Sei sulla pagina 1di 56

www.gazzetta.

it Lunedì 7 marzo 2011 1e


Redazione di Milano Via Solferino 28 - Tel. 026339 Redazione di Roma Piazza Venezia 5 - Tel. 06688281 Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano Anno 115 - Numero 55

W W W. T E L E C O M I TA L I A . C O M

ET
DOMANI SU EXTRATIME

DIAVOLO
L’INTERVISTA ESCLUSIVA

Milan, guarda
che Bale!
Ieri ha giocato 20’
con il Tottenham
Mercoledì ci sarà
3 DOMANI IN REGALO

DI UN
ETO’O
ROSSONERI AVVERTIMENTO A CHI INSEGUE

Messaggio Gattuso
«Siamo incredibili»
Galliani: «Kakà? Se rinuncia ai soldi...»
3 BOCCI, PASOTTO e PISAPIA ALLE PAGINE 8-9

Genoa in vantaggio a San Siro, FUTURO DELNERI RISCHIA IL POSTO A CESENA

poi si scatena l’attacco atomico Nedved o Gentile


dell’Inter (5-2) che torna se la Juve crolla
a -5 dalla vetta. In gol Pazzini, E per giugno c’è Spalletti in prima fila
il camerunese (2), Pandev
3 GRAZIANO A PAGINA 16
e Nagatomo (con inchino)
28 a GIORNATA
3 ALLE PAGINE 2-3-4-6
SERIE A
PARTITE CLASSIFICA
4
MILAN 61 BOLOGNA* 36
PROVE DI RIMONTA BOLOGNA CAGLIARI
CHIEVO PARMA
2-2
0-0 INTER 56 GENOA 35
di ALBERTO CERRUTI FIORENTINA CATANIA 3-0 NAPOLI 53 CHIEVO 32
LAZIO 51 SAMPDORIA 31
Effetto San Siro, anzi Leonardo San, con la INTER GENOA 5-2
UDINESE 50 PARMA 29
settima vittoria su sette in casa, sigillata dal JUVENTUS MILAN 0-1
primo gol del giapponese Nagatomo. A due ROMA 46 CATANIA 29
LAZIO PALERMO 2-0
mesi dal suo esordio, il tecnico dell’Inter of- JUVENTUS 41 CESENA 28
LECCE ROMA 1-2 PALERMO 40 LECCE 28
fre un’altra prova di rimonta: 5 reti al Ge-
Samuel Eto’o, noa, per rimanere a 5 punti dal Milan. NAPOLI BRESCIA 0-0 CAGLIARI 39 BRESCIA 25
30 anni giovedì SAMPDORIA CESENA 2-3 FIORENTINA 37 BARI 16
L’ARTICOLO A PAGINA 24 3
BOZZANI UDINESE BARI 1-0 * 3 punti di penalizzazione

FRENATA PARI DEL BRESCIA AL SAN PAOLO ZONA CHAMPIONS BATTUTE PALERMO E BARI PANCHINE K.O. COL CESENA, OGGI SI CAMBIA IL ROMPI PALLONE
Napoli coi nervi tesi Sculli solleva la Lazio Samp, via Di Carlo di Gene Gnocchi

salvato da De Sanctis Di Natale: Udine vola In pole c’è Cavasin Dopo la doppietta con il Genoa
un’altra impresa di Eto’o: ieri sera
3 BOLDRINI e MALFITANO A PAGINA 12 3 ALLE PAGINE 10 11 14 3 GRIMALDI A PAGINA 19 ha trovato il parcheggio.

ATLETICA AGLI EUROPEI INDOOR DI PARIGI NUOTO PRIMATO ITALIANO

La Pellegrini
Di Martino va di fretta
400 sl record
tutta d’oro 3 BOZZA A PAGINA 41

salta
2,01 metri
10 3 0 7>

La pugliese: «Merito BASKET


della mia testardaggine
e di mio marito» Milano cade
9 771120 506000

Nel triplo, Donato argento


con primato a 17.73
anche a Roma
Bene Siena
LE EMOZIONI NON CAMBIANO. 3 ALLE PAGINE 38-39 3 ALLE PAGINE 42-43 IL MODO DI COMUNICARLE, SÌ.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 28a GIORNAT


y IL FILM
Dopo un tempo in apnea
DOMANI
LA ROMA goleada nerazzurra
IN COPPA

Questa
settimana torna
la Champions
League con le
V
prime 4 gare di
ritorno degli
ottavi di finale
(diretta tv su
Sky e Mediaset

INDIAVOLAT
Premium). Ecco
il programma

Domani
ore 20.45
Shakhtar D.
Roma
5’ SECONDO TEMPO
Pazzini apre
(andata 3-2) Dopo l’1-0 per il Genoa nel primo tempo, comincia la
rimonta nerazzurra. Tocco di Maicon per Pazzini che di

Inter, 5 gol
ore 20.45

5 2
piatto destro batte Eduardo: 1-1 RICHIARDI INTER GENOA
Barcellona
Arsenal
(andata 1-2)
777

e un inchino
GIUDIZIO
Mercoledì MARCATORI Palacio (G) al 40’ p.t.; Pazzini (I) al 5’, Eto’o (I) al 6’ e al 12’, Pandev
ore 20.45 (I) al 26’, Nagatomo (I) al 39’, Boselli (G) al 46’ s.t.
Tottenham (4-3-1-2) (4-4-2)
Milan
Julio Cesar; Maicon, Lucio, Ranocchia Eduardo; Mesto, Dainelli, Kaladze (dal
(andata 1-0)

Che risposta
(dal 33’ s.t. Nagatomo), Chivu; Zanetti, 39’ s.t. Chico), Moretti; Konko (dal 29’
Thiago Motta, Stankovic (dal 1’ s.t. s.t. Antonelli), Rafinha, Kucka, Rossi;
ore 20.45 Pandev); Sneijder; Eto’o, Pazzini (dal Paloschi (dal 29’ s.t. Boselli), Palacio.
Schalke 33’ s.t. Kharja). PANCHINA PANCHINA Scarpi, Polenta, Jankovic,
Castellazzi, Mariga, Materazzi, Milanetto.
Valencia Coutinho.
(andata 1-1) ALLENATORE Regno (Ballardini
6’
al Milan
ALLENATORE Leonardo. squalificato).
SECONDO TEMPO
Eto’o opportunista ESPULSI nessuno. ESPULSI nessuno.
AMMONITI nessuno. AMMONITI Kaladze per gioco falloso.
Passa soltanto un minuto e l’Inter è in vantaggio.
Conclusione da fuori area di Pandev: Eduardo si lascia ARBITRO Russo di Nola.
scappare la palla e Eto’o ribatte in rete ANDREOLI NOTE Spettatori 56.322 per un incasso di 1.954.431,00. Angoli: 8-2. Fuorigioco:
2-6. Recuperi: primo tempo 0; secondo tempo 1’.
Va sotto nel primo tempo, poi la
y POSSESSO PALLA PASSAGGI

svolta: Genoa k.o. e ritorno a -5


VENERDÌ INTER 58% GENOA 42% INTER 419 GENOA 305
L’INTER TIRI IN PORTA TIRI FUORI LUCA CALAMAI tempo l’Inter è un oggetto miste-
A BRESCIA IIIIIIIIII II IIIIIII IIIIIII 5 R PRODUZIONE RISERVATA rioso. I motivi? Forse Eto’o e com-
INTER 10 GENOA 2 INTER 7 GENOA 7 pagni avevano ancora negli occhi
MILANO d«E già, e già: io sono e nella testa il «tiro ciofeca» di Rin-
MOMENTI CHIAVE
Mancano due sempre qua». Il ritornello dell’ulti- ghio Gattuso. Questa sfida Mi-
giornate al PRIMO TEMPO 0-1 SECONDO TEMPO mo disco di Vasco Rossi funziona lan-Inter si nutre di risvolti psico-
derby di Milano, 35’ Rasoterra di Eto’o bloccato a terra da c GOL! 5’ Maicon per Pazzini che segna. bene per spiegare il pensiero di Le- logici e la vittoria dei rossoneri
decisivo per lo Eduardo. c GOL! 6’ Eduardo non trattiene, Eto’o in gol. onardo. La sua Inter è «sempre contro la Juve è stata dolorosa
scudetto. Ecco 12’ primo tempo 40’ c GOL! Lancio di Konko per Palacio che
batte Julio Cesar con un violento diagonale.
c GOL! 12’ Numero di Eto’o: recupera palla,
salta due avversari e batte Eduardo. qua». Dormicchia, soffre, si spa- per Eto’o e compagni come un pu-
il calendario di Arriva anche il capolavoro c GOL! 26’ Sneijder a Pandev che realizza. venta, stravince. E, alla fine, resta gno nello stomaco. Risultato? Il
Milan e Inter Numero di Eto’o che recupera palla, salta due avversari c GOL! 39’ Girata vincente di Nagatomo. a meno cinque dal Milan. Tenen- Genoa arriva all’intervallo addirit-
prima della e batte Eduardo. In meno di un quarto d’ora l’Inter ha c GOL! 46’ Boselli segna di testa. do vivo il testa a testa scudetto. tura in vantaggio con un perfetto
sfida del 3 rimontato e chiuso la partita IANUALE Nessuno, però, si faccia inganna- diagonale di Palacio che sfrutta
aprile re dal risultato finale (5-2): per la una mancata copertura
squadra nerazzurra non è stata di Thiago Motta e
una passeggiata di salute. Per un un’incertezza di Chi-
29ª
GIORNATA
Venerdì
ore 20.45
Brescia-Inter

Domenica
ore 12.30
Milan-Bari

30ª 26’ SECONDO TEMPO


Segna anche Pandev
GIORNATA Entrato dopo l’intervallo al posto di Stankovic (ed è stata
la mossa che ha cambiato la gara) anche Pandev trova
Sabato 19 gloria andando in gol su assist di Sneijder EPA
ore 20.45
Palermo-Milan

Domenica 20 L’inchino
ore 15 di Zanetti a Yuto
Inter-Lecce Nagatomo, che
considera il capitano
il suo «senpai» (un
fratello maggiore),
Sotto, «senpai» in
giapponese
GETTY IMAGES

39’ SECONDO TEMPO


La felicità del giapponese
Con una girata in area, Nagatomo segna il suo primo gol
in Italia. Grande festa per il giapponese che era entrato
al posto di Ranocchia dal 33’ della ripresa RICHIARDI
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

Samuel Eto’o, 30
anni il 10 marzo, è
arrivato a 18 gol
in questo
campionato ANSA
Intervallo con il Pazzo
e scatta l’attacco Etomico
L’azzurro e il Re Leone pianificano la rimonta, l’ingresso di Pandev
fa il resto. Pazzini: «Il Milan ci teme, Cassano non deve vincere nulla»
MATTEO DALLA VITE ne, oltre al resto, rimane in men- lan? Sono uno stimolo: vogliamo

TA
OO S. ETO’O G. PAZZINI
5 RIPRODUZ ONE RISERVATA

MILANO d Le prove tecniche di


Tempesta scattano quando è an-
te l’ammissione di non-rigore:
Moretti gli toglie la palla, lui ca-
de, si rialza e dice «no, no» col di-
tino al guardalinee. Magari ave-
vincerle tutte - prosegue Pazzini
-, perché se c’è una cosa che ho
notato in questa squadra è che la
fame di vincere è enorme. L’erro-
29 ANNI 26 ANNI
cora l’intervallo. L’Inter entra in va paura del giallo per simulazio- re di Buffon contro il Milan? E
ATTACCANTE ATTACCANTE campo per il secondo tempo due ne (è diffidato) ma resta è il fatto che c’entra Buffon? La palla non
minuti prima del Genoa: concen- che «si tratta - dice Leonardo - di ha rimbalzato...».
GOL SEGNATI trazione assoluta, pianificazione un bel gesto che dimostra la gran-
di riscossa. Pazzini ed Eto’o si dezza di un campione. Eto’o è su- L’interruttore Pandev Chi rim-

2 1
vu. Ma proprio nel momento più di Pazzini, la genialità di Sneijder mettono vicini, a parlare. Giusto per». E il... super è appunto a quo- balza dalla gioia - Nagatomo a
delicato della stagione l’Inter tor- e la freddezza di Pandev: un po- un minuto, ma molto molto istrut- ta 34 in stagione: 18 in A, 7 in parte - è Goran Pandev: non se-
na a essere una grande Inter. ker da scudetto. L’Inter sta final- tivo. Il Pazzo ascolta tanto, il Re Champions, 1 al Mondiale per gnava dal Mondiale per club
mente imparando a sfruttare nel MINUTI GIOCATI Leone simula i movimenti, gli club, 2 in Supercoppa Italiana, 2 contro il Mazembe, nel frattem-
Colpo di Leo C’è la mano di Leo- modo giusto un centravanti come smarcamenti, finte e controfinte, in Coppa Italia, 4 col Camerun. po è diventato l’arma del

90 75
nardo nel cambio di marcia neraz- Pazzini; Sneijder è più che mai il prepara le strategie di intesa fra i «4-2Fantasia» perché se Leo se
zurro. Il tecnico brasiliano nell’in- padrone della squadra, non a ca- due. Il Pazzo annuisce e aggiun- Antonio, ti prendo Super come il
tervallo ridisegna la sua creatura so Ballardini ha provato inutil- ge, Russo fischia e per il Genoa si Pazzo: mini-digiuno di 2 gare di-
inserendo Pandev al posto di mente a neutralizzarlo piazzando- CONCLUSIONI scatena l’inferno. «All’intervallo - menticato, un gol che spacca la
Stankovic e affidandosi al suo ca- gli Rafinha in marcatura a uomo. fa Pazzini - Leonardo ci ha detto partita. «Avevo già letto qualche
Nel primo tempo il
bomber camerunese
8 1
vallo di battaglia: il 4-2-fantasia. Chivu, Lucio e Julio Cesar non so- una semplice cosa: che doveva- critica - sorride a Inter Channel -
Sembra un tocco di bacchetta ma- no brillanti come al solito e di con- mo cominciare a giocare visto e ci ho riso su, ho capito come ammette che un
gica. L’Inter spuntata del primo seguenza la difesa tende a sbanda- che nel primo tempo non c’erava- funziona... Ogni volta che segno intervento di Moretti
tempo (due conclusioni telefona- re. Ma Leonardo, da quando sie- TIRI IN PORTA mo proprio». Morale: Eto’o fa le l’Inter vince? Bene così, e oggi
te di Eto’o) diventa, di colpo, una de sulla panchina nerazzurra, ha reti numero 33 e 34 in stagione, e vincere era fondamentale: sia- non è da rigore. E lo
dice al guardalinee
4 1
macchina da gol. Sneijder che si collezionato un numero di punti il Pazzo santifica la carica del mo partiti molli, poi in 15’ abbia-
muove tra la linee e Maicon che da record facendo meglio del suo 101˚ gol fra i professionisti. mo chiuso la partita. Quando tro-
macina chilometri sulla corsia di maestro Capello. Ora per saperne viamo i ritmi alti e l’atteggiamen-
destra si trasformano in preziosi di più non resta che aspettare il SPONDE No rigore, sì magie Il Pazzo è sca- to giusti è dura per tutti. Il Mi- la vede brutta ecco che entra lui
trampolini di lancio per una squa- derby di inizio aprile. A proposi- tenato, Samuel Eto’o gioca in ma- lan? Non molleremo niente fino e tutto si trasforma nel 4-2-1-3.

7 6
dra che attacca sempre con to: ieri i tifosi nerazzurri hanno niera stellare. Nel primo tempo alla fine: loro vanno forte, è diffi- Pandev è una sorta di interrutto-
sei-sette uomini. A rompere il dedicato cori velenosi a Balotelli, sembra un «Eto’o contro tutti», cile per noi ma anche per loro re della trasformazione tattica
ghiaccio ci pensa Pazzini (quinto presente in tribuna, e al Milan. Co- nella ripresa ne perché gli stiamo addosso. Il der- leonardiana. «Sono molto con-
centro) che con un piatto destro me se Mario fosse già «vestito» di fa due e infila by sarà decisivo? E’ una gara im- tento per lui - dice Leo -: in que-
chiude nel migliore dei modi una rossonero. poi la pro- portante, ma vanno vinte anche sto periodo ha giocato in tanti
travolgente discesa con assist di pria genti- le altre. Cassano? Ci mandiamo ruoli con funzioni diverse e tor-
Maicon. Poi, inizia l’esibizione di Sbandata Genoa Gli errori dei lezza calci- spesso degli sms, abbiamo un bel nare a fare l’attaccante che cer-
Eto’o. Il camerunense scalda San singoli hanno condannato la squa- stica nelle rapporto: ora spero che lui non ca il gol non è mai facile. Comun-
Siro con un gol d’astuzia su clamo- dra dello squalificato Ballardini. altre realiz- vinca». que, avevo visto già dei migliora-
roso errore del portiere Eduardo. Ingiustificabile la presa-saponet- zazioni. menti a Genova contro la
E il 3-1, la rete che in pratica chiu- ta di Eduardo sul primo gol di Del Re Leo- La fame c’è Per Pazzini i gol con Samp». Il Macedone è al gol nu-
de la gara, è un vero gioiello. Eto’o e le sbandate di Kaladze. l’Inter sono cinque: 2 contro il Pa- mero 2 in campionato e anche
Eto’o ruba la palla a Mesto, lascia Peccato perché, soprattutto nel lermo, uno contro il Bari, lui - e non poco - ha contribuito
sul posto con un’elegante accele- primo tempo, il Genoa ha tenu- uno a Firenze e ieri. «I a scatenare la tempesta sul Ge-
razione Kaladze e beffa Eduardo to banco con un contropie- punti di vantaggio del Mi- noa. Un vero inferno.
con un tocco geniale di sinistro. de ben sviluppato grazie
Tanta roba. Il micidiale Samuel alle aperture di Kucka e
sale a quota diciotto nella classifi- Konko. Paradossalmen-
ca dei cannonieri e firma il suo te il gol di Palacio ha
trentesimo centro stagionale. «addormentato» gli
Una mitragliata di gol. ospiti che si sono risve-
gliati solo in pieno re-
La prima di Yuto Il resto è una cupero con la rete di
passerella trionfale. C’è gloria per testa (la prima in se-
Pandev (generoso assist di rie A) dell’argenti-
Sneijder) e c’è anche la prima rete no Boselli. Il Ge-
nel calcio italiano del giapponese noa ora deve solo Q
Yuto Nagatomo che beffa Eduar- conquistare in Ecco come è
do con una girata da bomber ve- fretta i punti ne- cambiata
ro. Il 5-2 finale regala alcune indi- cessari a conqui- l’Inter dopo
cazioni interessanti: il 4-2-fanta- stare la salvez- l’intervallo.
sia di Leonardo ricorda il micidia- za, poi la palla con uno
le 1-3-1 di Dan Peterson e può sca- tornerà al presi- schieramento
tenare al cento per cento la forza dente Preziosi. molto più
dell’attacco dell’Inter che unisce Per un’altra ri- offensivo
la classe di Eto’o, l’opportunismo voluzione.

PRIMA RETE DEL GIAPPONESE LUCA TAIDELLI che può essere utilissimo. E’ uno che mi dà un’esultanza - spiega l’argentino -, ma sa-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA emozioni». L’interessato non capisce più pevo che quello in Giappone è una segno
niente dalla gioia. Già a Cesena inseguiva di rispetto, ci salutiamo così ogni giorno
Festa per Nagatomo MILANO dIl primo gol in Italia - una fissazio-
ne - è arrivato col piede sbagliato. E nel
giorno che pareva sbagliato. Perché Yuto
in modo ossessivo la prima rete in Serie A,
con Ficcadenti costretto a frenarlo, perché
ci sarebbe anche da difendere. «Questo è
quando Yuto arriva ad Appiano Gentile».
Dove la prima cosa che ha imparato in ita-
liano è «andiamo a mangiare». Un inseri-
col «Senpai» Zanetti Nagatomo sarebbe dovuto entrare ben pri-
ma del 78’. Chivu infatti a inizio ripresa
aveva fatto segno alla panchina che non ce
un regalo di Dio - spiega Yuto - anche per-
ché sono difensore e non dovrei fare gol,
ma in allenamento ci provo e spesso mi rie-
mento lampo, facilitato dallo stesso capita-
no, che Yuto ammette essere il suo
«senpai», che nella struttura piramidale
«Un regalo di Dio» la faceva più per un problema al ginocchio
«e Yuto è stato così rapido a prepararsi che
non ho fatto a tempo a capire che Cristian
sce. Un grazie a tutti, in special modo ai
tifosi. Stasera (ieri, ndr.) festeggio da solo
perché la mia fidanzata è in Giappone. In
giapponese è il compagno più anziano e
superiore in grado. Un fratello maggiore.
Uno che più che comandare, protegge. E
poteva proseguire» racconta Leo. campo volevo esultare in modo speciale, non a caso Zanetti è stato il primo a fidarsi
«Dopo aver segnato, vedevo tutto ma vedevo tutto bianco...». di Yuto anche nel passargli la palla.
bianco...». L’inchino di Zanetti, suo tutor Regalo di Dio Il tecnico sarà il primo a gioi-
re per la prodezza del 24enne di Saijo, che «Senpai» Zanetti Allora alle celebrazioni 55 a ruba Il resto Nagatomo lo fa da sé. La
poi ha preso il posto di Ranocchia e scara- ha pensato capitan Zanetti, appena è riu- sua simpatia è contagiosa. Come la voglia
ventato sotto la traversa un gran sinistro scito a strappare Yuto dall’abbraccio di dei tifosi - giapponesi e no - di comprare la
su assist di Kharja. «Perché essendo un Leo. Se lo è messo sull’attenti di fronte a sé sua maglia fuori da San Siro. A fine gara
giapponese, su Yuto c’erano tanti pregiudi- e ha iniziato con gli inchini, attorniato dai davanti alle bancarelle c’era la coda per ac-
zi - spiega Leo -. Ma io lo conosco bene e so compagni. «Non avevamo preparato quistare la «55».
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 28a GIORNATA


s
Leo batte Capello
IL CAPITANO

IL RECORD Da Zanetti
una dedica
«Chi osa, vince» affettuosa
In 13 gare, 33 punti: «E pensare che non volevo R La sua maglia sulla
fare l’allenatore. Ma Fabio resta il mio maestro» Leonardo
nelle prime 13
bara del ragazzo
partite con l’Inter morto assiderato
LUCA TAIDELLI 14 i punti guadagnati nei se- arrivare al derby a -5? Non fac- (11 vinte, 2 perse)
5 RIPRODUZIONE RISERVATA condi tempi dell’era Leo. «E cio calcoli, ma preferirei essere ha ottenuto 33 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
contro la squadra che sino a ie- più vicino. Anche se ora penso punti. È il nuovo
MILANO dPiù lo tiri su, più lui si ri in trasferta aveva subito me- soltanto al Brescia». record della A MILANO Capitan Zanetti ha fe-
fa da parte. E’ il paradosso di no gol di tutte. Uscire alla di- steggiato ieri la 400ª vittoria
Leo, allenatore «per caso» che stanza è la conferma che questi Cambiasso e Milito Sfida che sa- in nerazzurro (ci sono anche
con l’undicesima vittoria nelle ragazzi vogliono la vittoria a rà anche l’antipasto di Cham- 192 pareggi e 145 sconfitte in
prime 13 panchine di campio- tutti i costi e che fanno meglio pions, quindi decisiva per ca- 737 presenze). Tre punti pe-
nato ha battuto il record di Ca- quando osano più che ragiona- pire se a Monaco torneranno santi per la corsa scudetto. Ep-
pello (33 punti a 32) e tenuto re. Quando sono arrivato abbia- Cambiasso e Milito. «Diego pure, conoscendolo, il gesto
vivo il sogno scudetto. mo dovuto dare un’accelerata venerdì non ci sarà di sicuro, più importante della sua gior-
per rientrare utilizzando ogni ma è presto per dire che salte- R nata è stato donare la propria
Paradossi e disabitudini «Essere risorsa, poi resistere. E ora sia- rà per certo anche il Bayern. Capello nel maglia, posta ieri sulla bara di
accostato al mio maestro è il ve- mo in crescita, perché si entra Cambiasso è un po’ più avan- 2004-05 nelle Daniel Busetti, il ventenne
ro paradosso - spiega Leo dopo ti». prime 13 gare con morto assiderato mentre scap-
la rimonta sul Genoa -. Capello la Juve (10 vinte, pava in preda allo choc dopo
è quello che mi ha portato in Berlusconi non c’entra Quella 2 pareggiate, 1 un incidente. Sulla bara bian-
Italia e mi ha aiutato. E’ uno
«La battuta sulla che non torna di sicuro è la po- persa) ottenne 32 ca posta al centro della chieset-
dei più grandi della storia del formazione non era lemica con Berlusconi. Fedele punti ta dell’Addolorata di Martinen-
al basso profilo, Leo infatti go (Bergamo) è stata stesa la
calcio». Alle cui sfuriate però su Berlusconi, ma su prende la parola per cancellare maglia che Javier Zanetti in-
Leo giura di non essersi ispira- Moratti». Che ci pure l’unico guizzo della confe- dossava nella finale di Cham-
to per scuotere i suoi dopo un
primo tempo indolente come scherza sopra: «Non renza di sabato. «Il mio "per la pions. Sul numero 4 il calciato-
formazione devo prima parla- re ha scritto una dedica: «A Da-
se fossero a un pic-nic. «E’ più mi ha messo Recoba» re con il presidente" è stato ma- niel con affetto il capitano del-
facile essere se stessi che imita- le interpretato. Moratti mi la tua squadra - Zanetti».
re Fabio, Mourinho o il mio mi- aspettava per il pranzo, tutto
to Tele Santana. I ragazzi sape- nella fase decisiva della stagio- lì». Infatti il numero uno dell’In- Ranocchia E a Daniel sarebbe
vano da soli di aver dato poco a ne». ter sta al gioco: «Non mi ha vo- piaciuta tanto la grinta di Ra-
livello fisico, mentale e di rit- luto schierare Recoba...». nocchia. «Abbiamo giocato un
mo. Sono una squadra orgo- Gattuso e i segnali Ma se gli no- bruttissimo primo tempo sba-
gliosa, che sta facendo cose fan- mini il Milan, scatta il drib- Allenatore per caso E avanti co- gliando completamente l’ap-
tastiche, andando oltre i propri bling sistematico. «Decide tut- sì, a dare i meriti ai suoi e a proccio - ha detto il difensore -.
limiti. Forse non erano abituati to il derby? Quella è una gara schermirsi. «Nella vita non ho Nell’intervallo è bastato che ci
a giocare di pomeriggio, hanno sempre speciale a prescindere mai programmato niente. guardassimo negli occhi per
accusato il caldo, si sono allun- dalla classifica. Ma ci sono an- Non volevo nemmeno fare capire che così non poteva an-
gati e hanno lasciato al Genoa cora dieci partite, di cui due pri- l’allenatore. Non penso al fu- Q dare. Il Milan? Noi non mollia-
sempre più campo. E il gol». ma di quella». Vabbé, però turo, figuriamoci se guardo Leonardo, 41 mo mai e ai loro ottimi risulta-
quella «ciofeca» di Gattuso alla ad eventuali meriti personali. anni, durante la ti stiamo rispondendo colpo
Carattere e momento decisivo Juve... «In effetti lui non fa mai Mi giudichino gli altri». Per ora sfida vinta 5-2 su colpo, per poi giocarci tutto
Ma lì è scattato qualcosa. Il soli- gol. E poi di sinistro. Forse so- lo giudicano i numeri. L’allena- contro il Genoa nel derby».
to qualcosa, visto che sono già no segnali. Se sarei contento di tore «per caso» è nella storia. IANUALE lu.tai.

di LUCA CALAMAI
INTER SNEIJDER LEADER, PANDEV CARTA PREZIOSA GENOA KUCKA HA DEI NUMERI

7
Parte con il
R 7,5
L’ALLENATORE
Leonardo
Poco reattivo per tutto il primo
h 8,5
IL MIGLIORE
Eto’o
Partecipa, da attore protagonista o
5
Si dissolve
S5
L’ALLENATORE
Ballardini
Squalificato (in panchina Regno),
h7
IL MIGLIORE
Palacio
Con un diagonale da killer fa venire
freno a mano dopo un primo
tirato poi, tempo. Come la sua squadra. da preziosa comparsa, alle prime tempo piazza correttamente Rafinha alle i brividi all’Inter. Gol bello ma
nella ripresa, Poi si affida al 4 2 fantasia, il quattro reti. Devastante. Mezzo fantastico. costole di Sneijder. Quando l’Inter inutile. Chiude una prova più che
travolge gli suo marchio di fabbrica. E voto in più per aver segnalato Ha bisogno di decolla, però, la panchina tarda a positiva servendo l’assist a
l’Inter decolla. Scelta vincente. all’arbitro che non c’era un rigore. operare le giuste contromosse. Boselli. Un talento ritrovato.
avversari un leader

6 7 6 6 5,5 6 4 5,5 6 4,5 5,5 6


Julio Cesar Maicon Lucio Ranocchia Chivu Zanetti Eduardo Mesto Dainelli Kaladze Moretti Konko
Non è reattivo Dormicchia per Arrembante. Una piccola Non c'è quando Il capitano non Un disastro. Eto’o con una Fa a sportellate Ha sulla Difende con il Confeziona
sul diagonale un tempo. Poi, Spesso macchia sul gol Palacio porta il è brillante regala il magia gli fa con il vecchio coscienza un coltello tra i l’assist per il
vincente di cambia motore. confusionario. di Palacio. Però Genoa in come al solito. secondo gol sparire il amico Pazzini. paio di gol. Da denti la sua gol di Palacio
Palacio. Dal diesel, al Però ci mette dimostra di vantaggio. Recita all’Inter. C’era pallone e l’Inter E’ l’unico dei ex milanista zolla di campo con un bel
Ma non è turbo: diventa cuore e avere talento e Si sveglia il suo compitino bisogno di va a segno. difensori del sono ma quando lancio. Poi si
tempo di padrone della impegno. Nel personalità quando aggrappandosi andare in Distrazione che Genoa a non «macchie» Maicon mette mette a fare
miracoli fascia destra. primo tempo è risolvendo Leonardo fa a dosi Portogallo per macchia perdere la ancora più il turbo finisce legna in mezzo
per il portiere Bello l’assist uno dei pochi a situazioni scaldare industriali di trovare un una partita testa nella gravi. per essere al campo con
brasiliano. per Pazzini. combattere. complicate. Nagatomo. esperienza. portiere così? positiva. ripresa. (Chico s.v.) spazzato via. risultati onesti.

6 5,5 7 6,5 7 6,5 6 6 5,5 6 6 6


T. Motta Stankovic Sneijder Pazzini Pandev Nagatomo Rafinha Kucka Rossi Paloschi Antonelli Boselli
Non convince Un paio di Sfiora il gol con Si sblocca Entra e Il piccolo Nel primo Ha numeri Si batte come E’ il suo derby. Entra a partita Realizza il suo
al cento per conclusioni una punizione. dopo un partecipa alla samurai si tempo è interessanti. E’ un leone ma Sfiora il gol con ormai chiusa primo gol in
cento nel ruolo sbilenche a Poi, si diverte a mini digiuno festa Inter con traveste da bravo su un gioiello anche lui una scivolata a ma regala serie A con un
di playmaker. testimonianza mandare in gol i che cominciava gol e assist. Se Inzaghi e Sneijder. grezzo da non finisce per portiere qualche colpo colpo di testa
Soprattutto di una compagni con a innervosirlo. accetta il ruolo realizza un gol Quando perdere di essere travolto battuto. interessante. in tuffo.
quando è domenica nata tocchi Sta di dodicesimo in girata. va in riserva, vista. Deve dal ciclone Prezioso il Un giovane da Uno
chiamato a storta. millimetrici. cominciando a titolare può Quando tocca il l’olandese incidere di più Maicon. Ma è suo lavoro in riscoprire. zuccherino in
proteggere la Perde pure Sempre più capire l’Inter. diventare una pallone San diventa in fase l’ultimo ad pressing. Esce una domenica
difesa. molti contrasti. leader. (Kharja 6) carta preziosa. Siro si accende. imprendibile. conclusiva. arrendersi. stremato. molto amara.

TERNA ARBITRALE: RUSSO 5,5 Si dimentica i cartellini, Lucio e gli altri giocatori ringraziano. L’arbitro, invece, ringrazia Eto’o per avergli segnalato che non c’era rigore su di lui. Passeri 6 - Dobosz 6
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

Il modo di comunicarle, sì. Negli anni Settanta la cabina telefonica era ormai diffusa ovunque.
E poter comunicare le proprie emozioni anche lontano da casa appariva come una grande libertà. Oggi quella libertà è resa quasi
illimitata dal Wi-Fi, dalle chiavette Internet, dalle videochiamate. Perché le tecnologie si evolvono. Ma a ben guardare, le emozioni
sono sempre le stesse. E aiutarvi a comunicarle in modo nuovo è la parte del nostro lavoro che amiamo di più. www.telecomitalia.com
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 28a GIORNATA


Mario Balotelli,
20 anni, ieri a y GENOA TIENE BANCO IL MERCATO

San Siro
beccato dai
LE LITI Criscito-Zenit
BALO
tifosi LORENZINI
PHOTOVIEWS INTERISTI Oggi la verità
L’amore tra sulla cessione
Balotelli e i
tifosi interisti è
finito l’anno Regno: «Nerazzurri da paura»
scorso. Due gli
episodi che
Eduardo, altro errore pro-Inter
hanno fatto
arrabbiare il
popolo
nerazzurro con
SuperMario.

Striscia

Balotelli a San Siro A Striscia la


Notizia, Balotelli
indossa la
maglia del
Milan.

fa piovere i fischi
Le due papere di Eduardo: andata e ritorno PHOTOVIEWS
Gestaccio
Al termine di ALESSIO DA RONCH
Inter-Barcello- 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
na, andata della
semifinale di MILANO d«Quest’Inter è più forte del Milan. Se i

Dal pubblico nerazzurro cori contro l’ospite SuperMario Champions,


Balotelli si toglie
rossoneri avranno un cedimento sono sicuro
che sapranno approfittarne. Non dovrei farlo,
la maglia ma dopo averli visti da vicino mi sbilancio». Car-
che poi va negli spogliatoi dagli ex compagni e da Moratti dell’Inter e la lo Regno ha esordio a San Siro come allenatore
del Genoa per la squalifica di Ballardini, ed è
scaraventa a
terra. uscito impressionato dai nerazzurri. E pensare
che per 45’ deve aver covato pure il pensiero di
MATTEO DALLA VITE pronunciando più volte il no- conquistare un successo speciale. «Non ci erava-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA me di Ibra. E nel prossimo del mo illusi. Vi assicuro che nello spogliatoio erava-
3 aprile potrebbe tornare. mo lì a dirci di restare concentrati, attenti, per-
MILANO dA un certo punto sem- ché quest’Inter poteva reagire in maniera decisa
bra un po’ lo spogliatoio di I viaggi di Balo Occhiali da sole, e che non avevamo ancora fatto nulla. Poi...».
una stagione fa: Balotelli va a t-shirt grigia, doppia catenona
salutare gli ex compagni dopo al collo, biondo in testa. E un Note positive Poi il suo Genoa si è liquefatto, tra-
il 5-2, tante facce di ieri con gossip immediato: andrà a ce- volto più dai suoi stessi errori — come quello sul
Massimo Moratti che è già lì a na con Galliani, scatteranno i primo gol di Eto’o del portiere Eduardo, già «de-
complimentarsi coi suoi. Ciao primi passi per un futuro nella cisivo» contro l’Inter all’andata — che dalle pro-
qui, come stai là, insomma sua squadra del cuore, il Mi- dezze degli avversari. Anche la sconfitta di Cata-
nia una settimana fa è arrivata con lo stesso co-
sembra di essere nell’Inter del- lan. Gossip o verità si vedrà. Di
pione: gran primo tempo, chiuso in vantaggio, e
lo scorso anno. Sembra però, certo, sorprende la sua vivaci- black out improvviso all’inizio del secondo. «Ma
perché tutto ciò che è capitato tà nel viaggiare: sabato ha gio- GLI AVVERSARI DI CHAMPIONS
secondo me quella è stata più grave, perché lì sì
poco prima di quella visita è cato (male) contro il Wigan, dovevamo portare a casa i punti. Qui era comun-
stato molto, molto diverso. giovedì andrà a Kiev per gli ot- Manca il sostituto, Van Gaal resta? que difficile. Solo grande attenzione e concen-
tavi di Europa League. Qual-
Torna al derby? A differenza che giorno fa, Roberto Manci- E il Mainz scavalca il Bayern (5˚) trazione ci avrebbero salvati, ma paghiamo an-
cora qualcosa da questo punto di vista e a una
dello scorso anno, infatti, c’è ni aveva detto: «Ho l’impres- Cinque ore di riunione ieri dei boss del Bayern a casa Rummenigge: prima parte molto buona è seguita una seconda
un’accoglienza di San Siro du- sione che Balo non mi ascolti». tema l’esonero di Van Gaal. Nessuna decisione ufficiale (sarà data molto brutta. Mi conforta, semmai, il gol di Bo-
ra e scorticante, mai udita pri- I cori li avrà sentiti. Di certo il oggi), ma la difficile ricerca di un sostituto all’altezza ha fatto selli, dimostra che ci abbiamo provato fino in
ma: Mario Balotelli viene in- famoso lancio della maglia-In- guadagnare terreno all’allenatore olandese. lntanto gli eurorivali fondo. Questa è la mentalità giusta, ma non
sultato e invitato dalla Curva ter non è mai andata giù. dell’Inter hanno perso un altro posto in classifica. Ieri il Mainz ha l’unica nota positiva: anche Paloschi è in cresci-
Nord a restare... alla larga. vinto in trasferta e ora i bavaresi sono quinti. ta, mentre Konko è finalmente a posto».
Non l’ha presa bene Mario ma E Prandelli? Ieri Balo - nel par- I risultati di ieri: Friburgo Werder Brema 1 3; Amburgo Mainz 2 4.
- dice chi lo conosce bene - non terre - non è riuscito nemme- Classifica dopo la 25ª giornata: Borussia Do. 61; Leverkusen 49; Oggi via Criscito? Intanto oggi s’attendono noti-
a tal punto da evitare lo stadio no a incontrare il suo c.t.: Pran- Hannover 47; Mainz 43; Bayern 42; Norimberga 39; Friburgo, zie da San Piteroburgo per Mimmo Criscito. Do-
in futuro. «Fuori dai co...» è il delli era lì a vedere Inter-Ge- Amburgo 37; Hoffenheim 33; Schalke 30; Colonia 29; St.Pauli, po la vittoria nella Sipercoppa russa Luciano
coro meno abrasivo per lui, lui noa ma i due non si sono incro- Eintracht, Werder 28; Wolfsburg 26; Kaiserslautern, Stoccarda 25; Spalletti conta d’avere un rinforzo a sinistra. Co-
che ha rivisto San Siro 3 mesi ciati. Un salutino, forse, Cesa- Borussia M. 22. me alternativa più economica lo Zenit sta pen-
dopo quel derby che salutò re se lo sarebbe aspettato. sando a Lukovic dell’Udinese.

63o TORNEO DI VIAREGGIO


COSÌ A LIVORNO ALLE 15
Fiorentina-Inter, una finale infinita DIRETTA SU RAI SPORT 2 VIOLA RECORD
FIORENTINA (4-3-3)
1 SECULIN
INTER (4-3-3)
1 BARDI
Sindaco assente
La stella di Corvino Tanto viola Inter dubbiosa Un po’ di dubbi
Nel 2009 il duello quindi oggi pomeriggio, ci sa- in casa Inter, uno riguarda la
2 PICCINNI 8 NATALINO per protesta
5 FATICCIONI 2 BENEDETTI
per lo scudetto ranno anche Sinisa Mihajlovic presenza di Moratti, in tribuna 24 CAMPORESE 6 KYSSEL Arbitro Rizzoli
e Pantaleo Corvino in tribuna. ci sarà di sicuro Branca. Il tecni- 3 ROMITI 3 BIRAGHI
Allievi (ai viola), oggi Il d.g. rincorre il decimo titolo co, Pea, in attacco dovrà scio- 21 SALIFU
4 AGYEI
16 ROMANÒ
10 CRISETIG
VIAREGGIO La Fiorentina torna
giovanile («Per me sarebbe co- gliere il nodo Alibec (botta al in finale alla Coppa Carnevale e
rivincita a Livorno me cucirsi la stella in petto» ha ginocchio col Genoa). Squalifi- 8 TADDEI
7 AGOSTY
13 JRASEK
22 LUSSARDI
prova a infilare il successo
numero 9 nel torneo, un primato
ammesso). Un titolo Berretti a cato Thiam, rientra Lussardi 9 IEMMELLO 18 ALIBEC che oggi condivide con il Milan a
DAL NOSTRO INVIATO Casarano, Giovanissimi a Lec- che potrebbe giocare in attacco 10 CARRARO 20 DELL’AGNELLO quota 8. Dietro di loro c’è la
GAETANO IMPARATO ce, poi 2 scudetti, 2 coppe Ita- al fianco delle altre due punte. All. BUSO All. PEA Juventus con 7, mentre l’Inter è
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
lia e 2 supercoppe Primavera C’è attesa anche per vedere Cri- PANCHINA 12 Miranda, PANCHINA 21 Gallinetta, arrivata a 5.
ancora a Lecce, oltre allo scu- setig (tra i migliori dell’Inter al 13 Bagnai, 15 Bittante, 16 Pa- 4 Faraoni, 5 Galimberti, 7 La finalissima, Fiorentina-Inter, si
natti, 17 Baccarin, 18 Sefero- Mannini, 9 Carlesen, 14 Kna-
detto Allievi nel 2009 con i vio- Viareggio) sfidare la mediana vic, 19 Grifoni, 11 Matos smullner, 19 Bessa, 23 Ta lo giocherà al Picchi di Livorno. Uno
VIAREGGIO (Lucca) dNella finalis- spostamento di sede deciso
la (in finale proprio contro l’In- viola. In difesa confermatissi- ARBITRO Rizzoli di Bologna giorni fa per offrire alle squadre
sima del Viareggio le tonalità ter). «La Fiorentina punta mol- mo Benedetti (figlio dell’ex ter- GUARDALINEE Ghiandai - Giordano un prato in perfette condizioni.
del viola sono predominanti. to sul vivaio con l’ulteriore han- zino di Torino e Roma, tra i mi- PREZZI gradinata 20 euro; tribuna 30; tribuna centrale 40 Uno spostamento che però ha
Lo stadio Picchi di Livorno (ore dicap di dovere affittare campi gliori nel ruolo), con Natalino TV Diretta su Rai Sport 2 scatenato polemiche in Versilia,
15) vestirà i colori della Fioren- di allenamento in ogni zona di esterno (Benitez l’aveva svezza- tanto che il sindaco di Viareggio,
Firenze e circondario» ricorda to in prima squadra, con Ali- ALBO D’ORO (ultime edizioni), si interrompe Lunardini, ha fatto sapere che
tina. Che beffa per Dell’Agnel- nuovamente la striscia della Juventus, che diserterà per protesta la gara e
lo e Bardi, punta e portiere del- il dirigente. La Fiorentina (già bec) e la garanzia Bardi, il para- negli ultimi 10 anni aveva vinto 5 edizioni: lo stadio livornese. Ad arbitrare
in finale anche di Coppa Italia rigori: 1 a Polenta del Genoa e 2010 Juventus, 2009 Juventus, 2008 Inter, la finale dell’edizione numero 63
l’Inter, livornesi doc: giocare la 2007 Genoa, 2006 Juventus, 2005 Juven-
contro la Roma) è orientata a 2 all’Atalanta in semifinale tus, 2004 Juventus, 2003 Juventus, 2002 In- sarà la stessa terna che sabato
partitissima del calcio giovani- schierare stessa formazione, e (ma ne aveva parato uno al Cit- ter, 2001 Milan, 2000 Empoli, 1999 Milan, ha diretto Juventus-Milan,
le nella propria città ma da 1998 Torino, 1997 Bari, 1996 Brescia, 1995 guidata da Rizzoli di Bologna.
Kysela e Natalino festeggiano modulo (4-3-3) di quarti e se- tadella in campionato: l’unico Torino, 1994 Juventus, 1993 Atalanta, 1992
«stranieri» a casa. Bardi, pararigori dell’Inter PEGASO mifinale. fischiato contro i nerazzurri). Fiorentina, 1991 Roma.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

Il modo di comunicarle, sì. C’erano una volta le nonne, che leggevano le storie della buona notte
alle nipotine, che le ascoltavano meravigliate. Oggi, per fortuna, quelle nonne e quella meraviglia ci sono ancora. E poco importa se una favola
è scritta su un libro o se si illumina sullo schermo di un e-book reader o di un tablet. Perché le tecnologie si evolvono. Ma a ben guardare, le
emozioni sono sempre le stesse. E aiutarvi a comunicarle in modo nuovo è la parte del nostro lavoro che amiamo di più. www.telecomitalia.com
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R
#
LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A VERSO LA CHAMPIONS


ALESSANDRA BOCCI

Un altro ringhio
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO dZlatan Ibrahimovic


lo ha detto chiaro e forte: «Il
Milan non è pronto per conqui-
stare la Champions». Così, con
il suo tipico tono realpolitik, lo
stesso che usa per dichiarare
«Mou è un grande, vince quin-
di ha ragione». Ma Rino Gattu-
so è un’altra cosa. Rino Gattu-
so è un romantico, dice cose
d’altri tempi, si butta nelle ris-
«Attenta Inter, il Milan
se come si usava quando il cal-
cio non era showbusiness e poi
dice che tutto passa andando
a bere una birra insieme. Gat-
tuso è controcorrente e un po’
non è la Longobarda»
ci gioca, segna il gol che forse
vale lo scudetto e lo definisce Dopo il gol alla Juve, Gattuso avvisa gli inseguitori: «Questo
una ciofeca, che oltre a essere
metaforicamente una schifez- gruppo è incredibile. E ricordatevi: abbiamo una storia»
za è, letteralmente, la parte in-
feriore del carciofo pieno di
spine. Ecco, Gattuso è così, spi-
noso, ma quando parla trova ra, ma non siamo primi in clas- la squadra, visto che da squali-
sempre il modo di far ridere.
«Sembra che il Milan non ab-
bia vinto niente, sembra che
«A volte ci trattano
come una squadretta,
sifica in serie A da 18 giornate
per caso, dobbiamo andare a
Londra e provarci. Sono sicu-
ficato non potrebbe nemmeno
stare in panchina con i compa-
gni. Starà a casa a curarsi per-
L CLIC
siamo la Longobarda, una ma vadano a vedere i ro che avremo un po’ di rabbia ché il ginocchio ferito all’anda- SQUADRA DA... CINEMA
squadretta». La Longobarda, nostri trofei in via in più per quello che è succes- ta contro il Tottenham dà an- ALLENATA DAL MITICO
roba da film comico, ma Gattu- so a San Siro, dove non merita- cora fastidio, e intanto pensa ORONZO CANÀ
so aggiunge che a guardare il Turati. A Londra sarà vamo di perdere. I ragazzi po- alle prossime tappe scudetto.
palmares del Milan gli avversa- dura, ma io ci spero» trebbero farmi un regalo, po- «Questo gruppo è incredibile,
ri hanno poco da divertirsi. trebbero mettere qualcosa in tenere a bada Ibrahimovic tut-
«Basta andare in via Turati ed più anche per me». ta la settimana non è facile.
entrare in una stanza per vede- Londra con un centrocampo Ibra non sta mai zitto, abbia-
re cosa è stato il Milan in que- incerottato e poche chance di Rabbia Per Gattuso che non ci mo tanti campioni e in allena-
sti anni. Ci vuole rispetto». ribaltare il risultato contro il sarà perché fra le tante spine mento diventa sempre più du-
Tottenham in Champions. Ri- del carciofo è inclusa la scena- ra: nessuno vuole perdere,
Leader E’ sempre lui a lanciare no sa che il momento è diffici- ta con Joe Jordan, il viceallena- ognuno dice la sua e anche il
le sfide e anche gli allarmi. Me- le, per questo nell’intervista ce- tore degli Spurs, che gli ha pro- mister ogni tanto si arrabbia. «L’allenatore nel pallone» è
si fa fu il primo a arrabbiarsi lebrativa a MilanChannel chie- curato quattro giornate di C’è tanto agonismo che a volte un film del 1984 e racconta
per i troppi punti persi. «Se si de ai compagni un regalo che squalifica (più una assicurata deve interromperci. Dobbia- le imprese della
va avanti così l’Inter ci raggiun- sarebbe graditissimo dopo il da una normale ammonizione mo stare tranquilli». Ma ricor- Longobarda, squadra di
ge». Ora, a due giornate dal gol rossonero numero dieci se- da diffidato). Rino si prepara a dare con rabbia, anche. «Per- calcio allenata da Oronzo
derby di Milano, è lui a carica- gnato sabato a Torino. «Con- tifare da lontano: difficilmen- ché il Milan ha una storia, non Canà (Lino Banfi), nella foto
re i compagni in partenza per tro il Tottenham sarà molto du- te andrà a Londra a sostenere siamo mica una squadretta»

JUVENTUS-MILAN 0-1 BALLO DI GRUPPO


Il Milan in festa dopo l’1-0 di Torino che dà ancora
Decide Gattuso un buon margine di vantaggio sull’Inter PHOTOVIEWS
a metà ripresa
MARCATORE Gattuso al 23’ s.t.
JUVENTUS (4-4-2) Buffon 5; Sorensen
5,5, Barzagli 5,5, Chiellini 6, Traorè 6
(dal 40’ s.t. Bonucci s.v.); Krasic 5,5, F.
Melo 6,5, Marchisio 5,5, Martinez 4,5;
Toni 5 (dal 18’ s.t. Iaquinta 5,5), Matri 5
(dal 36’ s.t. Del Piero s.v.). (Storari,
Motta, Grygera, Buchel).
All. Delneri 4,5.
MILAN (4-3-1-2) Abbiati s.v.; Abate 6,5,
Nesta 6,5. T. Silva 6,5, Jankulovski 6,5;
Gattuso 7, Van Bommel 6, Flamini 6;
Boateng 6 (dal 1’ s.t. Robinho 5,5);
Ibrahimovic 6, Cassano 5 (dal 26’ s.t.
Seedorf 6). (Amelia, Sokratis,
Emanuelson, Yepes, Didac).
All. Allegri 6,5.
ARBITRO Rizzoli di Bologna 6.

PARLA IL VICEPRESIDENTE ROSSONERO


che dà agli altri, per l’animo da
x ZOLA A «GAZZATEO»

Galliani: «Kakà costa troppo guerriero. Ora non è in un mo- HA DETTO «A Londra
mento brillantissimo, ma an-
che così il suo apporto alla squa- su Merkel sarà Pato
dra è molto elevato». Sul futuro Se fosse per l’arma in più»
ma se rinuncia ai soldi...» dello svedese, però, parrebbe
comparire a sorpresa qualche
punto interrogativo. Ieri il suo
procuratore Mino Raiola, a «7
me giocherebbe
il ritorno degli
ottavi di
Champions
Conosce bene il calcio inglese
e conosce bene Londra, dove
il Milan dopodomani affronterà
menica Sportiva», ha parlato di Gold», ha lanciato quella che mercoledì il Tottenham. Ecco come
E intanto Raiola tutto: «Il derby non deciderà lo sembra una provocazione: «Se a Londra Gianfranco Zola vede la sfida
avvisa: «Non è scudetto. Complimenti ad Alle- MERCATO Zlatan rimarrà al Milan sino a di White Hart Lane. «Il Milan ha
gri, s’è rivelato duttile: piazzan- fine carriera? No, prima di tutte le possibilità di passare il
detto che Ibra do con successo Boateng e Ro- Braida in tribuna a Bologna smettere farà altri tre trasferi- turno — ha detto ieri l’ex

rimanga 4 anni»
binho sulla trequarti, Ambrosi- spia Astori e Della Rocca menti. Magari rimarrà in rosso- su Mexes tecnico del West Ham a
ni centrale e Pirlo mezzala. A nero per tutti e quattro gli anni Per ora è un "GazzaTeo" —. Il Tottenham è
Londra? Io farei giocare Merkel BOLOGNA C’era molto movimento, ieri pomeriggio, del suo contratto, ma decidere- giocatore della una grande squadra, ma è
MARCO PASOTTO con Seedorf davanti alla dife- in tribuna a Bologna per parlare di mercato. La mo nel 2012, anche in base ai Roma, ma se si giovane e inesperta. Un
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
sa». Infine sul ritorno di Kakà: presenza di Ariedo Braida, d.s. del Milan, ha risultati». Pochi giorni fa Ibra ci dovesse consiglio ai rossoneri? Giocare
«Ricardino guadagna troppo, intensificato il rincorrersi delle voci. In realtà, il aveva assicurato che il Milan sa- liberare a viso aperto, perché loro non
MILANO d«Bale? Speriamo che anche perché paga meno tasse. dirigente rossonero ha sfruttato la vicina trasferta rebbe stata la sua ultima squa- su di lui ci sarà saranno attendisti e quindi in
gli torni il mal di schiena...». Mi spiace che abbia dei proble- del Cagliari come occasione per tenere d’occhio dra: sarà il caso che giocatore e anche il Milan difesa qualcosa concederanno
mi a Madrid, ma per tornare da dal vivo il difensore Astori e rendersi conto dei agente si mettano d’accordo. senz’altro. Il Milan dovrà
Adriano Galliani scherza, an-
noi dovrebbe ridursi di un bel progressi fatti dal giocatore che è in comproprietà essere bravo ad
che perché 24 ore dopo la vitto- po’ lo stipendio... Possiamo per- proprio con il club sardo. Ma Braida ha colto Il cavaliere a teatro Domenica approfittarne. A livello tattico
ria di Torino l’umore è ancora metterci l’ingaggio di un solo l’occasione per osservare pure Della Rocca, sul prossima, intanto, sono in pro- direi che paradossalmente per
molto alto. Ma certo è che il Tot- Ibra» quale c’è l’interesse dell’Inter. Presente anche gramma al Teatro Manzoni di i rossoneri sarà più semplice
tenham, assieme al suo uo- l’agente Pablo Betancourt. Dopo aver portato Milano le celebrazioni per i 25 rispetto all’andata. Su chi
mo-vetrina, non gli permette Futuro da valutare Ibrahimovic Gaston Ramirez, è al lavoro col Bologna per due anni di Berlusconi alla guida punto? Pato: con la sua
un grande relax. Lo stesso vale che segna poco non preoccupa uruguaiani: Angel Cayetano (Danubio) e Nicolas del Milan: una serata speciale velocità potrà far male agli
per l’Inter, rimasta nella scia l’a.d. «Abbiamo puntato su di Rodriguez (Wanderers Montevideo). alla presenza del premier e di inglesi».
rossonera. Galliani ieri alla «Do- lui per la sua forza e per quella tutta la squadra.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R #

va lasciato l’Olimpico in stam- Doppio Defoe In realtà è pessi-

Boateng pelle con la caviglia molto gon-


fia, e ieri la situazione non era
migliorata. La risonanza ha
confermato il trauma distorsi-
vo e la necessità di ricorrere a
Tottenham ma l’uscita di Gomes, come
quella al 20’ che permette a
Doyle di beffarlo di testa per
l’1-0. Allora ci pensa Defoe,
che nel giro di 5’ porta in van-

non ce la fa una terapia di particolare «im-


patto» per tentare il miracolo.
Inutile dire che Prince era uno
dei migliori assi nella manica
di Allegri per tentare di ribalta-
ripreso taggio gli Spurs con due colpi
da biliardo da fuori area dritti
all’incrocio. Al 40’ difesa
Spurs sempre imbambolata e
Hutton da ultimo uomo tira

Pato è ok re lo 0-1 dell’andata. Domani


il nazionale ghanese effettue-
rà nuovi esami strumentali e si
capirà se sarà convocabile per
White Hart Lane.
Torna Bale giù Milijas: rigore che Doyle
trasforma ma solo giallo per il
difensore. Poi l’ultimo vantag-
gio Tottenham con Pavlyu-
chenko in apertura di ripresa.
Rebus centrocampo per Varie opzioni Allegri ovviamen-
Gli Spurs raggiunti nel finale. Il Il ritorno di Bale A 20’ dalla fine
entra Bale, assente dal 22 gen-
Londra. Il brasiliano recupera te non si arrenderà fino all’evi-
denza del forfait, ma cono-
terzino rientra: ci sarà in coppa naio per sciatica. Il gallese vo-
lante con una cavalcata palla
scendo la situazione sta già va-
MARCO PASOTTO al piede di 40 metri dimostra
lutando altre ipotesi. Il deno-
subito di essere in forma e due
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
Senza il ghanese, si minatore comune sarà l’utiliz-
minuti dopo con uno scatto
MILANO dLa diagnosi è quella scalda Seedorf: con zo di Flamini e Seedorf. Con breve sfiora il gol. Nel finale
l’olandese impiegato sull’ester-
che si era immaginata già a fi- lui potrebbe giocare no, in mezzo alla mediana po-
dentro anche Lennon, in pan-
ne partita: distorsione alla ca- Merkel. Rientra china per precauzione. En-
trebbe essere avanzato Thiago trambi ci saranno mercoledì,
viglia destra. Sulla prognosi,
invece, da Milanello non arri- Zambrotta, ma andrà Silva. Con Clarence in regia, in dubbio Van der Vaart (pol-
in panchina due opzioni: Merkel (Gattuso paccio) e King (adduttori): ie-
vano certezze: «Il calciatore è squalificato) accanto al-
verrà monitorato quotidiana- ri non convocati.
l’olandese, oppure l’avanza-
mente per valutare l’evoluzio- mento di Jankulovski. Nel ca- WOLVERHAMPTON-TOTTENHAM 3-3
ne delle sue condizioni clini- so in cui il ceco avanzasse, il MARCATORI Doyle (W) al 20' e rigore al
che». Volendo interpretare terzino sinistro sarebbe Anto- 40', Defoe (T) al 30' e 35' p.t.
l’assenza di indicazioni tempo- nini. Zambrotta partirà per Pavlyuchenko (T) al 3', Fletcher (W) al
rali: il Milan tenterà fino all’ul- Pavlyuchenko festeggia il suo gol con Modric. Poi arriverà il 3-3 AP 42' s.t.
Londra ma è destinato alla WOLVERHAMPTON (4-4-1-1) Hennessey
timo di recuperare Kevin Prin- panchina. Recuperati anche 6,5; Foley 6, Stearman 6,5, Berra 6,
LUCA PISAPIA una fase difensiva orrenda,
ce Boateng per dopodomani a Bonera, Oddo e Pato. Il brasi- Elokobi 6,5; Hammill 6,5 (dal 27' s.t.
Londra, ma l’impresa resta dif-
5 RIPRODUZ ONE RISERVATA che dopo innumerevoli svario- Fletcher 7), Henry 6,5, Ward 6 (dal 15'
liano, che poche ore prima del- ni all’87’ lascia libero Fletcher s.t. Ebanks-Blake 6,5), Jarvis 7,5;
ficilissima. Volendo dare una la Juve era stato costretto rien- WOLVERHAMPTON dCi sono tut- Milijas 7; Doyle 7,5 All. McCarthy 6,5
percentuale, al momento at- di incornare il 3-3. Un gol che
trare a Milano a causa di un vi- te le facce del Tottenham in TOTTENHAM (4-4-2) Gomes 5; Hutton 5,
tuale le possibilità di vederlo rus influenzale, è sfebbrato avrebbe potuto essere quello Dawson 5,5, Gallas 5, Assou-Ekotto 6;
questo rocambolesco pareg-
in campo contro il Tottenham (così come Oddo). E questa è della vittoria per i Wolves se Pienaar 6 (dal 24' s.t. Bale 6,5), Jenas
gio a Wolverhampton che per- 6,5, Sandro 6, Modric 6,5 (dal 39' s.t.
non arrivano al 10%. la notizia più lieta che arriva mette agli Spurs di salire al l’arbitro non avesse prima ne- Kranjcar 6); Defoe 7,5, Pavlyuchenko 7
da Milanello: in Champions quarto posto in classifica. C’è gato un rigore per un fallo di (dal 29' s.t. Lennon 6,5) All. Redknapp
Terapia d’impatto Sabato sera gli attaccanti sono contati e la mano di Hutton e poi annulla- 6,5
la faccia allegra di una squa- ARBITRO Halsey (Lancashire) 4,5
il giocatore, dopo il violento presenza del Papero, in ottima dra che gioca cercando sem- to un gol a Stearman per dub- NOTE Spettatori 28,669. Ammoniti:
scontro con Felipe Melo, ave- forma, infonde ottimismo. pre il gol, e quella attonita di bio fallo sul portiere. Hutton, Gallas, Dawson (T)
Prodotto e distribuito da: T.R.S. Evolution Spa - Tel. +39 059 421511 - www.trussardi.com
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 28a GIORNATA


IL CASO
LAZIO 2 Giuseppe Sculli, 29 anni, segna
l’1-0 superando Sirigu ANSA
PALERMO 0 «Vernice
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 2-0
MARCATORI Sculli al 7’ e al 18’ p.t.
LAZIO (4-2-3-1) Muslera; Scaloni, Sten-
del campo»
dardo, Biava, Radu; C.Ledesma, Matuza-
lem (dal 45’ s.t. Garrido); Zarate, Hernanes
(dal 32’ s.t. Bresciano), Sculli (dal 7’ s.t.
E va subito
Gonzalez); Floccari. PANCHINA Berni, Li-
chtsteiner, Del Nero, Kozak. ALL. Reja. in ospedale
PALERMO (3-5-1-1) Sirigu; Munoz, Bo-
vo, Andelkovic (dal 1’ s.t. Liverani); Cassa-
ni, Ilicic (dal 32’ s.t. Acquah), Nocerino, Mi-
gliaccio, Balzaretti; Pastore; Hernandez
(dal 23’ s.t. Paolucci). PANCHINA Benus-
si, Garcia, Kurtic, Kasami. ALL. Cosmi.

ARBITRO Gava di Conegliano V.


AMMONITI Scaloni (L), Stendardo (L),
Zarate (L), Munoz (P) e Liverani (P)
per gioco scorretto.
NOTE paganti 11.394, abbonati 12.857; incas-
so e quota nc. Tiri in porta 4-3. Tiri fuori 3-2.
In fuorigioco 1-1. Angoli 5-3. Recuperi: p.t.
0’; s.t. 4’.
Giuseppe Sculli con l’allergia SKY

RUGGIERO PALOMBO DAVIDE STOPPINI

Sculli, gol e shock


5 RIPRODUZIONE RISERVATA
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMA dE’ dipinto, ma non è un


ROMA dTre scoperte: il bel man-
to erboso dell’Olimpico è truc- quadro. Beati quelli del prato al-
cato con la vernice, Sculli è al- l’inglese: noi siamo in Italia e sia-
lergico alla vernice anche se il mo originali anche per questo. Pa-
re sia andata proprio così: l’erba

Lo ferma solo un’allergia


Coni ne dubita, il Palermo è al-
lergico a Sculli e non ne dubita bicolore dell’Olimpico ha messo
k.o. un calciatore. Giuseppe Scul-
nessuno. Due gol in poco più di
li potrà raccontare un giorno ai
un quarto d’ora, che per uno
nipotini di esser diventato rosso
che non segnava una doppietta
come un peperone, colpa — sem-

Euro Lazio, Palermo flop


in Serie A (col Modena) da otto
bra — della vernice usata per co-
anni è bel record, e Lazio-Paler- lorare il prato.
mo finisce quasi prima di co-
minciare. Edy Reja si riprende La replica del Coni Al 7’ della ri-
il quarto posto lasciato per presa Sculli, con la faccia gonfia,
qualche ora all’Udinese e so- s’è arreso, chiedendo il cambio.
prattutto si porta a soli due pun-
ti dal Napoli dei miracoli, te-
Doppietta dell’attaccante che poi è costretto a uscire: Reja l’ha sostituito. «Era rosso co-
me un gambero, è rientrato nel se-
nendo la Roma sotto di cinque,
che a una settimana dal derby biancocelesti a 2 punti dal terzo posto. Cosmi stecca la prima condo tempo solo dopo un’iniezio-
ne — ha spiegato il tecnico —.
è un bel margine. Serse Cosmi Spero che con la primavera non ci
esordisce con una sconfitta net- derby. C’è la Roma domenica Uno per vie terrestri, l’altro ae- romanista Cosmi riparte del-
prossima e la diffida di Lichtste- ree, con annesso millimetrico l’Olimpico e da un meno 7 che sia più la necessità di verniciare i
ta, la quarta consecutiva di un
Palermo quasi allo sbando. I
progetti rosanero di grandeur
sono rinviati a data da destinar-
si.
iner fa più paura di quelle di
Matuzalem e Kozak. Così, com-
plice un presunto attacco in-
fluenzale, lo svizzero va in pan-
fuorigioco non segnalato. Con
la difesa che si ritrova il Paler-
mo, sono altrettanti gol. Sculli,
prima di essere divorato dall’al-
non è la temperatura ma il nu-
mero di gol presi dal Palermo
con l’Udinese. Così, per antica
simpatia verso il modulo e cer-
LA MOVIOLA
di F.C.
2 campi. E’ accaduto a Sculli, in futu-
ro potrebbe capitare anche ad al-
tri». Nei 52 minuti in campo, l’at-
taccante della Lazio aveva deciso
china e al suo posto a destra gio- lergia (lo rileva Gonzalez, pri- to per le litanie di Zamparini Irregolare il 2-0 con una doppietta una partita che
al club di Lotito ha riconsegnato il
Tutto facile Anche troppo per la ca Scaloni. Con Balzaretti per ma di finire in ospedale), torne- che su quel reparto ha crocifis- Spinta su Floccari 4˚ posto dopo il sorpasso dell’Udi-
Lazio che si trova la strada spia- un bel po’ saranno dolori, ma rà utile per altri motivi: dopo so Delio Rossi, vara una difesa
nata da un avversario in confu- visto che si comincia da 2-0 as- mezzora e una serie di rischi con tre centrali (Munoz, Bovo dubbi da rigore nese nel pomeriggio. «Sono felicis-
simo — ha detto Sculli —, aspetta-
sione di moduli e non solo, vi- sai relativi. Biava, assai bravo, corsi nella corsia di Scaloni, do- e Andelkic) e con i due tradizio- vo il primo gol con questa maglia
sta l’arrendevolezza iniziale e, e Radu sono i punti fermi, e ve Balzaretti fa quel che gli pa- nali esterni, Cassani e Balzaret- Al 3’ Sculli viene fermato ed è bello averlo realizzato al-
dopo qualche buono spunto Stendardo ha la sua terza e fi- re, Reja inverte la sua posizio- ti, prestati in teoria al centro- mentre è lanciato a rete da l’Olimpico». Lasciato lo stadio, il
nell’immediato (il tacco di Her- nalmente fortunata chance da ne con quella di Zarate, che era campo ma fatti in realtà gioca- Hernanes, ma non era in calciatore è stato portato al Policli-
nandez, il colpo di testa di Pa- titolare (sconfitte con Roma e partito largo a destra nell’or- re, almeno in partenza, che più fuorigioco. Al 18’ Sculli segna il nico Gemelli per le prove allergi-
store), la totale mancanza di re- Lecce nelle prime due) anche mai collaudato 4-2-3-1. Per il bassi non si può. Il problema è 2 0, ma parte leggermente in che. «Sì, forse è la vernice», ha con-
azione della squadra nella ri- se si divorerà un gol di testa. Si Palermo l’autostrada di cui ha che se aggiungi stopper a stop- posizione avanzata rispetto alla fessato una volta tornato a saluta-
presa, quando Cosmi cerca so- rivede Muslera dopo l’infortu- disposto fin lì da quella parte per ma ne hai di terribilmente difesa rosanero: il gol era da re i compagni negli spogliatoi.
luzioni alternative, dentro Live- nio, una sola parata ma doc, diventa un viottolo. A comple- scarsi (Munoz e Andelkovic ne annullare. Al 20’ Bovo su Il Coni ha confermato l’utilizzo
rani, fuori un difensore (An- Floccari (spento) dopo un po’ tare la blindatura del 2-0 pensa devono mangiare di pane pri- Floccari: ci stava il giallo. del colorante (l’ultimo ritocco del
delkovic), Migliaccio libero, di panchina e uno Zarate voliti- Reja: dentro Bresciano e fuori ma di somigliare al rimpianto Giuste, nella ripresa, le campo risale al 26 febbraio), ma
che tuttavia non producono lo vo, dopo i ricorrenti psicodram- Hernanes, la ripresa è quasi da Kjaer), la situazione può soltan- ammonizioni a Scaloni, Liverani, ha fatto sapere di aver autorizzato
straccio di un tiro in porta. mi con Reja. Ma l’uomo del ma- sbadigli. to peggiorare. La faccia di Co- Stendardo e Zarate. Al 30’, solo vernice antiallergica, pratica
tch è Sculli: ad armarlo sono smi, già ben prima della fine, invece, spintarella di Munoz su abituale. Di sicuro più delle dop-
Lazio padrona Privo di Dias, ol- due lanci millimetrici di Lede- Palermo colabrodo Privo di Mic- dice tutto. C’è molto da lavora- Floccari in area: ci poteva stare piette di Sculli: non faceva due
tre che di Brocchi e Mauri, Reja sma, che insieme a Matuzalem coli e Pinilla (e si vede) e con re, per ritrovare il vero Paler- il rigore per la Lazio. gol dal 19 aprile 2003. Era allergi-
deve avere un retropensiero dominerà in mezzo al campo. Pastore bello ma altalenante, il mo. co alle doppiette, ma gli è passato.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

LE PAGELLE di STEFANO CIERI

LEDESMA REGISTA PERFETTO, MUNOZ SBAGLIA TUTTO


LAZIO 6,5 una regia perfetta in simbiosi con
Matuzalem.
Freddo e implacabile: trasforma in
oro i due assist di Ledesma. Bravo
PALERMO 5 CASSANI 5,5 Resta bloccato
quando invece dovrebbe
Le sue scorribande sono l’unico
motivo di apprensione per la difesa
MUSLERA 6,5 Attento e decisivo anche a coprire la fascia. L’allergia SIRIGU 5,5 Tarda l’uscita sul 2 0. E accompagnare l’azione. laziale. Cala un po’ nella ripresa.
MATUZALEM 6,5 Parte piano,
su Pastore e Nocerino. da vernice lo mette k.o. anche sull’1 0 dà l’impressione di ILICIC 5 Troppo lontano dalla
viene fuori bene alla distanza. PASTORE 6,5 Quando si accende
SCALONI 5,5 Soffre le discese di (Garrido s.v.) poter fare qualcosa di più. porta avversaria. Col centrocampo
GONZALEZ 6 Corre senza soste è una delizia. Peccato predichi nel
Balzaretti e rischia la frittata. MUNOZ 4 Sculli lo infila con a cinque è un pesce fuor d’acqua.
ZARATE 6,5 Diligente in fase di per coprire tutto l’out destro: deserto.
BIAVA 7 Una sicurezza. Elegante e irrisoria facilità. Becca pure un (Acquah s.v.)
copertura, volenteroso quando c’è quello che gli chiede Reja. HERNANDEZ 5,5 Il tacco con cui
roccioso ogni volta che il Palermo giallo per un brutto fallo su Radu. NOCERINO 5,5 Preoccupato di
da inventare. sfiora il gol è una perla isolata nel
ci prova. FLOCCARI 5 Assente BOVO 5,5 Il meno peggio del tamponare dimentica che
HERNANES 6 Un gran tiro sul ingiustificato. Si vede poco anche contesto di una prova incolore.
STENDARDO 6 Qualche terzetto di centrali. dovrebbe anche costruire.
finire del primo tempo e qualche nel lavoro di raccordo che di solito PAOLUCCI 5 Entra a mezzora dalla
incertezza, ma tiene e sfiora il gol. pennellata d’autore. ANDELKOVIC 5 I primi 20’ da MIGLIACCIO 6 Corre e ci mette
assicura. fine, se ne accorgono davvero in
(Bresciano s.v.) incubo. Cosmi lo lascia negli sempre la gamba. E’ uno dei pochi
RADU 6 Dalle sue parti il Palermo All. REJA 6,5 Il modulo offensivo pochi.
spogliatoi. palermitani a salvarsi.
non affonda. Bravo a tenere la sblocca la squadra sottoporta e All. COSMI 5,5 Col materiale a
posizione nella ripresa. IL MIGLIORE
C.LEDESMA 7 Gli assist per Sculli,
h 7 SCULLI non toglie nulla alla solidità
difensiva.
LIVERANI 5,5 Prova a dare una
logica alla manovra. Non ci riesce. h IL MIGLIORE
6,5 BALZARETTI
disposizione la difesa a tre non
sembra una grande idea.

TERNA ARBITRALE: GAVA 6 Più di un dubbio sulla posizione di Sculli sul secondo gol (pesa la svista dell’assistente) e non vede una possibile spinta da rigore di Munoz su Floccari. Ayroldi 5 - Tonolini 6

SPOGLIATOI

Cosmi amaro
milkadv.it

«Abbiamo
perso solo
2 tiri a zero»
ALESSIO D’URSO
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMA dLazio sempre più su, Pa-


lermo in crisi di risultati. E il ODIO LE DISCOTECHE
tecnico biancoceleste Edy Reja E AZZECCO I CONGIUNTIVI.
è già in clima derby: «Pronti
per la Roma? Ma nel 2˚ tempo
un po’ di difficoltà l’abbiamo
avuta, abbiamo pensato a co-
prire gli spazi amministrando
il risultato. Lichtsteiner? Aveva
qualche problema, non volevo
rischiarlo. Che cosa abbiamo in
più e in meno dei giallorossi?
Loro hanno grandi qualità tec-
niche, noi dobbiamo mettere
cuore, spero che stavolta toc-
chi a noi spuntarla. Scetticismo
nei miei confronti? Sono stato
fischiato all’Olimpico alcune
volte e mi è dispiaciuto, i com-
plimenti ora li giro al mio staff.

Serse Cosmi, 52 anni ANSA EPPURE SONO


Zarate? Ci ha aiutato dietro UN CALCIATORE.
chiudendo su Cassetti (voleva
dire Cassani, lapsus da derby,
ndr)».

Delusione Alla 4a sconfitta di fi-


la, il Palermo dimostra di non
aver superato lo choc dell’ulti-
mo 0-7. Sconsolato Cosmi, al
debutto: «Inizio troppo brutto,
la Lazio ha segnato con troppa
facilità. Dopo il 2-0 ci siamo
espressi meglio. Abbiamo per-
so 2 tiri a zero. La squadra ha
perso fiducia. Ho ripreso Ilicic
perché doveva interpretare un
ruolo, quello di interno, che co-
nosce. Difesa in difficoltà, ma
anche in attacco dobbiamo es-
sere meno superficiali. Hernan-
dez viene da un periodo d’as-
senza, chi toglie le castagne dal
fuoco sono i giocatori d’espe-
rienza, come Miccoli e Pinilla.
Critiche di Zamparini? I gioca- Kronos. Calcio vero per persone vere. IN FOOTBALL WE TRUST.
tori hanno la possibilità di far-
gli capire che magari sbaglia, www.kronos-italia.com
questa squadra è talentuosa
ma dev’essere pure concreta».
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 28a GIORNATA


NAPOLI 0 LE PAGELLE
BRESCIA 0 di BOLD.
GIUDIZIO 77
NAPOLI (3-4-2-1) De Sanctis; Campa- HAMSIK SPENTO
gnaro, Cannavaro, Aronica (dal 37' s.t.
Yebda); Maggio, Pazienza (dal 28' s.t. CARACCIOLO
Lucarelli), Gargano, Dossena (dal 15'
s.t. Mascara); Zuniga, Hamsik; Cavani.
UN AIRONE
PANCHINA Iezzo, Ruiz, Santacroce, So-
sa. ALLENATORE Mazzarri.
CHE NON VOLA
BRESCIA (3-5-2) Arcari; Zebina, Ma-
reco, Zoboli; Zambelli (dal 20' p.t. Ac- NAPOLI 5
cardi), Koné (dal 38' s.t. Eder), Vass,
Hetemaj, Berardi; Diamanti (dal 31' s.t.
Lanzafame), Caracciolo. PANCHINA Se-
h 6,5 DEIL MIGLIORE
SANCTIS
reni, Bega, Baiocco, Possanzini. ALLE- Spettatore per ottanta minuti,
NATORE Iachini. protagonista negli ultimi dieci. Non
becca gol in casa in campionato
ARBITRO Mazzoleni di Bergamo. dal 20 novembre.
ESPULSI Mazzarri al 34' p.t. AMMONITI
Dossena, Aronica e Cannavaro, Hete- CAMPAGNARO 6 All’inizio si
maj e Mareco per gioco scorretto, Ma- concede qualche avanzata di
scara per proteste. Diamanti e Accar- lusso, poi arretra.
di per comportamento non regol.
CANNAVARO 6,5 Due grandi
NOTE spettatori 29.146, incasso di 537.772,81
recuperi, ma anche un fallaccio
euro. Tiri in porta: 7-4. Fuori: 4-7. Angoli: 12-5.
In fuorigioco: 3-4. Recuperi: 3' p.t.; 5' s.t.
che poteva costargli l’espulsione.
La disperazione di Edinson Cavani, 24 anni, per l’occasione persa dal Napoli. L’uruguaiano quest’anno ha già segnato 20 reti REPORPRESS ARONICA 6 Deve recitare da
sentinella e compie il suo dovere.
DAL NOSTRO INVIATO

Napoli a nervi tesi


Ammonito, sarà squalificato.
STEFANO BOLDRINI (Yebda s.v.).
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
MAGGIO 5 Simbolo del calo fisico
del Napoli: in apnea.
NAPOLI dCosì è (se vi pare). An-
PAZIENZA 5,5 Paga anche lui il
che stavolta, ringraziando Pi- conto della fatica.
randello per averci regalato

Brescia mangia-gol
una commedia tanto cara a LUCARELLI 5 Entra nel momento
peggiore e gira al largo.
Mazzarri, ognuno può vederla
a modo suo. Il Napoli reclama il GARGANO 5,5 Un tiro velleitario è
rigore (si poteva dare) non con- lo spot di una giornata poco
cesso al 34’ del primo tempo lucida, segnata dal grande
nervosismo.
per il colpo d’anca di Accardi a
Maggio, costato l’espulsione
per proteste all’allenatore to- Cavani solo per 10 minuti sembra in grado di risolvere il match DOSSENA 5 Non cambia mai
passo. Ammonito, un turno di
stop.
scano. Ma il vero rigore negato
al Napoli è il fallo di Koné su Assalto lombardo, ma errori di mira (e De Sanctis) sono decisivi MASCARA 5 Cerca il gol da 40
metri, ma il derby con il Palermo è
Mascara nella ripresa. Giusep-
pe Iachini maledice invece le lontano. Napoli è un’altra cosa.
tre occasioni divorate da Carac- meno sul piano caratteriale. Al Hamsik respinta da Arcari, guiz- ZUNIGA 6 Tra i migliori nel primo
ciolo negli ultimi dieci minuti:
potevano consentire al Brescia
posto dell’argentino, il colom-
biano Zuniga: con tutto il rispet-
zo immediato di Cavani e gran-
de recupero di Berardi. Una zuc-
INIZIO tempo, poi s’incarta da solo. Il
dribbling per lui è vizio e virtù.
Spreca Cavani
di fare il colpaccio. Alla fine, pe- to, non è la stessa cosa. Ma an- cata di Zuniga ha esaltato Arca- HAMSIK 5,5 Si accende (poco) e
Dopo soli 2’ si spegne (molto). Maluccio.
rò, c’è la nuda realtà di un pa- che il Brescia aveva presentato ri al 28’ e poi, al 34’, l’episodio
il primo
reggio senza reti, sostanzial- una lunga lista all’ufficio recla- del rigore invocato dal Napoli. CAVANI 6 Dieci minuti esplosivi,
assalto del
mente giusto, ma che sconten- mi: le assenze di Zanetti, Cordo- Mazzarri, indemoniato, è stato poi si placa. Isolato.
Napoli, che
ta tutti: il Napoli saluta a meno va e Filippini non sono poca co- espulso e sulla scia di una crisi All. MAZZARRI 5 La squadra è
sembra
8 il Milan e perde contatto an- sa per una squadra costretta a di nervi Gargano ha rischiato la tutta il papà: carattere e capricci.
poter
che con l’Inter, il Brescia resta lottare per sopravvivere. doccia anticipata per litigare Deve darsi una calmata.
controllare
penultimo. con Koné.
la partita.
Arcari protagonista La partenza
Ma Cavani BRESCIA 6,5
Nervi tesi Il Napoli è sceso in del Napoli è stata una bella illu- Brescia sprecone L’intervallo
spreca IL MIGLIORE
campo intossicato dai veleni mi-
lanesi. Stavolta non è colpa del-
sione: tacco di Cavani su ango-
lo di Zuniga al 2’ e primo inter-
ha sconvolto il copione: Napoli
con il fiato corto, Brescia più to-
LAPRESSE h 7 ARCARI

lo smog, ma di quanto accadu-


to nella sfida di lunedì scorso in
vento del portiere bresciano,
botta di Cavani all’8’ e paratona
nico. Il possesso palla degli az-
zurri — 65,9 per cento contro
FINE Si presenta bene con due
paratone. Non è bello
Spreca Caracciolo stilisticamente, ma è decisivo.
casa del Milan. Un Napoli a ner- di Arcari. Dopo dieci minuti, pe- 34,1 — si è rivelato sterile e le
L’attaccan-
vi tesi, pronto ad azzannare l’ar- rò, il pacchetto centrale del Bre- migliori occasioni sono passate
te del ZEBINA 6,5 Quasi perfetto, sul filo
bitro al primo segnale negati- scia ha preso le misure al Napo- negli ultimi 10 minuti sui piedi dell’esperienza.
Brescia,
vo. Decisamente il modo peg- li. Grande spirito di sacrificio di Caracciolo. Un recupero di
Andrea MARECO 7 Il paraguayano ha lo
giore per risollevarsi dopo da parte di Berardi ed Hetemaj, Gargano e due parate d’autore
Caracciolo, spirito del Sud America che non si
l’uscita dalla scena in Europa molta lucidità in Vass, i soliti di De Sanctis hanno evitato al
si è arrende. Sembra rendere omaggio
League e il ko del Meazza. Se piedi di zucchero di Diamanti. Napoli di incassare la sconfitta. ad Alberto Granado, il medico
divorato
poi al conto aggiungi l’assenza Il Napoli ha pagato la giornatac- Lo scudetto, però, è sempre più amico di Che Guevara morto due
ben tre gol
di Lavezzi, è chiaro che per il cia di Maggio, la discontinuità lontano: meglio pensare a pro- giorni fa.
negli ultimi
Napoli si annunciava un pome- di Hamsik, il tic toc senza lampi teggere il terzo posto. La Cham- ZOBOLI 6,5 Anche lui esce dal
minuti del
riggio difficile contro un avver- di Pazienza e Gargano. La gara pions è il vero scudetto di que- campo a testa alta.
match ANSA
sario rilanciato da Iachini, al- si è risvegliata al 26’: sassata di sto Napoli.
ZAMBELLI 6 Parte bene, ma un
infortunio lo manda a casa.
ACCARDI 6,5 Ha un merito: entra
DOPO PARTITA SCONTRI TRA ULTRA’: ARRESTATI SETTE BRESCIANI subito in partita.
KONE' 6 Nome africano,

Rabbia Mazzarri: «Ci mancano due rigori» nazionalità greca: funziona (Eder
s.v.).
VASS 6,5 L’ungherese corre per
due, alla faccia dei ritmi del calcio
hanno innescato la polemica Brescia), il Napoli ha realizza- Delusione Iachini «Ho pensato danubiano.
Il tecnico del Napoli per la direzione di Mazzoleni. to un solo gol, in Spagna. Cava- di vincerla la partita, nei minu- HETEMAJ 6,5 Degno figlio della
Finlandia: trotta come un
è stato espulso «Sono stato espulso perché ho
protestato con troppa veemen-
ni, invece, non segna da quat-
tro gare. Insomma, qualcosa
ti finali. Ho schierato 3 punte
perché ho intuito che l’impresa maratoneta.
Iachini: «Pensavo za col quarto uomo in occasio- comincia a non tornare nei con- l’avremmo potuto fare. Invece BERARDI 6,5 Lo svizzero compie
due salvataggi: provvidenziale.
ne del fallo subito da Maggio, ti di Mazzarri: «L’ultima volta resta il rammarico per le oppor-
di vincerla...» nell’area bresciana. Mi dispia- che abbiamo giocato da Napoli tunità sprecate», ha detto Iachi- DIAMANTI 6,5 Sinistro da
ce, ma ci sono state situazioni è stato a Vila-Real, in Europa ni, il tecnico bresciano. applausi, ma anche un caratterino
MIMMO MALFITANO a nostro sfavore così evidenti League. Anche stavolta alcuni niente male: brutto il litigio con
5 RIPRODUZIONE RISERVATA che la squadra s’è disunita. giocatori sono stati poco bril- Incidenti Infine sette tifosi bre- Iachini (Lanzafame s.v.).
Non ci sono stati fischiati due lanti. In questa settimana valu- sciani sono stati arrestati al ter- CARACCIOLO 5,5 L’airone fa la
NAPOLIdL’aspetto è dimesso, rigori sacrosanti. Purtroppo, terò». Nel gruppetto, rientra mine della gara dagli agenti figura del pollo: i tre gol divorati
come il tono delle sue parole. quest’anno sta andando così», pure Gargano oltre a Cavani. della Digos. Gli ultrà del Bre- gridano vendetta.
Il pareggio col Brescia è stato ha detto l’allenatore del Napo- Non è escluso che a Parma pos- scia, nelle vicinanze del San Pa- All. IACHINI 6,5 Il Brescia ha
un bel prendere per il Napoli li. «E’ inutile polemizzare con sano esserci novità, una sorta olo, sono scesi dal loro pull- un’anima e un gioco: bravo.
che ha addirittura rischiato di gli arbitri: rappresentano una di turnover al quale Mazzarri man ed hanno ingaggiato un
perderla la partita nei minuti componente del calcio che potrebbe ricorrere per far ripo- breve scontro con i napoletani TERNA ARBITRALE: Mazzoleni 5
finali. S’era ripromesso che non possiamo controllare». sare chi ne ha più bisogno. In- che armati di bastoni e a volto Non vede il fallo da rigore di
non avrebbe più parlato degli tanto, domenica rientrerà La- coperto hanno lanciato oggetti Koné su Mascara: errore grave.
arbitri, Walter Mazzarri. Ma Squadra stanca Nelle ultime vezzi dopo aver scontato le 3 contro i bus. Un ultrà del Napo- Cariolato 5,5-Manganelli 6
certi episodi, inevitabilmente, L’espulsione di Mazzarri LAPRESSE tre partite (Villarreal, Milan e giornate di squalifica. li è stato fermato.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 28a GIORNATA


y LE PAGELLE
L’Udinese dei primati 11 TURNI
SENZA
PERDERE SANT’HANDANOVIC
di S.V.

vede la Champions 18a giornata


Udinese-
Chievo 2-0
ASAMOAH LUCIDO
OKAKA SPENTO
UDINESE 6
Guidolin soffre ma supera il record d’imbattibilità di Zac e Spalletti 19a giornata
Milan- h IL MIGLIORE
7 HANDANOVIC
Udinese 4-4
Il terzo posto è a 3 punti, Di Natale sempre più capocannoniere 20a giornata
Parata che vale quanto un gol. All’ultimo secondo, su
Rudolf. E nel primo tempo aveva detto no a Ghezzal.
DAL NOSTRO INVIATO Genoa-
SEBASTIANO VERNAZZA Udinese 2-4 BENATIA 6,5 Pulito e deciso. Sbavature zero.
LA CURIOSITÀ Colonna portante.
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
21a giornata ZAPATA 5,5 Due indecisioni quasi fatali, nel primo
UDINE d Raccontano che otto
In campo pure Udinese- tempo.

giorni fa a Palermo, dopo la un telefonino Inter 3-1 DOMIZZI 6,5 Decisivo su Okaka in contropiede.
grande abbuffata, Francesco CUADRADO 5,5 Al posto di Isla infortunato.
Guidolin sia entrato in spoglia- UDINE (s.v.) Poco prima che 22a giornata Arruffone, inconcludente.
toio e abbia detto: «Calma, ra- Totò Di Natale calciasse il Juventus- CORRADI 6,5 I chili che non c’erano. Prende botte, le
gazzi, col Bari sarà durissima». rigore decisivo, il difensore Udinese 1-2 dà.
Aggiungono che al Barbera dell’Udinese Maurizio Domizzi PINZI 6 Gran lavoratore, come sempre.
qualche giocatore abbia guar- si è avvicinato al quarto uomo 23a giornata
INLER 6 Due ottimi palloni a Sanchez e Cuadrado.
dato di traverso l’allenatore del- Baracani e gli ha consegnato Udinese- Nient’altro.
l’Udinese: «Ma come? Abbiamo un telefonino, trovato sul Bologna 1-1
K. ASAMOAH 6,5 Il più lucido e continuo dei tre
vinto per 7-0 fuori casa e il mi- campo e più precisamente mediani.
ster ci tartassa col prossimo av- nell’area friulana. 24a giornata
Udinese- ARMERO 5 Rinoceronte sazio. Mancava giusto che
versario, ultimo in classifica». Dopo una rapida indagine si è facesse «burp».
Però aveva ragione Guidolin, appurato che il cellulare Samp 2-0
che ieri - dopo lo stringato 1-0 PASQUALE 6 A sinistra, con discreta vivacità.
apparteneva al medico del
coi baresi - ha spiegato: «Abbia- 25a giornata SANCHEZ 6,5 Apriscatole, apridifese, apritutto. Dagli
Bari, che l’aveva perso
mo vinto la partita più difficile Cesena- e dagli, dal cilindro tira fuori il rigore.
durante un intervento sul
della stagione». Lui lo sapeva Udinese 0-3 DI NATALE 6,5 Altra tacca sul muro. Sale a quota 22
terreno di gioco.
che il Bari al Friuli se la sarebbe gol, più 2 su Cavani (Abdì s.v.)
Il telefonino è stato calpestato 26a giornata
giocata con la tranquillità di chi e calciato, è in pessime All. GUIDOLIN 6,5 Cambi vincenti a 20 dalla fine e la
non ha più nulla da perdere. Udinese- gara svolta.
condizioni e pare che debba Brescia 0-0
Udinese batte Bari, ma che fati-
essere cambiato.
ca. C’è voluto un rigore per pie-
«Però almeno la rubrica è 27a giornata
BARI 6
gare la resistenza della squadra
di Mutti. salva», ha detto ridendo Palermo- GILLET 6,5 Importante una parata su Sanchez.
Domizzi. Udinese 0-7 MASIELLO 6,5 Dalla sua parte l’Udinese non sfonda.
Pensare in grande L’Udinese re- Totò Di Natale, 33 anni, festeggia il gol con Bernardo Corradi, 34 EPA GLIK 6,5 Centralone tutto muscoli e senso della
sta quinta, incollata alla Lazio, 28a giornata posizione.
ma rosicchia due punti al Napo- si per il futuro, gareggiare per il dello: col «vecchio» ingombran- Udinese- BELMONTE 6 Mezz’ora senza grossi errori, poi va ko.
li. Il terzo posto sta 3 gradini so-
pra, a tiro di vittoria. È il mo-
UDINESE 1 terzo posto. te Bernardo i due piccoletti, Di
Natale e Sanchez, sono usciti
Bari 1-0
M. ROSSI 6 A fianco di Glik, con attenzione.
Handanovic decisivo Una parata dall’imbuto in cui la difesa del PARISI 5 Suo il fallo da rigore su Sanchez
mento di pensare in grande.
Grandi pensieri, grandi risulta-
BARI 0 che vale due punti. L’ha fatta Bari li aveva tenuti segregati. (Rivas s.v.)
ti. Il quarto posto? E perché GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-0 Handanovic nell’ultimo minu- CODREA 5,5 Sanchez gli fa girare la testa.
non il terzo? A disposizione MARCATORE Di Natale rig. al 31' s.t. to di recupero. Tiro forte e ango- Lezione dal Bari «Ci vorrebbe un GAZZI 6 Fa la guardia davanti alla difesa.
due scontri diretti, col Napoli al UDINESE (3-5-1-1) Handanovic; Be- lato di Rudolf da fuori e tuffo di miracolo», dice il portiere Gil-
BENTIVOGLIO 6 Si sacrifica in fascia. Tanta corsa,
San Paolo e la Lazio in casa. Un- natia, Zapata, Domizzi; Cuadrado (dal Handanovic. Lo stesso Handa- let. Meno 12 dal quart’ultimo lavoro sporco.
27’ s.t. Corradi), Pinzi, Inler, K. Asamo- novic nel primo tempo aveva posto, il Bari è andato, però
dicesimo risultato utile conse- ah, Armero (dal 27’ s.t. Pasquale);
cutivo, 8 vittorie e 3 pari. Battu- smanacciato via, con volo acro- c’è modo e modo di retroce- IL MIGLIORE
te le strisce record (nella A dei
Sanchez; Di Natale (dal 41’ s.t. Abdì)
PANCHINA Belardi, Coda, Badu, Denis batico, un gran tiro d’esterno di dere e la squadra di Mutti h 6,5 GHEZZAL
3 punti) dell’Udinese di Zacche- ALL. Guidolin Ghezzal. Handanovic migliore ha scelto quello migliore. Sulla trequarti, con bella presenza scenica. Un tiro
roni (1997-98) e Spalletti BARI (4-2-3-1) Gillet; Masiello, Glik, in campo, unico 7 di giornata, il Al Friuli ha giocato d’esterno, altre iniziative.
(2004-05). C’è polpa in questa Belmonte (dal 35’ p.t. M. Rossi), Parisi che la dice lunga. L’Udinese ha un’onesta partita, ha fat-
(dal 36’ s.t. Rivas); Codrea, Gazzi; Ben- vinto su rigore, esecuzione vin- to massa a centrocampo, HUSEKLEPP 6,5 Primo tempo notevole, a sfibrare gli
squadra, tutto sembra possibi-
tivoglio, Ghezzal, Huseklepp (dal 36’ avversari.
le. Guidolin dice e non dice: cente di Di Natale, ma è un gol dislocato sacchetti di sab-
s.t. Rudolf); Okaka PANCHINA Padelli, RUDOLF 6,5 Quasi gol al 49’: tiro bellissimo, grande
«Sono nel calcio da troppo tem- Donati, Romero, Kopunek ALL. Mutti in compartecipazione con San- bia davanti a Gillet, e
po per esaltarmi». Qualcosa chez. Era stato il «Nino Maravil- l’Udinese ha sbattuto a lun- Handanovic.
concede: «Quello che ci dicia- ARBITRO Massa di Imperia la», con un balletto dei suoi, a go contro un muro. Buone in- OKAKA 5 Col vero Okaka non sarebbe finita così.
mo in spogliatoio non veniamo ESPULSI nessuno AMMONITI Codrea far girare Parisi come un trotto- dividualità tipo Glik, Husek- All. MUTTI 6,5 Tiene viva una squadra virtualmente
a raccontarlo in sala stampa. (B), Masiello (B) per g.s., Gazzi (B), la e a indurlo al fallaccio in lepp e Ghezzal. Ci sono le retrocessa: non è poco.
Ghezzal (B) e Parisi (B) per comp. non
Sappiamo quel che dobbiamo regol., Cuadrado (U) per proteste.
area. La partita è girata quando basi per tentare l’imme-
fare». Loro lo sanno che l’occa- NOTE paganti 4.782, incasso di 39.001 euro; Guidolin ha tolto Cuadrado e diata risalita. Il Bari Alexis TERNA ARBITRALE: MASSA 5,5 Giusto il rigore
sione è più unica che rara. Pre- abbonati 11.122, quota non comunicata. Tiri Armero, ha inserito Pasquale e non è sembrata una San- concesso, ma forse ce n’erano altri due (uno pro
sto i posti in Champions si ridur- in porta: 5-3. Tiri fuori: 5-2. In fuorigioco: Corradi ed è passato al 4-3-1-2. squadra allo sbando. chez,
7-1. Angoli: 5-4. Recuperi: p.t. 2’, s.t. 4’ Udinese e uno pro Bari) Copelli 6; Barzaloni 6
ranno a tre e tanto vale allenar- I chili di Corradi come grimal- Anzi. 22 GETTY
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A IL CASO
y fronte alle rinnovate «preghie-
re» dell’amico Andrea Agnelli,
w zupping f
SUL FILO
potrebbe alla fine decidere di
SPALLETTI dare la sua disponibilità. L’al- I NUMERI
ternativa più credibile al ceco
NUOVO RE (oggi dirigente) resta Claudio di VINCENZO CITO
vcito@gazzetta.it
DI RUSSIA
4
Gentile, già in corsa con Zac- 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
cheroni nella scorsa stagione,

Luciano
uomo amato dai tifosi e tecni-
co motivato, perché fuori dal punti in meno
Quando c’è
Spalletti allena giro da parecchio tempo e quin- della Juve
«pecunia
Delneri rischia:
dal 1993 di interessato anche a un impe- rispetto alla
gno a termine pur di dimostra-
re di meritare ancora una pan-
scorsa stagione,
quando in
di talenti»
I club china importante. Gentile è un panchina «Se Mastella è diventato
In panchina ha ex di prestigio, e da commissa- cominciò Ferrara allenatore della Roma...»

Nedved o Gentile
guidato Empoli rio tecnico dell’Under 21 ha e finì Zaccheroni (Italo Cucci, Rai)
(93-98), vinto un Europeo e la meda-
Sampdoria glia di bronzo ad Atene 2004. «In Italia non ci sono più i
(98-99), Trattasi dunque di scelta piut-

330
difensori di una volta, c’è
Venezia tosto credibile, sotto tutti i pun- pecunia di talenti» (Vincenzo

se perde a Cesena
(99-2000), ti di vista. D’Amico, «Novantesimo
Udinese i minuti minuto serie B» Rai)
(2000-01), A giugno si cambia Discorsi che passati
Ancona (01-02), valgono appunto solo fino a dall’ultimo gol Mario Mattioli (Rai) «Volevo
Udinese maggio. Dalla prossima stagio-
della Juve: era il chiarire che la transizione è il
(02-05), Roma ne, infatti, il cambio dell’alle-
(05-09), Zenit
(dal 2009).
A giugno la Juve cambia: per Capello sembra natore è certo. Facile immagi-
nare che si stia già lavorando
30’ di Juve-Inter.
Poi zero reti con
vecchio contropiede, Dolcetti
parla allenatorese». Lui
Lecce, Bologna chissà cosa...
molto dura, c’è Spalletti in pole position sull’identikit di chi dovrà far
quadrare anche i conti tecnici e Milan
I titoli a una dirigenza che l’anno
93’ di Milan-Napoli, Beppe
Bergomi su Ibrahimovic, che
2 Coppe Italia, 1 prossimo si giocherà molto, se

39
Supercoppa aveva sbloccato la partita.
non tutto, a livello di credibili- «Beh, il gol lo vuole. Non lo
Italiana, 1 tà. E’ risaputo che il presidente
Coppa di trova da quattro domeniche».
Andrea Agnelli straveda per Fa- La puntualizzazione di Fabio
Russia, 1 bio Capello, ma scegliere l’at- i giocatori
campionato alternati da Caressa «Sarebbe la quinta
tuale c.t. dell’Inghilterra com-
russo, 1 Delneri in assenza». (Sky)
porterebbe un investimento in
Supercoppa denaro (ingaggio e mercato) questa
Russa stagione, coppe Le gemme di Radio Rai «La
al momento fuori portata. Ca-
pello guadagna 8 milioni di eu- comprese: palla è respinta da una
ro a stagione e a 65 anni si spo- alcuni sono già schiena di Rosina». «Anche
P sterebbe (giustamente!) solo stati ceduti Paletta a dispetto del
Luigi Delneri è per una squadra pronta subito cognome sul terreno sabbioso
nato ad Aquileia a primeggiare in Italia e in Eu- si è trovato in difficoltà» «Il
match winner della

3
il 23 agosto ropa. La Juve è invece in piena
1950. E’ alla costruzione. Meglio quindi Sampdoria (che ha perso 3-2
guida della puntare su un tecnico più gio- ndr) è stato Volta». «La Lazio
Juventus dalla vane, moderno ed esperto allo le sconfitte si sta difendendo molto bene
scorsa estate stesso momento, vincente ma consecutive in in difesa» («Tutto il calcio
non ancora al tavolo dei «gran- campionato: non minuto per minuto»)
dissimi». Identikit che porta accadeva dal
spediti verso Luciano Spallet- gennaio 2010 Novantesimo minuto (Rai
ti, da sempre un pallino di Bep- quando la Juve Due), Jacopo Volpi «E’ vero
pe Marotta. Girano tra l’altro perse con Milan, che meglio di Di Natale negli
voci di contatti informali già Chievo e Roma ultimi due campionati...».
Stefano Bizzotto «Purtroppo
non ho l’audio in arrivo da
Roma». Volpi «Ascoltiamo il
S Il tecnico dello Zenit tuo commento, allora».
Luciano
è da sempre un Bizzotto «Ti vedo in video ma
Spalletti, nato
non ho l’audio purtroppo».
a Montespertoli pallino di Marotta. E Volpi «Dicci quello che vuoi».
(Fi) il 7-3-59 qualche contatto Lo direbbe molto volentieri.
informale sarebbe Se lo sentisse....
già stato avviato «Gustavo aveva chiesto quasi
il cambio» (Marco Cherubini,
Lecce-Roma, Premium Calcio)
MIRKO GRAZIANO re la stagione senza immediati avviati con il tecnico toscano,
5 RIPRODUZIONE RISERVATA cambi di rotta, ma l’eventuale che non sarebbe comunque L’allenatore Franco Lerda in
TERZO TITOLO quarta sconfitta consecutiva semplice da liberare dallo Ze- diretta tv «Porca tr....». La
MILANO dGigi Delneri resta in potrebbe rendere irrespirabile nit di San Pietroburgo. Altri no-
E lo Zenit vince sella. Per ora. A fatica. Ma for- l’aria anche nei piani alti del mi sul taccuino di Marotta? Ga-
spalla tecnica Claudio Onofri
«Eh bah, ci sta»
la Supercoppa se siamo davvero agli sgoccio- club. sperini, Conte e Villas Boas, (Torino-Atalanta, Sky)
li. Se la Juventus perde anche con il portoghese più avanti ri-
(g.ku.) Luciano Spalletti vince il a Cesena, la panchina salta. Al- Pavel e Gentile Traghettatori spetto ai colleghi italiani. «La Primavera dell’Inter
suo terzo titolo russo. Dopo la meno una testa va consegnata credibili ce ne sono pochissimi accede alle semifinali del
Coppa di Russia e lo scudetto alla folla in rivolta. E Gigi è già in giro, situazione che di fatto Ritiro anticipato Non è intanto Viareggio con un tridente da
ecco anche la Supercoppa. Sul stato «nominato» dal popolo ha finora «aiutato» Delneri. E in programma un lungo ritiro 10 gol: Alibec e Dell’Agnello
campo neutro di Krasnodar lo bianconero. Insultato e invita- allora, in caso di definitivo tra- in vista della trasferta di Cese- hanno segnato 5 gol a testa.»
Zenit ha battuto il Cska per 1 0. to ad andarsene dal tifo più cal- collo, si tornerebbe a bussare na. Al massimo, la squadra po- (Tg2 Rai sport)
La rete è di Ionov al 73’. do, il 60enne tecnico friulano alla porta di Pavel Nedved, che trebbe restare insieme da gio-
La vittoria arriva il giorno prima è indubbiamente oggi l’anello dopo la sconfitta con il Bolo- vedì sera, 48 ore prima della «Sicuramente un campionato
del compleanno di Spalletti più debole in casa bianconera. gna aveva sì manifestato una partita. Ma in questo senso interessante, che si sta
che oggi compie 52 anni. Sia chiaro, in corso Galileo Fer- certa allergia al ruolo di tra- non ci sono ancora segnali uffi- facendo sempre più
raris sperano sempre di chiude- ghettatore, ma che magari, di ciali. interessante» (Antonio Di
Silvio, Raisport, Este-Cus
Torino di tennistavolo)
IL RIENTRO OGGI I BIANCONERI TORNANO AL LAVORO A VINOVO, IL CENTROCAMPISTA STA MEGLIO
«Il basket su Sky «Una
stupenderia! Voglio usare
Il tecnico si affida ad Aquilani per ritrovare i gol questo neologismo di
raffinata cultura» (Franco
Casalini, durante
G.B. OLIVERO stselmash proprio nel ritorno to una rete ma in tre partite ci è provinciale non solo come at- Avellino-Montegranaro)
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
della semifinale di Intertoto andata vicina solo due volte teggiamento, ma anche come
(4-8-1999). A Cesena, insom- (contro il Bologna: palo di forma mentis. Forse è l’unica Francesco Postiglione (Rai
MILANO dCesena è un feudo ju-
ma, la Juve è di casa e allo sta- Iaquinta sullo 0-0, salvataggio strada per uscire dall’incubo, sport) durante
dio Manuzzi dovrà ritrovare sulla linea su tiro di Toni sullo ma suona un po’ triste. Sabato Camogli-Ortigia di
ventino. Lì sono state organiz-
nell’ordine: la voglia di correre 0-2). Un disastro, insomma. Il Delneri ritroverà Aquilani e Pe- pallanuoto. «Dogas
zate alcune amichevoli estive e di vincere, il gol, i tre punti. Cesena arriva da due vittorie pe: Marchisio potrebbe torna- comunque assolutamente
e si sono addirittura disputate consecutive e non è l’avversa- re a sinistra ed è possibile che dimostra di non essere in
tre gare ufficiali dell’Intertoto Alberto Aquilani, Due rientri La squadra di Del- rio ideale. Ma come ha detto anche Chiellini si sposti sulla serata». Dogas tira e segna.
1999. Lì Alessandro Del Piero 25 anni, si è neri non segna dal 13 febbra- Del Piero «adesso per noi le fascia per fare il terzino. Se ne «Vengo smentito
ritrovò il gol dopo il grave in- infortunato io: 30’ di Juve-Inter. Da allora partite vere non sono quelle saprà di più a partire da oggi, immediatamente». Non è la
fortunio del novembre 1998: il il 25 febbraio sono passati 330 minuti e la Ju- contro le grandi, ma quelle quando la Juve ricomincia gli prima volta che è così....»
capitano segnò contro il Ro- LAPRESSE ve non solo non ha più realizza- contro il Cesena». Una Juve allenamenti a Vinovo.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

SERIE A VERSO LA CHAMPIONS


a pensare che a giugno sia il ca-

La Roma fa «scaldare» Vucinic so di partire, trovare nuovi sti-


moli, palcoscenici più prestigio-
si, platee più competenti. Però
sa che Thomas DiBenedetto lo
porta in palmo di mano, pure
In casa dello Shakhtar servono almeno 2 gol, Montella aspetta il bis di Kiev 2007 per certe congiunzioni astrali:
venne a vedere per la prima vol-
ta la Roma contro l’Inter e se-
ALESSANDRO CATAPANO sbattè già nel 2006, ma si rivelò ro già qualificato, anzi: dirò ai gnò Vucinic. L’ha rivista da ca-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA una sconfitta indolore. Domani miei di giocare come se all’an- sa venerdì, impegnata a Lecce,
ci vuole un’impresa mai riusci- data fosse finita 0-0». e il montenegrino ne ha fatto
ROMA dPer dirla con Guccini, ta. Lo Shakhtar si sente forte un altro dei suoi, wonderful. Di-
un ricordo durissimo e lucente dell’andata ma schiererà lo stes- Questione di feeling Vucinic tre Benedetto lo ritiene indispensa-
come un diamante: tre anni e so l’esercito. «Avremo uno sta- settimane fa fece qualche nu- bile, al centro del progetto. Se
tre mesi fa, sotto il cielo di Kiev, dio pienissimo e caldissimo — mero, ma il coniglio gli rimase fosse costretto a rinunciare ad
dopo una spruzzata di neve, avverte Mircea Lucescu —: per nel cilindro. Era un’altra Roma, uno dei talenti romanisti, piut-
spalancò la porta degli ottavi la prima volta giochiamo la era un altro Vucinic. C’era un al- tosto lascerebbe partire Menez.
con due gol alla Dinamo, ieri go- Champions in primavera». Si fa tro allenatore. Lui con Ranieri La trattativa con gli americani è
verno oggi opposizione del cal- per dire, previste temperature non si prendeva più, ma non è in dirittura d’arrivo, i contratti
cio ucraino. Mirko Vucinic fu ac- siberiane. Il tecnico romeno fa stato tra quelli che lo hanno sfi- già firmati e spediti a UniCre-
cecante, come un diamante ap- il gradasso. «Stavolta la Roma duciato. Però è vero che Montel- dit, è questione di pochi giorni
punto. Una serata indimentica- sarà costretta a prenderci in la se lo coccola, lo ha rigenera- ormai. Domani, tutti collegati
bile: la sua prima doppietta eu- considerazione... Mi aspetto to, con lui finora è sempre parti- con Donetsk. DiBenedetto si
ropea, un anno dopo avrebbe una grande reazione, con il nuo- to titolare. Non ha ancora cam- aspetta l’impresa. Con un gol di
bissato con il Chelsea, poi più vo allenatore. Non mi conside- Mirko Vucinic, 27 anni, segna il gol del 4-1 alla Dinamo Kiev nel 2007 EPA biato idea sul futuro, continua Vucinic, of course.
nulla nella coppa regina ed
(ex) amica. Sporting Lisbona,
Manchester United, Bordeaux,
Real Madrid le altre squadre
colpite e affondate. Una volta si
volevano bene, lui e la Cham-
pions.

Caldo/freddo Vucinic ci tiene an-


cora parecchio, proverà a ricon-
quistarla domani. Con un gol al-
meno, sarebbe il 100˚ ufficiale
da quando gioca in Italia. In pa-
lio, stavolta, i quarti. A Do-
netsk, sud-est dell’Ucraina, vec-
chio nome Stalino, ma in omag-
gio all’acciaio (stal). Miniere e
pallone, di recente solo pallo-
ne. Lo Shakhtar è maggioranza
del paese: solida, ricca, vincen-
te. In casa, va avanti a colpi di
fiducia, l’ultima battuta d’arre-
sto dodici partite fa. La Roma ci

L’ANTICIPO
Anche a Lecce
protagonista
il montenegrino
LECCE-ROMA 1-2
MARCATORI Vucinic (R) al 32’ p.t.;
Giacomazzi (L) al 30’. Pizarro (R) su
rigore al 44’ s.t.
LECCE (4-1-4-1) Rosati 5,5; Rispoli 5 (dal
33’ s.t. Chevanton s.v.), Fabiano 6,
Gustavo 5,5, Brivio 5; Vives 6; Munari
5,5, Giacomazzi 6,5, Olivera 6,5,
Grossmuller 5,5 (dal 43’ p.t. Corvia 6);
Jeda 5.
«E adesso?»
ALLENATORE De Canio
ROMA (4-2-3-1) Doni 6; Cassetti 5,5 (29’
p.t. Juan 5,5), Mexes 6, N. Burdisso 6,
Riise 5; Pizarro 6,5, De Rossi 6; Taddei
5 (dal 23’ s.t. Brighi 5,5), Perrotta 5,5,
Vucinic 6,5 (dal 35’ s.t. Menez s.v.);
Borriello 6.
ALLENATORE Montella
ARBITRO Damato di Barletta
I prodotti Zurich possono cambiare
AMMONITI De Rossi, Perrotta, Brighi (R) quando la tua vita cambia.
per gioco scorretto, Rispoli (L) e Munari
(L) per comportamento non
regolamentare Quando si diventa genitori, ci si trova di fronte a milioni
di cose a cui pensare. Se è arrivato il momento di
pianificare il futuro economico della tua famiglia,
affidati ad un agente Zurich: ti aiuterà a scegliere fra
Pallone rosa una gamma di polizze vita flessibili, studiate per te e per
ETO’O SUPERA MUTU i tuoi cari. È solo uno dei tanti modi in cui dimostriamo
E GIACCHERINI
di esserci quando serve davvero. È Zurich HelpPoint.
Il «Pallone rosa» di Chiedi ad un agente Zurich o visita www.zurich.it/life
«GazzaTeo», lo show con
Teo Teocoli su Gazzetta.it,
è stato vinto dal
fuoriclasse nerazzurro
Samuel Eto’o. Ha
battuto Adrian Mutu ed
Emanuele Giaccherini. Il
programma si potrà
rivedere per tutta la
settimana sul nostro sito.
www.gazzetta.it

SPONSORED BY

Messaggio pubblicitario riguardante prodotti assicurativi vita.


Prima della sottoscrizione leggere il Fascicolo informativo o il prospetto d’offerta disponibili presso gli intermediari assicurativi e sul sito www.zurich.it
Zurich Investments Life Spa, Zurich Life and Pensions Spa, Zurich Life Insurance Italia Spa sono società del Gruppo Zurich.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

SERIE A 28a GIORNATA

Lo striscione contro l’allenatore Di Carlo srotolato dai tifosi al termine della partita con il Cesena BORSARELLI Momenti di tensione fuori dal Ferraris per la contestazione dei tifosi. Il pullman doriano protetto dalla polizia ANSA

Disastrosa Samp, via Di Carlo


Tracollo in casa con il Cesena, contestazione dei tifosi e tecnico al capolinea. In arrivo Cavasin
FILIPPO GRIMALDI credito maturato di fronte a un I gol Sull’uno a zero, bravo Pa- La contestazione Nuvoloni neri
SAMPDORIA 2 5 RIPRODUZIONE RISERVATA destino troppo spesso avverso.
Esempio ne sia, non a caso, la
rolo ad approfittare di una di-
strazione collettiva della Sam-
sul Ferraris. Contestazione
soft nell’intervallo (Tosi nel mi-
GENOVA d(S)profondo blucer- sconfitta in extremis maturata pdoria. In avvio di ripresa rino per la cessione di Pazzi-
CESENA 3 chiato. Una pena (per chi l’ha all’andata proprio contro la l’uno-due personale di Giac- ni), più pesante nel finale.
GIUDIZIO 777 vista), una vergogna (per i Samp, con gol del Pazzo. Per- cherini: strepitosa la rete del Steward a protezione della
PRIMO TEMPO 0-1 suoi tifosi): la Samp di ieri è ché, alla fine, si torna proprio due a zero (Ziegler non chiu- panchina, body-guard in tribu-
MARCATORI Parolo (C) al 43’ p.t.,
uno straccio di squadra sfascia- lì, al fantasma di Pazzini che de). Da lì in poi è tutta un’altra na d’onore, fischi contro Garro-
Giaccherini (C) al 1’ e al 2’, Volta al 37’, ta da troppe paure figlie del fol- aleggia ancora sulla sua vec- vita. I tifosi della Samp ulula- ne, che su consiglio della
Maccarone (S) su rigore al 47’ s.t. le mercato di gennaio, e il Cese- chia squadra. Che ritorna a no, ma neppure i cambi di un Digos lascia la tribuna d’onore
SAMPDORIA (4-3-2-1) Curci; Zauri, na (sette punti nelle ultime tre una difesa a quattro per argina- frastornato Di Carlo scuotono insieme al diesse prima del fi-
Gastaldello, Lucchini (dal 1’ s.t. Volta), partite) compie il delitto per- re il (quasi) tridente ospite. la squadra. Pure sfortunato, schio finale. A quel punto la
Ziegler; Mannini, Palombo (dal 37’ p.t. fetto senza rubare nulla. La se- Peccato che, in mezzo al cam- certo: Lucchini esce per infor- Sud espone uno striscione già
Koman), Dessena; Biabiany, Guberti
sta sconfitta interna (e undice- po, oltre a Poli la Samp perda tunio (è in dubbio per Cata- confezionato («Di Carlo ora
(dal 16’ s.t. Macheda); Maccarone.
PANCHINA Da Costa, Laczko, Padali- sima stagionale) è il capolinea nel primo tempo pure Palom- nia), poi Guberti lascia il posto vattene») e pronto all’uso nel-
no, Martinez. ALL. Di Carlo. per Di Carlo, che oggi verrà uf- bo (frattura alla quarta costola a Macheda, che piazza un col- la pancia della gradinata.
CESENA (4-3-2-1) Antonioli; Santon, ficialmente esonerato. Al suo sinistra: da ieri sera il capitano po proibito a Caserta e si becca «Una giornata devastante»,
Pellegrino (dall’8’ s.t. Benalouane), posto, come traghettatore, è in è ricoverato precauzionalmen- solo il giallo. Certo, nel finale chiosa Tosi. Da domani squa-
Von Bergen, Lauro; Caserta, Colucci, arrivo Cavasin (atteso per oggi te in clinica) affondando defi- riaffiora la speranza per la dra in ritiro alla Borghesiana,
Parolo; Giaccherini (dal 44’ s.t. Piange- l’incontro per l’intesa), larga- nitivamente sotto i colpi di un Samp. Antonioli fa il patatrac a Roma. Fuori dal Ferraris ri-
relli), Jimenez; Malonga (dal 27’ s.t. Ro-
sina). PANCHINA Calderoni, Appiah,
mente favorito su Papadopu- Cesena bravo a non scoprirsi, su Maccarone, e Volta accor- mangono i veleni, e un tentati-
Dellafiore, Ferri. ALL. Ficcadenti. lo, Cagni e De Biasi. ed a sfruttare l’imprevedibilità cia. Poi, ancora il difensore vie- vo degli ultrà (respinto) di en-
di Malonga e gli spazi aperti ne messo giù da Benalouane e trare negli spogliatoi dal tun-
ARBITRO Pierpaoli di Firenze. La chiave I resti della Samp con- dalla terribile coppia compo- si conquista il rigore del defini- nel sotto la tribuna. Qui gioca-
ESPULSI nessuno. tro il Cesena. Blucerchiati mol- sta da Giaccherini e Jimenez. Domenico Di Carlo, 46 anni ANSA tivo tre a due di Big Mac. va Pazzini. Già, una volta.
AMMONITI Von Bergen (C), Gastaldel-
lo (S), Lauro (C), Biabiany (S), Mache-
li, sgonfi, apatici, incapaci di
da (S) e Caserta (C) per g.s.; Giacche- offendere e di capire in quale
rini (C) per c.n.r. guaio (non da ieri) siano finiti.
NOTE paganti 2.672, incasso 46.334 euro; I romagnoli, invece, navigano
abbonati 18.543, quota 184.487,77 euro. Tiri in un mare in tempesta da tem- online shop at www.sundek.it
in porta 3-4 (un palo). Fuori 8-2. In fuorigio- po, e ieri sono passati alla cas-
co 5-1. Angoli 6-3. Rec.: p.t. 3’, s.t. 4’.
sa per riscuotere quell’ampio

LE PAGELLE di FI.GRI.

BIABIANY SENZA ATTENUANTI


GIACCHERINI MICIDIALE
SAMPDORIA 4 CESENA 7
CURCI 5,5 Qualche incertezza. ANTONIOLI 5 Il regalo alla Samp
sul tre a uno è imperdonabile.
ZAURI 5 Troppa imprecisione.
SANTON 6,5 Parte cauto, poi sale
GASTALDELLO 4,5 Erroraccio sul
quando si aprono gli spazi.
secondo gol di Giaccherini.
PELLEGRINO 6 Senso della
LUCCHINI 6 Gioca a mezzo posizione. Chiude bene su Guberti.
servizio e limita i danni.
BENALOUANE 6 Buona prova
VOLTA 6 Gol da opportunista, poi rovinata da quel rigore fasullo.
si conquista il rigore. E’ già molto.
VON BERGEN 6,5 Brillante, il
ZIEGLER 4,5 Una statua sul primo ragazzo. Mostra grande sicurezza.
gol di Giaccherini.
LAURO 6 Efficace, sempre.
MANNINI 5 Si batte, ma ne
azzecca davvero poche. CASERTA 6,5 Non molla mai.
COLUCCI 6,5 Buone geometrie.
IL MIGLIORE
h 6 PALOMBO PAROLO 6,5 Trova un gol
pesantissimo che apre la strada al
Mezz’ora gli basta per far capire ai successo romagnolo.
compagni come si dovrebbe
giocare in partite simili. IL MIGLIORE

KOMAN 5 Troppe responsabilità,


h 7,5 GIACCHERINI
e alla lunga non le regge. Settanta secondi della ripresa e la
pratica è chiusa. Il primo gol, poi, è
DESSENA 5 Sbagli in serie. Soffre fantastico (Piangerelli s.v.).
il pressing avversario.
BIABIANY 4,5 Difficile fallire tante JIMENEZ 6,5 Tanta roba. Fa
scintille con Gastaldello.
occasioni così. Inganna Pierpaoli
sul giallo a Von Bergen. MALONGA 6,5 Prezioso per il suo
GUBERTI 5 Molto movimento, ma
movimento, la Samp se lo vede A PRODUCTION:

2 DAYS BEFORE
sbucare ovunque.
la resa è quasi nulla.
ROSINA 6 Un paio di buone
MACHEDA 4 Svogliato, quasi
percussioni nel momento più
presuntuoso. La crisi continua.

«THE DREAM WAVE»


difficile della gara.
MACCARONE 6 Arriva a cento
All. FICCADENTI 7 Che colpo. Alla
(gol) nel giorno più amaro.
faccia del suo rapporto turbolento
All. DI CARLO 4 Capolinea. Zero con la piazza. E quelli della Curva
gioco, zero idee, zero motivazioni. Mare, adesso, che cosa diranno?

TERNA ARBITRALE: PIERPAOLI 5 Concede un rigore che non c’è.


Grazia Macheda e Caserta dall’espulsione. Di Fiore 5,5; Altomare 6.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

UOMO
www.somatolinecosmetic.it

Pancia e Addome
Intensivo notte.
Aiuta a ridurre la circonferenza
in 4 settimane*
mentre dormi.

La riduzione della circonferenza consiste in un’azione cosmetica di


rimodellamento durante l’uso che non comporta perdita di peso.
Somatoline Cosmetic Uomo Trattamento Pancia e Addome Intensivo Notte
è una crema cosmetica di facile assorbimento, studiata appositamente
per contrastare le adiposità tipiche dell’uomo: pancia e maniglie dell’amore,
con una sola applicazione a sera. Grazie al MenRedux-complexTM
svolge un’azione cosmetica crio-termica che sfrutta le ore notturne
per un’azione intensiva e rapida di riduzione della circonferenza.

Somatoline Cosmetic. Funziona.


*Test clinico condotto su 36 soggetti con moderata adiposità a livello addominale. In Farmacia
L’efficacia del prodotto è stata valutata strumentalmente comparando
i risultati ottenuti dopo 4 settimane di trattamento con i valori iniziali.
e Parafarmacia.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

SERIE A 28a GIORNATA


fascia destra. In mezzo al cam-

Mutu, il ribelle è tornato po la furia di Behrami è deva-


stante per un centrocampo cata-
nese troppo compassato. Dona-
del dirige le operazioni e Mon-
tolivo non deve dannarsi l’ani-
DOPOPARTITA
Gilardino felice
Simeone:
E la Fiorentina si rilancia
ma più di tanto perché dopo 25
minuti di noia la Fiorentina è
ha già la vittoria in tasca.
«Colpa mia»
FIRENZE «E’ tutta colpa mia. Mi
Catania assente Simeone rinun- assumo ogni responsabilità».
Il romeno segna una doppietta nei primi 24’ e i viola dilagano cia in partenza a Ricchiuti e par-
te con un 4-4-2 che non dà i ri-
Simeone non cerca alibi per la
brutta gara di Firenze. E
sultati sperati. Comotto infatti aggiunge: «Purtroppo fuori
Catania praticamente inesistente, mai vittorioso in trasferta costringe Gomez sulla difensi-
va e Carboni si ritrova preso in
casa questa squadra non
riesce a fare risultato da molto
DAL NOSTRO INVIATO mezzo tra Santana e Behrami, tempo. A prescindere da quale
inevitabile che ne esca quasi allenatore ci sia. Una mia idea
FIORENTINA 3 MIMMO CUGINI
5 R PRODUZ ONE RISERVATA
sempre sconfitto con la sua dife- sul perché ce l’ho, preferisco
sa che va in crisi. Dopo che Mu- però tenerla per me». Stima e
CATANIA 0 FIRENZE d Il ribelle è tornato tu ha messo la firma sulla parti- amicizia invece verso l’amico e
grande e dopo la figuraccia di ta ti aspetti almeno una reazio- collega Mihajlovic: «E’ un
GIUDIZIO 77
Bari tocca a lui guidare la Fio- ne nervosa dei siciliani, invece vincente». Pronta la replica di
PRIMO TEMPO 2-0 l’unico acuto è un tiro di Berges- Sinisa: «Simeone salverà il
rentina alla vittoria sul Catania
MARCATORI Mutu al 21’ e 24’ p.t., Gilar- sio da 30 metri deviato in ango- Catania, ne sono sicuro». Poi
dino al 16’ s.t. aprendo nuovi scenari al finale
lo da Boruc. Simeone cambia e sulla sua viola: «Ho schierato
di campionato in casa viola, do-
FIORENTINA (4-3-1-2) inserisce Ricchiuti portando Lo- quasi gli stessi di Bari per
Boruc; Comotto, Gamberini, Natali, ve le questioni da risolvere non di a fare il centrocampista cen- vedere la loro reazione. L’ho
Pasqual; Montolivo, Donadel, Behra- mancano: dal futuro di Mihajlo- trale, passando al 4-3-1-2. Il Ca- avuta. Stiamo migliorando,
mi; Santana (Marchionni dal 27’ s.t.); vic a quello di qualche giocato- tania è tutto in due tentativi di
Mutu (Vargas dal 25’ s.t.), Gilardino arriviamo velocemente a
re importante (Donadel, Co- Maxi Lopez a inizio ripresa. quaranta punti poi vedremo.
(Babacar dal 43’ s.t.).
motto e Santana) in scadenza Non è questione di moduli, ma Mutu? Deve continuare così,
PANCHINA Neto, De Silvestri, Campo- di contratto. Il ribelle è Adrian
rese, Lliajc. ALLENATORE Mihajlovic. di uomini. Simeone lo capisce e ha un carattere forte e per
Mutu. Il romeno firma i primi prova a cambiare ancora a cen- questo l’ho stimolato in
CATANIA (4-4-2) due gol del suo 2011, (l’ultimo
Andujar; Schelotto, Silvestre, Spolli, trocampo: dentro Ledesma e settimana. E’ servito».
Alvarez; Lodi, Carboni (Ricchiuti dal 7’
lo aveva segnata al Cagliari il 5 Llama, fuori Pesce e Gomez. Lo stesso Mutu dà ragione al
s.t.), Pesce (Ledesma dal 22’ s.t.), Go- dicembre 2010) e mostra la ma- Nel frattempo la Fiorentina ha tecnico: «Ho risposto sul
mez (Llama dal 25’ s.t.); Maxi Lopez, glia preparata insieme all’ami- già segnato il terzo gol. campo. Sto migliorando la
Bergessio. co Flachi: i 4 colori del calcio Mutu, a sinistra, festeggia con Behrami l’1-0 e mostra la maglia preparata condizione fisica e si vedono i
PANCHINA Kosicki, Marchese, Mori- storico fiorentino con il giglio con Flachi con i 4 colori del calcio fiorentino e il giglio di Firenze MORINI Prospettive La Fiorentina ha la risultati. Questa doppietta la
moto, Terlizzi. ALLENATORE Simeone. in onore della città che lo ha ac- salvezza in tasca e il miraggio dedico ai tifosi ed a me
ARBITRO Celi di Bari
colto, coccolato e poi perdona- zo gol realizzato da Gilardino za alle spalle delle punte tenen- Europa troppo lontano (la Ro- stesso». Chiude Gilardino,
to. per gentile concessione di Mon- do Mutu largo a sinistra, ma l’ar- ma è a quota 46, 9 punti più su arrivato a quota 10 gol in
ESPULSI: nessuno. AMMONITI: Mutu, Pa-
squal, Donadel, Pesce per gioco scorretto.
Riecco Mutu e riecco la Fiorenti- tolivo (partito in fuorigioco) gentino si allarga spesso e dalle dei viola) per poter sperare di campionato: «Finalmente sono
NOTE spettatori 4736 abbonati 16.077 incas-
na, tutto troppo facile per che gli passa il pallone solo da fascie fa danni. Batte l’angolo raggiungerlo. Il Catania invece in doppia cifra, per una punta
so 359.543,10 euro quota 316.586 euro. Tiri Mihajlovic contro un Catania spingere in porta. che porta al primo gol di Mutu non può pensare di conquistare è importante. Abbiamo
in porta 4-3, Tiri fuori 4-8 In fuorigioco 3-4. spento che dà segni di vita sol- (21’ Gilardino sfiora di testa e la salvezza facendo punti solo dimostrato orgoglio e voglia di
Recupero: p.t. 1’; s.t. 3’. tanto all’inizio del secondo tem- Santana-Behrami che fosforo Il fornisce l’assist), serve a Mutu al «Massimino», in trasferta è vincere».
po un attimo prima che Mutu, ritorno di Santana è la chiave la palla del raddoppio (24’) do- l’unica squadra a non aver anco- Giovanni Sardelli
ancora lui, avvii l’azione del ter- della partita. Mihajlovic lo piaz- po aver seminato il panico sulla ra vinto.

LE PAGELLE di MI.CU.

RIECCO SANTANA: È DECISIVO


LEDESMA NON BASTA
FIORENTINA 7 CATANIA 5
BORUC 6,5 Il Catania lo impegna ANDUJAR 5 Prende tre gol e sul
solo due volte: lui c’è. secondo ha più di una
responsabilità.
COMOTTO 6,5 Spinge e crossa
impedendo a Gomez di creargli SCHELOTTO 6 Pensa ad
problemi in fase difensiva. attaccare più che a difendere.
GAMBERINI 6 Concede un solo SILVESTRE 5,5 Lotta con
contropiede a Bergessio. Gilardino e lo tiene abbastanza
bene.
NATALI 6 Lotta con Maxi Lopez e
lo frena. SPOLLI 5 Pasticcia e lascia strada
a Mutu.
PASQUAL 5,5 Schelotto spinge
tanto, lo soffre un po’. ALVAREZ 5 Da quella parte la
Fiorentina vince la partita e lui non
BEHRAMI 6,5 Corre e tampona, tiene, ma nessuno lo aiuta.
recupera e rilancia. Tanta corsa e
tanta grinta. LODI 5,5 Parte a destra poi fa il
centrale ma non incide.
DONADEL 6,5 Signore assoluto
del centrocampo, distribuisce CARBONI 5 Un lottatore, ma
palloni e non va mai in affanno sul troppo falloso. Che pasticcio sul
pressing (peraltro assai scarso) secondo gol.
dei catanesi. RICCHIUTI 5 Parla tanto e litiga
MONTOLIVO 6 Regala a Gilardino coi compagni.
il terzo gol, poco altro. PESCE 5 Sovrastato da Behrami
SANTANA 7 Torna dopo sul piano dinamico.
l’infortunio ed è subito decisivo, si LEDESMA 6 A sorpresa in
sposta su tutto il fronte d’attacco panchina, poi dimostra che
ed è decisivo nei primi due gol, meritava di giocare più di altri.
quelli che chiudono la partita.
GOMEZ 5 Subisce troppo Comotto
MARCHIONNI 6 Entra nel finale a e non lo attacca mai.
risultato acquisito)
LLAMA 5,5 Un paio di conclusioni
GILARDINO 6 Segna il decimo gol senza troppa convinzione.
stagionale, in carriera sono 201.
(Babacar s.v.) IL MIGLIORE

IL MIGLIORE
h 6 LOPEZ
Si sbatte e tira in porta un paio di
h 7,5 MUTU volte ma Sinisa sa come fermarlo.
Due gol e l’azione che avvia il Comunque tra i più positivi.
terzo. Si muove, corre e sforna
lampi di classe. Bentornato. BERGESSIO 5,5 Impegna Boruc
con un tiro nel primo tempo poi va
VARGAS 6 Un altro gradito a sbattere contro il muro viola.
ritorno.
All. SIMEONE 5 Fuori casa non va,
All. MIHAJLOVIC 6,5 Con Santana non si vede il gioco ma neanche la
ritrova gioco e gol. reazione dopo il secondo gol.

TERNA ARBITRALE: CELI 6 Dirige senza problemi, sul terzo gol Montolivo
è in fuorigioco, il guardalinee non lo aiuta. Angrisani 5; Schenone 6
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

SERIE A 28a GIORNATA


LE PAGELLE
di ANDREA TOSI

PRODEZZA RAMIREZ
ACQUAFRESCA ANONIMO
BOLOGNA 6,5
VIVIANO 6,5 Evita il crollo prima del pari.
CASARINI 6 Come terzino sta prendendo le misure.
PORTANOVA 5,5 In ritardo sull’1 1 cagliaritano.
BRITOS 6 Tiene lontano i pericoli.
RUBIN 6,5 Fa mille cross, un moto perpetuo.
L’abbraccio tra Massimo Cellino (a sinistra) e Gianni
Morandi SKY. A sinistra, il gol di Gaston Ramirez, PEREZ 6 Soffre Nainggolan poi si riprende.
20 anni, che ha regalato il 2-2 al Bologna RINALDI MUDINGAYI 5,5 Soliti piedi ruvidi, poi s’infortuna.

IL MIGLIORE
Rocca arretrato davanti alla di- h 7 RAMIREZ

Bologna non molla mai fesa non fa filtro come quell’ar-


madio di Mudingayi, ma con il
talentuoso uruguaiano il Bolo-
gna ha scoperto che si può gio-
care palla a terra.
Pareggia in extremis con una prodezza.
MUTARELLI 5,5 Torna sulla terra dopo Torino.
DELLA ROCCA 6 Cambio di ruolo in corsa, s’arrangia.

Beffato pure il Cagliari


PAPONI 5 Si mangia un gol a porta vuota.
La svista Due parole sul debut- MEGGIORINI 5 Solita quantità, zero qualità.
tante Ostinelli: vede bene sul GIMENEZ 5 Brutta simulazione, giallo giusto.
rigore (Biondini butta giù Di
DI VAIO 6 Si procura e realizza il rigore.
Vaio), non vede, non può vede-
All. MALESANI 6 Critica Ramirez. Per fortuna che ha
In vantaggio con Di Vaio, i sardi rimontano con Cossu e re la palla che esce dalla linea
di fondo sul cross di Nainggo- segnato...
lan che porta al pareggio di
Ragatzu. Ma Ramirez al 94’ fa 2-2: Donadoni, primo pari Cossu. Con i 5 arbitri appena
sdoganati dall’International
CAGLIARI 6,5
AGAZZI 6 Nella mischia del 2 2 oscurato da Viviano.
DAL NOSTRO INVIATO forma e in attesa di scoprire co- board, sviste del genere do-
PERICO 6 Tiene la posizione.
vrebbero scomparire. Sull’1-1
GUGLIELMO LONGHI sa fare una volta archiviato
l’obiettivo salvezza. Malesani
BOLOGNA 2 Malesani butta alle ortiche la ARIAUDO 6,5 Bravo nelle diagonali.
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
e Donadoni si specchiano nel- prudenza e schiera la squadra ASTORI 6 Fa un bel salvataggio su Gimenez.
lo stesso modulo di riferimen- CAGLIARI 2 più offensiva possibile: Rami- AGOSTINI 6 Molte coperture, poche sovrapposizioni.
BOLOGNA dMalesani corre co- rez dietro tre attaccanti di ruo-
me un tarantolato dopo aver to, un 4-3-1-2 modificabile se- GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 BIONDINI 5 Causa il rigore, combina poco di buono.
lo. Donadoni fa qualcosa di sin-
visto Ramirez fiondare in rete condo necessità: quello del Bo- MARCATORI Di Vaio (B) su rigore al 29’ p.t., Cossu (C) al 14’, golare: toglie lo spento Acqua- LAZZARI 6,5 Serve l’assist dell’1 2 e sfiora il tris.
la palla del 2-2. Corre felice e logna è un monoschema, rin- Ragatzu (C) al 38’, Ramirez (B) al 49’ s.t. fresca (cento presenze nel Ca-
vio del portiere o lancio lungo CONTI 5,5 Fa l’errore che quasi manda in rete Paponi.
non vuol che si parli di fortuna BOLOGNA (4-3-1-2) Viviano; Casarini, Portanova, Britos, gliari, come Di Vaio nel Bolo-
per Di Vaio, che poi ci pensi Rubin; Perez, Mudingayi (dal 47’ p.t. Ramirez), Mutarelli; Del- NAINGGOLAN 6 Inizia molto forte, poi cala.
se è la quinta volta che il suo gna) e chiede a Missiroli, mez-
lui. In alternativa Rubin spin- la Rocca (dal 33’ s.t. Paponi); Meggiorini (dal 18’ s.t. Gime-
z’ala dai piedi buoni, di fare il
Bologna raddrizza la gara nel IL MIGLIORE
recupero. E’ successo, succede-
ge e crossa. Quello del Caglia-
ri è più creativo e vive sulle
nez), Di Vaio. PANCHINA Lupatelli, Cherubin, Moras, Buscè.
ALL. Malesani. centravanti mascherato con
Lazzari e Ragatzu che gli ron-
h 7 COSSU
rà ancora. Il Cagliari si chiede idee di palleggiatori (Conti, CAGLIARI (4-3-1-2) Agazzi; Perico, Ariaudo, Astori, Agosti- Al suo attivo un gol e tante belle giocate.
invece il senso di quell’assur- ni; Biondini (dal 33’ s.t. Lazzari), Conti, Nainggolan; Cossu; zano attorno senza dare punti
Cossu: vertici del rombo) e sul- Nenè (dal 48’ p.t. Ragatzu), Acquafresca (dal 23’ s.t. Missiro- di riferimento. Ed è proprio il NENE’ 5 Anonimo prima dell’infortunio.
do finale e sfoga la sua rabbia la corsa di Nainggolan, a lun-
con un abbozzo di rissa a cen- li). PANCHINA Pelizzoli, Magliocchetti, Ceppellini, Laner. ALL. giovane sardo a colpire sfrut- RAGATZU 7 Entra e ambia la gara: infila il vantaggio.
go imprendibile. Malesani con- Donadoni. tando un assist di Lazzari su
trocampo. E non si consola Do- ACQUAFRESCA 5 Come Nenè.
ferma gli eroi (!) di Torino e sponda di testa di Perico. Poi
nadoni, al primo pareggio del- ARBITRO Ostinelli di Como. MISSIROLI 6 Efficace come finto centravanti.
insiste con gli esperimenti, Ca- succede un po’ di tutto: Papo-
la sua gestione contrassegnata sarini terzino e Della Rocca tre- ESPULSI nessuno. AMMONITI Biondini (C), Conti (C) e Raga-
ni, scartato Agazzi, si mangia All. DONADONI 6,5 Meglio senza le punte titolari.
solo da vittorie e sconfitte. tzu (C) per gioco scorretto, Gimenez (B) per comportamen-
quartista. Poi, s’infortuna Mu- to non regolamentare. un gol già fatto. Viviano fa una
dingayi, entra Ramirez e alla NOTE paganti 14.311, incasso di 70.234 euro, abbonati 10.823, quota di
paratona su Lazzari e si lancia TERNA ARBITRALE: OSTINELLI 6 Giusto il rigore,
Il talento E’ una partita intensa fine, tra lo stupore generale, 151.446. Tiri in porta 4-6. Tiri fuori 7-5. In fuorigioco 4-1. Angoli 5-5. in attacco, per partecipare al non lo aiuta l’assistente sul gol irregolare di
più che bella, l’ideale confron- dirà che «con lui la squadra ha Recuperi: p.t. 2’, s.t. 4’. gran finale. Avesse segnato Cossu (palla fuori). Carrer 5; Marrazzo 6.
to tra due squadre in discreta perso equilibrio». Certo, Della lui, immaginatevi Malesani...

LA SFIDA SALVEZZA EMILIANI IN 1O PER IL ROSSO A PALETTA


LE PAGELLE invece perché divenuto padre e
di P.F.A.
Chievo-Parma, il pari basta Amauri per un affaticamento
muscolare (un quarto d’ora e
dentro Bojinov). In queste con-
MIRANTE FA LE PARATE GIUSTE
Zero gol e poco spettacolo
dizioni, anche il punto, il secon-
do consecutivo in trasferta, in-
dica «uno spirito giusto». Allo-
CHIEVO 6 PARMA 6 ra era il Chievo a dover sfrutta-
re la condizione disagiata del
SORRENTINO 6 Un’uscita a vuoto,
un tuffo su Bojinov.
IL MIGLIORE
h 6,5 MIRANTE Brutto primo Parma. Ma Pioli non aveva ur-
genze estreme di classifica (per-
ANDREOLLI 6 Incerto a inizio Pochi prodigi, però i balzi giusti. tempo, meglio la de due lunghezze ma resta a
ripresa, poi regolare.
MANDELLI 6 Premiato per le 200 ZACCARDO 6 Subito ammonito, ripresa: Bojinov +4 sulla terzultima), arrivava
da tre sconfitte e il movimento
riesce a non eccedere.
col Chievo. Tranquillo. (Uribe s.v.)
PALETTA 5,5 Respinte ruvide, ma
e Jokic ci provano era ben accetto: «Abbiamo ritro-
MANTOVANI 6 Dignitoso vato lo spirito giusto». Come ha
marcatore di sinistra. vede rosso senza far sanguinare. detto il collega.
DAL NOSTRO INVIATO
SARDO 6 Alternante, però corre A. LUCARELLI 6 Continuo, anche
fino al termine. PIERFRANCESCO ARCHETTI
se talvolta l’anticipo va agli altri. Prudenza e uguaglianze Per non
L. RIGONI 5,5 Sbaglia il gol dell’1 0. VALIANI 6 Fatica al via, migliora e 5 RIPRODUZIONE RISERVATA rischiare, Pioli propone la dife-
GUANA 5,5 Passaggini, però propone cross a inizio ripresa. sa a tre, vi aggiunge un doppio
serve più profondità. VERONA Prima di esporre dubbi centrale (Rigoni e Guana) in
MORRONE 6 C’è da battagliare, è il
MARCOLINI 6 Costruisce gioco, suo pane. e sfoderare sorrisini, sappiate mezzo e la sistemazione somi-
Bojan Jokic, 24 anni, in un contrasto con Valeri Bojinov, 25 ANSA
sballa due tiri. che c’è anche un espulso, le oc- glia a quella opposta, dove pe-
DZEMAILI 6 Dà un minimo di ordine rò manca il trequartista come
casioni complessive sono 7, gli
IL MIGLIORE alla squadra e fa ammonire Rigoni.
h 6,5 JOKIC GALLOPPA 5,5 Al rientro, pochi
angoli 11. Se questa partita puz-
zava di pari, forse sono state an- CHIEVO 0 PARMA 0
Bogliacino ma c’è un centrale
basso come Dzemaili. Morale:
Almeno fa sudare Mirante. segnali. (Feltscher s.v.) spazi strettissimi, gioco a terra
che alcune circostanze imprevi- CHIEVO (3-4-1-2) Sorrentino; Andreol- PARMA (3-5-2) Mirante; Zaccardo, Pa-
MODESTO 6 Doppia fase discreta. ste a condurla verso il risultato li, Mandelli (dal 32’ s.t. Uribe), Mantova- letta, A. Lucarelli; Valiani, Morrone, Dze-
impossibile per il campo, un ar-
BOGLIACINO 5,5 Pochi ricami, ruffato agonismo nel primo
troppa normalità. AMAURI s.v. Nemmeno un quarto intuito. Già prima del via, con il ni; Sardo, L. Rigoni, Guana (dal 9’ s.t. maili, Galloppa (dal 32’ s.t. Feltscher),
d’ora e si infortuna. successo del Cesena sulla Marcolini), Jokic; Bogliacino (dal 19' s.t. Modesto; Amauri (dal 19’ p.t. Bojinov), tempo. Se la ripresa è legger-
COSTANT 6 Due passaggi gol. Constant); Thereau, Pellissier. PANCHI- Palladino (dal 42’ s.t. Gobbi). PANCHINA mente vibrante è perché al Chie-
BOJINOV 5,5 Due movimenti Samp, la speranza di un pome-
THEREAU 6 Il tocco giusto, più nel
incoraggianti, ma ancora non è lui.
NA Squizzi, Cesar, N.Frey, Moscardelli. Pavarini, Ze Eduardo, Felipe, Defrei. AL- vo non sempre riesce il fuorigio-
primo tempo, però. riggio comodo è svanita e Mari- ALLENATORE Pioli. LENATORE Marino. co e Bojinov può colpire, senza
PELLISSIER 6 O cade bene o è PALLADINO 5,5 Scavalca di rado no dopo ammette: «La classifi- riuscire a esultare. E perché Pio-
massacrato: tutti i cartellini su di lui. le zolle malmesse. (Gobbi s.v.) ca è peggiorata ma il morale è GIUDIZIO 77 NOTE spettatori 10.536, incasso
li, privo di Fernandes, mette
più alto». Può anche dire che 71.862,68. Abbonati non comunicati. Ti-
All. PIOLI 5,5 Pensa prima a All. MARINO 6 Vista l’emergenza, il ARBITRO Orsato di Schio. ri in porta 8-5. Tiri fuori 7-2. Fuorigioco due centrocampisti tecnici
chiudere. pari ci sta. raccogliere di più era difficile, ESPULSI Paletta (P) doppia ammonizio- 2-9. Angoli 8-3. Recuperi: 1' p.t., 3' s.t. (Constant e Marcolini) che tro-
dato che oltre a Crespo (e Ange- ne al 29’ s.t. vano la profondità sul Parma in
TERNA ARBITRALE: ORSATO 5,5 Ogni contatto è fallo. Anche i due
lo, Marques e Calvo), anche AMMONITI Zaccardo (P), Jokic (C) Rigo- 10 (fuori Paletta per due gialli,
gialli a Paletta sembrano uno. Stefani 6; Faverani 6
Giovinco è uscito dalla forma- ni (C), Valiani (P), Gobbi (P) per g.s. 74’). Ma Mirante para. Si sape-
zione per infortunio; Candreva va che finiva così, servirà?
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

GAZZACAFFÈ ????????????
IL COMMENTO w PARLANO I NUMERI PROFONDO BIANCONERO
LE CIFRE
PROVE Chi lotta per la salvezza
DI RIMONTA partite che
6 decide lo sprint-scudetto
l’Inter deve
di ALBERTO CERRUTI giocare, da qui
alla fine, contro Incroci pericolosi. La corsa per lo scudetto facili. La vittoria del Cesena in casa della
Effetto San Siro, anzi Leonardo San. Merito della squadre s’intreccia con la lotta per la salvezza e il Samp ha ricompattato il gruppo delle zoppi-
settima vittoria in sette gare in casa, con la prima coinvolte nella campionato, finora piuttosto povero a livel- canti. Sono in otto a tentare di non scivolare
firma del giapponese Nagatomo. Due mesi esatti lotta per la lo estetico, si accende di emozioni. Milan e giù: dal Chievo a 32 punti al Bari ultimo a 16.
dopo il suo felice esordio contro il Napoli, il tecni- salvezza Inter, le due che sgomitano per portare a ca- Venerdì l’Inter è chiamata subito a una pro-
co dell’Inter offre un’altra prova-rimonta, ribal- sa il titolo, nelle prossime 10 partite dovran- va delicata: va a far visita al Brescia che, a 25
tando il Genoa con 5 gol: lo stesso numero di no affrontare diverse squadre pericolanti: 3 punti, ha un disperato bisogno di vittoria. La

3
punti che continuano a separarlo dal Milan. sfide toccano ai rossoneri (contro Bari e squadra di Leonardo è nettamente superio- Gigi Delneri, 60 anni ANDREOLI
Se è vero che la «ciofeca» di Gattuso, della quarta Samp in casa, e Brescia in trasferta), addirit- re, ma a volte la rabbia, la grinta e l’agoni-
vittoria consecutiva dei rossoneri, contro la Ju- tura 6 aspettano i nerazzurri (Brescia, Par- smo aiutano a costruire l’impresa. E nemme-
ve, sembrava il segnale delle annate da scudetto,
il primo gol nerazzurro di un giapponese, anche
partite che il
Milan deve
ma e Cesena fuori; Lecce, Chievo e Catania a
San Siro).
no il Milan può stare tranquillo: ospita il Ba-
ri che, pur con un piede in B, può sempre
Ma la Juve
se non determinante per il terzo successo di fila,
rappresenta un’immediata e originale risposta.
giocare, da qui
alla fine, contro
A parte il superderby del 3 aprile, Milan e
Inter si giocheranno molte delle possibili-
fare lo scherzetto. A chi non crede che una
pericolante possa sbarrare la strada a uno
fa bene
Ma soprattutto questo primo fine settimana di
marzo chiarisce in modo definitivo che la strada
squadre
impegnate nella
tà-scudetto proprio contro avversari che da-
ranno l’anima per non retrocedere. E, lo in-
squadrone ricordiamo Roma-Lecce del
1986. I giallorossi persero partita (2-3) e scu-
a tenersi
per arrivare allo scudetto sarà soltanto a due
corsie, occupate dalle milanesi.
lotta per la
salvezza
segna l’esperienza, quelle contro squadre
con l’acqua alla gola non sono mai partite
detto. E i pugliesi erano già retrocessi...
ANDREA SCHIANCHI Delneri?
Il pareggio in casa del Napoli, che nel finale ri-
schia di essere battuto dal Brescia, lascia infatti NÌ Fa bene a tenerselo, ma fi-
36
la squadra di Mazzarri a 8 punti dal Milan (che in no a un certo punto. Fa bene a
realtà sarebbero 9 visto che ha perso i due scon- tenerselo per rientrare nel sol-
tri diretti) e a 3 dall’Inter, attesa al San Paolo alla co dell’antico stile-Juve che ri-
penultima giornata. Anche un anno fa al coman- i punti necessari manda a fine stagione il cam-
do c’erano le due milanesi, con l’Inter a +1 sul per la salvezza bio del tecnico. Però c’è un limi-
Milan, ma dopo altre due partite l’allora squadra nello scorso te a tutto: il fallimento dell’en-
di Leonardo si staccò definitivamente, lasciando campionato. nesimo progetto di rilancio
il secondo posto alla lanciatissima Roma di Ra- Retrocessero bianconero è sotto gli occhi di
nieri. Stavolta, malgrado i segnali di risveglio Atalanta (35 tutti. Negli ultimi due anni, né
con Montella, la Roma è troppo staccata, nè si punti), Siena (31), Ranieri né Ferrara sono riusciti
può pensare che le due squadre che le stanno Livorno (29) a conservare la panca fino al
sopra, Udinese e Lazio, possano raggiungere ne- traguardo. Quanto resisterà
razzurri e rossoneri, di nuovo in lotta per lo Luigi Delneri?
scudetto, ben 18 anni dopo l’ultima volta, A destra, La trasferta di sabato a Cesena
quando il Milan di Capello alla fine precedet- Emanuele ha i contorni dell’ultima spiag-
te l’Inter di Bagnoli. Giaccherini gia. La Juve viene da tre sconfit-
(al centro) te consecutive, cinque negli ul-
In attesa di sapere quanto inciderà il derby, fra festeggiato dai timi sette match. Deprimente:
tre giornate a sette dalla fine, Milan e Inter si compagni del una lunga e lenta linea conti-
divertono a stuzzicarsi a vicenda con i rispettivi Cesena: doppietta nua che tende al ribasso. I 31
primati. Alla faccia del calendario che le propo- alla Samp. In punti collezionati nell’andata,
neva due ostacoli molto più difficili (Napoli e basso, Samuel promettevano un decollo nel ri-
Juventus) rispetto a quelli della sua sfidante Eto’o, trascinatore torno, una volta che la squadra
(Sampdoria e Genoa), la squadra di Allegri ha dell’Inter avesse digerito nuovi innesti,
fatto bottino pieno faticando molto meno del ANSA/BOZZANI
schemi e metodi. Invece la si-
previsto. E il doppio «senza voto» di Abbiati tuazione è precipitata. Il bilan-
cio appena sufficiente al giro di
in entrambe le occasioni conferma la grande
boa (8 vittorie, 7 pari, 4 sconfit-
organizzazione difensiva del Milan, non a ca- DOPO GLI ORI DI LA MANTIA E DI MARTINO te), si è trasformato in un disa-
so la squadra meno battuta del campionato,
stro (3 successi, 1 pareggio e 5
grazie non soltanto al suo portiere ma anche
alla straordinaria coppia Nesta-Silva e al
lucchetto davanti a loro di Van Bommel. Adesso nello sport italiano kappaò). La media punti è sce-
sa da 1,63 a 1,11 a partita e an-
che la differenza reti segna ros-
Con un nuovo particolare da non sottova-
lutare perché, per la prima volta dall’ini-
zio del campionato, il Milan di Allegri
vincono soltanto le donne? so: -3 nel ritorno, contro i +9
dell’andata.
Con queste linee di tendenza,
viaggia a una velocità superiore non sol- la volata Champions è fuori
tanto a quello di Leonardo (+3) ma soprat- No Lo sport italiano non è proprio lo sci alpino, con i bron- portata anche per qualche ipo-
tutto all’ultima Inter di Mourinho (+2), e solo La Mantia e Di Martino, an- zi di Moelgg e Fill contro l’uni- tetico traghettatore esterno
senza mostrare i cedimenti di un anno fa che se i due ori europei dell’at- ca medaglia femminile della (Vialli, Gentile, Casiraghi...).
dei nerazzurri. letica in questo weekend han- Brignone, è la prima disciplina Che fare? Con un colpo di coda
no un valore speciale per lo olimpica a invertire la tenden- finale, Delneri può dare un to-
Ma siccome chi insegue ha il diritto di spe- spessore popolare delle due za del dominio rosa. no meno negativo al suo transi-
rare, Gattuso e compagni non devono sot- protagoniste. In realtà Pellegri- Se vogliamo, la sensazione che to bianconero e consolidare la
tovalutare l’ultimo spettacolare spot della ni, Vezzali, Di Francisca, Pen- il nostro sport non sia a trazio- posizione del dg Marotta che ri-
rincorsa nerazzurra contro il Genoa, che netta e Schiavone quest’anno ne maschile deriva dal fatto schia di rimanere, anche lui, in-
aveva subito meno gol di tutti (9) in trasfer- sembrano essere un po’ meno che sono femminili anche le ghiottito nel fallimento. Quel-
ta. In ritardo a metà strada, come in campio- sole a trainare, anche a livello uniche due medaglie dei Mon- lo che conviene alla proprietà
nato, Eto’o suona la carica nella ripresa, trasci- di immagine, il nostro sport. diali di fondo, quelle della Fol- — invece — è scegliere adesso
nando il vecchio Pandev e i nuovi Pazzini e Sicuramente negli sport olimpi- lis e della Runggaldier. Ma pro- il tecnico per il 2011-12: uno di
Nagatomo, con la rabbia di chi non si vuole ci si è aggiunto Christof Inne- prio ieri Fabrizio Donato ha vin- livello mondiale, capace di co-
arrendere. Altra rimonta riuscita, dopo rhofer che con la tripletta sul to nel triplo un argento che va- struire gioco e di gestire in
quelle con Catania e Palermo, con il mi- podio dei Mondiali di sci alpi- le oro: perché accompagnato scioltezza almeno due o tre
glior attacco, quasi alla media di 2 gol a no, seguita dal successo in cop- da due record italiani e perché campioni veri. Perché è di qua-
partita, che sale a 3.42 in casa con Leonar- pa del Mondo nella combinata ottenuto alle spalle di un extra- lità, e non di quantità, che ha
do! Numeri da grandi squadre che si avvici- di Bansko, si inserisce fra gli terrestre, il francese Tamgho. Simona La Mantia, in alto, e bisogno la nuova Juve.
nano a un grandissimo derby. sportivi italiani dell’anno. E FAUSTO NARDUCCI Antonietta Di Martino COLOMBO ALESSANDRO DE CALÒ

« Ipse dixit... ...Cosa voleva dire

Non parlerò più


degli arbitri.
Mi viene
I propositi di Mazzarri finiti con un cartellino rosso...
«Boia deh, adesso basta. Di que-
sti signori non parlo più, tanto
non cambierà nulla. Alli zoppi
pedate nelli stinchi. Però la pa-
zienza ha un limite e a sorsetto
a sorsetto si vòta le damigiane. E
non succhi latte, non ottieni
niente. No, di questi signori io
non parlo più, lo giuro. Con lo-
ro, al massimo, ci parlerò. Con
garbo, educazione, senza cerca’
tigna. E se butteranno giù un
qua, noi siamo persone in
gamba, non fessi. Degli arbitri
non si parla più, è deciso. Sem-
mai con gli arbitri si parla, si
dialoga. Mica ne troverò uno
che mi caccerà dal campo, suv-
in mente Pirandello: poi sarei un lamentino... Ma, co-
me si dice dalle mie parti, se ’un
mio giocatore in area senza da-
re il rigore, dirò all’arbitro: bim-
via. Sennò di Pirandello mi fa-
ranno diventare L’imbecille».
Walter Mazzarri,
tecnico del Napoli «Così è (se vi pare)» piangi, ’un puppi, se non piangi, bo, qui un si frigge mia ’on l'ac- ROBERTO PELUCCHI
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

RISULTATI CLASSIFICA DELLA SERIE A MARCATORI


BOLOGNA-CAGLIARI 2-2 PARTITE RETI RIGORI 22 RETI: Di Natale (4) (Udinese)
PUNTI POSIZIONE ULTIME
Di Vaio (B) rigore, Cossu (C), Ragatzu (C), Ramirez (B) SQUADRE PUNTI IN CASA FUORI TOTALE IN CASA FUORI TOTALE DIFF. FAVORE CONTRO 2009 2010 E STAGIONE QUATTRO 20 RETI: Cavani (2) (Napoli)
RETI DIFFERENZA 2009 2010 GARE 18 RETI: Eto'o (5) (Inter)
CHIEVO-PARMA 0-0 G. V. N. P. G. V. N. P. G. V. N. P. F. S. F. S. F. S. T. R. T. R.
17 RETI: Di Vaio (1) (Bologna)
MILAN 61 14 9 3 2 14 9 4 1 28 18 7 3 30 10 20 10 50 20 +30 4 3 1 0 58 (+3) 2 VVVV 14 RETI: Matri (1) (11 reti con il Cagliari)
FIORENTINA-CATANIA 3-0
Mutu (F), Mutu (F), Gilardino (F) INTER 56 14 10 3 1 14 7 2 5 28 17 5 6 37 17 17 14 54 31 +23 6 5 2 1 59 (-3) 1 VVVV (Juventus)
13 RETI: Ibrahimovic (2) (Milan)
INTER-GENOA 5-2 NAPOLI 53 14 9 3 2 14 7 2 5 28 16 5 7 24 8 17 17 41 25 +16 5 3 3 3 41 (+12) 8 VVPN 11 RETI: Pazzini (2) (6 con la Sampdoria)
Palacio (G), Pazzini (I), Eto'o (I), Eto'o (I), Pandev
(I), Nagatomo (I), Boselli (G) LAZIO 51 15 10 3 2 13 5 3 5 28 15 6 7 24 12 11 11 35 23 +12 2 2 4 4 26 (+25) 17 VVPV (Inter); Sanchez (Udinese)
10 RETI: Gilardino (Fiorentina); Pato e
JUVENTUS-MILAN 0-1 UDINESE 50 14 9 3 2 14 6 2 6 28 15 5 8 22 11 28 19 50 30 +20 5 4 5 1 31 (+19) 15 VNVV
Robinho (Milan); Pastore (Palermo);
Gattuso (M) ROMA 46 13 8 4 1 15 5 3 7 28 13 7 8 23 12 20 27 43 39 +4 7 6 5 5 53 (-7) 3 VNVV Borriello (1) (Roma)
LAZIO-PALERMO 2-0 JUVENTUS 41 14 6 3 5 14 5 5 4 28 11 8 9 24 22 17 13 41 35 +6 3 2 3 2 45 (-4) 5 VPPP 9 RETI: Pellissier (1) (Chievo);
Sculli (L), Sculli (L) Quagliarella (Juventus); Crespo (3)
PALERMO 40 14 8 2 4 14 4 2 8 28 12 4 12 25 21 19 24 44 45 -1 1 0 7 6 46 (-6) 4 PPPP (Parma)
LECCE-ROMA 1-2 8 RETI: Hamsik (1) (Napoli); Ilicic
Vucinic (R), Giacomazzi (L), Pizarro (R) rigore CAGLIARI 39 14 8 1 5 14 3 5 6 28 11 6 11 24 13 11 17 35 30 +5 2 1 4 3 39 (=) 9 VPVN
(Palermo); Vucinic (1) (Roma)
NAPOLI-BRESCIA 0-0
FIORENTINA 37 14 8 3 3 14 1 7 6 28 9 10 9 19 11 13 18 32 29 +3 4 3 2 1 38 (-1) 10 PNNV 7 RETI: Caracciolo (3) (Brescia); Maxi
BOLOGNA * 36 14 7 5 2 14 3 4 7 28 10 9 9 16 11 15 25 31 36 -5 3 1 2 1 35 (+1) 13 VPNN Lopez (1) (Catania); Hernanes (1) (Lazio);
SAMPDORIA-CESENA 2-3 Miccoli (Palermo)
Parolo (C), Giaccherini (C), Giaccherini (C), Volta GENOA 35 13 5 3 5 15 4 5 6 28 9 8 11 16 18 11 14 27 32 -5 3 2 1 1 42 (-7) 7 VVPP
(S), Maccarone (S) rigore 6 RETI: Nené (Cagliari); Bogdani
CHIEVO 32 14 4 7 3 14 3 4 7 28 7 11 10 12 10 16 20 28 30 -2 2 1 3 2 35 (-3) 13 PPPN (Cesena); Floccari (Lazio)
UDINESE-BARI 1-0 SAMPDORIA 31 15 5 5 5 13 2 5 6 28 7 10 11 16 13 9 19 25 32 -7 5 5 1 1 44 (-13) 6 PNPP 5 RETI: Diamanti (1) (Brescia); Jimenez
Di Natale (U) rigore (1) (Cesena); Moscardelli (Chievo); Floro
PARMA 29 14 4 7 3 14 2 4 8 28 6 11 11 13 10 14 28 27 38 -11 3 3 9 8 37 (-8) 12 PNNN Flores (3 reti con l'Udinese) Palacio (1)
CATANIA 29 14 7 4 3 14 0 4 10 28 7 8 13 17 14 7 24 24 38 -14 3 3 4 1 31 (-2) 15 VPVP (Genoa); Cambiasso, Milito e Stankovic
PROSSIMO TURNO CESENA 28 14 5 3 6 14 2 4 8 28 7 7 14 10 15 13 23 23 38 -15 3 2 4 3 in B in B PNVV
(Inter); Krasic (Juventus); Kozak (1)
(Lazio); Di Michele (Lecce); Cassano (2)
venerdì 11 marzo, ore 20.45 BRESCIA-INTER (1-1) (4 con la Sampdoria) (Milan); Lavezzi
sabato 12 marzo, 20.45 CESENA-JUVENTUS (1-3) LECCE 28 14 5 4 5 14 2 3 9 28 7 7 14 19 20 12 30 31 50 -19 4 1 4 3 in B in B PVNP
(Napoli); Pinilla (Palermo); Giovinco
domenica 13 marzo, ore 15 MILAN-BARI (ore BRESCIA 25 14 5 3 6 14 1 4 9 28 6 7 15 15 17 7 18 22 35 -13 4 4 3 2 in B in B PNNN (Parma); Totti (3) (Roma); Guberti
12.30) (3-2) CAGLIARI-UDINESE (1-1) CATA-
NIA-SAMPDORIA (0-0) CHIEVO-FIORENTINA (0-1) BARI 16 14 2 5 7 14 1 2 11 28 3 7 18 8 19 7 23 15 42 -27 6 3 8 6 38 (-22) 10 NPNP (Sampdoria)
GENOA-PALERMO (0-1) LECCE-BOLOGNA (0-2) RO- 4 RETI: Barreto (2) (Bari); Acquafresca
U CHAMPIONS U PRELIMINARI DI CHAMPIONS U EUROPA LEAGUE U RETROCESSIONE A parità di partite giocate la nostra classifica tiene conto di quest’ordine preferenziale:
MA-LAZIO (2-0) PARMA-NAPOLI (ore 20.45) (0-2) e Conti (Cagliari); Silvestre (Catania);
1) punti 2) minor numero di partite disputate 3) differenza reti 4) numero di gol segnati 5) ordine alfabetico. Le ultime tre retrocedono in serie B. * Bologna ha 3 punti di penalizzazione.
Giaccherini (Cesena); Santana
(Fiorentina); Floro Flores (3 reti con
l'Udinese) (Genoa); Thiago Motta (Inter);
Del Piero (1), Iaquinta, Marchisio e Toni

i ARBITRI TROPPO BUONISTI: RISPARMIATI DIVERSI GIALLI E UN PAIO DI ROSSI retti: lo stesso attaccante fa cen-
no che non è rigore. Russo riesce
nell’impresa di non ammonire
(1) (3 reti col Genoa) (Juventus); Mauri e
Zarate (Lazio); Corvia (Lecce); Simplicio
(Roma); Maccarone (1) (2 con il Palermo)

Al Napoli manca un rigore


LA MOVIOLA

(Sampdoria)
nessuno nonostante diverse en- 3 RETI: Britos, Gimenez e Ramirez
trate anche da arancione. Su tut- (Bologna); Eder (Brescia); Parolo
te le due consecutive di Lucio. (Cesena); Cesar (Chievo); D'Agostino (1),

Cagliari, da annullare l’1-1


Ljajic (2) e Mutu (Fiorentina); Ranocchia
NAPOLI-BRESCIA 0-0 Il Napoli si (2 con il Genoa) e Sneijder (Inter); Pepe
lamenta e in effetti gli manca un (Juventus); Giacomazzi, Jeda (1), Ofere e
rigore: c’è il fallo di Konè (è in Olivera (Lecce); Nocerino (Palermo);
ritardo e non tocca il pallone) su Amauri (Parma); Pozzi (1) (Sampdoria);
Konè su Mascara; fallo non visto. Palla uscita prima del gol di Cossu Mascara. Fa bene, invece, Maz- Denis (Udinese)
2 RETI: Okaka e Rudolf (1 rete con il
zoleni a ignorare il contatto Mag- Genoa) (Bari); Paponi (Bologna); Cordova
FRANCESCO CENITI gio-Accardi, c’è una leggera an- (Brescia); Canini e Nainngolan (Cagliari);
fceniti@gazzetta.it cata ma non tale da giustificare Gomez, Lodi e Terlizzi (Catania);
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
l’intervento dell’arbitro (Mazzar- Fernandes, Mandelli e Thereau (Chievo);
ri espulso per proteste). Altra en- Destro, Mesto, Milanetto, Paloschi e M.
trata dura non punita con un Rossi (Genoa); Pandev (Inter); Aquilani
dRigori dati con facilità, rigori (Juventus); Biava e Sculli (Lazio); Munari
ignorati e assistenti imprecisi. E’ giallo: Gargano colpisce Vass a
pallone lontano. e Piatti (Lecce); Boateng e Inzaghi
la sintesi degli errori arbitrali: (Milan); Cannavaro e Maggio (Napoli);
potrebbe sembrare una catastro- Bacinovic, Bovo e Migliaccio (Palermo);
SAMP-CESENA 2-3 Pierpaoli
fe, ma a parte le proteste del Na- Pallone uscito Bojinov, Candreva, Palladino e Zaccardo
sbanda nel finale: da rosso la ma- (Parma); De Rossi, N. Burdisso, Juan,
poli ieri non ci sono state troppe quando crossa nata di Macheda a Lauro. Non
polemiche. Piuttosto: nelle ulti- Menez e Perrotta (Roma); Armero,
Nainggolan: gol c’è il rigore dato alla Samp (Be- Benatia, Domizzi e Zapata (Udinese)
me settimane la sensazione è da annullare IPP nalouane non tocca Volta). Subi- 1 RETE: 87 giocatori
che ci sia la tendenza a non to dopo Caserta da espellere: fal- RETI: in questo turno 26 (4 rigori, 1
stroncare il gioco duro. Urgono laccio su Biabiany, solo giallo. autorete); in totale 675 (54 rigori, 20
più gialli e più espulsioni. Si va non era facile vederlo per l’assi- sato non estrae neppure il gial- autoreti)
verso un finale di stagione teso: stente Carrer. Prima del 2-2 di lo. Doppia ammonizione per Pa- UDINESE-BARI 1-0 Massa (secon-
il buonismo non paga. Ramirez, mischia in area con Vi- letta: fiscale la prima. da in A) concede un giusto rigo-
viano (portiere del Bologna)
BOLOGNA-CAGLIARI 2-2 Buono che per due volte salta per cerca- FIORENTINA-CATANIA 3-0 Celi
re nella ripresa: Parisi atterra
Sanchez appena dentro l’area.
CONCORSI
l’esordio in A di Ostinelli (31 an- re il colpo di testa disturbando il ok, l’assistente Angrisani no: da CONCORSI N. 23 DEL 6/3/2011
In precedenza, però, da rigore TOTOCALCIO - COLONNA VINCENTE
ni): ok assegnare il rigore al Bo- collega Agazzi ma senza com- annullare per fuorigioco di Mon- anche un mani di Gazzi: non vi- X-X-1-1-X-1-2-X-1-1-X-1-X-1 QUOTE:
logna per lo sgambetto Biondini mettere un fallo evidente. tolivo il 3-0 di Gilardino. sto. E che dubbi sul contrasto In- Ai 14 (36) 14.904€;ai 13 (985) 155€;Ai 12
su Di Vaio. Da annullare l’1-1 di ler-Gazzi: si poteva dare il penal- (8820) 17€;Ai 9 (489) 307€; TOTOGOL -
Cossu: sul cross di Nainggolan CHIEVO-PARMA 0-0 Entrata du- INTER-GENOA 5-2 Eto’o a terra in ty al Bari (partita sullo 0-0). COLONNA VINCENTE 4-1-13-9-10-12-3
la palla aveva superato la linea, rissima di Sardo su Modesto: Or- area dopo un contrasto con Mo- (Lazio-Palermo a pagina 10) QUOTE: Ai 7 e 6 nessun vincitore; Ai 5
(9) 720 €;Ai 4 (120) 64 €
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

Si carica con la luce. Per sempre.

. Mai più cambio pila.

Il sistema Eco-Drive elimina il problema della sostituzione


e dello smaltimento delle pile. Con la sola energia della luce,
Eco-Drive fornisce all’orologio una carica inesauribile.

188 € 198 €
www.citizen.it
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

MONDO SPAGNA
È super Benzema taccuino
SPAGNA
Guardiola uscirà

Il Real non molla oggi dall’ospedale


BARCELLONA dPep Guardiola ri
marrà ricoverato ancora una notte
per l’ernia del disco che lo tormenta

In casa del Racing altra doppietta del francese da settimane. Il tecnico del Barcello
na dovrebbe essere dimesso oggi
ed essere in panchina martedì sera
Mou continua la rincorsa al Barça, sempre a +7 per il match di Champions League
contro l’Arsenal.
FILIPPO MARIA RICCI non si limita a spaccare legna cia» di Kakà, una gara da ma-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA come Khedira o Lass. Il gioco nuale. Mou quasi non si vede: i OLANDA
del Madrid liberato dal secon- suoi vanno che è un piacere e Pellè contro l’Ajax
SANTANDER d Per la prima volta do incontrista e dalla prolifica quando Xabi provoca un rigore espulso dopo 3 minuti
senza Ronaldo il ridisegnato Re- ma a volte ossessiva presenza (52’) Pinillos lo regala a Casil-
al Mou produce un primo tem- del magnete Ronaldo ne guada- las (poi puntato dai laser dei ti- AMSTERDAM d (m.v.) Graziano
po di grandissima qualità e con gna: possesso assoluto, scambi fosi avversari), quinto errore Pellè, in campo dal 70’ nella gara che
letture di grande calcio suggeri- rapidi, manovra brillante. In 27 del Racing su 6 rigori tirati. ha visto l’Ajax travolgere 4 0 l’Az Alk
maar, è stato espulso dopo tre minu
te dai bibliotecari Xabi Alonso e minuti il Real colpisce due tra-
ti per un brutto fallo su Cvitanich. Ri
Özil supera 3-1 il Racing e si ri- verse (Xabi Alonso e Benze- Il gatto Il Real non si spettina: fa Karim Benzema, 23 anni, aveva segnato due gol anche giovedì EPA
sultati 26a giornata: Graafschap Wil
porta a -7 dal Barça. Mou ha ma), spreca due gol (Adebayor calare il ritmo, lo spettacolo e le
lem II 2 1; Twente Breda 2 0; Vites
uno squalificato (Diarra) e 7 in- e Marcelo, a porta vuota), se- emozioni, incassa l’inatteso gol
se Venlo 2 0; Ado Den Haag Nime
fortunati: tra questi anche
Kakà. Il brasiliano accusa un do-
gna due bellissime reti. La pri-
ma con Adebayor al termine di
di Kennedy (70’) ma risponde
tre minuti dopo ancora con Ben-
RACING 1 REAL MADRID 3 ga 5 1; Excelsior Psv 2 3. Ajax Alk
maar 4 0; Groningen Almelo 1 4; He
lorino al ginocchio ed è rimasto un’armoniosa recita: 4 voci (Xa- zema e poi spreca un rigore con (4-4-2) Toño 7; Pinillos 4 (dal 34’ s.t. (4-1-3-2) Casillas 6,5; Sergio Ramos 6,
erenveen Feyenoord 0 1; Utre
a casa, fermo fino a nuovo ordi- bi, Özil, Benzema e il togolese) Adebayor. Per il francese 6 reti Francis s.v.), Osmar 5, Torrejón 4,5, Pepe 6, Carvalho 6, 5, Marcelo 6,5; Xa-
Christian 5; Kennedy 6,5, Lacen 6 (43’ bi Alonso 8; Özil 8 (dal 44’ s.t. Alex s.v.), cht Roda Kerkrade 1 1. Classifica
ne. Chissà come avrà reagito al- e 7 tocchi in pochi metri quadra- nelle ultime 5 partite: per dirla (prime posizioni): Psv 57; Twente
s.t. Tato s.v.), Colsa 6, Munitis 6,5; Dos Granero 7, Di Maria 7,5 (dal 34’ s.t. Ca-
la lettura del Pais di ieri, che ti. Poco dopo il bis: l’ispiratissi- con Mou, si può cacciare anche Santos 6 (37’ s.t. Ariel s.v.), Rosenberg nales 6); Benzema 8 (dal 34’ s.t. Albiol), 54; Ajax 52; Den Haag 45; Groningen
aveva un pezzo intitolato mo Xabi Alonso recupera palla, con un gatto. 6,5. Adebayor 6. 44.
«Kakà si stufa di Mourinho» nel la scarica a Özil che d’esterno fa PANCHINA Coltorti, Julian Luque, Diop, PANCHINA Dudek, Casado, Pedro
quale si dice che l’ex milanista è filare Benzema davanti al por- 27a giornata. Ieri: Sporting Gijon-Geta- Ivan Bolado. León, Morata. PORTOGALLO
seccato dalla scarsa considera- tiere. Per il tedesco, principale fe 2-0, Hercules-Almeria 1-2, Mala-
zione offertagli dal portoghese, responsabile dei «mal di pan- ga-Osasuna 0-1, Levante-Espanyol 1-0,
ALLENATORE Marcelino 6. ALLENATORE Mourinho 7,5. Il Porto non molla
ha chiamato Florentino Perez Athletic-Siviglia 2-0. Domani: Deporti- 22˚ risultato utile
per lamentarsi poi, d’accordo vo-Real Sociedad. Classifica: Barcello- GIUDIZIO 7777 NOTE Spettatori 21.000 circa. Ammoni-
LISBONA d(m.m.d.s.) Nell’anticipo
coi medici, ha deciso di fermar- na 74, Real Madrid 67, Valencia 54, Vil- ti Sergio Ramos (Re), Xabi Alonso (Re),
In gol pure Adebayor, PRIMO TEMPO 0-2
Rosenberg (Ra), Torrejón (Ra). Tiri in
della 22a giornata il Porto, ancora im
si. larreal 50, Athletic Bilbao 41, Espanyol
porta 5-12. Tiri fuori 2-8. In fuorigioco battuto e privo del capocannoniere
che nel finale sbaglia 40, Siviglia, Athletic Bilbao 38, Real So-
MARCATORI Adebayor (Re) al 23’, Ben-
zema (Re) al 27’ p.t.; Kennedy (Ra) al 2-5. Angoli 3-3. Recuperi: 1’ p.t., 3’ s.t. Hulk, ha battuto 2 0 il Vitoria Gui
Il cambio Mou disegna un nuo- un rigore. Errore dal ciedad * 35, Maiorca 34, Getafe 33, Le- 25’, Benzema (Re) al 28’ s.t. marães. É il 12˚ successo in casa e
vo modulo abbandonando il dischetto anche per vante 31, Racing Santander 30, Osasu- la 22a partita utile. Classifica (prime
ARBITRO Ramirez Dominguez 7.
«doble pivote» difensivo: Xabi na 29, Sporting Gijon, Deportivo* 38, Sa- posizioni): Porto 62, Benfica (1 in me
Alonso gioca da solo di fronte Pinillos. Laser negli ragozza 27, Hercules 26, Almeria 25, no) 51, Sporting Lisbona 33, Paços
alla difesa, Granero, più avanti, occhi a Casillas Malaga 23. *Una partita in meno. Ferreira, Vitoria Guimarães 32.

UN BUON MOTIVO PER CAMBIARE FURGONE? ECCONE 3.


SUPERVALUTIAMO IL TUO USATO

PAGHI SOLO 99 EURO AL MESE

POLIZZA FURTO E INCENDIO


NDIO INCLUSA

© 2011 King Features Syndicate, Inc.


Trademark TM Hearst Holdings, Inc.

OFFERTA VALIDA FINO AL 31 MARZO 2011 SU ECODAILY FURGONE


● VOLUME DI CARICO FINO A 17 M3
● MOTORI DA 100 A 180 CV ANCHE EEV (MEGLIO DI EURO V)
FORTE PER NATURA ● MASSIMO COMFORT CON CAMBIO AUTOMATIZZATO AGILETM
E SOSPENSIONI PNEUMATICHE

www.iveco.it

Offerta valida fino al 31/03/2011 presso le concessionarie Iveco aderenti fino ad esaurimento scorte. Valore di fornitura 19.700€ su modello 29L10V H1/3000 7 m3 con Pack Comfort (clima e chiusura centralizzata), sospensioni anteriori meccaniche, cambio manuale, nei colori di serie.
Softleasing a 72 mesi: prima rata a 30 giorni; 6 rate a 99€ al mese; 65 rate da 283,40€; assicurazione Furto, Incendio e Credito Protetto compresi; TAN 2,95%; Tasso leasing 2,75%; anticipo min.15%; riscatto 10%. Spese pratica, Iva, trasporto e messa su strada escluse. Salvo approvazione
Iveco Capital. Fogli informativi presso le concessionarie aderenti. Dettagli su: www.iveco.it. Immagine a solo scopo illustrativo.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

MONDO INGHILTERRA
LIVERPOOL 3 Dirk Kuyt,
30 anni, s FRANCIA

MANCHESTER UTD 1 festeggia


con
GIUDIZI Lilla torna
GIUDIZIO 7777 PRIMO TEMPO 2-0
MARCATORI Kuyt (L) al 34’ e al 39’ p.t.;
Kuyt (L) al 20’, Hernandez (M) 47’ s.t.
Meireles
GETTY IMAGES in vetta
LIVERPOOL (4-4-2) Reina 6; Johnson
6,5, Carragher 6, Skrtel 6,5, Aurelio 6
Lione super
(dal 24’ p.t. Kyrgiakos 6,5); Rodriguez
6,5, Gerrard 6, Lucas 6,5, Meireles 7 (dal
29’ s.t. Carroll 6); Suarez 8 (dal 44’ s.t.
Cole s.v.), Kuyt 7,5. PANCHINA Gulacsi, V
Searing, Poulsen, Ngog. ALL. Dalglish 7. Suarez 8
MANCHESTER UNITED (4-4-2) Van
Travolgente
der Sar 6; Rafael 5,5 (dal 31’ s.t. O’Shea uragano di
s.v.), Smalling 6,5, Brown 5,5, Evra 5,5; creatività latina
Nani 5 (dal 51’ p.t. Hernandez 6,5), Carri- che s’abbatte
ck 5,5, Scholes 6 (dal 39’ s.t. Fletcher sullo United con
s.v.), Giggs 5,5; Rooney 5,5, Berbatov 6. imprevedibili
PANCHINA Kuszczak, Fabio, Gibson,
Obertan. ALL. Ferguson 5,5.
invenzioni

ARBITRO Dowd 5,5.


NOTE ammoniti Carragher (L), Rafael (M),
Scholes (M) per g.s., Van der Sar (M) per
proteste, Skrtel (L) per c.n.r. Spettatori
44.753. Tiri in porta 6-3. Tiri fuori 10-10. In
fuorigioco 0-3. Angoli 6-4. Recuperi p.t. 2’,
s.t. 3’.

V
GIANCARLO GALAVOTTI Kuyt 7,5
5 RIPRODUZIONE RISERVATA Ha il merito di Eden Hazard, 20 anni REUTERS
sintonizzarsi
LIVERPOOL (Inghilterra) dNon basta sull’onda lunga ALESSANDRO GRANDESSO
il tris di reti a fare di Dirk Kuyt il di Suarez per il 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
migliore in campo di Liverpo- primo tris della
ol-Manchester United. L’olan- sua carriera PARIGI dIl colpo magico arriva
dese viene premiato con lo al Liverpool dopo appena dieci minuti. Pal-
champagne assegnato dalla tv lone a prima vista anonimo.
che ha trasmesso la diretta, ma Ma non per il genio Eden Ha-
per due dei gol della sua prima zard che non a caso il Real Ma-
tripletta con la maglia dei Reds drid tiene sott’occhio da tem-
è stato poco più che un accesso- po. Il 20enne belga costa, ma
rio, il fante di bastoni di uno il capolavoro di ieri giustifica
straordinario asso di briscola: il prezzo. Il gol, quindi: una

Solo Liverpool
Luis Suarez. L’uruguayano che V sassata da 34,5 metri con effet-
ha incantato l’Olanda con Rooney 5,5 to a uscire e a spiovere che pe-
l’Ajax, 49 reti la scorsa stagio- Dato per disperso sca Mandanda di poco fuori
ne, e ne ha lasciati 3 nella storia ad Anfield. Chi ha dai pali. Per Hazard quarto si-
di Sudafrica 2010, ha trovato notizie di lui gillo stagionale e forse il più
del tutto naturale l’habitat di chiami il seguente prezioso perché imposta il suc-
Anfield, che lo ospita da fine numero di cesso sul Marsiglia che rischia

Kuyt fa una tripletta


gennaio. Manchester: di perdere il treno scudetto.
1-0-2-0-3-0-3-1 Anche perché il primo tempo è
Affarone Di strano c’è solo il tutto degli ospiti che produco-
prezzo del suo cartellino, appe- no occasioni a volontà senza
na 26,5 milioni di euro, una trovare il raddoppio. Il bom-

Suarez fa il Messi
bazza paragonati ai 60 strappa- ber Sow (17) è fuori tempo, e
ti dal Liverpool al Chelsea per Gervinho impreciso anche nel
Torres, e ancor più ai 42 spesi duello con Mandanda che al
dai nuovi padroni americani 44’ evita il peggio. La squadra
per acquistare Carroll, che de- V di Deschamps rientra nella ri-

Lo United ancora k.o.


butta comodo sul 3-0 senza im- Nani 5 presa senza Gonzalez, infortu-
pressionare. Suarez, 24 anni, Il suo unico nato, ma determinata a inverti-
esordio-gol il 2 febbraio nel 2-0 contributo è re la tendenza. E al 16’ Gignac,
allo Stoke, progetta ed esegue l’appoggio di testa subentrato all’argentino, ispi-
con una stupenda esibizione di al 2-0 di Kuyt, ra Remy che ristabilisce la pari-
estro latino la demolizione del poi è vittima della
Manchester United. King Ken-
ny (Dalglish) sottomette Sir
Dalglish doma Ferguson 20 anni dopo l’ultimo successo foga incontrollata
di Carragher
tà di volée. Il Lilla incassa ma
reagisce, frenato prima dall’ar-
bitro che non vede un rigore
Alex (Ferguson), come 20 anni
fa, per l’ultima sfida diretta da
Splendido il primo gol: l’uruguaiano si beve l’intera difesa netto su Gervinho al 21’, poi
dal palo di Cabaye. Il gol parti-
re di Anfield contro l’allora tra- ta arriva però al 91’ con Frau,
ballante condottiero dei Red rez scardina la difesa United al subentrato a Sow, che gira
Devils: finì 4-0 il 16 settembre 34’, spiazzando prima Rafael, dentro l’assist da sinistra di
’90, finisce 3-1 stavolta (Chicha- poi Brown, quindi Evra, e infila CHELSEA NEL POSTICIPO DOPO IL PARI DEL TOTTENHAM Emerson. Il Lilla torna in vet-
rito al 92’), ed è ancora peggio. tra le gambe di Van der Sar il ta, ma la classifica rimane co-
Peggio per Ferguson, che incas-
sa la seconda sconfitta di fila,
passaggio corto per l’appoggio
in rete di Kuyt. Ancora 5’, e Sua- Ancelotti può blindare il 4o posto munque corta.
dopo il 2-1 col Chelsea martedì
sera, e resta a portata dell’Arse-
rez riaccende il panico in area
United con il cross da sinistra Ma va nel fortino del Blackpool Cinquina Anche perché a Lione
si scatena Lopez, al rientro do-
nal, a +3 e un turno in più. che Nani spedisce di testa con-
tro la sua porta, per la schiaccia- (g.c.g.) Al contrario di Nerone, Carlo Bridge, Holloway aveva detto che
po l’infortunio polemico che
Effetto Chelsea La terza debacle ta fulminante di Kuyt. Ancelotti (foto REUTERS) spegne le tra i suoi e il Chelsea c’erano anni l’ha tenuto lontano dai campi
stagionale di «Fergie» è figlia di Il 3-0 è un’altra joint-venture vampate di Roma. La priorità, luce di differenza. Adesso nel per due settimane. L’argenti-
quella a Stamford Bridge. Lo Uruguay-Olanda: punizione ca- ripete, è il Chelsea. Ancora un anno Chelsea ci sono anche Torres e no si era fatto male scagliando
United paga carissima la squali- rica d’effetto di Suarez, Van der sul contratto: «Ma spero di Luiz. Ancelotti spera che lo un pallone per rabbia dopo
fica di Vidic, espulso a tempo Sar non trattiene, Kuyt è pron- rimanere di più, anche se il Chelsea spagnolo si sblocchi. Luiz ha che Puel aveva deciso di tener-
scaduto col Chelsea. Ancora to ad approfittarne da due pas- non è lo United: non è pensabile un riassorbito un risentimento a un lo in panchina prima della par-
senza Ferdinand, i difensori si. Il portiere United, 40 anni, è regno di 24 anni come quello di flessore. Il Chelsea ha riportato 2 tita di Champions contro il Re-
stato più bravo sulla chicca di al Madrid. Lopez, stavolta tito-
centrali sono Smalling, 21 an- Ferguson». Per restare almeno un sole vittorie dalle ultime 9
pallonetto creato dal nulla da lare, sigla tripletta e assist nel
ni, talento emergente, e Suarez per Meireles, al 49’,
anno Carletto deve come minimo trasferte. Da stasera la musica
Brown, terza presenza assicurarsi la zona Champions (e deve cambiare. 5-0 all’Arles. Il Bordeaux boni-
quando è riuscito ad anticipare fica la crisi calando il tris in ca-
2010-11. E questo è tutt’un al- Gerrard. Il capitano dei Reds non è detto che per Abramovich 29a giornata Ieri:
tro Liverpool, rigenerato in so- vada bene lo stesso). E per la Liverpool Manchester United 3 1, sa a Brest (1-3).
ha fatto atto di presenza (solita
le 11 partite da Kenny Dalglish, pubalgia), ma questo Liverpool zona Champions non può Wolverhampton Tottenham 3 3.
60 anni venerdì scorso, simbo- permettersi di ripiombare nei guai Oggi: Blackpool Chelsea. 26a giornata: Caen-St Etienne 1-0; Lo-
non dipende da lui. Meireles s’è
lo della grandezza Red dal dopo il 2 1 allo United con uno Classifica: Manchester United rient-Nancy 0-0; Montpellier-Rennes
fatto trovare sulla linea di porta
1977. Grandezza che adesso si per spegnere le uniche minacce scivolone questa sera a Blackpool. punti 60; Arsenal 57; Manchester 0-1; Nizza-Lens 0-0; Tolosa-Sochaux
esprime con anima latina. Sua- United, sulle incornate di Lo stop del Tottenham nel 3 3 a City 53; Chelsea e Tottenham 48; 0-1; Valenciennes-Monaco 0-0; Auxer-
rez, Meireles, Maxi Rodriguez, Brown e Berbatov. Ferguson or- Wolverhampton è l’aperitivo ideale Liverpool 42; Bolton 40; re-Psg 1-0; Brest-Bordeaux 1-3; Lio-
perfino Lucas, appannano Scho- dina il silenzio stampa: per non per consolidare il quarto posto. La Sunderland 38; Newcastle ed ne-Arles 5-0; Marsiglia-Lilla 1-2. Clas-
les e imbarazzano Giggs (me- sparlare dell’arbitro Dowd che squadra di Holloway ha fama di Everton 36; Fulham 35; Stoke City sifica: Lilla, Rennes 49; Lione 46; Mar-
sta celebrazione del nuovo re- non espelle Carragher al 45’, ammazza giganti (Liverpool e 34; Aston Villa 33; Blackburn, siglia 45; Psg 44; Montpellier 38; Bor-
cord di club, 607 presenze). quando a gamba tesa centra lo Tottenham). Ma per il Chelsea deve Blackpool e West Bromwich 32; deaux 37; Lorient 36; Sochaux, Brest,
stinco sinistro di Nani, che esce rinunciare a DJ Campbell e Adam, West Ham 31; Birmingham 30; St. Etienne 35; Tolosa 33; Valencien-
Alla Messi Con una sarabanda piangendo in barella. Oggi il re- squalificati. Battuto 4 0 a Stamford Wolverhampton 29; Wigan 27. nes, Caen 32; Nizza 30; Auxerre, Nan-
degna del miglior Messi, Sua- sponso clinico. cy 29; Monaco 26; Lens 25; Arles 11.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE BWIN I POSTICIPI DELLA 30a


w Lumezzane ok
L’atteso ex «Torno nel posto

C’è Atalanta-Novara
PRIMA DIVISIONE - A
dove sono cresciuto: sono arri-
vato all’Atalanta che avevo 6
anni e sono andato via che ne I NUMERI
avevo 22 ed ero papà. Ho fatto
la riserva a Doni, uno che fa an- nel recupero
con la firma di Pinardi cora la differenza, e ho un fra-
tello in Bellini, che è arrivato
all’Atalanta con me e sento tut-
ti i giorni; con me giocava an-
che Luca Percassi, e suo padre
19
I gol presi
dall’Atalanta
Il Bassano
cade tre volte
Cresciuto a Bergamo, rilanciato da Tesser: «No al pari» è stato mio presidente. Mi di-
spiace non aver avuto la giusta
La squadra di
Colantuono ha LUMEZZANE-BASSANO 3-1
fiducia e non ho giocato con la miglior difesa
Colantuono ha l’occasione per mettere il sigillo sulla A continuità, ma sono comun-
que legato all’Atalanta. La
del campionato
con 19 reti al
GIUDIZIO +++
MARCATORI Bradaschia (L) al 12’,
Pisacane (L) al 35’, Ferrari (L) al 38’ p.t.;
Longobardi (B) al 29’ s.t.
NICOLA BINDA squadra di Colantuono incar- passivo: 7 in LUMEZZANE (4-4-2) Trini 6,5; Pisacane 7,
na il vero spirito dei bergama- casa e 12 fuori Checcucci 6,5, Emerson 7, Bencivenga
INIZIO ORE 21
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
schi e starebbe nelle prime die- (due record) 7; Lauria 7, Calliari 6,5 (46' s.t. Sevieri
s.v.), Finazzi 6 (dal 17' s.t. Dadson 6),
dPenultimo scontro diretto ci di serie A. Spero in una buo- Bradaschia 7 (42' s.t. Lo Iacono s.v.);
ATALANTA fra le tre grandi. L’Atalanta, do- na accoglienza, però per il pari Volpato 6,5, Ferrari 7,5. (Di Gennaro,

47
po le sconfitte di Siena e Nova- non firmo: non per presunzio- Zanardini, Alberti, Inglese). All. Nicola 7.
BASSANO (4-3-3) Grillo 4,5; Lorenzini 5,5,
NOVARA ra e il pareggio interno contro ne, ma perché vincere vorreb- Basso 5, Porchia 5, Veronese 5; Mateos
i toscani, cerca la prima vitto- be dimostrare chi siamo». 6, Caciagli 6, Beccia 5 (11' s.t. Venitucci
ATALANTA (4-4-2) NOVARA (4-3-1-2)
ria: battere la squadra di Tes- I gol fatti 6,5); Rodriguez 5,5, Longobardi 6,5, Baido
47 CONSIGLI 1 UJKANI 5,5 (11' s.t. La Grotteria 6). (Rossi
32 FERRI 2 GHELLER
ser vorrebbe dire mettere il Le mosse E’ la seconda volta dal Novara Chauvenet, Fracaro, Madiotto, Niada,
4 CAPELLI 4 LISUZZO timbro +8, un sigillo per la A. che Pinardi torna a Bergamo La squadra di Zamuner). All. Jaconi 5.
13 PELUSO 5 LUDI Lo stesso Novara invece inten- da avversario, in campionato, Tesser ha il ARBITRO Romani di Modena 6.
6 BELLINI 3 GEMITI de dimostrarsi grande non so- dopo un Atalanta-Lecce 2-2 miglior attacco NOTE paganti 66, abbonati 288, incasso
di 1.649,68 euro. Ammoniti Pisacane,
79 FERREIRA PINTO 18 MARIANINI lo in classifica, ma anche sul nel 2004-05 con un suo assist del campionato
8 BARRETO 17 PORCARI Finazzi, Mateos e Basso. Angoli 5-6.
campo: battuta l’Atalanta e pa- decisivo per il pareggio al 90’. con 47 reti
26 CARMONA 10 RIGONI
22 PADOIN 20 PINARDI
reggiato a Siena all’andata, Non ci sarà il duello a distanza all’attivo: 29 in SERGIO CASSAMALI
66 MARILUNGO 11 BERTANI cerca una conferma stasera a con Doni (non convocato), ed casa e 18 fuori
28 RUOPOLO 19 GONZALEZ Bergamo e poi (30 aprile) at- è un peccato. Saranno di fron- (un record) LUMEZZANE (Bs) dE’ un recupero
All. COLANTUONO All. TESSER tenderà la squadra di Conte. te la miglior difesa (Atalanta, fruttuoso per il Lumezzane che
PANCHINA 78 Frezzolini, 5 PANCHINA 31 Fontana, 19 gol) e il miglior attacco No- pone fine ad un digiuno casalin-

2-0
Manfredini, 40 Delvecchio, 89 30 Centurioni, 32 Il confronto Pochi hanno mes- vara, 47 reti) del torneo, in un
Bonaventura, 70 Ceravolo, 90 Coubronne, 7 Shala, 27 go di vittorie durato 4 mesi (ul-
Tiribocchi, 18 Bjelanovic Parola, 8 Motta, 9 Rubino so in difficoltà la squadra di clima di lutto per le tragedie di timo successo interno il 7 no-
ARBITRO Tozzi di Ostia Colantuono. Tra questi il No- Yara e Daniel. Atalanta e Nova- vembre con la Paganese), ma
GUARDALINEE Preti-Giallatini vara, che all’andata nel secon- ra hanno il compito di ridare Il risultato soprattutto aggancia al quinto
PREZZI da 10 a 100 euro do tempo ha vinto con merito. smalto a un torneo che, saba- dell’andata posto il Bassano. Che, a sua vol-
TV Sky Sport 1 HD e Sky Calcio 1 HD Rispetto ad allora l’Atalanta è to, l’ha perso. Colantuono ri- A Novara aveva ta, vede la serie positiva di 6 in-
cresciuta e s’è rinforzata, s’è trova Barreto, ridisegna l’attac- vinto la squadra contri spezzarsi. Il Lumezzane
Inizio ore 21 (andata 0-2) messa a schiacciare quasi tutti co e ha la carica della vittoria a di Tesser con sblocca il risultato dopo appe-
ATALANTA Colantuono fa rifiatare Doni,
nemmeno convocato, e sostituisce il febbri- gli avversari e a marciare co- Torino, mentre Tesser confida due reti, na 12’: assist di Ferrari a Brada-
citante Raimondi con Ferri. Davanti tornano me un tank. Il Novara invece nel risveglio dei gemelli Berta- segnate nella schia che segna indisturbato. Il
Ruopolo e Marilungo, ritrovano il posto an-
che Ferreira Pinto e Barreto. L’unico dubbio non è più quello smagliante ni e Gonzalez. L’argentino a ripresa, da Lumezzane è anche fortunato
è tra Padoin e Bonaventura. Squalificati nes- dell’andata e il suo processo di gennaio è stato cercato dal- Bertani e da al 35’ quando Pisacane trasfor-
suno. Diffidati Bonaventura, Carmona, Del- crescita s’è (comprensibilmen- l’Atalanta (prima di Marilun- Rigoni su rigore
vecchio, Manfredini e Talamonti, Tiribocchi. ma in un tiro vincente un cross
te) interrotto martedì sera pa- go), poi è rimasto con l’accor- destinato a Volpato. Al 38’ il
NOVARA Buone notizie per Tesser: Porcari
ha superato il test e gioca. Manca solo Mor- reggiando in casa con il Porto- IL GRANDE EX do di andare da luglio a Paler- tris è opera di Ferrari che devìa
ganella, infortunato, Gheller vince il ballot-
taggio con Coubronne, in panchina finisce gruaro; rispetto all’andata, è Alex Pinardi, 30 anni, è cresciuto nell’Atalanta mo: nel frattempo, s’è smarri- in rete un traversone di Laurìa.
Motta e si rivede Shala. In attacco conferma- anche un Novara con un uomo dove è rimasto fino ad agosto 2004, poi ha to. Quale occasione migliore Nella ripresa il Bassano accor-
ti Bertani e Gonzalez. Squalificati nessuno.
Diffidati Centurioni, Gigliotti, Gonzalez, Lisuz- in più, il più atteso della sera- giocato con Lecce, Modena e Cagliari. Da gennaio per dimostrare, stasera, che cia al 29’ con Longobardi che
zo, Marianini e Morganella. ta: Alex Pinardi. è al Novara e ha un contratto fino al 2013 LIVERANI l’Atalanta aveva visto bene? batte in uscita Trini.

GIRONE A
L’ALTRA PARTITA INIZIO ALLE ORE 19 LA SITUAZIONE SQUADRE PT G V N P RF RS
GUBBIO (-1) 52 25 17 2 6 37 22

Torino, uomini contati VICENZA Sabato il Varese è alle 18


Lunedì è derby a Cittadella
SORRENTO 44 25 12 8
SALERNITANA (-3) 38 25 12 5
ALESSANDRIA (-1) 37 25 9 11
5 46 32
8 34 30
5 29 21
TORINO
Vicenza: Zanchi o Giani? VICENZA (3-5-2) TORINO (4-4-2)
Questa è la Serie B in attesa dei posticipi di
stasera e dei due recuperi.
LUMEZZANE (-1)
BASSANO
VERONA
36 25 9 10 6 30 25
36 25 10 6 9 22 21
35 25 8 11 6 32 22
7 RUSSO 41 BASSI
SPAL (-1) 33 25 9 7 9 29 27
dL’altro posticipo di oggi è Vi- Qui Torino Lerda affronta l’enne- 14 SCHIAVI 32 RIVALTA CLASSIFICA La situazione dopo 30 giornate:
RAVENNA 33 25 8 9 8 26 29
cenza-Torino, che inizia alle sima ultima spiaggia con un To- 19 MARTINELLI 5 DI CESARE Atalanta* p. 58; Siena 56; Novara* 53; Varese
SPEZIA (-2) 32 25 8 10 7 31 27
ore 19 (andata 1-2). I granata ro decimato dalle assenze. Ol- 13 GIANI 50 PRATALI 47; Reggina 46; Pescara 42; Torino* 41; Livorno REGGIANA 32 25 8 8 9 29 31
devono riscattare la sconfitta 79 GAVAZZI 16 ZAVAGNO 40; Empoli e Grosseto 39; Piacenza e Vicenza**
tre a D’Ambrosio, mancheran- 39 SOLIGO 20 LAZAREVIC CREMONESE 31 25 6 13 6 26 26
con l’Atalanta, i veneti quella no gli infortunati Rubinho, De 21 MOROSINI 11 OBODO
38; Padova 37; Sassuolo, Modena e AlbinoLeffe COMO (-1) 29 25 6 12 7 23 26
con la Reggina (poi c’è stato il Vezze, Pagano, Garofalo e Iun- 77 BOTTA 19 DE FEUDIS 35; Crotone* 34; Cittadella 32; Portogruaro 30; PAVIA 28 25 6 10 9 22 29
rinvio di martedì ad Ascoli). co. E poi c’è l'emergenza feb- 22 DI MATTEO 14 SGRIGNA Frosinone 29; Ascoli** ( 6) 28; Triestina 27. PERGOCREMA 27 25 5 12 8 22 26
10 ABBRUSCATO 9 BIANCHI (** due partite in meno; * una in meno) ALTO ADIGE 27 25 6 9 10 23 30
bre: fuori causa Zanetti, in dub-
Qui Vicenza In difesa resta il 8 CELLINI 22 ANTENUCCI PROSSIMO TURNO Ecco le partite di sabato 12 MONZA 19 25 4 7 14 23 41
dubbio tra Zanchi e Giani, con bio Cavanda, ieri in ritiro è arri- All. MARAN All. LERDA (ore 15): AlbinoLeffe Vicenza (0 1); PAGANESE 19 25 5 4 16 13 32

il secondo favorito. Anche a vato Budel, sfebbrato ma non PANCHINA 12 Acerbis, PANCHINA 41 Bassi, 6 Ascoli Atalanta (1 2); Grosseto Pescara (2 4); RECUPERO
al meglio. All'appello manca an- 4 Zanchi, 18 Rossi, 24 Ri- Ogbonna, 39 Cavanda, 8 Bu- LUMEZZANE-BASSANO 3-1
centrocampo Maran non svela goni, 9 Mustacchio, 6 Mi- del, 99 Gabionetta, 18 Ga- Modena Frosinone (1 1); Novara Sassuolo (1 0);
le sue intenzioni, ma Gavazzi, cora Ogbonna, che anche ieri è suraca, 99 Arma. sbarroni, 81 Pellicori. Piacenza Crotone (1 0); Reggina Triestina (4 0);
PROSSIMO TURNO
domenica 13 marzo, ore 14.30
Morosini e Botta dovrebbero es- rimasto a letto: potrebbe arriva- ARBITRO Guida di Torre Annunziata Siena Empoli (0 3); Torino Livorno (1 2); ALESSANDRIA-VERONA (0-2); BASSANO-ALTO ADIGE
re a Vicenza in extremis. Squali- (0-1); COMO-LUMEZZANE (2-2); MONZA-SALERNITANA
sere schierati dall’inizio. Squa- GUARDALINEE Ciancaleoni-Iori Varese Portogruaro (ore 18; 1 1). Così lunedì 14 (0-2); PERGOCREMA-PAGANESE (2-0); RAVENNA-PAVIA
lificati nessuno. Diffidati Rus- ficati D’Ambrosio. Diffidati Ga- PREZZI da 10 a 40 euro (ore 20.45): Cittadella Padova (1 2). (1-1); REGGIANA-GUBBIO (1-2); SPAL-SORRENTO (1-2);
so, Martinelli, Soligo e Botta. sbarroni, Iunco e Lazarevic. TV Sky Calcio 2 HD SPEZIA-CREMONESE (2-2)

SERIE D f Il Cuneo balza in vetta al girone A, il Pontedera (D) vince lo scontro diretto e avvicina il Borgo a Buggiano 26 a GIORNATA
GIRONE A (29a giornata) GIRONE B GIRONE C GIRONE D GIRONE E GIRONE F (29a giornata) GIRONE G GIRONE H GIRONE I (29a giornata)
ACQUI-CUNEO 0-2 CASTELLANA-PONTISOLA 0-1 CHIOGGIA-ROVIGO 1-0 BAGNOLESE-VEROLESE 3-0 AREZZO-FLAMINIA 3-2 CESENATICO-SANTEGIDIESE rinviata 17/3 ANZIOLAVINIO-BACOLI 0-1 ARZANESE-PISTICCI 2-1 CASERTANA-MODICA 3-0
AQUANERA-LAVAGNESE 3-0 CASTIGLIONE-LEGNAGO 0-0 CONCORDIA-MONTEBELLUNA 1-1 BORGO A BUGGIANO-PONTEDERA 0-2 CASTEL RIGONE-SCANDICCI 1-2 CIVITANOVESE-BOJANO 1-0 ARZACHENA-TAVOLARA 2-2 BATTIPAGLIESE-FORTIS TRANI 3-0 EBOLITANA-ACIREALE 1-0
ASTI-BORGOSESIA 3-0 COLOGNESE-CASTELNUOVOSANDRA' 2-1 MONTECCHIO-BELLUNO 0-2 CASTEL SAN PIETRO-CAMAIORE 1-1 MONTEVARCHI-FORTIS JUVENTUS 0-1 FORLI'-JESINA rinviata 17/3 ASTREA-GUIDONIA 0-0 CAPRIATESE-ISCHIA 0-0 FORZA E CORAGGIO-HINTERREGGIO 2-1
BORGOROSSO-GALLARATESE 0-1 DARFO-VOGHERA 2-0 OPITERGINA-SANDONA'JESOLO 1-2 FORCOLI-PONSACCO 0-0 ORVIETANA-SESTESE 1-0 FOSSOMBRONE-ATESSA VDS 0-0 BUDONI-PORTO TORRES 0-1 CASARANO-FRANCAVILLA F. 2-0 MAZARA-ROSSANESE 1-1
CHIAVARI-NOVESE 2-3 INSUBRIA-CANTU' SAN PAOLO 1-0 SAN PAOLO-TORVISCOSA 3-2 PAVULLESE-FIORENZUOLA 0-0 PERUGIA-DERUTA 3-2 LUCO CANISTRO-REAL RIMINI 3-1 CASTIADAS-APRILIA 0-2 FRANCAVILLA S.-ANGRI 5-1 MESSINA-REAL NOCERA 2-0
CHIERI-SARZANESE 0-2 MANTOVA-OLGINATESE 2-0 SANVITESE-VENEZIA 1-2 PIZZIGHETTONE-MEZZOLARA 0-1 PIANESE-MONTERIGGIONI 2-1 RENATO CURI-MIGLIANICO 3-1 MONTEROTONDO-FIDENE 3-2 GROTTAGLIE-POMIGLIANO 0-1 NOLA-MARSALA 0-3
SAINT CHRISTOPHE-SANTHIA' 1-1 TRENTO-ALZANOCENE 1-3 TAMAI-ESTE 1-1 ROSIGNANO-TUTTOCUOIO 1-1 PONTEVECCHIO-SPORTING TERNI 0-0 RIMINI-OLYMPIA AGNONESE 7-0 SANLURI-VITERBESE 2-0 MURGIA-GAETA 0-2 NOTO-SAMBIASE 0-1
SEREGNO-ALBESE 0-0 VILLAFRANCA-CARATESE 0-3 TREVISO-KRAS REPEN 5-1 RUDIANESE-CASTELFRANCO 0-0 SPOLETO-SANSEPOLCRO 0-1 SAMBENEDETTESE-RECANATESE 3-0 SELARGIUS-ZAGAROLO 2-1 OSTUNI-BOVILLE ERNICA 0-1 SAPRI-NISSA 1-0
SETTIMO-DERTHONA 1-5 VIRTUS VECOMP-SOLBIATESE 0-0 UNION QUINTO-PORDENONE 3-1 RUSSI-CARPENEDOLO rinviata 17/3 TODI-GROUP CITTA' DI CASTELLO 1-3 TERAMO-ATLETICO TRIVENTO 1-2 VIRIBUS UNITIS-CYNTHIA 2-0 SANT'ANTONIO ABATE-NARDO' 1-1 VALLE GRECANICA-CITTANOVA 1-1
VIGEVANO-RIVOLI 1-0 VENAFRO-SANTARCANGELO 1-1 ha riposato TURRIS

CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA


Cuneo p. 60; Saint Christophe 59; Mantova p. 53; Colognese 48; Vo- Treviso p. 58; Venezia 56; Tamai Borgo a Buggiano p. 56; Pontedera 52; Perugia p. 61; Todi 52; Castel Rigone Teramo p. 58; R mini* 56; Santarcangelo Monterotondo p. 51; Aprilia 50; Arzanese p. 57; Gaeta 51; Pomi- Ebolitana p. 65; Forza e Coraggio* 59;
Asti* 55; Aquanera 52; Seregno e ghera e Pontisola 44; Darfo 41; Can- 45; San Paolo (-1) 44; SandonàJeso- Camaiore 43; Rudianese 42; Bagnolese, 49; Sansepolcro* 45; Group Città di 55; Santegidiese (-1)* 46; Jesina* e Forlì* Bacoli 47; Viribus Unitis 44; Zaga- gliano 50; Casarano e Nardò 46; Casertana 57; Sambiase 46; Turris*, Val-
Santhià 49; Borgosesia 48; Gallara- tù San Paolo e AlzanoCene 38; Le- lo 43; Union Quinto 42; Rovigo e Castelfranco* e Forcoli 41; Mezzolara 38; Castello* e Pianese 41; Pontevecchio 45; Renato Curi 43; Atletico Trivento, Civi-
tanovese e Real Rim ni 42; Sambenedette-
rolo 41; Porto Torres 40; Fidene, Murgia 38; Boville Ernica e Fortis le Grecanica* e Nissa* 45; Sapri 43;
tese e Lavagnese 43; Chiavari e Ac- gnago 37; Olginatese e Virtus Ve- Chioggia 39; Pordenone 34; Este Rosignano 37; Pizzighettone e Pavullese* 38; Spoleto 37; Flaminia e Sporting Ter- Anziolavinio, Viterbese e Arza- Trani 36; Ischia e Grottaglie 35; Messina (-3) 39; Hinterreggio 38; Real
se 40; Recanatese* 38; Luco Canistro 37;
qui 42; Novese 36; Derthona, Chieri comp 34; Castiglione 33; Insubria 33; Sanvitese (-1) e Concordia 30; 36; Ponsacco 33; Tuttocuoio e ni 36; Scandicci 31; Arezzo 29; Monte- Atessa VdS 36; Venafro e Olympia chena 36; Budoni 33; Selargius Capriatese 34; Francavilla S. e Nocera* 35; Noto* 33; Cittanova 31;
e Rivoli 34; Sarzanese* 33; Albese 32; CastelnuovoSandrà 30; Castel- Montebelluna 26; Montecchio, Opi- F orenzuola 31; Carpenedolo* 23; Castel varchi 28; Orvietana 27; Fortis Juven- Agnonese** 31; Miglianico 26; 32; Astrea 30; Guidonia 27; Sanlu- Sant'Antonio Abate 32; Battipa- Marsala 30; Acireale* 27; Modica* 26;
25; Borgorosso e Vigevano 23; Set- lana 28; Villafranca 26; Caratese tergina e Belluno 25; Kras Repen San Pietro 19; Russi* 18; Verolese 6. (* tus 24; Deruta 23; Sestese 22; Monte- Fossombrone* e Cesenatico* 22; Bojano* ri 24; Tavolara 23; Cynthia 22; gliese 30; Pisticci 28; Angri 24; Mazara e Rossanese* 23; Nola* 6. (*
timo 12. (* una gara in meno). 25; Solbiatese e Trento 23. 21; Torviscosa 18. una gara in meno). riggioni 20. (* una gara in meno). 9. (** 2 gare in meno, * una in meno). Castiadas 19. Francavilla F. 18; Ostuni 12. hanno già riposato).
PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO
mercoledì 9 marzo, ore 14.30 domenica 13 marzoo, ore 14.30 domenica 13 marzo, ore 14.30 domenica 13 marzo, ore 14.30 domenica 13 marzo, ore 14.30 mercoledì 9 marzo, ore 14.30 domenica 13 marzo, ore 14.30 domenica 13 marzo, ore 14.30 mercoledì 9 marzo, ore 14.30
Albese Santhià (2 3); Borgosesia Chia AlzanoCene-Mantova (2-2); Cantù San Este-Chioggia (0-0); Kras Repen-Con- Camaiore-Forcoli (1-2); Carpenedolo-Ba- Castel Rigone-Todi (0-1); Deruta-Seste- Atessa VdS-Luco Canistro (0-0); Atletico Tri- Aprilia-Astrea (4-0); Bacoli-Sanluri Angri-Capriatese (0-0); Boville Erni- Acireale-Sapri (1-1); Cittanova-Forza e
vari (1 0); Chieri Acqui (4 1); Cu Paolo-Castiglione (0-1); Caratese-Vir- cordia (0-3); Montebelluna-Sanv tese gnolese (1-1); Castelfranco-Borgo a Bug- se (1-0); Fortis Juventus-Orvietana vento-Rimini (1-1); Bojano-Forlì (0-2); Jesi- (1-5); Cynthia-Monterotondo (0-1); Fi- ca-Grottaglie (0-2); Fortis Trani-Mur- Coraggio (1-3); Hinterreggio-Noto
neo Aquanera (3 2); Derthona Borgo tus Vecomp (0-0); CastelnuovoSan- (0-1); Pordenone-Montecchio (0-0); Ro- giano (0-2); Fiorenzuola-Russi (0-3); (1-2); Monteriggioni-Group Città di Ca- na-Teramo (1-2); Miglianico-Fossombrone dene-Castiadas (2-1); Guidonia-An- gia (0-0); Francavilla F.-Battipagliese (1-1); Marsala-Turris (1-4); Modi-
rosso (4 1); Gallaratese Asti (2 2); La drà-Villafranca (1-1); Legnago-Darfo vigo-Belluno (1-0); San Paolo-Treviso Mezzolara-Rudianese (2-3); Ponsac- stello (1-3); Montevarchi-Pianese (2-1); (2-2); Olymp a Agnonese-Renato Curi (1-2); ziolavinio (1-1); Porto Torres-Selar- (0-1); Gaeta-Ostuni (1-0); Ischia-Casa- ca-Ebolitana (0-1); Nissa-Messina
vagnese Saint Christophe (1 0); Nove (4-2); Olginatese-Caste lana (2-0); Pon- (2-0); SandonàJesolo-Union Quinto co-Rosignano (0-0); Pontedera-Pavulle- Perugia-Arezzo (1-0); Sansepolcro-Fla- Real Rimini-Cesenatico (5-1); Recanatese-Civi- gius (0-0); Tavolara-Budoni (1-2); Vi- rano (0-1); Nardò-Francavilla S. (0-0); (1-3); Real Nocera-Valle Grecanica
se Seregno (2 4); Rivoli Settimo (1 0); tisola-Insubria (3-2); Solbiatese-Tren- (2-2); Torviscosa-Tamai (2-4); Vene- se (2-1); Tuttocuoio-Pizzighettone (0-0); m nia (0-0); Scandicci-Sporting Terni tanovese (1-1); Santarcangelo-Sambenedette- terbese-Arzachena (1-1); Zagarolo-Vi- Pisticci-Sant'Antonio Abate (2-2); Po- (2-1); Rossanese-Casertana (1-3);
Sarzanese Vigevano (0 1). to (3-1); Voghera-Colognese (1-1). zia-Opitergina (3-2). Verolese-Castel San Pietro (3-3). (2-2); Spoleto-Pontevecchio (2-0). se (1-1); Santeg d ese-Venafro (1-1). ribus Unitis (1-2). migliano-Arzanese (0-1). Sambiase-Nola (0-1); riposa Mazara.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

SECONDA DIVISIONE LA 22a GIORNATA


GIRONE A f (25a giornata) La Tritium cade con il Canavese, il Lecco è raggiunto in extremis, avanza bene il Savona
TRITIUM 0 SAMBONIFACESE 1 VALENZANA 0 RODENGO 1 RENATE 3 ENTELLA 2 CASALE 2
Il posticipo tv CANAVESE 1 LECCO 1 SAVONA 1 FERALPI SALO’ 0 MEZZOCORONA 1 SACILESE 0 SANREMESE 1
tra Pro Patria GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++
e Pro Vercelli MARCATORE Germano al 31’ s.t. MARCATORI Moracci (L) al 35’
p.t.; Pietribiasi (S) al 50’ s.t.
MARCATORE Mezgour al 36' p.t. MARCATORE Martinelli al 9’ s.t.
RODENGO (4-1-4-1) Pedersoli 7;
MARCATORI Moretti (R) rig. al 46’
p.t.; Cerea (R) all’11’, aut. Conocchio-
MARCATORI Cargiolli al 10' p.t.;
Marrazzo al 18' s.t.
MARCATORI Olivieri (C) al 42' p.t.;
Miale (S) al 27', Pavoletti (C) al 29'
TRITIUM (4-4-1-1) Pansera 6,5; VALENZANA (5-3-2) Serena 6;
Martinelli 6, Teso 5,5 (dal 34’ s.t. SAMBONIFACESE (3-4-2-1) Mi- Allegrini 6 (dal 25' p.t. Benvenga Marchesini 6,5, Belotti 6,5, Colom- li (M) al 15’, Zanetti (M) al 21’ s.t. ENTELLA (4-4-2) Mosca 6; Quin- s.t.
Il programma viene Fondrini s.v.), Dionisi 6, Riva 5,5; E. lan 6; Dal Degan 6,5, Orfei 6,5, T. 5,5), Arrigoni 6, Drudi 6, De Stefa- bo 6,5, Cassaro 6,5; Demasi s.v. RENATE (4-4-2) Campironi 6; tavalla 6,5, Scantamburlo 6, Merlin CASALE (4-3-1-2) Gomis 7; Cicco-
completato stasera Bortolotto 6, Corti 6, Di Ceglie 6, Rocchiccioli 6 (dal 29’ s.t. I. Roc- no 5,5, Forino 6; Montanari 5,5 (dal (dal 7’ p.t. Zanotti 5,5; dal 1’ s.t. Cop- Adobati 6, Cortinovis 6, Bergamini 6,5, Rega 6; Cargiolli 6,5, Russo 7, mascolo 6, Del Chiaro 6, Vignati s.v.
Floriano 5,5 (dal 29’ s.t. Chimenti chiccioli 6); Creati 6, Carlini 6,5 20' s.t. Ridolfi 6), Caponi 6, Affati- piardi 6); Martinelli 7,5, Cazzamalli 6,5, Gavazzi 6; Battaglino 6,5, Gual- Hamlili 7, Marrazzo 6,5 (dal 42' s.t. (dal 16' p.t. Gavazzeni 6), Naglieri 6;
dal posticipo tra la 6, Prandini 5,5, Altobelli 6,5 (dal di 6, Cavalli 6, Cerea 7 (dal 34’ s.t. N. Tacchinardi s.v.); Vasoio (dal 13' Siega 6 (dal 40' s.t. Angelotti s.v.),
5,5); Daldosso 6 (dal 37’ p.t. Lenzo- (dall’8’ s.t. Rampinini 6), Jorgihno gato 6; Bachlechner 6, Corazza
Pro Patria e la Pro 39’ s.t. Tobanelli s.v.); Ligori 6,5. Ravasi s.v.); Moretti 7 (dal 32’ s.t. s.t. Soragna 6), Lazzaro (dal 34' s.t. Iannini 6,5, Capellupo 6,5; Olivieri
ni 6); Sinato 5,5. (Sacchetto, Valtu- 6,5, Ruggeri 6,5 (dal 40’ s.t. Fioret- 5,5 (dal 23' s.t. Palazzo 6). (Frige-
Vercelli (ore 20.45 su lini, Casiraghi, Toscano). All. Ro- to s.v.); Brighenti 5,5, Staiti 5; Pie- rio, Prandi, Bovi, Cisterni). All. Ros- (Corradini, Spagnoli, Tenneriello, Brognoli s.v.), Mazzini 6,5 (dal 27’ Ciarcià s.v.). (Casazza, Zaccanti, 6,5; Zenga 6,5 (22' s.t. Mitra 6), Pa-
Rai Sport 1): arbitra mualdi 5,5 (Vecchi squalificato). tribiasi 7. (Bonato, Viskovic, Tec- si 6. Piras). All. Piovani 7. s.t. J. Ravasi s.v.). (Amadori, Di Ma- Pondaco, Marianeschi). All. Bacci voletti 6,5. (Fiory, Germani, Vegna-
FERALPI SALO’ (4-3-1-2) Bran- io, Gianola, Guidetti). All. Boldini 7. 6,5. duzzo, Marongiu). All. Buglio 6,5.
Irrati di Prato. CANAVESE (5-4-1) Pascarella chio, Puntoriere). All. Valigi 6,5. SAVONA (4-4-2) Nicastro 6,5;
duani 5; Turato 5,5, Colicchio 6, Le- MEZZOCORONA (4-4-2) Cicioni SACILESE (4-3-3) Calligaro 6; Co- SANREMESE (4-4-2) Petruzzelli
Per entrambe, alla 6,5; Conrotto 7, Vettori 6,5, Carret- LECCO (4-4-2) Durandi 6; Petri Candolini 5,5, Di Leo 6, Marconi 6,
onarduzzi 5,5 (dal 24’ s.t. Bracalet- 7; Conocchioli 4,5, Sorrentino 6, De lombera 6, Gritti 5,5, Di Berardino 5,5; Borin 6, Miale 6,5, Feliciello 6,
to 6,5 (dal 38’ s.t. Sandrone s.v.), 6,5, Martinelli 5,5, Chiecchi 5,5, Briotti 6,5; Capuano 6, Garin 6,
luce della sconfitta ti 6), Savoia 6; Zanola 5,5, Sella 6, March 6, Severgnini 5,5; Conti 6, 5,5, Bigolin 6; Dal Cin (dal 23' s.t. Gagliolo 5,5; Bosio 6, Salvi 5, Sicilia-
Rozzio 7, Riggio 7; Germano 7, Tem- Moracci 6,5; Tabbiani 6,5, Ciasca Mezgour 7 (dal 19' s.t. Ingari 5,5),
della Tritium di ieri, è Cortellini 5; Dragoni 5 (dal 13’ s.t. Marino 5,5 (dal 10’ s.t. Mondini 5,5), Grazzolo 6), Gardin 6, Bertagno 6; no 6 (dal 36' s.t. Papa s.v.), Gomes 5
perino 6,5, Gentile 6,5 (dal 28’ s.t. 7, Ferraresi 6,5, Carroccio 6,5 (dal Bottglieri 6 (dal 35' s.t. Cattaneo
Mantovani 5,5); Quarenghi 6,5, Me- Forò s.v. (dall’8’ p.t. Coppari 6), Flo- Segato 6, Botto 6 (dal 26' p.t. Barbi- (dal 10' s.t. Bifini 5,5); Sifonetti 6 (dal
la grande occasione Borettaz 6), Curcio 6; Bisso 6 (dal 42’ s.t. Galli s.v.); Fabbro 6, Del San- s.v.); Tarallo 6,5, Tedesco 6 (dal 9' loni 5 (dall’11’ s.t. Graziani 5,5). (Gar- rean 5,5; Zanetti 6,5, Ferretti 5,5 ni 6,5), Kabine 6,5 (dal 25' s.t. Ara- 20' s.t. Moronti 6), Pippi 5,5. (Orlan-
per balzare in vetta 22’ s.t. Scutti 6). (Giarnera, Moret- te 5 (dal 27’ s.t. Rebecchi 6). (Gadi- s.t. Facchinetti 6). (Cicutti, Praino, gallo, Oretti, Bonaccorsi, Ortolan). (dal 14’ s.t. Beccaro 5,5). (Fracalos- boni 6). (Miotto, Franchetto, Vec- di, Ubaldi, Gigli, Raguseo). All. Stra-
alla classifica, anche to, Chiappero, Porcu). All. Rossi gnani, Jidayi, Pizzuti, Cortese, Buglio, Ponzo). All. Foschi 6,5. All. Rastelli 5.5. si, Allegretti, Laurenti, Cognigni). chiato, Furlan). All. Costantini 6. gapede 6 (Calabria squalificato).
6,5. Fall). All. Roselli 6. ARBITRO Greco di Lecce 6,5. ARBITRO Fogliano di Perugia 6,5. All. Maraner 6. ARBITRO Fiore di Barletta 6. ARBITRO Aversano di Treviso 5,5.
se per la squadra di
ARBITRO Magno di Catania 6. ARBITRO Bruno di Torino 6. NOTE spettatori 300 circa, incas- NOTE spettatori 500 circa, incas- ARBITRO Adducci di Paola 6. NOTE spettatori 350 circa, incas- NOTE spettatori 400 circa, incasso
casa l’attualità è NOTE spettatori 550 circa, incas- NOTE spettatori 300 circa, incas- so non comunicato. Ammoniti Dru- so di quasi 2.000 euro. Ammoniti NOTE spettatori 100 circa, incas- so di 1.418,25 euro. Espulso Di Be- di quasi 2.000 euro. Espulso Gaglio-
sempre legata ai so non comunicato. Ammoniti Ri- so non comunicato. Ammoniti Fab- di, Benvenga, De Stefano e Mez- Zanoli, Dragoni, Leonarduzzi, Alto- so di quasi 600 euro. Ammoniti Ce- rardino al 20' s.t.; ammoniti Gritti, lo al 25' s.t.; ammoniti Ciccomasco-
problemi societari. va, Conrotto, Gentile e Scutti. An- bro, T. Rocchiccioli, Creati, Dal De- gour. Angoli 6-1. (s.s.) belli e Marchesini. Angoli 5-5. rea, Adobati, Florean e Ferretti. An- Kabine, Gardin, Soragna e Araboni. lo, Angelotti, Miale, Salvi, Feliciello e
goli 4-3. (p.r.) gan e Martinelli. Angoli 6-3. (m.o.) (a.s.) goli 1-2. (f.c.) Angoli 0-2. (i.v.) Papa. Angoli 3-6. (g.m.)

GIRONE B f Il big match tra Carpi e Carrarese finisce pari, tre punti d’oro per Giacomense e Chieti, San Marino nei playoff
CARPI 1 GIACOMENSE 2 GIULIANOVA 0 SAN MARINO 1 PRATO 2 CELANO 1 CROCIATI NOCETO 2 VILLACIDRESE 1
CARRARESE 1 L’AQUILA 0 CHIETI 1 SANGIOVANNESE 0 POGGIBONSI 1 GAVORRANO 2 BELLARIA 2 FANO 1
GIUDIZIO++++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO++ GIUDIZIO++ GIUDIZIO+++
MARCATORI Cesca (Carp) al 23’ MARCATORI Sirri al 23’, Vagnati MARCATORE Berardino al 21’ p.t. MARCATORE Gasparello al 40' s.t. MARCATORI Basilico (Pr) al 13', MARCATORI Falomi (C) al 2', Noc- MARCATORI Castagnetti (CN) al MARCATORI Bombagi (V) su rigo-
p.t.; Gaeta (Carr) al 12’ s.t. su rigore al 25’ p.t. GIULIANOVA (4-4-2) Merletti 6; SAN MARINO (4-4-1-1) Vivan 6; Varricchio (Pr) al 17' p.t.; Dal Rio ciolini (G) al 4' p.t.; Biggi (G) al 39' 18', De Cenco (B) al 41' e al 45' p.t.; re al 16', Scrosta (F) al 46' p.t.
CARPI (4-4-2) Bastianoni 7,5; GIACOMENSE (3-5-2) Poluzzi Della Penna 6, Zoppetti 6, Terrenzio Sorbera 6,5, Pelagatti 6, Fogacci (Po) al 38' s.t. s.t. Fabris (CN) al 4' s.t. VILLACIDRESE (4-3-3) Pomarè
Laurini 6, Cioffi 7, Marietti 6,5, Bigo- 7,5; Minardi 6,5, Amico 5,5, Sirri 7; 6,5, Testoni 6,5; Margarita 6,5, Cro- 6,5, De Santis 6; Lepri 5,5 (dal 18’ PRATO (4-3-1-2) D'Oria 5,5; Sa- CELANO (4-3-3) Goletti 6,5; Ca- CROCIATI NOCETO (4-3-1-2) 6,5; Bregliano 7, Ciminà 7, Cirina 7,
ni 5,5 (dal 18’ s.t. Caselli 6); Pasciu- Scaioli 5,5 (dal 39’ s.t. Barbone ce 5,5 (47’ s.t. Torbidone s.v.), Poli- s.t. Vitaioli 6), Amantini 7, Loiodice centi 6,5, Lamma 6, Malomo 6,5, stellan 6 (dal 38' s.t. Pacella s.v.), Babbini 6; Bersanelli 5 (dal 1' s.t. Idda 6,5; Cotza 6,5, Lanzillotta 6,5,
ti 6, Sogus 6, Perini 6,5, Fabiano 7; s.v.), Valentini 6,5, Vagnati 6,5, Ta- nesi 6, Suriano 5,5 (dal 22’ s.t. D’An- 6,5 (dall'11’ s.t. Del Sole 6), Ruggeri De Agostini 7; Gori 6,5, Corvesi 6, Rapino 4,5, Ciolli 5,5, Bacchi 6; Bar- Pietranera 6), Fabris 6, Addona Bianchi 7 (dal 20' s.t. Dal Bosco 6);
Giglio 6, Cesca 6,5 (dal 34’ s.t. Cici- naglia 6, Rossi 7; Bravo 7 (dal 30’ gelo 5,5); Perez 6 (dal 13’ s.t. Pirelli 6,5; Verachi 6,5 (dal 30’ s.t. Scia- Morosini 6; Pagliuca 6,5 (dal 28' s.t. betti 4,5 (dal 40' s.t. Gentili s.v.), 5,5, Delledonne 6; Sessi 6, Casta- Cordeddu 7 (dal 28' s.t. Steri 6),
no s.v.). (Mandrelli, Dascoli, Cenet- s.t. Ricci s.v.), Paganelli 6 (dal 20’ 6), Morga 6. (Robertiello, Faragalli, manna s.v.); Gasparello 7. (Bicchia- Zagaglioni s.v.); Varricchio 7 (dal Marfia 5, Granaiola 5; Visciglia 5,5 gnetti 6 (dal 37' s.t. Tagliavini s.v.), Croce 6,5, Bombagi 6,5. (Floris,
ti, Guilouzi, Nicolini). All. Sottili 6,5. s.t. Russo 5,5). (Gasparri, Cherubi- De Simone, De Santis). All. Di Meo 6. relli, Di Benedetto, Pigini, Villanova). 39' s.t. Vieri s.v.), Basilico 7 (dal 18' (dal 16' s.t. Agate 4), Falomi 6, Betti- Vignali 6,5; Mora 6; Miftah 5,5, Ko- Poli, Montemurro, Frasca, Ravel-
CARRARESE (4-4-2) Gazzoli 6,5; ni, Del Colle, Lodi). All. Gadda 8. CHIETI (4-4-2) Bifulco 6,5; Bigoni All. Petrone 6,5. s.t. Schenetti 6). (Fedele, Ferri, Fo- ni 5,5. (De Meis, Taccone, Olivieri, nate 5 (dal 23' s.t. La Cagnina 6). li). All. Mereu 7.
Mariotti 5,5, Benassi 6, Anzalone 6, Pepe 6, Mucciante 6,5 (dal 22’ s.t. SANGIOVANNESE (4-5-1) Scotti garoli, Varutti). All. Bellini 6,5. Federici). All. Modica 5. (Miskiewicz, Paoletti, Lorenzini,
L’AQUILA (4-3-3) Testa 6,5; Cu- FANO (4-4-2) Beni 6; Carboni 7,
5,5, Vannucci 6; Vigiani 6,5 (dal 27’ Serpico 6), Ferretti 6; Fiore 6,5, Vito- 7,5; Salvatori 5,5, Travaglini 6, Chia- POGGIBONSI (3-4-1-2) Nocchi 6; GAVORRANO (4-3-1-2) Mara- Berselli). All. Torresani 6.
trupi 5,5, Garaffoni 5, Ruggiero 5, Santini 6,5, Cossu 6,5, Del Duca 7;
ne 5,5, Amadio 6, Berardino 6,5 (dal rini 6, Sabatucci 5,5 (dal 39’ p.t. Cal- Machetti 5, Mugnaini 5,5, Salvadori gna 6; Sgambato 5,5, Miano 6, Bet- BELLARIA (4-3-1-2) Teodorani
s.t. Orlandi s.v.), Corrent 7 (dal 38’ Blaiotta 6; Carcione 6,5, Onesti Urbinati 7, Capodaglio 7 (dal 17' s.t.
39’ s.t. Sabbatini s.v.); Buttazzoni derini 5,5); Foglia 6, Bernini 6, De Cri- 5,5; Romeo 5 (dal 27' s.t. Bigeschi tini 6,5, Nencioli 6; Ruscio 6, Galbia- 5,5; Giorgi 6, Bamonte 6, Severi 6,
s.t. Conti s.v.), Redomi 5, Pera 5,5 5,5, Picconi 7 (dall’11’ s.t. Falconieri Raparo 6), Schiavini 6,5, Scrosta
5,5 (dal 12’ s.t. De Matteis 5,5), Rosa stofaro 6 (dal 44’ s.t. Scicchitano s.v.), Campolattano 5,5, Dall'Ara ti 6, Manzo 6; Lulli 6 (dal 13' s.t. Ber- Petti 5,5 (dal 14' s.t. Ballardini 6);
(dal 20’ s.t. Giovinco 6); Gaeta 7, Co- 6); Stamilla 5, Galli 5,5 (dal 36’ s.t. 7; Trimarco 6,5 (dal 28' s.t. Iazzet-
6. (D’Ettorre, Gialloreto, Esposito, s.v.), Tabacco 6,5, Romanelli 4,5; 5,5, Nobili 5,5 (dal 24' s.t. Serino tino 6,5); Biggi 7 (dal 41' s.t. Ibojo Forte 6 (dal 39' s.t. Giunchi s.v.), Bri-
ri 5,5. (Vigorito, Buono, Trocar, Me- Pietrella s.v.), Potenza 5 (dal 36’ ta 6,5), Ferrari 7 (dal 38' s.t. Lecce-
Miani). All. Vivarini 6,5. De Angelis 5 (dal 30’ s.t. Beha s.v.). 5,5); Bischeri 5 (dal 30' s.t. Dal Rio s.v.), Nocciolini 7 (dal 45' s.t. Aperu- glia 6,5, Buda 6; Turchetta 7 (dal 37'
rini). All. Monaco 6,5. s.t. Iadaresta s.v.). (Modesti, Di se s.v.). (Giovagnoli, Trudo, Di Cre-
ARBITRO Peretti di Verona 6. (Fantin, Cirilli, Ucchino, Di Franco). 6,5); Alteri 5, Marasco 5. (Ferrauto, ta s.v.). (Danzano, Fanelli, Rituale, s.t. Tabanelli s.v.); Pfitscher 5,5, De
ARBITRO Mariani di Aprilia 6,5. Francia, Natalucci, Giraldi). All. Bi- NOTE spettatori 1.000 circa, incas- All. Fraschetti 6. Rovrena, Leone, Bodano). All. So- Fioretti). All. Liparoto 6,5 (Magrini Cenco 7. (Renna, Martinelli, Del Pa- scenzo, Conti). All. Pregnolato 7
NOTE spettatori 2.600 circa, in- tetto 5. so di 4.933,52 euro. Espulso D’Ettor- ARBITRO Aloisi di Avezzano 6,5. da 5,5. squalificato). drone, Moretti). All. Campedelli 6,5. (Zauli squalificato).
casso di quasi 24.000 euro. Ammo- ARBITRO Cangiano di Napoli 6,5. re (dalla panchina) al 22’ s.t.; ammo- NOTE spettatori 300 circa, incasso ARBITRO Affinito di Frattamaggio- ARBITRO Ceccarelli di Terni 5,5. ARBITRO Chiantini di Pisa 5,5 ARBITRO La Penna di Roma 6,5.
niti Benassi, Corrent, Sogus, Cioffi NOTE spettatori 450 circa, incas- niti Suriano, Mucciante, Margarita, non comunicato. Espulso Romanelli re 6,5. NOTE spettatori 600 circa, incas- NOTE spettatori 200 circa, incas- NOTE spettatori 150 circa, incas-
e Cicino. Angoli 6-4. (d.s.) so di 1.976 euro. Ammoniti Ruggie- Ferretti, Testoni, Bifulco, Perez, al 41' s.t.; ammoniti Verachi, Rugge- NOTE spettatori 250 circa, incas- so di quasi 3.600 euro. Ammoniti so di 626 euro. Ammoniti Turchet- so non comunicato. Ammoniti Ca-
ro, Garaffoni, Carcione e Russo. Zoppetti, De Matteis e Amadio. An- ri, Sorbera, De Santis e Bernini. An- so nc. Ammoniti Bischeri, Machetti Nencioli, Marfia e Ibojo. Angoli 4-7. ta, Fabris, Addona, Bamonte e Ses- podaglio, Cotza, Schiavini e Carbo-
Angoli 1-5. (e.m.) goli 4-3. (g.a.) goli 9-1. (g.b.) e Salvadori. Angoli 2-2. (p.c.) (g.a.) si. Angoli 3-5. (m.b.) ni. Angoli 2-4. (chr.ba.)

GIRONE C f Il Latina si salva a Melfi, il Trapani sale a -1, l’Avellino va nei playoff, nel derby prima vittoria per il Catanzaro
MELFI 2 TRAPANI 2 NEAPOLIS 1 ISOLA LIRI 0 POMEZIA 1 FONDI 2 MATERA 1 CATANZARO 2
LATINA 2 CAMPOBASSO 1 BRINDISI 0 MILAZZO 0 AVELLINO 3 NORMANNA 2 VIBONESE 1 VIGOR LAMEZIA 1
GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO++ GIUDIZIO++
MARCATORI Tortolano (L) al 21', MARCATORI Todino (C) al 2’, Bar- MARCATORE Improta su rigore ISOLA LIRI (4-2-3-1) Iannarilli 6; MARCATORI Scandurra (A) all’8’, MARCATORI Agostinelli (F) al 34' MARCATORI Donati (V) all'8', MARCATORI Benincasa (C) al 16’
Mangiacasale (M) al 29' p.t.; Pellec- raco (T) al 6’, Ficarrotta (T) al 25’ al 44’ p.t. Martinelli 5,5, Mucciarelli 6, Pao- De Angelis (A) al 15’, A. Costantini p.t.; Valerio (F) all'8', autorete di Dio- Giannone (M) al 45' p.t. p.t.; Caridi (VL) al 19’, Gaglione (C) al
chia (M) al 22', Tortolano (L) su rigo- p.t. NEAPOLIS (4-2-3-1) Graganiello lacci 6,5, La Rocca 6; Lucchese 6, (P) al 18’, Acoglanis (A) al 43’ p.t. nisio (F) al 20', Grieco (N) su rigore MATERA (4-3-3) Musacco 6,5; 23’ s.t.
re al 37’ s.t. TRAPANI (4-4-2) Castelli 6,5; Lo 6; Fiore 6, Daleno 6,5, Bianchi 6, Costanzo 7; Vigna 6,5, Falco 5 (dal POMEZIA (4-3-3) Scarzanella 6; al 22' s.t. Manetta 6 (dal 33' s.t. Alassani CATANZARO (4-4-2) Scerbo 6,5;
MELFI (4-4-2) Pozzato 6; Milella 6, Bue 6, Pagliarulo 6, Filippi 6, Daì Mannone 6,5; Barone 6,5 (dal 34’ 1’ s.t. Raffaello 6), Caira 6; Bianchi- Trobiani 5, Martorelli 5 (dal 15’ s.t. FONDI (3-4-3) Mezzacapo 7; Di Pa- s.v.), Malquori 6, Fedi 6, Di Fusco Cavallaro 6, Boyomo 6, Di Meglio 6
Marino 6, Vanacore 6, Contessa 6,5; Barraco 6,5, Pirrone 6,5, Cala- s.t. Civita s.v.), Marinucci Palermo ni 6,5. (Fiorini, Di Girolamo, Mallar- Conson 6), De Martis 6, Colantoni ola 6, Dionisio 6, Sportillo 5,5; Vale- 6; Provenzano 6, Capolei 6, Logrie- (22’ p.t. Scigliano 6), Gaglione 7,5; N.
6,5; Mangiacasale 7, Viola 6, Scar- brese 6 (dal 40’ s.t. Priola s.v.), Fi- 6,5; Moxedano 6,5, Bonanno 6, Si- di, Marziale, Conte, Graziani). All. 6; A. Costantini 6, Piroli 5,5 (dal 3’ rio 6,5, Alleruzzo 6, Vaccaro 5,5 (dal co 6 (dal 21' s.t. Scarpato 6); Anco- Catalano 6, Lauteri 6, Benincasa 7,
sella 6, Pellecchia 6,5 (35' st. Russo carrotta 6 (dal 23’ s.t. Coco 6); Per- ciliano 6 (dal 26’ s.t. Fontanella Grossi 6,5. s.t. Cesari 5,5), Mastromattei 6; Ma- 40' s.t. D'Urso s.v.), Bombara 6; La ra 6,5, Giannone 6,5, Lorini 6 (dal Gigliotti 6,5; Santaguida 6 (15’ s.t.
s.v.); Spagna 6, Vianello 6. (Amelto- rone 6,5 (dal 31’ s.t. Mastrolilli 6), 5,5); Improta 6,5 (dal 37’ s.t. Longo- MILAZZO (4-2-3-1) Piccolo 6; Cu- rano 6, Macciocca 5,5, Morbidelli 6 Vecchia 7 (48' s.t. Pirozzi s.v.), Ago- 21' s.t. Spilabotte 6). (Lorello, Mira- Critelli 6), Martorano 6,5 (24’ s.t.
nis, Guidi, Finelli, El Harchi, Maiora- Madonia 6. (Dolenti, Domicolo, cinotta 5 (dal 20’ s.t. Benci 6), Mac- (dal 28’ s.t. Fatati 5,5). (Fiumanò, stinelli 6,5, Merlonghi 6,5 (dal 18' s.t. glia, Cirillo, Stella). All. Cadregari 6. Perri 6). (Devona, Bronzi, Liotti, Bo-
bardi s.v.). (Napoli, Bruzzese, Sciel-
no, Maio). All. De Gennaro-Ciullo 6. Cianni, Gambino). All. Di Gaetano 6 carrone 6, Lanzolla 6, Suriano 5 Proietti, Polito, F. Costantini). All. Schiavon 5). (Cacchioli, Paparello, ve). All. Salerno 6,5 (Aloi assente).
zo, Foggia). All. D’Arrigo 6,5. VIBONESE (4-4-2) Mengoni 7;
LATINA (4-4-2) Martinuzzi 6,5; Ca- (Boscaglia squalificato). Farris 5,5. Marigliano, Fabbri). All. Trillini 5,5. V. LAMEZIA (4-2-3-1) Forte 5,5;
BRINDISI (4-2-3-1) Prisco 6 (dal (dal 25’ s.t. Iannelli 6); Bucolo 6, Fio- Scrugli 6, Geraldi 6, Stefanini 6,
fiero 5, Erba 6, Farina 6, Toscano 6; CAMPOBASSO (4-4-2) Ascani 6; AVELLINO (4-4-2) Marruocco 6; NORMANNA (3-4-3) Pettinari 6,5; Potestio 6, Mercurio 6, Sinicropi
26’ p.t. Locatelli 5,5); Piro 5,5, Tau- re 5,5; D’Amico 5,5, Proietti 6 (dal Mazzetto 6; Donati 6,5 (dal 43' s.t.
Tortolano 7,5 (48' s.t. Gasperini sv), Maglione 6, Di Fiordo 6,5, Minadeo Bruno 6,5, Rinaldi 6,5, Puleo 6,5, Campanella 5, Mattera 6 (dal 14' s.t. 5,5, Trovato 6 (dal 45’ s.t. G.B. Cata-
rino 5,5, Conte 6, Al. Tundo 6; Polli- 44’ s.t. Campanella s.v.), Quintoni Petrucci s.v.), Ruggero 6, Gatto 6
Kone 6 (25' s.t. Zarineh 5,5), Giannu- 6,5, Posillipo 6; Monti 6 (dal 1’ s.t. Ricci 6 (dal 15’ s.t. Caso 6); Millesi Letizia 7), Di Girolamo 6; Tovalieri lano s.v.); Paonessa 5, Giuffrida
dori 6, Caravaglio 5,5 (dal 7’ s.t. An. 6,5; Ricciardo 6. (Taranto, Di Fat- (dal 35' s.t. Mineo s.v.), Dominici 6;
sa 6,5, Ricciardi 6; Polani 6, Marti- Sebartoli 6), Cacciaglia 6,5, Chiaz- 7,5 (30’ s.t. D’Angelo 6), Maisto 6,5, 5,5 (dal 10' s.t. Pisani 6), Massimo 6, 5,5; Lattanzio 6, Iannazzo 6 (6’ s.t.
Tundo 5,5); D’Avanzo 5,5 (dal 24’ ta, Orioles, Arena). All. Venuto 6. Pasca 6, Grillo 6 (dal 14' s.t. Satur-
nez 5,5 (10' s.t. Mancosu 5). (Gaudi- zolino 6, Todino 6,5; Balistreri 6,5 Acoglanis 7, Comini 7; Scandurra 7, Arini 6,5, Gallo 6; Petagine 7 (dal 40' Caridi 6), Scalese 5,5; De Luca 5,5.
no, Merito, Ruiz, Tirelli). All. L. San- (dal 35’ s.t. Murati s.v.), Visconti 6 s.t. Cosi 5,5), Maiorino 6,5, Mata- ARBITRO Losito di Pesaro 5,5. De Angelis 7. (Cascella, Nocerino, s.t. Ercolano s.v.), Varriale 6,5, Grie- no 6). (Senatore, Paoli, Rigiero, (Quarta, Caffarelli, V. Catalano, De
derra 6 (S. Sanderra squalificato). (dal 1’ s.t. Ibekwe 6). (Marcato, Cala- razzo 6,5; Caggianelli 6. (Papa, Fru- NOTE spettatori 300 circa, incas- Peluso, Rega, Vicentin). All. Vullo 7. co 6,5. (Polise, Carbonaro, Palum- Santangelo). All. Tosi 6. Sensi, Tozzi). All. Costantino 5,5.
ARBITRO Abbattista di Molfetta 6. maio, Fazio, Sivilla). All. Cosco 6. ci, Finocchiaro, Caputo). All. Ra- so non comunicato. Espulso il tec- ARBITRO Manganiello di Pinerolo bo, Vecchione). All. Ferazzoli 5,5. ARBITRO Del Giudice di Latina 6. ARBITRO Petroni di Roma 5.
NOTE spettatori 350 circa, incasso ARBITRO Zappatore di Taranto 6. stelli 5,5. nico Grossi al 28’ s.t.; ammoniti 6,5. ARBITRO Bellutti di Trento 5,5. NOTE spettaori 500 circa, incas- NOTE gara a porte chiuse. Espulsi
non comunicato. Espulso Cafiero al NOTE spettatori 2.300 circa, incas- ARBITRO D’Iasio di Matera 6. Martinelli, Maccarrone, Bucolo e NOTE spettatori 800 circa, incas- NOTE spettatori 300 circa, incasso so non comunicato. Ammoniti Do- Lauteri al 9’ s.t., Devona al 23’ s.t.,
47' s.t.; ammoniti Erba, Kone, Marti- so di quasi 10.500 euro. Ammoniti NOTE gara a porte chiuse. Ammo- Mucciarelli. Angoli 4-6. (g.p.) so non comunicato. Amm. Bruno, nc. Ammoniti Arini, Vaccaro, Bom- minici, Grillo, Scrugli, Stefanini e Paonessa al 46’ s.t. e Benincasa al
nez, Farina, Scarsella, Pellecchia e Ficarrotta, Balistreri, Filippi, Barra- niti Conte, Taurino, Cosi, Mannone Marano, Maisto, Trobiani, Rinaldi e bara, Mezzacapo, Sportillo, Gallo e Provenzano. Angoli 8-3. (f.t.) 47’ s.t.; amm. Sinicropi, Scigliano,
Milella. Angoli 3-4. (g.t.) co e Pagliarulo. Angoli 4-2. (f.c.) e Improta. Angoli 5-3. (g.ar.) Mastromattei. Angoli 5-6. (f.g.) Di Girolamo. Angoli 2-4. (v.a.) Boyomo e Gigliotti. Angoli 1-5. (i.m.)

GIRONE A RISULTATI GIRONE B RISULTATI GIRONE C RISULTATI


CASALE-SANREMESE 2-1 CARPI-CARRARESE 1-1 CATANZARO-VIGOR LAMEZIA 2-1
DISCIPLINARE SQUADRE
TRITIUM (-2)
PT
42
G
24
V
12
N
8
P
4
RF
35
RS
18
ENTELLA-SACILESE 2-0
SQUADRE
CARPI
PT
48
G
22
V
14
N
6
P
2
RF
33
RS
12 CELANO-GAVORRANO 1-2
SQUADRE
LATINA
PT
45
G
22
V N P RF RS
12 9 1 29 15 FONDI-NORMANNA 2-2
PRO PATRIA-PRO VERCELLI stasera CROCIATI NOCETO-BELLARIA 2-2 ISOLA LIRI-MILAZZO 0-0
In arrivo tante PRO PATRIA (-4)
PRO VERCELLI
41
40
22
22
14
10
3
10
5
2
41
26
23
12
RENATE-MEZZOCORONA
RODENGO-FERALPI SALO'
3-1
1-0
CARRARESE
GIACOMENSE
43
35
22
22
11
8
10
11
1
3
36
26
13
16
GIACOMENSE-L'AQUILA
GIULIANOVA-CHIETI
2-0
0-1
TRAPANI (-1)
MILAZZO
44
38
22
22
13 6 3 33 16
11 5 6 25 18
MATERA-VIBONESE
MELFI-LATINA
1-1
2-2
SAMBONIFACESE-LECCO 1-1
penalizzazioni LECCO
SAVONA (-4)
39
36
24
23
11
10
6
10
7
3
25
28
24
19
TRITIUM-CANAVESE
VALENZANA-SAVONA
0-1
0-1
CHIETI
SAN MARINO
35
33
22
22
9
8
8
9
5
5
29
27
22
21
PRATO-POGGIBONSI 2-1
SAN MARINO-SANGIOVANNESE 1-0
NEAPOLIS
AVELLINO
38
36
22
22
11 5 6 23 16
10 6 6 31 19
NEAPOLIS-BRINDISI
POMEZIA-AVELLINO
1-0
1-3
FERALPI SALO' (-2) 35 23 9 10 4 23 16 ha riposato MONTICHIARI L'AQUILA 32 22 10 2 10 20 22 VILLACIDRESE-FANO 1-1 NORMANNA 35 22 9 8 5 27 18 TRAPANI-CAMPOBASSO 2-1
Oggi la Disciplinare RENATE 34 24 8 10 6 28 23 PRATO 31 22 8 7 7 24 21 POMEZIA 33 22 8 9 5 18 16
discute sui deferimenti RODENGO (-2) 33 24 9 8 7 18 18
PROSSIMO TURNO POGGIBONSI 31 22 9 4 9 21 28
PROSSIMO TURNO
MATERA 32 22 8 8 6 24 24
PROSSIMO TURNO
arrivati a Pergocrema, CANAVESE (-6) 31 24 10 7 7 27 22 domenica 13 marzo, ore 14.30 BELLARIA 26 22 5 11 6 19 21 domenica 13 marzo, ore 14.30 MELFI (-2) 27 22 8 5 9 33 27 domenica 13 marzo, ore 14.30
SAMBONIFACESE 28 23 6 10 7 31 31 LECCO-CASALE (4-3) GAVORRANO 25 22 6 7 9 22 25 BELLARIA-GIULIANOVA (1-0) VIGOR LAMEZIA 26 22 7 5 10 29 32 AVELLINO-MELFI (0-3)
Giulianova, Brindisi e
MONTICHIARI 27 23 5 12 6 16 17 MEZZOCORONA-FERALPI SALO' (0-0) CROCIATI NOCETO 25 22 5 10 7 28 34 CARRARESE-CELANO (0-0) FONDI 26 22 6 8 8 27 31 BRINDISI-POMEZIA (0-1)
Melfi. Tra oggi e domani ENTELLA (-1) 26 24 5 12 7 25 23 MONTICHIARI-ENTELLA (1-1) CELANO 24 22 6 6 10 24 34 CHIETI-GIACOMENSE (1-1) BRINDISI (-1) 25 22 7 5 10 17 24 CAMPOBASSO-VIBONESE (1-1)
attese anche le sentenze VALENZANA (-1) 21 23 4 10 9 16 25 PRO PATRIA-RODENGO (2-0)
SANGIOVANNESE (-10) 18 22 8 4 10 20 26
FANO-PRATO (0-2)
ISOLA LIRI 22 22 5 7 10 18 27
LATINA-FONDI (1-0)
PRO VERCELLI-SAMBONIFACESE (1-1) GAVORRANO-VILLACIDRESE (1-1) MILAZZO-MATERA (2-1)
su Lumezzane, Reggiana, SACILESE 20 24 4 8 12 17 32
SACILESE-TRITIUM (2-3) FANO (-2) 17 22 3 10 9 17 29 L'AQUILA-SAN MARINO (sabato 12) (0-1) CAMPOBASSO 20 22 4 8 10 17 25 NEAPOLIS-ISOLA LIRI (1-0)
Salernitana, Pro Vercelli, CASALE 20 24 4 8 12 16 36 SANREMESE-VALENZANA (2-2) GIULIANOVA 17 22 4 5 13 16 30 POGGIBONSI-CARPI (0-2) VIBONESE (-1) 16 22 2 11 9 17 31 NORMANNA-CATANZARO (0-0)
SANREMESE 15 24 2 9 13 16 29 SAVONA-RENATE (3-3) VILLACIDRESE (-10) 9 22 5 4 13 21 29 SANGIOVANNESE-CROCIATI NOCETO (2-1) CATANZARO (-5) 1 22 1 3 18 9 38 VIGOR LAMEZIA-TRAPANI (1-3)
Tritium e Crociati MEZZOCORONA 14 23 3 5 15 14 34 riposa CANAVESE
Noceto: questi casi sono MARCATORI MARCATORI
MARCATORI 14 RETI Gaeta (2, Carrarese). 10 RETI Tortolano (3, Latina); Guazzo (3, Melfi; ora è nel
stati discussi dalla 16 RETI Ripa (4, Pro Patria; ora è nella Nocerina). 11 RETI Falomi (2, Celano) Pietranera (3, Crociati Noceto), Taranto); Grieco (4, Normanna); Perrone (1, Trapani).
Disciplinare la settimana 11 RETI Fabbro (2, Lecco). 10 RETI Cesca ( 6 nel San Marino) e Giglio (5, Carpi); 9 RETI Giannone (Matera); Mangiapane (5, Vigor Lamezia).
10 RETI Pietribiasi (Sambonifacese) Gasparello (2, San Marino). 8 RETI Vicentin (4, Avellino); Agostinelli (1, Fondi);
scorsa. Tutte rischiano la 9 RETI Bonomi (4, Pro Vercelli); Tarallo (4, Savona). 9 RETI Alteri (5, Poggibonsi); Longobardi (1, Neapolis); Madonia (Trapani).
penalizzazione. 8 RETI Cristini (Canavese). 8 RETI Nocciolini (1,Gavorrano)
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

FORMULA 1 IL CASO RALLY


TEMPI A CONFRONTO
HAMILTON
VALENCIA
miglior tempo
JEREZ
miglior tempo
MONTMELÒ
miglior tempo
4 MONDIALE

È LONTANO
1"2 DA MASSA ( 1’13"144
KUBICA
RENAULT

SCHUMACHER
1’19"832
BARRICHELLO
WILLIAMS-COSWORTH

SCHUMACHER
1’22"625
MASSA
FERRARI

ROSBERG
WEBBER
SUBITO
IN PISTA

Domani
scattano i test a
Ogier va ko
Loeb centra
il 5˚ trionfo
1’14"537 1’20"352 1’23"168 Montmelò
(4.655 m). Ecco
in Messico
+ 1"393 + 0"520 + 0"543
il programma
Sul podio i fordisti
dei 4 team
MERCEDES Hirvonen, che resta
principali

BUTTON (auto 2010) BUTTON HAMILTON DOMANI leader, e Latvala


1’13"553 1’21"009 1’23"858 Webber
(Red Bull)
GUIDO RANCATI
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
Button

MCLAREN + 0"409 + 1"177 + 1"233 (McLaren)


dDice che quando ha visto l’au-
to di Sébastien Ogier ferma ol-
MERCOLEDÌ tre la carreggiata gli è spiaciu-
ANDREA CREMONESI effettuati con la vettura dell’an- Vettel to, e c’è da credergli. Sébastien

In ritardo
5 RIPRODUZIONE RISERVATA no scorso modificata. (Red Bull), Loeb non nasconde che l’errore
Anche Button, che scenderà Hamilton del connazionale nella prima
dLe previsioni del tempo sono per primo in pista domani, in- (McLaren) delle tre speciali dell’ultima
incoraggianti: l’ultima settima- crocia le dita. «Quando mi so- Massa tappa gli ha spianato non poco
na di collaudi, che scatterà do- no seduto in questa vettura la (Ferrari) la strada verso la 5ª vittoria di
mani al Montmelò, sarà quasi prima sensazione non è stata Rosberg fila in Messico. Costretto a inse-
certamente baciata dal sole. "wow adesso battiamo tutti". (Mercedes) guire dopo aver dovuto «paga-
Una bella notizia per i team
che avranno a disposizione
quattro giorni di collaudi per
mettere sotto esame tante novi-
tà di aerodinamica che, se pro-
Ultimo appello Ma credo che non l’abbia prova-
to nessuno visto che abbiamo
meno aderenza e gomme che
lavorano in maniera differen-
te. Secondo me c’è molto da ti-
GIOVEDÌ
Webber
(Red Bull),
re» 50" di penalità nel finale
della seconda tappa per rime-
diare a un problema al leverag-
gio del cambio della Citroën
Ds3, Loeb ha iniziato l’ultima

per McLaren
mosse, costituiranno il pacchet- rar fuori da questa macchina». Button giornata determinato a tentar-
to per Melbourne, e dall’altra (McLaren) le tutte per annullare i 10" che
lavorare sui pneumatici Pirelli Ritardo Meno grave ma comun- Massa lo separavano dalla vetta.
per approfondirne la conoscen- que preoccupante è la situazio- (Ferrari) Invece, a sbagliare è stato il
za. ne della Mercedes: il gruppo di Schumacher «giovane di bottega» della Ci-

e Mercedes
Tra coloro che sono a caccia di Brackley, che due anni fa era (Mercedes) troën. Facendo un involonta-
risposte importanti sulla pista riuscito a progettare e realizza- rio regalo a Mikko Hirvonen
catalana — da sempre tra i ban- re (anche per via di un buco re- VENERDÌ (Ford) che, salito insperata-
chi di prova più fidati per com- golamentare) una vettura in- Vettel mente al 2˚ posto, ha rastrella-
prendere il valore di una F.1 — credibile (8 vittorie su 17 gare, (Red Bull) to anche 3 punti supplementa-
ci sono McLaren e Mercedes.
Ovvero due squadre che per Sinora deludenti, sperano nelle novità titolo costruttori e piloti con
Button), sembra aver perso per
Hamilton
(McLaren)
ri nella Power Stage. Terzo l’al-
tro fordista Jari-Matti Latvala.
blasone, struttura, situazione strada il libretto delle istruzio- Nel Mondiale guida sempre
finanziaria e potenziale dei pi- per raggiungere Red Bull e Ferrari ni, malgrado nel frattempo ab-
Alonso
(Ferrari) Hirvonen con 43 punti, davan-
loti partono ogni anno con l’am- bia trovato capitali e tecnolo- Schumacher ti a Loeb (35) e Latvala (32).
bizioni di vincere il Mondiale. gie Mercedes e abbia messo ma- (Mercedes)
no alla monoposto 2011 con di-
Incubo Ebbene, i risultati delle
Domani scattano le versi mesi d’anticipo rispetto
prime sessioni di collaudi sono prove finali e per i agli avversari. SABATO MOTO 2
stati decisamente al di sotto due team sono già un Alonso
delle attese, con tempi lontani esame di riparazione. Speranze «A Montmelò abbia- (Ferrari)
Rosberg
Bradl domina
da Red Bull e Ferrari. In partico- mo ottenuto il 2˚ tempo ma gi-
lare la McLaren, che ha stupito Brawn: «Dobbiamo ravamo con poca benzina e (Mercedes) i test a Jerez
all’esordio con una serie di solu- recuperare tanto» gomme super morbide. Siamo Corsi è quinto
zioni ardite (basti pensare alle almeno un secondo lontani dai
forme delle fiancate) ma poi è ruote e non aveva aderenza — tempi che avremmo voluto ot- Stefan Bradl (Kalex) è risultato
risultata fragile e lenta in pista ha spiegato qualche giorno fa tenere —, ha ammesso Ross il più veloce nei due giorni di
per colpa della soluzione degli Hamilton — questa non blocca Brawn ai microfoni della radio test Moto2 conclusi ieri a
scarichi bassi che creavano pro- le ruote, è assai più guidabile della BBC —. Speriamo di recu- Jerez (Spagna). Il tedesco
blemi di surriscaldamento. Co- ma manca carico aerodinami- perarlo con le soluzioni che ab- (1’42"697) ha preceduto di
sì si è materializzata la paura di co. Speriamo di recuperarne biamo nel cassetto per i test. quasi 3 decimi lo spagnolo
rivivere un altro 2009. Anche entro la prima gara. Certo spe- Possiamo farcela, ma potrebbe Marc Marquez (Suter), iridato
allora, durante i test, i tecnici si ravamo di fare più chilometri, anche presentarsi qualcuno 125, e di 6 il giapponese Yuki
affannavano a esplorare diver- forse abbiamo presentato la con soluzioni ancora più radica- Takahashi (Moriwaki). Miglior
se soluzioni senza venire a ca- macchina un po’ tardi». In effet- li, alle quali nessuno ha pensa- italiano Simone Corsi (Ftr), 5˚
po dei problemi. ti la MP4/26 è arrivata con una to e questo potrebbe spiazzar- a 8 decimi. Nella 125 primo lo
settimana dopo rispetto alle di- ci. Forse qualcuno a Melbour- spagnolo Hector Faubel
Carico «Quella macchina saltel- rette concorrenti, saltando i ne potrebbe tirarci le uova in (Aprilia) con 1’47"443.
lava, affrontava le curve su tre test di Valencia che erano stati Lewis Hamilton, 26 anni: un titolo (2008) e 14 trionfi AP faccia ma restiamo ottimisti».
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

CICLISMO IN SPAGNA
8
Nato per vincere
LA GARA GAZZETTA MERCOLEDÌ IL VIA

BRAVO Tirreno-Adriatico
BOARO:
SESTO Ecco Basso, Nibali
Questo è Contador CRONO
1. Alberto
CONTADOR
(Spa, Saxo
Gilbert e Hushovd
E poi Cavendish, Boonen, Ballan
A Murcia, dopo il successo sabato in salita, lo spagnolo conquista Bank) 12,4 km in
14’10", media
Freire, Petacchi, Pozzato: tutti
i favoriti della Sanremo sono qui
crono e classifica: dal 2007 ha firmato 15 corse a tappe su 27! 52,518; 2.
Coppel (Fra) a
dSarà una cronosquadre di 16,8 km a Marina
CLAUDIO GHISALBERTI 8"; 3. Menchov di Carrara ad aprire dopodomani la 46ª edizio-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
(Rus) a 12"; 6. ne della Tirreno-Adriatico, la corsa dei Due Ma-
Boaro a 26"; 59. ri organizzata dalla Gazzetta dello Sport (diret-
Sastre (Spa) a
dNato per vincere. Il successo ta Tv su Rai3, RaiSport2 e Gazzetta.it). I corri-
di Alberto Contador alla Vuelta 1’22". dori ormai la considerano il miglior avvicina-
Alberto
Murcia (dove ieri ha dominato Contador, mento alla Milano-Sanremo del 19 marzo e la
anche la crono finale) è il 15˚ 28 anni CLASSIFICA conferma arriva dando un’occhiata ai tanti cam-
in 27 corse a tappe disputate pioni che saranno al via: il numero 1 l’avrà sul-
dal 2007 a oggi. Nei grandi giri
BETTINI FINALE la schiena Stefano Garzelli, vincitore sul filo
lo spagnolo non è riuscito a 1. Alberto (decisivi i migliori piazzamenti nei confronti di
trionfare solo nel 2005, al suo CONTADOR Michele Scarponi) dell’edizione 2010. Poi ci sa-
primo Tour che chiuse 31˚. (Spa, Saxo ranno il campione del mondo Hushovd, Basso,
Poi, un impressionante 5 su 5, Bank); Nibali, Cancellara, Andy Schleck, Evans, il tri-
con tre Tour, un Giro e una 2. Coppel (Fra) colore Visconti, Gilbert (vincitore sabato della
Vuelta. Fenomenale. a 11"; Montepaschi Strade Bianche), Ballan, Caven-
3. Menchov dish, Pozzato, Di Luca, Kolobnev e Rodriguez
Il migliore «Contador è il corri- (Rus) a 17"; 4. (numero uno mondiale), Cunego, Scarponi, Pe-
dore più forte che abbia mai Poels (Ola) a tacchi, Oss, Boonen, Chicchi, Freire, Gesink,
avuto in squadra — afferma 1’46"; 5. Duarte Flecha, Boasson Hagen, Bennati e McEwen: in-
Bjarne Riis, team manager del- (Col) a 1’47"; 22. somma, una vera e propria parata di campioni.
la Saxo Bank —. Alberto è un Cioni a 3’44";
campione del calibro di Mer- 26. Anzà a 4’14"; LE TAPPE - Mercoledì: 1ª tappa, cronosquadre di 16,8
ckx, Armstrong, Hinault o Indu- 28. Selvaggi a km a Marina di Carrara.
rain». La particolarità dello spa- 4’37"; 43. Giovedì: 2ª tappa: Carrara-Indicatore (Arezzo), 202 km.
gnolo è quella di «essere uno Possoni a 6’27"; Venerdì: 3ª tappa: Terranuova Bracciolini-Perugia, 189.
scalatore fantastico, perché in 91. Sastre (Spa) Sabato: 4ª tappa: Narni-Chieti, 240 km.
salita va come una bestia, e che a 16’26". Domenica: 5ª tappa: Chieti-Castelraimondo, 240 km.
nelle crono riesce a esprimere Lunedì 14: 6ª tappa: Ussita-Macerata, 178 km.
praticamente la stessa poten- PRIMO Martedì 15: 7ª tappa: cronometro individuale a San Bene-
za». Quanti sono i watt, il tecni- detto del Tronto, 9,3 km.
co danese non lo svela. Ieri ha SERGENT
vinto a 52,518 km/h; facendo velocità e comodità. Già all’Al- no». Allenamenti che «Alberto Successo del
alcuni calcoli teorici è possibile garve la posizione era nuova, affronta sempre quasi come fos- neozelan-
stimare una potenza media at- poi a Maiorca abbiamo fatto al- sero una corsa — spiega Riis dese Jessie PARIGI-NIZZA PRIMA TAPPA
torno ai 430-440 watt. tri test, sia in strada, sia in pi- —. E questo, come in gara, sti- Sergent (Radio
sta. Questa di Murcia è un’ulte- mola il desiderio di emulazio- Shack) nella Tre Sorpresa: De Gendt va in fuga
Più compatto Riis, comunque, riore evoluzione. La posizione ne dei suoi compagni. Quando Giorni delle e nel finale resiste al gruppo
confida un particolare impor- è stata accorciata di circa due c’è lui, gli altri non vogliono es- Fiandre
tante: «Nelle crono non conta BICI SENZA CAMPANELLO centimetri, lavorando soprat- sere da meno e danno più delle Occidentali. Thomas de Gendt ha vinto a sorpresa la prima
solo la forza, ma anche l’aerodi- SPECCHIETTI E FANALI: tutto su manubrio e attacco. loro possibilità». Ultima tappa a tappa della Parigi Nizza: il 24enne belga della
namica. Contador ne aveva già LORENZETTO FERMATO Ma Faustino (il suo meccanico, Nico Eeckhout Vacansoleil era in fuga e sul traguardo di Houdan
una buonissima, ma dallo scor- ndr) ha dovuto lavorare molto Fiducia In attesa di vedere se (Bel, AnPost). ha anticipato il gruppo. La corsa è stata
so anno al Tour (quando era Fermato dai carabinieri, anche sul telaio». Uci e Wada facciano ricorso al condizionata anche dal vento forte nel finale.
suo rivale, ndr) avevo delle
idee in testa. Così quest’inver-
Mirco Lorenzetto ha
rischiato una multa salata: Alleanamenti unici Test in pista
Tas, dopo l’assoluzione della
Spagna sul caso del clenbutero-
LUTTO Non vinceva dal 28 luglio 2009 (una tappa al Giro
di Vallonia). Primo italiano Francesco Gavazzi
Oggi (10.30)
no abbiamo lavorato molto per «Deve correre sulla pista e su strada per verificare la po- lo, lo spagnolo tornerà in gara a Galliera Veneta (Lampre Isd), 17˚.
migliorare la posizione. Abbia- ciclabile. La bici non ha il sizione, ma anche allenamenti lunedì 21 a Lloret de Mar, nella (Pd) il funerale ARRIVO: 1. Thomas DE GENDT (Bel, Vacansoleil)
mo fatto delle modifiche mini- campanello, gli specchietti massacranti. «Vero — afferma Volta Catalunya. Lì, in un duel- di Umberto 154,5 km in 4.05’06", media 37,821; 2. Roy (Fra);
me, ma importanti. Possiamo e il fanale». È accaduto a Contador — io la bici da crono lo che profumerà di rosa (inte- Scapin, morto 3. Haussler (Ger); 4. Sagan; 17. Gavazzi.
dire che ora è più compatto in San Michele di Piave, la uso spesso, ma 150 km in un so come Giro d’Italia), ritrove- a 83 anni: aveva CLASSIFICA: 1. Thomas DE GENDT; 2. Roy (Fra)
sella». frazione di Cimadolmo giorno come abbiamo fatto lu- rà il russo Denis Menchov, ieri fondato la Cicli a 6"; 3. Haussler (Ger) a 9"; 4. Guadin (Fra) a 10".
«E’ vero — conferma Contador (Tv), mentre il corridore nedì scorso a Maiorca non li 3˚ a crono. E soprattutto ci sa- Scapin nel 1957. Oggi 2ª tappa: 199 km da Montfort l'Amaury a
— abbiamo lavorato per trova- dell’Astana si allenava. avevo mai fatti. Buff, che fatica rà anche Ivan Basso, che gli ha Amilly (Tv: Eurosport diretta dalle 15.45).
re il miglior compromesso tra è stata. Però i risultati si vedo- già lanciato il guanto di sfida.

MONDIALI PARALIMPICI A MONTICHIARI APPUNTAMENTO IN PISTA DA VENERDÌ: IL VARESINO SI È ALLENATO A MILANELLO ASSIEME A PATO E SEEDORF

Macchi cerca l’oro con MilanLab 220


LUIGI PERNA lanLab ha curato come nessun ciclista italiano c’è riuscito. Sali- I chili che
altro la preparazione «a secco» re sul podio, magari sul gradi- Macchi solleva
dAl Milan è come se fosse in durante l’inverno, contando su no più alto, sarebbe il massimo. LA GUIDA con la gamba
famiglia. È diventato amico di macchinari all’avanguardia. E A MilanLab ho trovato affetto e destra negli
Clarence Seedorf e ha condivi- ora spera di raccogliere i frutti partecipazione da parte di tut- C’è anche Triboli esercizi alla
so il sudore di Alexandre Pato nel Mondiale su pista di Monti- ti. Con Seedorf e Pato (che a 11 pressa (peso
nel periodo dell’infortunio. Or- chiari (Brescia). Venerdì il vare- anni sconfisse un tumore a un Azzurri in ritiro massimale).
mai Fabrizio Macchi è di casa sino andrà a caccia di una meda- braccio; ndr) si è creata grande già da domani Questo inverno
fra i calciatori. Da più di un an- glia nell’inseguimento e sarà al simpatia. Credo che piacerebbe si è allenato per
no il pluricampione mondiale via anche sabato nel Chilome- anche a loro». Ecco i convocati azzurri per i 3 mesi con
della categoria paralimpici si al- tro: «Nei test in raduno ho fatto Mondiali di ciclismo paralimpico MilanLab:
lena in palestra a Milanello. È il tempi che nessuno si aspettava. Computer Fabrizio è stato segui- su pista di Montichiari (11-13 due sedute
marzo): Fabio Triboli, Fabrizio
primo ciclista entrato nella Il c.t. Valentini mi ha detto: "Tu to da Fabio Allevi, uno dei pre- Macchi, Pierpaolo Addesi, Angelo
settimanali.
squadra di MilanLab, il centro non sei normale". So che il risul- paratori dello staff di Daniele Maffezzoni, Michele Pittacolo, Gli allenamenti
preparazione della società ros- tato dipende solo da me. Se tro- Tognaccini. Ha lavorato sui mu- Ivano Pizzi, Luca Pizzi, Gianluca in bici sono
sonera. Come il golfista Edora- vo la giornata giusta, posso pun- scoli di tronco, addome e schie- Fantoni, Andrea Tarlao, Roberto stati seguiti dal
do Molinari, lo sciatore Man- tare alla vittoria». na, per superare i problemi po- Bagna, Daniele Riccardo, Centro Mapei
fred Moelgg e i rugbisti azzurri Per Macchi è una tappa inter- sturali dovuti al fatto di spinge- Emanuele Bersini, Cinzia Coluzzi,
Annamaria Scafetta.
Parisse e Castrogiovanni, venu- media verso il Mondiale crono re sui pedali con una sola gam- Il commissario tecnico
ti per alcuni test. di Copenhagen a fine anno (do- ba. I suoi dati sono poi finiti nel è Mario Valentini.
ve insegue il terzo titolo conse- cervellone elettronico di Milan- Ritrovo fissato per domani alle 12
Tumore Macchi, a cui da ragaz- cutivo) e l’Olimpiade di Londra Lab: un server che elabora i nu- a Montichiari (Brescia).
zo fu amputata la gamba sini- 2010, il traguardo che gli man- meri raccolti da decine di com- Al via dei Mondiali ci saranno in
stra per un tumore osseo, ci è ca. Sarebbe la quarta partecipa- puter, per monitorare lo stato tutto 230 atleti (173 uomini, 57
donne) di 27 nazioni. Le maglie
arrivato grazie al chiropratico zione ai Giochi, a 42 anni: an- di forma degli atleti. La corsa al- iridate da assegnare sono 26.
Alessandro Trabattoni. Con Mi- che questo un record. «Nessun l’oro olimpico parte da qui. Fabrizio Macchi, 40 anni, con Alexandre Pato, 21
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

ATLETICA EUROPEI INDOOR DI PARIGI

Di Martino
Fede, famiglia e
caviglie esplosive
La maturità è oro
Sale a 2.01 per il primo grande titolo in carriera
«Merito della testardaggine. E di mio marito»
DAL NOSTRO INVIATO Ma la gioia per il risultato ha il

3
ANDREA BUONGIOVANNI sopravvento. Importa poco.
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
Il futuro «Quel che conta — di-
PARIGI dInseguito, agognato, ce euforica, leader di una scuo-
meritato, alla fine addirittura la che conta anche su Lamera,
conquistato quasi troppo facil- i podi italiani: stesso Vallortigara, Trost e la nuovis-
mente. Il primo oro «pesante» settore e stesso club sima Rossit — è che con testar-
della carriera di Antonietta Di L’Italia chiude gli Euroindoor daggine ho tenuto testa alla
Martino è un inno alla capar- con tre medaglie (due ori e un sfortuna e sono arrivata sin
bietà. Quella di una donna di argento) conquistate nei salti qui. La pressione del pronosti-
32 anni che non s’è arresa, che (triplo maschile, alto e triplo co s’è fatta sentire, non mi so-
nonostante i continui agguati femminile) da tre compagni di no sempre piaciuta. Ma da
della sorte, ha sempre saputo club: Di Martino, La Mantia e uno a dieci sono contenta no-
reagire. Più forte degli infortu- Donato appartengono infatti ve, perché ora, col mirino pun-
ni, più forte della natura che alle Fiamme Gialle tato verso i Mondiali di Dae-
l’ha dotata di un altezza di 169 gu, inseguo altro. Misure, me-
centimetri, pochi per chi vola daglie, soprattutto la salute.
ad alte quote con le proprie sere l’avversaria più pericolo- Con tanti grazie a mio marito
gambe. Antonietta torna anco- sa, la francese Melfort, l’israe- Massimiliano che da due anni
ra una volta sopra i due metri
(2.01), a tre centimetri dal mi-
surone del record italiano di
liana Frenkel, l’ucraina Okune-
va e la bulgara Veneva si arren-
dono. E considerando il nume-
mi allena. Le assenze? La Frie-
drich, due anni fa, a Torino,
vinse col mio stesso 2.01. Se
il commento
di
x
un mese fa. E legittima il suc- ro di errori, finiranno nell’ordi- stimolata, avrei potuto far me- GIANNI MERLO campioni mignon non Se Donato ha dimostrato il
cesso in una gara dominata e ne. Le medaglie, quindi, sono glio». Antonietta, proprio in 5 RIPRODUZ ONE RISERVATA hanno paura di volare. suo valore, migliorando per
vinta già a 1.99. Sotto il tetto già prenotate: insieme all’az- Piemonte, subì uno dei tanti Antonietta Di Martino, 34 due volte il primato italiano,
del Palais di Bercy, non ce n’è
per nessuna. L’azzurra, com-
zurra, infatti, a 1.99 restano in
due. Una vecchia volpe, la spa-
colpi da k.o. Un attacco di feb-
bre la fermò giusto alla vigilia
Eroi mignon anni dopo Sara Simeoni a
San Sebastian, ha riportato
ci ha sorpreso Emanuele Di
Gregorio, che nella finale dei
plici le assenze di alcune delle
migliori interpreti della specia-
gnola Beitia, che ha commes-
so un nullo a 1.87 e che con
della gara. Del resto non s’è fat-
ta mancare mai nulla: piedi,
e cavallette l’Italia sul tetto d’Europa. La
pedana di Bercy, tesa come
60 è stato persino in testa.
Ha bruciato tutto quello che
lità — dalla croata Vlasic alla 1.96 ha centrato lo stagionale tendini, caviglie, di tutto di un tamburo, ha esaltato la aveva dentro, ha mandato il
tedesca Friedrich — in questo e una sorpresa, la svedese più. Anche la mononucleosi, A Parigi abbiamo scoperto sua ricorsa. Lei si è librata motore fuori giri e se ne è
momento è l’indiscussa nume- Jungmark, che con la stessa per la quale è ancora in cura. di essere un popolo di con facilità oltre i 2 metri. andato col ghiaccio sulla
ro uno. misura ha firmato il persona- Ciò nonostante, con una tem- cavallette: siamo l’unico Sul podio era alta come la coscia sinistra, invece che
le. E’ tutto molto semplice: An- pra forgiata da un passato nel- paese che si porta a casa Beitia, seconda. Arriva alle con una medaglia, ma è
La gara Lo show si consuma in tonietta è perfetta alla prima le prove multiple, una natura- l’oro di Simona La Mantia e spalle della spagnola, ma ha stato all’altezza di Obikwelu
fretta. Le otto finaliste, nel po- prova, le altre si fermano lì, le spontaneità e il forte attacca- un argento pesante con la dinamite nelle caviglie e e Chambers, che hanno un
meriggio parigino, restano in con la Beitia d’argento e la mento a valori quali fede e fa- Donato, bruciato solo da una voglia matta. Quest’oro passato non limpido, ed è
pedana meno di un’ora. Tutte Jungmark di bronzo. La cave- miglia, non ha desistito. Ora, Tamgho, che viaggia su un non è solo strameritato, è stato battuto di un centesimo
superano 1.82, 1.87 e 1.92, se, pur con l’oro in tasca, non dopo l’argento di Birmingham altro livello. dovuto. Anche lei è passata da Lemaitre. E’ arrivato ad
ma l’1.96 diventa per molte un si scompone. Fa mettere l’asti- 2007 e quello iridato all’aper- attraverso periodi bui, ma una spanna da un sogno,
ostacolo insormontabile. La cella a 2.01 e al secondo tenta- to di Osaka di pochi mesi più Ma abbiamo anche avuto la non ha mai perduto la fede. come questa Italia che si sta
russa Shkolina, che pareva es- tivo va oltre. Poi chiede 2.03. tardi, è un’atleta realizzata. conferma che i nostri Non è piccola, è gigantesca. riprendendo.

TENNIS L’avvincente primo turno del Gruppo Mondiale


tan Forget dopo le rinunce dei

Chardy esalta «Moschettieri», Tsonga, Mon-


fils e Gasquet, salva la Francia
nell’hangar 3 dell’aeroporto di
LA GUIDA A KUALA LUMPUR
Dokic vince torneo
i nuovi eroi Davis
VINCENZO MARTUCCI Kukushkin, numero 63 Atp,
Vienna, riempito di terra ros-
sa.

Sconcerto Nella finale di de-


Golubev e Kukushkin: che Kazakistan!
Italia-Slovenia a luglio per il playoff dopo ...otto anni!
A Kuala Lumpur (Mal, 220.000
Primo turno gruppo mondiale. Belgio-Spagna 1-4: Nadal (Spa) b.
5 RIPRODUZIONE RISERVATA russo naturalizzato kazako co- cembre in Serbia, Simon (oggi A NOVI SAD (veloce indoor), O. Rochus 6-4 6-2; Darcis (Bel) b.
dollari, cemento), Jelena
me il gemello» 23 enne, Golu- numero 30 del mondo, 6 nel Serbia-India 4-1: Troicki (Ser) b. Lopez 6-7 (4) 7-6 (6) 7-6 (3) Dokic, la 27enne nata in
dGli ultimi eroi di coppa Da- bev (43), decide, sul 2-2 la tra- 2009) aveva già talmente delu- Devvarman 6-4 6-2 7-5; Tipsarevic A ZAGABRIA (veloce indoor), Croazia, di genitori serbi, ma
vis si chiamano Philipp Petz- sferta in Repubblica ceca, rea- so, da venir preferito sul 2-2 (Ser) b. Rastogi 6-0 6-1; Croazia-Germania 2-3: Cilic (Cro) di passaporto australiano (ex
schner, Mikhail Kukushkin, e lizzando l’ennesimo miracolo da Llodra, e non ha ancora ri- A BORAS (veloce indoor), b. Kohlschreiber 6-2 6-3 7-6 (6); numero 4 del mondo, oggi 91),
Jeremy Chardy, e determina- di questa nuova realtà, sposte: «E’ stata come una fina- Svezia-Russia 3-2: Tursunov Petzschner (Ger) b. Karlovic 6-4 vince il sesto torneo Wta, 8
(Rus) b. Aspelin 7-5 6-2; Andreev 7-6 (3) 7-6 (5)
no le promozioni ai quarti di neo-promossa nel gruppo le, dovevo vincere e l’ho persa, (Rus) b. J.Johansson 7-6 (8) 6-4 A VIENNA (terra indoor),
anni e 8 mesi dopo l’erba di
finale dell’8-10 luglio, Sve- mondiale, grazie alla campa- ma sul 4-3 al quarto set, mi so- A OSTRAVA (veloce indoor), Austria-Francia 2-3: Melzer (Aut) Birmingham, battendo in finale
zia-Serbia, Argentina-Kazaki- gna acquisti proprio nell’ex no trovato di fronte un altro av- Repubblica Ceca-Kazakistan b. Simon 7-6 (7) 3-6 1-6 6-4 6-0; Safarova (Cec) 2-6 7-6 (9) 6-4.
stan, Usa-Spagna, Germa- Unione Sovietica, dalla quale versario. Non so spiegarmi co- 2-3: Golubev (Kaz) b. Berdych Chardy (Fra) b. Fischer 2-6 7-6 (4) ALTRE DONNE A Monterrey
nia-Francia. s’è affrancata nel 1991. Ma cer- me Melzer potesse giocare co- (Cec) 7-5 5-7 6-4 6-2; Kukushkin 6-3 6-3 (Mex, 220.000 $, cemento),
to l’ennesimo scivolone di Ber- sì bene dopo 3 ore di lotta: cor- (Kaz) b. Hajek 6-4 6-7 (4) 7-6 (8) ITALIA-SLOVENIA Battendo 3-2 semifinali: Jankovic (Ser) b.
6-0 la Finlandia sulla terra rossa di
Talenti Petzschner, 26enne nu- dych è meno scusabile di quel- reva dappertutto senza sba- A BUENOS AIRES (terra rossa),
Hercog (Slo) 6-3 6-2;
Lubiana, la Slovenia diventa
mero 67 mondiale dal gioco lo di Karlovic, al rientro dopo gliare. E così il quinto set è sta- Argentina-Romania 4-1: l’avversaria dell’Italia nel 2˚ turno Pavlyuchenkova (Rus) b.
bello e dal rendimento discon- infortunio. Così come quello to a senso unico. Mi sembrava Schwank (Arg) b. Crivoi 7-6 (3) 6-2; del Gruppo 1 Zona Europa-Africa Dulko (Arg) 6-4 6-1.
tinuo, sul 2-2 di Croazia-Ger- di Gilles Simon, che crolla di il match degli Us Open contro Ungur (Rom) b. Monaco (Arg) 6-4 dell’8-10 luglio: Nieminen (Fin) b. TUTTI IN CALIFORNIA Da
mania, batte Ivo Karlovic — fisico e di testa e regala gli ulti- Del Potro (2008): all’improvi- 2-6 6-3 Zemlja (Slo) 3-6 6-3 6-4 6-3; mercoledì, a Indian Wells, sul
neo primatista del servizio più mi 9 games ed il 2-2 a quell’al- so l’avversario è diventato inar- A SANTIAGO (terra rossa, Kavcic (Slo) b. Heliovaara 4-6 6-2 cemento della California,
Cile-Usa 1-4: Roddick (Usa) b. 6-3 6-4; Gregorc-Zemlja (Slo) b.
veloce di sempre, a 251 all’ora tro campione di discontinuità restabile». Capdeville 3-6 7-6 (2) 6-3 6-3; Heliovaara-Nieminen 6-7 (5) 6-4
primo torneo Masters Series,
—, vendica le 2 sconfitte nei 2 del mancino Jurgen Melzer. Isner (Usa) b. Rivera-Ara 6-3 6-7 6-4 7-5; Nieminen (Fin) b. Kavcic combined event, della
precedenti con il pivot (2.08) Fortuna che il 24enne Chardy, VIDEO: 251 KM/H (4) 7-5 6-3 6-4 4-6 6-4; Zemlja (Slo) b. stagione (uomini e donne
di Zagabria e firma il punto de-
cisivo, in trasferta. Anche
numero 55 del mondo, talento
offensivo rispolverato da capi-
servizio record di Karlovic
www.gazzetta.it g A CHARLEROI (veloce indoor), Kontinen 2-6 6-3 6-3 6-3. 4.500.000 $), con tutti i più
forti.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

fluente. Il romeno Marian

Donato è immenso
Oprea, al primo tentativo, ave-
va stampato un 17.62: sembra-
va poter valere il successo. De-
ve accontentarsi del bronzo.
Tamgho, intanto, si supera. An-
che lui fa tombola alla seconda

Ma Tamgho va oltre
e alla quarta prova: con un dop-
pio 17.92, un centimetro oltre
il record del mondo realizzato
due settimane fa ai campionati
nazionali. Prima e nel mezzo
un 17.46 e un 17.65. L’unico

Il triplista vola col doppio record italiano assoluto: 17.70, poi 17.73 che esce dal coro è Daniele Gre-
co: il pugliese, comunque sulla
strada del recupero dopo una
Per batterlo il francese fa due volte il primato mondiale indoor: 17.92 stagione difficile, è ottavo con
16.24. «Mi sento come un ra-
gazzino — esulta Fabrizio com-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA condo tentativo: è un immenso
mosso — la mia è una vita nor-
17.70! Sono dieci centimetri in
PARIGI d L’oro di Simona La più della misura centrata alla MEDAGLIERE male, da marito, padre e atleta.
PAESE O A B T Accompagno la bimba all’asilo,
Mantia, quello di Antonietta Di Notturna di Milano del 2000, vado al campo, torno a casa e
1. RUSSIA 6 3 6 15
Martino e, da ultimo, in chiusu- undici oltre quella che a Torino ritorno al campo. Ma è una vita
2. FRANCIA 5 4 2 11
ra di rassegna, quello di Fabri- 2009 gli regalò l’oro continenta- piena di soddisfazioni. Come
3. GERMANIA 3 4 3 10
zio Donato. In realtà è un argen- le indoor. Fabrizio abdica, ma mi distraggo? Coi nostri due ca-
4. GRAN BRETAGNA 2 5 1 8
to. Ma vale tanto quanto. E’ fe- scende dal trono come meglio ni. Di far vacanza non ho biso-
5. POLONIA 2 1 2 5
sta per tutti, da celebrare alla non potrebbe. 6. R.CECA 2 1 1 4 gno». Sapeva di essere in gran-
serata di Gala organizzata a Eu- 7. ITALIA 2 1 0 3 di condizioni. «Prima della ga-
roDisney. È festa per il settore Che salti Anche perché, dopo 8. SPAGNA 1 2 1 4 ra — svela — sulla mia agenda
salti guidato da Angelo Zampe- un pasticcio da 15.50, va anco- 9. PORTOGALLO 1 1 0 2 ho scritto che avrei centrato il
rin. È festa per le Fiamme Gial- ra più in là, fino a uno stratosfe- 9. UCRAINA 1 1 0 2 record del mondo. E se al quin-
le, il club dei tre medagliati az- rico 17.73, regalando come già 11. TURCHIA 0 1 1 2 to tentativo, quello del 17.49,
zurri. E, nello specifico, è festa in precedenza quasi nulla all’as- 12. LITUANIA 0 1 0 1 non ci avessi messo troppa fo-
grande soprattutto per il laziale se di battuta. Da non credere. 12. AZERBAIGIAN 0 1 0 1 ga, sarei arrivato ancora più
che, a 34 anni e mezzo, firma la Anche per la moglie Patrizia 14. NORVEGIA 0 0 2 2 lontano. Con Tamgho in peda-
gara più bella di una carriera in- Spuri, in tribuna con la piccola 14. BELGIO 0 0 2 2 na non ho mai pensato all’oro,
finita. Teddy Tamgho, trascina- Greta, ex quattrocentista azzur- 16. OLANDA 0 0 1 1 nemmeno quando con quel
to dai suoi tifosi, deve migliora- ra che negli stessi momenti per- 16. SLOVACCHIA 0 0 1 1 17.70 mi sono trovato in testa.
re due volte il proprio record de il primato italiano della 16. DANIMARCA 0 0 1 1 Ma ci ho provato. E poi comun-
Antonietta Di Martino, 32 anni. del mondo in sala per batterlo. 4x400 (vecchio, guarda caso, 16. ROMANIA 0 0 1 1 que ho vinto anch’io. Anche sta-
La campana vanta le due L’allievo di Roberto Pericoli è degli stessi undici anni). La se- 16. SVEZIA 0 0 1 1 volta». Tante le ragioni della
migliori misure al mondo del indiavolato. E a distanza di un- rie di Donato, su una pedana sua longevità: «Dopo 15 anni di
2011: il 2.04 di Banska Bystrica il dici anni va a ritoccare il pro- evidentemente magica, spaven- collaborazione con Roberto —
9 febbraio e il 2.01 di ieri GETTY Teddy Tamgho, 21 anni: prio primato italiano assoluto. ta: arriva anche un 17.49, poi spiega — abbiamo intensifica-
all’aperto vanta un 17.98 REUTERS Dopo un nullo, ci riesce al se- in chiusura c’è un nullo inin- to il lavoro prima di una grande
competizione. E, cambiando
scarpe, dopo sei anni ho final-
mente risolto i problemi ai ten-
MONDIALE INDOOR dini d’Achille».
Cronologia record del mondo indoor triplo
17.76 M. Conley (Usa) 1987 Cavallo matto Tamgho, intanto,
17.77 L. Voloshin (Rus) 1994
si conferma un gigante. «Non
avrei potuto perdere in casa —
17.83 A. Urrutia (Cuba) 1997
sostiene il 21enne di origini ca-
17.83 C. Olsson (Sve) 2004 merunesi — e quando, prima
17.90 T. Tamgho (Fra) 2010 del secondo salto, mi son trova-
17.91 T. Tamgho (Fra) 2011 to terzo, ho solo cercato la misu-
17.92 T. TAMGHO (FRA) 2011
ra. Non ho sparato tutto, ma or-
mai i 17.90 per me sono quasi
nella norma. Così come i re-
cord. Dopo il quarto posto nel
ITALIANO ASSOLUTO lungo, volevo riscattarmi».
L’uomo delle banlieues parigi-
Cronologia record italiano salto triplo
ne, alle spalle una storia diffici-
16.52 G. Gentile Trieste 6/7/68
le, trova anche stavolta il modo
16.74 G. Gentile Chorzow 18/8/68 di stupire. Sul gradino più alto
17.10 G. Gentile C.d. Messico 16/10/68 del podio, mentre il pubblico
17.22 G. Gentile C.d. Messico 17/10/68 canta la Marsigliese, si presen-
17.29 P. Camossi Siviglia 25/8/99
ta (senza mai toglierlo) con il
cappellino dei New York Yanke-
17.60 F. Donato Milano 7/6/00
Antonietta Di Martino dopo il es. Sempre più cavallo pazzo.
salto che le è valso l’oro REUTERS 17.73i F. DONATO PARIGI 6/3/11 Fabrizio Donato, 34 anni: ha migliorato il personale di 13 cm, rispetto al 17.60 del 7 giugno 2000 a Milano COLOMBO a.b.

LE ALTRE GARE I 60 VINTI DA OBIKWELU, LE STAFFETTISTE FIRMANO IL PRIMATO ITALIANO LA GUIDA

Di Gregorio sfiora il podio centrato da Francesca Carbo-


ne, Carla Barbarino, Patrizia
Spuri e Virna De Angeli nell’edi-
Chambers e Lemaitre sul podio dei 60
Nell’asta donne Rogowska sale: 4.85

La 4x400 quarta col record zione di Gand 2000. «Siamo ab-


bonate al quarto posto» smoc-
colano all’unisono, riferendosi
agli Europei di Barcellona. Allo-
FINALI Uomini. 60: 1. Obikwelu (Por)
6"53 (r.n.); 2. Chambers (Gb) 6"54;
3. Lemaitre (Fra) 6"58; 4. Di
Gregorio 6"59; 5. Mbandjock (Fra)
Donne. 60: 1. Povh (Ucr) 7"13; 2.
Ryemyen (Ucr) 7"15; 3. Okparaebo
(Nor) 7"20; 4. J. Williams (Gb) 7"21;
5. Stuy (Ucr) 7"21.
5 RIPRODUZIONE RISERVATA ra, al posto dell’Arcioni, c’era 6"61; 6. Mariano (Ola) 6"64. 800: 1. Zinurova (Rus) 2’00"19; 2.
Libania Grenot che, pure solle- 800: 1. Kszczot (Pol) 1’47"87; 2. Meadows (Gb) 2’00"50; 3.
Lewandowski (Pol) 1’48"23; 3. Rusanova (Rus) 2’00"80; 4. Marguet
PARIGI d Ci sono anche due citata, ha declinato l’invito. Pro- Lopez (Spa) 1’48"35; 4. Osagie (Gb) (Fra) 2’01"61; 5. Okoro (Gb) 2’02"46.
quarti posti nella giornata az- babilmente sarebbe cambiato 1’48"50; 5. Marco (Spa) 2’00"58; 3000: 1. Clitheroe (Gb) 8’56"66; 2.
zurra, entrambi da applaudire. poco: le quattro ragazze hanno Schembera (Ger) rit. Syreva (Rus) 8’56"69; 3. Chojecka
Emanuele Di Gregorio, in una fatto appieno il loro dovere. 1500: 1. Olmedo (Spa) 3’41"03; 2. (Pol) 8’58"30; 4. Abdullayeva (Aze)
Koyuncu (Tur) 3’41"18; 3. Nowicki 9’00"37; 5. Checa (Spa) 9’02"18; 6.
finale dei 60 vinta a sorpresa (Pol) 3’41"48; 4. Schlangen (Ger) Tobias (Ucr) 9’02"94.
dal redivivo Francis Obikwelu Bilancio L’Italia chiude settima 3’41"55; 5. Holusa (R.Ceca) 3’41"57; Alto: 1. Di Martino 2.01; 2. Beitia
(6"53) su Dwain Chambers e nel medagliere vinto dalla Rus- 6. Higuero (Spa) 3’42"29. (Spa) 1.96; 3. Jungmark (Sve) 1.96;
Christophe Lemaitre, chiude in sia e, con 42, ottava nella classi- Triplo: 1. Tamgho (Fra) 17.92 (r.m.); 4. Shkolina (Rus), Melfort (Fra),
un sontuoso 6"59, a 1/100 dal fica a punti (sette piazzamenti 2. Donato 17.73 (r.n.); 3. Oprea Frenkel (Isr) 1.92.
(Rom) 17.62; 4. Rapinier (Fra) 17.23; Asta: 1. Rogowska (Pol) 4.85 (r.n.);
podio (personale stagionale mi- Francis Obikwelu, 32 anni: sullo sfondo Di Gregorio e Lemaitre EPA validi). Rispetto alle ultime 5. Olsson (Sve) 17.20; 6. Moller 2. Spiegelburg (Ger) 4.75; 3.
gliorato di 3), nonostante una due edizioni, c’è un passo indie- (Dan) 16.72; 8. Greco 16.24. Gadschiew (Ger) 4.65; 4.
contrattura alla coscia destra. ero qui per vincere, tanto stavo Staffetta L’altra quarta piazza tro: a Torino 2009 i podi furo- 4x400: 1. Francia (Macedot, Djhone, Ptacnikova (R.Ceca), Nikkanen (Fin)
«L’ho avvertita intorno ai 40 bene. Sono deluso, ho buttato azzurra è della 4x400 di Giulia no sei (terzo posto) e i punti Hanne, Decimus) 3’06"17 (r.n.); 2. 4.60.
metri — spiega — in uscita dal- Arcioni, Maria Enrica Spacca, 72, a Birmingham le medaglie Gran Bretagna 3’06"46; 3. Belgio Lungo: 1. Klishina (Rus) 6.80; 2.
una medaglia». Tra le donne, 3’06"57; 4. Russia 3’06"99; 5. Gomes (Por) 6.79; 3. Pidluzhnaya
l’accelerazione. E’ un peccato, intanto, il dominio ucraino è Chiara Bazzoni e di una scate- altrettante (seconda piazza Polonia 3’09"31; Olanda sq. (Rus) 6.75; 4. Lesueur (Fra) 6.59; 5.
perché poi non ho potuto più esagerato: Olesya Povh è nata Marta Milani, capace nel grazie a tre ori) e 54. Ma per Eptathlon: 1. Krauchanka (Bie) 6282 Shutkova (Bie) 6.57.
spingere a tutta e sul traguardo finale di recuperare due posti. trovar di meglio bisogna anda- (7"09/60, 7.49/lungo, 15.04/peso, 2. 4x400: 1. Russia (Zadorina, Vdovina,
non mi sono nemmeno tuffato. d’oro, Mariya Ryemyen d’ar- Il giovane quartetto finisce alle re a Genova 1992. Per le analisi 09/alto; 8"04/60 hs, 5.20/asta, Migunova, Krasnomovets) 3’29"34;
Credo di aver centrato la più gento e Hyrstyna Stuy quinta: spalle di quelli di Russia, Gran ci sarà tempo: di certo il settore 2’39"80/1000); 2. El Fassi (Fra) 2. Gran Bretagna 3’31"36; 3. Francia
hanno tutte 23 anni e chiudo- 6237; 3. Sebrle (R.Ceca) 6178; 4. 3’32"16; 4. Italia (G. Arcioni, Spacca,
bella partenza della mia vita, Bretagna e Francia con tanto di apparso più in difficoltà è il Sintnicolaas (Ola) 6175 (r.n.); 5. Vos Bazzoni, Milani) 3’33"70 (r.n.); 5.
forse uguale solo a quella di Lei- no con tempi compresi tra il record italiano indoor: con mezzofondo. (Ola) 6020. Germania 3’33"80.
ria 2009. Non nascondo che 7"13 e il 7"21. 3’33"70 toglie 1"31 al limite a.b.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

NUOTO COPPA BREMA

Brivido Pellegrini Federica


Pellegrini, 22,

La prima
oro olimpico
200 sl ANSA

è già record
Debutta dopo il cambio tecnico e nuota i 400 sl
in vasca corta in 3’57"59: «Sono sorpresa»

GENNARO BOZZA Cipro. Una formalità? Lei stes- mali, risposta al 4’02" dell’olim- tissima, quasi Federica avesse versi sistemi di lavoro, che però
sa aveva spiegato che avrebbe pionica Rebecca Adlington. La paura di forzare, poi uno strap- non le hanno causato proble-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
Il lavoro con Lucas partecipato alla Coppa Caduti stagione dei Mondiali di Shan- po violento, come se sentisse i mi. Ora ci sono i Primaverili a
ROMA dC’era una volta un film paga: è il 7˚ tempo di di Brema solo per aiutare il suo ghai e della invocata riscossa si muscoli sciogliersi e darle una Riccione per il prossimo ritorno
western intitolato «Vado, l’am- sempre e il secondo club, l’Aniene. E invece, uno apre con un brivido caldo. forza mai avuta prima. Lei com- in Italia, preceduti però, altra
mazzo e torno». Federica Pelle- dell’anno. Al mattino schianto, record italiano 400 in menta: «Sinceramente, sono sorpresa, da un paio di settima-
grini ne fa una versione tutta vasca corta, in 3’57"59, con tan- Sorpresa A non aspettarsi un ri- stupita. Sono arrivata qui di- ne di allenamenti a Verona, co-
sua, invertendo gli ultimi due aveva vinto gli 800! ti significati: 7o crono mondiale sultato del genere è proprio lei. strutta dal lavoro svolto nell’ul- me conferma lei stessa. A Ric-
verbi: va, torna e stronca tutti. «Mi sono tornati i «all time», 2o stagionale dopo il In mattinata, nuota gli 800 in tima settimana, con carichi di cione nuoterà dai 100 agli 800
Prima gara ufficiale dopo l’arri- muscoli. Ci vediamo 3’57"07 di Katie Hoff, oro ai 8’21"24, con una netta separa- chilometri ancora molto eleva- e a seguirla ci sarà Lucas, final-
vederci all’Italia e dopo un me- Mondiali di Dubai a dicembre zione: 4’14"22 i primi 400, ti. Non mi aspettavo un 8’21" ot- mente in Italia. Stesse gare a
se di allenamenti col nuovo tec- ai Primaverili: farò 2010, primo record nazionale 4’07"02 i finali, differenza tenuto così facilmente». Ci so- Shanghai? «Non lo so ancora,
nico Philippe Lucas, fra Parigi e dai 100 agli 800» dopo il ritorno ai costumi nor- «abissale» di 7"02: partenza len- no ancora i 400 da fare e lei fre- deciderà Philippe».
na: «Non mi aspetto niente di
che. Non sono queste le gare
LA GUIDA
Scozzoli e Orsi
che sto preparando». Le ultime
parole famose. Mezzora dopo
averle pronunciate, spara il
tempone del record. E stavolta
— 6"56
MIGLIORAMENTO SUL 2010
non può far altro che spalanca- Alla Coppa Caduti di Brema 2010,
che doppiette re gli occhi: «Non è importante Federica Pellegrini aveva vinto i 400
Domina l’Aniene il record, quanto la conferma in 4’04"15. Ora, nello stesso periodo
della bontà degli allenamenti. dell’anno e nella stessa fase del
Uomini. 50 sl Orsi (FFOO Ho gestito la gara in "negative lavoro, si è migliorata di 6"56
Roma) 21"67. 100 sl Orsi 47"94. split" perché sono cosciente di
400 sl Maglia (FFGG) 3’47"14. non avere molta velocità. Tor-
1500 sl Parmigiani (Aniene)
14’39"69. 50 do Lestingi (Aniene)
24"49. 100 do Lestingi 52"65. 50
ra Scozzoli (Esercito) 27"23. 100
ra: Scozzoli ) 59"08. 50 fa Natullo
no a Parigi con ulteriori confer-
me e grande entusiasmo».

Differenze Le certezze derivano


- 1"36
SUL RECORD ITALIANO
(FFOO Roma) 23"96. 100 fa sì dal cronometro, ma anche da La Pellegrini ha migliorato di 1"36 il
Natullo 53"42. 200 mx Turrini
(Esercito) 1’58"46. 4x50 sl
altro. Come fa notare lei stessa, record italiano che apparteneva ad
Fiamme Oro Roma (Pizzamiglio, Di anche i 400 hanno una prima Alessia Filippi (a «Ballando con le
Tora, Leonardi, Orsi) 1’28"96. metà più lenta, 1’59"60 ai 200, stelle», foto IPP) in 3’59"35, bronzo
4x50 mx Fiamme Oro Roma (Di con passaggi sopra i 30" tranne agli Europei in corta di Rijeka 2008
Tora, Cassol, Natullo, Orsi) i 50 col tuffo iniziale (28"76,
1’37"25. Classifica a squadre:
Aniene 88; Fiamme Oro Roma
30"23, 30"36, 30"25), e poi lo
87.50; Esercito 74. sprint in 1’57"99 (29"31,
Donne. 50 sl Ferraioli (Esercito) 29"86, 29"91, 28"91). Notevole
25"30. 100 sl Ferraioli 54"37. la regolarità, a riprova di una
400 sl Pellegrini (Aniene) 3’57"59 lucida gestione delle energie,
(rec. it., prec. 3’59"35, Filippi, 13
dicembre 2008). 800 sl Pellegrini
una specie di macchina col «cru-
8’21"24. 50 do Gemo (Aniene) ise control» inserito. Altro
27"73. 100 do Gemo 59"26. 50 ra aspetto da considerare: fa il re-
Pietrocola (Lombardia MGM) cord nel pomeriggio, dopo aver
32"02. 100 ra Scarcella (FFGG) corso gli 800 in mattinata, quin-
1’08"06. 50 fa Di Liddo (Aniene)
26"59. 100 fa Giacchetti (Aniene)
di con fatica e tossine in corpo.
59"18. 200 mx Giacchetti 2’14"49. Un raffronto col 2010 fa capire
4x50 sl Aniene (Tecchio, Di molte cose. L’anno scorso, alla
Liddo, Gemo, Pellegrini) 1’41"73. Coppa Brema, stesso periodo
4x50 mx Aniene (Gemo, Plos, Di dell’anno, la Pellegrini nuotò
Liddo, Tecchio) 1’52"10.
Classifica a squadre: 1. Aniene
100 e 400. Su quest’ultima di-
101; Lombardia MGM 75.50; stanza ottenne 4’04"15. Ades-
Esercito 73. so, oltre 6 secondi in meno, ma
PHELPS (al.f.) Ancora due con gli 800 nelle braccia e nelle
successi per Michael Phelps (5 in gambe. Paragoni col 2010?
totale) nella giornata conclusiva
del Gp di Indianapolis (Usa, 50 m).
«Non credo se ne possano fare,
Nell’ultimo scontro diretto, i 200 ho svolto un lavoro diverso». E
misti, il 14 volte campione anche il fisico mostra differen-
olimpico respinge gli attacchi del ze: è più asciutta. «Ho lo stesso
primatista mondiale Ryan Lochte peso — spiega Federica —, ma
con il miglior crono del 2011:
1'56"88 e poi vince anche i 100 sl
ho ripreso i muscoli che avevo
in 48"89, sempre best dell’anno. prima. Sto bene e lo avverto».
Uomini: 100 sl Phelps 48"89; 200 Sta bene, nonostante gli ultimi
do Lochte 1'57"63; 1500 sl mesi non siano stati «regolari»:
Mellouli (Tun) 15'04"16; 200 mx lavoro con Stefano Morini fino
Phelps 1'56"88, Lochte 1'59"19.
Donne: 100 sl Vollmer 54"36. 800
a dicembre, con Federico Boni-
sl Sutton 8’29"20. 200 do Franklin facenti a gennaio (qualche in-
2’07"96; 200 mx Morningstar flusso positivo dovrebbe essere
(Can) 2’12"59. riconosciuto anche a lui) e con
Lucas da inizio febbraio. Tre di-
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

BASKET SERIE A, 21A GIORNATA


delle forze in campo, con la

Brava Roma
panchina lunghissima del-
l’analisi 1 l’Olimpia contro quella mini
della Virtus, orfana da metà set-
timana pure di Djedovic, con
di
LUCA CHIABOTTI Gigli ancora al 30% e sempre
senza Giachetti e Vitali). Non

Brutta Milano
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
«scoppia» sul 6-13 dopo 4’ (con
Smith ti fa tre triple di fila di Maciulis, Jaa-
ber e Hawkins), anzi è pazien-
vincere? Se te e ricuce lo strappo con le
idee che Sasa Filipovski sta ben
gioca poco... inculcando ai suoi: tanta so-

Decide Smith
stanza in difesa, ordine in attac-
Silenziosamente la Virtus è co grazie a Gordic e alla vena
arrivata da sola al quarto realizzativa di Dasic, la cui tri-
posto. Ha vinto 4 delle ultime pla sul finale del primo quarto
5 partite: unica sconfitta, al vale il primo sorpasso (18-17).
supplementare. E Roma ha Peterson deve chiamare ti-
me-out dopo 47" della successi-
battuto Milano nonostante gli
infortuni. Filipovski sembra L’americano spegne la rimonta AJ arrivata a -4 va frazione (sul 23-17 roma-
no), perché capisce che la situa-
aver trovato il modo migliore
per utilizzare Charles Smith,
35 anni: poco. Il Ragno ha
Peterson: «Colpa nostra, è andato tutto male» zione può degenerare. Tutto
ciò che ottiene è solo una squa-
segnato 18 punti in 21’ ieri (13 MARIO CANFORA play. Ma sul 63-59 avevamo 5’ dra che resta attaccata alla par-
nell’ultimo quarto), 22 tutti tita: pochino. Più uno (36-35)
nel 4o quarto in 22’ contro ROMA 80 5 R PRODUZIONE RISERVATA per ribaltare il match, invece è
andato tutto male. Cosa mi ha
per la Lottomatica al riposo lun-
Avellino. Quando è stato in go, e +13 al termine della ter-
ROMA d «Per dirla alla Mou- fatto arrabbiare di più? La man-
campo di più, alla fine si è MILANO 62 rinho rischiamo la figura del canza di riflessi nelle palle va-
za frazione (56-43), nella qua-
spento e la squadra ha perso. le Roma allunga progressiva-
(18-17, 36-35; 56-43) pirla: se non troviamo una svol- ganti». mente (ottimi Datome e
Può essere la chiave della ta sarà difficile arrivare in fina-
risalita? Dipende dai LOTTOMATICA ROMA: Washington Washington), mentre Milano
17 (6/9, 1/3), Gordic 13 (2/3, 2/2), Dato- le»: le parole pronunciate in Squilibrio Roma gioca un parti- non riesce a fare più di 8 punti
compagni. Intanto Roma (e me 12 (5/6, 0/3), Dasic 10 (2/4, 2/4), settimana dal presidente del- tone in una condizione di netta
Caserta) sono lì, in zona Crosariol 1 (0/4); Smith 18 (1/2, 4/7), (2/11 dal campo).
l’Armani Jeans, Livio Proli, ri- inferiorità (visto lo squilibrio
playoff da dove sono sparite Traore 7 (3/5), Gigli 2 (1/1, 0/1). N.e.:
Biella e Montegranaro. E’ in Carrano, Tonolli, Di Pasquale, Ian- schiano di diventare profeti- Sir Smith Negli ultimi 10’, l’uni-
corso la normalizzazione e nilli. All.: Filipovski. che. Perché la Milano vista ieri co dubbio sul risultato finale re-
Siena è sempre più prima. Chi ARMANI JEANS MILANO: Jaaber 8 a Roma è stata imbarazzante, sta la capacità romana di resi-
non si normalizza, al livello (2/4, 1/5), Hawkins 12 (3/8, 2/4), Ma- non degna dell’attuale secon- AL FORUM DI ASSAGO stere alla fatica e ai tanti falli
ciulis 15 (3/6, 1/3), Mancinelli 10 (1/1, do posto in classifica. Il tasso
che le compete, è Milano. Se 2/4), Rocca 2 (1/4); Mordente 3 (1/2 Domenica c’è sul groppone. Una tripla di
non difende è modesta. da tre), Greer 5 (2/2, 0/2), Petravi-
qualitativo doppio, rispetto al- Hawkins al 35’ e un gioco da
Peterson sta impostando un cius 2 (1/2), Pecherov 3 (0/3, 1/3), la Lottomatica, ha prodotto 62 l’All Star Game tre punti di Maciulis portano
attacco... D’Antoniano, ma se Eze 2 (1/5). N.e.: Resca, Scompa- punti (contro 80), 55 in valuta- l’Armani sul -4 (63-59), ma a
rin. All.: Peterson. zione (contro 109...) e una La serie A si ferma, domenica ricacciarla indietro ci pensa
la sua AJ non segna nei primi
7-10" dell’azione, non ci riesce ARBITRI: Paternicò, Pozzana, Ca- sciatteria tale da tutta la squa- c’è l’All Star Game al Forum di Smith, che con due triple di fila
iazza. dra che sarà difficile, per Dan Assago tra la Nazionale di e due liberi riporta Roma sul
più. Un problema acuito in
trasferta: 68 punti di media. Il NOTE - T.l.: Rom 13/22, Mil 10/14. Peterson, riuscire a risolvere il Pianigiani e i migliori stranieri +12 (71-59) a -1’59": the end.
Rimb.: Rom 36 (Dasic, Crosariol 7), rompicapo. «Colpa nostra — di- del campionato allenati da Dan E Filipovski si gode lo scherzet-
calendario superfavorevole, 7 Mil 34 (Pecherov, Maciulis 5). Ass.:
partite in casa nelle prime 11 Rom 15 (Gordic 5), Mil 10 (Maciulis,
rà il coach —, siamo partiti be- Peterson. I biglietti si possono to di Carnevale fatto al più fa-
dal suo ritorno, finirà con Jaaber 3). Progr.: 5' 9-13, 15' nissimo, e per un allenatore è comprare su ticket.it o moso ed esperto collega: «Mas-
Siena, a fine mese. Il tempo 27-24, 25' 45-41, 35' 63-56. Usc. 5 la peggior cosa. Ho fatto tanti ticketone.it. Info 02/54910. simo rispetto per lui e per Mila-
stringe per diventare una falli: Gordic 37’39" (69-59). Spetta- cambi, forse troppi, per tenere Tutte le informazioni sull’evento no, ma siamo stati più forti: e
tori 4860.
squadra scudetto. Ammesso loro sotto pressione. E ho sba- al sito www.allstargame2011.it. ora con la sosta cresceremo an-
che non sia già finito. gliato a far giocare Greer da cora».

A MONTEGRANARO DOPO IL 4-19 IN AVVIO


Roseto), la Virtus consolida il quarto po- rimette il match in discussione, sorpassa
Virtus quarta MONTEGRANARO
BOLOGNA
72
75
sto dopo tre vittorie. Per la Fabi invece è
buio pesto tra quinto stop, vicenda palas
Sassari SASSARI
PESARO
80
75
e conduce in porto una vittoria fonda-
mentale in chiave salvezza. Sassari vin-

forza, ma Ray (15-20, 35-35; 50-54)


FABI SHOES MONTEGRANARO: Cin-
e la contestazione ad Allan Ray sia pri-
ma che dopo l'errore nell'ultima azione.
«Stiamo vivendo un momento difficile ed
recupera (10-23, 36-40; 54-55)
SASSARI: Diener 12 (2/7, 2/5), Devec-
ce 80-75 e riceve il plauso del suo coach:
«Complimenti ai ragazzi per la reazio-
ne, hanno raddrizzato un match che si

la grazia ciarini 10 (5/9, 0/1), Cavaliero 11 (2/3,


1/4), Ray 11 (5/10, 0/3), Ivanov 17 (5/9,
ora è importante restare uniti — commen-
ta coach Pillastrini —. Abbiamo lottato
con il cuore recuperando anche 23 pallo-
Pesaro cade chi (0/1), White 24 (4/8, 1/2), Hunter
22 (9/13), Plisnic 10 (2/3, 2/4); Tsalda-
stava mettendo male — spiega Meo Sac-
chetti —. Dopo un primo quarto difficile,
la tripla di Diener prima dell’intervallo ci
1/2), Ford 8 (4/11); Toolson 11 (1/1, 3/5), ris (0/1, 0/2), Cittadini, B. Sacchetti (0/1
ni. Ray? E' vero che sta dando meno di ha riportato sotto, poi le tre grandi difese
Antonutti 4 (2/3, 0/2), N.e. Onganeaet, Mae- da 3), Vanuzzo 5 (0/1, 1/3), Pinton 7 (0/1,
quanto ci aspettassimo, però questo è il a fine partita ci hanno condotto al suc-
stranzi, Lupi, Canavesi, Lupetti. All. Pilla- 2/2). All.: R. Sacchetti.
momento di avere fiducia e lavorare so- cesso». Prima frazione con i biancoblu in
strini SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO: Col-
do». Entusiasta dall'altra parte coach Lar- affanno (segna solo Hunter) e Pesaro a
CANADIAN SOLAR BOLOGNA: Poeta 3 do: «Risultato importante che conferma il lins 11 (1/3, 2/7), Hackett 18 (5/6, 2/4), scappar via (4-19) sino al 10-23. La
(1/3, 0/2), Koponen 11 (3/3, 1/3), Rivers periodo positivo. Abbiamo messo in cam- Almond 19 (4/7, 3/5), Aleksandrov 11 zona adattata di Sacchetti dà qualche ri-
15 (3/4, 3/4), Sanikidze 13 (3/3, 1/2), Ho- po aggressività e carattere. Per due volte (2/2, 2/3), Cusin 9 (4/5, 0/1); Traini sultato ma Almond (3/5 dai 6.75) la batte
man 7 (3/8); Amoroso 7 (2/4, 1/2), Winston abbiamo ricacciato indietro Montegrana- (0/2), Melli 2 (1/4, 0/3), Flamini, Lideka 5 e tiene avanti i suoi. Sulla sirena Diener
9 (3/6, 1/3), Gailius 10 (1/1, 2/4). N.e. Bottio- ro ed è questo il giusto atteggiamento da (2/5). N.e.: Diaz e Bartolucci . All.: Dalmon- segna la tripla del 36-40. White sigla il
ni, Tugnoli, Marchi, Martinoni. All. Lardo avere». Koponen ed Homan, segnano te. sorpasso, inizia il punto a punto, a fine
ARBITRI: Sabetta, Begnis, Barni. 15 punti per il +6 (9-15 al 5'), poi arriva il ARBITRI: Facchini, Duranti e Pinto. terzo periodo è 54-55. La difesa sassare-
NOTE – T.l: Mont 9/12, Bol 10/13. Rimb.: massimo vantaggio con Winston (17-28 NOTE - T.l.: Sas 22/26, Pes 10/14. Rimb.: se stringe le maglie, Pesaro perde alme-
Mont 28 (Ivanov 11), Bol 32 (Sanikidze 7). al 13') . A dare la scossa è Cinciarini, poi Sas 29 (Hunter 10), Pes 35 (Cusin 7). no tre possessi, la Dinamo ne approfitta
Ass.: Mont 6 (Cinciarini 4), Bol 7 (Rivers 2). Antonutti impatta il punteggio (28-28). Ass.: Sas 12 (Diener 5), Pes 13 (Collins 6). e vince. «Eravamo pronti e preparati a
Progr.: 5' 9-15, 15' 28-28, 25' 42-46, 35' Nel terzo periodo a turno Sanikidze (mi- Progr.: 5’ 4-19, 15’ 19-27, 25’ 47-48, 35’ giocare il match, lo si è visto nelle fasi
66-75. Spett.: 2900. gliore dei suoi), Winston e Amoroso prova- 64-63. Fallo antisportivo: Hunter 3’18" iniziali e lo abbiamo fatto a lungo - dice
no ad allungare fino al +10 ma la Fabi non (4-10), Aleksandrov 22'28" (40-42). Usci- coach Luca Dalmonte -. La Dinamo però
P.S.GIORGIO (FE) – In quella che potrebbe molla e resta incollata. Nella bagarre la Vir- ti 5 falli: Hunter 38'59" (77-69). Spettato- giocava in casa e ha grande talento. Nel
essere l'ultima partita di Montegranaro a tus sbaglia la rimessa a 5" dalla fine ri 4425 per 64.027 euro. finale abbiamo commesso almeno tre er-
Porto San Giorgio (probabile trasferimen- (72-73 il punteggio) ma Ray vanifica tutto. SASSARI - La Scavolini Siviglia fa paura rori di concentrazione».
KC Rivers, 24 anni CIAMILLO to ad Ancona dopo il no dei tifosi all'idea Aaron Pettinari James White, 28 anni CIAMILLO alla Dinamo che però, dopo l’intervallo, Giovanni Dessole

NBA DOPO LA SCONFITTA A LONDRA DI TORONTO CON I NETS AL 3O SUPPLEMENTARE A-1 DONNE

La maratona di Bargnani: stravolto alla meta Umbertide vince


a Sesto: seconda
20a giornata: Bracco Sesto
stravolto — dice il Mago ne del 1˚ e del 3˚ overtime, de- pausa) che ha così infilato il 9o S.G. Liomatic Umbertide 48 51
Il Mago ritorna in — non vedo l’ora di salire sul- ciso da 8 punti filati di Ou- successo nelle ultime 11 gare, (Crippa 13); Gma Pozzuoli Job
Canada con 2 k.o. l’aereo per dormire un po’».
Ne ha ben donde. Non bastas-
tlaw, che hanno così bissato il
successo di venerdì.
mentre Miami ha perso la 4a in
fila e 5a nelle ultime 6.
Gate Napoli 53 52 (Callens 19);
Famila Schio Umana Venezia
Miami perde in casa se l’influenza che ancora lo de-
RISULTATI
93 53 (Nadalin, Macchi 16);
bilita, alle spalle ha una batta- Heat Ieri sono tornati in cam- Erg Priolo Comense 73 76
con i Bulls (4a in fila) glia che lo ha visto in campo po i Miami Heat, dopo le due Ieri: Miami-Chicago 86-87 (James 26; (Zampella 23); Agos Ducato
Rose 27).
per 51’ (dopo i 39 della sera batoste con Orlando (sprecato Sabato: New Jersey-Toronto Lucca Lavezzini Parma 55 61
d(m.o.) Il volto di Andrea Bar- prima), per giunta terminata un +24 nel 3˚ periodo) e San 137-136 d3ts (Lopez 34; Bargnani 35); (Franchini, Antibe 18);
gnani è segnato dalla fatica. con una sconfitta, dopo 3 sup- Antonio (-30). Ma le cose non Washington-Minnesota 103-96 Taranto Officine Digitali
L’azzurro sta per imbarcarsi plementari. «Abbiamo avuto sono migliorate. LeBron ha fal- (Blatche 20; Love 20); Faenza 73 55 (Dacic 18).
Houston-Indiana 112-95 (Martin 20;
sul volo che riporterà i Rap- più di una chance di portarla a lito l’ennesimo tiro della vitto- Hansbrough 17); Utah-Sacramento Classifica: Schio 36;
tors a Toronto dopo la doppia casa, davvero una gara incredi- ria (1/6 in stagione) nei secon- 109-102 dts (Jefferson 27; Thornton Umbertide 28; Sesto S.G. 26;
sfida londinese con New Jer- bile». Proprio Andrea ha falli- di finali e quello sulla sirena di 22); Portland-Charlotte 93-69 Taranto 24; Faenza, Venezia,
(Aldridge 26; Henderson 16);
sey, le prime partite di stagio- to due volte il tiro della vitto- Wade, dopo il rimbalzo offen- Clippers-Denver 100-94 (Bledsoe 20;
Como 20; Priolo, Parma 16;
ne regolare nella storia della ria, «accontentandosi» di due sivo, si è spento sul primo fer- Nene 25). Lucca 14; Napoli 8; Pozzuoli 6.
Nba giocate in Europa. «Sono tiri dalla media distanza alla fi- ro, con Chicago (sotto di 9 alla Le classifiche su Gazzetta.it. Andrea Bargnani, 25 anni REUTERS
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

La 21a giornata
RISULTATI
CANTÙ-AVELLINO 91-67
Biella
non molla
CASERTA-BRINDISI 90-76
ROMA-MILANO 80-62
BIELLA-SIENA 67-75
MONTEGRANARO-BOLOGNA 72-75
TERAMO-TREVISO
SASSARI-PESARO
VARESE-CREMONA
78-72
80-75
76-71 Siena vince
e si riposa
CLASSIFICA
SQUADRE PT G V P
SIENA 38 21 19 2
CANTÙ 30 21 15 6
MILANO 30 21 15 6
BOLOGNA
AVELLINO
24 21
22 21
12
11
9
10
L’Angelico risale da -18 a -5, poi
PESARO
CASERTA
20 21
20 21
10
10
11
11
la difesa Mps controlla il finale Ksistof Lavrinovic, 31 anni, ala lituana del Montepaschi Siena CIAMILLO
ROMA 20 21 10 11
DAL NOSTRO INVIATO periodo intensissimo tra cam- prima volta in stagione, il tec-
SASSARI 20 21 10 11
CREMONA 18 21 9 12
PAOLO BARTEZZAGHI pionato, Coppa Italia, Top 16,
giocatori da inserire e infortu-
nico cambia il quintetto e inse-
risce Chessa al posto di AJ
BIELLA 67
ni a ripetizione. Era difficile Slaughter, 1 su 11 da tre nelle
TREVISO
MONTEGRANARO 18 21
18 21 9
9
12
12
BIELLA dIn questi casi, la squa-
dra nella situazione di Biella cambiare così tanto dal Real ultime 4 partite. Parte a zona, SIENA 75
che incontra Siena potrebbe Madrid a Biella, due squadre forse memore della discreta (20-28, 34-49; 58-63)
VARESE 18 21 9 12
pensare o dire che non sono diversissime, quasi uno sport riuscita della difesa di Cantù ANGELICO BIELLA: Sosa 11 (2/6, 1/4),
BIELLA 16 21 8 13 queste la partite da vincere. In- differente. Ma solo nel terzo una settimana fa. Ma in attac- Chessa 8 (0/1, 2/3), Viggiano 12 (2/6,
BRINDISI 12 21 6 15 fatti i campioni di tutto arriva- quarto ci hanno preso il ritmo co non è Cantù. Mentre Ress 2/4), Salyers 8 (2/7, 1/5), Suton 9 (3/8,
1/1); Slaughter 12 (0/2, 3/6), Soragna
TERAMO 12 21 6 15 no alla pausa per l’All Star Ga- e non siamo riusciti a fare quel- prima e Lavrinovic dopo, tro- (0/1), Moraschini 2 (0/1), Lombardi,
me con la pronosticata vittoria lo che volevamo: controllare vano spazi e canestri. Jurak 5 (1/1, 0/1). N.e.: Danna, Cucca-
Le prime 8 ai playoff, l’ultima in LegaDue. rolo. All.: Cancellieri.
contro i giovanotti un po’ paz- difensivamente». Così, sul
zarielli di Biella che natural- +5, Biella sbatte contro la dife- Ferro Biella non arriva mai al MONTEPASCHI SIENA: Zisis 10 (1/1,
PROSSIMO TURNO 2/6), Hairston 9 (3/5, 1/2), Moss 4 (1/2,
mente perdono la settima par- sa di Siena, sbagliando molto ferro. Dopo 20’ ha 1/14 al tiro 0/2), Ress 9 (3/3, 1/3), Rakovic 4 (2/5);
Domenica 20 marzo (18.15) anche da vicino e sfarinandosi da 2. Vero è che anche Siena si
SIENA-TERAMO (17/3) tita delle ultime otto in cam- Carraretto 3 (1/2 da 3), Lavrinovic 17
PESARO-TREVISO (19/3) pionato, ma senza crollare. An- dietro, colpita da Lavrinovic. mette a zona, denudando an- (5/8, 1/2), Michelori (0/2), Jaric (0/1),
zi, recuperando da un pesante cora di più le difficoltà dell’at- Stonerook 10 (2/2, 1/4), Aradori 9
CANTÙ-CASERTA (19/3) (2/3, 1/3). N.e.: Udom. All.: Pianigiani.
CREMONA-ROMA (11.45) svantaggio di 18 punti fino a Competitività «Abbiamo recu- tacco di Biella troppo legato al-
ARBITRI: Lamonica, Sardella, Quac-
MILANO-MONTEGRANARO sbagliare più di un’occasione perato la competitività — dice l’estro di Sosa. Nel terzo quar- ci.
BOLOGNA-VARESE (anche facile) per il -3. Massimo Cancellieri — dopo to, Biella si appoggia sotto ca- NOTE - T.l.: Bie 17/25, Sie 13/16.
Charles Smith, 36 AVELLINO-BIELLA due brutte partite contro squa- nestro, e recupera in un parzia- Rimb.: Bie 32 (Suton 7), Sie 36 (Sto-
anni, ala di Roma, BRINDISI-SASSARI Calo Anche perché Siena, a un dre alla portata. Un passo in le in cui Siena tira con il 27%. nerook 9). Ass.: Bie 10 (Sosa 5), Sie
17.2 punti di media certo punto, accusa inevitabil- avanti, anche se non è da consi- Alla fine la Mens Sana perde 12 (Zisis 6). Progr.: 5’ 10-11, 15’
28-37, 25’ 44-58, 35’ 60-67. Usc.
nelle ultime 6 partite mente un calo. «Finalmente ar- derare tale». Criptico, ma in- più palloni di quante ne recu- 5f.: Salyers 39’45" (67-74). Spett.:
(4 vinte) CIAM/CAST riva un piccolo break — dice tuibile. Una sconfitta così con pera (18 a 16) e anche dell’av- 3712 per 43.411 euro.
Simone Pianigiani — dopo un Siena non è da buttare. Per la versaria (18 a 16). Una rarità.

LE ALTRE GARE BRINDISI E CREMONA K.O.

Caserta non si ferma, Varese respira, Teramo batte Treviso


CASERTA — Dura meno di un tempo la VARESE — Se un Goss da 4/5 nelle triple è TERAMO - Successo fondamentale per
CASERTA 90 resistenza di Brindisi a Caserta, tradita VARESE 76 chirurgico, non sbagliando nulla nel fina-
TERAMO 78 Teramo che supera Treviso con cuore e
BRINDISI 76 da Dixon e Roberson e piegata dalla mag- CREMONA 71 le, le giocate decisive per consentire alla TREVISO 72 freddezza, tenendo vive le speranze di
giore consistenza casertana, che chiude- Cimberio una vittoria in rimonta salvezza. La gara va avanti punto a pun-
(21-15, 52-39; 76-58) rà l’incontro con 30 dalla panchina, con- (16-19, 36-33; 50-51) (60-64 al 35’30”) sono state quelle difen- (18-16, 34-38; 60-54) to fino alla fine, con vantaggi minimi che
PEPSI CASERTA: Di Bella 12 (4/6, tro i 14 degli avversari. «Temevo i punti CIMBERIO VARESE: Rannikko 8 (0/1, sive di Kangur su Rowland (6 assist e 4 TERCAS TERAMO: Zoroski 23 (4/5, premiano la zona e il pressing di Trevi-
1/4), Bowers 16 (5/7), Ere 14 (4/8, 1/4), nelle mani dei brindisini — dice Sacripanti 2/3), Goss 20 (3/7, 4/5), Kangur 12 (1/4, recuperi). E proprio da uno stop di Kan- 3/8), Diener 25 (4/5, 4/12), Boscagin 3 so nel 2o quarto, in cui la Tercas perde
Williams 8 (2/3), Jones 10 (3/6, 1/2); — ma abbiamo attaccato bene la zona 1/3), Slay 20 (7/11, 0/3), Fajardo 1 (0/5, gur è partito il 16-6 con cui Varese ha ag- (1/1), Davis 10 (2/3, 2/6), Fletcher 9 troppi palloni e soffre Motiejunas, e il
Martin 8 (3/4), Colussi 14 (1/1, 2/4), Kosza- 3-2, giocando un buon basket. Sono con- 0/1); Stipcevic 7 (1/2, 1/1), Righetti 8 (1/2, guantato Cremona a 18 punti in classifica. (4/9); Fultz 3 (0/2, 1/3), Lulli, De La Fuente cambio di ritmo attuato da Zoroski e Die-
rek 2 (1//1), Garri 2 (1/3), Marzaioli 2 (1/2), tento per il contributo della panchina». 2/5), Galanda (0/1 da 3), Mian 2 (0/1 da 3). A Mahoric non è bastato un Drozdov da 5 (1/2, 0/1), Young (0/1), Polonara (0/1 da ner nella ripresa, in cui i biancorossi an-
«La partita si è decisa nel 2o quarto - N.e.: Ryan, Demartini e Bernardi. All.: Re- 6/7 dalla distanza, gran protagonista a nullano il gap a rimbalzo (14-4 per i verdi
Cefarelli, Porfido 2 (1/1). All.: Sacripanti. 3). N.e.: Martelli, Rullo. All.: Ramagli.
replica Bechi - il nostro piano partita era calcati. cavallo tra il 3o e l’ultimo quarto con 4 tri- dopo 10’, 33-33 alla fine) e aumentano
ENEL BRINDISI: Lang 17 (7/12), Rober- di limitare Caserta in attacco, ma c’è sta- ple consecutive e una 5a impossibile da 9 BENETTON TREVISO: Markovic 4 l’aggressivià in difesa. Si arriva agli ultimi
VANOLI BRAGA CREMONA: Rowland
son 3 (0/2, 1/5), Dixon 7 (2/3, 1/3), ta differenza di impatto e di intensità, gio- metri per rimettere avanti una Vanoli che (2/3, 0/3), Gentile 11 (3/4, 1/1), Smith 16 2’ in parità, nei possessi chiave Tera-
14 (4/6, 2/5), Foster 12 (2/2, 2/5),
Diawara 22 (8/12, 2/6), Toure 13 (4/4, chiamo a sprazzi, a folate. Per vincere in avvio di ripresa aveva sofferto Slay. Il (7/10, 0/7), Motiejunas 13 (4/7), Skin- mo è più fredda e s’impone non sba-
Drozdov 20 (1/4, 6/7), Milic 11 (5/10),
1/1); Giovacchini 6 (3/4, 0/1), Infante 2 (1/1, serve continutà». La Pepsi stacca pre- centro aveva approfittato di uno spento ner 10 (4/8); Bulleri 10 (2/4, 2/3), Peric 2 gliando mai dalla lunetta e difendendo al-
Sekulic (0/7); Perkovic 14 (2/5, 2/4), D’Er-
0/1), Maresca 4 (1/2, 0/4), Gallea 2 (1/1). sto con una tripla di Ere (16-13 al 7’). Poi Sekulic (0/7) per tenere a galla la Cimbe- (1/2, 0/1), Brunner 6 (3/6). N.e.: D.Repesa, la perfezione. Repesa è telegrafico: «Ci
cole (0/1 da 3), Antonelli (0/1 da 3), For-
N.e.: Vorzillo. All.: Bechi. Colussi (14 punti e 21 di valutazione) sca- rio, con i play Stipcevic e Rannikko, Cazzolato, Quarisa, Wojciechovski. All.: hanno condannato gli errori del 2o
menti (0/1 da 3). N.e.: Cinciarini, Conti,
ARBITRI: Sahin, Seghetti, Weidman. va il primo solco (52-39 al 20’). Dopo che hanno giocato spesso assieme (10 as- J.Repesa. tempo, in particolare le scelte sbagliate
Zacchetti. All.: Mahoric.
NOTE - T.l.: Caserta 23/27, Brindisi 7/9. l’intervallo Brindisi in 100" recupera 7 ARBITRI: Mattioli, Taurino e Capurro. sist in due), trovando il modo di innescar- ARBITRI: Cicoria, Tola, Biggi. nei minuti finali». Ramagli è soddisfatto
Rimbalzi: Cas 37 (Jones 11), Bri 29 (Lang punti fino al 52-46, la replica della Pepsi NOTE – T.l. Var 20/26, Cre 7/12. Rimb.: lo al meglio. Nel finale Rowland rimetteva NOTE - T.l. Ter 16/22, Tre 11/13. Rimb.: ma realista: «Non avevamo più occasioni
11). Assist: Cas 14 (Di Bella 4), Bri 8 (Infan- è un 7-2 firmato Di Bella (59-48). Caserta Var 39 (Fajardo, Slay 9), Cre 32 (Sekulic in affanno Varese finché Kangur non alza- Ter 33 (Davis 11), Tre 33 (Skinner 6). da lasciar scappare, la gara si è messa
te 3). Progressione: 5’ 9-10, 15’ 38-26, allunga fino a +20 (76-56) segnato da 8). Ass.: Var 14 (Ranniko 6), Cre 13 (Row- va il livello della difesa e Goss metteva i Ass.: Ter 16 (Zoroski 5), Tre 9 (Peric 4). sui binari che volevamo e siamo stati bra-
25’ 64-52, 35’ 83-66. Spett. 3365 per Bowers al 28’. Il match finisce lì. land 6). Progr.: 5’ 5-5, 15’ 18-19, 25’ 40-41, punti della sicurezza. Progr.: 5’ 8-6, 15’ 23-27, 25’ 47-45, 35’ vi a farla nostra con intensità e cuore».
27.363 euro. Lucio Bernardo 35’ 60-64. Spett. 3676 per 48.141 euro. Antonio Franzi 67-63. Spett. 2929. Paolo Cianci

LEGADUE f LA 22 A
GIORNATA: CADONO VENEZIA E UDINE, IN CODA VINCE FORLÌ GLI ANTICIPI
VENEZIA 60 SCAFATI 95 CASALPUSTERLENGO 78 REGGIO EMILIA 68 VEROLI 94 BARCELLONA 88 CLASSIFICA Bene Imola
SQUADRE PT G V P
RIMINI 62 FERRARA 75 FORLI’ 86 UDINE 61 CASALE MONFER. 83 JESI 65 VENEZIA 32 22 16 6 e San Severo
UDINE 30 22 15 7
(22-22,31-31; 52-42) (30-17, 54-43; 79-62) (21-20, 41-43; 59-72) (12-19, 32-25; 47-45) (23-19, 51-31; 76-47) (24-16, 46-34; 72-50)
CASALE MONFERRATO 30 22 15 7 Così i due anticipi
BARCELLONA* 29 22 15 7
UMANA VENEZIA: Clark 5 SUNRISE SCAFATI: Levin 4 ASSIGECO BPL CASALPU- TRENKWALDER REGGIO EMI- PRIMA VEROLI: Penn 3 (0/1, SIGMA BARCELLONA: Cri- RIMINI 28 22 14 8 della 22a giornata di
(1/5, 1/5), Allegretti 14 (2/3, (1/1, 0/1), Hunter 15 (4/5, 1/2), STERLENGO: Bertolazzi 10 LIA: Bell 5 (1/5, 1/5), Robinson 1/3), Jackson 15 (5/8, 1/2), Ros- spin 21 (6/10, 3/5), Hicks 25 SCAFATI 28 22 14 8 LegaDue. Venerdì:
2/4), Slay 28 (10/12, 1/5), Di Davis 28 (7/12, 4/5), Radulo- (0/3, 2/3), Marigney 26 (9/11, 28 (10/16, 1/4),Valenti 11 (3/8), selli 21 (7/7, 0/1), Gatto 19 (4/8, (8/12, 1/3), Bucci 4 (0/4, 0/2), VEROLI 26 22 13 9
Giuliomaria 3 (1/1, 0/1), Young vic 24 (5/9, 4/6), Baldassarre 2/5), Cerella 6 (3/8, 0/1), Slanina 2 (1/2, 0/3), Chiacig 5 1/1), Brkic 16 (2/7, 2/2), Kavaliau- Ghacci 13 (4/6, 1/2), Achara 4 IMOLA 22 22 11 11 San Severo Pistoia
8 (2/10, 0/3); Causin 1, Meini 8 (4/7); Casini 8 (4/5, 0/1), Amo- Boykin 12 (5/8), Ezugwu 5 (2/6); Frassineti 14 (3/4, 2/2), skas 14 (6/8), Iannone, Binetti 2 (2/4); Mocavero 8 (3/7), Da Ros JESI 20 22 10 12 78 75. Sabato:
(0/1, 0/2), Maestrello (0/3 da 3), ni 6 (0/2, 2/4), Avanzini 2 (1/1), Ca- (2/4); Simoncelli 9 (3/5, 0/3), Frosini 1 (0/3), Viglianisi 2 (1/1), (1/1, 0/2), Rossetti 4 (2/3, 0/2). All. 4 (2/2), Sorrentino 2 (1/3, 0/1), PISTOIA 20 22 10 12
vallaro, Livera. All.: Griccioli. Chiumenti 4 (2/2), Venuto 2 (1/2, Pini. All.: Frates. Cavina. FERRARA 18 22 9 13 Verona Imola 82 93.
Ceron (0/1), Bryan 1 (0/1). N.e.: Bonessio, Cardinali 6 (0/2, 2/3),
Pagotto, Jovancic. All.: Mazzon. NATURHOUSE FERRARA: 0/1), Banti 2 (0/1). All.: Sacco SNAIDERO UDINE: Williams 7 FASTWEB CASALE MONFER- Crisafulli 1. All.:Pancotto.
CASALPUSTERLENGO 16 22 8 14 IN SPAGNA (pe.m.)
Boyette 11 (3/4, 1/3), Hoover MARCOPOLOSHOP.IT FOR- (0/3, 0/3), Mathis 6 (2/4, 0/1), RATO: Hickman 27 (1/1, 5/8), VERONA 16 22 8 14
SPIGA RIMINI: Lollis 10 (5/9), FILENI BPA JESI: Pecile 18 REGGIO EMILIA 14 22 7 15 Dopo 21 vittorie in fila
11 (2/2, 1/3), Ndoja 14 (1/4, LI': Nardi 11 (1/8, 2/5), Gold- Harrison 21 (4/7, 4/7), Dordei Nnamaka 1 (0/1 da 3), Taylor 9
Tomassini 5 (1/2, 1/4), Filloy
4/8), Mazzola 17 (8/11), Kotti 8 wire 14 (2/6, 1/3), Huff 17 (6/6, 13 (5/10, 0/2), Lee 12 (5/8); (3/7, 1/4), Fantoni 14 (4/7), Fer-
(5/11, 0/4), Elder 9 (1/4, 2/3), SAN SEVERO 12 22 6 16 (Eurolega e Liga), il
11 (3/7, 1/2), Gurini 4 (2/2, 0/1), Migliori 10 (1/3, 1/4), Tusek 10 FORLÌ 10 22 5 17
Vukcevic 12 (1/3, 4/8); Foiera
(4/7); Brandani (0/1 da 3), Cour- 1/4), Jones 17 (5/11, 2/2), Polet- Truccolo (0/3 da 3), Rinaldi 2 rero 12 (4/5, 0/3), Malaventura
(4/7, 0/1), Maggioli 7 (2/8, 1/2); * penalizzazione 1 Barça cade a
nooh 6 (2/4, 0/3), Gamal 8 (2/4, ti 17 (7/10, 1/1); Borsato 5 (1/2, (1/5), Prandin (0/3 da 3), Pasco- (0/3, 0/2), Gentile 10 (2/2, 2/3), Pie- Fuenlabrada. Così la
6 (3/3), Metreveli 4 (2/2), Piazza Rossi, Nocedal 7 (1/1, 0/3), Ta-
1/1). All.: Martellossi. 1/2), Ranuzzi 5 (1/2, 1/1), Campani. lo. All.: Garelli. rich 2 (1/2, 0/2), Masciadri 4 (2/2,
4 (2/6, 0/2), Roderick 6 (3/8,
ARBITRI: Calbucci, Moretti, All.: Vucinic ARBITRI: Pascotto, Ciano e 0/1), Chiotti 4 (2/2). All. Crespi.
gliabue, Santiangeli 4, Rossi. Prossimo turno (13/3): 23a: Fuenlabrada
0/2). N.e.: Gasparin. All.: Caja. N.e.: Pergolini. All.: Cioppi. Udine Verona (11/3);
Quarta. ARBITRI: Ursi, Castelluccio, Ber- Cappello ARBITRI: Di Modica, Caroli e Barcellona 69 66;
ARBITRI: Provini, Bartoli e Ra- ARBITRI: Pasetto, Paronelli,
NOTE - T.l.: Sca 10/10 Fer 10/13. telli NOTE - T.l.: RE 14/19, Udi 15/20. Mazzoni. Rimini Veroli (11/3) Valencia Valladolid
naudo. Rimb.: Sca 32 (Davis 7), Fer 22 NOTE - T.l.: Cas 16/20, For 13/24. Rimb.: RE 41 (3 con 8), Udi 32 NOTE – T.l.: Ver 23/25, Cas Morelli.
NOTE - T.l.: Ven 16/20, Rim 5/11; (4 con 4). Ass.: Sca 14 (4 con 2), Rimb.: Cas 32 (Boykin 10), For 38 (Dordei 12). Ass.: RE 5 (Slanina 21/28. Rimb.: Ver 29 (Gatto 9), NOTE - T.l.: Bar 15/20, Jesi Ferrara R.Emilia; Imola 68 64; Vitoria
Rimb.: Ven 45 (Slay 10), Rim 29 Fer 18 (Hoover, Boyette 5). Usc. (Poletti 13). Ass.: Cas 11 (Mari- 3), Udi 5 (Williams 4). Usc 5f.: Cas 22 (Fantoni 5). Ass.: Ver 12 25/31. Rimb.: Bar 39 (Achara 8), Venezia; Pistoia Scafati; Saragozza 79 61.
(Metreveli 6). Ass.: Ven 7 (Clark 5f.: Amoni 36’03" (88-66). Pro- gney, Cerella 4), For 11 (Nardi 5). Lee 38’04" (60-55), Valenti (4 Penn), Cas 6 (Hickman 4). Pro- Jesi 34 (Tusek 8); Ass.: Bar 14 Forlì Barcellona; Casale
4), Rim 16 (Vukcevic 4). Progr.: gr.: 5’ 11-12, 15’ 37-32, 25’ Progr.: 5' 8-13, 15' 29-32, 25' 38’22" (61-55), Frosini 38’34" gr.: 5' 12-8, 15' 33-26, 25' 65-38', (Crispin 7), Jesi 6 (Pecile 4). Pro-
Class.: Barça 19 4;
5’ 10-9, 15’ 24-24, 25’ 41-40, 35’ 62-53, 35’ 86-64. Spett. 1800 51-58, 35' 70-76. Usc.5f.: Cerella (61-56). Spett. 2339 per 22.965 35' 84-62. Spet.: 1978. gr. 5’ 13-11, 15’ 36-23,30’ 72-50, Monferrato S. Severo; Real Madrid, 18 5.
56-53. Spett. 3000. (m.c.) (m.d.c.) 39'. Spett. 600 circa. (Lu.Ma.) euro. (d.b.) (Al.Bi.) 35’ 80-54. Spet.: 2800. (m.i.) Jesi Casalpusterlengo.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT

TIRO A SEGNO EUROPEI 10 M A BRESCIA


w
il 23nne azzurro campione del

Campriani
LA FINALE ORO ALL’UNGHERESE SIDI
mondo, gli ha detto, testuale:
«Se vuole venirci a vedere an-
che all’Olimpiade di Londra, I NUMERI
noi ne saremmo felici».

2
Spagnoli La giornata al tiro a se-

Gioia di bronzo
gno era cominciata in mattina-
ta, pochi minuti dopo le 11,
quando è entrato nel padiglio- Medaglie
ne della Fiera di Brescia, ac- europee
compagnato da Vladimir Lisin, di Campriani
suo amico personale e presi- che nel 2009 a

davanti al re
dente della Confederazione Praga fu oro e
Europea. Il magnate russo, in- ieri bronzo. E’ L’ungherese Peter Sidi, oro nella carabina 10 m CALABRO’
sieme a Ernfried Obrist, presi- anche iridato in
dente dell’Unione Italiana tiro carica a 10 m
a segno, e Luciano Rossi, suo
corrispettivo della federtiro a Nic ammette
Rimonta dell’azzurro da 8˚ a 3˚nella finale della
5
volo, gli ha illustrato impianto

carabina. E Juan Carlos di Spagna si complimenta


e manifestazione. Quindi il re
spagnolo, doppiopetto blu con
bottoni dorati, cravatta color Titoli
«Che panico»
mattone con cavallini azzurri Europei
su camicia a righine celesti, ha di Sidi Campriani salva il medagliere
voluto andare nello spogliato-
io della squadra spagnola.
che ha anche 2
argenti e un
italiano: «Patita la gara in casa»
«Con la squadra olimpica sia- bronzo. Ha vinto 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
mo abituati alle sue visite – ha un Mondiale (tre
raccontato la tiratrice di pisto- posizioni) BRESCIA d«Il tifo è bellissimo, ma va bene per il
la Pilar Fernandez – ma quan- basket, dove serve l’adrenalina. Per noi può es-
do ci avevano detto che sareb- sere controproducente». Dice così Niccolò Cam-

3
priani, dopo il bronzo che ha salvato il medaglie-
re azzurro all’Europeo. «Ho sofferto la gara in
Italia. Ho avuto crisi di panico, le pulsazioni au-
La visita del re Sport mentavano da paura». Eppure non si sarebbe
avrebbe dovuto praticati da detto: prime 5 serie, 50 tiri, altrettanti 10, tota-
esaurirsi al mattino Sidi: tiro a le 500. Nic era primo, da solo. Nell’ultima serie
ma Juan Carlos si è segno, però ha fatto quattro 9. «Avevo finito le energie
motociclismo mentali». E ciò nonostante è rimasto primo, in
appassionato alla nei campionati coabitazione con altri 4. Ma non è tutto. Nel pri-
gara ed è rimasto nazionali mo colpo di finale ha fatto 9.1. Lontanissimo
ungheresi e il dagli standard degli altri. In realtà si tratta di
paracadutismo millimetri, ma per questi campioni è un’enormi-
be venuto qui non ci pareva tà. «E’ come sbagliare una vacca in un corrido-
possibile». io», avrebbe affermato un tecnico azzurro. Da
primo Nic è finito ottavo, ultimo tra i finalisti.
Tifoso azzurro Juan Carlos, ap- Da lì però ha tenuto la media del 10.3, ed è risali-
passionato di tiro e di caccia, to. Sidi e Sokolov erano imprendibili, ma a un
ha assistito alla finale della pi- colpo dalla fine l’azzurro era terzo, con 3 decimi
stola donne. E al termine ha di punto sul francese Piasecki. Ultimo tiro: Pia-
premiato la vincitrice, la picco- secki 10.5, Campriani 10.5: bronzo.
la francese Celine Goberville. m.sal.
Oltre alla medaglia d’oro, Uomini, carabina: 1. Sidi (Ung) 698.7 (596+102.7); 2. Soko-
omaggiata di un dono persona- lov (Rus) 698.4 (595+103.4); 3. Campriani 697.5
le del sovrano, un braccialetto (596+101.5); 28. De Nicolo 592; 60. Sommaruga 585. Squa-
d’argento con scene di caccia. dre: Ucraina 1780; 2. Francia 1779; 3. Ungheria 1779. Pistola
Un’altra copia del quale, il re donne: 1. Goberville (Fra) 485.8 (389+96.8); 2. Chaika (Bie)
l’avrebbe poi donata in serata 485 (388+97); 3. Kostevych (Ucr) 483.6 (386+97.6); 19. Co-
a Peter Sidi, l’ungherese cam- mi 379, 39. Suppo 375; 55. Chiaberto 369. Squadre: Serbia
L’azzurro Niccolò Campriani, 23 anni, premiato sul podio da Juan Carlos di Borbone, re di Spagna CALABRO’ pione d’Europa della carabina, 1150; 2. Bielorussia 1148; Francia 1141.
la prova in cui Campriani è arri-
DAL NOSTRO INVIATO ropeo di tiro a segno 10 m. Ma vato terzo. La visita di Juan
MARIO SALVINI quel che non avrebbe mai potu-
IL MEDAGLIERE Carlos avrebbe dovuto esaurir- 1862: IL TIRO DI GARIBALDI
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
to immaginare, Nic, è ciò che si al mattino. Invece dev’esser-
Nazione Oro Argento Bronzo Il tiro a segno ha
ha fatto subito dopo. Cioè avvi- si appassionato, perché al po-
Francia 2 1 1
BRESCIAdNiccolò Campriani è cinarsi alla tribuna delle autori- meriggio è tornato e sull’onda 150 anni come
Serbia 1 2 1
tà e allungare la mano all’ospi- degli oltre 1500 spettatori del- l’Unità d’Italia.
uscito dalla linea di tiro senza Ucraina 1 - 3
te d’onore, il re di Spagna, la final hall, tutti molto di par- Fu istituito per
rimpianti, come aveva sperato Ungheria 1 - 1
decreto da Vitto-
Juan Carlos. Che gli ha fatto i te, ha finito per appassionarsi
con tutte le sue forze. Ha esul- complimenti. «Questo giochi- Russia 1 1 -
alle vicende di Campriani e per rio Emanuele II il
tato stringendo e scuotendo il no funziona così – gli ha spiega- Germania 1 - -
entusiasmarsi per la sua rimon- 1˚ aprile 1861.
pugno destro, roba forte in un to Campriani – fino all’ultimo Bielorussia - 2 -
ta, da ottavo a terzo. E per stu- Qui un bersaglio
mondo di automi controllatis- non si sa mai veramente come Finlandia - 1 -
pirsi delle sue parole: «A ogni colpito da Gari-
simi. E’ uscito medaglia di va a finire». Juan Carlos lo ha ITALIA - - 1
tiro si può ribaltare la situazio- baldi a Milano il
bronzo, unico podio per l’Italia ascoltato con un sorriso un po’ ne – gli ha detto l’azzurro – è 22 marzo 1862.
che ha organizzato questo Eu- ammirato e un po’ stupito. Poi, così che noi ci sentiamo vivi».
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R #

SCI NORDICO MONDIALI A OSLO


DAL NOSTRO INVIATO
STEFANO ARCOBELLI
y
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

HOLMEKOLLEN (Nor) dNon è finita


800.000 Argento
alla
com’era cominciata, per noi:
con l’argento sprint di Arianna
Spettatori Russia
Follis seguito dal salto d’argen-
to di Elena Runggaldier. Non è
calato il sipario sui Mondiali di RISULTATI
sci nordico, ma sul vero Festi- 50 km tl in
val dello sci in Norvegia, 20 me- linea uomini:
daglie e quasi 800 mila spetta- 1. Petter
tori portati sulla Collina e rima- Northug (Nor)
sti di notte nelle tende, al gelo, 2h08’09"0; 2.
pur di non perdersi l’ultimo so- Maxim
lenne atto, la 50 km a skating Vyleghzanin
in linea, naturalmente vinta da (Rus) a 1"7; 3.
Petter Northug. Un portento Tord Asle
che si fa beffe dei rivali (ha Gjerdalen (Nor)
ri-battuto in volata il russo Vy- a 6"3; 4. Roethe
leghzanin come in combinata, (Nor) a 8"0; 5.
e s’è fatto seguire sul podio dal Harvey (Can) a
compagno Gjerdalen, che pri- 8"2 (ff); 6.
ma dei Mondiali non aveva ne- Angerer (Ger) a
anche il posto sicuro in staffet- 8"2; 7.
ta). Rickardsson
(Sve) a 8"5; 8.
Dieci Un ragazzo esuberante Lallukka (Fin) a
che sta oscurando persino il 10"4; 9. DI
vecchio dio del fondo, Bjoern Petter Northug, 25 anni, affronta una salita del percorso della 50 km sospinto dal tifo di migliaia di spettatori: il festival del fondo REUTERS CENTA a 24"9;
Daehlie, nelle cui stagioni non 10. Dolidovich
c’erano le sprint e a Falun nel non rende giustizia all’azzurro (Bie) a 26"9; 11. dopo aver preso più volte la te-

Ori e passione
’93 si fermò a 3 ori e un bronzo: che in questa stagione, tra Cop- Eliassen (Nor) a sta della gara e partecipato ai
superman Northug sbanca con pa e Mondiali, ha preso coscien- 27"9; 12. cambi davanti nel gruppo. Al-
3 ori e 2 argenti costruiti con za di poter lottare per le meda- Chernousov l’olimpionico sappadino sono
quel mulinare di braccia allena- glie. «Ero partito deciso: o tut- (Rus) a 31"5; 13. mancati gli ultimi 10 km: «Sia-
te anche con una macchina ita- to o niente. Peccato, ma ho go- Bauer (R.Cec) a mo arrivati tutti provati, davve-

Estasi Northug
liana chiamata Ercolina; e altre duto a vivere una gara così». 32"1; 14. ro non c’era possibilità di fare
cinque medaglie (4-1) sono al Soedergren un’azione di forza, perciò non
collo di Marit Bjorgen, con la Dicentino leone Nel 9˚ posto di (Sve) a 32"5; potevo seguire Clara, al massi-
quale Petter fa il giro d’onore Giorgio Di Centa, olimpionico 15. Hellner (Sve) mo potevo tamponare, ho pen-
del Tempio: coppia reale sulla di questa specialità a Torino e a 38"4 (ff); 16. sato "poi ci massacrano"».

nel Tempio
neve davanti ai reali veri, quel- già 2˚ nel 2006 su questa pista Olsson (Sve) a
li norvegesi e quelli svedesi, sa- tremenda e leggendaria, c’è tut- 38"4; 17. In testa Un’atmosfera unica cui
liti sulla Collina per rovinare la to l’orgoglio italiano. Spossato Babikov (Can) a ha partecipato anche il quarto
festa con gli Hellner e rimasti a e neanche felice per il piazza- 50"2; 18. moschettiere Thomas Moriggl,
guardare il tripudio dei norge mento: «Alla fine i muscoli era- Reichelt (Ger) a transitato in testa al 25˚ km.

del fondo
raccogliendo un 7˚ posto con no secchi, vuoti e gli antibiotici 1’22"2; 19. «Gareggiare nel bosco con tut-
Rickardsson illusosi nel finale alla lunga mi hanno pesato: ho PILLER ta quella gente è l’esperienza
insieme a Lallukka. lottato nel gruppo di testa fino COTTRER a più emozionante. Sì, anch’io
alla fine grazie al mestiere, al- 1’22"5; 20. nell’ultimo giro ero secco». Ar-
Ritmo Hellner aveva comincia- l’esperienza, alla lucidità men- Cologna (Svi) a riverà 21˚. Il Tempio celebra i
1’49"7; 21.
to troppo presto, intorno al 30˚
km, a forzare il ritmo, esatta- Nella 50 km tl vince la terza gara in un tale, ma all’ingresso dello sta-
dio non ne avevo più, in futuro MORIGGL a
2’09"6; 28.
suoi discepoli in un’apoteosi di
colori e passione. Una fiumana
mente come aveva tentato Ro- devo solo pensare a una 50 km, d’oro assordante e ordinata
land Clara al 18˚ chiedendo a
Pietro Piller Cottrer di seguirlo
mare di folla e bandiere. Di Centa 9o con 3 gare sono troppe a 39 anni»,
ammetterà il biolimpionico.
CLARA a 3’51"8 scende verso Oslo, mentre la
bandiera è consegnata a
per una fuga temeraria durata
comunque 3 chilometri. La spe-
orgoglio, ma per l’Italia è un Mondiale flop Ed anche Piller cercava «qual-
cosa di più profondo» da que-
Fiemme 2013, dove l’Italia di
Fauner dovrà trovare «nuove
ranza Rollo rientrava amara- sta gara che nel 1997 lo rivelò forze» per difendersi da quelli
mente nei ranghi dopo aver pu- al mondo con un trionfo memo- come Northug. Dopo Vancou-
re coperto un altro assalto sve- rabile, e che adesso lo vede ver, pure Holmenkollen è triste
dese: quel 28˚ posto a quasi 4’ uscire con un 19˚ posto a 1’22" per noi.

SCI COPPA DEL MONDO: SLALOM UOMINI A KRANJSKA GORA E DISCESA DONNE A TARVISIO LA GUIDA

All’inferno e ritorno, Matt centra il bis Razzoli va


ancora fuori
Fanchini 14ª
ma pare avere paura di perdere
A inizio stagione partiva col 50, raddoppia quella sfera di cristallo che è co- SLALOM UOMINI (Kranjska Gora): 1.
dopo Bansko, Moelgg 5˚, Deville nono munque saldamente nelle sue
mani. Ha davanti una settima-
Matt (Aut) 1’49"14; 2. Kasper (Usa) e
Baeck (Sve) a 9/100; 4. Myhrer (Sve)
La Vonn trionfa e vince la 3ª coppetta na di prove veloci a Kvittfjell in 35/100; 5. Moelgg 79/100; 6.
Valencic (Slo) 1"00; 7. Vogel (Svi)
cui può solo perdere nei con- 1"32; 8. Missillier (Fra) 1"34; 9.
DAL NOSTRO INVIATO dio e non ce l’hanno fatta per fronti di Cuche e Svindal e a Deville 1"41; 10. Hargin (Sve) 1"42.
PIERANGELO MOLINARO poco. Quinto Manfred Moelgg, Kranjska Gora ha sprecato l’oc- Rit. I manche: Razzoli, Gross, Nani.
sempre più in forma, e nono Cri- casione di portare a oltre 500 Non qual. Thaler. Squal. I m.: Grange
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
stian Deville. Fuori ancora una punti il suo margine di sicurez- (Fra). Rit. II m.: Herbst (Aut). Squal. II
m.: Kostelic (Cro).
volta Giuliano Razzoli, che scia za.
KRANJSKA GORA (Slovenia) dMario Coppa del Mondo (29): 1. Kostelic
Matt, il resuscitato. Dopo due col terrore di sbagliare negli oc- (Cro) 1307; 2. Cuche (Svi) 725; 3.
chi. Al primo sussulto si irrigidi- Donne Intanto a Tarvisio Lind- Svindal (Nor) 722; 9. Innerhofer 533.
titoli mondiali, a 31 anni pare- sey Vonn ha vinto il superG da- Slalom (9): 1. Kostelic (Cro) 478; 2.
va finito. Ha iniziato la stagio- sce e il patatrac è fatto. Però si
vanti all’odiata compagna Julia Grange (Fra) 442; 3. Myhrer (Sve)
ne partendo col numero 50, cur- va verso lo slalom delle finali 383; 6. Moelgg 269.
della Coppa a Lenzerheide con Mancuso e alla tedesca Maria
vando nelle buche, è risalito e Riesch e si porta a casa anche la SUPERG DONNE (Tarvisio): 1. Vonn
ieri a Kranjska Gora ha vinto il la certezza di avere due uomini (Usa) 1’21"75; 2. Mancuso (Usa) a
che possono sempre colpire, coppetta di specialità, la terza 23/100; 3. M. Riesch (Ger) 50/100; 4.
secondo slalom consecutivo do- Mario Matt, 31 anni, ha vinto 13 slalom e una combinata in Coppa AP in tre giorni. La tedesca cerca di
che sciano a livello dei migliori Ross (Usa) 70/100; 5. Paerson (Sve)
po Bansko. E’ la dimostrazione resistere, ma il suo vantaggio 72/100; 6. Goergl (Aut) 76/100; 7.
vivente che non bisogna mai di- e che vantano al momento un Maze (Slo) 78/100; 8. Rebensburg
tore di una discesa senza strap- primo tracciato Ivica ha sciato nella classifica generale iridata
sperare, che quando ci si allena credito con la fortuna. (Ger) 80/100; 9. Ruiz Castillo (Spa)
pi, ma con quella continuità di con circospezione classifican- è di soli 96 punti, con 6 gare an-
e si sistema la tecnica nessuna 95/100; 10. Suter (Svi) 96/100; 14. E.
azione che già gli aveva permes- dosi solo undicesimo. E’ in calo cora davanti. Potrà cercare di ri- Fanchini 1"25; 15. Schnarf 1"28; 19.
risalita è impossibile. Ieri sulla Duello Lo slalom di Kranjska Go- so di salire a Garmisch sul po- di forma e lo si è visto nella se- prendere il largo il prossimo fi- E. Curtoni 1"61; 25. Stuffer 1"95; 30.
mitica pista slovena ha messo ra è stato un duello all’ultimo dio mondiale. Ma in questa pri- conda manche quando ha infor- ne settimana nelle prove tecni- Marsaglia 2"40; 33. Merighetti 2"54;
in fila due ragazzini terribili ap- sangue. Nella prima manche lo ma discesa ha impressionato cato buttando al vento la possi- che di Splinderuv Mlyn, nella 42. Cipriani 3"44; 44. Borsotti 3"55;
paiati al secondo posto, lo sve- svedese Axel Baeck, al via con il Deville, sesto solo per un errore bilità di fare sua la coppa di sla- Repubblica Ceca, sennò le fina- 46. Mazzotti 3"79.
dese Axel Baeck e lo statuniten- 17, ha messo a sorpresa in fila sul muro finale, prima aveva at- lom vista la squalifica di Gran- li rischiano di essere per lei una Coppa (29): 1. M. Riesch (Ger) 1676;
se Nolan Kasper. tutti con una sciata leggera e 2. Vonn (Usa) 1580; 3. Maze (Slo) e
tuato cambi di ritmo come nes- ge. Non è nella condizione di- graticola. Migliore delle azzur- Goergl (Aut) 893; 19. Merighetti 327.
acrobatica che ha ricordato tan- sun altro nel labirinto di pali si- rompente di gennaio, quando re ieri Elena Fanchini, quattor- SuperG: 1. Vonn 560; 2. M. Riesch
Certezza Una gara difficile e te- to quella dell’amico Byggmark. stemato da papà Kostelic. spazzolava tutti con una facili- dicesima, mentre Lucia Mazzot- 389; 3. Mancuso (Usa) 315; 11.
sa, in cui gli azzurri alla fine Si è messo alle spalle di un solo tà incredibile. Ha un problema ti sulla pista di casa ha dato l’ad- Schnarf 126.
hanno rischiato di salire sul po- centesimo il nostro Moelgg, au- Crisi Già, Kostelic. Su questo al poplite del ginocchio destro, dio all’attività agonistica.
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
R LA GAZZETTA DELLO SPORT
LUNEDÌ 7 MARZO 2011
LA GAZZETTA DELLO SPORT R

PALLAVOLO SERIE A-1, 22ª GIORNATA


Ma che sorpresa TRENTO
VERONA
(24-26, 20-25, 25-20, 17-25)
1
3

Trento ha perso!
ITAS DIATEC TRENTINO: Zygadlo 3,
Della Lunga 1, Birarelli 6, Stokr
21, Kaziyski 17, Riad 4; Bari (L),
Colaci (L), Juantorena 4, Raphael 1,
Sala 6, Sokolov 2. N.e. Leonardi.
All. Stoytchev.
MARMI LANZA VERONA: Brunner
10, Lasko 24, Cala 21, Pajenk 10,
Dopo 21 vittorie consecutive i campioni del mondo Meoni 2, Lotman 6; Smerilli (L);
Herpe 2, Latelli, Kosmina. N.e. Zin-
gel, Sterzi. All. B. Bagnoli
s’inchinano alla scatenata Verona ispirata da Meoni ARBITRI: Saltalippi e Pessolano
NOTE Spettatori 3439. Incasso: 29.338. Du-
Sisley con la testa alla Coppa: Latina fa festa IPP

NICOLA BALDO
rata set: 29’, 26’, 28’, 25’; tot. 108’. Itas: battu- L’ANDREOLI A +5 SU CASTELLANA
te sbagliate 9, vincenti 7, muri 9, 2ª linea 9,
errori 21; Marmi Lanza: b.s. 10, v. 6, m. 11, 2ª

Treviso distratta
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
l. 10, errori 21. Trofeo Gazzetta: 6 Meoni, 5
Lasko, 4 Cala, 3 Stokr, 2 Kaziyski, 1 Brunner.
TRENTO dPiù grandi sono e più
rumore fanno quando cadono.
L’amaro calice della sconfitta
fa capolino anche nello spoglia-
toio dell’Itas Diatec, da dove in
RISULTATI 22ª giornata
PIACENZA-MACERATA 2-3
Latina in festa
VIBO-SAN GIUSTINO (sabato) 3-1
21 partite su 21 di regular sea- TREVISO-LATINA 0-3
EMANUELE SPIRONELLO
son era rimasta parecchio lon-
CUNEO-CASTELLANA 3-0
tana. La sconfitta scorre sulle ri- TREVISO dPesante 3-0 di Latina in casa di un
MODENA-ROMA 3-0
ve dell’Adige, il derby del fiu- Sisley irriconoscibile e forse con la testa già al
me alla fine regala una domeni- TRENTO-VERONA 1-3
MONZA-FORLÌ 2-3
doppio impegno nella finale di Cev che si gioca
ca da protagonista a una Mar- in settimana. Treviso non perdeva in casa in
mi Lanza Verona bella e pim- campionato 3-0 dal 30 novembre 2008, la pri-
pante. La capolista ferma la CLASSIFICA ma di Dall'Olio dopo l’esonero di Dal Zotto. Ma
sua corsa e, con essa, la ricerca SQUADRE PT G V P SVSP quella era un’altra Treviso, in crisi, quella che
del record assoluto di vittorie TRENTO 61 22 21 1 64 11 invece ha perso ieri al Palaverde era ancora in
consecutive in un campionato. CUNEO 53 22 18 4 59 25 corsa per il terzo posto e invece ora deve guar-
I tre punti gli scaligeri se li por- darsi da Modena nella lotta per il quarto posto.
tano via con merito: Meoni è il MACERATA 46 22 15 7 56 34
I pontini - trascinati da Starovic e Kovacevic in
Riccardo Muti che dirige solisti TREVISO 40 22 13 9 49 38
attacco - hanno trovato una gara fenomenale
diventati un’orchestra capace MODENA 38 22 15 7 49 39 anche di Pieri e Vujevic nei fondamentali di se-
di suonare una musica ipnotica MONZA 35 22 11 11 42 41 conda linea. «Era inimmaginabile vincere qui
per Trento. 3-0 - dice il coach dei pontini Medei, che con
VERONA 32 22 10 12 40 46
VIBO 29 22 9 13 37 48 questa vittoria fanno un bel passo avanti nella
Muro e difesa Non solo nel mu- lotta salvezza, ora sono a +5 su Castellana -
ro-difesa anche in battuta i ve- S. GIUSTINO 28 22 10 12 37 42 però è meritata soprattutto per l’agonismo che
neti sono riusciti a mettere sot- PIACENZA 26 22 8 14 38 50 abbiamo messo su ogni pallone». Treviso ieri
to un’Itas sì impallata di pesi in invece non è mai esistita: solo in una occasione
vista delle finali di Champions, ROMA 24 22 7 15 35 54
LATINA 23 22 7 15 36 51 è stata avanti nel punteggio (11-10 nel primo),
ma che è venuta a mancare in poi sempre a inseguire: «non voglio che la fina-
alcuni suoi punti di forza. A par- CASTELLANA 18 22 7 15 31 55 le di Coppa Cev passi come un alibi - sono le
tire dal cambio-palla e da un at- FORLÌ 9 22 3 9 23 62 parole di un coach Piazza arrabbiato - posso
tacco anemico: 41% appena. Michal Lasko siamo riusciti con il gioco e con cenza. Dopo pochi punti del se- invece spiegarla come mancanza di umiltà da
Juantorena (entrato in corso) (30), davanti la tecnica a imporci». condo set Stoytchev rimette in
agli occhi del
PROSSIMO TURNO parte nostra, anche se avevo chiesto di stare
è l’ombra di se stesso mentre campo il sestetto tradizionale, Domenica 13 molto attenti a San Giustino e Latina. Appunto,
Stokr e Kaziyski vivono di fiam- fratello, è 25 aprile 2010 Trento non per- ma Verona batte, mura e so- PIACENZA TRENTO abbiamo raccolto un solo punto e ora rischia-
mate. Più continua la Marmi stato il deva in casa in campionato dal prattutto difende, difende tan- SAN GIUSTINO MODENA (sabato) mo anche il quarto posto».
Lanza: Meoni spesso chiude il mattatore 25 aprile 2010 (semifinale to. Quando Lasko si rilassa cre- MACERATA CUNEO 17 marzo
gioco e i centrali Brunner e della prima playoff con la Lube). E dire che sce Cala e il quarto parziale por- ROMA TREVISO 17 marzo TREVISO-LATINA 0-3
Pajenk rispondono, ma sono vittoria di in avvio di partita Stoytchev ha ta agli scaligeri 3 punti preziosi LATINA MONZA (22-25, 20-25, 20-25)
Cala e Lasko (davanti agli oc- Verona in mandato in campo la versione in ottica playoff. «Questo non è VERONA FORLÌ SISLEY TREVISO: Boninfante 2, Maruotti 9, Bjelica 7,
chi del fratellino Jakub, che a casa dell’Itas B dell’Itas, quella con Zygadlo il nostro livello — commenta CASTELLANA VIBO Fei 11, Horstink 8, Bontje 6; Vanin (L ), Papi 3, Kovar 1, De
Trento ci gioca, in B-2) a vesti- TRABALZA in regia, Della Lunga schiaccia- Stoytchev — e quando una Togni, Marcelinho. N.e. Szabo. All. Piazza.
ANDREOLI LATINA: Sottile 2, Vujevic 13, Kohut 9,
re i panni dei trascinatori. «De- tore e Riad centrale. Fra sorpas- squadra gioca male è giusto Starovic 18, Kovacevic 14, Spairani 6; Pieri (L ), Gitto. N.e.
vo fare i complimenti a tutti i si e controsorpassi si arriva in che perda. Di questa partita Popelka, Cortina, Nonne, Labardi, Giombini. All. Medei.
miei — dice Bagnoli — perché un finale di set nel quale Lasko possiamo salvare poco, la use- ARBITRI: Caltabiano e Braico.
si sono battuti come leoni. Ab- fa pendere la bilancia verso i ve- remo come promemoria. Per ri- NOTE. Spettatori 1160, incasso 3300 euro. Durata set: 28',
24', 24'; tot. incontro 76'. Sisley: battute sbagliate 7, vincenti
biamo difeso tanto, nel quarto ronesi, Meoni ispira come cordarci che si deve sempre en- 3, muri 9, seconda linea 6, errori 13; Andreoli: b.s. 8, b.s. 4,
set tutti si aspettavano il vee- quando proprio al PalaTrento trare in campo con l’atteggia- m. 7, 2l. 12, err. 15. Trofeo Gazzetta: 6 Kovacevic, 5
mente ritorno di Trento invece vinse il suo scudetto con Pia- mento e l’attenzione giusta». Starovic, 4 Pieri, 3 Kohut, 2 Sottile, 1 Vujevic.

LE ALTRE GARE f FORLI’ VINCE MA RETROCEDE IN A-2 taccuino


CUNEO 3 PIACENZA 2 MONZA 2 MODENA 3
A-2 MASCHILE 32; Perugia 27; Mantova 26; Pineto
CASTELLANA GROTTE 0 MACERATA 3 FORLI’ 3 ROMA 0 20; Club Italia 9.