Sei sulla pagina 1di 3

Atti degli apostoli

Studio introduttivo Modulo n 1


1

Inizio: Avvisi e preghiera


Obbiettivo dello studio: Lanno 2016 segna per la nostra comunit, linizio di una
serie di nuove sfide spirituali. Dobbiamo essere pienamente convinti che il Signore, ci
ha affidato la gestione delle comunit di Treviso, Padova, Marghera, da gennaio
Conegliano e stiamo anche appoggiando un gruppo di studio a Cavalese in provincia
di Trento. Questo quindi, un momento di espansione e di strutturazione di pi
comunit diverse tra di loro. La chiesa quindi oggi, pi che mai ha bisogno di essere
coesa e ben ferma nella sana dottrina. Atti degli apostoli, un libro che ci aiuta molto
ad aprire la visione sulle difficolt della crescita della chiesa, dei metodi di
strutturazione delle comunit locali parlandoci anche del carattere di uomini di Dio
che sono stati la chiave per inaugurare un tempo, abbondantemente benedetto dal
Signore. Qualcuno ha definito Atti degli apostoli come le foto di famiglia. Attraverso i
ricordi della chiesa primitiva, registrati nel libro di Atti, noi struttureremo la nostra
identit spirituale oggi.
Alcuni dati importanti
Chi ha scritto Atti?: Atti degli apostoli un documento brillantemente e
cronologicamente ben organizzato da Luca il medico greco che ha accompagnato
Paolo in molti dei suoi viaggi missionari (Col.4.14).E in realt la prosecuzione
naturale del libro di Luca (Lc.1.3) il 3 evangelo. Se questo evangelo ha lo scopo
di narrare per ordine i fatti che precedono la nascita di Ges fino al grande
mandato evangelico affidato ai suoi discepoli al cap.24, il libro di Atti narra la
storia della chiesa nascente e missionaria. Lautore stesso lo definisce
implicitamente come il suo secondo libro. (At.1.1)
Per chi stato scritto?: E stato scritto per una persona importante di nome
Teofilo, che con molta probabilit era un ufficiale di alto rango romano, in quanto
viene
appellato
col
termine
eccellentissimo(Lc.1.3).Levangelo
stava
penetrando nei pi alti strati della societ romana
(Fil.1.12/13) e quindi
era necessario un documento che registrasse tutto in modo organico e attendibile
quello che era successo nelle lontana provincia romana della Palestina. In poche
parole, levangelo stava trasformandosi da un messaggio di salvezza localista e
limitato a poche umili persone, ad un messaggio universale e cosmopolita
attraversando tutto limpero fino alle estremit della terra. Il testo chiave di Atti
infatti cap.1 v.8. Questo deve essere il sentimento che oggi impregna la nostra
chiesa locale!!!
Cosa significa la parola Atti?: Il titolo originale Praxis Apostolon ossia prassi
(metodo corretto degli apostoli). Il titolo gi ci fa notare cosa c nella mente di
Dio a riguardo della sua chiesa missionaria, qual la prassi che Lui vorrebbe
anche oggi per la nostra chiesa locale. Scopriremo che nonostante il grande
amore che la chiesa aveva per Dio in quel meraviglioso periodo storico, cerano
molte problematiche, anche serie che riguardavano i membri della chiesa e
perfino gli apostoli!!! Ma questo non impediva allo Spirito Santo di lavorare
efficacemente trasformando vite per la sua gloria.
Il libro di Atti nella sua natura pi profonda

Atti degli apostoli


Studio introduttivo Modulo n 1
2 dello Spirito Santo: Soltanto nei primi 13
a. Atti ci parla di una straordinaria azione
capitoli lazione dello Spirito Santo citata per ben 70 volte. La promessa pi
grande di Ges dopo la sua morte stata quella della venuta dello Spirito Sano
su tutti i veri credenti (At.1.8) Lo strumento privilegiato e in realt lunico mezzo
per testimoniare con potenza tradotto dal greco dynamosda cui deriva la
parola italiana dinamite ossia con efficacia esplosiva per la salvezza di tutti gli
uomini. Per testimoniare con efficacia oggi abbiamo bisogno della stessa
pienezza, ossia che il Signore controlli ogni area della nostra vita.

b. Atti ci parla di una costante predicazione Cristocentrica: Se lo S.S. citato 70


volte nei primi 13 capitoli, il nome di Ges citato nelle prediche apostoliche e
diaconali, per ben 40 volte. La chiesa primitiva, stava vivendo quel meraviglioso
primo amore per Ges, il nome che d la salvezza(At.4.12).Sebbene la Parola ci
insegna tutto il consiglio di Dio, le nostre prediche, la nostra evangelizzazione, le
nostre testimonianze devo essere finalizzate sempre alla persona di Ges,
(At.2.36 -3.26 -4.12 -5.30 -7.52 -10.43) attraverso il suo nome che viene
salvata unanima!!!!
c. Atti ci parla di una costante e rilevante crescita numerica: La prova evidente che
un corpo ( in questo caso la chiesa) sano, la sua crescita. In tutto il libro di
Atti viene registrato il fenomeno della crescita numerica costante ogni
giornoAt.2.47,dei discepoli. Nonostante le opposizioni e le problematiche
interne, la chiesa cresceva, perch quello che veniva cercato e alla fine
prevaleva, non erano gli interessi personali,ma gli interessi di Dio.(At.2.46/47).
d. Atti ci parla di una chiesa unita in una sola mente: Lunit della chiesa fu al
tempo degli apostoli una costante fondamentale che produsse salvezza per le
moltitudini. Ges stesso prima di morire aveva pregato perch questa
fondamentale componente facesse parte della chiesa missionaria nascente.
(Gv.17.21/23) e questo si stava realizzando. ( At.1.14-2.44-4.24-4.32).
Dobbiamo scendere dal nostro gradino per conquistare anime, cercare lunit ,
non ad ogni costo, ma secondo le regole della volont di Dio!!!
e. Atti ci parla di grandi sfide esterne ed interne: Unaltra caratteristica di una
chiesa che conquista anime sono difficolt interne ed esterne che devono essere
affrontate e risolte. La chiesa di Gerusalemme non aveva capito fino in fondo il
proprio mandato e gi cominciava a rinchiudersi nel localismo della propria
citt/provincia. Per questo motivo Dio permise non una ma pi persecuzioni che
permisero di seminare la Parola in luoghi non ancora raggiunti (At.11.19). Una
testimonianza invece di un grosso problema interno fu quello dottrinale sulla
salvezza per opere o per grazia, risolto poi col concilio di Gerusalemme. (At.15 .
6/7) *(molte delle problematiche interne ed esterne risolte dagli apostoli,
verranno analizzate nel dettaglio di un futuro studio su questo tema)
f. Atti ci parla di cambiamenti profondi per raggiungere lobbiettivo missionario
fissato da Ges: Erano necessari in molte aree spirituali, comunitarie e personali
cambiamenti radicali per realizzare il piano missionario stabilito da Ges stesso.
Non a caso, un esempio molto evidente di questo principio fu lapostolo Pietro.
Egli stesso era stato designato come lapostolo degli Ebrei e come colonna della
chiesa (Gal.2.7/9), ma per sopportare e supportare la grande missione
affidatagli, fu il primo apostolo a dover ratificare la conversione di un ufficiale
romano cambiando cos le sue convinzioni religiose e culturali (At.10.34/35),

Atti degli apostoli


Studio introduttivo Modulo n 1
rendendolo cos capace di provocare3 un cambiamento di mentalit nella chiesa
nascente (At.11.17/18)
g. Atti ci parla di uomini come chiave del progetto di Dio: E interessante vedere
che il libro di Atti parla molto approfonditamente dellopera di solo 2 apostoli,
Pietro e Paolo e in modo marginale degli altri. Queste due persone sono state
pedine straordinarie nel piano di Dio ( oggi la chiesa ha bisogno ancora di grandi
uomini guida che siano padri di una profonda trasformazione). Ma la cosa
straordinaria che Atti segna linizio dellera della chiesa ossia del sacerdozio
universale dei credenti. Lo Spirito Santo elargito universalmente e
permanentemente nella stessa misura, e non solo ad alcuni e temporaneamente
come nel V.T. Atti infatti contiene un sottobosco straordinario di persone senza
nome che per hanno dato un fortissimo impulso allevangelizzazione di interi
popoli partendo da pentecoste (120 testimoni esplosivi!!!) At. 1.15 e 2.1/11.
Saremo noi uno di quegli uomini chiave per la missione moderna?