Sei sulla pagina 1di 2

IL SOSTITUTO D' IMPOSTA

l sostituto d’imposta è un soggetto pubblico o privato che sostituisce il


contribuente nell’assolvimento degli obblighi fiscali. Trattiene le imposte e le versa
allo Stato o ad un’altra amministrazione pubblica.
Nell' ordinamento Italiano, in base alla legge n.600 del 1973, il sostituto d' imposta
è un soggetto che sostituisce in tutto o in parte il contribuente nei rapporti con gli
enti di riscossione per il pagamento delle tasse e risponde alle seguenti esigenze:
semplifica i rapporti con il fisco, rafforza la garanzia patrimoniale e assicura la
riscossione dei tributi.
Il sostituto d'imposta va distinto dal responsabile d' imposta in quanto questi è il
soggetto obbligato al pagamento delle imposte al posto di altri come, il datore di
lavoro che versa le tasse per conto dei dipendenti, trattenendo le relative somme
dalla busta paga,mentre il responsabile d'imposta è un soggetto che risponde del
pagamento del tributo insieme con il contribuente e vanta nei confronti di questi il
diritto di rivalsa per l'intera somma pagata. Ad esempio il responsabile d' imposta
può essere un notaio che redige un atto o ne autentica le firme, per l'imposta di
registro. Pertanto, il sostituto d' imposta trattiene gli importi relativi alle imposte
dalle proprie fonti di reddito e successivamente, in base alle scadenze fiscali, le
versa agli enti preposti, questo può avvenire in due differenti modi, a Titolo
d'Imposta quando il sostituto versa per intero gli oneri riguardanti il contribuente
che non dovrà provvedere ad effettuare versamenti o comunicazioni agli Enti,
oppure a Titolo di Acconto, in questa modalità, il sostituto non verserà le somme
per intero e il restante dovrà essere versato dal dipendente attraverso la
dichiarazione dei redditi.I versamenti fatti allo Stato vanno comunicati con la
compilazione della Certificazione Unica e del Modello 770.
La Certificazione Unica è il documento fiscale che i sostituti devono produrre per
certificare i redditi di lavoro autonomo, dipendente o altri redditi assimilabili. Con
essa il sostituto assicura al dipendente di aver versato tutte le tasse dovute allo
Stato o alla Pubblica Amministrazione.
Il Modello 770 è una dichiarazione annuale dove vanno indicate le trattenute sugli
emolumenti dei soggetti sostituti. A questi soggetti il sostituto d’imposta rilascia
una dichiarazione dove comunica le ritenute effettuate, cosicché il sostituto potrà
utilizzarla per eventuali conguagli nella personale dichiarazione dei redditi.
Il sostituto d’imposta deve essere anche differenziato dal soggetto passivo che
può essere identificato in un’impresa, un lavoratore autonomo o un libero
professionista con partita IVA, soggetti che effettuano operazioni imponibili e,
quindi, soggette al pagamento delle imposte.
Al contrario, il sostituto d’imposta è colui che versa alle autorità finanziarie le
imposte dovute a nome di un soggetto passivo sostituendosi, in tutto o in parte,
ad esso.