Sei sulla pagina 1di 23

Economia aziendale

Anno accademico 2006 - 2007

Indice:

Lassetto organizzativo; La struttura organizzativa; I tipi di strutture organizzative.

Lezioni di Economia Aziendale

Indice:

Lassetto organizzativo; La struttura organizzativa; I tipi di strutture organizzative.

Lezioni di Economia Aziendale

Assetto organizzativo
E il risultato di tre variabili congiunte: - struttura organizzativa, - distribuzione del potere, - sistemi operativi.

Macrovariabile che delinea la struttura interna


e le modalit si svolgimento dei processi aziendali

Lezioni di Economia Aziendale

Lassetto organizzativo
Due modelli
Delega su obiettivi, fiducia Accentrato, non prevede delega

Efficienza aziendale e soddisfazione delle persone sono raggiunti contestualmente

Comportamenti restrittivi e opportunistici delle persone, inefficienza


Lezioni di Economia Aziendale

Indice:

Lassetto organizzativo; La struttura organizzativa; I tipi di strutture organizzative.

Lezioni di Economia Aziendale

Definizione
La struttura organizzativa di unazienda esprime la configurazione unitaria e coordinata degli organi aziendali e dei compiti e responsabilit loro assegnati.

Lezioni di Economia Aziendale

Funzione
La struttura organizzativa si configura come insieme di RUOLI, ossia le attese di comportamento nutrite nei confronti della persona che occupa una determinata posizione.

Lezioni di Economia Aziendale

Il processo di progettazione
Dallanalisi delle combinazioni economiche si definisce linsieme dei compiti ossia le attivit elementari di lavoro Scelta di un criterio di divisione del lavoro, ogni aggregato di compiti assegnato ad ununit organizzativa Compiti e unit vengono ordinati in una gerarchia Linsieme di compiti assegnati a ciascuna unit viene suddiviso nelle singole posizioni che compongono lunit Linsieme dei compiti assegnati alle singoli posizioni costituiscono le mansioni

Lezioni di Economia Aziendale

Gli output formali


1. Elenco di unit organizzative 2. Elenco di compiti delle unit 3. Insieme di relazioni gerarchiche che collega le varie unit

Organigramma Mansionario Organigramma

Definiscono la struttura organizzativa formale

10

Lezioni di Economia Aziendale

Indice:

Lassetto organizzativo; La struttura organizzativa; I tipi di strutture organizzative.

11

Lezioni di Economia Aziendale

Le forme base di progettazione


1. 2. 3. 4.

Struttura elementare; Struttura funzionale; Struttura divisionale; Struttura matriciale. La scelta di una di esse implica criteri di divisione di coordinamento del lavoro differenti.

12

Lezioni di Economia Aziendale

1. Struttura elementare

Piccole dimensioni e semplicit delle combinazioni produttive; Scarsa formalizzazione; Accentramento delle funzioni direzionali; Sistemi operativi impliciti.

13

Lezioni di Economia Aziendale

Organo di direzione

Direzione generale

Organi esecutivi

14

Lezioni di Economia Aziendale

2. Struttura funzionale

Evoluzione dellassetto elementare verso un decentramento stabile e sistematico delle decisioni e compiti; Elevato grado di formalizzazione; Accentramento a livello di funzioni; Sistemi operativi strutturali

15

Lezioni di Economia Aziendale

Direzione generale
ire d i ne o zi

no r ve o i g ic o d ni nom a o g Or ec

rg O

o an

Direzione tecnica

Direzione commerciale

Direzione tecnica

n a rg O

tiv u ec s e

16

Lezioni di Economia Aziendale

3. Struttura divisionale

Quando al struttura per funzioni non pi in grado di gestire la diversificazione allora si ricorre alla struttura divisionale; I criteri principali di divisione sono: prodotto, mercato, cliente; Decentramento a livello di divisioni; Sistemi operativi sviluppati (soprattutto coordinamento e sistema informativo)
Lezioni di Economia Aziendale

17

Direzione generale

Direzione divisione A Direz tecnica Direz commerciale Direz ricerca

Direzione divisione B Direz tecnica Direz commerciale Direz ricerca

Direzione divisione C Direz tecnica Direz commerciale Direz ricerca

18

Lezioni di Economia Aziendale

4. Struttura matriciale

E unevoluzione della struttura per progetti, quando i progetti diventano un elemento stabile dellassetto organizzativo; Il principale carattere di questa struttura la doppia dipendenza gerarchica di alcuni soggetti (two boss manager); Gli organi specializzati per funzioni non gestiscono attivit operative, ma aggregazioni di professionalit; I product manager sono responsabili del risultato parziale del progetto e delle persone a loro assegnate.
Lezioni di Economia Aziendale

19

Direzione generale Direzione Tecnica ABC Direzione Divisione A

Direzione commerciale ABC Direzione ricerca ABC

Direzione divisione B

Direzione Divisione C

20

Lezioni di Economia Aziendale

.le forme
NON esiste una struttura in astratto migliore, ogni tipo di struttura presenta vantaggi e svantaggi che devono essere valutati rispetto alle specifiche condizioni (esogene ed endogene) ed esigenze aziendali.

NB nella definizione della struttura si devono


sempre ricordare teorie ed ipotesi in merito ai bisogni delle persone (ricorda Maslow e altri).

21

Lezioni di Economia Aziendale

Struttura mista
1. 2.

La realt delle imprese presenta spesso situazione intermedie; Il metodo per scegliere quale struttura matriciale o mista adottare deve considerare: funzioni centralizzate: struttura funzionale; separazione delle funzioni: struttura divisionale. Esistono 5 variabili per individuare se adottare una struttura funzionale o a divisioni.
Lezioni di Economia Aziendale

22

Le 5 variabili
1. 2. 3. 4. 5.

Economie di scala ottenibili con funzioni centralizzate; Grado di specializzazione richiesta dalle funzioni; Economie di raggio di azione che si realizzano con la gestione centralizzata di competenze core; Grado di interdipendenza tra le funzioni per ogni linea di prodotto; Fabbisogno di differenziazione tra linee di prodotto.
L analisi di queste variabili porta a una variet di combinazione di centralizzazione di ciascuna funzione e la costituzione di divisioni per linee di prodotto

23

Lezioni di Economia Aziendale