Sei sulla pagina 1di 11

Unità 2.

L’Europa e il mondo nel Basso


Medioevo

Cap. 5
Papato, Impero e
monarchie nazionali

Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


Il programma di Innocenzo III

È papa all’’nizio del Duecento. Si
presenta come vicario di Cristo


Rivendica il potere di guidare
l’intera cristianità anche dal
punto di vista politico. Interviene
nella nomina dell’imperatore


Reprime gli eretici e favorisce la
nascita degli ordini mendicanti

2 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


Le prime università

Nel XII secolo la rinascita delle città europee determina
la nascita delle prime università, dove si formano i
funzionari e i nuovi professionisti (medici, notai ecc.)

L’università di Bologna è la più antica in Europa.


Quella di Napoli è la prima a essere creata su iniziativa
di un sovrano (Federico II)

3 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


Federico II

È imperatore dal 1220 al 1250.
Eredita il regno di Germania (dal
padre Enrico VI Hohenstaufen) e
l’Italia meridionale (dalla madre
Costanza d’Altavilla)


È molto colto e ha molteplici
interessi. Promuove in varie forme
l’istruzione e la cultura


Cresce in un ambiente multiculturale
ed è tollerante nei confronti dei
musulmani
4 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019
Il governo di Federico II
L’imperatore si concentra soprattutto sui suoi domini
nell’Italia meridionale


Governo forte e accentrato, si poggia su una rete di
castelli e funzionari


Con la dieta di Capua (1220) Federico II ridimensiona
drasticamente l'autonomia dei baroni e delle città. Nel
1237 sconfigge la lega dei Comuni guelfi

5 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


La concezione del potere di
Federico II

Costituzioni melfitane (1231):
raccolta di leggi scritte,
espongono i principi alla base
dell’Impero


Il potere dell’imperatore non
deriva dal papa. Nessuno è al di
sopra della legge, nemmeno il
sovrano


L’impero non ha una capitale
fissa

6 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


Federico II e i papi

Papa Gregorio IX teme la nascita di una monarchia
forte nel Sud Italia, scomunica Federico II. Il suo
successore Innocenzo IV è ancora più ostile e
bandisce una crociata contro l’imperatore


Nel 1247 l’esercito imperiale viene sconfitto dai Comuni
alleati con il papa. Federico II deve combattere anche
in Germania e teme di essere tradito


Nel 1250 l’imperatore muore: la sua eredità passa ai
figli, ma il pontefice è pronto a sfruttare la debolezza
degli Hohenstaufen

7 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


Angioini e Aragonesi in Italia

Per contrastare Manfredi,
figlio di Federico II, il papa
offre il regno di Sicilia a Carlo
d’Angiò, di origine francese


Rivolta dei nobili siciliani
contro gli Angioini (guerra
del Vespro, 1282). Ricevono
aiuto dagli Aragonesi, che
impongono il loro dominio
sulla Sicilia

8 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


Le monarchie nazionali
Monarchia feudale Monarchia nazionale

Il re deve fare Il re governa


affidamento sui direttamente su tutto il
vassalli per territorio attraverso dei
controllare il territorio funzionari
e ottenere soldati e
denaro Il re può contare su un
esercito retribuito e
I signori feudali impone tributi per
proteggono la loro coprire le spese
autonomia crescenti

9 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019


La monarchia in Francia

Sotto la dinastia dei
Capetingi, la monarchia è
ereditaria dalla fine del X
secolo


Il re espande gradualmente
le terre sotto il suo controllo


Dopo la battaglia di
Bouvines (1214) gli inglesi
perdono vasti territori in
Francia a vantaggio dei re
francesi
10 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019
La monarchia in Inghilterra

Enrico II Plantangeneto
impone la sua autorità sui
feudatari e sul clero


Nel 1215 il re Giovanni è
costretto a concedere ai sudditi
la Magna Charta Libertatum. Il
documento limita i poteri del
sovrano e garantisce una serie
di diritti


Nel Duecento nasce un primo
parlamento
11 Barbero, Frugoni, Sclarandis, La storia. Progettare il futuro, vol. I, 2019