Sei sulla pagina 1di 1

del principe del Galles.

Prestava servizio come


capo dello staff domestico, oltre che come
insegnante di musica e compositore.

ANTONIO VIVALDI

1. Antonio Vivaldi, vissuto tra la fine del Seicento


e la prima metà del Settecento (1678-1741)
scrisse musica più di chiunque altro sull'intero
pianeta: una cinquantina di opere per il teatro,
molti pezzi di musica sacra, un centinaio di brani
Bach e Federico II strumentali, quasi cinquecento concerti. I
concerti sono brani strumentali, cioè eseguiti
solo da strumenti e senza cantanti.I concerti
sono per uno o più strumenti e orchestra (per es.
1. Che cos’è un virtuoso? (Barocco 5) per violino e orchestra). Nel concerto lo
È un cantante o uno strumentista strumento solista ha una parte di primo piano.
particolarmente abile.
2. Quale sviluppo ha la musica
strumentale?
Nel periodo barocco maturo si assiste al
trionfo della musica strumentale, grazie al
perfezionamento degli strumenti.
3. Qual è il più celebre costruttore di
violini?
Antonio Stradivari.
4. Che cos’è la musica da camera?
(Barocco 6)
Viene suonata nelle riunioni di amici, o da
soli, per puro divertimento.
5. Quale sviluppo hanno le edizioni
musicali?
Moltissime sono le composizioni scritte per
dilettanti, che vengono pubblicate in un
grande numero di edizioni.
6. Chi sono i castrati? (Barocco 7)
Si tratta di cantanti maschi sottoposti a una
mutilazione, ossia l’asportazione dei testicoli
prima dell’età dello sviluppo.
7. Qual è il periodo d’oro dei castrati? Vivaldi visse per lo più a Venezia. Figlio di un
Seicento-Settecento. violinista che lavorava per la basilica di San
8. Quale caratteristica ha la voce del Marco, prese gli ordini e divenne sacerdote.
castrato? Siccome aveva anche i capelli di un rosso vivo
Ha un’estensione di voce femminile (come le venne soprannominato il prete rosso.
voci bianche), però molto più potente.
2. L’ospedale della pietà. Per quasi tutta la vita
V. fu maestro di violino e compositore
8. La condizione del musicista all’Ospedale della Pietà.In Italia c’erano molti di
Nel Settecento un musicista poteva trovare questi ospedali (che oggi potremmo chiamare
lavoro nella corte di un re, nella casa di un orfanatrofi) che accoglievano gli orfani, gli
aristocratico molto ricco o in una cattedrale. esposti (figli illegittimi), i bambini poveri e malati.
Molti musicisti, dipendenti di famiglie nobili, I ragazzi imparavano un mestiere, le ragazze
erano considerati dei domestici. ricevevano un’educazione in cui la musica aveva
Per esempio Giuseppe Sammartini, che compose una larghissima parte.
alcune delle prime sinfonie ed ebbe un'influenza 5
importante su Mozart, era impiegato alla corte