Sei sulla pagina 1di 3

Pubblicato il 27 agosto 201727 agosto 2017 da mauropode

Mastini, Rapinatori e Maestri: i 3 Volti dell’Anello d’Acciaio

L’ A n e l l o d ’A c c i a i o è u na d e l l e a s s o c i a z i o n i c r i m i na l i p i ù s p i e tat e e t e m u t e
del Mondo Conosciuto. A ivo nel Brun (il continente dove si trova il Mondo Conosciuto), ma con agganci anche in
terre lontane ed esotiche, l’Anello d’Acciaio è formato da una stru ura piramidale. A Karameikos è noto che una forte
presenza degli schiavisti è concentrata a Forte Destino, la capitale della Baronia dell’Aquila Nera. Il Barone Ludwig
“Aquila Nera” Von Hendriks, cugino del Duca Stephan Karameikos, è probabilmente informato delle a ività di
questi criminali e, probabilmente, connivente con i comandati locali.

Un’altra “roccaforte” dell’Anello d’Acciaio è la Ci à di Jaibul, che si affaccia sulla costa occidentale del Mare del
Terrore ed è la capitale del Rajhastan di Jaibul a sud del Sind. La ci à è tristemente famosa per il grande Mercato degli
Schiavi che i Maestri dell’Anello riforniscono quotidianamente con nuovi dolenti carichi dalle galee che approdano al
porto.
Le vi ime dell’Anello d’Acciaio finiscono spesso all’asta presso i Mercati di Schiavi
dell’Occidente.

L’identità dei capi degli schiavisti è sconosciuta anche agli stessi membri minori della società segreta. Alla base della
piramide vi sono i Mastini. Sono la “carne da cannone” dell’Anello d’Acciaio: guerrieri, comba enti e disperati che si
votano anima e corpo alla causa. Non di rado ai Mastini vengono somministrate droghe per aumentarne la ferocia in
ba aglia e la resistenza al dolore. In poche parole: sono fanatici a cui è stato eseguito un accurato lavaggio del cervello,
inculcando loro i “valori” dell’Anello.
Accanto ai Mastini, l’altra “forza d’urto” spesso utilizzata dall’Anello è costituita dalle Tribù e dai Clan di Umanoidi
che infestano le zone selvagge. Le Orde dei Goblin Zanna Gialla (Faz-Plak), per esempio, sono alleate
dell’associazione di schiavisti da tanto di quel tempo che i Guerrieri Faz-Plak utilizzano collari di ferro per il collo e gli
avambracci come simboli totemici e hanno a loro volta schiavizzato i clan di Babbuini delle Rocce che infestano la
parte orientale delle Rocche dei Lupi (in particolare le Rovine di Xitaqa).

I luogotenenti dell’Anello d’Acciaio sono noti con il titolo di Rapinatori. Individui dalle arti e specializzazioni più
varie, i Rapinatori sono Maghi, Chierici, Guerrieri e Ladri dotati di una limitata autonomia. I più abili e capaci tra i
Rapinatori possono ambire alla “cima” della piramide, costituita dai Maestri: i veri comandanti dell’Anello d’Acciaio
che perseguono i propri scopi e quelli della società.

A sua volta, tra i Maestri, esistono delle differenze di potere e i più anziani ed abili tra loro diventano dei veri e propri
Signori del Male. In alcuni casi vengono chiamati Gran Maestri, ma in seno all’Anello d’Acciaio questo appellativo
viene usato raramente.

Inviato su Ambientazione