Sei sulla pagina 1di 56

STRABISMO

Lo strabismo è un’alterazione della motilità


oculare estrinseca caratterizzata da una
deviazione degli assi visivi dei due occhi
L’ASSE VISIVO è quella linea passante per la
fovea centrale

L’ANGOLO DI STRABISMO è formato dagli


assi visivi dei due occhi , di cui uno sarà dritto
perché fissante,l’altro sarà deviato perché non
fissa l’oggetto di sguardo dell’altro
STRABISMO CONCOMITANTE:
è caratterizzato da un angolo di deviazione
costante in tutte le direzioni di sguardo (tipico
del bambino)

STRABISMO PARALITICO:
è caratterizzato da un angolo di deviazione che
varia (incomitante) sia nelle varie posizioni di
sguardo , sia a seconda dell’occhio fissante
(tipico dell’adulto)
STRABISMO PARALITICO

-L’angolo di deviazione varia a seconda


dell’occhio fissante (deviazione primaria e
deviazione secondaria)
-L’angolo di deviazione varia con le diverse
posizioni di sguardo
-E’ tipico dell’adulto ( che ha una visione
binoculare ben radicata)
-E’ presente diplopia
-Ha una eziologia varia
MOVIMENTI OCULARI
-Duzioni (movimenti monoculari)
-Versioni (movimenti coniugati)
-Vergenze (movimenti binoculari in senso opposto)
Muscoli extraoculari

Legge di Sherrington
(muscoli antagonisti)

Legge di Hering
(muscoli sinergisti)
VISIONE BINOCULARE SINGOLA (VBS)
Si basa sulla fusione sensoriale che è la capacità
del cervello di percepire come unica l’immagine di
un oggetto che si forma sui punti retinici
corrispondenti delle due retine
CORRISPONDENZA RETINICA

-Ogni punto retinico ha una precisa direzione


spaziale (ad es. la fovea dritto in avanti)

-Ogni punto retinico ha nell’occhio


controlaterale un punto corrispondente che ha
la stessa direzione spaziale (ad es. le due
fovee)
OROPTERO

E’ lo spazio contenente tutti i punti oggetto le cui


immagini cadono su punti retinici corrispondenti, ad
una determinata distanza di fissazione.
Perché si abbia una visione binoculare singola
è perciò necessario che si abbia una :

-corrispondenza retinica normale ( con buona


fusione sensoriale)
-coordinazione della muscolatura due occhi
(fusione motoria o vergenza motoria)
FUSIONE MOTORIA O VERGENZA
FUSIONALE

Meccanismo di origine corticale che si oppone


ad ogni perturbazione della VBS :
produce dei movimenti correttivi dei bulbi sia in
divergenza che in convergenza , in modo tale che
l’immagine di un determinato oggetto vada a
cadere sempre su punti retinici corrispondenti
evitando così la diplopia.
DIPLOPIA

Quando ,per un perturbazione della motilità


oculare che la fusione non è in grado di
controllare, l’immagine di un oggetto cade su
punti retinici non corrispondenti , allora
l’immagine sarà percepita doppia ( la visione
binoculare non sarà più singola ma doppia)
SOPPRESSIONE

Meccanismo inibitorio di origine corticale che


permette alla corteccia cerebrale di “ignorare”
le sensazioni visive provenienti da una parte
della retina dell’occhio deviato
CORRISPONDENZA RETINICA ANOMALA

In presenza di un’alterazione della motilità


oculare, quando l’immagine di un oggetto si
forma su punti retinici in origine non
corrispondenti, è possibile avere una
corrispondenza anomala e quindi una visione
binoculare anche se rudimentale.
LO STRABISMO CONCOMITANTE

si suddivide in
- ETEROFORIA
- ETEROTROPIA
che hanno in comune la stessa eziologia
ETEROFORIA
L’eteroforia è una deviazione degli assi visivi
mantenuta latente dal riflesso di fusione.
Exo-foria (in fuori)
Eso-foria (in dentro)
Iper-foria (in alto)
Ipo-foria (in basso)
Inciclo-foria (intorsione)
Exciclo-foria (extorsione)
ETEROTROPIA
E’ una deviazione manifesta degli assi visivi
Exo-tropia
Eso-tropia
Iper-tropia
Ipo-tropia
Inciclo-tropia
Exiclo-tropia
L’ ETEROTROPIA
può essere:

-monolaterale
-alternante
-intermittente (foria-tropia)
LE ESOTROPIE

possono essere:

-essenziali
-accomodative
ESOTROPIA ESSENZIALE

- si instaura nei primi 6 mesi di vita


- angolo di strabismo molto grande (30° circa)
- fissazione alternante e crociata
- acutezza visiva normale
-fusione scarsa e assenza di visione binoculare
-ipermetropia assente o quasi
-eziologia sconosciuta forse da identificare in
una convergenza tonica (né accomodativa né
fusionale)
ESOTROPIA ACCOMODATIVA

- ipermetropia elevata
- convergenza accomodativa (basata sulla
sincinesia accomodazione-convergenza)
- apparizone tardiva (verso i due anni)
- scomparsa dell’esotropia dopo correzione
ottica
- forme atipiche ( parzialmente accomodative
oppure con alterato rapporto convergenza
accomodativa ed accomodazione CA/A>1)
EXOTROPIA

-Strabismo divergente intermittente


( da eccesso di divergenza)
-Strabismo divergente di innervazione ( da
insufficienza di convergenza)
-Strabismo divergente costante
METODI DI STUDIO DELL’ANGOLO DI
DEVIAZIONE

-Test di Hirschberg
-Test di Krimsky
- Cover Test (cover-uncover monoculare,cover
test alternato,cover test più prisma)
L’ ESAME DELLA VISIONE BINOCULARE
NELLO STRABISMO CONCOMITANTE

-test dei vetri striati di Bagolini


-test di Worth
-test del sinottoforo
-stereotest di Wirth
NON SI DOVRA’ TRASCURARE:

- l’esame dei segmento anteriore e posteriore

-l’esame della refrazione comprendente la


shiascopia in cicloplegia e l’esame
dell’acutezza visiva
TERAPIA

-Terapia ottica
-Terapia ortottica e pleottica
-Terapia chirurgica
INTERVENTI CHIRURGICI NELLO
STRABISMO

-recessione ( indebolimento del muscolo


iperfunzionante)

-resezione ( rafforzamento del muscolo


ipofunzionante )