Sei sulla pagina 1di 5

Nei

I luoghi del potere dallepopea di Annibale al trionfo di Federico II

palazzi della storia

Venosa: lincompiuta

Melfi: castello

Il percorso del Potere Miglionico da Fieramosca alla congiura dei baroni Venosa e Melfi dal Guiscardo allo Stupor Mundi Palazzo San Gervasio e Manfredi di Sicilia Lauria e il suo ammiraglio Campomaggiore citt dellUtopia Rionero citt di Giustino Fortunato

Gli Altavilla tra Venosa e Melfi Proprio la lotta tra longobardi e bizantini spianer ai normanni la strada verso la Basilicata. E con l'arrivo in Lucania degli "uomini del nord" si apre un periodo di grande splendore caratterizzato dalledificazione e dal recupero di numerosi luoghi del potere. Pensate al sacrario degli Altavilla a Venosa(D2) dove, allinterno della SS. Trinit, riposano le spoglie mortali di Roberto il Guiscardo, delle sue mogli e dei suoi celebri fratelli Guglielmo, detto "braccio di ferro", Drogone e Umfredo. Con i normanni, che pensarono a Melfi(C2) come capitale del loro nascente regno, la Basilicata divenne luogo di incoronazioni, di concili e di raccolta per grandi cimenti come le crociate. Molti di questi avvenimenti si tennero allinterno della fortezza di Melfi che dai normanni pass a Enrico VI di Sicilia e, di seguito, al figlio di questultimo Federico II di

Federico II di Svevia e il sistema castellare La storia dell'architettura del potere lucano strettamente legata all'imperatore svevo. Federico immaginer un vero e proprio "sistema castellare", per la guerra e per gli ozi, edificato o ristrutturato col fine di "difendere l'onore del regno e magnificare la gloria del re". Il sistema castellare di Federico arriver a contare decine di castelli tra i quali spiccano quelli di Melfi e Lagopesole(C3), Matera(H4) e Brienza(C6), Brindisi di Montagna(E5), Policoro(I7) e Palazzo San Gervasio(D3) (masseria regia allinterno della quale Manfredi di Sicilia, il figlio prediletto dello Stupor Mundi, tradusse il De pomo sive de morte). Proprio in uno di questi castelli, a Melfi, nell'anno 1231 vedono la luce le "Costitutiones" (pilastro legislativo laico del Medioevo) redatte da Pier della Vigne e Taddeo da Sessa.

C'era una volta un re. Si chiamava Lucano ed i suoi sudditi lucani perch abitavano nei luchi, ossia nei boschi Non una filastrocca ma l'incipit leggendario della "Storia della Basilicata raccontata ai ragazzi" dallo storico Tommaso Pedo. Potremmo cominciare da qui per andarcene a zonzo nella storia dei luoghi del potere in Lucania: un percorso lungo e articolato fatto di eventi e personaggi di primissimo piano. Nella Basilicata romana, per esempio, l'imperatore Augusto possedeva una grande azienda agraria non lontano da Potenza, a valle del monte Arioso. Anche i ricchi senatori della grande citt stato, tra Potenza(C5), Grumento(D7) e Venosa(D2) (citt natale del poeta Orazio flacco) avevano fatto edificare ville di cui ancora rimangono vestigia. Al crollo dell'impero dei Cesari pure in Basilicata calano i barbari. Coi longobardi la regione divisa in gastaldati e contee. Grazie al ribelle bizantino Luca, invece, saranno gli arabi ad occupare Pietrapertosa(E5), Tolve(E4), Tricarico(F5), Abriola(C5) e Tursi(I7).

Il sacrario venosino dei normanni Nel 1069 Roberto il Guiscardo trasfer nell'abbazia della SS. Trinit il sacrario della sua famiglia: gli Hauteville. Tra il 1066 e il 1094, sotto l'abate normanno Berengario l'abbazia raggiunse un ruolo di primaria importanza confermato per tutto il XII secolo dalle numerosissime donazioni effettuate in suo favore. La distruzione della citt di Venosa nel 1133 non comport danni ingenti alla SS. Trinit, ma la sua ricchezza fu compromessa dal declino degli Altavilla fino a quando, nel 1194, il complesso perse la sua autonomia e fu sottoposto al controllo dell'abbazia di Montecassino.

Miglionico: castello

Lagopesole: Casetllo

Castello di Miglionico Il castello prende il nome dalla congiura organizzata al suo interno da parte dei baroni del regno ai danni di re Ferdinando I d'Aragona. Ha la forma di un parallelogramma, fiancheggiato da sette torrioni, i pi antichi dei quali quadrati, due bitorri e alcune torri circolari, poste ai vertici della costruzione. costruito su due livelli, con un ballatoio che risale ad una ristrutturazione voluta dai Revertera nel 1600. La parte pi bella del castello la Sala della Stella o degli Spiriti, nelle cui nicchiette, intagliate nei muri, erano custoditi i tesori dei sui proprietari.

LAmmiraglio Ruggiero di Lauria Se Miglionico ha Fieramosca, un altro celebre condottiero con natali lucani Ruggero da Lauria. Nellomonima cittadina, incrocio perfetto tra Basilicata, Calabria e Campania, sono ancora visibili i resti del castello in cui lammiraglio, figlio del vicer delle terre di Bari, Riccardo, e di Bianca Lancia, nacque nel gennaio del 1245. Esempi di questo genere sono, a Rionero in Vulture, il palazzo della famiglia Fortunato, a Potenza quello dei Loffredo. Se il primo fu fatto edificare nella prima met del XVIII secolo e fu luogo di soggiorno per Giuseppe Bonaparte, Ferdinando II, Giuseppe Zanardelli e Benedetto Croce, il secondo fu dimora del vicer di Carlo VI (Nicol Enrico Loffredo). Il castello di Lauria: In quel che resta del castello di Lauria(D9), semidistrutto dai soldati Francesi nel 1806, nato con ogni probabilit il leggendario ammiraglio Ruggiero. Prima della nascita di questultimo la fortezza era appartenuta a suo padre, Riccardo, Vicer delle Terre di Bari e Gran Giustiziere della Basilicata. Col tramontare del medioevo, la Basilicata moderna perde molto dei fasti che ne avevano fatto la "terra dei re". Diviene terra di feudi e di signori. Ricca di palazzi nobiliari contro i quali tra il XVII e il XIX secolo si sollevano a pi riprese i contadini.

Il Castello di Melfi Attualmente di propriet del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, il Castello di Melfi, da dove Federico II promulg le Constitutiones, ospita il Museo Nazionale del Melfese. Al suo interno conservato, tra l altro, il celebre Sarcofago di Rapolla(C2): una delle pi importanti testimonianze di arte di scuola asiatica del II secolo dopo Cristo. La masseria regia Palazzo San Gervasio Dapprima residenza di campagna dei principi normanni divenne luogo di caccia e svago per gli svevi. Successivamente fu utilizzato come posto di vedetta e per la difesa dei territori circostanti, ricchi di boschi e di pascoli, contro le scorrerie dei predoni saraceni che battevano la vicina Puglia e contro i Greci-Bizantini. Il Castello fu frequentato soprattutto al tempo del re Manfredi. Dopo la sconfitta di questultimo a Benevento, nel 1266, Carlo I dAngi lo adib a scuderia reale.

I luoghi del potere dopo Federico Agli svevi succederanno in Basilicata angioini e aragonesi. Carlo d'Angi, re di Sicilia, impressionato dai castelli di Melfi e Lagopesole(C3) volle conservare nella ex capitale normanna un giustizierato (ufficio amministrativo del tempo) mentre all'epoca di Ferdinando I d'Aragona, nell'anno 1485, un'altro castello lucano, quello di Miglionico, fu sede della famosa "congiura dei baroni". Proprio in questultima cittadina, Miglionico(H5), un altro esempio di architettura del potere la chiesetta di Santa Maria delle Grazie (al cui interno sono custoditi affreschi del Sodoma) fatta riedificare dal conte Ettore Fieramosca, il celebre capitano italiano della disfida di Barletta.

Chiesa Santa Maria delle Grazie La chiesa di Santa Maria delle Grazie fu ricostruita dal Conte Ettore Fieramosca. Il tempio ha una cupola in stile amalfitano e sulla veletta vi sono due campane la pi piccola della quali, risalente al 1060, la pi antica della Basilicata. Al suo interno custodito un affresco del Sodoma (Giovanni Antonio Bazzi) commissionato dallo stesso Fieramosca.

Miglionico:_ castello

I palazzi nobiliari Esempi di questo genere sono, a Rionero in Vulture, il palazzo della famiglia Fortunato, a Potenza quello dei Loffredo. Se il primo fu fatto edificare nella prima met del XVIII secolo e fu luogo di soggiorno per Giuseppe Bonaparte, Ferdinando II, Giuseppe Zanardelli e Benedetto Croce, il secondo fu dimora del vicer di Carlo VI (Nicol Enrico Loffredo). Il potere illuminato di Campomaggiore Ci sono infine in Basilicata mirabili e misconosciuti esempi di architettura del potere illuminato. Uno di questi la cosiddetta Citt dellUtopia a Campomaggiore Vecchio voluta dai baroni Rendina, progettata dallarchitetto Patturelli (allievo di Luigi Vanvitelli) e ispirata ai principi del socialismo utopistico propugnato da Robert Owen e Charles Fourier.

Palazzo Fortunato a Rionero Fatto edificare nella prima met del XVIII secolo ledificio stato luogo di soggiorno rionerese per Giuseppe Bonaparte e Ferdinando II, Giuseppe Zanardelli e Benedetto Croce. Attualmente le sue 50 stanze, di propriet comunale dal 1972, ospitano la biblioteca e lemeroteca comunale, il museo della Civilt contadina, la pinacoteca e un archivio storico fotografico della Famiglia Fortunato.

Palazzo Loffredo di Potenza Lultimo dei Loffredo ad abitarlo fu Gerardo, allinizio del 1800. Il suo inquilino pi importante fu Nicol Enrico Loffredo, vicer di Carlo VI nel 1748. Le sue stanze custodiscono attualmente la galleria civica di Potenza e i reperti del Museo archeologico nazionale della Basilicata articolato su due piani, secondo un criterio cronologico e territoriale. Il museo potentino offre al visitatore un quadro generale sullarcheologia dellintera regione e un approfondimento sugli eccezionali ritrovamenti del comprensorio di Potenza.

La citt dellutopia E un insediamento di grande suggestione, dislocato su tre terrazzi collinari che affacciano sulla sponda sinistra del fiume Basento. Il villaggio, fondato dalla famiglia Rendina nel 1741, presenta oggi i ruderi del grande Palazzo Baronale con le possenti mura e quelli della Chiesa di Santa Maria del Carmelo, la cui statua stata traslata nella Parrocchia di Campomaggiore Nuovo(F5). La diruta Chiesa, posta di fronte all'edificio del Conte, mostra quasi intatto il suo campanile. Ancora percepibile lo stile neoclassico della facciata sovrastata dal timpano; la Chiesa, ad una sola navata, era illuminata dalle vetrate delle tre finestre del muro meridionale. Proseguendo verso nord, in localit Montecrispo, troviamo la Casina della Contessa, un edificio settecentesco a pianta rettangolare utilizzato dai Rendina come villa di diletto estivo.
Potenza: Palazzo Loffredo

A 1

10

come arrivare
IN AUTOMOBILE A3 uscite a: Sicignano Atena Lucana Maratea-Lagonegro Nord Lagonegro Sud Lauria Nord Lauria Sud A14 uscite a: Foggia Bari Nord Gioia del Colle Taranto TRENO Linea Napoli-Reggio Calabria,
(FS. Ferrovie dello stato) ferrovie appulolucane)

Agenzia di Promozione Territoriale Basilicata Potenza Via del Gallitello, 89 - Tel + 39 0971 507611 MateraVia De Viti D-e Marco, 9- Tel + 39 0835 331983 www.aptbasilicata.it www.basilicata.travel www.discoverbasilicata.com

Lnea Foggia-Potenza (FAL-

appulolucane)

Linea Bari -Matera (FAL- ferrovie

AEREOPORTI Napoli Capodichino Potenza- Km. 160 Bari Palese - Matera- Km. 65

credits
Laura Arcieri, Giuseppe Melillo, Michele Russomanno per Immaginapoli
Brochure a cura di