Sei sulla pagina 1di 40

www.gazzetta.

it domenica 24 marzo 2013 1,20


ITALIA

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 0262821 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281 POSTE ITALIANE SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO

anno LXIX Numero numero 12 Anno

F.1 MALESIA
Vettel un fulmine Massa e Alonso pronti al sorpasso
Pole al tedesco ma subito dietro le Ferrari di Felipe 2 e Alonso 3 Via alle 9, tempo reale su Gazzetta.it
di PINO ALLIEVI

BALOTELLI EL SHAARAWY IL DUO DATTACCO DI PRANDELLI E DEL MILAN PROTAGONISTA

ENERGIA
ALTERNATIVA

Due Ferrari nelle prime due file di un gran premio: da quanto tempo non accadeva? Bisogna andare un sacco indietro, al Bahrain 2010, altro circuito infuocato dal caldo.
LARTICOLO PAG. 2425 ALTRI SERVIZI PERNA PAG. 2526

CIAO PIETRO
Le staffette azzurre scortano Mennea nellultimo viaggio
BOZZA, PICCIONI ALLE PAGINE 2829

SIAMO LA COPPIA PIU BELLA (E PIU GIOVANE) DEL MONDO


Il Faraone: Noi simboli della nuova Italia. Mario un amico lo vedo sereno e pi maturo. Per me gi tra i primi 3 dopo Messi e Cristiano Ronaldo
ELEFANTE ALLE PAGINE 23

3 In alto da sin: Insigne (Napoli), Robinho (Milan), Toni


(Fiorentina), Kovacic (Inter), Klose (Lazio), Osvaldo (Roma)

Corsa al 2 posto Ecco i 6 uomini per la spinta finale


Insigne, Robinho, Toni, Kovacic, Klose e Osvaldo: i supermotivati
SCHIANCHI ALLE PAGINE 89

BORJA VALERO

3 Borja Valero, 28 anni, centrocampista viola LAPRESSE

La mia Fiorentina in Champions Ci credo davvero


Decisiva la gara col Milan. Rossi ha scelto bene, torner grande
CALAMAI, SARDELLI A PAGINA 6

FRA LE GRANDI NAZIONALI


La coppia azzurra, 42 anni, la pi giovane fra quelle dattacco delle grandi nazionali mondiali. Alle sue spalle il tandem dellArgentina HiguainMessi e quello del Brasile formato da Fred e Neymar (50 anni)

3 La bara di Mennea sulle spalle dei compagni di staffetta TEDESCHI

IL ROMPI PALLONE
DI GENE GNOCCHI

De Laurentiis contro la nuova fiamma di Cavani: Se vuole Edi deve pagare la clausola rescissoria.

INTER LARGENTINO FERMO DAL 6 GENNAIO

DAL REAL A... FORSE TORNO AL PASSATO

IL GIALLO IL GIOCATORE MORTO NELL88

Samuel in campo con la Juve Mou e il futuro: Magari Con lui sale la media punti succede linimmaginabile
TAIDELLI A PAGINA 12 CUGINI A PAGINA 17

Caso Bergamini alla svolta La Procura: stato omicidio


CENITI A PAGINA 35

30 3 2 4> 9 771120 506000

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

NAZIONALE

Noi, ragazzi di mo
El Shaarawy-Balo lattacco azzurro il pi giovane Siamo i simboli della nuova Italia
Questa la svolta, Mario mi ha facilitato tantissimo Altro che top 5: lo vedo dopo Messi e Ronaldo
DAL NOSTRO INVIATO

El Shaarawy e Balotelli a Ginevra: cuffie al collo e mani in tasca AP

ANDREA ELEFANTE FIRENZE

Una rivoluzione tira laltra. Prandelli ha scelto lattacco giovane, il pi giovane che c, e quellattacco sceglie la formula tre, la pi intrigante che c. Sar la spregiudicatezza dellet, che fa di Mario Balotelli e Stephan El Shaarawy la coppia offensiva pi verde fra le nazionali di prima fascia, e questa dice il Faraone davvero una svolta, un investimento che anche un grande passo avanti per il calcio italiano. Sar che giocando cos sentono il loro calcio far rima pi facilmente con la parola gol, fatto sta che adesso il voto palese: la trazione anteriore dellItalia sulla scheda delle preferenze mette la croce del 4-3-3. Dopo Balotelli, ieri lha scritto El Shaarawy. Con gli annessi distinguo del caso, per carit, perch il vangelo recitato a memoria dai calciatori, tanto pi se ventenni, prevede ladattabilit a ogni soluzione tattica: ma un conto ci che si disposti a fare e un conto ci che si sente di poter fare meglio.
Meglio anche per lei il 4-3-3, El Shaarawy?

ch cos posso partire largo a sinistra, ovvero nel mio ruolo preferito. E perch questo il sistema che usiamo anche nel Milan: un vantaggio per noi, che conosciamo gi i movimenti reciproci e abbiamo stili di gioco che si completano; ma un vantaggio anche per la Nazionale.
Per Prandelli non ha ancora bocciato il 4-3-1-2, anzi.

anche nel Milan, e infatti Prandelli mi chiede le stesse cose che mi chiede Allegri: sacrificio, aiutare la squadra, curare la fase difensiva e ripartire.
Appunto: ma cos non arriva meno lucido al momento di concludere?

Ho gi giocato sia trequartista che dietro una punta e mi sono sempre trovato bene, chiunque fosse il compagno in attacco. Certo, cos devo stare molto pi accentrato: ovvio che posso adattarmi, come ovvio che in quel caso non potrei che stare pi indietro rispetto a Mario, per inserirmi alle sue spalle.
Ok, per lei tutta la vita il 4-3-3: anche se cos deve coprire molto pi campo, dunque faticare di pi?

Quasi tutti i gol che ho segnato, nel Milan, nellUnder 21 e anche in Nazionale, li ho segnati giocando in un 4-3-3. Lo sforzo maggiore, certo. Non sempre facile arrivare lucidissimi davanti alla porta, certo. Ma finora non mi sembra che la stanchezza sia stata un problema.
Un pochino s, dai... Nel 2013 ha segnato molto meno, no?

Qui faccio quello che faccio

Ammettiamo pure, ma giuro che non lo vivo come un fastidio: zero. Diciamo che un po di stanchezza si fatta sentire, dopo una trentina di partite giocate da titolare. E diciamo anche che ho avuto qualche dolorino al ginocchio con cui convivere. Ma delle buone prestazioni ci sono state comunque.
Dunque non vero che El Shaarawy stato penalizzato dallarrivo al Milan di Balotelli?

Eh, mediaticamente un personaggio molto forte: ma s, un po di pressione in meno adesso ce lho.


In compenso ne ha di pi Balotelli, ora che stato candidato a diventare fra i cinque giocatori pi forti del mondo.

tempo insieme lo vedo pi maturo, pi tranquillo.


Tranquillo come la musica rap di Drake?

clic
PI VERDI DI LORO SOLO ANASTASI-PRATI E PASCUTTI-NICOL
Balotelli-El Shaarawy hanno 21 anni e mezzo di media, e lItalia ha avuto soltanto due coppie pi giovani di loro in campo: Nicol e Pascutti nel 1958 (20 anni e un mese) e Anastasi e Prati nel 1968 (20 anni e 10 mesi).

Ogni tanto capita che me la faccia ascoltare, ma poi io gli faccio ascoltare la mia.
E capita anche che provi a toccarle la cresta...

Il suo arrivo al Milan mi ha tolto pressione. Siamo amici ma guai se mi tocca la cresta
STEPHAN EL SHAARAWY ATTACCANTE MILAN E ITALIA

Al contrario, Mario mi ha facilitato le cose: lui fa gioco, fa giocare la squadra, ti sa mettere davanti alla porta.
E le toglie un po di pressione...

Mario pu fare molto, molto pi di quanto sta facendo. Non fra i primi cinque, ma fra i primi tre: dopo Messi e Cristiano Ronaldo.
Per il momento pare molto cresciuto.

S, anche per me: e non perch lha detto Balotelli, ma per-

Come giocatore, ma anche come uomo: io che ci passo tanto

E successo in Milan-Palermo, ma i capelli erano gi tutti in disordine: ormai sono allenatissimo e ci metto poco a prepararla, ma se appena fatta neanche lui ha il permesso di toccarla.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DAL CAMPO IL CT CONFERMA IL MODULO COLLAUDATO COL TREQUARTISTA. BOTTA ALLA SPALLA PER IL PORTIERE DELLA LAZIO

MARTED CON MALTA

Prandelli insiste sul 4-3-1-2 Attimi di paura per Marchetti


DAL NOSTRO INVIATO

ha trovato equilibrio nella staffetta: prima uno, poi laltro.


Paura Marchetti Pienamente recuperati Marchisio, Cerci e Abate, attimi di paura per Marchetti, rimasto a terra dopo una parata: trauma da contraccolpo alla spalla destra. Escluse lesioni significative, non c stato neppure bisogno di esami clinici ma, dovesse perdurare il dolore, il portiere della Lazio, quarto in Nazionale, stamattina potrebbe anche lasciare Coverciano. Prandelli benefico Ieri mattina Cesare Prandelli ha autografato decine di uova di Pasqua in piazza Annigoni, a Firenze, uniniziativa a sostegno dellAtt, impegnata per le cure oncologiche domiciliari.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani il volo Larbitro sar Gozubuyuk


Doppio allenamento per gli azzurri oggi a Coverciano. Domani seduta al mattino e nel pomeriggio partenza dallaeroporto di Pisa (ore 17) per Malta dove marted alle 20.45, allo Stadio Nazionale di TaQuali, lItalia affronter Malta in una partita valida per le qualificazioni al Mondiale di Brasile 2014. Arbitrer lincontro lolandese Serdar Gozubuyuk. LItalia guida il gruppo B con 10 punti davanti ala Bulgaria (9, ma ha una partita in pi degli azzurri), Malta ultima a 0. Limpegno successivo per gli azzurri sar in casa della Repubblica Ceca il 7 giugno a Praga.

LUIGI GARLANDO FIRENZE

Malta ha vinto una sola partita su 85 nelle qualificazioni mondiali, ma non aveva messo in conto di beccarne 6 in Bulgaria. Sullisola non lhanno presa bene e covano la reazione dorgoglio in uno stadio che sar stracolmo e torrido. Cesare Prandelli, che ricorda le difficolt dellincrocio di Modena (grigio 2-0), lultimo a sottovalutare limpegno. Ieri si rivisto il filmato della partita di Sofia e nel pomeriggio ha diretto un in-

tenso allenamento tattico. Prove di 4-3-3 contrapposti, con particolare attenzione ai tagli di Candreva da destra a sostegno delle punte. Ma il modulo che ha portato alla rimonta sul Brasile nel secondo tempo di Ginevra rester unopzione da giocare in corsa. Si parte con il fido 4-3-1-2, assetto di riferimento. Al posto dello squalificato De Rossi potrebbe giocare Montolivo, con Diamanti o Giaccherini dietro le punte, che dovrebbero essere Balotelli ed El Shaarawy. Altra soluzione: Montolivo finto trequartista e Poli (o Florenzi) in mediana.

Staffetta Se Malta conferme-

r il 4-1-4-1 di Sofia, il nostro trequartista si troverebbe uno scoglio davanti. A Modena, in quella posizione Diamanti soffr parecchio. And meglio con lingresso di Insigne che allarg il campo a sinistra. Nel caso, Prandelli potrebbe ripetere loperazione con Cerci (o Candreva) a destra ed El Shaarawy a sinistra. Il 4-3-3 il modulo preferito da Balo e dal Faraone, lo hanno detto chiaro, mentre Pirlo si esprime meglio nel 4-3-1-2. LItalia tatticamente anche questa dialettica di tensioni che

Cesare Prandelli, 55 anni FORTE

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

ondo
LE COPPIE DELLE GRANDI NAZIONALI
In esame gli attacchi delle Nazionali pi importanti: molte giocano col tridente o il 4-2-3-1, ma abbiamo isolato le coppie pi rappresentative. E quella azzurra la pi giovane.

DAL NOSTRO INVIATO

MIRKO GRAZIANO FIRENZE

ITALIA

et media 21

ARGENTINA et media 25

22
Balotelli
Milan (da gennaio), questanno ha realizzato 10 reti

20
El Shaarawy
Milan, 19 reti questanno tra campionato e coppe

25
Higuain
Real Madrid, in questa stagione ha segnato 12 reti (11 in Liga)

25
Messi
Barcellona, la Pulce blaugrana a quota 55 reti stagionali

Gigi Buffon sta per prendere a braccetto Paolo Maldini, poi si lancer a caccia di Fabio Cannavaro. Leggende del calcio mondiale, meravigliosi ambasciatori del pianeta azzurro in particolare. Gigi, contro Malta, taglier il traguardo delle 126 presenze con la Nazionale. Come il grande Paolo appunto: dieci gettoni pi in l c Fabio Cannavaro. Ma io non penso a fare la gara con Cannavaro ha detto il capitano azzurro, subito dopo lamichevole con il Brasile . I record contano fino a un certo punto, diciamo allora che mi piacerebbe arrivare a 150 presenze, solo cos mi sembrerebbe di aver fatto qualcosa di davvero eccezionale.
Da ricordare La favola azzurra

ilpersonaggio GIGI DA PRIMATO

PRESENZE AZZURRE

A
S

Buffon 125 volte a -1 da Maldini Parte lassalto a Cannavaro


A Malta il portiere azzurro agguanter lex Milan al secondo posto per gare in azzurro: I record non contano, ma sarebbe eccezionale farne 150
gante di Carrara qualche tempo fa. Meno esaltanti altre due ricorrenze: la centesima in azzurro (novembre 2009) coincise con uno 0-0 in amichevole contro lOlanda, mentre il gettone numero 112 (giorno in cui raggiunse Dino Zoff) fu scalfito dallUruguay, che sempre in amichevole super gli azzurri 1-0 allOlimpico di Roma. Ma quel giorno risulto comunque speciale: la gara fu infatti giocata nellambito dei festeggiamenti per i 150 anni dellUnit dItalia, e in mattinata proprio Gigi Buffon, al Colle, aveva salutato Napolitano con un discorso molto apprezzato dal Presidente della Repubblica, che disse: Oggi il nostro capitano ha fatto gol lui.
Pirlo, 100 al Maracan Dietro a Buffon, intanto, avanza pure laltro Senatore azzurro, Andrea Pirlo. Sempre marted sera, il genio bresciano toccher quota 97 presenze azzurre, a una sola lunghezza dal quinto posto occupato da Gianluca Zambrotta. Un aggancio che dovrebbe essere completato a inizio giugno, in amichevole contro San Marino. Il 7 giugno, a Praga, si giocher invece Repubblica Ceca-Italia, altra sfida di qualificazione a Brasile 2014: questo vuol dire che Andrea Pirlo potrebbe festeggiare le 100 presenze allesordio nella Confederations Cup, il 16 giugno. Ad attenderlo c un teatro unico: Italia-Messico si giocher infatti al Maracan di Rio de Janeiro.

136 Cannavaro Ha esordito nel 1997, a 23 anni, e ha vinto il Mondiale 2006 il Pallone doro nello stesso anno. In azzurro anche due reti

BRASILE

et media 25

FRANCIA

et media 25,5

29
Fred
Fluminense, da giugno a oggi 24 reti (due in Libertadores)

21
Neymar
Santos, da giugno 21 reti, 6 nel campionato Paulista in corso

25
Benzema
Real Madrid, questanno ha realizzato 15 reti, 3 in Champions

26
Giroud
Arsenal, a quota 15. Lultimo gol con il Bayern in Champions

OLANDA

et media 27

GERMANIA et media 28,5

25
Lens
Psv, 13 reti questa stagione. Nella Eredivisie ne ha gi segnate 9

29
Van Persie
Manchester United, con i Red Devils ha realizzato 23 reti

34
Klose
Lazio, 11 reti stagionali, ma fermo da inizio febbraio

23
Muller
Bayern Monaco, ha gi segnato 17 reti in stagione, 4 in Champions

INGHILTERRA et media 28,5

SPAGNA

et media 29

30
Defoe
Tottenham, questanno ha segnato 14 reti, 10 in Premier

27
Rooney
Manchester United, 16 reti stagionali, in Champions solo 1

27
Silva
Manchester City, questanno 3 reti in Premier e una in FA Cup

31
Villa
Barcellona, questa stagione ha realizzato 14 reti. In Liga a 8

di Buffon inizia il 29 ottobre 1997, a Mosca. la gara dandata dello spareggio per accedere al Mondiale 1998. Gigi in panchina, ma dopo una trentina di minuti si fa male Gianluca Pagliuca. E quindi, a 19 anni, lallora portiere del Parma fa il suo esordio con la maglia pi ambita per un calciatore italiano. Finir 1-1: vantaggio di Christian Vieri e autorete di Fabio Cannavaro. Nella gara di ritorno, a Napoli, in porta c Angelo Peruzzi: lItalia guadagna il pass per Francia 98 vincendo 1-0 grazie a un gol di Casiraghi. Buffon completa comunque una stagione straordinaria e infatti Cesare Maldini se lo porta in Francia come vice di Pagliuca, perch nel frattempo si era infortunato proprio Peruzzi. Una curiosit: pure la seconda rete subita da Gigi arriva dal fuoco amico, e porta la firma di Costacurta, in unamichevole comunque vinta 3-1 contro il Paraguay. Il primo gol subito da un avversario risale allora al 27 marzo 1999: Danimarca-Italia 1-2, qualificazioni a Euro 2000, Sand pareggia momentaneamente il gol di Filippo Inzaghi, poi decide Antonio Conte, oggi tecnico dellattuale capitano azzurro. Sono invece le presenze numero 66 e 67 quelle che Buffon ricorder per tutta la vita: si tratta di Germania-Italia 0-2 e Italia-Francia 6-4 (dopo i calci di rigore), rispettivamente semifinale e finale del trionfale Mondiale 2006. Alla partita coi francesi (nella quale Fabio Cannavaro festeggi le sue 100 presenze in Nazionale) legata anche la parata pi bella della mia carriera, su colpo di testa violentissimo di Zinedine Zidane, ha ricordato il gi-

S
126 Maldini Il debutto a 19 anni, nel 1988. Dopo Matthus, latleta con pi gare ai Mondiali (23, contro le 25 del tedesco). In azzurro anche 7 reti

S
125 Buffon Anche lui debutta a 19 anni, nel 1997. In azzurro ha vinto il Mondiale 2006, come Cannavaro. In Nazionale ha incassato 97 gol

S
112 Zoff Esordisce a 26 anni, nel 1968, quando vince lEuropeo. In bacheca ha anche il Mondiale 1982. Dal 1998 al 2000 stato c.t. azzurro

Gianluigi Buffon, 35 anni, da 16 in azzurro FORTE

RIPRODUZIONE RISERVATA

UNDER 21 OGGI LABBRACCIO DELLA FOLLA A CAMPOSAMPIERO, DOMANI A BASSANO DEL GRAPPA CONTRO LUCRAINA

Immobile-Insigne, il vero tesoro di Mangia


In ribasso nei club, in azzurro fanno faville. Il genoano: Ci troviamo a memoria
DAL NOSTRO INVIATO

FRANCESCO VELLUZZI CAMPOSAMPIERO (Pd)

Ieri mattina alle 7.30 Florenzi ha lasciato il ritiro dellUnder 21 per andare a rinforzare la Nazionale maggiore a Coverciano. lennesimo pezzo pregiato asportato da Prandelli alla squadra che a giugno vorrebbe cercare di dare lassalto al ti-

tolo Europeo. Via Verratti, via El Shaarawy, via De Sciglio, va e viene Santon, va e viene Florenzi. andato e tornato Borini, non si sa che ne sar di Destro. Vuol dire che sono bravo e ho lavorato bene, ha scherzato Mangia col sorriso sulle labbra. Un signore. Ma, pi prima che poi, questa situazione andr chiarita. Perch una programmazione va fatta e la squadra va provata. Detto che Mangia ha ribadito che aspetter il recupero di Borini fino allultimo, chi gli conceder Prandelli per lEuropeo? Scontata la presenza di El Shaarawy alla Confederations, sembra quasi certa anche quella di De Sciglio che convince sempre pi il c.t. dei

grandi. Verratti da capire. Destro, che in ripresa, pure.


La doppia I In questo mare in tempesta lUnder 21, che ha superato di slancio anche la Russia (tra le 8 in Israele), due certezze le ha: Lorenzo Insigne e Ciro Immobile, sangue napoletano, futuri pap, amici veri, legati in campo da una sintonia tattica incredibile: Ci troviamo a memoria. A Pescara lui sapeva come imbeccarmi, tutti tagliavamo dentro. Siamo stati benissimo, ricorda Ciro. Pu darsi che un giorno i due, che nei propri club, Napoli e Genoa, non sempre gioiscono Immobile ha pure perso il posto da titolare perch Ballardini

usa Bertolacci (rientrato in Under per merito) a supporto di Borriello si ritrovino insieme: Non sarebbe male, ha detto Ciro. Intanto ieri si sono goduti laffetto della folla di Camposampiero che ha invaso lo stadio Mason per abbracciare gli azzurri e in particolare Lorenzo e Ciro. Due che danno sempre soddisfazioni a Mangia. Immobile a 7 gol, Insigne a 6. Con la Russia ha segnato pure di testa: Non capita tutti i giorni, ha detto felice. Ieri cera un bel clima nellUnder. Da oggi si prepara lamichevole con lUcraina (domani a Bassano del Grappa) che gioca con la squadra del futuro, tutti dal 92 in gi. Poi, fino al 23 maggio, ci sar tempo per comporre lItalia che, al completo, pu dare scacco a tutti. Sarebbe un peccato non sfruttare loccasione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ciro Immobile, 23 anni, contro Lorenzo Insigne, 21, in allenamento PIERANUNZI

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

Grazie per aver sciato con noi


EA7 OFFICIAL OUTFITTER DEI MAESTRI SCUOLA SCI CORTINA

SEE YOU NEXT YEAR

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

TRA NAZIONALE E CAMPIONATO

Io juventino dico: grazie Magath


Barzagli Sono tornato ad alti livelli col tecnico tedesco. Conte resta: faremo grandi cose identiKit & CARRIERA

DAL NOSTRO INVIATO

MIRKO GRAZIANO FIRENZE

Poche storie, la Juve e Marotta hanno da tempo vinto la loro scommessa: il 27 gennaio 2011 presero Barzagli dal Wolfsburg per appena 300mila euro. Si diceva: un difensore involuto, colpa della Bundesliga, teoricamente poco adatta alla crescita generale di un calciatore. E invece se oggi sono tornato ad alti livelli dice Andrea tutto merito di quella esperienza, di Magath soprattutto.
Pensa un po... S, proprio quel

Diciamolo: abbiamo in mano il campionato, lo possiamo perdere solo noi


ANDREA BARZAGLI DIFENSORE JUVENTUS

ro. In giro ci sono difensori potenzialmente pi forti di me, ma a certi livelli contano concentrazione e preparazione fisica.
Conte resta, sicuro! Voglio chiudere la stagione con almeno un successo a livello di club e la qualificazione mondiale in tasca. Abbiamo in mano il campionato, lo possiamo perdere

Andrea Barzagli, 31 anni, difensore della Juve LAPRESSE

Felix Magath che nel 1983 fece piangere il popolo juventino, segnando il gol partita nella finale di Coppa dei Campioni contro lallora banda Trapattoni, guidata in campo da Platini e piena zeppa di campioni del mondo. Allora non diciamolo ad alta voce sorride Barzagli ma in effetti Magath il tecnico che mi ha cambiato a livello di testa. Non andavamo daccordissimo, seppe comunque impormi rigidit e costanza a livello di lavoro durante la settimana. Prima, a Palermo, ogni tanto mi prendevo delle pause. Ma in Germania ti travolgevano se non correvi. Conte e Prandelli ringraziano. In bianconero, Barzagli il pi presente fra i suoi: 40 gettoni stagionali, sempre titolare, 39 gare intere, miglior difensore del campionato. In Nazionale, inutile dirlo, il leader indiscusso l dietro. Solo merito del lavo-

solo noi, inutile nasconderci. A maggior ragione non molleremo di un centimetro, proprio per evitare brutte figure. La Champions? Andiamo a Monaco per giocarcela, partiamo alla pari con il Bayern. E chi ci sottovaluta se ne accorger.... Prima della Coppa c comunque la Nazionale e una gara da vincere e basta. Col Brasile s vista una grande Italia, mi brucia un po aver mancato la vittoria, la meritavamo. A Malta dobbiamo ripartire proprio dalla serata di Ginevra. Usiamo la testa. E magari i gol di un Balotelli che sembra essere definitivamente sbocciato: Oggi Mario pi completo e pronto di Neymar. Il brasiliano eccezionale, ha per bisogno del calcio europeo per lultimo salto

di qualit. Limpressione che sia soprattutto il blocco della Juve ad aver rivitalizzato lintero movimento italiano, ma se la Nazionale piace e d spettacolo merito soprattutto di Prandelli, che ha creduto fin da subito nei giovani, portando un nuovo spirito in azzurro. Il "blocco" aiuta, d esperienza, poi tutte le scelte sono per del c.t.. E questo Prandelli ha in comune con Conte la cultura del lavoro, oltre alla ricerca del bel gioco attraverso il coraggio di andare a pressare molto alto per riconquistare palla. A proposito di Conte, non ci sono dubbi che lui rimanga alla Juve. Rester e scriver pagine importanti. E io mi auguro di essere l con lui.
RIPRODUZIONE RISERVATA

lo Sgambetto

del 1983

VERSO IL BAYERN

Chiellini a parte ma pu farcela


TORINO Seduta a ranghi ridotti ieri in casa Juve. Chiellini lavora a parte, ma le caviglie migliorano: punta soprattutto il Bayern. Sar una sfida stupenda - dice Quagliarella a Juventus Channel - loro hanno grandi campioni in attacco, la nostra difesa dovr fare gli straordinari. A Monaco mi piacerebbe fare un gol. LInter? E in netta ripresa. Peccato per il Tottenham: mi spiace sempre quando unitaliana va fuori.
a.m.

Gel i bianconeri in Coppa Campioni


Barzagli dice: Devo tutto a Magath. Una frase che fa venire i brividi ai tifosi bianconeri. Lex allenatore del Wolfsburg, infatti, con la maglia dellAmburgo segn il gol decisivo nella finale di Coppa dei Campioni del 1983 proprio contro la Juve ad Atene.

Gazzetta.it
Gazza

RECUPERI PRIMAVERA

T vf

Bianconeri, che goleada Bene il Milan


Weekend di pausa anche per il campionato Primavera, ma tra ieri e venerd si sono giocati otto recuperi, tra cui spicca il big match del girone B tra Milan e Atalanta. I rossoneri di Dolcetti battono la capolista 2-1, rilanciando le proprie ambizioni per la corsa al secondo posto che garantisce laccesso diretto alle Final Eight scudetto di Cesena, Forl e San Marino, in programma dal 2 al 9 giugno. Gara decisa dalle reti di Ganz e Petagna, intramezzate dal rigore di Cais. Decisivo anche il portiere Garbiel, che a pochi minuti dal 90 ha respinto un secondo penalty bergamasco calciato da Palma. Il Milan si porta cos a due punti dallInter secondo: il derby del prossimo 6 aprile potrebbe essere decisivo per il secondo posto. La Juve vince 5-1 a Parma e torna in vetta al girone A. Il programma dei recuperi: GIRONE A 14a giornata: TorinoSampdoria 2-1 (giocata venerd); 19a giornata: Spezia-Siena 0-4 (venerd); ieri: Parma-Juventus 1-5. Classifica (prime posizioni): Juve 48 punti; Fiorentina 47; Torino 45; Genoa 36; Empoli 34. GIRONE B 19a giornata: MilanAtalanta 2-1, Bologna Modena 1-1, SassuoloChievo 0-1. VaresePadova 2-1. Classifica (prime posizioni): Atalanta 54 p.; Inter 48; Milan 46; Chievo 43; Bologna e Varese 36. GIRONE C 19a giornata: AscoliJuve Stabia 0-2. Classifica (prime posizioni): Lazio e Catania 47 p.; Palermo 45; Napoli 44; Roma 43.

Stephan El Shaarawy, 20 ANSA

PARLANO GLI AZZURRI TRA NAZIONALE E VOLATA SCUDETTO


Nel ritiro dellItalia si parla di Nazionale e di campionato. El Shaarawy spiega la convivenza con Balotelli e il proprio calo di rendimento, Barzagli invita lItalia ad affrontare Malta con lo stesso spirito del test col Brasile. E assegna lo scudetto a...

MONDIALI: IL MEGLIO DELLE QUALIFICAZIONI E GLI HIGHLIGHT DI B


Week-end di sfide importanti in vista dei Mondiali 2014: sul Gazzetta TV i gol e le giocate pi belle delle qualificazioni, con un Lionel Messi finalmente primattore anche nellArgentina. E, ferma la A, non perdete gli highlight degli anticipi di B.

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

SERIE A

LINTERVISTA

Borja Valero
Lantidivo: Fiorentina, prendiamoci lEuropa
Sto giocando la mia migliore stagione, per la Champions sar decisiva la gara col Milan. Jovetic? Ama questa squadra
LUCA CALAMAI GIOVANNI SARDELLI FIRENZE

Sar pi facile trattenere Jovetic? Dicono che non sia felice.

Quando il normale diventa speciale. Un intellettuale prestato al calcio, raffinato con le parole come nel tocco di palla. Un anti-mito che divora libri, parla di politica, gira curioso nei meandri di Firenze. C solo Borja Valero, cantano i tifosi. Re Borja incassa intimidito e rimane lo stesso. Una persona normale, un calciatore speciale.
Allora Borja, complimenti.

Stevan totalmente diverso da come lo vedete, ride e scherza ogni giorno. Vuole fare le cose per bene, segnare, e portare la Fiorentina pi in alto possibile. Anche in Champions. Lotteremo fino in fondo.
Milan e Napoli per sono forti.

la scheda
BORJA VALERO IGLESIAS 28 ANNI CENTROCAMPISTA

Un vincente. Anche quando siamo sopra nel punteggio, se vede qualcosa che non gli piace si arrabbia moltissimo.
E Della Valle?

Per cosa?.
Per tutto. Ha presente cosa pensa la citt di lei?

Molto. Squadre con tipologie di gioco diverse. Entrambe, per, redditizie. Per me il Milan gioca meglio. Hanno avuto difficolt allinizio, adesso vanno a mille. Il Napoli una squadra pi "italiana", va spesso in contropiede. Potendo contare su un giocatore super come Cavani, oltre ai vari Hamsik, Insigne e Pandev.
Il prossimo 7 aprile ospiterete proprio il Milan. Sar decisiva?

Borja Valero Iglesias nato a Madrid il 12 gennaio 1985. Cresciuto nelle giovanili del Real, passato poi al Real Madrid Castilla, squadra B dei Blancos. Il 25 ottobre del 2006 ha debuttato nella prima squadra.

E sempre con noi, vederlo con questa voglia molto importante. In Spagna i presidenti sono calmi e distaccati.
Come giudica la Serie A?

Sono felice che i tifosi mi apprezzino, sento i cori e laffetto della gente. E una cosa magnifica, anche perch non sono un bomber. Sembrare bravo senza segnare pi complesso.
Si sente il simbolo della rivoluzione tecnica della Fiorentina?

2007 Maiorca 2008 West Bromwich 2009 Maiorca 2010 Villarreal 2012 Il 3 agosto passa alla
Fiorentina per 7 milioni di euro, firmando un contratto quadriennale. Debutta in Serie A il 25 agosto (Fiorentina-Udinese 2-1) e segna il primo gol in viola l11 novembre in Milan-Fiorentina 1-3 (campionato)

Mi piace la passione dei tifosi, molto meno la qualit dei campi. Tra i giocatori scelgo Pirlo, tra gli stadi San Siro. Noi abbiamo un centro sportivo che un gioiello.
Cosa per lei Firenze?

Una citt della quale mi sono subito innamorato.


Se non avesse fatto il calciatore, chi sarebbe Borja Valero?

No. Sicuramente importante. Ma se prima perdiamo contro il Cagliari siamo al punto di prima.
Se le diciamo Montella, cosa le viene in mente?

Mi hanno sempre detto che potevo fare il giornalista, ma non credo. Sicuramente avrei studiato molto di pi. Materie letterarie, niente numeri.
RIPRODUZIONE RISERVATA

No. I simboli sono la squadra e lo stile di gioco di Montella. Seguendo il quale, semplice dare limpressione di essere pi forti.
Assist, media voto, passaggi. Ai primi posti di tutte le statistiche c Borja Valero. Ma sempre stato cos?

Borja Valero, 28 anni, in azione con la maglia della Fiorentina EIDON

lAnalisi
di L. CAL.

Forse la mia stagione migliore. Magari il prossimo anno gioco male e faccio una brutta figura (ride, ndr). Spero di rimanere su questi livelli: anche se forse in Spagna non la pensano cos.

Il laboratorio viola funziona grazie a lui


Borja Valero non solo un grande giocatore. E unidea. Vincente. Lo spagnolo sta alla Fiorentina come Pirlo alla Juve. Ruoli diversi, uno un regista laltro un tuttocampista, ma stesso impatto. Sono leader in ogni gesto, sono il punto di partenza di un progetto. La Fiorentina alla Barcellona o alla spagnola oggi una delle realt pi intriganti del campionato. Diego e Andrea Della Valle si sono innamorati di questo capitano senza fascia che i loro uomini mercato hanno portato a Firenze per 7 milioni sfruttando le titubanze di tanti altri club, Inter compresa. Ora vale almeno il doppio e persino il Real Madrid ha fatto un sondaggio per riportarlo in Spagna. Ma la risposta stata negativa. Montella ha colto al volo lassist e ha costruito la squadra intorno a questo centrocampista che rende semplici anche le giocate pi complicate. Borja Valero non ci sar a Cagliari, ma ci sar contro il Milan. Domenica 7 aprile, allora di pranzo, la squadra viola si giocher le chance per un posto in Champions. E lo spagnolo che gioca sorridendo vuole essere l, in mezzo al campo. Cercando il colpo a lui pi gradito: servire un assist accarezzando il pallone.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono felice qui perch i tifosi mi apprezzano. Ma il simbolo di tutto Montella Rossi ha scelto bene, torner grande. Senza calcio avrei fatto il giornalista

Ahi, capitolo nazionale. Il talento della generazione di fenomeni la tiene fuori dal giro...

Il calcio questo. Io continuo a sperarci e sogno di andare al Mondiale in Brasile: ma so che sar quasi impossibile. Sono felice di veder vincere la Roja, certo mi piacerebbe esserci.
Lei stato fra i primi a credere nella rinascita della Fiorentina. Perch?

I dirigenti me lavevano promesso. Io mi sono fidato e cos stato.


Cosa pensa di Rossi?

Che nel posto giusto. Il nostro calcio perfetto per lui e Giuseppe perfetto per noi. Ora deve pensare a guarire senza fretta.

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA LUNGA VOLATA

Corsa 2 posto: ch
o
Energie alternative da Insigne, Robinho, Toni, Kovacic, Klose e Osvaldo
Sei squadre lottano per la poltrona sicura in Champions: ecco gli uomini per lultimo sprint
ANDREA SCHIANCHI

MIROSLAV KLOSE

MATEO KOVACIC

LORENZO INSIGNE

Il ragionamento che segue parte da un dato difficilmente opinabile: soltanto la Juventus pu perdere lo scudetto. Con 9 punti di vantaggio sul Napoli (che, in realt, sono 10 in virt del miglior punteggio negli scontri diretti) i bianconeri sono in una botte di ferro. Dunque agli altri non resta che lottare per il secondo posto, lunico disponibile per lingresso dalla porta principale della Cham-

pions League (la terza poltrona garantisce soltanto laccesso ai preliminari). In 10 punti, da quota 47 a quota 56, ci sono ben sei squadre: Napoli a 56; Milan a 54; Fiorentina a 51; Inter, Roma e Lazio a 47. Ancora 9 partite (10 per lInter che deve recuperare la sfida in trasferta contro la Sampdoria), 27 punti sul piatto. Si annuncia un finale da cuori forti, magari deciso allultimo secondo dellultima gara dellultima giornata. Sarebbe la migliore pubblicit per il nostro calcio che, lenta-

mente, sta cercando di uscire dalla crisi.


Come i ciclisti Valutando la situazione attuale delle squadre impegnate nella volatona necessaria tenere in considerazione un dato: appena iniziata la primavera, i giocatori sgobbano da ormai quasi 8 mesi, le gambe sono pesanti e, a questo punto, la differenza la fanno le cosiddette energie alternative. Non stiamo parlando di pale eoliche, pannelli solari e altre faccende, ma del contributo

LE CIFRE DEL LAZIALE

LE CIFRE DELLINTERISTA

LE CIFRE DEL NAPOLETANO

GDS

GDS

GDS

Napoli
Servono i guizzi dei meno impiegati
Condizione fisica
Molti giocatori impegnati con le nazionali. Mazzarri dovr gestire le energie facendo un po di turnover. Saranno stanchi i sudamericani.

Milan
Trovato lequilibrio E quel Balo in pi...
Condizione fisica
Allegri sta recuperando tutti gli infortunati e, dopo leliminazione dalla Champions League, le energie vanno concentrate soltanto sul campionato. Da valutare El Shaarawy, apparso piuttosto stanco nelle ultime esibizioni.

Fiorentina
Gioco e identit: sognare si pu
Condizione fisica
Dopo il black out invernale, la Viola si ripresa e sembra che adesso le gambe girino alla perfezione. Il gioco di Montella dispendioso a livello atletico, ma le risorse ci sono.

Inter
Senza Milito dura Rebus condizione
Condizione fisica
E il punto dolente della stagione nerazzurra. Giocatori troppo anziani e, di conseguenza, squadra con poche energie fisiche da spendere. LInter patisce molto quando le partite sono ravvicinate.

Lazio
Doppio impegno, rischio stanchezza
Condizione fisica
Il problema principale riguarda il doppio impegno: la Lazio (oltre alla Juve) lunica a essere ancora in corsa in Europa. Energie atletiche che, presumibilmente, scarseggeranno nel momento topico della stagione.

Roma
C tanta qualit in zona dattacco
Condizione fisica
La cura Andreazzoli sembra aver fatto bene anche sotto laspetto atletico. La Roma corre, e lo fa bene: Totti ne ha la dimostrazione lampante. Inoltre una squadra giovane: forse fresche e disponibili.

Condizione tecnica
Dopo la vittoria interna sullAtalanta tornata la fiducia. Allo scudetto non pensa pi nessuno, il secondo posto un obiettivo raggiungibile. Servir migliorare la fase offensiva quando si affrontano le difese avversarie molto chiuse.

Condizione tecnica
La manovra della Fiorentina stata apprezzata da tutti. Il centrocampo il punto di forza. Da non sottovalutare il lavoro degli esterni Cuadrado e Pasqual.

Condizione tecnica
Linfortunio di Milito ha privato Stramaccioni dellunica prima punta presente in rosa. In queste condizioni tutto il peso offensivo sulle spalle di Palacio.

Condizione tecnica
Le amnesie difensive del periodo Zeman paiono cancellate. Ora c un maggiore rigore tattico e si vede anche una buona organizzazione di gioco.

Condizione tecnica
Il modulo ormai definito: 4-3-3. Inoltre larrivo di Balotelli ha garantito qualit e potenza a tutta la manovra offensiva. Da osservare i miglioramenti, in difesa, di Zapata.

Condizione tecnica
Lassenza di Klose, nellultimo periodo, stata determinante. Il rientro del tedesco potrebbe ridare qualit a tutta la manovra.

Qualit della rosa


A Mazzarri non mancano i giocatori, ma bisogna lanciarli e dare loro maggiore fiducia. Il riferimento a Lorenzo Insigne che pu essere molto utile in questo finale.

Qualit della rosa Qualit della rosa


I giovani non sono sinonimo di esperienza, ma questo non un problema. A questo punto della stagione conta di pi la freschezza. Il gruppo di Montella non paragonabile a quello del Milan o del Napoli. Ma uno come Toni, ad esempio, potrebbe essere molto utile se impiegato part-time.

Qualit della rosa


Non eccelsa, nonostante i tanti inserimenti nel mercato invernale. Kovacic lelemento di maggior classe e quello che pu organizzare tutta la manovra.

Qualit della rosa


La Lazio non ha un gruppo foltissimo. Petkovic stato bravissimo a gestire le risorse, ma non gli si pu chiedere di fare il mago.

Qualit della rosa


La Roma ha unottima rosa. In attacco i giallorossi sono formidabili, soprattutto perch hanno tante soluzioni: Osvaldo, Totti, Lamela, e ora torner anche Destro...

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

hi pu dare di pi
ROBINHO LUCA TONI PABLO DANIEL OSVALDO
che possono dare quelli che finora, per una ragione o per laltra, non sono riusciti a incidere profondamente. In soldoni: gli allenatori devono comportarsi come i ciclisti al principio dellultima salita, riempiono le borracce, mangiano qualche barretta energetica, si preoccupano di non avere una crisi di fame mentre pedalano con il naso allins. Logico, quindi, che tutte le squadre in lotta per il secondo posto facciano i conti con le rose a disposizione e valutino le condizioni atletiche del gruppo. Chi corre di pi adesso avvantaggiato, perch nel finale del campionato spesso saltano schemi e tattiche.
Concretezza Il Napoli, ritrovati i

ze, 2 gol) deve svegliarsi, altrimenti non giustifica lo stipendio. E Allegri, nel gestire la rotazione in attacco, dovr tenere conto anche delle potenzialit di Bojan (18 presenze, 3 gol) e di Niang: il francese non ha ancora segnato in campionato. La concretezza, a questo punto della stagione, una qualit indispensabile.
Orchestra viola Napoli e Milan

gol di Cavani, pu puntare sul talento di Lorenzo Insigne. Finora stato poco impiegato (29 presenze in A e 4 gol), ma le qualit tecniche e la fantasia non gli mancano. Se Mazzarri si trover di fronte difese schierate e chiuse, allora Insigne potr essere un perfetto apriscatole. Altro elemento al quale si chiede qualcosa di pi Pandev: il macedone (24 presenze, 3 gol) in debito. E nella medesima situazione, al Milan, c Robinho: tanto bravo e tanto decisivo nella stagione dello scudetto quanto desaparecido in questa. Daccordo che i gol rossoneri arrivano da El Shaarawy e Balotelli, ma non si pu chiedere troppo ai due bamboli. Robinho (16 presen-

sono le maggiori indiziate a giocarsi il secondo posto fino in fondo, ma ci non significa che le altre siano tagliate fuori. La Fiorentina, ad esempio, con i suoi 51 punti guarda lontano: quella che, probabilmente, gioca il miglior calcio, ha in Jovetic un autentico uomo-squadra, ora si sbloccato pure Ljajic e in panchina c un signore che si chiama Toni e quando bisogna timbrare il cartellino non si tira mai indietro (23 presenze, 7 gol). Montella, dopo aver passato una brutta crisi invernale, sembra essere riuscito a rimettere il treno sulle rotaie. A volte la difesa soffre ancora di qualche pericolosa amnesia, ma dal centrocampo in su la Viola unorchestra ben accordata. E Toni, se non saranno sufficienti gli spunti di Jovetic e Ljajic, ci metter le sue zuccate per portare in alto la Fiorentina. Pi complicato il discorso sullInter, un fiore che non mai sbocciato. Il problema lassenza, in rosa, di una prima punta: linfortunio di Milito un handi-

cap pesante. Palacio a 9 gol in campionato e per altri due mesi gli tocca mettersi la squadra sulle spalle. Cassano ha il compito (e il dovere) di aiutarlo: da questo tandem pu nascere la risalita. Anche se, a essere sinceri, ci che mancata allInter nellarco della stagione stata lorganizzazione a centrocampo e qui linnesto del giovane Kovacic non pu che giovare. Non gli si possono chiedere miracoli, ma lui conosce geometrie e tempi di gioco: Stramaccioni dovrebbe affidargli senza esitazioni la bacchetta del comando.
Sotto il Cupolone Il derby roma-

no, con le due squadre appaiate a 47 punti, un motivo di interesse in pi in questo finale. La Lazio in fase calante, e non poteva essere diversamente considerando la rosa tuttaltra che ampia e il doppio impegno campionato-coppa. Tuttavia limminente rientro di Klose (20 presenze, 10 gol) regala tranquillit. Per le volate in Italia e in Europa. E la nuova Roma di Andreazzoli pare trasformata rispetto al Circo Zeman. Osvaldo (26 presenze, 11 gol) pu garantire un ulteriore salto di qualit e molto potrebbe dare il giovane Destro, appena rientrer dallinfortunio (finora 16 presenze e 4 gol). Chi vincer lo sprint del Cupolone come se portasse a casa lo scudetto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LE CIFRE DEL MILANISTA

LE CIFRE DEL FIORENTINO

LE CIFRE DEL ROMANISTA

GDS

GDS

GDS

10

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

SERIE A

HA DETTO

d
S

Su Balotelli Noi del Milan abbiamo il merito di aver riportato Balotelli in Italia, un posto dove di solito i campioni imboccano luscita

Il Galliani pensiero
Allegri saldo Il talento di Balo mi ricorda Ibra
La.d. del Milan: Col tecnico niente problemi, non sono preoccupato. Mario rinato, felice
DAL NOSTRO INVIATO

S
Su Gattuso Rino ha voluto andare via, altrimenti lavremmo tenuto: ma torner, a fare il dirigente, lallenatore o ci che capiter, ma non subito

MARCO PASOTTO GENOVA

La pioggia che cade su Genova solo unimpressione. Un dettaglio. Magari un trucco cinematografico allestito da De Laurentiis. Il cielo sopra Adriano Galliani in realt di un azzurro terso. Diciamo color Nazionale, perch il nuovo corso Milan sta iniziando a combaciare in diversi punti strategici con lItalia che si sta preparando per Brasile 2014. Cinque rossoneri convocati da Prandelli sono una quota di tutto rispetto per una squadra ripartita da zero. Ci sono De Sciglio e Abate, i due terzini prodotto e vanto del vivaio; c Montolivo, cuore del gioco di Allegri; c El Shaarawy, motore della rinascita milanista; e soprattutto c Balotelli, del quale in questi ultimi giorni si dice a ogni latitudine una cosa sola: come rinato, adesso davvero un giocatore felice.
Continuit Felice lui, felice il suo amministratore delegato ovviamente. Non faccio lo psicologo sorride largo cos Galliani , ma ho sempre pensato che fosse un grandissimo giocatore fin da quando era un ragazzino nellInter. Noi abbiamo il merito di averlo riportato in Italia, un posto dove di solito i campioni imboccano luscita. Pare che Galliani contribuisca

considerevolmente alla serenit di Mario. Perch, come si dice, gli sta appresso. Lo cura. Lo marca facendolo sentire importante e indicandogli le strade migliori da percorrere. Colloqui frequenti. Io glielo dico sempre che deve fare bene, perch questa la sua grande occasione: il primo anno che gio-

Linteresse della Roma per Max? Non si pu portar via un allenatore sotto contratto
ADRIANO GALLIANI SUL FUTURO DI ALLEGRI

Dal 2010 Massimiliano Allegri, 45 anni, al Milan dal 2010: ha vinto uno scudetto e una Supercoppa italiana ANSA

ca titolare con continuit, e questo spiega lalto rendimento. Col Brasile avrebbe potuto fare tre gol e sarebbe entrato nella storia. Gli ho detto anche questo. In qualche giocata mi ricorda Ibrahimovic. A proposito di paragoni e super attaccanti: per Galliani SuperMario occupa, in un ranking tutto speciale, una posizione di assoluto prestigio. nella top five mondiale. Prima di lui metto solamente Messi, Cristiano Ronaldo, Ibra e Radamel Falcao. Ora come ora loro sono davanti a tutti, ma Balotelli pu scalare posizioni. Se da Pallone doro? Ha solo 22 anni, ha tempo. Il Milan ne ha gi avuti otto, auguriamoci di arrivare a

Adriano Galliani, 68 anni, e Aurelio De Laurentiis, 63, ieri si sono incontrati a Genova. Milan e Napoli sono rivali per il secondo posto
IMAGE SPORT

nove. Ovviamente con laiuto di un compagno prezioso come El Shaarawy con cui, sottolinea Galliani, forma una coppia assortita benissimo.
Solidit Un po come sembra, al di l di qualche incomprensione, quella composta dalla.d. e dal suo allenatore. Poi, ovvio, il fatto che il rinnovo contrattuale non sia fra le impellenze di via Turati, e che Allegri dica frasi tipo per stare insieme bisogna essere in due, oppure il mio futuro lo decider io, disegnano pi di un punto interrogativo in vista della prossima stagione. Ma Galliani, replicando allultima frase di Max, ben chiaro: Ha un contratto, il

rapporto con lui costante e non c nessunissimo problema. Non sono affatto preoccupato. La fiamma ossidrica? Ora stata messa via, perch usarla ancora significherebbe dissaldare, mentre lui assolutamente saldo. Il presunto interesse della Roma? Non mi risulta che si possano portar via giocatori o tecnici altrui sotto contratto. Infine, porte aperte a Gattuso: Lo sento spesso, ha voluto andar via lui altrimenti lavremmo tenuto. Tutti i giocatori passati da questo club hanno la speranza e laspirazione di allenare il Milan. Rino torner: a fare il dirigente o ci che capiter, ma non da subito.
RIPRODUZIONE RISERVATA

levento di Genova

Non solo calcio al battesimo della Preziosa Fra premi Oscar, musica e una citt in festa
Quella parola Non un caso che a contorno di questo varo laggettivo pi utilizzato per presentare Preziosa sia stato mediterranea, per sottolineare la caratteristica peculiare di questo gigante (333 metri di lunghezza) capace di portare a bordo quasi 6 mila persone, di cui 4.345 passeggeri: una citt galleggiante, creata modificando il progetto originario di una nave voluta dai figli di Gheddafi. Sport in prima fila Qui tutto Cuore e fede Applausi per lui,

FILIPPO GRIMALDI GENOVA

Alle nove della sera, con la citt estasiata ai loro piedi, lirrituale danza in mare di Msc Opera e Splendida davanti allultima nata della famiglia, la Preziosa, il momento pi emozionante di una giornata che sotto la Lanterna verr ricordata a lungo, mentre a bordo si parla (tanto) anche di calcio, in salsa napoletana e rossonera. Abbiamo portato in alto lasticella: usa questa metafora sportiva Domenico Pellegrino, managing director di questo colosso delle crociere, che ieri sera ha tenuto a battesimo presso la Stazione marittima la Preziosa, dodicesima e ultima nata di una flotta in continua crescita ed espansione.

Lultima nata della Msc: la Preziosa


Not(t)e da oscar E visto che di

Sophia Loren, 78 anni, madrina della Msc Preziosa, ed Ennio Morricone, 84, a bordo della nave attraccata nel porto di Genova ANSA

futuro, con unattenzione particolare allo sport, al divertimento e alla buona cucina. Fra le primogeniture di Preziosa c il primo ristorante della catena Eataly itinerante: Cibo di grande qualit in movimento, una scommessa che mi attrae, ha spiegato il patron Oscar Farinetti.

eccellenza italiana si tratta, per il varo Genova bagnata, ma con il vestito della festa ha avuto il meglio, a cominciare da due premi Oscar, Sophia Loren (madrina ormai da un decennio delle navi Msc) e il maestro Ennio Morricone, con uno dei simboli musicali sotto la Lanterna, Gino Paoli, che al calar della notte ha intonato Il cielo in una stanza.

commozione per la Loren (Un nuovo film? Se arrivasse la parte giusta, certo), che ha speso bellissime parole per Papa Francesco (Mi ha commossa fino alle lacrime, ho capito che qualcosa cambier), ed entusiasmo per i grandi numeri frutto della collaborazione con Unicef: grazie alle donazioni dei passeggeri Msc sono stati gi raccolti due milioni per i bambini delle favelas di Rio e San Paolo. La vita andrebbe misurata in momenti, non in minuti, dice lo slogan scelto da Msc per il varo. Ecco perch, davanti a Morricone che suonava la colonna sonora di Nuovo Cinema Paradiso, siamo certi che De Laurentiis e Galliani abbiano lasciato per una notte le questioni calcistiche sulla... terraferma.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

11

De Laurentiis: Mazzarri d non lo voglio cambiare


HA DETTO

Il presidente del Napoli: Lui potr scegliersi un altro patron, ma io non penso a un nuovo allenatore. Cavani? Vale 70 milioni...
DAL NOSTRO INVIATO

S
su Cavani Edi un grande professionista e si trova bene a Napoli. Ma ha 26 anni ed ovvio che ci possa essere lattrazione per club come Barcellona e Real Madrid

MARCO PASOTTO GENOVA

Per piacergli, gli piace. E pure parecchio. E un allenatore educato, determinato ed energico. S, Allegri mi piace molto, fin da quando era al Cagliari. Tanto da scendere le scale della nave accanto a lui chiacchierandoci fitto fitto, proprio sotto gli occhi di Galliani. Ma Aurelio De Laurentiis non sta tramando alle spalle del Milan. Aurelio, mi chiedono se vogliamo scambiarci gli allenatori, gli fa Galliani. Il presidente del Napoli ride, per la risposta appare piuttosto seria: Mazzarri me lo tengo ben stretto. Allegri non pu essere lalternativa, perch a Mazzarri voglio bene. E poi dopo un tecnico toscano non potrei prenderne un altro della stessa regione.
Ci vivo bene Sulla Msc Prezio-

dire che De Laurentiis al proposito cristallino: Non lo cambio con nessuno. Mazzarri pu cambiare presidente, ma io non cambier allenatore. Se dipendesse da me, non cambierei mai Mazzarri. Il futuro dipende solo da lui. Il rinnovo? Ora meglio pensare solo al Torino. Dunque tutto nelle mani del tecnico di San Vincenzo, come appare ormai chiaro da tempo. E lallenatore che ho scelto e con cui vivo benissimo da diversi anni. Se poi vuole altre esperienze, dipende da lui.
Fervore Parlare di Mazzarri

lo azzurro dovr accontentarsi di quel resta sicuramente. Che comunque non poco, e a cui De Laurentiis fa seguire una sorta di giuramento solenne: Abbiamo un impegno nei riguardi della citt. Anche in caso di addio di Cavani o Mazzarri prometto che costruiremo una grandissima squadra.
Sviste In realt lui ritiene asso-

sa ieri sera in pratica cera una grossa fetta della caccia al secondo posto. Milan e Napoli uniti da uno sponsor, dalla cena di gala (tranquilli, non sentirete volare piatti, dice Galliani), dagli obiettivi stagionali e da una certa irrequietezza nei dintorni della panchina. Il futuro di Mazzarri ormai qualcosa di annoso. E bisogna

col numero uno del Napoli si porta inevitabilmente dietro il futuro di Cavani. Anche in questo caso un punto di domanda grande cos che angoscia le notti dei tifosi azzurri. De Laurentiis, per, piuttosto deciso: Resta sicuramente, per questo nel suo contratto ho inserito una clausola rescissoria altissima. Al momento ci sono solo due formazioni al mondo che possono investire circa 70 milioni di euro. Edi ha sempre dimostrato un grande fervore e una grande professionalit, si trova bene a Napoli ma ha 26 anni ed ovvio che ci possa essere lattrazione per club come Barcellona e Real Madrid. Per il momento il popo-

Dal 2009 Walter Mazzarri,


51 anni, al Napoli dallottobre 2009: ha sostituito Donadoni AFP

lutamente tale anche quella attuale, e la classifica gli d ragione. Con un certo orgoglio: Siamo gi una grande squadra, indipendentemente dal piazzamento che otterremo questanno. Non dimentichiamo che otto anni fa eravamo in C e ora sfioriamo i 200 milioni di fatturato. S, siamo una grande squadra nonostante qualche incidente di percorso come lerrore di Aronica (col Torino, n.d.r.) e qualche svista che non meritavamo. C anche un altro rammarico nei pensieri di De Laurentiis: Se Napoli e Milan fossero partiti diversamente, ora la Juve non sarebbe dov. Loro sono una grandissima squadra, ma hanno anche vissuto stagioni in cui sono arrivati settimi o hanno vinto in maniera non proprio diretta, come ha spiegato Calciopoli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

S
Sulla Juve fortissima. Ma anche i bianconeri hanno avuto stagioni nelle quali sono arrivati settimi o hanno vinto in modo non proprio diretto

12

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

SERIE A

LInter alza il Muro


Con la Juve torna Samuel luomo per la Champions
Fuori dal 6 gennaio, il difensore porta punti, trasforma i compagni e spaventa gli avversari: con lui Stramaccioni vuole cambiare passo
LUCA TAIDELLI MILANO

I NUMERI

SQUADRE

Classifica
PT G PARTITE V N P RETI F S

la media dei gol subiti a partita dai nerazzurri nelle 15 gare di campionato in cui Samuel era assente. Con lui in campo scende a 1: 13 in altrettante gare

1,6

EUROPA LEAGUE RETROCESSIONE

JUVENTUS 65 29 20 5 4 57 NAPOLI 56 29 16 8 5 50 MILAN 54 29 16 6 7 52 FIORENTINA 51 29 15 6 8 53 INTER 47 28 14 5 9 44 ROMA 47 29 14 5 10 60 LAZIO 47 29 14 5 10 37 CATANIA 45 29 13 6 10 39 UDINESE 41 29 10 11 8 38 SAMPDORIA (-1) 35 28 10 6 12 35 BOLOGNA 35 29 10 5 14 39 TORINO (-1) 35 29 8 12 9 34 PARMA 35 29 9 8 12 36 CAGLIARI 35 29 9 8 12 35 CHIEVO 35 29 10 5 14 31 ATALANTA (-2) 33 29 10 5 14 30 GENOA 26 29 6 8 15 29 SIENA (-6) 25 29 8 7 14 29 PALERMO 21 29 3 12 14 23 PESCARA 21 29 6 3 20 21 CHAMPIONS PRELIMINARI CHAMPIONS

18 26 32 35 37 49 35 36 38 33 38 36 39 48 44 42 45 40 43 58

LANDAMENTO IN CAMPIONATO QUANTO INCIDE LARGENTINO!

Anche se i suoi numeri sono impressionanti, lo spessore di un calciatore come Walter Samuel non lo puoi misurare solo con le statistiche. Il Muro luomo che pu cambiare lInter e darle la carica in vista della volatona Champions. Ora sta per tornare in campo e per Stramaccioni e tutti i compagni non poteva esserci notizia migliore. Perch largentino, 35 anni ieri, condiziona il rendimento dei colleghi di reparto e permette al tecnico di scegliere tra la linea a tre e quella a quattro.
Quel dubbio San Siro Il crack di

le presenze di Samuel con la maglia dellInter: 152 in campionato, 46 nelle coppe internazionali e 19 in quelle nazionali

217

La classifica tiene conto di questordine preferenziale: 1) punti; 2) a parit di partite giocate, differenza reti; 3) gol segnati

PROSSIMO TURNO
30 GIORNATA sabato 30 marzo, ore 15 ATALANTA-SAMPDORIA CAGLIARI-FIORENTINA GENOA-SIENA INTER-JUVENTUS LAZIO-CATANIA PALERMO-ROMA PARMA-PESCARA UDINESE-BOLOGNA CHIEVO-MILAN ore 18.30 TORINO-NAPOLI ore 21

GDS

Samuel ha fatto meno rumore di quello di Milito, ma non per questo stato meno devastante. Non ha rubato locchio come le lacrime del Principe in barella contro il Cluj, anche perch il nostro a Udine, il 6 gennaio, termin la partita sulle proprie. Ma poi in campo non lo si visto pi, bloccato da uninfiammazione al tendine che probabilmente si trascinava da qualche tempo anche per linevitabile sovraccarico a livello di caviglie cui costretto chi si distrutto due volte il crociato del ginocchio. Senza trascurare il possibile effetto San Siro, visto che da quando nellagosto scorso si passati allibrido sintetico-erba naturale sono andati k.o. per lo stesso motivo Mudingayi, Stankovic ma pure il milanista De Jong.
Condizionante Samuel comun-

di contrasti, salti, scatti e intimidazioni. Che sono uno dei segreti di Pulcinella del campione di Firmat, visto che il nostro temuto dagli avversari anche perch a inizio gara lascia sempre un biglietto da visita, sotto forma di intervento duro ma non plateale. Per contro, la sua presenza condiziona il rendimento dei compagni. Non certo un caso infatti che da quando lui ai box Juan Jesus sia calato e lo stesso Ranocchia, leader vicario con Walter ai box, non sia pi stato impeccabile come prima. Senza trascurare le alternative che offre a Strama, molto pi tranquillo se a guidare la difesa a tre - chiave tattica del filotto di dieci vittorie consecutive allandata - c largentino.
Che numeri! Del resto i numeri parlano fin troppo. Da quando il Muro nel 2005 sbarcato a Milano, lInter in campionato ha sempre fatto pi punti e subto meno reti con lui in campo. Clamorose le cifre di questa stagione e di quella post triplete, quando Samuel a novembre si ruppe per le seconda volta il crociato (la prima nel 2007). Nelle 10 gare con lui a guidare la difesa nel 2010-11 lInter tenne una me-

dia punti del 2,2, subendo appena 0,6 reti a gara. Senza, si pass a 1,9 punti e 1,3 gol subiti. Nelle 13 gare giocate in questa stagione i nerazzurri viaggiavano a 2 punti a gara e un gol subto. Nelle 15 in cui non cera, 1,4 punti e 1,6 reti incassate.
Juve e arma tattica Samuel il 3

le reti segnate in nerazzurro dallargentino: 12 in campionato (lultima, decisiva, nel derby del 7 ottobre scorso) e 3 nelle coppe europee

15

(2-1) (1-4) (0-1) (3-1) (0-4) (1-4) (0-2) (1-1) (1-5) (1-1)

MARCATORI
20 RETI Cavani (5) (Napoli) 16 RETI El Shaarawy (Milan) 15 RETI Di Natale (4) (Udinese) 13 RETI Pazzini (3) (Milan); Lamela (Roma) 12 RETI Denis (4) (Atalanta); Jovetic (1) (Fiorentina) 11 RETI Gilardino (Bologna); Sau (1) (Cagliari); Osvaldo (2) e Totti (2) (Roma) 10 RETI Klose (Lazio) 9 RETI Milito (3) e Palacio (Inter); Hamsik (Napoli); Amauri (1) (Parma); Icardi (Sampdoria) 8 RETI Bergessio (Catania); Borriello (2) (Genoa); Cassano (Inter); Hernanes (1) (Lazio); Bianchi (3) (Torino)

que a inizio 2013 stato costretto a fermarsi, limitandosi a fare terapie prima di riprendere progressivamente un lavoro atletico. Dal 6 marzo largentino tornato in gruppo a pieno regime e la partitella di venerd scorso ne ha sancito i miglioramenti, visto che non ha avvertito problemi a livello

novembre scorso fu lemblema dellInter che, dopo un gol preso in fuorigioco, concesse poco o nulla alla super Juventus. Riaverlo proprio contro i bianconeri darebbe una carica incredibile per tutto il gruppo. Strama lo vorrebbe affiancare a Ranocchia, sapendo che quattro giorni dopo contro la Sampdoria rientrer dalla squalifica Juan Jesus. Perch ormai evidente che il Muro, a 35 anni e con mille battaglie alle spalle, pu giocare una gara a settimana. E anche questo aspetto peser sulla scelta di fine stagione. Con Ranocchia, Juan, i nuovi Campagnaro e Andreolli - senza dimenticare Chivu -, il leader silenzioso accetter di fare larma di lusso da spendere nelle gare chiave (tra le altre cose, con lui lInter ha vinto tutti i derby) o preferir fermarsi? Lasciando un vuoto difficile da colmare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

i derby persi da Samuel. Con lui in campo lInter ha sempre battuto il Milan

Taccuino
UDINESE

Pari col Koper nel test


(m.m.) LUdinese ha pareggiato 3-3 in amichevole con gli sloveni del Koper. Per la squadra di Guidolin, rimasta in dieci dal 13 p.t. per lespulsione di Padelli, hanno segnato Maicosuel, Danilo e Angella. I bianconeri hanno colpito due pali, con lo stesso Danilo e con Gabriel Silva.

EUROPEO UNDER 17

Italia qualificata
La Nazionale Under 17 di Zoratto si qualificata per la Fase Finale dellEuropeo (dal 5 al 17 maggio in Slovacchia) battendo 1-0 lOlanda nella Fase Elite di qualificazione. Partita risolta grazie a un gol di Cerri (attaccante del Parma).

Walter Samuel, 35 anni, allInter dal 2005 FORTE

NAZIONALI NERAZZURRI PEREIRA LUNICO SUDAMERICANO IN CAMPO 90 MINUTI

Che maturit il professorino Kovacic


Allesordio dal 1 con la Croazia, il 18enne strappa applausi nella sfida con la Serbia
MILANO

NAZIONALE UNDER 15

Con la Scozia 2-2


(a.fr.) A Tamai di Brugnera (Pn), 2-2 dellItalia under 15 con la Scozia: per gli azzurri reti di Di Nolfo al 19 p.t. e di Mazzocchi al 18 s.t. Osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Mennea. Domani a Fontanafredda (Pn) la sfida con la Germania che vincendo anche con la Russia (1-0) si gi aggiudicata il 2 Memorial De Marchi.

Il venerd delle nazionali non ha lasciato strascichi. Dopo la panchina di Ranocchia contro il Brasile, i sette nazionali nerazzurri non hanno riportato nemmeno un graffio nelle sfide di qualificazione al Mondiale 2014. E vero che per diversi di loro marted c un se-

condo impegno, ma visti i tributi del passato Stramaccioni e il dottor Combi possono tirare un parziale sospiro di sollievo. Lunico sudamericano impegnato 90 stato Pereira, che con lUruguay ha pareggiato 1-1 contro il Paraguay. Gargano ha assistito al match di Montevideo dalla panchina, mentre Guarin ha giocato soltanto gli ultimi 7 della passeggiata della Colombia sulla Bolivia (5-0) e Palacio i 10 finali del 3-0 dellArgentina sul Venezuela. Marted si torna in campo con Venezuela-Colombia, Bolivia-Argentina e Cile-Uruguay. I quattro nerazzurri non saranno a Milano prima di gioved.

Duello slavo a Mateo Mentre Handanovic con la Slovenia ha preso altri due gol dallislandese Sigurdsson che gi laveva punito con la maglia del Tottenham, il croato Kovacic ha vinto in tutti i sensi la sfida dai mille significati contro il compagno serbo Kuzmanovic. Mihajlovic infatti non ha utilizzato lex viola, non al meglio, mentre il 18enne, schierato per la prima volta titolare proprio in un match cos sentito, ha vinto 2-0 e giocato alla grande. Tanto che il suo compagno di squadra Niko Kranjcar ha speso parole importan-

ti per lui: Mateo un professore di calcio. E marted potr prendersi una minima rivincita dopo leliminazione dallEuropa League sfidando il Galles di Gareth Bale. Ho saputo che avrei giocato dal 1 poco prima del match ha detto Kovacic, probabile titolare anche sabato contro la Juve Sono molto contento perch ho retto bene la pressione. Come Ranocchia (impegnato marted a Malta) e Kuzmanovic (Serbia-Scozia), Kovacic torner agli ordini di Stramaccioni mercoled pomeriggio.
lu.tai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

SERIE A DONNE

Q Tavagnacco in testa
Mateo Kovacic Il croato, 18 anni, ha esordito alla grande da titolare nel 2-0 della Croazia sulla Serbia ANSA
(f.sal.) I risultati della 25a giornata: Brescia-Chiasiellis 0-0, Fiammamonza-Napoli 0-2, Firenze-Mozzanica 0-1, Riviera di Romagna-Lazio 3-1, Tavagnacco-Como 3-1, Torino-Pordenone 0-2, Verona-Perugia 8-0. Rinviata al 10 aprile Mozzecane-Torres. Class. (prime): Tavagnacco 67, Torres* 65, Brescia 57, Verona 55. (*una gara in meno)

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

13

SERIE A

Castan & Marquinhos Messaggio per Scolari Guarda pure la Roma


Il Brasile non convince in difesa: i due giallorossi si candidano e adesso sognano di giocare latteso Mondiale 2014 in casa
ANDREA PUGLIESE ROMA

LA SCHEDA

LA SCHEDA

Domani a Londra, contro la Russia, probabilmente Felipe Scolari confermer la stessa difesa vista gioved scorso contro lItalia, anche se in Brasile sono in molti a pensare che potrebbe provare anche quella a tre, come fece nel 2002 (quando i verdeoro diventarono campioni del mondo schierando in difesa Lucio, Edmilson e Roque Junior). Certo , per, che dopo la prestazione (opaca, a dir poco) con gli azzurri dei due centrali David Luis e Dante, in patria in molti si sono chiesti il perch della mancata convocazione di Castan e, perch no, anche di Marquinhos, probabilmente il pi bel prospetto difensivo che c oggi in Brasile. vero, ci sono stati gli infortuni di mezzo (Castan rientrato da 15 giorni dopo un mese di stop), ma quello di Marquinhos ad esempio arrivato domenica scorsa, a giochi (convocazioni) gi fatti.
Nella Capitale Castan e Mar-

lamichevole del 6 aprile, da giocare in Bolivia. Anche in quelloccasione Castan e Marquinhos non ci saranno, ma chiaro che se il primo sogna di giocare la Confederations Cup (anche in considerazione del fatto che gi partito il braccio di ferro tra nazionale e club brasiliani, che in quel periodo giocheranno il Brasileirao), il secondo spera nella Coppa del Mondo Under 20 come biglietto da visita

per il Mondiale 2014. Perch non dovrei pensare di poterci essere? Del resto di cose inaspettate me ne sono successe gi tante ha detto di recente Marcos Lotter per far s che succeda, anche se la Coppa del Mondo Under 20 ovviamente pi facile. Si giocher in Turchia dal 21 giugno al 13 luglio. Poi, subito dopo, partir il grande assalto a Brasile 2014.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Leandro Castan nato a Ja (Brasile) il 5 novembre 1986. Ha giocato con Atletico Mineiro, Helsingborg, Gremio Barueri e Corinthians. Ha esordito in A il 26 agosto 2012 (Roma-Catania 2-2)

S
Nel Brasile Ha debuttato in verdeoro il 16 ottobre 2012 (4-0 al Giappone): 2 le presenze complessive

Aos Correa Marcos Marquinhos nato a San Paolo (Brasile) il 14 maggio 1994. Cresciuto nel Corinthians, ha giocato nel Timao fino allestate 2012, quando passato in giallorosso. Ha debuttato in Serie A il 16 settembre 2012 (Roma-Bologna 2-3)

S
Nel Brasile Ha collezionato 15 presenze nellUnder 17

INESAURIBILE
2 minuti di luce = 24 ore di energia

quinhos, cos, se ne sono rimasti a Roma: il primo si sta dedicando alla famiglia (dove arrivato da pochi mesi il secondo figlio, Gianluca), il secondo ieri ha approfittato della bella giornata di sole per una sortita al mare, ad Ostia, con lintera famiglia. Ma, chiaro, nel caso in cui fosse arrivata la chiamata di Felipe Scolari, ne avrebbero fatto volentieri a meno. Tra laltro, Castan aveva conquistato la nazionale da poco, convocato per la prima volta dallex c.t. Menezes (che lo aveva avuto anche al Corinthians) lo scorso 27 settembre e con cui aveva giocato due partite (anche se sempre da laterale sinistro), entrambe con buon profitto. Marquinhos, invece, deve ancora fare il suo esordio assoluto in nazionale ed il rifiuto di partecipare al Sudamericano Sub 20 non lo ha certo agevolato, da questo punto di vista. Ma il futuro suo, soprattutto se continuer a giocare su questi ritmi, sfruttando a pieno gli ampi margini di miglioramento.
Futuro Gioved prossimo Sco-

lari far le convocazioni per

SPORT

175

MORTA LA MADRE

Cassa e bracciale in supertitanio 5 volte pi resistente e 40% pi leggero dellacciaio inox

Un grave lutto per il collega Fabrizio Vitale


La scorsa notte, allet di 80 anni, scomparsa la signora Wanda Rizzo, madre del nostro collega e amico Fabrizio Vitale, collaboratore da Palermo de La Gazzetta dello Sport. Tutta la famiglia Gazzetta si stringe attorno al caro Fabrizio in questo momento di profondo dolore.

Cattura la luce e la trasforma in carica inesauribile: con 2 minuti di luce genera 24 ore di energia. una tecnologia esclusiva di Citizen.
www.citizen.it

14

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

15

SERIE A

Palla al Profeta
Hernanes-Lazio Futuro da scrivere
tentato dalla Premier, Milan e Juve vigilano Se non rinnova, club pronto a valutare offerte
DAVIDE STOPPINI ROMA

IN ITALIA DAL 2010


Anderson Hernanes nato il 29 maggio 1985 a Recife (Brasile) Centrocampista, cresciuto tra Unibol Pernambuco e San Paolo, col quale ha debuttato tra i professionisti nel 2005. Nel 2006 in prestito al Santo Andr, quindi, nel 2010, il trasferimento alla Lazio: finora ha collezionato 93 presenze e 27 gol in campionato

IS ARENAS, INDAGATO IL PROGETTISTA

Il contratto in scadenza nel 2015, il brasiliano sta bene a Roma ma non sente lurgenza di allungare laccordo.
Rapporti buoni E la Lazio lo sa. I rapporti con il brasiliano sono ottimi: le parti faranno il punto pi avanti, ma la societ ha gi fatto capire al giocatore che se vorr fare unesperienza diversa, se avvertir lesigenza di cambiare squadra, il discorso cessione si potr affrontare. Della serie: il pallino nelle mani di Hernanes. Non detto che il futuro sia lontano da Roma: la vittoria di un trofeo come lEuropa League, ad esempio, potrebbe far cadere qualsiasi discorso di addio. In questo panorama, per, non pu essere ignorato un altro aspetto. Se da un lato i rapporti con Hernanes sono ok, dallaltra giusto definire freddi quelli del club con lagente del centrocampista, Joseph Lee, che peraltro ricaverebbe da una futura cessione il 10% del prezzo stabilito. Gi, il prezzo. Ce n uno? S, c una cifra al di sotto della quale Lotito non scenderebbe mai, neppure si siederebbe ad ascoltare: 18 milioni di euro. Una cifra importante, forse pi alla portata dei club inglesi. E qui riecco lobiettivo di Hernanes, molto attratto da unavventura in Premier League. Un anno fa il Tottenham buss con molta insistenza. Hernanes e la Lazio dissero no. Avranno la stessa forza/voglia tra qualche mese?
RIPRODUZIONE RISERVATA

Pulga spinge Sau Cagliari lo ama ma da top club


MARIO FRONGIA ASSEMINI (Ca)

Hernanes vola a Londra. No, niente panico. solo che il destino sembra giocare con il Profeta. Proprio lui, che ha gi programmato in carriera un passaggio in Inghilterra, ieri si diretto nella capitale inglese con la Seleao. la seconda volta che gli capita in questa stagione: a settembre con la Lazio visit il White Hart Lane, domani sera con il Brasile affronter a Stamford Bridge la Russia di Capello. A Scolari piaciuto. E mica solo a lui: Milan e Juventus lhanno inserito nel taccuino. Un segno al fianco del nome tanto per dire: di questo qui ne riparliamo pi avanti.
La fretta Ne Riparliamo. Perch un primo approccio, da parte dei due club, c gi stato. Un pour parler, di quelli per capire com la situazione, con lentourage del Profeta, che potrebbe cambiare maglia in estate. Ci and vicino un anno fa, stufo di

non sentirsi troppo apprezzato, oltre che deluso per la qualificazione Champions mancata per il secondo anno di fila. Quella competizione Hernanes ce lha in testa, un chiodo fisso. Giocher in Europa altri cinque an-

ni, poi torner in Brasile, ha detto nei giorni scorsi. Hernanes ha fretta. Ha fretta di vincere, ma non di rinnovare il contratto con la Lazio. I tentativi di Lotito proposta fino al 2017 fin qui sono andati a vuoto.

il separato in casa

Ci mancano 4-5 punti per centrare lobiettivo. Poi, faremo il meglio possibile: il Cagliari pu stare dal nono posto in su. Ivo Pulga battagliero. Prima di tornare a Modena per il week end, un bilancio a tutto tondo: La squadra non era quella delle quattro vittorie di fila ma neanche quella con sei sconfitte consecutive. Serviva pazienza e lavoro per trovare continuit. Ora viene il bello: salvarsi e sbagliare le ultime gare dice lallenatore, in tandem con Lopez, del Cagliari sarebbe deleterio. Tutti scorderebbero quel che si fatto in otto mesi e avrebbero come sintesi le prove negative. Il tecnico torna su passi falsi e gara della svolta: Abbiamo toppato solo con Bologna, Udinese e Parma. Con Napoli e Chievo avremmo meritato almeno un punto. Poi, ci siamo rimessi in carreggiata e col Genoa abbiamo chiuso il discorso. Ora, siamo al decimo posto con 35 punti e nel girone di ritorno veniamo dopo Juve e Milan. I rossobl, un gruppo giovane e di prospettiva. A partire da Sau: Ho sempre detto che Marco pronto per una grande. Ma lui gi in una grande squadra e mi auguro ci rimanga il pi a lungo possibile. La punta (Conti torna in gruppo domani), smaltita linfluenza, pronta per la Fiorentina. I ragazzi possono coltivare buone ambizioni. Il traguardo? Regalare la salvezza al presidente Cellino. Giocatori e tecnici vanno e vengono, ma senza una figura qual il patron, il Cagliari non sarebbe in A.
Inchiesta Is Arenas Stadium Nel registro degli indagati per la costruzione dello stadio Is Arenas a Quartu, entra anche il progettista dell'impianto e direttore dei lavori, Jaime Manca di Villahermosa. Laccusa della Procura per abusi edilizi. Domani, il professionista verr sentito dal pm Enrico Lussu, titolare dell'inchiesta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

E Zarate fa il turista al Colosseo


Mauro Zarate turista a Roma. La moglie dellargentino, Natalie Weber, ha postato su Twitter una foto di ieri che la ritrae con il marito e la figlia Mia davanti al Colosseo. Maurito ha fatto causa alla Lazio: chiesta la rescissione, entro un mese la verit

LAMICHEVOLE LUCIANO, COFIE E PELLISSIER A SEGNO CONTRO GLI SVIZZERI

Il Chievo ne fa tre al Lugano e ritrova Acerbi


PESCHIERA (Verona) Con tre reti nella ripresa il Chievo ha vinto lamichevole con il Lugano. Corini non aveva a disposizione i nazionali Jokic, Cesar. Ujkani, Hetemaj, Samassa e Paloschi, oltre ai difensori Sardo e Spyropoulos, che continuano il programma di recupero, e lattaccante Thereau, che ha svolto una seduta differenziata. Nella ripresa il Chievo ha imposto nettamente la sua superiorit. Il risultato viene sbloccato da Luciano che si inserisce in area da sinistra e batte il portiere. Il raddoppio da un batti e ribatti in mischia che alla fine viene risolto da Cofie. La terza rete porta il sigillo del capitano. Un assist di Dainelli smarca Pellissier e lattaccante segna a colpo sicuro.
CHIEVO-LUGANO 3-0 MARCATORI 10 Luciano, 27 Cofie, 33 s.t. Pellissier CHIEVO p.t. (5-3-2) Squizzi; Sampirisi, Papp, Acerbi, Farkas, Dram; Seymour, Guana; Vacek; Hauche, Pellissier. All. Corini CHIEVO s.t. (4-3-1-2) Puggioni; Sampirisi, Papp (dal 18 Andreolli), Farkas (dal 18 Dainelli), Frey; Luciano, Vacek (dal 31 Zamboni), Cofie; Seymour (dal 18 Rigoni); Stoian, Pellissier (dal 34 Yamga)

Francesco Acerbi, 25 anni ANSA


Corini ha provato il modulo con la difesa a cinque e quello col trequartista. Tra le note liete il recupero di Acerbi, pronto a rientrare da ex contro il Milan.
Giancarlo Tavan

LUGANO p.t. (4-4-2) Russo; Markaj, De Pierro, Urbano, Forzano; De Sousa, Sabbatini, Bonanni, Da Silva; Bebeto, Moreno Elia. All. Ponte LUGANO s.t. (4-4-2) F. Russo; Forrestieri, De Pierro, Skoric, Markaj; Blattner, Santillo, Italo, Sabbatini; Keh, Armato. ARBITRO Romeo di Verona

I RIENTRI PRONTI FREY, OLIVERA, MANFREDINI, BORRIELLO E MATUZALEM

Genoa al completo per la sfida salvezza col Siena


GENOVA (a.d.r.) Cinque sorrisi per Davide Ballardini e non certo soltanto per i gol, cinque appunto, con cui il Genoa ha battuto ieri i dilettanti della Voltrese (due volte Jorquera, Toszer, Hallenius e Moretti, circa cinquecento tifosi, curiosi e fiduciosi, sono corsi a Pegli ad assistere alla partita). I cinque motivi di soddisfazione per il tecnico rossobl hanno le facce finalmente felici di cinque infortunati, ormai sulla via della guarigione. Contro il Siena, alla ripresa, Ballardini avr a totale disposizione Manfredini e Olivera, gi in campo ieri e in progresso di forma, pi Frey, Borriello e Matuzalem, tutti ormai a posto per i medici e sulla via del rientro. Il portiere praticamente a posto. Pedine fondamentali per la sfida decisiva, lo scontro diretto in programma sabato al Ferraris. Esperienza, personalit e soprattutto peso tecnico. Ecco cosa possono portare in dote i tre uomini sulla via del recupero. In miglioramento c pure Floro Flores, altro elemento che potrebbe rivelarsi fondamentale nello sprint per la salvezza. Elementi che potrebbero rendere molto meno difficile la gestione del nuovo infortunio di Vargas e della squalifica di Bertolacci. Proprio luruguaiano Olivera potrebbe vincere la concorrenza di Rigoni per sostituire il peruviano sul centro-sinistra del centrocampo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Francelino Matuzalem, 32 anni ANSA


francese gi ieri ha svolto un allenamento importante a bordo campo durante lamichevole. Borriello e Matuzalem stanno completando i loro programmi personalizzati, ma sono

16

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

17

MONDO

Mou avvisa le ex Il futuro? Magari ritorno al passato


Jos a Setubal per la mostra sulla sua carriera La Champions? Io ne ho gi vinte due...
MIMMO CUGINI

rebbe molto vincere qualcosa come allenatore della nazionale portoghese. Ma non sarebbe facile, perch pochi giocatori miei connazionali giocano nel nostro campionato.
Grazie Pandev E poi intervenu-

LE SUE SQUADRE
1

Taccuino
AUSTRALIA

Gol di Del Piero Il Sydney pareggia


SYDNEY Dopo tre settimane Alessandro Del Piero torna a segnare. Il suo 13 gol in 26 partite nel campionato australiano non basta per al Sydney Fc per vincere il derby contro la capolista Western Sydney. Finisce 1-1, la squadra dellex juventino resta al quinto posto, in zona playoff.

I quarti di finale di Champions League contro il Galatasaray e chiss cosaltro ancora nella competizione pi attesa, la finale di Coppa del Re e le ultime partite della Liga. E poi cosa far Jos Mourinho? Tutti sanno che ho uno spirito avventuroso - ha risposto da Setubal dove gli hanno dedicato una mostra sulla sua carriera - e per la mia famiglia non facile. Vedremo che succeder: dopo Inghilterra, Portogallo, Italia e Spagna, non facile scegliere una nuova destinazione. Forse potrebbe essere un ritorno al passato. Ci sono cose che stanno per succedere e che nessuno si immagina.
Londra e Milano Barcellona, Porto, Chelsea e Inter le tappe della sua carriera di allenatore. Mourinho ha sempre detto che gli piacerebbe tornare a Londra e la panchina dei Blues per la prossima stagione ancora da assegnare, mentre il destino di Rafa Benitez gi segnato.

to ancora una volta sulla polemica con la Fifa: Mi avevano detto che cera stato qualcosa di poco chiaro riguardo alle votazioni, e ora di questo ci sono le prove. Probabilmente non avrei vinto lo stesso e non sarebbe stato un problema, ma almeno adesso le cose sono chiare, e nessuno pu criticarmi per il fatto di non essere andato. La vicenda del premio Fifa di miglior allenatore dellanno assegnato per il 2012 al c.t. della Spagna Vicente Del Bosque ha costretto la federazione mondiale a prendere posizione per fugare i dubbi sulla regolarit delle votazioni. Mourinho rilancia: Voglio ringraziare una persona tra le molte che mi hanno chiamato per avvisarmi che cera stato qualcosa di poco chiaro. Goran Pandev stato lunico che ha avuto il coraggio e la forza di affrontare pubblicamente questo tema, perch gli altri mi hanno detto certe cose ma hanno chiesto lanonimato, una posizione peraltro rispettabile. Non voglio criticarli, ma di sicuro non era per nulla facile ci che ha fatto Pandev.
La Champions Ne ha gi vinte

BRASILE

Tentazione Adriano per il Palmeiras


RIO (m.can.) Adriano al Palmeiras? Il presidente del Verdao Paulo Nobre ammette che lex attaccante di Inter, Fiorentina, Parma e Roma lo ha cercato per giocare allex Palestra Italia. LImperatore, 31 anni, non scende in campo dal 4 marzo 2012, quando militava nel Corinthians. Ma Nobre non scarta a priori la possibilit di ingaggiarlo: Prima deve tornare in forma. Il Palmeiras retrocesso nella serie B brasiliana al termine dello scorso campionato.

SPAGNA 4

Fuentes precisa: Mai lavorato al Real


MADRID Eufemiano Fuentes, il medico spagnolo accusato di aver dopato decine di atleti, chiarisce attraverso il suo avvocato le parole pronunciate nei giorni scorsi. Fuentes non ha mai fatto il medico al Real, n ha mai lavorato per il club. Poi la conferma: quando ha detto di dover ricevere dei soldi dal Madrid, intendeva le spese sostenute per comparire da testimone nella causa tra il Real e il quotidiano Le Monde.

Mourinho ieri a Setubal alla mostra sulla sua carriera EPA

Escludendo il Barcellona e il Porto per ovvi motivi, inevitabile riavvicinare il nome di Mourinho allInter. Jos non ha mai smesso di mandare messaggi damore al club nerazzurro, negli ultimi tempi li ha addirittura intensificati, ma un ritorno da Moratti difficilissimo per mille motivi. Prima di tutto quello di carattere economico.

E soprattutto perch continuano a rimbalzare voci da Parigi su un accordo praticamente fatto tra il portoghese e lo sceicco Tamim Bin Hamad Al Thani, proprietario del Psg, che vorrebbe portare nel club francese anche laltra star del calcio portoghese, cio Cristiano Ronaldo. Mourinho ha anche ribadito un altro suo desiderio: Mi piace-

due con Porto e Inter, certo la decima della storia del Real Madrid avrebbe un sapore particolare dopo lultima tormentata stagione nella capitale spagnola. Ma non sarebbe un dramma se questanno non riuscissi a vincere la Champions con il Real. Gi difficile conquistarne due, ci sono molti grandi allenatori che non lhanno mai vinta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Un giovane Mourinho ai tempi del Barcellona 2 Allenatore del Porto AFP 3 Al Chelsea per tre stagioni AP 4 Con lInter AFP

DOPO IL K.O. IN CROAZIA IL CT: IO NON ME NE VADO

Bufera Mihajlovic In Serbia vogliono le sue dimissioni


MARCO GUIDI

I NUMERI

4 Etoo, meglio solo...


IL BOMBER DEL CAMERUN TEME GLI AVVELENAMENTI

I NUMERI Usa ok nella neve

4
7

i risultati ma il Costarica: Gara da ripetere


EUROPA GR. E Cipro-Svizzera 0-0 Classifica Svizzera 11; Albania, Islanda 9; Norvegia 7; Cipro 4; Slovenia 3. AFRICA GR. A Sudafrica-Rep. Centraficana 2-0 Ore 14 Etiopia-Botswana Classifica Sudafrica 5; Etiopia 4; Rep. Centrafricana 3; Botswana 1. GR. B Tunisia-Sierra Leone 2-1 Ore 17 Guinea Equatoriale-Capo Verde Classifica Tunisia 9; Sierra Leone 4; Guinea Equatoriale 1; Capo Verde 0. GR. C Costa DAvorio-Gambia 3-0 Ore 13 Tanzania-Marocco Classifica Costa DAvorio 7; Tanzania 3; Marocco 2; Gambia 1. GR. D. Ore 14 Lesotho-Zambia Ore 18 Ghana-Sudan Classifica Sudan 4; Ghana, Zambia 3; Lesotho 1. GR. E Congo-Gabon 1-0; Burkina Faso-Niger 4-0 Classifica Congo 9; Burkina Faso, Gabon e Niger 3. GR. F Nigeria-Kenya 1-1; Namibia-Malawi 0-1 Classifica Nigeria, Malawi 5; Namibia 3; Kenya 2. GR. G Ore 14 Mozambico-Guinea Marted ore 18 Egitto-Zimbabwe Classifica Egitto 6; Guinea 3; Zimbabwe, Mozambico 1. GR. H Ore 14.30 Ruanda-Mali Marted ore 20.30 Algeria-Benin Classifica Benin 6; Algeria, Mali 3; Ruanda 1. GR. I Camerun-Togo 2-1; Ore 15.30 Congo DR-Libia Classifica Camerun 6; Libia 4; Congo DR 3; Togo 1. GR. J Senegal-Angola 1-1 Ore 17 Liberia-Uganda Classifica Senegal 5; Angola 3; Uganda 2; Liberia 1. OCEANIA Tahiti-Isole Salomone 2-0 Classifica Nuova Zelanda 15; Nuova Caledonia 9; Isole Salomone, Tahiti 3. La Nuova Zelanda va ai playoff con la quarta del Centramerica. SUD E CENTRAMERICA SUDAMERICA Colombia-Bolivia 5-0; Uruguay-Paraguay 1-1; Per-Cile 1-0; Argentina-Venezuela 3-0. Classifica Argentina 23; Colombia 19; Ecuador 17; Uruguay 13; Cile, Venezuela 12; Per 11; Bolivia, Paraguay 8. CENTRAMERICA Honduras-Messico 2-2; Giamaica-Panama 1-1; Stati Uniti-Costarica 1-0 (gli ospiti hanno chiesto di rigiocare la gara per la troppa neve caduta a Denver) Classifica Honduras 4; Stati Uniti 3; Giamaica, Panama, Messico 2; Costarica 1.

Battuto e mazziato, in campo e fuori. Fosse per la stampa serba, lavventura di Mihajlovic sulla panchina delle Aquile sarebbe gi al capolinea. Troppo umiliante il k.o. in casa della Croazia (2-0), guidata per giunta da Igor Stimac, uno dei nemici storici di Sinisa e di tutti i calciofili di Belgrado e dintorni. Brasile 2014 dista 9 punti, quelli che separano la Serbia proprio dai croati e dal Belgio. Tanti, forse gi troppi. In patria nessuno crede al miracolo. Addio al Mondiale, il leitmotiv di quasi tutte le prime pagine di ieri. Che non mancano di puntare il dito contro il c.t. Mihajlovic semplicemente non sa fare lallenatore, il giudizio tranciante di Sport. Cui seguono le preghiere dello Sportski Zhurnal: Miha, per favore vattene.
In caduta libera Mihajlovic ha perso tutti e tre gli ultimi incontri di qualificazione. Prima della sconfitta di Zagabria, il pesante scivolone interno con il Belgio (3-0) e la sorprendente caduta in casa della Macedonia (1-0). Duecentosettanta minuti, zero punti, zero gol fatti. E via alle accuse di difensivismo. Sinisa ha spento la luce, scrivono a Belgrado. anche questione di scelte. Il c.t. ha escluso a sorpresa tre o quattro titolari nella sfida pi delicata dellanno. Lasciando, per esempio,

ludinese Basta in panchina per tutti i 90 minuti. Errori imperdonabili per chi ora chiede a gran voce le sue dimissioni.
La difesa Eppure lavventura di Miha era cominciata discretamente: un pari senza reti in Scozia, poi il convincente 6-1 al Galles. Peccato, per, che quella sestina rappresenti lintero bottino di reti ufficiali della Serbia targata Sinisa. Solo la Federcalcio pu decidere sulla mia permanenza o meno alla guida della nazionale, il commento dopo la lettura dei quotidiani. Come a dire, o mi cacciano o io non mollo. A caldo, nella notte di Zagabria, Sinisa si era invece preso le sue responsabilit. Abbiamo perso contro la Croazia, che pi forte di noi. Mi assumo le colpe della sconfitta, ma non credo che i ragazzi ora possano rendere pi di cos. Non una resa, ma poco ci manca. Bench, a dire il vero, il c.t. abbia sempre sostenuto che la sua una squadra proiettata al futuro e non ancorata ai risultati del presente. Nostalgia dellItalia Nel nostro

i punti di distacco della Serbia di Mihajlovic da Belgio e Croazia, prime in classifica nel girone A della zona europea di qualificazione ai Mondiali 2014. Mancano cinque gare al termine

Cena in isolamento e poi fa doppietta


Incredibile Samuel Etoo. Sta in ritiro con la scorta, non mangia con i compagni, accusa la federazione del suo Paese di volerlo assassinare. Poi scende in campo e ne segna due, trascinando il suo Camerun al successo per 2-1 sul Togo.
Ultimi gol Le dichiarazioni choc del Re Leone risalgono a poco tempo fa. Ma alle parole Etoo ha fatto seguire subito i fatti. Rispondendo s presente alla convocazione del c.t. amico Akono, ma obbligando lo staff della nazionale a rispettare le sue regole. Ho ricevuto minacce di morte e vivo sotto scorta. Non mangio con i miei compagni perch temo di essere avvelenato. Stesso discorso per lacqua durante gli allenamenti e labbigliamento. Etoo si prepara tutto da solo, come quei sovrani che temono di essere fatti fuori. Una situazione insostenibile. Tanto che Etoo avrebbe gi reso noto di voler lasciare la nazionale dopo il Mondiale 2014. Un mondiale che per il centravanti dellAnzhi vuole disputare a tutti i costi, superando lo scoglio delle qualificazioni a suon di gol, fossero anche gli ultimi con la maglia verde dei Leoni dAfrica. In questottica di fondamentale importanza la sofferta vittoria sul Togo di ieri, che proietta il Camerun in testa al girone con 6 punti in attesa della sfida di oggi tra Repubblica democratica del Congo e Libia.

i club nella carriera professionistica di Samuel Etoo: Leganes, Real Madrid, Espanyol, Maiorca, Barcellona e Inter, prima di passare allAnzhi

S
Sinisa Mihajlovic, 44 anni, ct della Serbia dal 2012

Samuel Etoo, 32 anni REUTERS


Doppietta dautore Al 42 Etoo

le presenze di Etoo nel Camerun, con 55 gol segnati

112 19

campionato Sinisa tornerebbe volentieri, per sua stessa ammissione. AllInter, innanzitutto. Ogni tanto sento Moratti, mi piacerebbe un giorno allenare i nerazzurri, il succo delle parole rilasciate alla Gazzetta una decina di giorni fa. Il ruolo di profeta in patria gi non gli si addice pi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ha sbloccato la gara su calcio di rigore, ma prima dellintervallo gli ospiti hanno raddrizzato lincontro con la rete di Wome, solo omonimo di Pierre (ex di Bologna e Inter) che ironia della sorte proprio camerunese. Poco male, il capitano si rimboccato le maniche e a otto minuti dal triplice fischio ha piazzato unaltra zampata vincente. Gioia sugli spalti e nome di Etoo urlato a gran voce dalla folla presente. Lunica pecca? Lattaccante non potr festeggiare con i compagni. Nemmeno un brindisi. Resta isolato, almeno fin quando lascer il Camerun per far ritorno in Russia. La domanda sorge spontanea: perch mai la Federazione vorrebbe sbarazzarsi di un fenomeno del genere?
ma.gu.
RIPRODUZIONE RISERVATA

i trofei vinti in carriera: 3 Liga (Barcellona), 2 Coppe del Re (Maiorca e Bara), 2 Supercoppe di Spagna (Bara), campionato italiano, 2 Coppe Italia, Supercoppa di Lega (Inter), 3 Champions (Barcellona e Inter), Intercontinentale (Real), Mondiale per Club (Inter), 2 Coppe dAfrica e unOlimpiade (Camerun)

18

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

19

lAvventuroso
di REINHOLD MESSNER

ADDIO A LOWE, AVEVA PARTECIPATO ALLA MITICA SALITA ALLEVEREST


chiamati da John Hunt a far parte della spedizione britannica all'Everest che rese famoso Hillary. Ma anche Lowe ebbe grande merito nella prima salita della montagna pi alta della Terra. Lui fece la parte che l'anno dopo sul K2 tocc a Bonatti. Solo che Lowe vide riconosciuti subito i suoi meriti... Insieme ad Alfred Gregory e allo sherpa Ang Nyima, aveva portato i pesanti carichi per attrezzare campo 9, a quota 8500. Poi i tre erano scesi a Colle Sud (8000 m) mentre Hillary e lo sherpa Tenzing Norgay, utilizzando quel campo, salivano per il loro riuscito tentativo. Fu Lowe, che in quel fatidico 29 maggio era andato incontro alla cordata di vetta, a ricevere per primo da Hillary la notizia del successo. Una frase divenuta famosa nella sua rudezza: Well, George, we knocked the bastard off. Pi o meno: abbiamo fatto fuori il bastardo. Lowe diresse anche il premiatissimo documentario di quella spedizione, The Conquest of Everest. La sua carriera di avventuroso non fin l. Nel 1955 era nella spedizione che tent il Makalu. Poi, come pure Hillary, prese parte alla Commonwealth Trans-Antarctic Expedition (1956-58) guidata da Vivian Fuchs. Fu cos tra i primi che, dopo Amundsen e Scott (1911-12), raggiunsero il Polo Sud via terra. Ma su pesantissimi mezzi meccanici.
RIPRODUZIONE RISERVATA

morto nei giorni scorsi George Lowe. Aveva 89 anni ed era uno degli ultimi fra i grandi pionieri dellepopea della conquista degli 8000. L'ho incontrato in pi occasioni: un tipico, distinto signore inglese. Ma era neozelandese, come il ben pi famoso Edmund Hillary. Le loro storie sono strettamente intrecciate. Insieme avevano fatto parte delle spedizioni himalayane neozelandesi: la prima nel '51 aveva salito un inviolato Settemila. Nel '52 la seconda aveva tentato il Cho Oyu. Cos entrambi nel 1953 furono

pianetaNBA

laVignetta
di LORENZO CASTELLANI

ilCommento

FENOMENO MIAMI: 25 SUCCESSI DI FILA MA LAKERS E CELTICS ANNI 80 PI FORTI


di DAN PETERSON

enticinque e ... contando. Con la vittoria ieri sera, a Miami, contro i Detroit PiV stons, i Miami Heat hanno incatenato la bellezza di 25 vittorie in fila, la seconda striscia vincente nella storia della Nba, dietro le 33 in fila dei Los Angeles Lakers nel 1971-72, con Wilt Chamberlain, Jerry West, Gail Goodrich, Happy Hairston e Jim McMillian (pi tardi con in Italia la Virtus Bologna). Ieri stata la terza vittoria di fila con una rimonta pazzesca. No, non come da -27, come contro Cleveland mercoled, ma da -11 contro i Pistons. Come dice la stella LeBron James: Le gare durano 48 minuti e non 12 o 24 o 36. Recentemente gli Heat stanno superando tutti

i record. Il record per vittorie in fila nel football Nfl 23, degli Indianapolis Colts nel 2008-09. Quindi, quello superato. Poi c il record di 26 in fila dei New York Giants nel baseball nel 1916. Non si pu calcolare lhockey ghiaccio perch ci sono i pareggi. Come detto, rimane solo quel 33 in fila dei Lakers. Fra laltro, i computer danno a Miami solo il 9% delle possibilit di arrivare a 34. Con questo sorge la domanda: se gli Heat vincono 34 partite in fila, si possono considerare loro la squadra pi forte di sempre? La risposta secca no. Perch dico di no? Perch la Nba nella stagione 1971-72 era una lega con 17 squadre, quindi con una concentrazione di talento da fare paura. Oggi, la Nba ha 30 squadre. Quindi, per avere una squadra forte come allora, oggi bisogna metterne insieme due di oggi. Un esempio. Mettiamo insieme le due squadre di Los Angeles, Lakers e Clippers: avremmo un gruppo con Kobe Bryant, Steve Nash, Dwight Howard, Pau Gasol, Chris Paul, Blake Griffin. Quasi un Dream Team. E cos se mettiamo insieme Miami e una squadra dellEst, ovvio, non Orlando che non al livello di Clippers o Lakers. Quindi, la realt oggi duplice: s, gli Heat sono formidabili e vinceranno il titolo anche questanno; no, non sono forti come i Lakers degli anni 50, i Celtics degli anni 60, i Knicks degli anni 70, i Lakers o i Celtics degli anni 80. Quelle erano squadre pi complete, pi profonde. I Celtics del 1985-86 avevano cinque giocatori oggi nella Hall of Fame: Larry Bird, Kevin McHale, Dennis Johnson, Bill Walton, Robert Parish. I Lakers degli anni 80 avevano Magic Johnson, Kareem Abdul Jabbar, James Worthy. Brava Miami. Bravissima. Ma contro i Lakers o i Celtics degli anni 80, perderebbero una serie playoff per 4-2. Forse 4-1.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Non tiriamocela ma al Mondiale ce la giocheremo


LItalia ha grandi margini di crescita, la Spagna no. E col Brasile e lArgentina...

TwitTwit

IL CINGUETTIO DEL GIORNO

COSTANZA DI CAMILLO
Azzurra di sincronizzato

@dottolck ti servirebbe un bel bacio! Di quelli grandi grandi che fanno rumore
@CostiDi

Il c.t. Cesare Prandelli con uno dei suoi gioielli: Stephan El Shaarawy ANSA
di LUIGI GARLANDO

LUCA DOTTO
Campione di nuoto

osa ci suggerisce in prospettiva Brasile 2014 lauC torevole amichevole di Ginevra? A un anno abbondante dal Mondiale dove possiamo posizionare le nostre ambizioni? Alla vigilia dellEuropeo, avevamo questa sensazione: Spagna e Germania pi forti, probabilmente anche lOlanda, con le altre ce le giochiamo. LEuropeo e i mesi successivi hanno migliorato le nostre sensazioni. Abbiamo guardato negli occhi la Germania dei baby-fenomeni e labbiamo sdraiata non solo con i gol di Balotelli: con la qualit del gioco, prima di tutto. In finale la Spagna ci ha imposto una superiorit che andava oltre la nostra stanchezza. Ma in questi mesi la forbice si ristretta perch noi siamo cresciuti, loro no. La grande prestazione col Milan non cancella la stanchezza di un Barcellona che dopo anni di ripetitivit ha perso la gioia spontanea del tiki-taka. Pu dare ancora il meglio di s, in occasioni speciali, tipo remuntada-Milan, ma divertirsi distinto diventa fisiologicamente sempre pi difficile. Idem per la Spagna che ha lanima del Bara senza avere Messi. Il pareggio casalingo con la Finlandia pu essere episodico, ma doppia comunque quello con la Francia. La Nazionale campione del mondo non perde da 24 partite ufficiali, ma si trova nellimprevista necessit di vincere a Parigi per evitare la paura di uno spareggio. Tra un anno la noia del tiki-taka sar cresciuta, Xavi e Iniesta avranno chilometri in pi del motore. Questa Spagna leggendaria pu solo conservarsi, non migliorare. LItalia, al contrario, ha grandi margini di crescita, nel gioco (sta mettendo a punto il 4-3-3) e negli uomini: Balotelli finalmente titolare, giovani in fiore (De Sciglio, El Shaarawy, Cer-

@CostiDi hai ragione non lo voglio...uno!! Ne voglio tanti!!!!!


@dottolck

LeBron James a canestro nella gara con Detroit NBA

MARIA SHARAPOVA
Campionessa di tennis

loScrittore

CAVANI... UTIFUL, ASPETTO LA FINE DI UN COPIONE SCRITTO MALISSIMO


di MARCO MARSULLO

Spazzolare i miei capelli dopo aver giocato una partita del torneo a Miami con lumidit che c una vera battaglia
@MariaSharapova

utto nasce da De Laurentiis che vende Lavezzi alla squadra del fantacalcio di Parigi. Il Pocho va sotto la Torre Eiffel, si fa le foto con Yanina, la sua fidanzata, e le mette sui social network. Apriti cielo. Maria Soledad, signora Cavani, comincia a tormentare Edinson, faccia pulita e piede destro del Signore, per il fatto che loro non si fanno mai foto insieme a piazza del Plebiscito o sul lungomare (liberato) di Napoli. Allora Cavani chiama Lavezzi, che chiama De Laurentiis, che chiama Messi per dirgli che non ha mai detto che Messi un cretino. Seguitemi mi raccomando, sembra complicato, ma non lo . Maria Soledad aspetta il secondogenito di Edi, torna in Uruguay per dare alla luce il piccolo Lucas, ma Edi resta a Napoli, dove gioca male e non fa gol. Perch? Come perch? Perch intanto tra Edi e Maria Soledad, pare, si sia messa in mezzo una ragazza napoletana appena ventiduenne, figlia di un ristoratore. Allora che succede? Lavezzi chiama il ristoratore padre della presunta amante di Edi, gli dice che a Parigi il foie gras non gli piace e che gli deve far trovare la pasta al dente per quando torna. De Laurentiis richiama Messi per dirgli che un cretino, stavolta. Messi ci resta male e chiama Edi, che intanto continua a non segnare e a Napoli tutti dicono che per colpa dellamante, che se anche Cavani tradisce la moglie non c pi speranza per nessuna. Ma Cavani ricomincia a segnare dopo la nascita di Lucas, bimbo sano e bel-

lo, e con la doppietta allAtalanta fa il segno delle bocche che parlano, a sproposito, che forse un po di rispetto in pi non guasterebbe per un campione come lui. A questo punto De Laurentiis chiama lAtalanta e dice che Messi un cretino. Poi Messi chiama Lavezzi e i due scherzano sul fatto che Messi un cretino. Cavani vola in Uruguay per conoscere il suo piccolo, si fa le foto mentre lo culla, ma senza Maria Soledad, che intanto chiama De Laurentiis e gli dice che Messi un cretino. E finalmente De Laurentiis trova unalleata. Cavani chiama Lavezzi per chiedergli come si fa a non essere sgamati quando si va a mangiare al ristorante, ma Lavezzi non risponde perch gi al telefono con De Laurentiis. A dirsi cosa? Provate a indovinare. In tutto questo a Cavani un po gli girano, in citt troppe voci, su internet e i social network tutti pronti a sparlare del suo tradimento (Si sa che la gente d buoni consigli se non pu pi dare cattivo esempio). Il bomber di Dio, indio selvaggio del calcio italiano, smentisce categoricamente. Ma tutto sommato, alla fine di tutta questa serie tiv, un grande E sticalci?. Quello che conta che Edi abbia ritrovato il gol, il sorriso e, soprattutto, Lucas. Cavaniutiful ci auguriamo finisca il prima possibile. Che certi copioni non solo sono scritti male, ma non rendono nemmeno al cinema. E chi pi di De Laurentiis lo sa? Scusate un momento, mi suona il cellulare. Pronto? Presidente, buongiorno. Ma s, lo so, non lo dica a me, quel Messi veramente un. Autore di Atletico Minaccia Footbal Club (Einaudi)
RIPRODUZIONE RISERVATA

CARLO MOLFETTA
Olimpionico di taekwondo

Addio #PietroMennea lotter con tutte le mie forze per tenere alto l'onore della #Puglia nello #Sport
@MolfettaTkd

MAURO BERGAMASCO
Giocatore di rugby con gli Aironi

Buongiorno... week end lungo e settimana corta in vista dell'incontro contro Edimburgo di venerd prossimo...
@MauroBergamasco

USAIN BOLT
Pluriolimpionico di atletica

Il mio progetto totale in piena evoluzione


@usainbolt

ci...), altri in arrivo (Verratti, Insigne...). La forbice con la Spagna si chiuder ulteriormente. Anche Francia e Olanda, lo abbiamo toccato con mano, hanno giovani che stanno crescendo bene, educati da buoni maestri: Deschamps che ha trasmesso la sua solidit di mediano e sta piantando Pogba al centro del progetto e Van Gaal che semina bellezza da sempre. Tra un anno potranno essere nazionali molto competitive, ma improbabilmente pi forti della nostra sulla carta. La Germania ha cominciato prima il lavoro di rifondazione, ha una generazione splendida, in gran parte alloggiata al Bayern Monaco, che trarr vantaggio dalle lezioni quotidiane di Guardiola. Ma i traumi storici non si cancellano in un amen. Dovessero incrociarci in Brasile sarebbero sempre loro quelli preoccupati. Diamo un occhio in Sudamerica. A Ginevra non era il miglior Brasile, ok. Con Thiago Silva la difesa unaltra cosa, ma Lucas, Paulinho e il Pato perduto non sono Didi, Vav e Pel. Esistono davvero fenomeni che in un anno possano trasfigurare il Brasile impacciato, anche tatticamente, visto a Ginevra? LArgentina di Messi, che sta dominando le qualificazioni sudamericane, il solito impasto di cuore e talento, ma anche la solita incognita di resa nelle grandi manifestazioni. La Colombia di Falcao e dei tanti italiani (Guarin, Armero, Yepes...) potrebbe essere la rivelazione del Mondiale, ma quanto sapr gestire un ruolo da protagonista in una vetrina del genere nel continente materno? Pensate alle oscillazioni emozionali dellinterista Guarin, che un giorno sembra un marziano e un altro un ufo. La morale? Non tiriamocela troppo, ma le probabilit che tra un anno ci presentiamo al Mondiale con la consapevolezza di potercela giocare con tutti molto alta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

20

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

SERIE B

33a GIORNATA
purissima. Preben Elkjaer ha toccato quota 9 nel 1985-86, ovviamente in A. Idem Gianfranco Zigoni, ma in B, nel 1974-75. Meglio hanno fatto, tra gli altri, Bui, Penzo, Cammarata e Adailton, arrivati in epoche e categorie diverse a 15 gol, come pure Pippo Inzaghi e De Vitis, (13 a testa nel 1993-94 e nel 1995-96). Ma ad avvicinare Zanetti stato Guido Tavellin: 18 reti in B nel 1949-50. Appena una in meno ne firm, lo stesso anno, Ugo Pozzan. Alla pari, sempre a 17, ecco Ciccolo, nel 1962-63, e Bogdani, nel 2004-2005.
Lo scudetto Una sfilata che comprende anche el Gringo Clerici, 10 gol nel 1970-71, e quel Maurizio Iorio che ne fece 14 nel 1983-84, Pichichi tra gli italiani in una Serie A in cui i padroni, tra i marcatori, erano Platini e Zico. Lanno dopo, quello dello scudetto del Verona, i prodigi furono di Beppe Galderisi: 11 timbri. Cacia prenota un posto nellepica dellHellas. Il traguardo non cos distante. E i quattro gol che servono per superare Zanetti possono essere, Livorno permettendo, quelli necessari per mettere il cappello su una A che manca dal 2002.

BOMBER HELLAS

A Una tripla sfida per Cacia

tra Serie A, gol e storia


Lattaccante torna titolare contro il Crotone e prepara lo sprint finale: promozione, titolo di capocannoniere e record di reti con il Verona
MATTEO FONTANA VERONA

S
19 RETI Luigi Zanetti Serie B 1940-41 (nella foto) 18 RETI Guido Tavellin Serie B 1949-50 17 RETI Ugo Pozzan Serie B 1949-50 Nicola Ciccolo Serie B 1962-63 Erjon Bogdani Serie B 2004-05

Daniele Cacia e tre passaggi in uno. LHellas in A, il titolo di capocannoniere, il record di gol per un giocatore del Verona in un campionato. Tornato a recitare la parte di Terminator a Lanciano (rigore-thrilling conquistato e trasformato al 90), Cacia ha interrotto un digiuno che durava dall1 febbraio, quando suo fu il marchio del provvisorio vantaggio dellHellas nell1-1 con la Reggina. Poi il vuoto, tra qualche errore inconsueto e unevidente sofferenza muscolare che gli ha frenato i riflessi. Andrea Mandorlini lha fatto rifiatare,

dando spazio a Nicola Ferrari. Fuori a Grosseto, fuori con il Lanciano. Buttato nel mucchio, marted, sua la stoccata decisiva.
Il derby Cacia pronto a tornare titolare oggi con il Crotone. Derby sui generis per lui, che ha i natali a Catanzaro, anche se per formazione calcistica maturato a Torino. Ad allevar-

16

i gol segnati da Cacia 6 in casa e 10 in trasferta, 5 di destro, 4 di sinistro, 3 di testa e 4 su rigore

lo, ragazzino, stata la Gabetto, gloriosa scuola pallonara. Insegue altri gol conditi dalla storia, Cacia. E si mette sulle piste di Luigi Zanetti. Centravanti del Verona nei primi 40, una carriera interrotta dalla guerra. Veniva da Isola della Scala, avamposto della Bassa, e nel 1940-41 segn per 19 volte. Disse male ai giallobl, tuttavia: fu retrocessione in C. Dopo la guerra Zanetti accett un posto da cassiere alla Banca Mutua del suo paese e chiuse con il pallone dei professionisti. Ma quella sua stagione ancora mito per il Verona: nessuno ha mai fatto meglio, quanto a gol realizzati, in un unico campionato. Eppure lHellas ha contato su attaccanti di classe

Daniele Cacia, 29 anni, attaccante del Verona TERRUSO

RIPRODUZIONE RISERVATA

Cos oggi (ore 15) EMPOLI SENZA NAZIONALI, SARRI POLEMICO: IL CAMPIONATO E FALSATO
CLASSIFICA
SQUADRE SASSUOLO VERONA LIVORNO EMPOLI VARESE (-1) BRESCIA NOVARA (-5) PADOVA JUVE STABIA MODENA (-2) CESENA CROTONE (-2) TERNANA CITTADELLA LANCIANO ASCOLI (-1) BARI (-7) SPEZIA REGGINA (-2) VICENZA PRO VERCELLI GROSSETO (-6) PT 71 60 60 53 47 45 42 42 41 41 41 39 39 38 38 37 36 36 35 31 25 23 PARTITE G V N P 32 22 5 5 32 17 9 6 32 17 9 6 32 14 11 7 32 13 9 10 32 10 15 7 32 13 8 11 33 10 12 11 32 10 11 11 33 11 10 12 33 10 11 12 31 11 8 12 32 9 12 11 32 9 11 12 32 8 14 10 31 10 8 13 32 11 10 11 32 8 12 12 32 8 13 11 32 7 10 15 32 6 7 19 33 6 11 16 RETI F S 65 29 46 25 58 40 55 46 42 41 42 35 51 33 34 37 44 45 43 43 37 50 30 40 28 30 36 44 37 46 40 46 40 34 38 47 34 40 32 42 27 52 35 49

NON VINCE DA 50 GIORNI

SPEZIA PRO VERCELLI (ore 12.30)


SPEZIA (3-4-1-2) 22 IACOBUCCI 5 PASINI 17 PORCARI 14 SCHIAVI 2 MADONNA 8 BOVO 7 MUSACCI 3 MARIO RUI 10 DI GENNARO 9 SANSOVINI 21 OKAKA All. CAGNI PANCHINA 1 Russo, 4 Lollo, 13 Benedetti, 18 Piccini, 23 Sammarco, 29 Goian, 30 Antenucci. PRO VERCELLI (4-4-2) 1 VALENTINI 31 ABBATE 5 BORGHESE 4 RANELLUCCI 25 SCAGLIA 17 SCAVONE 2 GENEVIER 26 APPELT 20 CRISTIANO 32 RAGATZU 9 EUSEPI ALL. BRAGHIN PANCHINA 12 Miranda, 23 Sini, 27 Rosso, 18 Filkor, 30 De Silvestro, 19 Germano, 11 Iemmello.

BRESCIA CITTADELLA
BRESCIA (4-3-3) 1 ARCARI 15 ZAMBELLI 6 ANT. CARACCIOLO 21 DE MAIO 3 DAPRELA' 19 FINAZZI 5 BUDEL 14 ARIAS 8 SCAGLIA 9 AND. CARACCIOLO 32 CORVIA All. CALORI PANCHINA 12 Cragno, 2 Rosso, 27 Camigliano, 28 Lancini, 26 Nana, 33 Valotti, 7 Picci. CITTADELLA (4-3-3) 22 CORDAZ 19 SOSA 26 GASPARETTO 5 PELLIZZER 3 DE VITO 23 PAOLUCCI 16 BASELLI 24 BUSELLATO 11 MINESSO 9 DI CARMINE 27 GIANNETTI All. FOSCARINI PANCHINA 1 Pierobon, 6 Coly, 2 Pecorini, 2 Vitofrancesco, 15 Ciancio, 13 Di Nardo, 7 Di Roberto.

LIVORNO LANCIANO
LIVORNO (3-4-1-2) 12 FIORILLO 4 BERNARDINI 27 EMERSON 11 LAMBRUGHI 28 SCHIATTARELLA 10 LUCI 33 DUNCAN 24 BIGAZZI 7 BELINGHERI 9 PAULINHO 8 DIONISI All. NICOLA PANCHINA 1 Mazzoni, 17 Ceccherini, 3 Gemiti, 6 Salviato, 16 Gentsoglou, 20 Dell'Agnello, 18 Cellerino. LANCIANO (4-3-3) 1 ARIDITA 2 AQUILANTI 15 ROSANIA 6 AMENTA 3 MAMMARELLA 8 MINOTTI 23 DAVERSA 24 DI CECCO 5 PICCOLO 25 PLASMATI 7 TURCHI All. GAUTIERI PANCHINA 22 Amabile, 26 Scrosta, 11 Marceta, 20 Paghera, 18 Falcone, 19 Falcinelli, 9 Fofana.

NOVARA ASCOLI
NOVARA (4-3-3) 1 KOSICKY 2 PERTICONE 4 LISUZZO 5 LUDI 7 CRESCENZI 18 MARIANINI 6 BUZZEGOLI 23 PESCE 19 GONZALEZ 9 RUBINO 20 LAZZARI All. AGLIETTI PANCHINA 44 Montip, 21 Colombo, 24 Farag, 32 Fernandes, 30 Lepiller, 11 Seferovic, 25 Mehmeti. ASCOLI (3-5-2) 22 MAURANTONIO 5 PRESTIA 26 PECCARISI 6 FAISCA 20 CONOCCHIOLI 8 DI DONATO 18 LOVISO 4 FOSSATI 21 PASQUALINI 30 FECZESIN 9 SONCIN All. PERGOLIZZI PANCHINA 12 De Bellis, 2 Scalise, 13 Ricci, 7 Russo, 16 Colomba, 23 Capece, 11 Montalto.

Il Livorno ora prova a riprendersi il Picchi

Luca Belingheri, 29 anni LIVERANI


FRANCESCO FORESI LIVORNO

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

ARBITRO Tommasi di Bassano GUARDALINEE LongoVivenzi PREZZI da 15 a 45 euro TV Sky Calcio 2 HD e B Tv (andata 0-1) SPEZIA Niente da fare per Guarna: stop per 10 giorni. Rientra Di Gennaro (neopap), Squalificati Romagnoli. Diffidati Benedetti, Bovo, Di Gennaro, Garofalo, Lollo, Madonna, Mario Rui, Sansovini. PRO VERCELLI Fuori per infortunio Grossi, Greco, Vinci, Modolo, Fabiano. Rientra in difesa Abbate. Squalificati Grossi. Diffidati Modolo, Sini, Cristiano, Abbate, De Silvestro, Eusepi e Fabiano.

ARBITRO Castrignan di Roma GUARDALINEE ManziniDel Giovane PREZZI da 10 a 85 euro Tv Sky Calcio 7 HD e B TV (andata 1-1) BRESCIA In emergenza-record (9 assenti fra nazionali, squalificati e infortunati), Calori concede una chance ad Arias. Confermato il tridente. Squalificati Mitrovic e Rossi. Diffidati De Maio, Lasik, Saba, Scaglia. CITTADELLA C Di Carmine, poi Minesso-Giannetti in vantaggio su Di Roberto-Di Nardo. Squal. Biraghi e Schiavon. Diffidati Coly, De Vito, Di Roberto, e Busellato.

ARBITRO Pasqua di Tivoli GUARDALINEE Vicinanza-Carbone PREZZI da 9 a 80 euro TV Sky Calcio 4 HD e B Tv (andata 1-1) LIVORNO Lambrughi ha vinto il ballottaggio su Ceccherini cos come Duncan sul greco Gentsoglou. Bigazzi forse esterno sinistro al posto di Gemiti. Squalificati nessuno. Diffidati Dionisi, Gemiti, Mazzoni, Salviato e Gentsoglou. LANCIANO Rientra Mammarella e fuori Almici. Ballottaggio tra Fofana, Plasmati, Falcinelli, Turchi e Falcone. Squalificati Volpe. Diffidati Leali, Casadei, Plasmati.

ARBITRO Ciampi di Roma GUARDALINEE CiancaleoniAlassio PREZZI da 13 a 30 euro TV Sky Calcio 8 HD e B Tv (andata 0-2) NOVARA Seferovic arriver questa mattina e partir dalla panchina. Aglietti verso la conferma dellundici di Varese. Squalificati nessuno. Diffidati Alhassan, Barusso, Bastrini, Buzzegoli, Lazzari, Lisuzzo, Perticone. ASCOLI In attacco Soncin-Feczesin. A destra Conocchioli al posto di Scalise. Squal. nessuno. Diffidati Feczesin, Loviso, Morosini, Pasqualini, Russo, Soncin.

PROSSIMO TURNO Mercoled 27, ore 20.45 CESENA-PADOVA (1-1). Gioved 28, ore 20.45 ASCOLI-GROSSETO (1-2), BARI-LIVORNO (1-2), CITTADELLA-NOVARA (1-0), CROTONE-SPEZIA (1-2), JUVE STABIA-MODENA (0-1), PRO VERCELLI-EMPOLI (1-2), SASSUOLO-VERONA (0-1), TERNANA-BRESCIA (0-1), VARESE-REGGINA (1-1), LANCIANO-VICENZA (1-0).

REGGINA JUVE STABIA


REGGINA (3-5-2) 22 BAIOCCO 2 ADEJO 3 ELY 4 BERGAMELLI 11 ANTONAZZO 18 COLUCCI 14 HETEMAJ 17 BARILLA 29 RIZZATO 9 DI MICHELE 26 COMI ALL. PILLON PANCHINA 1 Facchin, 21 Di Bari, 27 DAlessandro, 8 Armellino, 23 Bombagi, 7 Sarno, 16 Gerardi. JUVE STABIA (4-3-3) 22 SECULIN 25 BALDANZEDDU 2 MARTINELLI 6 SCOGNAMIGLIO 19 DICUONZO 8 MEZAVILLA 5 DONINELLI 10 CASERTA 7 VERDI 27 ACOSTY 3 ZITO ALL. BRAGLIA PANCHINA 1 Nocchi, 24 Ogolong, 4 Agyei, 17 Suciu, 21 Jidayi, 16 Improta, 20 Cellini

SASSUOLO TERNANA
SASSUOLO (4-3-3) 1 POMINI 23 GAZZOLA 26 TERRANOVA 24 MARZORATI 3 LONGHI 6 BIANCHI 4 MAGNANELLI 21 LARIBI 25 BERARDI 9 BOAKYE 28 CATELLANI All.DI FRANCESCO PANCHINA 22 Pigliacelli, 20 Bianco, 27 Laverone, 10 Troiano, 13 Chibsah, 8 Pavoletti, 19 Troianiello. TERNANA (3-5-2) 22 BRIGNOLI 35 MASI 13 FAZIO 2 FERRARO 20 DIANDA 8 CARCURO 5 MIGLIETTA 18 BOTTA 27 RAGUSA 21 ALFAGEME 33 CERAVOLO All. TOSCANO PANCHINA 1 Ambrosi, 19 Meccariello, 7 Bernardi, 14 Bencivenga, 9 Litteri, 11 Sinigaglia, 29 Maniero.

VERONA CROTONE
VERONA (4-3-3) 1 RAFAEL 29 CACCIATORE 18 MORAS 20 MAIETTA 30 AGOSTINI 16 NIELSEN 19 JORGINHO 3 ALBERTAZZI I7 RIVAS 8 CACIA 21 GOMEZ All. MANDORLINI PANCHINA 33 Berardi, 5 Ceccarelli, 24 Bacinovic, 10 Hallfredsson, 13 Sgrigna, 23 Cocco, 9 Ferrari. CROTONE (4-3-3) 33 CAGLIONI 18 DEL PRETE 21 ABRUZZESE 14 LIGI 13 MAZZOTTA 17 MAIELLO 4 GALARDO 6 ERAMO 9 GABIONETTA 11 CIANO 10 DE GIORGIO All. DRAGO PANCHINA 12 De Luca, 3 Migliore, 19 Vinetot, 26 Matute, 29 Crisetig, 7 Pettinari, 20 Caetano.

VICENZA VARESE
VICENZA (4-4-2) 44 BREMEC 29 PADALINO 18 CAMISA 5 MILANOVIC 27 DI MATTEO 7 BELLAZZINI 4 CIARAMITARO 35 CINELLI 30 SEMIOLI 11 TIRIBOCCHI 19 MALONGA All. DAL CANTO PANCHINA 12 Coser, 26 Gentili, 31 Laczko, 24 Rigoni, 21 Castiglia, 9 Mustacchio, 10 Giacomelli. VARESE (4-4-2) 22 BASTIANONI 2 PUCINO 25 TROEST 19 REA 3 STRUNA 24 ZECCHIN 5 DAMONTE 8 CORTI 33 FERREIRA PINTO 10 NETO PEREIRA 21 EBAGUA All. CASTORI PANCHINA 12 Milan, 32 Franco, 26 Lazaar, 14 Filipe, 29 Kone, 17 Tripoli, 9 Martinetti.

EMPOLI BARI
EMPOLI (4-3-1-2) 34 BASSI 2 LAURINI 26 TONELLI 3 ROMEO 32 ACCARDI 5 MORO 6 VALDIFIORI 18 SIGNORELLI 11 CROCE 7 MACCARONE 10 TAVANO All. SARRI PANCHINA 22 Pelagotti, 4 Gigliotti, 25 Mori, 28 Casoli, 20 Pucciarelli, 17 Shekiladze, 9 Coralli.

(ore 20.45)
BARI (4-3-3) 1 LAMANNA 2 SABELLI 14 POLENTA 3 DOS SANTOS 29 ROSSI 30 DE FALCO 8 SCIAUDONE 25 DEFENDI 17 IUNCO 18 CAPUTO 21 GHEZZAL All. TORRENTE PANCHINA 12 Pena, 23 Ceppitelli, 10 Bellomo, 4 Romizi, 17 Tallo, 7 Galano, 19 Fedato.

Se il ruolino di marcia lontano dal Picchi da promozione (otto vittorie, sei pareggi e due soli k.o.), ben diverso stato il cammino degli amaranto davanti ai propri sostenitori. Soltanto nove vittorie in 16 gare con 26 gol subiti e con un ruolino nel 2013 che parla di un successo (il 2 febbraio con la Pro Vercelli), due sconfitte (con Modena e Crotone) e un pareggio (con la Reggina). Da oggi contro il Lanciano, Davide Nicola spera di interrompere un digiuno lungo 50 giorni. E per cercare di raggiungere lobiettivo, il tecnico amaranto si affida a Luca Belingheri, luomo che sino ad ora sempre risultato decisivo con sette reti messe a segno nelle 25 gare in cui sceso in campo.
Portafortuna Quando segna

ARBITRO Giancola di Vasto GUARDALINEE Segna-Lo Cicero PREZZI da 10 a 75 euro TV Sky Calcio 6 HD e B Tv (andata 0-1) REGGINA Pillon cerca una vittoria che manca da 19 anni (dalla C1). Lunico dubbio tra Hetemaj e Armellino a centrocampo e Comi o Gerardi in attacco. Squalificati nessuno. Diffidati Adejo, Comi, Freddi, Lucioni. JUVE STABIA Out per infortunio Mbakogu, in attacco Braglia conferma il tridente. Squalificati Figliomeni e Murolo. Diffidati Nocchi, Acosty, Jidayi e Murolo.

ARBITRO Roca di Foggia GUARDALINEE Bianchi-Peretti PREZZI da 10 a 45 euro TV Sky Calcio 3 HD e B Tv (andata 3-1) SASSUOLO Laribi (o Troiano) per Missiroli a centrocampo. Gazzola e Marzorati in difesa, Boakye e Catellani in attacco. Squal. nessuno. Diffidati Catellani, Magnanelli, Pomini, terranova e Troianiello. TERNANA Due dubbi: Vitale che da due giorni non si allena e in attacco chi scegliere tra Alfageme, Litteri e Maniero. Squalificati Brosco. Diffidati Litteri, Ciofani, Ragusa, Masi, Alfageme.

ARBITRO Ostinelli di Como GUARDALINEE StalloneMarinelli PREZZI da 13 a 40 euro TV Sky Sport 1 HD, SuperCalcio HD, Calcio 1 HD e B Tv (andata 3-3) VERONA Centrocampo in emergenza: fuori Laner e Martinho, mentre Bacinovic e Hallfredsson sono rientrati ieri: andranno in panchina. Squalificati nessuno. Diffidati Cacciatore, Bacinovic, Jorginho. CROTONE Unico dubbio a centrocampo ma Galardo appare in vantaggio su Crisetig. Squalificati nessuno. Diffidati Eramo, Caglioni, Correia, Matute, Migliore, Addae e Torromino.

ARBITRO Irrati di Pistoia GUARDALINEE IoriDi Vuolo PREZZI da 10 a 35 euro TV Sky Calcio 5 HD e B Tv (andata 1-1) VICENZA Padalino terzino destro. In attacco non scontata la conferma della coppia Tiribocchi-Malonga. Potrebbe essere inserito Bellazzini. Squalificati Martinelli. Diffidati Brighenti, Pinsoglio, Pisano, Padalino, Semioli. VARESE Carrozzieri non al meglio. Zecchin rientra sulla fascia e Corti riprende il suo posto. Squalificati nessuno. Diffidati Bressan.

ARBITRO Candussio di Cervignano GUARDALINEE MelloniPaiusco PREZZI da 10 a 40 euro TV Sky Calcio 1 HD e Premium Calcio (andata 3-2) EMPOLI Sarri polemico per le assenze dei nazionali Hjsay, Saponara e Regini, oltre a Mchedlidze ancora non al top: Il campionato falsato. Squalificati nessuno. Diffidati Regini. BARI Polenta recupera e torna al centro con Dos Santos. Per il resto Torrente conferma la formazione che ha battuto il Padova. Squalificati nessuno. Diffidati Caputo, Sabelli, Sciaudone, Ghezzal.

lui, il Livorno non perde mai. Un vero portafortuna per gli amaranto. E anche oggi toccher a Belingheri prendere per mano la squadra nella prima delle cinque gare interne. Se vogliono coltivare ancora il sogno della promozione diretta, gli amaranto devono cercare di ottenere il massimo dagli impegni casalinghi. Il capitano Andrea Luci ha lanciato un appello alla tifoseria: Serve il loro aiuto per raggiungere un sogno. Sogno che si chiama promozione e che passa, inevitabilmente, dallArmando Picchi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

21
#

SERIE B GLI ANTICIPI DELLA 33a GIORNATA

Effetto Novellino Il Modena si rialza Padova, che crisi


Decide la gara un gol di Mazzarani a 4 dalla fine Non porta bene il ritorno di Pea: squadra contestata
PADOVA MODENA
PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORI Mazzarani al 41 s.t.

0 1

che dice tutto: La pazienza finita. Finita davvero. E il bersaglio il dirigente Luca Baraldi, preso di mira gi da venerd sera. Il Padova, che, a questo punto, i playoff deve scordarseli, fa paura: ha perso le ultime 4 partite, nelle ultime 4 non ha segnato, e un gol in casa non lo fa dal 26 febbraio quando super la Juve Stabia 1-0. Difficile riuscirci se non azzecchi un cross. Il Cosmi di Crozza avrebbe urlato Ti spezzo le gambine agli esterni che proprio non ne azzeccano una. E cos Bonazzoli si sfinisce, ma di palle ne vede poche. Il 4-3-3 di Pea non punge e se non fosse per la diga De Feudis e la tempestivit dietro di Legati sarebbero dolori. E dopo 25 si arrende anche il lottatore Cuffa, gi malandato. Il tecnico ci riprova con i pizzini: niente da fare.
Emergenza finita? La cura Novel-

I NUMERI

4
4

SFIDA SALVEZZA GROSSETO ORMAI SPACCIATO

Papere e 3 espulsi Colpo del Cesena


GROSSETO CESENA 1 2
PRIMO TEMPO 0-2 MARCATORI Granoche (C) al 31, DAlessandro al 41 p.t.; Gimenez (G) al 41 s.t.

le sconfitte consecutive del Padova (tre delle quali in casa) contro Vicenza, Pro Vercelli, Bari e Modena.

noche lanciato a rete, anche se Lanni era in anticipo sullattaccante; nella stessa azione i romagnoli colpiscono la traversa con Giandonato.
Che errori I biancorossi, che cer-

PADOVA (4-3-3) Silvestri 5; Rispoli 5,5,


Legati 6,5, Cionek 5,5, Gallozzi 6; Cuffa 6 (dal 25 p.t. Z Eduardo 6), De Feudis 6,5, De Vitis 5,5; Cutolo 5 (dal 29 s.t. Vantaggiato 5), Bonazzoli 6 (dal 40 s.t. Raimondi s.v.), Farias 5,5. PANCHINA Calderoni, Acka, Galli, Babacar. ALLENATORE Pea 5,5.

MODENA (4-4-2) Manfredini 6,5; Gozzi


6,5, Andelkovic 6,5, Perna 6, Gulan 6,5; Surraco 6 (dal 12 s.t. Nardini 6), Osuji 7, Signori 6, Lazarevic 6,5 (dal 33 s.t. Piscitella 6); Stanco 6 (dal 25 s.t. Mazzarani 6,5), Ardemagni 6,5. PANCHINA Di Stasio, Minarini, Aldrovandi, Maiorino. ALLENATORE Novellino 7. ARBITRO Pinzani di Empoli 6,5 GUARDALINEE Tegoni 6,5-Di Iorio 6,5. ESPULSI nessuno. AMMONITI Surraco (M), Lazarevic (M), Osuji (M), Mazzarani (M) e Rispoli (P) per gioco scorretto. NOTE paganti 1.040, incasso di 9.044 euro; abbonati 4.019, quota non comunicata. Tiri in porta 1-4 (con un palo). Tiri fuori 3-7. In fuorigioco: 1-3. Angoli 3-4. Recuperi: p.t. 2, s.t. 3.
DAL NOSTRO INVIATO

FRANCESCO VELLUZZI PADOVA

h 7 il migliore
OSUJI (Modena) Corre, tampona, riparte: ovunque. E pensare che met del Padova...

La sfida dei due nuovi allenatori la vince per k.o Monzon Novellino, tecnico del Modena che trova, con un po di fortuna il colpo risolutore di Mazzarani a 4 dalla fine col nuovo entrato Mazzarani in un groviglio in area in cui Ardemagni non tocca il pallone. Claudio Pea esce tra i fischi di un pubblico esausto, quello dei distinti (le curve erano semivuote) che nei primi 45 ha scioperato esponendo uno striscione

Andrea Mazzarani, 23 anni, primo a destra viene festeggiato dai compagni dopo il gol che decide la partita col Padova
LAPRESSE

lino funziona subito al Modena che non viene risucchiato in zona retrocessione e riemerge dopo aver conquistato 2 soli punti nelle ultime gare. Novellino gioca classico: 4-4-2. Nella ripresa si copre ancora lasciando solo Ardemagni a creare scompiglio. Basta e avanza perch lelasticit di Mazzarani, che lUdinese far bene a non perdere di vista, serve a dare maggior slancio. E poi lavorano bene lonnipresente Osuji, che qui a Padova non brill, e il dinamico giovane serbo Gulan che la Fiorentina ha mandato a maturare. Il Modena qualche pericolo lo crea gi nel primo tempo quando Lazarevic (44) coglie un palo su tiro-cross. Ancora lui pesca Stanco in area, ma il tiro al volo dellattaccante va fuori. Il Padova va allarrembaggio ma senza senso. E gli unici applausi li prende Nanu Galderisi che ha festeggiato i 50 anni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

i minuti senza gol del Padova. Lultima rete segnata stata quella di Cutolo al 22 della ripresa nel 2-0 di Verona.

383 6

GROSSETO (4-4-2) Lanni 4,5; Padella


5,5, Cosenza 4,5, Barba 5, Som 6,5; Gimenez 6,5, Obodo 6 (dal 36 s.t. Jadid 5,5), Brugman 6 (dal 23 s.t. Coulibaly 6,5), Soddimo 6; Lupoli 6 (dal 24 p.t. Foglio 5), Piovaccari 5. PANCHINA Franza, Biraschi, Asante, Falzerano. ALLENATORE Moriero 5,5.

CESENA (4-2-3-1) Campagnolo 7; Comotto 6, Volta 6,5, Tonucci 6,5, Consolini 6; Parfait 6, Djokovic 6; Ceccarelli 6, Giandonato 5 (dal 29 p.t. DAlessandro 5), Tabanelli 6,5 (dal 23 Meza Colli 5,5); Granoche 7 (dal 15 s.t. Graffiedi 5,5). PANCHINA Ravaglia, Brandao, Morero, Rodriguez. ALLENATORE Bisoli 6. ARBITRO Merchiori di Ferrara 5. GUARDALINEE Gava 6 Santuari 5. ESPULSI Barba (G) al 1 p.t. per gioco scorretto; DAlessandro (C) al 42 p.t. per doppia ammonizione (entrambe per c.n.r.); Piovaccari (G) al 40 s.t. per gioco scorretto AMMONITI Giandonato (C), Djokovic (C) e Brugman (G) per gioco scorretto. NOTE paganti 447, incasso di 5.638,50 euro; abbonati 1.003, quota di 12.179,89 euro. Tiri in porta 10 (con 1 palo)-6 (con tre traverse e 1 palo). Tiri fuori 7-1. In fuorigioco 2-2. Angoli 11-5. Recuperi: p.t. 2, s.t. 4.

le partite senza vittorie del Modena prima del colpaccio di Padova. Lultima vittorie cera stata il 16 febbraio a Livorno (2-1).

MAURIZIO CALDARELLI GROSSETO

cavano i tre punti per continuare a credere nel miracolo, provano a reagire, ma al 31 prendono gol: il retropassaggio di Cosenza troppo forte per Lanni che scivola e permette a Granoche di impossessarsi della palla, di saltare due volte il portiere e di mettere in rete da posizione defilata. Al 41 k.o.: cross di Granoche dalla destra, appena sfiorato da Cosenza, e sinistro al volo di DAlessandro che finisce piano piano in rete (anche in questo caso Lanni colpevole). Lesterno viene ammonito per essersi tolto la maglia e dopo 30" lascia il campo per aver trattenuto Soddimo. In 10 contro 10, il Grosseto prende in mano la gara, ma al 40 resta in 9 per un battibecco tra Piovaccari e Djokovic. Poi accorcia le distanze con un tap-in di Gimenez, che raccoglie la palla respinta dal palo su colpo di testa di Coulibaly. Campagnolo, gi decisivo su Som e Obodo, nega il 2-2 allo stesso Coulibaly.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Cesena condanna a morte il Grosseto in una gara in cui successo di tutto, con i toscani grintosi, ma imprecisi e i romagnoli remissivi, al tempo stesso fortunati (per le reti) e sfortunati (per quattro legni). Dopo 54 secondi maremmani in 10 per una trattenuta di Barba a Gra-

h 7 il migliore
GRANOCHE (Cesena) Decide la partita con un gol di rapina e con un assist per DAlessandro

22

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

23

PRIMA DIVISIONE LANTICIPO DEL GIRONE A

Lecce, Giacomazzi uomo-sorpasso


girone A (28a) girone B (25a) Il Trapani prova a tornare in vetta Perugia a Catanzaro con Italiano Carpi, c il nuovo Treviso di Bosi Pisa-Frosinone sfida playoff
ALBINOLEFFE-TRITIUM (1-0) ANDRIA-VIAREGGIO
ANDRIA (4-4-2) Rossi; Scrugli,
Migliaccio, Zaffagnini, Malerba; DErrico, Larosa, Branzani, Taormina; Guariniello, Innocenti. (Sansonna, Tartaglia, Bottiglieri, Liccardo, Loiodice, Ambrogetti, Maccan). All. Cosco. VIAREGGIO (3-5-2) Gazzoli; Tomas, Conson, Trocar; Pellegrini, Pizza, Maltese, Sandrini, Martella; Benedetti, Giovinco. (Furlan, De Bode, Crescenzi, Mancini, Peverelli, Calamai, Magnaghi). All. Cuoghi. ARBITRO Piccinini di Forl (Bernabei-Opromolla).

(0-1)

ALBINOLEFFE (4-3-1-2) Offredi; Salvi,


M. Belotti, Allievi, Regonesi; Previtali, Girasole, Maietti; Valoti; Cisse, A. Belotti. (Lazzarini, Ondei, Pirovano, Gazo, Pontiggia, Corradi, Diakite). All. Pala. TRITIUM (3-5-2) Nodari; Bossa, Teso, Riva; Martinelli, Calvi, Corti, Casiraghi, E. Bortolotto; Grandolfo, R. Bortolotto. (Paleari, Cremaschi, Cusaro, Brandi, Nardiello, Cogliati, Spagnoli). All. Cazzaniga-Romualdi. ARBITRO Capilungo di Lecce (Mosca-Croce).

Il gol segnato dalluruguaiano Guillermo Giacomazzi, 35 anni LEZZI

A Toma basta un gol delluruguaiano Pavia coraggioso soltanto nel finale


LECCE-PAVIA 1-0
MARCATORI Giacomazzi (L) al 22 p.t. LECCE (4-3-3) Benassi 6; DAmbrosio 5 (dal 36 s.t. Ferrario s.v.), Martinez 6, Di Maio 6,5, Fatic 6; Giacomazzi 7 (dal 43 s.t. Vanin s.v.), De Rose 6,5, Memushaj 7; Falco 6,5, Jeda 5 (dal 26 s.t. Zappacosta 6), Bogliacino 6. (Bleve, Pi, Chirico, Chevanton). All. Toma 6. PAVIA (5-4-1) Kovacsik 6; Capogrosso 6, DOrsi 5,5, Fasano 6, Meregalli 5,5, Monticone 5; Meza Colli 5,5 (dal 21 s.t. Lussardi 5,5), Ferrini 6 (dal 21 s.t. Redaelli 5,5), Di Chiara 5,5 (dal 27 s.t. Beretta 5,5), La Camera 6,5; Cesca 5,5. (Teodorani, Turi, Gio, Romero). All. Roselli 5,5. ARBITRO Mangialardi di Pistoia 5,5. NOTE paganti 1.426, abbonati 2.878, incasso di 30.647,54 euro. Ammoniti Di Chiara, Monticone, De Rose, Di Maio e DOrsi. Angoli 7-2.

CUNEO-LUMEZZANE

(2-1)

BARLETTA-SORRENTO

(2-1)

CUNEO (4-3-2-1) Negretti; Di Lorenzo,


De Franco, Loria, Donida; Cristini, Lodi, Palazzolo; Garavelli, Di Quinzio; Martini. (Pascarella, Ruggeri, Scaglia, Serino, Arcari, Oddenino, Torri). All. E. Rossi. LUMEZZANE (4-3-1-2) Coletta; Carlini, Mandelli, Dametto, Possenti; Dadson, Marcolini, Giorico; Baraye; Inglese, Torregrossa. (Sambo, Zamparo, Sabatucci, Peli, Pintori, Galuppini, Samb). All. Santini. ARBITRO Martinelli di Roma (Giampietruzzi-Galetto).

Matteo Mancosu, 28 anni FOTOPRESS


ARBITRO Sacchi di Macerata
(Camillucci-Bellagamba).

BARLETTA (3-5-2) Liverani; Di Bella,


Camilleri, Burzigotti; Molina, Prutsch, Allegretti, Dezi, Pippa; Simoncelli, La Mantia. (Pane, Calapai, De Leidi, Meduri, Dall'Oglio, Carretta, Barbuti). All. Orlandi. SORRENTO (3-4-1-2) Rossi; Balzano, Ciampi, Terminiello; Kostadinovic, Beati, Salvi, Bonomi; Guitto; Bernardo, Corsetti. (Polizzi, Fusar Bassini, A. Esposito, Ferrara, Tortolano, R. Esposito, Musetti). All. Papagni. ARBITRO Benassi di Bologna (Gosti-Cordeschi).

Vincenzo Italiano, 35 anni LIVERANI


ARBITRO Cifelli di Campobasso
(Fraschetti-Malacchi).

GIUSEPPE CALVI LECCE

ma in 4-2-4 quando Memushaj si alza sulla linea offensiva, il Lecce prende subito liniziativa. Falco e Bogliacino sono i pi vivaci, mentre Memushaj e Giacomazzi si propongono continuamente per gli inserimenti in area di rigore. Proprio lalbanese (15, gol annullato per netto fuorigioco) il pi pericoloso. Al 22 i salentini sbloccano il risultato, con Giacomazzi che sfrutta un preciso cross di Memushaj. Il Pavia alza una diga munitissima, con la difesa sempre bloccata sui tre centrali e rinforzata dagli esterni Capogrosso e Monticone; in avanti il terminale Cesca sin troppo isolato e solo Ferrini impegna Benassi con una conclusione dalla distanza.
Controllo Nella ripresa, con

TRAPANI-COMO
TRAPANI (4-4-2) Nordi; Lo Bue,

(2-2)

PAGANESE-BENEVENTO

(0-2)

ENTELLA-PORTOGRUARO
ENTELLA (4-3-1-2) Paroni; De Col,

(1-1)

Cesar, Bianchi, Cecchini; Volpe, Di Tacchio, Staiti; Vannucchi; Cori, Guerra. (Otranto, Russo, Falcier, Raggio Garibaldi, Hamlili, Argeri, Beretta). All. Prina. PORTOGRUARO (4-3-1-2) Tozzo; Pisani, Patacchiola, Moracci, Pondaco; Herzan, Sampietro, Martinelli; Cunico; Altinier, Corazza. (Festa, Chesi, Blondett, Zampano, Coppola, Salzano, Orlando, De Sena). All. Madonna. ARBITRO Colarossi di Roma (Leali-Maspero).

Pagliarulo, DAiello, Rizzi; Basso, Pirrone, Caccetta, Madonia; Abate, Mancosu. (Morello, Filippi, Priola, Pacilli, Tedesco, Gambino, Docente). All. Boscaglia. COMO (4-2-3-1) Perucchini; Luoni, Migliorini, Marchi, Fautario; Ardito, Scialpi; Gammone, Donnarumma, Schenetti; Mendicino. (Micai, Ambrosini, Schiavino, Giamp, Verachi, Cia, Lisi). All. Colella. ARBITRO DAngelo di Ascoli Piceno (Cecconi-Pignone).

PAGANESE (3-5-2) Marruocco; Pepe,


Fernandez, Perrotta; Ciarci, Soligo, Romondini, Scarpa, Nunzella; Girardi, Caturano. (Robertiello, Calvarese, Pastore, Franco, Fava, Bab, Tortori). All. Grassadonia. BENEVENTO (4-3-1-2) Gori; DAnna, Signorini, Mengoni, Anaclerio; Dav, Rajcic, Espinal; Mancosu; Marchi, Marotta. (Mancinelli, Rinaldi, Bolzan, Montiel, Cristiani, Falzarano, Germinale). All. Carboni. ARBITRO Oliveri di Palermo (Gori-Bottegoni).

CATANZARO-PERUGIA

(4-2)

CATANZARO (3-5-2) Pisseri; Orchi,


Sirignano, Bacchetti; Fiore, Castiglia, Ronaldo, Benedetti, Squillace; Russotto, Fioretti. (Faraon, Narducci, Papasidero, De Risio, Quadri, Carboni, Masini). All. Cozza. PERUGIA (4-3-3) Koprivec; Cangi, Russo, Massoni, Liviero; Moscati, Esposito, Nicco; Politano, Ciofani, Fabinho. (Pinti, Lebran, Cacioli, Rantier, Cenciarelli, Italiano, Tozzi Borsoi). All. Camplone ARBITRO Pelagatti di Arezzo (Prenna-Abruzzese).

TREVISO-CARPI

(0-1)

PISA-FROSINONE

(2-1)

TREVISO (3-4-1-2) Tonozzi; Zammuto,


Stendardo, Cermuto; Beccia, Spinosa, Musso, Piccioni; Madiotto; Strizzolo, Kyeremateng. (Merlano, Videtta, Brunetti, Allegretti, Fortunato, Vailatti, Rosaia). All. Bosi. CARPI (4-2-3-1) Trini; Pasciuti, Poli, Terigi, Letizia; Papini, Bianco; Melara, Concas, Di Gaudio; Della Rocca. (Sportiello, Gagliolo, Cortesi, Perini, Kabine, Viola, Arma). All. Brini. ARBITRO Tardino di Milano (Hager-Sgheiz).

PISA (4-4-2) Sepe; Suagher, Carini,


Sabato, Benedetti; Fondi, Mingazzini, Favasuli, Pedrelli; Gatto, Scappini. (Pugliesi, Sbraga, Colombini, Barberis, Rizzo, Tulli, Perez). All. Pagliari. FROSINONE (4-3-3) Vaccarecci; Marchi, Ficagna, Biasi, Blanchard; Gucher, Carrus, Frara; Lapadula, Curiale, Cesaretti. (Fiorini, Guidi, Frabotta, Bottone, Gori, Ganci, Aurelio). All. Stellone. ARBITRO Ros di Pordenone (Regazzo-Viello).

FERALPI SALO-ALTO ADIGE (0-3)


FERALPI SALO (4-3-3) Branduani;
Tantardini, Magli, Leonarduzzi, Cortellini; Fabris, Castagnetti, Berardocco; Bracaletti, Montini, Tarana. (Gallinetta, Caputo, Falasco, Milani, Ilari, Miracoli, Montella). All. Remondina. ALTO ADIGE (4-3-3) Marcone; Iacoponi, Cappelletti, Bassoli, Martin; Furlan, Bertoni, Uliano; Campo, Testardi, Thiam. (Grandi, Kiem, Panzeri, Bont, Branca, Fink, Maritato). All. Vecchi. ARBITRO Chiffi di Padova (Saia-Ficarra).

GUBBIO-CARRARESE

(2-2)

GUBBIO (5-3-2) Venturi; Malaccari,


Briganti, Radi, Bartolucci, Belfasti; Palermo, Boisfer, Baccolo; Bazzoffia, Di Piazza. (Farabbi, Cancellotti, Galimberti, Sandreani, Guerri, Grea, Cocuzza). All. Sottil. CARRARESE (4-4-2) Piscitelli; Lanzoni, Benassi, Anzalone, Vannucci; Orlandi, Belcastro, Pestrin, Mancuso; Merini, Makinwa. A disp. Cicioni, Bregliano, Partipilo, Malatesta, Corrent, Juan Cruz, Margiotta). All. Iaconi. ARBITRO Brasi di Seregno (Borzom-Boz).

Almeno per una notte, il Lecce di nuovo capolista. Con il quinto gol stagionale di Giacomazzi, migliore in campo, la squadra di Toma batte il Pavia nellanticipo e resta in attesa del risultato del Trapani, opposto oggi al Como. A tratti dominati dalla paura, i giallorossi si muovono quasi con il freno tirato: e, pur in vantaggio dalla met del primo tempo, non riescono a giocare in scioltezza, finendo per subire larrembaggio conclusivo della formazione di Roselli. Schierato con un 4-3-3 che si trasfor-

Jeda sempre pi avulso dalla manovra, tocca soprattutto a Falco pungere, con Memushaj abile nel cucire la manovra tra centrocampo e attacco. Nonostante un netto dominio nel possesso palla, il Lecce non capace di incidere in zona-tiro, a parte qualche guizzo di Memushaj. Il Pavia prende coraggio e nel recupero sfiora il bersaglio con Beretta (dentro al posto di Di Chiara), anticipato da Di Maio. Nellultima ripartenza Bogliacino costringe il portiere Kovacsik a una deviazione sul palo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TURNO DI RIPOSO
Questa settimana la squadra del girone A che fa il turno di riposo la Cremonese.

IL POSTICIPO
Avellino-Nocerina La giornata sar
completata luned da Avellino-Nocerina (andata 0-1, ore 20.45): la partita va in diretta su Rai Sport 1. Arbitra Pezzuto di Lecce.

LA SITUAZIONE
CLASSIFICA Il girone A dopo 27
giornate: Lecce** p. 51; Trapani* 49; Alto Adige* 45; Entella 40; Carpi* e San Marino* 38; Cremonese (-1) 36; Lumezzane e F. Sal* 35; Pavia** 34; AlbinoLeffe* (-6) 33; Portogruaro* (-1) 29; Cuneo 28; Como* (-1) 25; Reggiana* 22; Tritium* 16; Treviso (-1) 13. (* ha gi riposato, ** una partita in pi). PROSSIMO TURNO Cos domenica 7 aprile (ore 15): Alto Adige-Trapani (luned, ore 20.45, 0-4); Carpi-Entella (1-1); Como-Treviso (2-2); Lumezzane-AlbinoLeffe (2-1); Pavia-Cremonese (1-0); Portogruaro-Feralpi Sal (2-2); San Marino-Cuneo (1-0); Tritium- Reggiana (0-4); riposa Lecce.

LA SITUAZIONE
CLASSIFICA Il girone B dopo 24
giornate: Avellino p. 48; Latina* (-1) 44; Nocerina e Perugia (-1) 43; Frosinone (-1) 38; Benevento 37; Pisa 34; Catanzaro e Gubbio 32; Prato 31; Viareggio e Paganese* 30; Andria (-2) 25; Sorrento e Barletta 16; Carrarese 13. (*una in meno). PROSSIMO TURNO Cos domenica 7 aprile (ore 15): Benevento-Latina (2-2); Carrarese-Andria (2-2); Frosinone-Perugia (2-2); GubbioAvellino (0-2); Paganese-Barletta (1-0); Prato-Catanzaro (1-2); Sorrento-Pisa (0-2); Viareggio-Nocerina (1-2).

REGGIANA-SAN MARINO
REGGIANA (4-4-2) Tomasig; Aya,

(0-4)

LATINA-PRATO (0-4, Sportitalia)


LATINA (4-3-3) Bindi; Milani, Bruscagin,
De Giosa, Giallombardo; Sacilotto, Cejas, Burrai; Barraco, Danilevicius, Schetter. (Ioime, Giacomini, Gerbo, Kolawole, Angelilli, Jefferson, Pagliaroli). All. Pecchia. PRATO (4-3-1-2) Layeni; Beduschi, Malomo, Ghinassi, De Agostini; Corvesi, Cavagna, Roman; Silva Reis, Cesarini, Tiboni. (Brunelli, Bagnai, Bisoli, Carminati, Cristofari, Essabr, Papini). All. Esposito.

Cossentino, Bani, Magliocchetti; Antonelli, Zanetti, Ardizzone, Matteini; Sprocati, Marcheggiani. (Bellucci, Mei, Iraci, Scappi, Bovi, Ferrara, Alessi). All. Zauli. SAN MARINO (4-3-3) Vivan; Pelagatti, Fogacci, Ferrero, Mannini; Capellini, Lunardini Calvano; Doumbia, Coda, Poletti. (Migani, Galuppo, Crivello, Ferrari, Casolla, Defendi, Chiaretti). All. Acori.

seconda divisione
28a giornata (ore 14.30)

serie D
28a giornata (ore 14.30)

GIRONE A
ASTI-TORTONA Rognoni di Arco BORGOSESIA-VERBANIA Robilotta di Sala Consilina CHIAVARI-GOZZANO 1-2 Giocata ieri CHIERI-NOVESE Fourneau di Roma DERTHONA-BRA Michieli di Padova FOLGORE CARATESE-SANTHIA Cipriani di Empoli IMPERIA-BOGLIASCO Lombardi di Brescia (ore 15) SESTRI LEVANTE-VERBANO Sartori di Este (ore 15, a Lavagna) TREZZANO-LAVAGNESE Zuliani di Vicenza CLASSIFICA Bra p. 59; Lavagnese e Chieri 54; Santhi 53; Borgosesia 44; Chiavari** e Folgore Caratese 43; Derthona 39; Verbania 35; Gozzano** 34; Bogliasco 32; Asti 30; Sestri Levante* 28; Verbano 27; Tortona* 25; Trezzano 23; Novese 22; Imperia 19. (*una gara in meno, ** una in pi).

GIRONE B

(32a)

GIRONE C

(32a)

GIRONE D
CAMAIORE-FORMIGINE Pasciuta di Agrigento CASTELFRANCO-FORTIS JUVENTUS Paterna di Teramo CASTENASO-BAGNOLESE Accomando di Olbia MASSESE-MEZZOLARA Marini di Trieste PAVULLESE-SPAL Boggi di Salerno (ore 17, a Savignano) PISTOIESE-FORCOLI 4-2 Giocata ieri PRO PIACENZA-FIDENZA Maggioni di Lecco RICCIONE-LUCCHESE Zanonato di Vicenza TUTTOCUOIO-ROSIGNANO Bianchini di Cesena CLASSIFICA Pro Piacenza e Tuttocuoio p. 54; Massese e Lucchese 51; Pistoiese* 49; Spal 48; Castelfranco 43; Mezzolara 40; Fidenza 39; Formigine e Fortis Juventus 36; Forcoli* 32; Castenaso 31; Riccione (-1) 27; Camaiore 23; Rosignano 21; Pavullese 20; Bagnolese 17. (* una gara in pi).

Pro Patria: esame Mantova Pari Torres Salernitana, occhio allAprilia Colpo Bastia
Continua il duello a distanza tra Pro Patria e Savona. La capolista del girone A, tornata in vetta la scorsa settimana, di scena a Mantova sul campo di una squadra che ha perso le ultime tre partite in casa. Il Savona, invece, ospita il Castiglione in lotta per i playoff. Venezia-Bassano una sfida per il terzo posto. La Salernitana, senza vittorie da quattro partite, va sul campo dellAprilia, che invece in gran forma e reduce da tre successi consecutivi. E pronto ad approfittarne il Pontedera, secondo in classifica, che gioca sul campo del Borgo a Buggiano. La Sambonifacese (C) vince largamente, il Castel Rigone (E) perde a Bastia, la Torres (G) pareggia e va a +8 sulle seconde. Dopo la vittoria del Noto (I), il Nissa se oggi perde retrocesso. La Pro Sesto (B) festeggia il centenario ma soprattutto cerca la salvezza col Caravaggio.

CARONNESE-PONTISOLA Scarica di Castellammare di Stabia CASTELLANA-DARFO Parrella di Battipaglia MAPELLOBONATE-SAN GIORGIO Magrini di Citt di Castello MEZZOCORONA-FERSINA P. 2-3 Giocata ieri MONTICHIARI-ALZANO CENE Marotta di Sapri OLGINATESE-PERGOLETTESE Andreini di Forl PRO SESTO-CARAVAGGIO Bertolino di Trapani SEREGNO-SANT'ANGELO Chindemi di Viterbo SERIATE-LECCO Papalini di Nuoro TRENTO-VOGHERA Mei di Pesaro CLASSIFICA Pergolettese p. 68; Voghera 60; Pontisola e Olginatese 59; Lecco (-3) 51; Caronnese 50; Castellana 48; A. Montichiari 44; Seriate 43; Mapellobonate e Caravaggio 42; Fersina P.* 41; Alzano Cene 39; Darfo (-3) e Seregno 37; Pro Sesto 36; San Giorgio 24; Trento (-1) 23; Mezzocorona* 22; Sant'Angelo 13. (* una gara in pi).

GIORGIONE-BELLUNO Gualtieri di Asti LEGNAGO-KRAS REPEN Lombardo di Sesto San Giovanni MONTEBELLUNA-SACILESE Nicoletti di Catanzaro PORDENONE-CLODIENSE Tesi di Pistoia PORTO TOLLE-UNION QUINTO Camplone di Pescara SAMBONIFACESE-SANVITESE 3-0 Giocata ieri SAN PAOLO-VIRTUS VECOMP D'Annibale di Marsala (allAppiani di Pd) SANDONA JESOLO-REAL VICENZA Fabbri di Valdarno TAMAI-CEREA Curti di Milano TRISSINO VALDAGNO-ESTE Scatigna di Taranto CLASSIFICA Sambonifacese* p. 64; Porto Tolle e V. Vecomp 59; Pordenone 57; Clodiense 56; Real Vicenza 55; Sandon Jesolo 48; Sacilese 46; Trissino 45; Legnago 44; Tamai 43; Belluno 40; San Paolo 39; Este 38; Montebelluna 37; Cerea 32; Giorgione 30; Sanvitese* 22; Kras Repen 20; Union Quinto 16. (* una gara in pi).

GIRONE A
CASALE-GIACOMENSE Intagliata di Siracusa FANO-RIMINI Casaluci di Lecce MANTOVA-PRO PATRIA Marini di Roma MONZA-ALESSANDRIA Aureliano di Bologna RENATE-BELLARIA Amoroso di Paola SANTARCANGELO-FORLI' Paolini di Ascoli Piceno SAVONA-CASTIGLIONE Pagliardini di Arezzo VALLE D'AOSTA-MILAZZO Mainardi di Bergamo VENEZIA-BASSANO Piscopo di Imperia CLASSIFICA Pro Patria p. 55; Savona 53; Bassano, Renate e Venezia 47; Castiglione 45; Monza (-6) 43; Forl (-1) 42; Alessandria 40; Mantova 37; Bellaria 31; Santarcangelo 29; Valle d'Aosta (-1) 28; Giacomense 27; Rimini 26; Fano (-1) 21; Casale (-5) 18; Milazzo (-2) 7.

GIRONE B
APRILIA-SALERNITANA Illuzzi di Molfetta BORGO A BUGGIANO-PONTEDERA Todaro di Palermo CHIETI-HINTERREGGIO Cangiano di Napoli FOLIGNO-ARZANESE Lazzeri di Arezzo FONDI-VIGOR LAMEZIA Ceccato di Bassano del Grappa MARTINA-CAMPOBASSO Di Martino di Teramo MELFI-L'AQUILA Rapuano di Rimini POGGIBONSI-GAVORRANO Merlino di Udine TERAMO-NORMANNA Guccini di Albano Laziale CLASSIFICA Salernitana p. 56; Pontedera 53; L'Aquila 46; Aprilia 45; Chieti (-1) 43; Poggibonsi 42; Teramo 38; Martina 37; Melfi e Hinterreggio 35; Borgo a Buggiano, Gavorrano e Foligno 33; Campobasso (-2) e Arzanese 32; V. Lamezia 31; Normanna 15; Fondi 13.

GIRONE E
AREZZO-TODI Schirru di Nichelino BASTIA-CASTEL RIGONE 1-0 Giocata ieri CASACASTALDA-TRESTINA Perotti di Legnano (a Gualdo Tadino) FIESOLECALDINE-SANSEPOLCRO Rossi di Novara FLAMINIA-PIANESE Oggioni di Monza LANCIOTTO-SPORTING TERNI Massimi di Termoli PIERANTONIO-SPOLETO Guidi di Imola PONTEVECCHIO-DERUTA 0-0 Giocata ieri SCANDICCI-VITERBESE Liguori di Bergamo CLASSIFICA Sansepolcro p. 53; Castel Rigone* 52; Casacastalda 50; Viterbese 47; Deruta* 41; Spoleto e Pontevecchio* 40; Pianese 39; Arezzo, Bastia* e Fiesolecaldine 37; S. Terni 35; Trestina e Scandicci 33; Lanciotto e Flaminia 27; Pierantonio 26; Todi 18. (* una in pi).

GIRONE F
AMITERNINA-ANCONA De Luca di Ercolano (porte chiuse) FIDENE-MARINO Moretti di Foligno ISERNIA-CELANO Di Stefano di Brindisi RECANATESE-CIVITANOVESE Capasso di Firenze RENATO CURI-JESINA 1-1 Giocata ieri SAMBENEDETTESE-TERMOLI Fiorini di Frosinone (porte chiuse) SAN CESAREO-OLYMPIA AGNONESE Capone di Palermo SAN NICOLO-MACERATESE 2-2 Giocata ieri VIS PESARO-ASTREA Bortoluzzi di San Don di Piave CLASS. San Cesareo p. 57; Samb. 55; Termoli e Maceratese* 51; Ancona 45; Vis Pesaro, O. Agnonese e Astrea 43; Jesina* 39; Fidene 34; Renato Curi* 33; Amiternina e Isernia 30; Civitanovese 29; Celano 25; Recanatese 22; Marino 18; San Nicol* 17. (* una in pi).

GIRONE G
ANZIOLAVINIO-CASERTANA Marchese di Cosenza ARZACHENA-SELARGIUS Marchi di Bologna CYNTHIA-ISOLA LIRI Iorio di Torre Annunziata LUPA FRASCATI-PORTO TORRES Agostini di Bologna (ore 15) OSTIA MARE-CIVITAVECCHIA Gozzi di Siena SANTELIA-TORRE NEAPOLIS Sassoli di Arezzo SARNESE-HYRIA NOLA La Posta di Frosinone (neutro di Frattamaggiore) SORA-BUDONI Buonocore di Marsala TORRES-PALESTRINA 1-1 Giocata ieri CLASSIFICA Torres* p. 56; Sarnese e Casertana 48; Neapolis 47; Palestrina* 45; Ostia Mare e Frascati 42; Sora 41; Cynthia 37; P. Torres 35; Arzachena 34; I. Liri 30; Budoni 29; Anziolavinio 27; Selargius 25; Civitavecchia (-3) e H. Nola (-1) 23; Sant'Elia 21. (* una in pi).

GIRONE H
BISCEGLIE-ISCHIA Montanari di Ancona BRINDISI-FOGGIA Fracassi di Campobasso CTL CAMPANIA-BATTIPAGLIESE 2-1 Giocata ieri GROTTAGLIE-TARANTO Sprezzola di Mestre (ore 16) INTERNAPOLI-POTENZA 4-0 Giocata ieri MATERA-SANTANTONIO ABATE De Tullio di Bari MONOSPOLIS-GLADIATOR Ranaldi di Tivoli (ore 15) NARDO'-FORTIS TRANI Mansi di Nocera Inferiore POMIGLIANO-FRANCAVILLA Mazzei di Brindisi CLASSIFICA Ischia p. 71; Gladiator 59; Matera (-2) 51; Monospolis e Bisceglie 50; Foggia 41; Battipagliese* 39; Pomigliano 37; Taranto 36; Francavilla e Ctl* 34; Nard e Brindisi 33; Internapoli* 32; S.A. Abate (-2) 30; Grottaglie 17; F. Trani 11; Potenza* 9. (* una in pi).

GIRONE I
CITTA' DI MESSINA-AGROPOLI Giuliani di Teramo COMPR. MONTALTO-NOTO 0-1 Giocata ieri COMPR. NORMANNO-ACIREALE Serani di Monza GELBISON-COSENZA Bertani di Pisa PALAZZOLO-NISSA Meraviglia di Pistoia PRO CAVESE-LICATA Fabbro di Roma RIBERA-SAVOIA D'Apice di Arezzo SAMBIASE-MESSINA Proietti di Terni VIBONESE-RAGUSA Sommese di Nola CLASS. Messina (-1) p. 61; Cosenza 56; Gelbison 47; Citt di Messina 45; Savoia 44; C. Montalto* e Ribera 40; Vibonese e Agropoli 37; Licata 36; C. Normanno, Ragusa e Pro Cavese 35; Palazzolo 31; Sambiase e Noto* (-3) 30; Acireale 15; Nissa (-1) 8. (* una partita in pi).

24

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

FORMULA 1 GP MALESIA
IL VIA ALLE 9 IN DIRETTA SU SKY SPORT F1 HD AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE SU WWW.GAZZETTA.IT

METEO: VARIABILE, CON PROBABILIT DI PIOGGIA. TEMPERATURA SUI 31

I TEMPI
QUALIFICHE 1 1. SUTIL 2. RAIKKONEN 3. ROSBERG 4. ALONSO 5. GROSJEAN 6. BUTTON 7. DI RESTA 8. HAMILTON 9. WEBBER 10. PEREZ 11. GUTIERREZ 12. MASSA 13. RICCIARDO 14. MALDONADO 15. VETTEL 16. HLKENBERG ELIMINATI 17. VERGNE 18. BOTTAS 19. BIANCHI 20. PIC 21. CHILTON 22. VAN DER GARDE QUALIFICHE 2 1. ROSBERG 2. WEBBER 3. HAMILTON 4. RAIKKONEN 5. SUTIL 6. MASSA 7. ALONSO 8. BUTTON 9. VETTEL 10. PEREZ ELIMINATI 11. GROSJEAN 12. HLKENBERG 13. RICCIARDO 14. GUTIERREZ 15. DI RESTA 16. MALDONADO QUALIFICHE 3 1. VETTEL 2. MASSA 3. ALONSO 4. HAMILTON 5. WEBBER 6. ROSBERG 7. RAIKKONEN 8. BUTTON 9. SUTIL 10. PEREZ 149"674 150"587 150"727 151"699 152"244 152"519 152"970 153"175 153"439 154"136 137"636 138"125 138"822 139"221 144"509 136"190 136"449 136"517 136"640 136"834 136"874 136"877 137"117 137"245 137"342 138"157 138"207 138"434 139"314 139"672 139"932 136"809 136"959 137"239 137"314 137"363 137"487 137"493 137"513 137"619 137"702 137"707 137"712 137"722 137"867 137"899 137"931

I NUMERI

Pole di Vettel Il tedesco a Sepang ha firmato la seconda pole stagionale e la 38a in carriera. terzo di tutti i tempi dietro Michael Schumacher (68) e Ayrton Senna (65)

Formula lotteria 38
2a

Partenza davanti a tutti in Malesia Vettel per la seconda volta scatta davanti a tutti a Sepang. Era gi successo nel 2011: in quellanno il tedesco vinse anche il Gran Premio

PINO ALLIEVI SEPANG (Malesia)

Centesimi tra Massa e Alonso Per la quarta volta di fila (Usa e Brasile 2012, Australia e Malesia 2013) Felipe Massa precede Fernando Alonso in qualifica. Tra i due ferraristi ieri cerano 140 centesimi

140

Due Ferrari nelle prime due file di un gran premio: da quanto tempo non accadeva? Bisogna andare un sacco indietro, al Bahrain 2010, altro circuito infuocato dal caldo, quando ci fu una classifica delle prove incredibilmente identica a quella di ieri in Malesia: primo Sebastian Vettel, secondo Felipe Massa, terzo Fernando Alonso e quarto Lewis Hamilton. In gara fu poi Alonso a spuntarla davanti a Massa: un trionfo Ferrari. Come quello auspicato per stamane (intesa come ora italiana, la gara in realt scatta alle 16 malesi) a Sepang.
Rossa favorita Diceva ieri sera

Vettel graffia Le Ferrari lo marcano Penalit Kimi


Liridato batte Massa sul bagnato Alonso 3, Raikkonen retrocesso: 10
Tempone Vettel stato magico

mi quattro GP (contando i due che hanno chiuso il 2012) sempre stato davanti ad Alonso e adesso punta a rimanerci anche in gara. Non gli sar facile, con il compagno scatenato che non ama intrusioni nella sua leadership. Massa dovr fare molta attenzione in partenza a non stressare le gomme posteriori, quelle che lui in gara sollecita pi di Fernando per una questione di guida. E Alonso dovr fare attenzione a un Massa che, scrollatosi di dosso i fantasmi, cerca la gloria, rifiutando il ruolo di cavalier servente. Quello che conta che la Ferrari ora ha due uomini da primo posto, sempre che non si danneggino tra loro.
Incognita gomme Se la marca di Maranello andata forte in ogni condizione, la Red Bull ha approfittato del bagnato per scatenare sullasfalto tutto il carico aerodinamico del progetto RB9: Abbiamo la miglior macchina, ma proprio perch ha pi aderenza consuma maggiormente le nuove gomme Pirelli. Non ho mai saputo che chi ha la monoposto migliore dovesse essere punito per questo. assurdo, commenta Marko. Ovvero, se sar gara asciutta la Red Bull dovr stare attenta a conservare le coperture e c chi sospetta una tattica su 4 pit stop invece dei 3 standard. Sulla stessa linea si tiene la Mercedes, mentre Ferrari e Lotus (Kimi Raikkonen apparso un po in ombra, venendo anche retrocesso da 7 a 10 per bloccaggio di Nico Rosberg) accettano le cose come stanno. Nel Mondiale appena iniziato divampa gi il fuoco delle polemiche...
RIPRODUZIONE RISERVATA

la guida Differita su Rai1 a partire dalle 14


Oggi a Sepang (5.543 m) si corre il GP Malesia, 2a prova del Mondiale. Previsti 56 giri per 310,408 km. IN TV Gara alle 9 in diretta su Sky Sport F1 HD. Differite alle 12, alle 14 e alle 17.30 su Sky e alle 14 su Rai1. GAZZETTA.IT Sul nostro sito aggiornamenti in tempo reale, risultati, notizie e interviste. CLASSIFICA 1. Raikkonen 25; 2. Alonso 18; 3. Vettel 15; 4. Massa 12.

Jacques Villeneuve, campione del mondo nel 1997: Mi pare che le macchine di Maranello abbiano tutto per vincere. Replicava Helmut Marko, consigliere della Red Bull: S, le Ferrari potrebbero farcela. Dello stesso avviso erano in tanti nei box arroventati da calore e umidit, con la pioggia caduta pochi minuti prima in qualifica che si era subito asciugata.
Conferma Ma, intanto si pu

gi prendere per buona la vigilia del GP di Sepang, considerando la competitivit della Ferrari F138 su un circuito vero, difficile, indicativo per quellaerodinamica che da anni rappresenta lelemento debole delle rosse. Anche senza voler cadere in eccessi di ottimismo, che in F.1 sono pericolosi quanto una curva a 250 allora, final-

Alonso con la torta Ferrari per i 200 GP: lo spagnolo la rivela su Twitter

mente da Maranello c stata la svolta che si aspettava, bench in un clima agonistico di totale incertezza, con le gomme capaci di ribaltare qualunque risultato. Perch se un anno fa erano state Red Bull e Ferrari a lottare per il titolo con qualche interferenza da parte della McLaren, questa volta ci sono pure la Mercedes e la Lotus.

quando nei secondi finali ha beffato i rivali con una pole position che lui non si aspettava. In parte ha deciso il meteo, in parte la bravura di Seb. Perch, come dicevamo, cera stato un temporale negli ultimi 15 minuti, la pioggia era cessata in alcune curve (le prime da affrontare) e in altre invece no. Una situazione di massima precariet e aderenza che progrediva di secondo in secondo. Dapprima stato Alonso a fare il miglior tempo, subito dopo stato Vettel a superarlo in modo netto. Qualche istante di attesa e poi arrivato Massa, con un giro imperioso, a prendersi il secondo tempo.
Rinascita Bravissimo Felipe,

che nelle qualifiche degli ulti-

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

25

LUOMO DELLA POLE UNALTRA PRESTAZIONE CONVINCENTE AL SABATO

Red Bull equilibrata, ma serve concentrazione


Seb salva cinque
treni di gomme: Con la pioggia per non so se mi basteranno
SEPANG

Chiss se stato laiuto dei 10 informatori sguinzagliati dalla Red Bull nei punti cruciali del circuito a favorire la pole position di Sebastian Vettel. E chiss se questi aiuti gli serviranno oggi,

quando di nuovo annunciata pioggia a sprazzi durante la gara, tanto per confondere le carte sino in fondo. Il campione del mondo, ieri, ha compiuto due magie. La prima stata il miglior tempo assoluto, con un guizzo da velocista alla Milano-Sanremo. La seconda, pi nascosta, di avere adottato una strategia che gli ha permesso di salvare cinque treni di gomme per la gara: due a mescola media, tre a mescola dura. Prezioso fieno in cascina per una corsa dallesito tuttaltro che scontato.
Prudenza Vettel sollevato,

ma sa anche che la pole ottenuta in Australia gli era poi servita a poco in gara, per il degrado repentino delle sue Pirelli. Cos prova a non sbilanciarsi: ovvio che quando uno parte davanti voglia finire allo stesso modo. Ma con Alonso subito dietro sar una gara difficile, impegnativa. Mi conforta il bilanciamento della macchina, malgrado lincognita gomme. Abbiamo impostato le prove in funzione di questo e ha pagato.
Terno al lotto Nello sprint per la pole stato perfetto. Pioveva, poi smetteva, poi in alcuni pun-

ti cera di nuovo il bagnato. Abbiamo messo un treno nuovo solo nel finale ed andata bene. un asfalto che drena e per la temperatura elevata la superficie si asciuga in fretta. Bisogner tenerne conto. E adesso prepariamoci a una gara con mille incognite. Se sar asciutto avr dei treni nuovi da sfruttare. Ma non sono sicuro di averne abbastanza se piover. Per sar una corsa nella quale occorrer la massima attenzione. E conter tanto il livello di concentrazione.
p.a.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il podio del sabato: da sinistra Massa (2), Vettel (1) e Alonso (3) COLOMBO

HANNO DETTO

d Felipe, il dolce problema

Ora ho fiducia e spingo


Da quattro gare il brasiliano finisce davanti a Fernando in qualifica Lo spagnolo: I punti non si fanno al sabato... E possiamo vincere
DAL NOSTRO INVIATO

La RB9 di Sebastian Vettel, 25 anni, precede la F138 di Fernando Alonso, 31 AP

S
Domenicali Dobbiamo cercare di non sbagliare assolutamente nulla perch credo che le sorprese potranno arrivare fino allultima curva

LUIGI PERNA SEPANG

clic
UN DIVARIO COS ALTO TRA 1 E 2 IN PROVA NON CAPITAVA DA 41 GP
(g.cor.) Un distacco simile ai 913 millesimi rifilati dal poleman Sebastian Vettel al secondo, Felipe Massa, non si verificava da 41 GP: in Brasile, nel 2010, con lasfalto che si stava asciugando Hlkenberg con la Williams riusc a mettere tra s e il primo inseguitore, Webber, ben 1"049.

Fry Ogni squadra ha qualche set in pi di pneumatici nuovi e questo render la gara davvero molto avvincente

E adesso come la mettiamo? Basta guardare le facce, per capire che c sorpresa. Gli occhi di Felipe Massa brillano nel vuoto e il sorriso quasi incredulo sembra quello di un bambino che sa di averla fatta grossa. Il volto di Fernando Alonso pi serio e tirato, anche se dopo un po lo spagnolo si rilassa pensando che in fondo c sempre la gara di oggi per ribaltare il risultato. Ferrari seconda e terza in qualifica, sotto la pioggia benedetta di Sepang. Non capitava da una vita. Ma davanti non c il solito Alonso, mago dellacqua, che venerd aveva presagito: Siamo da prima fila. In prima fila, accanto a Sebastian Vettel, c invece finito invece Massa, strappandola al compagno di squadra con un giro allo scadere di quelli che fanno sobbalzare sulla sedia: era da tre anni e 9 giorni, Bahrain 2010, che Felipe non partiva cos avanti.
Coppia Qualcosa di strano successo. E si capisce. la seconda volta di fila, dopo Melbourne, che il brasiliano batte

lo spagnolo sul giro secco. La quarta, se si considerano anche le ultime due gare della scorsa stagione, ad Austin e Interlagos. Era capitato soltanto quando Alonso aveva come collega di box un certo Lewis Hamilton alla McLaren, in quel serratissimo 2007 da fratelli coltelli. Adesso la Ferrari ha un piacevole problema. Cio due piloti competitivi che lottano per lo stesso obiettivo. Nel pi classico stile delle grandi coppie della F.1. Perch, lo si voglia o no, il primo avversario per un pilota sempre il compagno di squadra. Per quanto sportiva e sana possa essere la rivalit. Basta leggere fra le righe di una frase di Alonso: la seconda volta che siamo secondi dietro Felipe, ma i punti non si fanno al sabato.
Spallucce Preoccupato? Lo spa-

tante per la squadra e anche per Fernando saperlo.


Euforia Ci sono una serie di feli-

mo essere entrambi competitivi, scambiarci i dati, e spingerci al limite luno con laltro.
Segreto Mentre Massa spiega

gnolo fa spallucce, ironico: Sono ventisei anni che corro in macchina, comincio a diventare vecchio, ma non la prima volta che ho una competizione cos forte, lo stata anche negli ultimi tre anni con Felipe, anche se voi non lo vedevate perch lui aveva sfortune o problemi. la migliore notizia per la squadra che possia-

Felipe Massa, 31 anni, vice campione del mondo nel 2008 LIVERANI

cos la sua metamorfosi: Non c segreto. Se ti trovi a tuo agio in macchina e hai fiducia, puoi spingere al massimo. Io adesso ce lho. So quanto sono veloce. Questi risultati dimostrano che posso stare davanti, come ho gi fatto vedere in passato. Penso che sia impor-

ci coincidenze, in questo 2013 cominciato sotto il segno della rossa, con la F138 che sta facendo dimenticare i dispiaceri della vecchia F2012 e una seconda guida ritrovata in tutto. Nel team c euforia. Solo le circostanze di gara, qualora favorissero luno o laltro come a Melbourne, potrebbero rovinare questo quadro perfetto. Ma Alonso e Massa, pensando al GP di Malesia di stamattina e al resto della stagione, sprizzano ottimismo. Era molto tempo che non si vedevano due Ferrari cos avanti dice Massa . Ho fatto un grande giro e sono felice. In gara spero di fare anche di pi. E Alonso si spinge un po oltre: Partendo cos avanti, c la possibilit realistica del podio e si pu anche sognare la vittoria. La Red Bull in gara meno pericolosa che su un solo giro, perci possiamo batterli. Siamo pronti a tutto, asciutto o bagnato. Essere primo e secondo alla prima curva sarebbe lideale. Abbiamo un sistema di partenza migliore di loro e possiamo provarci.
RIPRODUZIONE RISERVATA

NO ES LO QUE TENGO. ES LO QUE SOY.


Fernando Alonso
ESPECIAL EDITION
Ofcial Distributor: Luxury Details s.r.l. - Info: 02 54107887

26

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

FORMULA 1 GP MALESIA
I POSSIBILI OUTSIDER

Gioia Hamilton La Mercedes sta arrivando


Rosberg e la penalizzazione di Kimi: Era troppo vicino...
PINO ALLIEVI SEPANG

La Lotus E21 di Raikkonen AP

La guerra delle gomme ora divide il paddock


Ferrari e Lotus contente delle mescole: Degrado nei limiti Red Bull e Mercedes: Sono fragili per le nostre monoposto
DAL NOSTRO INVIATO

HA DETTO

d
S

C Vettel, ci sono Massa e Alonso. E ci sono anche gli altri. Alcuni dei quali pronti a far miracoli con la pioggia, alcuni speranzosi che rimanga asciutto per tutta la gara. Con un pilota che, per, dopo il trionfo di Melbourne e le ottime prove di venerd, si aspettava decisamente di pi. Invece non solo Kimi Raikkonen si piazzato 7, ma poco dopo stato retrocesso di 3 posti per avere ostacolato Nico Rosberg e scatter cos in 10 posizione. Racconta senza fornire dettagli Nico, che scatter 6: Eravamo alla fine del tratto finale, io e Kimi ci siamo trovati molto vicini al punto che ho dovuto rallentare. Kimi invece laconico: Mi spiace aver perso 3 posti, non ho idea che cosa far in gara, dice pure lui sorvolando sullepisodio, come se neppure fosse il leader del Mondiale e come se non fosse uno dei favoriti del GP. Lomert non c solo in certi ambienti, esiste anche in F.1.
Outsider C per chi pi sereno. Come Lewis Hamilton, 4: C un motivo per cui vorrei che non piovesse spiega ed che ho fatto una lunga simulazione di gara con lasciutto ed andata bene. Comunque sia, ottenere il quarto posto in qualifica alla mia seconda gara in Mercedes gratificante. Stiamo arrivando.. Il suo ex compagno Button, rimasto in McLaren, vede le cose in modo diametralmente opposto: La mia macchina non ancora al massimo livello. Per in condizioni simili auspico la pioggia, con le gomme intermedie siamo andati bene. La McLaren non abbastanza veloce per stare davanti. Esteban Gutierrez, Sauber, spera nellacqua: In carriera mi sono spesso trovato bene in condizioni di scarsa aderenza. Dovesse piovere non sarei affatto scontento. Infine Mark Webber, uno dei grandi delusi: Quando piove, si asciuga, ripiove o c acqua soli in alcuni punti diventa tutta una questione di tempi di uscita dai box. E io non li ho azzeccati.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUIGI PERNA SEPANG (Malesia)

La guerra delle gomme divide il paddock. Da una parte Ferrari e Lotus, che con i nuovi pneumatici Pirelli vanno a meraviglia; dallaltra Red Bull e Mercedes, che invece con le coperture 2013 continuano a zoppicare. Le prime due gare della stagione hanno portato il fattore G in primo piano. Decisivo nella sconfitta di Sebastian Vettel a Melbourne, mortificato sul passo di gara dopo una supremazia schiacciante in qualifica, ancora fondamentale nella corsa di oggi in Malesia, su una pista molto pi calda ed esigente rispetto allAlbert Park.
Manovre Cos sono gi cominciate le discussioni e le manovre politiche. Difficile non notare i lunghi colloqui di ieri sera nei box di Sepang prima tra Toto Wolff, uomo forte della

Mercedes, e il responsabile delle gomme Paul Hembery, poi tra questultimo e Cristian Horner, team principal della Red Bull. Di che cosa parlassero non un mistero. Le squadre hanno affrontato largomento anche durante un incontro tra di loro. C un fronte a cui stanno bene le gomme attuali e un altro che vorrebbe delle modifiche. Le nuove coperture in effetti stanno rappresentando una sfida impegnativa per tutti. A Sepang si sono visti pezzi di battistrada volare dalle carcasse di Red Bull e Mercedes, per lo stress laterale imposto dai curvoni veloci. Ma niente del genere su Ferrari e Lotus. Come ci aspettavamo, qui abbiamo visto un consumo abbastanza elevato, dovuto alla natura pi estrema delle nuove gomme e alle alte temperature (oltre 40 gradi; n.d.r.) unite a un asfalto abrasivo. Ma il degrado rimasto nei limiti previsti. Inoltre ci sono squadre che hanno fatto 15 giri con le

mescole dure e altre che sono arrivate a 21 giri, spiega Hembery.


Contenti Le critiche, anche

esplicite, non sono mancate. Vettel aveva lanciato il suo grido daccusa gi in inverno. E la

RALLY DELLE CANARIE

Kubica sbatte La vittoria va a Kopecky


Al Rally delle Canarie, terza tappa dellEuropeo, Robert Kubica getta al vento una vittoria gi messa in cassaforte. Il 28enne polacco, in testa su Citron DS3 con oltre un minuto sul ceco Kopecky (Skoda Fabia), stato costretto al ritiro dopo aver sbattuto nel corso della decima speciale. Il successo andato quindi a Kopecky.

Red Bull in fermento. Ma c chi la pensa in modo opposto: Se un team, la Red Bull, non contento delle gomme, non se ne pu fare una questione politica sostiene Eric Boullier della Lotus . Le gomme sono uguali per tutti. Sapevamo che cosa aspettarci fin da quando le abbiamo provate a novembre in Brasile. Bisognava adeguare le macchine. Loro hanno unaerodinamica che li favorisce su un giro, ma li penalizza alla distanza. Noi crediamo di poter avere lo stesso passo in gara di Melbourne. Lavversario pi forte? La Ferrari. Nelle prime gare la Pirelli ha programmato di portare a turno in pista tutte e quattro le mescole per questanno, con lobiettivo di raccogliere dati e alloccorrenza intervenire. In teoria, per modificare un tipo di mescola, bastano tre settimane. Si potrebbe portarne di nuove per il Bahrain. Ma le regole del gioco dove le mettiamo?
RIPRODUZIONE RISERVATA

Hembery (responsabile Motorsport Pirelli) Considerate la severit del circuito di Sepang e la differenza di circa 8 decimi tra le due mescole slick, possiamo aspettarci una gara a 3 pit stop, anche se non da escludere che le condizioni meteo possano imporre luso delle gomme da bagnato, sconvolgendo le previsioni della vigilia

GP2 GARA-1 GIOVESI CHIUDE 16

Leimer, finale irresistibile Coletti cede anche a Calado


SEPANG andata a Fabio Leimer la gara che ha aperto la stagione della GP2 Series. Il 23enne svizzero della Racing Engineering ha preso il comando della gara a 5 giri dalla fine scavalcando Stefano Coletti (Rapax), che era scattato dalla pole. Costretto dal degrado dei pneumatici ad anticipare la sosta ai box, Coletti nel finale stato costretto ad arrendersi anche allinglese James Calado (Art), che ha concluso al secondo posto. Drive-through per sorpasso con bandiere gialle per Kevin Giovesi (Lazarus), che al debutto ha comunque concluso 16 davanti a Kevin Ceccon (Trident).
Roberto Chinchero

MOTOGP TEST A JEREZ

Taccuino
MONDIALE TURISMO
(a.s.) Dominio Chevrolet nelle qualifiche a Monza, prima tappa del Mondiale Turismo. In pole c Yvan Muller, seguito da Tom Chilton e Alex MacDowall. Tarquini (Honda), 5, stato retrocesso al 10 posto per aver provocato un incidente. Oggi le gare alle 14.45 (Eurosport 2) e alle 17 (Eurosport). LItalia pu intanto gioire per i trionfi di Raffaele Marciello in Formula 3 e di Sergio Campana in Auto GP.

Con la pioggia guida Lorenzo, Vale 6


DAL NOSTRO INVIATO

RALLY DEL CIOCCO


Giandomenico Basso (Peugeot 207) ha chiuso al comando la prima tappa del 36 Rally del Ciocco, gara di apertura del Tricolore. Alle sue spalle c Alessandro Perico (Peugeot 207), che ha terminato a 52"7 dal leader. Il terzo posto al momento nelle mani di Umberto Scandola (Skoda Fabia), a 126"7.

Muller in pole a Monza Comanda Basso

FILIPPO FALSAPERLA JEREZ (Spagna)

Nemmeno Jerez pi quella di una volta, alla fine ci toccher cambiare pista. Valentino Rossi ci ride su, ma lultimo allenamento dellanno prima del via iridato, tra due settimane in Qatar, si aperto e si annuncia nel segno della pioggia. Che gi una vera scocciatura quando si guidano moto da 250 cavalli, ma diventa un incubo se hai a disposizione solo 4 set di gomme per tre giorni e, soprattutto, quando una copertura ti dura al massimo 7-8 giri. I tempi di ieri vanno quindi presi con le pinze, anche se,

guardando i primi tre nomi, non sembra vedere grosse sorprese rispetto ai test precedenti: Lorenzo nettamente (oltre 1") su Pedrosa, quindi Marquez. Ma il giudizio va messo in relazione alla quantit di acqua presente sullasfalto nel momento in cui veniva utilizzata la gomma nuova. Per fa piacere vedere la Ducati, che sul bagnato si sempre difesa bene, protagonista grazie a Iannone (4) e al tester Pirro (5), con la rossa-laboratorio ulteriormente aggiornata dopo Sepang.
Inseguimento Altri problemi ha

una volta con qualche pensiero di troppo. Abbiamo bisogno di una giornata di asciutto vero per provare unevoluzione di telaio che abbiamo a disposizione. Potremmo usarlo in Qatar, ma dobbiamo essere sicuri che sia un passo avanti. Quanto alle gomme da bagnato, non so per quale motivo, ma in queste condizioni non si finirebbe la gara. La Bridgestone dovr fare qualcosa per risolvere il problema.
I tempi: 1. Lorenzo (Yamaha) 147"423; 2. Pedrosa (Honda) 148"474; 3. Marquez (Honda) 148"524; 4. Iannone (Ducati) 148"984; 5. Pirro (Ducati) 149"292; 6. Rossi (Yamaha) 149"443; 10. Dovizioso (Ducati) 150"266; 15. Corti (Ftr-Kawasaki) 152"034; 17. Petrucci (Ioda-Suter) 152"180.
RIPRODUZIONE RISERVATA

INDYCAR IN FLORIDA

Power scatta davanti


Nella tappa inaugurale della Indycar a St. Petersburg (Florida), Will Power strappa la pole davanti a Takuma Sato. Terza Simona de Silvestro, 5 Helio Castroneves. Oggi la gara dalle 17.30 su Sky Sport 3 HD. MONDIALE ENDURO (d.a.) A San Juan (Arg), Alex Salvini vince nella classe E2. Meo la spunta invece nella E1, con il nostro Oldrati 4.

VAN DE SFROOS CANTA

Omaggio a Regazzoni
Davide Van de Sfroos omaggia Clay Regazzoni con una serata benefica programmata al Palazzo Esposizioni di Lugano marted 23 aprile. Lobiettivo raccogliere fondi per la Fondazione internazionale ricerca per la paraplegia.

Valentino Rossi, 6 subito dietro la coppia in rosso, ancora

La Yamaha di Valentino Rossi, 34 anni, precede la Ducati di Andrea Iannone, 23 MILAGRO

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

27

CICLISMO
GAND-WEVELGEM PRIMA GRANDE CLASSICA SUL PAV, PREVISTI 9 SOTTOZERO: GLI ORGANIZZATORI ACCORCIANO IL PERCORSO DI 45 KM
r per Cav, ma spero di essere nel gruppo di testa quando sar il momento di prendere una decisione. Poi vedremo che circostanze si possono verificare. Sagan, 2 sia a Sanremo sia ad Harelbeke, vorrebbe invece centrare il primo colpo in una classica, Hushovd, Goss e Greipel sono pronti ad approfittarne, Gilbert lincognita. Pozzato, Paolini e Bennati sono invece alla ricerca di un colpo per tornare in alto.
c.ghis.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Boonen, Cancellara, Cavendish, Sagan: sfida gelata


Cavendish contro Sagan, Boonen contro Cancellara. Soprattutto tutti contro il freddo, che anche oggi si preannuncia intenso, tanto che gli organizzatori sulla falsariga di quello che successo domenica alla Sanremo hanno previsto una sforbiciata dei primi 45 km di corsa. Benvenuti nelle Fiandre Orientali, dove oggi in programma la 75 Gand-Wevelgem, ridotta a 187 km e, in condizioni normali, la meno dura delle classiche sul pav. Per oggi si prevede una temperatura percepita in partenza di 9 gradi sottozero, solo -7 al traguardo. Per questo non si parte da Deinze, ma da Gistel. Invariato il resto del percorso, ma non escluso che stamattina qualcosa cambi ancora perch ci sono 50% di probabilit che ci siano delle precipitazioni, quindi che nevichi. Pester mica male anche il vento, a 24 km allora ma con raffiche a 50. Insomma, unaltra giornata estrema.
Grande atteso Chiss come la

prender Boonen, il grande atteso dopo la scoppola di venerd ad Harelbeke, che giusto una

settimana fa alla Sanremo si arrese al cattivo tempo. Di sicuro Spartacus Cancellara non sar facile da battere, anche se il percorso avvantaggia di pi gli uomini veloci come Cavendish. Per questo Boonen, che lo scorso anno ha conquistato per la 3 volta la corsa (come Merckx, Van Looy e Cipollini), alla vigilia ha rilasciato una dichiarazione molto di circostanza: Corre-

Il belga Tom Boonen, 32 anni AFP

Crono: lItalia s desta


Manuele Boaro, 26 anni, pro da 3 stagioni
DE WAELE

Adriano Malori, 25 anni, 3 centri da pro


BETTINI

Malori fa sul serio Boaro, 1" di troppo e vince a 53 orari Ma tra i grandi
Coppi&Bartali Il parmense della Lampre Criterium International Solo Porte meglio si conferma: Ora Paesi Baschi e Romandia del vicentino: Rogers mha insegnato tanto
DAL NOSTRO INVIATO

MARCO PASTONESI CREVALCORE (Bologna)

Cera un tempo in cui vinceva anche in salita. La Correggio-Casina, nel Reggiano, una classica. Adriano Malori, junior, nel giro di 24 ore corse i Mondiali di Valkenburg, torn a casa, fu iscritto alla gara per fare passerella, part per aiutare i compagni, e quando i compagni si ritirarono, ci prov per divertirmi. In salita raggiunse i fuggitivi, li stacc e vinse. Ma da pro, Malori vince a cronometro. E il suo copyright. Tre successi, tutti e tre a orologeria, il terzo ieri: 14,3 km piatti e velocissimi, a quasi 53 di media, un tempone. Spadellato con la consueta potenza, 54x11 o 54x12, testa incassata, motore bicilindrico, palla lunga e pedalare. Secondo, a 14", lo specialista russo Vorobyev. Terzo, a 16", Moser. Sesto, a 39", Ulissi, che ora nella generale pi primo di prima, con 135" su Cunego.
Tabelle Malori era professioni-

cambiare idea. Ne ho avuti di buoni, ma come lui, nessuno. Adesso, a 25 anni e al quarto da pro, Malori fa per tre perch fa da s: Nel 2012 frequentavo il Centro Mapei. Ma ormai mi conosco, studio e combino i programmi di preparazione delle ultime stagioni, e mi faccio le tabelle da solo. Le pi recenti sono state impegnative: Il 10 febbraio sono uscito di casa, dopo un chilometro mi sono distratto, ho preso una buca, mi scivolata la mano e sono caduto: microfrattura alla clavicola. Quattro giorni senza bici, poi sei pedalando furiosamente sul ciclomulino, quindi in gruppo. Il secondo posto nella crono del-

la Tirreno-Adriatico dietro a Cancellara, il primo oggi andando pi forte e pi a lungo. Perci questa vittoria la dedico a me. E ai corridori del Passatore. un club speciale: come i Barbarians nel rugby, non ha una sede fissa, la sede diventa quella in cui ci si trova a mangiare e a bere. Tranquilli: succede una sola volta lanno, in ottobre. Il bello la compagnia, il brutto il battesimo. Una specie di penitenza.
Galleria Malori va dove lo porta il tempo (Le prossime crono ai Paesi Baschi e al Romandia); dove lo porta la bici (Il lavoro nella galleria del vento, a Rho, con i tecnici della Merida, stato importante per migliorare posizione e materiali); dove lo porta la squadra (Questanno niente classiche del Nord, ma vorrei tornare per affrontarle con pi esperienza); dove lo porta il ciclismo (Non so ancora quale grande corsa a tappe far questanno: al Giro legato il ricordo pi bello, la maglia rosa, al Tour il pi brutto, la maglia nera, la Vuelta non lho mai disputata e mincuriosisce); dove lo porta la vita (Un ciclista deve provare tutto: uno scalatore anche il Giro del Qatar, orizzontale, un velocista anche il Giro del Trentino, verticale). Che vita, quella di Malori: Sul filo dei secondi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

COPPA DEL MONDO

CLAUDIO GHISALBERTI

A Cittiglio tutte contro la regina Vos


Quasi tutte le migliori del circuito corrono oggi a Cittiglio (Varese) il Trofeo Alfredo Binda, 2 prova di Coppa del Mondo (120 km, via alle 13.30). Previsti pioggia e freddo, favorita lolandese Marianne Vos, olimpionica e iridata 2012, a caccia del poker a Cittiglio. Da seguire pure le connazionali Van Dijk, Brand, Bras e Van Vleuten, largento olimpico Armitstead (Gb), poi Ferrand Prevot (Fra), Worrack e Teutenberg (Ger), Johansson (Sve), Olds e Guarnier (Usa), Neylan (Aus). Per lItalia: Cantele, Bronzini, Longo Borghini, Guderzo, Ratto, Bastianelli, Luperini, Cecchini, Scandolara, Valsecchi. Tv: RaiSport 2 dalle 18. GERRANS OK Laustraliano Simon Gerrans (Orica GreenEdge) ha vinto in volata la 6 tappa del Giro di Catalogna su Meersman, Dumoulin e Ratto. In classifica resta leader Daniel Martin, oggi gran finale a Barcellona.

oggi chiusura Moser 3 a 16" Ulissi resta leader


Crono: 1. Adriano MALORI (LampreMerida) 14,3 km in 1614", media 52,854; 2. Vorobyev (Rus) a 14"; 3. Moser a 16"; 4. Venter (S.Af) a 30"; 5. Ovechkin (Rus) a 31"; 6. Ulissi a 39"; 13. D. Caruso a 46"; 21. Basso a 56"; 27. Pellizotti a 1; 30. Rosa a 105"; 35. Cunego a 107"; non partito Santambrogio. Classifica: 1. Diego ULISSI (Lampre-Merida); 2. Cunego a 135"; 3. Rubiano (Col) a 148"; 4. Basso a 159"; 7. Bongiorno a 236"; 8. Rebellin a 241"; 10. Taborre a 319". Oggi: 5 e ultima tappa, Monticelli Terme- Fiorano, 141 km (RaiSport 2, 19.05)

sta anche da ragazzino. Serio, disciplinato, concentrato. Ma non pesante e neanche secchione. I due anni in cui lho allenato alla Davoli Bagnolese Gattatico ricordava Benito Bertani, ieri, al traguardo mi dava del lei. E non cera modo di fargli

Non ha vinto come Malori, ma il secondo posto in Corsica, nella crono del Criterium International, vista la concorrenza vale come un successo. Richie Porte, il dominatore della Parigi-Nizza, sui 7 km di Porto Vecchio gli scappato via per un solo secondo. Per dietro gli sono finiti, tanto per fare i primi due nomi, Van Garderen (con lo stesso tempo), Froome (a 1") e Talansky (a 7"). S, Manuele Boaro, 26 anni (uno in pi di Malori), ha piazzato proprio un bel colpo. Quel maledetto secondo non so dove lho perso racconta il veneto . Sono andato forte, non ho niente da recriminare. Oggi salendo verso il Col de lOspedale, Boaro che anche secondo nella generale (la semitappa del mattino era stata vinta in volata dallolandese Bos) tenter limpresa di restare agganciato al duo Sky, Froome-Porte, e provare il colpo grosso. Tatticamente il compito facile prosegue . Devo solo seguirli. La grinta non mi manca. Le gambe pure, credo (ieri ha pedalato a 410 watt di media). La condizione c, cos come il morale. E al terzo anno tra i pro voglio cominciare a dimostrare il mio valore. No, la grinta a questo

carrozziere mancato con la passione per il modellismo statico non fa proprio difetto, tanto che uno dei pochi italiani che, anche quando diluvia, esce ad allenarsi. In fondo basta un piccolo parafango.
Tifosi Ragazzo simpatico, umi-

le e meticoloso, Boaro in Italia aveva pochi estimatori nonostante da under 23 avesse vinto un Trofeo Liberazione. Ci ha pensato Bjarne Riis, nel 2011, a farlo passare tra i pro. In squadra, alla Saxo-Tinkoff, ha un tifoso deccezione, Alberto Contador. Manuele forte forte. Deve solo essere pi convinto delle sue qualit, ma un giorno vincer qualcosa di grosso. a cronometro un campione, ha pi volte detto lo spagnolo.
E maestri Ad aiutarlo a cresce-

re ci sono altri due maestri: Matteo Tosatto e Michael Rogers. Il "Toso" un esempio tutti i giorni, Rogers stato tre volte campione del mondo a crono conclude Boaro e mi sta insegnando molto. I suoi consigli sugli allenamenti in salita, con i fuorigiri che mi fa fare, mi torneranno molto utili. Magari gi dal prologo del Romandia. Ho anche un mental coach, Vincenzo Di Vera, che mi supporta. Adesso voglio cominciare a vincere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

28

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

Ciao Pietro
1952-2013

STAFFETTE PER IL PARAD PARA


Da Zuliani a Tilli I suoi compagni scortano Mennea
Chi nell80 a Mosca e nell83 a Helsinki sal con lui sul podio lha accompagnato nellultimo viaggio
VALERIO PICCIONI ROMA

Alluscita dalla chiesa a portare a spalle la bara sono stati i compagni nelle staffette azzurre, la 4x100 con Tilli, Simionato e Pavoni e la 4x400 con Malinverni, Tozzi e Zuliani. Qui sotto, a sinistra: primo Tilli, poi Malinverni e Pavoni; a destra, Zuliani TEDESCHI

Eccoli, i suoi compagni di Mosca e di Helsinki. Sono cresciuti. Lo vedi dai figli, dai chili, dai capelli imbiancati, dalle lacrime che non sono pi gioia ma dolore. La prima frazione coperta, la seconda e la terza pure. La quarta no, la quarta sua, rester sempre sua, di Pietro Mennea. Stefano Tilli, Carlo Simionato, Pierfrancesco Pavoni, argento ai Mondiali dell83 nella 4 x 100, si mischiano con Mauro Zuliani, Stefano Malinverni e Roberto Tozzi, di bronzo alle Olimpiadi dell80, nella 4 x 400. Portano il feretro fra orgoglio e tristezza nellultima scena dei funerali celebrati nella Basilica di Santa Sabina, allAventino. La Roma delle ambasciate e dellamore: da una parte il Giardino degli Aranci, dallaltra il buco da dove sincontra allimprovviso un panorama mozzafiato. Forse ci vorrebbe il testimone, quello della staffetta, sarebbe bello se se lo passasse tutta latletica che c, in questa piazza dove tutti hanno il loro Mennea da raccontare. Una signora ha scritto il suo su un cartello: Arrivederci a festeggiare la tua vittoria al traguardo del cielo.

Pietro Mennea era nato a Barletta (Ba) il 28 giugno 1952. Nella sua lunga carriera ha conquistato un oro olimpico, tre ori europei, un argento ed un bronzo nella prima edizione del Mondiali

La preghiera In chiesa Don Antonio Truda gli parla come se fosse l: Hai saputo rendere grande la storia dellItalia sportiva e umana. Poi citando Papa Francesco, ricorda che senza fede non si possono raggiungere certi traguardi e racconta delle ultime settimane, di quellinvito alla preghiera fatto al campione e di Mennea che dice: Fa sempre bene pregare. Gianni Min, lamico giornalista che si vede nella foto pi celebre Messico 79, il giorno del record del mondo, parla di quelluomo testardo, rigoroso, di parola di cui lItalia ha potuto vantarsi. Un uomo verticale, come non ce ne sono tanti. Che Min mette vicino a Mohamed Ali per quel suo stare fuori dagli schemi. Un uomo grande, grande, grande. Il coraggio Ferdinando Imposimato, il magistrato che Pietro stimava moltissimo e che la moglie Manuela ha voluto fosse fra gli oratori di questa giornata, parla della speranza di Mennea per un mondo in cui i deboli fossero protetti contro gli abusi dei pi forti e ancora della sua lotta contro il doping e per uno sport dove le persone valgono per quello che possono dare e non farsi dare. Poi il presidente del Coni Malag gli dice grazie tre volte: il record da

Senza fede non si possono raggiungere certi traguardi. Pietro sapeva pregare
DON ANTONIO TRUDA IL SACERDOTE CELEBRANTE

fantascienza di Messico, lemozione assurda di Mosca, ma anche la fine, in cui ci hai annichilito, con quel coraggio nel portare avanti la malattia.
La libert Sara Simeoni prova a sfidare il magone. Fuori dalla chiesa dir di aver perso un pezzo di vita. Nino Benvenuti prega. Stefano Mei ha gli occhi spalancati, la sua ricetta per non piangere. Parla anche la nipote di Mennea: il suo ricordo tenerissimo e viaggia dalla pista alle scuole, il Pietro degli ultimi anni, quello che aveva tanta voglia di raccontare, ma anche di ascoltare, quello che sapeva dire tante volte s.

La libert Arriva il momento del-

Testardo, rigoroso, di parola, un uomo di cui lItalia ha potuto vantarsi


GIANNI MINA GIORNALISTA E AMICO

la benedizione della salma, la gente in chiesa sembra cercarsi, fermarsi per bloccare il tempo, aggiungere ricordo a ricordo. Dentro i ragazzi con la maglietta 19"72, la stessa consegnata a Usain Bolt un anno e mezzo fa in quel divertente incontro a Villa Borghese, coprono la bara con il tricolore. Fuori c chi lo saluta con la cartolina del record del mondo. Vorresti fermare quellauto che invece scappa via verso il cimitero di Prima Porta. Applaudono tutti lultimo momento. il momento di tanti, tristissimi ciao. Qualcuno strilla: Sarai sempre il primo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Quale immagine le rima-

domande a...
STEFANO MALINVERNI
di GENNARO BOZZA

Era il fratello maggiore che ci proteggeva e dava la carica


Stefano Malinverni, 53 anni, era il primo staffettista della 4x400 che vinse il bronzo a Mosca 1980 con Tozzi, Zuliani e Mennea

sta impressa della finale della 4x400 a Mosca? Alla partenza, Pietro che viene a controllare i blocchi. Lanno prima, alle Universiadi, non li avevo sistemati bene nella gara individuale dei 400 e, al via, ero letteralmente volato e avevo sbattuto la faccia a terra. Lui era come un fratello maggiore per tutti noi, alla prima esperienza olimpica, e si preoccupava che tutto andasse bene. Ci trasmetteva tranquillit e seriet. Cos, eravamo diventati una squadra, uniti da una vera fratellanza.

mancata finale nei 100, ma non lho mai visto preoccupato, anzi, ci dava la carica di cui avevamo bisogno. Fare una finale olimpica davanti a 80.000 persone non come bere un caff.

Quindi, il contrario del Mennea che appariva nervoso in alcune occasioni. Io lo ricordo sereno e sicuro di s. Certo, in quella Olimpiade era teso perch non ci era arrivato al massimo della forma, che raggiunse durante le gare, e gli restava lamarezza per la

3 Come vi beveste i francesi per la conquista del bronzo? Urss e Germania Est, allultimo cambio, erano troppo avanti, noi eravamo quarti dopo la Francia. Pietro, che nel giro di pista galleggiava, visto che sui 200 aveva un tempo di un secondo inferiore agli altri staffettisti dei 400, fece una gara intelligente, non forz, gioc con Demarthon e lo super nel rettilineo finale. Ricordo il francese che piangeva come un bambino, aveva perso loccasione della vita. 4 Fu una medaglia inaspettata?

Sinceramente, non pensavamo di riuscirci, ma fummo bravi a saper cogliere loccasione, anche con un pizzico di fortuna, visto che la Gran Bretagna fu squalificata per aver perso il testimone. Per, lanno dopo dimostrammo di essercela meritata quella fortuna, perch vincemmo in Coppa Europa, col record italiano, e battemmo gli stessi avversari incontrati allOlimpiade. Diciamo che a Mosca fu il momento giusto per vincere quella medaglia.

LIDEA DEL PRESIDENTE DEL CONI

Il museo Mennea potrebbe sorgere nel ventre dello Stadio dei Marmi
(v.p.) Per ora solo unidea. Ma il presidente del Coni, Giovanni Malag spera che presto diventi progetto. Lha detto ieri, nelle parole pronunciate a Santa Sabina, quasi una promessa che fa seguito al modo con cui ha vissuto la tragedia di questi giorni. A Pietro Mennea sar dedicato lo stadio dei Marmi e lidea appunto quella di riunire dentro limpianto che lolimpionico conosceva a memoria, tutta la sua storia in un Museo. I ricordi, ma anche la sua favolosa collezione di testi di diritto sportivo. Lui, daltronde, aveva sempre insistito su questo sogno, mantenendo ununica condizione: che la sua biblioteca non fosse divisa. Nel ventre dello stadio dei Marmi, c una cubatura inutilizzata e degradata - ex magazzini ed ex spogliatoi che potrebbe diventare con unadeguata ristrutturazione una casa della cultura sportiva intitolata al campione. Sotto gli spalti corre infatti una sorta di circuito, pi spazioso nella parte sotto la tribuna autorit che conduce poi al tunnel che porta allOlimpico. Ma Mennea vivr anche nella sua Fondazione impegnata nel mondo della solidariet e nei suoi libri. Le ultime fatiche di Pietro sono stati infatti dei lavori sui velocisti giamaicani e sulla storia della strage di Monaco 72.

5 E oggi, nella tristezza delladdio a Mennea, cosa rimane nei vostri cuori di tutto quello? Lemozione di quel bronzo olimpico difficile da spiegare, come la nascita di un figlio. Siamo stati fortunati a essere l, insieme a Pietro, a gareggiare con lui. Io lo ricorder sempre con una sola parola: splendido.

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

29

1) Sara Simeoni alluscita della chiesa: la saltatrice veronese, Mennea e Maurizio Damilano furono gli ori dellatletica azzurra allOlimpiade di Mosca 1980. 2) La moglie di Pietro Mennea, Manuela Olivieri. Si erano sposati nel 1996 nella stessa chiesa e con lo stesso sacerdote che ieri ha celebrato la funzione funebre 3) Non solo campioni dello sport, dirigenti, tecnici e personaggi famosi. Sono stati tanti i tifosi di Pietro e gli sportivi che hanno voluto partecipare e portare una testimonianza del loro affetto. 4) Un atleta dellAvis Barletta. la prima societ di Pietro, prega sulla bara EIDON, PHOTO PRESS TEDESCHI

DISO

QUALITA TOP E LIVELLO INTERNAZIONALE PER LA F.RENAULT 2.0 ALPS 2013


Sette doppi appuntamenti per la F.Renault 2.0 ALPS, che prender il via da Vallelunga il 7 aprile con la novit assoluta della monoposto nella configurazione 2013. La serie della Fast Lane Promotion si rinnova pertanto nei contenuti tecnici, apprestandosi a proporre uno schieramento internazionale. Sono ben 13 i team che figurano nella entry-list provvisoria, con una qualit top confermata dalla presenza di alcune realt di riferimento nellambito delle categorie a ruote scoperte. Otto sono le squadre italiane. Ai nomi di Brixia Horse Power by Facondini, GSK Grand Prix e Team Torino Motorsport, vanno aggiunti quelli di BVM Racing e Prema, che nel 2012 avevano fatto solo un paio di apparizioni.

Unimmagine di Santa Sabina allAventino durante la cerimonia funebre di Pietro Mennea PHOTO PRESS

Era marciatore Divenne velocista in un velodromo


Mascolo, il primo allenatore: Onoriamolo costruendo un impianto vero a Barletta
IN CHIESA

Al rientro il Viola Formula Racing, mentre per Euronova e TS Corse si tratter dellesordio. Nomi importanti, dunque, nel contesto delle serie giovani del panorama europeo, a cui vanno ad aggiungersi quelli dei francesi della Arta Engineering e Tech1 Racing (nella foto il pilota canadese Luke Chudleigh), degli austriaci della Interwetten e dei finlandesi della Koiranen Motorsport. Poi ancora un nuovo arrivo, quello del team elvetico Jenzer. Pieno di adesioni per questa terza stagione della F.Renault 2.0 ALPS, che introdurr anche delle novit mediatiche, partendo dalla diretta in web-streaming di tutte le gare sul sito internet www.renaultsportitalia.it.

La poesia di Pietro sulla libert


A un certo punto della cerimonia funebre, quando Don Antonio pensa che la parte delle testimonianze si sia esaurita, Fernando Imposimato chiede scusa e riprende la parola. Per leggere una poesia. Scritta da Pietro Mennea.
LIBERTA'

Fu ai campionati regionali pugliesi di Lecce del 1968 che il professore di educazione fisica Francesco Mascolo cap: Pietro Mennea sarebbe diventato un grande.
Che cosa accadde?

Aiutateci. Lui ci ha insegnato questo: non fermarsi mai davanti a un ostacolo.


Come la chiamava Mennea?

CLIO CUP ITALIA SINONIMO DI TRADIZIONE E SPETTACOLO


La Clio Cup Italia 2013 nel segno della tradizione. Quella di un monomarca di successo, da sempre legato a doppio filo al marchio di Renault. In pista le veloci e affidabili berline RS, pronte a dare ancora una volta spettacolo. La risposta, da parte di team e piloti, anche questanno non poteva mancare. Sei doppi appuntamenti e dieci squadre al via della stagione che scatter da Vallelunga tra un paio di settimane, per concludersi a Imola a inizio ottobre. Composit Motorsport (nella foto, Daniele Pasquali) e Melatini Racing-Veregra Competition punteranno a difendere rispettivamente il titolo Piloti e quello Team conquistati nel 2012.

Professore. Proprio come Vittori.


Per lei non deve essere stata facile quella separazione.

Che ce la facemmo sotto.


Perch?

Perch cera un atleta molto forte, De Giorgi. Pietro perse gli 80 e voleva rinunciare ai 300 e invece io a insistere: "devi correre". Ce la facemmo sotto, ma poi lui vinse. Io avevo gi cominciato a intuire il suo valore grazie ad alcune ripetute in salita e sulla sabbia, ma in quei Regionali fu tutto pi chiaro.
Il primo Mennea era un marciatore?

Avvenne per necessit. Quando lui lasci lAvis per lAlco Rieti. Era appena diventato campione dEuropa a Roma, nel 1974. Io lavevo naturalmente seguito pure a Monaco, la sua prima Olimpiade.
Vi lasciaste male?

Franco Mascolo con Pietro Mennea

Quando ho iniziato a prendere coscienza, ho sentito il bisogno di conoscerti; quando ho cominciato a capire, ho provato a immaginarti; quando ho iniziato a sognare, ti ho desiderato; quando ho iniziato a realizzarmi, sei diventata la mia guida; quando ho provato a volare, l'ho fatto per raggiungerti; quando ho provato a fermarmi, sei stata la mia stella; quando diventer vecchio, ti chiedo solo di non abbandonarmi; quando non ci sar pi, sarai sempre con me
Pietro Paolo Mennea

S, era stato scoperto dal professor Alberto Autorino, a scuola. Da noi dellAvis arriv grazie a uno scambio: subito divenne velocista.
Dove vi allenavate?

Mi lasci per necessit, quando pass da Barletta a Rieti Ho perso un figlio


FRANCESCO MASCOLO ALLENATORE

S, fu una separazione brusca. Ci perdemmo, ma poi piano piano ci siamo riavvicinati e anche con Vittori i rapporti sono stati buoni, mi hanno fatto piacere le sue parole su di me in questi giorni.
Ha riconosciuto il suo ruolo nella crescita di Mennea.

In un velodromo. Le prove di staffetta le facevamo sullasfalto...


La famosa staffetta dai cognomi impossibili?

A volte gli dicevo: "Stai andando sul filo del rasoio, non esagerare".
Nel senso di farlo allenare troppo?

cera gi il tartan.

Posso dirle una cosa? Vorrei fare un appello.


Prego.

Allinizio lui si imbestialiva, ma deve avermi ascoltato.


Professore, che cosha perso latletica con la morte di Mennea?

S, aspetti: Acquafredda, Pallammolla, Gambatesa e Mennea.


Poi arriv la pista.

Quasi a furor di popolo fu costruita la pista, di un materiale chiamato rub-kor.


Mennea la definiva un quasi asfalto pure quella. Ma nell80, quando Pietro fece 19"96 a Barletta dopo le Olimpiadi,

Barletta nel suo nome deve avere una pista e un impianto degno di questo nome. una vergogna lo stato della struttura e il fatto che gli atleti si debbano spogliare nei gabinetti: non pu essere. Chiedo al presidente del Coni, a quello della Fidal, al nuovo consiglio comunale quando sar eletto, di fare qualcosa. Ora siamo tutti sotto choc, ma dopo ci dovremo organizzare per questo obiettivo.

Ma nella lista figurano anche Autostar Motorsport, Giada Auto, GMC Motorsport, Monoliteracing, One Racing e Rangoni Motorsport. Presenza spot per la Target Competition, che ha confermato la propria partecipazione alle gare del Santerno e di Misano, mentre un atteso rientro potrebbe essere quello della Go Race.

w w w. r e n a u l t s p o r t i t a l i a . i t

Il suo insegnamento e la sua storia sono immortali.


E lei che cosha perso?

Un figlio. Ho perso una figlia nel 1999, ora ne ho perso un altro.


v.p.
RIPRODUZIONE RISERVATA

a cura di RCS MediaGroup Pubblicit

30

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

BASKET AMERICA E ITALIA


NBA GLI HEAT BATTONO DETROIT, JAMES QUASI PERFETTO AL TIRO. MANCANO 8 SUCCESSI AI RECORD DI LOS ANGELES 1971-72

PALLANUOTO
L8a DI RITORNO

LeBron 29, Miami alla 25a vittoria di fila I Lakers cadono in casa, DAntoni furioso
Il coach gialloviola Se giochiamo cos non faremo neanche i playoff
Vinte 25 partite consecutive, ecco la strada che Miami ha davanti per arrivare a 33, la striscia pi lunga della storia, compiuta dai Lakers 1971/72. Stanotte con Charlotte, domani a Orlando, il 27 a Chicago, il 29 a New Orleans, il 31 a San Antonio, il 2 aprile in casa con i Knicks, il 5 a Charlotte, il 6 in casa con Philadelphia. La pi delicata, e anche la pi interessante a prescindere, quella in casa degli Spurs che hanno ritrovato Tony Parker. Il play francese stato il miglior realizzatore contro Utah, dopo 8 partite fuori (6 vinte, 2 perse) per una distorsione a una caviglia. Miami ha vinto la 25a partita di fila, 16a in casa, contro Detroit che nel secondo quarto era avanti di 11 punti. LeBron James ha chiuso con 29 punti e l80 per cento al tiro: 12 su 15. I Lakers, intanto, hanno perso in casa con Washington, la peggior squadra della lega in trasferta, nella partita del ritorno di Kobe Bryant (21 punti e 11 assist) e Pau Gasol (in quintetto, 4 punti con 2 su 10 al tiro). Se non cambiamo in termini di concentrazione e impegno, non faremo i playoff ha detto Mike DAntoni . E se li faremo, saremo spazzati via. Non puoi essere una buona squadra se non ti passi il pallone e non capisci cosa va fatto in difesa
RISULTATI Miami-Detroit 103-89 (James 29; Monroe 23); LA Lakers-Washington 100-103 (Bryant 21; Ariza 25); Dallas-Boston 104-94 (Wright 23; Bass, Garnett, Pierce 16); San Antonio-Utah 104-97 (Parker 22; Mo Williams 23); Atlanta-Portland 93-104 (Smith 24; Matthews 28); Toronto-New York 94-99 (Anderson 35; Anthony 37); Indiana-Milwaukee 102-78 (Hansbrough 22; Ellis 22); Orlando-Oklahoma City 89-97 (Harkless 25; Durant 25); Phoenix-Minnesota 86-117 (Scola 17; Kirilenko 20); Houston-Cleveland 116-78 (Harden 20; Livingston 14); New Orleans-Memphis 90-83 (Lopez 23; Conley 20).

Super Elez Il Brescia domina il Savona


BRESCIA-SAVONA 15-10 (6-2, 3-5, 2-2, 4-1) Brescia: Del Lungo, Valentino 2, C.Presciutti 2, Legrenzi, Loncar, R.Calcaterra, Mammarella, Nora, Binchi, Elez 8 (1 rig), Giorgi 1, G. Fiorentini 2, Moratti. All. Bovo. Blu Shelf Carisa Savona: Antona, Alesiani 1, Damonte, Petrovic 2, Grosso, Rizzo, M.Janovic 5 (2 rig.), Fulcheris, G.Bianco, E.Colombo, J.Colombo, Deserti 2, Rolle. All. Pisano. Arbitri: Centineo e Lo Dico. Note: sup. num. Brescia 16 (10 gol), Savona 13 (7). Usc. 3 f. Petrovic, Rizzo, Giorgi, G.Bianco, G.Fiorentini 4 t. (f.pe.) Le fatiche dalla Champions non fermano Brescia. La squadra di Bovo domina il Savona, trascinato da un grande Elez: otto reti. QUARTU-PRO RECCO 7-10 (1-2, 2-2, 2-3, 2-3) Promogest Quartu: Volarevic, M.Luongo 2, Racunica, Steardo 1, Klikovac 2, Montaldo, Pagliara, Sassanelli, Nicche, Ercolano 1, Astarita 1, Russo, Graffigna. All. Pettinau. Ferla Pro Recco: Tempesti, F.Lapenna, Madaras 1, Mangiante, A.Fondelli, Felugo, Giacoppo 1, Figlioli 4 (2 rig.), Figari 1, D.Fiorentini 2, S.Luongo, N.Gitto 1, Pastorino. All. Tempestini. Arbitri: Paoletti e Zappatore. Note: sup. num. Quartu 12 (6), Pro Recco 11 (5). Col minimo sforzo, la Pro Recco doma il Quartu. Bella prova di Figlioli. BOGLIASCO-FLORENTIA 8-9 (1-2, 3-2, 1-3, 3-2) Bogliasco: Dinu, Sekulic, A. Di Somma 1, Camilleri 3 (2 rig.), Boero, Bettini 2, Guidaldi 2; Vergano, Barillari, E.Di Somma, Cocchiere, Ferrero. N.e. Dufour. All. Cucchia. Florentia: Mugelli, F.Di Fulvio 3 (1 rig.), Borella, Pagani, Molina 2, M.Lapenna 1, Gobbi; A.Di Fulvio, Brancatello, Espanol 2, Bini 1. N.e. Dani, Minetti. All. Sottani. Arbitri: Bianchi e Daniele. Note: sup. num. Bogliasco 7 (1), Florentia 14 (6). Usc. 3 f. Boero 2224", Guidaldi 3102". A 3020" espulsi per reciproche scorrettezze Barillari ed Espanol. A 3120" espulso per brutalit Pagani. (a.fe.) Finale incandescente, il Bogliasco non riesce ad acciuffare in extremis il pareggio, come accaduto la settimana prima contro lOrtigia. La Florentia resiste e balza al terzo posto. NERVI-ACQUACHIARA 10-10 (1-3, 5-4, 3-1, 1-2) Ellevi Nervi: Ferrari, Bocciardo, Puccio, D'Alessandro 1, Temellini, Tyrrell 1, Marziali 1, Ferrero, Lanzoni 3 (1 rig.), Mann 2, Caliogna 2, Cavo. All. Ferretti. Carpisa Yamamay Acquachiara: Kacic, Perez, D.Mattiello, Danilovic 1, Scotti Galletta, Petkovic 4, Gambacorta 1, Postiglione, Saviano 1, Marcz 1, Di Costanzo, Sadovyy 2, Ragusa. All. Porzio. Arbitri: Bensaia e Ceccarelli. Note: sup.num. Nervi 8 (3), Acquachiara 12 (5). Nel 4 t. usc. 3 f. D.Mattiello, esp. Petkovic per gioco violento. (f.ga.) Il Nervi conquista un punto fondamentale nella corsa per la salvezza. L'Acquachiara paga il black out tra il secondo e il terzo tempo. POSILLIPO-ORTIGIA 9-5 (3-2, 1-3, 2-0, 3-0) Posillipo: Negri, Rossi, Foglio, G.Mattiello, Toth 1, Renzuto 1, Gallo 3 (2 rig.), Kovacs 1, Bertoli, Baraldi 1, Saccoia 2, N. Ferrone. N.e. Cuccovillo. All. Occhiello. Igm Ortigia: Patricelli, Barranco, Abela, Puglisi, Boyd 1, Napolitano, Tringali 1, Di Luciano, Zovko 2, Vinci, Suti 1 rig. N.e. Negro. All. Baio. Arbitri: Colombo e Piano. Note: sup. num. Posillipo 11 (3), Ortigia 7 (2). Usc. 3 f. Puglisi 23'12", Suti 27'29", Rossi 29'02". (f.nap.) Il Posillipo batte l'Ortigia spingendola verso lA2. Nell'ultimo parziale, Saccoia e Gallo chiudono il match. LAZIO-CAMOGLI 14-8 (1-0, 5-3, 4-3, 4-2) Lazio: Sattolo, M. Gitto, Sebastianutti, Africano 1, Latini, Colosimo 1, N.Presciutti 2 (1 rig.), Mandolini 2, Vittorioso 6, Maddaluno 1, Gianni, Di Rocco 1, Leporale. All. Formiconi. Camogli: Viola, Beggiato 3 (1 rig.), Iaci, Rocchi, L. Fondelli, Cupido 3, Trebino 2, Cambiaso, Di Rocco, Gandini, Antonucci. Arbitri: Fusco e Gomez. Note: sup. num: Lazio 8 (5), Camogli 10 (2). Usc 3 f. Rocchi 2213", Iaci 3024". (g.sc.) La Lazio, con un grande Vittorioso, ipoteca la salvezza. Camogli senza il tecnico Cavallini: gelo con la societ. Class.: Brescia 55; Pro Recco 51; Florentia 37; Savona 35; Posillipo 33; Acquachiara 28; Bogliasco 23; Quartu 21; Lazio 20; Nervi 17; Ortigia 12; Camogli 1. Pr.turno (6/4): Quartu-Brescia, Florentia-Posillipo (10/4), Ortigia-Lazio, Pro Recco-Camogli, Savona-Nervi, Acquachiara- Bogliasco. DONNE (c.f.) Quarti di Coppa Campioni: Mediterranea Imperia-Kirishi 12-15, dopo il 12-12 dellandata. Russe alla Final Four assieme a Sabadell (Spa), Eger (Ung) e Vouliagmeni (Gre).

IL COMMENTO di DAN PETERSON

A PAGINA 19

&

LeBron James, 28 anni, REUTERS

Trinchieri: S, ci sono frizioni a Cant. Ma solo ai capelli


Il tecnico: Urla e litigi con il d.s. Arrigoni? Tutte balle. Domani la sfida a Siena: Attenti a darli per morti, diffido di chi ha dimostrato di saper vincere
PAOLO BARTEZZAGHI

la 9a di ritorno Milano con la Sutor Reggio-Varese alle 20 in diretta tv


MILANO-MONTEGRANARO (18.15) (a.p.) EA7 senza Hairston (schiena) e Chiotti (occhio). torna Langford. Sutor senza Johnson, negli Stati Uniti per il funerale del nonno e con Mazzola recuperato dopo linfortunio a un alluce. Arbitri: Mattioli, Vicino, Calbucci. Tv: E Tv Marche. VENEZIA-BIELLA (m.c.-ga.p.) LUmana recupera Diawara, dopo linfortunio muscolare. Angelico senza Soragna. Arbitri: Lamonica, Sardella, Pozzana. Tv: Rete 7. CREMONA-SASSARI (a.r.-g.d.) Vanoli senza Ruini (ginocchio). Banco di Sardegna senza Travis Diener infortunato. Arbitri: Sabetta, Giansanti, Borgioni. Tv: Videolina. ROMA-BOLOGNA (a.pit.-n.z.) Acea al completo. Oknoplast: Poeta non al 100% (muscolo coscia), Gigli gioca sotto infiltrazioni (ginocchio), a rischio Hasbrouck che ieri in un contatto fortuito con Smith si procurato un taglio a un sopracciglio. Arbitri: Chiari, Aronne, Bartoli. Tv: E Tv. CASERTA-PESARO (l.b.-cam.ca.) Juve al completo, Scavolini Banca Marche con Stipcevic in dubbio (distorsione alla caviglia destra). Arbitri: Cicoria, Weidmann, Biggi. Tv: Tvrs. BRINDISI-AVELLINO (f.d.s.-l.z.) Enel al completo. Sidigas con Lakovic in dubbio per lo stiramento a un quadricipite. Arbitri: Taurino, Quacci, Duranti. Tv: Telenostra. REGGIO EMILIA-VARESE (ore 20) (d.b.) Trenkwalder senza Deguara, Cimberio con Talts influenzato e Banks che ieri in allenamento si distorto una caviglia. Arbitri: Seghetti, Sahin, Martolini. Tv: LA7d e Sportitalia 2. SIENA-CANT domani CLASSIFICA Sassari, Varese 36; Roma 32; Cant 30; Milano, Siena 28; Reggio 26; Venezia 22; Brindisi, Caserta 20; Cremona 18; Avellino, Bologna, Montegranaro 16; Pesaro 12; Biella 10. LEGADUE Alle 18.15 l8a di ritorno: Pistoia-Casale (diretta legaduebasket.it e sportube4); Jesi-Scafati; Barcellona-Veroli; Trieste-Bologna; Trento-Capo dOrlando. Riposa: Forl. Ieri: Verona-Imola. Venerd: Ferentino-Brescia 85-90. Classifica: Pistoia 32; Casale 28; Brescia, Barcellona 26; Scafati, Forl 22; Verona, Bologna 20; Trieste, Trento, Capo dOrlando 18; Veroli, Ferentino, Jesi 16; Imola 12. DONNE Ferma lA-1, a Ekaterinburg (Rus) finali di Eurolega. Alle 16.30 per il 3o posto Bourges-Kosice, alle 19 per il titolo Ekaterinburg-Fenerbahce.

Andrea Trinchieri, come sta Cant?

C un certo spread tra quello che riusciamo a fare in allenamento senza pressione e quello che produciamo in partita. Ma tende al positivo, sono abbastanza fiducioso che si raggiunger un equilibrio.
Quanto pesa il ritorno del play Jerry Smith?

Pesa visto che il sostituto Kevin Anderson non ci ha deliziati con grandi prestazioni. Smith ci d gambe, attitudine, aggressivit.
A che punto linserimento di Stefano Mancinelli?

Sono convinto che ci dar molto. Ha una grande dote, emotivo. Per questo devo provocarlo, nellaccezione positiva del verbo. Cambiare lassetto di squadra, con tre lunghi, rende luso del campo molto diverso.
Come si vive la partita da casa con la polmonite com successo poche settimane fa?

Andrea Trinchieri, 44 anni, con Pietro Aradori, 24. Il tecnico milanese alla 4a stagione con Cant con cui ha disputato la finale scudetto 2011, due di Coppa Italia (2011 e 2012) e nel 2012 ha vinto la Supercoppa CIAMILLO

Sconsiglio vivamente a un allenatore la visione della propria squadra dalla televisione. Ho cercato di trovare qualcosa di positivo da questesperienza. Staccarsi pu quasi servire. In panchina sei inquinato, solo, esposto al pubblico ludibrio. Va detto che sono molto fortunato con un assistente come Lele Molin.
Voci di rotture, litigi, clima da ultimo anno: Cant in un momento delicato?

Con Smith pi gambe e aggressivit. E Mancinelli ci dar molto


ANDREA TRINCHIERI TECNICO E C.T. DELLA GRECIA

Si parlato di urla in spogliatoio dopo qualche sconfitta?

Non ho mai sentito Bruno urlare in vita mia. Il presupposto che Arrigoni mi ha portato a Cant quando allenavo in LegaDue. Le parole sono tante, i fatti pochi.
Damore e daccordo?

in testa. Essere partite con meno aspettative e pressione fa tutta la differenza del mondo in un campionato dallequilibrio assoluto come questo. Permette di affrontare i problemi con insostenibile leggerezza.
Arriveranno in fondo?

No. C molta, quasi troppa attenzione su quello che ci succede. Per vari motivi, stata una stagione diversa dal solito. La folla preme al muro di cinta. Per diventare pi bravi, allenatori, giocatori, politici, capitani dindustria, devono saper dare il meglio quando la pressione esterna aumenta.
Frizioni con il manager Bruno Arrigoni?

clic
PROPRIO 30 ANNI FA IL TITOLO EUROPEO CONTRO MILANO
Il 24 marzo 1983 si gioc a Grenoble la prima e per ora ultima finale di Coppa Campioni tra squadre dello stesso Paese. La Ford Cant, campione anche nel 1982, batt il Billy Milano 69-68. E ieri era il secondo anniversario della morte del sciur Aldo Allievi, patron di quella storica Cant.

Non siamo sempre daccordo su tutto. Ma che ci sia una rottura una balla. E non una difesa dufficio. A Cant funziona cos: c il buon senso di fare decantare le sconfitte e non farsi inquinare dai fumi della partita.
Siena ha perso sei partite di fila tra Eurolega e Serie A: domani loccasione buona?

Sicuramente una delle due, non so quale. Con quarti e semifinali al meglio di 7 partite, mai come questanno i playoff annacquano il fattore campo e rimettono in gioco chi pi attrezzato. Ed curioso che proprio Siena, Milano e Cant siano state le sole a votare contro lallungamento delle serie.
Milano?

Nonostante let che avanza, tutte due abbiamo i capelli, le uniche frizioni le facciamo in testa.

Penso di capirli, lanno scorso facemmo le Top 16 e so quante energie drena quando non sei abituato a quel livello. Sono anche sfortunati. Ma diffido da chi ha dimostrato di saper vincere, come in Coppa Italia. Prima di darli per morti, starei attento.
Sassari e Varese?

Non ho pi unopinione, sia detto senza polemica. Certe sconfitte paiono inspiegabili. Ha un roster di qualit assoluta e hanno prodotto signore partite. Sar pericolosissima ai playoff.
La Grecia?

Sar la mia meta estiva.


RIPRODUZIONE RISERVATA

Brave, sono meritatamente

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

31

ATLETICA DOPING

Il passaporto biologico colpisce lOlimpiade


Loro dei 1500, la turca Cakir, tra gli otto nomi coinvolti in possibili casi di positivit. Per lei scatterebbe lo stop a vita
ANDREA BUONGIOVANNI

GI 12 CASI

MONDIALI DI CROSS IN POLONIA

E Il ciclismo il primo sport ad aver introdotto, nel 2007-08, il passaporto biologico

E Merga-Kenya Italia solo baby


DAL NOSTRO INVIATO

FAUSTO NARDUCCI BYDGOSZCZ (Polonia)

COME FUNZIONA
Servono tre controlli per misurare gli eventuali spostamenti dai parametri base, riuniti da un software che accende la spia sospetta grazie a un sistema matematico che d il 99.9% di probabilit dellassunzione vietata; l'assegnazione del caso anomalo a un panel di esperti (ogni federazione internazionale ha il suo) pu aggiungere lo 0.1 mancante

Il passaporto biologico, introdotto nel mondo dellatletica quattro anni fa, colpisce ancora. Anzi, sempre pi spesso. Mentre stanno diventando notizia quasi quotidiana i casi di russi (pi o meno prestigiosi) pescati attraverso il documento che tiene conto delle variazioni nei parametri personali, ora nellocchio del ciclone c la Turchia. Asli Cakir Alptekin, campionessa olimpica dei 1500 in agosto a Londra, secondo fonti molto accreditate, sarebbe tra gli otto nomi caduti da ultimi nella rete: il loro passaporto biologico presenterebbe chiare anomalie ematiche. Per la Cakir, in particolare, si tratterebbe della seconda positivit dopo quella dei Mondiali juniores di Grosseto 2004, quando corse i 3000 siepi. Se la notizia sar confermata, archiviati i due anni di stop scontati allora, per lei scatterebbe la squalifica a vita.
Borsi promossa? Resta da chiarire se il test in questione si riferisce a prima o a dopo i Giochi. Se prima, la 27enne nata ad Ankara perderebbe anche il titolo a cinque cerchi conquistato davanti alla connazionale Gamze Bulut. Quella doppietta (uguale a quella degli Europei) dest molti sospetti e tanti, a partire dalla primatista del mondo di maratona, la britannica Paula Radcliffe, avanzarono dubbi: Dicendo ci mi caccer nei guai afferm Paula in quei giorni ma le finaliste dei 1500 non partivano dallo stesso piano. Asli, dopo la volata vincente, rispose ai molti scettici e alla stampa mondiale, dicendo: Siamo venute qui per oro e argento, la potenza della Turchia. Tra i coinvolti, oltre a Gulcan Mingir, oro conti-

Si torna a Bydgoszcz, nel cuore della turistica Pomerania, ma rispetto al sole delledizione 2010 i Mondiali di cross trovano una citt inusualmente innevata dove le temperature scendono fino a -18. Fortuna che oggi pomeriggio a Myslecinek Park i 456 atleti (248 uomini e 208 donne) di 47 Paesi della 40 rassegna troveranno una temperatura appena sotto zero. Come sotto zero sembra il livello di questi Mondiali che fra due anni approderanno a Guiyang in Cina e che ieri in conferenza stampa hanno visto la ribellione del pluricampione Paul Tergat: Il cross la base di tutto, per me pi importante di pista e maratona. Lassenza di molte nazioni limitrofe alla Polonia, Russia compresa, ha svegliato anche il presidente Diack che ha varato una commissione di studio perch anche lAfrica si sta demotivando. Non manca comunque il vincitore dellanno scorso Imane Merga ripescato dopo il ritiro ai Trials, pare dovuto ai carichi di lavoro, per contrastare insieme al campione etiope Feyisa Lilesa, il rinnovatissimo Kenya (4 su 6 alla prima esperienza iridata) guidati dal talento Philemon Rono e dal veterano Hosea Macharinyang. Fra le donne, in assenza delle dinastie Bekele e Dibaba, insieme alla favorita Meselech Melkamu potrebbe essere il turno di unaltra famiglia, quella etiope delle Ayalew con Hiwot sulla scia della sorella Wude.
Juniores Qui lattenzione incentrata sulletiope Muktar Edris reduce dai tre successi nella stagione invernale italiana e (escludendo la Samiri) si registra lunica presenza italiana con una squadra compatta formata da Quazzola, i due gemelli Dini e i due fratelli Crippa in cui spicca Yemaneberhan, allievo come il promettente Chiappinelli. Stefano Baldini, alla prima uscita allestero come d.t. giovanile punta a un piazzamento nei dieci. Le gare, dalle 12 alle 14.10, in diretta su Rai Sport.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ALTRI SPORT
Dopo il ciclismo, nel 2009, arrivata latletica, che gi conta 12 positivit. Poi il pattinaggio velocit (col caso Pechstein), il nuoto, lo sci, il canottaggio e, ora, il tennis

Asli Cakir, 27 anni, trionfa a Londra. La turca, personale sui 1500 di 356"62, allenata dal marito Ihsan Alptekin EPA

Tra i pescati lostacolista Yanit (Borsi argento Euroindoor?) e la siepista Mingir

nentale in carica dei 3000 siepi, ci sarebbe lostacolista Nevin Yanit, nei 100 lestate scorsa, a sua volta oro agli Europei di Helsinki e 5 allOlimpiade e nei 60, 23 giorni fa, oro agli Euroindoor di Gteborg (nel caso di cancellazione di questultimo risultato, Veronica Borsi passerebbe dal bronzo allargento).
Reazioni La Iaaf non si sbilancia. N nega, n conferma. Ma un anonimo portavoce ha invece dichiarato: E un caso legato al passaporto biologico. Liter non concluso, ma una positivit certa. Dopo i Giochi di Londra abbiamo verificato

Nevin Yanit ORO EUROPEO 100 E 60 HS

anomalie, anche molto evidenti e la sua non la sola turca. Ne emergeranno altre. A conferma di quanto affermato undici giorni fa da Thomas Capdevielle, il responsabile Iaaf per i risultati medici e antidoping: Dallintroduzione del passaporto biologico del 2009 ha sostenuto il dirigente francese 19 atleti sono gi stati sanzionati e altri 17 sono sotto procedimento, tre dei quali al Tas. La federazione turca, per bocca del presidente Mehmet Terzi, nega ogni addebito: Asli ha superato i controlli di Londra ha detto con un comunicato : per noi non esiste alcun caso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

A ISTANBUL
In queste ore, a Istanbul, al lavoro la commissione di valutazione del Cio per la candidatura ai Giochi 2020

STRAMILANO OGGI

Chi batte Chemosin?


Oggi (il via alle 11 di fianco al Castello Sforzesco, arrivo allArena, diff. RaiSport 1 ore 16.50), nellambito della 42 Stramilano, anche la 38 mezza agonistica. Favorito il keniano Robert Chemosim, 2 alla Roma-Ostia tre settimane fa col personale di 5919". Con diversi connazionali e lucraino Lebid, De Nard, Gualdi ed El Mazoury, allesordio sulla distanza. Donna da battere la keniana Pauline Kahenya (1h0755"): tra le italiane Maraoui, Quaglia, Iozzia. Desco e Romagnolo.

PALLAVOLO GARA-3 OTTAVI PLAYOFF

La stagione in un pomeriggio Due spareggi per i quarti


Oggi a Castellana e Latina si giocano le gare-3 degli ottavi playoff.

CHALLENGE CUP

A-1 DONNE LANTICIPO DELLA 20a

Piacenza oggi cerca due Coppe in un giorno solo


(m.mar) In meno di cinque ore oggi Piacenza si gioca due finali europee. Inizia alle 13.30 (ora italiana) la Rebecchi Nordmeccanica, che in Challenge femminile a Krasnodar deve rimediare alla sconfitta per 3-2 subita mercoled in casa. Alle 18 al PalaBanca la Challenge maschile: Copra Elior coi russi dellUral Ufa, battuti in trasferta con un netto 3-0. E la 11 finale fra Italia e Europa in 11 stagioni di gestione Molinaroli, la prima di fronte al proprio pubblico. Per entrambe le piacentine vale la regola del golden set: il sestetto di Caprara dovr aggiudicarsi la partita e poi il parziale supplementare per conquistare il trofeo, a quello di Monti per la Coppa sar sufficiente vincere la gara oppure, in caso di sconfitta, conquistare la frazione supplementare.

Moreno Pino super: il derby di Pesaro


Ieri sera lanticipo URBINO-PESARO 1-3 (23-25, 24-26, 25-19, 18-25) CHATEAU D'AX URBINO: Van Hecke 12, Negrini 11 , Crisanti 13, Dall'igna 3, Petrauskaite 11, Dugandzic 7; Croce (L) Angelelli , Gentili , Partenio , Santini 4. N.e. Leggs, Giombetti, All. Radogna KGS ROBURSPORT PESARO: Manzano 11, Moreno Pino 24, Tirozzi 11, Gibbemeyer 14, Signorile 1 , Muresan 12; De Gennaro (L), Valpiani , Dekani 1, N.e. Lestini, Chirichella. All. Pistola. ARBITRI: Piersanti e Bartoloni. NOTE - Spettatori 1950. Durata set: 31, 32, 25, 26; tot. 114. Chateau dAx: battute sbagliate 12, vincenti 4, muri 7, 2 linea 8, errori 21; Kgs: b.s. 11 v. 1 m. 15, s.l 13, e. 29. Trofeo Gazzetta: 6 Van Hecke, 5 Moreno Pino, 4 Negrini, 3 Muresan, 2 Croce, 1 Crisanti. URBINO (m.n.f.) Numerosi gli errori al servizio da entrambe le parti, in un gioco comunque altalenante. Una serie di imperdonabili errori tecnici e tattici di Urbino, hanno agevolato la vittoria della Kgs Pesaro. OGGI Si gioca la 20a (ore 18): Bologna-Busto Arsizio; Giaveno -Piacenza (ore 20.30); Conegliano-Bergamo. Riposano: Chieri e Villa Cortese Classifica: Busto Arsizio 40; Bergamo 31; Piacenza 30; Villa 26; Chieri, Conegliano 25; Pesaro 21; Urbino 18; Giaveno 13; Bologna 8. A-2 DONNE Oggi si gioca la 22a (ore 18): Pavia-Sala Consilina; Casalmaggiore-Terre Verdiane; Novara-Soverato; Crovegli-San Vito; Montichiari-San Casciano; Mazzano-Frosinone. Ornavasso-Marsala. Classifica: Novara 53; Casalmaggiore 50; Ornavasso 48; Frosinone 44; Pavia 34; Mazzano 30; Crovegli Volley 29, Puntotel Sala Consilina 28, Il Bisonte San Casciano 28, Volley Soverato 28, Terre Verdiane Volley 24, Systema Montichiari 24, Sigel Pallavolo Marsala 13, Cedat 85 San Vito 8.

CASTELLANA-VIBO
(an.gal.-mi.fa.) Una battuta da ritrovare e lattacco di Vibo da contenere. Sono i due crucci di Gulinelli per gara-3 degli ottavi playoff, sfida che stabilir quale squadra tra la Bcc Nep e la Tonno Callipo raggiunger per la prima volta nella storia i quarti e affronter lItas Trento, mercoled 27. Se si esclude linfortunato Marco Ferreira (Menzel secondo opposto), tutti arruolati in casa Bcc Nep e sei pi uno classico con Falaschi-Sabbi, Yosifov (alle 100 presenze in campionato)-Cester, Alex Ferreira-Casoli, libero Paparoni completamente recuperato. Il sei pi uno che Blengini ha intenzione di schierare in Puglia gi scritto: Klapwijk-Coscione, Buti-Barone, Ur-

Alessandro Paparoni, 31 anni

naut-Kaliberda con Farina libero. Stesso sestetto di domenica scorsa. Per la serie squadra che vince non si cambia.
Arbitri: Saltalippi e Sampaolo. Si gioca: alle 17.30, diretta RaiSport 1.

LATINA-SAN GIUSTINO
(a.li.-m.s.) Per la bella che vale il passaggio ai quarti playoff (contro Macerata), i precedenti sono a favore dellAndreoli, che questanno in casa non ha mai lasciato vincere neanche

un set agli umbri. Prandi ha tutti a disposizione e punta su Sottile-Jarosz, Verhees-Gitto (in ballottaggio con Patriarca), Rauwerdink-Noda con il libero Rossini. I laziali inseguono la vittoria con la dedica gi pronta per il dirigente storico Roberto Rondoni, che port Latina in serie A quando era ancora allenatore, scomparso proprio un anno fa. Tra gli umbri Fenoglio dovrebbe affidare la regia a Mc Kibbin, preferito a Torre. Non al meglio Cebulj, ma dovrebbe farcela. Non ha ancora smaltito totalmente linfortunio al gomito destro Cesarini, comunque in campo dallinizio, con Lo Bianco in preallarme. Alla banda Mattioli sar preferito a Fiore. Allinizio dovrebbero giocare Torre-Cebulj, De Togni-Bohme, Mattioli-Maric, Cesarini (L).
Arbitri: Bartolini e Pol. Si gioca: ore 18, diretta Sportube.tv
RIPRODUZIONE RISERVATA

32
#

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

SCHERMA COPPA DEL MONDO

RUGBY CELTIC LEAGUE

Tripletta pi Errigo Fioretto da imbattibili


A Bonn, Baldini primo davanti a Cassar e Avola. A Torino vince Arianna. Il c.t. azzurro Cipressa: Ci siamo sempre
MARISA POLI

OCCHIUZZI 2 A MOSCA

Cassaforte non per caso, il fioretto azzurro ieri si (e ha) regalato una delle tante giornate da imbattibili. A Bonn, una delle classiche di Coppa, gli uomini del fioretto hanno fatto tris con Andrea Baldini, Andrea Cassar e Giorgio Avola primo secondo e terzo. A Torino, unica occasione italiana del circuito mondiale per vedere il Dream Team, Arianna Errigo ha vinto ancora (dopo Danzica). Dedica: Questo successo e la tripletta di Bonn sono dedicati a Stefano Simoncelli, lex azzurro, poi promotore del Club Scherma Frascati scomparso a inizio settimana. A rendere tutto pi speciale ci si messo Diego Occhiuzzi, secondo nella prova di sciabola a Mosca nella nuova carriera lanciata dallargento olimpico di Londra.
Arianna Il fioretto femminile del dopo Londra non pu contare su Valentina Vezzali (mamma bis a maggio), Ilaria Salvatori si presa una pausa dopo San Pietroburgo. A Torino non cera lolimpionica Elisa Di Francisca, fermata dallinfluenza (spirito di squadra: ha incoraggiato la compagna con una telefonata, venerd). Ci ha pensato la Errigo a raddrizzare la giornata (e domani dovr guidare il Dream Team con Durando, Volpi e Erba). Ho sempre voluto vincere solo come dico io, stavolta ce lho fatta anche se non ero in giornata la gioia di Arianna n. 1 del ranking al secondo centro stagionale (4 in carriera). Mi sentivo stanca, non mi veniva la scherma che volevo. Qualche tempo fa mi sarei innervosita

Arianna Errigo abbraccia il c.t. Andrea Cipressa. Sullo sfondo, lex c.t. azzurro Stefano Cerioni, ora guida la Russia BIZZI

Il podio di Bonn Da
sinistra: Andrea Cassar, 29 anni, Andrea Baldini, 27 anni, il russo Cheremisinov, e laltro azzurro Giorgio Avola, 23 anni BIZZI

subito. Forse sto crescendo. Sintesi della giornata: una partenza in salita (solo 15-12 al 1 turno con lungherese Kreiss), poi testa bassa con le avversarie (stile Guyart) che in passato lhanno infastidita. Fino al 15-8 finale sulla russa Biryoukova.
Tripletta A Bonn, in contempo-

due anni in cui la qualificazione olimpica era obbligata, in cui la tensione era sempre altissima. Si cerca sempre la vittoria, chiaro, ma si accetta la sconfitta diversamente. Ho ricominciato a divertirmi, riesco di nuovo a giocare.
Cambiamenti Lanno dei molti cambiamenti (via il c.t. Stefano Cerioni, che sulla panchina della Russia dopo i tre successi della Deriglazova ha portato unaltra atleta in finale, via il tecnico della Errigo, Bortolaso) non ha influito sulla striscia di successi. Nel femminile 2 su 5 tappe di Coppa, pi altri 5 podi. Nel maschile 3 trionfi su 5 (2 Baldini, 1 Cassar), pi 5 podi. Andrea Cipressa, olimpionico e iridato, ex dirigente, chiamato per il non semplice dopo Cerioni (e a Torino ha fatto esordire nello staff Giovanna Trillini), svela la ricetta: Questi sono campioni. Da parte mia cerco solo di farli stare tranquilli, di farli allenare in serenit. Il resto tutto loro. Ci siamo sempre. E non un modo di dire.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ranea, andato in scena un altro spettacolo. In finale Andrea Baldini ha superato Andrea Cassar (rimonta da 12-14 a 15-14, rivincita della semifinale di una settimana fa a Venezia), sul podio (terzo) pure Giorgio Avola. Ho vinto gli ultimi tre assalti a 14, come un leone sorride Baldini . Contento, dopo Parigi ho vinto unaltra classica. Sorpreso, volevo prendermela con pi calma questa stagione dopo Londra e ho scoperto che la motivazione conta, ma la tranquillit di pi. Arrivavo da

Fioretto donne a Torino. Finale: Errigo b. Biryuokova (Rus). Semifinali: Biryuokova (Rus) b. Korobeynikova (Rus) 15-10; Errigo b. Guyart (Fra) 15-9. Quarti: Errigo b. Erba 15-10. Oggi prova a squadre. Fioretto uomini a Bonn (Ger). Finale: Baldini b. Cassar 15-14. Semifinali: Baldini b. Cheremisinov (Rus) 15-14; Cassar b. Avola 15-3. Quarti: Cassar b. Pitta (Fra) 15-3; Baldini b. Akhmatkhuzin (Rus) 15-14; Avola b. Ganeev (Rus) 15-11. Ottavi: Ganeev (Rus) b. Aspromonte 15-7. Sciabola uomini a Mosca. Finale: Kovalev (Rus) b. Occhiuzzi 15-13. Semifinali: Occhiuzzi b. Gu (S.Cor) 15-14; Kovalev (Rus) b. Kindler (Ger) 15-9. Quarti: Occhiuzzi b. Samele 15-9. Sciabola donne a Mosca. Finale: Kharlan (Ucr) b. Velikaya (Rus) 15-9. Semifinale: Velikaya (Rus) b. Zagunis (Usa) 15-14; Kharlan (Ukr) b. Vougiouka (Gre) 15-10. Quarti: Vougiouka (Gre) b. Bianco 15-13; Kharlan (Ucr) b. Vecchi 15-9.

Francesco Minto contro la difesa del Cardiff BREGANI

Treviso batte anche Cardiff Mai cos in alto


TREVISO-CARDIFF 26-17
MARCATORI: p.t. 12 c.p. Sweeney, 14 m. Zanni tr. Di Bernardo, 29 m. Hewitt tr. Sweeney, 35 e 39 c.p. Di Bernardo; s.t. 9 m. Reed tr. Sweeney, 18 m. tecnica Treviso tr. Di Bernardo, 28 e 37 c.p. Di Bernardo. BENETTON TREVISO: B. Williams; Nitoglia, Iannone, La Grange, Loamanu; Di Bernardo, Semenzato; Vosawai (14 s.t. Favaro), Zanni, Budd (26 s.t. Derbyshire); Van Zyl (14 s.t. Pavanello), Minto; Cittadini, Ghiraldini, De Marchi (26 s.t. Rizzo). All. F. Smith. CARDIFF BLUES: Tovey (22 s.t. G. Davies); O. Williams, Evans, Hewitt, Czekaj; Sweeney, L. Williams; Hamilton (22 s.t. Young), Watts-Jones, Paterson; Down (1 s.t. Reed), Paulo; Bourrust (1 s.t. Andrews), Dacey (1 s.t. Breeze), Filise (24 s.t. Hobbs). All. P. Davies. ARBITRO: Vivarini (Italia). NOTE: p.t.13-10, spett. 2600. Gialli: Paterson 15 s.t., Andrews 31 s.t.. Calci: Di Bernardo 6/8 (16 p.), Sweeney 3/3 (7 p.). Uomo del match: Ghiraldini. Punti: Treviso 4; Cardiff 0. EMANUELE SPIRONELLO TREVISO

Grande prestazione di Treviso che vince per la prima volta nella storia contro Cardiff in un match che valeva come spareggio per il 7 posto. I veneti toccano 39 punti, quota mai raggiunta in Celtic. E mancano ancora 4 turni alla fine della stagione regolare. Dodici punti nelle ultime tre gare sono sintomo di una condizione fisica e mentale pi che positiva per i trevigiani, anche se Smith confessa che volevamo dare pi spettacolo, ma la pioggia ha rovinato i piani. Il piano tattico prevedeva infatti pi gioco alla mano, come dimostrato nel primo tempo, ma i troppi palloni persi e un punteggio fin troppo risicato (13-10) hanno costretto i padroni di casa a cambiare registro, anche se la meta di Zanni con piroetta ad aggirare lultimo avversario valsa da sola il prezzo del biglietto. Decisivo un break di 13-0 nella ripresa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ieri: Munster-Connacht 22-0, Leinster-Glasgow 22-17. Classifica: Leinster 63; Ulster, Glasgow 62; Ospreys, Scarlets 54; Munster 47; Treviso 39; Cardiff 33; Connacht 32; Edimburgo 28; Newport 23; Zebre 8. ECCELLENZA Il 16 turno. Ieri: Rovigo-Mogliano 1316 (1-4); LAquila-Viadana 621 (0-4); Lazio-Crociati 3411 (5-0); San Don-Padova 1424 (0-4); R. Emilia-Fiamme Oro 2330 (1-4). Oggi (ore 15, diretta RaiSport 1): Calvisano-Prato. Classifica: Viadana 68; Calvisano 63; Prato 61; Padova 52; Mogliano 50; Rovigo 44; Lazio 31; F. Oro 29; San Don 27; R. Emilia 21; LAquila 9; Crociati 4.

BOXE LEUROPEO DEI SUPERPIUMA

Boschiero, talento lampo Anche Kasmi sarrende


Devis disputa un match a fasi alterne, ma al 10 round il francese cede per kot
DAL NOSTRO INVIATO

RICCARDO CRIVELLI ABANO TERME (Pd)

Il campione risolve di classe le situazioni difficili. Perci la conferma europea nei superpiuma di Devis Boschiero, con cresta alla Balotelli, ha un valore extra: perch attraverso le difficolt che si sublimano le qualit dei fuoriclasse, con vittorie faticose e inseguite con la tigna pure quando la condizione psicologica latita che si costruiscono i traguardi pi ambiziosi.

Devis Boschiero, 31 anni, record di 33 vittorie, una sconfitta e un pari BOZZANI


Discontinuo Onore pure al riva-

le, il francese Kasmi, una straordinaria somiglianza con lex iridato Kamel Bou Ali, rivelatosi cagnaccio mai domo ben ancorato a un sinistro saettante che il padovano ha faticato ad addomesticare. Devis partito con circospezione, ha fatica-

to nei primi due round, poi ha cominciato a braccare il rivale pur senza mai dare la sensazione di averlo in pugno, anche per luso troppo sparagnino dei montanti, che invece sarebbero serviti ad aprire la guardia dellaltro. Il detentore ha alternato per nove riprese mo-

menti di furore agonistico (nel 7 round ha ottenuto un generoso conteggio a suo favore su una scivolata del francese) a troppe pause sicuramente mentali, tanto che allangolo il maestro Freo ha dovuto pi volte richiamarlo alla realt di una preparazione che era stata perfetta. Poi, al 10 round, il lampo del talento: finalmente il gancio destro fa breccia e dopo una combinazione rapidissima Kasmi si ritrova al tappeto, incapace ormai di reagire. Si rialza, ma di nuovo travolto per lo stop definitivo: Mi ha sorpreso con quel sinistro dir Boschiero non riuscivo a leggerlo. Ma stato soprattutto un problema di testa, in palestra funziona tutto alla perfezione e poi sul ring non riesco a dare tutto quello che ho dentro, manco di energie. Ci lavorer, perch non voglio precludermi nessuna strada. In ogni caso, applausi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

WORLD SERIES: ANDATA QUARTI

Picardi-Stankovic-Benchabla Thunder Italia: 4-1 in Polonia


Missione compiuta. I Dolce & Gabbana Italia Thunder sono stati superiori a Zawiercie contro gli Ussari nellandata dei quarti di World Series. Un 4-1 che ipoteca il passaggio alle semifinali, in vista del ritorno del 30 marzo a Campione dItalia. La serata aperta dalla vittoria in sicurezza del gallo Picardi contro il polacco Mateusz Mazik, pugile di casa, imbattuto nel torneo dopo 3 match. Picardi attacca con ordine e non va mai in difficolt. Nei leggeri, Branimir Stankovic si conferma su Adil Aslanov, di origini azere. Il serbo pi alto e manda spesso a vuoto il rivale. Nei medi, il francese Michel Tavares d il 3-0 contro Tomasz Jablonski. Una ferita sullocchio destro di Jablonski nel 2e il risultato in bilico non preoccupano Tavares, bravo nel 5. Abdelhafid Benchabla una sicurezza nei mediomassimi contro Mateusz Tryc: lalgerino estrae combinazioni efficaci. Perde allesordio nei massimi il pugliese Emanuele Leo da Mateusz Malujda, pi preciso ed esperto. Risultati. Gallo: PICARDI (53.6) b. Mazik (53.9) 48-47; 48-47; 48-47. Leggeri: STANKOVIC (Ser, 60.9) b. Aslanov (60.8) 3-0 (50-45, 50-45, 50-45). Medi: TAVARES (73.0) b. Jablonski (72.9) 3-0 (48-47, 48-47. 49-46). Mediomassimi: BENCHABLA (Alg, 82.7) b. Tryc (83.7) 3-0 (49-46, 50-45, 49-46). Massimi: Malujda (102.0) b. LEO (105.7) 3-0 (50-45; 50-45; 49-46). Ritorno: 30/3 Campione (20.45 (diretta Sky 3). Quarti: Ucraina-Azerbaigian 4-0; G.Bretagna-Messico 4-1. Oggi: Argentina-Kazakistan. A VILNIUS (i.m.) Francesco Maietta e Salvatore Cavallaro vincono il torneo u.18 di Vilnius (Let). Semif.: Maietta b. Ziemczyn (Pol) 18-10, Cavallaro b. Sec (R.Cec) 13-5. Finali: Maietta b. Solyanik (Ucr) 13-10, Cavallaro b. Racz (Slk) 10-7.

Superpiuma (camp. europeo): Devis Boschiero (camp., 33-1-1, kg 58.5) b. Samir Kasmi (Fra, 15-10-1, kg 58.3) kot 10. Arbitro McDonnell (Gb), giudici Saugmann (Dan), Djajic (Ser), Garcia Perez (Spa).

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

33
#

TUTTENOTIZIE & RISULTATI


Tennis SECONDO TURNO A MIAMI
Atletica Adams gi 20.37
(si.g.) Ad Auckland, ai campionati neozelandesi, 12 titolo per Valerie Adams, 20.37 nel peso. Tra gli juniores (6 kg), 20.53 del 18enne Jacko Gill. A Brisbane (Aus). Uomini. Lungo: Lapierre 7.96 (+2.5). A Santa F (Arg). Uomini. Peso: Lauro 20.63. A Kingston. Donne. 400: Campbell 55"22. IN MARCIA (d.m.) Oggi, a Firenze, Societari di marcia (10 km in pista). Al via Di Bari, Stano, Paris e Dolci e, tra le donne, Giorgi, Ferraro, Palmisano e Di Vincenzo. A DUDINCE Ieri, nella 32 edizione della 50 km di marcia di Dudince (Slk), termometro a 0, con 3h4109", record delle Americhe del 21enne guatemalteco Erick Barrondo, gi argento olimpico (prec. 3h4119"; Raul Gonzalez, Mex; 1978). Uomini. 20 km: Toth (Slk) 1h2217". 50 km: 1. Barrondo (Gua) 3h4109"; 2. Diniz (Fra) 3h4952"; 3. A. Blocki (Pol) 3h5048". Donne. 20 km: Szwarnog (Pol) 1h3133".

Ginnastica A UN PIEDE

Seppi trova lo sprint, Bolelli k.o.


VINCENZO MARTUCCI twitter@vincemartucci

Infortunio Ferrari Europei a rischio

I risultati
Uomini, secondo turno: SEPPI b. Bedene (Slo) 7-5 5-7 7-5; Dimitrov (Bul) b. BOLELLI 6-4 1-1, rit; Djokovic (Ser) b. Rosol (Cec) 6-1 6-0; Kamke (Ger) b. Del Potro (Arg) 7-6 (5) 6-1; Tipsarevic (Ser) b. Sela (Isr) 6-2 6-4; Simon (Fra) b. Hewitt (Aus) 6-3 6-3; Ramos (Spa) b. Monaco (Arg) 6-2 4-6 6-3; Dolgopolov (Ucr) b. Davydenko (Rus) 6-2 6-3; Zemlja (Slo) b. Mayer (Ger) 6-3 7-6 (3); Anderson (S.Af) b. Zeballos (Arg) 6-3 7-6 (4); Devvarman (Ind) b. Roger-Vasselin (Fra) 4-6 6-4 7-5; Querrey (Usa) b. Kubot (Pol) 4-6 6-3 6-3; Gasquet (Fra) b. Rochus (Bel) 7-5 6-2; Goffin (Bel) b. Kohlschreiber (Ger) 7-6 (5) 4-6 6-2; Nieminen (Fin) b. Klizan (Slk) 6-2 6-2; Tsonga (Fra) b. Troicki (Ser) 7-6 (6) 6-3; Murray (Gbr) b. Tomic (Aus) 6-3 6-1, Bellucci (Bra) b. Janowicz (Po) 7-6 (5) 3-6 6-3. Donne, terzo turno: Stephens (Usa) b. V. Williams (Usa) per rinuncia; 2 turno: Sharapova (Rus) b. Bouchard (Can) 6-2 6-0;ERRANI b. Hantuchova (Slk) 6-3 6-1; Petrova (Rus) b. Zheng (Cin) 6-3 6-1; Ivanovic (Ser) b. U. Radwanska (Pol) 6-2 6-1;Halep (Rom) b. Paszek (Aut) 6-1 6-7 (4) 7-5; Cornet (Fra) b. Robson (Gbr) 5-7 7-5 6-1; Li (Cin) b. Lepchenko (Usa) 6-2 6-4; Tomljanovic (Cro) b. Petkovic (Ger) 0-6 6-4 7-6 (1); Muguruza (Spa) b. Wozniacki (Dan) 6-2 6-4.

Vince di forza, di solidit, di abnegazione. Vince ancora alla Seppi, Andreas, dopo leloquente 7-5 5-7 7-5 di 2 ore e 38 minuti dellesordio di Miami contro Aljaz Bedene. Vince, lallievo di Massimo Sartori, a dispetto dellatmosfera dei tornei nordamericani cos diversi dai silenzi della sua Cardaro, sotto i nostri monti, e anche di Bordighera, dove si allena part-time. Vince perch, quando si fa riprendere anche da 4-1 al terzo set, sprinta con gli ultimi otto punti consecutivi. Vince perch glielo comanda la classifica (n. 19 a 77) e di esperienza, (445 match Atp a 23!) e per- Andreas Seppi, il miglior italiano nel mondo, il numero 19 REUTERS ch questi primi tre mesi del 2013 gli hanno regalato solo che lha affrontato su tutte le lutare in chiave coppa Davis. due acuti: i 5 set vinti con Ci- superfici meno proprio il celic a Melbourne e la rimonta mento allaperto, dove ci gio- Cichi Sara Errani (n. 7 del su Dodig in Davis. Ora incro- ca oggi in Florida, e che sul ve- mondo), liquida allesordio cia Bellucci, il mancino brasi- loce indoor di Bercy 2010 Hantuchova e incrocia nelliano che ha battuto lanno (3-6 6-4 7-6) e un mese fa sul- linedito terzo turno la rumescorso in finale a Mosca (2-1 la terra di Acapulco (6-3 6-7 na Simona Halep (57); Robernei testa a testa). 6-1), da numero 36 del mon- ta Vinci ritrova la trottolina do stato vicino al 5. Mentre spagnola Carla Suarez-NavarEsame Il 5-0 nei testa a testa Simone Bolelli si ritira con Di- ro, con la quale ha gi perso con Ferrer fa paura, ma oggi mitrov dopo un set sul 4-6 1-1 tre volte su tre. Fabio Fognini deve ricordare per un dolore al polso. Da va RIPRODUZIONE RISERVATA-

Vanessa Ferrari, 22 anni AP


Europei a rischio per Vanessa Ferrari: liridata 2006 ha riportato un trauma contusivo al piede destro cadendo nellesercizio alla trave durante il Trofeo di Jesolo: Per fortuna tutte le ossa sono a posto - ha detto lazzurra dellEsercito , ma mi sono davvero spaventata. Avevo un dolore fortissimo. Non potr appoggiare il piede per un po. far altri controlli e vedremo quando potr riprendere. Quasi impossibile che lazzurra possa partecipare alla prova di Tokyo di coppa del Mondo, qualche speranza in pi per gli Europei di Mosca dal 17 aprile. Nella gara a squadre vittoria a Jesolo agli Usa, secondo posto per lItalia seguita dal Giappone. Dopo le radiografie allospedale di Jesolo Vanessa tornata al palazzetto per la premiazione. Oggi le finali di specialit senza, naturalmente, la Ferrari.

Curling
MONDIALE DONNE E Svezia-Scozia (diff. Eurosport ore 19) la finale del Mondiale femminile di Riga (Let): le Svezia ha vinto il playoff contro la stessa Scozia 7-5, poi ieri Canada-Usa 7-6 e, in semifinale, Scozia-Canada 8-7.

Ghiaccio Mondiali: Nenzi, 500


Nella 3 dei Mondiali singole distanze in pista lunga a Sochi, tripletta olandese nei 10.000 maschili, secondo oro russo (con la Fatkulina nei 1000) e sesto titolo nei 5000 per la ceca Sablikova. Oggi i 500 (con Nenzi dopo il 6 posto nei 1000) e linseguimento a squadre (con lItalia maschile). Uomini. 10.000: 1. Bergsma (Ola) 1257"69; 2. Kramer (Ola) 1259"71; 3. De Jong (Ola) 1300"26; 4. Lee Seung-hoon (S.Cor) 1314"02; 5. Swings (Bel) 1319"15; CIGNINI sq. Donne. 1000: 1. Fatkulina (Rus) 115"44; 2. Wust (Ola) 115"71; 3. Bowe (Usa) 115"87; 4. Nesbitt (Can) 116"02; 5. Erbanova (R.Cec) 116"09. 5000: 1. Sablikova (R.Cec) 654"31; 2. Wust (Ola) 702"96; 3. Pechstein (Ger) 704"07; 4. De Vries (Ola) 709"33; 5. Beckert (Ger) 709"35.

Hockey pista
Hockey ghiaccio LA FINALE SCUDETTO
SERIE A-1 (m.nan) La 19: Matera-Prato 4-5, Valdagno-Sarzana 5-4, Breganze-Trissino 5-4, Giovinazzo-Forte dei Marmi 3-3, Follonica-Novara 6-5, Thiene-Bassano 2-9.

Pallavolo
A-2 UOMINI Oggi la 26 e ultima giornata di A-2, con Citt di Castello gi promossa, si delinea la griglia playoff (alle 18): Monza-Sora; Brolo-Corigliano; Matera-Atripalda; Citt di Castello-Reggio E.; Padova-Molfetta; Potenza Picena-Loreto. Riposa: Ortona. Classifica: Citt di Castello 62; Molfetta 49; Sora 46; Atripalda 41; Monza 39; Corigliano, Padova 37; Ortona 34; Reggio E. 32; Matera, Brolo 21; Potenza Picena 19; Loreto 11.

Ancora Asiago: ora 2-0 Il Valpellice gi alle corde


(m.l.) Il 7 successo di fila e limbattibilit casalinga conservata nei playoff regalano il 2-0 allAsiago nellinedita serie di finale (al meglio di 7) col Valpellice. Gara-2 si consumata nel segno di Chris DiDomenico, il n. 89 delle meraviglie (2 gol e 2 assist) e Sean Bentivoglio (tripletta) in un Odegar stracolmo (oltre 2500 spettatori di cui 200 dal Piemonte). Gli Stellati vicentini veleggiano cos verso il quarto titolo tricolore della storia. E dire che coach John Parco ha dovuto rinunciare a Layne Ulmer e Dan Sullivan acciaccati. Prima linea esplosiva comunque con David Borrelli (a segno anche lui) in compagnia di Bentivoglio e DiDomenico. Il Valpellice guidato da coach Mike Flanagan ha risposto con il solito Sirianni, ma poi si progressivamente spento. Il terzo atto marted al Cotta Morandini di Torre Pelli-

Hockey prato
UNDICESIMA (g.l.g.) L11: Bra-Tevere 4-1; Catania-Cus Cagliari 1-2; Acea Roma-Amsicora 0-1; Bonomi-Suelli 1-3; Valverde-Cernusco 3-1. Classifica: Bra 30.

Ippica Torino: 5-12-1-8-9


8 corsa - m 2060: 1 Nello del Sile (L. Besana) 1.15.7; 2 Nedved Kyu; 3 Mon Ami; 4 Nobel Roc; 5 Ioris; Tot.: 18,94; 4,94, 2,76, 14,46 (170,13). Quint: n.v. Quart: n.v. Tris: e 3.185,30. OGGI SI CORRE A Trotto: Bologna (14.25) e Montegiorgio (15.25). Galoppo: Pisa (15), Milano (14.45) e Roma (15.10).

Sport invernali Di Centa sesto


Oggi a Falun (Sve), a meno di improbabili colpi di scena, Petter Northug conquister la sua seconda Coppa del Mondo assoluta. Ieri nella 15 km classica ha vinto Roenning, mentre Legkov s assicurato la Coppa di specialit distance. Nellultima prova a skating di 15 km, il norvegese partir con 30"5 di vantaggio sul russo Vylegzhanin, Noeckler a 116" e Di Centa a 138"7, ieri 7 e 6, De Martina 15. Uomini, 15 km tc: 1. Roenning (Nor) 4326"0; 2. Vylegzhanin (Rus) a 1/10; 3. Sundby (Nor) a 1"; 4. Northug (Nor) a 5"5; 6. DI CENTA a 7"2; 7. NOECKLER a 13"8; 12. Cologna (Svi) a 17"9; 15. Legkov (Rus) a 25"6; 18. CLARA a 43"6; 42. PELLEGRINO a 257"8; 49. D.HOFER a 457"5. Cdm (30/31): 1. Northug (Nor) 1361; 2. Legkov (Rus) 1281; 3. Cologna (Svi) 1274; 13. DI CENTA 438. Coppa distance (finale): 1. Legkov 793; 2. Cologna 644; 3. Northug 632; 10. CLARA 361. Donne, 10 km tc: 1. Bjoergen (Nor) 2806"7; 2. Johaug (Nor) a 3"9; 3. Weng (Nor) a 11"; 4. Kowalczyk (Pol) a 11"1; 15. DE MARTIN a 111"5; 30. AGREITER a 157"9. CdM (30/31): 1. Kowalczyk (Pol) 2017; 2. Johaug (Nor) 1343; 3. Randall (Usa) 1118; 42. DE MARTIN 157. Coppa distance (finale): 1. Kowalczyk 1027; 30. DE MARTIN 129. Oggi Ore 12.30 e 13.45 (dir. Rai Sport 2 e Eurosport: 10 km tl D e 15 km tl U part.handicap.

DiDomenico porta lo scompiglio

ce (Torino) con i padroni di casa chiamati alla reazione.

Lotta Europei a Tbilisi


(g.l.g.) Agli Europei di Tbilisi, oro per Artur Aleksanyan (Arm) nei 96 kg e per Angelov Serafimov (Bul) nei 66. Daigoro Timoncini ha superato il turno battendo Hrabovik (Bie). Il faentino, per, ha concluso la marcia verso il podio perdendo contro larmeno Gadabadze (bronzo). Lorenzo Gentile nei 66 fermato da Serafimov Angelov (Bul), poi oro. Ripescato, lazzurro non supera lazero Kamran Mammadov (bronzo). Anthony J. Fasugba negli 84 kg battuto da Murad Gaidarov (Bie), oro a Dato Marsagishvili (Geo). Oggi Davide Cascavilla nei 66, Ciro Russo nei 74 e Fabio Parisi negli 84.

Asiago-Valpellice 6-1 (2-1, 2-0, 2-0). Marcatori: p.t. 625" Borrelli (A), 1603" Sirianni (V), 1712" DiDomenico (A); s.t. 1036" Bentivoglio (A), 1304" Bentivoglio (A); t.t 925" Bentivoglio (A), 1657" DiDomenico (A) s.n. Gara-1: Valpellice-Asiago 4-6. Gara 2: Asiago-Valpellice 6-1. Gara-3: marted a Torre Pellice (To). Gara-4: gioved ad Asiago (Vi). Gara-5*: 30/3 a Torre Pellice. Gara-6*: 2/4 ad Asiago. Gara-7: 4/4 aprile a Torre Pellice (*eventuale). A-2 (m.l.) Oggi gara-1 (al meglio di 7) della finale promozione Vipiteno-Appiano.

Nuoto
GIOVANILI (al.f.) I migliori della seconda giornata dei tricolori giovanili di Riccione (25 m). Donne. Cad: 200 sl Carli 1'5802; 200 ra Fangio 2'2588; 100 fa A. Letrari 1'0036; 400 mx Toni 4'4121. Jun '97: 200 sl Lucchese 2'0151; 100 fa Tarzia 1'0036. Jun '98: 200 sl, 400 mx Caponi 2'0124, 4'5094. Jun '99: 200 sl Ruggi 2'0301. Rag 2000: 400 mx Pirovano 4'5690. RECORD (pe.m.) Agli open spagnoli di Pontevedra, primati nazionali per Melanie Costa nei 100 sl (5515 in semifinale) e Judit Ignacio nei 100 farfalla (5917). Uomini: 100 fa Czerniak (Pol) 5262, Munoz 5272 (2-4 t. stag.). Donne: 1500 sl Belmonte 16'1111 (3 t. stag.), Villaecija 16'2117; 50 ra Garcia 3168; 100 fa Ignacio 5917 (r.n.). Semifinali. Uomini: 100 sl Dotto 4917, 12. Santucci 5034; 100 do Wildeboer 5482, 6. Turrini 5671. Donne: 100 sl Costa 5515 (r.n.), 4. Ferraioli 5609, 7. Masini Luccetti 5698.

Golf USA: PRIMA DELLULTIMO GIRO

Ippica IL TROTTO DI IERI IN FRANCIA E IL NOSTRO GALOPPO DI OGGI

Tiger in testa Anche per il n.1


Tiger Woods va a caccia del terzo titolo stagionale ma soprattutto del numero 1, allArnold Palmer Invitational di Orlando, in Florida. Ieri Woods ha girato in -6 con una sequenza biride-eagle alla 15 e alla 16 e oggi parte in vetta. Per la cinquantaseiesima volta, il campione americano parte in testa per lultimo giro e solo 4 volte non ha poi vinto (qui sarebbe per lottava volta, record). Francesco Molinari ha girato in -2 ed in par. Intanto Giulia Sergas staziona tra le prime 20 dopo il terzo giro (-2: 68-74-72) nel Kia Classic (LPGA Tour) che si sta disputando sul percorso dellAviara Golf Club (par 72), a Carlsbad in California.

Parigi di Picone. Pisa di Gordol?


La carica italiana a Parigi ci regala un successo e alcuni piazzamenti. La vittoria di Picone (Santo Mollo) in 1.14.4 nel Prix Gueugnon (m 2700), sfruttando la rottura a corsa vinta dellaltro italiano Painting Wise, che aveva respinto Pablo di Jesolo (italiano anchesso), poi battuto da Picone. Nel Bois du Vincennes (m 2700) Le Cannibale (Nivard) ha tenuto a bada in 1.13.2 il nostro Libeccio Grif (vincitore Lotteria 2011) con Leben Rl (chiuso in corda) e Nesta Effe (passato sul curvone finale ma poi in calo) 5 e 6. Nel Prix de Meaux (m 2700) la varennina Princess Grif (al rientro) ha guidato fino in retta, prima di cedere nettamente e poi sbagliare. Successo in 1.14.7 a Votka Bleue (Ni-

Tiro a volo Bacosi e Cainero ok


In Coppa del Mondo ad Acapulco, Italia sul podio anche nello skeet donne, allesordio da c.t. di Andrea Benelli: 2 Diana Bacosi, 3 Chiara Cainero. Entrambe dietro al fenomeno Amber Hill, la britannica 15enne che al debutto ha subito centrato il successo. E che in finale ha battuto lazzurra Bacosi 15 (su 16) a 11, mentre nella finalina lolimpionica di Pechino ha superato la sudcoreana Minji Kim 12 a 9. Ieri prime due serie anche per gli uomini, con il fenomeno statunitense Vincent Hancock ancora pieno a 50 e due azzurri, Luigi Lodde e Giancarlo Tazza, a 48. Skeet Donne: 1. Hill (Gb) 68/75 15/16 15/16; 2. Bacosi 69/75 15/16 11/16; 3. Cainero 67/75 +2 14/16 9/19; 7. Scocchetti 60/75.

Painting (in secondo piano) sbaglia e Picone vince davanti a Pablo FORNI

vard) e al terzo posto la nostra potenza Om. Nel Prix de Maumesnil (m 2850) Nelson Derm e Nosaka Prav nellordine dietro il vincitore Triskell Pacha (Nivard-1.15.3).
Oggi il Pisa In 12 nella 129 edizione del Premio Pisa (ore 17.45, listed, m 1600), la corsa

che nel 1955 lanci Ribot. Il pi titolato Gordol du Mes, con 5 corse e 4 vittorie e un 2o. In sella Gabriele Bietolini che non ha mai vinto il Pisa a differenza, tra i jocky al via, di Luca Maniezzi (2 volte), , Mirco Demuro (2), Stefano Landi (2) e Fabio Branca (1). E allesordio assoluto invece Umberto Rispoli.

Pallamano
SERIE A (an.gal.) Girone A (8 rit.): Cassano Magnago- Mestrino 35-21, Trieste-Merano 28-20, Bressanone-Mezzocorona 29-27 (d.r.), Pressano-Rovereto 29-22, Ferrara-Bolzano 26-28. Classifica: Bolzano 50. Gir. B (8 rit.): Romagna- Casalgrande 40-29, Bologna-Cingoli, Carpi-Farmigea 29-24, Sassari-Ambra 37-35. Class.: Ambra 42. Gir. C (10 rit.): Gaeta-Palermo 26-31, Putignano-Fasano 18-41, Chieti-Teramo 23-28, Lazio-Conversano 30- 39. Class.: Fasano 54. Rip. Fondi e C.S. Angelo.

Vela
TAG HEUER FESTIVAL (r.ra.) Si conclude oggi a Livorno la prima edizione del Tag Heuer Vela Festival . Nellambito della manifestazione, cui sono intervenuti anche Patrizio Bertelli patron di Luna Rossa, lolimpionica Alessandra Sensini e Mauro Pellaschier timoniere di Azzurra nell83, Max Sirena skipper di Luna Rossa.

34

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

Gli annunci si ricevono tutti i giorni su:

www.piccoliannunci.rcs.it agenzia.solferino@rcs.it
oppure nei giorni feriali presso lagenzia:

Milano Via Solferino, 22


tel.02/6282.7555 - 02/6282.7422, fax 02/6552.436
Si precisa che ai sensi dellArt. 1, Legge 903 del 9/12/1977 le inserzioni di ricerca di personale inserite in queste pagine devono sempre intendersi rivolte ad entrambi i sessi ed in osservanza della Legge sulla privacy (L.196/03).

ELETTROTECNICO in mobilit-esperienza pluriennale logistica - magazzino mantenimento area stoccaggio e inventario patentino muletto ottima conoscenza pacchetto office. 331.50.35.299. ELETTROTECNICO 35enne, decennale esperienza montaggi macchine di sollevamento, offresi per lavori di manutenzioni. Telefonare al 338.42.56.078. CERCO a Milano e in Italia lavoro con vitto e alloggio anche stagionale, sono pizzaiolo, cameriere barista. Tel. 342.12.23.670 CERCASI urgentemente lavoro possibilmente Milano centro. No perditempo. Colf, baby sitter, stiratrice. Cell. 338.43.82.359 CERCO lavoro come guardiano fiduciario diurno o notturno. Massima seriet. Tel. 02.37.61.485.

SAN DONATO MILANESE trilocale rifinitissimo con terrazzo nuova costruzione adiacente metropolitana 110 mq. 360.000 Euro. CE: B - IPE: 40,8 kWh/mqa. 393.08.60.777 infosandonatomilanese@gmail.com

SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03

AZIENDE agricole in Emilia, varie superfici. Allevamenti bovini-suini. Brasile: fazendas ed altro. Tel. 335.60.52.943 - www.terrenieaziende.it MILANO 15 minuti centro vendesi in elegante contesto splendido campo golf 18 buche mq. 700.000, meravigliosa club house. Massimo comfort. Acquisto redditizio. 0383.92.902

ATTIVIT da cedere/acquistare artigianali, industriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14 AUTORIMESSA centrale in Firenze 1500 mq. vendesi mura licenza affarissimo - Euro 1.950.000 347.27.51.687- 055.26.38.826 -334.25.86.026 gestione2010@legalmail.it BOUTIQUE donna con annesso laboratorio cedesi. Zona quadrilatero. Molto conveniente. 347.81.84.744

CQUISTIAMO brillanti, gioielli firmati, orologi marche prestigiose, monete, argenteria. Il Cordusio 02.86.46.37.85 BOUTIQUE acquista oro, gioielli, diamanti, argenteria, monete. Via Torino 20-Milano. 02.86.46.17.26 - Luned chiuso - boutique.it

AMMINISTRAZIONE del personale, paghe, contributi, 770, Cud, inail, uniemens ecc. esperienza dimostrabile, valuta proposte di collaborazione su Milano, Saronno, Como. mail: paghe1950@gmail.com ARCHITETTO cittadino italiano madre lingua araba, conoscenza kurdo, inglese, pluriennale esperienza arredamenti interni. Esperienza project support infrastruttura in Medio Oriente valuta proposte serie, disponibilit. 340.96.95.831 ELETTROTECNICO iscritto lista mobilit, esperienza impiegato commerciale e tecnica, valuta proposte Milano nord Milano. Tel. 338.43.16.574 NEOLAUREATA 109/110 23enne, impiegata, segretaria, indirizzo economico, inglese, tedesco, spagnolo valuta proposte 334.19.53.115 RESPONSABILE amministrativo. Esperienza aziende multisettore. Bilanci, fiscale, finanza, controllo, estero, personale. 347.63.67.628. SEGRETARIA di direzione quadriennale esperienza laureata in lingue e letterature straniere specializzata in esperto linguistico d'impresa accetta proposte. Tel. 349.67.18.117

ESPERTO paghe job sistemi cerca collaborazione con studi e aziende che comprenda anche contabilit. 347.63.24.032 PENSIONATO laureato automunito cerca lavoro in Milano. Mezza giornata. gfanti@email.it 334.34.64.444 ITALIANO distinto, serio, con esperienza offresi come badante. Libero trasferimento. 339.17.47.910

SAN DONATO MILANESE bilocale rifinitissimo con terrazzo nuova costruzione adiacente metropolitana 65 mq. 220.000,00 euro. CE: B - IPE: 40,8 kWh/mqa. 393.08.60.777 infosandonatomilanese@gmail.com

A abbondantemente affacciato scogli mare 5Terre comodo casale mediterraneo indipendente ampio vigneto, immensa vista mare soleggiatissimo euro 220.000,00 (CE: esente) immobiliare5terre.com 0187.92.03.31. A affaristica casetta indipendente! Lago Garda, 300 metri spiaggia, circondata uliveto secolare, piscina, solarium. Euro 149.000 CE: G - IPE: in attesa di assegnazione. 030.91.40.277. BORDIGHERA passeggiata mare appartamenti nuovi centralissimi. Vista mare. Box. CE: D 0184.57.33.33 CREMONA provincia, privato vende casa antica bellissima, comfortevole, ristrutturata, arredata o libera. Euro 250.000,00. CE: E - IPE: 85,21 kWh/ mqa. Tel. 0375.39.41.42 339.74.79.645 PORTOFINO piazzetta. Splendido attico 80 mq circa, terrazzino vista incantevole, finemente ristrutturato, disponibilit immediata, possibilit parziale permuta anche con imbarcazione. Tel. 335.83.50.876 S. MARGHERITA centro Roccatagliata. Attico mq 110 + 110 terrazzo vista mare euro 630.000 ristrutturatissimo www.portofinoimmobiliare.it 340.76.49.777 VARAZZE Studio3 vende centro storico bilocale perfetto, parziale vista mare, prezzo realizzo. 348.49.62.857

RIMINI Hotel Leoni 3 stelle tel. 0541.38.06.43 - www.hotelleoni.it Ogni confort. Direttamente mare. Parcheggio. Scelta men. Pranzo pasquale, bevande ai pasti 3 giorni 152,00. Piano famiglia. RIMINI Hotel San Paolo 3 stelle Tel. 0541.37.09.00 - Tutti conforts. Adiacente lungomare. Parcheggio. Area bimbi. Offertissima Pasqua tre giorni bevande incluse Euro 125,00 bimbi gratis. www.sanpaolohotel.com RIMINI Hotel Torretta Bramante 3 stelle tel. 0541.38.07.96 - www.hoteltorrettabramante.it - Ogni confort. Direttamente mare. Parcheggio. Scelta men. Pranzo pasquale, bevande ai pasti 3 giorni 147,00. Piano famiglia. RAPALLO porto Carlo Riva vendo ormeggio metri 24 pi altri. Cell. 333.42.56.881. E-mail: nauticamoderna@yahoo.it

compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi, moderni, orologi, oro, diamanti. Sabotino 14 Milano. 02.58.30.40.26

PUNTO D'ORO

KENYA Malindi vendesi albergo 30 appartamenti 25 camere ristorante anticipo 400.000 residuo 1.250.000 pagabile 10 anni. 347.27.51.687 055.26.38.826 - 334.25.86.026 gestione2010@legalmail.it SOCIET Farmaceutica cede importante Parafarmacia nord Milano, ottimo fatturato, incrementabile, condizioni dilazionate solo farmacisti referenziati. amministrazione23@gmail.com

automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89504133 - 02.89511114.

ACQUISTIAMO

ACQUISTIAMO Argento, Oro, Monete, Diamanti. QUOTAZIONI:

ORO USATO: Euro 26,15/gr. ARGENTO USATO :


Euro 405,00/kg.

CONTATTO diretto 899.11.14.84. Autoritaria 899.89.79.72. Euro 1,80 min./ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 - Arezzo.

GIOIELLERIA CURTINI
PADRONCINO motrice 115 offresi trasporti saltuari o continuativi Milano sud. Tel. 338.16.99.793

via Unione 6 - 02.72.02.27.36 335.64.82.765 MM Duomo-Missori

www.piccoliannunci.rcs.it
Pochi click e il tuo annuncio su Corriere della Sera , Gazzetta dello Sport e tablet.
agenzia.solferino@rcs.it

COMMERCIALE Estero arredamento sedute ufficio contract, gestione ampliamento portafoglio clienti scouting, organizzazione. 345.79.56.127. COORDINATORE vendite selezione costruzione gestione reti vendita esamina proposte Tel. 333.53.72.947

COMMERCIALE / venditore iscritto liste mobilit con pluriennale esperienza disponibilit trasferte valuta proposte. 342.93.35.487

Gli annunci si ricevono tutti i giorni feriali anche nella tua citt: BRESCIA : Sales Solutions T. 030/3758435, F . 030/3758444 COMO : T. 031/24.34.64, F . 031/30.33.26 CREMONA : Uggeri Pubblicit s.r.l. T. 0372/20.586, F . 0372/26.610 GENOVA : T. 010/218783 MONZA : SPM Monza Brianza s.r.l. T. 039/394.60.11, F . 039/394.60.55 OSIMO-AN : T. 071/72.76.077 071/72.76.084 PALERMO : T. 091/30.67.56, F . 091/34.27.63 PARMA : Publiedi srl T. 0521/46.41.11, F . 0521/22.97.72 RIMINI : InAdrias Servizi Pubblicitari s.r.l. T. 0541/56.207, F . 0541/24.003 ROMA : In Fieri s.r.l. T. 06/98.18.48.96, F . 06/92.91.16.48 TORINO : T. 011/50.21.16, F . 011/50.36.09

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

35

TERZO TEMPO
GazzaFocus

_il giallo della morte del centrocampista del Cosenza

VICENDA DEL 1989

Donato Denis Bergamini il 18 novembre 1989 muore sulla 106 Jonica nei pressi di Roseto Capo Spulico (Cosenza)

S
Il mistero Per i carabinieri arrivati sul posto un suicidio: Bergamini si sarebbe gettato sotto un camion e sarebbe stato trascinato per quasi 60 metri. La tesi supportata dalle testimonianze dellautista e della ex ragazza che era con Donato in quello strano viaggio in auto. Secondo il racconto, Denis aveva lasciato il ritiro prima di un partita
18 novembre 1989: il cadavere di Bergamini sulla strada statale 106 Jonica

Uno striscione per Bergamini sul terrazzo di una casa di Cosenza: in Calabria il centrocampista era arrivato nel 1985 ANSA

Indagati per omicidio Il caso Bergamini alla svolta finale


La Procura di Castrovillari avrebbe i nomi dei presunti assassini del calciatore: ora interrogatori o arresti?
FRANCESCO CENITI

S
Archiviato Nonostante i tantissimi punti oscuri il fatto archiviato come suicidio. Una verit rigettata da familiari, tifosi e compagni di squadra

Indagati per lomicidio volontario del calciatore Donato Bergamini. la svolta a cui sarebbe arrivata la Procura di Castrovillari dopo quasi due anni di intense indagini. Questione di pochi giorni e poi le mosse degli inquirenti dovrebbero diventare di dominio pubblico. Due le strade possibili a questo punto dellinchiesta: interrogatori delle parti interessate (che non avrebbero accesso agli atti del pm) oppure le richieste di arresti portate allattenzione del giudice per le indagini preliminari. Misure restrittive che sarebbero possibili qualora ci fosse un possibile inquinamento delle prove (lordinanza potrebbe contenere eventuali episodi di minacce nei confronti di alcuni testimoni?). Comunque vada, siamo di fronte a notizie dirompenti che ridarebbero fidu-

cia nelle istituzioni alla famiglia Bergamini e allopinione pubblica che dal 18 novembre 1989 chiede di conoscere la verit sulla misteriosa morte del centrocampista del Cosenza.
Lo strano suicidio Aveva solo

27 anni quando i carabinieri di Roseto Capo Spulico arrivarono sulla statale 106 e lo identificarono nel cadavere finito sotto un camion. Ad assistere alla tragedia furono lautista del Fiat Iveco 180, Raffaele Pisano, e lex fidanzata del giocatore, Isabella Intern. Si ucciso tuffandosi tra le ruote dellautocarro, la sua versione riferita ai militari e confermata

Premiato lottimo lavoro del procuratore Giacomantonio e del pm Anastasia

da Pisano. Suicidio, la frettolosa conclusione a cui arrivarono gli investigatori di allora nonostante le mille incongruenze della versione ufficiale e i tantissimi indizi che avrebbero consigliato maggiore attenzione. Suicidio, riafferm la sentenza definitiva del 1992 che mand assolto lautista dallaccusa minima di omicidio colposo. Poi solo il silenzio, nonostante una breve riapertura del caso nel 1994. Un silenzio lacerante per il pap, la mamma e la sorella di Donato. Sorretti da una infinita forza interiore, nella speranza di avere giustizia, e supportati da migliaia di tifosi e dallassociazione nata in nome di Bergamini, hanno continuato a lottare. Sembrava una partita persa, ma lincontro con lavvocato Eugenio Gallerani ha ribaltato il pronostico. Il legale ha studiato tutte le carte del caso, svolgendo indagini e mettendo in risalto le voragini presenti nella versione ufficiale in

Donato Denis Bergamini, qui con la maglia del Cosenza, morto a 27 anni

un memoriale di oltre 200 pagine consegnato nel 2011 alla Procura di Castrovillari. Il resto storia recente: le nuove prove portate dalla famiglia Bergamini hanno permesso la riapertura del caso. Non pi suicidio, ma omicidio volontario contro ignoti.
I meriti degli inquirenti Non era una inchiesta semplice, ma lottimo lavoro svolto con puntiglio (e spesso a fari spenti) dal procuratore Franco Giacomantonio e dal sostituto Maria Grazia Anastasia hanno dato risultati insperati. Le prime risposte importanti erano arrivate da una serie di perizie (compresa quella dei Ris di Messina e del professor Testi sui reperti conservati al momento dellautopsia): Bergamini era gi morto quando fu sormontato dalle ruote del camion. Quindi qualcuno aveva trasportato il cadavere sulla strada organizzato la messinscena. Le indagini sono poi

entrate nel vivo grazie ai passi in avanti compiuti dai carabinieri di Cosenza e negli ultimi mesi da quelli di Castrovillari. Individuato il movente dellomicidio (da far risalire alla vita privata di Bergamini), occorreva ricostruire lo scenario nel quale era maturato. Cosa non facile dopo tutto questo tempo. Ecco perch sono state risentiti decine di testimoni (compresi gli ex compagni di squadra): molti di loro hanno contribuito a ricostruire il puzzle. Il cerchio si sarebbe fatto sempre pi stretto tanto che la Procura avrebbe cancellato la parola ignoti gi nel corso del 2012. Gli indagati sarebbero anche stati monitorati da vicino: questo potrebbe aver dato laccelerazione finale. Adesso la famiglia Bergamini aspetta ancora in silenzio, ma dopo quasi 24 anni le lacrime potrebbero avere un significato diverso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

S
Caso riaperto Nel giugno 2011 la Procura di Castrovillari riapre il caso e indaga per omicidio volontario. Le perizie dicono che non stato un suicidio. Gli ultimi mesi avrebbero portato allindividuazione dei presunti assassini

CON LALTO PATROCINIO DI S.A.S. IL PRINCIPE SOVRANO DI MONACO

13-21 aprile
Copyright Andrew Davidson www.theartworksinc.com

i r o t a c o i g i I miglior del mondo


Informazioni

Riservate e stampate il vostro biglietto su Internet*

* Riservazione

www.epi.mc 12091

www.montecarlorolexmasters.mc

Tel. (+377) 97 98 7000

36

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

ALTRI MONDI

Il fatto del giorno


A CURA DI GIORGIO DELL'ARTI gda@gazzetta.it

_lo storico abbraccio dei Pontefici


In italiano. Padre Lombardi: Il colloquio ha dato modo a Benedetto XVI di rinnovare il suo atto di riverenza e obbedienza al suo successore e a Papa Francesco di rinnovargli la gratitudine sua e di tutta la Chiesa per il ministero svolto da Papa Benedetto nel suo pontificato. Papa Benedetto ha poi accompagnato alleliporto Papa Francesco, guardandolo tornare verso Roma. Erano le 14.42.

la giornata di Bergoglio

4 Francesco avr chiesto a Benedetto lumi sulla Curia. Benedetto lha frequentata per ventanni.

Il saluto tra Francesco e Ratzinger, ieri a Castel Gandolfo AFP

Lincontro tra i due Papi cambier gli equilibri di potere dentro la Curia?
Francesco visita Benedetto XVI a Castel Gandolfo. Tra i possibili temi trattati, Vatileaks e lincerto futuro del segretario di Stato Bertone
C una foto eccezionale dove si vedono i due papi Francesco e Benedetto XVI inginocchiati uno vicino allaltro, vestiti di bianco e con lo zucchetto bianco in testa. Non sono proprio identici: Benedetto ha solo la talare, Francesco anche la mantellina e la fascia, inoltre Francesco un po pi alto e quando il fotografo li prende da dietro si vede che Benedetto completamente canuto mentre Francesco ha ancora i capelli scuri solo spruzzati di bianco ai lati. Siamo nella Cappella di Castel Gandolfo, dove Papa Francesco andato ieri in elicottero a trovare Papa Benedetto. Benedetto voleva che Francesco si sedesse sullinginocchiatoio donore, Francesco ha risposto che avrebbero pregato insieme, uno vicino allaltro, inginocchiati sullo stesso banco. Siamo fratelli, ha aggiunto.

1 stato un festival di bianco.


S, bianco era anche lelicottero che alle 12.05 si alzato in volo dalleliporto vaticano. In dieci minuti arrivato a Castel Gandolfo, ha sorvolato per due volte la cittadina a bassa quota mentre la folla dei fedeli, riunita in piazza della Libert, applaudiva, poi atterrato nella villa del Papa sulle pendici del lago Albano. Benedetto aspettava col vescovo di Albano Marcello Semeraro. Quando Francesco sceso dallelicottero s visto che i due papi erano naturalmente vestiti di bianco. Bianca era anche la cassetta sul tavolino della piccola sala dove

i due papi sono rimasti a parlare alla fine, nella quale sarebbero stati custoditi dei documenti (sulla cassetta era anche posata una busta bianca). Si pu strologare su questa cassetta e sulla busta? Chiss. Il colloquio durato 40-45 minuti, e non se ne sa niente. I cronisti suppongono che Francesco e Benedetto abbiano parlato di Vatileaks o del nuovo segretario di Stato (se ci sar un nuovo segretario di Stato).

2 Si sono affacciati insieme al balcone del Palazzo Apostolico?

La folla lo ha sperato, e sarebbe stata unaltra fotografia clamorosa. Sul balcone erano puntate decine di obiettivi e di telecamere delle reti di tutto il mondo. Ma non successo. C un confine delicatissimo che non va superato, nessun gesto o parola pu far supporre che i papi siano davvero due, come c piaciuto immaginare anche in questo racconto. Il Papa uno solo

e Benedetto, Papa emerito, ha detto fin dal primo momento che avrebbe obbedito al suo successore e non avrebbe fatto nulla che potesse in qualche modo creare incertezza sul principio di autorit che regge da sempre la Chiesa. Mentre camminavano allinterno del palazzo pontificio, Ratzinger appoggiato al bastone, vecchio s tenuto sempre due passi dietro il suo successore. Affacciarsi insieme sarebbe stato equivoco. I due erano accompagnati dai rispettivi segretari, monsignor Georg che rimasto a lavorare in Vaticano con Francesco e monsignor Xuereb, che ha seguito Benedetto a Castel Gandolfo. Il Papa ha regalato al Papa emerito unicona della Madonna dellUmilt. Bergoglio ha poi spiegato: Ho pensato a questa icona per i tanti esempi di umilt del pontificato di Papa Benedetto. Ratzinger si commosso.

Si azzardano, su questo, le ipotesi pi ardite. Intanto, Papa Francesco ha confermato per ora nei rispettivi dicasteri tutti gli uomini della gestione precedente donec aliter provideatur, cio: fino a quando non si provveder altrimenti. Luned scorso Bergoglio ha incontrato il segretario di Stato Tarcisio Bertone, nellocchio del ciclone secondo quanto hanno scritto i giornali (ma prudenza, per favore), e s fatto spiegare da lui lagenda. Altro colloquio che si suppone politicamente rilevante quello con Santos Abril y Castello, arciprete della basilica di Santa Maria Maggiore. S poi congetturato parecchio intorno alle possibilit di padre Lorenzo Baldisseri, su cui Papa Bergoglio ha imposto la berretta cardinalizia gi in conclave, immediatamente dopo la nomina. Tuttavia: Baldisseri era segretario del conclave e il segretario del conclave, da tradizione, il primo cardinale nominato dal nuovo Papa. Solo Ratzinger, nel 2005, non sera attenuto a questa consuetudine.

La messa del mattino Con i dipendenti di S.Marta Il Papa a messa con i dipendenti della casa di S. Marta, dove risiede

Il viaggio in elicottero A pranzo con Ratzinger Alle 12.05 il Papa lascia il Vaticano in elicottero per incontrare Ratzinger AFP

5 Per Benedetto ha lasciato a


Francesco una corposa documentazione sugli scandali.

Lattesa dei fedeli La folla raccolta in piazza A Castel Gandolfo i fedeli applaudono il Papa, che tuttavia non si affaccia AP

3 In che lingua hanno parlato?


Orrore negli Usa

Padre Lombardi dice che non lha ancora letta. Il rapporto chiuso nella cassaforte dellappartamento pontificio, dove peraltro Francesco non ha messo piede. Ha rifiutato la stanza 201 di Santa Marta, destinata alleletto, e continua ad abitare la camera 207, nella quale dormiva prima di essere nominato. Gigi Accattoli ha scritto sul Corriere: Il Papa nuovo si dato un nome, ma non un programma e vive alla giornata. Ma lo fa con tale spontanea semplicit che pare Papa da sempre.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Siamo fratelli La preghiera insieme Bergoglio e Ratzinger mentre pregano vicini, dopo lo storico incontro EPA

notizie Tascabili
I funerali del capo della Polizia

C anche un arresto

Bimbo di 13 mesi ucciso in strada da due minorenni


Orrore in Georgia, Stati Uniti, dove due ragazzi di 17 e 14 anni hanno ucciso con un colpo di pistola alla testa un bambino di 13 mesi. La mamma del piccolo Antonio, Sherry West stava portando a spasso il figlio nel passeggino quando i due le hanno sbarrato la strada. Mi hanno chiesto del soldi e ho detto che non li avevo. Insistevano e uno di loro, con la pistola in mano, ha urlato: "Vuoi che uccida il tuo bambino?". Di fronte allesitazione della donna, il 17enne Demarquis Elkins ha sparato. Ora potrebbe essere processato come un adulto e rischia quindi la pena di morte.

Gratta e vinci falsi a Caserta Fabbrica chiusa


La villetta in cui mor Samuele ANSA
stata scoperta ieri a Caserta una stamperia clandestina di valori bollati e non solo. Tra i pezzi pi pregiati di questo organizzato gruppo di falsari cerano infatti anche migliaia di biglietti gratta e vinci, naturalmente perdenti, in modo da ottenere un guadagno sicuro. Nel corso della perquisizione sono state rinvenute oltre mille marche da bollo, alcune gi perfettamente contraffatte, altre prive di qualsiasi dato identificativo e alcune in fase di stampa. Il laboratorio stato posto sotto sequestro e il falsario, un 30enne pregiudicato napoletano, stato arrestato.

Folla per Manganelli Il saluto di Don Ciotti: Esempio per tutti


Una grande folla ha partecipato ieri ai funerali di Antonio Manganelli, il capo della Polizia scomparso mercoled a soli 62 anni. Fuori dalla chiesa romana di Santa Maria degli Angeli il picchetto donore ha accolto il feretro, mentre allinterno tra tanta gente comune erano presenti moltissime personalit delle istituzioni, da Monti a Bersani, dal neo presidente del Senato Grasso al segretario Pdl Alfano e il leader dellUdc Casini. Tra i pi commossi il ministro dellInterno Anna Maria Cancellieri: Antonio aveva un carattere solare, pronto allamicizia, un uomo che amava la vita. Era saggio, lavorava per costruire e

Lomicidio di Samuele

Villa di Cogne: rimossi i sigilli undici anni dopo


stata dissequestrata ieri la villetta di Cogne (Aosta) dove il 30 gennaio 2002 fu ucciso il piccolo Samuele Lorenzi. I sigilli sono stati tolti alla presenza di Stefano Lorenzi, padre della vittima e marito di Anna Maria Franzoni, che aveva presentato la richiesta a fine febbraio per tornare proprietario dellimmobile.

Picchetto donore per Antonio Manganelli LAPRESSE


mai per distruggere, voleva unire e non dividere. E Don Luigi Ciotti, fondatore dellassociazione contro le mafie "Libera": Ci mancherai, la nostra missione continuare con coerenza il tuo impegno che con coraggio e generosit hai vissuto. Cera anche Roberto Saviano, che ha commentato: In un momento difficile come questo, per lItalia, venuta a mancare una figura fondamentale.

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

37

ALTRI MONDI

LOLIGARCA RUSSO

Berezovski suicida Si indaga a Londra


morto a Londra a 67 anni Boris Berezovski (nella foto Ansa), uno dei grandi oligarchi russi, in esilio dopo lavvento di

Vladimir Putin. Secondo il sito di Russia Today, che ha citato come fonte uno degli avvocati delluomo, si sarebbe trattato di un suicidio arrivato dopo un periodo di depressione. Ma la polizia britannica non ha ancora chiarito le cause della morte e ha aperto unindagine completa.

LACCORDO CON LA TROIKA

Cipro, taglio del 20% sui conti pi ricchi


Il governo di Cipro e la troika (Ue, Bce e Fmi) hanno concordato un prelievo forzoso del 20% sui depositi bancari di

oltre 100mila euro custoditi nella Banca di Cipro e del 4% su quelli per lo stesso ammontare in altre banche. lintesa raggiunta per salvare lisola dalla bancarotta. Non verranno toccati i fondi pensionistici di enti statali e parastatali. I dettagli dellaccordo verranno definiti solamente oggi.

LALLARME DEL FMI

A Il Pdl va in piazza
S

LE TAPPE

La crisi italiana pesa sulle prospettive globali LItalia preoccupa lFmi di Christine Lagarde (nella foto), secondo cui le prospettive globali sono migliorate ancora, ma la strada per la ripresa nelle economie avanzate resta sconnessa. Questo perch permangono due problemi chiave nel breve periodo: il primo viene definito rischio Italia ed legato allincertezza del dopo elezioni, laltro riguarda la politica di bilancio Usa

con Berlusconi: Votiamo subito


Il Cav a Roma: Sarebbe un golpe il Pd al Colle Bersani: Io precario? Silvio indichi altre strade
ELISABETTA ESPOSITO

Febbraio 2012 Luccisione Il 15 febbraio due pescatori scambiati per pirati vengono uccisi al largo dellIndia, in acque internazionali Maggio 2012 Larresto I mar vengono arrestati: restano in cella fino al 30 maggio, poi hanno lobbligo di rimanere a Kochi Dicembre 2012 Le licenze I militari hanno un permesso per Natale e rientrano in India il 4 gennaio 2013. A febbraio nuova licenza per votare Marzo 2013 La disputa Roma decide di non fare rientrare i fucilieri in India. Il 21 marzo, per, nuova risoluzione: i mar tornano

I mar Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, al centro della contesa ANSA

Alla fine la manifestazione-evento del Pdl a Roma ha avuto poco a che fare con giustizia e toghe rosse. Tutti con Silvio stata lacclamazione di oltre trecentomila persone per un leader che bene chiamare per nome, per sentirlo pi vicino, ma soprattutto loccasione per quel leader di lanciare proposte politiche per il futuro, tra larghe intese e nuove elezioni. In una piazza del Popolo tutta bandiere e striscioni, Berlusconi dedica ai giudici solo qualche minuto di un monologo durato unora esatta, interrotto dai cori della gente che lui stesso chiama pi volte in causa un po come Madonna ai suoi concerti: Basta usare la giustizia usata come arma contro un avversario politico. Solo io potevo resistere a tutte le false accuse e al fango che mi stato gettato addosso in questi anni, riformeremo la giustizia perch a nessuno accada quello che accaduto a me e per rafforzare la magistratura sana. Nessun "cancro" quindi, n "atto terroristico" come accaduto in passato. Le parole forti volano su altre questioni. La sinistra con lo 0,3% di voti in pi ha gi messo le mani sulle presidenze di Camera e Senato e adesso vuole pure decidere il Capo dello Stato, magari per metterci Prodi: sarebbe un golpe. Poi punta Bersani, un marziano irresponsabile, accecato dallinvidia e dallodio nei nostri confronti, che dice di no ad un patto con noi preferendo inseguire Grillo che lo manda a quel paese quattro volte al giorno. Quindi fa chiarezza sulle intenzioni del Pdl: A Bersani stato dato un incarico precario. Se insiste-

Pena di morte per i due mar LIndia divisa


Scontro tra i ministri: Il rischio esiste Ma lItalia: Abbiamo garanzie scritte
DANIELE VAIRA

In alto Silvio Berlusconi, sotto la folla di piazza del Popolo. A destra Pier Luigi Bersani AFP/AP/LAPRESSE

r nel tentativo di fare un governo senza numeri, sappia che la nostra opposizione sar durissima. Altrimenti non facciano melina e torniamo subito al voto: noi siamo pronti a una nuova campagna elettorale per vincere alla grande!.
La risposta E Bersani, nel suo primo giorno di consultazioni concluso con lincontro con Roberto Saviano, replica: Io precario? Se Berlusconi conosce ipotesi meno precarie le dica, io non credo. Se mi metto a disposizione non per ambizio-

ne personale, ma perch altre cose sarebbero ancora pi difficili e precarie. Quindi torna sulle possibili intese: Niente impossibile, ma noi non rincorriamo il M5S. Io far proposte sul piano programmatico, se ci sono le condizioni per fare un governo, si vedr il cambiamento. Il M5S si prenda le sue responsabilit. Il Pdl? Li incontrer, ma non mi parli di concordia chi a cinque mesi dalle elezioni ha lasciato il cerino in mano a chi ha dovuto rimediare ai loro danni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La vicenda dei mar non riesce a raggiungere un punto fermo. Il giorno dopo il ritorno a New Delhi dei due militari italiani, stata di nuovo lIndia a dare un clamoroso scossone al caso diplomatico, attraverso il ministro della Giustizia Ashwani Kumar: Non abbiamo fornito nessuna garanzia al governo di Roma in merito alla sentenza che verr pronunciata, e quindi allesclusione della pena di morte. Una dichiarazione lapidaria, ma che ha aggiunto ulteriori preoccupazioni sul futuro dei due fucilieri. A gettare altra benzina sul fuoco ha provveduto il ministro degli Esteri indiano, Salman Khurshid: Non so chi abbia tirato fuori la questione dellaccordo, che ho gi smentito. Ma non si fatto attendere il passo indietro: Questo caso non ricade nella categoria di quelli che implicano lipotesi di pena di morte, e Roma lo sa, ha spiegato Khurshid. LItalia aveva ribadito di avere unintesa con Delhi, come ha garantito il sottosegretario agli Esteri, Staffan De Mistura: Sul fatto che i due mar non rischiano lesecuzione capitale c unassicurazione scritta ufficiale del ministero degli esteri indiano.

La realt che Massimiliano Latorre e Salvatore Girone da venerd sera sono ospitati negli alloggi dellambasciata dItalia a New Delhi. I due militari hanno chiesto di non venire fotografati e che venga rispettata la loro privacy.
Una farsa La gestione del ne-

goziato, comunque, continua a suscitare malumori politici di vario genere: marted i ministri della difesa, Giampaolo Di Paola, e degli Esteri, Giulio Terzi, riferiranno alla Camera. Sullesito della questione duro il commento del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Luigi Binelli: Auspico che questa vicenda che sta sempre pi assumendo i toni di una farsa, si concluda quanto prima. A nome di tutte le Forze armate ci stringiamo attorno ai nostri fucilieri di marina e alle loro famiglie che non saranno mai abbandonate. E nel dibattito non poteva non intervenire lUe, che si detta stupita della decisione finale, di cui non era stata avvisata, come ha spiegato la portavoce dellalto rappresentante per la Politica estera Ue Catherine Ashton: Non ci sono stati comunicati i dettagli, ma speriamo che la questione con lIndia venga risolta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

In Val di Susa No Tav, in migliaia sfilano al corteo Ci sono i grillini


Decine di migliaia di persone, tra cui famiglie e bambini, hanno partecipato ieri in Val di Susa al corteo No Tav, che da Susa, sotto la pioggia, arrivato a Bussoleno. Tra i partecipanti allannunciata manifestazione contro la Torino-Lione (che si svolta senza incidenti), anche i parlamentari del Movimento 5 Stelle e di Sel. I politici hanno visitato il cantiere dellopera e hanno promesso che luned chiederanno listituzione di una commissione parlamentare di inchiesta.

IL CASO GRAVE ANCHE UN RAGAZZO. POLEMICHE SUI SOCCORSI

Cibo avariato, due vittime a Fiumicino Uccisi dal botulino o dal monossido
Due persone sono morte e una in gravi condizioni dopo aver mangiato cibo scaduto o comunque conservato artigianalmente. successo a Fiumicino, in provincia di Roma, in una zona di campagna (Torrimpietra). Non si sa ancora se la colpa sia da attribuire a conserve andate a male o a un salame fatto in casa. Ma per le indagini tutte le ipotesi sono aperte, anche quella di unintossicazione ambientale da monossido. Le vittime sono Domenico, un medico e Antonio Paladino (zio e nipote), di 57 e 50 anni, entrambi di origine calabrese. Ricoverato in rianimazione, invece, il figlio del primo, Lorenzo, di 23 anni. A lanciare lallarme sono stati i vicini di casa, preoccupati nel non vederli uscire da diverse ore. Allinizio delle indagini gli investigatori sospettavano che la causa dei decessi potesse essere il botulino contenuto nei cibi sottolio. Lipotesi stata smorzata, per, dai medici del Policlinico Gemelli, dove stato portato il ragazzo: Non c alcun elemento che faccia sospettare di unintossicazione del genere. E i dubbi riguardano anche i sintomi: La paralisi del respiro non fulminante nel botulino. Vi un quadro clinico progressivo, ha spiegato Nicola Barelli, direttore del Centro Antiveleni dellospedale della Capitale. Ombre sui soccorsi: unambulanza sarebbe stata chiamata proprio a Torrimpietra, ma non avrebbe trovato lindirizzo da cui era partita la richiesta. Lautopsia sui due cadaveri e gli esami tossicologici faranno chiarezza sul caso e altre informazioni si attendono dagli esami sul ragazzo ricoverato.

38

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013

ALTRI MONDI
LO SHOW C CHI HA DORMITO IN TENDA E CHI HA VIAGGIATO DI NOTTE PUR DI APPLAUDIRE LA POPSTAR

Bieber manda in delirio i fan italiani


Lunica data del tour a Bologna: linvasione di 15 mila teenager
Almeno venti giovanissime hanno avuto un malore ieri pomeriggio davanti a un lussuoso hotel di Bologna. Strano? No, ospitava Justin Bieber (nella foto LaPresse), la 19enne popstar canadese che ieri si esibita a Casalecchio di Reno, davanti a 15 mila spettatori (tutto esaurito). Era lunica data italiana del Believe tour europeo per il baby-fenomeno da oltre 16 milioni di dischi venduti e molte adolescenti (le cosiddette beliebers) si erano accampate davanti ai cancelli gi venerd sera, con tanto di tende, termos e sacchi a pelo. Altre hanno viaggiato di notte, provenienti pure da Sicilia e Sardegna, accompagnate dai genitori in auto o in treno. Commentando poi tutto su Twitter o su Facebook: ieri sera la pagina delle fan italiane superava i 26.300 like e proponeva foto del palco, del dietro le quinte e delle bancarelle con berretti e magliette. Bieber, dal canto suo, si preparato al concerto praticando lo snowboard nella regione svizzera di Hoch-Ybrig.

I fan davanti allhotel di Justin Bieber a Bologna

GIORNATA DI PRIMAVERA I GIOIELLI NASCOSTI: DALLA CASA DEI TRENI A MILANO AL BOSCO DI ASSISI
1 2 3 4

PER I PI GOLOSI

A
S

Le notizie che non lo erano


DI LUCA SOFRI

1 Il deposito delle Ferrovie a Milano; 2 Palazzo Barbaro a San Vidal a Venezia; 3 Il Bosco di San Francesco ad Assisi (Pg); 4 La chiesa dellAssunta a Frascineto (Cs)
FRANCESCO RIZZO

UnItalia sorprendente, affascinante e nascosta. quella che si svela anche oggi grazie alla Giornata del Fondo Ambiente: 700 palazzi, chiese, castelli e giardini, ma anche fabbriche e monasteri, spesso non aperti al pubblico, diventano visitabili in cambio di un contributo libero (o delliscrizione al Fai). Per scegliere cosa visitare accompagnati da 7000 volontari basta cliccare su giornatafai.it, scoprendo orari, modalit, iniziative (visite guidate, escursioni, spettacoli). Ecco, intanto, quattro proposte in zone differenti del Paese.
I treni Per adolescenti e adulti

Caccia ai tesori Fai Oggi sono per tutti


Aperti al pubblico 700 monumenti e giardini spesso inaccessibili: vi consigliamo 4 luoghi da non perdere
conserva. O per godere della vista dei canali fingendosi, per qualche ora, nobili veneziani di unepoca ormai lontana.
Nel verde Perdersi nel verde del Bosco di San Francesco, bene Fai alle porte di Assisi (Perugia). Fino alle 19 si potr percorre lo stretto sentiero che, partendo dalla Basilica di San Francesco e passando per la Selva di San Francesco, attraversa terreni boschivi e campi coltivati, radure e oliveti. Stranieri La giornata del Fai non solo un viaggio tra i luoghi: a Frascineto (Cosenza), nella zona del Parco nazionale del Pollino (il parco naturale pi grande dItalia), si possono scoprire larte, la cultura, la cucina e i giochi della comunit Arbresh, erede di albanesi trasferitisi qui dal 1400.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lora della Terra

rimasti adolescenti: a Milano (dove gli appuntamenti con il Fai, oggi, sono ben quattordici, fra palazzi, chiese e la Sinagoga Maggiore) possibile immergersi nell"antro magico" di via Corelli, inaugurato nel 1931: era un grande scalo merci, oggi ospita locomotive a vapore, diesel ed elettriche, oltre alle attivit di restauro della flotta storica delle Ferrovie.
Gli scrittori Di norma, Palazzo Barbaro a San Vidal, gioiello gotico di Venezia, non aperto al pubblico: oggi sar visitabile fino alle 16.30, per scoprire i suoi saloni restaurati, ma anche le tele seicentesche che

La festa europea del gelato Oggi i golosi potranno godere di una domenica particolare: infatti prevista la Giornata europea del gelato. Centinaia le gelaterie coinvolte in tutta Italia, pi di 50 mila in tutta la Ue. Con ospiti speciali come Canada ed Argentina. Il gusto scelto sar fior di latte variegato al cioccolato con mandorle pralinate. Il prezzo di una coppetta sar uguale in tutta Europa: soltanto 1 euro

Toto-ministri: Cecchi Paone ultima ipotesi


In Italia ci sono cascati alcuni siti web, in Gran Bretagna ne ha scritto persino il Times, del nuovo ambizioso progetto di una Dream Football League, un torneo internazionale di calcio organizzato da alcuni emiri arabi in Qatar. Ma era uno scherzo di un giornale satirico francese. A un mese dalle elezioni si scoperto che ancora nessuno aveva fatto i conti esattamente su chi avesse preso pi voti, al di l dei seggi attribuiti dalla legge elettorale in modo non proporzionale: alcuni giornali sono incorsi nellerrore causato dal Movimento Cinque Stelle, che ha annunciato di essere il partito pi votato alla Camera. Non vero, perch il dato era quello circolato all'indomani dei risultati, quando non erano ufficiali i numeri sul voto degli italiani all'estero. Sommando i quali, anche alla Camera il partito che ne ha ricevuti di pi il Pd. LM5S secondo. Impazza il famigerato "toto-ministri", quella sezione fissa dei giornali alla vigilia della formazione di un governo in cui lecito infilare qualunque nome stupisca i lettori. Tra le ipotesi pi creative dei giorni scorsi, il conduttore tv Alessandro Cecchi Paone. Su lui e sugli altri faremo una verifica a cose fatte.

Trinit dei Monti al buio per salvare lambiente


DallAustralia al Cile, dalla Cina agli Usa, con il coinvolgimento di 150 Paesi: il mondo rimasto al buio ieri (dalle 20.30 alle 21.30 locali) in occasione dellora della Terra (lEarth Hour), liniziativa del Wwf per combattere il riscaldamento globale. Migliaia i monumenti spenti (nella foto Ansa Trinit dei Monti, prima e dopo).

DOMENICA 24 MARZO 2013

LA GAZZETTA SPORTIVA

39

ALTRI MONDI
Oroscopo
LE PAGELLE
21/3 - 20/4 21/4 - 20/5 21/5 - 21/6 22/6 - 22/7 23/7 - 23/8 24/8 - 22/9

Ariete 6
Fino alle 16 sarete creativi, (f)attivi, gagliardi. Poi potreste rompere al punto da far prudere le mani pure a santUgo. Ussignr, chetatevi.
23/10 - 22/11

Toro 6+
Stamattina sarete impresentabili. Per via del malumore. Andr meglio dalle 16, in ogni ambito. Forma fisica ok, il sudombelico stupisce.
23/11 - 21/12

Gemelli 6
Meglio la mattina per shopping, lavoro, impegni, sport. Poi potreste appassire come una cipolla nel soffritto. Pure suinamente. State su.
22/12 - 20/1

Cancro 7,5
IL MIGLIORE Mattinata paciosa e sensuale, idonea a gustar ogni piacere, anche gastronomico. Pomeriggio ok per lavoro, divertimenti e fusioni sudombelicali.

Leone 7
Stamani lozio ci sta ( pur sempre domenica), il pomeriggio promette risparmi e/o guadagni. Cresce intanto il vostro pragmatismo suino.
21/1 - 19/2

Vergine 6,5
In mattinata potreste sentirvi isolati. Ma nel pomeriggio vi riprenderete spazi e tempi. Il cuore langue, ma il sudombelico sussulta.
20/2 - 20/3

DI ANTONIO CAPITANI
23/9 - 22/10

Bilancia 6+
I programmi domenicali si realizzano. Nonostante un improvviso sfigopenzolamento degli zebedei dal pomeriggio. State su, non siete sfigati.

Scorpione 6+
Fino alle 16 tutto arranca, tutto stanca: disinserite il grizzly automatico e non mangiate nessuno. Serata rosea, anche un po suina volendo.

Sagittario 6
Stamani darete il meglio nello sport, nel lavoro, nellassolvimento di ogni compito. Poi qualcosa potrebbe accasciar lo zebedeo. State su.

Capricorno 6+
Sammanta di nero Belfagor la Luna della mattina: lumore orrido, le spese inevitabili. Serata di relax, movida e happy hour suini.

ANTONIO CASSANO

Acquario 5,5
Potreste essere in attrito con tutti gli abitanti del globo: non ringhiate, tollerate. Pomeriggio di spese. Fornicazione muy special, per.

Pesci 5,5
Fare le pulci a tutto e dilagare in mille te lavevo detto vi render simpatici come una vescica da scarpa nuova. Evitate. Scarsit suina.

Lattaccante dellInter nato a Bari il 12 luglio 1982. In questo campionato ha realizzato 8 reti in 24 presenze

Lo Sport in tv: in chiaro, sul satellite e sul digitale terrestre


IN DIRETTA
CALCIO
12.30 SPEZIA PRO VERCELLI
Serie B Sky Calcio 2

Gazzetta.it
LA GALLERY Cina, figuraccia di Beckham: che scivolone!
Beckham, che figuraccia! Il campione inglese, impegnato in Cina come testimonial del campionato di calcio locale, rovinosamente scivolato mentre, elegantissimo, si stava esibendo in un calcio di punizione, a Wuhan. Guarda le foto sul nostro sito Internet.

15.00 SASSUOLO TERNANA


Serie B Sky Calcio 3

17.00 FIA WTCC


Gara 2 Da Monza Eurosport

20.00 TRENKWALDER REGGIO EMILIA CIMBERIO VARESE


Serie A maschile LA7d e Sportitalia 2

GOLF
20.00 ARNOLD PALMER INVITATIONAL
Us PGA Tour Da Orlando, Stati Uniti Sky Sport 3

SCI DI FONDO
12.15 COPPA DEL MONDO
10 km a tecnica libera femminile Da Falun, Svezia Eurosport

IL VIDEO LHarlem Shake coinvolge anche i campioni Ncaa


Sul nostro sito, nella rubrica settimanale di approfondimento di pallacanestro Be bop a basket, il tormentone dellHarlem Shake, il ballo che sta spopolando sul web e che ora coinvolge anche i campioni della Ncaa: guarda lesibizione degli scatenati giovani assi del college basket

15.00 VERONA - CROTONE


Serie B Sky Calcio 1

17.30 INDYCAR
Da St. Petersburg, Florida Sky Sport 3

13.30 COPPA DEL MONDO


15 km a tecnica libera maschile Da Falun, Svezia Eurosport

15.00 VICENZA - VARESE


Serie B Sky Calcio 5

BILIARDO
21.00 AGIPI MASTER
Finale. Eurosport 2

RUGBY
15.00 CAMMI CALVISANO CAVALIERI PRATO
Eccellenza Rai Sport 1

15.00 BRESCIA CITTADELLA


Serie B Sky Calcio 7

ATLETICA
13.15 MONDIALI CORSA CAMPESTRE
Da Bydgoszcz, Polonia Eurosport 2

20.45 EMPOLI - BARI


Serie B Sky Calcio 1

CICLISMO
15.30 GIRO DELLA CATALOGNA
Eurosport

TENNIS
16.00 ATP MIAMI
Sky Sport 2

15.00 LIVORNO LANCIANO


Serie B Sky Calcio 4

AUTOMOBILISMO
9.00 9.30 GP DELLA MALESIA
F1. Gara Sky Sport F1

BASKET
14.00 LUCCA RECANATI
DNA Sportitalia 2

15.45 CRITERIUM INTERNATIONAL


Dalla Francia Eurosport 2

15.00 SARACENS HARLEQUINS


AVIVA Premiership Sky Sport 3

18.00 WTA MIAMI


SuperTennis

15.00 NOVARA ASCOLI


Serie B Sky Calcio 8

2.00

ATP MIAMI
Sky Sport 2

FIA WTCC
Warm Up Da Monza Eurosport 2

SALTO FREESTYLE
11.00 COPPA DEL MONDO
Ski Cross Da Sierra Nevada, Spagna Eurosport 2 e Rai Sport 1

9.45

15.00 REGGINA JUVE STABIA


Serie B Sky Calcio 6

14.45 FIA WTCC


Gara 1 Da Monza. Eurosport 2

17.00 NCAA TOURNAMENT


Terzo turno ESPN America

COPPA DEL MONDO


HS 215 Da Planica, Slovenia Eurosport

VOLLEY
17.30 CASTELLANA VIBO
Ottavi playoff A-1 maschile Rai Sport 1

www.gazzetta.it

GazzaMeteo
A CURA DI

Ieri
ALGHERO ANCONA AOSTA BARI

min max
7 6 5 4 5 11 2 3 5 10 3 6 7 8 4 1 7 6 7 3 7 5 20 15 8 17 15 18 15 18 17 14 16 13 19 22 14 15 18 17 10 15 14 13

Oggi
Peggiora il tempo al Nord e sulla Sardegna con maltempo diffuso all'insegna di piogge e rovesci. Nevicate al Nord a 700/1000 m localmente a bassa quota la sera. Nubi e piogge anche su Trieste Toscana, deboli altrove al Centro, pi sole al Sud.
Venezia
5 7 6 9 2 4

Domani
Maltempo al Centrosud con piogge diffuse e nevicate in Appennino fino a 1000/1500 m. Nubi e piogge anche al Nord con neve mediamente a 800/1000 m ma anche in collina al Nordest e a bassa quota sull'Emilia Romagna.

Dopodomani
Nubi sempre diffuse sul territorio con piogge pi frequenti al Centrosud, sulla Sardegna e al Nordest; nubi pi irregolari altrove con fenomeni deboli o assenti. Neve a 900/1400 m in Appennino, fino a 5/700 m al Nordest.

Trento Aosta
4 5 5 7 7 9

Legenda CIELO
Sole Nuvolo Rovesci Coperto Pioggia Temporali Neve Nebbia

BOLOGNA

Milano
7 8

VENTI
Deboli Moderati Forti Molto forti

CAGLIARI CAMPOBASSO CATANIA FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA REGGIO CALABRIA ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Torino

Bologna Genova
10 11

Ancona

Firenze
9 15

Perugia
5 16

10 13

LAquila
7 18

MARI
Calmi Mossi Agitati

ROMA
9 21

Campobasso
6 18

Bari Potenza
5 17 11 18

Napoli
10 22

Cagliari
11 17

Catanzaro
9 15

Il sole oggi MILANO


Sorge Tramonta

ROMA
Sorge Tramonta

Palermo
12 24 12 17

Reggio Calabria
12 19

Il sole domani MILANO


Sorge Tramonta

La luna ROMA
Sorge Tramonta Nuova Primo quarto Piena Ultimo quarto

Catania

6:18

18:40

6:06

18:26

6:16

18:42

6:04

18:27

12 mar.

19 mar. 27 mar.

3 apr.

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DIRETTORE RESPONSABILE ANDREA MONTI andrea.monti@gazzetta.it VICEDIRETTORE VICARIO Gianni Valenti gvalenti@gazzetta.it VICEDIRETTORI Franco Arturi farturi@gazzetta.it Stefano Cazzetta scazzetta@gazzetta.it Ruggiero Palombo rpalombo@gazzetta.it Umberto Zapelloni uzapelloni@gazzetta.it PRESIDENTE Angelo Provasoli VICE PRESIDENTI Roland Berger Giuseppe Rotelli AMMINISTRATORE DELEGATO Pietro Scott Jovane CONSIGLIERI Andrea Bonomi C., Fulvio Conti, Luca Garavoglia, Piergaetano Marchetti, Laura Mengoni, Paolo Merloni, Carlo Pesenti, Giuseppe Vita DIRETTORE GENERALE DIVISIONE QUOTIDIANI Alessandro Bompieri

RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Quotidiani Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano Responsabile del trattamento dati (D. Lgs. 196/2003): Andrea Monti privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000 COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA Via Solferino, 28 - 20121 Milano - Tel. 02.62821 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306 SERVIZIO CLIENTI Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it PUBBLICIT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE PUBBLICIT Via A. Rizzoli, 8 - 20132 Milano Tel. 02.25841 - Fax 02.25846848

Testata di propriet de "La Gazzetta dello Sport s.r.l." - A. Bonacossa 2013

EDIZIONI TELETRASMESSE Tipografia Divisione Quotidiani RCS MEDIAGROUP S.p.A. - Via R. Luxemburg - 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Tel. 02.95743585 S RCS PRODUZIONI S.p.A. - Via Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S SEPAD S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 - 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Editrice La Stampa SpA - Via Giordano Bruno, 84 10134 Torino S Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel. 080.5857439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. - Zona Industriale Strada 5 n. 35 95030 CATANIA - Tel. 095.591303 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. - Via Omodeo - 09034 ELMAS (CA) - Tel. 070.60131 S BEA printing bvba Maanstraat 13 - 2800 - MECHELEN (Belgio) S Speedimpex USA, Inc. - 38-38 9th Street Long Island City, NY 11101, USA S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nacin - Bouchard 557 - 1106 BUENOS AIRES S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington n. 1808 - OSASCO - SO PAULO - Brasile. S Miller Distributor Limited - Miller House, Airport Way, Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

PREZZI DABBONAMENTO C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI ITALIA 7 numeri 6 numeri 5 numeri Anno: e 389,00 e 339,00 e 259,00 Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it

Testata registrata presso il tribunale di Milano n. 420 dell1 settembre 1948 ISSN 1120-5067 CERTIFICATO ADS N. 7334 DEL 14-12-2011

COLLATERALI *con I Miti della F1 ai Raggi X N. 2 e 6,19 - con libro All Blacks La Leggenda e 14,19 - con Sub: la Magia del Mondo Sommerso N. 3 e 12,19 - con Le Grandi Battaglie N. 6 e 11,19 - con Passione Rally N. 4 e 5,19 - con libro Ronaldo il Fenomeno e 14,19 - con Carosello N. 12 e 6,19 - con Wrestling Heroes N. 13 e 12,19 - con i mitici Bud Spencer & Terence Hill N. 13 e 11,19 - con Michel Vaillant N. 16 e 4,19 - con Leggende del Motociclismo N. 18 e 12,19 - con Cavalieri dello Zodiaco N. 21 e 11,19 - con I Love Travel N. 26 e 5,19 - con La Cucina Italiana N. 30 e 11,19 - con Orologi Forze Armate N. 31 e 16,19 - con lUomo Tigre N. 29 e 11,19 - con Calciatori Panini La Raccolta Completa N. 46 e 6,19 - con Aerei da Combattimento N. 50 e 14,19 con Le Stelle della NBA N. 40 e 6,19 - con Max e 3,50 con SportWeek e 2,70 PROMOZIONI ARRETRATI Richiedeteli al vostro edicolante oppure ad A.S.E. Agenzia Servizi Editoriali - Tel. 02.99049970 - c/c p. n. 36248201. Il costo di un arretrato pari al doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

La tiratura di sabato 23 marzo stata di 329.094 copie

PREZZI ALLESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 18,00; Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 64; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; Danimarca Kr. 20; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,70; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 1,85; Marocco g 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 28; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; Ungheria Huf. 600; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 4,00.

40

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 24 MARZO 2013