Sei sulla pagina 1di 586

a li;

DELL’
ANTICO TESTAMENTO

igÉS

VOLUME VII
liiS H i

'•M i

4ri'-rfVi!’!
::? X r jn } ì

P A I DEI A
G RA N D E LESSICO
DELL’
AN TICO TESTAMENTO

Fon dato da
G. Jo h a n n e s B o tte rw e c k
e H e lm e r R in g g r e n

A cura di

H e in z -Jo sef F abr y e H elm er R in g g r e n


/
In collaborazione con
G e o r g e W . A n d e rso n , H e n ri C a z e lle s ,
D a v id N . F re e d m a n ,
S h e m a r ja h u T a l m o n e G e r h a r d W a l l i s

Edizione italiana a cura di


P ie r G io r g io B o rb o n e

V olu m e V I I

ny - pip
Titolo originale dell’opera ’»
Theologisches Wórterbuch zum Alten Testament
In Verbindung mit
G eorge W . A n d e r s o n , H e n r i C a z e l l e s , D a v id N. F r e e d m a n ,
S h e m a r j a h u T a l m o n und G e r h a r d W a l l is
begriindet von
G . J o ha nn es B otterw eck
und H e l m e r R i n g g r e n
herausgegeben von
H e in z -Jo se f F a bry
und H e l m e r R i n g g r e n

All'edizione italiana del settimo volume


hanno collaborato come traduttori:
FRANCESCO BIANCHI
VINCENZO GATTI
FRANCO RONCHI

ISBN 978.88.394.0744.3
Tutti i diritti sono riservati
© Verlag W. Kohlhammer, Stuttgart 1989,1993
© Paideia Editrice, Brescia 2007
AVVERTENZA
ALL’EDIZIONE ITALIANA

Il settimo volume del Grande Lessico dell'Antico Testamento è la tradu­


zione integrale delle colonne 463-1274 del voi. vi e delle colonne 1 - 1 7 1
del voi. v i i dell’edizione originale in lingua tedesca.
AUTORI
D E L L E V O C I C O N T E N U T E N E L V O L. V II

Direttori
Fabry, H.-J., prof, dr., Ringgren, H., prof, dr.,
Turmfalkenweg 15, 53127 Bonn Flogstvàgen 5 A,
75263 Uppsala, Svezia

Collaboratori
André, G., docente, dr., Gerstenbergcr, E.S., prof, dr.,
Cellowagen 22, 75654 Uppsala, Svezia Fachbereich Evang. Theologie,
Angerstorfer, A., dr., Lahntor 3, 3550 Marburg/Lahn
Hutweide ib, 8400 Regensburg Hausmann, J., docente dr.,
Bartelmus, R., Privatdozent, dr., Kreuzlach 20C, 91564 Neuendettelsau
Avingerstr. 12, 82237 Worthsee Hossfeld, F.-L., prof, dr.,
Beyse, K.-M., dr., Weimarer Str. 34, 53125 Bonn
Wielandstr. 9, 06114 Halle/Saale Illman, K.-J., prof.,
Cazelles, H., prof., Sirkkalag, 6042, 20520 Àbo, Finlandia
21, rue d’Assas, 75270 Paris, Francia Johnson, B., prof, dr.,
Clements, R.E., prof., Skolràdsvagen 17, 22367 Lund, Svezia
King’s College, Strand, Kapelrud, A.S., prof, dr.,
London WC2R 2LS, Regno Unito Rektorhaugen 15, 0876 Oslo 8, Norvegia
Conrad, J., prof, dr., Kedar-Kopfstein, B., prof, dr.,
Vor dem Neutor 3, 07743 Jena Oren 23, Romema, Haifa, Israele
Dahmen, U., dipi, theol., Kellermann, D., dr. t
Limpericher Str. 3, 53225 Bonn Kindl, E.-M., dipi, theol.,
Dohmen, Ch., prof, dr., Alttestamentliches Seminar, Universitàt,
Universitàt, Schlossstr. 4, Regina-Pacis-Weg 2, 5 3 111 Bonn
49074 Osnabruck Koch, K., prof, dr.,
Engelken, K., Diekbarg 133, 2000 Hamburg 65
Erbacher Str. 5, 6200 Wiesbaden Kornfeld, W., prof. dr. t
Fleischer, G., dr., Kronholm, T., prof, dr.,
Heinrich-Sauer-Str. 5, 5 3 111 Bonn Otto Myrbergs vàg 6,
Gamberoni, J., prof, dr., 75231 Uppsala, Svezia
Busdorfmauer 5, 4790 Paderborn Lamberty-Zielinski, H., dr.,
Gane, R., Buschhovener Str. 20, 53347 Alfter
P.O. Box 8058, Jerusalem 91080, Israele Lipinski, E., prof, dr.,
Garcia Lopez, F., prof, dr., Departement Orièntalistiek,
Universidad Pontificia, Compama 1, Blijde Inkomststraat 21,
37008 Salamanca, Spagna 3000 Leuven, Belgio
X A U TO R I D E LLE VOCI

Madl, H., dr., Ruterswòrden, U., prof, dr.,


Peierlhang, 8042 Graz, Austria Dammstr. 46, 24103 Kiel
Maiberger, P., prof. dr. dr. f Sacbe, M., prof, dr.,
Marbòck, J., prof, dr., Lars Muhles Vei 34,
Sparbersbachgasse 58, 1300 Sandvika, Norvegia
8010 Graz, ósterreich Scharbert, J., prof, dr.,
Milgrom, J., prof, dr., Pàhlstr. 7, 81377 Mùnchen
1042, Sierra St., Berkeley, Cai. 94707, usa Schauerte, G., dipi, theol.,
Mommer, P., dr., Enggasse 1, 53127 Bonn
Dòrdelstr. 1, 44892 Bochum Schmoldt, H., dr.,
Mosis, B., prof, dr., Travestieg 9a, 22851 Norderstedt
Liebermannstr. 46, Schreiner, J., prof, dr.,
55127 Mainz Institut fùr biblische Theologie,
Mulder, M.J., prof, dr., Sanderring 2, 8700 Wùrzburg
Am pèrcstraal 48, Schunck, K.-D., prof, dr.,
117 1 BV Badhoevedorp, Olanda Kassebohmer Wcg 5,18055 Rostock
Mùller, H.-P., prof, dr., Schwab, E.,
Rockbush 36, 48163 Miinster Bahnhofstr. 15, 3550 Marburg/Lahn 1
Niehr, H., prof, dr., Seebass, H., prof, dr.,
Theologicum, Universitàt Mainz, FB Evang. Theologie,
Liebermeisterstr. 12, 72076 Tiibingen Saarstr. 21, 6500 Mainz
Nielsen, K., dr., Seidl, Th., prof, dr., .
Institut for Religionsstudier Sonnenstr. 30, 97209 Veitshòchheim
det Teologiske Facultet, Simian-Yofre, H., prof.,
Àrhus Universitet, Pontifìcio Istituto Biblico,
8200 Àrhus, Danimarca Via della Pilotta 25, 00187 Roma, Italia
Oeming, M., prof, dr., Steins, G., dr.,
Hochkreuzallee 186, 53175 Bonn Von der Furchen 4, 31157 Sarstedt
Otto, E., prof, dr., Stendcbach, F.-J., prof, dr.,
Joh. Gutenberg-Universitàt, Drosselweg 3, 55122 Mainz
FB 02 Ev. Theologie, Seminar fiir Talmon, Sh., prof, dr.,
Altes Testament und Bibl. Archeologie 5 Jan Smuts St., Jerusalem, Israele
55099 Mainz Thiel, W., prof, dr.,
Preuss, H.D., prof, dr., Hans-Bòckler-Str. 18, 44787 Bochum
Kreuzlach 20C, 91564 Neuendettelsau Wagner, S., prof, dr.,
Rattray, S., Meusdorfer Str. 5, 703 Leipzig, ddr
Dept. of Near Eastern Languages, Warmuth, G., Ak. Rat., dr.,
University of California, Baumgartenstr. 18, 24106 Kiel
Berkeley ca 94720, usa Willoughby, B.E.,
Reiterer, F., prof, dr., Program on Studies in Religion
Universitàtsplatz i, 5020 Salzburg, Austria University of Michigan,
Reuter, E., dr., Ann Arbor, Mich. 48104, USA
Kiidinghovener Str. 149, 53225 Bonn Zobel, H.-J., prof, dr.,
Ruppert, L., prof, dr., Wolgaster Str. 95, 17489 Greifswald
Erwinstr. 46, 79102 Freiburg i.Br.
INDICE DEL VOLUME VII

Avvertenza all’edizione italiana........................................................................... v ii

A u to ri delle voci contenute nel voi. v ii .............................................................. ix

ni? *et, ‘atta (K ro n h o lm )............................................................................... i

‘attud (Maiberger)................................................................................... 23

p n p ‘tq, ‘àtiq, ‘attiq, ‘ateq, (atàq (Schmoldt) ............................................. 28

‘atar> ‘dtar (Gerstenberger) .................................................................. 31

HKE) pè'à (A ngerstorfer)................................................................................. 34

p ’ry tif’eret>pe’èr (Hausmann).............................................................. 37

piggul (D . Kellerm ann)........................................................................... 42

pagd\pega\ mifga' (Maiberger).......................................................... 45

pagar, peger (Maiberger)......................................................................... 53

J T lfì pdda,pedtìt,pidj6n (Cazelles)................................................................ 60

JlD peh (Garcfa L o p e z )................................................................................. 69

n ìD pwb (R e ite re r).......................................................................................... 87

P S pus, t'fùsày ndfas, pzr (Ring g ren).......................................................... 93

nD pah (D. Kellerm ann)............................................................................... 97

" in S pàhad, pahad 1 e 11 (H.-P. M iille r) ........................................................ 103

nn£) pahat (Mulder) ........................................................................................ 115

13
"D pdtar, patir, peter, pitrà ( N ie h r) ............................................................ 118

p l\ p e le ’ (Conrad)................................................................................... 123
X II IN D IC E D E L V O L . VII

palagi pelegyp'iaggà, p'iuggà,miflaggà (Schunck)............................. 140

B $ S pileges (Engelken)................................................................................... 142

palat, malatypalit, pdlèt, p elètà, p elétà, miflat (H a se l)........................ 146

/?//, t'fìllàyp'lìlim, pHìlàyp'lìlìyp'lìlijjà (Gerstenberger) ................... 166

H IS pana (Schreiner) ...................................................................................... 179

Ptàfì pinna (Oeming)........................................................................................ 189

D 'iS pànim (Sim ian-Yofre)............................................................................. 193

np£> pdsah,pesah ( O tto ) ................................................................................. 227

nDD pissédh (Clements)................................................................................... 255

^ D S psl, *pasil, pesel (D o h m e n ).................................................................... 262

/ w W (Il Iman)............................................................................................ 272

p'm tp a ‘am,pa'amón ( S x b a ) ................................................................ 279

5
HJ E) pàqad , pàqid, piqqàdón, piqqudimyp'qùdìm , p'qidut , p'quddà,
mifqàd (A n d ré )........................................................................................ 285

n p S pdqah (Hausm ann)................................................................................. 302

"13 par, para (Be yse)...................................................................................... 305

pere* (Z o b e l)............................................................................................ 312

T l f ì par ad (H a usm a nn)................................................................................. 317

T}£> pered (Maiberger)................................................................................... 319

m T£> p 'r i (Kedar-Kopfstein).................................................................. 322

r rÙ pdrah, perah (Kapelrud)......................................................................... 336

rp ^ S) pàrdket (Gane - Milgrom) .................................................................... 339

P S para\pera‘ (K ro n h o lm )......................................................................... 342

n in s par'òh (Cazelles)...................................................................................... 346

n ? parasy peres, paris, mifrds (C o n ra d )...................................................... 349


IN D IC E D E L V O L . V II XIII

pàraq,pereq ( R e it e r e r ) ........................................................... 357


prr , pwr (Ruppert).............................................................. 36i

pàras, mifràs (Ring g ren)................................................... 369

pàràs (N ie h r)....................................................................... 37 *
pàsat (Schm oldt)................................................................ 377
pàsa'ypesa* (Ringgren - Seebass).................................... 382

péser, pàtar, pittdrón/pitrón (Fabry - Dahmen)............. 406

pèset (N ielsen).................................................................... 414

p it’dm,peta' (Thiel) .......................................................... 416

pth,peti,petajjut (Mosis) ................................................. 418

pàtah, petah, p'tihà , petah, p'tiba, pittàhón (Bartelmus) 43 i


pdtal, naftulim, p etaltòl, patii (W a rm u th )..................... 455
7
só’rf, sé’dy sò (Beyse)........................................................ 459
sò’n (W aschke).................................................................. 462

se’èsà’im (D. Kellermann) ............................................... 475


sàbà ’ (Rin g g re n )................................................................ 478

sebà'òt (Zobel).................................................................... 484

s'b i 1 e 11 (Madl).................................................................. 5°4


sàdaq, sedeq, s'dàqà , saddìq (B. Johnson - Ringgren) . 51 1
sohorajim ( N ie h r) .............................................................. 540

sawwà’r (Hausm ann)....................................................... 543


s W , sajid (Oeming) .......................................................... 546

swh (Garcia Lo p e z)............................................................ 553


sUrriy som (P re u ss).............................................................. 579
XIV IN D IC E D E L V O L . VII

pìV swq i, sòq, suqà, masóq, m'sùqà (Lamberty-Zielinski) ................... 585

stir, màsòr, m'surà, stira, sir ( T h ie l) ...................................................... 591

TO sur, sor 1, sòr 11 (F a b ry )........................................................................... 596

ITO saio, sàhiàh, s'hthà (Ta lm o n).................................................................. 609

si, sijjìm (H .-P . M iille r) ........................................................................... 612

JT¥ sijjà, sàjòn (Fle isc h e r)............................................................................ 617

}Ì*X sijjón (O tto )............................................................................................. 621

rv sis, sws, sisà, sisit, nss, nés (Ste in s).......................................................... 661

bW sei, salai n i, tàlal 1 (Schwab).................................................................. 668

sàlah (Hausm ann)................................................................................... 678

selem (Stendebach)................................................................................. 682

salmawet (Niehr) ................................................................................... 694

sélà* (Fabry) ............................................................................................ 698

sam é\sàm à\sim 'a, simmà'òn(D. Kellermann)................................. 704

f"ID¥ sàmah, semah (Ring g ren)...................................................................... 798

semer (Ruterswòrden)............................................................................. 713

rm samat, semi/itut (Schm o ld t).................................................................. 717

jr» snl (Rin g g re n ).......................................................................................... 720

I P * s‘d, sa‘ad, se<add, mis(àd, ’es'adà (D. Kellermann) .......................... 722

sà'tr, sà'ar, mis'àr, se‘irà (Sacbe) .......................................................... 725

safà, mispeh, sippijjà (Steins).................................................................. 730

jiEftf sàfòn, s'fó n i (Lip inski) .......................................................................... 737

nE)¥ ùppór, sàfar (Schwab)............................................................................ 747

spn, maspón (Wagner)............................................................................. 753


IN D IC E D E L V O L . V II XV

sar i, srr i, sarà i, serór, mesar, màsòr ( F a b r y ) ........................................ 759

sar 11, sorer, srr 11 (R in g g re n )................................................................ 770

ny*T¥ sàra'at, sàrtia', mcsòrà‘ (S e id l)............................................................. 775

TO sàraf, masrefysor'fi (S # b 0 )................................................................... 783

DDp qbb (R in g g re n )...................................................................................... 788

bap qbl, qobel (R e ite re r).............................................................................. 790

JOp qbs (Mommer)........................................................................................ 795

“Qp qeber, qàbar, q'bùrà (Koch) ............................................................... 802

T ip qdd (M uld e r)........................................................ .................................. 810

qàdim (K ro n h o lm )................................................................................. 813

D*lp qedem, qèdem , qadmà, qidmà, qadmón, qadmóni (Kronholm ) . . . 818

D*lp qàdam (K ro n h o lm )................................................................................ 825

Ip lp qodqòd (Schwab).................................................................................... 830

T ip qddar, qadrut, q'dórannit (Schmoldt)................................................ 832

$ " lp qds, qòdes, qàdòs, qàdés, q'désà , miqdàs, qedes


(Kornfeld - Ringgren)............................................................................. 835

^78 qabal, qbl, q'hilla, qohelet (Fabry) .................................................... 865

1p qaw, qàweh, tiqwà (Beyse)................................................................... 886

H ìp miqweh, (Waschke).......889

D ìp (Schmoldt).................................................................................. 899

^ ìp <70/ (Kedar-Kopfstein)................................................. .......................... 902

D ìp (Gamberoni)................................................................................... 919

pp qòs (Hausmann) .................................................................................... 947

}bp qàtòn, qàtàn, qòten (Conrad)............................................................... 950

“ìftp qtr, qitór, miqtar, miqteret, q ftorà, q ctoret (Clements) .................. 958
XVI IN D IC E D E L V O L . VII

tPp qj\qV (Ringgren)............................................................................. 967

n r p qinà, qìn (Fleischer) ......................................................................... 968

P P qajis (Hausmann)............................................................................. 976

T p qìr (Mulder)....................................................................................... 979

r6 p qlh 11, qalón (Marbòck) ................................................................... 985

qll, qal, q'iala (Scharbert)................................................................. 992

|p qériy qnn (Mommer)......................................................................... 1002

tOp qn\qinà, qannà\ qanna' (Reuter) ................................................ 1005

H3p qdnà, miqnehymiqnd, qinjàn (Lipinski).......................................... 1018

Hip qàneh, qdnà (Lamberty-Zielinski).................................................... 1027

DDp qdsam, qesem, miqsàm (Ruppert) .................................................... 1035

f^p qés (Talmon)..................................................................................... 1042

|'¥p qdsin (K. Nielsen)............................................................................. 1052

qdsafy qesef (Reiterer)....................................................................... 1054


f^ p qdsas (Thiel)....................................................................................... 1064

"l¥p qdsar 1, qdsir (Hausmann) ................................................................ 1067

D B qasar 11, qàser, qoser (Marbòck)........................................................ 1074

to p qard \ miqra
(Schauerte - Hossfeld - Kindl - Lamberty-Zielinski - Dahmen) . . . 1079

^"Tp qdrab, qdréb, qdrób, qireba, q'rab (Gane - M ilgrom ).................... 1113

Ì*lp qereb (Rattray - Milgrom)............................................................... 1129

qorbàn, qurbàn (F ab ry)................................................................... 1133


1 (vi,464) 'èt (T. Kronholm) (vi,465) 2

Bibl 43 (1962) 75-78. - ld., Qohelet und der alte Orient.


ny '-et Untersuchungen zu Stil und theol. Thematik des Bu-
ches Qohelet, 1964, spec. 186-188. 251-254. - D. Lys,
Par le temps qui court: E T R 48 (1973) 299-316. - J.
nny ‘atti Marsh, Time, Season (A. Richardson, ed., A Theological
Word Book of thè Bible, New York 1950, 258-267. -
1. 't(h) al di fuori dell’A.T. - 11. Etimologia. - 111. R i­ Id., The Fulness of Time, London 1952. - J. Muilen-
correnze nell’A.T. - iv. Note filologiche. - 1. Significa­ burg, The Biblical View ofTime: H ThR 54 (1961) 225­
to generale. - 2. Locuzioni prepositive. - a) Con be. - 271. - H.-P. Miiller, Urspriinge und Strukturen altte-
b) Con /f. - c) Con kr. - d) Con altre preposizioni. - stamentlicher Eschatologie (BZAW 109, 1969). - Id.,
3. La determinazione genitivale. - 4. Altri costrutti. - Notizen zualthebr. Inschriften 1: U F 2 (1970) 229-242,
5. Il plurale. - 6. 'atta. - v. Usi teologici. - 1 , ‘ét come ter­ spec. 234 s. n. 62. - M.P. Nilsson, Primitive Time-Reck-
mine ebraico per il tempo. —2. Nella teologia della crea­ oning, Lund 1920. - J.M . Rodriguez Ochoa, Estudio de
zione. - a) Visione d’insieme. - b) Il giusto momento la dimensión temporal en Prov., Job y Qoh. El eterno
in Qohelet. - 3. ‘ét nella teologia della storia. - a) Il volver a comenzar en Qohelet: EstB 22 (1963) 33-67. -
presente. - b) Il passato. - c) Il futuro. - vi. I L X X . - C. von Orelli, Die hebr. Synonima der Zeit und
v i i . Il Siracide ebraico e la letteratura di Qumran. Ewigkeit genetisch und sprachvergleichend dargestellt,
1871. - E. Otto, Altàgyptische Zeitvorstellungen und
Bibl.: Kj. Aartun, Die Partikeln des Ugaritischen 1 Zeitbegriffe: Die Welt als Geschichte 14(1954 ) 135-148.
(A O A T 2 1/1, 1974, spec. 13 s.). - J. Barr, The Semantics - M. Perani, La concezione del tempo nell’A.T.: Sacra
of Biblical Language, Oxford 1961, spec. 46-88. - Id., Doctrina 23 (1978) 193-242. - Id., Rilievi sulla termi­
Biblical Words for Time (SBT 33, London '1969). - Th. nologia temporale nel libro di Giobbe: Henoch 5 (1983)
Boman, Das hebràische Denken im Vergleich mit dem 1-20. - G. Pidoux, A propos de la notion biblique du
griechischen, - S.G.F. Brandon, Time and Man- temps: RThPh 2 (1952) 120-125. ~ H.D . Preuss, Jahwe-
kind, London 19 51. - ld., History, Time and Deity, glaube und Zukunftserwartung (BW AN T 87, 1968). -
Manchester - New York 1965. - H .A . Brongers, Be- G. von Rad, Weisheit in Israel, 1970, spec. 182-188. -
merkungen zum Gebrauch des adverbialen We‘AT- C .H . Ratschow, Anmerkungen zur theol. Auffassung
T A H im A.T.: V T ij (1965) 289-299. - E. Brunner, des Zeitproblems: Z T h K 51 (1954) 360-367. - J.
Das Ewige als Zukunft und Gegenwart, Zùrich 1953, Schreiner, Das Ende der Tage. Die Botschaft von der
46-64. - Id., Zum Zeilbegriff der Àgypter. StudGen 8 Endzeit in den alttestamentlichen Schriften: BiLe 5
(*955) 584-590. - J.L . Crcnshaw, The Eternai Gospel (1964) 180-194. ~ M. Sekine, Erwàgungen zur hebr.
(Eccl. 3:11) (Fs. J.P. Hyatt, New York 1974, 23-55). - Zeitauffassung: VTS 9 (1963) 66-82. - J. van Seters, In
O. Cullmann, Ghristus und die Zeit. Die urchristliche Search of History. Historiography in thè Ancient World
Zeit- und Geschiqhtsauffassung, Zùrich >1962. - G. Del- and thè Origins of Biblical History, N ew Haven -
ling, xaipó; x t X. (G L N T iv 1363-1390). - Id., 'tfóvoz London 1983. - W. von Soden - J. Bergman - M. Sxbo,
(G L N T xv 10 9 1-1126 ). - G .R . Driver, Isaianic Prob- jóm (voi. in 651-683, bibl. 651 ss.). - G . Stallini, vùv
lems (Fs. W. Eilers, 1967, 43-57). - G . Ebeling, Zeit und (apxi) (G L N T v i i 1457-1504). - P. Tachau, « Einst»
Wort (Fs. R. Bultmann, 1964, 341-356). - W. Eichrodt, und «jetzt» im N. T. Beobachtungen zu einem urchrist-
Heilserfahrung und Zeitverstàndnis im A.T.: T hZ 12 lichen Predigtschema in der neutestamentlichen Brief-
(1956) 103-125. - J.A . Emerton, Some Linguistic and literatur und zu seiner Vorgeschichte (F R L A N T 105,
Historical Problems in Isaiah Vili.23: JSS 14 ( 1 969) 1972). - Sh. Talmon, The Calendar Reckoning of thè
1 51-17 5 , spec. 156-162. - M. Filipiak, Kairologia w Ekl Sect from thèJudean Desert (ScrHier 4, *1965,162-199).
3,1-iy. Roczniki Teologiczno-Kanonicznc 20/1 (1973) - W. Vollborn, Studien zum Zeitverstàndnis des A.T.,
83-93. ~ J- Finegan, Handbook of Biblical Chronology, 1951. - S.J. de Vries, Yesterday, Today and Tomorrow.
Princeton-London 1964. - K. Galling, Stand und Auf- Time and History in thè O.T., London 1975. - Ch.F.
gabe der Kohelet-Forschung: T hR 6 (1934) 355-373. - Wliitley, Koheleth. His Language and Thought (BZAW
Id., Das Ràtsel der Zeit im Urteil Kohelets (Kob 3,1-1$): 148, 1979, spec. 30-33). - J.R . Wilch, Time and Event.
ZThK 58 (1961) 1-15 . - E. Jenni, Time (ID B 4, 1962, An Exegetical Study of thè Use of ' é th in thè O.T. in
642b-649a). - Id., Zur Verwendung von ‘ atta «jetzt» im Comparison to Other Temporal Expressions in Clari-
A.T.: T hZ 28 (1972) 5-12. - Id., 'et, Zeit (TH AT 11 370­ fication of thè Concept ofTime, Leiden 1969; bibl. 172­
385). - A. Lacocque, La conception hébraìque du temps: 180. - R. Yaron, ka'eth hayyah and kob lehay: V T 12
B C P E 36 (1984) 47-58. - I. Lande, Formelhafte Wen- (1962) 5 0 0 S .-F . Zimmermann, The Inner World of Qo­
dungen der Umgangssprache im A.T., Leiden 1949, helet (With Translation and Commentary), N ew York
spec. 46-52. - A. Laurentin, We'attah - kai nun. For­ 1973, spec. 44-49.
mule caractéristique des textes juridiques et liturgiques
(à propos de Jean 17,j): Bibl 45 (1964) 168-197. 41 3­ I. Il sostantivo ‘è t‘ momento, istante’, ‘ volta’ ma
432. - J.A . Loader, Qohelet 3,2-8 - A «Sonnet» in thè anche ‘periodo, lasso di tempo’ e genericamente
O.T.: ZAW 81 (1969) 240-242. - Id., Polar Structures in ‘tempo’ (v. sotto, iv), abbondantemente presente
thè Book of Qohelet (BZAW 152, 1979, spec. 29-35. “ nell’A.T., è documentato con certezza solo in
O. Loretz, k't hyh - «wie jetzt ums Jahr» Gen 18,10: ebraico, fenicio e punico (DISO 224). Il rapporto
3 ( v i,466) 'ét (T. Kronholm) (v i,4 6 7) 4

spesso suggerito con l’acc. inu/ittu (enu/ettu) cialmente Barr, SBT 33, 110 -134 ; Wilch 155-160;
‘ tempo’ resta estremamente dubbio (AHw 382^ v. anche GesB 628a; TH AT 11 370 s.; K B L 3 851 b-
405 s.; C A D 1/1, 15 3b. 304-310; cfr. Wilch 1 55­ 8523).
160; Jen n i,T H A T 11 370 s.; K B L 3 85^-8523).
Le ricerche fin qui condotte hanno portato alle se­
L’ebr. 't s’incontra raramente in testi extrabiblici guenti ipotesi di derivazione etimologica.
antichi. Singolare è il nome ‘t come indicazione di Gli studiosi che partono dall’ipotesi di una radice
tempo all’accusativo nell’ostracon di Lachish nr. 6: triconsonantica sono arrivati a posizioni estrema­
«Che Jhwh faccia vedere al mio signore la salvezza mente divergenti. Alcuni pensano a una radice di 3*
in questo momento» (jr’ jhwh 't ’dnj ’f h't hzh slm, w/j, 'dh 1 ‘percorrere’ (ad es. Gesenius, Thesaurus
KAI 196,1 s.; analisi c possibili traduzioni alternati­ io83b. 9906) o ‘nh 1 ‘replicare, rispondere’ (ad es.
ve in Mùller, UF 2, 234 s. n. 62; DISO 224 dove sono B.J. Levy, TW 572; Fr. Delitzsch, Prolegomena eines
elencate anche ulteriori attestazioni). In alcuni casi neuen hebr.-aram. Wórterbuchs zum A.T., 1886,
l’ebr. 't risulta però più adeguato al contesto se vie­ 115). Altri a una radice con seconda radicale rad­
ne letto come scriptio defectiva di 'atta ‘adesso, ora’ doppiata, 'tty che però non è documentata in ebraico
(nell’A.T. cfr. ad es. Ezech. 23,43; 74»6; Mùller; biblico (ad es. B.P. Kahle, Der masoretische Text...,
L.A. Bange, A Study of thè Use of Vowel-Letters in rist. 1966, 68). Altri fanno riferimento a una radice
Alphabetic Consonantal Writing, 1971, 127; F.M. di i a j, precisamente a j'd ‘stabilire’ (per es. von
Cross - D.N. Freedman, Early Hebrew Ortho- Orelli 47). Non è mancato chi, tenendo presente
graphy, New Haven 1952, 52 s. pensano a una l’acc. ’idtu ‘accordo’, ha preso in considerazione una
pronuncia *'at(t), ad es. per assimilazione di una n radice 'dt (ad es. Bauer-Leander, Grammatik des
da *'ant, cfr. l’ug. ‘nt ‘ora’, UT nr. 1888; aram. bi­ Bibl.-Aram., § 51Z ) oppure, in riferimento all’acc.
blico ke'enet ‘ora’, Esdr. 4,10 s.; 7,12; inoltre DISO inufittu (enu/ettu) ‘tempo’, una radice 'nt documen­
125): ciò riguarda, ad es., w't «e ora» nei testi pre- tata in aramaico (ad es. Delitzsch 34. 116).
csilici di Murabba‘at (DJD n, 1961, 96, nr. 17, 1. 2; Tuttavia altri hanno considerato la possibilità del­
vili sec. a.C.), Lachish (ostracon nr. 4, KAI 194,2) e la derivazione da una radice biconsonantica. Prescin­
Teli ‘Arad (v. J.C.L. Gibson, Textbook of Syrian dendo da isolati richiami a '(w)d 1 (cfr. l’ar. 'àda ‘ri­
Semitic Inscriptions 1, Oxford 21973, 49-54). Inoltre tornare’; in ebr. biblico solo nelle forme pi., poi e
si nota particolarmente la locuzione ‘t kjm ricorren­ hitpol., ad es. Jastrow, Dict. Talm. ii28a), il dibatti­
te negli ostraca di Lachish (KAI 192,3; 194, 1; 195,2 to ha riguardato soprattutto 'n (+ una desinenza fem.
s.) - più précisamente connessa alla formula di be­ -t) (Wilch 158-160; Aartun 14), cui si collegano
nedizione usata come saluto «che Jhwh faccia senti­ l’ebr. 'ét e l’aram. k'n/k'nt/k't ‘adesso’ (DISO 125;
re al mio signore buone notizie » (jsm' jhwh ’t ’dnj KBL2 io86b), guardando al nome ugaritico 'nt ‘ora’,
sm't slm) e simili - che probabilmente va tradotta usato presumibilmente come avverbio (KTU 1.19,
«proprio adesso», «ora in questo stesso giorno» (v. i n 48. 55 s.; IV 6; cfr. UT nr. 1888 e 102 n. 3; v. tut­
Mùller, UF 2, 234 s.). tavia WUS nr. 2065).
In fenicio e punico il sostantivo *f compare spo­ Oggi si può osservare una tendenza preferen­
radicamente (v. DISO 224; KAI ni 20; a Cartagine,
Revue d’archeologie africaine 12 [1963-64] 52; ziale per una derivazione dalla radice j 'd ‘stabili­
CRAIBL 1968, 123; Tomback 259); in un testo feni­ re, fissare’, così che 'ét significherebbe in primo
cio trovato a Sidone (KAI 14,2 s.) si legge: «Sono sta­ luogo ‘termine’ (**idt > *'itt > 'ét; v. BLe § 61 j;
to strappato via prima del mio tempo» (ngzlt bl 'tjt J.C . de Moor, AO AT 16, 19 7 1,14 9 ; E. Vogt, Lex.
cfr. l’ebr. beló’ ‘ét, v. sotto, iv.2.ay). Due testi punici Ling. Aram. 8jb; TH A T 11 371; K B L 3 85ib). Se
usano 't per una precisazione storica: il primo parla questa spiegazione fosse esatta, ‘ét sarebbe colle­
del «tempo del signore ’DNB'L» (CRAIBL 1968, gato etimologicamente con i termini ebraici 'édà 1
117, 1. 2, da Cartagine); il secondo dice: «Al tempo ‘assemblea’ e mò'éd ‘luogo d’incontro’, ‘conve­
del signore delle truppe scelte» (v. M.G. Guzzo
gno’, ‘momento convenuto, termine stabilito’ (-»
Amadasi, Le iscrizioni fenicie e puniche delle colonie
in Occidente, Roma 1967, 23, nr. 6, 1. 4; da Malta). j 'd [jà'ad]).
Infine si deve ricordare un testo del 1 sec. d.C., di
difficile interpretazione, trovato a Leptis Magna: iii.i. Le 296 ricorrenze nell’A.T. del sost. ebrai­
«Gli permisero di usare la tunica (?) in ogni circo­ co 'ét (pi. 'ittìm/'ittóty cfr. D. Michel, Grundle-
stanza (?)» (jtri l'b d bsp’t kl h'ty KAI 126,9; cfr- la
gung einer hebr. Syntax 1, 1977, 58 s.; genere:
locuzione dell’A.T. bekol-'ét, v. sotto, iv.i.a). normalmente femminile; le eccezioni sono dub­
bie, v. Emerton 159 con riferimento a Driver) si
11. Nonostante un dibattito interminabile, com­ trovano con maggiore frequenza nei seguenti li­
plesso e intenso, l’etimologia del sostantivo 'ét va bri (escludendo Ezech. 23,43 K; Ps. 74,6 K): Qo-
considerata ancora oscura (per una panoramica helet 40 volte (31 nel solo cap. 3); Geremia 36;
del dibattito e per lo stato della ricerca cfr. spe­ Salmi 22; Deuteronomio 18; Ezechiele 18; Danie­
5 (vi,468) 'et (T. Kronholm) (vi,468) 6

le 1 6; 2 Cronache 16; 2 Re 1 1 ; Isaia 1 1 (Is. 1-39: 8); ta’ (-» ‘ wlm); qedem ‘tempo remoto, antichità’,
Genesi 10; Giudici 10; Giobbe 10; 1 Cronache 9. ‘tempo antichissimo, delle origini, primordiale’
Come derivati si hanno nell’A.T. l’aggettivo (-» qdm); qès ‘fine’, ‘limite, estremo’, anche ‘tem­
‘itti ‘che sta, è, si tiene pronto* (hap. leg., Lev. 16, po della fine’ (-» qs); rò’s (con derivati) nel signi­
21; v. BLe § 6iw.x; l’emendazione 'dtìd suggerita ficato di ‘inizio (di un determinato tempo), prin­
da Wilch 138 e altri non è plausibile) e l’avverbio cipio’ (-> r’s). Termini di tempo di questo genere
‘atta con le sue 433 ricorrenze (includendo Ezech. compaiono anche in numerose locuzioni preposi­
23,43 Qi Ps- 74>6 Q; Per la forma e l’uso cfr. G V G tive e avverbiali (in aggiunta, tra le altre, ’az ‘allo­
1 4Ó4ha; Joiion 81. 222: K. Beyer, Althehr. Gram- ra, a quel tempo’). In sé ‘et non denota una certa
matik, Gòttingen 1969, 66; K B L 3 853^ 8 54 ^ per estensione temporale né una lunga durata (che
la locuzione w e<attà (272 volte nell’A.T.) v. in vengono indicate di preferenza mediante espres­
particolare Stàhlin; Lande; Laurentin; Brongers; sioni con jòm/jdmim, ‘ad/'òd, ‘òldm e dòr ‘ciclo’,
Jenni 1972). Palesemente le ricorrenze registrano ‘[tempo della] vita', ‘generazione’, ‘stirpe’ (->
la maggiore frequenza nei testi narrativi (1 Sa­ dwr); heled ‘[durata della] vita’, ma anche ‘mon­
muele 46 volte; Genesi 40; 2 Samuele 30; 2 Cro­ do’), né il breve ‘istante, l’attimo, momento’ (per
nache 29; Giudici 24; 1 Re 23; 2 Re 22; Esodo 20; il quale si usa ad es. peta\ rega‘ (-> rg‘), in aram.
Giosuè 19; Numeri 15), mentre sono più sporadi­ biblico sd‘dh). ‘et non è quindi, per se, definito
che nei libri profetici e poetici (Isaia 29 volte; temporalmente più di quanto mdqòm ‘luogo’ (->
Giobbe 18; Geremia 16; Salmi 13; Osea 12; Eze­ mqwm) sia delimitato nello spazio. Piuttosto ‘et è
chiele 8). affine, per significato, ai termini di tempo più ge­
nerici dell’A.T.: si pensi soprattutto a mò‘éd (->
Il NP masc. ‘Attaj (solo in / Chron. 2,35 s.; 12,12;
2 Chron. 11,20) non ha probabilmente alcun rappor­ mw‘d) ‘momento convenuto, termine’ oppure
to etimologico con ‘ét(v. 1PN i9 i;P N P I io8a; KBL3 ‘(tempo della) festa’. Talvolta mó‘èd è persino
854 s.). Molto dubbia è anche l’interpretazione del parallelo a ‘et (ad es. Ier. 8,7; cfr. anche 2 Reg. 4,
sost. ‘ ònà come «(tempo del) rapporto sessuale» (Ex. 16.17 e 2 Sam. 24,15), tuttavia il valore liturgico e
21,10; -» ‘nh [‘ dna] 111.8) in relazione con ‘et. teologico del nome mò‘éd non è lo stesso di ‘et.
Si devono inoltre ricordare alcuni termini di tem­
iv .i.È immediatamente chiaro che nell’A.T. ‘et po di natura generale meno frequenti, ad es. * ’òfen
è sempre un termine di tempo. Ciò risulta natu­ ‘(il giusto) tempo’ (solo.in Prov. 25,11); ’ésun
ralmente sia dai diversi contesti in cui ‘et di volta ‘(principio del) tempo’ (solo in Prov. 20,20 Q; 7,9
in volta appare, sia dalle varie preposizioni con cong.); zemdn ‘tempo determinato, ora’ (4 volte
cui c costruito (‘ad ‘fino a’ e min ‘fin da’; he, le e nell’A.T. ebraico: Eccl. 3,1 par. ‘et; Esth. 9,27.31;
k e temporali; sporadicamente ’el-, v. sotto, iv.2.a- Nehem. 2,6; inoltre Ecclus 43,7 par. mò‘èd) e in
d), sia dall’aggettivo in funzione temporale (come aram. biblico zeman (11 volte) e ‘idddn ‘tempo
qàròb ‘vicino’, Is. 13,22; rdhòq ‘ lontano’, Ezech. (fissato)’ (Dan. 2,8.9.21; 3,5.15; 4,13.20.22.29; 7,
12,27 pi-, v. sotto, iv.5). Viene definito o valutato I2-2 5)- . . . . .
un determinato tempo nel ciclo della natura, nella Nella misura in cui si può davvero parlare di
vita umana, nella storia, sottolineato mediante de­ significato base di un termine, per quel che riguar­
terminazioni genitivali e altri costrutti; l'avverbio da ‘et si deve indicare soprattutto «il momento
‘atta ‘in questo tempo’, cioè ‘ora, adesso’, deriva­ fissato (da Dio o dall’uomo, e quindi ‘giusto’) per
to da ‘et (v. sotto, iv.3.4) illustra questo quadro. qualcosa» (cfr. TH AT il 371). Tuttavia si dovrà
Resta tuttavia difficile specificare con esattezza il mettere in rilievo che in una serie delle effettive
valore semantico di questo termine di tempo; lo attestazioni non si esprime esplicitamente né la
si può fare in una certa misura unicamente attra­ determinazione del momento, né il rapporto di
verso il confronto con altri termini di tempo. questo con qualcosa (per esempi v. soprattutto
Sebbene possa trovarsi talvolta in parallelismo sotto, iv.4).
con jòm ‘giorno’ (-» jwm ) (ad es. Ezech. 7,7.12; 2. Come la maggior parte dei termini di tempo
cfr. anche la locuzione «in quei giorni e a quel già elencati, ‘et si unisce il più delle volte con pre­
tempo», Ioel 4,1; Ier. 33,15; 50,4.20), ‘et in sé non posizioni di vario genere. Tali locuzioni preposi­
è legato a un’unità di tempo fissa per natura, né tive, talora vere e proprie formule, hanno di nor­
implica per se una particolare collocazione nel ma funzione di avverbio di tempo c servono a col­
corso della storia, come ad es. ’ahdrit ‘fine, esito’ locare un avvenimento in un determinato momen­
(-» ’hrjt), ma anche ‘il seguito, il futuro’; ‘ad ‘fu­ to o in un certo periodo (cfr. BD B 773; TH AT n
turo durevole’ (-» ‘d); ‘òlam ‘lungo tempo, dura­ 372-378; K B L 3 852 s.).
7 (vi,469) 'ét (T. Kronhoim) (vi,470) 8

a) Se si paragona 'ét con i due termini di tempo 179 s. 184. 196). Ma la medesima formula può ri­
più frequenti nei costrutti prepositivi, si nota che correre anche nelle promesse e nelle minacce dei
'ólàm si combina in prevalenza con le preposizio­ profeti, per lo più con l’imperf. (ad es.: «in quel
ni l e e ‘ad, mentre per 'et come per jóm la prepo­ tempo si porteranno offerte», Is. 18,7; inoltre, ad
sizione più ricorrente è be. es.y ler. 3,17; 4 ,11; 8,1 Q; 3i,iji4m . 5,13 [interpre­
tazione a posteriori? v. H.W. Wolff, BK xiv/2*,
a) Per quel chc riguarda be + *ét la locuzione clas­ 293 s.); Soph. 3,20 [v. 19 con ptc. attivo]; inoltre in­
sica più frequente è bà'ét hahV «a quel tempo» (68
sieme con 'àz ‘allora’ in Mich. 3,4); si noti parti­
volte: Deuteronomio i j ; 2 Cronache 8; Giudici 7;
Geremia 7; 2 Re 5; Giosuè 4; 1 Re 3; Isaia 3; Sofonia colarmente l’espressione doppia bajjàmìm hà-
3; Genesi 2; 1 Cronache 2; Daniele 2; 1 volta ciascu­ hémf-mà ubà'ét hahV (v. sopra). Sporadicamente
no Numeri, Gioele, Amos, Michea, Esdra, Neemia, s’incontra il perf. (Is. 20,2; 39,1). L ’uso profetico
Ester; inoltre anche locuzioni come bà'ét «al tempo con l’imperf. rivolto verso il futuro verrà poi ri­
giusto», Eccl. 10,17; bà'èt hazzó’t «in questo tem­ preso, ad es. in Dan. 12,1 (bis).
po», Esth. 4,14; pi. bà'ittim «in [questi] tempi», Dan. y) Di natura affatto diversa è la frequente (15
11,16; bà'ittim hàhém «in quei tempi», Dan. 11,14; volte) espressione be + 'ét + suffisso (be'ittó ecc.),
2 Chron. 15,5; cfr. anche con altre preposizioni: 'ad
hà'ét hahV «fino a quel tempo», Dan. 12,1; Nehem. che generalmente precisa il tempo fissato dalla na­
6,1; e min-hà'ét hahV «da quel tempo in poi», Ne­ tura (ad es. per la pioggia, il raccolto ecc.) o il mo­
hem. 13,21). mento giusto secondo le leggi del creato (pioggia:
Lev. 26,4; Deut. 11,14 ; 28,12; Ier. 5,24; Ezech. 34,
(3) La locuzione hà'ét hahV, affine soprattutto 26; messe: Hos. 2 ,11; Iob 5,26; frutti: Ps. 1,3; cibo:
a bajjòm hahù' «quel giorno», si riferisce nella Ps. 104,27; 145,15; dì e notte: Ier. 33,20; costella­
maggior parte dei casi a un momento o periodo zioni: Iob 38,32; atti di Dio: Is. 60,22; una parola:
nel passato (52 volte, cfr. TH AT 11 372). Nelle Prov. .15,23); v. sotto, v.2.a.
parti narrative del Pentateuco, dell’opera storio­ Viceversa si dice due volte al negativo beló’ 'ét
grafica dtr. e dell'opera storica cronistica questa «non al tempo [della mestruazione]» (Lev. 5,25) e
locuzione viene usata come formula introduttiva/ beld ’ 'ittekà «non al tuo tempo», «[morire] prima
connettiva con l’imperf. cons. (ad es.: «e/ora in del tuo tempo» (Eccl. 7,17) (cfr. H.W. Hertzberg,
quel tempo avvenne», wajhi bà'ét hahV: Gen. 21, KAT xvii/4-5, 137. 141); anche bel5 ’-'ét in molti
22; 38,1; / Reg. 11,29; «e >n quel tempo sconfisse­ mss. a Iob 22,16 (con riferimento alla morte);
ro Moab», wajjakkù 'et-mò'àb bà'ét hahV: lud. T.M.: w eló’-'ét; cfr. anche bl 'tj in un testo feni­
3,29; cfr. Ios. 6,26; 11,10 .2 1; lud. 12,6; 21,14; 1 cio (KAI 14,2 s. 12; cfr. sopra, 1; in proposito J.C .
Reg. 8,65 [testo?]; 2 Chron. 13,18 e passim) oppu­ Greenfield, Fs. W.F. Albright, 1971, 260). In sen­
re come indicazione di tempo col perfetto per pre­ so positivo si trova rare volte bà'ét «al tempo giù- >
cisare il «quando» o per stabilire un collegamento sto» (Eccl. 10,17).
con esso (ad es.: «a quel tempo Jhwh disse a G io­
suè», bà'èt hahV yàmar jhwh 'el-jehósua', Ios. j, La locuzione generalizzante brkol-'ét «sempre, in
2), una forma usata di preferenza nello stile anna- qualsiasi momento» ricorre 15 volte (Ex. 18,22.26;
listico (ad es.: «a quel tempo Abia si ammalò», Lev. 16,2; Ps. 10,5; 34,2; 62,9; 106,3; 119,20; Iob 27,
bà'ét hahV bàia ’àbijjà, 1 Reg. 14,1; cfr. ad es. 2 io; Prov. 5,19; 6,14; 8,30; 17,17; Eccl. 9,8; cfr. b'kol-
'èt ’àser, Esth. 5,13; 'im + kól + pi., 1 Chron. 29,30).
Reg. 16,6; 18,16; 20,12; 24,10; 2 Chron. 16,7; 28,
Nella maggior parte dei casi esprime una generaliz­
16). Solo in via eccezionale s’incontra questa lo­ zazione di natura pedagogica dei maestri di sapienza
cuzione in frasi nominali che guardano a eventi (ad es. Eccl. 9,8: «Le tue vesti siano sempre bianche»)
passati (ad es. Num. 22,4; lud. 4,4; 14,4). Nel qua­ oppure lo zelo religioso dell’orante (ad es. «La mia
dro della visione generale del Deuteronomio, con anima si strugge in ogni istante per la nostalgia delle
la sua concezione lineare della storia della salvez­ tue leggi», Ps. 119,20; «Celebrerò ogni momento
za (cfr. H.D. Preuss, Deuteronomium, EdF 164, Jhwh», Ps. 34,2). Per questa locuzione cfr. kl h't in
1982, 185-190), bà'ét hahV è usato per segnalare un testo neopunico (KAI 126,9; v- sopra, 1).
la distanza temporale tra l’«adesso» ('atta) o l’«og- Si deve infine ricordare che si hanno circa 35 vol­
gi» (hajjòm) del predicatore/narratore ed eventi te nessi genitivali con be + 'et + nome o inf. o frase
verbale (14 volte in Geremia) per stabilire un parti­
concreti nei periodi del lontano passato della sto­
colare momento o periodo di tempo (col nome: ad
ria del popolo di Dio (ad es.: «e io [Mosè] vi par­ es. be‘ét qàsir «al tempo della mietitura», Ier. 50,16;
lai a quel tempo [bà'ét hahV, la rivelazione al H o­ altri esempi: lud. 10,14; fa 33,2; 49,8; Ier. 2,27.28; 8,
reb] e dissi», Deut. 1,9; inoltre 1,16.18; 2,34; 3,4. 12; 10,15; 11,12 ; 14,8; 15,11 [bis]-, 18,23; 51,1 8; Ezech.
8.12.18.21.23; 4,14; 5,5; 9,20; io,t,8; v. Preuss 62. 21,30.34; 35,5 [bis]; Zach. 10,1; Ps. 37,19.39. - Con
9 (vi,47i) ‘et (T. Kronholm) (vi,472) 10

inf. cs.: ad es. be<ét jahém hassó'n «al tempo in cui il (ke + 'et + nome: Dan. 9,21; + infinito: 1 Sam. 4,20
bestiame minuto è in calore», Gen. 31,10; altri esem­ [testo?]; 2 Chron. 21,19).
pi: Gen. 38,27; / Sam. 18,19; ^er■ I I >I4J Soph. 3,20 d) I restanti costrutti prepositivi non vanno esa­
[testo incerto, cfr. BHS]. - Con frase verbale: ad es. minati in questa sede: 12 volte con 'ad ‘fino a’ (Ios.
be‘ét-peqadtim «nel tempo in cui li affliggerò», Ier. 8,29; 2 Sam. 24,15; Ezech. 4,10.11; Mich. 5,2; Ps. 105,
0,15; altri esempi: Job 6,17; 2 Chron. 20,22; 24,11; 19; Dan. 11,24.35; 12,1.4.9; Nehem. 6,1); inoltre 8
29,17; v. sotto, iv.4 e 5). volte con min ‘fin da, da’ (Is. 48,16; Ezech. 4,10.11;
Ps. 4,8; Dan. 12,11; Nehem. 13,21; 7 Chron. 9,25; 2
b) Significato c costrutto analogo al precedente Chron. 25,27); 1 volta con 'e l 'a’ (1 Chron. 9,25).
si ha anche (in totale circa 20 volte al sing.) con la
3. Quando è nomen regens in un nesso geniti­
prep. l e + 'ét + nome o inf. o frase verbale. Come
vale, 'ét denota di norma un momento o periodo
con be, anche con l e si vuole indicare il momento
di tempo determinato, la cui natura è indicata dal
o il periodo di un’azione o di un fatto.
nomen rectum o dall’infinito o frase verbale retta
Vanno menzionati i seguenti esempi: con il nome: da ‘ét in st. cs. Nella maggior parte dei casi il no­
le‘ét ‘ereb «verso sera», Gen. 8,11; 24,11; Is. 17,14; men rectum è un sostantivo (circa 65 volte). Talo­
Zach. 14,7; le'ét ziqnà «al tempo della vecchiaia», ra si esprime in questo modo un tempo dettato o
Ps. 71,9; cfr. / Reg. 1 1,4; 15,23; altri esempi: Ps. 21,10 fissato dalle leggi naturali, ad es. «(tempo del)la
[testo?]; Ruth 2,14; Eccl. 9,12; / Chron. 12,23; 2°>I- sera» ('ét [hà]‘ereb, Gen. 8 ,11; 24,11; Ios. 8,29; 2
- Con l’infinito: l e,ét bó’ hassemes «verso il tra­ Sam. 11,2 ; Is. 17,14; Zach. 14,7), «(il tempo di)
monto», Ios. 10,27; 2 Chron. 18,34; esempi: 2 mezzogiorno» ('ét sohordjim, ler. 20,16), «tempo/
Sam. 11,1; Ps. 32,6 [testo?]; / Chron. 20,1. - Con fra­ stagione della pioggia tardiva» ('ét malqós [mar­
se verbale: le‘ét tàmut raglàm «al tempo in cui il vo­
zo-aprile, AuS 1/2, 302 ss.], Zach. 10,1); «tempo
stro piede vacillerà», Deut. 32,35; cfr. sotto, iv.4 e 5).
Ma talora la prep. le prima di ‘ét serve per intro­ della messe» ('ét [haq]qàsir [aprile-giugno, AuS
durre un compì, di termine autonomo (ad es. le‘ét 111, 4 s.], Ier. 50,16; 51,33); «tempo del cambio del­
kàzó’t «per un istante come questo», Esth. 4,i4b; al­ l’anno», «Capodanno» ('ét tesùbat hassànà, 1
tri esempi: Jer. 8,15; 14,19; lob 38,23; Dan. 8,17). Chron. 20,1), «tempo della vecchiaia» ('ét ziqnà,
c) 'et è costruito 22 volte con la prep. ke. Anche Ps. 71,9; cfr. 1 Reg. 11,4; 15,23), «tempo della me­
in questo caso non c’è una chiara distinzione di signi­ struazione», «periodo mestruale» ('ét niddà, Lev.
ficato rispetto ai costrutti con be e l e. S’incontra 5 15,25); cfr. ancora «tempo del godimento amoro­
volte l’espressione kd‘èt, affine a kajjóm «adesso» so» ('ét dódim, Ezech. 16,8), «tempo della scac-
(Num. 23,23; lud. 13,23; 21,22 [probabilmente si chiatura [della vite]» ('ét hazzàmir [significato
deve leggere ki'altà, v. BHS]; Is. 8,23 [testo dubbio.
incerto; forse «della vendemmia» o «del canto»?],
Cfr. Driver 43-49; Emerton 156 ss.; contrario H.
Wildberger, BK x, 363 ss.]; Iob 39,18; cfr. anche ke- Cant. 2,12). Ma si può trattare anche di tempi par­
mó 'ét, Ezech. 16,57 [ma probabilmente si deve leg­ ticolari, non inerenti al ciclo della natura ma fis­
gere k emò 'attà(h), W. Zimmerli, BK x i i i , 341]). La sati autonomamente dalPuomo nell’organizzazio­
locuzione viene combinata 9 volte con màhàr ‘doma­ ne della vita quotidiana (ad es. «tempo di mangia­
ni’, 8 volte con la formulazione kà'ét màhàr «do­ re», 'ét hd'ókel, Ruth 2,14) o nella prassi del cul­
mani a quest’ora» (Ex. 9,18; 1 Sam. 9,16; 20,12; 1 to (ad es. «tempo/ora del sacrificio serale», 'ét
Reg. 19,2; 20,6; 2 Reg. 7,1.18; 10,6) mentre una volta minhat-àreb, Dan. 9,21) oppure da Dio, per la
si ha, con il medesimo significato, màhàr kà'ét baz­ felicità o la rovina degli uomini (ad es. «tempo del­
za’t (Ios. 11,6). Molto controversa è la locuzione kà­
la guarigione», 'ét m a r p é h lI e r . 8,15; 14,19;
'ét hajjà (Gen. 18,10.14 e 2 P-eK- 4116.17). Conte­
stando precedenti spiegazioni, Yaron ha fatto notare «tempo della pace», ‘ét sàlóm, Eccl. 3,8; «tempo
l’espressione accadica analoga ana balàt «l’anno del gradimento [divino]», 'ét ràsòn, Is. 49,8; Ps. 69,
prossimo, più o meno in questo periodo», «fra un 14; cfr. anche 'ét pànèkà «tempo della tua epifania
anno» (-> voi. 11 950): «Che questa locuzione si trovi / presenza personale», Ps. 21,10; viceversa «tem­
nell’A.T. soltanto in Gen. 18,10.14 e in 2 Reg. 4,16. po della tua ira», 'ét >appekà, Ier. 18,23; «tempo
17, e più precisamente nel medesimo contesto, è un della retribuzione [divina]», ‘ét neqàmà, Ier. 51,6;
chiaro segno che questo modo di dire, andato altri­ cfr. «giorno della retribuzione», Ier. 46,10; «tem­
menti perduto, venne tramandato in questo determi­ po della tribolazione», 'ét p equddà, Ier. 8,12; 10,
nato racconto della promessa della nascita di un
15546,21; 50,27; 51,18; cfr. 6,15549,8; 50,31; «tem­
bambino (con lievi variazioni, ma identico contesto
in Gen. 17,21)» (C. Westermann, BK 1/2, 339 s.; cfr. po della crisi, bisogno» ecc., 'ét sàrà, Is. 33,2; Ier.
anche R. Kumpel, Fs. G.J. Botterweck, BBB 50, 14,8; 15 ,11; 30,7; Ps. I7 ,w , Dan. 12,1; con suffis­
1977,162). Si deve infine ancora notare che anche per so lud. 10,14; Nehem. 9,27; cfr. jòm-sàrà, 2 Reg.
ke si ha il già noto costrutto prep. + ‘et + nome o inf. 19,3 e passim; 'ét-sàr, Iob 38,23; 'ét rd'à, Ier. 15,
II (vi,473 ) ‘et (T. Kronholm) (vi,473) 12

1 1 ; Am. 5,13; Mich. 2,3; Ps. 37,19; Eccl. 9,12; con castigo», ‘ét p eqadtiw, Ier. 49,8; inoltre 6,15; 50,
suffisso Ier. 2,27.28; 11,12 ; «tempo della guerra», 31; Mich. 5,2; Ps. 4,8 [manca in Lisowsky ii4oa-
1et milhdma, Eccl. 3,8; «tempo della fine», ‘et qés, 11423]; Dan. 12 ,11; 2 Chron. 20,22; 29,27) o con
Dan. 11,35.40; 12,4.9; 'et-qés, Dan. 8,17; cfr. mò- l’imperf. (ad es. «il tempo in cui il tuo piede vacil­
‘èd qés, Dan. 8,19; «tempo del castigo finale», ‘et lerà», ‘ét tdmut ragldm, Deut. 32,35; inoltre Num.
‘dwòn qés, Ezech. 21.30.34; 35,5; «tempo [del giu­ 23,23; Hos. 13,13; Iob 6,17; 2 Chron. 24,11), talo­
dizio] del suo paese», ‘ét ’arsò, Ier. 27,7; «tem­ ra anche con una frase relativa (per es. «il tempo
po stabilito/convenuto», ‘ét m ó‘éd, 2 Sam. 24,15; nel quale l’uomo esercita il proprio dominio», *ét
«tempo della loro calamità», ‘ét ’edàm, Ezech. 35, ’àser salat h d’dddm, Eccl. 8,9; inoltre 2 Chron. 25,
5; «tempo dei pagani», ‘et gòjim, Ezech. 30,3; cfr. 27; cfr. anche Ps. 4,8).
16,57)- Soltanto di rado ‘ét in st. cs. regge un ptc. atti­
vo (ad es. «il tempo in cui [Jhwh] ti [Israele] gui­
A cominciare da J. Wellhausen e B. Duhm è in­
dava nel [giusto] cammino», [b^'ét mólikék bad-
valsa la correzione del testo di Ps. 31,22 in be‘èt mà­
sòr «al tempo delle difficoltà» (cfr. BHS; in alterna­ dàrek, Ier. 2,17; anche Ezech. 27,34).
tiva he‘èt màsòq «al tempo della tribolazione»). Si 4. In una serie di testi ‘ét risalta con maggiore
deve tuttavia preferire il T.M.: be‘ir màsòr «nella città evidenza come parte autonoma del discorso, ma i
fortificata» si adatta senza forzature nella successio­ singoli costrutti variano notevolmente.
ne delle espressioni contestuali beséter pànèkà... be- Circa 30 volte ‘ét è integrato da un inf. cs. con
sukkà «nefla protezione della tua presenza... in una l e che segue ‘ét e non di rado ha funzione attribu­
capanna» (contro H.-J. Kraus, BK xv/i5, 393). - ‘ét tiva, ad es. «il tempo [giusto] per cercare Jhwh»,
rewàh «ristabilimento, restaurazione» è un’emenda­ ‘ét lidrós ’et-jhwh, Hos. 10,12); «il momento di
zione suggerita da W. Rudolph (HAT i/iz \ 214) per
costruire un tempio a Jhwh» (‘et-bét jhwh l ehib-
l’oscuro hap. leg. ‘ateret (Ier. 33,6), Forse ha visto
giusto (cfr. BHS; K BLJ 857^. bdnót, Ag. 1,2; cfr. Ag. 1,4; Ps. 102,14; 119,126;
Iob 39,2; Eccl. 3,2-8a [23 volte]).
Affini ai nessi genitivali ‘ét + sostantivo sono i Talvolta ‘ét si unisce direttamente con una pre­
circa 25 nessi con l’inf. cs. (i più frequenti sono posizione. Con b e si indica il tempo adatto, pro­
quelli con ho’ e jdsd’, rispettivamente 5 e 4 volte). pizio per fare qualcosa (ad es. bd‘ét jó ’kélu, «[i
Anche in questo caso si tratta spesso di determi­ principi] si mettono a tavola all’ora giusta», Eccl.
nazioni temporali legate a eventi della natura, ad 10,17; Per be‘ittó v. sopra, iv.2.a). kd'ét significa
es. «ora del tramonto» (‘ét b ó ’ hassemes, Ios. 10, «a quest’ora = adesso» (Iud. 13,23; 21,22); per al­
27; 2 Chron. 18,34); «periodo in cui il bestiame tri esempi con kd'ét v. sopra, iv.2.c). Sporadica­
minuto va in calore» (‘ét jahém hassò’n, Gen. 31, mente si trovano composti affini con le preposi­
10); «tempo delParrivo [della tortora?]» (‘ét bó’, zioni min e ‘ad/’el- (mé‘ét ‘a d -é t «di tempo in
Ier. 8,7); «tempo del parto» (‘ét ledet, Gen. 38,27; tempo», Ezech. 4 ,10 .11; m é‘ét ’el-‘ét «da un tur­
Iob 39,1); «momento di morire» (‘ét mut, 1 Sam. no all’altro», 1 Chron. 9,25; [we] ‘ad ‘ét «fino a un
4,20). Può però trattarsi anche di un fatto legato momento stabilito da Dio]», Dan. 11,24; c^r- so_
all’attività umana, ad es. «l’ora in cui le donne pra, iv.2.d).
escono ad attingere [la sera per andare al pozzo]» Del tutto unico è il costrutto (we)hd‘ét gesd-
(‘ét sé’t hassó’dbót, Gen. 24,11); «tempo in cui si mim, Esdr. 10,13 °be significa, a quanto sembra,
calpesta con forza l’aia per trebbiare» (góren ‘ét «il tempo è quello degli acquazzoni» (cfr. GKa
hidrikà, Ier. 51,33); «l’ora in cui si deve radunare § I4id; Brockelmann, Synt. § I4b). Nel linguag­
il bestiame» (‘ét h é’dséf hammiqneh, Gen. 29,7); gio peculiare di Qohelet ‘ét talora si è reso auto­
altri esempi: 1 Sam. 18,19; 2 Sam. 1 1 ,1 ; 2 Reg. nomo, per es. «tempo e caso li riguardano tutti»
5,26; Is. 48,16; ler. 11,14 ; Eccl. 3,40.5ap; 1 Chron. (kl-ét wdfegd' jiqreh ’et-kulldm, Eccl. 9 ,11;
20,1; 2 Chron. 28,22. Infine anche l’attività divina [pegd‘]); il cuore del sapiente conosce «tempo e
c definita nello stesso modo in termini di tempo, giudizio» (‘ét ùmispdt, Eccl. 8,6; -» mspt [mispdt]:
per es. «il tempo in cui vi [Israele] radunerò» (‘ét endiadi? così i LX X ); cfr. anche ‘ét l ekol-héfes,
qabbesi ’etkem, Soph. 3,20); «il tempo in cui la «c’è un tempo per ogni cosa», Eccl. 3 ,1.17 (per hé-
sua parola [arriva =] si avvera» (‘ét bó’-d ebdrò, Ps. fes -> voi. in 127).
105,19); v. inoltre Ag. 1,2;Ps. }2,6; j Chron. 21,19 Si deve infine notare che l’arrivo del tempo
(per il costrutto ‘ét + inf. cs. con l e v. sotto, iv.4). indicato con *ét è espresso soprattutto mediante il
In alcuni testi, in primo luogo del periodo esi- verbo bó’ (-» h w ’) ‘venire, giungere, arrivare’ (ad
lico e postesilico, si trova anche il costrutto ‘ét + es. Is. 13,22; Ier. 27,7; 46,21; 49,8 [hif.]; 50,27.31;
frase verbale o col perf. (ad es. «il tempo in cui lo 51,33; Ezech. 7,7.12; Ag. 1,2), talora con ndgd‘ hif.
1 3 (vi, 4 7 4 ) 'et (T. Kronholm) (vi,475 ) 14

(-» ng‘) ‘giungere’ (Cant. 2,12). Inoltre ‘et può le stagioni», j ’rjh 'twt, Ecclus 43,6 cod. M): i figli
comparire quale oggetto di verbi come hsk l e «te­ di Issacar «s’intendono del corso dei tempi» (jó-
nere in serbo per» (lob 38,23), jàda' (-> j d ‘) ‘co­ d e'è bina là'ittìm, 1 Chron. 12,33) e i sapienti «co­
noscere’ (lob 39,1.2; Eccl. 8,5; 9,12), qdwu pi. (-» noscono i tempi (stabiliti da Dio)» (jòde'è hd'it­
qwh) ‘sperare in’ (ler. 8,15; 14,19) e smr (-> smr) tìm, Esth. 1,13). Da questo significato si spiega an­
‘osservare’ (Ier. 8,7) che il passaggio «a un contenuto semanticamente
5. Il pi. di 'et è per lo più ‘ittìm (15 volte), ma più delineato e consistente» (Jenni, TH AT il 378)
talora (3 volte, v. sopra, 111) ‘ittót. del plurale, «tempi = destino», una transizione
Gli esempi del pi. ‘ittìm s’incontrano quasi particolarmente palese in Ps. 31,16: «I miei tempi
esclusivamente in testi tardi. Di regola i significa­ ('ittdtdj = il mio destino) riposano nella tua ma­
ti nei vari passi possono essere facilmente dedotti no». 1 Chron. 29,30 parla in parallelo di tutto il
dai brani paralleli con ‘et al sing. Un’eccezione è potente regno di David e «delle vicende (hd'it­
costituita dall’espressione rabbót ‘ittìm, propria tìm) che sono capitate (‘dberu) a lui, a Israele e a
del contesto liturgico, che viene solitamente tra­ tutti i regni stranieri (per il «riempimento [di ‘it­
dotta «molte volte» (Nehem. 9,28; cfr. W. Ru­ tìm] con un contenuto specifico» cfr. anche, ad es.,
dolph, HAT 1/20, 164; Barr *1969, 122 s.; TH AT Is. 33,6; Ps. 9,10; 10,1; cfr. Barr *1969, 123; H.-J.
11 378; cfr. tuttavia Ps. 31,16, v. sotto) e che può Kraus, BK xv/15, 217. 398 con riferimento alla
essere paragonata tra l’altro con p e‘àmìm rabbót combinazione, proposta da W.F. Albright, di ‘it­
(Eccl. 7,22 e simili; -> p'm [pa'am]); cfr. l’aram. tót con l’acc. ‘anutu-ettu, per la quale ‘ittót do­
zemun, specialmente zimnìn teldtdh bejóm d’ «tre vrebbe significare «segni premonitori»). Si deve
volte al giorno» (Dan. 6,11.14). notare che l’ar. duhr ‘tempo’ si trova similmente
Oltre a ciò, in alcuni testi si ha un chiaro plura­ nella poesia preislamica come espressione fatali­
le distributivo, soprattutto nell’espressione ricor­ stica per denotare «il tempo e il suo contenuto» (J.
rente 3 volte «in tempi determinati» (le‘ittìm me- Pedersen, RH PhR 10 [1930] 353 s.; H. Ringgren,
zummdnìm, Esdr. 10,14; Nehem. 10,35; be‘ittìm Studies in Arubiun Fatalism, U U À 1955:2,30-43).
mezummdnót, Nehem. 13,31). Spesso l’aspetto di­ 6. L ’avverbio 'atta ‘adesso, ora’, ‘ciò nonostan­
stributivo del plurale viene però attenuato, così te’, ‘in futuro, d’ora innanzi’ ecc. compare nel­
che i singoli aspetti inclusi in ‘ittimj'ittót sono l’A.T. 433 volte (v. sopra, III; sull’uso nell’A.T. v.
riuniti in un’unica totalità. Ezechiele profetizza particolarmente Lande 46-52; Laurentin 168-195.
«circa giorni futuri e tempi lontani» (lejdmìm rub- 413-432; Brongers 289-299; Jenni 1972, 5-12;
bìm ùl*'ittìm rehóqót, Ezech. 12,27)e Giobbe ane­ 1976, 379; K B L J 853b-854b; cfr. anche Stàhlin
la ai «tempi [del giudizio] ('ittìm)» di Dio (par. «i 109 9 -1117; Tachau 21-70).
suoi giorni», jdmdw, 24,1). La locuzione stereoti­ È singolare che ‘atta, pur ricorrendo frequen­
pata bd‘ittìm hdhèm «in quei tempi» può essere temente nei libri narrativi dcll’A.T. (cfr. sopra,
riferita - come quella al sing. bd'èt hahV (v. sopra, 111), non si trovi normalmente nelle sezioni narra­
iv. 1.a) - al passato (2 Chron. 15,5) o al futuro tive del testo bensì in dialoghi, discorsi (lettere in­
(Dan. 11,14 ). Si hanno tre nessi genitivali con 'it- cluse), oracoli e preghiere: in pratica, cioè, nelle
tìm come nomen rectum: Is. 33,6 parla della «cer­ parti in discorso diretto. Dunque ‘atta serve (cfr.
tezza dei tuoi tempi» (’èmùnat 'ittèkd, testo dub­ Jenni) ad attivare una situazione discorsiva. L ’at­
bio, cfr. O. Kaiser, ATD 18, 267); Dan. 9,25 del- tivazione avviene per lo più all’interno del discor­
l’ «angoscia dei tempi» ([ùb^sòq ha'ittìm) e Dan. so per un intero periodo (l’unità discorsiva suc­
11,13 ^ una situazione «al limite dei tempi» (ulc- cessiva). È questo l’uso della maggior parte delle
qés hd'ittìm). Secondo il T.M. il pi. ‘ittót è usato 272 ricorrenze di w e‘attà: circa 220 volte, dopo
2 volte come nomen regens: le‘ittót bussara (Ps. 9, l’ esposizione di un fatto o di una circostanza che
t o ; ro,i) significa allora «ai tempi della siccità» si allontanano dalla situazione discorsiva prima­
(cfr. K B L } 1433); ma probabilmente si deve leg­ ria, la nostra locuzione riconduce a tale situazio­
gere con i L X X ... hassdrd «per tempi di crisi» ne per introdurre una reazione o in senso conse­
(cfr. BHS). La locuzione isolata bd'ittìm «in que­ cutivo («perciò», «così... ora/allora/dunque»; ad
sti tempi» (Dan. 11,6) viene generalmente riferita es. «e Jhwh Dio disse: L ’uomo è diventato come
al v. 7 (cfr. BHS), ma senza giustificazione (v. O. noi perché sa ciò che è bene e ciò che è male. E ora,
Plòger, KAT xvm , 152. 155). per impedirgli di stendere la mano...» (Gen. 3,22;
In alcuni casi appare chiaro il rapporto, proba­ per gli altri passi v. Jenni, ThZ 28, 8 nn. 15 e 17)
bilmente intrinseco all’origine, con i tempi deter­ oppure, ma più di rado, in senso avversativo («tut­
minati astrologicamente (cfr. «la luna determina tavia, eppure» ecc., ad es. Is. 64,7; Ag. 2,4; v. Bron-
1 5 (vi,476) 'et (T. Kronholm) (vi,477) 16

gers 295). 'atta da solo ha circa 40 volte un uso gicamente solo nel quadro complessivo della co­
identico (ad cs. 1 Sam. 9,6). siddetta concezione ebraica del tempo.
Con relativa frequenza 'atta funge però da av­
Notoriamente la discussione sulla concezione del
verbio di tempo per determinare il predicato. In
tempo nell’A.T. ha continuato a essere sempre mol­
quest’uso ‘atta può indicare un’antitesi rispetto a to vivace sin dallo studio pionieristico di von Orelli
un dato o a una situazione precedente, ad es. ‘ad- del 1871 (i contributi principali recano i nomi di
‘atta «fino ad ora», con indicazione del punto di Pedersen, Dclling, Vollborn, Marsh, Pidoux, Rat-
inizio temporale (Gen. 46,34; Ex. 9,18; 2 Sam. 19, schow, Eichrodt, Boman, Muilenburg, Sekine, Barr,
8b; 2 Reg. 8,6; Ezech. 4,14; Ruth 2,7); in generale Wilch c Jenni; ma cfr. anche analisi come quelle di
«finora» (Gen. 32,5; Deut. 12,9); esplicitamente Nilsson e Brandon).
contrapposto a (mé)’az «allora, un tempo» (per Tuttavia il problema principale di questi dibattiti
es. Ios. 14 ,11; 2 Sam. 15,34; h r6,i3 s.; 48,7; Hos. è costituito dalla tensione che si registra nell’A.T. tra
2,9; nella locuzione tipizzata 'atta jàda'tl «adesso le rivelazioni di Jhwh che irrompono nella storia e
le relative concrete esperienze storiche della salvez­
so» (Gen. 22,12; Ex. 18 ,11; Iud. 17,13; 1 Reg. 17,
za e del giudizio vissute da Israele da un lato e, dal­
24; Ps. 20,7; cfr. Zach. 9,8); ‘atta «ora, d’ora in l’altro, le concezioni di Jhwh, il Dio eterno che tra­
poi», nell’eziologia di nomi (Gen. 26,22; 29,32. scende il mondo e la sua storia. Questa tensione ha
34); 'atta negativo, «ora non più» (Is. 29,22 [bis]; portato, o indotto, a postulare per l’A.T. una conce­
Gen. 11,6; 26,29 £ passim); infine nella contrappo­ zione del tempo fondamentalmente opposta alla no­
sizione tra la condizione attuale e la precedente, stra. Mentre a proposito di questa tematica la conce­
nel quadro di un’invettiva o di un lamento («una zione occidentale del tempo è stata definita lineare/
volta... ma ora»; Is. 1,2 1; 16,14; Ezech. 19,13; 26, cronologica, per determinare la concezione vetero­
18; Ps. 119,67 ecc.). Ma in questa funzione ‘atta testamentaria del tempo si c fatto ricorso a termini
come puntiforme, realistica, riempita, concentrata,
può indicare l’antitesi anche con ciò che è segui­
psicologica ecc. Tuttavia soprattutto Eichrodt (1956)
to, ad es. me'attà «d’ora in poi» (ad es. Is. 48,6; 2 ha mostrato che la concezione lineare/cronologica
Chron. 16,9; Ier. },^);m è‘attàw e‘ad-‘òlàm «d’ora non è affatto estranea all’A.T. (cfr. già Brunner). Al
in poi, fino all’eternità» (8 volte, ad es. Is. 9,6; Mich. contrario, si coglie sempre una linea di pensiero
4,7)’, *atta in esortazioni e intimazioni (Deut. 32, caratterizzata da una consapevolezza della relazione
39; Iud. 9,38; / Reg. 19,4 ecc.); nelle predizioni del presente con il passato e con il futuro (successi­
profetiche relative a qualcosa d’imminente (Is. 33, vamente, ad es., Jenni, IDB; Barr, Words for Time;
10 [ter]; 43,19; 49,19; Ier. 4,12; 14,10 ecc.); inoltre Wilch e le teologie dell’A.T. di W. Zimmerli, *1975,
esempi sporadici nei libri storici (ad es. Ex. 5,5; 12-24; C. Westermann, 1978, spec. 5-10; W.H.
Schmidt, Alttestamentlicher Glaube, '•1982,9-12. 9 1­
6,1; Iud. 8,6.15). Infine, in tale funzione ‘atta può
95; cfr. anche H.W. Wolff, Anthropologie des A.T.,
essere usato in una duplice contrapposizione (ver­ 1973, 127-140).
so il passato e verso il futuro, ad es. nell’uso in­
troduttivo di w e‘attà nel Deuteroisaia, «ma ora»: La ricerca moderna, dunque, è naturalmente
Is. 43,1; 44,1; 49,5; cfr. Tachau 34-41; panoramica propensa a riconoscere la peculiarità della conce­
completa dei passi in Jenni, ThZ 28, 10-12). zione veterotestamentaria del tempo. A questo
proposito è diventato sempre più chiaro che non
v. L ’uso del termine ‘et nell’A.T. presenta di si può studiare adeguatamente questa peculiarità
fatto, a dire il vero, ben pochi esempi teologica­ mediante indagini lessicali comparative, talora
mente rilevanti. Certo il sostantivo ha in molti sin­ orientate unilateralmente in senso etimologico,
goli testi un suo ruolo nel quadro della teologia oppure con osservazioni sulla struttura gramma­
della creazione (v. sotto, v.2.a), ma una visione ticale (incluse speculazioni sui cosiddetti diversi
coerente da questo punto di vista s’incontra uni­ sistemi temporali) (così Boman, ad es., cerca di de­
camente in Qohelet (v. sotto, v.2.b). Il suo uso finire la differenza tra la concezione del tempo
nel discorso teologico è certamente ancora più ar­ ebraica e quella greca; per una critica a questo
ticolato, tuttavia solo in casi eccezionali si posso­ metodo v. soprattutto Barr, Semantics 46-88). Al
no sottolineare momenti realmente importanti (v. contrario, i vari termini relativi al tempo vanno
sotto, v.3a-c). analizzati prima di tutto nei testi e negli enunciati
1. L ’esame filologico condotto sopra (cfr. spec. in cui di volta in volta ricorrono (cfr. per l’ambito
i v . i ) h a dimostrato che nell’A.T. ‘et è costante­ egiziano soprattutto Otto; inoltre H. Brunner; E,
mente un’espressione di tempo, anche se talora Hornung, Geschichte als Fest, 1966).
attenuata. Essendo solo uno dei termini dell’A.T. Ciò riguarda naturalmente anche ogni analisi
che si riferiscono al tempo, 'et è valutabile teolo­ del termine veterotestamentario di tempo ‘et, che
i7(vi,478) ‘ét (T. Kronholm) (vi,479 ) *8

nonostante la sua natura normalmente generica no (1 Chron. 20,1; -» y o I . v i 186 ss.), il tempo de­
indica «il momento determinato per qualcosa» (v. gli acquazzoni (Esdr. 10,23 incluso quello della
sopra, rv.i) ed è quindi semanticamente affine, ad pioggia tardiva, Zach. 10,1), dell’arrivo dell’uc­
es., all’egiziano tr o nw (Otto 136-139) e al greco cello migratore (Ier. 8,7), del calore degli ovini
xaipó^ (v. sotto, vi). Un controllo dei testi e degli (Gen. 31,10), della figliata degli stambecchi (Iob
enunciati rilevanti evidenzia tuttavia che ‘ét non 39,1) e dell’abbondanza di grano e mosto (Ps. 4,
denota in sé alcun contenuto temporale precisa­ 8). Quest’ultimo elemento viene sottolineato, tra
bile, né alcuna qualità specifica (contro, ad es., von l’altro, mediante il topos del potere sovrano di­
Orelli 63; Pedersen, Israel 1-11 487-491; Vollborn screzionale di Jhwh sulla pioggia apportatrice di
26; Marsh 1950, 258; 1952, 28; Muilenburg 235 s.; vita che cade «a suo tempo», un tema ricorrente
Ebeling 346). Ne consegue c h e ciò cui il contenu­ nelle promesse di benedizione (Lev. 26,4; Deut.
to o la qualità di 'ét si riferiscono effettivamente è 11,14 ; 28,12; Ezech. 34,26; cfr. Ier. 5,24); lo stesso
determinabile solo in base al contesto dell’attesta­ avviene negli inni in cui Israele celebra Jhwh che
zione di volta in volta considerata (come dimo­ continua a donare «al tempo giusto» il nutrimen­
strato soprattutto da Wilch, ad es. 32 s. 102; per to a tutte le sue creature terrene (Ps. 104,27; 145,
una critica v. Jenni, TH AT 11 377). Soltanto un’in­ 15). I tempi dell’anno e del giorno così determi­
dagine del termine di tempo ‘ét che tenga conto nati da Dio possono essere capiti e sistematizzati
del contesto è in grado di svelare l’aspetto speci­ soltanto con la conoscenza della sapienza (di Dio)
fico della concezione veterotestamentaria del mo­ (cfr. Esth. 1,13 ; 1 Chron. 12,33).
mento determinato/giusto, cioè il peculiare rap­ Ma a questo punto si è già penetrati nella sfera
porto con Dio che secondo la fede d’Israele è ef­ dei diversi tempi della vita umana. Infatti una
ficacemente presente nella sua creazione e nella serie dei tempi succitati è decisiva per questa vita,
storia del suo popolo e del suo mondo (cfr. W.H. eppure indipendente dall’uomo. Ciò è vero per il
Schmidt, Alttestamentlicher Glaube in seiner Ge- tempo della nascita (Eccl. 3,2), delle gioie amoro­
schichte, *1982,59-95). Nei testi dell’A.T. i diver­ se (Ezech. 16,8), del parto (Gen. 38,27), delle me­
si tempi che si osservano nella creazione - i tempi struazioni (Lev. 15,25), della vecchiaia (Ps. 71,9;
della giornata, le stagioni, le ore della vita quoti­ cfr. 1 Reg. 11,4; 15,23) e della morte (/ Sam. 4,20;
diana umana - e il presente, il passato e il futuro Eccl. 3,2; ciò è implicito anche quando si parla di
nella storia israelitica della rivelazione si manife­ morte prematura: £ e/ó’ ‘ét [v. sopra, iv.2.a.yj - da
stano soprattutto come tempi stabiliti da Dio, che paragonare con l’acc. ina ùm là simtisu «un gior­
di Dio testimoniano. no che non era il suo destino»); per l’Egitto cfr. S.
2.a) Si è già visto chiaramente (v. sopra, iv) che Morenz, RdM 8, 74 s. Questi tempi limitano l’esi­
‘ét è usato in una serie di testi dell’A.T. per deno­ stenza umana; dietro a essi c’è comunque Jhwh.
tare determinati momenti o periodi che vanno re­ Ciò implica che nei tempi determinati e determi­
gistrati nei più diversi ambiti della creazione di nanti della propria vita l’uomo riscontra l’opera
Jhwh. di Dio (cfr. in egiziano termini di tempo che allu­
I tempi della giornata che si alternano, come dono anche a una vicinanza spaziale, come spe­
quelli della sera (Gen. 8,r 1; 24,11; Ios. 8,29; 2 Sam. cialmente h iw e rk, v. Otto 146 s.).
11,2 ; Is. 17,14; Zach. 14,7), del mezzogiorno (Ier. Qualcosa di simile vale persino per i tempi sta­
20,16), del tramonto (Ios. 10,27; 2 Chron. 18,34) biliti dall’uomo stesso in coincidenza con esigen­
sono certamente percepibili dall’uomo, ma è teo­ ze dettate dalla natura, ad es. l’ora del pasto (Ruth
logicamente rilevante che questi tempi della gior­ 2,14), l’ora in cui ogni giorno si è soliti radunare
nata vengano attribuiti all’attività creativa dell’uni­ il bestiame (Gen. 29,7) o quando le donne si reca­
co Dio, Jhwh: solo lui fa uscire gli astri (mazza- no di sera ad attingere acqua al pozzo uscendo
rót) «al loro tempo» (Iob 38,32; cfr. Ps. 148,6) e dalla città (Gen. 24,11); inoltre il tempo della mes­
anche il giorno e la notte giungono regolarmente se (Ier. 50,16; 51,33; cfr. Is. 28,23-29; Iob 5,26),
«al loro tempo» in virtù del patto stretto da Dio della trebbiatura (Ier. 51,33), della scacchiatura
con loro (Ier. 33,20). I tempi della giornata scan­ delle viti (Cant. 2,12) e in generale il momento
diti da Jhwh sono quindi adatti anche a fungere giusto per le diverse attività umane (Eccl. 3,2-8, v.
da momenti liturgici (ad es. l’ora del sacrificio se­ sotto, v.2.b). L ’aspetto teologicamente rilevante è
rale, Dan. 9,21). che anche questi tempi dell’attività umana, e quin­
Le stagioni e i termini a esse connessi nel ciclo di l’intero destino dell’uomo, sono riposti nella
della natura ritornano continuamente uscendo mano di Dio (Ps. 31,16 ; v. sopra, iv.5).
dalla mano del creatore, ad es. il cambio dell’an­ Ciò include naturalmente l’idea del comporta­
i9 ( v r ,4 7 9 ) 'et (T. Kronholm) (vi,480) 20

mento degli uomini al tempo giusto (ad es. Prov. umispàt, 8,6; cfr. 7,17; 8,9; inoltre Ecclus 1,23;
15.23) come le vicende che capitano loro (cfr. 4,20.23; 10,4; 20,1.6 s.19 s. ecc.). Il cuore del sag­
Eccl. 3,8). Per quel che riguarda gli avvenimenti, gio «conosce tempo e giudizio» (‘et umispàt jèda‘,
si può dire che essi sono tempi del compiacimen­ Eccl. 8,5; cfr. Esth. 1,13 ; / Chron. 12,33). L ’ele­
to divino {Is. 49,8; Ps. 69,14) c della sua presenza mento di novità e di critica che si trova in Qohe­
(Ps. 21,10) oppure tempi di sventura (cfr. Ezech. let rispetto alla precedente tradizione sapienziale
35,5; Eccl. 3,8), ad es. della tribolazione (Iud. 10, - che pure riconosce in parte questa tradizione -
14; Is. 33,2; Ier. 14,8; 15 ,11; 30,7; Ps. 37,39; Dan. è che secondo lui nemmeno il sapiente può pene­
12,1; Nehem. 9,27) e della malvagità (Ier. 2,27.28; trare appieno nei misteri dei tempi determinati da
11,12 ; 15 ,11; j 4 ;w. 5,13; Mich. 2,3; Ps. 37,19; Eccl. Dio, come non vi possono penetrare neanche i ve­
9,12): momenti del genere sono quelli della «visi­ loci, gli eroi, gli intelligenti e i perspicaci (cfr. 3,
tazione divina», cioè del suo castigo (Ier. 6,15; 8, 11): «Il pane non dipende dai sapienti, né la ric­
12; 10,15; 46,21; 49,8; 50,27.31; 51,18), dell’ira (Ier. chezza dagl’intelligenti, né il favore popolare dai
18.23) e della retribuzione (Ier. 51,6). perspicaci, ma invece dipendono tutti dal tempo e
b) Nell’A.T. unicamente in Qohelet si trova dal destino (k i-è t wàfega‘ jiqreh ’et-kullàm) -
una visione coerente del tempo basata sul termi­ tanto più che l’uomo non conosce neanche la pro­
ne ‘et e impostata teologicamente nell’ottica della pria ora (tó’ jèda‘)» (9,11 s.). Il contesto vieta
creazione (v. ad es. Galling, ZThK 58; Ochoa; Lo­ l’opinione diffusa (v. ad es. TH AT 11 383) che
retz, Qohelet; F. Ellermeier, Qohelet 1/1, 1967, questo significhi esclusivamente l’ora della mor­
309-322; Loader; Wilch 117-128 ; G. v. Rad, Weis­ te. Si tratta invece di un’ignoranza onnicompren­
heit in Israel, 1970, 182-188. 295-306; Filipiak; siva, che può essere confrontata con le afferma­
Lys; H.W. Wolff, Anthropologie des A .T., 1973, zioni di Qohelet circa l’insensata sofferenza del
137-140; Zimmcrmann; Crenshaw; Whitley). giusto. Perciò ha ragione W. Zimmerli quando
Sebbene il mondo rappresentativo di Qohelet mette in evidenza che Qohelet è arrivato a conce­
possa contenere molti elementi singoli tratti dalla zioni ben più radicali della sapienza tradizionale
sapienza egiziana, babilonese c greca (bibl. in N. d’Israele: «Come i momenti della nascita e della
Lohfink, NEB), la sua concezione globale va in­ morte esulano dal potere discrezionale dell’uomo,
terpretata alla luce del pensiero sapienziale israe­ così resta fuori della sua portata la conoscenza e
litico e giudaico (cfr. A. Lauha, BK xix, 13 s.). quindi il controllo del kairos di ogni cosa e circo­
Concordando fondamentalmente con la conce­ stanza» (Grundriss,1 197 5, 142).
zione dell’Israele antico, Qohelet sottolinea più 3. Oltre a riscontrare i momenti del genere più
volte che «ogni cosa arriva al suo giusto momen­ diverso stabiliti da Jhwh nella sua continua opera
to e Dio determina l’istante giusto per ogni cosa» di creatore nella natura e nella vita quotidiana, li
(Loretz, Qohelet 182. 200. 253). Egli lo dichiara si può anche considerare dal punto di vista di una
già nel teorema introduttivo del suo detto circa il teologia della storia. Sia le rivelazioni storiche di
giusto momento, formulato anaforicamente: «C’è Jhwh al suo popolo e al suo mondo, sia i tempi da
un’ora (zemàn) per ogni cosa e c’è un tempo per lui stabiliti per la salvezza, la sventura e il ravvedi­
ogni faccenda» (we,èt l ekol-hèfes, Eccl. 3,1; anco­ mento sono legati a particolari momenti o periodi.
ra al v. 17, v. sopra, iv.4). Nel detto successivo la a) In molti testi dell’A.T. il presente è conside­
sentenza viene esplicitata mediante sette versi ar­ rato il tempo giusto per l’intervento di Jhwh o per
ticolati ciascuno in due coppie di emistichi in cui la penitenza del popolo di Dio. Talora questo pre­
ciascuno contiene una coppia speculare di osser­ sente viene espresso in termini assoluti con «og­
vazioni antitetiche (w . 2-8) dal contenuto affine gi» (hajjóm; a questo proposito vanno notate in
(ad es. ai vv. 24.6.8). Inoltre Qohelet sottolinea particolare le 59 ricorrenze di questo «oggi» nel
che il Dio che continua a operare nella creazione Deuteronomio: 5,1.3; 8,19; 11,2.26.32; 15,15; 26,
«ha fatto ogni cosa bella a suo tempo» (v. 11), una 16 ss. ecc.; v. G. von Rad, ThAT n 5 114 -119 ; J.M.
affermazione che non è semplicemente un’eco del­ Schmidt, EvTh 30 [1970] 169-200; de Vries 164­
la storia della creazione di P (v. C. Forman, JSS 5 187. 337), spesso anche con (we)fattà «(e) adesso»
[1960] 256-263; giustamente vi si oppone K. Gal­ (ad es. Is. 43,1; 44,1; 49,5 ecc.; v. sopra, iv.6), ma
ling, HAT 1/18, *1969, 95; -» 'wlm [‘òlàm], voi. vi talora anche con ‘et.
539 s.). Si tratta invece di una profonda analisi di Così, ad es., nel regno del nord Osea annuncia
un’attività divina continuativa. Anche in altri con­ al popolo di Dio: «È tempo di cercare Jhwh* (10,
testi Qohelet dichiara che «ogni progetto ha [il 12). Aggeo pensa al presente quando chiede a Zo-
suo] tempo e [il suo] giudizio» (l kol-hèfes jès ‘et robabele e al sommo sacerdote Giosuè: «È forse
21 (vi,48l) ‘èt (T. Kronholm) (vi,482) 22

giunto (ora) per voi il tempo (hà'ét làkem ’atterri) (cfr. Zimmerli, B K xiii, ad «al tempo della pu­
di abitare in case coperte, mentre questa casa (del nizione finale»). Stando al contesto, si tratta piut­
tempio) giace in rovina?» (1,4); il popolo cerca in­ tosto del «momento in cui la sfera della colpa si è
vece questo tempo nel futuro (v. 2). chiusa sul colpevole e si conclude col suo destino
Questo 'èt che colloca l’azione nel momento definitivo» (K. Koch, -» voi. vi 559). È comunque
stesso della produzione del discorso ha nell’ A.T. del tutto chiaro che questo «tempo della colpa
anche un uso liturgico, per così dire, naturale, ad della fine» è causato unicamente dall’ira di Jhwh.
es. nella preghiera individuale: «Tu (Jhwh) ti leve­ L ’espressione 'ét qés nel libro di Daniele (8,17;
rai, avrai pietà di Sion, perché è tempo di dimo­ 11,35.40; 12,4.9; Abac. 2,3) allude evidente­
strarle misericordia!» (Ps. 102,14); e in P5• n 9 > ^ mente a una concomitanza di presente e futuro
salmo della Torà, si dice parimenti: «È tempo per escatologico, poiché «il tempo della fase finale»
Jhwh di agire» (v. 126; cfr. anche Esth. 4,14). denota sì in primo luogo il periodo di persecu­
b) 'et si riferisce invece a un momento nel pas­ zione da parte di Antioco iv Epifane, ma al con­
sato soprattutto nella locuzione stereotipata hd'ét tempo tale periodo è l’ opprimente fase iniziale de­
hahV «a quel tempo», una formula teologicamen­ gli ultimi giorni (cfr. L.F. Hartman - A.A. Di Lei­
te rilevante che ricorre nell’A.T. con questa fun­ la, AB 23, 231 s. 300-304. 310 -313; 306: l’espres­
zione 52 volte (nel Deuteronomio, in sezioni nar­ sione ùbà'ét hahV «e a quel tempo» indica pro­
rative del Pentateuco, nell’opera storiografica dtr. babilmente la morte di Antioco iv); tuttavia an­
e in quella del Cronista) (v. sopra, iv.2.a). che secondo Daniele tutte queste tribolazioni /
c) Per quanto riguarda invece il futuro, è inte­ ultimi tempi rientrano tra i segreti di Dio.
ressante notare che 'ét non compare in alcuna lo­ Il sost. 'ét compare solo in via eccezionale ne­
cuzione fìssa paragonabile all’espressione jòm gli annunci profetici di salvezza, ad es. nel Deute­
jhwh «giorno di Jhwh» (-» jw m [jòm], voi. iti roisaia: «Al tempo della grazia ti risponderò e nel
679). In alcuni testi preesilici o esilici 'et è però giorno della salvezza ti soccorrerò» (Is. 49,8), una
usato in combinazione con questa idea in alterna­ affermazione in cui presente e futuro confluisco­
tiva al termine jòm «giorno», per denotare il mo­ no e si fondono, e poi nel Tritoisaia: «Io sono
mento fissato da Jhwh per il giudizio. Così in una Jhwh: a suo tempo / al momento giusto agirò in
predizione della caduta e distruzione della città di fretta» (Is. 60,22). In questi testi il riferimento del
Babilonia si dice, ad es., «il suo tempo giungerà termine 'ét a Jhwh è esplicito.
ben presto e i suoi giorni non si attarderanno» (Is.
13,22). 'ét è usato anche in parallelo (e questa vol­ vi. Il più delle volte i L X X rendono 'èt con xai-
ta anche con l’art. det.) con jòm nella predizione pó:; (198 volte + 26 volte nel Siracide, v. sotto, vii);
dell’imminente fine del paese d’Israele: «Il tempo traducono poi spesso anche con topa (24 volte + 5
sta per giungere, il giorno è vicino» (Ezech. 7,7; nel Siracide) o con altri termini: 7)|J-épa (9 volte),
variato al v. 12; inoltre 21,30.34; 30,3 dove il gior­ T)vixa (4), xpóvoc; (3), eùxaipia (3), vùv (3) e av (3
no di Jhwh viene identificato col «tempo dei paga­ volte; Wilch 15 1-15 5). Questa traduzione corri­
ni»; cfr. inoltre Deut. 32,35; Ier. 46,21; 50,27.31). sponde al significato primario di 'èt «tempo pre­
La locuzione hd'ét hahV «in quel tempo» ha visto/giusto per qualcosa» e non indica minima­
talora una funzione rivolta al futuro, specialmen­ mente che i traduttori dei L X X non avessero col­
te nelle promesse e nelle minacce dei profeti (Is. to il reale significato di 'ét (contro Wilch; per la
18,7; Ier. 3,17; 4 ,11 ecc.; cfr. sopra, iv.2.a). critica v. Jenni, T H A T 11 377). La concezione di
Rilievo teologico ha l’uso di 'ét negli annunci xaipó^ dei L X X e quindi l’idea veterotestamenta­
di giudizio del libro di Geremia, perché qui l’ora ria di 'ét sopravvivono anche nel Nuovo Testa­
della sventura prevista è presentata come un tem­ mento (v. Delling 1938 e 1973; inoltre Cullmann
po dell’ intervento divino attivo: si tratta per Jhwh *1962; Finegan).
del tempo del «castigo» (pàqad, -» pqd), dell’ «ira»
('a f Ier. 18,23; -» ’p), della «vendetta» (nàqam, vii. Nel Siracide ebraico 'ét ricorre circa 40
Ier. 51,6; -» nqm) e della «mietitura» (Ier. 51,33); volte e corrisponde sostanzialmente all’uso di 'ét
cfr. ancora «l’ora del suo paese», Ier. 27,7). nell’A.T. (soprattutto all’uso nella letteratura sa­
In Ezechiele ricorre tre volte l’espressione b e'èt pienziale; v. l’analisi di Wilch 138-143). Una reale
'àwòn qés «al tempo della colpa della fine» (Ezech. novità rispetto all’A.T. è forse solo il costrutto l't
21,30.34; in 35,5 par. con «al tempo della sua senza ulteriore variazione (10,4; 39,30; 48,10; cfr.
rovina», be'èt ’edàm); è dubbio in che misura tale anche 12,16), ma anche in questi casi si tratta sem­
espressione abbia un orientamento escatologico pre, a quanto sembra, del «tempo prefissato/giu­
23 (vi,483) ‘attùd (P. Maiberger) (vi,484) 24

sto» (cfr. Wilch 143). Anche le ricorrenze di *et 11.1. L ’etimologia di 'attud non è del tutto certa.
negli scritti di Qumran sono per lo più in linea con GesB, «becco», e K BL2, «ariete e becco», postulano
l’uso dell’A.T. come ha dimostrato chiaramente per tali significati una radice *td 11 senza risalire al
suo significato. Per contro B. Landsberger, Die Fau­
Wilch con la sua attenta analisi di circa 40 passi
na im alten Mesopotamien, 1934, 97 fa derivare la
(14 3-151; inoltre ancora, ad es., 1 iQ T 33,2 [incer­ parola da ‘td l ‘essere pronto, finito’ e la classifica tra
to]; 45,6 e anche l’agg. ‘ itti [rimando a Lev. 16, le forme nominali di schema qittul per analogia con
zi]; inoltre 4Q491 1-3,17; 8-10, 1 1 1 [pi. 'tjm]\ le forme bikkùr(im) ‘primizie, primogeniti’ o bik-
4Q496 3,4; 4Q 508 2,2; 4Q 512 1 -6,2,5 [pi- ‘tj™ì; kur(a) ‘fico primaticcio’ e limmùd ‘principiante, sco­
nel Rotolo del Tempio non compare affatto [u>e]- laro’, che denotano tutte uno stadio iniziale. Egli ri­
'attà che di quando in quando compare invece in ferisce il termine ‘attùd alla maturità sessuale e inten­
DJD vii [6 volte, in testi parzialmente incerti]). de con esso un montone di età compresa tra l’agnel­
Generalmente nell’uso di (èt nella letteratura di lo (gedi) e l’ariete (’ajil), cioè tra l’animale in grado di
procreare e l’animale pienamente maturo, e del resto
Qumran si notano due tendenze, in parte oppo­
ritiene che anche l’accadico atùdu denoti una fascia
ste, che vanno oltre l’uso del termine nell’A.T. Da di età del montone o del becco.
un lato una tendenza in direzione di una funzio­ Già W. Gesenius, Thesaurus 11 1083 s., aveva pro­
ne (legata al culto) ordinatrice e regolatrice di ‘ èt posto un significato base di questo tipo, fondato sul-
(soprattutto nell’uso legato al calendario, per es. l’ar. ’atad (o 'atid), termine con cui si denota «un ca­
C D 10,14 s 'y iQ H 20, 7 s.; v. Talmon; Wilch 143­ vallo ‘pronto’ per la corsa» e può significare anche
145); dall’altro la tendenza verso un uso generico «forte».
di ‘éty ad es. parlando di glorificare Dio nel culto, In arabo 'atud denota una capra di più di un anno
lodandone il nome «in ogni momento» ([bkwl] (Lane, 1/5, 1945 «una capra di un anno»; secondo T.
'tjm, iQM 14,13; cfr. 4Q491 8 -10 ,1 11) o facen­ Noeldeke, Beitrdge zur semitischen Sprachwissen-
schaft, 1904, 83 il termine indica anche una pecora).
do riferimento a rivelazioni di Dio «di tempo in
tempo» (‘ t b'ty iQ S 8,15; Tt b't, iQ S 9,13; cfr. Al contrario dell’acc. atudu, che denota in pri­
nell’A.T. i testi tardi di Nehem. 8,18; 1 Chron. 12, mo luogo una pecora selvatica, nell’A.T. si tratta
23; 2 Chron. 24,11; 30,21) oppure al disegno divi­ solo dell’animale domestico, del becco o capro, e
no «per un tempo eterno» (l't ‘wlm , iQSb 4,26; non (come indica invece KBL*) di un montone o
di un ariete (un significato che potrebbe essere
Cfr' 5>l8) T. Kronbolm
giustificato dal contesto unicamente per Zach. 10,
3a, dove tuttavia una glossa disturba la metafora),
dato che i ‘attùdim si trovano per lo più insieme
con arieti (’e/zra) e agnelli (kàrìm\ Deut. 32,14; Is.
■TIP® ‘attud 34,6; Ier. 51,40; Ezech. 27,21; 39,18; o k ebàsim\
Num. 7 ,I 7 - 8 8 ;/ ì . 1 ,1 1 ; solo con ’èlim in Ezech. 34,
1. Le attestazioni. - 1. Nell’A.T. - 2. Nelle lingue semi­ 17; Ps. 66,15) nella terna che rappresenta il bestia­
tiche. - 11.1. Etimologia e significato esatto. - 2. 1 LXX. me minuto, cioè pecore e capre.
- in. 'attud nell’A.T. - 1. L’animale domestico. -
2. L’animale come mercanzia. - 3. Animale adatto ai sa­ L ’ipotesi che con ‘attùd si volesse mettere in ri­
salto una determinata qualità, evidentemente la ma­
crifici. - a) Per i sacrifici pacifici. - b) Per l’olocausto. -
turità sessuale (cfr. Gen. 31,10.12), sembra ragione­
4. Uso metaforico. - a) Capobranco. - b) Vittima sacri­
ficale. vole perché l’ebraico ha altri tre sinonimi per il bec­
co: sa'ir «il peloso» e poi tajis e sàfir, il cui esatto si­
1.1. Nell’A.T. il nome compare 29 volte, sem­ gnificato però non è chiaro. Poiché secondo Is. 14,9;
pre e solo al plurale. Ier. 50,8 'attùd indica il capobranco (che in Prov. 30,
2. Oltre che in ebraico, nelle lingue semitiche il 31 è tuttavia indicato con tajis) che, essendo l’anima­
lessema ha un certo ruolo soltanto in accadico e le più forte, precede il gregge, il termine dovrebbe
arabo. In accadico atùdu, antico assiro etiidum, indicare non un capro qualsiasi (come, ad es., s*'ir
'izzim in Gen. 37,31) bensì un animale particolar­
anche dùdu (secondo AH w 88 b) ‘pecora selvati­
mente forte e valido (un riproduttore).
ca’, ‘montone’; antico assiro ‘ariete (del gregge?)’
(così anche C A D A /i, 521: «[maschio di] pecora 2. Generalmente i L X X traducono ‘attùd con
selvatica», «ariete selvatico»; al contrario per B. xpóiyoc, ‘capro’ (che rende però anche tajis in Gen.
Landsberger, JN E S 24 [1965] 296 n. 40 «cinghiali 30,35; 32,15; Prov. 30,31 e sàfir in Dan. 8,5.8.21),
selvatici di montagna» e in WdO 3, 1966, 265 n. in Ps. 50,9; 66,15 col sinonimo yj.[i.apoz (così an­
5, «verro selvatico»); in arabo 'atud ‘giovane ca­ che per sa'ir in Lev. 4,24; 16,7 s.; 16,9-26 [9 volte]
pro, capretto’ . e per sàfir in E s d r a - 2 Esdr. 8,3552 Chron. 29,21),
25 (vi,485) ‘attùd (P. Maiberger) (vi,48 5)26

in Ier. 51,40 = 28,40 con e<pip.04 ‘giovane becco'. e se‘ir hattà’t [Lev. 9,15; 10,16; 16,15.27; Num. 28,
In Ezech. 27,21; Zach. 10,3 i L X X traducono 22; 29,28-38; Ezech. 43,25; 2 Chron. 29,23], mentre
tuttavia con àjjLvó; ‘agnello’ e il sinonimo àprjv in il sàfìr [prestito dall’aramaico f f i r à 'ì cfr. Esdr. 6,
Prov. 27,26. La metafora cattùdè ’àres in Is. 14,9 è 17] compare solo 2 volte in testi postesilici [Esdr. 8,
35; 2 Chron. 29,21] come vittima per il sacrifìcio per
tradotta a senso con ot ap^avxei; tyjc; yr)<;, mentre
il peccato; il tajis non si trova mai come vittima sa­
in Ier. 50,8 = 27,8 i L X X sbagliano traducendo crificale). Al contrario il ‘attùd veniva usato specifi­
SpdxovTec;. camente per il sacrificio pacifico.
Così, secondo la rappresentazione della teologia
m .i. La capra domestica (‘èz, -» ‘z, Capra hircus) cultuale postesilica, in occasione della consacrazione
della Palestina, che discende dalla capra del Bezoar dell’altare al Sinai i dodici capi delle tribù d’Israele
(Capra aegagrus) dell’Asia Minore, di solito è nera portarono un giorno ciascuno, per dodici giorni, of­
(da qui il paragone con la chioma dell’amata in Cant. ferte d’ogni sorta, tra cui animali di vario genere, per
4,1; 6,5; cfr. anche 1 Sam. 19,13). Animali di diverso i diversi tipi di sacrificio da offrire sulPaltare: olo­
colore o pezzati erano l’eccezione, giacché la misera causti, sacrifici per il peccato e sacrifici pacifici (ze-
retribuzione che Giacobbe riceverà da Labano (Gen. bah hasselàmim). Per quest’ultimo tipo di sacrificio
30,31-34) presuppone che i becchi striati (‘àquddim; vennero apprestati ogni volta 2 buoi, 5 arieti, 5 ‘at­
K BLJ traduce invece «con la coda attorcigliata, con­ tùdim e 5 agnelli di un anno (Num. 7,17-83), quindi
torta»), screziati (nequddim) e chiazzati (beruddim) in totale 60 ‘attùdim (v. 88). Secondo Lev. 3,1-17 il
(Gen. 31,10.12; i LXX aggiungono a Tpayoi anche sacrificio pacifico (zebah selamim: per i termini, as­
xptot «arieti»; in 30,35 i becchi chiazzati [Einheits- sociati per la prima volta solo nei testi P, e questo ge­
ubersetzung: «pezzati»] vengono chiamati tejàsìm te- nere di sacrificio cfr. R. Rendtorff, WMANT 24,
lu’im) non fossero molto frequenti. 1967, 149-168. 237 s.) poteva essere un bue o un ca­
Nel caso degli animali in questione, probabil- . po, maschio o femmina, del bestiame minore, cioè una
mente si tratta di mutanti della capra del Bezoar op­ pecora o «una capra» (‘èz), come qui generalmente si
pure di incroci con altri tipi di capre (per tale que­ dice. Il sangue di questi animali veniva asperso tut-
stione e per l’addomesticamento delle capre cfr. B. t’intorno all’altare e il loro grasso bruciato.
Brentjes, Die Haustierwerdung im Orient, 1965, 22­
29 e anche G. Cansdalc, Animals of Bible Lands, b) In testi non sacerdotali, in parte più antichi,
1970, 44-48). I diversi nomi ebraici per il becco il ‘attùd compare insieme con altri animali, gran­
potrebbero anche denotare razze diverse, tuttavia J. di e piccoli (bàqar e sd’n), soltanto a proposito
Feliks, The Animai World o f thè Bible, Teli Aviv dell’olocausto (‘olà), senza che nell’enumerazione
1962, 16 li riferisce tutti alla Capra hircus mambrica. e nella terminologia di questi animali per i sacrifi­
ci sia tuttavia individuabile un determinato sche­
Anche se la carne di capra non era grassa come
ma d’impronta cultuale (cfr. Rendtorff 117 s.).
quella di pecora (cfr. AuS vi 99), il ‘attùd aveva
Così l’orante di Ps. 66,15 promette di offrire
abbastanza grasso, se il canto di Mosè (Deut. 32,
grassi animali quale olocausto di ringraziamento
14) lo colloca per tale aspetto insieme con agnelli
e di preparare a tale scopo arieti, buoi e ‘attùdim.
e arieti tra i doni generosi di Jhwh.
Si parla 2 volte del «sangue dei ‘attùdim» in testi
2. Questi animali costituivano perciò una mer­
critici nei riguardi del culto. Isaia polemizza vio­
ce preziosa. Tra i maggiori fornitori spiccava
lentemente contro un rituale sacrificale (zebahim
l’Arabia, ricca di greggi di pecore e capre (Ezech.
e ‘dlòt) malinteso e celebrato senza partecipazio­
27,21; quale pagamento di tributi cfr. 2 Chron. 17,
ne interiore, per il quale Jhwh prova solo un sen­
11). Secondo Prov. 27,26 i ‘attùdim servivano da
so di nausea, così che gli olocausti e il sangue dei
pagamento per l’acquisto di campi.
tori, degli agnelli e dei *attùdim lo disgustano (Is.
3.a) La menzione più frequente del ‘attùd (18 vol­ 1,11). Poiché il valore del sacrificio consiste nel
te) riguarda il suo impiego come vittima per i sacri­ giusto sentire, nella venerazione e nell’adorazione
fìci (secondo W. von Soden, ZA 53 [1959] 232 ciò va­ e non nell’alimentazione della divinità per ingra­
le probabilmente anche per l’acc. atùdu in Gilg. ti, ziarsela, la requisitoria levitica di Ps. 50,7-15, che
51) soprattutto nell’età postesilica. Secondo i testi ha per tema il giusto culto, fa notare che Jhwh, cui
cultuali, il becco comune veniva usato esclusivamen­ appartiene tutto il mondo insieme con tutti i suoi
te nel sacrifìcio per il peccato (oltre che in Gen. 37,
animali, non dipende dai tori e dai ‘attùdim di
31 [dove i LX X traducono s “ ir ‘izzìm con epicpo; aì-
ytljv, mentre la vittima sacrificale è resa sempre con Israele (v. 9) e che per mantenere la propria esi­
yi{xapoz è£ afydjv] il sa'ir è menzionato unicamente stenza non deve, secondo un’ingenua e primitiva
a tale proposito [cfr. Lev. 4,23; 16,9-26], specialmen­ concezione del sacrificio e della divinità, mangia­
te come s e<ir ‘izzìm [Lev. 4,23; 9,3; 16,5; 23,19; Num. re la carne dei tori e bere il sangue dei ‘attùdim
7,16-87; 15,24; 28,15.30; 29,5-25; Ezech. 43,22; 45,23] (v. 13).
27 (vi,486) 'tq (H. Schmoldt) (vi,487) 28

4-a) Il ‘attùd che in quanto capobranco prece­ la fine del periodo esilico o all’inizio di quello post-
de il gregge guidandolo è un’immagine del re che esilico (v. H. Wildberger, BK x/3, 1341), il giudizio
marcia alla testa del suo popolo. su Edom viene ugualmente paragonato a un’immen­
sa festa con sacrifici cruenti (zebah... w etebah), nel
Così in Is. 14,9 i dominatori della terra (LXX oi gran numero di vittime di vario tipo che servono a il­
ap£avTe<; xr)^ yr^) sono chiamati metaforicamente lustrare l’incredibile dimensione del massacro e la
proprio ‘attudim (kol-'attudè ’dres è precisato dal inaudita ebbrezza di sangue di quest’orgia non pos­
successivo kòl malkè gòjim. In Dan. 8,5.8.21 il capro­ sono certo mancare i ‘attudim, del cui sangue la spa­
ne [sàfir] simboleggia Alessandro Magno e in Prov. da di Jhwh poi gronderà (Is. 34,6; cfr. Ier. 46,10).
30,29-31 il re c nominato insieme al gallo dal fiero in­ Da qui quest’immagine venne poi probabilmente ri­
cedere, al leone e al becco capobranco [tajis]). Poi­ presa, anche se in forma attenuata e probabilmente
ché il capobranco è il primo a uscire irruente quan­ inserita secondariamente (dato che di trova dopo la
do si apre lo stabbio, il 'attùd (LXX Spaxtov!) serve formula conclusiva), e utilizzata nella descrizione del
nell’oracolo contro Babilonia da esempio di azione castigo di Babilonia (Ier. 51,34-39), quando Jhwh
decisa rapidamente e risoluta (Ier. 50,1-51,58: si trat­ vendica su questa città il sangue di Gerusalemme co­
ta di un oracolo secondario inserito nel libro di Gere­ me se conducesse allo scannatoio (litebòàh) agnelli,
mia), nel quale si esorta Israele ad abbandonare il più arieti e ‘attudim (Ier. 51,40; cfr. anche 50,27).
rapidamente possibile la città, sulla quale incombe la
minaccia della fine, e il paese dei Caldei (50,8). P. Maiberger

Il ‘attùd può imporsi quale capobranco e affer­


mare la sua supremazia soltanto sconfiggendo im­
p n y *tq
pietosamente i concorrenti, così da risultare an­
che prototipo di violenza e di oppressione.
Perciò nella parabola del buon pastore (Ezech. P'tyil ‘dtiq, p 'fìy ‘attiq, pilJJ ‘atéq, priJJ ‘àtàq
34,17) esso incarna insieme con l’ariete, forse co­
me glossa (cfr. W. Eichrodt, ATD 224, 328 n. 2) 1. Etimologia. - 11. Uso nell’A.T. - 1. Il verbo. - 2. Gli
relativa alle pecore grasse e forti che allontanano aggettivi, - ni. I LXX.
le più deboli dal cibo e dall’acqua, le classi dirigen­
Bibl.: D. Pardce, A Note on thè Root ‘tq in CTA 16 I
ti e abbienti d’Israele che privano i più deboli dei 2,; (UT nr. i2}, KRT //): UF 5 (1973) 229-234. - J.
loro diritti e dei loro beni (cfr. anche Mt. 25,33 d ° ' Sanmartfn, Lexikographisches zu ug. ‘tq (KTU 1.16 I
ve i capri [èpiqna] simboleggiano gli ingiusti). Zach. 2-5, if-19; H 38-42), UF 10(1978)4535.
10,3 impiega la stessa immagine: Jhwh, il vero pa­
store, si prende cura del proprio gregge e chiama 1. Il significato base della radice ltq sembra che
al redde rationem i ‘attudim, come vengono chia­ sia ‘spostare in avanti, avanzare, spingere oltre’
mati qui, in una glossa, i falsi pastori, cioè i violen­ (in senso locale e temporale). Così in ugaritico:
ti capi d’Israele. K TU 1.6 ,115.26, «passano uno, due giorni»; KTU
b) Nell’allegoria del «giorno del massacro di 2.36, 17: «cd esse (le truppe?) continuano ad
Jhwh» (secondo H. Gressmann, D er Ursprung avanzare»; piuttosto oscuro è K TU 1.16, vi 1 s. 13
der israelitisch-jùdischen Eschatologie, 1905, 141 ptc. saf., «una (dea?) fa passare, un’altra manda
un capovolgimento profetico del gioioso banchet­ via». Anche le frasi molto dibattute di KTU 1.16,
to della salvezza escatologica) quando il Signore 1 2.5 = 1 16.T9 = n 38.4r (kklb bbtk n ‘tq ... Jfpstk
si vendicherà dei suoi nemici, i ‘attudim simbo­ Intnjlbkj (tq) dovrebbero contenere il senso della
leggiano, insieme con altri animali da scannare e continuazione, della durata, e si potrebbero tra­
sacrificare, i nemici di Dio votati al massacro. durre più o meno così: «Invecchieremo nella tua
casa come un cane... oppure il tuo sepolcro dovrà
Così per la grande festa sacrificale cruenta (zebah diventare un gemere ad alta voce (ntn) / piangere
gàdòl) che Jhwh infliggerà a Gog per punirlo (Ezech. di continuo?» (così Sanmartm 454; similmente
39,17-20; secondo W. Zimmerli, BK xm/22, 952 s. il Pardee 233: «diventare vecchio... morire». L ’ipo­
motivo è più antico di Ezechiele; cfr. Soph. 1,8) i ne­ tesi di una radice ‘tq n ‘parlare a voce alta, geme­
mici del nord verranno scannati come vittime sacri­ re fortemente’ è superflua (contro M. Dietrich -
ficali nel novero delle quali appaiono, oltre al bestia­
O. Loretz, U F 12 [1980] 190; B. Margalit, U F 15
me maggiore, buoi e tori, arieti, agnelli e ‘attudim, il
bestiame minore, mentre vengono invitati al ban­ [r983] T03). Il significato ‘spostare in avanti,
chetto sacrificale tutti gli uccelli (cfr. Apoc. 19,17 s.) avanzare’ è anche altrove quello corrente: acc. etè-
e tutte le fiere (cfr. Is. 56,9; Ier. 12,9). Quando in Is. qu ‘passare, andare oltre’; ar. ‘atuqa e ‘ataqa ‘in­
34, un brano secondario che risale probabilmente al­ vecchiare’; in aramaico d’impero l’aggettivo (tq
29 (vi,488) ‘tq (H. Schmoldt) (vi,489) 30

‘vecchio’; sir. ‘tq 1. ‘progredire’; 2. ‘invecchiare’; gnificare «fuori del comune, insolito» = ‘magnifi­
3. ‘essere sfrontato’ (cfr. inoltre sotto, 11.2). co, splendido, ricco’: vesti stupende (Is. 23,18),
ricco patrimonio (hón, Prov. 8,t8). - ‘attiq (2 vol­
il. 1. La radice ‘tq compare 20 volte nel T.M. te) è usato in Is. 28,9 come perifrasi per «infanti»:
(17 in ebraico, 3 in aramaico). Nel caso del verbo «A coloro appena staccati (‘attiqé) dalle mammel­
(9 volte) il significato base presunto (v. sopra, 1) le». Il testo di 1 Chron. 4,22 è difficile quando
si manifesta chiaramente più volte: 2 volte al qal vengono presentati i figli di Shela: «... e Joas e
in Iob 14,18 («Una roccia può muoversi dal suo Saraf che lavorarono per Moab ed erano ‘abitan­
posto», ad es. per una frana), da dove viene ripre­ ti’ di Lehem» (traduzione secondo M. Dijkstra,
so in Iob 18,4 («Forse che per farti piacere... la V T 25 [1975] 672), w ehaddebàrim ‘attlqìm. Si è
roccia dovrà essere rimossa dalla sua sede?»). soliti tradurre le due ultime parole «e le cose/an­
Analogo è l’uso del hif.'. Dio è «colui che sposta notazioni sono vecchie» (così anche Dijkstra); ma
le montagne» (Iob 9,5), cui si collega probabil­ è possibile anche intendere la frase come glossa
mente l’accezione «mettersi in marcia, continuare marginale: «e le parole sono andate via», cioè so­
il cammino» - come ellissi di «spostare la tenda» no state tralasciate o spostate alcune parole, c’è
(cfr. BDB 801) - (Gen. 12,8; 26,22). In due passi una lacuna oppure disordine nel testo (W. Ru­
l’uso è traslato: «Le parole se ne sono andate via dolph, HAT 1/21, 36).
da loro» (cioè hanno esaurito le parole, non san­ Al linguaggio del culto appartiene invece l’agg.
no più che dire, Iob 32,15); Prov. 25,1: «I prover­ 'dtdq (4 volte) ‘insolente, temerario’ («emancipa­
bi di Salomone che gli uomini di Ezechia hanno to», «libero, staccato dalle usanze»: K B L 3 857)
ripreso (oppure: raccolto; lett.: spostati da un che qualifica le parole empie, arroganti dell’empio
altro posto)». Ps. 6,8 è poco chiaro: fdsesa.., 'èrti (7 Sam. 2,3; Ps. 31,19 ; 75,6; 94,4). - Un verbo de­
‘àt'qà, che significa probabilmente «il mio occhio nominale ‘tq hif. ‘rendere insolente’ viene con­
è gonfio, esce in fuori» (K B L 3 856 secondo L. getturato in Ezech. 35,13 (le parole sono rivolte al­
Delekat, V T 14 [1964] 54) piuttosto che «il mio la regione montuosa di Seir): «Con la vostra boc­
occhio è offuscato, del tutto opaco» (H.-J. Kraus, ca vi siete dimostrati arroganti nei miei confronti,
BK xv/15, 182). Per Iob 21,7 si accetta universal­ e avete reso le vostre parole insolenti (invece di
mente l’accezione «invecchiare», ad es. G. Foh­ w rha‘tartem da ‘tr ‘pregare’) contro di me» (cfr.
rer, KAT xvi, 335 s.: «Perché gli empi restano in W. Zimmerli, BK xm/22, 853).
vita, invecchiano ('àtequ)> dimostrano una forza L ’espressione aramaica ‘attiq jòmin/jòmajja'
superiore (gam gdberù hajil)?». Siccome qui hajil (Dan. 7,9.13.22) «uno antico di giorni, vegliardo»,
- come anche altrove nel libro di Giobbe (5,5; 15, «un antichissimo» indica l’eternità di Dio. Un pa­
29; 20,15.18; 31,25) - deve significare ‘patrimo­ rallelo di questa espressione è rappresentato dal­
nio, ricchezza, averi’, il secondo emistichio va tra­ l’epiteto divino etiopico rè ’ésa mawd'él «capo dei
dotto «quando invecchiano il loro patrimonio au­ giorni» nelle parabole di Enoc (Hen. aeth. 46,1.2;
menta», una considerazione piuttosto banale, op­ 47 >3i 55»i ; 6° , 2; 7 i »IO I2-i 3 -M)-
pure «raggiungono un’età venerabile e aumenta­
Inoltre si stabilisce sovente un confronto con
no anche la loro ricchezza». Ma in questo modo l’espressione ugaritica ’b snm (nella locuzione qrs
il verbo *tq viene ad assumere un significato che mlk ’b snm, KTU 1.1, ni 24; 1.2,111 5; 1.3, v 8; 1.4,
non gli è necessariamente connaturato e per il ìv 24; 1.5, vi 2; 1.6, I 36; 1.17, vi 49), che viene tra­
quale l’A.T. ricorre solitamente ad altre espres­ dotto «padre degli anni» (-» voi. 1 518 s.; cfr. F.M.
sioni (cfr. Iob 42,17: «Giobbe morì vecchio e sa­ Cross, Canaanite Myth and Hebrew Epic, Cam­
zio di vita»). Si adatta allora meglio al contesto il bridge 1973, 16). Tuttavia tale interpretazione è con­
significato ‘ progredire, andare avanti’, cioè avere troversa (-» voi. 1 14 s. e n. 45). Infatti M. Pope, El in
successo, com’è suggerito anche dai paralleli cui Ugarit Texts (VTS 2, 195 5, 34-36) traduce «padre de­
gli anziani» o simili, considerando l’espressione un
Fohrer fa riferimento: «Perché la via degli empi è
modo per esprimere l’età considerevole di El - e la
fortunata...? Tu li pianti ed essi mettono radici, sua relativa debolezza. Secondo C.H. Gordon, JNES
crescono (hlk) e portano anche frutto» (Ier. 12,1 35 (x976) 261 s. e A. Jirku, ZAW 82 (1970) 278 s. -
s.); «Ecco, questi sono gli empi e aumentano in­ entrambi rimandano a KTU 1.114 - ’b snm signifi­
disturbati le loro ricchezze (hajil)» (Ps. 73,3 ss. cherebbe «padre di Snm», cioè del dio Snm. Per Aist-
spec. v. 12). leitner (WUS nr. 312) snm indica «la sublime dimo­
2. Rientrano nella sfera semantica del verbo an­ ra celeste di El», così che l’espressione qrs mlk ’b snm
che gli aggettivi. Si capisce così agevolmente co­ andrebbe tradotta «la sfera del re e padre: lo snm».
me ‘dtiq e ‘dtèq (una volta ciascuno) possano si­
3 1 (vi,49 °) 'atar (E.S. Gerstenberger) (vi,490) 32

ni. I L X X traducono le 20 ricorrenze di ‘tq in 1. Singolare è soprattutto il n if : Jhwh «si fa


maniera diversa. Usano 8 volte il verbo TtaXatoùv, implorare, commuovere» (w ajjè‘àter, sempre con
in Prov. 25,1 invece èxypàcpEiv e in Iob 18,4 xa- l c- commodi o auctoris} Brockelmann, Synt. § 107C
TaCTxpéqjEiv. 'attiq è reso con ànoonàv e à-Souxieiv, e GKa § 1 2 if: Gen. 25,21; 2 Sam. 21,14; 24,25;
‘àtàq con à<5t>aa, àvojxi'a e |J.eYa^oppr(|xoci,j vrl. Esdr. 8,23; 2 Chron. 33,13; altre forme n if: Is. 19,
A Qumran la radice finora non è stata indivi- 22; / Chron. 5,20\ 2 Chron. 33,19; forse Prov. 27,
6). Il nif. compare quindi 4 volte nell’opera stori­
duaU- H. Schmoldt ca cronistica (contesto liturgico; materiale parti­
colare). Tuttavia di regola per l’implorazione non
si usa ‘tr qal, bensì hqs, z 'q , hlh,pll. Peculiare è la
successione verbale ‘tr nif. + stri in 2 Chron. 33,
“ UI5; ‘a ta r 13: ‘tr precede l’ascolto. I vv. 12-133 descrivono
il preludio liturgico (cfr. Esdr. 8,21-233). ‘tr n if
significa quindi che Dio è toccato dalla preghiera
in j} ‘dtàr
pronunciata nel culto; egli provoca una svolta
nella crisi. Così è anche negli altri esempi del nif.:
1. Il materiale lessicale. - 1. Diffusione. - 2. Etimologia.
- il. Semantica. - 1. Il nif. - 2. Il qaljhif - 3. 1 derivati. - 2 Sam. 21,14; 24>25 constatano con le medesime
4. Il Sitz im Leben. - in. Aspetto teologico. - iv. Qum­ parole la reazione positiva di Dio e le sue conse­
ran. guenze (a favore del paese? mediante il paese?).
L ’effetto è stato preceduto dagli atti di culto. In
Bibl.: R. Albertz, ‘tr, ‘àtar, beten (THAT 11 385 s.). - Is. 19,22 la conversione degli Egiziani provoca
D.R. Ap-Thomas, Notes on Some Terms Relating to l’intervento della grazia. In Gen. 25,21 la preghie­
Prayer: VT 6 (1956) 225-241. - W. Fuss, Die deutero-
ra (soltanto qui ‘tr qal) rappresenta l’avvio per il
nomistische Pentateuchredaktion in Ex 3-17 (BZAW
126, 1972). - F. Hesse, Die Furbitte im A.T. (diss. Er- superamento delle difficoltà: forse qui il qal è
langen 1951). stato formato artificiosamente dal nif. Lo schema
teologico preghiera (culto) - intervento di Jhwh
1.1. La radice è poco attestata nell’A.T. (23 vol­ viene normalmente espresso con la coppia di ver­
te) e s’incontra principalmente in Ex. 8-10, Esdra/ bi z'q - sm' (cfr. Nehem. 9,27.28; per il Deutero­
Cronache e Giobbe. Il suo significato, ‘pregare’, nomio cfr. Fuss 39); q r' - 'nh/js'lsm' (cfr. Ps. 3,5;
non è documentato nel Vicino Oriente. La tradi­ 17»6; 18,7; 34,7; 55,17; 57,3 s.; 9 1,15 ; 119,146; 138,
zione giudaica conserva l’antico senso del termi­ 3) e simili, 'tr nif. appartiene quindi probabilmen­
ne (cfr. Ecclus 37,15; 38,14). I sinonimi usati con te all’uso linguistico (regionale?) di pochi redat­
maggiore frequenza sono pii, -» z ‘q, -» qr', -» tori.
ri. 2. Tranne che in Gen. 25,21, forme attive di 'tr
I L X X traducono ‘tr nelle forme attive con non sono mai unite sintatticamente con il nif.: es­
(7;po<T)e'j^EC7#ai (11 volte, per pii 80 volte), al n if se indicano l’atto della richiesta, per lo più con
con (eicr/£7t)axouEiv, che altrimenti è usato preva­ l’indicazione del destinatario della stessa (che è
lentemente per tradurre sm', ’zn, ‘nb 1, qsb. sempre Dio. 2 volte con la prep. l c, 8 volte con
2. Le derivazioni etimologiche dall’ar. ‘atara 'el), eventualmente nominando anche il benefi­
‘macellare, sacrificare’ (J. Wellhausen, Reste arab. ciario terzo (be‘ad, Ex. 8,24; lenókah, Gen. 25,21;
Heidentums, *1897, 142) e dall’ug. gtr ‘uccidere, l e, Ex. 8,5) e ciò che sta a cuore (cfr. Ex. 8,4; 8,25;
macellare, sacrificare, pregare’ (UF 7 [1975] 138) 9,28; 10,17; Iud- 13,8). La preghiera viene citata
sono plausibili; vanno invece esclusi decisamente in Iud. 13,8 e l’esaudimento aggiunto al v. 9. In
rapporti con l’ar. ‘atara ‘odorare, profumare’ (cfr. tutti i testi è riconoscibile il quadro rituale. Iob
Ezech. 8,11: ‘dtàr ‘profumo, fragranza’) oppure - 22,21-27; 33,14-26 contengono elementi del ri­
pensando a Prov. 27,6 - con l’ar. ‘atara ‘ mentire*. tuale penitenziale e di restituzione (cfr. K. Sey-
Similmente, zbh tódà è passato da «sacrificio» a bold, BW ANT 99, 82-98). L ’aspetto dell’esaudi­
tódà ‘preghiera di ringraziamento’ (-> voi. 11 560). mento rientra nel campo del nostro termine {sm':
Ma l’ebr. ‘tr non ha più alcun rapporto con «sa­ Iob 22,27", cfr< I ud- 13,8; rsh: Ioh 33,26; cfr. l’in­
crificare» né con «offrire profumi». tervento divino in Ex. 8,26 s.; 10,18 s.). Perché è
stato scelto 'tr invece dei sinonimi? La risposta
il. Si può localizzare 'tr in specifici strati della può provenire soprattutto da Ex. 8-10 ('tr 8 vol­
tradizione e lo si deve interpretare in base al suo te). Nella seconda, quarta, settima, ottava e deci­
contesto. ma piaga (un filone particolare della tradizione?
33 (VM 9 0 p e’à (A. Angerstorfer) (vi, 4 9 2) 34

drammatizzazione letteraria? cfr. B.S. Childs, The


Book o f Exodus, Philadelphia 1974, 133-137; di­
nNS pé’à
versamente M. Noth, UPt 70-77) si abbandona il I. La radice / le radici p ’h. - Etimologia. - n. Ricorren­
rigido schema dell’indurimento. Il faraone insiste ze nell’A .T . - 1. Lato o bordo di uno spazio / di una
perché Mosè interceda, ‘fr (hif e qal: Ex. 8,4 s. camera o un mobile in passi secondari di P. - 2. L ’isti­
24-26; 9,28; 10,17 s0 è usato per l’ordine e l’ese­ tuzione giuridica dell’«angolo del campo». - 3. Lato o
cuzione dell’atto d’invocazione (per quest’ultimo bordo di un’area o di un territorio (sinonimo di gebùl)
anche z ‘q, Ex. 8,8 tprs kappajim, Ex. 9,29.33). ‘tr in elenchi. - 4. Termine dell’acconciatura di barba e ca­
indica probabilmente la preghiera liturgica di chi pelli. - 5 . p ’h a Qumran e nel Siracide. - 6. La Mishna.
- 7. 1 LXX.
presiede la comunità (successore di Mosè!), che si
conclude (come nel rito della Pasqua?) con la be­ Bibl.: W . Baucr, Pea (vom Ackerwinkel). Texl, Uber-
nedizione (Ex. 12,32: «E benedite anche me»; la setzung und Erklàrung nebst einem textkritischen A n-
fonte di appartenenza è incerta, nonostante Fuss hang (Die Mischna 1/2, 19 14 ). - R. Brooks, Support for
160 s.). thè Poor in thè Mishnaic Law o f Agriculture: Tractate
Peah (Brown Judaic Studies 43, Chico 1983). - E.
3. Il sost. ‘àtàr (solo in Soph. 3,10) potrebbe signi­ Dhorme, L ’emploi métaphorique des noms des parties
ficare ‘orante’. In ogni caso lo sfondo cultuale e più du corps en hébreu et en akkadien, Paris 1923. - H . G e ­
che palese (cfr. v. 9; cfr. W. Rudolph, KAT xm/3, se, Kleine Beitràge zum Verstàndnis des Amosbuches:
291 s.). ‘àtàr ‘fumo del sacrificio’ (?) (solo in Ezech. V T 12 (1962) 4 17 -4 38 . - E .A . Knauf, Supplemento
8,11; manca nei LXX) e il toponimo ‘eter ‘luogo del­ Ismaelitica: B N 22 (19 83) 2 5 -3 3 . - S. Mittmann, Am 3,
l’incenso’ (?, così KBL} 857) potrebbero risalire a 1 2 - i j und das Bett der Samarier. Z D P V 92 (1976) 149 ­
una radice che non è altrimenti presente in ebraico 167, spec. 158 s. - S.D. Ricks, A Lexicon o f Epigraphic
(cfr. l’ar. 'alava). Per na'làròt in Prov. 27,6 si postu­ Qatabanian, diss. fil. 1982 = An n Arbor 1982. - G .A .
la il significato ‘ingannevole’ (KBL* 857; cfr. l’ar. Wewers, Pea. Ackerecke (Ubersetzung des Talmud Ye-
'atara ‘mentire’). rushalmi 1/2,1986 ).

4. La tradizione di Ex. 1-15 è immaginabile sol­ 1. Una radice p ’h col significato base ‘spaccare
tanto in una comunità riunita per celebrare il cul­ qualcosa, staccare, spezzettare’ si ha nel qataba-
to. I racconti delle piaghe (Ex. 5-12) hanno una nico f ’j ‘dividere, spaccare’, nel mineo (caus.) s f’j
loro importanza. Servono a fortificare la comuni­ ‘colpire’, ‘distruggere’ (secondo Biella 403 e
tà (cfr. Ex. 10,2): l’«empio» (rasa, -» r/‘) viene BG M R 47 la radice è f j ’ ) e nell’hap. leg. ebraico
«indurito» e «reso ostinato», non giunge alla co­ h if’à ‘tagliare a pezzi’ (Deut. 32,26 testo incerto;
noscenza di Jhwh e a una condotta «umile» (‘ànà, Ricks 193). Un significato traslato o risultativo
-» ‘nb). Egli crolla sotto le dimostrazioni di poten­ appare nell’ar. f a ’à ‘catturare’, che si accompagna
za di Dio, cerca rifugio nella preghiera della co­ all’azione di distaccare qualcosa per prenderla co­
munità. Non ci sarebbe affatto da meravigliarsi se me bottino (oggetti in metallo prezioso o metalli­
i passi di Giobbe, Samuele e Genesi avessero at­ ci da mura, basamenti ecc.). A questa radice po­
tinto il loro ‘tr in diatesi attiva dal ciclo delle pia­ trebbe appartenere l’ar. f i ’at ‘gruppo, classe,
ghe, di formulazione recente. L ’uso del verbo in schiera di armati’, attestato anche in etiopico e in
diatesi passiva nel Cronista potrebbe essere il frut­ amarico.
to di una riflessione teologica sull’effetto della W. von Soden, G A G § 54b ritiene invece che
preghiera di supplica. pàtu ‘bordo, margine’ e pùtu ‘(lato di) fronte’,
siano forme fem. della radice monoconsonantica
in. In sé ‘fr non significa «intercedere», e nep­ pu ‘bocca’ (AHw 8493). p é ’à nel significato ‘lato,
pure pàlal (-» pii), ‘tr denota, in un momento de­ bordo’ è attestato oltre che nella famiglia lingui­
terminato e in un preciso quadro cultuale (il ciclo stica aramaica (aram. giudaico pàtà’, sir. p a ’tà’)
delle piaghe!), la richiesta che può commuovere anche in ugaritico come p ’t/pJt, di cui tre volte
Jhwh. Gen. 25,21 ne rappresenta la sintesi: Jhwh nell’espressione p ’t.mdbr «confini del deserto»
è un Dio che cede alle suppliche. (ad es. KTU 1.14, ili 1; iv 30). Diversi passi sono
oscuri, anche pJt.’dm che nell’incantesimo di
rv. A Qumran si ha un’unica attestazione e per K TU 1.107,32 dovrebbe significare «fronte del­
di più incerta: 4Q173 1,4 (4QpPsb 127). Proba­ l’uomo» piuttosto che «angolo». In ebraico i les­
bilmente il testo parla di ‘trwt «suppliche» del semi affini p é ’à e *pòt ‘(lato di) fronte’ si sono in­
Maestro di Giustizia. fluenzati reciprocamente (come è avvenuto in ac­
E.S. Gerstenberger cadico con pàtu e pùtu), come risulta dall’appara­
to critico dei singoli passi biblici. Dhorme (71) po­
35 (vi, 493 ) p è’à (A. Angerstorfer) (vi, 49 4 ) 36

stula che il significato base sia ‘ lato, direzione, dinali (v. 16) e la disposizione delle porte della cit­
punto principale’; probabilmente due radici omo­ tà sui quattro lati (w . 30-34). Soltanto in Ezech.
fone sono venute a coincidere. 47 s. p é ’à ricorre ben 44 volte (più del 50% del
totale).
11. NelPA.T. il sost. p è ’à registra 84 ricorrenze, Il termine segna le delimitazioni delle superfici
di cui 48 nel cosiddetto «disegno costituzionale» a pascolo in base ai punti cardinali, per i pascoli
di Ezechiele (Ezech. 40-48) e 26 volte in H e P. del «principe» (nàsT, -» nsj’ ) in Ezech. 45,7 e del­
p é ’à indica senza distinzioni i lati o i bordi di un le greggi dei leviti nelle città levitiche, che Num.
oggetto (stanza, mobile) o di un’area (campo, ter­ 35.5 fissa a 2000 cubiti in ognuna delle quattro
ritorio tribale). In alcuni casi p é ’à funge da sino­ direzioni principali dell’orizzonte. In Ezech. 41,
nimo di gebul ‘confine, limite’ (-» gbw l) o serve a 1 2 p è ’à indica la posizione del grande edificio da­
indicare i punti cardinali come locuzione prepo­ vanti allo spazio libero sul lato occidentale del­
sitiva. Un uso specifico si ha nel campo dell’ac­ l’edificio del tempio, p é ’à funge quasi da preposi­
conciatura della barba e dei capelli. zione in senso lato. Risulta isolato l’uso linguisti­
1. In strati tardi di P p è ’à indica la posizione co di p é ’à nella preghiera di Neemia (Nehem. 9,
dell’armatura di tavole sui lati lunghi del taberna­ 22), che classifica regni e nazioni quali «fascia mar­
colo in Ex. 26,18.20 (= 36,23.25). Ex. 27,9-13 re­ ginale», o meglio «angolo del campo» (per la mie­
gola le dotazioni dei due lati (lungo e breve) del­ titura) destinato alle tribù d’Israele.
l’atrio con tendaggi. In Ex. 25,26 (= 37,13) p è ’à 4.p è ’à ha un uso tecnico quando si parla del­
denota i quattro angoli della tavola dei pani di l’acconciatura della barba e dei capelli. Il sintag­
presentazione, formati dai piedi di questa. Non è ma q esusè p è ’à «rasati al bordo (della capigliatura
certo il significato in Am. 3,12 (per la critica te­ o della barba)», usato in oracoli di giudizio del li­
stuale cfr. H.W. Wolff, B K xiv/23, 234 ss. e Mitt- bro di Geremia per indicare i beduini arabi (Ier.
mann 155 s.), nell’associazione con «Ietto» (cop­ 9,25; 25,23; 49,32), rimanda a una acconciatura
pia di termini ‘eres [-» Vs] e mittà). Il detto attac­ araba, «usando essi tagliarsi i capelli all’intorno,
ca i notabili di Samaria, che nelle loro feste siedo­ radendosi leggermente le tempie» (Hdt. 3,8); se
no alle estremità del letto (angolo, spigolo, lato dei ne ha anche documentazione iconografica (Knauf
piedi) oppure si appoggiano alla testiera o ai cu­ 30 - 33 )-
scini (?) che imbottiscono il letto. K B L 3 traduce In Lev. il codice di santità (H) vieta di
«giaciglio sfarzoso». radersi il bordo della capigliatura e il bordo della
2. Il termine indica i lati, i bordi del campo di barba. Quest’ultimo divieto è ripetuto in Lev. 21,
grano che Lev. 19,9; 23,22 vieta di mietere, senza 4 esplicitamente per i sacerdoti. Probabilmente si
indicarne la misura minima. Evidentemente p é ’à vuole vietare il sacrificio dei capelli e della barba
è un’istituzione giuridica di antica data, consoli­ per i morti. Per questo genere di sacrifici per i de­
data e in origine probabilmente motivata su base funti si usava tagliarsi i capelli (cfr. Elliger, HAT
religiosa (Elliger, HAT 1/4, 257), con finalità assi­ 1/4, 261). Nella legge sulla lebbra (Lev. 13 s.) si
stenziali per i poveri, come più tardi nella Mishna. dichiara (13,41) che la caduta dei capelli sui bordi
3. In elenchi p é ’à funge da sinonimo di g ehul del viso (stempiatura, fronte calva) non implica
‘confine’, differenziato secondo i punti cardinali. impurità. Nell’oracolo di giudizio di Ier. 48,45
Ios. 18,12-20 fissa i confini di Beniamino; in 15, (una combinazione di Num. 21,28 e 24,17) il fuo­
12 il confine orientale di Giuda. L ’elenco di Ezech. co divora la p é ’à di Moab. Il parallelismo con qod-
47,15-20 definisce i lati dell’intero territorio delle qód «sommo del capo» fa pensare che p è ’à indi­
dodici tribù fuori del tempio. Il cosiddetto «dise­ chi le tempie coperte dal margine della capigliatu­
gno costituzionale» traccia una mappa geografica ra, sinonimo di raqqà. La forma duale in Num.
del nuovo Israele. Analogamente Num. 34,3 indi­ 24,17 corrobora il significato «tempie». Le versio­
ca il confine meridionale, fissando i limiti del pos­ ni antiche, L X X , Vg., Targ. e S., traducendo «i so­
sesso ereditario (34,3-12) nella terra promessa. vrani di Moab» rimandano a un uso metaforico di
L ’elenco delle tribù in Ezech. 48,1-29 sviluppa pe a.
una nuova suddivisione del paese per ciascuna 5. A Qumran p é ’à si trova soltanto in ìQ M
tribù secondo i quattro punti cardinali, usando 18 11.6 (citazione di Num. 24,17). Un riflesso tardo
volte p é ’à. Il v. 8 mette da parte un tredicesimo delle «tempie di Moab» si ha nel testo ebraico di
territorio tribale come offerta consacrata (t'rùm à, Ecclus 33,i2a (36,123): r’s p ’tj m w ’h (tuttavia
-» trwmh). Ezech. 48 regola la dimensione della L X X , Vg. e Bm leggono ’wjb ‘nemico’ in luogo di
nuova Gerusalemme secondo i quattro punti car­ m w ’b).
37 (VM 9 S) p ’r (J. Hausmann) (vi,495) 38

6. Il trattato della Mishna Pè’à fissa l’«angolo del re. Si devono poi aggiungere le ricorrenze nella
campo» a 1/6o come misura minima per le piante ali­ letteratura di Qumran: 23 certe e 4 incerte.
mentari (cereali, legumi, verdura, cipolle) e gli alberi Non ci sono corrispondenze dirette con le lin­
(alberi da frutta, vite, legname da costruzione). Spi­
gue del Vicino Oriente (per le possibili etimologie
golatura, racimolatura, residui non colti, decima per
i poveri e pè'à sono istituzioni rabbiniche per il so­ cfr. la bibl. citata in Vetter 387).
stentamento dei poveri. Questa tassa viene lasciata
in loco, sulla pianta o sul terreno, dai proprietari del 11.1. Particolarmente spiccato è l’uso profano
fondo, oppure raccolta e distribuita quando si tratta del nome p e'èr. Indica ogni volta un copricapo
di prodotti agricoli che è difficile raccogliere (uva, (turbante?), che in Ex. 39,28 è quello di Aronne e
noci, datteri), dei suoi figli. Un uso simile si ha in Ezech. 44,18
(copricapo dei sacerdoti leviti). Per il resto p e'èr è
7 . 1 L X X usano per tradurre p è'à le rese più usato per indicare il copricapo dello sposo (Is. 61,
diverse, senza che si possa riconoscere una qual­ 10), della donna (Is. 3,20) o degli uomini in gene­
che coerenza relativamente ai vari libri. Gli equi­ re (Is. 61,3 - al riguardo v. ancora sotto, n .3; inol­
valenti sono le forme pi. di (J.épo^ ‘territorio, re­ tre Ezech. 24,17.23).
gione, zona’, xXito; ‘ lato’ (vocabolo particolare Si riferiscono all’abbigliamento di Aronne e dei
dei LXX?), 'Sepicr^ó^ ‘ raccolto, messe’ (in Lev. figli anche Ex. 28,2.40, con tif'eret associato a kbd.
19,9 rende «angolo del campo» - un tentativo di In entrambi i casi si fa intendere che l’abbiglia­
traduzione in Lev. 23,22: t o A o i t o v t o ù $epi- mento torna a onore/ornamento delle persone in
<j(xoù). Nel contesto dei punti cardinali p è ’à è tra­ questione. Tuttavia è possibile che così si voglia
dotto con preposizioni (Ttpó^, àizo, ’iioq, xorcà, tue,) sottolineare l’onore e la magnificenza del santua­
oppure viene omesso o espresso mediante l’arti­ rio (cfr. F. Michaeli, CAT n 249). In Esth. 1,4 si
colo (soprattutto in Ezech. 47 e 48). Restano casi tratta della magnificenza e della gloria del re A s­
isolati le traduzioni con eiaoSo^ (Ezech. 47,20), suero. In Ezech. 23,26.42 si parla dei monili delle
®PXriY ^ (testo corrotto?), xaTÉvavrt cpulr^ (Am. due prostitute, Ohola e Oholiba. Ier. 13,10 defi­
3,12). Nel contesto della cura della barba e della nisce un gregge più precisamente come «gregge
foggia dei capelli i L X X usano (Lev. 19,27; magnifico», mentre Is. 44,13 potrebbe essere in­
21,5) e xóp.r) (Lev. 19,27). terpretato «uno splendore di un uomo» (Elliger,
A. Angerstorfer BK x i / i , 429). In Ezech. 24,25 tif'eret serve a raf­
forzare mesòs e quindi non ha un proprio valore
specifico.
Fatta eccezione per Prov. 28,12, tif'eret è usato
nNS p ’r nei Proverbi sempre in senso profano e indica ciò
che torna a onore dell’uomo: i capelli grigi sono
tif'eret, p e>er l’ornamento della vecchiaia (Prov. 16,31; cfr. 20,
29b); la sapienza serve in generale da ornamento
r. Ricorrenze nell’ A .T . - n. U so nell’A .T . - 1. U so pro­ prezioso (4,9); l’orgoglio dei figli sono i loro pa­
fano. - 2. L ’onore dell’individuo o del popolo. —3. Uso dri (17,6); i giovani hanno onore mediante la loro
teologico. - in. Il Siracide e Qumran. - ìv. I L X X . forza (20,19) e torna a onore degli uomini, in ge­
nerale, ignorare l’offesa (19,11). Secondo Iud. 4,9
Bibl.: E .E . Platt, Jewelry o f Bible Times and thè Cata­ Barak non vivrà una giornata di gloria quando
logne of Isa 3:18 -2 3 : A U S S t 1 7 (19 79) 7 1-8 4 . 18 9 -20 1. -
Debora scenderà in campo. Is. 10,15 pone una do­
D. Vetter, p ’ r pi., verherrlichen (T H A T n 387-389). -
W . Zimmerli, Zur Sprache Tritojesajas: T h B 19 (1963)
manda retorica, se la scure «si glori» rispetto a
2 1 7 -2 3 3 , spec. 226 ss. colui che la maneggia.
Ex. 8,5 (hitpd'ér ‘dlaj) esce dal quadro sin qui
1. Nell’A.T. il verbo p 'r si trova 6 volte al pi. (Is. delineato. Non è chiaro se si tratti di una formu­
5 S>5; 60,7.9.13; Ps. 149,4; Esdr. 7,27) e 7 volte al lazione di cortesia (al riguardo cfr. B.S. Childs,
hitp. (Ex. 8,5; Iud. 7,2; Is. 10,15; 44,23; 49.3J 6o, The Book o f Exodus, O TL, 128; Vetter 387) op­
21; 61,3 - inoltre Ecclus 48,4; 50,20). 7 volte ri­ pure del riconoscimento da parte di Mosè della
corre anche il sost. p e'ér (Ex. 39,28; Is. 3,20; 61,3. posizione di superiorità gerarchica del faraone
10; Ezech. 24,17.23; 44,18). Con una frequenza (Michaeli, CAT n 72), senza escludere una com­
decisamente maggiore (51 volte) l’A.T. usa il sost. ponente ironica.
tif'eret/tif'drd, così che questo termine viene ad 2 .1 testi seguenti considerano, secondo i casi,
assumere automaticamente l’importanza maggio­ la gloria o l’orgoglio, e la superbia che ne risulta­
39 (vi,496) p ’r (J. Hausmann) (vi,497) 40

no, di singoli popoli o di un re. Di un re si tratta città: in fondo la glorificazione di Sion e del tem­
in Is. 10,12, che critica la vanteria del sovrano as­ pio (Is. 60,7) sono soltanto funzionali alla gloria e
siro. Is. 13,19 chiama Babilonia l’ornamento, ono­ alla fama di Jhwh, come risulta chiaramente da Is.
re e vanto, dei regni (per la problematica relativa 60,11 (cfr. anche Is. 62,3 dove Gerusalemme vie­
alla menzione di Babilonia in questo passo cfr. ne descritta come uno splendido gioiello che è
Wildberger, BK x/2,507 s.). Is. 20,5 critica l’orgo­ fonte di gioia per Jhwh; Westermann, ATD 19,
glio degli alleati dell’Egitto. Is. 28,1.4 considera­ 208 fa notare il parallelo con Babilonia, citando
no l’orgoglio di Efraim che verrà annientato. A Stummer).
questa affermazione si contrappone poi (vv. 5 s., Gli altri testi riguardano tutti l’onore di Jhwh.
un’aggiunta) una contraria, secondo la quale Jhwh La gloria di Jhwh è celebrata in Ps. 71,8 (t bilia e
sarà per il residuo del proprio popolo (Efraim?) tif’artekd) nel contesto di un lamento, guardando
una splendida corona, cioè motivo di onore. Nel alle opere di salvezza di Jhwh. Così anche in Ps.
complesso si può probabilmente affermare che 96,6, dove t if’eret si trova associato a ‘óz, hàdàr e
tutti i testi di Isaia qui ricordati non sono di ma­ hód. Qui si può forse scorgere un’allusione alla
no del profeta stesso (cfr. Wildberger, BK x/i, teofania di Jhwjh e alla sua rappresentazione nel
402). In Iud. 7,2 si tratta della vanteria d’Israele, culto (Anderson, Psalms 11, NCeB, 683).
cui ci si oppone criticamente. Ci si oppone anche Anche in 7 Chron. 29 ,11.13 la lode della gloria
all’orgoglio di Gerusalemme, affermando (Zach. di Jhwh sta in primo piano. Qui nel v. 11 oltre che
12,7) che nel tempo della salvezza si soccorrerà di t if’eret si parla anche di gedulia, geburà, nésah
prima Giuda e solo in un secondo tempo Gerusa­ e hód, mentre il v. 13 menziona sém tif’artekd.
lemme. Ier. 48,17 annuncia che l’intervento di Nel quadro di una retrospettiva storica Ps. 78,61
Jhwh spazzerà via la gloria di Moab. In 1 Chron. ricorda che Jhwh abbandona il proprio onore alla
22,5; 2 Chron. 3,6; Esdr. 7,27 si tratta invece del­ prigionia — il riferimento è probabilmente alla
l’onore del tempio, che discende dalla straordina­ cattura dell’arca del patto da parte dei Filistei.
ria magnificenza degli addobbi e delle strutture. Nel contesto terminologico riappare ‘óz, così che
3. Nella sfera di orientamento teologico rien­ il parallelismus memhrorum suggerisce che t if’e­
trano due aspetti: da un lato si tratta dell’onore ret significhi qui più «forza» che onore. La stessa
che Jhwh conferisce a qualcuno o a qualcosa, dal­ combinazione ritorna in Ps. 89,18, così che an­
l’altro della gloria o dell’onore che Jhwh stesso che qui si dovrebbe parlare della potenza e della
possiede. Deut. 26,19 menziona la promessa di forza che Jhwh rappresenta per il suo popolo.
Jhwh d’innalzare Israele su tutti i popoli quanto a Secondo Ier. 13 ,11 Jhwh desidera il ritorno (che
lode (tehillà), onore (sém) e gloria/fama (tif’eret). poi non avverrà) del popolo a sé, la sua conver­
Parimenti si pensa a tutto il popolo in Ps. 1 4 9 , 4 sione a proprio onore, lode e gloria (sém, tchilld,
(un testo antico? così H. Schmidt, HAT 1/15,257), t if’eret).
che parla del compiacimento di Jhwh per il pro­ Il verbo p ’r hitp. è usato con Jhwh per sogget­
prio popolo e della propria volontà d’ incoronarlo to in Is. 44,23 e 49,3. In entrambi i casi si esprime
di vittoria e di procurargli onore (jef a ’ér). M o­ la gloria che Jhwh manifesta di sé, secondo Is. 44,
strano il loro interesse per Gerusalemme, ora in 23 mediante la redenzione d’Israele (secondo Elli­
un senso ora nell’altro, Is. 52,1; Ier. 3 3 , 9 ; Ezech. ger, BK xi/i, 452 l’imperfetto segnala che si tratta
16,12.17. Grazie all’intervento salvifico di Jhwh di un’attività duratura e continua), mentre secon­
la città darà alle nazioni motivo di lode, onore e do Is. 49,3 la glorificazione avviene mediante il
gloria (Ier. 3 3 , 9 ; cfr. Deut. 26,19). In un oracolo servo di Dio.
di castigo sull’infedele Gerusalemme Jhwh ricor­ L ’orientamento teologico di Prov. 28,12 è di­
da come l’abbia abbellita di ogni ornamento, per verso da quello dei testi precedenti, in quanto non
es. con uno splendido diadema ('àteret tif’eret, si tratta della glorificazione di Jhwh, né di quella
Ezech. 16,12). Nella sua infedeltà Gerusalemme del popolo, né di quella di Sion, bensì si parla del­
si è tolta tale ornamento per fabbricarsi con esso la grande gioia (rahhà tif’eret, che sarebbe proba­
oggetti di culto (Ezech. 16,17). Anche Is. 52,1 par­ bilmente meglio tradurre «grande onore») che ri­
la dei bei monili di Gerusalemme esortando a in­ sulta quando i saddìqìm trionfano, al contrario di
dossare, ora che è iniziato il tempo della salvezza, quanto avviene quando gli empi hanno successo e
vesti magnifiche (bigdè t if’artèk) (simile per il la gente corre a nascondersi.
contesto è anche Is. 61,3). Si tratta ugualmente Si può osservare facilmente come i testi collo­
della gloria di Sion in Is. 60,7.9.19.21; 62,3; ma in cabili in un orizzonte teologico si datino preva­
questi passi si capisce che il pensiero va oltre la lentemente all’età esilica e postesilica, e tra questi
4 1 (vr,498) piggul (D. Kellermann) (vi,499) 42

spicchino per particolare importanza quelli del lare: 1Q 19 13,2, dove si usa tif'eret nel contesto
Deutero- e del Tritoisaia. Per quel che riguarda il stretto di hdr e kbd. La fama di Dio ricopre terre
genere letterario, salta subito all’occhio la con­ e mari (1 iQPs* 18,7) e davanti a coloro che odia­
centrazione in inni e promesse di salvezza, tanto no il suo popolo egli renderà la propria gloria an­
che si può affermare che la radice p 'r è usata cora maggiore (4Q160 3-4,11 4); 4QShir* 1,2, che
particolarmente dove si parla dell’opera salvifica celebra le lodi del Dio della conoscenza, lo splen­
di Jhwh per il suo popolo e dove si intende espri­ dore della sua potenza, Dio degli dei, Signore dei
mere l’onore o la gloria di Jhwh che in tale opera santi. Il sapiente sente di essere il proclamatore
si manifesta; infine, anche dove soggetto di p 'r è della gloria divina (4Q510 1,4; cfr. n Q P sa 18,1).
la gloria d’Israele o di Sion. 4QDibHam 4,12 (cfr. Ag. 2,7-9) tratta della
gloria (kbd) del popolo di Dio, di Sion, la Città
in. È strano come nel Siracide non si usi mai Santa e bèt tif'artekà. Ci si deve chiedere se
(eccetto che in Ecclus 38,6) p 'r quando si tratta l’espressione che qui interessa vada intesa come
dell’onore di Jhwh. La radice viene invece impie­ un riferimento al tempio oppure sia un’apposizio­
gata ogni qual volta si tratta della gloria dell’uo­ ne di Sion, al pari di «città santa» (così M. Baillet,
mo. La dignità dell’uomo consiste (9,16; 10,22) RB 68 [1961] 224). La formulazione avvalora la
nel timore di Dio, oppure (31,10 = 34,10 LX X ) nel seconda alternativa, ma l’aspetto determinante è
non abbandonare la retta via. Si menziona la di­ che in questo versetto si torna a usare la radice p 'r
gnità di Adamo (49,16; qui si deve forse scorgere per descrivere la bellezza o la magnificenza di
anche «un frammento di comunicazione della glo­ qualcosa che appartiene a Dio. Lo stesso per iQ H
ria dell’Altissimo», J. Marbòck, Weisheit im Wan- 5,17 ss., dove nel contesto di una lode si celebra
del, BBB 37, 1971, 148), l’onore di Giuseppe (v. la gloria di Dio perché ha adornato magnifica­
15), l’orgoglio di Golia spezzato mediante David mente (verbo al pi.) un uomo di splendore. CD 6,
(47,4), infine anche la gloria dei padri (44,7). Si 7 descrive la gloria dell’Israele convertito. La co­
mette in guardia dalla superbia (11,4 secondo ms. munità di Qumran associa continuamente la pro­
B; 38,15). Può invece sentirsi orgoglioso chi è co­ pria autocoscienza con la tif'eret di Dio (iiQ P s3
me Elia (48,4). tif'eret ricorre insieme con 'àteret 22,5): essa si considera la comunità che proclama
in 6,31 in una definizione della sapienza. Ecclus la sua maestà (18,2) celebrando così il vero culto
45,8 e 50,11 usano la radice per caratterizzare l’ab­ (18,7 s.). Sa che Dio dona il proprio favore a chi
bigliamento sacerdotale, mentre 50,20 parla del gli rende onore (18,14). Infine, generazioni di de­
sacerdote che, pronunciata la benedizione, appa­ voti saranno la tif'eret di Dio (22,4). In questa ra­
re glorioso (per una puntualizzazione al riguardo pida analisi della letteratura di Qumran sorpren­
cfr. P. Rickenbacher, Weisheitsperikopen bei Ben de osservare come il concetto della proclamazio­
Ecclus, O BO 1,19 73,9 8 ). L ’unico riferimento di­ ne, tutto sommato estremamente raro negli scritti
retto alla gloria di Dio si ha in Ecclus 38,6: Dio della setta, registri un picco di frequenze proprio
diede agli uomini la conoscenza per glorificarsi in concomitanza con l’uso della radicep’r.
mediante la loro forza. Vanno ricordati ancora alcuni passi, sebbene
A Qumran la radice p 'r viene usata principal­ per la loro scarsa chiarezza siano inutilizzabili ai
mente in contesti teologici. Soltanto in iQ H 16, fini della presente esposizione: iQ H 12,1; iQM
22 (cfr. 4Q501 1,5; iiQ Ps* 22,4) si parla, in una 14,13 e 1Q 16 3,4.
lode della creazione, dei rami (?) degli alberi e
questi rami vengono descritti con p ’r, probabil­ iv. È sufficiente dare uno sguardo ai L X X per
mente per indicare la particolare magnificenza del­ cogliere subito la polivalenza della radice p'r, resa
la chioma arborea. In iQM 7 ,11 si descrive l’ab­ in greco con moltissimi termini fra i quali stanno
bigliamento dei sacerdoti in una battaglia parlan­ in primo piano i derivati di Só£a.
do anche di un prj che essi indossano, il quale sa­ J. Hausmann
rà stato un turbante.
Negli altri testi si tratta particolarmente della
magnificenza di Dio o della sua gloria: iQ S 10,12
(con qds e kbd nel contesto); iQ S 11,15 ; 4Q $ir bìfà piggul
1,4; n Q P sa 22,5 s. (con sdq nel contesto): iQ M
14,13 (dove si deve probabilmente integrare tp con 1.1.Etimologia.-2 . Attestazioni.- 1 1 .j.Lev. 7,i8e 19,7.
'rtkh)\ iQSb 5,19 in associazione con hdr. Con - 2. b'sar piggul, Ezech. 4,14. - 3. m'raq piggulim, Is.
quest’ultimo testo citato si confrontino in partico­ 65,4. - iii.i. I LXX. - 2. Qumran.
43 (v i,500) piggùl (D. Kellermann) (vi,501)44

Bibl.: M. Gòrg, Piggùl und pilaegaei - Experimente carne del sacrificio in un’abominazione. Si pensa
zur Etymologie: BN 10 (1979) 7 - 1 1. - B. Levini, Piggùl: alla carne del sacrificio che il terzo giorno non è
EMiqr 4 (1971) 435 s. - W. Paschen, Rein und Unrein. stata ancora consumata, la cui santità si trasforma
Untersuchung zur biblischen Wortgeschichte (StANT nel contrario, in una impurità pericolosa, e che
24, 1970).
pertanto va bruciata (Lev. 7,17).
1.1. L ’etimologia della parola piggùl è sconosciu­ 2. L ’intimazione di Jhwh a Ezechiele (4,9 ss.)
ta. W. Gesenius (Thesaurus 1090D) osserva che da di impastare un pane con la farina di diversi legu­
un lato si stabilisce una comparazione con l’ar. faga­ mi (cfr. il divieto in Lev. 19,19 e Deut. 22,9) e di
ia, cibus foedus fuit (cfr. Lane 2341^23433; secondo cuocerlo su escrementi umani viene respinta con
KBL3 860 fagula ‘essere fiacco, floscio, avvizzito’), sdegno dal profeta, che ricorda di non avere mai
dall’altro con l’et. fabula (ipotesi già respinta da A.
mangiato in vita sua animali morti da soli (n'bé-
Dillmann, Lex. Ling. Aeth. 1347). J. Barth (Wurzel-
untersuchungen 36 s.) menziona come parallelo eti­ la) o sbranati (teréfa) e che nella sua bocca non è
mologico Par. gafala (con metatesi) ‘produrre, emet­ mai entrato besar piggùl. W. Zimmerli (BK xiii / i ,
tere letame’. M. Gòrg ha fatto l’interessante tentati­ 94) traduce lasciando piggùl così com’è, suppo­
vo di trovare una soluzione richiamando, da un lato, nendo giustamente che in origine l’espressione
l’acc. bugurru (o buqurru o pug/qurru) che significa avesse «un significato qualificativo più generale»
secondo CAD 11 307» un «organo commestibile di (127) di quanto suggeriscano i passi del Levitico.
una vittima sacrificale», secondo AHw 1 36b «un 3. Nella pericope di Is. 65,1-7, che fustiga con
pezzo di carne», dall’altro all’eg. grg ‘menzogna’
un’invettiva e una minaccia i culti stranieri e l’ido­
(WbÀS v 189 s.) che può significare «a quanto sem­
bra, non solo l’affermazione non vera, ma più in ge­ latria, si parla di sacrifici cruenti celebrati in giar­
nerale ciò che è scorretto, ripugnante, sbagliato» dini, di profumi fatti bruciare su mattoni e del
(Gòrg 9). Munito di articolo p J grg potrebbe essere consumo di carne di maiale; si dice inoltre che
paragonato all’ebr.pigg/i/. L ’ipotesi ai una «possibi­ «nelle loro pentole c’è una brodaglia abominevo­
le contaminazione fonetica e semantica» avanzata da le». Il testo ebraico ù feraq piggulìm k'ièhem ne­
Gòrg (10) non va scartata a priori: «Forse un’espres­ cessita di una duplice correzione: invece di p eraq
sione presa in prestito dall’egiziano per indicare una ‘spezzatino, pezzi, bocconi’ - così il K - si deve
situazione o un fatto non giusto o ripugnante è stata leggere con Q, iQ Isa, L X X , Targum e Vg. m'raq
unita, per affinità fonetica e nonostante la sua origi­
‘brodo, bollito, minestra’; inoltre k'ièhem non va
ne semitica e diversità semantica, con un termine di
per sé neutro denotante una determinata parte di un corretto in makkoltdm (così K. Elliger, Die Ein-
animale sacrificato». E. Kònig (Wb 356) suppone heit des Tritojesaja, BW ANT 111/9, 32: «il loro ci­
che il significato originario sia stato disfacimento = bo», secondo / Reg. 5,25), bensì con iQ Isa, Tar­
decomposizione (Ezech. 4,14) e che in seguito la pa­ gum e Vg. si deve porre all’inizio di frase la prep.
rola sia stata usata come abstractum prò concreto nel bc (caduta per aplografia), così che si deve tra­
senso di «carne putrefatta». durre «e nelle loro pentole c’è una minestra / una
In medio ebraico si trova al pi un verbo pgl de­ brodaglia abominevole». In effetti il K pensa pro­
nominale, mentre in aramaico giudaico e samaritano babilmente a uno spezzatino di carne dei sacrifici
si ha la forma pa. nel senso di «mangiare un sacrifi­
vecchia di tre giorni (secondo Lev. 7,18; 19,7),
cio oltre il termine prescritto e quindi renderlo ri­
provevole» (KBL3 860). mentre la «brodaglia abominevole» ricorda forse,
come suggerisce W. Robertson Smith (Die Reli-
2. La forma nominale piggùl si trova 3 volte al gion der Semiten, 1899 = rist. 1967, 265 n. 597), la
sing. (Lev. 7,18; 19,7; Ezech. 4,14) e 1 volta al pi. ribollita di sangue dei Lacedemoni di Sparta (ai-
(Is. 65,4). |j.orna, cfr. Polluce 6,57). In ogni caso si tratta di
cibi incompatibili col culto di Jhwh.
11.1. K. Elligcr (HAT 1/4, ad l.) traduce piggùl
in Lev. 7,18 e 19,7 con Ùnflat ‘sozzura’, mentre m .i.I L X X traducono piggùl con {Ai'ac7(j.a in
W. Kornfeld (NEB ad l. secondo Einheitsiiber- Lev. 7,18 (cfr. F. Hauck, G L N T vii 216 s.:
setzung) opta per untauglich ‘inadatto, inservibi­ «contaminazione di tipo cultuale, rituale e mora­
le’. In base ai due passi del Levitico, si tratta della le») e con l’aggettivo à#UTO<; ‘ non sacrificabile’
carne di sacrifici pacifici destinata al consumo (hap. leg. nei L X X ) in Lev. r9,7. In Ezech. 4,14 be-
conviviale (zebaìp s'iàmìm ) solo il terzo giorno. sar piggùl è tradotto xpéa^ eojXov (e<oXo<; = ‘stan­
Ma desumere di qui di avere colto il significato tio, non fresco’, hap. leg. nei LXX). In Is. 65,4 (j-e-
fondamentale del termine piggùl, come fa GesB (AoXu|X(AÉva rende evidentemente piggulim in una
632, è forse una falsa conclusione. Il Levitico de­ traduzione piuttosto libera: «Bollito di carne dei
scrive soltanto il caso particolare che trasforma la sacrifici (di cui) è lordato il loro pentolame». Fat­
45 (V1>5°2) paga' (P. Maiberger) (vi,503) 46

ta eccezione per Is. 65,4, dove mantiene piggùl, il so: essere tormentato da spiriti maligni, demoni»;
Targum traduce sempre con merahaq ‘abomine­ aram. giudaicopega' «incontrare, radunarsi» (Le­
vole, esecrabile’. vy); ar. fa g a a ‘precipitare nella sofferenza e nei
2. Negli scritti di Qumran si hanno solo 3 ri­ dispiaceri, castigare’; 11 ‘tormentare, torturare, af­
correnze di pgwl, precisamente in 11Q T 47,14. fliggere’ (Wehr 624). Esiste inoltre la radice affi­
18; 52,18. Il significato risulta in qualche misura ne faga’a, che sottolinea maggiormente l’idea del­
più generico. J. Maier traduce pgw l «profano» l’attacco improvviso ed è semanticamente vicina
(cfr. Girolamo, Vg. a Lev. 19,7 e Is. 65,4 che sce­ al sir.p ega' e al m. ebr. paga*: I + 111 ‘arrivare im­
glie per questi passi profanus), Y. Yadin «abomi­ provvisamente, inaspettatamente’ (addosso a
nevole». Secondo 11Q T 47,14.18 il comandamen­ qualcuno), ‘avvicinarsi all’improvviso, inattesi’ (a
to della purità viene proclamato rigorosamente: qualcuno), ‘sorprendere’ (qualcuno, con bi); ‘as­
persino pelli di animali puri possono essere usate salire’ (qualcuno).
per i trasporti nella Città Santa soltanto se pro­
vengono da animali che sono stati sacrificati. Le G. Garbini (Terminologia sacrificale fenicia: pg*:
pelli di animali provenienti dalla macellazione BibOr2i [1979] io9-ii3)ha accertato un significato
specifico come termine sacrificale per il pg‘ docu­
profana (‘wrwt zbhj pgwljhmh) eseguita nel pae­ mentato in iscrizioni neopuniche (secondo J.G. Fé-
se sono considerate abominevoli. In 11Q T 52,17 vrier, JA 243 [1955] 60; 255 [1967] 62 ‘sacrificare’)
s. si ribadisce ancora una volta che animali puri che egli paragona a causa del suo significato base
ma con un difetto possono sì essere macellati e ‘incontrare, raggiungere’ alla radice ebraica sinoni­
mangiati, ma devono essere scannati a non meno mica qrb, che nella forma hif. vale per ‘offrire (un sa­
di 30 stadi (= circa 6 km) di distanza dal tempio, crificio)’, suggerendo quindi per il punico pg' al pi.
essendo carne di macellazione profana (bsr pgwl, il significato ‘offrire, presentare’.
cfr. Ezech. 4,14).
D. Kellermann ni. La radice semitica pg ‘ descrive un movi­
mento diretto verso un luogo (o una cosa) o una
persona, che può essere del tutto fortuito (sir.
V $pàgà‘ men p eg là ') o intenzionale (allora per lo più vio­
lento e improvviso, cfr. l’ar.fa g a ta n o fu g à ’atan
avverbio, ‘inaspettatamente, all’improvviso’); se
V ^pega\ m ifga intenzionale si deve ulteriormente specificare, per
quel che riguarda l’intenzione o l’effetto, tra azio­
I. Le attestazioni nell’A.T. - 11. Ricorrenze c significato ne indifferente e positiva, e azione ostile e negati­
nelle lingue semitiche. - in. Etimologia e campo lessi­ va. Il verbo d’azione ‘urtare, imbattersi’ è ancora
cale in ebraico. - iv. Uso nell’A.T. - 1. Il qal. - 2. Il nif.
quello che più si avvicina al significato base e alle
- 3. Il hif. - v. La traduzione dei LXX. - vi. Derivati. -
i.pega'. - 2. mifgà'. —vn. Nomi propri. - vili. Qumran. possibilità d’impiego dell’ebr.^fga'.
Detto ciò, è possibile modificare i contenuti se­
I. Nell’A.T. il verbo ha 46 ricorrenze: 39 qal, 1 mantici del verbo nella forma base secondo Io
n if (Is. 47,3: cong. per il qal) e 6 h if (a meno che schema seguente:
in Iob 36,32 il ptc. non vada corretto in un no­ 1. azione casuale: 1.1. indifferente: a) luogo: a)
me). I derivati sono forme nominali: pega' (2 vol­ imbattersi in un luogo = arrivarvi; p) urtare =
te) e mifgd‘ (1 volta o 2 con una cong.). La radice confinare con (un luogo) - b) Persona (animale):
compare inoltre nel N P teoforopag'Vél (5 volte). imbattersi = incontrare qualcuno (cfr. la radice
affine pdgas). - 1.2. Negativa: a) Persona: lanciar­
II. La radice e documentata soltanto nel semiti­ si uno sull’altro (nemico). - b) Fiera: atterrare =
co nordoccidentale, soprattutto nel ramo aramai­ uccidere (soggetto: un orso).
co e in arabo: punico e aram. d’impero pg' (qal 2. Azione intenzionale (soltanto con persone):
‘incontrare’; pi. ‘adempiere’ ? [voti]; cfr. DISO 2.1. Negativa: a) abbattere qualcuno (con la spa­
225); sir. p ega< (sempre costruito con la prep. b), da) = uccidere. - b) Gettare qualcuno nella morte
‘incontrare (una persona); arrivare (in un luogo); (con la spada, la peste) (soggetto: Dio). - c) Spin­
imbattersi; colpito da, succedergli (malattia, di­ gere qualcuno: insultare, infastidire o spingere via.
sgrazia); attaccare, lottare, combattere’; m. ebr. - 2.2. Positiva: spingere qualcuno = renderlo at­
paga‘ (secondo J. Levy, WTM iv 7) «urtare, in­ tento, spingerlo a fare qualcosa (a favore di un al­
contrarsi, in particolare spesso attaccare ostilmen­ tro), cioè pregare qualcuno con insistenza o con
te»; n if «essere colpito, subire, in particolare spes­ energia, con ogni mezzo.
47 (vi, J 03) paga* (P. Maiberger) (vi,504) 48

L ’oggetto è retto prevalentemente (in siriaco possa trovare giusti sulla terra. GesB suggerisce un
esclusivamente) da be. significato «venire incontro, prendersi cura» non do­
cumentato altrove (Einheitsùbersetzung: «Oh, ma­
gari venissi incontro a coloro che fanno ciò che è giu­
iv. 1. qal: i.i.a.a) Nel racconto del luogo sacro sto!»).
di Betel si narra come Giacobbe vi (be) giunga
senza volerlo né saperlo (Gen. 28,11). 1.2.a)Che due nemici s’imbattano potrebbe
(3) paga‘ g ebùl be: in Ios. ( 1 5)16-19 paga' ha un certo essere un caso, tuttavia le conseguenze ne­
significato specifico quando si tracciano i confini gative sono prevedibili.
dei territori tribali (manca nei casi di Giuda e Be­
niamino). Così il vendicatore del sangue può uccidere legit­
timamente l’omicida appena s’imbatta in lui (bò)
Il tracciato del confine (gebùl) è descritto, confor­ (Num. 35,19.21). Rahab consiglia alle spie d’Israele
memente alle situazioni topografiche, in maniera di fuggire verso i monti, per evitare che gli insegui­
molto articolata e varia, ricorrendo a una serie di ver­ tori li (be) incontrino e riuscire così a sottrarsi alla
bi di moto o di cambiamento di luogo (jàsà', balak, morte o alla cattura (Ios. 2,16).
‘àbar, 'àia, jàrad, sàbab, pànà, tà’ar, sub; cfr. O.
Bàchli, ZDPV 89 [1973] 3-5) e usando 9 volte anche 1.2.b) Cattive conseguenze ha anche l’incontro
paga' quando la frontiera raggiunge (be) determinati con una fiera. Inevitabilmente corre verso la ro­
luoghi (LXX solo in Ios. i6,y èXeiioexai), vina chi, secondo la similitudine probabilmente
precisamente dove va a toccare città (Gerico 16,7; proverbiale di Am. 5,19, fugge dal leone e cade vit­
Dabbeshct 19,11), monti (Tabor 19,22; Carmelo 19, tima di un orso.
26), fiumi (la valle torrentizia di fronte a Jokneam
19,11 [essendo pàga' costruito soltanto qui con la Il contesto del nefasto giorno di Jhwh presuppo­
prep. 'el, questa singolare eccezione potrebbe essere ne che «l’orso lo ‘atterra’» indichi non tanto l’incon­
frutto di un errore di scrittura, forse invece di póneb tro fortuito (Vg. occurrat ei ursus; GesB ad «im­
'el - cfr. 15,7. J. Simons, GTTOT 181. 188 n. 173 battersi, incontrare qualcuno») quanto il colpo leta­
vorrebbe cancellare - con i LXX - upàga‘ e leggere le della potente zampa (LXX: xaì è|jL7réaf) aÙTfì) rj ap-
«Dabbeshet presso (’el) ...»]; inoltre [oggetto di pà­ xo^. K BLJ: «aggredire qualcuno», troppo debole).
ga‘] i fiumi Libnat 19,26 e Giordano 19,34) e i terri­
tori delle tribù (Asher 17,10; 19,34; Zàbulon 19,27. 2.1.a) Più volte pàga‘ (costruito sempre con bc)
34; inoltre Issacar 17,10 e Giuda 19,34). viene usato nel significato specifico di ‘abbattere
qualcuno’, cioè uccidere con la spada, trafiggere,
i.i.b) Sempre per caso, Giacobbe scopre anche come risulta da 1 Reg. 2,32 dove l’affermazione
Mahanajim, «l’accampamento militare di Dio» che Joab avrebbe abbattuto due uomini viene pre­
dove «angeli di Elohim» lo (bò) intercettano, sen­ cisata mediante il parallelismo sinonimico «ed egli
za che tale incontro venga definito amichevole od
li uccise con la spada» (wajjahargém bahereb).
ostile (come in Gen. 32,25 ss.; cfr. la domanda
analoga in Ios. 5,13) (Gen. 32,2: cfr. C. Houtman, Questo genere di morte è quello cui pensano an­
V T 28 [1978] 37). che i principi di Madian, Zebah e Salmunna, incitan­
Dopo aver trattato inutilmente col faraone, i ca­ do Gedeone ad «abbatterli» (Ind. 8,21; cfr. v. 20!).
pi di Israele s’imbattono per caso in Mosè e Aron­ Rifiutandosi i servi di Saul di abbattere i sacerdoti di
Nob, li trafigge Doeg l’Edomita (par. mùt bif., 1
ne (Ex. 5,20). Inaspettato, anche se predetto da
Sam. 22,17 s-)- David fa trafiggere colui che osò uc­
Samuele, è l’incontro di Saul con una schiera di cidere Saul, l’unto del Signore (par. wajjakkèhù, 2
profeti a Gabaa (/ Sam. 10,5). Secondo l’etica del Sam. 1,15). Quando per consolidare il proprio tro­
libro del patto, chi trovi per caso il bue o l’asino no Salomone fa i conti con i nemici propri e di Da­
smarrito appartenente al suo nemico deve ridarlo vid, incarica Benaia di assestare il colpo mortale ad
all’avversario (Ex. 23,4). Adonia (/ Reg. 2,25), a Joab (/ Reg. 2,29.31.34 waj-
jifga'-bó waj'mitèbu) e a Simei (/ Reg. 2,46).
Difficile è il senso di pàga‘ in Is. 64,43 (il versetto
non solo è secondario, dato che non si adatta al la­ In senso Iato pàga' significa ‘uccidere qualcuno’
mento del popolo, ma è anche corrotto). Per K BL1 (con la spada o altrimenti).
il verbo significa «trovare, incontrare» (così anche i
LXX, truvavtTjaeTat e la Vg. occurristi). Analoga­ Quando Sansone prega gli uomini di Giuda che
mente traduce C. Westermann (ATD 191, 310): «Oh, lo legano e vogliono consegnarlo ai Filistei di non
possa tu incontrare coloro che fanno ciò che è giu­ «abbatterlo» essi stessi (Vg. occidatis; Einheitsùber-
sto», intendendo queste parole, aggiunte in un secon­ setzung: «di non avventarsi essi stessi su di lui»),
do tempo, quale espressione del pio desiderio che questi promettono di non «ucciderlo» (mùt hif., Iud.
quando squarcerà i cieli e ne scenderà (63,19) Dio 15,12). Il medesimo senso ha il verbo in Iud. 18,25,
49 (vi.jos) paga' (P. Maiberger) ( v i,506 ) 50

dove Mica e il suo seguito vengono messi in guardia Il cap. 47 è l’unica composizione nel Deuteroisaia
dall’attaccare (LXX: àTravxrjawacv; Vg. veniant ad; che appartenga al genere letterario degli oracoli con­
EinbeitsUbersetzung: «avventarsi su») i Daniti, irri­ tro i popoli. L’oracolo in questione tratta della ca­
tati perché altrimenti ci avrebbero «rimesso la vita» duta di Babilonia. L ’unica cosa certa, dunque, è che
(àsaf nefes). secondo il v. 3b Jhwh si vendicherà sulla città. La
frase chc segue (w‘ ló’ ’efga‘ ’àdàm) dovrebbe quin­
2.1.b) Soltanto una volta Dio è soggetto d\ pa­ di precisare la vendetta o la sua portata. Seguendo la
ga . Gli Israeliti temono che Jhwh li uccida «con la Vg. (et non resistet mihi homo) e Simm. (xai oùx àv-
peste o la spada» (EinbeitsUbersetzung: «punisca»; TioTTpeTai (j:ot àv$p&mo<;) la BHS propone di legge­
LX X : impersonale, (/.rjTune auvavTrjaf) Y)(j.ìv $<x- re la 3* sing. impf. qal (jifga‘); KBL3 traduce: «e nes­
vaxoq r) tpóvo^) se non escono nel deserto per of­ suno potrà appellarsi (a me) implorando». La solu­
frirgli sacrifìci (Ex. 5,3). zione più convincente sembra però quella (suggerita
da H. Oort, Textus Hebraici emendationes, 1900) di
2.1.c)C on paga‘ si può anche esprimere un leggere un nif. ( eppàga‘), per la quale sembra pro­
comportamento ostile e vessatorio, con il quale si pendere anche K BL3: «non mi farò supplicare» =
cerca di ‘sistemare’ qualcuno e liberarsi di lui. «sarò irremovibile» (cfr. Ier. 27,18). In questo senso
traduce L. Kòhler (BZAW 37, 1923, 32): «‘mi vendi­
Così Naomi consiglia Rut (Ruth 2,22) di spigola­ cherò inflessibilmente’ - dice [leggendo ’àmar invece
re soltanto con le serve di Boaz affinché non «ti s’in­ di ’àdàm) il nostro redentore» (traduzione ripresa
contri» su altri campi (LXX ha solo «non ti si tro­ da C. Westermann, ATD 192, 151; simile B. Duhm,
vi», àTravTTjcrovTai croi, ma la Vg. ha resistant tibi), Das Buch Jesaja,51968, 35 5; G. Fohrer, Das Buch Je ­
cioè «non venga spinta, offesa» e in questo modo saja, ZBK, 1964, 104 e EinbeitsUbersetzung).
scacciata o allontanata dalla fonte di nutrimento
(GesB: «avventarsi su qualcuno per provocargli sof­ 3. Nella forma hif. si possono distinguere due
ferenza»; K BL3 «molestare una donna»). significati:
a) causativo: ‘far sì che qualcosa colpisca qual­
2.2. In senso positivo paga‘ significa ‘spingere’
cuno’ o ‘far capitare qualcosa a qualcuno’.
qualcuno o ‘colpirlo nelle costole’, ‘dargli una go­
mitata’ per richiamarne o stimolarne l’attenzione, Jhwh fa cadere sul (be) servo di Dio (Is. 53,6) la
come quando si chiede qualcosa con insistenza o punizione per la colpa (àwón) di Israele, così che
forza (a Dio o a un uomo, con be) oppure quan­ egli soffra vicariamente per il popolo.
do si assilla qualcuno con richieste (cfr. l’ ar. fa- b) h if trans, col senso del qal (cfr. Bergstràs­
ga'a ‘tormentare’). ser, Grammatik 11 §§ 19 s.): ‘implorare qualcuno
Ma gli empi trovano inutile servire Dio e tempe­ con insistenza (per qualcun altro)’, cioè interce­
starlo di richieste (lob 21,15). Quando la sentenza dere per qualcuno.
sul popolo ribelle è già passata in giudicato e la pu­
Questo secondo significato si trova nel medesimo
nizione ormai è inevitabile, non ha più alcun senso
canto (Is. 53,12) quando il servo di Dio intercede per
che Geremia (7,16) implori e insista con Dio così
(le) i colpevoli. F. Delitzsch, Jesaja, }i879 = *1984,
tanto. Geremia sfida i falsi profeti (27,18) a provare
558 parla qui di una forma intensiva del qal: «suppli­
la verità dei loro oracoli convincendo con le loro as­care e ancora supplicare», moltiplicare le suppliche.
sillanti e insistenti preghiere Dio a impedire che sia­
Geremia (15,11) aveva interceduto per il nemico
no portati via a Babilonia gli arredi e le suppellettili
presso (be) Jhwh. Rientra in questa categoria (con­
del tempio, rimaste a Gerusalemme anche dopo la
tro KBL3 che fa distinzione tra «2. intercedere per
catastrofe del 597 a.C.
qualcuno» e «3. fare pressioni [supplicando]») anche
Abramo chiede agli abitanti di Hebron di spinge­
Ier. 36,25 dove Elnatan, Delaia e Gemaria pregano
re Efron a vendergli la grotta di Macpela per potervi
insistentemente il re Jojaqim (EinbeitsUbersetzung'.
seppellire Sara (Gen. 23,8). Rut (1,16) non vuole che
«tempestano di preghiere») di non bruciare il roto­
Naomi insista per spingerla a restare a Moab.
lo. In base al contesto il ptc. mafgià‘ in Is. 59,16 si­
2. Secondo il T.M. il nif. non è attestato, ma do­ gnifica intercedere, intervenire a difesa più con i fat­
ti che con le parole (così Delitzsch 605: «interposi­
vrebbe ricorrere solo una volta in Is. 47,3b, dove tore»).
il qal masoretico (’efga‘) viene vocalizzato da al­
cuni come n if (’eppàga‘). Altri leggono con la Vg. Per il participio in lob 36,32 cfr. mifgà‘ (v.
la 3a sing. impf. qal o suggeriscono una diversa sotto, vi.2).
radice verbale (pr‘). Essendo inoltre controverso
anche ’àdàm, in ultima analisi è possibile giudica­ v. I L X X traducono paga‘ al qal per lo più (ma
re le molte congetture e traduzioni proposte solo talora inesattamente o erroneamente) con àiz-av-
in base al contesto. Tctto (14 volte) e cr'jv-avTaaj (8 volte). Traducono
5 1 (vi,J 07 ) paga ‘ (P. Maiberger) ( V i , 507) 52

in maniera più differenziata soltanto in 1 Reg. 2, Probabilmente questo verbo è anche una compo­
dove usano (4 volte) àv-oupéto (insieme con 6 nente del NP teoforopg'qws (così Albright, BASOR
volte à7t-avTaa>! Cfr. ad es. 1 Reg. 2,31 con il v. 82 [1941] 13; lezione incerta), attestato 2 volte (nrr.
5 e 9) su un ostracon di Ezion-Geber (nr. 6043
34) per l’accezione «abbattere (con la spada)»
datato paleograficamente al vi sec. a.C.) e che W.F.
(2.1.a) e in Ios. 17 e 19, dove impiegano coerente­ Albright (ibid.) interpreta come «Supplica Qaus»,
mente (7 volte) < tu v -< Ì 7i t c o (tuttavia una volta ep- «Qaus è la mia preghiera» o «Qaus è supplicato».
'/p|j.ai in Ios. 16,7) per il significato «confinare» Nella forma breve pg' il nome compare probabil­
(i.i.a.[ 3). Inoltre i L X X usano una volta mente sull’ostracon nr. 1 (1. 4) di Samaria e in quat­
(Am. 5,19) e anche (Gen. 23,8) e TrpocjÉp'Xp- tro iscrizioni thamudene di età persiana (cfr. RNP I
[Aat (Ier. 7,16) (insieme con 3 volte à--avTaa>!) per I 77: f&gi' «tremendo»). Dal nome biblico pag'ì'él
‘supplicare insistentemente’ (2.2). M. Noth (IPN 254 nr. 1128) non è riuscito a evince­
re alcun significato illuminante. Una spiegazione del
vi.i. Il sost.pega' è il ‘colpo’ in genere o il ‘col­ nome che si basa sull’ar. fàgi\ «El è tremendo», è
po di punta’ assestato con un’arma. Il senso è sem­ considerata molto dubbia da K BL3 che pensa piut­
tosto a «colui che è stato richiesto a El». Secondo
pre negativo, ma a) il colpo può essere fortuito,
H. Schult (Vergleichende Studien zur alttestament-
cioè dovuto al destino, a un incidente o alla sfor­ licher Namenkunde, diss. Bonn 1967, 114), invece,
tuna; b) può essere invece intenzionale, assumere non è detto che tutti i nomi teofori debbano essere
la forma di un attacco ostile e letale (cfr. il m. ebr. necessariamente laudativi di Dio, ragion per cui egli
pega‘ «ciò che capita a qualcuno, evento, e propone, in analogia con Yar.faga'a «precipitare nel
p ig 'd ’ «attacco, piaga» [secondo Levy 7]). dolore e negli affanni», il significato Deus ‘afflixit
dolore'.
a) Così secondo Eccl. 9,11 gli sforzi e le attese de­
gli uomini vengono spesso vanificati dai fattori ino­
pinati e imprevedibili del tempo e del pega', cioè il vili. A Qumran s’incontra una volta negli inni
colpo del destino (A. Lauha, BK xix, 1978,172, «sor­ la forma verbale (3* fem.) wtpg‘ (iQ H fr. 4,16: S.
te»; LXX: àroivTT}{j.a), che possono capitare chiun­ Holm-Nielsen, Hodayot [Acta Theologica Dani-
que o colpirlo per puro caso. ca 2], Aarhus 1960, 264: «e ciò colpì il tuo servo»)
b) Dopo aver sconfitto tutti gli avversari politici, e una (rQ H 4,5) la forma nominale non presente
Salomone non ebbe più bisogno di temere alcun nell’A.T. p w g w t (probabilmente in parallelo con
nemico (sdtdn) e alcun attacco ostile (pega' rd\ 1 negVim «piaghe» in 4,8; cfr. la forma nominale
Reg. 5,18).
con suffisso in aram. palestinese cristiano pgw 'tj,
2. Il derivato m ifgd\ costruito col preformati­ res adversae [F. Schulthess, Lexicon Syropalaesti-
vo (locale) m, indica il luogo o la zona colpita dal­ num, 1903, 154] per maggefótaj «le mie piaghe»,
le ferite o dai colpi dolorosi e letali. Ex. 9,14).
Il Giobbe provato dalla sofferenza domanda (7,2o) In 4Q504 1-2, iv 13 (= 4QDibHama 1-2, iv 13)
perché mai sia divenuto bersaglio (LXX: xot'revTeu- si riprende la locuzione ’èn sdtdn w e,èn pega‘ rd‘
xTYj) di Dio. Forse qui si ha la stessa metafora di 16, (v. sopra, vi.i.b), «nemico» e «attacco ostile»,
12 (cfr. anche Lam. 3,12), dove Giobbe si sente il ber­ contrapponendola a «pace e benedizione» (slwm
saglio (mattdrà) delle frecce dell’ira di Dio (cfr. 6,4; wbrkk).
Ps. 38,3). Alcuni suggeriscono il medesimo significa­
to anche nel versetto testualmente difficile di lob 36, Evidentemente si facevano risalire difetti psi­
32, dove correggono il ptc. hif. mafgid‘ in mifgd‘. chici e fisici all’opera di demoni, poiché in 4Q 510
Il passo significa probabilmente dire che Dio I,6 (= 4QShir:' 1,6) si parla degli «assalitori im­
prende in mano (leggendo niss'à invece di nissà, cfr. provvisi» o di «coloro che colpiscono all’improv­
G. Fohrer, KAT 16, 1963, 479) il fulmine (così 'ór viso» (ptc. attivo pw g'jm , cfr. il m. ebr. p eg à ‘imjn
anche in 37,3.15) ordinandogli (si legga ‘dldjw inve­ o p egó‘in «demoni aggressivi, spiriti tormentato­
ce di ‘dlèhd) di colpire il suo «bersaglio» (cfr. Sap. ri» [J. Levy, WTM iv 7]; Tg. Esth. 11 a 1,2 men­
5,21; Bar. 6,62). L ’idea che Jhwh scagli saette contro ziona oltre ai demoni [sdjm] anche i pg'jm [St.-
i suoi nemici non è attestata altrove nell’A.T. e non
Bill. i v / i 501 «gli aggressori»]); cfr. anche le for­
dovrebbe essere presente neanche qui, a causa del si­
gnificato causativo della forma hif. (‘far colpire, cen­ me verbali jp g w in 4Q 511 10,2 s.: «Per confon­
trare’). dere lo spirito della conoscenza, per devastare il
loro cuore...». Secondo n Q P sa 27,10 David ave­
vii. La radice p g 1 è presente anche nel nome va composto quattro inni (sjr) «da cantare sopra i
teoforo pag'Vèl (LX X <&aYanr)X). Si chiama così ‘colpiti’ » (ptc. pass, pgw 'jm ; cfr. anche il fram­
il capo (ndsV) della tribù di Asher in Num. 1,13 ; mentario w pgw l[ ], 1 iQ Psa 4,2 che probabilmen­
2,27; 7,72.77; 10,26. te viene dalla stessa forma e ha il medesimo signi­
53 ( V M ° 8) pagar (P. Maiberger) ( v i , 509) 54

ficato; inoltre hpgw'jm in 4 Q 511 11,8), cioè su Il significato base di pàgar potrebbe forse esse­
coloro che sono posseduti o danneggiati da spiriti re chiarito dall’arabo, dove fagara significa ‘spac­
malvagi (cfr. il m. ebr. paga‘ nif. «essere afflitti da care’ (Lane 2340); ne deriva ad es. fagr, la ‘bréc­
demoni o spiriti importuni» [Levy]; K. Seybold, cia’ della luce = ‘alba’, oppure ‘aurora, spuntar del
Die Psalmen, Urban TB 382, 1986, 38. 201 n. 3 giorno’; cfr. anche il sudarab. fg r ‘far scorrere
ritiene che si tratti di inni per «strumenti a l’acqua liberamente’ (Biella 400). Nel valore in­
‘percussione’ e a corda»). Perciò nella tradizione transitivo con fagara si denota una ‘rottura del­
rabbinica (Sbebu. 1 5b; Tg. J. ‘Er. io,2éc; Tg. J. l’argine’ in senso morale, ‘agire immoralmente,
Shabb. 6,8b) il Ps. 91, probabilmente già usato a peccare, vivere in modo dissoluto’ (Wehr, Arab.
Qumran a fini apotropaici per allontanare i de­ Wb. 623). Entrambi gli aspetti sono attcstati an­
moni (cfr. J.P.M. van der Ploeg, Un petit rouleau che per l’aramaico giudaico e il medio ebraico.
de psaumes apocryphes [ n Q P sA p a], in Tradition In senso transitivo p egar vale ‘distruggere, de­
und Glaube [Fs. K.G. Kuhn], ed. G. Jeremias, molire’ (WTM iv 7 s.) (cfr. pa/igrà’ ‘danno, per­
1971, [128-139] 128 s.), era noto come sjrslpg'jm / dita’, che non ha niente a che vedere etimologica­
pgw jn. p Maiberger mente con pa/igrà’ ‘cadavere’). In considerazione
del significato base ‘spaccare, rompere’, con l’in­
transitivo si designa in origine il crollo fisico, ma
anche quello mentale e morale. In quest’ultimo
senso va probabilmente inteso l’aram. giudaicop e-
pagar gar ‘essere inoperoso, oziare’ (WTM iv 8); cfr. sir.
b egar ‘essere debole, fiacco, decrepito, esaurito’ .

"133peger La forma tpgr (3* fem. sing. impf. pa. ?) attestata a


Deir ‘Alla in un contesto frammentario (combina­
zione v, fr. c:y), secondo ATDA 307 (cfr. 175 e 256
I.pagar.- 1. Significato basecuso in semitico.-a) Tran­ s.) potrebbe significare «essere debole, pallido (?)».
sitivo. - b) Intransitivo. - 2. Uso nell’A.T. - 3. peger in
Gen. 15,11: ‘ciò che è diviso’ o ‘parte, pezzo’? - 11. peger. 2. Questo è anche il significato del verbo ebrai­
- 1. Uso in semitico. - a) Corpo vivo e morto. - b) Solo co pàgar, attestato 2 volte, solo al pi. (/ Sam. 30,
corpo morto. - 2. Uso nell’A.T. - a) Connotazione peg­ 10.21). Mentre David inseguiva gli Amaleciti, 200
giorativa. - b) Nel contesto di guerra e violenza. - c) La uomini rimasero indietro presso il torrente Besor
punizione divina. - 3. Qumran. - 4 . 1 LXX. - ni. peger perché erano troppo «indeboliti» o «sfiniti» (pig-
in Ezech. 43,7.9. - 1. Cadavere. - 2. Stele. - 3. Sacrificio.
gerù, intrans., cfr. Jenni, Das bebr. P i‘el 52.54) per
Bibl.: M. Dietrich - O. Loretz - J. Sanmartin, PGR im continuare a inseguire il nemico.
Ugaritischen: UF - R. Dussaud, Deux
5 ( 1 9 7 3 ) 2 8 9 - 2 9 1 . 3. Dal trans, ‘spaccare, rompere’ deriva proba­
stèles de Ras Shamra portant urte dédicace au dieu Da- bilmente il sost. peger di Gen. 15 ,11, che andreb­
gon: Syr 1 6 - J.H. Ebach, PGR = (To-
( 1 9 3 5 ) 1 7 7 - 1 8 0 .
be allora interpretato come «lo spaccato» o «una
ten-)Opfer? Ein Vorschlag zum Verstandnis von Ezech. parte, un pezzo».
43,7.9: ÙF 3 - K. Galling, Erwàgungen
( 1 9 7 1 ) 3 6 5 - 3 6 8 .

zum Stelenheiligtum von Hazor: ZDPV A favore di questa lettura ci sarebbero il contesto
7 5 ( 1 9 5 9 ) 1 ­

1 3 . - D. Neiman, PGR: A Canaanite Cult-Object in thèe il fatto che peger di solito è usato esclusivamente
O.T.: JBL 6 7 - J. Obermann, Votive In-
( 1 9 4 8 ) 5 5 - 6 0 . per i cadaveri umani (contro KBL3 861: «b) di be­
scriptionsfrom Ras Shamra:]KOS 61 spec. stie, Gen. 15,11»). Abramo «taglia a pezzi» o «divi­
( 1 9 4 1 ) 3 1 - 4 5 ,

3 8 - 4 0 . de» (wajebattér) gli animali del sacrificio e pone le


parti (beter) le une di fronte alle altre. Quando poi
1 . 1 . 1 lessemi pàgar ‘essere stanco, fiacco, flo­ si dice che uccelli rapaci sarebbero piombati sui p r-
scio’ e peger ‘cadavere’ probabilmente non sono gàrim, con questo termine si dovrebbe richiamare
in relazione tra di loro per quel che riguarda l’eti­ l’attenzione, considerando il rito particolare (cfr. Ier.
mologia (contro GesB e K B L 3, che considerano 34,18), piuttosto sul termine «parti, pezzi» {peger
peger un derivato da pàgar). . sarebbe allora sinonimo di beter e probabilmente per
questa ragione i LXX aggiungono a chiarimento di
J. Obermann n. definì l’ebr. pàgar come
( 3 9 xà ao)(JLaxa le parole xà 8ixoxo|ATj[jLaxa aùxcòv. La
1 4 )

denominale dal semiticopgr «materia inanimata, im­ Einheitsubersetzung legge: «pezzi di carne») che sul­
mobile; massa rigida, priva di vita», che poi sarebbe l’aspetto del «cadavere», assolutamente irrilevante
diventato in ebraico, aramaico e accadico ‘corpo’ e in tale contesto (ma Vg. cadaveraì).
in ugaritico «pietra, cumulo di pietre, altare», con­
cludendo quindi che il pi. significasse «essere pietri­ 11.1. Il nome isolato peger ‘corpo’ si incontra
ficato». nel semitico nordorientale e nordoccidentale, ma
55 (vi,5io) pagar (P. Maiberger) (vi,5 i i ) 56

non è documentato nel semitico sudoccidentale che vengono semplicemente «gettati lì» senza sepol­
(arabo, etiopico). tura (Am. 8,3; Is. 34,3; cfr. Is. 14,19; Ier. 36,30), così
a) In accadico (cfr. A H w 809) pagru(m) desi­ che il loro fetore si diffonde e sale (Is. 34,3); oppure
di cadaveri che, invece di sistemare in una fossa, si
gna il ‘corpo, fisico’, quello vivo (ma solo quello
getta frettolosamente in una cisterna (Ier. 41,9); di
umano: in antico babilonese pagru funge anche salme date in pasto agli uccelli e alle fiere (/ Sam. 17,
da pronome riflessivo ‘sé’) e quello morto (in que­ 46); che giacciono insepolte sparse per ogni dove
sto caso dell’uomo, ‘cadavere, salma’, e anche del­ (Nah. 3,3) e vengono «calpestati» (peger mùbàs, Is.
l’animale, ‘carcassa, carogna’). L ’ambito d’uso più 14,19; l’immagine suggerita da H. Wildberger, BK
ampio del lessema si ha in siriaco (cfr. R. Payne x/2> 533 in questo versetto palesemente corrotto,
Smith, Thesaurus Syriacus, 3033 s.), dove si ri­ quella della «carogna calpestata», probabilmente non
scontra inoltre tutta una serie di derivati (ad es. è pertinente a causa dei cadaveri di animali) e la cui
etpaggar, incarnatus est). Così nell’A.T. S usapag- visione è ripugnante (Is. 66,24).
rà ’ prevalentemente nel senso di cadavere umano peger ricorre prevalentemente nel contesto del­
(g'wijjà, 1 Sam. 31,12) e di carogna animale (nebe­
la guerra, dove tuttavia la morte violenta rappre­
la, Lev. 7,24; 11,8.11.24.25.27). In mandaico, data senta per lo più la punizione divina.
la svalutazione del corpo conseguente alle conce­
b) 1 Sam. 17,46 parla di caduti in guerra (peger
zioni dualistiche dei mandei (corpo carcere del­
collettivo, cadaveri dei Filistei), come 2 Chron.
l’anima), pagra è usato per lo più nel senso di ciò
20,24 (cadaveri degli Ammoniti, dei Moabiti e
che è materiale e mortale (cfr. MdD 3 59).
degli abitanti della regione montuosa di Seir; per
b) Per contro in aramaico antico, aramaico di
BHS il p'gàrim del seguente v. 25 va letto proba­
impero e palmireno pgr è usato solo per il corpo
bilmente b'gàdìm : Vg. vestes; L X X crxùXa). Ier.
morto (cfr. DISO 225). In due testi di trattati
41,9 parla di uomini assassinati subdolamente.
internazionali di Sefire ricorre 2 volte (KAI 222
B 30; 223 B 11), nel contesto di un evento bellico, La «valle dei cadaveri» ('émeq happ'gàrim) citata
la locuzione stereotipata pgr... 'Ip g r «cadavere su nella descrizione secondaria dei confini di Gerusa­
cadavere» (contesto lacunoso). Anche in aram. lemme in Ier. 31,40, che in base alle indicazioni to­
giudaico (cfr. WTM ìv 8) pa/igrd’ significa sol­ pografiche va ricercata a ovest o a sud della città e
tanto ‘cadavere’ . Lo stesso vale per l’ebraico e m. dovrebbe essere la valle di Ben-Hinnom (secondo
A. Weiser, ATD 20-2i fi, 200 happ'gàrim w'hadde-
ebr. peger. Probabilmente si deve tener conto di
sen è probabilmente una glossa tarda a hà‘émeq\ l’in­
una variazione semantica simile a quella che si ha tero stico manca nei LXX) deve probabilmente il
in tedesco tra Leiche (cadavere) e Leichnam (sal­ nome ai cadaveri di bambini arsi (cfr. Is. 30,33) al
ma, spoglia), che in origine denotavano il ‘corpo’ tofet per il sacrificio (a) Molok (ler. 7,31; 19,5; 32,
vivo (cfr. Fronleichnam, Corpus Domini). 35; cfr. anche l’interpretazione proposta da Ebach, v.
2. Per dire «corpo» l’ebraico usa g'w ijjà (-> sotto, in.3). Secondo Ier. 7,32 (cfr. 19,6.11) sarà per­
gwjh), un termine tuttavia con il quale (come in ciò chiamata in futuro «valle dell’omicidio» (gè' ha-
accadico pagru) si indica soltanto il corpo vivo di hdrégà) e i morti saranno sepolti nel tofet.
uomini (Gen. 47,18; Nehem. 9,37) e di creature
c) In tutti gli altri passi peger compare a pro­
celesti (Ezech. 1,11.2 3 ; Dan. 10,6), ma il corpo
posito del castigo divino. A causa delle loro con­
morto sia di uomini (/ Sam. 3 1,10 .12; cfr. gufa
tinue mormorazioni durante la peregrinazione
par. 1 Chron. 10,12) sia di animali (cfr. Iud. 14,8
nel deserto, per punizione agli Israeliti non sarà
s.; qui anche mappelet per i cadaveri animali). Per
concesso mettere piede sul suolo della terra pro­
contro n'bèlà (-» nblh) indica soltanto il cadavere
messa, ma i loro cadaveri «cadranno» (jipp'lù ha
di uomo e animale.
qui una connotazione negativa [nàfal, -> npl ili.
a) Al contrario peger si riferisce sempre e sol­
6]) nel deserto (Num. 14,29.32). Anche la viola­
tanto alla salma di una persona; in tutti i passi (18)
zione del patto e la colpa derivante dal peccato
si tratta sempre di morte violenta, così che in
sono punite con la morte. Così nella maledizione
ebraico a peger è inerente una connotazione ne­
(secondaria, K. Elliger, HAT 1/4, 377) di Lev. 26,
gativa peggiorativa.
30 Jhwh minaccia gli idolatri di distruggere i loro
peger (come collettivo) o p'gàrim si trovano dun­ alti luoghi con gli altari dei profumi e di ammuc­
que spesso in parallelo con «uccisi» (hdrugim, Is. chiare i loro cadaveri sui «cadaveri dei loro idoli»
14,19) e «trafitti» (halàtìm, Is. 34,3; Ier. 41,9; Ezech. (pigre gillulékem).
6,5; Nah. 3,3), o collegati col verbo «colpire, uccide­
re» (nkh hif : 2 Reg. 19,35 = Is: 37>36; Ier- 33>55 4 i>9): Dato che peger significa anche ‘stele commemora­
Si tratta perciò di cadaveri sfigurati e disonorati tiva’ (v. sotto, ili.2; Obermann 39 n. 14 traduce pig-
57 (v i,5 ^ ) pagar (P. Maiberger) (vi,5 13) f8
rè gillùfèkem «sui mucchi di pietre dei vostri idoli»; no «una visione ripugnante (dèrà’òn, cfr. Dan. 12,
Galling 11: «... sacrificherò le vostre stele sulle stele 2) per ogni carne».
dei vostri idoli»; W. Kornfeld, Levitikus, NEB, 107 3. Negli scritti di Qumran peger ricorre 4 volte
vede in quest’espressione «le statue e le immagini
in maniera del tutto analoga. Secondo ìQ M 11 ,1
frantumate») il testo potrebbe volutamente giocare,
come suggerisce M. Noth (ATD 62, 175), con l’am­ nella battaglia escatologica i cadaveri dei nemici
biguità del termine. Tuttavia sembra più naturale che verranno «maciullati» (rùttesu) dalla mano di Dio
si tratti di un uso metaforico di peger, in quanto an­ e giaceranno insepolti (cfr. anche 4QMa 14-15,9)
che in Ier. 16,18 si parla, riferendosi alle immagini così che i figli della luce laveranno le loro vesti dal
degli idoli, dei «cadaveri» (così Elliger, HAT 1/4, ad sangue dei «cadaveri della colpa» (pigrè h a’asma,
/.; Einheitsubersetzung) o persino della «‘carogna’ (-* ìQ M 14,3; cfr. anche 4QpNah 2,6 a commento
voi. v 539) delle vostre abominazioni» (niblat siqqù- di Nah. 3,3, con riferimento ad Am. 8,3).
sèhem) e nei testi polemici tali immagini vengono 4. 1 L X X traducono peger o p egàrim senza
spesso irrise chiamandole opere «morte» (cfr. Ps.
115,4-8; 135,15-18; Deut. 4,28; Is. 44,9-20;Dan. 14,7; uniformità. La traduzione più frequente è xà xà)-
Bar. 6,7-72: v. 70: «Gli dei sono simili a un morto [ve- Xa (Lev. 26,30 [bis]; Num. 14,29.32.33; Is. 66,24;
xpo>]»; Sap. 15,5: «Simulacri senza vita di un’imma­ 1 Sam. 17,46 collettivo: xò x£»Xa), ma si ha spesso
gine morta» [vexpóc<; eìxóvo? eZSck; o c t iv o u v ] ) . Anche anche vexpoi (Is. 34,3; Ier. 33,5; 2 Chron. 20,24;
in Ezech. 6,5 Jhwh minaccia di stendere ai piedi dei Is. 14,19 il sing.). In 2 casi si ha xà atópiaxa (2 Reg.
loro idoli (gillulèhem) i cadaveri degli idolatri (si 19,35 = Is. }7,}6; anche in Gen. 15 ,11) e una volta
tratta probabilmente di un'aggiunta da collegare con ciascuno 7ce7tTti)X(ó<; (Am. 8,3) e tc tó x tk ; (Nah. 3,3).
Lev. 26,30 e di un raddoppiamento del precedente In 2 Chron. 20,25 i L X X leggono axOXa (cong.!),
v. 4b; si noti che manca nei LXX).
mentre non hanno i passi di Is. 31,40; 41,9 ed
Ezech. 6,5.
Nella sua ira e nel suo furore a causa dei pec­
cati di Gerusalemme, durante l’assedio della città in. Controverso è il significato di peger in quel
da parte dei Caldei Jhwh aveva massacrato i suoi passo della visione del tempio di Ezechiele che
abitanti, così che le case si erano riempite di cada­ descrive la gloria del Signore che riempie il nuo­
veri (Ier. 33,5). Anche l’oracolo di Jhwh annesso vo tempio e si intima agli Israeliti di non conta­
alla quarta visione di Amos descrive crudamente minare più questa sacra dimora di Jhwh «con la
la drastica punizione divina, con i cadaveri che ri­ loro fornicazione» (bizenùtàm) e «con i pigrè dei
empiono ogni luogo e vengono gettati dappertut­ loro re bàmótàm» (Ezech. 43,7). Discusso non è
to (Am. 8,3). soltanto il significato di p egàrim in sé, ma anche
Anche negli oracoli contro le nazioni peger se­ quello di bàmótàm, un termine semanticamente
gnala uno sterminio tremendo. Così nella pauro­ prossimo sintatticamente difficile.
sa punizione di Edom i cadaveri vengono gettati
Poiché con z*nùtàm si riprende ancora una volta
all’aperto, dove il loro fetore sale al cielo (Is. 34,
al v. 9 il nesso genitivale ùfigrè malkèhem come ter­
3) e quando Ninive cade la «massa dei cadaveri» mine parallelo evidentemente equivalente, ma man­
(kòbedpàger) è talmente grande che ci s’inciampa ca tuttavia l’aggiunta bàmótàm, pare che questa sia
sopra (Nah. 3,3). Nella canzone satirica sul re di un’informazione ridondante o presupposta in base
Babilonia la fine ignominiosa e disperata del tiran­ al v. 7 (W. Zimmerli, BK xm/2, 1072 prende in con­
no è messa in evidenza dallo scempio del suo ca­ siderazione addirittura l’idea di espungere bmwtm
davere che giace senza sepoltura, sepolto sotto un in quanto dittografia del seguente bttm).
cumulo di altri cadaveri di caduti, con essi indif­ I LXX hanno parafrasato peger con xaì èv iole,
ferentemente calpestato (Is. 14,19). Anche l’inat­ <povoi$ «con gli omicidi» (tfòv T]Y0U{J1'^ <|)V), ragion
er cui G. Fohrer (HAT 1/13, 243) congettura ube-
teso, quasi miracoloso sterminio (per una pesti­
argàm al posto di ùfigrè, e hanno letto betókàm (tv
lenza?) dell’armata assira venne interpretato come p-éo-co aÙTtòv) invece di bàmótàm (per Fohrer, che
punizione divina della superbia di Sennacherib: traduce «con le loro prostituzioni ‘e il loro uccidere’
l’angelo del Signore uccise 185 000 uomini e la gen­ ‘in mezzo a loro’», la «fornicazione» sono i peccati
te trovò i nemici come «cadaveri morti» (p'gàrim legati al culto e gli «omicidi» i peccati etici). La Vg.
mètim: tautologia con funzione di superlativo; 2 interpreta peger facendolo derivare, poco sensata­
Reg. 19,35 = I 5- 37,36). Ha un effetto particolar­ mente, dall’aram. p ‘gar ‘distruggere, demolire’ (cfr.
mente grandioso e incisivo la visione escatologica sopra, i.i.a): et in ‘ruinis' regum suorum e risolve l’in-
dell’annientamento definitivo dei nemici di Dio, congruenza sintattica di bmwtm, che riconduce co­
me i masoreti a bàmà ‘alto luogo’, ricorrendo alla
aggiunta molto tardi alla fine del Tritoisaia (Is. 66, congiunzione: 'et’ in excelsis.
24): i loro cadaveri giaceranno all’aperto e saran­
59 ( v i , j ì 3) padà (H. Cazelles) (vi, J 14) 60

1. La difficoltà di bàmótàm è data dall’incompati­ «il sacrificio dei morti»), J.H. Ebach (368) postula an­
bilità tra «(santuari degli) alti luoghi» e area del tem­ che per l’ug. pgr (motivo non ultimo l’ebraico peger
pio, mentre la congettura b'mòtàm «quando sono ‘cadavere’) il significato di «sacrificio funebre» (M.
morti» è un’inutile tautologia di p'gàrìm ‘cadaveri’ Dietrich - O. Loretz - J. Sanmartfn considerano an-
(per questo A.B. Ehrlich, Randglossen zur hebr. Bi- ch’essipgr un [non meglio determinabile] sacrificio),
bel v, 1912,148 propose di cancellare il termine con­ che a causa del termine parallelo zenut (nel senso di
siderandolo una glossa). La traduzione tradizionale impurità cultuale) andrebbe preso in considerazione
«con i ‘cadaveri’ dei loro re» ha condotto a supporre per Ezech. 43,7.9 (probabilmente anche per Ier. 31,
che il tempio sarebbe stato sconsacrato dalle tombe 40 e, forse, per Gen. 15,11), tanto più che a questo
di alcuni re poste nelle sue immediate vicinanze (si è termine era connesso l’odio verso il sincretismo per­
pensato, più specificamente, alle tombe di Manasse ché con esso s’indicava un sacrificio offerto in origi­
[2 Reg. 21,18 = 2 Chron. 33,20] e di Amon [2 Reg. ne a un dio non israelitico.
21,26]), un’ipotesi che non gode di alcuna conferma, P. Maiberger
né letteraria né archeologica.
Dato che in Ezech. 43,7.9 il significato di ‘cadave­
re’ per peger non ha senso, sembra che si tratti di un
termine secondario o di un omonimo, al cui signifi­ n if i) p a d à
cato sconosciuto si è cercato di arrivare con l’ausilio
dell’ugaritico e dell’accadico.
2. Neiman ha ricavato per il pgr attestato a Ugarit r\r\ $ p 'd u t, |ìn b p id jó n
su due iscrizioni su stele commemorative apparte­
nute al tempio di Dagon (R. Dussaud: «sacrificio»; 1. La radice nelle lingue semitiche. - li. L’A.T. - 1. Te­
J. Obermann: «altare, altare di pietra») il significato sti predeuteronomici: Isaia, Osea, Michea. - 2. Testi
di «stele», cui giunse comparando tre iscrizioni vo­ deuteronomici. - 3. Testi esilici. - 4. Testi postesilici. -
tive protofenicie analoghe (KAI 1; 4; 6; UT nr. in. Protogiudaismo, LXX e Qumran.
2005: «monumento, stele»). Così Neiman (59) tradu­
ce quindi Ezech. 43,7: «Con le stele dei loro re (scon­ Bibl.: M.A. Anat, Determinism and Redemplion (ebr,):
sacrarono) i loro alti luoghi», inserendo nell’inven­ BMiqr 23 (1978) 425-429. - C. Barth, Die Erretlung
tario cultuale della bdmd queste pietre commemora­ vnm Tode in den individuellen Klage- und Danklie-
tive dedicate agli dei. dem des A.T., Zollikon 1947, 133-137. - E. Beaucamp,
W.F. Albright (VTS 4,1957, 247 s.) vorrebbe leg­ Aux origines du mot «rédemption». Le «rachat» dans
gere b'bàmótàm, intendendo con questo termine l’A.T.: Lavai Théologique et Philosophiquc 34 (1978)
«una particolare struttura funeraria distinta dalle 49-56. - Id., Alle origini della parola «redenzione». Il
tombe reali vere e proprie» nella quale sarebbero sta­ «riscatto» nell’A.T.: BibOr 21 (1979) j- n . - J.L. Cun-
te erette le stele commemorative elei re. Secondo Gal- chillos, Rachat, 1. A.T. (DBS 9, 1045-1054). - G.I.
ling (ZDPV 75 [1959] 12) si tratta di stele comme­ Davies, The Hebrew Text of Exodus V I I I 19 (Evv. 2j)
morative erette «entro le mie mura» (invece di bà­ an Emendation: VT 24 (1974) 489-492. - R. Duval,
mótàm propone di leggere b'hómòtaj [cfr. Is. 56,5], Exode et altérité: RSPhTh 59 (1975) 217-241. - F. Gar-
una correzione che si adatterebbe meglio al seguito ci'a Lopez, «Un peuple consacrò». Analyse critique de
del testo) per il culto degli antenati di re morti (pa­ Deutéronome VII: VT 32 (1982) 438-463, spec. 445­
ragonabili a quelle del sacrario delle stele di Hazor). 455. - H. Goeke, Das Menschenbild der individuellen
Attorno a queste stele perdurerebbe un alone fune­ Klagelieder, diss. Bonn 1971, 172 ss. - H. Gross, Selbst-
bre, che sarebbe il vero oggetto della critica espressa oder Fremderlósung. Uberlegungen zu Psalm 49,8-10
nel testo (Zimmerli, BK xm/2, 1070: «mediante le (Fs.J. Ziegler 11, FzB 2, 1972,65-70).-F.K . Heinemann,
stele commemorative dei loro re ‘alla loro morte’»). Erlbsung im A.T.: Theologie der Gegenwart 25 (1982)
Etimologicamente peger potrebbe quindi signifi­ 42-5 5. -B . Janowski, Siihne als Heilsgeschehen. Studien
care ‘stele funebre commemorativa’, ritenendolo un zur Suhnetheologie der Priesterschrift und zur Wurzel
derivato secondario da peger ‘salma’ (così Neiman KPR im Alten Orient und im A.T. (WMANT 55, 1982).
60). Questa derivazione riguarda anche la terza tra­ - Id., Auslòsung des verwirkten Lebens. Zur Geschich-
duzione proposta, ‘sacrificio per i defunti’. te und Struktur der biblischen Lòsegeldvorstellung:
3. In accadico (cfr. AHw 8093) pagrà'um, pag- ZThK 79(1982) 25-59. ~ A. Jepsen, Die Begriffe des Er-
rùm significa «un sacrificio cruento per Dagan?», che lósens im A.T. (Fs. R. Herrmann, 1958, 153-162). -
a Mari compare come be-el pa-ug-re-e (KBLJ: «si­ H.W. Jungling, Ich mache dich zu einer ehemen Mau-
gnore del sacrificio pagrè»\ ARM x, 63,15 invece: «il er: Bibl 54 (1973) 1-24. - H.-J. Kraus, Erlbsung, 11. Im
signore dei morti»). WUS nr. 2189 propone per l’ug. A.T. (RGGJ 11 586-588). - M.R. Lehmann, Identifica­
pgr (secondo Yzr.fagr) «1. Luce mattutina» e analo­ tion of thè Copper Scroll Based on its Technical Terms:
gamente «2. Sacrificio mattutino?». Dato che nei te­ RQu 5 (1964/65) 97-105. - L. de Lorenzi, Gesù Àutpeu-
sti di Mari pagrà’um indica un particolare tipo di tt£: RivBiblIt 8 (i960) 10-41, spec. 15 s. - A.A. Mac­
sacrificio (nel suo glossario [ARM xv 238] A. Finet intosh, Exodus VIII 19, Distinct Redemption and thè
suggerisce per il lessema al sing. «il morto» e al pi. Hebrew Roots pdh and pdd: VT 21 (1971) 548-555. - J.
61 ( v i . j i j ) padà (H. Cazelles) ( v i ,516) 62

Mejfa, La liberación, aspectos biblicos: evaluación criti­ (■* S'I) (Lev. 27,27; Is. 35,9 s.; 51,10 s.; Ier. 3 1,1 1;
ca: Teologia [Buenos Aires] 10 (1972/73) 25-61. - W.F. Hos. 13,14; Ps. 69,19), alcune volte con nsl (-» nsl)
Meyer, Semantic Significance of Padah in 0 . 7 ! Heb- (Is. 50,2) che è presente anche in Ier. 1,19 (cfr.
rew, diss. Wisconsin 1974. - J. Nuiies Carreira, O exo- H.-W. Jungling, Bibl 54 [1973] 8 che confronta
do e a linguagea de libertagao: Didaskalia 7 (1977) 239­
258. - J. Pircnne, RShW, RShWT, FDy, FDyTand thè Ier. 1,19 e 15,21). Per altri rapporti semantici -»
Priesthood in Ancient South Arabia (Proceedings of bkwr (bekór) (-> voi. I 1308 s.), -» j f (jàsà’ ) (->
thè Seminar for Arabian Studies 6, 1976, 137-143). - O. voi. hi 939. 950. 954), j s ‘ (-» voi. iv 102 s. 117)
Procksch, Xuoj xtX. Il gruppo lessicale nell'A. T. (GLNT e soprattutto -» kpr (kipper) (-> voi. iv 508-526,
vi 683-904). - A. Schenker, kòper et expiation: Bibl 63 cfr. Ex. 21,30).
(1982) 32-46. —J.J. Stamm, Erlòsen und Vergeben im
A.T., Bern 1940, 7-30. - Id., Das Leiden des Unschuldi- 11. Il significato originario è certamente di na­
gen in Babylon und Israel (AThANT io, 1946, 68 s.). - tura giuridica, come si può rilevare in sudarabico
Id., pdh, auslòsen, befreien (THAT 11 389-406). - C.
e ugaritico. K TU 3.4 contiene il contratto libera­
Stuhlmiiller, Creative Redemption in Deuteroisaiah
(AnBibl 43, 1970). - R.J. Thompson, Penitence and torio da un’obbligazione (cfr. Yaron; per il signi­
Sacrifice in Early Israel Outside thè Levitical Law, ficato di fnt ‘obbligo, vincolo’ o ‘lavoro forzato’
Leiden 1963. - J. Untermann, The Relationship of Re- cfr. O. Loretz, U F 8 [1976] 449; M. Heltzer, Sem
pentance and Redemption in Jeremiah, diss. Berkeley 30 [1980] 6-12). I N P teofori con pdj fanno però
1983. supporre anche un altro significato (Stamm: «libe­
rare»). Come sempre accade nelle culture prebi­
1. La radice pdj (tert. infìrm.) è ben attestata in bliche, il significato è contemporaneamente pro­
accadico come padù/pedù ‘risparmiare, lasciar an­ fano e religioso, cioè cultuale.
dare’ (AHw 808), usato spesso per il re assiro la 1. Vanno considerati predeuteronomici i se­
padu «spietato, brutale» (Seux 210). In ugaritico guenti testi: Ex. 21,8.30; 34,20 (3 volte), molto
la radice compare solo sporadicamente (WUS nrr. probabilmente 1 Sam. 14,45; 2 Sam. 4,9; 1 Reg. 1,
2194-2198). Whitaker (Concordance 521) registra 29; Is. 29,22; Hos. 7,13; 13,14; Mich. 6,4; proba­
12 testimoni di pdj (+ 2 di pdjn) e si tratta soprat­ bilmente Ex. 8,19.
tutto di NP, molti dei quali sembrano hurriti. La I due testi appartenenti al libro del patto (Ex.
radice sembra sconosciuta in aramaico (tuttavia 21,8.30) contengono diritto consuetudinario. Il v.
cfr. F. Vattioni, Bibl 50 [1969] 365: nome israeli­ 8 riguarda il riscatto (hif.) a opera di terzi di una
tico nell’archivio di Murashu), mentre è ben do­ serva/concubina ('ama) che il padrone non desi­
cumentata in sudarabico col significato di ‘com­ dera sposare (cfr. H. Cazelles, Études sur le Code
prare, pagare, riscattare’ (BGM R 43; Biella 401) e de l ’Alliance, Paris 1946, 48; S.M. Paul, Studies in
anche in lingue semitiche più recenti: in arabo thè Book o f Covenant in thè Light o f Cuneiform
(per il sacrificio di fedu «per liberare l’uomo o il and Biblical Law: VTS 18, 1970,53 s.; J.J. Stamm,
bestiame da una distruzione imminente» cfr. A. TH AT 11 391). Il v. 30 parla del pagamento (pid­
Jaussen, Coutumes des arabes au pays de Moab, jòn) effettuato come prezzo di riscatto (kófer) per
Paris 1908, 361 s.), in etiopico (Lex. Ling. Aeth. la propria vita da un uomo che non ha preso le
1378-1380) e in punico (KAI 11 92. 114; PNPPI necessarie precauzioni circa un toro pericoloso di
97. 389). sua proprietà, così che l’animale ha provocato la
Nell’A.T. la radice registra 70 o 71 ricorrenze morte di una persona (Cazelles 57. 152; Paul 109,
(per p edut in Ex. 8,19 cfr. KBL* 863, Macintosh c cfr. 80-82; per i rapporti con le leggi di Eshunna
Davies), spesso ripetutamente nel medesimo ver­ [§§ 53 s.] cfr. J.J. Finkelstein, The Ox that Gored,
setto. Il verbo ricorre al qal (51 volte), al nif. (3 Philadelphia 1981, 14 s.; qui anche per i rapporti
volte) e nelle forme hif. (1 volta) e h of (1 volta). con CH . Sempre riguardo a C H cfr. V. Korosec,
L ’uso nominale è eccezionale, 2 0 3 volte nella for­ R ID A 8 [i960] 23; per i rapporti con la legge hit-
ma p edut, 4 volte in quellap edujim (Q pdjm), 1 co­ tita cfr. R. Haase, R ID A 14, 1967, 36-47; per la
me pidjòn e 2 nella forma secondaria pidjóm. La situazione fuori dell’Oriente cfr. B.C. Jackson,
radice compare poi in vari NP: p 'd a h ’él, p'dàjà, Travels and Travails o f thè Goring Ox, Fs. S.E.
p edàjàhu, p edàsur. Su sigilli è documentato il N P Loewenstamm, Jerusalem 1979, 41-56). La mede­
p(è)d(a)jahu (P. Bordreuil - A. Lemaire, Sem 26 sima legge con lievi varianti stilistiche si trova in
[1976] 52 e Vattioni, nrr. 45. 235; cfr. anche Ex. 13,13. Sebbene il riscatto del primogenito di
Postracon di Arad 49,15; cfr. L. Lawton, Bibl 65 trovi qui dentro una sezione redazionale dtr., la
[1984] 343 s.). questione non viene trattata come in Deut. 15,19
La radice si trova spesso in parallelo con g à ’al e deve pertanto essere considerata predeuterono-
6 ) (vi,517) pàdà (H. Cazelles) (vi, 518) 64

mica, probabilmente elohistica. Non si nota qui ne di un individuo dal pericolo, dall’oppressione
alcuna variante teologica. Il libro del patto tratta o da una servitù dovuti a una terza persona.
il riscatto dei primogeniti in Ex. 22,28^29 (per Con Osea il significato si fa più teologico, per­
un’analisi puntuale cfr. M. Caloz, Exode X III,3- ché il profeta parla di una redenzione collettiva.
16 et son rapport au Deutéronome: RB 75 [1968] Ma si tratta pur sempre ancora di un certo nume­
5-62). ro di individui e non di un popolo in quanto tale
Incontriamo qui l’applicazione israelitica di una (suff. pi. masc.). In entrambi i casi (Hos. 7,13; 13,
usanza comune. L ’esistenza dei N P teofori ugari- 14) pàdà sta alla i a sing. perf. qal. Grammatical­
tici con pdj ci obbliga ad aggiungere a questi testi mente questa forma esprimerebbe, come nei casi
Ex. 34,19 s. Questo piccolo testo giuridico «ritua­ precedenti, la conferma o l’augurio positivo che
le» certamente non va attribuito a una redazione Dio riscatterà. Ma il contesto (rivolte contro Dio,
deut. (cfr. H. Cazelles, L ’alliance du Sinai en Ex menzogne a suo riguardo) induce molti tradutto­
34,10-27, Fs. M. Delcor, AO AT 215,1985,57-68), ri a leggere in 7,13 un rifiuto di Dio; essi introdu­
perché altrimenti la sua struttura sintattica sareb­ cono così un punto interrogativo e sottintendo­
be stata alquanto diversa (cfr. Deut. 15,19-23). no una risposta negativa (TOB, BJ, N E B ecc.).
L ’israelita deve riscattare (tifdeh) il primogenito Altri mantengono invece un significato positivo
(bekór, al riguardo cfr. DBS 8, 467-491) oppure concordando con i testi antichi (Osty-Trinquet,
fiaccare il collo del peter rehem («ciò che forza il Rudolph, Andersen-Freedman, Mays, Hauret,
grembo materno») di una vacca o di un’asina (pro­ Wolff). Si ritrova la medesima divergenza arri­
babilmente non il primogenito stesso, ma [secon­ vando a Hos. 13,14 (par. con g ’/). Il contesto par­
do un testo di Mari] un oggetto di valore; cfr. H. la di bambini che nascono morti e di se,ól. Nello
Cazelles, Consécrations d'enfants et defemmes, in stico parallelo, «io sarò la tua peste, o morte; io
Miscellanea Babylonica, Fs. M. Birot, Paris 1985, sarò il tuo distruttore (qóteb), o sheol», molti ve­
45-50). bekór e peter rehem appartengono alla di­ dono ugualmente una domanda retorica e leggo­
vinità, ma l’uomo può o deve riscattarli. La con­ no con i L X X (tto ù ) ’ajjéh invece di ’ ehi. Ma tut­
sacrazione non significa sacrificio. Non si precisa ti coloro che optano per questa soluzione (cfr.
che cosa si dia alla divinità, neanche in 1 Sam. 14, Wolff, BK x t v / i 3, 286) riconoscono che i L X X
45, dove il popolo (‘am) riscatta o libera Gionata, non risolvono il problema. ’ ehi si adatta bene alla
condannato a morte a causa del giuramento di serie dei verbi, ma una domanda circa il «dove» è
Saul. Ma è la divinità che libera da ogni pericolo proprio fuor di luogo. Morte e sheol sono perso­
(meglio che «riscattare, redimere»), come confer­ nificate proprio come potenze distruttrici. Osea
ma David con un giuramento. Questa formulazio­ riprende la tradizionale conferma della potenza
ne si trova anche in 1 Reg. 1,29 (successione di di Dio rispetto a tutte le altre forze, incluso il po­
David). In Is. 29,22 lo si dice di Abramo, senza tere della morte (personificata anche in Is. 28,15;
precisare «da ogni pericolo». Si tratta appunto di ma cfr. Andersen-Freedman, AB 24, 639 s.; E. Ja ­
quel teologumeno cui allude Hos. 7,13 quando cob, CAT xia, 93 s.). Ciò non significa però che
dice che Dio stesso libera dal male. Questo teolo­ Dio redimerà, giacché al v. 15 egli annuncia la ro­
gumeno era presente anche nei N P teofori acca­ vina di Efraim, ma solo che ha il potere di farlo
dici con patàru (AN 169. 191) o nei N P egiziani (senso modale del perf.).
con nhm m (Ranke, PN 1 208). Ma questi verbi In ogni epoca la teologia della storia della sal­
evocano l’idea di magia o di potenza (cfr. Surpu 11 vezza si sviluppa attorno al punto di cristallizza­
134-184; E. Reiner, Surpu, AfO suppl. 1 1 , Graz zione dell’esodo dall’Egitto. Sarebbe bene esitare
1958, 17 s.). È probabile che l’autore biblico, sce­ prima di leggere p edùt in Ex. 8,19 (cfr. H. Cazel­
gliendo il verbo contrattuale pàdà invece di ptr o les, Fs. W. Kornfeld, Wien 1977, 46 n. 32), perché
js \ volesse evitare di incolpare il Dio di Abramo qui si tratta più di una «mirabile separazione» «tra
di questo modo di agire. Egli preferisce ricorrere il tuo popolo e il mio popolo» che di un riscatto.
a un verbo usato nei contratti, anche se si riserva Ma il termine usato dai L X X , Siaa-oXr}, può
di fissare un prezzo. La cosa essenziale è far sì che significare «pagamento» (Liddell-Scott 4133, 4) e
il Dio di Abramo, d’Israele e di David sia inequi­ ben interviene nelle transazioni. In questo passo
vocabilmente l’unico autore di tale liberazione. si avrebbe così un atto di affrancamento colletti­
In Is. 29,22 è il Dio della casa d’Israele che ha af­ vo, che Dio esegue senza contropartita. Il verbo
francato (riscattato) Abramo, senza precisare co­ sjt potrebbe essere stato inserito per «imporre»
me e da che cosa. Si tratta ancora della medesima un pagamento o un’obbligazione (Ex. 21,22; Num.
prospettiva religiosa del riscatto o della liberazio­ 12,11).
65 (vi, 519 ) pàdà (H. Cazelles) (vi,520) 66

Questa teologia della liberazione mediante un kà) dalla mano dei malvagi e ti libererò (p'ditikà)
atto della potenza di Dio senza contropartita si dal pugno degli spaventosi». Si tratta dunque
precisa in Mich. 6,4 (l’autenticità di questo ver­ ancora una volta di una liberazione operata dalla
setto è meno controversa di altri, v. J.L. Mays, Mi- potenza di Dio e di un riscatto individuale, ma le
cah, O TL, 1976, 130). Così ci sono indubbi in­ immagini usate rendono il profeta un rappresen­
dizi predeut.: il parallelo con «salire d’Egitto» in­ tante del popolo. N. Ittmann (W M ANT 54,1981,
vece del deut. «uscire dall’Egitto» (cfr. J. Wijn- 44-49. 54 s.) considera questo passo una ripresa
gaards, VT 15 [1965] 91-102); mettere Mosè, tardi di 2o,i3b. F.D. Hubmann (FzB 30,1978) ve­
Aronne e Miriam sullo stesso piano quali reden­ de tuttavia nei vv. 20 s. uno sviluppo del testo do­
tori non è compatibile col predominio assoluto di vuto a una nuova crisi nella vita di Geremia.
Mosè nei testi deut. e sacerdotali. «Io ti ho libera­ Ier. 3 1 ,11 appartiene al libro delle consolazio­
to da una casa di schiavitù», cioè da un’ ammini­ ni, una delle raccolte più importanti incorporate
strazione nella quale tutti gli uomini, e soprattut­ nel libro, che contiene da un lato allusioni alla de­
to i funzionari, venivano definiti «servitori» del cadenza e fine di Giuda ma dall’altro anche ora­
faraone. Con il Deuteronomio l’espressione cam­ coli più antichi del periodo delle grandi speranze
bia significato, assumendo quello di «paese della dopo la caduta di Assur e la riconquista di alcuni
schiavitù» d’Israele. territori settentrionali ad opera del re Giosia. S.
2. Vanno considerati testi deuteronomici atti­ Bòhmer (Heimkehr und neuer Bund> 1976, 69)
nenti al nostro tema i seguenti passi: Deut. 7,8; nega la paternità di Geremia a causa dei parallelo
9,26; 13,6; 15,15; 21,8; 24,18. Vanno considerati con gà'al (2 volte nel Deuteroisaia). Ma la radice
invece testi dcuteronomistici 2 Sam. 7,23; Is. 1,27 g 'I si trova anche nella parte giuridica di Ier. 32
e Ier. 15,21 che è tuttavia piuttosto controverso. (vv. 7 s.). La pericope col duplice aspetto della re­
In Deut. 7,8 si legge che «Jhwh vi condusse staurazione di Samaria e del culto sul monte Sion
fuori con mano potente e vi ‘riscattò’ dalla casa di (Ier. 31,1-6, per Bòhmer 81 s. autentica di Gere­
schiavitù, dalla mano del faraone, re di Egitto». Il mia) corrisponde tuttavia alla teologia dtr. (cfr.
medesimo tema con la stessa struttura sintattica anche H. Weippert, BZAW 132, 1973).
viene ripreso in 9,26; 13,6; 15,15 («Pensaci: quan­ 3 . 1 passi esilici s’incontrano nel Deuteroisaia.
do eri schiavo nel paese di Egitto Jhwh, tuo Dio, Ezechiele non usa mai pàdà e soltanto 1 volta g'I
ti ha riscattato»), in una pericope che è stata ri­ (sost.), tuttavia non nel significato di «liberazio­
presa dal libro del patto ma è diversa per forma e ne» bensì di «parentela». Anch’egli si aspetta il
contenuto. In Deut. 21,8 il pàdà di Jhwh per Israe­ ritorno a opera della potenza di Dio, ma preferi­
le giustifica un sacrificio di espiazione (kipper) per sce sottolineare l’aspetto della presenza di Dio nel
togliere dal popolo la colpa per il sangue versato suo popolo.
da omicidi rimasti ignoti. Infine, in tema di pi­ Al contrario di Ezechiele, facendo riferimento
gnoramento, Deut. 24,18 ricorda che lo schiavo all’esodo il Deuteroisaia usa molto spesso g 'I per
Israele fu riscattato da Jhwh in Egitto senza con­ indicare la liberazione di Israele dai suoi vendica­
tropartita. Si vede qui fino a che punto si sovrap­ tori (-> voi. 1 1812 ss.), mentre usa pdh solo 2 vol­
pongano il significato giuridico e quello teologico te (DBS 9, 1052 s.): Is. 50,2; 5 1,11. In Is. 50,2 si ha
(della storia della salvezza). E quanto richiama al­ il sost. p edut par. con hissil in un contesto giuridi­
la memoria (2 Sam. 7 ,1} dtr.) anche la preghiera co: «Foste venduti a causa delle vostre cattive ope­
di David (cfr. P. Kyle McCarter, AB 9, 240; M. re». C ’era un atto di divorzio, ma la mano (di Dio)
Weinfeld, Deuteronomy and thè Deuteronomic si dimostrò non troppo corta per liberare. Analo­
School, Oxford 1972,42. 326-329). gamente i «liberati» da Jhwh ritornano a Sion (Is.
In Geremia si hanno 2 ricorrenze di padd. Ier. 5 1,11). In nessun caso pdh viene a trovarsi in stret­
15,21 appartiene alle «Confessioni di Geremia», to parallelismo con g 7 .
dove costituisce la conclusione di una delle sue Si sarebbe propensi ad attribuire Is. 1,27 a que­
confessioni (per la struttura letteraria cfr. H. Mot- sto periodo (Is. 1 mostra tratti di una redazione
tu, Les «Confessions» de Jérémie, Genève 1985, deuteroisaiana): «Sion sarà liberata mediante il di­
83-100; per l’analisi W. Thiel, W M ANT 4 1,19 7 3 , ritto (mispàt, cfr. Is. 40,14; 42,1.3) e chi vi farà ri­
160 che non è certo del carattere dtr. del verset­ torno (sàbèhà «prigionieri»?) mediante la giusti­
to). Vi si potrebbe vedere un oracolo di Geremia zia». Ma sono idee che si trovano anche nel Trito-
risalente al tempo del suo confino sotto il re Joja- isaia, sebbene questi non usi mai pdh.
qim. Dio rende il profeta una muraglia di bronzo 4 .1 profeti postesilici non usano pdh, fatta ec­
inespugnabile agli avversari: «Ti salverò (hissalti- cezione per due testi che mostrano già un aspetto
67 (vi,520) pàdà (H. Cazelles) (vi,521) 68

apocalittico e riprendono la linea teologica del le di Ps. 49. II testo, difficile, ci è giunto in pessi­
Deuteroisaia. Nella «Piccola apocalisse» di Isaia me condizioni (H.-J. Kraus, BK xv/15, 518 ;). van
(Is. 35,10) i liberati ritornano pieni di gioia a Sion. der Ploeg, OTS 13, 1963, 139; L.G. Perdue, JB L
Secondo il Deuterozaccaria (Zach. 10,8) i liberati 93 [1974J 533-542), soprattutto il v. 9. Un uomo
sono pieni di giubilo e attendono «il segno di co­ non può «riscattare» un altro uomo neanche pa­
lui che li radunerà». gandone il prezzo (kófer) a Dio (v. 8); ugualmen­
Con 15 ricorrenze in P si può dire che il docu­ te non può riscattare neanche se stesso, qualun­
mento sacerdotale usi pàdà frequentemente, seb­ que prezzo possa offrire (v. 9). Solo'Jhwh può «ri­
bene esse siano concentrate tutte in 4 pericopi scattare» la vita (nefes, v. 16; al riguardo cfr. Hos.
(Lev. 19,20; 27,27-29; Num. 3,46-51; 18,15-17). 13,14) e «prendere» (làqah) l’uomo dal potere
Tutti i passi (eccetto Lev. 19) sembrano apparte­ della sheol (per il verbo làqah cfr. Gen. 5,24
nere agli ampliamenti (Ps) del documento sacer­ [Enoc] e 2 Reg. 2,10 [Elia]). Dio che «libera» è un
dotale primario. Queste aggiunte adattano il testo topos ricorrente con frequenza nei Salmi, con ri­
storico della legge alle condizioni del culto ripri­ ferimento al passato (Ps. 78,42; dalle difficoltà e
stinato nel secondo tempio (per Num. 18 cfr. DBS pericoli, sar, cfr. 2 Sam. 4.9; Ps. 111,9 : «Egli ha
7, 842. 851). mandato la p 'd u t») e al presente (Ps. 25,22); Ps.
Si tratta sempre di un pagamento per una libe­ 130 precisa che Dio libera Israele da tutti gli er­
razione. Il caso più interessante è dato da Lev. 19, rori (v. 8), giacché la sua p'dùt è abbondante.
20 (H): si tratta del sacrificio di colpa di un uomo Gli oggetti più frequenti dell’opera liberatrice
che ha avuto rapporti sessuali con la schiava di di Jhwh (Ps. 26 ,11; 31,6; 55,19; 71,23) sono l’indi­
un altro, una donna che non è riscattata (nifdàtà) viduo e la sua vita (v. sopra, a Ps. 49). Si tratta
né emancipata (hufsà). Questo testo è puramente della liberazione dai nemici (Ps. 69,19) o dall’op­
giuridico. pressione (119,134). In Ps. 34,23 e 44,27 Dio
Gli altri tre passi riguardano il riscatto dei pri­ libera l’orante. Si resta in linea con i salmi quan­
mogeniti. La legittimazione teologica del riscatto do Neemia (1,10) ricorda a Dio di aver liberato
dei primogeniti è che essi sono «santi» (qódes, con la sua potenza i suoi servitori, gli Israeliti. 1
Num. 18,17). Parlano d’Israele quale popolo san­ Chron. 17,21 riprende la preghiera di David in 2
to, consacrato a Dio, il Deuteronomio, il codice Sam. 7 confermando che Dio ha veramente «libe­
di santità (H, Lev. 17-26), Ezechiele e il documen­ rato» o «riscattato» il suo popolo per farne il pro­
to sacerdotale (P, cfr. DBS 10, 1424-1429). Num. prio popolo.
3 (Ps) consente il censimento dei leviti (contro Pg: I tre casi nel libro di Giobbe (3,20: liberazione
Num. 1,49; cfr. v. 47). 1 leviti appartengono a dalla morte; 5,23: dal nemico; 33,28: dalla fossa)
Jhwh (Num. 3,45) e vengono considerati il prez­ rientrano nel quadro della concezione della libe­
zo per il riscatto dei primogeniti di Israele; si pre­ razione vista nei Salmi. Sorprende che il resto del­
cisa persino l’ammontare dell’esborso (Num. 3, la letteratura sapienziale protocanonica non co­
48-50). Non si parla affatto di uno stato di «san­ nosca pdh. La radice compare unicamente nel Si­
tità» dei leviti. Soltanto il sacerdote (kòhin) è qó­ racide, nella preghiera conclusiva (Ecclus 51,2):
des. Secondo questa legislazione i leviti sono pu­ «Hai preservato (par.!) il mio corpo dalla corru­
ri, e vengono dati al sacerdote Aronne e ai suoi fi­ zione».
gli per il servizio al tempio (Num. 8,19).
Secondo il tariffario di Lev. 27 (uno dei testi più in. Daniele non conosce la radice, né nella par­
recenti del Pentateuco) si può riscattare un ani­ te ebraica né nella sezione aramaica. È poco pro­
male impuro (pdh, Lev. 27,27), mentre non è pos­ babile che il greco la conoscesse, giacché il Au-
sibile riscattare uomini né animali consacrati a T p o u v in Dan. 3,88 corrisponde più a prq (come
Jhwh con l’interdetto (hérem, -> hrm) perché essi in 4,24) oppure a sèzib, come in 6,27 (28). I L X X
appartengono per principio a Jhwh (vv. 28 s.). manifestano grande incertezza quando si tratta di
Dopo il ritorno dall’esilio e la ripresa della li­ tradurre pdh. In generale hanno usato (47 volte)
turgia del tempio, anche i salmi s’impossessano di XuTpoùv e i suoi composti, con i quali hanno
questo tema. Le 16 ricorrenze della nostra radice tradotto anche (7 volte) kpr. I L X X usano inoltre
nei Salmi non sono particolarmente concentrate 5 volte anche pueci-Sai ‘trattenere, salvare’ (ad es.
in nessuna delle raccolte, e il loro significato oscil­ lob 5,20; 5,23; Is. 50,2); 3 volte àXXàaaeiv ‘dare
la tra «redimere» e «liberare». in cambio’ (Ex. 13,13; Lev. 27,27); 1 volta ciascu­
Per quel che riguarda il nostro tema, il salmo no à< p o p c£e iv, a u v à y e i v , ctoj^ e i v . In 3 casi si limita­
più interessante risulta la composizione sapienzia­ no a una perifrasi.
69 (vi, s 2 2) peh (F. Garcfa Lopez) (vi,523) 70

Mentre per kipper (e anche 2 volte per kòfer) i che. —1. Parte del corpo. —2. Organo di comunicazio­
L X X preferiscono tXàaxea^ai ‘riconciliare, espia­ ne. - v. Significato teologico. - 1. La bocca di Jhwh. -
re’ e àytà^eiv ‘santificare, consacrare’, essi inten­ 2. La bocca dei profeti. - 3. La bocca dell’orante. -
dono invece pàtà chiaramente più come XuTpoùv vi. La bocca in contesti etici sapienziali. - 1. In genera­
le. - 2. Nell’antitesi di saggio e stolto. - 3. Come stru­
e composti, che in greco classico implicano un pa­
mento di potere. - 4. L’ideale etico sapienziale. - vii.i. I
gamento o il versamento di un riscatto (documen­ LXX. —2. Qumran.
tazione in G L N T vi 893 ss.). I L X X conservano
quindi il significato originario persino quando, in Bibl.: M. Bernaert, Caeur - langue - mains dans la Bi-
alcuni casi, notano che il riscatto a opera di Dio ble. Un langage sur l’homme (Cahiers Évangile 46, Pa­
avviene gratuitamente e così attribuiscono al te­ ris 1983). - W. Biihlmann, Vom rechten Reden und
sto un senso teologico (G L N T vi 897 s.; S. Da­ Schweigen (OBO 12, 1976). - E. Cortese, Da Mosè a
niel, Recherches sur le vocabulaire du culte dans Esdra. I libri storici dell'antico Israele, Bologna 1985. -
M. Dahood, Hebrew-Ugaritte Lexicography vm: Bibl
laSeptante, Paris 1966, 325 e le annotazioni circa
51 (1970) 391-404, spec. 395 s. - P. Dhorme, L'emploi
PEsapla). métaphorique des noms des parties du corps en hébreu
A Qumran il verbopàdà ricorre 13 volte, il sost. et en akkadien ìv: RB 30 (1921) 517-540. - P. Fronza-
p edùt 14 (quasi esclusivamente in testi relativi alla roli, Studi sul lessico comune semitico (AANLR 19, Ro­
milhàmà) e pdwjjm 1 (4Q 511 36,3). Mentre kip­ ma 1964, 255. 269). - T.H. Gaster, A Canaanite Ma-
per domina nelle regole (iQ S, CD) e nel Rotolo gical Text: Or N.S. 11 (1942) 41-79. - B. de Geradon,
del Tempio, pàdà si concentra nelle Hodajot, do­ Le coeur, la bouche, les mains. Essai sur un schème bi-
ve ha il medesimo significato registrato nei Salmi. blique: BVChr 1 (1953) 7-24. - ld., Le cceur, la langue,
les mains. Une vision de Thomme, Paris 1974. - J.H.
Dio libera la nefes del povero (iQ H 10,32.35),
Greenberg, The Languages of Africa, Den Haag 1963.
l’orante dalla sheol (11,19). Secondo iQ M 1,12; - R. Grelot, La bouche de gioire: Sem 35 (1985) 61-65.
14,5 l’espressione 'm pdwt 7 «il popolo della re­ - A.R. Johnson, The Vitality of thè Individuai in thè
denzione di Dio» appare uno dei modi con cui la Thought of Ancient Israel, Cardiff *1964. - C.J. Labu­
comunità di Qumran di denominava. La pdwt in schagne, pe, Mund (THAT 11 406-411). - A. Lemaire,
iQ M va intesa, con Carmignac, nel senso di «li­ Inscriptions hébraiques, 1. Les Ostraca, Paris 1977. - H.
berazione» del popolo a opera di Dio, un puro Michaud, Les ostraca de Lakis conservés à Londres: Syr
dono della grazia (cfr. F. Nòtscher, BBB io, 188 33/34 (1956-57) 39-60, spec. 55 s. - W.H. Schmidt, An-
s.). Le ricorrenze di pàdà nel Rotolo del Tempio thropologische Begriffe im A.T.: EvTh 24 (1964) 374­
388. - R. Soliamo, Renderings of Hebrew Semiprepo-
sono fondamentalmente paragonabili a quelle
sitions in thè Septuagint (AASF Dissertationes Huma-
deut./ dtr. dell’A.T.: Dio riscatta Israele dalla casa narum Litterarum 19, Helsinki 1979, spec. 224-234). -
di schiavitù ( n Q T 54,16), dalla mano di chi lo J.H. Tigay, «Heavy of Mouth» and «Heavy ofTongue».
odia (59,11), moltiplica il proprio popolo (59,12). On Moses’ Speech Difficulty: BASOR 231 (1978) 57­
Egli procura espiazione al popolo che egli ha ri­ 67. - H.W. Wolff, Anthropologie des A.T., M977.
scattato (63,6).
Nella letteratura rabbinica la radice pdh (p d ’ ) 1.1. L ’ebraico peh ‘bocca’ rappresenta una ra­
compare circa 100 volte (cfr. Kasowski, Thesau­ dice monoconsonantica presente in tutte le lingue
rus Mischnae), con netta prevalenza del significa­ semitiche, ma in alcune di queste in forma varia­
to giuridico, nell’uso dei testi biblici relativi al ri­ mente ampliata: in accadico e amorreo pù (in an­
scatto degli oggetti consacrati o dei primogeniti. tico accadico anche pà'um, pium), in ugaritico p,
Midrash e Talmud parlano anche della liberazio­ fenicio pj, arabo fu (cs.; st. ass. per lo più amplia­
ne di Israele (cfr. H. Jastrow, Dict. Talm. 1136 s.). to in fam), sudarabico / (attestato solo nel senso
La concezione giudaica della redenzione dalla di ‘ordine, comando’), forma aramaica ampliata
colpa e dagli errori si è tuttavia sviluppata non pum, etiopico 'af.
attorno a pdh, bensì a kpr. rr ^ „
Nella letteratura accadica pù ricorre in molte
^ r H. Cazelles espressioni che hanno corrispondenti in ebraico
biblico. Così la formulazione anticoaccadica ina
pim u lisànim (cfr. A H w 1 5 56a, 4a) sottolinea il
TìSpeh parallelismo tra bocca (pù) e lingua (lisànu). A n ­
che la nota espressione biblica mósd’ peh (Deut.
1. Attestazioni extrabibliche. - 1 . In accadico. - 2. In uga­ 8,3) corrisponde all’espressione accadica sit pi
ritico. - 3. In fenicio, ebraico antico, aramaico. - n. Ri­ («ciò che esce fuori della bocca»). Per altre analo­
correnze nell’A.T. e distribuzione. - III. Panoramica gie cfr. Dhorme 533-539; A H w 11 872-874. Per i
del campo semantico. - ìv. Le specificazioni semanti­ N P cfr. A P N 128.254.
7 * (vi,524) peh (F. Garcia Lopez) (vi,525) 72

2, In ugaritico si usa la forma monoconsonan­ bi. In Ahiqar 7,97 s. si esorta a «sorvegliare la boc­
tica p. Il frequente impiego di sinonimi e di ter­ ca» perché questa può essere causa di sventura.
mini paralleli che Pugaritico ha in comune con Subito dopo (7,99) si ammonisce a usare la bocca
l’ebraico si fa particolarmente evidente nel caso a vantaggio degli altri «perché l’agguato della boc­
di p, usato in parallelismo con Isn ‘lingua’, snt ca è peggiore dell’agguato in guerra» (kj ‘zjz ’rb
‘denti’ e spt ‘labbra’ (cfr. M. Dahood, AB 17A, pm mn ’rb mlhm). In Ahiqar 10,156 si usa pm in
454; L.R. Fisher, RSP 309-311, nrr. 455-458). N el­ parallelismo con Isn in una riflessione di tipo
l’epos di Aqhat si ripete frequentemente la for­ sapienziale religioso: 7 ’/>& 7 pm ’p k ’ wjnsh lsn[h
mula bpb.rgm.l js ’ // bspth.hwt(h): «La parola è «dio stravolgerà la bocca di colui che stravolge (=
appena uscita dalla sua bocca, l’enunciato dalle del bugiardo) e strapperà via la sua lingua». Per
sue labbra...» (cfr. KTU 1.19 ,11 26; 111 7.21.35). A l’aramaico biblico cfr. sotto, 11. Per altre attesta­
questo proposito va notata l’espressione bph js ’ zioni di p(m) nel semitico occidentale cfr. DISO
«uscire dalla bocca», che ricorda la formula deut. 227-229 e Tomback 261 s.
citata sopra (cfr. 1.1). In tutti questi testi s’incon­
trano p, spt e Isn quali organi della parola. 11. Nell’A.T. il sost. peh ricorre 505 volte (non
In due passi del mito della lotta tra Ba‘al e Mot 500, TH AT 11 406), con una distribuzione molto
(KTU 1.5 ,1 7 // n 4) si deve far notare con W.H. uniforme nei vari corpi letterari: 101 volte nel Te-
Schmidt il parallelismo con nps, il cui significato trateuco (Genesi 21, Esodo 23, Levitico 8, N u­
«gola» è vicino a quello di peh. Schmidt fa osser­ meri 49); 110 nel Deuteronomio + opera storio­
vare anche il rapporto di questi testi con Is. 5,14. grafica dtr. (Deuteronomio 23, Giosuè 27, Giudi­
In questi miti peh indica una parte del corpo, l’or­ ci 15, Samuele 20, Re 25); 100 nei profeti (Isaia
gano del mangiare/ingoiare ed è utilizzato in sen­ 29, Geremia 31, Ezechiele 17, Dodici profeti 23);
so metaforico per descrivere l’attività della sheol 99 nella letteratura sapienziale (Giobbe 36, Pro­
che inghiotte come un mostro (cfr. H. Wildber­ verbi 56, Qohelet 7); le rimanenti 95 ricorrenze
ger, BK x/i, 190; J.B. Burns, VT 22 [1972] 245­ sono distribuite tra gli altri libri (Salmi 68; Canti­
246; M. Dahood, Bibl 51 [1970] 395). Per i nomi co, Lamentazioni, Ester e Daniele 9; 18 l’opera
ugaritici con l’elemento p cfr. F. Gròndahl, PN U storica cronistica). Di norma la radice compare al
170. singolare (peh o in st. cs. pi), mentre si hanno so­
3. Il termine «bocca» si trova anche in alcune lo due esempi del pi. (lud. 3,16; Prov. 5,4: pèjótf
iscrizioni fenicie nella forma pjy nell’ebraico ex­ pijjót). Per la forma pim quale unità di peso in /
trabiblico nell’espressione bpjy in aramaico (pm)\ Sam. 13,21 cfr. E.A. Speiser, BA SO R 77 [1940] 18
tutte le attestazioni provengono da tempi vetero­ ss.; R. Gordis, JB L 61 [1942] 209 ss.; H.J. Stoebe,
testamentari. K A T v iii/ i, 255. In altri 2 casi si ha la forma rad­
In un testo esecratorio del vii sec. a.C. di Ars- doppiata pifijjót ‘fili, tagli (di lame), parti taglien­
lan Tash in caratteri fenici, il dio Horon (o sua ti, aguzze’ (Is. 4 1,15; Ps. 149,6).
moglie - il testo non è chiaro) riceve l’epiteto ’s Nelle parti in aramaico di Daniele il termine
tm pj «la cui bocca è perfetta (= colui che dice il compare 6 volte nella forma biconsonantica pum
vero)» (KAI 27,16. Questo documento va con­ (cfr. sopra, 1.1).
frontato con testi magici accadici nei quali si par­
la della purità della bocca o dell’oracolo di una iii. Le espressioni con peh vengono usate a di­
divinità; allora questo epiteto va interpretato nel versi livelli, peh viene riferito a cose, animali, si­
senso che la divinità è signora della parola magi­ mulacri divini e anche a Dio stesso, quando lo si
camente efficace (cfr. Gaster 41-44. 62-63). descrive in termini antropomorfici.
NelPostracon di Lachish nr. 16 (11. 3-5) H. 1. In senso lato peh denota un'apertura che può
Michaud ricostruisce il seguente testo: slip ‘[bdk avere forme diverse. Di solito si tratta di un’aper­
d]br bpj Q[sbjhw\ hnb’ «ha mandato [il tuo ser­ tura che stabilisce una comunicazione tra l’ester­
vo]: [D]i’ per bocca di Qe[shabjahu] il profeta» no e l’ interno. Cosi, ad es., l’apertura di un pozzo
(Michaud 55 s.). Se questa ricostruzione fosse (Gen. 29,2.3.8.10), l’apertura di una ciotola o di
esatta (ma cfr. Lemaire 13 1) si avrebbe un’iscri­ un sacco (Gen. 42,27; Zach. 5,8), l’ingresso di una
zione ebraica con una formulazione simile a quel­ caverna o di una città (Ios. 10,18; Prov. 8,3) ecc.
le che s’incontrano nella letteratura profetica. 2. In senso più stretto, in caso di animali e
Nella storia di Ahiqar si trovano due espres­ uomini, peh si riferisce di norma all’apertura sulla
sioni tipicamente sapienziali in parte paragonabili parte anteriore della testa che è collegata con lo
con locuzioni che si leggono nel libro dei Prover­ stomaco (cfr. il greco STÓp.a ‘ bocca’ - aTÓp.a^os
73 (vi, 5 peh (F. Garda Lopez) (vi,527) 74

‘stomaco’). In questo senso la bocca è l’organo mologico tra peh e p é ’à (-» p ’h) ‘ lato’ o ‘margine’
deputato alle funzioni di mangiare e bere (cfr. (cfr. sotto, v ii.i; T H A T 11 406; Gesenius, The­
Iud. 7,6; Ezech. 2,8; Ps. 78,30; Prov. 19,24; N e­ saurus 1086 s.).
hem. 9,20). A quest’organo appartengono poi na­
turalmente anche quelli adiacenti: labbra, lingua, IV. In una serie di testi peh si riferisce al dialogo
palato, denti ecc. tra uomo e Dio.
In senso traslato peh si può riferire anche alla I. In quanto parte del corpo - per il momento
terra, descritta come un mostro che ingoia uomi­ si lasci da parte la funzione - la bocca è più o
ni, animali e cose (Gen. 4 ,11; Num. 16,30.32; Deut. meno strettamente unita con le altre membra. In
11,6). In associazione con questa idea peh viene at­ primo luogo si deve considerare, da un Iato, il
tribuito anche alla spada, il cui filo divora la carne rapporto della bocca con la testa o meglio, data la
del nemico (Deut. 32,42). Nei libri storici l'espres­ visione biblica dell’uomo (cfr. A.R. Johnson 40­
sione l cfi-hereb («col filo della spada», Einheits- 50; H.W. Wolff § 9), con il volto (pànìm, ->
iibersetzung: «con la spada tagliente, affilata») ri­ pnjm), più precisamente, quindi, con gli organi
corre con notevole frequenza (cfr. Ios. 6,21; 8,24; che circondano la bocca oppure la compongono.
Iud. 1,8; 4,1 5; 18,27; 1 Sam. 22,19; 2 Sam. 15,14; .2 Si deve quindi sottolineare il nesso tra peh, làsòn
Reg. 10,25). e safà (v. sopra). A tali rapporti si allude spesso in
3. NelPA.T. si usa peh normalmente per indica­ testi poetici, nei quali peh ricorre in parallelismo
re l’organo deputato alla comunicazione vocale. con i suddetti organi: peh // làsòn (Is. 57,4; Ier. 9,7;
Questa accezione corrisponde esattamente al si­ Ps. 10,7; 37,30; 39,2; 50,19; 66,17; 73,9; 78,36; 109,
gnificato base, giacché il linguaggio è l’esterna­ 2; 126,2; Iob 15,5; 20,12; 33,2; Prov. 10,31; 15,2;
zione di pensieri provenienti dall’interno dell’uo­ 26,28; 31,26; cfr. Ex. 4,10); peh // safà (Is. 11,4;
mo. Gli organi della parola veri e propri sono le 29,13; Mal. 2,6.7; Ps- 51 »I 7 i 59>8-I 3i 66>I 4 ; ” 9 »i35
labbra (safà, -» sph) e la lingua (làsòn, -» Iswn), ma 141,3; Iob 8,21; 15,6; 23,12 [33,2-3]; Prov. 4,24;
il testo biblico trasferisce spesso questa funzione 10,32; 13,3; 14,3; 16,10.23; 18,6.7.20; 27,2; Eccl.
alla bocca (peh). In tal senso peh denota la bocca di 10,12). In alcuni casi «lingua» e «labbra» si alter­
uomini e di Dio (cfr. Gen. 45,12; 1 R eg 8,15.24), nano con «bocca» o le sono complementari (Deut.
applicandosi solo di rado agli animali (cfr. Num. 23,24; Mich. 6,12; Zach. 14,12; Ps. 5,10; 39,2; 51,
22,28). In quanto organo di comunicazione, peh 16 s.; 59,13; 63,6; Prov. 18,20 s.; 21,23). In ^s- *>>7
indica anche per metonimia ciò che viene comu­ peh e s'àfà sono intercambiabili: «Toccò con esso
nicato, che proviene dalla bocca (linguaggio, pa­ la mia bocca e disse: Ecco, questo qui ha toccato
role, ordini ecc.; cfr. Num. 14,41; Deut. 32,1; Ps. le tue labbra». In Is. 11,4 ruàh safà è usato nello
19,15; Eccl. 10,12 s.), indipendentemente dal fatto stesso significato di rùàh peh in Ps. 33,6. Si deve
che la persona parli per sé o riferisca un messag­ inoltre ricordare il rapporto della bocca col pala­
gio (cfr. Ex. 4,15 s.; Ier. 15,19). to (hèk): Ezech. },z6 s.; Iob 29,9 s.; Prov. 8,7 s. (si
La bocca è infine anche l’organo con cui si ba­ ha così la sineddoche hèk = peh in Hos. 8,1; Iob
cia (cfr. 1 Reg. 19,18). In questo caso si tratta di 20,12 s.; 33,2), con i denti (sén [-» sn\. Mich. 3,5;
un genere particolare di comunicazione, la tra­ Zach. 9,7; Ps. 58,7; Lam. 2,16), con la gola (gàrón,
smissione di un sentimento. Sebbene il bacio ven­ Ps. 5,10), con le gote (lchi[-* Ihj]: Iob 16,10), con
ga dato con l’organo esterno della bocca, esso rap­ la fronte (qeren [-» qrn\. / Sam. 2,1), con gli occhi
presenta il linguaggio del cuore, dell’amore (cfr. (‘ajin [-> ‘/«]: Gen. 45,12) e con gli orecchi (’òzen:
Iob 31,27; Cant. 1,2). Ier. 9,19; Ps. 78,1; cfr. Ps. 54,4). Una volta la boc­
4. Infine sono da ricordare diverse locuzioni ca è usata in parallelo con la testa (rò’s, cfr. Prov.
composte con peh come k cfi, l 'f i e ‘al-pi «secon­ 10,6.11; al riguardo cfr. le osservazioni di W. Me
do, in conformità di»'(cfr. Ex. 16,21; Lev. 25,52; Kane, O TL, 422; O. Plòger, B K xvn, 121). Meno
Num. 26,545/05. 18,4; 2 Reg. 23,35; Prov. 22,6) che consolidato è il rapporto tra bocca e carne (bàsar,
solo indirettamente sono legate al significato pri­ cfr. Ps. 145,21; Eccl. 5,5).
mario del termine, indicando piuttosto la norma In secondo luogo, si deve considerare il rap­
data oralmente (uscita dalla bocca). porto della bocca con gli organi interni dell’uomo
Inoltre si possono indicare casi particolari nei (qereb). Ciò che la bocca pronuncia viene dall’in­
quali peh si riferisce al margine, alla fine o alla par­ terno della persona (Ps. 5,10). A questo proposito
te terminale di qualcosa (cfr. 2 Reg. 10,21; 21,16; il più importante è il cuore (léb, -» Ib), frequente­
Esdr. 9 ,11: «da un estremo all’altro»). Per questo mente collegato con la bocca: «La parola... è nella
uso si deve forse ricordare il possibile nesso eti­ tua bocca e nel tuo cuore» (Deut. 30,14). Bocca e
75 ( v i, 528 ) peh (F. Garda Lóp ez) (vi,528) 76

labbra possono muoversi, ma è il cuore che parla dàbàr ‘parola’ (soggetto umano: Ps. 36,4; Prov. 18,
(1 Sam. 1,12 s.). Esiste quindi un legame vivente 4; Eccl. 10,13. - Jhwh per soggetto: Ier. 9,19; Esdr.
tra questi organi, che può essere armonico (Ps. 17, i,i;2 Chron. 36,21 s.). La stessa funzione della pa­
3; i 9 >* 5; 37 . 3° s.; 49,4; 66,17 s.; 141,3 s.; Iob 15,12 rola in senso generale - senza alcuna specificazio­
s.; 22,22; 31,27; 33,2 s.; Prov. 4,4 s.23 s.; 16,23; ne - è espressa col verbo 'àmar che, caso singola­
Eccl. 5,1) oppure no (Is. 29,13; Ezech. 33,31; Ps. re, non è mai usato unito con peh. Al contrario, è
55,22; 78,36 s.; cfr. anche Prov. 15,14.28 e 1 Sam. d’uso frequente l’espressione ’imrèpeh riferita al­
2,1). La bocca forma con il ventre (beten, cfr. so­ l’uomo (Deut. 32,1 ; Ps. 19,15; y4,4f78,i; Prov. 4,
pra, in .2) un'unione più organica e materiale che 51 5»7; 6,2; 7,24; 8,8; Iob 8,2; 23,12) e a Dio (Hos.
con il cuore (Ezech. 3,3; Prov. 18,20). Risulta evi­ 6,y,Ps. 138,4). Vengono inoltre uniti con peh i ver­
dente anche il rapporto fra peh e nefes, il cui signi­ bi ‘domandare’ (/’/: Gen. 24,57 [uomini]; Ios. 9,14;
ficato base è «gola» ma che in questi casi indica di Is. 30,2 [Dio]); ‘rispondere’ ('nh: Deut. 31,2 1; 2
norma l’alito vitale dell’uomo (cfr. Ps. 63,6; Prov. Sam. 1,16; cfr. Iob 15,6; Prov. 1 5,28; inoltre il sost.
ii, 23). ‘ riposta’ [m'nh]; Iob 32,5; Prov. 15,1); ‘far tra­
Si deve infine menzionare anche il collegamen­ boccare, sgorgare le parole’ (nh1 hif. : Ps. 59,8; 78,
to tra bocca e altre membra del corpo, in partico­ 2; Prov. 15,2.28); ‘raccontare’ (spr pi.: Ps. 7 1,15;
lare il rapporto tra peh e jàd ‘mano’ (-» jd). In di­ cfr. 50,16); ‘parlare’ (mll.: cfr. Iob 8,2); ‘determi­
versi testi si dice che l’uomo porta la mano alla nare, fissare’ (nàqab: Is. 62,2 con sogg. Jhwh);
bocca per mangiare o bere (Iud. 7,6; 1 Sam. 14, ‘esprimere, proferire’ (hgh: Ps. 37,30; cfr. Prov. 13,
26.27; Ezech. 2,8 s.; Prov. 19,24; 26,15). In altri ca­ 28); ‘annunciare, far sapere’ (ngd h if: Gen. 43,7;
si si parla del porre la mano sulla bocca (slm jàd Ps. 51,17; cfr. Deut. 17,10; Is. 48,3); ‘far conosce­
‘al-peh, Iud. 18,19; Mich. 7,16; Iob 21,5; 40,4; per re’ (jd ( h if: Ps. 89,2); ‘ordinare’ (siwwà: secondo
i paralleli egiziani v. B. Couroyer, RB 67 [i960] Is. 34,16 Jhwh ordina con la bocca: ki-pt hu' siw­
197 ss.) in gesto di silenzio (cfr. Iud. 18,19 dove wà). Davanti a questi esempi risulta perfettamen­
si ha come sinonimo il termine per silenzio, tace­ te comprensibile il parallelismo tra 'al p i jhwh e
re [hàras, -> dmh 11 / dmm]). Nel documento sa­ ka'àser siwwà jhwh (Num. 3,16.51; 4,49; 36,5 s.;
cerdotale si trova la formula caratteristica di P ‘al­ cfr. Ios. 17,4: ’el-pi) come quello tra sim bep i //
p i X b ejad Y (Ex. 38,21; Num. 4,37.45.49; 9,23; siwwà (2 Sam. 14,19; Esdr. 8,17) e tra nàtan hep i
10,13; Ios. 22,9), che indica l’incarico c la funzio­ Il siwwà (Deut. 18,18) e il nesso tra ‘essere disub­
ne di mediatore con una perfetta coordinazione bidiente’ (màrà + peh) e ‘ordinare’ (siwwà, Ios.
tra bocca e mano: si dice una cosa con la bocca e 1,18; 1 Reg. 13,21). C ’è anche un nesso tra la boc­
con la mano la si mette in pratica (Ier. 44,25; Ps. ca di Jhwh e i suoi ordini: p i jhw h - miswat jhwh
144,7 s.n ). Della collaborazione tra bocca e ma­ (1 Reg. 13,21; Iob 23,12; cfr. anche Deut. 8,2-6;
no di Jhwh si parla in 1 Reg. 8,15.24 H 2 Chron. cfr. sotto, v.i). Nello stesso senso peh viene colle­
6,4.15. La mano di Jhwh tocca la bocca del profe­ gato con torà. Così la legge o le istruzioni di Jhwh
ta o vi si poggia sopra (Ier. 1,9; Ezech. 33,22; cfr. vengono chiamate tórat pìkà (Ps. 119,72; cfr. Iob
Is. 51,16). Con la mano Jhwh punisce coloro che 22,22) e si dice anche che la Torà dev’essere nella
non prestano ascolto agli ordini della sua bocca bocca e da essa non può mai allontanarsi (Ex. 13,
(1 Sam. 12,15). 9; Ios. 1,8; Mal. 2,6.7). Un’espressione parallela
2. In quanto organo della comunicazione, la è 'èdut pikà con riferimento a Jhwh (Ps. 119,88).
bocca compare in diverse funzioni e attività, tutte In rapporto con questi testi è da ricordare anche
collegate con la parola. Nella prospettiva biblica l’espressione mispàt peh (Ps. 105,5; 119 ,13 ; 1
la funzione principale della bocca umana (analo­ Chron. 16,12).
gamente della bocca di Jhwh) è quella vocale, la In secóndo luogo vanno menzionate le dichia­
parola, il parlare. Fissato tale punto di vista, si ca­ razioni della bocca che servono a comunicare sen­
piscono allora i diversi nomi e verbi usati ncll’A.T. timenti: ‘ lodare’ (hllpL : Ps. 63,6 con riferimento a
per denotare le esternazioni della bocca, gli enun­ Jhwh; Prov. 27,2 con riferimento agli uomini; cfr.
ciati, il discorso. anche Ps. 34,2 s.; 109,30; 63,12 [rispetto al v. 6]);
Così s’incontrano in primo luogo le espressio­ analogamente col sost. ‘ lode’ (tehillà: «La bocca è
ni denotanti la comunicazione di idee: il verbo dbr piena della lode di Dio», jim m àlé' pi tehillàtekà,
pi. ‘parlare’ (con soggetto umano: Gen. 45,12; Ier. Ps. 71,8; cfr. 34,2; e analogamente: la bocca pro­
3 2>4 ; 34, 3;Ps- 49 .4 ; 63,12; 66,14; i 44 , 8 . i i ; I 45 >2 1- nuncia la lode; Ps. 51,17, cfr. 40,4; 7 1,14 s.); ‘rin­
-c o n Dio per soggetto: Num. 12,8; Is. 1,20; 40,5; graziare’ (jdh hif.: Ps. 109,30 in parallelismo con
58,14; Ier. 9 ,11; Mich. 4,4); analogamente il sost. hll, cfr. anche Ps. 138,4 dove il ringraziamento è
77 (vi , 529 ) peh (F. Garcfa Lopez) (vi, j 30) 78

in risposta alle promesse venute dalla bocca di il comportamento personale così com’è espresso
Jhwh); ‘benedire’ (brkpi.: Ps. 34,2; 63,5 s.; 145,21 mediante la bocca. In altri casi i passi hanno un
con riferimento a Dio; Ps. 62,5 condanna la contenuto religioso, soprattutto quando Jhwh pe­
doppiezza di lingua così che mentre si benedice netra nella sfera umana, psicologica, nel cuore e
con la bocca nel cuore si maledice; cfr. Prov. 11, nella bocca dell’uomo, ovvero sempre quando
11); ‘maledire’ (qll: «Giobbe aprì la bocca e male­ Dio usa gli uomini quale propria bocca per espri­
disse il giorno (della sua nascita)», Iob 3,1; cfr. Ps. mere la propria volontà e i propri pensieri.
62,5); ‘gradire, compiacersi’ (rasa). Mentre Ps. 49,
14 dice che i ricchi si compiacciono di parole va­ v. Si devono ora considerare i passi con peh in
nagloriose, Ps. 119,108 prega Jhwh di gradire le cui la bocca viene messa in relazione con Jhwh,
parole che escono dalla bocca dell’orante; in ma­ sia che i testi parlino direttamente della bocca di
niera simile l’orante di Ps. 19,15 implora il gradi­ Jhwh, sia che Jhwh parli per bocca di altri, sia
mento (ràsón) di Jhwh per le parole della sua boc­ quando si tratta di determinate persone che dia­
ca (’imrè-pi). Sempre con la bocca si ‘supplica’ logano con Jhwh. Queste ricorrenze di peh riguar­
(hnn hitp.: Iob 19 ,16: bemó-pì ’etbannen-ló); si dano soprattutto tre ambiti: la legge, in quanto la
‘invoca’ (qàrà* con riferimento a Jhwh, Ps. 66,17: bocca di Jhwh è sinonimo di comandamento o di
’élàjw pi-qàrà’ti e in Prov. 18,6 con riferimento legge; i profeti, mediante i quali Jhwh comunica
agli stolti, che le botte se le «chiamano»; ùpiw l e- le proprie parole; infine - a metà strada tra i due
mahàlumót jiq rd ’ ). In questo ambito concettuale ambiti precedenti - i Salmi, quando l’uomo entra
rientra anche l’espressione «bocca ipocrita, falsa» in contatto con Dio mediante la preghiera.
(peh hàlàq, Prov. 26,28). 1. Quando si parla della bocca di Jhwh si de­
Sempre restando nell’ambito della comunica­ vono considerare in primo luogo quei testi che
zione, s’incontra infine una serie di espressioni usano l’espressione p i jhwh da sola (47 volte), op­
con peh che in sé sono indefinite e solo in base al pure presentano costrutti prepositivi k ef i jhwh (1
rispettivo contesto possono essere classificate tra Chron. 12,24) 0 mippi jhwh (Ier. 23,16; 2 Chron.
i vari casi ora esaminati. Alcune di queste espres­ 36,12; cfr. 2 Chron. 35,22 mippi 'èldhìm). pi jhwh
sioni sono: «aprire la bocca» (pdsà peh: lud. 11,35 è un antropomorfismo che significa letteralmente
s.; Iob 35,16; cfr. Lam. 2,16; 3,46\ pdtah peh con «bocca di Jhwh», ma viene inteso prevalentemen­
riferimento agli uomini: Ezech. 21,27; P$- 38,14; te come traslato che si riferisce a ciò che è in boc­
39,IO; 78,2; 109,2; Prov. 24,7; 31,8.9.26; Iob 3,1; ca di Jhwh e a ciò che ne procede. L ’espressione
33,2; Dan. 10,16; cfr. Is. 53,7. - Con riferimento a p i jhwh s’ incontra frequentemente negli ambiti
Dio: Ezech. 3,27; 33,22; p à'ar peh: Ps. 119 ,13 1; della legge e della profezia, soprattutto in testi le­
Iob 16,10; 29,23); i verbi pdsà, pdtah e pà'ar sono gati alle tradizioni del Dtr. e di P.
usati frequentemente con peh anche in altri con­ In Deut. 8,3 (un testo dell’età di Giosia prece­
testi, ma qui ci si limita ai costrutti che rientrano dente alla redazione dtr.) si trova l’espressione
nel campo lessicale della comunicazione. Ancora: kol-mósd' pi jhw h, che ha chiari precursori nella
«trasgredire con la bocca» (*àbar pìw , Ps. 17,3); letteratura accadica e in quella ugaritica (cfr. so­
«sorvegliare la bocca» (sdmar peh, Mich. 7,5; Prov. pra, 1.1.2). Al primo sguardo questa locuzione si­
21,23); «coprire la bocca» (sàkar peh, Ps. 63,12); gnifica esattamente «rutto ciò che procede dal­
«mettere la mano sulla bocca» (sìm jàd l epeh, Iob la bocca di Jhwh», ma nel contesto immediato
40,4; cfr. Prov. 30,32 senza sim)\ «parlare molto l’espressione assume il significato di un nucleo
rapidamente» (bdhal ‘alpi, Eccl. 5,1); «chiudere la strutturale dell’unità catechetica di Deut. 8,2-6 e
bocca» (hds'ak peh, Iob 7,11). Tali espressioni de­ fa riferimento all’espressione miswót jhw h, che
notano per lo più un’attività che rientra nell’anti­ ricorre più volte in questa unità (cfr. w . 2 e 6).
tesi avvedutezza-stupidità (cfr. sotto, vi). Quindi «tutto ciò che procede dalla bocca di
In tutte queste attestazioni è stato possibile os­ Jhwh» sono in questo caso, prima di tutto e so­
servare la grande estensione semantica del lesse­ prattutto, i suoi comandamenti (cfr. F. Garcfa Lo­
ma peh. Nella sfera umana si tratta di un lessema pez, Bibl 62 [1981] 50-53).
psicofisico, perché da un lato peh coinvolge qualità Nelle tradizioni sacerdotali (P) e dtr. l’espres­
psichiche (emozioni e intelletto), dall’altro quali­ sione p i jhwh è usata per designare il comanda­
tà fisiche (in quanto parte del corpo con le sue mento, l’ordine o il mandato di Jhwh (Ex. 17 ,1;
proprie funzioni). I passi che si riferiscono all’am­ Lev. 24,12; Num. 3,16.39.51; 4,37,41.45.49; 9,18.
bito psichico della comunicazione hanno conte­ 20.23; 10,13; 1 3»3i 33,2.38; 36,5 [tutti PJ e Deut.
nuti di natura sapienziale ed etica. Essi mostrano 34,5; Ios. 15,13; 17,4; 19,50; 21,3; 22,9; 2 Reg. 24,3
79 (vi , 5 3 0 peh (F. Garda Lopez) (vi,532) 80

[tutti dtr.]). Tale significato trova chiaramente lo. In tali situazioni oracolari la risposta divina
conferma nei passi in cui l’espressione p i jhwh è non era articolata, perciò il sacerdote doveva in­
collegata con termini che indicano direttamente i terpretarla affinché il popolo potesse conoscere la
comandamenti e gli ordini di Jhwh (come siwwà rivelazione divina. Nell’espressione ufi ló' sà'àlu
o mismeret, cfr. sopra, iv.2), o in passi con un ri­ (Is. 30,2) «bocca di Jhwh» si riferisce probabil­
ferimento diretto a una legge data da Jhwh. Nella mente al profeta: egli è stato mandato al re Eze­
maggior parte di questi testi Mosè (più di rado chia per riferirgli un messaggio di Dio, ma Eze­
Giosuè) riceve il compito di interpretare la vo­ chia non l’ha voluto ascoltare (per il profeta qua­
lontà di Jhwh e di badare a che questi comanda­ le bocca di Dio cfr. sotto, v.2).
menti vengano anche eseguiti. Mosè appare dun­ Is. 1,20; 40,5; 58,14 e Mich. 4,4 usano l’espres­
que come il tramite della volontà divina e il me­ sione k i p i jhwh dibber. Questa locuzione viene
diatore tra Dio e il suo popolo. usata quale «formula del messaggero» conclusiva
Si può accettare la volontà di Jhwh oppure ci si per autenticare la profezia quale parola pronun­
può ribellare a essa. Persino Balaam, di conse­ ciata da Jhwh con la propria bocca. Ier. 9 ,11 usa
guenza, ritiene più importante riconoscere la vo­ dibber + p i jhwh, ma in una formulazione diversa
lontà divina che assecondare i disegni di Balak. con riferimento a quei profeti che, considerati sa­
Anche se Balak gli offre così numerosi doni, Ba­ pienti (cfr. 8,8 s.), hanno il compito di proclamare
laam non trasgredirà l’ordine di Jhwh: ló’ 'ukal la volontà di Dio al popolo.
laàbòr ’et-pi jhwh (Num. 22,18; 24,13: tutti e due 2. La bocca dei profeti è il «prolungamento»
sono testi che provengono da redazioni tarde, cfr. della bocca di Jhwh: Geremia ritiene di essere lui
Cortese 144). L ’espressione ‘àbar 'et pi jhwh è stesso bocca di Jhwh. Quando ritornerà a Dio,
sinonima di hàtà' ‘peccare’, come dimostra la Geremia ritornerà anche a essere bocca di Jhwh
confessione che Saul rende a Samuele (/ Sam. 15, (cfr. Ier. 15,19).
24 dtr.). L ’espressione sim d cbàrim befé con Jhwh per
In particolare nelle tradizioni dtr. e sacerdotali soggetto, oppure quella equivalente nàtan d cbà-
s’incontrano di frequente racconti di ribellioni rim b % rientrano nella fraseologia caratteristica
del popolo contro la volontà di Jhwh. In Deut. 1, della letteratura profetica. La prima formulazione
26.43; 9,23; / Sam. 12,14.15; 1 Reg. 13,21.26 (tipi­ s’incontra nella storia di Balaam (Num. 22,38; 23,
ci testi dtr.) si usa il verbo màrà ‘essere riottosi, ri­ 5.12) e ripetuta in Is. 51,16; 59,21. Balaam riceve la
belli’ insieme con l’espressione p i jhw h per indica­ parola di Jhwh nella propria bocca, com’è avve­
re l’opposizione d’Israele davanti a un ordine di­ nuto anche agli altri profeti. Anche questa formu­
vino. Lo stesso avviene in Num. 20,24 e 27,14 (P) lazione vale da formula del messaggero (2 Sam. 14,
con formulazioni lievemente diverse, ma di iden­ 3.18 s.; Ex. 4,15; Esdr. 8,17). Nel racconto della
tico significato. Nelle tradizioni dtr. si usano le sua vocazione, e anche in altri momenti della sua
espressioni màrà o *àbar + p i jhwh spesso insie­ missione profetica, Geremia si vede quale messag­
me con i verbi sàma\ sàmar o 'mn hif. negati, un gero quando afferma che Jhwh ha messo le pro­
altro modo per indicare la disubbidienza del po­ prie parole nella sua bocca (Ier. 1,9; 5,14; cfr.
polo verso Dio e i suoi comandamenti. In Deut. Deut. 18,18), un'altra conferma che i profeti si so­
9,23; 1 Sam. 12,14 s. si trovano in parallelo himrà no considerati bocca di Dio. Il rapporto innega­
p i jhw h e lo' sàma‘ qól jhw h, sottolineando così il bile tra la missione di Geremia e quella di Mosè
nesso fondamentale tra qól (-* q w l) e peh (cfr. sot­ viene segnalato anche dall’uso delle espressioni
to, vii.i). identiche (cfr. Ier. 1,9 con Deut. 18,18; cfr. F. Gar-
Nell’ambito profetico l’espressione p i jhwh ci'a Lopez, V T 35 [1985] 1-12), una coincidenza
compare in Ios. 9,14 dipendente da sà ’al (cfr. Num. che sottolinea ancor di più la funzione mediatrice
27,21; Is. 30,2), in Is. 1,20; 40,5; 58,14; Ier. 9 ,11; dei profeti (cfr. sopra, v.i; L. Ramlot, DBS 8,
Mich. 4,4 dipendente da dibber e in Is. 62,2 dipen­ 1038-1040).
dente da nàqab (cfr. anche Is. 34,16: siwwà + peh Le funzioni dei veri profeti si distinguono chia­
con riferimento a Jhwh). ramente da quelle dei falsi profeti. Costoro dan­
Ios. 9,14 allude forse alla prassi oracolare, nella no oracoli falsi (1 Reg. 22,22 s. / 2 Chron. 18,21
quale si interrogava Jhwh per mezzo delle sorti s.) e proclamano visioni che provengono dal loro
(cfr. M.H. Woudstra, N IC O T 160): l’espressione stesso cuore, non dalla bocca di Jhwh (Ier. 23,16).
p i jhwh è equivalente a «oracolo di Jhwh*. In Ezechiele descrive la propria profezia in termini
Num. 27,21 si ha l’interrogazione dell’oracolo me­ analoghi: essa è un rotolo scritto che Jhwh gli ha
diante gli urim per far parlare Jhwh al suo popo­ dato e che lui deve mangiare completamente pri­
8i (vi, 533 ) peh (F. Garcfa Lopez) (vi,534) 82

ma di poterne comunicare il contenuto al proprio spalancate pronte a ingoiarlo. In tali casi la pre­
popolo (Ezech. 3,2 s.). Così egli mangia il rotolo ghiera si volge a Dio che può liberarlo (Ps. 22,22;
e Jhwh apre la bocca del profeta, affinché le paro­ 109,2.30; cfr. Am. 3,12 e lob 36,16). Questa con­
le del rotolo possano essere trasmesse al popolo cezione viene ora a collimare con l’ambito della
(v. 27). Questo messaggio, orale o scritto che sia, letteratura sapienziale.
è per un verso totalmente di Dio e per l’altro to­
talmente del profeta. vi. Nella letteratura sapienziale peh ricorre con
Le parole provenienti dalla bocca di Jhwh, tra­ grande frequenza nel libro dei Proverbi e nei
smesse mediante i profeti, mostrano una tale for­ Salmi, meno spesso in Giobbe e in Qohelet.
za ed efficacia da poter essere paragonate ad at­ 1. In questi libri i passi che contengono il ter­
trezzi che possono ferire e persino uccidere (Hos. mine «bocca» possono mantenersi molto sulle ge­
6,5; Is. 11,4). La parola profetica è come un fuoco nerali per quel che riguarda il contenuto e anche
che consuma - una funzione che appartiene an- l’intenzione. Così in Prov. 4,5; 5,7; 7,24 i figli,
ch'essa solitamente alla bocca (Ier. 5,14) - o come cioè gli studenti, vengono invitati a imparare le
una freccia mortale (Ier. 9,7), come una spada parole della bocca (’imrè peh) del maestro. Un in­
affilata (Is. 49,2; cfr. sopra, in .2). La potenza vito simile si ha in Ps. 78,1 s., dove è diretto al po­
efficace della parola di Dio risulta con particolare polo (cfr. Ps. 49,2 ss.).
chiarezza da Is. 55,10 s., dove la parola è parago­ 2. Nei testi sapienziali che parlano di «bocca»
nata alla pioggia e alla neve che rendono la terra è possibile individuare con chiarezza una divisio­
fertile. La parola che procede dalla bocca di Dio ne rispetto a due gruppi opposti di persone: saggi -
può dare vita e morte, in tutto affine alle benedi­ stupidi e buoni-cattivi. In tale suddivisione, la
zioni e maledizioni previste al momento della con­ prima coppia denota una categoria sapienziale in­
clusione del patto (Deut. 30,14 s.). tellettuale, mentre la seconda contiene una catego­
3. Dio non mette la propria parola soltanto nel­ ria religiosa etica, sebbene tra le due si stabilisca­
la bocca del profeta; egli pone anche, in quella di no rapporti incrociati tali, che i savi o gli stupidi
chi prega (nàtan + b cf i y cfr. sopra, v.i), «un nuo­ si possano identificare mediante la loro bontà o
vo canto, una lode al nostro Dio» (Ps. 40,4). Si cattiveria.
può quindi lodare Dio, perché Dio stesso apre le Al gruppo dei buoni appartengono i giusti (sad-
labbra dclPorante e gli ispira un inno che provie­ diqimy Prov. 10 ,6 .11.31; 11,9; Ps. 37,30) e i probi
ne allora dalla sua bocca (Ps. 51.17). La lode di Dio (fsàrìm , Prov. 11 ,11) . La bocca dei giusti espri­
si rivela così come dono di Dio stesso. Ciò spie­ me sapienza (hokmà, Prov. 10,31; Ps. 37,30). In
ga perché si possa cogliere la voce del Dio viven­ Prov. 8 la sapienza è personificata e le parole che
te anche nella bocca dei bambini: Dio si mostra nei escono dalla sua bocca sono caratterizzate come
piccoli e nella loro bocca nasce il canto di lode (Ps. verità e rettitudine. La sapienza odia la bocca
8,3 secondo i L X X ; cfr. Mt. 21,16). mendace (pi tahpukót); nelle sue parole non c’è in­
La bocca, in armonia con le labbra e la lingua ganno né falsità (Prov. 8,7 s.13). In questa succes­
(cfr. Ps. 51,17; 63,6; 66,17; I26,2), ancora di più in sione di valori etici, la verità si contrappone alla
accordo con tutto l’essere (Ps. 145,21): tutto si cattiveria: verità senza falsità e rettitudine senza
mette in movimento per cantare la grandezza del cattiveria, nell’ambito della parola. A l gruppo dei
Signore, per narrare la sua giustizia e le sue opere malvagi appartengono gli scellerati e gli ingiusti
di salvezza (Ps. 71,8.15; 126,2; 145,21). Affinché (’àdàm b'iijja'al, 'is ‘àwòn, Prov. 6,12), gli empi
dunque una preghiera possa formarsi, è necessa­ (r'sà'im, Prov. 10,6.11; 1 1 ,1 1 ; 12,6; 15,28; 19,28;
rio che il Signore apra le labbra dell’orante: sol­ Ps. 36,2 ss.). La loro bocca è segnata dalla falsità
tanto allora egli potrà accettare le preghiere che (tiqqesùtyProv. 4,24; 6,12), dalla perversione e dal­
provengono dalla bocca dell’uomo (Ps. 54,4; 119, la menzogna (tahpukót, Prov. 10,32; ‘àwòn, Prov.
108). 19,28; Ps. 36,4) e dalle malefatte in generale (rà(óty
Nella preghiera ha la sua parte anche un altro Prov. 15,28; cfr. Ps. 50,19). Il cuore dell’intelligen­
organo, il cuore. Anche se le labbra si muovono e te è diretto verso la sapienza e la sua bocca espri­
la bocca si apre, di fatto è col cuore che si prega. me sapienza, mentre la bocca dello stolto si nutre
Il cuore si muove verso Dio e la bocca accompa­ di malvagità ed esprime cattiveria (Prov. 15,2.14).
gna tale movimento (/ Sam. 1,12 s.; 2,1). Il savio controlla le proprie labbra e parla con giu­
Infine il salmista distingue la propria bocca, che dizio mentre la bocca dello stolto esprime alte­
vanta le opere meravigliose di Jhwh, dalla bocca rigia (Prov. 14,3): «Chi controlla le proprie lab­
degli empi, che egli vede come fiere dalle fauci bra preserva la vita, chi spalanca la bocca lo co­
83 (v i, 535 ) peh (F. Garcfa Lopez) (vi,536) 84

glie la rovina» (Prov. 13,3; Iob 35,16). «Il cuore pensiero, parola e azione. Ma questa concordia
del saggio rende la sua bocca accorta, aumenta il viene spesso turbata da conflitti tra pensieri e pa­
sapere sulle sue labbra» (Prov. 16,23). Elifaz re­ rola (menzogna), tra parola e azione (ipocrisia) e
spinge le opinioni di Giobbe perché non parla da tra pensieri e azione (doppiezza o debolezza; cfr.
persona assennata; le sue affermazioni sono vuo­ de Geradon 31. 36; Bernaert 5 s.).
te e le sue parole non hanno peso: «La tua stessa In Prov. 4,20-22 si ha una serie di rapporti
bocca ti condanna, non io; le tue labbra testimo­ trasversali tra le parti del corpo dell’uomo e l’at­
niano contro di te» (lob 15,2-6). tuazione di essenziali attività umane. La descri­
3. La bocca dell’uomo non è innocua: al con­ zione del cuore, della bocca, della lingua, degli oc­
trario, è un’arma potente. Le cose che dice hanno chi, di orecchi, mani e piedi cerca di presentare
conseguenze serie, in bene e in male. Questo vale l’intera personalità dell’allievo nella sua costitu­
non solo per l’individuo ma anche nella comunità zione fisica, nella sua intera vita umana. Il cuore
e nell’ambito sociale. La bocca del giusto è una funziona da centro dell’uomo. È il cuore che re­
sorgente di vita e di benedizione. Le sue parole gola le funzioni delle altre parti del corpo, che con­
producono benessere. Lo stolto ottiene violenza trolla bocca e lingua, gli occhi e ciò che essi vedo­
e la pratica con la sua bocca. Le sue parole di­ no, infine l’azione dei piedi. •
struggono lui e gli altri (cfr. Prov. 10,6.11.14.31 Prov. 6,12-14 descrive il contrasto tra gli orga­
s.; 18,7; Ps. 50,19; Eccl. 10,12 s.). Con la sua bocca ni esterni (bocca, occhi, piedi, dita) e la ragione o
l’uomo può costruire o distruggere la comunione il cuore, cioè mette in evidenza un’opposizione
di vita coi suoi vicini. Le parole dei malvagi fab­ tra le attività interiori dell’uomo (intenzione) e le
bricano intrighi e annunciano cattiverie contro il loro manifestazioni esterne. L ’uso improprio de­
prossimo. Parole di questo genere diventano una gli organi esterni segnala una perversione del cuo­
forza devastatrice in seno alla società. Al contra­ re, del centro vitale dal quale provengono i pen­
rio la benedizione dei giusti serve alla pace e alla sieri e i sentimenti (cfr. B. Gemser, HAT 1/16, 39).
ricchezza della città; le loro parole sono buone e Al contrario il cuore del saggio rende accorta la
costruttive, perché essi si preoccupano del benes­ sua bocca (Prov. 16,23). Questo rapporto interio­
sere del prossimo (Prov. 11,9 .11). Le parole dei re tra ragione o cuore e bocca o manifestazioni
malvagi possono trasformarsi in trappole mortali. esteriori costituisce una parte essenziale dell’argo­
Con le sue parole il colpevole cerca di stravolgere mentazione e del concetto di fondo di una serie
il diritto e consegnare l’innocente alla morte. L ’in­ di altri testi sapienziali: cfr. Prov. 15 (spec. vv. 14
nocente può difendersi e salvarsi se dice la verità e 28); Prov. 16,23; P*' 1 Al > 3 s> H cuore ben orien­
(Prov. 12,6; 18,7). Quindi l’attento controllo del­ tato, dal quale proviene una buona condotta mo­
le parole è una questione di vita o di morte; i frutti rale, è quello che contiene in sé la legge di Dio
della bocca sono salutari o letali. Chi bada accu­ (Ps. 37,30 s.). In ultima analisi l’ideale sapienziale
ratamente alla propria bocca non schizza veleno etico dell’uomo consiste nel suo rapporto con Dio,
e sta attento a non colpire mortalmente gli altri l’unico nel quale esista un’unità perfetta di cuore,
(Prov. 13,2 s.; 21,23; 2^,9)- Tutti questi passi sot­ labbra e parole.
tolineano chiaramente il peso e l’efficacia delle pa­
role umane, la forza della bocca dell’uomo. Que­ v ii. 1 . 1 L X X traducono generalmente peh con
ste osservazioni confermano una volta di più axó(uà, un termine che copre sostanzialmente i me­
quanto è stato detto (cfr. sopra, v.2) circa la po­ desimi ambiti di peh. In 5 casi i L X X usano izzpi-
tenza della parola. In questa prospettiva si capi­ c t t Ó | ju o v che indica propriamente la «regione at­
sce bene il salmista che con tono sapienziale sot­ torno alla bocca», ma in senso lato si riferisce
tolinea i pericoli derivanti dalla bocca malvagia e all’apertura della bocca nel suo complesso (cfr.
dalla lingua bugiarda, e di conseguenza supplica Ex. 28,32; 36,30 [= 39,23]; Iob 30,18; cfr. anche
Dio di non riposare, ma di intervenire a salvarlo Iob 15,27). Quando per la traduzione i L X X
(Ps. 109,2; 144,8-11; cfr. lob 5,15 s.). ricorrono ad altri termini, si tratta di varianti che
4. Se si dovesse definire con una sola parola rientrano comunque nell’estensione semantica di
l’ideale sapienziale etico dell’uomo quale esso tra­ peh (cfr. sopra, ìv). Queste variazioni possono es­
spare dai testi che contengono la parola «bocca», sere riunite in due gruppi. In primo luogo peh vie­
si dovrebbe parlare della «coerenza di vita». Cuo­ ne tradotto con yXùaaa. (Iud. 7,6), xe‘ ^°S (Prov.
re, bocca e mani sono i centri più importanti nel­ 6,2) o 7tpó<joj7tov (Ps. 17,8; 54,21; Prov. 2,6), quin­
la vita umana. L ’ideale consiste nell’esistenza di di termini che indicano altre parti del corpo che
armonia tra questi tre organi e le loro funzioni: sono in rapporto con la bocca. In secondo luogo
8 5 (vi, 537 ) peh (F. Garcia Lopez) (vi,538) 86

peh è tradotto con parole che indicano la comuni­ ribellione contro Jhwh (cfr. sopra, v.i). Altro te­
cazione: eirceìv (Gen. 45,21); Xóyoz (1 Sam. 15,24); sto importante è iQ S 10,21 s., dove s’incontrano
7tpóaxaYp.a (Lev. 24,12; Num. 9ji8b.20.23b; 33, tutti insieme cuore (lèb), bocca (peh), labbra (sàfà)
38; 36,5; Ios. 15,13; 17,4; 19,50; 21,3; 22,9; lo b 39, e lingua (làsón) per chiarire una serie di decisioni
27); PWa {Ex. 17,1; Num. 14,41; 22,18; 24,13; 27, personali del membro della setta, un catalogo di
14; 33,2; Deut. 1,26.43; 9»*3; 34.55 1 Reg- x3.26; impegni che ricorda da vicino la letteratura sa­
lob 16,4; 23,12); 9Óvoc; e <povf, (Ex. 17 ,13; Num. pienziale. In iQ S 10,23 peh sta in parallelismo con
21,24; Deut. 13,16; 20,13; Num. 3,16.39.51; 4,37. làsón in una formulazione che ritorna negli Inni:
41.45.49; 9,20; 10,13; 13,31; >4 m. 6,5). behòdót 'eftah p i par. w esidqót 'i l tesappér l esóni
In Ps. 132,2 si ha un caso curioso che merita di tàmid(cfr. iQ H 19,4.33).
essere osservato: peh viene tradotto o>a ‘orlo’, che Secondo iQ M 14,6 (un testo di ringraziamen­
comunque rientra sempre nello spettro semantico to) è Dio stesso ad aprire la bocca dei fedeli affin­
di peh (cfr. sopra, 111.4). ché possano rendergli grazie; egli apre la bocca
Indipendentemente da ciò, diverse locuzioni dei muti affinché cantino la sua grandezza. Il te­
con peh sono tradotte con espressioni proprie e sto di Qumran allude a Ezech. 33,22; cfr. anche
non alla lettera: ad es. k'badpeh (Ex. 4,10) è reso Ps. 39,10.
con iayyóydjvos, higdilpeh (Abd. 12) con p.eyaXop- Nelle Hodajot il termine peh assume una rile­
pejJLoveiv e màrà 'et peh (Num. 20,24) con 7iapo!;u- vanza teologica superiore a quella che ha in altri
vetv. Nella maggior parte dei casi queste varianti scritti (cfr. sopra, v.3). Dio diventa il centro di nu­
rappresentano precisazioni, che rientrano tuttavia merose espressioni formate con peh. Si parla della
sempre nell’ambito semantico di peh. In linea di «sua bocca» (iQ H 11,5), della sua «gloriosa boc­
principio ciò avviene sempre quando si tratta di ca» (b ef i k ebódekà, 14,14) e della sua «bocca ve­
termini attinenti alla comunicazione, perché in race» (’èmetpikà, 19,7). In quest’ultimo testo s’in­
questi passi peh non si riferisce in senso stretto contra inoltre un parallelismo tra bocca e mano
alla bocca ma alle parole, ai comandamenti o alla di Dio: «Ho conosciuto che c’è verità nella tua
voce, insomma a ciò che procede dalla bocca. bocca, e nella tua mano giustizia». Dalla bocca di
In 1 Sam. 15,24 p i jhwh viene tradotto con xòv Dio procedono parole di ammaestramento (14,9);
Xóyov xupiou: i L X X evitano in questo modo un da lì nasce l’ordine del tempo (20,9). La bocca di
antropomorfismo che potrebbe forse provocare Dio è motivo di ravvedimento (14,14) e di con­
un’interpretazione sbagliata a causa del paralleli­ dotta (12,21). Dio stesso è colui che mette nella
smo dell’espressione con d ebàrekà (V m ù 'èl). Il bocca del salmista preghiera e lode (17 ,11; 19,4;
medesimo intento si riscontra ancora anche nei cfr. anche 11,33). Un’espressione simile con s'im
casi in cui i L X X omettono spesso l’espressione si ha in 16,16: s'amtà bef i k cjóreh gesem «Ma tu, o
'et pi, per es. in Ios. 9,15 (cfr. in proposito R.G. Dio, hai posto nella mia bocca (qualcosa) come la
Boling, AB 6, 258). pioggia precoce», con riferimento al Maestro di
2. Nelle sue diverse forme peh si trova 138 volte Giustizia che qui svolge un ruolo importante di
negli scritti di Qumran: 39 volte in iQ H ; 31 in mediatore della dottrina (cfr. M. Delcor, Les Hym-
iQ S; 20 in C D ; 17 in 11Q T ; 13 in iQSa; 4 in nes de Qumran [Hodajot], Paris 1962, 206). Dio
iQ M ; 14 volte in altri scritti. In più del 75% dei è colui che pone nella bocca dell’uomo la vera dot­
casi peh è costruito con preposizioni: 3 5 volte con trina e nel suo cuore la conoscenza, come afferma
l e, 33 con ‘al, 17 con be, 11 con min e 9 con k e e il 1Q H 10,17 s- con formulazioni parallele simili.
significato è qui del tutto simile a quello dell’A.T.: Ciò spiega la domanda di iQ H 18,7 e 20,32: «Co­
«secondo, conformemente a...». Similmente si me potrò parlare se tu non mi apri la bocca?». Il
trovano a Qumran le locuzioni fisse già rilevate salmista apre la sua bocca per cantare Dio poiché
nell’A.T.: ‘al p i haddcbàrim o ‘al p i hattórà (iQ S Dio ha creato il soffio sulla lingua (rùàh belàsón)
6,24; CD 7,7; 19,4; 20,28), insieme con espressio­ e «il frutto delle labbra» (p erì s'efàtajim), ha dato
ni particolari caratteristiche dei testi di Qumran, «un ritmo alle parole e una misura al soffio delle
come ‘al p i hàrabbim (iQ S 6,21; 8,19; 9,2), una labbra» (9,28.30-31; cfr. 19,24 s.). Oltre a tutti
espressione che probabilmente corrisponde all’al­ questi numerosi passi che si riferiscono a Dio e
tra ‘a lp irà b jisrà’é l(iQ S 5,22). all’orante, gli Inni hanno una serie di testi con peh
In iQ S 6,26 va notata la formula b e‘amrót 'et nei quali si parla della bocca di coloro «che cerca­
p i re‘éhu, che indica una ribellione contro la vo­ no l’inganno» (iQ H 10,34), di coloro che voglio­
lontà di un’altra persona, una formulazione che no cercare Dio nella bocca dei profeti di menzo­
ricorda Deut. 1,26.43; 9,23 dove si trattava di una gna, sedotti dall’errore (12,16). 1Q H 15 ,11 offre
«7 (vi,J 39) pwh (F. Reiterer) (vi, j 40) 88

un bel parallelismo tra bocca e lingua: «Non c’è break and thè shadows flee away»: ExpT 47 (1935-36)
bocca per lo spirito di distruzione né risposta del­ 431 s. - M.Ch. Virolleaud, L'alphabet sénestrogyre de
la lingua per tutti i figli della colpa». Secondo 16, Ras-Shamra (CRAIBL i960, 84-90).
35 la lingua è invece chiaramente indicata quale 1. La radice onomatopeica in origine monosil­
parte della bocca. Le diverse ricorrenze di peh nel labica pwh (von Soden 176; Meyer, Hehràische
Rotolo del Tempio mostrano l’uso del nostro ter­ Grammatik 11, 3i969, 133) ha già avuto un ri­
mine a proposito dei voti. Nel contesto delle leg­ scontro in nph (-> nph). In ugaritico non c’è alcu­
gi sacerdotali relative ai voti si prescrive che l’uo­ na attestazione monosillabica, ma probabilmente
mo debba mantenere ciò che con la bocca ha pro­ corrispondono a pwh il sir. pah (Lex. Syr. 559), il
messo (n Q T 53,13; cfr. 53,10.15). Qui si presup­ m. ebr. e l’aram. giudaico puah, cfr. l’ar.fdha ‘dif­
pone un chiaro rapporto tra sàfà e peh. In 1 iQ T fondere profumo o una fragranza’; va ricordato
54,5 si parla anche dei voti ma con una formula anche fahha ‘ fischiare (della tempesta)’. Si deve
nella quale il verbo jàsà' è unito direttamente con notare anche pufrpufrfrù/u ‘ lo sbuffare, fremere in
peh. k w ln d r... ’sr... 7 npsh jqw m w ‘Ijh kkw l ’sr js ’ battaglia; lite, conflitto’ (AHw 11 876). Nella di­
mpjh «Ogni voto di una vedova e di una divorzia­ scussione linguistica rientra anche l’ug. jph ‘ testi­
ta, tutto ciò che essa si è assunta è valido secondo mone’ (UT nr. 1129); è notevole che l’ebr. nph
tutto ciò che è uscito dalla sua bocca». Questi te­ abbia un corrispondente nell’ug. nph (con fr). Pe­
sti si richiamano a Num. 30,10 e Deut. 23,222 ss. raltro si dovrà tener conto di una vicinanza che si
Per le attestazioni di peh nei testi aramaici del è costituita principalmente sul piano semantico.
Mar Morto cfr. K. Beyer, ATTM 669. Nell’argomentazione ci si riferisce anche al siriaco
F. Garda Lopez pah, defecit (vox) ... laboravit (Lex. Syr. 561 s.).

.
i l i Si hanno 15 ricorrenze del verbo, di cui 3
qal e il resto al hif. Spesso però si ritiene che jà­
fiah (cfr. Barth 189. 233) sia un sostantivo auto­
n*l ù pwh nomo (= ‘ testimone’) in Prov. 6,19; 14,5.25; 19,5.
9; si considera tale possibilità anche per Ps. 12,6 e
1. Etimologia. - 11.1. Ricorrenze nell’A.T. incluso il Si­ Abac. 2,3. hàfèàh in Is. 42,22 non è un inf. ass. hif.
racide. - 2. Fraseologia. - 3. Traduzione nei LXX. - ma deriva da phh.
in. Uso nelPA.T. - 1. Soffiare con forza. - 2. Parlare 2. pwh è documentato spesso in costrutti ste­
energicamente, impetuosamente. - IV. Uso nel Siracide reotipati, come puah hajjóm (2 volte) e jàfiah k e-
e a Qumran. zdbim (5 volte). Le preposizioni usate per intro­
Bibl.: J. Barth, Die Nominalbildung in den semitischen durre l’oggetto sono l e (2 volte), be (1 volta) e ‘al
Sprachen, '1984 (= 1967). - P.-R. Berger, Zu den Stro- (1 volta). Soltanto in Ezech. 21,36 e forse in Ps.
phen des 10. Psalms: UF 2 (1970) 7-17. - B. Blake, «Un- 12,6 il soggetto è Jhwh, mentre in Abac. 2,3 sem­
til thè day break and thè shadows flee away»: ExpT 47 bra che sia hàzón.
(1935/36) 45. - W. Biihlmann, Vom rechten Reden und 3. La traduzione nei L X X si sforza di essere
Schweigen (OBO 12, 1976, spec. 93-100. 160-167). - uniforme nella scelta dei termini, anche se cerca
M. Dahood, Some Ambiguous Texts in Isaiah (30,/j ;
-
} 2 , 2 ; 33, 2 ; 4 0 , f ; 4 f , i ) : CBQ 20 (1958) 41-49.
Gifford, Song of Songs II. 1 7 (IV.6) and Isaiah XL.3 :
G.
di cogliere il valore semantico preciso. Si possono
elencare i seguenti equivalenti greci: Siarcveueiv (3
ExpT 47 (1935-36) 381. - S. Loewenstamm, jàfeàh, volte), èxxaieiv (5 volte), è^iKTav, iyy.aKzlv, etci-
jdfiah, jàfiah: Leshonenu 26 (1962) 205-208. 280, - Sexvueiv, avaxéXXeiv e xaTaxupieueiv (1 volta cia­
P.D. Miller,’ YÀPtAH in Ps X II 6: VT 29 (1979) 495­ scuno).
500. - J. Obermann, Survival of an Old Canaanite
Participle and its Impact on Biblical Exegesis: JBL 70 hi. L ’uso del termine va dall’ambito del moto
(1951) 199-209. - D. Pardee, YPH «Witness» in Heb­ ventoso violento (espresso col verbo) fino all’uso
rew and Ugaritic. VT 28 (1978) 204-213. - F.H. Picker- traslato, con riferimento al parlare (espirare > pro­
ing, «Until thè day break and thè shadows flee away»: nunciare). Non sembra esclusa una certa preva­
ExpT 48 (1936-37) 44. - J.S. Sibinga, Une citation du lenza dell’uso forense, un ambito nel quale è pos­
Cantique dans la secunda Petri: RB 73 (1966) 107-118).
sibile un impiego nel senso di «testimonianza».
- W. von Soden, n als Wurzelaugment im Semitischen
(in Studia Orientalia in memoriam C. Brockelmann, L ’intento di stabilire di un punto di riferimento
1968, 175-184). - A. Strobel, Untersuchungen zum semantico ha spinto K B L 3 866 s. a distinguere, sia
eschatologischen Verzógerungsproblem (NTSuppl 2, pure con una certa esitazione, tra un puah 1 e un
Leiden-Kòln 1961). - D.W. Thomas, «Ùntil thè day puah 11.
89 (v i, 54° ) pwh (F. Reiterer) (vi,541) 90

1. Il significato base di puah risulta in Cant. 9) e rph hajjòm (Iud. 19,9). Mentre per la mag­
4,16, dove la caratteristica del muoversi del vento gior parte nei passi in questione abbiamo verbi di
serve a costruire un’idea che si vuole inserire nel moto (''br,pnh), in Iud. 19,9 l’uso è traslato, co­
contesto lirico e usare in senso traslato. Alla can­ me nei due passi del Cantico. La maggioranza de­
zone descrittiva (4,12-15) segue antiteticamente, gli esegeti vi vede rappresentato un passare del
in forma di canto nostalgico (G. Krinetzki, BET giorno non meglio specificato e l’allungarsi delle
16 ,19 8 1, 22.153), l’esortazione insistente all’ama­ ombre, mentre altri vi vedono invece la descri­
to a godere dei frutti del giardino (cioè della don­ zione dell’inizio del giorno (Berger 14; Sibinga
na che parla). Con concreto simbolismo, si inti­ 108 s.; O. Loretz, A O A T 14/1, 19 71, 19). Pope
ma imperiosamente al vento del nord e al vento (AB 7C, 365) spiega che si tratta dell’ora «in cui
del sud di venire (fwr, cfr. Ier. 25,32 e b w \ cfr. termina l’attività amatoria». Contro questa inter­
Hos. 13,15) e soffiare (pwh). Con la scelta dei ter­ pretazione di jàfùàh hajjòm si possono avanzare
mini si indica una forza tempestosa incontenibile; obiezioni di tipo meteorologico, infatti l’espres­
la presenza dello stesso parallelismo in Ecclus 43, sione dovrebbe riferirsi all’effetto della rùàh haj­
16 s. conferma questa lettura. Nel contesto del jòm citata anche in Gen. 3,8. «D’estate, nel corso
Cantico si tratta della violenza del desiderio della mattinata, comincia regolarmente a soffiare
dell’amata. O. Keel (ZBK 18, 169) e G. Krinetzki una piacevole brezza da ovest che verso sera si fa
(Das Hohe Lied, 1964, 175) spostano il punto sa­ più forte» (Keel-Kùchler-Uehlinger, Orte und
liente sul godimento indisturbato, ma non rendo­ Landschaften der Bibel 1, 1984, 51). Già Dalman
no giustizia all’energia esplosiva incontenibile che (AuS 1/2, 5 11 s.) aveva notato che questo vento
permea tutta la scena. Per pwh hif. lo studio rive­ raggiungeva il massimo della forza verso le 14;
la che l’attività descritta col verbo non può essere secondo lui i passi del Cantico non andrebbero
vista superficialmente in termini di aure olezzanti collocati oltre quest’ora.
che trasportano profumi in ogni angolo del giar­ Effettivamente anche l’uso di puàh avvalora
dino (Rudolph, KAT xvii/1-3, 151), perché si questa interpretazione poiché, come si è notato, il
tratta piuttosto di un turbine violento e trascinan­ verbo implica che si tratti di un vento tempesto­
te, di folate impetuose e veloci: «far passare velo­ so. Quando il venticello ristoratore di pomerig­
cemente, soffiare impetuosamente». Nel giardino gio e sera fa sentire il suo effetto e prende il posto
si scatena in ogni angolo la forza del vento per della calura paralizzante del giorno, si sveglia la
cogliere tutte le fragranze e, per intensità simile voglia di muoversi e fare. Che si tratti di questo è
alla pioggia (cfr, Num. 24,7; Ier. 9,17; 18,14; ? s- evidenziato dal paragone con la gazzella e col gio­
147,18; Iob 36,28) che tutto bagna (cfr. nàzal, -» vane cervo, che nel Vicino Oriente antico simbo­
m i), animare e trascinare l’amato. leggiano (testimoni in Keel, Z B K 18, 95 s.) l’agili­
L ’espressione puah hajjòm ricorre solo in Cant. tà, il gioco e la leggiadria, ma soprattutto la più in­
2,17 e 4,6: «Finché il giorno jàfuàh e le ombre fug- tensa gioia di vivere della passione. È in questo
gano (nùs)». quadro e con questa predisposizione che secondo
Cant. 2,7 l’amata chiama l’amato; analogamente,
Poiché Cant. 2,iya.b e 4,6a.b sono identici, si è in 4,6 l’amato dichiara che mentre soffia il vento
pensato che 4,6 sia un brano ripreso secondariamen­ rianimatore egli andrà al monte della mirra, alla
te (Ringgren, ATD 163, 272 e passim) e per di più collina dell’ incenso. Le ultime similitudini descri­
inserito al posto sbagliato (per Loretz, AOAT 14/1, vono la forza di attrazione c il fluido inebriante
1971, 26. 28 andrebbe dopo il v. 7; andrebbe invece della donna (similmente Loretz, AO AT 14/1,28).
dopo il v. 8 per Graetz, Schir ha Schirim, Breslau
Ezech. 21,33-37 (secondario) è considerato «un
1885, 157). Ma dal momento che queste ipotesi non
possono essere provate oltre ogni ragionevole dub­ durissimo oracolo di giudizio» (Fuhs, N E B , 1984,
bio, si deve ritenere piuttosto che si tratti di un esem­ 115). Esso riprende a tratti il modo di esprimersi
pio di quanto questo topos fosse popolare nella liri­ di Ezechiele, per distaccarsene poi chiaramente di
ca amorosa. nuovo: «Il fuoco della mia ira 'àftàh contro di te»
riprende il tema del castigo del fuoco riservato
Per intendere che cosa significhi pùàìp hajjòm agli empi (Iob 20,26; cfr. 15,34; Deut. 32,22; Ier.
si può ricorrere al confronto col modo in cui al­ 15,14; 17,4) riecheggiando Ezech. 22,21.31; 38,19,
trove si rappresenta il procedere del giorno. Il dove però si usa (22,21) nph nel senso di «accen­
«trascorrere del giorno» è indicato con ‘br jòm dere, far divampare». L ’uso di verbi diversi sem­
(jàmim) (Soph. 2,2 [controverso]; Gen. 50,4; Iob bra intenzionale. I vv. 3 5b-37 vogliono descrivere
17 ,11 ecc.), pnh hajjòm (jàmim) (ler. 6,4; Ps. 90, la violenza dell’ira di Dio che si è accumulata e
9 i (v i,54-0 pwh (F. Reiterer) (vi,543) 92

scoppia irrefrenabile portando a un bagno di san­ (Prov. 2r,28), è lampante. Con queste espressioni
gue. In tale contesto il verbo nph, che talvolta ha si entra nell’ambito del disgregamento della co­
anche un valore neutro, sarebbe troppo debole. munità e del causare il male (’àwen, Prov. 19,18),
pwh esprime invece lo scatenarsi violento della un aspetto che anche Prov. 19,5.9 tengono molto
tempesta - qui metaforicamente: del fuoco del­ a evidenziare. Prov. 6,19 sottolinea che dire men­
l’ira. zogne suscita contese tra fratelli, corrodendo così
2 .1 seguenti passi sono ancora più lontani e di­ anche i più stretti legami familiari. Dato che un
staccati dalle immagini di partenza. Prov. 29,8 testimone compare di norma in tribunale, una
mantiene la funzione tempestosa, dinamica, tut­ condanna può mettere in gioco la vita fisica di
tavia il contesto impone un nuovo accento giac­ una persona (Prov. 14,5) così che colui che, falso
ché ora il verbo esprime una manifestazione ver­ testimone, sostiene menzogne viene giustamente
bale di tipo particolare: «uomini che deridono» equiparato al ràsà‘. Ora ci si deve chiedere se -
(’anse làsòn) infiammano (jàfihù) una città (qi- come prova una serie di traduzioni (cfr. Einheits-
rjà). Agli 'anse làsòn vengono contrapposti i hà- iibersetzung: «bisbigliare menzogne») - qui s’in­
kàmim e si tratta di una collettività (qirjà). L ’atti­ tenda veramente un evento silenzioso, segreto,
vità degli 'anse làsòn tende ad attizzare disordini un mormorare nell’ombra. Già le situazioni fo­
e offese maligne, c queste attraversano la città co­ rensi fanno capire che un falso testimone compa­
me un turbine che la sconvolge, pwh hif. è usato riva pubblicamente. Le conseguenze della depo­
per esprimere l’aspetto dell’agitazione tempesto­ sizione falsa non suggeriscono una situazione di
sa (provocata dall’azione sciagurata). sasso lanciato e mano nascosta. Se cioè colui che
I passi di Prov. 6,19; 14,5.25; 19,5.9 hanno una sostiene (pwh h if) con la sua parola il vero ('émù-
fraseologia comuhe (jàfiah k ezàhtm). Gemser nà) dice ciò che è giusto (sedeq, Prov. 12,17) e
(HAT 1/162, 38) accetta le argomentazioni di G or­ ‘éd 'èmet salva la vita di un uomo (14,25), ciò si­
don (cfr. U T nr. 1129) e suppone che jàfiah sia gnifica che anche l’operato malefico della contro­
un sostantivo sinonimico di ‘éd ‘testimone’; nelle parte sarà pubblico in egual misura. Si deve pre­
traduzioni continua tuttavia a leggere pwh hif. sumere che si tratti di dichiarare e sostenere con
(«chi soffia, espira menzogne»). Come Dahood determinazione il falso, di una ragionata e argo­
argomenta in maniera convincente per Ps. 27,12 mentata insistenza nel sostenere il punto di vista
(CBQ 20,1958,47 s. n. 21), jàféàh può rappresen­ ingiusto e non vero. Di conseguenza, si dovrà
tare un parallelo sinonimico di ‘éd. Il parallelismo intendere l’espressione di conio sapienziale jàfiah
in Prov. 19,5 fa presumere che tale significato sia k ezàbim in questo senso: «egli dichiara con forza
presente anche nel libro dei Proverbi (*éd seqà- e insistenza le menzogne».
rim lo' jinndqeh w ejàfiah k'zàbim là ' jimmàlét, L ’espressione jàféàh laqqés (Abac. 2,3) è un
al riguardo v. Delitzsch, Salomonisches Spruch- caso unico nell’A.T. La forma verbale è (come di­
huch [1883 =], Giessen 19 8 5,114 s.), tuttavia Prov. mostra tQpHab) un semplice impf. hif. (Ru­
12,173 (jàfiah 'emunà jaggid sedeq) e il chiasmo dolph, KAT xm/3, 212) e non, come suggerireb­
in 14,5 sconsigliano decisamente tale ipotesi. Men­ be il T.M. , un aggettivo verbale o uno iussivo. Nel
tre l’interpretazione risulta comunque plausibile contesto si tratta del profeta che aspetta «impa­
continuando a leggere la forma verbale pwh h if , ziente e veemente» (Jeremias, W M AN T 35,1970,
ci si può domandare se la tautologia in 6,193 e 14, 85) l’arrivo di ciò che è stato preannunciato.
5b, inevitabile se jàfiah dovesse avere lo stesso si­ Giustamente C.-A. Keller (ZAW 85 [1973] 159)
gnificato di ‘èd, corrisponda veramente alle inten­ classifica pwh tra i termini per «parlare» usati da
zioni degli autori. In 19,5 una decisione è impos­ Abacuc (cfr. Molin, Die Sóhne des Lichtes, Wien
sibile. 1954, 14: «ansima verso la fine», ina così l’elemen­
Nei passi appena esaminati il significato di pwh to della parola resta troppo in ombra). La visione
h if va chiaramente in direzione della manifesta­ parla con veemenza della fine, c non si tratta di
zione verbale. Dire k'zàbim è espresso frequen­ una menzogna (w clò' j ekazzéb). Il significato si
temente col verbo dihher (Iud. 16,10.13; Hos. 7, avvicina molto a quello di Prov. 14,5. In seguito
iy,Soph. },iy>Dan. 11,27). Nel linguaggio sapien­ Abac. 2,3 fu letto prevalentemente in chiave esca­
ziale sembra che si sia sviluppata una diversa ter­ tologica (cfr. Strobel).
minologia. La vicinanza rispetto a ‘éd seqer (Prov. Ps. 10,5 rientra in una serie di testi in cui pwh
6,19; 14,5; Ex. 20,16; Deut. 19,18) o a ‘é d s eqàrim h if descrive un parlare con veemenza e insistenza
(Prov. 12,17; 19,5.9), e anche rispetto a ‘éd hàmàs - qui in senso aggressivo - ma senza che sia da
(Ex. 23,1; Deut. 19,16; Ps. 3 5,11) o a ‘éd k'zàrìm escludere un contesto forense. Al contrario nel
93 ( v i,544) pus (H. Ringgren) (vi, 545 ) 94

testo non c’è alcun indizio che suggerisca che «in 11.1. Il verbo compare nell’ A.T. 13 volte al qal,
origine si pensasse a un soffio magico» (Gunkel, 16 al n if e 36 al h if Che in Ier. 25,34 ci sia un
G H K n/24, 38). sost. t'fùsà è dubbio (v. sotto). Il termine pusaj in
Tra i testi gravati da molti problemi c’è anche Soph. 3,10 non è ancora spiegato in modo defini­
jàfiah lo* in Ps. 12,6. Delitzsch, B C iv/i, 19 84,137 tivo (v. sotto).
rimanda a Abac. 2,3 e intende «a coloro che vi 2.a) Il significato base ‘traboccare’ compare in
anelano (cioè alla salvezza di Dio)». Kraus sostie­ Prov. 5,16, dove l’allievo del maestro di sapienza
ne (BK xv/15, 233 s. 236) che si tratti di uno che viene esortato a bere l’acqua del proprio pozzo:
viene messo a durissima prova. Si parlerebbe di «Le tue sorgenti dovranno scorrere per strada?».
un «testimone» che sarebbe intervenuto a difesa Secondo il v. 18 il «pozzo» è una moglie: il passo
per i poveri oppressi (Miller, V T 29 [1979] 499 rientra così negli ammonimenti a evitare la donna
s.). Le parole possono essere anche intese nel straniera; probabilmente nella massima il proprio
senso che Jhwh fa pervenire ai poveri il proprio pozzo simboleggia la sapienza o la propria fede
aiuto perché «egli» (inteso in senso collettivo) (cfr. H. Ringgren, ATD i6}, 30). Il medesimo si­
«grida con forza implorandolo» (lo si riferirebbe gnificato è presente probabilmente anche in Zach.
a jesa1). 1,17; «Le mie città torneranno a traboccare di ogni
bene» (così K. Elliger, ATD 2 56, 116; W. Rudolph,
rv. Ecclus 4,2 mette in guardia dal «deludere il KAT xm/4, 72 s.; diversamente intende F. Horst,
povero» (cfr. Sauer>Jesus Sirach, JS H R Z m 513). HAT 1/143, 220 che traduce pus mittòb «tristi, nel­
Quest’uso del verbo si allontana palesemente da la dispersione»). In iob 40, 11 il verbo (hif) è usa­
quello fin qui notato. to in senso figurato: Giobbe deve dar libero cor­
In iQ S 7,14 il verbo può significare, nel conte­ so al fiume della sua ira (‘ebrót 'af).
sto, solo un movimento simile a quello del vento b) Il significato ‘diffondersi, espandersi’ è do­
che fa muovere le vesti (cfr. sopra, m .i). Se con cumentato in 2 Sam. 18,8; la battaglia si estese a
questo movimento si scoprono le parti intime, il tutta la regione d’intorno. In questo gruppo rien­
colpevole dovrà essere punito per trenta giorni. tra anche Iob 38,24: il vento dell’est si sparge sul­
la terra (intr. hif). Ma in / Sam. 14,34 si coglie già
F. Reiterer
il significato ‘disperdere’: «Uscite (disperdetevi)».
Alla dispersione è talora legata una ramificazio­
ne: i clan dei Cananei si sparsero e divisero (Gen.
10,18; cfr. 9.19 con nps). Il popolo si sparse per
pus tutto l’Egitto per andare a procurarsi la paglia
(Ex. 5,12). L ’esercito abbandona il comandante e
rttìD n t'fusà, nàfas, U fi pzr si disperde (1 Sam. 13,8; 2 Sam. 20,22;2 Reg. 25,5
= Ier. 52,8; cfr. 1 Sam. 13 ,11 con nps).
1. Etimologia. - 11. Il verbo nell’A.T. - 1. Attestazioni. 3. La forma hif. in particolare indica lo sparpa­
- 2. Traboccare, estendersi. - 3. Spargere, sparpagliare gliamento di cose che si possono spostare con fa­
cose facilmente mobili. - 4. Disperdere un gregge. - cilità. Nella parabola del contadino di Is. 28,23­
5. Disperdere uomini, popoli. - 6. Esilio, diaspora. - 29 lo spargimento della semenza viene espresso
ni. I nomi. - 1. t'fùsà. - 1. bat pùsaj. - iv. 1. Qumran. - nel v. 25 con i due verbi héfis e zàraq. I monti di­
2-IL X X .-v.p2r. ‘ venteranno pula che il vento sparpaglierà (Is. 41,
16), un’immagine dell’annientamento dei nemici
Bibl.: G. Widengren, The Gathering of thè Disperseci:
d’Israele. Jhwh disperderà gli Israeliti apostati co­
SEÀ 41/42 (1977) 224-234. - ld., Yahweh’s Gathering
of thè Disperseci (Fs. G.W. Ahlstròm, JSOT suppl. 31, me pula trascinata via al soffio del vento del de­
1984, 227-245). serto (Ier. 13,24; cfr. 18,17). 1° Abac. 3,14 il ne­
mico attacca (s‘r) per disperdere Israele. Nei due
1. Etimologicamente pds è affine all’ar. fàda(i) ultimi passi citati l’oggetto è formato da persone,
‘traboccare, estendersi’ (Kopf, V T 8 [1958] 191). ma l’origine dell’immagine è chiara. Non è invece
Poiché il verbo arabo è di media j mentre il verbo del tutto chiaro Iob 3 7 ,11, dove Dio diffonde o
ebraico è di media w, e poiché inoltre l’ebraico ha sparpaglia «le nuvole luminose». Probabilmente
una forma secondaria nps (cfr. l’et. nafsa ‘disper­ si deve però leggere 'ànàn (st. ass.) e intendere ’ór
dersi, fuggire’. Lex. Ling. Aeth. 713), tutto sembra come al v. 2, «lampi»: le nuvole diffondono i lam­
indicare che si tratta di una radice biconsonantica pi tutt’intorno. Quindi Ps. 18,15 (= 2 Sam. 22,15;
ampliata in maniere diverse. cfr. la preghiera in Ps. 144,6) vorrebbe dire che
9 J (v i,546) pùs (H. Ringgren) (vi,546) 96

Dio saetta tutt’intorno: «lancia e dissemina (cioè colta dei dispersi «da tutti i paesi / da tutte le na­
scocca nelle diverse direzioni)» le frecce dei suoi zioni, dovunque essi siano stati dispersi», oppure
fulmini; in caso contrario si dovrebbero riferire i «dove Jhwh li ha dispersi» (Ezech. 11,17 ; 20,34.
suffissi a nemici non nominati. 41; 28,25; 29»T3; 34>12 » *ùf‘\ 36>t9 par.
4. Nel gergo degli allevatori di bestiame si è poi zrh; cfr. v. 24; cfr. Ier. 30,11). Si predice la disper­
sviluppato un significato specifico: un gregge vie­ sione anche all’Egitto (29,12 s.; 30,23.26 par. zrh).
ne disperso e gli animali si sbandano. L ’uso è per In una preghiera penitenziale Neemia ricorda a
lo più figurato. In Ezech. 34,5 Jhwh dice: «Non Jhwh (Nehem. 1,9) la promessa di riunire nuova^-
avendo alcun pastore, le mie pecore si dispersero mente il popolo disperso. Di origine parimenti
divenendo preda di belve feroci» - si tratta natu­ postesilica è Is. 11,12 , dove si predice che Dio riu­
ralmente di Israele. Zach. 13,7 esorta la spada a nirà nuovamente (’àsaf qbs pi.) i deportati (ndh)
colpire i pastori, così che le pecore si disperdano. di Israele e i dispersi (n'fùsòt) di Giuda. Secondo
A che cosa si riferisca esattamente questo verset­ l’affermazione escatologica di Is. 24,1 Jhwh di­
to è ignoto. Secondo Elliger, ATD 25*, 175 s. da­ sperderà gli abitanti della terra nel quadro della
vanti all’autore balena la figura di un Messia (cfr. grande catastrofe.
la citazione nel N.T., Me. 14,27). Oppure s’inten­ Per Widengren la «raccolta dei dispersi» è uno
de il cattivo pastore di Zach. 11,15 . Secondo ler. dei doveri del re assiro. Tuttavia da ciò non si può
10,21 (cfr. 23,1 s.) i pastori, cioè i capi d’Israele, dedurre senz’altro che la concezione dell’Antico
erano stolti e il loro gregge venne disperso. Mi­ Testamento ne dipenda. Essa può risultare dalla
chea figlio di Jimla vede Israele disperso sui mon­ situazione storica.
ti «come pecore senza pastore» (; Reg. 22,17 = 2
Chron. 18,16). Ui.i. L ’unica attestazione di t'fusà (ler. 25,34)
5. Questo significato viene poi applicato diret­ è incerta. La forma che compare nel testo, ùtefó-
tamente agli uomini in diverse situazioni. La gen­ sótikem, è grammaticalmente impossibile e sintat­
te di Babilonia voleva edificare una torre per non ticamente mal inseribile nel contesto. I pastori so­
essere più disseminata su tutta la faccia della terra no esortati a gemere e urlare, perché il giorno del­
{Gen. 11,4), ma Dio intervenne e la sparpagliò per lo scannamento è vicino; il testo sembra prose­
ogni dove (vv. 8 s.). Secondo la benedizione di guire dicendo «e sarete dispersi e cadrete». Il ter­
Giacobbe le tribù di Levi e Simeone saranno di­ mine tefùsà manca nei LX X . Probabilmente si trat­
sperse per tutto Israele (Gen. 49,7). I nemici bat­ ta di una forma corrotta di nps ‘ frantumare’ (W.L.
tuti si sbandano (/ Sam. 1 1 , 1 1 ; cfr. Is. 33,3 con nps Holladay, Jeremiah 1, Philadclphia 1987, 677).
e il par. ndd). Dopo la caduta di Gerusalemme 2. Parimenti problematica è l’espressione bat
tutti i Giudaiti corrono il rischio di essere disper­ pùsaj in Soph. 3,10: «Da oltre i fiumi di Kush mi
si (Ier. 40,15). Qui si deve ricordare soprattutto porteranno offerte (minhà) ‘àtàraj bat pùsaj». Le
l’antico oracolo dell’arca (Num. 10,35): «Levati, due espressioni non tradotte sono oscure. Se ‘àtà­
Jhwh, e i nemici si disperderanno; allora i tuoi av­ raj è collegato con ‘tr ‘pregare’ potrebbe signifi­
versari fuggiranno (nùs) davanti a te». Un’eco se care «i miei adoratori». Con G. Gerlemann, Ze-
ne trova in Ps. 68,2. phanja, Lund 1942,57 si potrebbe ritenere che bat
6. Nella stragrande maggioranza dei passi con pùsaj significhi «la figlia (in senso collettivo) dei
nif. e h if pws si riferisce alla dispersione nell’esi­ miei dispersi» e vedervi una variante di «i miei
lio (3 volte nel Deuteronomio, 1 in Isaia, 3 in G e­ adoratori». Per Rudolph (KAT xm/3, 292) pùsaj
remia, 13 in Ezechiele [+ 3 volte che riguardano potrebbe essere un pi. astratto col senso di «di­
l’Egitto], 1 in Neemia. Secondo Deut. 4,27 se il spersione». Si dovrebbe prendere in considerazio­
popolo praticherà l’idolatria Jhwh lo disperderà ne anche la congettura battefùsà «nella diaspora».
tra le nazioni. In Deut. 28,64 dispersione è con­ Il versetto resta comunque oscuro.
seguenza della mancata osservanza dei comanda­
menti, e in Deut. 30,3 si parla della raccolta dei di­ iv. 1. Negli scritti di Qumran ci sono soltanto 5
spersi. In Ezechiele, dove le attestazioni sono par­ ricorrenze di pws. Nella Regola della guerra si
ticolarmente numerose, si minaccia la dispersione parla della «forza di Dio per disperdere il nemi­
(Ezech. 12,15: «Affinché sappiano che io sono co» (iQ M 3,5; simile 4QM* 8 -10 ,1 14 e 4QShir*
Jhwh»; in 22,15 con Par- in 20,23 guardando [4Q510] 1,3 con pzr). Il Documento di Damasco
al passato, con par. zrh; cfr. anche ler. 9,15), op­ cita Zach. 13,7 (CD 19,8). Una componente della
pure essa è già una realtà (34,6; cfr. Ier. 40,15). teologia della comunità sta dietro a 4QPrFètesc
L ’accento principale cade però sulla futura rac­ (4Q509) 3,4, dove le condizioni della dispersione
97 (vi, 547 ) pah (D. Kellermann) (vi, 548)98

e della raccolta limitate nel tempo (tcqùfà) potreb­ 19 71 , spec. 173-176. - I. Scheltelowitz, Das Schlingen-
bero significare epoche ecclesiologiche. und Netzmotiv ( R W xn/2, 1912), - J. Schneider, 7ta-
2. Nei L X X ^ w s è tradotto per lo più con Sta- ytc, TtaytSeua) (G L N T ix 97-106). - G. Stàhlin, Skan-
(T-épeiv o con Siacr>cop7u£eiv. Solo in casi isolati si dalon. Untersuchungen zur Geschichte eines biblischen
Begriffs (BFChTh.M 24, 1930, spec. 98-104). - E. Vogt,
trovano altre traduzioni, come 8iayj:lv (Zach. 1,
«Ihr Tisch werde zur Falle» (Ps 69,23): Bibl 43 (1962)
17), ÙTtepey.'/eìv (Prov. 5,16), aneipciv (ls. 28,25) 0 79-82. - H. Wildberger, Schlinge (BH H W 111 1702 s.).
{jxopTu^Eiv (Ps. 18,15).
i.i. Per K B L 3 871 l’ebraico pah è un nome pri­
v. pzr è in parte sinonimo di pws. Solo una vol­ mario di tipo qall. In aramaico la parola è ampia­
ta (Esth. 3,8) si riferisce alla diaspora del popolo mente diffusa nella forma pahhà’ (in aramaico
ebraico. Qualcosa del genere è probabilmente giudaico, palestinese cristiano e soprattutto in si­
inteso anche da Ier. 50,17: Israele è come una pe­ riaco, v. Brockelmann, Lex. Syr. 5623) nel senso
cora smarrita (qal ptc. pass.) braccata dai leoni. di ‘laccio, cappio’. Per questa ragione S. Fraenkel
Un’interpolazione spiega Pimmaginc: i leoni so­ (Die aram. Fremdwòrter im Arabischen, Leiden
no l’Assiria e Babilonia; poi il v. 19 predice che la 1886 = 1962, 119) classifica l’ar. fahfe col signifi­
pecora sarà ricondotta ai suoi pascoli primitivi. A cato ‘rete, cappio, trappola’ tra gli esotismi ara-
proposito della lotta di jhwh col mostro Rahab si maici in arabo.
dice che Dio «ha disperso i suoi nemici» (Ps. 89,
1 1 pi.). Ioel 4,2 parla del castigo che colpirà i pa­ L ’acc. pàhu (cfr. AHw 11 81 ib, «una manica» con
stori che hanno disperso Israele (pi.); Dio disper­ unto interrogativo) addotto da GesB, K BL2 e Brok-
elmann, Lex. Syr. 5623 non contribuisce a chiarire
de (pi.) le ossa dei nemici (Ps. 53,6), un’espressio­ l’etimologia dell’ebr. pah e per questo, giustamente,
ne dell’annientamento totale (cfr. Ps. 141,7 dove non è più menzionato in KBLJ. - Tuttavia esiste in
l’orante lamenta: «Le nostre ossa sono dissemi­ egiziano un terminepbJ (WbÀS 1 543) che è attesta­
nate [nif.] sull’orlo della sheol». to in demotico come pfp c in copto come pai o fas nel
Infine pizzar significa ‘spargere’ nel senso di senso di ‘trappola, laccio, corda’ e che non può es­
«dare, distribuire in abbondanza», con Dio (par. sere distinto dall’ebraico pah. Il termine ebraico pah
nàtan, Ps. 112,9) 0 con l’uomo (Prov. 11,24: «Chi è quindi un prestito dall’egiziano (cfr. F. Calice,
dà generosamente riceve sempre di più») per sog­ Grundlagen der àgyptisch-semitischen Wortverglei-
chung, WZKM suppl. i, 1936,148 s.; nr. 605). In egi­
getto. Un concetto simile potrebbe essere espres­
ziano il significato ‘trappola per uccelli’ sembra che
so in Ier. 3,13, se si potesse leggere con BHS sia solo uno sviluppo secondario dal significato ori­
dòdajik invece di d eràkajik\ «Hai sprecato il tuo ginario dipfaj ‘lastra, ciocco’. Si tratta di una trappo­
amore con gente straniera». Holladay, Jeremiah la per uccelli fatta di legno, mentre in ebraico pro­
1, 59 conserva il T.M. e traduce: «Hai sprecato la babilmente la rete c la caratteristica principale della
tua forza». Infine in Ps. 147,16 si dice che Jhwh trappola per uccelli detta pah. È naturalmente allet­
sparge la brina come cenere. tante considerare pah una forma onomatopeica, ma
H. Ringgren la suddetta provenienza dall’egiziano lo sconsiglia.
K BLJ 871 prende in considerazione un pah n che
andrebbe distinto da pah I. Questo pah n sarebbe un
imprestito dall’egiziano (cfr. M. Ellenbogen, Foreign
T£) paz -» zahab Words in thè O.T., London 1962, 130), derivante dal
termine egiziano pipi ‘lastra, ciocco’ citato in prece­
denza. Tuttavia non si possono distinguere due no­
mi pah; bensì si dovrà ritenere che l’ebr. pah ‘ lastra
p zr -> p fì pus allargata martellando’ abbia conservato il significato
originario egiziano, mentre l’ebr. pah ‘trappola per
uccelli (rete a scatto)’ ha assunto un significato spe­
cializzato.
n f ì pah pah ‘lastra, piastra’ compare 2 volte nell’A.T. De­
scrivendo la fabbricazione dell’efod si racconta (Ex.
39,3) come lastre d’oro (pahè hazzàhàb) siano state
i.i . Etimologia. - 2 . Attestazioni. - 3. Significato. -
martellate fino a farle diventare così sottili da poter­
11. Uso nelPA.T. - in. 1. Qumran. - 2 . 1 L X X ,
le tagliare ricavandone fili d’oro da inserire nel blu e
Bibl.: G. Fohrer, Falle (BHH W 1 463). - G . Gerleman, rosso della porpora e del bisso, con esperta opera di
Contributions to thè O.T. Terminology of thè Chase ricamo. In Num. 17,3 i bruciaprofumi usati illegitti­
(Bull, de la Soc. R. des Lettres de Lund 1945-46, ìv), mamente dalla banda di Kore vengono martellati e
Lund 1946, 79-90. - P. Hugger, Jahwe meine Zuflucht, ridotti in larghe lastre con cui rivestire l’altare.
99 (vi, *49 ) pah (D. Kellermann) (vi, 5 50) 100

2. Il sostantivo pah si trova 25 volte nell’A.T., dini, questi diventeranno per esso «una rete e un
di cui 9 0 8 concentrate nei Salmi (in Ps. 11,6 si trabocchetto», cioè contribuiranno alla perdizio­
deve leggere pehàm o palparne 'carboni* invece di ne di Israele. - Sapendo che Dio può liberare dal­
pahim; altrimenti Ps. 69,23; 91,3; 119 ,110 ; 124,7 la rete a scatto dell’uccellatore (mippah jàqus),
[bis]\ 140,6; 141,9; 142,4); 3 in Isaia (8,14; 24,17. cioè dalle insidie dei nemici (cfr. anche Ps. 124,7),
18); 3 in Geremia (18,22; 48,43.44); 2 volte in Osea l’orante di Ps. 91,3 prega che Dio voglia proteg­
(5,1; 9,8); 2 in Giobbe (18,9; 22,10); 2 nei Prover­ gerlo dalla rete e dal legno (o esca) della trappola
bi (7,23; 22,5); inoltre in/os. 23,13; Am. 3,5 (bis) ed dei malfattori (cfr. Ps. 141,9). In Ps. 69,2.3 (cfr.
Eccl. 9,12; infine Ecclus 9,13 (ms. A). Il pi. pahim Vogt) l’orante supplica che Dio intervenga e pu­
si trova (prescindendo da Ps. 11,6) in lob 22,10; nisca i suoi nemici come si meritano, facendo di­
Prov. 22, j; Ier. 18,22 e Ecclus 9,13. ventare le loro mense una trappola e i loro ban­
chetti sacrificali (si legga w esalmèhem) un’esca. Il
Una volta (Is. 42,22) si ha un verbo denominale al
paragone tra mensa (sulhdn) e trappola (pah) di­
hif. ‘essere prigioniero, incatenato*. Nel T.M. c’è un
venta chiaro se si ricorda che la «tavola» della gen­
inf. ass. hàféàh che K BL2 vorrebbe sostituire con un
inf. ass. hof hufah, mentre K. Elliger (BK x i / i , 272 te semplice non era che una pelle di animale stesa
s.) e BHS propongono di leggere la forma verbale fi­ in terra, oppure una stuoia di paglia, e che i tavoli
nita hufahù. dei ricchi nella regione settentrionale della Siria e
in Asia Minore erano spesso costruiti come «ta­
3. Mentre non c’è unanimità circa il significato volini pieghevoli» (cfr. H. Weippert, B R L 2 230),
esatto di móqés (-> voi. ili 1034: asta di regolazio­ così che il loro sistema di costruzione ricordava
ne della trappola per uccelli, boomerang, esca, re­ quello delle reti a scatto. Similmente in Ps. 141,9
te), pah può essere definito con sufficiente preci­ risulta evidente il riferimento a questo sistema di
sione. Certo i due termini compaiono spesso in costruzione, se non si altera il T.M.: «Preservami
parallelo (Ios, 23,13; Is. 8,14;Ps. 69,23; 141,9) sen­ dalle due mani della trappola (la rete a scatto, mi­
za che si possa riconoscere una qualche differen­ d i fah) che mi si tende». Qui chiaramente si pen­
za, ma secondo Prov. 7,23; Ps. 124,7 e Eccl. 9,12 e sa «alle due reti che si ripiegano o alle due parti
soprattutto secondo Am. 3,5 pah serve per cattu­ incernierate della trappola che, come due mani, si
rare volatili. È pertanto lecito identificare pah chiudono improvvisamente catturando di sorpre­
con la trappola per uccelli, ancor oggi in uso (cfr. sa l’uccello» (Vogt 82). Quando in Ps. 142,4b il
G. Dalman, AuS vi 338 s. con ili. 60-63), la rete a salmista dice che sul sentiero su cui camminava è
scatto, che ben si conosce grazie all’abbondante stata nascosta una trappola per uccelli, l’immagi­
documentazione iconografica (cfr. A O B 58 con ne si riferisce alle celate calunnie e alle subdole ac­
ili. 182; O. Keel, Die Welt der altorient. Bildsym- cuse, nello stesso modo in cui i superbi di Ps. 140,
bolik und das A.T., *1977, ili. 110-120). Questo 6 tendono di nascosto una trappola per l’orante.
tipo di trappola è formata da due telai, per lo più Il pio può appellarsi alla sua costanza nell’osser-
curvi, ai quali è fissata una rete. La trappola è si­ vare i comandamenti, nonostante le trappole te­
stemata aperta per metà e munita di un’esca. segli dai malvagi (Ps. 119 ,110 ; cfr. Prov. 22,5).
Quando l’uccello si posa sulla metà della trappola Nella seconda risposta di Bildad (lob 18,9) si
che sta sul suolo, l’altra gli cade addosso impri­
afferma chc, nascosta in terra, una trappola a rete
gionandolo nella rete.
aspetta Giobbe per farlo cadere. lob 18,8-10 elen­
ca tutto un arsenale di attrezzi per la caccia, le cui
11. N cll’A.T. il sost. pah è usato unicamente in caratteristiche specifiche non sempre è possibile
senso figurato e solo in testi poetici. In quest’uso individuare con precisione. Anche nella terza ri­
traslato gli aspetti che vengono messi generalmen­ sposta di Elifaz (lob 22,10) si mette Giobbe in
te in risalto sono quelli dell’insidia perfida e del guardia dalle trappole a rete (pi.!) tesegli tutt’in­
pericolo mortale. torno pronte a catturarlo. - In Is. 24,17 s. il desti­
La locuzione hàjà l efah impiegata in senso tra­ no di tutti gli abitanti della terra il giorno del giu­
slato può essere tradotta «portare qualcuno alla dizio viene «mascherato» dall’autore con parole
perdizione, essere letale per qualcuno». Nel suo che dimostrano, non solo con la loro allitterazio­
discorso di commiato, ad esempio, Giosuè (Ios. 23, ne, che chi parla è un ipocalittico dalle notevoli
13) mette in guardia Israele dal rischio di vivere capacità retoriche:
in mezzo a popoli stranieri (si presuppone eviden­
temente la situazione dell’esilio). Se Israele rinne­ Tremendo orrore, trabocchetto e trappola (pahad
gherà la propria fede e si adeguerà alle loro abitu­ wàfahat wàfàh) | su di te, abitante della terra! ] Ac­
IOI (vi,551) pah (D. Kellermann) (vi,5 52) 102

cadrà, accadrà: chi fugge | dalla voce dell’orrore tre­ (O. Kaiser, ATD 17*, 187). Rientra tra questi
mendo | cadrà nella fossa del trabocchetto | e chi risa­ esempi anche il difficile versetto di Am. 3,5:
lirà dal trabocchetto | resterà irretito nella rete scat­ «Piomba l’uccello... sulla terra se non vi è stata po­
tata! sta un’esca? Scatta la rete dal suolo, senza pren­
dere niente?» - «I due... eventi sono, per così di­
Questo annuncio dell’ineluttabilità del giudizio re, solo due aspetti di una stessa e unica realtà:
universale, nel quale viene menzionata per ulti­ come il chiudersi della rete e la cattura della sel­
ma, infallibile e letale, la rete a scatto, viene appli­ vaggina non sono che un unico identico avveni­
cato alla lettera a Moab in Ier. 48,43 s. Anche de­ mento visto da due soggetti diversi, così anche
gli uomini possono diventare per altri uomini una profezia e parola di Jhwh costituiscono un’unità
trappola letale, cioè causa e mezzo di rovina (cfr. di essere» (H. Gese, V T 12 [1962] 427).
anche / Mach. 5,4). Tra i testi che ricorrono a que­
st’immagine c’è anche Hos. 9,8. Il profeta dice che iii.i. Nei testi di Qumran ph ricorre 10 volte.
il popolo lo osteggia: «Su tutte le sue (di Osea) Alcune espressioni sono riprese dall’A.T., ad es.
vie ci sono trappole come quelle che tende l’uccel­ CD 4,14 cita Is. 24,17 (pahad wàfahat wàfàh) in­
latore». I L X X fraintendono il testo e capovolgo­ terpretandolo nel senso delle tre reti (mswdwt) di
no la situazione di riferimento: per loro è il pro­ Belial, cioè la fornicazione, la ricchezza e la con­
feta a essere una Twayk ctxoXtoc, mentre per il T.M. taminazione del tempio. 1Q22 1,8 (parole di Mo­
sono proprio i sacerdoti e la casa reale a costitui­ sè) riprende Ios. 23,13 quando dice che gli ido­
re una trappola (pah) per Osea. li del paese saranno per Israele «una trappola e]
Ecclus 27,26 illustra il concetto di retribuzione: un legno di cattura (?) (lp[h w]mwqs)». Come in
«Chi scava un trabocchetto vi cade dentro e chi Ps. 140,6; 142,4b c Ier. i8,22b così anche in iQ H
tende una trappola vi resta intrappolato». In Hos. 10,29 e iQ H fr. 3,4.8 si parla della trappola siste­
5,1 s. il profeta esorta sacerdoti, capi dei clan e ca­ mata di nascosto (tmn in associazione con ph).
sa reale ad affrontare le loro comuni responsabi­ Non hanno invece alcun modello diretto nell’A.T.
lità. Con tre immagini prese dalla caccia, essi so­ le immagini dell’orante che diventa lui stesso una
no dipinti come i distruttori della libertà d’Israe­ trappola per il malfattore (iQ H 10,8; ma cfr. co­
le. Per Mizpa essi furono una trappola per uccel­ munque Hos. 9,8 LX X ) e delle trappole della
li, sul Tabor una grande rete tesa, di quelle usate fossa (phj sht) che si aprono (iQ H 11,26). Anche
per la caccia a leoni e gazzelle (Ezech. 19,8; Ecclus le espressioni in iQ H fr. 3,4.8, «i miei passi sulle
27,20), e «a Shittim» una fossa mimetizzata, nella loro trappole nascoste» c «trappola su trappola
quale cade la selvaggina. Le immagini dicono che essi nascondono» (wph Iph jtmwnw), sono nuo­
i responsabili del popolo lo hanno sedotto pro­ ve. Particolarmente insolita c la richiesta del sal­
prio nei tre luoghi citati, facendolo cadere. D i­ mista di Qumran (iQ H 21,10) di venire liberato
sporre trappole significa attentare alla libertà e al­ «dalle trappole del giudizio secondo la tua mise­
la vita. Purtroppo non siamo più in grado di co­ ricordia».
noscere l’esatta situazione storica. 2. 1 L X X traducono pah regolarmente con
Eccl. 9,12 fa notare che il destino degli uomini 7tayiq ‘laccio, trappola’. Con altrettanta regolarità
si compie con la stessa imprevedibilità con cui un Girolamo traduce con laqueus. L ’ immagine con­
uccello cade in trappola o un pesce nella rete: creta della trappola per uccelli non viene ricono­
piomba subito c inatteso (p it’óm) sull’uomo. - sciuta. izayiq è usato anche per rendere mòqès e
Prov. 7,23 parla della donna straniera e della sua altri termini.
preda: «Come un uccello vola veloce verso la
In Ezech. 29,4 i LX X leggono, evidentemente per
trappola senza accorgersi che ne va della vita», errore, pahtm (Tiaytòac,) invece di hahìm «ganci».
così si comporta l’amante che va dalla meretrice. Anche in Is. 42,22 invece di bàféàh S e Vg. (laqueus
Ancora più esplicito è Ecclus 9,3: «Non avvici­ iuvenum omnes) leggono happah a causa di un equi­
narti a una prostituta per non cadere nella sua re­ voco in cui sono incorsi i LXX. ixaYtSeóoj, un neolo­
te». Persino Jhwh può diventare una trappola per gismo della koinè o coniato direttamente dai LXX,
il suo stesso popolo. Così Isaia (8,14) con la figu­ è usato in 1 Sam. 28,9 per rendere mitnaqqés «ten­
ra della rete a scatto e della fossa ha davanti agli dere, disporre una trappola», mentre in Eccl. 9,12 si
occhi l’immagine di Gerusalemme assediata prima ha 7raviS£uovTai = juqàsim. ^ __ „
D. Kellermann
dagli Assiri e poi dai Babilonesi: «Jhwh è diven­
tato una rete che si è rinchiusa scattando sugli abi­
tanti della città e una trappola in cui sono chiusi»
(V1>5 53) pahad (H.-P. Muller) (VI>5 54) io 4

Levy, Chaldàisches Wórterbuch 11, rist. 1966, 258;


* in fì pahad
cfr. oltre il Targum anche la Vg. a lob 40,12 [= 17]:
testiculorum eius); sir. puhdà' ‘coscia, cosciotto’;
p a h a d 1 e ri sudarab. fhd; inoltre soprattutto dall’ar. fahid,
fahd, fìfpd (fem.) ‘coscia (incl. l’anca)’, con un
I. Le radici semitiche ph^d/d. - 11. L’ebraico phd e pa­ verbo denominale e altri derivati; cfr. l’eg. fppdwj
had. - x. Il panorama semantico. - 2. II verbo phd. - ‘sedere, deretano’, con metatesi p/jp. Probabili (!)
3.phd 'el. - 4. Il nome pahad 1. —5. Il panico. - 6. phd derivati della medesima radice sono il termine (di
nella sapienza: il timore di Dio. - in. pahad jishàq. incerta lettura) di Hatra ph°d ‘il clan’ (NESE in,
Bibl.:B.J. Bamberger, Fear and Love of God in thè O.T.: 1 97%> 73 s.), il palmireno ph(w)z, phd ‘clan’
HUCA 6 (1929) 39-53. - J. Becker, Gottesfurcht im (DISO 226 con bibl.) e Var. fahid e simili (masc.),
A.T., Roma 1965. - Y. Braslavi, phd jshq and ihe Bless- ‘sottodivisione di una tribù’ . - (3) Per contro l’acc.
ing of Ephraim and Manasseh: BethM 14 [7/2] (1962) pufpàdu(m) ‘agnello’, col fem. puhattu(m) (AHw
35-42. - L. Dcrousscaux, La crainte de Dieu dans l’A. T.y 875 s.), e l’ug. phd (collettivo) ‘agnelli’ fanno pen­
Paris 1970. - J. Haspecker, Gottesfurcht bei Jesus sare a una seconda radice nominale costituita dal­
Sirach, Roma 1967. - J. Hempel, Gott und Mensch im le consonanti phd, per la quale non esistono iso­
A.T. (BWANT 38, 1936,spec. 4-33).-D .R . Hillers,Pa­
glosse ebraiche (M. Dietrich - O. Loretz, U F 17
had Yishàq: JBL 91 (1972) 90-92. - P. Joiion, Crainte
et peur en hébreu bihlique: Bibl 6 (1925) 174-179. - K. [t 985] 99-103, spec. 100 s., con bibl.).
ICoch, pahad jishaq - eine Gottesbezeichnung? (Wer- L ’ipotesi di un rapporto tra pfjd > pfrz/d ‘clan’ e
den und Wirken des A.T., Fs. C. Westermann, 1980, simili, e i significati parimenti concreti della radice
107-115). - N. Krieger, Der Schrecken Isaaks: Jud 17 phd 11 nell’acc. pufpàdu(m) ‘agnello’ e nell’ug. phd,
(1961) 193-195.- A. Lemaire, Le «pays de Hépher» et non soltanto presupporrebbe una variazione seman­
les «FiUes de Zelopbehad» à la lumière des ostraca de tica metonimica troppo ampia (Hillers 92), ma ri­
Samarie: Sem 22 (1972) 13-20; cfr. Id., Inscriptions hé- chiederebbe anche, invece dell’acc. puhàdu(m), una
braiques, 1. Les ostraca, Paris 1977, 287-289. - Id., Lesforma con 31 radicale /z/(contro W.F. Albright, From
Bene Jacob-. RB 85 (1978) 321-337. - Id., À propos de pa­thè Stone Age to Christianity, Baltimore *1957, 248
had dans l ’onomastique ouest-sémitique: VT 35 (1985) n. 71; UT nr. 2035; UHPh 69 dove perciò si propo­
500 s. - B. Levine, phd jshq (EMiqr 6, 738). - M. Malul, ne, non solo come in Albright e C.H. Gordon «greg­
More on pahad yishàq (Genesis xxxi 42.53) and thè ge» per l’ug. phd, ma ancne «un branco [di cani]»
Oath by thè Thigh: VT 35 (1985) 192-200. - S. Mo- per l’ebr. pahad in Is. 24,18 e altri passi [cfr. RSP 1
rcnz, Der Schrecken Pharaos: SNumen 17 (1969) 113 ­ 439], e contro S. Scgert, A Basic Grammar of thè
125. - E. Puech, «La crainte d'Isaac» en Genèse xxxi 42 Ugaritic Language, 1984, 198; cfr. Puech 359 n. 5 che
et 53: VT 34 (1984) 356-361). - C.H. Ratschow et al., vorrebbe tradurre l’ug. pfpd «coscia», secondo lob
Gottesfurcht (RGGJ 2, 1958, 1791-1798). - K. Roma- 40,17).
niuk, Furchty 11. A.T. undN.T. (TRE xi, 1983, 756-759). A nessuna delle tre radici suddette appartengono
-J.M . Sasson, RSP i, 1972, 438 s. - H.-P. Stàhli,phd, phz nella locuzione mn.phzj.bnj.'s «a causa della tra­
beben (THAT 11, 1976, 411-413). - G. Wanke, q>ó(3a; e cotanza dei figli dell’uomo» (iscrizione di Deir ‘Alla
9o(Jéo(iai nell'A.T. (GLNTxv 72-91). 11 8) che deriva piuttosto da phz ‘gonfiarsi, ribollire;
essere spavaldo, sventato* (ebraico, aramaico giudai­
1. Il semitico ha almeno tre radici ph/hdld. - co, siriaco, arabo; cfr. H.-P. Muller, ZAW 94 [1982]
(1) La radice verbale ebraica phd (< phfhd 1) ‘pro­ 233; opinione diversa hanno J. Hoftijzer - G. van der
vare spavento; tremare, sussultare’ e il sost. pa­ Kooij, ATDA 277 e K BLJ s.v. pahad 1, 3) e il medio­
had 1 compaiono, se si prescinde da un incom­ babilonese pa/efpidu, un tipo di farina (AHw 811).
prensibile passo sillabico in una serie ugaritica di
scongiuri (RS 17.155 con dupl. 15.152; Ugaritica il. 1. Il significato complesso del verbo ebraico
v 3 2 , 1. h: lip-hu-tu-ma), dal N P di diffìcile inter­ phd I c ‘provare terrore’ con le sue manifestazio­
pretazione jpthd su una ciotola d’argento di Hala ni somatiche, ‘tremare, sussultare, essere scosso’,
Sultan Tekké (Cipro, xiii sec. a.C.; Puech 358. che talora però possono essere provocate anche da
361 n. 19 ma anche Lemaire, V T 35) e dall’inizio un’occasione lieta (Is. 60,5; Ier. 33,9). Come indi­
rovinato di una riga dell’iscrizione di Deir ‘Alla ca il tàmid ‘costantemente’ aggiunto, il pi. denota
(1 io[i 2]), soltanto in ebraico e aramaico giudai­ la paura che dura tutta la vita (Is. 51,13) oppure il
co. - (2) Il nome concreto con le consonanti phd timore di Dio (Prov. 28,14; Ecclus 37,12); senza
è noto dall’ebraico pahàdàjw «le sue (di Behe- avverbio significa ‘incutere timore’ (iQ S 4,2). Va­
mot) cosce» in lob 40,17, dove si una forma ara- lore causativo ha allora il hif. ‘far tremare, spaven­
maizzante con /<// < /J/ invece dell’ebraico /z/ < tare’ (lob 4,14). L ’oggetto della paura segue retto
jdj, aramaico dei Targum pah(a)dìn ‘ testicoli’ (J. da min o mippenè.
i °5 (VI»5 54) pahad (H.-P. Mùller) (vi >5 5 5) 106

Il sost. ebraico pahad indica che cosa succede Per la traduzione dei verbi ebraici del timore nei
quando si è presi dalla paura (Deut. 28,67; c^r- 4 °l LXX cfr. le esaurienti analisi di Wanke e di Stàhli 413
happahad «grido della paura» (Is. 24,18); qòl p e- (con bibl.). Per i termini paralleli e i contrari della
hàdim (Iob 15,21; simile Ier. 30,5) ovvero il «tre­ radice phd cfr. Joùon, Wanke e Stàhli 412. Per i ter­
mini paralleli in accadico cfr. Stàhli 413: l’acc.puluh-
more, sussulto» provocato da questo (Iob 4,14 tu indica, oltre il ‘timore’ come manifestazione vi­
par. re,àda ‘sussulto*), ma anche ciò che provoca tale dell’uomo, la ‘terribilità’ di dèi. A quest’ultimo
il «terrore», il «tremare e sussultare», l’oggetto va avvicinato melemmu(m), lo ‘splendore spavento­
della paura, la cosa o il fatto «terribile» (Is. 24,17 so’ di dei, demoni, re e templi (AHw 878/9. 643). Per
= Ier. 48,43 e simili; Iob 3,25; 22,10 e simili; v. sot­ l’eg. nrw, snd, s't cfr. Morenz 114 s. (v. sotto, 5).
to, 4). Quando pahad indica il processo dell’im- Il nome ebraico pahad 11 < *pf?d nell’espressione
paurirsi e non le sue manifestazioni somatiche, il gtdè pahàdàjw «i nervi delle sue cosce» (Iob 40,17,
cuore ne è la sede (Deut. 28,67; c^r‘ Per *1 verbo Is. v. sopra, 1. [2]), a causa del passaggio /d/ > \df, che in­
vero avviene anche in ugaritico, va classificato tra gli
60,5; Ps. 119 ,16 1; Ecclus 7,29; iQ S 4,2). Avendo il
aramaismi, in particolare quelli delle parti aggiunte
verbo phd al qal e al pi. la connotazione transitiva in un secondo tempo al libro di Giobbe, prevalente­
di «temere», un genitivo che dipenda dal nome pa­ mente ai discorsi di Elihu. I LX X hanno tralasciato
had può essere considerato, quando indica ciò che le consonanti phd, evidentemente perché non le han­
è temuto un genitivo oggettivo (di parere diverso no capite, mentre la Vg. le ha interpretate secondo
è Stàhli 413), e quando denota colui che è spaven­ l’aramaico contemporaneo, comportandosi dunque
tato un genitivo soggettivo. come fa il Targum per l’aramaico. Come si collochi
La concretizzazione del termine pahad porta fonologicamente in questo quadro, a prescindere dal­
alla connotazione di «pericolo» in Ps. 53,6; 91,5; la metatesi consonantica, il duale eg. bpdwj ‘sedere,
Iob 3,25; 39,22; Prov. 1,26 s.33; 3,25; Cant. 3,8 deretano’, che P. Lacau (Les noms desparties du corps
en égyptien et en sémitique, Paris 1970, 79) - plausi­
(così da ultimo K B L J 872, ib). Se la causa del ter­ bilmente sotto l’aspetto morfologico e semantico -
rore è specificata, pahad riceve un genitivo corri­ considera un’isoglossa, è una questióne aperta.
spondente oppure un suffisso pronominale, così
che pahad torna a indicare il processo dello spa­ 2. Il significato ‘provare spavento, impaurirsi’
vento, ovvero del tremore o del sussulto provo­ oppure ‘ tremare, essere scosso, sussultare’, espres­
cato da ciò che si teme. Espressioni come pahad so soprattutto dal verbo phd, corrisponde a una
’òjéb (Ps. 64,2; 4QpNah 2,5), phdj mwt (Ecclus 9, manifestazione vitale elementare comune a uomi­
13) oppure pahad jhwh (v. sotto, 4-6) fanno ap­ ni e animali.
parire il «nemico», la «morte» o Jhwh oggetti del La paura della morte della creatura umana è
terrore. Per quest’ultimo cfr. Is. 2,10.19.21; secon­ menzionata in Ecclus 9,13 in un avvertimento che
do questi passi ci si deve naturalmente nasconde­ suona definitivo: w ’I tphdj mwt «sta’ lontano da
re non dal proprio terrore bensì da Jhwh quando un uomo che ha il potere di ucciderti, e non pro­
si leverà (w . 19.21) nel suo giorno (v. 12). Nella verai lo spavento che incute la morte» (v. sotto,
figura etimologica phd pahad di Deut. 28,67; ^ s- 4). Per il Siracide (41,12) l’uomo deve «tremare»
14,5 = 53,6; Ioh 3,25; Ecclus 9,13 (pi.)pahad può per il proprio nome più che per mille tesori, per­
significare il processo dello spaventarsi (Deut. 28, ché l’effetto del nome dura a lungo, oltre la mor­
67, par. il processo visivo, come anche ùfàhadtd te. - Un animale che «irride la paura» è il cavallo
lajlà w'jómàm [v. 66ba] intende il ripetuto spa­ (Iob 39,22), mentre lo struzzo (?) si comporta
ventarsi che costituisce l’opposto della sicurezza belì-fahad, «con noncuranza» verso la sua prole,
della vita [v. 66 b(3]), c ciò che è spaventoso, il pe­ un segno di stupidità secondo l’autore del libro di
ricolo che spaventa (Iob 3,25). Il plurale usato in Giobbe (39,16).
alcuni passi (Iob 15,21; Ecclus 9,13) per indicare lo Ma di solito nell’A.T. lo spavento della creatu­
spavento che si prova ha una funzione intensiva. ra umana, per lo più senza un oggetto, indipen­
dente da una causa concreta, interessa soltanto in
La frequenza statistica dell’ebr. phd nella lettera­ contesto religioso. Jhwh è la salvezza e la forza vi­
tura esilica e postesilica potrebbe esser dovuta alla
tale dell’individuo pio e questa certezza esclude
preferenza data in precedenza ad altri lessemi per
esprimere un concetto emotivamente così pregnan­ la sua paura (Ps. 27,1; Is. 12,2). Jhwh ha guidato
te; in età esilica e postesilica si presentò la necessità Israele «in sicurezza», così che «essi non doves­
di una maggiore specificazione (cfr. Wanke 88). Una sero vivere nel timore» (Ps. 78,53). Al contrario,
situazione che richiederebbe, a dire il vero, una mi­ dopo l’annuncio della sventura (Ier. 30,5) si odo­
nuziosa indagine lessicale e un’esposizione talmente no «grida di terrore» e pahad: si è al polo oppo­
ampia da esulare dai limiti di questa voce. sto di sdlóm, della «salvezza» (cfr. Ier. 49,5: l’ora­
io 7 (vi,5 56) pahad (H.-P. Muller) (vi, 5 57) 108

colo contro gli Ammoniti). Contro lo spavento nonimo dopo jdsùbù «ritorneranno» e ubiq(q)esu
(Is. 44,8), soprattutto contro il timore costante, la 'et-jhwh 'èlòhèhem «e cercheranno Jhwh, loro
paura che dura quanto la vita (pi. Is. 51,13), è per­ Dio»; per l’espressione cfr. pàhàdù ’ts 'el-ré‘èhù
ciò diretta l’ammonizione del Deuteroisaia, che «allora ciascuno si rivolse spaventato al suo vici­
ha davanti agli occhi la visione della futura opera no» (Ier. 36,16). Le parole di Ier. 2,i9apb (che
di Dio nella storia. Al contrario un terrore lajlà dipendono da Hos. 3,5 e, aggiunte goffamente do­
w ejòmdm «di notte e (persino anche) di giorno» po il conclusivo v. i9aa, riprendono e sviluppano
(E. Jenni, Das hebr. P i'el, Ziirich 1968, 224) re­ secondariamente il v. 17) deplorano che quel «vol­
gna sulla vita di Israele sotto i Neobabilonesi, co­ gersi tremanti» a Jhwh di fatto non sia avvenuto;
me rivela la descrizione dtr. della sventura in un si legga w elò' pàhadti ’éldj (cfr. BHS). Nonostan­
contesto esecratorio riferito all’ubbidienza verso te lo spostamento delle parole, Mich. y,iyb^ T.M.
la legge, cara al Deuteronomio (Deut. 28,66 s.). sembra un’ imitazione di Hos. 3,5, formulato in
Secondo la concezione sapienziale della vita re­ modo da costituire la conclusione di Hos. 1-3.
golata, l’osservanza morale garantisce un sonno 4. Il sost. pahad è spesso usato quando si tratta
senza spaventi (Prov. 3,24), soprattutto una vita di concretizzare ciò che è «spaventoso», il peri­
al riparo da cause improvvise di paura (pahad colo che fa scattare la paura tipica delle creature.
pit'òm, v. 25). Per la dottrina della retribuzione la pahad pit'òm, cioè la causa scatenante di un im­
paura riguarda gli empi, perché Dio pensa a far provviso spavento, come quello che coglie Giob­
quadrare i conti (Ps. 14,5 = 53,6): «Urla di terro­ be, è dovuto, secondo Elifaz (Iob 22,10), alla sua
re nei suoi orecchi», perché quando meno se lo «malvagità» e alle sue «trasgressioni» (v. 5), men­
aspetta (bassàlóm) il distruttore piomba su di lui, tre chi è osservante non deve temere alcun im­
e come Elifaz, l’antagonista di Giobbe, non si provviso «spavento» (Prov. 3,25). Il praticante è
stanca di ribadire, proprio il pahad pit'òm per­ invece al sicuro (sa'ànan) dal pahad rd‘à, il «peri­
mette di riconoscere gli empi (Iob 15,21; 22,10). colo del male, il pericolo maligno» (Prov. 1,33) e
Al contrario Giobbe, con una parodia della nor­ anche dal pahad Idjlà «ciò che di notte incute ter­
ma, trova che proprio nelle casc degli empi «tutto rore» (Ps. 91,5), cioè lo «spavento» contro il qua­
va a gonfie vele, senza timori» (Iob 21,19), men­ le si porta la spada pronta al fianco durante il cor­
tre su di lui piomba «ciò che è spaventoso», il pe­ teo nuziale (mippahad ballèlòt, Cant. 3,8; v. sot­
ricolo che lui, saggio, aveva sempre temuto (Iob to, ni). La persona colpita dallo spavento, in pe­
3,25). Al contrario, secondo la descrizione della ricolo, può essere indicata nella forma pahdekem
salvezza di Is. 60,5, il cuore degli Israeliti redenti «il pericolo che incombe su di voi» dell’ammoni­
«trema» per la gioia e «si allarga». Per Ier. 33,9 mento sapienziale di Prov. 1,26 s., mediante il suf­
(post-dtr.) «tutti i popoli della terra» «tremano» fisso pronominale (gen. sogg.: il suffisso indica
(phd) e «sobbalzano» (rgz) per il bene (tòbà) ope­ colui che ha paura). Con la formulazione pahad
rato da Jhwh, per la salvezza (sdlòm). limjuddd‘aj «uno spavento per i miei conoscenti»
Viceversa, per gli scritti di Qumran il dominio (Ps. 31,12 , un lamento), le persone colpite vengo­
della paura sulle creature appare come un segno no indicate con l e + dipendente.
distintivo di questo eone. iQ H 10,36 e iQ S 1,17 Ciò che suscita il terrore può, viceversa, essere
esprimono il timore che la «paura» potrebbe con­ individuato in maniera più specifica quando com­
durre all’infedeltà i membri della comunità. Per pare come nomen rectum (gen.) di pahad, ad es.
iQ S 10,15 p b d w 'jm h sono caratteristici «di que­ già in pahad rd‘à (Prov. 1,33) e, formalmente, in
sto luogo di angoscia e desolazione». Per la paura pahad Idjld (Ps. 91,5), ma soprattutto in espressio­
dei popoli e del dominio dei Kittim cfr. iQpHab ni più concrete: pahad 'ójèb nella supplica di Ps.
3>4 s.; 4 , 7 - • 64,2, «lo spavento che proviene dal nemico» (cfr.
3. La paura delle creature assume un orienta­ mphd 'wjb «per lo spavento del nemico» [4QpNah
mento religioso e viene quindi valutata positiva­ 2,5] e mphd hwwt r[s‘/]m «per timore del terrore
mente quando comporta che ci si rivolga a Jhwh degli e[mp]i» [iQ H 10,36]; [p]hd hps «il terrore
(’el jhwh) cercandovi rifugio. L ’annuncio del rav­ provocato dagli abissi» [Deir ‘Alla 110 (12)] e phdj
vedimento di Israele dopo il castigo (Hos. 3,5; mwt «lo spavento che la morte suscita» [Ecclus
l’oracolo è di poco successivo al profeta, cfr. J. Je- 9,13]; infine hktj’jm 'sr phdm \w'j]m[t\m 7 kw l
remias, ATD 24/1, 57) colloca il futuristico upà- hgw'jm «i Kittim che infondono paura e terrore a
hàdu 'el-jhwh w e'el-tubó «andranno tremanti tutti i popoli» [iQ pH ab 3,4 s.]).
da» > «cercheranno rifugio (cfr. L. Kopf, V T 9 5. Un’altra causa di spavento per le creature,
[1959] 257) presso Jhwh e la sua bontà» come si­ anch’essa indicata per lo più col sost. pahad, è il
109 (VMS8) pahad (H.-P. Muller) (vi,558) n o

numinoso, soprattutto la divinità quale quintes­ viene costruito, in contesto bellico, col predicato
senza di ciò che è «spaventoso», nel caso specifi­ npl ‘al «cadere, piombare su» (Ex. 15,16; 1 Sam.
co il mysterium tremendum, causa prima dello 11,7 ecc.) e più tardi con hjh ‘al «sopraffare, inva­
«spavento». dere» (2 Chron. 14,13; 17,10; 19,7; 20,29), indica
La formula esecratoria arcaizzante pahad wà- il senso di spontanea, naturale sopraffazione nu-
fahat wàfdh ‘dlekd «tremendo terrore, traboc­ minosa che si prova proprio in simili frangenti
chetto e trappola su di te» (lett. «spavento, fossa e (per pahad ‘al cfr. Deut. 2,25; 11,25; ^5- 24>I7 =
tagliola su di te») opera con l’efficacia magica Ier. 48,43; Ier. 49,5; / Chron. 14,17; per pahad 'el
della sua assonanza ora su Moab, nell’oracolo di cfr. Iob 31,23 cong. [v. sotto]): questo «sacro ter­
sventura di Ier. 48,43 ora, in proiezione escatolo­ rore» invade per primo il popolo stesso di Dio che
gica, su tutti «gli abitanti della terra» (Is. 24,17; si schiera compatto, traendo così vantaggio da
cfr. la citazione in C D 4,14): le forze malefiche di questa tremenda esperienza numinosa (1 Sam. ri,
pahad e simili potevano dunque essere mobilitate 7), ma sopraffà soprattutto gli avversari che am­
direttamente da quella frase fatta nominale, senza mutoliscono (Ex. 15,16), vengono umiliati, co­
riferimento a una divinità giudicante che le utiliz­ perti di onta (hoggd\ Is. 19,17; jdbdsu, Is. 44,11)
zasse per punire. La stabilità di tali formule è con­ ecc., così che si disperdono (Ier. 49,5). Il ritornel­
fermata dalle allusioni che emergono in Iob 22,10 lo di Is. 2,10.19.21 invita le persone in questione a
(pahim par. a pahad pit'òm ); Lam. 3,47 (pahad nascondersi «nella roccia», «nella polvere» e così
wdfahat) e in Ecclus 9,13 (w'I tphd phdj mwt... d ‘ via, in vista di un giorno di Jhwh che porterà guer­
kj bjnphjm ts‘d «affinché tu non abbia a provare ra su tutto ciò che è alto ed esaltato.
il terrore suscitato dalla morte... sappi che cammi­
ni su un sentiero disseminato di trappole» [lett. Attorno al motivo del terrore di Jhwh (ad es. per
Am. 2,14-16 cfr. G. von Rad, Der heilige Krieg im
«tra le trappole»]).
alten Israel, *1969, 63 ss.) si cristallizza il concetto
In maniera religiosamente più specifica la divi­ delPesclusiva attività divina nella guerra (cfr. F.
nità viene indicata quale fonte, causa e agente del Stolz, Jahwes und Israels Kriege, AThANT 60,1972,
«panico», il «terror sacro» indotto dal numinoso. 187-191). lud. 7,16-22 insegna come si possa provo­
Questo effetto della divinità è indicato nel conte­ care artificialmente un «panico» che risulta decisivo
sto della «guerra santa» con nessi genitivali del ti­ per le sorti della guerra (cfr. / Sam. 4,4-8; Ios. 6 e in
po pahad jhwh «il panico suscitato da Jhwh» > «il proposito H.-P. Muller, VT 14 [1964] 183-191). Dal
sacro terrore che Jhwh rappresenta» (/ Sam. 11,7; punto di vista fenomenologico, il nesso tra pahad
Is. 2,10.19.2 i;2 Chron. 14,13; 17,10 [per 2 Chron. jhwh e la guerra fa pensare al greco (pófio;, figlio di
Ares, che diventa esso stesso un dio della guerra
19,7 v. sotto, 6]) oppure pahad 'èlòhim (2 Chron.
(Hom. II. 13,298-300; Hes., Theog. 933-936; cfr. an­
20,29 lper P5‘ v. sotto, 6]). La medesima fun­ che in generale per 90^0^ e guerra H. Balz, GLN T
zione ha l’uso assoluto di pahad (’èmàtà wàfa- xv 49 ss. e EWNT in 1027).
had), con l’aggiunta bigdòl ztrò‘àkd «per la gran­
de (potenza) del tuo braccio», in Ex. 15,16, col Quanto più l’età esilica e postesilica, sviluppan­
sost. pahad da solo (Is. 19,16; Ier. 49,5) e col ver­ do per la prima volta seriamente e sistematica­
bo phd (Is. 19,17; 44,11; cfr. l’augurio espresso mente una tematica della guerra piuttosto arcaica
nella preghiera di Mich. 7,17) in oracoli di sven­ (cfr. F. Schwally, Semit. Kriegsaltertumer 1,19 0 1),
tura contro i nemici. Per coloro che sono stati ideologizza nello stesso tempo, contro ogni espe­
salvati dall’efficacia del «panico» che ha invaso i rienza politica, la fede israelitica e giudaica del­
nemici, cioè per chi si avvantaggia del pahad, si l’elezione, tanto più si assiste a uno spostamento
tratta certo di «un’esperienza positiva della vici­ della «fonte» del panico che mentre un tempo era
nanza di Dio» (contro Koch 108), che viene ri­ esclusivamente Jhwh diventa ora Israele (pahde-
cercata anche con il comportamento indicato col kà, pahdekem «il terrore che promana da te/voi»:
costrutto phd 'el (v. sopra, 3). Per pahad col gen. Deut. 2,25; 11,25; cfr. pahdam in Ps. 105,38; Esth.
della divinità cfr. l’acc. \a]t puluhtasu «enorme 9,2) oppure David (pahdó> 1 Chron. 14,17; cfr.
era il mio terrore di lui > la sua terribilità», par. a inoltre pahad hajjehudim, Esth. 8,17 e pahad mor-
kabtat qàtsu «la sua mano era pesante (sott. su di dòkajy Esth. 9,3), mentre a sua volta l’effetto del
me)» (Ludlul in 1 s.; per il parallelismo cfr. Is. panico diventa universale (1 Chron. 14,17; 2
19,16). In Iob 25,2 il «panico» provocato da Jhwh Chron. 20,29; c^r- 1 7>1°)- I suffissi in pahdekà,
è addirittura un suo attributo, proprio come il pahdekem, pahdàm e pahdó indicano a questo
«dominio» (hamsél) citato subito prima. - La par­ proposito, come del resto anche i genitivi in pa­
ticolare accumulazione con la quale il sost. pahad had hajjehùdim e pahad mordòkaj (che sono gen.
I " (v i , 5 59 ) pahad Muller) (vi, 560) 112

oggettivi), colui o coloro che devono essere te­ senso generale è invece l’opposto ’èn-pahad ’éló-
muti. Per David o Mardocheo come sorgente di him «nessun timore di Dio» (Ps. 36,2). A ll’imp.
terrore cfr. comunque anche l’eg. nrw .f «la paura qal phd 7 «temi Dio» fa riscontro in Ecclus 7,29 il
di lui (del faraone); il terrore che proviene da rispetto per la santità del sacerdote. Il timore dei
lui»; snd.f «il timore di lui»; / ‘f./«lo spavento di «giudizi» di Dio, come in iQ S 4,2 s. (cfr. iQ H
lui» (Morenz 114 s.). fr. 4,9), riecheggia anche in Ps. 119,120. In que­
Il terrore numinoso diventa un fenomeno indi­ st’uso tra i «giudizi» e le «parole» di Dio quale
viduale quando rappresenta la reazione di singole oggetto del timore (v. 161) ormai non resta che
persone alla lettura pubblica delle parole di sven­ una differenza retorica.
tura contenute nel rotolo di Geremia (pdhddu,
Ier. 36,16; una reazione che non si avrà quando HI. L ’espressione pahad jishdq (Gen. 31,42) o
quel rotolo sarà bruciato [v. 24] e la sua mancan­ pahad 'abiw jishdq (3M 3b) deriva probabilmente
za si dimostrerà fatale), oppure quando afferra i dalla radice phd 1 anziché da pjpd, perché phd 1 in
singoli peccatori al momento della liturgia d’am­ ebraico è attestata abbondantemente, anche se per
missione (pdhddu, Is. 33,14). Analogamente il lo più in testi tardi, mentre la radice phd compa­
giuramento di purità di Giobbe (Iob 31,23 cong.) re, tranne il caso di lob 40,17, soltanto nelle lin­
presuppone che in caso di colpevolezza il pahad gue più recenti. Come si può dedurre dall’ar. fa -
'él «il terrore di Dio», inteso in termini decisa­ frid, la 14/ nel protosemitico Kphd può diventare
mente concreti, cada su di lui (si legga pahad ’èl /dj solo in aramaico e negli idiomi influenzati dal-
je ’èteh ’èldj [diversamente congettura BH K , men­ l’aramaico (cfr. Hillers 92), eventualmente anche
tre BHS non presenta alcuna cong.]; per ’th con in ugaritico, dove però "phd ‘coscia’ o ‘clan’ non
sogg. pahad cfr. 3,25; indirettamente Prov. 1,27). compare. Il nome pahad denoterebbe lo «spaven­
Ma spavento del volto della divinità coglie Giob­ toso» (cfr. sopra, 11.4), mentre il genitivo posses­
be anche a causa delFarbitrio divino (mippdnajw sivo jishdq nomina il fruitore di un terrore numi­
’ebbdhél «davanti a lui vengo colto dal panico», noso efficace sui nemici (v. sopra, il.5): «il terrore
par. w e'efhad mimmennù «al suo cospetto sono di Isacco». In considerazione della polisemia
atterrito», loh 23,15), come egli, viceversa, anco­ delle formule religiose (primitive o arcaicizzanti),
ra una volta in senso alquanto concreto, prean­ non si può certamente escludere che nello stesso
nuncia «il suo (di Jhwh) spavento» a coloro che tempo Isacco stesso sia «il terribile», colui che in­
disputano con lui (Iob 13,11). Un fenomeno di cute terrore, come nel caso del genitivo in pahad
pahad ‘spavento’ e re,àdà ‘tremore’ subisce an­ jhwh e simili: «Il terrore che promana da Isacco»
che, secondo la descrizione un po’ di maniera di (bibl. in A. Alt, Kl. Schr. 1, 1953, 25 n. 3). Chi ha
loh 4,14, chi è ispirato (dalla sapienza) e in questa un Dio tremendo incute egli stesso spavento.
esperienza si sente sconvolto e terrorizzato (phd A questo proposito il termine e il concetto non
hif.) dal «fremito delle ossa», *rib 'dsdmòt (cfr. sono, a quanto sembra, così erratici come Alt (24)
l’acc. rìbu l ‘ terremoto’). supponeva. Così il nome di persona o di tribù
6. Nella sapienza e nel suo ambito phd pi. è usa­ slphd va letto (secondo i LX X : ZaXroxaS) sèi pa­
to per indicare quale sia il buon comportamento had e interpretato, nel senso della religione fami­
tipico della religiosità sapienziale: m 'fahèd tàmìd liare o tribale, «l’ombra (protettrice) del Pahad»
«costantemente riverente» (Prov. 28,14; Ecclus 37, (cfr. Lemaire, Sem 22, 20; Inscriptions 288; ma an­
12; cfr. tpo(3ou(jievoc;, (popoujxevoi, A d. 10,2.22.35; che K B L J s.v., dove non si è indicato l’autore giu­
13,16.26 insieme con ctePÓ(xevo^ [da Act. 13,43 *n sto, e Puech 356/57. 360 n. io; inoltre l’acc. pu-
poi] per indicare i seguaci pagani della fede giu­ luhti sillika «il terrore della tua ombra» [AHw
daica). L ’inf. pi. in Iphd Ibbw bmspt) 7 «istillare 8793]) - evidentemente un N P con l’elemento teo­
nel suo (dell’uomo) cuore il timore dei giudizi di foro di una divinità nella quale il «terrore» pani­
Dio» indica una delle virtù dei «figli della luce», co procedente da un altro dio, ad es. un El, ha pre­
ovvero degli «spiriti della luce» che stanno dietro so vita diventando una figura autonoma, «il tre­
a loro (iQ S 4,2 ss.), con la quale essi provocano mendo», che nella sua funzione di nume tutelare
la buona condotta sapienziale e religiosa. Analo­ della famiglia o della tribù aveva il compito, negli
gamente pahad jhwh già in 2 Chron. 19,7 si c at­ inevitabili conflitti del gruppo, di esserne l’effica­
tenuato diventando «timore di Jhwh», con pahad ce «protezione»: cfr., nonostante l’errato riferi­
che è ora grammaticalmente un termine transiti­ mento all’arabo, C. Westermann, B K 1/2, 607 che
vo per indicare lo scrupolo sostanziale inerente considera giustamente un’aggiunta successiva in
per principio all’ufficio di giudice; religioso in corrispondenza col v. 53b la frase ’élòhè ’abrdhdm
" 3 (vi,j6i) pahad (H.-P. Miiller) (v i,561) 114

ùfahad jisìpàq di Gen. 31,42. La natura pacifica 49,24 s. non compare un pahad jishàq, per quel
delle leggende dei padri risale indubbiamente, nel che riguarda Gen. 31,5 3 b la questione più gene­
migliore dei casi, alla sovrapposizione di una rale degli «dèi dei padri» di Alt (Kl. Schr. 1 1-78,
stesura successiva (M. Rose, JBZ 20 [1976] 197­ spec. 24-26) non si pone. Che la religione familia­
2 ii). Le espressioni pahad làjla (Ps. 91,5) e pahad re delle storie dei patriarchi mostri tratti autentici
hallèlòt (Cant. 3,8; v. sopra, 11.4) potrebbero allo­ del nomadismo preisraelitico è stato confutato,
ra presupporre che una divinità di un gruppo mi­ tra gli altri, da M. Kòckert, Vàtergott und Vàter-
nore, la quale diffondeva terrore, sia stata demo­ verheissung. Eine Auseinandersetzung mit A. Alt
nizzata e degradata a fantasma (cfr. H. Gunkel, und seinen Erben, 1987.
Genesis, 6i964, 349; Die Psalm en,51968, 406); pa­
ragonabili nella sostanza sono le halhót salmàwet Mentre una traduzione di pahad jishàq con «pa­
(salmutì) «spaventi della tenebra», di cui l’adulte­ rente di Isacco» (Albright, From thè Stone Age to
ro non ha paura (lob 24,17); inoltre il melek bal- Christianity 248) non ha alcun appiglio semantico
nell’aramaico (?), palmireno e arabo phd/z o fahid
làhòt «il re delle potenze del terrore» (lob 18,14),
‘clan’ o ‘sottodivisione di una tribù’ (Hillers e molti
tanto più che il rapporto di Cant. 3,8 e lob 24,17 altri), anche Koch (i cui precursori sono elencati da
con le nozze e i rapporti sessuali rimanda ancora Malul [194]) per sostenere l’ipotesi che «Giacobbe
una volta al contesto della religione familiare. giura per i lombi o per gli organi genitali del padre
Isacco» (113) può solo fare riferimento a isoglosse
Certo né il NP slphd e nemmeno Cant. 3,8 rivela­ semantiche molto tarde, come l’aramaico targumico
no un particolare rapporto con Isacco. Secondo le pahàdin ‘testicoli’ e alla traduzione di lob 40,17 nel­
tarde testimonianze di Num. 26,33; 27»I 51° s- J 7>2 (J la Vg., che chiaramente ne dipende. Quale isoglossa
Chron. 7,15) slphd è un discendente di Manasse- fonologica dell’aram. K'pahad corrispondente all’ar.
Galaad-Hefer; almeno alle sue figlie Hogla e Tirsa fafpid ‘coscia (e anca)’ ci si aspetterebbe nell’ebraico
(Num. 26,33; 27,1; 36,115/05. 17,3) corrispondono lo­ più antico, non influenzato aall’aramaico, /z/ e non
calità nella Palestina centrale (cfr. anche N.H. Snaith, Idj come 3* radicale. Perciò Malul (195 s.) ritiene
VT 16 [1966] 124-127; Lemaire, Sem 22; Inscriptions pahad ‘coscia’ di Gen. 31,42.53 un termine aramai-
287-289; A. Demsqi, El 16, 1982, *70-*75), il che, in co, senza però tener conto che un’espressione ara­
entrambi i casi, contraddice la collocazione di Isac­ maica al v. 47 suonerebbe naturale, conformemente
co nel profondo sud. Tuttavia il rapporto dell’epite­ alla situazione narrata, detta da Labano e non da Gia­
to divino pahad con un genitivo è basato sul caratte­ cobbe. La stessa obiezione si può fare a chi sostiene
re di appellativo di tale epiteto di Dio, e il rapporto la traduzione «clan di Isacco» (cfr. Puech 356). Se
con un NP è basato sulla funzione del nume nella fa­ infine pahad jishàq di Gen. 31,42 proviene da pahad
miglia o rispetto a essa. ’abiw jisìpàq del v. 53b, l’unico contesto determi­
nante, cioè il solo v. 53b, non costituirebbe alcun ar­
È possibile che nell’interpretazione di un pa­ gomento a sostegno dell’ipotesi di Koch. Al contra­
had legato al quadro della religione familiare in rio: sebbene Giacobbe, al livello del racconto, male­
quanto Dio ’abiw jishàq «di suo padre Isacco» dica anche se stesso in caso di violazione del giura­
non si debba vedere altro che la costruzione del mento, dunque si esponga anch’egli eventualmente
narratore di Gen. 3 1,5 3 ^ con la sua visione di al «terrore» del v. 53b, al livello pragmatico del rac­
una religione familiare, poi ripresa al v. 42, con la conto, soprattutto dopo che erano state già assegna­
riduzione di pahad ’abiw jishàq al semplice pa­ te le parti e Giacobbe era diventato il rappresentante
di Israele e Labano il rappresentante degli Aramei,
had jishàq del testo attuale, che fa l’effetto di un
pahad jishàq diventa il terrore per i nemici di Gia­
epiteto divino autonomo, per completarlo. Il ri­ cobbe e di Israele e solo secondariamente (al v. 42)
corso a un nume della famiglia che impersona il garanzia di benessere per entrambi i contraenti, in­
«terrore», tramandato da Isacco a Giacobbe, per serendosi così alla perfezione nel tenore irenico del­
il giuramento che sancisce il contratto matrimo­ le storie dei patriarchi. Il «terrore» che Isacco subi­
niale, giuridicamente vincolante (v. jo), sarebbe sce, secondo la lettura di Koch (108), dovrebbe dirsi
conforme alla precedente situazione aggressiva. *pahad ‘al-jishàq (cfr. sopra, 11.5) e quindi non ser­
Infatti i w . 50 e ^ b , elementi di una storia fami­ virebbe minimamente a capire la formula. Viceversa
liare, sembrano più antichi del «patto politico tra per il giuramento per «i lombi» che Koch postula
per Gen. 31,53b l’A.T. usa, proprio nelle storie dei
tribù dei w . 51-5 3a» (Westermann 609 con riferi­
patriarchi, jàrék (Gen. 24,2.9; 47,29) mentre in Gen.
mento a Gunkel), con la presenza contempora­ 31,53 manca l’espressione *sim jàd tahat jàrék, che
nea, faccia a faccia, del Dio di Abramo e del dio non è certo cosa di poco conto.
di Nahor (v. 53 a), che per il narratore rappreseff-
tano i futuri popoli di Israele e di Aram. Inoltre, Sinonimo di pahad nella sua funzione di epite­
dato che nell'elenco degli epiteti divini di Gen. to divino è mòrà’ ‘il tremendo’ (Ps. 76,12), dove
i i j (vi,562) pahat (M.J. Mulder) (71,563) 116

il termine compare in parallelo con jhw h ’èlóhè- to più specifico quando la parola ha una sfumatu­
kem, un costrutto che ricorda l’accostamento di ra venatoria, cioè vale per «trappola, trabocchet­
’élóhè (2 volte) e pahad, ogni volta col genitivo to» (Schwarzenbach) o «trappola per volatili»
dell’adoratore, in Gen. 31,42. T. Thorion-Vardi (Dalman, AuS vi 335. 339), ad es. in Is. 24,18; Ier.
(RQu 46 [1986] 282) fa osservare l’uso di mwr' 48,44. A dire la verità, quest’ultima proposta è
quale epiteto divino in iQpHab 6,5. piuttosto debole, perché in Am. 3,5 è preferibile
espungere pah (con i L X X ) invece di correggerlo
H.-P. Miiller in pahat. D ’altra parte il significato «fossa, buca»
per la caccia, quindi «trappola», è plausibile per­
ché nella massima costruita sull’allitterazione (in
Is. 24,17 s. e Ier. 48,43 s.) pahat segue pahad («ter­
n n § pahat rore») e precede pah («rete a scatto»). Secondo
Schwarzenbach la selvaggina fugge per il rumore
1. Etimologia e ricorrenze al di fuori dell’A.T. - 2. At­ fatto dai battitori e cade nella fossa; se riesce a
testazioni e significato. - a) Nell’A.T. - b) Nelle versio­
uscirne, finisce poi nella rete. Ma è possibile che
ni antiche, -c) Nei testi di Qumran. - 3.p'hetet in Lev.
questo modo di dire proverbiale non rimandi
esattamente a un prestito dal gergo venatorio, cioè
Bibl.: A. Schwarzenbach, Die geographische Termino­ leghi pahat all’idea di «trappola scavata», bensì
logie im Hebrdischen des A.T., Leiden 1954, 40 s. semplicemente si pensi a una «fossa» nella quale
un fuggitivo cade inaspettatamente. Inoltre nel-
1. Generalmente si fa derivare pahat dal verbo
PA.T. anche altri termini indicano la ‘trappola’
pht (BLe 458; K B L 3 873), che non ricorre in ebrai­
scavata dai cacciatori, ad es. sahat (Ezech. 19,4.8;
co biblico ma è comunque presente in altre lin­
Ps. 7,16; 9,16 ecc.), suhà (Ier. 18,20.22 ecc.) o sìhà
gue semitiche (aramaico giudaico, siriaco, samari­
(Ps. 57,7; 119,85 ecc.; cfr. tuttavia G. Gerleman,
tano, accadico), e significa tra l’altro ‘scavare (una
Bulletin de la Société Royale des Lcttres de Lund
cavità)’, ‘perforare’. In arabo è presente il verbo
1 9 45'194*>* iv> r946, 86 s.; K. Galling, B R L 2 152).
fahata ‘scavare (una fossa)’, ‘perforare’ (Wehr,
In Ier. 48,28 il tenore del testo presenta alcune
Arab. Wb. 625); così anche in accadico, dove pa-
difficoltà per i traduttori: si consiglia agli abitanti
td\}u(m) ha più o meno lo stesso significato (AHw
di Moab di abbandonare le loro città, di andare
846 s.), e in siriaco pht {pa.). Il ebraico il signifi­
ad abitare tra le rocce e comportarsi come le co­
cato base di pahat è probabilmente ‘fossa’. Il so­
lombe che vi nidificano be'ebrè fi-fàhat «ai lati
stantivo ricorre in tale significato anche in altre
(cfr. B. Gemser, VT 2 [1952] 351) della bocca del­
lingue semitiche nordoccidentali: ad es. in sama­
la forra».
ritano (LO T 11 517); in siriaco e aramaico si ha la
formapehtd' o pahtd’, Richiamandosi a Eissfeldt (VT 2 [1952] 87-92),
2.a) La parola pahat si trova al sing. in 2 Sam. Schwarzenbach ritiene di poter espungere pi consi­
18,17; Is. 24,17.18 (bis); Ier. 48,28.43.44 (bis) e derandolo una sorta di «richiamo grafico», ma tale
Lam. 3,47; al pi. in 2 Sam. 17,9 e infine nella for­ intervento non è necessario (così giustamente W.
ma p'hetet in Lev. 13,5 j (v. sotto, 3). Rudolph, HAT 1/123, 278; cfr. anche la congettura
di A. van Sclms,Jeremia in [PvOT] 31 : pifahat = acc.
Oltre alle suddette ricorrenze, si congettura pa­ papakfpu nel senso di ‘zona montuosa’; ma cfr. AHw
hat (invece di pah) in Am. 3,5 (Dalman, AuS vi 339) 823: si tratterebbe di un «prestito hurrita»).
e, con migliori argomenti, in Iob 39,22 (invece di
pahad; con alcuni mss. ebraici e S; cfr. LXX). Da 2 La massima di Is. 24,17 s. e - con lievi varia­
Sam. 18,17 si Pu° arguire che pahat è maschile, seb­ zioni - Ier. 48,43 s., in una predizione contro
bene in 17,9 sia dica 'ahat invece di ’ahad (cfr. il si­
Moab (per A. Weiser, ATD 20-216, 401 «un am­
riaco, dove il termine è trattato ora come masc. ora
come fem.). pliamento posteriore»), salta all’occhio per la sua
allitterazione e assonanza poetica (cfr. «tremendo
Dai verbi usati in 2 Sam. 18,17; 24,18 e Ier. terrore, trabocchetto e trappola»); essa appartie­
48,44 (hislik 'el, ndfal 'el e 'ala min) si capisce che ne probabilmente al patrimonio gnomico del­
pahat deve indicare una «profondità», una «fos­ l’Israele antico e segnala paura, rovina e atroce de­
sa» (per es. in una foresta, -» j 'r [ja'ar] in .2.a); stino che sono ineluttabili e fanno parte del (futu­
quando si tratta di una zona di montagna pahat ro) giudizio (di Dio) (cfr. Am. 5,19). A questo
può significare anche «forra», «gola» (per es. 2 gioco di parole si riallaccia probabilmente l’acco­
Sam. 1 7,9; Ier. 48,28). pahat assume un significa­ stamento di pahad e pahat in Lam. 3,47.
" 7 (vi,564) patar (H. Niehr) (vi, 565) 118

b) Nei L X X pahat è tradotto per lo più con (3o-


'Sùvo^, mentre in 2 Sam. 18,17 si ha una doppia tra­
HtDE)patar
duzione con yjtvp.a insieme con (ìo^uvoì;. In 2
Sam. 17,9 i L X X (codd. B e A) leggono (3o u v Ój; YtpS patir, 1 ^ 3 peter, ÌTIDS pi tra
‘collina’ (usato varie volte per tradurre gib‘à), ma
la recensione di Luciano legge aùAwv ‘fenditura, 1. Etimologia. - n. Attestazioni nell’A.T. - ni. Usi nel­
crepaccio’ (cfr. Ios., Ant. 7,9,6,218). Si suppone l’A.T. - 1. Termine tecnico del lessico dell’edilizia. -
(così già I.F. Schleusner, Novus Thesaurus 1,1820, 2. Termine tecnico del lessico del culto. - 3. Liberare in
583) che (3ouvó^ sia un errore di scrittura per (3o- senso generale. - rv. I LXX. - v. Qumran.
$uvoq. In Lam. 3,47 i codd. B e A dei L X X tradu­ Bibl.: A. van den Born, Erstgeburl (BLJ, 1968, 424 s.). -
cono con -$up.ó;;, altri mss. dei L X X con -SàpPo^ H. Cazelles, Premiers-nés, 11. Dans l’A.T. (DBS 8, 1972,
‘stupore’, S traduce il termine di solito con gù- 482-491). - H. Gese, Ezechiel 20,2$f und die Erstge-
màsà* (2 Sam. 18,17; ^s• 24,17 s.; Ier. 48,43 s.). In burtsopfer (Fs. W. Zimmerli, 1977, 140-151). - J . Hal-
Ier. 48,28 S sintetizza le ultime tre parole (v. so­ be, Das Privilegrecht Jahwes. Ex 34,10-26 (FRLANT
pra, 2.a) con gedànpà’ ‘rupe’, ‘roccia scoscesa’; in 114, 1975, 176-185). - G.C. Heider, The Cult of Molek
2 Sam. 17,9 ha ’atràwàtà’ ‘luoghi’ e in Lam. 3,47 (JSOT suppl. 43, Sheffield 1985, 252-258). - O. Kaiser,
Den Erstgeborenen deiner Sóhne sollst du mir geben
si ritrova, ma in diversa posizione, gumàsà'. N el­
(Fs. C.H. Ratschow, 1976, 24-48). - W. Zimmerli, Erst-
la maggior parte dei casi anche il Targum traduce geborene und Leviten. Ein Beitrag zur exilisch-nachexi-
pahat con qùmsà’ o kumsa . Infine nella Vg. si lischen Theologie (Fs. W.F. Albright, Baltimore-Lon-
trova generalmente fovea, solo in Ier. 48,28 fora- don 1971, 459 469 = ThB 51, 1974, 235-246).
men e in Lam. 3,9 laqueus.
c) CD 4,14 cita Is. 24,17: «Tremendo terrore, 1. Per quel che riguarda l’origine del verbo pà­
trabocchetto e trappola su di te, abitante del pae­ tar si deve far riferimento all’acc. patàru ‘ (di)scio-
se». C D 11 ,1 3 s- proibisce in giorno di sabato di glicre, liberare, riscattare’ , ‘affrancare’ (A H w 849­
aiutare il bestiame a partorire o ad uscire dal poz­ 851) e iptiru ‘(denaro del) riscatto’ (A H w 385;
zo (bòr) o dalla buca (pahat) in cui sono caduti C A D I-J 171-173). Nei N P accadici l’elemento
(cfr. in proposito Mt. 12 ,11; Lc. 14,5). patàru vale in alcuni casi per ‘liberare’ (K .L. Tall-
3. Nella legge relativa alla diagnosi della «leb­ qvist, A P N 301); talora è stato suggerito anche il
bra» (sàra'at, -» srlt) si parla anche di zone «leb­ significato di ‘spaccare’, per analogia con Ytbr. pe­
brose» sugli indumenti (Lev. 13,47-59). Nei casi ter rehem proprio in rapporto con i primogeniti
evidenti di impurità delle vesti, di pelli ecc., que­ (Tallqvist, A P N 301; cfr. anche K .L. Tallqvist,
sti oggetti vanno arsi nel fuoco, ma se vi è dubbio Neubahylonisches Namenbuch, Helsingfors 1905,
basta lavarli. Se il risultato è negativo e l’oggetto 327), un’ipotesi confutata però da J.J. Stamm (A N
è rimasto impuro, va bruciato nel fuoco (v. 55): 169 s.; ma cfr. qui 128). Ad ogni buon conto, sul­
«è p ehetet nelle zone glabre sul dritto e sul rove­ la base di un significato ‘spaccare’ è possibile spie­
scio». Generalmente p eheret viene tradotto «con­ gare il verbo ebraico pàtar come termine tecnico
sunto, corroso» (Elliger, HAT 1/4, 186), «cavità del vocabolario dell’edilizia, ragion per cui M.
(corrosa)» (GesB; K B L 2-3) ecc. Si tratta probabil­ Noth, B K ix/12, 102 fa riferimento anche all’ar. fa-
mente di tracce dell’effetto della muffa. Per Elli­ tara ‘spaccare’ (così già prima di lui GesB 640 e
ger (173) il nostro termine sarebbe uno dei neo­ ora K B L J 873 s.). Parimenti in rapporto con que­
logismi tecnico introdotti in epoca tarda. st’uso è l’ebraico peter rehem nel senso di ‘spac­
catura del grembo materno’.
M.J. Mulder
La componente semantica del ‘distacco’ presente
nell’acc. patàru ‘(di)sciogliere’ si fa sentire nel so­
stantivo della lingua di Mari patèrum ‘disertore’
(AHw 851) e nel significato verbale ebraico di pàtar
pattìs -> rDì?£ maqqebet ‘allontanarsi’ (/ Sam. 19,10; Ecclus 32,11).
L ’ugaritico conosce la radice ptr in diverse grafie
(ptr/btr/pzr, cfr. la panoramica in J. Sanmartin, UF
11 [1979] 724 n. 24); essa ricorre nell’espressione btr
bd mlkt «esentato dal servizio, assegnato alla regina»
(KTU 4.382, 1.2) e nel senso di «cancellare» (KTU
I.108,34). _ . ^
In EA il verbo patàru ricorre nei significati ‘scio­
gliere, liberare, lasciar andare, restare (fare rimanen-
ii9 (vi,566) patar (H. Nichr) (vi, 567) 120

za), sottrarre’ oppure ‘allontanarsi, ritirarsi’ (EA 1 non è riferito al primo nato dell’uomo perché
‘ 49 1)- _ _ quando si usa peter rehem il piccolo sarebbe iden­
In fenicio c’è un sostantivo ptrh (CIS 1 io2a), che tificato in base alla madre (Cazelles 483), e que­
secondo M. Lidzbarski (Eph in 109 s.) denoterebbe sto in una situazione di poliginia comporterebbe
la condizione di schiavo emancipato o riscattato (cfr.
difficoltà per quel che riguarda lo status del pri­
DISO 227 e KAI 49,34). È documentato anche un
N P ptr (PNPPI 390). In aramaico d’impero è attesta­ mogenito (M. Tsevat, -* voi. I 1314 s.). Anche per
to il verbo pàtar 1 nel senso di «staccare» (?) (DISO questa ragione peter rehem non ha potuto affer­
227). K. Beyer, ATTM 667, registra il verbo come marsi per indicare il primogenito, funzione per la
«allontanare/allontanarsi» e il sostantivo ptr come quale i termini specifici dominanti sono ré’sit ’ón
«perdita», oltre a un altro sostantivo ptwrjn «separa­ e soprattutto b'kór. Riguardo al primo parto, la
zione». norma di Ex. 34,19 s. dice che ogni primogenito
appartiene a Jhwh e ogni figlio primogenito deve
II. Nell’A.T. il verbo ricorre 8 volte al qal e 1 al essere riscattato (pàdà, -» pdh). I primogeniti de­
hif. I sostantivi peter e pitrà ricorrono rispettiva­ gli animali dovranno essere sacrificati, mentre per
mente 11 volte e 1 volta, con la particolarità che, gli uomini si dovrà offrire un sacrificio sostituti­
tranne che in Ezech. 20,26, sono presenti solo nel vo. Il testo del libro del patto (Ex. 22,28), che è più
Pentateuco (8 volte nell’Esodo e 3 nei Numeri); recente, ha una formulazione già meno precisa
invece il verbo si trova nell’opera storiografica con la conseguenza di prestarsi a un possibile ma­
dtr. (5 volte) e cronistica (2 volte), più 1 volta nei linteso riguardo al sacrificio dei bambini, come di
Salmi e 1 nei Proverbi. Quanto alla datazione, i fatto è avvenuto (Zimmerli 239).
sostantivi sono distribuiti nell’arco di tempo che Dopo che è comparso per la prima volta nella
va dalla prima età monarchica (nel diritto di pre­ legge che decreta il privilegio di Jhwh, il costrut­
lazione di Jhwh, Ex. 34,19 s.) fino all’epoca esili- to genitivale peter rehem torna in uso in testi esi­
ca (Ezechiele, H) e postesilica (Ps). Il verbo pàtar lici, dove indica anche il primogenito degli uomi­
non compare in testi preesilici. ni. Questo recupero si può spiegare con le muta­
te condizioni sociali (monogamia) che ora non la­
in. 1. Il verbo si trova usato come termine tecnico sciano più spazio a equivoci riguardo all’indivi­
edilizio nel racconto della costruzione del tempio (/ duazione del primogenito qualora lo si definisca
Reg. 6), dove in 6,18.29 (> LXX).32 s’incontra il co­ peter rehem. In Ex. 13,2 e Num. 3,12 peter rehem
strutto genitivale p'turè sisim. Tuttora non vi è una­
nimità sulla sua interpretazione. Così M. Noth (BK è in rapporto epesegetico con bekór perché il co­
ix/11, 97. 102. 125 s.), in base del rapporto etimologi­ strutto genitivale, che forniva al testo un’apprez-
co da lui suggerito con l’ar. fatara ‘spaccare’ , pensa zata arcaicità, non era considerato sufficiente, da
a «forme floreali divise», cioè a calici di fiori con se­ solo a definire la materia (Halbe 181 n. 24).
pali liberi che ci si deve immaginare come lunghe fi­ In confronto all’antica norma di Ex. 34,19 s.
le di una decorazione floreale (cfr. Th. Busink, Der l’offerta del primogenito davanti al Signore viene
Tempel von ferusalem 1, Leiden 1970, 272-274). Per spiegata ora in Ex. 13 ,11-16 , con l’avvenimento
contro GesB 640 ed E. Wùrthwein (ATD n / i2, 60 dell’esodo: poiché Jhwh colpì in Egitto tutti i pri­
s.) pensano a festoni di fiori, un modulo ornamenta­
mogeniti, di uomini e animali, occorre sacrificare
le che può essere messo in rapporto con l’idea di «la­
a lui tutti i primogeniti maschi degli animali, e ri­
sciare libero, sciogliere».
scattare quelli degli uomini (v. 15). La prassi sa­
2. Come termine tecnico del lessico cultuale il crificale diversa per uomini e animali è già atte­
sost. peter è già attestato nel diritto di prelazione stata in Ex. 34,19 s., mentre nuova è in Ex. 13,15 la
di Jhwh (Ex. 34,19 s.). Va respinta (Halbe 179 s.; motivazione dell’uccisione dei primogeniti d’Egit­
Kaiser 46 s.) la tesi che qui si tratti di un’interpo- to. Un confronto minuzioso tra Ex. 1 3 , 1 1-16 e Ex.
lazione dtr. ripresa da Ex. 13 (E. Kutsch, ZThK 34,i9a.2oaba (al riguardo cfr. Halbe 181-184) di­
55 [1958] 7 s.).peter ricorre qui per la prima volta mostra che il primo testo dipende dal secondo,
nel costrutto genitivale peter rehem. Dal punto di come rivela l’ordinamento relativo ai primogeniti
vista letterario il testo di Ex. 34,19 s. non è unita­ quasi identico a Ex. 34,19 s. (Halbe 185).
rio, e in origine è composto dai w . i9aa.2oba, così La prescrizione sacerdotale (Ex. 13,2) rivolta a
che si deve leggere kol-peter rehem li kol b'kór tutto il popolo di santificare (qiddès) i primoge­
bànèkà tifdeh (Halbe 177). Risulta così una diffe­ niti per Jhwh viene ripresa in Num. 3,12 e inter­
renza terminologica tra peter rehem, che indica il pretata come decisione di Jhwh, che sceglie che
primo parto di un animale, e bekór, che indica il cosa prendere (làqah, -» lqh\ cfr. anche Num. 8,
primogenito umano (Zimmerli 237). peter rehem 16), ed è sempre Jhwh che santifica per se stesso
i2 i (vi,568) patar (H. Niehr) (vi,568) 122

ogni primogenito di Israele (Num. 3,13). Il con­ bini (Kaiser 44-47; -» voi. v 144 s.). Ci si deve an­
cetto del riscatto del primogenito maschio del­ che chiedere se, considerando i vv. 28 e 40, non si
l'uomo è sviluppato in Num. 3,12 s.: Jhwh pren­ possa riferire Ezech. 20,25 s- anche a un sacrificio
de per sé, invece di ogni primogenito, i leviti. La di animali, che non si doveva celebrare o che ve­
motivazione di tale decisione è la stessa di Ex. 13, niva offerto nel posto sbagliato (così J. Garscha,
12 s.; la novità è che i leviti vengono presi al po­ EHS xxm/23, 19 7 4 ,119 s.).
sto dei primogeniti, un’argomentazione chc si tro­ 3. Il verbo pàtar nell’accezione di «liberare» si
va anche in Num. 8,16-18. L ’unica differenza è differenzia assumendo diverse connotazioni e tro­
che qui invece del consueto sost. peter si sceglie la va impiego in vari contesti.
forma fem. pitrà con il valore di nomen unitatis Nel passo più antico in cui ricorre è usato co­
(K B L J 874). me intransitivo. Nella storia dell’ascesa di David
Le formulazioni di questi testi nella situazione (/ Sam. 19,10) viene usato per descrivere David
politica e religiosa dell’epoca postesilica servono che fugge via da Saul: wajjiftar mippenè sà’ùL C ’è
ad affermare due cose: in primo luogo, i leviti non chi legge qui una forma nif. (BHK; Stoebe, KAT
sono più degradati a servi del tempio, dato che vili/1, 357), sulla base dell’uso postbiblico della
una scelta divina ha conferito loro il privilegio di radice, soprattutto a Qumran. Ma essendo anche
questo servizio. In secondo luogo, l’antico diritto il qal usato nel medesimo significato in Ecclus 32,
divino sui primogeniti viene ripristinato piena­ 11, anche in / Sam. 19,10 si può accettare la lettu­
mente in un senso ancor più radicale. Non è più ra come qal (cfr. BHS). L ’uso intransitivo del ver­
il sacrificio di un animale a poter riscattare il pri­ bo in 1 Sam. 19.19; Ecclus 32 ,11 fa pensare al so­
mogenito dell’uomo, bensì l’intera tribù di Levi stantivo patèrum ‘disertore’ documentato a Mari.
si sostituisce come offerta a Dio per ogni singolo Nell’uso transitivo pàtar qal significa ‘slegare,
primogenito d’Israele (Zimmerli 245). lasciare libero, liberare’ e in senso traslato può si­
Secondo Num. 18,15 il peter rehem è la parte gnificare (Prov. 17,14) lasciare via libera a una
dei sacrifìci che spetta ai sacerdoti. Stando così le massa d’acqua, un’accezione che si presta al con­
cose, i primogeniti degli uomini e degli animali fronto l’acc. nagbè putturu «aprire le sorgenti»
impuri devono essere riscattati in contanti, a me­ (VAB vii 6,45; 212,2; K B L 3 874). Nella formula­
no che non si tratti del primo parto di bovini, pe­ zione di Prov. 17,14 (poter majim ré ’sit màdón)
core e capre. poter non rappresenta tanto un astratto di schema
Anche l’unico esempio di peter rehem nel libro qòtél (B. Gemser, HAT 1/161, 112 ; G. Driver, Bibl
di Ezechiele (20,26) presuppone la prassi del ri­ 32 tT9 5 1J X9 ^J W. McKane, Proverbs, O TL, Lon­
scatto come la esige Ex. 34,19 s.; ma il passo in don 31980, 505), quanto un casus pendens come
questione accusa gli Israeliti di trascurare tale in Prov. 17,13 e 15 (GKa § n 6w ; cfr. fondamen­
prassi, «facendo passare per il fuoco», come sa­ talmente W. Gross, BN 35 [1986] 30-72).
crificio agli idoli, tutti i primogeniti. Controversa Parlando dei turni di servizio dei leviti nel se­
è la portata di peter rehem in questo passo, se cioè condo tempio, pàtar indica il licenziamento alla
indichi i primogeniti degli animali come in Ex. fine del turno da parte dei sacerdoti (2 Chron. 23,
34,19 s. oppure quelli dell’uomo. Tuttavia si deve 8). A questo si riferisce anche / Chron. 9,3 3a, do­
probabilmente assumere a punto di partenza che ve i locali della gruppo fuori servizio vengono
qui ci si riferisca al sacrificio dei bambini, il qua­ chiamati liskót p'tùrim. Tuttavia W. Rudolph
le in epoca assira era particolarmente in voga (cfr. (HAT 1/21, 90) vi scorge una contraddizione con
2 Reg. 16,3; 21,6 e si veda anche Zimmerli, BK il v. 33b, perché ritiene la forma p'tùrim un plu­
x i i i / i 2, 357. 449; H. Spieckermann, F R L A N T rale tantum e traduce l’intera espressione «turno /
129, 1982, 106; P. Maiberger, Gen 22 und die Pro- tempo libero nelle celle».
hlematik des Menschenopfers in Israel, BiKi 41, L ’unico caso di ptr hif. si trova in Ps. 22,8 con
1986, 104-112, spec. 109 s.). La scelta di impiega­ l’oggetto indiretto: hiftir b esafà «fare una fendi­
re l’arcaico peter rehem in questo passo di Eze­ tura con le labbra», dove l’atto di stringere le lab­
chiele deriva verosimilmente da un tono polemi­ bra come una fessura implica un gesto di derisio­
co, in quanto si tratta di un termine di sapore mi­ ne (cfr. Ps. 35,21; Iob 16,10).
sterioso c mitico (Halbc 181 n. 24). Oppure par­
lando di statuti ingiusti si vuole ottenere lo scopo IV. I L X X traducono peter (rehem) con Siavoi-
di escludere l’idea che Jhwh abbia preteso l’ucci­ yov (jLYjTpav oppure con TrptuTÓxoxoc; (Ex. 34,19),
sione dei primogeniti (Kaiser 25), perché nell’A.T. Ugualmente b kór peter rehem (Num. 3,12) è tra­
non è mai esistito un regolare sacrificio dei bam­ dotto npwxóxoxoi; 8iavoiy(ov (jnfjTpav e così pure,
123 ( v i ,569) p i' (J. Conrad) (vi, $7°) I2 4

in Num. 8,16, 1’hap. leg. pitrà. In Prov. 17,14 i 1.2). Il qal è attestato solo in N P dove sostituisce
L X X leggono Xóyoi per majim e traducono pàtar il hif. (pelà'jd, Nehem. 8,7; 10 ,11; p elàjà, 1 Chron.
con È^ouaiav SiSóvai. 3,24; forma breve pallù', Gen. 46,9; Ex. 6,14;
In 2 Chron. 23,8 pàtar è reso con x a T a À u e i v e Num. 26,5.8; 1 Chron. 5,3 da cui deriva poipallu'i,
le liskòt p eturim di 1 Chron. 9,33 sono intese co­ Num. 26,5; per tutta la questione cfr. IPN 36. 38.
me S i a T e T a y ^ é v a i è<pT](j.epiat. 19 1; K B L 3 876-878. 880; problematico è ’élìflèhu
A ll’uso intransitivo di pàtar in / Sam. 19,10 in 1 Chron. 15,18.21; Num. 16,1 cong.; cfr. IPN
corrisponde nei L X X àicépx.eo’&ai. In Ps. 22,8 i 32; K B L 3 54. 876). Derivati sono il sostantivo
L X X traducono ptr hif. con èv ytikeviv. le' con il relativo aggettivo p il'i (fem. pil'ijjd, Q
peli, fem. p eli'a). Il nome ricorre 13 volte (2 nella
v. A Qumran è attestato il verbo ptr nif. (iQ S forma pi. p elà'ót, 1 volta p elà ’im [come forma
7,10.12) nel senso di «allontanarsi». La forma p e- con suffissi in mss. tardi anche in Ps. 77,12; 88,13;
tùri[m\ in 4Q491 1-3,8 suggerisce il medesimo 89,6; ma v. sotto, m .2]); per l’aggettivo si hanno 2
uso linguistico di / Chron. 9,33 (cfr. D JD vii 15). ricorrenze. L'hap. leg. miflà'ót è probabilmente
Il contesto difficile non permette alcuna determi­ un errore per niflà'òt. Nel Siracide s’incontra il
nazione del contenuto. nif. (4 volte, di cui 2 volte niflà'òt sostantivato), 3
In una lettera da En Gedi (DJD 11 nr. 46,9) pà­ volte il h if e 3 volte pele’ al pi.
tar ricorre nel significato di «essere esentato da» Anche al di fuori dell’A.T. il gruppo lessicale è
(sott. pagare qualcosa). essenzialmente presente solo in ebraico o in ara­
H. Niehr
maico tardo influenzato dall’ebraico biblico (Dict.
Talm. 1174. 118 1). Forse anche il termine aramai­
co giudaico pil'àtà' ‘similitudine, enigma’ (Dict.
tÓD pi" Talm. 1175) e analogamente il siriaco pélé'tà’
(Lex. Syr.1 569) rientrano nel nostro gruppo les­
sicale. Il verbo compare nel N P ugaritico Ja-ap-
lu (PNU 336, cfr. Stamm 188) e in punico (Plaut.,
Poen. 1017; DISO 227). Del tutto incerta è l’ipo­
1.1. Ricorrenze. - 2. Significato base. - 3. Traduzione neitesi di ulteriori testimonianze, come per l’ugariti-
L X X . - rr. Il verbo. - 1. nif. - 2. hif. e hitp. - ili. I deri­
vati nominali. - 1. niflà'òt come sostandvo (miflà'ót). - co (K B L 3 875 s.) o il nordarabico (fa 'l ‘segno,
a) In generale. - b) I contenuti concreti. - c) Il signifi­ omen , come derivato dapàlà', GesB 641).
cato estensivo. - 2. pele’ cpil'i. - iv. Il gruppo lessicale 2. Per determinare il significato base della radi­
negli scritti di Qumran. ce pàlà’ si può partire soltanto dalle testimonian­
ze contenute nell’A.T. Per L. Kòhler tale signifi­
Bibl.: R. Albertz, pi’ ni., wunderbar sein (THAT 1 1 413­
420). - G. Bertram, -Sauna (GLNT iv 213-256). - D. cato si può descrivere come «essere diverso, vi­
Grimm, Die hebràische Wurzel pi’ und ihre nominalen stoso, notevole» (ThZ 1 [1946] 304; K B L 1 759),
Ableitungen im A.T., diss. Halle/S. 1977 (cfr. ZAW 90 ma è una determinazione troppo generica. Nei te­
[1978] 306 s.). - Id., «Jahwe Elohim, der Gott Israels, sti si tratta sempre di fatti e situazioni che per l’uo­
der allein Wunder tut»\ Jud 35 (1979) 77-83. - J. Has- mo risultano incomprensibili, quindi superano le
pecker, Wunder im A.T., 1965. - F. Nòtscher, Zur sue facoltà conoscitive e immaginative. Partendo
theologischen Terminologie der Qumran-Texte (BBB da questa considerazione è plausibile concludere
10, 1956). - G. Quell, Das Phànomen des Wunders im
che il significato base sia identico a quello solita­
A.T. (Fs. W. Rudolph, 1961, 253-300). - J.J. Stamm,
mente attribuito al n if, ‘essere meraviglioso’.
Beitrdge zur hebrdischen und altorientalischen Namen-
kunde (OBO 30, 1980). - H.J. Stoebe, Anmerkungen
zur Wurzel pi’ im A.T.: ThZ 28 (1972) 13-23. - F.-E. Contro tale conclusione Stoebe ha però obiettato
che «in questo modo l’affermazione che viene fatta
Wilms, Wunder im A.T., 1979.
riguarderebbe una qualità che apparterrebbe statica­
1.1. N ell’A.T. il gruppo lessicale pala' ricorre mente a un oggetto o a un atto, che sarebbe in sé di­
soltanto nelle parti in ebraico. Del verbo si hanno verso, notevole, dunque meraviglioso» e che «una
J7 ricorrenze al nif. (42 delle quali sono costituite siffatta concezione non coglie l’essenza di ciò che
l’A.T. vuol dire parlando di meraviglie o miracoli»
dal part. sostantivato pi. niflà'òt [non contando
(14). Stoebe giunge quindi alla diversa conclusione
Ps. 13 1,1; lob 42,3 dove la forma niflà'òt è usata che «p i' contiene l ’aspetto di un’efficacia che emana
come aggettivo]), 1 al hitp. e 11 al hif. Un settore da colui che opera o che gli è inerente» (15). In ef­
a parte costituiscono le forme pi. e hif. usate per fetti generalmente nei passi non si tratta soltanto di
operazioni tecniche attinenti al culto (v. sotto, determinati fatti che vengono valutati come incom­
125 (V1>571) p i’ (J. Conrad) (vi, 572) 126

prensibili, bensì di determinati fini e traguardi che Quando Stoebe pone tutto l’accento sull’aspetto
gli uomini non possono raggiungere coi loro mezzi, dell’effetto, si basa sui contenuti mediante i quali
oppure di azioni e processi che sono rivolti a loro il significato base viene concretizzato. Tale aspet­
stessi o che su di loro stessi hanno effetto, ma che
to è davvero essenziale per poter capire l’uso ef­
gli uomini non hanno, da parte loro, alcuna possibi­
lità di influenzare. In altre parole, si tratta di opera­ fettivo del gruppo lessicale.
zioni, o di loro effetti, che superano le facoltà cono­
scitive e immaginative dell’uomo e, quindi, vanno ol­ È veramente poco chiaro come vadano interpreta­
tre le sue possibilità di agire. Fin qui Stoebe ha per­ te nel documento sacerdotale le forme pi. e h if usate
fettamente ragione. in senso tecnico cultuale e unite col sost. neder (pi.
in Lev. 22,21; Num. 15,3.8; h if Lev. 27,2; Num. 6,2
Si deve però osservare che il gruppo lessicale [forse si deve leggere il pi., v. BHS]). Queste forme
pala’ non rende l’azione o la sua efficacia in quan­ vengono talvolta ricondotte alla stessa radice pald’t
to tale, bensì la qualifica incomprensibile o inat­ presupponendo in genere il dubbio significato base
‘essere diverso, particolare’ («adempiere, sciogliere
tuabile per l’uomo. Cioè si deve distinguere tra il
un voto particolare», per Stoebe 15 s. si tratterebbe,
suo significato base e la sua applicazione a deter­ conseguentemente, di rendere il voto efficace); altre
minati contenuti. Il primo può essere determina­ volte si postula un’altra radice, una forma seconda­
to soltanto in termini statici come ‘essere incom­ ria di pala' («separare un voto»), oppure addirittura
prensibile, inimmaginabile’. Solo con tale presup­ una radice indipendente (‘fare un voto’) (cfr. GesB
posto è possibile spiegare la costruzione delle for­ 641 s.y KBL3 876; Albertz 414. 416, -> ndr [nàdar]
me nif. con un min comparativo o la funzione I.3). Queste derivazioni e spiegazioni proposte re­
della forma h if Si fa dunque in primo luogo una stano tuttavia puramente ipotetiche, giacché il con­
constatazione, precisamente la constatazione di testo dei passi in questione non offre alcun indizio
che metta sulla giusta strada. In ogni caso rimane al­
un limite che per l’uomo è insuperabile, ma che
tamente incerto un rapporto con il gruppo lessicale
può essere ugualmente scavalcato da un’altra par­ di cui ci si sta occupando.
te. Il gruppo lessicale marca dunque contempora­ Problematica è anche l’ipotesi di una correlazione
neamente l’antitesi tra la limitatezza di possibilità con la radice pala le cui forme hif in Ex. 8,18; 9,4;
da una parte, e l’illimitatezza di possibilità dall’al­ II,7 non possono che significare ‘separare, fare una
tra. In casi particolari quest’ultima può valere an­ distinzione’. La radice compare anche in altre lingue
che per altri uomini, ma per il resto vale solo per semitiche con lo stesso significato, oppure con uno
forze e poteri sovrumani, in particolare per Dio. mutato (KBL3 878; Dict. Talm. 118 1; MdD 373, cfr.
Nei testi si tratta infatti soprattutto dell’abissale AHw 817). Questo significato non potrà mai colli­
antitesi tra le possibilità dell’uomo e quelle di Dio, mare, per quanta inventiva si possa avere, con quel­
lo di pala’ hif. (‘rendere incomprensibile, inimmagi­
vale a dire della sua alterità e onnipotenza, che
nabile’). Le due radici vanno quindi tenute separate.
l’uomo sente incomprensibili e irraggiungibili. Tuttavia alla base di entrambe potrebbe esserci l’idea
Alla luce di ciò è comprensibile che Quell attri­ comune di un limite invalicabile. Dal punto di vista
buisca al sost. pele’ (cioè all’intero gruppo lessicale) formale, comunque, c’è stato un adeguamento reci­
«una sua propria nota genuinamente sacra, numino- proco delle due radici, poiché alcune forme verbali
sa», la quale «colloca il nome nelFimmediata e mas­ di pala si sono formate in analogia con i verbi di ter­
sima vicinanza al termine fondamentale che denota za debole (nif. Ps. 139,14; hif Ps. 4,4: 17,7; forma
il divino in Dio, il sacro, la santità» (294). Il gruppo mista in Deut. 28,59; viceversa nel Pentateuco sama­
lessicale non è, tuttavia, riferito solo a Dio. Alcuni te­ ritano in Ex. 9,4 e 11,7 pala è stato adeguato a pdld’.
sti con il nif del verbo fanno capire chiaramente che Un’osservazione analoga vale per il medio ebraico,
viene applicato anche all’ambito interpersonale e in- mentre in aramaico le due classi verbali si confon­
tramondano, e non si può certo trattare di uno svi­ dono del tutto). Nel caso della forma n if in Ex. 33,
luppo semantico secondario. In tal caso anche Quell 16 ci si può pertanto chiedere come si debba tradur­
si limita a parlare di un «numinosum divino» o di un re: se con ‘essere separato’ (pala) o con ‘dimostrarsi
«tratto numinoso» (296), ma persino tale interpreta­ meraviglioso’ (pala ’ con min comparativo). Tuttavia
zione (prescindendo del tutto dall’indeterminatezza si dovrebbe preferire la prima alternativa, giacché
del concetto del numinoso) è indubbiamente esage­ una forma nif. di pala ’ con soggetto umano diretto
rata. In ogni caso il gruppo lessicale non ha alcun è poco verosimile (anche se documentata in Ps. 139,
genuino significato teologico, sebbene sia quasi co­ 14; ma qui dovrebbe trattarsi di una corruzione del
stantemente riferito a Dio, e pertanto non può esse­ testo, v. sotto, n.i).
re fatto risalire nella sua interezza all’ambito sacro.
3. Nei L X X la forma pi. nifla’ót e il sost. pele’
Si deve così ribadire che il significato base rap­ (anche al sing.) vengono prevalentemente tradotti
presenta un enunciato che constata e qualifica. con -Sau^aaia, più raramente con •Saup.ao’ e
127 (vi,573) p i' (J. Conrad) (vi,574) 128

sporadicamente con altri termini come èHaioria mi due casi (v. I9a). Ma il terzo (v. i9ba) c certa­
(usato anche per mifld'ót), EvSoJja o ÒTtépoyxa (in mente utilizzabile dall'uomo e quindi efficace per
Ex. 15 ,11 TÉpaTa, in lob 37,14 Suvoquc;). Per tra­ lui. Più che mai ciò vale per il quarto caso, il rap­
durre il n if si usa -SaupacrToùv (pass.) e àSuvatTEÌv porto (v. I9b|3) tra i sessi che viene compiuto dal­
o àSuvaxos oppure uTrÉpoyxoi; (elvai); in Ier. 32, l’uomo stesso e si dimostra quindi estremamente
17.27 (à7to)xpu7r:eiv (pass.). Per il hif. i L X X ri­ efficace per lui (qui proprio il caso normale del
corrono a -3 au(j.a<TToGv e a 'Saup-stata o '3 aup.acjTàrapporto tra uomo e donna viene inteso quale ul­
Ttoieiv; in Deut. 28,59 traducono con TrapaSo^a- timo e profondo mistero; forse c'è un riferimento
£eiv, in Is. 29,14 con pETaxi^évai (per l’inf. ass. [e alla comunione sessuale all’inizio del matrimonio
pele'] una forma verbale finita; per l’inf. ass. in 2 vissuta come esperienza fondamentale). Così, me­
Chron. 2,8 ev3o ^ ; in Is. 28,29 xépaxa [erronea­ diante la massima numerica nel suo complesso, si
mente unito al v. 293]). Per il hitp. (lob 10,16) usa­ dichiara che nel mondo l’uomo è circondato da
no 8eiv6l)<; òXéxeiv. L ’agg. p il'ì è tradotto con #au-misteri che si sottraggono alla sua conoscenza ma
|j.acTTÓ<; (lud. 13,18) oppure con il verbo ■Saupa- che questi, per parte sua, prova come forze effi­
otoùv (pass., Ps. 139,6). caci per lui o come evento di grande efficacia e
momento.
il. 1. Fondamentali per la comprensione del In tutti gli altri casi si tratta dell’opera di Dio
gruppo lessicale sono i passi con il n if del verbo sull’uomo. Nei passi in questione si testimonia,
(prescindendo da niflà'ót sostantivato, per il qua­ innanzitutto, che per Dio non esistono limiti che
le v. sotto, ili. 1), le cui forme sono costruite tutte gli impediscano di aiutare l’uomo in una situazio­
(tranne che in Ps. 139,14) con la prep. min o con ne di pericolo o di difficoltà, dalla quale egli non
la locuzione prepositiva bc‘èné. Soprattutto il co­ sa come uscire. Alla parte umana viene quindi fat­
strutto con min segnala chiaramente un limite: si ta una promessa per il futuro, formulata come pa­
tratta di fatti e situazioni che l’uomo può consta­ rola di Dio, sotto forma di domanda retorica. Es­
tare e osservare ed eventualmente utilizzare per sa è diretta a un individuo (Gen. 18,14) 0 3 una
sé, ma non è in grado di spiegare la loro natura o collettività, come la città di Gerusalemme (Ier. 32,
di far sufficiente luce su di essi e sui quali, di con­ 27; cfr. v. 17) o l’Israele postesilico (Zach. 8,6b).
seguenza, non ha alcun potere decisionale né di­ Certo la promessa presuppone la disponibilità
screzionale. Non si tratta dunque di una presa di delle persone in questione ad adattarsi a un avve­
posizione neutrale, ma di fatti chc lo riguardano nimento che va contro le loro concezioni e possi­
direttamente e ai quali egli si vede messo di fron­ bilità di azione (Zach. 8,6a): la disponibilità, quin­
te. Può trattarsi, da un lato, di compiti e di diffi­ di, di consegnarsi totalmente all’opera di Dio.
coltà per affrontare i quali egli non possiede le ne­ Quando l’aiuto è arrivato lo si può soltanto loda­
cessarie capacità di analisi e di azione e, dall’altro, re e celebrare come un evento incomprensibile
di processi e forze al cui effetto egli è esposto. (Ps. 118,23: qui da parte della comunità nella li­
Questo spettro semantico è riconoscibile con turgia di ringraziamento individuale).
grande chiarezza nei pochi esempi che si riferisco­ Nella letteratura sapienziale e nei Salmi si han­
no alla sfera interpersonale e intramondana. Ci no, inoltre, affermazioni generalizzanti e di prin­
sono infatti casi giuridici nei quali gli organi giu­ cipio. Per Ecclus 39,20 Dio agisce in ogni tempo e
risdizionali locali si vedono incapaci di pronun­ ovunque con una superiorità inconcepibile per in­
ciare un giudizio, così che dipendono dall’aiuto tervenire salvando e per provvedere al benessere
di un’altra istanza (Deut. 17,8 s.). Amnon è preso (cfr. v. 33). Si tratta di riconoscere tale superiorità
da un violento desiderio di Tamar, ma nella situa­ e di non metterla in questione con le proprie idee
zione in cui si trova non vede la strada per giun­ (v. 21 ). Giobbe deve perciò ammettere che fa qual­
gere ad averla (2 Sam. 13,1 s.). Soltanto una per­ cosa chc va oltre i limiti delle sue capacità cono­
sona più accorta può aiutarlo a trovare la solu­ scitive, quando tenta di disputare con Dio circa il
zione (vv. 3-5). Viceversa con l’amore per Giona­ proprio destino e quindi circa il modo di agire di­
ta a David è toccata un’esperienza che va molto vino (lob 42,3a(3b). Viceversa l’orante di Ps. 13 1,1
oltre la misura normale dell’esperienza amorosa sottolinea che non cerca in ogni modo di raggiun­
umana ed è perciò particolarmente misteriosa, ma gere alti traguardi superando così i limiti delle
lo ha colpito tanto più profondamente (2 Sam. 1, proprie possibilità, ma rinuncia a ogni alterigia e
26). Nella massima numerica di Prov. 30,18 s. si si affida totalmente a Dio (v. 2). Anche il salmista
tratta dapprima soltanto di constatare i limiti del­ di Ps. 139 sa di dipendere totalmente da Dio, poi­
le capacità conoscitive umane, così almeno nei pri­ ché questi lo ha creato e ha predeterminato tut­
i29(vi,S7S) p i ’ (J. Conrad) (vi, 576) 130

ta la sua vita (w . 13.15-18). Facendo ciò Dio si è mondo, che determina tutta la vita dell’uomo ma in
dimostrato inconcepibilmente grande (v. 143: si sé resta per lui comunque impenetrabile. Dovrebbe
legga niflètà invece di niflèti, v. BHS) e da ciò egli tuttavia trattarsi di una parabola con la quale s’in­
capisce che la sua opera è assolutamente inconce­ tende illustrare come anche nel suo rapporto con gli
uomini Dio agisca costantemente in maniera appro­
pibile (v. i4ba). Certo tale consapevolezza non lo
priata, e quindi si pensi in ogni circostanza al man­
riempie di gioia assoluta. Mediante la forma no­ tenimento di un ordine intelligente, sebbene al mo­
minale nòrà'ót (-» voi. in 1027), usata come av­ mento presente ciò contraddica il loro giudizio (-»
verbio, si allude piuttosto alla sensazione che la voi. in 862 s.). Un’affermazione che non può essere
superiorità di Dio abbia in sé qualcosa di inquie­ messa chiaramente a fuoco a causa di problemi te­
tante. stuali si legge in Iud. I3,i9ba. Le parole possono ri­
Sostanzialmente si tratta sempre dell'opera di ferirsi all’annuncio della nascita di Sansone nella sua
Dio anche in Deut. 30,11. L ’osservanza della leg­ interezza, per far capire che anche la sterilità di una
donna non costituisce per Dio un ostacolo, quando
ge non supera le possibilità d’Israele e quindi di
è in gioco la salvezza di Israele (come apposizione a
ogni singolo israelita, perché essa gli è molto vici­ l'jhwh, v. i9a(3, v. BHK). Ma può anche trattarsi di
na ed è posta nel suo intimo (v. 14). Osservare la una frase nominale che si riferisce all’ascesa del mes­
legge rientra quindi nell’ambito del possibile per­ saggero divino nella fiamma del sacrificio (v. 20) per
che Dio stesso ha messo Israele in condizione di dimostrare che Dio stesso ha fatto ciò in maniera mi­
farlo. Lo stesso vale per l’affermazione molto più steriosa (così intende il T.M.). Nell’inno conclusivo
spinta di Ecclus 48,13, secondo cui Eliseo avreb­ delP«elogio dei padri» il Siracide invita a lodare Dio
be disposto di possibilità illimitate di azione. con un’affermazione affatto generica: Dio opera in
modi misteriosi e incomprensibili in tutto il mondo
2 .1 testi conpalò,’ hif. si riferiscono quasi esclu­
(Ecclus 50,22).
sivamente all’azione di Dio. Di conseguenza que­
sti è anche fondamentalmente il soggetto gram­ Dio non opera tuttavia per la salvezza incondi­
maticale o logico delle forme verbali. Queste non zionatamente. Egli procede in maniera altrettanto
servono tuttavia a descrivere la sua opera in quan­ inimmaginabile contro Israele per punirlo e an­
to tale, bensì a qualificare l’azione che risulta dal nientarlo, se non osserva i suoi comandamenti
contesto di ciascun passo come incomprcnsibile (Deut. 28,59; cfr* v. 58). Lo stesso vale per Is. 29,
per l’uomo o contraria alle sue concezioni. Ciò è 14. Dato che Israele lo onora solo esteriormente
del tutto palese quando segue un altro verbo al- (v. 13), Dio reagirà in maniera tale che neanche i
l’inf. cs. (Iud. 13,9; 2 Chron. 26,15), ma vale so­ più intelligenti e smaliziati possono ritenere pos­
stanzialmente anche per gli altri passi. Così nei la­ sibile. Mediante il costrutto con jàsaf (testo emen­
menti individuali si esprime la supplica o la con­ dato) si vuole esprimere che Dio agisce su Israele
sapevolezza che Dio concederà attenzione e aiuto in maniera sempre incomprcnsibile, ma ciò può si­
(hesed) a colui che si trova in una situazione dif­ gnificare anche rovina, così che egli resta sempre
ficile, che per lui non ha via di uscita (Ps. 4,4 [te­ una presenza inquietante per il suo popolo (que­
sto emendato]; 17,7; 31,22). Davanti alla mancan­ st'ultimo aspetto è sottolineato con l’insolita for­
za di una via di uscita da quella situazione, ciò può mulazione ellittica con la ripetizione dell’inf. tp e-
soltanto significare che Dio dovrà intervenire, o è le'). Rientra in questo discorso anche l’unico
intervenuto, in una maniera che non è più imma­ esempio della forma hitp. nel quale Dio viene tut­
ginabile. Lo stesso vale per l’annuncio di una nuo­ tavia aggredito. Giobbe, convinto di essere trat­
va salvezza per Israele nella sua totalità, davanti tato ingiustamente, non può far altro che accusa­
alle devastanti conseguenze del flagello delle ca­ re Dio di abbandonarlo alla rovina in maniera del
vallette (Ioel 2,26; cfr. v. 25). Generalizzando si tutto incomprensibile e spaventosa (Iob 10,16; cfr.
narra di come Uzzia avesse ricevuto un inaudito v. 15).
aiuto concreto in campo militare (2 Chron. 26,15)
e come esso gli fosse giunto naturalmente da Dio Gli esempi in cui la forma hif. si riferisce all’ope­
(v. 7)- ra di uomini rappresentano eccezioni. Così Salomo­
ne vuole edificare un tempio che superi le dimensio­
Anche Is. 28,29 si riferisce probabilmente a una ni solite dei progetti umani (2 Chron. 2,8). Certa­
situazione concreta. Stando al tenore del testo, nella mente tale intenzione presuppone che il tempio deb­
pericope dei vv. 23-29 si tratta di un ammaestra­ ba appunto corrispondere alla grandezza di Dio, co­
mento sapienziale circa l’attività intelligente del con­ sì che, in ultima analisi, è costui che rende possibile
tadino, alla quale questi è stato avviato in maniera un disegno del genere ed esprime con ciò la potenza
misteriosa da Dio stesso (cfr. v. 26). Queste parole della sua efficacia (cfr. anche Stoebe 18). Nel Siraci­
intendono certo riferirsi all’ordinamento divino del de si trovano due esempi di genere diverso. Per Ec-
X3 I (VI, 576) p i' (J. Conrad) (vi ,577) i3 2

clus 31,9 (34,9) un ricco che viva irreprensibilmente, 32; 136,4 [cfr. w . 10-22]; Nehem. 9,17; con spe­
senza cedere alla tentazione del denaro, compie dav­ ciale riferimento all’Egitto: Ex. 3,20; lud. 6,13; Ps.
vero un’impresa impossibile (cfr. w . 1-8). All’inver­ 106,7.21 s.; cfr. Mich. 7,15; con riferimento alla
so, ci furono re in Israele che commisero infamie in­ conquista di Canaan: Ios. 3,5; con inclusione dei
credibili (Ecclus 48,16).
patriarchi:/^. 105,2.5 [7 Chron. 16,9.12]). Questi
Vanno intesi nel senso della forma hif. anche i avvenimenti hanno fondato l’esistenza d’Israele e
NP costruiti con pala' qal (v. sopra, 1.1). Si tratta di
hanno perciò un significato straordinario e per­
nomi composti con i quali si testimonia che Dio ha
agito per la persona in questione in maniera incom­ manente. Ma non si tratta soltanto dei tempi anti­
prensibile e positiva. In primo luogo si pensa proba­ chi. Da Ps. i n si evince chiaramente che le niflà­
bilmente al fatto stesso della felice nascita di quella 'ót menzionate al v. 4 attraversano l’intera storia
persona, così che i nomi di questo tipo rientrano tra d’Israele e sono il segno che Dio resta fedele alla
uelli che esprimono gratitudine. Ma al contempo propria berit (-» brjt) (vv. 5.9) e provvede continua­
ovrebbero essere considerati espressione della fi­ mente a preservare Israele. In Ps. 96,3 [/ Chron.
ducia che Dio continuerà a operare per quella perso­ 16,24]; 98»1 le niflà'ót indicano probabilmente, ri­
na in maniera altrettanto positiva, così che essa pos­ prendendo il messaggio del Deuteroisaia, soprat­
sa provare concretamente, per tutta la vita, la salvez­
za divina. tutto il nuovo esodo e la riunione della diaspora.
Così si può anche esprimere la speranza o la ri­
chiesta che Dio elimini le difficoltà presenti e in­
m .i.a) 11 participio sostantivato niflà'ót indica, tervenga di nuovo per liberare, come già ha fatto
con due sole eccezioni, opere salvifiche di Dio fino a questo momento o come ha fatto all’inizio
che da parte umana sono inspiegabili e indescrivi­ della storia d’Israele (Ier. 21,2; Mich. 7,15). Alle
bili, ma vengono vissute dagli uomini come eventi niflà'ót quali segni del suo costante intervento
estremamente efficaci e decisivi per la loro esi­ per salvare e proteggere ci si appella inoltre nei
stenza. Si tratta di una denominazione che riassu­ lamenti e negli inni di ringraziamento individuali;
me atti salvifici ed ha prevalentemente un caratte­ esse sono il fondamento della certezza dell’orante
re quasi di formula. Questa sua natura tipizzata di sperimentare anch’egli, nella propria distretta,
risulta particolarmente chiara quando niflà'ót è il soccorso e la liberazione divina (Ps. 9,2; 26,7;
seguito da una frase relativa stereotipata con una 40,6; 7 1,17 ; 86,10). Quando in queste composizio­
forma del perfetto di 'àsa (Ps. 78,4; 10 5 ,5 17 Chron. ni di carattere individuale si parla esplicitamente
16,12]; Nehem. 9,17), oppure dove il nostro ter­ di tutti o degli innumerevoli atti salvifici, oppure
mine è oggetto di 'àsa in una costruzione col par­ l’orante dichiara di averli proclamati sin dalla gio­
ticipio altrettanto stereotipata (Ps. 72,18; 86,10; vinezza (Ps. 71,17), naturalmente egli si riferisce
106,21 s.; 136,4; Iob 5,9; 9,10). Che compaia uni­ all’opera di Dio per tutto Israele. Ma nello stesso
camente al plurale è un’ulteriore conferma che si tempo Dio interviene direttamente, in maniera al­
tratta di un termine astratto che riassume gli atti trettanto indescrivibilmente efficace e potente,
salvifici di Dio. Dato che il picco di frequenza di nella vita personale del singolo fedele. Ps. 107 no­
niflà'ót si registra nei Salmi, si può supporre chc mina diversi gruppi che sono stati salvati dalle ri­
l’espressione sia stata coniata nell’ambito del cul­ spettive situazioni critiche e che ora ne rendono
to e che qui la sua sede primaria fossero gli inni, testimonianza, a dimostrazione dell’ incomprensi-
più precisamente quelli di lode e di ringraziamen­ bilc opera salvifica di Dio (vv. 8.15.21.31).
to. Le ricorrenze di niflà'ót al di fuori dei Salmi si
collocano tutte in testi esilici o postesilici. La me­ Per Ps. 119 è la torà (-» twrh) che garantisce la per­
desima data dovrebbero avere i salmi in cui com­ fetta salvezza a colui che l’osserva. Così i suoi effetti
pare il nostro termine. Il participio dovrebbe es­ (v. 18) e le disposizioni stesse possono essere chiama­
te niflà'ót (al v. 27 si ha il parallelismo piqqùdimjnif-
sere stato sostantivato più o meno contempora­
là'ót).
neamente.
b) Passando a considerarne il contenuto, le nif­ La rilevanza delle opere di salvezza divine non
là'ót sono in primo luogo atti salvifici di Dio che si limita a Israele. Per Ex. 34,10 esse sono uniche
riguardano Israele nella sua totalità, grazie ai qua­ in tutto il mondo. Di conseguenza devono essere
li esso fu salvato in passato da situazioni critiche proclamate a tutti i popoli (Ps. 96,3 [/ Chron. 16,
e fu preservato quale popolo. Per quel che riguar­ 24]; 105,1 s.; va inteso così anche Ps. 98,1). Secon­
da tali atti salvifici, si tratta soprattutto dei grandi do Ps. 96,7-9; 98,3-5 tale proclamazione porterà
avvenimenti della storia della salvezza a comin­ tutti i popoli a celebrare e adorare il Dio d’Israele
ciare dagli albori d’Israele (Ex. 34,10; Ps. 78,4.11. come re universale (cfr. anche Ps. 86,9 s.). Inoltre
133 (vi,578) p i' (J. Conrad) (vi,579) 134
le niflà'ót menzionate in Ps. 145,5 indicano l’ope­ a fargli del male senza motivo (9,11 -35). Per Giob­
ra salvifica di Dio a difesa di tutti gli oppressi e di be le niflà'ót sono incomprensibili e imprevedibi­
tutti i pii del mondo (w . 14.18 s.), così che «ogni li solo in malam partem. Alla fine dei discorsi di
carne» lo celebrerà (v. 21). Quest’inno di lode Elihu si sostiene una posizione di compromesso.
non viene intonato solo dagli uomini, ma da tutte A partire dai fenomeni e dai processi naturali
le opere di Dio (v. 10): l’intera creazione vi è quin­ Giobbe deve riconoscere che Dio certo non è ac­
di coinvolta (Ps. 96,11 s.; 98,7 s.). Di conseguenza cessibile agli uomini, ma è ugualmente giusto, ed
le opere stesse della creazione possono essere chia­ egli non può che piegarsi davanti a lui (37,5.14.16
mate niflà'ót (Ps. 107,24; Iob 37,5 [qui niflà'ót è [per questi passi v. sopra]; cfr. v. 23).
usato come avverbio oppure il testo va emendato,
cfr. G. Fohrer, KAT xvi, 480].14.16 [niflà'ót, v. Soltanto in due passi le niflà'ót vengono ricon­
dotte a un uomo. Entrambe le volte si tratta di An­
sopra, 1.1); Ecclus 42,17; 43,29 [invece di dbrjw la
tioco iv Epifane. Secondo Dan. 11,36 Antioco s’in­
parola che segue deve essere probabilmente letta nalza sopra tutti gli dei e pronuncia niflà'ót anche
gbwrtw ]) ed essere ricordate prima degli atti di contro il sommo Dio, cioè il Dio d’Israele. In altre
salvezza compiuti per Israele (Ps. 136,4-9). Si può parole Antioco fa di se stesso l’unico dio e crede ora
pertanto dire, in generale, che solo lui compie si­ di poter disporre di possibilità illimitate.. Anche in
mili atti salvifici (Ps. 72,18), dimostrandosi per questo caso niflà'ót significa dunque il potere divi­
mezzo di essi l’unico Dio (Ps. 86,19 [c^r- v- 8]; 96, no di agire efficacemente, che però un uomo si è ar­
3- 5)- rogato pervertendolo e quindi non potrà che porta­
re alla rovina. Lo stesso vale per Dan. 8,24 (niflà'ót è
qui sicuramente usato come avverbio riferito a jas-
Nei Salmi e nel libro di Giobbe si usano anche al­
hit, ma questo è probabilmente dittografia di hishit
tri termini per indicare le opere salvifiche di Dio.
del v. 24b; invece di jashit si deve leggere jcdabbér co­
Essi ricorrono nell’immediato contesto di niflà'ót e, me in 11,36 o meglio ancora jàsiah [così BHS]).
oltre a esserne in larga misura sinonimi, illustrano
anche alcuni aspetti particolari inerenti alle niflà'ót. c) Le niflà'ót non sono fenomeni singoli e spo­
Vanno ricordati soprattutto: gedólót (Ps. 71,19; 106, radici da considerare solo in sé. Si tratta piuttosto
21; Iob 5,9; 9,10; 17,5; cfr. gedullà, Ps. 145,6); gebù-
di manifestazioni particolari dell’opera di Dio in
rót (Ps. 145,4; cfr. gebùrà, Ps. 71,18); ‘alilot (Ps. 78,
11); ma'àiìm (Ps. 107,24; 145,4; cfr. Ex. 34,10); t'hd- generale, e in quanto tali hanno un significato fon­
lót (Ps. 78,4); móf'tim (Ps. 105,5 t7 Chron. 16,12]); damentale e indicativo che le trascende. Lo si ca­
per l’aspetto inquietante nórà'ót (Ps. 106,22; 145,6; pisce soprattutto notando i verbi che direttamen­
cfr. Ex. 34,10); per l’aspetto dell’attenzione amore­ te o indirettamente hanno le niflà'ót per oggetto.
vole hàsàdim (Ps. 106,7; cfr. Ps. 107,8.15.21.31). Inol­ Così, soprattutto in espressioni tipizzate, si
tre le niflà'ót sono espressione della maestà e del po­ mette frequentemente in evidenza che Dio ha fat­
tere di Dio (kàbód, Ps. 96,3 [/ Chron. 16,24]; 145,J to, fa o farà c può fare niflà'ót (‘àia, Ex. 3,20; 34,
[testo emendato, v. BHS]; sém, Ps. 9,3; ‘èziìz, Ps.
10; I os. 3,5; Ier. 21,2; Ps. 40,5; 98,1; per l’uso ste­
78,4; 145,6) come della sua azione liberatrice e della
sua giustizia (ì'sù'à, Ps. 96,2; 98,2; sedàqà, Ps. 71,19; reotipato v. sopra, m .i.a). In questo modo si
98,2; 145,7). A differenza di tutti questi altri termini, vuole affermare, prima di ogni altra cosa, che Dio
determinante per niflà'ót è l’aspetto dell’incompren­ effettivamente agisce e inoltre stabilisce fatti con­
sibilità e impossibilità per l’uomo. creti che rendono del tutto palese la sua azione.
Ma non si tratta di una mera constatazione. Es­
Per quel che riguarda le niflà'ót si tratta dun­ senziale è piuttosto che tutti coloro che vivono
que fondamentalmente di un’azione salvifica di questi fatti o ne sentono parlare possano richia­
Dio che per gli uomini è di certo incomprcnsibi- marsi e appoggiarsi a essi, e acquistare così la fi­
le, e di conseguenza anche imprevedibile, ma vie­ ducia che Dio si dimostri anche altrove altrettan­
ne da loro vissuta come un’esperienza di libera­ to potente ed efficace. Lo stesso vale per l’affer­
zione e di scampato pericolo mortale (secondo mazione che egli esibisce le proprie azioni salvifi­
Ps. 107,10-16.17-22 anche esplicitamente in caso che (rà'à h if, Ps. 78 ,11; Mich. 7,15 [testo emen­
di difficoltà dovute a propria colpa). Ma è pro­ dato]). In Ex. 34,10 il loro significato fondamen­
prio ciò che Giobbe contesta: mentre Elifaz è con­ tale è sottolineato ulteriormente dall’uso del ver­
vinto che nelle sue niflà'ót Dio agisca giustamen­ bo tipico della creazione, bàrà' (-» br ’, iv.2), ac­
te e per la salvezza (Iob 5,8 s.; cfr. i vv. 1-7.10-27), canto a ‘àsà.
Giobbe sottolinea, rifacendosi a lui (9,10), di do­ In verità gli atti salvifici non portano automati­
ver egli stesso considerare totalmente assurdo il camente la parte umana ad avere fiducia e speran­
modo di agire di Dio perché questi bada soltanto za. Perché ciò avvenga è necessaria la disponibili­
I 3 J (vi, 58o) p i’ (J. Conrad) ( v i,5 80) 136

tà ad accettare questi atti come manifestazioni del­ vifici sono tuttavia talmente innumerevoli che è
l’attenzione amorevole e della potenza efficace di impossibile raccontarli tutti uno per uno (nàgad,
Dio, e attenersi a tale certezza. Così alla genera­ dàbarpi., v. 6). Secondo Ecclus 42,17 lo stesso va­
zione del deserto viene rimproverato di non aver le per le opere divine della creazione nella natura.
badato (sakal hif., Ps. 106,7) att‘ salvifici che Quest’ultima impossibilità di contare e raccon­
pure aveva vissuto e toccato con mano, di non tare segnala soltanto che si tratta di fatti che non
aver avuto fiducia ('àman h if , Ps. 78,32) in essi, possono essere certo riferiti adeguatamente con
di non averli ricordati (zàkar, Nehem. 9,17) o di parole umane. Raccontarli può solò significare ce­
averli dimenticati (sàkah, Ps. 78 ,11; 106,21 s.). lebrarli come qualcosa di ineffabile e incompren­
Vale a dire che li ha considerati avvenimenti ap­ sibile, ringraziare Dio per essi c lodarlo. A questa
partenenti ormai solo al passato e non ha fondato consapevolezza corrispondono i verbi jàdà hif e
su di essi alcuna stabile e perdurante fiducia. Lo sìàh (Ps. 107, 8.15.21.31; cfr. Ps. 9,2; 75,2 [testo
stesso vale per la speranza in un rinnovato inter­ emendato] e Ps. 105,2 [/ Chron. 16,9]; 145,5 Lte~
vento di Dio in Ier. 21,2. Infatti qui si presuppo­ sto emendato]). Altri verbi di significato affine ri­
ne che gli interessati non siano affatto disposti ad corrono nelle immediate vicinanze dei passi con
avere pienamente fiducia in Dio, e quindi anche niflà’ót. Da ciò risulta evidente che l’accento è po­
l’intervento divino non cambierebbe minimamen­ sto sulla glorificazione e lode di Dio. Ma il luogo
te la loro posizione. Perciò non si può fare altro deputato alla glorificazione e della lode di Dio,
che esortare Israele a ricordarsi delle antiche ope­ oltre che alla proclamazione pubblica delle opere
re di salvezza, così da rendersi conto che si di­ di salvezza, è il culto. I salmi citati riflettono in­
pende da Dio per il presente e per il futuro (Ps. fatti in maniera del tutto evidente un evento cul­
105,5 Chron. 16,12], cfr. il v. 4). Analogamen­ tuale (Ps. 26,6 s.; 107), o almeno sono costruiti te­
te si suggerisce a Giobbe di riflettere a fondo su nendo conto di una situazione cultuale. Anche
quanto accade nella natura per arrivare ad avere il questo è un ulteriore indizio che il termine niflà-
giusto atteggiamento nei confronti di Dio (bin ’ót è diventato un sostantivo proprio del culto.
hitp., Iob 37,14). Oltre a ciò, secondo Ps. 119 ,18 2. Il sostantivo pele’ ha fondamentalmente il
Dio stesso deve provvedere a che il salmista av­ medesimo significato di niflà’ót e si riferisce, di­
verta gli effetti della torà e possa dunque osser­ rettamente o indirettamente ma sempre esclusi­
varla (nàbat h if , cfr. il v. 27 stah). Ciò conduce vamente, all’opera di Dio. Anche pele’ è una de­
all’affermazione di Ps. 111,4 , cbe va ancora oltre: nominazione che generalizza e sintetizza l’opera­
Dio ha fatto sì che Israele si ricordasse dei suoi to divino. Il termine è usato prevalentemente al
atti salvifici, creando dunque egli stesso i presup­ singolare, ma con valore collettivo (quindi non
posti perché essi venissero accettati e mantenes­ sussiste alcun motivo per ritenere che la forma
sero (zéker) la loro validità. plurale, documentata da alcuni mss. tardi in Ps.
Tale memoria viene però trasmessa da uomini, 77,12; 88,13; 89,6, sia quella originaria; il plurale
che raccontano (sàfar pi.) ad altri le opere della nelle versioni antiche non è che la traduzione del
salvezza. Chi racconta sono da un lato le genera­ collettivo ebraico). In questo modo l’astrazione
zioni in seno a Israele (Ind. 6,13; Ps. 78,3 s.), op­ dal caso singolo è ancora più chiara che nel caso
pure una maggioranza che parla per Israele nella della forma pi. niflà’ót. Anche qui la maggior par­
sua totalità (Ps. 75,2 [testo emendato]) e che in te delle ricorrenze si trova nei Salmi e in testi vi­
questa veste dovrà rivolgersi anche a tutti i popo­ cini ai Salmi, e anche qui la datazione dovrebbe ca­
li (Ps. 96,3 [/ Chron. 16,24]). Dall’altro sono an­ dere nell’età esilica e postesilica. Tuttavia ci sono
che singoli individui che proclamano pubblica­ anche passi più antichi e in altri contesti (Is. 9,5
mente gli atti salvifici dopo che sono stati liberati [datazione controversa]; 29,14 [preesilico]; Dan.
dalla propria distretta, oppure fanno il voto di 12,6). Da ciò si può arguire ehe pele' non è un ter­
farlo (Ps. 9,2; 26,7). In Ps. 7 1,17 s. una persona in mine cultuale specifico, e anche che la sua forma­
angustie testimonia di aver proclamato sin dalla zione non è recente.
fanciullezza le opere salvifiche di Dio e di ricava­ Dal punto di vista del contenuto, si tratta sem­
re da ciò egli stesso la fiducia che anche ora che è pre innanzitutto delle opere salvifiche di Dio per
vecchio verrà salvato e potrà annunciarlo (nàgad Israele (Ps. 77,12.15), in particolare in occasione
h if, v. 18 testo emendato, v. BHS) alla generazio­ dell’esodo dall’Egitto (Ex. 15 ,11; Ps. 78,12; cfr.
ne futura, quale nuova dimostrazione d d l’azione Ps. 77,15 s.21). Ps. 89,6 si riferisce, nel contesto
salvifica di Dio. Per colui che in Ps. 40,1-12 è sta­ globale del salmo, all’elezione di David (cfr. w .
to liberato da una situazione difficile gli atti sal­ 20-38). Qui come in Ps. 77 le opere di salvezza so­
»3 7 (v M 8 t) p i' (J. Conrad) (v i,582) 138

no al contempo espressione della potenza efficace guente successo (tusijjà). Un’asserzione del genere
di Dio, creatore e unico Signore del mondo (Ps. non è invero attestata altrove per il gruppo lessicale
77,17-20; 89,7-19; cfr. Ex. 15 ,11 a; Ecclus 43,25 in pdld\ La congettura non è quindi esente da dubbi e
riserve.
un contesto riferito soltanto alla creazione). In Is.
25,1 si tratta di un atto di salvezza futuro (cfr. il L ’aggettivo p il'ì in Iud. 13,18 caratterizza il
v. 2; per il rapporto con 'ésót v. sotto, a Is. 9,5). messaggero divino come figura misteriosa in gra­
do di agire efficacemente, sottolineando così in
Anche pele’ e usato in parallelo con altri termini generale l’aspetto misterioso dell’avvenimento de­
indicanti gli atti salvifici di Dio (cfr. t'hillòt, nord* scritto in questo capitolo (cfr. v. 19; al riguardo v.
come aggettivo in Ex. 51,11; ma'aseh, Ecclus 43,25
sopra, 11.2). Secondo Ps. 139,6 l’orante si vede co­
[v. sopra, in. 1 .b]; ma'aldlìm, Ps. 77,12 [cfr. anche il
v. 13]; 'óz, Ps. 77,1 y, in Ps. 89,6 ’cmùnà per esprime­ nosciuto a fondo da Dio in ogni piega del suo es­
re la stabilità dell’opera di salvezza; in Ps. 78,12 ven­ sere (da'at quale conoscenza da parte di Dio, cfr.
gono ripresi i termini ‘dlilót e nifla'ót del v. 11). Pro­ i vv. 1 s.4). Ciò supera i limiti della sua immagi­
prio come si è visto per nifla'ót, anche con pele’ il nazione e per lui non può che significare di tro­
significato duraturo di quanto è accaduto è indicato varsi incondizionatamente nelle mani di Dio (vv.
con verbi corrispondenti (‘àsà, Ex. 15 ,11; Ps. 77,15; 5.7-12).
78,12; Is. 25,1; zàkar, Ps. 77,12; jdda hif., Is. 25,1; Ps.
89,6 [il soggetto è qui il cielo ovvero le creature ce­
ìv. Il gruppo lessicale ha un peso non indiffe­
lesti, testo emendato]; per questi verbi v. sopra, iii.i.
rente nei testi ebraici di Qumran. Il verbo com­
c). In Ps. 119,129 le disposizioni della torà (al riguar­
do v. sopra, m.i.b) vengono sentite comep eld’ót e pare circa 20 volte nella forma hif. (di cui 12 in
perciò vanno osservate (ndsar). iQH). Per la forma nif. è documentato solo il par­
ticipio sostantivato (circa 30 volte nifla'ót, di cui
Negli altri passi si sottolineano tuttavia aspetti 12 in iQ H , e alcune ricorrenze sporadiche anche
peculiari. Secondo Ps. 88 ,11.13 D i° non compie di nifld’im). Il sostantivo pele ’ compare circa 45
atti salvifici per i morti e nell’oltretomba, così che volte (19 di queste in iQ H ). Il gruppo lessicale è
lì quegli atti non possono neanche essere celebra­ usato in questi scritti soprattutto per indicare
ti e proclamati. D ’altro canto l’opera di Dio può l’opera divina nella creazione e gli atti salvifici di
essere anche nefasta (Is. 29,14 [v. sopra, 11.2]; Lam. Dio. Le attestazioni provengono prevalentemen­
1,9 come affermazione indiretta con costrutto av­ te da testi di genere salmodico. Per quel che ri­
verbiale). Il sostantivo ha un significato ambiva­ guarda l’uso e il campo lessicale esiste perciò, sot­
lente in Dan. 12,6: si riferisce alle tribolazioni to molti aspetti, una stretta affinità con i testi con­
menzionate in precedenza, che però sono segni tenuti nei Salmi dell’ A.T. (soprattutto nell’uso di
premonitori del termine definitivo di ogni male e nifla’ót). Per la comprensione dell’azione salvifi­
dell’inizio di un nuovo regno di Dio. Si tratta ca divina sono tuttavia determinanti le idee carat­
cioè di eventi che alla fine conducono alla salvez­ teristiche della comunità di Qumran: elezione,
za, ma che possono essere vissuti proprio da co­ peccato, dualismo ed escatologia. Così solo in ca­
loro che rimangono fedeli a Dio solo come un av­ si sporadici si tratta delle antiche opere di salvez­
venimento misterioso al massimo e insieme sini­ za compiute all’inizio della storia d’Israele (iQ M
stro. A ciò fa riscontro l’affermazione generale di 11,9; cfr. 11,1-10 ), mentre è invece determinante
Ecclus 11,4, che le opere (ma'asìm) di Dio sono in­ l’azione di Dio che riguarda la comunità di Qum­
comprensibili e possono condurre a svolte inatte­ ran, giacché è solo con essa che inizia una vera sal­
se (cfr. i vv. 5 s.). Il sovrano del futuro annuncia­ vezza perché, secondo C D 3,18, è in essa che Dio
to in Is. 9,5 disporrà (pele’ jó'és, il verbo jd'as si­ cancella colpa e peccato in una maniera incom­
gnifica qui la progettazione e la deliberazione di prensibile e misteriosa (cfr. C D 2,14-3,17.19). Il
azioni che poi vengono anche eseguite; lo stesso gruppo lessicale è riferito ai singoli in quanto
vale anche per 'ésót in Is. 25,1 [v. BHS]) di illimi­ membri della comunità soprattutto in iQ H (cfr.
tate possibilità per creare una situazione di pace e 13,15; 17,7.27; 19,3). L ’atto salvifico divino di cui
benessere perfetta e definitiva. si rende testimonianza in questi passi non ha
però rilevanza soltanto per il singolo individuo in
In Ecclus 3,21 il sostantivo viene usato come ag­
questione, bensì, come nei Salmi dell’A.T., deve
gettivo costruito con min. Generalmente si suppone
che in Iob 11,6 si debba leggere kifld’im o pelà'im essere da lui narrato ad altri, precisamente a tutte
(peldjim) invece di kiflajim (cfr. BHS). Si vorrebbe le opere di Dio e a tutti gli uomini (cfr. iQ H
allora dire che la sapienza (hokmà), che è data da 6,5.9; 9,33 s.; 14 ,11 s.). Tale atto va quindi di là
Dio, porta a una conoscenza sovrumana e al conse­ della comunità di Qumran e assume un significato
J39 (vi,583) palag (K.-D . Schunck) (vi, 584) 140

universale. Negli inni contenuti in ìQ M il grup­


po lessicale si riferisce infatti anche alla venuta
palag
della salvezza escatologica universale, quando le
potenze del male saranno annientate (ìQ M 13,9; peleg, p elaggà, p'iuggà,
14,5.9; 15,13; 18,7.10 [18,10 integrato secondo HPDD miflaggà
1Q 33 1,4, dove viene ripreso Is. 29,14 inteso tut­
tavia positivamente, v. sopra, 11.2]). Si tratta cioè 1.1. Etimologia, attestazioni nel Vicino Oriente antico.
della salvezza per tutto il mondo, che può però - 2. Il significato. - 3. I LXX. - 4. Qumran. - n. Uso
per il momento essere vissuta solo nella comunità profano. - 1. Il verbo. - 2 . 1 nomi. - in. Uso teologico
di Qumran. e religioso. - 1. Il sost.peleg. - 2. Il sost.p'lnggòt.
A differenza dell’A.T. il termine del gruppo usa­
Bibl.: A.D. Crown, Judges V ijb-16: VT 17 (1967) 240­
to con la maggiore frequenza a Qumran è pele' 242. - I. Engnell, «Planted by thè Streams of Water»
(sempre e solo al sing.). Con pele' vengono anche (Fs. J. Pedersen, Kobcnhavn 19 5 3 ,8 5 -9 6 ) . -G . Morawe,
espresse nella maniera più chiara le concezioni Peleg (BHHW in , 1966, 1 4 1 1 ) . - P. Reymond, L’eau,
specifiche della comunità, in particolare in asso­ sa vie et sa signification dans l'A.T. (VTS 6, 1958, 70.
ciazione con verbi di conoscenza (btn,jàda\ sa- 129). - A. Schwarzenbach, Die geographische Termino­
kal). Così da un lato si mette in evidenza che da logie im Hebrdischen des A.T., Leiden 1954, 61 s. -
solo l’uomo non può comprendere gli atti salvifi­ N .M . Waldman, On hpljg, ‘br, and Akkadian Paral-

ci di Dio (iQ H 15,32), ma dall’altro si testimonia lels: Gratz College Annual of Jewish Studies 2 (19 73)
6-8. - H.-J. Zobel, Stammesspruch und Geschichte
che Dio ha comunque concesso a chi appartenga (BZAW 9 5 ,1 9 6 5 , 49).
alla comunità di conoscerli, includendolo quindi
nella salvezza donata alla comunità (iQ H 19,4; 1.1. La radice plg compare nell’A.T. come ver­
nifld'ót iQ H 18,4). Caratteristica è soprattutto bo e anche come sostantivo, in questo caso con
l’associazione (circa 10 volte) col nome ràz (con più derivati distinti. Inoltre la radice ricorre an­
verbi di conoscenza in iQ H 15,27; 19,10; cfr. 9, che in medio ebraico, aramaico giudaico e aramai­
21; iQ S 11,5 ; osservazione analoga vale per sód, co egiziano, in testi palmireni, nabatei, samarita­
iQ H 20,11 s.; per entrambi i nomi v. Nòtscher ni, siriaci, in aramaico palestinese cristiano e in
71-77; sporadicamente ràz è anche collegato a nif- mandaico oltre che in fonti accadiche, ugaritiche,
là'òt, ìQ M 14,14; cfr. iQ S 11,19 ; c^r- anche la for­ fenicie, arabe, etiopiche e copte. A questo propo­
ma bif. del verbo in rQpHab 7,8). Con questa as­ sito le attestazioni provenienti dal Vicino Oriente
sociazione si mette particolarmente in risalto un antico mostrano uno sviluppo che partendo dal­
aspetto inerente al gruppo lessicale stesso di pa­ l’idea base della divisione procede in due direzio­
la*, il mistero, e quindi al contempo il paradosso ni: a) verso il significato prevalente di ‘dividere,
di una conoscenza che va oltre i limiti delle possi­ spartire’ e ‘parte’, ‘ metà’ (DISO 227 s.; MdD
bilità umane e tuttavia è resa possibile a uomini. 360L 373b), in cui rientra anche il significato at­
Tale conoscenza è data prioritariamente al Mae­ testato in fenicio ‘distretto, regione’ (DISO 229;
stro di Giustizia, che a sua volta la trasmette ai KAI 18,3); b) verso il significato di ‘fosso’, ‘cana­
membri della comunità (a tale figura dovrebbero le’ già attestato dal termine accadico parallelopal-
riferirsi le affermazioni di iQ H 10,13; 12,28). Se­ gii (AHw 815 s.), che viene ripreso in testi ugari-
condo iQ S 9,18 il compito della comunicazione tici col significato di ‘torrente, rivo’ (KTU 1, 100
spetta al maskil. 1. 9; U F 7 [1975J 122. 125) e si ritrova nell’analoga
forma nominale araba falg ‘spaccatura, fenditura’
All’importanza del sostantivo pele' fa riscontro
l’epiteto divino di 'èlóbè pele ’ con cui ci si rivolge e nel verbo falaga ‘spaccare’, oltre che nel termine
direttamente a Dio ^QShir* 1,8; 4QShirb 10,7). Epi­ etiopico falag ‘torrente, ruscello’.
teto analogo è usato per i suoi servitori (iQ H 13,21). 2. La scala semantica della radice nel Vicino
pele' è usato con particolare frequenza in 4Q400 39 Oriente corrisponde ai suoi significati nell’A.T.
e 40 (Strugnell, VTS 7, i960,318-345 spec. per 4Q403 Su 26 ricorrenze della radice nell’A.T., 7 riguar­
e 4Q405), dove indica determinati clementi del cul­ dano l'uso in N P (Gen. 10,25; 11,16 .17 .18 .19 ; /
to celeste (40,24,6 s.). Si parla inoltre dei sette dibrè Chron. 1,19.25). Tra gli altri 19 esempi dell’uso
pele' con i quali esseri celesti benediranno singoli della radice (4 volte come verbo: pi. in Ps. 55,10;
gruppi di persone (39,1,16 ss.). Qui l’epiteto 'èlóbè
Iob 38,25; m/! in Gen. 10,25; / Chron. 1,19; 15 co­
pele' è attestato quale titolo angelico (Strugnell 332).
Per pele' jó'ès in iQ H 1 i,io -* j's (jà'as) iv.2. me nome: peleg ecc.), in primo piano si trova il
significato ‘ fosso, fossato’, ‘torrente’, ‘canale’ con
J. Conrad i l ricorrenze ( 0 12 con Ps. 55,10 cong.). A queste
i4 i (vi,585) pileges (K. Engelken) (vi, 586) 142

si aggiungono 4 ricorrenze col significato di ‘ par­ parti che formano una grande famiglia israelitica.
te’, ‘divisione, spartizione’ (lud. 5,15 s. pelaggà\ 2 c) Usato come N P il nom e peleg indica un figlio
Chron. 35,5 p'luggà\ 35,12 miflaggà) e altre 4 col di Eber, un presunto discendente di Sem (Gen.
senso di ‘spaccare’, ‘solcare, fendere’ (Ps. 55,10; 10,22-25). In questo senso, il commento che spie­
70^38,25)0‘dividersi’ (Gen. 10,25;/ Chron. 1,19). ga il nome indica che va considerato un puro NP
3 . 1 L X X non avevano evidentemente una idea (C. Westermann, BK 1/1, 701 s.).
precisa del significato della radice. Prescinden­
do dalla traduzione di tre esempi con il significa­ III. 1. Soltanto in testi postesilici compare un
to di ‘spartizione’ mediante Siaipzmq (lud. 5,15; 2 uso della radice plg e dei suoi derivati nella sfera
Chron. 35,5.12), la loro traduzione è molto etero­ religiosa e del culto, e anche una sua interpreta­
genea. Per i nomi si trovano usati, ad es., <5ié£o£o zione teologica. In primo piano risalta qui un rap­
óp(irj, op(Ar((Aa, a<peai<;, noxa^óc,. Quando si tratta porto del nome peleg nel significato di ‘canale
di tradurre il verbo, solo Gen. 10,25 e 1 Chron. 1, d’acqua’ con Jhwh, Gerusalemme, la sua città, e
19 sono resi con lo stesso verbo Stajj.ept(C(»). Il no­ con i suoi santuari. Il ‘canale d’acqua’ di Jhwh è
me proprio viene trascritto 4>aXex. la fonte di ogni benedizione (Ps. 65,10). «Canali
4. Nei testi di Qumran la radice compare siad’acqua» allietano la città di Dio, Gerusalemme
col verbo sia con nomi, che significano ora ‘tor­ (Ps. 46,5), e alla fine dei tempi si troveranno so­
rente’, ‘canale’, ora ‘spartizione’ (Kuhn, Konkor- pra ogni altura (Is. 30,25). Mentre qui si riprende
danz 130. 177). A queste ricorrenze si aggiunge un antico mitologcma (cfr. Is. 33,21; Ezech. 47,1­
un esempio (peleg) come N P in C D 20,22. 12; Ioel 4,18), l’espressione palgè majim serve in
Is. 32,2 per descrivere la salvezza che il re escato­
U.i. In tutte le forme il verbo serve a indicare logico porterà, e la si adotta in Prov. 2 1,1 come si­
l’azione profana del dividere, in senso proprio o militudine figurata per la guida divina dei pensie­
anche traslato. In lob 38,25 si riferisce allo scavo ri del re. In maniera analoga Ps. 1,3 fa ricorso alla
di un fossato per l’acqua con il quale viene divisa nostra espressione per un paragone metaforico ri­
una porzione di terreno, mentre in Gen. 10,25; 7 guardo al pio (cfr. Ps. 92,13-15).
Chron. 1,19 si tratta della divisione dell’umanità 2. La forma p'iuggót compare solo in 2 Chron.
in singoli popoli. Ma anche dietro al modo di dire 35,5, dove si spiega probabilmente con una errata
figurato della lingua biforcuta, spartita (Ps. 55,10), puntazione del nome p'iaggót (lud. 5,15 s.; lob
che indica l’impossibilità di parlare secondo veri­ 20,17) avvenuta per contaminazione da parte del
tà, c’è un’immagine genuinamente profana. terminep'iuggà (aramaico biblico, cfr. Esdr. 6,18).
2.a) Analogamente al rapporto stabilito me­ Tale hap. leg. ha un indiretto rapporto con il cul­
diante il verbo in lob 38,25, anche il nome nel si­ to, poiché le divisioni di grandi famiglie di cui si
gnificato ‘fosso’, ‘torrente’, ‘canale’ indica un uso parla nel testo in questione sono parti di famiglie
profano. In quest’uso il nome è sempre usato in­
Sa“ rd0UlÌ- K.-D. Schunck
sieme con i termini ‘acqua’ e ‘olio’. L ’espressione
palgè majim indica dapprima un fosso che porta
acqua o un canale in un terreno (Ps. 1,3; Is. 32,2)
ma diventa ben presto, particolarmente nella poe­ pileges
sia sapienziale, una metafora molto popolare. Ser­
ve così a descrivere il pianto dirotto (Lam. 3,48; i . i . Etimologia. — 2. Attestazioni, significato, i L X X . —

Ps. 119,136) o il traboccante fiume di parole (Ps. u. La condizione di concubina.


55,10 cong.). Ma l’immagine può anche simbo­ Bibl.: J.P. Brown, Literary Contexts o f thè Common
leggiare il possibile desiderio della moglie per al­ H ebrew -G reek Vocabulary: JS S 13 (1968) 1 6 3 -19 1,
tri uomini (Prov. 5,16). Nello stesso modo va in­ spec. 166-169. _ M . Ellenbogen, Foreign Words in thè
tesa l’espressione palgè (p'iaggòi) semen, che rap­ O.T., London 1962, 134. - L .M . Epstein, The Institu-
presenta una espressione proverbiale per indica­ tion o f Concubinage Among thè Jew s (Proceedings of
re ricchezza e sovrabbondanza (lob 29,6; 20,17 thè American Academ y for Jewish Research 6, 1934/35,
153-18 8 ). - M. Gòrg, Piggul und p iL e g a s- Experimen-
cong.; cfr. G. Fohrer, KAT xvi, 324 s.).
te zur Etymologie: B N 10 (19 79) 7 - 1 1 , spec. 10 s.). - G .
b) Il valore profano prevale anche nclPuso dei
Jasper, Polygyny in thè O.T.: Africa Theological Jo u r­
nomi nel significato di ‘parte’, ‘spartizione’. Già nal 2 (1969) 27-57. - H .-W . Jungling, Richter 19. Ein
nel canto di Debora il sostantivo in questione in­ Plàdoyer fiir das Kònigtum. Stilistische Analyse der Ten-
dica le divisioni di una tribù israelitica (lud. 5,15 denzerzàhlung R i 19 ,1-jo a ; 2 1 , 1 j (AnBibl 84, 1981). -
s.) e analogamente indica in 2 Chron. 35,5.12 le S. Levin, H ebrew pileges, Greek pallaké, Latin pellex.
143 7) pileges (K. Engelken) (vi, 587) 144

The Origin o f Intermarriage Among thè Early Indo- ca della pileges. Nei testi citati si tratta di concu­
Europeans and Semites: General Linguistics 23 (19 83) bine di patriarchi, re, in un caso di un levita, di un
19 1-19 7 . - H. Lew y, Die semitischen Fremdwòrter im cosiddetto giudice maggiore e di un antenato tri­
Griechischen, Hildesheim - N e w York, rist. 19 70 (18 9 5). bale. Tra tutti i testi la storia di Iud. 19 s., un rac­
- E. Neufeld, Ancient H ebrew Marriage Law s, Lon­
conto antico ripreso e inserito nell’opera storio­
don 1944, spec. 1 1 8 - 1 3 2 . - W . Plautz, Monogamie und
Polygamie im A .T : Z A W 75 (19 6 3) 3-27. - C . Rabin,
grafica deuteronomistica, rappresenta un’eccezio­
The Origin o f thè H ebrew Word Pileges: JJS 25 (1974) ne. I termini del diritto familiare làqah lo ’issà
353 364
- -
(prendersi in moglie), hótèn (suocero), hàtàn (ge­
nero) sono usati soltanto qui in rapporto con pi­
i.i.N o n si può offrire una spiegazione certa leges e fanno pensare a un’unione di tipo parama­
della provenienza di pileges (greco 7;aXXa!;, 7iaX- trimoniale che non corrisponde al solito quadro.
Xaxi<;; lat.pellex\ aram. giudaico palqetà'\ sir .pal- La combinazione 'issa pileges (simile a 'issa zòna
q à ar. nel nome fem. Bilqis). L ’origine della pa­ di Iud. 1 1 ,1 ; 16,1; ’issa nebi'à di Iud. 4,4; ’issa ’al-
rola è stata cercata nell’area linguistica semitica e mànà di 2 Sam. 14,5) si trova oltre che in Iud. 19,1.
in quella indoeuropea, e le ipotesi circa le recipro­ 27 anche in 2 Sam. 15,16; 20,3 per le dieci concu­
che interazioni sono molteplici (cfr. Ellenbogen bine (provenienti probabilmente dall’harem reale)
134). Si è pensato alla radice ebraica plg ‘dividere, che David fuggendo da Assalonne lasciò a Geru­
spaccare’, a un retroprestito dal gr. TCaXXaxK;, salemme a badare alla casa e che, essendo state evi­
TOxXXaxr], rcxXXaS;, in origine ‘ giovanetto’ o ‘ra­ dentemente violate da Assalonne, al suo ritorno
gazza’, o da lì anche a plgs ‘da marito’. Rabin fece rinchiudere come vedove fino alla loro mor­
scomponendo la parola negli elementi indoeuro­ te. Che il rapporto di pileges fosse diverso dal rap­
pei pi- («a, su, verso») e legh- («giacere») seguiti porto matrimoniale normale risulta già dalla di­
dalla desinenza nominale s) arriva alla tesi di una versa terminologia, ma viene confermato ulterior­
provenienza filistea; Gòrg invece fa affidamento mente da due osservazioni. Da un lato mogli e
sull’influenza egiziana e suggerisce il significato concubine vengono menzionate insieme, conse­
base «chi si trova accanto a qualcuno» (per una cutivamente (Iud. 8,31; 2 Sam. 5,13 [l’unico passo
rassegna della ricerca v. Rabin). con la concubina al primo posto]; 19,6; 1 Reg. 11,
2. Nell’A.T. ebraico pileges ricorre 36 volte: 4 3; Cant. 6,8.9 [regine e concubine]; 2 Chron. ir,
in Genesi (22,24; 25>6; 35,22; 36,12); 12 in Giudi­ 21). Dall’altro, un uomo può avere due o più «mo­
ci, di cui 1 1 nel racconto di Iud. 19 s.; 8 in 2 Sa­ gli» ufficiali, senza che un’altra moglie legale di­
muele; 1 in 1 Re; 1 in Ezechiele; 2 nel Cantico; 1 venga necessariamente una pileges (Gen. 4,19; 26,
in Ester; 5 in 1 Cronache e 1 in 2 Cronache, pile­ 34; 28,9; 36,2; 1 Sam. 1,2; 1 Chron. 4,5.18; 8,8; 2
ges significa ‘concubina’. Hanno concubine i se­ Chron. 24,3). Quando Gen. 37,2 chiama le due
guenti personaggi indicati espressamente per no­ concubine di Giacobbe, Bila e Zilpa, rfsè ’àbiw
me: Nahor, Abramo, Giacobbe, Elifaz, Gedeone, non si ha una contraddizione con quanto appena
David, Saul, Roboamo, il re Assuero, Caleb, Ma­ detto, poiché in Gen. 35,22 Bila è chiaramente de­
nasse. Il termine ricorre da un lato in un’ «ode ce­ finita pileges 'dbiw. Giacobbe riceve Bila con la
lebrativa» che vanta la bellezza dell’amata (Cant. stessa formulazione (nàtan ló l e,issà è certamente
6,8 s. [bis]), mentre d’altra parte è singolare che l’espressione tecnica per dire «sposare» ma, dal
manchi nei testi giuridici (sebbene la poliginia sia punto di vista giuridico, la pronuncia il capofami­
chiaramente presupposta, ad es. in Lev. 18,8.11. glia) e per la medesima ragione come concubina
18), nella letteratura profetica e in quella sapien­ dalla propria moglie ufficiale (Gen. 30,4), come
ziale (Ezech. 23,20 è un passo incerto e si riferisce Lea farà poi con Zilpa (Gen. 30,9). Entrambe le
a persone di sesso maschile, pilagsìm). Nei L X X mogli ufficiali si aspettano, a causa della propria
gli equivalenti costanti di pileges sono TtaXXaxT)/ sterilità, che Giacobbe generi con la rispettiva sif-
TtaXXaxii;, con l’eccezione di Ezech. 23,20 ( t o u ; hà una prole che poi potrà essere adottata da loro
XaXSatouc) e di Esth. 2,14 ( t g j v y u v a i x c b v ) . Inol­ stesse. Una cosa simile accade in Gen. 16,1-3 con
tre i L X X menzionano in Gen. 46,20 (concorda­ Agar, la sifhà di Sara, e in Gen. 20,17 con la mo­
ndo con 1 Chron. 7,14) una 7wtXXaxTr) di Manas­ glie di Abimelek e le sue ’àmàhót. Queste situa­
se e in Ioh 19,17 concubine di Giobbe che il testo zioni rendono probabile che rispetto alla moglie
masoretico ignora. ufficiale la concubina occupasse un gradino infe­
riore della scala sociale. Non è detto che una con­
11. Si ha l’impressione che l’A.T. non si sia pre­ cubina sia sempre stata prima una serva o una
occupato molto della posizione sociale e giuridi­ schiava. Frequentemente sono donne di origine
1 45 (vi, 588 ) pàlat (G.F. Hasel) ( v i , 5 89) 14 6

non israelitica (lud. 19,1; 8,31; 1 Chron. 1,32; 7, ligiosi perché troppe mogli (straniere) potevano
14). Inoltre PA.T. non presta alcuna attenzione al­ indurre il re all’apostasia da Jhwh per seguire dèi
la posizione giuridica della concubina. Se in Ex. stranieri (/ Reg. 11,3). Nel complesso si possono
2 1,10 si tratta del concubinato con una schiava, notare due tendenze: a) al tempo dei patriarchi e
l’uomo non può rifiutare alla prima moglie (qui dei giudici il concubinato era probabilmente dato
una schiava) cibo, vestiti e rapporti coniugali (?) per scontato, mentre più tardi rimase tendenzial­
quando ne prende un’altra in aggiunta. Se non mente riservato ai re. b) Anche se, fatta eccezione
adempie i suoi doveri deve liberare la schiava sen­ per Deut. 17,17, la poliginia non viene criticata
za riscatto, cioè vengono tutelati i diritti della pri­ apertamente, particolarmente i passi dtr. e anche
ma moglie, non quelli della seconda. Lev. 18,18 già quelli influenzati dallo Jahvista sembrano non
vieta il concubinato con la sorella della moglie. Il vederla in una luce positiva. Si potrebbe ritenere
diritto ereditario del primo figlio maschio che na­ che la poligamia fosse considerata almeno in par­
sce in una situazione di poliginia o biginia è tute­ te responsabile del destino negativo delle famiglie
lato in Deut. 2 1 ,15-17.TUU0 sommato sembra che coinvolte e del fallimento di sovrani, giacché con­
la concubina fosse esposta all’arbitrio dell’uomo tese, gelosia, violenza e morte ne sono il risultato.
e, se era una schiava della moglie, anche al potere A Qumran il termine pileges è assente.
decisionale di questa. I figli delle concubine di
Abramo non ereditano, in favore di Isacco, ma K. Engelken
vengono risarciti con doni (Gen. 25,6). Ma ciò
non implica necessariamente una posizione su­
bordinata dei figli di concubine. Sembra che Ta­
£0 ✓*£) p à la t
mar fosse la figlia di una concubina di David (/
Chron. 3,9) e in quanto tale è l’unica a essere chia­
mata per nome; suo fratello Amnon non avrebbe ubft mdlaty pdlit, palèi,
dovuto disonorarla (2 Sam. 13). Nell’ottica del- m p ^ 3 pTetày P l $ ? 3 p'iéta, E & 3 D miflat
PA.T. la funzione del concubinato è chiaramente
determinata dal desiderio di una discendenza nu­ 1. Il Vicino Oriente antico. - l.p lt nel semitico occiden­
merosa. Tranne che nel caso della concubina del tale. - a) L ’ ugaritico. - b) Il fenicio. - c) L ’ammoniti-
levita (lud. 19; la donna muore di morte prema­ co. - d) Il moabitico. - e) L o yaudico. - f) L ’aramaico.
tura e violenta) e in quello delle dieci concubine - g) Il palmireno. - h) Il mandaico. - i) 1 1 siriaco. -
lasciate da David a Gerusalemme (2 Sam. 15,16; j) L ’arabo. - k) L ’etiopico. - 2. II semitico orientale. -
16,21 s .; 20,3: la loro funzione non è qui quella di 3. mlt nel semitico occidentale. - 11.1. Etimologia e si­
gnificato base. - 2. La statistica. - a) I temi verbali di plt
generare), di quasi tutte le concubine nominate
e i derivati nominali. - b) Nom i propri con plt. - c) I te­
nell’A.T. si dice che partorirono, soprattutto figli
mi verbali di mlt. - 3. Diffusione delle ricorrenze. -
maschi. Questa sembra la cosa più importante che 4. Termini affini. - 5 . 1 L X X . - m .i. Analisi del campo
gli autori dell’A.T. volessero dire a loro riguardo. lessicale. - a) I verbi plt/mlt confrontati con verbi affi­
Quanto alle donne dell’harem reale, si trattava ni. - b) I nomi di base plt/mlt confrontati con nomi af­
inoltre di una questione di prestigio del sovrano e fini. - iv. Uso linguistico nella sfera teologica religiosa.
dei suoi fini politici. Un attacco all’harem equiva­ - 1. L ’uso linguistico negli inni. - 2. L ’uso linguistico
leva a un attentato al trono (2 Sam. 3,7; 16,21 s.; / nella letteratura sapienziale. - 3. L ’uso linguistico nella
Reg. 2,22). Esth. 2,8-18 mostra come l’autore s’im­ concezione veterotestamentaria del residuo. — 4. L ’uso
linguistico nell’apocalittica dell’A .T . - v. Qumran.
maginasse un harem persiano. La possibilità legit­
tima chc un uomo israelita prendesse in aggiunta Bibl.: R. Bach, Die Aufforderung zur Flucht und zum
alla moglie ufficiale una o più mogli legittime (co­ Karnpf im alttestamentlichen Prophetenspruch (W M
sì Gen. 4,19; 29,23.30; 36,2; lud. 8,30; 1 Sam. 1,2; A N T 9, 1962, spec. 15-50). - C h. Barth, Die Errettung
ler. 38,23) e/o concubine dovrebbe essere esistita vom Tode in den individuellen Klage- und Danklie-
per tutto l’arco di tempo dall’A.T., dato che non dem (Basel 1947, spec. 124-140 ). - G . Fohrer, acuito e
si parla di alcun divieto e le ricorrenze di pileges ffarc7}pia nell'A.T. ( G L N T x m 459-486). - G .F . Hasel,

si trovano in testi antichi come in testi recenti. Il Remnant (ID B Suppl., 1976, 735 s.). - Id., The Origin
and Early History of thè Remnant Motif in Ancient Is­
caso inverso della poliandria non è noto (Ezech. rael, diss. Vanderbilt 1970). - Id., The Remnant. The
23,20 non è una testimonianza di una simile pras­ History and Theology of thè Remnant Idea from Gen-
si). N ell’A.T. non si trova alcuna esplicita critica esis to Isaiah (Andrews University Monographs. Studies
del concubinato e solo una volta si ha una critica in Religion 5, Berrien Springs ^ S o ) . - V . Herntrich,
della poliginia (Deut. 17,17), dettata da motivi re­ XeifAfjia xt?v., B. Il «Resto» nell'A.T. ( G L N T vi 535-
i 4 7 (vi, 59°) pàlat (G.F. Hasel) (vi, 5 9 0 148

574 ).- E .J e n n i ,Dashebr. P i'e l( Zurich 19 6 8 ).- J . Mejia, corrisponde al nome breve ebraico palti (Num.
La liberación. Aspectos btblicos: evaluación critica: 13,9; 1 Sam. 25,44) d* Pari significato. Il N P di
Theologia 10 (19 7 2 -7 3) 25-6 1. - W .E. MùlJer - H .D . una sola parola plt, palat «salvezza» (Bordreuil-
Preuss, D ie Vorstellung vom Rest im A .T ., *1973. -
Lemaire 60; Jackson 73), ha anch’esso un corri­
W .J. Roslon, Zbawienie czlowieka w Starym Testa-
spondente ebraico nel nome breve pèlèt (1
mende (diss. abil. Acad. Tcol. Varsaviensis, 1970). - E.
Ruprecht, plt, pie pi., retten (T H A T 11 420-427). - J . F .
Chron. 2,47; 12,3; cfr. IPN 156; K B L 3 879 sbaglia
Sawyer, Semantics in Biblical Research (SBTh 11/24, di nuovo attribuendo anche questo N P all’ebrai­
London 1972). - H . Schult, Vergleichende Studien zur co epigrafico). Ammonitico è anche il N P com­
alttestamentlichen Namengebung, 1967, spec. 114 -16 7 . posto ’dnplt (LidzNE 209; F. Vattioni, Bibl 50
- D .M . Warne, The Origin, Development and Signific- tx9^9] 37° nr- 98), nel quale l’elemento plt è ver­
ance o f thè Concept o f thè Remnant in thè O .T. (diss. bo (pi.) o nome (masc. sing.) e può essere tradot­
Edinburgh 1958). to, secondo le suddette alternative, «Adon [il si­
gnore] salva / Adon è salvatore» (L.G. Herr, The
i.t.a) La radice ugaritica plt ‘liberare, salvare’ Scripts o f Ancient Northwest Semitic Seals, HSM
(WUS nr. 2223; U T nr. 2048) è attestata nella 18, 1978, 59 nr. 2; Jackson 72).
letteratura poetica e in NP. Nella leggenda di Aq- d) In moabitico la radice plt è attestata solo nel
hat la dea Anat, litigando con El, lo esorta: «E N P teoforo kmsplt (cfr. i N P moabiti teofori com­
chiama [Aqhat] c lascia che ti salvi [jpltk], figlio posti kmssdq, kmsntn, kmsjhj, kmsm’s ecc., cfr.
di Danil, e lascia che ti aiuti [j'drk] dalla mano Herr, 15 5-158), nel quale l’elemento plt può esse­
della vergine Anat» (KTU 1.18, 1 13; per il testo re ancora verbo o nome, e quindi va tradotto «Ke-
cfr. R.E. Whitaker, A Concordance o f thè Ug. mosh salva» o «Kemosh è salvatore» (cfr. N.A.
Language, 1972, 316). Il parallelismo plt // 'dr Giron, Textes araméens d ’Egypte, Cairo 1931, 30).
‘salvare, aiutare’ (H.L. Ginsberg, O r 7 [1938] 3) e) Lo yaudico (P.-E. Dion, La langue de Ya’u-
corrisponde all’ebraico ‘àzar // pàlat in Ps. 37,40 di, Editions 3R-Canada 1974, 36-43) contiene
in ordine inverso (cfr. M. Dahood, Psalms, AB 16, nella statua di Panammuwa (730 a.C. circa) il ver­
1966, 232). In ugaritico plt è presente in molti bo plt (pa.) ‘salvare’ (DISO 228) nella frase «per
NP: Palat (plt, K TU 4.374, 7), un nome di una la [giustizia di suo padre gli dei di j'd j lo hanno
sola parola, «salvatore», oppure un ipocoristico salvato [pltwh] dal suo annientamento totale»
(cfr. PN U 57.173); Japlut (jplt, KTU 4.214, iv 4; (KAI 215,2).
4.222,2; 4.638,1 s.), «(dio) salva / ha salvato» f) L ’aramaico dei papiri di Elefantina contiene
(PNU 50.173), corrisponde all’ebraico jaflèt (/ la radice plt nei N P pltw (AP 13,15) «salvezza»
Chron. 7,52. s.: IPN 199); Japlutànu (jpltn, KTU (M.H. Silverman, Or 39 [1970] 490 s. n. 3 con
4.215,5; cfr. PNU 58 per questo nome breve di bibl.), plth (AP 82,10) «(ND) ha liberato» (W.
tema verbale jaqtul con suffisso, e S. Segert, A Kornfeld, Onomastica Aramaica aus Àgypten,
Basic Grammar o f thè Ugaritic Language, Lon­ Wien 1978, 68), pltj (AP 40,1; BM AP 6, fr. b)
don 1984,188). «Jah ha liberato» (Kornfeld 69) o meglio «Jhwh
b) In fenicio il lessema plt si trova nel N P Pa- ha salvato / è salvatore» (cfr. K B L 3 880; IPN 38
latba'al (pltb'l , cfr. Z.S. Harris, Grammar o f thè n. 156). Per l’uso di plt in medio aramaico v. sot­
Phoenician Language, New Haven 1936, 137), to, v. Qumran.
«Ba'al salva / è salvatore» (KAI 11, dove la tradu­ g) In palmireno è attestato il sost. bit dalla ra­
zione «mio salvatore è Ba'al» non corrisponde dice b/plt nel N P ipocoristico bltj (CIS 4212,2),
alla forma del nome, che altrimenti dovrebbe es­ «salvatore» (PNPI 10.76 traduce «vita», apparen­
sere pltjb'i, cfr. PNPPI 176). temente collegandolo col sost. balatu).
c) In ammonitico la radice plt è attestata in NP. h) Il mandaico usa diverse forme della radice plt
Un sigillo del v i i sec. a.C. contiene il N P pltw (nelle forme pe., pa. ed etpa.) nel senso di ‘scam­
che viene vocalizzato in Paltò (P. Bordreuil, Sy- pare, sfuggire, separare’ (MdD 374).
ria 50 [1973] 190 s.) oppure Paltù (K.P. Jackson, i) Il verbo siriaco plt significa ‘scampare, sfug­
The Ammonite Language o f thè Iron Age, HSM gire’ al pe. e ‘liberare, salvare, far scampare’ al pa.
27, 1983, 71) e significa «salvezza» (la -w finale è (cfr. Lex. Syr. 573).
una desinenza ipocoristica). Su un altro sigillo j) L ’arabo classico usa falata rv ‘far sfuggire,
della medesima epoca compare il N P pltj, paltj liberare’, falata ‘ liberare, scampare’ (cfr. Lane 1/7,
(P. Bordreuil - A. Lemaire, Sem 26 [1976] 53; 2730 ss.; C. Barth, Die Errettung vom Tode in den
Jackson 72), «mia salvezza» (K B L 3 879 lo ha as­ individuellen Klage- und Dankliedem des A.T.,
segnato erroneamente all’ebraico epigrafico) che 1947, 32). L ’appartenenza al nostro gruppo del
149 (vi,J92) palat (G.F. Hasel) (vi,593) 150

sudarabico bit «una moneta» (Biella 43) è dubbia cfr. RTAT2 119 «metti al sicuro la vita») ed Enlil
(cfr. A.K. Irvine, JR A S 1964, 22 s. per una diver­ sottolinea più tardi, furibondo: «Nessuno dovrà
sa etimologia). scampare [sfuggire] alla distruzione!» (1. 173: a-a
k) In etiopico la radice plt è presente nel senso ib-lut amèlu, cfr. A N E T } 95). - Nel linguaggio
di ‘separare* (Dillmann, Lex. Ling. Aeth. 1344 s.; giuridico accadico, l’acc. bit compare anche nel
Leslau, Contributiom 42) cd è attestata in harari- senso di ‘scampare, sfuggire’. Il codice di Eshun-
no, falata (W. Leslau, Etymol. Dictionary o f Ha- na (inizio del n millennio a.C.) stabilisce che un
rari, 1963, 63), e amarico, fallata ‘separare’ (W. ladro (CE § 12,40) in un certo caso, o anche una
Leslau, Hebr. Cognates in Amharic, 1969, 99). adultera (CE § 28,37), «dovrà morire e non scam­
2. L ’accadico presenta il verbo plt come esoti­ pare con la vita» (imàt ul iballut, TU AT 1/2, 34.
smo di origine semitica occidentale nel N P pala- 36; A N E T 3 162). Sebbene l’acc. baldtu ahhia una
taj (CBS 4993.26; 10350 = pa-la-ta[a-a]) (M.D. estesa gamma semantica, semanticamente e in ba­
Coogan, West Semitic Personal Names in thè Mu­ se alla comparazione semitistica esso è relativa­
rasti Documents, Missoula 1976, 33. 82). Rientra­ mente vicino al semitico occidentale plt in molti
no in questo gruppo anche altri N P (cfr. R. Bor- dei suoi usi. Si potrà quindi considerare il verbo
ger, TU AT 1/4, 1984, 412) di origine semitica oc­ baldtu in accadico un’innovazione semitica orien­
cidentale, contenuti per lo più in documenti giu­ tale della radice semitica comune plt.
ridici assiri: pal-ti-i (APN 1 79), pal-ti-ia-u e pal- 3. Rispetto a plt il termine mlt 1 risulta molto
ti-id-u (APN 179; cfr. S. Parpola, C T 53 nr. 4 6 , 11. più limitato e presente solo nell’ambito linguisti­
4.27). Essi corrispondono ai N P ebraici palti, co semitico meridionale. La radice compare con
p elatjah e p elatjdhu (cfr. IPN 156). Provengono certezza in diversi dialetti etiopici. L ’hararino ha
dal xv fino al xiti secolo a.C. i NP accadici ia-ab- il verbo (ammalata ‘sfuggire’ (W. Leslau, Etym.
lu-td.nu (PRU in 202 [16.257 In> 57]) e ia-ab-lu- Dictionary o f Harari, 1963, 107 s.), che si fa deri­
td-na (PRU ili 37 [16.287, 3])» di origine semitica vare dalla radice mlt ‘grattare, raschiare via, to­
nordoccidentale, con il lessema plt (cfr. D. Sivan, gliere strofinando’ (Dillmann, Lex. Ling. Aeth.
Grammatical Analysis and Glossary, AO A T 214, 154). Il tigrè ha malta (= malca) ‘sfuggire’ (Les­
1984, 259). Dalla medesima epoca proviene il ter­ lau, Contributions 30). L ’amarico ha il derivato
mine pu-la-tu ‘salvare’ (RS 20,123) c^e compare amallata ‘sfuggire’ (W. Leslau, Hebrew Cognates
in un elenco poliglotta di Ugarit (Ugaritica V nr. in Amharic, 1969, 97). - Il sost. palmireno mlt’
137 11: 20 p. 243) cd è equiparato all’acc. sùzubu ‘vello’ (DISO 152) non va correlato con l’ebr. mlt
‘salvare’. Oltre che in questi documenti,/?/; si tro­ 1. - In neoebraico si ha mlt nel senso di ‘salvare’
va in una lettera di Teli el-Amarna: «E quasi è (pi.), ‘venire salvato, scampare’ (nif, hitp.) (G.
scampata una sola casa (pa-li-it-mi)» (EA 185,25. Dalman, Aram.-Neuhebr. Handworterhuch,
33). L ’uso del verbo plt in questa lettera può es­ 21922, 237) c in aramaico giudaico è attestata una
sere di conio semitico occidentale. L ’acc. baldtu forma itpe. della radice mlt nel senso di ‘venire
‘vivere’ (AHw 99) s’incrocia semanticamente in salvato’ (Dalman ibid.), ‘scampare’.
alcuni dei suoi significati con l’ebr. plt e viene per­
tanto messo in rapporto con il termine ebraico 11.1. La radice ebraica plt è dunque semitica co­
(cfr. P. Fronzaroli, A A N L R 8/19 [1964] 248 s.; mune e ha per significato base ‘sfuggire, scampa­
8/20 [1965] 250. 263. 267). Avendo di solito a che re, cavarsela, salvarsi’. La forma c/al compare solo
fare con il vivere/sopravvivere, l’acc. baldtu è in Ezech. 7,16, dove significa «scampare» a un pe­
usato diverse volte nel senso di «scampare, sfug­ ricolo mortale, cioè uscire senza danno da una si­
gire, salvare». Nel poema di Atrahasis (xvii sec. tuazione pericolosa mettendosi al sicuro.
a.C.) il dio dell’acqua Enki impartisce ad Atraha­ Il verbo ebraico mlt 1 è stato messo in rappor­
sis l’ordine «salva la vita» (Atrahasis ili i 24: na- to (Gesenius, Thesaurus 791) con l’ar. malata
pista bullit) o più esattamente, stando al contesto, ‘spelare, depilare’, v ‘essere liscio’, e con l’et. ma­
«fa scampare la vita [degli uomini e degli animali lata ‘sfilarsi (abiti, scarpe), essere nudo’, o addi­
nel naviglio]» (cfr. H.A. Hoffner, Fs. S.N. Kra- rittura fatto derivare da tali termini (Zorell 441;
mer, A O A T 25, 1976, 241-245). Più tardi il furio­ cfr. G.R. Driver, VTS 3,19 5 5, 80). È probabile che
so dio della guerra, Enlil, chiederà: «Com’è scam­ mlt 11 hitp. ‘essere calvo’ (Iob 19,20) sia da met­
pato [o sfuggito] l’uomo alla distruzione?» (Atra­ tere in relazione con le forme arabe (con K B L }
hasis in vi 10: ki iblut awèlum). Sulla tav. xi di 558 ed E. Kutsch, V T 32 [1982] spec. 474-482) e
Gilg. questa scena è ripetuta quasi identica. Enki vada distinto da mlt 1 in quanto radice autonoma.
ordina: «Fa scampare la vita» (2.26: napisti bullit, Si può supporre che mlt sia nato da plt (con K B L 1
i 5 i (v i, 594 ) palat (G.F. Hasel) (vi, 594 ) 152

529 e G. Fohrer 972; Ruprecht 421 resta indeci­ b) La radice plt è attestata in un certo numero
so). Il materiale comparativo semitico occidentale di N P masc.: pelet «salvezza» (IPN 156), palli
(v. sopra, 1.1.2.3) aPP°ggia tale derivazione, e al­ «mia salvezza» (IPN 38), piltdj «la mia salvezza è
trettanto l’uso delle forme verbali ebraiche. Il si­ J[hwh]» (IPN 38. 15 6),palti>él «Dio è la mia sal­
gnificato base di mlt 1 è dunque ‘scampare’ a un vezza» (IPN 38 n. 1), pelatjà «Jhwh ha salvato»
pericolo. , (IPN 15 6), jaflèt «(Dio) salva / ha salvato» (IPN
2.a) La radice plt compare nell’A.T. per un to­ 199), 'elifelet e ’elpelet «Dio è salvezza» (IPN
tale di 80 volte (A. Even-Shoshan, A New Con- 156). Molti di questi nomi sono noti anche in al­
cordance o f thè O.T., Jerusalem 1985, 944 s. 66}). tre lingue semitiche (v. sopra, 1.1.2).
Nel T.M. il qal è presente solo una volta (Ezech. c) Se ci si limita (con K B L 3 558) a mlt 1, il ver­
7,16), mentre con le sue 24 ricorrenze la forma pi. bo mlt è presente nell’A.T. 94 volte (Even-Sho­
è la più frequente, distaccando di molto la forma shan 663 s., se la forma hitp. in Iob 19,20 viene as­
hif. con solo 2 ricorrenze (Is. 5,29; Mich. 6,14). segnata a una diversa radice). La forma nif è usata
62 volte, il pi. 28, il hif. 2 e anche il hitp. 2 volte.
Il T.M. legge la forma pi. ’d fa lletd in Jo b 23,7. G. 3. La diffusione delle attestazioni mostra che
Hòlscher (HAT 1/172, 58) e G.R. Driver (AJSL
1935-36, 160) seguiti poi da BHK, M. Dahood (Bibl plt/mlt compaiono solo 5 volte ciascuno nel Pen­
50 [1970] 397), Ruprecht (421) e altri vocalizzano tateuco come forme verbali (solo mlt, 5 nif. in Ge­
'p/th come forma qal ('e fletà) nel senso di ‘sfuggire’. nesi) e come forme nominali (solo plt: 3 in Gene­
Questa proposta di correggere la puntazione fu giu­ si, 1 in Esodo e 1 in Numeri). I derivati di plt si
stamente respinta da G. Fohrer (KAT xvi, 363) e non trovano concentrati in numero notevole nei pro­
è stata accolta da BHS (cfr. K BL3 879). Il pi. di plt in feti maggiori (Ezechiele 9 volte, Isaia 8, Geremia
Mich. 6,14 viene corretto in una forma hif. (così 8) e minori (2 volte ciascuno in Michea, Gioele e
BHK), oppure la forma hif. nel primo emistichio vie­ Abdia + Am. 9,1), nei Salmi (20 volte) e nei libri
ne corretta in una forma/»/, (così BHS). Entrambe le storici (Esdra 4 volte, 3 ciascuno in Giudici, 2 Sa­
correzioni sono superflue e si può mantenere il T.M.
(con Jenni 107; W. Rudolph, KAT xin/3, 116 s.; muele, 2 Re, 2 Cronache; 1 ciascuno in Giosuè,
KBL3 879). Neemia, 1 Cronache). Si hanno 2 occorrenze in
Giobbe (21,10; 23,7) e 1 volta ciascuno nelle La­
La radice plt è presente nell’A.T. anche con 4 mentazioni (2,22) e Daniele (11,42). I derivati di
forme nominali. La più frequente è il sost. fem. mlt presentano la maggiore frequenza nei profeti
p elètà/pclètà (forma di schema qetila, cfr. R. Mey- (Geremia 14 volte, Isaia 9, Ezechiele 4, Amos 3, 1
er, Hebr. Grammatik 1 1 , 31969, 28) con 28 ricor­ volta ciascuno in Gioele, Zaccaria e Malachia),
renze. Segue con 19 il sost. masc. pdlìt (schema seguiti dai libri storici (1-2 Samuele \y volte, 1-2
qatil) che deriva da una forma aggettivale. L ’agg. Re 8, Giudici 2, 2 Cronache 1 volta), dalla lette­
masc. (di schema qatil)palèt/palèt (BLe 464) com­ ratura sapienziale (Giobbe 11 volte, 3 volte cia­
pare 5 volte (Num. 21,29; Is- 66,19; ^er• 44>x4i 5°> scuno in Proverbi e Qohelet), dai Salmi (8 volte),
28; 51,50), sempre e solo al pi. Il nome verbale 2 volte in Daniele (11,4 1; 12,1), 1 volta in Ester (4,
masc. mifldt ‘(luogo di) rifugio’, col preformativo 13). Concludendo, le ricorrenze di plt/mlt risulta­
m -(K B L 3 584), nel T.M. compare solo in Ps. 55,9. no concentrate nei libri storici, nei profeti (mag­
giori e minori) e nei Salmi.
La puntazione del ptc. pi. m efa llctì «mio salvato­
4 .1 verbi plt/mlt sono usati in campi lessicali
re» (KBL3 879) in Ps. 18,3 è stata spesso corretta in
m ifldtì «mio rifugio» (BHK; cfr. M. Dahood, Psalms
nei quali compare un gran numero di termini af­
1, AB 16 ,10 1; W.G.E. Watson, Classiceli H e b re w Po- fini: nsl hif. ‘strappare via’; nus qal ‘fuggire’; brìo
etry , 2 1986, 265); oppure si vuole espungere la paro­ qal ‘scappare, sfuggire, fuggire’; js' ‘uscire, venir
la m etri causa (BHS). Ugualmente si è cambiata la fuori’; nwh pi. ‘lasciare in pace, indisturbato’; js '
puntazione dello stesso ptc. pi. in Ps. 55,9 e Ps. 144, hif. ‘aiutare, salvare’ (cfr. spec. Fohrer 970-972.
2. La lezione rnplt Ij in 11Q IV 23,13 = Ps. 144,2 che 978 s.).
può essere tradotta «salvatore per me» (J.A. Sanders, Le varie forme nominali della radice plt si tro­
The D e a d Sea Psalms Scroll, New York 1967, 79)
vano in particolare nel campo lessicale della con­
oppure anche come sost. nel senso di «rifugio per
cezione veterotestamentaria di resto, residuo (per
me», non permette di arrivare con certezza al senso
originario del testo ebraico. La diversa vocalizzazio­ tutta la questione cfr. Hasel, Remnant Motif in
ne permette di leggere questi 3 ptc. pi. come forma Ancient Israel 176-180.18 5 s. 197 s., v. sotto, iv.3):
verbale sostantivata (mifldt). Resta invece dubbio se pàlit/pàlèt // sarid «lo scampato»; p elètà/pelètà //
tale cambiamento di puntazione sia veramente neces­ se'èrit «resto, residuo»; se'dr «resto, residuo»; jtr
sario. nif. «sopravvivere, restare»; jeter (Esdr. 9,8 cong.;
1 5 3 (vi, 595 ) palat (G.F. Hasel) (vi,596) 154

K B L 3 431) e ’ahàrit «residuo» (G.F. Hasel, Fs. il povero, strappateli dalla mano dei malvagi (nsl
S.H. Horn, Berrien Springs 1986, 511-524). hif.)» (Ps. 82,4).
5. Nei L X X plt/mlt e i loro derivati sono tra­ L ’uso causativo di mlt hif. serve anche per in­
dotti con 17 diversi termini greci. La statistica del­ dicare il parto (Is. 66,7), nel senso di «far scivola­
la traduzione mostra che le forme di cr(ó£eiv ‘pro­ re via, fuori» un bambino dal grembo materno
teggere, salvare’ rendono 49 volte mlt (37 il ruf., (cfr. Jenni 107: «donare la vita»), mlt pi. ha un si­
11 il pi. e 1 il hif) e 12 volte plt (1 volta pi., altri­ gnificato concreto nell’uso fattitivo in Is. 34,15
menti solo il nome verbale p elètà 5 volte, pàlìt 4, per indicare «deporre» le uova («espellere») (cfr.
1 pàlèt e 1 miflat); àvaaió^ctv ‘salvare di nuovo, H. Wildberger, BK x/3, 1329). In lob zi.iop ltpi.
salvare per sé’ traduce 20 volte forme di plt (1 vol­ è usato per «sgusciare, scivolare via», nel senso di
ta il qal, 10 pàlìt, 6 p clétà, 3 pàlèt) e 3 volte mlt (2 «figliare», riferito alla vacca degli empi. Associan­
il nif 1 il pi.); 8ia<j(u£eiv ‘far passare, mandare do quanto risulta da questi esempi sul significato
avanti felicemente; salvare’, traduce 24 volte mlt partorire/figliare con il racconto degli assassini
(20 volte il nif e 4 il pi.) c plt con i sostantivi 11 che scappano dopo aver ucciso Ishbaal (2 Sam. 4,
volte (pi. 2 volte, h if 1; pàlìt 2, p'iètà 5, pàlèt 1); 7: «E Rekab e suo fratello Baana si misero al si­
7;epi(7có£e:iv 1 volta mlt nif II sost. aa)TY)pta ‘salvez­ curo», mlt nif), si è pensato di aver individuato il
za, protezione, conservazione, benessere, pienez­ significato base concreto di mlt nif. proprio in
za di vita, pace’ traduce 6 volte p elètà. Quando i questo «sgusciare via da un luogo stretto; sgatta­
L X X ricorrono così abbondantemente al campo iolare incolumi fuori da un pericoloso vicolo cie­
lessicale di acó'Ou, si nota un evidente spostamen­ co» (Ruprecht 421). Le prove sono però troppo
to semantico dal campo lessicale ebraico dello deboli per sostenere il peso della dimostrazione.
sfuggire, scampare a quello della salvezza e libe­ Infatti non si parla mai di luogo stretto né di vi­
razione, così che gli «scampati» del T.M. diventa­ colo cieco, né di qualcuno messo alle strette, e so­
no i «salvati» dei L X X (cfr. Fohrer 973). - Il ver­ no soltanto 2 i passi in cui mlt nif. ha il significato
bo puo(j.ai rende 11 volte plt (cfr. W. Kasch, G L N T specifico di partorire/figliare. La soluzione più ra­
xi 1005 s.) e 9 volte mlt (7 pi. e 2 nif.) mentre il gionevole sembra quindi continuare a ritenere che
verbo èljaipeìv traduce 5 volte mlt (4 pi. e 1 nif) e il comune significato base di plt/mlt sia ‘sfuggire,
4 volte plt pi. Il nif. di mlt (1 volta, Prov. 19,5) e scampare’ (v. sopra, 11.1).
pàlìt (2 volte) vengono tradotti con una forma di
5ia 9E'JYetv' Il n*f di rnlt è tradotto anche (1 volta Il T.M. Un passo difficile con mlt hif. si trova in Is. 31,5.
è vocalizzato w'bimlìt «portare via, sottrar­
ciascuno) con §iaXav$avEiv (2 Sam. 4,6), eòpiaxeiv
re». (secondo K BL3 558). iQIs* legge hpljt, che non
(2 Reg. 23,18), e mlt h if (Is. 66,7) con t i x t e i v . Il cambia il significato, ma non è detto che rappresenti
pi. di plt viene tradotto 4 volte con puarxY]<; e 1 volta necessariamente la lezione più antica, considerando
ciascuno con È^ayeiv (lob 23,7), Ù7i£pocc77ti<TXT)^ (Ps. il gran numero di varianti dubbie presenti in iQ Isa.
40,18) e plt hif. 1 volta con èxfJaXXeiv (Is. 5,29). B. Stade (ZAW 6 [1886] 189) ha cambiato la punta­
zione senza toccare le consonanti, trasformando co­
Ill.i.a) I temi plt e mlt pi. sono varie volte as­ sì le forme hif. wehissìl e w ehimlìt in w'bassèl e w e-
sociati col termine parallelo nsl hif (-» nsl). La se­ hamlèt, cioè in due inf. ass. (seguito da BHK, BHS,
quenza con nsl h if ‘strappare’ (dal potere o dalla ecc.). La Vg. legge così i quattro verbi di Is. yi,y.pro-
tegens at liberans transiens et salvans. Sebbene la di­
presa di un altro) seguito da mlt ‘liberare, salvare
versa vocalizzazione di B. Stade sia la proposta di
qualcuno’ compare nella dichiarazione o ricono­ emendazione più attraente e sia stata accettata (Wild­
scimento della vittoria di David da parte del po­ berger, BK x/3, 1237), si deve ricordare che in ebrai­
polo (2 Sam. 19,10) e in una promessa di salvezza co è sintatticamente possibile che a un primo inf. ass.
profetica escatologica di Jhwh (Ier. 39,17 s.). Nel­ seguano perfetti consecutivi con significato frequen­
lo stile poetico dei Salmi si trovano le sequenze tativo nel futuro (Ios. 6,13; 2 Sam. 13,9; cfr. spec.
plt pi. / nsl hif. (Ps. 18,49; 22»9; 3i>2 s0 e nsl/plt (Ps. GKa § 1 1 3t) e pertanto non è necessario intervenire
71,2), nelle quali Dio è o sarà il soggetto agente sul T.M. per cambiarlo.
della salvezza. Non si osserva alcuna distinzione In lob 4 1,11 c’è l’unica forma hitp. di mlt nel sen­
di significato tra le due sequenze. «Strappare» (nsl so di «sprizzano scintille di fuoco» (Fohrer, KAT
xvi, 525; diversamente M.H. Pope, AB 153, 335: «Ne
hif.) è sempre un atto di «salvezza, liberazione» e scappano fiamme di fuoco»). nQtgJob legge blsnj
lo stesso dicasi per «sottrarre, scampare» (pltpi). ’sh jrtwn ’ «corrono con lingue di fuoco». Se il sogg.
La medesima coincidenza semantica compare kidód nel testo ebraico è tradotto correttamente con
chiaramente nel discorso di Dio davanti al consi­ «scintille / scintille di fuoco» (cfr. M. Dahood, Bibl
glio degli dei in cielo: «Liberate (plt pi.) l’umile e 46 [1965] 327 legge kidódè ’« «figli del fuoco», che
155 (VI»597 ) palat (G.F. Hasel) (vi,598) 156

non cambia il senso), allora conformemente al con­ ‘scappare, fuggire’ (K B L 3 149; -* brh), ma non
testo, la forma verbale hitp. di mlt può essere tra­ veramente sinonimo quanto al senso. Il verbo brh
dotta con «sprizzare fuori» (KBL3 558; diversamen­ ha un senso simile a quello di nùs (E. Jenni, Or 47
te Kònig, Wb. 226: «sfuggono fuori»; BDB 572: [1978] 351-359; B. Grossfeld, ZAW 91 [1979] 107­
«scappano, scivolano, sgusciano via»).
123). Entrambi i verbi sottolineano l’azione del
In parallelo con mlt nif. compare sovente nùs fuggire via da, a differenza di mlt n if, come met­
qal ‘fuggire’ (-» nws). L ’ordine normale di questi tono in evidenza i modi dell’uso parallelo (1 Sam.
termini è prima nùs seguito da mlt, con nùs che 19,12.18; 22,20). Lo svolgimento dell’azione è
esprime la fuga da un conflitto tra uomini e mlt il chiaramente visibile in / Sam. 19,12: «Ed egli si
successo o il fallimento della fuga stessa, appor­ mise in cammino (hlk qal), fuggì (brìo) e si è por­
tando l’idea dello sfuggire/scampare. David fugge tato al sicuro / si è messo in salvo (mlt nif)», cioè
(nùs) da Saul e riesce a «scampare», cioè a salvarsi inizio (hlk), svolgimento (brh) ed esito (mlt) della
(mlt n if, 1 Sam. 19,10; cfr. / Reg. 20,20), metten­ fuga sono indicati con tre verbi quasi sinonimi,
dosi al sicuro. Am. 9,ic: «Nessun fuggiasco (nàs) ma che hanno tuttavia sfumature semantiche dif­
potrà fuggire (nùs) e nessuno scampato (pàlìt) riu­ ferenti. Lo svolgimento (brh) e il risultato (mlt)
scirà a salvarsi (mlt nif.)». Nell’oracolo contro i della fuga ritornano nel medesimo contesto: «Da­
popoli che riguarda l’Egitto si sottolinea che «il vid era fuggito (bàrah) e si era portato al sicuro /
veloce non può fuggire (nùs) e il forte guerriero si era messo in salvo (wajjimmàlét)» (/ Sam. 19,
non può scampare (mlt nif.)» (Ier. 46,6; gli iussivi 18). La medesima distinzione nell’azione, nono­
■'al-jànùs e 'al-jimmalèt sottolineano l’impossibi­ stante la somiglianza, compare anche in 1 Sam. 22,
lità di fuggire e di sfuggire; cfr. GKa § to/b; R.P. 20 (con la sequenza mlt nif. / brh). Si può quin­
Carroll, Jeremiah, O TL, 1986, 762). L ’uso in di concludere che mlt n if contiene l’aspetto fina­
parallelo di nùs e mlt ritorna anche negli oracoli le o risultativo della fuga, dunque la «salvezza», il
contro Moab (Ier. 48,6) e contro Babilonia (Ier. «mettersi in salvo, al sicuro» (cfr. Iud. 3,26; Ps.
5 1 ,6). Il ptc. nimlàtà (BLe § 6iy) indica la fuggia­ TM > 7 )- . v
sca come il parallelo ptc. nàs in Ier. 48,19 indica il Il verbo mlt nif. o mlt pi. con nefes ‘vita’ quale
fuggiasco (cfr. Rudolph, HAT 1/123, 276; Carroll oggetto, compare nella forma letteraria dell’«inci-
786). La promessa di salvezza a Israele in Zach. tamento alla fuga» nel corpo degli oracoli profe­
2,10 s. contiene l’esortazione a «fuggire» (nùs; W. tici contro le nazioni (Ier. 48,6; 51,6.45; Zach. 2,10
Rudolph, KAT xin/4, 89 n. 3 fa presente che nùs s.), sulla quale Bach (20 s.) ha attirato l’attenzio­
non significa soltanto «fuggire», ma anche «allon­ ne. In questo modello si trova l’uso parallelo in
tanarsi, partire in fretta» [cfr. Is. 30,16]) rapida­ prosa di js' ‘uscire, venir fuori’ (-» js’ ), e mlt pi. con
mente dal paese del nord e a «mettersi in salvo» a nefes: «Popolo mio, uscite (js* qal) di mezzo a lei
Sion (mlt nif). Già nel racconto della salvezza di e salvatevi (mlt pi.), ciascuno la propria vita» (Ier.
Lot la sua fuga è indicata 4 volte (Gen. 19,17.19. 51,45). Il primo verbo indica l’inizio dell’azione e
20.22) usando mlt nif. in un gioco di parole basa­ lo sviluppo della fuga, il secondo invece il risulta­
to sull’assonanza col nome di Lot (cfr. Gunkel, to, la salvezza. Il verbo mlt pi. ‘lasciare in pace,
G H K 212) e in parallelo con nùs (v. 20). Qui nùs indisturbato’ unito col termine parallelo nùàh (-»
sembra sottolineare di nuovo l’azione della fuga e nwh) ‘aver quiete’ è attestato in 2 Reg. 23,18: «Ed
mlt il risultato di «mettersi al sicuro» riparando egli disse: Fategli avere pace (hannìhù), che nes­
nella città. Qui l’idea del «residuo» svolge un ruo­ suno muova le sue ossa! E così lasciarono le sue
lo importante. Jhwh è la forza trainante che salva ossa indisturbate / in pace (mlt pi.) insieme con le
Lot il sopravvissuto (Hasel, IDB Suppl. 735). An­ ossa del profeta». Lasciare le ossa indisturbate o
che la sequenza mlt nif. / nùs (1 Sam. 30,17; 2 Sam. in pace significa che esse continueranno a stare in
1,3 s.; Am. 2,15 s.) indica che nùs sottolinea il pro­ condizioni di sicurezza/integrità.
cesso e mlt il risultato finale della fuga come sal­ Rientra nel campo lessicale più ampio di plt pi.
vezza / mettersi al sicuro. N ell’oracolo di Jhwh anche il verbo molto diffuso js 1 hif. (-» js'). Ps.
contro Israele (Am. 2,13-16) la sentenza di casti­ 37,40: «Jhwh li aiuta (‘zr qal) e li salva (pltpi.), li
go è articolata con un triplice uso di mlt pi. con il salva (plt pi.) dagli empi e li soccorre (js' hif.)
quale si annuncia che il coraggioso, l’agile e il ca­ perché cercano rifugio in lui». Qui si vede che il
valiere «non potrà salvare» la sua vita (nefes) (que­ primo plt pi. va oltre l’azione di Jhwh nella prima
sto il risultato della fuga) e persino il forte guerrie­ parte del versetto e inoltre che l’aiuto di Jhwh (js'
ro mettendo in atto la fuga «fuggirà» (nùs) nudo. hif.) non si limita alla liberazione da lui operata.
Il verbo mlt nif. è affine per significato a brh qal L ’aiuto segue alla liberazione, è quindi un sostan­
157 (v i, 599 ) pdlat (G.F. Hasel) (vi,600) x 58

ziale atto consecutivo di Dio chc presuppone la te). In primo luogo si deve constatare che Dio o
liberazione/salvezza divina (plt pi.). Lo stesso av­ Jhwh è sempre il soggetto dell’azione (tranne che
viene anche in Ps. 71,2-4 (per la distinzione tra plt in Ps. 33,17; 89,49 con mlt pi.; 82,4 con plt pi.; Ps.
pi. c jV hif. cfr. Jenni 122 s.). 56,8 e 32,7 [v. sotto] sono problematici). Jhwh
b) Per quel che riguarda i modi d’impiego dei viene ripetutamente chiamato «mio liberatore»
derivati nominali di plt (v. sopra, II.2.a), le atte­ (Ps. 18,3; 40,18; 70,6; 144,2 plt pi. ptc.). In rap­
stazioni indicano quanto segue. Le forme nomi­ porto con l’idea del patto si ricorda che Jhwh
nali aggettivali pdlit/pdlèt hanno entrambe il si­ nell’antichità «salvò» i padri perché confidavano
gnificato base di «scampato». Il sost. pdlèt viene in Dio (Ps. 22,5 plt pi.). Confidare in un animale
usato variamente per affinità semantica lessicale (il cavallo) che viene usato per guerreggiare non
insieme a sdrid ‘scampato’ (termine della conce­ porta invece alcuna salvezza (Ps. 33,17 mlt pi.).
zione del «resto») (Ios. 8,22; Ier. 42,17; 44,14; Abd. Per la sua giustizia (seddqd, -> sdq) Dio salverà
14.17 s.; Lam. 2,22). L ’uso parallelo d i pdlit/se>é- (Ps. 31,2; 71,2 plt pi.) colui che confida in lui (Ps.
rìt si trova in Ier. 44,28. 1 sostantivi palìt/pàlèt in­ 22,5 s.) e gli è fedele (Ps. 91,14). Il grido di soc­
dicano di solito gli «scampati» da catastrofi stori­ corso lanciato a Jhwh (-» z'q) porta all’intervento
che: Efraim (Ezech. 7,16; 24,26 s.; 33,21), Giuda divino che salva (Ps. 22,5 s. con plt e mlt; 107,19
(Abd. 14; Ezech. 6,9; 24,26), Gerusalemme (Ezech. s. mlt). Così colui che è oppresso o soffre grida,
7,16; 24,26 s.; 33,21), Moab (Num. 21,29), Babilo­ chiama o supplica: «Salvami!» (Ps. 31,2; 43,1; 71,
nia (Ier. 50,28), Ramot-Galaad (2 Reg. 9,15), i po­ 2.4 plt pi.) o «salva la mia vita!» (nefes, Ps. 17,13
poli (Is. 45,20; 66,19). pdlit z pdlèt sono talora col­ plt pi.; 116,4 mlt pi.). Il supplice corre un pericolo
legati con la guerra di Jhwh (Num. 21,29; ^os• mortale, minacciato dalPcmpio (Ps. 1.7,9; 37>4°)>
8,22) o con l’annuncio profetico del castigo (pd­ dalla mano degli empi (Ps. 7 1,4), dal nemico adi­
lit'. Am. 9,1; Is. 45,20; Ier. 42,17; 44,28; Ezech. 6,8 rato (Ps. 18,49) e dalla contesa giudiziaria (rìb, -»
s.; 7,16; Abd. 14; pdlèt: Is. 66,19; Ier• 44>z45 5°,2^j rjb) del popolo (Ps. 18,44): Il salmista prega di es­
51,50). Il sost. fem. pelèta (pelétd) «scampati» si sere liberato dagli uomini iniqui e mendaci e dalla
riferisce a Giudaiti (Is. 37,31 s. = 2 Reg. 19,30 s.), gente ostile in generale (Ps. 43,1), si rivolge a Dio
a Israele (Is. 4,2; 10,20), a Israeliti (2 Chron. 30,6), chiedendogli di essere il suo giudice e di prender­
a Beniamino (Iud. 21,17), a Moab (Is. 15,9), a Ge­ si a cuore la sua causa (cfr. Ps. 7,9 s.; 9,5; 26,1). Dio
rosolimitani (Ezech. 14,22), alla comunità post- ha salvato (Ps. 18,44.49; 2 5>5 s>) e salverà ancora
esilica (Esdr. 9,8.13.15; Nehem. 1,2), a Amalek (1 (Ps. 37,4ob). L ’uso dei termini plt/mlt mostra che
Chron. 4,43) e nel senso di «ciò che è scampato» Dio è il Dio salvatore, che libera e soccorre tutti
a cose come i frutti della campagna (Ex. 10,5). An­ gli oppressi, gli afflitti, i perseguitati, i sofferenti e
che questo sostantivo è saldamente radicato nella coloro che sono accusati falsamente. Perciò colo­
concezione veterotestamentaria del «resto» (v. ro che sono minacciati e in pericolo possono ri­
sotto, iv.3); cfr. l’uso in parallelo d i p elètà e se’é~ volgersi a lui supplicandolo di aiutarli: «Nella tua
rìt (-» s ’r) ‘resto/rimanente, avanzo’ (Gen. 45,7; giustizia salvami!» (Ps. 31,2; 71,2). La salvezza
Is. 15,9; 37,32 =2 Reg. 19,31; 1 Chron. 4,43; Esdr. porta al ringraziamento (Ps. 22 con plt/mlt ai vv.
9,14), con se’dr ‘resto/avanzo’, col ptc. nif. so­ 5 s.9) e alla lode (Ps. 22,23.26; 107,32 mlt al v. 20;
stantivato nis’drìm «i rimanenti» (Gen. 32,9; Ex. 40,10 s. plt al v. 18).
10,5; Is. 4,2 s.; Nehem. 1,2 s.) e anche il rapporto
Il T.M. di Ps. 32,7 legge ronnèpallet «grida [di giu­
con ’abdrit (Am. 9,1) (v. sotto, iv.i). I termini af­
bilo] di liberazione». K. Budde emenda l'hap. leg. mj
fini dei nomi di radice plt indicano sempre, più o in mdginnè: «con scudi di salvezza» (seguito da H.-
meno, il residuo, i rimasti, il resto ecc. I nomi e le J. Kraus, BK xv/13, 400 s.; cfr. BHS, K BL3 879). M.
forme verbali riconducibili a plt sottolineano in­ Dahood suggerisce di vocalizzare mj ronni «mio ri­
vece costantemente che questi rimasti, questo re­ fugio», facendolo derivare dalla radice mn ‘trovare
sto sono un residuo scampato dalla guerra, dalla rifugio, riposare’ che egli suggerisce per Ps. 63,8 (AB
battaglia ecc. (cfr. Herntrich 202; Hasel, Remnant 16, 196). J. Leveen emenda mj in ’dnj «signore» e
Motif 179 s.). Così si mette in evidenza l’idea po­ traduce quindi: «Salvami, o Signore, e circondami...»
(VT 21 [1971] 55). Inoltre, non di rado l’inf. ass.pal­
sitiva della sopravvivenza dopo il superamento
let viene letto come un imp. (cfr. Dahood) o emen­
delle vicende belliche e, infine, questo scampare
dato nel nome verbale pdlit (cfr. BHS). Queste cor­
serve a esprimere la salvezza operata da Dio. rezioni restano molto dubbie. Una traduzione lette­
rale del T.M., «mi circonderai con grida giubilanti di
iv. t. La maggiore concentrazione di derivati di liberazione», non va scartata troppo frettolosamente
plt/mlt si trova nei Salmi (mlt 8 volte, plt 21 vol­ (cfr. P.C. Craigie, WBC 19, 1983, 264).
x59 (vi,600) p alai (G.F. Hasel) (vi,601) t6o

i.p lt (Iob 23,7) e soprattutto mlt appartengo­ sfuggire Lot a una catastrofe naturale affinché si
no anche al vocabolario giuridico di Israele. Nel possa mettere in salvo (Gen. 19,17.19.20.22). Si fa
prologo di Giobbe si fa riferimento ai servi di esplicito riferimento a «salvare la vita (nefes)». Si
Giobbe che sono scampati alle catastrofi naturali tratta dunque di sopravvivere in una situazione di
del colpo di fulmine e della tempesta (Iob 1,16.19) pericolo incombente, e quindi della salvezza di
e alle scorrerie delle bande di Sabei e Caldei (vv. una residuo voluto da Dio. Il motivo fondamen­
15 e 17). Sono rimasti vivi per portare il loro mes­ tale dell’idea del resto è la conservazione della vi­
saggio di sventura. Nella sua apologia Giobbe ta secondo il disegno divino, un tema che compa­
domanda (cfr. Ier. 15,21) se ha mai chiesto ai suoi re qui per la prima volta nell’A.T. (cfr. Hasel, Tbe
amici «salvatemi (mlt pi.) dalla violenza dei miei Remnant 50-134; per l’origine del motivo del re­
nemici» (Iob 6,23). Elifaz afferma: «Egli [Dio] li­ siduo nell’ambito di vita e morte con l’assicura­
bera l’innocente che verrà salvato per la purità zione dell’esistenza della vita nella letteratura del
delle sue mani» (Iob 22,30; cfr. N.M. Sarna, JN E S Vicino Oriente antico, cioè nei testi sumerici, ac­
15 [1956] 118 s.; R. Gordis, JN E S 4 [1945] 54 s. cadici, ugaritici, ittiti ed egiziani -» s V).
per le difficoltà testuali). Giobbe risponde a Eli­ La storia di Giacobbe ed Esaù fa riferimento in
faz in termini giuridici (Iob 23,1-17): «Sarò libe­ Gen. 32,9 (8) alla p elétà «salvezza/scampo» (in
rato veramente dal mio giudice» (Iob 23,7 plt pi.). yiddish e tedesco Pleite ‘fallimento, bancarotta’
Sofar afferma che la sventura è provocata dall’em­ proviene appunto da p elétà ‘salvataggio, scampo’;
pio e che perciò «egli non scamperà con la sua cfr. K B L 3 880; Ruprecht 424) del campo di Gia­
cosa più preziosa» (Iob 20,20). Giobbe descrive cobbe diviso in due, che nella lotta fratricida «so­
come si sia preso cura dei bisognosi, «ho liberato pravviverà» (bannis'dr). Nella scena del ricono­
il misero che gridava aiuto» (Iob 29,12). - I Pro­ scimento della storia di Giuseppe, questi dice ai
verbi presentano la verità che il testimone bugiar­ fratelli: «Dio mi ha mandato qui prima di voi per
do «non la passerà liscia» (Prov. 19,5). D ’altra par­ lasciarvi un resto (se’érit, cfr. Muller-Preuss 54
te si dice che nell’ambito giuridico e forense «la contro O. Procksch, KAT 12, 415) sulla terra e
progenie dei giusti sarà salva» (Prov. 11,2 1; Plò­ per conservarvi in vita come grande salvezza (pe-
ger, B K x v i i , 140 s. propone di correggere con i lètà)» (Gen. 45,7). La correlazione s e,èrìt //p eletà
L X X «discendenti / seme dei giusti» e di leggere «resto // salvataggio/salvezza» pone solidamente
«chi semina giustizia sarà liberato»). Chi edifica la «salvezza» nella concezione del «residuo». La
sulla propria ragione o intelletto (lèb) è uno stol­ salvezza è legata al mantenimento della vita mi­
to, ma chi vive secondo le regole della sapienza nacciata dal pericolo della carestia. Il residuo chc
«scamperà» (Prov. 28,26). sopravvive è il portatore della vita (Gen. 45,5),
Qohelet contrappone colui che è gradito a Dio, delle tradizioni dell’elezione e di un Israele che si
che «sfugge» alla donna altrui (mlt nif), al pecca­ svilupperà da esso (cfr. Hasel, The Remnant 157­
tore che viene irretito e sedotto da lei (Eccl. 7,26). 1 59)-
Così anche l’ingiustizia (resa*) non può «salvare» Nel ciclo di Saul e David di 1 Samuele si fa spes­
chi la commette (ba'al) (Eccl. 8,8 mlt pi.; per i so riferimento con mlt a David che scampò ripe­
molti tentativi di emendazione cfr. BH K , BHS; tutamente agli attentati omicidi e alle persecuzio­
diversamente A. Lauha, BK xix, 746: «Sia il testo ni di Saul, riuscendo a mettersi in salvo (1 Sam.
sia il contenuto del passo stanno bene così come 19 ,10 -12,17 s.; 22,1; 23,13; 27,1). Nella lotta per la
sono»). In Eccl. 9,15 si usa mlt pi. «liberare» per il successione al trono, quando Adonia cercò d’im­
sapiente che «poteva liberare / avrebbe potuto li­ padronirsi del regno (/ Reg. 1,1-10), il profeta
berare» la città, ma fu dimenticato o disprezzato. Natan consigliò Betsabea: «Salva (mlt pi.) la tua
L ’uomo deve utilizzare la sapienza per assicurare vita e la vita di tuo figlio Salomone!» (/ Reg. 1,12)
la vita, e salvare con essa sé e gli altri. per assicurare a Salomone la successione al trono.
3. Nel linguaggio religioso e teologico i termi­ Nella storia di Elia compare una vistosa con­
ni plt/mlt vengono usati soprattutto per esprime­ centrazione della terminologia del «resto» (jtr
re la concezione veterotestamentaria del «resto». nif., 1 Reg. 19,10.14 ; s yr h if, v. 18; mlt nif., 18,40;
Nel Pentateuco forme di plt e mlt ricorrono par­ 19,17). Gli Israeliti rimasti non sono una massa
ticolarmente nel motivo del «resto». Nel ciclo indiscriminata di sopravvissuti alla lotta religiosa,
narrativo di Abramo c Lot si narra di un unico i quali assicurano al popolo, essendone il residuo
«scampato» (pdlit) da una battaglia, che riferisce storico, la sua esistenza futura, bensì sono un re­
ad Abramo il rapimento di Lot (Gen. 14,13). Nel siduo di credenti, un gruppo di fedeli a Jhwh, che
medesimo ciclo il verbo mlt è ripetuto per fare rappresenta il vero Israele di Dio e ne conserva
i6 i (vi,602) pàlat (G.F. Hasel) (vi,603) 162

l’esistenza. Qui per la prima volta nell’A.T. si della casa di Giacobbe» c «il resto (se’àr) d’Israe­
traccia una distinzione in seno all’Israele concre­ le» (v. 20) sono coloro che si rivolgono a Jhwh e
to, basata sulla fedeltà religiosa, che porterà a un non cercano la propria sicurezza in potenze poli­
nuovo Israele unito a Jhwh. Amos ha parlato tiche. Essi ritornano ravveduti al loro forte Dio e
spesso del «resto» (Am. 3,12; 4,1-3; 5,1-3.14 s.). Il si appoggiano con fiducia e fedeltà a lui (vv. 21 s.).
ciclo degli oracoli contro i popoli (Am. 1,3-2,16) L ’accostamento della salvezza del resto fedele col
raggiunge il culmine nelPannuncio del giudizio e giudizio a venire (vv. 22 s.) che porrà fine alla na­
castigo d’Israele (2,13-16). Il giorno di Jhwh così zione significa che l’esistenza nazionale di Israe­
atteso, nel quale Israele riponeva tante speranze le finisce, ma Dio continuerà a portare avanti il
(Am. 5,18), sarà «quel giorno» (2,16) «quando il proprio disegno con un residuo fedele. In futuro
forte guerriero non potrà salvare la propria vita Jhwh degli eserciti «proteggerà e libererà (hissil)
(mlt pi. ) ... il corridore veloce non riuscirà a porsi Gerusalemme, la risparmierà e la farà scampare
in salvo (mlt pi. da correggere però in nif. con i (himlit)» (Is. 31,5; per le emendazioni suggerite v.
L X X ) e il cavaliere sul suo cavallo non scamperà sopra, iii.i).
la vita (mlt pi)» (2,14 s.). Quando Dio eseguirà la La promessa di salvezza in Is. 37,31 s. (= 2 Reg.
sua sentenza non ci sarà scampo per tutto Israele 19,30 s.) sottolinea la crescita del residuo: «E gli
quale nazione, come non ci sarà per gli adoratori scampati (pelètà) della casa di Giuda, i sopravvis­
di Ba'al (cfr. 1 Reg. 19,17; cfr. Fohrer 981). \nAm. suti (hannis'àrà, cfr. S. Iwry, Textus 5 [ 1966] 34­
9,1 si sottolinea che «ucciderò il loro resto (’ahà- 43 per le varianti in iQ lsa) metteranno di nuovo
rit) con la spada, nessun fuggiasco di fra loro sfug­ radici in basso e frutti in alto. Infatti da Gerusa­
girà, nessuno scampato (pàlit) si porterà al sicuro lemme uscirà un resto (se 'èrìt) e scampati (p'iétà)
(mlt nif)». Qui è esposto in tutta chiarezza il si­ spunteranno dal monte di Sion». Il resto storico
gnificato negativo dell’idea di resto per l’unità forma la base del resto escatologico che sarà com­
concreta e nazionale del popolo di Israele (cfr. posto da futuri, veri fedeli di Dio. Jhwh manderà
Am. 3,12; 4,1-3; 6,9 s.). Ma ciò non comporta la fi­ questi «scampati» alle nazioni ed «essi proclame­
ne di ogni abitante di Israele (Hasel, The Remnant ranno la mia gloria tra le nazioni» (Is. 66,19 s.).
190-207). Resterà in vita un residuo di fedeli di Gioele riprende tale pensiero. Nel giorno esca­
Jhwh (Am. 5,14 s.: l’autenticità di questo passo tologico di Jhwh «chiunque invocherà il nome di
viene messa in dubbio da molti interpreti, ad es. Jhwh sarà salvato (mlt. nif.) poiché sul monte di
da H.W. Wolff, BK xiv/2l, 274. 294 s., ma è so­ Sion e a Gerusalemme ci sarà salvezza (pelètà), co­
stenuta dalla maggioranza dei commentatori con me Jhwh ha detto, e tra i sopravvissuti (s'ridim)
ottimi argomenti). sono coloro che Jhwh chiama» (Ioel 3,5). Chiun­
Nel libro di Isaia l’idea del «resto» è ampia­ que si rivolga a Dio e lo invochi intensamente (per
mente diffusa. I derivati di plt (Is. 4,2; 5,29; 10,20; qàrà ’ b c cfr. GKa § 1 i9k), convertendosi a lui, sa­
l 5>% 37»3 1 s- = 2 ReS- I 9 »3° s-; 4 5 , 6 6 , 1 9 ) e di rà salvato. Qui non si dice che Gerusalemme/Sion
mlt (Is. 20,6; 31,5; 34,15; 37,38; 46,2.4; 49,24 s.; sarà salvata nel mondo delle nazioni (contro Wolff,
66,7) trovano uso frequente. Is. 4,2 s. parla di BK xiv/21, 71), bensì si parla della salvezza di un
«quel giorno» quando gli «scampati (p'ièta) di residuo, della salvezza dei chiamati da Jhwh che
Israele» e i «sopravvissuti» (hannis'àr // hannó- gli sono fedeli. Anche Abdia parla del giorno di
tàr) in Sion/Gerusalemme saranno santi, cioè Jhwh che viene su tutti i popoli (v. 15) ed è il gior­
tutti coloro che «in Gerusalemme sono registrati no del giudizio universale del mondo. Abdia pro­
per la vita». Per la prima volta si parla del residuo clama come Gioele che «sul monte di Sion ci sarà
santo o, in un altro passo, di «seme santo» (Is. 6, salvezza (p elétà)» (v. 17).
13). Il minaccioso oracolo di giudizio del profeta Nella promessa di salvezza della terza visione
(Is. 5,26-29) si chiude paragonando il nemico a notturna di Zaccaria si esorta Israele a fuggire da
una leonessa che «trascina al sicuro» (plt h if, v. Babilonia e a mettersi in salvo lontano da questa
29) la preda, cioè Israele sconfitto e sottomesso. (Zach. 2,10 s.).
Il popolo non sarà risparmiato dal giudizio. Tut­ Nel libro di Geremia le forme di plt e mlt ven­
tavia più tardi si assicura che quando ristabilirà il gono usate per parlare di un residuo storico di so­
proprio popolo Jhwh toglierà la preda ai nemici c pravvissuti a una catastrofe bellica, e di un resto
permetterà che sfugga a loro (Is. 49,24 s.). Is. io, escatologico del tempo della salvezza. Si racconta
20-23 è il locus classicus dell’idea del «resto» (nel­ chc quel giorno verrà salvato Ebed-Melek che ha
l’esegesi più recente, datazione e attribuzione del confidato in Jhwh (Ier. 39,18 mlt nif). I Giudaiti
passo sono controverse). Gli «scampati (p'iètà) che si trasferiscono in Egitto moriranno di spada,
163 (vi,604) palat (G .F. Hasel) (vi,605) 164

fame e peste «e non avranno né sopravvissuti (sa­ Jhwh (v. 23). In Ezech. 33,21 s. si racconta la ve­
ne/, collettivo) né scampati (pàlit, coll.) dalla ro­ nuta di uno «scampato» da Gerusalemme che co­
vina che io farò venire su di loro» (Ier. 42,17). Per munica al profeta la caduta della città. Il profeta
il resto storico ci sarà un futuro in Giuda, non in «parlerà e non sarà più muto e sarà per loro un
Egitto (Ier. 44,14). Nonostante ciò dall’Egitto un segno ed essi conosceranno che io sono Jhwh»
pugno «di scampati (pàlit) alla spada» (ler. 44,28) (24,27). Lo scopo delle azioni (giudizio e parola
farà ritorno (sub, -> swb) in Giuda. Con linguag­ di rivelazione) e degli attori (lo scampato e il pro­
gio apocalittico, il profeta annuncia che il giorno feta) è di condurre alla conoscenza di Jhwh. Chi
di Jhwh (v. sotto, rv.4 per Ier. 51,6.45) verrà a lo conosce e riconosce ha un futuro. La salvezza
mancare qualsiasi rifugio (mànós) e qualsiasi pos­ è in Jhwh.
sibilità di scampo (p'iétà) per i capi delle nazioni 4. Gli oracoli profetici contro Babilonia in Ier.
(Ier. 25,35). Il giorno escatologico del giudizio se­ 50-51 hanno tratti fortemente apocalittici escato­
gna la fine delle nazioni. logici e vengono classificati nella «prima apocalit­
Il tema della fine senza scampo né salvezza com­ tica» (cfr. D.L. Christcnsen, Transformations of
pare frequentemente negli oracoli profetici con­ thè War Oracle in O.T. Prophecy, Missoula 1975,
tro i popoli, dove si parla ripetutamente della man­ 249-280). Inoltre Babilonia mostra tratti universa­
canza di scampo e dell’impossibilità di sfuggire: listi che vanno ben oltre il nemico storico d’Israe­
è quanto si predice all’ Egitto (Ier. 46,6), a Moab le del vi sec. a.C., così da farla apparire il tipo del
(Ier. 48,8.19; cfr. Is. 16,13), abitanti della co­ nemico mortale del popolo di Dio di tutte le età
sta (Is. 20,6). In altri casi non si ricorre a plt e a mlt, future. Tre volte il popolo di Dio viene esortato a
ma si ha comunque una terminologia del residuo fuggire da Babilonia. Ogni fedele di Jhwh che vi­
affine: per la Siria (Is. 17,1-7), la Filistea (Is. 14,28­ ve a Babilonia deve mettersi in salvo (Ier. 5 1 ,6 mlt
32), l’Arabia (Is. 21,13-17), Babilonia (Is. 14,22 s.). nif. [LX X 28,6]), per essere così protetto dal giu­
A questo riguardo si deve considerare l’espres­ dizio sulla colpa di Babilonia. L ’esortazione a fug­
sione unica «scampati delle nazioni» (Is. 45,20: pe- gire suona così: «Uscite da mezzo a essa, popolo
litè haggójim) che non si riferisce agli Israeliti mio, e salvatevi (mlt nif), ciascuno la propria vi­
scampati dai popoli (cfr. J.L . McKenzie, AB 82­ ta» (Ier. 51,45 [manca nei LXX]). Voi, «gli scam­
84; J. Morgenstern, JSS 2 [1957] 225-231), bensì a pati (p'iètim) alla spada, andate, non state fermi!»
un resto escatologico delle nazioni pagane, idola­ (Ier. 51,50; v. 50,29 per la p'iètà). L ’idea del resi­
tre, che sono scampate al giudizio di Jhwh. Que­ duo svolge qui un ruolo importante. Il popolo di
sti scampati delle nazioni vengono invitati alla sal­ Dio nelle vesti degli scampati fedeli deve metter­
vezza. Il residuo storico dei pagani viene invitato si in marcia e uscire da Babilonia prima del suo
a diventare un residuo fedele, credente. Si volgerà crollo.
a Jhwh, l’unico Dio (v. 22), perché solo in Jhwh Nel quadro del futuro di Dan. 11,40-45 si de­
c’è potenza e salvezza (v. 24). L ’idea di residuo si scrive un’azione bellica nell’età finale apocalitti­
dimostra qui universalistica spezzando il partico­ ca, quando Edomiti, Moabiti e una classe domi­
larismo nazionale. nante (il T.M. legge r'sjt. S legge srk' che ha indot­
Nel libro di Ezechiele derivati di plt e mlt com­ to a correggere r’sjt in se,érit «resto»; v. BH K,
paiono nella forma del nome verbale masc. pàlit BHS; Di Leila, AB, 260; ma questa emendazione
(Ezech. 6,8 s.; 7 , 1 6 ; 24,26 s.; 3 3 , 2 1 s.), del sost. non è obbligatoria né convincente) degli Ammo­
fem. p'iétà ( 1 4 , 2 2 ) , dei verbi plt qal ( 7 , 1 6 ) e mlt niti per un certo tempo «scamperanno dalla sua
nif. ( 1 7 , 1 5 . 1 8 ) , mlt pi. (33,5). Lo «scampato» (pà­ [del re del nord] mano» (Dan. 11,4 1 mlt nif),
lit) non va visto in generale come «fuggiasco» o mentre per l’Egitto «non ci sarà scampo (pelètà)»
schiera di deportati (contro G. Hòlscher con Zim­ (v. 42). Secondo Dan. 12,1 negli ultimi tempi, do­
merli, BK x i i i / 2 2, 8 1 1 ) , bensì è il sopravvissuto po il periodo della tribolazione, ci sarà una sal­
che sfugge allo scontro, alla battaglia, alla distru­ vezza per il residuo che si è mantenuto legato a
zione della guerra (Ezech. 6,8). Questi scampati Dio nella fede. «Ciascuno che è scritto nel libro»
alla spada nel tempo che passeranno in esilio tra i e che quindi è passato per un tribunale celeste
popoli riconosceranno la loro colpa e si converti­ (con G.W. Nickelsburg, Resurrection, Immortal-
ranno a Jhwh (6 ,8- 1 0) . L ’affermazione in Ezech. ity, and Eternai Life : HThS 26 [1972] 1 1; cfr. J.J.
1 4 , 2 2 mostra come «scampati» alla caduta di Ge­ Collins, The Apocalyptic Vision in thè Book of
rusalemme sopravvivono e si recano dagli esiliati Daniel, HSM 16, Missoula 1977, 136) «sarà sal­
per diventare per loro un segno di consolazione vato» (mlt nif)» (Dan. 12,1). Questa affermazio­
che supera la tragedia, affinché essi conoscano ne circa la salvezza alla fine dei tempi del resto
16 5 (vi,6o6) p ii (E.S. Gerstenberger) (vt,6o7) 166

dimostra che lo schema tipico di Daniele, col suo vato, liberare’ (ATTM 668). Il verbo plt compare
parallelismo di minaccia - intervento soprannatu­ 3 volte in iQapGen. Coloro che sopravvissero al
rale - salvezza/liberazione delle visioni apocalit­ diluvio ringraziano l’Altissimo perché «li ha sal­
tiche di Dan. 7-12, si è conservato anche qui. Alla vati dalla perdizione» (pa. 12,17; cfr- I^b. 7,34).
salvezza del residuo ancora in vita si aggiunge, In sogno viene comunicato che la vita di Abramo
quale evento escatologico, la risurrezione di colo­ «sarà salvata» per amore di Sara (qal, 19,20; cfr.
ro che dormono (Dan. 12,2; cfr. G.F. Hasel, ZAW Gen. 12,13). Nella storia di Lot si parla di un pa­
92 [1980] spec. 267-280), così che tutti coloro che store «che era scampato dalla prigionia» (qal, 22,
sono rimasti fedeli godranno la vita eterna. 2). - nQ tgJob 39,3 usa plt pa. ‘ liberare’ (ATTM
296; B. Jongeling, C.J. Labuschagne, A.S. van der
v. Nei testi ebraici di Qumran plt e mlt sono Woude, Aramaic Texts from Qumran, Leiden
presenti come verbi e (per plt) come derivati no­ 1976, 61; «far strada, far entrare») per la vita che
minali. Si afferma che mlt qal è attestato per la pri­ viene al mondo col parto. - I libri di Enoc con­
ma volta in un salmo fin qui sconosciuto conte­ tengono un passo apocalittico nel quale nel giudi­
nuto in n Q P s a, «Inno a Sion» (= 4QPsf; cfr. J. zio universale «i sinceri» «saranno salvati» (qal,
Starky, RB 73 [1966] 353-371): «Chi, giusto, è mai 4QEnc = Hen. 10,17; cfr- ATTM 238). Questi usi
perito (’bd qal)} Chi, iniquo, è mai scampato?» aramaici nei testi di Qumran corrispondono alle
(mlt qal secondo D JD iv 87 col significato si ‘so­ forme plt ebraiche. G F. H l
pravvivere’; ma può trattarsi anche di una forma
pi. nel senso di ‘salvare’). Quale significato parti­
colare si trova anche mlt hif. nel senso di ‘parto­
rire’ (iQ H 11,9) in parallelo con plt n if ‘far usci­
re (far nascere) dalle convulsioni’ (iQ H 11,10).
pii
Gli altri usi nel libro degli Inni (iQ H ) corrispon­
dono a quelli visti nei salmi dell’A.T. (v. sopra, . n V p n t ef i l l à , p eiilim , p elilà ,
iv. 1). L ’inno canta la protezione divina del pove­ ' $ > 3 p elìlì, n h ' h b f l i l i j j à
ro: «Hai salvato la vita del povero» (iQ H 13,18
plt p i); «La tua pace vigila per salvare la mia vita» I. Etimologia, diffusione. — 1. La radice. — 2. L ’A .T . —
(iQ H 17,33 pltpiy inf. cs.; cfr. E. Lohse, Die Tex- 3. Le versioni antiche. - 4. Gli scritti extracanonici. -
te aus Qumran, *1971, 149: «Per salvare l’anima II. N om e c verbo. - 1. t'fillà. - 2. hitp. - 3. Altri temi e so­
mia»). Chi confida in Dio «sarà salvo in eterno» stantivi. - 4. N om i propri di persona. - in. La prassi
(1Q H 17,29 plt p i ; cfr. 14,32). - CD 7,14 parla del culto. — 1. Preghiera e intercessione. —2. Il culto del­
dei saldi che «si salvarono nella terra del nord» la comunità. - 3. Teologia della preghiera. - iv. La rice­
zione della tradizione. - v. Qumran.
(mlt nif) oppure dei figli di Set «che si salvarono
(mlt nif) al tempo della prima tribolazione» (7,21) Bibl.: A . Aejmelaeus, The Traditional Prayer in thè
in passato. Nella tribolazione futura «questi (i Psalms (B Z A W 167, 1986, 1 -11 8 ) . - R. Albertz, G ebet,
poveri del gregge) saranno salvati» (CD 19,10 mlt 11. A.T. (T R E x i i 34-42). - D.R. Ap-Thom as, Notes on
nif). Allora Dio lascerà sopravvivere per sé (jtr Some Terms Relating to Prayer: V T 6 (19 56) 2 2 5 -2 4 1. -
hif) «scampati» (pelètà) per il paese, per riempire S.E. Balentine, The Prophet as Intercessor. J B L 103
(1984) 1 6 1 -1 7 3 . ~ P A .H . de Boer, D e voorbede in het
del loro seme la terra» (CD 2 ,11 s.). Per gli empi
O.T. (O T S 3, 1943, spec. 12 4 -130 ). - E.S. Gerstenber­
non ci sarà più allora «nessun residuo» (se>èrit) e ger, D er bittende Menscb (W M A N T 5 1, 1980). - M .D .
nessuno scampato (pelétà)» (CD 2,6 s.; cfr. iQ M Goldman, The Root P L L and its Connotation with
1,6 con la medesima formula; iQ S 4,14 è molto Prayer. A B R 3 (19 53) 1-6. - A . Gonzàlez, L a oración
simile con la formula sànd-pelétà; cfr. 1Q 27 1,1,4 en la Bibita, Madrid 1968. - K. Heinen, Das Gebet im
mlt nif). - Nel libro delle benedizioni della setta A .T ., Roma i 9 7 i . - I d . , Das Nom en tcfillàals Gattungs-
(iQSb) si prega Dio di voler «salvare» (plt pi.) i bezeichnung: B Z 17 (19 7 3) 10 3-10 5. - F. Hesse, D ie
benedetti (1,7). Nel Rotolo del Tempio non si usa­ Furbitte im A .T ., diss. Erlangcn 1949 (rist. riv. Erlan-
no derivati di plt e mlt che neppure sono usati gen 19 51). - C . Houtman, Zu I. Samuel 2,2y. Z A W 89
(19 77 ) 4 12 -4 1 7 . - N . Johansson, Parakletoi, Lund
nelle definizioni che la comunità di Qumran dà
1940. - E. Kutsch, «rTrauerbrauche» und «Selbstmindc-
di sé quale comunità del residuo, come invece av­ rungsriten» im A .T. (ThS[B] 78, 1965, spec. 25-42). -
viene con se,èrìt (iQ M 14,8: «Ma noi siamo il re- G .C . Macholz, Je t ernia in der Kontinuitàt der Propbe-
s[to (se>è\rit)) del tuo popolo]»). - I testi aramaici tie (Fs. G . von Rad, 19 7 1, 306-334). - J.L . Palache, Se-
di Qumran contengono frequenti esempi del ver­ mantic Notes on thè H ebrew Lexicon, Leiden 1959. -
bo plt qal/pa. nel senso di ‘scampare, essere sal­ H. G raf Reventlow, Gebet im A .T ., 19 8 6 .- J . F . A . Saw-
167 (vi,6o8) p ii (E.S. Gerstenberger) (vi,608) 168

yer, Types of Prayer in thè O.T.: Semjtics 7 (1980) 131­ forme di pii che fanno la parte del leone (pii hitp.
143. - J. Scharbert, Die Fiirbitte im A.T. (Fs. A. Hof­ e tefillà) hanno un campo lessicale molto ristretto
mann, 1984, 91-109). - E.A. Speiser, The Stem PLL in e dai confini molto chiari: «pregare»/«preghiera».
Hebrew. JBL 82 (1963) 301-306. -E.F. de Ward, Super-
3. Le versioni antiche confermano l’uso mol­
stitìon and Judgment: ZAW 89 (1977) 1-19.
to specifico delle due forme principali di pii. Nei
L i. Nelle lingue semitiche non ci sono radici L X X la forma hitp. è tradotta 8 volte con eu^e-
omonime con il significato ‘pregare’, perciò non a#ai, per il resto sempre TipocrEu^ECT-Sai. Si tratta
è più possibile individuare lo sviluppo etimologi­ dei due termini comuni per la preghiera nel culto,
co di pii. nel giudaismo ellenistico e nelle prime comunità
cristiane (H. Greeven, J. Hcrrmann, euy% o(j.at,
Le ipotesi avanzate sono parecchie e varie, a) Si
G L N T it i 1209-1300; H. Schònweiss, Gebet, in
suppone un nesso con l’ar. falla ‘intaccare, rompere’
(Wehr 647); allora palai potrebbe indicare in origi­ Theol. Begriffslexikon zumN.T. 1421-424).
ne la mortificazione cultuale del corpo (cfr. 1 Reg. L ’uso linguistico è fluido; tuttavia la preghiera
18,28; con lievi differenze de Boer). b) Se si vede un spontanea, non liturgica, viene indicata di prefe­
collegamento con npl ‘cadere’ si arriva al significato renza, come in ebraico, con altri verbi, ad es. 8É0-
base ‘prostrarsi’ (K. Ahrens, 2 DMG 64 [1910] 163). (acu (cfr. U. Schoenborn, EW N T 1 687 s.); xpà-
Popolari sono le derivazioni dall'ambito giuridico, ‘( e i v (cfr. W. Grundmann, G L N T v 957-974).
c) L’acc. palàia ‘sorvegliare, controllare’ (AHw 813)
porta a un’attività giudiziaria (Johansson; Hesse; J. Nella tradizione latina l’equivalente principale di
Levy, WTM i v 53). d) Palache (59) parte da un pre­ pii sembra essere orare/oratio; altre espressioni (ro­
sunto significato primitivo di tutte le radici pi ‘fen­ gare, supplicare, implorare, petere, precari e derivati)
dere, rompere, separare’ e postula uno sviluppo di compaiono occasionalmente (cfr. già la Vg. in Ex. 10,
questo genere: «giudicare, richiedere, giudizio, sup­ 17; 1 Reg. 1,12; Soph. 3,10; Iob 33,25 s.; Esdr. 10,1;
plicare, pregare», e) Tenendosi più sulle generali, Ex. 12,32; 1 Reg. 1,17.27; Deut. 3,23; 2 Reg. 24,10; 4
Speiser vede all’inizio del cammino storico del ter­ M3» 1 Chron. 4,10). Le lingue aramaiche usa­
mine un palai ricostruito con un profilo semantico no in prevalenza le radici b” , hnn, si’ per ‘pregare’
meno spiccato, ‘valutare, stimare, giudicare'. Tutte (cfr. Dan. 6,14; 6,12; 6,11; Esdr. 6,10; C. Brockel­
le teorie etimologiche fluiscono però facilmente ver­ mann, Lex. Syr. 82b; 2433; 628a; ATTM 745).
so lo stesso traguardo: costringere il chiarissimo uso In 1 Sam. 2,25 i LX X estendono il significato cul­
linguistico di un gruppo lessicale nel corsetto di una tuale persino al pi. (npoavó'fza&a.’.). Sono quindi dav­
teologia precostituita (cfr. Hcinen; Macholz; J. Barr, vero pochi i passi che restano fuori da questo campo
The Semantics of Biblical Language, Oxford 1961). semantico; Ezech. 16,52 (Siacp-SEi'pEtv ‘rovinare’); Ps.
Dato che fin qui la ricerca dell’origine della radi­ 106,30 (È^tXàaxetv‘espiare’); Gen. 48,11 (crTEpEÌcr-Sai
ce si è dimostrata infruttuosa, si dovrebbe esaminare ‘essere privato’). Oltre alle forme verbali vanno ri­
seriamente la possibilità di considerare il sost. tefillà cordati anche i sostantivi rari: p‘ lilim (Ex. 21,22: (j.e-
un nome primario e la forma hitp. del verbo una xà àHtòj|i.atoc «a discrezione, arbitrariamente»;
forma denominale da tefillà. Fattori che potrebbero Deut. 32,31: àvórjTO^ ‘incapace di capire’; Iob 3 1,11:
aver contribuito a tale derivazione sono la vicinanza i LXX hanno un testo diverso); pelili (Iob 31,28:
fonica a hitnappèl (cfr. i contatti semantici in Deut. 'àwòn pelili, àvojx'a rj (aeyicttt) «delitto capitale»
9,18.25; Esdr. 10,1 e diversi passi negli scritti di (trad. libera per «delitto di competenza del giudice
Qumran) e l’uso generale delle forme hitp. nel lin­ [che deve andare davanti al giudice]»? Così molte
guaggio del culto (cfr. ad es. npl hitp., v. sopra; hnn traduzioni moderne); palila (Is. 16,3: ctxtjtty} ‘prote­
hitp., 1 Reg. 8,33.47.59; jdh hitp., Nehem. 1,6; 9,2 s.; zione’); p'Ulijjà (Is. 28,7: manca nei LXX). L ’incer­
Esdr. 10,1; shh hitp., Ex. 4,32; Ios. 5,14; Is. 44,17; Ps. tezza dei traduttori antichi è grande come la nostra
95,6; qds hitp., Ex. 19,22; Is. 66,17; 2 Chron. 29,5. °ggi-
15.34 ecc.; GKa §§ 54 s.: la forma hitp. indica abba­
stanza spesso «una ripercussione sul soggetto meno 4. Nella letteratura ebraica extracanonica la ra­
diretta»; la forma hitpallel significa quindi sibi inter­
dice pii in forma verbale viene usata ben poco. La
cedere). - A sfavore di quest’interpretazione potreb­
forma è la solita (hitp.) e così anche il significato:
be stare il fatto che tefillà non ha l’aspetto di un no­
me primario. per es. Ecclus 36,22; 38,9; 5 1,11 (Qumran usa la
forma hitnappèl). D ’altra parte ci sono nuovi de­
2. Gli esempi di gran lunga più frequenti della rivati come palpèl ‘disputare’ in aramaico giudai­
radice sono la forma hitp. del verbo e il sost. afil­ co e pilpél ‘esaminare’ in medio ebraico. Levy,
la. Essi compaiono nell’A.T. per un totale di 155 WTM iv 57 collega entrambi i verbi a pilpèl ‘gra­
volte. Di tutte le altre forme nominali di pii si han­ nello di pepe’. Il verbo pii hitp. ‘pregare’, tanto
no insieme solo 1 r ricorrenze. Si devono poi ag­ importante per alcuni strati dell’A.T., sparisce co­
giungere 4 NP a base pii (v. sotto, 11.4). Le due sì nuovamente dalla letteratura.
169 (vi,609) p ii (E.S. Gerstenberger) (vi,610) 170

Il sost. t'fillà è invece d’uso corrente nel Siraci­ la prima posizione nella serie di sinonimi (rinnà
de (ad es. 7,10.14), a Qumran (iQ H 20,4; iQM in Ps. 17,1; 61,2; t'hinnà in Ps. 6,10; saw'à in Ps.
15,5; manca nel Rotolo del Tempio!) e negli scritti 88,14). Risalta dunque l’importanza particolare di
rabbinici e diventa, oltre la Mishna, il termine per t'fillà come termine per denotare la «preghiera»
la preghiera rituale, specificamente per la preghie­ (cfr. Heinen). Inoltre il carattere formale delle pre­
ra, le «Diciotto benedizioni» (cfr. I. Elbogen, Der ghiere di richiesta e i testi comparabili, soprattut­
jiidische Gebetsdienst in seiner geschichtlichen to quelli provenienti dall’area linguistica accadi-
Entwicklung, *1931 [rist. 1967], 27-60; 247-249 e ca, portano a concludere che si tratta in origine di
indice, s.v. tcfillà). Il termine t'fillin ‘filatteri’ sem­ materiale liturgico usato per il culto minore, cele­
bra collegato a t'fillà , almeno nell’etimologia po­ brato nell’ambito della famiglia (Gerstenberger).
polare (cfr. H.G. Kuhn, Gebetsriemen, BHH W 1 La preghiera presuppone una situazione critica
525 s.; derivazioni diverse, da tpl ‘pendere’ [Dict. che comporta un pericolo mortale (-> srr). Inseri­
Talm. 1687] o da tpl ‘essere insipido, sciocco’). ta nei riti di digiuno e di annichilimento (Ps. 35,13
s.; cfr. Kutsch), la preghiera cerca di arrivare al
li. Il nome e il verbo nella forma hitp. sono ta­ cuore del nume anelare personale che è adirato.
lora messi in un rapporto reciproco stretto (ad es. Un’applicazione alle difficoltà di tutto il popolo e
2 Sam. 7,27; 1 Reg. 8 - 2 Chron. 6), perciò appar­ alla sua preghiera è possibile (Ps. 80,5). Il sost.
tengono al medesimo campo lessicale. La distri­ t'fillà compare spesso nella richiesta di ascolto
buzione è istruttiva: nel Pentateuco compare (6 (elemento d’invocazione e di supplica nel lamen­
volte) soltanto il verbo. Nei libri storici (da 1 Sa­ to: Ps. 4,2; 17 ,1; 39,13; 54,3 s.; 55,2 s. ecc.; cfr, H.
muele a 2 Re) si trovano (nelle sezioni dtr.) 27 ri­ Gunkel - J. Begrich, Einleitung in die Psalmen,
correnze del verbo e 10 del sost. tefilla. L ’opera 1933, 212-214). Questo elemento è il nucleo della
storica cronistica usa 20 volte la forma hitp. e 14 preghiera liturgica (cfr. Aejmelaeus). I verbi con­
il sostantivo. Negli scritti profetici (senza Danie­ comitanti sono ‘invocare, chiamare’, ‘gridare’, ‘in­
le) il verbo compare 19 volte e il sostantivo 9. I vocare soccorso’ (qàrà\ -» qr’; zà'aq, -» z'q\ ->
Salmi mostrano una concentrazione del sost. t '­ sw‘) ecc. e solo eccezionalmente/?//hitp. (Ps. 5,3;
fillà (31 ricorrenze), contro solo tre passi con la 32,6) che è usato in altri strati. Nel linguaggio del­
forma hitp. Giobbe, Proverbi, Daniele e Lamen­ la preghiera liturgica comunitaria si conosce, in
tazioni arrivano, nell’insieme, a 4 forme hitp. e a pratica, soltanto il sostantivo. Lam. 3,8.44 (una
9 volte t'fillà. Questa panoramica statistica indica preghiera individuale) indica che la via che porta
che la coppia di termini «preghiera»/«pregare» a Dio può essere sbarrata per la t'fillà.
viene usata prevalentemente a partire dall’epoca b) L ’opera storiografica dtr. rivela un cambia­
del Deuteronomista. Anche i passi nei profeti e mento di Sitz im Leben. t'fillà è ora prevalente­
nei Salmi dovranno essere di norma datati a par­ mente la preghiera della comunità per ogni occa­
tire dall’esilio. sione. Ciò vale già per la preghiera dtr. di David
i.a) Che il nome manchi nel Pentateuco non è in 2 Sam. 7,18-29. Concepita quale ringraziamen­
un caso. Esso segnala che siamo di fronte a un to dopo aver ricevuto la promessa della dinastia,
consapevole lavoro redazionale. I padri parlava­ tutta la preghiera ha carattere edificante ed esem­
no con Jhwh in maniera personale e diretta (Gen. plare, e dimostra la sua vera origine con l’elabo­
i8,22b-32; Ex. 3 2 ,11-13 ; 33,11-23), non già con la rata pretesa di esclusività di Jhwh e la formula che
mediazione della comunità, t'fillà è la preghiera richiama la tradizione della comunità (entrambe
formale del culto, che viene pronunciata dal grup­ al v. 22b; cfr. T. Veijola, Die ewige Dynastie, Hel­
po che lo celebra. Nei lamenti individuali l’orante sinki 1975, 78 s.). Il riferimento alla comunità è
espone il proprio problema a Dio (tefila ti «la mia ancora più lampante nella grande preghiera salo­
preghiera», spesso in parallelo con t'hinnà, rinnà, monica di consacrazione del tempio (1 Reg. 8,23-
saw'à , ’imrè pi, tahànùn, mas’at kappajim: sem­ 5 3 = 2 Chron. 6,14-42; v. sotto, 111.2). Qui non è
pre col suff. di i a pers. sing. dell’orante: cfr. Ps. Salomone che, guardando al futuro, anticipa la si­
4,2; 6,10; 17,1; 35,13; 39,13; 54,4; 55,2; 61,2; 66,19 tuazione della comunità protogiudaica dell’età
s.; 69,14; 84,9; 86,6; 88,3.14; 102,2; 141,2.5; 143,1; del secondo tempio, bensì è la comunità che pro­
Ion. 2,8). In quest’uso, t'fillà è l’unico termine ietta all’indietro, al tempo di Salomone, la propria
per preghiera (Ps. 4,2; 35,13; 66,19.20; 69,14; 84,9; nuova teologia del tempio (cfr. E. Wurthwein,
cfr. Ion. 2,8) oppure è il primo di due o più sino­ ATD i i / i 2, 97-100). Il tempio è la casa di pre­
nimi (Ps. 39,13; 54,4; 55,2; 86,6; 88,3; 102,2; 141,2; ghiera (Is. 56,7) per i problemi personali e per la
143,1). Solo in 4 casi un termine diverso occupa preghiera di tutto il popolo (cfr. 1 Reg. 8,38 e il
i 7 i (v i , 6 i i ) p ii (E.S. Gerstenberger) (vi,6i2) 172

contesti dei w . 31-51). La t'filla avviene dunque stro della lode» ha il compito di «intonare la pre­
nel quadro del culto; la preghiera comunitaria ri­ ghiera di ringraziamento» al momento della «pre­
guarda tutto ciò che sta a cuore alla comunità e ghiera» (Nehem. 11,17).
abbraccia insieme lode, ringraziamento, supplica d) Rispetto all’importanza e frequenza che te-
e lamento (cfr. tefilla nelle soprascritte dei Salmi: fillà ha in Salmi, opera storiografica dtr. e opera
Ps. 17,1; 86,1; 90,1; 102,t; 142,1). In 1 Reg. 8 tehin- storica cronistica, le sue ricorrenze altrove hanno
nà accompagna costantemente t'fillà (w . 28.29 s. un significato secondario. Is. 37,4; 38,5; Ier. 7,16;
38.45.49.54). La coppia, consolidata dall'uso, s’in­ 11,14 rientrano nel contesto dtr. Altrimenti nel
contra ancora nel N.T. (cfr. Eph. 6,18; Phil. 4,6; Protoisaia il sost. t'filla compare una volta sol­
Hebr. 5,7). tanto (Is. 1,15: una tarda critica del culto [birba
In 2 Reg. 19 s. si possono individuare - in una t'filla , esempio unico]; cfr. Is. 23,16; Iob 40,27). Il
rielaborazione redazionale diversa - almeno tre secondo tempio è insieme casa di preghiera e casa
situazioni di preghiera accennate nella preghiera di sacrificio (Is. 56,7; 2 Chron. 7,12-15). Gli scrit­
di dedica del tempio. Anche qui contenuto e strut­ ti profetici nel loro complesso non considerano
tura delle preghiere (sebbene pronunciate nei dunque affatto il nostro termine, sebbene il culto
contesti di Ezechia e Isaia) rivelano l’usanza della e il tempio rappresentino spesso temi centrali.
comunità: la derisione del Dio vivente è un moti­ Magra è anche la presenza di t'filla nella lette­
vo esilico; il «resto», il «residuo sopravvissuto» ratura sapienziale. Apparentemente ci si riferisce
di cui si parla (v. 4 = Is. 37,4; v. 31 = Is. 37,32; cfr. alla preghiera personale compresa negli atti di
Is. 46,3; Ier. 8,3; 42,2.15.19; 44,12.14) corrispon­ culto collettivi (cfr. ad es. Prov. 15,29). Lo sfondo
dono all’autocomprensione dei pii del protogiu­ liturgico è evidente (Iob 16,15 s'> Prov. 15,8). La
daismo. I vv. 15-19 sono una tipica preghiera dtr. t'filla è un antidoto per il «delitto» (hàmàs, Iob
e 2 Reg. 20,5 riguarda la preghiera di Ezechia: 16,17); sta in parallelo con il sacrificio (Prov. 15,8)
«Ho udito la tua preghiera». e può essere snaturata dal falso comportamento
c) Il sostantivo viene usato anche nell’opera sto­ (Prov. 28,9; cfr. 21,27).
rica cronistica e in Daniele. In questa fase tefilla è Riassumendo, il sost. t'fillà indica sempre una
soprattutto la preghiera penitenziale della comu­ preghiera liturgica, tuttavia sono presupposte
nità. I riti connessi (vestire il cilicio, spargere ce­ strutture sociali e di culto di volta in volta diver­
nere o polvere sul capo, piangere: cfr. Nehem. 9,1 se. La comunità unisce la preghiera individuale e
s. e già 2 Reg. 19,1-2; Kutsch) vengono esplicita­ quella collettiva nella preghiera comunitaria che,
mente citati. Sono chiamati esplicitamente t'filla i fissata sempre più entro schemi liturgici, viene
testi penitenziali di Nehem. 1,5 - u ; Dan. 9,4-19. amministrata da «ministri del culto» e contiene
Per Esdr. 9,6-15 e Nehem. 9,5-37 si può parlare elementi penitenziali.
di questo genere letterario (cfr. Esdr. 10,1; per Ne­ 2. L ’uso del verbo nella forma hitp. segue un
hem. 9 indicativi sono struttura e contenuto). Tut­ cammino che è in larga misura, ma non totalmen­
tavia t'fillà non è un termine tecnico esclusivo: è te, parallelo a quello del sostantivo. Il fatto della
usato insieme con t'hunnà e tahànunim (2 Chron. preghiera e la preghiera pronta, predeterminata,
6,19.21; 33,13; Dan. 9,3.17.23) e i verbi che signi­ sono due cose diverse.
ficano «pregare» sono numerosi (v. sotto). Im­ a) Colpisce che nei Salmi i passi con pii hitp.
portante è vedere chi recita la preghiera. Esiste an­ siano così pochi. Ps. 5,2 s. è un’invocazione con
cora la preghiera privata individuale (2 Chron. 33, la richiesta che si ascoltino «le mie parole», «i
9-13); inoltre si può notare una forte concentra­ miei sospiri», «il mio grido». Seguono poi i tipici
zione sul capo della comunità e sul personale in­ epiteti di manifestazione di fiducia («mio re e mio
caricato. Un «corifeo» guida la preghiera recitan­ Dio») e l’annuncio della volontà di pregare (plly
do il testo per la comunità radunata. In 2 Chron. v. 3C). Dopo la confessione e il perdono dei pec­
30,27 si dice addirittura che i sacerdoti mandava­ cati Ps. 32,5 s. conclude: «Perciò ogni devoto ti
no «la loro preghiera» in cielo. Tuttavia il radica­ prega (pii)». Ps. 72,15 consiglia (par. con brk ‘be­
mento nel culto della comunità è, come minimo, nedire’) d’intercedere (pii) per il re. Tutti e tre i
altrettanto forte (cfr. sotto, in .2). Alcuni testi so­ passi citati sono formulazioni solenni e liturgi­
no attraversati dal «noi» della comunità (J. Schar- che, probabilmente tarde. In complesso, nei Sal­
bert, Das «Wir» in den Psalmen, Fs. H. Gross, mi il verbo pii non ha alcun ruolo. Per l’atto della
1986, 297-324). La fissazione liturgica dei testi e preghiera si usano altri verbi: ‘gridare’, ‘invocare’
delle sequenze sembra essere già in fase molto ecc. (saaq , -» s‘q\ qdrd\ -» q r). Il voto e la pre­
avanzata. Un discendente di Asaf in quanto «mae­ ghiera di Anna (1 Sam. 1-2) rientrano, nell’opi­
173 (vi,613) p ii (E.S. Gerstenberger) (vi, 613) 174

nione del narratore (dtr.?), tra le invocazioni li­ della comunità postesilica, che ha condotto alle
turgiche solenni e per questa ragione usa abbon­ figure di «corifei della preghiera», in particolare
dantemente pii hitp. (1 Sam. 1,10.12.26.27; 2»I)>H per quel che riguarda Mosè, Samuele e Geremia.
verbo compare anche nella storia di Giona (2,2; Nelle figure degli oranti si riflettono la prassi del
4,2), ma non nel salmo di Giona (lon. 2,3-10). An­ culto e la struttura della comunità dell’epoca del­
che le collettività possono rivolgersi in preghiera la restaurazione. Mosè è legislatore e profeta, pre­
a Dio (Ier. 29,7.12; Nehem. 4,3; con ironia o ma­ sente nei sacerdoti e nei leviti. La sua voce si fa
lignità: Is. 16,12; 44,17; 45,14.20). Se il verbo è usa­ sentire nella lettura liturgica e nella preghiera del­
to nel contesto di testi di preghiera, allora allude la comunità (cfr. Ps. 90,1. Samuele è colui che gui­
alla situazione cultuale e rituale. Il verbo indica da le preghiere in momenti critici (/ Sam. 7,5; 8,6;
ogni genere di preghiera: voto, lamento, ringrazia­ cfr. / Sam. 15,25 s.). Geremia, che ha vissuto la
mento, intercessione del singolo e della comunità. sua vita e la sua vocazione tra le contestazioni e i
b) Particolare attenzione è stata dedicata a quei conflitti interiori, lotta in una situazione dispera­
passi nei quali una figura autorevole, una sorta di ta per la sopravvivenza della comunità (ler. 7,16;
«corifeo», prega Jhwh a nome del popolo, ritenen­ 11,14 ; 14 ,11: divieto dell’intercessione; cfr. Ier. 32,
do che essi potessero fornire la prova inconfuta­ 16 ss.; 15,1). •
bile del significato primario di pii ‘intervenire o 3. In effetti gli esempi del pi. e gli altri sostanti­
presentarsi quale intercessore’, ‘ intercedere’ . An­ vi di base pii non possono essere messi in rappor­
che la falange dei grandi uomini di preghiera è im­ to con t fillii e con la forma hitp. Resta quindi
pressionante: Abramo, il profeta, intercede per aperto se si debba postulare un’altra radice pii
Abimelek (Gen. 20,7.17), Mosè allontana due (come in GesB) o pi (cfr. Levy, WTM). La rarità
volte il pericolo dal popolo (Num. 11,2; 21,7; in­ delle attestazioni, l’incertezza dei testi dell’A.T. e
tercessione senza uso di pii. Ex. 32,12 ss.30 ss.; delle versioni antiche non incoraggiano certo con­
Num. 12,10 ss.; in Deut. 9,20.25 s. si allude a Ex. clusioni affrettate. - Il significato base ‘giudicare,
32 usando/?//). Samuele è, insieme con Mosè, il decidere’ spesso ipotizzato (cfr. GesB 643 s.: pii 1;
grande intercessore (/ Sam. 7,5; 8,6; 12,19.23; cfr. K B L 3 881: pii A; H.-P. Stàhli, TH AT 11 427) è
Ier. 15 ,1; Ps. 99,6). David e Salomone pregano molto dubbio e ispirato soprattutto dalla moder­
vicariamente per il popolo (2 Sam. 7,27; / Reg. 8, na mentalità classificatrice. Ps. 106,30: secondo
28 ss. = 1 Chron. 17,25 ;2 Chron. 6,19 ss.). Serven­ Num. 25,7 s. Finees non è un giudice che pronun­
dosi di pii, il Deuteronomista estende l’immagine cia una sentenza, ma il carnefice che giustizia i
del re che prega a Ezechia (2 Reg. 19,15.20; 20,2; rinnegati. Ezech. 16,52: Giuda «supera» Israele
cfr. Is. 37,15.21; 38,2; 2 Chron. 30,18; 32,20). Per quanto a peccati, vergogna e punizione (cfr. Ezech.
contro le preghiere di 2 Chron. 32,24; 33,13 ap­ 23,35; Ier. 3,11). Gen. 48,11: Giacobbe esclama:
partengono alla categoria delle preghiere perso­ «Non avrei mai creduto (? ló' fillalti) di riveder­
nali del malato (cfr. Is. 38,10 ss.). La serie dei pro­ ti!». 1 Sam. 2,25a: una massima incerta nel testo e
feti che pregano continua con un profeta anoni­ nel contenuto (cfr. de Ward). Il sost.palli insieme
mo del regno del nord (1 Reg. 13,6), con Eliseo (2 con i derivati potrebbe in alcuni passi avere un
Reg. 4,33; 6,17 s.) e infine con Geremia, che molti contenuto giuridico, ad es. in Ex. 21,22 (fondati
considerano l’intercessore per antonomasia (Ier. dubbi in Speiser 302 s.; cong. in Budde, ZAW 11
7,16; 11,14 ; H»1 1 » 32>l65 37.3; 42>2-4-2°)- N eHa [1891] 107 s.: bannefàlim «per gli aborti»); lob
sfera sapienziale sacerdotale s’incontrano Giobbe 31,11.28 ; Is. 16,3; 28,7. Deut. 32,31 restano oscuri
(lob 42,8.10), Daniele (Dan. 9,4.20), Esdra (Esdr. e altre spiegazioni (ad es. Speiser; de Ward; Levy)
10,1) e Neemia (Nehem. 1,4.6; 2,4). hanno tutte il medesimo grado di (im)probabilità.
Tutto ciò significa forse che pii denoti quindi 4. N P con l’elemento pi sono difficilmente in­
l’attività di intercessione e mediazione? Assoluta­ terpretabili. Palai (Nehem. 3,25), p elaljà (Nehem.
mente no. Prescindendo dalle difficoltà gramma­ n ,\ i),'e fld l(i Chron. 2,iy),'élijfal( t Chron. 1,35)
ticali e sostanziali di ridurre al comun denomina­ possono essere interpretati in un modo o nell’al­
tore dell’intercessione i passi con pii che si riferi­ tro, a seconda del significato che si suppone la ra­
scono alla comunità e d’individuare chi sia com­ dice abbia, oppure se li si considera forme auto­
petente per l’intercessione stessa (il profeta? il nome di pii (cfr. K B L 3 s.v.\ IPN 187 s.). Unica co­
profeta officiante nel culto? il sacerdote? il sapien­ sa certa è che in nomi teofori pii non può signifi­
te?), l’interpretazione predominante (de Boer, care ‘pregare’.
Hesse, Macholz, Rcvcntlow ecc.) sottovaluta o
misconosce l’opera di tipizzazione o stilizzazione
i 7 5 (vi,614) p ii (E.S. Gerstenberger) (vi,615) 176

ni. pii hitp. e tefillà appartengono al vocabola­ lo (Ps. 80,5; ; Reg. 8,45.49), e l’espressione, affat­
rio israelitico del culto, t'fillà sembra aver avuto to possibile, «la nostra preghiera» (Ier. 42,2; Ne­
in origine la sua «culla» nella «prassi casistica», hem. 4,3; Dan. 9,18), lega insieme i partecipanti al
mentre la forma hitp. di pii è apparsa massiccia­ culto e ne fa una comunità (cfr. Revendow 295­
mente, insieme con altre forme hitp. solo a parti­ 298). Rientra nella responsabilità dell’orante o de­
re dall’età deut./dtr. Quale prassi c quale com­ gli oranti se la preghiera viene «ascoltata» (sàma',
prensione del culto stanno alla base di tale uso lin­ -> sm') e accettata da Dio. Guai a colui che «pre­
guistico? ga molto» (birba teJilla par. cori pàfas kappajim
i.a) La preghiera è il discorso dell’uomo rivol­ «che allarga le mani», Is. 1,15), ma continua a spor­
to alla sua divinità (cfr. F. Heiler, Das Gehet, carsi le mani di sangue.
51923 = 1969). Dev’essere perciò formalizzata e ri­ d) Che un liturgista specializzato divenga re­
tualizzata secondo un’etichetta religiosa. La posi­ sponsabile dei testi di preghiera e dell’esecuzione
zione del corpo, la gestualità, l’abbigliamento, il della preghiera stessa, recitandola eventualmente
tono di voce, i riti concomitanti, la musica, il luo­ in rappresentanza del singolo o del gruppo, è un
go e l’ora dell’invocazione, le operazioni di pre­ fenomeno abbastanza diffuso (Heiler 150-156;
parazione e di conclusione sono prestabilite in quando parla di «un processo di sclcrotizzazione
base al costume e alla norma per specifiche ese­ e di meccanicizzazione» [150 e passim] il suo giu­
cuzioni della preghiera (Ap-Thomas 225-230; Al- dizio è inappropriato; Reventlow 228-264; Ger­
bertz 34 s.). Ps. 5,4: sacrificio e preghiera al mat­ stenberger 67-73. 134-160). A seconda della strut­
tino; w . 2.8: invocazione e proskynesis; Ps. 135, tura sociale, dell’organizzazione religiosa e del­
13 s.: riti funebri; Nehem. 1,4; Iob 16,15-17: ceri­ l’occasione di culto, le funzioni del liturgista so­
moniale penitenziale; Is. 44,17: caricatura del ser­ no state compiute da figure diverse: dal capo del
vo degli idoli; 1 Reg. 8,22: alzata delle mani ecc. clan (Gen. 20,7; un’aggiunta tarda rende Abramo
Numerosi rituali simili sono ben noti dall’Orien­ un nàbi\ profeta), da un uomo di Dio (1 Reg. 13,
te antico e in parte sono ancor oggi in uso, cfr. O. 6, tuttavia nei L X X manca hitpallél), dal re (/ Reg.
Keel, Die Welt der altorientaliscben Bildsymbolik 8,22 ss.), dal profeta (Ier. 42,2 ss.), dal sacerdote
und das A.T.t 1972, 287-301. La forma hitp. di pii (2 Chron. 30,27), dal governatore (Nehem. 1,4
significa dunque eseguire una preghiera rite, se­ ss.). La tendenza a contrapporre alla comunità la
condo il cerimoniale richiesto. «guida della preghiera» come intercessore dotato
b) tefillà e pii hitp. non legano la preghiera a un di autorità è inconfondibile (hitpallél be'ad o 'al:
dato contenuto o a un modello di agenda liturgi­ Gen. 20,7; Num. 21,7; Deut. 9,20; 1 Sam. 7,5; 12,
ca fissa (contro Heinen). 1 nostri termini presup­ 19.23;/ Reg. i},6;Ier. 7,16; 11,14 ; 14 ,11; 29,7; 37,
pongono piuttosto una preghiera liturgica del ge­ 3; 42,2.10; Ps. Iob 42,8.10; Nehem. 1,6; 2
nere più diverso: lamento e supplica (Is. 38,2-5; 2 Chron. 30,18). Qui sembra chc si sia mantenuta
Chron. 33,12 s.18 s.; così in prevalenza anche nei fin nella costituzione teocratica della comunità
Salmi e in / Reg. 8); lode e ringraziamento (2 Sam. dell’epoca postesilica una comprensione magica
7,18-27; Ps. 42,9; Nehem. 11,17 ; 2 Chron. 20,22. della preghiera (cfr. / Sam. 12,16 s.; 2 Reg. 4,33
27); voti (/ Sam. t,io s.). In un caso il pi. tefillót s.). La vera t'fllà è quella di colui che è in gravi
abbraccia tutt’insicme i diversi generi della pre­ difficoltà, del gruppo o della comunità che parte­
ghiera (Ps. 72,20; cfr. sopra, Ii.i.b). cipa al culto, del capo della comunità che prega
c) La preghiera implica sempre un avvicina­ solidale con la comunità stessa. L ’«intercessione»
mento personale alla divinità, che ciò avvenga in nell’A.T. va analizzata criticamente e a fondo.
una cerchia ristretta o più ampia, con o senza Ogni tanto si torna a ripetere che l’«intercessio-
l’aiuto di una «guida» per pregare. tefillalti «la mia ne» sarebbe stata un compito specifico del profeta e
preghiera» è un’espressione che risuona 22 volte, hitpallél significherebbe precisamente «intervenire
soprattutto nei Salmi (cfr. sopra, 11.1.a), mentre intercedendo per» (cfr. Hesse, Scharbert, Reventlow
altre 8 volte compare col suffisso della 2a o della e altri; critici Balentine, Sawyer). Purtroppo non ci
3a pers. sing., riferito sempre all’orante (cfr. 1 Reg. sono pervenuti gli ordini di servizio per i profeti.
9,3; Is. 38,5; Ps. 109,7; 2 Chron. 33,18 s.). La pre­ Probabilmente la funzione di intercessore si è ag­
ghiera è l’atto più esclusivamente personale del­ giunta all’immagine del profeta in epoca più recente.
l’orante, sebbene sia regolato liturgicamente. Sì, è 2. Lo si può dimostrare in maniera positiva
in sostanza il «canto» di Dio che viene mandato usando pii hitp. per esempio. L ’uso linguistico,
al credente per confortarlo (Ps. 42,9). Non viene quasi tutto tardo, non ha bisogno di essere spie­
mai collettivizzato, neanche se procede dal popo­ gato ai contemporanei. Accingersi «a pregare»
177 (v i, 6 i 6) p ii (E.S. Gerstenberger) (vi,6i7) 178

(1l'hitpallél senza attributo) è uno stereotipo (/ nella letteratura narrativa e profetica vengono rap­
Sam. 1,12.26; 12,23; 2 S&m. 7,27; 1 Reg. 8,54; Is. presentate le potenti figure di uomini di preghiera,
16,12). La preghiera avviene in un luogo sacro e l’esagerazione leggendaria serve a scopi edificanti e
in una cornice cultuale (Deut. 9,18.25 s.; 1 Sam. pedagogici.
1,9 ss.; 7,5 s.; 2 Reg. 19,14 s.; Is. 16,12 [a proposi­
Nel culto senza sacrifici dell’età esilica e post­
to dei Moabiti!]), oppure anche «in privato» ri­
esilica d’Israele la preghiera è diventata (insieme
volti verso il tempio e la comunità (2 Reg. 20,2;
con la lettura delle Scritture e l’omelia) la compo­
Ion. 2,24.8 s.; Dan. 6,i 1). Occasionalmente la co­
nente di maggior spicco di qualsiasi cerimonia re­
munità appare chiaramente come il soggetto che
ligiosa./»// hitp. e t'fillà segnalano questo sviluppo.
prega (Ier. 29,7.12 ss.; Ps. 32,6; 72,15; Dan. 9,18;
2 Chron. 7,14 s.), anzi qua e là vengono citate, nel 3. Nella preghiera di età esilica e postesilica
confluiscono le tradizioni della preghiera indivi­
contesto dell’uso di pii, dichiarazioni liturgiche
duale (e di gruppo), della comunità delle feste e di
alla i a pers. pi.: «Abbiamo peccato» (7 Sam. 7,6
quella del tempio, e delle preghiere degli uomini
dopo «io prego per voi» del v. 5; in Dan. 9,5 ss.
di Dio carismatici. Per questa ragione le preghie­
dopo «io pregai» del v. 4); «Siamo stati infedeli al
re di Israele sono così immensamente ricche e
nostro Dio» (Esdr. 10,2; cfr. il v. 4: a Esdra, pro­
teologicamente poliedriche. Concezioni di Dio
strato in preghiera: «Alzati, questo è affar tuo e
provenienti da epoche differenti si sono conser­
noi siamo dalla tua parte»); «Io adesso prego... e
vate nelle preghiere. Ma nel complesso la pre­
confesso i peccati degli Israeliti che noi abbiamo
ghiera di Israele è sempre una presentazione di sé
commesso contro di te...» (Nehem. 1,6; cfr. v. 11:
fatta a un Dio che si è costantemente dimostrato
«La preghiera del tuo servo e la preghiera dei tuoi
solidale, al quale si è consapevoli di essere legati;
servi...»; Nehem. 4,3). È impossibile dimostrare
è sempre comunicazione di gioia vitale, di grati­
con maggiore evidenza la compenetrazione tra
tudine, di forte richiesta di aiuto. Pregare signifi­
preghiera liturgica c preghiera della comunità.
ca anche esercitare influenza su Jhwh, placare il
Un testo nel quale si ha la massima concentrazio­ Dio adirato, tentare di persuadere il Dio indiffe­
ne di p ii hitp. (9 volte; t'fillà 6 volte) è la preghiera rente. La preghiera è anche lamento e rimprove­
di consacrazione del tempio recitata da Salomone,
ro. t'fillà può indicare qualsiasi tipo di preghiera
una composizione molto complessa dal punto di vi­
sta letterario e redazionale (1 Reg. 8,22-54 = 2 Chron. (v. sopra. Hl.i.b). Tuttavia nel periodo più tardo,
6,12-7,1 a; cfr. le correzioni liturgiche, ad es. in 6,13). quando pii divenne l’espressione di gran lunga
La situazione della comunità è sottolineata con for­ più comune, in primo piano vennero messe, alme­
za (qàhàl, -> qhl, 1 Reg. 8,14.22.55.65). Nel tempio no nel culto della comunità, la penitenza e la sup­
ha luogo l’assemblea della comunità per la festa (vv. plica (/ Sam. 7,5 s.; Esdr. 10 ,r ss.; Nehem. 1,4 ss.;
5-tt). II celebrante si pone davanti all’altare, allarga 9 [senza />//!]; Dan. 9). Il colpo del crollo definiti­
le braccia e pronuncia la grande preghiera d’inter­ vo e l’incipiente teologia teocratica ebbero come
cessione (v. 22). La funzione principale di questa
conseguenza una consapevolezza d’indegnità che
preghiera è di assicurare l’ascolto di tutte le preghie­
re che Israele reciterà davanti a Jhwh nel luogo sa­ si manifestò anche nella preghiera (cfr. anche la
cro (v. 30). Si considerano sette tipiche situazioni di teologia della storia dtr.).
preghiera (vv. 31-51). Quando nel tempio, o rivolto
verso il tempio, il singolo / il popolo si rivolge a Dio ìv. Le tradizioni veterotestamentarie della pre­
in preghiera, «Deh, voglia tu allora ascoltare in ghiera, in particolare la preghiera liturgica espres­
cielo» (vv. 32.34.36.39.43.45.49). L ’atto di rivolgersi sa con pii hitp. e t'fillà, hanno improntato pro­
a Dio è indicato col verbo ‘pregare’ (hitpallél), ma
fondamente le comunità religiose giudaica e cri­
anche con ‘venire’ (bó\ vv. 31.41.42), ‘ritornare, con­
vertirsi’ (sub, vv. 22.35.47.48), ‘confessare’ (jdh, vv. stiana. Ciò è vero non solo sotto l’aspetto forma­
33.35), ‘implorare’ (hithannén, vv. 33.47), ‘allargare le per quel che riguarda la sopravvivenza di alcu­
le mani’ (prs kappajim, v. 38). Ma hitpallél è il ter­ ne forme di culto, ma anche per i valori teologici
mine dominante (vv. 33.35.42.44.48; una volta jihjeh ed etici custoditi nella preghiera di Israele.
t'fillà, v. 38). Si tiene presente la comunità, la picco­
la e la grande, in situazioni occasionali e nel culto del­
* v. Nella letteratura di Qumran si sono rico­
le feste, nel tempio e nella diaspora. La «comunità di
Israele» nelle sue diverse manifestazioni è portatrice nosciute finora 6 ricorrenze del verbo, 10 del sost.
della preghiera e del culto con essa annunciato. Sa­ t'fillà e 1 di p'iilim. Non si trova alcuna differen­
lomone funge semplicemente da celebrante della co­ za degna di nota rispetto all’uso linguistico del­
munità. Ciò corrisponde perfettamente alla realtà l’A.T. In un apocrifo di Mosè questi è presentato
del culto che è possibile ricavare dai Salmi. Quando nelle vesti d’intercessore che prega al cospetto di
179 ( v i , 6 i 7) pànà Q. Schrciner) (v i ,6 i 8) 180

Jhwh (hitpallél) e implora la sua pietà (hithannèn, tutte le lingue semitiche (v. Fronzaroli 255. 269;
2Q21 1,4). iQ H 4,18 mostra, nel contesto di un K B L 3 884 s.), in etiopico solo come verbo. In
inno della comunità (?), lo stretto rapporto tra la ebraico viene trattata come radice di terza debole.
proclamazione dei grandi atti di Dio e la preghie­ Considerando l’attestazione estremamente più
ra d’intercessione (cfr. anche 20,4). Dai contesti abbondante di pànim ‘faccia’, si suppone che il
in cui a Qumran si usa il sost. t'fillà si evince verbo pn(h) sia derivato dal sost. *pan (così Dhor­
chiaramente come la comunità aveva raccolte di me 376 n. 3; Nòtscher 4 con rinvio a H. Holma,
preghiere e di inni per determinate ore della gior­ Die hiamen der Korperteile im Assyr.-babyl., Hel­
nata, per le feste e per altre circostanze (cfr. P.W. sinki 19 11,13 ) . Anche W. von Soden (AHw 822b)
Skehan, C BQ 35 [1973] 195-205): tplt Ijwm hkj- è del parere chc panu(m) ‘voltarsi’ sia un denomi­
pwrjm (1Q 34 2,5); tplh Imw'jd (4Q509 [4QPre- nale da pànu r ‘lato, parte anteriore, pi. faccia’.
ghiere festive17] 10, 11 - 11,8). Rientra nel novero Si deve supporre che il significato base comune
delle soprascritte dei Salmi con indicazione della alle lingue semitiche sia ‘girare/girarsi, voltare/
situazione 4Q381 33,8 tplt mnsb mlk jhwdh «pre­ voltarsi’; a questo significato sono collegati anche
ghiera di Manasse re di Giuda, quando il re di l’et.fanawa ‘mandare’, l’ar.fanija ‘passare’, cfr. il
Assiria lo fece prigioniero». I.a comunità aveva tigrè fanna ‘essere caduco’. L ’ebr. pana potrebbe
un repertorio di preghiere e di inni per la guerra aver indicato «dapprima il volgere della faccia,
(cfr: tplt mw 'd hmlhmh, iQ M 15,5; cfr. 4Q491 poi ‘ girarsi’ in generale» (Nòtscher 3). A favore si
[4QMa] 8 -10 ,1,17). Infine da C D 11,2 1 risulta pa­ può addurre che quando si parla del non aver ri­
lese la reinterpretazione del culto operata a Qum­ volto la faccia, si parla espressamente di aver vol­
ran con il suo nuovo ordinamento dei sacrifici: to la schiena (Ier. 2,27; 32,33). Ma altrove si parla
«Il sacrifìcio degli empi è un abominio, ma la anche di girare la schiena (Ios. 7,12; Ier. 48,39) o
preghiera dei giusti è un’oblazione gradevole». le spalle (1 Sam. 10,9) senza alcun riferimento al
4Q158 9,5 (p elilim) riprende Ex. 21,22. volto. Anche il fatto statistico che circa due terzi
(H.-J. Fabry) di tutti i passi con pànà qal (+ altri 13 circa in cui
il soggetto è Jhwh), più tutti quelli nella forma
E.S. Gerstenberger hif. e 5 (+ 3 con Jhwh) al pi. sono costruiti con una
persona umana per soggetto suggerisce di partire
da «volgere la faccia» per primo come significato
HJS) pànà fondamentale implicito.
pànà è usato circa 15 volte con riferimento a
1. Etimologia, significato, ricorrenze. - 2. Girare, vol­ cose. - pànà compare al qal 116 volte, al pi. 8 vol­
tare (girarsi, voltarsi). - a) In senso locale. - b) In senso te e 8 anche nella forma hif. Per il hof. si registra­
temporale. - c) Rispetto a persone. - 3. U so teologico. no 2 ricorrenze: Ier. 49,8 ed Ezech. 9,2, ma la for­
- a) C on Jhw h soggetto. - b) C o n Israele soggetto. -
ma non dovrebbe essere originaria. Nell’indicare
4 . 1 L X X . - 5. Qumran.
l’ubicazione della porta, quando usa pànà Eze­
Bibl.: O . Bachli, Von der Liste zur Beschreibung: Z D P V chiele si serve solitamente del ptc. qal (Ezech. 8,3
89 (19 7 3) 1-14 . - P. Dhorme, L ’emploi métaphorique ecc.), perciò anche in 9,2 dovremmo probabil­
des noms des parties du corps en hébreu et en akkadien mente leggere happàneh. In Geremia si usa pànà
ili: R B 30 (19 2 1) 374-399. - J.A . Fitzm ycr, The Aram- hif. quando si parla di chi si gira per fuggire (Ier.
aic Inscriptions of Sefire: BietOr 19 (1967) spec. n o s . - 46,5.21; 49,24), così che anche Ier. 49,8 va proba­
P. Fronzaroli, Studi sul lessico comune semitico 1/11
bilmente vocalizzato hafnu. In entrambi i passi il
( A A N L R v n i 19, 1964, spec. 255. 269). - E. Lipiriski,
Peninna, Iti *el et l’athlète: V T 17 (1967) 68-75. _ senso del versetto non richiede una forma hof.
W .W . Muller, Altsiidarabiscbe Beitrdge zum hebrài- 2.a) In molti casi pànà indica un cambiamento
schen Lexikon: Z A W 75 (19 63) 30 4-316 . - F. Nòtscher, di luogo, preso in considerazione come imminen­
«Das Angesicht Gottes schauen» nach biblischer und te o incipiente. Lo spostamento può essere inde­
babylonischer Auffassung, 1924, *1969. - J . Reindl, Das terminato, se non si sa da che parte si debba an­
Angesicht Gottes im Sprachgebrauch des A. T. (ErfThSt dare (Gen. 24,49). Oppure ci si gira volutamente
25, 1970). - A.S. van der Woude, pàmm, Angesicht da ogni parte per accertarsi prima di compiere
(T H A T 11 432-460). - J. Ziegler, Die Hilfe Gottes «am
un’azione che si ha in mente di fare (Ex. 2,12). Ma
Morgen» (Fs. F. Nòtscher, B B B 1, 1950, 281-288). -»
pànim. frequentemente si tratta di una direzione deter­
minata nella quale subito ci s’incammina. Così i
1. La radice *pan, in origine probabilmente bi- Filistei stabiliscono dove compiere la loro scorre­
radicale (v. l’ug. pn, WUS nr. 2230), è attestata in ria (1 Sam. 13 ,17 s.). Invece le «figlie di Gerusa­
181 (v i,6 i9 ) pana (J. Schreiner) (vi,620) 182

lemme» non sanno da quale parte si sia diretto andare al torrente Kerit per sfuggire così alla ca­
l’amato, che vogliono cercare insieme con la spo­ restia (r Reg. 17,3). - Con l’uso di pana si pongo­
sa (Cant. 6,1). Per indicare la direzione pana è an­ no volutamente delle cesure nel corso di un avve­
che usato con un soggetto inanimato. Così in Ios. nimento che si racconta. Quando qualcuno si gi­
15,2.7, per indicare il corso della frontiera: l’os­ ra e abbandona il teatro dell’azione precedente per
servatore segue la frontiera che si snoda da lì in volgersi altrove, inizia una nuova scena. Così av­
una data direzione. Anche nella descrizione di viene quando gli uomini (i messaggeri divini) si
edifìci o strutture pana serve per indicare l’orien­ apprestano ad andare a Sodoma (Gen. 18,22) e an­
tamento, come ad es. nel caso del bacino di bron­ che nel racconto delle piaghe, quando il faraone
zo, per precisare la direzione dei buoi che lo so­ si gira, dimostrando il proprio disinteresse (Ex. 7,
stengono (/ Reg. 7,25). Nelle visioni del tempio 23), e Mosè si volge senza aspettare la risposta
di Ezechiele le porte sono «girate» verso il punto del faraone (Ex. 10,6). Quando la regina di Saba
cardinale dal quale si proviene per mettere piede si volge per prendere la via di casa ( j Reg. 10,13),
nell’edifìcio o per entrare nelle porte (Ezech. 8,3; la sua visita a Salomone è finita. Nella storia del­
9,2; 1 1 ,1 ; 43,1; 46,1.12.19; 47,2). Il loro lato ester­ l’adorazione del vitello d’oro, quando Mosè si gi­
no, ovvero la loro facciata («faccia»), dà verso est ra per ordine di Jhwh (Ex. 32,15) il gesto segnala­
ecc. Nel caso dell’altare (43,17), i gradini d’acces­ to con pana è molto più di un semplice cambio di
so sono a est del blocco dell’altare. Il punto di os­ scenario: si tratta di una svolta decisiva nella fac­
servazione del narratore sembra trovarsi all’inter­ cenda; l’immagine taurina viene distrutta; le tavo­
no del tempio. In questa visione perfettamente le vengono frantumate in segno della rottura del
orientata si inserisce, in 10 ,11, anche l’informa­ patto (anche in Deut. 9,15 ss.). Dopo il nuovo in­
zione circa il movimento del «carro col trono». contro di Mosè con Dio si ha una svolta salutare,
Le ruote non possono andare dove vogliono: la con un atto importante per la teologia dtr. (Deut.
direzione è determinata dalla ruota anteriore. Se­ 10,5). Mosè depone le tavole nell’arca del patto.
condo la concezione dtr. Jhwh guida la conquista Quando si volge verso l’amalecita (2 Sam. 1,7)
del paese indicando la via e l’obiettivo verso il Saul prende la decisione di porre fine alla propria
quale Israele deve volgersi al suo comando. Gli vita. Lo scontro tra Abner e Asael si volge a sfa­
uomini che Mosè mandò in missione esplorativa vore di quest’ultimo, che viene ucciso (2 Sam. 2,
nel paese (Num. 13,1: per ordine di Jhwh) si di­ 20). Quando Naaman l’Arameo, deluso e adirato,
ressero verso le montagne (Deut. 1,24), esplora­ volge le spalle (2 Reg. 5,12), corre il rischio di per­
rono la regione montuosa e al ritorno fecero rap­ dere l’opportunità di guarire. Dichiarando di
porto. Il Signore aveva già pianificato l’inizio del­ volersi dirigere altrove il servo di Abramo spinge
l’invasione e ordinato di salire nel territorio mon­ gli interlocutori a prendere una decisione (Gen.
tuoso degli Amorrei (Deut. 1,7). Quando il po­ 24,49). Girando le spalle e allontanandosi, i Dani-
polo, sentito il rapporto degli esploratori, si mise ti e Mica fanno capire che il discorso è chiuso e
a mormorare e non credette, Jhwh annullò la mis­ non c’è altro da fare (lud. 18,21.26).
sione d’ invadere la terra promessa e dispose che Dopo che la conquista del paese è giunta a ter­
Israele si volgesse di nuovo in direzione del de­ mine anche a ovest del Giordano, Giosuè conge­
serto e si mettesse in cammino verso il Mare dei da le tribù della Transgiordania (Ios. 22,4) che così
Giunchi (Deut. 1,40 ;Num. 14,25), cosa che il po­ possono ritornare nel loro territorio. Si documen­
polo infatti fece (Deut. 2,1). Dopo che il popolo ta così, dal punto di vista dtr., come esse abbiano
ebbe girato a lungo a vuoto attorno alla zona adempiuto il compito di Mosè (Deut. 3,18 ss.).
montuosa di Seir, Jhwh diede il via libera in dire­ Per la teologia dtr. è importante non limitarsi a
zione della Transgiordania (v. 3); Israele si con­ ricordare che nelle vicinanze di Betel c’erano tom­
formò alla svolta disposta dal suo Dio e si diresse be e che l’altare di Betel venne contaminato con
verso il deserto di Moab senza entrarvi, poi girò le ossa in esse contenute, ma si vuole lasciare a
verso nord, verso Basan (Deut. 3,1; cfr. Num. 21, Giosia l’iniziativa: il re «si gira e vede i sepolcri»,
33). In tutti questi giri e cambi di direzione ordi­ allora decide di bruciare le ossa sull’altare di Be­
nati da Dio si manifesta e si concretizza la sua gui­ tel «secondo la parola del Signore pronunciata
da. Persino la partenza dal luogo eletto dopo la dall’uomo di Dio» (cfr. 1 Reg. 13,2). Durante la
celebrazione della Pasqua (Deut. 1 6,7) è decisa da battaglia, quando i combattenti si girano e guar­
Dio. Anche Elia è sottoposto alla guida di Dio, dano intorno, si rendono conto che la situazione
persino quando non è direttamente impegnato è mutata, a loro sfavore (Ios. 8,20; lud. 20,40; 2
nella sua missione profetica; Jhwh gli ordina di Chron. 13,14) o a loro favore (2 Chron. 20,24). Se
183 (Vl,0 2 l ) pànà (J. Schreiner) (v i,6 n ) 184

la situazione è sfavorevole e la battaglia non può della notte. Il salmista collega tuttavia con la ro­
essere vinta, i combattenti girano le spalle al ne­ vina che l’ira di Dio porta con sé il volgere di tut­
mico (Ios. 7,12; ler. 48,39), si voltano per darsi ti i suoi giorni, destinati a svanire (Ps. 90,9). Pen­
alla fuga (lud. 20,42.45.47; Is. 13,14; ler. 46,5.21; sando a tale fugacità egli invoca Dio, l’eterno, af­
49,8.24; Nah. 2,9), come avviene anche quando il finché lo accolga e lo liberi dalla colpa, facendogli
Signore infligge la punizione ai suoi nemici. - così vivere una vita buona e piena.
L ’espressione «dovunque egli si volga» (/ Sam. c) Rivolgersi acquista indubbiamente una nota
14,47; 1 Reg. 2,3 nell’apostrofe) significa «qualun­ particolare quando riguarda l’uomo. Tale atten­
que cosa intraprenda». Quando una persona si zione può avere un risvolto positivo, come nel
volge alla propria vigna (lob 24,18) la vuole cura­ caso di Meribba'al, che David graziò perché gli si
re, lavorarla, vederne e coglierne i frutti. Così nel­ era sottomesso umilmente (2 Sam. 9,8). Volgersi
le sue riflessioni Qohelet si volge a tutte le cose verso qualcuno dovrebbe significare portargli aiu­
che ha intrapreso (Eccl. 2 ,11 s.), alle attività che to nel pericolo (cfr. ler. 47,3). È su questo con­
ha svolto, considera la fatica che ha impiegato e si cetto che Giobbe spesso ritorna (lob 6,28; 21,5).
volge poi alla sapienza. Concludendo poi infine Gli amici dovrebbero ascoltarlo con attenzione,
che in nessuna delle due c’è alcun vantaggio né ascoltare con simpatia le sue argomentazioni, met­
vero guadagno. L ’interpretazione di Ag. 1,9 risul­ tersi nei suoi panni, prendere sul serio le sue pa­
ta difficile. Il profeta dice ai suoi ascoltatori che role e non argomentare in una direzione sbaglia­
essi «si volgono a molto, ma ecco: a poco». Dato ta. Nel rapporto reciproco tra stati e tra popoli la
il contesto, che parla di semina e raccolto, si è por­ fedeltà ai trattati (Ezech. 17,6), e non una falsa fi­
tati a pensare alla messe attesa. Forse il versetto ducia (Ezech. 29,16), dovrebbe determinare verso
vuol dire: avete sperato molto. Oppure si allude chi guardare e con chi unirsi. Ma volgersi verso
genericamente a tutto ciò che è stato intrapreso. qualcuno non sempre comporta il bene. Abner si
Si deve infine esaminare il pi., che significa «ras­ volge e uccide Asael (2 Sam. 2,20), Eliseo si volta
settare, riordinare» ed è importante anche per verso i ragazzi che lo deridono, li maledice e ne
l’uso teologico (v. sotto). Labano mette in ordine provoca la morte crudele (2 Reg. 2,24). A colui
la casa (Gen. 24,31) affinché il servo e la piccola che ricorre alla corruzione non interessa il bene
carovana abbiano un posto dove stare. Prima che del prossimo cui si rivolge coi doni, ma solo il
il sacerdote venga per esaminare «la lebbra della proprio vantaggio. La corruzione, come ricorda
casa» (sàra'at, -» sr‘t), la casa va riordinata (Lev. Prov. 17,8, ha apparentemente sempre successo.
14,36) affinché gli arnesi e le stoviglie che vi si Prima di poter emettere un giudizio, ci si deve
trovano non si contaminino e risultino così inuti­ rivolgere ai fatti ed esaminare la situazione a fon­
lizzabili. do, come fanno Aronne con Miriam e i sacerdoti
b) Rivolgersi e distogliersi, volgersi verso e al­ nel caso del reUzzia( 7V«m. 12,1052 Chron. 26,20).
lontanarsi, implicano, com’è naturale, un aspetto Guardando al molteplice uso del verbo pànà si
temporale, un prima e un dopo. Ma talora sono i può probabilmente affermare che pànà esprime
periodi, i tempi che «si girano», hanno o fanno un cambiamento che interviene nel corso di un
una «svolta» e subito, o in seguito, fanno emerge­ avvenimento o di un comportamento, l’inizio di
re una determinata situazione. Una formula tal­ un’attività, una direzione verso la quale si tende.
volta usata parla dell’arrivo della sera (Gen. 24, Quali siano i contenuti legati a tutto ciò si può
63; Deut. 23,12), quando il giorno declina (ler. 6, vedere solo dal contesto. Questa sintesi vale per
4), volge cioè alla fine, o di quando, allo spuntare le forme qal e hif. Al pi. pànà viene invece a si­
del giorno, il mattino si volge (Ex. 14,27; lud. 19, gnificare «togliere di mezzo, sgombrare, riordi­
26; Ps. 46,6). In quest’ora mattutina si decise il de­ nare». Il significato del verbo è contenuto, in
stino d’Israele al Mare dei Giunchi, dove la sven­ gran parte se non prevalentemente, nell’asserzio­
tura venne allontanata con l’aiuto di Dio. Que­ ne che qualcuno o qualcosa si «volge, volta, gira»
st’idea dell’aiuto divino la mattina presto venne (cfr. Jenni, Das hebr. Pi'el, Zùrich 1968, 22). Le
poi ripresa anche nella teologia della Città Santa conseguenze e gli effetti di questo gesto sono co­
nel salmo di Sion (Ps. 46,6) (-» voi. 1 1 5 29 ss.). Al­ municati o rivelati soltanto in seguito nel testo.
l’arrivo della sera chi è diventato impuro può, Una situazione simile si può osservare anche per
conformemente alla teoria dtr. della purità del l’uso teologico.
campo d’Israele, lavarsi con acqua e rientrare nel­ 3.a) Nella promessa di benedizione per l’ubbi­
l’accampamento (Deut. 23,12) per non essere dienza di Israele che segue il codice di santità
costretto a restarne fuori durante le ore funeste (Lev. 17-25) Jhwh promette al suo popolo: «Io
185 (vi,622) pana (J. Schreiner) (vi, 623) 186

mi volgerò verso di voi» (Lev. 26,9). Che cosa ciò ghiera degli abbandonati (v. 18). Quando il sacri­
significhi in termini pratici si dice subito dopo ficio è segno di dedizione e richiesta di perdono
(vv. 9-13): Dio dona fertilità e rende il popolo nu­ dei peccati, ed è accompagnato dallo sforzo sin
meroso, stabilisce la propria dimora in esso, cam­ cero di compiere la volontà divina, Jhwh si volge
mina con esso, non prova alcuna avversione per ad esso (cfr. Mal. 2,13) e accetta benignamente
esso e dopo averlo liberato dalla servitù egiziana colui che lo offre. Ciò spiega perché, in occasione
lo fa camminare di nuovo dritto. Quest’ampia ga­ della ribellione di Core, Datan e Abiram, Mosè
ranzia di benessere è inclusa nell'attenzione con adirato chieda al Signore di non rivolgersi al loro
cui Dio si volge verso il popolo e viene data con sacrifìcio (Num. 16,15). Ma se Jhwh si volge ver­
essa. Lo stesso vale per l’oracolo di salvezza per i so la caparbietà, la colpa e il peccato del suo po­
monti di Israele, ai quali ora Dio si volge nuova­ polo, si crea una situazione di estremo pericolo e
mente (Ezech. 36,9). Essi torneranno a esser ver­ incombe lo sterminio, che con la sua intercessio­
di e produrranno di nuovo frutti per Israele così ne Mosè cerca di evitare (Deut. 9,27). Se tuttavia
che il popolo potrà tornarvi. Si tornerà ad arare e spazza via (pana p iS o p h . 3,15) i nemici che
a seminare su di essi. Vi vivranno molti uomini e hanno ristretto e oppresso il suo popolo, Dio gli
animali e la ricostruzione procederà. Jhwh aveva procura di nuovo ampio spazio come aveva fatto
voltato loro le spalle e si era allontanato: sul pae­ anticamente, al tempo della conquista del paese
se era calato il castigo della desolazione. Ora che (Ps. 80,10). Per quel che riguarda l’attenzione di
Dio si c nuovamente rivolto verso il paese la vita Jhwh per il sue popolo, alla fine della storia di
ritorna. Per procurare liberazione al proprio po­ Eliseo (2 Reg. 13,23) l’autore (probabilmente dtr.)
polo Dio può anche volgersi a una sola persona, traccia un bilancio tutto sommato ancora positi­
come avviene con Gedeone (Iud. 6,14); seguono vo, ma non privo di un’ombra minacciosa sullo
poi il mandato e l’invio ad agire per la liberazio­ sfondo: in virtù del patto stretto con i padri, Jhwh
ne. Dio confuta anche ogni obiezione che viene si volge ancora nuovamente verso il suo popolo,
avanzata e si dichiara pronto a dare un segno che non lo ripudia e non lo rovina ancora. Ma più
mostri come egli sia con gli eletti. Quando Jhwh tardi dovrà riferire che Jhwh ha girato le spalle al
si volge verso qualcuno, lo fa con serietà, benevo­ popolo (2 Reg. 17) e descriverne le conseguenze.
lenza e fermezza, così che la persona in questione b) Israele dovrebbe essere costantemente rivol­
può star sicura e contare sul suo aiuto. Perciò to verso il suo Dio, come consiglia a tutti nel suo
nella preghiera di consacrazione del tempio, pri­ inno di ringraziamento uno che ha sperimentato
ma di formulare le varie richieste, Salomone dice la salvezza (Ps. 40,2-12). Egli proclama beato co­
(/ Reg. 8,28): «Volgiti, o Signore, mio Dio, alla lui che ripone la sua fiducia nel Signore e non
preghiera e alla supplica del tuo servo!». Col me­ guarda ai superbi, né sta dalla parte dei bugiardi
desimo sentimento di fondo gli oranti del Salmi infedeli (v. 5). Infatti la fiducia è il presupposto
supplicano il loro Dio. Un orante in preda al perché ci si volga verso qualcuno nell’attesa di es­
dubbio interiore, che soffre per la propria colpa e sere accettato e di ricevere aiuto. Con questa at­
per le insidie dei nemici, supplica (Ps. 25,16) per tesa il popolo, che uscito dall’Egitto patisce la fa­
ottenere grazia e perdono, liberazione dalla paura me, alla parola di Mosè riportatagli da Aronne si
e salvezza. Un perseguitato innocente chiede mi­ volta verso il deserto rivolgendosi a Jhwh che
sericordia (69,17), ascolto, vicinanza di Dio e li­ compare nel suo kàbòd (Ex. 1 6,10). Quando la co­
berazione implorando: «Non nascondere il tuo munità si assembra contro Mosè e Aronne, questi
volto al tuo servo!» (v. 18). Uno che è povero e si rivolgono verso il tabernacolo e quindi verso
prostrato si aspetta che se Dio si volgerà verso di Jhwh, che anche in questa occasione compare nel­
lui egli riceverà nuove forze e, in generale, un aiu­ la sua gloria (Num. 17,7), punendo il popolo fin
to efficace (86,16). Anche lo scriba che vorrebbe ché Aronne non fa l’espiazione. In un oracolo di
seguire fedelmente l’insegnamento del Signore si salvezza diretto anche agli altri popoli (Is. 45,22)
aspetta che Dio gli si rivolga con la sua grazia il profeta promette la salvezza a tutti coloro che
(119 ,132) e quindi gli conceda ammaestramento, si volgono a Jhwh: essendo lui l’unico Dio, non
un passo sicuro e fermo, redenzione e concessio­ c’è alcun altro, oltre lui, che sia in grado di salva­
ne della salvezza. Egli dice: «Fa’ risplendere il tuo re. Rivolgersi a lui è indispensabile. Più tardi,
volto sul tuo servo!» (v. 135). Un malato che pre­ quando nelle concezioni religiose Dio si ritira
ga Dio di non nascondergli il volto perché ciò fa­ maggiormente nella trascendenza ed è circondato
rebbe solo durare di più la sua sofferenza (102,3), da schiere angeliche, nel bisogno e nel pericolo si
è convinto che il Signore si volgerà verso la pre­ preferisce apparentemente rivolgersi ai santi (=
187 (vi,624) pana (J. Schreiner) (vi,625) 188

gli angeli) che possono trasmettere la richiesta a invece facile determinare che cosa sia implicito
Dio (Iob 5,1). Per Elifaz si tratta di un’ultima pos­ nelle parole di / Sam. 10,9: «E avvenne (si legga
sibilità, che egli però esclude. wjhj invece di whjb)t quando egli (Saul) voltò le
La teologia dtr. deve però constatare che Israe­ spalle per andar via da Samuele» (cfr. Jenni, Das
le distoglie il proprio cuore da Dio (Deut. 30,17) hebr. Pi'el , Zurich 1968, 59 n. 93). Saul ha dunque
e si volge verso altri dei (31,18) per servire piut­ voltato le spalle a Samuele: è questa forse già una
tosto loro. Allora Israele infrange il patto ed è sot­ allusione alle divergenze che sorgeranno in segui­
toposto alla maledizione. Quel giorno il Signore to tra Saul c il profeta e, di conseguenza, con Jhwh?
coprirà il proprio volto ancora di più e il canto di Si deve accennare esplicitamente all’interpreta­
Mosè (32,1-43) sarà una testimonianza (31,20 s.) zione teologica che si vuole esprimere con il pi. di
che deporrà contro il popolo, metterà in evidenza pana. Qui si tratta del significato «rimuovere,
l’attenzione salvifica di Dio, l’ingiustizia e il peri­ sgomberare, eliminare». Is. 40,3 promette che agli
colo dell’idolatria. Hos. 3,ib è sicuramente un’ag­ esuli verrà preparata una strada nel deserto per il
giunta dtr. che inserisce un’interpretazione, per loro ritorno a Gerusalemme. Per prima cosa (imp.
di più prematura, chc non rientra nello svolgimen­ pannù) si deve procedere a rimuovere gli ostacoli;
to dell’azione simbolica. Si tratta di un’interpre­ la strada è costruita dalle potenze celesti, di cui
tazione del termine «adultera» (menà'àfet) appli­ evidentemente si tratta. È la via di Jhwh, per la
cato a Israele: l’amore di Jhwh per il suo popolo quale egli ritorna a Sion insieme col suo popolo
traditore che si è rivolto verso altri dei viene qui liberato. L ’appello di Is. 40,3 è citato in 57,14, do­
inteso come un atto pedagogico. Invece l’azione ve va inteso in senso traslato: eliminate dalla vo­
simbolica parla della comunione che, insieme con stra vita, dai vostri atti e comportamenti ciò che
i suoi privilegi, non viene più concessa (v. 4). Vol­ ancora impedisce l’arrivo della salvezza. In 62,10
gersi ad altri dei significa violare il primo coman­ di nuovo ci si richiama a 40,3: ora sono coloro che
damento del decalogo, e in Lev. 19,4 la formu­ già vivono a Gerusalemme a essere esortati a to­
lazione suona quindi: «Non vi volgerete a (altri) gliere di mezzo gli ostacoli «che impediscono ai
dei!». Ier. 2,27; 32,33 descrivono con un’imma­ molti Israeliti che ancora stanno all’estero a veni­
gine efficace l’abbandono di Jhwh che si compie re a Gerusalemme» (Westermann, ATD 191, 301).
con l’idolatria: «Mi rivolgono le spalle e non la 4. C ’è da aspettarsi, ed è anche logico, che i
faccia». In Ier. 2,27 si potrebbe pensare anche a L X X rendano pana con <TTpé<peiv e composti (cir­
pratiche magiche legate al culto di divinità stra­ ca 42 volte). Ma essi rendono almeno altrettante
niere. Questa prassi sta certamente sullo sfondo volte (circa 45) pana con pXérceiv e composti. Evi­
di Deut. 29,17, dove tutti sono messi in guardia dentemente i traduttori pensano a pdnim. In Iob
dal distogliere il proprio cuore, e considerando la 5,1 c’è ópàv, come se si trattasse della visione de­
propria idolatria a pronunciare su di sé una bene­ gli angeli: un segno che Giobbe è esente da col­
dizione intesa a neutralizzare la maledizione che pa? Singolare è che si traduca con pXÉTteiv anche
ci si è attirati infrangendo il patto. Anche Is. 8,21 nei passi di Ezechiele dove si tratta dell’orienta­
s. mette in guardia dal rivolgersi a potenze oscure mento di una porta o di un edificio. Nei Salmi, nei
(al v. 19 si parla di spiriti dei morti e di maghi). quali l’orante si rivolge a Dio (24 [25], i 6; 39 [49],5;
Per chi si volge a tali cose «non vi sarà più alcuna 68 [691,17; 85 [86],16; i o i [102],18; 118 [119],132),
aurora», alcuna speranza. Di conseguenza Lev. i L X X ricorrono, come in tutta una serie di altri
19,31; 20,6 proibisce di rivolgersi a negromanti c passi, a é7ttpXÉ7cciv: l’oppresso guarda al suo Dio
indovini. Essi rendono impuri i loro clienti, li e Jhwh guarda al suo popolo (Ezech. 36,9). Molte
privano della possibilità di rivolgersi a Jhwh e volte si interpreta pana in base al contesto con
questi volgerà il volto contro di loro e li cancelle­ verbi di moto, per esprimere l’azione che inizia
rà dal suo popolo. Il popolo deve consultare il con il «volgersi» o «girarsi». Così in Ezech. 29,16
proprio Dio c cercare rifugio in lui (Is. 8,19). Egli si trova àxoXou'Seiv, in Deul. 29,18 (17) ÈxxXi-
ha detto a Israele come vivere e anche la sapienza veiv, in Ps. 89 (90X9 èxXeiTieiv, in 2 Reg. 2,24; 23,
ammonisce (Iob 36,21) a non rivolgersi al malva­ 16 éxveueiv, in Is. 56,11 èl-axoXou-Seiv, in Lev. 19,
gio. Tuttavia il gruppo che si stringe attorno al 4 è7TaxoXou'$eìv, in Ios. 15,7 xaxapai'vEiv, in Ier.
giusto sofferente confessa (Is. 53,6) di aver cam­ 6,4 xXtvetv, in Deut. 30,17 (/.e-3ic t t ó v , in Num. 17,
minato per la propria strada, di essersi sviato. For­ 7 ópnàv, in Is. 53,6 «Xavàa$ai, in Num. 16,15
se qui si vuole alludere al fatto che ciascuno ha Ttpocié^eiv. Quando si tratta di indicazioni di tem­
cercato solo il proprio interesse, proprio come po pana è tradotto con t o 7ipòi; (taizépav) in Deut.
hanno fatto i capi del popolo (Is. 56,11). Non è 23,11 (12); con t o 7tpÒ4 (nptoi) in Ps. 45 (46),6.
1 89 (vi,Ó26) pinna (M. Oeming) (vi,627) 190

Rendendo la forma/?/, i L X X leggono in Lev. 14, 28,16 im N.T. und bei den lateinischen Vàtem (Fs. Th.
36 à 7 T 0 a x £ u a C e t v ; in Gen. 24,31; Is. 40,3 È T O ip - à - Klauser, JAC suppl. 11, 1984, 247-256). - H. Merklein,
<Ceiv; in Is. 62,10; Ps. 79 (80), 10 óSorcoieìv. Per i Das kirchliche Ami nach dem Epheserbrief (StANT 33,
L X X , dunque, lo «sgombrare» la terra promessa •973, spec. 144-152). - H. Muszyriski, Fundament, Bild
und Metapher in den Handschriften aus Qumran (An
da parte di Jhwh non consiste nel cacciarne i po­
Bibl 61, 1975). - J. van der Ploeg, Les chefs du peuple
poli, bensì nel condurvi il proprio popolo. d’Israel et leurs titres: RB 57 (1950) 40-61. - K.Th. Schà-
5. La comunità di Qumran ricava da Is. 40,3 fer, Lapis summus angularis (Fs. H. Liitzeler, 1962, 9­
un importante punto di vista per la comprensione 23). - Id., Zur Deutung von àxpoyomaìos; Eph 2,20 (Fs.
di se stessa e della missione affidatale da Dio. Es­ J. Schmid, 1963, 218-224).
sa si vede «separata da mezzo alla dimora degli
uomini dell’empietà per andare nel deserto a pre­ I. L ’etimologia di pinna non è sicura. Deriva
pararvi la via del Signore»: «questo e lo studio forse dalla base *pnn (non attestata in ebraico),
della legge cui egli ha ordinato mediante Mosè di che può essere considerata una forma secondaria
attendere, secondo tutto ciò che è rivelato di tem­ di pnh (-> pnh) ‘piegare, girare’ (cfr. GesB 650 e
po in tempo e come i profeti hanno rivelato me­ K B L 3 890), o si tratta di una radice autonoma, che
diante il suo santo spirito» (iQ S 8,13-16). La pre­ in analogia con l’ar.fanna 11 significa ‘rendere di­
parazione della via del Signore consiste dunque verso, mischiare’ (cfr. H. Wehr, Arab. Wb. 650),
in questo, che gli uomini della comunità «cammi­ ‘dividersi’ (così Kònig, Wb. }6y), oppure rappre­
nano perfettamente, ciascuno col suo prossimo, senta un neologismo evolutosi dall’ebr. pànim (->
in tutto ciò che viene rivelato loro» (9,19). Il Do­ pnjm) (cfr. A.S. van der Woude, TH AT il 433).
cumento di Damasco mette in guardia i membri L ’incertezza regna anche per quel che riguarda
della comunità dal disprezzare e abbandonare i l’eventuale rapporto col nome ugaritico pnt (cfr.
comandamenti di Dio e dal girare loro le spalle, RSP 1 466).
allontanandosi da essi nell’ostinazione del pro­ Il termine si trova nell’A.T. 30 volte: 18 al sing.
prio cuore (CD 8,19; 19,33). Negli Inni l’orante, e 12 al pi. (11 volte pinnót + 1 volta pinnìm, Zach.
con Gen. 1 davanti agli occhi, indica il momento 14,10). Così la distribuzione: Esodo 2 volte, l’ope­
di lodare Dio: quando si fa sera e quando si fa ra storiografica dtr. 4, Isaia 2, Geremia 3, Ezechie­
mattina (iQ H 20,5 s.). In iQ H 16 il Maestro di le 2, Sofonia 2, Zaccaria 2, Salmi 1, Giobbe 2, Pro­
Giustizia (almeno così sembra) ringrazia Dio per verbi 4, Neemia 3, Cronache 3.
averlo scelto per rendere alla comunità il servizio
decisivo delPammaestramento: «Mediante la mia II.1. La grande maggioranza delle ricorrenze è
mano hai aperto la sua fonte con i [suoi] rivi d’ac­ di tipo tecnico edilizio, pinna indica il punto di
qua [...] per orientarli secondo un metro atten­ svolta di una retta così che, a differenza della cur­
dibile» (16,21). Egli vede la comunità come una va (hàmùq, Cant. 7,2), si forma un gomito netto,
piantagione alla quale egli, mediante il proprio in­ ad angolo; così, ad es., per una strada che fa una
segnamento conforme alla volontà divina, può do­ curva a gomito (Prov. 7,8.12; 2 Chron. 28,24) °P~
nare ammaestramento e orientamento. pure per un muro. Soprattutto nelle mura di cinta
di Gerusalemme c’era - probabilmente sul lato a
J. Schreiner nord(-est) - un caratteristico e noto angolo (Ne-
hem. 3,24.31.32); sul lato di nord-ovest (verso la
città nuova?) si trovava la porta d’angolo, chiama­
njfì pinna ta sa‘arhappinnà(2 Reg. 14 ,13 ;/ ^ . 31,38;^ Chron.
26,9). Solo in Zach. 14,10, dove il perimetro del­
1. Etimologia e ricorrenze. - Il.i. Significato architetto­ la Gerusalemme escatologica viene ad assumere,
nico. - 2. Significato sociologico. - 3. Significato teolo­ probabilmente per l’indicazione dell’ubicazione,
gico. - in. I LXX. - rv. Qumran. la massima estensione, la porta è chiamata sa'ar
happinnim. È dubbio che si tratti, come molti sup­
Bibl.: J. Jeremias, Der Eckstein: Angclos 1 (1925) 65-70. pongono, di una glossa per di più corrotta. Più
- J. Jeremias, KecpaX rj ywvt'a<; - ’Axpoyamaìo;;: ZNW 29 probabilmente si tratta di una formulazione volu­
(1930) 264-280. - Id., Eckstein - Schlussstein: ZNW 36
(1937) 154-157. - Id., Xt'Soc (GLNT vi 725-754). - L. tamente arcaizzante, che cerca di adeguarsi alla
Kòhler, Zwei Fachworte der Bausprache in Jesaja 28,16: situazione preesilica, come suggerisce l’espressa
ThZ 3 (1947) 390-393. - J. Lindblom, Der Eckstein in annotazione «al posto della porta precedente»
Jes 28,16 (Fs. S. Mowinckel, NoTT 56, 1955, 123-132). (sa1ar hàri’són), tanto più che in Nehem. 3 non si
- U . Maiburg, Cbristus der Eckstein. Ps. 118,22 und Jes. fa più parola di questa porta d’angolo. N ell’acce­
i9 i (vi,627) pinna (M. Oeming) (vi,628) 192

zione «torre d’angolo» pinna può valere come no») è complicata dal tempo non chiaro del verbo
pars prò toto e simboleggiare la «rocca», la «for­ reggente (hinenì jissad). Non si intende se si tratti
tezza» o la «fortificazione» (cfr, Rudolph, KAT di una decisione salvifica di Jhwh presa in passato
xin/3, 286 a Soph. 3,6). Non è invece provato che (ad es. la scelta di Sion quale pietra fondamentale
pinna sia termine tecnico per denotare gli angoli del tempio e ombelico [chiave di volta o ultima
sporgenti delle mura a zigzag come quelle di Teli pietra] del mondo, oppure la monarchia davidi­
Arad (così de Vaux, LO 11 37 s>). ca), o di una decisione che riguarda solo il futuro
pinna compare 6 volte insieme con 'arba‘ c de­ (ad es. la conservazione di un «residuo» dei veri
nota i quattro angoli di una casa (Iob 1,19), del­ credenti [cfr. Qumran] o il Messia). Oppure - in
l’altare (Ex. 27,2; 38,2), del bordo dell’altare caso l’oracolo fosse esilico o addirittura postesili-
(Ezech. 43,20; 45,19) o del supporto dei bacini co - potrebbe anche trattarsi della comunità dei
montati su carrelli (/ Reg. 7,34). reduci e del nuovo tempio. È anche possibile, e
Per il significato teologico ha avuto grande im­ questa sembra la soluzione più naturale in base al
portanza, in un ampio dibattito condotto per la v. i6bp («chi crede non cederà»), che si paragoni
massima parte da studiosi del N.T., stabilire se la fede presente con la pietra angolare calata nelle
ró's pinna o ’cbcn pinna indicasse solo la chiave fondamenta (LXX, elq xà. -Sep-ÉXia), che determi­
di volta di un edificio (così soprattutto J. Jere- na la solidità e l’orientamento di tutto l’edificio, il
mias) oppure esclusivamente la pietra angolare quale ha durata e stabilità solo in virtù di essa
delle fondamenta, la prima pietra (così soprattut­ (cfr. Is. 7,9). (Per una più completa informazione
to Schàfer; cfr. la panoramica del dibattito in circa le molteplici interpretazioni della sentenza
Merklein 144-152). I dati dell’A.T. non permet­ della pietra angolare cfr. ad es. O. Kaiser, ATD
tono tuttavia di chiarire definitivamente, in un 1 8"1, 201 ss.; H. Wildberger, B K x/3, 1075 ss.).
senso o nell’altro, il significato architettonico del Ps. 118 è il riflesso di una celebrazione di rin­
termine. Infatti il significato «colmo, pinnacolo, graziamento dalla liturgia dinamica, con un con­
pietra (angolare) finale del tetto» è assicurato da tinuo alternarsi di soggetti che prendono la paro­
Prov. 2 1 ,% 25,24 (pinnat gag) e da Soph. 1 ,1 6(hap- la. Una persona che è stata salvata dalla morte
pinnòt haggebohót; cfr. anche Soph. 3 ,6; 2 Chron. esprime la sua gratitudine nella comunità e insie­
26.15). Viceversa in Iob 38,6 si tratta chiaramente me con essa nel tempio, al cospetto di Dio. Il v.
di «prima pietra» (angolare) delle fondamenta. In 22 formula la sua esperienza come confessione
Ier. 51,26 non è chiaro se l epinnà sia usato in pa­ della comunità mediante la metafora della pietra
rallelismo sinonimico con l emòsàdòt (cfr. R. Mo- che - sebbene scartata dai presunti esperti costrut­
sis, -» voi. ni 743), significhi dunque «pietra an­ tori - è diventata la pietra angolare, grazie all’in­
golare», oppure se si tratti di una coppia antiteti­ tervento miracoloso di Dio (leró’s pinna, dove
ca che indica la totalità, dalla prima pietra fino al ró's non ha valore di sommo in senso verticale,
«pinnacolo». bensì di primo in senso orizzontale; cfr. Ezech.
2. In senso traslato pinna indica la classe socia­ 16,25.31 oppure Is. 51,20). L ’interpretazione di
le dominante in Iud. 20,2; 1 Sam. 14,38; Is. 19,13 questa metafora ha una storia estremamente mo­
(in par. con s'àrtm); Zach. 10,4 ed eventualmente vimentata (per l’esegesi meno recente cfr. H.
anche Soph. 3,6 (par. gójim). La metafora pinnòt Hupfeld - W. Nowack, Die Psalmen II, 31888,
kol hd'dm può significare i pilastri fondamentali 521 ss.; per le soluzioni più recenti cfr. H.-J.
di tutta la società o il suo «colmo», il pinnacolo Kraus, BK xv/25, 979 s.): nell’esegesi giudaica e
più alto (l’«alta società»). Non è possibile dimo­ spesso anche nell’interpretazione critica cristiana
strare che questo titolo fosse legato a una deter­ l’ «io» è stato ed è inteso in senso collettivo come
minata funzione o a una determinata competenza cifra per Israele, che in una festa nazionale di rin­
(cfr. J. van der Plocg, 52.60). graziamento - ad es. dopo il felice completamen­
3. Nel contesto di un oracolo di minaccia (Is. to, nonostante tutte le opposizioni e tutta l’ostili­
28.16) contro l’ingannevole sicurezza di sé fonda­ tà, della ricostruzione delle mura sotto Neemia
ta sulla politica di alleanze (contro l’Assiria; Eze­ oppure dopo le vittorie dei Maccabei - ricorda la
chia contro Sennacherib?) si fa riferimento, evi­ svolta miracolosa del suo destino che era già da­
dentemente in funzione alternativa, a una pinna to per finito. Ma ora la tendenza va sempre più
jiqrat mùsàd (par. ’eben bóhan). L ’interpretazio­ in direzione dell’interpretazione individuale del­
ne di questa «preziosa pietra angolare» delle fon­ irio », precisamente non tanto nel senso di un de­
damenta (oppure, eventualmente, secondo Kòh- terminato individuo storico, per es. un re come
ler, «angolo dove due muri maestri si incontra­ Ezechia, Giosia o Jojakin, oppure il Messia atte­
193 (vi,629) pànìm (H. Simian-Yofre) (vi,630) 194

so, quanto piuttosto nel senso di un «io esempla­ c) Significato traslato. - d) Come designazione della
re». Colui che recita il salmo testimonia egli stes­ persona. - 5. p'nè jhwh. - 6. panim come nomen rec-
so, ciascuna volta con la sua personale esperien­ tum. - ìv. Locuzioni con pànìm. - 1. pànìm b 'j’el pà-
za, ciò che e tipico del modo in cui Dio agisce con nìm. - 2. bqs pànìm. - 3. hè’ìr pànìm. - 4. hlh pànìm. -
5 .ns’/hdr pànìm. - ntn/sjm pànìm. 7. sbb/swr/swb
6 . -
l’uomo: Dio raccoglie coloro che sembrano scar­ pàntm. - ksh/str pànìm.
8 . - Valutazione semantica e
V .

tati e respinti reinserendoli nella vita e nella co­ teologica. - vi. Uso in locuzioni prepositive e avverbia­
munità, e colloca la proclamazione del loro desti­ li. - 1. lifnè. - a) Uso generale. - b) lifnè jhwh. - 2. mil-
no al centro del culto della comunità per ^ e d ifi­ lifnè. - 3. mipp'nè. - 4. (mè)'al-p'nè. - j. 'et/mé’et p’nè.
cazione». - 6. ’elp'nè. - 7. Altre locuzioni prepositive. - 8. Le lo­
cuzioni avverbiali. - vn.i. I LXX. - 2. Qumran.
in. I L X X traducono pinna per lo più con yio-
vta o con (àxpojywviatoj; (Xi#o<;), raramente con Bibl.: S.E. Balentine, The Hidden God, Oxford * 1 9 8 4 .
- Id., A Description o f thè Semantic Field o f H ebrew
x.ocjj.Tcy} (Nehem. 3,24,31) o con xXijxa (lud. 20,2).
W o rd sfo r«H id e »:V T 3 0 ( 1 9 8 0 ) 1 3 7 - 1 5 3 ( - The Hidden
In Is. 28,16 i L X X favoriscono la lettura messia­
G od, 1 - 2 1 ) . - J. Barr, Theophany and Anthropomorph-
nica introducendo èjt’aùxò) («chi crede in lui...»), ism in thè O .T .: V T S 7 ( i 9 6 0 ) 3 1 - 3 8 . - W .W . G raf Bau-
interpretazione cui aprono la strada anche in Ps. dissin, « Gott sebauen» in der alttestamentlichen R e-
1 18,22 con l’aggiunta esplicativa ouxo;; («... questi ligion: A R W 1 8 ( 1 9 1 5) 1 7 3 - 2 3 9 = appendice a F. N ò t-
è diventato pietra angolare»). scher, «Das Angesicht Gottes schauen» nach biblischer
und babylonischer Auffassung, * 1 9 6 9 , 1 9 3 - 2 6 1 . - J. B òh­
iv. Nei testi di Qumran che ci sono pervenuti mer, Gottes Angesicht: B F C h T h 1 2 , 1 9 0 8 , 3 2 3 - 3 4 7 . -
P .A .H . de Bocr, An Aspect o f Sacrifice: V T S 2 3 ( 1 9 7 2 )
pinna compare 33 volte, di cui ben 30 nel solo
2 7 - 4 7 , spec. 2 7 - 3 6 . - G .C . Bottini, «Pose la sua faccia tra
Rotolo del Tempio. Incerto è iQ M 9,13 (pnj hm-
le ginocchia». 1 Re 18,42 e paralleli estrabiblici: S B F L A
gdl ): «angoli della torre» o «lato frontale della 3 2 ( 1 9 8 2 ) 7 3 - 8 4 . - W .H . Brownlee, «Son o f Man Set
torre»? Tutte le ricorrenze, tranne due, hanno si­ Your Face», Ezechiel thè Refugee Prophet: H U C A 5 4
gnificato puramente architettonico. Particolar­ ( 1 9 8 3 ) 8 3 - 1 1 0 . - J. Carmignac, Le complément d ’agent
mente nel Rotolo del Tempio si denotano con pin­ après un verbe passif dans l ’hébreu et l ’araméen de
na gli angoli dell’altare, del nuovo tempio ideale e Qumran: R Q 9 ( 1 9 7 8 ) 4 0 9 - 4 2 7 , spec. 4 2 1 - 4 2 7 . - E.
dei cortili differenziati in base alla loro santità. Dhorme, L'em ploi mélaphorique des noms dea parilei
In 2Q23 1,6 (DJD ni 82 s.), in un’invettiva du corps en hébreu et en akkadien, n i . Le visage: RB
3 7 4 - 3 9 9 . - L. Dfez Merino, Il vocabolario re­
profetica apocrifa contro gli abitanti empi di una 3 0 ( 1 9 2 1 )

lativo alla ricerca di Dio nell’A .T .: BibO 2 4 ( 1 9 8 2 ) 1 2 9 ­


città il cui nome non ci c pervenuto (Gerusalem­
1 4 5 ; 2 5 ( 1 9 8 3 ) 3 5 - 3 8 . —J.F . Drinkard, ‘al péne as « East

me?), si pronuncia la minaccia che essi verranno of»: J B L 9 8 ( 1 9 7 9 ) 2 8 5 s. - M. Fishbane, Form and
precipitati m’bn pnh , che può soltanto significare Reformulation o f thè Biblical Priestly Blessing (Fs. S.N .
«dal(la pietra del) colmo, dal pinnacolo, dalla pie­ Kramer = J A O S 1 0 3 [ 1 9 8 3 ] u j - 1 2 1 ) . - M .D . Fowler,
tra più alta» (cfr. 2 Chron. 25,12). Soltanto nella The Meaning o f lipnè Y H W H in thè O .T .: Z A W 8 9
parte probabilmente più antica della Regola della ( 1 9 8 7 ) 3 8 4 - 3 9 0 . - C h .T . Fritsch, A Study o f thè Greek
Comunità ( 1 QS 8,7) si trova un uso traslato, teo­ Translation o f thè H ebrew Verbs «to see», with D eity
logico. Qui Is. 28,16 viene ripreso in senso per as Subject or Object (Fs. H .M . Orlinsky = E l 1 6 , 1 9 8 2 ,
5 1 * " 5 7 * ) 1 ” O . Garcfa de la Fuente, «D avid buscò el ro­
così dire ecclesiologico, e riferito alla fondazione
stro de Yahweh» (2 Sm 2 1,1) : A ug 8 ( 1 9 6 8 ) 4 7 7 - 5 4 0 . -
compiuta della comunità: la comunità di Qumran
Y. Gii, k ì qàran 'ór p 'n è mòseh: BethM 3 0 ( 1 9 8 4 - 8 5 )
ritiene di essere essa stessa la «preziosa pietra an­ 3 4 1 - 3 4 4 . - M.I. Gruber, The M any Faces o f H ebrew
golare» dei soli veri credenti (cfr. H. Muszyriski ns’ pnjm, « lift up thè face»: Z A W 9 5 ( 1 9 8 3 ) 2 5 2 - 2 6 0 . -
174-193 e Ch. Dohmen, RQu 11 [1982-84] 86 s.). E .G . Gulin, Das Antlitz Jahw es im A .T . ( A A S F Ser. B
17/3 , 1 9 2 3 , 1 - 3 0 ) . - M. Haran, The Shining o f Moses'
. M. Oeming Face: A Case Study in Biblical and Ancient N ear East-
em lconography (Fs. G .W . Ahlstròm = J S O T Suppl
Ser. 3 1 , 1 9 8 4 , 1 5 9 - 1 7 3 ) . - B. Halpern, Y h w h ’s Summary
Justice in Jo b xiv, 20: V T 2 8 ( 1 9 7 8 ) 4 7 2 ss. - A . Jirku,
panim «Das Haupt a u f die Knie legen». Eine àgyptisch-ugari-
tisch-israelitische Parallele: Z D M G 1 0 3 ( 1 9 5 3 ) 3 7 2 . -
1. *pan nelle lingue semitiche. - n. Diffusione nell’A .T . A .R . Johnson, Aspects o f thè Use o f thè Term pànìm in
- in . U so nominale. - 1. C on riferimento a oggetti. - thè O .T. (Fs. O . Eissfeldt, 1 9 4 7 , 1 5 5 - 1 5 9 ) . - H . - J . Kraus,
2. C o n riferimento a elementi cosmici. - 3. C on riferi­ Theologie der Psalmen (BK x v / 3 , 1 9 7 9 , spec. 4 6 - 4 8 ) . -
mento ad animali. - 4. C on riferimento a persone. - S.C . Layon, «H ead on Lap» in Sumero-Akkadian Lit-
a) Significato fisico. - b) Espressione dei sentimenti. - erature: J A N E S 1 5 ( 1 9 8 3 ) 5 9 - 6 2 . - S. Layton, Biblical
1 95 (vi,63i) panim (H. Simian-Yofre) (vi,6 3 2) 19 6

Hebrew «to Set thè Face», in Light of Akkadian and nìm. pànu(m) sostantivo significa, come in ebrai­
Ugaritic. U F 1 7 ( 1 9 8 6 ) 1 6 8 - 1 8 1 . - R .W .L . M oberly, At
co, «viso, lato anteriore, superficie, aspetto». C o­
thè Mountain of God (JS O T Suppl. Scr. 2 2 , 1 9 8 3 ) . - J. me in ebraico, pànu(m) è usato in rapporto a per­
Morgenstern, Moses with thè Shining Face: H X JC A 2
sone, a cose, a elementi cosmici (cielo, stelle, su­
( 1 9 2 5 ) 1 - 2 7 . - E. Nòtscher, «Das Angesicht Gottes
perficie delle acque). In senso traslato pànu(m) se­
schauen» nach biblischer und babylonischer Auffassung,
' 1 9 6 9 . - J. Reindl, Das Angesicht Gottes im Sprachge- gnala anche un’intenzione (ana àlimpànàsu «vuo­
brauch des A.T. (ErfThSt 2 5 , 1 9 7 0 ) . - F. Schnutenhaus, le andare in città», cfr. 2 Chron. 32,2: pànàjw lam-
Das Kommen und Erscheinen Gottes im A.T.: Z A W 7 6 milhàmà). Sono documentati anche modi di dire
( 1 9 6 4 ) 1 - 2 2 . - K. Seybold, Der aaronische Segen: Stu­ tipizzati, come «splendore (nawàrum) del sem­
dien zu Numeri 6,22-2/, 1 9 7 7 . - Id., Reverenz und Ge- biante»; «illuminare, far risplendere il volto» (p.
bet. Erwàgungen zu der Wendung hillà pànim: Z A W nummuru); «vedere, guardare, cercare il volto di
8 8 ( 1 9 7 6 ) 2 - 1 6 . - D .C .T . Sheriffs, The Phrases ina IG I qualcuno» (p. amàru); «usare indulgenza» (p. wa-
Dn and lipcnèy Yh w h in Treaty and Covenant Con- bàlum, cfr. ns’ pànim); «dirigere il volto» (nadà-
texts: JN W S L 7 ( 1 9 7 9 ) 5 5 - 6 8 . - R. Soliamo, Renderings
nu); «abbassare il viso» (p. quddudu); «girare, di­
of Hebrew Semiprepositions in thè Septuagint (A A S F
diss. hum. 1 9 , Helsinki 1 9 7 9 ) . - M. Tsevat, qm ‘wrpnjm stogliere, rivolgere il volto» (p. suhhuru). Nell’uso
(Fs. H .M . Orlinsky = RI 16, 1 9 8 2 , 1 6 3 - 1 6 7 ) . - F.. Vogt, ciascuno di questi modi di dire può poi assumere
Die vier «Gesichter» (pànim) der Cheruben in Ezech.'. diversi significati. In funzione di locuzioni prepo­
Bibl 6 0 ( 1 9 7 9 ) 3 2 7 - 3 4 7 . - C . Westermann, Die Begriffe sitive si trovano, ad es., ana pan- «a, per, rispetto
ftir Fragen undSuchen im A.T.: K uD 6 ( i 9 6 0 ) 2 - 3 0 . а, verso»; ina pan- «davanti, in presenza di».
Nell’A.T. ci sono solo 2 nomi propri formati
1. Il sostantivo *pan ‘volto, faccia* (ebr. pànim) con pànim : il N P p enu'èl (1 Chron. 4,4; 8,25 Q) e
e semitico comune (v. P. Fronzaroli, A À N L R , il toponimop enù'èl/peni'èl (Gen. 32,31 s.).
vm/19, 1964, 255. 269): acc. pànu(m) ‘ lato ante­
riore’, pi. ‘faccia’) (AHw 8i8b-822a); ug. pnm 11. La tavola della pagina a fronte (basata su Li-
‘sembiante’ (WUS nr. 2230; U T nr. 2059); feni­ sowsky) mostra le preposizioni che vengono usa­
cio, punico (interessante qui è la denominazione te con pànim (compreso lifnè in 1 Reg. 6,17: cfr.
della dea Tinnit pn b'I «volto di Ba‘al», v. K A I M. Noth, BK ix/i, 100; escluso millifni in 1 Reg.
78,2 col commento), moabitico e aramaico d’impe­ б,29; v. M. Noth, B K ix/i, 102; escluso pnj, Q pi
ro (DISO 229-230; cfr. l’aramaico biblico ’ànaf); in Prov. 15,14; cfr. O. Plòger, BK xvn, 177). Il to­
ar. finà' ‘atrio’; sir. p enità' ‘lato, zona’; sudarab. tale indicato per ciascun libro biblico include an­
fnwt ‘lato anteriore’, ‘davanti’ (BGM R 45). Il ver­ che il numero delle occorrenze nei passi che ver­
bo pànà (-» pnh) è forse un denominale di pànim ranno citati più avanti, dove pànim è usato con al­
(K B L J 88ja). tre preposizioni rispetto a quelle comprese nella
L ’ebr. pànim non ricorre mai al sing. e va con­ tavola. Sotto 'èt sono indicate insieme, senza di­
siderato un plurale tantum. stinzione, la nota accusativi e la preposizione. Nel­
In parallelo con pànim si hanno in ugaritico ed la colonna di 'al sono comprese anche le occor­
ebraico sr ‘schiena’ (Ps. 97,3); jmn ‘ lato destro’ (Ps. renze di 'al-kol ('al-kol-pcnè).
16 ,11; 44,4); ksl ‘schiena, lombi’ (lob 15,27); p't A quanto indicato sopra si devono aggiungere,
‘lato, fianco’ (Lev. 13,4 1); p'm ‘piede’, ‘passo’ (Ps. oltre l efànim (aw., «prima, in passato, preceden­
57,7; 85,14); tmwnh ‘immagine, vista, scena’ (Ps. temente», incluso millefànim, Is. 41,26), 22 volte,
17,15) (RSP 1 313-316). Di particolare interesse è anche ’el-mùl 8 volte, mimmùl 2 volte, mè’ét 6
che nelle lingue semitiche ci sono numerose locu­ volte, ('el-) nàkah 6 volte, neged 4 volte, minne-
zioni con pn(m) che sono documentate anche in ged 1 volta, mè'im 2 volte, 'al-lifnè 1 volta e lap-
ebraico. In ugaritico c’è jtnpnm 'm «volgere il vi­ pàriim 1 volta.
so in una (data) direzione» (cfr. l’ebr. s'jmjntn pà- Da un punto di vista formale le preposizioni
nìm ’el/'al) quale espressione del mandare o del­ (salvo bc) vanno divise in due categorie che espri­
l’andare (del Olmo Lete 610); cfr. anche wbhm mono, di volta in volta, l’essere girati «verso» l’og­
pn b'I (KTU 1.12, 1 33; cfr. l’ebr. sjmfntn pànim getto retto dalla preposizione e l’essere girati «dal­
be «volgere il volto a/verso/contro»); e la locuzio­ l’altra parte» rispetto all’oggetto, nella direzione
ne prepositiva Ipn- «davanti a, in presenza tua/ opposta. Nella prima categoria rientrano l e, 'el,
sua»; in aram. Ipn- è usato spesso per dire «alla 'et, 'al, 'el-mùl, nókah, neged e nell’altra min e i
presenza di, secondo l’opinione di, a giudizio di». composti con min. Quanto al contenuto, è inte­
Soprattutto in accadico ci sono molte espressioni ressante notare che l’uso di pànim dipende in cer­
che si ricollegano alle locuzioni ebraiche con pà- to modo dal contenuto del libro in cui si trova.
i ?7 (vi, 633 ) panim (H. Simian-Yofre) ( 7 1 , 6 3 3 ) 19 8

Così, ad es., sono attcstati spesso 'al (penè-hd- 15 ;/ Chron. 19,10); la parte dominante di una que­
’àres/hd'àdàmà) in Genesi, lifnè (di Jhwh o degli stione (2 Sam. 14,20). In Eccl. 10,10 pdnìm è il ta­
oggetti di culto) nei «libri di liturgia» (Esodo, Le­ glio o filo di un’arma (cfr. A. Lauha, B K xix, 186).
vitico, Numeri e Deuteronomio), lifnè (hamme- 2. panim en e compare insieme con diversi ter­
lek) in Ester, panim senza preposizione in Eze­ mini del vocabolario geografico. p enè hd ’àdàmd
chiele, Salmi e Giobbe. (Gen. 2,6; 8,13; Ps. 104.30; Prov. 24,31 -pdndjw)
è la superficie della terra o del paese che può es­
in. N ell’A.T. pdnìm compare come sostantivo sere irrigata, arida, abitabile o fertile. p cnè ’ eres/
circa 400 volte (Reindl 8: 402 volte) e si riferisce hd'dres (Gen. 19,28; 41,56; Ezech. 34,6), p'nè tè-
regolarmente a un altro sostantivo o a un nome bél (Is. 14,21; 27,6) e p enè + nome di città (Gen.
proprio, in un costrutto genitivale o mediante un 19,28) non aggiungono alcuna sfumatura al signi­
suffisso possessivo oppure, in pochi casi, median­ ficato del nomen reetnm. p enè tvhòm (Iob 38,30)
te il contesto immediato. Il 10% delle ricorrenze è la «superficie dell’abisso» che può solidificarsi.
si riferisce a cose, oltre il 50% a esseri umani (an­ penè dammàseq (Cant. 7,5) indica la direzione o
che ad animali o a nature miste - cherubini e se­ l’orientamento. p enè + un elemento astronomico
rafini). Un po’ più del 25% degli esempi si riferi­ può essere oggetto di verbi: rinnovare il sembian­
sce a Jhwh. Non sembra opportuno, semantica­ te della terra (hds pi., Ps. 104,30) o sconvolgerne
mente, supporre che un gruppo o l’altro costitui­ l’aspetto ('wh pi., Is. 24,1).
sca l’uso «proprio» o «originario» di panim. 3. pené + nome di animale (leone [’arjéh], Ezech.
1. Quando è riferito a cose, pdnim/penè indica 1,10; 10,14; 1 Chron. 12,9; [kefir] Ezech. 41,19;
la parte o il lato di un oggetto che si offre all’os­ aquila, Ezech. 1,10; 10,14; Cor° , Ezech. 1,10; greg­
servatore: la facciata del tempio (Ezech. 4 1,14.21; ge [pecore], Gen. 30,40) e con nomi di cherubini
47,1) o di una porta della città (Ezech. 40,6.15.20); (Ex. 25,20; 37,9; Ezech. 10,14.21) indica la parte
la faccia della luna (Iob 26,9); il davanti della ve­ anteriore della testa. In Prov. 27,23 p'nè sd'nèkd
ste (Iob 41,5); il fronte in guerra (2 Sam. 10,9; 11, indica l’aspetto o lo stato del gregge.

totale ’ el be ’et P millt min 'al me'al sen za prep.

Gen. 141 1 8 56 5 15 28 5 20
Ex. 128 2 — 5 62 3 17 9 1 21
Lev. 107 4 - 5 76 4 5 5 6
Num. 119 2 1 - 83 3 10 13 - 4
Deut. 132 3 5 3 67 5 26 9 1 10
Ios. 91 1 3 — 51 2 22 9 - -

Iud. 46 1 — - 22 - 15 2 - 2
1 Sam. 98 - — 5 62 3 12 8 l 4
2 Sam. 73 1 — 6 41 1 8 8 - 7
1 Reg. 100 - - 10 56 3 9 15 3 4
2 Reg. 73 - - 4 32 2 14 7 6 7
Is. 89 - - 1 27 2 29 4 1 23
Ier. 128 2 44 4 45 9 6 16
4
— -

Et. 155 18 4 37 2 5 17 - 64
12 profeti 72 — 2 4 27 3 15 8 3 9
Ps. 133 _ — 5 49 6 21 3 - 48
Iob 70 2 1 1 16 - 11 11 - 24
Prov. 42 1 1 22 - 1 1 - 15
Ruth 2 — — - — — — 1 -

Cant. 2 — - 1 — — — - 1
Eccl. 21 - — - 10 5 1 1 - 4
Lam. 11 — — - 3 — 3 — - 3
Esth. 37 - 1 30 4 — — - 2
Dan. 33 — - 3 15 1 _ 4 - 10
Esdr. 10 — — ' 7 1 - - - 2
Nehem. 31 l — - 23 1 3 - - 2
1 Chron. 63 — — 40 4 10 2 - 5
2 Chron. 119 1 - 4 71 9 10 8 1 14
A.T. 2126 37 17 72 1030 73 307 182 28 327
' 9 9 (vi,634) panim (H. Simian-Yofre) (vi,63 5) 200

4.a) pànim/penè + NP o altri sostantivi che in­ di timore e riverenza davanti alla divinità o alla
dicano persone significa spesso il «volto» in sen­ sua manifestazione (‘ai. Gen. 17,3.17; Lev. 9,24;
so fisico: di Giacobbe (Gen. 50,1), di Mosè (Ex. Num. 17,10; 20,6; Iud. 13,20; / Reg. 18,39; Ezech.
34,35 [bis]), di un giovane (2 Reg. 4,29.31), di un 1,28; 3,23; 9,8; ’el\ Ioel 5,14; Ezech. 43,3; 44,4)
numero di persone (Is. 13,8; Nah. 2,11), di raffi­ oppure espressione di deferenza al cospetto del
gurazioni (Ezech. 1,10; 10,14; 4M9), di Daniele re (2 Sam. 9,6). Può indicare anche vergogna o ira
(Dan. 9,3; 10,15), di Haman (Esth. 7,8), di un mor­ (Num. 14,5; 16,4) e umile supplica (Num. 16,22;
to (lob 14,20). In Gen. 31,2.5 pànim si riferisce al­ Ios. 7,6.10; Ezech. 11,13 ). Dagon che cade in terra
l’espressione sul volto di Labano. Senza altre pre­ sulla faccia (/ Sam. 5,3.4: si legga con i L X X ‘ al-
cisazioni l’espressione kol-pànim (Ezech. 21,3) pànàjw invece di lefànàjw) riconosce in questo
indica il volto di ipotetici spettatori di un incen­ modo la sovranità di Jhwh. La supplica ù fenèhem
dio che vengono arsi. In senso proprio il volto ’al-jehpàrù (Ps. 34,6), insieme con l’esortazione a
umano è oggetto dei verbi «lavare» (Gen. 43,31), guardare a Jhwh con gioia luminosa, suggerisce
«fissare» (nbt hif., Ps. 84,10), «far risplendere» che la «vergogna» indicata con hpr (spesso par.
(shl hif., Ps. 104,15), «cambiare» (snh pi., lob 14, con bws) si manifesta nel turbamento del volto.
20). Sputare in faccia (jrq be-pànim, Num. 12,14; c) Come oggetto di alcuni verbi pànim conser­
Deut. 25,9) è segno di disprezzo. Ci si copre (Iwt va ancora qualcosa del significato proprio, ma il
hif.) il volto col mantello in segno di timore (/ termine si carica anche di un significato metafori­
Reg. 19,13), di lutto (2 Sam. 19,5: qui là'at), per co e generale indicando un’azione che include un
indicare la condanna a morte (hph, Esth. 7,8) op­ rapporto con l’atteggiamento o l’aspetto della fac­
pure per non farsi riconoscere (ksh, Gen. 38,15; cia e con i sentimenti del possessore di quel volto
sim séter, lob 24,15). Mosè si copre la faccia con (pànim) che è frequentemente il soggetto del ver­
un velo (wajittén ‘al-pànàjw masweh, Ex. 34,33; bo. sjt (Num. 24,1) e kwn hif. (Ezech. 4,3.7) pànim
cfr. w . 34-35) non perché fosse un incaricato del significano «volgere la faccia verso». L ’immobili­
culto pubblico ma come privata persona, non es­ tà del volto (lmd h if, 2 Reg. 8,1 1) esprime lutto e
sendo occupato ad annunciare la parola di Jhwh. cordoglio; il suo indurimento ('zz h if, Prov. 7,13;
Il suo volto radioso (-> qrn) in presenza degli 21,29 befànàjw) arroganza e insolenza. Pregando
Israeliti è la giustificazione della sua autorità (cfr. si alza il volto (rwm hif, Esdr. 9,6). (In senso fi­
Haran 163). gurato Jhwh lo fa «cadere» [npl hif. be, Ier. 3,12]
b) Come soggetto di alcuni verbi, pànim (incontro qualcuno oppure, per punizione, gli mo­
senso proprio, fisico) fa parte di modi di dire che stra [r'h hif] la schiena c non la faccia [Ier. 18,17]).
esprimono sentimenti che si riflettono sul volto o La vergogna copre il viso (bws h if, 2 Sam. 19,6)
in gesti che coinvolgono la faccia. Dopo le parole ed esso è pieno di vituperio (mP pi., Ps. 83,17). La
d’incoraggiamento di Eli «il volto di Anna non gioia rende il volto amabile (twb hif, Prov. 15,13).
era più lo stesso» (/ Sam. 1,18). Il volto diventa «Far buon viso» (‘zb pànim, lob 9,27; cfr. M.
«triste» per le preoccupazioni (ra‘, Gen. 40,7; Ne­ Dahood, JB L 78 [1959] 303-309) fa dimenticare il
hem. 2,2), si fa smunto per la mancanza di buon dispiacere.
nutrimento (zó'aftm, Dan. 1,10) o scuro per i d) In diverse locuzioni tipiche (ad es. con i ver­
pettegolezzi (Prov. 25,23), rosso per le lacrime bi bqs, hdr, hlh, ksh, ns \ r'h, swb, cfr. sotto, rv),
(lob 16,16) e pallido per il dolore (hwr, Is. 29,22; ma anche fuori di esse, p enè significa la persona
cfr. H. Wildberger, BK x/3, 1135), «verde» dallo stessa indicata dal nome rectum: Isacco (Gen. 27,
spavento (Ier. 30,6) e sconvolto (r‘m, Ezech. 27, 30; ma m è'étpenè sembra che valga semplicemen­
35) da uno spettacolo orribile. Quello dei «volti te come preposizione), Giuseppe (Gen. 44,26), i
infuocati (qbs p d’rur) dall’agitazione e dalla pau­ poveri (Lev. 19 ,15 ;/s. 3,15) e i vecchi (Lev. 19,32;
ra» (H.W. Wolff, BK xiv/22, 54) è uno dei motivi l.am. 5,12); il prossimo (Prov. 27,17), servi (2 Sam.
tradizionali relativi alle descrizioni del giorno di T9>6), persone altolocate (Prov. 19,6), sapienti
Jhwh (Ioel 2,6; Nah. 2,11). L ’ira di Caino gli può (Prov. 17,24) e sacerdoti (Lam. 4,16), autorità (2
essere letta in volto, perché esso è rivolto verso Reg. 18,24; I°b 34,19)» il re (/ Sam. 22,4; 2 Sam.
terra («abbassato», npl, Gen. 4,5.6; cfr. v. 7 se,ét c 14,24 [pànaj].28.32; 2 Reg. 3,14; 25,19); Salomo­
ns’ pànim, v. sotto, iv.5). Questo gesto interrom­ ne (1 Reg. 10,24; 12,6); l’unto (Ps. 84,10; 132,10);
pe il rapporto che viene stabilito con lo sguardo. il faraone (Ex. io ,11); Giobbe (lob 42,9); i malva­
npl ‘al/'el pànim è segno di cordoglio quando si gi (Ps. 82,2). Nella maggioranza dei suddetti testi
parla del volto di un morto (Gen. 50,1). Cadere, la traduzione «volto, viso» non è appropriata.
gettarsi con la faccia a terra è invece espressione Grande forza espressiva ha pànèkà («tu stesso»)
201 (vi,636) panim (H. Simian-Yofre) (vi,637) 202

in 2 Sam. 17 ,11, dove è anche il soggetto del ver­ completano: (v. 15) ’im-’èn pànékà bòlekim (se
bo hlk. non vai con il popolo, non lasciarci partire); (v. 16)
nkr {hif.) pànim significa mostrarsi parziale nei solo belektekà ’immànù si saprà che Jhwh aiuta il
confronti di qualcuno in ambito giudiziario, vale proprio popolo.
a dire favorirlo (Deut. 1,17; 16,19; Prov. 24,23;
28,21); kpr (pi.) p enè-N N significa «placare N N Sulla base dell’acc. àlik pani E.A. Speiser, *The
con doni» (Gen. 32,21); thn p enè-N N (Is. 3,15) Biblical Idiom Pànim hól'kim» (The Seventy-Fifth
Anniversary Volume of JQ R, 1967, 515-517) sostie­
significa «sfruttare» (un povero); qdm (pi.) penè-
ne che il significato principale dell’espressione sia
N N (Ps. 17 ,13; 89,15; 95,2) significa «presentarsi «procedere davanti», «assumere la guida, il coman­
davanti a N N , avvicinarsi a N N » oppure «com­ do», un significato che è possibile anche per 2 Sam.
parire davanti a NN »; srl (pi.) ’étp enè-N N (Esth. 17,11 (cfr. sopra, 111.4.CÌ).
1,10), «essere al servizio, a disposizione di NN».
In Iob 40,13 Jhwh sfida Giobbe a rinchiudere i In Ex. 33,14.15 pànim esprime in maniera poco
malvagi nella sheol (hbs p cnèhem). Prov. 27,17 di­ chiara la presenza personale di Jhwh, sia che pà­
ce che ogni uomo hddpenè ré'éhù «‘affila’ il com­ nim sostituisca il pronome personale (tu, cfr. so­
portamento (o la conoscenza?) del suo prossimo». pra, iii-4.d), sia che si riferisca a una presenza nel
Quando si tratta di un personaggio autorevole, culto. Ex. 33,18-23 indica con maggiore precisio­
r’h (’et-) p enè-N N (v. sotto, iv.9) sottolinea l’im­ ne quale sia l’unica presenza di Jhwh alla quale
portanza della possibilità, occasionale o abituale, ogni persona (cfr. ’àdàm al v. 20) ha accesso. La
di frequentare tale persona (Gen. 32,21; 33,10; 43, richiesta di Mosè di poter vedere la gloria di Jhwh
3.5; 44,23.26; Ex. 10,28; 2 Sam. 3,13; 14,24.28.32; (v. 18) riceve una triplice risposta (v. 19): Jhwh
2 Reg. 25,19). Nella maggior parte dei testi citati farà passare davanti a Mosè kol-tùbi (‘br hif. anti­
in questa sezione pànim mette in evidenza la pre­ cipa ba'àbór k ebódi e 'ad 'obrì, v. 22). w cqàrà’ti
senza dell’oggetto quale termine e punto di arri­ b'sèm jhwh (nel v. 19 Jhwh come soggetto è con­
vo dell’azione espressa dal verbo, il cui soggetto servato nel T.M.) significherebbe che Jhwh pro­
tuttavia non coincide con il possessore di pànim. clamerà il proprio nome rendendo così possibile
Nelle espressioni qwt (nif.) bifnèhem (Ezech. 6,9: la successiva invocazione di Mosè in 34,5 (dove è
«provare disgusto di se stessi», cfr. 20,43; 3^>3r) e improbabile che il soggetto sia Jhwh). Jhwh fa co­
‘nh b'fànàjw (Hos. 5,5; 7,10: «testimoniare con­ noscere la propria decisione di concedere grazia e
tro se stessi [?]») pànim indica l’oggetto indiretto misericordia come egli stesso, nella sua libertà,
del verbo, chc di fatto può anche coincidere col vuole. I doni di Jhwh, la proclamazione del pro­
soggetto. prio nome (la possibilità di conoscere le sue qua­
5. pànim assume particolare importanza quan­ lità elencate in 34,6-7) e la sua libera decisione di
do è in rapporto con Jhwh, ed è il soggetto di enun­ concederli, si accompagnano alla vista della sola
ciati in Ex. 33, che fa parte dell’unità retorica di sua schiena (’àhdrim) e corrispondono alla visio­
Ex. 32-34 e si concentra sulle diverse forme in cui ne del volto di Dio (vv. 20.23), che a nessun uo­
Jhwh è presente. Non è impossibile distinguere i mo è concesso vedere.
diversi strati del testo che indicano diverse tradi­ In Deut. 4,37 l’atto liberatore di Jhwh befànàjw
zioni, ma tale distinzione misconosce l’unità del bekóhó corrisponde alle «prove, segni, miracoli,
problema teologico nella stesura attuale del testo. battaglie, mano potente e braccio disteso» (v. 34:
Dopo la distruzione del vitello d’oro e la punizio­ anche questi termini sono retti da be) e completa
ne esemplare del popolo, Jhwh promette di invia­ l’apparizione col discorso pronunciato «da dentro
re il suo «messaggero» davanti a Mosè (mal’àki al fuoco» (w . 33 e 36). befànàjw non indica alcu­
jèlèk lefànèkà , Ex. 32,34; cfr. 33,2). Jhwh ha deci­ na particolare forma di apparizione in aggiunta a
so di non abbandonare del tutto il proprio popo­ bejàd o a bizròà‘ : mentre queste espressioni sotto­
lo; la presenza del mal’àk , al contrario della pre­ lineano la potenza di colui che si manifesta, befà-
senza beqirbekà (Ex. 33,3.5), viene considerata una nàjw evidenzia l’aspetto personale dell’azione di­
assistenza limitata ma al contempo meno perico­ vina e fa capire che l’unica forma di manifestazio­
losa (cfr. Ex. 32,34). Mosè ricorre al suo collo­ ne di Jhwh è il suo intervento nella storia.
quio pànim ’el pànim (33,11; v. sotto, i v . i ) nella In Is. 63,9 (parte della retrospettiva sulla storia
tenda del convegno per domandare di nuovo chi della salvezza, nel contesto del salmo di lamento
Jhwh manderà (v. 12). La risposta pànaj jélékù (v. collettivo di Is. 63,7-64,11) pànàjw hòsVàm (egli
14) resta volutamente oscura. Mosè chiede infor­ stesso - Jhwh - vi ha liberati) stabilisce un’antite­
mazioni più precise con due espressioni che si si tra gli ambasciatori (si legga coi L X X sir invece
203 (vi,638) pànim (H. Simian-Yofre) (vi,639) 204

di sàr, umal'àk) e il loro modo abituale di agire ria divina da parte del popolo. In Ps. 90,8 la luce
(alleanze, cfr. Is. 18,2; Prov. 13,17) c Jhwh, che li­ (me'ór) del volto di Jhwh illumina il cuore uma­
bera con (be) il suo amore e la sua solidarietà. An­ no affinché possa riconoscere i suoi peccati.
che in Lam. 4,16 p enè jhwh attribuisce a Jhwh la lehem (hap)pànim (Ex. 25,30; 35,13; 39,36; /
responsabilità ultima della punizione che colpisce Sam. 21,7; 1 Reg. 7,48; 2 Chron. 4,19; cfr. Num.
gli abitanti di Gerusalemme (cfr. H.-J. Kraus, BK 4,7 sulham happànim) denota i pani che Israele
xx}, 7 1. 79 s.). offre e Jhwh, riconoscendo che egli è il dispensa­
6. Quando pànim è usato come nomen rectum tore della vita. L ’accettazione di questi doni da
in una successione di st. cs., l’accento è posto sul parte di Dio stabilisce quindi la permanente co­
nomen regens e pànim perde frequentemente ogni munione conviviale tra Jhwh e il popolo (-» voi.
nesso con il significato «faccia», masso'pànim (2 ìv 791).
Chron. 19,7) e hakkàrat pànim (Is. 3,9; cfr. nkr
pànim e ns'pànim) indicano l’«aspctto della per­ ìv. 1. La spiegazione del nome Penuel offerta in
sona». In j esù‘ót pànàj (Ps. 42,6.12; 43,5) pànàj Gen. 32,31 («Perché ho visto Elohim pànim 'elpà­
funge da pronome possessivo («la mia salvezza»). nim») potrebbe aver soppiantato un nome diver­
Il volto è sede della manifestazione degli stati so e una diversa spiegazione nel racconto preisrae­
d’animo, ad es. della vergogna (Ps. 44,16, «la ver­ litico (Westermann, BK 1/2, 633), ma nella storia
gogna mi coprì il volto»). Ma nelFespressione bó- attuale di Esaù e Giacobbe rappresenta un elemen­
set pànim pànim serve a mettere in risalto la natu­ to strutturale preparato dalla triplice espressione
ra personale, possessiva: «Il nostro, suo, loro di­ di 32,21 (kprpànim, r'kpànim , ns'pànim) e ripre­
sonore» (Ier. 7,19 con suffisso possessivo; Dan. so con 33,10 («Io mi avvicino alla tua presenza co­
9,7.8; Esdr. 9,7; 2 Chron. 32,21), dove il disonore me alla presenza di un 'élóhim», v. sotto, iv.9). In
o P«infamia» è una concreta ammissione di colpa, quest’espressione riecheggiano insieme le sensa­
responsabilità e fallimento. - Il nemico che non zioni di insicurezza, di timore e di speranza che
ha pietà (Deut. 28,50) e il re che stermina il popo­ hanno accompagnato Giacobbe nell’incontro col
lo dei giusti (Dan. 8,23) sono (az-pànim. La «du­ numinoso a Betel e allo Jabboq. La conclusione
rezza del volto» (‘ 5z pànim) è un tratto negativo wattinnàsèl nafsi (32,31) sottolinea la presenza di
che la sapienza può cambiare portando il volto a Dio quale causa dello scampato pericolo più che
risplendere (Eccl. 8,1). L ’energia sul volto di Eze­ la meraviglia di esser sopravvissuto all’incontro.
chiele è tuttavia un dono di Jhwh (nàtatti 'et-pà- Questa sensazione viene messa in risalto in tutta
nèkà hazàqim, Ezech. 3,8) per poter affrontare la descrizione dell’incontro con Esaù (Gen. 33,
un popolo ribelle (qesè pànim) e dal cuore induri­ cfr. v. 4).
to (2,4). ròà‘ pànim (Eccl. 7,3) è uno spettacolo La spaventata confessione di Gedeone (Iud. 6,
triste dal quale un cuore saggio sa trarre una lezio­ 22) giustifica una distinzione tra il mal'àk che egli
ne utile. ha visto pànim 'elpànim e 'àdónàj jhwh. La rispo­
La luce del volto compare in due testi nei quali sta incoraggiante «non temere, non morirai» (v.
il soggetto è un uomo. Il nesso istintivo di vita e 23) è la conferma che nella sUa visione Gedeone ha
luce (Ps. 36,10; 56,14) consente di dire (Prov. 16, visto il mal'àk e non Jhwh in persona.
15) che la luce del volto del re è fonte di vita per i Quando si tratta non di «vedere» ma di «parla­
sudditi come la nuvola che promette pioggia (il re», «avere rapporti» o «comparire in tribunale»,
medesimo nesso in Iob 29,23.24). Il gesto gentile pànim 'el/he pànim esprime il rapporto interiore
o contrariato del re promette nel primo caso qual­ che esiste tra i partecipanti a una medesima azio­
cosa di buono, nel secondo una punizione. In al­ ne, il cui soggetto è sempre Jhwh. Il ricevente in
cuni salmi 'òr pànim e riferito a Jhwh. La richie­ Ex. 33,11 è Mosè. Questa familiarità intima distin­
sta supplichevole (Ps. 4,7b) «fa’ risplendere («al­ gue Mosè da tutti gli altri profeti (cfr. Num. 12,6­
za», si legga ns' invece di nsh) su di noi la luce del 8) ed è il contenuto della lode conclusiva di Deut.
tuo volto», cioè volgi verso noi il tuo volto splen­ 34,10.
dente, è la reazione al lamento del v. 7a. Una nota In Deut. 5,4 l’espressione sottolinea che gli
bellica si può invece cogliere in 'ór pànèka di Ps. ascoltatori del discorso di Mosè sono la genera­
44,4 («ha conquistato la vittoria per loro») in pa­ zione presente al Horeb («Jhwh ha parlato perso­
rallelo con «braccio» e «la tua destra». In Ps. 89, nalmente, pànim befànimt con voi»), con una con­
16 la presenza protettiva di Jhwh si mostra nelle traddizione col v. 5 che presuppone la mediazio­
espressioni parallele «camminare alla luce del tuo ne di Mosè. La contraddizione è nuovamente ri­
volto» e terù'à , quale riconoscimento della vitto­ presa e coi vv. 24-26 si vuole spiegarla e superar­
205 (v i,640) pànim (H. Simian-Yofre) (vi,64i) 206

la. Le promesse di Ezech. 20,40-44 sono condi­ la decisione del salmista ’et pànèkà ’àbaqqès (v.
zionate da un inevitabile giudizio pànim ’el pà- 8b) non esclude l’incertezza della concessione del­
nim (v. 35), il cui risultato sarà la ripulitura del po­ l’incontro (v. 9, ’al tastèr pànèkà), il timore di ve­
polo dai ribelli che abitano in seno a esso. nire «consegnato» ai nemici (v. 12), il dubbio (v.
2. biqqès (’ et-)pànìm significa presentarsi da­ 13, /«/<?’ ) di poter vedere la bontà di Dio. Alla cer­
vanti a una persona rivestita di autorità (1 Reg. tezza assoluta (vv. 1-4) di aver trovato nel tempio
10,24 // 2 Chron. 9,23, Salomone; Prov. 29,26, il (v. 4) protezione dai nemici segue (vv. 7-14) un
«potente») per imparare dalla sua sapienza o per realismo caratterizzato dalla paura.
guadagnarne il favore. Questo significato è pre­ In 2 Sam. 2 1,1 biqqès 'et-penè-jhwh difficil­
sente anche nell’espressione biqqès p'nè jhwh. mente significherà la consultazione di Jhwh me­
Jhwh promette di ascoltare il proprio popolo, di diante un oracolo personale (diversamente inten­
perdonarlo e di guarirlo se si umilia, prega, «cer­ de A.S. van der Woude, TH AT 11455). L ’uso con­
ca il mio volto» e si converte dai suoi sviamenti sueto di s 7 per esprimere la consultazione del­
(2 Chron. 7,14). biqqès pànim non esclude qui at­ l’oracolo (-» voi. I 1555) e il significato di bqs in
ti di culto, ma neanche li indica di per sé (diversa 1-2 Samuele (Garci'a de la Fuente 529) mostrano
l’interpretazione di Reindl 164-174). Il nesso con che si tratta di una supplica di David per il popo­
«questo luogo» (v. 15) si spiega con la trasposi­ lo, alla quale Jhwh risponde indicando la causa
zione nel tempio della visione di Salomone a Ga- del castigo (cfr. il significato simile di biqqès 'et
baon. hà'èlóhim: in 2 Sam. 12,16 David prega per [bf-
Neanche in Hos. 5,15 (ùbiqsùpànàj) si è in pre­ ‘ad] il figlioletto; anche Ex. 33,7; M. Gòrg, Zelt
senza di atti di culto (cui invece si allude al v. 6); der Begegnung, BBB 27, 1967, 158). Del resto è
si tratta invece dell’atteggiamento che Jhwh si at­ chiaro che quando si tratta dei rapporti con Jhwh
tende dal proprio popolo. Finché tale atteggia­ non è possibile distinguere tra la domanda circa
mento non è presente Jhwh rimane lontano, in ri­ la causa di una punizione - naturalmente non si
tiro nel suo «luogo», come un leone nella tana. sta parlando della domanda teorica di un osserva­
La ricerca fruttuosa di Jhwh presuppone il ravve­ tore neutrale - e la richiesta di attenuare o revo­
dimento (bqs U swb in Hos. 3,5; 7,10) e viene fa­ care la punizione.
vorita dalle difficoltà (5,15; cfr. Ps. 78,34 dove si 3. hè’ir pànim («far risplenderc il volto») ha 8
esprime il medesimo concetto con i verbi swb, drs volte Jhwh per soggetto e destinatario di una for­
e shr pi.). Quelli chc cercano il volto (bqs ptc. + ma volitiva. In Num. 6,iy, Ps. 67,2 (iussivo) si trat­
pànèkà) (del Dio) di Giacobbe (Ps. 24,6) sono una ta di richieste a favore del popolo o di un singolo,
determinata categoria di persone (dór) che hanno per ottenere la benedizione completa di Jhwh op­
mani immacolate e un cuore puro (v. 4) e ricer­ pure, in altri casi, per la fertilità del paese. Negli
cano (drs) la volontà di Jhwh. bqs e drs non sono altri sei casi il verbo è all’imp. In Ps. 3 1,17 (una
qui «termini tecnici per indicare il pellegrinaggio preghiera del giusto perseguitato piena di fiducia)
al tempio» (Kraus, BK xv/iJ, 346), bensì la sinte­ hà'irà pànèkà ‘al compare in rapporto immediato
si delle condizioni dell’atteggiamento interiore ri­ con liberare e salvare (nsl/js‘). «Fa’ splendere il
chiesto ai credenti se vogliono entrare nel tem­ tuo volto e noi saremo salvati» (Ps. 80,4.8.20) è un
pio. I verbi si riferiscono quindi a un momento ritornello ripetuto chc articola il salmo in tre par­
che precede il pellegrinaggio. «Cercare il volto di ti che si susseguono con drammaticità crescente,
Jhwh» è quindi un comandamento con validità e racchiude tutte le richieste: mostrati, soccorrici,
universale ed eterna. ristabiliscici, ritorna, guarda, punisci, proteggi, so­
baqq'su pànàjw tàmid // dtrsu jhwh (Ps. 105,4) stieni. In Ps. 119 ,135 con hà’èr pànim bc si rico­
fa riferimento a un atteggiamento fondamentale nosce l’incapacità dell’uomo a osservare i coman­
che include tutti gli aspetti del rapporto dell’uo­ damenti se Jhwh stesso non crea i presupposti
mo con Dio: conoscerlo (espresso con i verbi per tale ubbidienza (vv. 133 s.). In Dan. 9 Daniele
«meditare, ricercare, ricordare») e adorarlo («rin­ volge il viso verso Jhwh per pregare (v. 3): ammet­
graziare, invocare il suo nome, farlo conoscere, te la «vergogna sulla faccia» propria e del popolo
cantare, salmodiare, glorificare») (vv. 1-5). È com­ (vv. 7-8), confessa di non aver placato il volto di
prensibile che questo sia il salmo scelto per cele­ Jhwh (bilia pànim, v. 13) e implora Jhwh: w ehà-
brare il trasferimento dell’arca nella tenda del pat­ 'èr pànèkà sul tempio (v. 17). Le allusioni alla di­
to (1 Chron. 16,8-22, cfr. v. 11). Ma cercare non struzione di Gerusalemme e del tempio fanno ca­
significa ancora incontrare. In adempimento del pire che il contenuto della preghiera non è una ri­
comandamento baqqesu pànàj (Ps. 27,8a; testo?) velazione di Jhwh mistica o avvenuta durante il
207 (vi,642) panim (H. Simian-Yofre) (71,642) 208

culto, bensì la possibilità di ricostruire il paese e contesto di culto, ma non va confuso con la pre­
la sua vita. Lo splendore del volto di Jhwh è il se­ ghiera d’intercessione di Mosè per il popolo né
gno onnicomprensivo che Dio si rivolge verso con la preghiera dell’uomo di Dio per Geroboa­
l’uomo. Il volto «illuminato» dell’uomo che ac­ mo (hal-nà’... wajjitpallél, 1 Reg. 13,6), né con
coglie la sapienza (Eccl. 8,1) è un riflesso di que­ l’olocausto di Saul (1 Sam. 13,12), né con i sacri­
sta presenza benigna di Dio presso l’uomo (cfr. fici adatti richiesti dai sacerdoti (Mal. 1,9), né con
Ex. 34,29 s.). gli atti di penitenza di Manasse (wajjikkàna‘...
4. bilia (’et-)pànim (16 volte nell’A.T., + Ecclus wajjitpallél, 2 Chron. 33,12.13). Ier. 26,19; ^-ach
33 [3o],2od.22a secondo ms. E) si riferisce 3 volte 7,2; 8,21.22 non forniscono alcuna informazione
a pànim dell’uomo e 13 a pànim di Dio ( 11 volte circa la natura di hillà pànim. L ’ottava sezione
p'nè jhwh , p enè ’él [Mal. 1,9], in discorso diretto (het) di Ps. 119 induce a interpretare biffiti pànè-
rivolto a Jhwh [Ps. 119,58]). L ’etimologia incerta kà (v. 58) nel senso della certezza di aver ottenu­
di hlh non permette di essere sicuri del significato to il favore di Jhwh mediante l’osservanza delle
dell’espressione (-» hlh). A causa delle difficoltà sue leggi. Dan. 9,13 pone hillà pànim in parallelo
della transizione semantica da «debole, malato» a con la conversione dall’ingiustizia all’ubbidienza
«ammorbidire, ammansire», e dell’ulteriore diffi­ verso la voce di Jhwh. Soltanto la sequenza dei
coltà di considerare Jhwh soggetto passivo di una verbi di 2 Reg. 13,4 (waj'hal [Ioahaz] ... wajjis-
azione che comporta una certa dose di costrizio­ mal [Jhwh]) fa riferimento a un concreto gesto di
ne (segnalata dal pi.), K. Seybold collega hlh della preghiera. Nei restanti casi hillà p enè jhwh/’él
nostra espressione con hlh li ‘essere dolce, piace­ esprime ciò che la preghiera o l’atto di culto si
vole, gradevole’, una radice che in ebraico è pre­ ripromettono di ottenere, cioè il favore di Jhwh.
sente nelle forme nominali hàli/heljà (ZAW 88 5. nàsà’ pànim (di solito senza ’et, con l’ecce­
[1976] 4. T4). zione di Iob 42,9) ha un senso puramente fisico
Si hanno qui tre casi di uso profano. Ps. 45,13 in 2 Reg. 9,32 (Jehu alza la faccia per guardare) e
esprime l’augurio che la sposa del re riceva l’omag­ inoltre una nota emotiva in 2 Sam. 2,22 (alzare il
gio dei popoli, mentre in Iob 1 1,19 Sofar assicura viso verso qualcuno per guardarlo in faccia, star­
a Giobbe che molti lo onoreranno. Prov. 19,6 de­ gli di fronte); Giobbe alzerà il viso per pregare
scrive la tendenza dell’uomo all’adulazione: spin­ (Iob 22,26).
to dall’egoismo egli onora chi ha il potere o la nàsà’ pànim min significa girare, voltare la fac­
ricchezza (nàdib). cia via da (Mal. 1,9; lob 1 i,i 5; in quest’ultimo pas­
L ’espressione hillà p'nè jhwh viene impiegata so mùm significherà «ciò che è senza valore», cfr.
in quelle situazioni in cui ci si sforza di ottenere Deut. 32,5). Nei restanti esempi nàsà’ pànim ha
il favore divino per allontanare l’esecuzione di una un senso traslato. Positivamente significa avere ri­
punizione che è stata decretata. (Ex. 32,11; Ier. 16, guardo per, fare attenzione, badare (così nell’au­
19; reazione di Jhwh nei due casi: wajjinnàhem gurio di Num. 6,26: jissà’ jhwh pànàjw ’élèkà) e
jhwh 'al/’el hàrà'à, Ex. 32,14; «E Jhwh si pentì concretamente scusare, perdonare (Gen. 32,21),
del male...», Ier. 26,19), Per ottenere aiuto nel pe­ accogliere una richiesta (Gen. 19,21; j Sam. 25,
ricolo (/ Sam. 13,12) o per evitare le conseguenze 35) o accettare un’offerta (Mal. 1,8). Al contrario
di una punizione (1 Reg. 13 ,6;2 Reg. 13,4; 2 Chron. di ciò, il nemico non rispetta i vecchi (Deut. 28,
50) né i sacerdoti (Lam. 4,16). In questi passi (fat­
33,I2)‘ . .
Soggetto di hillà pànim sono persone impor­ ta eccezione per Num. 6,26) pànim indica la per­
tanti: capi carismatici (Mosè e Samuele), re (Eze­ sona che riceve il favore. Soggetto di ns’ è colui
chia, Ioahaz e Manasse), un anonimo «uomo di che fa il favore o la buona azione. Sembra che
Dio». Tuttavia in testi più recenti i soggetti di non ci sia alcuna differenza tra nàsà’ pànim l e - la
hillà si moltiplicano: inviati di Betel che vogliono traduzione «sorridere» (Grube 253 s.) non sem­
avere una risposta circa la festa (Zach. 7,2); popo­ bra poggiare su argomenti soddisfacenti - e nàsà’
li non israelitici che si uniscono a Israele l'hallòt p'nè N N .
’et-p'nè jhwh - dove il tutto, come sembra di ca­ Il beneficiato può essere anche diverso dal sog­
pire anche dal parallelo biqqès jhwh, ha l’aria di getto di pànim. Jhwh dimostra a Giobbe il pro­
ridursi alla visita del tempio (Zach. 8,21.22); sa­ prio favore perdonando i suoi «amici» (Iob 42,
cerdoti che vengono ammoniti da Jhwh a com­ 8.9) ed Eliseo dimostra il proprio favore al re di
piere in maniera adeguata i compiti cultuali di lo­ Giuda prestando attenzione al re d’Israele (2 Reg.
ro competenza (Mal. 1,9). 3>T4)- ^
hillà p'nè jh w h j’èl compare frequentemente in Negativamente nasa’ panim significa «favorire
209 (vi >643) pànim (H. Simian-Yofre) (v i,6 4 4 ) 2 1 0

qualcuno ingiustamente», soprattutto in tribuna­ 7a l’espressione è usata in senso generico come


le {Lev. 1 9 , 1 5 ; Ps. 82,2; Prov. 18,5). Jhwh è il mo­
parte o introduzione dei castighi predetti. Quan­
dello della giustizia imparziale che non favorisce do il soggetto di ntn pànim non è Jhwh, la locu­
nessuno e che non si fa corrompere (Deut. 10,17; zione esprime un movimento fisico («chinare la
lob 3 4 , 1 9 ) , un modello cui non si adeguano, faccia verso terra», Dan. 10,15) 0 metaforico che
nell’uso della Torà, i sacerdoti biasimati in Mal. deriva direttamente dal senso proprio («volgersi
2,9. Giobbe accusa gli amici di parteggiare ingiu­ al Signore», Dan. 9,3). In 2 Chron. 20,3 ntn pànim
stamente per Jhwh nella disputa (lob 13,8), ma ha l e + inf. cs. non indica un movimento fisico (ad
fiducia che Jhwh li punirà perché essi in segreto es. recarsi al tempio), ma la decisione di consulta­
prendono le sue parti (13,10). Elihu dichiara di es­ re Jhwh (drs). In Ezech. 3,8 il soggetto di ntn e il
sere imparziale nella disputa (lob 32,21). ns’ p enè proprietario di pànim non coincidono: Jhwh «ren­
kol-kófer (Prov. 6,35) è un caso eccezionale per­ de» la faccia del profeta dura verso i suoi nemici.
ché il nomen rectum è un oggetto e non una per­ sim pànim be con Jhwh per soggetto compare in
sona. La lezione ns'’ pànèkà lekófer è più verosi­ parallelo con ntn pànim be col medesimo signifi­
mile, sintatticamente identica a Gen. 19,21. Il ma­ cato in Lev. 20,5 (cfr. v. 3) ed Ezech. I5,i7b. Ier.
rito ingannato non accoglierà urbanamente il se­ 21,10 e 44,11 aggiungono alla formula lerà'à, ma
duttore, neanche se gli offre un sostanzioso risar­ mantengono per esprimere la punizione «abban­
cimento in denaro. Questa lezione concorda con donare» o «estirpare», sim pànim be significa che
l’ammonimento alla 2a pers. sing. (v. 3 5b). Jhwh ha preso la decisione di punire («ho rivolto
la mia faccia contro») distinguendosi così dalla
M. Dahood (Bibl 51 [1970] 399) legge pnj con la
jod della 3* sing. e traduce: «Nessun dono, di qua­ forma concreta della pena prestabilita.
lunque genere possa essere, potrà mai placarlo». Per Quando Jhwh non è il soggetto, si hanno due
la medesima ragione traduce lob 41,2: «Chi potrà possibilità: sim pànim è usato in senso proprio (1
mai tenergli testa?». Reg. 18,42, mettere la testa tra i ginocchi) o in sen­
so traslato: volgere la faccia, cioè indirizzare l’in­
I significati dell’espressione verbale ns’ pànim
tenzione in una determinata direzione, decidersi
si rispecchiano nell’espressione nominale nesù’
a: sim pànim le + inf. cs. Asael si decise a muove­
pànim. In senso positivo si tratta di un’espressio­
re contro Gerusalemme (2 Reg. 12,18). Ier. 42,14­
ne che allude alle qualità di colui che per i propri
1 5 distingue nettamente tra il desiderio inganne­
meriti ha ottenuto il favore del re (Naaman, 2
vole di andare in Egitto, il proposito di mettersi
Reg. 5,1). In senso neutro («dignitario») compare
in cammino (som tesimun p enèkem, v. 15) e il fat­
in Is. 3,3. Il parallelismo con «profeta che insegna
to dell’arrivo. Simile è Ier. 44,12. In Dan. 11,17
menzogne» (Is. 9,14) e con «uomo violento» (lob
«il re del nord» stabilisce di porre tutto il regno
22,8) suggerisce per nesu’ pànim in entrambi i te­
sotto il proprio potere; 1 Reg. 2 ,1 5 (sim pànim 'al)
sti un senso peggiorativo: un uomo che è arrivato
esprime la presunta volontà popolare - non la
a una posizione particolare con dei raggiri.
decisione, che non gli spetta - di spingere Adonia
hdr pànim (-» voi. n 388) ha senso positivo in a salire sul trono. Da questa espressione potreb­
Lev. 19,32; Lam. 5,12 (nif.) (onorare il volto di un bero dipendere le forme ellittiche derek hènnà
vecchio) e senso negativo in parallelo con ns’ pà­ p enèhem (Ier. 50,5: «La via che porta lì è il loro
nim (favorire in maniera illegittima): là’ tebdar traguardo») cpànàjw lammilhàmà (2 Chron. 32,
p enè gàdól «non prendere le parti di chi è impor­ 2: «Intendeva attaccar battaglia...»).
tante», Lev. 19,15.
6. ntn (’et) pànàj £ eN N («volgerò il mio volto L ’uso di sim pànim con l’accusativo della direzio­
contro N N ») sembra un modo di dire tipizzato ne in Gen. 31,21 (Giacobbe «si volge» verso le mon­
con soggetto Jhwh. La locuzione si colloca tra la tagne di Galaad) e la sua presenza insieme con verbi
formula ’is ’is mibbenè/mibbèt jisrà’él ’àser, che di moto in Ier. 42,17; 44,12; 2 Reg. 12,18; Dan. 11,17
introduce un caso, e la condanna che viene pro­ (làbó’ è qui elemento di un particolare sintagma, non
nunciata mediante la formula di sterminio «lo/la verbo di moto) ha spinto W.H. Brownlee a postula­
estirperò da mezzo al suo popolo». In H ntn pà­ re per sjm/s'wmpànèkà’el/'al in Ezech. 6,2; 13,17; 21,
2 (derek)-7\ 25,2; 28,21; 29,2; 35,2; 38,2 la natura di
nàj be condanna l’uso di mangiare sangue (Lev. formula relativa a viaggi. Ezechiele avrebbe effetti­
17,10), il sacrificio dei bambini (Lev. 20,3) e la vamente attraversato, insieme con un gruppo di fug­
consultazione di indovini (Lev. 20,6); in Ezech. giaschi da Gerusalemme, Israele, la Transgiordania,
14,8 anche la consultazione di un profeta se ci si è la Fenicia e l’Egitto. Gli oracoli contro Magog sareb­
macchiati di idolatria. In Lev. 26,17 ed Ezech. 15, bero una testimonianza della sua presenza a Babilo­
z ì i (vi,645) pànim (H. Simian-Yofre) ( v i,646) 2 1 2

nia, cui essi alludono in maniera velata. L ’ipotesi ha gro è coperto di rovi [pu.], Prov. 24,31) o in sen­
una base lessicografica dubbia, presuppone molte so traslato: coprirsi di vergogna (Ier. 51,51 [pi ]),
correzioni e spostamenti nel testo e una concezione di onta (Ps. 44,16), di confusione (Ps. 69,8), di te­
iperrealistica dell’attività di Ezechiele. Probabilmen­ nebra (lob 23,17). In lob 9,24 è Jhwh stesso che
te l'espressione vuole semplicemente mettere in evi­
copre (annebbia) il volto dei giudici così da ren­
denza il destinatario del messaggio con una formula­
zione plastica e arcaicizzante, che dovrebbe far ricor­ derli insensibili all’ingiustizia.
dare l’importanza del contatto visivo tra il profeta e histir ('et-)pànim (min) «nascondere il volto»
il destinatario del suo messaggio (cfr. Num. 22,41; (29 volte + 4 nei libri deuterocanonici) ha solo 3
23,13; 24,2). volte un soggetto diverso da Jhwh. Mosè si copre
il volto alla presenza di Jhwh (Ex. 3,6); il servo
In Js. 50,7 non si tratta della formulazione ti­ non nasconde il volto davanti al disonore (Is. 50,
pizzata sim pànim di cui abbiamo parlato: qui sim 6); la gente si copre il volto davanti al servo per
significa «rendere, cambiare in». non doverlo guardare (Is. 53,3). Il gesto significa
7. sbb {hif.) pànim (9 volte) significa «girare la fare attenzione, essere prudenti davanti a persone
faccia», volgersi fisicamente verso qualcuno (Iud. o cose che sono pericolose o suscitano ribrezzo.
18,23) con un gesto positivo, ad es. per benedire Quando Jhwh nasconde il volto (spesso con
(/ Reg. 8,14 = 2 Chron. 6,3) oppure, al contrario, min + persone) non si tratta soltanto di una puni­
«girare, distogliere il viso» (min) con un gesto di zione, ma significa una rottura radicale dei rap­
disappunto, irritazione (/ Reg. 21,4), tristezza o porti tra Dio e uomo. La «casa di Giacobbe» che
disperazione (2 Reg. 20,2 = Is. 38,2), disprezzo (2 ha disprezzato i segni di Dio deve affrontare la
Chron. 29,6) o sfida (2 Chron. 35,22). Soltanto in storia mentre Dio nasconde il volto e tace (Is. 8,
Ezech. 7,22 Jhwh è soggetto di héséb pànim. 17). Le punizioni menzionate in Ezech. 39,23.24
Quando gira il volto da un’altra parte significa sono poste nella cornice della duplice menzione
che non sostiene più il proprio popolo e lascia al del nascondimento del volto di Dio, senza che ciò
nemico mano libera per profanare il tempio. Un sia identificato col castigo. Alla base del testo c’è
significato simile ha hèsir pànim (2 Chron. 30,9). la sequenza (anche in Is. 59,2) colpa - nascondi­
Ezechia si dichiara fiducioso che Jhwh non disto­ mento del volto - punizione. Quando Jhwh na­
glierà il viso se Israele tornerà ravveduto a lui. Qui sconde il volto il peccatore si abbandona all’in­
swr h if sembra aver soppiantato il più comune gannevole sicurezza di cavarsela senza essere pu­
histir per ragioni puramente linguistiche (Balen­ nito (Ps. to, 11), i profeti non sono in grado di am­
ane 109). In questo caso un’allusione all’«allonta- maestrare il popolo (Mich. 3,4) e il popolo stesso
namento di idoli» e alla contrapposizione con diventa incapace di invocare il nome di Jhwh ed è
Jhwh derivante dall’idolatria (Reindl 123) non è quindi abbandonato al potere della propria colpa
un aspetto primario. (Is. 64,6). Nascondere il volto è la reazione estre­
hésib pànim (circa 10 volte nell’A.T.) mostra ma di Jhwh che precede il divampare della sua ira
un senso proprio positivo («volgersi a, dirigersi e l’«abbandono» (Deut. 31,17 -18 ; cfr. 32,20; Ier.
verso», Dan. 11,18 .19 ) o uno traslato negativo 33. 5)-
(«tenersi lontano [dalla malvagità]», Ezech. 14,6) Il rapporto tra Dio e l’uomo è imponderabile
quando il soggetto del verbo coincide col posses­ (lob 34,29) e non dipende necessariamente dalla
sore di pànim. Se così non è, hésib pànim ha un giustizia o dalla peccaminosità dell’uomo. Sebbe­
senso negativo tanto proprio («far arretrare, re­ ne il giusto sia certo che Jhwh non nasconde il
spingere, toglier di mezzo», 2 Reg. 18,24 = Is. 36, volto davanti al povero (Ps. 22,25), pure constata
9) quanto traslato («respingere, rifiutare, nega­ che il volto di Dio si cela a lui stesso per ragioni
re»), che si tratti di una richiesta concreta (/ Reg. misteriose. Il salmista chiede angosciato «perché»
2,16.17.20) o nel caso della sottomissione totale e «per quanto tempo» è stato incomprensibil­
di una persona (il re: Ps. 132,10 = 2 Chron. 6,42), mente abbandonato da Jhwh (Ps. 13,2; 44,25;
Naturalmente il significato dipende dall’espres­ 88,15) c dà voce alle sue sensazioni con l’invoca­
sione/ww/ (= «la mia faccia, io») o perzé-NN («il zione «non nascondere il tuo volto!» (Ps. 27,9;
volto di NN»). 69,18; 102,3; 143,7): «Ascoltami, rispondimi, non
8. «Coprirsi il volto» (ksh pànim, circa 11 vol­ abbandonarmi, non respingermi, non dimenticar­
te, cfr. anche sopra, ni.4.a) compare in senso pro­ mi, stammi vicino, riscattami, liberami». La pos­
prio («coprirsi il volto» [pi] con un velo, Gen. sibilità che Jhwh nasconda il suo volto getta il
38,15; Ezech. 12,6; con le ali: Is. 6,2; col grasso, salmista nel panico (Ps. 30,8) perché sa che anche
cioè diventare grasso: lob 15,27; il campo del pi­ le creature più straordinarie ritornano a essere
213 (vi»647) pànìm (H . Sim ian-Yofre) (v i,6 4 8 ) 2 1 4

polvere se Jhwh cela il suo volto (Ps. 104,29) e h» ogni israelita maschio] non dovrà vedere il volto
stesso, lontano dal volto di Dio, dovrà scendere di Jhwh a mani vuote») Deut. 16,16 chiude le nor­
nella fossa (Ps. 143,7). me sulle feste. Ex. 23,17; 34,23; Deut. i6,i6a sta­
La domanda «fino a quando?» e anche la pre­ biliscono tutti, con una formulazione praticamen­
ghiera «non nascondere il tuo volto» ricorrono te identica, l’obbligo per ogni uomo d’Israele di
frequentemente insieme nei Salmi. Che ciò non recarsi tre volte l’anno nel tempio («per vedere il
avvenga nel contesto di una confessione di colpa, volto di Jhwh»). Le analogie tra questa norma e
bensì in affermazioni della fedeltà di Jhwh nono­ la descrizione delle tre feste più importanti sugge­
stante le persecuzioni che il salmista subisce a riscono che si tratti di un tempio centrale, quello
opera dei nemici (cfr. Ps. 44,18-23; 69,19; 143,9b), nazionale.
rivela la consapevolezza del salmista riguardo al- De ut. 16,16 identifica il tempio con il tempio di
l’imprevedibilità del rapporto con Jhwh. Gerusalemme. Anche Ex. 34,24 pensa a un tem­
«Non nascondere più il proprio volto» (Ezech. pio centrale lontano, quando nota che «nessuno
39,29) è la sintesi di tutte le promesse di Jhwh c dovrà desiderare il tuo terreno mentre tu sali tre
pone fine a una separazione di breve durata tra volte l’anno per vedere il volto di Jhwh». Deut.
Jhwh e il suo popolo (Is. 54,8). Se Jhwh non cela 3 1 ,11 prevede la proclamazione della legge ogni
il volto, l’uomo ha una chiara visione del proprio sette anni al cospetto di tutto il popolo che è giun­
peccato (Iob 13,24). Allora Jhwh può «nasconde­ to al tempio (di Gerusalemme) in occasione della
re la faccia» dal peccato dell’uomo (Ps. 5 1,11) e festa delle Capanne per «contemplare il volto di
questi ne viene liberato. Nei testi più recenti si co­ Jhwh».
glie la certezza che Jhwh non nasconderà il volto Al di fuori del contesto delle norme liturgiche
a colui che agisce secondo verità con tutto il cuo­ rà’à (’et-)penè jhwh compare solo 4 volte. In Is.
re (Tob. 13,6); si devono ricordare anche la pre­ 1,12 (una requisitoria riguardo alla pratica del cul­
ghiera di Tobit a Jhwh (3,6) e il suo avvertimento to senza giustizia, w . 10 e 17) il rapporto tra «ve­
a Tobia (4,7) a non girare mai la faccia a Dio o al dere il volto di Jhwh» e la presenza nel tempio è
povero, affinché Jhwh non distolga a sua volta il sottolineato al v. 12 dalla menzione degli «atri»;
viso da lui. Ecclus 18,24 esorta a ricordarsi del gior­ in 1 Sam. 1,22 dalla conclusione del versetto « vi
no dell’ira, quando Jhwh volgerà altrove il volto. abiterà». La necessità dello scambio tra qal e nif.
9. Riferita a un uomo l’espressione rà’à (’et/'el) qui non è evidente, ma la costruzione con ’el fa
pànìm ha tre significati: vedere effettivamente il propendere per una forma attiva. Ps. 42,3 esprime
volto di qualcuno (Gen. 31,2.5; Ex. 34,35; Dan. l’intensa nostalgia di vedere il volto di Jhwh che
i,io); incontrare qualcuno (vedere, Gen. 32,21; in altri testi manca. L ’aspetto del culto è presente
33,10; 46,30; 48,11); avere accesso, a certe condi­ nel ricordo del tempio (v. 5), nella certezza di ap­
zioni (Gen. 43,3.5; 44,23.26; Ex. 10,28.29; 2 parire davanti all’altare di Dio (Ps. 43,4) e nella
3,13) o liberamente (2 Sam. 14,24.28.32), presso lode liturgica (jdh). In Iob 33,26 rsh e teru'à allu­
una persona altolocata (Giuseppe, il faraone, il re). dono a un contesto liturgico per «vedere il suo
I testi del terzo gruppo esprimono un divieto d’in­ volto». Quando Jhwh non mostra il viso, ma le
contro. ró’è p ené hammelek è il titolo di funzio­ spalle (Ier. 18 ,17 , r ^ vocalizzato come hif), il suo
nari che hanno libero accesso al re e sono elencati comportamento è una risposta al popolo (Ier. 1,
(2 Reg. 25,19 // Ier. 52,25) insieme con sàris, pà- 27) ed egli nega così qualsiasi possibile aiuto.
qid e sófèr (cfr. anche Esth. 1,14). hdzà p enè jhwh compare solo in due salmi nei
Nella maggior parte dei testi dell’A.T. in cui quali è difficile determinare l’importanza dell’ele­
ricorre, rà'à (’ et/’el) p enè jhwh (qal, spesso rivo­ mento cultuale. Sembra che il giusto perseguitato
calizzato come n if, cfr. la disamina in Reindl 147 di Ps. 1 1 cerchi rifugio nel tempio (vv. iap.4). A l­
s.) è un’espressione tecnica per indicare l’incon­ la sua richiesta di punire il nemico (al riparo del
tro nel culto con la divinità. Ciascuno dei tre ca­ tempio?) (v. 6) fa riscontro la certezza che i giusti
lendari liturgici (Ex. 23,14-19 nel libro del patto; vedranno il volto di Dio (jàsàr jehézu pànàjw
Ex. 34,18-26 nel privilegio di Jhwh; Deut. 16 ,1-17 [per panèmó], v. 7). L ’interpretazione di Ps. 17,15,
nella versione deut. della suddetta legge) menzio­ «In giustizia vedrò il tuo volto», risulta comples­
na due volte l’espressione. Dopo aver esposto le sa a causa dello stico parallelo «al risveglio (bebà~
norme relative alla festa degli azzimi, Ex. 23,15; qìs) mi sazierò della tua figura (temunà)» (v. 1 5b).
34,20 dicono, con formulazione identica, «e non Entrambi i termini danno l’impressione di essere
dovranno vedere il mio volto a mani vuote». Con «concetti cifrati del gergo liturgico» (H.F. Fuhs,
una formulazione lievemente diversa («ed egli [= Sehen und Schauen, FzB 32, 1978, 273). La pre­
21 S (VI,649 ) panim (H. Simian-Yofre) (vi,6 50) 216

senza di hàzà invece di rà'à non è un argomento sfruttabili dal linguaggio che sono attestate in di­
sufficiente per escludere la teofania cultuale, a me­ verse espressioni idiomatiche: più che la loro evi­
no che non si voglia rischiare una petitio principii. dente presenza, sarebbe certo necessario spiegare
Tuttavia non si può negare che in entrambi i sal­ una loro eventuale mancanza.
mi questa espressione dichiari al tempo stesso E dunque opportuno riprendere e completare
«l’esperienza della grazia di Dio che ha guardato, l’osservazione di Reindl (198 ss.), che le espres­
liberato e salvato» (Fuhs 274). sioni con pànim (non solo quelle con p cnè jhwh)
non rappresentano propriamente un concetto
v. Uno studio di pànim basato su categorie se­ bensì un modo di dire, insomma una locuzione.
mantiche sintattiche piuttosto che direttamente su pànim non si è sviluppato fino a trasformarsi in
categorie tematiche consente di confermare qual­ un termine teologico o antropologico preciso, poi
che conclusione sul suo significato, quale è stato ripreso per formare diverse locuzioni per mezzo
portato alla luce con sempre maggior chiarezza di verbi o di preposizioni, pànim «volto», con le
dalle indagini precedenti. Non si può stabilire al­ sue molteplici possibili sfumature, può essere usa­
cuna dipendenza diretta delle locuzioni bibliche to, ed è stato usato, in molte espressioni il cui si­
dalle espressioni analoghe dell’Oriente antico per gnificato, tuttavia, non dipende esclusivamente o
quel che riguarda il significato o il Sitz im Leben. primariamente da un ipotetico senso tecnico (ad
Alcune di queste espressioni orientali sono state es. teologico) ottenuto mediante pànim, bensì dal­
riprese a livello linguistico, ma il loro significato l’espressione nel suo complesso, dall’intera unità
può essere determinato unicamente in base all’ef­ linguistica, tenendo ovviamente sempre conto, per
fettivo contesto dell’A.T. Sarà così impossibile il significato, del contesto. Così si spiega come al­
collegare locuzioni con pànim con presunti riti cune espressioni (ad es. nàsà ’ pànim, sbb pànim)
sui quali l’A.T. non fornisce informazioni di al­ non si siano consolidate come espressioni idioma­
cun genere, ad es. quando si vuole interpretare hil- tiche in senso univoco, ma sia stato possibile usar­
là pànim come carezze date al volto di un simula­ le in senso proprio e traslato, positivo e negativo.
cro divino; lo stesso vale quando si vuole spiega­ Soltanto due locuzioni con pànim hanno acqui­
re la locuzione «coprire il volto di grasso» (Iob sito un significato tecnico relativo al culto: rà'à
15,27) con un rituale di tipo cosmetico, oppure si (’ et-)pcnè jhwh (andare al tempio) e la locuzione
vuole collegare rà’à pànim con la contemplazio­ prepositiva lifnè jhwh (v. sotto, vi.i.b), per quali­
ne di un’immagine, nàsà' pànim con un gesto di ficare teologicamente la maggior parte degli atti
grazia giudiziaria, «la luce del volto» con il culto di culto (ma non solo questi) che in qualche mo­
di divinità astrali. Tutti questi tentativi hanno in­ do vengono compiuti alla presenza di Jhwh. Non
contrato fredda accoglienza o addirittura un net­ è impossibile che il culto reso alle immagini nel­
to rifiuto. In ultima analisi, quindi, risulta assolu­ l’Oriente antico abbia avuto un’influenza sulla ge­
tamente sterile una discussione sulla possibile ori­ nesi delle due locuzioni. Ma è anche probabile che
gine della fraseologia in esame (profanazione di possibilità e uso del termine pànim per denotare i
un termine di culto o elevazione nella sfera del rapporti interpersonali abbiano contribuito an-
culto e della teologia di una terminologia profa­ ch’essi allo sviluppo delle due locuzioni.
na) che parta da una ben determinata suddivisio­ pànim come organo espressivo più forte della
ne in categorie senza tener conto del normale pro­ mano e più ampio dello sguardo - che pànim in
cesso di sviluppo linguistico. Con ogni probabili­ qualche modo include, senza tuttavia identificar-
tà le locuzioni con pànim derivano dalle moltepli­ visi completamente - era inoltre adatto a rappre­
ci possibilità semantiche connaturate nella parola sentare, per sineddoche, l’intera persona umana.
stessa. Dato che il volto è quella parte del corpo Accade proprio questo quando pànim è il sogget­
umano, quindi dell’uomo, che meglio è in grado to nelle locuzioni trattate sopra (m.4.d) e in alcu­
di manifestare espressioni differenziate, è ovvia­ ni significati di quelle considerate nella sezione
mente logico che il linguaggio abbia preso il ter­ ìv. Per la sua capacità di esprimere sentimenti e
mine pànim come punto di partenza per numero­ reazioni, pànim denota il soggetto in quanto si
si modi di dire riguardanti i rapporti interperso­ volge verso altri (pnh ), cioè in quanto è il sogget­
nali e quelli tra l’uomo e Dio. Nascondere, mo­ to di rapporti, pànim è un termine relazionale, che
strare, girare da una parte o nell’altra, alzare, ab­ descrive quindi relazioni. Il rapporto diventa sin­
bassare, coprire, indurire, far diventare soave o tatticamente esplicito quando il soggetto del ver­
scuro o luminoso il viso sono tutte espressioni bo non coincide col soggetto di pànim. Quando i
naturali del comportamento e quindi possibilità due soggetti coincidono si ha un marcatore sin­
2 17 (vi,651) pàn im (H . Sim ian-Yofre) (vi,6 5 2) 218

tattico che esprime il rapporto (ad es. il volto si media tra il pericolo di una concezione reificante
nasconde da [min] NN ), oppure la medesima fun­ della divinità mediante immagini, che l’A.T. re­
zione è svolta dal contesto immediato (Ex. 33). Il spinge sistematicamente, e il pericolo di un nomi­
rapporto include la presenza contemporanea del­ nalismo che riduce la presenza divina a un’astra­
le due parti e l’azionc di almeno una di loro. La zione. Ex. 33 testimonia le difficoltà d’ inserire pà­
presenza fìsica include la ricerca (biqqès pànim), nim nel sistema teologico d’Israele, mentre Ps. x7,
atteggiamenti generici (vedere, osservare, trovarsi 15 (pànim U temunà) documenta la sua utilità teo­
alla presenza di qualcuno, servire) o particolari, logica per conciliare le varie concezioni. Finora
positivi (placare, favorire giustamente o ingiusta­ non si è riusciti a offrire argomenti convincenti
mente, cercare od ottenere benevolenza) o nega­ per considerare pànim un’ipostasi (cfr. invece G.
tivi (opporre, negare, respingere) e infine persino Pfeifer, Ursprung und Wesen der Hypostasenvor-
il rifiuto delPincontro. Le possibilità semantiche stellungen im Judentum, AzTh 1/31, 1967, 69 che
di pànim permettono al termine di essere usato considera pànim una forma di manifestazione di
anche per Jhwh. pànim non rappresenta un antro­ Dio quando guida il popolo, collegata in qualche
pomorfismo più crudo di nessuno degli altri usati maniera con oggetti di culto, e i commenti critici
comunemente nella sfera teologica, né presuppo­ di A.S. van der Woude, TH AT 11 448. 956), né
ne alcun particolare adattamento di tipo tecnico sembra che una tesi del genere sia sostenibile sul­
teologico. Usato per Jhwh pànim significa né più la base del materiale presente nell’A.T.
né meno di quello che significa quando è usato
per esseri umani. Gli elementi semantici costitu­ vi. Lo st. costr. p enè serve a formare numerose
tivi di pànim che lo rendono adatto per parlare di locuzioni preposizionali.
Jhwh sono gli stessi che valgono nel caso di un i.a) I diversi significati di lifnè risultano dal­
uomo: indica la presenza reale e personale, deno­ l’unione di l e con pànim nel significato «presen­
ta rapporto e incontro (o il rifiuto di questo). Tut­ za» e dal significato del verbo che accompagna la
ti i rapporti fondamentali tra Dio e l'uomo pos­ preposizione. Nel senso di stato in luogo lifnè si­
sono essere descritti mediante pànim e le relative gnifica «davanti» con verbi come hnh, jsb hitp.,
locuzioni. Tuttavia non sembra consigliabile sup­ ‘md (Gen. 41,46; 43,15; Ex. 8,16; 9,13; 14,2) op­
porre nella locuzione p enè jhwh in sé un aspetto pure con verbi che descrivono un'attività svolta
di una particolare presenza o di un particolare in presenza di qualcuno (Ex. 11,10).
rapporto di Jhwh con l’uomo, ad es. una presen­ In senso di moto a luogo lifnè introduce la per­
za mediata in antitesi con una immediata, una sona o la cosa alla cui presenza un movimento
presenza punitiva (‘et pànèkà in Ps. 21,10 è il giunge a conclusione, così con verbi come ntn (Ex.
«tempo della presenza», quando Jhwh si rivelerà; 30,6), *md hif. (Lev. 27,8), qrb hif. (Ex. 29,10), sjm
l'aspetto punitivo risulta dalla totalità del verset­ (Ex. 40,26). «Davanti» segnala anche il rapporto
to, cfr. vv. 9 -11) contrapposta a una presenza con­ tra due persone in movimento delle quali una pre­
solatrice. cede l'altra: Gen. 24,7 (slh); Ex. 13,21 (hlk); Deut.
9,3 (‘br, cfr. v. 1); / Sam. 10,8 (jrd); cfr. anche 1
U na resa con «ira» per testi com e Ps. 9,4; 3 4 ,17 : Sam. 8,11 (rws).
8 0 ,17 ; Eccl. 4 ,16 e il ricordato Ps. 2 1 , 1 0 (cfr. W .F .
Il significato locale, statico e dinamico, di lifnè
A lbrigh t, Yahweh and thè Gods of Canaan, L o n d o n
assume altre sfumature secondo i verbi e le circo­
19 6 8, 1 1 7 e M . D ahood, Bibl 51 [19 7 0 ] 399; diversa­
mente invece F .J. M o rro w , Jr ., V T 18 U 9 6 8J 558 s.)
stanze, arrivando così a valori nei quali la presen­
può essere adeguata in un caso concreto, ma usarla za fisica «davanti» non è più un elemento centra­
sistematicamente vorrebbe dire perdere facilmente le, ma soltanto una possibile circostanza collate­
di vista le complesse e ricche sfumature di pànim. rale. ‘md lifnè (Gen. 41,46; 43,15; Ex. 9,10; 1 Sam.
16,22; 1 Reg. 10,8; 2 Chron. 29 ,11; con ’et-penè 1
Quando pànim esprime presenza mira a sotto­ Reg. 12,6) o hjh lifnè (1 Sam. 19,7; 29,8; 2 Reg.
lineare l'aspetto positivo del rapporto interperso­ 5,2) significa, quando si tratta del re o di un’altra
nale. L ’aspetto negativo del rapporto e espresso persona importante, «essere al servizio di». Tale
mediante l’allontanamento da pànim. Un’ecce­ significato deriva dalla differenza in una scala ge­
zione è rappresentata da nàtan pànim be. sim pà­ rarchica di persone che si trovano in un rapporto
nim ’e lfa l si colora di negatività solo per l’oraco­ tra di loro. In contesto militare jsb (hitp.) lifnè
lo che la locuzione introduce. (Deut. 9,2), ‘md lifnè (Iud. 2,14), qwm lifnè (Lev.
Riferito a Jhw h ,pànim è quindi un termine ric­ 26,37; I ° s- 7>I2>I3) significano «tener testa a, resi­
co di contenuto che assume una posizione inter­ stere a», js’ lifnè significa «alla testa di» (1 Sam.
215>(vi,6j2) panìm (H. Simian-Yofrc) (vi,653) 220

8,20) o «uscire, mettersi in marcia contro qualcu­ Entrambi i testi ripetono lifnè e introducono un
no» (1 Chron. 14,8; 2 Chron. 14,9). nws lifnè si­ altro soggetto agente della sconfitta (il popolo,
gnifica «fuggire davanti a» (Ios. 7,4; 2 Sam. 24,13; l’esercito) chc collabora con Jhwh. Il significato
cfr. anche pnh lifnè in lud. 20,42). npl lifnè signi­ locale dinamico, nel quale entrambi i termini so­
fica «cadere davanti» (/ Sam. 14,1352 Sam. 3,34). no in movimento (uno che precede, lifnè, e uno
ngp (nif.) lifnè vale «essere battuti, sconfitti (da che segue), potrebbe ricorrere in senso proprio in
nemici)» (Lev. 26,17; 1 Sam. 4,2; 7,10; 2 Sam. 10, Ios. 4,13: 40000 armati procedono/avanzano (ol­
15). s'jm lifnè può significare «esporre» (la legge tre il Giordano) lifnè jhwh. Ma l’immagine sem­
al popolo, Ex. 19,7; 21,1). bra indicare piuttosto l’attraversamento del Gior­
lifnè può indicare che la persona al cui cospet­ dano alla vigile presenza di Jhwh. In Ios. 6,8 cbr
to qualcosa succede ha una dignità particolare (2 non si riferisce a lifnè jhwh. I sacerdoti portano
Sam. 2,14), un compito di controllo (1 Sam. 3,1), le trombe lifne jhwh (precedendolo o in sua pre­
la possibilità (Eccl. 9,1) o il diritto di giudicare in senza?). In senso figurato, quando si rivela Jhwh
una data situazione (Deut. 25,2; Esth. 5,14). ’kl è preceduto da tempesta (/ Reg. 19 ,11), peste
lifnè (2 Reg. 25,29) significa «essere ammesso alla (Abac. 3,5), fuoco (Ps. 50,3; 97,3), giustizia (Ps.
mensa del vincitore», cioè «essere stato graziato». 85,149, un «messaggero» (Mal. 3,1), la sua «ri­
hlk (hitp.) lifnè (1 Sam. 12,2) significa «agire in compensa» (Is. 40,10 // 62,11). «Onore e maestà»
una maniera tale davanti a qualcuno (Jhwh, il (Ps. 96,6 // 1 Chron. 16,27) e la sapienza (Prov.
popolo)» da essere sicuri del giudizio positivo di 8.30) sono lifnè jhwh come suoi servitori.
costui. Questo significato si avvicina molto a In senso locale statico stanno davanti a Jhwh
«secondo il giudizio di», «a parere di», «secondo Abramo (Gen. 18,22 [19,27, ’ef-pW ]), il popolo
(l’opinione di) qualcuno» (/ Sam. 20,1; 2 Reg. 5, (Deut. 4,10; 1 Sam. 6,20), un membro della corte
1), ma non sottolinea il diritto a giudicare. In celeste (1 Reg. 22,21 // 2 Chron. 18,20). Quando
espressioni come «concedere/ottenere misericor­ Mosè «parla a Jhwh» (dbr, ’mr) il testo usa una
dia, favore, grazia» (Gen. 43,14; 1 Reg. 8,50; 2 forma aulica, deferente: egli parla lifnè jhwh (Ex.
Chron. 30,9; Esth. 2,17) lifnè mette in evidenza la 6.12.30).
posizione gerarchica superiore di colui che con­ L ’uso più frequente di lifnè jhwh (o lifnè + suf­
cede il favore e la grazia. fisso riferentesi a Jhwh) in senso locale, statico e
ntn lifnè (a differenza dal semplice ntn l e) sot­ dinamico, ricorre in contesti cultuali. P colloca
tolinea l’aspetto del «mettere a disposizione» be­ precisamente lifnè jhwb\ la zona immediatamente
ni importanti (il paese, Deut. 1,8; i nemici, Deut. antistante l’arca (Ex. 16,33; Lev. 16,13; Num. 17,
23,15). L ’espressione lefànèkà (senza verbo) met­ 22); la cortina davanti all’arca (Lev. 4,6.17); la ta­
te in evidenza immediata la messa a disposizione vola coi pani di presentazione (Ex. 25,30); il can­
(Gen. 13,9; 20,15; 24,51; 47,6); cfr. anche npl qal/ delabro (Ex. 27,21; Lev. 24,3); l’altare nel taber­
hif. tehinnà lifnè «accogliere/presentare una ri­ nacolo (Lev. 4,t8) e quello davanti a esso (Lev. 1,
chiesta, una supplica» (Ier. 36,7; 37,20; 42,2 o 42, 1 1 ; i6,t8); lo spiazzo davanti al tabernacolo (Ex.
9). Quando la parola retta da lifnè non indica una 29,11). La maggior parte degli atti di culto avvie­
persona o un oggetto ma un avvenimento, allora ne lifnè jhwh : «agitare» le offerte con le mani (hè-
lifnè (spesso con un inf. cs.) esprime la priorità nif tenùfà\ Ex. 29,24.26; Lev. 7,30; 8,27.29; 9,21;
cronologica rispetto a un altro evento, che si trat­ 10,15; I4»I2-245 23,20; Num. 6,20; 8 ,11.21); la
ti del passato (Gen. 13,10; 1 Sam. 9,15) o del fu­ consegna delle vittime sacrificali (hiqrìb : Lev. 3,1.
turo (Gen. 27,7), oppure semplicemente di una 7.12; 6,7; 9,2; 10,1.19; 12,7; Num. 3,4; 6,16; 16,17;
priorità all’interno di una situazione permanente­ 17,2; 26,61; / Chron. 16,1; Ezech. 43,24); l’uccisio­
mente valida (usanze e leggi: [non si usaj dare in ne delle vittime sacrificali (sht\ Ex. 29,11; Lev. 1,5.
sposa la [figlia] minore prima della maggiore, Gen. ix; 4,4.15.24; 6,18); l’offerta dei profumi (Lev.
2 9,26). 16,13); il rito dell’espiazione (kpr: Lev. 5,26; 10,17;
b) La locuzione lifnè jhwh non è diversa quan­ 14,18.29.31; 15,15.30; 19,22; 23,28; Num. 15,28;
to a lifnè, ma soltanto per quel che riguarda la fre­ 31,50); il sacrificio cruento (zbh: Lev. 9,4; 1 Sam.
quenza di determinati significati. L ’accezione tem­ 1 1 ,1 5 ; 1 Reg- 8,62; 2 Chron. 7,4); l’olocausto (‘olà:
porale compare soltanto in Is. 43,10: «Prima di me lud. 20,26; 2 Sam. 6,17); il sacrificio di Mosè in oc­
non è stato creato alcun dio». Il significato locale casione della consacrazione sacerdotale di Aron­
dinamico in contesto militare manca poi quasi del ne e dei figli (Ex. 29,11); la consacrazione dei le­
tutto: / Chron. 22,18 kbs (nif.) bà’àres lifnè jhwh\ viti (Num. 8,10). Entrare nel santuario si dice «en­
2 Chron. 14,12 sbr (nif.) (i Kushiti) lifnè jhwh . trare lifnè jhwh » (Ex. 28,35) e 1° stesso si potreb­
221 (VI,6 5 4 ) pànim (H . Sim ian-Yofre) ( v i,65 5) 2 2 2

be dire di ogni servizio sacerdotale in genere (cfr. ma può anche indicare una punizione di Jhwh
Ex. 28,30). In senso generico il servizio per Jhwh (Num. 14,37; 20,3).
è indicato con lmd lifnè jhwh (1 Reg. 17,1; 18,15; «Vivere lifnè jhwh » (Gen. 17,18; Hos. 6,2) si­
2 Reg. 3,14; 5,16 in una formula di giuramento; gnifica riconoscere che la vita dipende soltanto da
ler. 15,19; cfr. Ezech. 44,15), sottolineando in que­ Jhwh. Il riconoscimento di Jhwh quale causa effi­
sto caso l’aspetto della fedeltà a Jhwh. ciente viene espresso nell’augurio per il re che
In altri testi fuori di P avvengono lifnè jhwh i possa «troneggiare davanti a Dio in eterno» (Ps.
sacrifici di Betel (Iud. 20,26), di Gaigaia (/ Sam. 61.8).
11,15 ), la traslazione dell’arca a Gerusalemme (2 La locuzione lifnè jhwh può anche esprimere il
Sam. 6,17) e la consacrazione del tempio fatta da punto di vista di Jhwh e il suo giudizio circa per­
Salomone (1 Reg. 8,62). sone e situazioni (Gen. 6 ,11; 7,1; 10,9; Lev. 16,30;
Non solo gli atti del culto ufficiale, ma anche Deut. 24,4; Eccl. 2,26), Ciò che non concorda con
quelli religiosi privati avvengono lifnè jhwh : la la natura e l’opera di Jhwh non può sussistere (‘md
preghiera di Anna (1 Sam. 1,12), di David (2 Sam. lifnè jhwh, 1 Sam. 6,20; Ier. 49,19 // 50,44; Ps.
7,18), di Ezcchia (2 Reg. 19,15), la preghiera e il 76,8; Esdr. 9,15). lifnè jhwh sussistono (''md) solo
digiuno di Neemia (Nehem. 1,4), l’«alleggerimen- cielo e terra (Is. 66,22) o coloro che si convertono
to del cuore» (Ps. 62,9; 102,1), l’adorazione (Ps. (Ier. 15,19). Poiché istituzioni e persone possono
22,28) e il comportamento umile (2 Chron. 34,27). avere stabilità soltanto davanti a Jhwh (kwn lifnè
Nessuno di questi gesti presuppone un atto cul­ jhw h,2 Sam. 7,26; / Reg. 2,45; t Chron. 17,24; Ier.
tuale connesso con il tempio (cfr. M.D. Fowler, 30,20; Ps. 102,29), è importante ricordare a Jhwh
ZAW 99 [1987] 384-390). (zkr [nif] lifnè jhwh, Num. 10,9) che c’è bisogno
Ci sono gesti che in determinate situazioni, ma di lui. È questo il senso di oggetti che si portano
non sempre, includono formalmente un atto di indosso o di gesti che vengono compiuti come
culto. Mangiare lifnè jhwh è un atto di culto de­ zikkàrón (Ex. 28,12.29; 3°>1 6; Num. 10,10; 31,54).
scritto con precisione (Deut. 12,7.18; 14,23.26; 15, L ’espressione sefer zikkàrón lefàndjw (Mal. 3,16)
20; Ezech. 44,3), ma Ex. 18,12 e 1 Chron. 29,22 riflette la medesima concezione.
suggeriscono una cerimonia non liturgica in sen­
so stretto. Lo stesso vale per «gioire lifnè jhwh » La proposta di B. Pennacchini, Euntes Docete 29
che accompagna il gesto precedente (Deut. 12,12. (1976) 505 (cfr. M. Dahood, Bibl 47 [1966] 41 r), d’in­
tendere lifnèhem in lob 21,8 come locuzione prepo­
18; 16 ,11; 27,7), ma sembra anche indipendente
sitiva sostantivata (progenitores come parallelo di
(Lev. 23,40; Is. 9,2 l efànèkà ; lifnè ’èlohim). «Pian­ progenie) disturba il parallelismo tra lifnèhem e le,è-
gere lifnè jhwh » può essere stato un rito espiato­ nèhem.
rio dopo una sconfitta (Deut. 1,4 5 ;/W. 20,23.26).
Ma in Num. ri,2o piangere lefànàjw (davanti a 2. Il significato di millifnè aggiunge a quello di
Jhwh) è un gesto di supplica e insieme di protesta lifnè una sfumatura di separazione o di allontana­
(cfr. vv. 4.10). Gesti religiosi non cultuali sono an­ mento. L ’uso in senso temporale è molto raro:
che la benedizione di Isacco (Gen. 27,7), la ma­ millefànènu «prima di noi» (Eccl. 1,10). In senso
ledizione lanciata da Giosuè sulle rovine di Geri­ locale compare insieme con verbi che contengo­
co (Ios. 6,26) e la conclusione di alleanze (1 Sam. no l’idea di «allontanarsi» dalla presenza di qual­
23,18: David e Gionata; 2 Sam. 5,3 // / Chron. 11, cuno (Gen. 4,16; 41,46; 47,10; Ex. 35,20: verbo
3: David e gli anziani di Hebron; 2 Reg. 23,3 // 2 js'; 1 Chron. 19,18 nws), di scacciare qualcuno
Chron. 34,31: Giosia, il popolo e Jhwh). In Ier. (Ex. 23,28 grs; Deut. 11,23 j r* h if; 2 Sam. 7,15
34,15.18 il patto l efànaj è un patto con Jhwh in swr hif. ; Ps. 51,13 slk h if; Lev. 22,3; 1 Reg. 8,15 //
persona. Anche Iud. 1 1 , 1 1 (cfr. v. 8) sembra allu­ 2 Chron. 6,16 krt), di nascondersi (Ier. 16,17 str
dere a un patto lifnè jhwh tra Jefte e gli anziani di nif). Sono usati insieme con millifnè anche verbi
Galaad; è pertanto dubbio che si possa considera­ che indicano timore o una distanza riverenziale:
re la locuzione lifnè jhwh in sé un’espressione ca­ z ‘q, t Sam. 8,18; kn nif. (// knl nif. mippànaj), 1
ratteristica della stipula del patto. Ad es. in Deut. Reg. 21,29; bjl> 1 Chron. 16,30; jr ‘, Eccl. 3,14. Il
29,14 si vede chiaramente che lifnè jhwh non è un moto espresso da verbi come qwm viene precisa­
presupposto assolutamente necessario per strin­ to con millifnè'. 1 Reg. 8,54; Esdr. 10,6. Usato in­
gere il patto (cfr. Sheriffs 62 che paragona lifnè sieme con qbr, millifnè sembra pleonastico (Gen.
jhwh a ina I G I + ND). ’ 23.4.8) ma il senso è probabilmente «via dai vi­
«Morire lifnè jhw h » può includere la presenza venti».
cultuale (Lev. 10,2; Num. 3,4; 1 Chron. 13,10?), Con millifnè si dichiara anche che qualcosa vie­
223 (v i,6 j 6) panim (H. Simian-Yofrc) (vi,657) 224

ne da Jhwh o da un'autorità umana: l’ira (Num. 6,28; 21,31 è sottolineato più l’aspetto della pro­
17 ,11; 2 Chron. 19,2), il giudizio (Ps. 17,2), un vocazione che quello dell’ostilità. In Deut. 21,16
messaggero (Ezech. 30,9). Il fuoco che si sprigio­ e probabilmente anche in Gen. 25,18 ‘al-penè si­
na millifné jhwh segnala l’accettazione dell’olo­ gnifica «a spese di», «a svantaggio di» (cfr. anche
causto da parte di Dio (Lev. 9,24) oppure lo fa ap­ Gen. 16,12).
parire causa della punizione (Lev. 10,2). Riferita a Jhwh, la locuzione ‘al-penè sottolinea
3. mipp'nè mette in evidenza il senso prepositi­ l’insolenza con la quale si trasgrediscono i suoi
vo di min, mentre il significato nominale di pà­ ordini persino in sua presenza (Is. 65,3; Ier. 6,7;
nim sparisce quasi del tutto. mippcnè indica allon­ Iob 1 ,1 1 ; 2,5 [testo emendato]. Zorell 656 classifi­
tanamento o distacco fisico con verbi intransitivi ca questi passi (meno Ier. 6,7) tra le dictiones ad -
(Gen. 16,6.8 brh; 36,6; Ex. 4,3 nws; 14,19 ns‘; 1 verbiales. La distinzione preposizione/avverbio è
Sam. 18 ,11 sbh) o transitivi (Ex. 23,29; Ps. 78,55 insufficiente per determinati morfemi ebraici (v.
grs; Ex. 34,24 jrs hif.; 2 Reg. 11,2 str h if ; Ier. 4,1 sotto, vi.8). Presenza e insieme confronto sono
swr hif.; / Chron. 12,1 *sr). qwm mippenè (Gen. contenuti nel comandamento di Ex. 20,3 // Deut.
31,35; Lev. 19,32) significa stare ritti, in piedi da­ 5,7: «Non avrai altri dei ‘al-pànàj, in mia presen­
vanti a una persona di rango. mippenè in un con­ za», e dunque «come miei rivali» (v. commentari).
testo in cui si parla di paura, avversione, necessità lal-pené con un sostantivo significa «su, sopra»
di fuggire o di proteggersi oppure insieme con i (Lev. 16,14; 2 Chron. 34,4) anche se si tratta di
verbi che esprimono le medesime sensazioni guardare un luogo posto più in basso da una po­
(Gen. 7,7; 27,46; 45,3; Ex. 1,12; Num. 20,6; 22,3; sizione più alta (Gen. 18,16; 19,28; Num. 21,20;
Deut. 5,5; 7,19; 28,60; Ios. 2,9; Iud. 11,33; I er- ^ ,28). ^
1,17) regge la persona o la cosa dalla quale si cer­ Un costrutto frequente è quello di ‘al-penè con
ca di fuggire, indicando al contempo la ragione ’eres ‘ terra, paese’, ’àdàmà ‘suolo, terreno agrico­
della fuga o della paura. In Gen. 6,13 (a causa lo’, s'àdeh ‘campo’, majim ‘acqua’, midbàr ‘step­
vostra); 47,13 (per la carestia); Ex. 3,7 (a causa dei pa, deserto’, tehóm ‘oceano primordiale’. Esclusi
loro aguzzini); 9 ,11 (a causa delle ulceri) si ha un i casi in cui pànim (sost.) può significare «superfi­
senso causale senza l’idea di una separazione lo­ cie» (Gen. 1,29; 7,18.23; cfr. sopra, IH.2), ‘al-p'nè
cale; cfr. anche Ios. 6,1; / Reg. 5,17; 8 ,11; Ier. 7, significa semplicemente «sopra» (Gen. 1,2; 8,9;
12; 14,16; 26,3; Hos. 11,2; Ps. 38,4.6; 44,17; 55,4. 11,4.8.95 Ex. 16,14; 32,20; 33,16).
Il significato prepositivo si palesa chiaramente in Quando si riferisce a toponimi ‘ al-penè signifi­
espressioni come mippenè ’àser (Ex. 19,18; Ier. ca «vicino a, nei pressi di», «di fronte a», «in di­
44>23)- . . . . . .
rezione di» (in alcuni pochi casi «a est di», cfr.
La locuzione mippenè jhwh contiene i tre si­ Drinkard): Gen. 23,19 (Mamre); 25,18 (Egitto);
gnificati menzionati precedentemente: distanza fi­ Num. 2 1,1 1 (Moab); 33,7 (Ba‘aI-Safon); Deut. 32,
sica (Gen. 3,8; Num. 10,35), distanza spirituale 49 (Gerico); Ios. 17,7 (Sichem); Iud. 16,3 (He-
(Ex. 9,30; 10,3; 1 Reg. 21,29) e causalità (Iud. 5,5; bron); 1 Reg. 11,7 (Gerusalemme); cfr. anche Ios.
Ier. 4,26). È possibile che in Ps. 68,2 si abbia una 13,25; 18,14; T9»ITi T Sam. 26,1.3; 2 Sam. 2,24; /
maggiore accentuazione della presenza di Jhwh Reg- I 7*3 -5*
(cfr. l’insistenza su pànim ai vv. 2-5). Quando si riferisce a costruzioni o a oggetti del
Il contesto di Gen. 45,3; / Chron. 12,1; Lam. tempio, ‘al-penè significa «sul davanti, sulla fac­
2,3 sembra suggerire il significato di presenza ciata», «davanti», talora anche «in cima» (1 Reg.
(umana). 7,6.42; 8,8; 2 Chron. 3,17; Ezech. 42,8).
4. ‘ al-penè potrebbe essere un costrutto nor­ mé'al-p'nè indica lontananza da persone (Gen.
male con il sostantivo p enè/pànim + suffisso e la 23,3) e spesso la loro separazione violenta dal pae­
preposizione ‘al ‘su, sopra’ (ad es. Gen. 50,1; Ex. se/dalla terra (Gen. 4,14; 6,7; 7,4; Ex. 32,12; Deut.
20,20; 2 Reg. 4,29; Ier. 13,26; Iob 4,15). 6,15; 1 Sam. 20,15; 1 Reg- 9’ 7'> r3>34> I er• 28,16:
La locuzione prepositiva ‘al-p'nè + persona si­ Am. 9,8; Soph. 1,2.3).
gnifica «al cospetto di», «vicino a», «faccia a fac­ mè'al-penè jhwh ricorre quasi esclusivamente
cia con», in presenza, fisica o morale, di qualcu­ nel vocabolario di Geremia e in testi dtr. (con l’ec­
no: Gen. 11,28 (mentre era ancora in vita?); Ex. cezione di 2 Chron. 7,20) e viene usato sempre
4,21; 11,10 ; 33,19; 34,6; Num. 3,4b («sotto il con­ dopo verbi di rifiuto (/ Reg. 9,7; Ier. 15,1 [slh]; 2
trollo di»); 2 Sam. 15,18; 2 Reg. 13,14; Ps. 9,20. In Reg- 1 3>23i 24,20; Ier. 7,15; 52,3; 2 Chron. 7,20
Gen. 16,12; Nah. 2,2 il significato è «contro», in [slk hif]; 2 Reg. 17,18.23; 23,27; 24,3; Ier. 32,31
Gen. 32,22 invece «avanti, prima» (locale). In Iob [swr hif]; Ier. 23,39 [«?$])•
225 (VI,658) panim (H. Siinian-Yofre) (vi,659) 226

5. ’et-p'nè N N indica la vicinanza spaziale sta al posto di «voi» e il significato dell’espressio­


(Gen. 33,18; in senso traslato Prov. 17,24) o per­ ne è «il vostro disegno è cattivo», ’el 'èber pdndjw
sonale (/ Sam. 2 ,11; 22,4; / Reg. 12,6). Il senso (Ezech. 1,9.12; 10,22) significa «dritto avanti».
preciso dell’espressione (guardia, sorveglianza, 8. pdnìm viene usato con funzioni avverbiali in
protezione) si ricava dal contesto, mé’ét p enè diverse espressioni. Come avverbio di luogo in
aggiunge il significato della lontananza da un luo­ Ezech. 2,10: il rotolo è scritto pdnìm w e’dhór «sul
go o da una persona (Gen. 27,30; 43,34; Ex. 10 ,11; retto e sul verso», su entrambi i lati. In contesto
2 Reg. 16,14). ’et-penè jhwh e m é’ét p ené indica­ militare (/ Chron. 19,10; 2 Chron. 13,14; 2 Sam.
no rispettivamente la vicinanza o la lontananza di 10,9 mippdnim ùmé’àhór) indica il fronte di guer­
Jhwh. In queste espressioni panim equivale a ra che è minacciosamente vicino da tutti i lati. In
«presenza». TI lamento per Sodoma e il peccato senso locale dinamico e traslato (etico) significa
dei figli di Eli è grande ’et-penè jhwh (Gen. 19,13; «andare indietro e non avanti», lc’dhór w eló’ l efà-
1 Sam. 2,17). Abramo ritorna al luogo dove si era nìm (Ier. 7,24).
fermato ’et-p'nè jhwh (Gen. 19,27). Samuele ser­ Vfdnìm ha di solito significato temporale e in­
ve alla presenza di Jhwh (/ Sam. 2,18). Il tentato­ dica un tempo passato, in genere indeterminato,
re si allontana mé’ét penè jhwh (Iob 2,7 // mé'im , durante il quale un popolo abitava in una deter­
Iob 1,12). In Ps. 16 ,11; 21,7 si esprime la gioia 'et minata regione (Deut. 2,10.12.20; / Chron. 4,40);
pdnèkd «alla tua presenza»). In Ps. 140,14 la per­ una città era la più importante (Ios. 11,10 ); il no­
manenza dei giusti ’et-pdnèkd suggerisce la parte­ me di una città (Ios. 14,15; 15,15; Iud. 1,10 .11.2 3)
cipazione alla liturgia del tempio e anche la di­ o un’usanza erano diversi (Iud. 3,2; 1 Sam. 9,9;
mora nel paese, al contrario dell’esilio che l’oran­ Ruth 4,7); esisteva una consuetudine (Nehem. 13,
te chiede per i suoi nemici (v. 12). 5) o accadde un evento (/ Chron. 9,20). Con rife­
6. ’el penè insieme con cose e luoghi indica la rimento a Jhwh (mil)lcfànim indica il tempo de­
direzione («verso, a») senza sottolineare il riferi­ gli atti primordiali di Jhwh (Is. 41,26: conoscere,
mento alla parte anteriore dell’oggetto in questio­ prevedere il futuro; Ps. 102,26: la creazione).
ne (Lev. 6,7; 9,5; 16,2; Num. 17,8; 20,10; Ezech.
41,4.12.15; 44,4). Il significato prepositivo è raf­ v ili. Nei L X X il termine più usato per tradur­
forzato dalla presenza di mùl (Ex. 28,37; Num. re panim è T z p ó a c jì z o v e contiene, quasi senza ec­
8,2.3) 0 di nókah (Num. 19,4) insieme con ’el cezione, tutti i suoi significati: volto, lato, faccia­
p enè. In tutti questi testi si tratta spesso di oggetti ta, area, faccia (est., di cose), superficie. 7ipóa(o7rov
verso i quali si deve mostrare un timore riveren­ è usato per oggetti, elementi cosmici, animali, per­
ziale: il copricapo del sacerdote, l’altare dei sacri­ sone e anche per Jhwh. Può avere significato pro­
fici, il tabernacolo, il candelabro, l’offerta sacrifi­ prio o traslato ed essere usato in locuzioni prepo­
cale, l’atrio del tempio, il tempio, la roccia di Mo­ sizionali e stereotipate. Le più importanti espres­
sè. ’el p enè segnala una distanza riverente nei rap­ sioni tipizzate sono tradotte sempre con lo stesso
porti con questi oggetti (ma cfr. Nehem. 2,13). verbo. Così biqqès pdnìm è regolarmente £r,xeiv
’el p rnè + persona sembra mettere in forte ri­ t Ò T:póao)7iov, sìm pdnìm è a r T T jp iX e iv t o - p ó a - o i -

salto il destinatario di un’azione (Jhwh: Ex. 23, 7iov, histìr pdnìm è regolarmente à 7ioaTpÉ9 £iv t o
17; ma cfr. sopra, iv.9; Iob 13,15; il re: 2 Chron. 7tpó(7(i)7:ov (ma in 2 casi xpÙTtTeiv), hillà pdnìm è Xi-
19,2; il malvagio: Deut. 7,10). In testi come Lev. iavelieiv, 'SepaTreueiv o 8zla&a'., rd’àpanim è ópàv
6,7; 9,5; Ios. 5,14; 2 Sam. 14,22; Ezech. 41,25; 42,3 o (3 X É 7t e i v t o 7t p ó a a ) K 0 v , ndsd’ pdnìm è - S a u | A a £ « :i v
’el potrebbe aver preso il posto di 'al. tò 7ipóaoo7iov oppure Xot|j.(3àvetv to 7tpóaamov, pd­
7. bifnè indica un contrasto. Con 'md e jsb nìm ’el pdnìm è 7ipóa<i)7rov Tipò^ TipóaojTiov.
hitp. significa «resistere» (Deut. 7,24; Ios. 10,8; Quando pdnìm è soggetto di un verbo (Ex. 33,
21,44). E usato anche con «testimoniare» (contro, 14.15; Deut. 4,37; Is. 63,9) i L X X preferiscono
Hos. 5,5; Iob 16,8). nókah penè (Ier. 17,16; Lam. usare aìrcóc. Nelle norme riguardanti il culto che
2,19; Ezech. 14,3.4.7) e neged p rnè (Is. 5,21; Hos. hanno r ’h panim (Ex. 23,17; 34,23; Deut. 16,16) i
7,2; Lam. 3,35; 1 Sam. 6,20 - minneged) significa­ L X X leggono come il T.M. una forma passiva 09-
no «davanti, in presenza di» e «lontano da». Nel -$Y)CTeTai EVfÓTUov/ivavTiov.
contesto di Lam. 3,35; r Sam. 26,20 il paese di Nella maggior parte dei casi lifnè è tradotto co­
Giuda è il luogo della presenza di Jhwh. L ’espres­ me normale preposizione (218 volte èvomov, 181
sione non significa niente di diverso da lifnè, ’el volte èvavTiov, 153 volte Evavxt, 80 volte e(X7rpoa-
p enè o millifnè. In Ex. 10,10 neged p enèhem non $ev).
va considerata una locuzione prepositiva: pdnìm Traduzioni letterali ebraicizzanti e non idioma­
227 (vi,6 j 9 ) pasah (E. Otto) (vi,660) 228

tiche sono, ad es., Tcpò -poaojKou (67 volte) e x atà pesah. - 1. Il rito domestico. - 2. Il programma di rifor­
TtpocrcÓTrou (65 volte). Altre locuzioni prepositive ma deuteronomico. - 3. Lo sviluppo dei programmi sa­
cerdotali relativi al pesah nel Pentateuco e nel «disegno
(cfr. Brockelmann, VG 383; Soliamo 1) vengono
di solito tradotte con 7tpó<jaj7rov + preposizione. costituzionale» di Ezechiele. - 4. L o sviluppo del pesah
tardoisraelitico nel Papiro di Elefantina sulla festa delle
Così per mipp'nè, tradotto 194 volte con àizb Massot e nelle tradizioni cristiane del pesali. — 5. Il pe­
7tpO(T(Ó7tOU, 21 con E X -p O C JW T tO 'J, 11 con TìpÒ -poc7(1)- sah tardoisraelitico e protogiudaico nella Mishna e nel
no'j, 29 con àx:ó, 15 con Sia + accusativo, millifnè Targum. - 6. pesah nel libro dei Giubilei, nel calenda­
e reso 34 volte con à rà xpoacónou, 10 con éx rio delle feste e nel Rotolo del Tempio di Qumran.
Ttpoaamou. ‘al p enè viene tradotto 29 volte con
£7ti 7Tpocr<ij~ou, 28 con è~ì 7cpóa(U7tov, 20 con xa-za Bibl.: D .C . Arichea, Translating Biblical Festivals: Bi
7:póci(t)7iov. mé'al penè è reso 11 volte con £7:0 Trans 32 (19 8 1) 4 13 -4 2 3 . - W .R. Arnold, The Passover
7tpocj(U7tou, 'el-p'nè 10 volte con x.a~à TipócjajTzov. Papyrus from Elephantine: J B L 31 ( 19 12 ) 1-3 3 . - C .W .
In tutti questi casi la traduzione non idiomatica Atkinson, The Ordinances of Passover- Unleavened
Bread: ATh R 44 (1962) 70-85. - E. Auerbach, Die Feste
varia tra il 50% e il 66% delle occorrenze della
im Alten Israel: V T 8 (19 58) 1-18 . - G. Auzou, De la
preposizione corrispondente. Per le restanti locu­ servitude au Service, Paris 196 1. - T . Barrosse, Pascha
zioni prepositive la scarsità del materiale non per­ und Paschamahl: C o n c i l i u m 4 (1968) 7 2 8 -7 3 3. - G.
mette di trarre alcuna utile conclusione. Tradu­ Beer, Pascha oder das jiidische Osterfest (SgV 64, 1 9 1 1).
zioni libere sono frequenti nell’Esateuco, in Isaia, - Id., Miscellen, 2. Die Bitterkràuter beim Paschafest:
Proverbi e Giobbe. Z A W 31 ( 1 9 1 1 ) 152 s. - Id., Pesachim (Ostem). Text,
pànim, incluse le locuzioni prepositive e avver­ Obersetzung und Erkldrung (Die Mischna 11 3 ,1 9 1 2 ) . -
biali, è tradotto nei L X X con 45 termini diversi S. Ben-Chorin, Narrative Theologie des Judentums an-
(contando le numerose espressioni con 7tpó<T(i>7tov hand der Pessach-Haggada. Jerusalemer Vorlesungen
• 985. —J. Benzinger, Hebràische Archeologie, *19 27. - J.
come un unico termine). - Per r.póatot io v in gene­
Blau, Uber homonyme und angeblich homonyme Wur-
rale cfr. E. Lohse, G L N T xi 405-438. zeln: V T 6 (19 56) 242-248; V T 7 (19 57) 9 8 -10 2. - J.
2. A Qumran pànìm come sostantivo e nelle Bowman, The Importance of thè Moon in Hebrew and
diverse locuzioni avverbiali compare più di 300 Samaritan Festival Observances (Actes du Congrès In­
volte. Significato e uso corrispondono in massi­ ternational des Orientalistes 25 1, 1962, 360-362). - W .
ma parte allo spettro semantico usato nell’A.T., Brandt, Zur Bestreichung mit Blut: Z A W 33 ( 19 13) 80 s.
ad es. nàsà' pànìm (iQ S 2,4.9; iQ H 6,19, iQSb - G. Braulik, Leidensgedàchtnisfeier und Freudensfest.
« Volksliturgie» nach dem deuteronomischen Festkalen-
3,1.3 con allusione a Num. 6,26), hè'ir pànim
der (Dtn 1 6 ,1-17 ) : ThPh 56 (19 8 1) 3 3 5 -3 5 7 . - Id., Pa­
(iQ H 11,3 ; 12, 5.27; iQSb 4,27), hillà pànìm
scha - von der alttestamentlichen Feier zum neulesta-
(iQ H 8,11), histìr pànìm (CD 1,3; 2,8), ial-penè mentlichen Fest: BiKi 36 (19 8 1) 15 9 -16 5 . - S.P. Brock,
majim (iQ H 11,3.26; 13,8; 14,24), mal'ak pànim A n Early Inlerpretation o f pàsah; ’aggèn in thè Pales-
(iQ Sb 4,25 s.). Per l’uso avverbiale cfr. Carmi- tinian Targum (Fs. E.I.J. Rosenthal, Cambridge 1982,
gnac. In iQM pànìm sembra talora assumere un 27-34). - A . Brock-Utnc, Eine religionsgeschichtliche
significato tecnico particolare. Secondo tQM 5, Sludie zu dem urspriinglichen Passahopfer. A R W 31
3.18; 7,12; 9,4 ecc.,pànim sembra indicare la linea (19 34) 272-278 . - G .B . Bruzzone, I mesi della Bibbia:
di combattimento più avanzata dell’esercito esca­ Nisan: BietOr 27 (19 85) 2 2 3-227. - G .B . Bruzzone,
Isaac and thè Second Night: Bibl 61 (1980) 78-88. - R.
tologico (similmente p enè hammigdàl «il lato an­
Cantalamessa, L a Pasqua della nostra salvezza. L e tra­
teriore della torre» [una formazione militare]). Se­
dizioni pasquali della Bibbia e della primitiva chiesa,
condo iQ M 5,5.11 pànim significa la superficie Torino 19 7 1. - J . Carmignac, Comment Jésus et ses con-
lucida e splendente delle armi dei figli della luce. temporains pouvaient-ils célébrer la Pàque a une date
non officielle: RQ11 5 (T964-65) 5 9 -7 9 .- F . Chcnderlin,
H. Simian-Yofre Distributed Observance o f thè P a sso v e r-a Hypothesis:
Bibl 56 (19 7 5) 369-393. - B. Couroyer, L'origine égyp-
tienne du mot «Pàque»: RB 62 (19 5 5 ) 481-496. - J.
Creten, La Pàque des Samaritains: RB 31 (19 22) 4 34 ­

HDDpasah
442. - G . Dalman, Das samaritanische Passah im Ver-
hàltnis zum judischen: PJB 8 (19 12 ) 1 2 1 -1 3 8 . - Id., A u S
1. - R.J. D aly, The Soteriological Significance o f thè sac­

npfì pesalo rifice o f Isaac. C B Q 39 (19 77 ) 4 5-75. - P.R. Davies,


Passover and thè Dating o f thè Aqedah: JJS t 30 (1979)
59-67. - Id., The Sacrifice o f Isaac and Passover (Studia
1. Significati dei termini. - i.p sh e termini semitici affi­ Biblica 1978, 1, JS O T Suppl. 1 1 , Sheffield 1979, 1 2 7 ­
ni. - 2 . pesah. - 3. L e versioni antiche, - I I . Storia del 1 32). - P.R. Davies - B.D . Chilton, The Aqedah: A R e-
229 (vi,6 6 i) pàsah (E. Otto) (vi,662) 230

vised Tradition-History: C B Q 4 0 ( 1 9 7 8 ) 5 1 4 - 5 4 6 . - R . der Kirche: Luzerner theol. Stud. 1 (19 54 ) 17-46. - Id.,
L e D e a u t , La N uit Pascale. Essai sur la signification de Pàque (D B S vi 1 12 0 -114 9 ). - Id., Das Pascha als altte­
la Pàque ju ive a partir du Targum d ’Exode X I I 42 stamentliche Bundesfeier: BiKi 15 (i960) 34-36. - Id.,
( A n B i b l 2 2 , 1 9 6 3 ) . - M . D e l c o r , Réflexions sur la Pàque Vom alten zum neuen Pascha. Geschichte und Theolo­
du temps de Josias d'apr'es 2 Rois 2 3 ,2 1 -2 3 : H e n o c h 4 gie des Osterfestes (SBS 49, 19 7 1). - Id., Das liturgische
( 1 9 8 2 ) 2 0 5 - 2 1 9 . - B . - J . D i e b n e r , «Passa» als interpreta- Leben der Qumrangemeinde (in Das Buch des Bundes,
tio iudaica des Kreuzestodes Jesu: D B A T 1 8 ( 1 9 8 4 ) 8 5 - 1980, 216 -225). ~ F. Hahn, Alttestamentliche Motive in
9 4 . - I d . , Gottesdienst, 1 1 . A .T. ( T R E x i v ( 1 9 8 5 ) 5 - 2 8 ) . - der urchristlichen Abendmahlsiiberlieferung: EvTh 27
A . D u p o n t - S o m m e r , Sur la fète de la Pàque dans les (1967) 33 7 -3 7 4 . - J . Halbe, Passa-Massót im deuterono-
documents araméens d ’Eléphantine: R E J 1 0 7 ( 1 9 4 6 / 4 7 ) mischen Festkalender: Z A W 87 (19 7 5 ) 14 7 -16 8 . - Id.,
3 9 - 5 1 . - J . H . E a t o n , Dancing in thè O .T.: E T 8 6 ( 1 9 7 4 ­ Erwàgungen zu Ursprung und Wesen des Massotfestes:
7 5 ) 1 3 6 - 1 4 0 . - B . D . E e r d m a n s , Das M azzoth-Fest ( F s . Z A W 87 (19 75) 324-346. - M . Haran, The Passover Sac­
T h . N ó l d e k e , 1 9 0 6 , 1 1 , 6 7 1 - 6 7 9 ) . - I d . , Passover and thè rifica. V T S 23 (19 72) 8 6 -116 . - Id., Temples and Temple-
Days o f thè Unleavened Bread: E x p o s i t o r 8 ( 1 9 0 9 ) Service in Ancient Israel, O xford 1978. - A . H eitz-
4 4 8 - 4 6 2 . - E . L . E h r l i c h , D ie Kultsymbolik im A .T. und mann, E l Cantar de los Cantares: Poesia y ritual de la
im nachbihlischen Judentum ( S y m b o l i k d e r R e l i g i o n e n Pascua: EstB 43 (1985) 3 2 1-3 3 0 . - J. Henninger, Les
3, T 959) - ” O- E i s s f e l d t , Feste und Feiem , 1 1 . In Israel fètes de printemps chez les Arabes et leurs implications
( R G G ' u 5 5 0 - 5 5 8 ) . - I . E l b o g c n , D er jiidische Gotles- historiques: Revista do Muscu Paulista 4 (1950 ) 389-432.
dienst in seiner geschichtlichen Entwicklung, * 1 9 6 7 . - - Id., ÌJber Friihlingsfeste bei den Semiten (Fs. M is-
H . J . E l h o r s t , D ie deuteronomischen Jahresfeste: Z A W sionspriesterseminar St. Augustin bei Siegburg, 1963,
4 2 ( 1 9 2 4 ) 1 3 6 - 1 4 5 . - I . E n g n e l l , Paesah-Massót a H e b ­ 375-398). - Id., Les fètes de printemps chez les semites
rew Annual Festival o f ihe Ancient N ea r Eastern Pat­ et la pàque Israélite (ÉtBibl), Paris 1975. - Id., «Pàsah»
tern ( P r o c e e d i n g s o f t h è / h C o n g r e s s f o r t h è H i s t o r y und Wiederauferstehungsglaube: Z R G G 35 (19 8 3) 161
o f R e l i g i o n s 1 9 5 0 , A m s t e r d a m 1 9 5 1 , m - 1 1 3 ) . - I d . , s. - H .W . Hertzberg, Zum samaritanischen Passah (Fs.
Paesah-Massót and thè Problem o f «Pattemism»: O r S D .H . Rendtorff, 1958, 130 -136 ). - H .H . Hirschbcrg,
1 ( 1 9 5 2 ) 3 9 - 5 0 . - H . E w a l d , De feriarum hebraeorum D ie Grundbedeutung des Passahfestes: Z R G G 26
origine ac ratione commentatio: Z e i t s c h r . f ù r d i e K u n - (* 9 7 4 ) 355 s. —J. Hofbauer, D ie Pascha-, Massót- und
d e d e s M o r g e n l a n d e s 3 ( 1 8 4 0 ) 4 1 0 - 4 4 1 . - I d . , D ie A l- Erstgeburtsgesetze des Auszugsberichtes E x 12 und i j :
terthumer des Volkes Israel ( a p p e n d i c e a i v o l i . 1 1 / 1 1 1 ZkTh 60 (1936) 188-210 . - S.H . Hooke, The Ortgin o f
d e l l a Geschichte des Volkes I s r a e l , > 1 8 6 6 ) . - F . F c s t o - Early Semitic Ritual, London 1938. - F . Horst, Das Pri-
r a z z i , La celebrazione della Pasqua ebraica (Es 12): P a ­ vilegrecht Jahw es ( F R L A N T 45, 1930 = T h B 12, 196 1,
r o l a S p i r i t o e V i t a 7 ( 1 9 8 3 ) 9 - 2 2 . - G . F o h r e r , Uberlie- 17 -15 4 ). - F .-L . Hossfeld, D er Durchgang vom Leiden
ferung und Geschichte des Exodus ( B Z A W 9 1 , 1 9 6 4 ) . - zum Leben. Alttestamentliche Themen der Osternacht:
M . F r a e n k e l , D er N am e des Pessachfestes: H a K i d m a h Lebendige Seelsorge 34 (19 8 3) 1-6. - W . Huber, Passa
1 4 ( 1 9 6 1 ) 6 4 7 . - T . F r i e d m a n , dm krbn psh: B e t h M 2 8 und Ostem (B Z N W 35, 1969). - A . Jaussen, Coutumes
( 1 9 8 2 / 8 3 ) 2 3 - 2 8 . - N. F ù g l i s t e r , Die Heilsbedeutung des Arabes au pays de Moab, Paris 1908. - A . Jeremias,
des Pascha ( S T A N T 8 , 1 9 6 3 ) . - T . H . G a s t c r , Festivals Das A .T . im Lichte des Alten Orients, '*1930. - J. Jere­
o f thè Jew ish Year, N e w Y o r k 1 9 5 3 . - I d . , Passover. Its mias, Die Passahfeier der Samaritaner und ihre Bedeu-
History and Tradition, L o n d o n - N e w Y o r k 1 9 5 8 . - A . tung fiir das Verstàndnis der alttestamentlichen Pas-
G e o r g e , D e l'agneau pascal a l'agneau de Dieu: B V C h r sahiiberlieferung (B Z A W 59, 1932). - Id., Tcàcjxa
9 ( 1 9 5 5 ) 8 5 - 9 0 . - G . G e r l e m a n , Was heissl p e s a h ? : Z A W ( G L N T ix 963-984). - ld., D ie Abendmahlsworte Jesu,
8 8 ( 1 9 7 6 ) 4 0 6 - 4 1 3 . - T . F . G l a s s o n , The «Passover», a 41967. - M . Joseph, Passover (Pesach) (UniversaI
Misnomer: The Meaning o f thè Verb p à s a c h : J T h S 3 7 Jew ish Encyclopedia vili, New Yo rk 1942, 408-410). -
( 1 9 3 6 ) 2 4 1 - 2 5 3 . - P . G r e l o t , Études sur le «Papyrus Pas­ O . Keel, Erwàgungen zum Sitz im Leben des vorm o-
cal» d ’Éléphantine: V T 4 ( 1 9 5 4 ) 3 4 9 - 3 8 4 . - I d . , L e Pa­ saischen Pascha und zur Etymologie von pesah: Z A W
pyrus Pascal d ’Éléphantine et le problème du Pentateu- 84 (19 72) 4 14 -4 34 . - F. Kohata, Jahw ist und Priester-
que: V T 5 ( 1 9 5 5 ) 2 5 0 - 2 6 5 . - I d . , La demiere étape de la schrift in Exodus 3-14 (B Z A W 166, 1986). - E. Kónig,
rédaction sacerdotale: V T 6 ( 1 9 5 6 ) 1 7 4 - 1 8 9 . - I d . , Le Geschichte der Alttestamentlichen Religion, *19 15. - K.
Papyrus Pascal d ’Éléphantine. N o u vel examen: V T 1 7 Kòhler, Blutbestreichung und die Pbylakterien: A R W
( 1 9 6 7 ) 1 1 4 - 1 1 7 . - I d . , Le Papyrus Pascal d ’Éléphantine. 13 (19 10 ) 81-84. ~ Id., Verbot des Knochenzerbrechens:
Essai de restauration: V T 1 7 ( 1 9 6 7 ) 2 0 1 - 2 0 7 . - I d . , Le A R W 13 (19 10 ) 15 3 s. - H .-J. Kraus, Z u r Geschichte
Papyrus Pascal d ’Éléphantine et les lettres d ’Hermopo- des Passah-Massot-Festes im A .T .: EvTh 18 (19 58) 4 7 ­
lis: V T 1 7 ( 1 9 6 7 ) 4 8 1 - 4 8 3 . - P . G r e l o t - J. P i e r r o n , Oster- 6 7 . - Id., Gottesdienst m Israel, *1962. - A . Kuenen, D e
nachl und Osterfeier im Alten und Neuen Bund, 1 9 5 9 . Godsdienst van Israel tot den Ondergang van den Jo o d -
- M.J. G r u b e r , Ten D ance-D erived Expressions in thè schen Staat, Haarlem 1869. - G. Kuhnert, Das Gilgal-
H ebrew Bible: B i b l 6 2 ( 1 9 8 1 ) 3 2 8 - 3 4 6 . - H . G u t h e , passah (diss. teol. Mainz, 1982). - E. Kutsch, Erw àgun­
Das Passahfest nach Dtn 16 ( B Z A W 33, 1 9 1 8 , 2 1 7 ­ gen zur Geschichte des Passahfeier und des Massotfe­
2 3 2 ) . - I d . , Zum Passah der jiidischen Religionsgemein- stes: Z T h K 55 (19 58) 1-3 5 . - Id., Feste und Feiem , 11. In
de: T h S t K r 9 6 / 9 7 , 1 9 2 5 , 1 4 4 - 1 7 1 . - H . H a a g , Ursprung Israel (RGG3 11 9 10 -9 17). - P. Laaf, D ie Pascha-Feier
und Sinn der alttestamentlichen Paschafeier: Das Opfer Israels (BBB 36, 1970). - S. Linder, D ie Passahfeier der
231 (vi,éé3) pàsah (E. Otto) (vi,664) 232

Samaritaner a u f dem Berge G arizim : PJB 8 (19 12 ) 104­ j. pesah: Z A W 20 (1900) 319 -32 9 . - H. Ringgren, Israe-
120. - F. Lindstròm, G od and thè Origin o f E v il (C B . litische Religion (RdM 2 6 ,21982). - J. Rosenthal, Passo­
O T S 2 1, Lund 1983). - G . Liiling, Das Passahlamm ver and thè Festival o f Unleavened Bread'. JJSt 3 (19 52)
und die altarabische «Mutter der Blutrache», die H y à - 178 -18 0 . - S. Ros-Garmendia, La Pascua en el A.T.
ne: Z R G G 34 (1982) 13 0 -14 7 . - Th. Maertens, C ’est (Biblica Victoriensia 3, Victoria 1978). - L. Rost, Wei-
fète en l ’honneur de Jh w h , Bruges 1961. - R. Martin- dewechsel und altisraelitischer Festkalender: Z D P V 66
Achard, Essai biblique sur les fèles d ’Israèl, Genève (19 43) 2 0 5-2 15 (= Das kleine Credo und andere Stud.
1974. - H .G . M ay, The Relation o f thè Passover to thè zum A .T ., 1965, 1 0 1 -1 1 2 ) . - L. Rost, Josias Passa (in
Festival o f thè Unleavened Cakes: J B L 55 (19 36 ) 6 5­ B W A N T 10 1, 1974, 87-93). ~ H .H . Row lcy, Worship
82. - G . Maycr, Passa und Hohes L ied : Friede iibcr Is­ in Ancient Israel, London 1967. - J.C . Rylaardsdam,
rael 59 (19 76) 2-7. - J.G . Me. Convillc, Law and Theo­ Passover and Feast o f Unleavened Bread (ID B 3, 1962,
logy in Deuteronomy (JS O T Suppl. 33, Sheffield 1984). 663-668). - S. Safrai, Die Wallfahrt im Zeitalter des
- J.W . M cK ay, The Date o f Passover and Its Signific- Zweiten Tempels (Forschungen z. jiid.-christl. Dialog
ance: Z A W 84 (19 72) 435-447. - C . Mohrmann, Pascha, 3 ,19 8 1 ) . - G . Saucr, Israels Feste und ihr Verhdltnis zum
passio, transitus (in Études sur le latin des chrétiens 1, Jahweglauben (Fs. W . Kornfeld, 19 77, 1 3 5 -1 4 1 ) . - Id.,
Roma 1958, 205-222). - J. Morgenstern, The Bones o f Passahaggada und Osterpredigt (Fs. H .J. Gunneweg,
thè Paschal Lam b: J A O S 36 (19 16 ) 14 6 -15 3 . - L. 19 8 7 ,2 0 8 -2 2 3 ).- B. Schacfer, Das Passah-Mazzotb-Fest
Morris, The Passover in Rabbinic I iterature: A B R 4 nach seinen Urspriingen, seiner Bedeutung und seiner
(19 5 4 -5 5 ) 57-76. - S. Mowinckel, D ie vermeintliche innerpentateuchischen Entwicklung im Zusammenhan-
«Passahlegende» Ex / - / ; in bezug a u f die Frage Lite- ge mit der israelitischen Kultusgeschichte, 1900. - J.
raturkritik und Traditionskritik: StTh 5 ( 19 5 1) 66-88. - Scharbert, Das Pascha als Fest der Erlòsung im A .T .
J. Miiller, Kritischer Versuch uber den Ursprung und (Fs. J.G . Plòger, 1983, 21-30 ). - A. Scheiber, «Ihr sollt
die geschichtliche Entwicklung des Pesach- und M az- kein Bein dran zerbrechen»: V T 13 (19 63) 95-97. - J.
zothfestes, Bonn 1883. - J. Neusner, A History o f thè Schildenberger, D er Gedàchtnischarakter des alt- und
Mishnaic La w o f Appointed Times 2: Erubin, Pesachim neutestamentlichen Pascha (B. Neunheuser, ed., Opfer
(Stud. in Judaism in Late Anriquity 34/2, Leiden 1981). Christi und Opfer der Kirche, i960, 75-97). - P. Schle-
- N .W . N icolsky, Pascha im Kulte des jerusalemischen singer - J. Guns, Die Pessach-Haggadah, Tel A viv
Tempels: Z A W 45 (19 27 ) 17 1-19 0 . 2 4 1-2 5 3 . - S.I.L. 1962. - R. Schmitt, Exodus and Passah. Ih r Zusammen-
Norin, E r spaitele das Meer. Die Auszugsuberlieferung hang im A .T. (O B O 7,* 19 8 2 ). - J . Schreiner, E x 1 2 ,2 1 -
in Psalmen und Kult des alten Israel (C B .O T S 9, Lund 2 j und das israelitische Pascha (Fs. W. Kornfeld, 1977,
I 9 7 7 )- “ W .O .E . Oesterley, Early H ebrew Festival R i­ 69-90). - J.B . Segai, The H ebrew Passover from thè
tuali (S.H. Hooke, ed., Myth and Ritual, O xfo rd-Lo n - Earliest Times to A.D . 70 (London Orientai Series 12,
don 19 33, 11-14 6 ). - M. Ohana, Agneau pascal et cir- London 1963. - J. van Seters, The Place o f thè Yahwist
concision: Le probleme de la Halakha prémishnaique in thè History o f Passover and Massót: Z A W 95 (1983)
dans le Targum palestinien: V T 23 (19 7 3) 385-399. - E. 16 7 -18 2 . - L. Sirard, Sacrifices et rites sanglants dans
Olavarri, La celebración de la Pascua y los Acimos en la l ’A.T.'. Sciences Ecclésiastiques 15 (1963) 17 3 -19 7 . -
legislación del A .T .: EstB 30 (19 7 1) 231-2 6 8 ; 31 (19 72) N .H . Snaith, The Jew ish N e w Year Festival, London
17 -4 1. 293-320. - H . O ort, Oud-Israèls Paaschfeest: 1947. - J.A . Soggin, Gilgal, Passah und Landnahme.
Theol. Tijdschrift 42 (1908) 483-506. - E. Otto, Das Eine neue Untersuchung des kultischen Zusammen-
Mazzotfest in G ilgal (B W A N T 107, 1975). - E. Otto, hangs der Kap. I I I - V I des Josuabuches: V T S 15 (1966)
Erw'dgungen zum uberlieferungsgeschichtlichen U r­ 7
26 3-277. - C . Steuernagel, ,um Passah-Massothfest:
sprung und «Sitz im Leben» des jahwistischen Plagen- Z A W 31 ( 1 9 1 1 ) 310 . - C .H . T o y, The Meaning o f pae-
zyklus: V T 26 (1976) 3-27. - Id., Feste und Feiertage, 11. sah: J B L 16 (189 7) 178 -18 4 . - R. de Vaux, Les sacrifices
A .T . (T R E xi, 1983, 96-106). - Id., Zur Semantik von de l ’A .T. (C R B 1, Paris 1964). - Id., L O 11 *1962. - G .
hebr. psh/pissèàh und akk. pessu(m)/pessatu(m): B N Vermès, Scripture and Tradition in Judaism (Studia
41 (1988). - E. Ò tto - T . Schramm, Fest und Freude Post-Biblica 4, Leiden 196 1). - D . Vòlter, Passah und
(Biblische Konfrontationcn, 1977). - J. Pedersen, Pas- Mazzoth und ihr àgyptisches Urbild, Leiden 1 9 1 2. -
sahfest und Passahlegende: Z A W 52 (19 34 ) 1 6 1 -1 7 5 . ~ Id., D er Ursprung von Passah und Mazzoth neu unter-
J.J. Petuchowski, Wirkliche und vermeintliche messia­ sucht, Leiden 19 13 . - L. Wachter, D er jiidische Festka­
n ic h e Element der Sederfeier: Jud 40 (19 85) 37-44. - J. lender. Geschichte und Gegenwart: Z Z 34 (1980) 2 59 ­
van der Ploeg, The Meals o f thè Essenes: JS S 2 (19 57) 267. - B .N . Wambacq, Les origines de la Pesah israéli­
1 6 3 - 1 7 5 . - J . Potin, Les sacrifices de sang dans l ’A.T.-. B i­ te: Bibl 57 (19 76) 206-224. 30 1-326 . - Id., L e Massót:
ble et Terre Sainte 74 (19 65) 6 s. - K. von Rabenau, Pas­ Bibl 61 (1980) 3 1-5 4 . - Id., Pesah-Massót: Bibl 62
sa (Evang. Kirchenlex. in , '19 6 2 , 72-75). - G .M . Reds- (19 8 1) 49 9-518. - A .C . Welch, On thè Method o f C el-
lob, Die biblischen Angaben uber Stiftung und Grund ebrating Passover: Z A W 45 (19 27) 24-29. - J. Wellhau-
der Paschafeier vom allegorisch-kabbalistischen Stand- sen, Prolegomena zur Geschichte Israels, 61929. - J.A .
punkte aus betrachtet (Verzeichnis der Vorlesungen Wilcoxen, The Israelite Passover: Some Problems: Bibl
welche am Hamburgischen Akademischen und Real- Res 8 (19 6 3) 13 -2 7 . - H . Wildberger, Jahw es Eigen-
Gymnasium von Ostern 1856 bis Osten 18 57 gehalten tumsvolk (A T h A N T 37, i960). - F .E . Wilms, Freude
werden, Hamburg 1856, T-63). - W . Riedel, Miscellen. vor Gott. Kult und Fest in Israel, 19 8 1. — F. Zeilinger,
23} (vi,665) pasah (E. Otto) (vi,666) 234

Das Passionsbrot Israels. Deutungsgeschichtliche Unter- Reg. 1 8 , 2 1 , invece di pensare a un significato


sucbungen zum ungesàuerten Brot im A.T. (diss. teol «zoppicare da entrambi i lati» (escluso dal v. 26)
Graz. 1963). - P. Zerafa, Passover and Unleavened oppure «saltellare su due grucce» (se‘ippim, al ri­
tìread: Angelicum 41 (1964) 235-250. - 1. Zolli, La Pa­ guardo v. Gerleman 4 1 1 s. contro Jouon, MUSJ 3
squa nella letteratura antico- e neotestamentaria (in II
[ 1 9 0 8 ] 3 36), è meglio considerare l’idea di «urta­
Nazareno. Studi di esegesi neotestamentaria alla luce
dell'aramaico e del pensiero rabbinico, Udine 1938, 178­ re, sbattere contro due parti». Mediante la conti­
227. nuazione con un duplice lrku ’ahàràjw il verbo
psh viene strettamente legato all’idea del movi­
1.1. Il verbo psh è attestato in Ex. 12,13.23.27; 1 mento. In / Reg. 1 8 , 2 6 wajefassehu ‘al hammiz-
Reg. 18,21; Js. 31,5; 2 Sam. 4,4 (nif.); 1 Reg. 18,26 bèàh vi si ricollega. L ’uso della forma intensiva
(pi.). Deriva da psh l’aggettivo verbale pissèàh connette i colpi o gli urti contro l’altare all’idea di
(Lev. 21,18; Deut. 15,21; 2 Sam. 5,6.8; 9,13; 19,27; movimenti diversi, compiuti in successione (cfr.
^s- 33,2.3; 35,6; Ier. 31,8; Mal. 1,8.13; I°b 29,1 5; Jenni 1 5 1 - 1 5 4 ) . Ci si deve quindi immaginare non
Prov. 16,7). I tentativi di interpretare lo spettro un rito che preveda un ripetuto correre c urtare
semantico di psh ipotizzando due diverse radici contro l’altare (v. Gerleman 411), ma piuttosto fe­
omonime (Ex. 12,13.23.27; Is. 31,5: ‘passare ol­ rite provocate urtando contro l’altare attorno al
tre’, ‘risparmiare’ / 2 Sam. 4,4; / Reg. 18,21.26: quale si danza e gira scompostamente in preda a
‘zoppicare’, ‘trascinare una gamba’; cfr. Glasson; furore estatico (cfr. i LXX).
B. Kedar, Bibl. Semantik, 1981, 96 s.) offrono In Is. 3 1 , 5 l’allontanamento (pàsòàh w ehamlèt,
una spiegazione meno valida di quella di chi ten­ GKa § 1 1 3 n. t) dell’aggressore indica le misure
ta di operare con una sola radice (Blau 243 s.). Il di difesa e protezione (par. gànòn w'hassèl) a fa­
punto di partenza per individuare il significato di vore di Gerusalemme. Indirizzare Is. 3 1 , 5 verso il
psh può essere fornito soltanto dalle ricorrenze significato ‘zoppicare’ o ‘oltrepassare’ (H. Barth,
delle forme finite del verbo che non sono com­ W M ANT 48, 1 9 7 7 , 78. 88-90) avrebbe senso solo
promesse con la spiegazione del rito pasquale of­ se il pesah nella forma del rito domestico attestata
ferta dall’etimologia popolare. Mentre la lessico­ in Ex. 1 2 , ( 1 - 1 4 ) . 2 1 - 2 3 fosse applicato qui a Geru­
grafia ebraica (GesB 650; K B L 2 769) punta su salemme. Per questo H. Barth presuppone la cen­
uno sviluppo diacronico del significato del termi­ tralizzazione del pesah a Gerusalemme. Ma que­
ne da ‘ trascinare la gamba’ / ‘zoppicare’ a ‘saltel­ sta interpretazione, che si rifa a Ex. 1 2 , non ha
lare’ / ‘saltare’ / ‘risparmiare’, oppure pensa a una alcun appiglio in Deut. i 6 , i -7>(8). Riferire psh in
coesistenza sincronica di questi significati (K B L5 Is. 3 1 , 5 al pesah («celebrare una Pasqua»; W. Rie-
892), negli ultimi tempi vanno affermandosi i ten­ del 3 2 2 s.; J. Schreiner, StAN T 7, 1 96 3 , 2 4 7 - 2 5 2 )
tativi di spiegare le attestazioni partendo da un fa di necessità virtù di questo tipo d’interpretazio­
significato comune della radice psh. A sfavore di ne che spiega psh in Is. 3 1 , 5 con il rito del pesah.
un significato base ‘saltellare’ / ‘saltare’ (Keel 428­ Is. 3 1,5 va spiegato partendo dal significato di psh,
433; Ros-Garmendia 149 s.) si fa notare che non indipendentemente dal rito del pesah.
è possibile comprendere 2 Sam. 4,4 sotto questo Col significato base «urtare, colpire» di psh si
significato, dal quale peraltro non si può far deri­ spiega anche 2 Sam. 4,4 (nif): wajjippòl wajjippà-
vare l’agg. verbale pissèàh. La prep. ‘al nella locu­ sèàh con significato riflessivo di «urtare (se stes­
zione w ajcpassehù 'al-hammizbèàh (/ Reg. 18,26) so), sbattere» (Gerleman 4 1 1 ) . La caduta e l’urto
contraddice l’interpretazione di danza circolare a violento contro il suolo causarono la frattura dei
ritmo sconnesso attorno all’altare (E. Jenni, Das piedi e quindi il bambino divenne zoppo (nekèh
hebr. Pi'el , Zùrich 1968, 140) e conduce all’im­ raglajim).
probabile tesi del «saltare sopra (all’altare)» (Keel Così si arriva a collegare psh con l’aggettivo
429). In Is. 31,5 pàsòàh è usato in parallelo con verbale pissèàh, di schema qittèl come altri agget­
gànòn (v. già Redslob 25 s.) e non denota affatto tivi designanti difetti fisici o psichici (GKa § 84b
il saltellare di un uccello (v. anche H. Wildberger, a.c). Quale tipo di infermità sia derivata dall’ «ur-
BK x/3, 1237). tare» s’intende caso per caso dal contesto (pissèàh,
Risulta meno forzato ricondurre le attestazioni -> psh). Il significato di pissèàh non è limitato a
al significato generico di ‘colpire, spingere’ varia­ determinate parti del corpo e quindi la traduzio­
mente articolato (respingere, sospingere, urtare, ne con «zoppo» è riduttiva. Il termine copre in­
battere, ribattere, sbattere ecc.). Condizionato vece qualsiasi genere di difetto delle estremità del
dall’idea del rito apotropaico, Gerleman accentua corpo provocato da traumi (v. E. Otto, B N 41).
l’aspetto del «rimbalzare, indietreggiare». Per /
235 (v i,666) pasah (E. Otto) (vi,667) 236

Nell’ottica della storia della lingua, psh è connes­ sèdh. Invece ngd denota il colpo guardando a colui
so con l’acc. pessù(m) (AHw 856 s., al riguardo cfr. che ne è colpito, perciò sta in primo piano l’aspetto
W.W. Hallo, El 9, 66-70). Al pari di pissèah, pes- della conseguenza traumatica o mortale per il sogget­
sù(m) indica la ferita esterna del corpo o difetti visi­ to colpito.
vi dell’uomo o dell’animale. Le limitazioni della con­
notazione semantica a «paralisi* o «zoppia» deriva­ 2. Nella ricerca si sono percorse due vie diver­
no da un’interpretazione restrittiva dell’ebr. pissèah se per stabilire il significato del sost. pesah (v. la
(v. AHw 856). In senso più generico si vuole indica­ panoramica in Ros-Garmendia 146-151). Le deri­
re ogni forma di trauma (basti cfr. RMA 235 A rs. 5: vazioni dal verbosi/? possono richiamarsi alle in­
ittu ina libbi pessàti). Si ha un circolo vizioso quan­ terpretazioni di pesah in Ex. 12,13.23.27. Altri
do la lessicografia ebraica (GcsB; K BL2; K BL3 8933)
tentativi di spiegazione considerano queste inter­
adduce come argomento per tradurre la radice ebrai­
ca psh con «paralitico»/«zoppicante» l’acc. pessu(m) pretazioni un nesso secondario, fondato su una
nell’accezione «paralitico»/«zoppicante», a sua volta etimologia popolare, tra lessemi indipendenti dal
derivata da un’analoga traduzione dell’ebr. pissèah. punto di vista della storia della lingua. Di conse­
Derivato da psh è il NP pasèdh attestato in Esdr. guenza il significato di pesah viene ricavato dalla
2,4%Nehem. 3,657,51;/ Chron. 4,i2(v. anche l’iscri­ storia linguistica dell’ambiente circostante Israele.
zione sigillare con psh in N. Avigad, El 9, 1; F. Vat-
tioni, Bibl 50, Sig. nr. 235). Che un NP dato alla na­ Per le interpretazioni di pesah come «rito di pas­
scita significhi «zoppo» (IPN nr. 227; KBL3 894) è saggio» (Kònig 298), festa lunare (Bcnzinger 382),
inverosimile. Il nome potrebbe invece riferirsi alla rito apotropaico (Kraus, Gottesdienst 62) o rito lega­
«forza» con cui, prima di nascere, il bimbo «colpi­ to al rilevamento della classe di leva (Segai 185-187)
va» il grembo materno (cfr. Gen. 25,22 s.). In ugari­ che si basano tutte su psh inteso come ‘passar oltre’ /
tico è attestato il N P pshn (KTU 4.63, ili 42; 4.342.2). ‘ risparmiare’, e per quelle di pesah come rito di dan­
I testi ugaritici non offrono informazioni circa il si­ za ad andamento zoppicante (Engnell, OrS 1, 46)
gnificato del nome. per rappresentare l’esodo (Ringgren 167 s.), come
danza alla luna (W. Graf, LThK ix, 1292) oppure ri­
La storia della lingua connette anche psh e l’ar. to di fertilità che richiama i salti dell’ariete quando
monta e feconda la pecora (Beer, Pesacbim 13 s.), v.
fasafpa ‘slogarsi, lussarsi’ (K B L 3 892 s.).
la panoramica in Laaf 143 s. Restando su questa li­
Nel significato base di psh ‘colpire, urtare’ sono nea interpretativa, Keel (432 s.) ha spiegato pesah
presenti due prospettive tra loro correlate (cfr. G. con i salti sfrenati dei demoni e con il rito mediante
Fohrer, BZAW 155, 1981, 203 ss.), psh denota il mo­ il quale si cerca di proteggersi da loro. Invece Gerle-
vimento dall’esterno, l’azione contro un oggetto che man ha fatto derivare pesah da psh intendendolo co­
oppone resistenza (/ Reg. 18,26) oppure contro una me rito apotropaico «repellente».
sfera di potenza impenetrabile (1 Reg. 18,21). Ma
La connotazione semantica di psh «spingere,
nella prospettiva opposta psh denota anche la spinta
contraria, il respingere, la reazione a un movimento respingere, colpire di rimando» spiega il rito di
in entrata, come ades. l’attacco di un aggressore (Is. sangue del pesah. Dal punto di vista di chi vuole
31,5). Questo significato base getta luce anche sulle difendersi, il rito del pesah ha un effetto repellen­
ricorrenze di psh legate al rito del pesah in Ex. 12,13. te sulla forza (mashìt, Jhwh) del colpo (ngp); dal
23.27. Il sangue spalmato sugli stipiti e l’architrave punto di vista di questa forza, si tratta del con­
dell’ingresso delle case (Ex. 12,7.138.22) funge da re­ traccolpo della forza del sangue che impedisce il
pellente per hammashit secondo la versione del rac­ colpo mortale.
conto che dal punto di vista della storia della tradi­
zione si può dire originaria, e per Jhwh nell’inter­ Rispetto alle spiegazioni di pesah che prendono le
pretazione più tarda (v. sotto, 11.3). Il «distruttore» mosse dall’uso della radice psh in Ex. 12,13.23.27,
o Jhwh incontrano così «resistenza all’ingresso» servono ancor meno a intenderlo quelle che fanno
(pàsah 'al happetdh [Ex. 12,27: 'al bàttè benè jisrd- derivare il termine dall’acc. pasdjpu ‘rinfrescarsi, cal­
’èi, Ex. 12,13: 'àlèkem]) e si evita che gli abitanti di marsi’ (AHw 840; v. A. Jeremias 411 n. 1; contrario
quella casa ricevano il colpo mortale (ngp)\ w eló’ Riedel 324 - ulteriore bibl. in Laaf 145 n. 93), dal
jihjeh bàkem negef Vmashìt (Ex. 12,13); w eld* jittén suo possibile parente arabo fasuha ‘essere spazioso’
hammashit làbó’ ’el bàttèkem lingòf (Ex. 12,23); (v. L. Kopf, VT 8 [1958] 194 s.), dall’ar. fasaha ‘ave­
we'et bdtènu hissil (Ex. 12,27). In questi passi la vi­ re la vista acuta, essere chiaro’ (chiarezza atmosferi­
cinanza tra i significati di psh e ngp e palese (cfr. Ger- ca grazie alla forza illuminante della luna piena > pe­
leman 412). psh indica, guardando a colui che pre­ sah; v. J. Gray, Kings, OTL, *1970, 740), dall’ar./<«-
me, una spinta che urta contro una resistenza. La re­ ha 'porzione, pezzo, carne salata’ (Fraenkel 647), dal
sistenza che colui che spinge incontra, e la lesione sir. pesah ‘essere allegro’ (v. P. Smith, Thesaurus Sy-
che ne può riportare, stanno semanticamente in pri­ riacus 2, 1901, 3208) o dall’eg. (pi) Jsh ‘raccolto’
mo piano; v. 2 Sam. 4,4 e lo spettro semantico di pis- (Riedel 326-329; Vòlter, Urbild 10 ss.; contrario
2 3 7 (vi,668) pasah (E. Otto) (vi,699) 238

Couroyer 486 s. n. 6), (pi) shj ‘ricordo’ (F. Hom- 13.(27); Tg. Ps.-J. a Ex. 12,13.(27). Tg. Ps.-J. a Ex. 12,
mcl, Die altisraelitische Oberlieferung in inschriftli- 13.23.27 spiega ogni volta psh a margine con gnn
cher Beleuchtung, 1897, 292 s.; P. Buis - J. Leclercq, (af., 'aggén; cfr. Is. 31,5). In S, nelle tradizioni targu-
Le Deutéronome, Paris 1963, 123; contrario Cou­ miche palestinese e babilonese 'aggén è diventato il
royer 487 s.), (pj) sh ‘colpo’ (Couroyer; J. Barr, termine tecnico per l’intervento divino di protezione
CPT 103. 333; Laaf 146 s.; contrario de Vaux, LO 11 e liberazione (Brock 26-34). Distaccandosi da que­
346 s.; J.B. Segai 100; Keel 431). ste attestazioni nei LXX e nei Targum, T ° a Ex. 12,
27 traduce psh con dhs ‘opprimere, schiacciare’, ren­
Queste derivazioni risultano inconsistenti, se dendosi così evidente un aspetto affine all’ebr.psh.
si può collegare pesah al verbo psh in modo da S riprende l’ebr. psh come ’apsah, ma non si capi­
spiegare il rito della Pasqua così che le illustra­ sce perché sia stato usato il causativo. I commenta­
zioni in Ex. 1 2 , 1 3 . 2 3 . 2 7 non risultino semplice­tori siri collegano, con un’etimologia popolare, 'ap­
mente il frutto di un nesso di etimologia popolare sah a pesàhà' ‘gioia’.
tra due lessemi originariamente distinti, ma si di­ 1 L X X trascrivono l’ebr. pesah con cpàarex/fpà-
mostrino spiegazioni adeguate fondate su un ef­ aex (2 Chron. 30; 35), l’aram. pashà’ (forma tarda
fettivo nesso linguistico tra psh e pesah. pishà’, v. G L N T ix 963 s. n. 2, contro Riedel 325
Il significato base di pesah si estende per desi­ s. n. 1) con 7~àayx, il termine usato anche da Filo­
gnare la celebrazione cultuale della notte di Pa­ ne, N.T., Aq., Simm., Teod.; per la rara forma
squa - in strati antichi indipendente dalla festa di yà<jy>a v- J- Jeremias, G L N T ix 963 s. L ’interpre­
sette giorni degli azzimi (v. sotto, 11.1), dopo tazione che si concretizza nella traduzione di psh
l’unione delle due celebrazioni (v. sotto, 11.2) di­ con TOcpEpxeCT^a'. nei L X X impronta anche la tra­
stinta comunque dagli azzimi (v. sotto, 11.3-6): duzione di pesah con Sió.fia.aiz/Si.a.fict'zrfiia in Fi­
pesah lejhwh (Ex. 12 ,11; Lev. 23,5; Num. 28,16), lone (All. 3,94 e passim). L ’interpretazione di psh
‘àsà ('et) happesah (Num. 9,2.4-6.13; Ios. 5,10; 2 come ‘proteggere’ nella traduzione dei L X X in
Reg. 23,22; Esdr. 6,19; 2 Chron. 30,2; 35,16 s.), Ex. 12,13.27 influenza anche Simmaco, che tradu­
hag happesah (Ex. 34,2 5b), happàsah hag (Ezech. ce pesah con Ù7TEpfj.àxY)(ji<; ‘difesa’. T ° a Ex. 11,17
45,21; ma v. BHS), mimmohórat happesah (Ios. traduce pesah con hajis (Tg. Ps.-J.: hàjàsà') ‘ri­
5 ,11; Num. 33,3). Solo nel linguaggio popolare guardo’ .
della tarda età israelitica il nome pesah includerà
tanto la Pasqua quanto gli azzimi (Ios., Ant. 10,4, 11.1. Ex. 12 ,1-14 (attribuito a P) ha conservato
5; 14,2,1; Bell. 2,1,3; Le. 22,1; v. J. Jeremias, G L N T in Ex. i2,3b*.6b*.7a.8a.nb(3 una tradizione ritua­
ix 968). le formulata alla 3* pers. pi., che si distingue dallo
Il termine pesalo può essere esteso anche al­ strato integrativo formulato con la 2a pers. pi. (di­
l’animale ucciso per la celebrazione cultuale: sht mostrazione in Laaf 10-16 con bibl.). In questa
happesah (Ex. 12,21; Esdr. 6,20; 2 Chron. 30,15; tradizione rituale i vv. 7b.8b non sono coerenti, e
35,1.6.11), zbh pesah l'jhwh (Deut. 16,2.5 s.; cfr. si rivelano così come aggiunte. Lo stesso dicasi
Ex. 12,27 zebah pesah), zebah hag happàsah (Ex. per il finale del v. 3, seh lahbàjit. In seguito all’ag­
34,25); pi. happesàhim «le vittime pasquali» (2 giunta dei vv. 4-6a si è resa necessaria la precisa­
Chron. 30,17; 35,7 s.); 'àkal 'et happesah (2 zione del soggetto, aggiungendo kol-qehal ‘àdat
Chron. 30,18). jisrà 'èl.
3. I L X X traducono pàsah in Ex. 12,13.27 con La tradizione rituale originaria quindi suonava
crxc7ià^£tv ‘ proteggere’ (Vg. protegam), in Ex. 12, così:
23 con Ttapép^es-Sai ‘proseguire’ (Vg. pertransi-
bit)-,pàsóàh in Is. 31,5 con 7tepi7coir)aeTai (‘ libera­ w e[là]qehù lahem 'is seh lebèt-'dbót
wesàhàtù 'ótó ben hà'arbàjim
re’). La traduzione con mxpcpxecr'Sai è ricavata dal
w elàqehù min haddàm
contesto (‘àbar, Ex. 12,23; c^r- Ex. 12,12). w enàtenù ‘al setè hammezùzót w "a l hammasqóf
Questa traduzione è ripresa in Iub. 49,3, da Eze­ w t'akelù 'et habbàsar ballajlà hazzeh
chiele il Tragico (v. A.M. Denis, ed., Pseudepigra- pesah hù' l ejhwh
pha Veteris Testamenti Graece ili, 1970, 213) e dalla Stilisticamente la tradizione è formulata con una
Vulgata (Ex. 12,13.27: transibo/transivit-, Ex. 12,23
successione di sentenze con schema w-qatal-x.
transcendit: Is. 31,5 transiens\ v. anche Girolamo,
MPL 36, 190). L ’aspetto della protezione probabil­ La forma abbreviata dell’imp. pi. al v. 3b è dovu­
mente è stato ricavato, oltre che da Ex. 12, da Is. 31, ta alla perdita della prima posizione del verbo nel­
5 ed è recepito nella traduzione di psh con hws ‘ri­ la frase, in seguito all’inserimento di he‘àsór lahó-
sparmiare* in T ° a Ex. 12,13.23.(27); Tg. J. a Ex. 12, des hazzeh. Confrontato con questa tradizione, il
239 (vi,670) pdsah (E. Otto) (vi,671) 240

parallelo in Ex. i2,2ib-23 mostra uno stadio già proco con i motivi del divieto di uscire dalle case e
più sviluppato per quel che riguarda il rito del col divieto per lo sterminatore di entrarvi. La tradi­
sangue (ampliato), la struttura linguistica (più ar­ zione di Ex. i2,2ib-23 presenta quindi la struttura
ticolata), e una parte esplicativa (aggiunta ex no­ seguente:
vo). Solo il pasto del pesah di Ex. i2,8a va oltre frasi imperative
Ex. 12,218-23, ponendo il difficile problema se in frasi a schema w-qatal-x
tale lacuna si rifletta uno sviluppo successivo di frase a schema w-x-jiqtól
(marcatore di separazione)
un mero rito di sangue, oppure se in Ex. i2,2ib-
23 questo motivo sia stato tolto e spostato entro frasi a schema w-qatal-x ^. .
■■ \-i rspiegazione
r • 1
uno stadio successivo della tradizione. Per il ca­ rrasi a schema w-jiqtol-x
rattere di rito domestico questo pesah si distingue (determinazione del fine)
chiaramente da Deut. 16,1-7 (8) e dalla più tarda A causa della coerenza strutturale e formale dello
rielaborazione sacerdotale. Mentre lo strato reda­ stile, che consente di delimitare la tradizione all’ini­
zionale di Ex. 12 ,1-14 riprende Deut. 16,1 ss. cor­ zio (in relazione a ciò che precede) e alla fine (in re­
reggendolo (v. sotto, 11.3), Ex. I2,3b*.6b*.7a.8a. lazione a ciò che segue), viene a mancare la forza di
iib (3 non mostra segni d’influenza deut. né sa­ persuasione dei tentativi di scindere sul piano lette­
cerdotale, ma probabilmente uno stretto paralle­ rario l'unità di Ex. i2,2ib-23 (v., ad es., P. Weimar,
AAT 9, 1985, 131: «interpolazione JE» in Ex. 12,21.
lismo con Ex. i2,2ib-23. Ciò permette di sugge­
22a.23bfi.27b).
rire una datazione pre-deut. di Ex. ia ^ b ^ .ó b ^ a .
8a.nbp, che nell’A.T. rappresenterebbe una tra­ La determinazione della funzione del rito può
dizione possibilmente molto antica del pesah. associarsi alla sua spiegazione in Ex. 12,23. Essa
L ’esplicita dedica del rito a Jhwh nel v. n bj 3 può si conclude con la determinazione dello scopo:
essere un indizio che in origine non lo fosse; v. w eló' jittèn hammashit Idbò ’ ’ el-bdttèkem lingóf,
Haran, Temples 317 s. n. 2. che indica come fine del rito la protezione della
Ex. i2,2i-23(24-27a).27b interrompe la narra­ famiglia. L ’aspetto formale di questa determina­
zione J della decima piaga. L ’ inserimento di Ex. zione, distinta stilisticamente (schema w-jiqtól-x)
i2,2ib-23 nel contesto narrativo mediante Ex. 12, dal contesto delle frasi a schema w-qatal-x , sot­
2ia.27b è di stampo J (Laaf 19-21) o JE (Schrci- tolinea che non si tratta di un elemento narrativo
ner 75-80); v. gli z'qénìm quali rappresentanti di casuale nel ductus dell’interpretazione storico-sal­
Israele; wajjiqqód ha'dm wajjislahdwu in Gen. vifica dell’esodo, bensì di un elemento esplicativo
24,26.48; 43,28; Ex. 4,31; 34,8; Num. 22,31. La tra­ indicante lo scopo, messo in rilievo proprio per la
dizione precedente di Ex. i2,2ib-23 è articolata sua autonomia.
con imperativi iniziali, seguiti da sentenze a sche­ Vengono così a perdere importanza interpreta­
ma w-qatal-x (per la cui funzione semantica di zioni che a causa del rito di sangue nell’indicazio­
successione di fatti e commento nel passato v. ne della finalità considerano Ex. i2,2ib-23 come
Bartelmus, ATS 17, 1982, 73 ss.). Le frasi di mo­ rito di purificazione ed espiazione, collocando Ex.
dello w-qatal-x sono ulteriormente articolate con 12,21-23 sullo stesso livello letterario di Ex. 12 ,1­
una sottounità di schema w-x-jiqtól (v. 22b; per 14 (P) (May 65-82; Wambacq, Bibl 57, 316-319;
la cui funzione di interruzione di una catena pro­ Van Seters 172-175), oppure lo assegnano alla sto­
gressiva v. W. Gross, B N 18 [1982] 66). Le istru­ ria successiva di Ex. 12 ,1-14 (Norin 173-176;
zioni riguardanti il rituale sono così distinte dal­ Lindstròm 55-73). Queste tesi non possono ri­
l’evento esplicativo del rito (v. 23), che sfocia in chiamarsi all’uso del termine ng ‘, perché quando
una precisazione del suo scopo (weló' jittén ham- ng' è usato per riti di espiazione (Num. 19,18; Is.
mashit Idbò’ ’el-bdtèkem lingóf) formulata con 6,7; in Ier. 1,9 s. si tratta piuttosto di un conferi­
una frase di schema w-jiqtól-x (per la cui funzio­ mento di poteri) tale funzione è segnalata espres­
ne finale v. F.T. Kelly, JB L 39 [1920] 3 s.). samente. è impiegato in Ex. 12,22 per la so­
miglianza fonetica e semantica con i verbi ngp (Ex.
Rito e interpretazione del rito sono legati tra di 12,23) e n%b ‘colpire’, che sono affini per signifi­
loro in una struttura linguistica coesa. La parte del
cato a psh (v. sopra, 1.1). Solo con la rielaborazio­
rito forma anche un’unità, tenuta insieme com’è an­
che dalle indicazioni di tempo al v. 2ib a partire dal ne sacerdotale di Ex. 12,1-14 , c non prima, po­
mattino (miskù, v. W. von Soden, BZAW 162, 1985, trebbe esser stata ripresa col cambio da ng' a ntn
201 s.) fino al mattino seguente al v. 22b ('ad bàqer). (Ex. 12,7) una terminologia del rito di sangue con
Il v. 22 (il fine della parte rituale) e il v. 23b (il fine valore espiatorio (Fuglister 98). Anche la reinter­
della parte esplicativa) sono messi in rapporto reci­ pretazione del mashit (Ex. 12,23) c^e diventa una
241 (vi,672) pdsab (E. Otto) (vi,673) 242

azione (l cmashit) indica, proprio con la deperso­ la religione, ancora molto lontano dall’unificazio­
nificazione, che nel corso della storia della tradi­ ne razionalizzante della vita sotto il concetto di
zione Ex. 12,21 b-23 sta a monte di Ex. 12 ,1-14 e dio. L ’origine di questo rito non è derivabile dal­
non a valle. L ’inversione delle posizioni dovreb­ le religioni del dio supremo dell’ambiente siro-ca-
be invece fare i conti con una personificazione se­ nanco circostante Israele, che non conosce simili
condaria del mashit quale ipostasi di Jhwh e una riti di sangue, né dalla religione di Jhwh di Israe­
vicinanza all’angelologia tardogiudaica (Norin le. In quanto rito apotropaico domestico, il pesah
175 s.; Lindstròm 59-65). L ’interpretazione di Ex. è riferibile alla civiltà pastorale protoisraelitica
12,21 b-23 come rito di purificazione ed espiazio­ che, strutturata in famiglie, si sviluppava in terri­
ne non può spiegare perché il rito sia chiamato pe­ torio rurale e non nel deserto, secondo un model­
sah e deve perciò rifugiarsi nella tesi che l’etimo­ lo di nomadismo stanziale a corto raggio. In que­
logia di pesah sia oscura (Lindstròm 69 s. n. 39). sta cultura arcaica, che dal punto di vista della sto­
Ex. i2,2ib-23 descrive pesalo come un rito da ria della civiltà è un’ultima arrivata in un ambien­
eseguire nella mispdhà, che serve alla protezione te estremamente complesso con il quale non è in
della famiglia riunita nelle case la notte del rito. sincronia, la funzione della religione per assicura­
L ’influenza della tradizione dell’esodo si limita re la sopravvivenza della famiglia si crea forme di
alla parte esplicativa di Ex. 12,23 (lingòf 'et-mis- espressione non omogenee, ancora non coordina­
rajim). Oltre alla funzione esplicita della prote­ te tra loro da un’opera di razionalizzazione siste­
zione della famiglia, si affaccia implicitamente il matica. La narrazione delle storie patriarcali di si­
ricordo della notte dell’esodo. Il motivo dell’eso­ tuazioni pericolose, come l’attraversamento di un
do quindi è formulato di proposito sul modello guado (Gen. 32,23-33*), serve a rendere attuale la
della determinazione dello scopo: lingòf 'et mis- coscienza della potenza del dio familiare, la quale
rajim / 'el-bdttèkem lingòf. Al contrario della par­ si palesa nell’antenato (E. Otto, BW ANT n o ,
te rituale, la parte esplicativa mostra ancora in Ex. 1979, 40 ss.), ed è dunque una forma di protezio­
12,23 tracce del cambiamento, nella storia della ne accanto al rito del sangue del pesah. Soltanto la
tradizione, riguardo alla concezione del primitivo forza razionalizzatrice della religione di Jhwh or­
rito del pesah. In Ex. 12,2 3 è singolare che al v. 233 ganizzerà questi diversi atti religiosi nell’ambito
*dbar jhwh... lingòf non si parli del mashit, che di un unico Dio, quale memoria di una storia di
invece nel v. 23b[3 ha la funzione del colpo mor­ questo Dio con il suo popolo che unifica i diversi
tale. Ex. i2 ti}b a non si adatta alla continuazione raggruppamenti dai quali nacque Israele.
nel v. 23bp. Secondo Ex. i2,23ba Jhwh incontra
Henninger (EtBibl 36 ss., con bibl.) considera il
resistenza (psh) all’apertura della porta delle case
pesah una festa di pastori che nella storia delle reli­
e non può colpire (ngp), mentre nella continua­ gioni avrebbe un parallelo nella festa primaverile del
zione Jhwh impedisce al mashit di penetrare nelle ragab dei beduini arabi - un’interpretazione che può
case. Le idee arcaiche della resistenza {psh) che richiamarsi già a Ewald (De feriarum 418 s.) e a Well-
non viene superata, della protezione della casa e hausen (Prolegomena 85 ss.) - e avrebbe quindi il
dell’inganno del sangue spalmato per simulare la suo punto centrale nel sacrificio dei primogeniti. In
già avvenuta morte violenta degli esseri viventi età preislamica questo sacrificio sarebbe stato in rap­
(H. Christ, Blutvergiessen im A.T ., Basel 1977, porto con El, dio uranico e creatore. L ’inserimento
1 3 1 - 1 33) non si adattano a Jhwh, ma probabil­
del rito pastorale nell’idea del dio supremo (Hennin­
ger, EtBibl 120. 126 e passim), operazione che si av­
mente si adattano al mashit, la personificazione
vicina molto alla tesi di W. Schmidt del monoteismo
del potere distruttivo, che si e ancora conservato dei nomadi secondo la storia delle religioni (Der Ur-
come «motivo spuntato». Tanto più singolare, e sprung der Gottesidee i, *1926, 670-674), cozza con­
indice di un’esplicita reinterpretazione, è che pro­ tro il fatto che l’interpretazione del pesah come sa­
prio in questo passo Jhwh venga nuovamente in­ crificio del primogenito deve appoggiarsi a tradizio­
trodotto. La parte esplicativa del rito lascia dun­ ni tarde della festa degli azzimi (Ex. 13,11-16 ; 34,19
que ancora trasparire un’interpretazione più anti­ s.). L ’analogia tra pastori protoisraelitici e beduini
ca, che presentava il rito come una protezione arabi non può reggere.
della famiglia dal mashit la notte della celebrazio­ Ex. 12,2ib-23 non offre alcun appiglio anche alla
tesi che il rito del pesah sia collegabile con la transu­
ne. La protezione si basa sull’energia del sangue,
manza, come sostengono, ad es., Rost, Weidewech-
per impedire con la simulazione l’ingresso nelle sel 10 1-112 ; Laaf 148-158; contrari Schreincr 72 s.;
case al mashit. Otto, TRE xi 97 s. Secondo Ex. 12,22 si tratta di un
In questa fase preletteraria della tradizione di rito notturno. La datazione successiva alla notte tra
Ex. 12,21 b-23 si riconosce uno stadio arcaico del­ il 140 15 del primo mese (Lev. 2},y, Ezech. 45,21; Ex.
*43 (vi,673) pàsah (E. Otto) (vi,674) 244

12,6) può aver conservato memoria che il rito di pe­ è riconoscibile un accostamento fra tradizione
sah celebrato di notte cadeva la notte del plenilunio della festa degli azzimi e tradizione del pesali che
di primavera. I giorni e le notti di plenilunio, soprat­ ha il suo fondamento nella crescita parallela di
tutto in primavera, possono essere considerati parti­ queste due celebrazioni cultuali.
colarmente pericolosi {Prov. 7,20; cfr. S. Langdon,
Bahylonian Menologies and thè Semitic Calendars, Per datare questo processo ci si orienta sul ri­
London 1935, 77. 92-95), al punto da richiedere un sultato della determinazione del rapporto tra Ex.
rito appropriato per tenere lontani i pericoli. 12,21 b-23 e la tradizione di Deut. i6,i-y.{8\ nella
quale l’unione di pesah e festa degli azzimi e or­
Anche nella tradizione jahvistizzata di Ex. 12, mai un fatto esplicito (v. sotto, 11.2). Il legame di
2ib-23, che unisce rito e spiegazione in una strut­ pesah con la famiglia può collocare Ex. i2,2ib-23
tura linguistica coerente, il rito serve alla prote­ negli antecedenti o nelle ripercussioni di Deut.
zione della famiglia che ora si fonda però sul fat­ 16,1-8: la distanza storica, morfologica e semanti­
to che Jhwh tenga il mashit lontano dalle case. Il ca, dalla tradizione sacerdotale di Ex. 12,1-14 , la
rito trasporta nella situazione della notte dell’eso­ formulazione non dtr. di Ex. i2,2ib-23 e i verset­
do e assume ora la funzione di rinnovarne la me­ ti della cornice redazionale (Ex. 12,21 e 27b) sono
moria. L ’aspetto della protezione della famiglia è tutti argomenti che suggeriscono fortemente di
integrato con quello delPannientamento dei nemi­ vedere in Ex. i2,2ib-23 un testimone degli ante­
ci d’Israele {Ex. 12,233: w etàbar jhwh lingàf’et- cedenti di Deut. 16,1-8. L ’inserimento della te­
misrajim), che lascia già dietro di sé il nesso del matica dell’esodo in un rito legato alla famiglia
rito con la famiglia riferendolo alla protezione del contraddice il tentativo di distinguere religione
popolo di Israele, conformemente all’interpreta­ familiare e religione ufficiale (R. Albertz, Persòn-
zione che lo collega all’esodo. L ’integrazione del liche Fròmmigkeit und offizielle Religion, CThM
rito nella concezione religiosa di Israele lo sotto­ 178, 1978) in base ai temi legati a questa o a quel­
mette all’effetto della concezione di Jhwh sull’in­ la, decidendo a priori che i grandi temi della sto­
terpretazione delPesperienza e sulla visione del ria della salvezza esprimerebbero soltanto la reli­
mondo, che produce un’universalizzazione e una gione ufficiale. Si deve invece impostare la que­
unificazione, frutto di un processo di razionaliz­ stione diversamente, distinguendo le diverse fun­
zazione. Di conseguenza, in questa tradizione non zioni di un’unica e medesima tradizione nella fa­
c’è alcuna forza negativa indipendente da Jhwh: il miglia e nella comunità sovrafamiliare (cfr. Ex. 12,
mashit è uno strumento nelle mani di Jhwh per 2ib-23 a fianco di Ex. 15,2-18). In Ex. 12,21-23 la
distruggere i nemici d’Israele. tradizione dell’esodo è stata utilizzata in funzio­
Ex. 12,23 presuppone la conoscenza di un rac­ ne della protezione della famiglia.
conto della notte dell’esodo affine alla tradizione 2. In Deut. 1 6,1-7.(8) la struttura a livello lin­
presaccrdotale della decima piaga, che serve da guistico è determinata dall’intenzione di unire la
eziologia del rito dei pani non lievitati della festa tradizione del pesali e la tradizione della festa de­
degli azzimi (Otto, VT 26, 3-27; Van Seters 175 s. gli azzimi. Subito dopo l’intimazione di osservare
propone una datazione esilica), affine ma anche {sàmòr, GKa § 113.4) il hódes hà’àbib c’è la cor­
chiaramente distinto da essa: secondo Ex. 12,22 nice formata, in testa e in coda, da due frasi di
nessun israelita può abbandonare la propria abita­ schema w-qatal {Deut. i6,iapb.2 e 7) che abbrac­
zione prima del mattino successivo, mentre se­ ciano una successione articolata di frasi di sche­
condo Ex. 12,31 Mosè fu convocato dal faraone ma jiqtól nei vv. 3-6. I vv. 3.5.6 sono formulati
nel cuore della notte. Secondo Ex. 12,29 ss< come divieti seguiti da negazione, a sottolineare il
Egiziani spingono gli Israeliti fuori dal paese così comandamento positivo. L ’antitesi corrisponden­
in fretta da non lasciar loro neanche il tempo di te lo’ to’kai hàmés / to’kai massót, che si esprime
mangiare come si deve, ma il contesto ignora com­ anche nella contrapposizione sintattica tra frasi
pletamente il divieto di muoversi di casa prima jiqtòl-x e x-jiqtól., non richiede alcuna particella
del sorgere del giorno. In Ex. i2,2ib-23 manca che segnali contrapposizione, al contrario della
qualsiasi cenno all’uccisione dei primogeniti, e struttura dei w . 5 s. formulata senza corrispon­
viceversa il racconto della piaga non sa nulla, né denze (Y. Thorion, Stud. zur klass. hebr. Syntax,
nella fase dell’annuncio né in quella dell’esecuzio­ 1984, 22-27). Mediante l’affinità della struttura nei
ne, di particolari misure per risparmiare gli Israe­ w . 3/5 s. le istruzioni per la festa degli azzimi c
liti. Nell’inserimento, affine a questo racconto per la Pasqua vengono messe in reciproco rappor­
della decima piaga, della tematica dell’esodo nella to e il v. 4, che lega i comandamenti per gli azzi­
parte esplicativa della tradizione di Ex. i2,2ib-23 mi e quelli per la Pasqua, comprende:
245 ( v i,^75) pàsah (E. Otto) (vi, 6 y 6 ) 246

iaot inf. ass. cornice: la tematica pasquale. Sincronicamente, nella for­


iapb.2 frasi w-qatal istruzioni per la Pasqua ma finale del testo venutosi così a creare, le istru­
jiqtol-x zioni per la Pasqua costituiscono la cornice della
3
istruzioni per gli Azzimi tradizione della festa degli azzimi.
x-i
4 w-jiqtol-x istruzioni per gli Azzimi La differenziazione di Deut. 16,3 in Deut. 16,8
fa capire che la stessa tradizione della festa degli
w-jiqtòl-x istruzioni per la Pasqua
5.6 jiqtol-x azzimi ha subito un processo di trasmissione. So­
x-jiqtól istruzioni per la Pasqua stituendo il termine originario hag (Ex. 13,6) con
'àseret (M. Caloz, RB 75 [1968] 57) questo gior­
# cornice;
7 frasi w-qatal istruzioni per la Pasqua no di riposo viene escluso dall’esigenza della cen­
tralizzazione (v. la panoramica delle posizioni sul­
La cornice ai vv. iapb.2.7 contiene le innovazioni l’analisi del v. 8 in A. Cholewinski, AnBibl 66,
decisive per il pesalo: lo spostamento al bódes hd- 186 s. n. 32). Deut. i6,iafi.5-7 è tutto di formula­
’àbìb, la data della festa degli azzimi; la trasforma­ zione deuteronomica e solo al v. 4b ha ripreso una
zione in zebah, per il quale viene macellato anche tradizione preesistente (Ex. 23,18; 34,253) e con­
bestiame maggiore (bdqdr), la cui carne viene bol­ servato, nel motivo della celebrazione notturna, il
lita (cfr. Deut. 12,21; R.P. Merendino, BBB 31, rapporto con l’antico rito domestico. Le forti di­
1969, 128); la centralizzazione del pesah nel tem­ vergenze tra i risultati delle varie ricostruzioni di
pio scelto da Jhwh. Nella configurazione finale Deut. 16,1-7.(8) (v. H.-D. Preuss, Deuterono-
del testo, le istruzioni per la Pasqua costituiscono mium, 1982, 135 s., con bibl.) indicano che lo sco­
la cornice della tradizione della festa degli azzimi. po del redattore (legare strettamente pesah e festa
Nel testo sono evidenti le tracce della sua cre­ degli azzimi), che impronta la forma linguistica di
scita nella storia delle tradizioni. Tanto la posi­ Deut. 16,1-7, fu raggiunto.
zione isolata di Deut. 16,8, che nel contesto at­
tuale serve a unire 16,1-7 e ^ comandamento del­ Le tesi secondo le quali la festa degli azzimi era la
la festa delle Settimane (w . 9 ss.) e che conserva versione agricola del pesah (Halbe, ZAW 87, 324­
con lo schema 6/7 (per sei giorni... e il settimo...) 346), o che vedono nel pesah uno sviluppo ulteriore
un antico motivo della festa degli azzimi (Ex. 13, degli azzimi (Wambacq, Bibl 62, 499-518), si annul­
lano reciprocamente. Esse convergono tuttavia nel
6; v. Braulik, ThPh 56, 345 nn. 34 e 38), quanto
rifiuto ben fondato di un’origine cananea della festa
l’interruzione del continuum di Deut. i6,4a.8 me­ degli azzimi (v. Wambacq, Bibl 61,31-54; Otto, TRE
diante i vv. 4^5-7, fanno capire che l’esigenza del­ xi 96 s.).
la centralizzazione e la tematica pasquale furono
inserite in una tradizione della festa degli azzimi Il motivo degli azzimi è strettamente legato
che in prospettiva diacronica fornì la cornice. I con la memoria dell’esodo in una «festa di com­
paralleli a Deut. 16,1 in Ex. 23,15; 34,18 indicano memorazione delle sofferenze» (Braulik, ThPh
che la tematica pasquale al v. ìbp e anche la zop­ 56), mentre la tematica dell’esodo è legata alla te­
picante laila alla fine del v. 1 sono elementi secon­ matica del pesah solo in Deut. r6,i.6 (fine), e con
dari della reinterpretazione di una tradizione del­ nodi non poi così stretti. Mentre nella tradizione
la festa degli azzimi. Il rimando del v. 3 al v. 2 me­ degli azzimi manca il tema della centralizzazione,
diante ‘dlàjw appare secondario, in quanto crea le istruzioni riguardanti il pesah sono invece stret­
una contraddizione con l’ordine di mangiare per tissimamente legate a essa (Deut. 16,2.5.7 s.). La
sette giorni pane azzimo con il pesah, sebbene la cornice racchiude l’istruzione per la notte di Pa­
Pasqua non debba passare la notte. La tradizione squa (v. il v. 2 accanto al v. 6 tizbah ’et-happesah
originaria della festa degli azzimi comprende dun­ bà'ereb k ebó’ hassemes) mentre l’uso del pane az­
que De ut. i6,iaab*.3*.4a (8), e in questo corpo fu­ zimo per sette giorni è il prolungamento nella vi­
rono inseriti Deut. i6,iap.b (fine).3 (‘ dlàjw).4b.5~ ta d’ogni giorno, per imporre il ricordo dell’eso­
7. La questione molto controversa di quali istru­ do per tutta la vita nei suoi riferimenti quotidiani
zioni abbiano la priorità, se quelle della festa de­ (Braulik, ThPh 56, 344). L ’inserimento della ceri­
gli azzimi o quelle del pesah (al riguardo v. A. monia domestica del pesah nel culto ufficiale del­
Cholewiriski, AnBibl 66, 1976, 179-189; Halbe, le feste di pellegrinaggio centralizzate cambia il
ZAW 87,147-168), si risolve distinguendo l’aspet­ pesah, ma indica anche il cambiamento del culto
to sincronico da quello diacronico: da questo se­ ufficiale, da culto nazionale a liturgia nella comu­
condo punto di vista, la tradizione della festa de­ nità postesilica. Al posto della funzione di prote­
gli azzimi è la cornice originaria poi ampliata con zione della comunità familiare (Ex. 12,23) suben­
247 (vi,677) pasah (E. Otto) (vi,678) 248

tra la funzione di interiorizzazione individuale tativa nuova grazie anche all’uso di ntn (Ex. 12,
dell’esodo: lema'an tikzòr 'et-jòm se’t'kà m i’eres 7), che crea un’associazione con il gesto espiato­
misrajim kol-jemè hajjékd (Deut. 16,3). Mentre rio della spalmatura del sangue sui corni dell’alta­
viene spezzato il legame con la famiglia quale sog­ re (Ex. 29,12.20 e passim; v. Laaf 112 ; di parere
getto celebrante, diventa centro dell’attenzione diverso B. Janowski, W M ANT 55, 1982, 248 s.).
l’individuo come componente singola della totali­ Essa sottolinea la funzione commemorativa del pe­
tà del popolo. Perso il nesso con la funzione di sah riguardo alla notte dell’esodo inserendo moti­
protezione domestica, il rito del sangue non ha vi di un ideale pastorale (Ex. 12 ,11) e integrando
più significato. Al suo posto subentra il z ebah la tematica della festa degli azzimi (Ex. I2,8b,i4.
(cfr. Ex. 34,25 [rielaborazione dtr.]), che muoven­ [15-20]) nella tradizione preesistente del pesah. In
dosi in senso contrario all’individualizzazione in­ questo presuppone lo strato redazionale di Deut.
tegra Israele come comunità sacrificale. Anche i 6 , i - 7 . ( 8 ) . Ex. 12,10 riprende Deut. 1 6 , 4b ed Ex.
l’indirizzo alla 2a pers. sing. intende tutto quanto 12,1 iaba (behippazón) riprende Deut. 16,3b. Ma
Israele (v. Deut. 27,6 s.). oltre a riprendere, il redattore corregge critica­
Resta aperto il problema se questo programma mente: Ex. I2,8b.9 corregge l’istruzione deut. di
di riforma vada considerato tra i presupposti di lessare la carne della vittima (Deut. i6,7a), Ex. 12,
una riforma del pesah fatta da Giosia (2 Reg. 23, 5 l’istruzione deut. di macellare anche bestiame
21-23; 2 Chron. 35,1-19), se sia un riflesso di tale maggiore come pesah (Deut. 16,2). Ex. 12,3 (fine,
riforma oppure il programma esilieo di riforma seh labbdjit).^ sottolinea il legame del rito con la
per un Israele futuro (per il problema storico di famiglia e interpreta l’imposizione deut. della cen­
una riforma del pesah sotto Giosia v. Rost, BWA tralizzazione. Oltre che a Deut. i6,i-y.(S), Ex. 12,
N T 101, 87-93; Delcor 205-219 - sulla questione 12 s. si riallaccia anche alla tradizione jahvista di
delle premesse di tale riforma in una riforma Ex. 11 s. Ex. 12,13 riprende Ex. 12,23 e sviluppa
degli azzimi sotto Ezechia [2 Chron. 30,13.21 s.] l’interpretazione del rito del pesah spersonaliz­
v. Haag, Hiskia 216-225; Pcr uno sviluppo paral­ zando il mashit nella prospettiva dell’attività esclu­
lelo della centralizzazione del pesah samaritano siva del solo Jhwh. La tematica delle piaghe, che
nel Medioevo in conseguenza della riduzione del divenne sorprendentemente attuale nell’epoca del­
territorio abitabile samaritano v. J. Jeremias, BZ l’esilio nell’ottica del potere di Jhwh sui popoli a
AW 59, 66-72). Il racconto della riforma di 2 Reg. livello storico (Ex. 12,12) e che fece diventare il
23.21-23 dipende da Deut. 16,1-8. Alla tesi di una sangue del pesah segno di distinzione d’Israele tra
paternità dtr. di 2 Reg. 23,21-23 (H.-D. Hoff- i popoli (Ex. 12,13), s’inserisce nell’intcrprctazio-
mann, AThANT 66, 1980, 259; H. Spieckcrmann, ne del rito del pesah andando oltre Ex. 12,21-23.
F R L A N T 129, 1982, 130 ss.), N. Lohfink (BE Le correzioni apportate al programma di riforma
ThL 68, 1985, 45 n. 91, con bibl.) ha risposto so­ deut. si spiegano con il problema, derivante dal
stenendo l’appartenenza di 2 Reg. 23,21-23 alla progetto generale che informa tutta l’opera reda­
base letteraria (pre-dtr.) del racconto della rifor­ zionale sacerdotale, costituito dall’introduzione
ma di 2 Reg. 22,3-23,3. Indipendentemente dalle del rito del pesah antecedentemente, dato il suo
questioni riguardanti la storia letteraria di 2 Reg. legame con l’esodo, all’edificazione del santuario
2 3 . 2 1 - 2 3 , il termine ad quem di una centralizza­ legittimo al Sinai. Ex. 12 ,1-14 si spiega, nella sua
zione del pesah è dato dalle tradizioni di Lev. forma definitiva, con la posizione che occupa al­
2 3 , 5 - 8 (Cholewinski, AnBibl 66, 1 8 8 s. 2 1 4 ) e di l’interno della narrazione nella sua redazione
Ezech. 4 5 , 2 1 3 . 2 3 s., chc non impongono più la sacerdotale. L ’ipotesi che in Ex. 12 ,1-14 s‘ rifletta
centralizzazione del pesah ma la presuppongono, uno spostamento a ritroso del pesah nell’ambito
e da Ex. 1 2 , 1 - 1 4 , dove la redazione sacerdotale domestico dopo la distruzione del tempio è piut­
esilica si riallaccia criticamente a Deut. i 6 , i -7.(8). tosto dubbia. La legislazione circa il pesah in Lev.
3. La rielaborazione della preesistente tradizio­ 23,5-8, che in Lev. 23,5 si rifà a Ex. 12,6 (ben hd-
ne del rito domestico in Ex. 12 ,1-14 (P8 [?], v. J.- ‘arbajim)ypresuppone la celebrazione del pesah al
L. Ska, Bibl 60 [1979] 23-35; P- Weimar, B N 24 tempio centrale (Cholewinski, AnBibl 66, 214 s.).
[1984] 142 n. 159, con bibl.), con l’indicazione del Riallacciandosi a Deut. i 6 , i - 7 . ( 8 ) , in Lev. 2 3 , 5 ­
10 del primo mese come giorno della preparazio­ 8 la celebrazione del pesah e la festa degli azzimi
ne (Ex. i2,3a(3.6a), che corrisponde così al 10 del vengono narrate in successione e quindi legate tra
settimo mese, il giorno dell’espiazione, introduce di loro con un semplice espediente narrativo, ma
un'allusione alla tematica dell’espiazione che col­ a differenza di De ut. 1 6 , 1 - 7 . ( 8 ) si precisa che si
loca il rito del sangue in una prospettiva interpre­ tratta di due distinte celebrazioni. La tematica del
249 (vi,678) pasah (E. Otto) (vi,679) 250

sacrificio in Lev. 23,8a è, dal punto di vista della 9.10-12) e l’istituzione di un secondo pesah nel
storia delle tradizioni, un accrescimento che secondo mese (Num. 9,6-14; 2 Chron. 30,2 s.15).
separa le norme sul miqrà' qòdes dei vv. 7-8b. In 4. Il processo di reintegrazione, che si nota nel
quanto frase di schema w-qatal-x esce sintattica­ Pentateuco, del programma di riforma deut. in
mente dalla struttura precedente con la successio­ tradizioni sacerdotali, si mostra parallelamente
ne di frasi nominali e frasi di schema x-jiqtòl. Con anche nelle tradizioni del pesah del papiro sulla
l’inserimento del v. 8a si lancia il ponte verso una festa degli azzimi di Elefantina (AP nr. 21) e nelle
teoria del pesah in età esilica che, indipendente da tradizioni cronistiche del pesah (Esdr. 6,19-22; 2
Lev. 23.5-7.8b, compare in Ezech. 45,213.23 s. Chron. 30,1-27; 35,1-19). Il papiro degli azzimi
Ezech. 45,213.23 s. rende pesah una festa che si (v. il riepilogo delle ricostruzioni del testo e delle
celebra nel tempio il 14.1 (happàsah hag) c preve­ interpretazioni in Ros-Garmendia 285-292, con
de giorni di ‘ola e hattà’t. L ’aggiunta di Ezech. 45, bibl.) presenta una regolamentazione della festa
21 b recupera la classica festa degli azzimi e anche degli azzimi affine a Ex. 12,15-20 (Lev. 23,5-8;
qui lancia un ponte tra Deut. i6,i-7.(8) e la prassi Num. 28,16-25; v. Grelot, V T 4, 367 s.) e correg­
postesilica del pesah. ge quindi una celebrazione ridotta, conforme­
In aggiunte successive (Ps) la tradizione esilica mente a Ex. 12 ,1-14 , alla notte del pesah (v. anche
sacerdotale del pesah viene adeguata alla situazio­ la menzione di psìp’ in due ostraca di Elefantina,
ne del secondo tempio dopo l’esilio, riallaccian­ E.L. Sukenik - J. Kutscher, Qedem 1 [1942J 53­
dosi a tendenze della redazione sacerdotale in Ex. 56). Le tradizioni del pesah dell’età ellenistica in 2
12,1-14 . 1° Ex. 12,15-20; Num. 28,16-25 (PS) la Chron. 30,1-27; 35,1-19; Esdr. 6,19-22 praticano
tematica degli azzimi è recuperata, andando così in maniera particolarmente vistosa l’integrazione
oltre Ex. 12,1-14 , e la distanza dal programma di del programma di riforma deut. nel programma
riforma deut. di Ex. 12 ,1-14 viene ridotta. riguardante il pesah sviluppato nello strato sacer­
La tendenza a un recupero del programma di dotale del Pentateuco. Il bestiame maggiore, i bo­
riforma deut. nel contesto sacerdotale continua in vini, richiesti da Deut. 16,2 vengono interpretati
R r>(cfr. H.-J. Fabry, BEThL 68, 1985, 354 s.) le­ nel senso di un zebah selàmim (2 Chron. 35,12
gando insieme motivi sacerdotali e dtr. Mediante ss.; v. qui al v. 13 il tentativo di arrivare a una for­
una formulazione parallela a quella di Ex. 13,3-16, mulazione che armonizzi il Deuteronomio e P:
Ex. 12,24-273 mette strettamente insieme festa de­ wajebasselu happesah bà'ès). Il processo di rein­
gli azzimi e pesalo. In Ios. (4,19); 5,10-12 i motivi tegrazione della tematica degli azzimi si manife­
del pesah sono inseriti in una preesistente tradi­ sta nei passi (2 Chron. 3 5 ,17 ^ Esdr. 6,22) in cui
zione del rito degli azzimi (Otto, BW ANT 107, essa funge da appendice della tradizione del pe­
62 s. 175-186; diversamente M. Rose, AThANT sah. In 2 Chron. 30,1-27 (per l’analisi letteraria v.
67, 1981, 25-45: tradizione militare con rielabora­ Haag, Hiskia 216 ss.) l’unione tra festa degli azzi­
zione dtr. e sacerdotale) e si disegna l’immagine mi (2 Chron. 30,13.21 s.) e pesah (2 Chron. 30,15.
di Pasqua-azzimi come festa principale centraliz­ 17 s.; v. Wambacq, Bibl 57, 219 s.) è già molto
zata della celebrazione dell’entrata in patria (cfr. avanti. Le tradizioni cronistiche del pesah fanno
Esdr. 6,19-21). pesah (Ex. 12,1-36) e sabato (Ex. trapelare, nel motivo che la centralizzazione della
16,13-35) formano, mediante una corrispondenza macellazione del pesah a Gerusalemme non si era
chiastica (P. Weimar, ÀAT 9, 1985, 16-20), una imposta ovunque (2 Chron. 30,10 s.; 35,18; Esdr.
cornice della terza sezione del libro dell’Esodo 6,21), lo sviluppo particolare tra i Samaritani (J.
che nella sua forma finale risulta articolato in set­ Jeremias, BZAW 59, 67). Al di là dei programmi
te sezioni. Il punto di aggancio tra pesah e sabato deut. e sacerdotale per il pesah vengono fissate le
è il settimo giorno della festa degli azzimi, che è funzioni dei sacerdoti e dei leviti per l’aspersione
un giorno di riposo (Deut. 16,8; Lev. 23,8b; Ex. del sangue, per gli olocausti e per la macellazione
12,16; Num. 28,25). delle vittime per il pesah (2 Chron. 30,15-17 [al
La tematica dell’espiazione, di cui si è colta già riguardo v. B. Janowski, W^MANT 55, 249]; 35,2­
un’eco in Ex. 12 ,1-14 , è sviluppata diffusamente 6.10-15; Esdr. 6,20). La «celebrazione commemo­
nella torà dei sacrifici di Num. 28,16-25. Sulla fun“ rativa delle sofferenze» (Braulik) deut. si trasfor­
zione del pesah in quanto segno di separazione di ma nello specchio delle tradizioni cronistiche in
Israele dalle nazioni (Ex. 12,12 s.) e sulla funzio­ una festa gioiosa (2 Chron. 30,21.23; Esdr. 6,22;
ne cspiatrice, di nuova acquisizione, si basano cfr. mPes. io,y,Iub. 49,2.22).
l’esigenza della purità cultuale, l’esclusione degli 5. Il programma cronistico del pesah in certi
incirconcisi dal pesah (Ex. 1 2.,[4iJ.43-50; Ios. 5,2- aspetti decisivi non ha potuto affermarsi nel se­
2 j i (v i,6 8 o ) pàsah (E. Otto) (v i ,68 t) 252

condo tempio. La macellazione del pesah nel­ sachim 188 s.), che anche i più poveri organizzavano
l’atrio dei sacerdoti del tempio (mZeb. 5,8; tPes. (mPes. 10,1; cfr. Me. 14,18; Lc. 22,14; T3»12)-
4,12; 162,20) era eseguita in tre reparti da Israeliti questo banchetto si realizza proletticamente la spe­
ranza escatologica della liberazione, che contiene una
e non dai leviti (mPes. 5,5; mShahb. 1 ,1 1 ; Philo,
forte componente sociale come liberazione dei po­
De victimis 5; Ios., Ant. 3,9,1). I sacerdoti racco­ veri dalla povertà. Nella aggada del pesah questo trat­
glievano il sangue disposti su due file, muniti di to viene proseguito nell’invito rivolto in lingua ara-
catini d’oro e d’argento, e lo portavano all’altare maica dal padrone di casa a tutti i poveri e affama­
dove veniva asperso non sui corni (per la questio­ ti (kol difrìk jètè w ejifsah «chiunque si trovi nel
ne dell’aspetto espiatorio v. Morris 65 s.; A. Schen- bisogno venga e celebri la Pasqua»; v. Schlesinger-
ker, Miinchener Theol. Zeitschr. 34 [1983] 195­ Gùns 3). L ’attesa messianica escatologica, che nel 1
213; N. Fiiglister, Fs. W. Kornfeld, 1976,153-165) sec. a.C. si è fatta più forte, trae nuova linfa dalla
ma alla base. La funzione dei leviti si limitava al duplice ripetizione nel canto del Hallel di Ps. 118,25
e 118,26: baruk habbd' b'sèm jhwh.
controllo della purità dei frequentatori del tem­
Dopo la distruzione del tempio compiuta da Ti­
pio (Philo, Spec. Leg. 1,156) c a cantare il Hallel to, al rituale del pesah venne aggiunta la supplica per
(tPes. 3 ,11; cfr. 2 Chron. 35,15). Una tradizione la ricostruzione della città formulata da R. Aqiba
tannaitica (jPes. 6,33C; bPes. yoz) mostra che il ze- (Schlesinger-Giins 32). Se nella configurazione del
bah s elàmim (2 Chron. 35,13) potè mantenersi so­ pasto la rappresentazione dell’attesa escatologica
lo come sacrificio volontario. prende il posto della rappresentazione della situa­
zione dell’esodo, ciò non significa che il ricordo (zik-
Con la distruzione del tempio la macellazione del kàròn) della liberazione dell’esodo non fosse più
pesah fu abbandonata (mPes. 10,3) perché non si centrale. Piuttosto, l’esperienza del passato e l’attesa
poteva più ottemperare al dettato di Deut. 16,2.6 s. del futuro divennero aspetti del presente pieno di
di macellare il pesah nel luogo scelto da Jhwh. Ten­ festa: come il futuro sperato diveniva già presente
tativi nella diaspora di mantenere in vita la prassi di proletticamente, così anche il passato ritornava a es­
consumare agnelli interi arrostiti la notte del pesah sere presente nella memoria. Ogni partecipante al
(tBesah 2,15; 204,24 par.; cfr. anche Aug., Retract. 1, pesah era obbligato a considerarsi come se proprio
10) non riuscirono ad imporsi; per la macellazione lui fosse stato condotto fuori d’Egitto, «dai dolori
del pesah dei Falasha e dei Samaritani v. J. Jeremias, alla gioia, dal cordoglio all’allegria festosa, dalle te­
BZAW 59, con bibl.). nebre alla grande luce e dalla schiavitù alla reden­
Il carattere gioioso del pesah che caratterizzava già zione» (mPes. io,5bc). Per esser resi capaci di questa
il programma cronistico relativo alla celebrazione contemporaneità c’era bisogno della mediazione pe­
del pesah viene sottolineato dai flauti che accompa­ dagogica e dell’interiorizzazione dei contenuti della
gnavano il canto del Hallel (m'Ar. 2,3). Subito dopo festa, con l’ammaestramento dei figli da parte del
si procedeva ad arrostire gli agnelli e a mangiare il paterfamilias (mPes. 10,4 e passim; v. già Ex. 12,26.
pesah, operazioni che avvenivano in tutta l’area ur­ 273; 13,8-16).
bana di Gerusalemme (mPes. 7,12; 10,3; mShahb. 1, Il secondo giorno della settimana di festa veniva­
n ; non così secondo Iub. 49,16.20). Così ogni casa no offerti al tempio gli omer di covoni (Lev. 23,9­
acquisiva un po’ della santità del tempio (Philo, 14) presi nei dintorni di Gerusalemme (tMen. 10,21:
Spec. Leg. 2,148). A causa della massa di pellegrini biq'at bèt miqkà nella valle del Qidron; al riguardo
che si recavano a Gerusalemme per la festa, il cui v. G. Dalman, Jerusalem und sein Gelande, 1930
numero era cresciuto in maniera esponenziale in età [1972], 160) o, se in questa regione l’orzo non era an­
asmonea, e della contemporanea crescita della popo­ cora maturo, si portavano i covoni anche da luoghi
lazione della città (E. Otto, Jerusalem, 1980, 119 ­ più lontani (mMen. 10,2).
126), nel 1 sec. a.C. questa parte della festa del pesah Con l’offerta dei covoni si tornava ad accentuare
venne probabilmente decentralizzata e trasferita fortemente la tematica della fertilità legata in manie­
nelle famiglie, in comunità di tipo familiare (maestri ra sostanziale con la festa degli azzimi, ma che nei
e alunni; vicinato) o in comunità conviviali formate­ programmi deut., sacerdotale e cronistico era stata
si ad hoc (hdburà: Giuseppe: <ppaxpia: mPes. 8,3; come sepolta dal pesah. Il ritorno di questa tematica
tPes. 7,3; Me. 14,12; Mt. 26,18; Lc. 22,8). risalta anche nella beràkd pronunciata sul karpas
Il pasto è caratterizzato dai quattro calici di vino, («Re dell’universo, colui che crea il frutto dei cam­
dalla recitazione del Hallel e dalla commemorazione pi») e nelle beràkòt sugli azzimi («Re dell’universo,
dell’esodo dall’Egitto (mPes. 10). L ’abbigliamento da colui che produce il pane dalla terra»). Un movimen­
viaggio prescritto in Ex. 12,11 e il rito del sangue or­ to parallelo di reintegrazione dell’aspetto della ferti­
dinato in Ex. 12,7.13 vengono tralasciati e i relativi lità si può notare anche nella festa postesilica delle
comandamenti disattesi perché riguardavano solo il settimane (Otto, TRE xi 101, con bibl.).
pesah celebrato in Egitto (mPes. 9,5; tPes. 8,11 ss.). Nella tradizione targumica il ricordo dell’esodo
Al loro posto il centro della celebrazione fu occupa­ viene posto in uno scenario universale che va dalla
to da un banchetto di tipo greco-romano (Beer, Pe- creazione fino alla liberazione escatologica d’Israele.
2 J3 (vi,6 8 i) pasah (E. Otto) (vi,682) 254

La più antica stesura del midrash della Pasqua, Tg. ca di Zach. 9,11 («Per amore del sangue della tua be-
Ps.-J. a Ex. 12,42 («ode delle quattro notti»; cfr. Da- rìt libererò anche i tuoi prigionieri dalla fossa in cui
vies, JJSt 30, 65; diversamente Vermès 217 n. 2: Tg. non c’è acqua») riferisce al sangue del pesah le paro­
Ps.-J. a Ex. 12,42 sarebbe una versione abbreviata le bedam bcritèk, mettendo così in evidenza nel pe­
del Targum Frammentario a Ex. 12,42) collega lèi sah l’aspetto della liberazione.
simmurìm («notte della veglia»; v. Le Déaut, AnBibl
22, 272 s.) con il ricordo delle notti della creazione,
6. In uno strato letterario tardo del libro dei
delle apparizioni di Dio ad Abramo, di quella in
Egitto, quando la sua mano uccise i primogeniti Giubilei è stata inserita in lub. 49 una tradizione
d’Egitto e salvò i primogeniti d’Israele, e della notte del pesah chc si differenzia dalla prassi che si è
della liberazione della casa d’Israele dal dominio andata instaurando in età tardoisraelitica fino alla
delle nazioni. Nel Targum Frammentario e nel Tar­ distruzione del tempio. Il pesah egiziano (luh. 40,
gum Neofiti (v. Le Déaut 133-135. 215. 264 s.) que­ 1-6) distinto dal pesah successivo all’istituzione
sta tradizione è ampliata con l’inserimento di allu­ del culto (lub. 49,18 s.) adegua Ex. 12 a una prassi
sioni bibliche. Risulta qui evidente un particolare del pesah trasformata. Il motivo dell’abbigliamen­
interesse teologico negli ampliamenti alla seconda e to da viaggio è tralasciato. Invece di erbe amare e
quarta notte, mentre in una esegesi tipologica mes­
pane azzimo è il vino, «inizio della gioia» (lub.
sianica di Mosè viene sviluppata l’immagine di una
migrazione escatologica dal deserto la notte della li­ 49,2), ad accompagnare il pasto del pesah (luh.
berazione. L ’esposizione della seconda notte è stata 49,6). Le norme per il pesah dopo l’esodo e dopo
più volte rielaborata. Un primo ampliamento inseri­ l’edificazione del tempio richiedono che il pesah
sce le promesse di un figlio di Gen. 15 6 17 . Una se­ per il pasto sia arrostito e consumato nel cortile
conda mano aggiunge il motivo del sacrificio di Isac­ del tempio (lub. 49,16.18-21). Ogni israelita ma­
co [Gen. 22). Al centro c’è la visione celeste di Isac­ schio dai vent’anni in su (lub. 49,17) tlcve osser­
co. Non si stabilisce alcun esplicito rapporto tra il vare, se puro (lub. 49,9), il pesah (lub. 49,10). La
sangue del sacrifico di Isacco che opera l’espiazione durata del pesah che non è fissata con precisione
e il sangue del pesah, così che il Tg. a Ex. 12,42 non
va messo in rapporto con la ‘àqèdà. in Deut. 16,6 s.: Ex. 12,6 viene ora stabilita con
Il nesso tra il sacrificio di Isacco c il pesah ha un chiarezza: «Dalla terza parte del giorno sino alla
precursore in luh. 17,15, con l’esplicita datazione terza parte della notte» (lub. 49,10 s.; mPes. 5,1:
del sacrificio di Isacco al 15 Nisan (cfr. G.L. Daven- «La vittima del sacrificio serale perpetuo verrà
port, The Eschatology of thè Book of Jubilees, Stu­ scannata l’ora ottava e mezzo del giorno... e se­
dia Postbiblica 20,1971, 59 nn. 2 e 3). Anche qui non guirà poi il pesah»; Ios., Bell. 7,9,3: tra la nona e
si riconosce alcuna traccia palese del nesso tra pesah l’undicesima ora; Mek. Ish. a Ex. 12,6: ora sesta).
e il motivo della ‘dqèdd. La salvezza del primogeni­ Sebbene la partecipazione al pesah sia legata al
to mediante un sacrificio animale viene messa in rap­ precetto di purità, manca qualsiasi riferimento a
porto tipologico con la salvezza dei primogeniti
un secondo pesah.
d’Israele mediante il pesah (cfr. Davies, JSOT suppl.
11, 129 s.). La ‘àqèad viene sviluppata nel Targum Un ordinamento delle mismàròt proveniente
Frammentario e nel Codex Neofiti a Gen. 22,8.10, dalla grotta 4 di Qumran (J.T. Milik, VTS 4 [1957]
ma senza essere collegata al pesah. Il primo collega­ 24 s.; E. Vogt, Bibl 39 [1958] 72-77; per la data­
mento databile con certezza tra ‘àqèdà e pesah risale zione cfr. R. de Vaux, RB 63 [1956] 73 s.) collega
all’epoca tannaitica (Mek. Ish. a Ex. 12,13; Per da­ gli ordinamenti delle feste in Lev. 23 e Num. 9 ,1­
tazione v. E.P. Sanders, Paul and Palestinian Ju-
13 con il calendario solare puro di 364 giorni. Il
daism, London 1977, 65-69, con bibl.) e dovrebbe
rappresentare già una reazione a una lettura tipolo­ pasto pasquale la sera del 14 del primo mese cade
gica cristiana di Isacco-Cristo (Barn. 7,3; Melitone uniformemente di martedì, il primo giorno di
di Sardi, Fragm. 9 e io [cfr. D. Lerch, Isaaks Opfe- festa il 15 del primo mese di mercoledì (J.A. Fitz-
rung christl. gedeutet: BHTh 12 [1950] 27-46]; Iren., myer, The Dead Sea Scrolls, Missoula 1977, 1 3 1 ­
Haer. 4,5,4; T ertullian Marc. 3,18 ;Iud. 10). 137, con bibl.). Questo calendario fa sì che non
Il Tg. Ps.-J. a Ex. 12,13 collega il sangue del pesah cadano lo stesso giorno pesah e sabato, evitando
con la circoncisione. Non solo il rito del pesah crea così ogni conflitto tra osservanza del pesah e os­
una protezione, ma anche il merito della circonci­ servanza del sabato (cfr. mPes. 5,8-10; 6,1; per la
sione (cfr. Mek. a Ex. 12,13). H Tg. Cant. 2,9 pre­
questione della priorità del pesalo in Hillel il Vec­
senta le porte degli Israeliti spalmate con sangue del
pesah e col sangue della circoncisione (cfr. Ohana chio v. tPes. 4,1; jPes. 6,3 3a; bPes. 66a). La rigo­
385-399). In Mek. a Ex. 12,6 (R. Mathja ben Heresh) rosa osservanza della santificazione del sabato a
il sangue del pesah e della circoncisione sono colle­ Qumran (CD 11,17 : W ja'al ’ts lammizbèdh bas-
gati dalla comune funzione cspiatrice (v. anche Ex. sabbàt: cfr. lub. 50,10 s.) aveva la precedenza su
r. 15,35b. 26a; Morris 65 s.). La tradizione targumi- tutte le altre celebrazioni festive (J.M. Baumgar-
255 (vi,683) pisséàh (R.E. Clements) (vi,684) 2 j 6

tcn, Studia in Qumran Law. StJLA 24 [1977] der Sinnor: ZDPV 73 (1957) 73-99. - M. Tsevat, 'Ish-
T 0 1-114). II sacrificio dei covoni viene fatto cade­ boshet and Congeners: HUCA 44 (1976) 71-87. - E.C.
re la prima domenica dopo la settimana de\ pesah, Ulrich, Jr., The Qumran Text of Samuel and Josephus
(HSM 19, 1978, spcc. 128 ss.). - W.G.E. Watson,
quindi il 26 del primo mese. Il secondo pesah do­
David Ousts thè City Rulers of Jebus: VT 20 (1970)
veva aver luogo trenta giorni dopo il primo. 501 s. - Y. Yadin, The Art ofWarfare in Biblical Lands,
11Q T 17,7 -1 6 si distacca, concordando con New York - London 1963 (spec. 267-270).
Iub. 49, dalla tradizione mishnica. Contrariamen­
te alla prassi tardoisraelitica prima della distru­ 1.1. L ’aggettivo pisséàh deriva da una forma in­
zione del tempio, il pasto del pesah va consumato tensiva del verbo pàsah che descrive lo stato di chi
nei cortili del tempio (n Q T 17,9; Iub. 49,16-20). (persona o animale) non cammina o corre normal­
11 limite di età fissato ai vent’anni (11Q T 17,8) mente e quindi non può avanzare senza difficol­
corrisponde a Iub. 49,17; iQSa 1,8 -11 (al riguar­ tà. Al nif. il verbo significa «diventare paralitico,
do cfr. P. Borgen, RQu 3 [1961] 267-277). Le nor­ zoppo» (2 Sam. 4,4) e descrive una situazione
me relative alla festa degli azzimi in 11Q T 17, sfortunata. La forma intensiva qittél (cfr. BLe
10-16 seguono Lev. 23,6-8; Num. 28,17-25; Iub. 477b) indica una condizione permanente o relati­
vamente durevole. Per il termine accadico affine
pessu -» psh (pàsah). Nonostante la stabilità del si­
gnificato di pisséàh c il suo inconfutabile rappor­
to con pàsah, il senso preciso del verbo non è
chiaro.
O D ? pisséàh
R. Schmitt (OBO 7, 1975, 25 s.) suppone un’affi­
1.1. Etimologia e significato. - 2. Uso e sinonimi. - nità con Yir.fasafra ‘slogare, sciogliere’ (Wehr, Arab.
11.1. Paralitici e zoppi nell’ A.T. - 2. pisséàh in N P. - Wb. 636). L ’aggettivo indicherebbe allora un mem­
3. Animali zoppi. - 4 . 1 L X X e Qumran. bro inutilizzabile. Tuttavia ciò non si adatta all’acc.
pessù a causa della h. Per contro G. Gerleman (ZAW
Bibl.: G. Bressan, L ’espugnazione di Sion in 2 Sam },6- 88 [1976] 409-413) sostiene in significato base «sbat­
8 // 1 Chron 11,4-6 e il problema del «sinnòr»: Bibl 25 tere contro qualcosa, rimbalzare», così che il signifi­
(1944) 346-381. - G. Brunet, Les aveugles et boiteux cato si riferirebbe, per estensione, a un membro del
jébusites: VTS 30 (1979) 65-72. - R .A . Carlson, David corpo danneggiato o spezzato (cfr. anche Keel 430
thè Chosen King. A Traditio-Historical Approach to thè ss. e Irwin 114).
Second Book of Samuel, Uppsala 1964. - B. Couroyer, Nell’A.T. il verbo pàsah viene associato a pesah
L'origine égyptienne du mot «Pàque»: R B 62 (1955) presumendo così un significato «saltare, saltellare»
481-496. - A. Douglas, Punty and Danger. An Ana- (cfr. Ex. 12,13.23.27). Non è questa la sede per sta­
lysis of thè Concepts of Pollution and Taboo, London bilire se sia esistita anche un’altra radice col signifi­
1966. - G. Fohrer, Elia (AThAN T 53, 21968). - T .F. cato di «proteggere, salvare» (cfr. Glasson 79 ss.; cfr.
Glasson, The «Passover» a Misnomer: The Meaning of J.P. Hyatt, Exodus [NCB], 1971, 133; Irwin 114).
thè Verb pàsah: jT hS 10 (1959) 79-84. - J . J . Gliick, The
Conquest of Jerusalem in thè Account of 2 Sam },6a-8 Il problema principale per intendere precisa­
with Special Reference to «thè Blind and thè Lame» mente la semantica di pisséàh sta nella palese in­
and thè Phrase w*yigga‘ bassinnor. Studies in thè Book certezza tra «essere paralitico ecc.» e «saltellare
of Samuel (OTWSA i960, 98-105). - J.H . Granboek, ecc.». Da un lato si tratta di una forte limitazione
Die Geschichte vom Aufstieg Davids 1 Sam i}-2 Sam motoria, dall’altro di un’intensificazione del mo­
j. Tradition und Komposition (Acta Theologica Danica
vimento.
10, Kebenhavn 1971 ). - D.M. Gunn, The Story of King
David. Geme and Interpretation (JSO T Suppl. 6, Un passo chiave per la comprensione dei due
1978). - H. Haag, Von alten zum neuen Pascha (SBS contenuti semantici è 1 Reg. 18,26, dove si usa
49, l 970 - “ J- Heller, David und die Kruppel (2 Sam psh pi. per descrivere l’attività rituale dei profeti
f,6-8): Communio Viatorum 8 (1965) 251-258. - W.H. di Ba'al presso ('al) l’altare sul Carmelo. Questa
Irwin, Isaiah 28-jj (BietOr 30, 1977). - O. Keel, Er­ scena è strettamente correlata a 1 Reg. 18,21, do­
wàgungen zum Sitz im Leben des vormosaischen Pa­ ve Elia incolpa il popolo di pendere (ptc. qal) da
scha und zur Etymologie von pesah: ZAW 84 (1972) ('al) due parti. Fohrer (Elia 14) nega che ci sia
414-434. - P. Laaf, Die Pascha-Feier Israels (BBB 36,
una parentela semantica diretta. Il v. 26 indiche­
1970, spec. 142-147). - W .O.E. Ocsterley, The Sacred
Dance. A Study in Comparative Folklore, Cambridge rebbe i salti scomposti dei profeti di Ba'al in una
1923. - L. Rost, Die Oberlieferung von der Thronnach- danza rituale che dovrebbe produrre una condi­
folge Davids (BW AN T m/6 = Das kleine Credo, 1965, zione estatica, mentre nel v. 21 si avrebbe un uso
119-253). - H.J. Stoebe, Die Einnahme Jerusalems und metaforico nel senso di «zoppicare, oscillare» (cfr.
*57 (v 1,685) pissèàh (R.E. Clements) (vi,686) 258

S.J. de Vries, / Kings, 1985, 229). È piuttosto evi­ Douglas 51). Un uomo zoppo non era considera­
dente che l’autore giocasse con la parola, ma non to completo (sàlèm, -» slm) e tale condizione era
è chiaro se intendesse usare il gioco di parole an­ considerata una sorta di impurità che rendeva im­
che per descrivere un contrasto. In entrambi i ver­ possibile accedere al tempio. Dichiarare una per­
setti il significato «saltare in qua e in là» o «salta­ sona «zoppa» implicava dunque, oltre all’emargi­
re in tondo» sarebbe adatto. Non si può esclude­ nazione liturgica, anche un giudizio morale ed eti­
re che l’attività rituale del v. 26 consistesse pro­ co (cfr. lob 29,15). Si può immaginare solo vaga­
prio in questo tipo di movimento (cfr. G. Hòl- mente in che misura questi invalidi venissero di­
scher, Die Propheten, 1914, 132). Questa dev’es­ scriminati nei decreti giudiziari ecc. Probabilmen­
sere considerata la spiegazione meno probabile, te formavano un gruppo così piccolo che non fu­
ma l’ambiguità c’è e va tenuta presente. Riguardo rono sviluppati modelli per risolvere la loro par­
a pissèàh, ciò significa che dalla radice pàsah si è ticolare problematica.
formata una forma intensiva col significato «sal­ Per la prima volta nella sto