Sei sulla pagina 1di 102

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO

DIPARTIMENTO DI RAPPRESENTAZIONE
CONOSCENZA
FIGURAZIONE
TRASFORMAZIONE
DELLAMBIENTE COSTRUITO/NATURALE
Tesi di Laurea di
Relatore:
Correlatori:



MARCO CARELLA
Prof. Fabrizio Agnello
Prof. Carlo Zoppi, arch. Mirco Cannella
Rilievo e Anastilosi Virtuale della peristasi meridionale del
Tempio G di Selinunte
A
CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA 4S
A.A. 2009-2010
R
i
l
i
e
v
o

A
n
a
s
t
i
l
o
s
i

p
e
r
i
s
t
a
s
i

m
e
r
i
d
i
o
n
a
l
e

e

V
i
r
t
u
a
l
e

d
e
l
l
a


d
e
l

t
e
m
p
i
o


d
i

S
e
l
i
n
u
n
t
e
Tra il XVIII secolo ed il XIX, Hittof, Zant, Viollet Le Duc e Du Fourny, per il meridione d'Italia e per la Sicilia in
particolare, si dedicarono ai tesori italiani, mostrando di possedere un interesse di tipo documentario per un
inestimabile patrimonio monumentale ancora da scoprire. Ma, mentre erano intenti a tale tipo di interesse, questi
studiosi instaurarono, al contempo, uno specifico costume professionale e pedagogico: vedere conoscere,
tradurre in tavole grafiche ed esprimere didascalicamente il processo progettuale di cui l' architettura di pietra
diviene rappresentazione del processo stesso () Rilevare significa disegnare la cosa dell'architettura in modo
che l'osservatore possa intenderne sostanza: di forma, di uso, di struttura () significa rendere esplicito da parte
dell'operatore il rapporto che si instaura tra lo stesso e l'opera d'arte come opera di cultura () nella condizione
storica e percettiva cui esso appartiene.
Margherita De Simone
M
M
M
M
M
M
M/2
3/4M
M/4
3/4M
M/2
M
M
M
M
M
M
M/2
M
3/4M
M/2

1 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte




Indice

Introduzione

I. Studi sulla peristasi del tempio G

II. La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come
metodo rivelatore

III. Metodi di rilievo: diretto, topografico, fotogrammetrico e con laser scanner

IV. Fotopiano e fotomodellazione

V. Anastilosi virtuale dei frammenti, generazione del modello discreto e
restituzione dei contenuti emersi

Il crepidoma
Analisi di quattro colonne del fronte sud
Considerazioni sulle correzioni ottiche della colonna
La trabeazione
Blocchi a tenia, regulae e guttae
Il triglifo
Il geison
La modanatura a becco di civetta
Anastilosi virtuale e studio della peristasi e della sezione costruttiva

VII. Metodi alternativi di fruizione del bene monumentale: la realt virtuale e la
realt aumentata






2 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte



Introduzione


















3 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Sito nella collina orientale del parco archeologico di Selinunte, il pi grande dellarea
mediterranea (270 ha) e tappa obbligata del Grand Tour settecentesco, il tempio G
oggetto della nostra tesi che mira ad una ricostruzione scientifica della peristasi,
avvalendosi, in aggiunta ai mezzi del rilievo diretto tradizionale, delle moderne
tecnologie di rilevamento, ed in particolare di scansioni laser 3d e modellazione
fotogrammetrica, al fine di restituirne limmagine e le relative informazioni storiche e
morfologiche indagando sugli aspetti metrici e proporzionali. Lesame sulla peristasi si
concentra su tutto il fronte sud ed in particolare sullangolo sud-est (A) e su una
porzione ben conservata del fronte sud (B) (fig. 1).

1. Nuvola di punti dove sono indicate le aree oggetto di studio


Il primo capitolo descrive gli studi e le ricostruzioni del tempio effettuate a partire dal
secolo XVIII, ovvero dal momento in cui linteresse per larcheologia diviene sempre
pi indagine scientifica.
Il secondo capitolo affronta invece la problematica del riconoscimento dei frammenti
archeologici ponendo il rilievo come metodo di indagine per sciogliere i nodi
riguardanti la sezione costruttiva del tempio, grazie allo sviluppo di una metodologia a
tappe che parte dagli elementi certi del canone dorico, di cui si conosce forma e
posizione e che, attraverso i vuoti risultanti dalla loro giustapposizione, rende
riconoscibili per forma e grandezza i frammenti di difficile identificazione.
Il terzo e il quarto capitolo sono dedicati alle fasi del rilievo ed in particolare alle
metodologie utilizzate e agli strumenti adoperati, dei quali vengono illustrate le
caratteristiche tecniche e le modalit operative. Dopo aver sottolineato limportanza di

4 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


una campagna conoscitiva basata sul rilevamento in campo attraverso metodologie
tradizionali di misurazione diretta e redazione di eidotipi, si amplia e si approfondisce
quanto esposto nel capitolo I, attraverso il rilievo dei frammenti con tecnologie laser
scanner e con fotomodellazione che generano un insieme di punti chiamato point-cloud
(nuvola di punti). Le nuvole di punti vengono elaborate attraverso operazioni di
orientamento, isolamento, estrazione di sezioni e ricerca dei piani di posa degli elementi
architettonici scansiti. Loperazione di individuazione degli elementi che strutturano la
forma geometrica viene quindi eseguita nella seconda fase (elaborazione dei dati), a
differenza di quanto avviene nel rilievo diretto e topografico per i quali tale operazione
precede lacquisizione delle misure.
Alla trattazione delle procedure che vengono utilizzate per la discretizzazione delle
suddette nuvole di punti in modelli concettuali, capaci di riassumere le caratteristiche
morfologiche e dimensionali del frammento al fine di ottenerne una corretta anastilosi,
dedicato il capitolo quinto. Tali procedure, come gi enunciato, vengono sperimentate
sugli elementi pi facilmente riconoscibili perch appartenenti al canone dorico, quali la
colonna divisa in rocchi, lelemento della trabeazione culminante nella classica
divisione in regulae e guttae, il fregio ed in particolare il triglifo ed il geison con cui
termina lintero ordine; i frammenti discretizzati vengono giustapposti secondo i piani
di posa trovati.
Gli esiti del lavoro, che mira ad una ricostruzione scientifica, sono presentati nel sesto
capitolo dove sono affrontate sia le problematiche riguardanti la rappresentazione dei
risultati di questa fase di studio sia la ricerca, attraverso i vuoti della sezione
costruttiva, di quei frammenti archeologici che in una prima fase non era stato possibile
riconoscere.
Questo iter ci ha portato ad indagare la peristasi del tempio, secondo un processo
circolare dal frammento-al rilievo-al frammento che si rivelato efficace poich stato
possibile ipotizzare una posizione dei reperti di difficile collocazione e quindi un
modello concettuale dellintera sezione costruttiva.
Il percorso conoscitivo intrapreso ha determinato altres la sperimentazione di un
metodo che attraverso il contributo intellettuale dellarchitetto, ovvero tramite due delle
competenze metodologiche che questo deve possedere quali lo studio e la capacit
interpretativa dei contributi storiografici, e la capacit di rilevare e dunque rivelare,
possa restituire il monumento alla collettivit che troppo spesso costretta ad una
fruizione passiva e povera di contenuti.

5 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Il lavoro si chiude col capitolo settimo che tratta la sperimentazione di tipologie di
fruizione alternativa del bene monumentale, con particolare attenzione ai contenuti
scientifici emersi dalla redazione di questo lavoro, mediante lutilizzo della realt
aumentata e realt virtuale, tecnologia che oggi ambito di diversi studi e
sperimentazioni in vari settori accademici e che a nostro avviso risulta un valido mezzo
per offrire al visitatore un modo semplice ed intuitivo di fruizione guidata attiva a
costi contenuti.

















6 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte



Studi sulla peristasi del tempio G



















7 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Il tempio G di Selinunte, colonia megarese fondata dallecista Pammilo
1
, cento anni
dopo Megara Iblea (728 a.C.) su un territorio abitato da popolazioni indigene, sorge
sulla collina orientale ad ovest della valle del Cottone. La particolare disposizione dei
templi sullaltura ha indotto gli studiosi ad avanzare unipotesi di duplicazione del
modello dellacropoli di Alcatoo presso Megara Nysea
2
. In quest area sorgono, infatti,
le rovine di tre templi rigidamente allineati col fronte principale rivolto ad est di cui il
tempio G il pi settentrionale.
Questo si presenta come un insieme
ciclopico di ruderi, appartenenti ad uno
pseudo diptero ottastilo confrontabile
con i dipteri ionici orientali, la cui
costruzione, cominciata intorno al 530
a.C., potrebbe essersi protratta per una
durata di almeno centocinquanta anni
cos come si evince dalle
trasformazioni stilistiche che hanno
subito i fronti del tempio ed in
particolare dalla morfologia del capitello. Infatti, da oriente verso occidente troviamo
una sequenza di colonne pi snelle con capitello schiacciato nei lati orientale e
settentrionale, probabilmente risalenti al VI secolo, e colonne pi robuste di stile severo
nel fronte occidentale.
A partire dalla met del XVIII lavvio degli scavi di Ercolano e Pompei, incoraggiati da
Carlo III di Borbone e sotto la direzione dellingegnere militare J oaquin de Alcubierre,
hanno portato alla luce resti archeologici di notevole pregio storico-artistico che hanno
inaugurato una nuova stagione culturale volta alla riscoperta dellantichit classica e ad
un rinnovato interesse per larcheologia.
Per la prima volta, infatti, il Grand Tour intrapreso da giovani rampolli di famiglie
aristocratiche ed eruditi del tempo, volenterosi di completare e ampliare la loro
formazione, si spingono oltre Napoli sino in Sicilia, per ammirare i resti archeologici di
Agrigento, Siracusa, Segesta e Selinunte.
Gi il viaggiatore olandese J acobi Philippi DOrville in Sicula quibus Siciliane veteris
rudera, additis antiquitatum tabulis, illustrantur
3
, pubblicata nel 1764, fornisce un

1
Sulla Storia di Selinunte: COARELLI-AORELLI 2000, pp. 72-79
2
Ivi, pp. 81-88, LAVADIOTTI-LIPPOLIS-ROCCO 2007, PP. 832-836
3
DI MATTEO 1999, pp. 337-338; TUZET 1995, pp. 15-16
2. Veduta dei templi della collina orientale

8 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


dettagliato resoconto dei luoghi visitati attraverso incisioni che ne documentano lo stato
di conservazione. Tra le pagine del suo diario di viaggio il DOrville, oltre ad illustrare
le rovine del tempio G quasi completamente ricoperte di sabbia, avanza lipotesi che
si tratti di una tipologia templare non chiara caratterizzata da una peristasi di 6x16
colonne. Tuttavia, nel 1767 lingegnere siracusano Andrea Pigonati a pubblicare una
rappresentazione del tempio, contrastante con quella del DOrville, di cui ipotizza per
primo la corretta distribuzione della peristasi in 8x17 colonne
4
.
Importante, a tal proposito, il contributo dei principi siciliani Ignazio Patern Castello
e Gabriele Lancillotto Castelli nominati nel 1779 regi custodi delle antichit siciliane.
Questi, avendo nel 1764 invitato i siciliani a contribuire alla pubblicazione dei pi bei
monumenti, apprezzarono notevolmente il lavoro del Pigonati.
Ignazio Patern Castello, in particolare, citando Selinunte e soffermandosi sulla
peristasi del tempio G nel suo Viaggio per tutte le antichit di Sicilia
5
, misura la
larghezza del tempio in 50 canne (una canna in Sicilia corrisponde a m. 2,062), la
lunghezza dellarchitrave in 27 palmi (un palmo in Sicilia corrisponde a m. 0,258098),
laltezza in 9 palmi e il diametro delle colonne in 13 palmi.
Ulteriori importanti informazioni circa le dimensioni del tempio, risalgono invece al
1771 quando il prussiano J oseph Hermann von Riedsel
6
, attraverso il resoconto del suo
viaggio, in forma epistolare, fornisce la misura del diametro delle colonne pari a 8
palmi, laltezza del fregio pari a 4 palmi e la misura complessiva del tempio pari a
160x80 passi.
Nel 1776 anche il pittore paesaggista J ean Houel
7
nel suo Voyage pittoresque des isles
de Sicilile, de Malte et de Lipari, presentata a Parigi nel 1782, pubblica alcune viste del
tempio ed una tavola contenente una pianta in assonometria ed una veduta prospettica.
Le misurazioni indicano 51 tese e 4 piedi di lunghezza (una tesa era uguale a 6 piedi, un
piede misurava 3,48 cm) per 25 tese di larghezza del tempio ed unaltezza di 45 piedi.
Nel 1783 Henry Swinburne, viaggiatore anglosassone, pubblica a Londra Travels in the
two Sicilies
8
dove misura il diametro delle colonne del tempio in 9 piedi e 3 pollici alla
base e 6 piedi e 3 pollici sotto il capitello, ritenendo inoltre che laltezza complessiva
non dovesse superare i cinque diametri, ovvero 50 piedi, e che le dimensioni principali
del tempio fossero 270x134 piedi.

4
Ivi,pp.12
5
PATERNO1781,pp.147151
6
DIMATTEO1999,vol.III,pp.4347;TUZET1988,pp.3740
7
Ivi,vol.II,pp.7280;Ivi,pp.8698
8
SWINBURNE17832000,pp.44

9 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Lesperienze del XVIII secolo, riguardanti loggetto del nostro studio, si chiudono con
lopera del canonico J ean Claude Richard de Saint-Non
9
il quale, non recandosi
personalmente in Sicilia, incarica il paesaggista C.L. Chatlet e gli architetti e pittori
J .L. Deprz e J .A. Renard, sotto la guida del letterato Dominique Vivant Denon, di
documentare le tappe del viaggio. Le informazioni cos raccolte confluirono
successivamente nel quarto volume sulla Sicilia pubblicato nel 1878
10
.
Riguardo il tempio G lautore scrive: Cominciammo a disegnare i dettagli, il diametro
delle colonne ecc. e ne individuammo la pianta nel modo pi soddisfacente ed
incontestabile, bench presentasse una dimensione pi allungata che, nella parte
anteriore era occupata da un peristilio con tre colonne: proprio del terzo rango
interno di queste colonne che ne resta in piedi una, in tutta la sua altezza
11
.
Queste osservazioni confluirono nella grande tavola comparativa
12
di J .A. Renard dove
vengono illustrati la pianta, il prospetto e particolari architettonici del tempio,
riconosciuto come diptero ottastilo di 8x16 colonne.
Con lavvento del XIX secolo e lo sviluppo del fenomeno della specializzazione delle
scienze le campagne siciliane vedono viaggiatori di varia provenienza verificare gli esiti
dei resoconti settecenteschi con lapporto di consolidate basi scientifiche e una

9
TUZET1988,pp.7585
10
DIMATTEO1999,vol.I,pp.311315
11
VIVANTDENON17881979,pp.266
12
DESAINTNON17811786,Tablecomparativedestemple,destheatersetdequelquesautresedifices
antiquesdelaSicilie,Tome4.Pl.enreg.p.192
3. Tavola comparativa di A. Renard, da Sain-Non 1786

m
ef
po
In
H
ril
co
pu
de
pe
se
ch
di
V

13

maggiore con
ffettuare r
ossibile.
n questottic
Hittof
13
che
lievo nella
onfluirono
ubblicata po
enominato d
er la prim
econdo due
he differisco
i ordini dell
Vengono, in

HITTORF1870
Rilievo
nsapevolezz
rilievi qu
ca, rilevant
guida un
collina ori
nel 1827
ostuma nel
da Hittorf T
ma volta ip
principali
ono sostanz
a cella.
oltre, rileva

0
e anastilosi v
za dellimpo
uanto pi
te il cont
nintensa a
ientale i cu
7 in una
1870. Il tem
T, viene co
petrale ed
ipotesi ric
zialmente ne
ate le due

virtuale della p
ortanza di
precisi
tributo di
ttivit di
ui risultati
raccolta
mpio G,
onsiderato
illustrato
ostruttive
el numero
differenti
peristasi merid
tipologie
messo
emblema
anche ill
del tempi
Gli esiti
pubblicaz
molto fo
che vol
metodolo
rappresen

4. Vista prosp
dionale del tem
e di capite
a confr
atici del m
lustrati nell
io, lordine
di questa
zione died
orte alla co
lle impadr
ogie di
ntazione.
pettica interna,
mpio G di S
ello ed il
ronto con
mondo grec
la tavola l
e la colonn
campagna
dero un
omunit sc
ronirsi di
indagin
, da Hittorf 18
10 Selinunte
tempio
n altri
o. Sono
a pianta
na.
e la sua
impulso
cientifica
queste
ne e
27
0


7.
5.
18

Tavola compa
Particolari co
827
Rilievo
arativa, da Hitt
ostruttivi e dec
e anastilosi v
torf 1827
orativi, da Hit
virtuale della p
ttorf
peristasi merid
6. Tavola com
dionale del tem
mparativa, da H
mpio G di S
Hittorf 1827
1 Selinunte

12 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Archeologi siciliani allora cominciano ad intraprendere campagne di scavo e rilievo in
tutta lisola e tra il 1831 e il 1832 Domenico Lo Faso Pietrasanta duca di Serradifalco
14
,
presidente della Commissione di Antichit e Belle Arti fondata nel 1827, stila un
programma per Selinunte incaricando larchitetto Francesco Saverio Cavallari di
liberare i templi dalla sabbia ed effettuare lavori di restauro sulla collina orientale. I
rilievi del Cavallari confluirono nellopera di divulgazione, stampata nel 1834, Le
antichit di Sicilia esposte ed illustrate per Domenico Lo Faso duca di Serradifalco
socio di varie accademie. Cinque tavole di questo lavoro furono dedicate al tempio e
accompagnate da descrizione testuale: In quanto alla grandezza egli in vero
maggiore di ogni altro degli antichi, e quasi uguale pu dirsi a quello consacrato in
Agrigento alla stessa divinit; ma di gran lunga a questo superiore per la disposizion
della pianta, per le colonne isolate, e per gli enormi massi, ond costruito
15
.
Il tempio viene misurato in 207,6x440,2 palmi e viene definitivamente confermata
lipotesi tipologica di uno pseudo diptero ipetro octastilo con diciassette colonne sui lati
lunghi. Viene posta in accento la differenza relativa ai diversi stadi di lavorazione di
capitelli e colonne e le ultime due tavole dedicate al rilievo di particolari architettonici
tra i quali possibile distinguere la variet dei capitelli rilevati.
Questi studi, considerati i primi ad avere basi scientifiche, furono riproposti dal
piemontese Luigi Canina in Larchitettura antica descritta e dimostrata coi monumenti,
dallarchitetto Luigi Canina
16
che, descrivendo il tempio, d per certi i dati ritenuti
ipotetici dal Serradifalco.
Trentanni dopo gli scavi del Serradifalco, Francesco Saverio Cavallari, nominato
presidente della Direzione delle Antichit, istituita dal governo italiano nel 1864,
riprende gli scavi sul tempio G stabilendo definitivamente il numero di colonne della
cella e la dimensione del naiskos.
Un contributo importante ci viene fornito inoltre dagli studi di Otto Puchstein che,
insieme a Robert Koldway, si reca in Sicilia tra il 1892 ed il 1895 e pubblica a Berlino
nel 1899 lopera Die griechschen tempel in unteritalien unt Sicilien
17
. Questi studia il
tempio G con un livello di approfondimento maggiore, tanto da rilevare i differenti
intercolumni dei fronti della peristasi, e mette in luce la presenza di tre tipi di colonne,
diverse per proporzioni e forma del capitello, e ascrivibili ad altrettante fasi costruttive.

14
CIANCIOLO COSENTINO 2004
15
SERRADIFALCO 1834, vol. II, p.20
16
CANINA 1837-41, vol V, VI
17
KOLDEWAY-PUCHSTEIN 1899

8.

R
co
Il
pi
sa
In
e
Pa
ot
m
m
sc
vi
Le
te

tra

18

Tre tipologie d
ileva altres
ostruzione)
Novecento
ittoresche, p
ar alla base
n seno a que
testi, stilan
arigi nel 1
ttastilo con
misurano nu
mostrando l
chiacciato, e
iene mostrat
e affermazi
esi poich
cominciat
abeazione o

HULOT E FO
Rilievo
di capitelli rile
s la presen
e di una mo
o vede chiud
perseguendo
e della mode
esto cambia
no la prima
910; il tem
n diciassette
ovamente o
a diversit
e pi tozze,
ta la ricostru
oni fatte da
proprio dal
o ad inda
oggetto di st

OURGERES
e anastilosi v
evati, da Kolde
nza di cont
odularit ne
dersi definit
o quellappr
erna archeo
amento, J ean
a grande mo
mpio viene
e colonne
ogni parte d
delle colo
, con echino
uzione di un
ai due arche
l ridisegno e
agare le c
tudio.

1910
virtuale della p
eway-Puchstein
trazione an
l diametro d
tivamente l
roccio siste
ologia.
n Louis Hu
onografia m
nuovamen
sul fronte
del tempio
onne pi
o panciuto,
na parte del
eologi rappr
e dallo stud
caratteristich
peristasi merid
n 1899
ngolare sul
delle colonn
epoca del G
ematico gi
ulot e Gustav
monumental
nte presenta
maggiore
e forniscon
slanciate su
sul lato Ov
lla trabeazio
resentano il
io delle tav
he morfolo
dionale del tem
fronte Ove
ne e negli in
Grand Tour
presente ne
ve Fourgre
le su Selinu
ato come u
ed ipetrale
no sobrie ip
ul lato Es
vest. In una
one.
punto di p
ole di Hulo
ogiche e
mpio G di S

est (ultima
ntercolumni
r e delle sug
el XIX seco
es, attravers
unte18 pubb
uno pseudo
. I due arc
potesi ricos
st, con ech
a tavola di d
artenza dell
ot e Fourgr
dimensiona
1 Selinunte
fase di
i.
ggestioni
olo e che
so rilievi
blicata a
o diptero
cheologi
struttive,
hino pi
dettaglio
la nostra
es che si
ali della
3

14 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte

9. Studi proporzionali sui rilievi di Hulot e Fourgres















10. Particolare dell'ordine, da Hulot e
Fourgres 1910
11. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot
e Fourgres

15 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


I rilievi di Hulot e Fourgres sono stati oggetto di un tentativo di restituzione di un
modello discreto, da confrontare con quello che sar risultante dalla conclusione di
questo lavoro.



12. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgres
13. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgres

16 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte



Tra gli anni quaranta e cinquanta assistiamo allintervento sul Fusu de la Vecchia
diretto dallarcheologa J ole Bovio Marconi.


















14. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgres
15. Il restauro del "Fusu di la vecchia", Selinunte 1941, dall'archivio
fotografico A. Salinas

17 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Gli studi pi recenti sul tempio sono quelli del 1985 diretti dallarchitetto Giorgio
Gullini
19
che attribuisce definitivamente il tempio al culto di Zeus e presenta ledificio
come lesaltazione del significato della peristasi come recinto trov la pi onumentale
espressione.
Lintervento corredato da una riproduzione fotogrammetrica con a tratteggio la
planimetria ipotizzata ed in rosso gli elementi del crollo.

16. Restituzione fotogrammetrica, da Gullini 1985



19
GULLINI 1985, p.444

18 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Recenti sono le pubblicazioni di Dieter Mertens
20
e Laviadotti-Lippolis-Rocco
21
che,
tuttavia, non apportano sostanziali novit allo stato degli studi.
Importante risulta citare il recente contributo che nel 2005 stato dato dal workshop
22

internazionale Tecniche integrate di rilevamento per lanalisi e la conoscenza dei beni
archeologici: il tempio G di Selinunte promosso dal Dipartimento di Rappresentazione
delluniversit di Palermo e dal Dipartimento di Expressi Grfica Arquitectonica I
dellUniversitpolitcnica de Catalunya di Barcellona che ha coinvolti diversi ambiti
disciplinari ed elaborato le metodologie di anastilosi virtuale di una colonna del fronte
Nord attraverso lelaborazione di dati provenienti da scansioni laser
23
.
Il lavoro di ricerca che viene presentato prende le mosse dai primi studi eseguiti nel
corso del workshop e da ulteriori contributi presentati in tesi di laurea presso quest
facolt.
24
















20
MERTENS 2006
21
LAVIADOTTI-LIPPOLIS-ROCCO 2007
22
MARSIGLIA 2005
23
AGNELLO-LO MEO 2005, Il metodo studiato per lanastilosi dela colonna stato sviluppato
nellambito della tesi di dottorato LO MEO 2007
24
M. SCHIERA, Il tempio G di Selinunte: Analisi storica e rilievo per lanastilosi virtuale di una
porzione della peristasi.

19 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte



La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici,
il rilievo come metodo rivelatore




















20 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


La complessit dellargomento trattato richiede una profonda analisi e comprensione
delliter metodologico che sottende lanastilosi virtuale e la generazione del modello
discreto quale mezzo di prosecuzione del lavoro di ricerca sul tempio G e punto di
partenza per la sperimentazione di sistemi alternativi di fruizione del bene
monumentale.
Tali premesse implicano una piena consapevolezza degli aspetti operativi e
gnoseologici del rilievo architettonico.
Questo ha lo scopo di studiare e rappresentare un manufatto esistente attraverso
lutilizzo di rilievi gi prodotti in precedenza, schizzi quotati, documentazione
fotografica e disegni tecnici. Obiettivi del rilievo sono, ad esempio, lo studio, la
didattica, il restauro, la costruzione e la riqualificazione delloggetto rilevato. Un rilievo
eseguito in maniera scientifica viene condotto in pi fasi: la prima, prevede
lindividuazione della strumentazione tecnica a disposizione; la seconda, nonch la pi
importante, prevede la redazione di un progetto di rilievo che comprende
lindividuazione dei piani di sezione, dei piani di posa degli elementi, dei corretti
orientamenti e di tutte quelle caratteristiche morfologiche delloggetto che andranno
misurate; la terza fase, infine, prevede la realizzazione di schizzi o eidotipi (vedute,
piante, sezioni e prospetti) sui quali loperatore annota tutte le informazioni che
confluiranno nella restituzione finale, previa misurazione delloggetto mediante
lutilizzo degli strumenti e delle tecniche di rilievo adatte al caso. Al rilievo
propriamente detto, ovvero alla fasi precedentemente descritte, segue la fase di
restituzione grafica nella quale vengono redatti gli elaborati inizialmente previsti alla
scala di rappresentazione pi adatta al livello di dettaglio desiderato, che rappresentano
una discretizzazione soggettiva delloggetto condizionata dalle conoscenze e dalla
sensibilit di chi esegue il rilievo.
Indipendentemente dalla metodologia utilizzata, il momento intellettuale che sottende le
operazioni di rilievo corrisponde alla fase di progettazione dello stesso in cui si
prevedono le operazioni da svolgere (in relazione al prodotto da ottenere), la
suddivisione in parti delloggetto da rilevare, gli strumenti e le metodologie da adottare.
Dal punto di vista pratico il rilievo delloggetto avviene nel momento in cui, visionata
tutta la documentazione grafica disponibile, anche in scale dissimili, si passa alla
suddivisione dellorganismo architettonico in sottoparti, di dimensioni ragionevoli e con
caratteristiche morfologiche o funzionali riconoscibili, avendo cura di fissare alcuni
punti certi a cui ancorare tutte le diverse porzioni.

21 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Dal punto di vista teorico, lavorando sulle singole parti per poi ricomporle, si evita di
incorrere in inesattezze grossolane circoscrivendo i margini di errore a limitate porzioni
per garantire cos la correttezza dellinsieme.
Nella fase di progetto di ogni rilievo vanno inoltre pensati i prodotti da realizzare. Il
primo fattore da considerare certamente il livello di dettaglio del rilievo, che fornisce
le indicazioni pratiche per la fase di acquisizione delle misure ed individua il limite
minimo rappresentabile.
Scelta la scala nominale
25
si passa successivamente alla definizione degli elaborati
grafici utili alla rappresentazione delloggetto (piante, sezioni, profili, prospetti, modelli
3d) tenendo conto del prodotto da restituire, ma soprattutto ricordando che gli elaborati
finali devono fornire una dettagliata, esaustiva ed univoca descrizione delloggetto del
rilievo.
Nello specifico del nostro lavoro ci occuperemo di rilievo archeologico, uno dei
principali strumenti atti ad interpretare e ricostruire i manufatti del passato, il cui fine
la conoscenza della civilt materiale del mondo antico. Questa disciplina ci propone un
metodo di indagine rigoroso, che ha unimportanza fondamentale per l'analisi, lo studio
e la ricostruzione dei monumenti.
Ci ricorda Marco Bianchi nel suo Manuale di rilievo e di documentazione digitale in
archeologia
26
che:
I metodi di lavoro degli ultimi anni sono stati profondamente aggiornati dalle
nuove tecnologie, anche se la pratica tradizionale del rilievo diretto ha ancora un ruolo
importante in ambito archeologico. Si utilizzano sul campo strumentazioni sofisticate e
veloci. L'informatizzazione dei dati acquisiti con il rilievo divenuta inoltre un'esigenza
irrinunciabile. In ogni modo occorre sempre tenere presente che il rilievo non una
fotografia della realt ma il frutto di una interpretazione che seleziona alcuni
elementi significativi in mezzo agli innumerevoli segni che compongono la visione del
manufatto. Ne consegue, anche per questi motivi, che l'insegnamento del rilievo
archeologico non pu essere separato da quello delle tecniche edilizie e delle culture
materiali del mondo antico.
Limpostazione di questo lavoro si rivelata particolarmente complessa per la
frammentazione degli elementi e per le dimensioni del manufatto.

25
scala nominale: un disegno numerico avente scala nominale 1:n ha contenuto metrico e qualitativo di
un corrispondente disegno disegnato di pari scala. La scala nominale rappresenta il rapporto di riduzione
per cui stato progettato e realizzato e, quindi, per cui corretto stampare il disegno.
26
BIANCHINI, Manuale rilievo e di documentazione digitale in archeologia, Ed. Aracne

22 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Lintento quello di eseguire lo studio secondo gli obiettivi gi enunciati da Margherita
De Simone
27
: Il rilievo un lavoro che si esplica leggendo lambiente fisico artefatto-
naturale e, se tale lavoro critico, serve () per arrivare a valutazioni sulle quali
operare o indurre ad operare; che ha condotto ad affrontare gli studi secondo
metodiche storico-critiche ed a far corrispondere la fase del rilievo ad un momento di
approfondimento, che viene definito ancora dalla De Simone uno strumento per
conseguire documenti e testimonianze di ci che la storia e la cultura hanno
elaborato
25
.
La dimensione dei frammenti architettonici, che va ben oltre la possibilit di poterne
cogliere le caratteristiche con uno sguardo e identificarne in maniera sicura forma e
ruolo allinterno dellordine, ha richiesto particolare impegno nella fase dedicata al
processo conoscitivo e di comprensione. Lanalisi delle nuvole di punti generate dalle
scansioni laser, progettate per cogliere lintero tempio, non ha quasi mai una risoluzione
sufficiente ad individuare e capire i frammenti pi piccoli. Si cos scelto di iniziare
questa prima fase di approccio attraverso una serie di schizzi e la raccolta di prime
misure di massima del singolo frammento, cercando di avvicinarsi alla comprensione ed
alla formulazione di unipotesi relativa alla configurazione architettonica.
A questo proposito lo schizzo di campagna, inteso come attivit finalizzata alla
discretizzazione del dato reale si rivelato il solo modo di cominciare un rilevamento
che potesse rappresentare un percorso scientifico secondo un filo logico che solo la
reale cognizione delle cose pu dare, poich la configurazione e la forma sono i due
momenti tra i quali si realizza latto conoscitivo nei confronti della realt esterna
27
.
A questo primo momento, definito comprensione intellettuale, appartiene la fase di
riflessione, interpretazione e commento; la fase che, affondando le mani nel bagaglio
della storia, organizza la ricognizione culturale ed assegna il ruolo alle parti, in un
disegno complessivo che, oltre alle finalit prefissate, rappresenter un momento di
realizzazione di un metodo conoscitivo. La De Simone ricorda ancora che Tra il
XVIII secolo ed il XIX, Hittof, Zant, Viollet Le Duc e Du Fourny, per il meridione
dItalia e per la Sicilia in particolare, si dedicarono ai tesori italiani, mostrando di
possedere un interesse di tipo documentario per un inestimabile patrimonio
monumentale ancora da scoprire. Ma, mentre erano intenti a tale tipo di interesse,
questi studiosi instaurarono, al contempo, uno specifico costume professionale e
pedagogico: vedere conoscere, tradurre in tavole grafiche ed esprimere
didascalicamente il processo progettuale di cui l architettura di pietra diviene

27
DE SIMONE, Disegno, rilievo, progetto, La Nuova Italia Scientifica, 1990

23 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


rappresentazione del processo stesso () Rilevare significa disegnare la cosa
dellarchitettura in modo che losservatore possa intenderne sostanza: di forma, di uso,
di struttura () significa rendere esplicito da parte delloperatore il rapporto che si
instaura tra lo stesso e lopera darte come opera di cultura () nella condizione
storica e percettiva cui esso appartiene.

17. Schizzi ed eidotipi di frammenti del tempio "G"


Il termine eidotipo indica un disegno accurato, realizzato a mano libera dellarea o
delloggetto da rilevare, sul quale andranno segnate le misure rilevate; non , quindi,
solo un supporto per le misure ma un vero e proprio quaderno di appunti, sul quale il
rilevatore annota anche particolari, dettagli e impressioni del tutto soggettive. per
questo motivo che, per molti, leidotipo non ha solo il carattere di documentazione
provvisoria e di supporto, ma anzi parte integrante del progetto di rilievo e della
restituzione grafica del manufatto.
Il prelevamento delle misure si far, per quanto possibile, con la massima esattezza e
con particolare attenzione alla forma, per poter fissare le distanze che inquadrano i
frammenti e li collegano tra loro. Il rilievo di questi riuscir meglio quando si possegga
unadeguata conoscenza della forma caratteristica degli elementi architettonici.
Leidotipo quindi il mezzo primo di comprensione che ha permesso di acquisire
familiarit con loggetto di studio, e successivamente, attraverso un processo di
introiezione dei contenuti acquisiti, di poter dare sicurezza alle successive fasi di lavoro.

24 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte

18. L'ordine dorico, da Bianchini


La redazione delleidotipo stata finalizzata al riconoscimento dei frammenti degli
elementi canonici della trabeazione dorica
28
. La fase successiva stata quindi dedicata

28
L'ordine dorico il primo e il pi antico degli ordini architettonici greci, nacque nel Peloponneso e si diffuse
nell'entroterra greco e nelle colonie greche in Italia. In questo ordine sono costruiti tutti i templi della Magna Grecia e
alcuni degli edifici pi importanti della Grecia stessa, fra cui il Partenone nell'Acropoli di Atene e il Tempio di Zeus
ad Olimpia. La fondazione del tempio era in genere in pietra locale ed chiamata euthynteria, su di essa poggiano i
gradini di accesso al tempio (crepidoma), inizialmente in numero di tre, aumenteranno con il tempo. L'ultimo gradino
detto stilobate, in quanto vi poggia direttamente la colonna, priva di base, che in greco detta Stilo. Il fusto della
colonna rastremato verso l'alto, per evidenziare la contrapposizione di forze tra il capitello e l'architrave. Inoltre il
fusto presenta delle scanalature poco profonde unite a spigolo vivo che esprimono una spinta ascendente e
accentuano l'effetto chiaroscuro.
Esso caratterizzato da un rigonfiamento a due terzi dell'altezza detto entasi, che serve a correggere l'illusione ottica
del restringimento generata in una fila di colonne perfettamente tronco-coniche. La colonna poteva avere un'altezza
da 4,5 a 6 volte il diametro della sua base. Il capitello dorico era formato dall'echino, una specie di "cuscinetto
rigonfio" a forma di guscio di riccio di mare, su cui poggiava l'abaco, che ha la forma di un parallelepipedo a base
quadrata. Sopra il capitello si trova la trabeazione. Dal basso verso l'alto, in questo ordine essa composta da un
architrave liscio formato da blocchi che si congiungono al centro della colonna per una maggiore stabilit, sopra
poggia il fregio, suddiviso alternativamente in metope (b), spazi rettangolari che potevano essere lisci, scolpiti o
dipinti, e triglifi (a), rettangoli solcati verticalmente. Tra l'architrave e il fregio vi un listello continuo detto tenia sul
quale sono applicati degli elementi rettangolare, le regulae (d) in corrispondenza dei triglifi. Sono decorati a gocce
(guttae). Il fregio dorico deve sempre iniziare con un triglifo. Al di sopra della trabeazione presente la cornice che
racchiude il timpano, uno spazio triangolare che andr ad accogliere le decorazioni frontonali. La cornice formata
da un geison orizzontale poggiante sulla trabeazione (e), e uno inclinato poggiante sul frontone. Su di questo posa una

25 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


alla ricostruzione del disegno dellordine attraverso la giustapposizione dei frammenti,
ed infine alla sua analisi metrica e morfologica.





Anche il mezzo fotografico ha fatto parte integrante di questa prima fase ed ha
consentito di potere catalogare i frammenti riconosciuti, soprattutto quelli di dimensioni
minori, per il loro studio e dimensionamento e per la successiva individuazione
allinterno delle nuvole di punti. Quando la risoluzione delle nuvole di punti non era
adeguata, stata utilizzata la foto-modellazione, di cui parleremo pi avanti, per
riempire i vuoti e per reperire, attraverso lesecuzioni di fotopiani, informazioni
metriche e dimensionali necessarie allo scaling delle nuvole di punti risultanti.
Il lavoro si poi concentrato sui dati acquisiti mediante scanner laser secondo processi
che, come vedremo, richiamano fortemente i metodi diretti del rilievo. Le nuvole di
punti hanno costituito unalternativa alla misurazione diretta degli oggetti che risultata
molto pi semplice da un punto di vista operativo, ma impegnativa per quanto riguarda
la definizione di metodologie per lestrazione di modelli discreti.

sima (f). Tra il fregio e la cornice vi una decorazione continua a gocce, leggermente inclinata per far sgocciolare
meglio l'acqua, qui per cambia il nome da regulae a mutuli. La copertura dell'edificio era solitamente in tegole
chiuse, talvolta in marmo. Il tetto era fornito di grondaia decorata sui lati lunghi con antefisse che avevano il doppio
compito di scarico delle acque piovane e di evitare che l'acqua filtrasse sotto il tetto. Le estremit del tetto e la
sommit dove iniziavano i due spioventi, erano decorati con imponenti acroteri. Numerosi sono gli accorgimenti
visivi utilizzati nellordine dorico dagli architetti greci, che volevano rendere la visione dei loro templi pi armoniosa
e perfetta. Per primo le colonne sono rastremate, ovvero il diametro si riduce man mano che dalla base si risale verso
la cima. La rastremazione per non uniforme: a circa un terzo del fusto presente un lieve rigonfiamento detto
entasi, che impediva alla colonna di sembrare innaturalmente sottile. Le colonne stesse, inoltre, non sono mai
perfettamente verticali, ma presentano una leggera inclinazione verso linterno o, nel caso delle quattro dangolo,
verso le diagonali alla base del tempio. Questo artificio serve a controbilanciare il senso di oppressione che si
proverebbe di fronte a una colonna che, se perfettamente verticale, parrebbe invece pendere verso di noi. Un ultimo
accorgimento quello che riguarda lo stilobate, che leggermente convesso al fine di dare la sensazione di essere
invece perfettamente orizzontale: se fosse orizzontale, infatti, la presenza della massiccia serie di colonne darebbe
origine a un'illusione ottica che, al contrario, lo farebbe sembrare concavo.
19. Campagna di rilievo del Tempio "G" 20. Misurazioni di un rocchio di colonna

26 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Il riconoscimento dei frammenti archeologici ed il loro isolamento hanno permesso
lacquisizione delle loro caratteristiche dimensionali con una buona risoluzione. La fase
di riconfigurazione dei frammenti, ovvero il loro corretto orientamento secondo i piani
di posa, ha permesso quindi di ottenere unanastilosi virtuale confrontabile con la
giustapposizione dei modelli discreti ricavati, attribuendo rigore a questa operazione e
dando anche interessanti informazioni sullo stato di degrado del monumento.
La fase di restituzione ha rappresentato, tuttavia, il momento pi interessante del lavoro,
poich, la riconfigurazione degli elementi discretizzati ha premesso di leggere i vuoti
della sezione costruttiva della trabeazione ed ha innescato un processo di ulteriore
indagine sui frammenti i quali, in parte, sono stati poi riconosciuti sulla base degli
aspetti morfologici e dimensionali che i suddetti vuoti rivelavano. La riconfigurazione
dei frammenti consente di avanzare unipotesi rigorosa della sua forma, secondo un
processo che attribuisce al rilievo il ruolo di momento metodologico di conoscenza e,
quindi, di rivelazione.


















27 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte



Metodi di rilievo: diretto, topografico, fotogrammetrico e con
laser scanner


























28 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


La disciplina del rilievo si attesta nel corso del Rinascimento attraverso lo studio dei
monumenti romani compiuti da architetti, artisti ed eruditi e trover il suo principale
campo di applicazione nellarchitettura allo scopo di documentare i manufatti storici. Si
possono distinguere due metodologie fondamentali: il rilievo diretto e il rilievo
indiretto.
Per rilievo diretto sintendono operazioni di misurazione a stretto contatto con i
manufatti, che prevedono lutilizzo di strumenti semplici che vengono stesi lungo le
superfici per misurarne lunghezze e stabilire allineamenti; il vantaggio quello di
conoscere in modo immediato, diretto per lappunto, le misure del manufatto e
consentire la verifica di eventuali errori in corso dopera.
Di rilievo indiretto si parla, invece, quando le misurazioni vengono effettuate con degli
strumenti ottici, meccanici o informatici di grande precisione che, per ottenere una
trasposizione grafica, richiedono calcoli pi o meno complessi da parte delloperatore.
Tale tecnica comincia a svilupparsi in Europa a partire dal XVII secolo, nellambito del
rilevamento del territorio, quando venivano impiegati dapprima il goniometro e pi
tardi il teodolite ottico-meccanico. Entrambi gli strumenti infatti erano in grado di
eseguire misurazioni di angoli cui seguivano operazioni
trigonometriche per la determinazione delle coordinate
dei punti rilevati. La misurazione di un punto avveniva
attraverso il metodo delle intersezioni in avanti, che
richiedeva letture angolari da due stazioni differenti.





21. Strumenti per il rilievo diretto
22. Teodolite ottico-meccanico

29 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Negli ultimi decenni, grazie ai progressi tecnologici, si sono potute sveltire queste
operazioni mediante lapplicazione di distanziometri elettronici ai comuni teodoliti
(stazione totale), in modo da associare la misurazione della distanza alla lettura
angolare. Ci ha consentito il riconoscimento di un punto ignoto a partire da una sola
stazione, sebbene risulti opportuno effettuare la lettura di angoli e distanze da un
secondo punto noto per risolvere il problema dellorientamento.
Attualmente, per, lutilizzo del teodolite, anche nella
sua versione pi evoluta, stato del tutto scalzato dalla
stazione totale, un sofisticato strumento di rilievo dotato
di un processore in grado di restituire in tempo reale le
coordinate spaziali dei punti rilevati utilizzando il
medesimo metodo di lettura di angoli e distanze.
Questo particolare apparecchio composto dal
basamento, che viene fissato a un treppiede per mezzo
di una vite centrale (comprende un piombo laser, che
serve per centrare il punto noto a terra, tre viti calanti
per la messa in bolla, e lalidada, dotata di cannocchiale,
mirino, bolla sferica, viti per i piccoli spostamenti) e da un computer provvisto di un
display e di una tastiera (comprendente tasti funzione per le principali operazioni, tasti
alfanumerici per linserimento dei dati e tasti di navigazione per spostarsi allinterno
dellinterfaccia del software).
Altro accessorio indispensabile infine il prisma
riflettente da posizionare sul punto da rilevare, che
possibile montare su unasta metallica (palina) oppure
su un treppiede. I punti da valutare attraverso i metodi
del rilievo indiretto topografico devono essere
univocamente definiti e riconoscibili in loco. Nella
prassi si usa materializzarli, ovvero farli corrispondere
ad oggetti riconoscibili sistemati appositamente che ne
fissano inequivocabilmente la posizione. I punti a terra
che costituiscono i vertici di una rete dinquadramento topografica, ad esempio,
vengono materializzati con chiodi speciali, detti appunto topografici, mentre i punti di
riferimento per la fotogrammetria e per i rilievi con laser-scanner sono segnalati con
marche metalliche bicolori a croce, ben visibili nei fotogrammi e nei file delle point-
clouds (perch rilevati ad una risoluzione maggiore).
23. Stazione totale
24. Prisma riflettente

30 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Questi vengono riferiti ad un
unica poligonale topografica che
consente di orientare scansioni
fatte anche in tempi diversi; nel
nostro caso, infatti, le scansioni
fatte per colmare i vuoti delle
nuvole di punti della precedente
campagna di rilievo (2005), sono
state orientate e sovrapposte a
queste proprio grazie allutilizzo della medesima poligonale topografica.
Le operazioni di rilievo fondate sulla fotografia, invece, rientrano nel campo di
applicazione della fotogrammetria, che la scienza che utilizza le immagini
fotografiche di un oggetto per ricavarne le dimensioni.
La fotogrammetria costituisce un supporto fondamentale alle operazioni di rilievo
poich proprio dalle prese fotografiche possibile derivare informazioni utili per la
definizione dimensionale degli elementi. Questo possibile quando si ha laccortezza di
scattare la fotografia facendo attenzione a porre il piano della pellicola in modo del tutto
parallelo allelemento di interesse, avvalendosi inoltre di un sistema metrico a cui
riferire le dimensioni delle singole parti. In particolare, nellarcheologia, prassi
comune utilizzare un telaio costituito da una maglia quadrata di dimensioni note a cui
riferire la zona interessata.
Qualora sia necessaria una maggiore precisione possibile effettuare fotopiani o,
tramite prese stereoscopiche
29
, da elaborare con fotomodellazione, ottenere
informazioni tridimensionali delloggetto.
Diversamente, il dato fotografico pu essere utilizzato solo come supporto figurativo
come, ad esempio, nel rilievo del degrado.

29
Leprese stereoscopiche sono coppie di fotografie dello stesso oggetto riprese secondo una direzione
differente. Langolo che separa queste due riprese pu essere simile a quello formato dagli occhi o anche
maggiore (iperstereoscopia). Per ottenere questo tipo di prese si pu ricorrere a speciali macchine dotate
di due obiettivi o utilizzare un normale apparecchio fotografico spostandolo tra una ripresa e laltra. Nel
fare questo lapparecchio deve essere mosso parallelamente ed necessario evitare variazioni di
inquadratura nel senso verticale.
25. Poligonale topografica d'appoggio utilizzata per i rilievi

31 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Il problema fondamentale dellutilizzo della fotografia nel rilievo che i fotogrammi
non sempre rispecchiano le condizioni ideali della prospettiva, infatti, anche usando
obiettivi con scarsa presenza di distorsioni non possibile ignorarne la presenza.
per questo che il fotogramma, quando viene utilizzato per processi fotogrammetrici,
deve essere calibrato neutralizzando in post processing le deformazioni della lente
attraverso i valori indicati nei certificati di calibrazione o via software mediante prese
fotografiche di specifiche griglie.
La fotogrammetria monoscopica consiste nel raddrizzamento di singoli fotogrammi da
cui si ricava una proiezione ortogonale di tipo bidimensionale chiamata fotopiano; la
fotogrammetria stereoscopica implica invece che loggetto sia fotografato da due punti
differenti in modo da ricavarne una visione tridimensionale; attraverso linserimento di
punti di coordinate note possibile riferire le misurazioni ad un sistema di coordinate
spaziali.
Questa scienza ha avuto ampio sviluppo a partire dallinizio del novecento nellambito
del rilevamento territoriale attraverso prese fotografiche da aeromobili
(aerofotogrammetria) ed in seguito ha trovato sempre pi numerose applicazioni, ad
esempio, nel rilievo di prospetti di edifici storici o in siti archeologici (fotogrammetria
terrestre).



26. Schema delle distorsioni a seconda dell'ottica utilizzata
27. Esempio di aerofotogrammetria e di fotogrammetria terrestre

32 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


La tecnologia pi recente infine il laser-scanner,
strumento largamente utilizzato in questo lavoro. Il laser
scanner effettua misurazioni automatiche di grandi quantit
di punti del suo campo visivo restituendo forme
tridimensionali riconoscibili.
Il laser scanner pu essere assimilato ad una stazione totale
motorizzata, in grado di acquisire le coordinate 3D dei punti
in tempi molto rapidi; al termine della scansione genera una
nuvola di punti che descrive in modo continuo la superficie delloggetto rilevato.
La mosaicatura di scansioni realizzate da stazioni diverse consente di acquisire tutte
quelle superfici in grado di definire la forma delloggetto.
Una classificazione di tali strumentazioni pu essere fatta in riferimento al principio su
cui si basa il funzionamento del sensore:
- Scanner laser a tempo di volo (TOF)
Lo strumento, dotato al suo interno di un emettitore
di impulsi laser, a scansione zenitale ed azimutale,
misura il tempo intercorso tra lemissione del
raggio luminoso e la riflessione dello stesso, a
mezzo di uno specchio rotante, sulloggetto da
rilevare (Time Of Flight), ottenendo la distanza tra
il centro dello strumento e il punto colpito, la cui
posizione determinata per coordinate polari e resa
in forma cartesiana secondo il sistema di
riferimento interno dello scanner.
Lutilizzo di questi particolari strumenti indicata per la scansione di ampie superfici.
Alla stessa categoria appartengono inoltre laser scanner, solitamente impiegati per il
monitoraggio ambientale, in grado di effettuare misurazioni a distanze superiori al
chilometro e dotati di un motore interno atto a consentire una rotazione completa
intorno allasse centrale, dispositivo che coadiuva lazione dello specchio rotante che
devia lemissione del raggio laser. La copertura di distanze cos importanti prevede un
livello di precisione attestato tra 3-5 mm, in cui il margine di errore direttamente
proporzionale alla distanza dello scanner dalloggetto. Una videocamera interna o una
macchina fotografica sincronizzata permette infine di acquisire le coordinate colore dei
singoli pixel e di associarle ai punti della nuvola.


28. Scanner laser Leica Scan
Station 2
29. Schema di funzionamento
scanner laser TOF

33 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


- Scanner laser a triangolazione ottica:
lo strumento dotato di un emettitore, che invia un fascio laser di angolo noto
attraverso delle lenti cilindriche, e di un sensore/camera CCD, posto ad una
distanza nota dallemettitore, che rileva lintensit
luminosa riflessa dalla superficie colpita, calcolandone
langolo dincidenza e determinando cos la posizione
del punto mediante triangolazione.
La scelta di queste apparecchiature opportuna per
distanze non superiori ai 2,5 m dalloggetto ma offrono
una precisione nel rilievo a livello sub-millimetrico, che le rende indicate soprattutto per
il rilievo di manufatti di dimensioni ridotte. Ne esistono sia a raggio laser che a luce
bianca, sono dotate anchesse, come le precedenti, di fotocamere atte ad acquisire e
restituire le coordinate colore di ciascun punto e la mosaicatura delle singole scansioni
si effettua per sovrapposizione di punti omologhi.
- Scanner laser a comparazione di fase:
lo scanner, attraverso un comparatore di fase,
calcola la distanza delloggetto dallo strumento a
seconda della differenza di fase tra londa emessa,
armonica e di ampiezza o frequenza nota, e londa
riflessa dalloggetto. Il suo funzionamento, per
quanto analogo a quello dello scanner laser TOF,
consente scansioni pi con un notevole risparmio di
tempo nellacquisizione dei dati snellendo le
operazioni di scansione sul campo.
Occorre ancora ricordare che queste tecnologie di nuova generazione sono in grado di
effettuare rilievi topografici di luoghi di varie dimensione e a differente scala
architettonica, sia di esterni che di interni, pur necessitando di una fase di elaborazione
dei dati acquisiti che potrebbe apparire piuttosto impegnativa.
Le suddette tecnologie di rilievo sono state illustrate poich, come affermato dal
Bianchini: Gli sviluppi degli ultimi anni sono stati quelli di una crescente integrazione
tra le varie tecniche del rilievo indiretto, particolarmente nel campo della
documentazione dei beni culturali, le quali trovano una affiatata complementarit in una
gerarchica suddivisione di compiti che appare coerente con i fondamenti metodologici
delle procedure di misurazione.

30. Schema di funzionamento dello
scanner laser a triangolazione ottica
31. Differenza di fase tra onda emessa e
onda riflessa

34 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Alla stazione totale infatti assegnato il compito di creare delle reti di inquadramento di
vertici topografici organizzati gerarchicamente in capisaldi primari e secondari, con una
precisione via via decrescente ma si ragiona su valori molto piccoli ben al di sotto
dei limiti di tolleranza stabiliti cui collegata in ultimo luogo una maglia di punti
particolari, contrassegnati da apposite marche, che costituiscono i riferimenti visivi per
le riprese fotogrammetriche e con il laserscanner. A questi ultimi due tipi di
strumentazioni spetta pertanto il ruolo di documentare il dettaglio dei manufatti
sostituendosi totalmente al rilievo diretto. Le due tecniche tendono verso la massima
reciproca integrazione in quanto la fotogrammetria stereoscopica viene utilizzata per
rivestire le nuvole di punti tridimensionali ottenute con il laser scanner spalmandovi
sopra le immagini fotografiche ortorettificate
30
.
Le restituzioni conseguite per mezzo di questi strumenti vengono elaborate tramite
appositi software, in una fase definita post-processing, cui segue la realizzazione di
modelli tridimensionali per applicazioni di realt virtuale e aumentata.
La difficolt di lettura dei manufatti archeologici, di cui spesso non sono riconoscibili i
frammenti ed il loro ruolo allinterno dellorganismo, pone il problema di riuscire ad
individuarne le tracce significative e metterle in evidenza nel disegno attraverso
limpegno intellettuale di chi opera il rilievo. Il processo di generazione di modelli
matematici attraverso lacquisizione di nuvole di punti, ad esempio, tramite
lorientamento dei frammenti, lestrazione di sezioni, la ricerca di piani di posa, la
base dellinterpretazione geometrica del frammento archeologico.












30
M.Bianchini

35 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte



Processi di supporto al rilievo: il fotopiano e la fotomodellazione






















36 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Il fotopiano
I fotopiani dei frammenti sono stati eseguiti utilizzando misure acquisite con metodo
diretto.
I fotopiani sono immagini ottenute attraverso la trasformazioni di proiezioni centrali (le
prese fotografiche) in proiezioni parallele ortogonali al piano prescelto. L'operazione
stata effettuata con il software RDF attraverso l'individuazione di un numero congruente
di rette parallele. La prima operazione da compiere consiste nelleffettuare la presa
fotografica e nel rilievare punti riconoscibili distribuiti uniformemente ed appartenenti
ad uno stesso piano.

33. Selezione delle rette orizzontali e verticali

32. Misure rilevate con metodo diretto

37 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Attraverso lapposito comando si assegnano un numero minimo di quattro rette o
quattro punti di cui nota la direzione o la posizione. Il raddrizzamento verr eseguito
sfruttando la corrispondenza omografica tra la proiezione del piano descritto da tali rette
o punti ed il piano proiettato ortogonalmente sul quadro in vera forma e grandezza. Se i
punti sono pi di quattro il programma effettua calcoli alternativi che consentono di
valutare la precisione del fotopiano.

34. Calcolo dei punti di fuga


35. Calcolo dei parametri

38 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Individuate le rette che, a raddrizzamento avvenuto, dovranno risultare orizzontali e
verticali, quindi si passa al calcolo dei punti di fuga e dei conseguenti parametri di
correzione, automaticamente effettuato dal programma.

36. Selezione dell'area di campionamento


Si procede, quindi, con la selezione dell'area che ci interessa raddrizzare e si definisce il
rapporto x/y reale delle distanze fra i punti scelti ed il valore in metri di un pixel, tramite
il quale il software ci fornisce automaticamente informazioni relative alla risoluzione e
alla dimensione dell'immagine corretta.

37. Inserimento delle misure rilevate


E' possibile, quindi, verificare le operazioni svolte attraverso un'anteprima e, se tutto
risulta congruente, concludere la procedura avviando la trasformazione tramite il
comando RDF.

39 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte

38. Visualizzazione dell'anteprima


Limmagine raddrizzata rappresenta il profilo del frammento in vera forma e grandezza
e questo verificabile importando tale immagine come raster in un programma CAD ed
effettuando delle misurazioni.

39. Fotopiano importato in programma CAD






40 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Sar quindi possibile ricostruire idealmente il profilo del frammento e tramite un
processo di estrusione ricavarne un modello discreto.

40. Estrazione del modello discreto tramite processo di estrusione

















41 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


La fotomodellazione
La fotomodellazione dei frammenti stata effettuata con Photomodeler scanner,
sofware che consente la generazione di nuvole di punti a partire da prese
stereoscopiche.

41. Coppie stereoscopiche


Il software utilizza coppie di prese fotografiche che, non corrispondendo ad una
prospettiva geometrica ideale, subiscono distorsioni radiali e tangenziali pi o meno
grandi a seconda dell ottica utilizzata. Le informazioni quantitative circa i parametri di
correzione possono essere tratte dai certificati di calibrazione delle ottiche, nel caso di
macchine fotogrammetriche, o nel caso di apparecchi fotografici semplici, tramite il
processo di calibrazione che viene eseguito elaborando fotografie di una griglia di punti
in dotazione (orientamento interno) capace di restituire i valori di distorsione
dellimmagine punto per punto a seconda delle caratteristiche delle ottiche usate.

42. Calibrazione delle distorsioni ottiche tramite griglia in dotazione

42 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


La prima operazione da compiere il riferimento reciproco delle prese a partire da punti
omologhi scelti nelle zone di sovrapposizione (orientamento esterno relativo).

43. Scelta dei punti omologhi nelle zone di sovrapposizione


Il numero dei punti scelti determina lapprossimazione del risultato e quindi lerrore
commesso; questultimo verificabile processando il progetto e leggendo lerrore
risultante dall operazione.

44. Calcolo dell'errore


Nella fase successiva di effettua l idealizzazione di tutte le immagini adoperate; tramite
questo processo il software in grado di applicare inversamente alle singole immagini i
valori di distorsione generati per mezzo della calibrazione trasformando le fotografie in
vere e proprie prospettive ideali.

43 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


Dopo questo processo possibile notare come le distorsioni di una presa fotografica
siano pi concentrate verso lesterno dellimmagine.

45. Idealizzazione delle prese fotografiche


Lultima operazione consiste nella selezione dellarea di campionamento, che deve
appartenere alla zona di sovrapposizione delle coppie di fotografie.

46. Selezione dell'area di campionamento





44 Rilievo e anastilosi virtuale della peristasi meridionale del tempio G di Selinunte


E quindi possibile avviare la generazione della nuvola di punti decidendo il sampling
rate ovvero la distanza minima di due punti della nuvola che sar generata.

47. Parametri di generazione della nuvola di punti


Occorrer a questo punto effettuare lo scaling della nuvola di punti ottenuta, avendo
avuto cura di effettuare delle misurazioni del frammento sia per via diretta che
attraverso stazione totale.

48. Nuvola di punti da fotomodellazione


La nuvola di punti ottenuta pu essere quindi direttamente controllata, elaborata,
misurata o, tramite il processo di triangolazione, trasformata in una in mesh in grado di
mantenere la mappatura delle textures. Il risultato un valido ausilio ai fini del rilievo
in quanto consente di ricavare, con buona precisione e a basso costo, profili, misurare
distanze ed estrarre sezioni utili alla comprensione degli elementi architettonici in
esame.

45 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

Anastilosi virtuale dei frammenti, generazione del modello
discreto e restituzione dei contenuti emersi


















46 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Ilcrepidoma
Lanastilosi e la ricostruzione virtuale della peristasi sud del tempio G pongono come
prima problematica quella di inquadrare la successione di colonne allinterno di una
precisa dimensione del crepidoma, individuando in maniera esatta la dimensione
dellintercolumnio e la distanza della colonna dal bordo dello stilobate. Per la procedura
stato applicato il rilievo laser-scanner ottenuto durante la campagna di rilevamenti
svolta nel 2005 nellambito del workshop Tecniche innovative per il rilevamenti dei
beni archeologici promosso dal Dipartimento di Rappresentazione dellArchitettura
dell Universit di Palermo e dal dipartimento di Expressi Grafica Arquitectonica del
Politecnico di Barcellona (ETSAB).

49. Scansione del tempio e poligonale topografica











47 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Il rilievo della lunghezza dello stilobate stato basato sullindividuazione di un piano
approssimato alla superficie verticale nel fronte Ovest e nel fronte Est.
A partire da questi piani di riferimento si rintracciata, mediante software, la distanza
tra i piani misurata secondo la normale a questi che approssimabile alla misura
ricercata.


50. Approssimazione di un piano alle superfici verticali dello silobate
.

51. Misura della distanza tra i piani individuati





48 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
La medesima operazione stata effettuata per i fronti Nord e Sud.

52. Approssimazione di un piano alle superfici verticali dello silobate

53. Misura della distanza tra i piani individuati

Si quindi giunti ad dimensionare i lati del rettangolo che descrive lo stilobate in


112,84 x 50,92 m.



49 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Laltezza massima dello stilobate stata rilevata generando il piano di riferimento
passante per i punti riconoscibili e misurandone la distanza con il livello pi basso di
posa dei frammenti. Laltezza rilevata di 1, 76 m, compatibile con la ricostruzione
effettuata da Hulot e Fourget da cui risulta pari a 1,80m.

54. Approssimazione del piano superiore dello stilobate

55. Misura dell'altezza dello stilobate





50 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
La posizione della peristasi rispetto allo stilobate stata rintracciata attraverso la
sezione della nuvola di punti prima al livello dello stilobate e poi al livello delle
colonne. Le due sezioni sono poi state importate allinterno di un sofware CAD per
approssimarne la configurazione geometrica e misurarne le distanze cercate.

56. Sezioni della nuvola di punti a quote differenti

57. Estrazione delle informazioni dimensionali cercate da software CAD





51 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Da queste operazioni stata dedotta la distanza media dellimoscapo dal bordo dello
stilobate; equivalente a 25 cm, ed una misura media dellintercolumnio le cui variazioni
sono probabilmente ascrivibili ai dissesti causati dal crollo pari a 6,63 m.

58. Misurazione delle sezioni estratte dalla nuvola di punti















52 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

Lesito degli studi sul crepidoma e sul posizionamento della peristasi stato
rappresentato tramite una planimetria in scala 1:200. La sovrapposizione alla nuvola di
punti conferma le ipotesi fatte, poich anche i frammenti delle basi delle colonne non
considerate in questo studio risultano congruenti alla posizione degli imoscapi
ipotizzati.

59. Restituzione planimetrica dello stilobate e delle colonne del fronte Sud














53 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

Analisi di quattro colonne del fronte sud

Lindagine finalizzata al rilevamento e la restituzione di un modello scientifico della
colonna stata effettuata servendosi della nuvola di punti integrata dal rilievo di
maggior dettaglio effettuato nel corso dell elaborazione di questa tesi.
Si scelto di lavorare su quattro colonne in buono stato di conservazione che
corrispondono alle colonne 6, 7, 8 e 9 del fronte Sud da occidente.
Le colonne sono state individuate su una mappa dinsieme ed elaborate in ordine di
numerazione.

60. Mappa d'insieme delle colonne oggetto di studio



Va osservato che le colonne del tempio G, con leccezione di pochi casi isolati, sono
prive di scalanatura. Il tempio non ha mai raggiunto, quindi, la sua fase ultima di
definizione.





6
7
8
9

54 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Colonna 6
Della colonna sono sicuramente riconoscibili quattro rocchi rimasti allineati dopo la
caduta.

61. Mappa dei frammenti riconosciuti della colonna 6



Lelemento A viene isolato dalla nuvola di punti
e riferito al piano orizzontale facendo passare un
piano di riferimento per i punti del suo piano di
posa superiore. Si ricava dunque una terna di assi
orientata secondo tale piano e si genera una
matrice di roto-traslazione per allineare le
coordinate della terna agli assi principali


Vengono quindi eseguite una serie di sezioni
orizzontali che verranno importate in un
programma CAD.



A
B
C
D
A
62. Orientamento rispetto al piano orizzontale
63. Estrazione di sezioni orizzontali

55 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Le singole sezioni vengono approssimate a
circonferenze e, dallunione dei centri, viene
ricavato lasse del rocchio. La proiezione
orizzontale dellasse trovato viene utilizzata per
allineare correttamente i rocchi studiati. Gli scarti
nelle direzioni di queste rette, fra rocchi
successivi, corrispondono alle rotazioni secondo
assi ortogonali al piano di posa verificatesi nel
crollo.
Questa operazione viene eseguita imponendo una
matrice di roto-traslazione alla nuvola assegnando
come trasformazione il solo valore dellangolo
orizzontale trovato. Con queste operazioni la
nuvola di punti rappresentante il frammento stata
riferita al piano orizzontale e perfettamente
orientata secondo linclinazione della proiezione
orizzontale dellasse.














64. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali
65. Misura dell'angolo orizzontale di rotazione
del frammento
66. Correzione dell'orientamento del frammento

56 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

Le stesse operazioni vengono eseguite per il rocchio B:




























B
67. Isolamento del frammento e ricerca del piano
di posa orizzontale
68. Generazione di una terna di assi riferita al
piano e rototraslazione del frammento
69. Estrazione delle sezioni orizzontali 70. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali e lettura del valore angolare di
correzione
71. Correzione dell'orientamento orizzontale del
frammento mediante imposizione di una
rotazione secondo l'asse Z

57 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Le stesse operazioni vengono eseguite per il rocchio C e D:






















I valori angolari di correzione trovati non presentano significative anomalie e possono
essere considerati attendibili per rotazioni subite in caduta.


C
D
72. Isolamento del frammento C e ricerca del
piano di posa orizzontale
73. Generazione di una terna di assi riferita al
piano, rototraslazione del frammento ed
estrazione di sezioni orizzontali
74. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali e lettura del valore angolare di
correzione
75. Isolamento del frammento D e ricerca del
piano di posa orizzontale
76. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali e lettura del valore angolare di
correzione

58 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Le nuvole dei rocchi, correttamente orientate, vengono poi giustapposte grazie ai piani
di posa trovati in modo da potere misurare lentasi in prossimit del terzo dellaltezza
del fusto della colonna.



















77. Giustapposizione dei singoli rocchi 78. Misura dell'entasi

59 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Colonna 7
Della colonna sono
riconoscibili quattro
rocchi rimasti allineati
dopo la caduta, anche
questi vengono
nominati in ordine di
elaborazione.





Vengo eseguite le medesime operazione fatte per la colonna 6.













A
B
C
D
79. Mappa dei frammenti riconosciuti della colonna 7
A
80. Isolamento del frammento A e ricerca del
piano di posa orizzontale
81. Generazione di una terna di assi riferita al
piano, rototraslazione del frammento ed
estrazione di sezioni orizzontali
82. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali e lettura del valore angolare di
correzione

60 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
























84. Generazione di una terna di assi riferita al


piano, rototraslazione del frammento ed
estrazione di sezioni orizzontali

85. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali e lettura del valore angolare di
correzione
C
83. Isolamento del frammento B e ricerca del
piano di posa orizzontale
86. Isolamento del frammento C e ricerca del
piano di posa orizzontale
87. Generazione di una terna di assi riferita al
piano, rototraslazione del frammento ed
estrazione di sezioni orizzontali
88. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali e lettura del valore angolare di
correzione

B

61 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
















I valori angolari di correzione trovati non presentano significative anomalie e possono
essere considerati attendibili per rotazioni subite in caduta.


92. Giustapposizione dei frammenti orientati e misura dellentasi



D
89. Isolamento del frammento D e ricerca del
piano di posa orizzontale
90. Generazione di una terna di assi riferita al
piano, rototraslazione del frammento ed
estrazione di sezioni orizzontali
91. Approssimazione geometrica delle sezioni
orizzontali e lettura del valore angolare di
correzione

62 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Colonna 8
Della colonna sono
riconoscibili nove
rocchi rimasti allineati
dopo la caduta, questi
vengono nominati in
ordine di elaborazione.






Vengo eseguite le medesime operazione fatte per la colonna 6 e 7:

94. Procedura eseguita sullelemento A e misura dellangolo di correzione

95. Procedura eseguita sullelemento B e misura dellangolo di correzione

A
B
A
B
C
D
E
F
G
H
I
93. Mappa dei frammenti riconosciuti della colonna 8

63 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

96. Procedura eseguita sullelemento C e misura dellangolo di correzione


97. Procedura eseguita sullelemento D e misura dellangolo di correzione


98. Procedura eseguita sullelemento E e misura dellangolo di correzione


C
D
E

64 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

99. Procedura eseguita sullelemento F e misura dellangolo di correzione


100. Procedura eseguita sullelemento G e misura dellangolo di correzione


101. Procedura eseguita sullelemento H e misura dellangolo di correzione


F
G
H

65 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

102. Elemento I (capitello) orientato secondo il piano orizzontale


103. Procedura eseguita sullelemento I e misura dellangolo di correzione
Gli angoli trovati non presentano significative anomalie e possono essere considerati
attendibili per quanto riguarda le rotazioni subite in caduta.

104. Anastilosi della colonna 8



I
I

66 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Colonna 9
Della colonna sono
riconoscibili sei rocchi
rimasti allineati dopo la
caduta, questi vengono
nominati in ordine di
elaborazione.




Vengo eseguite le medesime operazione fatte per la colonna 6, 7 ed 8.

106. Procedura eseguita sullelemento A e misura dellangolo di correzione


107. Procedura eseguita sullelemento B e misura dellangolo di correzione


A
B
A
B
C
D
E
F
105. Mappa dei frammenti riconosciuti della colonna 9

67 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

108. Procedura eseguita sullelemento C e misura dellangolo di correzione


109. Procedura eseguita sullelemento D e misura dellangolo di correzione


110. Procedura eseguita sullelemento E e misura dellangolo di correzione







C
D
E

68 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte


111. Procedura eseguita sullelemento F e misura dellangolo di correzione

Gli angoli trovati non presentano significative anomalie e possono essere considerati
attendibili per quanto riguarda le rotazioni subite in caduta.

112. Anastilosi della colonna 9









F

69 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Da questo studio sulle quattro colonne stato possibile reperire i dati necessari per
ottenerne un modello discreto. E stata utilizzata come riferimento la colonna 8 perch
meglio conservata e rispondente dimensionalmente ai valori medi trovati.

113. Anastilosi della colonna 8

Si dapprima isolato il capitello allo scopo di modellare il solo fusto della colonna;
sono state quindi importate sulla nuvola di punti le sezioni del fusto ricavate dalle
circonferenze orizzontali tramite le quali stato possibile estrarre la posizione dellasse
della colonna che, come noto, risulta inclinato per correzione ottica verso la cella. E
stato poi ricavato il profilo della colonna e,attraverso un processo di rivoluzione attorno
al suddetto asse, ne stato modellato il fusto.

114. Isolamento del fusto, estrazione dellasse e modellazione tramite rivoluzione del profilo della colonna

70 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Per la modellazione del capitello di proceduto misurando le dimensioni dellabaco e
costruendo il parallelepipedo che lo rappresenta.

115. Modellazione dellechino


Si poi estratto il profilo dellechino, successivamente modellato per rivoluzione, e
sono poi stati fatti coincidere gli assi dei frammenti per ricavare il modello completo
della colonna.

116. Modellazione dellabaco e modello completo della colonna

Dalla restituzione grafica della colonna, in


scala 1:10, possibile leggere, oltre alle
misure di massima, i valori angolari
corrispondenti alle sue deformazioni ottiche.



117. Restituzione del modello delle colonne del fronte Sud e sovrapposizione delle anastilosi effettuate
118. Pianta e viste frontale e laterale della colonna

71 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

Considerazioni sulle correzioni ottiche della colonna

Il rilievo comparato delle colonne suddette ha confermato la presenza delle pi comuni
correzioni ottiche che venivano imposte alla colonna dorica: inclinazione dellasse che
risulta di un valore angolare di 1,2 deg ed entasi. Questa, ad esclusione della colonna 6,
risulta approssimativamente uniforme ed quindi ipotizzabile che, sebbene il tempio
non fosse del tutto finito, questa correzione ottica sia stata imposta alle colonne nello
stadio di lavorazione preliminare a quello della scalanatura.



119. Confronto dellentasi nelle anastilosi operate




72 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
La trabeazione
La modellazione del blocco di trabeazione stato eseguito confrontando gli aspetti
morfologici e dimensionali di tre frammenti riconosciuti lungo il fronte sud.

120. Mappa dinsieme dei frammenti di trabeazione riconosciuti

Il frammento A viene isolato e riferito al piano orizzontale per poi essere sezionato
secondo un piano orizzontale. Tale sezione permette di ruotare successivamente il
blocco intorno allasse z affinch le sue facce risultino parallele ai piani coordinati.

121. Orientamento del frammento A secondo il piano orizzontale e misura del valore angolare di correzione
dellorientamento




A
C
B
A

73 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Loggetto viene quindi sezionato secondo i tre piani coordinati e le sezioni vengono
esportate in un software CAD per indagarne forma e dimensioni e costruirne il modello.

122. Sezioni del frammento secondo i piani coordinati


123. Studio delle sezioni estratte dal modello

124. Costruzione del modello discreto della trabeazione



74 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Le medesime operazioni verranno eseguite sui frammenti B e C; viene quindi eseguito
un confronto dimensionale tra i blocchi utile ad individuare scarti dovuti allo stato
frammentario e corroso degli elementi rilevati.

125. Orientamento del frammento B

126. Sezione del frammento secondo i piani coordinati

127. Analisi morfologica e dimensionale delle sezioni operate

75 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

128.Nuvola di punti del frammento C

129.Misura dellangolo di rotazione intorno a z e sua applicazione alla nuvola di punti

130.Studio delle sezioni estratte e generazione del modello discreto







C

76 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
E dunque possibile, attraverso i dati ricavati e la conoscenza della dimensione
dellintercolumnio del fronte realizzare il modello matematico di questo elemento.

131. Restituzione del modello del fronte Sud con elemento di trabeazione e sovrapposizione delle anastilosi
effettuate

132. Pianta e vista frontale e laterale della trabeazione








77 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Blocchi a tenia, regula e guttae
Il rilevamento di questi elementi, posti nella parte sommitale della trabeazione, stato
eseguito confrontando due frammenti rinvenuti lungo il fronte sud ed uno nei pressi del
fronte nord.

133. Riconoscimento del frammento tenia nella nuvola di punti


La nuvola di punti del blocco con tenia stata isolata, orientata e sezionata per
studiarne forma e dimensione.

134. Orientamento del frammento e studio delle sue sezioni

78 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Il frammento del blocco con regula e guttae, non presente nelle scansioni laser, stato
rilevato tramite foto modellazione. La nuvola di punti generata stata orientata,
sezionata e studiata dimensionalmente con i metodi gi descritti.

135. Fotomodellazione dellelemento regula e guttae

136. Orientamento della nuvola di punti e studio delle sue sezioni

79 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Il terzo frammento, appartenente al fronte nord, stato rilevato tramite
fotomodellazione e studiato tramite programma CAD, i valori dimensionali si sono
rivelati compatibili con i frammenti precedentemente studiati; per questa ragione e per il
suo ottimo stato di conservazione stato utilizzato per lelaborazione del modello.

137. Orientamento della nuvola di punti e studio delle sue sezioni

138. Costruzione del modello discreto



139. Elemento regula e guttae in proiezione ortogonale e restituzione del modello del fronte Sud con
sovrapposizione delle nuvole di punti

80 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Il triglifo
Il triglifo, elemento
fondamentale del
fregio dellordine
dorico, e stato
riconosciuto nei pressi
delle colonne
precedentemente
descritte. Le procedure
per la generazione del
modello discreto non
sono state applicare a
causa dei vuoti
presenti nella nuvola di punti. Per questo motivo si scelto di integrare questultima con
una nuvola di punti ottenuta tramite fotomodellazione. Tale nuvola stata allineata alla
precedente individuando tre punti omologhi.
La nuvola di punti ottenuta stata quindi elaborata secondo le procedure gi descritte ed
stato costruito il modello.


141. Frammento del triglifo isolato dal quale possibile notare la bassa densit di punti sulla faccia frontale

140. Riconoscimento del triglifo nella nuvola di punti

81 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

142. Fotomodellazione del triglifo e nuvola di punti generata




143. Registrazione delle due nuvole di punti
144. Studio morfologico e dimensionale della nuvola di punti ottenuta dalla registrazione

82 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

145. Modello del triglifo

146. Proiezioni ortogonali del triglifo

147. Restituzione del modello del fronte Sud con triglifo e sovrapposizione delle anastilosi effettuate

83 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Il geison
Lelemento geison,
che sovrastava il
fregio ed era la
cornice del tempio,
stato ricosciuto in
prossimit delle
colonne studiate. La
scansione laser, anche
in questo caso, non
possiede una
risoluzione sufficiente
allelaborazione dei
dati. E stato quindi necessario integrare lo studio tramite lesecuzione di un fotopiano
Dalla nuvola di punti stato possibile dedurre le misure di massima per lo scaling del
fotopiano, e da questo si sono potute leggere le misure di dettaglio utili per la
realizzazione del modello.


149. Nuvola di punti del geison orientata 150. Fotopiano del geison e misurazione del suo profilo

148. Nuvola di punti del settore di studio B

84 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

151. Sezioni della nuvola di punti

152. Misurazioni della nuvola di punti


153. Creazione del modello del geison 154. Proiezioni ortogonali del geison




85 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
La modanatura a becco di civetta
Lultimo elemento
dellordine un
parallelepipedo con
una faccia che
presenta una
modanatura. Questa,
per il suo particolare
profilo, detta a
becco di civetta. Pur
essendo molto diffuso
fra le rovine del
tempio, il suo
riconoscimento nella scansione laser risulta piuttosto difficoltoso a causa della sua
dimensione ridotta. Le nuvole di punti, anche se isolate, si sono rivelate difficili da
orientare e inadatte alla ricerca dei piani di posa a causa della loro bassa risoluzione.
Analizzando le caratteristiche geometriche dellelemento (un profilo estruso) si perci
scelto di ricavarne il modello attraverso lesecuzione di un fotopiano che stato
dimensionato attraverso il rilievo diretto delle dimensioni di massima del frammento.












155. Elemento con modanatura a becco di civetta
156. Nuvola di punti del frammento 157. Fotopiano ed estrazione delle misure
necessarie alla modellazione dellelemento

158. Modello discreto

159. Proiezione laterale dellelemento e studio


geometrico della modanatura

86 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Anastilosi e studio della peristasi e della sezione costruttiva

Dai modelli discreti dei frammenti riconosciuti e studiati stato possibile giungere
allanastilosi e alla ricostruzione della peristasi meridionale mediante la loro
giustapposizione secondo i piani di posa trovati. E stato quindi possibile riconfigurare i
frammenti studiati nella loro posizione originale ed ottenere una rappresentazione del
fronte.

160. Sovrapposizione della ricostruzione dellordine e dellanastilosi dei frammenti oggetto di studio

161. Ricostruzione dellordine

87 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Il ricollocamento dei frammenti ha permesso, inoltre, di estrarre la sezione costruttiva
dellarchitrave e del fregio e di potere ragionare sui suoi vuoti. Partendo da studi
ricostruttivi affrontati in campo archeologico su monumenti simili e dal
dimensionamento dei suddetti vuoti, stato possibile riconoscere in situ ulteriori
frammenti che, non essendo caratterizzati architettonicamente, non palesavano il proprio
ruolo allinterno dellordine. Si cos giunti a colmare queste lacune, prima inserendo
tali frammenti al suo interno e poi ipotizzando una configurazione verosimile della
sezione costruttiva.

162. Sezione costruttiva con frammenti riconoscibili, con frammenti riconosciuti grazie a misurazioni in
funzione vuoti ed ipotesi definitiva

163. Assonometria della ricostruzione dellordine 164. Spaccato assonometrico dellipotesi ricostruttiva

88 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

165. Rese visuali dellordine ricostruito


La ricostruzione stata poi giustapposta alla ricostruzione della cella realizzata da F.
Giammusso nella tesi di laurea Rilievo e lettura archeologica per lanastilosi virtuale di
una porzione del tempio G di Selinunte presentata presso questa facolt (CdL
CRBAA) nel corso dellanno accademico 2009/2010. Si cos potuta confrontare la
sezione del tempio risultante con la ricostruzione gi citata di Hulot e Fourgres
attraverso studi proporzionali e dimensionali.

166. Studio proporzionale dellordine e giustapposizione con ricostruzione della cella

89 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

167. Resa visuale della peristasi meridionale e della cella

168. Confronto con ricostruzione di Hulot e Fourgres

90 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

Metodi alternativi di fruizione del bene monumentale:
la realt aumentata e la realt virtuale

91 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Liter conoscitivo del sito archeologico di Selinunte, che ha permesso di sviluppare una
metodologia di ricerca a partire dallindagine storiografica e dal rilievo si pone il fine di
restituire il monumento e la sua storia anche ad unutenza non specializzata, indagando
sulle possibilit offerte da nuovi sistemi di fruizione del bene monumentale.
La presentazione degli esiti di questi studi stata concepita attraverso due modalit
prevalenti, di cui una diretta, tramite realt aumentata (sperimentata in loco mediante
caschetto, tramite pannelli informativi, attraverso un sistema di marker, e come
contributo addizionale alle guide museali), e laltra indiretta con la programmazione di
supporti multimediali informatici che trovano fondamento nella realt virtuale.

169. Sperimentazione di unapplicazione di realt aumentata mediante guide informative fruibili con web-cam

La Realt Aumentata (dall'inglese Augmented Reality) un sistema di grafica interattiva
che consente linserimento di oggetti virtuali in una scena reale. Questa genera quindi
una resa visuale che una combinazione della scena reale e di quella virtuale processata
e integrata dal computer e determinata dallallineamento costante dei due mondi
attraverso opportuni processi di registrazione.

170.Rese visuali tratte dalla sperimentazione diretta di fruizione tramite realt aumentata sulle rovine del
tempio G

92 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
I software per la realt aumentata sono dotati di particolari dispositivi di rendering e
tracciamento che, individuando dei punti fissi in uno spazio, tracciano delle forme e vi
agganciano gli oggetti virtuali desiderati (immagini, flusso, video, oggetti, scritte 3D,
personaggi virtuali, ecc.), permettendogli di seguire in tempo reale tutti i movimenti del
fruitore. Le prestazioni in Realt Aumentata non sono univocamente vincolate alluso di
occhiali speciali ma possono anche essere utilizzate mediante computer muniti di
webcam, schermi preposti e palmari.

171. Occhiali dotati di schermi stereoscopici e auricolari 172. Applicazione di realt aumentata su
smartphone funzionante tramite appositi
marker stampabili

Il problema fondamentale di elaborazione costituito dalla restituzione prospettica


delloggetto. Questa viene determinata dal software attraverso lindividuazione della
posizione dellosservatore e dalla direzione dello sguardo (tracking). La posizione
dellosservatore viene calcolata con lausilio di segnali monocromatici (marker
tracking) o di immagini a toni di colore(texture tracking) la cui vera forma e grandezza
viene riconosciuta attraverso limmagine deformata dalla prospettiva. Sono gi in corso
sperimentazioni sullutilizzo della realt aumentata come sistema alternativo di
fruizione di beni monumentali e archeologici come, ad esempio quello di Archeoguide,
Augmented reality-based cultural heritage on site-guide che, tramite un sistema
finanziato dalla UE, dal 2001 permette di visitare ricostruzioni tridimensionali come
quella del tempio di Hera a Olimpia direttamente sul posto, utilizzando il sistema come
una guida personalizzata in grado di fornire informazioni multimediali adeguandole alla
posizione del visitatore rispetto ai monumenti. Il sistema dota i visitatori di ununit
mobile (un computer portatile) e di un visore da indossare come un paio di occhiali
contenente una videocamera ed un altoparlante.
Tramite il computer lutente fornisce un profilo utente ed il sistema lo guida attraverso
il luogo fornendo in tempo reale informazioni audiovisive relative alla posizione e
filtrate in funzione del profilo personale.

93 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

173. Rese visuali di applicazioni di realt aumentata realizzate da Archeoguide, Augmented reality-based
cultural heritage on site-guide
Leccezionalit della realt virtuale invece sta nel fatto che ci consente una pi corretta
ed esauriente fruizione dello spazio ricostruito tale che questo, come nella realt, possa
essere esplorato liberamente dallutente scegliendo tra una pluralit di possibili percorsi.
Per rispondere a questa esigenza esistono fondamentalmente due sistemi. Una prima
soluzione consiste nel girare pi filmati, lungo vari percorsi, i quali potranno essere
successivamente combinati allinterno di un programma di authoring multimediale.
Questo genere di software serve a confezionare prodotti divulgativi, destinati a CD,
DVD o a siti WEB, mettendo insieme file di diverso tipo (video, audio, testo, fotografie)
e rendendoli fruibili in modo interattivo.
La navigazione di modelli tridimensionali ha luogo a partire da una homepage nella
quale viene selezionato uno dei percorsi proposti, che avviano una determinata
animazione intervallata da una serie di punti di sosta dai quali possibile avere accesso
a vari contenuti informativi (immagini fotografiche, tabelle) o ad un nuovo percorso
animato verso unaltra direzione.
Unaltra soluzione possibile invece quella della navigazione in tempo reale.
In questo senso, software di Real Time Rendering hanno aggiunto ulteriori funzioni
necessarie a muoversi nello spazio 3d (ad esempio, il comando Orbita, per mezzo del
quale possibile ruotare liberamente il modello in ogni direzione, o lo stesso comando
combinato con i tradizionali Zoom e Pan, per effettuare manovre di avvicinamento o
allontanamento e piccoli spostamenti laterali). Alcuni software stanno aggiungendo
nuove funzionalit che consentono di muoversi anche allinterno di ambienti chiusi,
come ad esempio il comando Walk oppure il comando Looking around il quale, dopo
aver compiuto un percorso lineare allinterno del modello, permette di girarsi e
guardarsi intorno.



94 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Il vantaggio di questi sistemi dunque, rispetto alle animazioni girate con le camere,
consiste nellimmediata scoperta del modello, senza la lunga attesa della scansione di
una sequenza di fotogrammi. Nonostante i notevoli pregi occorre comunque precisare
che il maggior difetto risiede in una peggiore qualit delle immagini visualizzate.
Infatti, poich ci si muove nel modello cambiando continuamente posizione, ogni
minimo spostamento determina il ricalcolo della resa di tutti gli oggetti della scena da
parte del programma. Se attivando il rendering esso impiega diverse decine di secondi
per produrre un singolo fotogramma realistico con luci, ombre e textures, un calcolo che
deve svolgersi in una frazione di secondo, cio in tempo reale rispetto al percorso
seguito dallutente, dovr per forza di cose restituire delle vedute assi pi semplificate.
Il tutto per dipende anche dalle prestazioni dellhardware e dalla potenza del motore di
rendering
1
.
Negli ultimi anni nel settore della grafica 3d si stanno registrando rapidissimi progressi
grazie allo sviluppo di nuovi strumenti, tra cui le Open GL (Open Graphics Library)
che sono raccolte di comandi e procedure liberamente disponibili in rete, le quali
consentono di sfruttare al meglio le potenzialit di accelerazione grafica della scheda
video. Il risultato che oggi comincia a essere possibile far girare in tempo reale
applicazioni con immagini ad alta risoluzione anche su home computer. Molti software
di grafica 3d stanno di conseguenza migliorando le proprie prestazioni in questo senso.
Un ulteriore passo avanti stato compiuto a seguito della maggiore compressione dei
formati vettoriali che ha contribuito a rendere i modelli virtuali molto pi leggeri
rispetto a prima.
Tra le tecniche che consentono unaccelerazione dei tempi di calcolo delle immagini in
movimento va menzionato il LOD (Level of Detail o livello di dettaglio dinamico),
largamente utilizzato nel campo dei videogiochi e successivamente sviluppato da
diversi programmi di grafica. Esso consiste nel rappresentare gli oggetti 3d secondo
diversi gradi di approssimazione, a seconda della distanza dellosservatore dalloggetto.
Un algoritmo sintetizza la forma degli oggetti lontani, diminuendo il numero dei
poligoni che compongono la mesh e man mano che losservatore si avvicina le
sfaccettature aumentano gradualmente di densit e dettaglio.

1
La navigazione in tempo reale di modelli tridimensionali con un alto livello qualitativo dellimmagine
stata sviluppata negli anni passati da alcuni software specializzati nelle simulazioni per esercitazioni
militari, in particolare nel campo delle simulazioni di volo dove, considerando la velocit con cui si
muovono gli aerei da caccia, necessario arrivare a renderizzare fino a sessanta fotogrammi al secondo.

95 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

La velocit limitata di trasmissione dei dati, ha rappresentato una difficolt ancora
maggiore per ci che riguarda la navigazione in tempo reale in internet. I modelli 3d
pensati per il web, costruiti per mezzo di un particolare linguaggio di programmazione
chiamato VRML (Virtual Reality Markup Language), sono semplici file di testo che
utilizzano caratteri ASCII, come i file HTML, e che contengono tutti i comandi
necessari alla realizzazione di una scena tridimensionale (modellazione, posizionamento
delle luci, allapplicazione di texture di materiali, ecc). Animazioni, luci, suoni ed altri
aspetti del mondo virtuale interagiscono direttamente con l'utente oppure vengono
avviati da appositi timer. Uno dei maggiori vantaggi che si tratta di un formato
standard facilmente accessibile da qualunque PC, i cui file hanno un peso relativamente
contenuto che ne facilita la trasmissione via internet.
Uno dei progetti pi ambiziosi di ricostruzione e di navigazione in tempo reale di un
ambiente urbano dell'antichit, che presenta un soddisfacente livello di dettaglio,
"Rome Reborn"
2
, nato del lavoro guidato dall'Institute for Advanced Technology in the
Humanities della University of Virginia in collaborazione con varie istituzioni
scientifiche internazionali, tra cui l'UCLA Cultural Virtual Reality Laboratory,
l'Universit di Caen e il Politecnico di Milano, che stato reso fruibile su Google Earth
dal novembre 2008. Il modello tridimensionale mostra l'intera citt di Roma compresa
all'interno delle mura aureliane cos come si presentava nel 320 d.C
3
.

174. Rese visuali dellapplicazione di realt virtuale Rome Reborn

2
costituito da due tipi di elementi: uno quello degli edifici principali e pi documentati, che sono stati
ricostruiti con maggiore accuratezza e sono navigabili anche internamente; l'altro quello delle fabbriche
che sono andate perdute, prevalentemente abitazioni, le quali sono ipoteticamente ricostruibili solo in
base a confronti tipologici. Per la realizzazione di questa seconda classe di edifici, che sono visibili solo
dall'esterno, si partiti dalla scansione 3d del grande plastico della Roma costantiniana esposto al Museo
della Civilt Romana; sono state poi arricchite le forme delle case con un maggiore dettaglio degli
elementi architettonici (soprattutto porte, finestre e balconi) e facendo uso di texture.

3
Bianchini

96 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
Anche nel settore dei beni culturali sono stati portati avanti progetti di navigazione in
tempo reale di modelli tridimensionali con immagini ad alta risoluzione (realt virtuale),
risultati di unintensa attivit di rilevamento di determinati contesti (edifici o porzioni
del territorio) mediante tecnologie di avanguardia, comprendenti quasi sempre il laser
scanner integrato con la fotogrammetria.
Le ricostruzioni tridimensionali, oltre alla navigabilit in tempo reale, permettono la
consultazione di numerosi file multimediali; sono i fruitori, che interagiscono per mezzo
di speciali monitor, a scegliere se accedere ai vari contenuti informativi o camminare
liberamente nel modello. Questi applicativi, dotati di immagini ad elevatissima
risoluzione, necessitano per di un hardware molto performante e di speciali
strumentazioni che consentano diversi livelli di interattivit e di immersione.
Lutente indossa occhiali stereoscopici dotati di un sensore che registra i suoi
movimenti nello spazio cos se questo cambia posizione varia anche la prospettiva di
visualizzazione del modello. Altri strumenti per visualizzazioni tridimensionali virtuali
sono gli immersadesk a forma di tavoli inclinati, le visionstation, postazioni a
semicupola per un solo utente, gli HMD (Head Mounted Display), caschi dotati di un
visore e di cuffie stereofoniche. Tra i pi diffusi accessori troviamo gli occhiali
stereoscopici, i guanti dotati di sensori e il trackball che un mouse particolarmente
sensibile e adatto alla navigazione nello spazio 3d.
In seno al nostro lavoro, la sperimentazione della realt virtuale ci ha condotto
allelaborazione di un software
pensato per la fruizione dei contenuti
della tesi e degli studi sul tempio per
mezzo della navigazione in internet.
Il programma in questione, realizzato
in flash con linguaggio di
programmazione actionscript 3.0 e
mediante il motore di rendering in
real - time Sophie 3D, suddiviso
in due aree tematiche:






175. Applicazione di fruizione alternativa del tempio G

97 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
1. Informativa, i cui contenuti sono a loro volta differenziati in:
- visita virtuale del sito archeologico mediante photo gallery;

176. Visita virtuale, mappa del tempio con punti di vista prefissati e fotogallery

- storia delle ipotesi ricostruttive effettuate nei secoli da Hittorf sino a
Cavallari e Koldway-Puchstein;

177. Gallery con ipotesi ricostruttive del tempio G



- vista 3d navigabile della nuvola di punti risultante dalla campagna di rilievo
del 2005;

178. Visualizzazione navigabile della nuvola di punti rilevata nel corso del workshop del 2005

98 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
- pagina interattiva di individuazione della posizione dei frammenti oggetto
dellanastilosi e loro riconoscimento allinterno dellordine.

179. Visualizzazione dei frammenti utilizzati per lanastilosi del fronte meridionale e loro collocazione
nellordine ricostruito

2. Virtual Reality, in cui presentata la ricostruzione del tempio G di Selinunte sulla


scorta delle informazioni dimensionali fornite dai rilievi di Hulot e Fourgres nel
1910.

180. Modello ricostruttivo del tempio G navigabile in tempo reale e vignette descrittive degli elementi
La singolarit dellapplicativo risiede sia nella navigabilit in tempo reale, supportata da
informazioni riguardanti la nomenclatura degli elementi architettonici, sia nella
possibilit di escludere via via parti del tempio sino a poterne visionare la struttura
interna.

181. Modelli tridimensionali dei settori ricostruiti navigabili in tempo reale


Alle aree di studio del tempio, evidenziate sul modello con appositi pannelli
informativi, sono state inoltre linkate finestre navigabili in cui presente la
sovrapposizione dei modelli discreti generati con le mesh risultanti dalla triangolazione
delle point-clouds.


99 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte

Biliografia

100 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
AGNELLO F., LO MEO G., Il rilievo con scanner laser del tempio G di Selinunte.
Elaborazione delle scansioni e metodo per lanastilosi virtuale di una colonna, Palermo
2005.
BIANCHINI M., Manuale di rilievo e di documentazione digitale in archeologia, Roma
2008.
CANINA L., Larchitettura antica: descritta e dimostrata coi monumenti dellarchitetto
Cav. Luigi Canina, Roma 1841.
CIANCIOLO COSENTINO G., Serradiflaco e la Germania. La Stildiskussion tra Sicilia e
Baviera 1823-1850, Benevento 2004.
COARELLI F., TORELLI M., Selinunte, in Sicilia, Guide Archeologiche, Roma-Bari 1992,
rist. 2000.
DE SAINT NON, Voyage pittoresque ou description des Royaumes de Naples et de Sicile,
Parigi 1781-1786.
DE SIMONE M., Disegno, rilievo progetto. Il disegno delle idee, il progetto delle cose,
Roma 1990.
DI MATTEO S., Viaggiatori stranieri in Sicilia dagli arabi alla seconda met del XX
secolo. Repertorio, analisi, bibliografia, 3 voll., Palermo 1999.
GUIDO M., Sicily: an archaelogical Guide, 1967; ed. it. Guida archeologica della
Sicilia, introduzione di Tusa V., Torino 2000.
GULLINI G., Larchitettura, in Sikanie, Storia e civilt della Sicilia greca, Milano 1985.
HITTORF J . I., Architecture antique de la Sicile, ou Requeil des monuments de Segeste et
de Selinonte, mesurs et dessins par J. I. Hittorf et L. Zanth, Parigi 1870.
HULOT J ., FOURGERS G., Selinonte: la ville, lacropole et les temples, relves et
restaurations par Jean Hulot; texte par Gustave Fourgers, Parigi 1910.
KOLDEWEY R., PUCHSTEIN O., Die Griechischen Tempel in Unteritalien und Sicilien,
Berlino 1899.
LAVADIOTTI M., LIPPOLIS E., ROCCO G., Architettura greca, storia e monumenti della
polis dalle origini al V secolo, Milano 2007.

101 RilievoeanastilosivirtualedellaperistasimeridionaledeltempioGdiSelinunte
MARSIGLIA N., Tecniche integrate per il rilevamento dei beni archeologici: il workshop
sul tempio G di Selinunte, in Atti del workshop, Palermo 2005.
MERTENS D., Citt e monumenti dei Greci dOccidente, Roma 2006.
PATERN I. PRINCIPE DI BISCARI, Viaggio per tutte le antichit della Sicilia, descritto da
Ignazio Patern Principe di Biscari, Napoli 1781.
PEVSNER N., FLEMING J ., HONOUR H., A Dictionary of Architecture, Londra 1966 ; ed.
it. Dizionario di architettura, a cura di Pedio R., introduzione di Gregotti V., Torino
1981-1992.
SCHIERA M., Il tempio G di Selinunte: analisi storica e rilievo per lanastilosi
virtuale di una porzione della peristasi, tesi di laurea in Architettura, Universit degli
studi di Palermo, A.A. 2007-2008, relatori: Proff. Agnello F., Giuffr M.
SERRADIFALCO D. Lo Faso Pierasanta, duca di, Le atichit della Sicilia 2: esposte ed
illustrate per Domenico Lo Faso Pietrasanta, Palermo 1834.
SUMMERSON J ., The Classic Language of Architecture, Londra 1963; ed. it. Il
linguaggio classico dellarchitettura. Dal Rinascimento ai maestri contemporanei,
traduzione di Moscone Bargilli L., Torino 1970.
SWINBURNE H., Travel in the Two Sicilies in the year 1777-1780, Londra 1783-85; ed.
it. Viaggio nelle due Sicilie negli anni 1777-1780, introduzione, traduzione e commento
a cura di Nicolosi M. G., con annotazioni di carattere numismatico a cura di Gazzetta
G., La Spezia 2000.
TUZET H., Viaggiatori stranieri in Sicilia nel XVIII secolo, Palermo 1988.
VIVANT DENON D., Voyage en Sicile, Parigi 1788; ed. it. in Settecento siciliano:
traduzione del Voyage en Sicile di Dominique Vivant Denon, illustrata da centotrenta
tavole tratte dal Voyage pittoresque ou Description des Royaumes de Naples et de Sicile
di Richard de Saint-Non, note e introduzione di Mozzillo A., Vallet G.; traduzione e
note al testo di Mascoli L., Palermo-Napoli 1979.