Sei sulla pagina 1di 35

REAZIONI PERICICLICHE

 Reazioni concertate che prevedono la formazione e la rottura simultanea di due o


pi legami mediante uno stato di transizione ciclico.

 Il prodotto di queste reazioni pu essere un sistema ciclico o aperto

 Le reazioni pericicliche sono reversibili

 Le principali reazioni pericicliche sono:

REAZIONI DI CICLOADDIZIONE (CICLOREVERSIONE)

REAZIONI ELETTROCICLICHE

REAZIONI SIGMATROPICHE

R(H)

R' R'
R(H)
TEORIA DEGLI ORBITALI DI FRONTIERA

Consente una trattazione semplificata delle interazioni orbitaliche che portano alla
rottura e alla formazione di nuovi legami durante una reazione chimica.
In pratica il decorso della reazione viene analizzato prendendo in considerazione solo
gli orbitali di frontiera che sono cos caratterizzati:

HOMO: Highest Occupied Molecular Orbital


Orbitale molecolare occupato a energia pi elevata

LUMO: Lowest Unoccupied Molecular Orbital


Orbitale molecolare non occupato a energia pi bassa

a) ALCHENI

LUMO

HOMO

b) SISTEMI ALLILICI

CATIONE ANIONE
0.5 0.5
LUMO

- 0.7

0.7
LUMO HOMO

- 0.7
0.7
0.5 0.5
HOMO
c) DIENI

0.37 0.6

- 0.6 - 0.37

0.6 0.6
LUMO

- 0.37 - 0.37

0.6
0.37
HOMO
- 0.37
- 0.6

0.6 0.6
0.37 0.37

d) ALCANI - SISTEMI CON LEGAMI

H
LUMO

R

HOMO H

R
INTERAZIONE DI ORBITALI DI FRONTIERA

 Lutilizzo degli orbitali di frontiera consente una trattazione semplificata della


interazione molecolare

 La teoria della perturbazione: quando si ha formazione di uno o pi legami, il


massimo guadagno energetico si ottiene per interazione di orbitali pieni con
orbitali vuoti dei reagenti

LUMO
LUMO
HOMO
HOMO
Ea

Eb

 Il massimo guadagno energetico si ha con interazioni HOMO-LUMO (2Ea > 2Eb)


 Interazioni HOMO-HOMO costringono 2 elettroni a disporsi su un orbitale
antilegante ad elevata energia.
 Le variazioni di energia che si determinano in una reazione si possono calcolare
tramite l Equazione di Klopman (semplificata):

QA QB 2 (CA CB )2
E = - +
RAB EHOMO - ELUMO

E guadagno energetico della reazione


QA e QB carica reagente A e B
RAB distanza tra atomi interagenti
CA e CB coefficienti dellorbitale molecolare
EHOMO ELUMO energie degli orbitali homo-lumo
 Il guadagno energetico aumenta quanto minore la differenza di energia HOMO-
LUMO.

 Quando due molecole reagiscono, le interazioni principali sono di 3 tipi:

1. gli orbitali occupati (leganti) si respingono

2. cariche di segno opposto si attraggono

3. tutti gli orbitali occupati (specialmente HOMO) interagiscono con quelli non
occupati (specialmente LUMO) attraendosi.
CICLOADDIZIONI E CICLOREVERSIONI

Vengono suddivise sulla base del tipo di legame (, ) coinvolto; del numero di elettroni
(2, 4 ) e della geometria (suprafaciale, antarafaciale) con la quale le molecole
interagiscono.

CICLOADDIZIONI [2 + 2]

a) REAZIONE [2s + 2s]

Il sistema di ciascuna molecola reagisce in maniera suprafaciale:

LUMO
repulsione

PROIBITA

HOMO

La reazione proibita allo stato fondamentale poich linterazione tra due orbitali
nello stato di transizione di tipo antilegante.

Se un elettrone viene fatto passare sullorbitale LUMO per mezzo di una radiazione
elettromagnetica (reazione fotochimica) il processo diventa possibile nello stato
eccitato.

In questo caso possibile uninterazione di tipo SOMO-LUMO.

SOMO: Single Occupied Molecular Orbital

LUMO LUMO

h PERMESSA
SOMO

HOMO
b) REAZIONE [2s + 2a]

Lapproccio delle due molecole non coplanare ma si sviluppa su due piani ortogonali:

HOMO

LUMO

Questo tipo di interazione si chiama SUPRAFACIALE-ANTARAFACIALE ed una


reazione permessa per simmetria allo stato fondamentale.

Essa per poco probabile su alcheni comuni a causa della elevata distorsione
richiesta durante lapproccio.

c) REAZIONE [2a + 2a]

E una reazione proibita per simmetria nello stato fondamentale. Inoltre prevede
una doppia distorsione delle molecole interagenti:

repulsione

HOMO

repulsione

LUMO

Sulla base di queste considerazioni possibile ricavare delle regole di selezione che
sulla base del numero di elettroni messi in gioco durante la reazione permette di
sapere se la reazione permessa allo stato fondamentale o in quello eccitato.
REGOLE DI SELEZIONE

m+n Permessa (st. fond.) Permessa (st. eccit.)

Proibita (st. eccit) Proibita (st. fond.)

4q SUPRA-ANTARA SUPRA-SUPRA

ANTARA-SUPRA ANTARA-ANTARA

4q+2 SUPRA-SUPRA SUPRA-ANTARA

ANTARA-ANTARA ANTARA-SUPRA

m + n = numero elettroni totali

 Se gli alcheni utilizzati per la reazione hanno dei requisiti stereochimici definiti
questi si rifletteranno sulla stereochimica del prodotto (reazione stereospecifica)

Ad esempio: etilene + cis 2-butene

H H 2s+2s
H H SUPRA ETILENE
CIS
SUPRA 2-BUTENE
H H H 3C CH3
h
H3C CH3

H H
2s+2a
H H SUPRA ETILENE
TRANS
ANTARA 2-BUTENE
H H H3C CH3
CH3
H 3C

In maniera analoga:

 ANTARA ETILENE + SUPRA 2-BUTENE CIS

 ANTARA ETILENE + ANTARA 2-BUTENE TRANS


 Esempio sintetico di 2s + 2s:

OH OH
H
CH3 CH3
h
CuOTf
H

 reazioni antarafaciali sono possibili solo in sistemi che impongono una torsione del
doppio legame:

2s + 2s

2s + 2a

1,5-cicloottadiene

Anche alleni e cheteni hanno un sistema p distorto che pu favorire reazioni


antarafaciali.

Interazione LUMO CHETENE-HOMO OLEFINA.

2s + 2a

interazioni
secondarie

interazioni
HOMO-LUMO

 Gli orbitali del carbonio sp sono ortogonali quindi lallene si comporta come un
legame semplice.
 Il sistema sp non ha sostituenti e ha una bassa richiesta sterica.
 Le interazioni secondarie abbassano lenergia del processo.
 I cheteni alogenati sono pi reattivi (LUMO a pi bassa energia).
 La stereochimica prevedibile la seguente:
R S
R CIS L
L SFAVORITA
C O
R O
R
R

R TRANS R S
L FAVORITA L
C O
R
R R O

CICLOADDIZIONI [4 + 2]

Questo processo rappresenta una classica reazione di Diels-Alder.

 E un processo 4s + 2s

 Linterazione pi favorevole di solito HOMO-DIENE con LUMO-ALCHENE:

LUMO

HOMO

Perch la reazione sia possibile il diene deve poter adottare una conformazione di tipo
s-CIS

non reagisce reagisce

s-trans s-cis
Quando i sostituenti si trovano fuori dal sistema la reazione risulta essere pi
veloce per un minor ingombro sterico nello stato di transizione.

pi reattivo di R

 Dienofili sostituiti possono dare prodotti ESO o ENDO. Il prodotto ENDO pi


ingombrato per favorito. (REGOLA DI ALDER)

O
O ESO-lenta
O
O
O
O termodinamicamente
pi stabile

O ENDO-veloce
O
O O
O
O termodinamicamente
meno stabile

 Le interazioni secondarie sono probabilmente reaponsabili della selettivit


osservata:

HOMO

interazioni interazioni
primarie secondarie

LUMO
 Le reazioni di Diels-Alder non presentano effetto solvente (non ci sono intermedi
carichi, si usa benzene o toluene).

 STEREOCHIMICA: come tutte le reazioni pericicliche che sono concertate, la


reazione di Diels-Alder stereospecifica.

CO2Me CO2Me

CO2Me CO2Me
MeO2C CO2Me

CO2Me CO2Me

OAc OAc
CO2Me
CO2Me 90 C
+

OAc OAc

 La natura dei sostituenti influenza enormemente la velocit e lefficienza della


reazione.
 In generale secondo la teoria degli orbitali di frontiera:

- gruppi elettronattrattori: abbassano EHOMO-LUMO;


- gruppi elettrondonatori: aumentano EHOMO-LUMO.

Questo principio di carattere generale e quindi valido PER TUTTE LE REAZIONI


CHIMICHE, non solo per quelle pericicliche.

La reazione di Diels-Alder quindi favorita da:

 gruppi elettrondonatori sul diene


 gruppi elettronattrattori sul dienofilo.
E L

L
L L L
L
H H H
H
H
H
X
Z

 Energie degli orbitali di frontiera di vari dienofili:

3.0
E
LUMO
(eV) 1.5
1.0
0.0

- 9.0
- 9.1 HOMO
- 10.5
- 10.9
C Z X

O
C= Ph, CH=CH2 Z= C ; CN; NO2; COOR X = MeO; Me2N; Me
H

Lesempio seguente illustra chiaramente leffetto pronunciato dei sostituenti nella


reazione di Diels-Alder:
165 C - 17 h
+
900 atm - 78%

O O
20 C - 24 h
+ O O
100 %
O O

 Effetto di sostituzione in C-1 nei dieni.

2.5
E
(eV) LUMO
1.0
0.5
- 0.5

- 8.5
- 8.2 HOMO
- 9.1
- 9.5

C Z X

 La sostituzione in C-2 produce lo stesso effetto ma di minore intensit. Ci avviene


perch i coefficienti degli orbitali centrali sono pi piccoli rispetto a quelli dei
carboni terminali (vedere equazione di Klopman).

0.371 - 0.371

0.6

- 0.6
HOMO
REGIOSELETTIVITA

 Nellinterazione HOMO-LUMO favorito il legame tra atomi che hanno


coefficienti di grandezza simile (grande-grande o piccolo-piccolo).

X Z

LUMO DIENOFILO

C X Z

C X Z
HOMO
DIENE

Ci favorisce lo sviluppo di reazioni maggiormente regioselettive com e si pu vedere


dai seguenti esempi:

Ph Ph
Ph
Ph Ph
+ +
Ph
8 : 1

Ph Ph Ph Ph
Ph
+ +
Ph
20 : 1

O
O
H
H
+
MeO MeO
+
CHO CHO

Ph O Ph
Me O
+ O O

O H O

CATALISI

 La reazione di Diels-Alder catalizzata da acidi di Lewis:

CO2Me
+ +
CO2Me CO2Me

CONDIZIONI: 120C /6h 70 30

AlCl3 / 20C / 6 h 95 5

 Lacido di Lewis non funziona solo da catalizzatore poich influenza anche la


distribuzione dei prodotti.

 Quando sul dienofilo sono presenti dei gruppi carbonilici lacido di Lewis ha un
duplice effetto:

1- abbassa lenergia del LUMO dienofilo

2- diminuisce il valore del coefficiente orbitalico sul carbonio in al C=O.

O O AlCl3
+ AlCl3
H H
E (eV) - 0.39
2.5 - 0.09
O
O
H
H
- 7.0

FATTORE 1: reazione pi veloce

FATTORE 2: reazione pi regioselettiva.

REATTIVITA

OMe O
NO2 Et2O
+ 85%
25 C
NO2

SO2Ph SO2Ph
+ 135 C 94%

PPh3
+ PPh3 96%

OMe
O OMe
H3 O
H CHO 72%
+ CHO
SiO C6H6
O
SiO

O O
Br Zn-Ag
74%
Br

Et2AlCl 62%
OHC
R3SiO H
OHC OSiR3
REAZIONI ELETTROCICLICHE

Prevedono la formazione di un legame singolo agli estremi di un sistema lineare


contenente k elettroni e naturalmente il processo inverso.

K K2

a) Reazione butadiene ciclobutene

La reazione di chiusura (o apertura se si considera il processo inverso) pu avvenire


con due distinti meccanismi:

Movimento CONROTATORIO dei legami terminali nel quale il senso di rotazione


lo stesso.

Movimento DISROTATORIO con un senso di rotazione opposto.

conrorotatoria HOMO

PERMESSA

disrorotatoria
LUMO

PROIBITA

Allo stato fondamentale permessa unicamente la reazione conrotatoria perch il


legame del sistema ciclobutenico finale di tipo legante (HOMO ).
In maniera analoga il ciclobutene si convertir un butadiene solo attraverso un
processo di apertura conrotatorio
REGOLE DI SELEZIONE:

K Permesse (termiche) Proibite (termiche)

Proibite (fotochimiche) Permesse (fotochimiche)

4q CONROTATORIE DISROTATORIE

4q+2 DISROTATORIE CONROTATORIE

K = numero elettroni ; q = 0, 1, 2, 3

 Chiusura dell 1,3,5-esatriene 1,3-cicloesadiene:

Lanalisi degli orbitali di frontiera da il seguente risultato:

LUMO

conrotatoria
PROIBITA

LUMO
HOMO (2 nodi)

LUMO

disrotatoria
PERMESSA

HOMO
HOMO
 Le reazioni elettrocicliche possono essere applicate anche a sistemi ionici:

disrotatorio

conrotatorio

conrotatorio

 Implicazioni di tipo stereochimico:

1
R
R
R 1
R CIS-TRANS
2
CIS
1
2 2 R
R

1
R R
R
CIS-CIS
1
2
TRANS R
1
2 2 R

R TRANS-TRANS

 Si forma solo prodotto TRANS-TRANS per ragioni steriche.


CICLOADDIZIONI 1,3-DIPOLARI

Sono reazioni [ 4s + 2s] permesse per simmetria, danno luogo alla formazione di
anelli a 5 termini.

dipolo b
b
a c a c
d e
d e

dipolarofilo

 1,3-dipoli sono isoelettronici con lanione allile:

NITRILE OSSIDO R C N O R C N O

AZIDI R N N N R N N N

DIAZOMETANO H2C N N H2C N N

R O O
NITRONI R
C N R C N R
R R

NITRILE IMMINE R C N N R R C N N R

 Per reazioni concertate queste reazioni sono stereospecifiche:

OC3H7 OC3H7

Ph N N Ph N N
N Ph N N N N

H3C OC3H7 FENILAZIDE H3C OC3H7


 Reazioni a stadi possono infatti comportare rotazioni che possono compromettere i
requisiti stereochimici della reazione:

R C N O N N
O O

 Considerando le interazioni HOMO-LUMO:

HOMO N N N N LUMO

LUMO HOMO

 La situazione nelle reazioni 1,3-dipolari pi articolata rispetto alle Diels-Alder.


Vediamo il caso del diazometano con vari dipolarofili:

3.0

E
1.8 1.8 1.8
(eV)
1.0
0.0

-8.0
-9.0 -9.0 -9.0 -9.0

-10.9

C - Z X
- -
H 2C N N + H2 C N N+ H 2C N N +
Le reazioni 1,3-dipolari possono in funzione della natura dei reagenti essere HOMO o
LUMO controllate

 Sostituenti elettronattrattori: HOMODIPOLO-LUMOOLEFINA;


 Sostituenti elettrondonatori: HOMOOLEFINA-LUMODIPOLO.

R kvel N
N
- R
Ph N N N N
Ph
R R

LUMO HOMO
N

CO2Me

log k vel
?
CO2Me

EHOMO
REGIOSELETTIVITA

E opportuno considerare i coefficienti orbitalici negli orbitali di frontiera. Cambiando


la natura dellinterazione si possono avere considerevoli cambiamenti nella
regioselettivit del processo fino ad avere una inversione della stessa.

HOMO LUMO
E (eV) E (eV)
0.4 0.58

R N N N
R N N N (-11.5) (0.1) R N N N
azide

0.62 0.41
O
R2 C N R (-9.7) R2 C N O (-0.5) R2 C N O
nitrone

0.5 0.5

R2 C N N (-9.0) R2 C N N (1.8) R2 C N N
diazoalcano

0.68 0.3

R C N O (-11.0) R C N O (-0.5) R C N O
nitrile ossido
 I coefficienti HOMO-LUMO dei dipolarofili sono cos caratterizzati:

C Z X
LUMO

C Z X
HOMO

2
L
0
L -0.5 -0.5 L
L

H -9.7
-9 -10.9
H H
H -11

Controllo LUMO Controllo HOMO

O
COOMe
H 3C C N O + H3C C N CH3 +
H

CH3 MeOOC CH3

N N CH
H3C O O 3

Da notare: nelle Diels-Alder preferibile la reazione tra dieni elettronricchi e


dienofili elettronpoveri; nelle 1,3-dipolari la reazione pu essere favorita da entrambe
le combinazioni.
 L ingombro sterico presente nei substrati pu modificare la regiochimica rispetto
a quella prevedibile sulla base di semplici considerazioni orbitaliche

R Y R
Y
R C N O + + 4
5 N N
Y O O
2-isossazoline

R Y 5 4

C6 H5 COOMe 95 5

C6 H5 OBu 100 0

SO2Ph 91 9
Cl Cl

 Applicazioni sintetiche:

a)
O
CH3NHOH N
CH3 O
H N
O
b)
O
Ph NHOH N
H
S Ph
S
O

O OH
N Ph Zn HN
AcOH Ph
S S

c) O O
R' H
R R

C N O
N
O R'
REAZIONI SIGMATROPICHE

Riguardano la riorganizzazione concertata di elettroni durante la quale un gruppo


attaccato attraverso un legame migra su un legame pi lontano attraverso un legame
coniugato:
2 2
1 3 [3,3] 1 3
1 3 1 3
2 2

2 3 2 3
1 [1,5]
1 4 1 4
H
H H 5 5
D D H D
D

Le reazioni sigmatropiche vengono identificate con due numeri che a partire dagli
atomi del legame che si rompe vanno agli atomi che andranno acostituire il nuovo
legame.

MIGRAZIONE DI IDROGENI:

a) Migrazione di tipo [1,3]:

Anche in questo caso la migrazione pu avvenire in due maniere distinte: suprafaciale


o antarafaciale:

SUPRA
PROIBITA!
H
SUPRA
H

HOMO

ANTARA
ANTARA
LUMO

PERMESSA!
H
 Reazioni [1,3] ANTARA sono teoricamente possibili ma sono in pratica impedite da
fattori sterici.

 Nello stato eccitato:

SUPRA
H PERMESSA!
SUPRA

LUMO

ANTARA
ANTARA
SOMO

PROIBITA!
H

 In definitiva quindi le [1,3] possono avvenire solo SUPRA [ragioni steriche] e nello
stato eccitato [lunico permesso per simmetria].

b) Migrazione di tipo [1,5]:

H
LUMO PERMESSA
SUPRA
S

A
ANTARA
HOMO
PROIBITA

H
c) Migrazione di tipo [1,7]

ANTARA
H PERMESSA
H

 La [1,7] SUPRAFACIALE proibita, quella ANTARA permessa e avviene in


pratica perch il sistema contiene pi atomi e quindi a causa della sua maggiore
flessibilit consente allatomo che migra di trovarsi nella posizione corretta per la
formazione del nuovo legame:

Ph
Ph
[1,7]

H H H

 Se il sistema chiuso in un ciclo lANTARAFACIALE non pu pi avvenire e quindi


allo stato fondamentale avviene la [1,5] SUPRA permessa:

6 H
H [1,5] 7 [1,7] H
5 7
H 5 H
CH3 CH3 CH3
1
4
2
3

Una conferma che le [1,5] sono SUPRA si pu avere esaminando queste evidenze
sperimentali:

H
Me H 250 C Me R
D s D
Me Et Me Et
La migrazione di idrogeno avviene in maniera stereospecifica: da uno stereocentro di
tipo S si forma un nuovo stereocentro di tipo R. Ci possibile esclusivamente con una
reazione suprafaciale.
Questo triene stabile e non si converte in toluene perch lunica maniera con la quale
pu avvenire il processo attraverso delle reazioni [1,3] o [1,7] SUPRA le quali sono
proibite allo stato fondamentale. La [1,7] ANTARA non pu avvenire per la rigidit
dellanello.
CH3
[1,3] o [1,7]

H
H

REGOLE DI SELEZIONE

1+j SUPRA ANTARA

4n TERMICA PROIBITA TERMICA PERMESSA

FOTOCHIMICA PERMESSA FOTOCHIMICA PROIBITA

4n+2 TERMICA PERMESSA TERMICA PROIBITA

FOTOCHIMICA PROIBITA FOTOCHIMICA PERMESSA

2. MIGRAZIONI AL CARBONIO

RIARRANGIAMENTI [3,3]: COPE E CLAISEN

 Sono riarrangiamenti permessi per simmetria allo stato fondamentale

 Il riarrangiamento di COPE un processo reversibile:

275 C

COOEt COOEt
 Permesso termicamente allo stato fondamentale, passa attraverso uno stato di
transizione a sedia

HOMO
2'
1

1'

3 LUMO

3' 2

 Eventuali sostituenti presenti nel sistema si dispongono in maniera equatoriale in


modo da minimizzare le interazioni relative.

Ph H
Ph
H3C H3 C (R) CH3
CH3 Ph
(E) CH3
H CH3

Ph H
(S)
H3C (Z) (E) CH3
CH3 Ph
(R) CH3
H
13% 87%

 A causa della reversibilit di queste reazioni viene favorita la formazione


dellisomero termodinamicamente pi stabile.

350 C

 Tensioni di anello abbassano lenergia richiesta per il processo:

- 40 C
 Metalli di transizione (Pd+2) catalizzano la reazione ma in questo caso essa non
pi una reazione periciclica poich avviene a stadi.

R R R R

Pd+2
Pd+2
Pd+2= PdCl2(CH3CN)2

 Se in posizione 3 c un ossigeno carico negativamente si osserva un aumento


consistente nella velocit del processo.
La reazione corrispondente prende il nome di OXY-COPE.

O O H H
OXY-COPE
ANIONICA O

H
KH O
98%
OH THF
H

KH 75%

OH 25 C O

 Il RIARRANGIAMENTO DI CLAISEN analogo alla COPE:

O O

H
 Il meccanismo simile:

O O
O

 La reazione di CLAISEN stata studiata originariamente su aril allil eteri:

O R O R OH

 Se entrambe le posizioni orto sono occupate da sostituenti si hanno due reazioni di


Claisen consecutive :

R R R R
O R' O O OH
R R' R'
R R
R

R'

La reazione su allil vinil eteri uno dei processi pi utilizzati su sistemi lineari:

OH H+ O O O
+
OMe 125 C
 Metodo ortoestere (Reazione di Claisen- Johnson):

H+
R OH CH3C(OCH3)3 R O
+
H3CO OCH3

OCH3 OCH3
H+
(-CH3OH) R O O O
OCH3 R R