Sei sulla pagina 1di 224

Mensile n.

315 € 4,00 in Italia

LUGLIO 2019
E DINTORNI

CROAZIA PROVENZA GEORGIA AMSTERDAM NIZZA


L’ESTATE DI UNA GRANDE MUSICA SULLE STRADE ARTE SUI CANALI CENT’ANNI DI
VOLTA SULL’ISOLA NEL TEATRO DEL VINO E QUARTIERI CINEMA IN
DI DUGI OTOK ANTICO DI ORANGE NEL CAUCASO DI TENDENZA COSTA AZZURRA
PosteItalianeSpa-Sped.inA.P.-D.L.353/2003art.1,comma1,LO/MIMilano-Belgio€8,20-Francia€8,00-Germania€8,50- GranBretagna£7,90-Lussemburgo€8,20 -Portogallo(Cont)€6,90-Svizzerachf12,50-SvizzeraCantonTicinochf11,00-PrincipatodiMonaco€8,00-Spagna€7,00

ISOLE SPORADI
LA GRECIA
PIÙ VERA
Alla scoperta di un arcipelago
lontano dalle rotte battute
>
90315
ISSN 1124 8408

840001
771124

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI


9
instax.fujifilm.it FujifilmInstaxItalia InstaxItalia
INVITO AL VIAGGIO

I resti dell’antica città rupestre


di Uplistsikhe, in Georgia.

Se c’è una cosa che accomuna gran parte viaggio, almeno di una settimana, volando
dell’Europa, è la cultura del vino. In questo sulla capitale Tbilisi o su Kutaisi e da lì con
senso, possiamo dire che anche la Georgia, l’auto girare le grandi regioni vinicole ai piedi
Stato asiatico tornato all’indipendenza dopo la del Caucaso. Visitando monasteri rupestri,
fine dell’Unione Sovietica, è culturalmente resti di città preistoriche, chiese affrescate. E
e storicamente un po’ Europa. Qui si produce lasciandosi travolgere dal calore leggendario
vino da ottomila anni, come testimoniano le della tradizionale ospitalità georgiana.
ultime scoperte archeologiche, e lo si fa in un
modo molto particolare, invecchiandolo in Si può passare un’incantevole vacanza enologica
grandi anfore di terracotta interrate, pratica anche senza fare troppa strada. Soggiornando
oggi diventata di moda anche in altri Paesi, appena oltre confine, sulle rive svizzere del Lago
dal Portogallo alla Croazia. Ai tempi dell’Urss di Ginevra, nei paesini del Lavaux, regione che
i vini georgiani erano molto rinomati: Stalin, per la bellezza dei suoi paesaggi vitati è diventata
georgiano di nascita, beveva solo quelli. I wine Patrimonio Unesco. Quest’anno c’è un motivo in
maker georgiani contemporanei puntano più per programmare il viaggio fra metà luglio e
al turismo enogastronomico per attrarre inizio agosto: la Festa dei vignerons di Vevey, che
visitatori in una nazione che nell’ultimo si tiene ogni 25 anni, con cinquemila figuranti
decennio sta vivendo un vero e proprio boom. in costume in scena per celebrare la cultura del
Con l’estate davanti si può programmare un vino. Una cultura che unisce i popoli.

Emanuela Rosa-Clot, direttore di Bell’Europa

BELL’EUROPA 3
TAG / LIKE / FOLLOW US ON INSTAGRAM www.hotelbeethoven.at
QUESTO MESE

IN COPERTINA
Scorcio della Chora di Skopelos, Sporadi
FOTO DI GABRIELE CROPPI

numero 315 07/2019

MARE GRECIA

28 A VELE SPIEGATE FRA LE SPORADI


In barca tra le isole meno battute dell’Egeo

ARTE FRANCIA

38 NIZZA, LA VITA È COME UN FILM


Cento anni di cinema in città

MARE CROAZIA

50 L’ISOLA SENZA TEMPO


Dugi Otok, un’oasi di pace in Dalmazia

STRADE D’EUROPA GEORGIA

62 GEORGIA, SULLE STRADE DEL VINO


I paesaggi viticoli ai piedi del Caucaso

FOOD SVIZZERA

78 TRA I VIGNETI DEL LAVAUX


Cantine con vista sul Lago di Ginevra

ARCHEOLOGIA FRANCIA

90 DUE MILLENNI IN SCENA


Il teatro romano di Orange e il suo festival

NATURA NORVEGIA

102 AQUILE E GABBIANI IN VOLO SUI FIORDI


La vita nel cielo sopra Flatanger

WEEKEND AMSTERDAM

112 ESTATE D’ARTE SUI CANALI


Scoprire la capitale con la Biennale di scultura
QUESTO MESE
DIRETTORE RESPONSABILE
Emanuela Rosa-Clot
emanuelarosaclot@cairoeditore.it

RESPONSABILE UFFICIO CENTRALE


Elisabetta Planca Caporedattore
elisabettaplanca@cairoeditore.it
UFFICIO CENTRALE
Rossella Giarratana Caporedattore
LUGLIO rossellagiarratana@cairoeditore.it
12 MOSTRE LUCERNA
Pietro Cozzi Caposervizio
pietrocozzi@cairoeditore.it
I paesaggi di Turner per Giovanni Mariotti giovannimariotti@cairoeditore.it
Raffaella Piovan raffaellapiovan@cairoeditore.it
i 200 anni del Kunstmuseum Barbara Roveda barbararoveda@cairoeditore.it

18 MOSTRE LA LETTURA
REDAZIONE
Terry Catturini terrycatturini@cairoeditore.it
Al Prado di Madrid Margherita Geronimo margheritageronimo@cairoeditore.it
Lara Leovino laraleovino@cairoeditore.it
l’Annunciazione del Beato Angelico Elena Magni elenamagni@cairoeditore.it
Carlo Migliavacca carlomigliavacca@cairoeditore.it
20 NOTIZIE APERTURE Sandra Minute sandraminute@cairoeditore.it
La James-Simon-Galerie a Berlino PHOTO EDITOR
Milena Mentasti milenamentasti@cairoeditore.it
e il Gruuthusemuseum a Bruges Susanna Scafuri susannascafuri@cairoeditore.it

22
ART DIRECTOR
NOTIZIE IRLANDA DEL NORD Luciano Bobba lucianobobba@cairoeditore.it
Per le strade di Belfast, le vetrate Corrado Giavara corradogiavara@cairoeditore.it
Simona Restelli simonarestelli@cairoeditore.it
dedicate al Trono di Spade IMPAGINAZIONE
Franca Bombaci francabombaci@cairoeditore.it
24 MUOVERSI Francesca Cappellato francescacappellato@cairoeditore.it
Isabella di Lernia isabelladilernia@cairoeditore.it
Le nuove rotte di Corsica Ferries Claudia Pavesi Caposervizio claudiapavesi@cairoeditore.it
fra Sicilia e Provenza SEGRETERIA E RICERCA ICONOGRAFICA
Mara Carniti maracarniti@cairoeditore.it
26 AGENDA Paola Paterlini paolapaterlini@cairoeditore.it
PROGETTO GRAFICO E CONSULENZA CREATIVA
Silvia Garofoli
125 LIFESTYLE www.silviagarofoli.com

126
HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO
DOVE STARE MONTENEGRO Fabio Bacchi, Sandrina Bandera, Vittoria Becci, Ornella D’Alessio,
Giuseppe De Biasi, Silvia Frau, Rosalba Graglia, Silvia Mapelli, Carla
Un nuovo hotel da sogno Onofri, Lello Piazza, Niccolò Piazza, Francesco Rapazzini, Paola
sulla Riviera di Budva Testoni.

128 QUI BERLINO EDITORIALE GIORGIO MONDADORI


divisione di

131 QUI PARIGI

PRESIDENTE
132 QUI LONDRA URBANO CAIRO
DIRETTORE GENERALE
135 FOOD EVENTI Giuseppe Ferrauto
La festa dello street food CONSIGLIERI
Andrea Biavardi, Alberto Braggio, Giuseppe Cairo, Ugo Carenini,
a Stavanger, in Norvegia Giuliano Cesari, Giuseppe Ferrauto, Uberto Fornara, Marco

137 FOOD AGENDA


Pompignoli, Mauro Sala
CAIRO EDITORE S.P.A.
138 FOOD IL RISTORANTE
DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:
corso Magenta 55, 20123 Milano, tel. 02 433131,
I sapori indiani conquistano fax 02 43313927, www.cairoeditore.it
(e-mail: belleuropa@cairoeditore.it)
un grotto ticinese ABBONAMENTI: tel. 02 43313468, orario 9/13, da lunedì
a venerdì abbonamenti@cairoeditore.it
139 FOOD & DRINK UFFICIO DIFFUSIONE: tel. 02 43313333,
e-mail: diffusione@cairoeditore.it
A Montecarlo, la filiale della ARRETRATI: tel. 02 43313410-517, fax 02 43313580
Cantinetta Antinori di Firenze
STAMPATORE: Arti Grafiche Boccia S.p.A., via Tiberio Claudio
140 CANTINE SLOVENIA Felice 7, 84131 Salerno (SA).
DISTRIBUZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: SO.DI.P.
Il Malvasia tra le colline “Angelo Patuzzi” S.p.A., via Bettola 18, 20092 Cinisello
di Capodistria Balsamo (Milano).
Accertamento diffusione: Certificato n. 2757 del
14.12.94 - Periodico associato alla FIEG (Federaz.
142 PARTENZE Ital. Editori Giornali)
Copyright 2019. Cairo Editore S.p.A. Tutti i diritti riservati. Testi, fotografie e
disegni contenuti in questo numero non possono essere riprodotti, neppure
144 LIBRI parzialmente, senza l’autorizzazione dell’Editore.
Pubblicazione mensile registrata presso il tribunale di Milano il 14/11/92,
n. 609. Una copia 4,00 euro. Copie arretrate 8,00 euro.
148 24 ORE CON... Testi e fotografie non espressamente richiesti non saranno restituiti.

6 BELL’EUROPA
La grande mostra dell’arte italiana FIRENZE, LUNGARNO
XXXI EDIZIONE PALAZZO CORSINI CORSINI

21-29 SETTEMBRE 2019 PREVIEW


Venerdì 20 Settembre 2019

T. +39 055 282635 / 282283 con il contributo di main sponsor partner www.biaf.it
info@biennaleantiquariato.it
Prevendita VIVATICKET
CON NOI | Concessionaria esclusiva per la pubblicità

Via Angelo Rizzoli 8 - 20132 Milano


Tel. 02/748131 - Fax 02/76118212

FILIALI
Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria:
Cairo Pubblicità SpA (Filiale di Torino)
Via Cosseria 1 - 10131 Torino
Tel. 011/6600390 - Fax 011/6606815

Scarica l’app segreteriato@cairocommunication.it


Nuova Giemme Srl (Filiale di Genova)
FABIO BACCHI GIORGIO FILIPPINI
per iPad/iPhone Via dei Franzone 6/1 - 16145 Genova
Figura di riferimento del Fotografo di paesaggi, Tel. 010/3106520 - Fax 010/3106572
bartending italiano, ha pubblica su riviste di turismo Bell’Europa info@nuovagiemme.it
sviluppato il suo percorso nazionali ed estere e oggi è disponibile anche
nell’ambito dell’hôtellerie di collabora con l’agenzia per iPad e iPhone: Triveneto:
lusso. È fondatore ed Sime. Ama definirsi su iTunes Store Cairo Pubblicità SpA (Filiale di Verona)
editore del magazine online “cacciatore di luci”. Così è si trovano il numero Vicolo Ghiaia 7 - 37122 Verona
BarTales (www.bartales.it), stato durante il viaggio in edicola e gli arretrati, Tel. 045/4750016 - Fax 045/4750017
rivista di settore. Per questo sull’isola di Dugi Otok, in nella versione digitale.
info-vr@cairocommunication.it
numero estivo ci porta Croazia. «Il mattino era il mio Ci si può anche
al mare, appena superato momento preferito, solitario e abbonare. Emilia Romagna, RSM, Marche, Umbria:
il confine, per gustare sonnolento, e il silenzio del Il primo numero Cairo Pubblicità SpA (filiale di Bologna)
i freschi cocktail della filiale Parco di Telašćica favoriva la di prova è gratis. Viale del Risorgimento 10 - 40136 Bologna
monegasca della storica concentrazione e trasformava Tel. 051/3763006 - Fax 051/0920003
Cantinetta Antinori l’attimo in esperienza info-bologna@cairocommunication.it
di Firenze (p. 139). meditativa» (p. 50).
Toscana, Umbria:
Firenze
Lungarno delle Grazie 22 Piano Terra
50122 Firenze - Tel. 051/3763006
Lazio:
Cairo Pubblicità SpA (Filiale di Roma)
Via Campania 59/C - 00187 Roma
Tel. 06/802251 - Fax 06/80693188
info-roma@cairocommunication.it
ALESSANDRO BEE ALFIO GAROZZO SILVIA FRAU Campania, Puglia, Basilicata,
Calabria, Abruzzo, Molise:
Fotografo torinese, laureato Fotografo di Catania, i suoi Giornalista, milanese
Pubbliservice ADV
in Scienze naturali, da anni si interessi spaziano d’adozione, scrive di viaggi e
dedica all’insegnamento, alla dall’architettura al food, gastronomia, binomio Centro Direzionale di Napoli
comunicazione scientifica e dall’archeologia al reportage perfetto per raccontare la Isola E/4 (int. 510) - 80143 Napoli
alla conservazione della geografico. Collaboratore regione elvetica del Lavaux Tel. 081/5627208 - Fax 081/0097705
natura. Ha ricevuto da anni di Bell’Europa, (p. 78): «Ha un’aria iovane@pubbliserviceadv.it
significativi riconoscimenti, si è imbarcato per l’Egeo e, vacanziera, da vivere tra
Sicilia:
come quattro premi al tra una virata e l’altra, lungolaghi ventilati, le piazze
concorso internazionale ha immortalato le spiagge ombrose dei borghi e F&B Srl
Wildlife Photographer of the bordate da pinete e le passeggiando tra le vigne, Via Libertà 159 - 90143 Palermo
Year, del Natural History acque cristalline del parco che terminano sempre in una Tel. 091/346765 - Fax 091/6262909
Museum di Londra. È suo il marino delle Sporadi, fra le terrazza panoramica dove info@fbmedia.it
reportage sui rapaci della isole meno battute della brindare con un bicchiere di
Sardegna:
zona di Trondheim, Grecia (p. 28). Il suo sito è Chasselas assaggiando
in Norvegia (p. 102). www.alfiogarozzo.it specialità locali». Alessandro Collini
Via Ravenna 24 - 09125 Cagliari
Le immagini di questo numero: Invito al Viaggio: A. Pistolesi (p. 3); Cover Luglio: © TVB Stubai Tel. 070/305250 - Fax 070/343905
Tirol/A. Schönherr (p. 11); Mostre: © S. Schroeter Luzern Switzerland (p. 12), © Photo RMN/J.G. Berizzi a.collini@cairocommunication.it
(p. 14), Ansa (p. 16), J. Dobrovský/400 ASA (p. 16); Mostre La Lettura: Museo Nacional del Prado (pp.
18-19); Notizie Aperture: © BBR/SPK/B. Schumann (p. 20), Ap (p. 20), © Stad Brugge (p. 21); Notizie
Irlanda del Nord: Press Eye Ltd (p. 22); Muoversi: U. Betin 2013 (p. 24); Agenda: Ansa (p. 27);
Info Nizza: Ville de Nice/J. Verran (p. 48), F. Amiand (p. 49); Info Dugi Otok: G. Filippini (p. 61); Info
Georgia: A. Pistolesi (pp. 76, 77); Food Lavaux: F. Merz/Lundi13.ch/©Fête des Vignerons (pp. 79, 87),
© Confrérie des Vignerons (p. 87), Bahlmer Haler/©Fête des Vignerons (p. 87); Info Lavaux: A. Mettler/
Swiss Image (p. 88), M. Ripani (pp. 88, 89); Orange: P. Gromelle (pp. 90, 94, 95), Culturespaces/ è una rivista del gruppo Cairo Editore che comprende
C. Recoura (pp. 92, 93), Culturespaces/Arôme (p. 92); Info Orange: M. Ripani (p. 100); Weekend anche le seguenti testate:
Amsterdam: M. Ripani (pp. 112-113), A. van Kaam (pp. 113, 116), A. Achterhof/Unsplash (p. 114), SETTIMANALI: Dipiù TV, Diva e Donna, Settimanale
J. Kees Steenman (p. 116), E. Smits (p. 117); Dove Stare: F. Roth/Roth Fotografie (p. 127), Jugoslav
Dipiù, Settimanale Dipiù e Dipiù TV Stellare, TV MIA,
Belada Photography (pp. 126-127); Qui Londra: Vianney Le Caer/PinPep (p. 132), H. Metcalfe
(p. 132), ILCE Photography (p. 132); Food Eventi: B. Hagen Aakre/Region Stavanger (p. 135), Enigmistica PIÚ, Settimanale NUOVO, NUOVO TV, “F”,
L. Lunde/Region Stavanger (p. 135), K. Bailey/Matador Network/www.fjiordnorway.com (p. 135); Settimanale GIALLO QUINDICINALI: Settimanale Dipiù e
Food Il ristorante: E. Berruti (p. 138); Partenze: Alamy (p. 142), Valais/Wallis Promotion-Pascal Dipiù TV cucina, NUOVO e NUOVO TV CUCINA
Gertschen (p. 143); Prossimamente: M. Ripani (p. 147), F. Cogoli (p. 147). Cartografia: Quaterd. MENSILI: Airone, Antiquariato, Arte, Bell’Italia, For Men
Magazine, Gardenia, In Viaggio, Natural Style
Testi e fotografie non richiesti non vengono restituiti

8 BELL’EUROPA
VACANZE ATTIVE
PER VERIESPLORATORI
Che si tratti di golf, bici o camminate, i dintorni
del Nassfeld a Carinzia offrono innumerevoli
possibilità per gli appassionati di sport e per tut-
te le persone dinamiche. Grazie alla sua perfetta
posizione in mezzo al verde, direttamente di
fronte all’impianto di risalita Millennium Express,
il Falkensteiner Hotel & Spa Carinzia è la base
ideale per infinite attività.

falkensteiner.com/carinzia

Falkensteiner Hotel & Spa Carinzia FFFF


Tröpolach 156, A-9631 Hermagor/Nassfeld · reservations.carinzia@falkensteiner.com
Falkensteiner Hotel Carinzia GmbH,Tröpolach 156, A-9631 Jenig, LG Klagenfurt, FN 332456g, Firmensitz: Jenig
LUGLIO
MOSTRE · NOTIZIE · EVENTI

A CURA DI GIOVANNI MARIOTTI

LA MOSTRA DI TURNER A LUCERNA SABATO 6

A BELFAST DOMENICA 7

LE VETRATE 8

DEL TRONO 9

DI SPADE 22 pagina
10

11

A BERLINO APRE LA JAMES-SIMON-GALERIE VENERDÌ 12

13

14

15

16

17

INIZIA IL VERBIER FESTIVAL GIOVEDÌ 18


18

19

20

21

22

23

24

In prima fila ai piedi della cascata 25


Nella Stubaital, in Tirolo, il 7 luglio viene inaugurata 26
un’ampia struttura in legno ai piedi della cascata di
Grawa (nella foto), una delle più importanti delle Alpi 27
Orientali. È come se si fosse a teatro: serve, infatti,
ad accogliere i visitatori che possono sedersi lungo le
“gradinate” per ammirare il salto d’acqua. L’originale 28
piattaforma sostituisce una preesistente struttura
danneggiata fortemente dal maltempo nel 2017. Si 29
trova lungo il WilderWasserWeg, il Sentiero delle acque
selvagge. Info: www.stubai.at/it/attivita/escursioni/ 30
sentiero-delle-acque-selvagge
31

BELL’EUROPA 11
MOSTRE |
A sinistra. Il Rigi blu,
1842, acquerello su
carta. Il Rigi è la
montagna che si erge
a metà fra il Lago dei
Quattro Cantoni, su
cui affaccia Lucerna,
e quello di Zugo.
A destra. Pace,
esequie in mare,
1842, olio su tela.
La scena ritrae la
sepoltura in mare del
pittore scozzese
David Wilkie, morto
a bordo di una nave
a vapore il
1° giugno 1841.

LUCERNA
DAL 6 LUGLIO AL 13 OTTOBRE

Turner Il 2019 segna i 200 anni del Kunstmuseum di Lucerna. Il museo


elvetico celebra il suo anniversario con la mostra che raccoglie
tele e acquerelli di William Turner (1775-1851), provenienti so-

dal mare
prattutto dalla Tate Britain di Londra dove è conservata una
magnifica collezione dell’artista londinese. Il pittore è passato
alla storia per i suoi paesaggi “meteorologici”, in cui si perce-
piscono gli effetti generati dall’atmosfera, dalle trasparenze e

alle Alpi
dai riflessi dell’aria e dell’acqua. Effetti che Turner trasforma in
infinite sfumature: nelle tele spalmando il colore a olio in diver-
si strati; negli acquerelli creando sovrapposizioni delicatissime.
Sempre cercando il massimo contrasto tra la luce e l’ombra, tra
il quasi bianco del cielo e il quasi nero di imbarcazioni e alberi.
Perché è stato scelto Turner per l’anniversario? Perché il pit-
I paesaggi dalle atmosfere tore, che fu un vero globetrotter europeo, toccò la Svizzera per
liquide di William Turner sono in ben sei volte tra il 1802 e il 1844, in cerca di scorci che gli inglesi
mostra a Lucerna per celebrare amano definire “dramatic”, sensazionali. Nei suoi viaggi elvetici
i 200 anni del Kunstmuseum visitò Lucerna per studiare l’interazione fra lago e montagne e
catturò queste sue impressioni, quasi anticipando il movimento
DI GIOVANNI MARIOTTI
francese di Monet e compagni, in meravigliosi schizzi, veri ca-
polavori. Impressioni che poteva cogliere al meglio al mare, non
a caso uno dei suoi soggetti preferiti e che Lucerna non manca
di sottolineare con uno dei quadri più belli e famosi dell’artista:
Pace, esequie in mare, realizzato per ricordare la sepoltura nelle
acque del pittore scozzese David Wilkie.

INFO
Kunstmuseum Luzern Turner. Il mare e le Alpi. Orario: 11-18, mer. 11-20, chiuso lun. Ingresso: 25 franchi (22 €), compresa la visita alla
collezione permanente.

LA SEDE DELLA MOSTRA


Il Kunstmuseum nel moderno centro KKL
Il Kunstmuseum di Lucerna ha una ricca collezione datata dall’epoca
barocca ai giorni nostri, con un occhio di riguardo agli artisti elvetici, in
particolare quelli della Svizzera Centrale. Il museo ha sede presso il KKL
(a lato), centro culturale progettato dall’archistar Jean Nouvel e visitabile
con i tour guidati (15 franchi, 13 €), da prenotare sul sito www.kkl-luzern.ch
INFO
Europaplatz 1; www.kunstmuseumluzern.ch Ingresso alla collezione permanente:
15 franchi (13 €).

12 BELL’EUROPA
MOSTRE |

PARIGI
FINO AL 15 SETTEMBRE Sopra. Il salotto di Madame Récamier all’Abbaye-
aux-Bois, 1826, di François-Louis Hardy de Juinne.
Al Musée de la Vie Romantique.
Sotto. Di Édouard Dubufe, Ragazza con ritratto,
1840 circa. Al Petit Palais.
L’arte e i salotti della Parigi romantica
Sulla Parigi romantica, non quella degli innamorati, ma quella
che va dalla caduta di Napoleone ai moti rivoluzionari del
Quarantotto, si concentrano due mostre, entrambe aperte
fino al 15/9, allestite al Petit Palais e al Musée de la Vie
Romantique. Al Petit Palais sono esposti oltre 600 pezzi – fra
dipinti, sculture, manufatti, abiti, mobili – attraverso i quali,
come in una passeggiata virtuale, si scoprono anche i quartieri
più emblematici di quel periodo vivacissimo: le Tuileries, il
Palais-Royal, la Nouvelle-Athènes, la cattedrale di Notre-Dame
e i Grands Boulevards dei teatri. Il Musée de la Vie Romantique
si concentra invece sui salotti letterari. Tra il centinaio di
opere qui esposte spicca Il salotto di Madame Récamier
all’Abbaye-aux-Bois, dipinto da François-Louis Hardy de
Juinne. Per due ragioni. Perché è la copia, ambientata, del
ritratto realizzato alla stessa protagonista dei salotti parigini da
Jacques-Louis David quasi trent’anni prima (e oggi visibile al
Louvre). E per l’ambientazione stessa: un dettagliato catalogo
di mobili tra stile Impero e Neoclassicismo. Allargando lo
sguardo al panorama europeo, il Petit Palais presenta anche il
Romanticismo tedesco attraverso 150 disegni provenienti dai
musei di Weimar, la patria di Goethe (fino all’1/9).
INFO
Parigi romantica 1815-1848, Petit Palais; www.petitpalais.paris.fr;
Musée de la Vie Romantique; museevieromantique.paris.fr

14 BELL’EUROPA
SLOVENIA

Vacanze
estive a 5*
20.6. - 1.9.2019
MEZZA PENSIONE
GIÀ A PARTIRE DA 79 € /
PERSONA

Alloggi di lusso, natura incontaminata, cucina locale,


relax e coccole in piscina e nelle saune...

+386 (0)3 6201 600 info@atlantida-rogaska.com


Cvetlični hrib 1, 3250 Rogaška Slatina, Slovenia
www.atlantida-rogaska.com
MOSTRE |
Le altre esposizioni da non perdere questo mese in Europa.
Tra capolavori antichi e moderni

Al CaixaForum, il lusso nell’antichità


Assiri, Babilonesi, Fenici, gli antichi Persiani e Alessandro Magno. Furono
tutti protagonisti di grandi culture che si estesero dal Mediterraneo all’India.
Un gigantesco territorio che, tra il 900 e il 300 a.C., ha prodotto e scambiato
capolavori d’arte e metalli preziosi. Una carrellata sul gusto del lusso di quelle
popolazioni è ciò che propone il CaixaForum con 200 manufatti di qualità
eccezionale, prestati dal British Museum di Londra (a lato, una testa
proveniente da un tempio di Apollo a Cipro, 475-450 a.C.).
INFO
BARCELLONA CaixaForum Lusso. Dagli Assiri ad Alessandro Magno; caixaforum.es/barcelona
FINO ALL’11 AGOSTO

Sette fotografi documentano l’Europa dell’Est


Si chiama 400 ASA il gruppo di fotoreporter cechi fondato nell’autunno del
2018. Il nome deriva dal tipo di sensibilità della pellicola fotografica. Ora la
Galleria Nazionale di Praga presenta 7 autori del neonato gruppo, in una
collettiva allestita nella sede del Veletržní palác, il palazzo della fiera. I reportage
raccontano aspetti diversi dell’Europa Centro-Orientale, dai protagonisti del
burlesque a Praga alla situazione postsovietica in Russia e Ucraina, alla vita dei
Rom nel Nord della Boemia (a lato, in uno scatto di Jan Dobrovský).
INFO
PRAGA Galleria Nazionale di Praga 400 ASA; www.ngprague.cz/en
FINO ALL’8 SETTEMBRE

Emil Nolde e il suo rapporto con il nazismo


La Germania continua a fare i conti con il suo passato nazista. Sotto i riflettori
finisce ora l’espressionista Emil Nolde (1867-1956). Fu forse il più famoso artista
“degenerato”, secondo la definizione affibbiata dai nazisti ai protagonisti delle
avanguardie, eppure fu anche un ardente antisemita, membro del partito nazista
e fedele al regime fino alla fine. Con 100 lavori la mostra all’Hamburger Bahnhof
rilegge il rapporto fra il nazismo e Nolde. A lato: Brecher, olio del 1936.
INFO
Hamburger Bahnhof Emil Nolde. Una leggenda tedesca. L’artista durante il regime
BERLINO nazista; www.smb.museum
FINO AL 15 SETTEMBRE

La pittura selvaggia di Jean Dubuffet al Mucem


Con oltre 290 opere il Mucem racconta la rivoluzione operata da Jean Dubuffet
(1901-85): si è interessato alle più diverse discipline del sapere – letteratura,
antropologia, filosofia, psicologia, sociologia – per definire un nuovo concetto di
arte, allargandolo, in parole povere, ad aspetti e motivi folcloristici, etnografici e,
addirittura, psichiatrici. La sua originale idea, infatti, ha permesso di portare alla
luce la cosiddetta “arte dei folli”, dei malati di mente, comprendendola in quella
categoria che lui stesso definì Art Brut. A lato: Paris plaisir, 1962, tecnica mista.
INFO
MARSIGLIA Mucem Jean Dubuffet. Un barbaro in Europa; www.mucem.org
FINO AL 2 SETTEMBRE

16 BELL’EUROPA
FASCINO A 5 STELLE
Una magica vacanza ad Atlantida
Rogaška Slatina, con una tradizione di oltre 400 anni di turismo termale,
è uno dei più antichi centri termali d’Europa. È nota nel mondo per l’acqua
minerale naturale Donat Mg, che con 1040 mg di magnesio per litro risulta
essere l’acqua più ricca in tale minerale al mondo.

Rogaška Slatina, un luogo unico nella parte orientale della Slovenia, oggi è molto
più di un centro termale, dato che la sua meravigliosa natura incontaminata, la
ricca offerta del luogo e dei dintorni, le moderne infrastrutture con un accento
sulle esperienze termali e di wellness e con un approccio individuale può
soddisfare anche gli ospiti più esigenti.

Atlantida Boutique hotel ***** è una delle ultime e più moderne acquisizioni
di Rogaška Slatina. Per la sua posizione, l’hotel, circondato dalla natura
incontaminata, dall’architettura di design e con i suoi prestigiosi interni, offre
ai propri ospiti un piacevole soggiorno a livelli di eccellenza. Poiché qui si
seguono le tendenze e si ascoltano i desideri degli ospiti, è stato sviluppato il
metodo Pegaz Mg, unico nel suo genere, il cui obiettivo principale è rendere
gli ospiti rilassati e far loro vivere un totale rinnovamento corporeo e spirituale.
Da questo metodo sono stati sviluppati programmi di well – being, basati
sull’acqua minerale curativa, che intrecciano la tradizione del luogo con servizi
per il benessere. Sono dedicati alle coppie che desiderano fare insieme
qualcosa per la propria salute, alle donne che desiderano sviluppare il proprio
corpo e sottolineare la propria femminilità, agli uomini che hanno bisogno
di rilassarsi e riempirsi di nuove energie, e a tutti coloro che desiderano
detossificare il proprio corpo e migliorare la propria salute.

Per maggiori informazioni sulle nostre offerte


www.atlantida-rogaska.com

Atlantida Boutique Hotel


Cvetlični hrib 1
3250 Rogaška Slatina, Slovenia
+386 3 6201 600
info@atlantida-rogaska.com
MOSTRE | LA LETTURA
A CURA DI
SANDRINA BANDERA
Storica dell’arte, già direttore della Pinacoteca di Brera a
Milano, è presidente della Fondazione MA*GA di Gallarate

MUSEO DEL PRADO MADRID

L’ Annunciazione
torna a risplendere A
La tavola dipinta dal Beato Angelico per la chiesa fiesolana di San Domenico
è di nuovo esposta al Prado dopo un accurato restauro che le ha restituito
i colori originali. Assieme ad altri dipinti del frate domenicano, è il cuore di una
mostra dedicata ai capolavori dei maestri del primo Rinascimento fiorentino

Tra gli eventi culturali più interessan- ne era Leonardo Dati, umanista, di ricca
ti di questa estate c’è la preziosa mostra famiglia di mercanti, legato pontificio in
Fra’ Angelico e gli inizi del Rinascimento Italia e Oltralpe e famoso per le sue ome-
a Firenze, aperta fino al 15/9 al Museo del lie ricche di spunti letterari. Nel convento
Prado di Madrid e dedicata all’Annuncia- si facevano letture di Petrarca, Virgilio e
zione (1425-26) del Beato Angelico (il Cicerone, che si riflettevano nelle scelte
domenicano Fra’ Giovanni da Fiesole, artistiche, nelle lectio dei frati e nel milieu
1395 circa-1455). Conservata nel museo culturale dei laici che li frequentavano.
spagnolo, l’opera è stata restaurata col Tra i committenti dell’Angelico, ricono-
contributo di Friends of Florence e degli scibili dagli stemmi sul retro delle tavole
American Friends of the Prado Museum. o da documenti, vi erano umanisti come
La mostra è un’occasione irripetibile, per Antonio degli Alberti, fondatore di un
i prestiti rarissimi del primo Quattrocen- circolo letterario frequentato da Coluccio
to fiorentino, primavera del Rinascimen- Salutati (il primo cancelliere-umanista
to, un momento tra più fiorenti della fiorentino, ispiratore del clima culturale
cultura artistica italiana. La ricchezza dei che ruotava intorno alla triade Masaccio-
contenuti figurativi e la precisa connota- Brunelleschi-Donatello), e Ambrogio Tra-
zione degli aspetti compositivi fanno di versari, amico di Brunelleschi. In questi
quest’Annunciazione l’esempio di una anni il successo dei Domenicani toccò
particolare temperie culturale: il passag- l’apice: fondarono il convento di San Do- B
gio, all’inizio del XV secolo, dal Gotico al menico a Fiesole grazie al lascito di un
INFO
Rinascimento. Come Lorenzo Ghiberti nobile fiorentino, e quello di San Marco a Museo del
e Masolino da Panicale, l’Angelico svol- Firenze col sostegno dei Medici. A Fiesole Prado Calle de
se a Firenze una fondamentale opera l’Angelico aprì un laboratorio frequentato Felipe IV; www.
di mediazione favorendo la diffusione da pittori e miniatori. Qui, nonostante le museodelprado.es
Orario: 10-20,
dei canoni rinascimentali attraverso un sue semplici origini di artigiano, divenne
dom. 10-19.
linguaggio ancora intriso di linearità, co- sacerdote e superiore: l’Annunciazione Ingresso: 15 €.
lore, lucentezza e attenzione agli infiniti madrilena fu dipinta per uno degli altari
dettagli della natura, smorzando l’impat- della chiesa fiesolana.
to radicale delle prove di Masaccio nella Il soggetto, che l’Angelico, con continue ca stilistica. La forma perfettamente qua-
chiesa del Carmine e in Santa Maria No- varianti verso uno stile sempre più asciut- drata della pala, priva di pinnacoli goti-
vella poco prima del 1428. to, ripeté altre tre volte (a Cortona, a San cheggianti, quasi rivoluzionaria rispetto
Fra’ Giovanni compì il noviziato nel Giovanni Valdarno e, ad affresco, nel alla moda diffusa a Firenze da Gentile
convento di Santa Maria Novella, quando convento di San Marco), è l’espressione da Fabriano con l’Adorazione dei Magi
i Domenicani erano tra gli agenti culturali in pittura di questo momento di fervore (1423) di Santa Trìnita (ora agli Uffizi),
più vivaci della città. Generale dell’Ordi- intellettuale, devozione religiosa e ricer- rispecchia la razionalità del Brunelleschi

18 BELL’EUROPA
A. L’ARCO SCOMPARSO B. IL GIARDINO C. IL PORTICO
Dalla radiografia si nota che in un Il soggetto della cacciata dall’Eden Con esili colonne ioniche, il portico
primo tempo Adamo ed Eva erano deriva dal Masaccio della Cappella della casa della Vergine è simile a
stati dipinti sotto un arco, una specie Brancacci, ma qui la raffigurazione quello dell’Ospedale degli Innocenti
di porta di città (richiamo alla vita del giardino, dove primo piano e di Filippo Brunelleschi, capolavoro
civile), poi eliminato per rimarcare la profondità si confondono, è simile a che nel 1419 rivoluzionò la
connotazione divina dell’Eden. un arazzo e risente ancora del Gotico. tradizione architettonica di Firenze.

e sembra rispondere al diktat che l’archi- mentale, sul lato sinistro il dipinto pre- pietoso dell’angelo che li accompagna,
tetto impose per gli arredi ecclesiastici. senta la cacciata dal Paradiso terrestre di simbolo della misericordia di Dio, sono
Appaiono chiaramente la costruzione Adamo ed Eva, inseriti in un giardino detta- allusioni a quel Rinascimento cosiddetto
prospettica e la derivazione dalla classi- gliato nei più minuti particolari botanici, se- “umbratile”, morbido, non radicale, che
cità nell’architettura razionale della casa condo una visione ancora gotica. La mor- permise alla nuova cultura di diffonder-
della Vergine. Accanto a questo radicale bidezza delle forme delle figure, la luce si, di non restare materia esclusiva degli
accoglimento della nuova cultura rinasci- divina che sovrasta i progenitori e il gesto umanisti e dei letterati.

BELL’EUROPA 19
NOTIZIE | APERTURE

JAMES-SIMON-GALERIE BERLINO

Un nuovo ingresso
per l’Isola dei Musei
Il 12 luglio apre la James-Simon-Galerie, con tutti i servizi per chi vorrà visitare gli storici musei
sulla Sprea. Le cui collezioni d’arte antica sono tra le più ricche al mondo DI GIOVANNI MARIOTTI

20 BELL’EUROPA
GRUUTHUSEMUSEUM BRUGES

Pagina accanto, dall’alto. L’edificio a colonne della


James-Simon-Galerie, sull’Isola dei Musei;
l’architetto David Chipperfield, autore della struttura;
Il palazzo che racconta
l’ampia scalinata che dà accesso alla James-
Simon-Galerie (sulla destra, il Neues Museum). la città fiamminga
Sarà la cancelliera Angela Merkel a inaugurare Dopo 5 anni di ampliamenti e 92), uomo d’affari, diplomatico,
il 12 luglio il nuovo “ingresso” dell’Isola dei Musei, restauri ha riaperto al pubblico il cavaliere e mecenate. La famiglia
la James-Simon-Galerie. L’edificio, progettato Museo Gruuthuse di Bruges (sotto), deteneva all’epoca il monopolio
da David Chipperfield, è una costruzione bian- uno dei musei civici della città. del gruut, una miscela di spezie
ca che si estende tra il giardino Lustgarten, il I lavori hanno riportato allo utilizzata per insaporire la birra.
Neues Museum e il canale Kupfergraben. Ospi- splendore originario i diversi am- In seguito all’introduzione del
terà tutti i servizi di accoglienza di chi vorrà bienti nati dall’accorpamento di luppolo, al declino del gruut e all’e-
visitare la Museumsinsel: biglietteria, punto di più edifici nel corso del tempo, dal- stinzione della famiglia, il palazzo
informazioni, guardaroba, negozio, caffetteria, la torre con il belvedere alla scala a venne usato prima come monte di
oltre a un’ampia terrazza e, nel seminterrato, spirale, fino alla cappella del XV se- pietà e quindi come museo.
un auditorium e uno spazio per mostre tempo- colo. Il percorso espositivo raccon- Nella biglietteria all’interno del
ranee. Rimarrà aperta al pubblico anche dopo ta le vicende di Bruges, dall’epoca nuovo padiglione, tra il museo e la
l’orario di chiusura dei musei. L’Isola dei Musei, borgognona a quella neogotica del Onze-Lieve-Vrouwekerk (chiesa di
sul fiume Sprea, si compone di cinque musei XIX secolo, attraverso arazzi, ve- Nostra Signora), si acquistano i bi-
eretti a partire dal 1830: Alte Nationalgalerie trate, sculture lignee, merletti, di- glietti del circuito dei musei civici
(arte tedesca dell’800); Altes Museum (collezio- pinti e porcellane cinesi. della città: il Musea Brugge. (G.M.)
ni greco-romane); Bode-Museum (arte bizan- La Gruuthuse è una delle più
tina e sculture); Pergamonmuseum (antichità importanti case del centro stori- INFO
Gruuthusemuseum Dijver 17C; www.
classiche, ora parzialmente chiuso per ristruttu- co, sito Unesco dal 2000. Il nome visitbruges.be/en/gruuthusemuseum;
razione); Neues Museum (Antico Egitto). deriva dal suo antico proprietario, www.museabrugge.be Orario: 9.30-17,
I volumi semplici e lineari della Galerie esal- Lodewijk van Gruuthuse (1427- chiuso lun. Ingresso: 12 €.
tano la classicità del posto: l’ampia scalinata
d’accesso e l’alto basamento su cui cresce il co-
lonnato si rifanno agli elementi architettonici
dell’Isola, ma ricordano anche le forme dell’Al-
tare di Pergamo, conservato al Pergamon. La
Galerie vuole diventare un moderno propileo,
il simbolo di quella “acropoli culturale” sogna-
ta dal re di Prussia Federico Guglielmo IV. La
struttura è pensata anche per mettere in comu-
nicazione i diversi musei: il foyer immette al
Pergamonmuseum, mentre un percorso sotter-
raneo, la cosiddetta “promenade archeologica”
(ancora in fase di realizzazione), unirà la nuova
Galerie a tutte le altre collezioni.
Il nome del nuovo edificio deriva da James
Simon (1851-1932), collezionista e filantropo
tedesco che lasciò in eredità ai Musei statali di
Berlino le sue collezioni, in cui spicca il celebre
Busto di Nefertiti. La mostra inaugurale della
James-Simon-Galerie è dedicata alla Gipsfor-
merei, il laboratorio delle copie in gesso delle
opere d’arte, di cui ricorrono i 200 anni dalla
fondazione. Sarà allestita con circa 200 pezzi –
sculture, dipinti, libri, grafica e fotografie – dal
30/8 all’1/3/2020.

INFO
James-Simon-Galerie Bodestrasse; www.smb.
museum/en/museums-institutions/james-simon-galerie/
home.html Orario: 9.30-18.30. gio. fino alle 20.30.
Ingresso: Museum Pass Berlin valido per 3 giorni, 29 €.

BELL’EUROPA 21
NOTIZIE | IRLANDA DEL NORD
INSTALLAZIONI BELFAST

Come nel Medioevo


Per le strade della capitale nordirlandese sei
grandi vetrate celebrano le gesta
dei protagonisti del Trono di Spade, girato nei
Titanic Studios DI GIOVANNI MARIOTTI

La città di Belfast celebra la stagione conclusiva del


Trono di Spade, andata in onda fra aprile e maggio
scorsi, con l’installazione all’aperto di 6 vetrate che
raffigurano le casate protagoniste della saga televisiva.
Il percorso è di quasi 3 chilometri e si sviluppa nelle
seguenti tappe: la n. 1 è davanti al Municipio ed è de-
dicata alla casata degli Stark; la n. 2 al centro congressi
Waterfront Hall (casa Lannister); la 3 alla chiusa di La-
gan Weir (casa Baratheon); la 4 presso l’impianto spor-
tivo SSE Odyssey Arena (casata Targaryen, a lato); la
5 all’Hamilton Dock, di fronte alla nave a vapore SS
Nomadic (oggi un museo aperto al pubblico), ed è de-
dicata ai White Walkers (gli Estranei); la 6, l’ultima, di
fronte ai Titanic Studios e raffigura il Trono di Spade.
A parte la prima (la cui permanenza è stata program-
mata per 3 mesi), le vetrate rimarranno 12 mesi.
Il Trono di Spade è stato girato in parte nei Titanic
Studios e in altre location dell’Irlanda del Nord. La
regione britannica ne ha fatto un tema turistico-pro-
mozionale fondamentale: non a caso al Titanic Exhi-
bition Centre di Belfast è in corso, fino all’1/9, la mostra
sulla saga; mentre all’Ulster Museum è custodito il
lungo arazzo di 77 metri in cui sono riportate le sce-
ne salienti della serie tv. Per cucire il pezzo relativo
all’ultima serie questa estate l’arazzo viene tempo-
raneamente rimosso dalla sua sede. Tornerà presto
visibile e andrà in tour: dal 13/9 al 13/12 sarà all’Hôtel
du Doyen di Bayeux, in Normandia.

INFO
Vetrate www.ireland.com/en-
us/features/glassofthrones/
Titanic Exhibition Centre
17 Queen’s Road; www.
gameofthronesexhibition.co.uk
Game of Thrones. The touring
exhibition, orario: 9-20.
Ingresso: 17,50 sterline (20 €).

22 BELL’EUROPA
Allegroitalia Family Resort
Goditi una settimana* di divertimento in famiglia

Mamma + bambino a partire da 549 €


Bambini da 0 a 6 anni GRATIS!

Soggiorno in camera doppia


Colazione, pranzo e cena inclusi
Miniclub, campus in inglese,
laboratori creativi per bambini
Accesso in piscina e al mare

Family Resort è anche a Torino


Allegroitalia Golden Palace

*L’offerta è prenotabile anche per tre giorni

Info e Prenotazioni
Tel: 011 5512727
Whatsapp: 389 1270955
Mail: reservations@allegroitalia.it
MUOVERSI |
Novità sui collegamenti che uniscono l’Europa DI GIOVANNI MARIOTTI

Dalla Sicilia alla Provenza con la nave


La società di navigazione Corsica Ferries ha
inaugurato due nuove rotte: Trapani-Tolone e Trapani-
Nizza. I collegamenti saranno operativi fino al prossimo
3 novembre. Per la stagione 2019 sono stati programmati
due viaggi settimanali, notturni: da Trapani le partenze
sono previste alle 17.30 e alle 18. La traversata dura 19
ore ed è effettuata dalle navi Mega Express (a lato), dove
i passeggeri trovano a disposizione anche il servizio di
ristorazione. Tolone e Nizza sono in posizione strategica
per visitare il Sud della Francia, a cominciare ovviamente
dalla costa stessa: nel mare di fronte a Tolone si trova
l’arcipelago delle isole di Hyères, paradiso naturalistico,
mentre Marsiglia, Saint-Tropez, Cannes sono tutte mete
che si possono visitare in giornata dai due porti di arrivo.
INFO
Corsica Ferries www.corsica-ferries.it Tariffe a tratta a
partire da 84 € per 2 persone+auto, tasse e diritti inclusi.

Il tour di Istanbul tra una partenza e l’altra


I passeggeri in possesso di un biglietto per un volo internazionale Turkish
Airlines con transito a Istanbul e con uno stop over compreso tra le 6 e
le 24 ore potranno usufruire di TourIstanbul, l’esclusivo servizio di visite
gratuite proposto dalla compagnia aerea turca, che offre l’opportunità
di avere un “assaggio” della città. I tour sono in partenza tutti i giorni
dall’Hotel Desk del nuovo aeroporto di Istanbul, con partenze prestabilite
tra le 8 e le 16. Il programma del tour include le principali attrazioni come
il Palazzo Topkapı, la Moschea Blu, la Basilica di Santa Sofia, il Grand
Bazar, la Torre di Galata (a lato), il Palazzo Dolmabahçe. Alle 18 è previsto
il giro serale (tra le attrazioni più richieste) sul canale del Bosforo.

INFO
TourIstanbul www.turkishairlines.com/en-tr/flights/fly-different/
touristanbul/

Agli italiani piacciono le garanzie del viaggio organizzato


Il turista italiano ama la prenotazione Confindustria Viaggi, l’associazione che incontro a queste esigenze anche il fondo
anticipata ed è alla ricerca del rapporto rappresenta oltre il 90% dei tour operator di tutela Astoi che, nei casi di insolvenza
garanzia-sicurezza-qualità prezzo. italiani. Astoi sottolinea che tra le varie o fallimento dell’organizzatore, sia per
Regole che valgono anche per la giovane funzioni del tour operator, oltre a quella di i viaggi all’estero sia per i viaggi che si
generazione dei millennials. Per questo gli selezionare mete e strutture (fondamentale svolgono in Italia, rimborsa al cliente
italiani si affidano ai tour operator e alle nel mare di informazioni di Internet), il prezzo versato per l’acquisto del
agenzie di viaggi. Nella Pasqua appena ci sono quella di fornire coperture pacchetto turistico e assicura il rientro
trascorsa la crescita delle prenotazioni dei assicurative in caso di annullamento immediato del turista.
viaggi organizzati – venduti attraverso oltre viaggio, perdita o danneggiamento del
8mila agenzie italiane – ha toccato il 35%, bagaglio o problemi sanitari, e l’assistenza INFO
secondo le stime dell’Osservatorio di Astoi ai propri clienti 24 ore su 24. Viene Astoi www.astoi.com; www.fondoastoi.it

24 BELL’EUROPA
Mangia, bevi, viaggia! In Giappone.
ISPIRATI LEGGENDO

© Dario Canova
AGENDALUGLIO A CURA DI VITTORIA BECCI

2-18 luglio come Lacrimae Alexandri Magni, tratto 12-14 luglio


da un brano della biografia che Plutarco
Chambéry, Francia dedicò al condottiero macedone. Fuori
Joensuu, Finlandia
Festival d’estate in Savoia dal festival si visitano i monumenti
Festival del rock
Il cortile interno del Castello dei Duchi di Affacciata sulla spettacolare Regione
barocchi della località morava, una delle
Savoia, con un palco che ha per sfondo dei laghi, la città di Joensuu rinfresca
più belle città della Repubblica Ceca.
la facciata della Sainte-Chapelle, ospita l’estate con l’Ilosaarirock. L’evento
INFO baroko.olomouc.eu
Estivales en Savoie, un festival tutto si svolge su cinque palchi e attrae ogni
gratuito, fra rock, swing, jazz e pop. anno migliaia di spettatori. Gli artisti
11-21 luglio
INFO www.estivalesensavoie.fr sono soprattutto finlandesi.
Locarno, Svizzera INFO www.ilosaarirock.fi

3-22 luglio Moon&Stars


Un giovane festival di musica per le notti 12-28 luglio
Aix-en-Provence, Francia d’estate in piazza Grande, sotto la luna e
Festival di Aix-en-Provence le stelle. Nato nel 2004, il festival ospita
Kaltenberg, Germania
Da oltre 70 anni la manifestazione si dedica nomi di fama mondiale. Quest’anno si
Torneo di cavalieri
a produzioni liriche e a concerti di altissima Compie 40 anni il torneo medievale
attendono, tra gli altri, Eros Ramazzotti,
qualità, anche con produzioni originali che ogni anno riporta il Castello di
Liam Gallagher e Jamiroquai.
come, quest’anno, Ascesa e caduta della Kaltenberg indietro nel tempo. Oggi è la
INFO moonandstars.ch/it
città di Mahagonny di Kurt Weill e Jakob festa medievale più popolare al mondo,
Lenz di Wolfgang Rhim (1952). con 800 comparse. Si tiene per tre fine
11 luglio-24 agosto
INFO festival-aix.com/fr
settimana: lo spettacolo equestre è
Mörbisch am See, Austria in programma il venerdì sera (in alto),
7-28 luglio Festival del lago nell’arena centrale che può contenere
Il Seefestspiele, sul lago Neusiedler See, 10mila spettatori, mentre il sabato
Olomouc, Repubblica Ceca nella regione vinicola del Burgenland, è e la domenica si ha l’opportunità di
Festival barocco dedicato all’operetta. Il palco galleggiante passeggiare per le bancarelle ammirando
Nel calendario del sofisticato Barokní con la grande scenografia è di per sé uno e imparando le antiche tecniche
slavnosti, antiche opere cantate, come Il spettacolo. Quest’anno va in scena artigianali. Senza scordare che siamo in
Tribunale di Giove di Ditter von Dittersdorf Il paese del sorriso, di Franz Lehár. Baviera, a 50 km da Monaco.
(del 1775) e riletture contemporanee INFO www.seefestspiele-moerbisch.at INFO www.ritterturnier.de

26 BELL’EUROPA
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

15-21 luglio

Minorca, Spagna
Festival del cinema
L’isola delle Baleari non è solo un
paradiso di sabbia e acqua cristallina.
Lunghi e cortometraggi sono proiettati
in posti esclusivi della Ciutadella e di
Mahón. Da quest’anno è prevista anche
una sezione per i giovani talenti.
INFO festivalmenorca.com

15-28 luglio

Galway, Irlanda
Festival delle arti
Da oltre 40 anni il Galway International
Arts Festival propone teatro, concerti e
arti visive in vari luoghi della città. Come,
18 luglio-3 agosto i giovani talenti (sopra) guidati dai
per esempio, l’aula magna dell’Università,
maggiori interpreti del mondo. Il festival
Eyre Square o l’aeroporto. Verbier, Svizzera si apre con il Concerto per violino di
INFO www.giaf.ie Verbier Festival Bartók e si conclude con la Sinfonia n.
Tra le montagne della Val de Bagnes
2 di Mahler. Tra gli ospiti anche Gilberto
19-26 luglio (Vallese), oltre ai concerti, anche master
Gil per una Serata brasiliana.
class e conferenze per un’esperienza
Londra, Inghilterra musicale totale, attenta ad “allevare” INFO www.verbierfestival.com
Moon Festival
A 50 anni dal primo allunaggio, il festival
sottolinea come l’umanità sia legata,
culturalmente e poeticamente, alla Luna.
Notti londinesi tra mercatini alimentari,
proiezione di film all’aperto, performance
musicali, lezioni di scienze e incontri con
scrittori, come Margaret Atwood.
INFO moonfestival.co.uk

19-27 luglio

Lucerna, Svizzera
Blue Balls Festival
100 concerti e conferenze su blues, jazz,
soul, funk, rock e pop per una settimana
sulle sponde del Lago di Lucerna. Il
festival si svolge al KKL, al Pavillon e
all’Hotel Schweizerhof. Partecipano, fra
gli altri, Charlotte Gainsbourg, Cat Power,
Ben Harper e Joss Stone. 7-11 agosto 100 chilometri a sudovest di Londra.
INFO blueballs.ch I concerti si tengono su 25 palchi,
Winchester, Inghilterra colorati e vivacizzati da giochi di luci
Boomtown e pirotecnici spettacolari (sopra).
9-11 agosto
È uno dei più pazzi e originali festival
Boomtown è ravvivata da comparse
Cannes, Francia musicali all’aperto europei. Nato nel
che interpretano gli abitanti del posto
Plages Electroniques 2009, si tiene il secondo weekend
e, soprattutto, da numerose attività,
In una delle località più celebri della di agosto e si sviluppa in un vero e
comprese feste nel bosco, animazioni
Costa Azzurra, tra una passeggiata sulla proprio villaggio temporaneo, diviso
per bambini e laboratori artistici per
Croisette e l’altra, questo fine settimana per quartieri (districts), allestiti come
tutta la famiglia. Al momento di
di agosto si può ballare sulla spiaggia al un set cinematografico nella tenuta di
andare in stampa ci sono ancora
ritmo dei migliori dj di musica elettronica Matterley, alle porte di Winchester, in
biglietti in vendita.
del momento. un’area verde che fa parte del South
INFO plages-electroniques.com/fr Downs National Park. Siamo a circa INFO www.boomtownfair.co.uk

BELL’EUROPA 27
MARE | GRECIA

A vele spiegate
fra le Sporadi
Lontano dal trambusto estivo, nell’alto Egeo si scopre una Grecia poco
conosciuta: isole deserte, con spiagge bordate da pinete verdeggianti,
acque cristalline e un parco marino creato per tutelare la foca monaca
TESTI TERRY CATTURINI ✶ FOTO ALFIO GAROZZO

Nella baia del Monastero (Monastery Cove), sulla costa nordest di Skantzoura, si nuota in acque turchesi, circondati da basse
colline ricoperte dalla macchia mediterranea che arriva fino agli scogli di marmo bianco. L’isola, disabitata, si trova
13 miglia a sudest di Alonissos verso Skyros e fa parte del Parco Nazionale Marino di Alonissos e delle Sporadi Settentrionali.

28 BELL’EUROPA
MARE | SPORADI

L
La leggenda vuole che gli dei abbiano creato le isole Sporadi
lanciando sassi colorati nel Mar Egeo. Il mito si riflette nel
nome (Sporadi in greco significa “disperse”) e nei colori delle
loro colline verdi, delle acque blu zaffiro e delle spiagge dalle
sfumature oro. In realtà l’arcipelago, formato da quattro isole
abitate – Skiathos, Skopelos, Alonissos e Skyros – e numerose
isolette disabitate, costituisce un braccio semisommerso dei
rilievi costieri che si ergono dall’Olimpo al Pelio e formano la
penisoletta che cinge il golfo di Volos. Skiathos, la più vicina
alla terraferma, è il porto di partenza per questa crociera so-
Skiathos è tra tutte le Sporadi la più cosmopolita: la parte vec-
chia del paese, arrampicata sulla collina, è piena di localini
dove tirar tardi. Anche le sue spiagge – tra cui Lalaria con
acque turchesi, ciottoli bianchi e rocce scoscese, sulla punta
nordorientale, raggiungibile solo in barca, e Koukounaries,
un arenile dorato circondato da pini, che hanno reso famosa
l’isola – sono molto battute. Non lontano dal porto però c’è
un posto dove il silenzio è di rigore. Ci si arriva con il bus: è il
monastero della Panagia Evangelistria, del XVIII secolo, dove
nel 1807 fu ideata, tessuta e benedetta la bandiera greca.
spinta da un dolce meltemi, che alterna serate festaiole, notti Per trovare un po’ di tranquillità in rada bisogna far rotta
in solitudine, bagni e lunghe passeggiate all’interno. verso Skopelos. Dista 6 miglia, ma il profumo della sua ve-

30 BELL’EUROPA
Sopra. A forma di cuore, la baia riparata di Planitis si trova sulla costa nord di Kira Panagia. In basso. Ormos Xero, una baia ridossata dal
meltemi nel Sud di Peristera, l’isola disabitata che si allunga davanti ad Alonissos. Pagina accanto, da sinistra. Ad Alonissos, la baia di Votsi,
subito a nord di Patitiri, circondata da pareti di roccia chiara striata di rosso e da formazioni marmoree nelle quali si aprono grotte marine.

getazione si percepisce ancora prima di arrivare in una delle musical Mamma Mia!. Di ritorno, la sera, ci si può fermare
sue molteplici rade circondate da pini dove gettare l’ancora in uno dei caratteristici ristoranti dove assaggiare specialità
nell’acqua trasparente: come quella di Panormos, un miglio a locali come la tyropita (la tipica torta di formaggio caprino) e
sudest dell’isolotto di Dasa, o Ormos Stafilos, sulla punta me- le squisite susine essiccate damaskina.
ridionale dell’isola. Affascinante, ma esposto ai venti, è anche
il porto di Skopelos, con una fitta schiera di casette bianche Rotta verso il Nord
con le imposte dai colori vivaci e i fiori ai balconi che si apro- Ripreso il mare si fa rotta su Alonissos, l’ultima isola turisti-
no ad anfiteatro sul mare. Vale la pena di arrivarci presto per camente attrezzata prima della solitudine e dove comincia il
concedersi una giornata alla scoperta dell’isola. Con i motori- Parco Nazionale Marino di Alonissos e delle Sporadi Setten-
ni noleggiati si salgono le impervie, ma panoramiche, strade trionali, istituito nel 1992 per salvaguardare la foca monaca,
dell’interno che portano verso alcuni monasteri immersi nel oltre a numerose altre specie rare di fauna e flora. In ogni
verde e alla cappella di Agios Ioannis, la famosa chiesetta del baia regna sovrana una natura straordinaria, con spiagge >
MARE | SPORADI

bagnate dalle acque più limpide dell’Egeo. Sarebbero tutte da pale – situata in una baia ampia e aperta – costruita negli anni
vedere. Da non perdere, nel versante sudorientale dell’iso- ’60 dopo che un terremoto devastò l’antica capitale Alonissos,
la, Chrissi Milia, un’insenatura nascosta con una fitta pineta situata su una collina sopra Patitiri. Dal porto la si raggiunge
che sfuma di verde le acque trasparenti del mare e una bella con il bus o a piedi con una bella camminata di 40 minuti;
spiaggia di sabbia e sassi da raggiungere a nuoto dopo aver durante le sere d’estate nei suoi vicoli, con le vecchie case di
ormeggiato la barca; Kokkinokastro con la sua stretta lingua pietra fortificate rimesse a nuovo, si animano tipiche taverne
di sabbia e sassi dominata da un promontorio di granito ros- e bar da dove godere di una spettacolare vista sul mare e le
so, romantico al tramonto quando il sole accende le rocce di isole circostanti. Se si decide di passare la notte a Patitiri è
spettacolari sfumature. Si pensa che questo sia il sito in cui necessario arrivare presto in porto. Proseguendo lungo la co-
sorgeva l’antica città di Ikos (circa V secolo a.C.) e, a testimo- sta orientale, verso nord, si aprono diverse baie, come Ormos
niarlo, sono i resti delle mura che emergono dall’acqua. Im- Milia, Tzortzi e Steni Vala, una piccola insenatura ridossata
prescindibile un ancoraggio a Patitiri, capitale e porto princi- dal meltemi con un villaggio di pescatori, proprio all’imboc-

32 BELL’EUROPA
Sopra, da sinistra. Sull’isola di Skyros, un affresco del monastero bizantino di Agios Georgios; un vicolo della Chora: il capoluogo è un
gomitolo di casette bianche a cubo intercalate a negozietti e taverne. In basso. La Chora di Skyros con il Kastro che domina il mare dalla
collina. Pagina accanto. La baia di Atsitsa, sulla costa nordovest, dove una verde pineta sorge al fianco dei resti di una struttura mineraria.

co del canale che separa Alonissos da Peristera. Coltivata a di proprietà del monastero Megisti Lavra sul Monte Athos:
ovest, più selvaggia ed esposta ai venti a est, Peristera è popo- l’unico abitante è un monaco del monastero postbizantino,
lata solo da capre; la sua costa offre insenature e minuscole dedicato alla Nascita della Madonna e di recente restaurato,
spiagge dove l’unico rumore percepibile è quello delle onde che si raggiunge percorrendo una scalinata scavata nella roc-
e del vento. In una di queste è stato scoperto, a 25 metri di cia a Monastery Cove, baia praticabile solo in condizioni di
profondità, un relitto del IV secolo a.C. carico di anfore, che calma di vento. Sul versante nord, la splendida baia di Plani-
nel 2020 diventerà un museo subacqueo. tis, invece, invita a tuffarsi nell’acqua limpida e calmissima.
Si riprende la rotta verso sud, e prima di ritornare alla civiltà
Tra le isole deserte del parco marino non si può fare a meno di una sosta per un bagno a Skantzou-
Dopo aver passato la notte all’ancora sotto il cielo stellato, si ra: circondata da isolotti rocciosi, ha solamente delle piccole
riprende la navigazione di bolina verso Kira Panagia, un’isola spiagge ma con un mare molto limpido. Al centro dell’isola le
montuosa profumata dalla macchia mediterranea. L’isola è suggestive rovine del monastero abbandonato dell’An- >
Sopra, da sinistra. Uno scorcio della spiaggia di Molos, a Skyros; vasi in ceramica e l’immancabile bandiera greca alle finestre di una casa
nella Chora di Alonissos. In basso. Ancora Votsi, l’insenatura che si apre immediatamente a nord di Patitiri, ad Alonissos. Pagina accanto.
L’ingresso del piccolo golfo di Patitiri. Il porto omonimo è la base di partenza per veleggiare verso l’isola di Peristera (sullo sfondo).

nunciazione, risalente al XVIII secolo. A circa 30 miglia da Il porto di Linaria, nel golfo di Kalamitsa, dove arrivano an-
Skantzoura, si trova Skyros: l’isola maggiore e più orientale che i traghetti, è piccolo, ma è anche l’unica base dove lascia-
delle Sporadi, ma anche la più ventosa dell’arcipelago. Cele- re la barca per raggiungere in taxi la Chora. Il paesino è un
brata dalla mitologia come rifugio di Achille e patria d’esilio dedalo di viuzze lastricate in pietra, listate da casette a cubo
dell’eroe Teseo, è divisa quasi in due da uno stretto istmo e con gli infissi azzurri che lo fanno assomigliare più a un vil-
offre incantevoli scenari. Ne sono un esempio Molos, con laggio delle Cicladi che non delle Sporadi. Salendo stradine
una lunga spiaggia di soffice sabbia dorata circondata da e gradini si arriva al Kastro, dove si trovano le rovine di una
un paesaggio rilassante e pittoresco; il piccolo approdo di chiesa del IX secolo e il castello-monastero di Agios Georgios
Akladhi, una baia vicina all’estremità sud, la parte più arida (X secolo). Da qui la vista verso il mare e il resto delle isole
e rocciosa; o quella di Atsitsa, sulla costa nordovest, un tem- del Nord è travolgente. Non resta che prendere la via del ri-
po porto per le miniere di ferro dell’isola, i cui resti affiorano torno, fermandosi ancora per gli ultimi bagni a Skantzoura e
dall’acqua turchese. Skopelos prima di approdare a Skiathos. |

34 BELL’EUROPA
MARE | SPORADI

15 GIORNI IN CROCIERA ALLE SPORADI

Una vacanza a vela adatta a tutti


La crociera tra Skiathos, Skopelos, dotata di un aeroporto internazionale
Alonissos, Skyros e le piccole (l’alternativa è Salonicco) e di una
isole disabitate del Parco Nazionale marina turistica da cui salpare
Marino copre circa 180 miglia. Grazie verso il Parco Nazionale Marino
alla loro disposizione, un asse che di Alonissos e delle Sporadi
va da nordovest a sudest, le isole Settentrionali. Istituito nel 1992,
formano una sorta di barriera al mare con lo scopo di salvaguardare la
che monta con il meltemi, il vento foca monaca mediterranea a rischio
che soffia in estate, e che qui si di estinzione, il parco comprende
presenta più debole che nelle Cicladi, le isole di Alonissos, Peristera,
raggiungendo forza 4-6, con picchi Kira Panagia, Gioura, Skantzoura
di 7. Il perimetro dunque è riparato e Piperi, più altre 22 isolette, ed è
dall’onda e la navigazione tra le isole, diviso in tre zone con la principale
che sono abbastanza vicine (eccetto area di divieto attorno all’isolotto
Skyros), è semplice e gradevole, di Piperi, dove la navigazione è
adatta sia ai diportisti esperti, sia consentita solo fino a 3 miglia di
ai naviganti alle prime armi e alle distanza dalla sua costa. Per il resto
famiglie. Comoda porta di accesso tutte le isole del parco sono visitabili,
alle Sporadi Settentrionali è Skiathos, seppur con alcune restrizioni.

BELL’EUROPA 35
A CURA DI TERRY CATTURINI

Sporadi SKOPELOS

Come arrivare da 2.652 € per 7 giorni; con South Star


Charter (via Monticelli 5, Salerno, tel. 328-
In aereo Voli diretti stagionali su Skiathos da 3047071; www.south-star.it) una barca a vela
Bari, Napoli, Torino e Venezia con Volotea da 13 metri, con 3 cabine (6 persone) e 2
(tel. 895-8954404; www.volotea.com): tariffe bagni, costa da 2.340 € per 7 giorni.
da 39,34 € sola andata, tasse incluse; e da
Milano (Malpensa e Orio al Serio), Roma e Come muoversi tra le isole
Bologna con Blue Panorama Airlines (tel.
895-8988985; www.blue-panorama.com): In estate spostarsi da un’isola all’altra è facile
tariffe da 65,54 € sola andata. grazie ai traghetti di Blue Star Ferries (www.
bluestarferries.com) e di Hellenic Seaways ALONISSOS
Con chi andare in barca (hellenicseaways.gr/en/): tariffe da 10 €.
Raggiunta l’isola di destinazione, il mezzo più
Per chi preferisce le crociere organizzate: comodo per andare alla scoperta del luogo Lalaria, che si raggiunge solo con i battelli
Horca Myseria (via Pelitti 1, Milano, tel. è il motorino, da affittare in uno dei molteplici turistici, o Koukounaries, attrezzata, a cui si
02-2552585; www.horcamyseria.it) e Orza punti noleggio che si trovano davanti al porto. arriva facilmente con il bus.
Charter (via Arosio 6A, Monza, tel. 039-
328301; www.orzacharter.it) propongono Cosa vedere A Skopelos Meritano una visita la Chora,
crociere alle Sporadi. Imbarchi individuali o con le rovine del Kastro veneziano, e Glossa,
di gruppo con possibilità di partecipare alle A Skiathos Costruito sulla rocca più alta, un tradizionale paesino, nel Nord dell’isola,
manovre di bordo; durata: 1 o 2 settimane dal vicino al porto, il monastero della Panagia da esplorare a piedi tra scalinate e vicoli.
10 al 24/8 (partenze settimanali il 10 e il 17/8); Evangelistria (tel. 0030-24270-22012) È immancabile Agios Ioannis (orario: 8-20.
tariffe da 840 € a persona in cabina doppia. custodisce il Katholikon, le cappelle di Agios Ingresso libero), la chiesa di Mamma Mia!.
Per chi, invece, ha la patente nautica e vuole Ioannis e Agios Demetrios e due piccoli Dopo aver salito i 198 scalini e ammirato
noleggiare a Skiathos: con Mondovela musei, uno ecclesiastico e uno del folclore. il panorama, si scende alla vicina spiaggia
Yachting & Vacanze (via Washington 7, C’è anche una taverna dove assaggiare e di Kastri per rinfrescarsi nelle sue acque
Milano, tel. 02-4819071; www.mondovela.it) acquistare il vino Alypiakos, il miele, liquori e cristalline. Notevoli anche le selvagge spiagge
una barca a vela da 10,34 metri, con 3 creme a base di olio d’oliva e latte d’asina. di ghiaia e ciottoli di Aggeletu, Perivoliou e
cabine (6 persone) e un bagno, costa L’isola vanta oltre 50 spiagge: da non perdere Pethamenis sulla costa nordest.

Ad Alonissos A Patitiri il Museo Storico


e del Folclore (www.alonissosmuseum.com
Orari: 1/7-31/8 11-20, poi fino alle 18.
Ingresso: 4 €) e per sapere tutto sulla foca
monaca e l’ambiente marino ci sono il Centro
informazioni del MOm (aperto 1/5-30/9.
Ingresso: a offerta libera) o, a Steni Vala, il
Centro di Assistenza della Foca Monaca
Mediterranea. Dopodiché non resta che fare
qualche escursione in barca tra le isole del
Parco Nazionale Marino (alonissos-park.gr).
Tra le spiagge da vedere: sulla costa orientale
Glifa e Agios Petros, non lontane da Steni
Vala; Kokkinokastro, la più suggestiva
dell’isola, e poi Marpounta, sulla punta più
meridionale, fiancheggiata da scogliere.

A Skyros Tra le viuzze della pittoresca Chora


si possono visitare il Museo del Folclore
(tel. 0030-22220-91232; faltaits.gr/en/ Orario:
10-14 e 18-21) e il Museo Archeologico
(odysseus.culture.gr Orario: 8.30-16, chiuso
mar. Ingresso: 2 €) fino ad “arrampicarsi”

36 BELL’EUROPA
INFO
In Italia: Ente Nazionale Ellenico
per il Turismo, via Santa Sofia 12, Milano,
tel. 02-860470; www.visitgreece.gr
Nelle Sporadi: Municipalità di Skiathos,
tel. 0030-24273-50100; www.skiathos.gr/en/
Municipalità di Alonissos, tel. 0030-24243-
50201; alonissos.gr/it/ The Region of Central
Greece Prefecture of Evia & Skyros Island,
tel. 0030-22213-53736; goevia.com/en/skyros
IKION ECO BOUTIQUE HOTEL AFROS

al castello e alla chiesa di Agios Georgios appartamenti. Solarium e bar a bordo piscina
da cui ammirare il panorama. Sull’isola vive dove godersi un cocktail al tramonto. Aperto
una delle razze più antiche e rare di cavalli: fino al 15/10. Doppia con colazione da 87 €.
il pony di Skyros. I cavalli che trainarono il
leggendario cocchio di Achille si possono Villas Mantalena Gyrismata, Skyros, tel.
RESTAURANT TASSIA’S COOKING
ammirare alla Mouries Farm (Kalikri Skyros, 0030-22220-92350; www.villas-mantalena.
tel. 0030-69474-65900; www.skyrianhorses. gr A 3 km dalla Chora e a 200 metri dalla
org). Per fare dei bei bagni si sceglie tra spiaggia, 3 appartamenti con cucina e
la spiaggia di Pefkos, riparata dai venti; 2 ville arredati in stile tradizionale locale.
la sabbiosa Agios Fokas, dominata dalla Appartamento da 85,50 € (minimo 2 notti).
chiesa di Agios Pandeleimon, a nord
di Acherounes; e Kalamitsa, un arenile di Casa Milos Alonissos, tel. 0030-698-
sabbia e ciottoli sulla costa occidentale. 6423324; casamilos.gr Un mulino a vento
nella vecchia Alonissos, 3 tipiche case in
Dove dormire pietra a 650 metri dalla spiaggia di Vrysitsa
e 2 appartamenti nel villaggio di pescatori di
★★★★★ Votsi. Dotati di cucina, possono ospitare da 3 ELIVI SKIATHOS
Elivi Skiathos Koukounaries Beach, Skiathos, a 8 persone. Aperto fino al 31/10. Da 55 €.
tel. 0030-24274-40900; www.elivihotels.com
A 9 km dal porto, immerso in una pineta, a 50 Dove mangiare
metri dalla spiaggia, un hotel contemporaneo,
eco-friendly e raffinato con 119 sistemazioni Marmita 30 Evangelistrias, Skiathos, tel.
tra camere, suite sul mare e ville con piscina 0030-24270-21701; www.marmitaskiathos.
privata. Dispone anche di tre ristoranti, spa e com In un bel giardino, una cucina casalinga
piscina. Doppia con colazione da 272 €. che utilizza ingredienti freschi e locali combinati
con ricette tradizionali per un viaggio
★★★ nei sapori della Grecia. Conto medio: 25 €.
Ikion Eco Boutique Hotel Patitiri, Alonissos,
tel. 0030-24240-66360; www.ikion.com Restaurant Tassia’s Cooking Steni Vala, MARMITA
A 200 metri dalla spiaggia di Roussoum Alonissos, tel. 0030-24240-65545 Ambiente
Gialos, dispone di 13 camere con balcone incantevole con vista sul porto. Si può
privato vista mare o villaggio. Aperto fino al scegliere tra un ampio menù con piatti greci Afros Roussoum Gialos, Votsi, Alonissos,
30/9. Doppia con colazione da 145 €. e pesce fresco. Occorre prenotare. Conto tel. 0030-24240-65894 Sulla spiaggia, piatti
medio: 20 €. curati e rivisitati della cucina greca, pesce
Perigiali Hotel Magazia, Skyros, tel. 0030- fresco e carne alla griglia. Conto medio: 18 €.
22220-92075; www.perigiali.com Dispone Mouria Fish Tavern Agnontas, Skopelos,
di 27 sistemazioni tra camere, appartamenti tel. 0030-699-1230230 Aperto dalla mattina Fish Tavern Stelios Gyrismata Beach,
e studios in stile isolano vicino alla spiaggia, fino a tarda notte, pesce fresco, calamari Skyros, tel. 0030-22220-91385 Affacciata sul
15 minuti a piedi dalla Chora. Doppia con locali e tipica cucina greca, direttamente sulla mare, una psarotaverna (taverna di pesce)
colazione da 133,65 € (minimo 3 notti). spiaggia. Conto medio: 20 €. dove gustare piatti fatti in casa, carne locale,
pesce fresco e l’aragosta tradizionale di
Kleopatra Villas Kolios Beach, Skiathos, Anna’s Restaurant Palia Hora Skopelos, Skyros, tutti da accompagnare con ouzo o
tel. 0030-698-6706788; kleopatravillas.com Skopelos, tel. 0030-24240-24734 Nel centro raki (un distillato molto simile alla grappa).
Davanti alla spiaggia di Kolios, 5 ville separate storico, con un bel giardino dove assaporare Conto medio: 15 €.
per un totale di 10 appartamenti con cucina. una cucina che mixa i sapori tradizionali greci
Giardino con barbecue a disposizione degli con quelli francesi, armeni e asiatici. Conto O Lambros Aspous, Skyros, tel. 0030-
ospiti. Aperto fino al 30/9. Da 130 €. medio: 20 €. 22220-91388 Una tipica taverna a gestione
famigliare, 3 km a sud dalla Chora. I piatti
★★★ Akrogiali Patitiri, Alonissos, tel. 0030-24240- sono generosi, ottimi le carni (tra cui l’agnello
Rigas Hotel Skopelos Town, Skopelos, tel. 65236 Una bella terrazza sulla spiaggia con in pentola) e il pesce sempre freschissimo.
0030-24240-22618; rigashotel.gr Circondato vista sul porticciolo. Tra le specialità greche, Da provare il pane-focaccia ripieno con
da alberi di limoni e da fiori, a 400 metri dal la moussaka: si trova ovunque, ma qui è il formaggio locale e l’aragosta, un must
porto, dispone di 78 camere, monolocali e squisita. Conto medio: 20 €. dell’isola. Conto medio: 15 €.

BELL’EUROPA 37
ARTE | FRANCIA

Una carrellata di mostre estive celebra il centenario degli storici studi


cinematografici della Victorine, che hanno fatto da set a numerosi
film di culto. Proprio come le piazze, i mercati e i panorami della città
più famosa della Costa Azzurra TESTI ROSALBA GRAZIA ✶ FOTO MATTEO CARASSALE

Nizza
la vita è
come
un film
38 BELL’EUROPA
Nella foto. Il faro di
Nizza segna l’ingresso a
Port Lympia, importante
scalo marittimo
cittadino usato dai
traghetti per la Corsica.
Il camminamento che
porta al faro è anche la
meta di passeggiate.
Pagina accanto.
Una foto di Yul Brynner
e Marcello Mastroianni,
“colleghi” insieme a
Omar Sharif sul set del
film di spionaggio
Il papavero è anche un
fiore (1966), tratto da un
soggetto di Ian Fleming.
M
Marzo 1919. Il Festival del Cinema di Cannes è di là da
venire, ma la Costa Azzurra è già una mecca della neo-
nata cinematografia. E Nizza la sua capitale. Nel 1896 i
fratelli Lumière – un nome, un destino – filmano pro-
prio qui le immagini in movimento del Carnevale, in
pellicole che appartengono agli esordi del cinema. La
luce di Nizza, che già aveva incantato i pittori a comin-
ciare da Matisse (“Quando ho capito che ogni mattina
proprietario di un terreno di sette ettari, il Domaine
de la Victorine, e si rivolgono all’architetto olandese
Édouard Jean Niermans, già famoso per il progetto del
Negresco, il leggendario hotel sulla Promenade des An-
glais. Iniziava così esattamente cento anni fa, nel 1919,
l’avventura degli Studios de la Victorine, facendo en-
trare Nizza di diritto nella storia del cinema.
Negli anni ’20 la Metro Goldwyn Mayer dota gli studi
avrei rivisto questa luce, non potevo credere alla mia di attrezzature più moderne: si girano qui anche sette
fortuna”), ora conquista i registi. film all’anno e vengono create scenografie sontuose per
autentici “blockbuster”, ossia i film di grande successo
Una piccola Hollywood commerciale. Nel 1930 addio al cinema muto: alla Vic-
La “rivoluzione cinematografica” che fa di Nizza una torine arriva il sonoro. Si gira persino durante la guer-
Hollywood in Costa Azzurra si deve a due visionari, ra, con un cult come Les enfants du paradis (1943-44,
Serge Sandberg, nato a Kaunas, in Lituania, e Louis Amanti perduti nell’edizione italiana) di Marcel Carné,
Nalpas, turco di Smirne, che decidono di aprire dei ma il vero boom è negli anni ’50 con film come Fan-
nuovi e grandi studios. Si accordano con Jules Scherrer, fan la Tulipe (1951), con la star dell’epoca Gérard >

40 BELL’EUROPA
ARTE | NIZZA

Vista sulla baia di Nizza


dall’Osservatorio, situato
a circa 400 metri di
altezza in cima al Mont-
Gros e circondato da un
lembo di foresta. La sua
cupola è stata progettata
da Gustave Eiffel.
ARTE | NIZZA

Philipe, Giochi proibiti di René Clément (1952) e Napo- gramma di mostre ed eventi per tutto il 2019 dal titolo
leone di e con Sacha Guitry nel 1955, lo stesso anno del L’Odyssée du cinéma: un viaggio attraverso Nizza nel se-
mitico Caccia al ladro di Hitchcock, girato anche a Niz- gno del cinema, un modo per scoprire una città dietro
za, esattamente come la scena del mambo con Brigitte l’obiettivo e vedere i suoi musei in modo diverso.
Bardot in E Dio creò la donna di Vadim, prodotto nel Il nostro itinerario comincia nel cuore della città, nella
1956. L’altra diva del tempo, Jeanne Moreau, in un’i- piazza che fa da collegamento fra la vecchia e la nuova
nedita versione biondo platino, è la protagonista di La Nizza: place Masséna. Qui si è accolti da una selezione
baie des anges di Jacques Demy (1963, in edizione ita- di fotografie in grande formato di Léo Mirkine, nato
liana La grande peccatrice), girato fra la Promenade e la a Kiev e arrivato in Francia nel 1919 in fuga dalla Ri-
Victorine. L’ultimo film prodotto in città è Effetto notte voluzione russa, e di suo figlio Yves, amici delle star
di François Truffaut, del 1973, Oscar come miglior film e fotografi di scena di oltre 150 film girati a Nizza e
straniero nel 1974. Poi gli Studios de la Victorine chiu- dintorni. La mostra ha il titolo emblematico di La Vic-
dono. Finché nel 2017 vengono acquisiti dalla Città di torine dans l’œil des Mirkine (La Victorine vista dai Mir-
Nizza e restaurati. Esattamente un secolo dopo l’aper- kine). Purtroppo gli Studios de la Victorine non sono
tura, iniziano la loro seconda vita. aperti al pubblico: saranno accessibili eccezionalmen-
Il centenario della Victorine è l’occasione per un pro- te solo nelle Giornate porte aperte (27-29/9), per il >

Qui sotto. Una sala con Castel, spiaggia pubblica con un Masséna, sede del museo,
un’immagine di Marcello tratto attrezzato a lido privato che classificata come monumento
Mastroianni alla mostra Le diable si estende lungo il Quai des storico. Pagina accanto,
au corps. Quand l’Op Art électrise États-Unis, sotto la Colline du in basso. La Promenade du
le cinéma ospitata al MAMAC, il Château; un celebre scatto che Paillon è il viale di recente
museo di arte moderna e ritrae François Truffaut alla realizzazione, formato da giardini
contemporanea. Pagina accanto, mostra Nice, Cinémapolis, e fontane, tra il MAMAC
in alto da sinistra. La Plage allestita al Musée Masséna; Villa e la Promenade des Anglais.
BELL’EUROPA 43
Qui sopra, da sinistra. Aperta color pastello. Pagina accanto, mostra al Musée Masséna, dove
nel 1860, la storica enoteca Cave dall’alto. Il comico Darry Cowl si racconta la storia degli Studios
Pierre Bianchi compare in un film e Béatrice Altariba in L’uomo a tre de la Victorine, la “cinecittà”
di Woody Allen; il Musée Masséna ruote (1957), una delle foto di di Nizza; scorcio sulla Promenade
con l’allestimento della mostra scena scattate dai Mirkine esposte des Anglais vista dagli archi del
Nice, Cinémapolis; un vicolo della all’aperto in place Masséna, passage di cours Saleya, l’antica
città vecchia, la “vièia vila” in il salotto cittadino; vecchie piazza conosciuta per il mercato
dialetto nizzardo, con le case apparecchiature di ripresa in delle primizie e dei fiori.

programma di mostre (sempre con foto dei Mirkine), il museo di arte moderna e contemporanea, custode di
animazioni, spettacoli dal titolo L’envers du décor, e per 1.300 opere di 300 artisti, con due focus particolari su
un omaggio particolare ai film Amanti perduti ed Effetto Yves Klein e Niki de Saint Phalle. Anche il MAMAC
notte, grazie a due installazioni artistiche in collabora- ospita il cinema, con la mostra Le diable au corps, che
zione con la Cinémathèque française. attraverso 30 film e oltre 150 opere racconta il rapporto
tra il grande schermo e l’Op Art, l’arte cinetica astrat-
In città nei luoghi del cinema ta. Altra tappa obbligata è il Museo Chagall, dove, ac-
In compenso i musei della città sono in gran spolvero canto ai dipinti del grande pittore russo (la più ampia
per l’intera stagione in occasione dell’Odissea del cine- collezione pubblica) c’è da scoprire un giovane artista,
ma. Al Musée Massena – che racconta la storia di Nizza fotografo e filmmaker francese, Clément Cogitore. Una
in una villa neoclassica di inizio ’900 circondata da un chicca si trova al Museo Matisse, arroccato sulla collina
grande giardino sulla Promenade des Anglais – la mo- di Cimiez e ospitato fra la storica Villa des Arènes e
stra Nice, Cinémapolis rievoca il cinema a Nizza dal 1896 spazi contemporanei: la mostra d’autunno per la prima
a oggi: i luoghi, i registi, gli attori, fra manifesti, foto- volta esplora i legami fra Matisse e il cinema, in una
grafie, spezzoni di film. Imboccando da place Masséna grande esposizione con spezzoni di film che gli han-
la Promenade du Paillon, il grande viale-giardino che no reso omaggio (i registi della Nouvelle Vague come
si declina per tutto il centro, si raggiunge il MAMAC, Rohmer, Godard, Truffaut e Agnès Varda lo consi- >

44 BELL’EUROPA
Una stagione di mostre tra arte e cinema
La Victorine dans l’œil des Mirkine Clément Cogitore Musée National
Place Masséna, all’aperto. Ingresso Marc Chagall, 36 avenue Docteur
libero. Fino al 25/9 Foto sugli Studios Ménard; it.musees-nationaux-
de la Victorine scattate dai fotografi alpesmaritimes.fr Orario: mer.-lun.
di origini ucraine Léo e Yves Mirkine. 10-18. Ingresso: 10 €. Fino al 22/10
È dedicata al giovane artista e
L’envers du décor Studios de la cineasta Clément Cogitore, autore di
Victorine, 16 avenue Édouard Grinda; cortometraggi e installazioni e vincitore
www.studiosdelavictorine.fr Ingresso nel 2018 del premio Marcel Duchamp.
libero. Dal 27 al 29/9 Tre giornate di
porte aperte consentono l’ingresso agli Cinématisse Musée Matisse, 164
studios, altrimenti chiusi al pubblico. avenue des Arènes de Cimiez; www.
musee-matisse-nice.org Orario: mer.-
Nice, Cinémapolis Musée Masséna, lun. 10-18. Ingresso: 10 € (valido 24
65 rue de France; www.nice.fr ore, dà accesso ai musei municipali).
Orario: mer.-lun. 10-18. Ingresso: 10 Dal 19/9 al 5/1 La mostra racconta il
€ (valido 24 ore, dà accesso ai musei rapporto tra Matisse e il cinema.
municipali). Fino al 30/9 Una carrellata
sulla storia del cinema a Nizza a partire Ben et ses invités. La vie est un film
dal 1896, anno in cui i fratelli Lumière Le 109-Pôle de Cultures
filmarono il celebre Carnevale. Contemporaines, 89 route de Turin;
le109.nice.fr Orario: mar.- sab. 13-19.
Le diable au corps. Quand l’Op Art Ingresso libero. Fino al 19/10 Mostra su
électrise le cinéma MAMAC, 1 place 50 anni di attività dell’artista Ben Vautier.
Yves Klein; www.mamac-nice.org
Orario: mar.-dom. 10-18. Ingresso 10 Alain Fleischer, l’image qui revient
€ (valido 24 ore, dà accesso ai musei Musée de la Photographie Charles
municipali). Fino al 29/9 Attraverso 30 Nègre, 1 place Pierre Gautier;
film e 150 opere e documenti, la mostra museephotographie.nice.fr Orario:
esplora l’influenza dell’Optical Art e dei mar.-dom. 10-18. Ingresso: 10 €. Fino
suoi speciali effetti visivi sul cinema al 29/9 Mostra dedicata al fotografo,
degli anni Sessanta. cineasta, scrittore Alain Fleischer.

INFO
cinema2019.nice.fr
ARTE | NIZZA

Qui sopra. L’allestimento di foto di 1956 durante le riprese del film in centro nella piazza alle spalle
scena d’epoca trasforma place E Dio creò la donna di Roger del Quai des États-Unis.
Masséna, la piazza principale di Vadim (Piace a troppi nell’edizione Pagina accanto, in basso. Il
Nizza, in un museo a cielo aperto. italiana); la sede della Biblioteca Negresco, il leggendario hotel sulla
Pagina accanto, in alto. Una foto Municipale, accanto al MAMAC, Promenade des Anglais divenuto
della collezione Mirkine in place ispirata a una scultura di Sacha simbolo della raffinata mondanità
Masséna ritrae Jean-Louis Sosno; bancarelle di fiori al famoso di Nizza e che nel 2013 ha
Trintignant e Brigitte Bardot nel mercato di cours Saleya, ospitato festeggiato 100 anni di attività.

deravano una sorta di musa ispiratrice) e le sue opere e Jean Reno. Al mercato dei fiori di cours Saleya sono
più “cinematografiche”, in movimento, a cominciare da state girate scene cult di Caccia al ladro con Cary Grant,
La vague del 1952. e accanto ci sono l’Opéra, alias il teatro dello spettacolo
Sempre nella zona nord della città Les Abattoirs, lo sto- di magia con cui inizia Magic in the Moonlight di Woody
rico ex mattatoio, è stato trasformato in Le 109, innova- Allen, e la Cave Bianchi (al n. 7 di rue Raoul Bosio), l’e-
tivo spazio espositivo dedicato alla creatività contem- noteca più antica di Nizza, aperta nel 1860, che diventa
poranea. Una location ideale per la mostra dedicata a jazz club in un’altra scena dello stesso film. Sempre af-
Ben, uno dei più importanti artisti nizzardi, esponente facciato sul mercato dei fiori, il Museo della Fotografia
di primo piano del movimento Fluxus. La mostra Ben Charles Nègre è l’ultima tappa della nostra odissea nel
et ses invités. La vie est un film ricostruisce i suoi 50 anni cinema a Nizza: ospita la mostra L’image qui revient de-
di attività attraverso più di 500 opere. dicata al fotografo, cineasta, scrittore Alain Fleischer,
Torniamo ora verso il mare, e per farlo passeggiamo sul rapporto fra immagini ferme e in movimento.
nella città vecchia per scoprire le location di film famo- Pochi passi più avanti ecco la spiaggia, la luminosità
si. Place Rossetti, la cattedrale di Santa Reparata e le della Promenade, le seggioline blu rivolte verso il mare.
stradine della Vecchia Nizza (fino al porto e al Quai des E passeggiando sul viale gustandosi un gelato, come Je-
Deux Emanuels) sono state lo scenario di emozionanti anne Moreau in La baie des anges, ci si sente una star.
inseguimenti di Ronin, film del 1998 con Robert De Niro La vita è un film, in questa estate a Nizza. |

BELL’EUROPA 47
A CURA DI ROSALBA GRAGLIA

Nizza NICE JAZZ FESTIVAL

Come arrivare fino al 13/10 ospita l’installazione video


Fucking Perfect-Body Double 36 di Brice
In auto Nizza dista 40 km dal confine di Dellsperger (artista che ha studiato proprio
Ventimiglia, tutti in autostrada. qui), legata al tema ossessivo del corpo
In treno Collegamenti diretti senza cambi idealizzato nel cinema. La Villa propone altre
con il Thello (www.thello.com), linea Milano- mostre in questo periodo, compresi i lavori
Marsiglia: 3 partenze al giorno da Milano, a dei diplomati, ed è interessante visitare la
partire da 15 € a tratta. struttura: visite guidate 7 €.
In bus Con Flixbus (www.flixbus.it) da Torino
all’aeroporto di Nizza (Terminal 2, da qui La Station 89 route de Turin; www.lastation.
navette per il centro): tariffe da 8,99 € a tratta. org Orario: mer.-sab. 13-19. Ingresso
In aereo Con easyJet (tel. 199-201840; libero Nella Hall Sud de Le 109, ossia i
www.easyjet.com) voli diretti per Nizza da vecchi magazzini frigoriferi dell’ex mattatoio
Venezia, Roma, Napoli, Olbia a partire da 46 trasformato in spazio culturale, La Station (il
€ a tratta. nome viene dal fatto che in origine ha aperto
in una ex stazione di servizio di carburante)
Cosa vedere è un centro di arte contemporanea che
dal 3/7 al 28/9 ospita un’altra mostra
Villa Arson 20 avenue Stephen Liégeard; di Brice Dellsperger, L’età del doppio,
www.villa-arson.org Orario: 14-18 (lug.-ago. un caleidoscopio di immagini ripetute,
fino alle 19), chiuso mar. Ingresso libero travestimenti, specchi sul tema del doppio.
Oltre alle grandi mostre citate, un po’ tutte le Un’occasione anche per scoprire uno dei
arti celebrano il cinema a Nizza. Villa Arson, nuovi spazi per l’arte della città. OPÉRA
un edificio dell’800 ripensato negli anni ’60,
belvedere sulla città, 17mila metri quadrati Opéra 4-6 rue Saint-François de Paule; privati: il Grand Palais al n. 2; il Majestic al n.
di terrazze e giardini, sede della Scuola www.opera-nice.org Location del film 4; il Riviera Palace al 39; l’Alhambra Palace,
superiore d’arte, del Centro nazionale di di Woody Allen Magic in the Moonlight, neomoresco, al n. 46-48; il Prince de Galles
arte contemporanea, di una biblioteca di ricostruito dopo un incendio e inaugurato al n. 53; il lussuoso Excelsior Régina Palace
studio e ricerca e di una foresteria per artisti, nel 1885, è uno splendido esempio di teatro al n. 71-73, residenza prediletta dalla regina
all’italiana. Piccola curiosità: la facciata Vittoria; il Winter Palace al n. 82. E su in cima
principale dà sulla Promenade des Anglais, alla collina, il Monastero di Cimiez (place
e furono le ladies inglesi amanti della lirica a Jean Paul II; stemariedesanges.free.fr Orario
chiedere un secondo ingresso su rue Saint- museo: lun.-sab. 10-12 e 15-18. Ingresso
François de Paule, per evitare il sole troppo libero), del IX secolo, con all’interno della
forte del lato mare… Visite guidate al teatro chiesa di Notre-Dame (rifatta nel XVI secolo in
lun. alle 14, solo su prenotazione, a cura stile gotico) tre bei dipinti dei fratelli Brea (XV-
del Centre du Patrimoine (1 place Gautier, tel. XVI secolo) e attorno giardini panoramici e il
0033-(0)4-92004190). Tariffa: 5 €. cimitero (orario: 8-18.45), dove sono sepolti
Matisse e Dufy.
Cosa fare
In bici elettrica in città Dalla Promenade
Quartiere di Cimiez Salire verso il Musée des Anglais, luogo cinematografico per
Matisse (www.musee-matisse-nice.org definizione, lungo la pista ciclabile del Vieux-
Info per la visita a pagina 45) è l’occasione Nice fino alla collina del castello, al porto,
per scoprire il quartiere più amato dai turisti e ancora su per una vista panoramica dal
dell’800 e dove sorgeva la Nizza degli Mont Boron, per terminare alla collina di
antichi Romani. L’età d’oro di Cimiez è la Cimiez, con il Musée Matisse. È il percorso
Belle Époque, quando qui soggiornarono del tour guidato di 2,30 ore in bici elettrica
la regina Vittoria, Edoardo VII, Leopoldo proposto da Mobilboard Nice (2 rue Halévy,
II insieme a decine di aristocratici British. tel. 0033-(0)4-93802127; www.mobilboard.
Passeggiando lungo il boulevard de Cimiez com). Si tiene lun. e gio., orari da definire
si scoprono scenografici palazzi, all’epoca secondo le richieste, 35 € compresi bici,
grandi hotel, oggi edifici di appartamenti casco, impermeabile, cestino portaoggetti.

48 BELL’EUROPA
INFO
In Italia Ente Nazionale Francese
per il Turismo; it.france.fr
A Nizza: Office du Tourisme Nice
Côte d’Azur, 5 Promenade des
Anglais, tel. 0033-(0)4-92144614;
www.nicetourisme.com
LA ROTONDE GARE DU SUD

Degustare il vino di Bellet Acquistare €, colazione a buffet 6 €, alla francese


il raro vino Doc delle colline di Nizza, il Vin de prenotata sul sito dell’hotel 1 €.
Bellet, alla Cave Bianchi (7 rue Raoul Bosio,
tel. 0033-(0)4-93856579; www.cave-bianchi. ★★★★
fr Orario: 9.30-19.30, ven.-sab. fino alle Hotel 64 64 avenue Jean Médecin, tel. HÔTEL NICE EXCELSIOR
22.30), locale storico aperto dal 1860, che è 0033-(0)4-93922455; www.hotel64nice.
stato location del film di Woody Allen Magic com In un palazzo d’epoca completamente
in the Moonlight. Tutti i giorni in negozio alle rinnovato in pieno centro, un hotel di charme
18.30 degustazioni, a 7 € al calice. con 44 camere di gusto contemporaneo
e una ricca colazione gastronomica a
Gli eventi buffet servita fino alle 11. Doppia da 145 €,
colazione 19 €.
Il Nice Jazz Festival (www.nicejazzfestival.
fr), creato nel 1948, è stato il primo festival Hôtel Ozz Nice 18 rue Paganini, tel. 0033-
di jazz del mondo. Quest’anno si svolge dal (0)4-93884883; www.hotel-ozz.com Per
16 al 20/7: 31 gruppi e star si alterneranno budget contenuti, uno sharing hotel per un
sul palco del Théâtre de Verdure in place pubblico informale, stile backpacker, che VILLA RIVOLI
Masséna con una programmazione che offre anche posti letto in camere multiple
strizza l’occhio al cinema. Biglietti da 39 €; da 3 a 6 letti. Atmosfera colorata, sempre
pass 2 giorni da 60 €; pass 5 giorni da 130 connessa, ping-pong a disposizione degli
€. Prenotazioni sul sito. ospiti, Ozz Bar, 49 camere essenziali e
funzionali (ma anche una suite sul rooftop).
Dove dormire Doppia con colazione da 119,30 €.

★★★★ Dove mangiare


Hôtel Nice Excelsior 19 avenue Durante,
tel. 0033-(0)4-93881805; www.excelsiornice. La Rotonde 37 Promenade des Anglais, tel.
com Comodo, nel cuore del centro città, 0033-(0)4-93166411; www.hotel-negresco-
vicino alla stazione e a pochi passi dalla nice.com La brasserie del leggendario HÔTEL OZZ NICE
Promenade, ha esterni d’epoca e interni Negresco, hotel che ha fatto da sfondo a
giocati sui temi del viaggio, tanto da sentirsi tanti film, diventa abbordabile a pranzo. Il
immersi nell’atmosfera di un film. Dispone di locale è ora ancora più magico dopo un Orario: mar.-mer. e dom. 11-23, gio.-sab.
42 camere. Doppia con colazione da 163 €. perfetto restauro, con i cavalli della giostra 11-24 L’ex stazione ferroviaria ristrutturata è
del ’700, e tutto giocato nei toni dell’oro e del diventata un nuovo spazio food: 1.500 metri
★★★ bianco. Piatto del giorno 19,50 €, dessert 9 quadrati e altri 1.000 all’ammezzato con negozi
La Villa Nice Victor Hugo 19bis boulevard €; menù di 3 portate da 39 €. di specialità gastronomiche, bar, street food
Victor Hugo, tel. 0033-(0)4-93871500; e ristorantini, molti di cucina nizzarda (socca,
www.hotel-villa-nice-centre.com In un bel Tell Un Ange 47 avenue Alfred Borriglione, verdure ripiene, ravioli...). Prezzi molto vari a
palazzo Belle Époque nel quartiere dei tel. 0033-(0)4-93960151 Andando verso partire da pochi euro. Tra gli altri, hanno aperto
musicisti, a pochi minuti dalla Prom’, un Cimiez e il Musée Matisse vale la pena una qui Nicolas Alziari (www.alziari.com.fr), firma
hotel con 47 camere, dagli interni minimal sosta in questo piccolo bistrot chic di cucina dell’olio della Riviera francese, con un bar à
contemporanei, dedicato al ricordo di Victor mediterranea. A pranzo formula a 16,50 €, olives, e L’Annexe-Café de Turin (www.
Hugo, scrittore molto amato dal cinema. la sera conto medio 30 €. cafedeturin.fr), storico indirizzo per ostriche e
Doppia con colazione da 159 €. frutti di mare (zuppa di pesce da 13,50 €).
Utopia 35 rue Bonaparte, tel. 0033-(0)7-
★★★ 53301145 Un nuovo ristorante vegetaliano Chez les Garçons 1 rue Niepce, tel. 0033-
Villa Rivoli 10 rue de Rivoli, Nizza, tel. 0033- (ovvero vegetariano-vegano all’italiana) (0)4-93804259 Nel quartiere di Notre-Dame,
(0)4-93888025; www.villa-rivoli.com In un accogliente e di cucina eccellente, che uno dei locali più nuovi e di tendenza,
palazzetto d’epoca molto “cinematografico”, convince anche chi veg non è. Ottimi anche i perfetto per un pranzo leggero e a prezzi
a 100 metri dalla Promenade des Anglais. dolci. Chiuso lun.-mar. Conto medio: 25 €. tranquilli. Dalle 9 alle 18 (mar.-sab.) qui si
Atmosfera da casa privata, 24 camere viene a gustare insalate, tartine, bowls e
raffinate, caminetto e pianoforte nella Gare du Sud 35 avenue Malaussena, tel. ottimi dolci, in un ambiente vintage-chic.
sala della colazione. Doppia da 152,10 0033-(0)4-93175080; www.lagaredusud.com Piatti a partire da 7,50 €, insalate da 8,50 €.

BELL’EUROPA 49
Veduta aerea di un
tratto del Parco
Naturale di Telašćica,
situato sulla punta
meridionale dell’isola,
vicino a Sali. Le
scogliere sono
ricoperte da pini,
olivi e fichi. Nel punto
più alto raggiungono
i 160 metri e sono
rivolte verso il mare;
verso l’interno
dell’isola il parco
forma invece
un’insenatura
profonda 8 chilometri,
con 25 baie e 13 isole
di varie dimensioni.

50 BELL’EUROPA
MARE | CROAZIA

L’isola
senza
tempo
A un’ora e mezza di nave da Zara, Dugi Otok, l’Isola Lunga, è ancora un’oasi
di pace, lontana dai grandi flussi turistici. Apprezzata proprio per
l’assenza di vita mondana, i ritmi lenti e lo stile spartano. E le sue bellissime baie
TESTI BARBARA ROVEDA ✶ FOTO GIORGIO FILIPPINI

BELL’EUROPA 51
MARE | CROAZIA

L
La sua spiaggia di sabbia, Sakarun, è una delle più note
(e belle) di tutta la Croazia, ma di essere famosa Dugi
Otok non lo sa. O almeno fa finta di niente, tanto da esse-
re rimasta uno degli ultimi luoghi della Dalmazia ancora
lontani dal turismo di massa, nonostante si trovi a un’ora
e mezza di traghetto da Zara. Forse il futuro sarà diverso,
soprattutto adesso che il New York Times ha inserito Zara
e l’isola di Dugi Otok nella sua celebre lista dei 52 posti
da non perdere nel 2019. Per il momento, però, chi arriva
qui non va certo in cerca di vita notturna, spiagge attrez-
soprattutto da diportisti e pescatori. Dalle testimonianze
storiche pare anzi che fu proprio qui che il popolo croato
iniziò a praticare la pesca nel X secolo, e sempre sull’isola
si trova una tra le più antiche fabbriche per la lavorazio-
ne del pesce del Paese, ancora in attività.

Spiagge, konobe e un parco naturale


Il tempo sembra essersi fermato a Dugi Otok: l’acqua pota-
bile arriva per mezzo di cisterne, esiste un’unica pompa di
benzina (a Zaglav) e andando a fare la spesa può capitare
zate e negozi di souvenir. di trovare il negozio in attesa di rifornimenti da Zara. Già
Relativamente “scomoda” per la sua conformazione (è sbarcando dal traghetto a Brbinj, non un vero porto ma un
stretta – la larghezza massima è 4 chilometri – e lunga cir- semplice attracco con l’immancabile konoba accanto, si ha
ca 50 chilometri, il che si traduce in un’ora d’auto per at- la sensazione di trovarsi in un luogo di vacanza di una vol-
traversarla), con appena una decina di paesini e senza un ta. Il paesino (tre ristoranti, due negozi e una manciata di
vero centro, l’Isola Lunga (questa la traduzione del suo case) fa da spartiacque tra le due metà dell’isola. Imboc-
nome croato) è rimasta selvaggia e informale, apprezzata cando l’unica strada principale che come una dorsale la
percorre da nord a sud si raggiunge Sali, il più importante
centro abitato, un porticciolo delimitato da case color pa-
stello oggi trasformate in ristoranti e pochi negozi di prima
necessità. Nessuna boutique per turisti, un unico locale di
vaga atmosfera mondana, il Maritimo, e una gelateria. Le
baiette dove fare un bagno lungo la strada non mancano,
a cominciare da Brbinjšćica, una laguna profonda delimi-
tata da rocce stratificate subito a sud di Brbinj, o il vicino
isolotto di Savar, riconoscibile dalla chiesetta in pietra e con
un lembo di pineta su una sottile lingua di spiaggia. L’attra-
zione più conosciuta del versante meridionale dell’isola è
però il Parco Naturale di Telašćica, formato da una decina
di isolette e scenografiche scogliere a picco sul mare aperto.
Nel punto più elevato le falesie raggiungono i 160 metri di
altezza; alla loro sommità si apre il lago salato Mir: visto
dall’alto, sembra la versione naturale e ante litteram delle
moderne piscine a sfioro, con l’acqua di un colore che vira
al verde e dalle proprietà curative per l’alta salinità. L’ideale
è visitare il parco in barca, per poter godere delle 25 piccole
insenature dal mare cristallino della baia di Telašćica e fug-
gire dai turisti che arrivano da Zara durante le escur- >
Nella foto. La chiesetta
di San Pellegrino
spicca sulla piccola
penisola di fronte a
Savar. Pagina accanto,
dall’alto. Una caletta
nella baia di Telašćica;
il faro di Veli Rat, sulla
punta nord dell’isola,
contornato da piccole
spiagge rocciose.

BELL’EUROPA 53
MARE | CROAZIA

54 BELL’EUROPA
Nella foto. Il sentiero che costeggia il lago salato di Mir, formatosi in una depressione carsica e dove l’acqua supera i 33 °C.
Sopra. In bici su uno dei sentieri che da Sali attraversano il Parco di Telašćica. Pagina accanto, dall’alto. Il centro di Sali, il paese
più grande dell’isola nell’estremità sud, si sviluppa attorno al piccolo porto, con le vecchie case colorate trasformate in negozi
e ristoranti; il versante della baia di Telašćica che affaccia sul mare aperto è costituito da alte scogliere scolpite dal vento.
MARE | CROAZIA

56 BELL’EUROPA
Uno scorcio della baia di Telašćica con le Incoronate sullo sfondo. Due delle isole del famoso arcipelago, Katina e Gornja Aba, rientrano
nel comune di Sali e fanno parte sia del Parco Naturale di Telašćica sia del Parco Nazionale delle Incoronate, formato da isole disabitate.

BELL’EUROPA 57
MARE | CROAZIA

sioni di un giorno alle isole Incoronate, di cui il parco è il


naturale proseguimento. La zona più ambita da chi punta
alla classica vacanza balneare è però il versante nord, dove
si trova anche la famosa Sakarun, per la quale le nomination
tra le baie più belle (della Croazia, dell’Adriatico e anche
del mondo) si sprecano. E a ragione: la spiaggia è una vera
piscina di mare, con il fondale basso e sabbioso – per questo
frequentata da famiglie – dove l’unico accenno di monda-
nità sono due baretti da spiaggia ombreggiati dalla pineta,
dall’atmosfera casual e mai chiassosi.
Per trovare lidi ancora più selvaggi, basta aggirare la vicina
penisola di Lopata e dirigersi verso il tratto di costa che af-
faccia sul mare aperto, o ancora imboccare la sterrata che
dal paese di Veli Rat arriva al faro omonimo costeggiando
la baia di Pantera, dove ritagliarsi un posticino tra le tante
calette rocciose e dall’acqua incredibilmente trasparente.
I più sportivi possono esplorare la zona in bici, grazie alle
strade poco trafficate, o anche a piedi e in kayak. A Soline,
un gruppetto di case sulla baia di Luka Solišćica, da qualche
anno un nuovo campeggio sul mare propone il noleggio di
mountain bike e kayak con cui raggiungere la vicina baia di
Lučica. E sempre da Soline parte uno dei rari sentieri segna-
lati dell’isola: lungo 3 chilometri, porta al paese più vivace
di questa parte dell’isola, Božava, costruito in un’insenatura
profonda e con i ristoranti allineati sul porticciolo. Da qui
un altro sentiero tra i pini marittimi segue il lungomare e
permette di raggiungere le calette di questo tratto di costa
fino al paese di Dragove, immerso nel verde e senza accesso
diretto al mare. La spiaggia più famosa del villaggio, Veli
Žal, si trova infatti quattro chilometri a sud dell’abitato, af-
facciata sul mare aperto e a poche bracciate dall’isolotto di
Mežanj. Chi invece dispone di una barca può raggiungere la
vicina isola di Zverinac, avamposto per gourmet ad appena
due miglia nautiche da Božava, per una scorpacciata di pe-
sce nell’unico ristorante dell’isola, rifornito ogni giorno dai
pescatori locali. Per poi tornare a Dugi Otok giusto in tem-
po per osservare il tramonto nell’unico “locale mondano” di
Soline, il Sol, uno spartano e delizioso chiosco sul molo che
ricorda la Grecia di qualche decennio fa. |

58 BELL’EUROPA
Nella foto. Sono più di
una ventina le
insenature della baia
di Telašćica, accessibili
in barca. Pagina
accanto, dall’alto. La
spiaggia di Sakarun è
una laguna trasparente
delimitata da ciottoli
arrotondati e con
fondale in sabbia; il
porticciolo di Božava,
centro principale della
costa settentrionale.
A CURA DI BARBARA ROVEDA

Dugi Otok IN BICI NEL PARCO DI TELAŠĆICA

Come arrivare privata da 100 kune (13 €) Per oltre la metà


marino, il parco è accessibile via mare dalle
In aereo + nave Voli diretti stagionali su Zara Incoronate attraverso il passaggio di Mala
da Milano con easyJet (tel. 199-201840; Proversa (tra Dugi Otok e l’isola di Katina)
www.easyjet.com) e Ryanair (tel. 895- e via terra con ingresso in località Dolac,
5895509; www.ryanair.com), da Roma con a 4 km da Sali. Dall’ingresso del parco un
Vueling (tel. 199-206621; www.vueling.com) sentiero, percorribile anche in bici, conduce
e Iberia (tel. 199-101191; www.iberia.com). fino al lago Mir, dove si trova anche un punto
Tariffe da 15 € a tratta. Dal nuovo porto di di ristoro. È attivo un servizio di noleggio
Zara Gaženica (a 15 minuti di autobus o di bici elettriche (70 kune, 9 €, l’ora) e veicoli
taxi dall’aeroporto) si raggiunge Dugi Otok elettrici (400 kune, 54 €, al giorno).
via mare grazie a collegamenti frequenti in
alta stagione: aliscafo G&V Line Iadera Cosa fare
(www.gv-zadar.hr) fino a Zaglav e Sali (4/2
volte al giorno), traghetto Jadrolinija (www. In bici, kayak e barca Lo stile spartano
jadrolinija.hr) con trasporto auto fino a Brbinj dell’isola, le strade poco trafficate e le
(3 volte al giorno). Dal porto vecchio di Zara, calette difficilmente raggiungibili senza
in centro, collegamenti con catamarano una barca stanno iniziando ad attirare
veloce Jadrolinija fino a Božava (1 volta al l’attenzione dei più sportivi. Diverse società
giorno). Tariffe da 30 kune (4 €) a tratta. propongono escursioni sull’isola, spesso
In nave Collegamenti da Ancona a Zara in giornata da Zara. Tra queste, Kayak
Gaženica con traghetto notturno Jadrolinija: & Bike Adventure (tel. 00385-(0)95-
9 ore di viaggio, da 414 kune (56 €) a tratta. 9003575; www.kayaktours-croatia.com) IN KAYAK ALLA GROTTA GOLUBINKA
organizza tour in kayak che vanno dalla
Cosa vedere mezza giornata ai due giorni per esplorare un indirizzo dove trovarlo in commercio è
le baie più nascoste e le grotte naturali della l’azienda agricola Žampera nel paesino
Parco Naturale di Telašćica Tel. 00385- costa rivolta verso il mare aperto, tra cui la di Žman (tel. 00385-(0)23-372071; opg-
(0)23-377096; www.telascica.hr Ingresso: suggestiva Golubinka. Prezzi da 490 kune zampera.hr), che produce anche formaggio
40 kune (6 €) a persona, imbarcazione (66 €) a persona. Le escursioni in kayak dalla di capra, venduto in forma o sott’olio.
spiaggia di Veli Žal (da 490 kune, 66 €, a
persona) sono organizzate anche da Adamo Gli eventi
Travel (tel. 00385-(0)23-377208; www.
adamo.hr), che propone tra l’altro escursioni Da oltre cinquant’anni, a inizio agosto
di un giorno in barca alle isole Incoronate (quest’anno dal 9 all’11/8), il porto di Sali
(da 50 € a persona) con partenze e ritorno ospita la festa Saljske Užance, una tre
su Sali, appartamenti in affitto e noleggio giorni che prevede grigliate di pesce, concerti
imbarcazioni. Con Malik Adventures (tel. di musica tradizionale, balli in costume tipico
00385-(0)91-7847547; malikadventures. e che si conclude con la corsa degli asinelli,
com) si possono poi prenotare tour in bici da un capo all’altro del porto.
di un giorno all’interno del Parco Naturale di
Telašćica e tra i paesini dell’isola, con soste Dove dormire
dai piccoli produttori locali di formaggio e
olio. Da 70 € a persona, minimo 2 persone. Stone House Buljanovic Sali, tel. 00385-
(0)99-2224554 Una casa tradizionale nel
Cosa comprare centro di Sali e a due minuti dalla spiaggia del
paese è diventata un piccolo b&b di quattro
A Sali si trova una delle più antiche fabbriche camere, tutte con bagno privato, arredate
per la lavorazione del pesce in Croazia, con molto gusto e con pavimenti in legno.
Mardešić (www.mardesic.hr), che dal 1907 Doppia con colazione da 145 €.
produce sardine, tonno e sgombro in
scatola, acciughe sott’olio o sotto sale, ★★★★
reperibili nei negozi di alimentari. In molti Hotel Maxim Božava Božava 46, Božava, tel.
sull’isola producono il proprio olio di oliva: 00385-(0)23-291291; www.hoteli-bozava.hr

60 BELL’EUROPA
INFO
In Italia: Ente Nazionale Croato
per il Turismo, via G. Leopardi 19,
Milano, tel. 02-86454497;
croatia.hr/it-IT;
A Dugi Otok: Comunità Turistica
di Dugi Otok, Obala Petra Lorinja,
Sali, tel. 00385-(0)23-377094;
www.dugiotok.hr/it
SPAGERITIMO TAVERNA GORO

Situato lungo la spiaggia di Božava, è uno l’ottimo scorfano in umido con polenta, i frutti
dei soli quattro hotel dell’isola. Anche se di mare sauté o con pasta, il risotto al nero.
la costruzione moderna stona un po’ con il Si raggiunge in barca o traghetto. Meglio
paesaggio, è apprezzato da chi cerca prenotare. Conto medio: 260 kune (35 €).
i servizi di un albergo, compresi la piscina SKOLA B&B-BOUTIQUE HOSTEL
vista mare su una terrazza attrezzata con Taverna Goro Baia di Telašćica, tel. 00385-
lettini, ristorante, area giochi, campi sportivi (0)98-853434; www.tavernagoro.com
e una piccola spa. Un trenino a pagamento Un giardino romantico affacciato sulla
porta alla spiaggia di Sakarun, a 3 km. baia dove è bello arrivare in barca (ma si
Le 23 camere hanno arredi classici, più raggiunge anche via terra). Sulla terrazza
moderni i 6 appartamenti (senza cucina). in pietra a filo d’acqua si gusta il classico
Doppia con mezza pensione 140 €. repertorio di pesce alla griglia, alla peka o alla
buzara. Anche piatti di carne. Conto medio:
Apartment Long Island Sali, tel. 00385- 260 kune (35 €).
(0)98-1911119 Una villetta all’inizio del
paese di Sali in cui sono stati ricavati due Konoba Lanterna Šetnica Ivana Klarina bb,
appartamenti, ciascuno con bagno privato Veli Rat, tel. 00385-(0)99-3156075 CAMP MANDARINO
e cucina, che possono ospitare fino a 5 Nel paese di Veli Rat, accanto al marina e
persone ciascuno. Gli arredi sono curati e con vista sulla baia, un ristorante curato
mischiano pezzi moderni con alcuni mobili frequentato dai diportisti dove si viene
d’epoca. C’è un piccolo giardino in comune. soprattutto per i piatti di pesce come risotto
Appartamento da 110 € a notte. di mare, astice, alici marinate. Da provare
l’antipasto e l’insalata di polpo. Conto medio:
Skola B&B-Boutique Hostel Podanak 3, 260 kune (35 €).
Veli Rat, tel. 00385-(0)91-3488914;
amarcordworld.com/skola Dal recupero di Gorgonia Grill Verunić, tel. 00385-(0)23-
una vecchia scuola, come si intuisce dal 378153; www.gorgonia-grill.com Gestito
nome, un nuovo b&b con quattro camere da una coppia italo-svizzera, è un piccolo
doppie o triple con bagno privato e una complesso affacciato sulla baia del paesino STONE HOUSE BULJANOVIC
camerata a più letti che funziona da ostello di di Verunić, a meno di 2 km dalla spiaggia di
lusso, con bagno in condivisione. Arredi dal Sakarun. Comprende appartamenti in affitto,
tocco creativo in stile vintage. È situato vicino un market dove fare la spesa e il ristorante
al paese di Veli Rat, affacciato sulla bella baia all’aperto, con tavoli fronte mare ombreggiati
di Pantera. Doppia con colazione da 80 €. da una grande palma e un barbecue in pietra
dove vengono preparati pesce alla griglia
Camp Mandarino Soline, tel. 00385-(0)99- servito con le tradizionali bietole e patate,
6622504; www.campmandarino.com Un ćevapčići e altri piatti d’ispirazione italiana.
campeggio di recente apertura in ottima Conto medio: 200 kune (27 €).
posizione, a bordo mare nell’ampia baia
dell’abitato di Soline. Con servizi a quattro Spageritimo Sali, tel. 00385-(0)98-9736773
stelle, ha piazzole ombreggiate per camper e Non è difficile orientarsi tra i ristoranti di Sali, GORGONIA GRILL
tende, piccola area gioco e accesso diretto visto che sono tutti allineati sul porto. Questa
a una spiaggetta. Ristorante con bar aperto moderna konoba ha in menù, oltre ai piatti
anche agli esterni nella terrazza sul mare. più classici, proposte meno comuni, come
Piazzola per tenda da 12 €. l’anatra, l’hummus, il carpaccio di tonno.
Conto medio: 150 kune (20 €).
Dove mangiare
Galeb Veli Rat, tel. 00385-(0)23-378081
Zverinac Zverinac, tel. 00385-(0)23-314921 Per chi ha nostalgia di una buona pizza, un
Direttamente sul piccolo porticciolo e con locale semplice con grandi tavoli in legno
i tavoli a pochi metri dall’acqua, è l’unico sotto il pergolato che affaccia sulla baia,
ristorante dell’isola ma la scelta “obbligata” è vicino al marina di Veli Rat. Conto medio:
HOTEL MAXIM BOŽAVA
dettata dalla bontà delle sue proposte, tra cui 110 kune (15 €).

BELL’EUROPA 61
STRADE D’EUROPA | GEORGIA

Georgia,
sulle strade
del vino
Nella nazione caucasica la produzione del vino è una tradizione millenaria.
Che oggi propone etichette eccellenti, da provare nelle cantine
delle diverse regioni vinicole. Immerse in un paesaggio che colpisce per
la sua bellezza e varietà TESTI ORNELLA D’ALESSIO ✶ FOTO ANDREA PISTOLESI

Nella foto. Il paesaggio nella regione vinicola di Kakheti. In alto. Un vigneto nei pressi di Bagdati.

BELL’EUROPA 63
STRADE D’EUROPA | GEORGIA

S
Sono ottomila anni che in Georgia si fa il vino con le cinque-
cento varietà autoctone di uva. Da recenti studi pare siano i
vigneti più vecchi al mondo. Un vero primato per questo Pa-
ese, uno dei più devoti al mondo con l’84% di credenti cristia-
no-ortodossi, che sta conquistando il turismo internazionale.
È un Paese che stordisce per la varietà di paesaggi, dalle coste
Occidentale, che corrisponde all’antica Colchide, e per questo
una delle città più antiche al mondo, in perpetua rivalità con
Tbilisi, la capitale. Kutaisi è divisa sulle due sponde del fiume
Rioni, ed è abbracciata dalle colline di Imereti. È dinamica
e allo stesso tempo ricca di storia. La base ideale per questo
tour enologico. Da Kutaisi in trenta chilometri si entra nell’a-
di Batumi sul Mar Nero alle zone dei vigneti e alla campagna rea vinicola di Bagdati, dove i bianchi sono prodotti lasciando
che sfuma in fretta in foreste lussureggianti, zone aride e de- fermentare e invecchiare nelle kvevri solo il succo dell’uva,
sertiche, e nelle spettacolari vette caucasiche che superano i mentre i rosé e i rossi per i primi giorni fermentano sulle buc-
5mila metri. L’itinerario attraversa la Georgia contadina delle ce. Nella cittadina di Obcha, vale una sosta la Rati Arshilava
distese coltivate e dei filari, delle vacche che camminano tran- Wine Cellar, per assaggiare anche la vodka Chacha mentre
quille nel mezzo della strada e del cibo genuino (si mangia si degusta un pasto di cucina tipica georgiana. Volendo com-
bene dappertutto), parte integrante della cultura e dell’orgo- prare i vini si può prevedere una sosta anche alla cantina Si-
glio georgiano, talmente forte e vivo che, nonostante le varie mon Chkheidze dove dal 2005 vinificano seguendo il metodo
dominazioni, ha permesso a questo piccolo Paese incuneato tradizionale. Poi sono circa 65 chilometri di campagna fino a
tra Armenia, Azerbaigian, Turchia e Russia di mantenere la Chiatura, sulla riva del fiume Kvirila, sempre nella regione di
sua identità, la sua lingua e il suo alfabeto, usati soltanto qui. Imereti. La chiara impronta sovietica rimane in ogni angolo
della città, spicca il piccolo monastero Mgvimevi (X-XIII seco-
Il vino invecchiato nelle anfore lo), raggiungibile con una scalinata nella montagna.
Nonostante tutto c’è un che di Mediterraneo in questa terra
– cerniera tra due Continenti – nei panorami, nei sapori e an- Gori e Tbilisi, tra passato e futuro
che nell’accoglienza della gente. Il vino, invece, è un unicum Ancora 106 chilometri e si raggiunge Gori, nella regione Shi-
sia per il colore ambrato sia per il metodo di invecchiamen- da Kartli, città celebre per ospitare la casa-museo dedicata a
to nelle kvevri, gigantesche anfore a forma di limone fatte a Stalin, dove sono esposti molti suoi effetti personali, imma-
mano da un esiguo numero di artigiani, che poi vengono sot- gini, documenti e altre memorabilia. Da qui è imperdibile la
terrate. Sperimentare in loco è il miglior modo di comprende- digressione per la gola di Ateni, dove da tempi immemorabili
re, magari programmando un viaggio alla ricerca delle miglio- producono l’Atenuri con le omonime uve, un bianco color pa-
ri cantine. Si può partire da Kutaisi, capoluogo della Georgia glierino e dal gusto leggermente fruttato. Non è facile da >

Veduta di Tbilisi, la capitale


della Georgia. Nella foto si
riconoscono il moderno
Ponte della Pace, in acciaio
e vetro, progetto dell’italiano
Michele De Lucchi; la doppia
“tromba” del teatro e centro
espositivo, disegnato dallo
studio Fuksas, nel parco
Rike; il Palazzo presidenziale
con la cupola azzurra,
anch’esso progettato da De
Lucchi; e la grande Tsminda
Sameba, cattedrale della
Santa Trinità, che svetta in
secondo piano, innalzata tra
il 1995 e il 2004. Supera gli
80 metri di altezza ed è stato
calcolato che può contenere
fino a 10mila fedeli.

64
1. Kutaisi ➔ Chiatura (91 km)
Lasciando Kutaisi, s’imbocca la SH14 fino a Bagdati
e poi la SH54 fino a Chiatura, nella parte montuosa
degli Imereti, nella gola del fiume Kvirila. Prima
di arrivare a Chiatura si passa per Katskhi per ammirare
la chiesa eretta sul Katskhi Pillar.

2. Chiatura ➔ Gori (106 km)


Da Chiatura si prosegue verso nordest e
quindi si svolta in direzione di Korbouli.
Si procede così fino alla città di Gori.
L’ultimo tratto è sulla E60.

ILLUSTRAZIONE QUATERD
© Bell’Europa - Cairo Editore S.p.A.
3. Gori ➔ Tbilisi (86 km)
Tutta sulla E60, da fare con calma per
apprezzare la campagna, fino all’ingresso
della capitale.

4. Tbilisi ➔ Kvareli (150 km)


Dalla capitale si procede lungo la S5 verso
Sighnaghi. Da qui verso nord con la 42 e
la 69 fino a Kvareli. Gremi e Napareuli si
raggiungono con la 43.

A destra. Una bottiglia


della cantina Khareba.
In alto, da sinistra.
Un francobollo dedicato all’uva
Rkatsiteli; la bocca di una kvevri,
l’anfora interrata in cui matura
il vino; e una foto storica di un
artigiano con la sua anfora.
A sinistra. La chiesa di Gremi.
1. Kutaisi
È la seconda città della Georgia e vanta origini antichissime.
Vale la visita la cattedrale di Bagrati, dal nome del re Bagrat III
(975-1014), il primo sovrano della Georgia unita; la chiesa sorge
accanto al giardino botanico, creato alla metà dell’800. Nel
raggio di 10 chilometri dalla città si ergono il piccolo monastero
di Motsameta, in mezzo a un bosco, e il monastero di Gelati (XII
e il XVII secolo), con i suoi antichi affreschi: centro della cultura
dell’antica Georgia, oggi è sito Unesco. La località di Bagdati,
una delle aree vocate alla produzione di vino, dal 1940 fino al
1990 si chiamava Majakovskij in onore del cantore della cultura
sovietica, che qui nacque nel 1893. A lato: a Kutaisi, la fontana
della Colchide e, dietro, il Teatro Meskhishvili.
Info: www.visitkutaisi.com; kutaisi.it

2. Chiatura

È nata nel 1879 durante il periodo di febbre del manganese.


Era l’unica roccaforte bolscevica nella Georgia in gran parte
menscevica. Poco lontano dalla città si trovano il monastero di
Mgvimevi (a lato), costituito da diversi edifici, e Katskhi Pillar, la
piccola costruzione arroccata su un monolite di roccia alto 40
metri. Per arrivarci bisogna arrampicarsi su una scala a pioli di
ferro per circa 130 gradini. Per anni è rimasto inviolato finché
degli alpinisti vi salirono rivelando l’esistenza dell’eremo. Ai piedi
c’è una chiesa costruita dall’ultimo eremita che ha vissuto qui.
Info: chiatura.gov.ge/en/location-layout-municipal-center

In auto
ITINERARIO

PERIODO E DURATA Dalla primavera all’autunno.


Una settimana.
INFO PER AUTOMOBILISTI Nelle strade di campagna la
carreggiata è spesso ingombrata dalle vacche, che sono le
vere regine. Per guidare è accettata la patente italiana, ma è
Oltre 400 chilometri tra alcune delle più nobili da tenere presente la guida spericolata dei georgiani, pronti a
regioni vinicole d’Europa. Fra storiche cantine, sorpassare laddove non si dovrebbe né si potrebbe. È molto
antiche chiese e l’eredità dell’epoca sovietica meglio e più sicuro noleggiare l’auto con conducente.

3. Gori

A Gori si passa giusto per la curiosità e il nonsenso storico di


visitare il museo dedicato a Iosif Stalin (a lato), che qui nacque il
18 dicembre 1878. Nonsenso perché Stalin fu il peggior nemico
dei georgiani stessi, avendo guidato l’invasione russa della
Georgia nel 1921. A uno sguardo superficiale sembra quasi un
memoriale di un eroe dove sono conservati foto, documenti, la
maschera mortuaria e oggetti personali, relativi soltanto ai primi
anni del potere assoluto di quello che venne soprannominato
“l’uomo d’acciaio”. Info: georgia.travel/en_US
4. Tbilisi
Le sorgenti sulfuree di Abanotubani sono ammantate di leggenda.
Si narra che siano state scoperte per caso da Vakhtang Gorgasali,
re d’Iberia (territorio che si estendeva nell’antica Georgia). Fu
questo sovrano a ordinare sul posto l’immediata costruzione di una
nuova città, da lui stesso battezzata Tbilisi, “il luogo della sorgente
calda”. Una passeggiata all’alba nel cuore della città vecchia è
incantevole. Si può salire (anche con una teleferica) fino alla grande
statua di matrice socialista di Kartlis Deda, la madre Georgia (a
lato) che, alta venti metri, indossa abiti tradizionali e col suo sorriso
ieratico tiene in una mano la spada e nell’altra una coppa di vino.
Da quassù lo sguardo incrocia sinagoghe, chiese ortodosse e
moschee, una delle quali frequentata sia dagli sciiti sia dai sunniti.
Info: www.visitgeorgia.ge; georgia.travel/en_US

5. Kvareli

È il cuore di Kakheti, una delle più importanti regioni vinicole


georgiane, con spettacolari scorci naturali. Si trova ai piedi delle
montagne del Grande Caucaso, che dominano il paesaggio
circostante. A Kvareli nacque il poeta e nazionalista Ilia
Chavchavadze (1837-1907). Da questa località si parte per visitare
le tante cantine aperte per degustazioni e lo storico monastero di
Gremi, costruito nel 1565 (a lato). Info: georgia.travel/en_US

L’area con i resti di


Uplistsikhe, antica
città rupestre. Si trova
nelle vicinanze di Gori.
STRADE D’EUROPA | GEORGIA

Nella foto. La chiesa


costruita sul Katskhi
Pillar, un monolite
alto circa 40 metri.
Si trova a Katskhi,
località nelle
immediate vicinanze
di Chiatura.
In alto, da sinistra.
L’interno affrescato
della chiesa di Ubisa
e il monastero di
Mgvimevi, a Chiatura.
Al centro, da sinistra.
Bottiglie di vino della
regione Shida Kartli e
gli affreschi nella
chiesa di Gremi.

BELL’EUROPA 69
STRADE D’EUROPA | GEORGIA

I resti di Uplistsikhe, antica città scavata nella roccia. Si trova alla periferia di Gori, lungo le sponde del fiume Mtkvari.

70 BELL’EUROPA
STRADE D’EUROPA | GEORGIA

Le cantine da visitare

In quasi tutte le cantine citate Iago Chardakhi, Mtskheta,


è possibile fare degustazioni. tel. 00995-599-551045; www.
Spesso hanno il ristorante iago.ge Per le degustazioni si
dove si assaggia la cucina consiglia di prenotare.
tipica abbinata ai vini
prodotti in azienda. È gradito Okro’s Wines Chavchavadze
l’acquisto di qualche bottiglia. 7, Sighnaghi, tel. 00995-599-
Info: en.vinoge.com/wine- 542014; www.okrogvino.com
maps; places.georgia.travel
Kardanakhi Wine Factory
Rati Arshilava Wine Cellar Gurjaani, Kardanakhi, tel.
Pirveli Obcha, Partskanakanevi, 00995-599-552929; www.kwf.
tel. 00995-555-103060. Orario ge Orario degustazioni: 9-18.
degustazioni: 9-18.
Twins Wine Cellar Napareuli,
Simon Chkheidze tel. 00995-599-333884; www.
Meore Obcha, tel. 00995-577- cellar.ge/en Degustazioni: 6 €.
746439; www.facebook.com/ Visita al museo: tutti i giorni
SimonChkheidzeWineCellar/ 9-22. Ingresso: 15 lari (5 €).
Orario degustazioni: 9-18.
Khareba Kvareli, tel. 00995-
Nika Vacheishvili’s Marani 599-972420; www.winery-
Didi Ateni, Shida Kartli, Gori, khareba.com/en;
tel. 00995-577-270032; www. kvareliwinecave.com/test/eng
atenuri.ge Per le degustazioni Tour nelle gallerie: a partire da
si consiglia di prenotare. 5 lari (1,60 €).

72 BELL’EUROPA
A sinistra. Un laboratorio di
kvevri, le grandi anfore che
servono a invecchiare il vino.
A destra. Alla cantina
di Okro, a Sighnaghi,
la presentazione di due
bottiglie accanto a una delle
anfore del vino interrate.
Sotto. Vigneto a Bagdati.
Pagina accanto, in alto.
Una cantina a metà strada
fra Sighnaghi e Kvareli; il rito
della degustazione in
costumi tradizionali alla
cantina Kardanakhi.
Pagina accanto, in basso.
A Kutaisi, una scultura
installata sul Ponte Bianco,
sopra il fiume Rioni.
Sopra. Paesaggio vinicolo
nella zona di Kakheti,
la principale regione
vinicola della Georgia, al
confine con l’Azerbaigian.
A sinistra e sotto. Alla
cantina Kardanakhi,
una fase della degustazione
del vino e lo strumento
utilizzato per estrarre
il vino dall’anfora e per
versarlo nel bicchiere.
A destra. Un momento della
pigiatura dell’uva alla Twins
Wine Cellar, a Napareuli.
Pagina accanto. Un tratto
delle gallerie della cantina
Khareba. Vi si accede
attraverso visite guidate.
STRADE D’EUROPA | GEORGIA

trovare la cantina Nika Vacheishvili’s Marani, ma vale la pena ti. Sulla via verso la cantina Okro’s, un’azienda a gestione fa-
farlo, si trova a dieci minuti a piedi dall’antico tempio di Ateni miliare, si passa davanti a una serie di murales dedicati alla
Sioni. Qui si degustano i bianchi Atenuri e Chinuri, il rosa- produzione del vino. Nelle vicinanze la storica cantina Karda-
to Khedistavuri leggermente dolce e il rosso Tavkveri. È una nakhi, creata nel XIX secolo. Ancora oggi (su prenotazione)
delle antiche zone di produzione, poi abbandonate, e oggi si può assistere al rituale antico di degustazione dalla kvevri
l’attività sta riprendendo grazie a qualche piccolo vigneron con personaggi in costume e musicisti che suonano antiche
che ricalca la tradizione. Sulla strada verso Tbilisi, a Mtskheta, melodie. Si scoperchia la grande anfora e la s’illumina con tre
s’incontra la cantina Iago, la prima a ricevere la certificazione candele, tutte rigorosamente accese con lo stesso fiammifero.
bio, nel 2005. Il vitigno principe per le 5mila bottiglie prodot- È proprio in questa zona che rimane qualche piccolo produt-
te è tradizionalmente il Chinuri, specie autoctona. tore di queste anfore in terracotta dalle misure eccezionali,
Nella capitale Tbilisi, l’anelito collettivo di un futuro diver- ancora fatte a mano e cotte in un gigantesco forno per gior-
so sembra quasi riflettersi fra i vecchi quartieri fatiscenti e le ni. La campagna è punteggiata di storia, come il complesso
nuove architetture. Se in tutto il Paese l’antico e il moderno architettonico di Gremi del XVI secolo, del quale restano la
convivono, a Tbilisi il contrasto è esplosivo. Da quasi un anno fortezza e la chiesetta affrescata. Altra tappa imperdibile è la
il profilo della capitale è cambiato con l’apparizione di un irre- Twins Wine Cellar, a Napareuli, la prima in Georgia a imbot-
golare grattacielo di cristallo sulla Rustaveli avenue, il Biltmo- tigliare vino invecchiato nelle kvevri nel 2006. I fratelli Gia e
re Hotel Tbilisi, al quale si accede attraverso la vecchia sede Gela Gamtkitsulashvili nel 2014 hanno dato vita a un museo
dell’Istituto Marx-Engels-Lenin. per spiegare nel dettaglio la produzione dei vini georgiani.
L’ultima sosta è alla cantina Khareba, a Kvareli, che si estende
Kakheti, la principale regione vinicola per oltre 7 chilometri in gallerie a temperatura costante (12-
Si percorrono oltre 100 chilometri per arrivare a Sighnaghi, 14 °C): costruite durante la Guerra fredda a scopo militare,
la città più orientale della principale regione vinicola: Kakhe- oggi custodiscono 25mila bottiglie di pregiato vino. |

BELL’EUROPA 75
A CURA DI ORNELLA D'ALESSIO

Georgia GORI, MUSEO DI STALIN

Come arrivare Chiatura) si visita la casa-museo di Giorgi


Tsereteli (orario: 10-18, chiuso dom.
In aereo Con Wizz Air (tel. 895-8954416; e lun. Ingresso: 1 lari, 0,32 €), nel palazzo
www.wizzair.com) collegamenti diretti da di Tseretelis. Custodisce oggetti personali
Milano Malpensa e Roma Fiumicino (e dello scrittore – vissuto tra il 1842 e il
Bari a partire da settembre) a Kutaisi: in 1900 – e dei suoi antenati, accessori, vestiti,
luglio da 255 € a/r. Allo scalo si noleggia mobili francesi, italiani e tedeschi della
l’auto: con Europcar (www.europcar.com) prima metà del XIX secolo, manoscritti dello
una settimana in luglio con assicurazione stesso Tsereteli e di altre figure pubbliche
e chilometraggio illimitato costa a partire del tempo.
da 638 €. Data la guida spericolata dei
georgiani è anche bene valutare l’auto con A Gori il Museo di Stalin (Stalin 32.
autista: con Traffic Travel (tel. 00995-322- Orario: 10-18. Ingresso: 10 lari, 3,20 €)
990216) una settimana costa a partire da è il memoriale allestito nel palazzo dove è
120 € al giorno, più benzina. nato il dittatore sovietico. Ci sono oggetti
personali, la ricostruzione del suo studio
Cosa vedere al Cremlino di Mosca, manoscritti e regali
ricevuti da tutto il mondo.
A Bagdati la casa-museo di Vladimir
Majakovskij (Bagdati 52. Orario: 10-17. A 10 km circa da Gori, presso la località di
Ingresso libero) è l’abitazione del poeta Kvakhvreli si trovano i resti di Uplistsikhe
georgiano vissuto qui prima di trasferirsi a (orario: 10-19. Ingresso: 7 lari, 2,25 €).
Mosca. In questa piccola costruzione su È l’antica città rupestre, importante centro UBISA, MONASTERO DI SAN GIORGIO
due livelli, immersa nel verde, restano lo religioso, commerciale e militare, risalente al
studio, la camera da letto e il soggiorno. In I millennio a.C. In un’ampia area all’aperto
esposizione anche effetti personali e dipinti. si sviluppano i resti di strade, piazze, templi, Nelle immediate vicinanze di Sighnaghi si
palazzi e sale decorate. Nel museo annesso visita il monastero di Bobde (aperto tutti
Sulla strada che da Bagdati conduce a sono esposti preziosi manufatti scavati nel i giorni 8-20. Ingresso libero). Eretto nel IX
Chiatura vale la pena una deviazione territorio, tra cui spiccano armi, attrezzi secolo, fu ristrutturato nel XVII secolo. Si erge
per giungere al borgo di Ubisa e visitare agricoli e oggetti di culto. in cima a un’altura circondata da boschi.
il monastero di San Giorgio (aperto tutti i
giorni 8-20. Ingresso libero). Fondato A Tbilisi il Museo nazionale georgiano A Gremi, la chiesa degli Arcangeli
nel IX secolo, conserva una piccola chiesa (Rustaveli 3; www.museum.ge Orario: Gabriele e Michele (aperta tutti i giorni
con interni ricoperti di affreschi del XIV 10-18, chiuso lun. Ingresso: 15 lari, 5 €) 8-20. Ingresso libero) è uno dei monumenti
secolo, una torre e resti delle mura difensive conserva una collezione che copre la storia più belli della zona. Risalente al 1565,
del XII secolo. del Paese a partire da 40 milioni di anni fa. è sito Unesco dal 2007. La chiesa, il cui
La sezione del tesoro custodisce oggetti interno conserva affreschi del 1577, è
A Chiatura il Museo Locale (Tkhelidze 5. in oro e argento dalla seconda metà del III difesa da mura ed è affiancata da una
Orario: 10-18, chiuso dom. e lun. Ingresso: millennio a.C. fino al XIX secolo. torre-castello che ospita un museo (orario:
1 lari, 0,32 €) presenta materiali archeologici: Il Museo di storia di Tbilisi (Sioni 8; 10-17.30. Ingresso: 5 lari, 1,60 €).
asce in bronzo, punte di lancia, collane, oltre www.museum.ge Orario: 10-18, chiuso lun.
a oggetti numismatici ed etnografici, dipinti Ingresso: 5 lari, 1,60 €) racconta le Dormire e mangiare
di artisti locali e opere d’arte applicata, vicende della capitale georgiana attraverso
fotografie, diversi tipi di documenti. raccolte di archeologia ed etnografia a KUTAISI
Da non perdere anche la visita al piccolo partire dall’Età del bronzo. ★★★★
monastero di Mgvimevi (aperto tutti Il Centro nazionale di manoscritti (Merab Tskaltubo Spa Resort Rustaveli 23,
i giorni 8-20. Ingresso libero). Del X-XIII Aleksidze 1/3; manuscript.ge Orario: 11-17, Tskaltubo, tel. 00995-599-091610;
secolo, è in parte ricavato all’interno chiuso sab. e dom. Ingresso libero ma la www.sanatoriumi.ge A 7 km da Kutaisi,
di un dirupo. Degne di nota sono le croci, le visita è da prenotare in anticipo chiamando nel villaggio di Tskaltubo, è stato il
decorazioni e le figure stilizzate il 00995-322-474242) conserva più di sanatorio militare sovietico riservato ai
incise nella pietra che abbelliscono gli 170mila testi in georgiano, greco, ebraico, membri del partito di alto livello. Aperto nel
esterni del complesso monastico. etiope, armeno, arabo, persiano, turco e 2011 come albergo, l’atmosfera rispecchia
Nel paese di Tskhrukveti (18 km da slavo, datati tra il I e il XX secolo. in parte i tempi che ha vissuto. Ha 135

76 BELL’EUROPA
INFO
In Italia: Ambasciata della Georgia
in Italia; rome.emb@mfa.gov.ge
In Georgia: Georgian National
Tourism Administration;
www.georgia.travel; www.gnta.ge
KVARELI EDEN GUEST HOUSE GOARI

camere e un parco molto bello e ampio (16 anche per la cucina georgiana. Menù con
ettari). Doppia con colazione da 72 €. degustazione di vini: da 75 lari (25 €).

Chateau Chikovani Gordi, tel. 00995-595- TBILISI


515676; www.chateauchikovani.com Nel Rooms Hotels Merab Kostava 14, tel. KHAREBA
villaggio di Gordi, 13 km a nord di Kutaisi, 00995-32-2020099; www.roomshotels.com
è la base ideale per scoprire il territorio, Camere grandi e accoglienti. Uno dei
ricco di canyon, cascate e grotte. Si visita la più lussuosi alberghi del Paese, ottenuto
cantina, con inclusa degustazione (gratuita). dalla riconversione di ex edifici industriali,
Doppia con colazione da 120 lari (39 €). miscelando vecchi materiali con pezzi
d'arte contemporanea. Ha 125 camere e il
Bagrati Guest House Bagrati 25, Kutaisi, ristorante The Kitchen (conto medio: 70 lari,
tel. 00995-559-510858/1164162; 23 €). Doppia con colazione da 170 €.
www.bagratiguesthouse.com Accoglienza
in un’antica casa, accanto alla chiesa di Guest House Goari Betlemi 17, tel. 00995-
Bagrati. La gestione familiare garantisce 599-611441; www.guesthousegoari.com
un’atmosfera calda e piacevole. Camere semplici e accoglienti. La terrazza, BAGRATI GUEST HOUSE
Su richiesta preparano anche da mangiare. che guarda i tetti della capitale, è perfetta
Doppia con colazione da 27 €. per un aperitivo con vista. Doppia con
colazione da 45 €.
Papavero Tsisperi Kantselebi 5, tel. 00995-
431-246824 Un ristorante nel pieno centro Lolita Tamar Chovelidze 7, tel. 00995-32-
di Kutaisi. Offre ottimo servizio e buona 2020299; roomshotels.com/lolita Il posto
cucina internazionale. I proprietari amano i cool del Rooms Hotels, dove assaggiare
fiori e l’Italia, da questo fatto deriva il nome i sapori locali in un clima giovane e
del locale. Conto medio: 15 lari (5 €). accogliente. Ci si siede ai tavolini o ai lunghi
tavoli in legno in compagnia di altri clienti.
CHIATURA Conto medio: 30 lari (10 €).
Hotel Nikoli Mgvimevi 1, tel. 00995-599- LOLITA
405052 Semplice e accogliente, con 8 KVARELI
camere e un bel giardino dove servono la Kvareli Eden Agmashenebeli 87A, tel.
colazione. Parlano bene inglese. Doppia da 00995-32-2970165; www.kvarelieden.ge
80 lari (26 €), colazione 10 lari (3 €). Lungo la riva destra del fiume Bursa, ha 47
eleganti camere. È attrezzato con piscina
Gazapkhuli 2007 Restaurant Tel. 00995- coperta e spa per la vinoterapia, trattamenti e
595-784570 In un ambiente moderno si massaggi per rilassarsi. A 5 minuti dal centro.
gustano i piatti della tradizione (spiedino Doppia con colazione da 305 lari (98 €).
di carne shashlik, la focaccia ripiena
khachapuri...), serviti con garbo e molta Khareba Tel. 00995-599-972420; www.
pazienza per spiegare le pietanze. Buoni i winery-khareba.com/en; kvareliwinecave.
vini. Conto medio: 50 lari (16 €). com/test/eng Con la visita alle gallerie della PAPAVERO
cantina viene offerta anche la cena nel
GORI ristorante interno. Menù da 45 lari (15 €).
★★★★
Royal House Samepo 45, tel. 00995-599- Gigilo’s Wine House Shota Rustaveli 1,
909129 Uno dei migliori hotel di Gori, in tel. 00995-595-005898 Piatti abbondanti e
posizione centrale. Accogliente, con piscina sapori genuini in un ambente rustico. Pane
e parquet in tutti gli ambienti, camere e formaggi sono arricchiti da peperoncino,
comprese. Doppia con colazione da 38 €. spezie ed erbe fresche come coriandolo
e prezzemolo. Da provare la salsa adjika
Wine Artisans Chateau Marani 3, Tsedisi, (peperoni rossi e aglio) e gli involtini kinkhali,
tel. 00995-599-981805 Sulla strada per farciti con carne blandamente speziata.
TSKALTUBO SPA RESORT
Ateni Sioni, è una cantina tra le più apprezzate Conto medio: 50 lari (16 €).

BELL’EUROPA 77
FOOD | SVIZZERA

Tra i vigneti
del Lavaux
La regione sulle rive del Lago di Ginevra è sito Unesco per la bellezza
dei suoi paesaggi ricamati dai filari. Dove cantine di antica
tradizione producono il vino più famoso della Svizzera: lo Chasselas
TESTI SILVIA FRAU ✶ FOTO MASSIMO RIPANI

78 BELL’EUROPA
Sopra. Pesce con verdure e funghi all’Auberge
du Raisin di Cully. Sotto. Uno dei costumi
disegnati da Giovanna Buzzi per la Fête des
Vignerons di Vevey. A sinistra. Tra Riex ed
Epesses, i muretti a secco delimitano le vigne
sulla sponda nord del Lago di Ginevra.
FOOD | SVIZZERA

C Ci sono tre soli: quello che splende nel cielo, quello rifles-
so dall’acqua e quello che rimandano i muretti a secco,
che abbracciano, scaldandoli, i “giardini a viti”. È quanto
raccontano le guide che accompagnano i turisti a passeg-
gio o in bicicletta nel Lavaux, un’area che si estende per
oltre 800 ettari tra Losanna e Montreux, in Svizzera.
È una storia che affonda le sue radici nella terra argillo-
sa e calcarea di queste zone — risultato del ritirarsi dei
ghiacciai 15mila anni fa — e che fu iniziata dai monaci
cistercensi nel XII secolo. Furono loro a terrazzare que-
ste terre, costruendo chilometri e chilometri di muretti
a secco, per renderle adatte alla coltivazione della vite,
riopinte dei kitesurf, che sembrano svolazzare attorno al
lento incedere dei battelli a vapore. Panorami che inebria-
no come un bicchiere di Chasselas, insieme all’aria calda
che entra dai finestrini abbassati dell’auto quando si lascia
alle spalle il lungolago di Lutry per fare tappa nei paesini
di Epesses e Grandvaux e poi dirigersi senza fretta verso
Chexbres, Rivaz, Saint-Saphorin — il tratto in assoluto più
panoramico — fino a Vevey. Qui quest’anno si celebra un
evento unico: la Fête des Vignerons (vedere a pag. 87), una
colossale celebrazione della cultura vinicola locale che va
in scena una sola volta per ogni generazione. E sono pano-
rami che promettono soste da buongustai in cantina e nei
in particolare il vitigno a bacca bianca Chasselas. Un im- ristoranti di tradizione.
pegno continuato nei secoli successivi dai viticoltori, che
hanno saputo mantenere questo territorio come un uni- Dalla Costa d’Avorio alle colline svizzere
cum anche paesaggistico, tanto da far dichiarare l’area, Due esperienze che si possono fare ad alto livello da
che abbraccia il Lago di Ginevra nel Cantone di Vaud ed Jérôme Aké Béda, ivoriano di nascita, eletto miglior
è protetta alle sue spalle dalle montagne del Giura, Patri- sommelier svizzero 2015, nonché main sponsor del vino
monio mondiale dell’Unesco dal 2007. di queste zone. Jérôme accoglie i suoi ospiti nelle sale
Il Lavaux è un luogo che ha il profumo delle vacanze dell’Auberge de l’Onde, di cui è titolare, a Saint-Sapho-
spensierate, con il verde delle vigne che incontra lo sme- rin. Una locanda amata anche da Charlie Chaplin — l’atto-
raldo delle acque del lago, il colore del Lemano nei giorni re, di cui quest’anno ricorre il 130° dalla nascita, visse gli
in cui soffia la bise, il vento da ovest che alza le vele va- ultimi anni a Vevey — e dove oggi il vino è protago- >

80 BELL’EUROPA
Sopra e a destra. La
sala da pranzo e un
piatto con marinata di
coregone, coulis di
spinaci e frutti della
passione all’Auberge de
l’Onde a Saint-Saphorin.
Sotto, da sinistra.
Sempre a Saint-
Saphorin, Doris Sommer
con un calice di rosso e
le botti nella cantina del
Domaine de Burignon.
A sinistra. Jérôme Aké
Béda, sommelier
dell’Auberge de l’Onde.
Pagina accanto. Fuori
Montreux, il castello di
Chillon e, sullo sfondo,
i Dents du Midi.
FOOD | SVIZZERA

Sopra, da sinistra. Le
colline del Lavaux,
tappezzate di vigneti;
un’insegna con
grappolo d’uva nel
borgo di Epesses. La
coltivazione della vite in
questa zona, su terrazzi
racchiusi da muretti a
secco, risale ai monaci
cistercensi del XII
secolo. A sinistra. Si
servono i piatti
all’Auberge du Raisin di
Cully. Sotto. Il salotto
dell’Auberge, che è sia
hotel 3 stelle con dieci
camere, sia ristorante
con una grande sala da
pranzo e camino.

82 BELL’EUROPA
A destra. Degustazione
di vini con assaggi di
salumi e formaggi sulla
terrazza del Domaine
Croix Duplex, nel
villaggio di Grandvaux.
Sotto. Il panorama che
si gode dalla terrazza
del domaine abbraccia
i vigneti del Lavaux.
La prestigiosa regione
vinicola si estende tra
Losanna e Montreux,
all’estremità
nordorientale del Lago
di Ginevra (detto anche
Lago Lemano).
A sinistra. Louis-
Philippe Bovard, patron
del domaine omonimo
dal 1983: la sua è la
decima generazione
alla testa della tenuta di
Cully. Sotto. Blaise
Indirizzi
Duboux al lavoro tra i
suoi vigneti a Epesses;
Yohann Magne, chef del Auberge de l’Onde
ristorante Tout un Centre du Village, Saint-Saphorin,
Monde a Grandvaux. tel. 0041-(0)21-9254900; www.
Pagina accanto. Il aubergedelonde.ch Ristoranti: Rôtisserie
borgo di Saint-Saphorin (cucina moderna e creativa), aperta
con la chiesetta mer.-sab. 19-21.30, dom. 11.45-16, menù
omonima (1515-20).
da 120 franchi (108 €); Brasserie (cucina
tradizionale), aperta mer.-sab. 12-14
e 19-21.30, dom. 11.45-16, menù da 59
franchi (53 €).

Domaine Blaise Duboux


Sentier de Creyvavers 3, Epesses, tel.
0041-(0)21-7991880; www.blaiseduboux.ch
Aperto sab. 9-12, altri giorni su
appuntamento. Visite e degustazioni
su richiesta.

Clos des Moines e Clos des Abbayes


Chemin de Dézaley, Puidoux, tel. 0041-
(0)21-3154230; www.vinsdelausanne.ch
Visite su appuntamento.

Domaine du Burignon
Chemin du Burignon 2, Saint-Saphorin,
tel. 0041-(0)78-9158520; www.burignon.ch
e www.vinsdelausanne.ch Visite su
appuntamento.

Domaine Croix Duplex


Route de Chenaux 2, Grandvaux, tel.
0041-(0)21-7991531; croix-duplex.ch
Aperto lun.-ven. 10-18, sab. 10-15, meglio
prenotare. Degustazioni commentate:
4 vini a partire da 16 franchi (15 €); 4 vini
con tapas da 26 franchi (24 €).

Tout un Monde
Place du Village 7, Grandvaux, tel. 0041-
(0)21-7991414; www.toutunmonde.ch
Aperto 10-23, chiuso mar.-mer.
Menù di 4 portate da 79 franchi (71 €), a
pranzo formula da 49 franchi (44 €).

Auberge du Raisin
Place de l’Hôtel-de-Ville 1, Cully, tel. 0041-
(0)21-7992131; www.aubergeduraisin.ch
Aperto lun.-sab. 12-13.30 e 19-21.30,
dom. 12-16. Menù di 3 portate da 62
franchi (56 €). Ha anche 10 camere:
doppia con colazione da 177 franchi (159 €).

Domaine Louis Bovard


Place d’Armes 2, Cully, tel. 0041-(0)21-
7992125; domainebovard.com Visite alla
cantina su appuntamento. Vini in vendita
presso la vicina Vinothèque de la Maison
Rose, place d’Armes 6, tel. 0041-(0)21-
7995566. Aperta mar.-sab. 9.30-12 e
14-18.30, dom. 14-17.

Domaine La Colombe
Route du Monastère 1, Féchy, tel. 0041-
(0)21-8086648; www.lacolombe.ch
La cantina è aperta mar.-gio. 13.30-17,
ven. 13.30-19, sab. 10-12.30.
Degustazione di 5 vini a partire da 25
franchi (23 €); degustazione gratuita
ven. 16-18 e sab. 10.30-12.30.
FOOD | SVIZZERA

Lemano, un lago di confine tra due Paesi: Svizzera e Francia

nista e accompagna una cucina francese di rango, anche con un bicchiere in mano, all’ombra di un albero secolare
nel dehors vicino alla scala d’ingresso, dove pochi tavoli contiguo alla casa di pietra con vista sulle vigne di Epes-
godono della brezza serale. ses. «Lo Chasselas, che oggi è una Aoc (Appellation d’ori-
È Jérôme a raccontarci l’unicità del vitigno locale, lo Chas- gine contrôlée), è un vino che ha una lunga storia dalle
selas. «È un vino che rivela il terreno che lo ha prodotto, infinite sfumature, tante quante le differenti particelle di
un terreno eterogeneo, perché variano le percentuali di terra; perché ognuna rispetta in modo unico questa me-
argilla e calcare, e in un certo modo “camaleontico”: ogni ravigliosa terra», racconta Monsieur Duboux. «Per le mie
particella di terra gli dona sfumature peculiari e note pro- terre ho scelto il metodo biodinamico: rispetta le vigne
prie». Le sue bottiglie sono conservate in due cantine, na- che mi sono state date dai miei progenitori e che vorrei
scoste tra i vicoli acciottolati del paese. In una ha le native passare intatte alle mie tre figlie, che raccoglieranno que-
grapes — «se dimentichi le uve native dimentichi la storia» sta importante eredità».
— e nell’altra, che ironicamente definisce la “cantina di È una giovane donna anche Doris Sommer, chef de culture
Ali Babà”, ha bottiglie che a volte non sono nemmeno in dal 2015 di due dei più importanti domaines della zona:
lista, in un ordine caotico che solamente lui può capire. «Il il Clos des Moines, uno dei terreni che beneficiano della
mio lavoro è parlare con gli ospiti e venire incontro ogni migliore esposizione della zona, e il Clos des Abbayes,
volta ai loro gusti», spiega, con un servizio tailor made. Lo entrambi appartenuti ai monaci e dal 1802 proprietà del-
stesso che ci offre, insieme al sorriso che accompagna il la città di Losanna. Sono lontani i tempi in cui, come rac-
suo modo d’intendere la vita, consigliando alcuni indirizzi conta il dipinto che Doris mostra nel carnotzet (la stanza
speciali in zona. dove si degustava vino tra amici) conservato al Domaine
Tra questi non può mancare il Domaine Blaise Duboux, du Burignon, la donna rassetta il locale mentre gli uo-
che a Jérôme ha intitolato lo Chasselas Cuvée JAB, prove- mini bevono e ammassano in un angolo una quantità di
niente da una speciale particella del vitigno. Cinque etta- bottiglie vuote. Ora è lei che stappa, sulla terrazza pano-
ri, tutti lavorati a mano, che appartengono alla famiglia ramica, un ottimo Chasselas Avec Vue.
da 17 generazioni. Una storia lunga 500 anni da ascoltare, Ancora un panorama che lascia senza parole e un >

BELL’EUROPA 85
FOOD | SVIZZERA

Le vigne del Domaine La Colombe attorno al piccolo borgo


di Féchy, 24 chilometri a ovest di Losanna.

Lavaux, 800 ettari di vigne: la zona vitivinicola più ampia della Svizzera

sorriso femminile, quello di Maude Vogel, a dare il ben- dial du Chasselas, un percorso tra le vigne da fare a piedi
venuto al Domaine Croix Duplex: trenta ettari, che han- per riscoprire i principali vitigni che stavano scomparen-
no ottenuto il Label Or Terravin, e una cantina che ospita do nel Lavaux: comprende 19 varietà di Chasselas, tra
anche eventi e matrimoni. cui le più importanti sono Fendant roux, Vert de la Côte,
È una location perfetta anche il ristorante Tout un Monde, Giclet, Blanchette e Bois rouges. Nelle sue vigne Louis-
nelle piazza di Grandvaux, da dove sembra dominare l’oriz- Philippe Bovard ha recuperato vecchi cloni di Chasselas
zonte, come la statua di Corto Maltese, un omaggio all’au- e introdotto nuove varietà come lo Chenin Blanc: un vino
tore di fumetti Hugo Pratt che qui visse. Nel loro ristorante, di quest’ultimo vitigno, il Salix 2016, ha ottenuto da Wine
Céline Gsponer e Yohann Magne, che è lo chef, propongo- Spectator un punteggio di 92/100. Ma sono da provare an-
no una cucina del territorio, che diventa il miglior racconto che il Méridien e il Terre à Boire.
dei produttori locali. Da provare, l’antipasto con burrata, Ci si sposta infine appena fuori dai confini del Lavaux, al
cetriolo e lattuga con frutti rossi aromatizzati all’aceto di Domaine La Colombe di Féchy, ospiti di Raymond Pac-
lamponi del Moulin de Sévery, la trota di Chamby con insa- cot. Il suo bisnonno era un diplomatico dei Savoia; a lui
lata piemontese e, per finire, il gelato con le fragole svizzere si deve lo stemma della colomba con tre soldi. I 20 ettari
e melissa della famiglia Joly-Grandvaux. del domaine, che nel 1351 erano parte del convento del
Intimo e ispirato al vino anche l’Auberge du Raisin, a Cul- Grand-Saint-Bernard, da vent’anni sono coltivati con me-
ly, con due belle terrazze dove cenare nelle serate estive. todo biodinamico. «È molto importante curare la terra,
Un posto che sa di tradizione, nonché un indirizzo pro- perché dà la texture dello Chasselas», conferma Raymond.
fondamente radicato nel luogo, come lo è la famiglia di «Il terroir calcareo dà maggiore acidità e la presenza di ar-
Emeline e Jean-Jacques Gauer, che lo conduce. gilla un gusto più morbido e rotondo», in un vino che è ge-
È uno stimato rappresentante della comunità locale an- neralmente basso in alcol (dai 9,50 ai 12,50 gradi). Anche
che Louis-Philippe Bovard, del Domaine Louis Bovard, qui i panorami si allargano sotto gli occhi. Sono gli stessi
sempre a Cully. I Bovard fanno vino da 400 anni e Mon- che poco lontano da Féchy sedussero Audrey Hepburn,
sieur Bovard è anche l’ideatore del Conservatoire Mon- che aveva la casa a Tolochenaz. |

86 BELL’EUROPA
A sinistra. L’arena allestita sulla
place du Marché per la Fête des
Vignerons a Vevey. Sotto e in basso.
Figuranti nei costumi ideati da
Giovanna Buzzi per la Fête 2019.

LA FÊTE DES VIGNERONS 2019

A Vevey va in scena il kolossal del vino


Si svolge da secoli per rendere omaggio alle per l’occasione sulle rive del lago e capace di
tradizioni vinicole del Lavaux ed è Patrimonio 20mila spettatori. Lo spettacolo, che in una
immateriale dell’umanità per l’Unesco. La ventina di scene racconta un anno nella vigna,
Fête des Vignerons (a sinistra, la locandina) dura quasi tre ore e coinvolge più di 5.500
che si tiene dal 18/7 all’11/8 a Vevey è figuranti. Ognuno dei 26 Cantoni svizzeri è
un evento unico: viene infatti organizzata ospite d’onore per un giorno
dalla Confrérie des Vignerons una volta per e viene celebrato con sfilate in città,
generazione, quindi ogni 20-25 anni. Nacque mentre cantine effimere permetteranno di
nel XVII secolo come processione dei membri degustare vini da tutto il Paese.
della confraternita, che scendevano seguiti La Festa 2019 “parla” anche italiano: il regista
dai vignaioli dalla chiesa di Saint-Martin fino ticinese Daniele Finzi Pasca ha chiesto
al lago tra musica, danze e canti. Nel 1797 si alla costumista italiana Giovanna Buzzi di
trasformò in Fête des Vignerons per premiare realizzare tutti i costumi: un lavoro titanico.
il lavoro dei migliori contadini in vigna. Dal
1819 divenne uno spettacolo di richiamo per
tutti i viticoltori del lago, che arrivavano anche
grazie ai nuovi battelli a vapore e alla ferrovia.
Nel dopoguerra si è trasformata ancora,
grazie a musiche e libretti originali, costumi INFO
ideati ad hoc e la partecipazione di artisti Fête des Vignerons Place du Marché,
internazionali. L’edizione 2019 si svolgerà in Vevey; www.fetedesvignerons.ch
una gigantesca arena a cielo aperto, costruita Biglietti: da 80,90 franchi (72 €).
A CURA DI SILVIA FRAU

Lavaux CROCIERA SUL LAGO

Come arrivare di Chillon, con 405mila visitatori nel 2017, è il


monumento storico più visitato della Svizzera;
In auto Vevey si raggiunge tramite il traforo in fondo alla passeggiata a lago di Montreux,
del Gran San Bernardo (autostrada T2), è una fortezza del XII secolo, edificata su un
passando per Martigny. Da Torino sono isolotto e costituita da un insieme di 25 edifici.
240 km, da Milano 309 km. Vignetta per le
autostrade svizzere: 40 franchi (36 €), valida Musée de la Confrérie des Vignerons
fino al 31/1 dell’anno successivo. Rue du Château 2, Vevey; www.confreriedes
In treno Collegamenti giornalieri diretti da vignerons.ch Orario: 11-17, chiuso lun.
Milano a Montreux (3 ore) e Losanna (3,20 ore) Ingresso libero Racconta la ricca storia della
con gli Eurocity delle Ferrovie svizzere (www. Confraternita dei vignaioli e delle loro feste,
sbb.ch/it): da 45 € a tratta. Treni locali collegano dalle origini medievali fino a oggi. Si possono
Vevey a Montreux (7 km), 2,40 franchi (2 €), e a ammirare costumi e molti altri oggetti.
Losanna (19 km), 5,60 franchi (5 €).
In aereo L’aeroporto più vicino è Ginevra Chaplin’s World Route de Fenil 2, Corsier-
(90 km da Vevey), collegato a varie città sur-Vevey; www.chaplinsworld.com Orario:
con voli giornalieri di Alitalia (www.alitalia. fino al 31/8 9-18; poi variabile. Ingresso: 25
com) Swiss (www.swiss.com), easyJet franchi (22,50 €) Inaugurato nel 2016, è un
(www.easyjet.com) e Vueling (www.vueling. museo interattivo dedicato a Charlie Chaplin,
com): tariffe da 83 € a/r. All’aeroporto con di cui quest’anno si celebrano i 130 anni dalla
Rentalcars.com (www.rentalcars.com) nascita, allestito nella sua casa svizzera.
un’auto media per 4 giorni parte da 288,77 €.
Cosa fare MUSÉE DE LA CONFRÉRIE DES VIGNERONS
Cosa vedere
Il Lavaux in trenino Divertente è visitare le 9462350; lavaux-panoramic.ch). Il primo
Castello di Chillon Avenue de Chillon 21, vigne con i treni turistici (su gomma) sulla tratta parte da Lutry, ven.-dom. fino al 15/9, da
Veytaux, Montreux; chillon.ch Orari: apr.-set. Cully-Lutry e Chexbres: Lavaux Express (tel. 25 franchi (22,50 €) con degustazione. Il
9-19; ott. e mar. 9.30-18; nov.-feb. 10-17. 0041-(0)848-848791; www.lavauxexpress. secondo funziona sab.-dom., dalla stazione
Ingresso: 12,50 franchi (11,50 €) Il castello ch) e Lavaux Panoramic (tel. 0041-(0)21- di Chexbres: a partire da 12 franchi (11 €).

Il Lavaux in battello Si possono ammirare


i vigneti dal lago con le crociere della
Compagnie Générale de Navigation (tel.
0041-(0)900-929929; www.cgn.ch), che ha
17 battelli di cui 8 navi a vapore Belle Époque.
Il Patrimoine Tour, proposto tutti i giorni fino
all’1/9, dura 3 ore e mostra il castello di Chillon
e i vigneti terrazzati del Lavaux, con pranzo
o degustazioni a bordo. Parte da Montreux,
Vevey o Losanna. Biglietto: da 50 franchi (45 €).

Al Caveau Corto (Chemin du Four,


Grandvaux, tel. 0041-(0)79-6305153; caveau
corto.ch) fino a ottobre (ven. sera-dom. sera)
12 vignerons a turno presentano i loro vini
con degustazioni. Nella cantina è allestita una
mostra permanente su Corto Maltese.

Cosa comprare
Vini, ovviamente. Oltre che nelle cantine si può
andare da Lavaux Vinorama (route du Lac 2,
Rivaz, tel. 0041-(0)21-9463131; www.lavaux-

88 BELL’EUROPA
INFO
In Italia: Svizzera Turismo, tel. 00800-
10020029; www.svizzera.it
In Svizzera: Montreux-Vevey Tourisme,
rue du Théâtre 5, Montreux, tel. 0041-
(0)848-868484; www.montreuxriviera.
com Lausanne Tourisme, avenue de
Rhodanie 2, Losanna, tel. 0041-(0)21-
6137373; www.lausanne-tourisme.ch;
www.region-du-leman.ch;
www.svizzeraunica.it
HÔTEL LE RIVAGE LAVAUX VINORAMA

vinorama.ch Orari: fino a ott. 10.30-20, dom. cucina del territorio: dal pesce di lago alla
10.30-19; nov.-dic. e gen.-apr. stessi orari ma tartare di carne tagliata al coltello (menù a
chiuso lun.-mar.) che ha 300 differenti etichette pranzo 20 franchi, 18 €, a cena 4 portate
ed è un luogo dove scoprire tutto su vitigni e 70 franchi, 63 €). Losanna è a 10 minuti di
vini del Lavaux, anche tramite il film Un anno treno, Montreux a 25. Doppia con colazione B&B DOMAINE DU BURIGNON
nei vigneti, con tutte le fasi della viticoltura. da 200 franchi (179 €).
Nelle degustazioni si possono assaggiare
alcuni Chasselas (3 vini da 15 franchi, 13,50 €). B&B Domaine du Burignon Chemin du
Per altre specialità gastronomiche, a Lutry Burignon 2, Saint-Saphorin, tel. 0041-(0)78-
La Fermière (Grand-Rue 46, tel. 0041-(0)21- 9158520; www.burignon.ch Sistemazione
7915904; www.la-fermiere.ch Orario: lun.- cosy, tra le vigne, in 3 camere, di cui due con
ven. 8.30-12.30 e 14-18.30, sab. 8-17) è un cucina, ricavate in una casa ottocentesca con
piccolo negozio di formaggi sulla via principale: vista sul lago. Doppia da 185 franchi (166 €),
la proprietaria è particolarmente gentile nel colazione 16 franchi (14,50 €).
raccontare le peculiarità dei suoi prodotti che
può confezionare sottovuoto. A Vevey ha ★★★
aperto lo scorso anno Hokta (rue des Deux- Hôtel Le Rivage Rue du Rivage 1, Lutry, tel. AUBERGE DU VIGNERON
Marchés 30, tel. 0041-(0)21-9228989; hokta. 0041-(0)21-7967272; www.rivagelutry.ch Le
ch Orario: mar.-ven. 7.30-18.30, sab. fino alle 32 camere si affacciano sul porto di Lutry e
17): è un locale dove lasciarsi incantare dalla hanno un design curato, dai toni estivi. Bello
pasticceria in stile contemporaneo e dai pani lo spazio all’aperto, dove si pranza all’ombra
di farine speciali, da sbocconcellare sul posto degli alberi e si cena con una piacevole brezza
o per strada, perché non si riesce a portarli serale. In tavola una cucina creativa, senza
intatti fino a casa. Infine, Bravo! (rue du Lac eccessi, con prodotti locali (conto medio a
9, tel. 0041-(0)21-9226262; www.bravo.swiss cena: 70 franchi, 63 €). Doppia da 175,50
Orario: lun.-ven. 10-18.30, sab. 9.30-17) è una franchi (157 €), colazione 14,50 franchi (13 €).
vecchia sala da ballo trasformata nel 2017 in un
concept store di 400 mq dove trovare i prodotti Dove mangiare
di artigiani e artisti svizzeri e articoli in vendita AUBERGE DE LA GARE
anche online. C’è un food corner con insalate, Café de la Poste Grand-Rue 48, Lutry, tel.
torte salate e dolci: piatti da 6 franchi (5,50 €). 0041-(0)21-7911872 Sul lungolago, con i
tavolini sotto ombrelloni gialli. Serve ottimi
Dove dormire filetti di pesce persico fritti, specialità locale,
e gustose proposte del giorno, oltre a ricche
★★★★ insalate. Aperto dalla mattina alla sera perché
Grand Hôtel Suisse Majestic Avenue des anche bar, serve pranzo e cena (11.30-14.30 e
Alpes 45, Montreux, tel. 0041-(0)21-9663333; 18.30-21.30). Conto medio: 40 franchi (36 €).
hotel-majestic-montreux.com Un albergo di
tradizione con splendida vista sul lago, sia Auberge du Vigneron Route de la Corniche
dalle 155 camere sia dal ristorante gourmet 16, Epesses, tel. 0041-(0)21-7991419; www.
Le 45, e un facilissimo accesso dalla stazione aubergeduvigneron.ch Una terrazza informale, HOSTELLERIE DE GENÈVE
dei treni. Altrettanto comodi il centro cittadino all’aperto, affacciata sui vigneti, con pochi
e la passeggiata al castello di Chillon (col bus). coperti e porzioni abbondanti di pesce persico
Doppia con colazione da 260 franchi (233 €). e carne; ci sono opzioni anche per vegetariani.
Conto medio: 40 franchi (36 €).
★★★
Auberge de la Gare Rue de la Gare 1, Hostellerie de Genève Grande Place
Grandvaux, tel. 0041-(0)21-7992686; 11, Vevey, tel. 0041-(0)21-9214577; www.
www.aubergegrandvaux.ch Dalle 5 camere hotelgeneve.ch Nella piazza principale, perfetto
di questo edificio del 1862, recentemente per un pranzo veloce ma curato, in stile
rinnovato, si dominano i vigneti e il lago. brasserie e con influenze italiane (c’è anche la
Ottima anche la tavola (è un Bib Gourmand pizza). A pranzo (lun.-ven.) menù a 22 franchi
GRAND HÔTEL SUISSE MAJESTIC
Michelin, menù da 64 franchi, 57,50 €), con (20 €), alla carta da 40 franchi (36 €).

BELL’EUROPA 89
ARCHEOLOGIA | FRANCIA

La cittadina di Orange
è famosa per il suo Teatro
romano, tra i meglio
conservati al mondo. Il suo
muro di scena garantisce
un’acustica eccellente al
festival lirico delle Chorégies,
che quest’estate celebra
i 150 anni di storia
TESTI RAFFAELLA PIOVAN
FOTO MASSIMO RIPANI

Due millenni
in scena
In alto. Il Teatro romano
di Orange, eretto nel I secolo
d.C., visto dalla collina di
Saint-Eutrope e una scena
delle Chorégies.
Pagina accanto. L’imponente
facciata esterna del
muro di scena del teatro.

90 BELL’EUROPA
L
La luce del sole, così speciale in Provenza, inonda e scalda il
Théâtre Antique di Orange, rendendolo dorato sotto il cielo
di un blu indimenticabile. Un edificio sopravvissuto a tutto
e a tutti, perché in tanti secoli fu sempre risparmiato dalla
distruzione. Persino il Re Sole, dopo aver praticamente raso
al suolo la città, se ne innamorò e definì la sua monumentale,
intatta facciata esterna “il più bel muro del mio regno”.
Le origini del teatro risalgono al I secolo d.C., ma in realtà
la fondazione dell’antica Arausio avvenne nel 35 a.C., per
volere del futuro imperatore Ottaviano Augusto che voleva
ricompensare con fertili terre i soldati della Legione II Galli-
ca, veterani delle guerre combattute dall’Urbe contro le tribù
celtiche d’Oltralpe. Grazie alla sua posizione strategica in una
pianura che si stendeva fino al Rodano, nel centro della Gal-
lia Narbonensis, la colonia crebbe rapidamente in ricchezza e
in importanza. Augusto visitava molto spesso la provincia –
all’epoca la più importante della Gallia intera – e suo genero
Agrippa, che lo accompagnava quasi sempre, era un instan-
cabile costruttore: questi due fattori fecero sì che gli insedia-
menti romani nella zona venissero abbelliti con monumenti
di pregio e che Arausio fosse dotata, tra l’altro, prima di un
Arco di Trionfo per celebrare la propria nascita, poi di un
teatro dove si potesse intrattenere la popolazione.

Un teatro per il popolo e per i politici


La sua costruzione, sotto la collina di Saint-Eutrope, fu la
realizzazione di un progetto imponente: la scena, co- >

A sinistra. Il muro 3D, la realtà virtuale più di 9mila


di scena del che mostra la spettatori: sono
teatro, lungo 103 città nel I secolo a.C. state largamente
metri e alto 37. e tutte le fasi rifatte anche per
Anticamente era di costruzione del motivi di sicurezza,
decorato in modo teatro; uno dato che sono
lussuoso, con statue dei tanti ambienti ancora utilizzate ai
in marmo, colonne del percorso giorni nostri; la
in granito e fregi. multimediale che colossale statua di
In alto, da sinistra. si snoda nelle Augusto (3,55 metri)
La sala dove si gallerie dell’edificio; che decora la
sperimenta, le gradinate, che nicchia al centro
attraverso un visore possono accogliere della scena teatrale.

BELL’EUROPA 93
Le Chorégies festeggiano i 150 anni
Il festival celebra un secolo e mezzo di vita. All’onore l’opera lirica e i concerti di musica classica, con eventi
messi in scena non soltanto nel Teatro romano, ma anche in altri punti della città

Le Chorégies d’Orange compiono 150 in scena Light From The Outside World,
anni e, come ogni estate, attirano in città una performance che mescola musica,
migliaia di visitatori durante tutto il periodo arte contemporanea, design e science-
del festival, che si tiene per lo più nel fiction. Il 12/7 sarà la volta del Gugliemo
Théâtre Antique. La manifestazione (a Tell, l’ultima opera scritta da Rossini, con il
lato, la locandina dell’edizione 2019) è nata celebre baritono Nicola Alaimo nel ruolo del
nel 1869, ma il nome, che si ispira alla parola protagonista. Il 17/7 verrà eseguito il balletto
greca choreos (i cori) per la straordinaria Romeo e Giulietta di Prokof’ev sulla
acustica del muro di scena teatrale, fu moderna coreografia di Jean-Christophe
coniato solo nel 1902. Nel 1971 è iniziato Maillot, mentre il 20/7 si terrà il Galà con
il festival com’è ancora strutturato, con la il soprano Anna Netrebko e il tenore Yusif
prevalenza assoluta della lirica, quest’anno Eyvazov. Il 29/7 si ascolterà la Sinfonia n. 8
inaugurato con un grande spettacolo di Mahler. La rassegna si concluderà con il
che celebrava la musica in tutte le sue Don Giovanni di Mozart, il 4 e il 6/8. È da
declinazioni. Le serate sono tutte all’aperto, ricordare che non tutti gli spettacoli sono a
in varie location oltre a quella principale, pagamento: fra quelli gratuiti, oltre a incontri
ma in caso di cattivo tempo vengono e conferenze, il Récital diabolique autour
spostate in altre sedi, come il Palais des de la figure de Faust, alla Cour Saint-
Princes. Tra gli appuntamenti più accattivanti Louis il 4/8, “cine-concerto” in cui Jean-
dell’edizione 2019 (che si svolge fino al François Zygel accompagnerà al pianoforte
6/8) è da ricordare l’11/7 l’esibizione di la proiezione del film muto Faust (1926) di
Jeff Mills, il celebre dj techno che metterà Friedrich Wilhelm Murnau.

INFO
Chorégies d’Orange Théâtre Antique e altre sedi, tel. 0033-(0)4-90342424; www.choregies.fr Biglietti: da 10 a 275 €.
ARCHEOLOGIA | PROVENZA

A sinistra. Un avvicendarono opera, musica e sull’opera.


concerto durante la concerti e spettacoli Al centro. Una
passata edizione teatrali, facendo delle scena del Barbiere
delle Chorégies Chorégies un evento di Siviglia di Rossini,
d’Orange, la famosa prestigioso capace di presentato nella
manifestazione attirare artisti di fama scorsa edizione.
musicale che si tiene mondiale come In basso, da
da 150 anni in questa Sarah Bernhardt. Nel sinistra. Un altro
cittadina del 1969 gli spettacoli momento del
Vaucluse, situata a teatrali sono stati Barbiere di Siviglia
circa 30 km da spostati ad Avignone e due scene della
Avignone. Dal primo e il festival di Orange Carmen di Bizet
’900 sul palco si si è focalizzato sulla nell’edizione 2015.

perta da una tettoia in legno, era ampia, a ridosso di un muro


(frons scaenae) di oltre cento metri, la cui parte esterna era
preceduta da un portico con 16 porte incorniciate da pilastri
e tre aperture che davano sulla strada, dalle quali entravano
gli attori. Le gradinate della cavea, attualmente in larga par-
te restaurate o sostituite per motivi di sicurezza, potevano
comodamente contenere novemila spettatori, con settori ri-
servati ai patrizi, agli ufficiali dell’esercito e ai senatori, che si
sedevano vicini all’orchestra, mentre i cittadini si spartivano
tre ordini di posti a seconda del proprio ceto sociale. Va da sé
che i meno abbienti e gli stranieri, equiparati ai poveri, trova-
vano da sedere nella parte più alta, coronata da un colonnato
dove le prostitute esercitavano il loro mestiere nelle pause
della rappresentazione. Interamente costruito in pietra loca-
le, calcare bianco e calcare giallo, con l’interno del muro di
scena ornato da nicchie che contenevano statue, da colonne e
da fregi, era suggestivo e maestoso al tempo stesso. Al centro
del muro, in posizione dominante, un’imponente statua di
Augusto (oggi restaurata usando i frammenti originali) rico-
perto dalla corazza troneggiava sui presenti con i suoi mar-
morei tre metri e mezzo di altezza. Grazie al suo splendore e
alla sua acustica perfetta, il teatro era adatto non soltanto per
gli spettacoli, ma anche per le riunioni riguardanti la politica.
Era il centro della vita della città.
Venivano messe in scena molte tipologie di intrattenimen-
to: dalla pantomima – che prevedeva un racconto muto,
dove solo ballo, atteggiamenti del corpo ed espressioni del
viso narravano la vicenda – alle commedie di Plauto, sem-
plici e divertenti, fino alle tragedie classiche e alle fabulae
atellanae, spettacoli licenziosi pieni di scherzi, doppi sensi
e varie burle più o meno oscene, che deliziavano i soldati e
i cittadini, lontani dallo snobismo e dalla cultura di Roma.

Uno storico festival e un Arco grandioso


Il coro, invenzione tipicamente greca, cantava e danzava
nell’orchestra sulla musica della lira o del doppio flauto tra
un episodio e l’altro. Questo elemento, seppur con notevoli
varianti, si è mantenuto fino ai giorni nostri e nel 1869 fu
l’ispirazione per creare le Chorégies d’Orange, il maggiore (e
il più antico) festival di musica lirica francese, che da 150
anni si svolge ogni estate nel teatro.
Il quale non rimase, però, in attività per duemila anni
consecutivi. Nel 381 Arausio divenne sede di un vesco- >

BELL’EUROPA 95
9

Com’erano il teatro e il cuore antico di Orange


In due millenni di vicende storiche il Teatro antico ha mantenuto le sue
caratteristiche più preziose, come il muro di scena che garantisce anche
oggi un’acustica eccezionale. Gli edifici vicini, però, sono quasi spariti
ILLUSTRAZIONE FRANCESCO CORNI

1. Teatro. Fu costruito sotto il regno e 1,80 metri di spessore. Costruito su tre 8. Scalinata esterna. Da questa gli
di Ottaviano Augusto, primo imperatore livelli, è abbellito nella parte interna, dietro spettatori appartenenti ai ceti più bassi
romano. Per edificarlo venne tagliata la scena, da colonne in granito e statue potevano accedere ai posti più in alto del
la collina di Saint-Eutrope, in modo da in marmo che “incorniciavano” tre porte teatro, sormontati da un colonnato.
risparmiare sui costi di costruzione e monumentali: da quella al centro entravano 9. Rovine galloromane. Sulla collina, vicino
assicurare all’edificio maggiore solidità. gli attori principali. al teatro, sono stati trovati resti di imponenti
2. Scena. Ha 61 metri di lunghezza 5. Velario. Era la copertura che veniva stesa strutture. Probabilmente erano il Capitolium,
e possiede un piccolo muro sopra la scena e le prime gradinate, in modo il primo di tre templi dedicati alla Triade
(il pulpitum), il quale permette di tenerla da fare ombra. Si vedono ancora le mensole capitolina (Giove, Giunone e Minerva), e
separata dall’orchestra. Vi è anche un sporgenti dove venivano passate le corde un altro edificio di culto – come si vede nel
avvallamento per riporre il sipario quando per tendere il velario. Oggi al suo posto c’è disegno – ma scavi recenti hanno messo in
non veniva utilizzato. Ai fianchi si alzano una struttura moderna in vetro e acciaio. dubbio questa interpretazione, proponendo
due torri, le cosiddette basilicae, che 6. Cavea. Può contenere circa 9mila l’ipotesi che si trattasse invece di una torre
servivano per l’uscita dei figuranti oppure spettatori, con gradinate che si aprono di avvistamento di epoca galloromana.
per sostenere le decorazioni. a raggiera divise in tre zone, in principio 10. Edifici laterali. Sulla destra del teatro,
3. Statua di Augusto. La statua loricata di nove scalinate l’una. accanto a un emiciclo, sono emerse
(ossia con corazza) dell’imperatore, alta 7. Orchestra. Semicircolare, di 19 metri parti di un edificio, molto probabilmente
circa 3,5 metri, fu ricollocata nella sua di lunghezza, è posizionata tra la scena e le rovine di un grande tempio
nicchia al centro della scena nel 1951. il primo ordine di gradinate. Qui prendeva del II secolo d.C. che formava con
4. Muro di scena. È uno dei meglio posto il coro, parte integrante delle tragedie il complesso architettonico circostante
conservati d’Europa: misura 103,15 antiche, che “commentava” la narrazione un augusteum, ossia un tempio
metri di lunghezza, 36,80 metri di altezza con recitazione di versi, canti e danze. dedicato al culto dell’imperatore.

96 BELL’EUROPA
10

3
6

7
1

BELL’EUROPA 97
Sopra, da sinistra. Trionfo; l’Arco in una di Trionfo (20-25 d.C.
La Sala dei Catasti rappresentazione circa), eretto al
al piano terra antica che fa parte termine del viale
del Museo d’Arte di una serie di omonimo: sullo
e di Storia: in primo quadri e stampe sfondo, a sinistra, si
piano si nota un sui monumenti vedono la Cattedrale
mosaico policromo romani di Orange, e il muro di scena del
del I secolo d.C., custodita nel museo; Teatro romano.
sullo sfondo un particolare Anticamente
spiccano due sfingi musivo della Sala l’Arco era situato
alate; un bassorilievo del Portico. all’incrocio con la Via
con un mostro A sinistra. Il centro Agrippa, che univa
marino sull’Arco di di Orange con l’Arco Orange ad Arles.

vado e il declino del monumento fu inarrestabile, trascurato


e abbandonato a favore della costruzione di chiese e palazzi.
Poi vennero le Crociate, le guerre di religione (che nella città,
ormai divenuta Orange, furono particolarmente sanguinose),
lo scontro tra Luigi XIV e il re d’Inghilterra Guglielmo III di
Nassau-Orange, infine la Rivoluzione: ma in qualche modo il
teatro rimase sempre in piedi, anche se soffocato da secoli di
abitazioni abusive. Fu a metà del XIX secolo, grazie alla tena-
cia dello scrittore Prosper Mérimée, ispettore dei Monumenti
storici, che venne avviato il primo restauro, dando una secon-
da vita al monumento. Dal 2016 è in corso un nuovo piano
di lavori di recupero della durata di otto anni, arricchito nel
2018 anche da una visita virtuale che mostra l’evoluzione ar-
chitettonica del teatro sin dai tempi dell’inaugurazione.
Delle altre vestigia romane è rimasto ben poco: le fondamen-
ta di una torre di avvistamento sulla collina, il muro di cinta
occidentale del Foro, il tempio e l’emiciclo sulla destra del
teatro. Tutti i reperti sono stati portati all’adiacente Museo
d’Arte e di Storia, che conserva un unicum: i tre catasti roma-
ni in marmo del I secolo d.C. che permettono di ricreare esat-
tamente le ripartizioni dei terreni tra i veterani. Ma, dulcis in
fundo, Orange ha anche un altro monumento celeberrimo:
l’Arco di Trionfo sulla Via Agrippa, una delle principali stra-
de che univano il centro della Gallia al Mediterraneo. Venne
eretto intorno al 25 d.C. ed era posizionato all’entrata setten-
trionale di Arausio. Magnifico, ricco di decorazioni, ha 12 co-
lonne corinzie, tre fornici con volte a cassettoni e nella parte
superiore timpano al centro e due attici (l’elemento murario
di coronamento) sovrapposti, un tempo ornati da statue e
decorati da eleganti bassorilievi che raffigurano combatti-
menti sia marini sia tra Romani e Galli, in modo da ribadire
la supremazia dell’Urbe sulla colonia. Alto più di 19 metri e
largo quasi 20, con uno spessore di 8,40 metri, offre un colpo
d’occhio memorabile quando si percorre l’avenue de l’Arc de
Triomphe, uscendo da Orange. Isolato, maestoso, è l’immagi-
ne potente dei fasti di un lontano passato. |

BELL’EUROPA 99
A CURA DI RAFFAELLA PIOVAN

Orange SAINT-FLORENT

Come arrivare Musée d’Art et d’Histoire 84 rue Madeleine


Roch; www.theatre-antique.com Orari:
In auto Da Milano a Orange sono circa 600 giu.-ago. 9.15-19; set. 9.15-18. Ingresso:
km, percorribili in due varianti: dal Fréjus 5,50 € All’interno di un hôtel particulier del
seguendo le A41, A49 e A7, via Grenoble e XVII secolo, ha mantenuto l’architettura
Valence, o dal Monginevro con N94, A51 e A7. originale e conserva arredi e oggetti
In treno Da Milano a Marsiglia Thello dall’antichità ai nostri giorni. Da un punto di
(www.thello.com) da 75 € a tratta. Poi da vista archeologico, tra gli altri reperti ospita i
Marsiglia a Orange con i treni regionali (Ter) tre catasti romani del 77 d.C., unici nel loro
delle Ferrovie francesi (www.sncf.com; genere, un grande mosaico “ad anforette”
it.oui.sncf) da 26 € a tratta. che testimonia la ricchezza di Arausio nel
In aereo Da Milano voli diretti su Marsiglia I secolo d.C. e alcuni fregi provenienti dal
(97 km da Orange) con AirFrance (tel. 02- teatro. Da notare il bellissimo mosaico
38591272; www.airfrance.it) da 83 € a tratta policromo parietale dei Centauri.
tasse incluse. Da Marsiglia a Orange in treno. Ai piani superiori mobilio, dipinti, arazzi
e un Gabinetto delle curiosità.
Cosa vedere
Cathédrale Notre-Dame-de-Nazareth
Théâtre Antique Rue Madeleine Roch; 18 rue du Renoyer; www.orange.paroisse84.
www.theatre-antique.com Orari: giu.-ago. fr Orario: generalmente 8-18.30 Intitolata
9-19; set. 9-18. Ingresso: teatro e museo alla Madonna di Nazareth, è oggi soffocata
9,50 €; con visita virtuale 14,50 € È uno dei dagli antichi edifici del centro, ma vanta
teatri romani meglio conservati d’Europa, ancora un bel portale meridionale in tipico MUSÉE D’ART ET D’HISTOIRE
eretto nel I secolo d.C. Dal 2018 si può stile romanico provenzale. All’interno durante
seguire la sua costruzione attraverso un i lavori di restauro sono emersi affreschi di 8-18.30 Ha una facciata romanico-gotica e
visore con realtà virtuale presso un’apposita epoca medievale. in principio, nel ’300, fu la chiesa conventuale
sala accanto al teatro. In agosto, visite dei Francescani. Incendiata dagli Ugonotti
notturne teatralizzate fino alle 22.30 (mar. e Saint-Florent 17 rue de l’Hôpital; www. nel 1561, fu usata come caserma durante
gio.; prezzo: 9,50 €). orange.paroisse84.fr Orario: generalmente la Rivoluzione. Riaprì al culto nel 1803 e fu
dedicata al patrono di Orange.

Théâtre Municipal 37-39 cours Aristide


Briand Edificio ottocentesco progettato da
un architetto avignonese collaboratore di
Charles Garnier, l’autore dell’Opéra di Parigi.
Sulla facciata ci sono i busti di Molière,
Corneille e Félicien David che rappresentano
la commedia, la tragedia e la musica.
Monumento storico, è utilizzato per eventi,
spettacoli e mostre.

Municipio Place Clémenceau, tel. 0033-


(0)4-90514141; www.ville-orange.fr Orario:
lun.-gio. 8-12 e 13.30-17.30, ven. 8-12
La sua Torre campanaria, monumento
storico, è del XVIII secolo e si vede da ogni
parte del centro storico, mentre l’edificio, che
domina la piazza principale, è del ’600.

Gli eventi
Quest’anno il cartellone estivo si arricchisce
con la prima edizione di Les Augustales nel

100 BELL’EUROPA
INFO
In Italia: Ente Nazionale Francese
per il Turismo; it.france.fr
A Orange: Office de Tourisme, 5 cours
Aristide Briand, tel. 0033-(0)4-90347088;
www.orange-tourisme.fr
VILLA AURENJO À LA MAISON

Théâtre Antique, che dal 14/7 al 15/8 com Nelle vigne nei dintorni di Orange,
ogni giorno propongono visite tematiche a 4 km dalla città, è un’antica fattoria in
che vanno dall’architettura romana alla storia pietra con nove camere, piscina, e terrazza
del teatro. Ciascuna visita comprende per la prima colazione. Rinomato anche il
diverse dimostrazioni, come quella alla ristorante La Table du Verger, dove si cucina LE MAS DES AIGRAS
scoperta dell’equipaggiamento di un con prodotti bio (menù da 22 €).
legionario o quella dedicata ai costumi e Doppia da 75 €, colazione da 15 €.
alle maschere del teatro antico. Il 7 e l’8/9,
inoltre, andrà in scena La Fête Romaine, ★★★
una rappresentazione della vita militare sotto Hôtel Le Glacier 46 cours Aristide Briand,
Augusto. Info www.theatre-antique.com tel. 0033-(0)4-90340201; www.le-glacier.
Orario: 10-18. Biglietti da 11,50 €. com A 50 metri dal Teatro romano, è
arrivato alla terza generazione di proprietari.
Dove dormire Possiede 33 camere in stile moderno, tutte
differenti per arredi e dimensioni. Doppia da
Villa Aurenjo 121 rue Francois 71 €, colazione da 11,50 €.
Chambovet, tel. 0033-(0)6-38347150; LES SAVEURS DU MARCHÉ
www.villaaurenjo.com Un edificio Dove mangiare
del XVIII secolo in un parco di magnolie,
ulivi e sicomori, con 5 camere in stile Au Petit Patio 58 cours Aristide Briand,
provenzale, piscina, tennis e pétanque. tel. 0033-(0)4-90296927 Molto elegante,
Doppia con colazione da 160 €. sul corso principale, propone ottima
cucina tipica della regione, i cui ingredienti
Effets personnels 310 boulevard Édouard cambiano ogni due mesi, unita a influenze
Daladier, tel. 0033-(0)7-69962088; www. mediterranee. Piacevole il patio dove si
effets-personnels-orange.fr Solo tre camere cena in estate. Da notare il gazpacho con
con vista (anche se un po’ lontana) sulla granchio e la spigola con purè di finocchi.
collina e sul Teatro romano per questo b&b Servizio sollecito e cortese. Menù da 29 €.
con belle aree comuni e giardino. Gatti, HÔTEL ARÈNE
cane e pappagallo sono ospiti permanenti. À la Maison 4 place des Cordeliers,
Doppia con colazione da 134 €. tel. 0033-(0)4-90609883 A due passi dal
Teatro romano, un ristorante con terrazza
★★★★ ombreggiata e un menù tradizionale,
Hôtel Arène 6 place de Langes, dal pesce ai piatti vegetariani con i sapori
tel. 0033-(0)4-90114040; www.hotel-arene. del Mediterraneo. Da non perdere i frutti
com In pieno centro, è ospitato di mare. Menù da 27 €.
in un edificio ottocentesco. Le 40 camere,
in toni morbidi e caldi, richiamano Les Saveurs du Marché 24 place Sylvain,
l’eleganza e lo spirito delle Chorégies. tel. 0033-(0)4-90695689 Piccolo,
Doppia da 128 €, colazione 12,50 €. vicino al Teatro, sul quale dà la terrazza,
è un luogo da intenditori. In un ambiente AU PETIT PATIO
★★ moderno, piatti caratteristici provenzali,
Hôtel Saint-Jean 1 cours Pourtoules, cucina del mercato, tutto fatto in
tel. 0033-(0)4-90511516; www.hotelsaint- casa con prodotti freschi. Menù da 27 €.
jean.com/fr A ridosso della collina
di Saint-Eutrope, era una stazione di posta Le Petit Resto de Paul 10 rue de Tourre,
del XVII secolo: oggi ha 20 camere tel. 0033-(0)6-70222893; www.facebook.com/
semplici ma silenziose, pur essendo nel lepetitrestodepaul Ristorante africano, per
centro, e parcheggio a pagamento (7 €). provare il sapore delle antiche colonie francesi:
Doppia da 85 €, colazione da 9 €. couscous con agnello, pollo yassa, con salsa
marinata al limone verde, aglio, cipolle e
Le Mas des Aigras Chemin des Aigras, tel. senape e dolcetti di ananas o banana. Molta
EFFETS PERSONNELS
0033-(0)4-90348101; www.masdesaigras. scelta per i vegetariani. Menù da 21 €.

BELL’EUROPA 101
AQUILE E GABBIANI
IN VOLO SUI FIORDI

102 BELL’EUROPA
NATURA | NORVEGIA

Nella regione di Trondheim, un fotografo naturalista ritrae i possenti rapaci negli


spettacolari scatti di queste pagine. Mentre sua figlia si dedica ai gabbiani, vincendo,
a sei anni, un premio prestigioso TESTI LELLO E NICCOLÒ PIAZZA ✶ FOTO ALESSANDRO BEE

Sopra. Un esemplare di aquila di mare coda bianca (Haliaeetus albicilla). Questo rapace della famiglia degli Accipitridi è diffuso
nell’Europa settentrionale, orientale e in Asia. Sotto. Il porto di Lauvsnes, un villaggio di pescatori a 15 km da Flatanger.
T
Tanti sono i viaggiatori che arrivano in Norve- ra possibile vedere il bue muschiato (Ovibos
gia con in mente i fiordi e le aquile. Attraversa- moschatus). Noi andavamo a caccia di aquile
no Oslo quasi per obbligo. Ma fanno in tempo di mare, che nidificano nei fiordi di quell’area.
a fermarsi davanti alle tele del Munchmuseet. Ci accompagnava Ole Martin Dahle, una gui-
Alle due versioni (1893 e 1910) dello Skrik da naturalistica locale nota in tutto il mondo
(L’urlo), alla Livets dans (La danza della vita, come “l’uomo delle aquile”. Per avere una base
1925), dove strane figure volteggiano davanti per le nostre escursioni, con Ekaterina e mia
alla luna che bacia il mare, o alle tre versioni moglie Tatiana avevo affittato per alcuni gior-
(1922-24) di Stjernenatt (Notte stellata), ispira- ni un cottage lungo un fiordo. Al mattino pre-
to a Van Gogh. Prima dei fiordi e delle aquile sto è quasi impossibile non vedere le aquile.
Sopra. Un’aquila di è emozionante meditare davanti alle tele di Mediamente arrivano due, tre individui, con
mare coda bianca in Edvard Munch (1863-1944), cercare di rivive- le ali grandi che oscurano il sole. Ole portava
volo. Le zampe
e il becco gialli sono re i sentimenti di un grande artista che aveva sulla barca un secchio con un po’ di pescato.
inconfondibili. un intenso rapporto interiore con la natura. Esclusivamente pesci di taglia grossa: salmoni,
Pagina accanto,
sopra. Incontri
Rileggiamo questa sua riflessione sull’eternità: che Ole gonfiava, come solo lui sa fare, con una
ravvicinati tra un’aquila “Nulla smette di esistere — non c’è esempio di pompa della bicicletta perché continuassero a
di mare coda bianca e questo in natura... Percepisco come un piacere galleggiare quando li gettava in acqua».
un gabbiano reale
nordico (Larus sensuale il fatto che il mio corpo entrerà negli
argentatus), entrambi a alberi e nei fiori, e che il sole li scalderà e io Aquile, da nemiche a risorsa
caccia di pesce. esisterò in loro. Questa è l’eternità”. Lo spettacolo delle aquile di mare in caccia
Sotto. Ancora un
gabbiano reale nordico. vale quanto i Munch del Munchmuseet. Ti
Non è notte, ma il colore Ekaterina in viaggio con papà passano vicine senza mostrare nessuna paura,
nero dell’acqua del
fiordo di Flatanger è
Aquile e fiordi, personaggi di questa eterni- fiondandosi come proiettili con gli enormi arti-
dovuto all’ombra della tà. Le aquile sono quelle dalla coda bianca o gli gialli protesi in avanti ad afferrare il pesce.
montagna proiettata aquile di mare (Haliaeetus albicilla), due metri La grande coda è un bagliore bianco nel cielo;
sul braccio di mare.
Il gabbiano reale e mezzo di apertura alare, alianti vivi, le più il becco enorme è giallo come le zampe e l’oc-
nordico si riconosce grandi e le più belle tra le aquile europee. Fino chio che pare cattivo è, invece, solo un occhio.
dalle zampe rosa. agli anni Sessanta qualche esemplare nidifica- Ogni tanto tra le aquile scoppia una baruffa
va ancora in Sardegna. I fiordi sono quelli del- per il possesso di un pesce. «Io ero preso dalle
la Norvegia, il luogo più indicato per chi vuole aquile», prosegue Alessandro, «ma Ekaterina
vedere, ammirare o fotografare oggi questi era più attratta dalle decine e decine di gab-
rapaci. Su suggerimento di Alessandro Bee, biani che seguivano e circondavano la piccola
uno degli eccellenti fotografi naturalisti italia- imbarcazione pilotata da Ole. De gustibus…».
ni, abbiamo scelto Flatanger, nel Nord-Trøn- I dati di Ole sulla consistenza della popolazio-
delag, 225 chilometri a nord di Trondheim, la ne di aquile sono i seguenti: 25 coppie di aquile
città fondata nel 997 da re Olaf I all’imbocco dalla coda bianca e tre coppie di aquila reale
del terzo fiordo più lungo del Paese. Flatanger (Aquila chrysaetos) nidificanti. Per anni anche
ha un significato importante per Alessandro qui, come in altri Paesi europei, compresa l’I-
perché è proprio nelle acque lì intorno che, talia, cacciatori e pescatori, con fucili e bocconi
nel 2017, sua figlia Ekaterina ha realizzato uno avvelenati, hanno ridotto queste aquile sulla
scatto memorabile (vedere a pag. 109). Non di soglia dell’estinzione. L’accusa era: mangiano
aquile ma di un gabbiano reale nordico (Larus i “nostri” salmoni, ci rubano la “nostra” selvag-
argentatus), simile al nostro gabbiano reale ma gina. Ma le cose stanno cambiando. Ole, un
con le zampe rosa anziché gialle. agronomo che aveva cominciato a lavorare per
«Ci piacciono i viaggi di famiglia nella natura», la Municipalità di Flatanger, dopo vent’anni ha
ci ha detto Alessandro, «e quella volta abbiamo avuto l’idea di licenziarsi e cominciare a offrire
scelto come destinazione il Nord-Trøndelag, consulenza ai naturalisti e ai fotografi che vi-
Wild. Incontri e natura, nella Norvegia centrale, una regione fantastica sitavano la zona. La cosa ha avuto successo e
di Alessandro Bee, per la natura, dove si trovano sette parchi na- oggi questa è la sua professione. Le aquile sono
prefazione di Jane Goodall,
Pas Events 2018, zionali e due riserve naturali. Tra le selvagge diventate una fonte di reddito e portano sui
308 pagine. montagne del Dovrefjell, per esempio, è anco- fiordi naturalisti da tutto il mondo. |

104 BELL’EUROPA
NATURA | NORVEGIA

BELL’EUROPA 105
NATURA | NORVEGIA

L’aquila di mare
coda bianca
è una specie rara
in diminuzione
che richiede
una tutela assoluta

A sinistra, dall’alto. Un’aquila di


mare coda bianca appollaiata
su una conifera; uno scoiattolo
comune (Sciurus vulgaris)
fotografato da un capanno di
osservazione nella foresta,
non lontano da Flatanger.
In alto. Dopo un temporale,
l’arcobaleno incornicia il mare
del fiordo e la montagna.
A destra. Un fringuello
appostato su un tronco nel
bosco. Anche questa foto è
stata realizzata da un capanno
di osservazione mimetizzato
tra gli alberi del bosco.

106 BELL’EUROPA
NATURA | NORVEGIA

Nella foto. Un’aquila di mare


riprende quota con un pesce
appena catturato tra gli artigli.
Sotto. Di spalle, Ekaterina Bee,
col giubbotto rosso, accanto
alla mamma Tatiana durante
un’escursione in barca. Pagina
accanto, dall’alto. Un gabbiano
reale nordico nella nebbia;
un’aquila di mare con la sua
preda al tramonto; la foto di
Ekaterina col gabbiano reale
nordico vincitrice del premio al
Wildlife Photographer of the Year
è diventata la copertina della
rivista Fotographia (set. 2018).

108 BELL’EUROPA
L’ANGOLO DEL FOTOGRAFO
L’arte della fotografia al volo
si trasmette di padre in figlia
Fotografare le aquile Wildlife Photographer
nei fiordi della Norvegia of the Year. Ekaterina
richiede la tecnica tipica è figlia d’arte. Suo
della fotografia al volo. padre Alessandro Bee,
Non serve un capanno l’autore del servizio
per nascondersi e presentato in queste
occorre un buon tele. Il pagine, si è guadagnato
400 mm (con il formato un encomio al Wildlife
APS basta un 260) è Photographer of
l’ideale. Il 600 (440 con the Year 2013 nella
l’APS) andrebbe meglio, categoria Animals in
ma è più pesante e their Environment, un
difficile da maneggiare. altro encomio nel 2006
L’uso dell’autofocus nella categoria The
è quasi indispensabile World in Our Hands
e un tele stabilizzato mentre nel 2005 è
(riconoscibile dalla sigla primo in The World in
VR) è auspicabile. Ma Our Hands e secondo
si può andare a caccia in Composition and
di aquile mentre vostra Form. Alessandro Bee
figlia è più interessata è laureato in Scienze
ai gabbiani. Ed è con i naturali e membro
gabbiani che Ekaterina del Jane Goodall
Bee, meno di sei anni Institute Italia, ramo
di età al momento dell’ente intitolato
dello scatto, ha vinto alla primatologa
il titolo di Giovane inglese nota in tutto
Fotografo dell’Anno il mondo per il lavoro
nella categoria 10 Years di protezione degli
and Under, nell’edizione scimpanzé e di altri
2017 del prestigioso primati in Africa.
A CURA DI CARLA ONOFRI E NICCOLÒ PIAZZA

Norvegia LA DANZA DELLA VITA DI EDVARD MUNCH

Come arrivare Cattedrale di Nidaros Bispegata 11,


Trondheim; www.nidarosdomen.no Orari:
In aereo Con Sas (tel. 199-259104; www. giu.-ago. 9-18, sab. 9-14, dom. 13-17; mag.
flysas.com) voli a Trondheim, via Copenaghen e set. 9-15, sab. 9-14, dom. 13-16; altri mesi
o Oslo, da Milano e da Roma a partire da 9-14, dom. 13-16. Ingresso: 110 corone
384 € a/r. Si può volare anche su Oslo da (11,50 €), con il Palazzo arcivescovile 200
Milano con Sas a partire da 219 €, da Roma corone (21 €) È uno degli edifici più importanti
con Finnair (tel. 02-48280099; www.finnair. della Norvegia. Costruita tra il 1070 e il 1300
com) da 336 €; e da Oslo prendere un volo in stile romanico-gotico, ospita la tomba di
interno per Trondheim (da 72 € con Sas). Sant’Olaf, ovvero Olaf II di Norvegia (anche
All’aeroporto di Trondheim il nolo per una Olaf II Haraldsson), il re vichingo (sul trono
settimana di un’auto media parte da 433,30 1015-28) che introdusse il cristianesimo
€ con Europcar (tel. 199-307030; www. in Norvegia. Accanto alla cattedrale c’è il
europcar.it) e da 300 € con Auto Europe (tel. Palazzo arcivescovile, iniziato nella seconda
06-94804537; www.autoeurope.it). metà del XII secolo: nell’ala ovest si
ammirano la corona del re e gli altri oggetti
Cosa vedere d’incoronazione che costituiscono le insegne
reali della Norvegia.
Munchmuseet Tøyengata 53, Oslo;
munchmuseet.no Orario: 10-17. Ingresso: 120 Rockheim-Museo Nazionale della Musica
corone (12,50 €) Dedicato a Edvard Munch Popolare Brattørkaia 14, Trondheim; www.
(1863-1944), il più famoso artista norvegese, è rockheim.no Orari: fino ad ago. 10-17; set.-dic.
la più importante raccolta al mondo dei lavori mar.-ven. 10-16, sab.-dom. 10-17. Ingresso: CATTEDRALE DI NIDAROS
dell’autore de L’urlo: conserva oltre 1.150 140 corone (14,50 €) Il museo più originale di
dipinti, 7.700 disegni e acquerelli e 18mila Trondheim si trova al porto. Aperto nel 2010, Parco Nazionale Blåfjella-Skjækerfjella
stampe. È anche il luogo dove vedere le opere è dedicato alla musica rock e pop: dal 6° nasjonalparken.no Terzo parco nazionale della
dell’artista a Oslo ora che il Nasjonalmuseet, piano si scende al pianterreno attraversando Norvegia per estensione (1.924 kmq), è stato
la Galleria Nazionale, è chiuso per trasloco: la storia musicale del Paese tra foto, video, creato nel 2004 per proteggere un caratteristico
riaprirà in una nuova sede nel 2020. documenti, oggetti e postazioni interattive. paesaggio montano con foreste primordiali
(conifere e betulle), paludi, valli, zone di bassa
e di alta montagna con cime oltre i mille metri.
La zona è stata utilizzata dai Sami per molto
tempo e l’allevamento di renne è stato gestito
qui per oltre 500 anni. Il parco conserva anche
testimonianze del patrimonio culturale dei Sami:
insediamenti, luoghi di sepoltura e sacri. Per
la visita: Ufficio del Turismo di Steinkjer,
Hamnegata 20, tel. 0047-74401716;
www.visitinnherred.com Orari: fino all’11/8
9-18, sab.-dom. 10-16; altri mesi 9-16.

Dove dormire
Norway Nature c/o Ole Martin Dahle
Flatanger, tel. 0047-74288135 e 0047-
90696473; norway-nature.com Ole Martin
Dahle, l’“uomo delle aquile”, affitta capanni
per la fotografia di appostamento all’aquila
reale: si possono fotografare anche ciuffolotti,
cince dal ciuffo, scoiattoli alle mangiatoie (sul
suo sito l’elenco delle specie che si possono
osservare nelle varie stagioni). Ole organizza
tour fotografici, in particolare per l’aquila

110 BELL’EUROPA
INFO
In Italia: Ufficio Norvegese per il
Turismo; www.visitnorway.com/it
A Trondheim: Visit Trondheim,
Nordre gate 11, tel. 0047-
73807660; visittrondheim.no
trondheim.com
CLIMB FLATANGER SKYDSSTATION

coda bianca. Dispone di una guest house Una struttura moderna ispirata alla cultura rock:
con 4 camere vista oceano, dotate di wi-fi: in 96 camere ben arredate, bella vista sul fiordo,
comune due bagni, soggiorno, cucina e sala wi-fi, centro fitness, ristorante (menù a pranzo
lettura con libri di fotografia naturalistica. Tariffe: da 189 corone, 19,50 €; insalate da 99 corone,
per 6 giorni singola o doppia 11.900 corone 10,50 €; burger da 165 corone, 17 €). CLARION HOTEL TRONDHEIM
(1.217 €), colazione esclusa. Escursione in Doppia con colazione da 1.186 corone (121 €).
barca per fotografare le aquile di mare in
estate (durata 7 ore in due turni, 6-9 e 19-23; ★★★★
il tramonto è attorno alle 23.30): 9.000 corone Scandic Vulkan Maridalsveien 13, Oslo,
(921 €) a persona inclusi carburante e guida. tel. 0047-21057100; www.scandichotels.com
Uso del capanno in inverno 2.200 corone (225 Per lo stopover a Oslo: vicino al fiume
€) a persona al giorno. Akerselva, a 1 km dal centro, nel quartiere
Vulkan da qualche anno in piena rinascita, un
★★★★ hotel moderno di 149 camere progettato con
Best Western Tingvold Park Hotel criteri di ecosostenibilità e interni dal gusto
Gamle Kongeveg 47, Steinkjer, tel. 0047- contemporaneo. Palestra e nolo gratuito di
74141100; tingvold.no L’ottocentesco biciclette. Al ristorante Ferro (ristoranteferro.no) SCANDIC VULKAN
edificio principale, in legno, tranquillo e cucina tipica italiana (conto medio: 499 corone,
silenzioso, è circondato da un bel giardino. 51,50 €; pizze da 145 corone, 15 €). Doppia
Recentemente rinnovato, ha 51 camere con colazione da 1.131 corone (115 €).
confortevoli e d’atmosfera. Il ristorante
propone una cena a buffet, inclusa nella ★★★★
tariffa per molte categorie di camere. Doppia Scandic Bakklandet Nedre Bakklandet 60,
in mezza pensione da 1.395 corone (143 €). Trondheim, tel. 0047-72902000; www.
scandichotels.com Sul fiume Nidelva, tra
★★★★ le case dello storico quartiere Bakklandet.
Clarion Hotel Trondheim Brattørkaia 1, Moderno, 169 camere, centro fitness. Cucina
Trondheim, tel. 0047-73925500; www. norvegese al ristorante Brasseri Bakklandet
nordicchoicehotels.com Architettura innovativa (menù di 2 portate da 450 corone, 46 €). SCANDIC ROCK CITY
e interni dal design moderno per una struttura Doppia con colazione da 952 corone (98 €).
di 400 camere dotate di ogni comfort, vicino
al centro, nei pressi del porto e del Rockheim. Climb Flatanger-Farmhouse Strømsveien pesce (da 152 corone, 16 €), torta di mele.
All’ultimo piano il ristorante Kitchen & Table 118-131, Flatanger, tel. 0047-90612477 e Menù di 3 portate 398 corone (41 €).
(kitchenandtable.se), con terrazza sul fiordo, 0047-97504225; climbflatanger.com In una
propone una carta nordica con influenze zona di rupi e vaste pareti rocciose, molto Troll Fosenkaia 4A, Trondheim, tel. 0047-
americane e asiatiche (burger da 275 corone, apprezzata per le arrampicate, si alloggia in 73487990; www.trollrestaurant.no Ambiente
28,50 €; piatti unici da 235 corone, 24,50 €). una fattoria, in un campeggio e in una villa rustico e marittimo, cucina norvegese
Doppia con colazione da 1.226 corone (126 €). (a Lauvsnes) con 5 posti letto. La fattoria reinterpretata, grande attenzione ai prodotti
Strøm ha 8 camere (da 1 a 4 letti) con bagni, locali. Menù di 3 portate da 398 corone (41 €).
★★★ soggiorno, 2 cucine e giardino in comune.
Best Western Plus Hotel Bakeriet Prezzi a notte: camera in fattoria 250 corone Tinos Restaurant Verftsgata 5, Namsos,
Brattørgata 2, Trondheim, tel. 0047-73991000; (26 €) a persona; piazzola al campeggio 100 tel. 0047-74218000; www.tinoshotell.no
www.hotelbakeriet.com Centrale, in un edificio corone (10,50 €) a persona; affitto della villa Il ristorante del Tinos Hotel propone cucina
ottocentesco sede di una storica panetteria di 1.000 corone (103 €) a notte. italiana di buon livello e un’ampia scelta di
cui si conservano le bocche da forno in ghisa, pizze. Pizze da 140 corone (14,50 €); pasta
l’albergo mantiene testimonianze del suo Dove mangiare da 170 corone (17,50 €); conto medio: 350
passato. Dispone di 110 camere, wi-fi, sauna corone (36 €).
e area fitness. Doppia in mezza pensione a Baklandet Skydsstation Øvre Bakklandet
partire da 1.192 corone (122 €). 33, Trondheim, tel. 0047-73921044; www. Ox Steak House Kongens gate 37, Steinkjer,
skydsstation.no Edificio storico, atmosfera tel. 0047-48514210; www.oxsteakhouse.no
★★★ accogliente e intima, nel suggestivo quartiere Moderno e con atmosfera rilassata, propone
Scandic Rock City Sverres gate 35, Namsos, di Bakklandet. Cucina tradizionale casalinga hamburger e ottima carne cotta su un grande
tel. 0047-74224000; www.scandichotels.com norvegese: aringa, una rinomata zuppa di barbecue. Conto medio: 320 corone (33 €).

BELL’EUROPA 111
Amsterdam

Estate d’arte
sui canali
Artzuid, la Biennale di scultura, è l’occasione per riscoprire lo
straordinario patrimonio artistico della capitale olandese: dagli antichi
maestri del Rijksmuseum ai contemporanei, passeggiando tra
i canali protetti dall’Unesco e nei quartieri emergenti TESTI PAOLA TESTONI

112 BELL’EUROPA
Nella foto. Il Keizersgracht, uno dei tre canali simbolo della città. Sotto. Ragno, 1996, una delle dodici
sculture della mostra Louise Bourgeois nei giardini del Rijksmuseum, visibile fino al 3/11.
Amsterdam
Sopra. Tulipani di tutti i colori tra le bancarelle del Mercato dei fiori sul Singel.
A destra. Il mega distributore automatico di tavolette di cioccolato di Tony’s Chocolonely.
Pagina accanto, dall’alto. Il bancone del Dubbel, vicino alla vivace e centrale
piazza Leidseplein; la grandiosa Sala della cittadinanza (Burgerzaal) del Palazzo Reale.

Q
Qual è la maniera migliore per visitare una città nello spa- scosta nella soffitta di una casa del XVII secolo, è ora divenuta
zio relativamente breve di un fine settimana? Se si tratta il bellissimo Museum Ons’ Lieve Heer op Solder. Il primo
di Amsterdam, città dai mille volti, la risposta non è certa- edificio che incontriamo sul Damrak è la Beurs van Berlage
mente scontata. Cosmopolita e innovativa, storica e artisti- (la Borsa): progettata nel 1896, è ora un centro per eventi,
ca: la capitale olandese si presta a essere vissuta in molte- concerti, esposizioni e conferenze dove nel 2002 è stato cele-
plici maniere. Noi abbiamo voluto dare un tema preciso a brato il matrimonio civile tra l’attuale re Guglielmo Alessan-
ognuna delle giornate a nostra disposizione esplorandone dro e la regina Máxima. All’interno si trova uno dei più ori-
i tre aspetti che meglio la connotano. Venerdì lo dediche- ginali negozi della città: è Tony’s Chocolonely Super Store
remo all’Amsterdam patrizia del Secolo d’oro, sito Unesco, e vende la migliore cioccolata di Amsterdam, anche perché
alle sue radici quattrocentesche e al revival neogotico di garantita dal commercio equosolidale. Qui potrete fabbricare
fine ’800 nel centro storico. Già da venerdì sera spostere- la vostra tavoletta scegliendo gli ingredienti e personalizzare
mo la nostra attenzione sull’arte esplorando i quartieri del anche l’incarto. La maestosità del Palazzo Reale (Koninklijk
Sud della città, mentre la domenica ci immergeremo nelle Paleis), progettato da Jacob van Campen nel 1648 sul Dam, è
novità dell’emergente quartiere nord, raggiungibile con la una testimonianza dell’opulenza del XVII secolo. Il titolo di
recente metropolitana “acquatica”. capitale Amsterdam lo deve alla cerimonia di investitura dei
sovrani nell’attigua Nieuwe Kerk, quattrocentesca chiesa cat-
PRIMO GIORNO tolica oggi luogo di culto calvinista e utilizzata soprattutto per
Il cuore storico e il quartiere dei canali mostre. Nascosto dietro al Palazzo Reale c’è X Bank, ideale
Atterrando all’aeroporto di Schiphol, in pochi minuti di tre- per lo shopping: qui si trova il meglio del Dutch design e del-
no si è alla Stazione Centrale, perfetta location per iniziare la produzione artigianale made in Holland: food, arte, design,
la passeggiata nel centro. Progettata da Pierre Cuypers, lo bellezza e moda di alta qualità in interni super chic.
stesso architetto del Rijksmuseum, e ultimata nel 1889, la È arrivato il momento di fare una pausa: per assaggiare la
monumentale Amsterdam Centraal Station sorge su tre isole quintessenza della gastronomia olandese c’è Haesje Claes,
artificiali, create utilizzando la sabbia proveniente dagli scavi ristorante in un caratteristico edificio del XVI secolo. Per uno
del Canale del Mare del Nord, e su 8.687 pali di legno. Da spuntino veloce, invece, si può fare una scappata da Frens
vedere gli originali interni neogotici della hall centrale e la Haringhandel, il chioschetto dove gustare rinomati panini
torre di destra, dove spicca la rosa dei venti. Dirimpetto ecco all’aringa e altre prelibatezze marinare. Dopo pranzo, lungo
l’imponente Basilica di San Nicola, in stile eclettico neorina- la pedonale Kalverstraat si trova una curiosa rientranza: è
scimentale e neobarocco, risalente al 1887. Questa è la terza l’ingresso del Convento di Santa Lucia, che nel 1578 divenne
chiesa che la città nei secoli ha dedicato al suo patrono: la Orfanotrofio Comunale e riporta l’antico stemma cittadino
prima, la Oude Kerk risalente al XIV secolo, è oggi un tempio sul suo portale inclinato. Gli storici cortili sono occupati dal
calvinista che ospita spesso mostre ed eventi; la seconda, na- Museo di Amsterdam dove apprendere di più sulla sto- >

114 BELL’EUROPA
Il Palazzo Reale, la residenza dei sovrani su piazza Dam,
è il luogo simbolo del Paese e la casa di tutti gli olandesi
Amsterdam

Sopra. Le sculture in alluminio Senza titolo, 2004, di Louise Bourgeois appese ai rami
di un grande albero di noce nei giardini del Rijksmuseum. A destra. La Eregalerij
(Galleria d’onore) del Rijksmuseum con i capolavori dei grandi maestri del Secolo d’oro.
Sotto. Una sala del Van Gogh Museum. Pagina accanto, in alto. Le eleganti dimore
d’epoca e le case galleggianti ormeggiate lungo il Brouwersgracht, il canale dei birrai.
I capolavori di Rembrandt e Van Gogh nei grandi musei
e la sorpresa delle installazioni d’arte nei parchi e lungo le vie

BELL’EUROPA 117
Amsterdam
Sopra. L’Eye Filmmuseum, il polo culturale dedicato all’arte cinematografica, sulla
sponda nord dell’IJ, di fronte alla Stazione Centrale. A destra. Sanna di Jaume Plensa,
una delle installazioni di Artzuid, l’evento che ogni due anni anima il quartiere Zuid,
offrendo una full immersion nella scultura figurativa moderna e contemporanea.

ria della città. Il vicino Beghinaggio (Begijnhof) è l’unico Weiwei, Atelier van Lieshout. Dopo aver passeggiato la-
cortile medievale rimasto in città, e un’oasi di pace. Tra le sciandosi sorprendere dalle opere d’arte, per un momento
sue case una chiesa trasformata nel 1607 in cappella pre- di relax con aperitivo sono perfetti la spiaggia cittadina di
sbiteriana e la chiesa cattolica nascosta all’interno di due Strandzuid e il Sarphatipark dove cogliere tutto il sole di
case. Nelle vicinanze, sul Singel, il canale trecentesco, sono queste lunghe giornate estive. Finito il tour si ritorna ver-
ormeggiate le colorate bancarelle del Mercato dei fiori so il centro: nell’area verde del Plantage c’è il Mercatino
(Bloemenmarkt). Chi cerca un po’ di shopping “indipen- delle pulci di Waterlooplein con tanti curiosi articoli vin-
dente” può optare per De 9 Straatjes, un “quadrilatero” tage. Rimanendo in zona ci si può fermare per cena da De
di nove stradine molto pittoresche costellato di negozi di Plantage, ristorante ricavato in un’antica serra Art Déco.
nicchia. Se invece si vuole scoprire la più grande collezio-
ne di opere di Van Gogh e chiudere la giornata nel segno ULTIMO GIORNO
dell’arte tra I mangiatori di patate e i celeberrimi Girasoli, Il distretto più cool della città
il venerdì il Van Gogh Museum è aperto fino alle 21. Per Lasciato l’hotel si depositano le valigie alla Stazione Cen-
cena si può scegliere tra in de Buurt e il Dubbel Café Re- trale e si esplora l’emergente quartiere Nord (Noord) rag-
staurant, due ristorantini vicini alla vivace Leidseplein, giungendolo con la linea Noord-Zuid della metropolitana
ma con tranquille terrazze sull’acqua del Lijnbaansgracht. che passa sotto il fiume Amstel e la baia dell’IJ. Sul tetto
dell’A’dam Toren, l’osservatorio A’dam Lookout regala
SECONDO GIORNO una visione completa della città; qui si può visitare anche la
Rembrandt al museo e l’itinerario della Biennale mostra interattiva sulla storia e la cultura di Amsterdam e
Zuid (Sud) è uno dei quartieri più belli e ricchi della città. salire su Over the Edge, l’altalena p iù elevata d’Europa, po-
Qui si trovano i musei più importanti, tra cui il Rijksmu- sizionata nel vuoto a 100 metri di altezza. Scesi dalla torre,
seum famoso per l’arte del Secolo d’oro con capolavori la vicina ipertecnologica attrazione This is Holland grazie
di Rembrandt, Vermeer e Frans Hals, l’antica porcellana a incredibili effetti speciali permette di “volare” su tutto il
di Delft e le deliziose case delle bambole del XVII secolo. Paese. Torniamo alla tranquillità in qualche locale tipico: il
Dopo l’imprescindibile visita, per il pranzo si può optare Café ‘t Sluisje in uno storico edificio del 1565 sul porticciolo
per un boccone nelle svariate bancarelle sulla vicina Mu- di Nieuwendam o il Café Ons, autentico e accogliente. L’ul-
seumplein o sedersi da The Seafood Bar. Nel distretto, poi, tima tappa sarà all’Eye Filmmuseum, nell’iconico edificio a
fino al 15/9 si svolge la Biennale di Scultura Artzuid. Ogni forma di occhio, dove si incontrano cultura, shopping (nel
due anni oltre 350mila persone, seguendo un percorso di 2 fornitissimo bookshop di design) e location panoramica con
chilometri e mezzo che parte proprio dalla Museumplein, ampia terrazza sulla baia per un aperitivo. Con il traghetto
possono ammirare un’ottantina di sculture sparse nel ver- gratuito e il treno sarete in meno di 30 minuti all’aeroporto
de di artisti del calibro di Jan Fabre, Barry Flanagan, Ai di Schiphol. Ma niente addii, solo un arrivederci. |

118 BELL’EUROPA
Amsterdam
A CURA DI PAOLA TESTONI

Come arrivare quadruple con bagno e camerate da 4, 6, 8 Pranzo


posti. Doppia da 121 €, colazione 6,50 €.
In aereo Voli diretti dalle principali città ❺ Restaurant Haesje Claes Spuistraat
italiane con Klm (tel. 02-38594998; www. ★★★ 273-275, tel. 0031-(0)20-6249998;
klm.com): tariffe da 120 € a/r tasse incluse; ➍ The House Where The Rooms Are haesjeclaes.nl Storia e arte culinaria olandesi
con Transavia (tel. 899-009901; www. Dwergvinvisstraat 79, tel. 0031-(0)6- si fondono in questo ristorante in un edificio
transavia.com): da 85 € a/r; con Vueling (tel. 53443471; www.thehousewheretherooms del 1520. Cucina tipica con un tocco
199-206621; www.vueling.com): da 70 € are.com Nel quartiere Nord, un b&b a internazionale. Conto medio: 29,50 €.
a/r. Dall’aeroporto, ogni 6 minuti un treno della conduzione familiare con due camere ❻ Frens Haringhandel Koningsplein, tel.
NS (www.ns.nl) porta alla Stazione Centrale in (Upstairs e Downstairs) e ricca colazione 0031-(0)20-3627923; www.frens-haring.nl
meno di 20 minuti. Biglietto: 4,50 € a tratta. home made. Doppia con colazione da 95 €. Per la famosa aringa cruda e panini con
anguilla, gamberetti e sgombro. Anche
Dove pernottare salmone affumicato e ostriche della Zelanda.
Aperto mar.-sab. 11-17, dom.-lun. 12-17.
★★★★ Visite e acquisti Panini da 3,50 €.
❶ The Hendrick’s Hotel Prins Hendrikkade
139, tel. 0031-(0)20-2603000; www. Basilica di San Nicola Prins Hendrikkade Cena
thehendrickshotel.com Affascinante boutique 73; www.nicolaas-parochie.nl/nicolaas
hotel di 25 camere con interni di moderno Orario: lun. e sab. 12-15, mar.-ven. 11-16, ❼ In de Buurt Lijnbaansgracht 246,
design di lusso ricavato in un edificio del XVII dom. aperta per le messe. Ingresso libero. tel. 0031-(0)20-6164787; www.indebuurt-
secolo con vista sull’acqua dell’IJ. Doppia da Oude Kerk Oudekerksplein 23; oudekerk.nl amsterdam.nl Tra un arredamento in
187 €, colazione 15 €. Orario: lun.-sab. 10-18, dom. 13-17.30. stile industriale che ricorda un vecchio
Ingresso: 12 €. magazzino, una cucina da bistrot
★★★★ Museum Ons’ Lieve Heer op Solder accompagnata da ottime birre. Con bella
❷ Sir Adam Hotel Overhoeksplein 7, tel. Oudezijds Voorburgwal 38; www.opsolder.nl terrazza sul canale. Conto medio: 26 €.
0031-(0)20-2159510; www.sirhotels.com/ Orario: lun.-sab. 10-18, dom. 13-18. ❽ Dubbel Café Restaurant
en/adam Ultra contemporaneo, con vista Ingresso: 12,50 €. Lijnbaansgracht 256, tel. 0031-(0)20-
sull’acqua, all’interno dell’A’dam Toren. In Beurs van Berlage Damrak 243; 6200909; www.restaurantdubbel.nl
ognuna delle 108 camere, giradischi Crosley, www.beursvanberlage.com Orario: lun.-ven. Atmosfera da salotto in questo ristorante
vinili e una chitarra Gibson per ascoltare o 8.30-18, sab.-dom. 11-17. che deve il suo nome ai due ingressi. Nel
fare musica, e tanta arte contemporanea alle Tony’s Chocolonely Super Store ricco menù, da provare il pollo in salsa
pareti. Doppia da 160 €, colazione 21 €. Oudebrugsteeg 15, tel. 0031-(0)20-2051200; satay e la fonduta di formaggio con pane e
tonyschocolonely.com Orario: 10-21. verdure fresche. Conto medio: 26 €.
★★★ Palazzo Reale Dam; www.paleis
❸ Via Amsterdam Diemerhof 20, Diemen, amsterdam.nl Orario: 10-17 (possibili
tel. 0031-(0)20-2265800; www.viahostels. chiusure per eventi di Stato). Ingresso: 10 €.
com/amsterdam/ Eleganza urbana e design X Bank Spuistraat 172, tel. 0031-(0)20- Visite e acquisti
minimalista in questo nuovo hotel/ostello fuori 8113320; ww.xbank.amsterdam Orario:
città ma ben collegato con i mezzi (il centro 10-20, gio. 10-21. Rijksmuseum Museumstraat 1; www.
è a meno di 20 minuti). Camere doppie e Museo di Amsterdam Kalverstraat 92; rijksmuseum.nl Orario: 9-17. Ingresso: da 19 €.
www.amsterdammuseum.nl Orario: 10-17.
Ingresso: 15 €.
Beghinaggio Spui; begijnhofkapel
amsterdam.nl Orario: 9-17. Ingresso libero.
Mercato dei fiori Sul Singel, tra Muntplein
e Koningsplein. Orario: lun.-sab. 9-17.30,
dom. 11-17.30.
INFO De 9 Straatjes www.de9straatjes.nl Orari:
In Italia: Ente Nazionale Olandese per il i negozi 10-19, dom. 11-18; i locali 9-2.
Turismo; www.holland.com Van Gogh Museum Museumplein 6;
Ad Amsterdam: Iamsterdam, IJ-hal (sul retro www.vangoghmuseum.nl Orario fino all’1/9:
della Stazione Centrale), tel. 0031-(0)20- 9-19, ven.-sab. fino alle 21. Ingresso: 19 €
BEURS VAN BERLAGE
7026000; www.iamsterdam.com (acquistabile solo online).

120 BELL’EUROPA
LA PLAYLIST
A CURA DI CLAUDIO AGOSTONI

1. Duncan Amsterdam
Laurence, 5. Van Halen,
Arcade Amsterdam
2. Anouk, 6. André Hazes,
It’s a new day Kleine jongen
3. Clementino, 7. Amsterdam
Amsterdam Klezmer
4. Nothing Band, Immigrant
But Thieves, Song

BEGHINAGGIO

Artzuid 2019 www.artzuid.nl Orario (1 € di sconto se acquistato online); altalena


padiglione informativo in Minervalaan 1: Over the Edge 5 €.
tutti i giorni 10-18. Installazioni sempre This is Holland Overhoeksplein 51;
accessibili, ingresso libero. Per percorrere www.thisisholland.com Orari: fino al 29/9
l’itinerario senza perdersi, presso il padiglione 10-20; 1/10-28/3 10-19. Ingresso: 17 €. THE HENDRICK’S HOTEL
informativo è possibile acquistare la mappa Eye Filmmuseum IJpromenade 1;
(3 €) con la posizione e le legende delle 80 www.eyefilm.nl Orari: a seconda dello
opere oppure il catalogo (17 €). spettacolo dom.-gio. 10-22, ven.-sab. 10-23;
Mercatino delle pulci Waterlooplein 2; mostre 10-19; Eye Study mar.-ven. 12-17.
www.waterlooplein.amsterdam Orario: lun.- Ingresso: film 11 €; mostre 14 €.
sab. 9.30-18.
Pranzo
Pranzo
⓬ Café ‘t Sluisje Nieuwendammerdijk 297,
❾ The Seafood Bar Van Baerlestraat 5, tel. tel. 0031-(0)20-6361712; www.hetsluisje.nl
0031-(0)20-6708355; www.theseafoodbar. In un edificio del 1565 con terrazza sull’acqua
com Ostriche, caviale ma anche aringa del porticciolo del quartiere di Nieuwendam, FRENS HARINGHANDEL
cruda e anguilla affumicata e soprattutto un nella zona nord della città. Buon assortimento
ampio assortimento di piatti caldi e freddi di birre artigianali e alla spina, ottimo per un
(e non solo di pesce) a pochi passi dalla pasto veloce. Conto medio: 22 €.
Museumplein. Conto medio: 30 €. ⓭ Café Ons Buiksloterweg 27, tel.
0031-(0)20-7740303; www.cafeons.nl
Aperitivo Ons, cioè “noi”, rappresenta lo spirito del
quartiere Nord: rustico e accogliente con
❿ Strandzuid Europaplein 22, tel. 0031- cibo autenticamente olandese e un tocco
(0)20-6392589; www.strand-zuid.nl internazionale. Venerdì e sabato aperto fino
Nel quartiere Sud, questa animata spiaggia all’una di notte. Conto medio: 20 €.
urbana con terrazza, sabbia e ristorante
è il posto ideale per vivere l’estate anche in RESTAURANT HAESJE CLAES
città, fare una pausa aperitivo e crogiolarsi
al sole olandese. Aperta lun.-ven. 11-1,
sab.-dom. 10-1. Cocktail: da 8,50 €.

Cena
⓫ De Plantage Plantage Kerklaan 36, 3 giorni/2 notti
tel. 0031-(0)20-7606800; www.
caferestaurantdeplantage.nl Ospitato nella Scegliendo le opzioni più economiche
serra Art Déco all’interno di Artis, lo zoo tra quelle proposte in queste pagine,
cittadino, dalle ampie vetrate che regalano il viaggio raccontato nel servizio si può
uno spaccato verdissimo del quartiere, effettuare con questo budget per una SIR ADAM HOTEL
propone una cucina mediterranea. Ottima persona:
location anche per un aperitivo. Conto
medio: 37 €. Viaggio (a/r in aereo da Roma) 70 €
2 notti al The House Where The
Rooms Are (camera doppia con
colazione) 190 €
Pranzi e cene (3 pranzi + 2 cene)
Visite 70,50 €
Visite culturali 23 €
A’dam Lookout 20° e 21° piano dell’A’dam
Toren, Overhoeksplein 5; www.adamlookout.
THE SEAFOOD BAR
com Orario: 10-22. Ingresso: 13,50 €

BELL’EUROPA 121
Informazione Pubblicitaria

CITY BREAK ESTIVO: IN AUSTRIA


DUE CITTÁ PER SOGNARE A GRAZ, PER UN
MUSEO D’ARTE CHE
PARE UN’ASTRONAVE,
UN CASTELLO CHE
HA UNA FINESTRA
PER OGNI GIORNO
DELL’ANNO, UNA
CENA PER 750 NEL
CENTRO STORICO.
OPPURE A SALISBURGO:
NELLA CITTÁ BAROCCA
DI MOZART, FRA
NUOVI ITINERARI
CREATIVI, FESTIVAL
MUSICALI E BIRRA.

Austria
Una vacanza in Austria equivale a fare il pieno di stimoli. In Stiria,
Graz stupirà gli amanti dell’arte moderna e i più attenti alle tendenze.
Salisburgo è ideale per i sognatori, fra barocco e festival.
www.austria.info
1

GRAZ Quattrocento ai Chiostri Francescani,


alla Torre dell’Orologio che coi suoi

È
proprio un piacere camminare a 28 metri d’altezza è l’icona dello
Graz, premiata da Unesco come skyline cittadino. Fate attenzione alle
Patrimonio dell’Umanità e Città sue lancette e… vedrete che sono
del Design. Il centro storico è invertite; pensate che Napoleone
visitabile tutto a piedi, da ogni parte voleva farla abbattere.
lo sguardo abbraccia architetture Il capoluogo della regione Stiria è
e scorci di bellezza, dalle facciate creativo: uscendo dal centro, basta
con stucchi e affreschi a patii fioriti, vedere il giardino botanico, che
da romantici edifici barocchi ai ha le serre più luminose al mondo,
caffè con déhors prediletti dai tanti o visitare il Castello Eggenberg,
universitari. che gioca col tempo: 365 finestre
Poi basta attraversare il ponte sul (giorni dell’anno), 31 camere per 2
fiume Mur ed ecco che appare la piano (giorni del mese), 24 sale per
Graz moderna: con il Kunsthaus, le feste (ore del giorno) e il giardino 3
museo d’arte moderna firmato che è un omaggio ai pianeti. E dal
da due archistar che sembra colle Schlossberg si può scendere
un’astronave blu calata fra i tetti con lo scivolo sotterraneo che in
rossi ad ospitare mostre innovative, 40 secondi riporta dal punto più
o con la Murinsel, in mezzo al panoramico della città al centro.
fiume, installazione che l’artista Vito Graz è definita “Capitale dei Sapori”
Acconci ha voluto accogliesse un d’Austria e ogni anno, in agosto, vi si
anfiteatro. tiene un evento speciale: La lunga
Graz è molto stimolante a livello tavola dei sapori è una cena per
culturale: dalla Neue Galerie che 750 commensali allestita nel centro,
espone una collezione permanente di con tovaglie di lino e candelabri
opere di proprietà, alla Sackstrasse, d’argento, servizio in guanti bianchi
miglio pedonale punteggiato da e piatti dei migliori chef della città.
gallerie d’arte, dalla cattedrale del www.graztourismus.at/it
INFO: www.austria.info @Vacanze.in.Austria
SALISBURGO

D
eve la sua eleganza ai Principi
Arcivescovi che regnarono per
quasi un millennio, trasforman-
dola in una delle città barocche
più belle al mondo. Unesco ha decre-
tato Patrimonio dell’Umanità il centro
storico, che comprende il barocco
DomQuartier, cinque piazze con fon-
tane e la Fortezza Hohensalzburg.
Uno dei più grandi complessi forti-
ficati d’Europa, risale al Medioevo
e troneggia sulla città; in giugno è
stato riaperto il Museo della Fortezza
con un allestimento completamente
nuovo, una grande installazione mul-
timediale che illustra la storia medie-
vale di Salisburgo, cui seguirà in set-
tembre l’inaugurazione dell’Arsenale.
Sono varie le esperienze culturali da
vivere. Nella città che vanta una den-
sità di chiese pari a quella di Roma,
il tour Dietro i portoni delle chiese di
Salisburgo fa scoprire edifici sacri
che custodiscono opere importanti
ma anche dettagli misteriosi. E senza
4 nulla togliere al suo cittadino più fa-
5 moso, Salisburgo non è solo Mozart:
sono stati creati tre nuovi itinerari
tematici alla scoperta dell’architet-
tura moderna, dell’arte nello spazio
pubblico e di gallerie fuori dai per-
corsi consueti; arte, punti panora-
mici, soste in caffè particolari (www.
salzburg.info/en/salzburg/creative-
salzburg).
Il Festival di Salisburgo, che si tie-
ne ogni estate da 99 anni, è il festival
di musica classica e di arti dramma-
tiche più importante al mondo; dal
19 luglio al 30 agosto echeggiano le
note delle migliori orchestre interna-
zionali e il clou è la rappresentazione
di Jedermann di Hugo von Hofmann-
sthal nella Piazza del Duomo.
Fra architettura e musica un po’ di
relax è piacevole: la fabbricazione
della birra ha una storia di cinque
secoli, con realtà come Stiegl, la più
grande d’Austria, Brauhaus Gus-
1/ Centro storico, Mehlplatz a Graz ©Graz Tourismus, Werner Krug. swerk, l’unica al mondo per birra
2/ Ferrovia Schlossberg ©Graz Tourismus, Harry Schiffer. biologica certificata Demeter, Augu-
3/ Panorama del Schlossberg a Graz ©Graz Tourismus, Harry stinerbräu, che nel convento di Mülln
Schiffer. viene spillata da botti in legno e ver-
4/ Kapitelplatz a Salisburgo ©Tourismus Salzburg GmbH, Günter
Breitegger. sata in boccali di porcellana. Cercate
5/ Giardino: ©Tourismus Salzburg GmbH, Günter Breitegger. i locali con sommelier della birra e
degustazioni e… prosit!
www.salzburg.info

VIAGGIARE IN TRENO, VIAGGIARE MEGLIO

Le ferrovie ÖBB sono sinonimo di modernità, affidabilità


e sicurezza. Viaggiare in treno è comodo, rilassante ed
ecologico. I treni notturni Nightjet collegano giornalmente
l’Italia a Salisburgo e a Vienna con biglietti già da € 29 Euro.
Tante le combinazioni, per scoprire le tratte e approfondire
le possibilità e i costi, basta collegarsi al sito www.obb-italia.com

ÖBB: ©ÖBB Personenverkehr AG


lifestyle
LIFESTYLE LIFESTYLE LIFESTYLE LIFESTYLE LÍFSSTÍL LIVSSTIL MODE DE VIE LEBENSSTIL ESTILO DE VIDA STILE DI VITA

A CURA DI BARBARA ROVEDA

DOVE STARE
Un nuovo hotel sul mare in
Montenegro, meta dell’estate
QUI PARIGI
Vivere all’aperto tra gallerie
galleggianti e locali green
QUI LONDRA
Sull’acqua, in cielo e nel verde:
gli indirizzi per le vacanze urbane
FOOD / EVENTI
In Norvegia per la più
importante festa gastronomica
della Scandinavia
FOOD / AGENDA
Sardine, birra e peperoncino nei
festival dalla Spagna all’Austria
FOOD / IL RISTORANTE
A Lugano, la cucina di confine
di uno chef indo-ticinese
FOOD & DRINK
Il rito dell’aperitivo all’italiana a
Montecarlo, con cocktail
a base dei migliori vini Antinori
CANTINE
In Slovenia, sede da archistar
per un pregiato Malvasia
PARTENZE
LIBRI

I TETTI SOPRA
BERLINO 128 pagina

La vetrata del
Monkey Bar
di Berlino, locale
con vista sulle
scimmie dello zoo.

BELL’EUROPA 125
Dovestare
Montenegro
DI BARBARA ROVEDA

Sulla Riviera
dei Balcani 1

Spiaggia privata, piscina a sfioro e una spa di oltre mille


metri quadri per un nuovo hotel sulla vivace costa di Budva,
contornata da un mare cristallino e locali dove divertirsi

I primi a scoprire il Montenegro, e sulla spiaggia privata, distante ap-


turisticamente parlando, sono stati i pena 200 metri e che rappresenta
tedeschi, quando era una meta poco solo una piccola parte dei due chilo-
conosciuta. E low cost. Poi sono ar- metri di litorale sabbioso di questa
rivati Angelina Jolie, Madonna e i baia. Al mattino si viene risvegliati
Rolling Stones, in cerca di un rifu- dal canto degli uccelli che popola-
gio lontano dalla folla. E con loro gli no il giardino mediterraneo, e si è
alberghi di lusso. Oggi il Paese bal- pronti per esplorare le altre calette
canico è ancora una destinazione in della Riviera: la panoramica Sveti
via di sviluppo per chi cerca mare Stefan, con l’isolotto omonimo sullo
e spiagge da sogno e natura selvag- sfondo, oggi trasformato in esclusi- 3
gia, ma con in in più un’ospitalità di vo hotel; la spiaggia di Mogren, una
livello. Solo nell’ultimo anno hanno lingua di sabbia chiara lunga oltre
aperto circa 25 nuovi hotel, di cui un chilometro, protetta da altissime
oltre la metà a 4 e 5 stelle. Tra gli scogliere stratificate ricoperte di ve-
ultimi arrivati, il Falkensteiner Hotel getazione; e Jaz Beach, una mezza-
Montenegro, un 4 stelle per adulti (i luna di ciottoli bella anche se affolla-
bambini sono ammessi dai 12 anni) ta. Dopo la giornata di mare ci si può
inaugurato a giugno che occupa un dedicare al benessere nella grande
edificio preesistente ma completa- spa, per poi prendere un aperitivo o
mente rinnovato. La posizione è tra cenare in riva al mare nel ristorante
le più belle, sulla rinomata Riviera sulla spiaggia. E finire la giornata con
di Budva, che si allunga sul Medi- una passeggiata tra i vicoli e le piaz-
terraneo per quasi 40 chilometri zette della vecchia Budva, costruita
alternando calette nascoste (e de- su un isolotto collegato alla terrafer-
serte) a spiagge vivaci contornate ma da una sottile striscia di terra e
da caffè e ristoranti. Tra queste c’è delimitata dai bastioni difensivi del
la baia di Bečići, dove è posizionato Quattrocento. Qui si respira tutto
anche l’hotel, una delle più monda- il fascino di un tempo, tra palazzi e
ne e battute dal jet-set. Dalla piscina chiese d’ispirazione veneziana e case
a sfioro e dai terrazzini delle 236 ca- in pietra chiara trasformate in risto-
mere ci si gode il panorama sul mare ranti e piccole boutique.

INFO
Falkensteiner Hotel Montenegro Ulica Narodnog Fronta bb, Bečići, tel. 00382-(0)3368-
5000; www.falkensteiner.com/en/hotel-montenegro Doppia con colazione da 130 €.

126 BELL’EUROPA
4

1. Aperitivo con vista


sulla spiaggia dal
ristorante. 2. Un tratto
di Jaz Beach, a 5
chilometri da Budva.
3. La piscina a sfioro
del Falkensteiner Hotel
Montenegro affaccia
su un tratto di spiaggia
privata della baia di
Bečići. 4. Il nucleo
storico di Budva,
delimitata dalle antiche
mura e con case in
pietra chiara. 5. Colori
pastello decorano le
236 camere dell’hotel,
ospitato in un edificio
già adibito ad albergo e
ristrutturato a nuovo.
QuiBerlino
DI BARBARA ROVEDA

1. Il Deck 5, allestito
come una spiaggia
sul tetto di un
centro commerciale.
2. L’hotel the niu
Hide, creato con
moduli posti in cima
a un edificio.
3. La vista sulla città
dal Klunkerkranich,
bar con orto urbano.
4. 5. Una scultura
etnica e una piscina
della spa Vabali.
6. La vetrata del
Monkey Bar affaccia
sul recinto delle
scimmie dello Zoo.
1 2

Drink con le scimmie Dormire sul tetto


Più che un centro commerciale, è un’oasi urbana. Anche se a Berlino lo spazio non
In un unico grande edificio del 1957, punto di rife- manca, c’è chi si ingegna a inventarsi
posti sempre nuovi e stravaganti:
rimento della City West (l’ex centro Ovest), Bikini
come questo albergo aperto da pochi
Berlin comprende negozi, showroom, spazi pop-up mesi, primo hotel modulare in legno al
o per mostre, bar e ristoranti, un hotel. E continua mondo, collocato sul tetto di un centro
a evolversi: l’ultimo nato è Kantini, food market che commerciale, al posto di un parcheggio.
comprende 14 gastronomie da tutto il mondo, dalle Situato sulla Frankfurter Allee, la strada
delle parate militari durante il regime
Hawaii alla Corea e a Israele. Uno dei luoghi più comunista, nel quartiere oggi modaiolo
belli e insoliti è però il Monkey Bar, al decimo piano, di Friedrichshain, the niu Hide ha 152
così detto perché le vetrate a tutta parete affaccia- camere e arredi ispirati alla ex Ddr,
no proprio sullo Zoo di Berlino... anzi, sul recinto compresa una vecchia Trabant nella
hall, dove si organizzano anche eventi:
delle scimmie, che si ammirano saltellare di ramo
aperitivo con dj, colazione per i tiratardi,
in ramo, sorseggiando un caffè o un aperitivo. degustazioni di cioccolato.
INFO INFO
Bikini Berlin Budapester Strasse 38-50; the niu Hide Frankfurter Allee 113,
www.bikiniberlin.de Orari: negozi lun.-sab. 10-20, Kantini tel. 0049-(0)30-505720019; the.niu.de
lun.-sab. 9-21, Monkey Bar lun.-dom. 12-2. Doppia da 67,15 €, colazione 9,50 €. 4

128 BELL’EUROPA
5

Una piccola Bali in città Yoga e giardinaggio nei rooftop bar


Un camminamento tra i bambù segna I bar sui tetti sono ancora rari a Berlino. La mancanza di scelta è però compen-
il confine: fuori c’è la capitale tedesca, sata dallo spirito creativo. Ecco due indirizzi in due diversi quartieri, uniti da una
dentro una piccola Bali. Si chiama proprio
storia comune: dove prima c’erano parcheggi, oggi ci sono due locali nascosti al
Vabali questa struttura di 20mila mq
nel quartiere di Moabit, dove pagode in turista di passaggio, anche perché non proprio facili da trovare. Per raggiungere
puro stile balinese nascondono piscine il Klunkerkranich bisogna cercare il Parcheggio 6 sul tetto del centro commerciale
coperte, sale massaggi, saune, stanze Neukölln Arcaden: usciti dall’ascensore al 5° piano, una rampa porta a uno spazio
per il relax con camino, bar e ristorante. che è un po’ baita alpina, un po’ locale retrò e un po’ orto sospeso. Qui si beve, si
All’esterno, circondati dal verde del parco
Fritz-Schloss e da piante esotiche e
mangia, si fanno workshop di giardinaggio, degustazioni di vini e si assiste a concer-
statue di Buddha, ci si immerge in calde ti. Con vista sull’iconica Torre della Televiswione in Alexanderplatz. Nel cuore di
vasche idromassaggio. E si contempla il Prenzlauerberg, in cima alle Schönhauser Allee Arcaden, altro shopping center, si
paesaggio, in tutte le stagioni, sognando nasconde la spiaggia urbana più “alta” di Berlino. Il pavimento del Deck 5 è infatti
l’Oriente. Non è ammesso il costume, ma
ricoperto di fine sabbia. Bianchi gazebo e statue esotiche sono il giusto contorno
si gira tra gli ambienti in accappatoio.
INFO alle sessioni di yoga in programma. E in inverno è previsto il mercatino di Natale.
Vabali Seydlitzstrasse 6, tel. 0049- INFO
(0)30-9114860; www.vabali.de Orario: Klunkerkranich Karl-Marx-Strasse 66; klunkerkranich.org Orario estivo: 15/4-15/10 12-2. Non
9-24. Ingresso: da 21,50 € per due ore, accetta prenotazioni. Ingresso dopo le 16 da 3 €. Deck 5 Schönhauser Allee 79, tel. 0049-
giornaliero da 36,50 €. (0)30-40587764; www.deck-5.com Orario fino a set.: lun.-sab. 12-24, dom. 14-24. Drink da 3 €.

BELL’EUROPA 129
Solo con Bell’Italia
le Dolomiti tutte da vivere

Regalo

CON BELL’ITALIA IN REGALO LO SPECIALE DOLOMITI ESTATE.


Solo con Bell’Italia viaggi dal Lago Maggiore al Pevero in Costa Smeralda e poi fino al fiordo di Furo-
re in Costiera Amalfitana. Scopri poi il borgo trecentesco di Solomeo in Umbria, la Cattedrale dell’As-
sunta a Savona e le sale di Palazzo Grimani a Venezia. E in più con Bell’Italia hai in regalo lo speciale
Dolomiti: la Marmolada, l’anello del Civetta, le Dolomiti di Brenta, la strada dei formaggi del Trentino
e i nuovi rifugi di design ed ecocompatibili. La scoperta del Paese più bello del mondo è tutta da vivere.

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI

SCARICA L’APP PER IPAD/IPHONE


PIÙ DI 50 NUMERI DISPONIBILI
QuiParigi
DI FRANCESCO RAPAZZINI

Qui sopra. Lo Lafayette


chef di origine Haussmann.
israeliana Sotto, da
Julien Sebbag sinistra. La
del ristorante galleria d’arte
Créatures, Fluctuart,
specializzato ospitata in una
in cucina barca sulla
vegetariana. Senna; il parco
A destra. L’orto gastronomico
sul tetto Jockey Disque,
delle Galeries nell’Ippodromo.

Vacanze all’ippodromo L’arte corre sul fiume Cucina verde... in quota


L’Ippodromo di Auteuil quest’estate È la prima galleria d’arte galleggiante I tetti di Parigi sono di moda. L’ultimo locale aperto
si trasforma in un gigantesco parterre al mondo. Disegnata dall’architetto “in quota” è l’effimero Créatures, sulla grande terrazza
gastronomico. In una cornice vegetale Gérard Ronzatti, questa péniche
attraccata sulla riva sinistra della
delle Galeries Lafayette di boulevard Haussmann e con
di 5 ettari, questa prima edizione
di Jockey Disque accompagna i Senna, vicino al Pont des Invalides, è una formidabile vista sulla città. La proposta è 100%
visitatori durante tutta la giornata. un luogo unico: sviluppata su tre piani vegetariana e vegana anche se, come dice Julien Seb-
S’inizia con i picnic familiari e interamente trasparenti, con libreria, bag, il giovane chef che pare una rockstar: «Non cucino
bistronomici vegetariani, a base di bar e ristorante annessi. Pensata
per soddisfare la curiosità di tutti gli
le verdure per il loro lato salutista, ma per il piacere
verdura e frutta provenienti dalle
fattorie cittadine sempre più numerose appassionati di street art, Fluctuart di farlo». Tra i piatti si fanno notare la focaccia di zuc-
intorno a Parigi. Si continua con presenta artisti affermati o emergenti. chine, le fragole alla mozzarella di bufala affumicata e
mercatini di abiti vintage e workshop Fino al 22/9 espone i lavori colorati le pesche arrostite alla feta. Tutte le erbe aromatiche
di agricoltura urbana. La sera si anima e i collage di figure umane a grandezza
e gran parte dei prodotti provengono direttamente
con concerti e discoteche all’aperto. reale dell’americana Swoon.
dall’orto creato sul tetto, in collaborazione con l’asso-
INFO INFO
Jockey Disque Hippodrome d’Auteuil, Fluctuart 2 Port du Gros Caillou; ciazione di orticoltori urbani Sous les Fraises.
7 route d’Auteuil aux Lacs; www.fluctuart.fr Orario: lun.-ven. 12-24, INFO
www.jockey-disque.com Orario: 11-24. sab.-dom. 11-24. Ingresso libero. Créatures 25 rue de la Chaussée d’Antin, tel. 0033-(0)1-
Ingresso: 2 €. Fino al 30/9. Brunch domenicale da 28 €. 55905949. Orario: 10-1. Menù da 15 €. Aperto fino al 13/10.

BELL’EUROPA 131
QuiLondra
DI SILVIA MAPELLI

Sopra, da sinistra. Una delle cabine della funivia


Emirates Air Line a Greenwich trasformate in
ristorante temporaneo; lo scenografico palcoscenico
del Roof Fest London, in un ex caravan sul tetto del
grande magazzino John Lewis. In alto. Un piatto
d’ispirazione asiatica servito durante il festival. A
sinistra. Word on the Water è la libreria creata in una
chiatta vintage ormeggiata sul Regent’s Canal. Qui
sotto. Cocktail al Roof Fest London, locale pop-up.

A cena in funivia La libreria sull’acqua Festival d’estate sul tetto


Cenare sospesi sul Tamigi, con lo Allestita su un barcone olandese Un festival tra le nuvole sopra Oxford Street. La loca-
sfondo di St Paul e Westminster. degli anni Venti ancorato nel tion del Roof Fest London è il bar nel giardino pensile
Succede nello Sky High Dining, Regent's Canal, Word on the Water
il ristorante temporaneo creato da è un’originale libreria dove leggere
dei grandi magazzini John Lewis. Oltre a un comodo
Jimmy Garcia, celebrato chef anglo- cullati dall’acqua. Gli interni sono prato, al curioso palcoscenico in un caravan riadattato,
spagnolo. La location sono le cabine di grande suggestione, con scaffali a deliziosi cocktail e piatti unici d’ispirazione filippina
dell’Emirates Air Line, la funivia in legno, un vecchio timone, una (11 sterline, 12 €), si trova anche un’area fitness per
che collega Greenwich ai Royal stufa a legna, qualche divanetto
Docks. Uno spazio intimo, massimo e una comoda poltrona in pelle.
massaggi e lezioni di yoga. Nella sezione “creativa” ci si
4 persone per cabina, e molto La “bookbarge” offre una vasta può invece sbizzarrire nella scelta del più stravagante
romantico, soprattutto al tramonto. selezione di libri d’arte, letteratura make-up o in Body Art. Interessante e fitto, il cartello-
A terra si viene accolti da un calice di per bambini e romanzi, nuovi o di ne degli eventi live prevede esibizioni di cabarettisti,
bollicine, capesante con ceci, chorizo seconda mano. Ma è anche punto di
e cavolfiore. A bordo, la portata riferimento culturale nella zona, con
prestigiatori, artisti jazz, pop, folk e, il venerdì, scate-
principale e il dessert. La piccola concerti folk e jazz organizzati sul nati e quotati dj. E poi, per chi preferisce godersi lo
pasticceria è servita tornando a terra. ponte, soprattutto in estate, e incontri spettacolo in un ambiente più intimo, anche tre mera-
INFO con autori e poeti. vigliosi “den”, rifugi arredati a tema (Boho, Garden e
Sky High Dining Emirates Cable Car INFO
Terminal, Edmund Halley Way; www. Word on the Water York Way, Granary
Cherry Blossom) dove intrattenersi con gli amici.
jimmyspopup.com Orario: mer.-gio. Square, tel. 0044-(0)79-76886982; INFO
18.30-22, ogni 2 ore. Costo: 100 sterline www.facebook.com/wordonthewater Roof Fest London John Lewis, 300 Oxford Street;
(112 €) a testa, vini inclusi. Fino al 30/9. Orario: 12-19. www.johnlewis.com Orario: 12-22, dom. 12-21. Fino al 29/9.

132 BELL’EUROPA
La consegna gratuita.
Le spese postali
sono incluse.

BELL’EUROPA
IN ABBONAMENTO
È ANCORA
PIÙ BELL A!

Il risparmio immediato
Scegli tu quanto vuoi
risparmiare: 3 mesi e mezzo
oppure 8 mesi gratis.

Il calendario
in regalo

Bell’Europa in abbonamento
Nessun è più bella grazie agli
numero perso.
sconti speciali e ai vantaggi
che solo gli abbonati hanno.
Scoprili ora!
I privilegi del Club
degli Abbonati. Il prezzo bloccato.
Scegli quanto vuoi risparmiare.

Abbonati subito a Bell’Europa con la formula che preferisci.


LE GARANZIE 100% GIORGIO MONDADORI PER L’ABBONAMENTO A BELL’EUROPA
Consegna gratuita. Massima comodità: la rivista arriva direttamente e gratuitamente a domicilio.
Prezzo bloccato. Anche se il prezzo di copertina della rivista dovesse aumentare nel corso dell’abbonamento, il prezzo per gli
abbonati è bloccato!
Nessun numero perso. Se per cause di forza maggiore (scioperi ecc) non riceverai un numero, lo invieremo di nuovo oppure a tua
scelta l’abbonamento verrà prolungato.
Rimborso assicurato. Chi per qualsiasi ragione dovesse interrompere l’abbonamento ha diritto al rimborso dei numeri non ancora ricevuti.
Comodità di pagamento. Libertà di scegliere il più comodo: carta di credito, bollettino di conto corrente postale o smart phone.
Iscrizione gratuita al Club degli Abbonati. Per usufruire di tutti i vantaggi e i privilegi riservati ai Soci.

Informazioni sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679 Inoltre, con il Suo consenso esplicito, tali dati potranno essere forniti ad aziende terze
La informiamo che i dati da Lei forniti saranno trattati da Cairo Editore in qualità di Titolare operanti nei settori editoriale, finanziario, assicurativo automobilistico, energetico, largo
del trattamento per effettuare il servizio di abbonamento indicato nel buono d’ordine e l’iscri- consumo, organizzazioni umanitarie e benefiche le quali potranno contattarLa come Titolari
zione al Club degli Abbonati (i “Servizi”) di autonome iniziative - l’elenco aggiornato è a Sua disposizione e può essere richiesto al
Per ulteriori dettagli relativi al “Club degli abbonati” si rinvia al regolamento disponibile all’in- Responsabile del trattamento all’indirizzo privacy.abbonamenti@cairoeditore.it
dirizzo www.cairoeditore.it/club Tempo di conservazione dei dati
Cairo Editore provvederà alla gestione dell’ordine al fine di inviarLe la/e rivista/e alle condi- I dati da Lei conferiti saranno trattati e conservati per tutta la durata di esecuzione dei Servizi
zioni precisate nelbuono d’ordine e i dati personali forniti verranno registrati e conservati su (ovvero sino alla scadenza dell’abbonamento o, alternativamente, alla richiesta di cancella-
supporti elettronici protetti e trattati con adeguate misure di sicurezza anche associandoli zione dal Club degli Abbonati) e per 12 i mesi successivi per il completamento delle attività
ed integrandoli con altri DataBase. amministrative e contabili dei Servizi. Al termine di tale periodo i dati saranno cancellati.
Il conferimento dei dati anagrafici e l’indirizzo postale sono necessari per attivare i Servizi, il Diritti dell’Interessato
mancato conferimento dei restanti dati non pregiudica il diritto all’abbonamento. I dati non Ai sensi della vigente normativa, Lei ha il diritto di
saranno diffusi ma potranno essere comunicati, sempre per le predette finalità, a società - Accedere ai dati che la riguardano, chiedere la loro rettifica o la cancellazione, la limitazione
che svolgono per conto di Cairo Editore compiti di natura tecnica od organizzativa strumen- del trattamento ottenendo riscontro dell’avvenuta applicazione delle richieste inoltre può eserci-
tali alla fornitura dei Servizi, l’elenco aggiornato dei Responsabili del Trattamento dati di cui tare la portabilità dei dati ad un altro Titolare
alla presente informativa è disponibile, a richiesta presso il Titolare del trattamento. - Opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per invio di materiale pubblicitario e ricerche
I dati, solo con il Suo consenso esplicito saranno trattati per l’invio di informazioni sui di mercato, e ha il diritto proporre reclamo all’Autorità Garante all’indirizzo garante@gpdp.it
prodotti e sulle iniziative promozionali di Cairo Editore e per effettuare analisi statistiche, Per l’esercizio dei diritti sopraccitati può rivolgersi al Data Protection Officer DPO@cairoeditore.it
indagini di mercato. c/o Cairo Editore S.P.A. C.so Magenta 55, 20123 Milano

Scegli la formula di abbonamento che preferisci. Anche su www.miabbono.com/cairo.


Pagamento con Carta di Credito o Carta del Docente
In viaggio nella Sicilia più bella.

IN EDICOLA
E SU APPSTORE

Negli itinerari di inViaggio tutta l’arte, la natura e la bellezza della Sicilia.


inViaggio Sicilia ti porta a scoprire le “isole dell’isola”: Egadi, Eolie e Pantelleria. Ti accompa-
gna a scoprire Palermo attraverso un itinerario arabo-normanno e a gustare il meglio del Trapa-
nese e del Siracusano. Potrai ammirare poi tutta la bellezza di Taormina e il barocco della Val
di Noto. E proverai infine piaceri unici, come un bicchiere di passito nel tramonto di Pantelleria.

SCARICA L’APP PER IPAD/IPHONE


PIÙ DI 50 METE DISPONIBILI
foodeventi
Norvegia
DI BARBARA ROVEDA

Sopra. Durante il festival


Gladmat vengono proposti
piatti tipici e ricette dal
mondo. A destra. Il centro
di Stavanger, sorto
in un’ansa naturale. Sotto.
Dimostrazioni e gare di
cucina tra chef fanno parte
del programma dell’evento.

La grande festa dei


sapori sui fiordi
A Stavanger, capitale gourmet del Paese, torna la kermesse
che trasforma la città in un grande mercato di street food

I ristoranti “Happy food!”: potrebbe essere un come mele, fragole, pomodori, cavolo
augurio da pronunciare giusto prima di rapa, oltre a formaggi prodotti con latte
Fisketorget Strandkaien 37,
pranzo. Invece è la traduzione di Gladmat di animali allevati in libertà.
Stavanger, tel. 0047-51527350;
fisketorget-stavanger.no Menù di 3 (il 24-27/7), il più grande festival gastro- Tema di quest’anno per il festival è la
portate da 486 corone (49 €) Uno nomico in Scandinavia, ospitato da or- “coltura” nel suo senso più ampio, dalla
degli indirizzi dove assaggiare il pesce mai 21 edizioni a Stavanger. La città è la semina al raccolto e alla lavorazione dei
pescato in zona. Tra i suoi piatti forti terza area metropolitana per dimensioni prodotti fino al loro arrivo sulla tavola dei
ci sono il panino ai gamberetti e la
zuppa di pesce. Il resto dipende dalla della Norvegia, con una popolazione di consumatori, inclusi i ristoranti. Natural-
“cattura” del giorno, cucinata secondo circa 240mila abitanti, che però raddop- mente con un accento sulla sostenibilità.
l’estro degli chef di casa. pia durante il festival: nei quattro giorni Allineate lungo la baia di Vågen, un
dell’evento, oltre 250mila persone tra centinaio di bancarelle trasformano il
R/M Matbaren Steinkargata 10,
chef e avventori arrivano qui da ogni centro storico, con le casette in legno del
Breitorget, Stavanger, tel. 0047-
51551111; www.restaurantrenaa.no/ dove per assaggiare specialità di tutto il XVIII e XIX secolo, in un enorme merca-
matbaren/en Conto medio: 600 mondo, e soprattutto locali. Con ben due to di street food. Il festival si allarga poi al
corone (61 €) È la “brasserie” dello chef ristoranti stellati e altri degni di nota, la resto della città, dove sono previsti confe-
stellato Sven Erik Renaa, con piatti città di Stavanger è infatti considerata la renze, mini-festival come quello dedicato
fantasiosi come le vongole al sidro con
maionese al curry, la barbabietola con capitale culinaria del Paese. Le materie alla birra artigianale, show cooking in cui
purè di semi di zucca, le tartine con prime eccellenti, cui attingono anche gli ingredienti locali vengono abbinati ad
merluzzo fritto e cipolle in agrodolce. famosi ristoranti all’estero, rispecchiano altri di diversa provenienza per dare vita
la varietà del paesaggio della regione. a un’autentica cucina fusion. Per un as-
Dalla costa selvaggia, sagomata dai fior- saggio dei sapori locali comodamente se-
di, provengono crostacei e frutti di mare duti si può provare il Fisketorget, al mer-
INFO
in abbondanza; dall’entroterra, dove la cato del pesce, o R/M Matbaren, l’annesso
Gladmat barriera di montagne crea uno specia- dello stellato Re-Naa, ma con un conto
www.gladmat.no le microclima, arrivano frutta e ortaggi più moderato.

BELL’EUROPA 135
food agenda
Gli eventi gastronomici da non perdere DI VITTORIA BECCI

MALTA I
International Food
Festival
SPIRA, GERMANIA 17-21 luglio
Festival del Brezel INFO www.maltainternationalfoodfestival.com
11-16 luglio
La città fortificata di Mdina, antica capitale dell’isola,
La città sulla sponda del Reno dal 1910
è conosciuta anche come “città del silenzio”, ma
celebra una delle specialità per cui l’intera
non per questi 5 giorni di festa del palato. Una
Germania va famosa, i Brezel: i pani a
celebrazione delle tradizioni culinarie locali e
forma di anello con le estremità annodate
internazionali con 60 cuochi che si destreggiano
e coperti di grani di sale, serviti in ogni
in esibizioni dal vivo, mentre 3 palchi
birreria, insieme a uova e sottaceti.
provvedono alla musica. Vi è la possibilità
Durante la Speyerer Brezelfest non
di acquistare e assaggiare i prodotti
mancano bancarelle di ogni genere,
accompagnati da ottimi
birra, musica dal vivo e fuochi d’artificio.
vini.
INFO www.speyerer-brezelfest.de

ANIANE, FRANCIA CAMBADOS, SPAGNA PORTIMÃO, PORTOGALLO


Festival dei vini d’Aniane Festa del vino Albariño Festival della sardina
19-21 luglio 31 luglio-4 agosto 7-11 agosto
La parola d’ordine è convivialità e il L’Albariño viene celebrato nella sua A Portimão su un barbecue gigante
protagonista è il vino. In piazza regione, la Galizia. Oltre ai fiumi di vino vista mare vengono cotte le sardine, la
grandi tavoli e produttori che fanno del bianco, la Festa do Albariño prevede specialità del posto. Speciali perché solo
Festival des Vins d’Aniane l’occasione anche concerti e spettacoli. Il via alla qui sanno cucinarle al meglio. Il profumo
per bere, mangiare e conoscere il degustazione, con l’apertura degli stand, e la musica dal vivo del Festival da
territorio di Aniane, la città storica con è segnato dal suono delle cornamuse. Sardinha fanno da contorno all’evento,
la sua famosa abbazia a 40 minuti INFO fiestadelalbariño.com che conta oltre 2.000 posti a sedere.
d’auto da Montpellier. INFO www.visitalgarve.pt
INFO www.festivaldesvinsdaniane.com LIVAROT, FRANCIA
Fiera del formaggio BLUDENZ, AUSTRIA
BERLINO, GERMANIA 3-4 agosto Festa del gusto alpino
Settimana della birra Non c’è posto migliore di Livarot, in 8 agosto
19-28 luglio Normandia, per una sagra del formaggio, Il centro storico della piccola città alpina
In 40 luoghi della città con altrettanti qui prodotto prelibato e Doc. L’evento più con l’Alpen Culinary Street Food Festival
eventi, la Berlin Beer Week consente di atteso della Foire aux Fromages è la gara si trasforma in un mercato con i migliori
provare i migliori birrifici europei e non del più grande mangiatore di Livarot, ovvero prodotti della zona e una grande tavola
solo. Il party inaugurale è una crociera, chi riesce a mangiare 750 g di formaggio. dove chef e giovani cuochi danno il
mentre quello conclusivo, chiamato INFO www.agendafromage.com meglio di sé. Inoltre, vini, birre, succhi di
Festival2, è a Haubentaucher, uno spazio frutta e tanta musica.
con piscina e musica. PADRÓN, SPAGNA INFO www.vorarlberg-alpenregion.at
INFO www.berlinbeerweek.com Festa del peperone di Hérbon
4 agosto LONDRA, INGHILTERRA
BRUSINO ARSIZIO, SVIZZERA Chi conosce la Spagna sa bene che i Festival della birra artigianale
Sagra del pesciolino pimientos sono la tapa per eccellenza. 9-11 agosto
20-21 luglio Durante Fiesta del Pimiento Herbón, Nella bellissima struttura del Tobacco
Sulle sponde del Lago di Lugano, nel prodotto Dop originario del paese Dock, a East London, si tiene il London
pittoresco paesino di Brusino Arsizio, di Padrón, a 22 km da Santiago de Craft Beer Festival. Più di cento
si tiene l’annuale sagra popolare del Compostela, migliaia di persone si birrifici, per circa 500 tipi di birra alla
pesciolino. Tavolate, vino sincero, fili di ritrovano per gustare il miglior “friggitello”, spina, ma anche street food e un
luci tra gli alberi, musica e specialità alla che per l’occasione viene distribuito programma musicale con Hot Chip,
griglia, primi tra tutti i pesciolini del lago. insieme a pane di mais, vino e salsiccia. Foals, Hercules & Love Affair.
INFO www.agendalugano.ch INFO turismodegalicia.org INFO londoncraftbeerfestival.co.uk

BELL’EUROPA 137
foodil ristorante
Svizzera
DI TERRY CATTURINI

A sinistra. La sala con i muri


in pietra a vista del Tabla.
Sotto, da sinistra. Una portata
di chicken tikka masala;
Gagan Nirh, chef e proprietario.

Era il caratteristico grotto ticinese. Poi è


arrivato Gagan, indiano di Nuova Delhi.
Laurea e master in Economia, poi la spe-
cializzazione alberghiera negli Stati Uni-
ti: contro il parere della famiglia si butta
nella ristorazione iniziando dal basso nei
locali più blasonati. Fino ad approdare a
Lugano, dove con la moglie Daniela, ti-
cinese, apre il suo ristorante Tabla. Una
scommessa, in un Cantone dove la ga-
stronomia vira dalla tradizione alpina e
lombarda ai ristoranti di chef di caratura
(e influenza) internazionale. La cucina di
Tabla è indiana doc, non contaminata,
e che anzi attinge alle ricette casalinghe
della madre di Gagan. Unica concessione,

Un angolo d’India la “piccantezza” calibrata. La maestria di


Gagan è infatti rendere chiari e armonio-
si sapori complessi, mantenendo i piatti

sul Lago di Lugano


leggeri con un condimento perfetto, mai
troppo spicy. Peperoncino, curry, corian-
dolo servono a esaltare i sapori, senza co-
prirli. Stuzzicano l’appetito gli antipasti
Nel verde del Canton Ticino, tra le mura di un ex grotto come i pav bhaaji, verdure miste fritte
tipiche di Mumbai; menzione speciale
tipico una cucina inaspettata fatta di sapori lontani alle shank moily, capesante scottate alle
spezie, esaltate da una vellutata salsa al
cocco, delicata e non dominante. Il pezzo
Profumo di cioccolato forte è il chicken tikka masala, una sorta
A Caslano, 10 km da Lugano, il di piatto nazionale: pollo disossato mari-
Museo del Cioccolato Alprose nato, cotto nel forno tandoori e passato in
Schokoland (via Rompada 36; una salsa al pomodoro cremosa e spezia-
www.alprose.ch Orari: museo ta. Una sorpresa è il Kashmiri raan, stinco
9-17; shop 9-17.30. Ingresso:
di agnello cotto a lungo in un soffritto di
5 franchi, 4,50 €) permette di
scoprire la storia del cioccolato, pomodoro e peperoncini kashmiri mirch,
raccontata con divertenti aneddoti. piccante al punto giusto. Accompagnano
Avvolti da un persistente profumo i piatti le varietà di pane cotto nel forno
di cacao, si può assistere dal tandoori: il morbidissimo naan, al burro,
vivo alla produzione di tavolette e
cioccolatini, con degustazione con aglio e coriandolo, o al formaggio, e il
e acquisti finali di uno dei prodotti croccante pappad, di farina di ceci. Vieta-
simbolo della Svizzera. to non fare scarpetta.

INFO
Tabla Via ai Canvetti 15, Montagnola, Collina
d’Oro, Lugano, tel. 0041-(0)91-9681900;
tablalugano.ch Orario: lun.-ven. 11.30-14.30
e 17.30-1, sab. 17-1. Conto medio: 55
franchi (50 €). Consigliata la prenotazione.

138 BELL’EUROPA
food&drink
Montecarlo
DI FABIO BACCHI
Il cocktail
Russian Spring Punch
Il rito dell’aperitivo
La filiale monegasca della storica Cantinetta Antinori propone
drink internazionali partendo dalle etichette della casa

Piccola nelle dimensioni, grande nel gla- di sambuco, gin e Villa Antinori bianco,
mour. A 15 chilometri dal confine italia- uno dei vini storici della famiglia, prodot-
no, la città-Stato di Montecarlo forma la to per la prima volta con l’annata 1931
seconda nazione più piccola al mondo, il da Niccolò Antinori. Il classico Whiskey
Principato di Monaco. Il divertimento qui Sour è proposto nella versione New York
è assicurato, e anche abbastanza costoso. Sour, storica variante della trilogia Bour-
Inaugurata nel 2017 sul lungomare citta- bon Whiskey/limone/zucchero che pre-
dino, la Cantinetta Antinori Monte-Carlo è vede anche uno splash di vino rosso, qui
la quinta dopo la sede storica di Firenze, rappresentato dal Neprica di Antinori.
aperta nel 1957. La location è un santua- Il Negroni ha la sua variante Speakeasy,
rio del gusto e dello stile italiani. L’ele- miscela di eccellenze italiane alle quali si
Ricetta rinfrescante e adatta
gantissimo ristorante che serve specialità aggiunge anche un vino di casa Antino-
per ogni occasione. Un toscane è circondato da bottiglie di vino ri: la miscela si dosa, si bilancia e riposa
sour impreziosito dalle note Antinori in bella mostra. Nel lounge bar in una piccola botte, dalla quale verrà
dolci e acide del cassis,
estremamente elegante grazie accanto, con i tavoli alti, si vive invece il spillato il drink davanti al cliente. I finger
al Franciacorta Antinori. rituale dell’aperitivo come uno dei mo- food propongono taglieri di salumi e for-
menti più importanti, non solo per l’of- maggi come accompagnamento, ma nel
INGREDIENTI
ferta di grandi vini della casa. La cocktail bar è possibile anche cenare scegliendo
❤ 2,5 cl di vodka list è un inno agli evergreen e ad alcuni tra piatti della più iconica gastronomia
❤ 1,5 cl di crème de Cassis
❤ 1 cl di sciroppo di contemporanei come il Russian Spring toscana: la pappa al pomodoro, la fio-
zucchero Punch. Immancabili drink trasversali rentina, la scodella toscana. Ove il menù
❤ 2,5 cl di succo di limone come il Moscow Mule, lo Spritz e il Belli- risultasse impegnativo, ci sono panini
❤ Franciacorta Cuveé Royale
Marchese Antinori a colmare ni. Inevitabile che gli sparkling drink non con salumi tipici come la cinta senese o
usino il classico Prosecco ma un capola- la finocchiona. Tali esperienze gastrono-
PROCEDIMENTO: shakerare
tutti gli ingredienti tranne il voro delle bollicine come il Franciacorta miche non possono non concludersi con
Franciacorta Cuveé Royale Marchese Antinori, espres- una ricca selezione della tradizione italia-
BICCHIERE: highball con sione rappresentativa della Franciacorta. na di distillati e liquori, a cominciare dal-
ghiaccio La nota vinosa nei drink del bar manager le esclusive grappe Antinori, come quelle
GUARNIZIONE: fetta di Alan Arrigo continua con Flora: liquore di Barolo o Tignanello.
arancia e frutti di bosco

A destra. Uno scorcio della


sala principale della Cantinetta
Antinori Monte-Carlo, con alla
parete una selezione di bottiglie
della storica azienda toscana.

INFO
Cantinetta Antinori Monte-Carlo
11 avenue Princesse Grace,
Montecarlo, tel. 00377-97770880;
www.cantinettaantinori.mc
Orario: 7-23, aperitivo 18-21.
Cocktail da 15 €.

BELL’EUROPA 139
cantine
Slovenia
DI GIUSEPPE DE BIASI

Malvasia in un guscio d’autore


Tra le verdi colline di Capodistria, una tenuta moderna firmata da un architetto mitteleuropeo

La Slovenia è turisticamente conosciu- vinicola della Podravje, l’Oltre Drava, a porta la firma di un archistar cosmopo-
ta per le suggestive coste istriane, con sudest nella Posavje e a sudovest nella lita come Boris Podrecca, famiglia slo-
perle come Pirano e Portorose, per le Primorje, il Litorale, area a ridosso del vena-croata in parte d’origine italiana,
sue montagne e la verdeggiante parte confine italiano che per caratteristiche con infanzia triestina, studi a Vienna
interna con Lubiana, capitale fascinosa e e tipologie di vitigni coltivati presenta e docenze nelle più prestigiose facoltà
culturalmente vivace di una nazione gio- molte analogie con la produzione vini- di Architettura del mondo (Losanna,
vane, nata soltanto nel 1991 dallo smem- cola del Collio goriziano, come dell’I- Parigi, Venezia, Filadelfia, Boston),
bramento dell’ex Iugoslavia. In realtà a stria e del Carso triestino. considerato da molti un pioniere del
questi asset da qualche anno si è aggiun- Negli ultimi anni le cantine slovene si Postmodernismo. La scelta del luogo e
to anche l’enoturismo, con la fama cre- stanno facendo notare per l’attenzione l’idea stessa del progetto, a imitazione
scente dei vini sloveni, in particolare di alla qualità (dopo anni di deriva quan- della storia familiare di Podrecca, sono
quelli prodotti da vitigni autoctoni come titativa), mentre un ulteriore segnale date dall’intenzione di segnare i confini
Malvasia e Refosco. Una produzione dal- di “rinascimento” enologico è rappre- fra i due Stati non con un algido check-
la storia antica, se si considera che la vite sentato dagli investimenti in nuove point militare ma con un edificio civile,
risulta attestata addirittura prima della strutture, non solo più efficienti sotto il aperto e accogliente come una cantina.
conquista romana, soprattutto nell’area profilo produttivo ma anche architetto- Il disegno e i materiali si muovono nella
istriana, e che oggi inizia a essere espor- nicamente curate. È il caso della tenuta stessa direzione d’integrazione, con lo
tata oltre le nazioni confinanti. Vina Brič, sulle colline istriane all’in- sviluppo orizzontale, avvolgente, e il ca-
I vigneti sono diffusi in buona parte terno di Šmarje/Monte di Capodistria, lore delle pareti in pietra grezza, posata
del Paese ma si concentrano soprattut- proprio a ridosso del confine con la Cro- senza uso di malta o intonaci, innestata
to in tre zone: a nordest nella regione azia. L’armonioso edificio della cantina nelle parti in legno (come nella sala de-

Vina Brič Brič 1, Šmarje/Monte di Capodistria, tel. 00386-(0)5-6699140; www.vinabric.si Visite e degustazioni tutti i giorni su prenotazione
(e-mail: dajana.vatovec@vinabric.si). Degustazione base con 5 vini abbinati a prodotti tipici sloveni (prosciutto istriano, formaggi, olio) 25 €.
Dove dormire
Hotel Bio Vanganelska cesta 2,
Koper/Capodistria, tel. 00386-
(0)5-6258884; www.hotel-bio.com
Doppia con colazione da 79 €.
Ospitato in un edificio di
mattoni circondato da giardini,
Qui sopra. Una veduta aerea rappresenta il vitigno autoctono è un dignitoso e confortevole
della tenuta, in cui si nota la per eccellenza. Pagina 3 stelle (sopra), a pochi minuti
posizione tra i vigneti a circa 300 accanto. Stile contemporaneo di macchina dalla cantina a
metri di altitudine. Sotto. La per la cantina, realizzata Dekani. Si trova a circa 3 km
Malvasia è il cavallo di battaglia dall’architetto Boris Podrecca dal centro di Capodistria e dal
di questa zona vinicola, di cui con massicce pareti in pietra.
suo cinquecentesco Palazzo
Pretorio, in posizione strategica
per visitare la costa e l’interno,
vista la vicinanza alle principali
vie di comunicazione. Le 29
camere sono arredate con gusto
moderno, con pareti in pietra
a vista o tocchi di colore, tutte
dotate di aria condizionata.
La colazione viene servita
nell’annesso ristorante, che ha
anche una terrazza scoperta.

gustazione), materiale che riecheggia i Il vino Dove mangiare


ricordi della tradizione istriana.
La tenuta si compone di 36 ettari vi- Malvazija 2018 Brič Ristorante Brič Dekani 3B,
tati, a un’altitudine compresa fra i 270 La Malvazija Brič è prodotta Dekani, tel. 00386-(0)5-9138819;
dal biotipo autoctono del www.restaurantbric.si Aperto tutti i
e i 350 metri, posizione che permette vitigno di origine ellenica, che giorni, 11-22. Menù degustazione
alle uve di beneficiare sia delle brezze in Istria rappresenta il vitigno da 33 €. La tenuta Brič gestisce
marine che delle decise escursioni ter- a bacca bianca più coltivato, anche un’enoteca e un quotato
miche notturne, caratteristiche che en- con declinazioni che spaziano ristorante (sopra) situati a 20 km
fatizzano i profumi dei vitigni aromatici dalla versione ferma a quella in località Dekani. Il ristorante è
spumantizzata o passita. Si specializzato in cucina di pesce, ma
come la Malvasia, vera regina dell’area. ci sono anche piatti per vegetariani
A fianco dei due vitigni simbolo della presenta al bicchiere con un
luminoso giallo paglierino e e per i carnivori irriducibili. Tra le
produzione locale, la profumata Malva- proposte più interessanti, le seppie
con vivaci sentori di pesca
zija e il Refosk, vinificato sia in purezza bianca, fieno e scia agrumata.
con pinoli, pepe verde, fragole e
che nella versione rosé, si aggiunge il riduzione di vino, i pljukanci (pasta
Gli accenni minerali preludono
tipo trofie) con gamberi e zucca
Muskat dolce da abbinare alla pastic- al sorso nitido, fresco e Hokkaido e per finire mousse di
ceria secca. Alla cospicua produzione immediato, con l’acidità mirtilli con rosmarino e mango.
vinicola da qualche anno è stata affian- dominante che chiude con Oltre alle etichette della tenuta, la
cata anche una piccola produzione di una leggera nota di mandorla carta dei vini presenta oltre 300
amara e discreta persistenza referenze che spaziano dall’Istria
olio di oliva bio, spremuto a freddo nel
gustativa. Abbinamento slovena al Collio goriziano e
frantoio della tenuta: sono il frutto dei seducente: tagliolini ai bollicine estere, soprattutto da
500 alberi di ulivi che fanno da bordone calamari dell’Adriatico. Croazia, Italia, Francia e Georgia.
ai vigneti e al fitto bosco che li circonda, Prodotto in 15.000 bottiglie, in Nella bella stagione si amplia con
in un panorama che inneggia alla pace. cantina costa circa 10 €. l’apertura della terrazza estiva.

BELL’EUROPA 141
partenze
I viaggi più interessanti, da prenotare adesso DI BARBARA ROVEDA
SVIZZERA
SCANDINAVIA

Camminate nel Vallese


A pochi chilometri dal confine
italiano, Martigny è un piccolo
comune del Canton Vallese,
conosciuto per la vicinanza alle
piste da sci. In estate è meta
degli escursionisti che possono
esplorare la zona seguendo i
Suonen o bisses, ossia gli antichi
canali scavati per l’irrigazione
dei campi. Oggi costituiscono un
vero itinerario, chiamato Chemin
des Bisses: tocca diversi paesini
Svezia e Finlandia: tour nella natura, con stile attraversando campi e alpeggi
Un tour nel Grande Nord tra paesaggi ancora intatti e moderne città. L’itinerario per in fiore, fattorie e cantine.
piccoli gruppi, firmato dal tour operator Il Diamante del gruppo Quality Group, tocca INFO
Svezia e Finlandia e mette d’accordo sia gli appassionati dei viaggi avventura sia Svizzera Turismo Tel. 00800-
chi predilige le comodità di un’ospitalità di charme. Punto di partenza è Stoccolma, 10020029; www.svizzera.it Pacchetto
edificata su più isole, dove visitare il centro storico Gamla Stan e i moderni musei: si Vacanze escursionistiche lungo le
conclude la giornata nella spa panoramica con piscina, collocata sul tetto dell’hotel. rogge: 7 notti/6 giorni con colazioni,
Dopo avere attraversato il Baltico a bordo di un traghetto si entra nel golfo di Helsinki trasporto bagagli, documentazione
per iniziare il giro in Finlandia. Protagonista qui è lo spettacolo del Lago Saimaa, con itinerario. Da 975 franchi (870 €) a
gli isolotti ricoperti da boschi di abeti e betulle che sembrano galleggiare sul blu. Si persona. Fino al 13/10.
vive un’esperienza curiosa dormendo nelle camere-igloo con pareti e tetti trasparenti,
per poter ammirare il lago. Un’altra notte la si trascorre invece nel sontuoso hotel di
una famosa modella finlandese, impostato sul turismo esperienziale dagli ambienti MALTA
al ristorante, che prevede anche il foraging. Si conclude con tappa a Helsinki,
modernissima e dall’animo “green”, dove ammirare le architetture all’avanguardia.
INFO
Quality Group www.qualitygroup.it Pacchetto Big 4 Il contatto con la natura in Svezia e
Finlandia: 8 giorni/7 notti di cui 1 in traghetto, voli a/r, colazioni, 4 cene, 1 pranzo, visite e
trasferimenti. Da 2.515 € a persona. Partenze: 21/7, 11/8, 1/9. Da prenotare in agenzia.

IN VACANZA ALLE TERME Tra spiagge e cultura


La Croazia vanta diversi stabilimenti
termali che sono anche meta di Frequentata dagli studenti per i
divertimento. Come le Terme Tuhelj, corsi d’inglese, seconda lingua
tra le colline dello Zagorje, a 35 km ufficiale del Paese, Malta è anche
da Zagabria, alimentate da acqua una meta ambita per le vacanze di
termale e fanghi curativi. Nel Pianeta mare. Si può iniziare con un tour
acquatico, esteso su ben 15mila mq culturale a Valletta, la capitale
e appena ristrutturato, si sguazza tra dalle atmosfere arabeggianti con
idromassaggi, geyser, lagune; l’area la Cittadella fortificata, per scoprire
spa ha sale per trattamenti e saune. poi l’isola girando in jeep. In barca
Si pernotta in hotel, ostello e camping. si esplorano le cale più belle
dell’arcipelago maltese, tra cui la
INFO
Laguna Blu. D’obbligo una puntata
Terme Tuhelj Ljudevita Gaja 4,
a Gozo, famosa per le spiagge.
Tuheljske Toplice, tel. 00385-(0)49-
INFO
203000; www.terme-tuhelj.hr
King Holidays Tel. 06-36210111;
Pacchetto All inclusive estate:
www.kingholidays.it Pacchetto
pernottamento, pasti, ingresso spa
Tour Malta & Gozo Adventure:
e piscine, laboratori per bambini.
8 giorni/7 notti con colazioni, voli a/r,
Minimo 2 notti. Da 69 € a persona a
trasferimenti ed escursioni.
notte. Fino all’8/9.
Da 1.107 € a persona. Fino al 31/10.
CROAZIA

142 BELL’EUROPA
CATALOGHI D’ARTE

Isabella Meloni - Ranieri Meloni


GRECIA
DA VENEZIA A ISFAHAN
CITTÀ DOVE STARE, O SEMPRE TORNARE,
PER RISOLVERE IL SENSO D’IRRISOLTO

Isabella Meloni Ranieri Meloni

Le Cicladi in famiglia
Due isole in due settimane,
passando da Atene. È la proposta
per visitare la Grecia in famiglia,
spostandosi in traghetto. Si passa
la prima settimana a Naxos, la più
grande delle Cicladi, contornata
da belle spiagge dai fondali bassi e
calette solitarie. E poi si fa un salto
nella più vivace Paros, dove vivere
qualche giornata mondana tra i
baretti della bianchissima Chora. Si

DA VENEZIA A ISFAHAN
finisce con due giorni nella capitale
Atene, per un po’ di cultura.
INFO CITTÀ DOVE STARE, O SEMPRE TORNARE, PER RISOLVERE IL SENSO D’IRRISOLTO
Webtours Tel. 071-202034; www.
webtours.it Pacchetto La Magia delle
Cicladi Speciale Famiglie: 16 giorni/
15 notti di cui 6 in b&b, 2 in hotel con
colazioni, 6 in appartamento, traghetti
a/r dall’Italia e interni. Da 2.970 €

L
a famiglia (2 adulti + 2 bambini fino a
14 anni + auto). In luglio e agosto.
a basilica di San Marco a Venezia e il mausoleo di Tamer-
lano a Samarcanda, il monastero di Santa Caterina nel
INGHILTERRA
Sinai e il Gran Bazar di Teheran, le suggestioni di Istanbul e
il magnifico isolamento di Santorini, la Piramide di Cheope
e la stele degli Immortali a Persepoli: sono solo alcune delle
meravigliose suggestioni evocate da questo volume, che rac-
coglie le testimonianze di viaggio di Isabella e Ranieri Meloni
riunendole in una sorta di racconto illustrato. Se è l’antica
Via della Seta l’ispiratrice del libro, la sua originalità sta nella
sapienza con cui i due autori hanno saputo far dialogare i di-
Il mare all’inglese pinti di Isabella e le fotografie di Ranieri, accompagnati dalle
Le scogliere a picco sul mare loro note di viaggio. Per dimostrare, in fondo, che Venezia e
dell’Isola di Wight, i pittoreschi Isfahan non sono così lontane. Presentazione di Salvo Bonnici.
paesini della Cornovaglia, le
antiche terme di Bath e le spiagge
selvagge con le curiose formazioni 128 pagine; formato cm 27,5 x 21; cartonato
geologiche della Jurassic Coast,
tra Exmouth e Studland Bay. Sono In vendita nelle librerie e nelle edicole a € 35,00
alcune delle bellezze naturali e Prezzo speciale per i nostri lettori a € 31,50
delle località che si visitano in
questo itinerario individuale per
scoprire l’Inghilterra più autentica, Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl,
lontano dai grandi centri urbani. corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale n. 71587083 intestato
INFO a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit;
Cocktail Viaggi Tel. 02-693361;
www.cocktailviaggi.it Pacchetto
4) Addebito su carta di credito (escluse le elettroniche e American Express).
Devon, Isola di Wight e Cornovaglia: Si prega di inviare l’attestazione del pagamento al fax 02 43313580 o all’indirizzo mail
8 giorni/7 notti in hotel e b&b con diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare
colazioni, un afternoon tea. Da 470 allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2019.
€ a persona, esclusi voli, auto a nolo
e traghetto per Wight. Fino al 30/11.

I libri Giorgio Mondadori • La bellezza della qualità


libri DI ELENA MAGNI

ILLUSTRATI
Il Tour de France e i 100 anni della maglia gialla
Questo è un libro sugli uomini che fecero la storia, quella del Tour de France, uno
degli eventi sportivi ciclistici più importanti e famosi al mondo. Se il primo Tour risale
al 1903, fu nel luglio 1919 che la maglia gialla fu indossata per la prima volta: per Enciclopedia del
Tour de France,
tre giorni la portò Eugène Christophe (1885-1970) e da allora è diventata il simbolo di Philippe Bouvet e
del primato e del Tour stesso. Tanti i protagonisti narrati in queste pagine, fitte di Frédérique Galametz,
ricordi, aneddoti, curiosità, corredati da tante foto che testimoniano la fatica, la illustrazioni di Greg,
volontà e lo spirito sportivo sulle strade di Francia (sopra: René Vietto sul Col de Rizzoli illustrati 2019,
l’Iseran nel 1939, nella tappa da Bonneval a Bourg-Saint-Maurice, in Savoia). 256 pagine, 29,90 €.

NARRATIVA
Misteri intorno a un fiordo norvegese
Norvegia: una casa isolata con giardino al limitare del bosco; davanti un fiordo,
incastonato tra pareti scoscese di roccia; un pontile con rimessa per la barca.
Intorno, solo natura e i suoi abitanti, molti uccelli e anche roditori. È qui che si
Il tribunale degli
rifugia la giovane Allis, in fuga dai suoi tormenti e dai suoi errori, assunta dal
uccelli,
quarantaquattrenne Sigurd Bagge, unico abitante della casa, per cucinargli i di Agnes Ravatn,
pasti, curare il giardino e provvedere alle faccende di casa. Poche righe e il thriller Marsilio 2019,
psicologico parte col suo carico di domande: cosa nasconde il bel tenebroso 160 pagine, 16 €
padrone di casa? dov’è finita la moglie? cos’è successo nel bosco e in mare? (eBook 9,99 €).

RACCONTI DI VIAGGIO
A piedi, in silenzio, da Bobbio a Santiago de Compostela
2.189 chilometri in 72 giorni, in silenzio, comunicando con gli altri solo per iscritto
e tramite un cartello in 5 lingue in cui si dichiara l’adozione del mutismo. Questa
la scelta inconsueta raccontata nel libro di Claudio Pelizzeni (1981), cresciuto a
Il silenzio dei miei
Piacenza, una laurea alla Bocconi, con all’attivo già un viaggio intorno al mondo
passi, di Claudio
senza aereo (si trova tutto nel libro L’orizzonte, ogni giorno, un po’ più in là, Sperling Pelizzeni, Sperling &
& Kupfer, e sul sito www.triptherapy.net). Per raggiungere la tomba dell’apostolo Kupfer 2019,
Giacomo l’autore è partito dall’Appennino piacentino, ha attraversato la Francia 259 pagine, 16,90 €
e il Nord della Spagna, lento e muto. Le parole le ha affidate, dopo, alla carta. (eBook 9,99 €).

TURISMO DEL VINO


Sapori, paesaggi, storia nella valle del Duero
A nord di Madrid, nella comunità autonoma della Castiglia e León, la Ribera del
Duero si estende per 115 chilometri sull’altopiano della Meseta e attraversa le Lo spettacolo
della Ribera. Vini
province di Valladolid, Burgos, Segovia e Soria. Una campagna trapuntata di
e volti della regione
vigneti con circa 300 cantine, le bodegas, una zona dove cresce soprattutto il del Duero,
vitigno a bacca nera Tempranillo e si produce il vino a Denominación de Origen (DO) di Mattia Barbotti,
Ribera del Duero. Il libro, con tante foto grandi a colori, è un invito al viaggio, alla Trenta editore 2018,
degustazione dei vini, alla scoperta dei numerosi luoghi sacri e storici della regione. 128 pagine, 22 €.

144 BELL’EUROPA
ILLUSTRATI
Notti magiche a caccia di stelle sulle Alpi
L’espressione “immagini mozzafiato” a volte è eccessiva, ma non per questo
libro di foto notturne del cielo visto dalle cime delle Alpi. La Via Lattea, la Luna, Le stagioni delle
le stelle cadenti sono immortalate dalle vette alpine dal fotografo Nicholas stelle, di Nicholas
Roemmelt,
Roemmelt, raccontate dallo scalatore e autore di guide Eugen E. Hüsler e spiegate Eugen E. Hüsler
dall’astrofisico Marco Barden. Dall’Eiger nelle Alpi bernesi al Rietzer Griesskogel e Marco Barden,
nello Stubai in Austria (sopra), dalle Dolomiti al Cervino, le notti limpide mostrano White Star-National
al meglio le meraviglie del firmamento nelle quattro stagioni. Non mancano Geographic 2018,
i consigli per realizzare foto notturne in quota e curiosità sulle tecniche usate. 192 pagine, 35 €.

GUIDE
Gusto e cultura: scoprire le città d’Europa in tre giorni
Chi, trovandosi a Parigi, non seguirebbe le indicazioni per soste di gusto fornite Weekend Slow Food
da Carlo Petrini, fondatore e presidente di Slow Food? Se poi la stessa autorevole L’Europa. Itinerari
voce fornisse anche suggerimenti di visita, di ospitalità e di negozi dove andare di gusto e cultura
per scoprire un’altra
a colpo sicuro tra prelibatezze di sapori e vini, il weekend nella capitale francese
Europa in tre giorni,
sarebbe perfetto. Ecco lo spirito di questa guida, che suggerisce 33 itinerari di a cura di Eugenio
gusto e di cultura per altrettante città di 25 Paesi europei (esclusa l’Italia, cui Signoroni, Slow Food
è dedicata un’altra guida). Oltre a Carlo Petrini, altri 29 autori confidano ai lettori le Editore 2019, 372
loro dritte per godersi al meglio tutte le più importanti città d’Europa. pagine, 19,90 €.

GUIDE
Andar per borghi in Costa Azzurra
Mentone, Nizza, Antibes, Cannes sono destinazioni turistiche arcinote, eppure...
Eppure questa guida riesce a far scoprire, sia delle città menzionate sia dei relativi
dintorni, cose, luoghi e panorami sorprendenti. Suggerendo itinerari e con la I borghi della Costa
Azzurra. Borghi
descrizione dell’ambiente, la narrazione di avvenimenti storici, la selezione delle cose
e cittadelle da
più importanti da vedere, il libro offre un ampio repertorio di luoghi da scoprire Menton a Cannes,
in Costa Azzurra. Soprattutto se ci si allontana dalla costa, è un pullulare di borghi, di Carlo Piccinelli,
alcuni con la propria rocca più o meno diruta, di chiesette in mezzo ai boschi, di Magenes 2018,
sentieri con vista mare e di stradine acciottolate tra antiche case di pietra. 187 pagine, 16 €.

GRAPHIC NOVEL/BAMBINI
A Parigi, alla ricerca del gatto smarrito
In una Parigi cosmopolita e multiculturale, la piccola Lola esplora i quartieri
alla ricerca del suo gatto che se l’è svignata da casa e adesso si aggira per le
vie. In questo album illustrato si dispiega la ricerca di Lola che, instancabile, va
da Montmartre a Barbès, perlustra il Passage des Panoramas, percorre rue des Dov’è il mio gatto?,
Archives, s’avventura sull’Île de la Cité, e a chiunque chiede se ha visto il suo gatto. di Camille Garoche,
Ogni pagina è una cartolina e il felino fuggiasco è da scoprire in ogni disegno Edizioni Curci 2019,
della città, una Parigi a colori a misura di bambino (e di gatto) tutta da scoprire. 29 pagine, 13,90 €.

BELL’EUROPA 145
CELEBRARE L’ARTE CONTEMPORANEA .
UN’OPERA LUNGA 20 ANNI.

2000 2001 2002 2003 2004

2005 2006 2007 2008 2009

2010 2011 2012 2013 2014

?
2015 2016 2017 2018 2019

Segui l’evento dell’arte contemporaneo dedicato ai venti migliori talenti.

Venti giovani promesse, selezionate dalla redazione di Arte, esporranno a novembre le loro opere
in una mostra imperdibile. Una nuova, prestigiosa edizione di un premio che non smette mai di crescere.

premiocairo #premiocairo
UN EVENTO MEDIA PARTNER
Agosto con

GRECIA

VIENNA
Un’estate golosa e all’aria aperta coi picnic gourmet
da gustare nei parchi, in barca o nei vigneti

Serifos, le Cicladi last minute: in traghetto da Atene


per scoprire la magia di un’isola che pochi conoscono

CERTIFICATO DI ABBONAMENTO A laBELL’EUROPA


Ad Amorgos, più orientale delle Cicladi, trekking
sui sentieri panoramici che portano alle spiagge
Sì, sottoscrivo un abbonamento alla rivista

Cedola fotocopiabile
e scelgo la seguente formula: ITALIA ESTERO
1. PER 1 ANNO (12 numeri) con sconto .................................................................................... € 34,00 € 73,00
2. PER 2 ANNI (24 numeri) con sconto ..................................................................................... € 64,00 € 120,00
Invio l’importo con:
Versamento sul c/c postale n. 43459346 intestato a Cairo Editore di cui allego ricevuta (indicare sul davanti la causale)
Carta di credito: Visa American Express Master Card N. Scadenza

Cognome ......................................................................................... Nome ...........................................................................................

Via ............................................................ N. ......... Cap ............... Città ........................................................................ Prov. ........

Telefono ............................................................................................... E-mail (facoltativo) ....................................................................

La sottoscrizione dell’abbonamento comporta l’iscrizione gratuita al Club degli termine di tale periodo i dati saranno cancellati.
Abbonati Cairo Editore. DIRITTI DELL’INTERESSATO
Ai sensi della vigente normativa, Lei ha il diritto di
INFORMAZIONI SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL REGOLAMENTO UE 2016/679. Accedere ai dati che la riguardano, chiedere la loro rettifica o la cancellazione, la limitazione del trattamento
La informiamo che i dati da Lei forniti saranno trattati da Cairo Editore in qualità di Titolare del trattamento per ottenendo riscontro dell’avvenuta applicazione delle richieste inoltre può esercitare la portabilità dei dati a un
effettuare il servizio di abbonamento indicato nel buono d’ordine e l’iscrizione al Club degli Abbonati (i “Servizi”) altro Titolare
Per ulteriori dettagli relativi al “Club degli abbonati” si rinvia al regolamento disponibile all’indirizzo www. Opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per invio di materiale pubblicitario e ricerche di mercato, e ha
cairoeditore.it/club il diritto proporre reclamo all’Autorità Garante all’indirizzo garante@gpdp.it
Cairo Editore provvederà alla gestione dell’ordine al fine di inviarLe la/e rivista/e alle condizioni precisate Per l’esercizio dei diritti sopraccitati può rivolgersi al Data Protection Officer DPO@cairoeditore.it c/o Cairo
nel buono d’ordine e i dati personali forniti verranno registrati e conservati su supporti elettronici protetti e Editore S.p.A. C.so Magenta 55, 20123 Milano
trattati con adeguate misure di sicurezza anche associandoli e integrandoli con altri DataBase.
Il conferimento dei dati anagrafici e l’indirizzo postale sono necessari per attivare i Servizi, il mancato con- Con l’invio del buono d’ordine, dichiaro di essere maggiorenne, dichiaro di avere letto le informazioni sul trat-
ferimento dei restanti dati non pregiudica il diritto all’abbonamento. tamento dei dati personali ai sensi del regolamento UE 2016/679 qui riportate e dichiaro di essere informato
I dati non saranno diffusi ma potranno essere comunicati, sempre per le predette finalità, a società che sul trattamento di tali dati, sul tempo di conservazione e sui miei diritti.
svolgono per conto di Cairo Editore compiti di natura tecnica od organizzativa strumentali alla fornitura dei
Servizi, l’elenco aggiornato dei Responsabili del Trattamento dati di cui alla presente informativa è disponi- Data............................ ......... X
Firma...........................................
bile, a richiesta presso il Titolare del trattamento. (obbligatoria)
I dati, solo con il Suo consenso esplicito saranno trattati per l’invio di informazioni sui prodotti e sulle iniziative
promozionali di Cairo Editore e per effettuare analisi statistiche, indagini di mercato. Autorizzo Cairo Editore S.p.A. al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante
Inoltre, con il Suo consenso esplicito, tali dati potranno essere forniti ad aziende terze operanti nei settori edi- posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, a effettuare analisi statistiche e sondaggi d’opinione.
toriale, finanziario, assicurativo automobilistico, energetico, largo consumo, organizzazioni umanitarie e bene-
fiche le quali potranno contattarla come Titolari di autonome iniziative - l’elenco aggiornato è a Sua disposizio- Si No
ne e può essere richiesto al Responsabile del trattamento all’indirizzo privacy.abbonamenti@cairoeditore.it
TEMPO DI CONSERVAZIONE DEI DATI Autorizzo Cairo Editore S.p.A. alla comunicazione dei miei dati a terzi per ricevere informazioni promozionali
I dati da Lei conferiti saranno trattati e conservati per tutta la durata di esecuzione dei Servizi (ovvero sino mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, a effettuare analisi statistiche e sondaggi d’opinione.
alla scadenza dell’abbonamento o, alternativamente, alla richiesta di cancellazione dal Club degli Abbona-
ti) e per 12 i mesi successivi per il completamento delle attività amministrative e contabili dei Servizi. Al Si No

Per sottoscrivere l’abbonamento a Bell’Europa, inviare questo tagliando in busta chiusa a: Cairo Editore S.p.A. - Servizio Abbonamenti - corso
Magenta 55 - 20123 Milano. Per gli ordini con carta di credito, si può inviare un fax al n. 02/460869 o una mail a abbonamenti@cairoeditore.it

Abbonamenti via Internet: www.miabbono.com/belleuropa


24 ore a Helsinki con...
Cino Zucchi A CURA DI ELENA MAGNI

Architetto milanese, classe 1955, Cino Zucchi è professore di Composizione


architettonica e urbana al Politecnico di Milano. Ha insegnato anche
ad Harvard, Firenze, Zurigo e Madrid. Col suo studio, Cino Zucchi Architetti
(www.zucchiarchitetti.com), ha progettato, in Italia e all’estero, molti edifici,
residenziali e commerciali, e spazi pubblici ricevendo numerosi premi.
A Helsinki, città che conosce bene, ha realizzato il master plan per l’area
di Keski-Pasila, a pochi chilometri dal centro.

Cosa le piace di questa città?


Il suo carattere di “piccola capitale” nordica, una versione scalata e
informale delle sorelle maggiori Copenaghen, Oslo e Stoccolma, dove il
“classicismo scandinavo” (foto 3) prende toni formali difficilmente definibili.
Che cosa non si può non vedere la prima volta che la si visita?
Bisogna anzitutto passeggiare nel quadrilatero del centro, a nord del 1
grande asse verde dell’Esplanadi, dove ogni isolato dal 1812 ha il nome
di un animale. Poi la Temppeliaukion kirkko, l’incredibile chiesa scavata
in un blocco di granito e coperta da una grande cupola in cemento nella
piazza principale del quartiere di Töölö, con intorno belle case borghesi.
Cosa c’è da scoprire per chi ci ritorna?
Qualche nuovo intervento della città che cambia: a nord, la recente
riforma della mitica fabbrica di ceramiche Arabia con le strutture
universitarie della UIAH, l’incubatore di imprese hi-tech e i nuovi
quartieri residenziali aperti sull’acqua; a ovest, il ridisegno dei
dockland di Ruoholahti con gli uffici Nokia; e per finire la Kupla, la
“bolla”, il piccolo belvedere a forma di spugna tutto in legno lamellare 2
dell’architetto Ville Hara nello zoo sull’isola Korkeasaari, dal quale si
INFO Erottajankatu 1; www.
può godere il tramonto sulla città al di là dell’insenatura. Temppeliaukion kirkko johannagullichsen.com
Dove inizia la sua giornata? (foto 1) Lutherinkatu 3; Vanha kauppahalli
La colazione all’hotel Vaakuna, dall’atrio in clima “guerra fredda” disegnato www.temppeliaukionkirkko.fi Eteläranta; vanhakauppahalli.fi
in ogni minimo dettaglio. Poi un giro di shopping che comincia da Artek, Orario: lun.-mar. e gio.-ven. Kiasma Mannerheiminaukio
9.30-18, mer. 9.30-20, sab.- 2; kiasma.fi Orario: mar. e sab.
mecca storica del design scandinavo, quindi nel negozio di raffinati tessuti
dom. 12-18. Ingresso: 3 €. 10-18, mer.-ven. 10-20.30,
fatti a mano di Johanna Gullichsen, infine verso la stazione per comprare Kupla (foto 2) Korkeasaari dom. 10-17. Ingresso: 15 €.
negli stretti passages le magliette con i nomi in cirillico dei quartieri Zoo, Mustikkamaanpolku 12; Alvar Aalto House Riihitie 20;
periferici di Helsinki e le coloratissime giacche marinare di tela waterproof. www.korkeasaari.fi Orario: www.alvaraalto.fi Visite
Un consiglio per il pranzo? lug.-ago. 10-20. Ingresso: 16 €. guidate su prenotazione: 20 €.
Hotel Vaakuna Asema-Aukio Lappi Ravintola Annankatu
Il delizioso vecchio mercato sul porto, Vanha kauppahalli, con i banchi 2, tel. 00358-(0)20-1234610; 22; lappires.com
istoriati in legno, dove sono ottime le tartine di uova di pesce e gamberi; ma www.sokoshotels.fi Doppia Ravintola Lasipalatsi
poi tocca provare (più per dovere di conoscenza) l’orribile liquirizia salata. con colazione da 136 €. Mannerheimintie 22-24;
Una mostra, un museo, un luogo dove trascorrere il pomeriggio? Artek Helsinki Keskuskatu www.ravintolalasipalatsi.fi
1B; www.artek.fi Zetor Mannerheimintie 3-5;
Il museo di arte contemporanea Kiasma disegnato da Steven Holl, unica
Johanna Gullichsen www.raflaamo.fi
trasgressione “organica” nell’ordinata scacchiera del centro. Poi un taxi
per andare alla casa-studio del celebre architetto Alvar Aalto, dove si 3
può avere la fortuna di essere invitati a fumare un sigaro della marca
preferita dal maestro sprofondati nella sua poltrona.
Un consiglio per la cena?
Se piace la cucina lappone (lingua di renna salmistrata e stufato di
carne d’orso) si può cenare nel turistico ma genuino ristorante Lappi
Ravintola; se si vuole un ambiente funkis (l’architettura bianca del
funzionalismo nordico) è carino il Ravintola Lasipalatsi.
Dove vivere la notte?
Una birra nel popolare Zetor, con trattori e pezzi di latta, poi a ballare in
uno dei tanti club del centro dove imperversa la musica punk più urlata.

148 BELL’EUROPA
Allegato al N. 315 di BELL’EUROPA

ESTONIA, LETTONIA E LITUANIA


UN ITINERARIO PER SCOPRIRE
TRE NAZIONI IN
UN SOLO VIAGGIO
TALLINN
LA CAPITALE ESTONE TRA
MEDIOEVO E TECNOLOGIA
RIGA
L’ART NOUVEAU
E I QUARTIERI HIPSTER
VILNIUS
VIAGGIO NELLA STORIA
DELLA LITUANIA FRA
CASTELLI E MONASTERI
COSTA BALTICA
SPIAGGE INFINITE, DUNE
E VILLAGGI DI PESCATORI
Poste Italiane Spa - Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 art.1, comma 1, DCB Milano

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI


Sommario

2 INFORMAZIONI DIRETTORE RESPONSABILE


Emanuela Rosa-Clot
emanuelarosaclot@cairoeditore.it

4 ITINERARI PAESI BALTICI RESPONSABILE UFFICIO CENTRALE


Tutti i Baltici in un viaggio Elisabetta Planca Caporedattore
elisabettaplanca@cairoeditore.it
Palazzi, parchi, spiagge: il meglio
di Estonia, Lettonia e Lituania PROGETTO GRAFICO E CONSULENZA CREATIVA
Silvia Garofoli www.silviagarofoli.com

20 CAPITALI ESTONIA FASCICOLO SPECIALE A CURA DI


Tra Medioevo e hi-tech Giovanni Mariotti giovannimariotti@cairoeditore.it
Le tante anime di Tallinn, dal Elisabetta Planca elisabettaplanca@cairoeditore.it
centro storico alle periferie creative
PHOTO EDITOR
Milena Mentasti milenamentasti@cairoeditore.it
30 CAPITALI LETTONIA RICERCA ICONOGRAFICA
Mara Carniti maracarniti@cairoeditore.it
Lo stile di Riga tra ieri e oggi
ART DIRECTOR
La città vecchia, le architetture Art Simona Restelli simonarestelli@cairoeditore.it
Nouveau e la strada degli hipster IMPAGINAZIONE
Isabella di Lernia isabelladilernia@cairoeditore.it

40 ITINERARI LITUANIA
HANNO COLLABORATO A QUESTO SPECIALE
allegato al n. 315 di Bell’Europa
Viaggio nella storia TESTI
Da Vilnius a Kaunas, 100 chilometri Terry Catturini, Luisella Colombo, Andrea Forlani, Elena Magni,
Giovanni Mariotti, Claudia Sugliano
nell’arte e nella cultura del Paese
REDAZIONE TESTI
IceiGeo
50 MARE LITUANIA CARTINE
Davide Bassoli
Dune e foreste, il Baltico inatteso
Passeggiate nei paesaggi lunari EDITORIALE GIORGIO MONDADORI
della Penisola Curlandese divisione di

58 SHOPPING

PRESIDENTE
62 EVENTI URBANO CAIRO
DIRETTORE GENERALE
Giuseppe Ferrauto
64 LA LETTURA CONSIGLIERI
Andrea Biavardi, Alberto Braggio, Giuseppe Cairo, Ugo
Carenini, Giuliano Cesari, Giuseppe Ferrauto, Uberto Fornara,
Marco Pompignoli, Mauro Sala
CAIRO EDITORE S.P.A.
DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:
corso Magenta 55, 20123 Milano, tel. 02 433131, fax 02
43313927,
www.cairoeditore.it (e-mail: belleuropa@cairoeditore.it)
ABBONAMENTI: tel. 02 43313468, orario 9/13, da lunedì a
venerdì abbonamenti@cairoeditore.it
UFFICIO DIFFUSIONE: tel. 02 43313333, e-mail: diffusione@
In copertina Piazza Raˉ tslaukums cairoeditore.it
a Riga con la Casa delle Teste Nere ARRETRATI: tel. 02 43313410-517, fax 02 43313580
(foto Hemis/AWL Images)
STAMPATORE: Arti Grafiche Boccia S.p.A., via Tiberio
Le immagini di questo numero: Itinerario Claudio Felice 7, 84131 Salerno (SA).
Paesi Baltici: Alamy Stock Photos (pp. 4-5, 8-9), DISTRIBUZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO:
Contrasto (pp. 10, 11, 16), V. Martegani (pp. 12- SO.DI.P. “Angelo Patuzzi” S.p.A., via Bettola 18, 20092
13), GettyImages (pp. 14-15), Anu Vathra Cinisello Balsamo (Milano).
(p. 15), © University of Tartu (p. 17); Tallinn: Salto
Architects (p. 25); Info Riga: A. Forlani (p. 39);
Mare Lituania: Contrasto (pp. 50-51, 52, 53,
54, 55), G. Motta (p. 55), Alamy Stock Photos
(p. 56); Shopping: Alamy Stock Photos (pp. 58, Accertamento diffusione: Certificato n. 2757 del 14.12.94 -
Periodico associato alla FIEG (Federaz. Ital. Editori Giornali)
59, 60), AWL Images (p. 59), V. Jegorov (p. 60);
Eventi: D. Uˉ lands (p. 62), matasgineika.it (p. 62),
Copyright 2019. Cairo Editore S.p.A. Tutti i diritti riservati. Testi, fotografie
L. Kodis (p. 63).
e disegni contenuti in questo numero non possono essere riprodotti,
neppure parzialmente, senza l’autorizzazione dell’Editore.
Pubblicazione mensile registrata presso il tribunale di Milano il 14/11/92,
n. 609. Una copia 4,00 euro. Copie arretrate 8,00 euro.

Testi e fotografie non richiesti non vengono restituiti


instax.fujifilm.it FujifilmInstaxItalia InstaxItalia
L L’incanto delle dune mobili disegnate dal vento in riva al Mar
Baltico, che stregarono Thomas Mann, che qui veniva a passare
l’estate. Il centro storico medievale di Tallinn, dai profili fiabeschi,
come quello di Riga, città dove l’Art Nouveau ha lasciato la sua
eredità più ricca. E poi Vilnius, con le sue chiese, ideale punto di
partenza per un viaggio nella storia lituana, fra castelli e monasteri.
Estonia, Lettonia e Lituania sono tre Paesi che si visitano in un
viaggio solo, accomunati dal loro essere un piccolo mondo a sé,
storico cuscinetto fra la Penisola scandinava e la Russia sterminata.
Avamposto d’Europa, che dopo la disgregazione dell’Unione Sovietica
con l’indipendenza ha ritrovato uno slancio culturale ed economico
che ha meritato ai tre Paesi il nome di “tigri baltiche”. Li presentiamo
in questo speciale, con il suggerimento di un itinerario che consente
di scoprire ciò che li lega ma anche ciò che li rende unici.
La duna di Agilos Kopa nella
Riserva Naturale di Nagliai, sulla
Penisola Curlandese, in Lituania.

Informazioni
A CURA DI ICEIGEO

Come arrivare e da Wizzair a Malpensa (da 71 €). Quello anche a Vilnius (da 53 €) e all’aeroporto di
di Kaunas (www.kaunas-airport.lt) è servito Palanga (www.palanga-airport.lt, da 71 €),
In Estonia l’aeroporto di Tallinn (www.tallinn- da Ryanair da Bologna (da 69 €), Malpensa comodo per raggiungere la costa lituana.
airport.ee) è servito da voli diretti di Ryanair (da 58 €), Napoli e Rimini (da 98 €, solo nei
(tel. 895-5895509; www.ryanair.com) da mesi estivi). In treno Non c’è un vero sistema ferroviario
Bergamo Orio al Serio (a partire da 135 € a/r integrato tra gli Stati baltici, e questo rende
tasse incluse) e di easyJet (tel. 199-201840; Come muoversi più difficoltoso un eventuale viaggio in treno.
www.easyjet.com) da Milano Malpensa Le ferrovie possono essere interessanti
(da 110 €, tratta sospesa in luglio e agosto). In auto Le tre nazioni baltiche sono per spostamenti interni: per esempio, con le
In Lettonia l’aeroporto di Riga (www. interconnesse dall’autostrada E67, che Ferrovie Lituane (www.litrail.lt) da Vilnius si
riga-airport.com) è servito da voli diretti di collega Tallinn a Kaunas passando per Riga. raggiungono Trakai in poco più di mezz’ora
Ryanair da Orio al Serio (da 88 €), A Kaunas si può prendere la E85 verso est (1,80 €) e Klaipėda in 4 ore (14 €).
di Wizzair (tel. 895-8954416; wizzair.com) per raggiungere la capitale Vilnius o verso
da Bari (da 49 €) e di Air Baltic (www. ovest per arrivare a Klaipėda e sulla costa.
airbaltic.com) da Milano Malpensa, Roma
Fiumicino (da 151 €), Venezia (da 128 €) In bus L’autobus è il mezzo più efficiente
e Catania (da 148 €). per viaggiare tra Estonia, Lettonia e Lituania.
La Lituania ha due aeroporti. Quello di Con Lux Express (www.luxexpress.eu)
Vilnius (www.vilnius-airport.lt) è collegato collegamenti tra Tallinn e Riga (4,30 ore, da
da Ryanair a Orio al Serio (da 89 €), Roma 19 €), Riga e Vilnius (4 ore, 16 €) e Riga e
Ciampino (da 104 €) e Treviso (da 58 €) Kaunas (3,40 ore, da 20 €). Stesse tratte
a condizioni simili anche con Ecolines
(ecolines.net). La tratta da Vilnius a Kaunas
è servita da Toks (toks.lt): 90 minuti di
viaggio, 6,60 €.

In aereo Un’ottima soluzione per spostarsi


INFO tra le capitali baltiche sono i voli della
www.visitestonia.com compagnia lettone Air Baltic. Da Tallinn è
www.latvia.travel possibile raggiungere Riga (da 28 €, sola
www.lithuania.travel andata) e Vilnius (da 32 €); Riga è collegata

2 BELL’EUROPA
ITINERARI | PAESI BALTICI

Tutti i Baltici
in un viaggio
Città, spiagge, parchi nazionali, castelli e nobili dimore di campagna.
In un unico itinerario, un assaggio dei luoghi da non perdere del ricco
patrimonio storico-naturalistico di Lituania, Lettonia ed Estonia. Con la
possibilità di una toccata e fuga anche a Helsinki, in Finlandia
TESTI GIOVANNI MARIOTTI
La spiaggia di Majori,
a Jūrmala, in Lettonia.
Alle porte di Riga,
è una delle località
balneari più frequentate
del Mar Baltico.

BELL’EUROPA 5
ITINERARI | PAESI BALTICI

L
Lituania, Lettonia ed Estonia, i
tre Paesi Baltici, hanno tutte le
qualità per essere considerati tra
le mete turistiche più importanti
dell’Europa. Non mancano le
bellezze delle città, dei monumenti
artistici e della natura; cresce il
livello delle strutture ricettive,
sempre più aggiornate agli standard
occidentali e sempre più diversificate
La Lituania nella rete Interrail
Una storia comune che ha una
ricaduta “naturale” nei viaggi: viene
spontaneo, infatti, visitare questi
Paesi tutti assieme, anche per la loro
vicinanza e per la loro dimensione
ridotta: in totale si estendono su una
superficie che equivale a poco più
della metà dell’Italia. Chi si muove
sul posto per conto proprio può
ricostruito e riaperto nel 2009:
il simbolo di quello che nel XV
secolo fu uno degli Stati più grandi
d’Europa, il granducato di Lituania,
che si estendeva dal Baltico al Mar
Nero. Dal palazzo bastano pochi
minuti a piedi per godere della più
bella vista sulla città, dalla cima della
Collina delle Tre Croci. Se, invece,
ci si inoltra nel parco comunale,
nell’offerta, dalla semplice guest approfittare della rete di bus, senza il Vingio Parkas, si può vedere
house al resort di lusso. Ma si viene dimenticare l’opzione ferroviaria: anche l’arena in cui, ogni quattro
qui anche per la curiosità di toccare proprio dall’inizio del 2019 la anni, si tiene il gigantesco festival
con mano la veloce evoluzione Lituania è entrata a far parte del all’aperto della canzone nazionale,
compiuta negli ultimi trent’anni da circuito Interrail, una motivazione in che richiama 35mila artisti, fra
queste tre nazioni: “tigri baltiche” più per una vacanza in treno, cantanti, danzatori e musicisti. La
sono state soprannominate per la sempre più cercata da chi è attento prossima edizione sarà nel 2022. È
loro crescita economica e sociale. ai viaggi a bassa produzione di un genere di manifestazione che
emissioni nocive. accomuna i tre Paesi: ha, infatti, le
La regione di EstLaLia sue versioni lettone ed estone. Tutte
In una posizione “cuscinetto” fra Vilnius, la partenza e tre sono riconosciute dall’Unesco
l’Europa continentale e la Russia, Quello che proponiamo in queste come Patrimonio immateriale: una
Lituania, Lettonia ed Estonia pagine è solo un “assaggio”, tradizione forse unica al mondo,
hanno una storia moderna comune. inevitabilmente parziale, della che supera il carattere folcloristico
Qualcuno ha coniato anche la sigla ricchezza del patrimonio storico- per diventare un evento-luogo che
EstLaLia, per identificarle come una naturalistico. Un’idea per abbracciare abbraccia una comunità intera.
confederazione. Un po’ come Benelux in un’unica vacanza le “icone” dei Vilnius, come tutte le metropoli
per Belgio, Olanda e Lussemburgo. tre Paesi Baltici. Viene facile partire europee, ha anche un volto
Tutte sono state segnate dal dominio da uno dei “capolinea”, in questo moderno, con i grattacieli che
straniero per secoli: di volta in volta caso quello meridionale: Vilnius, spuntano al di là del fiume-canale
polacco, svedese, tedesco o russo. Solo capitale della Lituania (vedere servizio Neris e con il nuovissimo MO,
nel 1918, cento anni fa, raggiunsero a pagina 40), collegata all’Italia da museo d’arte contemporanea
l’indipendenza. Per perderla di voli diretti. È la città verde-rosso. disegnato da Daniel Libeskind, un
nuovo durante la Seconda guerra Non sono i colori di un’alleanza segno dei tempi: si cerca nell’icona
mondiale e riconquistarla dopo la politica, ma quelli di viali alberati, dell’archistar il nuovo “logo” da
caduta del Muro e il disfacimento parchi e giardini che penetrano spendere a livello internazionale.
dell’Unione Sovietica. Un’eredità che nel tessuto urbano caratterizzato Prima di abbandonare la città c’è
ancora si fa sentire nella presenza dai tetti delle case rossi come il ancora una cosa da fare: passeggiare
di minoranze russe, ma soprattutto fuoco. Il cuore è l’ampia piazza tra le vie ortogonali del quartiere di
nel sentimento d’indipendenza dove svettano la cattedrale-basilica Žvėrynas, una sorta di città-giardino
sottolineato dai musei dedicati al d’impianto neoclassico, il solitario dall’atmosfera rétro. È qui che si
periodo dell’occupazione nazista e campanile e, soprattutto, il Palazzo concentra una buona parte di case
sovietica (vedere a pagina 15). dei Granduchi, completamente in legno costruite tra la fine del

6 BELL’EUROPA
Un momento della
rievocazione storica della vita
medievale che si svolge al
castello della città di Cēsis, in
Lettonia. Non lontano da Riga,
la località si trova all’interno
del Parco Nazionale di Gauja
ed è uno dei punti di partenza
per escursioni a piedi.

XIX e gli inizi del XX secolo. Una dall’Istituto geografico nazionale riconosciuta anche dall’Unesco,
straordinaria eredità architettonica, francese. A segnare il punto cruciale, che l’ha inserita nel Patrimonio
comune a tutta l’area baltica. una colonna di granito su una grande immateriale dell’umanità,
rosa dei venti disegnata a terra. E proteggendo anche i piccoli altari,
Il parco di sculture per vincere l’eventuale scetticismo spesso decorati, posizionati ai bordi
Il verde è una costante anche se degli amici, quando si torna a casa, si delle strade, all’ingresso dei villaggi,
si esce da Vilnius. Boschi, campi potrà mostrare loro il certificato che vicino ai monumenti e nei cimiteri.
e una campagna semidisabitata si acquista al centro visitatori.
accompagnano il viaggiatore in Rundāle, la Versailles lettone
ogni angolo di questo piccolo La Collina delle Croci Da qui ci si può muovere
Paese. Difficile dare una priorità Imperdibile anche l’esperienza velocemente verso Klaipėda e il
alle cose da vedere. Certamente di Kryžiu˛ Kalnas, la Collina delle mare (vedere a pagina 50) e risalire
il castello di Trakai, 30 minuti di Croci. Nei pressi della città di verso la Lettonia. Oppure proseguire
bus dalla capitale, è uno dei gioielli Šiauliai, è luogo di pellegrinaggio verso nord, superare la frontiera
imperdibili, soprattutto per la e la più eclatante esibizione della segnata da una piccola palazzina di
sua posizione sull’acqua (vedere a fede cattolica di queste parti, mai guardia, percorrere per un breve
pagina 40). Ma nelle vicinanze di assopita. Un luogo che ha superato tratto la A8, dove il traffico non
Vilnius c’è anche Europos Parkas, anche il regime sovietico, divenendo è uno dei problemi più urgenti,
un parco di sculture all’aperto così un simbolo della resistenza. Qui per svoltare a destra verso Bauska
anche di autori importanti, come sono piantate migliaia di croci. Una prendendo una strada secondaria
Dennis Oppenheim, Magdalena storia le cui origini non sono chiare. che passa tra i campi. Il paesaggio è
Abakanowicz, Sol LeWitt. Questa collina, dove fino alla metà piatto e abbastanza anonimo. Tanto
Nel 2017 il quotidiano britannico del Trecento sorgeva un castello, fu più sorprendente, dunque, risulterà
The Telegraph lo ha selezionato il luogo prescelto dalla popolazione che la meta di questa deviazione è la
come uno dei motivi più importanti locale per onorare le vittime delle Versailles lettone, forse la residenza
per venire in Lituania. repressioni zariste del 1831 e 1863. più bella dei tre Paesi Baltici: il
La montagna fiorì durante le due Palazzo di Runda-le (Pilsrundale),
Il centro dell’Europa guerre. Sotto il regime sovietico fu nobile costruzione della prima
Una dozzina di chilometri a nord di distrutta, così come la strada per metà del Settecento, su progetto di
Europos Parkas, sulla A14, ci si trova arrivarci. Ma la popolazione non Rastrelli, circondata da un giardino
a Purnuškės, località anonima – in si arrese ed eresse le croci in una alla francese di grande eleganza
mezzo a campi e boschi, ovviamente notte. Nel 1993 fu visitata da papa (vedere a pagina 12).
– se non fosse che è, letteralmente, il Giovanni Paolo II, un evento storico
cuore geografico dell’Europa. Molte che la fece conoscere al mondo L’eleganza di Riga
località europee reclamano lo stesso intero. Le croci sono lavorate a Da qui si giunge a Riga, la capitale
titolo, ma questo è stato “certificato” mano: una tradizione artigianale della Lettonia (vedere a pagina >

Dopo l’indipendenza dall’Urss le tre nazioni hanno vissuto


un boom economico. Così il mondo ha conosciuto le tigri baltiche
BELL’EUROPA 7
ITINERARI | PAESI BALTICI

Veduta aerea delle anse


del fiume Merkys, in
Lituania. Parte del suo
corso attraversa il Parco
Nazionale di Dzuˉ kija, al
confine con la Bielorussia.

8 BELL’EUROPA
Una vacanza sostenibile grazie a 14 parchi nazionali
Nei Paesi Baltici ci sono 14 parchi diversi centri visita. La RMK è attiva Paese oltre 150 sentieri educativi, ovvero
nazionali (poco più del 3 per cento anche nel ripristino degli habitat brevi percorsi su passerelle in legno che
della superficie complessiva delle naturali: dal 2015 a oggi sono stati aiutano a conoscere da vicino la flora e
tre nazioni), oltre a diverse riserve recuperati 7.200 ettari di natura. In la fauna di alcuni degli angoli più belli
naturali. Tutte aree che si prestano a Estonia è nato anche il più recente della nazione. Per esempio la palude di
essere vissute attraverso sentieri e parco nazionale dei tre Paesi Baltici, Čepkeliai, la più grande in Lituania, nel
attività all’aria aperta e che fanno dei quello di Alutaguse, istituito alla fine Parco Nazionale di Dzūkija.
Paesi Baltici una meta prediletta del del 2018. E per regalarsi un’emozione mozzafiato,
turismo sostenibile. Non a caso negli La Lettonia ha quasi il 4 per cento del si può salire sulla scala a chiocciola della
indici di performance ambientale (EPI) territorio nazionale coperto da acque torre panoramica di Mindūnai, alta 36
superano senza problemi la sufficienza. interne e 498 km di costa: anche per metri, del Parco Regionale di Labanoras
L’Estonia vanta tre lunghi percorsi questa ragione ha il più alto numero di (75 km a nord di Vilnius): saliti i 214
escursionistici di 375, 614 e 820 km, Bandiere Blu fra le tre nazioni, ben 23 gradini, si potrà godere della vista sulla
l’ultimo dei quali aperto nel 2018, che siti premiati. Ma conta anche il parco più vasta foresta del Paese.
permettono di attraversare l’intero Paese nazionale più ampio fra le tre nazioni
da Nord a Sud, da Est a Ovest. Sono baltiche: quello di Gauja (60 km a INFO
presentati sul sito della RMK-Riigimetsa nordest di Riga): supera i 900 kmq ed RMK www.rmk.ee; loodusegakoos.ee
Majandamise Keskus (la società forestale è attraversato dall’omonimo fiume, il Parco Nazionale di Gauja
dello Stato), molto dettagliato, in cui si più lungo del Paese, 452 km, che è www.entergauja.com
possono rintracciare tutte le possibilità possibile navigare con le canoe delle Parco Nazionale di Dzuˉ kija
per chi ama camminare: c’è persino un diverse società di noleggio della zona. www.cepkeliai-dzukija.lt
passaporto, il Matkateelise Pass, che Il parco offre anche 150 km di sentieri. Torre panoramica di Mindūnai
permette di avere alcuni vantaggi nei La Lituania ha allestito in tutto il www.infomoletai.lt

BELL’EUROPA 9
ITINERARI | PAESI BALTICI

10 BELL’EUROPA
Nella foto. All’Europos
Parkas, LNK Infomedis,
l’installazione realizzata nel
2000 dal lituano Gintaras
Karosas, l’ideatore di
questo parco di sculture
all’aperto vicino a Vilnius.
Sopra. A Jūrmala, negozi
lungo la via Jomas.
Pagina accanto, dall’alto.
La Collina delle Croci, alle
porte della città lituana
di Šiauliai; sulla collina
di Toompea, a Tallinn,
parte delle mura e le
cupole a cipolla della
Cattedrale ortodossa di
Aleksandr Nevskij.
Tra manieri e castelli, la gemma è il Palazzo di Rundaˉ le
C’è un modello architettonico che cultura lituana 2019. Il suo palazzo medievale. Per chi si muove in famiglia,
caratterizza i Paesi Baltici: è la residenza ospita un importante museo regionale, tappa obbligata è il castello di Cēsis,
di campagna, tradotta in inglese che conta 80mila pezzi, tra cui una in Lettonia, dove numerose comparse
come Manor house. Ce ne sono a collezione di antiche statue lignee di fanno rivivere la vita quotidiana dal
migliaia (soprattutto in Estonia), spesso carattere devozionale. Medioevo al XIX secolo.
aperte al pubblico perché trasformate Il Palazzo di Rundaˉ le è la Versailles
in musei, alberghi, ristoranti. Una della Lettonia: progettato nel Settecento, INFO
soluzione abitativa che ha origine nel era la sede dei duchi di Curlandia. www.visitbalticmanors.com
Medioevo e che si sviluppa fino al primo Oggi la proprietà si estende su 85 Manieri estoni www.mois.ee
Novecento, con un vero e proprio boom ettari. Si visitano gli appartamenti Museo Rokiškis Tyzenhauzu˛ al. 5,
nella seconda metà del Settecento. perfettamente restaurati, il roseto e Rokiškis; www.muziejusrokiskyje.lt
Hanno dimensioni e forme disparate, l’ampio giardino alla francese. Orario: 10-18, chiuso lun. Ingresso: 3 €.
si va dal cottage al castello neogotico, Un’altra tipicità architettonica dell’area Palazzo di Rundāle Info a pag. 17
dalla residenza neoclassica al vasto baltica è il castello. La novità viene da Castello di Haapsalu Lossiplats 3,
complesso agricolo di cui fa parte Haapsalu, una delle fortezze meglio Haapsalu; www.salm.ee Orario: 10-18.
anche la chiesa. Immancabile il parco di conservate in Estonia: l’antica residenza Ingresso: 12 €.
contorno. Oggi sono centri vivaci della del principe-vescovo locale, con mura Castello di Cēsis cesupils.lv Orario: 10-18.
vita locale, come quello della città di difensive e la cattedrale, il 29 giugno ha Ingresso: 8 €. Biglietto per le rievocazioni
Rokiškis, in Lituania, capitale della aperto il rinnovato museo sulla storia storiche: da 6 € a testa.
ITINERARI | PAESI BALTICI

Il Palazzo di Rundāle, con


il roseto in primo piano.
Questa residenza lettone
al suo interno presenta
una raccolta di arti
applicate dal periodo
gotico all’Art Nouveau.

BELL’EUROPA 13
Tallinn-Helsinki, andata e ritorno in giornata con il traghetto
Quando si è a Tallinn, la capitale le moderne costruzioni come il museo INFO
dell’Estonia, si può fare una piccola Kiasma, l’auditorium Musikkitalo e la Helsinki www.myhelsinki.fi
espatriata di un giorno a Helsinki, la recentissima biblioteca centrale Oodi, Tallink Silja www.tallinksilja.com
capitale finlandese. Il viaggio andata e inaugurata alla fine dello scorso anno. Da 25 € a tratta.
ritorno è possibile grazie alla vicinanza Ma questa puntata finlandese non è Eckerö Line www.eckeroline.com
delle due città, separate dal breve soltanto una curiosità turistica. Da 25 € a/r.
tratto del Golfo di Finlandia, 55 miglia, È anche un modo per comprendere Viking Line www.vikingline.com
circa 100 km. Il viaggio andata/ritorno meglio l’anima di Tallinn, da sempre Da 25 € a tratta.
è assicurato dalle compagnie di orientata verso Helsinki, tanto che si Rail Baltica www.railbaltica.org
navigazione Tallink Silja, Eckerö Line parla di Talsinki per sottolineare gli
e Viking Line. Il tempo di percorrenza stretti rapporti commerciali, industriali
è di due ore, si parte alla mattina presto e culturali (le due lingue, finlandese ed
e si ritorna in tarda serata. C’è tutto il estone, hanno la stessa origine) fra le
tempo per vedere i luoghi più importanti due città. Che in futuro potrebbero anche
di Helsinki, anche perché il centro è essere unite dal tunnel sotterraneo
facilmente raggiungibile dal porto con più lungo del mondo, per ora solo un
tram e bus. Helsinki è una delle città progetto di Rail Baltica, la rete ferroviaria
europee più importanti per l’architettura che vorrebbe “agganciare” le tre
contemporanea, con gli edifici di Alvar capitali baltiche Vilnius, Riga e Tallinn a
Aalto, la Design Week (dal 5 al 15/9) e Berlino e al Benelux.

Nella foto. Una veduta aerea di Kaartinkaupunki, quartiere di Helsinki.


A destra. Una nave della compagnia Tallink Silja, che opera fra i porti di
Tallinn e della capitale finlandese.

14 BELL’EUROPA
I musei sull’occupazione sovietica
Dopo l’indipendenza ottenuta provvisorio della Repubblica
nel 1991 i Paesi Baltici hanno estone, si visitano le stanze
aperto una serie di musei che degli interrogatori e le ex
raccontano i crimini perpetrati prigioni del Kgb. A Tallinn si
per cinquant’anni dall’Urss e visitano anche il, Rahvarinde
prima ancora dai nazisti, e la Muuseumist, Museo del
resistenza civile. fronte popolare (in basso,
A Vilnius, il Museo delle alcuni documenti esposti al
occupazioni e delle lotte museo), dedicato al movimento
per la libertà (fino al 2018 protagonista della lotta per
chiamato Museo delle vittime l’indipendenza, nato nel 1988,
di genocidio) è aperto nelle e il Memoriale alle Vittime del
ex prigioni del Kgb, il servizio Comunismo.
segreto sovietico, dove sono INFO www.vabamu.ee
stati trovati anche segni Vabamu, Toompea 8. Ingresso:
lasciati dai prigionieri della 11 €. Ex prigioni del Kgb, Pagari
Gestapo. La storia di quel 1. Orario per entrambe le sedi:
periodo è completata dal 10-18. Ingresso: 5 €. Ingresso
Memoriale del Parco della cumulativo: 14 €.
pace allestito presso il giardino Museo del fronte popolare,
della residenza ottocentesca Vabaduse väljak 9. Orario: mer.-
Tuskulėnai, dove furono dom. 10-17. Ingresso libero.
trovati i resti di oltre 750 vittime Memoriale Info a pag. 28.
del Kgb.
INFO genocid.lt/muziejus/en
Museo Auku˛ 2A. Ingresso: 4 €.
Memoriale Žirmuˉnu˛ 1F, 1N.
Ingresso: 2 €. Orario per
entrambe le sedi: mer.-sab. 10-
18, dom. 10-17.

A Riga il Museo
dell’occupazione della
Lettonia è diviso in due sedi:
in un edificio con l’esposizione
permanente, di fronte
al parco dei Bastioni, e
nell’ex sede del Kgb. Sono
esposti documenti storici,
testimonianze video, diari,
lettere, oggetti e opere d’arte.
INFO occupationmuseum.lv
Esposizione permanente
Raina bulvaˉris 7. Orario: 11-18.
Ingresso libero (è apprezzata
una donazione). Ex sede Kgb
Brıˉvıˉ bas iela 61. Orario: 10-
17.30. Ingresso libero.

A Tallinn, il Vabamu-Museo
delle occupazioni e della
libertà (a destra, le due foto
piccole) è in una palazzina
moderna, a vetri, sulla verde
collina di Toompea. Anche
l’allestimento è moderno.
In una sede staccata, un
palazzo Art Nouveau, che
nel 1918 ospitò il governo
ITINERARI | PAESI BALTICI

A sinistra. A Tallinn, un
angolo di Rotermann,
ex area industriale
riconvertita a quartiere di
uffici, negozi e locali.
Pagina accanto. Il nuovo
allestimento delle sale
del Tesoro, al Museo
dell’Università di Tartu.

30). E qui l’aria è diversa. Perché località prescelta è quella di Jūrmala, benessere. Meno appariscente è
dà l’impressione di una vivacità 30 minuti di bus o di treno dalla la piccola Kihnu, isola di pescatori
maggiore rispetto a Vilnius. È capitale, 26 chilometri di spiagge e e contadini, i cui tradizionali usi
come un crescendo, che culminerà una delle oltre 20 Bandiere Blu della e costumi, assieme a quelli della
con Tallinn, dove più è evidente Lettonia. Storica stazione balneare, vicina e minuscola Manija (tra le più
l’atmosfera “occidentale”. Il centro qui il turismo arrivò già ai primi piccole isole abitate d’Europa), sono
ha nella piazza del Municipio la dell’Ottocento e si sviluppò in pieno entrati a far parte del Patrimonio
location più fotografata per via della con la costruzione della ferrovia nel immateriale dell’Unesco.
cosiddetta Casa delle Teste Nere, 1877. Il risultato è ancora evidente:
di origine medievale ma rifatta le oltre 4mila case di legno eredità La musica nel bosco
dopo la Seconda guerra mondiale, del primo boom turistico. La nostra vacanza si chiude a
anche se la piazza del Duomo è Tallinn, capitale estone, collegata
più elegante e armoniosa. Riga è Tartu, storica Università con voli diretti all’Italia. Ma prima
giustamente nota per i quartieri È ora di dirigersi verso l’ultima di arrivarci, si fa ancora una puntata
Art Nouveau. Una spettacolare tappa del nostro viaggio nei tra i boschi, per visitare il nuovissimo
parata di palazzi ben documentata Baltici, l’Estonia. Ci allontaniamo centro dedicato ad Arvo Pärt
dal sito www.jugendstils.riga.lv, momentaneamente dal mare, (1935), tra i più noti compositori
utile da consultare per preparare che ritroveremo più avanti. E ci contemporanei. L’edificio è stato
al meglio la visita. Meno noto, ma proiettiamo all’interno per giungere aperto in un bosco di pini a 35
ugualmente degno di attenzione, a Tartu, città della letteratura chilometri da Tallinn: è una meta per
è forse il quartiere di Kalnciema, Unesco. Due le cose da non perdere: tutti, non solo per chi ama la musica;
caratterizzato dalle abitazioni in le sale del Tesoro della storica è il posto giusto per passeggiare,
legno. È quello che rimane di un’area Università (risale al Seicento), leggere, studiare e, soprattutto,
più vasta, chiamata Pārdaugava, riaperte al pubblico da pochi mesi; e meditare. Proprio come vuole Pärt.
che alla fine dell’Ottocento contava l’avveniristica costruzione del Museo
12mila abitazioni in legno. I nazionale, un blocco di vetro lungo Tallinn, la conclusione
residenti formavano una comunità 350 metri, inaugurato nel 2016 in Fatto il pieno di spiritualità, entriamo
multinazionale: qui vivevano lettoni, un’ex base aerea sovietica. a Tallinn (vedere a pagina 20), la
tedeschi, ebrei, russi e polacchi. capitale dal doppio volto. La cinta di
Oggi il quartiere è vivacizzato da Le isole dell’Estonia mura che protegge la Città Vecchia
un colorato mercato di prodotti Tornando al mare, tappe obbligate – all’interno della quale si ammirano
alimentari (sotto il segno di Slow sono Pärnu, il centro di villeggiatura alcune delle chiese più belle del
Food) che si tiene ogni sabato. più frequentato, grazie alla sua Nord Europa – sembra faticare a
ampia spiaggia, ai suoi numerosi contenere la pressione dei grattacieli
Il mare delle Bandiere Blu ristoranti, cocktail bar e centri del business finanziario. Il quartiere
Riga si affaccia sulle sponde benessere; e Haapsalu, dall’aspetto di Rotermann è da anni il punto di
dell’ampio fiume Daugava, che in più tradizionale, con le case in riferimento di giovani e imprenditori,
estate offre la possibilità di spiagge legno, le chiese, un tempo meta con negozi e ristoranti aperti ai piedi di
urbane, come quelle sulle isole di prediletta dall’aristocrazia russa. modernissimi uffici. Ma il mondo corre
K‚ı̄psala e di Lucavsala. Ma il mare Ma sono le isole a caratterizzare il veloce e anche Rotermann non è più
vero e proprio non è distante, e con litorale estone: ce ne sono più di alternativo come agli esordi: bar, locali,
i suoi 500 chilometri di costa offre 1.500. La più grande è Saaremaa, gallerie d’arte hanno già conquistato
solo l’imbarazzo della scelta per un soprannominata “Spaaremaa” per l’ex quartiere operaio di Kalamaja,
momento di riposo. In genere la il suo alto numero di stabilimenti facendone il nuovo polo creativo. |

16 BELL’EUROPA
Indirizzi
LITUANIA i giardini alla francese 10-19. Ingresso Orario estivo: 10-18, chiuso lun.
Europos Parkas Joneikiškės; combinato (palazzo+giardini): da 11 €. Ingresso: 6 €.
www.europosparkas.lt Orario: dalle 10
al tramonto. Ingresso: 11 €. Riga, quartiere di Kalnciema Tartu, Museo nazionale estone
www.kalnciemaiela.lv Centro Muuseumi tee 2; www.erm.ee Orario:
Centro Geografico d’Europa informazioni aperto al pubblico: 10-18, chiuso lun. Ingresso: 14 €.
Girijos kaimas. Ufficio informazioni, Melnsila iela 10B, tel. 00371-26161579;
tel. 00370-5-2001646. Orario: 11-18, lun. 14-16, mer. e ven. 10-13. Centro Arvo Pärt Kellasalu tee 3,
sab. 10-17, dom. 10-16; www.vrtic.lt/en/ Al Wine Shop & Cafe, Kalnciema 35, Laulasmaa; www.arvopart.ee
objektai/europos-geografinis-centras/ sono disponibili audio guide per visitare Orario: 12-18, chiuso lun.-mar.
Sempre accessibile. il quartiere (lun.-sab. 10-22). Sono Ingresso: 5 €.
previste anche visite guidate in inglese
Collina delle Croci www.kryziukalnas.lt sia di Kalnciema (18 € a testa) sia di Tallinn, quartiere di Rotermann
Sempre accessibile. Paˉ rdaugava (10 €). www.rotermann.eu/en/

LETTONIA ESTONIA Tallinn, quartiere di Kalamaja


Palazzo di Rundaˉ le rundale.net/en/ Tartu, Museo dell’Università www.visittallinn.ee/eng/visitor/discover/
Orario estivo, fino a set.: il palazzo 10-18, Lossi 25; www.muuseum.ut.ee articles-guides/kalamaja
A CURA DI GIOVANNI MARIOTTI

Paesi Baltici PÄRNU

L’itinerario in pratica riferimento è Majori (biglietto: 1,40 € sola


andata). Da Riga si percorrono 275 km per
L’itinerario proposto nelle pagine precedenti Tartu, in Estonia, tutta sulla E264.
conviene compierlo in automobile. Se si Dalla città universitaria si piega verso il mare,
vogliono visitare assieme Lituania, Lettonia con la 92 e la 6 che conducono a Pärnu.
ed Estonia è bene prendersi almeno 10- Da qui si prosegue per Virtsu da cui partono
12 giorni di tempo. Allo scalo di Vilnius, i traghetti Praamid.ee (www.praamid.ee
collegato da voli diretti con l’Italia (vedere Biglietto: 1 passeggero+auto 8,40 €
a pagina 2) si noleggia la vettura: con sola andata) per il breve tragitto che
Rentalcars.com (www.rentalcars.com) una conduce all’isola di Muhu, collegata a
settimana costa a partire da 151,34 €. Saaremaa da una strada.
Visitata Vilnius, si procede per Europos Dalla più grande isola estone si torna sulla
Parkas, il museo di sculture all’aperto, terraferma per arrivare ad Haapsalu con
a 20 km dal centro della capitale. Per le strade 10 e 31. Da qui al Centro Arvo
raggiungerlo si percorrere la via Kalvariju˛ Pärt, nella località di Laulasmaa, sono 85
fino all’ampia rotatoria del complesso km. Quindi ancora 35 km e si arriva alla
universitario, girando a destra in direzione destinazione finale, Tallinn. Il Centro Arvo
di Žalieji žerai (Laghi verdi) e seguendo le Pärt è collegato alla capitale estone anche
indicazioni per Europos Parkas. Si può dai bus 126, 127, 128 (www.peatus.ee
anche prendere l’autobus n. 66 dalla Biglietto: 2,30 € sola andata).
fermata Žalgirio in direzione di Skirgiškės:
la fermata Europos Parkas è quella che Dormire e mangiare in Lituania
precede il capolinea. L’orario è disponibile RIGA
sul sito www.vilniustransport.lt Biglietti: si ★★★★★
acquista la card dei trasporti (1,50 €) e la si Esperanza Resort and Spa Paunguriai,
carica con il biglietto elettronico: a partire da tel. 00370-528-41096; esperanzaresort.lt palace.hotel-in-latvia.com È una delle antiche
5 € con validità una giornata. È un cinque stelle. Però ha due vantaggi: residenze di campagna più importanti del
Dal parco di sculture sono poco meno di il prezzo non proibitivo per la sua categoria Paese. Oggi ospita un albergo. L’edificio
20 km per arrivare al Centro Geografico e la posizione: è immerso nella natura, sulle venne costruito in stile neoclassico nel
d’Europa, tra i villaggi di Girija e Purnuškės. sponde del lago Ungurys, uno dei tanti della 1797-1802. In linea d’aria è di fronte al
Si prende la 108 e quindi l’autostrada zona, non lontano da Trakai (15 km) e da Palazzo di Rundāle, dal quale è separato dal
A14 (che parte da Vilnius): all’altezza del Vilnius (40 km). Ha 34 camere in cui domina fiume Lielupe. Ma per raggiungerlo bisogna
chilometro 26 si trova il cartello segnaletico il legno. Offre la possibilità di attività sportive, attraversare un ponte nella città di Bauska.
per Europos Geografinis Centras. dal tennis al bowling, alle passeggiate nel L’albergo ha 21 camere spaziose. Doppia
Per la Collina delle Croci, nei pressi della verde. Ha 3 ristoranti (conto medio: 40 con colazione da 75 €.
città di Šiauliai, sono oltre 230 km verso €), una cantina e un bar (cocktail da 7 €).
nordovest, quasi tutti con la E272. Si supera Doppia con colazione da 178,50 €. Guesthouse Vı̄nkalni Rundāles pag,
Šiauliai verso nord per prendere la 4033 tel. 00371-25-622730; www.hotelrundale.lv
che conduce alla piccola collina, in mezzo Žveju˛ Užeiga Poilsio gatvė 16, Šiauliai, La struttura è nota anche come Hotel
a una piana. Alla collina si accede a piedi: tel. 00370-653-85555; www.zvejuuzeiga.lt Rundāle, perché è a 250 metri dalla nobile
poco prima c’è un parcheggio, utilizzato Alle porte di Šiauliai, comodo per visitare residenza. Ha 11 camere. Doppia con
anche dai pullman. Dalla Collina delle Croci la Collina delle Croci. Ha 10 camere che si colazione da 50 €.
si oltrepassa il confine con la Lettonia sulla affacciano su uno dei più grandi laghi della
A12 per poi deviare poco dopo verso Lituania, il Rėkyva. Tutte le camere sono Park Inn by Radisson Riga Valdemara
Bauska per andare a visitare il Palazzo di dotate di Internet gratuito. Ha anche un Krogus iela 1, Riga, tel. 00371-63477777;
Rundaˉ le, da dove si arriva a Riga seguendo ristorante (conto medio: 25 €). Doppia con www.parkinn.com In posizione perfetta per
la A7. Il palazzo è collegato alla capitale colazione da 64 €. girare Kalnciema, il quartiere di Riga dalle
lettone anche dai bus Nordeka, n. 7480, case in legno. Ha 178 camere. Doppia con
fino a Bauska (3,05 € a tratta) e da Bauska Dormire e mangiare in Lettonia colazione da 110 €.
con il bus Aiva, n. 5314 (0,75 €).
Per visitare Juˉ rmala da Riga si può ★★★★ Maja Kalnciema 37-5, Riga, tel. 00371-
prendere il treno delle ferrovie Pasazieru Hotel Mežotnes Palace Bauskas novads, 67616304; www.restoransmaja.lv
vilciens (www.pv.lv): la fermata di Mežotne, tel. 00371-63-960711; mezotnes- È il ristorante di riferimento di Kalnciema.

18 BELL’EUROPA
INFO
A Tartu: visittartu.com
A Jūrmala: www.visitjurmala.lv
A Pärnu: visitparnu.com
A Haapsalu: www.visithaapsalu.com
A Saaremaa: visitsaaremaa.ee
ESPERANZA RESORT VINOTEEK PRELUDE

Il locale è aperto con orario continuato famiglia che fondò l'hotel) nel 1925-26:
tra le 11 o le 12 e le 22, ideale per vivere da questo deriva il nome del locale.
l’atmosfera della zona. C’è la possibilità di Conto medio: 35 €.
scegliere il menù di base di 2 portate (7 €) o
di optare per la carta. Conto medio: 20 €. Embrace Guestrooms & Apartments HEA MAA
Pardi 30, Pärnu, tel. 00372-4435000;
★★★ embrace.ee Nella zona attorno alla
Dzintars Hotel Edinburgas prospekts città si trovano molte soluzioni di cottage
15, Jūrmala, tel. 00371-67751582; in affitto, che possono dare alla vacanza
dzintarshotel.lv In alta stagione Jūrmala è un tocco diverso. Gli indirizzi si trovano
una località costosa. Nel ricco panorama di su visitparnu.com In città, questa struttura
offerte, dalla guest house al resort di lusso, ha otto camere e sei appartamenti che
questo hotel è una buona soluzione per il possono accogliere fino a 6 persone.
rapporto qualità-prezzo. È aperto in una Doppia con colazione da 60 €,
costruzione in legno del 1912, rinnovata appartamenti da 110 € a notte.
di recente. Ha 35 camere e un giardino
interno. Doppia con colazione da 120 €. Aleksandri Guesthouse Vana-Rääma TARTU HOTEL
8, Pärnu, tel. 00372-4432160; www.
36.line Jūrmala 36, line 1202, Jūrmala, visitestonia.com/en/aleksandri-guesthouse
tel. 00371-22010696; 36line.com/menu Ha 43 camere. Frequentato da motociclisti.
A Jūrmala, un grill restaurant con un dehors Doppia con colazione da 70 €.
a due passi dalla spiaggia, circondato dal
verde. Nel menù variegato si va dalle zuppe Hea Maa Nikolai 3/Uus 4, Pärnu, tel.
alle tartare, dalla pasta alla carne, ai piatti 00372-5343-5858; heamaa.ee/en/menu
vegetariani. Non proprio economico, ma si È un ristorante aperto nel 2015 ma che ha
può scegliere il piatto unico nella lista già conquistato Pärnu. Si trova in un edificio
Uz ātru roku-The Quick’s (8,50-11,50 €). storico, un tempo sede dell’ufficio del
Conto medio: 40 €. sindaco. I piatti sono molto ben presentati.
Conto medio: 25 €. MAJA
Dormire e mangiare in Estonia
Kongo Hotel Kalda 19, Haapsalu,
Chi preferisce un contatto più diretto con la tel. 00372-4724800; kongohotel.ee Nella 4533407; www.prelude.ee Una piccola casa
natura e si accontenta di sistemazioni più stazione balneare di Haapsalu, ha gli arredi bianca lungo la via principale di Kuressaare,
spartane può verificare la lista di campeggi interni in legno chiaro alla maniera svedese. il capoluogo dell’isola di Saaremaa, ospita
sul sito del Centro forestale nazionale, Ha 21 camere, una sauna con piscina (per questo ristorante-enoteca. Nel menù,
loodusegakoos.ee/where-to-go i clienti è gratuita se utilizzata alla mattina) pesce e manzo del posto. Nella lista dei
e un ristorante che si sviluppa anche in una vini, soprattutto etichette francesi e italiane.
Tartu Hotel Soola 3, Tartu, tel. 00372- veranda (conto medio: 25 €). Doppia con Conto medio: 25 €.
7314300; tartuhotell.ee È un complesso colazione da 104 €.
moderno che offre 72 camere e, in un’ala Sagadi Mõis Sagadi, Haljala vald, Lääne-
separata, 6 camere che funzionano come Bottengarn Koguva, Muhu, tel. 00372- Viruma, tel. 00372-6767888; www.sagadi.
ostello. Ci sono anche una palestra e una 58505562; bottengarn.ee A Saaremaa ci ee Vale la pena spingersi fino a qui, 80
sauna. Doppia con colazione da 92 €. sono oltre 300 indirizzi per pernottare. Ma chilometri a est di Tallinn, per provare questa
si può anche optare per la vicina isola di fattoria, all’interno del Parco Nazionale di
Hõlm Ülikooli 14, Tartu, tel. 00372- Muhu, collegata dalla strada che attraversa Lahemaa. Il maniero conserva gli ambienti
7304008; holmrestoran.ee Centralissimo, il mare. È qui che si trova una delle più belle neoclassici dell’epoca in cui fu costruito.
è al secondo piano del Lydia Hotel, strutture di queste isole. È presso il villaggio Non solo ospita un hotel da 28 camere e
dietro il Municipio di Tartu. È uno dei di pescatori di Koguva ed è aperta solo in un ostello da 35 letti, ma anche un museo
ristoranti più apprezzati della città. estate, fino ad agosto. Ha cinque camere. sulla foresta estone (ingresso: 4 €), un
Ambiente elegante e minimalista allo stesso Doppia con colazione da 135 €. negozio e un ristorante (conto medio: 30 €).
tempo. Prepara piatti anche gluten free. Organizzano escursioni nei boschi, anche
Le ricette si rifanno a quelle scritte nel libro Restoran Vinoteek Prelude Lossi notturne. Doppia con colazione da 80 €,
di Lydia Grünmann Holm (membro della 4, Kuressaare, Saaremaa, tel. 00372- ostello: 24 € a testa, con colazione.

BELL’EUROPA 19
CAPITALI | ESTONIA

Tra Medioevo
e hi-tech
Dal centro medievale alle periferie, Tallinn vibra di creatività. Anche
le inquietanti architetture sovietiche sul fronte del porto diventano
poli della cultura e del divertimento. E distretti industriali rinati a nuova
vita accolgono musei internazionali TESTI E FOTO ANDREA FORLANI
Il nucleo storico di Tallinn. Al centro svetta la torre campanaria (alta 105 metri) della ex chiesa di San Nicola, oggi
Niguliste Museum; in secondo piano, sulla sinistra, si vedono le cupole a cipolla della Cattedrale ortodossa intitolata
ad Aleksandr Nevskij, del 1900; sulla destra, la Cattedrale luterana dedicata alla Vergine, fondata nel XIII secolo.

BELL’EUROPA 21
CAPITALI | TALLINN

T Tallinn. Ma anche Reval (il nome germanico in uso dal


XII secolo al primo ’900). O magari Kolõvan o Qlwri,
come la descrisse Muhammad al-Idrisi, geografo arabo
del XII secolo? Tali e tanti sono i nomi e gli eventi che dal
1154 hanno plasmato la capitale estone, che per raccon-
tarla servirebbe un’enciclopedia. A dire il vero, sul fiabe-
sco centro storico medievale è già stato scritto di tutto:
dei suoi romantici vicoli acciottolati, delle mura scandi-
te da venticinque torri perfettamente conservate, della
sua piazza centrale, Raekoja plats, con l’unico Municipio
gotico rimasto nell’Europa settentrionale, e del suo ca-
stello – sede del Parlamento – sulla collina di Toompea.
Senza dimenticare la Niguliste kirik, chiesa duecentesca
dedicata a San Nicola, oggi trasformata in museo d’arte
e custode dell’unico lembo rimasto – lungo 7,5 metri –
dell’impressionante Danza macabra di Bernt Notke, un
rarissimo esempio di dipinto su tela del XV secolo che in
origine doveva essere lungo una trentina di metri.
Tutto si sa anche di Kadriorg, il quartiere più posh del-
la capitale, e del suo immenso parco dove sfavilla il Ka-
drioru loss, Palazzo Kadriorg, baroccheggiante dimora
con tocco italiano (il progetto è di Niccolò Michetti) che
nel 1718 fu donata dallo zar Pietro il Grande alla moglie
Caterina, dopo la conquista russa dell’Estonia. Come la
chiesa di San Nicola, anche Kadriorg è una branca del
Museo d’Arte dell’Estonia, il cui cuore è il Kumu, con la
sede museale disegnata dal finlandese Pekka Vapaavuo-
ri: una tappa necessaria di qualsiasi visita a Tallinn.
Da Kadriorg al balneare lungomare di Pirita sono pochi
minuti in bicicletta. Vale la pena di approfittarne non
solo per spiaggiarsi al sole, ma anche per visitare il Me-
moriale alle Vittime del Comunismo: inaugurato nem-
meno un anno fa, copre quasi 30mila metri quadrati;
costato 6,6 milioni di euro, commemora i 75mila estoni
uccisi, incarcerati o deportati nel cinquantennio di occu-
pazione sovietica (1940-91).

Rotermann, architettura e pasticcerie


Ciò che non tutti raccontano è che, là fuori, c’è un mon-
do di quartieri tutto da esplorare. Rotermann, per dirne
uno, è incuneato tra il Mar Baltico e le mura cittadine.
Un manipolo di vecchie fabbriche, mulini, distillerie e
ciminiere del XIX secolo riconvertiti e shakerati in un
originale cocktail architettonico che spazia dall’antico al
postmoderno, animato da cinema, ristoranti e concept
store come la Tallinn Design House. C’è anche un >

22 BELL’EUROPA
A sinistra. Uscita in tavola a remi
nel porto turistico di Pirita.
A destra. Un murale nell’hub
creativo Telliskivi Loomelinnak.
Sotto. Il Memoriale delle Vittime
del Comunismo, nel quartiere di
Pirita, aperto nell’agosto 2018: sulle
pareti del lungo corridoio sono incisi
i nomi di 22mila vittime del periodo
di occupazione sovietica. Il progetto
è dello studio Jvr Oü di Tallinn.
CAPITALI | TALLINN

A sinistra. I corridoi del


museo Kumu, dedicato
all’arte estone dal ’700 a oggi.
A destra. Architetture
contemporanee nel quartiere
Rotermann. Sotto. Il
sommergibile Lembit nel
Lennusadam-Museo del Mare.
Pagina accanto. La sede
di Fotografiska a Telliskivi,
inaugurata il 20 giugno.
forno hipster di nome Røst, che ogni giorno rallegra la
vita con formidabili paste alla cannella e al cardamomo.
E soprattutto c’è il Magazzino del Sale, o Soolaladu, co-
struito nel 1908 ma rinato negli anni Novanta come Mu-
seo dell’Architettura Estone, che merita attenzione.

Location da film e nuovi poli culturali


Il suo nome è Linnahall. Un mastodontico sarcofago di
cemento sul mare che nessuna guida turistica oserà mai
citare tra gli edifici da non perdere. Un brutto e spelac-
chiato anatroccolo nato nel 1980 per ospitare le regate
dei Giochi Olimpici di Mosca, con una sala da concerto
da 5.000 posti e una pista da hockey da 3.000 spettatori.
Non passa mese che non ne cada un pezzo e non pas-
sa sindaco che non s’impantani sul dossier Linnahall.
Ma non passa giorno senza che frotte di innamorati ne
salgano le gradinate per godersi tramonti memorabili.
I finlandesi della serie tv Bordertown (da noi visibile su
Netflix) l’hanno utilizzato come set per la stagione nu-
mero due. Proprio da qui parte il lungomare di Põhja-
Tallinn (Nord Tallinn), un pugno di chilometri che sa-
ettano verso nord regalando una sorpresa dietro l’altra.
Come il Kultuurikatel, che tradotto significa “calderone
della cultura”. È un’ex centrale elettrica, oggi imprescin-
dibile hub culturale della città: concerti, sfilate, party
fino all’alba e convegni internazionali in una scenografia
da film. Non a caso Andrej Tarkovskij decise di girare qui
ampie parti del suo capolavoro fantascientifico Stalker.
Sfortunatamente per lui e per il suo cast, all’epoca la cen-
trale non era ancora dotata di ristorante: che oggi c’è, si
chiama Korsten e impiatta ottimi risotti ai funghi e una
varietà di altre ghiottonerie.
Proseguendo verso nord, ecco la sagoma della fortezza
di Patarei. Il suo passato è movimentato: Nicola I la fece
innalzare nel 1828 a difesa della città, un secolo dopo di-
venne carcere sovietico di massima sicurezza, con la fine
dell’Urss parco culturale e il prossimo futuro la vedrà
trasformarsi in un museo internazionale dedicato alle
vittime del comunismo. Proprio a fianco e di diritto nel
novero degli “imperdibili” cittadini, ecco il Lennu- >

BELL’EUROPA 25
CAPITALI | TALLINN

sadam: una rimessa per idrovolanti risalente a un seco-


lo fa, dove il celebre aviatore Charles Lindbergh atterrò
nel 1933. Oggi fa parte del Museo del Mare ed elargisce
uno spettacolo in grado di sbalordire chiunque, grazie
anche al sottomarino Lembit, uno dei due sommergibili
costruiti per la Marina della Repubblica d’Estonia tra le
due guerre mondiali.
Non è tutto, perché una manciata di metri più in là l’at-
tenzione si concentra quest’anno su Port Noblessner.
Che per la verità sta lì dal 1912 ed è un ex cantiere per
la fabbricazione di sottomarini, da un’idea di Emanuel
Nobel (nipote dell’Alfred inventore della dinamite) e
dell’imprenditore Gustav Arnoldovič Lessner. Oggi è in
pieno rilancio, ma con vocazione più pacifica: abitazio-
ni, uffici, negozi, caffè, ristoranti, un porto turistico... e,
dal prossimo ottobre, nel grande edificio della fonderia
prenderà vita un futuristico polo d’intrattenimento basa-
to sulla realtà virtuale.

Telliskivi, una calamita per creativi


Nove abitanti su dieci risponderebbero però che il posto
più cool della capitale estone si chiama Telliskivi Loome-
linnak. E avrebbero ragione, perché questo grande pae-
saggio industrial-ferroviario di fine Ottocento (i primi
edifici risalgono al 1869) negli ultimi dieci anni è stato
rivoltato come un calzino e trasformato in un polo crea-
tivo, culturale e del divertimento come non ve ne sono
altri nei Paesi Baltici. È un magnete che attira visitatori
giorno e notte, al confine tra la stazione ferroviaria e due
quartieri – Kalamaja e Pelgulinn – costellati di abitazio-
ni in legno sorte a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo
e ora sogno proibito di tutti gli hipster d’Estonia. Bou-
tique, showroom, gallerie d’arte, studi di design, locali,
teatri... la lista delle nuove aperture a Telliskivi è infinita
e in costante aggiornamento. Ma la notizia dirompente
dell’estate 2019 è che lo svedese Fotografiska, una delle
maggiori istituzioni del Pianeta dedicate alla fotografia
contemporanea, ha inaugurato proprio qui, pochi giorni
fa (il 20 giugno), una nuova sede. Un privilegio che Tal-
linn ora condivide con Stoccolma, Londra e New York. |

26 BELL’EUROPA
A destra. Una venditrice di
mandorle tostate in costume
medievale nella Città Vecchia.
Sotto. Palazzo Kadriorg,
circondato da un giardino con
aiuole fiorite e fontane. A sinistra.
Tradizionali case in legno in via
Köie, nel quartiere di Kalamaja.
Pagina accanto. Un ristorante
ricavato in un vecchio vagone
ferroviario a Telliskivi.
Indirizzi
Raekoda-Municipio Raekoja plats;
raekoda.tallinn.ee Orari: 25 giu.-
31 ago. lun.-sab. 10-16; altri mesi
su appuntamento. Ingresso: 5 €.
Torre: 15 mag.-15 set. tutti i giorni
11-18. Ingresso: 3 €.

Chiesa di San Nicola-Niguliste


Museum Niguliste 3;
nigulistemuuseum.ekm.ee Orari:
mag.-set. tutti i giorni 10-18; ott.-apr.
mer.-dom. 10-17. Ingresso: 6 €.

Palazzo Kadriorg Weizenbergi 37;


kadriorumuuseum.ekm.ee Orario:
10-18, mer. 10-20, chiuso lun.
Ingresso: 6,50 €.

Kumu Weizenbergi 34; kumu.ekm.ee


Orario: 10-18, gio. 10-20, chiuso lun.
Ingresso: 8 €.

Memoriale alle Vittime


del Comunismo Maarjamäe,
Pirita tee 78; www.memoriaal.ee
Sempre accessibile, ingresso libero.

Tallinn Design House Rotermanni


14, tel. 00372-58650558; www.
tallinndesignhouse.com Orario:
10-19, sab. 10-18, dom. 11-16.

Røst Rotermanni 14, tel. 00372-


56223239; rost.ee Orario: 8.30-18,
sab. 9.30-17, chiuso dom.

Museo dell’Architettura Estone


Ahtri 2; arhitektuurimuuseum.ee
Orari: giu.-set. 11-18, chiuso lun.;
ott.-mag. 11-18, sab. e dom. 10-18,
chiuso lun. e mar. Ingresso: 6 €.

Lennusadam-Museo del Mare


Vesilennuki tee 6; meremuuseum.ee
Orari: mag.-set. tutti i giorni 10-19;
ott.-apr. 10-18, chiuso lun. Ingresso:
15 € (comprese mostre temporanee).

Telliskivi Loomelinnak-Creative
City Telliskivi 60A; telliskivi.cc
Ristoranti, bar e negozi aperti con
orari variabili. Vanaturu kael, una
delle tipiche stradine
acciottolate della Città
Fotografiska-The Museum of Vecchia, fiancheggiata
Photography Telliskivi 60A/8; da locali e piccoli
negozi. Il centro
www.fotografiska.com/tallinn Orario: medievale di Tallinn è
9-23, gio.-sab. 9-1. Ingresso: 14 €. sito Unesco dal 1997.
A CURA DI ANDREA FORLANI

Tallinn METROPOL SPA HOTEL

Dove dormire Dove mangiare


★★★★ Noa Ranna tee 3, tel. 00372-5080589; www.
My City Hotel Vana-Posti 11, tel. 00372- noaresto.ee Tõnis Siigur e Orm Oja sono i
6220900; www.mycityhotel.ee Edificio pluripremiati chef del ristorante più amato di MY CITY HOTEL
d’epoca e proprietà italiana in una stradina Tallinn. Cucina nordica spruzzata d’esotico
acciottolata della città vecchia. Arte con ampio uso di prodotti locali e posizione
contemporanea alle pareti e 68 camere idilliaca sul lungomare di Viimsi. D’obbligo la
in stile classico con letti particolarmente prenotazione. Conto medio: 45 €.
confortevoli. Ottima colazione, ristorante
fusion e sauna a disposizione degli ospiti. Leib Uus 31, tel. 00372-6119026; www.
Doppia con colazione da 124 €. leibresto.ee Un nome, una sicurezza. Il nome
significa pane nero (di segale, come da
★★★★ tradizione), la sicurezza è nella qualità del
Original Sokos Hotel Viru Viru väljak 4, cibo e nel servizio. In più, una location tra le
tel. 00372-6809300; www.sokoshotels.fi/en più belle del centro storico. Cucina estone
Centralissimo e celeberrimo. Nato come contemporanea e un richiesto patio estivo. KAJA PIZZA KÖÖK
Intourist nel 1972, in tempi sovietici Indispensabile prenotare. Conto medio: 32 €.
passavano da qui spie, agenti segreti e rari
turisti finlandesi; oggi è un albergo con tutti i Korsten Põhja Pujestee 27A, tel. 00372-
comfort e 423 camere con vista panoramica 6608867; korstenresto.ee/en/ Il nome vuol
sul centro storico. La vera chicca è però dice “ciminiera” ed è un omaggio all’altissima
all’ultimo piano, dove si cela un museo del (102 metri) ciminiera di mattoni dell’ex centrale
Kgb. Doppia con colazione da 104 €. elettrica che oggi ospita il Kultuurikatel.
Ambiente postindustriale e d’estate tavoli in
★★★★ cortile dove gustare una cucina internazionale
Metropol Spa Hotel Roseni 9, tel. 00372- con spiccato accento italiano: carbonara,
6674600; www.metropol.ee/spa/ Nuovo pappardelle, risotto ai funghi, tiramisù... Conto
di zecca, si trova nel moderno e centrale medio 25 €, taglieri da condividere 12-16 €. NOA
quartiere di Rotermann e vicino al porto. Le
137 camere sono accoglienti quanto basta, Must Puudel Müürivahe 20, tel. 00372- un locale frequentato da hipster e biker (qui
con minibar e riscaldamento a pavimento. 5056258; www.facebook.com/mustpuudel si producono le leggendarie Renard), ma
Bar, ristorante, spa e centro benessere con Il “barboncino nero” è un ormai storico soprattutto da carnivori: perché qui si servono
piscina. Doppia con colazione da 96 €. disco pub in un vicolo acciottolato della città hamburger, bistecche, cosce di pollo e
vecchia. Arredi vintage, dj set, concerti e salsicce, accompagnate da birra artigianale e,
★★★ cocktail. Di giorno è anche caffè ristorante, la sera, musica dal vivo. Conto medio: 15 €.
Go Hotel Shnelli Toompuiestee 37, tel. con un occhio di riguardo per vegetariani e
00372-6310102; www.gohotels.ee Di fronte vegani e un bel dehors per le giornate più Kaja Pizza Köök Õle 33, tel. 00372-
alla stazione (ma i treni non disturbano) e a calde. Conto medio: 23 €, drink da 4 €. 6601611; kajapizza.ee Anche a Tallinn si
due passi dal frequentato mercato coperto di può mangiare un’ottima pizza napoletana,
Balti Jaam. Le 137 camere moderne hanno Põhjala Peetri 5, tel. 00372-56662800; con tanto di forno a legna e pasta lievitata
tv, wi-fi e scrivania; alcune si affacciano sulle pohjalabeer.com Aperta da poco dall’omonimo 24 ore. La sfornano nel fiabesco quartiere di
mura del centro storico. Comodo parcheggio birrificio artigianale, è una grande e frequentata Pelgulinn, poco noto ai turisti, ma tutto da
gratuito e buon rapporto qualità-prezzo. birreria con cucina nel neonato quartiere di visitare. In menù solo pizze e qualche dessert.
Doppia con colazione da 85 €. Port Noblessner. Ambiente informale, 24 Chiude alle 18. Conto medio: 10 €.
birre alla spina e innumerevoli in bottiglia.
In menù grigliate – di maiale, pollo, manzo Tops Soo 15, tel. 00372-56248677 Chi
– alla texana, burger, insalate, sandwich e non conosce Tops? Tra gli artisti, intellettuali
piattini da condividere. Conto medio: 20 €, e politici di Kalamaja è il pub più gettonato.
degustazione 5 birre (100 ml ognuna) 10 €. Oltre a birra e vino ci sono sandwich, wraps,
INFO insalate e piattini (hummus, quesadilla).
Tallinn Tourist Information Centre, Niguliste 2, One Sixty Telliskivi 62, tel. 00372-6019007; La sera dj set, musica dal vivo ed eventi a
tel. 00372-6457777; www.visittallinn.ee www.onesixty.ee Nel quartiere di Kalamaja, sorpresa. Conto medio: 10 €, drink da 4 €.

BELL’EUROPA 29
CAPITALI | LETTONIA

Lo stile di Riga
tra ieri e oggi

30 BELL’EUROPA
La capitale lettone è famosa per i suoi palazzi Art Nouveau, sorti a fine Ottocento
per la nuova borghesia imprenditoriale e tutelati dall’Unesco. Una vocazione
all’avanguardia che continua nei quartieri periferici, tra architetture contemporanee
e la strada più hipster del mondo TESTI E FOTO ANDREA FORLANI

L’edificio in Alberta iela 13, oggi sede della Graduate School of Law, è un’opera del 1904 di Michail Eizenštejn (1867-1921),
uno dei grandi architetti dell’Art Nouveau lettone. La capitale vanta il più ricco insieme di architetture di questo stile in Europa.

BELL’EUROPA 31
CAPITALI | RIGA

S
Strade acciottolate, piazze da cartolina, palaz-
zi medievali, chiese, cattedrali, resti di antiche
mura e campanili panoramici. Cui si aggiun-
gono ristoranti, caffè, locali notturni, negozi
e mercatini dell’artigianato, artisti di strada e
gli immancabili souvenir d’ambra del Baltico.
Il kit anseatico del centro storico di Riga – sito
Unesco dal 1997 – racchiude tutto l’occorrente
per non deludere le aspettative: una macchi-
na del tempo capace di riportare il viaggiatore
ricostruito dopo l’ultima guerra, è un po’ più
basso ma la vista da lassù resta fenomenale).
Trascorrono i lustri, aumenta la popolazio-
ne (oggi gli abitanti sono circa 640mila) e lo
spazio non basta più. Nell’Ottocento il nuovo
centro di Riga, il Centrs, si sviluppa a est, oltre
la cintura verde del parco di Bastejkalns. Sor-
gono centinaia di palazzi Art Nouveau: alcuni
di essi sono monumentali capolavori firmati
Michail Eizenštejn, Konstantı̄ns Pēkšēns e
Sotto. Il palazzo al 10B
di Elizabetes iela,
capolavoro Art Nouveau
(1903) di Michail
Eizenštejn. Pagina
accanto, da sinistra in
alto. Dettaglio dello
stesso edificio di
Eizenštejn; la Biblioteca
Nazionale di Riga, opera
del 2014 di Gunnar
Birkerts (1925-2017).
Pagina accanto, in
basso. L’entrata del
all’anno 1201, quando l’arcivescovo cattolico Paul Mandelstam. Riga diventa così la città Chez Olivier Café,
Albrecht von Buxthoeven, ovvero Alberto di con la più alta concentrazione di edifici Liber- in Kalēiu iela, progettato
da Paul Mandelstam;
Riga, trasferì la sede vescovile da Ikšk, ile all’at- ty del Pianeta e la Alberta iela (via Alberto) la una delle sfingi che
tuale capitale lettone e vi costruì un castello, sua via più celebre. Meglio visitarla da marte- presidiano l’ingresso
fondando ufficialmente la città. Pochi anni dì a domenica, quando al civico 12 i battenti dell’edificio al 2A di
Alberta iela, opera del
dopo iniziarono i lavori della chiesa di San Pie- dell’imprescindibile Museo dell’Art Nouveau 1906 di Eizenštejn.
tro, oggi luterana, che proseguirono per secoli sono aperti. Ancora più ricca la visita al Mu-
in un mutare di stili e dimensioni, sino a rag- seo Nazionale d’Arte, racchiuso in un opu-
giungere nel 1690 il primato del campanile in lento edificio del 1905 (progetto di Wilhelm
legno più alto d’Europa, oltre 130 metri (oggi, Neumann) nel quadrante nord del parco >
BELL’EUROPA 33
CAPITALI | RIGA
Dall’alto della chiesa di
San Pietro, veduta sul
centro storico di Riga.
Sui tetti svetta il
campanile della
Cattedrale evangelica
luterana: eretto nel XVI
secolo, fu modificato
nel 1775. In secondo
piano il fiume Daugava
con il Vanšu tilts,
il ponte strallato lungo
circa 600 metri
costruito in epoca
sovietica.

BELL’EUROPA 35
CAPITALI | RIGA

Esplanāde: tra i fiori all’occhiello della cospi- si combatte a colpi di petizioni: l’ultima risale Sopra. Dehors di
cua collezione, una serie di opere del Moder- allo scorso aprile e ha raccolto 10mila firme, ristoranti e birrerie in
Tirgon,u iela, nel centro
nismo lettone degli anni Venti e Trenta. Il tu- ma il monumento è ancora lì. Nella zona di storico; sullo sfondo, la
rista mordi e fuggi difficilmente si spinge oltre Meža iela, invece, all’ombra delle cupole blu torre del Municipio.
Pagina accanto, da
la Daugava, il fiume che serpeggia per mille della chiesa ortodossa della Santissima Trini- sinistra in alto. La
chilometri tra Russia, Bielorussia e Lettonia, tà, un’infilata di frequentati caffè e ristoranti statua di San Giorgio
per gettarsi nel Baltico dopo aver bagnato infonde energia positiva al quartiere richia- davanti alla Casa delle
Teste Nere, sede di
Riga. Peccato, perché al di là dell’Akmens tilts mando artisti e intellighenzia locale. un’antica gilda mercantile
(“Ponte di pietra”), nel distretto di Āgenskalns sulla piazza del
si trovano chicche monumentali come la Bi- Miera iela, periferia di tendenza Municipio; la libreria Mr
Page in Miera iela;
blioteca Nazionale. Inaugurata nel 2014 e nota Sorpresa: la via più hipster del mondo si tro- lo scalone del Museo
anche come Gaismas pils, “Castello di luce”, la va in un defilato lembo della capitale lettone, Nazionale d’Arte; la
chiesa ortodossa della
Latvijas Nacionālā Bibliotēka raggiunge quota che dai margini del centro si allunga verso la Santissima Trinità,
68 metri e si sviluppa su 13 piani in vetro e periferia nord-ovest. Lo sostiene una ricerca costruita a fine ’800 in
acciaio visibili da chilometri di distanza. L’in- internazionale pubblicata qualche tempo fa, uno stile eclettico
ispirato al Barocco
gresso è libero e la visita è consigliata, tanto che ha riempito d’orgoglio gli abitanti di que- moscovita; aiuole fiorite
più che all’interno si trova un invitante caffè sto ex quartiere operaio punteggiato di edifici in Skārn,u iela, in secondo
ideale per una pausa. Jugendstil. I criteri empirici utilizzati per sti- piano la chiesa di San
Giovanni, di fondazione
Poco oltre si alzano l’obelisco di 79 metri e i lare la classifica sono avvolti nel mistero, ma duecentesca; un
due gruppi scultorei del controverso Memo- sul fatto che Miera iela (via della Pace) sia la elegante edificio
dell’Ottocento.
riale della Vittoria dell’Armata Rossa, lasciti strada più cool di Riga non c’è dubbio. Ci si
dell’ex Urss. Eretto nel 1985 per celebrare il arriva romanticamente in tram per poi prose-
successo dell’esercito sovietico sulla Germa- guire a piedi incontrando una teoria di negozi
nia nazista, il memoriale rischiò di sparire nel vintage, boutique, caffè, ristoranti, opere di
1997, quando un gruppo di maldestri nazio- street art e concept store. Al civico 4 l’insegna
nalisti lettoni cercò di livellarlo a suon di bom- di Mr Page dà la riprova che al mondo ci sono
be, facendo invece vittime tra gli attentatori ancora bei libri e belle persone. I libri arriva-
stessi. Da allora lo scontro sulla sua rimozione no da tutto il globo e si sfogliano in guanti >

36 BELL’EUROPA
CAPITALI | RIGA
Lo scalone del Museo
dell’Art Nouveau, ricavato
nel palazzo di Alberta iela
che Konstantı̄ns Pēkšēns
costruì nel 1903 come sua
abitazione. Il museo è
stato inaugurato nel 2009,
ricreando gli arredi storici,
per far rivivere l’atmosfera
d’inizio secolo.

bianchi – forniti all’entrata – perché di ogni vo-


lume in negozio c’è solo una copia, che sarebbe
un peccato sporcare. Le belle persone sono tre
amici che un giorno si sono stufati di trovare in
Indirizzi libreria sempre i soliti titoli e hanno deciso di
risolvere il problema aprendone una propria.
«Qui non sono le persone a scegliere i libri ma i
Chiesa di San Pietro libri a scegliere le persone, e noi siamo qui per
Reformācijas laukums 1; peterbaznica.riga.lv far sì che questo accada», dice Alise con un sor-
Orari: mag.-ago. mar.-sab. 10-19, dom. 12-19; set.- riso. «Da quando siamo stati eletti regno degli
apr. mar.-sab. 10-18, dom. 12-18; sempre chiuso hipster ci sono molti più visitatori, ma il lato
lun. Possibili variazioni per concerti e cerimonie. più bello di Miera iela è il senso di comunità.
Ingresso con salita sul campanile: 9 €. Ci conosciamo tutti, abitiamo nel quartiere e
siamo sempre pronti a darci una mano l’uno
Museo dell’Art Nouveau con l’altro». Non è tutto: a due strade da qui, in
Alberta iela 12; www.jugendstils.riga.lv Tallinas iela 48, gli street artist Rudens Stencil
Orario: mar.-dom. 10-18. Ingresso: 9 €, visita e Kiwie hanno usato 1.500 bombolette di ver-
guidata (in inglese, tedesco o russo) 14,50 €. nice per realizzare il più grande murale della
città, ispirato al festival della canzone lettone:
Museo Nazionale d’Arte l’opera, 25x32 metri, s’intitola Saule Pērkons
Jan,a Rozentāla laukums 1; www.lnmm.lv Daugava: il Sole, il Tuono e la Daugava.
Orario: mar.-gio. 10-18, ven. 10-20, sab.-dom.
10-17, chiuso lun. Ingresso: visita completa 6 €. Dagli Zeppelin allo street food
Giugno 1924: utilizzando vecchi hangar per
Biblioteca Nazionale dirigibili risalenti alla Prima guerra mondiale
Mūkusalas iela 3; www.lnb.lv Orario: 9-20, sab.- e l’innovativo progetto firmato dall’architetto
dom. 10-17; in lug.-ago. lun. 10-17 (aperti solo gli Pāvils Dreijmanis, la città di Riga dà inizio, a
spazi espositivi), mar. e gio. 9-17, mer. e ven. pochi passi dal lento scorrere della Daugava,
12-20, sab. 10-17, chiuso dom. Ingresso libero. alla costruzione del Centrāltirgus, il Mercato
Centrale. Dopo anni di lavoro e ingenti sfor-
Chiesa della Santissima Trinità zi finanziari, il 10 novembre 1930 apre il più
Meža iela 2; troicezadvinskaja.lv Aperta per il culto grande mercato d’Europa: una città nella cit-
lun.-sab. 8.15-18, dom. 16.45-18. Ingresso libero. tà racchiusa in cinque padiglioni per 57mila
metri quadrati complessivi, piacevolmente
Mr Page spruzzati di elementi Art Déco. Oggi i padi-
Miera iela 4, tel. 00371-26734087; www.mrpage.lv glioni sono protetti dall’Unesco ma affollati
Orario: lun.-sab. 11-20, dom. 12-17. come un tempo di banchi ricolmi di prodotti
freschi, marinati e affumicati (i polli anneriti
Centrāltirgus avranno anche un aspetto bizzarro, ma sono
Centrāltirgus iela; www.rct.lv Orario: tutti i giorni deliziosi). La grande novità di quest’anno, sul-
7-18. Il Mercato gastronomico (Centrālais Gastro la scia di quanto avviene a Londra, Amster-
Tirgus, Centrāltirgus iela 3 k. 2; centralais.lv) dam o Lisbona, è l’apertura, nel padiglione 3,
è aperto lun.-gio. e dom. 11-22, ven.-sab. 11-1. del Centrālais Gastro Tirgus, mercato gastro-
nomico con oltre una ventina di stand di street
food internazionale e bar, diventato immedia-
tamente una delle principali attrazioni della
città. Soprattutto nel fine settimana, quando
al calar del sole qui si saluta la notte e si brinda
all’estate con dj set e drink per tutti. Priekā! |
A CURA DI ANDREA FORLANI

Riga 3 PAVARU

Dove dormire vera rarità nella Città Vecchia. Arredi senza


fronzoli e dai colori caldi. Il ristorante Melnā
★★★★ Bite propone cucina lettone ed europea
Radisson Blu Elizabete Hotel Elizabetes in chiave contemporanea. Doppia con
iela 73, tel. 00371-67785555; www.radisson colazione e accesso alla spa da 75 €. HOTEL NEIBURGS
blu.com Stile Radisson in centro città,
dirimpetto al grande parco Esplanāde. Interni ★★★
contemporanei nelle 228 camere, ristorante Hotel Forums Va‚ln‚u iela 45, tel. 00371-
con cucina internazionale e un bar dove 67814680; stpetershotel.lv In un palazzo
godersi un drink a qualunque ora. Palestra dell’Ottocento, è in posizione strategica
e sauna sono comprese nel prezzo della sul lato del centro storico più vicino alle
camera, la spa con piscina è a cinque minuti stazioni di treni e bus e al Mercato Centrale.
a piedi. Doppia con colazione da 148 €. Ottimo rapporto qualità-prezzo, 32 camere
in stile classico con tutto l’essenziale per un
★★★★ soggiorno piacevole, inclusi minibar, vassoio
Hotel Neiburgs Jauniela 25-27, tel. per tè e caffè, cassaforte e wi-fi. Doppia con
00371-67115522; www.neiburgs.com Una colazione da 60 €. UNCLE VANYA
cinquantina di suite e appartamenti molto
accoglienti in un palazzo Liberty affacciato Dove mangiare
sulla piazza della Cattedrale. Arredi moderni,
cura dei dettagli, ristorante con prodotti locali, 3 Pavaru Torn‚a iela 4, tel. 00371-20370537;
spa e biblioteca. Tutti gli appartamenti sono www.3pavari.lv Cucina a vista e sapori
muniti di cucina, area lavoro e wi-fi gratuito. lettoni preparati in chiave contemporanea
Studio con letto matrimoniale o due letti da tre amici chef. Prodotti del territorio
singoli da 113 €, colazione inclusa. – anguilla, asparagi, formaggi, mieli... –,
menù equamente diviso tra carne e pesce,
★★★★ ambiente curato in un’ex caserma del XVIII
Hotel Justus Jauniela 24, tel. 00371- secolo. Conto medio: 45 €.
67212404; www.hoteljustus.lv Centrale HOTEL JUSTUS
e confortevole, ricavato in un palazzo Uncle Vanya Smilšu iela 16, tel. 00371-
ottocentesco nella Città Vecchia. Ottimo 27886963; www.unclevanya.lv Come e simpatia in abbondanza. La quantità di
rapporto qualità-prezzo, mattoni a vista, suggerisce il nome (tratto dal celebre clienti è la prova di quanto il locale sia amato.
mobili antichi e atmosfera d’altri tempi: capolavoro di Čechov), dalla cucina di Zio Si paga solo in contanti. Conto medio: 10 €.
45 camere con wi-fi gratuito, buon ristorante Vanya escono piatti della tradizione russa
con cucina europea e ricca colazione. con tocchi di modernità. Dall’okroška (zuppa Rocket Bean Roastery Miera iela 29, tel.
Doppia con colazione da 90 €. fredda) al caviale, è tutto delizioso. Ambiente 00371-20215120; www.rocketbeanroastery.
rustico-elegante con foto in bianco e nero e com Se Miera iela è il paradiso degli hipster,
★★★★ vecchie pendole. Conto medio: 35 €. il merito va anche al gruppo di entusiasti del
Wellton Centrum Hotel & Spa Kalēju iela caffè d’autore che ha aperto questo locale-
33, tel. 00371-67130670; www.wellton.com Domini Canes Skārn‚u iela 18-20, torrefazione. Oltre a espressi, americani e
Hotel moderno racchiuso in un edificio del tel. 00371-22314122; dominicanes.lv cappuccini anche ghiottonerie dolci e salate.
1873 nel centro storico di Riga, con 144 Immerso nella scenografia della Città Perfetto per connettersi e lavorare dal laptop.
camere, spa e piscina, quest’ultima una Vecchia, è uno dei migliori ristoranti di tutto il Bevanda calda più pasticceria da 6 €.
Baltico. Prodotti per quanto possibile locali,
cucina creativa ma senza esagerare e piatti Gauja Stabu iela 32, tel. 00371-66908200;
adatti anche per vegetariani, come l’avocado www.facebook.com/bufetegauja Décor
al forno ripieno di Camembert e confettura di vintage-sovietico in questo buffet pressoché
cipolle. Conto medio: 30 €. sconosciuto ai turisti, anche perché
volutamente seminascosto. Per un caffè, per
INFO Pie Karı̄nas Miera iela 7, tel. 00371- una birra o per rifocillarsi con piatti semplici
TIC-Tourist Information Centres, Raˉ tslaukums 26807931; www.piekarinas.id.lv Difficile ma saporiti. Serate con musica dal vivo e
6 e Kal‚k‚u iela 16, tel. 00371-67037900 e scovare un posto più autentico: un bistrot dj set. Formule pranzo da 4,50 €, bevanda
67227444; www.liveriga.com post-sovietico con cucina casalinga calda più pasticceria da 4 €.

BELL’EUROPA 39
ITINERARI | LITUANIA

Viaggio
nella
storia
Dalla capitale Vilnius a Kaunas, 100 chilometri
attraverso l’arte e la cultura lituane: dalle chiese
gotiche e barocche, rinate al culto dopo
l’indipendenza, alla creatività contemporanea
TESTI LUISELLA COLOMBO ✶ FOTO ANDREA PISTOLESI

L
L’estate è la stagione ideale per scoprire Vilnius. Il cielo terso fa
risaltare i profili della città; la maggior parte degli edifici e del-
le piazze si raggiunge a piedi: il centro storico barocco più esteso
d’Europa è una miniera di bellezza. Atmosfera mitteleuropea e
popolazione giovane, la capitale lituana è una città che nell’ulti-
mo trentennio è risorta da una storia dolorosa. Nella piazza della
Cattedrale, dove nel 1989 terminò la catena umana di due milioni
di lituani, lettoni ed estoni contro l’occupazione sovietica, è celata
una piastrella con un’impronta: ruotandovi sopra in senso orario
si può esprimere un desiderio. La Città Vecchia, Patrimonio Une-
sco, è un susseguirsi di cortili, viuzze acciottolate e chiese sontuo-
se. Alcune imponenti, come la Cattedrale, con la cappella di San
Casimiro, patrono della nazione, o la chiesa intitolata allo stesso
santo, voluta dai Gesuiti e spesso sede di concerti. Altre sono pic-
coli gioielli, come la chiesa di Sant’Anna, in Gotico fiammeggiante,
e quella dello Spirito Santo, la principale chiesa ortodossa della Li-
tuania. Una chicca è la cappella all’interno della Porta dell’Aurora:
nell’unica rimasta delle cinque porte che si aprivano nelle mura,
custodisce il dipinto della Madonna Nera Misericordiosa. Sempre
nella Città Vecchia il Palazzo dei Granduchi, residenza nobi- >

A sinistra, dall’alto. street art, la Kiemo Michele, del 1629, oggi


Dettaglio della chiesa Galerija-Courtyard sede del Museo del
di Sant’Anna, a Vilnius; Gallery; una Tesoro della Cattedrale;
un murale nel cortile mongolfiera nel cielo in secondo piano,
di Ožeškienės gatvė, a di Užupis, il quartiere la gotica chiesa di
Kaunas: l’artista degli artisti di Vilnius. Sant’Anna, in mattoni,
lituano Vytenis Jakas Pagina accanto. e dietro la chiesa
ha trasformato il A Vilnius, l’ex chiesa del monastero dei
cortile in una galleria di barocca di San Bernardini.
BELL’EUROPA 41
ITINERARI | LITUANIA

liare dal ’400 al ’700, visse il massimo splendore nel ’500, quando
le sue sale ospitavano delegazioni e regnanti stranieri. L’occupa-
zione russa lo rase al suolo. Ricostruito dopo l’indipendenza, è
museo nazionale, con collezioni storiche e archeologiche, ma an-
che sede di concerti e spettacoli. L’Università, fondata nel 1579,
vale la visita per i 13 cortili, la biblioteca, la chiesa di San Giovanni
(1426, ma barocchizzata nel ’700) e il campanile da cui si gode una
vista a 360° sulla città. Ospita anche l’osservatorio astronomico.
Ma Vilnius non è solo celebrazione del passato, vibra di avanguar-
dia ed energia. Il quartiere più alternativo è Užupis, che si è dato
una Costituzione con 41 articoli esposti per strada in più lingue,
bizzarri e all’insegna della libertà. Užupis è nato per volontà di
artisti che hanno riqualificato la zona del fiume Vilnelė, vicino al
quale Open Kitchen è un’area di street food per tutti i gusti. Da
qualche mese chi ama la contemporaneità ha un indirizzo in più:
il MO Museum, firmato da Daniel Libeskind, riunisce la più ampia
collezione di opere d’arte lituana degli ultimi sessant’anni.

Gli angeli di Trakai e la pace di Pažaislis


A circa 30 chilometri da Vilnius sorge la cittadina di Trakai, con 32
laghi (dichiarati parco nazionale), la chiesa ortodossa dedicata a
Maria, la basilica della Visitazione e il Castello sul lago Galvė, che
fu fortezza militare nel Quattrocento, divenendo nel secolo suc-
cessivo residenza ducale. La leggenda vuole che, durante la crea-
zione di Trakai, Dio fosse assistito dall’angelo della Compassione;
in occasione dei 600 anni della basilica, nel 2009 venne creata fuo-
ri dal centro la Collina degli Angeli, sulla quale oggi svettano oltre
40 statue di angeli, di ogni dimensione e stile.
Una decina di chilometri prima di raggiungere Kaunas troviamo il
monastero di Pažaislis, capolavoro barocco e tesoro architettonico
del Paese. Nel XVII secolo il granduca di Lituania invitò i mona-
ci camaldolesi della Polonia a insediarsi in queste aree depresse.
Sulla “collina della Pace” fu costruito, con l’aiuto di architetti ita-
liani, questo monastero il cui numero di porte e finestre è legato
a simboli mistici e spirituali. La bella chiesa abbaziale (1664-84),
dedicata alla Visitazione, è decorata con marmi e graniti prove-
nienti dalla Polonia. La cupola ritrae apostoli e duchi finanziato-
ri. L’immagine della Vergine esposta sull’altare è sopravvissuta a
incredibili vicissitudini: considerata dispensatrice di miracoli, è
circondata da ex voto. Gli affreschi alle pareti sono stati re- >

A sinistra, dall’alto. all’incrocio con del fiume Nemunas.


L’ingresso del S. Daukanto gatvė è La sua pianta a croce
monastero di Pažaislis, illuminata da luci latina è una rarità
10 km a est di Kaunas; colorate. Pagina in Lituania. Pagina
concerto d’arpa accanto, in alto. La accanto, in basso.
nella chiesa di San chiesa dell’Assunzione La Collina degli Angeli,
Francesco a Vilnius; a Kaunas, nota anche disseminata di edicole
l’Hotel Metropolis come chiesa di e statue in legno, vicino
di Kaunas, edificio Art Vytautas il Grande, dal a Trakai. È stata creata
Déco in Laisvės alėja: nome del granduca nel 2009 per celebrare
di notte la fontana che la fondò sulle rive il millenario del Paese.
BELL’EUROPA 43
ITINERARI | LITUANIA

staurati dopo che i sovietici, durante l’occupazione, li avevano co-


perti, trasformando il monastero in archivio, manicomio e infine
in galleria d’arte. Dopo l’indipendenza in questo complesso sono
tornate le monache di San Casimiro, provenienti da Chicago, e ci
vivono tuttora: il loro ordine aveva gestito il monastero già negli
anni 1920-40.

Kaunas, la Lituania modernista


“Immagino il mondo come una grande sinfonia” diceva il pittore
e compositore Mikalojus Konstantinas Čiurlionis (1875-1911), il
pittore nazionale lituano. In verità, la sinfonia di Kaunas ha avuto
una partitura alquanto travagliata. Sulla confluenza di due fiumi,
vicina al Baltico, questa città dalla vocazione mercantile ha pagato
la sua ubicazione strategica subendo numerosi attacchi nel corso
dei secoli. Nel periodo fra le guerre mondiali, quando Vilnius fu
occupata dalla Polonia, Kaunas divenne capitale della Lituania e
dovette creare edifici e infrastrutture degni del nuovo ruolo. La
popolazione viveva sulla collina, mentre “in basso” c’erano ban-
che, uffici e palazzi governativi (la sede della Filarmonica, del
1928, fu costruita per ospitare il Ministero della Giustizia); così
nacque la necessità della funicolare della Žaliàkalnis, tuttora in
funzione, per superare il dislivello di 140 metri. Oggi sopra la
collina si staglia la basilica della Resurrezione, la cui costruzione
iniziò nel 1934: la popolazione contribuì acquistando francobolli
speciali che equivalevano a mattoni. Quando scoppiò la guerra,
i nazisti ne usarono la mastodontica struttura come magazzino;
poi Stalin vi insediò la sede della radio; consacrata solo nel 2005,
può accogliere 5.000 fedeli ed è totalmente bianca, all’interno e
all’esterno. Da lì si scende seguendo un itinerario dedicato all’ar-
chitettura modernista, che qui si caratterizza per l’uso del verde
(il colore nazionale) e di figure geometriche, rombi, triangoli e ret-
tangoli, che nel paganesimo simboleggiavano fuoco, luna e sole:
la Lituania fu tra le ultime nazioni a convertirsi al Cristianesimo.
Dopo le facciate moderniste dell’ufficio centrale delle Poste, del
cinema Romuva e del Museo Militare, vale la visita l’adiacente
Museo Čiurlionis, dove si scopre che l’artista realizzò 200 dipin-
ti in sei anni, senza mai firmarli, su carta e cartone perché non
poteva permettersi tele. Se non si fosse ammalato di polmonite
avrebbe potuto accettare l’invito di Kandinskij a esporre insieme.
Čiurlionis, che amava il mare e studiava l’astronomia, compo- >

A sinistra, dall’alto. difensiva del XIII Pagina accanto,


Dettaglio di una delle secolo, un tempo parte in basso. Sul cortile
sale granducali nel delle mura della città. principale della storica
monastero di Pažaislis; Pagina accanto, in Università di Vilnius,
il campanile della alto. A Kaunas, l’argine fondata nel 1579 dal re
cattedrale dei Santi sulla sponda nord polacco Stefano I
Stanislao e Ladislao di del fiume Nemunas Báthory, prospetta la
Vilnius. Separato dal esibisce la scritta facciata della chiesa di
corpo della chiesa, fu Lietuva (Lituania) e un San Giovanni, eretta
costruito nel ’500 pallone da basket, nel XIV-XV secolo ma
riadattando una torre lo sport nazionale. poi rifatta nel ’700.

44 BELL’EUROPA
ITINERARI | LITUANIA

se anche delicate sinfonie, alcune delle quali si possono ascoltare


nell’auditorium del museo. Non lontano, Laisvės alėja (viale della
Libertà) si presenta con negozi e caffè e con il Teatro della Musi-
ca: quando fu ampliato, nel periodo Art Déco, vi furono trovate
bottiglie vuote di champagne di cui si utilizzò il vetro per miglio-
rare l’acustica. Camminando si arriva nella Città Vecchia, la cui
arteria principale è Vilniaus gatvė, via Vilnius, che risale ai secoli
XV-XVII. Il lungo viale acciottolato, bordato da bar con tavolini
all’aperto, ristoranti e negozi, conduce alla basilica cattedrale dei
Santi Pietro e Paolo. Sebbene non contenga opere preziose, que-
sta chiesa ha un grande significato per la popolazione perché i
sovietici non la danneggiarono durante l’occupazione. L’esterno
gotico – che ne fa il più grande edificio lituano in questo stile – si
combina con interni barocchi. Tra gli altari spicca quello dedicato
all’Assunzione di Maria: in legno azzurro e oro, fu smontato pezzo
per pezzo, quindi conservato e rimontato. È graziosa la cappella
neogotica-bizantina dedicata all’Adorazione, priva delle ridon-
danze del Barocco e con un altare in legno intarsiato. Sempre a
piedi si può raggiungere il Museo della Musica e degli Strumenti
Folklorici: unico in tutta la Lituania, raduna in un edificio del Cin-
quecento migliaia di strumenti. Nella sezione Fiati e percussio-
ni si comprende come un intero tipo di musica sia nato a stretto
contatto con la pastorizia: flauti in legno o corni per richiamare le
greggi, strumenti in osso, piume, paglia e bambù, usati ancora oggi
nei festival folcloristici. Una sala è dedicata ai kanklės, simili alla
cetra, finemente decorati e tradizionalmente suonati dalle donne;
qualche lituano trovò la forza per sopravvivere alla deportazio-
ne in Siberia proprio suonando le melodie dei kanklės. Sempre in
centro, il Municipio è un edificio bianco che svetta con la regalità
di una chiesa. Percorrendo Aleksoto gatvė, che collega la piazza
del Municipio al fiume, si vede la Casa di Perkūnas: in stile gotico
fiammeggiante, risale a fine ’400; nei secoli è stata anche cappel-
la, teatro, dimora di un poeta, scuola dei Gesuiti e, si dice, anche
sede della Lega Anseatica. Più avanti la chiesa dell’Assunzione, in
mattoni rossi, è la più antica della città. Eretta dai Francescani nel
1400 circa, anch’essa si è trasformata più volte: fu chiesa ortodos-
sa e deposito di munizioni per l’esercito napoleonico. Dal 1990 è
tornata chiesa cattolica. Ultima tappa è il Castello, di cui rimane
solo la torre, adibita a museo. Vi si narrano le vicende del baluardo
contro gli attacchi dei cavalieri dell’Ordine Teutonico. |

A sinistra, dall’alto. minuti, sale alla partire dal XIV secolo e


L’imponente basilica Žaliàkalnis. L’opera fu più volte modificato,
della Resurrezione, inaugurata nel 1931, in deve l’aspetto attuale
sulla Žaliàkalnis (il seguito all’espansione a importanti lavori di
nome significa “collina che nel 1919 aveva restauro che hanno
verde”) di Kaunas; uno incorporato la collina privilegiato forme
dei murali nel cortile nei confini della città. quattrocentesche.
della Kiemo Galerija- Pagina accanto, Pagina accanto,
Courtyard Gallery di in alto. Il Castello di in basso. Una sala
Kaunas; la funicolare Trakai si specchia sul del Museo Nazionale
che, in meno di due lago Galvė. Costruito a Čiurlionis di Kaunas.

46 BELL’EUROPA
BELL’EUROPA 47
ITINERARI | LITUANIA

Il Rótušė, lo storico
Municipio di Kaunas,
al centro della piazza
omonima, oggi è
usato come sede di
rappresentanza e
ospita un museo di
ceramiche. L’alta
torre candida gli ha
meritato il nomignolo
di “cigno bianco”.

Indirizzi
VILNIUS TRAKAI Museo della Musica e degli
Palazzo dei Granduchi di Lituania Castello di Trakai Karaimu˛ gatvė 43C; Strumenti Folklorici Zamenhofo
Katedros aikštė 4; www.valdovurumai.lt www.trakaimuziejus.lt e www.trakai-visit. gatvė 12; www.kaunomuziejus.lt
Orari: giu.-ago. 10-18, ven.-dom. 10-20; lt Orari: mag.-set. 10-19; mar.-apr. e ott. Orario: mar.-ven. 10-18, sab. 10-17.
set.-mag. 10-18, gio. 10-20, dom. 10-16, 10-18, chiuso lun.; nov.-feb. 9-17, chiuso Ingresso: 2 €.
chiuso lun. Ingresso: da 2 a 7 €. lun. Ingresso: 8 €.
Casa di Perkuˉ nas Aleksoto gatvė 6;
Università Universiteto gatvė 3; KAUNAS www.perkunonamas.lt Orario: lun.-ven.
www.muziejus.vu.lt/en/ Orari: edifici Monastero di Pažaislis Masiulio gatvė 10-17. Ingresso: 2 € (visita guidata 3 €).
storici, mar.-ott. 9-18, chiusi dom.; 31; www.pazaislis.org Orario: mar.-ven.
campanile, mag.-set. 10-19. Ingresso: 10-17, sab. 10-16. Ingresso: 6 €. Castello di Kaunas-Museo Civico
edifici storici 1,50 €; campanile 3 €. Pilies gatvė 17; www.kaunomuziejus.lt
Museo Nazionale Čiurlionis Orari: set.-mag. mar.-ven. 10-18, sab.
MO Museum Pylimo gatvė 17; V. Putvinskio gatvė 55; www.ciurlionis.lt 10-17, chiuso dom.-lun.; giu.-ago.
mo.lt/en Orario: 10-20, ven. 10-22, Orario: mar.-sab. 11-17, gio. fino alle 19. mar.-sab. 10-18, dom. 10-16, chiuso lun.
chiuso mar. Ingresso: 7 €. Ingresso: 4 €. Ingresso: 2,50 €.

48 BELL’EUROPA
A CURA DI LUISELLA COLOMBO

Da Vilnius a Kaunas PACAI

Come muoversi 79 accoglienti sistemazioni di design, con


mobili in legno e dettagli curati; alcune hanno
In auto È il mezzo ideale per raggiungere le il balcone. Doppia con colazione da 99 €.
tappe dell’itinerario, nonché l’unico modo per
arrivare al monastero di Pažaislis. Il Castello di ★★★★
VIŠTA PUODE
Trakai invece si può raggiungere da Vilnius in Kaunas Hotel Laisvės alėja 79, Kaunas,
treno: con le Ferrovie Lituane (www.litrail.lt) tel. 00370-37-750850; www.kaunashotel.lt
35 minuti di viaggio, 1,80 € a tratta. Da Vilnius Sul viale della Libertà, un palazzo del 1870 è
si arriva a Kaunas in circa un’ora e mezza stato ristrutturato con gusto. Offre 80 camere
lungo l’autostrada A1/E85 Vilnius-Klaipėda. di diverse tipologie e vari servizi, fra cui l’area
Per il noleggio auto all’aeroporto di Vilnius: fitness. Doppia con colazione da 85 €.
con ADC Rent (adcrent.com/en) una vettura
media per 4 giorni parte da 160 €. ★★★★
Daugirdas T. Daugirdo gatvė 4, Kaunas,
Dove dormire tel. 00370-37-301561; www.daugirdas.lt
A 50 metri dal Municipio, 48 camere ricavate
★★★★★ all’interno di un palazzo storico. Molto GABI
Grand Hotel Kempinski Vilnius Universiteto comodo per le passeggiate sul lungofiume.
gatvė 14, Vilnius, tel. 00370-5-2201100; Doppia con colazione da 85 €.
www.kempinski.com/en/vilnius/grand-hotel-
kempinski Di fronte alla piazza della ★★★★
Cattedrale, le 96 lussuose camere e suite Best Western Santaka J. Gruodžio
sono affiancate da servizi all’altezza della gatvė 21, Kaunas, tel. 00370-37-302702;
categoria, inclusi ristorante, bar e centro santakahotel.eu In una via appartata e
benessere. Doppia con colazione da 220 €. silenziosa, offre 92 sistemazioni con letti
king-size, arredi in quercia e wi-fi. Doppia
★★★★★ con colazione da 65 €.
Pacai Didžioji gatvė 7, Vilnius, tel. 00370-
5-2770000; hotelpacai.com/en Da maggio Dove mangiare KAUNAS HOTEL
2018 il palazzo della nobile famiglia Pacai
è rinato in un amalgama di Barocco e Stikliai Tavern Gaono gatvė 7, Vilnius, Gabi Šv. Mykolo gatvė 6, Vilnius, tel. 00370-
design contemporaneo. Nei quattro edifici tel. 00370-5-2649580; www.stikliai.com 5-2123643; www.restoranasgabi.lt In centro,
seicenteschi che lo compongono sono state All’interno dell’hotel omonimo, affiliato a l’antico laboratorio di un artigiano è diventato
ricavate 104 sistemazioni spaziose, con Relais & Châteaux, è una taverna perfetta ristorante. Arredi rustici e old style, ricca scelta
affreschi e statue originali e lo stile sofisticato per una pausa di charme. Su due piani, di cucina lituana ed europea; da provare
della catena Design Hotels. Doppia con mura del Seicento e cucina della tradizione. l’apple pie. Conto medio: 25 €.
colazione da 150 €. Menù degustazione da 75 €.
Višta Puode S. Daukanto gatvė 23, Kaunas,
★★★★ 14 Horses Didžioji gatvė 7, Vilnius, tel. 00370-693-63777; www.vistapuode.lt
Hotel Vilnia Maironio gatvė 1, Vilnius, tel. tel. 00370-612-50845; www.14horses.lt Un locale luminoso e gradevole per pranzo
00370-5-2034455; hotelvilnia.lt Nel centro Nel cuore del centro storico, una brasserie e cena, con arredi e pareti che ricordano
storico, in un bel palazzo dell’Ottocento, offre con menù di stagione e cucina baltica e le favole. Cucina lituana con un tocco
nordeuropea. Ricca selezione di birre alla moderno, piatti e ingredienti seguono
spina, vini e sidri. Conto medio: 40 €. le stagioni. Conto medio: 18 €.

Uoksas Maironio gatvė 8, Kaunas, Hop Doc GastroPub M. Daukšos gatvė 23,
INFO tel. 00370-686-38881; www.uoksas.eu Kaunas, tel. 00370-37-227656; www.
A Vilnius: Tourist Information Centre, Selezionato fra i “top 30 Baltic 2017”, il hopdoc.lt Il locale è un semplice pub ma il
Pilies gatvė 2, tel. 00370-5-2629660; ristorante evoca una foresta, con lampadari- cibo è di qualità e ben presentato. Burger di
www.vilnius-tourism.lt nido, rami da cui pendono luci, tavoli, menù manzo, pollo, agnello, tonno e vegetariani;
A Kaunas: Main Tourism Information Office, e portaposate in legno. In carta ci sono pochi insalatone, salse casalinghe e 100 tipi di birra
Rotušės alėja 15, tel. 00370-616-50991; piatti, ma cucinati con cura e creatività. da mezzo mondo. Burger e insalate sui 6 €,
visit.kaunas.lt Menù degustazione a 30 e 40 €. piatti di carne e pesce da 7 a 14 €.

BELL’EUROPA 49
MARE | LITUANIA

Dune e foreste,
il Baltico inatteso
Alla scoperta dei paesaggi sorprendenti del litorale lituano: le glorie
marinare di Klaipėda e le sabbie della Penisola Curlandese,
il villaggio amato da Thomas Mann e le spiagge infinite di Palanga
TESTI CLAUDIA SUGLIANO

50 BELL’EUROPA
Veduta della Laguna
Curlandese dalla
sommità della duna di
Parnidis, presso Nida,
sulla Penisola
Curlandese. La duna,
alta 52 metri, è
coronata da un punto
d’osservazione da cui
lo sguardo spazia a
360 gradi su entrambe
le coste della sottile
lingua di terra divisa
a metà tra la Lituania
e l’enclave russa di
Kaliningrad.
F Fra i Paesi baltici la Lituania è quello che ha il litorale meno
esteso: circa 100 chilometri. Ma possiede un autentico gio-
iello, la Penisola Curlandese o di Neringa, una sottile stri-
scia di sabbia tra la Laguna Curlandese e il Baltico. L’acces-
so a questo straordinario e fragile regno di dune e foreste
di conifere è Klaipėda, terza città e unico porto del Paese,
allo sbocco della laguna sul mare aperto. La sua antichissi-
ma storia, legata ai Curi, si intreccia con quella dell’Ordine
cavalleresco di Livonia, che nel XIII secolo costruì un ca-
stello tra il fiume Danė e il limite della laguna. Col nome
tedesco di Memel fu città della Lega Anseatica; appartenne
poi alla Prussia e il suo porto stimolò la cupidigia di varie
nazioni: nel 1923 fu occupata dalle truppe lituane, passò
volta, la Scandinavia, l’Europa del Sud, il Sahara. Non stu-
pisce che questi luoghi siano stati immortalati da numerosi
artisti: contrasti e cambi di luce trasformano di continuo
le lunghe spiagge di sabbia chiara affacciate sul Baltico e
le alte dune che costeggiano la laguna, su cui si allineano
quieti, variopinti villaggi di pescatori. Le fitte pinete, dove
vivono alci, caprioli e cinghiali, hanno salvato questa lingua
sabbiosa a forma di falce, che nel XVI secolo, a causa del
taglio delle foreste (il legno serviva per costruire navi), vide
un disastroso spostamento delle dune, sospinte dal vento:
in 300 anni vennero seppelliti 14 paesi. Poi iniziò il rimbo-
schimento, e i villaggi furono ricostruiti non più sul mare
ma verso la laguna. Sulla via per Nida, Juodkrantė, dalle
poi alla Germania hitleriana e quindi alla Lituania sovieti- belle ville in legno di fine ’800-inizio ’900, è famosa per la
ca. Il secondo conflitto mondiale provocò grandi distruzio- baia dell’Ambra, dove nella seconda metà del XIX secolo
ni nella Città Vecchia, che si stende sulla riva sinistra del vennero scoperti ricchi giacimenti della preziosa resina fos-
Danė. Le strade che s’incrociano ad angolo retto, come le sile, ora esauriti. Sulla collina delle Streghe, una delle dune
vie del Mercato e dei Pescatori, conservano ancora alcuni a ferro di cavallo che la circondano, si sviluppa un percorso
edifici a graticcio, restaurati e trasformati in gallerie d’arte di sculture lignee ispirate alle fiabe lituane. Vedute mozza-
e locali. La piazza principale è quella del Teatro, dal cui bal- fiato si aprono dalle dune di Vecekrugo, vicino al villaggio
cone Hitler nel 1939 pronunciò il discorso per l’annessione di Preila, tappezzate di pino mugo, e da quella celebre di
alla Germania. Una fontana vi celebra il poeta seicentesco Parnidis, a Nida, sulla cui cima, a 52 metri, sta una meridia-
di lingua tedesca Simon Dach e la protagonista di un suo na. Dalla piattaforma panoramica, che si raggiunge salendo
celebre poema d’amore, Ännchen von Tharau. Attraccato 170 gradini, appaiono le ultime dune mobili e la cosiddetta
sul lungofiume, il veliero a tre alberi Meridianas, un tempo “valle della morte”, con gole di sabbia dalle strane forme.
nave scuola, ora è un inconsueto ristorante di pesce, oltre Nida, villaggio di pescatori già citato dai Cavalieri teutonici,
che simbolo cittadino. Sulla riva destra del Danė si estende proprio a causa delle dune mobili fu trasferito sulla laguna
invece la Città Nuova. Se un grande parco, ex cimitero spia- attorno al 1730, e a fine ’800 cominciò a essere frequentato
nato dai sovietici, è oggi un’esposizione di oltre 100 scultu- da artisti, divenendo un noto luogo di villeggiatura. Il suo
re, in tutta la città se ne possono scoprire di bizzarre, legate ospite più famoso fu Thomas Mann: se ne può visitare la
a superstizioni o leggende: Slibinas, il drago; lo Spazzaca- casa di legno dal tetto in paglia, nello stile locale, situata
mino; il Gatto dal volto umano; il Topolino magico; il Sogno in un’incantevole posizione fra gli alberi, con la “veduta
dell’infanzia, quest’ultimo al terminal crociere. italiana” sulla laguna e la spiaggia bianca. Qui lo scrittore
trascorse le estati dal 1930 al 1932, lavorando al romanzo
Dune irrequiete e paesini da cartolina Giuseppe e i suoi fratelli, prima di lasciare per sempre la Ger-
È invece dal vecchio terminal traghetti vicino ai bastioni mania nel 1933. Apprezzata per le spiagge e per gli sport
del Castello (nei cui sotterranei si visita il museo dedicato acquatici, Nida è un luogo incantevole, che ispira quiete. È
alla storia della città) che partono i ferry per la Penisola bello camminare nelle sue stradine fiorite, tra case tradizio-
Curlandese, sulla cui punta nord, a Smiltynė, troviamo il nali con il timpano blu ornato da teste di cavallo incrociate
Museo del Mare. La strada che attraversa la sottile lingua di o da altri simboli magici. Uno dei più begli esempi è la Casa
terra fino a Nida, il centro principale, arriva al confine con Etnografica del Pescatore: nel giardino si può vedere una
l’enclave russa di Kaliningrad, cui appartiene la metà meri- tipica barca dal fondo piatto accanto alla quale svettano i
dionale della penisola. La parte lituana è tutelata dal Parco guidoni curlandesi, le banderuole in latta che, dal 1844, tut-
Nazionale della Curlandia, dal 2000 Patrimonio Unesco. ti i pescherecci della laguna dovevano issare. Con gli anni,
Presenta una varietà di paesaggi che ricordano, di volta in arricchite di altri motivi, divennero originali opere d’arte.

Ville e ambra a Palanga


A lato. Vegetazione
sulla duna di Parnidis. Tornati sulla terraferma, circa trenta chilometri a nord di
Pagina accanto. Klaipėda si stende Palanga, la principale località balneare
Il paesaggio delle lituana, dall’ininterrotta spiaggia di sabbia fine lunga una
“dune grigie” visto
dalla duna di Agilos ventina di chilometri. Uno dei suoi simboli è il pontile sul
Kopa, alta 49 metri. mare, in legno, lungo 470 metri, da cui si ammirano i più
Situata circa a metà bei tramonti. Le ville, anch’esse in legno, testimoniano
strada tra Klaipėda e
Nida, la zona fa parte
un passato mondano, iniziato sotto il conte polacco Feliks
della Riserva Naturale Tyszkiewicz, che a fine ’800 volle trasformare il villaggio ac-
di Nagliai, nella quale quistato dal nonno Michaĺ nel 1824 in una stazione termale
sono proibite le attività e balneare. Il palazzo Tyszkiewicz, al centro di un magnifico
umane: la si può
visitare camminando giardino botanico, è ora la sede del Museo dell’Ambra, il
su passerelle. più grande del mondo nel suo genere. |

52 BELL’EUROPA
MARE | LITUANIA
MARE | LITUANIA

54 BELL’EUROPA
Nella foto. Scorcio del delta
del fiume Nemunas, che
sfocia nella Laguna
Curlandese a sud di Klaipėda.
A destra. La Casa Museo di
Thomas Mann a Nida.
Sotto. Il pontile di Palanga.
Pagina accanto, dall’alto.
La spiaggia di Palanga; a
Nida, una tipica casa in legno
e una delle passerelle che
permettono di salire sulle
dune, ambienti fragilissimi:
il calpestio di un singolo
visitatore può smuovere
tonnellate di sabbia.

BELL’EUROPA 55
MARE | LITUANIA

Nella foto. Un
tronco intagliato
sulla collina delle
Streghe, a sud di
Juodkrantė. Le
statue disseminate
su quest’altura,
realizzate da circa
50 artisti dal 1979
a oggi, raffigurano
personaggi delle
leggende lituane e
del mito pagano.
A destra. Abitazione
tradizionale a Nida.
Sotto, a destra.
Un tratto della
costa di Nida,
affacciata sulla
Laguna Curlandese.

Indirizzi
KLAIPĖDA
Museo del Castello
Priešpilio gatvė 4; www.mlimuziejus.lt
Orario: mar.-sab. 10-18. Ingresso: 1,74 €.

SMILTYNĖ
Museo del Mare
Smiltynės gatvė 3; www.muziejus.lt Orari: giu.-ago.
mar.-dom. 10.30-18.30; apr., mag. e set. mer.-dom.
10.30-18; ott.-mar. ven.-dom. 10.30-17. Ingresso: da 7 €.

NIDA
Casa Museo di Thomas Mann
Skruzdynės gatvė 17; www.mann.lt Orari: mag.-set. tutti i
giorni 10-18; ott.-apr. mar.-sab. 10-17. Ingresso: 2,50 €.

Casa Etnografica del Pescatore


Nagliu˛ gatvė 4; www.neringosmuziejai.lt Orari: giu.-ago.
tutti i giorni 10-18; set.-mag. mar.-sab. 10-17. Ingresso: 1 €.

PALANGA
Museo dell’Ambra
Vytauto gatvė 17; www.pgm.lt Orari: giu.-ago. mar.-sab.
10-20, dom. 10-19; set.-mag. mar.-sab. 11-17, dom. 11-16.
Ingresso: 4 €.
A CURA DI CLAUDIA SUGLIANO

Riviera lituana NATIONAL HOTEL

Come muoversi rilassante e piacevole, e c’è anche un centro


benessere. Al ristorante, cucina tipica e
In auto Da Vilnius a Klaipėda sono 310 km internazionale (conto sui 25 €). Doppia con
via Kaunas sulla A1/E85. Da Klaipėda a Nida colazione da 129 €.
sono 51 km sulla strada 167. Da Klaipėda si NIDOS SEKLYČIA
arriva a Nida anche in traghetto: due corse Nidos Seklyčia Lotmiškio gatvė 1, Nida,
giornaliere a/r dal nuovo Ferry Terminal di tel. 00370-606-69000 e 00370-469-50000;
Nemuno gatvė, con fermata a Joudkrantė www.neringaonline.lt In un’accogliente
(info: Žveju¸ 8, Klaipėda, tel. 00370-46- struttura tradizionale curlandese, è un piccolo
311117; www.keltas.lt Biglietto 1 €, auto hotel familiare molto curato, immerso nel
12,30 €). Chi viaggia a piedi o in bicicletta verde, con camere doppie e appartamenti.
può anche prendere il battello dal vecchio Ristorante con dehors sotto i pini e piccola
Ferry Terminal di Danės gatvė (biglietto 1 €). spa. Doppia con colazione da 110 €.
Da Klaipėda si arriva a Palanga in circa 30 km
con la A13/E272. ★★★★
In bus Servizio di linea tra Vilnius e Klaipėda: Baltic Inn S. Daukanto gatvė 10A, Palanga,
partenze ogni ora (nelle ore di punta ogni 30 tel. 00370-460-30400; www.balticinn.lt NERIJA
minuti), biglietto da 15 a 43 €. Minibus e bus In centro, con giardino, ha 23 tra camere
tra Smiltynė e Nida: biglietto da 4 a 10 €. e suite, tutte con balcone, insonorizzate e
con ogni comfort. Possibilità di massaggi
Dove dormire e trattamenti di bellezza. Doppia con
colazione da 109 €.
★★★★
Radisson Blu Šauliu¸ 28, Klaipėda, tel. ★★★★
00370-46-490800; www.radissonblu.com/ National Hotel Žveju¸ gatvė 21/Teatro gatvė
hotel-klaipeda In posizione centrale, in 1, Klaipėda, tel. 00370-46-211111; www.
una bella via tranquilla, vicino alla sala da nationalhotel.lt Centralissimo albergo di
concerti, un albergo di piccole dimensioni, tradizione ben rimodernato, con 38 comode
quasi familiare, con 74 camere decorate camere, conserva un fascino speciale, ben MERIDIANAS
con colori e immagini marinare. Doppia con avvertibile anche nel bar-ristorante, molto
colazione da 133 €. amato in città. Doppia con colazione da 100 €. 30 migliori tavole della Lituania, grazie alla sua
cucina a base di prodotti freschi, innanzitutto
★★★★ Dove mangiare pesce, proposti in maniera raffinata. In estate
Nidos G.D. Kuverto gatvė 15, Nida, si può mangiare anche sulla terrazza. Conto
tel. 00370-469-52001; www.nidus.lt Unico Meridianas Danės Kairioji Krantinė, medio: 45 €.
4 stelle della cittadina, ha 26 camere comode Klaipėda, tel. 00370-601-31866; www.
arredate nelle tonalità marine. L’atmosfera è restoranasmeridianas.lt Cucina internazionale Žuvinė J. Basanavičiaus gatvė 37A,
di pesce e crostacei (non mancano neppure Palanga, tel. 00370-656-59647; zuvine.lt
le ostriche) per il ristorante più originale di Ottimo ristorante di pesce che lavora a stretto
Klaipėda, ospitato nel veliero all’ancora vicino contatto con i pescatori e gli allevamenti ittici
al ponte Biržos. Conto medio: 50 €. del Baltico, ma si rifornisce anche di pescato
atlantico. I tipi di pesce seguono la stagionalità,
Friedricho Pasažas Tiltu¸ gatvė 26A, ad esempio anguilla in estate, merluzzo in
INFO Klaipėda, tel. 00370-46-301070; www. autunno, rombo e pesce gatto in inverno.
A Klaipėda: Klaipėda Tourism and Culture pasazas.lt Nel Passage (Pasažas), in una Conto medio: 40 €.
Information Center, Turgaus gatvė 7, delle vie più famose e frequentate della città,
tel. 00370-46-412186; www.klaipedainfo.lt su cui si affacciano vari locali con dehors, Senasis Uostas Nagliu¸ gatvė 29, Nida, tel.
A Palanga: Palanga Tourism Information un indirizzo impeccabile con ottima cucina, 00370-699-38980; www.senasis-uostas.lt
Centre, Vytauto gatvė 94, tel. 00370-460- non solo tradizionale. Conto medio: 45 €. Ristorante molto frequentato, con un
48811; www.palangatic.lt ambiente gradevole. In carta ci sono
A Nida: Culture and Tourism Information Nerija Pamario gatvė 13, Nida, tel. 00370- soprattutto portate di pesce, ma anche piatti
Centre, Nagliu¸ gatvė 18E, tel. 00370-469- 610-49584; www.neringahotels.lt Da 13 anni tipici e ottime insalate. Buon rapporto
52345; visitneringa.com il ristorante dell’hotel Nerija si posiziona fra le qualità-prezzo. Conto medio: 25 €.

BELL’EUROPA 57
shopping DI CLAUDIA SUGLIANO

Acquisti preziosi tra


natura e storia
L’artigianato di tradizione e il retaggio del
passato accomunano i tre Paesi Baltici e danno
la possibilità di portare a casa souvenir unici:
dai gioielli in ambra ai tessuti di lino,
dagli utensili in legno alle icone ortodosse
e agli oggetti vintage dell’epoca sovietica

2
6

L’artigianato in Lettonia, Lituania ed Estonia ha molti


punti in comune, anche se in ogni Paese assume
caratteri legati alle peculiarità nazionali. Anzitutto
è profondamente collegato al folclore, da cui
trae ispirazione. Poi, nasce dalle materie prime a
disposizione: quella che più viene naturale associare
al Baltico è l’ambra, e non a caso il litorale, dove si
raccoglie la preziosa resina fossile, è chiamato “costa
d’ambra”. I gioielli in questo antichissimo materiale,
immancabili nei costumi tradizionali, sono dei
classici e vengono reinterpretati con spirito moderno
in infinite versioni. Poi, essendo la regione baltica
3 molto boscosa, è naturale che con il legno si siano da
sempre creati oggetti d’uso quotidiano, ad esempio
per la tavola e per la cucina, e sculture, da quelle
1. Coppia di statuine
in porcellana di Riga, religiose (le croci lituane) a streghe e personaggi
da Doma Antikvariaˉ ts, delle fiabe. In Lettonia, la patria ancestrale della
antiquario di Riga.
2. L’esposizione di
scultura lignea è la regione della Semgallia/Zemgale;
ambra al Museo- mentre la Latgallia/Latgale è il regno della ceramica.
Galleria dell’Ambra V. e Se, soprattutto in Estonia, si lavora molto la lana –
K. Mizgiris, a Nida.
3. Filatura della lana bellissimi sono i maglioni, i calzini lavorati a mano,
all’antica nelle Giornate i guanti, le coperte patchwork, da acquistare anche
medievali di Tallinn. sulle bancarelle di Tallinn – il lino è diffuso nei tre
4. Scorpione in ambra
alla galleria Amber by Paesi. La Lituania ne è il primo produttore al mondo
Mazukna, a Kaunas. (nel Nord si vedono ancora molti mulini a vento,
5. Memorabilia
sovietiche al Balti
un tempo usati per la lavorazione della fibra);
Jaama Turg di Tallinn. mentre in Lettonia la Livonia/Vizdeme oltre che nel
6. Icone russe da ricamo si è specializzata nella tessitura del lino, in
Doma Antikvariaˉ ts.
4 particolare di biancheria per la casa.
Non bisogna poi dimenticare il passato sovietico
delle tre Repubbliche Baltiche. Oggi fra i souvenir
più ricercati ci sono oggetti legati a quel periodo
storico, come orologi Raketa, macchine fotografiche,
spille e distintivi, insieme a manifesti e ceramiche di
propaganda, e vari oggetti un po’ kitsch, da trovare
soprattutto curiosando sulle bancarelle dei mercati
delle pulci o in qualche negozio specializzato.

AMBRA

Da sempre questa resina fossile, ricercata fin


dall’antichità, è stata raccolta sulle coste del >

5 BELL’EUROPA 59
2

shopping

1. 3. Onorificenze al lavoro dell’ex


Urss alla galleria Idla Antiik di Tallinn.
2. Tra i pezzi di vintage sovietico in
vendita al mercato delle pulci di Riga,
le macchine fotografiche Zorki.
4. Posate e utensili in legno sui
banchetti del mercato di Tallinn.
5. Una statuina degli anni 1950-60
delle manifatture di porcellana
Lomonosov, da Idla Antiik.

1
3

Mare del Nord e del Baltico, in particolare dopo le


tempeste. Proprio il fatto di essere stata trasportata
dall’acqua dei fiumi nei laghi o nel mare ne ha
permesso la conservazione: molti depositi sono stati
infatti trovati in sedimenti marini. L’ambra ha una
gamma di colori molto varia: se i più conosciuti
vanno dal bianco al giallo chiaro, all’arancio, al
marrone, sono numerosissime le tonalità che
può assumere. Un fenomeno unico, che la rende
ancora più preziosa, è quello delle inclusioni:
piante, insetti, piccoli animali di milioni di anni fa,
rimasti imprigionati nella resina fluida e in seguito
conservatisi con essa dopo la cristallizzazione.
Ricchissima è la gamma di gioielli in ambra, dalle
classiche collane a grani, a orecchini, pendenti,
anelli, bracciali. Ci sono poi piccole sculture 4
animalier, cornici, candelabri, quadri a mosaico, e
altri oggetti decorativi, creati da abili artigiani-artisti
specializzati, che spesso sfruttano le difformità e le
caratteristiche del materiale per creare pezzi unici.

LEGNO

Il legno, molto utilizzato nell’artigianato estone,


è soprattutto quello profumato di ginepro,
proveniente dalle isole occidentali. Viene declinato in
una varietà di oggetti, che, a seconda dell’artigiano,
acquistano una loro personalità: boccali, scatole,
sottobicchieri, bottoni, portachiavi, cucchiai, forchette
e coltelli. Questi ultimi, molto comuni, sono ideali
per spalmare il burro. Anche in Lettonia si lavora il
legno: caratteristiche sono le posate rustiche, usate
ancora oggi in cucina.

CERAMICA

Dai tempi più antichi, come è provato anche da


ritrovamenti archeologici, in Latgallia, nella Lettonia
orientale, si lavora la ceramica. Oggi la tradizione
è sempre viva e gli artigiani, ognuno con il proprio
stile, creano recipienti vari, candelieri, vasi, piatti
decorativi, fischietti. La ceramica smaltata ha sempre
forme molto morbide e può essere decorata con
motivi di uccelli e altri animali, o scritte. Si tratta di
una ceramica dai tratti prettamente popolari che ha
conservato un fascino antico.

60 BELL’EUROPA
LANA E LINO

In Estonia, il più “scandinavo” dei tre Paesi Baltici,


Dove comprare
anche a causa del clima rigido si usa molto la lana
e, dunque, tra i prodotti artigianali più ricercati ci
sono maglioni, davvero belli e caldissimi, e le calze
realizzate secondo il “modello nazionale”: simpatici
calzini colorati, spesso a strisce, ispirati ai motivi delle AMBRA LANA E LINO
LITUANIA ESTONIA
gonne in lana dei costumi tradizionali, che hanno un Museo-Galleria Eesti Esindus Viru 3,
modello diverso in ogni distretto del Paese. Una vasta dell’Ambra Šv. Mykolo Tallinn, tel. 00372-
scelta anche di muffole, guanti, cappelli, si trova gatvė 8, Vilnius, tel. 6404037; eestiesindus.
nel mercato all’aperto di Müürivahe a Tallinn, i cui 00370-607-89131; www. ee Orario: tutti i giorni
ambergallery.lt Orario: 10-20.
banchetti sono appoggiati lungo le antiche mura, a tutti i giorni 10-19. Mercato della lana di
nord di Porta Viru. Anche l’uncinetto ha una lunga Museo-Galleria Müürivahe Müürivahe
tradizione in Estonia: un interessante esempio è il dell’Ambra V. e K. 31, Tallinn. Orario: tutti i
coloratissimo pizzo Seto, dalla storia lunga 150 anni, Mizgiris Pamario giorni 9-17.
gatvė 20, Nida, tel. Ulve Kangro
realizzato a mano da Ulve Kangro, che lo declina in 00370-610-04280; www. Vene tänav 6, Kesklinna
guanti, colletti e applicazioni per abiti. Il lino è una ambergallery.lt Orari: linnaosa, Tallinn,
manifattura tipica delle tre Repubbliche Baltiche, giu.-ago. tutti i giorni tel. 00372-5534051;
ma è prodotto soprattutto in Lituania: molto belli 9-20; apr.-mag. e set.- www.ulvekangro.ee
sono le tovaglie e gli asciugamani che riprendono ott. tutti i giorni 10-19. Orario: lun.-ven. 10-18,
Amber by Mazukna sab.-dom. 10-16.
motivi tradizionali, anche nei ricami, ma ci sono Chemijos gatvė 29G, LITUANIA
anche camicie e altri capi di abbigliamento, in colori Kaunas, tel. 00370-655- Vilnius Gifts and
naturali o stampati con decori tipici o contemporanei. 19213; www.amber Souvenirs Vokiečiu˛
bymazukna.com Orario: gatvė 4, Vilnius,
lun.-ven. 8-17. Visite tel. 00370-659-02600.
ANTIQUARIATO RUSSO E SOVIETICO su prenotazione, vendita Orario: tutti i giorni
al dettaglio online. 11-21.
Anche se il passato sovietico non viene affatto Autentic Žveju˛ gatvė
ricordato con nostalgia nei tre Paesi baltici, che 12, Klaipeda, tel. ANTIQUARIATO RUSSO
hanno raggiunto l’indipendenza solo all’inizio degli 00370-46-210113; www. E SOVIETICO
autentic.lt Orario: lun.- ESTONIA
anni ’90, non è scomparso l’interesse per le vestigia ven. 10-19, sab. 10-17. Balti Jaama Turg
di quell’epoca. Sono soprattutto i turisti a ricercare (Mercato della Stazione
oggetti divenuti iconici, come i berretti e i colbacchi LEGNO Baltica), Kopli 1, Tallinn,
dell’Armata Rossa o gli orologi Raketa, che oggi ESTONIA tel. 00372-6446128.
vengono ancora prodotti negli stessi modelli dei Eesti Esindus Viru 3, Orario: lun.-ven. 9-18,
Tallinn, tel. 00372- sab.-dom. 9-17.
tempi dell’Urss, proprio per la grande richiesta. Poi ci 6404037; eestiesindus. Idla Antiik Pikk 30,
sono i francobolli, gli infiniti distintivi e onorificenze, ee Orario: tutti i giorni Tallinn, tel. 00372-
fino ai pezzi più importanti come le macchine 10-20. 58501090; www.idla.ee
fotografiche Zenit, i binocoli teatrali e le Hää Eesti Asi Aia 1/ Orario: lun.-ven. 10-18,
deliziose figurine di Lomonosov, storica Viru 23, Tallinn, tel. sab. 11-15.
00372-56976411; LETTONIA
e prestigiosa manifattura sovietica di www.facebook.com/ Doma Antikvariaˉ ts
porcellana. C’è anche l’artigianato heaeestiasi Orario: tutti Smilšu iela 8, Riga,
russo tradizionale: si possono i giorni 10-20 (1/6-30/8 tel. 00371-29166504;
trovare matrëske, piatti e vasi nella 9.30-21). www.antikvariats.lv
tipica ceramica di Gzel’, a motivi Orario: lun.-ven. 11-18,
CERAMICA sab. 11-16.
floreali bianchi e blu, e servizi ESTONIA Spıˉ k‚eri-Mercatino
da tè. Se si è fortunati, e se si ha Casa dell’artigianato delle pulci Maskavas
interesse al soggetto, può capitare estone Pikk 22, Tallinn, iela 8, Riga; www.spikeri.
di acquistare qualche bella icona. tel. 00372-6314076; lv Orario: 11-16 uno
www.crafts.ee Orario: o due sabati al mese
La ricerca può iniziare dai mercati, lun.-sab. 10-19, dom. (le date vengono
come quello accanto alla stazione 10-17. pubblicate sul sito).
ferroviaria di Tallinn; per pezzi più LETTONIA LITUANIA
pregiati si possono visitare le gallerie Elkor Giftshop Brıˉ vıˉ bas Kalvariju˛ Turgus
antiquarie: in quelle dall’assortimento bulvaˉ ris 19, Riga, tel. (Mercato di Kalvariju˛)
00371-67213455; www. Kalvariju˛ 61, tel. 00370-
più ricco è possibile trovare elkor.lv/lat/zinas/elkor- 696-35718; www.
interessanti memorabilia spendendo giftshop/ Orario: tutti i kalvariju-turgus.lt Orario:
poche decine di euro. 5 giorni 9-22. mar.-dom. 7-17.
Eventi

RIGA CITY FESTIVAL

MUSICA, ARTE E CAPITALI IN FESTA:


IL MEGLIO DELL’ESTATE SUL BALTICO TESTI TERRY CATTURINI

LITUANIA classica ci sono jazz, world music e progetti nella chiesa luterana, concerti e seminari di
sperimentali, da ascoltare nelle chiese, in riva letteratura. Il tema di questa 23a edizione,
KAUNAS E DINTORNI
al fiume o negli spazi verdi della città. quantomai attuale, è “l’Europa delle patrie”.
Pažaislis Music Festival INFO kristupofestivalis.lt/en/ INFO www.mann.lt/en/
Fino al 1° settembre
Nella cornice del monastero di Pažaislis e in VILNIUS VILNIUS
altre chiese, il festival nato per diffondere la
Spot-Festival del teatro di strada Vilnius City Fiesta
cultura della musica classica mette in scena 30 agosto-1 settembre
tanti generi diversi: opera, musica sacra,
11-14 luglio
Spettacoli di danza, concerti, teatro Una celebrazione dell’identità della capitale
corale, jazz, recital e molto altro, con artisti
contemporaneo e sperimentale attraverso concerti e spettacoli gratuiti,
provenienti da tutto il mondo.
animeranno le vie della città vecchia. giochi e una fiera su Gedimino prospektas.
INFO pazaislis.lt/en/
Il festival è completamente gratuito. INFO www.vilniusfestivals.lt/EN/
VILNIUS INFO www.menuspaustuve.lt/en/
LETTONIA
Kristupo Festivalis
Fino all’8 settembre NIDA SALACGRIVA
Il motto di questo festival internazionale è: Thomas Mann Festival Positivus Festival
“tutti i generi sono buoni, tranne quelli noiosi”. 13-20 luglio 26-27 luglio
Così accanto ai capolavori della musica Nella casa-museo del celebre scrittore e Le spiagge e la foresta sulla costa fanno

SUMMER SOUND PAŽAISLIS MUSIC FESTIVAL

62 BELL’EUROPA
KRISTUPO FESTIVALIS

da cornice a questo grande festival in cui ESTONIA PÕLVA


artisti di classe mondiale come Elderbrook
e i Bad Tones si alternano su tre palchi. A
TALLINN Intsikurmu Festival
contorno, street food e artigianato. Giornate medievali 2-3 agosto
INFO www.positivusfestival.com/en/ 11-14 luglio Rap, hip hop, electro e musica sperimentale
Un mercato medievale nella piazza del con oltre 30 artisti provenienti dall’Estonia
LIEPAJA Municipio e, nei dintorni, una scuola di e da altri Paesi, accompagnati da cibi tipici
Summer Sound cavalieri, tornei di tiro con l’arco, workshop nel parco forestale di Intsikurmu.
2-3 agosto e spettacoli per un’immersione totale INFO intsikurmu.com/en/
nelle atmosfere dell’epoca anseatica.
Oltre 50 stelle nazionali e internazionali TALLINN
della musica rock, hip hop e ed elettronica INFO medievaldays.ee
si alterneranno sul palco allestito nel parco Birgitta Festival
di fronte alla spiaggia. Da non perdere il SAAREMAA 9-18 agosto
concerto dei Gogol Bordello. Saaremaa Opera Days L’ex convento medievale di Santa Brigitta
INFO summersound.lv 23-28 luglio è l’affascinante palcoscenico di questo
Sul palco allestito nel cortile del castello evento che unisce opera, balletto e musica
RIGA di Kuressaare compagnie internazionali, classica. Nel programma, Il Trovatore.
direttori e artisti affermati regaleranno INFO www.filharmoonia.ee/en/birgitta
Riga City Festival
16-18 agosto il meglio della lirica e del balletto, dal
Nabucco di Verdi a Čajkovskij e Kurt Weill. NARVA
Un caleidoscopio di performance musicali,
artistiche, teatrali e di danza, eventi sportivi
INFO www.saaremaaopera.com/en/ Battaglia di Narva
e degustazioni nel cuore della capitale per 16-17 agosto
VILJANDI
celebrare l’estate. Il tema di quest’anno Appassionati di storia arrivano da tutto
sono le leggende di Riga. Viljandi Folk Music Festival il Nord Europa per partecipare alla
INFO www.rigassvetki.lv 25-28 luglio rievocazione in costume della famosa
Concerti gratuiti di oltre 40 ospiti (soprattutto battaglia che si svolse nel novembre 1700
estoni), dj set, performance, film e laboratori tra l’esercito russo e quello svedese.
dove imparare a suonare, cantare e ballare INFO www.visitestonia.com
durante il grande festival della musica
popolare, arrivato alla 27a edizione. TALLINN
INFO www.viljandifolk.ee Maratona di Tallinn
6-8 settembre
LUTIKE
È la gara più famosa dei Paesi Baltici, aperta
Leigo Lake Music Festival a tutti (si sceglie tra i classici 42 km e le gare
1-3 agosto da 21, 10 e 5 km), ma anche un percorso
Tre sere di concerti in location magiche: meraviglioso, che si snoda in centro e lungo
nella foresta e sul lago Leigo. Cinema di il mare, toccando il quartiere bohémien
mezzanotte sull’Isola dei Salici e possibilità di Kalamaja. Tre giorni di festa anche per
di cene gourmet dopo le performance. celebrare l’800° anniversario della città.
GIORNATE MEDIEVALI
INFO www.leigo.ee/festival/en INFO www.jooks.ee/en/tallinn-marathon/

BELL’EUROPA 63
la lettura
Le parole che raccontano luoghi e invitano al viaggio A CURA DI ELENA MAGNI

Le tante anime del Baltico


TRATTO DA La mattina dopo, lunedì, scesi a terra. Le case di Pärnu, quando non
Anime baltiche,
erano coperte di impalcature, erano appena state dipinte di giallo, di ros-
di Jan Brokken, postfazione di so, di grigio chiaro o di azzurro. Per strada si respirava odore di attivismo.
Alessandro Marzo Magno,
Iperborea 2014, 497 pagine, Tra un quartiere e l’altro si stendevano parchi; il più grande arrivava fino
19,50 € (eBook 9,99 €). alla spiaggia. Rimasi colpito dalle donne: avevano tutte il naso all’insù e
le gambe che parevano coi trampoli. Le case ricordavano la Finlandia e
la chiesa più rilevante era russo-ortodossa. Le donne sotto il porticato,
alle quali si doveva pagare l’ingresso, avevano un foulard in testa, un
golf e calzettoni di lana. Erano contadine. Comprai tre cartoline e la più
vecchia tirò fuori dalla tasca una calcolatrice elettronica. La maneggiava
con la disinvoltura che un ragazzino ha con il computer. Sulla spiaggia, la
stazione termale mi riportò ad atmosfere germaniche. Aveva l’eleganza
degli hotel di Baden-Baden di fine Ottocento e vi si percepiva l’eco di
passati splendori, pur se spenti da poco. Fino agli ultimi anni Ottanta ci
L'AUTORE E IL LIBRO venivano i funzionari sovietici per rimettersi in forze, e i fumatori più in-
calliti giuravano sui poteri taumaturgici dell’aria pura del Baltico. Dopo
Jan Brokken (1949) è scrittore,
giornalista e viaggiatore olandese. aver camminato per ore in città, chiesi a un tassista di portarmi a fare un
Il suo Anime baltiche è stato
pubblicato in Olanda nel 2010, in giro nei dintorni. Si diresse a est attraversando distese di boschi. Nessun
Italia nel 2014. Sono 12 racconti villaggio, nemmeno una costruzione. Durante il tragitto il tassista esto-
di viaggi fatti in Estonia, Lettonia
e Lituania tra il 1999 e il 2009 che ne mi rivolse solo due parole: «Welcome» e «Jakobson». Dopo quaranta
innescano storie di vite, di invasioni chilometri lasciò la strada principale e imboccò un sentiero. Vicino a un
naziste, di dominazione russa, di
riscatto e di rinascita. Le regioni mulino ad acqua scendemmo dall’auto ed entrammo in una tenuta. C’era
hanno nomi fiabeschi, come Livonia un silenzio perfetto che faceva pensare che il cielo fosse tappezzato di
e Curlandia, e tra i personaggi
tratteggiati ci sono architetti, come velluto. L’Estonia ha le stesse dimensioni dei Paesi Bassi ma ci vive un
Michail Eizenštejn, cineasti, come
decimo della popolazione. Forse era per quello che il cinguettio degli
suo figlio Sergej, musicisti, come
Gidon Kremer. uccelli sembrava meno rumoroso.

Il brano riportato narra del viaggio di Brokken in Estonia nel settembre 1999, cominciando dallo sbarco a Pärnu, nella parte meridionale del Paese.
La città è una stazione balneare con un’ampia spiaggia sul Golfo di Riga e la riserva naturale del Pärnu Beach Park, proprio accanto alla spiaggia.
Il centro storico è segnato da belle chiese barocche, come quelle di Santa Elisabetta, del 1750, così intitolata in onore dell’imperatrice Elisabetta di
Russia, e di Santa Caterina, a omaggiare un’altra sovrana russa, Caterina la Grande, e da molti esempi di edifici storici in legno. Non mancano i musei
e, lungo la costa, villaggi di pescatori, isolotti, dune e lagune che con i boschi di conifere si contengono l’affaccio al mare. INFO visitparnu.com

64 BELL’EUROPA
QUALITYGROUP.IT

Crediamo ancora nelle emozioni

每一次旅途归来,
都是崭新的自我
«Chi torna da un viaggio
non è mai la stessa persona che è partita»
(PROVERBIO CINESE)