Sei sulla pagina 1di 29

Economia aziendale

PROFESSOR MARIO MAZZOLENI

Anno accademico 2006 - 2007

Indice
La

standardizzazione Scelte di dimensione e di durata La struttura dei costi

Lezioni di Economia Aziendale

Indice
La

standardizzazione Scelte di dimensione e di durata La struttura dei costi

Lezioni di Economia Aziendale

Standardizzazione
Con il termine standardizzazione ci si riferisce a: processi produttivi; componenti (riduco intolleranze o creo componenti uniformati, cio utilizzabili in diverse applicazioni); Uniformazione di beni complementari (ad es. tutti i motori funzionano con lo stesso tipo di carburante); Standardizzazione di fatto (prodotti che diventano dominanti per effetto del mercato, ad es. Windows)

Lezioni di Economia Aziendale

Le scelte
Limpresa deve decidere se standardizzare, uniformare, modulizzare la propria produzione.
? e ? d e n a on m ip o d as i l a nd u Q zie la
5
Lezioni di Economia Aziendale

Perch standardizzare?
La standardizzazione pu essere richiesta dal mercato, a causa delle esternalit di rete
Il prodotto ha utilit se lo usano in tanti (telefonini) Esistono prodotti complementari che, per essere compatibili, devono condividere gli stessi standard (fotocamere digitali e memorie digitali) Presenza di una rete di assistenza sul territorio (automobili)

Lezioni di Economia Aziendale

Indice
La

standardizzazione Scelte di dimensione e di durata La struttura dei costi

Lezioni di Economia Aziendale

La capacit produttiva

La capacit produttiva il numero massimo di output producibili in un certo intervallo di tempo e date certe condizioni operative

Lezioni di Economia Aziendale

Come dimensionare la capacit produttiva? Come individuare fonti di riduzione dei costi?
1. Incidendo sul DIMENSIONAMENTO della capacit produttiva ovvero valutando la possibilit di realizzare

Economie di scala - Economia di saturazione della capacit produttiva 2. Incidendo sulla DURATA delle produzioni (economia di apprendimento)
-

Lezioni di Economia Aziendale

Economia di scala (o di dimensione)


Sono le RIDUZIONE DI COSTI UNITARI, OTTENIBILE SATURANDO LA CAPACITA PRODUTTIVA. I confronti si devono fare a parit di tasso di utilizzazione della capacit produttiva installata.
10
Lezioni di Economia Aziendale

Le economie di scala dipendono da (1/2):


1.

2. 3.

Presenza di componenti indivisibili: anche se si riduce la produzione, essi non possono essere ridotti; Input pi produttivi grazie alla specializzazione; Propriet geometriche dei contenitori (nel senso di uffici, magazzini, container, capannoni, celle di raffreddamento, ecc): si incide sui luoghi e dulle loro dimensioni.
Lezioni di Economia Aziendale

11

Le economie di scala dipendono da (2/2):


4. 5.

Maggiore efficienza negli impianti di maggiori dimensioni; Minori costi dacquisto, poich limpresa compra di pi e ha pi potere contrattuale;

12

Lezioni di Economia Aziendale

Economie di scala e di saturazione


Attenzione a non confondere le economie di scala (RIDUZIONE DI COSTI, OTTENIBILE SATURANDO LA CAPACITA PRODUTTIVA) con le economie di saturazione (ALLAUMENTO DELLA PRODUZIONE, SUDDIVIDO I COSTI FISSI SU PIU PRODOTTI)
13
Lezioni di Economia Aziendale

Economie di saturazione
Limpresa sostiene: Costi variabili (variano al variare della produzione); Costi fissi (restano invariati qualunque sia il livello di produzione) Se aumento la produzione, aumentano i CV, ma i CF vengono ripartiti su pi prodotti.
14
Lezioni di Economia Aziendale

Scelte di durata: ECONOMIE DI APPRENDIMENTO (1/2)

RIDUZIONE DEI COSTI UNITARI, GRAZIE ALLACCUMULO DI ESPERIENZA AD OGNI PRODOTTO IN PIU

15

Lezioni di Economia Aziendale

Scelte di durata: ECONOMIE DI APPRENDIMENTO (2/2)


Dipendono da: 1. Aumento dellabilit di chi lavora; 2. Migliore selezione delle risorse; 3. Coordinamento pi efficiente; 4. Migliore programmazione dellattivit; 5. Semplificazione prodotti e processi, suggerita proprio da chi, lavorando, li conosce meglio.
Lezioni di Economia Aziendale

16

Indice
La

standardizzazione Scelte di dimensione e di durata La struttura dei costi

17

Lezioni di Economia Aziendale

Indice
La

standardizzazione Scelte di dimensione e di durata La struttura dei costi

18

Lezioni di Economia Aziendale

Identificata una determinata capacit produttiva, i volumi realizzati come incidono sui costi e sul reddito operativo?

19

Lezioni di Economia Aziendale

Premessa necessaria
. Ricordare che:
Il risultato economico dipende da: La struttura (la capacit produttiva, la possibilit di sfruttare economie di scala, ecc); Il livello dei prezzi (prezzi -costo e prezzi -ricavo); I volumi prodotti.

20

Lezioni di Economia Aziendale

Analisi costi-volumi-risultati
1.

2.

3.

si analizzano le variazioni del risultato economico in base alle variazioni dei volumi venduti e si identifica il punto di pareggio; si confrontano diversi livelli di prezzi-costo e prezzi-ricavo per trovare quelli che consentono il miglior risultato atteso; si valuta la possibilit di internalizzare/esternalizzare la produzione.
Lezioni di Economia Aziendale

21

Il punto di pareggio (o BREAK-EVEN POINT)


lammontare di vendite che consente di coprire tutti i costi aziendali Il suo calcolo si rende necessario per valutare quanto produrre per coprire i costi della gestione caratteristica.

22

Lezioni di Economia Aziendale

Premessa necessaria (1/2)


I costi possono essere FISSI di STRUTTURA: legati alla produzione (affitti, manutenzioni, ammortamenti) di SVILUPPO: (R&S, formazione) VARIABILI proporzionali ai volumi.

I costi fissi e variabili possono essere UNITARI O TOTALI

23

Lezioni di Economia Aziendale

Premessa necessaria (2/2)


Allaumentare della quantit prodotta: Aumentano i CV (costi variabili) Ma i CVu (CV unitari) restano invariati

I CF (costi fissi) restano invariati Ma i CFu (costi fissi unitari) decrescono

Quindi linsieme dei costi unitari decrescente!

24

Lezioni di Economia Aziendale

I costi
Ricavi e costi C Totali C Variabili

C Fissi

Volumi

25

Lezioni di Economia Aziendale

Struttura dei costi e punto di pareggio


Il PUNTO DI PAREGGIO espresso in quantit rappresentato dal volume di produzione per cui i ricavi totali (R) sono uguali ai costi totali della gestione caratteristica:

R = CTot
26

Lezioni di Economia Aziendale

Break Even Point


Ricavi e costi Ricavi C Tot

CF

Volumi

27

Lezioni di Economia Aziendale

Break Even Point


R = CTot R = CV + CF (Ru * q) = (CVu * q) + CF (Ru * q) (CVu * q) = CF q (Ru-CVu) = CF Q = CF/ (Ru-CVu)

Quantit effettivamente prodotta

Margine di contribuzione unitario

28

Lezioni di Economia Aziendale

Margine di contribuzione unitario


Contributo della vendita di ogni unit di bene prodotta alla copertura dei costi fissi.
Margine di contribuzione unitario Costo variabile unitario

Prezzo =

Copertura dei costi dissi di gestione caratteristica e formazione del reddito operativo

29

Lezioni di Economia Aziendale