Sei sulla pagina 1di 10

Laboratorio Vocale Collettivo

di

ARDITO Mario, CAMPOREALE Marcello, CARRARA Costantino, COTUGNO Francesco, DE


LEONARDIS Luca, DE MUSSO Michele, D’INTRONO Vincenzo, FORTEBRACCIO Serena,
LONGHI Diletta, LORUSSO Luisiana, SABATO Marcovalerio e TRITTO Simone

Utenti destinatari: Alunni della classe V liceo musicale

Denominazione: “LA GESTIONE DEL LINGUAGGIO MUSICALE ATTRAVERSO UNA


PRATICA IMPROVVISATIVA DI BASE SULLA SUCCESSIONE ARMONICA II - V - I”

La musica come componente culturale si pone come finalità il potenziamento delle abilità cognitive,
emotive e creative e il soddisfacimento di bisogni personali e sociali attraverso la creazione espressivo-
vocale (convenzionale e non convenzionale) e corporeo-strutturata, destrutturata e libera sia singola sia
di gruppo. La capacità di comprendere (intesa come riprodurre e modificare le elaborazioni musicali)
offrirà la possibilità di integrazione delle diverse etnie presenti all’interno del gruppo classe, istituto e
rione di appartenenza.

1
Finalità, meta della Disciplina:

- Fornire all’alunno maggior capacità di lettura attiva e critica della realtà

- Sviluppare conoscenza razionale ed emotiva di sé

- Creare condizioni favorevoli allo sviluppo psichico e intellettuale dell’allievo

‐ Contribuire al benessere psicofisico in una prospettiva di prevenzione del disagio

‐ Favorire lo sviluppo della musicalità che è in ciascuno attraverso il canto, l’ascolto e la riflessione

critica

‐ Potenziare il ruolo della scuola come luogo di aggregazione e diffusione del sapere e delle

competenze

Obiettivi educativi:

- Sviluppo armonico della personalità

‐ Capacità di rappresentazione simbolica della realtà

‐ Sviluppo di un pensiero flessibile, intuitivo e creativo

‐ Sviluppare competenze specifiche per cogliere significati, mentalità, modi di vita e valori della

comunità a cui fanno riferimento e confronto con tradizioni culturali e religioni diverse

‐ Educare all’espressione e alla comunicazione attraverso gli strumenti e le tecniche specifiche del

linguaggio

2
‐ Sviluppo della riflessione sulla formalizzazione simbolica delle emozioni

‐ Aiutare a instaurare proficue relazione interpersonali e di gruppo

Obiettivi didattici:

- Produrre autonome elaborazioni musicali all’interno di forme prestabilite

- Capacità di tradurre musicalmente i propri stati d’animo

- Capacità di dar forma a semplici idee musicali

- Comprendere ed esplorare i suoni e le possibilità timbriche della nostra voce

- Imparare l’autocritica e l’apprezzamento per le risposte positive e/o negative nell’esecuzione della
classe

‐ Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali di diversi generi e stili

‐ Produrre musica attraverso l’improvvisazione, valorizzando la creatività

‐ Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi costitutivi del linguaggio

musicale

‐ Orientare la costruzione della propria identità musicale

3
Obiettivi didattici a step:

Programmazione I parte

- Impostazione del metodo di studio per la cura del suono e la costruzione di una corretta intonazione in
gruppo

‐ Sviluppo dell’improvvisazione di semplici segmenti ritmici

‐ Sviluppare il concetto di musica come mezzo di comunicazione nella società

‐ Educare la voce al fine di gestire le quattro dimensioni fondamentali del suono: altezza, intensità,

timbro e durata

‐ Esecuzione di semplici melodie per imitazione, con difficoltà crescenti ampliando le capacità di

improvvisazione attraverso la voce (e con strumenti ritmici)

- Tecnica della memoria

‐ Riconoscere e differenziare i generi musicali più diffusi

Programmazione II parte

- Perfezionamento o eventuale correzione del metodo di studio per la cura del suono, la costruzione e il
consolidamento di una corretta intonazione in gruppo e per lo sviluppo delle dinamiche

‐ Improvvisazione di segmenti ritmici più complessi anche all’interno di schemi ritmici prestabiliti

4
‐ Saper riconoscere le caratteristiche strutturali di brani più complessi e saper distinguere i vari temi in

un brano

‐ Imparare gradualmente a gestire le sette strutture sintattiche del linguaggio musicale (dinamica,

agogica, melodia, forma, ritmo, timbro e armonia)

‐ Esecuzione con la voce e con lo strumentario a disposizione di piccole composizioni prestabilite o

inventate a partire dalla comprensione del concetto di imitazione e del contrappunto

‐ Capacità di eseguire improvvisazioni su semplici sequenze di accordi in semplici brani

Programmazione III parte

- Potenziamento della tecnica di memorizzazione attraverso l’analisi melodica, armonica e ritmica dei
brani

‐ Improvvisare segmenti ritmici sempre più complessi all’interno di schemi ritmici prestabiliti

‐ Saper distinguere il tema dall’accompagnamento

‐ Esecuzione con la voce di composizioni ed improvvisazioni più complesse prestabilite o inventate a

partire dalla comprensione del concetto di imitazione e del contrappunto

‐ Usare la propria voce applicando le quattro dimensioni fondamentali della prosodia (intonazione,

ritmo, dinamica e timbro)

‐ Collaborare attivamente nella realizzazione di attività musicali sapendo gestire mezzi di riproduzione

musicale o tecnologie informatiche

5
Tempi:

Intero anno scolastico con lezioni di due ore ciascuna a cadenza settimanale.

Prerequisiti:

- Cogliere il piacere della musica

- Saper stimolare la respirazione e articolare le consonanti adeguatamente in funzione della musica

- Saper leggere il pentagramma e solfeggiare

- Conoscere gli elementi base delle caratteristiche strutturali della voce e le tecniche basilari di
esecuzione

- Saper assumere postura corretta, rilassata e funzionale al fine di gestire il suono e l’intonazione

- Capacità di studiare in modo autonomo e proficuo

- Capacità di concentrazione ed attenzione sull’ascolto e sui messaggi musicali

- Capacità di riprodurre e memorizzare per imitazione le sequenze ritmiche o melodiche

- Saper individuare le sezioni di cui è composto il brano

- Saper riconoscere l’agogica e la timbrica di un brano

6
Fase Operativa:

Gli esercizi (tranne quello introduttivo di circle song) sono tratti da Geometrie Vocali di Cappelli –
Tosto e sono adattati, sviluppati e variati a seconda del feedback degli alunni e delle fasi di
apprendimento.

Esercizio scelto Finalità dell’esercizio

- esplorare la timbrica vocale


1. LONGHI:
- stimolare ed allenare la memoria musicale
CIRCLE SONG (giochi di improvvisazione)
- familiarizzare con la poliritmia

2. CARRARA: - sviluppare l’interazione e potenziare la


memoria
da IMITAZIONE E TRASFORMAZIONE
- ideare procedimenti di organizzazione
1.4 Domino (pp. 28) temporale del materiale musicale

3. DE LEONARDIS:
- riprodurre una scala o una melodia
da IMITAZIONE LINEARE mantenendo il proprio schema ritmico,
costruito su una pulsazione data
2.2 Canone variato (pp. 35)

4. CAMPOREALE:
- creare varietà con elementi a sorpresa volti
da IMITAZIONE E TRASFORMAZIONE ad introdurre cambi di direzione nel flusso
improvvisativo
1.3 Staffetta (pp. 27)

5. DE MUSSO: - sviluppare l’orecchio musicale ai fini


dell’ascolto attivo degli altri componenti

7
da OPPOSIZIONE DI LINEE MELODICHE dell’ensamble per una interazione efficace

4.1 Retta-curva (pp. 65)

6. FORTEBRACCIO:
- gestire il flusso improvvissativo bilanciando
da OPPOSIZIONE STRUTTURALE
creativamente suono e silenzio
1.1 Suono-silenzio (pp. 49) con varianti

7. ARDITO:

da IMITAZIONE VERTICALE E SIMULTANEA. - affinare l’intonazione sia nella costruzione


dell’accordo di base (verticalmente), sia nella
3.1 Parallelismo (pp. 38) variazione 2
scelta melodica dell’improvvisazione
combinato con 1.1 Rilancio (pp. 24) (orizzontalmente)

da IMITAZIONE e TRASFORMAZIONE.

8. TRITTO: - approcciare e sviluppare l’improvvisazione


modale
da OPPOSIZIONE STRUTTURALE
- ascoltarsi vicendevolmente per creare una
1.2 Uno-tutti (pp. 50) interazione creativa nel gruppo

9. COTUGNO: - saper cantare le note cordali di una


progressione II - V - I glissandole a diverse
da OPPOSIZIONE DI LINEE MELODICHE
altezze, sviluppando improvvisazioni
4.4 Convergente-divergente (pp. 72) polifoniche

10. SABATO: - eseguire composizioni ed improvvisazioni


via via più complesse applicando le quattro
da OPPOSIZIONE DI ALTEZZE
dimensioni fondamentali della prosodia
3.3 Estremità (pp. 64) (intonazione, ritmo, dinamica e timbro)

8
11. D’INTRONO: - sviluppare la scelta di un fraseggio
orizzontale (intervalli congiunti) o verticale
da OPPOSIZIONE DI LINEE MELODICHE
(arpeggi) per caratterizzare la propria
4.2 Retta-obliqua (pp. 68) improvvisazione

METODOLOGIE:

euristico guidato, circle time, brain storming.

MEZZI E STRUMENTI:

lim, registratore, cd, testo Geometrie Vocali di Cappelli – Tosto

VERIFICA:

Prima verifica con registrazione nell’ultima parte del percorso da riascoltare insieme in classe.

Seconda verifica con registrazione della prova generale.

La terza verifica è l’esecuzione in pubblico dei brani prodotti e realizzati.

Sarà interessante valutare la differenza fra le tre esecuzioni, che evidenzia la capacità di autocontrollo
ed espressione quando sottoposti a stress.

9
OBIETTIVI SPECIFICI CONCLUSIVI DELL’ATTIVITA’:

Contenuti strutturali:

- Esprimersi e comunicare attraverso il suono

- Comprendere le dinamiche cooperative per un risultato ottimale attraverso l’ascolto attento degli altri

- Comprendere il gesto chironomico del direttore

Contenuti materiali:

- Eseguire tre brani di propria composizione con spazi improvvisativi individuali e di interazione sul II
-V-I

10