Sei sulla pagina 1di 30

STORIA MODERNA

PRIMA ETA MODERNA: trasformazione dellEuropa COLONIALISMO:nuove rotte marine nuovo sistema di scambi e rapporti economici nuove risorse assoggettamento politico ed economico delle regioni nuovi pretendenti: dopo Spagna e Portogallo, Inghilterra, Francia e Olanda la maggiore disponibilit di capitali, grazie allo sfruttamento, porta alla creazione di strutture capitalistiche e imprenditoriali moderne (dove minore la resistenza feudale) SPAGNA Monopolio degli scambi commerciali: - importazione di grandi quantit di minerali e metalli preziosi; - importazione anche di prodotti a largo consumo, non solo di lusso (VS Medioevo); - 1503 Casa de Contratacin: riscuoteva i dazi sugli scambi con lEuropa, che passavano obbligatoriamente da Siviglia; - Anversa: centro di smistamento, concentrazione di capitali e traffici finanziari; Formazione dellImpero spagnolo in America: 1 citt Santo Domingo (1496); Struttura territoriale: encomiendas, gruppi di villaggi sottoposti ad un colono, encomenderos, che riscuoteva tasse e sfruttava la manodopera; Sfruttamento: tratta degli schiavi neri, ricerca di manodopera e necessit di territori nuovi necessaria la penetrazione del continente: i conquistadores devastano le civilt precolombiane: - AZTECHI: 1519 Hermn Cortz entra pacificamente in Messico, poi devasta templi e impone tributi onerosi, massacra la popolazione ed infine spodesta laristocrazia locale e distribuisce le encomiendas; - INCA: Francisco Pizarro saccheggia Equador Cile Per e fonda Lima (1535); - MAYA: resistono pi a lungo (ultima ribellione 1848); cause del successo: problemi interni alle stesse popolazioni (arretratezza militare, lotte alle classi dirigenti preesistenti); spirito di intraprendenza (speranza di ascesa sociale con i bottini) dei conquistadores; opera missionaria cattolica: i missionari, inizialmente in aperta opposizione con i metodi degli encomenderos, in seguito divengono loro concorrenti se non alleati, strumentalizzati per attuare il proprio dominio; - 1512 Antonio de Montesinos (domenicano), Leggi di Burgos, vieta lo sfruttamento puramente schiavistico delle colonie; - Bartolom de Las Casas, denuncia lo sfruttamento degli indigeni; intervento della Corona: per limitare la dilagante autonomia dei conquistadores, sostituisce queste cariche con governatori e vicer fedeli e instaura nuove amministrazioni, audiencias; il potere degli encomenderos resta per forte e ottengono lereditariet, formando una nuova grande feudalit (con fortissimi squilibri nelle propriet); PORTOGALLO Monopolio del commercio marittimo con lOriente: - creazione di scali, porti, non conquista (quindi deboli); - tratta degli schiavi; 1500 Pedro Alvarez Cabral conquista il Brasile; 1549 Baha diviene capitale

EUROPA XV-XVI SECOLO


trasformazioni economiche: - aumento demografico (maggiori mezzi di sussistenza, evoluzione dellagricoltura e ampliamento degli scambi); - urbanesimo (sviluppo del commercio, delle manifatture e dellamministraz. pubblica); - campagne: lagricoltura ancora fondamentale per leconomia miglioramenti nei metodi produttivi portano a maggiori investimenti di capitali, provenienti dalla citt (dissodamenti, acquisti di nuove terre, che durante la Riforma aumentano con lespropriazione dei beni ecclesiastici) nascono i primi fenomeni di capitalismo agrario: limprenditore investiva sulle terre, affidate non pi a coloni (curtis medievale), ma a salariati; - dinamismo economico: rivoluzione dei prezzi (ingenti importazioni di oro e argento, svaluta della moneta, aumento dei prezzi) che coinvolge tutta lEuropa; ascesa di nuove forze sociali borghesi: reclutamento nellapparato dello Stato tradimento della borghesia: i pi ricchi diventano feudatari, assorbiti dalla nobilt. Trasformazioni politico-istituzionali: - rafforzamento del potere centrale degli Stati in evoluzione verso lassolutismo: soprattutto dove la monarchia si estende su ampia base territoriale: Inghilterra di Enrico VII, Francia di Luigi XI, Spagna di Ferdinando dAragona; nei Paesi divisi persistono le istituzioni medievali (Chiesa, feudalit e citt autonome): Germania divisa in principati, Italia; - ripresa della concezione sacrale della sovranit: scontro e crisi religiosa del 500: il sovrano cerca di sottomettere listituzione spirituale; - Strumenti per il rafforzamento statale - istituzione di un personale politico specializzato e di una vasta burocrazia; - istituzione di un corpo diplomatico con ambasciatori fissi; - incremento della pressione fiscale; - creazione di eserciti permanenti (VS mercenari); - continua dipendenza e scontro con la feudalit (scontri interni): anche se lo Stato cerca di soddisfare le esigenze della borghesia e dei contadini, necessita sempre delle classi feudali per sottomettere queste classi (fino alla riv. Francese la nobilt che governa); i grandi proprietari terrieri si oppongono allaccentramento monarchico;

QUADRO GENERALE DEGLI STATI EUROPEI


INGHILTERRA Cause della riuscita evoluzione istituzionale: - NO anarchia feudale: il baronaggio sempre tenuto sotto controllo, controbilanciato dalla borghesia e piccola nobilt (Camera dei Comuni); - controllo sulla Chiesa e sulla grande feudalit, grazie al Parlamento e alle confische di beni; (ogni sorta di anarchia scompare con la Guerra delle due Rose) Istituzioni vigenti: - consiglio privato di ministri (settori vita pubblica); - camera stellata (tribunale straordinario) adito alla repressione interna feudale; FRANCIA Opere di riforma iniziate con Luigi XI: - formazione del pi vasto esercito europeo, che comport una forte pressione fiscale;

- incremento della burocrazia e di organi amministrativi: Consiglio del Re, corti supreme (Gran consiglio e parlamenti) e 4 nuovi segretari di Stato (ministri, officiers); permaneva per la venalit delle cariche pubbliche, vendute alla nobilt e alla ricca borghesia (poich gli officiers non avevano stipendio ma fruivano del compenso delle loro attivit); - stimolazione del sentimento nazionale: - acquisizione della Borgogna; - 1539 Ordinanza di Villery-Cotterets: istituzione dello stato civile (libri parrocchialianagrafe dei nati e morti) e imposizione del francese sul latino nei documenti giudiziari; - politica ecclesiastica, appoggio del Gallicanesimo: sosteneva lautonomia della Chiesa nazionale dal Papa, richiedendo per cos lappoggio dello Stato (la Chiesa di Roma non ha diritto di riscuotere le decime e i tributi in Francia e in questa doveva essere sottoposta ai vescovi). IMPERO ASBURGICO - Stato frazionato: limperatore Massimiliano I non aveva alcun potere: - non esisteva un esercito regio; - mancanza di un apparato amministrativo in grado di imporsi sui principati; - lamministrazione fiscale non era estesa a tutti i microstati (uniti formalmente solo nella dieta generale, Reichstag); - tentativi di riforma interna (falliti): 1495 dieta di Worms (interdizione della guerre private; istituzione del tribunale imperiale e di una imposta comune); 1500 dieta di Augusta (istituzione del Consiglio di Stato - di cui limperatore non era presidente: gli stati si rafforzano allinterno di ognuno); - espansionismo: verso oriente, contrastato dai Turchi. IMPERO TURCO - Consolidamento dello Stato attuato da Maometto II (conquistatore di Costantinopoli); - espansionismo: verso i Balcani, spodestamento del dominio di Genova nel Mar Morto, tensioni con Venezia nellAdriatico, attacchi allUngheria e ai domini assurgici. ITALIA Frazionamento e debolezza interna: - Napoli: opposizione dei baroni (filofrancesi) alla monarchia; - Firenze: riformismo popolare (Savonarola); - Milano: Ludovico il Moro osteggia il nipote Gian Galeazzo (Visconti); Roma: politica nepotistica di Alessandro VI e conflitti nella curia; Guerre per la conquista dellItalia: 1494 Carlo VIII (Francia) rivendica i diritti degli Angi su Napoli cerca lappoggio (o neutralit, con concessioni)degli altri stati e nel 1495 ottiene la corona regia; Chiesa, Venezia, Roma, imperatore Massimiliano e Spagna creano la lega antifrancese e scacciano Carlo VIII; 1498 Luigi XII (figlio di Carlo VIII) rivendica i diritti su Napoli e sul ducato di Milano (perch imparentato con i Visconti): questione milanese 1499 Milano viene conquistata; questione napoletana 1500 Trattato di Granata Luigi XII e Ferdinando il Cattolico (Spagna) per la spartizione del Meridione; segue per un conflitto; 1504 Trattato di Lione: gli Spagnoli ottengono il predominio sul Regno di Napoli (per 2 secoli); 1503 Papa Giulio II rompe i legami con la Francia e occupa la Romagna (scacciando Cesare Borgia e riprendendo il governo pontificio sulla regione); viene osteggiato dalla Repubblica di Venezia; 1508 Lega di Cambrai: Massimiliano (imperatore, puntava allespansionismo asburgico in Veneto) papa, Spagna, Luigi XII contro Venezia;

1509 sconfitta di Agnadello: rivolte popolari a Venezia per osteggiare linvasione straniera e laristocrazia interna. Stipula la pace con la Lega e inasprisce il governo oligarchico. Lega Santa antifrancese: papa, Svizzera, Spagna, Venezia e Inghilterra (Enrico VIII); 1512 sconfitta dei Francesi: Massimiliano Sforza torna nel ducato di Milano, gli spagnoli restaurano i Medici in Toscana; 1515 Francesco I (figlio di Luigi XII) scende in Italia (sostenuto ora da Venezia e Spagna), sconfigge la Lega nella battaglia dei giganti e riconquista Milano; 1516 pace di Noyon, trattati fra Francesi e Spagna, Austria e Confederazione elvetica; Concordato di Bologna: stipulato col papa Leone X sulle disposizioni della Chiesa in Francia (che rimane in vigore fino al 1789); SPAGNA - Sottomissione completa della Chiesa allo Stato: lInquisizione (ricostituita in Pastiglia nel 1480) divenne appannaggio del sovrano, escludendo lintervento papale; - sforzo di riforma interna della Chiesa ad opera del cardinale Ximenes de Cisneros, che proib le speculazioni sulle indulgenze; attu anche progetti politici per la riduzione della potenza nobiliare: - introduzione di giuristi di altre classi sociali (letrados); - potenziamento delle hermandad (associazioni di citt e piccoli comuni): poste sotto le direttive regie aumentano i loro poteri per reprimere le violenze nobiliari; - formazione di un esercito stabile, di volontari.

CARLO V
Eredita dal padre (figlio di Massimiliano) il dominio asburgico e la corona imperiale(Belgio e Franca Contea) e dalla madre la corona di Spagna. Limpero non guidato da un sistema accentratore, ogni dominio mantiene la sua autonomia, guidati solo dai vicer e da una Costituzione unica. 1520-1521 rivolta dei Comuneros contro le imposizioni fiscali e il privilegio per funzionari statali delle Fiandre (terra natale dellimperatore) Concezione imperiale medievale, in contraddizione con i nascenti nazionalismi moderni: difesa della cristianit dallavanzata turca (in Austria, Ungheria e Mediterraneo)e dalla rivoluzione protestante (1520 bolla Exurge Domine, Leone X condanna la nuova eresia) Contesa con la Francia per il dominio degli Asburgo o dei Valois sullItalia e sulla Borgogna: Milano, posizione strategica fra i domini asburgici, viene conquistata (1525 Pavia); 1526 Lega di Cognac: Francia (Francesco I), papa Clemente VII e Venezia; 1527 sacco di Roma: un armata di Lanzichenecchi (spagnoli) saccheggiano Roma senza autorizzazione di Carlo V; scoppia la guerra: Francesco I conquista Milano e scende sino a Napoli (aiutato da Lautrec); Rivolte antispagnole in Italia, fomentate dalla feudalit (per il ristabilimento dei privilegi medievali della nobilt) e appoggiate dalla Francia; - Lautrec a Napoli; - Firenze scaccia i Medici e ricostituisce la Repubblica; Carlo V non cerca lo scontro, ma laccordo: vengono rispettati i privilegi nobiliari e si rafforza la monarchia tramite lo sviluppo dellamministrazione burocratica (vicer), frenata ed equilibrata dagli organi italiani (parlamento di Napoli, Senato di Milano); 1529 Pace di Cambrai: la Francia rinuncia al ducato di Milano e Carlo V rinuncia a conquistare la Borgogna; 1530 congresso di Bologna: Clemente VII incorona Carlo V; vengono insediati i Medici a Firenze; 1544 Pace di Crpy: Milano rimane alla Spagna e la Francia ottiene la Savoia e parte del Piemonte;

(*) Conflitti fra Carlo V e la Lega di Smalcalda (principi tedeschi protestanti); 1536 Capitolazioni: Francesco I si allea con i Turchi per osteggiare Carlo V, occupato in Germania contro i principi; Enrico II (figlio di Francesco I) si unisce ai principi tedeschi e di nuovo alla Turchia; 1555 Pace di Augusta: Carlo V decide di accordarsi con i principi tedeschi e abdica in favore dei figli Filippo II (Spagna, Italia e America e Paesi Bassi) e Ferdinando I (casa dAustria e corona); 1559 Pace di Cateau-Cambrsis: Enrico II cede la Savoia (sottoposta alla Spagna) ma mantiene legioni in Piemonte e Filippo II mantiene i suoi domini italiani (Napoli Sicilia Sardegna)e ottiene la Toscana e sottomette Genova. Avanzata turca con Solimano il Magnifico: - 1526 conquista dellUngheria: diviene vassalla (protetta)dellimpero ottomano, per non essere annessa ai domini assurgici (Ferdinando dAsburgo, fratello di Carlo V, rivendica il diritto di successione a Luigi II Jagellone, re di Boemia e Ungheria); - 1529 razzie in Austria: Vienna viene assediata, parte dellUngheria viene annessa allimpero; - 1534 conquista di Tunisi: Carlo V invia una spedizione per la liberazione, ma Algeri rimane ai Turchi, che mantengono il predominio sul Mediterraneo;

RIFORMA PROTESTANTE
Dopo il fallimento del Conciliarismo ritorna il problema della Riforma della Chiesa: - ricerca di meno formalismi nel culto; - denuncia della corruzione del clero; - critica al sistema gerarchico della Chiesa; il dibattito sulla riforma interna (e non in conflitto con la Chiesa) nel movimento umanista: UMANESIMO CRISTIANO - Girolamo Savonarola: critica della corruzione e dello spirito umanistico del clero (che abbandonano la lettura dei testi sacri); - Erasmo da Rotterdam: traduce secondo metodi filologici umanistici il NT e incrimina lignoranza e la corruzione del clero (Elogio della follia); il dibattito allinterno delle istituzioni: - Stati nazionali: in antitesi con la Chiesa sin dal Medioevo complementare ad essa e la sua decadenza si ripercuote sullaltra; - rivalsa antifeudale: la Chiesa era il baluardo feudale, insieme alla feudalit laica; MARTIN LUTERO (1483 monaco tedesco, dottore in teologia a Wittenberg) - problema religioso come problema individuale: la salvezza; - revisione e ripresa del primitivo messaggio cristiano; - rifiuto del libero arbitrio; - critiche sullorganizzazione della Chiesa; - denuncia delle indulgenze (speculazioni finanziarie); lo scalpore delle contraddizioni interne alla Chiesa ebbe episodio esemplare nella concessione (irregolare) che Leone X fece allarcivescovo di Magonza di unire tre vescovadi; 1517 le 95 TESI sulla porta della chiesa del palazzo ducale di Wittenberg contro le indulgenze; processato per eresia chiede protezione allelettore Federico di Sassonia; 1520 alla nobilt cristiana di nazione tedesca, sulla riforma della cristianit: opera rivolta alla rielaborazione dottrinale del pensiero cristiano: - sacerdozio universale: abolizione della differenza fra clero e credenti laici - libero esame dei testi: negazione della mediazione del clero nella lettura dei testi sacri; - principio della giustificazione per sola fede: predestinazione alla salvezza; - critica dei sacramenti: validi sono solo battesimo ed eucaristia (De captivitate); 1520 bolla Exurge Domine, Leone X: Lutero viene scomunicato 1521 anatema solenne e Dieta di Worms: Lutero non ritratta e viene rapito (salvato) da Federico di Sassonia e nel suo castello redige una traduzione della Bibbia in tedesco;

influenze politiche sociali del movimento riformatore: molti principi tedeschi aderiscono. Rifiuto di Lutero: contrario allestremismo armato perch incattivisce la classe dirigente e ostacola lespansione del movimento. - rivolta dei cavalieri: le piccola nobilt tedesca propugna una rivolta armata (interessata alla confisca dei beni ecclesiastici) e viene sconfitta rapidamente; - 1524 rivolta dei contadini: rivolta antifeudale basata sui dodici articoli di Mammingen e appoggiata dallestremista Thomas Muntzer, sedata a Frankenhausen; (*) 1525 il Gran Maestro del Paese dellordine teutonico si converte e secolarizzando i beni ecclesiastici fonda il ducato di Prussia; 1529 Dieta di Spira: i principi luterani redigono la Protestatio, rivolta alla maggioranza cattolica; 1530 Dieta di Augusta: i luterani redigono la confessio augustana, fondamento programmatico del movimento; Carlo V dichiara guerra ai protestanti; 1531 Lega di Smalcalda: principi e citt riformate si unisce in seguito con il re di Francia; 1555 Pace di Augusta: - libert di culto unicamente per i principi: i sudditi sottostanno al culto del loro principe cuius regio eius religio; - i beni ecclesiastici delle chiese che aderiscono alla Riforma rimangono alla Chiesa cattolica; Diffusione della Riforma e scissione del movimento in correnti - Svezia: influssi del luteranesimo e indipendenza dalla Danimarca coincidono; - anabattesimo: in antitesi con Lutero, riconoscevano la validit del battesimo solo se fatto su un soggetto adulto consapevole; - movimenti eretici in Italia: hanno una base prettamente intellettualistica - valdesiani: visione spiritualistica della religione, tenta una riconciliazione fra chiesa e protestanti per ottenere lunit cristiana (Napoli, Juan de Valds); - estremisti anabattisti e antitrinitari: rifiuto dellimmacolata concezione e visione di Cristo come profeta ispirato da Dio (Ferrara, Venezia, Lucca); - nicodeismo: cattolici praticanti allesterno e protestanti nellintimo; - Zwingli in Svizzera: 1519 riforma la Chiesa locale, entra in contrasto col luteranesimo nella concezione delleucaristia (che Z. riteneva solo atto simbolico) e perde lappoggio dei principi tedeschi nella lotta contro i cantoni cattolici, che nel 1531 lo sconfiggono; - Giovanni Calvino (riprende lopera di Zwingli): coinvolto nel caso dei plaquards (manifesti antimessa e anti-eucaristia) abbandona il cattolicesimo; va a Basilea e Ginevra dove ha contrasti col patriziato e fugge, per ritornare nel 1541 dove ricomincia la sua riforma: - struttura organizzata in pastori (direttori del culto), presbiteri (anziani, sorvegliatori della vita morale) che insieme formavano il concistoro - dottori (insegnamento), diaconi (ospedali); collaborano con lautorit civile; - principi dottrinali: predestinazione (pi deterministica che in Lutero) e vocazione che non dipende dalle azioni umane, ma unicamente dalla grazia divina (chi compie buone azioni un eletto); radicalismo e razionalismo; - rifiuto della tolleranza verso le altre religioni (idea medievale dellunit di fede); Diffusione del Calvinismo - Francia e Paesi Bassi: accettato da una maggioranza borghese e nobiliare; - Scozia: Jhon Knox impone alla regina Maria Stuart il calvinismo come religione di Stato, la Chiesa presbiteriana; - chiesa anglicana e riforma in Inghilterra: sentimenti anticlericali diffusi negli strati popolari appoggiati dalla monarchia e dal parlamento (influssi del lollardismo di Wycliff);

CONTRORIFORMA Ritardi nella convocazione del Concilio (il papa temeva nuovi attentati al suo potere, dopo gli eventi del Conciliarismo) 1537 Consilium de emendando Ecclesia: documento per il piano di riforma della Chiesa - Repressione: 1542 Paolo III, ispirato da Gian Pietro Carafa, istituisce la Santa Inquisizione generale romana (organo centrale direttivo degli uffici gi presenti nelle singole diocesi, guidati dai vescovi); - Nessuna revisione della dottrina: Vengono promosse attivit caritative, assistenziali, interventi disciplinari e morali; 1538 istituzione della Societas Jesu con Ignazio di Loyola (Spagna, baluardo del cattolicesimo); fondamentali nella penetrazione negli strati popolari, attivi educatori; rigorismo disciplinare (che influ nel dogmatismo del concilio di Trento) e posizioni conservatrici (no evangelismo pauperistico); CONCILIO DI TRENTO (1542-1563) Paolo IV (Carafa) elimina le ultime tendenze riformatrici allinterno della Chiesa; due correnti interne al concilio trovano accordo: - interventisti sul piano morale e disciplinare; - repressori delle dottrine protestanti; 1559 prima Congregazione dellIndice: raccolta dei titoli dei libri proibiti, aggiornata da Pio V; 1564 Professio fidei tridentinae, raccoglie tutte le decisioni del concilio, pubblicata da Pio IV: - indiscussa autorit del pontefice; - rifiuto della teoria della giustificazione per fede; - conferma della validit dei sette sacramenti; - riconoscimento della versione ufficiale delle Sacre Scritture come unica accettata; - ricostituzione del sacerdozio divino; - riorganizzazione e moralizzazione della Chiesa: - obbligo di residenza dei vescovi; - divieto di cumulo di beni ecclesiastici; - conferma del celibato; - controllo e istruzione seminariale dei predicatori in ogni diocesi; - conseguenze: - si libera dal nepotismo e dai legami di interesse con laristocrazia delle regioni italiane; - tensioni ideali, fra spinta verso il nuovo e reazionismo;

CULTURA NEL XVI SECOLO: RINASCENZA


- Spagna, secolo doro: Teresa de Avila, S. Giovanni della Croce, El Greco, Miguel de Cervantes; - Inghilterra, rinascenza letteraria elisabettiana: teatro di W. Shakespeare; - Italia, preludio del barocco: Caravaggio, Torquato Tasso; - teorie politiche filosofiche estremistiche: - monarcomachi, legittimit della rivolta (Teodoro di Beza) + antimachiavellismo protestante e gesuiti cattolici, subordinazione della politica alla religione (Duplessis Mornay, Knox, Buchanan); - libertini: insofferenza del moralismo, indifferenza religiosa, rivalutazione della natura, necessit di riforma politica - affini a Giordano Bruno, Tommaso Campanella; - resistenza italiana alla controriforma: Paolo Sarpi, difensore della repubblica veneziana; - teorie assolutistiche francesi: potere regio garante della pace e dellequilibrio; - giusnaturalismo e contrattualismo: la vita politica va sottomessa alla legge di natura, emancipazione delluomo nei confronti dello Stato (Ugo Grozio, G. Althusius); - rivoluzione scientifica e nascita della scienza moderna: - Galileo Galilei: critica dellaristotelismo, elimina ogni influsso della metafisica o dei pregiudizi delle auctoritas nellosservazione scientifica, emancipazione della mente;

- Niccol Copernico: condannato per le sue scoperte sul sistema solare; - Bacone, Keplero, Cartesio; - Italia: Accademie scientifiche dei Lincei e del Cimento - persecuzione delle streghe, degli eretici e di tutte le forme di deviazione e diversit; - 1484 bolla Summis desiderantes effectibus, Innocenzo VIII autorizza la lotta alla stregoneria; viene adottata la tortura nelle confessioni dei sospetti.

SITUAZIONE EUROPEA DURANTE LA CONTRORIFORMA

Processi di lunga durata: - critiche dellordinamento sociale-economico ed elaborazione di riforme degli Stati; - prime manifestazioni di rivoluzione moderna per cambiare lordine sociale vigente; - affermazione dei princpi nazionali e rivendicazione dei diritti politici della borghesia; - guerre di religione; Processi economici-demografici: - aumento dei prezzi, crisi finanziaria e crescita demografica (squilibri fra produzione e popolazione) portarono a carestie e rivolte; SPAGNA FILIPPO II diventa il braccio secolare della Chiesa nella lotta alle eresie (senza sottomettersi): - lotta allimpero turco: 1571 Lega contro i Turchi: Spagna, Venezia e Santa Sede (Pio V) affrontano i Turchi Vittoria di Lepanto: i Turchi rinunciano allespansionismo e si intavolano trattative; - lotta alle eresie interne alla Spagna e allesterno: - Spagna e domini: persecuzioni di ebrei e musulmani; 1561 massacro dei valdesi in Calabria; 1609 dispersione ed espulsione dei moriscos (convertiti) dopo la rivolta del 1568-70; - Inghilterra: Filippo sposa Maria Stuart la Cattolica (figlia di Enrico VIII e Caterina dAragona) e tenta di reinsediare il cattolicesimo, ma non fa che inasprire il conflitto coi protestanti e viene sconfitto; (**) - difesa del monopolio sulle colonie americane: - Portogallo: 1580 approfitta della crisi dinastica e lo annette alla corona spagnola; - Inghilterra: potenza marinara nascente, intensifica il commercio nel Nord Europa e inizia la colonializzazione in America (1584 Virginia); PAESI BASSI Olanda, Belgio, Lussemburgo e Nord della Francia (Fiandre e Artois): - uniti dagli Stati generali (parlamento comune) conservavano la loro rispettiva autonomia; - guida dei paesi erano laristocrazia feudale e la ricca borghesia mercantile e finanziaria; - diffusione di gruppi anabattisti e di calvinisti (dopo il 1550); Filippo II cerca di ridurre lautonomia degli stati e di combattere leresia: suscita proteste antispagnole; 1564 i nobili riescono a far dimettere il cardinale Granvelle (fedele di Filippo II, era il reale detentore del potere nei Paesi Bassi); 1566 Luigi di Nassau (fratello di Guglielmo dOrange) guida una rivolta di gueux (pezzenti) fino a Bruxelles, dove presentano una petizione (dove chiedevano anche labolizione dellInquisizione); Repressione di Filippo II: 1567 Duca dAlba inviato nei Paesi Bassi; Consiglio dei torbidi: condanne agli eretici e dispersione del movimento dei gueux; la guerriglia continua sul fronte marino, comportando un enorme dispendio finanziario: il duca dAlba impone una nuova tassa sui Paesi Bassi (10% sulle merci vendute);

Guglielmo dOrange guida il nuovo tumulto di rivolta (allargatosi, per la pressione fiscale); 1576 Unione di Gand: le province si uniscono (anche quelle cattoliche!) per la lotta comune alloppressore: si diffonde lidea dellindipendenza nazionale; Filippo II cerca gli accordi: ritira lesercito ma chiede lesclusivismo cattolico; - intanto il movimento indipendentistico aveva creato le basi per una pi ampia partecipazione borghese al potere e non vollero conciliarsi col contraddittorio dispotismo spagnolo; - non viene per sconfitto il particolarismo delle regioni, di cui approfitt la Spagna: 1579 Unione di Utrecht: repubblica delle Province Unite (regioni settentrionali) e indipendenza; 1609 tregua di 12 anni fra Spagna e repubblica; 1648 Spagna riconosce lindipendenza dellOlanda. FRANCIA Crisi monarchica dopo la morte di Enrico II: - reggenza di Caterina de Medici, madre di Carlo IX, influenzata da gruppi di nobili: - Guisa e Montmorency: promotori della repressione cattolica; - Borbone e de Coligny: ugonotti (di Stato), calvinisti francesi; 1562 Editto che consente libert religiosa agli ugonotti, al di fuori delle mura; 1563 Editto di Amboise, Caterina influenzata dai Guisa (influenzati a loro volta dalla Spagna)ritratta: libert religiosa ai principi (e ai rispettivi sudditi, cuius regio eius religio); 1568 Coligny guida le rivolte; 1570 pace di Saint Germain: gli ugonotti ottengono 4 places de suret per la libert di culto; 1572 notte di San Bartolomeo: Carlo IX e i capi cattolici decidono di massacrare gli ugonotti; 1573 nuovo editto che riportava alla situazione religiosa alla precedente; Enrico III succede al fratello Carlo IX; 1576 Editto di Beaulieu: Enrico di Borbone ottiene il pi vantaggioso risultato per i protestanti; Lega santa: Enrico di Guisa crea la lega cattolica; 1584 trattato di Joinville: Spagna e Lega si accordano per evitare la futura successione al trono di Enrico di Borbone; papa Sisto V dichiara decaduti i diritti dei Borbone; 1588 Enrico III tradisce i cattolici, fa uccidere Enrico Guisa e si schiera coi protestanti; 1589 Enrico III viene fatto uccidere da un emissario cattolico: impone per come successore Enrico di Borbone, a condizione di convertirsi al cattolicesimo; 1593 Enrico IV abiura, abbandona il calvinismo per il cattolicesimo (il machiavellico); 1598 pace di Vervins fra Enrico IV e la Spagna; 1598 Editto di Nantes: assicura la libert di culto, con un compromesso fra cattolici e ugonotti: - agli ugonotti vengono dati un centinaio di places de suret; - il protestantesimo viene proibito a Parigi e dintorni; INGHILTERRA (**) Enrico VIII si scontra col papa Clemente VII, che non vuole concedere lui il divorzio da Caterina dAsburgo (parente di Carlo V, che si opponeva); 1529 il parlamento appoggia la politica anticlericale del re, denuncia gli abusi ecclesiastici; 1531 il parlamento accusa il clero di infedelt alla corona e lo obbliga a sottomettersi ad essa; 1534 Atto di supremazia (Cromwell): il re diviene capo supremo della Chiesa (sopprime i conventi e incamera i loro beni) e conferma lo scisma con la Chiesa di Roma; Edoardo VI (figlio di Enrico VIII) adotta il prayer book di ispirazione protestante; 1559 legge di uniformit, Elisabetta (figlia di Enrico VIII): common prayer book anglicano; 1563 Bill dei 39 articoli segna la definitiva penetrazione del calvinismo nella chiesa anglicana; lInghilterra di Elisabetta diviene il baluardo dei protestanti (olandesi e francesi) contro lingerenza spagnola di Filippo II (lotta combattuta tramite attacchi corsari, pirateria);

Filippo si sposa con Maria Stuart (la sanguinaria): regnante in Scozia, figlia di Margherita Tudor (sorella di Enrico VIII), viene in linea di successione dopo Elisabetta al trono dInghilterra; tenta di eliminare ogni conquista protestante, con laiuto di Filippo II (penetrazione clandestina di missionari) ma viene scoperta; 1588 Maria Stuart viene condannata a morte; Filippo dichiara guerra, sostenuto dal papa Sisto V; linvincibile armata spagnola viene sconfitta; 1604 fine ufficiale dello scontro fra Spagna e Inghilterra. Concluso lo scontro con la minaccia cattolica, inizia lo scontro fra la chiesa anglicana ufficiale (legata allo Stato e alla base episcopale) e le correnti calviniste radicali dei puritani (basate sullesperienza ginevrina), che si opponevano allassolutismo elisabettiano. POLONIA Lituania, Masovia, parte della Prussia, Curlandia e Livonia. 1573 Pacta conventa: monarchia elettiva e nobili sottoposti alla Dieta (dei nobili) ottengono il predominio nella vita politica; infiltrazioni riformiste: - Fausto Socini (esule) introduce lantitrinitarismo nella piccola nobilt; - luteranesimo nelle popolazioni di lingua tedesca; - calvinismo in Lituania; queste influenze creano scontri religiosi e aumentano il contrasto fra piccola e grande nobilt: - gesuiti, furono i promotori dello spirito nazionale polacco e fecero della Polonia il baluardo controriformista. SVEZIA La Polonia cerca di estendere la controriforma in Danimarca e Svezia ma il luteranesimo resiste; RUSSIA Ivan IV il Terribile: rimane estraneo allo scontro religioso - sviluppa il sentimento nazionale espandendosi verso il Volga e la regione dei Cosacchi; - lotta allanarchia dei grandi signori.

EUROPA XVII SECOLO


10

Recessione economica, iniziata gi alla fine del 500 sfocia attorno al 1620 in crisi generale (ristagno demografico, crisi del commercio, carestie, crisi agraria e manifatturiera) - difficolt nei primi sviluppi capitalistici nel campo mercantile: - depressione degli scambi commerciali e pressione fiscale sulle colonie; - esaurimento dei giacimenti di minerali preziosi nelle colonie; - subentro di nuove potenze coloniali: Inghilterra (Antille, Virginia), Francia (Antille e Canada), Olanda (Brasile, Australia); - resistenza feudale allo sviluppo capitalistico nel settore agricolo: - pressioni dei proprietari, dello stato e della chiesa sui contadini; - banditismo, fuga dalle campagne; - 1640-1650 rivolte sociali; Divisione fra le aree di sviluppo: - aree di sviluppo: Inghilterra, Francia, Olanda; - aree di ristagno: Spagna e Italia meridionale;

QUADRO GENERALE DEGLI STATI EUROPEI


FRANCIA Enrico IV: opera di riordinamento - duca di Sully: finanze e agricoltura (alleggerisce le tasse ai contadini, opere di bonifica); venalit delle cariche pubbliche: paulette, tassa per avere lereditariet (favorisce lascesa della borghesia ma distrae capitali); - Laffemas: industria e commercio, adozione di misure protezioniste; opera di pacificazione - unica breve guerra coi Savoia: annessione di alcuni territori; 1610 uccisione di Enrico IV, diviene reggente la moglie Maria de Medici: - influenza di Concino Concini; - politica di avvicinamento alla Spagna; Figura carismatica del cardinale Richelieu: restaurazione politica e cattolica; - intervento politico con la ripresa degli scontri: - agitazioni religiose: 1625-27 guerra agli ugonotti (calvinisti francesi) e assedio di La Rochelle; 1629 Editto di grazia: non un accordo ma una concessione: libert di culto ma soppressione delle places de suret; - scontri fra borghesia e signoria feudale: 1614 convocazione degli Stati generali Accuse dei borghesi agli abusi della nobilt, opposizione dei nobili alleredit degli uffici; - rivolte popolari per la pressione fiscale (1623-1642); - Intrighi di Maria de Medici e i grandi signori: attentati al figlio Luigi XIII (che aveva fatto uccidere Concini, 1617); 1631 giornata degli inganni: Maria scoperta e viene mandata in esilio; - potenziamento dellapparato amministrativo: - intendenti, funzionari regi a direzione delle province; INGHILTERRA - NO anarchia feudale (guerra delle due rose); - classe borghese consistente; - anglicani (pro assolutismo) VS puritani (antiautoritarismo); Giacomo I Stuart(figlio di Maria Tudor, divenuto re dopo lunificazione di Inghilterra e Scozia); - appoggio del clero anglicano (Giacomo I fu teorico dellassolutismo); - persecuzioni ai cattolici e puritani:

11

1605 congiura delle polveri: attentato cattolico al parlamento; - opposizione della Camera dei Comuni: borghesia e piccola nobilt agraria; il parlamento pretende che non si emanino tasse senza il suo consenso; Carlo I: - 1628 petizione dei diritti presentata dal parlamento; - 1629 scioglie il parlamento e inizia la repressione; PROVINCE UNITE Olanda: ha la preminenza sulle altre province; Stati Generali, Gran Pensionato (borghesia mercantile) e Stadhoulder generale(famiglia degli Orange, nobili) erano a capo delle province; dissidi religiosi: - Arminiani (borghesia), calvinisti moderati; - Gomaristi (nobili e popolo), calvinisti intransigenti; 1618 sinodo di Dodrecht: vincono gli intransigenti. SPAGNA Decadenza: - Rivolte sociali contro gli abusi feudali: sviluppo del banditismo; - debolezza della borghesia; - difficolt economiche: - cacciata dei moriscos (molti artigiani e contadini agiati); - esaurimento dei giacimenti minerari americani; - slancio culturale: speranza nella monarchia risolutrice(Campanella); Filippo III: pacifista, inadatto alla ricrescita del Paese; influssi del militarismo casigliano, duca di Olivares: - ripresa dellimperialismo; - politica di accentramento: unione delle armi, maggiori contributi (finanziari, militari e politici)delle province, in proporzione alla loro popolazione; conseguente aggravamento dei contrasti: - rivoluzione del Portogallo; - rivoluzione della Catalogna; - rivoluzione del regno di Napoli; POLONIA Aggravamento degli abusi feudali, dei magnati. RUSSIA - zar Gudunov: succede a Demetrio (discendente di Ivan il Terribile): tenta di contrastare i boiari (grandi feudatari) e viene attaccato dalla nobilt; - Bolotnikov: ex servo della gleba, capo di una rivolta popolare, soppressa; - invasione della Polonia: risveglio dello spirito nazionale, liberazione di Mosca; - 1613 zar Romanov: restaura lereditariet nella successione dinastica. SVEZIA Cerca legemonia nel Baltico, che ottiene con la guerra dei trentanni. GERMANIA - Resta legata ai particolarismi dei principati, potere imperiale debole; - lega delle citt anseatiche: hanno il monopolio nel Baltico; - tensioni religiose, si creano due leghe contrapposte: - unione evangelica luterana(+ Palatinato, Francia); - lega cattolica (+ duca di Baviera, Spagna).

GUERRA DEI TRENTANNI


CAUSE

12

IMPERO GERMANICO - acuirsi degli scontri politici: - tendenze nazionalistiche in Boemia e Transilvania; - tentativi di autonomia politica dei principi tedeschi; - acuirsi degli scontri religiosi: irrigidimento antiprotestante - cattolici + imperatore Mattia (1613); - protestanti + Ferdinando di Boemia (1617); FASE BOEMA (1618-1623) Alcune chiese protestanti vengono chiuse: i boemi insorgono 1618 defenestrazione di Praga, di due luogotenenti dellimperatore; si creano gli schieramenti: - Impero: 1619 Ferdinando II diviene imperatore + alleanza: Spagna (Olivares), Polonia, lega cattolica (Jan Tserclaes de Tilly) - Boemia: nuovo governo di nobili e borghesi, formazione di un esercito + alleanze: Moravia, Olanda, Inghilterra, elettore del Palatinato; Francia, Province Unite solo aiuto politico tenta di invadere Vienna, deve retrocedere; non riconosce limperatore Ferdinando II, elegge Federico V re di Boemia; 1620 Battaglia della Montagna Bianca: sconfitta dei boemi e repressione (1618-1623) - espropriazione del 50 % delle terre boeme per le spese di guerra e la ricattolicizzazione della Boemia (intervento dei gesuiti); - emigrazione verso Germania e Svezia; Spagna: - termina la tregua dei dodici anni con le Province Unite - attacca la Valtellina, punto strategico fra limpero spagnolo e lasburgico; 1620 sacro macello di Valtellina (uccisi protestanti); Lega antispagnola: Francia, Venezia, Savoia; 1626 trattato di Moncon: indipendenza delle valle ma forti influssi cattolici spagnoli; Francia: riprende la politica antispagnola-asburgica; FASE DANESE (1625-1629) Re Cristiano IV + principi tedeschi contro loffensiva cattolica + alleanze: Francia, Olanda, Inghilterra (non intervengono attivamente per); Imperatore Ferdinando: lega cattolica + esercito di Wallenstein; 1629 pace di Lubecca: obbligo di non intervento in Germania. Editto di restaurazione: Ferdinando impone la restituzione dei beni cattolici sequestrati dai protestanti dopo il 1552. FASE SVEDESE Re Gustavo Adolfo: minacciato dallimpero per il dominio sul Baltico; 1630 vince su Tilly, libera il Palatinato e occupa la Baviera; 1632 battaglia di Lutzen: vittoria svedese, morte di Gustavo Adolfo; 1634 battaglia di Nordlingen: Wallenstein sconfigge gli svedesi e ritiro delle truppe; 1635 pace di Praga: limperatore si accorda coi principi protestanti revocando leditto di restaurazione e accordando concessioni politico-religiose; FASE FRANCESE Politica antispagnola e asburgica: - conflitto della Valtellina; - conflitto nel Monferrato: Spagna e Savoia tentano di usurpare il duca di Mantova; Spagna, Savoia e Impero devastano il mantovano; 1631 trattato di Cherasco: la Francia invade il Piemonte e ottiene il Pinerolo; - 1635 Richelieu decide di entrare nel conflitto europeo; 1643 battaglia di Rocroi: gli Spagnoli vengono sconfitti dallesercito di Cond (francese);

13

1644 trattati di Munster e Osnabruck: Ferdinando accetta i negoziati; 1648 pace di Westfalia: escono vincitori Francia, Province Unite e Svezia; - Francia: vescovati di Metz, Toul, Verdun, territorio dellAlsazia; - Svezia: Pomerania occidentale, Brema e dominio sul Baltico; - Brandeburgo: Pomerania orientale, trasforma lelettorato in regno di Prussia; - principati tedeschi: indipendenza dallimpero, conferma della pace di Augusta; - impero: rinuncia alle pretese di dominio sui principati, ma si rafforza in Austria, Boemia e Ungheria; tentativi di riunificazione e rafforzamento, in vista della minaccia turca (1663-1683). Fine delle guerre di religione.

SITUAZIONE EUROPEA MOVIMENTI INDIPENDENTISTICI


SPAGNA Motivi di esasperazione popolare: - mobilitazione enorme di risorse per le guerre; - pressione fiscale delle unioni delle armi; INDIPENDENZA DELLA CATALOGNA 1635 Olivares decide di attaccare la Francia dalla parte della Catalogna; 1640 rivolte delle campagne, appoggiate dalla borghesia e nobilt cittadine + Aragona: proclamazione dellindipendenza dalla monarchia spagnola e protezione della Francia. INDIPENDENZA DEL PORTOGALLO Crisi nei rapporti con limpero coloniale: lindipendenza dalla Spagna comporta la ripresa dellespansione coloniale; 1640 indipendenza di Lisbona e allargamento del movimento in Andalusia; + alleanze: Inghilterra, Francia; 1668 trattato di Lisbona: la Spagna riconosce lindipendenza del Portogallo. RIVOLTA DEL REGNO DI NAPOLI I ceti popolari (borghesia, intellettuali, artigiani, contadini) si schierano contro nobilt feudale, aristocrazia finanziaria: 1647 Masaniello guida la rivolta popolare: chiede - riforma dellordinamento della capitale (parificazione dei rappresentanti nobili e popolari nel governo); - abolizione di tutte le nuove tasse; Segue la lotta al dominio spagnolo, promotore delle usurpazioni del baronaggio (vendita del diritto di riscuotere imposte) e la pressione fiscale; 1647 proclamazione della Repubblica (modello delle Province Unite), sostenuta dalla Francia; Enrico di Guisa (francese) diviene capo della Repubblica; 1648 cade la Repubblica: la borghesia scende a compromessi con la monarchia; Nuovo vicer: politica moderatamente riformista. FRANCIA 1642 Mazzarino successore e continuatore della politica di Richelieu: - lotta alla FRONDA, sommosse popolari appoggiate dalla borghesia e dal parlamento; dopo il prolungamento della paulette (che scadeva nel 1648) il Parlamento di Parigi elabora una proposta di riforma, proposition de la chambre de Saint Louis: chiede il controllo parlamentare sullamministrazione finanziaria (monarchia governata dalla borghesia); 1648 arresto di Broussel (ispiratore del movimento); iniziano e si espandono le rivolte, preoccupanti per leccessivo intervento popolare; 1649 fuga della Corte da Parigi; pace di Rueil: accordi fra Parlamento e Corte;

14

- lotta alla Fronda dei principi, anarchia dei grandi signori; 1650 il principe di Cond guida la rivolta dei grandi signori contro lo strapotere di Mazzarino; 1652 viene sconfitto e si allea con la Spagna; - lotta agli spagnoli e assurgici; 1658 battaglia delle Dune: gli Spagnoli vengono sconfitti; 1659 pace dei Pirenei: cessione alla Francia del Rossiglione, dellArtois e alcune zone delle Fiandre e Lussemburgo; sancisce il predominio francese in Europa. INGHILTERRA RIVOLUZIONE INGLESE - gentry (piccola nobilt cittadina) e borghesia mercantile in ascesa, grazie a: - confisca dei beni ecclesiastici; - trasformazione dellagricoltura (espansione dellallevamento); - sviluppo mercantile; - diffusione del puritanesimo (e della corrente presbiteriana)nella gentry : - idea di uguaglianza spirituale tra gli uomini, libert di opinione; - opposizione alla classe dominante, appoggiata da Chiesa ufficiale anglicana e Stato; - opposizione ai legami fra Chiesa anglicana e Stato e gerarchie ecclesiastiche; - opposizione alla corona, per le concessioni di privilegi allaristocrazia e per la pressione fiscale e i tentativi di ridurre le autonomie locali e il potere della gentry; sostegno del Parlamento; - 1638 rivolta calvinista in Scozia: il ministro inglese Laud tenta di imporre il cerimoniale anglicano; gli Scozzesi si oppongono, con un patto (Convenant); - 1640 (13 aprile-5 maggio) corto parlamento: per le spese della repressione del movimento calvinista il re Carlo I convoca il Parlamento, che si oppone e viene sciolto; - 1640-1653 lungo parlamento: viene riconvocato ma si oppone alla corona ancor pi radicalmente: - chiede la condanna dei ministri Strafford e Laud; - abbattimento della Star Chamber e dellHigh Commission (organi repressivi dello Stato); - formazione degli schieramenti interni al parlamento, per gestire la crisi della monarchia: - maggioranza presbiteriana: mantenimento della monarchia con poteri limitati; - indipendenti: abbattimento della monarchia e istituzione della repubblica; - levellers: democrazia, soppressione della camera dei Lords e tolleranza religiosa; 1642 il re tenta il colpo di Stato: inizia la guerra civile fra i due schieramenti - cavalieri: nobili, parte della gentry e correnti religiose conservatrici realiste; - teste rotonde: borghesia cittadina, piccoli proprietari, puritani, fautori del parlamento; 1645 new model army: Oliver Cromwell (indipendente) organizza la cavalleria e lesercito; battaglia di Naseby: vittoria dei rivoluzionari; 1647 i livellatori impongono un Accordo del Popolo: sovranit popolare, libert religiosa e suffragio universale (mai applicato); 1648 Rump Parliament: Cromwell epura il parlamento dai presbiteriani e reprime gli estremismi dellesercito (perch mettono in pericolo il potere alto-borghese); 1649 condanna a morte del re Carlo I; 1649-1660 riforme di Cromwell: - soppressione della Camera dei Lords, perdita dei privilegi nobiliari; - soppressione dei diritti feudali nelle campagne, estensione delle enclosures; - modificazione del sistema fiscale per favorire linvestimento di capitali; - grande sviluppo marinaro e commerciale: mercantilismo - rompe il monopolio dellOlanda su tabacco, zucchero e entra nella tratta di schiavi; - inizia la dominazione in India;

15

- alleanza col Portogallo; - repressione e conflitti: - rivolta irlandese: le terre vengono confiscate dallInghilterra; - rivolta scozzese realista (Carlo II): 1652 Cromwell annette la Scozia allInghilterra; - 1651 Atto di Navigazione (con lInghilterra commerciano solo navi inglesi) Provoca il conflitto con lOlanda, che perde il monopolio mercantile; 1653 Cromwell si dichiara Lord protettore di Inghilterra, Scozia e Irlanda: dittatura; nuove forme di radicalismo: - diggers: eguaglianza sociale e abolizione della propriet privata; - quacqueri: uguaglianza sociale, religiosa e dei sessi, pacifista; 1658 morte di Cromwell: sotto il governo del figlio Richard, la monarchia avvia la restaurazione: Carlo II Stuart riporta lassolutismo, lepiscopalismo della Chiesa, elimina molti puritani; resta comunque impossibile un ritorno allo stadio originario.

RIPRESA DELLASSOLUTISMO
- necessit di stabilit economica e sociale, contro lascesa della borghesia e la crisi economica; FRANCIA 1661 LUIGI XIV: - concezione dellorigine divina del potere: - gallicanesimo e assolutismo (clero sottoposto alla corona) - riforma e controllo del governo: - accresce il corpo di funzionari: intendenti, dediti allamministrazione finanziaria e giudiziaria delle 32 province, per limitare le autonomie locali; - continuano le vendite degli uffici; - annullamento del diritto di rimostranza dei parlamenti; - creazione di nuovi nobili; - censura e controllo delle tipografie; - fioritura del mecenatismo: classicismo; - divario fra Versailles e il resto del Paese: - gravosit del regime feudale; - pressante fiscalismo; - promozione (fallita)dello sviluppo economico col colbertismo: mercantilismo e protezionismo - vieta limportazione di manufatti stranieri e lesportazione di materie prime, con dazi; - istituzione di compagnie commerciali; - guerre per legemonia sul piano internazionale: crisi della monarchia spagnola e successione: Maria Teresa, figlia del re di Francia viene esclusa 1667-68 guerra di devoluzione: i giuristi francesi espongono il diritto di devoluzione, per cui solo i figli di primo letto (Maria Teresa) possono ottenere leredit paterna. 1667 la Francia invade le Fiandre spagnole; 1668 pace di Aix la Chapelle: la Francia annette 12 citt fiamminghe; 1672 guerra con lOlanda: minacciata dallavanzata francese si allea con Inghilterra e Svezia; la Francia invade lOlanda che ricorre alla drastica rottura delle dighe per farla retrocedere; Guglielmo III dOrange diventa Stadhouder e si allea con il Brandeburgo, Impero, principi tedeschi e Spagna. 1678 pace di Nimega: la Spagna cede alla Francia la Franca Contea e altre terre delle Fiandre; lOlanda ne esce indenne. - Riunioni: annessioni pacifiche di altri territori senza scontri, basate su diritti storico-giuridici: 1681 annessione di Strasburgo.

16

1684 bombardamento di Genova: cerca di toglierla dallinfluenza spagnola; tregua di Ratisbona: Olanda, Svezia, Spagna riconoscono le annessioni francesi in cambio della fine delle pretese sulle Fiandre; - politica religiosa: dissidio col papa Innocenzo XI: - istituzione delle regalie temporali (riscossione delle rendite dei benefici vacanti) e regalie spirituali (diritto di nomina dei beneficiari); - Dichiarazione dei Quattro Articoli: validit dei principi gallicani e della politica ecclesiastica del re (clero sottoposto al re); lotta agli ugonotti (per diminuire gli attriti col papa): - alloggiamenti dei dragoni (corpi militari) nelle case dei protestanti; - conversioni forzate; - 1685 Editto di Fontainebleau: revoca delleditto di Nantes ed espulsione degli ugonotti dalla Francia; - spedizione militare contro i valdesi in Piemonte; 1686 LEGA DI AUGUSTA: Austria, Spagna, Olanda, Svezia + Inghilterra, Savoia (V. Amedeo II); diretta conseguenza della revoca delleditto di Nantes, che cre un fronte antifrancese (Olanda: i profughi ugonotti iniziano la propaganda antifrancese e promuovono una critica dellassolutismo); - guerra con la Lega dAugusta: Luigi XIV occupa il Palatinato e tenta la restaurazione in Inghilterra: la Lega entra in guerra; 1693 accordi con il papa Innocenzo XII: riconoscimento delle regalie temporali ma rinuncia dei Quattro articoli; Vittorio Amedeo II esce dalla Lega; 1697 pace di Ryswyk: rinuncia delle terre conquistate dopo la pace di Nimega (tranne Strasburgo) e riconoscimento di Guglielmo III dOrange re dInghiterra; (la Francia diviene accondiscendente a causa della crisi finanziaria e della carestia interna); - guerra per la successione spagnola: 1700 Carlo II muore senza eredi: Luigi XIV invece di procedere alla spartizione decide di rispettare il suo testamento ed elegge re Filippo V (pronipote di Luigi), a patto di non unire le due corone; gli influssi della Francia sulla Spagna per si sentono e si crea un fronte antifrancese; Grande Alleanza dellAia: Inghilterra, Olanda, imperatore e alcuni principi tedeschi; Francia + Spagna, Baviera (Portogallo e Savoia, che escono presto dallalleanza); sconfitte francesi; 1710-12 ripresa francese; 1713 pace di Utrecht con la Grande Alleanza; 1714 pace di Rastadt separata con limperatore; - Filippo V conserva la corona ma perde le colonie europee; - Francia perde alcuni domini; - Inghilterra ottiene le colonie francesi e lasiento della tratta degli schiavi (inizia lespansione); - Austria ottiene Fiandre, Milano e Regno di Napoli e Sardegna; - Savoia ottiene la Sicilia e il Monferrato; la Spagna attacca Sicilia e Sardegna: pace dellAia: la Sicilia va allimperatore Carlo VI e la Sardegna va al ducato di Savoia. CAMBIAMENTI DEI RAPPORTI DI FORZA SUL PIANO INTERNAZIONALE IMPERO ASBURGICO 1682 Leopoldo I, impotente di fronte allavanzata turca: assedio di Vienna e fuga; 1683 battaglia di Kahlenberg: Giovanni Sobieski, re di Polonia, ferma i Turchi; annessione dellUngheria ai domini austriaci;

17

INGHILTERRA II RIVOLUZIONE INGLESE 1679 Habeas corpus: Carlo II costretto ad accettarlo (NO allarresto arbitrario); Giacomo II tenta la restaurazione del cattolicesimo, aiutato dalla Francia; 1688 Guglielmo III dOrange viene chiamato a prendere la corona; Il re fugge in Francia: 1689 Dichiarazione dei diritti, sovrano espressione della volont nazionale: - controllato dalla Camera dei Comuni e dalla Camera dei Lords; - sconfitta degli estremisti repubblicani e sostenitori della monarchia divina; - whig, borghesia mercantile, e tory, proprietari terrieri, partecipi del governo; Atto di Tolleranza: tolleranza ai protestanti non conformisti ma non a cattolici e atei; lInghilterra si allea alla Lega di Augusta; 1714 elezione di Giorgio I di Hannover; RUSSIA - 400-500 rafforzamento dellunit dello Stato contro il frazionamento feudale; creazione di piccola e media nobilt grazie alla cessione di terre (pomestia); - organi governativi: duma dei boiari e zemskij sobor della nobilt (che decade dopo il 1683); - Permanenza della servit della gleba:rivolte contadine e lotte interne alla nobilt; 1606-08 rivolta di Bolotnikov: contro laggravamento della servit nelle campagne; 1648-50 rivolta contro la tassa sul sale; 1549 codice: la servit della gleba diviene status irremovibile per tutta la vita; 1662 rivolta del rame; 1667 rivolta di Stenka Razin: contro i boiari (nobili) e i grandi proprietari; 1689 Pietro I il Grande, periodo di ascesa: opere di riforma - occidentalizzazione della moda e della cultura (nemeckaja sloboda: colonia tedesca); - amministrazione: sostituzione della duma con il senato per controllare i governi provinciali, come corte suprema e come amministratore finanziario; - istituzione del Santo sinodo: controlla la vita spirituale e il patrimonio ecclesiastico; - promozione della cultura: nuove scuole; - riforma della burocrazia: meritocrazia (non solo i nobili raggiungono le alte cariche); conseguente espansione dellaristocrazia; 1700 scontro con la Svezia 1721 pace di Nystadt: annessioni russe e fine dellimperialismo sul Baltico della Svezia; POLONIA Periodo di decadenza: - predominio dei magnati sulla servit della gleba ed eterogeneit etnica; - pressione della Svezia e della Russia; PRUSSIA Pace di Nystadt: ottiene la Pomerania occidentale, crea le fondamenta per un grande stato; Federico Guglielmo di Hoenzollern: inaugura la politica assolutistica: - riorganizzazione dello Stato, fortemente militarizzato; - potenziamento dellesercito; CRISI DELLASSOLUTISMO - Ugo Grozio: diritto naturale; - Hobbes: eliminazione del diritto divino del sovrano; giusnaturalismo; - Spinoza: tolleranza religiosa libert individuale intoccabile dallo stato; - Locke: diritto e legge di natura VS assolutismo; diritto di ribellione allo Stato;

18

CRITICA DELLA RELIGIONE - Leibniz: comunanza dei principi a tutte le chiese; - deisti: religione di natura VS religione positiva (dogmi, chiesa..), che viene negata; - giansenismo: valore intimo e personale della fede (Pascal) e antiassolutismo; 1713 bolla Unigenitus di Clemente XI, condanna del giansenismo; - Bayle: precursore dei lumi, abbandono dei pregiudizi e affidamento alla ragione; fiducia nel progresso.

EUROPA XVIII SECOLO


FRANCIA Filippo dOrleans tiene la reggenza durante la minorit di Luigi XV: - ristabilimento del diritto di rimostranza ei parlamenti; - riduzione dellautorit degli intendenti;

19

- aristocrazia egemone nel governo; - crisi finanziaria (per la spese di guerra): utilizzo della carta moneta e investimenti coloniali; Sistema di Jhon Law: fallimento; INGHILTERRA Fallimento delle imprese della Compagnia dei Mari del Sud; Walpole (whig) al governo: cerca di salvaguardare gli speculatori; estraneit dagli scontri internazionali: rispetto del principio di equilibrio europeo; IMPERO ASBURGICO 1722 Carlo VI dAsburgo fonda la Compagnia di Ostenda per ostacolare Inghilterra e Olanda in Africa e Asia; alleanza con la Spagna; Inghilterra + Francia, bloccano le iniziative dellimpero pacificamente: 1729 trattato di Siviglia + 1731 trattato di Vienna: - scioglimento della Compagnia di Ostenda e ripristino dei diritti inglesi coloniali; - riconoscimento della Prammatica Sanzione: successione delle figlie di Carlo VI; GUERRE - successione polacca: alla morte di Augusto II si contendono il trono - Stanislao Leczinski, suocero di Luigi XV; - Augusto di Sassonia, nipote dellimperatore; viene eletto Stanislao: Austria e Russia attaccano la Polonia e instaurano Augusto III; scontri, in Italia (la Polonia era solo una scusa); 1738 pace di Vienna: - Stanislao ottiene la Lorena (da ridare alla Francia alla sua morte); - Francesco Stefano (Lorena) ottiene la Toscana; - Austria ottiene Parma e Piacenza e - lAustria cede per il Regno di Napoli e di Sicilia a Carlo di Borbone (figlio di Filippo V) (che ottiene lindipendenza dopo oltre due secoli); - successione austriaca Spagna: tenta una politica espansionistica coloniale (rinnovo dellasiento, che scadeva nel 1744); 1739 Inghilterra, minacciata, le dichiara guerra per il principio di libert dei mari; 1740 morte di Carlo VI: al trono va la figlia Maria Teresa (prammatica sanzione); Prussica, Baviera, Spagna, Sardegna non rispettano la prammatica sanzione: - Federico II di Prussia invade la Slesia; la Francia occupa la Boemia; - Inghilterra: Guglielmo Pitt abbatte Walpole e si allea allAustria, VS Francia; 1748 pace di Aquisgrana: riconoscimento dellannessione della Slesia alla Prussia; - dei sette anni Maria Teresa vuole riprendersi la Slesia: la Francia rompe la sua politica antiasburgica e si allea: 1756 alleanza Francia + Austria (Versailles); Alleanza Inghilterra + Prussia (Westminster);

- guerre in America: Inghilterra: guerre nelle colonie americane, conquista delle colonie francesi; 1759 Francia: patto di famiglia con Carlo di Borbone, che cede la corona di Napoli per quella di Spagna (Francia, Austria + Spagna); - guerre in Europa: Federico II di Prussia invade la Sassonia; Francia, Russia, Svezia, Polonia + Austria: sconfiggono la Prussia e invadono Berlino (Inghilterra impegnata in America, non pu inviare aiuti);

20

1762 morte della zarina Elisabetta: Pietro III decide di allearsi con la Prussia; 1763 pace di Parigi, per la questione coloniale: - Inghilterra ottiene Canada, Senegal francese e parte della Luisiana; - Spagna ottiene laltra parte della Luisiana; - Francia permane in India; 1763 trattato di Hubertsburg, per i territori europei: - Prussia conserva la Slesia; EST EUROPA - Spartizione della Polonia, trattato di Pietroburgo: Lituania alla Russia, Prussia polacca alla Prussia, Galizia allAustria; - disfacimento dellimpero turco, trattato di Kuciuk Kainargi (1774): indipendenza della Crimea e annessione alla Russia nel 1784;

ECONOMIA NEL XVIII SECOLO

Movimento demografico e prosperit economica: AGRICOLTURA - espansione delle colture e diffusione di nuove piante dallAmerica; trasformazione dellagricoltura, che diviene intensiva; - blocchi al capitalismo: usi civici, terre ad uso comune per il pascolo, e monopolio di pochi su di esse, non permettevano la vendita e linvestimento di fondi su di esse; - movimento delle enclousures: divisione e privatizzazione delle terre, per favorire la libera iniziativa e il diritto privato, premessa per il progresso; - diffusione (Inghilterra, Olanda e Pianura Padana) dellazienda agricola capitalistica; INDUSTRIA TRASFORMAZIONE DEL CAPITALISMO AGRARIO E MERCANTILE 1780-1790 nascita dellindustria moderna in Gran Bretagna: la borghesia ebbe molti pi spazi rispetto agli altri Paesi, egemonizzati dalla nobilt;

ILLUMINISMO
Francia, epicentro del movimento Movimento politico-culturale: principi - fiducia nel progresso e nel capitalismo, rappresentato dalla borghesia; - applicazione della razionalit e del metodo scientifico; - emancipazione dellindividuo dai pregiudizi (della religione); - cambiamento dellordinamento sociale e politico VS feudalesimo; - 1772 conclusione dell Enciclopedia, di DAlambert e Diderot; - 1754 Dizionario filosofico, Voltaire: contro i pregiudizi e la Chiesa; deismo: morale naturale e religione universale; - pensiero materialistico: meccanicismo, DHolbach e J. de Lamettrie; sensismo, S. di Condillac; - correnti politiche: Montesquieu: ispirazione aristocratica, costituzionalismo aristocratico - divisione ed equilibrio dei poteri; - mantenimento dei privilegi nobiliari; - NO limiti dellautoritarismo politico alla libert individuale; Voltaire: collaborazione fra monarchia e filosofi, dispotismo illuminato - fiducia in un assolutismo antifeudale; - negazione dei privilegi nobiliari e della Chiesa; - NO riconoscimento di uguali diritti politici a tutti: disuguaglianza necessaria Rousseau: radicalismo rivoluzionario - la propriet privata la fonte delle disuguaglianze; - NO abolizione della prop. Privata, ma istituzione di uno Stato garante;

21

- democrazia diretta e contratto sociale; - contratto non fra stato e popolo, ma fra membri del popolo, che sono lo Stato; - comprensione di tutti i cittadini al governo; - teorie economiche: - fisiocrazia: agricoltura centro dellattivit economica; - liberismo VS mercantilismo: libera iniziativa e libero scambio; - Quesnay e Mirabeau: abolizione dei diritti di pascolo, dei diritti feudali; importanza del capitalismo; - Adam Smith: fisiocrazia, liberta iniziativa pi propenso agli sviluppi industriali; Espansione agli altri Paesi - Inghilterra,1715 Francia: massoneria libert politica e tolleranza religiosa (lockiani e deisti); - Germania, G. E. Lessing: estetica; - Prussia, I. Kant: morale; - Russia, Scerbtov, Radiscev: intelligentia battaglia per la libert e le riforme; - Spagna: ilustrados Riforma dellinsegnamento e riforma agraria; - Italia, Muratori, Giannone, Vico: significato politico Milano: rivista il caff dei fratelli Verri + Cesare Beccarla; Napoli: A. Genovesi, Galiani, Filangieri, Galanti; Firenze: accademia dei Georgofili (influenze di Rousseau); Ortes e i fratelli Vasco; Critica allantico regime - Inghilterra, la rivoluzione porta a: - limiti allegemonia aristocratica, ampliamento della partecipazione al governo; - tolleranza religiosa, libert politica: la stessa aristocrazia si trasforma e partecipa al progresso; - Europa continentale: - laristocrazia non si evolve, necessit di riforme: - rimettere in discussione tutto il sistema, lotta agli abusi e ai privilegi; - eliminare gli ostacoli della concentrazione fondiaria e dei privilegi (fiscali, giudiziari, amministrativi)nelle mani di feudatari e della Chiesa, in contraddizione con il consolidamento della nuova classe borghese; - assolutismo illuminato, tentativi di riforma e anticlericalismo: - giurisdizionalismo: eliminare i poteri della Chiesa nellamministrazione, secondo il principio per cui i sudditi devono render conto ad una sola giurisdizione, lo Stato; - giansenismo: alleato col giurisdizionalismo per dare unimpronta pi spirituale alla Chiesa (sviluppo del movimento in Francia, Spagna, Italia); - febronianesimo: sostenere anche la supremazia spirituale della monarchia (Austria, Germania con Giustino Febronio); - espropriazione dei beni ecclesiastici, accumulatisi dopo il concilio di Trento per affluire nel patrimonio pubblico e favorire il progresso capitalistico (soppressione di conventi); - eliminare linfluenza della Chiesa (gesuiti) nellistruzione; - azioni dirette contro i gesuiti, espulsioni: 1759 Portogallo, 1761 Francia, 1767 Spagna e colonie americane e Regno di Napoli; 1773 Clemente XIV, bolla Dominus ac Redemptor, sopprime la Compagnia di Ges; - Prussia, tentativi di riforma di Federico II: - il predominio dei nobili (Junker) non viene scosso ma viene stimolata liniziativa economica, per la trasformazione in imprenditori agricoli moderni; - Russia, tentativi falliti di Caterina II: - laristocrazia terriera blocca ogni evoluzione: rivolta contadina di Pugacev; - condanna a morte di Radiscev: lintelligentia si separa dalla corona; - Austria, riformismo asburgico di Maria Teresa e Giuseppe II: dispotismo illuminato

22

- Lombardia e Belgio avanzati, Ungheria e Croazia ancora legati alla servit della gleba; - Maria Teresa: - abolisce lInquisizione ma continua la persecuzione di protestanti ed ebrei, non si scontra con la Chiesa; - non elimina la servit della gleba; riordinamento fiscale; - Giuseppe II: - abolizione della servit, delle corves e dei monopoli commerciali; - tolleranza religiosa ed istituzione di una Chiesa nazionale: soppressione dei monasteri ed espropriazione dei beni; - riduzione del particolarismo nazionale e conseguenti scontri: Paesi Bassi e Ungheria dichiarano lindipendenza; - prima della morte deve annullare molte delle sue riforme, eliminate del tutto dal suo successore Leopoldo II; - Italia - Lombardia austriaca, Giuseppe II: - sviluppa il capitalismo agrario; - catasto (censimento dei beni) e perequazione tributaria; - riscatto delle regalie, entrate statali vendute a privati sotto il dominio spagnolo; - libert di commercio del grano; - azioni volte a stimolare e favorire lascesa borghese: - eliminazione dei vincoli sullacquisto di terre, limitando per liniziativa della Chiesa; - abolizione di monasteri, vendita dei beni ecclesiastici e delle terre comunali; - abolizione dellInquisizione, dei gesuiti e dei privilegi clericali; istituzione di scuole pubbliche; - Toscana, Leopoldo II: - libert di commercio e di lavoro, abolizione delle corporazioni; - riforma delle procedure penali: abolizione della pena di morte e della tortura; - riforma amministrativa: autonomie comunali; - insuccessi nelle campagne: rimane la mezzadria; - Pietro Leopoldo, appoggiandosi al movimento giansenista toscano tenta una riforma della Chiesa, fallito; - Regno di Napoli, Carlo di Borbone: - residui feudali, borghesia terriera ostacolano lo sviluppo; - riforma della Chiesa e dei rapporti con lo stato; - Regno di Sardegna, Vittorio Amedeo II: - rafforzamento dello Stato e della burocrazia, limiti ai privilegi feudali; - ritorno allancien regime con Carlo Emanuele III, Vittorio Amedeo III; - Venezia, scarsi provvedimenti per abolire il pensionatico (diritto di pascolo); - Genova, dominata dallattivit finanziaria (prestiti agli altri Paesi); - Stato pontificio, crisi politica e finanziaria (per le espropriazioni), riforma tributaria; LIMITI E CONTRADDIZIONI DELLILLUMINISMO - molti Paesi non la conobbero: molti stati italiani, gran parte della Germania; - contraddizioni interne: lo stato aveva bisogno dellappoggio dei ceti che voleva colpire con le riforme illuminate, quindi mirava unicamente al rafforzamento della monarchia.

RIVOLUZIONE AMERICANA

Radici nel movimento illuministico: formazione di correnti anticoloniali fra i fisiocrati; Sfruttamento delle colonie: esportazione delle materie prime e importazioni di prodotti finiti; INGHILTERRA e RIVOLUZIONE Ostacola ogni forma di libero commercio, di attivit produttiva indipendente dalla madrepatria; la pressione fiscale provoca i primi movimenti di resistenza: - boicottaggio delle merci tassate; - le imposte approvate dalla madrepatria vengono dichiarate illegali; si aprono le fazioni interne alle colonie:

23

- boicottaggio, ma continua fedelt alla corona (preludio della guerra civile); - movimenti indipendentistici, guidati da Samuel Adams; - figli della libert, primi nuclei rivoluzionari, con Benjamin Franklin mediatore; 1770 lInghilterra costretta ad abolire tutte le tasse; 1773 LInghilterra cede il monopolio del commercio delle spezie alla Compagnia delle Indie; i figli della libert bloccano il porto di Boston; 1774 Quebec Act: libert di culto ai cattolici francesi in Canada; I Congresso di Filadelfia dei coloni; 1775 Lexington: scontro tra Americani e Inglesi, Giorgio III ordina la repressione; II Congresso di Filadelfia: Gorge Washington diviene comandante dellesercito colone; 1776 Dichiarazione di indipendenza; 1777 vittoria di Saratoga: gli Americani, appoggiati da volontari stranieri (La Favette, Steuben, Kosciusko) sconfiggono i lealisti (tories) e gli inglesi; + alleanze: Francia, Spagna, Province Unite; 1781 vittoria di Yorktown; 1783 pace di Versailles: gli inglesi devono capitolare; COSTITUZIONE DEL NUOVO GOVERNO Ricambio della classe dirigente (dovuto agli scontri fra indipendentisti e lealisti) - federalisti: punto di forza in un governo centrale; - repubblicani: sovranit degli stati e governo centrale simbolico; Necessit del governo forte: - superamento del particolarismo e rafforzamento dellautorit del Congresso; - vendita dei terreni a grandi lotti e rivolte dei ci contadini per le speculazioni fondiarie; 1787 Convenzione di Filadelfia: schiavit, arbitrio di ogni Paese; Costituzione degli Stati uniti: stati al servizio del potere federale; - potere esecutivo Presidente - potere legislativo Congresso: camera dei rappresentanti(eletta a suffragio popolare) e Senato - potere giuridico Corte suprema 1789 George Washington eletto presidente degli Stati Uniti; 1791 emendamenti, dieci articoli per i diritti dei cittadini.

RIVOLUZIONE FRANCESE

Cause: - Sbocco dellopposizione allassolutismo e allancien regime; - licenziamento di Turgot e fallimento delle sue riforme: proponeva la libera iniziativa e labolizione dei privilegi fiscali; - reazione feudale: sfruttamento dei privilegi e dei diritti su contadini; - tentativi aristocratici di riprendere il potere, spodestando lassolutismo; - crisi economica, portano allindebolimento dello Stato e al malessere nelle classi inferiori (disoccupazione e aumento dei prezzi);

24

- crisi finanziaria: il ministro delle finanze Calonne elabora la sovvenzione territoriale, unimposta unica su tutta la propriet fondiaria; la reazione feudale allassolutismo limposta provoca la reazione aristocratica che vuole la convocazione degli Stati generali (lunico ente che pu approvare o meno modifiche dellordinamento fiscale): iniziano insurrezioni a Parigi, il re costretto a licenziare Calonne e il suo successore promette la convocazione degli Stati generali; rivendicazioni del terzo stato (borghesia e massa popolare di citt e campagne): i patrioti, borghesi liberali, chiedono cambiamenti negli Stati generali: - rappresentanza del terzo stato pari alla somma degli altri due ordini (clero e nobilt); ottenuto, i deputati diventano 578, contro i 561 dei due ordini; - voto per testa e non per ordine (che automaticamente dava la vittoria ai primi due); non viene ottenuto, viene richiesto negli Stati generali del 17 giugno; - abolizione dei privilegi e dei diritti signorili; 1789, 17 giugno: riuniti gli Stati generali, patrioti nobili, borghesi e terzo stato si staccano dagli altri ordini per formare lAssemblea nazionale, con lo scopo di creare una Costituzione; il re costretto ad approvare lAssemblea e gli altri ordini si aggregano (27 giugno); 14 luglio: tentativo di colpo di forza della monarchia, conclusosi con la presa della Bastiglia del popolo e la salvaguardia dellAssemblea; forze rivoluzionarie al governo - insediamento nellamministrazione della capitale, con un sindaco e un comitato cittadino; - istituzione di una milizia armata, guardia nazionale, guidata da La Favette; - propagazione delle rivolte nelle province e istituzione di municipalit rivoluzionarie; incontro fra elites rivoluzionarie e masse popolari, simbolo della rivoluzione moderna: tentativi di conciliare il progetto di un governo liberal-borghese e le pretese del popolo; - logge massoniche, gruppi liberali; - sezioni di Parigi e clubs, centri popolari di riunione e dibattito; politicizzazione delle masse: - fioritura dei giornali e del simbolismo rivoluzionario; - festa politica e calendario laico; rivoluzione agraria paura nelle campagne del brigantaggio e delle vendette dellaristocrazia; i contadini si armano, per difendersi e per attaccare il sistema feudale alla base: assalto di castelli e distruzione dei documenti su cui erano riportati i loro diritti feudali; lAssemblea nazionale decide di non reprimere la rivolta (che riporterebbe lassolutismo): 11 agosto: abolizione dei diritti feudali e dei privilegi fiscali e giuridici (rimangono per i diritti reali sulla terra, i censi che pagano i contadini ai signori, dichiarati solo riscattabili); 26 agosto: Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino, non viene approvata dal re 5,6 ottobre: il rifiuto del re provoca uninsurrezione popolare che lo costringe a spostare la corte da Versailles a Parigi, nel centro della rivoluzione; fazioni interne al movimento rivoluzionario - moderati costituzionali + club amici dell89, rappresentati nellAssemblea dal triumvirato con esponente La Favette: aspiravano al modello inglese, accordo fra nobilt e borghesia; - giacobini, societ degli amici della costituzione con tendenze radicali e repubblicane, guidati da Robespierre e Gragoire; - sezioni popolari: club dei Cordiglieri, societ degli amici dei diritti delluomo e del cittadino, e sanculotti; Assemblea costituente, inizia lopera di ricostruzione (1789-91) 1791 Costituzione:

25

- abbattimento del potere centralistico: sovranit popolare, con limiti di censo, lAssemblea poggiava le sue basi nellalta borghesia e nella nobilt liberale; - potere esecutivo al re, subordinato alla legge nazionale; - Assemblea legislativa, sottoposta al re, ma indipendente da lui, che non pu scioglierla ma solo opporre un veto sospensivo di al massimo 4 anni; - 1789 fissazione dei criteri per lelezione dei deputati: solo i cittadini attivi possono votare, indirettamente, degli elettori, designati anchessi in base al censo; - magistrature elettive: consigli elettivi in dipartimenti, distretti (no cantoni) e comuni; - liberismo economico: abolizione delle corporazioni, delle associazioni di operai e degli scioperi, abbattimento dei monopoli commerciali (uniche attenuazioni alla libert nella propriet privata, col riconoscimento del diritto di pascolo per i contadini poveri); - 1790 misure antiecclesiastiche: soppressione della decima e incameramento dei beni ecclesiastici, soppressione del clero(inglobamento della Chiesa nello Stato); Costituzione civile del clero (autonomia della Chiesa francese dal papa Pio VI, privato di poteri giurisdizionali): appoggiata dai costituzionali (giurati) e rifiutata dai refrattari; - politica estera: negazione del diritto di conquista e diritto di adesione volontaria allesercito; Movimento controrivoluzionario: monarchia e aristocrazia cercano lintervento straniero e la ribellione interna; 1791 Pio VI condanna la Dichiarazione dei diritti e la Costituzione del clero civile; 20 giugno: Luigi XVI tenta la fuga in Belgio, viene fermato a Varennes; 17 luglio: la guardia nazionale spara sulla folla al Campo di Marte; parte della borghesia rivoluzionaria e della nobilt patriottica si distaccano dallAssemblea; formazione di un nuovo movimento politico conservatore, i foglianti (+ La Fayette e triumvirato): distacco dai giacobini, tentativi di compromesso con laristocrazia e la monarchia; 27 agosto: Leopoldo II nella dichiarazione di Pillnitz si impegna allintervento in Francia, per sopprimere la rivoluzione, a patto della partecipazione delle altre nazioni; 12 settembre: lAssemblea vota la Costituzione e poco dopo si scioglie, essendo stata eletta lAssemblea legislativa; formazione di correnti politiche nellAssemblea legislativa: - destra: monarchici e costituzionali, ex nobili liberali, divisi in due correnti guidate da La Favette e i triumviri; le loro idee coincidono con quelle dei foglianti; - la palude, centro: deputati indipendenti, di orientamento incerto; - girondini (brissotini), sinistra: si separano dal club dei giacobini-robespierristi; + cordiglieri, minoranza di estrema sinistra, che rispecchiava solo minimamente la reale grande influenza esercitata sui movimenti esterni allAssemblea (Danton e Marat); la guerra - la monarchia e laristocrazia vedevano nellintervento straniero la sconfitta della rivoluzione e il ritorno dellassolutismo: rifiutano lappoggio dei foglianti e incoraggiarono perci gli estremisti di sinistra, per ottenere il ritorno dei moderati, e tutte le decisioni provocatorie dellAssemblea verso lAustria; - i girondini vedono nella guerra invece un mezzo per la diffusione della libert contro i despoti, il re e laristocrazia, e nello stesso tempo per porre fine alle agitazioni popolari dal basso, per agevolare la ripresa della borghesia; - La Fayette entusiasta per la guerra, mentre il triumvirato ostile; - Robespierre, propone come alternativa alla guerra una maggiore partecipazione popolare al potere per la lotta ai reazionari; 1792 crisi ministeriale: i foglianti vengono sostituiti dai girondini e da La Fayette; 20 aprile: il re dichiara guerra allAustria; radicalizzazione della lotta politica: spirito rivoluzionario e sentimento nazionale si fondono; crisi del partito girondino: accuse al re di connivenza col nemico (manifesto di Brunswick); 10 agosto: i giacobini guidano le sezioni parigine e insediano il Comune rivoluzionario a Parigi; - sospendono il re e convocano una nuova assemblea, la Convenzione; - La Fayette e i foglianti passano dalla parte dei giacobini;

26

- istituzione del tribunale rivoluzionario: condanne ai controrivoluzionari; - creazione di una nuova Costituzione; 20 settembre: fine dellavanzata austriaca, battaglia di Valmy; insediamento della Convenzione: maggioranza girondina seguita dai giacobini (La Montagna), appoggiati dal Comune e dai sanculotti; 21 settembre: la monarchia viene dichiarata decaduta, inizia il I anno della Repubblica, ispirata alla Costituzione americana; Periodo della Convenzione e guerra europea: 1- Lotta tra girondini e giacobini: - giacobini, montagnardi: la rivoluzione necessita dellappoggio popolare; 1793, 21 gennaio: processo al re Luigi XVI, condanna a morte; - girondini: persegue gli interessi dellalta borghesia e la continuazione del conflitto; inizialmente promossa come guerra di liberazione dagli oppressori, diventa rivendicazione delle frontiere naturali: annessioni della Savoia, di Nizza, Belgio e Renania; creazione di una coalizione antifrancese: Inghilterra, Austria, Russia, Prussia, Spagna, Sardegna, Chiesa, Toscana e Napoli; i giacobini si alleano con movimenti popolari, gli Arrabbiati, per osteggiare la politica girondina; Rivolta della Vandea: i contadini, guidati da nobili monarchici, si schierano contro la rivoluzione; i giacobini si impongono: impongono misure eccezionali rivendicate dalle sezioni per proteggersi dalla controrivoluzione interna, creano comitati di vigilanza rivoluzionaria (di sanculotti) e il Comitato di salute pubblica per il controllo dellamministrazione dello Stato; il governo grondino viene esautorato e prende piede la dittatura giacobina; i girondini appoggiano il movimento vandeano, allargatosi ai federati, per abbattere la dittatura dei montagnardi (60 municipi giacobini su 83 vengono abbattuti): anche se i federalisti non erano controrivoluzionari, il loro movimento coincise con quello realista; 13 luglio assassinio di Marat, fu un incentivo al rafforzamento giacobino: - si alle alle forze popolari per opporle alla Gironda: concede il permesso di partecipazione allacquisto dei beni ecclesiastici e la soppressione dei diritti feudali; - Costituzione dellanno I: democrazia, suffragio universale e diritto al lavoro; 2- Dittatura giacobina Comitato di salute pubblica organo dirigente dai poteri illimitati, guidato da Robespierre: il Terrore, il tribunale rivoluzionario, la legge dei sospetti furono gli strumenti; - mobilitazione delle risorse nazionali, leva di massa, razionamento dei viveri; - blocco dellinvasione spagnola, della rivolta vandeana e nelle priovince ; - imposizioni gravose ai ricchi, lotta agli accaparratori e speculatori, sanculottizzazione dei comandi militari; la politica del governo non intendeva per accogliere tutte le richieste estremiste, condotte a nome dei sanculotti (Hbert e Roux), che rivendicavano poteri illimitati e attuazione immediata del programma popolare (lappoggio agli estremisti avrebbe favorito la controrivoluzione); - campagna per la scristianizzazione e calendario rivoluzionario laico: ultima concessione ai sanculotti, poich anche se deisti e materialisti i giacobini non miravano alla soppressione del culto; si creano schieramenti interni al movimento rivoluzionario: - Indulgenti: fine del Terrore e delle misure eccezionali; - Arrabbiati; anche se diametralmente opposti alle idee indulgenti, i giacobini cercano il loro appoggio per la soppressione del movimento hertista (estremista sanculotto) e della fazioni; subito dopo gli stessi indulgenti vengono soppressi e aumentano le misure terroristiche; 1794, 7 maggio riforma religiosa: introduzione del culto dellEssere supremo, religione ufficiale dello Stato;

27

3- Reazione termidoriana 9 termidoro (28 luglio): i moderati approfittano dellisolamento giacobino e attuano il colpo di Stato, dichiarando fuori legge i giacobini, perseguitati dalla giovent dorata; 1794-1795 terrore bianco: ripresa del potere borghese e massacri di giacobini e sanculotti; crisi economica: due tentativi rivoluzionari vengono stroncati; 1795, 13 vendemmiaio, anno IV (5 ottobre): tentativo monarchico di colpo di Stato; i realisti e i termidoriani si separano e il governo prende un orientamento prettamente repubblicano, liberale-costituzionale; conclusione degli scontri europei con la completa liberazione dei territori francesi e inizio dei negoziati: Pace di Basilea (Prussia), trattato dellAia (Olanda), trattato di Basilea (Spagna), mentre con Austria e Inghilterra lo scontro resta aperto; Costituzione dellanno III: - riconferma del principio di censo per le elezioni, libera iniziativa economica; - potere legislativo alle assemblee dei Cinquecento e degli Anziani; - potere esecutivo ad un Direttorio di cinque membri; 26 ottobre, scioglimento della Convenzione e ripresa costituzionale;

INFLUSSI DELLA RIVOLUZIONE IN EUROPA 1792, 19 novembre: decreto perlimpegno francese nella liberazione dei popoli dai despota; sorgono movimenti rivoluzionari filogiacobini in molti paesi: - annessioni(Belgio, Savoia, Nizza, Renania, Oneglia): dovuti alla presenza dellesercito francese; - Inghilterra: la maggior parte della borghesia, il governo di Pitt sono controrivoluzionari, ma negli strati popolari (Irlanda) si creano movimenti filofrancesi; - Germania: repubblicanesimo, pi culturale che politico (Kant, Fichte); - Italia: movimenti di ribellione diffusi, nonostante i tentativi dei governi a portarli dalla parte della controrivoluzione: - Piemonte: formazione di clubs giacobini, soppressi e condannati a morte; - Sardegna: movimento per labbattimento del feudalesimo; - Napoli: creazione di clubs massonici, segreti; - Sicilia: ispirazioni al pensiero di Rousseau; - Bologna: tentativi insurrezionali contro lo stato pontificio; - Oneglia: rifugio dei fuoriusciti e centro della propaganda rivoluzionaria, dove si formarono le prime idee di unit nazionale italiana e le premesse per il Risorgimento;

operato oscillatorio del Direttorio: - ripresa delle agitazioni realiste e dellopposizione di sinistra; - ricorso allesercito, per reprimere le opposizioni e per le opere di conquista (e non di libert); - cambiamento di fronte: appoggio ai giacobini, liberati, per opporsi alla destra Babeuf: nuovo movimento giacobino, ispirato non alle idee dei montagnardi e dei sanculotti, ma allegualitarismo: negazione della propriet privata come unico mezzo per la vera eguaglianza; 1796 tentativo insurrezionale: la congiura scoperta e vengono condannati; - ripresa della politica vicina alla destra, favorisce linserimento dei monarchici; 1797, aprile: alle elezioni i monarchici ottengono un successo schiacciante, minacciando la stessa esistenza della Repubblica;

28

1797, settembre (18 fruttidoro): colpo di stato della maggioranza del Direttorio, appoggiato dai generali repubblicani; viene denunciato un complotto anglo-realista: le elezioni vengono annullate in 49 dipartimenti; ASCESA DI NAPOLEONE BONAPARTE guerra di conquista: attacco allAustria - fronte franco-germanico, guidato da Jourdan e Moreau; - fronte italiano, Schrer, sostituito da Napoleone Bonaparte (1796); 1796, 15 maggio: Pace di Parigi, il re di Sardegna riconosce ufficialmente le conquiste francesi di Nizza e Savoia (delusione dei giacobini francesi, che speravano nella liberazione); tutte le altre regioni italiane iniziano i trattati di armistizio con Bonaparte; 1797, 17 ottobre: pace di Campoformio con lAustria (Venezia ceduta allAustria); guerra di conquista e trasformazione interna dei paesi italiani soggetti: - governi civili repubblicani con tutela militare, per reprimere i nascenti sentimenti nazionali; - costituzioni alle repubbliche, sul modello di quella francese; - repubbliche giacobine: Traspadana e Cisalpina, che si fondono nella Cispadana; repubblica ligure; repubblica romana (Stato pontificio); sconfitta dei tentativi insurrezionali di Napoli; repubblica napoletana: insurrezioni dei lazzaroni, plebe, sconfitte; repubblica elvetica, Piemonte e granducato di Toscana; - istituzione del matrimonio civile e dei registri di stato civile; - questione agraria e della feudalit: abolizione dei fedecommessi e dei maggiorascati; - 1796-1799 triennio rivoluzionario: ripresa delle tendenze moderate, ma distacco delle masse contadine dalle forze repubblicane (per il ritardo dellattuazione della legge antifeudale); guerra economica con lInghilterra: - boicottaggio delle merci inglesi in Francia; - spedizione in Egitto: battaglia delle Piramidi, vittoria francese; 1798 seconda coalizione antifrancese: Inghilterra, Austria, Russia, Impero turco, Napoli; sconfitta francese e ristabilimento dei governi precedenti nellItalia settentrionale; crisi interna: necessit di un governo forte e di una revisione della Costituzione 1799 colpo di stato: il Consiglio degli anziani affida il governo ad un Consolato guidato da Bonaparte, Seyes e Ducos; - Costituzione dellanno VIII: - poteri illimitati al primo console, soppressione della libert di stampa, - riorganizzazione dellamministrazione pubblica (mantenimento dei dipartimenti, sottoposti a prefetti, ma soppressione delle autonomie locali)e istituzione di una polizia efficiente; - riorganizzazione dellistruzione pubblica: i licei; - Codice civile dei Francesi; - conferma della soppressione dei vincoli feudali; ripresa della guerra in Austria: 1801 pace di Luneville: Talleyrand riconferma il trattato di Campoformio; trattative con lInghilterra: 1802 pace di Amiens: restituzione di Malta allordine cavalleresco; rivolta di Santo Domingo: movimento di schiavi, influenzati dalla rivoluzione francese; riconoscimento della religione cattolica: - necessit dellappoggio della Chiesa per avere presa sulle campagne; - il papa riconosce la Repubblica e rinuncia ai beni confiscati; Costituzione dellanno X: - consolato a vita per Napoleone, possibilit di scegliere il successore; - Politica economica: protezionismo ed espansione dei traffici economici;

29

ripresa dei contrasti con lInghilterra (violazione del trattato di Amiens): congiura di Inglesi emigrati, conte di Artois, Cadoudal e Pichegru scoperta; 1804 Costituzione dellanno XII:Napoleone imperatore, incoronato da Pio VII; 1805 terza coalizione antifrancese: Inghilterra, Svezia, Russia, Austria, Napoli; tentativo di sbarco in Inghilterra, sconfitta di Trafalgar; vittoria di Ulm contro gli Austriaci, di Austerlitz contro gli austro-russi; pace di Presburgo, limperatore daustria si ritira dalla guerra; 1806 sconfitta della Prussia e della quarta coalizione; smembramento e creazione del regno di Westfalia; espulsione dei Borboni da Napoli, protetti dagli Inglesi in Sicilia; 1808 deportazione del papa Pio VII da Roma; 1809 sconfitta della quinta coalizione, guidata dallAustria; pace di Schonbrunn, pesanti imposizioni; Confederazione del Reno: scomparsa del Sacro Romano Impero, rimane limpero dAustria;

30