Sei sulla pagina 1di 4

Atti degli apostoli

Il primo grande cambiamento di visione Cap.11

Inizio: Avvisi e preghiera 1

Obbiettivo dello studio: Dopo che Pietro ebbe affrontato e cambiato il suo modo di
pensare secondo la tradizione giudaica, egli stesso divenne un agente di
cambiamento allinterno della chiesa nascente. Per fare questo, dovette affrontare
critiche ed un clima ostile in seno alla comunit. Vedremo oggi perch e come il
Signore us Pietro per produrre questo cambiamento.

Lassemblea di Gerusalemme

a) I fondatori rischiano di diventare gli affondatori:


Coloro che avevano ricevuto per primi il vangelo e avevano seguito Ges,
apostoli compresi, erano ovviamente i responsabili spirituali della chiesa
nascente. Alle loro orecchie arrivavano tutti i pesi, le gioie e i malesseri delle
comunit.(v.1).Chi a tutti gli effetti, oppure chi si sente responsabile della
comunit, crea sempre una rete di informazioni e di protezione, in modo da
potere essere aggiornati sullo stato di salute della stessa. Dal testo si deduce
che degli informatori, arrivarono al nucleo dei leaders della chiesa con la notizia
che anche gli stranieri avevano ricevuto la parola di Dio.Quello che era
sconvolgente per questi leaders era che un apostolo circonciso, secondo la
legge di Mos, era entrato in casa di un incirconciso identificandosi con lui
(ossia mangiando insieme a lui e alla sua famiglia) contaminandosi
spiritualmente. Cosa veramente tragica era che, un apostolo era fortemente
criticato per come aveva agito, anche se era sotto la guida del Signore, e in
secondo luogo questa critica sovrastava la gioia per la salvezza delle anime dei
gentili.(v.2).E pi facile di quel che pensiamo, che la tradizione superi la gioia e
la libert dello Spirito Santo,ma questa volta,la comunit rischiava di
sgretolarsi, mettendo sotto accusa un apostolo, ed escludendo la possibilit di
salvezza dei gentili. Quante comunit, per paura di cose nuove che il Signore
voleva fare in mezzo a loro, si sono divise, hanno litigato, hanno criticato e
hanno perso loccasione di espandere la visione spirituale. Liperprotezione
specialmente attraverso la tradizione ( sempre stato cos) porta alla
distruzione. Il rischio era che i fondatori della chiesa, diventassero gli
affondatori.

b) Per produrre un cambiamento Dio usa persone cambiate nel modo di pensare:

Pietro aveva cambiato radicalmente il suo modo di pensare, ora Dio lo


chiamava a produrre cambiamenti nella comunit nascente. Persone irascibili,
producono ira, persone paurose, producono insicurezza, persone amareggiate,
producono amarezza, ma persone cambiate, producono cambiamenti attorno a
se stesse. Se Pietro fosse stato nella sua fase pre-conversione, avrebbe
probabilmente risposto alle contestazioni(v.3) con uno scontro verbale,in
effetti le contestazioni erano verso le sue azioni, ossia stavano mettendo in
dubbio la sua coerenza e moralit. Ma Pietro era diventato una vera guida e un
vero cristiano quindi scelse di rispondere in questo modo: Allora Pietro
raccont loro le cose per ordine fin dal principio(v.4). Pietro sapeva per bene
che era in gioco molto di pi che la sua reputazione (Dio prende cura della
nostra reputazione!!!), bens della stabilit della chiesa e soprattutto la
realizzazione dei piani di Dio. Perci egli decise semplicemente di raccontare i
fatti. Che straordinaria e vincente scelta spirituale

c) Per produrre un cambiamento, Dio usa persone umili:


Atti degli apostoli
Il primo grande cambiamento di visione Cap.11

2
Lumilt il parametro del cambiamento nella nostra vita e nelle persone
attorno a noi. Pietro, nel suo racconto non nascose le sue resistenze al Signore
quando successero gli avvenimenti narrati.(v.8/10). E straordinario vedere
grandi uomini di Dio come Pietro dire chiaramente: Io ho sbagliato con Dio
Questo atteggiamento non fa per nulla al mondo perdere ne autorit, ne
consensi, anzi, avvicina le persone a s, in modo che possano identificarsi con
i nostri errori,togliere quindi la maschera e infine benedirle, insegnando quello
che si appreso. Le persone umili come Pietro, hanno e anche oggi
dovrebbero avere come obbiettivo pi grande, quello di insegnare
condividendo, e non fare come facevano i farisei, sedendo sulla cattedra di
Mos, ossia mettendosi su un gradino pi elevato e tenendosi a debita
distanza dagli altri (Mt.23.2)

d) Per produrre un cambiamento Dio usa persone che ascoltano e credono che
Dio non agisce mai al di fuori della sua Parola

Mentre Pietro raccontava i fatti della conversione dei gentili, egli raccont di
avere ricevuto una Parola da parte del Signore. Lo S.S. aveva parlato con Lui
molto chiaramente (v.16). Le situazioni anche se insolite o per noi nuove, che
fanno parte della nostra vita, sono sempre sostenute, rafforzate o chiarite da
una parola che viene dal trono di Dio. Il nostro orecchio deve essere attento,la
nostra sensibilit spirituale attivata, perch:
Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver
annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, affinch dia
seme al seminatore e pane da mangiare, cos della mia parola, uscita dalla
mia bocca:essa non torna a me a vuoto,senza aver compiuto ci che io voglio
e condotto a buon fine ci per cui lho mandata. (Is.55.10/11).
In ultima analisi, chi produrr un vero cambiamento attorno a noi, come la
pioggia per la terra, sar la Parola di Dio per il cuore umano. Pietro laveva
capito e mise la Parola, al di sopra dei pensieri umani sia suoi che di quelli dei
suoi fratelli circoncisi dichiarando alla fine:
Se dunque Dio ha dato a loro lo stesso dono che ha dato anche a noi che
abbiamo creduto nel Signore Ges Cristo, chi ero io da potermi opporre a
Dio? (v.17)

e) Un cambiamento stabile produce a sua volta vera gioia, pace e apertura di


visione spirituale.

Quando la chiesa cap il piano di Dio, sottomettendosi ad esso attraverso la


testimonianza di un uomo radicalmente cambiato come Pietro ci f una
straordinaria risposta spirituale. Una pace soprannaturale, torn in seno alla
chiesa, la gioia cominci a prendere il posto della critica e la visione spirituale,
si ampli notevolmente. Attraverso questa esperienza, la comunit da
esclusivista pass ad essere se cos potessimo dire, inclusivista,
sperimentando in modo pratico un attributo del carattere di Dio fino a quel
momento a loro sconosciuto: La misericordia(v.18)

La chiesa di Antiochia

Antiochia era una citt dove esisteva una folta comunit ebraica e una cultura
cosmopolita come quella macedone. Citt fondata dal re Seleuco I nel 300
Atti degli apostoli
Il primo grande cambiamento di visione Cap.11

a.c. e passata in seguito sotto la3 dominazione romana, fu evangelizzata da


coloro che erano stati dispersi per la persecuzione iniziata con il martirio di
Stefano (avvenimento che aveva portato il vangelo anche a Samaria vedi
cap.8). Dapprima il vangelo fu predicato ai giudei, poi la predicazione si
espanse portando molte conversioni tra i greci.(v.19/21) Equi che per la prima
volta i fedeli furono chiamati: cristiani(v.26). Vedremo ora alcune
caratteristiche che fanno di questa chiesa una chiesa modello e che ci fa
capire, come la chiesa non una responsabilit di una persona solo, ma di un
insieme di persone, che hanno come scopo il bene del corpo di Cristo. Il regno
di Dio simile ad una staffetta che porta il testimone al traguardo

a) La chiesa ricevette con gioia il messaggio del vangelo.

Allinizio Dio mand una persona adatta a quel momento. La nascita di una
chiesa un momento meraviglioso e delicato. F mandato Barnaba,
uomo buono , pieno di Spirito Santo e di fede(v.24). La sua gioia fu grande
nel vedere il prgresso nel vangelo. In quel particolare momento, la chiesa
aveva bisogno di una persona come lui. Aveva un bellissimo dono di
esortazione, che aiut la chiesa a attenersi al Signore con cuore
risoluto(v.23). Barnaba era per cos dire la nutrice che protesse la chiesa di
Antiochia dallo scoraggiamento, queste sue caratteristiche di bont,
esortazione, gioia,e fede, fecero di lui la prima staffetta per portare questa
chiesa a diventare una benedizione per la comunit cristiana di quel tempo.

b) La chiesa ricevette con attenzione listruzione del dottore Paolo.

Barnaba percep ad un certo punto del suo ministero, che aveva bisogno di
appoggio per dare una struttura pi solida alla chiesa. Fece quindi un
viaggio a Tarso, egli riconosceva in Paolo la persona che poteva dare alla
comunit quel taglio dottrinale che lui non avrebbe potuto dare. Paolo
infatti era un dottore, quindi portatolo ad Antiochia, istruirono un gran
numero di persone per un anno intero.(v.26).In questo momento la chiesa
aveva bisogno di un padre!!! E interessante vedere, lumilt di Barnaba,
egli si rese conto davanti alla necessit della chiesa, cosa poteva dare e
cosa no. Il suo ministero di esortazione ed evangelistico,aveva portato molti
alla conversione (v.24), ma ora era pronto a farsi da parte e lasciare la
mano al dottore Paolo per formare la chiesa nella dottrina. Lumilt st
nel riconoscere i limiti di azione che Dio ha riservato per il ministero
attraverso i propri doni e quando il momento, bisogna farsi da parte e
lasciare che il Signore operi attraverso altri (1 Cor.3.6/8 -
2 Cor.10.12/18). Questo il senso di una chiesa che definita Il corpo di
Cristo. Il risultato straordinario fu che istruirono un gran numero di
persone(v.26)

c) La chiesa ricevette con rispetto le parole profetiche da parte di alcuni giunti


da Gerusalemme e ag prontamente e praticamente per il bene della chiesa
Madre.

Dopo che Dio si prese cura per pi di un anno della chiesa di Antiochia, ora
era il momento che questa comunit diventasse una benedizione a sua
Atti degli apostoli
Il primo grande cambiamento di visione Cap.11

volta. Arrivarono in quei giorni alcuni


4 profeti da Gerusalemme.Uno di questi
di nome Agabo profetizz che ci sarebbe stata una carestia in tutto il
mondo.(v.28). A questo punto la comunit avrebbe potuto ricevere questa
profezia e preoccuparsi della propria comunit, cominciando ad organizzare
la propria sopravvivenza, ma la cosa interessante che successe, che si
preoccuparono della chiesa madre!!!. La Giudea, aveva dato loro il
messaggio della salvezza, listruzione della sana dottrina e la visione del
futuro attraverso questa profezia. A questo punto la chiesa decise di
benedire, allo stesso modo in cu era stata benedetta. Inviando sovvenzioni
per i santi con le proprie possibilit (v.29). La parola che viene usata in
questo caso per indicare le persone che lo fecero discepoli. I discepoli,
avevano praticato la Parola, i discepoli avevano applicato la disciplina, i
discepoli erano stati istruiti ed avevano appreso non solo la teoria, ma un
amore pratico e onesto nei confronti dei propri fratelli anche se sconosciuti.
Questo il senso di essere istruiti nelle vie del Signore. Essere benedetti,
ma benedire di rimando!!! (vedi 2 Cor.9.10/15)