Sei sulla pagina 1di 44

Regolazione della microcircolazione ad opera delle arteriole che controllano il flusso di sangue ai capillari e quindi gli scambi capillari-tissutali

-Nervosa -ormonale -Metabolica tissutale* -endoteliale * -meccanica da flusso * -Tissutale * -Vasomozione

Capillari comuni

Capillari fenestrati

Capillari glomerulari Capillari epatici Capillari organi linfoidi

Capillare continuo

PRESSIONE IDROSTATICA DEI CAPILLARI

Ipotesi di Starling

start

Regolazione della microcircolazione ad opera delle arteriole che controllano il flusso di sangue ai capillari e quindi gli scambi capillari-tissutali

-Nervosa -ormonale -Metabolica tissutale* -endoteliale * -meccanica da flusso * -Tissutale -vasomozione*

succlavie

Ipertensione capillare

EDEMA

Riduzione Proteine plasmatiche

Blocco linfatico EDEMA

infiammazione

Vasi di capacitanza

3%

13%

Variazione del Flusso con Lattivit fisica

Le vene

Pvenosa Pvenosa

12-15 mmHg nelle venule 0-5 mmHg allatrio destro

- Compliance venosa : 25 volte la compliance delle arterie - Condotti di raccolta del sangue a bassa resistenza - Pareti sottili e grande diametro - Serbatoio di sangue (contengono il 60% del sangue totale) - Innervate dal sistema nervoso simpatico - Una stimolazione simpatica venosa causa aumentata contrazione venosa (tono venomotorio), maggior ritorno venoso, maggiore pressione venosa centrale (PVC, precarico atrio destro)
28

Le vene

Pvenosa Pvenosa

12-15 mmHg nelle venule 0-5 mmHg allatrio destro

Il flusso venoso mantenuto da:


1) Pvenosa di 15 mmHg che si riduce a 5 mmHg allatrio destro 2) Pressione negativa toracica (pompa respiratoria) 3) Pompa muscolare scheletrica pi sfinteri venosi 4) Tono venomotorio controllato dal s. n. simpatico Vascolare_3 34

Previene laccumulo venoso e quindi ledema

Effetti sul cuore Di un aumento della pressione venosa


Frank Starling

Compensazione del tono venomotorio durante una emorragia


La compensazione avviene attraverso una scarica simpatica alle vene, aumento del tono venomotorio e recupero della pressione venosa centrale (PVC).

Barocettori, volocettori

Vascolare_3

43

Effetti ORTOSTATISMO - spostamento di sangue verso il basso - abbassamento transiente della PMA (a livello delle carotidi) - aumentata pressione agli arti inferiori

-la maggiore distensibilit venosa d origine a un collasso venoso


-minor ritorno venoso al cuore - maggior filtrazione di liquidi dai capillari e gonfiore degli arti inferiori

PICCOLO CIRCOLO

Gittata sistolica = Ritorno venoso Le due pompe sono in equilibrio

Eventuali discrepanze sono corrette In pochi battiti

Valori Pressione arteriosa-venosa Circolo polmonare

Bassa resistenza

Piccolo circolo

Grande circolo Grande circolo

8
5 2 3

5 80 10 3-5

5-8 120 25

Bassa pressione
Bassa resistenza (12 volte <) Alta compliance 500 ml

Il contenitore circolo polmonare pu accogliere consistenti variazioni di sangue senza avere incremento di pressione a rischio per una filtrazione : -Sforzo fisico (reclutamento e distensione) -Insufficienza cuore sinistro -aumento della gittata

Flusso ematico nel polmone in posizione ortostatica e a riposo

Vasi alveolari ed extralveolari Regolazione:

Larea capillare una delle pi Vaste

passiva (reclutamento-distensione attiva rilevante con <O2 vasocostrizione) umorale-locale)

Meccanismi per fronteggiare ledema polmonare: -Interstizio rigido produce forti incrementi di pressione interstiziale che automaticamente contrasta la pressione di filtrazione -- scarsa permeabilit vascolare ---sostenuta azione dei linfatici Cause di edema -Intensi sforzi fisici per lelevata gittata cardiaca Larea capillare una delle pi Vaste ed espone ad edema

-ambiente ipossico (alta quota), esposizione allipossia-vasocostrizione-aumento resistenza


-insufficienza ventricolare sinistra-ipertensione polmonare -> permeabilit vascolare per processi infiammatori (diffusi) -Nei primi giorni di Post-trapianto polmonare, lo stress da riperfusione e linsufficienza Iniziale dei linfatici

STOP