Sei sulla pagina 1di 199

a-ayydia 1

A
a alfa (prima lettera dell'alfabeto buono (opera, azione);
greco);primo-a (nei titoli di alcune assolutamente eperfettamente
lettere del NT) buono (Dio, Mc 10,18); T ayaOov
'Aapwv (5 = Le At Eb) m Aronne T ayaBov il bene, ci che buono
'A~a&&wv (Ap 9,11) ebro trasl. e/o giusto; ci che d beneficio o
tradotto in gr. con 'AlTouov, vantaggio; T ayaBa i beni, i
sterminatore possedimenti; cose buone (Le
a~ap~~, ~ (2Cor 11,9) non pesante 16,25);azioni buone (Gv 5,29)
(qui, economicamente) ayaOoupyw (At 14,17) forma
a~~a (3 = Mc Rm Gal) m Padre, coritratta di ayaOof.pyw beneficare,
riferito a Dio; aram. trasl. mostrarebenevolenza
uA~d. (4 = Mt Le Eb) mAbele ayaOwuuvfJ, fJ~ (4 = P) f bont; forse
'A~Lt (3 = Mt Le) mAba: generosit
(1) antenato di Ges Mt 1,7; ayaUiaul~, f.W~ (5 = L Eb Gd)f
(2) sacerdote che diede nome a grande gioia, esultanza, felicit
una delle 24 classi (Le 1,5) ayaUlaw (11 - Mc P) essere pieno di
'A~laOap (Mc 2,26) m Abiatr gioia, felice, esultare
'A~l;\)V~, ij~ (Le 3,1) f Abilene aya ...os, ou (4 = 1Cor) f e mpersona
(2 E-l) non sposata
'A~LOU& (2 = Mt 1,13) m Abiud ayavaltTw (7 = S) indignarsi,
'A~paa... (73 + Le Gv P Eb @ Mt At adirarsi
Rm Gal) m Abramo ayaValtTfJul~, f.W~ (2Cor 7,11) f
a~uuuo~, ou (9 = Le Rm Ap @ Ap) indignazione
f abisso; soggiorno obbligato per ayarraw (141 +S GvP 1Gv-At@
demoni e forze maligne; mondo dei Le Ef) amare (soprattutto l'amore
morti (Rm 10,7) cristiano );manifestare amore,
u Aya~o~, ou (At 11,28; 21,10) m prediligere, desiderare
Agabo ayarrfJ, ns (116 + P l/3Gv - L @
ayayf.i.v inf, aor. di ayw 1Cor EfPs 1Gv) f amore
ayaOof.pyw (1Tm 6,18) fare del bene, (soprattutto quello di Dio per
essere generoso l'uomo e quello cristiano);
ayaOorrolw (8 = Le 1Pt 3Gv) fare interesse, passione (2Ts 2,10);
del bene, aiutare; agire rettamente banchettosacrodeiprimi cristiani
ayaOorrolla, a~ (lPt 4,19) fil far del (Gd 12)
bene (61 + P 1/3Gv Ps-
ayarrfJTO~, ~,ov
ayaOorrolo~, ou (lPt 2,14) m chi fa Gv @S Rm 2Pt) amato, prediletto,
del bene chi buono caro; unico
ayaOo~, ~, ov (104 + S Rm - Ap @ 'Ayap (Ga 4,24.25) fAgar
Mt Le P Ps C) buono, utile, adatto, ayyapf.uw (3 = Mt Mc) costringere,
conveniente; che d buoni frutti obbligare
(albero), fertile (terreno), sereno o ayyf.i.ov,ou (Mt 25,4) npiccolo
felice (giorno); in senso morale contenitore, vasetto
giusto, retto, benevolo, generoso; ayydia, a~ (2 = 1Gv) f messaggio,
puro, retto':(cuore, coscienza); notizia; comando
2 ayyUco - aypUTTvi.a

ayyfAlco (Gv 20,18) annunziare, (1Cor 14,38); forse: peccareper


riferire ignoranza (Eb 5,2)
ayyEA.os, ou (175 + Mt Le At Ap @ ayv(1)...a, TOS (Eb 9,7) npeccato
P Eb) m angelo, messaggero, inviato involontario (commesso per
ayyos, ous (Mt 13,48) n contenitore, ignoranza)
canestro (per pesci), vaso ayvola, es (4 = At Ef lPt) f
'ayfA1), 1)S (7 = S) f branco, mandra ignoranza (quasi peccato = non
(di porci) conoscere Dio); non
aYEvEaloY1)TOS, ov (Eb 7,3) senza consapevolezza (At 3,17)
genealogia (= la cui genealogia ayvos, r" ov (8 = P Ps C) puro,
non riportata nelle S. Scritture) santo; casto; innocente
aYEVr,s, ES (lCor 1,28) senza ayvOT1)S, fJTOS (2 = 2Cor) purezza,
importanza, insignificante, ignobile sincerit
(= non nobile) ayv6Js (Fil 1,17) avv. con intenzioni
aYlaCco (27 - Mc @ P Eb) separare pure
per dedicare a Dio, santificare, ayvcoui.a, as (lCor 15,34; lPt 2,15) f
consacrare; considerare santo; non conoscenza (di Dio: lCor);
venerare;purificare paroleignoranti (lPt)
aywu...os,ou (lO + P - S G) m ayvcouTOS, ov (At 17,23) non
consacrazione, dedicazione, conosciuto,-ignoto
santificazione, santit ayopa, iis (11 = S At @ S) f piazza,
ayws, a, ov (233 + Le At Rm Ap @ luogo pubblicodi mercato
Mt 1Cor Ef P Eb C) separato per/da ayopaCco (30 + S @ Mt Mc Le Ap)
Dio, consacrato, appartenente a Dio; . comperare; riscattare, redimere
santo, moralmentepuro, giusto; oi ayopaLos, ou (At 17,5; 19,38)
aYWl i cristiani, ilpopolo di Dio; r fannullone (lett.: che frequenta la
aywv e r aYLa il santuario (Eb piazza; At 17); udienzadi tribunale
9,1.25; 13,11); superI. YHDrQrOS (nel foro): At 19
santissimo (Gd 20) aypa, as (Le 5,4.9) f pesca (dei pesci)
aYlOT1)S, 1)TOS (Eb 12,10) f santit, aypa......aTos, ov (At 4,13) senza
purezza morale (2Cor 1,12I.v. = istruzione (forse = senza specifica
purezza di intenzioni) istruzione rabbinica)
aYlcoUUV1), 1)S (3 = Rm 2Cor 1Ts) f aypaulco (Le 2,8) stare all'aperto
santit, consacrazione aypEuco (Mc 12,13) catturare, cogliere
aYKal1), 1)S (Le 2,28) f braccio infallo
aYKluTpOV,OU (Mt 17,27) n amo (per ayplfAaws, ou (Rm 11; 17.24) f olivo
pescare) selvatico /'
aYKUpa, as (4 = At Eb) f ancora aypws, a, ov (3 = Mt Mc G)
ayva+os, ov (Mt 9,16; Mc 2,21) selvatico
nuovo, (stoffa non ancora lavata e 'Aypi.TTTTas, a (11 = At 25-26) m
quindi non ancora ristretta) Agrippa ( Erode Agrippa II,
ayvEi.a, as (2 = lTm) fpurezza mentre Erode Agrippa I in At 12
morale, castit chiamato Erode)
ayvi.Cco (7 =
Gv At C) purificare aypos, ou (35 = S At + Mt @ Mc
ayvlu",oS,Ou (At 21,26) m Le ) m campo, campagna
purificazione (rituale) aypuTTvCO (4 = S Ef Eb - Mt)
ayvoco (21 + P - Mt G @ Rm) non vegliare, rimanere sveglio
sapere, non riuscire a comprendere; aypuTTvi.a, s (2Cor 6,5; 11,27) f un
non accettare; non riconoscere periodosenza sonno
ayw - a~p 3

ayw (66 + Le Gv At @ S P) (aor. . a&tKw (27 + Ap - Mc Gv @ At P)


ijyayov, inf. ayaYElv; aor. passo trattare ingiustam ente, offendere, far
ijx9l')V; fut . passoax9~uopal) torto a qlcu.; sbagliare, agire male;
condurre, portare; andare; Le 24,21: essere in errore, essere colpevole (At
TPlTI')V TatmjV hlJpav ayt questo il 25,11) .
terzo giorno; ayoVTaL ciyopafot (A t a~iKl')pa, TO!: (3 = At Ap) n delitto;
19,38): si fanno udienze in colpa, peccato
tribunale; Gc 4,13; 5,1: ay VUV oL .. MlKia, a!: (25 + P - Mt Mc @ Rm .
e ora a voi... C) f azione sbagliata, cattiva;
aywy~, ij!: (2Tm 3,10) f condotta, malvagit; peccato; imgiustizia
modo di agire a~lKo!:, ov (12 - Mc G @ S) ingiusto,
aywv, rovo!: (6 - S G) m lotta, malvagio; disonesto; sost opl. = i
battaglia; opposizione; corsa, gara pagani, i non credenti (lCor 6,1)
(Eb 12,1) MiKW!: (lPt 2,19) avv. ingiustamente
aY(J)via, a!: (Le 22,44) f angoscia, 'AcSpiv (Le 3,33) m A dmin
estrem a sofferenza a~oKlpo!:, ov (8 = P Ps Eb) che non
aywviCopal (8 - Mt Mc) lottare, ha superato la prova, squalificato;
com battere; fare tutto il possibile, senza valore; corrotto (pensiero,
sf orzarsi; gareggiare (ptc. = atleta animo; Rm 1,28)
1Cor 9,25) a~oo!:, ov (1Pt 2,2) puro, non
'AcSa p (9 + P - Mt Mc G ) m A dam o alterato (latte)
a~aJTavo!:, ov (l Cor 9,18) 'A~papuTTJ)vo!: , ~, OV (At 27,2) di
gratuitam ente Adramitto (4 E-2)
'AcS~i (Le 3,28) m Addi 'A~pia!: , ou (At27,27) m Adriatico
a~'~, ij!: (26 + S @ Le Gv) f (4 B-2)
sorella, parente; compagna di f ede ~POTI')!:, l')TO!: (2Cor 8,20) f grossa
a~.'o!:, oii (343...) mfratello, somma
parente; compagno di fede; Muvaul (Mt 17,20; Le 1,37) imper s.
comp aesano; vicino, amico impossibile
a~,oTI')!:, l')TO!: (2 = 1Pt) f l'insieme a~uvaTo!:, ov (lO - G) impossibile
dei fratelli di fede (Rm 8,3: ci che la legge non poteva
a~I')o!:, ov (Le 11,44; 1Cor 14,8) non fare) ; impotente, senza forza;
chiaro , non ben visibile (Le) ; paralizzato (At 14,8)
confuso, indistinto (suono, 1Cor) a~uuBauTaKTo!:, ov (Mt 23,41.v.) non
MI')OTI')!:,I')TO!: (lTm 6,17) f difficile da portare (peso)
incertezza, precariet ~~w (5 = P Ap) cantare
a~~w!: (1Cor 9,26) avv. senza meta aEi (7 - S G) avv. sempre, costantemente
a~l')povW (3 = Mt Mc Fil) essere aETO!:, oii (5 = Mt Le Ap) m aquila,
.angosciato, preoccuparsi avvoltoio
q:~Ji!:, ou (lO = S At Ap - Mc) m aCupo!:,ov (9 - G) pane non
Ade, Inferi, mondo dei.morti; for se fermentato; fig. persona purificata,
inferno, luogo del castigo finale santificata (1Cor 5,7); pl. Azzimi
a~laKplTo!:, ov (Gc 3,17) imparziale, (festa giudaica dei pani non lievitati)
_. senza ingiuste preferenze 'ACwp (Mt 1,13.14) m Azor
a&talJTTo!:,OV (Rm9,2; 2Tm 1,3) ~ ACWTO!:, ou (At 8,40) f Azoto
assiduo, costante . (2 A-6),Asdod dell 'AT (1 A-6)
MlaEiJTTw!: (4 = Rm lTs) avv. a~p, apo!: (7 = At P Ap) m aria;
assiduamente, costantemente, regione tra terra e cielo, sede degli
sempre spiriti (Ef 2,2)
4 ciOavaUla - airE(J)

ciOavaUla, es (3 = P Ps) f aLvLYl'a, TO!> (1 Cor 13,12) n


immortalit immagineconfusa
ciOEI'LTO!>,OV (At 10,28; 1Pt 4,3) alvo!>,ou (Mt 21,16; Le 18,43) m lode
proibito, illecito AivcDv (Gv 3,23) f Ennon (2 C-4)
Oo!>, ov (Ef 2,12) senzaDio aipEOl'aL (aor. ial'T/V, ptc.
Oul'o!>, ov (2Pt 2,7; 3,17) scellerato, OI'vo! scegliere, preferire;
empio decidere
ciOTE(J) (15 - Mt @ Le) rspingere, ai.pUL!>, (J)!> (9 = At P 2Pt + At) f
rifiutare, non accogliere; annullare, partitoreligioso; divisione, fazione;
rendere invalido; distruggere (1Cor gruppo o insegnamento eretico
1,19); violare (lTm 5,12) . aipTlC(J) (Mt 12,18) scegliere,
ciOhT/UL!>, (J)!> (Eb 7,18; 9,26) f incaricare
abolizione (di un comandamento); aipTLKo!>,~, OV (Tt 3,10) fazioso, che
eliminazione (del peccato) provoca divisioni
'AOijvaL, iiJv (4 = At 1Ts) fAtene aLp(J) (101 + Mt Mc Le Gv @At)
(3 A-l; 4D-3) fut. 3 sin$' ciPL; aor. r,p~, inf.
'AOT/VaLo!>, a, ov (At 17,21.22) apaL; pf. T/pKa; pf. passo T/Pl'aL; aor.
Ateniese passoi)pOT/V; fut. passocipO~UOl'aL
ciOE(J) (2 = 2Tm 2,5) lottare (in un prendere, raccogliere; mettereda
contesto atletico) parte, eliminare (al. K TOV V<TOU
OT/UL!> (Eb 10,32) f dura lotta togliere di mezzo Col 2,14); portare;
ci0POlC(J) (Le 24,33) riunire, adunare travolgere (di un'inondazione);
ciOUI'E(J) (Col 3,21) scoraggiarsi alzare (la voce); conquistare (Gv
cioq,a!;, ov (Mt 27,4.24) innocente, 11,48);uccidere (Gv 19,15); al. TJ1V
non responsabile ljJux~v tenersospeso (Gv 10,24)
aLYLo!>, a, ov (Eb 11,37) di capra aiuOaVOl'aL (Le 9,45) percepire il
aiywo!>, 06 (6 = Mc Gv At) m significato di, comprendere
spiaggia, riva aLUOT/UL!>, (J)!> (Fil 1,9) f
Aiyvrrno!>, a, ov (5 = At Eb) discernimento, giudizio
Egiziano, a aiUOT/T~pLOV, ou (Eb 5,14) n capacit
ALyurrTo!>, ou (25 + At - Mc Le Gv di discernimento
P) f Egitto (3 B-4; 4 F-5) aiUxpOKp&~!>, E!> (lTm 3,8; Tt 1,7)
ci"&Lo!>, ov (Rm 1,20; Gd 6) eterno avido di guadagno materiale
ai&cD!>, OU!> (1Tm 2,9) f modestia, aiuxpoKp&iiJ!> (lPt 5,2) avv. con
pudore avidit di guadagno materiale
AiOlOI/J, orro!> (2 = At 8,27) m Etiope aiuXPooYla, a!> (Col 3,8) f discorso
all'a, TO!> (97 + Mt At Eb Ap @ Le volgare
Gv) n sangue; morte;uccisione; <Tpt aiuxpo!>, a, OV (4 = P Ps)
Kal a[va uomo; t aivaT(J)v mediante vergognoso, sconveniente;disonesto
procreazione umana (Gv 1,13) aiUXPOTT/!>, T/TO!> (Ef 5,4) f
ail'aTKXUUla, a!> (Eb 9,22) f atteggiamento volgare
spargimento di sangue ai<TxvvT/, T/!> (6 - Mt Mc Gv) f
aiI'OPPOE(J) (Mt 9,20) soffrire di vergogna, disonore; azione
emorragie croniche vergognosa (Gd 13)
AivEa!>, (At 9,33.34) m Enea aiuXVV0l'aL (5 = Le P C) aver
aLvwL!>, (J)!> (Eb 13,15) f lode, vergogna; essere svergognato
adorazione airE(J) (70 + Mt Le Gv At @ Mc Gc
aivE(J) (8 + L - Mt Mc Gv) lodare, 1Gv) chiedere, domandare; esigere,
cantare le lodi di pretendere
5

ai:TJ)l'a, TO~ (3 = Le Fil1Gv) n ciKavOa, J)~ (14 = S Gv Eb + S) f


richiesta; pretesa pianta spinosa
ai. ria, es (20 - P @ At) f causa, aKavOlvo~, J), ov (Mc 15,17; Gv 19,5)
motivo; accusa; colpa, peccato; spinoso, fatto di spine
rapporto, condizione (Mt 19,10) ciKap1To~, ov (7 - Le Gv) sterile,
alTlOV,OU (4 = L) n colpa; causa, infruttuoso; inutile
motivo (al. 6avaTou che meritala aKaTayvwuTo~, ov (Tt 2,8)
pena di morte Le 23,22) irreprensibile
alTlO~, ou (Eb 5,9) mfonte, causa aKaTaKaA.u1TTo~, ov (lCor 11,5.13)
ai.Tiwl'a, TO~ (At 25,7) n accusa, capo scoperto
d'accusa aKaTaKplTo~, ov (At 16,37; 22,25)
ai.+vi6LO~, ov (Le 21,34; 1Ts 5,3) senzaprocesso legale; non ancora
improvviso; inatteso giudicato
ai.Xl'alwuia, a~ (3 = Ef Ap) f aKaTaA.uTo~, ov (Eb 7,16)
prigionia; gruppo diprigionieri (Ef indistruttibile; senzafine
4,8) aKaTa1TauuTo~, ov (2Pt 2,14)
aiXl'alwrEuW (Ef 4,18) catturare, continuo, insaziabile
prendere prigionieri aKaTauTauia, es (5 - Mt Mc G) f
ai.XI'aA.wTiCw (4 = Le P Ps) rendere disordine, rivoluzione (Le 21,9);
prigioniero(ai.. rrCiv v01]J.la lS T~V maltrattamenti provocatidalla folla
rraKoT/V rendere ognipensiero . (2Cor 6,5)
obbediente 2Cor 10,5); dominare, aKaTauTaT~, ov (Gc 1,8; 3,8)
accalappiare (2Tm 3,6) instabile; ribelle, incontrollabile
ai.XI'aA.wTo~, ou (Le 4,18) m (lingua)
prigioniero 'AKA.6al'ax (At 1,19) Akeldam
ai.wv, wvo~ (123 + P Ap @ S Gv Eb (aram. campo di sangue)
C) m epoca; ordinamentodel aKpaLO~, ov (3 = Mt Rm Fil)
mondo; eternit (cm' ai.. oppure rrp innocente, schietto, puro
ai.. dalprincipio; [S ai.. e la forma aK~Koa pf. di aKuw
rafforzata lS TOS ai.. sempre, per adlv~~, ~ (Eb 10,23)fermo, senza
sempre); Eone (personificato come vacillare
forza maligna); esistenza, vita aKlJaCW (Ap 14,18) diventare maturo
quotidiana (Mt 13,22; Mc 4,19) aKIJ~V (Mt 15,16) avv. ancra, anche
ai.wvLO~, ov (70 + S Gv P C @ Eb) adesso
eterno (indica la qualit pi che il aKo~, ij~ (@ S P) f informazione,
tempo); senzafine, continuo notizia, predicazione; orecchi(o);
aKaOapuia,a~(10 = MtP + P)f udire, ascoltare; aKoij aKOUUT
impurit, immoralit; intenzione certamente voi udrete (Mt 13,14; At
disonesta (1Ts 2,3); sporcizia, 28,26)
marciume (Mt 23,27) aKoil'J)TO~, ov ( ) insonne, inquieto
aKaOapTo~, ov (31 + Mc - Gv @ Le aKoA.ouOw (90 + Mt Mc Le Gv @
At) immondo, impuro; senzaalcuna Ap) seguire, accompagnare; essere
relazione con Dio (lCor 7,14) discepolo
aKalpOl'al (Fil 4,10) non aver aKouw (427 + Mt Mc Le Gv At P Ap
l'occasione @ 1Gv) (pf. aK~Koa; ptc. aor. passo
aKaipw~ (2Tm 4,2) avv. quandonon aKouuOi~) udire; ricevere notizie;
il momento giusto dare ascolto; comprendere;
ciKaKo~, ov (Rm 16,18; Eb 7,26) recuperare l'udito; ascoltare un
fiducioso; innocente accusato (Gv 7,51; At 25,22)
6 LJ<pauia - aA.iuyrj",a

aKpauia, a!; (Mt 23,25; lCor 7,5) f aA.aA.rjro!;, ov (Rm 8,26) che non pu
intemperanza; assenzadi auto- essere espresso con parole
controllo aA.aA.o!;,ov(3 = Mc) muto; incapace
aKpar1J!;, E!; (2Tm 3,3) intemperante, diparlare, che impedisce diparlare
violento (Mc 9,17.25)
aKparQ!;, ov (Ap 14,10) non diluito, aA.a!;, aro!; (8 = S Col) n sale
con tutta la suaforza aA.Ei+co (9 = S Gv Gc + S) ungere
aKpilJELa, es (At 22,3) frigidit, aA.EKTopo+covia, a!; (Mc 13,35) f
esattezza prima dell'alba (lett. canto del gallo,
aKpllJ1J!;, E!; (At 26,5) rigido turno di guardia da mezzanotte
(aKpl~qTaTOS ilpi rigido) alle ore 3)
'aKpl lJoco (Mt 2,7.16) informarsicon aA.EKTCOp, OPO!; (11 = S Gv @ S) m
esattazza, calcolare gallo
aKpllJW!; (9 + At - Mc Gv) avv. 'AA.Etav&pEU!;, ECO!; (At 6,9; 18,24) m
accuratamente; con attenzione abitante di Alessandria (4 F-5)
aKpi!;, i&o!; (4 = Mt Mc Ap) f 'AA.Etav&p[vo!;, rj, ov (At 27,6; 28,11)
locusta, cavalletta di Alessandria
aKpOar1JpLOV, ou (At 25,23) n aula 'UEtav&pO!;, ou (6 = Mc At Ts) m
delle udienze Alessandro; (1) figlio di Simone
aKpoar1J!;, ou (4 = Rm Gc) m (Mc 15,21); un membro della
ascoltatore, uditore famiglia del sommo sacerdote (At
aKpolJuuria, es (20 = At P + Rm) f 4,6); (3) un Ebreo di Efeso (At
non circoncisione (in senso ampio 19,33); (4) avversario di Paolo
spesso indica i non Ebrei); . (lTm 1,20; 2Tm 4,14)
aKpO~UqTlaV Xw essere un aA.Eupov, ou (Mt 13,33; Le 13,21) n
non circonciso, un pagano (At 11,3) farina
aKpoycovla[O!;, a, ov (Ef 2,20; lPt 2,6) aMOla, a!; (109 + Gv P 1/3Gv-
pietraprincipale, pietra angolare a.
Ap) f verit, veracit; realt; rr'
aKpoOivLOV,OU (Eb 7,4) n bottino, a.
oppure V spesso veramente,
spoglie sicuramente; <i1)8l<l con giusti
aKpov,oU (4 = S Eb) n limite, motivi
confine; punta (Le 16,24); cima (Eb aA.rjOEUCO (Gal 4,16; Ef 4,15) direla
11,21) verit; essere sincero
'AKuA.a!; ace. av (6 = At P Ps) m aA.rj01J!;, E!; (26 + Gv - Le) vero,
Aquila veritiero, sincero; reale, genuino
aKupoco (3 = Mt Mc Gal) abolire, ov
aA.rjOLVO!;, 1J, (28 + Ap - Mt Mc
annullare @ Gv) reale, genuino; vero;
aKcoA.urCO!; (At 28,31) avv. senza fidato
ostacoli aMOco (Mt 24,41; Le 17,35) macinare
aKcov (1Cor 9,17) avv. (il grano)
involontariamente, per forza aA.rjOw!; (18 @ S Gv) avv. veramente,
aA.alJaurpov, ou (4 = S) n vasodi in verit, di fatto, certamente
alabastro aA.lEU!;, ECO!; (5 = S) mpescatore
aA.aCovEia, a!; (Gc 4,16; lGv 2,16) f aA.lEuco (Gv 21,3) pescare
superbia, arroganza aA.iCco (Mt 5,13; Mc 9,49) salare;
aA.aCwv,OVO!; (Rm 1,30; 2Tm 3,2) m ridare sapore .(al sale)
superbo, orgoglioso A.lUYrjOijuo",al (Mc 9,49) l.v. fut.
aA.aA.aCco (Mc 5,38; 1Cor 13,1) passo di A.iCco
piangere ad alta voce; risuonare aA.iuyrj",a, aro!; (At 15,20) n sozzura,
aUa - aJl,J1TTO!; 7

cosa contaminata (perch offerta a;\vJToTp~ ;' a, o", (Fil 2,28) comp. di
agli idoli) aUTTOS liberato'da preoccupazione,
aUa (635...) congo ma, tuttavia, al meno triste
contrario; con /CaL, y /CaL, ~, oppure a;\vUl!;, (I)!; (11 - Mt Gv) f catena;
oVO aggiunge enfasi o contrasto; arresto
non soltantoquesto, ma anche a;\vulTdf)!;, !; (Eb 13,17) non
(2Cor 7,11) . vantaggioso
aUauu(I) (6 = At P Eb) (fut. pass o a;\+a (3 = Ap) n alfa; inizio;primo
aUayf)uOJlal) cambiare, alterare; 'AA.+ai:o!;, ov (5 = S At) mAlfeo:
trasformare; scambiare (Rm 1,23) (1) padre di Giacomo (Mt 10,3);
aUax09'" (Gv 10,1) avv. da un'altra (2) padre di Levi (Mc 2,14)
parte a;\(1)"', O!; (Mt 3,12; Le 3,17) f aia; il
aUaxoii (Mc 1,38) avv. in altroluogo (grano) trebbiato
aU"yop(I) (Gal 4,24) parlare in a;\wJT"t, ICO!; (3 = Mt Le) f volpe
maniera allegorica a;\(I)Ul!;, (I)!; (2Pt 2,12) f cattura,
aU,,;\ovra (4 = Ap 19,1-6) ebrosia presa
lode al Signore! aJla (lO = Mt P Ps): (1) avv. nel
aUf);\(I)"', Ol!;, OV!; (100 + Le Gv Rm medesimo tempo, assieme; (2) prep.
@ Mc At Gal1Ts lGv) pron. con dato insieme con (alla TTPWl al
reciproco l'un l'altro, a vicenda; v mattino presto Mt 20,1)
. in comune aJla9f)!;, !; (2Pt 3,16) ignorante
aUoy",f)!;, oii!; (Le 17,18) m aJlapa"'Tl"'O!;, ", ov (lPt 5,4) che non '
straniero (non Ebreo) marcisce.
aUOJlal (3 = Gv At) (aor. ;,;\aJl""') aJlapa"'TO!;, o", (lPt 1,4) che non
saltare; zampillare (di acqua) marcisce, durevole
aUo!;,,,, 0(155 + Mt Mc Gv lCor aJlapTa"'(I) (42 + 1Gv - Mc @ Rm
@ Le Ap) altro (aUos... aos lCor) (aor. ilJlapTO"', spesso
uno.. .un altro); ulteriore JlapT"U- in modi diversi dall 'ind.;
aUoTpWTlUICOJTO!;, ov (lPt 4,15) m pf. ;'JlapT"ICa) peccare, agire male
intrigante, che si occupa di faccende JlapT"Jla, TO!; (5 = Mc P 2Pt) n
altrui, agitatore, spione peccato, azionepeccaminosa
aUOTpW!;, a, o", (14 - Mc) JlapTla, a!; (173 + Rm Eb G @ Le
appartenente ad altri; altro; Gv lGv) i peccato (xW . essere
straniero, nemico (Eb 11,34); colpevole); TTp ii. spesso offertaper
estraneo (Gv 10,5) ilperdono del peccato
aUo+v;\o!;, o", (At 10,28) straniero aJlapTVpO!;, ov (At 14,17) senza
(non Ebreo),pagano evidenza o senza testimonianza
aU(I)!; (1Tm 5,25) avv. altrimenti; r JlapT(I);\O!;, o", (47 + Le @ Mt Mc
a. xovra opereche sono diverse P) colpevole, peccatore
'A;\Jll (Le 3,33) l.v, mAlmi aJlaxo!;, ov (1Tm 3,3; Tt 3,2) pacifico,
a;\oa(l) (3 = lCor lTm) trebbiare (il affabile
grano) aJla(l) (Gc 5,4) mietere
a;\oyo!;, o", (3 = At 2Pt Gd) non aJl9vUTO!;, ov (Ap 21,20) f ametista
ragionevole (animale); assurdo (pietra pregiata, generalmente di
a;\o", ns (Gv 19,39) f aloe (estratto di colore rosso-porpora o violaceo)
pianta aromatica usato per alJd(I) (4 = Mt 1Tm Eb) trascurare,
imbalsamare i cadaveri) disprezzare, respingere
a;\!;, a;\o!; (Mc 9,49) m sale aJlJlJTTO!;, o'" (5 = LeP Eb) senza
a;\vICO!;, f), o", (Gc 3,12) salato difetti, irreprensibile
8

. alJlJrrrw!; (2 = 1Ts) avv. in maniera alJ<DlJTJro!;, Oli (2Pt 3,14) senza colpe,
irreprensibile senzapeccati
alJpLlJIIO!;, Oli (Mt 28,14; 1Cor 7,32) o.lJWlJOV, ov (Ap 18,13) n spezie (di
esente da noie, libero da origine indiana)
preoccupazioni o.lJWlJO!;, ov (8 - S Gv) senzapeccato;
alJErafJErO!;,OV (Eb 6,17.18) senza difetto
a.
immutabile; T immutabilit 'AlJ<DV (Mt 1,10) Lv. m Amon
alJEra"i.vTJro!;, Oli (1Cor 15,58) 'AlJ<D!; (3 = Mt 1,10; Le 3,25) m
incrollabile, fermo Amos (1) padre di Giosa;
alJEralJ;\TJro!;, Oli (Rm 11,29;2Cor (2) padre di Mattata
7,10) irrevocabile, senza rimpianti o.v (166 + Mt Mc Le GvP@At)
alJErallOTJrO!;, Oll(Rm 2,5) ostinato, particella che in certe costruzioni
che non sipente indica condizione o eventualit
o.lJerpO!;, Oli (2Ccir10,13.15) non alla (13 = S G P @ S) prep. usata in
misurabile, smisuraro (lS T a. oltre senso distributivo con ace. ogni,
i limiti) ciascuno, a testa; ava 6uo a due a
alJfJII (126 + Mt Gv - At @ Mc P) due (Le 10,1); ava TTVT~"OVTU a
amen (nelle preghiere); veramente, gruppi di cinquanta (Le 9,14); ava
in realt IlCTOV cf. IlCTOV
alJ~rwp, OPO!; (Eb 7,3) senza alla/JafJlJ0!;, 06 (At 21,35.40) m serie
(indicazione della) madre di gradini, scala
alJi.allrO!;, Oli (4 = Eb Gc1Pt)puro, alla/Jai.llw (81 + Gv At Ap @ Mt Mc
non corrotto, senza macchia Le P) (aor. av/JTJv; pf. ava/J/JTJ"a
'AlJLlla&a/J (3 = Mt 1,4; Le 3,33) salire; crescere; salire a bordo (di
Aminadb una nave); sorgere (Le 24,38);
o.lJlJO!;, ov (5 - Mc Le Gv) f sabbia, entrare, accadere (1Cor 2,9)
spiaggia (Ap 12,18) alla/JaUOlJaL (At 24,22) (aor.
alJIIO!;, 06 (4 = Gv At 1Pt) m agnello aVE/JalolJTJII);rimandare(a.avrou!;
alJOL/J~, ij!; (lTm 5,4) f restituzione interruppe la loro udienza, aggiorn
o.lJrrdo!;,OV (9 - P) f vite (albero) ilprocesso)
alJrrdovpyO!;, 06 (Le 13,7) m ava/JL/Jt[w (Mt 13,48) tirare (a riva le
contadino, coltivatore di vite reti)
alJrrEl<Dv, WIIO!; (23 = S P + Mt @ alla/Jlrrw (25 = S Gv At @ Mc Le
Mc Le) m vigna At) guardare in s ; riacquistare la
'AlJrrlLarO!;, ov (Rm 16,8) m vista; essere oppure diventare capace
Ampliato di vedere
alJUIIOlJaL (At 7,24) difendere allt/JlE!pL!;, EW!; (Le 4,18) f ricupero
alJ+La[w (Le 12,28) dare un vestito, della vista
dareun ornamento ava/Jotw (Mt 27,46) gridare
alJ+L/JaUw (Mc 1,16) gettare la rete ava/Jol~, ij!; (At 25,17) f ritardo (a.
alJ+i./JlTJurpoII, ov (Mt 4,18) n reteper 1l116lllUV TTOlf)CTallVOS senzaperdere
pescare tempo)
alJ+LvIIVlJL (3 = Mt Le) (pf. passo alltyaLOv, ov (Mc 14,15; Le 22,12) n
~lJ+i.EUlJaL) vestire cameraalpiano superiore
'AlJ+i.rrolL!;, EW!; (At 17,1) fAnfipoli allayyUw (13 - S @ At) (fut.
(4 D-2) avayydw; aor. all~yYELla, inf.
o.lJ+O&Oll, ov .(Mc 11,4) n strada avaYYEilaL;aor.pass.allTJyylTJII)
alJ+onpoL, aL,a (14 = S At Ef - Mc dire, proclamare; informare, fare
@ Le) entrambi; tutti relazione; predicare
9

avaYEvvam (lPt 1,3.23) darenuova ava8Ella, TO!> (6 = At P + P) n


nascita oppure nuova vita maledetto, sotto la maledizione di
avaYlvwO'Km (32 + S @ Mt At P) Dio; avallJlan avallJlaTluaJlV noi
~aor. av,'fvmv, inf. avayvwval, ptc. siamo impegnati in un solenne
avayvou!>, aor. passo giuramento (At 23,14)
avayvmO'8ijval) leggere; leggere in ava8EllaTi.[m (4 = Mc At) maledire,
pubblicodurante il culto invocare una maledizionesu di s;
avaYKa[m (9 = S At P) costringere, impegnare con un solenne
esortare, insistere giuramento
avaYKalo!>, a, ov (B - S G) necessario, ava8Empm (At 17,23; Eb 13,7)
urgente; pressante; intimo (amico) osservare da vicino; riflettere su
avaYKaO'Tw!> (lPt 5,2) avv. per ava8J)lla, TO!> (Le 21,5) n dono votivo,
necessit, per obbligo offerta
avaYKJ), J)!> (17 - Mc G @ P) f avai.&Eta, es (Le 11,8) f spudorata
difficolt, disagio; necessit, obbligo; insistenza
ila. sotto costrizione, per obbligo avai.pEO'l!>, Em!> (At B,l) f uccisione
(2Cor 9,7), necessariamente (Eb avalpm (24 + At - Mc Gv) (fut.
7,12); KaT a. obbligatorio (Flm 14) avdw, 3 sing. avdEl; aor. aVEl~a,
avayvmpi.[ollal (At 7,13)farsi congoavam, inf. avdElv, 3 sing.
riconoscere otto aVaOl; aor. passoavop8rJV)
avayvmO'l!>, Em!> (3 = At 2Cor lTm) eliminare, uccidere, distruggere;
f lettura (pubblica) condannare a morte (At 26,10);
avaym (23 + At - Mc G) (aor. annullare, abolire (Eb 10,9); med.
av~yayov; aor. passo a~x8J)v, inf. adottare (At 7,21)
avax8ijval) condurre o portarein avai.no!>, ov (Mt 12,5.7) non
alto; presentare (offerte );far colpevole, innocente
comparire inprocesso (At 12,4); avaKa9i.[m (Le 7,15; At 9,40) sedersi
med. o passosalpare aVaKalvi.[w (Eb 6,6) rinnovare
ava&Ei.Kvulll (Le 10,1; At 1,24) (aor. avaKalvom (2Cor 4,16; Col 3,10)
aV&Elta) designare, scegliere; rinnovare
indicare aVaKaLVmO'l!>, Em!> (Rm 12,2; Tt 3,5) f
l,BO) f
ava&Eltl!>, Em!> (Le rinnovamento
manifestazione pubblica (di un fatto avaKaluJrTm (2Cor 3,14.1B) togliere il
compiuto da Dio o per suo velo, scoprire
decreto) avaKallJrTm (4 = Mt L Eb) tomare
ava&X0llal (At 28,7; Eb 11,17) indietro
ricevere; ospitare aVaKEtllal (14 = S Gv + S @ Mt)
~va&i.&mlll (At 23,33) (ptc. aor. essere sedutoa tavola, essere ospitea
ava&ou! consegnare un pranzo
ava[am (Le 15,24; Rm 7,9) tornare in avaKE+a~alom (Rm 13,9; Ef 1,10)
vita; prendere vita (del peccato) riassumere, unificare, tenere assieme
ava[J)Tm (3 = L) cercare avadi.vm (6 = S) far sedere a tavola;
ava[wvvulll (lPt 1,13) (ptc. aor. med. mettere sdraiato (Le 2,7); passo
ava[mO'aIlEvO! cingere; Tsa. sedersi a tavola, prendere posto
ou+uas Tij&tavolas prepararsi avaKparro (5 = S - Mt) gridare,
avarmJrupm (2Tm 1,6) animare il alzare la voce
fuoco, accendere avaKpi.vm (16 = L lCor + lCor @
ava8aUm (Fil 4,10) (aor. aV8alov) At) (aor. passo aVEKpi.8J)v)
rianimare interrogare, esaminare (studiare la
10 tVilll:plUl!; - tvauTa

Bibbia At 17,11); giudicare, (1) marito di Saffira; (2) cristiano


valutare; sedersi a giudicare, di Damasco; (3) sommo sacerdote
chiamare alla resadei conti ebreo
avaKplUl!;, EID!; (At 25,26) f udienza tvaVTippf)TO!;, ov (At 19,36)
preliminare, sondaggio innegabile
avaKuliID (Mc 16,4) rotolarvia; tvavnpp"TID!; (At 10,29) avv. senza
rimuovere esitazione
avaKurrTID (4 = Le Gv) raddrizzare, tvallo!;, ov (lCor 6,2) non degno,
alzarsi; sollevare lo sguardo incapace
avalalJBaVID (13 - Mt Le Gv @ At) avaliID!; (lCor 11,27.291.v.) in modo
(aor. tvaaBov; aor. passo indegno
aVd"IJ+Of)V) prendere; trasportare; avarraUUl!;, EID!; (5 = Mt Le Ap) f
prenderecon s (2Tm 4,11); sollievo, riposo; luogo di riposo;
prenderea bordo (At 20,13.14) interruzione, pausa
aValf)lJepl!;, EID!; (Le 9,51) f avarrauID (12 -Gv @ S) (fut . passo
elevazione, ascensione; forse morte avarra"UOlJal) dare sollievo,
tvaliuKID e tvaloID (Le 9,54; Gal rinfrescare; med. fermarsi, riposare;
5,15; 2Ts 2,81.v.) (fut. 3 sing. fermarsi su qlcu. (dello Spirito)
tvalrouEl; aor. tv"lIDua, otto 3 . avarrEiOID (At 18,13) incitare,
sing. avaloL; aor. passo tvf)lroOf)v) convincere
distruggere, consumare tvarrlJrrID (5 =Le At Eb) mandare;
avaloyia, a!; (Rm 12,6) f analoga mandare indietro; rinviare a
(ICarO. r}v a. in proporzione) un'autorit superiore
avaloyiColJal (Eb 12,3) pensare tvarrf)6aID (Mc 10,50) balzare in piedi
attentamente, considerare tvarrf)p0!;,OU (Le 14,13.21) m storpio
avaloL ottoaor. 3 sing. di tvaliuKID avarrirrTID (12 = S Gv @ S Gv) (aor.
(ivalo!;, ov (Mc 9,50) senza sale, avrrEuov) sedersi; mettersia tavola;
senza sapore inclinarsi
avaloID cf. tvaliuKID avarrlf)pOID (6 = MtP @ P)
aValUUl!;, EID!; (2Tm 4,6) f partenza; soddisfare (esigenze) (pass.
morte realizzarsi Mt 13,14); compensare;
avaluID (Le 12,36; Fil 1,23) tornare completare la misura (1Ts 2,16);
indietro, andarea casa;partire occupare un posto, assistere (lCor
(= morire Fil) 14,16)
tValrouEl fut. 3 sing. di avaliuKID tvarroloYf)TO!;,OV (Rm 1,20; 2,1)
tvalJapTf)TO!;, ov (Gv 8,7) senza senza scusante
peccato, innocente tvarrTuuuID (Le 4,17) aprire,
aValJvID (1Ts 1,10) aspettare srotolare
pazientemente tvarrTID (Le 12,49; Gc 3,5) (aor. pass o
lValJllJVnUKID (6 - Mt Le Gv) (fut. tv,,+Of)v) accendere, incendiare
aVaIJV"UID; aor. pass otvEIJV"UOf)v) tvapiOIJf)TO!;, ov (Eb 11,12)
ricordare; passo ricordarsi innumerevole
aVaIJVf)ul!;, EID!; (4 = Le 1Cor Eb) f tvauEiID (Mc 15,11; Le 23,5) incitare;
ricordo (El!; TI)v /l}v a. in memoria insistere
di me) avauKEuaCID (At 15,24) disturbare,
avavEoID (Ef 4,23) rinnovare agitare, sconvolgere
avav"+ID (2Tm 2,26) ritornare in s avaurraID (Le 14,5; At 11,10) tirar
(a. IC ritornare in s e liberarsi da) fuori; sollevare
'Avavia!;, ou (11 = At) mAnana: avauTa imptv. aor. 2 di tViUTf)lJl
11

o.vauros ptc, aor. 2 di o.vLur"I.fl o.va+u)vU) (Le 1,42) esclamare a gran


o.vauraul!;t f:U)!; (42 + S At @ Le P) voce
f risurrezione; TTTWO'l "a Q. cadutae o.vaxOijval aor, passo di o.voyU)
risurrezione (Le 2,34) o.vaxuul!;t f:U)!; (lPt 4,4) f diluvio,
o.vauraroU) (3 = At Gal) metterein eccesso
agitazione, sconvolgere;provocare o.vaXU)pU) (14 = S Gv At + Mt-
una rivolta (At 21,38) Le) tirare indietro; andarevia;
QvauraupoU) (Eb 6,6) crocifiggere ritornare (Mt 2,12)
nuovamente o.vaepull!;t f:U)!; (At 3,20) f
o.vauTf:voCU) (Mc 8,12) sospirare consolazione; forza spirituale
profondamente . o.vaepuxU) (2Tm 1,16) dareconforto,
o.vaur"Ol imptv. aor. 2 di o.vLur"I.fl incoraggiare
o.vaurijval inf. aor. 2 di o.vLur"I.fl o.v&paTTo&urii!;t ou (Tm 1,10) m
o.vauriiua!; ptc. aor. 1 di o.vLur"I.fl rapitore, mercantedi schiavi
o.vuuriiuU) fut. di o.vLur"I.fl 'Av&pa!;t ou (13 = S Gv At @ S At)
o.vaurp+U) (aor. pass oo.vf:urpa+"v) m Andrea
ritornare; passo vivere, comportarsi; o.v&pLCol.fal (lCor 16,13) agireda
stare, vivere (Mt 17,221.v.) uomo, coraggiosamente
o.vaurpo+iit ij!; (13 - S G @ 1Pt) f 'AV&pOVlKO!;t ou (Rm 16,7) m
modo di vivere, comportamento Andronco
o.vaurw congoaor. 2 di o.vLur"I.fl o.v&po+oVO!;t ou (1Tm 1,9) m
o.varauuol.fal (Le 1,1) comporre, assassino .
redigere, narrare (per scritto) . o.vf:lJal0l.f"v aor. di o.valJaUol.fal
o.varUU) (9 = S Eb C @ S) (aor. o.vIJ" aor. di o.valJaLvu)
o.vTf:lla; pf. o.varTallta) intrans. o.vyd"ro!;t ov (5 = P Ps) non
sorgere (forse brillare 2Pt 1,19); rimproverabile, senza difetti
sorgere e brillare (Mt 4,16); essere o.vyvU)v aor. di o.vaYlvcDuKu)
un discendente (Eb 7,14); trans.far o.v&f:lla aor. di o.va&f:LKvul.fl
sorgere (Mt 5,45) o.vOalov aor. di o.vaOaUU)
o.varLOf:I.fal (At 25,14; Gal 2,2) (aor. o.vf:oI.f"V aor. di o.varLOf:I.fal
o.vf:OI.f"v) presentare mediante o.vO"v aor. passo di o.vL"l'l
parole o.vf:llov aor. di o.valpU)
o.varoliit ij!; (lO = Mt Le Ap @ Mt) o.vf:L!; ptc . aor. di o.vL"l'l
f sing. il sorgere; forse giorno, alba o.vf:lX0I'''V impf. di o.vX0l'al
(di salvezza Le 1,78); pl. (e sing. o.vf:K&liiy"ro!;t ov (2Cor 9,15)
Ap 21,13) oriente indescrivibile (in senso buono),
o.varpTTu) (3 = Gv 2Tm Tt) meraviglioso
rovesciare; metterein difficolt; o.vf:dal"ro!;t ov (lPt 1,8) che non
portaredisordine pu essere descritto a parole
o.varp+U) (3 = At) allevare, nutrire, o.vdf:lTTro!;t ov (Le 12,33) che non
istruire diminuisce, non si estingue
o.va+aLvu) (Le 19,11; At 21,3) (ptc. o.vupLO"v aor. pass odi o.vaKpLvU) .
aor, o.va+ova!;) giungere in vista o.vf:KTo!;t OV (5 = Mt Le) tollerabile,
pass omanifestarsi meno severo
Qva+pU) (9 - Le Gv P) (aor. o.vlJalov aor. di o.valal'lJavU)
o.viivyltov, inf. o.vf:vYltal e o.vf:!f:iil'u)v t ov (Rm 1,31) senza
o.vf:vyKf:lv) offrire ( un sacrificio) ; piet
condurre in alto; portareilpeso di; o.vf:!f:l fut, 3 sing. di o.valpU)
portar via o.vf:!f:lv inf. aor. di o.valpU)
12 ovA.o~ - oVOpWrrapEUICO~

OVaE~, OV (Gc 2,13) senza OVruOETo~, ov (At 27,12) non adatto


misericordia oVEupiulCW (Le 2,16; At 21,4) (aor.
ovdi)Jl+Ol'JV aor. passo di ovdipov) trovare (dopo ricerche);
ovaA.aJltJavw incontrare
OVA.Ol aor. passo3 sing. di ovalpw OVEXOJlal (15 - G @ 2Cor) (impf.
ovA.w aor. congo di ovalpw OVElXOJll)V; aor. OVEUXOJll)V)
OVEA.w fut . di OValpw sopportare; essere paziente con,
oVEJli{oJlal (Gc 1,6) essermosso dal ascoltare pazientemente
vento OVEt/Jlo~, oii (Col 4,10) m cugino
OVEJlVi)UOl)V aor. pasSo di oVEq>ya pf. di ovoiyw
OVaJllJlvi)ufCw oVEq>YJlal pf. passo di ovoiyw
aVEJlO~, ou (31 + S @ Mt Mc) m oVEq>ta aor. di ovoiyw
vento; K rwv Tuuapwv a. da ogni OVEq,XOl)V aor. passo di ovoiyw
direzione (Mt 24,31) ovi)yayov aor. di ovayw
OVEV&EICTO~, ov (Le 17,1) inevitabile, ovi)yYElA.a aor. di ovaYYEUw
impossibile OVl)yyA.l)V aor. passo di ovaYYEUw
ovavYlCal e OVEVyfCE[V inf. aor, di aVl)Oov. ou (Mt 23,23) m anto (erba
ova+Epw usata per dare sapore ai cibi)
ovatEpauVl)TO~, ov (Rm 11,33) ovi)KEl (3 = Ef Col Fm) impers.
insondabile cio che non pu essere essere cosagiusta, opportuna; r
spiegato da menti umane avijKov quel che si devefare (Fm 8)
oVEtiKaKo~, ov (2Tm 2,24) tollerante, oviiA.Oov aor. di OVEPXOJlal
paziente OVl)A.wOl)V aor. pass. di ovaA.iuKw
oVEtlxviaO'To~, ov (Rm 11,33; Ef 3,8) ovi)A.wua aor. di ovaA.iulCw
introvabile cio che non pu essere ovi)JlEpO~, ov (2Tm 3,3) violento,
compresoda menti umane; malvagio .
insondabile (Ef) ovilvEYICOV aor. di ova+Epw
oVTTaiUXUVTO~, ov (2Tm 2,15) che ovilp, ov&po~ (216 + Le At) m
non deve vergognarsi uomo; marito (xW a. oppure
oVErrEuov aor. di ovarrirrTw YlVWUKW a. essere una donna
oVErriA.l)JlrrTO~,ov(3 = 1Tm) non sposata);persona
rimproverabile, irreprensibile aVOPEOl)V aor. pass. di avalpEw
OVEPXOJlal (3 = Gv Gal) (aor. aviI+Ol)vaor. passo di ovarrTw
oviiA.Oov) andare o salire ovilX0l)v aor. passo di ovayw
aVEO'l~. EW~ (5 = At 2Cor 2Ts) f OvOEtOJlal fut. di OVTEXOJlal
sollievo; xW a. avereuna certa OVOiUTl)Jll (14- Le G @ P) (aor.
libert (At 24,23) OVTEUTl)V; pf. OVOEUTl)ICa) opporsi,
OVEUTl)V aor. 2 di OViUTl)Jll far resistenza; tenerduro (Ef 6,13)
OVEuTl)ua aor. 1 di OViUTl)Jll ovOoll0A.0yEOJlal (Le 2,38) ringraziare
oVEuTpa+l)V aor. passodi ovauTpE+w avOo~. ou~ (4 = Gc 1Pt) nfiore
oVUXOJll)V aor. di OVEXOJlal ovOpaKla, i!: (Gv 18,18; 21,9) i fuoco
ovna{w (At 22,24.29) interrogare; di carbone
torturare (per ottenere avOpat, aKO!: (Rm 12,20) m carbone
informazioni) (a. TTUPO!; carboni ardenti Rm 12
ovrElA.a aor. inf. di ovaTEUw idiom.: "mettere a. TT. sul capo di
aVEu (3 = Mt 1Pt) prep. con gen. qlcu." = fare arrossire di vergogna)
senza; indipendentemente dalla ovOpwrrzpEulCo!:, ov (Ef 6,6; Col 3,22)
conoscenzae dalla volontdi (Mt che agisce soltantoper far piacere ad
10,29) altriuomini
civOpwrrLvo - ciVTarroKpf.vO,.,aL 13

civOpWJTLvo, a, ov (7 = At P C) hvE<py,.,aL; aor. passociVEq,XOJ)V


umano, caratteristico dell'umanit; [hVEq,XOJ)V, hvof.xOJ)v e hvof.YJ)v])
a. iY(J) parlare con esempiumani .trans. aprire (ci. T uTo,.,a parlare,
(Rm 6,19) insegnare); restituire, guarire (la
civOpwrroKTovo, ou (3 = Gv 1Gv) m vista o l'udito) ; intrans . (solamente
omicida, assassino nel pf. avi(J)ya) aprire (r (J'ro/1a ~/1{bv
avOpwrro, ou (548.. .) m uomo, essere a. rrp~ /1a~ abbiamoparlato
umano, persona (come vocativo francamente con voi 2Cor 6,11)
amico, signore); pl. gente; umanit ciVOLKO&O"'EW (2 = At 15,16)
(Kar a. secondoleggi umane); ricostruire
marito (Mt 19,10);figlio (Mt 10,35); avoLtL, EW (Ef 6,19) f gesto di
servo (Le 12,36) aprire; (idiom.: ev a. roti (J'rO/1aT~ =
civOiJrraTo,ou (5 = At) m a golaspiegata, apertamente)
proconsole (ufficiale responsabile civo,.,f.a, a (14 - Mc L Gv @ P) f
di una provincia senatoriale malvagit, opposizione alla legge,
romana), governatore, giudice peccato ( av6p(J)rro~ rij~ a. la
ciVf.J)"'L (4-= At Ef Eb) (ptc. preso personificazione della malvagit 2Ts
civu,f.;cong. aor. civw, ptc. ciVEf.; 2,3; r jltJ(J'r~pLOv T~ a. la misteriosa
aor. passo ciVEOJ)V) slegarsi, forza del male 2Ts 2,7)
sciogliersi; cessare; abbandonare; avo,.,o, ov (8 - Mt Mc Gv) contrario
lasciar perdere , alla legge, fuori-legge, criminale;
aVLrrTo, ov (Mt 15,20;Mc 7,2) non personaestranea alla legge
lavato secondoleprescrizioni rituali (giudaica), pagano
civf.uTJ)"'L (107 + Le At - Ap @ Mc) civo,.,w (2 = Rm 2,12) avv.
(fut. civauTfjuw; aor. 1 civEuTJ)ua, indipendentemente dalla legge
ptc. civauTfjua; aor. 2 ciVEUTJ)V, (giudaica)
congo civauTw, imptv. civauTa e civopOow (3 = Le At Eb) ristabilire,
civauTJ)OL, inf. civauTijvaL, ptc. ricostruire; rafforzare; passo
civauTa) trans. (nel fut. e aor. 1) raddrizzarsi
far sorgere (dalla morte); stabilire ciVOULO, ov (1Tm 1,9; 2Tm 3,2) non
(di profeti); far alzare (At 9,41); a. religioso, non pio
(J'rriPlla Tep a<5J...q>ep a&roti averfigli in civoxfj, ij (Rm 2,4; 3,26) f tolleranza,
nome del ( =per il)fratello defunto pazienza
(Mt 21.24);intrans. (nell'aor. 2 e civraywvf.rO...aL (Eb 12,4) combattere
tutte le forme medie) sorgere, civraUay,.,a, TO (Mt 16,26; Mc 8,37)
alzarsi; apparire, venire; partire; n oggetto offertoin cambio di un
prepararsi (ad andarsene); ribellarsi altro
(At 15,36s); ritornare in vita (Le civTavarrJ)pow (Col 1,24) completare
9,8.19) civTarro&i.&w"'L (7 = Le P Eb) (fut.
vAvva, es (Le 2,36) fAnna civrarro&wuw, aor. inf.
vAvva, a (4 = Le Gv At) mAnna - civrarro&ofivaL; fut. passo
(sommo sacerdote ebreo) civrarro&oOfjuo,.,a L)ripagar~
ciVOJ)TO,OV (6 = Le P Ps) stupido, restituire
ignorante, che non capisce civTarro&o,.,a, TO (Le 14,12; Rm 11,9)
aVOLa, a (Le 6,11; 2Tm 3,9)J n ricompensa; castigo
stupidit, follia; ira, furore civTarro&ouL, EW (Col 3,24) f
civoi.yw (78 + Mt Gv At Ap @ Le P) ricompensa
{aor. civE<Pta [hvE<Pta e fjvoLta]; pf. civTarroKpf.vo,.,aL (Le 14,6; Rm 9,20)
aVE<pya; pf. pass.civE<py,.,aL e rispondere; contestare
14 a"TELJTO" - (i"mO"

a"TELJTO" aor. di a"nAym a"Tll'Tpm (Le 6,38) usare una


a"TdatJolDJv aor. di a"nAal'tJa"0l'aL misura nel contraccambio
a"TX0l'aL (4 = S p Ps - Mc) (fut. a"Tll'LUOl.a, es (Rm 1,27; 2Cor 6,13) f
a"OtOl'aL) essere fedelea; rimanere risposta; punizione; contraccambio
legato a; aiutare (Tr,V airrr,v a. rraTuv9l'1T mostrate
a"TI. (22 + S @ Mt P) prep. con gen. verso di noi glistessi sentimenti che
(significato originario: di fronte'a) noi abbiamoper voi 2Cor)
per, alposto di;a favore di;a motivo 'AvrLOXLa, a!> (18 = At Gal 2Tm @
di (avO' <Dv perci; di conseguenza); At) fAntiochia: (1) in Siria
in qualit di (lCor 11,15) (4 G-3); (2) in Pisidia (4 P-2)
a"ntJallm (Le 24,17) scambiarsi; a. 'A"TloXv!>, (f)!; (At 6,5) m originario
OYo~ discutere, conversare di Antiochia
a"n&LaTI.OI'aL (2Tm 2,25) opporsi a"TlJTappX0l'aL (Le 10,31.32) (aor.
(ptc. oa. avversario) a"TlJTapijAOo,,) passare rimanendo
a"TI.&Uto!>,ou (5 = Mt Le 1Pt) m dall'altra parte della strada
avversario in un processo; nemico 'A"TlJTo!>, o (Ap 2,13) m Antpa
aVTI.OUL!>, m!> (1Tm 6,20) f 'A"TlJTaTpl.!>,I.&o!> (At 23,31)
obiezione Antiptride (2 B-5; 4 G-4)
avrutaOI.UT'JI'L (Eh 12,4) (aor. avrLJTpa (Le 8,26) prep. con gen. di
avrLJl:aTuT'J") lottare contro fronte a
avrutaAm (Le 14,12) ricambiare ,a vrLJTI.JTTm (At 7,51) opporsi,
l'invito combattere contro
avrI.JtLI'aL (8 = Le P Ps) opporsi, avrLuTpaTEV0l'aL (Rm 7,23) far
essere contro (o a. nemico, guerra contro, contrastare
avversario) a"TlTauu0l'aL (5 = At Rm Ci fare
(i"'TlJtpu!> (At 20,15) prep. con gen. di opposizione, resistere a, contrastare
fronte a, allargo di a"TI.rUJTO!>,O" (Eh 9,24; 1Pt 3,21)
a"TlAal'tJa"0l'aL (3 = Le At 1Tm) copia, immagine (Eh); duplicato,
(aor. avrdatJol''J'') aiutare, immagineche si riferisce a (lPt)
soccorrere; ricevere un servizio o avrl.XPLuTOi,ou (5 = l/2Gv) m
servire Anticristo (chi pretende di essere o
avrLAym (9 +L - Mt Mc) (aor. si oppone a Cristo)
a"TELJTO") fare obiezione, opporsi avrAm (4 = Gv) (pf. ptc. i)VrA'JKW!
(lS Ol)/ld'ov avnqo/lVOVper essere attingere (acqua)
un segno di contraddizione Le 2,34); (i"rA'JI'a, TO!> (Gv 4,11) n secchio
contraddire, rifiutare; essere ribelle a"To,OaAI'm (At 27,15) affrontare,
0'ppure ostinato; Ol a. avaoTaolV /lr, resistere a
lV<U. quelli che dicono che non vi (i"u&po!>, O" (4 = S 2Pt Gd - Mc)
risurrezione (Le 20,27) privo di acqua, deserto
a"TI.A'JI'epL!>, m!> (1Cor 12,28) f a"UJToJtpLTO!>, 0'" (6 = P Ps C)
capacit di aiutare, di assistere sincero, genuino
a"TlAoyl.a, a!> (4 = Eh Gd) f a"UJTOTauo!>,o" (4 = 1Tm Tt Eh)
discussione, contrasto; ostilit, odio; ribelle, disobbediente; non
ribellione controllato, non sottomesso
avrLAoL&opm (lPt 2,23) rispondere (i"m (9 - S) avv. sopra, s, in s; a>s
con un'imprecazione o ava> fino all'orlo
maledizione a"w cong oaor. di a",I.'JI'L
a"'TI.AuTPO",OU (lTm 2,6) n riscatto, (i",mO" (13 + Gv) avv. dall'alto; di
mezzo con cuiprocurare libert nuovo, sin dagli inizi (Le 1,3); da
a"WHPU(O~ - arraTWP 15

molto tempo oppure daiprimissimi arraAyW (Ef 4,19) perdereogni


inizi (At 26,5) sentimento, diventare insensibili
a"WHPlKO~,~, O" (At 19,1) superiore; arrallauuw (3 = Le At Eb) (pf.
dell'entroterra; regioni montuose o passo inf. arr1lllaX8al) trans.
dell'altipiano metterein libert (arrijuxllm tut'
a"WHPO" (Le 14,10; Eb 10,8) avv. aVTou mettersid'accordo con lUI Le .
prima, sopra (circa 12,58); intrans. allontanarsi da (At
un'affermazione precedente); a un 19,12)
posto migliore (Le) lmalloTploofJal (3 = Ef Col) essere
a"w+d~~, ~ (Tt 3,9; Eb 7,18) inutile, estraneo a, escluso da, lontano da,
inutilit; dannoso non averealcun legamecon
a(i.,,", 11~ (Mt 3,10; Le 3,9) f scure arraAo~,~, O" (Mt 24,32; Mc 13,28)
a(LO~, a, O" (41 + S - Mc @ Mt Le tenero (ramo che inizia a mettere le
At) degno, meritevole; in armonia prime foglie)
con, come dimostrazione di arra\lTaW (Mc 14,13; Le 17,12)
(pentimento); opportuno, incontrare
conveniente (lCor 16,4; 2Ts 1,3); a. arra"T1IUl~, w~ (= Mt At 1Ts) f
TTPO~ paragonabile a (Rm 8,18) incontro
a(lOW (7 - Mt Mc G) considerare rra( (14 = P Eb C@ Eb) avv. una
opportuno, rendere degno (pass. a volta; una volta sola; a. Ku 6l~ pi
volte meritare);avereun'alta che una volta, ripetutamente; i6oTa~
opinionedi; desiderare a. rruvTa bench voi conosciate bene
a(i.w~ (6 = P C + P) avv. in maniera tutte questecose (Gd 5)
degna o conveniente arrapatJaTO~, 0\1 (Eb 7,24)
aOpaTO~, O" (5 = P Ps Eb) invisibile, permanente, che non finisce mai
non visto arrapaUKVaTO~, 0\1 (2Cor 9,4)
'AouAi.a (Rm 16,15) Lv, di 'IouAi.a impreparato
arrayyllw (46 + Le At @ Mt Mc) arrap8cb aor. passo congo di arrai.pw
(fut. arrayydcb; aor. arr~yYElAa, arraP\lofJal(ll = S)negar~
otto 3 sing. arrayyi.AOl; aor. pass o rinnegare, rinunciare a
arr1lyyA1I") parlare, informare; arraPTlufJO~, oii (Le 14,28) m
proclamare; chiamare, dareun completamento
ordine; riconoscere, confessare arraPX~, ij~ (9 = P Gc Ap + P) f
arraYXOfJal (Mt 27,5) (aor. prima porzione,primizia (termine
arr1ly(afJ1I") impiccarsi ebraico per indicare quel che
arrayw ~15 = S At 1Cor - Gv @ Mt) messo da parte per Dio prima che
(aor. arr~yayo"; aor. pass o il resto sia usato) ; primo;
arraX8ij\lal) trans. portare via a equivalente di appa6Q>v (Rm 8,23)
forza; condurre; portaredavantia; arra~, aua, cv (32 + Le At)
trascinare (1Cor 12,2) ; metterea (variante di rra~) tutto;intero; pl.
morte (At 12,19); intrans. condurre ciascuno, ogni cosa
(di una strada) arraUrraCOfJal (At 21,6) salutare, dire
arrai.&UTO~, 0\1 (2Tm 2,23) non addio
educato, stupido arraTaW (3 = Ef 1Ts Gc) ingannare,
arrai.pw (3 = S) (aor. passo 3 sing. condurre fuori strada
arr~p811, congoarrap8cb) togliere, arraT1I, 11~ (7 - Le G) f inganno; pl.
portarvm . inganni, imbrogli (2Pt 2,13)
arralTW (Le 6,30; 12,20) chiedere in arraTWP, opo~ (Eb 7,3) senza
restituzione (menzione del) padre
16 aTrauyaulla - aTrij!Oo\l

aTrauyaUlla, TO~ (Eb 1,3) n splendore, discredito, cattiva reputazione,


irradiazione, riflesso fallimento
aTraXOij\lal aor. pass oinf. di aTrayw aTrduOpo~, ou (lCor 7,22) m
aTrUaA-o\l aor. di aTroUaUW liberto affrancato
aTrUJJv aor. di aTroUai\lw aTrdwUOllal fut. di aTrPXOllal
aTr&lta aor. di aTro&iJC\lUlll aTrdftA-uOa pf. di aTrPXOllal
aTr&i&ou\I impf. di aTro&i&Wlll aTramO\l aor. di aTroA-iTrw
aTr&OIlJJ\I aor. med . di aTro&i&Wlll ATrdA.ij~, ou (Rm 16,10) m Apelle
aTrOa\lo\l aor. di aTroOvlJuJCw aTrdTri[w (Le 6,35) sperare di
aTrOIlJJ\I aor. med. di aTroTiOJJlll . ricevere in contraccambio
aTriOla, a~ (6 = Rm EfEb) f aTr\la\lTl (4 = Mt At Rm) prep. con
disubbidienza (vio. TfjS a. quelli che gen. di fronte a; contrario a; contro
si ribellano controDio) aTr\IyJCl\l aor. inf. di aTro+pw
aTrlOW (14 - S @ Rm) disubbidire; aTr\IXOij\lal aor. pass oinf. di
non credere aTro+pw
aTrlOft~, ~ (6 = L Rm Ps) aTrTrUa aor. di aTrOTrlTrTW
disubbidiente, ribelle aTrTrA-wua aor. di aTrOTrA-w
aTrlA-W (At 4,17; 1Pt 2,23) aTrTr\liYJJ\I aor. passo di aTroTr\liyw
minacciare; proibire, rispondere con aTrpa\ITO~, 0\1 (lTm 1,4)
minacce interminabile, lunghissimo
aTrlA-ft, ij~ (3 = At Ef) f minaccia aTrPlUTraTW~ (lCor 7,35) avv. senza
aTrllll (7 = P) (da llli; ptc. aTra",,) distrazioni; forse senza riserve
essere lontano, assente aTrpiTIlJJTO~, 0\1 (At 7,51) duro,
aTrllll (Al: 17,10) (da llllj impf. 3 pl. insensibile (lett. non circonciso)
aTrOUa\l) andare, entrare aTrPXOllal (116 + Mt Mc Gv - Eb
aTrmaIlJJ\I (2Cor 4,2) (solamente @ Ap Le) (fut. aTrduUOllal; aor.
aor.) rifiutare, evitare aTrijA-Oo\l; pf. aTrdftA-uOa) andare,
aTripaUT~, 0\1 (Gc 1,13) che non andar via, partire; essere concluso;
pu essere tentato spargere (Mt 4,24); a. orriqw qapKS
aTrlpo~, 0\1 (Eb 5,13) non esperto, hpas commettereatti sessuali
ignaro, incapace di capire contronatura (Gd 7)
aTrJCaA-u+OJJ\I aor. pass odi aTrUTaA-JJ\I aor. pass odi aTrOUTUW
aTrOJCaA-UTrTW aTrUTWa pf. di aTrOUTUW
aTrJCaTf:UTaOJJ\I aor. passo di aTrUTlA-a aor, di aTrOUTUW
aTrOJCaOiUTJJlll aTrUTJJUa e arrUTJJ\I aor. di
aTrKaTUTJJ\I aor. di aTroKaOiuTJJlll a+iUTallal
aTrJC&XOllal (8 = P Eb 1Pt + P) aTrUTpa+JJ\I aor. passo di aTrOUTp+W
aspettare con ansia, pazientare aTrxw (19 + S - G @ Mt) trans.
aTrJC&UOllal (Col 2,15; 3,9) disarmare, ricevere per intero; riavere (Flm 15);
spogliarsi di, abbandonare intrans. essere lontano; med.
aTrJC&UUl~, W~ (Col 2,11) f l'essere astenersi da, evitare; rimanere
spogliato di, il liberarsi da esente (da qlco.); impers. forse =
aTrJCplOi~ l.v. di 1.TrOKPlOi~ basta oppure ormai finita (Mc
aTrJCpiOJJ\I aor. pass odi aTroJCpi\lOllal 14,41)
aTrJCTa\lOJJ\I aor. passo di aTrOKTf:l\lW aTrftyayo\l aor. di aTrayw
aTrJCTf:l\la aor. di aTroJCTf:i\lw aTrJJytallJJ\I aor. di aTraYXOllal
aTraaUO\l aor. di aTroA-aIlUa\lw aTrOUa\l impf. 3 pl. di aTrllll
aTrdau\lW (At 18,16) far uscire da arrftA-aua aor. di aTrdau\lW
aTrdYIlO~, ou (At 19,27) m arrijA-Oo\l aor. di aTrPXOllal
17

(lJTl'JUax8al pf. passo inf. di cirroSEltl~, E~ (lCor 2,4) f


cirraUaO'O'w dimostrazione, manifestazione
cirr~vEYKa aor. di cirro+pw cirroSEKaTow (3 = Mt Le Eb) pagare
cirr~p81'J aor. passodi cirrai.pw la decima; riscuotere la decima (da
cirrlO'TW (8 - Mt G) non credere, non qlcu.)
volercredere; risultare o essere cirr06EKTO~, ov (lTm 2,3; 5,4) gradito,
infedele voluto (da Dio)
cirrlO'Ti.a, a~ (11- Le G) f incredulit; cirroSxo...al (7 = Le At @ At)
infedelt accogliere, riconoscere, ricevere
arrlO'To~, ov (23 + 1Cor) non fedele, cirr061'J"'w (6 = S)partire (da casa)
non credente ( a. miscredente); non per un viaggio
credibile (At 26,8) cirrO&I'JIJo~, ov (Mc 13,34) partitoper
rrA.oTI'J~, l'JTO~ (7= P) f generosit; un viaggio
sincerit, leale dedizione cirr06i.6wIJl (47 + Mt - Gv @ Le P)
rrA.ov~, i'j, ovv (Mt 6,22; Le 11,34) ~ptc. cirroSl60u~, ptc. neut.
sano, schietto, buono arro&Souv (Ap 22,2); impf.
rrA.ro~ (Gc 1,5) avv. generosamente cirrE6i.Souv; aor. congo2 sing.
cirro (645.. .) prep. con gen. da; via da; cirroSj>~, 3 sing. cirro&j> e cirroSoi,
per mezzo di;di;a causadi, come imptv. cirroSo~, inf. cirr060vval, ptc.
conseguenza di; da allora, da allora cirroSou~, aor. med. cirrE60...l'Jv, aor.
inpoi; circa, per; con; (lTTa IIlaS passo inf. cirroS08i'jval) dare;
rravTES uno dopo l'altro, tutti pagare, ricambiare; restituire,
assieme (Le 14,18) ripagare; ricompensare
cirro~ai.vw (4 = Le Gv Fil) (fut. (positivamente o negativamente);
cirro~~O'o ...al; aor. cirr~l'Jv) scendere rispettare, portaread esecuzione (di
(dalle barche); a. ELS condurre a, una promessa solenne);produrre,
dareoccasione di darefrutti (Ap 22,2); . "Aayov
cirro~aUw (Mc 10,50; Eb 10,35) (aor. rendere conto
cirr~aA.ov) gettar via (abiti); cirr06wpi.Cw (Gd 19)provocare
perdere, abbandonare (coraggio) divisioni
cirro~A."w (Eb 11,26) guardare verso, cirrOSOKlIJaCw (9 = S Eb 1Pt @ S)
essere attentoa respingere, rifiutare (dopo aver
cirro~A.I'JTOS, ov (lTm 4,4) da scartare provato)
o da respingere cirroSox~, i'j~ (lTm 1,15;4,9) f
(lJTO~oA.~, i'j~ (At 27,22; Rm 11,15) f accettazione, assenso
perdita, esserrespinto cirr08avov...al fut. di cirr08vDO'KW
cirroyi.vo...al (lPt 2,24) morire a cio cirr08"'EvO~ aor, med. ptc , di
nonpartecipare a cirroTi.8l'JIJl
cirroypa+~, i'j~ (Le 2,2; At 5,37) f cirrOOO'Oal aor. med. inf. di
censimento cirroTi.81'J",l
cirroypa+w (4 = Le Eb) censire, cirrOOEO'OE aor. med. imptv. 2 pl di
scrivere il nome; aor. inf. cirroTi.OI'J",l
cirroypa+a0'8aL, pf. ptc, cirr08EO'l~, EW~ (lPt 3,21;2Pt 1,14) f
cirroyEYpa......vo~ eliminazione, il togliere via ( , rof
cirroSEi.KvU",l (4 = At 1Cor 2Ts) (aor. u/(T)VcDllaTOS morte 2Pt)
cirri6Elta; pf. med, cirroS6Ely...al) cirrOO~KI'J,I'J~(6 = MtLe)fgranaio,
accreditare, dareautorit; magazzino
pretendere; collocare;provare, cirr081'J0'aupi.Cw (lTm 6,19) mettereda
dimostrare (At 25,7) partecome un tesoro
18 nroOAlllw ...nroAurpwul!>

nroOAlllw (Le 8,45) premere, arrOKTElVW e arroKTvvw, -vvuw (74


schiacciare (della folla) + S @ Mt Mc Le Gv) (fut,
nroOviiuKW (113 + Gv Rm @ Le P) arroKTEviD; aor. arrKTElVa; aor.
(fut. nroOavouJlaL; aor. urOavov) passo arrEKTaVOlJv) uccidere, mettere
morire; affrontare la morte, esser a morte;assassinare
vicino alla morte; essermortale arroKuw (Gc 1,15.18) far nascere,
nroOiDJlal aor. med. congo di generare
arrOrlOlJJll arroKuAlw (3 = ,S) far rotolare
arroluw fut. di arro+pw via
arroKaOlurlJJll e arroKaOluravw (8 = arroAaJlllavw (9 - Mt Gv) (fut.
S At Eb + S) (fut. arroKaraurquw; arroMJlt/JOJlal; aor. arrdallov)
aor, arrEKarurlJv; aor. passo ricevere; ottenere in restituzione,
arrEKanuraOlJv) guarire, risanare,' ricuperare; med. prendere in disparte
curare, ristabilire; mandare o (Mc 7,33)
portareindietro (Eb 13,19) arroAauul!>, EW!> (lTm 6,17; Eb 11,25)
arrOlcaAurrrw (26 + P - Mc @ Le) f godimento, essercontento
(aor. passo arrEKaAu+OfJV) svelare, arroAElrrw (aor. arramov, ptc.
manifestare arroAlrrwv) lasciare, dimenticare;
arroKaAut/Jl!>, EW!> (18 + P - Mt Mc abbandonare (Gd 6); passorisultare
Gv) f manifestazione, rivelazione, come conseguenza (impers. di
apocalisse conseguenza oppure chiaroche
arroKapa&ona, a!> (Rm 8,19; Fil 1,20) Eb 4,6)
f ardente attesa, forte desiderio, arrOUUJll (90 + Mt Mc Le Gv P @
impazienza C) (fut. arroAuw e arroAiD; aor.
arroKaraUauuw (3 = Ef Col) (aor. arrwAEua, cong o3 sing. arroAun,
passo arrOKarlJUaYlJv) riconciliare inf. arroAual; ptc. pf. arroAwAw!>;
arroKarauraul!>, EW!> (At 3,21) f fut. med. arroAouJlaL; aor. med.
restaurazione, rinnovamento arrwAoJllJv) distruggere; uccidere;
arroKaraurquw fut. di arroKaOlurlJJll perdere, rovinare; med. esser
arrOKElJlaL (4 - Mt Mc G) essere rovinato, perire, esserdistrutto;
messo daparte; impers. essere morire; finire, cessare di esistere (Eb
stabilito come destino (Eb 9,27) 1,11); pf. ptc.perduto
arroKE+aAlrw (4 = S) decapitare 'ArroUuwv,ovo!> (Ap 9,11) m
arrodElw (Le 13,25) chiudere Apollion, Sterminatore
arroKorrrw (6 - Mt Le) tagliar via 'ArroUwvla, a!> (At 17,1) fApollonia
arroKplJla,ros (2Cor 1,9) n sentenza (4D-2)
(di morte) 'ArroU iD!> (lO = At 1Cor Tt + At)
arrOKplVOJlal (231 + Mt Mc Le Gv gen, e ace, iD; m Apollo
At) (aor. passo arrEKplOfJV, ptc. arroAoyoJlaL (lO = L P + At)
arrOKplOEl! con significato att, parlare a propriofavore, tenere un
rispondere, replicare, reagire (per es. discorso per difendere se stesso
Mc 9,5); dire, dichiarare; continuare arroAoYla, a!> (8 - S G) f difesa
(un discorso) verbale, difesa; un forte desiderio di
arroKplul!>, EW!> (4 = Le Gv) f difendersi (2Cor 7,11); il rispondere,
risposta ribattere
arroKpurrrw (4 = Le P) nascondere, arroAouoJlaL (At 22,16; 1Cor 6,11)
tenere segreto purificarsi; lavare, liberare (dai
arroKpu+O!>, ov (3 = Mc Le Col) peccati)
nascosto, messo da parte arroAiJrpwul!>, EW!> (lO = Le P Eb +
nrolua> - arroTlvauua> 19

P) f il rendere libero, liberazione, arrurlla, congo arrouuLla> [in


redenzione At 7,34 questa pu essere una
arrolua> (65 + Mt Mc Le At - P @ forma dialettale del presoind.]; pf.
Gv) redimere, liberare; mandar via, aJJ'uraha; aor. passo aJTural,.,v)
spedire; dareaddio; divorziare; . mandare; distribuire o mandar via
perdonare; med. andarsene (At aJJ'ouupa> (5 = Mc 1Cor 1Tm)
28,25) defraudare, rubare; negare, rifiutare
arrola>l<D~ pf. ptc. di aJJ'oUv"l ("r, a. aHfjA-ous non privarel'un
arro"auuo"aL (Le 10,11) scuotere, l'altro dei rapporti matrimoniali
distaccare violentemente (in segno 1Cor 7,5); pf. pass optc, non aver
di protesta) pi, essere privo di (1Tm 6,5)
arrov"a> (1Pt 3,7) mostrareriguardo aJJ'ourijval aor. inf. di a+i.ura"al .
per aJJ'ourr,uo"al fut. di a+i.ura"al
arrovLJJ'ra> (Mt 27, 24) lavare arrour,.,r aor. imptv. 2 pl.di
arrorrLJJ'ra> (At 9,18) (aor. arrrrua) a+Lura"al
cadere da aJJ'ouroM, ij~ (4 = At P) f
arrodavaa> (Mc 13,22; 1Tm 6,10) apostolato; missionedi apostolo
sedurre, ingannare; passo arrourol~, ou (79 + At 1Cor P @
allontanarsi Le 2Cor Ps) m apostolo, inviato
arroda> (4 = At) (aor. aJJ'JJ'lvua) arrouro"arLCa> (Le 11,53) aggredire
salpare, imbarcarsi, partire con domande,far parlare
arrorrl,.,poa> ( ) soddisfare (esigenze) aJJ'OO'rp+a> (9 - Mc G) (aor. passo
arrorrvLya> (3 = Mt Le) (aor. pass o aJJ'urpO:+"'v) voltare le spalle;
arrJJ'vLY",V) soffocare; affogare allontanare, togliere, eliminare;
arropa> (6 = S Gv P - Mt) esser rimettere al suoposto; creare
perplesso, essere incerto, non sapere disordine (forse incitare alla rivolta
che cosafare Le 23,14); med.(e aor. pass.)
arropLa, es (Le 21,25) f disperazione, allontanarsi da, respingere,
spavento, ansia abbandonare .
arropLJJ'Ta> (At 27,43) gettarsi in aJJ'ourvya> (Rm 12,9) odiare,
acqua aborrire, fuggire lontanoda (con
arrop+avLCa> (1Ts 2,17) esserseparato acc.)
(da 'ileu.) arrouvvaya>y~, ov (3 = Gv)
arrouJClau"a, ros (Gc 1,17) n ombra, scomunicato, oppure espulso dalla
tenebre sinagoga o comunit ebraica
arrourraa> (4 = Mt Le At) trascinare aJJ'orauuo"al (6 = S At 2Cor - Mt)
o portarevia; sfoderare, estrarre (la salutare, prendere commiato;
spada); passoallontanarsi, separarsi separarsi da, abbandonare
(da qleu.) aJJ'orda> (Le 13,32; Gc 1,15)
arroura~ aor. ptc. di a+i.ura"al compiere, portarea compimento;
arroUTauLa, a~ (At 21,21; 2Ts 2,3) f pass oessere pienamente cresciuto
apostasia, ribellione arrorLO,.,,,l (9 - Mc Le G) (aor. med.
arrouraulov,oV (3 = Mt Mc) n (con aJJ'O",.,v,cong. aJJ'oOw"al, imptv.
o senza Illllli.ov) dichiarazione 2 pl. arroOuO, inf. aJJ'oOuOal, ptc .
scritta di ripudio-divorzio aJJ'oO,,Vo~) gettar via, non averpi
arrOUTyaCa> (Mc 2,4) scoperchiare (il nullaa che fare con;toglier (abiti);
tetto) mettere (in prigione)
arrourUa> (131 + Mt Mc Le Gv aJJ'oTlvauua> (Le 9,5; At 28,5)
At) [fut, aJJ'ourdw; aor. scuotere, staccare con forza
20 "OTlVCD - 'ApEO"aYLTJJ!;

"OTlVCD (Fm 19) (fut. "OTlC1CD) 7,1); danneggiare, offendere


pagare i danni (al posto di un altro) 'A"~la, es (Fm 2) fAppia
"OTOAI'aCD (Rm 10,20) avereil "CD9ollal (6 = At Rm lTm) (aor.
coraggio di, giungere alpunto di "CDC1al'JJV) respingere; ripudiare;
"OTol'la, es (2 = Rm 11,22) f non ascoltare (la propria
severit coscienza)
"OTOl'CD!; (2Cor 13,10; Tt 1,13) avv. "wAna, a!; (18 - Le @ 2Pt) f
severamente, con durezza distruzione, rovinatotale; interno,
"OTp"ol'al (2Tm 3,5) evitare, dannazione, perdizione ( UlS TfjS a.
tenersi lontano da che dovevaperdersi. che destinato
(lJ10VC1la, es (Fil 2,12) f assenza, alladistruzione Gv 17,12;2Ts 2,3)
essere lontano da "wAEC1a aor. di "oUVIIl
"o~pCD (6 - Mt Gv) (fut. "OlC1CD; "CDAoIIJJv aor. med. di "OUVI'l
aor. "~VEYKa, inf. "EVEYKELV; aor. "CDC1al'JJVaor. di "CD9ol'al
passo inf. "EVEx9ijval) prendere, pa, a!; (Rm 3,14) f maledizione
portare; portar via; condurre via a apa(49 + SRmP-G@MtLeAt)
forza (Mc 15,1; Gv 21,18I.v.) particella consecutiva dunque,
"O~EiJYCD (3 = 2Pt) (aor. ptc, quindi, perci, allora; a volte unita
"o~vywv) sfuggire a, allontanarsi a l o TTl per aumentare il tono
da enfatico
"0~9yyol'al (3 = At) dire. parlare, llpa (3 = L Gal) particella
esprimersi (generalmente usato per interrogativa che implica una
un discorso ispirato) risposta negativa forse che... ?
"o~opTlCollal (At 21,3) scaricare 'Apa/Jla,a!; (Gal 1,17; 4,25) f Arabia
"OXPJJC1l!;, ECD!; (Col 2,22) fuso, (2 E-4; 3 E-4; 4 H-4)
l'essere usato llpal aor. inf. di ai.pCD
"OXCDpCD (3 = Mt L) andar via, 'Apal' (Mt 1,3.4;Le 3,33I.v.) m Aram
separarsi da apa~o!;, ov (Gv 19,23) senza cuciture
"oXCDplCollal (At 15,39;Ap 6,14) ~ Apal/J, /JO!; (At 2,11) mArabo
separare; forse svanire oppure pyCD (2Pt 2,3) essere inattivo o non
squarciarsi (Ap) operante
"OlPUXCD (Le 21,26) venirmeno, pyo!;,~, OV (8 = Mt Ps C)ozioso,
morire.(di paura) senzalavoro; pigro (yaUTps a. pigri
'A""lOV t1>opov (At 28,15) ForoAppio pancioni Tt 1,12); sconsiderato.
(citt commerciale a sud di Roma) senzafondamento
(4 A-l) pyUpLOV,OV (21 + S - G @ Mt At)
"POC1lTO!;,OV (lTm 6,16) n moneta d'argento, soldi; argento
inaccessibile pYVPOKO"O!;,OV (At 19,24) m
"POC1KO"O!;, ov (3 = At lCor Fil) argentiere, orafo, orefice
irreprensibile, innocente; che non si apyvpo!;, ov (4 - Mc Le Gv P) m
scandalizza; con coscienza pura argento; moneta d'argento, soldi;
"poC1CD"oMII"TCD!; (lPt 1,17) avv. figura d'argento (At 17,29)
senzaingiuste preferenze pyvpou!;, a, ouv (3 = At 2Tm Ap)
a"TalC1TO!;, ov (Gd 24) senzacadute, fatto con argento
senza difetti pEL fut. 3 sing. di ai.pCD
"no (39 + Mc Le @ Mt) (aor. ptc. ~ApELO!; "ayO!;(At 17,19.22) m
al/Ja!;; aor. med. ;,l/Jal'JJv) accendere, Arepago. Collina di Marre (dove il
infiammare; med. afferrare, toccare tribunale di Atene si riuniva)
.
(YUValKS Ilr, non sposarsi 1Cor 'ApEoTTaYLTJJ!;, ov (At 17,34) m

- -- ---'- - ~ ---
21

areopagita (membro del tribunale apfJo~, oli (Eb 4,12) m giuntura (del
dell 'Arepago) corpo)
apeUKeLa, s (Coll,IO) f l'essere apva!; (Le 10,3) ace. pl. di ap~v
gradito a, il fare la volontdi apvOfJaL (32 + S - P @ Ps C)
apuKw (17 = S p C + P-Le) (aor. negare; rinnegare; negare di
ijpeua; inf. apuw.) cercare di essere appartenere a; dichiarare senza
gradito;piacere; esserpiacevole esitazione (Gv 1,20); accusare
apeuTo~,~, ov (4 = Gv At 1Gv) ingiustamente (At 3,13); rifiutare
piacevole, gradito; OVI( apeo-rov ean (Eb Il,24); mettersicontro
non giusto (At 6,2) 'APVL (Le 3,33) mAmi
'ApTa!;, a (2Cor 11,32) mAreta (in apvLov,OU (30 = Gv Ap + Ap) n
2Cor Areta IV, re dell 'Arabia agnello
nabatea) apoTpLaw (Le 17,7; 1Cor 9,10) arare
apeT~, J]~ (5 = Fil1/2Pt) f virt, vita apoTpov,OU (Le 9,62) n aratro
virtuosa; operemeravigliose (di aprrayeL!; aor. passoptc. di aprrarw
redenzione),potenza (di Dio) aprray~, J]!; (3 = Mt Le Eb) f rapina,
'APJ)L (Le 3,33) l.v. di 'APVL furto, ruberia; confisca (Eb 10,34)
ap~v, apvo!; (Le 10,3) m agnello apTTaYfJO!;, oi) (Fil 2,6) m qualcosa a
apO~UOfJaL fut. passo di arpw cui aggrapparsi o da tenere
apLOfJw (3 = Mt Le Ap) contare gelosamente
apLOfJO!;, oi) (18 + Ap - Mt Mc @ aprrarw (14 - Mc Le) (aor. passo
At) m numero, quantit; gruppo JprraYJ)v; ptc. aprrayeL~) prenderea
'ApLfJaOaLa, a!; (4 = S Gv) f forza; rapire, portar via; afferrare (e
Arimatea (2 B-5) portare verso il cielo); forse assalire
'ApLuTapxo~, ou (5 = At Col Fm) m (Gv 10,12)
Aristarco aprra(, ayo!; (5 = Mt Le 1Cor) agg.
apLuTaw (3 = Le Gv) mangiare, far rapace, avido (ladro);feroce (lupo)
colazione, pranzare appa~wv, roVO!; (3 = 2Cor Ef) m
a,
apLUTepO!;, ov (4 = S 2Cor) pegno,garanzia, caparra (di quel
sinistro (il contrario di destro); che deve venire)
mano sinistra (Mt 6,3); OTTOV a. appJ)To~, ov (2Cor 12,4)ineffabile,
arma di difesa troppoaltoper essere detto a parole
'APLUTO~oulo!;, ou (Rm 16,10) m appwuTo~, ov (5 = Mt Mc 1Cor)
Aristbulo malato, infermo
apLuTov,OU (3 = Mt Le) ti pranzo, apuevoKoLTJ)!;, ou (lCor 6,9; 1Tm
pasto di mezzogiorno; banchetto 1,10) m sodomita, maschio
apKeTo~, ~, ov (3 = Mt 1Pt) sessualmente depravato
sufficiente, bastante apuJ)v, ev gen. evo!; (9 = S P Ap)
apKw (8 - Mc At Ap) bastare, essere maschio; uomo
. sufficiente; passocontentarsi, essere 'ApTefJas , Ci (Tt 3,12) m A rtema
contento di "APTefJL~, L&O!; (5 = At) fArtemide
apKo~, ou (Ap 13,2) m e f orso (il suo nome lat ino : Diana)
apfJa, TO!; (4 = At Ap) n carro (da apTfJWV, WVO!; (At 27,40) m vela
viaggio o militare) maestra
'ApfJaye&wv (Ap 16,16) Armaghedn apn (36 + Gv P - Mc Le @ Mt
(nome di significato misterioso) 1Cor P) avv. ora, in questo
'APfJLV (Le 3,33) l.v. di 'A&fJLV momento (cm' apn d'ora in poi,
apfJOrOfJaL (2Cor 11,2) fidanzare, nuovamente);proprio ora, poco fa
promettere in matrimonio subito
22 apTlyVVtlTO~ - au8\1tllJa

apTlyVVtlTO~, 0\1 (lPt 2,2) (bambino) capotavola oppure capo del servizio
appena nato della tavola
apTlo~, a, 0\1 (2Tm 3,17) apxw (85 + Mt Mc Le At)
completamentepronto governare, essere a capo di; med.
apTO~, ou (97 + Mt Mc Le Gv P @ cominciare, mettersia; (spesso
, At 1Cor) mpane; cibo; Tfj a. ridondante e modifica poco o nulla
TTpOfJEU<VS oppure TTpOfJOlS TWV cf. a. il signif. del verbo al quale
TTPOfJolS legato)
apTuw (3 = Mc Le Col) salare; dare apxw\1, O\1TO~ (37 + S At @ Mt Le
o restituire sapore (al sale) (Col 4,6: Gv) m capo, autorit, dominatore,
conditodi sale = sapiente, principe, potenza; giudice (Le
intelli$.ente) a.
12,58) ; TWV 'l ou6al<Vv capo nel
'Ap~ata& (Le 3,36) m Arfcsad senso di membro del Sinedrio (Gv
apxo.yydo~, ou (lTs 4,6; Gd 9) m 3,1)
arcangelo apwlJa, TO~ (4 = Mc Le Gv) n aroma
apxai.o~, a, 0\1 (11 - Mc Gv) antico, (oli e profumi)
vecchio; originario, iniziale 'Auo. (Mt 1,8) l.v. di 'Auo.~
ApXA.ao~, ou (Mt 2,22) m Arche/ao aUo.AEUTo~, 0\1 (At 27,41; Eb 12,28)
apxfJ, ii~ (55 + S P l/3Gv G) f inizio, immobile, incrollabile
principio (TrIV a.on 'Wl aw prv Auo.~ (Mt 1,7.8) m Asf
quelloche vi sto dicendodal aU~EUTO~,0\1(3 = S) (fuoco)
principio oppure anzitutto. perch vi inestinguibile, senzafine
parlo? Gv 8,25); origine, causa au~ELa, a~ (6 = Rm Ps Gd) f
prima;principato, autorit superiore empiet, rifiuto di Dio, malvagit
(terrena o celeste); nozioni aUE~w (2Pt 2,6; Gd 15) comportarsi
elementari, elementiiniziali (Eb in maniera empia, malvagia
5,12; 6,1); estremit, angolo (di una aUE~fJ~, ~ (9 = P Ps C + C) empio,
tela) (At 11,5) , . malvagio, peccatore
apXtlYo~, ou (4 = At Eh) mprincipe, auA.YLa, a~ (lO = Mc P C + C) f
guida, autore, capo;chi apre k1 impudicizia, dissolutezza,
strada, chi dona comportamento immorale, vita
apXLpaTlJ(o~, 0\1 (At 4,6) agg. che corrotta
appartiene al sommo sacerdote autllJo!;, 0\1 (At 21,39) oscuro, senza
apXLEpU~, w~ (122 + Mt Mc Gv importanza
At - P Ps C Ap @ Le Eb) m 'AufJp (Le 2,36; Ap 7,6) m Aser
sommo sacerdote; membro della au8\1ELa, es (24 + P - Mc @ S
famiglia del sommo sacerdote; pl. a 2Cor) f debolezza (di ogni genere);
volte capi dei sacerdoti miseria; infermit, malattia (TTVUpa
apXLTTOllJtl\1, E\10~ (lPt 5,4) m aufJVlas uno spirito cheprovoca
pastore capo malattia)
~APXLTT1TO~, ou (Col 4,17; Fm 2) m aU8\1EW (33 + P @ S At 2Cor) esser
Archippo malato;esserdebole (per un
apXLUU\1o.ywyo~, ou (9 = Mc Le At) significato generale cf. 2Cor 12,10;
m capo di una sinagoga per il signif. teologico di coscienza
apXLTKTW\1, 0\10~ (lCor 3,10) m o fede debole cf. Rm 14,2; 1Cor
architetto 8,12; 2Cor Il,29)
apXLTdcD\1tl~, ou (Le 19,2) m
capo au8f:\1tllJa, TO!; (Rm 15,1) n debolezza,
degli agenti delletasse infermit (Rm = gli scrupoli di chi
apXLTpldL\10~, ou (3 = Gv) m debole nellafede)
23

Qo;o\Ihs, ~ (25 + 1Cor @ S) QUTaTw (lCor 4,11) non avereuna


malato, debole (per motivi fisici cf. casa, vagare di luogo in luogo
1Cor 8,9.10; per motivi teologici cf. QUTL~ a, 011 (At 7,20; Eb 11,23)
Eb 7,18);peccatore, senzaforza di bello
avvicinarsi a Dio (Rm 5,6) QUTr,p, po~ (23 + Ap - Le Gv @
'Auia,a~ (18 + At-S Gv) fAsia Mt) m stella, astro
(4 E-2) . QUTr,pU'T~, 011 (2Pt 2,14; 3,16)
'Aula\lo~~ ou (At 20,4) m originario instabile; (persona) fragile, poco
delle provinciaromana dettaAsia matura
'AulapXIl~, ou (At 19,31) m Asiarca (lUTOPYO~, 011 (Rm 1,31; 2Tm 3,3)
(funzionario della provincia senzai consueti affetti, senza cuore,
romana dell'Asia) incapace di volerbene
iunri, a~ (At 27,21) f il non QUTOXW (3 = 1/2 Tm) (lett.perdere
mangiare (rroUfjs TE: <iouLas la strada) deviare da, allontanarsi da
vrrapxoulTTJS dopo un lungoperiodo .QUTparrr" ij~ (9 = S Ap - Mc) f
nel qualenessuno mangiava At 27) lampo,folgore, fulmine; splendore
(lUlTO~, 0\1 (At 27,33) agg, digiuno, (Le 11,36)
senza mangiare QUTparrTw (Le 17,24; 24,4) splendere,
QUKW (At 24,16) cercare, fare il guizzare improvvisamente
possibile, Sforzarsi (lUTPOII, ou (4 = L Eb) n stella
<iuK~, ou (12 = S) m otre 'AUUYKPlTO~, ou (Rm 16,14) m
(recipiente per il vino, fatto di Asncrito
pelle d'animale) QUUIl+WII~, Oli (At 28,25) senza
QUlJII~ (At 21,17) avv. accordo
festosamente, con gioia QUUIITO~, Oli (5 = S Rm - Le) che
(luo+o~, Oli (Ef 5,15)stolto, sciocco non riesce a capire, incapace di
QurrarOlJaL (59 + Rm P @ S At Ps comprendere, stupido; insensato,
C) salutare (forse rivolgere il saluto disonesto
con gentilezza o con rispetto Mt QUUIIOTO~, 011 (Rm 1,31) sleale, che
5,47); in alcuni casi "salutare" non mantienelepromesse
significa: accogliere bene; visitare Qu+Glla, es (3 = L 1Ts) f sicurezza,
brevemente; separarsi da, prendere solidit (v "alTn <i. con molta
commiato da; imptv. ricordatemi a diligenza, accuratamente At 5,23);
QurraulJo~, ou (lO = Sp @ Le) m insegnamento solido, fondato (Le
saluto 1,4)
(lU1TlA.o~, Oli (4= 1Tm C) senza Qu+alr,~, ~ (5 = At Fil Eb) sicuro;
macchia; senzadifetti, genuino utile, migliore (Fil 3,1) ; preciso,
Qurri~, [60~ (Rm 3,13) f serpente, certo (At 25,26) ; la realt deifatti,
vipera qualcosa di sicuro o certo (At 21,34;
(lurroll60~, 0\1 (2Tm 3,3) spietato, 22,30)
sleale, duro Qu+alirw (4 = Mt At) sorvegliare,
'Auua (Mt 1,8) l.v, di 'Aua+ assicurare (la chiusura della tomba
QUUapWII, ou (Mt 10,29; Le 12,6) n Mt 27,66) ; legare, bloccare
asse (moneta di bronzo equivalente Qu+alw~ (3 = Mc At) avv. con
a 1/16 di un denaro), soldo certezza, con decisione, sotto buona
UUOII (At 27,13) avv. ilpi vicino scorta; attentamente, in modo sicuro
possibile QUXIlIlOIIW (lCor 7,36; 13,5) trovarsi
TAuuo~, ou (At 20,13.14) fAsso a disagio (1Cor 7); non essere
(4 E-2) rispettoso
24

aUX"fJOUUWI, rr (Rm 1,27; Ap 16,15) illuminare, risplendere; is


f azioni turpi, vergognose; lp r...UayyMOU perchnon risplenda
verpogna dell'essere nudi per loro la lucegloriosa
aUX"fJw1l, 011 (lCor 12,23) non dell'annuncio di Cristo
decoroso (r a. leparti del corpo auyfJ, ijs (At 20,11) f alba, inizio del
meno decenti lCor) nuovo giorno
auwTi.a, es (3 = Ef Tt lPt) f AuyofiuTo~, ov (Le 2,1) m Augusto
dissolutezza, comportamento (= Ipauros, titolo attribuito
(morale) disordinato; rovina, all'imperatore Ottaviano)
corruzione aUOa6,,~, es(Tt 1,7; 2Pt 2,10)
auwTw~ (Le 15,13) avv. arrogante, superbo
dissolutamente, in maniera auoai.pTo~ 011 (2Cor 8,3; 8,17)
disordinata (dal punto di vista volentieri, spontaneamente
morale) auO1ITw (lTm 2,12) avere autorit,
aTartTw (2Ts 3,7) avereun comandare, dettar legge
comportamentodisordinato, vivere auAw (3 = Mt Le lCor) suonare il
nell'ozio flauto (T auAoufJ1Io1l la musica
aTcutT~, o", (lTs 5,14) disordinato, che si suona con ilflauto 1Cor 14,7)
indisciplinato, che si comportamale auAfJ, ij~ (12 = S G @ S) f cortile,
aTut.T~ (2Ts 3,6.11) avv. in maniera (recintato), atrio (di un tempio);
disordinata, sregolata, indisciplinata palazzo;casa; ovile, recinto (per le
anJ(1Io~, 011 (Le 20,28.29) senzafigli pecore)
an1li.Cw (14 = L 2Cor + At)fissare auA"TfJ~, ofi (Mt 9,23; Ap 18,22) m
gliocchi su, guardare con suonatore di flauto
attenzione, osservare, guardare auAi.CofJaL (Mt 21,17; Le 21,37)
anp (Le 22,6.35) prep. con gen. p'assare la notte
senza, lontano da, di nascostoda auA.~, ofi (lCor 14,7) mflauto
aTlfJaCw (7 - Mt) oltraggiare, auta1lw e autw (22 @ S L P) (fut.
ingiuriare, offendere, usarecattive autfJuw; aor. "ut"ua; aor. passo
parole con; (pass. essere maltrattato "utfJO,l") intrans. crescere,
At 5,41); comportarsi in modo moltiplicarsi; diventare importante
verpognoso (Rm 1,24) (Gv 3,30); crescere del tutto (Mt
aTlfJla, a~ (7 = P Ps + P) f 13,32); trans. far crescere
disonore, vergogna; mancanza di autfJul~, w~ (Ef 4,16; Col 2,19) f
decoro; Ls <i. per uso comune, di crescita, sviluppo
ognigiorno (Rm 9,21; 2Tm 2,20) aUplO1l (14-Mc G@SL) avv.
aTlfJo~, 011 (4 = S lCor - L) domani, ilgiorno seguente;poco
disprezzato; meno decente o meno dopo,presto
onorevole (una parte del corpo) aUUTfJpO~, a, o", (Le 19,21-22) duro,
aTfJi.~, i.&o~ (At 2,19; Gc 4,14) f severo, esigente
vapore, fumo, nuvola amapJ(la, a~ (2Cor 9,8; lTm 6,6) f
aTOfJO~, 011 (1Cor 15,52) indivisibile; quelche necessario; il contentarsi
v <i. in un istante (lCor 15) di quelche si ha
aTO"O~, o", (4 = Le At 2Ts) aUTapJ(fJ~, ~ (Fil 4,11) che si
colpevole, cattivo; (neutro: qualcosa contenta di quelche ha; che sa
di male, fatto straordinario At 28,6) badare a se stesso
'ATTaAna, a~ (At 14,25) fAttalia aUToOl avv. l, in quel luogo
(4 F-3) aUToJ(aTaJ(plTo~, o", (Tt 3,11) che si
auyarw (2Cor 4,4) vedere; forse condannada s
aUTOlJaTO~ - a+lA.apyupo~ 25

aUTOlJaTO~, 'l, O" (Mc 4,28; At 12,10) a+EA.WlJal aor. med. congo di
che agisce spontaneamente, da se a+alpi<D
stesso, da solo a+E~ (2 pl. a+ETE) aor. imptv. di
aUTOrrT'l~, ou (Le 1,2) m testimone a+i.'llJ l
diretto a+Eul~, E<D~ (17 - G @ Le At) f
aUTo~, r" O" (5534. ..) egli, egli stesso, remissione, perdono (dei peccati);
anche, molto; preceduto liberazione (dei prigionieri)
dall 'articolo lo stesso; come a+i<D"Tal pf. passo 3 pl. di ci+i.'llJl
pronome di terza persona egli, ella, a+r" ij~ (Ef 4,16; Col 2,19) f giuntura,
esso; TT T aUTO assieme,' KaT T legamento
aUTO cos, allo stessomodo, a+ijKa aor. di a+i.'llJl
contemporaneamente ci+r,u<D fut. di a+i.'llJl
aUTou (4 = Mt L) avv. qui, l a+Oapui.a, a~ (7 = P Ps) f
aUTo+<DpO~, O" (Gv 8,4) flagrante, in immortalit, incorruttibilit;
azione (TT' a. in flagrante) ciyarra<D i" a. amareper sempre,
aUToxnp, o~ (At 27,19) con le con amore incorruttibile, per la vita
propriemani eterna (Ef 6,24)
auXi<D (Gc 3,5) vantarsi di a+OapTo~, O" (7 = P Ps 1Pt)
aUXIJTJPo~, a, O" (2Pt 1,19) oscuro incorruttibile, immortale, che dura
a+alpi<D (lO + S - Gv) (fut. a+EA.<i>; per sempre, che non va in rovina
aor. a+d:A.o" [con uguale signif. a+Oopi.a, es (Tt 2,7) f integrit,
nelle forme atto e med.], inf. purezza, genuinit
a+EA.i:,,; aor. med. congo (dell'insegnamento)
a+A.<DlJal) togliere, staccare; a+i.&<D aor. congodi a+opa<D
tagliare; escludere da; portar via a+i.'llJl (142 + Mt Mc Le @ Gv)
a+a"r,~, i~ (Eb 4,13) non apparente (pres. 2 sing. a+El~, 1 pl. ci+i.oIJE", 3
= chepu restar nascosto pl. a+i.ouul", inf. a+li"al; impf. 3
a+a"i.C<D (5 = Mt At Gc) sfigurare, sing, ij+lE"; fut. a+r,u<D; aor. a+ijKa,
rendere triste (il volto); consumare, imptv. a+E~, 2 pl. a+ETE, congo
distruggere; passonascondersi; a+<i>, ptc, a+Ei.~, aor. passo a+iO'l";
svanire, scomparire fut. passo ci+EOr,uOlJal; pf. passo3 pl.
ci+a"lulJo~, ou (Eb 8,13) m ci+<DVTal) cancellare, rimettere,
distruzione, lo scomparire perdonare (peccati o debiti);
a+a"To~, O" (Le 24,31) invisibile (a. lasciare, aspettare (a~ r6w/lv
YVTO spar) Aspetta! Vediamo! o
ci+E&pW", <i>"o~ (Mt 15,17; Mc 7,19) semplicemente Vediamo! Mt 27,49;
m latrina, fogna Mc 15,36); lasciare, abbandonare,
ci+iO'l" aor. passo di a+i.'llJl trascurare; lasciare da parte, non
ci+EOr,uOlJal fut. passo di ci+i.'llJl averepi; mandar via, divorziare da;
ci+El&i.a, a~ (Col 2,23) f austerit, ~fjKV T TTVU/la mor (Mt 27,50) ; a.
severit ~wvi)V /leya1}v dare un forte grido
a+ElA.o" aor. di a+alpi<D (Mc 15,37)
ci+Ei.~ aor. ptc, di a+i.'llJl a+lK"iolJal (Rm 16,19) (aor.
ci+El~ probabilmente preso 2 sing. di a+u(olJ'lv) giungere (di notizia)
a+i.'llJl (Ap 2,20) essernoto
ci+EA.El" aor. inf. di a+alpi<D a+lA.ayaOo~, OV (2Tm 3,3) nemico del
ci+EA.oT'l~, 'lTO~ (At 2,46) f semplicit bene
(di cuore) a+lA.apyupo~, O" (1Tm 3,3; Eb 13,5)
ci+EA.<i> fut. di a+alpi<D non attaccato al denaro
26

a+iA.E:ro ( ) l.v. aor. med. 3 sing. di intelligenza; ignorante


a+aLpm a+urrllom (Le 8,23) addormentarsi
a+L{L!;, E:m!; (At 20,29) fpartenza a+uuTE:pm (Gc 5,4) frodare, rubare,
a+iouuu.. preso3 pl. di a+iJ)IJL trattenere
a+iuralJaL (14 + L - Mt Mc G @ a+w aor. congodi a+iJ)IJL
At) (deponente in tutte le forme a+mIlO!;, 011 (4 = At 1Cor 2Pt) muto,
eccetto l'aoristo; impf. 3 sing. senza voce, che tace; senza
a+iurauo; fut . arrour~UOlJaL; aor. significato (lCor 14,10)
arrurJ)ua e arrurJ)lI, imptv. 2 pl. 'AXa C (2 = Mt 1,9) mAcaz
imbarm, inf. arrouri'jllaL, ptc. 'Axaia, a!; (lO = At P @ P) fAcaia,
arroura!;) intrans. allontanarsi da, Grecia (a sud della Macedonia)
abbandonare la fede (1Tm 4,1), non (4 C-2)
occuparsi di, star lontano da; trans. 'AXa[KO!;, 06 (lCor 16,17) m Acico
incitare alla rivolta, trascinare axapLUrO!;, 011 (Le 6,35; 2Tm 3,2)
a+llm (3 = At) avv. all'improvviso ingrato, privo di riconoscenza
a+ollm!; (4 = Le P C) avv. senza aXE:Lporroi1Jro~, 011 (3 = Mc 2Cor
paura; senza vergogna; a. ylVOj.l<It. Col) non fatto da mani di uomini;
trovarsi ben accolto, non a disagio a.
TTPlTOj.lij una circoncisione non
(lCor 16,10) fatta dagli uomimi (Col 2,11)
a+OIJOLom (Eb 7,3) essere simile a aXO~UOlJaL fut. passodi aym
a+opam (Fil 2,23; Eb 12,2) (aor. 'AXilJ (2 = Mt 1,14) m Achim
con~. a+i&m) tenerfisso lo sguardo axA.v~, VO!; (At 13,11) f oscurit
av
su; ws Ct.fl6w T TTPl j.I non axpLOOlJaL (Rm 3,12) esserinutile o
appena avr visto come si mettono corrotto
le coseper me (Fil 2) . aXPlO!;,OIl (Mt 25,30; Le 17,10)
a+opiCm (lO = S At P - Mc) (fut. inutile; semplice, misero (Le)
a+opLw e a+opium) separare, aXP1Juro!;, 011 (Fm 11) inutile, che
togliere di mezzo; escludere (dalla non servito a nulla
propria compagnia), mettere al axpL e aXPL~ (48 + At P Ap @ S):
bando;scegliere, presciegliere, (1) prep. con gen . sino a, fino a;
destinare a un incarico (2) congo finch; aXPl oufinch, fino
a+oPIJ~, i'j!; (6 = P Ps @ P) f a quando, per tutto il tempo che
occasione, pretesto iixupoII,ou (Mt 3,12; Le 3,17) n pula
a+piCm (Mc 9,18; 9,20) avereschiuma (del grano),paglia
alla bocca o:t/Ja~ aor. ptc. di O:TTrm
a+po!;, 06 (Le 9,39) m la bava alla at/JE:u6~!;, !; (Tt 1,2) che non mentisce
bocca mai, non inganna nessuno
a+pouvIIJ), J)!; (4 = Mc 2Cor) f at/JLIIOO!;, 011 (2 = Ap 8,11) m ef
stoltezza, folla, l'essere pazzo (II a. assenzio (una volta usato come
come un pazzo 2Cor 11,17.21) nome proprio)
a+pmll 011 gen. OliO!; (11 = Le P 1Pt at/Juxo!;,OIl (1Cor 14,7) inanimato,
@ 2Cor) stolto, pazzo, senza senza vita

Interessi correlati