Sei sulla pagina 1di 3

Studio sul Il risveglio spirituale nella famiglia

La via della santit Modulo n 4


1

Inizio: Avvisi e preghiera

Obbiettivo dello studio: Abbiamo studiato la settimana scorsa, come vivere e qual
il risultato della comunione spirituale allinterno della famiglia. Oggi studieremo il
tema su una disciplina spirituale fondamentale per un traboccante rapporto con
Dio e con le persone della nostra casa: La santit.

Cosa la santit?

Nella cultura ebraico per definire una cosa santa,veniva usato il termine
Qados che letteralmente significa fuori dal comune oppure separato dal
resto per servire. D quindi lidea di qualcosa di talmente particolare, diverso
da tutto il resto da essere automaticamente notato per la sua unicit. In greco,
invece veniva usata la parola Agios ossia puro. La parola di Dio ci indica
lidea di Dio a nostro riguardo e su come dobbiamo essere santi nella nostra
famiglia. La santit fa parte del nostro DNA spirituale, ossia allatto della
conversione noi siamo santificati (messi da parte per servire) 1 Cor.6.11, ma
allo stesso tempo la santificazione un processo continuo una attitudine che
dobbiamo ricercare nella totalit delle aree della nostra vita e della nostra
famiglia. 1 Ts.5.23.

La via maestra

L sar una strada maestra, una via che sar chiamata la Via Santa; (nessun
impuro vi passer) essa sar per quelli soltanto; quelli che la seguiranno, anche
gli insensati, non potranno smarrirvisi. In quella via non ci saranno leoni;
nessuna bestia feroce vi metter piede o vi apparir; ma vi cammineranno i
redenti. (Is.35.8/9)
Questo testo biblico stato registrato da profeta Isaia in un periodo molto
difficile della storia di Israele. La moralit e la santit stava sempre pi
degradando verso il baratro, e lui aveva gi previsto la cattivit che di l a poco
sarebbe arrivata. Il profeta parlava di un futuro in cui la volont di Dio sarebbe
stata cercata e soprattutto trovata con facilit, un giorno infatti il Signore
stesso su questa strada che portava a Gerusalemme avrebbe guidato i suoi
riscattati al ritorno. Vediamone il significato pratico.

a. La strada maestra chiamata la via Santa. Questa strada portava a


Gerusalemme ossia una citt il cui nome significa possesso di pace. Il
messaggio chiaro: se noi santifichiamo la nostra vita, noi possiederemo la
vera pace!! La strada maestra quindi percorrere questa via guidati da
Ges,rendendo speciale ogni cosa che faremo attraverso la consegna senza
riserve di tutte le aree di comunicazione tra noi quindi:

1. Santifichiamo la nostra comunicazione verbale in modo che possiamo


gettare ponti e non erigere muri.(Gc.1.19) rendendo dolce la nostra
comunicazione e lasciando sempre aperta la porta della comprensione
(Prv.15.1)

2. Santifichiamo la nostra comunicazione fisica. A differenza di quanto


pensiamo il corpo considerato alla pari di anima e spirito. E una cosa
santa, paragonata al tempio dove Dio risiede (1 Cor.3.16/17) e noi
dobbiamo prima consegnarlo senza riserve a Dio poi, usarlo per servire il
nostro coniuge nellarea ad esempio della sessualit. Santificarlo,significa
Studio sul Il risveglio spirituale nella famiglia
La via della santit Modulo n 4
consegnarlo nelle mani del nostro2 coniuge in modo che egli consegni il suo
nelle nostre in per fargli del bene e per preservare il matrimonio dalla
tentazione di Satana (1 Cor.7.3/5)

3. Santifichiamo il nostro spirito umano. La parte dello spirito umano pi


sensibile alla santit la coscienza. Lapostolo Paolo ci insegna a avere
la nostra coscienza pura (santa) davanti a Dio e agli uomini. Santificarla
significa risolvere i conflitti del passato chiedendo e liberando il perdono
dovuto,prima a Dio e poi tra i famigliari. La famiglia il luogo dove con una
statistica allarmante (quasi nella totalit dei casi) esistono: rancore,
risentimento, amarezza, abusi verbali e fisici (At.24.16) Chi ha
tralasciato di santificare questa area cos delicata, ha sviluppato nel corso
del tempo una attitudine che la bibbia chiama marchio della coscienza
ossia un sigillo di appartenenza alla carne con terribili conseguenze in per
noi e per quelli vicini a noi (Tito 1 .15)

4. Santifichiamo la relazione con i nostri figli. La nostra dimostrazione di


amore santo verso loro deve essere impregnata di alcuni principi di base.
Non possiamo opprimerli,ma solo istruirli essi appartengono prima di tutto
a Dio e non a noi (Ef.6.4), amarli per quello che sono e non per ci che
dovrebbero essere, (Rom.5.8) Dio fa lo stesso con noi!!! dobbiamo essere
santi nella nostra condotta davanti a loro come un esempio ( Ef.5.1)

5. Santifichiamo la relazione coi genitori permettendo loro di esercitare la loro


autorit sulle nostre vite. (Ef.6.1/3) Una vita santa in questa area contiene
una grande promessa che produrr una lunga vita sulla terra.

Se noi agiremo cos sotto il controllo dello Spirito Santo non potremo altro che
essere notati per saremo fuori del comune (santi) avendo cos opportunit di
testimoniare con la nostra vita pi che con la nostra bocca. Di conseguenza
possederemo la nostra Gerusalemme interiore ossia una pace
soprannaturale che niente e nessuno pu toglierci.

Altre considerazioni importanti sul testo in esame

1) (nessun impuro vi passer) essa sar per quelli soltanto; quelli che la
seguiranno, anche gli insensati, non potranno smarrirvisi. E naturale che il
figlio di Dio desideri ardentemente le benedizioni, e la pace che Dio
promette. Spesso per confondiamo benedizioni e pace con assenza di
conflitti o una tregua armata nei nostri rapporti famigliari. Per possedere
queste promesse invece bisogna combattere con noi stessi e col diavolo in
un percorso di continua consegna senza riserve al Signore di quello che noi
siamo. In effetti questo testo disarmante. Esso dice che gli impuri non
potranno conoscere questa profonda esperienza di pace e gratificazione
interiore, ossia se abbiamo questioni in sospeso con Dio e con gli uomini, noi
cammineremo quindi al di fuori della via maestra. In secondo luogo, il brano
dice che la cosa molto pi semplice di quanto possiamo immaginare
anche gli insensati, non potranno smarrirvisi. Infatti Ges ci
insegna a diventare come dei bambini per entrare nel regno dei cieli
(Mt.18.3/4) Un bambino sa di appartenere senza riserve ai suoi genitori e
Studio sul Il risveglio spirituale nella famiglia
La via della santit Modulo n 4
confida senza nessun dubbio che 3 loro lo amano illimitatamente. Questa
attitudine di appartenere interamente a Dio e credere in lui
incondizionatamente se ben ci pensiamo lessenza della santit.

2) In quella via non ci saranno leoni; nessuna bestia feroce vi metter piede o
vi apparir; ma vi cammineranno i redenti. Apparentemente questo testo ci
dice che la persona santa non affronta pericoli nella propria vita.

Immaginiamo di camminare su questa via santa luminosa, stretta e diritta. Ai


bordi ci sono le tenebre, sussurri, inganni, illusioni di creature oscure che ti
invitano a uscire dalla e strada e a esplorare il mondo di fuori, nel buio, senza
che nessuno ti veda. A volte quelle voci riescono a ingannarci, dobbiamo
tornare sulla strada illuminata al pi presto, confessando il nostro peccato,
ritrovando la guida del Signore, camminando con le altre persone che
camminano accanto a noi, i nostri famigliari.La promessa che se io
rimango su quella strada, l, nessun leone (Satana e tutte le sue schiere)
metter in pericolo la mia vita spirituale. Lui teme ci che santo, non pu
toccare ci che nato da Dio, la mia vita col Signore e con i miei famigliari
al sicuro!!! (1 Gv.5.18)

Per la discussione

1) Condividi una tua esperienza su come santificando una parte della tua vita al
Signore, Lui ti ha dato la pace che da tanto tempo aspettavi e che non arrivava.
2) Stiamo permettendo al Signore di sanare rancori, freddezza, mancanza di
comunicazione, e ferite del passato coi famigliari in modo che la santit diventi
parte integrante della nostra famiglia?

Concludiamo lo studio con una preghiera chiedendo al Signore di condurci


sulla via Santa indicandoci col suo Spirito quali passi dovremo fare, per
cambiare quello che forse fino ad oggi non stato cambiato.()