Sei sulla pagina 1di 7

THE RESTORATION AND THE EIGHTEEN CENTURY 1660 1785

Il periodo compreso tra il 1660 e il 1785 fu un periodo di straordinaria espansione per l'Inghilterra - o per la "Gran Bretagna", nome che la nazione assumer dopo l' "Act of Union" del 1707, in conseguenza del quale la Scozia veniva unita a Inghilterra e Galles. La Gran Bretagna divent una potenza mondiale, un impero sul quale il sole non tramontava mai. Ma la nazione cambi molto anche all'interno. LInghilterra sempre stato una nazione basata sullagricoltura; la maggior parte delle persone erano pastori che spendevano la loro vita dove erano nati. Gradualmente i loro orizzonti si sono espansi. Quando la popolazione raddoppi, a pi di 10 milioni di abitanti, lequilibrio del potere si spost verso le citt, mentre i commerci e le industrie si moltiplicavano e gli standard di vita aumentavano. In pi, la gran Bretagna divent una nazione letterata, una nazione di lettori, quasi tutti leggevano i nuovi periodici e libri che riflettevano le vite di uomini e donne ordinari, e gli scritori impararono a catturare il pubblico. Interessi comuni legavano le isole britanniche. Tra gli autori famosi, Jonathan Swift, Edmund Burke, Richard Sherisan, e Oliver Goldsmith arrivati dallIrlanda, e James Thomson, David Hume e James Boswell giunti dalla Scozia. I Britannici si spinsero anche allestero. In una serie di guerre contro la Francia dal 1689 al 1763, le colonie furono annesse in tutto il mondo, dal Canada nellovest allIndia nellest, e un mercato delleconomia aggressivo, incluso un lucroso commercio degli schiavi, port un benessere senza precedenti. Allo stesso tempo, questi sviluppi stravolsero il vecchio modello di vita. La distanza tra poveri e ricchi aument: gli interessi individuali e i diritti presero il posto dei valori gerarchici; e i conflitti della nuova classe aizzarono le persone uno contro le altre. Il rimpianto per ci che era stato perso, le comunit e le credenze che avevano dato ad ogni persona un senso di appartenenza, si mise in competizione con ci che era stato guadagnato, nuove idee e piaceri, nuove opportunit di crescere. La battaglia tra queste visioni opposte influenza ogni fase della vita del 18 secolo. RELIGIONE E POLITICA La Restaurazione del 1660, il ritorno in Inghilterra di Charles Stuart, port speranze in una nazione divisa al suo interno, esausta dopo 20 anni di guerra civile. Quasi tutti i sudditi di Charles furono felici del suoi ritorno poich dopo labdicazione di Richard Cromwell nel 1659, la nazione era precipitata nel caos e i britannici erano disposti a credere che il loro re avrebbe portato ordine e legge e uno spirito di serenit nella vita della nazione. Ma nessun accordo poteva essere stabile finch non fosse stato risolto il problema religioso. La Restaurazione della monarchia significava che la Chiesa di stato sarebbe stata restaurata e sebbene Charles fosse disposto a perdonare o ignorare molti nemici precedenti (come Milton), il vescovo e il clero anglicano erano meno tolleranti. Quando il Parlamento reintrodusse il Libro del Common Prayer nel 1662, e poi nel 1664 viet gli incontri dei non conformisti al di fuori della Chiesa di Stato, migliaia di uomini di clero rassegnarono le dimissioni e le prigioni si riempirono di predicatori come John Bunyan, che rifiut di essere messo a tacere. Nel 1673 il Test Act imponeva a tutti i possessori di cariche civili e militari di prendere il sacramento nella chiesa Anglicana e di negare la transustanziazione. I protestanti dissidenti d i cattolici romani furono largamente esclusi dalla vita pubblica; ad esempio, Alexander Pope, cattolico, non poteva frequentare luniversit, possedere terre o votare. Il disprezzo degli Anglicani per il fervore Non conformista o entusiasm (una credenza nella rivelazione privata) scoppi nel testo Udibras (1663) di Samuel Butler, una caricatura dei Presbiteriani e degli Indipendenti. E i Cattolici inglesi erano visti come potenziali traditori che avevano probabilmente appiccato il Grande Incendio che aveva distrutto Londra nel 1666. Tuttavia il trionfo della Chiesa di Stato non risolse i problemi costituzionali che avevano diviso Charles I e il Parlamento. Charles II aveva promesso di governare attraverso il Parlamento, ma astutamente cerc di consolidare il potere reale. Cercando di stare lontano dalle crisi, nascose le sue simpatie per i Cattolici ed evit una prova di forza con il Parlamento, tranne che in una occasione. Nel 1678 la notizia del Complotto Papale, in cui i Cattolici insorsero e uccisero i loro nemici protestanti, terrorizz Londra; e sebbene le accuse si rivelarono infondate, la House of Commons sfrutt la paura cercando di forzare Charles ad escludere il suo fratello cattolico James, duca di York, dalla successione al trono. Lagitazione del periodo illustrata brillantemente dallopera di Dryden Absalon and Achitophel (1681). Infine, Charles annull la legge di esclusione

sciogliendo il Parlamento. Ma la crisi sfoci in una divisione della nazione tra 2 nuovi partiti politici. Il partito che sosteneva il re fu chiamato Tories; gli oppositori del re Whigs. Alla fine del secolo i due partiti avevano sviluppato atteggiamenti opposti su molti problemi importanti. I Tories, che traevano la loro forza dalla nobilt terriera e dal uomini del clero delle campagne, rappresentavano i valori conservativi; essi sostenevano fortemente la corona e la Chiesa Anglicana come pilastri della stabilit sociale e politica. Convinti che solo coloro con legami locali e radici profonde nella nazione potevano avere delle responsabilit, erano ostili alla crescente influenza di nuovi interessi economici. I Whigs erano pi progressisti e diversificati: cerano molti nobili di potere gelosi dei poteri della corona, mercanti e finanzieri di Londra, un certo numero di vescovi della Low Church e dissidenti. Ci che li univa erano le politiche di tolleranza e il sostegno al commercio. Nessun partito poteva sopravvivere con James II. Dopo che fu salito al trono nel 1685, reclam il diritto di fare le sue stesse leggi, sospese il Test Act, e cominci ad introdurre nellesercito e nel governo degli amici cattolici. I nodi vennero al pettine nel 1688, quando la nascita di un figlio mise la nazione davanti alla prospettiva di una dinastia cattolica. Negoziati segreti aprirono la strada al tedesco William of Orange, difensore del protestantesimo e marito di Mary, figlia del protestante James II. William arriv con un piccolo esercito nellInghilterra di sud-ovest e marci verso Londra. Mentre avanzava, gli alleati del re scomparvero e James fugg in esilio in Francia. Per pi di mezzo secolo alcuni fedeli Giacobiti (dal latino Jacobus, James), soprattutto in Scozia, sostennero James, suo figlio (The old pretender) e suo nipote (The young pretender o Bonnie prince Charlie) come sovrani legittimi della Bretagna. Per di pi, una buona parte di scrittori, da Aphra Behn e Dryden (e forse Pope e Johnson) a Robert Burns, privatamente erano simpatizzanti dei giacobiti. Ma dopo il fallimento di una delle ultime insurrezioni nel 1745, la causa divenne una pura utopia. Ripensandoci, larrivo di William e Mary nel 1688, la Glorious Revolution, aveva calmato le feroci divisioni della nazione e preparata la strada per lunificazione della Gran Bretagna. Segu una soluzione duratura. Nel 1689 la Bill of Rights revoc le azioni di James; limit i poteri della corona, riafferm la supremazia del parlamento e garant alcuni diritti individuali. Nello stesso anno il Toleration Act calm le tensioni del conflitto religioso, garantendo una libert limitata di culto ai dissidenti (ma non ai cattolici o agli ebrei) purch giurassero fedelt alla corona. Questo dimostr di essere un buon compromesso; e con lapprovazione del Act of Settlement nel 1701, che metteva Sophia, elettrice di Hanover, e i suoi discendenti, in linea di successione per il trono (come nipote di James I era la parente protestante pi vicina alla principessa Anna, la figlia pi giovane di James II, il cui unico figlio sopravvissuto mor in quellanno), i problemi che per molto tempo avevano diviso lInghilterra sembrarono risolti. I principi stabiliti nel 1689 resistettero inalterati fino alla Reform Bill del 1832. Durante il regno della regina Anna (1702 1714), nuove tensioni politiche si abbatterono sulla nazione. LInghilterra e i suoi alleati sconfissero la Francia e la Spagna nella guerra di Successione spagnola (1702 1713), una guerra Whig, sostenuta dai Lord Whig e dai mercanti londinesi che si arricchivano con i profitti della guerra e guadagnavano dallindebolimento del potere di Francia e Spagna. Il bottino includeva nuove colonie e lasiento, un contratto per fornire schiavi allimpero spagnolo. Leroe della guerra, il generale John Churcill, duca di Marlborough, ottenne la famosa vittoria di Blenheim; fu ricoperto di onori e ricchezze e con la duchessa influenzarono la regina fino al 1710. Ma i Whigs e il duca fecero il passo pi lungo della gamba. Quando i Whigs cercarono di ricompensare i dissidenti per la loro lealt abrogando il Test, Anna combatt per difendere la Chiesa di Stato. Destitu i ministri Whig e i seguaci del dica di Marlborough e chiam Robert Harley e il giovane e brillante Henry St. John per formare un governo Tory. Questi ministri erano popolari tra gli scrittori; essi utilizzarono Defoe e Swift e incaricarono Matthew Prior di negoziare la pace di Utrecht (1713). Ma alla disperazione di Swift, che pi tardi prese in giro i fatt di corti in Gullivers travels, scoppi unaspra rivalit tra Harley e St. John. Sebbene Bolingbroke (ovvero Enrico IV) riusc a cacciare Harley, la morte di Anna nel 1714 cambi le sue sorti. Giorgio I (figlio di Sophia) divent il primo re di Hanover e i vendicativi Whigs tornarono al potere. Harley fu imprigionato nella torre di Londra fino al 1717 e Enrico IV, accusato di essere un traditore giacobita, fugg in Francia. Perdonato nel 1723, torn in Inghilterra e affid lopposizione a Robert Walpole mentre lui aiutava Pope con la stesura di An essay on man. Il governo ora era al sicuro tra le mani dei Whigs.

I tre Giorgio che occuparono il trono durante il resto del secolo presidiarono su una nazione che crebbe prosperosa attraverso la guerra, il commercio, la colonizzazione, il capitalismo dei consumatori e linizio dellindustrialismo. Giorgio I (che regn dal 1714 al 1727) e Giorgio II (1727 1760) erano tedeschi nel cuore; parlavano poco inglese e avevano poco interesse per le questioni dellInghilterra. Quindi i ministri diventarono pi importanti e pi indipendenti dalla corona di quanto non fossero mai stati prima. Attraverso lindifferenza reale e lambizione e le capacit di Walpole, il primo primo ministro, inizi a svilupparsi il moderno sistema di governo ministeriale. Walpole sal al potere come risultato del South Sea Bubble (1720), un crollo del mercato azionario; la sua capacit di ritrovare fiducia e far si che la nazione andasse avanti con tranquillit segner il suo lungo governo (1721 1742). Fu esperto nel sistema di mecenatismo, mettendo i suoi dipendenti in uffici del governo e controllando la House of Commons corrompendone i membri. Lopera Beggars Opera di Gay (1728) e Jonathan Wild di Fielding (1743) disegnano interessanti paralleli tra i grandi criminali e i grandi politici, e il Dunciad di Pope utilizza Walpole come emblema della corruzione e commercializzazione di tutto il tessuto sociale. Lo stesso Pope si era costruito una fortuna commercializzando le sue poesie. William Pitt the Elder, faceva appelloal patriottismo della gente comune e chiedeva lespansione del potere britannico e dei commerci oltremare. La sconfitta della Francia nelle guerra dei 7 anni (1756 1763), specialmente in Nord America, fu di suoi grande interesse. Il lungo regno di Giorgio III (1760 1820) fu dominato da due grandi questioni: lemergere della Britagna come potenza coloniale e la richiesta per un nuovo ordine sociale basato sulla libert e la riforma radicale. Nel 1763 la Pace di Parigi consolid il potere del Canada e sullIndia e neppure la successiva perdita delle colonie americane pot arginare la crescita dellimpero. La Gran Bretagna non era pi unisola isolata ma una nazione con interessi e responsabilit nel mondo. Il benessere portato in Inghilterra dallindustrialismo e dal commercio estero non si era arrivato alla classe lavoratrice. A molti sembrava che i legami che una volta tenevano unita la gente si fossero rotti e ora solo il denaro era rispettato. I protestanti si ribellarono ai cattolici; nel 1780 i Gordon Riots misero temporaneamente Londra sotto il dominio della folla. Il re era benvoluto tra i sudditi e cercava di tenere il governo nelle sue mani, ritenendosi super partes, ma i suoi tentativi spesso fallirono, come quando i coloni americani lo scambiarono per un tiranno. Dal 1788 alla fine della sua vita, una malattia ereditata (porfiria) gli colpiva il cervello. Nel frattempo riformatori come John Wilkes e Richard Price chiedevano una nuova democrazia politica. La paura del loro radicalismo contribuiva alla reazione Britannica contro la rivoluzione francese. Nellultima decade del secolo, gli autori britannici erano indecisi tra due schieramenti opposti: lealt alle vecchie tradizioni di subordinazione, obblighi reciproci e autosufficienza locale; e il desiderio di nuovi principi di libert, del ruolo della ragione e dei diritti umani.

LE IDEE
Nel diciassettesimo secolo la letteratura registr un conflitto di valori; i poemi pi importanti di Milton, il culmine dellarte rinascimentale, apparvero nello stesso periodo in cui Dryden stava portando ad una nuova epoca di eleganza. Nel teatro, argute e oscene commedie, scritte e interpretate da donne e da uomini, riflettevano lo stile di una coorte dissoluta amante del divertimento. Charles aveva un vero interesse per le nuove idee e sosteneva larte e le scienze. Musicisti francesi e italiani cos come pittori dalle Low Countries migrarono in Inghilterra; e le playhouses, chiuse dai puritani dal 1642, tornarono alla vita. Francis Bacon richiedeva un incremento della conoscenza basata sullosservazione diretta della natura e due fantastiche invenzioni, il microscopio e il telescopio, avevano iniziato a rivelare che la natura pi stravagante di quanto si possa immaginare. La visione pessimistica della natura umana di Thomas Hobbes provoc unottimista insistenza sulla naturale bont dellumanit che sarebbe diventata un dogma per molti del diciottesimo secolo. Un altro autorevole punto di vista ero lo scetticismo filosofico, nato nellantica Grecia. Lo scettico sosteneva che tutta la conoscenza deriva dai sensi ma che, poich i nostri sensi non percepiscono il mondo con accuratezza, impossibile raggiungere una conoscenza affidabile. La nuova scienza incoraggiava anche una sfida alla saggezza tradizionale e alla conoscenza. Leducazione umanistica si era basata a lungo sui testi antichi che si riteneva insegnassero allo studente tutto il

necessario per capire la vita. Da qui nacque una battaglia di libri nel tardo XVII secolo tra i rappresentanti della conoscenza antica e moderna; Swift, Pope e altri scrittori inglesi combatterono per gli antichi. Cos come cambiarono i punti di vista sulla natura, cos fecero la filosofia e la religione. Ci che noi chiamiamo scienza oggi era inclusa sotto il nome natural history (la raccolta e la descrizione dei fatti della natura), natural philosophy (lo studio delle cause di ci che accade in natura) e natural religion (lo studio della natura come un libro scritto da Dio). Molti altri, come Pope in An essay on a man insistevano che essi non vedevano nessuna contraddizione tra i libri della natura e la Rivelazione. I filosofi sostenevano anchessi di seguire la natura. Il tratto principale della filosofia inglese, che passa attraverso Bacon e Hobbes, attraverso Locke, Berkeley e Hume, pu essere caratterizzata ampiamente come empirismo, la dottrina che ritiene tutta la conoscenza derivata dallesperienza. LAct of settlement e lAct of union, che ridussero alcune tensioni nella nazione, sembravano paralleli con un crescente consenso nei comportamenti e nelle idee. Addison e Steele sono i rappresentanti di tale consenso. Attirando laudience, il Tatler (1709-1711) e lo Spectator (1711-1712; 1714)produssero e rifletterono un ideale sociale urbano, una vita intellettuale in cui tutti i tipi di persone potevano mescolarsi, come nelle strade e nei parchi di una citt fiorente come Londra. Qui un folto pubblico della classe media impar a pensare e a comportarsi educatamente. Alcuni pesatori del XVIII secolo asserivano che gli esseri umani sono naturalmente buoni e trovano la loro maggior felicit nel fare del bene agli altri. Alla met del secolo una nuova parola, sentimental, divenne di moda. Coloro che confidavano nellumanit cercavano la virt negli impulsi istintivi e sociali piuttosto che in un codice di comportamento sanzionato dalla legge divina. La dottrina della bont naturale, resa popolare da Rousseau, sosteneva che la civilizzazione ci corrompe e che se noi vivessimo in uno stato della natura come un buon selvaggio, potremmo continuare a conservare linnocenza e la virt di un bambino. Queste nozioni incoraggiavano un interesse verso le societ primitive e i poeti che si ritineva traessero la loro ispirazione direttamente dalla natura. Lascesa del sentimentalism era bilanciata dallaumento del sentimento religioso. La rinascita evangelica nota come Metodismo inizi nel 1730. I metodisti portarono il loro vangelo alla gente comune, dicendo che tutti erano peccatori e dannati a meno che non accettassero la grazia attraverso la fede. Un nuovo tipo di narrativa, il romanzo, dedica grande attenzione a ci che i personaggi pensano e sentono. In questo mondo unistituzione come il matrimonio inizia ad essere definita come un mezzo per lappagamento e la felicit personale piuttosto che ununione familiare. Alla fine del secolo molte questioni politiche e legali ruotavano attorno ai diritti e non alle tradizioni.

PRINCIPI LETTERARI La letteratura tra il 1660 e il 1785 divisa in 3 periodi di circa 40 anni ciascuno. Il primo periodo si protrae fino alla morte di Dryden nel 1700 ed caratterizzato dallo sforzo di portare una nuova eleganza nella letteratura inglese secondo i principi di musicalit di ci che giusto e adatto; il secondo periodo termina con le morti di Pope nel 1744 e di Swift nel 1745 e estende questi sforzi ad u pi ampio circolo di lettori, con speciali attenzioni satiriche a ci che inadatto e sbagliato; il terzo periodo, che si conclude con la morte di Johnson nel 1784 e la pubblicazione di The Task di Cowper nel 1785, confronta i vecchi principi con le idee rivoluzionarie che saranno al centro del movimento romantico del tardo XVIII secolo e primo XIX. Apparentemente un improvviso cambio di gusto prese piede circa nel 1660. Il cambiamento era stato preparato a lungo da una tendenza della cultura europea, specialmente nel XVII secolo in Francia: il desiderio di una elegante semplicit. Reagendo contro le difficolt e le stravaganze occasionali della letteratura del tardo rinascimento, gli scrittori e i critici furono richiamati a una nuova moderazione, chiarezza, regolarit e buon senso. Il movimento produsse in Francia una grande raccolta di letteratura classica. In Inghilterra produsse una letteratura spesso chiamata Augustea, ispirata a Virgilio, Orazio e Ovidio che fiorirono durante il regno di Cesare Augusto, il primo imperatore romano.

Se Charles non avesse mai vissuto allestero la letteratura Inglese sarebbe rimasta su un modello di elegante semplicit. La nuova semplicit dello stile voleva dare piacere ai lettori, scrivere di passioni che ognuno potesse riconoscere in un linguaggio comprensibile a tutti. Dryden valuta la poesia secondo il suo potere di commuovere il pubblico. I lettori, a loro volta, dovevano cooperare con gli autori attraverso luso della loro immaginazione creando immagini nella mente. Ci che i poeti cercavano maggiormente di vedere e rappresentare era la natura, una parola dai molti significati. Gli augustei si focalizzarono specialmente su un significato: la natura come elemento universale nellesperienza umana. La natura esterna, il paesaggio, attir lattenzione nel XVIII secolo come fonte di piacere e oggetto di indagine. La natura consiste in verit generali e durature che sono state, sono e saranno vere per tutti in tutti i tempi, ovunque. Cos si riteneva che i poeti pianificassero i loro lavori in uno dei generi classici epico, tragico, commedia, pastorale, satira o ode per scegliere un linguaggio appropriato a quel genere e per selezionare il giusto stile, tono e figure retoriche. Allo stesso tempo, comunque, gli scrittori avevano bisogno di arguzia: rapidit della mente, inventiva, destrezza nel concepire immagine e metafore e nel percepire somiglianze tra cose apparentemente diverse. Quando Wordsworth, nella prefazione alle Lyrical Ballads (1800) dichiar di scrivere con un tipo di linguaggio realmente usato dagli uomini, attacc i poeti del XVIII secolo per il loro uso di un linguaggio poetico artificiale. [la Heroic couplet fu perfezionata da Pope, con rima di pentametro giambico che generalmente enuncia un concetto seguito da un punto]. Per gran parte del XVIII secolo il suo unico rivale fu il Blank verse: il pentametro giambico che non rima e non termina con un distico. Il blank verse di Milton nel Paradise lost forniva un modello e il blank verse di Shakespeare e Dryden ne fornisce un altro.

LA LETTERATURA DELLA RESTAURAZIONE (1660-1700) Dryden port allInghilterra la letteratura moderna tra il 1660 e il 1700. Egli combin una visione cosmopolita sugli ultimi trend europei con parte della ricchezza e variet che ammirava in Chaucer e Shakespeare. Come traduttore, rese disponibili i classici di Ovidio e Virgilio ad un vasto pubblico; per la prima volta un grande numero di donne e uomini senza unistruzione formale potevano sentirsi inclusi in un mendo letterario. Lo sforzo di raggiungere un nuovo pubblico caratterizzato dalla prosa della restaurazione. Nonostante il suo grande successo fra il pubblico, la letteratura della restaurazione mantenne i legami con lideale eroico aristocratico. Ma la commedia era la vera distinzione del dramma della restaurazione. I migliori lavori di Sir. George Etherege (The man of mode, 1676) Aphra Behn (The rover, 1677), William Congreve (Love for Love, 1695; The way of the world, 1700) possono ancora oggi essere rappresentate. Queste comedies of manners esploravano I comportamenti sociali, esponendo le terribili battaglie per il potere tra le classi superiori, che usano arguzia, i comportamenti e il sesso come armi. Durante gli anni 90 del 1600 le societies for the reformation of manners iniziarono ad attaccare la blasfemia e loscenit che emergeva dalle rappresentazioni, ed essi qualche volta portavano a processo gli autori. Quando Dryden mor nel 1700 stava nascendo una societ pi rispettabile. Uno dei compiti che, allinizio del secolo successivo, Steele e Addison che si assunsero sul Tatler e lo Spectator e Pope in An essay on criticism fu di riabilitare larguzia asservendola al decoro sociale e morale. Il decoro era inoltre applicato dai clubs dove i letterati si incontravano. Le coffeehouses londinesi servivano da luoghi di incontro informali; inizialmente fondate nel 1652, passavano le centinaia alla fine del secolo. Insieme funzionavano come un nuovo forum collettivo, una sfera pubblica. L gli uomini potevano fumare, bere the e cioccolata, leggere giornali, leggere e ricevere lettere, chiacchierare, lavorare, discutere, e osservare le stranezze tipiche dei personaggi per cui gli inglesi erano noti. Alla fine clubs come quello di Addison divennero una parte

fondamentale della vita letteraria. I loro membri aiutavano a determinare il tono della letteratura, la reputazione degli scrittori, il successo o il fallimento di unopera teatrale, e a caratterizzare lo stesso Spectator. Inizialmente le donne ne erano escluse, ma intorno al 1750 alcune donne intellettuali crearono loro stesse dei clubs a cui lentamente presero parte anche gli uomini.

LA LETTERATURA DEL XVIII SECOLO (1700-1745) Allinizio del secolo un interessante gruppo di scrittori emerse: Swift con A tale of a tub (1704-1710), Steele con il Tatler (1709) ed il giovane Pope con Pastorals. Questi scrittori consolidarono e res ero popolari le bellezza dellet precedente. Determinati a mantenere il buon senso e i valori della civilt, scagliarono la loro arguzia contro il fanatismo e linnovazione. Questo infatti sar un ottimo periodo per la satira. Profondamente conservative ma anche giocose, le migliori opere gettano spesso una strana luce sui tempi moderni filtrandoli attraverso i miti classici e le forme classiche. cos che Pope espone la frivolezza di Londra in The rape of the lock, attraverso lincongruenza del verso che definisce i ricchi oziosi come eroi epici. Opere come questa forniscono inoltre una prospettiva su cose che una volta sembravano troppo umili per essere prese in considerazione nella poesia (es. in The rape of the lock la ragazza che si trucca). Allo stesso tempo il pubblico di lettori aument, con il desiderio di essere intrattenuto. Insieme allaumentare dei lettori, aumentava anche il numero degli scrittori di cui si necessitava. Quando i lettori iniziarono a cambiare, cos cambiarono i generi letterari. La poesia lirica, che era stata uno dei vanti della fine del 600 ed inizio 700, divenne invece un genere minore, spesso utilizzato per lusingare un mecenate o unamante. Tra il 1700 e il 1740 le forme poetiche cambiarono. Ora il sonetto era visto come un genere arcaico, le poesie risultavano fuori e moda e al posto di queste presero piede il verso descrittivo e didattico, la ballata, linno e il burlesque. La comedy of manners fu sostituita da un genere che sar chiamato sentimental, non solo perch prevede la vittoria del bene sul vizio, ma anche perch ha a che fare con sentimenti nobili invece che con dialoghi arguti e le vicende degli eroi fanno ridere il pubblico e non piangere. Pope e Swift usarano la satira come arma contro la corruzione della vita pubblica e le arti.

IL BISOGNO DI NUOVI TEMI LETTERARI E MODE (1740-1785) Durante il XVIII secolo la prosa a dominare. I romanzieri diventarono pi famosi dei poeti; inoltre fior anche la prosa intellettuale con gli apporti dati da Boswell in biografia, Hume in filosofia e Burke in politica. Inoltre Johnson aiut a codificare il linguaggio con il suo Dictionary (1755); il dictionary illustrava molte definizioni con pi di 114.000 citazioni dei migliori scrittori inglesi. Il prototipo del poeta a met del 700 era il Penseroso di Milton, un uomo solitario amante della notte che medita osservando il tramonto ed una chiesa gotica. Il poeta malinconico si rinchiude in se stesso e desidera vivere in un altro tempo e in un altro spazio. I poeti che meditano in silenzio non sono mai molto lontani dallidea di morte e sono spessi affascinati dal suicidio. Circondati da rovine medievali e antiche tombe, questi poeti tremano e affondano. Fantastiche descrizioni dellarchitettura gotica ci sono offerte da Horace Walpole, anche grazie a The castle of Otranto.

LA NASCITA DEL ROMANZO Il romanzo moderno nacque, pi o meno, nel 1740. Allinizio del XVII gli scrittori mischiavano spesso realt e fantasia e spesso riportavano fatti realmente accaduti proponendone per versioni diverse o scandalose che definivano essere storie vere.

Il pi grande romanziere del 700 Daniel Defoe, autore che scriveva per chiunque volesse leggere storie vivaci e legate allindignazione morale. Alla fine del secolo alcuni dei pi grandi romanzieri erano donne; fu cos che spesso il romanzo venne considerato un genere prettamente femminile e perse parte del suo prestigio.