Sei sulla pagina 1di 10

Giuseppe Galasso

IL MEDITERRANEO DI FILIPPO II

Area, grande area storica di scambi e di contrasti culturali (culturali nel senso pi ampio di questo termine) il Mediterraneo lo fu sempre, dallalba dei tempi. E area anche, da questo punto di vista, pressoch unica al mondo. Non ci sono Mediterranei in queste nuove parti del mondo, notava qualche gesuita nellepoca della evangelizzazione del mondo nuovo da non molto scoperto. Era stato tale il Mediterraneo anche nel periodo il solo, in pratica, della sua lunga storia in cui aveva fatto parte di ununica realt politica: quando, cio, aveva fatto parte dellimpero di Roma e ne era diventato il Mare Internum, o il MareNostrum, come i Romani lo chiamavano. Anche allora, infatti, tra i due grandi spazi culturali che distinti e, insieme, uniti avevano finito col caratterizzare limpero, e che dividevano grosso modo a met il Mare Internum, quello greco a levante e quello latino a ponente, vi era stata tutta una fitta rete di relazioni e di scambi, cos come di tensioni e di contrapposizioni, di ogni tipo e in ogni settore della vita materiale e morale dei popoli e dei paesi che si affacciavano sul mare o ne costituivano limmediato retroterra fino al Reno e al Danubio, fino alla Mesopotamia e al Sahara. Pu, tuttavia, dirsi che in poche altre epoche questo carattere nativo del Mediterraneo si sia affermato e abbia dato luogo a intersezioni e a interscambi cos fitti, continui e importanti come nel Medioevo, e in particolare fra il secolo IX e il secolo XV. In quei secoli si posero pure - come noto - le basi della moderna affermazione mondiale dellEuropa, ma sarebbe davvero difficile, per non dire impossibile, pensare a questa affermazione e ricostruirne la genesi senza fermarsi sulla intensa vita mediterranea di quei secoli. Il commercio e la tecnica ne furono interessati cos come la cultura e le scienze. Il mondo islamico fu il tramite imprevedibile e impreveduto, ad esempio, di unampia trasmissione del patrimonio culturale ellenistico allEuropa che aveva perduto la nozione del greco e dovette tradurre in latino dallarabo i testi degli antichi filosofi (e segnatamente Aristotele), scienziati e scrittori, che contribuirono in maniera decisiva alla fioritura della filosofia e delle scienze europee nei secoli XIII-XIV. Integrazioni sostanziose e di primaria importanza di questo patrimonio ellenico si ebbero poi tra i secoli XIV e XV via Costantinopoli e attraverso ci che restava dellimpero bizantino. Dallarea bizantina erano, peraltro, venute gi da tempo idee e influenze di grande rilievo nella storia religiosa dellEuropa cattolica, si trattasse del culto dei santi (san Marco, san Nicola di Bari, le Madonne nere ...) o di tendenze e spinte ereticali (bogomili, catari ...). Ladozione dei cosiddetti numeri arabi, il nome dellalgebra, prestiti linguistici alle lingue europee di termini come magazzino e dogana o fondaco e ammiraglio danno unulteriore idea dellampiezza che rivest lo scambio europeo con il mondo islamico nella vita scientifica e commerciale, cos come una serie di altri elementi lo prova rispetto al mondo bizantino.

Mediterranea

Ricerche storiche

Anno I - Dicembre 2004

009

G. GALASSO

Le Crociate, nella radicale e violenta contrapposizione che determinarono fra Islam e Cristianit, segnarono unaccelerazione fortissima di questo processo. Segnarono anche - come ben noto - linizio del processo di inversione del rapporto di forza, durato dalleclisse di Roma fino ad allora, tra Mediterraneo bizantino e musulmano, da un lato, e Mediterraneo latino e cattolico, dallaltro: rapporto nettamente favorevole al primo fino alle Crociate e, invece, dalle Crociate in poi, al secondo. Determinarono, infine, un assetto delle coste meridionali e orientali del Mediterraneo caratterizzato dalla presenza di numerose colonie latine (soprattutto italiane, ma anche catalane, marsigliesi, etc.) che accentuavano la fisionomia unitaria del mare, cos come faceva la persistenza di una Spagna musulmana al limite dellOccidente mediterraneo, per quanto ormai ridotta a una piccola parte di quella che era stata nel momento della massima fioritura dellIslam medievale. Questo assetto del Mediterraneo mut profondamente tra la met del secolo XV e la met del secolo XVI. Gli Ottomani, dopo aver conquistato la massima parte dellAsia Minore e gran parte dei Balcani, presero come noto nel 1453 Costantinopoli e posero fine alla millenaria esistenza dellimpero bizantino, ultima sopravvivenza e trasfigurazione dellimpero di Roma. Rapidamente Genova perse allora tutte le sue colonie nel Mediterraneo orientale e nel Mar Nero. Venezia cominci una lenta ritirata, che sarebbe durata a lungo, ma lavrebbe via via estromessa dai pi importanti dei suoi possedimenti balcanici e marittimi, fino a Cipro nel 1571 e a Creta nel 1669. Nello stesso tempo si chiudeva in Spagna, con la caduta di Granada nel 1492, la vicenda della sette o otto volte secolare presenza dellIslam nella penisola iberica. Gli Ottomani estesero, a loro volta, le proprie conquiste allEgitto nel 1517, tolsero Rodi allOrdine Gerosolimitano (che dovette allora ritirarsi a Malta) nel 1522 e fecero via via sentire sempre pi la loro influenza sulle coste libiche, tunisine e algerine, con varie forme di vassallaggio e di protettorato dei locali potentati arabi e barbareschi, mentre gli Spagnoli conquistavano alcune piazzeforti sulla stessa costa nord-africana e, soprattutto, tra il 1501 e il 1530, facevano dellItalia una loro sfera di indiscussa supremazia. Alla met del secolo XVI si era, perci, delineata una evidente divisione del Mediterraneo in due grandi aree politiche e culturali: lottomana e musulmana a oriente e la spagnola e cristiana a occidente, tra le quali faceva ancora degna figura Venezia con le sue flotte e con i suoi superstiti possedimenti. Ma la vicenda politica non era stata la sola ad aver determinato il mutamento cos vistoso della condizione del Mediterraneo rispetto a un secolo prima. Contemporaneamente, dagli ultimi lustri del secolo XV in poi si era dipanata lepoca delle grandi scoperte geografiche, che, per il vecchio Mare Internum, segnarono una svolta ben pi radicale e duratura di quella politica. Da un lato, con la circumnavigazione dellAfrica, esse portarono, infatti, il commercio europeo a diretto contatto con i mercati asiatici orientali di approvvigionamento delle spezie e di altre merci di lusso, di cui fino ad allora il Mediterraneo aveva costituito il terminale occidentale e le genti poste tra lIran e lEgitto erano state i mediatori. Dallaltro lato, con la scoperta delle Americhe, venne determinata, oltre a una serie di conseguenze economiche e non economiche di primaria importanza, lapertura di uno spazio marittimo e coloniale destinato a rivelarsi

010

IL MEDITERRANEO DI FILIPPO II

in un non troppo lungo lasso di tempo un nuovo e immenso mercato, unarea decisiva per i traffici mondiali e per lequilibrio di potenza in Europa e fuori dEuropa. Il Mediterraneo dellepoca di Filippo II , innanzitutto, un mondo che acquista gradualmente una sempre pi chiara coscienza di questi mutamenti. Lo rivela la politica stessa del sovrano spagnolo. Nella prima met del suo lungo regno (1556-1598) la sua azione appare fortemente concentrata sul mare, al quale lo richiamava una spinta offensiva ottomana ancora assai vigorosa e molto preoccupante per la potenza egemone del Mediterraneo occidentale. Con Filippo II si ha, anzi, allinizio, un forte ritorno di interesse della politica spagnola per il Mediterraneo, dopo un ventennio allincirca, nel quale lazione del padre, Carlo V, e quella sua stessa per la situazione lasciatagli dal padre si erano appuntate sui problemi della Germania e dellEuropa centrooccidentale. Poi la pace vittoriosa di Cateau-Cambrsis (1559) aveva consentito di riapplicarsi alle questioni del mare, dove intanto la minaccia ottomana era diventata ancor pi grave. vero che nel frattempo, per linizio della lunga crisi interna dovuta alle guerre di religione, che quasi paralizzer per vari decenni lazione internazionale della monarchia francese, la monarchia spagnola non avr ragione di temere una convergenza di avversari cristiani e musulmani cos incresciosa come quella a cui si era dovuto adattare Carlo V; ma questo elemento di vantaggio era largamente compensato dal vigore ancora in fase ascendente, come si accennato, della potenza musulmana. in questo quadro che matura la coalizione che nel 1571 infligger agli Ottomani la dura sconftta navale di Lepanto. Una sconfitta non risolutiva, certo. I Turchi rimisero in piedi in poco tempo unaltra flotta di 250 navi. Le terre cristiane del Mediterraneo rimarranno ancora largamente aperte, per un altro paio di secoli, alle incursioni e alle razzie musulmane. Inoltre, non mancher ancora qualche conquista musulmana importante, come quella, gi accennata, di Creta. Infine, il successo di Lepanto non fu sfruttato a fondo dai vincitori. La diversit delle loro strategie era troppo forte. Dei due principali alleati di allora, uno, i Veneziani, pensava a una politica di roll-back della potenza ottomana, ossia di riconquista di almeno una parte delle perdite cristiane degli ultimi decenni; laltro, gli Spagnoli, pensava a una politica di containment, per cui si rimanesse ciascuno, cristiani e musulmani, sulle posizioni del momento. Lalleanza vittoriosa si disfece, perci, rapidamente e Venezia dovette gi nel 1573 stipulare con Costantinopoli una pace separata al prezzo di un riconoscimento formale della perdita di Cipro e di varie altre condizioni sfavorevoli. E, tuttavia, quella battaglia aveva dimostrato che Costantinopoli non poteva pensare che contro di essa non si formasse, al momento dellestrema necessit, unampia coalizione di potenze cristiane, malgrado tutte le divisioni e le rivalit fra queste ultime, sulla quale sarebbe stato per essa impossibile prevalere. Da parte spagnola si acquis a ruoli rovesciati la medesima certezza: gli Ottomani avrebbero continuato a procurare fastidi, danni e preoccupazioni anche gravi, ma la prospettiva di un loro dilagare nel bacino occidentale del Mediterraneo, analogo a quello rapidissimo che si era avuto nel secolo precedente nel bacino orientale del mare, era duraturamente, se non proprio definitivamente, scongiurata. Quando intorno al 1580 sul quadrante

011

G. GALASSO

della grande politica europea altre questioni batterono con ancora maggiore urgenza (la successione al trono portoghese, lacutizzazione della rivolta nei Paesi Bassi, landamento delle guerre di religione in Francia, levidente crescita della potenza e soprattutto dellattivit marinara degli Olandesi ribelli e degli Inglesi, la sempre pi assorbente necessit di proteggere le comunicazioni con le colonie americane e di garantirne la sicurezza), Filippo II pot volgere ad esse le risorse principali della sua grande monarchia con la mente relativamente sgombra da preoccupazioni urgenti e gravi per il Mediterraneo. Questa valutazione, che per il sovrano spagnolo era di ordine innanzitutto e soprattutto, anche se non esclusivamente, politico, corrispondeva, peraltro, ancor pi strettamente, alle condizioni determinate dai mutamenti di fondo nella collocazione mondiale del Mediterraneo dovuti, come si detto, alle scoperte geografiche e alle loro conseguenze. N dovuti soltanto, peraltro, a queste scoperte e alle considerazioni politiche del sovrano spagnolo. stato fatto presente come la svolta del 1580 sia stata determinata anche da una grande crisi frumentaria dei paesi iberici (e, si pu aggiungere, di altre parti della monarchia: il Mezzogiorno dItalia, ad esempio), che ha inizio in quel torno di tempo; ed stato fatto egualmente presente, a ragione, il ruolo avuto dalla inversione della fase secolare di espansione demografica ed economica che nel quadro mediterraneo ed europeo si ha nei seguenti anni 90 dello stesso secolo XVI. Una volta tanto la politica era in sostanziale accordo con la realt profonda del corso storico. Un velo di provincialismo cominciava a stendersi sul mare che era stato la culla e aveva fino ad allora ospitato tutte le grandi fasi di quella civilt, che ormai si poteva compiutamente definire europea. Si spostavano, insieme con i traffici e con i teatri del confronto politico, anche le sedi del dibattito culturale pi attuale e innovatore e della ricerca scientifica moderna. Alla met del secolo XVII sar ormai chiaro: lEuropa mediterranea, gi centro di gravitazione della vita e della cultura europea, costituisce sempre pi la periferia dellEuropa che conta. Ad allungare lo sguardo nel tempo, neppure il taglio dellistmo di Suez nel 1869 muter pi questa realt. Non sorprende, perci, che in questo Mediterraneo in via di emarginazione (il termine alquanto pi forte e totalizzante della realt: lo si intenda, perci, con discrezione) anche il tono generale delle relazioni mediterranee si abbassi. Accade gi sul piano dei contrasti politici e religiosi. La realt quella di uno stato continuo di guerra tra Cristianesimo e Islam, per quanto a volte dichiarato, a volte latente. Invano, per, si cercherebbero in questa cronica condizione di contrasto e di scontro il calore e la passione delle grandi epoche precedenti: lepoca della guerra santa di conquista e di espansione dellIslam, lepoca della reconquista ispanica e delle Crociate cristiane. Si parla, naturalmente, sempre di guerra santa e di crociata, ma le grandi elaborazioni dottrinarie, i movimenti travolgenti della passione religiosa, lo stesso spirito di avventura e di cavalleria che avevano animato nel Medioevo lurto tra le due fedi non si accompagnano pi al loro scontro. La guerra santa ormai, nella sua realt pi costante, quella delle incursioni e delle razzie barbaresche; la crociata ormai lo sforzo periodicamente ripetuto di rintuzzare laggressivit residua dellIslam (ed anche un modo dei sovrani cattolici per ottenere col pretesto crociato e con lavallo della Chiesa sostanziose contribuzioni dai loro popoli).

012

IL MEDITERRANEO DI FILIPPO II

Difficile la comparazione tra lespansione araba dei primi secoli e quella turca fra il secolo XV e il XVII per ci che riguarda lispirazione religiosa: lespansione turca appare dominata di gran lunga di pi dal motivo politico e dalla potenza militare. Neppure lassunzione del titolo di califfo per s e per i suoi successori da parte di Selim I nel 1517 diede luogo a una riaccensione delloriginario spirito islamico della guerra santa. Daltra parte, il ruolo che gli Ottomani avevano avuto, cos forte, nella prima met del secolo XVI come alleati della Francia nei grandi conflitti europei perde anchesso di rilievo nellet di Filippo II per la gi ricordata eclisse francese dovuta alle guerre di religione. Il raggiunto equilibrio delle forze e la conseguente, tendenziale stabilit della frontiera tra Islam e Cristianit determinano, insomma, una, per cos dire, cronicizzazione del contrasto a un pi basso livello di spinta etico-religiosa. Il che non vuol dire che il contrasto non sia reale, profondo e, soprattutto, sanguinoso, n che coloro i quali vi si trovarono da allora in poi impegnati non lo vivessero con seriet morale e religiosa. Vuol dire solo che storicamente il contrasto trova ormai la sua maggiore consistenza e la sua maggiore ragione di dinamismo sul piano del mero confronto politico-militare, e che su questo piano esso entrato in una fase, che si dimostrer poi assai lunga, di cronicit, ma anche di prevalentemente vischiosa staticit. La Sublime Porta faceva sempre paura, ma era una paura diventata in certo qual modo usuale e, per cos dire, addomesticata. Inoltre, lo spazio ottomano del Mediterraneo dalla met del secolo XVI appare a lungo abbastanza coeso, bench in varia posizione di dipendenza, intorno al sultano di Costantinopoli, che vi rappresentava la potenza di gran lunga prevalente; lo spazio cristiano appare sempre lacerato da grandi e piccoli conflitti di potenza, che nellepoca di Filippo II si attenuano solo per la gi rilevata eclisse della potenza francese, ma subito dopo riprendono violenti. Le osservazioni che si possono fare al di l di questi piani della considerazione politico-militare confermano le precedenti. Cos per le novit agrarioalimentari. Da tempo immemorabile esse erano giunte nel Mediterraneo seguendo la traiettoria da oriente a occidente. Nel secolo XVI le novit di straordinaria importanza per lagricoltura e per lalimentazione europea vennero soprattutto attraverso loceano (mais, patata, cioccolato ...). Cos i progressi delle costruzioni navali e della navigazione e relativa strumentazione, che erano unantica tradizione europea, passarono alla marineria oceanica e il Mediterraneo ne divenne tributario. Cos i progressi della medicina e delle scienze, ai quali abbiamo gi accennato. E si potrebbe continuare. Un Mediterraneo smorto, allora? un Mediterraneo languente? Tra la prima edizione e le seguenti del suo grande libro sul Mediterraneo nellepoca di Filippo II Braudel ritenne di dover attenuare di molto il significato della svolta filippina del 1580 spostando alquanto pi avanti la datazione della frattura segnata dalla crisi economica del 1619-1621 come data epocale della decadenza mediterranea. Nel 1965 dichiarava di non essere sicuro di poter dire neppure che il declino del Mare Interno fosse visibile prima del 1650. Anzi, aggiungeva che, se si volesse ricostruire il nuovo panorama di insieme del Mediterraneo dopo la grande rottura che segna la fine del suo primato, bisognerebbe scegliere una data tardiva: non solo il 1650, bens perfino il 1680.

013

G. GALASSO

Mi pare francamente un eccesso poco accettabile di autorevisionismo. Le prime cronologie adottate dallo storico francese mi sembrano tuttora le pi persuasive e le meglio fondate. Ci che egli nota su che cosa significa il Mediterraneo declinante o decaduto , invece, sempre valido. Gli splendori della vita mediterranea scrive Braudel non terminano con linversione della tendenza secolare negli anni 1590 o con il colpo di scure della crisi breve del 1619-1621. E altrove avrebbe scritto che eventi come lo spostamento del centro del mondo dal Mare Interno allOceano Atlantico sono tali che non acquistano tutta la loro importanza dalloggi al domani. Il pepe e le spezie arrivano a Lisbona e di qui vanno ad Anversa. La rotta di Suez o quella del Golfo Persico, per, non sono morte, e possono rivaleggiare con la lunga circumnavigazione dellAfrica. Si parla anche di un canale di Suez. Il pepe e le spezie, del resto, arrivano in Europa solo in cambio di metallo bianco. Chi lo possiede in grado di comandare a distanza produttori, mercanti e trasportatori di pepe e di spezie. E largento allora in mano soprattutto della Spagna, che lo riceve dal suo impero americano, ma chi in realt lo concentra e lo amministra sono gli italiani, i Genovesi in particolare, che fungono da banchieri principali della grande monarchia. Dopo il 1568, quando la pirateria inglese prosegue Braudel e poi quella olandese cominciano a tagliare la strada agli Spagnoli lungo le rotte dellAtlantico e del Mare del Nord fino ai Paesi Bassi in rivolta, gli invii dargento dalla Spagna seguono quasi esclusivamente il cammino mediterraneo, da Barcellona a Genova: la citt di san Giorgio diventa il centro finanziario dellintera Europa: una bella rivincita del Mediterraneo!. Quindi lItalia, riorganizzando il proprio approvvigionamento di metallo bianco, ha ristabilito, intorno al 1560, quello di pepe e di spezie, che le giungono attraverso le antiche rotte del Levante, la cui portata equivale pressappoco a quella della rotta del Capo, poich il consumo europeo notevolmente aumentato (allincirca raddoppiato). Un rallentamento dei traffici e degli scambi mediterranei sulle pi lunghe distanze non si noter, in effetti, che nei primi due decenni del secolo XVII, come implicato da ci che abbiamo detto finora. Ma esso non una conseguenza solo della riduzione periferica del Mediterraneo, di cui pure si gi parlato. Si apre qui un capitolo nuovo nella storia del vecchio mare. Per quanto ci riguarda, lo definiremmo volentieri il capitolo dellapertura di una sua nuova frontiera: una frontiera che lo attraversa, ma che non interna ad esso, la frontiera con le marinerie del Nord e con le loro attivit. Con ogni mezzo, ivi comprese la violenza e lastuzia, gli Olandesi e, soprattutto, gli Inglesi penetrano dagli ultimi decennii del secolo XVI nello spazio mediterraneo e, mentre Filippo II li combatte nellOceano, iniziano una vera e propria conquista della navigazione e dei traffici mediterranei. La loro conquista, nota Braudel, si spiega. Le loro imbarcazioni sono meglio armate, hanno equipaggi pi efficienti e garantiscono un trasporto migliore e pi regolare, accettando noli pi modesti dei vecchi velieri del Mediterraneo. Non solo si impadroniscono dei principali traffici mediterranei e dei rapporti tra il Mediterraneo e lOceano, ma in Oriente, nei mari indiani e indonesiani bloccano il commercio del pepe e delle spezie con il vecchio mare romano, che comincia a ricevere ora quei prodotti per la via dellAtlantico e di Gibilterra per mezzo di navi olandesi. Cos, il Mediterraneo stato da un lato

014

IL MEDITERRANEO DI FILIPPO II

aggredito direttamente, e dallaltro aggirato: una condizione di subordinazione non pi rovesciata. Una doppia frontiera percorre quindi il Mediterraneo dallepoca di Filippo II. Una la frontiera interna fra le due grandi aree religiose, che si affacciano su di esso e che sono anche grandi aree di civilt. Laltra frontiera non corre in maniera cos definita e riconoscibile tra luno e laltro spazio mediterraneo: , infatti, la frontiera fra Mediterranei e Nordici che si insinua nelle varie parti del grande bacino a segnare il rapporto tra le attivit dei primi e quelle via via prevalenti dei secondi. La presenza dei Nordici fu temuta, nellarea cattolica, come eventuale veicolo di veleni ereticali, cio protestanti. In realt, questo aspetto della loro penetrazione, se non manc del tutto, fu, per, secondario e rapsodico. Il conflitto religioso vide sempre dominante la contrapposizione tra Roma e Costantinopoli. Il Cristianesimo ortodosso aveva ricevuto un certo statuto di tolleranza nellambito ottomano, per quanto assolutamente non garantito che dalla volont dei governanti, e del resto esso non aveva mai costituito nel suo spazio una potenza anche politica nella stessa misura e negli stessi modi della Chiesa romana nel proprio. Quello statuto bast alla religiosit ortodossa, almeno nei periodi di tranquillit. Nulla, invece, proteggeva gli Ebrei, che continuarono a formare, come ab antiquo, una diaspora frammentata, spesso perseguitata, con ruoli sociali di formale subalternit anche quando nelle loro mani erano concentrate attivit e risorse notevoli. Quali furono gli scambi e i rapporti di cultura, di dottrina, di spiritualit che ebbero luogo fra le quattro grandi confessioni mediterranee? Ecco un tema di evidente importanza storica sul quale addirittura linformazione elementare non appare cospicua. Certo, come abbiamo gi detto, non solo in fatto di religiosit lepoca di cui parliamo ci si prospetta come molto meno ricca di veicolazioni di grande livello e determinanti come lo erano stati i secoli precedenti. La frontiera dello scambio culturale pi decisivo e pi moderno gi dalla prima met del secolo XVI non passa pi allinterno del Mediterraneo. Passa e nellepoca di Filippo II lo si vede ormai chiaramente tra il Mediterraneo e il mondo dellEuropa centrale e, soprattutto, occidentale. Il quadrilatero anglofranco-germanico-olandese sostituisce in questa sua funzione storica lantico mare con una progressione irreversibile. Ma sarebbe errato ritenere che ci abbia segnato il tramonto di una circolazione mediterranea di rilievo anche su questo terreno degli scambi culturali, per quanto poco informati ne possiamo essere e, sopratutto, per quanto la tendenza che si sviluppa nel corso del secolo XVI piuttosto alla chiusura che allapertura degli spazi religiosi. Su questultimo punto, di particolare importanza, occorre fermarsi almeno per sottolineare alcuni dati di fondo. Tale , in ambito cattolico, lespulsione degli Ebrei e dei Moriscos dai dominii delle Corone iberiche, che nel giro di poco pi di un secolo taglia radici molto vive e rilevanti della tradizione iberica; e tale la gelosa preoccupazione della Chiesa romana di stringersi a riccio nella difesa del primato pontificio e della dottrina da essa fissata nel Concilio Tridentino, minacciata come si sente, da un lato, a opera del Protestantesimo ancora in espansione e, dallaltro, a opera della minaccia islamica nel Mediterraneo. Tale , a ben considerare, anche lulteriore e ampia affermazione in campo islamico,

015

G. GALASSO

con il trionfo imperiale degli Ottomani, della confessione sunnita rispetto a quella sciita, corroborata dal fatto che ormai, come opportunamente nota Mantran, le pi alte autorit religiose risiedevano a Istanbul, vicino al sultano, come nel caso dello sceicco Ul-islam, la cui approvazione era indispensabile per promulgare qualsiasi editto o regolamento di carattere giuridico-religioso destinato a tutto lo Stato musulmano o anche solo ad una parte di esso. , tuttavia, da non dimenticare che da queste stesse vicende di chiusura nacquero, almeno in parte, nuove circolazioni del patrimonio morale e culturale del Mediterraneo. La nuova diaspora ebraica porta semi di quel mondo un po tutto intorno al mare: in varie parti dItalia, nei Balcani ..., mentre i Sefarditi saranno un sale culturale assai ricco e vivace che agir ancora alla fine del XX secolo, bench rimangano lontani dai loro vecchi splendori iberici. Per intanto, gi lo attesta nello stesso secolo XVI lelaborazione di sistemi cabalistici di pensiero. Il ghetto, ossia la segregazione topografica e rionale degli Ebrei divenne, bens, il tratto dominante della vita delle comunit ebraiche, ma non imped una certa circolazione di idee. Non la imped specialmente in ambito ottomano, dove la relativamente maggiore tolleranza ivi vigente apr ad essi la via a molte importanti cariche e a carriere come quella dellebreo portoghese Jos Miquez, che i turchi chiamarono Nasi e che, diventato quasi un primo ministro del sultano Selim II (1566-1574), tent di ristabilire un centro ebraico in Palestina, intorno a Tiberiade, per cui lo si considera, a torto o a ragione, un precursore del Sionismo. In ambito cattolico la tolleranza fu certo minore. Oltre che nella penisola iberica e nelle sue dipendenze gli Ebrei erano esclusi, in linea di principio, dalla Francia (salvo i territori gi appartenenti al Sacro Romano Impero e la regione di Bordeaux e di Bayonne, aperta ai profughi iberici). Il papa Paolo IV ripristin, a sua volta, nel 1555 la legislazione medievale sugli Ebrei e avvi con decisione la pratica della ghettizzazione, mentre ad Ancona ebrei portoghesi che vi si erano rifugiati furono bruciati vivi dalle autorit pontificie. E, tuttavia, anche in queste condizioni comunit ebraiche come quelle di Livorno, di Ancona, di Roma, di Venezia furono centri importanti dellebraismo e dei suoi rapporti col mondo cattolico. Una circolazione culturale si ha pure per la discussione, in campo europeo, circa la natura dellimpero ottomano e il giudizio da darsi su di esso. Si tendeva per lo pi a screditare sul piano religioso e politico lesperienza imperiale degli Ottomani in una vasta letteratura, che, ispirata come fa notare Mantran soprattutto dagli Asburgo e scritta in lingua francese e tedesca, stata diffusa in tutta lEuropa occidentale. Occorre dire, per, che al discredito si accompagn, per quanto dissimulata, 1ammirazione, nonch lintento di trarre in qualche modo profitto dagli insegnamenti che si potevano dedurre da una riuscita cos clamorosa come quella della straordinaria potenza ottomana: le relazioni degli ambasciatori e inviati veneziani a Costantinopoli ne sono un documento evidente, che certo non manc di circolare, manoscritto, in varii ambienti politici e culturali dEuropa. Inoltre ancora Mantran a ricordarlo il XVI secolo ha visto anche lo sviluppo dei viaggi in Oriente, non pi solo di devozione religiosa, bens anche di curiosit, di scoperta, di informazione, talora per capire lIslam, oltre che le ragioni della potenza ottomana. cos che ci si comincia a interessare alle lingue orientali e sotto Francesco I viene creato il Collegio Reale (oggi

016

IL MEDITERRANEO DI FILIPPO II

Collegio di Francia) dove cominciano a essere insegnate le lingue orientali (ebreo, arabo, turco), mentre il tono spesso ammirato delle descrizioni che si danno di Costantinopoli e del suo impero fanno talora pensare che si voglia cos esprimere in modo indiretto una critica a contrario degli Stati occidentali. Inoltre, i Turchi dimostrarono poco interesse per il commercio con lOccidente e ad avvantaggiarsene furono gli occidentali stessi e coloro che ebbero una parte di intermediari, come i Greci, gli Armeni, gli Ebrei, pi vicini dal punto di vista religioso e umano agli Europei; e anche questo valse a tenere aperto un canale di comunicazione fra i due mondi che col tempo non avrebbe fatto altro che allargarsi. A questultimo elemento fu, anzi, dovuto laspetto concreto che il Mediterraneo prese sulle sue coste e che sarebbe poi durato in sostanziale continuit fino agli inizi del secolo XX: un aspetto che definire pittoresco sarebbe un errore assai grave, perch si tratta, in realt, di una struttura umana e fisica, delle popolazioni e dei loro insediamenti e della loro vita, che rivelava una ricchezza di espressioni appena credibile in un quadro che pure, nel suo insieme, era cos unitario. Lunit si espresse anche in una lingua particolare del Mediterraneo e comune a gran parte di esso: in pratica, un italiano corrotto e contaminato da parlate locali, che aveva cominciato a formarsi e diffondersi al tempo delle crociate e delle fortune delle citt marinare italiane e che dur anche dopo leclisse di queste fortune e assunse il suo aspetto moderno nel corso del secolo XVI. La variet era espressa, insieme, dalle particolarit delle singole contrade, tutte diverse luna dallaltra, anche se appartenenti a uno stesso paese e a uno stesso etnos, e dallincrociarsi, ovunque, delle influenze e delle memorie storiche. Modificando una riflessione di Braudel, diremo che il Mediterraneo un mare, ma anche una successione di mari; e lo stesso diremo della civilt che vi fiorita, sempre coniugabile al singolare e al plurale, e della sua geografia umana e naturale. Il XVI secolo non , in ci, diverso da ogni altra epoca del Mediterraneo. Vi port, tuttavia, la definizione, come abbiamo detto, di una fisionomia, che, allinsegna della bipartizione tra Cristiani e Ottomani, sarebbe durata per tutta let moderna, infrangendosi solo nel XX secolo. Vi port, per la verit, una cronicizzazione in nuove forme di fenomeni antichissimi della vita del Mediterraneo (n solo della sua), ossia la pirateria e la schiavit, praticati del pari in ambito cristiano e in ambito musulmano, ma in questo secondo con una vera e propria ufficialit. Non dovette essere soltanto questo a produrre lesteso fenomeno dei rinnegati, che tra i cristiani appare molto pi diffuso che fra i musulmani; n dovette essere solo la suggestione delle grandi carriere che alcuni di essi fecero nellamministrazione e nelle armate ottomane. Evidentemente in quel passaggio allaltra religione si esprimeva un disagio e un dissenso sociale che apparivano non suscettibili di altre mediazioni. Ma anche questo era un tratto della storia delle popolazioni mediterranee che, nella sua ragione determinante, si sarebbe perpetuato ben oltre il termine cronologico, al quale ci siamo qui riferiti. In progresso di tempo sarebbe apparso come il disagio che spingeva a mutare area e aria nel Mediterraneo diviso dalle sue barriere imperiali e religiose avrebbe continuato a operare nello stesso senso quando si sarebbe aperta, nella seconda met del secolo XIX, lepoca delle grandi migrazioni dai paesi europei verso le Americhe e, nella

017

G. GALASSO

seconda met del secolo XX, lepoca delle grandi migrazioni dal cosiddetto Terzo Mondo verso il mondo degli agi e del benessere, di cui ora anche i paesi della vecchia emigrazione europea si trovavano a far parte. E valga questo a far ricordare che il Mediterraneo delle grandi civilt e dei grandi splendori imperiali fu sempre anche il Mediterraneo di un grande travaglio umano, che, con sofferenze spesso difficilmente sopportabili, serv da base allaltro e pi illustre, proiettando sulle vicende luminose di questultimo le ombre di tristezze e malinconie e di mali e problemi che fanno parte dellumanit di sempre e che perci debbono sempre far parte anche della storia che si scrive di una qualsiasi frazione dellumanit. Nota bibliografica Le citazioni riportate nel testo si riferiscono a F. Braudel, Civilt e imperi nel Mediterraneo nellet di Filippo II, Einaudi, Torino 1963; ed a R. Mantran, Limpero ottomano e il suo declino (XVI-XVIII secolo), in La storia, dir. di N. Tranfaglia e M. Firpo, ed. Utet, Torino 1986, pp. 339-361. Per la valutazione complessiva del periodo cfr. G. Galasso, Storia dEuropa, Laterza, Bari 20012; e per vari aspetti Idem, Laltra Europa. Per una storia antropologica del Mezzogiorno dItalia, Argo, Lecce 1972. Per la lingua franca cfr. J. Cremona, Geografia linguistica e lingua franca del Mediterraneo, in Carlo V, Napoli e il Mediterraneo, Atti del Convegno internazionale, Societ Napoletana di Storia Patria, Napoli, 2001.

018