Sei sulla pagina 1di 7

SCHEDA SUI PERSONAGGI PRINCIPALI DELLA

MONARCHIA FRANCESE
DA LUIGI XII A LUIGI XIV

Enrico iv

Enrico IV di Francia, prima chiamato Enrico III di Navarra,


nacque a Pau il 13 dicembre 1553 e morì a Parigi il 14
maggio 1610. Figlio di Antonio di Borbone, duca di
Vendome e di Giovanna III, regina di Navarra, fu re di
Francia dal 1589 fino alla sua morte. Fu denominato il
Grande.
Alla morte di Enrico III, rimasto privo di eredi, per
individuare l’erede al trono si risalì a Luigi IX, il Santo. Dal
figlio di questo si discese fino ad Enrico III di Navarra che
assunse appunto il nome di Enrico IV diventando re di
Francia. Egli fu il primo re francese della dinastia dei
Borboni.
Enrico, che era ugonotto, si convertì al cattolicesimo su
consiglio del Granduca di Toscana Ferdinando I de’ Medici,
per poter salire sul trono di Francia. Per questo motivo a
lui viene attribuita la frase “Parigi val bene una messa”.
Enrico pose fine alle guerre di religione tra ugonotti e
cattolici, emettendo l’Editto di Nantes, con il quale si dichiarava che veniva concessa la libertà
di culto il tutto il territorio francese, a certe condizione e con certi limiti.
Enrico IV, per quanto riguarda la politica economica, si affidò al suo ministro Massimiliano di
Béthune, duca di Sully, che riuscì nell’opera di ricostruzione interna della Francia, stremata da
vari anni di guerre civili.
Introdusse la tassa paulette, che consentiva al funzionario che la pagava di trasmettere in
eredità il suo ufficio. In questo modo rinacque la nobiltà di toga, corpo di funzionari
contrapposto alla nobiltà feudale detta nobiltà di spada. La monarchia così disponeva della
fedeltà del nuovo ceto contro le spinte della nobiltà di spada. Infatti l'obiettivo che la
monarchia si proponeva era quello di dissociare le vecchie clientele dagli obblighi verso
l'aristocrazia feudale. Così facendo però siccome il denaro guadagnato finiva in terreni e titoli,
ci fu una frenata dello sviluppo economico del paese.
Per quanto riguarda la politica estera, Enrico mise in atto un programma anti-spagnolo,
prendendo accordi con gli Olandesi, con Venezia, con Carlo Emanuele I di Savoia e con principi
calvinisti tedeschi. Proprio quando il progetto era pronto, un fanatico cattolico di nome François
Ravaillac, uccise Enrico, mandando a monte il suo progetto.
– Famiglia
Enrico ebbe due mogli: Margherita di Valois, con cui non ebbe figli, e maria de’ Medici, dalla
quale ebbe sei figli: Luigi (che poi diventerà re di Francia col nome di Luigi XIII), Elisabetta di
Francia, Maria Cristina, Nicholas Henri (duca di Orleans), Gastone d’Orleans ed Enrichetta
Maria.
Ebbe inoltre anche nove figli illegittimi:
da Gabrielle d’Estrées: Cesare, Caterina Enrichetta, Alessandro;
da Caterina Enrichette de Balzac d’Entragues: un figlio morto alla nascita, Enrico, Gabriella
Angelica;
da Giacomina di Bueil: Antonio di Borbone;
da Carlotta di Essart: Giovanna Battista di Borbone, Maria Enrichetta.
Luigi xiii

Luigi XIII di Borbone, detto il Giusto, nacque a


Fontainebleau il 27 settembre 1601 e morì a
Saint-Germain-en-Leave il 14 maggio 1643. Fu re
di Francia dal 1610 alla sua morte. Fu il primo
figlio di Enrico IV e di Maria de’ Medici. All’età di
nove anni ascese al trono e finché non compì
sedici anni la madre diventò sua reggente.
La politica della Reggente fu avversata dalla
nobiltà. In seguito all’assassinio di Concino
Concini (colui che aveva ispirato la politica della
Reggente), forse ordinato dallo stesso Luigi XIII,
tolse alla Regina Madre la sua posizione di potere,
dunque per circa quattro anni il governo fu nelle
mani di Carlo, duca di Luynes. Luigi mosse una
guerra contro la madre della durata di un paio
d’anni, per poi riconciliarsi con lei nel 1621. Nel
1624 iniziò a collaborare con Armand-Jean du
Plessis, il cardinale di Richelieu. Egli aveva due
scopi importanti: nella politica interna quello di
ridurre l’influenza ugonotta sulla monarchia e
ridimensionare l’arroganza della nobiltà francese
sottomettendola al potere regale, ed in politica estera lottare contro l’impero austriaco.
– Famiglia
Luigi sposò una principessa asburgica, Anna d’Austria, da cui ebbe due figli: Luigi (futuro re
Luigi XIV) e Filippo (duca d’Orleans)
luigi xiv

Luigi XIV fu il terzo re di Francia. Regno dal 1661 fino alla


sua morte. Figlio primogenito di Luigi XIII di Francia e di
Anna d’Austria.
Ereditò il trono a soli cinque anni, quando il padre morì,
e la madre fu nominata reggente. Gestì il potere insieme
al Cardinale Mazzarino, primo ministro. Luigi combatté
tre grandi conflitti rafforzando l’influenza della Francia in
Europa.
Chiamato anche Re Sole, Luigi sposò Maria Teresa di
Spagna, ma egli non sembrava accettare questo
marimonio, poiché era innamorato di Maria Mancini,
nipote del Cardinale Mazzarino.
Luigi, durante il suo regno, rese la Francia un modello
culturale per tutta l’Europa.
Spesso gli vengono attribuite le frasi “L’état, c’est mio!”
(“Lo stato sono io!”), e "Je m'en vais, mais l'État
demeurera toujours" (“Io me ne vado, ma lo Stato
resterà sempre”).
Luigi nella sua politica amministrativa sovrappose ai
vecchi governatori provinciali degli intendenti (nuove
figure amministrative) provenienti dalla nobiltà di toga.
Un personaggio molto importante all’interno della politica di Luigi era Jean-Baptiste Colbert,
incaricato di controllare le finanze dello stato, ovvero egli possedeva la seconda carica più
importnate dopo quella del re.
Luigi intraprese quattro guerre a carattere dinastico tra cui la Guerra di successione spagnola.
Alla fine di questa sul trono di Spagna salì suo nipote Filippo V di Spagna.
– Famiglia
Dalla moglie Maria Teresa di Spagna ebbe sei figli che morirono tutti prima di lui: Luigi, il
Grande Delfino, Anna Elisabetta, Maria Anna, Maria Teresa, Filippo e Luigi Francesco.
armand-jean du plessis (il duca di Richelieu)

Armand-Jean du Plessis duca di Richeieu (noto


anche Cardinale Richelieu) fu un cardinale e
politico francese. Egli, nominato primo ministro da
Luigi XIII, aveva due obbiettivi: rafforzare il potere
del re il Francia e far si che la Francia diventasse
la più grande potenza d’Europa. Per questo
Richelieu si scontrò prima con i nobili, che
volevano aumentare il loro potere. Per realizzare il
suo secondo obbiettivo egli fece intervenire
l’esercito francese nella guerra dei trent’anni
contro la Spagna e l’Austria con successo.

Egli nacque a Parigi, destinato a una carriera


militare, affrontò invece quella ecclesiastica.
Studiò teologia e fu nominato vescovo.
Successivamente intraprese anche la carriera
politica diventando deputato e in seguito
portavoce dell’assemblea. Nello stesso anno
venne nominato Gran cerimoniere da Maria de’
Medici, alla corte della regina Anna d’Austria.
Questo gli permise di entrare nel consiglio del re
di Francia.
Si ritorò per un periodo dalla politica in seguito
all’assassinio (commissionato da Luigi XIII) del
favorito di Maria de’ Medici, Concino Concini. Qualche tempo dopo tornò a Parigi riuscendo a
riavvicinare Maria de’ Medici al figlio Luigi XIII, ricevendo la carica di cardinale.
Prima di morire, Richelieu raccomandò al re il suo successore: il cardinale Mazarino.
maria antonietta d’asburgo lorena

Maria Antonietta fu regina di Francia dal 1774 al 1792 come


sposa di Luigi XVI. Figlia di Maria Teresa d’Austria e di
Francesco Stefano di Lorena, fu sin da piccola arciduchessa
d’Austria. Venne data in sposa al delfino di Francia per
riallacciare l’alleanza fra Austria e Francia. Durante la
rivoluzione francese fu arrestata insieme alla famiglia reale e
incolpata di alto tradimento, pertanto venne ghigliottinata.
TABELLA CRONOLOGICA DEGLI EVENTI PRINCIPALI DELLA
MONARCHIA francese

DATA EVENTO

1610 viene ucciso Enrico IV. Luigi XIII è l'erede e, avendo nove anni, nomina
sua madre, Maria de’ Medici, reggente;
1614-1615 convocazione degli stati generali;
1620 Luigi XIII assume il potere;
1624 il duca Richelieu viene nominato cardinale;
1626 Richelieu abolisce i privilegi della minoranza religiosa;
1627 assedio alla Rochelle, porto atlantico e principale città ugonotta;
1642 muoiono Richelieu e Luigi XIII. La madre dell'erede al trono Luigi XIV,
allora dell'età di nove anni, assume il ruolo di reggente. Giulio Mazzarino
prende il posto di Richelieu;
1648/53 rivolte contro la monarchia in Francia;
1661 morte di Mazzarino e presa di potere di Luigi XIV;
1667 Luigi XIV muove guerra contro Maria Teresa di Spagna; formazione della
lega antifrancese di cui fanno parte Olanda, Svezia e Inghilterra;
1672 Carlo II d'Inghilterra invade le Province unite, invase anche dalle truppe
francesi;
1674 formazione di una nuova lega comprendente Prussia-Brandeburgo e
Spagna contro Luigi XIV;
1682 trasferimento della corte a Versailles;
1683 Jean Baptiste Colbert diventa il collaboratore principale di Luigi XIV;
1688/97 tutta l'Europa di schiera in un guerra contro la Francia.