Sei sulla pagina 1di 2

BUFFALO

BIOGRAFIA

Eugenio Montale nato a Genova il 12 ottobre 1896 e deceduto a Milano il 12 settembre 1981è stato un
poeta, traduttore, scrittore, filosofo, giornalista, critico letterario, critico musicale e politico italiano. È
l’ultimo dei sei figli di Domenico Montale e Giuseppina Ricci, esponenti della media borghesia genovese.

NOTA METRICA

Il numero delle strofe è 1

Il numero dei versi è 19 di cui 17 endecasillabi, un settenario al verso 16 e un quadrisillabo al verso 19

Le rime sono sparse come vista e pista ai versi 15 e 19, sono presenti numerose righe interne, come varco e
arco ai versi 6 e 8 e specchi e secchi ai versi 16 e 17.

RIASSUNTO

Il poeta si trova all’interno di un velodromo e sta aspettando la partenza della gara ciclistica. Intorno a lui la
confusione degli spettatori, i colori e i suoni della festa. La descrizione è sommaria, scorciata (narrazione di
grande evidenza) e, occasionale: il poeta elenca a caso quello che vede: un nero che dorme, un gruppo di
donne che ridono); ravviva l’elenco con allusioni abbastanza chiare alla scena di Caronte nel terzo canto
dell’Inferno di Dante.

Poi, verso la fine del testo, una svolta: il poeta evoca, anzi pronuncia ad alta voce il nome Buffalo: e il nome
agì. Il poeta non ci dice in che modo il nome agisca, né quale sia il significato di questa evocazione. Ma ora il
panorama e l’atmosfera cambiano radicalmente: prima l’io poetico era uno spettatore, qualcuno che
osservava e prendeva nota. Ora, dopo che il nome è stato pronunciato e dopo l’inizio della gara, l’io poetico
non contempla più l’evento dal di fuori ma ne diventa parte precipitando nel limbo delle luci e dei suoni.

ANALISI DELLA POESIA

Registro:

Il registro stilistico non è determinato solo da scelte lessicali, ma anche dalla disposizione delle parole nella
frase (sintassi) è medio chiamato anche piano.

Sintassi:

Non c’è nessuna coordinazione, né per asindeto, ‘’,’’ né per polisindeto, ‘’e’’. La poesia è composta da
periodi semplici, e frasi indipendenti, coordinate, PARATASSI (il caso contrario è l’IPOTASSI, frasi
subordinate, periodi complessi.).

Figure retoriche:

Al primo verso ‘’ dolce inferno’’ è presente un ossimoro, ovvero un accostamento di due parole con senso
opposto. Al verso 1 e al verso 3 la parola ‘’a raffiche’’ è la metafora che indicherebbe violenti colpi di vento
o di armi da fuoco, in questo caso rappresenta la folla di persone che si accalcava nel velodromo. Al verso
14 ‘’ assordano le voci’’ e anche ‘’ guizzi incendiano’’ sono presenti due chiasmi, accostamento di due
termini concettualmente paralleli, una similitudine perché il significato di questi versi, 14-15-16, è che i
guizzi bruciano gli occhi come i lampi luminosi che riflettono gli specchi. Gli ultimi tre versi della poesia
mettono in primo piano la vista e l’udito per descrivere i rumori, il colpo di pistola all’inizio della gara, il
rumore delle urla e delle biciclette che vanno ad una grandissima velocità. Al verso 18 è presente una
metafora, ‘’mulinanti’’ al posto di dire che andavano ad una grandissima velocità. È presente anche
un’allitterazione, come quella della lettera u che rende cupo l’ambiente.
Frequenti sono gli enjambement, ai versi, 3e 4, 6 e 7, 8 e 9, 10 e 11

Significato:

Buffalo è una poesia che esprime il senso dell’occasione come evento improvviso e inaspettato, e dietro al
quale non occorre immaginare nessun significato simbolico.

L'uso della parola "NEGRO" è la forma etimologica (dal latino niger) ed è la forma che si è sempre usata (da
“negro” è derivato ad esempio “negriero”, il mercante di schiavi neri), senza che venisse ritenuta offensiva
o razzista.

Commento personale:

Dalla lettura della poesia non si comprende di cosa sta parlando il poeta, soprattutto nei primi versi.

Il poeta crea un ambiente capace di suscitare uno stato di partecipazione, di creare aspettativa e crea una
situazione di suspence, fornisce un’immagine chiara di movimento, di disordine. Sembra che si entri in un
sogno quando pronuncia una parola buffalo. Solo alla fine si dice esplicitamente che si parla di ciclismo.