Sei sulla pagina 1di 4

Studio sul Il risveglio spirituale nella famiglia

Abbattere il muro dellorgoglio Modulo n 1


1

Inizio: Avvisi e preghiera

Obbiettivo dello studio: Scoprire o riscoprire e praticare quelle semplici attitudini


spirituali che ci permetteranno di camminare col Signore nella pienezza dello
Spirito vivendo una vita abbondante secondo la promessa di Ges. Il luogo
principale dove noi dobbiamo praticare queste attitudini, la nostra famiglia.
(Gv.10.10)

Qual il segreto?

Tante volte ci siamo chiesti: cosa devo fare per avere quella vita abbondante
che mi stata promessa da Ges? Dov lerrore? Perch non funziona? Questa
promessa solo per persone super spirituali o anche per me? Sar che
possibile? Forse non ce la far mai, forse Dio in fondo non ha detto il vero.(
questa purtroppo la considerazione finale intima e nascosta di molti veri figli di
Dio. Eppure i principi per avere una vita abbondante sono biblicamente molto
semplici. Il pi importante : Il principio della sostituzione. Se io ho lo Spirito
Santo dimorante in me, ho la possibilit di lasciare che Lui prenda il controllo
della mia vita e lasciarlo agire al posto del mio io. (Gal.2.20) Avendo mente di
Cristo (1 Cor.2.16) possiamo quindi pensare come Dio pensa. Come mai invece
molto spesso, non riusciamo a vivere questa realt spirituale? Semplicemente
perch ancora, non abbiamo permesso che la nostra volont si pieghi alla sua,
tenendoci aggrappati allancora del nostro io lorgoglio.

Il nostro orgoglio nei rapporti famigliari:

a. Lorgoglio una delle peggiori malattie del cuore umano. Lorgoglio


quellattitudine che ci fa alzare la voce e adirarci e provocare ad ira il nostro
interlocutore e non ci permette di sottometterci alle autorit umane stabilite
da Dio. (Moglie, figli, genitori) (Ef.5.22 - 6.4 - 1 Pt.3.7)
b. Lorgoglio tende sempre a giustificare i propri errori e scaricare le
responsabilit (Gen.3.12/13)
c. Lorgoglio d importanza alle piccole cose e trascura quelle pi importanti
( nota un litigio tra moglie e marito lattenzione ai particolari, mentre si
trascurano amore, misericordia, ascolto) (Mt.23.24)
d. Lorgoglio ribassa il valore del proprio interlocutore e innalza il proprio ego
(Lc.18.11) Notiamo che nelle discussioni famigliari molto spesso le espressioni
usate per ribassare il proprio interlocutore e innalzare se stessi sono: Tu
sei. e io sono.
e. Lorgoglio chiude le porte del perdono, rivangando gli errori del passato
(Prv.17.9)
f. Lorgoglio ci allontana da Dio (Gc.4.7/10)

Lorgoglio in realt (oltre ad essere chiaramente un peccato) una attitudine


psicologica, ossia una forma meschina di difesa del proprio io che vuole che
cerca di auto proteggersi, esso si risente delle offese e si sente in pericolo
quando si confronta con una autorit, si indurisce e non cede terreno agli altri,
erigendo barriere e soffocando il dialogo. Lorgoglio quindi specialmente nei
rapporti pi intimi come quelli famigliari un cancro relazionale terribile,
che infetta ogni rapporto amareggiando le persone vicine a noi. Per
definizione lorgoglio una malattia della nostra identit che non si
sottomessa alla signoria di Ges. Lobbiettivo di Dio per noi invece quello di
Studio sul Il risveglio spirituale nella famiglia
Abbattere il muro dellorgoglio Modulo n 1
2
sviluppare il carattere simile a quello di Ges. (Gal.5.22/23) Egli nonostante
tutti gli attacchi che ha subito (perfino i suoi famigliari non credevano in
Lui !!!)ha vissuto in modo corretto e spirituale quindi libero, i rapporti con gli
uomini. Il suo fondamento era la mansuetudine, ossia si lasciava guidare
docilmente dal Padre in tutte le situazioni (Mt.11.29)

Come uscire dalla spirale dellorgoglio?

a. Dio vuole riempirci di Lui e molte volte fa pressione perch questo accada:
(Ger.18.1/6) Dio permette delle situazioni nella nostra vita e a volte Egli
stesso le crea, per darci loccasione di abbattere il muro del nostro orgoglio
e formare il nostro carattere. A volte le nostre esperienze pi difficili, come
anche i piccoli inconvenienti della vita famigliare, come una offesa,una
incomprensione, disinteresse, freddezza, oppure la pressione del tempo che
sempre stringe, oppure la mancanza di risorse finanziarie, sono loccasione
buona per dire: Si Signore sia fatta non la mia ma la tua volont(Lc.22.42).

b. Dio rispetta nonostante tutto il libero arbitrio: Loccasione si crea, ma st a


noi sfruttarla per crescere. Dio rispetta anche se sbagliata, la nostra
posizione nonostante la sua pressione per sottomettersi alla sua volont.
Guarda lesempio dellapostolo Paolo che visse una terribile esperienza con
la sua malattia. Egli decise liberamente e nonostante tutto di piegare senza
riserve la sua volont a Dio, mettendo da parte il suo io e di conseguenza
sperimentando la potenza dello Spirito Santo nella vita di tutti i giorni.(2
Cor.12.7/10)

c. Un cuore spezzato: La parte pi difficile ammettere che tutto vero!!! E


incredibile come abbiamo difficolt a scendere dalla torre di protezione
che ci siamo costruiti con i mattoni dellorgoglio. Ammettere ai nostri
famigliari mariti, mogli, figliche abbiamo peccato contro di loro e umiliarsi
chiedendo perdono. Sembra a volte sia pi facile farlo con Dio. Diciamo a noi
stessi, tanto nessuno lo vede la realt delle cose , che se per noi pi
facile confessarlo a Dio, significa che non abbiamo ancora capito la sua
santit. Quanto terribile il nostro peccato di orgoglio di fronte alla sua
maest. Questo peccato porta alla ribellione e ad un indurimento del cuore
che ci porta molto lontani da Dio e da una vita abbondante.(1 Sam.15.23).
Per liberarsi da questa catena spirituale, bisogna avere un cuore spezzato,
consapevole quindi che necessita denudarsi completamente davanti a Dio e
portare alla luce, la nostra natura pi bassa e nascosta, i sentimenti pi
subdoli e profondi del nostro essere. Osserviamo il buon esempio di Davide,
chiediamo il coraggio come lui di:

Sl . 51.1/2 Richiedere con urgenza di essere ripuliti dalla sporcizia del


peccato dellorgoglio.
v.3 Riconoscere la propria responsabilit nellaccaduto senza
scaricare sugli altri.
v.4 Riconoscere che essenzialmente lorgoglio un peccato contro
Dio.
v.5 Riconoscere la terribile verit della nostra natura umana cio che
siamo incapaci di compiere alcun bene perch completamente corrotti.
v.6 Riconoscere la necessit di portare alla luce questa realt
attraverso la verit.
Studio sul Il risveglio spirituale nella famiglia
Abbattere il muro dellorgoglio Modulo n 1
3
Lumiliazione a volte durissima, ma necessaria per essere liberi nelle
nostre relazioni.

d. Alla croce: C un luogo spirituale dove fare tutto questo: La croce. Se il


primo principio che abbiamo imparato stato quello della sostituzione, il
secondo quello della partecipazione volontaria. Limmagine che noi
dobbiamo avere scolpita nella nostra mente, quella del salvatore che
cammina sulla via del Calvario flagellato e coronato di spine, insultato,
deriso, denudato dalle sue vesti e infine crocifisso fino ad una morte atroce
per ubbidienza a Dio Padre. (Fil.2.7/8). A volte nei nostri rapporti famigliari,
noi reprimiamo la nostra ira, che per esploder la volta dopo perch non
un cambiamento reale, oppure compensiamo lorgoglio con una ostentata e
surrogata gentilezza, che pi tardi sortir lo stesso effetto.

e. Quello che dobbiamo decidere invece di fare ben diverso, dobbiamo


partecipare volontariamente alle sofferenze di Cristo per abbattere
lorgoglio. Dobbiamo togliere cio le protezioni dalla propria anima impaurita
di essere ferita e offesa, abbassare le barriere senza meditare vendetta,
accettando di essere feriti e umiliati per rimanere umili, mansueti e in
comunione con Dio.
Cristo ha fatto lo stesso riuscendo in una straordinaria impresa, ossia di
riconciliare (aprire un dialogo) il mondo con se e col Padre. Questa attitudine
porter riconciliazione e guarigione alla nostra anima e alle nostre relazioni
famigliari.(1 Pt.2.21/24)

N.B. Ai padri che chiedono perdono ai figli, per lerrore commesso, non sar
loro tolta lautorit di essere genitori, perch lautorit stata stabilita da
Dio. Mogli che si sottomettono al marito, non perderanno la loro libert
perch la libert viene dallubbidienza ai principi biblici. Ai figli che
rispettano i genitori non sar tolta la possibilit di crescita, al contrario sar
una occasione di crescere nelluomo interiore, mettendo da parte il proprio
io.

f. Perch devo farlo? A volte la mia attitudine umile e sottomessa non cambia
lattitudine delloffensore le persone vicino a me, potrebbero infatti rifiutare
la mia attitudine e mantenere le distanze, a volte diventando peggiori
cercando di metterci in imbarazzo additandoci come degli ipocriti. Perch
allora farlo, perch darsi questa pena?. Esclusivamente perch piace a Dio. Il
nostro obbiettivo principale avere comunione con Lui e avere di
conseguenza una vita pulita e luminosa.(1 Gv.1.5/7)

Nota: Se desideriamo quindi rapporti famigliari sani, dobbiamo combattere


lorgoglio, umiliarsi davanti a Dio e davanti al nostro prossimo imparando
quindi a far morire il nostro io ogni giorno (1 Cor.15.31) . La vita che piace a
Dio, solo quella di Ges, e pi saremo umili, pi confesseremo e
combatteremo il nostro orgoglio, pi Egli si manifester in noi, pi quindi
assomiglieremo a Lui, saremo sempre di pi vincitori sulle situazioni della
vita nelle nostre famiglie.

Ora riflettiamo .:
Studio sul Il risveglio spirituale nella famiglia
Abbattere il muro dellorgoglio Modulo n 1
4 a Dio ed al mio prossimo?
1. Sto vivendo una vita spezzata davanti

2. Qual il mio atteggiamento poco prima, durante e dopo un litigio famigliare?


Analizziamo. Riconosciamo alcuni dettagli della malattia dellorgoglio
riportati nel paragrafo 1 ?

3. Troviamo ora un tempo di preghiera da soli con Dio e parliamo come non
abbiamo mai parlato con Lui, con cuore aperto e sincero, tenendo aperte le
nostre bibbie nel salmo 51 per eventuali riferimenti. Se necessario quando ne
abbiamo loccasione, nellintimit della nostra casa, chiediamo perdono per i
nostri errori ai nostri famigliari, lasciando che Dio guidi giorno dopo giorno la
nostra vita in umilt e mansuetudine.