Sei sulla pagina 1di 174

1 of 174

2 of 174

qui napoli De Laurentiis in Cina Oggi squadra in volo


NAPOLI. La spedizione del Napoli in Cina cominciata ieri alle 15,30. Da Fiumicino decollato il volo Alitalia che ha portato a Pechino gran parte della dirigenza con in testa il presidente De Laurentiis e la moglie Jacqueline. Con lui anche lad Chiavelli, il responsabile della comunicazione Lombardo e il responsabile marketing Formisano che ha provveduto ad invitare pochi vip sponsor del club. A bordo anche il cuoco, Ferdinando, che provveder a preparare per il gruppo lalimentazione necessaria per evitare contraccolpi al metabolismo. MAZZARRI NE CONVOCA 23 Ieri mattina la squadra ha sostenuto lultimo allenamento (lavoro di scarico dopo il test col Braga) a Castelvolturno, al termine del quale Mazzarri ha diramato le convocazioni. Sono 23 i giocatori: De Sanctis, Rosati, Colombo, Aronica, Britos, Campagnaro, Cannavaro, Fernandez, Gamberini, Grava, Bariti, Behrami, Donadel, Dossena, Gargano, Hamsik, Inler, Maggio, Zuniga, Cavani, Insigne, Pandev, Vargas. Assente Dzemaili, perch squalificato, mentre Donadel guarito. Ovviamente c anche Gargano, con il quale Mazzarri aveva avuto un battibecco sabato sera in panchina. Una stretta di mano ha sancito la riappacificazione e il tecnico ha chiesto al club di non multarlo. Il programma di viaggio prevede oggi la partenza da Capodichino con scalo a Roma per imbarcarsi alle 15,30 sul volo per Pechino. Larrivo previsto di buon mattino, poi la squadra allogger a due passi da piazza Tiananmen, e nel pomeriggio assagger lerba del Workers Stadium. R.A.

3 of 174

ASSIST E GOL BIANCONERI Giovinco-Matri, sorrisi Juve


GUIDO VACIAGO PECHINO. Lunico problema, se di problema si tratta, il numero di maglia. Perch, sotto sotto, a Sebastian Giovinco la mitica numero 10 di Alessandro Del Piero non dispiacerebbe affatto. E a Salerno, sabato sera, lo ha anche detto. Ma al di l di sapere se alla fine avr sulla schiena il 10 o il curioso 12 che si scelto (al momento non ha ancora svelato il perch della scelta da... secondo portiere), Giovinco sicuramente una delle facce allegre della Juventus. La forma arrivata in fretta, aiutata dallagilit del suo fisico e la voglia di riaffermarsi con la maglia che ha sempre amato rappresenta una spinta ulteriore per il fuoriclasse tascabile. Nelle prime due Storari contro il uscite in bianconero, Malaga si fatto Giovinco stato trovare pronto in brillante. Soprattutto ogni circostanza: sabato a Salerno ha tra i pali e in uscita messo in mostra una ha convinto condizione gi buona e tante idee per offrire nuove soluzioni allattacco della Juventus. Lintesa con i compagni, poi, migliora di giorno in giorno e - forse anche pensando alla sua storia - si ha limpressione che Sebastian non abbia mai lasciato la squadra. EVVIVA Se ne rallegra Conte che ha fortemente voluto Giovinco e ha sempre bloccato con fermezza la sua cessione (se ne era parlato, di striscio, nellipotesi di unoperazione Cavani proprio con il Napoli). Al punto che nella settimana che porta alla prima finale dellanno, sorge gi il dubbio che potrebbe caratterizzare la stagione: Vucinic o Giovinco? Il montenegrino leggermente meno brillante dal punto di vista fisico, ha patito la preparazione a Chatillon e, infatti, ha saltato le ultime due amichevoli. Difficilmente Conte ne far a meno, ma in questa settimana Vucinic dovr recuperare del terreno sul brillante Giovinco. A meno che, alla fine, il tecnico bianconero non si riservi di sorprendere tutti formando una coppia tutta qualit e fantasia Vucinic-Giovinco, in cui il montenegrino agirebbe da centravanti. VAI ALE Certo, laffascinante ipotesi si scontra

Sebastian Giovinco, 25 anni

4 of 174

con leccellente forma di Alessandro Matri che, (LaPresse) da quando stato trattato con il Milan, non ha pi sbagliato una partita e si messo a fare un gol dopo laltro. Al di l della doppietta al Malaga (squadra che a breve affronter i preliminari di Champions, stoppata anche da un Marco Storari in versione felino), colpisce favorevolmente la condizione del bomber, motivato, grintoso e molto dinamico. Come se, a lui, il lavoro di Chatillon avesse dato pi energia e dinamismo. A questo punto la cessione al Milan sembra unipotesi di mercato superata. Un temporale estivo, rapidamente scomparso dal cielo bianconero. Marotta , daltra parte, non lo avrebbe ceduto per una questione tecnica, ma puramente economica. Se il Milan fosse arrivato a offrire 15 milioni, soldi utili allacquisto del top player, si poteva andare avanti. Ma la fiducia in Matri inalterata e lo stesso Matri sembra volerla ricambiare, anche per cercare di convincere Conte, uno che non ha mai regalato nulla ai suoi attaccanti e al bomber di Graffignana in particolare. Lobiettivo iniziare la stagione con un gol ufficiale che, segnato in finale di Supercoppa, avrebbe un peso specifico molto particolare. E - chiss - magari suonerebbe come un avvertimento al top player in arrivo...

5 of 174

Juventus
Alvaro Moretti
FACILE rispondere cos: innanzitutto Alessandro Matri . Il centravanti da sostituire, quello che occupa la casella da migliorare (col top player vero, di succedanei la Juve ne ha avuti pure troppi da Amauri fino a Borriello ), il professionista che s presentato meglio a Conte . E anche allArechi ha timbrato, due volte: non una partita contro una selezione di montanari, ma il Malaga che seppure in fase di ristrutturazione (o smembramento) invece una signora squadra con equilibri tattici e buone individualit a stretto giro con un preliminare di Champions. Insomma gol da bomber vero, da area di rigore che sembra giovarsi molto di un fondamentale esplorato fino ad un certo punto un anno fa: cross da destra o sinistra, rasoterra o alto. GIOVINCO VA A Salerno Giovinco ha mostrato lampi belli e buoni e una opportunit di gioco che la scorsa stagione non era stata troppo ricercata. Con uno come Marrone dietro (ma Bonucci , se liberato dallincubo Scommessopoli, o Lucio possono farlo ugualmente) e lo scatto profondo di Giovinco si pu liberare?? Pirlo dallessere lunico motore immobile del gioco. Anticipare i tempi e cercare la profondit dal primo momento di possesso, anche per non Marrone e le essere sempre costretti a cercare metri nella trequarti altrui seconde linee per 90. In vista degli impegni Champions, una soluzione convincono buona. Ultimo particolare: se nel dopo gara di Salerno, Preoccupano avendo indossato la numero 12, ha cominciato a chiedere la infortuni e fase maglia numero 10, questo un segno positivo, di personalit difensiva (ma un po pi di lavoro tattico di pressing richiesto, Seba). RINCALZO A CHI? Partendo per Pechino, Conte ha capito di poter contare su risorse inattese: nellemergenza, lidea. Ed ecco, ad esempio, la grande applicazione di Lichtsteiner come centrale di destra (anche se allArechi meno brillante, rispetto a Berlino) ma chi promette parecchio da regista difensivo Marrone. Ne abbiamo parlato in chiave offensiva, ragionando su Giovinco, contro il Malaga anche buoni movimenti da difensore in fase di affanno. Tra i sempre pronti, il grande Storari un secondo che vale quanto un primo portiere top: stappi e bevi grandi parate col romano. Eppoi Padoin : schierato allestrema da soldatino (non un termine usato a caso, ma un riferimento vintage ai tempi di Conte giocatore, cfr. Di Livio ), lex Atalanta confeziona i due assist per i due gol di Matri. Limpressione che Padoin abbia completato il difficile rodaggio per un giocatore di secondo piano, ma potenzialmente utilissimo specie quando si tratta di dover ritrovare risorse in una rosa che dovr sdoppiarsi tra Champions e campionato. CONTE ha voluto sperimentare quello che da mercoled o gioved potrebbe essere il suo futuro prossimo: la squalifica incombe, e lui se ne va in tribuna. Come gli toccherebbe al Nido dUccello sabato prossimo. Il problema, per, non tanto e solo nella ricerca di nuovi equilibri nel rapporto squadra-tecnico in gara (in fondo anche in campo si dialoga con difficolt, tatticamente la partita si legge?? meglio dalla tribuna), certo linput firmato Conte nello spogliatoio a met gara mancherebbe assai. Il problema invece sul sentimento collettivo: Stellini gi squalificato, Conte e Alessio con Pepe e Bonucci sono in attesa di una prima sentenza che determina una parte della loro vita, la loro carriera. Puoi reagire un giorno, ma sono mesi di angoscia e rabbia che sconti e sono ore pi pesanti delle altre quelle tra sentenza e Supercoppa. Consapevoli del fatto che lestate e lautunno saranno da vivere tra campo e aule di giustizia federale tra Disciplinare, Corte di Giustizia ed eventualmente Tnas. Insomma, la questione pesa. Pu essere girata in positivo, ma serve un gruppo pi che mai unito.

6 of 174

INDIFESA A fine partita Massimo Carrera , tecnico in fase di rodaggio, ha subito puntato il dito sul problema del momento: la fase difensiva. Il Malaga, come lHerta, non ha segnato, ma la Juve ha dovuto subire liniziativa spagnola troppo a lungo e troppo vicino alla propria area. Non solo la difesa come reparto ad essere in difficolt, visto che sono fuori tutti i titolari e la prima alternativa ( Barzagli , che si riprende per Pechino, Bonucci in attesa di giudizio, Chiellini e Caceres in bacino di carenaggio). Il problema che la fase difensiva unimmagine collettiva: a centrocampo stanno rientrando i big. Pirlo , soprattutto e per tutto il match, e Marchisio (nel primo tempo) contro il Malaga erano in pieno rodaggio, Vidal piuttosto affaticato. Asamoah ha gamba, ma non ancora i tempi e linserimento nellenseble di Conte. A dire il vero anche gli attaccanti, per ora, non hanno fiato e tempi di pressing giusti: per questo col Malaga s sofferto molto. INFORTUNI&MERCATO Questo precampionato sta proponendo a Conte la novit di una certa sfortuna: Chiellini che arriva rotto dagli Europei, Caceres che rischia grossissimo al primo torneo, Isla che in fase di ricondizionamento. A Pechino Barzagli e Vucinic , assenti dellultimora a Salerno, ci saranno anche se di Vucinic si dice che sia tutto a posto dalluscita al Tim per un dolorino e Mirko ha gi saltato tre amichevoli. Un altro problema del momento, questo. Cui si potrebbe ovviare con unaccelerata al mercato pari a quella che ha portato la Juve a muoversi e bene prima di tutto e prima dello stop per il top player. A.Mo.

7 of 174

Napoli
RAFFAELE AURIEMMA
NAPOLI. Venticinque giorni di preparazione sui campi di Dimaro e Castelvolturno, con sei amichevoli giocate e vinte anche contro formazioni di prima fascia come Bayern Monaco, Bayer Leverkusen, Bordeaux e Sporting Braga. I gol segnati sono stati 22 mentre quelli subiti soltanto quattro, con Goran Pandev che si fregia del titolo di capocannoniere destate. AFFIATAMENTO Il Napoli arriva cos alla Supercoppa di sabato a Pechino, con il conforto dei risultati e laffiatamento del gruppo che regala convinzione e sorrisi allo scrupoloso Mazzarri . I primi 40 minuti, impetuosi, del Napoli contro i malcapitati portoghesi di Peseiro rappresentano il biglietto da visita con il quale la squadra azzurra si presenter al cospetto della Juventus per provare a vincere il primo trofeo della stagione. Pochi innesti in un assetto gi solido, con lesperienza di Behrami e Gamberini , oltre alla freschezza di Insigne , hanno permesso allallenatore di procedere lungo un percorso di crescita che sembra poter dare ancora frutti, nonostante il doloroso addio di Lavezzi . Ecco, questo lelemento pi confortante del Napoli che il presidente De Gruppo collaudato, Laurentiis vorrebbe non al di sotto del terzo posto al Pandev re del termine del campionato. 3-5-1-1 Ma la PANDEV Ma se contraccolpo non c stato dopo la perdita squadra concede tecnica del Pocho , il Napoli lo deve al ritorno di Pandev agli troppe occasioni antichi splendori. Non ho mai allenato un calciatore cos talentuoso ha candidamente ammesso Mazzarri dopo essersi spellato le mani nel vedere con quanta classe aveva messo a sedere Douglao e Beto , prima di appoggiare il pallone del 2-0 nella rete sguarnita del Braga. Il nuovo modulo, il 3-5-1-1, sembra essere disegnato a posta per esaltare le doti di Pandev, ma anche di Hamsik . lui laltra nota lieta del Napoli edizione 2012-2013, la sesta stagione di un Marekiaro tornato agli albori in maglia azzurra. Con Reja in panchina stato sempre capocannoniere della squadra, grazie a quella posizione un po defilata che gli permette di essere un po rifinitore e un po bomber. E non pu essere trascurato il beneficio procurato dallottimo inserimento di Behrami. Lo svizzero ha garantito corsa e forza a un reparto, il centrocampo, nel quale era necessario un altro elemento con le stesse caratteristiche di Dzemaili . Pur essendo arrivato assieme a Gamberini soltanto il 17 luglio, ormai Behrami si conquistato la stima di Mazzarri che ha deciso di schierarlo titolare sabato contro la Juventus. DIFESA Dulcis in fundo, Federico Fernandez . Questo potrebbe essere lanno della consacrazione per il difensore argentino, che ha convinto il suo allenatore per la determinazione e il tempismo ammirati in tutte le occasioni in cui stato utilizzato. NAPOLI. Sarebbe troppo comodo indicare lintero reparto della difesa come il vero grande neo del Napoli che ha mietuto consensi in questo pirotecnico precampionato. Sarebbe soprattutto un errore, non tanto per il numero ridotto di gol subiti (quattro in sei gare), ma per laspetto tattico che sta penalizzando il sempre vituperato reparto arretrato. Anche sabato sera il Napoli ha incassato un gol evitabile, pu succedere quando le gambe sono appesantite dal lavoro in ritiro. EQUIVOCO Ci che lascia perplessi, in realt, il gran numero di opportunit che vengono concesse agli avversari, con la conseguenza che De Sanctis deve sempre fare gli straordinari come capitato nel primo tempo della sfida con il Bordeaux e nella ripresa col Braga. Daccordo, la muscolatura pesante di Campagnaro e Britos non permette loro di essere efficaci come quando sono al top. In realt lequivoco tattico del centrocampo che mette ancor pi allo scoperto i difensori. Per organizzare il nuovo schieramento a cinque della linea centrale, ci vuole tempo. Ancor pi se il perno
8 of 174

principale dello stesso, Gokhan Inler , non ha ancora raggiunto il massimo della condizione, anche a causa di un infortunio alla caviglia patito contro il Grosseto e che gli aveva fatto saltare le sfide contro Bayer e Bordeaux. tornato contro il Braga e non ha brillato, per quella posizione davanti alla difesa di cui si deve appropriare con maggiore convinzione, ma anche per un inevitabile ritardo di condizione. Larrivo di Behrami al suo fianco, per, potrebbe permettergli di diventare pi rapidamente quel fulcro che ha in mente Mazzarri per proteggere la difesa e impostare pi rapidamente lazione di rimessa. VARGAS Tra le cose che ancora non funzionano, bisogna inserire anche Edu Vargas . Nonostante limpegno e la pazienza di Mazzarri nei suoi confronti, il cileno sempre troppo timido per i ritmi e la determinazione del calcio italiano. Per nelle ultime due sfide con Bordeaux e Braga, Vargas ha mostrato evidenti segnali di crescita, oltre ad aver fornito due assist pregevoli a Pandev . ancora troppo poco per lasciare il segno in una squadra che punta a vincere come il Napoli e Mazzarri gli ha dato tempo fino al 19 agosto, quando contro lOlympiacos al San Paolo si giocher lultimo test di questa estate. In quella data, se Vargas avr abbinato allinnegabile tecnica anche la necessaria sfrontatezza, potr restare nel parco attaccanti. Altrimenti, De Laurentiis sa gi che servir un vice Cavani di esperienza. E Vargas sar girato a unaltra squadra di serie A che gli permetta di giocare con la continuit necessaria. R.A.

9 of 174

10 of 174

Alla conquista del nuovo fronte In Cina con furore


PECHINO. Il pi entusiasta Leonardo Bonucci e ha le sue ragioni per esserlo. Al di l di quello che succeder nelle prossime quarantotto ore, lui su quellaereo c salito e ha orgogliosamente postato la sua carta dimbarco su Facebook: Inizia il viaggio verso il primo obiettivo, ha scritto come didascalia allimmagine di quel cartoncino. Perch per lui anche solo partecipare alla trasferta per la supercoppa vale quasi quanto vincerla, considerate le circostanze. Potrebbe non giocare, anche se le cose hanno preso unaltra piega da venerd, ma intanto insieme alla squadra, dentro?? la squadra, ha sentito compagni e societ fare quadrato intorno a lui. In momenti come questi la cosa pi importante. Forse anche pi di un gol nella finale pechinese. Perch tutta unaltra Niente sconti dopo cosa affrontare con i una giornata in compagni lincubo del volo verso processo, di una Pechino: squadra richiesta di squalifica subito in campo. che stroncherebbe la Per Bonucci sua carriera. E esserci come una lorgoglio, quello che vittoria venerd gli ha fatto rifiutare il patteggiamento incredibilmente proposto da un Palazzi messo in difficolt dalla sua linea difensiva, con cui chiude il suo messaggio indicativo del suo stato danimo: Fino alla fine forza Juventus. PARTENZE Pi sereno Claudio Marchisio che, da Salerno dove ieri mattina la Juventus ha inziato il suo viaggio, ha semplicemente annunciato: Giorno di partenze.... Effettivamente quelle dei bianconeri sono state due: una dal piccolo aeroporto campano con un volo privato che atterrato a Francoforte intorno alle 13. Da l la squadra si trasferita al terminal principale dello scalo tedesco per imbarcarsi nel pomeriggio su un volo di linea il cui arrivo a Pechino previsto intorno alle 8.30 di oggi, ora locale, ovvero alle 2.30 della notte fra ieri e oggi in Italia. La comitiva bianconera composta da 55 persone, fra giocatori (27), staff e dirigenti e ha occupato pi della met della business class dellA380. Il consiglio (ma

Arturo Vidal, 25 anni, 7 reti nel 2011-12 La carta di imbarco di Bonucci Kwadwo Asamoah, 23, arriva dallUdinese

11 of 174

si pu parlare quasi di un ordine) dato ai giocatori stato quello di dormire durante il volo, in modo da annullare almeno parzialmente leffetto del jet-lag. SUBITO IN CAMPO Il primo allenamento fissato per le 17 di oggi, le 11 del mattino in Italia (sei ore indietro rispetto allora pechinese), e Conte ha gi promesso che non far sconti. Al centro di allenamento dellOlympic Park, dove esattamente quattro anni fa si allenava Usain Bolt prima di gareggiare nel vicino Bird Nest, lo stadio a nido duccello che ha ospitato i Giochi del 2008, la Juventus lavorer molto sulla fase difensiva, ancora da aggiustare anche in considerazione dellassenza dei titolari. E i nazionali proseguiranno il loro lavoro atletico che dovrebbe portarli in condizioni accettabili per la partita di sabato. Lalbergo della Juventus sistemato a met strada fra il centro della citt e il periferico Olympic Park, ma il tragitto - nonostante linfernale traffico pechinese - non dovrebbe prendere pi di una ventina di minuti. Non ancora definitivo, invece, il programma degli allenamenti della squadra. Al momento della partenza, infatti, Conte non laveva ancora ufficializzato, ma non sono da escludere doppie sedute, programmate in modo da evitare il grande caldo. A Pechino la Juventus verr accolta da una temperatura che varia dai 35 ai 40 gradi, ma soprattutto laltissimo tasso di umidit a preoccupare lo staff. Sembra di essere tornati indietro di dodici mesi, quando nellafa terribile della tourne americana nata la squadra dello scudetto. DE LAURENTIIS Il Napoli arriver domani a Pechino. E si allener in una zona pi centrale della citt. Anche se, chiss se per controllare che tutto sia a posto o per impegni legati al cinema, Aurelio De Laurentiis anticiper la sua truppa: il suo arrivo a Pechino previsto per oggi e non detto che nel pomeriggio non ci sia una sua conferenza, in genere unoccasione mai particolarmente noiosa... G.V.

12 of 174

Supercoppa su Rai 1 Sabato alle ore 14


MIRCO MELLONI
Il lungo tira e molla legato a data e sede della supercoppa finito da pochi giorni, e la stagione italiana apre i battenti a Pechino per la terza volta in quattro anni. Come nelle edizioni 2009 (con il successo della Lazio sullInter) e 2011 (con il 2-1 del Milan sui nerazzurri) si gioca in prima serata cinese (ore 20 locali), quindi nel nostro primo pomeriggio. Juventus-Napoli sar sabato alle 14 italiane con diretta su Rai1 e in simulcast su RaiSport1 (la tv di stato detiene i diritti sulla supercoppa fino al 2015), anche se gi dalle 13.20 inizieranno i collegamenti dallo stadio detto Nido duccello?? per la forma delle coperture esterne. Lunico precedente in supercoppa tra Juventus e Napoli non di buon auspicio per i bianconeri, che hanno vinto il trofeo quattro volte (due di queste allestero, in Libia e Stati Uniti). Nellestate 1990, il Napoli demol la Juve di Maifredi con un perentorio 5-1, lultimo trofeo conquistato dai partenopei nellera di Diego Armando Maradona.

13 of 174

IL PARERE DELLEX Torricelli: Prosegue il lavoro di Antonio


ELVIRA ERBI
TORINO. Amici da ammirare. E applaudire. La Juve di Antonio Conte e di Massimo Carrera, nella staffetta che sar. Il debutto del nuovo (possibile) format a Salerno stato battezzato da un successo per 2-0 sul Malaga, in unanticipazione da Champions. Lallenatore in tribuna, laiutante in panchina. Ruoli pi che ribaltati shakerati. Quasi un cocktail pallonaro. Moreno Torricelli, ha visto Carrera diventare un boss, sabato sera? S, ed era molto strano. Prima di tutto, per, vorrei dire che mi dispiace per quello Massimo pi che sta capitando. tranquillo, era cos Poi, bello seguire anche da ex compagni come giocatore. La cura Moreno Torricelli Massimo e Antonio maniacale dei che dirigono?? la particolari squadra. La scelta stata doverosa, inevitabile, essendo i identica. Che due a stretto contatto gi da tempo. Cera il giusto effetto vederlo... presupposto per agire cos. Per, vero, mi ha fatto effetto: non lo avevo mai visto in quelle vesti. Hanno caratteristiche in comune, i colleghi??? Lindole per il lavoro maniacale. Se non sei cos, se non curi i particolari nel calcio moderno, dove la competizione totale, non vai da nessuna parte. Tatticamente e tecnicamente devi essere al top, sempre preparato per combattere per le prime posizioni. Ogni sfida un esame e alla fine tutti vogliono battere la Juve. Caratterialmente, limpressione che Carrera sia meno tarantolato... Magari pi calmo, questo s. Anche in campo era cos, tranquillo ma determinato. Da questo punto di vista sono diversi, complementari. In effetti, in panchina Massimo prosegue il lavoro che di Antonio. Insomma, ha le spalle ben coperte. Quando sei giocatore, capisci quale sar il passo successivo? Ci sono quelli definiti gi allenatori in campo, ma difficile intuire cosa ti riserver il destino. Di sicuro sono entrambi perfezionisti, lo erano e lo sono rimasti. La Juventus appartiene agli juventini. Ed bellissimo, fa piacere a noi ex, ai tifosi, alla societ e ai protagonisti in questione. Si crea un legame indelebile. Qui ti insegnano a vincere, capisci subito la mentalit. Arrivare secondo non basta a nessuno. Per fare il tuo dovere devi puntare al massimo. Conte ci riuscito prima da giocatore e poi, al primo tentativo, da allenatore. Tanto di cappello per la scorsa fantastica stagione da imbattuto in serie A. Obiettivo Champions, adesso? Perch no. Intanto, l che la Juve deve stare. Inoltre, partendo da quanto dimostrato lanno passato, col gioco e la personalit anche di ragazzi meno acclamati, penso che la squadra sia in grado di recitare un ruolo importante anche in Europa. Se ritroviamo subito quella Juve allora ci divertiremo.

14 of 174

15 of 174

Se il fattore C funziona Carrera sembra Conte


GUIDO VACIAGO PECHINO. S, ha funzionato. Il meccanismo , ovviamente, perfettibile ma ieri i commenti a freddo erano positivi: lasse di comunicazione tribuna-panchina non ha creato grossi problemi, Antonio Conte riuscito a far passare i messaggi, Massimo Carrera in panchina riuscito a recepirli e la Juventus telecomandata?? dagli spalti, al di l della vittoria, ha pi o meno fatto quello che voleva lallenatore. Certo, era unamichevole. Certo, Conte in panchina tutta unaltra cosa. Ma in questo momento cos particolare, mentre altrove si combattono battaglie infuocate per far vincere il buon senso prima ancora che la giustizia, sul campo deve prevalere il pragmatismo. E dal punto di vista pratico, la comunicazione fra Conte in tribuna e Carrera in panchina, collegati dal messaggero Fabris (il team manager che rischia di fare pi chilometri di Lichtsteiner su e gi a portare indicazioni) e, alloccorrenza da Fabio Paratici , ha funzionato in modo accettabile. I segreti della SCHIERAMENTO Il prossimo esperimento, per altro, sar panchina del ancora pi importante, perch sabato a Pechino sar una futuro?? tra messaggi e intuizioni gara ufficiale, anzi ufficialissima considerato che c il primo trofeo stagionale in palio. E lo schieramento?? dello staff tecnico sar ancora quella di Salerno: in panchina, la volont di Conte verr interpretata da Filippi (il preparatore dei portieri) e amplificata da Carrera. EFFETTO C Una scelta, quella dellex compagno, che lo stesso Conte ha fortemente sponsorizzato. Questione di feeling e di modo di interpretare il calcio, soprattutto sotto il profilo agonistico. I caratteri, invece, sono leggermente diversi. Carrera rispetto a Conte decisamente pi riflessivo e meno esplosivo, ma assicurano i giocatori sa come farsi sentire anche senza perdere la voce. Gi, i giocatori: perch alla fine sono loro i terminali ultimi, sono loro che devono abituarsi alla nuova e strana situazione, possibilmente in modo indolore o quasi. E una questione di professionalit e di responsabilit: Conte li allena e li allener con la solita maniacale cura del dettaglio tattico durante la settimana e, di sicuro, non entreranno mai in campo senza avere unidea molto chiara della partita da disputare. Ma altrettanto vero che, nel corso della passata stagione, Conte ha spesso corretto il tiro a partita in corso, ha saputo con un urlaccio richiamare lattenzione di uno dei suoi, caricare la squadra nellintervallo, soprattutto se il primo tempo non fosse andato nel modo giusto. Insomma, leffetto C?? non era esattamente superfluo e non detto che avere la stessa iniziale del cognome permetta a Carrera di innescarne uno con analoga forza. CONDIVISIONE Si vedr, nel frattempo, sempre nellottica del pragmatismo di cui sopra, si cerca di migliorare la situazione attuale. Conte e Carrera per primi: i due ora vivranno la loro vita professionale in perfetta simbiosi, per fare in modo che il secondo riesca a metabolizzare il pensiero e il modus operandi del primo. Gi nel corso della passata stagione, Carrera da assistente di campo del tecnico ha avuto modo di crearsi unidea molto chiara del gioco di Conte. Ora la preparazione delle partite avverr in modo ancora pi condiviso: tutte le possibili situazioni verranno prese in considerazione a priori e la varie soluzioni studiate in anticipo. Carrera scender in campo con un quadro completo e per tutti gli imprevisti ci saranno telefonini e il buon Matteo Fabris, pronto a trasmettere in tempo quasi reale le indicazioni. RIPROVA Insomma, vista dal punto di vista pratico, la squalifica di Conte che gli vieterebbe solamente di scendere in campo per le gare ufficiali, lasciandolo libero di esercitare la sua professione in tutti gli altri ambiti, da Vinovo allallenamento nello stadio in occasione delle vigilie potrebbe non incidere pi di tanto sul destino della Juventus. Il problema che nello sport non solo e sempre una questione pratica.

16 of 174

Quando ci si mette di mezzo la testa?? tutto cambia. E quindi, cambiando punto di vista e analizzando quello psicologico, bisogner capire e solo le partite ufficiali come quella di sabato ce lo potranno spiegare la reazione di una squadra che proprio nella grinta del suo allenatore ha trovato uno dei principali punti di forza. Girarsi e non vederlo seduto in panchina, non sentire i suoi richiami o i suoi incoraggiamenti, rinunciare al sermoncino dellintervallo sono tutti elementi che potrebbero condizionare in negativo. Dopo la prima vera prova, il primo momento della verit provata vicino. E vale una Coppa.

17 of 174

18 of 174

19 of 174

IN USCITA Lazio e Genoa cercano Ziegler


TORINO. Continuano (anche) le trattative in uscita: Beppe Marotta deve vendere per poter poi ultimare la rosa Champions da mettere a disposizione di Antonio Conte . Attenzione, per: vendere non significa svendere. E quindi lamministratore delegato non ha fretta, considerando che il mercato chiude a fine mese e che la scorsa settimana ha Il terzino piace a incassato 7 milioni di molti club. Felipe euro dal Fenerbahe Melo aspetta il s per Milos Krasic . del Galatasaray, NUOVE OFFERTE Martinez a un Reto Ziegler , ad passo dal Maiorca: esempio, comincia a questione di piacere a molti. Nelle dettagli ultime ore, infatti, si Reto Ziegler, 26 anni sono fatte (timidamente) sotto anche Lazio e Genoa. Claudio Lotito ed Enrico Preziosi si aggiungono a Rubin Kazan (affare Bocchetti ), Napoli e Palermo, alla ricerca di un sostituto per Federico Balzaretti . ATTESA MELO Nei prossimi due giorni attesa la fumata bianca (si attende le-mail buona) per Felipe Melo col Galatasaray: sabato la squadra di Fathi Terim giocher la finale della Supercoppa turca contro il Fenerbahe e il brasiliano vorrebbe essere protagonista del big match. La Juventus chiede sette milioni pi bonus mentre i turchi sono ancora fermi a quota sei. Limpressione dei ben informati che alla fine si riuscir a trovare laccordo. MARTINEZ-MAIORCA SI FA Jorge Martinez segnalato sempre pi caldo sulle frequenze del Maiorca (in vantaggio sullAtletico Madrid): i dirigenti spagnoli sperano che la trattativa possa chiudersi gi a met settimana. Il Malaka pronto a sbarcare (in prestito) nella Liga per ritornare il giocatore dei tempi di Catania. CORNACCHIA-FORTE

20 of 174

Astori, c il prezzo
FILIPPO CORNACCHIA CAMILLO FORTE
TORINO. Si erano lasciati a gennaio con una promessa estiva per Radja Nainggolan . Il tempo ha cambiato gli obiettivi e adesso Massimo Cellino e Giuseppe Marotta potrebbero sedersi allo stesso tavolo per Davide Astori . Un contatto c gi stato nei giorni scorsi. Sondaggio esplorativo, non definitivo. Prima di muoversi con decisione Giuseppe Marotta aspetta le sentenze di Scommessopoli. Tra mercoled e gioved conoscer il futuro di Leonardo Bonucci e solo in caso di squalifica affonder il colpo per il cagliaritano. Gli ultimi segnali che arrivano da Roma sono positivi: in quel caso - ed quello che si augura la Juventus - la ricerca di un difensore non sarebbe pi una priorit. LA PROMESSA In attesa dei verdetti i dirigenti bianconeri sono operativi, pronti a non farsi spiazzare da eventuali brutte notizie. Nei giorni scorsi hanno perlustrato la Bocchetti una pista sempre calda, situazione di diversi difensori. Gli ultimi Manga del Lorient spifferi segnalano in la novit. Sprint a risalita Davide Astori sinistra . E il preferito di Armero-Peluso Antonio Conte e secondo i ben informati il Cagliari sarebbe disposto a privarsi del suo centrale per una cifra inferiore ai 12 milioni cash messi sul piatto a inizio mercato dallo Spartak Mosca. In quelloccasione Massimo Cellino, da buon padre di famiglia, consigli ad Astori di non andare in Russia, in attesa di eventuali offerte italiane. Ecco perch, visti gli ottimi rapporti tra i due, di fronte ad una buona proposta il numero uno rossobl non si metterebbe di traverso. Davide Astori, 25 anni, LE CIFRE Astori, 25 anni, non ha una clausola, centrale del Cagliari ma il suo biglietto duscita quantificabile in 7/8 milioni di euro e una contropartita tecnica. Nel caso della Juventus la pedina di scambio avrebbe anche un nome un cognome: Ouasim Bouy . Lolandese apprezzato dagli uomini mercato rossobl, gi attivi sul ragazzo nei giorni scorsi. A giugno rifiut di passare in compropriet a Pescara (di fatto bloccando Verratti ) ma nel frattempo lo scenario cambiato. E stato lo stesso Mino Raiola , il suo agente, a ipotizzare un trasloco temporaneo in Provincia. Lex centrocampista dellAjax - indicato anche dalla Sampdoria nelloperazione Poli potrebbe seguire lesempio dei giovani juventini Lorenzo Ariaudo e Albin Ekdal . E la
21 of 174

Juventus, nel caso, gradirebbe una ripetizione dell affaire Matri . Tradotto: subito Bouy (in prestito o compropriet) e un piccolo conguaglio, con riscatto pi corposo la prossima estate. E BOCCHETTI? In corsa con Astori c sempre Salvatore Bocchetti : lui in Russia (sponda Rubin Kazan) sbarcato nel 2010, ma lidea di ritornare a casa sul treno bianconero lo alletta. I colloqui tra lentourage dellex genoano (che rappresenta anche il Rubin) e i dirigenti bianconeri proseguono. Bocchetti mancino come Astori e come il collega rossobl a giugno ha sfiorato il biglietto per lEuropeo: il ct Cesare Prandelli li ha inseriti nella lista allargata e li ha tagliati?? soltanto nellultima selezione. Il Rubin Kazan valuta Bocchetti 6 milioni di euro ma pare anche disposto ad accogliere Reto Ziegler (ci sono anche Genoa, Lazio e Napoli e Benfica). Lo svizzero non una variabile da poco: il suo inserimento nella trattativa potrebbe spostare equilibri e gerarchie. PISTA FRANCESE In Francia allargano la lista dei candidati juventini al gabonese Bruno Ecuele Manga , 24 anni, capitano del Lorient. Centrale roccioso, come pure Bruno Alves dello Zenit, a un passo dalla Juve prima dellarrivo di Lucio dallInter a parametro zero. Nerazzurri segnalati sempre attivi (e in vantaggio) sulla Juventus per Marco Andreolli del Chievo. A SINISTRA Dopo la Supercoppa italiana di sabato, Marotta metter mano alla fascia sinistra, dove al momento lunico titolare di ruolo Paolo De Ceglie . Lobiettivo numero Pablo Armero dellUdinese (al momento i due club sono divisi sulle modalit di pagamento) ma occhio allottimo Federico Peluso , sul quale forte la concorrenza del Palermo. La sua assenza nellamichevole dellAtalanta contro la Ternana aveva fatto pensare a una cessione immediata, in realt il mancino jolly (pu giocare centrale, terzino sinistro e laterale nel 3-5-2) rimasto ai box a causa di un taglio in fronte rimediato contro lUdinese e per il quale sono stati necessari tredici punti di sutura.

22 of 174

23 of 174

E Dzeko si offre alla Juve


MARINA SALVETTI
TORINO. Dopo il no ribadito tre giorni fa a unaltra stagione in panchina Edin Dzeko ancora pi esplicito sulla sua volont di andare via dal Manchester City. Nellintervista mandata in onda su Sky lattaccante bosniaco ammette che sinceramente non mi dispiacerebbe giocare nel campionato italiano. Io lo seguo sempre, so anche che il Milan ha venduto due dei suoi migliori Il bosniaco: Sono al giocatori. Messaggio City, ma se arrivasse inequivocabile sulla disponibilit di Dzeko Van Persie... Vorrei a trasferirsi in Italia giocare in Italia dove, oltre che alla Juventus, c linteresse del Milan. E proprio il riferimento al club rossonero ha fatto pensare a una qualche preferenza, invece il bomber ha semplicemente sottolineato come il Milan abbia ceduto le sue stelle. Perch la Juventus appare in netto vantaggio qualosa volesse accelerare loperazione e portare il bosniaco in bianconero. IO RESTO QUI? La valutazione del Manchester City non neanche troppo elevata e con 18 milioni la trattativa si pu chiudere. Laffare per condizionato dallarrivo di Robin Van Persie alla corte di Roberto Mancini , come ammette lo stesso bosniaco. Io sono ancora qui, ma chiaro che bisogna aspettare la fine di agosto per avere la certezza che io resti qui anche la prossima stagione. Ripeto, io sono ancora qui. Se arriver Van Persie o qualche altro giocatore vedremo cosa accadr. DESTINI INCROCIATI Dzeko e Van Persie, un destino incrociato perch lolandese, inseguito dalla Juventus, potrebbe spingere il Suarez resta in bosniaco a Torino se corsa, anche se passasse al Rodgers, nuovo Manchester City. tecnico del Certo, Dzeko costa Edin Dzeko e la sua fidanzata, Liverpool, vuole molto meno sia come la modella Amra Silajdzic blindarlo col prezzo del cartellino (Twitter) rinnovo sia come ingaggio. Ma evidente che la prima scelta dei Campioni dItalia resta lolandese che domani dovrebbe aggregarsi in ritiro con i compagni. AMBIZIONI Secondo le ultime indiscrezioni provenienti dallInghilterra, Van Persie

24 of 174

sarebbe rimasto impressionato favorevolmente dallarrivo dei due rinforzi in attacco della squadra londinese, Podolski e Giroud , e della possibilit che approdi anche Cazorla . Al punto che, secondo il Sunday Mirror , lattaccante, in scadenza di contratto la prossima estate, potrebbe convincersi a rinnovare e abbracciare cos il progetto Arsenal. Una notizia che va prese con le molle perch finora a Londra non mai stato chiaro il destino di RVP che, a inizio estate, aveva espresso chiaramente lintenzione di lasciare i Gunners per poter vincere qualcosa. Adesso la campagna acquisti dellArsenal potrebbe rilanciare le ambizioni del club e anche quelle del capitano Van Persie. Van Persie al bivio: VERSO IL RINNOVO La Juventus resta per ora attendista: rimasto monita le diverse situazioni e si prepara allattacco finale. impressionato dal Non tralasciando nessun candidato. Cos anche Luis Suarez mercato resta in corsa, anche se potrebbe rinnovare con il Liverpool. dellArsenal. Sono i I segnali, su questo fronte, arrivano da Brendan Rodgers , giorni della verit neo tecnico dei Reds , che lo ha blindato dicendogli per che deve saper accettare le critiche. La situazione delluruguaiano resta caldissima dopo la contestazione durante le Olimpiadi: lInghilterra non ha perdonato allattaccante gli insulti razzisti a Evra e non detto che con il tempo si possa ricucire una frattura apparsa quasi insanabile. SOLUZIONE VIOLA E nellelenco di Beppe Marotta e Fabio Paratici non scompare neppure il nome di Stevan Jovetic . Nonostante la blindatura dei Della Valle la Juventus confida nella volont del montenegrino di disputare la Champions League. Deve per essere il giocatore a chiedere alla societ viola di lasciarlo partire, cosa che finora Jovetic non ha mai fatto. E visto che il tempo stringe, dovrebbe esprimere chiaramente le sue preferenze.

25 of 174

Pazzini-Inter il grande freddo Divorzio vicino


MILANO. Separato in casa. questa la situazione di Giampaolo Pazzini allInter, dopo lo sfogo a Pinzolo durante il ritiro (Sono contento di tutto questo entusiasmo, ma non dovete chiedere a me se rester allInter. Sono sempre stato sincero, credo che la societ Allo sfogo di abbia fatto altre Pinzolo seguita scelte. Far il una lunga serie di possibile per far esclusioni: fuori cambiare idea a anche dalla lista qualcuno, ma sar europea. Diciotto difficile). Da quel mesi dopo lo momento, lattaccante scintillante debutto Giampaolo Pazzini, 28 anni, 89 nerazzurro ha giocato in nerazzurro, il reti in A soltanto un tempo (e bomber vive da con le riserve) separato in casa dellamichevole in famiglia del 10 luglio, vinta dallInter A. Poi, non ha disputato nessun minuto con la Rappresentativa Trentino, il Koper, nel Trofeo Tim con Juve e Milan, col Como e con il Celtic Glasgow. E se si aggiunge la sua esclusione dalla lista Uefa dellEuropa League, si pu intuire la situazione difficile che sta vivendo Pazzini alla corte di Andrea Stramaccioni . Destino beffardo quello del Pazzo: acquistato nel gennaio 2011 dalla Sampdoria, conquist subito San Siro con una doppietta e procurandosi un rigore nel 3-2 rifilato al Palermo. Un anno dopo, il legame che lega Pazzini allInter cambiato in peggio e ora vive da separato in casa, cercando di capire cosa ne sar di lui. S.R.

26 of 174

27 of 174

28 of 174

Bonucci si salva cos


SIMONE DI STEFANO
ROMA. Quasi unora passata a illustrare le contraddizioni di Andrea Masiello su Bonucci. Dopo larringa dellavvocato Giampietro Bianchi, per la prima volta stato il procuratore federale a chiedere una nuova via al patteggiamento. Avvocato Bianchi, l che lei e Chiappero avete preso coscienza della possibilit di salvare Bonucci dai 3 anni e mezzo di squalifica chiesti da Palazzi? Leonardo Bonucci, 25 anni: il Non nascondo che in quel momento le difensore accusato di illecito sensazioni sono state positive, come la grande attenzione che ha prestato la Commissione. Noi avvocati la chiamiamo una causa buona??. Poi arriva qualcuno che ti propone il 10 per cento della causa finale: se Il suo legale: Un compatibile con la volont del giocatore, da avvocato pentito si contraddice, la giuria posso anche consigliarlo. In certi casi il patteggiamento diventa un obbligo perch la pena troppo grande. Ma vaciller Bonucci non ha voluto patteggiare e da quel momento siamo tutti pi liberi di fare ci che volevamo fare dallinizio, cio discutere. Probabilmente il pm ha fatto lo stesso percorso argomentativo: Bonucci non doveva essere indagato, perch il procedimento penale finito prima di quello sportivo, e arriva a una conclusione diversa. Ma non che Palazzi teme di far crollare il castello accusatorio di Udinese-Bari? Sa cosa salva il sistema? La Procura di Bari. Che in casi come Bari-Lecce utilizza le dichiarazioni di Masiello, in altri decide di non andare fino in fondo. Il modus operandi della Procura di Bari fa tenere in piedi il castello di Udinese-Bari anche senza Bonucci. Per Masiello lofferta alla combine passa prima dagli spogliatoi al campo, poi al pullman. Dai primi giorni della settimana al venerd, poi al sabato, ma soprattutto da Bari a Udine. Cambia sia il tempo che il luogo. Masiello dice sono sicuro??, poi lultima volta dice ricordo perfettamente che Bonucci ci raggiunse in ritiro?? mentre Bonucci li raggiunse il gioved, ma al campo. Per la Procura, la gara nasce prima che arrivi Bonucci e termina con la famosa ipotetica telefonata. anomalo che Bonucci venga coinvolto nellautobus, e non nella telefonata. Ma soprattutto, Masiello prima dice che la gara la combina negli spogliatoi, lontano da sguardi indiscreti, poi al centro del pullman. Francamente certe cose non si fanno al centro del pullman, quando ti pu sentire lallenatore o il team manager. In quella partita Bonucci la matrioska nella matrioska. Leo non ha Ma la Disciplinare su cosa potrebbe vacillare? patteggiato: cosa Su un pentito che pu essere credibile in tante doveva ammettere dichiarazioni, ma dice una cosa non credibile in unaltra. se innocente? Il Udinese-Bari sarebbe per Palazzi comunque salva, castello di Palazzi nonostante il proscioglimento di Bonucci. La motivazione salvo anche col specifica di Masiello, raccontata anche dallordinanza, suo unattivit volta a elidere il reato associativo, e la bugia proscioglimento potrebbe spiegarsi con la volont di evitare larresto e lo spettro dellassociazione. Masiello racconta di una combine fatta con i compagni di squadra per dire che era combinata in ambito sportivo e non con Giacobbe e Carella. Rifiutando di patteggiare in molti vi hanno dato per matti, siete proprio certi che

29 of 174

con questa accusa convenga andare a sentenza? La procura con molta onest intellettuale e morale ci ha illustrato la disponibilit di derubricare lillecito in omessa denuncia, ma solo qualora ci fossero stati dei fatti nuovi e realmente accaduti da ammettere. Bonucci non ha fatto nulla, che doveva ammettere? vero che ci sarebbero stati rischi penali perch a Bari non ammette nulla, ma comunque non lo avrebbe mai fatto moralmente. Avrebbe valutato lopportunit anche nellinteresse della Juve, ma mai patteggiando ammettendo qualcosa che non ha mai fatto. Brucia che il pentito esca con due anni e due mesi di squalifica e Bonucci rischi 3 anni e mezzo? Diciamo che sarebbe meglio una gradazione della pena. Il pentito che fa altri nomi beneficia di grossi vantaggi premiali, e questo pu portare anche al rischio del sentito dire. O si toglie leffetto premiale o si usa maggiore scrupolo. I giudici devono avere una maggiore discrezionalit: pene pi esemplari per chi fa cose pi gravi, a prescindere da ulteriori collaborazioni. Ma ora quante speranze ci sono che Bonucci venga prosciolto? Alla luce delle carte processuali, la fiducia massima. Francamente non vedo altre ipotesi diverse dallassoluzione, anche lui molto fiducioso. I giudici hanno ascoltato bene, erano attenti, sono convinto che valuteranno con altrettanta attenzione.

30 of 174

LAGENDA Arrivano le sentenze Appello il 20


ROMA. Si entra nella settimana delle sentenze. Da ieri la Disciplinare riunita per fare il punto sui filoni di Cremona e Bari appena discussi. Entro gioved le sentenze di primo grado, dopo i patteggiamenti restano in ballo 6 club e 25 tesserati. Per Antonio Conte (e il vice Alessio), Palazzi ha chiesto 15 mesi di squalifica che potrebbero scendere a 9. Bonucci parte da una richiesta di 3 anni e mezzo e un ventaglio di possibilit: conferma, sconto o proscioglimento. Con laccusa pi lieve di omessa denuncia (e 1 anno di stop), spera anche Pepe. Altri casi spinosi, le retrocessioni di Grosseto e Lecce, i 3 anni e mezzo per Portanova, lomessa di Di Vaio e il -4 del Novara. Appello il 20 agosto. Proseguono gli interrogatori della Procura di Bari (sulle nuove gare rivelate da Andrea Masiello): Santoni, Stellini, Lanzafame, Barreto, Sartori, Gazzi, Guberti e Parisi: il Bari 2008-09 atteso a deporre. Oggi Stellini e laltro pentito, Micolucci. SDS

31 of 174

Sirigu: Lui e Pepe ragazzi straordinari


PARIGI. Salvatore Sirigu ha voluto far sentire la sua vicinanza ai giocatori suoi compagni di nazionale, coinvolti nello scandalo del calcioscommesse: Sicuramente mi dispiace, la vicenda non lho seguita dallinizio stando qua, mi dispiace per quello che sta succedendo in Italia soprattutto perch il nome del calcio italiano messo un po in ridicolo. Ci sono persone che conosco, alcune anche bene come i miei compagni di nazionale mi dispiace tantissimo e spero che venga fatta chiarezza. Penso che Pepe, Bonucci e Ranocchia sono ragazzi straordinari e mi viene difficile credere che abbiano fatto qualcosa di sbagliato. Anzi a me hanno sempre dimostrato di essere dei grandissimi professionisti, e spero che si faccia chiarezza e mi auguro che per loro ci sia la giusta dimostrazione di innocenza. S.ROV.

32 of 174

Un rito che va cambiato


ALVARO MORETTI
ADESSO lo dicono tutti, avvocati e (di nascosto) anche i giudici Figc: la giustizia sportiva cos non pu funzionare. Doverano nel 2006 o nel 2011, quando si creavano le corti o leggi ad hoc per Calciopoli o la radiazione di Moggi e Giraudo? In ogni caso, bando ai rimpianti: alcune piccole proposte per evitare spettacoli deprimenti quali quelli visti allOstello della Giovent. Intanto il rito: indifferibile un dibattimento con lascolto dei testimoni chiave in aula, specie se i processi si portano avanti sulle risultanze di indagini penali sempre a rischio revisione (quante versioni dar, alla fine dellinchiesta barese, Andrea Masiello?); eppoi il rito: il Procuratore arriva al processo con migliaia di pagine da studiare, partendo in quarta con requisitorie light e richieste di pena immediate. E se attendesse gli esiti del processo sportivo, ascoltando anche i difensori, per poi formarsi unidea pi chiara e solo alla fine sparare le sue richieste di pena? Inseguimenti al patteggiamento come quelli di sabato si potrebbero evitare e richieste di pena shock pure.

33 of 174

34 of 174

Pasquale solo al fotofinish


MARCO BONETTO NOVARA. Aspettare fa rima con rischiare. E su Pasquale il Toro rischia, tanto quanto pu nutrire concrete speranze. C tutto un mercato destinato a subire accelerazioni, tra Pazienza e Biondini passando per Tissone , e c laltro mercato: quello dellattesa, a meno di colpi di scena. A questa seconda schiera appartiene sulla carta per lappunto Giovanni Pasquale, 30enne terzino sinistro di Venaria, hinterland di Torino, con il suo contratto in scadenza nel 2013. Nel ruolo lui la prima scelta di Ventura , con unalternativa altrettanto apprezzata LUdinese decisa in quel di Catania: un a trattenere altro Giovanni, lesterno fino al Marchese , 27 anni, termine dei a suo tempo cresciuto preliminari proprio nel vivaio Champions granata. E anche lui Lalternativa rimane col contratto breve, Marchese dal fino a giugno. Su Catania Pasquale il Torino ha gi portato a casa un successo: un sostanziale accordo con il difensore per lallungamento del contratto almeno fino al 2014 pi opzione a cifre prefissate per il prolungamento di un altro anno ancora. Il tutto, per, ancora riformulabile a cifre ritoccate (a Udine guadagna tra 450 e 500 mila euro) in caso di immediato ingaggio triennale. Morale: il Toro ha in mano Pasquale e il terzino ai vertici friulani ha comunicato di aver chiuso un ciclo a Udine. I problemi emersi nella scorsa stagione tra il terzino e Guidolin , che lo vedeva poco, sono ancora tutti l sul tappeto. CASO CACERES Eppure lUdinese non cede. La scelta del club bianconero stata di congelare il suo caso, dichiarando Paquale (temporaneamente) incedibile. E dire che il Torino di un altro terzino sinistro ha bisogno, vista anche la situazione dellultimo arrivato Caceres : luruguaiano ex Maiorca, recapitato allimprovviso a Ventura in palese ritardo di condizione. Lallenatore ha allargato le braccia: Non baster un mese e mezzo perch trovi almeno la forma fisica, ma poi chiss quanto gli servir perch metabolizzi i nostri schemi. Il tutto, mentre Salvatore Masiello - sotto processo sportivo per illecito - resta

35 of 174

pericolosamente in sospeso: a met settimana arriver la prima sentenza e il terzino rischia uno stop di 3 anni e mezzo, come Vives . A cavallo di Ferragosto, Il Toro non perde di poco prima o poco dopo, si dovrebbe vista Antonelli, che celebrare leventuale ha superato i secondo grado di problemi delle giudizio. Il Torino ultime due stagioni continua ad avere fiducia in Pasquale, tifa perch venga dichiarato innocente, aspetta le sentenze, ma la situazione a dir poco in bilico. Dettaglio non certo insignificante, il condizionamento provocato dal mercato di Armero (in azione non solo Juventus e Napoli). Giovanni Marchese, 27 anni, Fino a quando lUdinese non avr deciso se un esterno duttile, capace di realizzare unottima plusvalenza cedendo il difendere ed attaccare. E un terzino sinistro titolare colombiano o se tenerlo prodotto del vivaio granata a fronte di offerte giudicate non allaltezza, Giovanni Pasquale, 30 anni, Pasquale sar blindato: questo hanno appena approdato allUdinese nel ribadito i vertici del club bianconero. Con giugno 2008 reduce da un unulteriore puntualizzazione: le ultime biennio a Livorno indicazioni danno lUdinese intenzionata a tenere comunque Pasquale fino ai propri preliminari Champions, programmati per il 21/22 agosto (andata) e per il 28/29 (ritorno). Al tramonto del mercato, insomma. Pi che ripetere di voler trasferirsi al pi presto al Toro, il terzino non pu fare. LATTESA Pasquale aspetta, il Toro aspetta. In mezzo, il rischio che qualcosa possa andare storto (senza dimenticare le frizioni con Pozzo per il caso Surraco e la telenovela Barreto ), non solo comprensibili speranze. Il ben pi giovane terzino Luca Antonelli del Genoa, societ con cui il Torino sta per avviare nuove trattative, una delle variabili pi monitorate, ora che ha recuperato dai ripetuti problemi fisici dellultimo biennio. E poi c Marchese, anche lui pronto a dire s al Toro, anche lui rinforzo di livello, stimato, ma finora bloccato dal Catania. Catania con cui i vertici granata non hanno pi un dialogo oliato e fecondo come ai tempi di Lo Monaco . Se Cairo non sorprender tutti con svolte o accelerate, il problema del terzino rester in piedi a lungo. Sempre tifando per Masiello, ovviamente, come ripetono nel Toro.

36 of 174

37 of 174

Pazienza-Tissone lora della svolta


ALESSANDRO BARETTI
TORINO. E un po come prendere la scala mobile al contrario: le gambe mulinano ma lo sforzo vano. Si pensa di andare avanti ma ci si ritrova sempre al punto di partenza. Questo il mercato del Torino nellestate che rilancia i granata in serie A. Gli acquisti utili a completare lorganico sarebbero stati diversi a prescindere da Scommessopoli, peccato che la spada di Damocle delle squalifiche penda su quattro giocatori granata complicando ulteriormente la situazione: a Salvatore Masiello e Vives , gi presenti in rosa nella passata stagione, vanno aggiunti Gillet e Gazzi . Elementi che Ventura allena pur non avendo alcuna Lo juventino a un certezza di poterli passo dalla firma Il impiegare nellarco di doriano piace in tutta la prossima Spagna ma vuole il stagione. Inutile farsi Toro Previsto un prendere dal panico, nuovo contatto per a maggior ragione in Biondini questo frangente Cairo e Petrachi devono essere razionali e decisi. A partire dalla mediana, il reparto che in questo momento pi necessita di innesti: Vives rischia, Gazzi pure, Brighi in prova, De Feudis e Gorobsov quantomeno in bilico e Suciu fermo ai box. Tirando le somme lunico punto fermo Basha . La cerniera di centrocampo del Toro quindi in larghissima parte da definire. OBIETTIVO... SENSIBILE Entro questa sera si attendono novit su Pazienza , centrocampista che la Juventus ha deciso di non convocare per la Supercoppa in cartello l11 agosto in Cina. Scelta indicativa, quella dei bianconeri, tesi ad agevolare luscita dellinterno. In verit non risulta che nelle ultime ore il Torino abbia riallacciato i rapporti con Marotta per imprimere unaccelerata alla trattativa, resta per altamente probabile che ci possa accadere questoggi. E se davvero Pazienza ritenuto uno tra i centrocampisti da consegnare a Ventura, bene chiudere in tempi brevissimi loperazione. Perch Marotta, gioved se non gi mercoled, prender laereo che lo condurr in Cina per assistere a Juventus-Napoli. Certo lingaggio di Pazienza, 1,2 milioni di euro fino al 2014, continua a essere ritenuto alto dal patron

38 of 174

granata. E qui entra in scena la Juventus, che potrebbe agevolare la trattativa regalando o quasi il cartellino del giocatore oppure contribuendo in parte allingaggio del medesimo. Sempre che la concorrenza, Parma e Lazio come pure Fiorentina e Sampdoria, non sciolgano le riserve accontentando sia le richieste della Juventus che quelle del giocatore. Il rischio c, per quanto ora come ora il Torino sia un passo avanti rispetto agli altri club interessati al centrocampista. Se Con il Genoa sono per il ruolo di numerosi i discorsi interditore Pazienza in ballo: nel mirino in pole, per luomo in Birsa e Seymour, grado di strappare torna calda pure la palloni ma pure di pista Jankovic distribuirli si continua a marcare stretto Tissone . In Spagna e non solo ci sono alcune societ interessate a mio figlio - fa sapere il padre, nonch procuratore dellargentino -. A met settimana penso Michele Pazienza, 30 anni comunque di avere un nuovo confronto con i Fernando Tissone, 26 anni dirigenti del Torino. La pista rimane quindi Davide Biondini, 29 anni assolutamente viva. Visto che a maggior ragione il giocatore tuttaltro che blindato dalla Sampdoria. Tissone pu partire: chi lo vuole si faccia avanti e ce lo paghi, ha detto ieri il ds blucerchiato Sensibile . TINTE ROSSOBLU Con laltra squadra di Genova i discorsi in ballo investono i centrocampisti e non solo. Stasera dovrebbe andare in scena un nuovo summit di mercato tra la societ rossobl e quella granata. Si parler di Davide Biondini , interno di sostanza che Cairo pu portare a Torino con circa un milione di euro. Nella rosa del Genoa ci sono anche Valter Birsa e Felipe Seymour . Entrambi valutati da un Torino che risulta pi solleticato dallidea Birsa. Ulteriori discorsi saranno imbastiti per il terzino sinistro Luca Antonelli (occhio alla Lazio), come per Bosko Jankovic . Lesterno serbo era gi nei pensieri del Torino a inizio mercato, prima che le attenzioni dei dirigenti granata si concentrassero su Ljajic e Cerci : proprio le difficolt a chiudere per uno tra i due giocatori di Montella , sui quali comunque il Toro resta ben vigile, hanno indotto Cairo e Petrachi a tornare su Jankovic, giocatore di talento e dotato di un gran tiro dalla distanza per quanto troppo spesso gravato da una ripetuta serie di infortuni. Infine potr essere sfiorato largomento Gilardino , per quanto finch Bianchi sar nella rosa granata ben arduo immaginare lacquisto dellattaccante ex Fiorentina. Semmai pi facile pensare a un ritorno di fiamma per Pozzi , oppure a una richiesta al Napoli per il prestito di Edu Vargas . Intanto, alla luce delle pessime notizie degli ultimi giorni che hanno stravolto i piani del Torino, ipotizzabile un nuovo blitz di Cairo a Omegna, dopo quello di mercoled scorso, teso a tracciare le nuove strategie con il tecnico Ventura e il ds Petrachi.

39 of 174

Con Gillet a rischio Benussi si avvicina


MARCO BO
TORINO. Giocoforza il Torino tornato sul mercato anche nel ruolo del portiere. La posizione di Gillet , acquistato dal Bologna per oltre 1,5 milioni, diventata troppo a rischio per poter puntare sul belga senza remore. Da neo-indagato per frode sportiva dalla procura di Bari rischia di passare per il setaccio di Palazzi e quindi finire anche sotto il giudizio della Il belga, indagato magistratura sportiva. Francesco Benussi, 30 anni, per frode sportiva Anche se difficile 18 gare col Toro lanno scorso dalla magistratura avanzare ipotesi e barese, pu finire previsioni sullevoluzione della sua posizione e relative nel mirino di tempistiche, esiste il rischio poteziale che per fine settembre Palazzi. Gomis il giocatore non possa pi aiutare la causa torinista. In questi troppo giovane per casi, ovviamente, non basta fare i debiti scongiuri. Occorre fare il titolare, cos invece pianificare una strategia per allestire al pi presto una il palermitano pi sorta di paracadute. Troppo delicato il ruolo di chi deve che unidea difendere i pali di una squadra, per di pi neopromossa, quindi con un estremo difensore verosimilmente piuttosto impegnato. Tra laltro il vice, Gomis , non ha lesperienza giusta per essere lanciato come titolare. Gli occhi del Torino si sono cos diretti sul palermitano Francesco Benussi che ben si disimpegnato nella seconda parte della scorsa stagione al Torino quando sostitu Coppola , ko per il gionocchio rotto. Possibile che lavance per il rosanero, ora secondo a Palermo dietro a Ujkani , subisca unaccelerata in tempi molto brevi. Le alternative restano gli svincolati Manninger e Boruc oltre al laziale Carrizo nel mirino pure del Genoa. A sorpresa, per, torna lipotesi Sorrentino . Praticabile solo se il Chievo rivedr le proprie quotazioni, oltre i 3 milioni.

40 of 174

41 of 174

A Sansone mancano gli acuti


NOVARA. Cosa non va? Non va il mercato, e si vede. Il Toro mostra ancora troppe lacune, troppe mancanze, Ventura non possiede le frecce di cui avrebbe bisogno come laria: cio una mezza squadra di titolari potenziali. Sulle fasce lunico volto nuovo giocante Sansone, ma abbastanza spento. O ben contenuto da Del Prete e compagnia, se preferite. A centrocampo, pur meritando elogi la muscolarit dei mediani, la loro buona volont, lonnipresenza, resta ridotta la capacit inventiva. Mentre davanti nella prima frazione Meggiorini e Sgrigna la vedono poco, non trovano spazi. Il Toro gira e rigira volenteroso, ma poi finisce quasi sempre l, nellimbuto: tanto in mezzo quanto sulle corsie. Lavori in corso, forma atletica sotto pressione: niente di strano di questi tempi. Lanormale solo la piazza del mercato granata. Non un caso se i tifosi sono di nuovo stufi. Anche perch non ce lhanno con Ventura: e un motivo ci sar. M.BON.

Gianluca Sansone, 25 anni

42 of 174

Toro, un pari e primi fischi


NOVARA-TORINO 1-1 MARCATORI: st 11 Bianchi, 35 Rubino NOVARA (4-3-1-2): Bardi; Ghiringhelli (19 st Alborno), Lisuzzo, Ludi (1 st Perticone), Del Prete (42 st Gigliotti); Barusso, Pesce (32 st Lanteri), Giorgi (8 st Farag); Jensen (13 st Motta); Gonzalez (32 st Rubino), Piovaccari (42 pt Libertazzi). A disp. Tonozzi, Peverelli, Panzeri, Maggio. All. Tesser TORINO (4-2-4): Gillet (17 st L. Gomis); Darmian, Glik (1 st Di Cesare), Ogbonna, DAmbrosio (1 st Masiello); Basha (1 st Brighi), Gazzi (1 st Vives); Sansone (17 st Pagano), Meggiorini (17 st Diop), Sgrigna (1 st Bianchi), Stevanovic (39 st Barbosa). A disp. Migliorini, De Feudis, Gorobsov. All. Ventura ARBITRO: De Marco di Chiavari NOTE: spettatori 3.200. Ammoniti: Basha, Jensen e Diop Al Piola cori anti per gioco falloso. Angoli: 6-5 per il Novara. Recupero Cairo. Bianchi tempo: pt 1, st 2 entra e segna, poi MARCO BONETTO Rubino-gol NOVARA. Dalla contestazione contro Cairo e Petrachi al gol del solito Bianchi, che pure in societ non da tutti amato (eufemismo) e che per qualcuno sempre virtualmente sul mercato. Il Toro resta imbattuto nelle amichevoli, alterna schemi discreti e problematicit, Ventura prosegue con i suoi miracoli nonostante gli manchi un pezzo della bacchetta con cui dovrebbe trasformare il Toro: dategli non un appoggio per la leva, ma giocatori allaltezza in ogni reparto, e sollever il mondo granata pure questanno. Anche per Tesser, comunque, discrete indicazioni: quanto alla fase difensiva del primo tempo e quando gli azzurri hanno aumentato la pressione, dopo essere andati sotto. Di l alla fine, il timbro di capitan Rubino, leroe di qui. Per i granata, la buona notizia porta poi leffigie di Brighi: test positivo, corsa leggera, poche remore nello scatto improvviso, buona gestione delle trame, tackle, personalit. Ma conter pi ancora - per la sua permanenza - lesame di gioved col Getafe, a ritmi pi tosti. E meglio si vedr come star il polpaccio dopo le fatiche. Da esaminare intanto anche Stevanovic, ammaccato nel finale. TIFOSI ARRABBIATI Diluvio prima della partita, col Novara allesordio in citt dopo il ritiro in Val dAosta. Avanti con la formazione annunciata, per il Toro: con DAmbrosio costretto a cimentarsi a sinistra visti i problemi in rosa sulla fascia mancina. Si inizia con Bianchi in panchina (esigenze di turnover) e con, sulle fasce, altre mosse obbligate, visto linfortunio di Santana e la penuria di esterni: Sansone e Stevanovic. Qualcosina cambia invece allultimo Tesser rispetto alle previsioni della vigilia, ma non davanti: dove si affida al nuovo tandem Piovaccari-Gonzalez, ex Brescia il primo e Siena il secondo, di rientro dodici mesi dopo in azzurro. A innescarli, nei piani, un altro volto nuovo, il danese Jensen. Due squadre bisognose di rinforzi, due squadre anche con due giocatori in prova, che lavorano e giocano in deroga: il romanista Brighi con Ventura, come detto. Per Tesser invece Barusso (tra laltro ex granata), solo questultimo subito in campo. E poi si Gioved nuovo test comincia, tra ingenerosi fischi dei tifosi novaresi allex col Getafe: attesa Meggiorini alla lettura delle formazioni, dopo osanna ai propri beniamini. Almeno il cielo ha smesso di piangere. Ma

43 of 174

non gli insulti contro lattaccante granata, durante la partita. A far da contraltare, la Maratona itinerante, circa 300 tifosi. Ripicche verbali ripetute tra le due tifoserie, per la cronaca. Ma i tifosi granata ce lhanno soprattutto con Cairo, questo fa pi notizia di questi tempi: Vattene, cantano spesso. E anche: Per restare in A bisogna spendere. E parolacce urlate in coro pure a Petrachi, pi volte. Dei due, in tribuna c solo il ds. GOMIS A 2 FACCE Ritmi a lungo morbidi, per il periodo di piena preparazione. Manovrano di pi i granata, ma lunico brivido allinizio - dopo un tiro stellare di Sgrigna - arriva da un affondo con cross di Stevanovic a sinistra. In compenso la sfida si accende al 16: scontro Piovaccari-Glik, manate tra Pesce e Basha, pochi secondi dopo ammonito per unentrataccia sullattaccante (come Jensen su Meggiorini, dopo). La perla del primo tempo al 20, botta su punizione di Gonzalez, gran respinta in tuffo di Gillet, paratona. Novaresi pi portati al contropiede, al mordi e fuggi. Toro ben difeso, geometrico, equilibrato, solido in mediana, capace di lunghi giri-palla, ma spuntato e con ridotta fantasia. Un tiro di Meggiorini parato facile, al 27. E sulle corsie laterali Sansone si vede poco, pi mobile di sicuro Stevanovic. Per la cronaca: buona deviazione di Bardi in angolo su spingardata di Basha, tra i pi in palla, al 35. Sostituito infine Piovaccari, dolente. Nella ripresa via alle sostituzioni in crescendo. Novara ancora ben chiuso e ripartente, Toro sempre manovrante. Altra parata di Bardi sempre su tiro da fuori di Meggiorini: angolo, batte Stevanovic, tocco ravvicinato di Bianchi, tutto solo in mezzo, e gol all11. Da l in avanti i cambi mutano definitivamente la pelle della partita, il Novara inizia a spingere di pi, il Toro si adegua, Gomis firma una respinta prodigiosa su testata ravvicinata di Lisuzzo (23), ma poi scivola sulla buccia di banana: quando gli sfugge da dosso la deviazione ancora di cranio di Rubino su corner di Motta (1-1 al 35). A proposito di portieri, ieri sera, stato accostato nuovamente al Torino il portiere portoghese Gonalves svincolatosi dal Portimonense. Il risultato va bene cos, in fondo, prima del terzo tempo post partita: nel ventre dello stadio tutti insieme a cenare. I problemi, per Ventura, sono altri, mica un pareggio contro una squadra di B. la crescita di Brighi che ieri si mosso con personalit

44 of 174

COSA VA E COSA NON VA Ogbonna gi eccelle Basha ok


NOVARA. Nel primo tempo per i venturiani eccelle la difesa, Ogbonna in particolare ma anche Glik in un paio di recuperi. Sul contropiede novarese centrali e terzini svettano quasi sempre, anche in extremis. E Gillet si conferma quel gran portiere che : basti pensare al tuffo con cui annulla una sventola di Gonzalez da lontano. Ordinato anche DAmbrosio, pur a sinistra. Mediani garantiti: Basha e Gazzi dominano la zona, il fraseggio passa sempre dai loro piedi, recuperano e ripartono, ripartono e recuperano. Volenteroso Stevanovic, per quanto discontinuo. Nella ripresa buona la prova di Brighi, tenuto conto delle sue condizioni fisiche non eccelse: sempre nel cuore del gioco al fianco di Vives. Dispiace per Gomis: mezza papera e gol preso, dopo un prodigio su Lisuzzo. Mentre Bianchi si conferma quello che e si sa: una palla vera ha avuto e quella ha subito messo dentro. M.BON. Angelo Ogbonna, 24 anni

45 of 174

IL MALTEMPO NON ROVINA LA FESTA DEL NOVARA Piovaccari nuovo idolo Applausi per Gonzalez Tesser il pi acclamato
GUIDO FERRARO
NOVARA. Il maltempo guasta la festa del Novara. Un violento nubifragio si abbattuto sulla citt e sullhinterland circa unora prima del match ed ha costretto gli spettatori che hanno raggiunto il Piola?? a evitare alberi caduti lungo il percorso e numerose pozzanghere. La presentazione, di vecchi e nuovi azzurri, avvenuta comunque poco prima che le squadre Tifosi numerosi scendessero in campo. Applauditissimi dalla torcida azzurra nonostante il violento nubifragio. il bomber Federico Piovaccari , sino ad ora il grande colpo del mercato del Novara e largentino Pablo Gonzalez , un La societ sta gradito ritorno. Lapplauso pi grande stato per il cercando di comandate Attilio Tesser , il tecnico di Montebelluna, rinforzare la chiamato a compiere lennesimo miracolo sulla panchina del squadra con club della famiglia De Salvo . Novara che, per adesso, resta Barusso (quasi fatta) e Cuffa. Piace un cantiere, se non aperto, sicuramente da... completare. Prima le uscite?? limperativo chiesto dal patron Massimo De parecchio anche il Salvo. Il duo?? Luca Faccioli -Cristiano Giaretta sino ad ora giovane juventino ha dimostrato di saper svolgere il delicato compito Rossi assegnatogli ma il difficile inizia adesso. Il binario delle partenze affollato: Coser, Pinardi, Giorgi, Evola, Galassi . Servono innesti: sembra fatta per il centrocampista Barusso , i nomi pi caldi?? rimangono quelli dello svincolato Cuffa , lex del Padova un giocatore che Tesser gradirebbe per dare sostanza al centrocampo, il reparto che in questo momento necessita maggiormente di essere puntellato. Lalternativa pi valida Rossi nella passata stagione al Vicenza, di propriet della Juventus, ma anche in questo caso il Novara non sembra avere fretta anche se domenica, ore 18, al Piola?? arriva il Lumezzane per la prima gara vera della stagione. (OPTA)

46 of 174

47 of 174

DUE GOL agli honduregni Riecco Nocerino Nuovo numero ma stesso vizio
alberto pastorella
IN UN MILAN che ha perso in una sola estate ben cinque senatori (oltre a Thiago Silva e Ibrahimovic , ma questo un altro discorso) si poteva intuire che Antonio Nocerino avrebbe assunto un ruolo sempre pi importante, in campo come nello spogliatoio. E non c modo migliore, per acquisire crediti nei confronti dei compagni, che diventare un Antonio Nocerino, 27 anni, Adesso gioca con trascinatore. I due gol con il Milan 48 presenze e 11 l8, ma segna come che Nocerino ha gol (Ap) lo scorso anno realizzato laltro giorno quando concluse la nella seconda stagione con 11 amichevole americana sono un passo importante proprio reti verso questo obiettivo. COME RINO Lex juventino a inizio stagione ha preso la maglia numero 8 che stata per anni di Gattuso e come Rino vuole diventare il collante di uno spogliatoio che ultimamente ha avuto qualche scricchiolio di troppo. I compagni stanno cominciando a riconoscerlo come leader: anche se agli Europei, il ct Prandelli lo ha trascurato, il carisma del centrocampista continua a crescere quando si ritrova nel Milan. E la doppietta realizzata al Club Deportivo Olimpia certamente un altro passo avanti verso questo obiettivo. UN ANNO FA Nella scorsa stagione, Nocerino stato il miglior marcatore della squadra, dopo Ibrahimovic, con undici reti. Ora lo svedese non c pi, ma il centrocampista non pu certo pensare di diventare il goleador. Quello sar un compito che andr sulle spalle di Pato e degli altri attaccanti. Allegri, per, sta forgiando una squadra senza primedonne, ma con tanti giocatori che si sacrificano per gli altri. E allora, in questo ruolo, certo che Nocerino potr essere davvero un leader. Le ultime amichevoli hanno mostrato un Milan lucido e vincente. Anche senza Ibrahimovic e Thiago Silva.

48 of 174

GIOIE E DOLORI PER LEX ROSSONERO Ibrahimovic ha stregato Parigi ma Parigi non ha stregato Zlatan
simone rovera
PARIGI. Un gol dopo due minuti il giorno del debutto contro il DC United, un altro contro il Barcellona per presentarsi al Parco dei Principi: il primo assaggio di Ibrahimovic per i tifosi del Paris Saint Germain non poteva essere pi dolce. Zlatan segna, tira, lotta, corre, chiede il pallone e quando questo non gli arriva tra i piedi se lo va a prendere fino a met campo. Per questo e ovviamente per il fatto di essere una stella di livello mondiale, Ibra Lo scippo alla diventato subito il moglie, una casa nuovo beniamino del ancora da trovare: pubblico parigino. lo svedese ha scelto di passare la FANTASTICO Un domenica fuori entusiasmo dalla capitale corrisposto dallo svedese: E stata una serata fantastica per latmosfera che si respirava e per i tifosi. Avevamo di fronte una squadra fortissima e abbiamo dimostrato di potercela giocare contro squadre di questo livello. Sabato contro il Lorient il Psg dovr vincere per iniziare al meglio il campionato. Pi partite giocheremo insieme e pi miglioreremo: questo solo linizio.

Zlatan Ibrahimovic, a segno col Bara (Ap)

CHE AFFETTO Se Parigi fosse solo il Parco dei Principi e la nuova vita di Zlatan dipendesse solo dallaffetto che gli dimostrano compagni e tifosi, i suoi primi 15 giorni parigini sarebbero da incorniciare e appendere al Louvre. In verit il trasferimento dorato sotto la Tour Eiffel ha riservato a Ibra e famiglia anche sorprese e disagi. La coppia in settimana continua a soggiornare in uno degli alberghi pi esclusivi della zona est: sembra che i due stiano incontrando qualche difficolt nel trovare una casa adatta alle loro esigenze e siano rimasti spiacevolmente impressionati dai prezzi degli affitti nel centro. Venerd pomeriggio Ibra andato su tutte le furie quando ha saputo che la moglie era stata scippata alluscita della boutique di Ralph Lauren, a due passi dagli Champs lises. Una vicenda definita spiacevole?? dal club, la cui dirigenza ha manifestato subito sostegno alla moglie dellattaccante. Per staccare la spina, Ibra avrebbe deciso di passare il week end lontano dalla capitale francese. Il colpo di fulmine con Parigi, insomma, deve ancora scoccare.

49 of 174

50 of 174

IL MADRIDISTA SI CONFESSA A LAS VEGAS Ronaldo: Un giorno io negli Usa Bara: pronti 15 milioni per Song
LAS VEGAS. Anche Cristiano Ronaldo , un giorno, giocher nella Major League Soccer , il massimo campionato statunitense. La conferma arriva dallo stesso asso portoghese del Real Madrid, che ieri notte ha affrontato in amichevole a Las Vegas i messicani del Santos Laguna. Il calcio negli Usa sta crescendo molto - ha ammesso il portoghese in unintervista rilasciata al sito ufficiale della Mls . Lo vediamo con i nostri occhi qui in tour, dove i tifosi ci hanno accolto con I catalani vogliono tantissimo Song per entusiasmo. Credo rimpiazzare Keita, che in futuro potrei passato al Dalian venire a giocare qui. Anzi lo spero. Ma non dite che il mio Aerbin. Il arrivo aiuterebbe a incrementare il livello del gioco. Vi Newcastle va su assicuro che siete grandi e io non devo fare nulla per Toulalan trainare un movimento che marcia, anzi, corre gi da solo. MARTINEZ BLINDATO?? Dopo aver perso il 32enne centrocampista maliano Seydou Keita , che ha rescisso il contratto per accasarsi al club cinese del Dalian Aerbin, il Barcellona del nuovo allenatore Tito Vilanova punta a rimpiazzarlo con il 24enne franco-camerunese Alexander Song . Il presidente blaugrana Sandro Rosell ha pronta unofferta di 15 milioni di euro da presentare allArsenal. La prima opzione dei catalani sempre stata Javi Martinez , ma lAthletic Bilbao ha frapposto ostacoli di ogni genere per impedirne il passaggio a Barcellona. Da qui la strambata su Song, che da quattro anni a questa parte s convertito in un elemento chiave nello scacchiere biancorosso di Arsne Wenger . Sotto contratto con i Gunners sino al 2015, il colored dorigine africana sponsorizzato nientemeno che da Cesc Fbregas , il regista catalano che stato fra laltro suo capitano a Londra. DIASPORA A MALAGA Alan Pardew , 51enne manager del Newcastle United, vuole portare a Saint James Park il 28enne centrocampista francese, Jrmy Toulalan , in forza agli spagnoli del Malaga. Il club andaluso, che sabato ha affrontato la Juve in amichevole a Salerno, sta svendendo i suoi pezzi migliori dopo limporovviso disimpegno dellemiro qatariota Abdullah Bin Nassar Al Thani , che ha deciso di cedere il suo pacchetto azionario. A Pardew piace anche il 23enne esterno difensivo Vurnon Anita dellAjax.

51 of 174

Kak-Diarra colpo doppio


FEDERICO MASINI
MILANO. Due giorni e poi Adriano Galliani e Florentino Perez si siederanno a parlare di Kak (e non solo, anche del centrocampista francese Diarra ), prima, durante e dopo il match che Milan e Real Madrid giocheranno nellaffascinante teatro dello Yankees Stadium, il pi famoso diamante di baseball del mondo riadattato per una sera a un rettangolo di gioco per il calcio. possibile, comunque, che i due dirigenti-amici possano incontrarsi gi prima dell8 agosto, magari gi domani sera a cena. POCA SCELTA Gli ostacoli per sbloccare la situazione sono tantissimi, ma c un aspetto che rende pi di altri necessaria la trattativa: il Real Madrid non vuole e non pu permettersi pi in rosa Kak. Jos Mourinho gli ha fatto capire di considerarlo una riserva (soprattutto se riuscir ad avere Modric dal Tottenham) e la societ non vorrebbe mantenere in organico una riserva da 10 milioni di euro di stipendio fino al 2016. Dunque Galliani a New York il Real ha lesigenza di liberarsi di Kak, ma tratta con il Real finora alla porta delle ma la soluzione Merengues si non arriver a presentato breve ufficialmente solo il Milan. Niente Psg, che ha preferito investire su altri giocatori, niente Chelsea. Le big dEuropa hanno puntato altrove e per Kak potrebbero solo spuntare delle soluzioni alternative e di nicchia, seppur Lassana Diarra, 27 anni e remunerative, come lAnzhi. Il Real quindi Kak, 30, sono due obiettivi di spalle al muro: o lo d al Milan, accettando Galliani per rinforzare i molte, se non tutte, le condizioni dei rossoneri, rossoneri. Quello del o dovr tenerlo con s per unaltra stagione, brasiliano sarebbe un con tutte le problematiche che ne conseguono. clamoroso ritorno PRESSIONE STAMPA Il Real, per, sa gi quali saranno gli argomenti che Galliani metter sul piatto. Il Milan non vuole scucire un euro per il cartellino del brasiliano. La spesa, se loperazione avr un ritorno sul campo, sar rinviata allanno prossimo, con un investimento comunque non superiore ai 15 milioni per il riscatto del cartellino. Perez nellestate 2009 strapp Kak al Milan per 68 milioni e, avendogli fatto firmare un contratto di sei anni, dopo tre stagioni ha ammortizzato solo met dellesborso. Tant vero che i media spagnoli in queste settimane hanno sempre ribadito la fermezza del Real di voler cedere Kak per non meno di 25-30 milioni, cifra vicina al valore economico del cartellino del brasiliano (circa 34 milioni). Inoltre, i quotidiani vicini al Real, As?? e Marca??, stanno bombardando Perez sul tema, ribadendo che sarebbe una follia regalare Kak al club da cui fu acquistato per 68 milioni. La pressione della

52 of 174

stampa potrebbe giocare quindi un brutto scherzo sia a Perez, ma indirettamente anche al Milan che culla il sogno di un ritorno - non ha chiuso le porte neanche Silvio Berlusconi - e che con questo innesto rivitalizzerebbe una piazza immusonita dalle cessioni di Thiago Silva e Ibrahimovic . DOPPIO AFFARE Galliani per, sta studiando un piano alternativo, ovvero quello di chiedere al Real anche un altro giocatore, il mediano francese Lassana Diarra . Il Milan come priorit ha un difensore centrale (come si pu leggere nel pezzo di spalla), ma dopo i gravi infortuni a Strasser (torner a ottobre) e Muntari (almeno dicembre), Allegri si ritrovato in rosa con meno alternative per il ruolo di mediano centrale. Ha Ambrosini , la carta Montolivo , ma un altro Van Bommel ?? non dispiacerebbe al tecnico toscano. Diarra - contratto in scadenza nel 2013 - un altro elemento che non rientra nei piani di Mourinho. Lo Special One, per metterlo nelle condizioni di chiedere di essere ceduto, gli ha chiesto di giocare da terzino destro, ma il francese si opposto. Lostacolo, anche in questo caso come per Kak, lo stipendio. Ma se il brasiliano che percepisce 10 milioni sa gi che per trasferirsi al Milan e rilanciarsi dovr rinunciare a gran parte dei suoi emolumenti, Diarra non invece disposto a guadagnare meno dei 4 milioni che attualmente incassa. Tant vero che la sua idea quella di arrivare a parametro zero e accordarsi a febbraio con un club inglese. Il Milan per non demorde, potrebbe offrire un triennale da 3 milioni di euro e 4-5 milioni al Real Madrid, una cifra che unita al prestito di Kak, potrebbe facilitare le operazioni. Ma questi sono tutti progetti. Fra 48 ore le cose cominceranno a delinearsi e dopo Ferragosto la trattativa potrebbe entrare nel vivo. A Galliani non dispiacerebbe completare il tutto per il 19 agosto, serata dedicata al Trofeo Berlusconi, portando magari Kak in mezzo al campo per riabbracciare la sua vecchia tifoseria; ma al tempo stesso lad sa bene come i saldi cominceranno dal 20 agosto in poi, con gli ultimi quattro giorni del mercato (27-31 agosto) decisivissimi per lo spostamento dei big in esubero.

53 of 174

LE ALTRE PISTE Yanga Mbiwa in calo Ma per il centrale pronto un piano B


MILANO. Ufficialmente il Milan ha fatto un passo indietro per il difensore centrale Mapou Yanga Mbiwa (classe 89) del Montpellier. Lofferta di 6 milioni di euro che i rossoneri hanno recapitato al presidente Nicollin non ha avuto risposta e quindi Adriano Galliani , impegnato nella trasferta statunitense, ha deciso di concentrarsi su altri obiettivi, con un difensore ben chiaro nella testa che verr avvicinato una volta tornato da New York. Detto questo, non da escludere che Yanga Mbiwa possa ancora vestire rossonero: fin da subito se il difensore riuscir a convincere il suo club a cederlo, altrimenti nel 2013 quando da Piacciono Garay, svincolato potrebbe firmare per la societ di via Turati. Tasci e PISTA SEGRETA Ma Galliani ha gi pronto il piano B, Alderweireld. Idea relativo a un giocatore che, stando alle sue dichiarazioni, francese in non ancora uscito sui media. Dunque potrebbero calare le attacco: duello quotazioni del camerunese Nkoulou dellOlympique con lArsenal per Marsiglia (valutazione 11 milioni, abbattibile con linserimento Niang di Mesbah nelloperazione) o di Rolando del Porto (15 milioni, troppi). Abbastanza difficile arrivare anche a Sakho del Paris Saint-Germain, mentre restando ancora in Francia potrebbe interessare Manga del Lorient, ma il giocatore anche nel mirino della Juventus. PI ESTERO Naturalmente ci sono diverse piste che portano anche a giocatori del nostro campionato, ma le indiscrezioni che giungono da via Turati conducono allestero. In serie A piacciono i genoani Granqvist (vicino alla Lazio) e Bovo , mentre Astori del Cagliari resta il sogno di Allegri (anche se Cellino ha pregato Galliani di non chiederglielo). Difficile quindi trovare in Europa lobiettivo di Galliani, ma visti i costi possibile che lamministratore delegato rossonero guardi a campionati pi equilibrati??, economicamente parlando, con quello nostrano. Quindi Francia, ma anche Portogallo ( Garay del Benfica), Germania ( Tasci dello Stoccarda) e Olanda ( Alderweireld dellAjax). LATTACCANTE Stando alla linea Berlusconi , il mercato del Milan dovrebbe chiudersi con il difensore. Ma sappiamo bene come i rossoneri, oltre a inseguire il sogno Kak , cercheranno un centrocampista e - se ci sar la possibilit - un centravanti. Anche qui la lista variegata e va da Giuseppe Rossi , infortunato fino a gennaio e quindi accessibile a prezzo di saldo (7-8 milioni), a Matri (in teoria in uscita dalla Juventus se arriver il top player), passando per - gli inaccessibili - Leandro Damiao e Edin Dzeko . Il bosniaco un vecchio pallino di Galliani, Mancini non vorrebbe venderlo, ma se il Manchester City dovesse acquistare Van Persie e Dzeko accettare un contratto non superiore ai 4 milioni...: So anche che il Milan ha venduto due grandi giocatori, seguo il vostro campionato, mi piacerebbe giocarci, lapertura a Sky del bosniaco. A proposito di attaccanti, in Inghilterra insistono: il Milan starebbe tentando di anticipare lArsenal per MBaye Niang (94) del Caen. F.M.

54 of 174

55 of 174

56 of 174

Lucas un intrigo
alberto pastorella
SARA un giorno importante, oggi, per capire fino a che punto lInter sar disposto a spingersi per arrivare a Lucas . Moratti ha trascorso il weekend a Forte dei Marmi e anche Branca , dopo il blitz in Brasile, si preso un paio di giorni di relax. Ma oggi, come detto, i due si troveranno a Milano e verr pianificata nel dettaglio la strategia per il brasiliano. Smentite le visite INTRIGO Non sono allo United, lInter preoccupati, allInter, tenta laffondo finale dalle notizie sempre pi fantasiose che arrivano dallInghilterra. Ieri, ad esempio, era stata data per ufficiale dal Daily Mail leffettuazione delle visite mediche da parte di Lucas per il Manchester United. Notizia inverosimile in s, visto che il giocatore sta disputando le Olimpiadi con il Brasile. E poi smentita con decisione sia dal procuratore di Lucas, sia dalla Cbf, che ovviamente non permetterebbe mai che un suo giocatore, alla Lucas compir 20 anni il 13 vigilia delle semifinali, si prendesse un giorno di agosto. Il centrocampista con libert per pensare al mercato. Ma il San Paolo ha collezionato 93 evidentemente c qualcuno che, in questa presenze e segnato 24 gol. In vicenda, pesca nel torbido. Gli stessi, non ci Nazionale ha esordito il 27 sono dubbi, che hanno gi pi volte annunciato marzo 2011 con la Scozia un accordo tra Lucas e i Red Devils. IL FUTURO Dopo le Olimpiadi, Lucas torner al San Paolo, ha garantito Wagner Ribeiro , mettendo ancor pi a tacere le voci di un imminente passaggio allo United. E quindi il pallino torner al club paulista, ovvero quello con il quale Branca avrebbe torvato un ipotesi di accordo a 25 milioni pi due di bonus. Proprio di questo il dg Oggi vertice tra parler oggi con Moratti: il presidente, aggiornato in tempo Branca e Moratti reale sulla trattativa, si preso un paio di giorni per decidere per valutare se dare lok a Branca e provare a firmare il trasferimento, o laccordo raggiunto se invece ritenere la cifra richiesta troppo elevata per un con il San Paolo. giocatore che non ha ancora compiuto 20 anni e che Juan lo chiama in comunque sta faticando a trovare posto nella Selecao nerazzurro olimpica. LA CHIAMATA Intanto, arriva direttamente dal profilo ufficiale di twitter la chiamata di Juan Jesus per il compagno. La trattativa tra lInter e lala del San Paolo potrebbe avere importanti sviluppi nei prossimi giorni e lo stesso Juan approva lidea di Moratti, sebbene cerchi di non sbilanciarsi troppo. Buongiorno a tutti - scrive il difensore mancino sul social network . Non voglio parlare di Lucas, sia chiaro, ma posso dire che bravissimo e spero che venga allInter perch davvero forte. Di pi non dico e lascio tutto a lui e al suo agente. Un appello a tutto tondo, non c dubbio. Che difficilmente Juan avrebbe fatto se Lucas, proprio mentre lui scriveva su Twitter, fosse stato ad effettuare le visite mediche al Manchester United.

57 of 174

58 of 174

allarme difesa per la coppa Chivu ko, Silvestre in dubbio


MILANO. Per gioved sera, nel ritorno dei preliminari di Europa League contro lHajduk Spalato, lInter avr qualche problema in difesa. Curioso che questo succeda gi ad agosto, anche se capita prima di una gara messa in sicurezza dal risultato dellandata (3-0). La situazione pi delicata quella di Ranocchia, che aveva saltato landata del preliminare perch interrogato a Bari sul calcioscommesse (dove si avvalso della facolt di non rispondere), e per questo potrebbe non essere tranquillo. Samuel rientrato da poco (fuori una decina di giorni per un affaticamento muscolare) e a Spalato entrato nella ripresa al posto di Chivu, infortunato. INDISPONIBILI E proprio il romeno non far parte del match per una lussazione post traumatica al secondo dito del piede destro. In dubbio anche Silvestre: per lui un affaticamento al polpaccio. Insomma, dalla sfida contro lHajduk lInter uscita con le ossa rotte in difesa. Stramaccioni poi non potr utilizzare Juan Jesus con il Brasile allOlimpiade di Londra. Cos per la gara di gioved, il tecnico potrebbe puntare - se Ranocchia non dovesse essere tranquillo - su Cambiasso centrale, ruolo che ha ricoperto altre volte, o dare una chance al giovane Bianchetti, lelemento pi valido della Primavera per la difesa. Il ragazzo classe 1993 (e capitano dellUnder 19 azzurra) ha recuperato molto bene dallinfortunio patito nella scorsa stagione che lo aveva costretto a saltare la seconda parte del campionato, culminata con la vittoria dello scudetto (e qualche mese prima della Next Generation Series). Infine, un altro giovane che potrebbe giocare come centrale Mbaye, capace di ricoprire tutti i ruoli difensivi. S.R.

59 of 174

GLI AVVERSARI Hajduk, prove di rimonta Tutto facile con lo Zadar


LHAJDUK ha dimenticato in fretta landata non proprio brillante dei preliminari di Europa League. Solo gioved sera, infatti, lInter - con un netto 3-0 - ha probabilmente archiviato il discorso qualificazione. Ma i croati hanno reagito nel migliore dei modi e ieri sera, Vukusic trascina la nella terza giornata squadra croata, che si impone 4-2 e del campionato, hanno rifilato un balza in testa al sonoro 4-2 allo Zadar. campionato Eppure, in vantaggio passata la squadra istriana con Jolic al 15 del primo tempo. Ma sono stati sufficienti 20 perch Vukusic riportasse il risultato in parit. Da qui in avanti la partita stata tutta in favore degli avversari dei nerazzurri, a segno nella ripresa con Caktas al 20, e Adrijasevic al 23. La reazione dello Zadar arrivata solo al 36 con Curjuric , ma a due minuti dalla fine Vukovic ha fissato il risultato sul 4-2. Krsticevic . Il tecnico ha cambiato solo un uomo rispetto alla formazione vista contro lInter, inserendo Stojanovic al posto di Jozinovic . Con la vittoria di ieri lHajduk balzato in testa al campionato con sette punti in tre partite insieme con le due squadre di Zagabria, Lokomotiva e Dinamo. Il morale ritrovato, anche se limpresa di recuperare tre reti allInter, per di pi a San Siro, appare per davvero impossibile.

60 of 174

IN BREVE Romania: attaccante muore sul campo


BUCAREST. Nuova tragedia nel calcio romeno. Durante lamichevole Delta Tulcea-Balotesti, formazioni di B, morto Chinonso Ihelwere Henry, di 21 anni. Lattaccante nigeriano era entrato in campo da 15 nella ripresa quando si accasciato al suolo. Inutili i tentativi di animarlo, dopo circa unora Henry stato dichiarato morto. Una sequenza che ricorda quanto accaduto a Pescara con Piermario Morosini. E stato per tutto il tempo in arresto cardircolatorio - ha detto il medico Ioana Tanase -. Abbiamo cercato di rianimarlo per oltre unora, senza mai avere una reazione. E il nono decesso durante una partita in Romania, una lista nera inaugurata nel 1963 da Constantin Tabarcea, colto da malore in Petrolul-Dinamo dopo 16. ABIDAL: PRONTO PRIMA DI DICEMBRE Migliorano le condizioni di Eric Abidal, sottopostosi ad aprile a un trapianto di fegato per sconfiggere un tumore. Potrei tonare in campo prima di dicembre - ha detto il difensore francese del Barcellona -. Mi sento bene e sto seguendo il percorso stabilito dai medici. Se torner pi tardi, non sar un problema. Rientrare sar comunque un successo. GERMANIA: GOMEZ SARA OPERATO Il Bayern perde anche Gomez. Lattaccante dovr essere operato alla caviglia destra, che continua a tormentarlo. Il problema di Gomez si aggiunge agli infortuni di Alaba, Rafinha, Contento, Pizarro e Ribry. OLANDA: SUPERCOPPA AL PSV Il Psv si aggiudica il primo atto della nuova stagione in Olanda: ha vinto la Supercoppa battendo 4-2 lAjax.

61 of 174

Petkovic vuole pi aggressivit. E la difesa continua a stentare


SIMONE DI STEFANO
ROMA. Bella ma non balla. La Lazio non segna pi. O meglio, lo fa con i dilettanti, ma con le squadre del suo stesso livello soffre e prende sberle. Peggio, con tempi apocalittici rispetto alle prime avvisaglie, la Lazio si scopre anche fragile in difesa. Con Diakit e Radu ancora ai box, la retroguardia di Petkovic si sta reggendo su Dias e Biava che nellultimo test a Smirne Vladimir Petkovic, 48 anni, con il Galatasaray, pur uscendo vittoriosi dalla tecnico laziale sfida con il reietto Yilmaz, soccombono allunica incursione pericolosa di Elmander mandando a carte quarantotto le speranze di uscire dallAtaturk a reti inviolate. LA DIFESA E se in attacco si attende che Klose torni a pieni giri (sabato poco meno di mezzora per il tedesco), e che Zarate la smetta di incepparsi in sterili uno contro uno e si metta a disposizione della squadra (quando lo fa devastante), proprio il pacchetto arretrato a non trovare il corrispettivo alle idee del nuovo tecnico. Che ha cambiato pochissimo del modulo rejano, se non lidea di una squadra pi aggressiva e verticale. Ecco dunque che, sfumato lattaccante, ora Lotito e Tare sono in cerca della pedina da aggiungere a schermo di Marchetti. Il tecnico biancoceleste comunque soddisfatto di quanto costruito in questi giorni: Il modulo? Devo far rendere al massimo i giocatori che ho e per adesso questo il sistema migliore. Mancano i gol, per creiamo molte opportunit e questo ci che conta.

62 of 174

A centrocampo la tentazione si chiama Gargano


SALVATORE RIGGIO
MILANO. Per il centrocampo dellInter, spunta lidea Gargano . In corso Vittorio Emanuele sono alla ricerca di un mediano di sostanza e luruguaiano del Napoli ha le caratteristiche che i nerazzurri stanno cercando per rinforzare un reparto con gli uomini contati. Gargano in scadenza nel 2015 e i buoni rapporti con il club partenopeo (vedi affare Pandev o il lasciapassare per il giovane Vargas ) potrebbero aiutare laffare. Non solo, perch a dare unaccelerata alla trattativa potrebbe Walter Gargano, 28 anni, 198 essere anche la presenze e 4 gol col Napoli discussione che Luruguaiano (Liverani) Gargano ha avuto durante sabato con Walter lamichevole col Mazzarri , durante lamichevole giocata e vinta al San Paolo Braga ha litigato contro lo Sporting Braga (3-1). Il litigio avvenuto in con Mazzarri: panchina. Il calciatore era arrivato in ritardo dopo lintervallo: rottura vicina Le regole vanno rispettate da tutti, i ragazzi sanno che devono essere presenti. Lo stavo chiamando per farlo entrare, ma non lho trovato. Quando un giocatore sbaglia, deve capirlo, la spiegazione del tecnico dei partenopei al termine del match. Gargano arrivato al Napoli nellestate del 2007 dal Danubio e fin dal primo giorno ha preso in mano le chiavi del centrocampo. Dopo cinque stagioni giocate a grande livello con la maglia degli azzurri, potrebbe essere arrivato il momento di iniziare una nuova avventura. E luruguaiano corrisponde allidentikit del centrocampista che lInter sta cercando. ALTRI OBIETTIVI Nella lista di Palazzo Saras non c soltanto Gargano, unidea comunque delle ultime ore. In queste settimane di calciomercato, lInter ha sondato il terreno per altri giocatori, che tanto piacciono ad Andrea Stramaccioni . In primis per Fernando del Porto, ma il grande ostacolo il prezzo del cartellino: i lusitani vogliono 20 milioni di euro, un po troppi per le casse dei nerazzurri. Altro problema la volont di Fernando, che non sembra disposto a volersi trasferire, a differenza di Guarin un anno fa, che accett con grande entusiasmo di iniziare allInter un nuovo capitolo della sua carriera. Poi, c De Jong : il contratto che lega lolandese al Manchester City scade nel 2013 (guadagna oltre 3,5 milioni), ma lui pi un giocatore di rottura che di costruzione e, come lui, nella rosa interista c Mudingayi , appena arrivato dal Bologna. Paulinho , invece, stato il giocatore pi vicino allInter in questo periodo, ma ha appena rinnovato con il Corinthias, che ora chiede troppi soldi per cederlo. In lizza ci sarebbe pure Sahin , ma per il turco c da battere la concorrenza di molte squadre inglesi (Arsenal su tutti, ma attenzione pure al Tottenham) e la sua volont di rimanere al Real Madrid, agli ordini di Jos Mourinho .

63 of 174

64 of 174

65 of 174

Jovetic incanta Ljajic si scatena


Fiorentina-Aris 2-1 MARCATORI: pt 14 Triantafyillakos, 31 Romulo; st 12 Ljajic FIORENTINA (4-3-3): Viviano; Cassani (16 st Gonzalo), Roncaglia, Nastasic, Pasqual (20 st B. Valero); Romulo, Olivera (20 st Aquilani), Lazzari (16 st Di Tacchio); Cerci (36 st Lepiller), Jovetic, Ljajic (31 st Seferovic). A disp. Lupatelli, Camporese, Bardini. All. Montella ARIS SALONICCO (4-4-1-1): Vellidis; Iraklis (14 st Ntamarlis), Papazacharias, Pantidos (38 st Kanoulas), Aslanidis (6 st Oikonomopoulos); Giannitsis (25 st Margaritis), Gkesios (1 st Angeloudis), Papasterianos (22 st, Tsoukanis), Gianniotas (8 st Sounas); Triantafyillakos (30 st Antoniadis); Kaznaferis. A disp. Katidis, Dioudis, La Fiorentina Papadopoulos, Gioris, Ignatidis, Karagiannis, Renja, sconfigge lAris in Pulido. All. Katsavakis rimonta ARBITRO: Romeo di Verona Lattaccante svela: BRUNELLA CIULLINI JoJo per me rimane MOENA. Capitan Jovetic trascina, Ljajic ispira e segna, la Fiorentina batte 2-1 i grintosi greci dellAris Salonicco chiudendo imbattuta il lungo ritiro (tre settimane con breve intervallo) in Val di Fassa. Montella sar soddisfatto, ha fatto debuttare a met ripresa anche i neo acquisti Aquilani (gi autorevole), Borja Valero e Gonzalo, acclamatissimi, abbandonando nella circostanza liniziale 4-3-3 per un 3-4-2-1 e nonostante la sua squadra sia ancora un cantiere, fa gi intravedere sprazzi di bel gioco: due, tre, quattro tocchi, palla a terra e cambi in velocit. E anche la capacit di rimontare il vantaggio che i greci, che hanno perso uno dei loro migliori elementi (Gianniotas) per un serio infortunio al ginocchio destro, hanno ottenuto con Triantafyllakos su errore difensivo della squadra viola. FAREMO BENE Emblematica lultima azione della Fiorentina del match, quando Borja Valero ha imbeccato Jovetic sul quale il portiere avversario ha fatto un paratone impedendogli di sigillare con un gol la sua applaudita prova da leader vero e talento puro. Uno Jovetic schierato da Montella capitano per la prima volta da inizio gara: un gesto (di ulteriore disgelo?) che pu avere tanti significati come auspicano i tifosi viola. E anche i suoi compagni di squadra a partire da Ljajic, che ha griffato il 2-1, dopo il pari di Romulo, concretizzando il preciso assist di JoJo con un bellissimo gol. Giocare con Stevan facile, senza sarebbe pi dura - ha sottolineato Ljajic -. Nonostante le tante voci lui sereno, credo e penso che rester con noi. Anchio voglio restare a Firenze, sar una stagione molto importante per la Fiorentina e io voglio dare il mio contributo. Sono sicuro che faremo bene. La vicenda Delio Rossi? Non ne voglio pi parlare, ora voglio solamente guardare avanti. NUOVO TEST Domani la Fiorentina, cui si aggregher anche Vargas seppur ormai fuori dai piani (il peruviano potrebbe accasarsi in Turchia), lascer Moena per volare a Istanbul per lamichevole in programma mercoled sera contro il Galatasaray degli ex Terim, Ujfalusi e Felipe Melo. Nelloccasione Montella, che conta di avere presto a disposizione anche uno tra Ralf e Gargano e un attaccante (Babel in pole su Gomez) per completare il suo gruppo, punta a vedere allopera anche Mati Fernandez, Cuadrado, Della Rocca e El Hamdaoui, ieri rimasti a riposo.

66 of 174

Totti propone Destro si esalta


ROMA-SEL. IRDNING 13-0 MARCATORI: pt 4 Totti, 12 Destro, 20 Balzaretti, 23 Destro, 32 Nico Lopez, 35 Florenzi; st 6 Pjanic, 12 e 21 Lamela, 22 Osvaldo, 34 Marquinho, 41 Lamela, 43 Osvaldo ROMA (4-3-3): Stekelenburg (1 st Lobont); Piris (1 st Taddei), Castan, Burdisso (19 st Romagnoli), Balzaretti; De Rossi (1 st Tachtsidis), Florenzi (38 st Lucca), Pjanic (10 st Marquinho); Nico Lopez (1 st Lamela), Destro (1 st Osvaldo), Totti (19 st Bojan, 28 st Bradley). All. Zeman

alvaro moretti
IRDNING. Profetico, Mattia Destro. Gioca la prima amichevole con la maglia della Roma, ma prima della sfida ai dilettanti della selezione di Irdning si mette a fare previsioni: Segner tanti gol questanno, Francesco Totti, 35 anni, mi migliorer rispetto leader della Roma (Liverani) Doppietta nella ai 12 gol del Siena. passeggiata con Il fatto di avere Totti lIrdning Il bomber al fianco, dietro, intorno gli fa subito capire che le cose promette: Sar dovrebbero proprio andare cos: il capitano sforna assist in grande Roma quantit industriale e il primo ad approfittarne - dopo aver provato lui a regalare passaggi di rispetto?? nei confronti del monumentale numero 10 - proprio Destro. In 23 ecco una doppietta sui movimenti giusti, perch se tu ti muovi nello spazio, poi Totti la palla la mette proprio l, dove serve, dove giusto. La partita senza grande significato dal punto di vista agonistico, per la Roma di Zeman loccasione per linserimento dei nuovi. Occhi su Destro, su Balzaretti l a sinistra, su Piris (pi difensore) che a destra tiene la posizione guardingo. In mezzo Castan prova anche le discese in slalom alla Lucio. GOL E ASSIST Totti apre le danze al 4 per poi dedicarsi alle assistenze di ogni genere, dopo che Destro all11 serve il capitano, che trova una gran parata di Pastucha. Al 12 ecco la prima rete del golden boy del mercato: assiste Totti e 2-0. Un buco di Burdisso ed Eimer fa scaldare Stekelenburg (unico rischio). Al 20 timbra con le sue sovrapposizioni Balzaretti. Pure il colpo di tacco di Totti, altro assist e Destro va in porta: 4-0 e doppietta. C Nico Lopez, gran palla di Totti e gol saltando il portiere. Anche Florenzi gode, entra e Totti lo manda a segno. Primo tempo col 6-0 e ripresa con attacco rivoluzionato: dentro Osvaldo, un frizzante Lamela e poi Bojan (che si ferma subito, come Pjanic: problemi fisici). Pjanic segna, Osvaldo fa doppietta, Lamela tripletta (il primo di testa su grande assist di Osvaldo) segna anche Marquinho. In campo De Rossi (in ottima condizione fisica), che si prende una piccola critica da Zeman: Su Daniele non devo dire niente, per ha giocato troppe palle lunghe, deve far ripartire il gioco manovrato. Il boemo soddisfatto dei nuovi: Balzaretti si conosce, Piris si deve inserire, ma le qualit ce le ha. E Destro? Ha fatto allenamento al mattino con noi da tre giorni, ma si muove bene. E poi con tutti quegli assist di Totti.... E Destro mostra un sorriso smagliante: Faremo una grande stagione. Se a febbraio-marzo stiamo bene, perch non lottare per qualcosa di importante? Ho grande fiducia in Zeman e mi metto a disposizione per giocare

67 of 174

ovunque. Totti? Ci stiamo conoscendo.... NIENTE GARNETT La Roma non acquista una stella Nba nella sua compagine societaria. Kevin Garnett avrebbe voluto imitare LeBron James - che ha acquistato quote del Liverpool - ma dalla Nba arrivato il divieto. Un giocatore non pu investire in societ in cui uno degli azionisti possiede quote di franchigie Nba, e James Pallotta - azionista di maggioranza della Roma - socio dei Celtics per cui il 36enne Garnett gioca. James, stella di Miami, ha potuto investire nel Liverpool i cui proprietari, non hanno legami con squadre Nba.

68 of 174

BOLOGNA-GIACOMENSE 3-1 Bologna: con Ramirez c sempre Acquafresca


BOLOGNA-GIACOMENSE 3-1 MARCATORI: pt 29 Caddeo; st 6 e 16 Ramirez, 31 Acquafresca BOLOGNA (3-4-2-1): Curci; Antonsson, Natali, Cherubin (21 st Carvalho); Motta (21 st Garics), Taider, Perez, Abero; Ramirez, Diamanti; Acquafresca. All. Pioli

STEFANO BUDRIESI
BOLOGNA. I rossobl chiudono bene la seconda fase del ritiro a Sestola battendo in rimonta la Giacomense, in un test con tempi di 40 minuti. Gaston Ramirez mantiene la condizione fisica evidenziata alle Olimpiadi, disputate con lUruguay, fino alleliminazione della sua Nazionale. Ramirez ha realizzato una doppietta nella ripresa, prima che Acquafresca fissasse il punteggio nellultima parte di gara. Pioli programma lavvicinamento al campionato, per il Bologna il via il 26 agosto a Verona: Sono molto importanti le prossime tre settimane, dove andremo sulla cura dei particolari. Non abbiamo cambiato tantissimo, ma ci sono 8-9 uomini nuovi. In testa c il nostro obiettivo: le prime due di campionato, Chievo e Milan. Ramirez? Ha avuto unestate diversa, ha grande entusiasmo, sarei contentissimo che rimanesse con noi. Altri discorsi non li voglio affrontare. DESTINAZIONE CROAZIA Domani la squadra vola a Novigrad, dopo una giornata di riposo. In Croazia gli unici test allestero della pre-season. Mercoled c lIstra 1961 di Pola, mentre sabato lavversario di turno sar il Novigrad, entrambi club croati. Il primo dei due test sar pi indicativo, essendo lIstra 1961 una formazione della prima serie croata.

69 of 174

REGGINA-CATANIA 1-1 Almiron ribatte a Sarno Adejo tenta il Catania


REGGINA-CATANIA 1-1 MARCATORI: pt 17 Sarno, 29 Almiron REGGINA (3-4-3): Facchin; Adejo, Freddi, Di Bari; Melara (29 st DAlessandro), Rizzo, Barill (10 st Comi), Rizzato; Sarno (18 st Angelilli), Stuani (10 st Hetemaj), Ceravolo (17 st Bombagi). A disp. Mormile, Burzigotti, Emerson. All. Dionigi CATANIA (4-3-3): Andujar; Alvarez, Legrottaglie (17 st Marchese), Bellucci, Capuano; Izco (41 st Salifu), Lodi, Almiron (25st Llama); Barrientos (29 st Antenucci), Bergessio (17 st Morimoto), Gomez (1 st Castro). A disp. Terracciano, Augustyn, Ricchiuti, Moretti, Gontan, Catellani, Doukara, Bouallegue. All. Maran ARBITRO: Doveri di Roma

Angela Latella
REGGIO CALABRIA. Tutto nel primo tempo: al gol iniziale di Sarno risponde Almiron. Una gara piacevole con buone indicazioni. La gara loccasione per il Catania di visionare Daniel Adejo, 0er il difensore amaranto si parla di un trasferimento nei prossimi giorni in compropriet al Catania. Al 1 la Reggina si rende pericolosa con Stuani (rientrato in amaranto dopo tre stagioni in Spagna) che, raccolto un pallone dalla sinistra di Rizzato, di testa sfiora il palo. Al 15 Ceravolo, vicinissimo alla porta, si impossessa del pallone servito da Melara e colpisce lesterno della rete. Un minuto pi tardi il vantaggio della Reggina con Sarno, che, con un pallonetto di sinistro, scavalca il portiere. Al 24 unazione dei calabresi con Stuani, che impegna Andujar con una parata a terra. Il Catania abbozza una reazione e al 29 perviene al pari con un potente tiro da fuori area di Almiron. Nella ripresa, tra le azioni pi pericolose, quella del Catania al 17 con Legrottaglie, che di testa mette sul fondo, e al 25 un tiro alto di Bombagi sulla respinta di Andujar.

70 of 174

GENOA-LEVANTE 0-1 Il Genoa centra 3 pali e il Levante lo punisce


Genoa-Levante 0-1 MARCATORI: st 24 Barquero GENOA (4-3-3): Frey; Mesto, Granqvist (28 st Velazquez), Canini, Moretti; Tozser, Bertolacci (25 st Anselmo), Kucka; Jankovic (37 st Piscitella), Immobile (22 st Gilardino), Z Eduardo (33 st Rossi). A disp. Stillo, Von Bergen, Merkel, Biondini, Sampirisi, Seymour. All. De Canio LEVANTE (4-4-2): Munua; Kon, Navarro, Barquero, Iborra; Nikos, Rios, Ballesteros, Pedro Lopez; Juanlu, Diop. (Navas, Rodas, Pallardo, El Zhar, Angel, Serrano, Roger, Ruben, Michel, Ivan, Jero, Garabato). All. Martinez ARBITRO: Calvarese di Teramo

MAURIZIO MOSCATELLI
ARRIVA dagli spagnoli del Levante la prima sconfitta stagionale per il Genoa. Gli uomini di De Canio hanno giocato comunque una buona gara prevalentemente allattacco, colpendo ben tre pali e venendo trafitti solo nella ripresa da Barquero, complice una deviazione di Granqvist che inganna Frey. Per il Genoa versione 2012-13 primo gol subito in assoluto dopo le altre quattro amichevoli disputate erano terminate con la porta inviolata. Costretto a fare a meno di Jorquera per una contrattura De Canio si comunque affidato al consueto 4- 3-3 optando per un tridente dattacco composto da Jankovic, Immobile e Ze Eduardo. Proprio il serbo stato uno dei pi attivi colpendo nella prima frazione un palo su punizione e vedendosi salvare sulla linea da Navarro un tiro a colpo sicuro. Nella ripresa la conta dei legni colpiti aumentava grazie alle conclusioni di Gilardino e Kucka, entrambi sfortunati. Da segnalare lesordio positivo con la maglia rossobl dellargentino Velazquez in campo al posto di Granqvist negli ultimi venti minuti. Sul fronte societario il presidente Preziosi ha annunciato che nei prossimi giorni sar comunicato il nome del nuovo direttore generale.

71 of 174

FOLIGNO-SIENA 0-1 Siena, che fatica far gol Ci vuole Mannini al 90


Foligno-Siena 0-1 MARCATORI: st 45 Mannini SIENA (4-4-2): Pegolo (1 st Campagnolo); Neto, Paci, Contini (32 st Dellafiore); Angelo (20 st Sestu), Vergassola (1 st Mannini), DAgostino (20 st Parravicini), Verre (32 st Coppola), Del Grosso; Rosina (26 st Bogdani), Calai (20 st Paolucci). All. Cosmi

GENNARO GROPPA
FOLIGNO. Positivo allenamento del Siena con il Foligno, anche se i bianconeri continuano ad evidenziare difficolt in fase realizzativa. Cosmi si affida ancora al 3-5-2, escludendo i giocatori in odore di squalifica per le vicende del calcioscommesse e utilizzando subito in difesa il portoghese Neto. Rimandato lesordio dellaltro neo acquisto, il centrocampista uruguaiano Rodriguez. In avanti riecco Calai, finalmente recuperato dopo il brutto infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per molti mesi, con al fianco Rosina, ancora sotto esame. A centrocampo Cosmi concede fiducia Verre. Il Foligno fin dallinizio si schiera a difesa della propria porta e solo al 19 il Siena si rende pericoloso con Zendrini che si oppone bene a Vergassola. Il capitano bianconero si ripete al 24 deviando una punizione battuta da DAgostino, ma questa volta lo ferma la traversa. Allo scadere Biondi salva sulla linea una conclusione di Calai. Nella ripresa Mannini sostituisce Vergassola nella zona centrale del campo e al 14 Campagnolo, subentrato a Pegolo, evita il vantaggio del Foligno respingendo una bella conclusione di Balistrieri. Molte le sostituzioni,il pi pericoloso si dimostra Bogdani. Lalbanese al 28 sfiora la rete di testa e al 40 un grande Braccalenti gli impedisce di sbloccare il risultato. La rete del successo arriva allo scadere con Mannini abile a sfruttare un angolo battuto da Sestu e il Siena, che ancora non ha subito alcuna rete, vince ancora.

72 of 174

UDINESE-SCHALKE 0-0 Udinese a zero Per Guidolin ok Passi avanti


UDINESE-SCHALKE 0-0 UDINESE (3-5-1-1): Brkic; Benatia, Danilo, Domizzi; Basta, Pinzi (43 st Battocchio), Willians (1 st Pereyra), Allan (29 st Badu), Armero (39 st Gabriel Silva); Maicosuel (21 st Fabbrini); Ighalo (1 st Faraoni). All. Guidolin SCHALKE (4-2-3-1): Hildebrand; Uchida, Papadopoulos (15 st Matip), Howedes (29 st Metzelder), Fuchs (15 st Kolasinac); Hoger (1 st Barnetta), Neustadter; Farfan, Holtby (15 st Jones), Draxler; Pukki (15 st Nel test verso la Giampiero Pinzi, all11 Champions brillano Huntelaar). All. Huub stagione a Udine (Liverani) Pinzi e Willians. Simonetta DEste Delude Armero, da rivedere Maicosuel KLAGENFURT. Prove dEuropa per lUdinese, che per chiudere il ritiro ha affrontato ieri a Klagenfurt lo Schalke. Un impegno probante per i friulani, che ormai fanno il conto alla rovescia per i preliminari di Champions. E lo Schalke a iniziare forte con Farfan che impegna subito la retroguardia. Loccasione migliore per i ragazzi di Guidolin arriva al 36 su tiro di forza di Maicosuel, che impegna il portiere avversario in corner. Il primo tempo si chiude con i tedeschi vicini al gol con Hoger, che spara alto al 45. La formazione messa in campo dal tecnico di Castelfranco Veneto vicina a quella titolare, con il rientro dallinfortunio del portiere Brkic, ma ancora senza Di Natale, che prosegue nella preparazione personalizzata post Europeo, e senza Muriel, acciaccato. Tra i migliori Pinzi, che ha preso per mano squadra e reparto, meno decisivo Armero, ancora poco brillante. Buoni segnali per Guidolin in arrivo da Willians, attento e roccioso, ma anche dotato di buon lancio e intelligenza. Ancora da rivedere Maicosuel. Nella ripresa lUdinese inizia in attacco, sfiorando la rete con un cross di Armero, ma lo Schalke risponde con Pukki. Una gara senza troppe emozioni, forse anche per la complicit del gran caldo. Ad animare la partita qualche scaramuccia ammoniti Pinzi, Faraoni e Huntelaar. Alla fine Guidolin ha comunque ottenuto un buon test in chiave Champions: Era importante per noi affrontare una squadra come lo Schalke e. La gara ha determinato un passo avanti per noi: stato un test importante per la condizione fisica. Dobbiamo migliorare ancora, sappiamo dove farlo, al termine del ritiro non si pu pretendere di pi. Conto di avere la squadra ancora pi pronta per la trasferta inglese del fine settimana.

73 of 174

74 of 174

Lazio, dal Genoa anche Kucka Vertice Lotito-Preziosi: oggi si rivedranno per concludere un maxi scambio. Samp, idea Maresca
antonino milone stefano salandin
CAMICIE di lino bianco, sorrisi abbronzati e unambientazione pi o meno esclusiva tra le spiagge vip della Versilia. questa la location che ha fatto da sfondo, ieri, allhappening di mercato che ha visto protagonisti Enrico Enrico Preziosi, Claudio Lotito Preziosi e Claudio Lotito con lintermezzo?? ed Edoardo Garrone a Forte rappresentato dallincontro con Edoardo dei Marmi Garrone. Il vicepresidente della Sampdoria, sorridente e rilassato, ai Bagni Roma?? di Forte dei Marmi era solo di passaggio e non per discutere di compravendite pedatorie, ma la coincidenza ha fatto s che potessero scapparci un paio di battute con Preziosi in ottica derby. Quanto al mercato dei blucerchiati, quello si dipanava qualche chilometro pi in l, sulla riviera di Genova dove si incrociavano le telefonate tra Ciro Ferrara ed Enzo Maresca, pupillo del tecnico blucerchiato, che potrebbe rientrare in Italia qualora il ds Sensibile riesca a cedere Tissone (prosegue la trattativa con il Torino) e Palombo con il quale in corso la trattativa per la rescissione del contratto. Dopodich il centrocampista sceglier una destinazione tra Napoli (la pi probabile), Parma e Palermo. LA VERSILIANA Di fronte al mare della Versilia, invece, Preziosi e Lotito hanno discusso di mercato con lo stile bulimico che li contraddistingue: non un giocatore solo in ballo, ma un maxi-scambio che dovrebbe realizzarsi sullasse Lazio-Genoa. I nomi sono quelli di Granqvist, Antonelli (su di lui sondaggi anche di Palermo e Torino) e Kucka destinati al vestire il biancoceleste, mentre dovrebbero indossare il rossobl il portiere Carrizo (intanto il Genoa ha comunque bloccato luruguaiano Campaa che dovrebbe essere girato in prestito), leterno?? Sculli e Matuzalem. Era improbabile, vista la corposit del men, che i due presidenti riuscissero a digerire tutto in giornata: cos si sono aggiornati a oggi con lintento di chiudere, anche perch tra domani sera e mercoled mattina, Preziosi partir per le vacanze a Ibiza. E perch ci sono altre incombenze di mercato che riguardano i due club: la Lazio, per dire, interessata a Ziegler come alternativa ad Antonelli. Il Genoa, invece, lavora pure alla cessione di Jorquera a cui interessato lAmburgo. E poi occhio al grande colpo in attacco, con il ritorno di fiamma per Borriello nel caso in cui parta Gilardino. BOLOGNA SU PERBET Un attaccante lo cerca anche il Bologna che resta in concorrenza con il Siena per Sergio Floccari (unaltra delle questioni che deve risolvere Lotito), ma intanto cerca alternative e nelle ultime ore ha preso informazioni sul belga Perbet, in rotta con il Mons, che era molto vicino al Parma e sul quale si informato dettagliatamente pure il Torino. I rossobl emiliani sono anche in attesa dellarrivo di Gabbiadini dallAtalanta ??via Juventus??. Il Pescara, nonostante lazione di disturbo di Preziosi (che lui, peraltro, ha smentito pur senza riuscire a dissimulare un sibillino sorriso), in giornata potr ufficializzare il biennale per il difensore Terlizzi. Manca ancora un attaccante e nelle ultime ore sono salite le quotazioni di Vossen del Genk. A proposito di difensori, oggi dovrebbe essere il giorno del ritorno di Guglielmo
75 of 174

Stendardo allAtalanta. I bergamaschi hanno anche dichiarato incedibile lattaccante Marilungo (pronto al rientro dopo un lungo infortunio) per il quale c stato un interessamento della Fiorentina. In difesa, ai nerazzurri piace sempre il terzino Sardo, che sta trattando il rinnvo del contratto col Chievo. Lincontro dellaltra sera tra Palermo e Chievo servito non soltanto ai siciliani, interessati al terzino sloveno Jokic, ma pure ai veneti che, oltre al solito Kurtic, si sono informati sulla situazione del centrocampista argentino Franco Vazquez e del difensore cileno Carlos Labrin. Il Catania lavora al rinnovo di Barrientos, ma intanto tiene vivo linteresse per luruguaiano Leonardo Melazzi del Danubio, sul quale c pure la Sampdoria.

76 of 174

77 of 174

78 of 174

79 of 174

80 of 174

il mercato Il Livorno punta Giacomazzi


IL MERCATO del Livorno non si fermer allarrivo del portiere Vincenzo Fiorillo. Il patron Spinelli vuole rafforzare il centrocampo e locchio caduto sul capitano del Lecce, Guillermo Giacomazzi. In Puglia passato prima di rientrare a Udine: ora Obodo piace ai toscani. Dal Crotone, inoltre, potrebbe tornare Loviso. E mentre il Verona preme per lo svincolato Moras in difesa e la punta Sforzini, il Modena conta di chiudere per Zoboli e Dallamano. In attacco gli emiliani pressano il Genoa per Rennella, si attende il ritorno di Signori dalla Sampdoria e in settimana dovrebbero essere ufficializzati Mazzarani e Surraco. Archiviate le novit Vitale e Meccariello, la Ternana stringe per lo svincolato Botta, mentre in attacco se salta Catellani (Catania), gli umbri andranno su Paolucci (Siena). Il Varese pu sostituire Terlizzi con Ludi (Novara) o lo svincolato Carrozzieri, a centrocampo vive le piste Delvecchio (Lecce) e Kone (Atalanta). Cesena: Mutu si trova in Turchia dove corre voce di un interessamento del Kasimpasa, neopromosso nella serie A locale. La Reggina insiste con lUdinese per Forestieri in sostituzione del partente Ceravolo, il Bari rinnover il contratto alla punta Caputo fino al 2015 con ingaggio spalmato e il Lanciano ufficializza il ritorno del difensore centrale Rosania, in prestito con diritto di riscatto dallAscoli. MERCATO LEGA PRO Il Vicenza aspetta il ripescaggio per completare la squadra. In attacco i veneti pensano allo svedese Hallenius (Genoa), ma pure a Miracoli ex Eusepi (Varese). Dal Novara pu arrivare il portiere Coser e pu tornare Pinardi. Il Portogruaro riottiene in prestito dalla Sampdoria la punta Corazza. Al Barletta il portiere Liverani, in uscita dalla Cremonese le punte Rossi (piace a Forl e Giacomense) e Musetti (Como in pole). Il Savona rinuncia allesterno sinistro Piva e alla punta Fortino, In ritiro ad Arona con i liguri c la punta Poi del Gozzano. FERRARO-MILONE

81 of 174

COPPA ITALIA Super Entella, Cuneo ko ai rigori Il Vicenza ne fa 6. Avanti Pisa e Perugia. Il Lumezzane si regala il Novara. Colpo Chieti
NOCERINA-PAGANESE 1-0 MARCATORI: st 42 Schetter NOCERINA (3-4-3): G. Russo; Chiosa, Di Maio, Baldan; Sabatino, Bruno, Corapi (37 st De Liguori), Garufo; Mazzeo (45 st Andelkovic), Negro (12 pt Gaviln), Schetter. All. Auteri PAGANESE (4-4-2): Robertiello; Pepe, Fusco, Fernandez, Agresta; Scarpa, Franco (28 st Romondini), Soligo, Ciarci; Orlando (18 st Caturano), Fava. All. Grassadonia ARBITRO: Fiore di Barletta NOTE: gara disputata a porte chiuse per motivi di ordine pubblico. Ammoniti: Fernandez, Sabatino, Gavillan, Pepe. Recupero tempo: pt 4, st 5 ALBINOLEFFE-CHIETI 0-3 MARCATORI: st 2 Rossi, 18 Gigli, 42 De Sousa ALBINOLEFFE (4-3-1-2): Offredi; Beduschi (14 st Maietti), Ondei, Ambra, Cortinovis (6 st Carminati); Girasole, Di Cesare, Cal; Pontiggia (21 st Corradi); Belotti, Cisse. All. Pala CHIETI (4-3-1-2): Feola; Bigoni, Pepe, Gigli, Gandelli; Cardinali (40 st Verna), Vitone, Del Pinto; De Sousa; Capogna (32 st Di Properzio), Rossi. All. De Patre ARBITRO: Fiore di Barletta NOTE: ammoniti Girasole, Feola, Cisse, Gandelli. Recupero tempo: pt 0, st 3 SORRENTO-TREVISO 2-0 MARCATORI: st 4 e 45 Corsetti SORRENTO (4-3-3): Ambrosio; Vanin, Nocentini, Di Nunzio, Bonomi; Greco, Beati, De Angelis (40 st Alison); Esposito (25 st Natale), Corsetti, Basso (46 st Breglia). All. Bucaro TREVISO (3-4-3): Merlano; Videtta, Di Girolamo, Cernuto; Brunetti, Salvi, Rosaia, Beccia; Rizzo (22 st Del Grande), Sy, Fortunato (31 st Madiotto). All. Maurizi ARBITRO: Di Ruberto di Nocera Inferiore NOTE: ammoniti Di Nunzio, Di Girolamo, Beati, Nocentini, Madiotto. Recupero tempo: pt 2, st 4. Al 38 pt Fortunato ha fallito un rigore (parato) di Luca Pozza VICENZA-ANDRIA 6-0 MARCATORI: pt 1 Gavazzi, 29 Minesso, 42 Misuraca: st 1 Mustacchio, 9 Misuraca, 19 Martinelli VICENZA (3-5-2): Pinsoglio; Brighenti, Pisano, Martinelli; Gavazzi, Mustacchio (28 st Castiglia), Rigoni, Misuraca, Giani; Minesso (21 st Giacomelli), Baclet (21 st Maiorino). All. Breda ANDRIA (4-4-1-1): Menegon; Quacquarelli, Di Chio (19 st Dimmito), De Giorgi, Di Bari (25 st Cifaratti); Salvemini, Moretti, Perfetti, Martinelli; Leonetti; Ieva (5 st Tittarelli). All. Gioffr

82 of 174

ARBITRO: Mainardi di Bergamo NOTE: ammonito Perfetti. Angoli: 10-1 per il Vicenza. Recupero tempo: pt 0, st 3 AVELLINO-SAMBENEDETTESE 3-1 MARCATORI: pt 37 De Angelis; st 8 Pazzi, 29 Castaldo, 37 De Angelis AVELLINO (4-4-2): Fumagalli; Zappacosta, Izzo, Fabbro, Pezzella; Catania, DAngelo (16 st Angiulli), Panatti, Millesi (10 st Herrera); Castaldo (38 st Biancolino), De Angelis. All. Rastelli SAMBENEDETTESE (4-3-3): Barbetta; Nocera, Marini, Montefusco, Vaval (1 st Camilli); Traini, Scartozzi, Cucc; Guglielmi (36 st Santoni), Pazzi (40 st Shiba), Napolano. All. Palladini ARBITRO: Greco di Lecce NOTE: ammoniti Cucc, Zappacosta, Panatti, Biancolino. Angoli: 6-0. Recupero tempo: pt 2, st 5 LUMEZZANE-SARNESE 3-0 MARCATORI: pt 2 Inglese; st 10 Inglese, 48 Maccabiti LUMEZZANE (4-3-1-2): Vigorito; DAmbrosio, Dametto, Guagnetti, Possenti; Dadson, Sevieri (38 st Faroni), Giorico; Baraye (1 st Antonelli); Inglese (16 st Maccabiti), Kirilov. All. Festa SARNESE (4-3-3): DAgostino; Zara (45 st Valisena), Monti, Panini, Lenci; Leccese, Platone, Rescio; DAvanzo (35 st Maraucci), Tarallo (28 st Siano), Matarazzo. All. Pirozzi ARBITRO: Gentile di Lodi NOTE: espulsi Panini (33 st) e Dadson (50 st). Ammoniti: Rescio, Zara. Angoli: 8-3. Recupero tempo: pt 0, st 5 CARRARESE-CATANZARO 5-4 MARCATORI: pt 17 Sirignano, 24 Belcastro, 35 Giovinco; st 3 Bugatti, 4 Quadri rig., 20 Fioretti, 37 Merini, 41 Corrent, 44 Venitucci CARRARESE (4-3-3): Piscitelli; Corticchia, Benassi, De Paola, Pedrelli; Belcastro (32 st Corrent), Venitucci, Juan Cruz; Margiotta (18 st Mancuso), Merini, Giovinco (18 st Tognoni). All. Sabatini CATANZARO (4-3-3): Scerbo; Mariotti, Papasidero, Sirignano, Squillace (22 st Narducci); Fiore, Quadri, Misto (1 st DAlessandro); Carboni (1 st Bugatti), Fioretti, Masini. All. Cozza ARBITRO: Renzi di Pistoia NOTE: ammoniti Merini, Juan Cruz, Sirignano, Bugatti. Angoli: 7-0 per il Catanzaro. Recupero tempo: pt 0, st 3 ALTO ADIGE-CUNEO 5-4 rig. MARCATORI: st 41 Campo rig., 43 Sentinelli RIGORI: Fantini (C) gol; Bertoni (A) gol; Lodi (C) fuori; Bont (A) gol; Sentinelli (C) gol; Thiam (A) gol; Longhi (C) gol; Candido (A) parato; Ferrari (C) parato; Timpone (A) gol ALTO ADIGE (4-3-3): Marcone; Maccarone, Rubin (15 sts Candido), Bertoni, Cappelletti; Tagliani, Campo, Furlan; Bocalon (38 st Timpone), Pasi (17 st Bont), Thiam. All. Vecchi CUNEO (5-3-2): Negretti; Scaglia, Sentinelli, Ferri, Arcari (26 pt Carfora), Donida; Cristini, Longhi, Garavelli (11 st Fantini); Di Quinzio, Ferrario (35 st Lodi). All. Rossi ARBITRO: Rasia di Bassano del Grappa NOTE: espulsi Campo (43 st) per proteste, Tagliani (43 st) per doppia ammonizione. Ammoniti: Ferrario. Angoli: 5-3 per il Cuneo. Recupero tempo: pt 1, st 5 CARPI-MARINO 5-0 MARCATORI: pt 5 e 10 Arma, 13 Di Gaudio; st 40 Lollini, 42 Perini
83 of 174

CARPI (4-4-2): Sportiello; Letizia, De Bode, Lollini, Gagliolo (16 st Poli); Concas (16 st Pasciuti), Obeng, Perini, Di Gaudio; Arma (22 st Potenza), Kabine. All. Tacchini MARINO (4-3-3): Rampi; Fiorini, Terraciano, Mirante, Vicedomini; Capolei, Congiu, Ciaramelletti; Falasca (31 st Spina), Laghigna (21 st Efrati), Magnasco (38 st Esposito). All. Iardino ARBITRO: Lanza di Nichelino NOTE: Espulsi: Mirante (42 st). Ammoniti: Kabine, Perini, Gagliolo, Di Gaudio, Terraciano. Recupero tempo: pt 2, st 3 BARLETTA-PERUGIA 0-2 MARCATORI: pt 11 Tozzi Borsoi , 22 Clemente ; st 47 Benedetti BARLETTA (4-4-2): Pane; Mazzarani, Petterin (10 st Angeletti), Vacca, Menegaza; Mengoni, Caretta, Dezi (25 st Zappacosta), Simoncelli; DallOglio, Franchini (20 st De Lucia). All. Novelli PERUGIA (4-2-1-3): Koprivec; Anania, Cacioli, Oliveira, Lebran; Esposito, Cenciarelli; Ayres (10 st Politano); Tozzi Borsoi, Clemente (23 st Benedetti), Rantier (32 st Ferri Marini). All. Battistini ARBITRO: Albertini di Ascoli Piceno NOTE: ammoniti Tozzi Borsoi. Recupero tempo: pt 1, st 3. Larbitro Cangiano di Napoli, designato per la partita si infortunato e il suo posto stato preso da Albertini di Ascoli Piceno PISA-AREZZO 2-0 MARCATORI: pt 5 Gatto, 13 Perez PISA (3-5-2): Sepe; Rozzio, Colombini, Sabato; Rizzo (28 st Simoncini), Fondi, Favasuli, Mingazzini, Benedetti; Gatto, Perez (14 st Strizzolo). All. Pane AREZZO (4-4-2): Bucchi; Secci, Eramo, Pecorari, Mencarelli; Bozzoni (1 st Sergio), Idromela (30 st Bezziccheri), Pucci, Rubechini; Borgogni (16 st Parigi), Martinez. All. Balbo ARBITRO: Piscopo di Imperia NOTE: ammoniti Idromela, Finocchiaro. Recupero tempo: pt 2, st 3 BENEVENTO-SAN MARINO 1-0 MARCATORI: st 17 Mancosu BENEVENTO (4-3-1-2): Gori; DAnna, Siniscalchi, Rinaldi, Bolzan (35 st Pedrelli ng); Carotti, De Risio ( 31 st Dav ng), Montiel; Mancosu; Altinier (29 st Germinale ng), Marchi. All. Martinez SAN MARINO (4-4-2): Vivan; Farina, Fogacci, Galuppo, Crivelli; Doumbia, Pacciardi, Del Sole (22 st Pigini), Poletti; Chiaretti (19 st Casolla), Defendi (34 st Rivi). All. Petrone ARBITRO: Illuzzi di Molfetta NOTE: nessun ammonito. Angoli: 3-2. Recupero tempo: pt 0, st 5 TRAPANI-ESTE 2-1 MARCATORI: pt 45 aut. Filippi; st 34 Madonia, 44 Docente TRAPANI (4-4-2): Nordi; Lo Bue (34 st Lo Monaco), Pagliarulo, Filippi, Rizzi; Mancosu (21 st Ficarrotta), Spinelli (21 st Tedesco), Pirrone, Madonia; Abate, Docente. All. Boscaglia ESTE (4-4-2): Balzan; Meneghello, Thomassen, Aliberti, Gusella; Tessari, Mario (47 st Migliorini), Baido (15 st South), Turetta; Sottovia (3 st Di Fusco), Brotto. All. Zattarin ARBITRO: Abisso di Palermo NOTE: espulso Aliberti (16 st) per doppia ammonizione. Ammoniti: Pagliarulo, Tessari, Brotto, Spinelli. Recupero tempo: pt 1, st 3 REGGIANA-ENTELLA 0-2
84 of 174

MARCATORI: pt 14 Vannucchi; st 40 Marchi REGGIANA (4-4-2): Bellucci; Bani, Zini, Cossentino Magliocchetti; Sprocati, Parola, Viapiana, Matteini (21 st Carlini); P. Rossi, De Cenco. All. Zauli ENTELLA (4-3-1-2): Paroni; Zampano, Fantoni, Falcier (1 st Hamlili), Russo; Raggio Garibaldi (5 st Marchi), Volpe (25 st De Col), Vannucchi; Staiti; Rosso, Garin. All. Prina ARBITRO: Bruno di Torino NOTE: espulso Zini (41 pt) per gioco falloso. Ammoniti: Matteini, Fantoni, Bani. Recupero tempo: pt 2, st 4 Giocate sabato CREMONESE-Chieri 4-0, PORTOGRUARO-Cosenza 3-1 Secondo turno (12 agosto) BRESCIA-CREMONESE, VERONA-ENTELLA, VARESE-GUBBIO/PONTISOLA, LIVORNO-BENEVENTO, BARI-PERUGIA, PADOVA-PISA, CESENA-PRO VERCELLI, CROTONE-LANCIANO, NOVARA-LUMEZZANE, JUVE STABIA-FROSINONE/PORTOTOLLE, EMPOLI-VICENZA, LECCE-CHIETI, SASSUOLO-AVELLINO, CITTADELLA-CARRARESE, TERNANA-TRAPANI, ASCOLI-PORTOGRUARO, MODENA-ALTO ADIGE, REGGINA-NOCERINA, SPEZIA-SORRENTO, GROSSETO-CARPI

85 of 174

LE ALTRE PARTITE Bari di rigore col Lanciano Modena ko


LANCIANO-BARI 0-0 (2-4 rig.) RIGORI: Volpe parato, Bellomo gol, Mammarella gol, Rivaldo gol, Paghera parata, Ghezzal gol, Pepe, gol, Dos Santos gol BARI (3-4-3): Lamanna; Ceppitelli, Borghese (9 st Altobello), Dos Santos; Sabelli (15 st Ristovski), Romizi (32 st Bellomo), Sciaudone (9 st Rivaldo), Defendi; Galano (34 st Partipilo), Caputo (25 st Grandolfo), Albadoro (15 st Ghezzal). All. Torrente LANCIANO (4-3-3): Aridit (11 st Amabile); Aquilanti, Amenta, Minotti (1 st Paghera), Mammarella; Vastola (1 st Sepe), DAversa (1 st Almici), Volpe; Di Cecco (21 st Hottor), Testardi (11 st Zeytulaev), Turchi (25 st Marceta). All. Gautieri LANCIANO. (l.g.) Prove tecniche di campionato fra Lanciano e Bari. I tempi regolamentari sono finiti 0-0, il 1 trofeo Guglielmo Maio stato assegnato ai rigori e lha vinto il Bari. Bari che ha avuto la supremazia del gioco, senza per concretizzarla. MODENA-REAL SOCIEDAD 0-1 MARCATORI: st 39 Ifran MODENA (4-3-3): Colombi (1 st Manfredini); Gozzi (31 st Fantini), Andelkovic, Perna, Carini (16 st Belfasti); Nardini (39 st Minarini), Dalla Bona (16 st Ygor Buge), Signori (39 st Cilloni); Greco (16 st Spezzani), Ardemagni (16 st Stanco), William (25 st Rizvani). A disp. Di Stasio, Ciaramitaro. All. Marcolin REAL SOCIEDAD (4-3-3): Bravo; Javi Ros, Mikel, Cadamuro, Jos Angel (27 st De La Bella); Zurutuza (16 st Griezmann), Estulondo (1 st Illarra), Chory Castro (16 st Markel); Xabi Prieto (16 st Sarpong), Vela (16 st Agirretxe), Ruben Pardo (16 st Ifran). All. Montanier BASSANO-CITTADELLA 2-1 MARCATORI: pt 33 Bizzotto, 37 Schiavon; st 38 Conti BASSANO (4-3-3): Nunziata (1 st David); Toninelli (26 st Barbieri), Basso (35 st Zanella), Bizzotto, Ghosheh (1 st Stevanin); Carteri (35 st Vigo), Correa (1 st Mateos), Proietti (18 st Conti); Ferretti (39 st Fracaro), Longobardi (1 st Gasparello), Mattioli (1 st Furlan). All. Rastelli CITTADELLA (3-5-2): Cordaz; Sosa, Coly, Pellizzer; Vitofrancesco, Di Roberto, Baselli (1 st Branzani), Schiavon (1 st Martinelli), Biraghi; Bellazzini (1 st Di Carmine), Perna (32 st Piaggio). All. Foscarini

86 of 174

spezia-bihor 3-0 Lo Spezia vola con Crisetig E c Mazzarani


Spezia-Bihor Oradea 3-0 MARCATORI: pt 16 Crisetig, 20 Sansovini; st 27 Crisetig SPEZIA (4-3-1-2): Russo (17 st Iacobucci); Madonna, Benedetti, Schiavi (16 st Pasini), Garofano (36 st Biasi); Bovo (23 st Mandorlini), Porcari, Lollo (16 st Rui Mario); Crisetig (29 st Izzillo); Sansovini, Pichlmann (20 st Evacuo). All. Serena BIHOR ORADEA (4-4-2): Popescu; Zanardini, Oltean, Matei, Lupu; Florean, Cordian, Popa (37pt Selagea), Bic; Hadar, Sorian. All. Farcau ARBITRO: Frosini di Pistoia

ARMANDO NAPOLETANO
PI CHE i gol che lo Spezia rifila al Bihor (B romena), tiene banco il mercato. Per il centrocampo sembra spuntarla Andrea Mazzarani, ultimo anno al Novara, 20 gare in A, preferito allex Parma Stefano Morrone. Poi il puntello in difesa, con larrivo di Stefano Ferrario, virtualmente concluso, ma bloccato dalla situazione del giocatore, implicato nella vicenda Lecce-Lazio, che potrebbe costargli lomessa denuncia. La societ non intenderebbe rischiare e virer su altre soluzioni, con Zoboli, Rubin, Dellafiore, Volta, in ordine sparso. Marted, sarebbe previsto un ulteriore incontro tra i procuratori di Paulinho e Aldo Spinelli per un trattativa che parte da contropartita in soldi ed Evacuo al Livorno. Occhio anche a Lecce dove Cacia potrebbe trovare unintesa per rescindere e accasarsi allo Spezia. LA PARTITA Contro il Bihor, cose interessanti: ispiratissimo Crisetig, al posto di Di Gennaro dietro alle punte: sembra tra i pi reattivi, al di l della doppietta realizzata. Note positive arrivano dal centrocampo dove Porcari, Bovo e Lollo costituiscono un reparto compatto. Bene in avanti anche Sansovini: ha giocato lintera gara. Il 5 agosto test coi dilettanti della Tarros.

87 of 174

OPERAZIONI CONCLUSE
Ascoli (Silva) Acquisti: Colomba (c, Crotone); Fam (c, Mantova); Fossati (c, Milan); Hanine (c, Barletta); Prestia (d, Palermo); Zaza (a, Viareggio). Cessioni: Andjelkovic (c, Modena); Gandelli (p, Forl); Parfait (c, Cesena)

Bari (Torrente) Acquisti: Camara (a, Valladolid); Fedati (c, Lucchese); Iunco (c, Spezia); Locci (c, svincolato); Pena (p, Roma); Ristovski (d, Frosinone); Sciaudone (c, Taranto). Cessioni: Bogliacino (c, Lecce); Crescenzi (d, Pescara); Garofalo (d, Spezia); Scavone (c, Pro Vercelli); Stoian (c, Chievo); Zlamal (p, Sigma Olomouc)

Brescia (Calori) Acquisti: Benali (c, Rochdale); And. Caracciolo (a, Novara); Ant. Caracciolo (d, Gubbio); de Blasis (c, Gimnasia La Plata); Finazzi (c, Lumezzane); Mitrovic (a, Chelsea); Picci (a, Martina Franca); Rosso (d, Desamparados); Russo (p, Parma); Sodinha (c, Cear). Cessioni: Leali (p, Juventus); Mandorlini (d, Spezia); Paghera (c, Lanciano); Piovaccari (a, Novara); Vass (c, Cluj)

Cesena (Campedelli) Acquisti: Bamonte (d, Bellaria); Belardi (p, Reggina); Brandao (d, Siena); DAlessandro (c, Verona); Defrel (a, Foggia); Favalli (d, Cremonese); Gessa (c, Pescara); Graffiedi (a, Gubbio); Iori (c, Torino); Lapadula (a, San Marino); Parfait (c, Ascoli); Rossi (d, Siena); Succi (a, Padova). Cessioni: Colucci (c, Pescara); Djuric (a, Cremonese); Fioreti (a, Tritium); Grandi (p, SudTirol); Guana (c, Chievo); Lauro (d, Ternana); Martinho (c, Verona); Parolo (c, Parma); Santana (c, Torino); Tonti (p, Borgo a Buggiano); Von Bergen (d, Genoa)

Cittadella (Foscarini) Acquisti: Biraghi (d, Juve Stabia); Coly (d, Taranto); Sosa (d, Taranto). Cessioni: Magallanes (c, Cremonese)

Crotone (Drago) Acquisti: Concetti (p, Nocerina); Krcic (c, Triglav Kranj); Lofqvist (c, Gubbio); Maiello (c, Mantovani (d, Parma); Torromino (a, Treviso). Cessioni: Bindi (p, Latina); Colomba (c, Ascoli)

Empoli (Sarri) Acquisti: Boniperti (c, Carpi); Camillucci (c, Sorrento); Cori (a, Carrarese); Croce (c, Sorrento); Pratali (d, Torino); Ricardo Ferreira (d, Milan); Romeo (d, Sorrento). Cessioni: Brugman (a, Pescara); Dumitru (a, Ternana); Fatic (d, Verona); Gorzegno (d, Juve Stabia); Vinci (d, Juve Stabia); Z Eduardo (c, Padova)

Grosseto (Moriero) Acquisti: Barba (d, Roma); Bruscagin (d, Latina); Celjak (d, Pergocrema); Falzerano (c, Latina); Obodo (c, Pisa); Quadrini (c, Sassuolo); Som (d, Como). Cessioni: Alfageme (a, Ternana)

Juve Stabia (Braglia) Acquisti: Acosty (c, Fiorentina); Agyei (c, Fiorentina); Bruno (a, Sassuolo); Cellini (a, Modena); Ciampi (d, Benevento); Doninelli (c, Verona);
88 of 174

Figliomeni (d, Nocerina); Genevier (c, Pisa); Gorzegno (d, Empoli); Improta (a, Genoa); Jidayi (c, Padova); Nocchi (p, Juventus); Scurto (d, Triestina); Vinci (d, Empoli). Cessioni: Biraghi (d, Cittadella); Colombi (p, Modena); Dav (c, Benevento); De Bode (d, Carpi)

Lanciano (Gautieri) Acquisti: Bacchetti (d, Pescara); Fofana (a, Siracusa); Hottor (c, Milan); Marceta (c, Koper); Paghera (c, Brescia); Pepe (a, Siracusa); Testardi (a, Siracusa)

Lecce (Lerda) Acquisti: Bogliacino (c, Bari); Chevanton (a, Colon); Diniz (d, Como); Memushaj (c, Carpi); Pi (a, Pergocrema). Cessioni: Bertolacci (c, Genoa); Blasi (c, Pescara); Brivio (d, Atalanta); Cuadrado (c, Fiorentina); Di Michele (a, Chievo)

Livorno (Nicola) Acquisti: Fiorillo (p, Spezia); Gemiti (d, Novara); Molinelli (c, Piacenza); Trini (p, Lumezzane). Cessioni: Bardi (p, Novara)

Modena (Marcolin) Acquisti: Andjelkovic (c, Ascoli); Belfasti (d, Juventus); Colombi (p, Juve Stabia); Di Stasio (p, Salernitana); Manfredini (p, Fiorentina); Massacci (d, Manchester United); Sturaro (c, Genoa); William (a, Genoa). Cessioni: Cellini (a, Juve Stabia); De Vitis (c, Padova); Perticone (d, Novara)

Novara (Tesser) Acquisti: Alborno (d, Inter); Bardi (p, Livorno); Buzzegoli (c, Spezia); Del Prete (d, Nocerina); Ghiringhelli (d, Milan); Gonzalez (a, Siena); Kosicky (p, Catania); Libertazzi (a, Juventus); Perticone (d, Modena); Piovaccari (a, Brescia). Cessioni: And. Caracciolo (a, Brescia); Dellafiore (d, Siena); Gemiti (d, Livorno); Jiday (c, Valle dAoste); Mascara (a, Al Nasr); Morganella (d, Palermo); Morimoto (a, Catania); Paci (d, Siena); Porcari (c, Spezia); M. Rigoni (c, Chievo); Ujkani (p, Palermo)

Padova (Pea) Acquisti: Babacar (a, Racing Santander); De Vitis (c, Modena); Farias (a, Nocerina); Feltscher (d, Parma); Galli (c, Verona); Granoche (a, Varese); Nwankwo (c, Gubbio); Piccioni (d, Sassuolo); Rispoli (d, Sampdoria); Silvestri (p, Reggiana); Viviani (c, Roma); Z Eduardo (c, Empoli). Cessioni: Bovo (c, Spezia); Jidayi (c, Juve Stabia); Lazarevic (c, Genoa); Perin (p, Pescara); Schiavi (d, Spezia); Succi (a, Cesena)

Pro Vercelli (Braghin) Acquisti: Caridi (a, Grosseto); Casoli (c, Spezia); Cosenza (d, Reggina); Innocenti (c, Milan); Scaglia (c, Verona); Scavone (c, Bari); Zigoni (a, Avellino). Cessioni: Masi (d, Juventus); Nocciola (c, Valle dAoste)

Reggina (Dionigi) Acquisti: Angelilli (a, Marino); Baiocco (p, Siracusa); Comi (a, Milan); Di Bari (d, Taranto); Facchin (p, Pavia); Fischnaller (a, Alto Adige); Hetemaj (c, AlbinoLeffe); Lucioni (d, Spezia); Lussardi (a, Piacenza); Rodrigo Ely (d, Milan). Cessioni: Belardi (p, Cesena); Cosenza (d, Pro Vercelli); Marino (d, Varese); Ragusa (c, Pescara); Viola (c, Palermo)

89 of 174

Sassuolo (Di Francesco) Acquisti: Frascatore (d, Benevento); Pavoletti (a, Lanciano fp). Cessioni: Boakye (a, Juventus); Bressan (p, Varese); Bruno (a, Juve Stabia); Cofie (c, Chievo); Ferrara (a, Reggiana); Marchi (a, Benevento); Piccioni (d, Padova); Sansone (a, Torino)

Spezia (Serena) Acquisti: Benedetti (d, Gubbio); Bovo (c, Padova); Crisetig (c, Inter); Garofalo (d, Bari); Iacobucci (p, Alto Adige); Lucioni (d, Reggina); Mandorlini (d, Brescia); Piccini (d, Carrarese); Porcari (c, Novara); Rui (d, Gubbio); Sansovini (a, Pescara); Schiavi (d, Padova). Cessioni: Buzzegoli (c, Novara); Casoli (c, Pro Vercelli); Fiorillo (p, Livorno); Iunco (c, Bari); Lucioni (d, Reggina); Marotta (a, Cremonese)

Ternana (Toscano) Acquisti: Alfageme (a, Grosseto); Bernardi (c, Nocerina); Brignoli (p, Lumezzane); Di Deo (c, Taranto); Dumitru (a, Empoli); Lauro (d, Cesena); Meccariello (d, Andria); Vitale (d, Bologna). Cessioni: Balistreri (a, Foligno)

Varese (Castori) Acquisti: Audino (c, Alessandria); Bressan (p, Sassuolo); Ebagua (a, Catania); Marino (d, Reggina); Rea (d, Nocerina); Rivas (c, Verona); Struna (c, Koper). Cessioni: Albertazzi (d, Verona); Benvenga (d, Como); Granoche (a, Padova); Marchi (d, Como); Rivas (c, Verona); Scialpi (c, Como); Terlizzi (d, Pescara)

Verona (Mandorlini) Acquisti: Albertazzi (d, Varese); Arzamendia (c, Palermo); Bacinovic (c, Palermo); Calvano (c, Milan); Calvetti (c, Milan); Carrozza (c, Atalanta); Cocco (a, AlbinoLeffe); Crespo (d, Bologna); De Vita (a, Atalanta); Fatic (d, Empoli); Grossi (c, Siena); Guzzo (d, Milan); Huston (d, Le Mans); Laner (c, AlbinoLeffe); Martinho (c, Cesena); Pesoli (d, Siena); Rivas (c, Varese); Verdun (a, Palermo). Cessioni: DAlessandro (c, Cesena); Doninelli (c, Juve Stabia); Esposito (c, Perugia); Galli (c, Padova); Mareco (d, Cerro Porteno); Scaglia (c, Pro Vercelli); Tachtsidis (c, Roma)

90 of 174

E una Pro Vercelli che cresce e diverte


PRO VERCELLI-VARESE 1-1 MARCATORI: pt 19 Iemmello, 42 Troest PRO VERCELLI (4-3-2-1): Valentini (1 st Miranda); Cancellotti (1 st Bencivenga), Battaglia (1 st Ranellucci), Cosenza (1 st Innocenti), Scaglia (12 st Casoli); Scavone (1 st Marconi), Calvi (1 st Rosso), Germano (1 st Espinal); Caridi (1 st Fabiano), Di Piazza (1 st De Silvestro, 24 st Carraro); Iemmello (1 st Zigoni). All. Braghin Iemmello gol, 1-1 VARESE (4-4-2): col Varese. Bressan; Pucino (17 Braghin: Ok, st Fiamozzi), Troest, ma... Rea (15 st Carrieri), Grillo (22 st Lazaar); Zecchin (26 st Wagner), Corti (26 st Eusepi), Damonte (12 st Filipe), Kink (15 st Martinetti); De Luca (15 st Nadarevic), Ebagua (22 st Moment). All. Castori ARBITRO: Massa di Imperia

Vittorio Gelso
L1-1 tra Pro Vercelli e Varese un bellantipasto della prossima B: gara giocata a viso aperto, vivace e, a tratti, persino Pietro Iemmello, 20 anni, nato divertente. Le due squadre danno tutto quel a Catanzaro (Liverani) che hanno, finch i cambi fanno inevitabilmente perdere il filo del discorso. La Pro Vercelli si sta confermando una squadra in crescita, come lo scorso anno: difesa ermetica (in cui ha esordito bene il neoacquisto Cosenza), centrocampo dinamico e attacco in cui i giovani mantengono quel che promettono. Il Varese conferma di avere il dna della squadra robusta, che non molla mai e che sa capitalizzare quando necessario. Il Varese una squadra costruita per fare un campionato diverso dal nostro e che ha un gruppo consolidato - sottolinea il tecnico della Pro Vercelli, Maurizio Braghin - oggi, comunque, stato un buon test. Abbiamo fatto benino, soprattutto nel primo tempo; nella ripresa abbiamo sofferto Il tecnico chiede un po la fisicit dei nostri avversari. rinforzi: Abbiamo LA PARTITA Al 12 Di Piazza, gi tonico, si scatena nella pareggiato contro difesa avversaria per sparare alto da buona posizione. Al 19 una squadra la Pro passa: Iemmello approfitta di un errore del Varese, si solida, per ci presenta davanti a Bressan (arrivato venerd dal Sassuolo) e manca ancora lo trafigge di giustezza. I bianchi sembrano pi convinti e qualcosa in una bella combinazione tra Scavone e Germano favorisce organico una conclusione di Caridi alta di poco (22). Il Varese per pungere deve ricorrere ai piazzati o alla contraerea??: un colpo di testa di Troest (42) vale il gol dell1-1. La ripresa si apre (3) con Bencivenga che intercetta una rasoiata di De Luca, cos come Nadarevic (19) semina scompiglio e crea apprensioni a Miranda con una serpentina sulla sinistra. Due belle conclusioni dalla distanza di Wagner prima (33) e Fabiano in chiusura (43) le ultime annotazioni. Dice mister Braghin sulla crescita della Pro. Dobbiamo rendere pi fluida la manovra
91 of 174

e imparare a essere meno fallosi, ma pi cattivi. Marted e mercoled la Pro Vercelli torner in campo, contro Borgosesia e Bellinzona, poi sabato la Pro sar di scena a Cesena in coppa Italia: Questa settimana giocheremo molto - spiega Braghin - in modo che tutti possano arrivare con i 90 nelle gambe per sabato. Ci manca qualcosa in organico? Penso di s, ma vedremo.

92 of 174

93 of 174

SUPERCOPPA Nuova formula a dicembre Final Four per il trofeo


SAR una formula innovativa ad assegnare la Supercoppa di serie A, il primo trofeo della stagione: per la prima volta la manifestazione si disputer con la formula della Final Four, marted 4 e mercoled 5 dicembre. A contendersi la coppa non saranno soltanto?? la societ campione dItalia (Alter Ego Luparense) e quella detentrice della Coppa Italia (Asti), ma anche le due squadre che la scorsa stagione hanno concluso al primo posto i due gironi di serie A2, Verona e Cogianco Genzano. A proporre la sede dellevento saranno invitate Luparense e Asti. ALBO DORO 1992 Bnl Calcetto, 1994 Ladispoli, 1997 Itca Torino, 1999 Itca Torino, 2002 Prato, 2003 Prato, 2004 Arzignano, 2005 Perugia, 2006 Arzignano, 2007 Luparense, 2008 Luparense, 2009 Luparense, 2010 Marca Futsal, 2011 Marca Futsal. ANCHE IBRA IN FUTSAL CUP I Lupi campioni dItalia, inoltre, rappresenteranno il futsal azzurro in Uefa Futsal Cup: la squadra di Fulvio Colini partir dal Main Round, che giocher dal 4 al 9 settembre a Cipro. La Luparense se la vedr, oltre che con i padroni di casa dellOmonia Nicosia, contro gli slovacchi dello Slov-Matic Bratislava e la squadra vincente del Gruppo F del Preliminary Round, che comprende Ilves Tampere, Grand Pro Varna, Cardiff City e Ibra Gteborg. Questultima la squadra campione di Svezia, presieduta da Zlatan Ibrahimovic, lex fuoriclasse del Milan acquistato questestate a suon di milioni dal Paris Saint-Germain.

94 of 174

SERIE A2 Due gironi da 12 squadre Ottobre, via al campionato


PER i calendari bisogner pazientare un po di pi rispetto alla serie A, ma nella riunione di venerd il Consiglio Direttivo della Divisione Calcio a Cinque ha definito anche gli organici di serie A2, serie B e serie A femminile. I campionati prenderanno il via il primo weekend di ottobre: sabato 6 i due tornei maschili, domenica 7 quello in rosa??. La serie A2 sar articolata in due gironi da 12 squadre, dopo il ripescaggio di Lecco e Cus Chieti: saranno promosse le vincenti dei due gruppi e la vincitrice dei playoff, cui accedono le squadre dal secondo al quinto posto al termine della regular season; retrocederanno in serie B lultima classificata e la perdente del playout tra la decima e lundicesima classificata di ciascun girone. SERIE B La serie B sar invece composta da 70 squadre suddivise in 6 raggruppamenti: 4 da 12 e due (C e D) da 11 formazioni. Ci sono stati 12 ripescaggi. Saranno promosse le vincenti dei 6 gironi e le due vincitrici dei playoff, cui accedono le squadre dal secondo al quinto posto al termine della regular season. Retroceder invece in serie C solo lultima classificata di ciascun girone, quindi non ci saranno playout. SERIE A DONNE Novit anche nella serie A femminile, che questanno sar composta da tre gironi da 12 squadre ciascuno. Tre le squadre ripescate, il meccanismo di playoff scudetto e retrocessioni sar comunicato in seguito. I calendari saranno resi noti il giorno di Ferragosto (serie A2 e serie B) e il 22 agosto (serie A femminile).

95 of 174

LA NAZIONALE Due test per gli azzurri dopo la prima?? in serie A


SUBITO dopo la prima giornata di serie A, prender il via anche la stagione della nazionale italiana. Gli azzurri di Roberto Menichelli saranno impegnati in due amichevoli casalinghe contro la Serbia, che organizzer gli Europei nel 2016; la squadra di Aca Kovacevic, inoltre, arrivata ai quarti di finale nelle ultime due edizioni degli Europei e si qualificata per la prima volta per il Mondiale. Si giocher marted 18 e mercoled 19 settembre (orario da definire) al Palacesaroni di Genzano di Roma: in entrambe le occasioni lingresso sar gratuito. Dopo oltre 14 anni lItalia torner a calcare il palazzetto della citt castellana: lultima volta nel febbraio 1998 in occasione di due vittoriosi test contro la Repubblica Ceca. ITALIA IMBATTUTA Per gli azzurri, terzi allultimo Europeo, sar unimportantissima tappa di avvicinamento alla Coppa del Mondo Fifa 2012, che si disputer in Thailandia dal 1 al 18 novembre (venerd 24 agosto il sorteggio). Gli azzurri sono imbattuti negli 8 precedenti contro la Serbia, in cui hanno collezionato 6 vittorie e due pareggi, realizzando 18 reti e subendone 8. Le ultime sfide in ordine cronologico risalgono al gennaio 2011, in Sardegna: la Nazionale conquist due successi, 2-1 a Quartu SantElena (doppietta di Patias) e 2-0 a Carbonia (in gol Cavinato e Fortino). I ragazzi di Menichelli, che ha da poco festeggiato le 50 panchine in Nazionale (37 successi, 8 pareggi e 5 sconfitte il bilancio), saranno poi impegnati a marzo nel Main Round di qualificazione agli Europei, che si giocheranno nel 2014 ad Anversa in Belgio.

96 of 174

VARATI I CALENDARI DEL CAMPIONATO DI SERIE A AL VIA TRA POCO PI DI UN MESE. IL MERCATO HA CAMBIATO I CONNOTATI DEI CAMPIONI DITALIA Caccia alla Luparense ribaltata??
CON il varo?? dei calendari, inizia il countdown verso il campionato di serie A, che festeggia la 30 edizione. Tra poco pi di un mese scatter la caccia?? al trono di una Luparense rivoluzionata??. Oltre a capitan Vampeta , i campioni dItalia hanno perso Fortino e il portiere Weber , ma le novit - oltre a Caputo , Rogerio e Canabarro - sono soprattutto in Massimo De Luca (Marca panchina dove Colini ha sostituito lo spagnolo Futsal) in marcatura su Fernandez . I Lupi inizieranno la difesa Leandro Cuzzolino C subito un del titolo ospitando il (Montesilvano): due match-clou: Rieti di Ramiro Diaz , protagonisti del prossimo Pescara-Marca Asti che ha preso campionato di serie A e Lazio da paura. Genzano allesordio Giustozzi , Pap e i giovani Latino e Rizzo . Il match clou del turno dapertura sar al Palarigopiano, riedizione della finale scudetto 2011: Pescara-Marca Futsal. I vicecampioni dItalia hanno perso Foglia , ma hanno preso un top player come Borja Blanco , nazionale spagnolo. E alla corte di Polido tornato Follador . Tra gli abruzzesi del manager Patriarca sono partiti Barigelli e PC, ma sono arrivati Jukic , Ghiotti , Sampaio , Alves e Campagnaro . Asti e Lazio hanno ridotto il gap dalle due venete che lo scorso anno si sono giocate il titolo. Gli Orange, detentori della Coppa Italia, esordiranno con il Kaos, ripescato e ripartito da Capurso (che da Bisceglie ha voluto con s Kak , Laion e De Cillis ). Tabbia ha a disposizione 5 big come Vampeta, Fortino, Garcias , Kiko e Marquinho (ex Kaos), oltre agli azzurri Lima e Patias . La Lazio si rafforzata con Barigelli , Foglia, PC e Tostao : inizio in trasferta anche per i biancocelesti di DOrto , contro la neopromossa Verona. Unaltra neopromossa molto attesa la Cogianco Genzano: il presidente Giannini ha riportato il futsal al top nella citt castellana e al PalaCesaroni per lo storico esordio in A arriver il Venezia. LAcqua & Sapone del filosofo?? Bellarte , mina vagante con gli acquisti di Torcivia e Silveira , ospiter il Napoli dellemergente Tarantino , mentre il Montesilvano di mister Ricci e del numero 1 azzurro Mammarella esordir in trasferta con il Putignano di Chiaffarato .

97 of 174

98 of 174

99 of 174

100 of 174

101 of 174

102 of 174

103 of 174

104 of 174

Cestiste Usa ai Giochi imbattute da 20 anni


Venti anni di imbattibilit alle Olimpiadi. limpresa compiuta ieri dalle ragazze americane del basket, che hanno superato la Cina per 114-66. Lultima sconfitta della nazionale Usa donne ai Giochi risale al 5 agosto del 1992 a Barcellona, per 79-73 contro la rappresentativa della Csi, Comunit stati indipendenti (ex Urss)

105 of 174

Busnari, quasi podio Nella ginnastica 4


Alberto Busnari giunto 4 nel cavallo con maniglie (ginnastica). Oro a Krisztian Berki (Ung), sui britannici Louis Smith e Max Whitlock. Sono stato a un passo dal sogno ha detto lazzurro - ma quarto a unOlimpiade non pu che farmi felice. Altri sono stati pi bravi, pazienza, va bene cosi.

106 of 174

OLIMPIADI CHE DOMENICA STELLARE

Finale nel tiro a segno Campriani cerca loro


Oggi al Royal Artillery Barracks c la gara di carabina libera 3 posizioni 50 metri e il numero uno del ranking Niccol Campriani, gi argento nella carabina 10 metri. Il fiorentino vuole loro: Sarebbe sciocco perdere unoccasione del genere. Mi sono preparato bene, voglio unaltra finale, poi conteranno i minimi dettagli.

107 of 174

SuperBolt, ItalDream
PAOLO VIBERTI
MANCAVA solo luomo dei Giochi, perch il nuotatore statunitense Michael Phelps riuscito nellimpresa di vincere come nessun altro nella storia delle Olimpiadi, senza per entrare nellimmaginario collettivo. Lui s, il giamaicano Usain Bolt c riuscito ieri sera alle ore 23 italiane, incollando davanti alla Tiv un miliardo di spettatori per LA GARA per eccellenza delle Olimpiadi, la finale dei 100 di atletica. Opposto a chi lo aveva battuto di recente ( Blake ) e annunciato in non Usain monumentale perfette condizioni nei 100, i fiorettisti fisiche, Bolt ha azzurri ci regalano il scherzato, dominato, 6 oro passeggiato, divertito, esaltato, conquistato, appassionato in 9??63 con 1.5 mt di vento a favore ma una temperatura di soli 17. Potr capitare qualsiasi cosa, ma sin dora sosteniamo che Usain lOlimpiade??. Come a Pechino. ITALIA SI In una giornata che prometteva molto per i nostri colori, non tutto andato come si sperava, ma la sesta medaglia doro arrivata dalla fucina azzurra dei metalli preziosi, la solita scherma che con la squadra di fioretto ha battuto in finale il Giappone di Ota (45-39), portando a casa il settimo podio delle lame italiche in questa edizione, tre dei quali ci hanno visti sul gradino pi alto. Ma non tutto: mai nella storia delle Olimpiadi, lItalia ha vinto nella stessa edizione il titolo olimpico sia nel fioretto a squadre maschile che in quello femminile. Ma mentre le donne non hanno fatto che confermare lincredibile triplete della prova individuale, i maschietti si sono superati perch in precedenza non erano andati al di l di un quarto posto con il peggior classificato del ranking, Andrea Baldini . Loro di ieri, invece, ha un sapore particolare proprio per il livornese, che a Pechino era stato escluso per un (poi) falso problema di doping che aveva anche scatenato ipotesi di complotto interno. Ha fatto dunque doppiamente bene vedere ieri lo stesso Baldini rifilare la stoccata decisiva e il Beffa per la compagno-rivale Andrea Cassar volargli addosso per Cagnotto nei tuffi: ringraziarlo e complimentarlo. Hanno svolto la loro parte ancora quarta, anche Giorgio Avola e Valerio Aspromonte , con menzione questa volta per donore per il ct Mauro Cerioni , perfetto nellinserire il 20/100 di punto. Sport dellacqua ko: penultimo al posto dellultimo dalle semifinali. Con quello di ieri, lItalia sale a sei ori per 14 medaglie complessive. eliminato anche il ITALIA NO Due quarti posti per noi ieri, ma terribilmente Setterosa diversi: per Tania Cagnotto s trattato della seconda beffa

108 of 174

in otto giorni. Gi dal podio del trampolino da tre metri per 20/100 di punto! Una persecuzione per lazzurra che anche domenica 29 luglio scorso aveva complicato il suo cammino allultimo balzo. Quarto anche il 34enne ginnasta brianzolo Alberto Busnari nel cavallo con maniglie, ma la reazione in questo caso stata diametralmente opposta: Un risultato di valore, altri meritavano pi di me. Chiss se la pensa cos anche Elia Viviani , che nellomnium del ciclismo su pista finito sesto assoluto dopo aver assaporato il podio a una sola prova dalla fine (delle sei in programma), allorquando era in testa a pari punti con il danese Hansen e il francese Coquard , che poi hanno agguantato oro e argento. Mai da Seul 1988 il ciclismo azzurro era tornato dai Giochi senza un solo podio tra le prove su strada e quelle su pista. ACQUA Dopo lo zero assoluto nel nuoto e il gi citato epilogo sfortunato di una comunque meritevole Tania Ilusione Viviani Cagnotto, in serata arrivato anche il tonfo delle nellomnium: pallanuotiste del Setterosa, fuori nei quarti dopo la sconfitta primo a una pgara patita dagli Usa (6-9). LItalia dellacqua ha davvero deluso su dalla fine, ma poi tutti i fronti sin qui. E c chi sussurra che questo verdetto solo 6. Il ciclismo potrebbe avere anche ripercussioni sulle prossime elezioni va indietro di 24 alla presidenza del Coni... Resta la variante impazzita della anni, al digiuno di pallanuoto maschile, nonch i soliti eroi misconosciuti del Seul 88 nuoto di fondo ( Cleri su tutti), che sta al nuoto come la marcia sta allatletica. BEACH Nonostante il flop appena citato, la spedizione azzurra perfettamente in linea con le previsioni della vigilia. Peccato comunque per le brave Cicolari-Menegatti nel beach volley femminile: le ragazze che avevano iniziato alla grande: anche in questo caso a livello di quarti la sfida con le americane (olimpioniche a Pechino) stato fatale. E rammarico anche per il tiratore napoletano Giuseppe Giordano , quinto nella pistola da 50 metri in quel tiro a segno che oggi promette di farci raggiungere quota 15 medaglie con il toscano Niccol Campriani nella carabina tre posizioni??. LOlimpiade affascinante proprio perch imprevedibile. Ne sa qualcosa un certo Roger Federer , il pi grande tennista di tutti i tempi, che ieri ha perso loro del tennis sullo stesso campo e contro lo stesso avversario battuto al torneo di Wimbledon, lo scozzese Andy Murray .

109 of 174

Joppich e la Germania recriminano Ma quanto utile la moviola in tiv


SALVATORE SANZO
FORSE sar noioso, ma di sicuro evita molte polemiche e discussioni. Molte, ma non tutte. Prendete la semifinale di fioretto maschile tra Germania e Giappone e andate a dire a Peter Joppich che larbitro aveva ragione. No, stavolta il video arbitrale non ha funzionato. Nel senso che il presidente di giuria designato per lassalto stato troppo fiscale e ha applicato una sanzione che non ci stava facendo perdere una finale al povero tedesco, 4 volte campione del mondo, e ai suoi compagni. E accaduto che sul 41 pari contro Ota, scaduto il tempo regolamentare Joppich tocca, ma larbitro dal video vede una copertura del bersaglio valido con la testa del tedesco, che probabilmente non cera, e annulla il punto. Raccontato il singolo episodio, secondo me il video nella scherma molto utile. Non a risolvere il 100% dei casi. Non come nel tennis, dove la tecnologia raggiunge la perfezione e ci dice se la pallina dentro o fuori, ma comunque aiuta larbitro. Pensate che, nella scherma, molte azioni possono essere interpretate in pii modi. Sembrer strano, ma proprio cos. Considerate di vedere una partita di calcio in cui larbitro giudica da rigore un tal fallo: quante volte sentiamo dire, per me quello non era fallo o per me quello lo era. Lo rivediamo mille volte alla moviola, eppure non riusciamo a raggiungere una valutazione uniforme. Ecco, nella scherma accade la stessa cosa. Unazione pu essere giudicata in un modo o in un altro: dipende dallinterpretazione che da larbitro. Pero nella maggior parte dei casi, li aiuta a far prendere la decisione corretta. Al lato positivo, ce ne sono alcuni negativi: intanto, quello che lazione, se non vista a velocit normale, rischia di non far capire chi attacca o chi difende, nello specifico rischia di confondere larbitro nellindividuare la precedenza del braccio dalle gambe e viceversa, ma soprattutto lo spettacolo che ne risente. Troppi tempi morti per uno sport di per se gi lungo. Bisognerebbe trovare una soluzione a questo problema. Magari, si dovrebbe spezzare la gara in 2 giorni, anzi, io penso si debba andare verso questa soluzione. Una gara non pu iniziare la mattina alle 9.00 e terminare la sera alle 21.00. Ne risente lo spettacolo e ne risente il movimento. Cos, non serve alla scherma essere al passo coi tempi nella tecnologia. *Olimpionico di scherma e opinionista Sky

110 of 174

Se la maratona lunga poco pi di 26 miglia in un Paese incagliato ai tempi dellimpero


PAOLO BRAMARDO
IL MIGLIO terrestre, o miglio inglese, corrisponde a 1.760 iarde, ovvero 1.609,344 metri. Non di per s una notizia sconvolgente, ma vorremmo che spendeste un po del vostro tempo calcolando a memoria a quante miglia corrisponde la distanza della maratona (42.195 metri). Difficile, vero? Il risultato 26,218 miglia e forse non riuscirebbe fare lequivalenza senza calcolatrice neppure il Dustin Hoffman di Rain Man, che memorizzava tutte le carte al casin e calcolava le probabilit di quelle che sarebbero uscite. Eppure ieri si pretendeva questa capacit dalle atlete della maratona, che si sono ritrovate lungo il percorso i pannelli con le distanza espresse in miglia. Una svista? No, semplice manifestazione di spocchia di un Paese ancora aggrappato al Sistema Imperiale?? adottato nel 1824. Eppure di acqua ne passata sotto i ponti da allora, anche sotto quelli del Tamigi, tanto che pure il Regno Unito ha aderito formalmente al Sistema Internazionale??, il pi diffuso al mondo che comprende il sistema di misurazione metrico decimale. Gli americani no, loro sono convinti e orgogliosi utilizzatori di galloni, once e pollici. Ma almeno sono coerenti e poi hanno come attenuante che guidano a destra e bevono la birra gelata. I sudditi sua maest ex-imperiale, invece, studiano a scuola con litri, chilogrammi e metri mentre spopolano i circoli di sostegno al Sistema Imperiale??, uno fra questi sostenuto dalla Rowling, autrice di Harry Potter, divenuta naturalmente tuttologa - e qui tutto il mondo paese - dopo avere raggiunto le pi alte vette del successo. Fossero almeno originali, ma il miglio si chiama cos perch oltre duemila anni fa i romani cercavano un nome da dare alla misura equivalente a mille passi. Il pudding sar britannico ma il miglio no e per quanto chiamato inglese non un prodotto doc. Questo piccolo episodio, di per s insignificante, assume ben altra importanza se lo si legge nel quadro pi ampio di un Paese che fa parte dellEuropa standone fuori. Geograficamente e politicamente. Ma forse, dopo la gloria delle Olimpiadi, scopriranno di essere anche loro invischiati nei problemi del Vecchio Continente. Limpero finito da un pezzo, qualcuno glielo dica.

111 of 174

112 of 174

MARATONA FEMMINILE Straneo, la mammina 8


LONDRA. Dallatletica amatoriale allottavo posto ai Giochi olimpici in due anni: la storia, incredibile ma vera, di Valeria Strneo . La mamma di Alessandria, 36 anni e due bimbi a passeggio per Londra con il pap, ha fatto quello che non era mai riuscito a nessuna prima dora. E alla fine Mister. Maratona Stefano Baldini a farle i complimenti per una gara corsa senza la paura della debuttante. La prima a tagliare il traguardo Tiki Latleta alessandrina LONDRA. Valeria Straneo Gelana , la pi veloce corre senza milza stanca alla fine della maratona in una volata che ha (Ap) racchiuso il podio in 22 secondi. Nella storia della maratona olimpica al femminile non cera mai stato un arrivo cos ravvicinato e neppure cos veloce: 2h2307?? per letiope (capace di correre dal 40 km al traguardo in 657??), davanti alla keniana Priscah Jeptoo (2h2312??) e allex siepista russa Tatyana Petrova Arkhipova (2h2322??). E continua cos la maledizione del Kenya, che poche ore dopo essere uscito a mani vuote dai 10.000 maschili fallisce anche la maratona, una gara che le donne keniane non hanno mai vinto e che ieri ha visto naufragare nel finale la favorita Mary Keitany . Dietro a loro andava in scena la favola della Strneo, la tapasciona esplosa alla fine del 2010 dopo lasportazione della milza a causa di una malattia ereditaria (sferocitosi). La piemontese ha condotto una gara regolare ed stata tra le pi attive nelle fasi iniziali, rilassata e capace pure di sorridere e salutare amici e parenti tra il pubblico. Si messa davanti sino a oltre met gara (passaggio in 1h1313??). Era unandatura che non mi dava problemi - spiega - in realt non sapevo neanche a quanto stavo andando: ho corso a sensazioni, senza guardare il cronometro. Sensazioni che nel finale si sono fatte fastidiose. Problemi di dissenteria, ma questo non ha pregiudicato il mio piazzamento, al massimo avrei recuperato una posizione. Decisamente meno soddisfatte le altre due azzurre in gara: 29 posto (in 2h2938??) per la campionessa europea Anna Incerti che ha chiuso poco davanti a Rosalba Console , 30 in 2h3009??. A. SCH.

113 of 174

Le altre gare Rupp, un bianco sul podio


LONDRA. Due giorni vissuti con la sensazione che manchi qualcosa. Gli Stati Uniti non sono abituati a chiudere una giornata di gare senza neppure una medaglia doro, figuriamoci due. Alla terza, finalmente ieri sera gli Usa sono riusciti a colmare questo vuoto con la vittoria di Sanya Richards Ross nei 400 (in 49??55). La mancanza di un primo posto, per, era gi stata compensata da un argento storico, Dopo 24 anni come celebrato negli Usa Antibo sui 10.000 LONDRA. Galen Rupp, quanto e pi di una lamericano argento sui 10.000 vittoria. Il secondo posto di Galen Rupp nei (Reuters) 10.000, alle spalle di Moh Farah , ha lanciato il segnale che tutti attendevano da anni: un bianco pu ancora lottare e battere gli atleti africani. Lultimo a riuscirci era stato lazzurro Salvatore Antibo a Seul 88, pure lui argento. Poi 24 anni di podi africani. Il risultato di Rupp non casuale ma il frutto di un lavoro iniziato undici anni fa con il Nike Oregon Project , uniniziativa sponsorizzata dalla multinazionale americana per far rinascere il mezzofondo americano attraverso tecnologia, soldi e un tecnico carismatico come Alberto Salazar . E cos gli Usa sono tornati protagonisti in una gara che non li vedeva sul podio olimpico dal 1964. ALLARME DONATO LItalia a questi Giochi Olimpici londinesi ha ben poche chances di medaglia e una di quelle sta pure male. Domani Fabrizio Donato dovrebbe scendere in pedana con Daniele Greco per la qualificazione del triplo, ma il campione europeo dolorante. Sono preoccupato - ha detto - avverto un fastidio costante alla schiena e ora si aggiunto anche un problema al tendine. MALE FLORIANI Tra gli azzurri in gara ieri nello stadio olimpico: Yuri Floriani giunto 13 in 840??07 nei 3.000 siepi vinti dal keniano (di casa a Siena) Ezekiel Kemboi (818??56). Niente finale per Gianmarco Tamberi , fermatosi a 2,21 nella qualificazione dellalto. A. SCH.

114 of 174

Bolt raggiunge Lewis Lampo nel freddo: 9??63


ANDREA SCHIAVON
LONDRA. La leggenda pu cominciare, il primo passo stato fatto. Anzi, i primi 40 passi, tanti ne sono bastati a Bolt per uscire dai blocchi, raggiungere il traguardo e andare pi veloce dello scetticismo e dei dubbi. I 100 metri sono e restano cosa sua, propriet privata di Usain, capace di schiacciare le ambizioni di Yohan Blake con una progressione che non ha lasciato scampo al compagno di allenamento-sfidante: 9??63 per il Fulmine, 9??75 per la Bestia. Con loro la Giamaica fa festa, a Kingston come a Montego Bay, anticipando di qualche ora le celebrazioni in programma oggi per il 50 anniversario dellIndipendenza dellisola. Limpero Batte Blake e imita il britannico non esiste Figlio del Vento, pi, quello bissando loro del giamaicano dello 2008 sprint invece detta legge sempre di pi. Neanche a Pechino si era vista una superiorit cos schiacciante e se non fosse stato per il freddo londinese forse oggi i 100 avrebbero un nuovo record mondiale. Massacrati, ancora una volta, gli sprinter statunitensi: a cominciare dallex dopato Justin Gatlin , stritolato in sesta corsia, a separare i due fenomeni, ma pur sempre capace di togliere il bronzo, per un solo centesimo (9??79 contro 9??80) a Tyson Gay . Ne venuta fuori la finale olimpica pi veloce di sempre, con sette atleti sotto i 10 secondi. Lunico che non c riuscito stato lex primatista Asafa Powell , in ginocchio sul traguardo. COME LEWIS Gi in semifinale in sette avevano infranto il muro dei 10 secondi. L si era capito che Bolt era tornato: impressionante il suo 9??87 limitandosi a passeggiare negli ultimi quaranta metri. Cos il fatto che sia Gatlin (9??82) sia Blake (9??85) avessero corso pi veloci non aveva fuorviato nessuno, perch in fondo pure i diretti interessati erano consapevoli che Usain non aveva spinto. Gente come Gay e Gatlin per parlare di Bolt dice che lui come il primo uomo sulla luna: si spinto dove gli altri non sono mai stati. Se si esclude larcheologia olimpica di Archie Hahn (oro a St.

115 of 174

Louis 1904 e Atene 1906), solo Carl Lewis era riuscito sinora a vincere due ori olimpici di fila sui 100. Una era la medaglia boicottata di Los Angeles 84, laltra era quella di Seul 88, consegnata con qualche giorno di ritardo, dopo la squalifica di Ben Johnson . Ecco perch limpresa di Bolt ancora pi straordinaria. Lunico che a Londra riceve lo stesso tipo di ovazioni Oscar Pistorius , uscito di scena ieri nei 400: arrivato Pronti... (Reuters) ...partenza, ultimo in una via! (Reuters) 9??63 secondi Il connazionale semifinale proibitiva, dopo: oro!(Ap) La posa prende largento in vinta dal campione tipica...(Reuters) LONDRA. 9??75, bronzo a mondiale Kirani Usain Bolt, 25 anni, urla la sua Gatlin che lo James . Alla fine per gioia mentre taglia il traguardo strappa a Gay. stato il ragazzo di dei 100 precedendo Blake e Nellera moderna Grenada a chiedere Gatlin (Ansa) ... e nuovi solo Carl aveva al sudafricano di gesti(Reuters) replicato di seguito scambiare il pettorale di gara. E lapplauso assordante che ha salutato Oscar, in attesa di rivederlo in pista per la 4x400, non era certo inferiore a quelli tributati a Bolt. COME UN DJ Usain per sa sempre come portare il pubblico dalla propria parte. Con un gesto, fingendo di scratchare come un dj, scatena unovazione, prima di sistemarsi sui blocchi. Poi gli bastano meno di dieci secondi in apnea per riemergere con quel sorriso che nei mesi scorsi aveva perso, cariato dai dubbi. Punti di domanda che si erano ingigantiti dopo la doppia sconfitta inflittagli da Blake ai Trials giamaicani. Coach Glenn Mills e i reciproci management avevano fatto in modo che i due si evitassero per tutto lanno, mettendoli luno di fronte allaltro nellunica gara indispensabile, quella che garantiva la partecipazione ai Giochi. Usain non perdeva una finale sui 200 da cinque anni e sui 100 era stato battuto solo due volte... ecco perch Kingston era stata vissuta come una disfatta. Bolt ha mal di schiena, Bolt non pi quello di una volta, ripetevano critici e pessimisti. E poi cera quellaltro problema, quelle passioni per le feste e per le auto veloci che gi una volta lo avevano fatto finire allospedale: se hai 26 anni e sei un campione milionario difficile stare sempre sul pezzo, anche se non sei un calciatore. E Usain non certo un asceta, anzi, si concede tutto quello che pu. Compreso sfasciare unauto in un incidente stradale, alle cinque del mattino, a un mese e mezzo dai Giochi. Gli sono bastate poche settimane per per rimettere tutto a posto. E adesso gli restano altri sei giorni per completare lopera e fare quello che si prefissato: diventare leggenda. Se vincer anche i 200 e con la 4x100 non servir neppure fare un sondaggio per capire chi il pi grande sportivo di sempre tra lui e Michael Phelps , perch nessuno avr dubbi. Per battere Usain, il povero Michael dovrebbe camminare sulle acque.

116 of 174

117 of 174

118 of 174

TENNIS Wimbledon stavolta fa esultare Murray Lo scozzese: Pi facile vincere che perdere tutte le volte. La mia giornata perfetta, bella da impazzire
DANIELE AZZOLINI
LONDRA. Siamo a Wimbledon, ma non lo stesso Wimbledon di sempre. E in campo c Federer , e anche lui ha qualcosa che non va. Per non dire del pubblico del Centre Court, fasciato nelle Union Jack acquistate a due pounds fuori dai cancelli... Alzi la mano chi lo abbia mai sentito ululare di piacere ai servizi sbagliati dello svizzero. C il duca di Kent al riparo dietro un paio di occhialoni scuri, sembra in incognito. Ha laria basita di chi si stia chiedendo se ne sia valsa la pena permettere questa intrusione del popolino olimpico nelle sue terre, dentro i sacri recinti, proprio l, a contatto con il Royal Box, i cui preziosi legni che lo racchiudono stanno facendo, in quel preciso momento, da poggia-terga per due o tre spensierati che vogliono scattare una foto del campo. LA RINASCITA un curioso pomeriggio di mezza estate, quello che spinge il pi antico club tennistico del mondo a Federer Quarti e semifinali mi hanno contatto con il suo esatto contrario. C un filo perverso a collegare tutto ci che accade, e che su questi prati antichi prosciugato. Ero nessuno avrebbe mai pensato potesse accadere. O forse qui per una una strategia? Nel caso, Andy Murray a fornirci una medaglia, eccola risposta sensata. Anche lui si lascia trasportare dal vento qua che soffia a rovescio, anche lui si sente contagiato dalla Sindrome dellAntitesi. Non aveva ancora vinto niente di importante. A contatto con la gloria aveva sempre mostrato inappetenza, rigidit agli arti, sudori freddi. La giornata dei contrari lo mostra finalmente nella versione B??, il suo opposto lo rivela aitante, spregiudicato, persino guascone. E vince, alla fine, concretamente, pienamente, olimpicamente rigenerato. In nome di una Gran Bretagna che lui ama, e al centro di unInghilterra che poco sopporta. In fondo - dice, con una riflessione tuttaltro che banale -, pi facile vincere che perdere tutte le volte. IL PODIO Ha vinto il Wimbledon sbagliato, si potrebbe dire con malizia. E aggiungendo polvere pirica alle rituali dietrologie, viene da pensare che ancor pi maligno sia stato Federer, che pochissimo ha fatto per contrastare la giornata a cinque stelle dello scozzese. Pensateci un attimo: ha rilanciato Del Potro , battendolo fra tali sofferenze da fornire nuova linfa allautostima dellargentino, alquanto in ribasso da tre stagioni a questa parte. E ha concesso a Murray la sicurezza di poter vincere titoli importanti. Ha di fatto ridisegnato il quadro del tennis di vertice, lo scaltro Federer: nel finale di carriera, il pi forte fra tutti spalanca le porte del Club dei Vincenti, aggiungendo nuovi ostacoli sulla strada di chi ( Nadal , Djokovic ), forse, aveva sperato di poterlo agguantare, e di raggiungerlo nel conto degli Slam. Ma s, sono solo

119 of 174

dietrologie, viziose disquisizioni. Sul piatto c una finale giocata a senso unico, stravinta da Murray; c la giornata senza brio di Federer, che con Del Potro ha probabilmente consumato le residue energie. Lo ammette, anche: Quarti e semifinali sono stati match condotti sul filo dellemotivit, mi hanno prosciugato. C il progressivo appassimento di Djokovic, battuto anche nella finalina per il bronzo da un Del Potro implacabile. C la gioia uguale dei tre che salgono sul podio, e anche questa curiosa, o forse, semplicemente molto olimpica. Una gioia inammissibile per il tennis come lo conosciamo. Esulta Murray, che venti giorni fa aveva lasciato quello stesso campo in lacrime. La mia giornata perfetta, bella da impazzire. Ho dimostrato di poter vincere anchio. Esulta Federer, cui la sconfitta scivola via senza lasciare segni: Ero qui per una medaglia, eccola qua, non doro, ma Andy ha giocato bene. Io no, vero, ma lui stato bravo, e non so se sarei riuscito a vincere anche giocando un match migliore. Dunque, va bene cos. Ed esulta Del Potro, uomo di poche parole. Ragazzi, si riparte, dice. E si intuisce che non vedeva lora. SI RIPARTE Il tennis va in America, al suo tran tran. Se i Giochi hanno cambiato qualcosa, saranno gli Us Open a dirlo. Forse s. La Gran Bretagna ha vinto, e non vinceva mai. Gli Stati Uniti hanno vinto, e cera chi li dava per dismessi. Federer rester numero uno fino a New York. A perdere sono stati quelli che un anno fa vincevano tutto.

120 of 174

unItalia senza fine


PIERO GUERRINI LONDRA. Una fine lieta e lieve, che riscalda i cuori. La scherma vale la met (ora) dello sport italiano. E il fioretto del ct Stefano Cerioni vale il 70% della scherma, direbbero i numeri. Gi perch Andrea Baldini , il closer??, Andrea Cassar e Giorgio Avola schiantano dapprima i futuribili Under 22 Usa (45-24), poi in finale spazzano gli ostici giapponesi (45-39) guidati da Ota e concludono lOlimpiade della scherma trascinando sul podio pi alto pure Valerio Aspromonte , messo in panchina da Cerioni dopo il primo faticoso match con la Gran Bretagna (45-40 e il biondo mai vincente). E un trionfo bellissimo. Perch non solo Il ct CERIONI tecnico, ma umano, Questa una LONDRA. Esplode la gioia del umanissimo. E il squadra con un livornese Andrea Baldini dopo capitolo che chiude futuro. Continuiamo la stoccata decisiva contro ufficialmente il difficile cos Ota che ha regalato allItalia rapporto tra Baldini e Cassar, rivalit trasformata in guerra fredda loro nel fioretto a squadre dal caso di doping (con successiva assoluzione (Ansa) di fatto) che escluse proprio Baldini da Pechino. E lo stesso livornese a confermarlo. Andrea ed io non siamo soltanto compagni. Siamo amici. Il gesto emblematico peraltro era stato anche di Cassar, primo a volare in pedana - persino in anticipo - per abbracciare Baldo. Come pure in passato. E una domenica di rivelazioni, questa delloro nel fioretto a squadre, di fatto conferma di quello ateniese, giacch a Pechino non s gareggiato. Rivelazioni come la ricaduta di toxoplasmosi di Cassar: Non ho potuto allenarmi mai, e negli ultimi due incontri non riuscivo pi a recuperare. Non volevo dirlo prima. Del ct Cerioni: Ritirarmi o andarmene io? Se non mi cacciano? Spero a limite che il presidente federale sia un po generoso, No, bisogna continuare il lavoro con questi ragazzi che sono una squadra vera e hanno un futuro, importante. Avete visto, quattro titolari, Aspromonte aveva tirato con dificolt, perso un incontro e allora ho deciso di toglierlo, rischiando un po per gli infortuni. Eandata bene. O come quella di Avola. Entrare stato bello, innanzitutto perch ho potuto partecipare allOlimpiade (lui non era stato schierato nellindividuale, ndr) e poi per loro della squadra. Ai soldi proprio non pensavo. Meno sorprendenti sono le dediche, tutte alle famiglie. E Avola aggiunge. Non la dedico alla fidanzata Rachele perch lei ha il 50% del merito. La serenit mentale in questo sport tutto. FATICA Non stata facile, la finale, perch i giapponesi, non solo Ota, ma anche Miyake - capace di battere Baldini in apertura (5-3) - e il combattivo Chida , potevano prendere il tempo ai nostri in qualsiasi momento. Ma non hanno altrettanto classe, tanto che si sono moltiplicate le Cassar rivela: Mi parate e risposta dei nostri. Ecco, Cassar ha faticato, due sono allenato poco volte finito sotto, per tornato sempre in carreggiata. a causa della Fatta eccezione con Ota, che laveva fatto faticare anche toxoplasmosi. Ma negli ottavi del torneo individuale. E stata una finale intensa il vero miracolo e trascinante, zeppa di emozioni, ma comunque sempre lamicizia tra lui e controllata dai nostri. Almeno da quando Cassar ha rifilato Baldini

121 of 174

l8-4 della svolta a Chida. Al resto ha pensato Baldini, con un assalto finale perfetto. Certo, cominciato in vantaggio, ma pienamente dominato, sul rivale migliore. Cerioni dice sempre che chi chiude deve pensare a quello, non a vincere gli assalti. Mi venuto in mente quando ho perso il primo. E ho cercato di concentrarmi. Quattro campioni, quattro atleti su cui lavorare anche per il futuro. Ma il presente per loro adesso. E quellinno cantato a squarciagola, Cassar addirittura interpretandolo con una mossa. Una giornata vissuta inizialmente come un incubo, pensando a ci che sarebbe stato tornare a casa senza medaglie con i migliori fiorettisti del ranking e dopo il 4, 5 e 6 posto nellindividuale che gi sapeva di beffa. SCARAMANZIA Mi aspettavo titoli come Ultimi??, Pessimi??. Ho cominciato a non guardare pi la gara. Siccome ha portato bene, girarmi con lasciugamano, ho continuato per tutta la giornata. E la rivelazione, ennesima di Cassar, che conferma quale fosse la tensione, il peso delle responsabilit. Ma tutto s trasformato in carica per i ragazzi, conferma Cerioni, che li ha messi assieme come se fossero una sola unit. Ora soltanto festa. Avola parla della sua chitarra. Che tanto mi aiuta a rilassarmi alla fine delle giornate. Il mio preferito B.B. King. Per essere qui non ho potuto vedere qualche concerto estivo. Mi sono caricato ascoltando spesso The Thrill is gone??. Cassar parla delle sue tre medaglie. Questa mi ripaga delle delusioni. Del resto ad Atene tutti ricordavano loro a squadre pi del mio bronzo. Beh, ho fatto tre. Saltano i ragazzi e noi con loro. Un gruppo che ha vissuto difficolt e le ha superate per arrivare sino al trionfo. Bello no? Edificante. E voi pensate intanto cosa sarebbe lo sport italiano senza la scherma.

122 of 174

123 of 174

124 of 174

125 of 174

126 of 174

127 of 174

128 of 174

Un trionfo che spazza le polemiche


LONDRA. La grandezza di un ct la riconosci non soltanto dal lavoro tecnico, ma dallumanit. Cerioni ha aspettato e lavorato sui suoi ragazzi perch ritrovassero la pace. E come dice Cassar. stato un processo graduale, bello. Il ct invece rivela. E vero si parlavano da tempo, ma prima della gara a squadre abbiamo fato un incontro importante, da cui scaturito qualcosa di bello e pi grande. Da squadra vera e compatta. E cos la vicenda della positivit pre-Pechino di Baldini, che aveva lasciato molti dubbi e sera risolta con una semplice piccola squalifica per negligenza risolta. Io ho pensato soltanto a godermi ogni minuto di questa Olimpiade. Non un riscatto questo oro e perci ancora pi bello. E la vittoria di oggi, del momento. E per togliere ogni dubbio, svela. Sapete che Il ct Cerioni, 48 anni Cassar nellindividuale ha tirato la stoccata decisiva contro Ota negli ottavi con il mio fioretto?. Il risultato lItalia prima nel medagliere della scherma, con 7 medaglie (3-2-2), 7 come a Pechino, ma pi nobili. Sempre al vertice da Sydney, anzi gi ad Atlanta erano state 7. Ma io - chiosa Cerioni - spero che alla fine la scherma abbia portato soltanto un terzo dei podi azzurri. P.G

129 of 174

130 of 174

BASEBALL San Marino e Rimini si giocano la finale


Saranno T&A San Marino e Rimini a giocarsi, a partire da venerd 10 agosto, lo scudetto nelle Italian Baseball Series. E questo lesito di un equilibratissimo girone di semifinale, arrivato alle gare decisive di venerd e sabato senza una sentenza. E che un primo verdetto lo ha dato quando San Marino ha eliminato Bologna battendo la Fortitudo con un punto di scarto a domicilio. Allo stesso tempo Rimini sconfiggeva la Danesi Nettuno ancora con il minimo scarto, con lunico punto della serata segnato da Santora con un fuoricampo a basi vuote. Linterbase italo americano dei romagnoli non batteva un home run dal 2008. Essendoci stato cos tanto equilibrio, ovvio che le 2 squadre eliminate escono con rammarico. RISULTATI Rimini-Danesi Nettuno 4-2 (giocata a Nettuno), 1-0, 1-4; Unipol Bologna-T&A San Marino 0-8 (giocata a San Marino), 5-6, 2-5. CLASSIFICA FINALE T&A (6-3); Rimini e Danesi (5-4); Unipol (2-6); T&A e Rimini (in vantaggio 2-1 negli scontri diretti su Nettuno) si qualificano per le Italian Baseball Series, che iniziano venerd 10 agosto a San Marino

131 of 174

CICLISMO SU PISTA Viviani 6, Italia ko come a Seul 88


PAOLO VIBERTI
NIENTE da fare: il veronese Elia Viviani non riesce a regalare una medaglia al ciclismo su pista azzurro, un movimento che in effetti non esiste a livello dlite. Unico nostro rappresentante in questa edizione dei Giochi, il corridore della Liquigas era impegnato ieri nella seconda giornata dellomnium, una specialit Elia Viviani, unico azzurro nel massacrante concepita in sei prove molto ciclismo su pista, ha lottato diverse tra loro. sino allultimo per un podio ILLUSIONE Dopo aver concluso la prima met nellomnium (LaPresse) del cammino in seconda posizione con la giornata di sabato, Elia ieri mattina si salvava con onore in un cimento a lui assai poco congeniale, linseguimento individuale. Il settimo posto parziale Nelle ultime tre consentiva al nostro stradista-pistard di scendere al quarto prove dellomnium, posto, sperando di migliorare immediatamente nella fatale il chilometro successiva fatica dello scratch, una specie di corsa in da fermo a Elia, in miniatura?? con sprint finale. Erano in molti, durante la testa dopo lo quinta gara, a tentare di guadagnare il giro e tra questi scratch a pari anche Viviani, che vi riusciva con altri otto. Questi ultimi, merito con due per, avevano il torto di pensare allo sprint conclusivo, avversari rallentando un po il ritmo e consentendo al danese Lasse Hansen di recuperare. Sul traguardo, Elia era solo sesto e a conti fatti sprecava punti preziosi. LEADERSHIP Dopo lo scratch, infatti, lazzurro si ritrovava in testa a pari punti con lo stesso Hansen e con il francese Bryan Coquard (25 per tutti e tre), mentre quarto era il tedesco Kluge (28) e quinto il britannico Clancy (31). Quello che poteva senbrare un privilegio era invece da leggere come un handicap, perch Elia nella successiva e ultima prova del chilometro con partenza da fermo avrebbe potuto patire non poco al cospetto di veri specialisti. EPILOGO E cos purtroppo accadeva. I due migliori tempi sui quattro giri erano realizzati dallinglese Clancy (oro con il quartetto dellinseguimento) con 100??981 e dallo stesso Hansen, mentre terzo era laustraliano OShea sul francese Coquard. Il veronese non andava al di l del nono posto parziale (104??239), restando sostanzialmente sui suoi tempi, ma tutto ci lo faceva precipitare al sesto posto conclusivo al termine delle sei prove. Vinceva il danese Lasse Norman Hansen con 27 punti, davanti al francese Bryan Coquard (29) e allinglese Edward Clancy (30). Il veneto era preceduto anche dal tedesco Roger Kluge (33) e dallaustraliano Glenn OShea, anche se questultimo con lo stesso punteggio dellazzurro (34). Con Viviani, tornava a casa senza podi tutto il nostro ciclismo. Un bilancio negativo su cui riflettere: era da Seul 1988 che non si vincevano medaglie n su strada, n su pista.

132 of 174

Olimpiadi maledette
GIORGIO PASINI
FINISCE con un tuffo svuotato nella piccola vasca dellidromassaggio, dietro ai trampolini. Il tuffo che non avrebbe mai voluto fare, lei non pu ricordare il primo, involontario, aveva appena un anno nel laghetto dellAcquacetosa, il centro federale dove pap Giorgio era cresciuto e stava gi cercando di crescere le nuove generazioni. Finisce con la testa sottacqua, ma allindietro, appesantita da quella che chiama una maledizione, con gli occhi spessi di lacrime. Come una settimana fa nel sincro. Dovevano essere le Olimpiadi di Tania Cagnotto , sono stati i Giochi delle beffe, delle medaglie di legno prese in faccia. Per un nulla. Due punti e rotti domenica scorsa in coppia con lamica Francesca Dallap . Venti centesimi, s venti maledetti e (su una gara da oltre TANIA CAGNOTTO trecentosessanta ancora 4, stavolta punti) teoricamente per appena 20 inconsistenti centesimi: Ora centesimi. Invece basta scavano un baratro di emozioni e di sostanza, strappano il cuore alla predestinata dei tuffi (e a tutti noi) che si ferma sulla soglia del paradiso. Senza sbagliare. SETTUPLO Le chiavi delleternit, perch la medaglia di bronzo (specie alle Olimpiadi) nei tuffi della perfezione cinese (oro alla Wu Minxia, il quinto, il primo individuale; argento alla He Zi) quanto di massimo si possa sognare, finiscono in mano una coetanea LONDRA. Tania Cagnotto, 27 messicana. Tania piange di disperazione, anni, ci copre la faccia Laura Sanchez Soto di gioia. Finora aveva sconsolata dopo la beffa nella fatto pi parlare per la scandalosa relazione finale del trampolino da tre con lallenatore Paco Rueda , iniziata quando metri (Ansa) lei aveva appena sedici anni e lui gi trentadue. Adesso sono sposati, nessuno dice pi nulla. Adesso festeggeranno qualcosa di storico, facendo un settuplo?? salto mortale carpiato in avanti: decima a Pechino 2008, dove Tania fu quinta; terza a Londra, dove Tania guarda senza sapere neppure come e perch la vasca maledetta dellAquatics Center londinese. Doveva condurla nel mito, riportando lItalia sul podio a cinque cerchi dopo 32 anni, ovvero dopo il bronzo (lultimo) del padre Giorgio a Mosca 80, e consegnandole lunico allora che ancora le mancava in una carriera iniziata sedici anni fa, quando in Germania conquist la prima vittoria internazionale appena undicenne. LA MAZZATA Tania piange. Ancora. La faccia pulita, la ragazza pi amata, sicuramente vista come la fidanzatina dItalia pi che Federica Pellegrini . Prepotentemente dominatrice (e non solo in acqua) la veneta, dolcemente ed elegantemente vincente la bolzanina. Due parabole parallele ma distanti. Come quella

133 of 174

medaglia che ormai scappata. Per venti, maledetti centesimi. Dopo una qualificazione da bronzo. Dopo una semifinale addirittura da argento, precedendo la cinese He. E anche la finale di ieri partita bene. Primo tuffo (doppio salto mortale e mezzo indietro carpiato) da scossa: secondo punteggio ex-aequo con la He, appena tre punti dalla Wu. E il segnale: quando Tania inizia bene finisce bene. Secondo tuffo (doppio e mezzo avanti con un avvitamento): ancora meglio, ma bronzo. Medaglia comunque. C il terzo, il pi temuto triplo e mezzo. Ostacolo superato, ma Tania quarta, scavalcata dallamericana Krug Bronzo alla . La Cagnotto si riprende, pareggia i conti nel quarto salto messicana (doppio e mezzo ritornato). Quindi arriva al suo cavallo di Sanchez. Pap battaglia?? (doppio e mezzo rovesciato), il tuffo che le ha Giorgio scuote la regalato qualche volta anche i dieci??. La Krug ha gi testa e dice solo: pagato lemozione, ma serve un gran salto per superare la Due volte, due Sanchez, che nel frattempo aveva infilato tre tuffi da 8.5. La volte... perfezione non arriva, il gran salto s. Attimi di ansia, poi il colpo al cuore. La mazzata: 76,5 punti, uno e mezzo in pi della messicana, ma il totale sul tabellone dice 363,20. Record personale, 10 centesimi meglio che in semifinale. Ma Tania il quarto nome. Sopra c Laura. 362,40 punti. Tre tuffi meglio lazzurra, due la messicana. Eppure. Devastante. SENTITO?? Tania non perde leleganza innata, quella voglia di essere perfetta sempre e comunque. Anche nellaccostare al lilla dei disegni del suo costume blu quello dellelastico che le ferma i capelli e quello della pelle?? con la quale ora si copre la testa pi che asciugarsi. I cinque cerchi restano tatuati nel fondoschiena e sulla catenina doro che da sempre porta al collo. I cinque cerchi, alla quarta Olimpiade, lei che ha iniziato bambina (15 anni) a Sydney 2000, non portano la medaglia per la quale s sobbarcata quasi un milione di tuffi (90mila allanno), viaggi, pianti, ferite, un incidente in motorino, gioie e pure due inverni allestero per crescere. Uno in Texas nel 2005, uno in Australia nel 2011. Nulla lasciato al caso. Anche il fidanzato al di fuori dai tuffi (il commercialista-calciatore a cinque Stefano Parolin ) dopo le due storie di piscina chiuse. Soffrendo la prima (col canadese Despatie ), senza drammi n rimpianti la seconda (con lazzurro DellUomo ). Rimpianti che ora arriveranno. Crudeli. Due volte, due volte... sa solo dire pap Giorgio con lo sguardo perso nel vuoto. Sembra che mi abbiano maledetto queste Olimpiadi... Bastavano venti centesimi in pi... sospira Tania. Giudici avari? Non lo so, non ho visto il tuffo, lho sentito?? buono. Le chiedono: e ora? No, ora basta. E il saluto. Non smetter del tutto Tania, ridurr gli impegni come la Pellegrini. Ma a differenza di Fede non parler mai di anno sabbatico, non arriver a Rio. Non lo so, ora non ci voglio pensare. Con un ultimo colpo carpiato, di eleganza e dolcezza perfette. Anche se non sembra, anche se adesso sono delusa, sono contenta della mia carriera nei tuffi. Mi sono presa un sacco di soddisfazioni. Manca la medaglia olimpica, non manca lei. Auguri Tania.

134 of 174

E lItalia non ha un futuro


NON lo meritava. Non Tania. Dolce, determinata, primadonna senza vezzi da primadonna. Cos lontana da Federica Pellegrini. Non lo meritava la piccola grande famiglia dei tuffi. Pap Giorgio che ha investito se stesso e una vita per costruire qualcosa, perch le imprese sue e dellamico Klaus Dibiasi non restassero isolate. Senza impianti, senza soldi, senza attenzione, con pochi ragazzi, pochissime ragazze. Ci ha creduto, ci hanno creduto. Quattro gatti. Uniti, fenomenali. E mancata la ciliegina dice ora Cagnotto senior. A lui mancato loro a cinque cerchi, alla figlia anche soltanto?? un bronzo. Le avrebbe regalato e le regalerebbe tutte le sue quattro medaglie olimpiche, il papi??. Ma tanto Tania non le accetterebbe. Andr avanti, vivr, costruir qualcosaltro. Ma lItaltuffi? Rischia il baratro. Via lei, via i vecchi. Giovani ce ne sarebbero pure, ma chi investir. Chi li crescer. E dove? Pap Giorgio stanco, lItalia di chi dirige povera di idee. Lo si visto nellaltra piscina, quella della Caporetto tra le corsie. Un pianto. Senza lacrime, per di pi. Tania invece ne ha consumate e ne consumer tante. Troppe. E non giusto. G.P.

135 of 174

136 of 174

137 of 174

GIOCHI PROIBITI Biscotto per il basket? I francesi lo temono


PIERO GUERRINI E il giorno dei verdetti, si spera non delle imputazioni. Dopo il caso-badminton la cultura del sospetto prevale come allEurocalcio. Nel basket gli Usa sono favoritissimi, ma la rivale Spagna s complicata la strada per la finale perdendo con la Russia, ora prima e sicura di evitare gli americani. Gli spagnoli di Scariolo affrontano invece il Brasile, in gioco il secondo o il terzo posto. Ebbene, come i russi, anche chi perder avr il vantaggio?? di non incrociare gli Usa sino alleventuale finale. Ergo, vincere e chiudere secondi nel gruppo B uno svantaggio. Il biscotto negli sport di squadra assoluta normalit. La storia dice che perdere apposta non porta bene. Ma un fatto che sia successo. Mentre a Euro 2009, quando la Francia sconfisse la Grecia e incroci nei quarti la Spagna, pag la propria sportivit con un -20. Mentre i greci finirono con il bronzo... Ovvio, tutti dicono che vogliono vincere. Ma i francesi (interessati, in quanto probabilissimi secondi) guidano gi la caccia ai fantasmi...

138 of 174

Le Cinesi? Vittime Lo dice Yao Ming


Per lex fuoriclasse cinese dellNba, Yao Ming, le giocatrici di badminton escluse dalle Olimpiadi di Londra (4 coppie, di cui una cinese) per aver combinato dei risultati sono delle vittime??. Intervistato dalla Agenzia Xinhua, ha detto di condividere la decisione della Federazione di badminton, ma ha aggiunto di comprendere le motivazioni che sono state alla base del biscotto: Queste cose accadono anche nel basket - ha detto lex centro degli Houston Rockets - Dobbiamo porci solo una domanda, giusto scandalizzarsi per gli incontri combinati quando c in ballo una medaglia doro olimpica che vale pi di ogni altra cosa?. Intanto la delegazione cinese ha chiesto alle giocatrici di scusarsi per il loro comportamento. Yao Ming, ex stella del basket Nba con Houston (Ansa)

139 of 174

Per la judoka veleni su Twitter


Non stato molto fortunato lesordio nel judo olimpico di unatleta saudita. Dopo le polemiche sul velo, arrivano anche gli insulti per Wojdan Shaherkani dopo il ko lampo, in appena 82 secondi, contro la portoricana Melissa Mojica nella categoria 78 km. Il padre della ragazza ha dato incarico a un avvocato minacciando azioni legali per le offese che sua figlia ha ricevuto su Twitter dopo la gara. Ho inviato un telegramma urgente al Ministro dellInterno, il principe Ahmed Ben Abdel Aziz - ha detto - con le copie di tutte le offese messe online su Twitter ha detto Ali Seraj Abdulrahim Shaherkani al quotidiano Alsharq.

LONDRA. Sempre polemiche attorno alla Shaherkani (Reuters)

140 of 174

Strade nel caosDi nuovo caos nellantica rete dei trasporti pubblici londinesi: migliaia di passeggeri sono rimasti bloccati quando le linee della overground?? che passano per la stazione di Kings Cross sono rimaste ferme per quasi unora. Un guasto ai segnali attribuito a un trasformatore saltato ha provocato lo stop dei convogli in una delle giornate pi ad alto traffico delle Olimpiadi. Non sono state coinvolte dal guasto le linee della metropolitana e i treni Javelin che collegano il centro con il Parco Olimpico. Poco francese a LondraTroppo inglese e troppo poco francese alle Olimpiadi di Londra? A respingere laccusa, paradossalmente mossa dalla Bbc, dovuto intervenire... un francese, Gilbert Felli, direttore esecutivo del Cio per i Giochi. La polemica nasce dal fatto che in occasione di alcune gare di atletica gli annunci sono stati fatti solo in inglese, e non in francese, anchessa lingua ufficiale del movimento olimpico, in particolare per i 100 metri donne. Gli annunci sono in entrambe le lingue - ha replicato Felli in francese - forse la gara dei cento metri stata talmente veloce che non c stato il tempo per usare anche il francese. TROPPA MUSICA ALLO STADIOAtleti - e non solo loro - si sono lamentati per la colonna sonora martellante che spesso accompagna le gare di atletica. E accaduto in particolare con i 10.000 metri. Il portavoce del comitato organizzatore ha speigato che tutto era stato studiato a tavolino e approvato dalle federazioni dei paesi partecipanti. Peccato che a non essere daccordo poi siano i pi diretti interessati, cio atleti e pubblico. In particolare questultimo, che ha pagato pensando di assistere a gare olimpiche, non a una riedizione di Woodstock. CE UNOLIMPIADE CHE CONTA I DANNISfratti, acquisizioni forzate, traslochi obbligati: sono i costi nascosti delle Olimpiadi, tutti a carico di aziende medio-piccole, costrette ad abbandonare le loro sedi originarie per consentire la costruzione del Parco Olimpico. Nei giorni del british prid per la squadra di casa, 14 ori e una corsa sfrenata nel medagliare (a met Giochi, il Team Gb terzo dietro i giganti Usa e Cina), c anche un Inghilterra che non esulta allidea delle Olimpiadi. Anzi, conta i danni. Si chiama relocation?? (letteralmente ricollocazione??) il sacrificio che il comitato organizzatore ha imposto al business locale: il trasferimento di centinaia di attivit in altre zone dopo aver espropriato terreni e magazzini come mai nellultimo mezzo secolo. Se non fossimo nel 2012 e ci troviamo a Londra, eppure certi metodi ricordano tanto i metodi di sovietica memoria.

141 of 174

DUE COREE, STRETTA DI MANO NEL PING PONGUn sorriso e una rapida stretta di mano tra un atleta della Corea del Nord e uno di quella del Sud ieri allExCel davanti ad un tavolo da ping-pong: Ryu Seungmin e Kim Hyok Bong si sono affrontati senza esclusione di colpi in un match durissimo, vinto poi da Ryu. E proprio il sudcoreano ha sorpreso tutti a fine gara: si avvicinato a Kim e allallenatore nordcoreano, e ha stretto loro la mano. In quel momento un muro di diffidenza si infranto. Siamo molto amici ma in gara guerra, la guerra del ping-pong, ha poi aggiunto con sorprendente ironia Ryu. SPETTATORI, sinora PIU DI 5 MILIONIPi di cinque milioni di persone hanno visto gli eventi olimpici durante la prima settimana, ha annunciato ieri il comitato organizzatore dei Giochi Olimpici di Londra (Locog). Oltre un milione di persone hanno visitato il Parco Olimpico nella zona est di Londra, dove ci sono la piscina, lo stadio di atletica, il velodromo e limnpianto di hockey su prato, a questo prima settimana: Laspetto pi soddisfacente di questa prima settimana per noi la percezione che hanno avuto gli atleti e gli allenatori: molti di loro ci hanno riferito di aver preso parte a Giochi molto sentiti da parte del pubblico, ha detto Sebastian Coe, il presidente dello stesso Locog. ORO DI BERLINO 36: Giochi sono la paceSe tutti facessero sport, ballassero, cantassero, non ci sarebbero pi guerre: lo ha detto Sandor Tarics, ungherese oro nella pallanuoto a Berlino 1936, testimone deccezione della storia olimpica, oggi ingegnere antisismico negli Stati Uniti. Nato nel 1914, allo scoppiare della Grande Guerra, Tarics trionfa nei Giochi di Hitler a 21 anni, battendo in finale proprio la Germania. CHIAVI CITTA CREVALCORE A JESSICASul suo sito internet, accanto allo speciale terremoto, campeggia una sua foto con una parola: Meravigliosa!??. Il comune di Crevalcore celebra cos Jessica Rossi e in attesa del rientro della giovane emiliana previsto per domani lavora per consegnarle le chiavi della citt. La cittadinanza onoraria non credo possa bastare, sostiene il primo cittadino. ATTENTI, HA PARLATO ROUBININouriel Roubini colpisce ancora. Di passaggio a Londra, leccentrico professore di Economia noto per le sue (effettivamente spesso avveratesi) previsioni di sventure economiche ha vaticinato il fallimento economico dei XXX Giochi olimpici. Londra una citt zombie, ha twittato Roubini, colui che per primo nel lontano 2006, tra lo scetticismo della comunit internazionale, profetizz la crisi economica mondiale legata alla bolla dei mutui statunitensi. Secondo Roubini, infatti, la citt vuota per colpa dei politici e degli organizzatori che hanno terrorizzato?? gli abitanti in vista dellafflusso di turisti. E molto probabile che leconomista abbia ragione anche stavolta.

142 of 174

Un salto su Londra...
Il salto ad ostacoli delle Olimpiadi londinesi sta offrendo un ottimo spettacolo. Vuoi per la bravura dei concorrenti, ma anche per lallestimento degli ostacoli stessi che riproducono varie tipicit della City. I cavalieri devono quindi saltare monumenti, autobus, taxy, ponti, piazze, viali. Un appaluso alloriginalit dellidea. Lucraino Onishenko salta un tipico autobus londinese (Ap)

143 of 174

Gates fan del lato b??


Chi lo avrebbe mai detto? Il pap?? di Microsoft Bill Gates non si perde una partita di beach volley, e dopo aver assistito agli incontri di Sydeny 2000 e Pechino 2008, anche ieri stato visto sugli spalti della Horse Guards Parade mentre faceva il tifo per la squadra femminile americana nel match contro lOlanda. Gates ha definito fantastica la performance di Misty May-Treanor e Kerri Walsh Jennings, rivelandosi un vero fan di una disciplina la cui fortuna legata anche al fatto che bellissime atlete gareggiano in bikini.

LONDRA. Bill Gates con la bella Walsh al beach volley (Ap)

144 of 174

145 of 174

Nella fossa Fabbrizi 2 Oggi finali


LONDRA - C un azzurro che sta lottando per una medaglia: si tratta di Massimo Fabbrizi, il carabiniere marchigiano che compir 35 anni a fine mese, che attualmente ricopre il secondo posto nella gara di fossa, una delle tre discipline olimpiche del tiro a volo, dopo la prima giornata delle qualificazione, ovvero 75 piattelli. Fabbrizi ha chiuso con il punteggio di 74, alla pari con il tedesco Bindrich, i croati Glasnovic e Cernogoraz e il rappresentante del Kuwait, Al-Deehani. Al comando c il fuoriclasse australiano Michael Diamond (oro ad Atlanta e Sydney), che non ha fatto errori e quindi ha totalizzato 75. Meno positivo del solito invece laltro azzurro, il vercellese Giovanni Pellielo, veterano che sta disputando la sua sesta Olimpiade, che ha totalizzato 72 centri e si trova adesso al diciassettesimo posto. Oggi la gara di fossa ha in programma dapprima altre due serie di qualificazioni (50 piattelli) e quindi alle ore 17 italiana ci sar la finale alla quale verranno ammessi i primi 6 della classifica provissoria.

146 of 174

RISULTATI E PROGRAMMA Torna Campriani, debutta il kayak con Benassi


LE FINALI ATLETICA uomini 100 metri: 1. Bolt (Gia) 963; 2. Blake (Gia) 975; 3. Gatlin (Usa) 979; 4. Gay (Usa) 980; 5. Bailey 988; 6. Martina (Ola) 994; 7. Thompson (Tri) 998; 8. Powel )Gia) 1199 3.000 siepi: 1. Kemboi (Ken) 81856; 2. Mekhissi-Benabbad (Fra) 81908; 3. Mutai (Ken) 81973; 13.FLORIANI 84007 Lancio del martello: 1. Pars (Ung) 80.59; 2. Kozmus (Slo) 79.36; 3. Murofushi (Gia) 78.71; 8. VIZZONI 76.07 Donne maratona: 1. Gelana (Eth) 2h2307??; 2. Jeptoo (Ken) 2h2312??; 3. Petrova Arkhipova (Rus) 2h2329??; 8. STRANEO 2h2527??; 29. INCERTI 2h2938??; 30. CONSOLE 2h3009?? salto triplo: 1. Rypakova (Aze) 14,98; 2. Ibarguen (Col) 14.80; 3. Saladuha (Ucr) 14,79 400: 1. Richards-Ross (Usa) 4955; 2. Churuogu (Gbr) 4970 ; 3. Trotter 4972 BADMINTON uomini singolare: Lin Dan (Chn) b. Lee Chong Wei (Mas) 2-1 (15-21, 21-10, 21-19). 3 posto: Chen Long (Chn) b. Lee Hyun-Il (Cor) 2-1 (21-12, 15-21, 21-15) Doppio Cai Yun/Fu Haifeng (Chn) b. Mathias Boe/Carsten Mogensen (Dan) 2-0 (21-16, 21-15). 3 posto: Chung Jae-Sung/Lee Yong-Dae (Cor) b. Koo Kien Keat/Tan Boon Heong (Mas) 2-0 (23-21, 21-10) CICLISMO uomini pista omnium: 1. Hansen (Dan) 27 punti; 2. Coquard (Fra) 29; 3. Clancy (Gbr) 30; 6. VIVIANI 34 GINNASTICA ARTISTICA uomini corpo libero: 1. Zou Kai (Chn) 15.933; 2. Uchimura (Gia) 15.800: 3. Abliazin (Rus) 15.800 cavallo con maniglie: 1. Berki (Ung) 16.066; 2. Smith (Gbr) 16.066; 3. Whitlock (Gbr) 15.600; 4. BUSNARI 15.400 Donne volteggio: 1. Izbasa (Rom) 15.191; 2. Maroney (Usa) 15.083; 3. Paseka (Rus) 15.050 LOTTA greco-romana 55 kg: 1. Soryan Reihanpour (Iran) 2. Bayramov (Aze) 3. Modos (Ung), Semenov (Rus) greco-romana 74 kg: 1. Vlasov (Rus); 2. Julfalakyan (Arm); 3. Kazakevic (Ltu), Ahmadov (Aze) SOLLEVAMENTO PESI donne cat. +75 kg: 1. Zhou L (Chn) 333 kg tot (WR); 2. Kashirina (Rus) 332; 3. Khurshudyan (Arm) 294 SCHERMA uomini fioretto a squadre quarti ITALIA (Baldini, Cassar, Aspromonte, Avola) b. Gran Bretagna 45-40. Semifinali: ITALIA b. Stati Uniti 45-24, Giappone b. Germania 41-40 3 posto: Germania b. Usa 45-27 Finale: ITALIA b. Giappone 45-39 TENNIS uomini singolare: 1. Murray (Gbr) b. Federer (Svi) 6-2, 6-1, 6-4. 3 posto: Del Potro (Arg) b. Djokovic (Sbr) 7-5, 6-4 doppio misto: 1. Azarenka-Mirnyi (Bie) b. Robson-Murray (Gbr) 2-6, 6-3, 1-0; 3 posto: Raymond-M. Bryan (Usa) b. Lisicki-Kas (Ger) 6-3 4-6 10-4 Donne doppio: 1. S. Williams/V. Williams (Usa) b. Hlavackova/Hradecka (Cze) 6-4, 6-4. 3 posto: Kirilenko/Petrova (Rus) b. Huber/Raymond (Usa) 4-6, 6-4, 6-1
147 of 174

TIRO A SEGNO uomini pistola 50 mt: 1. Jin Jong-Oh (Cor) 662.0 pt; 2. Choi Young-Rae (Cor) 661.5; 3. Wang Zhiwei (Chn) 658.6; 5. GIORDANO 656.0 TUFFI donne 3 metri: 1. Wu Minxia (Cin) 414.00; 2. He Zi (Cin) 379.20; 3. Sanchez (Mex) 362.40; 4. CAGNOTTO 362.20 VELA uomini classe Star: 1. Svezia (Salminen, Loof) 32 pt; 2. Gran Bretagna (Percy, Simpson) 34; 3. Brasile (Prada, Scheidt) 40 classe Finn: 1. Ainslie (Gbr) 46 pt; 2. Hogh-Christensen (Dan) 46; 3. Lobert (Fra) 49; 22. BALDASSARI 164

ALTRI RISULTATI ATLETICA uomini salto in alto qualificazioni: 21. TAMBERI 2.21 el. BASKET Donne preliminari: Gruppo A Angola-Repubblica Ceca 47-82; Cina-Usa 66-114; Gruppo B Francia-Russia 65-54; Canada-Australia 63-72; BEACH VOLLEY Donne Quarti di finale: May-Treanor/Walsh Jennings (Usa) b. CICOLARI-MENEGATTI 2-0 (21-13 21-13); Xue C/Zhang X (Cin) b. D. Schwaiger/S. Schwaiger 2-0 (21-18 21-11) BOXE Donne ottavi: pesi Mosca (51 kg): Savalyeva (Rus) b. Kim HS (Ncor) 12-9; Magliocco (Ven) b. Matos (Bra) 15-14; Hmangte (Ind) b. Michalczuk (Pol) 19-14; Petrova (Bul) b. Fernandes (Nzl) 23-11; Leggeri (60 kg) Jonas (Gbr) b. Underwood (Usa) 21-13; Dong C (Cin) b. Lacatus (Rom) 10-5; Araujo (Bra) b. Khassenova (Kaz) 16-14; Pritchard (Nzl) b. Jouini (Tun) 15-10; Medi (75 kg) Volnova (Kaz) b. Andiego (Ken) 20-11; Laurell (Sve) b. Fischer-Rasmussen (Aus) 24-17; Li J (Cin) b. Feitosa (Bra) 19-14; Ogoke (Nig) b. Vystropova (Aze) EQUITAZIONE Salto individuale 2 qualificazione: 1. Von Eckermann (Sve); 2. Fellers (Usa); 3. Affonso (Bra); Salto a squadre, 1 round: 1. Arabia Saudita; 2. Olanda; 3. Svizzera HOCKEY PRATO Preliminari uomini: Gruppo A Pakistan-Sud Africa 5-4; Gruppo B Nuova Zelanda-Belgio 1-1; India-Corea Sud 1-4; Olanda-Germania 3-1; NUOTO SINCRONIZZATO Coppie qualificazioni (routine tecninca): 1. Ishichenko-Romashina (Rus) 98.200; 2. Huang-Liu (Cin) 96.100; 3. Carbonell-Fuentes (Spa) 96.000; 7. LAPI-PERRUPATO 90.700 PALLAMANO Preliminari donne: Gruppo A Brasile-Angola 29-26; Montenegro-Russia 25-25; Gruppo B Svezia-Corea Sud 28-32; PALLANUOTO Donne quarti: Ungheria-Russia 11-10; Cina-Australia 18-20; Usa-ITALIA 9-6 PALLAVOLO Preliminari donne: Gruppo A ITALIA-Russia 2-3 (28-26 19-25 25-22 18-25 11-15); Algeria-Repubblica Dominicana 0-3; Gran Bretagna-Giappone 0-3; Gruppo B Cina-Corea Sud 3-2; TENNISTAVOLO uomini doppio quarti Giappone-Hong Kong 2-3; Cina-Singapore 3-0; Portogallo-Corea Sud 2-3; Austria-Germania 0-3; donne doppio semifinali Singapore-Giappone 0-3 TIRO A VOLO

148 of 174

Trap Uomini qualificazioni: 1. Diamond (Aus) 75; 2. Bindrich (Ger) 74; 3. FABBRIZI 74 VELA 49er uomini: regata 12 1. Outteridge-Jensen (Aus) 3504??; 2. Burling-Tuke (Aus) a 41??; 3. Kostov-Cupac (Cro) a 112??; 18. ANGILELLA-SIBELLO a 323??; regata 13 1. Outteridge-Jensen (Aus) 3159??; 2. Kirkland-Kirkland (Ber) a 32??; 3. Morrison-Rhodes (Gbr) a 120??; 9. ANGILELLA-SIBELLO a 210??; RS-X: regata 9 1. Van Rijsselberge (Ola) 3201??; 2. Pastor Lafuente (Spa) a 322??; Gadorfalvi (Ung) a 422??; 29. ESPOSITO a 1414??; regata 10: 1. Zubari (Isr) 33; 2. Dempsey (Gbr) a 19??; 3. Rodrigues (Por) a 25??; 15. ESPOSITO a 222?? RS-X donne: regata 9 1. Shaw (Gbr) 3446??; 2. Freitas (Bra) a 5??; Delle (Ger) a 26??; 10. SENSINI a 213??; regata 10 1. Petaja (Fin) 2832??; 2. Delle (Ger) a 145??; 3. Alabau Neira (Spa) a 147??; 9. SENSINI a 215??; 470: regata 5 1. Mills-Clark (Gbr) 5909??; 2. Westerhof-Berkhout (Ola) a 25??; 3. CONTI-MICOL a 47??; regata 6 1. CONTI-MICOL 1h0446??; 2. Skrzypulec-Ogar (Pol) a 7??; 3. Lecointre-Geron (Fra) a 12??

IL PROGRAMMA ODIERNO ATLETICA ore 11.05 Batterie 110 hs. D (CARAVELLI); ore 11.45 eliminatorie peso D (ROSA); 20.20 batterie 200 m. D (HOOPER) BEACH VOLLEY ore 24 quarti uomini: quarti LUPO/NICOLAI-Nummerdor-Schuil (Ola) CANOA/KAYAK ore 10.30 eliminatorie K1 1000 U (BENASSI); ore 11.58 semifinale NUOTO SINCRONIZZATO ore 16 Duo programma libero (Lapi-Perrupato) PALLAVOLO ore 15.45 uomini gruppo ITALIA-Bulgaria PALLANUOTO ore 20.40 uomini guppo A ITALIA-Spagna PUGILATO dalle ore 21.30 Quarti ctg.60 Kg. VALENTINO-Petrauskas (Ltu); Quarti ctg. +91 Kg. CAMMARELLE-Arjaoui (Mar) TIRO A SEGNO ore 10 uomini eliminatorie Carabina 3 pos. (CAMPRIANI e DE NICOLO) TIRO A VOLO ore 10 uomini qualificazioni 2 Trap (PELLIELO e FABBRIZI) TUFFI ore 20 uomini eliminatorie trampolino 3 m (BENEDETTI e RINALDI) VELA ore 13 470 U ZANDON-ZUCCHETTI regata 7/8; ore 14 49 er ANGILELLA-SIBELLO regate 14/15

LE FINALI DI OGGI ATLETICA ore 20 asta D; ore 20.15 peso D; ore 21.45 400 hs U; ore 22,05 3.000 siepi D; ore 22,30 400 U CICLISMO ore 18.40 pista velocit U GINNASTICA ARTISTICA ore 15 anelli U (MORANDI); ore 15.50 parallele asimmetriche D; ore 16.41 volteggio U LOTTA ore 19.25 greco romana 60 kg; ore 19.25 greco romana 84 kg; ore 19.25 greco romana 120 kg SOLLEVAMENTO PESI ore 20 cat. 105 kg U SPORT EQUESTRI ore 15 salto ostacoli a squadre TIRO A SEGNO ore 14.45 carabina 50 mt 3p U TIRO A VOLO ore 17 trap U VELA ore 14 classe Laser Radial D; ore 15 classe Laser U

149 of 174

BEACH VOLLEY, AZZURRE KO AI QUARTI Cicolari e Menegatti, arrivederci Walsh-May non fanno sconti
LUCA MUZZIOLI
Si ferma con un brillante quinto posto la prima partecipazione olimpica di Greta Cicolari e Marta Menegatti al torneo olimpico di Londra 2012. Le due azzurre, arrivate ai quarti di finale da imbattute hanno dovuto fare i conti con il pi bel beach volley delle bi-campionesse olimpiche Walsh-May, pi che mai determinate a cercare uno storico tris doro alla loro ultima LONDRA. Cicolari e Menegatti Olimpiade. Le due azzurre, conquistato laffetto si incitano a vicenda (Ap) e lattenzione di tutto lo sport italiano e internazionale avevano detto di non essere preoccupate dal lignaggio delle avversario, gi battute in due occasioni questanno, ma leffetto dellarena londinese allHorse Guards Parade ha pesato enormemente sul gioco della pi giovane Menegatti (21 anni) visibilmente contratta. Il prImo set stata una bella lezione di beach volley. Le due statunitensi regalano il primo errore punto sul 20-12, quando gi attaccano per il set ball... Troppo per qualsiasi avversario. Nel secondo set ci si aspetta una scossa. Walsh-May per dimostrano di essere di unaltra pasta rispetto ai due connazionali Rogers-Dalhausser, campioni olimpici in carica spodestati da le due rivelazioni Lupo-Nicolai in un ottavo di finale maschile che rester nella storia del beach volley maschile azzurro. Le due statunitensi conoscono bene le due azzurre e anche nel secondo parziale partono a mille. Sul 3-7 per le americane, il time out regala emozioni: Greta parla a Marta come ad una sorella minore, la rincuora, le prende una mano prima, poi labbraccia. In tribuna annunciato anche Bill Gates, chiss se il magnate dei bit si commuove? Le due statunitensi sono due macchine da guerra e non concedono speranza. Trovano punti nei palloni pi incredibili, come nell8-15, un pallonetto lungo in difesa di May, o nell8-16 dove la palla carambola dalla difesa di May al pugno di Walsh. Menegatti non pu che sorridere e rilassarsi con un bel colpo di nocche beffardo nellattacco successivo. Ma la coppia azzurra ha ancora tempo. Greta Cicolari, 29 anni, vuole Rio 2016. Con la determinazione che ha c da crederle. Intanto i mostri Usa vanno avanti. Restano gli uomini, stasera il quarto di finale nel derby dEuropa con gli olandesi. Schuil-Nummerdor alle 24... Una notte per sognare.

150 of 174

LASSO STUPISCE SEMPRE Phelps pensa a nuovi obiettivi Voglio nuotare con gli squali
LONDRA. Nessun ripensamento. Con il nuoto the end: 22 medaglie olimpiche - 18 doro possono bastare. Con il titolo nella 4x100 mista degli Usa, il Gigante di Baltimora lascia Londra e la piscina pi orfana che mai. Ho fatto, posso appendere la tuta e dire che ho ottenuto tutto quello che volevo dice Phelps. Big Michael MP un ex, pu pensare ai green su cui rilassarsi con il golf, ai nuovi videogame da sperimentare, ma anche la fondazione che porta il suo nome e guarda al prossimo. Lamericano che ha unito tutti gli States, fatto emozionare Bush jr come Barack Obama, ha ancora un sogno da realizzare: lacqua continuer ad essere un elemento amico, ma Lurlo liberatorio di Phelps senza cordoli, senza cronometro. Voglio dopo una delle sue vittorie nuotare con gli squali bianchi, sono i miei (Ap) animali preferiti svela lolimpionico alludendo a quelle visite speciali protette da gabbie. Phelps, 12mila calorie al giorno fatte di pasta pizza e uova fritte, in piscina sette giorni su sette, da due a cinque ore al giorno, un bulldog di nome Herman e lhip hop sparato in cuffia prima di ogni start, era storia, ora leggenda. Tra gli alti e bassi della mia carriera (un arresto per guida un p allegra, e delle foto-scandalo che lo ritraevano intento a fumare sostanze vietate ndr) - dice il campione - ho realizzato esattamente quello che volevo, diventare il nuotatore pi grande di tutti i tempi. E questa di Londra stata una settimana fantastica, i ricordi di questi giorni non li canceller mai. Altre sei medaglie (4 ori e due argenti) che si aggiungono alle sei di Atene e agli otto titoli di Pechino. Cala il sipario e i tifosi gi si sentono pi soli: ??Phelps Phans Phorever??, scrivono gli irriducibili di Michael. Le sue lettere come le sue bracciate, scolpite per sempre.

151 of 174

tuttolimpiadi Volley, Italia ko contro la Russia


LONDRA. LItalvolley femminile stata battuta al tie break per 3-2 (28-26, 19-25, 25-22, 16-25, 11-15) dalla Russia nellultimo incontro del gruppo A. Le ragazze del ct Barbolini si attestano al 2 posto con 13 punti, mentre grazie a questo successo le russe salgono a quota 14 e guadagnano il primo posto nel girone in vista degli accoppiamenti per i quarti di finale.

BADMINTON Grande slam per la Cina, 5 ori su 5I cinesi Cai Yun e Fu Hauifeng hanno conquistato la medaglia doro nel doppio maschile di badminton, consentendo alla Cina di mettere a segno il grande slam. I cinesi hanno infatti vinto cinque ori su cinque specialit del badminton. La medaglia dargento andata ai danesi Mathias Boe e Carsten Mogensen, mentre il bronzo ai sudcoreani Chung Jae-Sung e Lee Yong-Dae.

PUGILATO Esordio della boxe femminileTutto esaurito allExcel Center per il primo match di boxe femminile mai disputato alle Olimpiadi. La russa Elena Savelyeva e la nordcoreana Kim Hye Song, affrontandosi per prime, hanno scritto una pagina della storia dei Giochi. Nel match, valido per i pesi mosca, la Savelyeva si imposta ai punti per 12-9.

VELA E britannico il velista piu titolato alle OlimpiadiIl britannico Ben Ainslie ha vinto loro nella vela classe Finn, il terzo consecutivo, diventando cos il velista pi titolato alle Olimpiadi con 4 ori e 1 argento in cinque edizioni dei Giochi. Dopo il 2 posto nella classe Laser ad Atlanta 1996, Ainslie, 35 anni, non si pi fermato, vincendo loro a Sydney sempre nel Laser e altri tre titoli nel Finn da Atene in poi. Ieri sul podio sono saliti anche il danese Jonas Hogh-Christensen, argento, e il francese Jonathan Lobert, bronzo.

TIRO A VOLO Jessica Rossi dorme sogni... doroLa neo campionessa olimpica di tiro a volo (specialit fossa) Jessica Rossi, come gi tanti atleti prima di lei, ha confessato di indossare la sua medaglia dappertutto: Ho dormito con la medaglia al collo ha raccontato.

ATLETICA Bolt e compagni attirano spettatoriChe fosse uno degli eventi della pi attesi delle Olimpiadi si sapeva da tempo, e le aspettative non sono state disattese. Ben 719mila spettatori hanno affollato gli impianti che ospitano le competizioni olimpiche, il 92% della capienza massima possibile ha affermato Jackie Block-Doyle, portavoce del comitato organizzatore.

CURIOSITA Bill Gates preferisce la cartaNonostante sia uno degli uomini pi ricchi dAmerica

152 of 174

grazie alla tecnologia informatica, il signore di Microsoft Bill Gates preferisce affidarsi alla sicura?? carta, almeno per quanto riguarda le olimpiadi. Alla faccia delle app?? di vario genere nate ad hoc per i Giochi, Gates si sistemato sulla tribuna del centrale di Wimbledon per la finale Federer-Murray consultando attentamente un logoro programma olimpico cartaceo. Che non si fidi della sua stessa tecnologia? La METRO REGGE a 4 Milioni di PASSEGGERI, E RECORDSono stati raggiunti i 4 milioni di passeggeri nella metropolitana di Londra, record dallinizio dei Giochi. Nessun problema secondo lorganizzazione: elogiato il comportamento della gente, che ha ascoltato le indicazioni a non intasare i mezzi di trasporto nelle ore di punta.

153 of 174

154 of 174

155 of 174

Il Setterosa battuto Addio podio


LONDRA. Le campionesse dEuropa si fermano ai quarti. Le ragazze del Setterosa, le allieve di Fabio Conti, sono state superate dagli Stati Uniti 9-6 e domani affrontano la Cina nella semifinale per lassegnazione dei posti dal quinto allottavo. La Cina che ha perso con lAustralia 20-18 dopo i rigori (16-16 dopo i supplementari e 14-14 dopo i tempi regolamentari). Il ct Conti: Abbiamo giocato una zona totale in difesa e ancora una volta abbiamo avuto pi espulsioni rispetto alle avversarie. Sono deluso dagli arbitri; non mi lamento della direzione di gara in questa partita ma nel torneo in generale. Per non voglio creare alibi. Gli Usa, vice campionesse olimpiche a Pechino, sono pi forti di noi in questo momento e lo hanno dimostrato. Noi dovevamo fare meglio nel girone di qualificazione. USA-ITALIA 9-6 USA Armstrong, Petri, Seidemann 3, Villa 2, Wenger, M. Steffens 1, Mathewson 1, J. Steffens, Windes, Rulon 2, Dries, Craig, Federica Radicchi(Ap) Anae. All. Krikorian ITALIA: Gigli, Abbate, Casanova, Radicchi 1, Pelle, Lapi, Di Mario 3 (2 rig), Bianconi 1, Emmolo, Rambaldi, Cotti 1, Frassinetti, Gorlero. All. Conti Arbitri: Alexandrescu (Romania) e Ciric (Serbia) NOTE: parziali 3-3, 3-0, 0-1, 3-2. Uscita per limite di falli Windes (Usa) 439?? del quarto tempo. Espulso per proteste nel quarto tempo Fabio Conti (all. Italia).

156 of 174

157 of 174

Pioggia e cadute a Silverstone Melandri accorcia?? su Biaggi


SILVERSTONE. E davvero successo di tutto ieri a Silverstone, principalmente a causa della pioggia, che ha reso la pista a tratti impraticabile. E finita che gara-1 stata vinta dal francese Baz, con Fabrizio e Badoino sul podio, Melandri sesto e Biaggi caduto (senza conseguenze, s enon per la classifica, visto che in quel momento guidava la corsa). E Gara-2 durata solo otto giri, prima dellinevitabile bandiera rossa (ragione per cui sono stati assegnati punteggi dimezzati), con Biaggi 11. Cos, nel Mondiale, il pilota romano dellAprilia resta in testa, ma Melandri accorcia le distanze a dieci punti e mezzo. SORPASSO Partiamo da Gara-1: Loris Baz SILVERSTONE. Max Biaggi (41 (Kawasaki), francese di 19 anni, ha centrato il anni) molto sfortunato (Ansa) primo successo in carriera allundicesima presenza nella massima serie con uno spettacolare sorpasso ai danni di Michel Fabrizio (BMW) a due curve dalla fine. Ex campione Europeo STK600 a soli sedici anni, e quindi prodotto del vivaio della Superbike, era gi salito sul podio (terzo) nel precedente round di Brno. Dietro Baz e Fabrizio si classificato Ayrton Badovini (Bmw) che subito dopo il traguardo ha perso il controllo coinvolgendo anche Jonathan Rea (Honda) classificato dietro il 26enne piemontese. Per Badovini si tratta del primo piazzamento sul podio in carriera. Max Biaggi (Aprilia) scivolato allultimo giro mentre era in gioco per il successo e davanti al rivale diretto Marco Melandri (Bmw). La gara, partita con lasciutto, stata sospesa al primo giro per pioggia e ripresa poi dallinizio con asfalto di nuovo asciutto e tutti i protagonisti con le slick. Nella prima met distanza Carlos Checa (Ducati) aveva preso tre secondi di vantaggio ma il ritorno della pioggia lo ha retrocesso al quinto posto finale, davanti a Leon Haslam (Bmw). Il pilota inglese stato al comando per alcuni passaggi, quando - prima che sfumasse tutto negli ultimi giri - sembrava che il podio potesse essere tutto britannico, con Leon Camier (Suzuki), scivolato sul finale, e Tom Sykes (Kawasaki) poi giunto ottavio. CADUTE Sylvain Guintoli (Ducati) ha vinto vinto, come detto, Gara-2. Una corsa che si disputata su pista bagnata e in condizioni molto difficili e che ha provocato una serie di cadute fino alla bandiera rossa, arrivata nel corso del nono giro (per la classifica vale lottavo). Il francese ha preceduto il diciannovenne connazionale Loris Baz (Kawasaki), che ha cos completato la sua grande giornata dopo il successo in Gara-1, e il compagno di squadra Smrz. Solo ottavo Marco Melandri (Bmw), che ora in classifica ha 263,5 punti contro i 274 dellattuale leader della classifica, Max Biaggi (Aprilia) undicesimo in Gara-2. Ora il Mondiale Superbike osserva qualche giorno di stop, per ricominciare il 16. E quella gara sar indubbiamente un evento: si corre infatti (e per la prima volta) a Mosca.

158 of 174

TUTTONOTIZIE Contador oggi torna Un giorno speciale


BRUXELLES. Scontati i due anni di stop, Alberto Contador pronto a risalire in sella. Lo far oggi al via allEneco Tour (giro del Benelux, sino al 12 agosto). Era stato fermato per la positivit al clenbuterolo (un anabolizzante) e privato dal Tas delle vittorie al Tour de France 2010 e al Giro dItalia 2011. Il corridore si sempre dichiarato innocente. LEneco Tour sar una corsa speciale per me, sotto molti punti di vista, ha scritto Contador sul suo sito.

MOTOCROSS CAIROLI TRIONFA IN REPUBBLICA CECAAntonio Cairoli su KTM vince il Gran Premio della Repubblica Ceca e prende il largo nella classifica mondiale. Il centauro italiano ha vinto entrambe le gare nella categoria MX1 e a quattro Gran Premi dalla fine allunga in classifica generale sul belga Desalle, suo diretto avversario, ora a 30 punti di distacco da Cairoli.

CICLISMO MORENO VINCE LA VUELTA A BURGOSIl ciclista spagnolo Dani Moreno (Katusha) vince la classifica finale della trentaquattresima Vuelta a Burgos. La tappa finale della competizione stata vinta dal colombiano Joan Chaves (Colombia-Coldeportes), poi terzo nella classifica finale dietro a Moreno e Luis Henao (Euskaltel-Euskadi)

BASKET DUE COLPI PER TORINO (gt) La ZeroUno Pms Torino starebbe per annunciare lingaggio di due giocatori di scuola Benetton. Il primo sarebbe il 21enne esterno Daniele Sandri, fermo da gennaio per un problema a un ginocchio. Laltro sarebbe il 22 lungo polacco di formazione cestistica italiana Jakub Wojciechowski, la scorsa annata prima a Treviso e poi a Brindisi. ITALIA OVER 45 CAMPIONE DEUROPALa nazionale azzurra Over 45 ha conquistato la medaglia doro ai campionati europei di maxibasket battendo in finale la Russia per 84-62. NellItalia allenata da coach Alberto Bucci giocano tra gli altri Dalla Libera, Frascolla, Capone, Solfrini, Tirel, Bullara e Carera.

IPPICA CORSA TRIS DI TORINO (gmc) 1. Nivess Inn Ronco (6), 2. Nirvana Va (9), 3. Nalf Ld (2), 4. Nepunemen Cobra (5), 5. MLindomabile Vol (3) e Madec (12). Tris: 6-9-2 da 196,62 euro. Quart: 6-9-2-5 da 405,64 euro. Quint: 6-9-2-5-3 da 1.884,24 euro, 6-9-2-5-12 da 18.840,21 euro. La Tris di trotto con quart e il quint oggi alle ore 22.30, a Santi Cosma e Damiano (Latina). La nostra terna: Gleno Dei (17), Invader As (18), Neander Jet (14). Poi Number One Italia (15), Nota dAccordo (5), No Pasa Nada (16).

159 of 174

Il 26 agosto a Mosca E la prima in Russia


ORDINE DARRIVO GARA 1: 1. Baz (Fra, Kawasaki) in 4046??128 (media 159,349 kmh); 2. Fabrizio (Ita, Ducati) a 0??383; 4. Rea (Gbr, Honda) a 0??539; 5. Checa (Spa, Ducati) a 1012; 6. Haslam (Gbr, Bmw) a 2??619; 7. Melandri (ITa, Bmw) a 6??123; 8. Sykes (Gbr, Kawasaki) a 9??170; 9. Giugliano (Ita, Ducati) a 19??022; 10. Laverty (Irl, Ducati) a 19??087. GARA 2: 1. Guintoli (Fra, Ducati) in 1942.051 (media 143.799 kmh); 2. Baz (Fra, Kawasaki) a 0??881; 3. Smrz (R.Cec, Ducati) a 1??671; 4. Laverty (Irl, Aprilia) a 19??045; 5. Berger (Fra, Ducati) a 22??116; 6. Checa (Spa, Ducati) a 23??736; 7. Davies (Gbr, Aprilia) a 24??690; 8. Melandri (Ita, Bmw) a 26??197; 9. Rea (Grn, Honda) a 26??861; 10. Hopkins (Usa, Suzuki) a 27??194 ... 11. Biaggi (Ita, Aprilia) a 29??243.

CLASSIFICHE MONDIALE PILOTI: 1. Biaggi punti 274; 2. Melandri 263,5; 3. Sykes 222,5; 4. Checa 220,5; 6. Rea 203,5; 7. Haslam 170; 8. Guintoli 122.5; 9. Fabrizio 108,5; 10. Giugliano 106 MONDIALE MARCHE: Bmw 316; Aprilia 302,5; Ducati 300; Kawasaki 253,5; Honda 209,5; Suzuki 75,5.

PROSSIMA GARA Il 26 agosto si corre il GP di Mosca

160 of 174

Jenna, la regina del porno Usa Luomo giusto per me Romney


Quando sei ricco vuoi un repubblicano alla Casa Bianca. Jenna Jameson, 38 anni, regina del porno americana ha annunciato di voler appoggiare il candidato repubblicano Mitt Romney nella corsa alla presidenza americana. Chiss cosa ne penser la religiosissima base del Partito Repubblicano...

161 of 174

162 of 174

163 of 174

164 of 174

165 of 174

166 of 174

167 of 174

168 of 174

169 of 174

170 of 174

171 of 174

172 of 174

173 of 174

174 of 174