale che filtra attraverso i piani verti-
ciato dellantica SS 11 Padana Superiore, in
prossimit del nuovo raccordo autostradale
Bre-Be-Mi.
Affidato allo studio dellarchitetto Gianfran-
co Sangalli, il progetto ha previsto la realiz-
zazione di edifici a destinazione produttiva
per un totale di 53.300 mq di superficie co-
perta suddivisi tra lopificio e lambito uffici
e servizi. I fabbricati sono disposti su una
In alto, vista notturna superficie di circa 117.500 mq e compren-
della nuova sede
direzionale di dono spazi pubblici per 23.400 mq, di cui
Rubinetterie Bresciane. 16.600 mq destinati al verde, ai parcheggi
A fianco, lopificio adibito e alle strade annesse. Il nuovo complesso
ad attivit produttiva
e a magazzino oggi costituito da un opificio di circa 30mila
(foto Massimo Crivellari). mq adibito ad attivit produttiva e a magaz-

[ 44 ] IOARCH_60
SPAZI DI LAVORO

cali e di estendere la superficie destinata ai il rivestimento metallico in lamiera stirata, ni fuori terra e uno interrato. Al piano ter-
pannelli fotovoltaici sui piani obliqui degli discosto dalla struttura muraria e sostenuto ra un corridoio divide larea destinata agli
shed. Il perimetro esterno delle strutture da unorditura costituita da anelli in accia- spogliatoi, servizi e infermeria dalla cucina
interamente rivestito da una leggera tessitu- io, corre principalmente su fasce disposte e dalla mensa a doppia altezza. Quasi tutti
ra metallica in lamiera grecata microforata. in orizzontale e si interrompe ripetutamen- i locali del piano terra sono illuminati da
Il rivestimento stato progettato e posato in te per dare spazio alle principali aperture. una finestratura a nastro alta 60 cm posta
modo da accentuare lo sviluppo orizzontale La parte inferiore del volume protetta da tra la soletta del primo piano e la muratura
dei volumi, interrotto unicamente dalla ver- una parete ventilata in fibrocemento, men- sottostante rivestita da pannelli modulari in
ticalit del magazzino automatizzato alto 17 tre in corrispondenza della mensa il rive- fibrocemento. Tale posizione consente allo
metri. I corpi produttivi definiscono in tal stimento stato eliminato quasi del tutto stesso tempo di occultare le funzioni svolte
modo delle quinte architettoniche sulle qua- per evidenziare lampia vetrata e il patio allinterno e di ridurre al minimo la trasmit-
li si staglia la palazzina uffici e servizi dispo- antistante. Questa sorta di sottrazione di tanza termica, soluzione che assicura unele-
sta lungo lasse stradale che lambisce larea materia diventa pi evidente allestremit vata classificazione energetica delledificio
industriale. delledificio in corrispondenza dellarea di cos come ladozione di schermature in la-
Adiacente agli opifici dai quali emerge per ingresso tanto da lasciare a vista il solo te- miera sulle superfici maggiormente vetrate
poi flettere fino a disporsi parallelamente laio strutturale. poste sul versante sud.
alla strada, la sede direzionale lascia intuire Il corpo direzionale ripartito in due settori. Il primo piano accoglie da una parte gli
esternamente il telaio strutturale. A diffe- Il primo, riservato ai servizi, collocato sul alloggi dei custodi con accesso autonomo
renza dei corpi che ospitano gli opifici, qui versante orientale e si sviluppa su due pia- dallesterno e una sala relax per i dipendenti,

Da sinistra, la pensilina
dingresso alla nuova
sede e il patio antistante
la sala mensa.
In alto, lopificio visto dal
corpo direzionale
(foto Massimo Crivellari).

IOARCH_60 [ 45 ]
SPAZI DI LAVORO

Gianfranco Sangalli
Nato a Brescia nel 1946, si laurea allo IUAV
di Venezia nel 1975 e collabora con il suo
relatore Carlo Scarpa fino al 1976, quando
fonda a Brescia il proprio studio dedicandosi
al recupero e al restauro di complessi storici,
come la Santissima di Gussago (XIII sec.) e il
Monasterino di SantEufemia (XI-XII sec.). Nello
stesso periodo inizia a collaborare con grandi
aziende Mandelli Spa, Philips, CIP-ZOO, Jobs,
Rubinetterie Bresciane, Officine Meccaniche Galli,
NCO per le quali progetta sedi, arredi, strutture
e allestimenti espositivi. Opera inoltre in ambito
commerciale e terziario, ospedaliero e urbanistico,
residenziale e pubblico (recupero dei cinema
Metropol e Astra a Brescia).
www.studioarchitettosangalli.com

dallaltra la mensa dirigenti, un auditorium


e ambienti di servizio annessi. Il piano in-
terrato riservato invece ai vani tecnici e
allarchivio ed raggiungibile dalla quota
strada attraverso una rampa posta sul ver-
sante ovest delledificio.

Il progetto ha un carattere essenziale che interpreta


le esigenze dellazienda coniugando la scelta di
unarchitettura minimale con soluzioni che privilegiano
il benessere ambientale.
Gianfranco Sangalli, architetto

Sviluppato su tre livelli, il settore operativo


del corpo direzionale ospita al piano terra
la hall di ricevimento, sale dattesa, una sala
riunioni e i servizi. Le sale dattesa sono ca-
ratterizzate sui fronti nord e sud dalla stessa
finestratura a nastro e dalle soluzioni co-
struttive adottate nel settore servizi. Al pri-
mo piano sono collocati gli uffici e i relativi
servizi, mentre lultimo livello riservato
agli uffici amministrativi e alla direzione.
Ad escusione dei locali accessori e dei vani
tecnici, la distribuzione di tutti gli ambien-
ti stata realizzata con pareti attrezzate per
consentire la massima flessibilit

SCHEDA
Localit Gussago BS
Anno di progetto / realizzazione 2010 / 2015
Committente Rubinetterie Bresciane Gruppo Bonomi
Progetto architettonico Studio Gianfranco Sangalli
Direzione Lavori Studio Cominotti
Progetto Strutturale opere in c.a. ing. Alessandro
Cominotti - opere in acciaio ing. Luca Paderno
Progettazione MEP ing. Giovanni Ziletti
Superficie coperta 53.300 mq
Pianta del piano terra, del primo e del secondo piano
Superfici opificio 30.000 mq del complesso. In alto, una vista dellarea produttiva/
palazzina uffici e servizi 4.200 mq magazzino (foto Massimo Crivellari).

[ 46 ] IOARCH_60
OCCH
DIARIO DI UN
LETTERATO-ARCHITETTO
Viaggio in trentanni di progetti,
disegni, scritture di Davide Vargas,
letterato architetto definizione di
Alessandro Mendini che traccia un
confronto con la propria autobiografia
attraverso la narrazione di immagini
e parole, omissioni e aspirazioni
inespresse, che trovano origine nelle
sensazioni e nella memoria personali.

Credo che ognuno abbia la


tensione ad alimentare la propria Davide Vargas. Opere e Omissioni
mitologia personale. [] Ognuno Autore Davide Vargas
ha tensione a costruire la realt Editore LetteraVentidue
256 pp euro 25,00
Davide Vargas ISBN 978-88-6242-143-0

BELLEZZA,
O DELLA
SUA COMPLESSIT

Lapparire del bello.


Nascita di unidea
Autore Umberto Curi
Editore Bollati Boringhieri
130 pp - euro 9,00
ISBN 978-88-3390-036-0

Lo storico della filosofia Umberto Curi affronta in questo saggio


sorprendente leterna questione: la bellezza oggettiva o
soggettiva? Concetto dalla complessit quasi disarmante e allo
stesso tempo usato pi o meno a proposito, con frequenza
ma senza determinare chiarezza n univocit sulla sua
natura e applicazione, ma che di sicuro indica una tensione
imprenscindibile dellanimo umano.

La vera terra senza bellezza non


quella che larte non insemin
mai,ma quella che, coperta di
capolavori, non seppe n amarli,
n conservarli
M. Proust
Se conviene allambiente
conviene a tutti
Nostro Fontego dei tedeschi Climagrn la sua impresa specializzata per tetti verdi,
Autore Lidia Fersuoch
Editore Corte del Fortego facciate vegetali, sistemi di anticaduta dallalto e
36 pp euro 3,00 impianti fotovoltaici integrati nel verde pensile.
ISBN 978-88-95124-60-5

DIBATTITI IN LAGUNA
Questo pamphlet-denuncia ad opera della presidente della
sezione veneziana di Italia Nostra Lidia Fersuoch racconta
le vicende di uno dei monumenti pi importanti e amati di
Venezia, il cinquecentesco Fontego dei Tedeschi, affrontando la
spinosa questione relativa alla trasformazione in atto secondo il
progetto di Rem Koolhaas che, secondo lautrice, lo traviser,
rendendolo irriconoscibile per sempre.
Climagrn srl | Via della Vigna 43 | 39100 Bolzano (BZ)
IOARCH_60 [ 47 ]
Tel 0471 91 38 32 | Fax 0471 05 07 22
info@climagruen.it | www.climagruen.it
RIQUALIFICAZIONI

AMPLIAMENTO CASERMA DEI CARABINIERI, SALUZZO

COLORE MINIMALE
Il semplice impianto della Caserma dei Carabinieri di Saluzzo
acquista una nuova identit grazie allutilizzo del colore e alla semplicit
formale dellampliamento firmato dallo studio Bradaschia

Il fronte della nuova Selezionato nellambito di una gara dappal- il nuovo corpo ospita la sezione della caserma
ala della caserma di SCHEDA
to basata su curricula e sullaver realizzato destinata a fini abitativi. Al piano primo sono
Saluzzo, rivestito in
lamiera metallica dipinta opere affini, il progetto stato valutato po- state realizzate cinque camere con bagni e un Localit Saluzzo CN
di verde, animato sitivamente anche alla luce dellesperienza locale lavanderia comune, mentre al piano Anno di realizzazione 2010-2015
da una texture a corsi acquisita dallarchitetto Maurizio Bradaschia sottostante una sala mensa dotata di cucina
verticali di diversa Committente Comune di Saluzzo
larghezza e da aperture con la progettazione delle caserme di Trieste, e magazzino che alloccorrenza potr essere Progetto architettonico arch. Maurizio Bradaschia
disallineate simili Feletto Umberto di Tavagnacco in provincia utilizzata come sala riunioni e un piccolo spo- Collaboratori ing. Diego Torbianelli
a feritoie di Udine e di Muggia (questultimo non rea- gliatoio con servizi.
(foto Alessandra Bello). ing. Federica La Rocca
lizzato). In questo caso per non si trattava di La nuova ala del fabbricato prospettante via Direzione lavori arch. Maurizio Bradaschia
realizzare un edificio ex-novo ma di ampliare Don Bosco - retrostante rispetto allingresso ing. Luca Colombero, ing. Chiara Fascioli
una palazzina nel centro di Saluzzo ceduta al principale allarea militare - stata realizzata Strutture prof. ing. Fausto Benussi
Comune nel 1967 per ospitare la locale Com- in base allallineamento dei fabbricati esisten- Impianti prof. ing. Antonio Masoli
pagnia dei Carabinieri. ti mantendendo un accesso diretto su strada Impresa edile Edilizia Subalpina Srl
Ledificio a pi piani era caratterizzato da un grazie alla costruzione di un passaggio al Importo lavori 1.000.000
paramento murario in laterizio e da una co- piano terreno. Al piano interrato stato pre-
pertura a falde secondo un impianto piutto- visto un archivio/magazzino adiacente allau-
sto banale di tipo residenziale. Data quindi la torimessa preesistente. La struttura stata
scarsa rilevanza delle preesistenze, lintervento interamente realizzata in cemento armato e
di ampliamento stato concepito in maniera rivestita in lamiera metallica tinteggiata con
autonoma confrontandosi planimetricamen- una tonalit verde mimetico che rimanda
te con le geometrie del lotto e dellimpianto allimmagine di solidit, una sorta di fortezza
originario e prevedendo la costruzione di un resa dinamica dalla texture di facciata a corsi Dallalto, prospetti e sezioni del nuovo corpo della
caserma prospettante su via Don Bosco. Le tavole
nuovo fabbricato a L adiacente al fabbricato verticali di diversa larghezza e dalle aperture evidenziano il disegno lineare dellampliamento, in
esistente. Sviluppato su due livelli fuori terra,
simili a feritoie disallineate contrasto con le preesistenze.

[ 48 ] IOARCH_60
RIQUALIFICAZIONI

Studio Bradaschia
Maurizio Bradaschia (Trieste, 1962) si laurea in
Architettura presso lo IUAV nel 1987 con Luciano
Semerani. Dottore di ricerca alla Sapienza di
Roma, in seguito professore associato per
il dipartimento di Ingegneria e Architettura di
Trieste. Fondatore e direttore della rivista Il
Progetto, ha tenuto seminari e conferenze presso
i principali atenei italiani, la Columbia University
di NY, le facolt di Architettura di Las Palmas
di Gran Canaria e della Tianjin University, la
Technische Universitat di Vienna. Ricercatore
per il SUP e Habitat, ha fatto parte del working
team per il progetto Vision Planet (UE Interreg
IIC) per lo sviluppo spaziale dellarea centro
europea, danubiana e adriatica. Tra i suoi lavori,
lampliamento del Municipio di Sgonico, il centro
civico di via Pagano a Roma, il centro visite dei
monti Picentini a Eboli (SA), la nuova sede Midj a
Cordovado (PN).
www.studiobradaschia.it

EDILIZIA SUBALPINA
Costruzioni, ristrutturazioni, restauri

Edilizia Subalpina opera dal 1974 nel settore


delledilizia privata ed in quello delle opere
pubbliche. Dagli anni 80 allattivit di costruzioni
civili e industriali si affianca quella del restauro
conservativo e consolidamento strutturale.
LAzienda ricerca la crescita tecnico-qualitativa
sia mediante la formazione del personale che
con lutilizzo delle nuove tecnologie. Ha maturato
esperienza nelluso di armature e telature in fibra di
carbonio, cavi ed armature in acciaio ad alto limite
elastico (lente o post-tese) ed iniezioni di malte
reoplastiche a basso modulo elastico.

EDILIZIA SUBALPINA SRL


Via Valoria Inferiore 8
12037 Saluzzo
T. 0175 248332
info@ediliziasubalpina.it

IOARCH_60 [ 49 ]
OCCH

NUOVO STORE MONDADORI A MILANO

LEGGERE SOLUZIONI
Ambienti immersivi e quasi immateriali contrassegnati
dal rosso Mondadori per il nuovo store di via San Pietro allOrto
progettato dallo studio Migliore+Servetto Architects

Il nuovo store milanese Mondadori, che so- materici e cromatici in senso identitario,
stituisce lo storico punto di Corso Vittorio non solo in riferimento al brand ma anche
Emanuele, stato pensato dagli architetti alla sua italianit: il rosso Mondadori, che
Ico Migliore e Mara Servetto come uno segna la scala e tutta la comunicazione gra-
spazio innovativo e fortemente identitario fica, si accosta al verde e al bianco dei me-
ad alta densit di prodotto che permette talli che disegnano gli espositori inclinati
di orientarsi facilmente e di interagire con appoggiati alle pareti.
ritmi e modalit diversi secondo le esigenze Elementi flessibili di allestimento, caratte-
del visitatore. rizzati dalla leggera trasparenza delle la-
Primo esempio del nuovo format dei punti miere forate e da un sistema articolato di
vendita Mondadori, il negozio articolato grafica segnaletica, sono pensati come sup-
su tre livelli (di cui uno interrato), ha una porto ai percorsi di ricerca ed esplorazione,
superficie totale di 750 metri quadrati ed mentre sullo sfondo scorre il racconto per
completato da aree dintrattenimento, segni e immagini della storia e della tradi-
caff e servizi. Il cuore dello store rap- zione Mondadori.
presentato da unampia scala centrale che Il progetto della luce, integrato e sotteso
crea una connessione verticale tra i tre di- ai diversi elementi espositivi, si traduce in
versi livelli, accompagnando il visitatore grandi piani luminosi a soffitto che identi-
attraverso le tappe pi significative della ficano le diverse aree. Tali piani luminosi
storia del gruppo editoriale tra tradizione sono definiti da anelli metallici bianchi
e contemporaneit. allinterno dei quali la luce si espande lun-
I progettisti hanno dedicato una grande go il tessuto tecnico dalla trama materica
attenzione allo studio degli accostamenti iMesh su cui stampato un rimando al logo

Pianta del piano terra.


Nelle immagini, gli interni dello store. La comunicazione
grafica caratterizzata in chiave identitaria dal rosso
Mondadori (foto Andrea Martiradonna).

[ 50 ] IOARCH_60
RETAIL DESIGN

S.I. SRL
LUCEPLAN Via dellArtigianato 17-25
Via E.T. Moneta 40 Z.I. CAIN
20161 Milano 60026 Numana An
T. 02 662421 T. 071 22163
Fax 02 66203400 Fax. 071 2210017
www.luceplan.com www.i-mesh.eu
info@luceplan.com info@i-mesh.eu

LUCEPLAN I-MESH
Affascinante e inimitabile Il filo che diventa progetto

Costanza (1986, design Paolo Rizzatto) la moderna rievocazione I-MESH una griglia multi-assiale e multifunzionale formata da fibre
della tipologia dellabat-jour. Al centro del progetto c la luce minerali e sintetiche stabilizzate da resine. E prodotto in pannelli di
nella sua essenza, grazie ad disegno leggero e semplice ma facile installazione di dimensioni fino a 5x15 metri. Alcune delle principali
al contempo rigoroso. La grande famiglia Costanza con la sua applicazioni indoor/outdoor sono: divisori interni, controsoffitti, pareti,
essenzialit riesce ad essere contemporaneamente nuova e schermi per proiezioni, complementi darredo, scenografie, stand
classica, di memoria sulla forma e di ricerca sulle sorgenti. fieristici, accessori di design, eventi. I-MESH concepito inoltre come
una lampada che si adatta ad ogni uso grazie alle numerose materiale di copertura per facciate architettoniche ventilate contribuendo
varianti dimensionali e funzionali. alla riduzione di costo nel raffrescamento di interni.

IOARCH_60 [ 51 ]
RETAIL DESIGN

della casa editrice. In un osmotico rapporto mina uno sfondo uniforme per porre in ri- La scala centrale collega
tra interno ed esterno, il fronte del primo salto i veri protagonisti, i libri, disposti sulle i tre livelli dello store
(foto Andrea Martiradonna).
piano sottolineato da un lungo elemento ampie scaffalature per essere toccati, aperti Sotto, pianta del primo
di appoggio in legno che si configura non e sfogliati. Il metallo lelemento principa- piano.
solo come una panca, ma anche come uno le che caratterizza gli espositori in lamiera,
spazio espositivo pensato come luogo di in- elementi flessibili, leggeri e funzionali, che
contro tra persone e libri. nel primo livello accompagnano la tonalit
Le pareti, il soffitto e il pavimento sono ri- pi calda delleffetto legno che caratterizza il
Migliore+Servetto Architects finite in una calda tonalit greige che deter- pavimento e il bancone in laminato
Mara Servetto e Ico Migliore realizzano progetti
a scale diverse, dallarchitettura allallestimento,
dallinterior allurban design alla comunicazione.
Insegnano al Politecnico di Milano e sono visiting
professor in Giappone. Tra i premi e i riconoscimenti,
due Compasso dOro e quattro Menzioni dOnore
ADI, il German Design Award, due FX Interior Design
Award, sei Red Dot Award, lAnnual Exhibit Design
Award e lInternational Design Award. Tra i progetti
recenti, il nuovo Chopin Muzeum a Varsavia, il
Museo del Risparmio per Banca Intesa Sanpaolo
a Torino, il concept store per BTicino a Milano, la
mostra itinerante Coats! per Max Mara, il progetto
della Beijing Design Fair e lallestimento della mostra
Bellissima. LItalia dellalta moda 1945-1968 alla
Villa Reale di Monza. Sono inoltre creative advisor
per il nuovo Museo Egizio di Torino, di cui hanno
progettato il logo, limmagine coordinata, la grafica
espositiva degli spazi e gli allestimenti speciali di sei
aree tematiche. A maggio 2014 hanno vinto, con
Italo Lupi, il concorso per lallestimento permanente
del nuovo Museo della Collezione del Compasso
Doro ADI a Milano.
architettimiglioreservetto.it

[ 52 ] IOARCH_60
OCCH

CONTROPARETE PAVIMENTO VINILICO


FONOASSORBENTE DECORATIVO

IOARCH_60 [ 53 ]
www.evolutionpanel.com
www.evolution-virag.com
acqua
TuTTe le
forme
Dell'

dal 1980 piscine


e wellness blue pool

GramaGlia
GRAMAGLIA Srl
Via dAncona 67 | 60027 Osimo AN | Tel. 071 7108700
info@gramaglia.it | www.gramaglia.it
RETAIL DESIGN

CUCINOTECA, ANCONA

OLD STYLE
FULL OPTIONAL
Tra artigianato, memoria rurale ed elementi ludici
il nuovo concept retail dellarchitetto Subissati
interamente dedicato al mondo della gastronomia

Cucinoteca nasce come spazio multitasking dedicato non solo alla


vendita di utensili e accessori per cucinare, ma anche per ospitare
corsi ed eventi culturali sul cibo e larte del convivio. Estensione di
Oggetti & Desideri, storico punto vendita di Ancona dedicato allin-
terior design, il progetto dellarchitetto Simone Subissati propone
una rilettura dei grandi spazi cucina di memoria rurale.
Protagonista dello spazio espositivo il tavolo-bancone che interpre-
ta con nuove proporzioni la tradizione rurale. Si tratta di un lungo
piano integrato composto da 4 moduli (di 1,45 x 0,90 m) a incastro
in legno massello di frassino, ciascuno con una propria funzionalit:
un modulo in marmo per la lavorazione degli impasti, un modulo
contenente il piano cottura e il lavello e gli altri due con piano in
legno, completi di nuovi accessori per cucinare.
Completano lo spazio espositivo una credenza con moduli espositivi
in cartone multistrato e piccoli sticker in legno che riprendono sim-
CUCINOTECA
concept store
boli e iconografie dei manuali di cucina; una grande parete a trama
metallica dove agganciare liberamente mensole in legno, scale, ganci, C.so Carlo Alberto 60 - 60125 Ancona
portacoltelli magnetici; gabelli impilabili in massello di frassino opa- www.oggettiedesideri.it
co, anchessi dispirazione rurale, con gambe a forma di mattarello

Simulacri di oggetti da
cucina ricavati in blocchi
di cartone multistrato
trasformano la credenza
in elemento scenografico
che caratterizza il
concept store insieme al
grande tavolo a moduli
e alla trama metallica
della parete espositiva
opposta (foto in alto).

IOARCH_60 [ 55 ]
FOTOGRAFIA E ARCHITETTURA

ATTIMO, CORNICE
E RESTITUZIONE DELLESPERIENZA
UNA SFIDA ATTRAVERSO IL MEZZO FOTOGRAFICO, LE ARCHITETTURE
RAPPRESENTATE IN UNA NUOVA VISIONE COMPLESSA. SPEZZARE LA
CORNICE PER LASCIARE LIBERI TEMPO, SPAZIO E INTERPRETAZIONE

Giovanna Vitale

La fotografia nasce come scatto unico, come le pennellate sulla cornice, in modo da far lemozione del compiere unoperazione no-
singolo fotogramma, ma da subito questa uscire il gesto dal quadro, o alle cornici sa- tazionale che sempre spontanea per chi ha
tecnologia lascia intuire la possibilit di gomate di Dal, o ancora alla metafora qua- lintento di raccontare con le immagini.
essere usata come strumento per appunti dro-finestra di tante opere di Magritte. Immergersi nel fenomeno, compiere
visivi multipli, veloci e sequenziali, e come Svelare il limite e moltiplicare lattimo por- unesperienza, accorgersi di forme, linee,
strumento per catturare con immediatezza tano con s una riflessione sui meccanismi spazi, luci, colori, volerli fermare nel tem-
un fenomeno in modo tale da rappresen- del vedere e del far vedere. Perci il modello po, sono le attivit abituali del fotografo. La
tarlo e condividerlo con altri. una sua pe- di indagine che le composizioni qui ripro- sua arte sta nel particolare modo di annota-
culiarit il fermare per sempre un istante, dotte rappresentano costituisce un parti- re, di rendere visibile agli altri quello che ha
scelto tra lo scorrere infinito di immagini, colare tipo di racconto fotografico che sug- percepito. Il significato di prendere nota
nello spazio e nel tempo. Eppure pu essere gerisce ragionamenti sul superamento del nel linguaggio comune, vicino a quello
usata anche per svelare il limite dei quat- margine chiuso, sul mezzo fotografico come dei verbi notare e annotare, e non al-
tro lati che la racchiudono fisicamente, per strumento di analisi visiva aperta allistinto tro che latto di accorgersi di qualcosa, di
suggerire la possibilit di denotarli come soggettivo e, contemporaneamente, alla rap- isolarlo, di dargli una forma visiva, per ri-
confini aperti che sottolineano una zooma- presentazione condivisibile. cordarlo in seguito, ma anche per comuni-
ta non solo verso ci che vi raffigurato, ma Si tratta di composizioni nelle quali i singoli carlo agli altri.
anche verso ci che c oltre il margine della scatti fermano la percezione immediata, ci Questi fotocollage sembrano voler smentire
composizione, al di l del limite dellinqua- che locchio ha catturato, attimi sensoriali il fatto che in ogni fotografia venga fissato
dratura. irripetibili, che composti nellinsieme rac- il tempo. Al contrario, sembrano volerlo
Larte ha molto indagato sul rapporto tra contano lintera azione del guardare. Sono moltiplicare e dilatare nella descrizione del
artista, cornice e pubblico, sullelaborazio- appunti visivi sul fenomeno che il fotogra- movimento dellocchio e di un attimo di-
ne del limite imposto dai formati delle tele, fo sta osservando e registrano lesperienza namico. Lasciano intravedere la dimensio-
basti pensare ai futuristi che prolungavano che sta compiendo, insomma restituiscono ne inarrestabile del tempo.

Vitra Design Museum


(Arch. Frank Gehry), Weil
am Rhein, 2000
(foto Giovanna Vitale).

[ 56 ] IOARCH_60
FOTOGRAFIA E ARCHITETTURA
Il bordo o la cornice possono
descriversi come una lacuna continua
che distacca il disegno dal suo intorno.
Importa poco in qual modo tale
discontinuit si realizzi; pu essere
costituita da un contrasto di forma
o di colore, da un mutamento di
direzione, o persino da uno spazio
vuoto. Basta che losservatore venga
messo sullavviso di una netta rottura
della regolarit. Scoprendo un simile
campo racchiuso ci attendiamo una zona
che valga la pena di esaminare. Una
volta impegnati in tale esame, il bordo
funzioner come una barriera vista
con la coda dellocchio. Ci dir dove
cominciare e dove finire
E. H. Gombrich, Il senso dellordine
Leonardo Arte, Milano

Wim Wenders ha detto che ogni foto anche


la prima chiave di un film e ha raccontato
lutilizzo che lui fa del mezzo per i suoi sco-
pi cinematografici. E infatti, la prima foto
lincipit di una storia e in ogni seconda
immagine ha inizio un montaggio entro il
quale si forma il senso dello spazio, del mo-
vimento e dellazione. Nel nostro caso, tal-
volta appaiono dei personaggi, esseri umani
o oggetti, che raccontano qualcosa di s, tal-
volta balzano allocchio dei particolari che,
altrimenti, non si sarebbero notati.
Cos, in questa serie dedicata ai musei, foto-
grafati in oltre ventanni di ricerca in diversi
Paesi del mondo, si fa riferimento anche alla
magnifica ossessione di ogni collezione e di
ciascun collezionista, quella cio di coglie-
re un particolare, un tema, una tipologia
e raccoglierla in (potenzialmente) infinite
sfumature, ripetizioni che differiscono solo
per minimi spostamenti. E nel presentarla si
cerca di creare lo stesso sguardo meraviglia-
to che ci spinge a visitare i musei
Museo del Novecento
(Arch. Italo Rota e Fabio
Fornasari), Milano 2012;
Memoriale della Shoah
(Arch. Peter Eisenman),
Berlino 2005
(foto Giovanna Vitale).

Giovanna Vitale

Visual designer e fotografa, PhD, docente


al Politecnico di Milano. Nata a Cortina
dAmpezzo, si trasferisce a Milano nel 1983,
per studiare con esponenti del M.A.C. (Nino
di Salvatore, Bruno Munari). A fine anni 80
fonda il suo studio (www.doppiouni.it).
Divide la sua attivit tra ricerca teorica,
professione e didattica. Il suo ultimo libro
Design di sistema per le istituzioni culturali,
Zanichelli 2013.

IOARCH_60 [ 57 ]
OCCHIELLO
OCCH

MUSEO ALFA ROMEO, ARESE

STILE RUGGENTE
Da museo storico a spazio contemporaneo. Il nuovo tempio dellAlfa Romeo
riapre al pubblico rinnovato da una rilettura funzionale e stilistica dellimpianto
architettonico e dellallestimento. Progetto di Benedetto Camerana

Il Museo Storico dellAlfa Romeo fu inaugu- sic center (deposito della collezione storica). piano del museo associato un valore simbo-
rato nel 1976 come completamento del Cen- Il primo passo consistito nelladeguare la lo del brand e una differente declinazione del
tro Direzionale di Arese, costruito negli anni struttura alle nuove attivit e ai flussi dei visi- design. I diversi livelli sono connessi da un
60 e in funzione fino al 1986, quando la casa tatori attraverso lo spostamento degli accessi grande vuoto centrale che ospita linstallazio-
automobilistica fu acquistata dalla Fiat. Aper- sul fronte nord, la valorizzazione del livello ne sospesa DNA Alfa Romeo formata da paro-
to fino al 2011 solo alle visite su richiesta, il basamentale quale area di ingresso e pre-mu- le e segni luminosi animati da un movimento
museo tornato alla ribalta quando il gruppo seo, la creazione di un nuovo corpo esterno
FCA ha individuato qui, nellunica presenza di salita al complesso museale, linserimento
storica e istituzionale dellazienda a Milano, il di nuovi passaggi obbligati tra i diversi piani,
fulcro della rinascita Alfa Romeo. lapertura di un livello nel vuoto centrale del
Approvato nel 2014 e realizzato in meno di museo, lampliamento del piano interrato.
12 mesi, il progetto affidato allarchitetto Be- Segno caratterizzante dellintervento la si-
nedetto Camerana impostato su due fron- nuosa pensilina in colore rosso Alfa che,
ti distinti ma integrati: la ridefinizione del come il biscione del marchio, accompagna i
complesso da un punto di vista funzionale e visitatori dal parcheggio alla biglietteria e la
dellallestimento secondo criteri contempo- cui testa, attraversando senza ferite ledificio
Lelemento chiave del
progetto rappresentato ranei, nel rispetto dei vincoli di tutela stabiliti storico, riemerge in forma di fanale come ico-
dalla struttura rossa dal Ministero dei Beni Culturali Lombardia. na distintiva sul fronte opposto, verso lauto-
che attraversa tutto il Oltre ad aver previsto nuove attivit di sup- strada, contenendo il corpo scale che collega
complesso da nord a
sud: dalla pensilina che porto (store, caffetteria, archivio), il program- i diversi livelli .
accoglie i visitatori al ma funzionale ha stabilito una commistione Il progetto espositivo studiato per valoriz-
nuovo volume iconico, tra lambito museale e un brand center con zare una selezione di 70 auto della collezione
visibile dallautostrada,
che contiene i show room, delivery, spazio per eventi, pista storica ed ampiamente integrato da sistemi
collegamenti verticali. di prova su 850 mq, officina visitabile e clas- multimediali, interattivi e immersivi. A ogni

[ 58 ] IOARCH_60
SPAZI ESPOSITIVI

elicoidale discendente. diviso in diverse aree tematiche, dai maestri


La prima area del percorso, la Timeline, occupa dello stile (9 esempi di design di ogni epoca)
lintero primo piano ed espone una selezione alla scuola italiana (modelli realizzati negli
delle 19 vetture pi rappresentative disposte a anni 30 e 40 dalla carrozzeria Touring con il
raggiera in ordine cronologico. Ogni auto ac- marchio Superleggera).
compagnata da un pannello multimediale con Dedicato alla Velocit, il terzo ambito oc-
cupa lintero piano interrato, notevolmente
Nellaffrontare il rapporto tra ambito storico e ampliato. Al centro dello spazio, il Tempio
contemporaneo, Benedetto Camerana ha lavorato sul
delle vittorie, un volume animato da immagi-
concetto di innesto tra le nuove forme e funzioni e Benedetto Camerana Camerana&Partners
limpianto architettonico originario progettato da Vito e ni, suoni e filmati che racconta i trionfi della
Gustavo Latis, Vittore Ceretti e Antonio Cassi Ramelli. storia sportiva Alfa Romeo. Il percorso espo- Architetto, paesaggista, PhD in Storia
sitivo si conclude con volumi a bolla che ospi- dellArchitettura e dellUrbanistica, Benedetto
Camerana (Torino, 1963) lavora nella direzione
informazioni storiche e tecniche. tano videogiochi e animazioni in 3D a 360 e
di una green architecture di chiara matrice
Il secondo ambito espositivo, dedicato alla una sala immersiva, con poltrone interattive, ambientale. Nel 1997 fonda a Torino lo studio
Bellezza, occupa lintero piano terra. Lalle- dove assistere alla proiezione dei successi nel- Camerana&Partners, che opera nel campo del
stimento, segnato da linee dinamiche, sud- le gare dagli anni 20 agli anni 80 disegno urbano, del paesaggio e dellarchitettura
pubblica e privata, in particolare nei settori
residenziale, uffici, commerciale, dello spettacolo
e delle infrastrutture. Relatore al XXIII UIA World
Congress of Architecture 2008, membro del
Comitato Scientifico dello IED dal 1999, Presidente
del Museo Nazionale dellAutomobile dal 2012 e
Presidente del consorzio Lingotto dal 2013.
www.camerana.com

Il progetto espositivo si sviluppa su tre piani, ognuno


dei quali identificato da una differente declinazione del
design e dedicato a un valore Alfa Romeo: la Timeline,
che rappresenta la continuit industriale; la Bellezza,
che esprime leleganza e lo stile; la Velocit, sintesi di
tecnologia e leggerezza. Lesposizione ampiamente
integrata da sistemi multimediali.

IOARCH_60 [ 59 ]
LUCE E ARCHITETTURA

Sezione e piante
dellinstallazione Solis
Silos e dello spazio-
giardino milanese di
Viabizzuno.

1 2 3

[ 60 ] IOARCH_60
LUCE E ARCHITETTURA

SOLIS SILOS A MILANO

RACCONTI DI LUCE
La cultura della luce e dellenergia nel percorso multisensoriale progettato
da Mario Nanni per lo spazio di incontro milanese della sua Viabizzuno

Milano, Expo, cibo, luce: semplici associazio- variazioni della luce e dellenergia che la lizzato come estensione della propria sede
ni di idee che lo scorso aprile fanno nascere genera: dalla terra al fuoco, passando at- milanese in collaborazione con Mitsubishi
il progetto di Mario Nanni per il suo spazio- traverso laria, le lampadine tradizionali, il Electric per la climatizzazione, Frigo2000
giardino in via San Marco: i silos del sole, sole, la luna e lacqua. Naturalmente i lavori e Socomet: un luogo di incontro e di for-
archetipi dellaccumulazione del cibo che di luce che caratterizzano ogni contenitore mazione per architetti con un calendario di
contengono invece la luce e il buio nelle loro sono realizzati con prodotti (ma meglio sa- conferenze che prosegue per tutto il mese
diverse forme. Sette strutture metalliche, alte rebbe dire creazioni) e sistemi Viabizzuno: di ottobre: dopo Kengo Kuma e Winy Maas
10 metri per 3,5 di diametro, collegate tra loro dallottone dorato del sole al blu e al legno sono attesi Peter Zumthor, David Chipper-
da una passerella che li attraversa. dellacqua, dalla semplicit iconografica field e Bernard Khoury (calendario su www.
Esternamente identici nellaspetto agro- delle lampadine al racconto simbolico del viabizzuno.com).
Le opere allinterno di industriale, i silos sono tra loro del tutto fuoco. Programmati per essere smantellati a fine
ciascun silo: Terra, Aria, diversi allinterno, per rappresentare cia- La forte verticalit dei silos nasconde e ottobre, probabilmente i silos e lo spazio di
Lampadine, Sole, Luna,
Acqua, Fuoco scuno, in una reinterpretazione dellantico protegge lo spazio culturale e formativo in- incontri rimarranno in situ fino al prossi-
(foto Giorgio De Vecchi). trattato alchemico Splendor Solis, le infinite serito nel giardino, che Viabizzuno ha rea- mo aprile
4 5 6 7

IOARCH_60 [ 61 ]
DESIGN
MM DESIGN

DESIGN THINKING
Anche per lindustrial design trovare un linguaggio comune e condivisibile
la chiave per avere successo. Come nel caso di MM Design, lo studio di
design strategico, industriale ed engineering di Alex Terzariol a Bolzano

Internazionalizzazione e globalizzazio- Per paradossale che possa sembrare, alme-


ne. Sembrano sinonimi ma non cos. Ne no nel nostro mestiere la globalizzazione
parliamo con Alex Terzariol, industrial rappresenta un freno allinnovazione, e per
designer che da un background nel mondo una ragione precisa: innovare significa fare
dellautomotive ha aperto il suo studio a Bol- dei tentativi, testare nuovi materiali, di-
zano quasi venticinque anni fa. Unera nella sporre di maestranze specializzate in grado
storia dellindustria moderna. di realizzare i prototipi. Ma quando hai de-
Bolzano crocevia di culture localizzato scompaiono progressivamente
Esatto. Come sanno bene gli architetti del tutte le abilit manuali, le conoscenze che si
Sud Tirolo, che si sono laureati a Venezia o a possono formare solo in stabilimento. E se
Innsbruck, che pi vicina, da qui pi faci- scompaiono per sempre. Inoltre le tue pro-
le confrontarsi con committenti che stanno ve possono anche non andare a buon fine.
al di l delle Alpi, comprenderne la visione, Un rischio accettabile se hai la produzione
diversa ma anche simile a quella di molte in casa, non se si trova in Cina o in Romania.
imprese italiane, dal momento che Germa- Eppure tu hai sempre sviluppato progetti
nia e Italia sono i primi Paesi trasformatori fortemente innovativi
dEuropa. Si, come studio di industrial design la no-
E in cosa si somigliano le aziende italiane e stra caratteristica distintiva. Nel tempo le
quelle tedesche? cose sono cambiate. Non mi riferisco solo
Lefficienza dipende anche da molti fattori alle nuove tecnologie (noi lavoriamo con So-
endogeni, ma dovunque, anche in Germa- lidWorks ma sviluppiamo ancora la maggior
nia, linsuccesso di un prodotto spesso di- parte dei prototipi in laboratorio con metodi
pende da uneccessiva compartimentazione tradizionali), parlo soprattutto delle quanti-
allinterno dellazienda, da visioni diverse t: dato che la produzione di massa stata
che confliggono tra loro. Per questo il mio delocalizzata, in Europa si producono picco-
Alex Terzariol (1961, Bolzano), si diploma presso lIstituto Europeo di primo sforzo, quando ricevo un incarico, le quantit, molto customizzate, quindi oc-
Design a Milano con un progetto di tesi sullauto in collaborazione con non rivolto solo al progetto ma anche alla corrono soluzioni nuove, capaci di garantire
il Centro Stile Fiat Auto. Inizia lattivit professionale a Milano nel 1987 a ricerca di un linguaggio comune condivisi- la produzione seriale ma con investimenti
fianco di Rodolfo Bonetto e nel 1991 fonda lo studio MM Design. Docente
presso lIstituto Europeo di Design a Milano e a Sao Paulo, lAccademia
bile con tutti i settori dellazienda, dalla pro- contenuti. Del fresaneve Supra per esempio
di Design di Bolzano e lo IUAV a Treviso, dal 2009 al 2014 presidente priet alla produzione al marketing. si producono solo un centinaio di esempla-
della delegazione ADI Veneto e Trentino Alto Adige e dal 2014 membro Ora per hai aperto uno studio in Brasile, ri allanno. Perci abbiamo fatto stampi di
del board ADI. Tra i riconoscimenti raccolti, il prodotto dellanno Best che con il mondo tedesco centra poco. prototipazione rapida in silicone ricavan-
of the Best 2011 red dot, il Premio allInnovazione del Presidente della Se vuoi stato un caso, nato visitando una done prototipi seriali, che costano infinita-
Repubblica nel 2012, il Compasso dOro 2014, lADI Design Index 2014,
il German Design Prize e IF Product Design Award consegnati allo studio
fiera. Ma la vocazione a confrontarsi con mente meno delle tradizionali presse, da cui
nel febbraio 2015. culture diverse mi ha sicuramente aiutato. ricavare i pezzi per iniezione.
Nella foto sotto, il team di MM Design. Da sinistra Marco DIgnazio, Tra i molti svantaggi che ha, la globalizza- Consigli per giovani che volessero intra-
Carlo Beltrame, Cristine Stuermer, Alex Terzariol, Alice Scapin, Patrick zione ha anche aspetti positivi. prendere la carriera di industrial designer?
Perathoner, Alain Brideson. Quali sarebbero secondo te gli svantaggi Umilt, condivisione e soprattutto curiosit
www.mmdesign.eu della globalizzazione? sono sempre state le mie parole dordine.

[ 62 ] IOARCH_60
DESIGN
SNEAKER NEBULA
UNA SCARPA ALL-DAY-LONG
Il percorso progettuale inizia dalla suola con
una soluzione cushioning nei punti di naturale
appoggio del piede: indossata, la scarpa d
limpressione di camminare su qualcosa di
soffice ed enfatizza il sistema di traspirazione
brevettato dal cliente, ora abbinato a una
fodera che crea unintercapedine tra piede e
tomaia favorendo la termoregolazione nella
parte laterale e superiore. La speciale mescola
di gomma scelta per la suola offre un grip
ideale che assicura massima stabilit alla
camminata. Concepita per essere facilmente
indossata, con una linea leggera e dettagli
discreti, Nebula vuol essere trasversale,
indipendente dal look del cliente e adatta sia al
lavoro sia al tempo libero.

FRESANEVE SUPRA 5002


ERGONOMIA PER LA SICUREZZA
Una cabina innovativa di facile accesso, in vetro curvato e inclinato verso
la strada, permette alloperatore di avere la massima visibilit sul ciglio
della strada e sulla fresa anteriore. Una consolle girevole e regolabile
fissata al pavimento della cabina fornisce informazioni precise e costanti
a colpo docchio, mentre il joystick sul bracciolo destro consente di
comandare la fresa con un semplice movimento del polso. Lo studio
ergonomico stato testato e approvato da una commissione di esperti
dellUniversit di Monaco di Baviera. Nel febbraio scorso Supra 5002 ha
vinto il German Design Award.

MANIGLIA ACAPULCO
LO STILE DEL TEMPO

Da sempre la maniglia, oltre alla funzione che le propria, evoca lo spirito del tempo,
che si esprime nel suo stile e nei materiali, dalle maniglie in ferro battuto allottone e
allacciaio dei giorni nostri. La forma di Acapulco nasce proprio dallevoluzione dello stile
e del trattamento superficiale dellacciaio, generando una forma essenziale, rigorosa e allo
stesso tempo caratterizzante. La linea del collo sottolineata per contrasto dalla rosetta di
forma quadrata.

IOARCH_60 [ 63 ]
LETTERE
OCCH DA MOLTO LONTANO

GIANANDREA BARRECA
Recinti autoriferiti, infrastrutture ridondanti, architetture isolate che caratterizzano lo
sviluppo caotico di molte metropoli, soprattutto dei Paesi emergenti, mostrano lassenza
di qualsiasi strategia urbana che non sia finalizzata al profitto. Trascurati gli spazi di
mezzo che separano e allo stesso tempo collegano edifici, funzioni e citt, lo sviluppo
urbano si ripercuote negativamente sulla vita delle persone indipendentemente dal loro
ceto sociale. Arginare il caos, combattere il degrado ridisegnando questi spazi allinterno
di una visione pianificatoria il compito che si assunto Federico Cassani con il team di
Mobility in Chain, che su questo numero ci scrive da Monterrey, MX.

FEDERICO CASSANI, UN PROGETTO PER MONTERREY

SPRAWL E MOBILIT
RIDURRE LA DIPENDENZA DALLAUTOMOBILE PER RICUCIRE
GLI SPAZI DI MEZZO E RIPORTARE ORDINE NELLO SVILUPPO
URBANO CRESCIUTO SENZA ALCUNA PIANIFICAZIONE

Caro Gianandrea, qualit, intasati dal traffico e sopraffatti dal- t di cittadini e sviluppatori. Per fare questo
ti scrivo per parlarti della mia esperienza a le infrastrutture. Ed proprio la soffocante abbiamo costituito un team di lavoro ben
Monterrey, nel Distretto di Valle del Campe- presenza di infrastrutture e traffico ci che strutturato che oltre a me e ai miei soci e col-
stre, in cui MIC stata chiamata a trovare colpisce il visitatore non appena arriva a leghi di MIC - Mobility In Chain si avvale
una soluzione innovativa ai crescenti proble- Monterrey e a San Pedro, in cui lo sviluppo di diversi consulenti fra cui Dennis French-
mi di traffico accompagnati da unesponen- della rete stradale ha seguito lo stesso per- man, esperto di pianificazione urbana e do-
ziale crescita del tessuto urbano, fra sprawl corso della regione: ha aumentato esponen- cente al MIT di Boston. nato cos il Sustai-
residenziale e nuovi grattacieli di uffici. zialmente la dimensione delle infrastrutture nable Mobility Masterplan, il cui obiettivo
San Pedro Garza Garca (122mila abitanti) per provvedere alla quantit di traffico pri- primario era intervenire sul costruito e sugli
una municipalit della citt metropolita- vato prevista per gli anni a venire. Questo spazi ancora in divenire, per sviluppare un
na di Monterrey (4 milioni di abitanti) nello approccio alla mobilit, tuttavia, crea un progetto che fosse incentrato sugli spazi per
Stato del Nuevo Len, in Messico. circolo vizioso ormai noto: la costruzione di le persone, e non per le automobili.
Negli ultimi anni, San Pedro e soprattutto infrastrutture per facilitare il traffico finir Il concetto base del masterplan la creazione
Valle del Campestre, uno dei suoi distretti inevitabilmente per creare nuovo traffico. di un ambiente urbano ricco e sostenibile in
pi importanti, hanno subito un cambia- Investire in infrastrutture a sostegno della cui le persone possano vivere liberamente gli
In questa pagina due
immagini della rete verde mento radicale in termini di uso del suolo. mobilit privata non solo inutile ma anche spazi pubblici a piedi o in bicicletta, liberan-
pensata per il Distretto: Da semplice comunit residenziale, il di- dannoso per tutte le altre modalit di tra- dosi dalla dipendenza dallautomobile fino a
in basso a sinistra il stretto si trasformato in un centro econo- sporto. prima necessaria. Per fare questo basta se-
percorso nel parco che
costeggia il torrente, mico caratterizzato da sviluppi a uso misto, Intuendo la necessit di un coordinamen- guire una ricetta semplice: la combinazione
a destra lintervento torri di uffici, condomini residenziali, centri to pianificatorio fra gli interventi conclusi di unadeguata pianificazione del territorio
di riqualificazione su commerciali, ristoranti e alberghi. e quelli in via di sviluppo nel distretto, gli con la restrizione delluso del mezzo privato
Avenida Roble che
costeggia una delle aree La mancanza di una visione pianificatoria investitori di Valle Del Campestre si sono e la promozione del trasporto pubblico e dei
residenziali pre-esistenti complessiva, tuttavia, sta portando alla cre- impegnati a lavorare in stretta sinergia con mezzi di trasporto alternativi. Lidea quel-
(visualizzazioni di progetto
di Attu Studio, di Andrea
azione di una serie di enclaves di lusso, cir- le autorit locali per dare vita a uno studio la di sfruttare la potenzialit del nuovo uso
Antonelli). condate per lo pi da spazi pubblici di bassa che li aiutasse a identificare le reali necessi- misto del territorio di Valle del Campestre

[ 64 ] IOARCH_60
OCCH
LETTERE DA MOLTO LONTANO

Accanto, una vista


del concept pensato
per la piazza creata al
posto dellinfrastruttura
esistente (nel progetto,
interrata) e del ponte
pedonale poensato per
connettere la piazza e il
parco lineare esistente
lungo la Calzada del
Valle.
In basso una veduta
della stessa piazza
e ancora sotto, la
riconfigurazione
dellincrocio fra Avenida
Roble e Avenida
Manuel Gmez Morn
(visualizzazioni di progetto
di Attu Studio, di Andrea
Antonelli).

per ridurre le esigenze di viaggio alla radi- curezza dei quartieri residenziali e la loro Federico Cassani
ce e aumentare le modalit di trasporto non salvaguardia dal traffico di attraversamen-
Laureato in pianificazione urbanistica presso la Facolt di Architettura del
motorizzate, ovvero ipotizzare che chi vive to (creazione di zone 30), allintervento
Politecnico di Milano, si specializzato in Planning Studies e Urban Design
nel distretto vi possa anche lavorare e al con- diretto sul sistema esistente di trasporto presso la South Bank University di Londra.
tempo trovarvi tutte le funzioni di cui pu pubblico, mediante lo sviluppo di una serie esperto in pianificazione urbana e dei trasporti, design urbano e sistemi di
avere bisogno, dalla scuola per i figli alle pa- disistemi di trasporto alternativi sostenibi- gestione del traffico e della sosta.
lestre ai supermercati, di modo che vi sia un li e attraenti che potessero competere con i Durante la sua carriera ha gestito come project manager numerosi progetti
di pianificazione dei trasporti e di rigenerazione urbana. Dal 2009 senior
vero e proprio bilanciamento fra le funzioni veicoli privati motorizzati (creazione di un
partner, assieme a Federico Parolotto e Davide Boazzi, di MIC Mobility in
pianificate. sistema di bike sharing e proposta di una Chain, societ di consulenza sui temi della mobilit, dellaccessibilit, dei
Al giorno doggi la mobilit pedonale a linea tramviaria di ultima generazione per parcheggi, dellingegneria del traffico stradale e dei sistemi di trasporto.
Monterrey, e soprattutto a San Pedro, connettere il Distretto con il resto della cit-
molto limitata e la percentuale di riparti- t). Dalla proposta di interrare un intero Fra i collaboratori di MIC, hanno lavorato al progetto di San Pedro Garza
Garca: Claudio Minelli (partner), Carlotta Bonvicini, Nicola Tedoldi,
zione modale sulle vetture private travol- nodo infrastrutturale per creare una vera e
Jacqueline Castaeda Nuez, Maria Alessandra Luccioli
gente, mentre lutilizzo di mezzi pubblici propria piazza urbana, ricca di spazi verdi
circoscritto alle classi meno abbienti che pedonali, allidea di creare una rete verde
non possono permettersi unautomobile. Un allinterno degli spazi della comunit, fatta
circolo vizioso in cui gli spazi pubblici sono di sentieri, corridoi ciclabili e paesaggi bo-
svuotati dalla mancanza pedoni e divengo- schivi per migliorare la vivibilit dei quar-
no cos sempre meno inclini ad ospitarne, e tieri e la qualit dellaria.
il trasporto pubblico viene considerato poco Immaginare un futuro migliore per una citt
sicuro e inadeguato, in realt proprio perch sempre un obiettivo ambizioso, e lo anco-
poco utilizzato. ra di pi se il processo di pianificazione viene
Guardando la storia recente delle grandi portato avanti con modalit partecipative,
metropoli e dei loro centri, specialmente in come stato fatto per questo masterplan, in
Europa, sappiamo in realt come questa ten- cui residenti, membri del consiglio comuna-
denza non sia sostenibile nel lungo termine le, sviluppatori, scuole, esperti provenienti
e come il principio della riduzione delle esi- da tutto il mondo e semplici cittadini si sono
genze di viaggio sia un elemento fondamen- seduti assieme al team di progettazione per
tale per creare efficienti strategie di mobilit, discutere del loro futuro e di quello della loro
da combinare con la creazione di spazi pub- citt, scoprendo nuovi punti di vista e acqui-
blici di qualit e sistemi di trasporto colletti- sendo strumenti di comprensione degli spazi
vo efficienti e accoglienti. da loro vissuti ogni giorno che mai avrebbe-
La sfida del progetto quindi proprio quel- ro pensato di avere.
la di creare un nuovo modello di sviluppo, La buona riuscita di questo studio ci ha inol-
sposando un modo sostenibile di concepire le tre permesso di elaborare un ulteriore Sustai-
citt che affronti tutte le esigenze di traspor- nable Mobility Masterplan per lItesm, lIsti-
to di una societ contemporanea. tuto Tecnologico Universitario di Monterrey,
Nello specifico, gli interventi sono stati pianificando anche in questo caso una serie
pianificati per fasi sia temporali sia geo- di strategie per la mobilit alternativa del
grafiche (tre fasi da 1, 3, e 5 anni) e hanno campus universitario e del suo quartiere.
toccato diversi temi cari alla cittadinanza Entrambi gli studi sono in fase di realizzazio-
e agli amministratori: dalla pubblica si- ne in questi mesi, ti terremo aggiornato.

IOARCH_60 [ 65 ]
LIBRI

LA CITT FUNZIONALE
UN MODELLO PER IL FUTURO?

Atlas of the Functional City


A cura di Gregor Harbusch
Kees Somer, Daniel Weiss
Evelien van Es, Muriel Prez
Editore Thoth Publishers
480 pp - euro 89,50
ISBN 978-90-6868-648-7

ATLAS OF THE FUNCTIONAL CITY


LA PRIMA ANALISI SISTEMATICA DELLE MAPPE URBANE
TRACCIATE IN OCCASIONE DEL IV CIAM

Fondati nel 1928 da un gruppo di 24 architetti europei, tra cui Le Corbusier


e Alvar Aalto, i CIAMCongrs Internationaux dArchitectureModerne
rappresentano un momento storico per larchitettura e lurbanistica, una
serie di conferenze tenutesi tra il 1928 e il 1959 per discutere e promuovere
una via funzionale alla progettazione. Passato alla storia per la presentazione
della Carta di Atene e organizzato a bordo di una nave nel Mediterraneo nel
1933, il quarto congresso CIAM fu condotto da Le Corbusier, dallurbanista
Cornelis van Eesteren e dallo storico dellarte Sigfried Giedion. Nel corso
della conferenza dedicata al tema La Citt funzionale, i partecipanti
analizzarono 34 modelli urbani basandosi su mappe prodotte appositamente
per levento. Gli esiti del congresso furono mostrati al pubblico nellomonima
mostra tenutasi presso lo Stedelijk Museum di Amsterdam, ma i lavori per
una pubblicazione dettagliata furono fermati dallo scoppio della Seconda
Guerra Mondiale e il materiale rimase inedito fino ad ora. Una lacuna colmata
da questo imponente volume di 480 pagine, corredato da 750 illustrazioni
a colori, che offre spunti, chiavi di lettura e nuove prospettive per la
pianificazione urbanistica.

SPAZIO URBANO
TRA FORMA
La citt in me come un poeta
di cui non ho ancora trovato le parole

E CONTENUTO J. L. Borges, Vaniloquio

SI PU CONSIDERARE LA CITT
COME UNOPERA DARTE?

Dopo LArte del Paesaggio (2001), Raffaele Milani, docente


di Estetica allUniversit di Bologna dove direttore del
Laboratorio di ricerca sulle citt, propone unapprofondita
analisi degli spazi urbani come prodotto delle comunit
e dei singoli, degli architetti e degli artisti, dei progettisti
e dei semplici lavoratori, dei cittadini e dei loro
rappresentanti politici. Osservando le opere architettoniche
che definiscono limmagine dei piccoli e grandi centri
daggregazione umana, la citt appare dunque come
Larte della citt unentit spaziale e allo stesso tempo astratta, modellata
Autore Raffaele Milani idealmente e concretamente da pi fattori e soggetti nello
Editore Il Mulino
170 pp euro 18,00
tempo, disegno straordinario dellazione collettiva e dei
ISBN 978-88-15-25802-1 singoli, leffetto di unarte dello spazio esteso.

[ 66 ] IOARCH_60
p a v i m e n t i Q u i c k S t e p .

Scopri un mondo
dove ti piacerebbe vivere.

QuickStep
garantisce il piacere di
vivere senza preoccupazioni. Sapevi che grazie alla tecnologia
Scratch Guard i pavimenti QuickStep sono dieci volte pi resistenti

ai graffi? e che il loro insuperabile design estremamente


elegante? Fatti ispirare e scegli il pavimento in laminato, parquet o
Livyn pi adatto al tuo progetto di interior su www.quick-step.it
10

ANNI
G
AR IA
ANZ

RAFA NADAL

DEKTON. UNLIMITED.
INDOOR & OUTDOOR SURFACES

COLORI AURA & STRATO


Essere il numero 1 al mondo richiede un allenamento
senza limiti e saper vincere su tutti i terreni, indoor e outdoor.

Per questo motivo DEKTON punta al meglio.


Perch la scelta vincente per cucine da interno, bagni e ogni altro rivestimento esterno.
Perch le sue caratteristiche fisiche lo rendono resistente, durevole, bello e versatile.

DEKTON IS UNLIMITED.

WWW.DEKTON.COM

F Cosentinoit T Cosentino_IT

COSENTINO VENEZIA T. +39 041 510 30 96 | italia@cosentino.com | COSENTINO MILANO SRL T +39 02 9532 8404 | milano@cosentino.com
COSENTINO CATTOLICA T. +39 0541 83 31 05 | cattolica@cosentino.com | COSENTINO CITY CENTER MILANO - Nuova Apertura | T +39 02 89092730 | citymilano@cosentino.com