Sei sulla pagina 1di 592

GRANDE LESSICO

DELL’
ANTICO TESTAMENTO

igÉs

VOLUME Vili

iHi

ili
pu
Ep" ms-:r)ì|ìs=.vs
Tifili5
^HjgKilÉrSi
Li, '>!: f e ' :

PAIDEIA
' ÌAi - -'Ir,ir^=r--pi3 : Jf; 7>-_pv_ ;
'h i,:. : r— C l c ik- :

g p S > r ::!Ì K ® Ì | i f . ; ■. _• .
:r■'or^FìT
^ lW tÌ
, :il-SR ..... h: •
fÉ s ‘ vi^
:--:
i-i-.Lr
>jv!k
GRA N D E LESSICO
DELL 5
ANTICO TESTAMENTO

Fondato da
G. J o h a n n e s B o tterw e ck
e H e lm e r R in g g r e n

A cura di
H e in z - J o se f Fabry e H elm er R in g g r e n

In collaborazione con
G e o r g e W. A n d e rso n , H e n ri C a z e lle s ,
D a v i d N. F r e e d m a n ,
S h e m a r ja h u T a lm o n e G e r h a r d W a lli s

Edizione italiana a cura di


P ie r G io r g io B o rb o n e

Volume V III
m p - ntf

P A ID E IA
. T ito lo o rigin ale d ell’ o p era

Theologisches Wòrterbuch zum Alten Testament


In V erb in d u n g mit
G e o r g e W . A n d e r s o n , H e n r i C a z e lle s , D a v id N . F re e d m a n ,
S h e m a r ja h u T a l m o n und G e r h a r d W a jllis
begriin d ct v o n
G . Jo h a n n e s B o tte rw e c k
un d H e l m e r R i n g g r e n
herau sgegeben v o n
H e in z -J o s e f F a b ry
und H e l m e r R i n g g r e n

A ll’edizione italiana dell’ottavo volum e


hanno collaborato come traduttori:

FRANCESCO BIANCHI
fr a n co r o n c h i

IS B N 9 7 8 .8 8 .3 9 4 .0 7 5 4 .2

T utti i diritti sono riservati


© V e rla g W . K o h lh a m m e r, Stu ttga rt 19 9 3
© Paid eia E d itric e , B re sc ia 2008
AVVERTENZA
A L L ’ED IZIO N E ITALIAN A

L’ottavo volume del Grande Lessico dell'Antico Testamento è la tradu­


zione integrale delle colonne 172-1104 del voi. v ii dell’edizione originale
in lingua tedesca.
AUTO RI
DELLE VOCI CONTENUTE NEL VOL. V ili

Direttori
F a b ry , H .- J ., p ro f, d r., R in g g ren , H ., p ro f, dr.,
T u rm fa lk e n w e g 1 5 , 5 3 1 2 7 B o n n F lo g s t v à g e n 5 A,
7 5 2 6 3 U p p s a la , S v e z ia

Collaboratori
B a rrick , W .B ., dr., Firm age , E ., J r .,
E aste rn M o n ta n a C o lle g e , D ep t. o f N e a r E a ste rn L an g u ag es,
B illin gs, M o n t. 5 9 1 0 1 , u s a U n iv e r s ity o f C a lifo rn ia ,
B arstad , H .M ., p ro f., B e rk e le y , c a 94 720 , u s a
B regn eveien 4, F isch er, I., d o cen te u n iv., d r.,
3 3 0 0 H o k k su n d , N o rv e g ia P ark str. 1 , 8 0 10 G r a z , A u stria
B artelm u s, R ., p ro f, d r., F leisch er, G ., d r.,
A u in g e rstr. 12 , 8 2 2 3 7 W òrth see H e in ric h -S au er-S tr. 5 , 5 3 1 1 1 B o n n
B c n -Y a s h a r, M ., Freed m an , D .N ., p ro f, dr.,
D e p t. o f thè B ib le, B a r-Ila n U n iv e rsity , P .O . B o x 7 4 34 , L ib e rty Station,
R a m at G a n , 5 2 10 0 , Isra e l A n n A r b o r , M ich . 4 8 10 7 , u s a
B cu k en , W ., p ro f, dr., F re v e l, C ., d ipi, teol.,
W averseb aan 220, A lttestam en tlich es Sem in ar, U n iv ersita t,
3 0 3 0 L e u v e n -H e v e rle e , B elg io R e g in a -P a cis-W cg 2, 5 3 1 1 1 B o n n
B e y s e , K .-M ., dr., F u h s, H .- F ., p ro f. d r. d r.,
W ieland str. 9 , 0 6 1 1 4 H alle/Saale K am p 6, 33098 P ad erb o rn
B lu m , E ., p ro f, d r., G ò rg , M ., p ro f. dr. dr.,
In stitu t fiir E v an g . T h e o lo g ie , In stitu t fiir B ib lisch e E x eg ese, A T ,
U n iv e rsita tsstr. 10 , 8 6 15 9 A u g sb u rg G e sc h w iste r-S c h o ll-P la tz 1,
B ro w n , M .L ., dr., 80539 M ùn chen
M essiah B ib lic al In stitu te, G ra u p n e r, A ., dr.,
1 3 1 5 E . D e e r P a rk D r ., B eeth o v en str. 2 5, 5 3 1 1 5 B o n n
G aith e rsb u rg , m d 2 0 8 7 7 , USA H aag, E ., p ro f, dr.,
C le m e n ts, R .E ., p ro f., Sickin gen str. 3 5 ,5 4 2 9 6 T r ie r
K in g ’s C o lle g e , Stran d , H au sm an n , J ., d o cen te dr.,
L o n d o n W C2R 2LS, R e g n o U n ito K re u z la c h 2oc, 9 15 6 4 N eu en d ettclsau
C o n ra d , J ., p ro f, dr., H o ssfe ld , F .- L ., p ro f, dr.,
V o r dem N e u to r 3, 0 7 7 4 3 Je n a W eim arer Str. 3 4 , 5 3 1 2 5 B o n n
D ah m en , U ., d ipi, tb eo l., K a rtv e it, M ., d r.,
L im p e ric h e r Str. 3, 5 32 2 5 B o n n U tsik tc n 5a, 4 0 26 Stavan ger, N o rv e g ia
D o h m e n , C h ., p ro f, dr., K e d a r-K o p fste in , B ., p ro f, dr.,
U n iv e rsita t, S c h lo ssstr. 4, O re n -S tr. 2 3, R o m em a, H a ifa , Israele
49074 O sn a b ru c k K ellerm an n , D ., dr. f
X AUTORI D ELLE VOCI

K n ip p in g , B ., d ip i, teol., Preuss, H .D ., prof, dr.,


A lttestam en tlich es Sem in ar, U n iv ersita t, K reu zlac h 20C, 9 1 5 6 4 N eu en d ettelsau
R e g in a -P a cis-W e g 2, 3 5 1 1 1 B o n n R a ttra y , S.,
K o e n en , K ., d r., D c p t. o f N e a r E a ste rn L an g u ag es,
H u m b o ld t-S tr. 4 2 , 5 3 1 1 5 B on n U n iv e r sity o f C a lifo r n ia ,
K o ttsie p e r, I ., d r., B e rk e le y , c a 94 720 , u s a
A m griin en H a n g 18 , R ic k , D ., d ip i, teol.,
57078 S ie g e n -G e isw e id A lttestam en tlich es Sem in ar, U n iv ersita t,
K ro n h o lm , T ., p ro f, dr., R e g in a -P a cis-W e g 2 , 3 5 1 1 1 B o n n
O tto M y rb e rg s v a g 6, R iite rsw ò rd e n , U ., p r o f, dr.,
7 5 2 3 1 U p p sa la, S v ezia D am m str. 46, 2 4 1 0 3 K iel
L ip in sk i, E ., p ro f, d r., Sseba, M ., p ro f, d r.,
D e p artem e n t O rién talistiek , L a rs M u h les V e i 34 ,
B lijd e In k o m ststraat 2 1 , 13 0 0 S a n d v ik a, N o rv e g ia
3000 L e u v e n , B elg io S ch m o ld t, H ., d r.,
L iw a k , R ., p ro f, d r., T ra v e stie g 9a, 2 2 8 5 1 N o rd e rste d t
Lim astr. 2 1A , 1 4 1 6 3 B erlin Sch u n ck , K .- D ., p r o f, d r.,
M aib erger, P ., p ro f. d r. d r. f K a sse b o h m e r W eg 5, 18 0 5 5 R o s to c k
M arb ò c k , J ., p ro f, d r., Seid l, T h ., p ro f, dr.,
Sp arb ersb ach gasse 58, So n n en str. 30, 9 7 2 0 9 V eitsh ò ch h eim
8 0 10 G r a z , Ò sterreich S im ia n -Y o fre , H ., p ro f.,
M ilg ro m , J . , p ro f, d r., P o n tifìcio Istitu to B ib lic o ,
10 4 2 , Sierra St., B e rk e le y , c a 9 4 70 7, u s a V ia d ella P ilo tta 2 5, 0 0 18 7 R o m a , Italia
M o m m er, P., d r., Stein s, G ., dr.,
D ò rd e lstr. 1 , 44892 B o c h u m V o n d er F u rch en 4, 3 1 1 5 7 Sarsted t
M o sis, R ., p ro f, dr., Sten d cb ach , F .- J., p r o f, dr.,
L ie b erm an n str. 46, 5 5 1 2 7 M ain z D ro s s e lw e g 3, 5 5 1 2 2 M ain z
M u ld e r, M .J., p r o f, d r., T e n g stro m , S., p ro f, d r.,
A m p èrestraat 48, N o re e n s w a g 8,
1 1 7 1 B V B a d h o ev ed o rp , O lan d a 7 52 6 3 U p p sa la , S v ezia
M iillcr, H .-P ., p ro f, d r., T h ie l, W ., p ro f, dr.,
R o c k b u sh 36 , 4 8 16 3 M iin ster H a n s -B ò c k le r-S tr. 1 8 ,4 4 7 8 7 B och u m
N ie h r, H ., p ro f, dr., T r o p p e r , J . , dr.,
T h e o lo g ic u m , S em in ar fiir S em itistik und A ra b istik ,
L ie b erm eisterstr. 1 2 , 7 2 0 7 6 T u b in g en R eich en ste in er W eg 8 -10 ,
N ie lse n , K ., dr., 1 4 1 9 5 B erlin
In stitu t fo r R elig io n sstu d ier V a n o n i, G ., p ro f, dr.,
d e t T e o lo g is k e F a cu ltet, G ab rie le rstr. 1 7 1 , 2 3 4 0 M o d lin g , A u stria
À rh u s U n iv e rsite t, W ach ter, L ., p ro f, d r.,
8200 À rh u s , D an im arca B reite Str. 4 9 , 1 3 1 8 7 B erlin
O em in g , M ., p ro f, d r., W allis, G ., p ro f, d r.,
H o c h k re u z alle e 18 6 , 5 3 1 7 5 B o n n G e o rg -C a n to r -S tr. 2 2 ,
O tto , E ., p ro f, d r., 0 6 10 8 H alle/Saale
Jo h . G u te n b e rg -U n iv e rsita t, W asch k e, E .- J ., p ro f, d r.,
F B 02 E v . T h e o lo g ie , Sem in ar fiir P u sch kin str. 3 5 ,0 6 1 0 8 H alle/saale
A lte s T estam en t u n d B ib l. A rc h a o lo g ic Z ip o r , M ., d r.,
55099 M ain z B a r-Ila n -U n iv e rs ity ,
O tz e n , B ., p ro f, dr., R a m at G a n , 5 2 10 0 , Israele
M in th a jv e j 18 , Z o b e l, H .- J., p r o f, dr.,
8 2 10 À rh u s, D an im arca W o lgaster Str. 9 5 ,1 7 4 8 9 G re ifsw a ld
IN D IC E D E L V O LU M E V ili

Avvertenza all’edizione italiana....................................................................... vii

Autori delle voci contenute nel voi. v m ......................................................... ix

rnj? qdrà, qarà' n, miqreh, q‘rì (Ringgren)............................................. i

n i ? qerab (Hausmann)............................................................................. 5

r n p qirjd, qeret (Mulder)........................................................................... 7

0 2 qeren, qdran (Kedar-Kopfstein)......................................................... 11

qdra\ qerd‘im (Thiel)......................................................................... 20

qas, qss (Beysè)................................................................................... 27

qsb, qeseby qassdb, qassub (Mosis)..................................................... 29

qasd, qdseh, q'si, miqseb, qsh (Zipor)................................................. 38

qasar, qeser, qissurim (Conrad)......................................................... 45

qeset, qassat (Kronholm )................................................................... 52

r u n rd’d, ró’eb 1 + n, re’ì, r'ùt, mar’eb, mar’à (Fuhs)............................. 60

DN“] re’ém, rem, re’èm (Trapper - H.-P. M iiller)..................................... 107

ró’s 1, ri’sd, rò'sà, m'ra’asót (Beuken -Dahmen)............................ 113

ró’5’ 11 (Fleischer)................................................................................. 130

ri’sòn (Preuss)..................................................................................... 133

n ^ K " | rè’sit (Rattray - Milgrom)................................................................... 138

rab, rab n, rób/rób, rdbab i, rebdbà, ràbà, ribbó/ribbó’, rebibìm,


’arbeb, marbeh, marbit, tarbit (Blum -Fabry - Ringgren).............. 143

m rabas, marbes, rébes (Waschke)......................................................... 176


INDICE D EL VOL. V ili

rdgaz, rógez, rogzà, raggdz, ’argaz (Vanoni) ..................... i «3


regel, ràgal, marg'lót, ragli, r'gàlim (Stendebach).................. 189

rdgam, regem, rigmà, margémà (Schunck)............................. 207

rega\ rg‘, ràgéa, margód', margè'à (Kronholm) ............... 209

ràda, ràda 11, ràdad (Z o b el)...................................................... «4


rdm, tardèma (O em ing)............................................................. 223

ràdaf (Frevel)................................................................................ 227

rdhab, rahab, róbab, r'bàbìm (Rùterswòrden)...................... 241

ràwà, ràweh, r'wàjà, ri, jóreb (M aiberger)............................ 248

rwh, rèdh (K ro n h olm )............................................................... 253


rùàh (Tengstròm - Fabry) ......................................................... 258

rum, rum, mdròm (Firmage - Milgrom - Dahmen) ............. 3°7


rw ‘, t'rù'à, rèa' (R inggren )...................................................... 3*9
rùs, mérós, m'rusà (Maiberger).................................................. 323
rws, rasfra’s, rìs/rès/rè's (Saeb0) ................................................ 332
rdhab, rahab, róhab, rdhdb, r'hób, merhdb (Bartelmus) . . . 338
rhm, rahàmim, rahùm, rahdmdnì (Simian-Yofre - Dahmen) 35i
rehem, raham, *rahàmà (K ro n h o lm )..................................... 372
rdhas (Z obel)................................................................................ 378
rdhaq, rdhóq, merhdq, rdhéq, rahìq (Wachter)...................... 388

rib, m eribd (Ringgren) ............................................................... 395


rjq, réq, rèqdm (Kedar-Kopfstein)............................................ 402

rdkab, rekeb, rakkdb, merkàbà (Barrick - Ringgren)........... 410

r'kùs, rdkas (T h iel)..................................................................... 419


IN DICE D EL VOL. V ili XIII

**]3*1 ràkaky rakyrók, mòrek (D. Kellcrmann)........................................... 424

r&/, rò&é/, ra£*7, r'kulla, ‘''markolet (Lipinski)................................... 426

HD*1 rmh, mirmà, r'mijja, tarmit (Kartveit)............................................... 429

l i s i rimmòn (M ulder)............................................................................... 434

rdinas, mirmas (Waschke) ................................................................. 440

ramai, remes (Clements) .......................... ....................................... 443

i n ranan, rinnà, r'nànà, renanim (Hausmann) ..................................... 447

m re<T, ra'rf u, re'eA, mereà\ re‘à, ra'jà, 1 (D. Kellermann)------- 456

rd'èb,rd‘èb, rd‘db,re,dbón (Seidl)..................................................... 468

rò‘e/> (W allis)............................................................................. 483

D jn rà‘am, ra'am (Fischer - F a b ry )......................................................... 494

m ra'ànàn, r‘n (Mommer)..................................................................... 499

r“ , ra‘, rò<T, n i‘a, mera‘ (Dohmen - R ick )....................................... 502

rd'as, ra'as (Schmoldt)....................................................................... 539

NET) rdfd' (B ro w n )..................................................................................... 545

□ '« D I r'fà’im (Liw ak)................................................................................... 555


n p i rafd, rdfeh, rippajòn (Beyse)............................................................... 569

n y i rasa, rdsòn (Barstad) ........................................................................... 573

rdsah (H ossfeld)................................................................................. 588

p n rdsas, r" (Ringgren)........................................................................... 602

ràqad (M ulder)................................................................................... 605

y'jTì rdqtd‘, rdqa‘ (G ò rg )........................................................................... 608

rasa\ rasaresa', ris ‘à (Ringgren) ................................................... 617

Sjtfih resef (M ulder)..................................................................................... 628


IN D ICE D EL VOL. V ili

reset (Mommer)....................................................................... 6}6

saba', sabéà', sàbà', sóba', sob'àfsib'à (Warmuth).............. 639

sàbar, séber (Beyse)................................................................. 654

sàgab, misgàb (Ringgren)....................................................... 656

sàdeb, sadaj (W allis)............................................................... 659

seh (Waschke)......................................................................... 671

swsjsjs, màsòs, s'àson (Fabry)................................................... 675


sahaq/sàbaq, s''hóq/s'hóq, misbàq, jishàq/jishàq (Bartelmus) 685

satin, settari, sàtam (K. Nielsen)............................................. 7°5


sebà, sib, seb (Fabry)............................................................... 712
sjh, sibà (Hausmann)............................................................... 7 20
sim, t'sùmà (Vanoni)............................................................... 725
sakal, sekel, maskil (Koenen)................................................. 75°

s'àkar, sàkir, s'eker, sàkàr, maskóret, ’eskàr (Lipinski).......... 768

s'elàw (Maiberger)................................................................... 776


s'mó7, hism.il*, s'mà'lì(D. Kellermann)............................... 779
sàmab, sàmèàh, simhà (Vanoni)............................................. 784

simlà, salma (N iehr)............................................................... 803

sane', sòném'sannè’, sirià (Lipinski)................................. 810

sàfà (Kedar-Kopfstein)........................................................... 824

saq (Thiel)............................................................................... 835


sar, sarar, misrà (N iehr)......................................................... 842

sarìd (Kedar-Kopfstein)......................................................... 873

sàraf, sàràf, s'rèfà, misràfót (Rùterswòrden)......................... 877


IN DICE D EL VOL. V ili XV

sa’ab, mas’abbim (Schmoldt)............................................................. 889

sà’ag, se’àgà (Graupner)..................................................................... 892

nNti* s’b,so’a,sà'on,m'só’à,se’ijjà,sé’t (Beyse)....................................... 897

bìHti se’ól (Wàchter) ..................................................... ............................. 900

sa’al, se’éla, mis’àlà, sa’Hi (Fuhs) ..................................................... 912

sa’ànàn, *s’n (Thiel)........................................................................... 933

sà’af (Maiberger)................................................................................. 937

"lNt£^ sc’èr (Ringgren)................................................................................... 939

"INti* sà’ar, V ’àr, se'érìt (Clements)........................................................... 941

rD tf sàbà, s’bì, sibjà, sàbi, s'bìt (O tzen)................................................... 961

sebùt/sebit, sub s'but/s'bit, sub sibat (Ben-Yashar - Zipor)............ 971

tM # sébet (Z ob el)....................................................................................... 981

W saba, s'bu'à (Kottsieper)................................................................... 991

seba', sàbu'òt (Otto)........................................................................... 1025


"tìtf sabar, seber, masbèr, misbàr (Knipping)........................................... 1060

rQti' sàbat (E. H aag )................................................................................... 1077

sabbat (E. H aag)................................................................................. 1084


rUti*j s à g à / s à g a g , segàgà, segi’à, misgeb, m'sùgà (Seidl)............................. 1098

sg‘, sigga'ón (Mommer)..................................................................... 1107


11^ sad (Oeming)....................................................................................... m i
l i t i sadad, sód (Freedman - W elch)......................................................... 1 1 1 6
saddaj (Niehr - Steins)....................................................................... 1123
I (v ii , 172 ) qarà (H . Ringgren) (vn, 173) 2

to d a i fra te lli: 4 4 ,2 9 ) c h e a B e n ia m in o p o s s a e s s e ­
HTi? qàrà re c a p ita ta u n a d is g r a z ia ( ’àsón). I n s e n s o g e n e ri­
c o Gen. 4 2 ,2 9 d ic e c h e i fr a te lli d i G iu s e p p e r a c ­
tO j? q àrà’ 11, m iq re h , ' “]j5 q erì c o n ta r o n o al p r o p r io p a d r e « tu tto c iò c h e e ra a c ­
c a d u to (kol-haqqórót) lo r o » in E g it t o e a ll’in iz io
1 .1. Etim ologia. - 2. A ttestazion i. - 11. U so nell’A n tico d e lla su a « b e n e d iz io n e » in Gen. 49 G ia c o b b e a f­
Testam ento - 1. V erbo qal. —2. nif. —3. hif. - 4. miq­
fe rm a : « Io v i d ir ò tu tto c iò c h e v i a c c a d rà ('et ’àser
reh. - 5. q 'ri.- in. I LXX. jiq rà ’ ’etkem) in fu tu r o » . Q u e s to s ig n ific a to si t r o ­
Bibl.: S. A m sler, qrh, widerfahren ( T H A T 11 681-684). v a a n ch e in Is. 4 1 , 2 2 ; Esth. 4 ,7 ; 6 , 1 3 ; Dan. 1 0 , 1 4 .
1 . 1 . L ’ e b r a ic o c o n o s c e u n v e r b o qarà e u n a f o r ­ S e c o n d o Deut. 3 1 , 2 9 s u l p o p o lo s i a b b a tte rà la
m a s e c o n d a r ia qàrà' 1 1 , c h e h a n n o tu tte e d u e il s i­ s v e n tu r a ( rà 'à ) se n o n o s s e r v e r à i c o m a n d a m e n ti.
g n ific a to b ase d i ‘ in c o n tr a r e ’ . In u g a r itic o si h a n ­ Ier. 4 4 ,2 3 a ffe r m a c h e la s v e n tu r a ( rà'à ) si è a b ­
n o a lc u n e a tte s ta z io n i d i qrj ( W U S n r. 2 4 5 4 ), ch e b attu ta su l p o p o lo p e r c h é h a d is o b b e d ito . Q u a n ­
s ig n ific a ‘ in c o n tr a r e ’ ( K T U 1 , 3 , 1 1 , 4 s.: « A n a t in ­ d o G e r u s a le m m e c h ie d e : « P e r c h é tu tto q u e s to si
c o n tra i m e s s a g g e ri» ; K T U 1 , 1 7 , v i,4 3 : « Io ti in ­ è a b b a ttu to su d i m e» , o ttie n e la s e g u e n te r is p o ­
c o n tr o s u lla s tra d a d e l p e c c a to » ; c fr. D . P a rd e e , sta: « A c a u sa d e lla tu a g ra n d e in iq u ità » (Ier. 1 3 ,
U F 7 [1975] 36 8 ), m a a n c h e , p ro b a b ilm e n te alla 2 2 ). U n a s v e n tu r a d o p p ia (setajim henna) ha c o l­
fo r m a D , ‘ p r e s e n ta r e , o f f r i r e ’ ( K T U 1 . 1 9 , v/,22. p ito G e r u s a le m m e s e c o n d o il D e u te r o is a ia (Is.
29, p a r. s‘lj; c fr .
M . D ie t r ic h - O L o retfc, U F 51 01 , 1 9 ) , v ale a d ire la d e v a s ta z io n e e la d is tr u z io ­
[ j 9 7 8 ] 69) e in sie m e c o n mlhmt ‘ g u e r r a ’ ( K T U 1 .3 . n e, la fa m e e la sp a d a , A n c h e in Lev. 1 0 , 1 9 l’id ea
1 1 1 , 1 4 s .; iv .2 2 .2 7 : « io s o n o c o n t r o la g u e rra » o p ­ d ella p u n iz io n e sta s u llo s fo n d o . A r o n n e a ffe r m a
p u r e « io o ffr o la g u e rra » ); a ltr e a tte s ta z io n i s o n o ch e, m a lg r a d o i s u o i fig li N a d a b e A b iu a b b ia n o
c o n tr o v e r s e (v. U T n r. 2 2 7 7 ) . S o n o p a ra g o n a b ili o ffe r t o il s a c r ific io , « q u e ste c o s e » (kà’èlleh) g li s o ­
an ch e l ’ a ra m . e il sir. q erà ’ ‘ in c o n tr a r e , im b a tte r ­ n o a c c a d u te - in fa tti e ssi h a n n o c o m m e s s o u n a
s i’ (ara m . e g iz ia n o ‘ a c c a d e r e ’ , A P 7 1 , 1 8 ) , l’ar. qa- c o lp a ritu a le (v. 1). U n ’ a ltra v o lta si tratta d i u n a
rà(j) ‘ r ic e v e re in m a n ie ra o s p ita le , in tra tte n e re ’, c o lp a ('àwón): S a u l g iu r a a lla n e c ro m a n te di E n
l’ et. ’aqàraja ‘ p o r ta r e ’ . U n a a tte s ta z io n e p u n ic a D o r : « N o n ti to c c h e rà n e ssu n a p u n iz io n e p e r
( D I S O 26 4) è in c e rta ( K B L 3 1 0 6 1 ) , c o m e p u r e il q u e sta fa c c e n d a » (/ Sam. 2 8 ,10 ) .
su d a ra b . qrw c a u sa tiv o ‘ d e d ic a r e ’ ( B ie lla 46 6 ). - U n a g u e rra p u ò s c o p p ia r e (o c o lp ir e q u a lc u n o )
C o n la fo r m a s e c o n d a r ia q r ’ s i c o lle g a la fo r m a f i s ­ (Ex. 1 , 1 0 , d o v e si le g g a tiqrà'énù in v e c e di tiq-
satasi in s e n s o p r e p o s iz io n a le liqra’at ‘v e r s o , c o n ­ re'na).
tr o ’ (c fr. Iqrt n e ll’ is c r iz io n e d i S ilo e , K A I 18 9 ,4 ). S e c o n d o Iob 4 , 1 4 p a u r a (pahad) e tre m o re (re-
2. O c c a s io n a lm e n te si tr o v a n o l’ u n a a c c a n to a l­ ‘àdà) « in c o n tra n o » n e lla n o tte E lif a z e q u e sti s p e ­
qàrà e qàrà’ (Gen. 4 2 ,4 .3 8
l’ a ltra a tte s ta z io n i di rim e n ta u n a s o r ta d i r iv e la z io n e s u l d e s tin o d e l­
q r' e Gen. 4 4 ,2 9 qrh; Dan. 1 0 , 1 4 K qrh, Q q r'). l’ u o m o . In Num. 1 1 , 2 3 J h w h d ic e a M o s è : o ra v e ­
E n u m e r a n d o le in m a n ie ra p u ra m e n te m e c c a n i­ d ra i « se la m ia p a ro la ti in c o n tre rà o n o (cio è se
ca, s i tr o v a n o 1 3 a tte s ta z io n i di qàrà qal, 1 2 di g iu n g e rà a c o m p im e n to p e r te)».
qàrà’ qal (in Ios. 1 1 , 2 0 liqra’t v a c o n sid e ra to u n a D e l tu tto o s c u r o re sta Prov. 2 7 ,1 6 : sèmen j cmi­
p r e p o s iz io n e ; la fo r m a in ler. 4 ,2 0 è v e r o s im il­ no jiqrà « o lio in c o n tre rà la su a d e s tra » . F o r s e il v.
m en te qàrà’ 1), 6 p e r qàrà nif. e 5 p e r qàrà’ nif. 1 6 c o n tin u a il v . 1 5 : c o m e n o n si p u ò a ffe r ra r e il
A l hif. ci s o n o 3 a tte s ta z io n i p e r qàrà e 1 p e r qà­ v e n to e c o m e u n o g g e tto u n to c o n l’ o lio sfu g g e
rà’.La. fo r m a pi. c o n 5 a tte s ta z io n i è d e n o m in a le d a d a lla p r e s a d elle m a n i, c o s ì è im p o s s ib ile a rg in a re
qòrà ‘ tr a v e ’ e s ig n ific a ‘ c o s tr u ir e c o n d e lle tr a v i’. Is. 4 1 , 2
o s fu g g ir e u n a m o g lie p e tu la n te . S e c o n d o
D a qàrà d e r iv a n o miqreh ‘ e v e n to , r is u lta to ’ c o n sedeq in c o n tra C i r o , c io è e g li v in c e rà .
9 a tte s ta z io n i, q erì ‘ s c o n t r o ’ ( 7 v o lte in Lev. 2 6 ) e S o lta n to u n a v o lta , u n ito a miqreh, qàrà qal in ­
qàreh in qareh lajla « e v e n to n o ttu rn o » , c io è u n a d ic a la c a su a lità d e ll’ e v e n to (Ruth 2 ,3 ): il c a m p o
e m is sio n e d i sem e. d o v e R u t s ta v a s p ig o la n d o a p p a rte n e v a c a su a l­
U n a c e rta c o n c e n tr a z io n e d e lle a tte s ta z io n i si m en te a B o a z (wajjiqer miqrehà, lett. « la su a s o r ­
p u ò o s s e r v a r e n e lla s to ria d i G iu s e p p e , c o m e p u ­ te in c o n tr ò il c a m p o » ). I n q u e s to c a so miqreh è
re in Q o h c le t , d o v e qàrà e s o p r a ttu t to miqreh d i­ « ciò c h e ac ca d e se n z a v o lo n tà o c o o p e r a z io n e d e l­
v e n ta n o te rm in i te cn ici. la p e r s o n a c o in v o lta » ( G . G e r le m a n , B IC x v i n 2 5).
Il n a rra to re sa tu tta v ia ch e d ie tro q u e s t’ a v v e n i­
1 1 . 1 . I l v e r b o s ig n ific a s p e s s o s o lta n to ‘ a c c a d e ­ m e n to c a su a le c ’è la d iv in a p r o v v id e n z a .
re, c a p ita r e ’ . G ia c o b b e tem e (Gen. 4 2 ,4 .3 8 ; r if e r i­ 2 . L a c o n iu g a z io n e nif. e sp r im e u n ’ id ea a n a lo ­
3 (v ii, 174) qàrà (H . Ringgren) (v n ,i7 $ )4

ga: il giovane che porta a David la notizia della Filistei vogliono scoprire se il grande disastro (rà-
morte di Saul afferma: «Mi capitò di trovarmi 'à) che li ha colpiti proviene dal Dio d’Israele, o
(niqró’ niqrèti) sul monte Gclboe» (2 Sam. x,6). se è il frutto di un miqreh, cioè un caso. La que­
Qui però non si tratta della divina provvidenza. stione è se questa spiegazione, che l’autore pone
Affine e in questo caso la legge di Deut. 22,6: «Se sulla bocca dei Filistei, venga da lui sentita come
ti accade di trovare un nido dove stanno degli uc­ «pagana», cioè non jahvista, oppure se rifletta una
cellini o delle uova» (kijiqqaré ’... l'fànèkà «si tro­ locuzione corrente in Israele. In effetti ne emerge
va per caso davanti a te»). Anche in 2 Sam. 18,9 si che Jhwh e l’autore del disastro. A una locuzione
ha lo stesso caso. Ad Assalonne capitò di incon­ quotidiana con miqreh rimanda anchc a Ruth 2,3
trare i guerrieri di David (wajjiqqàré'... lifnè). 2 (v. sopra).
Sam. 2o,i è ancor più generico. Quando David si assenta dalla festa della luna
Sembra dunque che il caso abbia una certa fun­ nuova del re, Saul pensa che la sua assenza sia do­
zione nell’uso linguistico quotidiano. N on appe­ vuta a un miqreh. David poteva trovarsi in una
na si affaccia la riflessione teologica, dietro il caso condizione di impurità, cosa che avrebbe potuto
si trova la divina provvidenza. In Ex. 2 1,13 accadere in maniera indipendente dalla sua vo­
differenza fra omicidio volontario e involontario lontà (/ Sam. 20,26).
e espressa affermando che nel secondo caso «ciò In Qohelet miqreh ricorre come termine tecni­
era accaduto per volere di Dio». Qui è impiegato co per indicare la sorte o il destino. Una stessa
il raro verbo 'irinà, che al pu. significa «accadere» sorte tocca al saggio c allo stolto (miqreh ’ehàd
(Ps. 91,10: «Non ti accadrà alcun male [rà'à]\ jiqreh) e Qohelet conclude: «La sorte dello stolto
Prov. 12,21: «Nessun male colpirai giusti»). toccherà anchc a me» (Eccl. 2,14 s.). L ’esistenza
Di solito il nif. significa «lasciarsi incontrare», umana appare senza senso. Animali e uomini sot­
cioè farsi vedere, rivelarsi. Mosè deve dire al fa­ tostanno alla stessa sorte: tutti devono morire
raone: Jhwh ci ha incontrato, si è rivelato a noi (Eccl. 3,19, ancora miqreh). L ’argomento è ripetu­
(Ex. 3,18; cfr. 5,3). Nella storia di Baalam in Num. to in Eccl. 9,2, ampliato con l’aggiunta di varie
23 quest’espressione ricorre 4 volte. Baalam dice coppie lessicali antitetiche: saddiq e ràsà' (proba­
a Balak: «Forse Jhwh verrà a incontrarmi (jiqqà- bilmente anchc con L X X , S, Vg. il buono e il cat­
réh... liqrà’ti) (Num. 23,3). Il versetto seguente tivo), il puro e l’impuro, chi offre sacrifici e chi non
narra l’incontro di Jhwh con Baalam (wajjiqqàr li offre. L ’autore continua: «Ciò accade ai buo­
’el). La stessa sequenza si ripete nei w . i j ss., ni, così pure ai peccatori (kattòb kahóte’), a chi
anche se nel v. 15 si usa un’espressione indefinita: giura e a chi evita di giurare» e così conclude: «A
w'jiqqàreh kòh. tutti tocca la stessa sorte». Questa realtà è vista
3. Per la forma hif. è esclusa la possibilità di una come rà' «male, cosa cattiva». Non è subito chia­
casualità. In questo caso, quando qualcosa accade ro se Dio stia dietro a questo destino oppure se
a qualcuno ciò avviene per opera di Jhwh. Lo l’autore riporti semplicemente un dato osserva­
schiavo di Abramo prega così: «Fa’ che oggi in­ bile, senza sollevare la questione del suo autore.
contri (haqréh-nà')» (Gen. 24,12), ovvero chc ab­ j. qerì ricorre 7 volte in aggiunte tarde della
bia successo. sezione delle benedizioni e delle maledizioni del
Giacobbe spiega a suo padre come abbia sco­ codice di santità (H) (Lev. 26). In questo caso hà-
vato rapidamente la preda: «Jhwh me l’ha fatta in­ lak qeri/biqri 'im significa «opporsi (a Dio)» (vv.
contrare» (Gen. 27,20). Ciò che sembra semplice­ 21.23.27.40), idea glossata variamente: nel v. 21
mente una caccia fortunata, è opera di Dio. ler. da «rifiutare di obbedirmi» (là’ tò'bù lismóà' li),
32,23 afferma che Dio a causa della disobbedien­ nel v. 23 da «rifiutare la correzione» (jsr nif), nel
za del popolo «ha fatto accadere tutto questo ma­ v. 27 da «non ascoltare» e nel v. 40 da «colpa»
le (ri'à) (cfr. sopra, uso del qal con ri'a). ('àwòn) e «tradimento» (nut'al). La reazione di
Un esempio del tutto isolato è Num. 3 5 ,11, do­ Dio corrisponde al comportamento degli uomini:
ve si comanda di «scegliere» delle città di rifugio sarà loro ostile (vv. 24,28,41), un atteggiamento
(hiqrìtem làkem 'àrim). Lc città «sono un’oppor­ spiegato nel v. 24 dalla frase «colpire sette volte
tunità che risponde a una esigenza» (Holzinger, (nkh hif.)» e nel v. 28 da «punire sette volte (jsr
K H C 4, 170). pi)» (in questo caso bahàmat-qeri «con rabbia»),
4. miqreh indica «qualcosa che accade autono­ e nel v. 41 dall’espressione «condurre nella terra
mamente, senza la volontà o la cooperazionc del­ dei loro nemici». C ’è dunque un’intensificazione
la persona interessata e senza un autore visibile» nella punizione dell’ostilità.
(K B L J 594). Questo vale anche per 1 Sam. 6,9: i Inoltre qeri si trova in C D 20,29. Qu' comu­
5 (v ii,176) qerah (J. Hausmann) ( v i i, 177 ) 6

n ità ric o n o s c e ch e , a llo s te s s o m o d o dei p a d r i, c re sta re in s e p o lto a lm e n o p e r u n g io r n o in te ro .


an d ata c o n tr o i c o m a n d a m e n ti d e l p a tto (c fr. 4 Q P r o b a b ilm e n te è le g ittim o v e d e r e in q u e s to c a so
D ib H a m 3 1 - 2 v i , 6). un a s p e tto di g iu d iz io (c o s ì K e e l 2 5 5 ) , m a p e r
Gen. 3 1 , 4 0 q u e s ta n o z io n e risu lta irrile v a n te . P e r
i n . N e lla tr a d u z io n e d e i L X X d o m in a u n a Gen.
l’ a c c o s ta m e n to di fr e d d o e d i c a ld o c fr . a n ch e
g ra n d e v a rie tà . S i in c o n tr a c o n m a g g io r e fr e q u e n ­ 8 ,2 2 , d o v e qór e hóm s i tr o v a n o l ’u n o a c c a n to a l­
z a (Tuv(3a iv e iv ‘ in c o n tr a r e ’ ( 7 v o lte ), s e g u ito d a l ’ a ltro .
c o m p o sti c o n à v r à v : à 7 ta v T « v (3 v o lte ), a u v a v x à v 2. L e tre a tte sta z io n i nel lib r o d i G io b b e , ch e
(6 v o lte ), Ó K avxàv ( 1 v o lta ) e TreputiTrceiv a c c o m ­ ris p e c c h ia m a g g io r m e n te l ’ a m b ie n te d e l V ic in o
(Ruth 2 ,3 ; 2 Sam.
p a g n a to d a 7rept7iT<o(j.a ‘ c a s o ’ O r ie n t e e d e s c riv e i p r o ta g o n is ti c o m e n o n is r a e ­
i,6). P e r miqreb si tr o v a in Q o h e le t s e m p re <ruv- liti, d im o s tr a n o c h ia ra m e n te c h e n o n o s ta n te il
àvT Y jfia, c o n l’ e c c e z io n e d i 7tepi'^T(ujj.a (2 v o lte ) e c lim a g e n e ra lm e n te c a ld o il g h ia c c io n o n e ra s c o ­
di ( 1 v o lta ), hdlak q 'r i è tr a d o tto c o n n o s c iu to . Iob 6 ,1 6 , q u a n d o G io b b e la m e n ta c h e i
TrÀàvio? TOpElklV. fra te lli/a m ic i lo h a n n o tra d ito , in u n p a ra g o n e p a r ­
H. Ringgren
la dei to rre n ti in to rb id iti d a llo s c io g lim e n to del
g h ia c c io e d e lla n e v e . In Iob 3 7 ,1 0 E lih u fa a p p e l­
lo a lla g r a n d e z z a di D i o e la s o tto lin e a c o n l’ a f­
rTlp qerah
fe r m a z io n e c h e il r e s p ir o di D i o p r o d u c e g h ia c c io
1. I l V ic in o O rie n te an tico. - II. A tte sta z io n i. - in . U so . e g ela l’ a c q u a lì d o v e e ssa s i tro v a . « R e s p ir o d i
- 1 . F re d d o . — 2. G h ia c c io . - iv . I L X X . D io » è p ro b a b ilm e n te u n ’e s p r e s s io n e p o e tic a p e r
il v e n to c h e p o r ta il fr e d d o , c h e lo a s s o c ia ta c o n
B ib l.: G . D a lm a n , A u S 1, spec. 2 1 8 ss. - O . K e e l ,Jah -
■we-Visionen und Siegelkunst ( S B S 84/85, 19 7 7 , spec. D io ste s so . A n c h e n e lla r e p lic a d i D i o la fo r m a ­
254 s.). - H . G r a f R e v e n tlo w , Frost ( B H H W 1 , 503). z io n e d e l g h ia c c io è r ic o n d o t ta a D i o ste s so , s o t to
fo r m a d i d o m a n d a r e to r ic a (Iob 3 8 ,2 9 ). P r o b a b il­
I. N e l V ic in o O r ie n t e a n tic o la m e n z io n e d el
m en te, s u lla b ase d e l v e rs e tt o se g u e n te , q u i b is o ­
g h ia c c io o v v e r o d e l g e lo r is u lta alla lu c e d ei d a ti
g n a p e n s a re a n c h e alla fo r m a z io n e d e lla g ra n d in e .
c lim a tic i a ltre tta n to ra ra c h c n c ll’ A .T . S i tr o v a n o
N el Ps. 1 4 7 , 1 7 si in te n d e c h ia ra m e n te la g ra n d in e ,
a tte s ta z io n i in a ra b o ( qarisa), in a ra m a ic o g iu d a i­
p e rc h é s o lo in q u e s ta fo r m a qerah p u ò e s se re g e t­
c o e s a m a rita n o ( qw rh), in s ir ia c o (qarhà’ ) e a n ­
ta to d a D io . A n c h e in q u e s to c a s o s i p a rla d u n ­
c h e in n e o a s s ir o ( qarhu) ( c fr. K B L } 10 6 4 ).
q u e di qerah (p ar. qard) a n c o r a n e l c o n te s to d ella
qerah r ic o r r e n e ll’A .T . 7 v o lte : Gen.
II. I l n o m e lo d e a D i o c o m e c re a to re .
3 1 ,4 0 ; Ioh 3 7 ,1 0 ; Ps. 1 4 7 , 1 7 ; Ger. 3 6 ,3 0 ; Ezech. qerah n e lla v i­
C o n t r o v e r s o è il s ig n ific a t o d i
1 ,2 2 . N o n ci s o n o a tte s ta z io n i nel S ir a c id e e a Ezech. 1 , 2 2 il p r o fe ta
s io n e di E z e c h ie le . S e c o n d o
Q u m ra n . v e d e u n a v o lta p a ra g o n a ta a haqqerah hannórà'.
W. Z im m e r li ( B K x i n / 1 2, 55) r ic o r r e a lla tr a d u ­
m . i . D a l m o m e n to c h e in P a le s tin a le te m p e ­ z io n e d ei L X X , xp u axaX X o i;, e s c e g lie p e r c iò la
ra tu re s c e n d o n o ra ra m e n te s o tto lo z e r o , qerah tr a d u z io n e « c r ista llo » p e r d e s c r iv e r e lo s p le n d o r e
n o n v a in te so , nei testi ra d ic a ti in q u e lla ste ssa c h e e m a n a v a d a lla v o lta . D a l m o m e n to c h e a ltr o ­
te rra , c o l v a lo r e d i g e lo n e l s e n s o p e r n o i a b itu a ­ v e n o n ci s o n o d u b b i su l c h ia ro s ig n ific a to di qe­
le m a p iu tt o s to n e l s e n s o d i un fr e d d o se n s ib ile . rah, n o n v i s o n o ra g io n i p e r tr a d u r r e q u i « c r is ta l­
C o s ì G ia c o b b e si la m e n ta in Gen. 3 1 , 4 0 a p r o p o ­ lo » : u n o s p le n d o r e in te n so p u ò e m a n a re d a u n ’a c ­
s ito d e l s u o s e r v iz io p r e s s o L a b a n o d el fr e d d o q u a p u lita e g e la ta (c fr. K e e l 2 5 4 s.). L ’ a ttrib u to
p u n g e n te d i n o tte , in c o n tr a s to c o n la c a lu ra in ­ « te rrib ile » s i s p ie g a c o n la v ic in a n z a d i D i o c h c la
s o p p o r t a b ile (hóreb ) d u r a n te il g io r n o . S i p u ò d if­ v is io n e e s p rim e , e c h e g ià è p e rc e p ita nel c o n g e la ­
fìc ilm e n te p e n s a re , s u lla b a s e d i q u e sta c o m b in a ­ m e n to d e ll’a c q u a (c fr. Iob 3 7 ,1 0 ; 3 8 ,2 ; Ps. 1 4 7 , 1 7 ;
z io n e , a u n a te m p e ra tu ra c h e s c e n d a s o tto lo z e ­ ( p e r la p r e s e n z a d e l n u m in o s o in q u e sta r e la z io n e
ro . P iù p r o b a b ilm e n te l ’ e n d ia d i s e rv e a s o t t o li­ K e e l 2 5 5 ).
n e are c h e G ia c o b b e h a p r e s ta to il s u o s e r v iz io c o n
o g n i te m p o m e t e o r o lo g ic o e ha a c c e tta to p e r c iò iv . N e i L X X qerah è tr a d o tto 4 v o lt e c o n xpu-
m o lte p r iv a z io n i. aiaXkoc, ( Iob 6, 16 ; 3 8 ,2 9 ; Ps. 1 4 7 , 1 7 ; Ezech. 1 ,2 2 )
U n a c o m b in a z io n e a n a lo g a d i fr e d d o e d i c a l­ e 1 v o lta c o n izayós (Iob 3 7 ,1 0 ) . I n Gen. 3 1 , 4 0 i
d o si tr o v a a n ch e in ler. 3 6 ,3 0 , d o v e il c a d a v e re di L X X tr a d u c o n o qerah ballàjlà c o n - a y r iT w -cf|c;
J c h o ja q im s a r à e s p o s to al c a ld o d el g io r n o ( a n c o ­ v u x x ó ;.
J. Hausmann
ra hóreb) e al fr e d d o d e lla n o tte , c o s ì c h e d o v r à
7 (v ii, 17») qirjà (M .J. M ulder) (vii, 179) 8

15 e c c .; D I S O 2 6 7 ); c fr . a n ch e qrthdst - C a r t a g i­
m p qrh 11 -» r6i gillah ne). A n c o r a n e ll’ a r a b o o d ie r n o s i tr o v a qarja ‘ v il­
la g g io , c itta d in a ’ ( W e h r, Arab. Wb. 4 19 6 8 , 6 79 ),
c o m e g ià in s u d a r a b . qrjtn ‘ v illa g g io , in s e d ia m e n ­
r n p qirjà t o ’ (W .W . M ù lle r , Z A W 75 [ 19 6 3 ] 3 1 4 ; B ie lla 4 6 7 ).

II. 1 . U n b u o n n u m ero di to p o n im i d ell’ A .T . atte­


niJ5 qeret stan o l’elem en to qirjà ( K B L 1 10 6 6 s.; H .-P . R iig e r,
B H H W 11, 956): 1 . K ir ja t-A r b a («città dei q u attro
1. Etim ologia e significato. - IJ. Attestazioni nell’ A .T . - q u artieri» [?], G T T O T § 7 36 ; c fr. E . L ip in sk i, V T
1 . In nomi di luogo. - 2. N el resto d elF A .T . - in . Le 24 [19 7 4 ] 48 ss. [« C ittà d elle qu attro tribù»] è un
versioni antiche e Q um ran. nom e an tico p e r H eb ro n (Gen. 2 3,2 ; 3 5 ,2 7 ; Ios. 14 ,
15 ; 1 5 ,1 3 .5 4 ; 20,7; 2 1 , 1 1 ; Iud. 1 ,1 0 ; Nehem. 1,2 5 ) , ora
Bibl.: F.S. Frick , The City in Ancient Israel (S B L D iss. Gebel er-Rumède nei pressi di H e b ro n . 2. K irja t-
Ser. 36, 1977). - D . Sohlberg, The Translation of qrt in B a 'a l (Ios. 15 ,6 0 ; 18 ,1 4 ; an che so lo B a 'a la [Ios. 15 ,9
thè Sepluagint: T arb iz 40 (19 7 0 /19 7 1) 508 ss. - G . Wal- s.; 1 Chron. 13 ,6 ]; c fr. M .J. M u ld er, Ba'al in het
lis, Die Stadi in der Oberlieferung der Genesis: Z A W Oude Testament, ’s -G ra v e n h a g e 19 6 2 , 16 6) è un a l­
7 8 (19 6 6 ) 13 3 -14 8 . tro n o m e p er 3. K irja t-Je a rim (-» ja ’ar 1 1.1) , che in
-» 'ir, -» qir. Ios. 9 ,1 7 ; 15 ,9 (= B a ‘ ala).6o; 1 8 ,1 4 s.; Iu d 1 8 ,1 2 (2
volte); / Sam. 6 ,2 1 ; 7 ,1 s.; Ier. 26,20; Nehem. 7,29 ; 1
1. S e c o n d o T h . N ò ld e k e (Beitràge zur semit. Chron. 2 ,5 0 .5 2 s.; 13 ,5 s.; 2 Chron. 1,4 è detta anche
Sprachwissenschaft, 19 0 4 , 62 n. 1 ; I d ., Neue Bei­ qirutt 'àrìm (Esdr. 2 ,2 5 ) e K irja t (Ios. 18 ,2 8 ). Si tratta
tràge zur semit. Sprachwissenschaft, 1 9 1 0 , 1 3 1 ) p ro b ab ilm en te di una città legata in o rigin e a B e n ia ­
qirjà e qeret, d u e p a ro le c h e in d ic a n o in e b r a ic o m ino e più tardi a G iu d a , circa 14 km a n o rd -o v est
la «città» e a n c o r p iù s p e s s o r ic o r r o n o c o m e e le ­ di G eru salem m e, p resu m ib ilm en te l’o d iern a Deir-
m e n to di to p o n im i, s o n o s tre tta m e n te c o lle g a te el-Azhar ( G T T O T §§ 3 14 . 3 3 9 F / i 1 0 1 6 ; v. in o ltre
c o n qir (-> qjr) p o ic h é d e r iv a n o d a u n a fo rm a K B L 1 106 6 ). 4. K ir ja t- H u z o t («città dei v ic o li» ) è
iden tificata in Num. 2 2 ,2 9 so ltan to co n una città
b ase b ira d ic a le qar (c fr. a n ch e B L A § 5 i b ’; K B L *
m oabita di ignota u b icazio n e ( G T T O T §§ 447 s.;
10 6 5 ; F r i c k 4 2 ) .} . B l a u ( U F n [ 1 9 7 9 ] 5 7 s.) ha s o t ­
A .H . van Z y l , P O S 3 [19 6 0 ] 83. 85; K B L 1 1066).
to lin e a to il p a s s a g g io a u n a ra d ic e b ic o n s o n a n tic a 5. K irjat-S an n a è iden tificata in Ios. 15 ,4 9 co n D e ­
d i terz a jo d p e r l ’ u g. qrjt (qaritu ; K T U 1 ,3 11,2 8 ; bir, ma il testo è assai in certo (cfr. L X X : tiÓXic; yP3 !*-
rv,9 ), s e b b e n e a c c a n to a ll’ u g. qrjt si tr o v i a n ch e (j-octcuv e anche S, ch c - ap parentem en te sulla base di
qrt ( c fr. K T U 1 , 3 , 11,6 s. o ltr e a K T U 1 , 3 , 1 1 , 2 0 e 1 5 , 1 5 s.? - rim an d an o a K irja t-S e fe r; in o ltre G T T O T
a n c h e K T U 2 , 7 2 , 1 6 .1 9 ; J . B la u - S . L o e w e n s t a m m , § 3 1 9 A 5; K B L 1 10 6 6 ), sebbene M . N o th ( A B L A K
U F 2 [1 9 7 0 ] 2 7 ; J . C . d e M o o r - K . S p r o n k , U F 14 1 ,2 0 5 s.) cerchi di d ifen d ere la correttezza della lettu ­
ra K iriat-S an n ah . L a città va situata nella parte m eri­
[1 9 8 2 ] 1 6 3 ; s e c o n d o M . D a h o o d , B ib l. 52 [ 1 9 7 1 ]
d io n ale di G iu d a . 6. K irja t-S e fe r («città del lib ro » ) è
3 5 0 , tu tta v ia , si tratta d i d u e fo r m e a lte rn a tiv e ,
m en zion ata in Ios. 1 5 , 1 5 s. e nel p a sso p a rallelo Iud.
c o m e in c b r. qirjià e qeret). A lt r i ( c o m e B D B 90 0;
1 , 1 1 ss. e iden tificata con D e b ir. È in certo se D e b ir
c fr . a n ch e B . M a r g a lit, U F 1 6 [ 1 9 8 4 ] 1 5 ^ s u p p o n ­ d ebba essere iden tificata co l teli beit mirsim, ed-da-
g o n o c h e qirjà d e r iv i d a lla ra d ic e qrh ‘ in c o n tra re , harije, /pirbet tarràme o p p u re frirbet er-rabùd (tutte
a c c a d e r e ’ ( c fr. I. E ita n , J Q R 1 j [ 1 9 2 4 / 5 ] 4 2 1 : « a s ­ lo calità a su d -o vest di H e b ro n ) (cfr. fra gli altri N o th ,
se m b le a [p o p o la r e ]» ), se b b e n e q u e s ta s p ie g a z io n e A B L A K 1 , 204 -209 ; G T T O T § 5 14 ; K B L 1 204.
sia c o n te sta ta ( c fr. C . R a b in , O r N . S . 3 2 [ 1 9 6 3 ] 10 6 6 s.). O ltre a q u esti to p o n im i co m p o sti co n qir-
1 2 5 s ., il q u a le v e d e u n le g a m e c o n l ’ ittita gurta e jat vi so n o an che dei n om i in cui si tro va (haq)qtrij-
il s a n s c rito krta c h e h a n n o lo s te s s o s ig n ific a to ) .
jòt (Ier. 48,24; Am. 2,2 [cfr. K A I 1 8 1 , 1 3 ] ; seco n d o
van Z y l , P O S 3 [i9 6 0 ] 83 si tratta d i d u e d iverse
Il n o m e qirjà r ic o r r e a ssai s p e s so in a r a m a ic o , ad
città m o ab ite; cfr. tu ttavia K B L 1 10 6 7 e G . Sauer,
e s e m p io n e ll’ is c r iz io n e d i S e fir e ( K A I 2 2 2 A 3 3
B H H W 11 934): K e r ijo t-H e z r o n (Ios. 15 ,2 5 ; in G iu ­
[? ]; B 3 6 e 2 2 4 , 1 2 ) , n e lle is c r iz io n i a r a m a ic h e e g i­ da); K irjata jim (apparen tem ente [ G K a § 8c] d u ale di
z ia n e (ad e s. A P 5,9 ; 1 3 , 1 0 e c c.) e n e lle is c r iz io n i qirjà), un n o m e co m u n e p er alcu ne città: a) in M o a b :
p a lm ire n e ( J. S t a r c k y , M U S J 38 [ 1 9 6 2 ] 1 3 3 , 1. 6; Ier. 4 8 ,1.2 3 ; Ezech. 25,9 Q ; b) in R u b en : Gen. 14 ,5 ;
D I S O 26 6; A T T M 6 86 ). In s ir ia c o si tr o v a il n o ­ Num. 3 2 ,2 7 ; los. 1 3 ,1 9 ; in K A I 1 8 1 , 1 0 scritto qrjtn;
m e e q u iv a le n te q 'rìtà ’ m a c o n il p lu r a le « fra tto » c) in N e fta li: 1 Chron. 6 ,6 1 (chiam ata an che qartàn:
qùrja ’ (B r o c k e lm a n n , Lex. Syr. 6 95 s .; c fr . in p r o ­ Ios. 2 1 ,3 2 ; K B L 1 10 6 7 ) e K a rta (città in Z à b u lo n : Ios.
2 1 ,3 4 ; G T T O T § 3 3 7 nr. 38 ; K B L 1 10 7 2 ).
p o s ito su Esdr. 4 , 1 0 B L A § 9 0 g ; J . N a v e h , W O 6
[ 1 9 7 0 / 7 1 ] 4 5 ). I n o ltr e qrt r ic o r r e in fe n ic io e p u ­ 2. qirjà si t r o ­
O lt r e c h e nei to p o n im i, la p a ro la
n ic o (ad es. in K a r a t e p e , K A I 2 6 A 11 9 . 1 7 ; 1 1 1 5 .7 . v a 3 0 v o lte n e ll’ A .T . e b r a ic o (Num. 2 1 ,2 8 ; Deut.
9 (v ii , i 8o) qirjà (M .J. M ulder) (vii, 1 80) 10

2 ,3 6 ; 3,4 ; 1 Reg. 1 , 4 1 . 4 5 ; Is. 1 , 2 1 . 2 6 ; 2 2 ,2 ; 2 4 ,1 0 ; ta u n m u c c h io di p ie tr e » , c o s ì c h e « le c ittà d i n a ­


2 5 ,2 .3 ; 2 6 ,5 ; 2 9 ,1 ; 3 2 , 1 3 ; 3 3 ,2 0 ; Ier. 4 8 ,4 1; 4 9 ,2 5 ; z io n i p o te n ti» te m e ra n n o ; c fr . a n c h e J . A . E m e r -
Hos. 6 ,8 ; Mich, 4 ,1 0 ; Abac. 2 , 8 . 1 2 . 1 7 ; Ps. 4 8 ,3 ; lob to n , Z A W 89 [ 1 9 7 7 ] 6 4 - 7 3 ) ; 26 ,5 (« c ittà e le v a ta » ).
3 9 ,7 ; Prov. 1 0 , 1 5 ; n . i o ; 1 8 , 1 1 . 1 9 ; 2 9 ,8 ; Lam. 2 , Lam. 2 , 1 1 si r ife ris c e tu tta v ia a n c o r a a G e r u s a le m ­
1 1 ; Ecclus 3 3 , 1 8 [= 3 6 ,1 2 ] ; 4 9 ,6 [= 4 9 ,8 ], m en tre m e (« b a m b in i e la tta n ti la n g u iv a n o n e lle stra d e
qeret r ic o r r e 5 v o lte {lob 2 9 ,7 ; Prov. 8 ,3 ; 9 ,3 .1 4 ; d e lla c ittà » ), c o m e a n ch e in Mich. 4 , 1 0 (la fig lia d i
1 1 , 1 1 ) . N e lla p a rte a ra m a ic a d e l lib r o d i E s d r a qir­ S io n d o v r à « u s c ire d a lla c ittà » ) e in Ecclus 3 3 , 1 8
jà ric o rr e 9 v o lte ( 4 , 1 0 . 1 2 . 1 3 . 1 5 [3 v o l t c ] . i 6 , 1 9 . 2 1 ) ( = 3 6 , 1 2 ) e 49 ,6 (8).
q u a s i s e m p r e c o m e d e s ig n a z io n e d i G e r u s a le m ­ N e i P ro verb i qirjà e qeret s o n o a d o tta ti in s e n ­
m e (so lta n to in 4 , 1 0 si tratta d i c ittà in S a m aria ). s o g e n e ric o p e r d i « città» o « citta d e lla » e s o n o in ­
qirjà r ic o r r e s o p ra ttu tto n e l lin g u a g g io p o e tic o te rc a m b ia b ili. L a S a p ie n z a p e r s o n ific a ta g r id a a
(e fo r s e d ia le tta le [? ]) e v a c o n s id e r a t o c o m e s in o ­ v o c e alta « p r e s s o le p o r te , d o v e c o m in c ia la città»
n im o d i -» 'ir, a m e n o c h e n o n s i p e n si a u n in s e ­ (Prov. 8 ,3 ) e p e r m e z z o d e lle s u e a n c e lle c o n v o ­
d ia m e n to fo r tific a to c in to d i m u ra , u n a « c itta d e l­ c a le p e r s o n e « d a ll’a lto d e lla c itta d e lla » (9 ,3 ). L a
la». M a q u e s to v a le a n ch e p e r 'ir. T a lv o lt a a lle v e r ­ « S to lte z z a » se ne sta p e r ò se d u ta su u n s e g g io p r e s ­
sio n i a n tic h e n o n è r is u lta to c h ia ro s e qirjà fo s s e s o la c itta d e lla ( 9 ,14 ) .
i] n o m e d i u n a c ittà (ad es. Ier. 4 8 ,4 1 L X X : A x - Q u e s te p a ro le s i t r o v a n o a n c h e in a ltri p r o v e r ­
xap i< u $ e V g . Carioth). I n Num. 2 1 ,2 8 u n fu o c o bi: p e r il r ic c o il s u o p a tr im o n io è « c o m e u n a f o r ­
c h e e sce d a H e s b o n è in p a r a lle lo c o n u n a fia m m a tez z a » ( 1 0 , 1 5 ; 1 8 , 1 1 ) . « L a città» si ra lle g ra q u a n ­
p r o v e n ie n te d a lla c ittà d i S ih o n , il re d e g li A m o r ­ d o ai g iu s ti v a b en e, p e rc h é «la c ittà » e esaltata
rei. In o ltr e qirjà è u sa to a n c h e p e r in d ic a re le c it ­ d a lla b e n e d iz io n e d e ll’o n e s to ( n , i o s.). In o ltr e ,
tà tr a n sg io r d a n e (Deut. 2 ,3 6 ; 3 ,4 ; Ier. 4 8 ,4 1) , e in u n fr a te llo « o ffe s o » è « p iù in e s p u g n a b ile » d i u n a
q u e s to c a s o si tratta p r o b a b ilm e n te d i c ittà f o r t i­ « città fo r tific a ta » ( 1 8 ,1 9 ) e l ’ o d io « c o n se g n a u n a
fic a te c o n alte m u ra ( sgb, Is. 2 6 ,5 ; c fr . Ier. 4 8 ,4 1; c ittà a lla riv o lta » (2 9 ,8 ). lob 3 9 ,7 d ic e c h e l’ o n a ­
v. a n c h e P . L o h m a n n , Z A W 3 7 [ 1 9 1 7 / 1 8 ] 1 3 ) . A l ­ g r o d e r id e il tu m u lto « d e lla c ittà » . I n 2 9 ,7 G i o b ­
qirjà: G a la a d ,
c u n e c ittà s o n o s p e s s o c h ia m a te b e d e s c riv e la su a e n tra ta « n e lla città» a ttr a v e rs o
«u n a c ittà p ie n a d i m a lfa tto ri» (Hos. 6 ,8 ; v . p e r ò la p o r ta .
H . H . H ir s c h b e r g , V T n [ 1 9 6 1 ] 3 8 3 : « lu o g o di
riu n io n e » in v e c e d i « c ittà » ; H . Y . P r ie b a ts c h , U F il i. Q u a s i s e n z a e c c e z io n i (c o m e in Is. 1,2 6 : (xr,-
9 [ 1 9 7 7 ] 2 5 2 n. 1 2 : « a sse m b le a » ), D a m a s c o , «città XpójioXt?) nei L X X 7io)a<; è la tr a d u z io n e d i qirjà,
d ella g io ia » (ler. 4 9 ,2 5 ); u n a c ittà n o n m e g lio id e n ­ ed è a n c h e la tr a d u z io n e a b itu a le di 'ir (c fr. H .
tific a ta , p ro b a b ilm e n te d a in te n d e rs i c o m e te r m i­ S tra th m a n n , G L N T x , 1 2 9 0 s.). qeret al c o n tr a r io
ne c o lle tt iv o (Abac. 2 , 8 . 1 2 . 1 7 ) ; m a s o p ra ttu tto G e ­ è tr a d o tto nei L X X in m o d i d iv e rs i (v. S o h lb e rg ).
ru s a le m m e . In p a rtic o la r e in / Reg. 1 , 4 1 . 4 5 , u n a L a V g . p e r tr a d u r r e qirjà im p ie g a s o p r a ttu t to ci-
d e lle p o c h e a tte s ta z io n i in p r o s a d i qirjà in e b r a i­ vitas, m e n tre s o lta n to nei v e rs e tti d i N u m e r i e
c o b ib lic o , la p a ro la in d ic a s o p ra ttu tto il p o p o lo D e u te r o n o m io c o m p a r e la tr a d u z io n e oppidum. S
d i G e r u s a le m m e e n tr o le m u r a ( c fr. M .J. M u ld e r , o sc illa fr a karkà’, q'rità’ e meditta'. N e l T a r g u m
Koningen, C O T , 19 8 7 , 7 3 ). M a a n ch e n e lle p a rti s i tr o v a s o p ra ttu tto qartà’, p iù ra ra m e n te kàrkà'
p r o fe tic h e in p o e s ia , s o p r a ttu t to nel lib r o d i Isa ia , o qirjà'.
G e r u s a le m m e è c h ia m a ta s p e s s o o ltr e c h e 'ir a n ­ D a i Q p H a b 1 2 ,7 si e v in c e c h e la p a ro la qirjà
ch e qirjà, s e n z a c h e c o n c iò in q u e s ti c a si s i d e b b a in Abac. 1 , 1 7 v e n iv a in te rp re ta ta d a lla c o m u n ità
p e n sa re a lla c ittà c h e si t r o v a d e n tro le m u ra. L a di Q u m ra n in rife rim e n to a G e r u s a le m m e (c o sì
p a ro la si r ife ris c e s o p r a ttu t to a g li ab ita n ti d ella a n ch e n e l T a r g u m ), d o v e « il s a c e rd o te e m p io »
c ittà in g e n e ra le : la « città fe d e le » è d iv e n ta ta u n a c o m p ie le su e a z io n i o r r ib ili.
p r o stitu ta , m a to r n e r à a e s s e r e d i n u o v o u n a c ittà In u n a d e s c r iz io n e d e lla « n u o v a G e r u s a le m m e »
d i g iu s tiz ia (Is. 1 , 2 1 .2 6 ) ; è « u n a c ittà g io io s a » (Is. ( 5 Q 1 5 ) si p a rla d e lla s tra d a c e n tra le ( msj” ,
car­
2 2 ,2 ; 3 2 , 1 3 ) . I l s u o n o m e è c o m u n q u e S io n , «la do), c h c c o r r e nel m e z z o d e lla c ittà (qrjt'). T u tte
c ittà d e lle n o s tr e s o le n n ità » (Is. 3 3 ,2 0 ), o p p u r e le s tr a d e d e lla c ittà s o n o la stric a te d i p ie tr a b ia n c a
«la c ittà d e l g r a n d e re» (Ps. 4 8 ,3 ); « A r ie l, la c ittà
^ ^ M.J. Mulder
c h e D a v id ha a s s e d ia to » (Is. 2 9 ,1 ) .
L a p a ro la si tr o v a a n c h e n e lla c o s id d e tta a p o ­
c a lisse di Isa ia (-» v i 6 8 2 s .) , s e n z a c h e si rife ris c a
a G e r u s a le m m e , m a alla « c ittà m o n d o » : Is. 2 4 ,1 0
(« c ittà d e l c a o s » ); 2 5 ,2 .3 ( « la c ittà fo r te è d iv e n ta ­
i i (v ii , i 8 i ) qeren (B. Kedar-K opfstein) (v ii , 182) 12

ng qeren
c o n il s ig n ific a t o o r ig in a r io d i ‘ c o r n o d i a n im a le ’ ,
d a l q u a le d e r iv a n o in s e g u ito v a ri s ig n ific a ti tra ­
slati. I v o c a b o li la tin i e g r e c i in d ic a n o c o s ì a n ch e
gli o g g e tti fa tti d i c o r n o (stru m e n ti a fia t o e c o r ­
11? q*ran
n o p e r b e re ) e c o s e a fo r m a d i c o r n o (la v etta d i
1 .1. Estensione della parola; lingue semitiche. - 2. C ourn­ a m o n ta g n a , l ’ala d i u n e s e rc ito ec c.); la p a ro la
no; uso; concezioni m itiche e magiche. - 11.1. Attesta­ la tin a d e s c r iv e a n c h e la fo r z a fis ic a e il c o r a g g io .
zioni: A .T ., Q um ran. — 2. Traduzioni. - m . i . C o rn a di N e ll e lin g u e s e m itic h e si r it r o v a d o v u n q u e il s i­
animale. - 2. U so traslato. - iv. A m bito religioso. - g n ific a to c o r n o d i a n im a le , al q u a le s i r ic o lle g a n o
1 . C u lto. - 2. C o rn i d e ll’ altare. - 3. Sim bolo di forza: n e lle v a rie lin g u e u si m e to n im ic i e m e ta fo ric i
uom ini, divinità. - 4. Q um ran. ( K B L J 1 0 6 7 s.).
N e lle lin g u e s e m itic h e in c o n tr ia m o le s e g u e n ti
B ibl.: Y . A haroni, The Homed Aitar of Beer-sheba: B A
37 (19 74) 2 -6 .- E . B ru nn er-T raut - E . H ickm ann, Horn a tte s ta z io n i: acc. qam u ( A H w 90 4, C A D Q 1 3 4 ­
(Lex. Àg. in 9 - 11) . - E .D . van Buren, Concermng thè 14 0 ; a n c h e p e r d e s ig n a re u te n sili e c o s e c h e h a n ­
Homed Cap of thè Mesopotamian Gods: O r 12 (19 43) n o e stre m ità a fo r m a d i c o r n o [lu n a, s te lle ]; s im ­
318 -3 2 7 . - E . Cassin, La splendeur divine, Paris 1968, b o lo d e lla fo r z a ) ; u g . qrn ( U T n r. 2 2 7 9 ; R S P 1 n r.
spec. 9 -15 . - J .R . C o n rad , The Horn and thè Sword: 5 0 0 -5 0 2 ); p u n . d u a le qrnj ( K A I 6 9 ,5 ); ar. qarn (a n ­
The History of thè Bull as Symbol of Power and Fertil- c h e c o r n o c o m e s tr u m e n to m u sic a le , p ic c o , te m ­
ity, N e w Y o rk 19 5 7 . - A . C o u dert, Homs (The E n cy - p ie , r ic c io lo , r a g g io ; c fr . C M L 1 4 3 n. 3 4 ); et. qarn
clopedia o f Religion 6, 1987, 462 s.). - F. D ornseiff,
(c o r n o p e r se g n a la re , p o te r e ) ; a ra m . qeren/qam d’
Antike und Alter Orient, '19 5 9 , spec. 269 s. - A . Eber-
(a n c h e s tr u m e n to , a n g o lo , fo r z a ) ; u g u a lm e n te in
harter, Das Hom im Kult des A.T.: Z k T h 51 (19 27)
394-399. - J.A . M acC u llo ch , Homs ( E R E v i, 791-796). s ir ia c o (p ic c o , m a rg in e ), p a lm ire n o (a n g o lo ) e m e ­
- J . de Fraine, Moses’ «comuta facies» (Ex 34,29-3$)'- d io e b r a ic o ( a n g o lo , p ic c o , ra g g io , fo r z a , c a p ita le /
Bijdragen 20 (19 59) 28-37. ~ K . G allin g, Der Aitar in p a tr im o n io [o m o n im o ? ]).
den Kulturen des alten Orients, 1925, spec. 65-67. - K . 2. L e c o r n a c h e a d o r n a n o la testa d ei b o v in i, dei
Jaro s, Des Mose «strahlende Haut». Eine Notiz zu Ex m o n to n i, d e g li a rie ti, d e lle g a z z e lle e di a ltri a n i­
34.29.30.3s: Z A W 88 (19 76) 275-280. - A . Jirk u , Die m ali e s e r v o n o d a v e re e p r o p r ie a rm i, s u s c ita n o
Gesichtsmaske des Mose-. Z D P V 67 (1944/45) 43-45. - d a s e m p r e n e gli u o m in i u n s e n tim e n to a m b iv a ­
G . Jo b es, Hom (D ictio n ary o f M yth o lo g y Fo lk lore
le n te d i m e ra v ig lia e d i p a u r a ; le c o rn a d e g li a n i­
and Sym bols 1, N e w Y o r k 19 6 1, 782 s.). - O . K eel, Die
m a li r a c c h iu d o n o in sé la b e lle z z a c o n c e n tra ta d e l­
Welt der altorientalischen Bildsymbolik und das A.T.,
’ i 9 7 7 .- I d ., Wirkmàchtige Siegeszeichen im A.T. (O B O l ’a n im a le e la fo r z a . D a l l’ età d e lla p ie tra l’ u o m o
5, 1974, spec. 12 5 -14 6 ). - H .M . K um m el - W . Stauder, a d o p e ra il c o r n o d e ll’ a n im a le c o m e a r m a e ne r i­
Horn ( R L A iv, 46 9 -471). - G . L o u d , The Megiddo Iv- c a v a u te n sili e r e c ip ie n ti. C o m e a r a tr o , s q u a r c ia il
ories, Chicago 1939 , spec. 10. - P .D . M iller, Animai c o r p o d e lla m a d re terra ; la su a fo r m a s u g g e ris c e
Names as Designations in Ugaritic and Hebrew: U F 2 a s s o c ia z io n i fa llic h e . D i c o n s e g u e n z a g ià d ai te m ­
(19 70) 17 7 -18 6 . - S. N id itch , The Symbolic Vision in p i p iù re m o ti il c o r n o d iv e n n e u n s e g n o d i r is p e t­
Biblical Tradition (H S M 30, 1983, 12 2 -12 4 ). ~ P A. to e d i p o te r e , d i fe r tilità e di a b b o n d a n z a . P e r
Porter, Metaphors and Monsters: A Literary-Critical
m e z z o d i m a n ip o la z io n i m a g ic h e , p r o b a b ilm e n te
Study of Daniel 7 and 8 ( C B , O T Serics 20, 1983, spec.
64-69). - A . R o ss, Homs (M an M yth and M agic 5 [ed. in r e la z io n e al c u lto d i u n a n im a le to tem o di u n a
R. Cavendish et al.], 1 3 4 3 -13 5 2 ). - J.M . Sasson, Bovine d iv in ità te r io m o r fa , l’u o m o sp e ra v a d i u sa re a p r o ­
Symbolism in thè Exodus Narrative: V T 18 (1968) 380­ p r io v a n ta g g io la fo r z a in sita nel c o r n o . P iù ta rd i,
387. - I. Scheftelow itz, Das Hòmermotiv in den Reli­ l ’u m a n ità d o t ò di c o r n a le d iv in ità , c o m e s e g n o
gionen (A R W 15 , 1 9 1 2 , 450 ss.). - F .J. Stendebach, Al- d e lla lo r o m a e stà , u n s im b o lis m o ch e fu p o i a d o t­
tarformen im kanaanaisch-israelitischen Raum: B Z 20 ta to d a i s o v r a n i e d ai c a p i in se d ia ti d a lle d iv in ità .
(19 76) 18 0 -19 6 . - M .L . Siiring , Hom-Motif in thè Heb­ P e n s ò a n c h e d i tr o v a re c o r n a ai p o te n ti c o r p i c e ­
rew Bible and Related Ancient Near Eastem Literature lesti d a to ri di fe rtilità : i ra g g i d e l s o le , la fa lc e lu ­
and Iconografy (A n d rew s U n iversity Sem inary, D oc-
n a re. A r ip r o v a d e l r u o lo im p o r ta n te d e lle c o rn a
toral Dissertation Series 4, Berrien Springs 1980). - G .
a n im a li n e lle c o n c e z io n i e n e i riti s ta n n o im m a g i­
W allis, Hom (B H H W 1 1 , 749).
ni e m a sc h e re , m iti e fa v o le , a z io n i c u ltu a li e tra ­
1.1. L a p a ro la a p p a r tie n e c h ia ra m e n te a u n o s ta ­ d iz io n i p o p o la r i atte sta te dai tem p i p iù a n tich i f i ­
d io c u ltu ra le e c c e z io n a lm e n te a n tic o , d a l m o m e n ­ n o a o g g i n e lle p iù d iv e rs e c u ltu re . D a l l’ e p o c a p r e ­
to c h e r ic o r r e n o n s o lta n to in tu tte le lin g u e s e ­ is t o r ic a p r o v e n g o n o l’ im m a g in e di u n a d e a d ella
m itic h e m a a n ch e in q u e lle in d o e u r o p e e (ra d ic e fe r tilità c h e tien e in m a n o u n c o r n o d i b u fa lo e
*ker[e'\, g o tic o haurn, g r e c o xép ai;, la tin o cornu) d ip in ti ru p e str i c h e ra p p re s e n ta n o m ag h i d a n z a n ­
i j ( v i i , 183 ) qeren (B. Kedar-K opfstein) ( v i i , 184 ) 14

ti c o n o rn a m e n ti d o ta ti d i c o r n a su l c a p o . D ip in ti p o r ta n o c o r n a o c o p r ic a p i c o r n u ti. Il n o m e d ella
e rilie v i te m p la ri in In d ia e n e lle iso le F ig i, s ta ­ d iv in ità p u n ic a B a lc a r n e n s is ( B a 'a l Q a rn a im )
tu e tte d e g li in d ian i d ’ A m e r ic a e im m a g in i d i d iv i­ « sig n o r e d e lle c o r n a » c o m p a r e su i m o n u m e n ti
nità c e ltic h e m a sc h ili e fe m m in ili, i s a tiri g re c i e ( K A I 11 7 7 ). A n a lo g a m e n t e i re c a n a n e i in d o s s a n o
s im b o li c u ltu a li nei p a la z z i m in o ic i, d a n z e di c a ­ c o p ric a p i, e lm i e c o r o n e c o n c o r n a ( L o u d , tav.
p re e c o m b a ttim e n ti d i to ri, im m a g in i d i d e m o n i 2 2 , n r. 1 2 5 ) .
e d ia v o li - tu tto c iò te s tim o n ia d e ll’ im p o r ta n z a del
c o r n o o d e lle c o rn a . C o s ì p u r e nel V ic in o O r i e n ­ H .i. N e lla p a rte e b ra ic a d e ll’A .T . la p a ro la r i­
te. In E g it t o le c o r n a e r a n o s e g n o d e lla p o te n z a c o r r e 7 6 v o lte c o m e n o m e (fe m .) (28 v o lte al
m a e sto sa : d iv in ità m a s c h ili e fe m m in ili (tra i q u ali sin g .; 1 6 v o lte al d u a le qarnajim/qerdnajim, st. cs.
O s ir id e , « s ig n o r e d e lle c o r n a » ) , R a , H o r o , A m o n , qam è; 3 2 v o lte al p i. q'rànót e al p i. st. c s. qar-
Is id e , H a th o r ) e r a n o s p e s s o r a ffig u r a ti c o n c o r n a , nót), m e n tre c o m p a r e 14 v o lte in q u e lla aram a ic a.
c io è c o n c o r n a d i a rie te e d i v a c c a o c o p ric a p i c o r ­
L a fo rm a p lu rale e im piegata co n p o ch e eccezio n i
n u ti, m e n tre il re c o m e g u e r r ie r o v it to r io s o e r a p ­
(Ezecb. 2 7 ,1 5 ; Ps. 7 5 , 1 1 ; Zacb. 2 ,1- 4 ) Pe r ind icare i
p re s e n ta to c o m e u n a n im a le c h e c o n le s u e c o r n a corn i d e ll’altare. A q u este attestazio n i si p o sso n o
a ffila te a b b a tte le m u ra d i u n a c itta d e lla n e m ic a aggiu n gere an co ra alcuni N P e to p o n im i: una delle
( A N E P 9 3 fig . 2 9 7 ). L a fa lc e lu n a re , a c c o s ta ta n e l­ figlie di G io b b e si chiam a qeren happùk « co rn o di
la su a fo r m a fig u ra tiv a alle c o r n a b o v in e , e ra c o n ­ stib io » (Iob 4 2 ,14 ) e ciò attcsta l’ u so del c o rn o di an i­
s id e ra ta u n s im b o lo d i c re s c ita . I n s e n s o m e ta fo ­ m ale com e co n ten itore. Gen. 14,5 m en zion a la lo ca­
ric o la p a ro la v a le p e r u n a m in a c c ia : si c e rc a a iu to lità 'asteròt qarnajim', l’ultim a p a ro la non va affatto
intesa in sen so g e o m o rfic o (co m e ad es. «due c o lli­
q u a n d o « le c o r n a d e l n e m ic o ... c r e s c o n o p o te n ti»
ne», cfr. Is. 5 ,1) , p erch e si tratta p ro b ab ilm en te di una
(Libro dei Morti 6 4 ,10 ) .
aggiu nta al nom e A sta rte, la dea d ella gu erra e della
L e p aro le egizian e 'b e bnw.l (cfr. hànit) ‘c o rn o ’ feco n d ità, «la corn u ta» (H . R in g g re n , Historia Reli-
ind icano anche le c o rn a d e lla c o ro n a, db an che un gionum [ed. C .J . B leek er - G . W id en green ] 1, L eid en
c o rn o svu o tato p er co n ten ere l’o lio , la falce lu nare e 196 9 , 207). C o m m e n ti recenti in d iv id u an o anche in
così v ia (W b À S 1 1 7 3 ; i h 10 9 s .; v 434). Am. 6 ,1 3 u n ’ allu sio n e a q u esto to p o n im o . L e rare
fo rm e verb ali (qal: Ex. 34 ,2 9 -35 [rv .3]; hif.: Ps. 6 9,32)
L a M e s o p o t a m ia c o n o s c e n e ll’e p o c a p iù a n tica so n o d en o m in ali: « p o rtare corn a».
d iv in ità c o n u n p a io d i c o r n a , p o i in e p o c a ac ca -
I testi d i Q u m r a n , a tte n e n d o si stre tta m e n te a l­
d ic a si a ffe rm a la c o r o n a m u ltip la o rn a ta d a c o r ­
l ’ u so d c ll’ A .T ., u sa n o la p a ro la s o p ra ttu tto nel s i­
na, c o m e q u e lla in d o s s a ta d a E n lil, M a r d u k , R a m -
g n ific a to tra s la to d i ‘ p o te n z a , f o r z a ’ (v. s o t to , iv .
m an e a ltri, nàs qarnì « p o r t a to r e d i c o r n a » è un
4), m a si p a rla d i « c o r n a tr a s fo r m a te in fe rro »
a ttrib u to d e l d io N e r g a l. Il d i o d e l s o le S h a m a sh
( ì Q S b 5 ,2 6 ; c fr . / Reg. 2 2 , 1 1 ; Mich. 4 , 1 3 ) e si m e n ­
e il d io d e lla lu n a S in (bèl qam i) p o r ta n o d elle
z io n a il c o r n o c o m e m a te ria le p e r il fo d e r o d i u n a
c o rn a . L a d e a N in lil, s im ile a u n a v a c c a s e lv a tic a ,
sp a d a ( i Q M 5 ,14 ) .
fa a p e z z i il n e m ic o c o n le s u e fo r ti c o r n a ; B e l ta ­
g lia le c o r n a d i T ia m a t. I re b a b ilo n e s i e a s s iri si 2. L X X e V g . si acco n ten tan o d ella resa lessicale
a p p r o p r ia n o d e l s im b o lo d e lle c o r n a c o m e s e g n o xcpa^ e coma ‘ c o rn o di un an im ale’ che rispecchia il
d e lla p o te n z a c o n c e s s a lo r o d a g li dèi. sign ificato base, m a la trad u z io n e greca usa aaX n ty^
L e r a p p re s e n ta z io n i te r io m o r fe c h e i p o p o li s e ­
(Dan. 3 ,5 - 1 5 ) p er lo stru m en to m u sicale, <r-3Évo<; ‘ fo r ­
z a ’ (Iob 1 6 ,1 5 ) nel lam ento di G io b b e p e r il « qeren
m itici o c c id e n ta li c o lle g a r o n o a lle lo r o d iv in ità fu ­
che giace nella p o lvere» e to t104 ‘lu o g o ’ nel to p o n i­
r o n o c e rta m e n te s o g g e tte a c a m b ia m e n ti s o s ta n ­ m o relativo a una vign a (la lezio n e del co d ice A le s ­
z ia li; il m ito c a n a n e o a ttr ib u is c e s p e s s o alle d i v i ­ san d rin o , x£9aXr) [Lam. 2 ,17 ] , è inatten dibile). D e ­
nità la fo r m a d i u n a n im a le c o n le c o r n a . N e l p a n ­ gna di nota è la d iffe re n z ia z io n e nelle fo rm e verbali
tr ‘ t o r o ’ ( K T U
th e o n u g a r itic o E l p o r ta l ’e p ite to fra xépaTd èxycp civ «arm ato d i corn i» (Ps. 68 [T .M .
Kanaanàische Mytben
1,6 , i v , 1 0 e c c .; A . J i r k u , 6 9 1,32 ), d o v e si parla di un to rello , e 8o$óX,etv «sp len ­
und Epen aus Ras Schamra-Ugarit, 19 6 2 , 1 9 , 3 3 ­ dere» (Ex. 3 4 ,2 9 -3 5 ), che d esc riv e il v o lto di M o sè.
35 ec c.). B a ‘ al, il g io v a n e t o r o , in c o n tra ‘ A n a t c h e In u n ’o ccasio n e la version e latina d iv erg e dal T .M .
(qeren) e d ai L X X (xcpa«) in q u an to ric o rre a una re­
ha l’ a s p e tto di u n a v a c c a ( K T U 1 ,5 , v , 1 8 - 2 2 ; J ir k u
sa a sen so : regnum «regn o» (Ecclus 49,7).
6 1 ) ; e g li lo tta in b a tta g lia c o m e u n to r o s e lv a g g io
II T a rg u m attesta un am p io sp ettro di in terp reta­
e fa r is p le n d e re il s u o c o r n o ( Jir k u , 7 4 . 3 2 ). Je r a h , zio n i sem an tiche: zjqwqjn «raggi d i fu o co » (Abac.
il d io d e lla lu n a , si r in n o v a c o l s u o c o r n o d e s tro 3,4), nksjn «prop rietà» (Am. 6,i)),pwrqn « lib era zio ­
( Jir k u 1 2 7 ) . Il d io d i T i r o M e lq a r t , il d io s ir ia n o ne» (Ezecb. 2 9 ,2 1), mlkwt «regn o » (Ier. 4 8 ,2 5 ), twqp’
A d a d , la d e a A s ta rt e (v. s o t t o , 'ast’ rót qarnajim) « fo rza» ecc.
I J (VII, 185) qeren (B. K edar-K opfstein) (v ii ,186) 16

i n . 1 . 1 testi d e ll’A . T . m e n z io n a n o le c o r n a d i z io n e d i qeren. N e l r a c c o n t o d e lla c o n q u is ta di


c e rti an im a li in s e n s o r e a lis tic o o s im b o lic o , c o m e G e r ic o (Ios. 6) si fa rife rim e n to a l « (su o n o ) p r o ­
(Ps. 6 9, 3 2 ) e d el b u fa lo
q u e lle d e l b u e , d e l t o r o lu n g a to d e lla qeren d i u n a rie te ...» (v. 5). Q u e s to
(-> re’ém, p a ro la c h e i L X X tr a d u c o n o ta lv o lta s in ta g m a c o s ì r id o n d a n te e d iffic ile d a c o n c ilia r e
c o n (/.ovoxcptoTo? « u n ic o r n o » , ad es. Ps. 9 2 1 9 1] , c o n i w . 4 .1 6 .2 0 p o tr e b b e a llu d e re a Ex. 1 9 , 1 3 ,
1 1 ) . Q u e s t ’ u ltim o r a p p re s e n ta s p le n d o r e d e g n o a s s o c ia n d o il c r o llo c o m p le to d e lle m u ra d e lla c it­
d ’ a m m ir a z io n e (Deut. 3 3 , 1 7 ) m a a n ch e m in a cc ia tà c o n il s u o n o d i u n c o r n o m is te r io s o e s o v r a n ­
(Ps. 2 2 ,2 2 ) . L ’ a rie te , « sig n o r e d e lle c o rn a » (Dan. n a tu ra le (Ex. 1 9 , 1 3 - 1 9 ) . - P e r o rd in e d i D i o S a ­
8 ,6 .20 ), c a ric a in tu tte le d ir e z io n i; il c a p r o n e ch e m u e le rie m p ie d ’ o lio u n c o n te n ito r e r ic a v a to d a
lo tta c o n lu i gli fr a n tu m a le c o r n a (Dan. 8 ,3 -7 ). una qeren p e r u n g e re il re s c e lto d a J h w h (1 Sam.
L ’ ariete e la p e c o r a c o lp is c o n o le b e stie p iù d e b o ­ 1 6 .1 .1 3 ) .
li d el g r e g g e c o n le lo r o c o r n a (Ezech. 3 4 , 1 7 - 2 1 ) . 2. A i q u a t tr o a n g o li d e lla ta v o la d e ll’ a lta re , in
U n a rie te re sta im p r ig io n a to in u n c e s p u g lio c o n b a se a lle o rd in a n z e p r e s c r itte nel C o d ic e s a c e r ­
le su e c o r n a (Gen. 2 2 ,1 3 ) . d o ta le e a l p r o g e tt o d e l n u o v o te m p io n e l lib r o di
E z e c h ie le (Ezech. 4 3 , 1 5 ) d e v o n o tr o v a rs i d e lle q e-
U n catalo go d i b en i im p o rtati d a terre lontan e che
com p ren d e qamòt sèn «co rn a d ’ a v o rio » (Ezech. 27,
rdnót c h e s o n o tu tt’ u n o c o n l ’ a ltare. I c o r n i d e l­
1 5 ) d efin isce d u n q u e «corna» le zan n e d e ll’elefante l’ a lta re d e l s a c r ific io d e v o n o e s se re r ic o p e r ti di
(cfr. P lin io , Hist. Nat. 8,3,4 § 7). b r o n z o , m e n tre q u e lli d e ll’a lta re d e ll’ in c e n so
d ’o r o (Ex. 2 7 ,2 ; 3 0 ,2 - 3 ; 3 7 ,2 5 - 2 6 ; 38 ,2 ). L a p r e ­
D a lle c o r n a d e g li a n im a li s i r ic a v a u n o s tr u m e n ­
se n z a d i s im ili c o r n i d e ll’ a ltare è p re s u p p o s ta nei
to p e r fa re s e g n a la z io n i, sófàr (acc. sapparu « c a ­ ra c c o n ti s to ric i d i e p o c a m o n a rc h ic a (1 Reg. 1 ,5 0
p r o n e s e lv a tic o » ), d e t to a n ch e qeren hajjóbèl (Ios.
s .; 2 ,2 8 ) e c o n fe r m a ta d a i r itro v a m e n ti a r c h e o lo ­
6 ,5) o s o lta n to qeren (1 Chron. 2 5 ,5 [?]; Dan. 3 ,5 ­
gici ( A O B 4 4 4 . 4 5 8 -4 6 5 ; A h a r o n i) . S u i c o r n i d e l­
1 5). C o m e re c ip ie n te il c o r n o s e r v e p e r c o n te n e re
l’ a lta re v e n iv a c o s p a r s o il sa n g u e d e g li a n im a li sa ­
c o s m e tic i (Iob 4 2 , 1 2 ) o l’ o lio p e r l’u n z io n e (1 Sam. c rific a ti d u r a n te le v a rie c e rim o n ie di c o n s a c r a ­
1 6 , 1 . 1 3 ) . S i p u ò p r e s u m e r e c h e a n c h e in q u e s to c a ­
z io n e e di e s p ia z io n e (Ex. 2 9 ,1 2 ; 3 0 ,1 2 ; Lev. 4,
s o l’ id e a d e lla p o te n z a in sita n el c o r n o fo s s e p iù
7 .1 8 - 3 4 ; 8 , 1 5 ; 9 ,9 ; 1 6 ,1 8 ; Ezech. 4 3 ,2 0 ). U n ritu a le
im p o r ta n te d e lla s u a u tilità p r a tic a in v is ta d i q u e ­
fe s tiv o (Ps. 1 1 8 ,2 7 ) p r e v e d e c h e v e n g a n o leg a ti ai
s to u so .
c o r n i d e ll’ a lta re d e g li a n im a li (o in tre c ci di fr o n ­
2. In a lc u n i c a si is o la ti qeren in d ic a o g g e tti p a ­
d e ? v . i c o m m e n ta ri).
r a g o n a b ili a lle c o r n a in b a s e a lla s o m ig lia n z a e s te ­
N o n s i p u ò d ir n u lla d i c e rto ris p e tto a ll’ o r ig i­
rio r e . L e p r o tu b e r a n z e ai q u a t tr o a n g o li d e ll’ a lta ­
ne e al s ig n ific a t o d ei c o r n i d e ll’altare. D a l l’ e le v a ­
re s o n o c h ia m a te qarnót hammizbéàh « c o rn i d e l­
to g r a d o d i san tità d e l q u a le s o n o p o r ta t o r i c o n ­
l’ a ltare» (Ex. 2 9 ,1 2 e c c .), nel c u i c a s o tu tta v ia si
se g u e c h e n o n fo s s e r o s o lta n to s e m p lic i d e c o ra ­
tratta d i d e lib e ra te r ip r o d u z io n i d e lle c o r n a di
z io n i ( F la v io G iu s e p p e , Bell. 5 ,5 ,6 ), s u p p o rti p e r
a n im a li o d iv in ità ( v . s o t to , iv .2 ) . N e lla p a ra b o la
gli o g g e tti legati al s a c r ific io ( J .B . P r itc h a r d ,
p r o fe tic a d e lla v ig n a si d ic e c h e e s sa si tr o v a «su
A N E P 3 1 9 ) o p p u r e r ip r o d u z io n i d elle c o r n a d e ­
u n a g ra s sa qeren-» (Is. 5 ,1 ) , c h e so ttin te n d e « u n a
gli an im a li s a c r ific a li. E v id e n te m e n te tr o v a c o sì
c o llin a fe rtile » (T g .: tw r rm).
e s p r e ss io n e il c a ra tte re n u m in o s o d e ll’a lta re s te s ­
L ’ ipo tesi che il term in e « co rn o » ind ichi una c o lli­ s o o v v e r o d e lla d iv in ità c h e vi era a d o ra ta . T a l ­
na dalla cim a agu zza o sp o rge n te è tu ttavia d iscu ti­ v o lta si è p e n s a to c h e i c o rn i d e ll’a lta re fo s s e r o
bile; un vig n aio lo palestin ese non avre b b e m ai scelto m a sse b e ru d im e n ta li, c o llo c a te nel c o r s o d e l te m ­
un p en d io Soleggiato. Sem b ra p iù sem plice rico rrere p o s e m p r e p iù v ic in o a ll’a lta re fin o a e s se re p o s te
al sign ificato « a n g o lo , sp ig o lo » , attestato in arab o e
ai su o i a n g o li p e r s im b o le g g ia re la p r e s e n z a d iv i­
in m edio eb raico : la v ig n a si tro va va in un an g o lo fa ­
na ( G a llin g ; H . G r e s s m a n n , Die Ausgraben in Pa­
v o re v o le (cfr. bBer. 17 3 ) . È fu o rv iarn e ric o rrere al
m edio eb raico qeren «cap itale, c a p o lu o g o » . G li ese­ lestina und das A.T., 19 0 8 , 28). In te rp re ti p iù r e ­
geti ebrei intesero il term in e «co rn o » in senso alle­ c e n ti h a n n o v is to q u i illu stra ta l’ id ea d i « fo rz a » ,
g o ric o per so tto lin e a re la p rem in en za della terra di « p r o te z io n e » in sita n ella p a r o la qeren (R . d e V a u x ,
Israele su tutte le altre terre (Q im h i). L O 11 2 5 7 s.). A i c o r n i d e ll’a lta re p o te v a a g g r a p ­
p a rs i u n fu g g ia s c o , c h c o tte n e v a c o s ì la p r o t e z io ­
r v . i . D a te m p o im m e m o r a b ile u n o s tr u m e n to a ne d e lla d iv in ità (1 Reg. 1 , 5 0 - 5 1 ) ; se i c o r n i d e l­
fia t o r ic a v a to d a l c o r n o di an im a li è s p e s s o c ita to l’ a lta re s o n o sta ti s p e z z a ti, l’ a lta re è sta to p r o fa ­
nei testi d e ll’ A .T . in r e la z io n e ad a ttiv ità m ilitari n a to e il s a n tu a rio d is tr u tto (Am. 3 ,1 4 ) . I l p r o fe ta
e c u ltu a li, se b b e n e s o l o u n a v o lta c o n la d e s ig n a ­ G e r e m ia d is c o n o s c e il v a lo re e s p ia to r io d ei c o r n i
i ; ( v i i , 18 7 ) qeren (B. K edar-Kopfstein) ( v i i , 18 8 ) 18

d e ll’ altare : il p e c c a to s c o lp it o n el c u o r e a d e risc e q u a ttr o c o r n i - c h e p ro b a b ilm e n te v e n g o n o dai


a n ch e a lo r o (Ier. 1 7 , 1 ) . q u a ttr o p u n ti c a rd in a li (v v . 3 s.). C o m e s ia n o d a
3. N e l l ’ u so fig u ra to d e lla p a ro la s i p u ò r ic o n o ­ im m a g in a re i c o rn i (sin g o li o d o p p i, a s s o c ia ti o
sc e re u n ’ e v id e n te g r a d a z io n e se m a n tic a , d a l c o r ­ m e n o a u n a n im a le e c c .) resta o s c u ro .
n o di u n a n im a le e sp r e ss a m e n te c ita to im p ie g a to I l c o r n o c o m e s im b o lo d i fo r z a e d i v it to ria r i­
c o m e im m a g in e nel q u a d r o di u n a p a ra b o la , p a s ­ c o r r e in p r im o lu o g o in re la z io n e al re d ’ Is r a e le e
s a n d o p e r l ’ im m a g in e d i u n c o r n o c h e c o z z a v is to di G iu d a : D i o g li c o n c e d e la qeren e lo esalta.
iso la ta m e n te , fin o al c o n c e t to a s tra tto d i « p o te ­ L ’ o rig in e d i q u e sta fr a s e id io m a tic a p o tr e b b e t r o ­
re ». D u e s e q u e n z e d e lla v is io n e n a rra ta n el lib r o v a rs i in riti m a g ic i- s im b o lic i c o m e q u e lli c h e d e ­
d i D a n ie le (Dan. 7 , 3 - 2 1 ; 8 , 3 - 2 2 ) d e s c r iv o n o a n i­ s c r iv e il r a c c o n to d i 1 Reg. 2 2 , 1 1 s. ( = 2 Chron. 18 ,
m ali p r o v v is t i di c o r n a , in p a rte c o n c a ra tte ris ti­ 1 0 s.): il p r o fe t a p r e p a ra c o r n a d i fe r r o p e r il re
ch e n o n c o m u n i: l’ a n im a le c o n d ie c i c o r n a , ai q u a ­ (ld v a r ife r ito a lu i) e gli a n n u n c ia in n o m e d i J h w h
li s i a g g iu n g e u n n u o v o c o r n o d o ta to di o cc h i c h e e g li c o n e sse c o lp irà il n e m ic o fin o ad a n n ie n ­
u m an i e d i u n a b o c c a c h e p a r la in m a n ie ra a r r o ­ ta rlo . - J h w h , c h e h a p r o m e s s o a D a v id e a lla su a
gan te (Dan. 7 ,7 S .2 0 s.); l ’ a r ie te c h e a b b a tte tu tti c a sa u n tr o n o e te rn o (Ps. 8 9 ,30 ; 1 3 2 , 1 1 ) , fa rà s p u n ­
gli an im a li in t o r n o a s é c o n le su e c o r n a , fin o a ta re u n c o r n o d i D a v id (v. 1 7 ) , c h e in n o m e d i
q u a n d o u n c a p r o n e d o ta to di un v is to s o c o r n o in J h w h s ’ in n a lz e r à (Ps. 1 3 2 , 1 7 ) ; p e r m e z z o d i q u e ­
m e z z o a g li o c c h i n o n g lie le s p e z z a . Q u e s to g r a n ­ sta g r a z ia il c o r n o d ’ Isr a e le si s o lle v e rà (v. 1 8 ; s u l­
d e c o r n o è a s u a v o lta s o s tit u ito d a q u a ttr o c o rn i, l’ a m b ig u ità d e lla fo r m a v e rb a le c fr . B H S ) . Il s u c ­
u n o d ei q u a li c re s c e fin o a d iv e n ta r e u n a p o te n z a c e ss o d o n a to al re d a J h w h è u n a b e n e d iz io n e p e r
b la sfe m a (Dan. 8 , 3 - 1 0 ) . Q u e s t e im m a g in i s i r ife ­ tu tto il p o p o lo . - A n c h e la p r e g h ie r a p o s ta su lla
r is c o n o alle lo tte d in a stic h e fr a i re m e d i, p e rs ia n i b o c c a d e lla m a d re c h e m a n ife sta la p r o p r ia g r a ti­
ed e lle n istic i, e i c o r n i s o n o l ’ im m a g in e c h e ne r a p ­ tu d in e (1 Sam. 2 , 1 - 1 0 ; v . 1 : « ... il m io c o r n o è
p re s e n ta l’ a r r o g a n te d e s id e r io d i p o te r e (Dan. 7, e s a lta to d a J h w h » ) la sc ia tr a s p a r ire la p r o p r ia o r i­
1 7 - 2 4 ; 8 , 1 9 - 2 2 ) , a m o tiv o d e l q u a le e ssi s a ra n n o gin e in un o r a c o lo re g a le : J h w h a n n ic h ilis c e q u e lli
p u n iti d a l trib u n a le c e le s te c o n la p e r d ita d el p o ­ c h e si o p p o n g o n o a lu i, c o n c e d e al s u o re fo r z a e
tere s te s so (Dan. 7 , 1 1 . 2 2 . 2 6 ; 8 ,2 5 ) . Il p r o fe t a E z e ­ s o lle v a il c o r n o d el s u o u n to (v. 10 ).
c h ie le r a p p re s e n ta le c la s si d o m in a n ti e p o s sid e n ti In s e g u ito a llo s v ilu p p o s to r ic o d e lle c o n c e z io ­
d i Isr a e le , s e n z a s c r u p o li e a tte n te s o lo al p r o p r io n i r e lig io s e in d o tto d a g li e v e n ti, si a ffe r m ò u n p r o ­
in te re sse , c o m e s e fo s s e r o fo r ti a rie ti e m o n to n i, c e ss o d i d e m o c r a tiz z a z io n e lin g u is tic a in v ir tù d el
o g ra s se p e c o re , c h e a llo n ta n o g li an im a li p iù d e ­ q u a le qeren fu a p p lic a to al p o p o lo n e ll’in s ie m e e
b o li e a ffa m a ti d e l g r e g g e e li c o lp is c o n o c o n le an ch e al s in g o lo in d iv id u o , p r e c is a m e n te d o v e
co rn a (Ezech. 3 4 , 1 7 - 2 1 ) . N e ll e b e n e d iz io n i d i M o ­ e ra n o v is ib ili s u c c e ss o e p o te r e . A J h w h sp e tta la
sè G iu s e p p e è b e n e d e tto c o m e u n p o s se n te to ro lo d e d ei c ie li e d e lla te rra : e g li ha in n a lz a to u n
p r im o g e n ito , c h e a b b a tte p o p o li c o n le su e c o rn a , c o r n o p e r il s u o p o p o lo (Ps. 1 4 8 ,1 4 ) , c io è g li ha
sim ili a q u e lle d i u n b u e s e lv a tic o (Deut. 3 3 ,17 ) . d a to u n p o s to im p o rta n te agli o c c h i d e l m o n d o .
L ’u o m o n e ll’ a f fliz io n e p iù p r o fo n d a v e d e nei su o i A l c o n tr a r io , u n la m e n to s u lla c a ta s tro fe d el 587
n e m ici b e stie m a lig n e (Ps. 2 2 , 1 7 - 2 2 ) e p re g a J h w h a .C . (Lam. 2) a ffe rm a c h e D i o ha a llo n ta n a to la
di e s se re lib e ra to d a lle c o r n a d ei b u fa li (v. 2 2 ) ; s u a m a n o p r o te ttr ic e d a Is r a e le e ha ta g lia to il s u o
q u a n d o i s u o i o p p o s it o r i, c h e s o n o a n ch e n e m ici c o r n o (v. 3), d u n q u e ha m e sso fin e alla su a o r g o ­
di J h w h , s o n o d is p e r s i e d is tr u tti, c o n q u e s to J h w h g lio sa in d ip e n d e n z a , m e n tre e s a lta v a il c o r n o dei
h a e sa lta to la qeren d e ll’ o ra n te c o m e q u e lla di un n e m ici c h e g io is c o n o d e lla s v e n tu r a d ’ Is r a e le (v.
b u fa lo (Ps. 9 2 , 1 0 s.), c io è g li h a r e stitu ito v ig o r e e 17 ) . Il p r o fe ta E z e c h ie le d i n u o v o a n n u n c ia la p r o ­
risp e tto . J h w h tr a s fo r m e r à il c o r n o d ella fig lia di m essa c o n s o la to ria c h e J h w h in s e g u ito a lle g u e r ­
S io n in fe r r o e i s u o i z o c c o li in b r o n z o , in m o d o re fr a le g ra n d i p o te n z e fa rà s p u n t a re u n c o r n o
tale c h e e ssa p o tr à fa r e a p e z z i i p o p o li (Mich. 4, p e r la c a sa d ’ Is r a e le (Ezech. 2 9 ,2 1 ) e g li c o n fe r ir à
1 3 ) . N o n è c h ia ro se il p r o fe t a a b b ia d a v a n ti agli n u o v o v ig o r e .
o cc h i l’ im m a g in e d i u n b u e c h e tre b b ia o di u n a U n u o m o p e r s e g u ita to d a lla s fo r t u n a m e tte il
v a c c a in s e lv a tic h ita (le fo r m e g ra m m a tic a li a l fe m ­ s u o c o r n o n e lla p o lv e r e (lob 1 6 ,1 5 ) . I m a lv a g i ch e
m in ile s o n o d o v u t e a lla c o n c o r d a n z a c o n il s o g ­ ir r id o n o la g iu s t iz ia d iv in a in n a lz a n o il lo r o c o r ­
g e tto « fig lia ...» ). I n u n a d e lle v is io n i n o ttu rn e di n o (Ps. 7 5 ,5 s.) m a D i o lo s p e z z e rà e s a lta n d o c o s ì
Z a c c a r ia (Zach. 2 ,2 - 4 ) * p o p o li s o lle v a n o u n c o r ­ 11 c o r n o d e lla g iu s tiz ia (v . 1 1 ) . R ig u a r d o a ll’ u o m o
n o c o n tr o G iu d a p e r d is p e r d e r lo ; m a J h w h m o ­ c h e tem e D i o e c h c o s s e r v a i s u o i c o m a n d a m e n ti
s tr a al p r o fe t a q u a ttr o fa b b r i c h e d e m o lir a n n o i (Ps. 1 1 2 , 1 ) , la su a qeren è ten u ta in g ra n d e o n o r e
19 (vii,189) qàra' (W. Thiel) (vi 1,190) 20

(v . 9), d al m o m e n to c h e a lla fin e la s u a fo r z a s u ­


p c r io r e si m o stra . JH i1 q*ra'
M o lto iso la ti s o n o g li in d iz i alla c o n c e z io n e ,
o rig in a r ia m e n te r is c o n tr a b ile a n ch e in Isra e le , c h e D'y^i? q'rà'ìm
e s se ri s o v r a m o n d a n i f o s s e r o d o ta ti d i c o r n a ( c fr.
Num. 2 3 ,2 2 ; 24,8): c o s ì M o s è , d o p o c h e fu s c e s o 1. A ttestazioni e costruzioni. - 11. Lacerarsi le vesti come
d a l S in ai c o n le ta v o le d e lla le g g e (Ex. 3 4 ,2 9 - 3 5 ) . espressione di spavento, sgom ento e dolore. - 1. N el-
L a ra d ic e v e rb a le a ffin e qrn im p ie g a ta in q u e s to l’A .T . —2. N egli apocrifi e nel N .T . - in . L a lacerazio­
c a so è g e n e ra lm e n te tr a d o tta c o n « r is p o n d e r e » ne dell’abito com e immagine per la sottrazione della so ­
(v. i c o m m e n ta ri), m a c o n s c a r s o fo n d a m e n to : qm vranità. - iv. Lacerare o strappare oggetti. - v. U so m e­
n o n ha m ai q u e s to s ig n ific a t o (p e r Abac. 3 ,4 v . taforico. - v i. C asi particolari. - v ii. I L X X .
s o p ra ) e l’ e s p re ss a s o t to lin e a tu r a c h e e ra la p elle
Bibl.: D . C onrad ,Samuel und die Mari- «Propheten ».
ad a v e re a ssu n to u n a fo r m a s im ile a lla qeren s u g ­
Bemerkungen zu 1 Sam t}:i7 ( Z D M G Suppl. 1, 1969,
g e ris c e c h e si tratti d i c o r n a , p re c is a m e n te c o m e
273-280). - H .J. Elhorst, Die israeliiischen Trauerriten
s im b o lo d i p o te n z a m a e sto s a : cornu autem re- (Festschr. J . W ellhauscn, B Z A W 27, 19 14 , 115 - 12 8 ) . -
gnum significa[t] atque potestatem ( G ir o la m o , in P. H einisch, Die Trauergebrduche bei den Israeliten
Is. 5 ,1) . N e l l ’ in n o c h e c o n c lu d e il lib r o d i A b a c u c (B Z fr 1 3 / 7 -8 ,19 3 1) . - A . Jirk u , Die magische Bedeutung
(Abac. 3) la m ae stà d iv in a è d e s c ritta ir\ q u e sti te r ­ der Kleidung in Israel, 19 14 . - E. Kutsch, « Trauer
m in i: «... qarnajìm d a lla s u a m a n o » (v. 4). T r a d u t ­ brauche* und •Selbstminderungsriten» im Alten Testa­
to ri ( T a rg u m : zjqwqjn\ L u te r o : « ra g g i» ) e c o m ­ ment (K . Luthi - E . Kutsch - W. D am ine, Drei Wiener
m e n ta to ri ( R a s h i: « lu c e » ; E llig e r , A T D 2 5 ^ 52: Antrittsreden = T h S t 78 [ 1965] 23-42 = Id., Kleine Schrif-
ten zum Alten Testament [B Z A W 168, 1986, 7 8 -9 5 ]).-
« ra g g i» e c c.) p e n s a n o a n ch e q u i p e r lo p iù a un
D .W . Thom as, Psalm XXXV. i j / : J T h S 1 2 ( 1 9 6 1 ) 50 s.
s ig n ific a to fig u ra to . M a te n e n d o c o n to d e lla r ic ­
- R . de Vaux, L O 1, '19 6 4 , 103 s. - H . W eippert, Die
c h e z z a di m o tiv i m ito lo g ic i p re se n ti in q u e s to in ­ Atiologie des Nordreiches und seines Kónigshauses (1
n o si d o v r e b b e c o m u n q u e p a rtir e d a l s ig n ific a to Reg 11^9-40): Z A W 95 (1988), 344-375.
« c o rn i» ( W .F . A lb r ig h t , The Psalm o f H abakkuk ,
F s . T h .H . R o b in s o n , E d in b u r g h 1 9 5 0 , 14 ) , p u r 1. L a ra d ic e qr' c o n il s ig n ific a to d i M acerare,
a m m e tte n d o c h c i r a g g i lu m in o s i d ei c o r p i c elesti s tr a p p a r e ’ n o n s i tr o v a in n e ssu n a a ltra lin g u a
fo s s e r o c o n sid e ra ti c o m e c o r n a d e lle d iv in ità . Il d e ll’ O r ie n t e a n tic o o ltre a ll’e b r a ic o . I n a r a b o il
s ig n ific a to d e lla p a r o la è to ta lm e n te s p ir itu a liz z a ­ v e r b o c s ì d is p o n ib ile , m a n o rm a lm e n te sig n ific a
to nel g r id o d e ll’ o ra n te : « Jh w h ... è la qeren d ella ‘ b a tte re , b u ss a r e , p ic c h ia r e c o n tr o q u a lc o s a , p e r ­
m ia s a lv e z z a » (2 Sam. 2 2 ,3 // Ps. 1 8 ,3 ) , c o m e d i­ c u o te r e ’ .
m o s tr a n o le p a ro le a d e s so a s s o c ia te c o m e s in o n i­ N c l l ’ A .T . qàra' r ic o r r e e s c lu s iv a m e n te al qal e
m ic h e ( r ifu g io , s c u d o , fo r te z z a ec c.): J h w h è la nif. L a s o la a tte s ta z io n e al hitp. d ip e n d e d a u n a
al
p r o te z io n e c h e p r o d u c e la s a lv e z z a . e m e n d a z io n e d e l te sto (Prov. 27,9). In e b ra ic o
4. Il s ig n ific a to tr a s la t o è a n ch e a ttr ib u ito alla p o s tb ib lic o s i in c o n tr a a n ch e il pi. Il n o m e q'rà-
p a ro la in m o d o d o m in a n te nei testi di Q u m ra n : 'im ‘ p e z z i, b r a n d e lli’ e a ttc sta to 2 v o lte in sie m e al
nel te m p o d e lla s a lv e z z a p e r il p o p o lo d i D i o , q u e ­ v e r b o (/ Reg. 11,30; 2 Reg. 2,12) e 2 v o lte d a s o lo
sti m u o v e rà g u e r ra c o n g ra n d e ira c o n tr o i su o i (/ Reg. 11,31; Prov. 23,21).
n e m ic i e d is tr u g g e r à s p e z z a n d o li i lo r o c o r n i L a m a g g io r p a rte d e lle a tte s ta z io n i si tr o v a in
( iQ M 1,4 ). L ’ o ra n te r in g r a z ia D i o p e r a v e r e s a l­ testi n a rr a tiv i, a c c a n to ai q u a li s i p o s s o n o c o llo ­
ta to il s u o c o r n o su tu tti c o lo r o c h e lo h a n n o c a re a lc u n e is tru z io n i s a c e rd o ta li (Ex. 28,32; 39,
a c c u s a to ( i Q H 7 ,2 2 ) ; n e c o n se g u e u n a r im a rc h e ­ 23 nif.; Lev. 13,16 qal). M o lt o p iù lim ita ta è la
v o le g iu s t a p p o s iz io n e d i qeren e 'ór ‘ lu c e ’ : « T u hai p r e s e n z a d e lla ra d ic e qr' nei testi p r o fe t ic i. N e l
o ltr e m o d o e s a lta to il m io c o r n o , c o s ic c h é io r i­ m a te ria le te stu a le s a p ie n z ia le si in c o n tra s o lta n to
s p le n d o di se ttu p la lu c e » (1. 2 3 s.). 3 Eccl. 3,7; n o m e : Prov. 23,21; v e r ­
v o lte ( v e r b o :
N e l s a lm o 4 Q 3 8 1 4 6 a ll’ o ra n te (p rim a p e r s o n a Prov. 27,
b o , in b a se a u n ’e m e n d a z io n e te stu a le :
sin g .) è d a to u n c o r n o (ntn, 1. 2 ), m e n tre a lle I. 6 s. 9). L ’u n ic a a tte s ta z io n e nei S a lm i (Ps. 35,15) è te ­
c o lo r o c h e te m o n o J h w h , c h e s e m p r e sta n n o d a ­ s tu a lm e n te in c erta.
v an ti a lu i, s o n o d o t a ti di c o r n a c o n le q u a li c o l­ P e r lo p iù qàra' è c o s tr u it o c o n l’ o g g e tto d ir e t­
p is c o n o (ngh) m o lti. to e s ig n ific a q u in d i d i r e g o la « la c e ra re » . L a c o ­
1 i Q T 1 6 ,2 .1 6 ; 2 3 , 1 2 p a rla n o d e l sa n g u e c h e c o ­ s tr u z io n e c o n la p a rtic e lla min p r o d u c e il s ig n ifi­
la su i c o r n i d e ll’ a lta re (v. s o p ra , iv .2 ). c a to « stra p p a r e , s ta c c a re » . D a s o lo il v e r b o si t r o ­
B. Kedar-Kopfstein v a in Ps. 35,15 (se il te sto è c o r r e tt o ) ; Eccl. 3,7.
2 1 (V II, 1 9 1 ) qira' (W. Thiel) (v ii,19 1) 22

1 1.1. L a m a g g io r p a rte d e lle a tte s ta z io n i d e l v e r ­ a n ch e e s se re e s p re ss a m e n te p r e s c r itti (2 Sam. 3 ,


bo qàra' d e s c r iv e il r ito d e lla la c e r a z io n e d e lla v e ­ 3 1 ) . A n a lo g a m e n t e si p o s s o n o s p ie g a r e i riti di a n ­
ste. L o si c o m p ie c o m e e s p r e s s io n e di s p a v e n to , n ic h ilim e n to c h e in Ier. 4 1 ,5 c o m p io n o gli Is r a e ­
d i r a c c a p ric c io , d i s g o m e n t o e d i d o lo r e a cau sa liti d e l n o r d , e v id e n te m e n te in re a z io n e alla d i­
di u n a c a la m ità c h e h a c o lp it o , o si tem e c o lp irà , s tr u z io n e d i G e r u s a le m m e d e l 5 8 7 a .C . A n c h e un
d ire tta m e n te o in d ire tta m e n te la p e r s o n a c h e c o m ­ c a p o v o lg im e n to d e lle fo r tu n e p o litic h e (2 Sam.
p ie q u e s t’ atto . A s tr a t ta m e n t e q u e s t’a s s o c ia z io n e 1 5 ,3 2 ) o la s itu a z io n e d is p e r a ta n e lla c a p ita le a s ­
risu lta b e n e v id e n te in Ier. 3 6 ,2 4 , d o v e s i p a rla di se d ia ta (2 Reg. 6 ,30 ) p o s s o n o c o m p o r t a r e la la c e ­
« sp a v e n to » (phd) a c c a n to a la c e ra rsi la v e ste c o ­ r a z io n e d e g li a b iti. D a 2 Reg. 6 ,3 0 si r ic a v a c h c il
m e u n a re a z io n e p r e v is ta , a n c h e se n o n r e a liz z a ­ re d ’Is r a e le in d o s s a v a il saq s o t to la v e ste g ià p r i­
ta. O g g e t t o d e lla la c e r a z io n e s o n o g e n e ric a m e n te m a d i la c e ra rsi l ’a b ito , a c a u sa d e l r a c c a p ric c io p e r
a b iti(beged), la v e ste (mad), la tu n ic a (kuttónet), la te r r ib ile s itu a z io n e d i S a m a ria , c h e a v e v a c o ­
la s o p r a v v e s t e (me,il) o u n a s o r ta d i s o p r a b it o s tr e tto la g en te a u c c id e r e e a m a n g ia re i p r o p r i f i ­
(s'imld). D i s o lit o si la c e r a v a la s o p ra v v e s t e . Su g li. P o r t a r e il saq e ra u n e v id e n te a tto d i p e n ite n ­
c o m e c o n c re ta m e n te si fa c e s s e s i r ic a v a p o c o dai z a e u m ilia z io n e d i fr o n t e a lla s itu a z io n e d r a m ­
testi: E lis e o la ce ra la p r o p r ia v e ste in d u e p e z z i, m a tica d e lla c ittà , m e n tre la c e ra rsi l’ a b ito e sp r im e
d u n q u e c h ia ra m e n te n e l m e z z o (2 Reg. 2 ,1 2 ) ; il re la sp o n ta n e a re a z io n e d i te r r o r e . I n u n c o n te s to
d ’ Isr a e le la la c e ra in 2 Reg. 6 ,3 0 ta n to c h e i p r e ­ p iù se g n a ta m e n te in d iv id u a le r im a n g o n o 2 Sam.
sen ti p o s s o n o n o ta re c h e s o t t o in d o s s a in sa cc o 13 ,19 e 2 Reg. 2 , 1 2 : la v io le n z a e il r ip u d io d i T a ­
(saq). Q u i si d e v e im m a g in a re u n a p r o fo n d a la c e ­ m ar d a p a rte d i A m n o n ric h ia m a u n a fo r te , d i­
ra z io n e d e lla s to ffa , fin o ai fia n c h i. m o s tr a tiv a r e a z io n e d i d o lo r e , e d E lis e o re a g isc e
L a c e ra rs i la s o p r a v v e s t e è u n r ito s p e s s o c o lle ­ alla s e p a r a z io n e d a E lia la c e ra n d o in d u e p a rti le
g ato ad a ltri in d ic a n ti « lu tt o e a n n ic h ilim e n to » p r o p r ie v e s ti. L o s p a v e n to p r o v a t o a lla s c o p e r ta
(c fr. K u ts c h ): in d o s s a re ilsaq (Gen. 37,34; 2 Sam. d e lla rib e llio n e c o n tr o il s u o g o v e r n o p r o v o c a la
3 . 3 »; I ReS 2 I>2 7 ; 2 Reg. 19.1 // /*• 3 7 .*; Esth. ste s sa ris p o s ta d a p a rte d i A t a lia (2 Reg. 1 1 , 1 4 U 2
4,1) o p p u r e d o r m ire n e l saq (1 Reg. 21,27), s p a r ­ Chron. 2 3 ,1 3 ) .
g e rsi su l c a p o p o lv e r e ('àfar o ’éfer. Ios. 7,6; 2 Sam. A n c h e l’ im m in e n z a d i u n a d is g r a z ia s p in g e a
13,19; Iob 2,12; Esth. 4,1) o te rra (’idam à: 1 Sam. la c e ra rsi l’a b ito . Il re d ’ Is r a e le in te rp re ta la lettera
4,12; 2 Sam. 1,2; 15,32), r a d e r s i il c a p o (loh 1,20) d el re d i A r a m (2 Reg. 5 ,7 s .) c o m e p r e te s to p e r
o la b a rb a (Ier. 41,5), s t r a p p a r s i c a p e lli e b a rb a un casus belli. C h e la fig lia d i J e ft e s ia la p r im a a
(Esdr. 9,3), in flig g e rs i d i fe r ite (Ier. 41,5), c a d e r e a in c o n tra re s u o p a d re d im o s tr a c h e lei sa rà la v it t i­
te rra (Ios. 7,6; Iob 1,20) o v v e r o s e d e rs i (Iob 2,13) m a d a lui p r o m e s s a in v o t o (Iud. 1 1 , 3 5 ) . L a d e c i­
o s d r a ia rs i a te rra (2 Sam. 1 3 , 2 1 ) , la n c ia re g r id a di s io n e d e g li Is r a e liti d i r ito r n a re in E g it t o m in a c ­
d o lo r e (2 Sam. 13,19; Esth. 4,1), p ia n g e re (2 Sam. c ia d i m e tte re fin e a lla s to r ia d e lla s a lv e z z a di
1,12 ; 2 Reg. 22,19// 2 Chron. 34,27), d ig iu n a r e (2 Is r a e le c o n J h w h a p p e n a a v v ia ta (Num. 14 ,6 P ).
Sam. 1,12 ; 1 Reg. 21,27), o s s e r v a r e il lu tto (‘hi L a p r a tic a d ei m a trim o n i m isti c o r r e n t e n e lla G e ­
hitp.: Gen. 37,34: spd\ 2 Sam. 1,12 ; 3,31) ecc. ru s a le m m e p o s te s ilic a fa tem e re u n o s v ilu p p o
L a la c e r a z io n e d e ll’ a b ito è la re a z io n e a u n a v ­ s b a g lia to d e lla n a sc e n te c o m u n ità g iu d a ic a (Esdr.
v e n im e n to c h e p o r ta o m in a c c ia d is g r a z ia . N e lla 9 ,-3 5 ). Il p o g r o m d e ll’e d itto d i A m a n , s c o p e r to da
m a g g io r a n z a d e i c a si si tra tta di u n e v e n to g ià M a r d o c h e o , m in a cc ia d i s te r m in a r e la c o m u n ità
a c c a d u to . C o s ì ci si la c e ra l’ a b ito in ris p o s ta a u n a g iu d a ic a (Esth. 4 ,1 ) .
c a ttiv a n o tiz ia (Gen. 3 7 ,2 4 ; 2 Sam. 1 , 1 1 ; 1 3 , 3 1 ; In a lcu n i c a si la c e ra rsi l’a b ito è u n a r e a z io n e a
Iob 1,2 0 ) , e a n ch e i m e s s a g g e r i c h e p o r ta n o u n a u n d is a s tr o m in a c c ia to d a J h w h . A c a b si la ce ra
c a ttiv a n o tiz ia a r r iv a n o s p e s s o c o n le v e sti la c e r a ­ l’ a b ito e s i s o t to p o n e ad a ltri atti d i u m ilia z io n e
te (/ Sam. 4 , 1 2 ; 2 Sam. 1 , 2 ; 2 Reg. 1 8 ,3 7 // Is. 36 , in r is p o s ta a u n o r a c o lo d i g iu d iz io d i D i o tr a ­
22; / Mach. 5 ,1 4 ) . In m o d o p a rtic o la r m e n te fr e ­ s m e s s o d a E lia . D i c o n s e g u e n z a J h w h d iffe r is c e il
q u e n te s i tra tta d e lla m o r te d i u n p a re n te (Gen. g iu d iz io a lla g e n e ra z io n e s u c c e s s iv a (/ Reg. 2 1 ,
3 7 ,3 4 ; 2 Sam. 1 3 , 3 1 ; Iob 1 ,2 0 ) o a ltrim e n ti d i u n a 2 7 - 2 9 ) . Q u e s t o p a s s a g g io , c h e r ip r e n d e il v . 2 o b a ,
p e r s o n a assai v ic in a (2 Sam. 1 , 2 . 1 1 ; 3 , 1 1 ) , m a a n ­ in d ic a la ra g io n e p e r la q u a le il g iu d iz io su gli
c h e d i u n a p e sa n te s c o n fìtta c h e è c o s ta ta la v ita a O m r id i e b b e lu o g o s o lta n to d o p o la m o r te di
m o lti c o m p a t r io t i (Ios. 7 ,6 ; 1 Sam. 4 , 1 2 ; 2 Sam. A c a b . A n a lo g a m e n te ad A c a b re a g ì G io s ia d o p o
1,2 .11) . c h e e b b e a s c o lta to le p a ro le d e l lib r o d e lla le g g e
I n tu tti i c a si il g e s to d i la c e r a r s i l’ a b ito a p p a r ­ c h e m in a c c ia v a n o a p e rta m e n te il d is a s tr o (2 Reg.
tien e e v id e n te m e n te ai riti d i lu tto , c h e p o s s o n o 2 2 ,1 1 H 2 Chron. 3 4 ,1 9 ) . Ier. 3 6 ,2 4 d e s c riv e J o j a -
2 3 (V II,1 9 2 ) gara' (W. Thiel) ( v i i , 1 9 3 ) 24

k in c o m e a n titip o d i G io s ia . E g li r ifiu ta d o p o la p e r il le m b o d e lla s o p r a v v e s t e , c h e si la c e ra ( q r *


lettu ra d el r o t o lo c h e c o n tie n e la p a ro la d i G e r e ­ n if). Q u e s t o e v e n to s p in g e S a m u e le ad a n n u n c ia ­
m ia la re a z io n e o v v ia m e n te r a c c o m a n d a ta , di s g o ­ re a S a u l c h e J h w h g li s tr a p p e rà ( q r ' qal) la r e g a ­
m e n to e u m iltà , c e rc a n d o in v e c e c o l fa re a p e z z i lità su Isra e le . L o s tr a p p o d e ll’o r lo d e lla v e ste ha
il r o t o lo (qàra': v . 2 3 !) d i re n d e re in e ffic a c e la r ic e v u t o v a rie s p ie g a z io n i, in p a rte a p p o g g ia te su
fo r z a d is tr u ttiv a d e lle p a ro le . a tte s ta z io n i in c e rti testi d i M a r i ( c fr. C o n r a d ).
Il s e n s o o r ig in a r io d e lla la c e r a z io n e d e ll’a b ito C i ò n o n o s ta n te , lo s tr a p p o d e ll’ o r lo d e l v e stito è
n o n p u ò e s se re p iù r ic o n o s c iu t o c o n s ic u re z z a . q u i d e s c ritto - d iv e rs a m e n te da 1 Sam. 2 4,5 s. (krt)
N e l l ’ a m b ito d e i riti d i lu tto , s e m b r a p r o b a b ile c h c - n o n c o m e u n a tto v o lo n ta r io m a c o m e u n in c i­
l’a z io n e s im b o le g g ia s s e la n u d ità ritu a le d a v a n ti d e n te im p r e v is to (si n o ti l’u s o d e l n if), c h e o ffr e
alla m o rte . M a p o tr e b b e a n ch e s o g g ia c e r e u n ’ a r ­ la p a ro la c h ia v e p e r l’ a n n u n c io c h e il re g n o sa rà
c a ic a v is io n e in b ase a lla q u a le l’a b ito e c h i lo i n ­ s tr a p p a to v ia a S a u l. In 1 Sam. 2 8 , 1 7 s a r ^ p e r c iò
d o s sa si sta b ilis c e u n o s tr e tto le g a m e , c o s ì c h e la ­ a n c o r a u n a v o lta c ita to .
c e ra rs i l’ a b ito m a n ife sta la r o ttu r a s p e rim e n ta ta I testi c h c r ife r is c o n o la ste s sa p r e d iz io n e al r e ­
d a ch i lo in d o s s a in u n a « p a rte p iù p r o fo n d a d e l g n o d i S a lo m o n e h a n n o la lo r o ra d ic e n e ll’a z io n e
s u o e sse re » ( Jir k u 10 ). Q u e s ta s p ie g a z io n e si a t ta ­ s im b o lic a di A h ia d i S ilo in / Reg. 1 1 ,2 9 - 3 9 . L a
g lia al fa tto c h e l’ a z io n e rie n tra tra i riti d i a n n i­ la c e r a z io n e d el m a n te llo d i A h ia in d o d ic i p e z z i
c h ilim e n to , c o n i q u a li c h i li c o m p ie e s p rim e la d i ­ (q'rà'ìm ) s im b o le g g ia c h e J h w h s tr a p p e rà la r e ­
m in u z io n e d ella p r o p r ia u m a n ità , a v v e n u ta o c h e g a lità a S a lo m o n e e c o n se g n e r à d ieci trib ù a G e ­
a v v e r r à fr a b re v e . L ’ A .T . d i p e r sé s o lta n to a ssai r o b o a m o ( w . 3 0 s.). C h e si la ceri il m a n te llo d el
d i r a d o fo r n is c e u n ’ in te rp re ta z io n e d el rito . C i ò p r o fe t a , c o n s id e r a t o p a rtic o la r m e n te c a ric o d i p o ­
a v v ie n e nei d u e c a si in c u i si p a rla d e lla r e a z io n e te n z a , a ttr ib u isc e a ll’ a z io n e u n p e s o m a g g io re r i­
d ei re A c a b e G io s ia d i fr o n te a ll’ a n n u n c io di Sam. 1 5 ,2 7 s ., d o v e m a n c a in v e c e il ti­
sp e tto a /
sv e n tu ra J h w h ; si tratta nel c o n te s to di u n a tto di Reg. 1 1 , 3 1
to lo p r o fe t ic o . L a c o m p a r a z io n e d i /
u m ilia z io n e d a v a n ti a J h w h ( k n ’
nif.: 1 Reg. z i, c o n 1 Sam. 1 5 ,2 8 e le d is c r e p a n z e fr a l’a tto s im ­
29; 2 Reg. 2 2 ,1 9 // 2 Chron. 3 4 ,2 7 ). I re h a n n o c o ­ b o lic o e la p r im a p a rte d e ll’ o r a c o lo s u g g e ris c o n o
sì r ic o n o s c iu t o la c o lp a e fa n n o p e n ite n z a d i f r o n ­ c h e al r a c c o n t o in u ltim a a n a lisi s o g g ia c c ia u n o r a ­
te a J h w h , c h e il p e c c a to fo s s e p e r s o n a le ( A c a b ) o c o lo c h e a n n u n c ia v a c h c J h w h a v re b b e str a p p a to
c o m m e s s o d a g e n e ra z io n i p re c e d e n ti c h e a v e v a n o v ia la re g a lità a S a lo m o n e . D o p o la m o rte d i S a ­
ig n o r a to il lib r o d e lla L e g g e (G io s ia ). lo m o n e e la d iv is io n e d el r e g n o s o t to R o b o a m o
2. L a p ra tic a d i la c e ra rsi l ’ a b ito è attestata a n ­ l’ o r a c o lo fu in te g ra to nel r a c c o n to d e ll’a z io n e s im ­
c h e n e gli s c ritti a p o c rifi e d e l N . T . / Mach. 2 , 1 4 ; b o lic a in m o d o ta le c h e , c o r r is p o n d e n te m e n te ai
3,4 7 ; 4 ,3 9 ; 1 1 , 7 1 la p r e s u p p o n g o n o a ll’ e p o c a d e i fa tti s to ric i, « stra p p a r e la s o v ra n ità » fu r e in te r ­
M a c c a b e i e d e i lo r o s e g u a c i, e ludith 1 4 , 1 6 . 1 9 a n ­ p r e ta to c o m e « fa re a p e z z i il t e r r it o r io d el re g n o
c h e fra gli A s s ir i. In q u a n to g e s to d i u m ilia z io n e n e lle s in g o le trib ù » e in u n a ffid a m e n to d i a lcu n e
d a v a n ti al v it to r io s o a s m o n e o S im o n e , il r it o v ie ­ p a rti a G e r o b o a m o . P e r u n a d is c u s s io n e d e llo s v i ­
ne c o m p iu to in 1 Mach. 13 ,4 5 d a u n a p o p o la z io ­ lu p p o s u c c e s s iv o di « q u e sta e z io lo g ia d e l r e g n o
ne n o n e b ra ic a . N e l N T . il s o m m o s a c e rd o te r e a ­ d e l n o r d » c fr . W e ip p e rt. D a 1 Reg. 1 1 , 3 1 e d a l s u o
g isc e la c e ra n d o si l’ a b ito a lla c ita z io n e di Dan. c o n te s to d ip e n d o n o a n c h e g li a ltri p a ssi p e r tin e n ­
7 ,1 3 d a p a rte d i G e s ù ( Mt. 26 ,6 5 // Me. 14 ,6 3 ) , ti, c h e d o v r e b b e r o e s se re d tr. Q u e s t o v a le p e r il
m e n tre P a o lo e B a rn a b a si c o m p o r t a n o a llo s t e s ­ rife rim e n to a 1 1 , 3 1 in 14 ,8 c o m e p u r e p e r i w .
s o m o d o q u a n d o a L is t r a v e n g o n o s c a m b ia ti p e r 1 1 , 1 1 - 1 3 , n e ' q u a li J h w h re n d e n o to in a n tic ip o a l­
d èi (Act. 1 4 ,1 4 ) . lo s te s s o S a lo m o n e l’ a n n u n c io c h e A h ia c o m u n i­
c h e rà in s e g u ito nei v v . 3 0 ss. a G e r o b o a m o m e ­
i n . In d u e g r u p p i d i d e tti te m a tic a m e n te c o r r e ­ d ia n te l’ a tto s im b o lic o c la su a in te rp re ta z io n e . In
lati, il g e s to di la c e ra rsi l’ a b ito è c o lle g a to a lla p r e ­ 2 Reg. 1 7 , 7 ss. (d tr .) il v . 2 1 fa r ife rim e n to a n c o ra
d iz io n e d e lla s o t tr a z io n e d e lla s o v r a n ità . Il p r im o u n a v o lta a q u e s to tem a. C o m e n e gli a ltri p a ssi è
g r u p p o d i testi r ig u a r d a la re g a lità di S a u l (/ Sam. J h w h il s o g g e tto d e ll’a ffe r m a z io n e ; m a lg r a d o il
1 5 , 2 7 s .; 2 8 ,1 7 ) , il s e c o n d o q u e lla d i S a lo m o n e (/ c a m b io d i s o g g e tto , q u e s to s c o n s ig lia di le g g e re
Reg. 1 1 , 1 1 - 1 3 . 3 0 5 . ; 14 ,8 ) . In 1 Sam. 15 - u n c a p i­ u n a fo r m a n if in v e c e d e l qal.
to lo c h e p r o v ie n e p ro b a b ilm e n te d a c e re h ie p r o ­
fe tic h e - S a m u e le re ite ra il r ig e tto d i S a u l ( c fr . iv . A c c a n t o a g li u si fo r m a liz z a ti di q r' c h e a b ­
1 3 , 7 - 1 4 ) . S a u l c o n fe s sa la p r o p r ia c o lp a , m a c e rc a b ia m o d is c u s s o , la ra d ic e r ic o r r e a n ch e rip e tu ta ­
d i im p e d ire a S a m u e le d i a n d a rse n e a ffe r r a n d o lo m e n te p e r in d ic a re la la c e r a z io n e o lo s tr a p p o di
25 (vii, 194) qàra' (W. Thiel) (v ii,i9 5 ) 26

v a ri o g g e tti. I n Ezech. 1 3 , 1 7 - 2 3 J h w h fa a n n u n ­ a J h w h p e r c h é s q u a r c i il c ic lo e sc e n d a su lla terra


c ia re il s u o in te rv e n to c o n t r o le d o n n e c h e si (v. 19)- r ..............................
s o n o c o m p o rta te d a p r o fe t e s s e ( w . 2 0 s.): « C o n L a d e s c riz io n e d el te r r ib ile g io r n o d i J h w h im ­
u n a s tu to a n t r o p o m o r fis m o s i a ffe r m a c h e egli m in en te in Ioel 2 s fo c ia nei w . 1 2 - 1 4 c o n u n aP "
ste sso s tr a p p e rà v ia le fa s c e e i v e li m a g ic i d a lle p e llo alla c o n v e r s io n e c h e J h w h in p e r s o n a p r o ­
b ra c c ia e d a lle teste d e lle d o n n e » (W . Z im m e r li, p o n e c o m e u ltim a o ffe r t a di s a lv e z z a . G l i e le m e n ­
B K x i i i / i 2 2 9 7 ). Ier. 3 6 ,2 3 s . d e s c r iv e il c o m p o r ­ ti ritu a li d i u n a c e rim o n ia p e n ite n z ia le , d ig iu n o ,
ta m e n to o ltr a g g io s o di J o j a k in d u ra n te la le ttu ra la c rim e e riti d i lu tto s o n o tu tti c o m p r e si in q u e ­
d e l r o t o lo d i G e r e m ia : ta g lia r v ia le c o lo n n e d el s to a p p e llo a lla p e n ite n z a (v. 1 2 ) . M a la c o n v e r ­
r o t o lo c o n u n te m p e rin o d im o s tr a la hyhris d e l sio n e n o n d e v e c o n s is te r e in e s te r io r ità ritu a le :
re, m e n tre la re a z io n e a p p r o p r ia ta sa r e b b e stata « L a c e r a te i v o s tr i c u o r i e n o n i v o s tr i a b iti!» . C o n
q u e lla d i s tr a c c ia r s i ( q r ') le v e s ti. L ’ a z io n e di ta ­ q u e sta a lte rn a tiv a , ch e c o n tr a p p o n e le s e m p lic i
g lia re c o n u n c o lte llo s i r it r o v a a n ch e n e lla s o la a t­ c e rim o n ie d i lu tto alla tr a s fo r m a z io n e d i ru tta la
te sta z io n e p re s e n te a Q u m r a n , C D 1 2 , 1 3 , d o v e si p e rs o n a , il v . 1 3 in te rp re ta la p r e c e d e n te ric h ie sta
o rd in a d i a p rir e e d is s a n g u a r e i p esci p r im a d i c o n ­ di c o n v e r s io n e a Jh w h « c o n tu tto il c u o r e » (v. 12 ).
s u m a rli.
N e l m ate ria le di tr a d iz io n e sa c e rd o ta le q r ' r i­ v i. In c e rti testi q r' è u sa to in m o d o in c o n s u e ­
c o r r e in d u e c o n te s ti. N e l p r im o c a so il s a c e rd o te to . Ier. 4 ,3 0 d e s c riv e G e r u s a le m m e c o m e u n a p r o ­
d e v e s tr a p p a r v ia ( q r ') u n p e z z o d i s to ffa « c o lp i­ s titu ta c h e s i a d o r n a in v a n o p e r a ffa s c in a re il
to d a le b b r a » , c io è p r o b a b ilm e n te d el tu tto a m ­ n e m ic o c h c a v a n z a , s p e c ific a n d o tra l’ a ltro c h e si
m u ffit o , s e la m a c c h ia n o n s i è d iffu s a e se è s b ia ­ g u a rn isc e g li o c c h i c o n il b e lle tto (la ste ssa c o s t r u ­
d ita d o p o il la v a g g io (Lev. 13 ,5 6 ) . N e l l ’ a ltro c a so z io n e m a c o n il v e r b o sim in 2 Reg. 9 ,30 ). Q u i
si tra tta d e lla v e s te u ffic ia le d e l s o m m o s a c e rd o te , l’ u s o di qàra' e sp r im e p ro b a b ilm e n te l’ id ea c h e
la cu i a p e rtu r a p e r la d e v e e s s e r fa tta in m o d o ch e gli o c c h i s o n o « sp a la n c a ti» , c io è re si p iù g ra n d i,
n o n s i s tra p p i (qr‘ nif. : Ex. 2 8 ,3 2 c o m a n d o , 3 9 ,2 3 g r a z ie al tra tte g g io c o n il b e lle tto . N o n b iso g n a
e s e c u z io n e ). S e m p r e c o n q r * nif. è d e s c ritta la d i­ s u p p o rr e u n a s fu m a tu r a di s ig n ific a t o n e g a tiv a
s tr u z io n e d e ll’ a lta re d i B e te l e se g u ita p e r o rd in e ch e c o m p o rt i d a n n o a g li o c c h i ( W .L . H o lla d a y ,
d e ll’ u o m o d i D i o - 1 Reg. 1 3 , 3 . 5 , u n ’ e v id e n te a g ­ Jerem iah 1 , H e rm e n e ia , P h ila d e lp h ia 19 8 6 , 17 0 ) e
g iu n ta a l r a c c o n to p iù a n tic o , Eccl. 3 ,7 c o llo c a a n c o r m e n o è n e c e s s a rio p o s tu la r e u n a s p e c ific a
(qr‘) e q u e lla c u c ire (tpr) in
l’a z io n e d i s tr a p p a re ra d ic e qàra' ‘ c o lo r a r e a m a c c h ie , a s tr ia tu r e ’ (B .
c o p p ia an tite tic a . Il p r o v e r b io d i Prov. 2 3 , 2 1 si J a c o b , Z A W 2 2 [1 9 0 2 ] 1 0 3 n. 1 ) . P e r u n p a ra lle lo
in te re ssa alla s o r te d e ll’ u b r ia c o : s ’ im p o v e rir à e a l­ in a ra b o , c fr . L . K o p f , V T 9 ( 19 5 9 ) 2 7 3 .
la fin e a v rà a d is p o s iz io n e c o m e a b ito n ie n t’ a ltro In Ier. 2 2 ,1 3 s s ,> u n o r a c o lo d i m in a c c ia c o n tr o
ch e « b ra n d e lli» . J o ja k in , si p a rla di u n p r o g e tt o e d iliz io d el re. In
q u e s to c o n te s to qàra' nel v . 14 s ig n ific a « ta g lia ­
v. L ’ u s o m e ta fo r ic o di q r ' r ic o r r e in tre lib ri re» fin e stre p e r l’a lla r g a m e n to d el p a la z z o .
p r o fe tic i: Is. 6 3 ,1 9 ; Hos. 1 3 , 8 ; Ioel 2 , 1 3 . L ’ o ra c o lo Prov. 2 7 ,9 p re se n ta n e lla se c o n d a p a rte d e l v e r ­
p r o fe t ic o d i g iu d iz io d i Hos. 1 3 , 1 - 8 a ffe r m a n el se tto u n te sto p r o b le m a tic o . S e m b ra c h e fa c c ia
w . 7 s. c h e J h w h c o m e u n a fie r a irr o m p e r à c o n ­ l’ e lo g io d e ll’ a m ic iz ia : « O lio e p r o fu m o ra lle g ra n o
tro gli Is r a e liti d iv e n u ti a p o s ta ti e p o i c o m e u n ’ o r ­ (Umeleq rè'è-
il c u o r e e la d o lc e z z a d e ll’ a m ic iz ia
sa p r iv a ta d e i s u o i c u c c io li s tr a p p e rà «la c h iu s u ra hu) p iù d i u n le g n o o d o r o s o (?)» ( H . R in g g r e n ,
del lo r o c u o r e » . C o n q u e sta s in g o la r e e s p re ss io n e A T D 1 6 / 1 3, 1 6 2 , 1 0 4 ; c fr. a n ch e G . R . D r iv e r , Z A W
« s’ in te n d e il to ra c e , c h e c o n le c o s to le p r o te g g e ... 55 [ 1 9 5 73 6 9 ). B a s a n d o s i su i L X X , W . F r a n k e n -
il c u o r e , c e n tro d e lla v ita. S e v ie n e 's t r a p p a t o ’ , b e r g ha p r o p o s t o d i le g g e re ùmitqàre'à mé'asse-
l’u o m o è d a v v e r o p e r d u t o . M a i p rim a in O s e a het nefes ( G H K 1 / 3 , 1 , 1 4 8 s.). L a c o r r e z io n e è
J h w h si e ra p r e s e n ta to in p e r s o n a c o sì d r a s tic a ­ stata ac cetta ta d a B . G e m s e r : « M a d al to r m e n to è
m en te c o m e l’ e s tr e m o p e r ic o lo p e r Isr a e le » ( H .H . sq u a rc ia ta l’an im a » ( H A T 1 / 1 6 2 , 9 6 ); si a g g iu n g e
W o lff, B K x i v / 1 2, 294 s.). qà­
c o s ì u n ’ a tte s ta z io n e a ltrim e n ti s c o n o s c iu ta di
A l c e n tro d e lla la m e n ta z io n e c o lle ttiv a d i Is. 6 3 , ra' al hitp. C i ò n o n o s ta n te e ssa s p ie g a la c o r r u z io ­
1 5 - 6 4 , 1 1 si tr o v a la p r e g h ie r a c h e J h w h in te rv e n ­ n e te stu a le , e v id e n te nel T .M ., in m o d o c o s ì c o n ­
ga c o n p o te n z a ( 6 3 ,19 ^ 6 4 ,3 ) . E ssa in c o r p o r a v in c e n te d a m e rita re g ra n d e a tte n z io n e .
ele m en ti c o n c e ttu a li di tr a d iz io n i te o fa n ic h e In v e c e nel la m e n to p e r il n e m ic o d i Ps. 3 5 ,1 5
an tich e ( w . 1 9 s.), a lle q u a li a p p a rtie n e a n ch e la qàra' è p ro b a b ilm e n te u n e r r o r e testu ale. C h e i
p r e g h ie r a , s in g o la r e q u a n to al c o n te n u to , r iv o lta n e m ic i « la c e rin o » l’ o ra n te p o tr e b b e in te n d e rs i, un
2 7 ( V I I ,1 9 6 ) qas (K .-M . Beyse) (vii, 197) 28

p o ’ c o m e in ita lia n o « b u t ta r g iù , s tr o n c a re » , nel d a p iu tt o s to r im u o v e r e la p a g lia. D e i s o t t o p r o d o t ­


s e n so ch e lo in g iu ria n o . M a d a l m o m e n to c h e il ti c itati in p r e c e d e n z a è c h ia ro c h e teben c q u e llo
v e rs e tto e il s u o c o n te s to m o s tr a n o a n c o r a altre d i m a g g io r v a lo r e e im p ie g a b ile a v a r i s c o p i, m e n ­
d iffic o ltà te stu a li, in lu o g o d i qàr'ù si p o tr e b b e r o tr e mós il p iù in u tile ; qas o c c u p a u n a p o s iz io n e in ­
p r e n d e r e in c o n s id e r a z io n e c o m e o rig in a r ie le f o r ­ te rm e d ia , e s s e n d o u tile a d e te rm in a te c o n d iz io n i
me qàre’ù (« g rid a n o » ) o p p u r e qdr'su ( « a m m ic c a ­ ( c fr. A u S 111 1 3 3 ).
n o in to n i di s c h e r n o » , c fr . v . 19 ).
iii.i. N e l l ’ A .T . ris u lta p re v a le n te l’ u so m e ta fo ­
qàra' qal s o p ra ttu tto c o n
v i i . I L X X tr a d u c o n o r ic o d i qas; s o lta n to Ex. 5 ,1 2 r ife ris c e a p r o p o s ito
pY)Yviivai o StappTjYvùvac, e c o s ì p u r e il nif. d e ll’o r d in e d ei s o r v e g lia n t i e g iz ia n i c h e g li Is r a e ­
liti d o v e v a n o p r e o c c u p a r s i d i r a c c o g lie r e s to p p ie
W. Thiel (qas) n e lla c a m p a g n a p e r ta g lia rla in p a g lia (teben)
n e c e ssa ria p e r fa rn e m a tto n i. N e llo s te s s o c o n te ­
s t o s i u sa qss, il v e r b o d e n o m in a le d i qas (Ex. 5 ,7 .
qas 12 ) , c h e a ltrim e n ti è im p ie g a to nel s e n s o g e n e ric o
d i « ra c c o g lie r e » (in Num. 1 5 ,3 2 s .; 1 Reg. 1 7 ,1 0 .
12 s i tratta d i le g n a ; l’ in t e rp re ta z io n e d i Soph. 2,1
ttWp qss non è s ic u ra ; c fr . K B L J 1077, d o v e s o n o c ita te le
d iv e rs e p r o p o s t e d i c o r r e z io n e p e r q u e s to p a sso ).
1. Attestazioni. - 11. Significato. - 111. U so. - 1 . In senso 2. M o lt o di fr e q u e n te la m in a cc ia di g iu d iz io
materiale. - 2. In senso m etaforico. - iv. I L X X .
p r o fe tic a u sa l’ im m a g in e d e lla s to p p ia c o n su m a ta
Bibl.: G . Gerlem an, Der Sinnbereich «fest-lose» im (-» ’dkal) d a l fu o c o (-» 'ès) (Is. 5 ,2 4 : « P e r c iò c o m e
Hebràischen: Z A W 92 (19 80) 404-415. la lin g u a d i fu o c o d iv o r a la s to p p ia e c o m e la fia m ­
m a c o n su m a l’ e rb a s e c c a ...» ). I d e stin a ta ri d ella
1. Per qas ‘ s to p p ia ’ , ch e v a c o n s id e ra t o un m in a c c ia s o n o d iffe re n ti: in Is. 5 ,2 4 s i tratta d e i
n o m e p r im a r io ( K B L J 1 0 7 3 ; c fr . B L e 4 5 3 W ), n o n ric c h i a b ita n ti d i G e r u s a le m m e , c o n tr o i q u a li il
ci s o n o a tte sta z io n i al d i fu o r i d e ll’ a m b ito lin g u i­ p r o fe ta s c a g lia i s u o i se tte g u a i; Is. 4 7 ,1 4 m in a cc ia
stic o e b r a ic o e a r a m a ic o , c o s ic c h é il s u o u s o s e m ­ d i p u n iz io n e gli a s tr o lo g i di B a b ilo n ia ; in Ahd. 18
b ra ris tr e tto alla P a le s tin a . A d iffe r e n z a d ei te r­ s o n o la « casa d i G ia c o b b e » c la « casa di G iu s e p ­
m ini m a te ria lm e n te c o r r e la t i -> mós e -» teben n o n p e » la fia m m a c h e d is tr u g g e rà E d o m c o m e s t o p ­
si tr o v a n e ssu n e q u iv a le n te in a r a b o ( A U S i l i , p ia; Nah. 1 ,1 0 (m a lg r a d o il te sto d iffic ile c h e p r o ­
1 3 3 ).L a ra d ic e v e rb a le qss è s ic u ra m e n te d e r iv a ta b a b ilm e n te v a e m e n d a to , l’ e s p r e s s io n e p e rtin e n te
d a q u e s to n o m e ( G e s B 733; KBL* 1077) e in d ic a è c h ia ra ) d e s c riv e c o n la ste s sa im m a g in e la c a d u ­
in p r im o lu o g o la r a c c o lta d e lla p a g lia , p e r e s te n ­ ta d i N in iv e ; Mal. 3 ,1 9 il g iu d iz io c o s ì d e s c ritto
d e rs i p o i al r a c c o g lie r e in g e n e ra le (v . s o t to , 1 1 1 . 1 ) . r ig u a r d a i m a lv a g i: A n a lo g o è il s ig n ific a t o d i Ex.
L ’aram aico co n o sce accan to a qas altre p aro le dal 1 5 ,7 . S u q u e s to p ia n o fig u r a tiv o si m u o v e a n ch e
sign ificato sim ile, co m e qassà’ 'p a g lia secca’ , qesisin Is. 3 3 ,1 1 , d o v e l’ in an ità d e i d e stin a ta ri è d e s c ritta
'fie n o , balle d ’ e rb a’ , q'sùsót ‘ i . sto p p ie; 2. tralci’ c o s ì: « V o i a v e te c o n c e p ito p u la e p a rto r ire te s to p ­
(W T M rv 398. 400 s.) p ia ...» , e il g iu d iz io su d i lo r o è d i n u o v o r a p p r e ­
se n ta to d a ll’im m a g in e d el fu o c o c h e d is tr u g g e la
u. L e a r g o m e n ta z io n i di G . D a lm a n ( A u S i n s to p p ia e l ’e rb a se c c a (v. 1 2). In fin e Ioel 2 ,5 p a r a ­
1 3 6 - 1 3 9 , fig . 1 1 b) o f f r o n o a n c o r a la d e s c riz io n e g o n a le v o r a c i c a v a lle tte a u n a fia m m a c h e d iv o r a
m ig lio re d i q u e l c h e s ’ in te n d e c o n qas ris p e tto a la s to p p ia secc a su l c a m p o c o m e u n fu lm in e .
mós e teben, c h e ra p p re s e n ta n o g li a ltri p r o d o tti U n ’ a ltra im m a g in e d e lla m in a c c ia d i g iu d iz io è
s e c o n d a r i d e lla m ie titu r a , d e lla tr e b b ia tu r a e d ella q u e lla d e lla d is p e r s io n e m ed ia n te il v e n to (-» rùah,
v e n tila tu ra dei c e re a li; si tratta d el re s id u o p iù Ier. 1 3,2 4: l’ in fe d e le G e r u s a le m m e ; Ps. 8 6 ,1 4 : il
g ra n d e , d a l q u a le s e n e c e s s a rio si p u ò ta g lia re n e m ic o d e ll’o ra n te ; c fr . Ps. 1 ,4 ). A l l ’ in an ità p iù
p a g lia p e r la fa b b r ic a z io n e di m a tto n i (c fr. Ex. 5, c h e al g iu d iz io si r ife r is c o n o le se g u e n ti a ffe r m a ­
12 ) . Q u a n d o s p e s s o s i p a r la d i b r u c ia re qas q u e s ta z io n i, d o v e c o m p a io n o in sie m e i te rm in i rùah e
e s p r e s s io n e p o tr e b b e in d ic a r e l’a c c e n s io n e d e lle ndp. Is. 4 0 ,2 4 p a ra g o n a c o n q u e s ta im m a g in e i
s to p p ie , c h e s e c o n d o W . G e s c n iu s , Thesaurus p r in c ip i (ròz'ntm) e i « re g g ito r i d e lla terra » (sóftè
1 11/ 1 1 2 4 4 s e r v e a fe r tiliz z a r e il te r r e n o ; m a s ic c o ­ 'eres) al D io o n n ip o te n te ch e g u id a il d e s tin o dei
m e l’ o p e r a z io n e s e rv e d a im m a g in e d e lla d is t r u ­ p o p o li; in Is. 4 1 ,2 il p r o fe ta se n e s e rv e p e r p a rla ­
z io n e (v. s o t to , h i . 2 ), è p iù p r o b a b ile c h e si in te n ­ re d e lle n a z io n i e d ei re c h e s a r a n n o d is tr u tti d a l
29 (VII, 198) qsb (R. M osis) ( v i i , 199) 30

« m e ssia» C i r o . G io b b e si se n te in s ig n ific a n te d a ­ leg a to c o n ‘ózen « o r e c c h io » . I d u e a g g e ttiv i s o n o


v a n ti a D io (Iob 1 3 ,2 5 ) e in p r e d a alla d is p e r a z io ­ recen ti e p r o b a b ilm e n te si tra tta d i c o s tr u z io n i
ne gli d o m a n d a p e rc h é in s c g u a a n c o r a la s to p p ia a r tific ia li; n o n h a n n o tr o v a to s p a z io n ella lin g u a
se c c a (‘àleh niddaf // qas jàbés). In fin e a n ch e e b ra ic a p iù ta rd a e p o s tb ib lic a .
a ttre z z i d a c acc ia c o m e p ie tre d a fio n d a e c la v e Il v e r b o è a tte sta to 4 6 v o lte al hif. c 1 v o lta al
(?) s o n o in u tili, q u a n d o c o n e ssi si v a a c a cc ia del qal; nif.,pi.,pu., hitp. e hof. n o n s o n o attestati.
c o c c o d r illo : « L e p ie tre d e lla fio n d a si tr a s fo r m a ­ qsb hif. r ic o r r e 1 9 v o lte d a s o lo , d e lle q u a li u n a
n o in s to p p ia d a v a n ti a lu i, c o m e s to p p ia tratta le v o lta in u n a fig u r a e tim o lo g ic a c o n qeseb c o m e
clav e » (Iob 4 1 , 2 0 s.). o g g e tto in te rn o : d u n q u e 2 0 v o lt e n é il s o g g e tto
Secondo Sap. 3 ,7 al m o m e n to d e l g iu d iz io fin a ­ d e ll’a z io n e c a u sa ta né il s u o o g g e tt o s o n o m e n ­
le i g iu s ti r is p le n d e ra n n o c o m e sc in tille c h e s p r iz ­ z io n a ti. A ltr e tt a n t o s p e s s o , p r e c is a m e n te 2 1 v o l­
z a n o in un c a m p o d i s to p p ia . te, l ’o g g e tto al q u a le si r ife ris c e l ’ a z io n e c a u sa ta è
in tro d o tto d a u n ’e s p r e s s io n e p r e p o s iz io n a le ( l e
iv . I L X X u sa n o d iv e rs i v o c a b o li p e r tra d u rre 1 0 v o lte , c o m p r e s o Ecclus 3 ,2 9 ; ’el 6 v o lte , 'al 3
qas; 3 v o lte xaXó|j.T|, 4 v o lte (ppóyavov, 2 v o lt e yòp- v o lte , b c 2 v o lte ) c h e in d ic a 1 6 v o lt e u n a « co sa » e
T04; in Is. 3 3 , 1 1 la le z io n e d e l T .M . (v. s o p ra , m . i ) 5 v o lte u n a p e r s o n a . E s p r e s s io n i p r e p o s iz io n a li
è p a ra fra s a ta o in te rp re ta ta c o n la fr a s e « va n a c o r r is p o n d e n ti si tr o v a n o a n ch e d o p o le 5 atte sta ­
(|AaTata) è la fo r z a d el v o s t r o s p irito ...» . z io n i d ei d u e a g g e ttiv i, e s o n o s e m p r e r ife rite a
u n a « co sa » . Q u e s te p r e p o s iz io n i d im o s tr a n o c h e
K.-M. Beyse qsb im p lic a u n a te n s io n e d ir e tta v e r s o q u a lc o s a ,
u n a c a ra tte ris tic a se m a n tic a c h e n o n ris u lta s o lo
d a ll’ u s o di qsb c o n u n a d e t e r m in a z io n e p r e p o s i­
z io n e m a a n ch e c o m e c a ra tte ris tic a s o s ta n z ia le e
p qsb
in o g n i a tte sta z io n e . S o lta n to 4 v o lt e (se n z a la f i ­
g u ra e tim o lo g ic a in Is. 2 1 ,7 ) qsb hif. h a u n o g g e tto
qeseb, qassàb, 3 # j 5 qassub d ire tto a c c a n to , c h e in d ic a s e m p r e l’ o g g e tto « in a ­
n im a to » d e ll’ a z io n e ca u sa ta . Ier. 2 3 , 1 8 (dabar
1. O sservazioni generali. — 1 . Statistica e sintassi. - ‘p a r o la ’); Ps. 1 7 , 1 (rinnà ‘ g r id o ’); 6 1 ,2 (tefillà ‘p r e ­
2. Lingue affini. - 3. Significato base. - 11. L e attestazio­ g h ie r a ’ ); Iob 1 3 ,6 (ribbót ‘ lite p r o c e s s u a le ’ ). S o l­
ni bibliche. - 1. U om ini per soggetto. — 2. D io per sog­ ta n to 2 v o lte qsb hif. è s e g u ito d a 'ózen ‘ o r e c c h io ’
getto. - 3. «O recchio» per soggetto. - ili. L e versioni
c o m e o g g e tto d ir e tt o (Ps. 1 0 , 1 7 ; Prov. 2 ,2 ). L a
antiche e Q um ran.
p o s s ib ilità d i in te n d e re q u i ’òzen c o m e s e c o n d o
Bibl.: W. Schottroff, qsb b., aufmerken (T H A T 11 684­ s o g g e tto (« la tal p e r s o n a , c io è il s u o o re c c h io ,
689). a s c o lta » , c o s ì G e s B 7 3 2 c o n G K a § 1 4 4 l.m .) v a
sca rta ta : in b ase al p a ra lle lis m o c o n nth hif. c o n
1. L a ra d ic e e b r a ic a qsb e tr a d o tta d a i v o c a b o ­
l’ o g g e tto léb « in c lin a re il c u o r e » , 'ozen in Prov.
la ri c o n ‘ a s c o lta r e c o n a tte n z io n e ’ o ‘ d e g n o d i a t­
2 ,2 , e p ro b a b ilm e n te a n ch e in Ps. 1 0 , 1 7 , d e v ’e s s e ­
te n z io n e ’ , ‘ a tte n z io n e ’ e c c. N e l T .M . è a ttestata 5 5
re o g g e tto d i qsb hif. Q u e s to c o n tra s ta a n ch e
v o lte c o m e v e r b o e d e riv a ti n o m in a li, o ltr e a u n a
l’ in te rp re ta z io n e d e i L X X e d e lla V g ., c h e h a n n o
u lte r io r e a tte s ta z io n e in Ecclus 3 ,2 9 (m s. A ) .
in te so 'ozen in Prov. 2 ,2 c o m e ( l ’ u n ic o ) s o g g e tto
Is. 2 1 ,7 rab-qaseb stu pisce perch é rid on dan te e an­ di qsb.
che sin tatticam en te d iffic ile (cfr. P . J o iio n , Gram- D u n q u e s o lta n to in q u e s ti d u e c a si si tr o v a un
maire, § 14T b ), d o p o che il sig n ificato della radice è o g g e tto d ir e tt o d i qsb h if, c h e in d ic a il s o g g e tto
stato c o m u n q u e ra ffo rz a to c o n la fig u ra etim o lo gica d e ll’ a z io n e ca u sa ta . S e ne p o t r e b b e c o n c lu d e r e ch e
(we)hiqsib qeseb. Si p o treb b e sp ieg arlo co n una d it­ ’òzen in Ps. 1 0 , 1 7 ; P t'ov. 2 ,2 in d ic h i u n ic a m e n te
to grafia che trasfo rm ò (whqs)jb qsb in rb qsb (sulla
q u e ll’ o g g e tto (= s o g g e tto d e ll’a z io n e c a u sa ta ) c h e
co n fu sio n e fra jod e res c fr. F . D e litz sc h , Die Lose-
a ltr o v e è s e m p r e im p lic ito , in te rp re ta n d o qsb hif.
u. Schreibfebler im Alteri Testamenti 19 2 0 , nr. 109).
com e un hif. c o n e llisse d e ll’o g g e tt o fa tto ag ire .
1 . D e lle 56 a tte sta z io n i c o m p le s s iv e (c o n Ecclus M a p e r u n a c o n c lu s io n e c o s ì a m p ia la b a se te s tu a ­
3,2 9 ) 9 r ig u a r d a n o d e r iv a ti n o m in a li: il s o s ta n tiv o le è tr o p p o sc a rsa . I n o ltr e la c o s t r u z io n e s in ta tti­
qeseb c o m p a r e 4 v o lt e s o lta n to al s in g o la r e ; l’a g ­ c a in a ltri p a ss i (v. s o p r a p e r i s in g o li p a ss i, s o ­
g e ttiv o qassub 3 v o lte s o lta n to al p i. fe m m in ile e p r a ttu tto Prov. 4 ,2 0 ; 5 ,1 ) e il p r o b a b ile s ig n ific a to
s o lo c o lle g a to c o n ’oznajim ‘ o re c c h ie ’ ; l ’ a g g e ttiv o b ase d i qsb (v . s o t to , 1.3 ) si o p p o n g o n o a q u e sta
qassàb 2 v o lte , s o lo al sin g . fe m m in ile e s o lo c o l­ in te rp re ta z io n e , qsb hif. v a p iu tt o s to in te rp re ta to
} I (v i i ,200) qib (R . M osis) (v i i , 200) 32

c o m e u n c a u s a tiv o tr a n s it iv o in te rn o ( c fr. E . J e n ­ d ep o n e che n e ll’A .T . qsb non ric o rre nell’am b ito d e l­
n i, Das hebràische P i'el, 19 6 8 , 4 7 s. 2 7 1 s.): il s o g ­ la v ita q u o tid ian a. V ista la presen za di s'rh « o rzo »
(I. 3) è p erciò d a p referire la lettura p ro p o sta da S .A .
g e tto d ella fo r m a fin it a qsb hif., s e m p r e u n a p e r ­
B irn b a u m (J.W . C r o w fo o t et al., Samaria-Sebaste
s o n a , e il s o g g e tto d e ll’ a z io n e c a u sa ta c o in c id o n o .
n i, 19 5 7 , 1 2 ) hqsb(w) « la s to p p ia in (esso)». D i c o n ­
S o ltan to una v o lta (Is. 3 2 ,3) la seco n d a person a segu en za l’eb r. qsb non è attestato fu o ri d alla B ib b ia.
fem . pi. d e ll’ im p erfe tto tqsbnh non è v o calizza ta,
2. U n b r a n o tra m a n d a to c i fr a m m e n ta r io dei
com e ci si sareb b e aspettato, co m e hif. (taqsèbnà)
p r o v e r b i a ra m a ic i d i A h iq a r ( 1. 5 7) è c o s ì in te g ra ­
m a co m e qal (tiasabnà).Vg., L X X (?) e T a rg u m tra ­
d u c o n o questa fo rm a c o m e se si tro va ssero davan ti to d a m o lti c o m m e n t a t o r i:... ’ntm hsj]tw lm '[p
a un h if U n a ragion e p e r Pin usu ale qal p o treb b e e s ­ hqsj]h[w ] 'lj ( A P 2 1 4 ; A O T 4 5 6 : « ... ‘ A s c o lta t e e
sere cercata nel fatto s o g g e tto non una person a m a p re s ta te a t te n z io n e ’ a m e» ; A N E T 3 4 2 8 : « A s c o l­
le sue «orecchie» so n o il s o g g e tto del v e rb o fin ito qsb tia te e [p re s ta te a tte n z io n e ] a m e» ). S e q u e s ta in te ­
un hif. tran sitivo in tern o non sem bra p erciò p lau si­ g r a z io n e fo s s e le g ittim a , te n e n d o c o n to c h e il T a r ­
bile. L ’ u so d ella radice a l qal è d u n q u e p a rago n abile g u m u sa g e n e ra lm e n te l’a ra m . sjt p e r re n d e re l’ e b r.
al su o im p iego c o m e p a rtic ip io attrib u tiv o hif. in qsb (v. s o t to , i h ) , d o v r e m m o r ic o n o s c e r e q u i in
Ecclus 3,2 9 e al su o u so in 5 casi co m e aggettivo p re ­
haqsibù u n p r e s tito d a ll’ e b r a ic o . C i ò n o n o s ta n te
d icativ o , in tutte e 6 le attestazio n i insiem e a ’ózen.
F . R o s e n t h a l, An Aramaic Handbook i / i , 19 6 7 ,
E sso è p a rago n ab ile an ch e alle 2 attestazio n i del hif.
c o n ’ózen co m e o ggetto d ire tto (v. so tto , 11.3). 16 e a ltri in te g ra n o fo r s e m e g lio : ...[zj tmh] ’tw: lm:
‘[ntm q]rb[w\ 'lj « ... v o i o ra , a v v ic in a te v i a m e» .
N e l P e n ta te u c o qsb ( v e r b o e n o m i) m an ca c o m ­ I l r a r o a ra m . g iu d a ic o q rsab ‘ s a p e r e ’ , ‘ e s se re a t­
p le ta m e n te . In G i o s u è , G iu d ic i, 1 - 2 S a m u e le il te n to , s ta re in g u a r d ia ’ ( W T M i v 39 5 [s in o n im o
v e r b o s i tr o v a u n a v o lta s o lta n to il v e r b o , e in u n a d c ll’ a ra m . hdsab ‘p e n s a re , g iu d ic a r e ’]; Dict. Talm.
fo r m u la z io n e s e n t e n z io s a ( / Sam. 1 5 ,2 2 , p a ra lle ­ 14 2 9 ) d o v r e b b e p ro b a b ilm e n te e s se r e un p r e s tito
lism o ), p e r il re sto a n c h e q u i la ra d ic e m an ca c o m ­ d a ll’ e b ra ic o .
p letam e n te. In 1 - 2 R e s i tr o v a s o lta n to 2 v o lte il B ie lla 4 6 1 s. c ita un s u d a ra b . qsb, m a d a u n c o n ­
s o s ta n tiv o qeseb (1 Reg. 18 ,2 9 ; 2 Reg. 4 , 3 1 ) c s e m ­ te s to fr a m m e n ta r io e c o n u n s ig n ific a to p o c o c h ia ­
p r e in e le n c h i c o n e s p r e s s io n i di s ig n ific a t o a f fi­ r o . E s s o è a v v ic in a to d a m o lti a ll’e b r. qsb; B G M R
ne. qsb c ra ra m e n te a tte s ta to a n ch e nei testi n a r r a ­ 1 0 7 lo tra d u c e p e r ò « d a n n e g g ia re , fa re d a n n i» . U n
tiv i d e g li S c r itti, o ss ia R u t , E s t e r , D a n ie le , E s d r a , r a p p o r to c o n l’ e b r. qsb è alta m e n te im p r o b a b ile .
N e e m ia , 1 - 2 C r o n a c h e ; le u n ic h e 2 a tte s ta z io n i C h e la ra d ic e a ra b a qsb « p re n d e re fu o c o » , d a
p e r e n tra m b i g li a g g e ttiv i in q u e sti lib ri a p p a rte n ­ cui « o tte n e re , a c q u isir e con oscen za» e c c. (L .
g o n o (c o m e la te rz a a tte s ta z io n e d i qassub, Ps. K o p f , V T 8 [ 1 9 5 8 ] 2 0 1 s.) s ia c o lle g a ta a ll’ e b r. qsb
1 3 0 ,2 ) al lin g u a g g io p o s te s ilic o d e lla p r e g h ie r a resta u n a p u r a e s e m p lic e ip o te si.
(qassab, Nehem. 1 , 6 . 1 1 ; qassub, 2 Chron. 6,40 ; 7, L ’ id ea c o m u n e c h e la ra d ic e qsb sia a ttestata f i ­
i j ) . L e s o le 3 a tte s ta z io n i d e l v e r b o nei lib ri n a r­ n o r a s o lta n to in e b r a ic o ( c fr. S c h o t t r o ff 6 8 4; K B L *
ra tiv i d eg li S c r itti o a p p a r te n g o n o u g u a lm e n te al 8 5 8 ; K B L 1 1 0 7 3 ; G e s B 7 3 1 ) c o g lie d u n q u e nel s e ­
lin g u a g g io e le v a to d e lla p r e g h ie r a (Dan. 9 ,1 9 ) o p ­ gno. . . . .
p u r e si tr o v a n o a ll’ in iz io di u n d is c o r s o so le n n e 3. In p a ss a to si rite n e v a d i p o te r s u g g e rir e p e r
(2 Chron. 2 0 ,1 5 ) e d i r ifle s s io n i (2 Chron. 3 3 ,1 0 ) . qsb u n s ig n ific a t o b ase c o n c r e t o e v id e n te , p e r
L e r ic o r r e n z e d e lla ra d ic e si c o n c e n tr a n o p e r c iò e s e m p io « ir r ig id ir e ( l’ o re c c h io )» ( F . D e litz s c h ,
n ella le tte ra tu ra p r o fe t ic a (c irc a i 2/5 di tu tte le B C iv / 3 , 6 1 p e r Prov. 2 ,2 ; I d ., B C i v / i 1 4 1 s. p e r
a tte sta z io n i: Isa ia 8 v o lt e ; G e r e m ia 8 v o lte ; Z a c ­ Ps. 1 0 ,1 7 ) , « a g u z z a r e (le o re c c h ie )» ( G e s e n iu s ,
c a ria 2 v o lte ; O s e a , M ic h e a , M a la c h ia 1 v o lta c ia ­ Thesaurus, 1 2 4 2 ; E . K ò n ig , Wb. 4 2 2 ) e c c. L ’ u so
sc u n o ), nei lib ri s a p ie n z ia li (c irc a u n q u in to d i e ffe ttiv a m e n te d o c u m e n ta to d i qsb n o n c o n fe r m a
tu tte le a tte s ta z io n i: P r o v e r b i 8 v o lte ; G io b b e 2 q u e s ta ip o te s i (v . s o t to , 1 1 , p e r i s in g o li p a ss i, s o ­
v o lte ; C a n t ic o , S ir a c id e 1 v o lta c ia s c u n o ) e nei S a l­ p r a ttu tto Prov. 4 ,2 0 ; 5 ,1 ) .
m i (a n c o ra c ir c a u n q u in t o di tu tte le a tte sta z io n i: A c a u sa d e lla fr e q u e n te e le n c a z io n e c o n ’z n
9 v o lte ), qsb a p p a rtie n e p e r c iò a u n lin g u a g g io e le ­ hif. e sm' ‘ a s c o lta r e ’ e d e ll’a ltre tta n to r ic o rr e n te
v a to (p a r a lle lism o , e le n c a z io n i ec c.). qsb p e r m e z z o d i u n o g g e tt o c h e
s p e c ific a z io n e d i
p e rtie n e a ll’ a m b ito d e l p a rla re e d e ll’a s c o lta r e , ad
M o lti han no letto nel se co n d o rig o di un ostraco n
e s e m p io -» qól, -» dàbar, ’ó z e n e c c ., s i ritie n e g e n e ­
rin ven u to nel 19 3 2 a Sam aria e d atato a p o c o p rim a
ra lm e n te c h e « a sc o lta re » s ia il s ig n ific a t o b a se di
del 7 22 a .C . (cfr. K A I 18 8 [b ib l.], tav. x x x ; A N E T *
3 2 1 [b ib l.]; D I S O 267 [b ib l.]) l’ im perfetto sing. m. qsb ( c fr. ad es. B . K e d a r - K o p f s t c in , Z A H 1 [ 19 8 8 ]
h if hqsb «essere atte n to ». C o n t r o qu esta lettura 5 3). D a lle e s p r e ss io n i g e n e ric h e p e r « a sc o lta re »
33 (v i i ,2 o i ) qsb (R. M osis) ( v ii,202) 34

qsb si d is tin g u e p e r la s fu m a t u r a s e m a n tic a s u p ­ v e sta b ilir e ( c fr. v . 8) « la v e d e tta (hammesappeh)»


p le m e n ta re d e lla v o lo n tà e d e ll’ in te n z io n a lità (cfr. in m o d o c h e « p o ss a a n n u n c ia re q u e l c h e v e d e
S c h o t t r o ff 6 8 5). (r’h)». E s s a « ve d e » p o i « c a r r i, c a v a lie ri a c o p p ie ,
È p e r ò p iù p r o b a b ile c h e il v e r b o in te rn a m e n te u o m in i c h e m o n ta n o a sin i, u o m in i c h e m o n ta n o
tr a n sitiv o qsb d e n o ti u n ’ a tte n z io n e c h e p r e c e d e la c a m m e lli» ( c fr. v . 9). A l la v is ta d i q u e s to e se rc ito
d iv is io n e d e g li a m b iti s e n s o r ia li d e l v e d e r e d a u n a c h e a v a n z a d e v e qsb (hif.) qeseb, o ss ia p re s ta re
p a rte e d e ll’ a s c o lta re d a ll’ a ltr a (v. s o t to , l i , p e r i g ra n d e a tte n z io n e . P e r v ia d e lla fig u r a e tim o lo g i­
sin g o li p a s s i, s o p ra ttu tto Is. 2 1 , 7 ; Prov. 1,2 4 ) . Il c a e d e ll’ a s s e n z a d i q u a lsia s i u lte r io r e s p e c ific a ­
s o s ta n tiv o qeseb ha in d u e s o li p a ss i, d o v e n o n ha z io n e , tu tto il p e s o c a d e su l s ig n ific a to d i qsb. C o n
leg a m i c o l v e r b o qsb (1 Reg. 1 8 ,2 9 ; 2 Reg- 4 .3 1 ) . il il d e te rm in a to o g g e tto « v is to » d a lla « v e d e tta » ,
s ig n ific a to a sso lu ta m e n te g e n e r ic o di « re a g ire (a qsb n o n p u ò e s se re a s s e g n a to a ll’ a m b ito d el v e d e ­
u n a ch ia m a ta )» . A ltr im e n ti qsb ( v e r b o e a g g e tti­ re m a v a in te so in u n s e n s o m o lto p iù g e n e ric o : la
v o ) s ig n ific a c h e u n a p e r s o n a si r iv o lg e c o n p a r t i­ v e d e tta d e v e « p re sta re g ra n d e a tte n z io n e e o s s e r ­
c o la re a tte n z io n e e v ig ila n z a v e r s o q u a lc o s a ch e v a re a tten tam e n te » q u a n d o a p p a r ir à l’ e s e rc ito n e ­
le a c c a d e , c o n la m a n ife sta in t e n z io n e d i c o g lie r e m ic o (v. s o p ra , 1.3 ).
in m o d o d a v v e r o c o m p le to q u e s to a v v e n im e n to , In Is. 1 0 ,2 8 - 3 2 è d e s c ritta la r e a z io n e d i u n a s e ­
e c o n la p r o n t e z z a e la v o lo n t à d i in c o r p o r a r lo nel r ie di lu o g h i di fr o n te a u n e s e rc ito n e m ic o c h c si
p r o p r io c o m p o rta m e n to e p e r m e t te r g li d i d e te r­ a v v ic in a . F r a essi c ’è L a is a , c h e d e v e « o s s e rv a r e » ,
m in a re la p r o p r ia c o n d o tta . Q u e s t o o rie n ta m e n to si s u p p o n e c o n te r r o r e (v. 30 ). In q u e s to c a so qsb
p u ò c o m u n q u e e s se re c o s ì c o n c e p it o s o p ra ttu tto hif. p o tr e b b e e s se r e sta to p r e fe r ito in b ase a ll’ as­
q u a n d o si r e a liz z a n e l c a m p o fe n o m e n o lo g ic o d e l­ s o n a n z a , c o m e i v e rb i re la tiv i agli a ltri n o m i di
l ’a sc o lta re . lu o g o .
Ier. 6, 1 7 , n e l c o n te s to d i u n d e tto p r o fe t ic o f i ­
n . Il p o r ta t o r e d e ll’ a tte n z io n e o rie n ta ta e s p r e s ­ g u ra to , l’a p p e llo a lla c o n v e r s io n e d i fr o n t e al g iu ­
sa d a qsb p u ò e s se re u n u o m o ( 1 ) o p p u r e D io (2) d iz io in c o m b e n te è p re s e n ta to c o m e il g r id o d ’ a l­
m a a n ch e l’ « o re c c h io » o le « o r e c c h ie » , di u n u o ­ la rm e d i « se n tin e lle » . I l p o p o lo è sta to in v ita to a
m o c o m e d i D i o (3 ). D i c o n s e g u e n z a qsb s i tr o v a p r e s ta re a tte n z io n e (qsb hif.) a l s u o n o d e l c o r n o
a b itu a lm e n te in p a ra lle lo a e s p r e s s io n i c h e r ig u a r ­ d e ll’ a lla rm e , m a n o n l ’h a v o lu t o fa re .
d a n o il v e d e re , m a a n ch e a e s p r e s s io n i re la tiv e a l­ S e n z a r iv e s tim e n to fig u r a to qsb hif. in d ic a l’ a t­
l ’ a s c o lto o e s p r e ss io n i g e n e ric h e re la tiv e al p r e ­ te n z io n e d o v u ta e s p e s so rifiu ta ta a u n a p a ro la
sta re a tte n z io n e , c o s ì c h e d a ll’ a n titesi c o n le lo c u ­ p r o fe tic a , ad e s e m p io u n a m in a c c ia di g iu d iz io o
z io n i d i v o lta in v o lta p a ra lle le n o n s i p u ò tra rre Hos. 5 ,1 i s a c e r ­
u n a p p e llo a lla c o n v e r s io n e . I n
la c o n c lu s io n e c h c qsb a p p a r te n g a p e r n a tu ra a l­ d o ti s o n o c h ia m a ti ad a s c o lta r e (sm‘), la c a sa di
l’a m b ito d e ll’ asco lta re . Isr a e le a p re s ta re a tte n z io n e (qsb hif.) e la c a sa
1. A lm e n o in Cant. 8 ,1 3 qsb hif. è u sa to se n z a reale a d a re a s c o lto (’zn h if). A n a lo g a m e n t e s e ­
u n a c o n n o ta z io n e d i v a lo re . S o lta n to in tre casi c o n d o Mich. 1 ,2 tu tti i p o p o li d e v o n o a s c o lta re
qsb è u sa to in s e n s o n e g a tiv o : gli a v v e r s a r i di G e ­ (sm') e la te rra e tu tto c iò c h e la rie m p ie d e v e p r e ­
rem ia v o g lio n o a c c u s a r lo c o l s u o s te s so d is c o r s o sta re a tte n z io n e (qsb h if). S e c o n d o Is. 3 4 , i p o p o ­
(te sto e m e n d a to ) e p r e s ta n o g ra n d e a tte n z io n e li d e v o n o a v v ic in a r s i p e r a s c o lta r e (sm'), le n a z io ­
(1qsb h if, ler. 1 8 , 1 8 ; la n e g a z io n e 'al v a e sp u n ta ni p r e s ta r e a tte n z io n e (qsb hif.) e la te rra e tu tto
c o n i L X X , c fr. W .L . H o l la d a y , Jerem iah 1, 19 8 6 , q u a n to e ssa c o n tie n e a s c o lta r e (sm‘). I n q u e sti tre
5 2 7 ) alle su e p a ro le . casi se g u e s e m p r e u n a p r o c la m a z io n e d i g iu d iz io .
È u n m a lfa tto re c h i « p re sta a tte n z io n e ( qsb hif.) Q u e s ti a p p e lli n o n s o n o r ic o n d u c ib ili a u n u so
a la b b ra in iq u e » ed è « fa ls o » c h i p r e s ta a s c o lto fo r e n s e (c o s ì L . K ò h le r , B Z A W 3 7 [19 2 3 ] m -
(’zn) a u n a lin g u a m a le v o la (Prov. 17 ,4 ) . S e u n s o ­ 1 1 3 : « ch ia m a ta a d e p o r r e d i d u e te s tim o n i» ) né a
v r a n o p r e s ta a s c o lto a fa ls ità , i s u o i m in istri s a ­ u n c o n te s to d id a s c a lic o (sa p ie n z ia le ) (c o sì H .W .
r a n n o m a lv a g i (Prov. 2 9 ,1 2 ) . W o lff, B K x i v / 1 3 1 2 2 s .: « e s o r ta z io n e in a u g u ra le
In tu tti i p a ss i rim a n e n ti, d u n q u e n e lla g ra n p a r ­ del m a e stro » ); si tratta p iu tto s to d i u n s o le n n e r i­
te d e i c a si, l’ a tte n z io n e e la c o n c e n tr a z io n e in d i­ c h ia m o a ll’ a tte n z io n e , p e r n u lla s p e c ific o r ig u a r ­
cate d a qsb s o n o q u a lc o s a d i d e s id e r a b ile e d i d o ­ d o al g e n e re le tte ra rio e d e l tu tto g e n e ric o (c o s ì C .
v u to , e il v e r b o d i c o n s e g u e n z a e s p r im e u n a v a lu ­ H a r d m e ie r , B e v T h 79 [ 1 9 7 8 ] 3 1 1 s .; H .W . W o lff,
ta z io n e in m o d o d e c isa m e n te p o s itiv o . In tre o c ­ B K x iv / 4 14 ).
c a sio n i qsb in d ic a l’ a tte n z io n e d a a d o tta rs i in c a ­ D e l l’a tte n z io n e ric h ie sta e n e g a ta a u n in v ito
s o d i m in a cc ia d i g u e rra . S e c o n d o Is. 2 1 ,6 s. si d e ­ p r o fe t ic o al p e n tim e n to p a rla n o Zach. 1 ,4 (p a r.
} J ( v ii,203) qsb (R . M osis) ( v ii,204) 36

sm'); 7 , 1 1 (p a r.: « o p p o r r e u n a s p a lla r ib e lle » e v o lg e r e l ’o re c c h io » . S e a qsb h if d o v e s s e e s se re


« re n d e re p e sa n ti le o re c c h ie » ) p e r m e z z o d i qsb a g g iu n to ’òzen c o m e o g g e tt o e llittic o , b en d i f f i ­
hif. A n c h e n e lla d o m a n d a r e to r ic a d i Ier. 6 ,1 0 , c o n c ilm e n te s a r e b b e q u i in p a ra lle lo a nth (h if) 'ózen
la q u a le J h w h c e rc a in v a n o q u a lc u n o c h e a sc o lti (v. s o p r a , 1 .1 . 3 ) .
( sm ' ), e n e lla su a s u c c e s s iv a , c h e le lo r o o re c c h ie A n c h e Is. 2 8 ,2 3 c h ie d e c o n qsb h if (p ar. sm' e
s o n o in c ir c o n c is e e d e s s i s o n o in c a p a c i d i p r e s ta ­ ’zn h if) a tte n z io n e p e r u n d is c o r s o s a p ie n z ia le .
re a tte n z io n e (qsb hif.), si d e v e p e n s a re a u n a p ­ 2 . S o la m e n te in u n p a s s o s i p o tr e b b e p r e n d e r e
p e llo alla c o n v e r s io n e o p p u r e a u n o r a c o lo di g iu ­ in c o n s id e r a z io n e c h e qsb hif. v a lg a p e r e s p r im e re
d iz io c h e si p r o p o n e di m u o v e r e alla c o n v e r s io n e . l’ a tte n z io n e d i J h w h in s e n s o p u n it iv o o in q u is i­
A l c o n te s to d e lla c o n v e r s io n e e d e lla s a lv e z z a fu ­ to r io : Ier. 8,6. Q u i c h i p a rla è p r o b a b ilm e n te J h w h
tu ra a p p a rtie n e a n ch e Is. 4 2 ,2 3 : b iso g n a p re s ta re ( c fr. W .H . H o lla d a y , Jerem iah 1, 19 8 6 , 2 7 6 s. c o n
g ra n d e a tte n z io n e (qsb h if., p a r. sm') a lla s it u a ­ b ib l.). E g l i s c o p r e l’ in d is p o n ib ilità d e l p o p o lo a
z io n e di d is tre tta s p e r im e n ta ta , p e r r ic o n o s c e r v i (qsb h if p a r.
p e n tir s i, m a d i p e r s é il s u o « b ad are»
la re a z io n e di J h w h a l p e c c a to e re n d e re c o s ì p o s ­ sm') si a sp e tta la lo r o c o n v e r s io n e .
sib ile la s a lv e z z a fu tu ra . I n tu tti i re sta n ti p a ssi qsb hif. c o n J h w h c o m e
In Is. 4 9 ,1 qsb hif. a ttira l ’a tte n z io n e s u lla p r o ­ s o g g e tto in d ic a il s u o « b a d a re » m is e r ic o r d io s o e
c la m a z io n e d e lla fu tu r a s a lv e z z a fin a le : il s e r v o d i s a lv ific o e la su a « a tte n z io n e » c h e p re sta a s c o lto
J h w h c h ia m a la p o p o la z io n e di tu tto il m o n d o ad ed e s a u d isc e (a n c h e in sci p a ss i d o v e qsb [v e r b o e
a s c o lta r lo (sm') e a fa r e a tte n z io n e (qsb h if), a g g e ttiv o ] si r ife ris c e a ll’ « o re c c h io » di J h w h o
q u a n d o p ro c la m e r à l’ a p p e llo u n iv e rs a le d e l q u a le a lle su e « o r e c c h ie » , v . s o t to , 11.3 ) . In q u e s to s e n s o
è sta to in c a ric a to d a J h w h . qsb h if r ic o r r e s u lla b o c c a d e ll’o ra n te , c o m e a p ­
A s s a i s p e s s o l’ a tte n z io n e a ttiv a r ic h ie sta , o il p e llo e ric h ie sta a J h w h : Ps. 5 ,3 (c o m p le ta to d a ’z n
d is p r e z z o d ei c o m a n d a m e n ti e d e lle is t r u z io n i di hif. e bjn); 1 7 , 1 (c o m p le ta to d a sm' e ’zn h if);
qsb h if: Is. 48,
J h w h , s o n o d e s c ritti r ic o r r e n d o a 5 5 ,3 (c o m p le ta to d a ’zn h if, hnn hitp. « e sse re m i­
18 (misu/ót); 5 1 ,4 (p a r. ’zn h if, v . 4 b torà e mis­ s e r ic o r d io s o » e 'nh « ris p o n d e re » ) ; 6 1 ,2 e 6 6 ,1 9
pàt); Ier. 6 ,1 9 (le « p a r o le » d i J h w h , p a r. a m's la (p a r. a sm'); 1 4 2 ,7 (p a r. nsl hif. « sa lv a re » ); Dan. 9,
to rà d i J h w h ) e Nehem. 9 ,3 4 ( miswòt, p a r. « n o n 1 9 (c o m p le ta to d a sm', slh « p e rd o n a re » e 'sh « a g i­
fa re la torà d i J h w h » ) . I n 1 Sam. 1 5 ,2 2 l’ a t te n z io ­ re [p e r sa lv a re ]» ).
ne e il d a re a s c o lt o (qsb h if), n a tu ra lm e n te alla G e r e m ia m e n z io n a lo « sta re a tten ti» (qsb hif.)
e s p r e ss io n e d e lla v o lo n t à d i D io , p ia c c io n o a D i o c ita n d o il d is c o r s o d ei s u o i n e m ic i, c h c v o g lio n o
p iù d e lle o ffe r t e s a c r ific a li (p a r. sm' b 'q ó l « a s c o l­ n e g a re a tte n z io n e alle s u e p a ro le (Ier. 1 8 ,1 8 ) , e lo
tare la v o c e d i J h w h » ) ; Ier. 2 3 , 1 8 p o n e la d o m a n ­ rip re n d e in v o c a n d o l ’ a iu to di J h w h : g li p re s ti lu i
d a re to ric a , q u a le p r o fe t a «ha p r e s e n z ia to al c o n ­ (qsb h if, v . 1 9 , p a r. sm’ b eqól). L ’a s p e tta tiv a s ic u ­
(qsb h if)
s ig lio d i J h w h » , c h i h a « fa tto a tte n z io n e ra c h e J h w h p r e s u a tte n z io n e al d is c o r s o d i c h i lo
e a s c o lta to (sm')» (te sto e m e n d a to in b ase ai L X X : tem e è e s p r e s s a in Mal. 3 , 1 6 c o n qsb hif. (p a r. sm').
il s e c o n d o d'baró v a e s p u n to ), qsb hif. in d ic a in 3 . L ’ ip o te s i d i u n s ig n ific a t o b a se p iù g e n e ric o ,
q u e s to c a so l’ a tte n z io n e c o n la q u a le u n p ro fe ta n o n lim ita to a ll’ « a s c o !ta re » , s i d im o s tr a a n c h e a
b ad a a lla p a ro la d i D i o , p e r p o te r la u d ire . p a rtir e d a i n o v e p a ss i d o v e i v e rb i qsb hif. e qal, e
In o tto p a ss i qsb h if in d ic a l ’a tte n z io n e c h e qassàb e qassub, s o n o
a n ch e e n tra m b i g li a g g e ttiv i
q u a lc u n o d e v e p r e s ta r e a l l ’ in s e g n a m e n to s a p ie n ­ u n iti a ’òzen o p p u r e ’oznajim. L a s p e c ific a z io n e
zia le (in q u e s to c a so a n c o r a , u n a v o lta le su e s e m a n tic a p e r m e z z o d el te rm in e « o r e c c h io » , e
« o re c c h ie » in Prov. 2 ,2 ; v . s o p r a , 11.3 ) . S e c o n d o q u in d i l’ a s s o c ia z io n e d i qsb a ll’ a m b ito d e ll’ a s c o l-
Prov. 1 ,2 4 la S a p ie n z a s te n d e la p r o p r ia m a n o p e r ta re , ris u lta p iù c o m p r e n s ib ile s e qsb n o n c o n tie ­
in v ita re , m a’èn maqsib. A n a lo g a m e n te a Is. 2 1 , 7 n e d i p e r sé q u e s t’ a s s o c ia z io n e . L ’o g g e tto sp in to
qsb hif. v a in t e s o a n c h e in q u e s to c a so ,
(v. s o p ra ), a fa re l ’a z io n e , c h e al hif. in trin s e c a m e n te tr a n si­
p a r. a m 'n pi. « rifiu ta r e » e in r ife rim e n to a lla m a ­ tiv o c o in c id e c o n il s o g g e tto (« se ste s so » ), è s p e ­
no tesa, n o n nel s e n s o di « a sc o lta re » (c o sì B . K e ­ c ific a to c o n u n a s o r ta di m e to n im ia p e r m e z z o di
d a r - K o p fs t e in , Z A H 1 [ 1 9 8 8 ] 5 3 : sin e ste sia ) m a ’ózen: « in d u r si a sta re a tte n to , v o lg e r s i a ll’a tte n ­
in q u e llo p iù g e n e ric o d i « n o n c ’ è n e ss u n o c h c z io n e » d iv e n ta q u i « in d u r re l’o r e c c h io a stare
p re s ti a tte n z io n e » ( c fr. s o p r a , 1.3 ). Il m a e stro di a tte n to , v o lg e r s i a ll’ a tte n z io n e » , « fa r d iv e n ta re a t­
sa p ie n z a , e s im ilm e n te a lu i G io b b e , c o n qsb h if te n to l’ o re c c h io » . C o m e gli o c c h i d i c h i v e d e n o n
c h ie d e a tte n z io n e e r ig u a r d o p e r il p r o p r io d i­ s a r a n n o p iù c h iu s i (te sto e m e n d a to ), c o s ì a n c h e le
sco rso : Prov. 4 , 1 ; 7 ,2 4 ; lo b 1 3 ,6 e 3 3 , 2 1 p a r. sm', o re c c h ie di c h i se n te p r e s te r a n n o a tte n z io n e a c iò
tu tta v ia Prov. 4 ,2 0 ; j , i p a r. nth [hif] 'ózen « r i­ c h e v a in te so (qsb qal, Is. 3 2 ,3 ) . C o m e il d is c e p o -
37 ( v r i.z o j) qàsà (M . Zipor) (v ii,206) 38

10 d e v e te n d e re il p r o p r io c u o r e alla c o n o s c e n ­
z a ( nth [ hif.] léb), d e v e fa re a n ch e in m o d o di
qàsà
re n d e re il s u o o r e c c h io a tte n to a lla s a p ie n z a ( qsb
[hif.] ’òzen, Prov. 2 ,2 ; c fr . Ecclus 3 ,2 9 ). n t^ì? qdseh, q 's ì, m iqseh, Plli^p qsh
Q u a n d o « o re c c h io » r ic o r r e c o m e r ife rim e n to
1. Etim ologia. - 11. D istribuzion e. - 111. Significato e
m e to n im ic o a lla p e r s o n a c h e im p ie g a la c u r a at­
uso. - iv. Locuzioni con qsh. - v. Attestazioni incerte.
ten ta e s p re ss a c o n qsb., s i p a rla s o p ra ttu tto di — vi. qsh. - vii . R adici correlate (cam po lessicale). -
D io , o ss ia d i J h w h . C o m e i s u o i o c c h i d e v o n o v ili. Q um ran.
e sse re a p e rti, c o s ì a n ch e il s u o o r e c c h io o le su e
fitbi.: G .W . A h lstròm , 1 Sam 1,1 y. B ibl 60 (1979) 254.
o re c c h ie d e v o n o e s se re r iv o lt e c o n a tte n z io n e , in
— C .H . C h i, The Concept of ’Hardening thè Hard' in
m o d o c h e e g li o d a le r ic h ie ste d e ll’ o ra n te e b ad i a thè O. T. with Special Reference to Is 6, diss. Singapore
esse ( qassàb, Nehem. 1 , 6 . 1 1 ; qassub, 2 Chron. 6, 1974. - B. C o u ro yer, «Avoir la nuque raide»: ne pas
4 0 ; 7 ,1 5 ) . L e su e o re c c h ie d e v o n o e sse re a tten te e incliner l ’oreille: R B 88 ( 19 8 1) 2 16 -2 2 5 . - M . D ahood,
a p e rte p e r « la v o c e d i c o lu i c h e s u p p lic a » ( qassub, Hehrew-Ugaritte Lexicography ix: B ib l 52 (19 7 2) 3 3 7 ­
Ps. 1 3 0 ,2 ) . E g li a s c o lta i d e s id e r i d e g li u m ili e v i 356, spec. 350 s. - F . D eist, Z « k'tòm er miqsà in Jer
b ad a, c io è fa in m o d o ch e il s u o « o r e c c h io p re s ti 10,y Z A W 85 (19 7 3 ) 225 s. - G . G erlem an, Der Sinn-
a tte n z io n e » ( qsb [hif] 'àzèri), p e r fa re g iu s tiz ia bereich «fest-los(e)• im Hebrdischen: Z A W 92 (1980)
40 4-4 15, spec. 4 1 0 - 1 14 . - J . G ra y , A Metaphor from
a ll’ o r fa n o e a ll’ o p p r e s s o (Ps. 1 0 , 1 7 s *)*
Building in Zephaniah II,1: V T 3 (19 5 3) 404-407. - M.
G reenberg, The Use of thè Ancient Versioni for Inter-
111. Il T a r g u m dei P r o fe t i u s a p e r tr a d u r r e qsb preting thè Hebrew Text. A Sampling from Ezekiel ii 1
in c ir c a u n te r z o d i tu tte le a tte s ta z io n i q bl pa. —ni n (V T S 29, 1978, 13 1-14 8 ) . - F . H esse, Dos Ver-
‘ r ic e v e re , a c c e tta re ’ . In c ir c a d u e te rz i d ei casi u sa stockungsproblem im A.T. (B Z A W 74, 1955, spec. 7­
swt/syt ch e , a llo s te s so m o d o d e ll’ a ra m a ic o sm' è 30.). - R . Schmid, Heute, wenn ihr auf seine Stimme
tra d o tto g e n e ra lm e n te ‘ a s c o lt a r e ’ o s im ili; il s ig n i­ hbrt (Ps 9j,7) (Fs. J . Ziegler, F z B 2, 19 7 2 , 91-9 6 , spec.
fic a to b ase è p e r ò ‘ m o s tr a r e in c lin a z io n e , e ssere 95 s.). - R .R . W ilson, The Hardening o f Pharaoh’s
a ffe z io n a t o ’ ( c fr. L e v y , W T M i v 18 8 ). L ’a ra m . sm'
Heart: C B Q 41 (1979) 18-36 . - A .S. van der W oude,
qsh, hart sein ( T H A T 11 689-692).
n o n tra d u c e m ai qsb.
I L X X tr a d u c o n o qsb in c ir c a d u e te r z i di tu tte 1. C o m e v e r b o , n o m e e a g g e ttiv o n e ll’ A .T . qà­
le a tte s ta z io n i TCpotrépx<‘j(-op.at). S o lta n to in c irc a sà ha il s ig n ific a to fo n d a m e n ta le d i ‘e s s e r e d u r o ’ ,
1/6 d e i casi si tr o v a il p iù c o m u n e à x o u aj. A l t r i ­ ‘ e sse re c ru d e le , s p ie ta to , s c o n t r o s o ’ (c fr. G e s B
m en ti si tr o v a n o i v e rb i c o m p o s t i In -, ùn-, eta- 73 2 )-
axoùti)(-o|j.ai), e ta lv o lta a n c h e (èrc-)àxpóaa'it;, ètct)- N e l l ’ A .T . qàsà è c o m u n e m e n te u sa to in se n so
xocx; e èv a m £ o (j.a i. m e ta fo r ic o (v. s o tto ). A l d i fu o r i d e ll’ e b r a ic o b i­
L a V g . p re se n ta u n a s it u a z io n e a ffa tto sim ile: b lic o e p o s tb ib lic o , la ra d ic e c o m p a r e s o lta n to in
in c ir c a d u e te rz i d e lle a tte s ta z io n i qsb è tra d o tto d iv e rs i ra m i d e ll’a r a m a ic o n o n b ib lic o , s o p r a ttu t­
inattendere o p p u r e attendere. S o lta n to in u n n o ­ to c o n s ig n ific a to m e ta fo r ic o : a E le fa n tin a m j' qsj’
audire, a ltr i­
n o c ir c a d ei casi si t r o v a il s e m p lic e « a cq u e d u r e (cio è c h e s c o r r o n o v e lo c i)» ( A P 6,
m en tiauscultare (5 v o lte ) e in casi iso la ti conside­ 1 1 ; 8,8); m nd'm q s ' « q u a lc o sa d i d u r o » ( A h iq a r
rare, contemplari, aspicere, oboedire, erectus. L e 1 0 1 ; c fr . 2 6 7 ) ; 'm mn 'qsh « co n ch i d o v r e i d is c u ­
v e rs io n i a n tic h e s o s te n g o n o a n c h e l’ o p in io n e ch e te re ?» ( A h iq a r 14 0 c fr . P . G r e lo t , Documents
11 s ig n ific a to fo n d a m e n ta le d i qsb n o n s ia ta n to araméens d ’Egypte, 1 9 7 2 , 4 4 2 ) ; in a ra m a ic o g iu ­
« a sc o lta re » q u a n to p iù g e n e ric a m e n te « fa re a tte n ­ d a ic o e c ris tia n o , n e l T a r g u m , in a ra m a ic o s a m a ­
z io n e » , « sta re atte n to » . qàsà
rita n o c o m e e q u iv a le n te d e lla ra d ic e e b r a ic a
N e i testi d i Q u m r a n fin o r a ed iti qsb r ic o rr e (in aram . sa m a r ita n o a n ch e p e r perek, Lev. 2 5 ,5 3 )
s o lta n to in C D 2 0 ,18 s ., d o v e è c ita to Mal. 3 ,1 6 , o ltre alle a tte s ta z io n i d is c u s se s o t to , v ; in s ir ia c o
in 4 Q D i b H a m a 1 - 2 v , 2 i , c h e a llu d e a Is. 4 8 ,1 8 , e (B r o c k e lm a n n , Lex. Syr., 7 0 3 ) , in m a n d a ic o ( M d D
qasà ‘ se n z a m is e ric o r d ia , c r u d e le ’
4 1 6 ) e in a r a b o
(W e h r, Arab. Wb. 6 8 1 ) .

qal, 1 v o l­
n . Il v e r b o è c o s ì atte sta to : 5 v o lte al
ta al nif. (p tc ., Is. 8 ,2 1 ) , 1 v o lta al pi. (Gen. 3 5 ,1 6 ;
c fr . m .2 .n ) , 2 1 v o lte al h if + 2 v o lte n el S ira c id e
(c o n o g g e tto 'ò ref 1 1 v o lte + 1 v o lta S ir a c id e ; c o n
léb 3 v o lte + 1 v o lta S ira c id e ; 1‘ + in f. 2 v o lte , Ex.
)9 (vii , 207) qàsà (M . Z ipor) ( v i i ,207) 40

1 3 ,15 5 2 Reg. 2 , i o [v . s o t t o , 1V .5]; b ' + in f. + s u ff. (seti, il s u o c u o r e / la su a c e rv ic e ) c o n tr o di lu i e si


1 v o lta in Gen. 3 5 ,1 7 ) . s a lv ò ? » . L a d o m a n d a a s s o m ig lia a Prov. 2 8 ,1 4 ,
Il n o m e q 's i è a tte s ta to s o lta n to in Deut. 9 ,2 7 m a m e n tre q u e s t’u ltim o p a s s o si p r o p o n e di in se ­
( c fr. s o tto , iv ). L ’a g g e t tiv o r ic o r r e 3 6 v o lte ( + 1 g n a re in to n o s a p ie n z ia le , q u e lla d i G io b b e è u n a
v o lta nel S ira c id e ), d e lle q u a li 6 n e ll’ e s p r e ss io n e c o n s ta ta z io n e s a r c a s tic a d e lla d u r e z z a d e l D i o o n ­
q'seh ‘ óre/, 1 v o lta n e ll’ e s p r e s s io n e ‘óref qàseh, 6 n ip o te n te .
v o lte n e ll’ e s p r e s s io n e 'àbódà qàsà, 6 v o lte al fe m ­ c) D i o in d u r is c e il c u o r e / lo s p irito d eg li u o ­
m in ile (d elle q u a li 2 al p i.) se n z a n o m e (v. s o tto , m in i e lo re n d e o stin a to : c iò a c c a d e al c u o r e d e l fa ­
iv .9 ). ra o n e , c h e d i c o n se g u e n z a n o n v u o le la sc ia r p a r ­
tire Is r a e le (Ex. 7 ,3 s .; a n ch e Ecclus 1 6 ,1 5 ) ; in d u ­
i l i . N e lP A .T . qàsà è u s a to in u n a m p io s p e ttr o ris c e lo s p ir ito d i S ih o n (Deut. 2 ,3 0 p a r. « a v e v a
d i s ig n ific a ti, s o p r a ttu t to m e ta fo r ic i: « d iffìc ile , d u ­ irr ig id ito il s u o c u o r e » ) fa c e n d o s ì c h e d i c o n s e ­
r o , s e v e r o , c ru d e le , p e r v ic a c e , o stin a to » c h e si g u e n z a q u e s ti m u o v e s s e g u e r ra a Isr a e le (p er
c h ia ris c o n o in b a se al c o n te s to , al p a ra lle lis m o l’a s p e tto te o lo g ic o H esse 4 0 -4 4 ; 8 4 -9 5 ; J .M .
d ei m e m b ri, ai s in o n im i e ai c o n tr a r i (v. s o t to , v). S c h m id t, Gedanken zum Verstockungsauftragje-
U n ’ e c c e z io n e è p r o b a b ilm e n te Is. 2 7 , 1 , d o v e si sajas [/ j. v i] : V T 2 1 [ 1 9 7 1 ] 6 8 -9 0 ).
p a rla d e lla « d u ra e g r a n d e s p a d a di J h w h » ( c fr. tu t­ d ) L o c u z io n i c o n qàsà s o n o u sa te p e r d e s c r iv e ­
ta v ia s o tto , v ). re i p o v e r i, g li o p p r e s s i, i m ise ri: G io b b e p r o v a
A n c h e se in c e rte lo c u z io n i qàsà c o m p a r e s o l­ c o m p a s s io n e p e r c h i « h a g io r n i d u r i» ( Iob 3 0 ,2 5 ).
ta n to in s tr u ttu r e s in ta ttic h e fis se , d a c iò n o n d i­ A n n a d e s c r iv e si d e fin is c e 'issa q'sat-rùàh «u n a
p e n d e il s ig n ific a to . d o n n a d a llo s p ir ito a m a re g g ia to » (1 Sam. 1 , 1 5 ; c fr .
1. qàsà si r ife r is c e a u o m in i ( H e s s e 7 - 1 4 ) ch e p e r ò B H S ; c fr . a n c h e rv .4 .b ).
s o n o d e s c ritti c o m e « d u r i, p e r v ic a c i, o stin a ti» . Il p tc . nif. niqseh (Is. 8 ,2 1 p a r. rà'èb « a ffa m a ­
a) E s s i lo s o n o in g e n e ra le r ig u a r d o ad a ltri u o ­ w aw e s p lic a tiv o ; c fr . E .J .
to » , p r o b a b ilm e n te c o n
m in i. Young, The Book o f Isaiah 1, N I C O T * 19 7 2 , 3 2 0
C h i in d u r isc e il p r o p r io c u o r e o la p r o p r ia s. n r. 4 4 ; H . W ild b e r g e r , B K x / i \ 3 5 5 ; v . a n ch e
c e rv ic e (v. s o t to , iv ) c a d r à n e lla d is g r a z ia (c fr. iv .8 ) s ig n ific a fo r s e « ir r ita to » (Einheitsiiberset-
Prov. 2 8 ,1 4 ; 2 9 ,1 ) , al c o n t r a r io d e g li u o m in i ch e zung) o p p u r e « a v v ilito » ( K B L J 10 7 4 ) .
« so n o sem p re tim o r o s i» ( 2 8 ,1 4 ; a n a lo g a m e n te 2. qàsà d e s c r iv e a n ch e c o s e o fa tti c h e s o n o c o n ­
Ecclus 1 6 ,1 4 ) . C o s ì N a b a l è qàseh (c io è r o z z o ) e s id e ra ti « d u ri» :
c a ttiv o (/ Sam. 2 5 ,3 ) ; i fig li di S e ru ia s o n o « tr o p ­ a) la sp a d a d u r a , g r a n d e e fo r te d i J h w h , c o n la
p o fo r ti» p e r D a v id (2 Sam. 3 ,3 9 ; c fr . a n ch e Ec­ q u a le e g li p u n is c e il L e v ia t a n e a ltri m o s tr i (Is.
clus 8 ,1 : 7 trjb 'm qsh m[mk\) m e n tre D a v id è d e ­ 27, 0 ;
b o le (rak). S u g li « u o m in i d i G iu d a » (2 Sam. 19 , b ) u n v e n to « d u ro » , c h e J h w h in v ia nel g io r n o
44 ) v . s o t to , 2 .d ). d e l v e n to o rie n ta le (Is. 2 7 ,8 ; c fr . Ex. 1 4 , 2 1 , d o v e
J h w h c o n se g n a l’ E g it t o in p o te r e d i u n d u r o « v e n to o rie n ta le » è'azzà, v . s o t to , v n .4 ) ;
s ig n o re ( ’àdónìm qaseh, Is. 19 ,4 ; B ro c k e lm a n n , c) la m a n o , c h e q u a lc u n o re n d e « d u ra » (qal) su
Synt. § 19C; c fr . H . W ild b e r g e r , B K x/2 7 1 2 ; D . a ltri: J h w h su i F ilis te i (/ Sam. 5 ,7 ; c fr . jàqél ’et
H u m m e l, J B L 7 6 [ 1 9 5 7 ] 1 0 1 in te rp re ta ’àdòn s in g . jà d [6 ,5 ] e kàbéd jà d [5 ,6 ]), Isr a e le su J a b in , re d i
+ mem e n clitic a ). C a n a a n (Iud. 4 ,2 4 );
b ) D i fr o n t e a D i o Is r a e le è « o stin a to » (q'seh d ) p a ro le « d u re » : le p a ro le d e g li u o m in i di G i u ­
'óref, Ex. 3 2 ,9 e c c ., a n c h e Is. 4 8 ,4 v . s o t to , i v . i ) , d a fu r o n o p iù d u r e d i q u e lle d e g li u o m in i d ’ Is r a e ­
h a u n c u o r e d u r o (Ezech. 3 ,7 p a r. « h a u n a d u ra le (2 Sam. 19 ,4 4 [c o sì H .W . H e r t z b e r g , A T D 10 ,
c e rv ic e » ), n o n a s c o lt e r à i p r o fe t i e n e m m e n o D io . 2 9 5 ; d iv e rs a m e n te : « G li u o m in i d i G iu d a fu r o n o
L a g e n e ra z io n e « d ei fig li» h a « u n v o lto d u r o » c a p a rb i n e lle lo r o p a r o le » ; c fr . P .K . M c C a r t e r , A B
(Ezech. 2 ,4 , v . a n c h e iv - 3 ) . Is r a e le è in v ita to a n o n 9 , 4 1 4 , o p p u r e « a v e re il s o p r a v v e n t o » ( J . M a u c h -
e sse re o stin a to c o m e i s u o i a n ten ati (Deut. 1 0 , 1 6 ; lin e , 1 and 2 Samuel, N C e B , 29 3 s.);
2 Chron. 30 ,8 ) e a n o n in d u r ire il p r o p r io c u o r e e) a n ch e c a si g iu r id ic i (d'bàrìm ) p o s s o n o e s s e ­
c o m e a M e r ib a (Ps. 9 5 ,8 ). re « d u ri» d a e s se r e p o r ta ti d a v a n ti a J h w h a f fin ­
S e d e c ia « in d u rì la p r o p r ia c e rv ic e e re se o s t in a ­ c h é s ia lu i a d e c id e r e (Ex. 18 ,2 6 ) ; a n a lo g a m e n te
to il p r o p r io c u o r e » (2 Chron. 3 6 ,1 3 ) . I l fa ra o n e Deut. 1 , 1 7 : « U n dàbar c h e è tr o p p o d u r o (jiqseh)
si o s tin ò (se n z a o g g ., v . s o t to , iv . 5), d a l m o m e n to p e r v o i» , in c o n tr a s to c o n haddàbar haqqàtón
c h e n o n v o lle la sc ia re a n d a r e Is r a e le (Ex. 1 3 , 1 5 ) . « u n a q u e s tio n e s e m p lic e » , c h e p u ò e s se re r e g o la ­
E Iob 9 ,4 p o n e la d o m a n d a re to ric a : « C h i in d u rì ta d a i « cap i di m ig lia ia » ecc. (Ex. 18 ,2 5 ) ;
4 i (v i i ,2 o 8) qisà (M. Zipor) (v ii,209) 42

f) g e n e ric a m e n te , u n a fa c c e n d a p u ò e sse re s e n ­ sio n e « la tu a d is o b b e d ie n z a (merì) e la tu a c a p a r ­


tita c o m e d u ra : « N o n s ia d u r o ai tu o i o c c h i se b ietà (‘óref qàseh )» , n e ll’u ltim o d is c o r s o d i M o s è
d o v ra i lib e ra re il tu o s c h ia v o » (Deut. 1 5 , 1 8 ) ; (Deut. 3 1 ,2 7 ) , r im a n d a al s u o d is c o r s o in 9,4 ss.;
g) u n a p r e g h ie r a p u ò e s s e r e d u r a /d iffic ile . N e l ­ a n a lo g a m e n te hiqsà + o g g . 'ó ref d ’Is r a e le (2 Reg.
hiqsà + in f., hiqsà h a la fu n z io n e di
la c o s tr u z io n e 7 ,1 4 ; Ier. 7 ,2 6 ; 1 7 ,2 3 ; 1 9 , 1 5 ; Nehem. 9 ,1 6 s.2 9 ).
hiqsità lis ’òl « h a i c h ie s to q u a lc o s a di
u n a v v e r b io : Isr a e le è e s o r ta to a n o n e s se re m ai p iù o stin a to
d iffic ile » (2 Reg. 2 ,10 ) ; (Deut. 1 0 ,1 6 ; 2 Chron. 30 ,8 ).
h) 2 Sam. 2 , 1 7 d e fin isc e « d u ra » u n a b atta g lia ; 2. q esè lèb o p p u r e hiqsà lèb in d ic a la c a sa di
i) u n la v o r o d u r o è im p o s to d a i d e s p o ti: d a g li Isra e le , c h e n o n v u o le o b b e d ire (Ezech. 3 ,7 p a r.
E g iz ia n i su g li Is r a e liti (Ex. 1 , 1 4 ; 6 ,9; Deut. 26 ,6 ), « ha u n a fr o n te d u ra » ). Is r a e le n o n d e v e in d u rire
d a S a lo m o n e (/ Reg. 1 2 ,4 - 2 Chron. 10 ,4 ) e d a l­ il s u o c u o r e c o m e a M e r ib a (Ps. 9 5 ,8 ); q u e sta m e ­
l ’ o p p r e s s o r e (Is. 14 ,3 ) ; ta fo ra è p ro b a b ilm e n te d e s u n ta d a l c o n te s to in
j) u n g io g o « d u ro » è l’ im m a g in e p e r u n la v o r o Deut. 1 0 , 1 6 (c fr. S c h m id 95 s.).
p e sa n te (1 Reg. 1 2 ,4 = 2 Chron. 10 ,4 ; v. s o tto , A n a lo g a m e n te v a g iu d ic a to maqseh libbó
i v .7 ) ; (Prov. 2 8 ,1 4 ) . L e a tte s ta z io n i fin o r a m e n z io n a te
k) la p a ss io n e a m o r o s a (qin’à) « d u ra » è s e c o n ­ si r ife r is c o n o a u o m in i c h e in d u r is c o n o il p r o p r io
d o G e r le m a n ( 4 1 2 ) « p o te n te » c o m e la se’òl (Cant. c u o re . In Ex. 7 ,3 è D i o c h e in d u risc e il c u o r e d el
8,6 p a r. « l’ a m o re è 'azzà c o m e la m o rte » ); fa ra o n e .
1) la c o lle r a d i S im e o n e e L e v i è « d u ra » (Gen. 3. L a lo c u z io n e q esè pànim « c o n v o lto c a p a r ­
4 9 ,7 p a r. « il lo r o fu r o r e è €az; c fr . C . W e s te r - b io » r ic o r r e s o lta n to in Ezech. 2,4 (p ar. hizqè
m an n , B K 1/3 , 2 4 7 : « L a lo r o ira , p e rc h é v io le n ta » lèb). D a l m o m e n to c h e q u e sta fr a s e m an ca nei
// « la lo r o c o le ra , p e rc h é è s ta ta d u r a » ; c fr . an ch e L X X , la s i g iu d ic a s p e s s o u n a g lo s sa , « citata» d a
Am. 1 , 1 1 ) ; 3 ,7 ( G . F o h r e r , H A T 1 / 1 3 , 1 5 ; W . E ic h r o d t , A T D
m ) s tra d a « d u ra » (Iud. 2 ,1 9 ) sta a in d ic a re « c o m ­ 2 2 4, 9), o p p u r e « c o m e u n a lib e r a v a r ia z io n e di 3 ,7
p o r ta m e n ti o stin a ti» e v a fo r s e c o n sid e ra ta u na s.» (W . Z im m e r li, B K x i i i / i 2, 9); c fr . tu tta v ia
fr a s e e llittic a ( c fr. H e s s e 1 4 ; v a n d e r W o u d e 6 9 1) . G r e e n b e r g 1 3 5 ss.: egli p a ra g o n a la lo c u z io n e ad
n ) L ’ u n ic a a tte s ta z io n e al pi. (watt1qas b elidtà) pànim (Is. 5 0 ,7 ; Ier.
a ltre m e ta fo r e c o s tr u ite c o n
d e s c riv e p r o b a b ilm e n te u n « p a r to d iffic ile »(Gen. 5 ,3 ; Ex. 20,20) e s o s tie n e l’ o p in io n e c h e q u e s to
3 5 ,1 6 ) . D a l m o m e n to c h e il P e n ta te u c o S a m a r ita ­ e p ite to di Isr a e le s o s titu is c a q u i l’ a b itu a le « o s ti­
n o p ro b a b ilm e n te in te n d e wtqsh c o m e u n nif. n a to » e si p r e s e n ti c o n u n a n u o v a c o n n o ta z io n e :
( L O T i ii / i , 38 6 ) e nel v . 1 7 b'haqsótàh è un hif., m an ten ere u n ’ e s p r e ss io n e c h e n o n tra d isc e n e s ­
m o lti s tu d io si r ite n g o n o c h e a n ch e n e l v . 1 6 n o n su n se n tim e n to .
c i s ia u n pi. m a c h e si d e b b a le g g e re , c o m e n e l v . 4. In s ie m e a rùàh s i tr o v a n o d iv e rs e sfu m a tu r e
1 7 , il hif. watteqes ( G k a § 48 g ; B H K ; B H S ) . V a d i sig n ific a to :
te n u to c o n to , in o ltre , d e ll’ u s o lin g u is tic o c a n a n e o a) l’ e s p r e s s io n e « Jh w h in d u r ì (hiqsà) il s u o s p i­
a n tic o (c fr. J . A . S o g g in , V T 1 1 [ 1 9 6 1 ] 4 3 2 ; c fr . a n ­ r ito » ( o v v e r o re se [S ih o n J o stin a to [Deut. 2 ,3 0 ]
ch e E . Je n n i, Das hehràische P i'el, 1 9 6 8 , 9 1 ) . p a r. ’immès ’et l ebàbó) h a lo s te s s o s ig n ific a t o d e l­
l’ e s p r e ss io n e « eg li in d u rì il c u o r e d el fa ra o n e »
iv . qàsà ha il s ig n ific a to (c fr. Ex. 7,3).
In d iv e rs e c o s tr u z io n i
d i « e sse re , d iv e n ta re r ib e lli» , s o p ra ttu tto c o n tr o b) I n / Sam. 1 , 1 5 , q u a n d o A n n a d e s c riv e se
D io , o « re n d e re rib e lle » q u a lc u n o , c o n D i o c o m e ste s sa c o m e ’issà q esat rùah , il s ig n ific a t o « o s tin a ­
s o g g e tto . to» (c o s ì S .R . D r iv e r , Notes on thè H ebrew Text
1. Il n e ss o d i qàseh c o n 'ó re f (-* 'rp 11.4 ) « re c a l­ and thè Topography o f thè Books o f Samuel, O x ­
c itra n te , rib e lle » c a ra tte riz z a c o lu i c h e n o n a s c o l­ fo r d * 1 9 1 3 ) n o n si a d atta al c o n te s to . M o lti e s e g e ­
ta o n o n ce d e . L ’ e s p r e ss io n e q eseh ‘óref r ic o r r e 6 ti h a n n o p e r c iò p r e fe r ito la le z io n e d ei L X X : fi
v o lte , s e m p r e c o n ‘ àm: tu tte le a tte s ta z io n i si trxXepà Y)(j.épa « d o n n a d i u n g io r n o d u r o » (co m e
tr o v a n o in E s o d o e D e u t e r o n o m io , nel c o n te s to Iob 3 0 ,2 5 ), o ss ia q u a lc u n o c h e h a a ttr a v e rs a to un
d e g li e v e n ti le g a ti al v ite llo d ’ o r o (Ex. 3 2 ,9 ; 3 3 , m o m e n to p e s a n te , g io rn i tristi ( B H K ) ; s im ilm e n ­
3 .5 ; 3 4 ,9 ; Deut. 9 ,6 .1 3 ) , c o m e e p ite to di I s r a e ­ te S to e b e ( K A T v m / i , 9 1 ) p a rla d i « u n a d o n n a
le. L ’ e s p r e s s io n e « la d u r e z z a (qesi) d i q u e s to d is p e ra ta » ( c fr. V g .). P .R . A c k r o y d ( C B C ) p e n sa
p o p o lo » (9 ,2 7 ) è p r o b a b ilm e n te u n ’ e llisse p e r qesi p iu tto s to a: « Io s o n o s o b r ia » , c o m e r e a z io n e al
'orfò (c fr. la s c is sio n e d e lla lo c u z io n e in Is. 4 8 ,2 4 : r im p r o v e r o d i E li, c h e A n n a s e m b ra u b ria c a (v.
«sei o stin a to [qaseh], il tu o c o llo h a te n d in i d i fe r ­ 14 ) . G .W . A h ls t r ò m ( B ib 60 [ 1 9 7 9 ] 2 5 4 ) s p ie g a
r o e la tu a s c h ie n a è d i b r o n z o » ) . A n c h e l ’ e s p r e s ­ c o n « d ec isa, o stin a ta » ; G e r le m a n ( 4 1 1 ) in te rp re ta
43 ( v n , 2 i o ) qàsà (M . Z ip o r) (vn,2ii) 44
«stabile», L o re tz ( B Z N .F . 3 [19 5 9 ] 293 s.) «di 4 2 ,7 .3 0 ) ; « se n z a a lc u n a fa m ilia rità o se n z a n e ss u ­
grande coraggio, valente». n a p a rt e c ip a z io n e in tim a » ( G . G e r le m a n 4 1 2 ) ; c fr .
5. A b itu a lm e n te s i c o n s id e ra hiqsà s e n z a o g g e t­ 'ànà 'azzót in c o n tr a s to c o n dibber tahàn&nim
to (co m e ad es. Ex. 1 3 , 1 5 ; Iob 9 ,4 ; v . s o p r a , m . i . b ) (v . s o t to , v n .4 ) e dibber rakkót (Iob 4 0 ,2 7 ) p a r.
u n a c o s tr u z io n e e llittic a alla q u a le v a a g g iu n to tahànunim.
l’ o g g e tto « su a c e rv ic e » ( o p p u r e « c u o re » o « s p ir i­
to » ). T u tta v ia hiqsà p u ò e s se re u sa to a n ch e in v. miqsà « c a m p o d i c e trio li» in Is. 1,8 ; Ier. 10 ,5 ,
s e n s o in tra n s itiv o (c fr. Je n n i 9 7 ). C f r . an ch e'm da *qissu’à (Num. 1 1 , 5 ) , d e r iv a c o m e miqseh
mn ’qih « c o n c h i d e b b o lo tta r e ? » ( A h iq a r 14 0 ). « fe r r o p e r a r r ic c ia r e i c a p e lli (?)» (Is. 3 ,2 4 ) d a qsh
L a lo c u z io n e « la v o s t r a (d i Isr a e le ) v ia d u ra » 11 ( K B L * 5 9 5 ); G e r le m a n 4 1 3 s . fa d e r iv a re miqsà
(<darkàm haqqasà) r ife rita a Is r a e le (Iud. 2 ,1 9 ) è in Ier. 10 ,5 d a qsh 1 « rig id o /d u r o » : « stru ttu ra r i­
in o g n i c a so u n ’ e s p r e s s io n e e llittic a , c h e in d ic a «la g id a » ( c fr. le v e r s io n i c h e lo tr a d u c o n o « o g g e tto
v ia (= il m o d o d ’ a g ire ) c h e d e r iv a d a lla lo r o o s t i­ m a r te lla to » , in m o d o s im ile a Ex. 2 5 , 1 8 ecc.).
n a z io n e » (c fr. H e s s e 14 ; v a n d e r W o u d e 6 9 1) . P e r q u a n to r ig u a r d a i c h e ru b in i (Ex. 2 5 ,1 8 ; 3 7 ,
6. qàseh + ’àbodà in d ic a il « la v o r o d u r o » (v. 7 ) , il c a n d e la b r o (Ex. 2 5 ,3 1 .3 6 ; 3 7 ,1 7 . 2 2 ; Num. 8,
s o tto , m . 2 . 1 ) . 4) e le tr o m b e (Num. 1 0 ,2 ; a n ch e Ecclus 5 0 ,16 ) i
7. hiqsà + 'ól (1 Reg. 1 2 ,4 = 2 Chron. 10 ,4 ) « re n ­ c o m m e n ta r i o s c illa n o fr a i se g u e n ti sig n ific a ti:
qll hif.) è
d e re p e san te u n g io g o » (il c o n tr a r io è « la v o r o e s e g u ito a tto rc ig lia n d o » (d a qsh 1 1 ; K B L 3
d is c u s so : M . N o t h ( B K i x / i 2 7 3 ) rim a rc a c h e a 5 9 5 ), « la v o r o m a rte lla to » ( C h ild s , Exodus, O T L ,
'ól « g io g o » n o n è r ife rito qàseh « d u ro » m a s o l­ 5 1 3 ) e « la v o r o a s b a lz o » ( M . N o t h , A T D 7 , 60. 66;
ta n to kàbéd « p e sa n te » , c o m e e ffe ttiv a m e n te r i­ c fr . n gjd’ d e l T a r g u m ) o p p u r e «di u n s o lo p e z z o »
s u lta nel c o n te s to in u n a fr a s e s im ile (1 Reg. 1 2 ,1 0 . ( c o m e lo in te rp re ta n o i s a g g i ta lm u d ic i e m e d ie ­
1 4 = 2 Chron. 1 0 , 1 0 . 1 4 ) ; c fr* a n ch e 'ól c o n kàbéd v a li g iu d e i), p e r c u i si a tta g lia m e g lio miqsà ’ahat
(1 Reg. 1 2 , 4 . 1 1 = 2 Chron. 1 0 , 4 . 1 1 ) . D i c o n s e ­ (Ex. 2 5 ,3 6 ; 3 7 ,2 2 ) (d a qàsà 1 « d u ro » ; c fr . G e r le ­
g u e n z a e g li in te rp re ta 'ól n e l s e n s o di « c a r ic o » . I m a n 4 1 2 s.).
L X X AB tra d u c o n o hiqsà in 1 Reg. 1 2 ,4 c o n éfkipu- O s c u r a è la lo c u z io n e hitqòsesù (hitp.) waqóssù
vev c o m e se fo s s e hikbid, m e n tre qàsà è tra d o tto (Soph. 2 ,1 ) ; la m a g g io r a n z a d e i c o m m e n ta ri n o n
p iu tto s to c o n ctxXtqp-. la c o lle g a n o a qàsà m a a qìs ( c fr. W . R u d o lp h ,
8. L a m ano cade pesante (qàsà) su ('al) qu alcu ­ K A T x i i / 3 , 2 7 1 ; K B L 3 10 7 7 ) . J . G r a y (4 0 7 ) tr a d u ­
no (v. sotto, 111.2 .C ). L 'hap. leg. niqseh in Is. 8 ,2 1 c e p e r ò « in d u r ite v i e sta te sa ld i» ; a n a lo g a m e n te
«oppresso» ha p ro bab ilm en te il sign ificato p a ssi­ G e r le m a n 4 1 4 : « siate s o b r i e rim a n e te s o b r i» .
vo dell’ espressione corrispon den te.
9. qàsà r ic o rr e a n ch e c o m e a g g . fe m . se n z a a l­ qsh è c o lle g a ta se m a n tic a m e n te , e
v i. L a r a d ic e
cu n nom e. fo r s e a n ch e e tim o lo g ic a m e n te , a qàsà (c fr. il v e r ­
a) L a lo c u z io n e h ir’ità 'am rnkà qàsà (Ps. 6 0 ,5 ) b o a r a b o qasaha 'e s s e r e d u r o ’ e il n o m e s u d a r a b i­
sig n ific a : « T u h ai fa tto v e d e r e la d u r e z z a al tu o c o qsh ‘d u r e z z a , v io le n z a ’ ; B G M R 10 8 ). I l v e r b o
p o p o lo » . L a p r o p o s t a d i e m e n d a z io n e hirwètà «tu è a tte s ta to s o lo al hif. e n e ll’ A .T . c o m p a r e 2 v o lte :
hai s a z ia to » r im a n d a al p a ra lle lo hisqità «tu hai (a) c o n lèb c o m e o g g e tto : « T u ( Jh w h ) ren d i d u ­
b e v u to » d e l v . 5b ( c fr. H . - J . K r a u s , B K x v / 2 5, 5 8 5 - r o il n o s tr o c u o r e , c o s ic c h é n o n p r o v ia m o p iù ti­
58 8 ; s u lla c o n g e ttu r a horé’tà «h ai fa tto tr a b o c c a ­ m o r e d i te» (Is. 6 7 , 1 7 ; c fr . qsh + lèb, Ex. 7 ,3 ) ;
re» d a j r ’ n « fa re u n a lu n g a s o r s a ta » , c fr . M . D a ­ (b ) s e n z a o g g e tto ( c fr. s o p r a , iv .9 ): « E s s a te m ­
h o o d , A B 1 7 , 78). p r a i s u o i p ic c o li ( o p p u re : si c o m p o r t a d u ra m e n te
b) N e lla fr a s e « lo s o n o m a n d a to d a te qàsà' c o n i s u o i p ic c o li» (Iob 3 9 ,1 6 ) . S i tr o v a a n c o ra
(d etta d a A h ia a lla m o g lie d i G e r o b o a m o in / u n a v o lta in Ecclus 3 0 ,1 2 ( + wmrh bk; il te s to ha
Reg. 14 ,6 ) qàsà n o n s i r ife r is c e a lla fo r m a ( q u a l­ l’ o s c u r o wjsqh).
c o s a c o m e « c o n p a ro le d u re » ) m a al c o n te n u to
Synt. § 9 3 n );
d e l m e s s a g g io (B r o c k e lm a n n , v i i . U n a s e rie d i e s p r e ss io n i fu n g e d a s in o n im o
c) qàsà in d ic a a n ch e il m o d o : S a u l r is p o n d e d u ­ di qàsà\ e sse c o m p a io n o in p a ra lle lis m o n e lla
ram e n te a G io n a t a (1 Sam. 2 0 ,10 ) ; R o b o a m o r i­ s te s s a fr a s e , in e s p r e s s io n i a ffin i (v. s o p ra , ìv ) o in
s p o n d e c o n a rr o g a n z a al p o p o lo (1 Reg. 1 2 , 1 3 = 2 c o n te s ti id e n tic i:
Chron. 1 0 , 1 3 ) ; 1. -> ‘àmas: + lèb: J h w h in d u r isc e il c u o r e di S i-
d) L ’ a g g . fe m . pi. qàsót fu n g e d a n e u tro c o n hon (Deut. 2 ,3 0 p a r. hiqsà ’et rùho)\ S e d e c ia in ­
s ig n ific a to a v v e r b ia le ( c fr. G K a § i 2 2 q ) : « p a rla re d u r is c e il p r o p r io c u o r e (p a r. hiqsà 'orpò, 2 Chron.
in m o d o a rro g a n te » ( G iu s e p p e ai su o i fra te lli Gen. 36,13).
45 (v a ,2 i2 ) qdsar (J. Conrad) (V II.2I3) 46

2. -» hzq: c o n léb p a r. qesépànim (Ier. 5 ,3 ); c o n v . s o t to , 1 1 . 1 . Il g r u p p o le s s ic a le r ic o r r e in o ltre 5


mésah p a r. q'sé léb (Ezech. 3 ,7 ) ; c o n j i d ‘al (Ezech. v o lte n e l S ir a c id e (2 v o lte il v e r b o al qal, 3 v o lte
3 , 1 4 , c fr . s o p r a , 111.2.C; rv.8). qeser, l ’u ltim a d e lle q u a li in 4 1 , 1 8 è tu tta v ia in ­
3 .- » kàbed: + léb (Ex. 7 , 1 3 e c c .); ta n to qsb ce rta , v . s o t to , ili) .
q u a n to kbd c o m p a io n o c o n l o s te s s o s ig n ific a to Il s ig n ific a t o b ase è ‘ le g a r e ’ . A e s s o s o n o c o n ­
in c o m e a ttrib u ti d e i n o m i milhamà e 'àbodà. fo r m i il qal d e l v e r b o in 1 3 a tte s ta z io n i, il nif. ( c o ­
4. -» 'zz\ p a r. qdsà (Gen. 4 9 ,7 ; Cant. 8,6 ; c fr . m e p a s s iv o o r ifle s s iv o ) , il pi. (c o m e r is u lta tiv o , v.
in o ltre Iud. 3 ,1 0 ; Prov. 18 ,2 3 ) . E . Je n n i, Das hebrdische P i'el, Z iir ic h 19 6 8 , 18 9 )
C o n t r a r i s o n o qll ( iv .7 ) , rkk ( i l i . 1 .a; iv .9 .d ) e e il n o m e qissurim (su l cu i s ig n ific a t o v . s o tto ,
qtn ( in .2 .c ) . 1 1 .1 ) . N e lla m a g g io r p a rte d e lle a tte s ta z io n i il s i ­
g n ific a to s ta tiv o ‘ e s se r e le g a to ’ ris u lta p e r ò p r e ­
v i l i . A Q u m r a n s i tr o v a n o le s e g u e n ti lo c u z io ­ v a le n te , ed è s e m p r e in te so c o m e T e sse r leg a ti d i
ni c o n qdsà/qdseh: 'wrp qsb ( i Q H fr. 1 2 ,4 ; i Q S u n g r u p p o d i p e r s o n e im p e g n a te in u n a c o s p ir a ­
5,5 [c o n Imwl 'wrlt jsr, c fr . Deut. 1 0 ,1 6 ] ) ; qsj 'wrp z io n e , d u n q u e nel s e n s o d i ‘c o s p ir a r e ’ . P e r il v e r ­
( i Q S 6 ,2 6 ); 'ir jqsw ’t 'wrpm ( 4 Q 1 8 2 1 , 2 s.); qsw b o q u e s to v a le p e r la m a g g io r a n z a d e lle a tte s ta ­
b'wrpm ( 4 Q 5 0 4 4 ,7 ); Ibb qwsj ( i Q M 14 ,7 ; u na z io n i al qal c o m e al hitp. (di fa tto c o n lo s te s so
e s p r e ss io n e in u s u a le , c fr . Y . Y a d in , The Scroll of v a lo re d e l qal) e p e r il n o m e qeser (p e r il s ig n ifi­
thè War of thè Sons of Light Against thè Sons of c a to s u g g e rito d a D r iv e r in Is. 8 , 1 2 - 1 4 , v - s o tto ,
Darkness, J e r u s a le m * 1 9 5 7 , 3 4 1 s .; C . H . H u n z in - 11.2 ).
g e r, Z A W 69 [ 1 9 5 7 ] 1 3 8 s .; p a r . gwjj rs’h) e [qw]sj O lt r e c h e n e ll’A .T . il g r u p p o le s s ic a le è a tte s ta ­

Ibb ( 4 Q 4 9 7 1,4 ). to in m e d io e b r a ic o e s o t to l ’ in flu e n z a d i q u e ­


M. Lipor s t’ u ltim o in a r a m a ic o g iu d a ic o , d o v e v ie n e p e r ò
v a lo r iz z a to e s se n z ia lm e n te s o lo il s ig n ific a t o tr a n ­
s it iv o di ‘ le g a re ’ (c o sì a n ch e nel n o m e qeser, v .
Dict. Talm. 1 4 3 2 s.). I n q u e s to a m b ito s i c o llo c a ­
qdsar n o a n ch e d u e a tte s ta z io n i nei testi e b r a ic i d i Q u m ­
ran . M a n c a n o c o r r is p o n d e n z e d ire tte n e lle a ltre
lin g u e s e m itic h e . D u b b io è c h e s i p o s s a s u g g e rir e
qeser, qissurim
u n a p a re n te la c o n l’acc. kasdru(m), keseru ‘ r e sta u ­
r a r e ’ ( C A D K 2 8 4 -2 8 6 , A H w 4 6 1 s .; c o s ì p e n s a ­
1 .1. A ttestazioni, significato fondam entale, etim ologia.
n o G e s B 7 3 2 ; K B L J 10 7 6 ). C i p o tr e b b e e sse re
- 2. T raduzione nei L X X . - n . Il significato nei casi
u n a re la z io n e d e lla ra d ic e c o n -» qdsar 1, e a llo r a a
particolari. - 1 . 'Legare*. - 2. ‘ C o sp irare’. - IH. L e atte­
stazioni nel Siracide. p a rtir e d a q u i p o tr e b b e r o r is u lta re d ei p a ra lle li
c o n le a ltre lin g u e s e m itich e .
Bibl.: P .R . A c k ro y d , The Verb L o w - ’ àhéb in thè Da-
vid-Jonathan-Narratives: V T 25 (19 7 5 ) 2 13 s. - G .R . S u ll’ assai incerta attestazio n e presen te n e ll’ o stra-
D river, Two Misunderstood Passages of thè 0 . 7*.: JT h S t co n d i L ac h ish 5 ( D IS O 268) v . K A I nr. 19 5 . L a
6 (19 5 5) 82-87. “ C .A . Evans, An Interpretation of Ita p resen za del ptc. pass, qal e del ptc. pu. in Gen. 30,
8 ,11-if Unemended: Z A W 97 (19 8 5 ) 12 2 s. - E .E . 4 1 s. è pro b lem atica. In base al c o n testo b iso g n a c o n ­
Platt, Jewelry of Bible Times and thè Catalog of Isa clu dere che il sig n ificato sia ‘ fo rte ’, ‘ p o te n te ’, m a
A U S S t 17 ( 1 9 7 9 ) 7 1 - 8 4 . 18 9 -2 0 1. q u esto non si acco rd a a ffatto co n il su d d etto sig n ifi­
cato base di qdsar (con G e s B 7 3 3 , q u alco sa com e
1.1.I I g r u p p o le ssic a le qdsar r ic o r r e n e ll’ A .T . ‘essere legato sald am en te’ = ‘ teso, fo rte ’). P ro b a b il­
(so lta n to in e b ra ic o ) c o m p le s s iv a m e n te 6 0 v o lte . m ente o cc o rre p erc iò co n sid erare la d eriva zio n e da
u n ’altra radice, e p er qu esto si p u ò c o n fro n ta re l’ ar.
Il v e r b o c a tte sta to 3 6 v o lte a l qal (v a a g g iu n ta
qaswarat ‘ po ten te, fo rte ’ (da qasara ‘ fo r z a r e ’; L an e
fo r s e la c o n g e ttu r a in Ier. 1 2 ,6 , v . s o t to , 11.2 ) , 2
2 5 2 2 ; co sì an che G e s B 7 32 s.; cfr. K B L J 10 7 6 ).
v o lte c ia s c u n o al nif. e al p i , 1 v o lta al pu. e 3
hitp. (p e r u n hif. c o n g e tt u r a t o in Is. 8 , 1 3
v o lte al 2. N e i L X X il qal d e l v e r b o c o l s ig n ific a t o d i
qeser
s ., v . s o t to , 11.2 ) . D u e s o n o i n o m i d e r iv a ti, ‘ le g a re ’ è tr a d o tto c o n S c iv e i s u o i c o m p o s t i, m a
e qissurim. Il p r im o è a tte s ta to 1 4 v o lte (m a in a n ch e c o n àtpóiTCTeiv (è^otKTEtv) (c o n la s o la e c c e ­
Ezech. 2 2 ,2 5 *1 te sto è c o r r o t t o ed è d a e m e n d a re Gen. 4 4 ,3 0 ; Prov. 7 ,3 ) , m e n tre nel s e n s o
z io n e d i
s e c o n d o i L X X , c fr . B H S ) , m e n tre p e r il s e c o n d o auaipé-
d i ‘ c o s p ir a r e ’ è p r e v a le n te m e n te r e s o c o n
ci s o n o 2 a tte s ta z io n i (p e r u n ’a ltr a c o n g e ttu r a le in (fcaSai (in Am. 7 , 1 0 s i ha u n a c o s tr u z io n e c o n
Ioh 8 ,1 4 , v. s o t to , 1 1 .1 ) . P e r l’ ip o te s i d i u n u lte r io ­ CT'jo'Tpocpri, in 2 C r o n a c h e s e m p re è ~ iT i$ e a & a i, in
re d e r iv a to , miqsar, c o m e c o n g e ttu r a in Is. 8 ,1 4 , / Reg. 1 5 , 2 7 T iep ixa^iSetv, in 2 Reg. 1 2 , 2 1 Seiv,
47 ( v i i , 214 ) qdsar (J. C onrad) (VII,2I4) 48

sp o ra d ic a m e n te a n c o ra c o n a ltri v e rb i d e ll’a g ire lie n a b ile . U n ’ im m a g in e a n a lo g a , r ife r ita in q u e s to


in sie m e). A l p tc . p a ss, qal in Gen. 3 0 ,4 2 c o r r i­ c a so a lle is t r u z io n i e ai c o m a n d a m e n ti d e i g e n it o ­
s p o n d e èrJ.GTl'ioz. P e r il pi. si in c o n tr a in Is. 4 9 ,18 ri e d ei m a e stri di s a p ie n z a , s i tr o v a in Prov. 3 ,3 ;
TiepiTi-^Eo-'Sai, in Iob 3 8 ,3 1 au vtévat 8e<t|J.Óv, p e r il 6 , 2 1 ; 7 ,3 ( c fr. 3 , 1 [a q u e s to v e rs e tto v a r ife r ito il v.
hitp. in 2 Reg. 9 ,1 4 aim p é tp ea-Sat, in 2 Chron. 24, 3ap , m e n tre il v. 3 a a è p r o b a b ilm e n te u n ’a g g iu n ­
25 s. èn m -Se ff-Sai. P e r il nif. e il pu. n o n ci s o n o ta, v . P lò g e r , B K x v n 3 2 s.]; 6 ,20 ; 7 , 1 s. -» 'amar
e q u iv a le n ti (p e r il nif. in / Sam. 1 8 , 1 p o i n elle i v .2 [ ’e m e r ], -* miswà 1 1 1 . 7 , torà). Prov. 6 ,2 i a
re c e n sio n i p iù ta rd e au vSetcrdai). qeser è tra d o tto n o n m e n z io n a n e ssu n a p a rte c o n c r e ta d el c o r p o
p r e v a le n te m e n te c o n ctÙv§e(T(ao<; e aucjTp£|.i|Act, 1 alla q u a le l ’ o rn a m e n to d e b b a e s se r e le g a to , m a si
v o lta c ia s c u n o c o n o w x p o ?Y ) e a v v a l i ? (in 2 p a rla in m a n ie ra a stra tta d e l léb c o m e c e n tro d e l­
Chron. 2 3 , 1 3 ; 2 5 ,2 7 èxi-iòt'j&on o etu-Sesti^, in 2 l’e s se r e u m a n o (-> léb v ) e risu lta c o s ì c h ia ro c h e
Reg. 1 7 ,4 à S ix t'a , in Is. 8 , 1 2 axX rjp óc; p e r Ezech. si tratta d e ll’ in te r io r iz z a z io n e d e ll’e d u c a z io n e d a
2 2 ,2 5 v . s o p ra , 1). qissurim in Ier. 2 ,3 2 è tra d o tto p a rte d e ll’ u o m o . A l c o n tr a r io , si d ic e a n ch e in
ffTr,'8o8ea|us (in Is. 3 ,2 0 n o n c ’è u n a e v id e n te c o r ­ Prov. 2 2 ,1 5 c h e la s to lte z z a (‘iwwelet, -* ’àw ìl) è
r is p o n d e n z a ). N el S ir a c id e s i in c o n tr a per il a g g r o v ig lia ta n e ll’ in tim o d e l g io v a n e , in q u a n to
v e r b o in 7,8 xataSe crn E u eiv , p e r qeser in 1 1 , 3 1 a p p a rtie n e fo n d a m e n ta lm e n te al suo e sse re .
p e r la fig u r a e tim o lo g ic a in 1 3 , 1 2 , in tra ­ Q u a n d o in fin e si a ffe r m a c h e lanefes d i u n u o m o
d u z io n e lib e ra , xixaiai^ e 5ect|J.Ó; (p i.; p e r 4 1 , 1 8 , è a v v in ta a q u e lla di u n a ltr o (Gen. 4 4 ,3 0 ; nif. 1
v. s o t to , u t). Sam. 1 8 , 3 1 ) , si tratta a n ch e q u i di u n le g a m e ch e
p r o v ie n e d a ll’ in tim o e c h e a b b r a c c ia tu tto l ’e sse re
1 1.1. C o n il s ig n ific a t o tr a n s itiv o d i ‘ le g a re ’ il di e n tra m b i, c o s ic c h é p e r nefes in q u e s to c o n te s to
v e r b o si r ife ris c e in n a n z itu tto a o g g e tti c o n c r e ti. c o n ta s o p ra ttu tto l ’a s p e tto d e l d e s id e r io ch e è
C o m e s e g n o d i r ic o n o s c im e n to si le g a u n a c o r d a c a ra tte ris tic o d e ll’u o m o (-> nefes i v .2 ; in / Sam.
(Gen. 3 8 ,2 8 ; Ios. 2 , 1 8 .2 1 ) . L a c in ta m u ra ria d i G e ­ 1 8 , 1 p o tr e b b e tr o v a rs i s u llo s fo n d o a n c h e il s ig n i­
r u s a le m m e è ten u ta in s ie m e (n if, Nehem. 3 ,3 8 ) fic a to d i ‘c o s p ir a r e ’ , p r e c is a m e n te c o m e a llu sio n e
(p e r m e z z o di p ie tre le g a te le u ne a lle altre). D a a / Sam. 2 2 ,8 .1 3 tc ^r - s o t to , 2 ], d u n q u e c o m e r i­
q u i p o s s o n o s c a tu rir e a n ch e a ffe r m a z io n i t e o lo g i­ p r e s a le tte ra ria ; c o s ì A c k r o y d ) .
ca m e n te rile v a n ti. C o m e a z io n e s im b o lic a si p u ò A i le g a m i fr a g li e s se ri u m a n i, in q u e s to c a so i
le g a re u n a p ie tra a u n r o t o lo s c r itto e a ffo n d a rla m e m b ri d e lla c o m u n ità d i Q u m r a n , si r ife ris c e a n ­
n e ll’ E u fr a t e , p e r a n n u n c ia te la d is tr u z io n e d i B a ­ c h e il p tc. n if in C D 1 3 , 1 9 . N o n è c h ia r o tu ttav ia ,
b ilo n ia (Ier. 5 1 ,6 3 , c fr . v . 64). L e a tte s ta z io n i nel a c a u sa d e llo sta to fr a m m e n ta r io d e l te sto , a c h e
lib r o d i G io b b e s e r v o n o a d im o s tr a r e l’ in fin ita c o s a si r ife ris c a q u e s to leg a m e. Il s ig n ific a t o b ase
g r a n d e z z a d e lla fo r z a c re a tr ic e d i D i o , in c o n tr a ­ ‘ le g a re ’ d o v r e b b e r it r o v a r s i a n c h e n e l n o m e qis-
s to c o n i lim iti d e lle c a p a c ità u m a n e . L ’ u o m o n o n surìm. S i in te n d e u n o rn a m e n to fe m m in ile , in
s i tr o v a (c o m e D io ) n e lla c o n d iz io n e di le g a re le p a rtic o la r e p e r la s p o sa , c h e p r o b a b ilm e n te e ra a l­
P le ia d i c o n c a te n e p e rc h é r e stin o al lo r o p o s to la c c ia to (Is. 3 ,2 0 ; Ier. 2 ,3 2 ) . B is o g n a fo r s e p e n s a re
(p i 3 8 , 3 1 , -» kókàb I t . i ; d iv e rs a m e n te F o h r e r , a fa sc e su l p e tto (c o s ì i L X X in Ier. 2 ,3 2 , c fr . s o ­
K A T x v i 5 0 7 ) o d i te n e re le g a to il L e v ia ta n c o m e p ra , 1.2 ; v . W ild b e r g e r , B K x / 1 1 , 1 4 3 ) . S u lla c o n ­
u n c u c c io lo p e r i b a m b in i (4 0 ,2 9 ; c fr . p e r D io Ps. g e ttu ra qissurè qajis « lacci d ’ estate» in Iob 8 ,14
10 4 ,2 4 , -» liwjatàn). L ’ u o m o n o n p u ò n e m m e n o (B H S , K B L J 10 7 7 ) v. H o rst, B K x v i/ i , 12 6 . 1 3 3 .
a g g io g a r e il b u e s e lv a tic o a u n a c o r d a e di im p ie ­ I n o ltr e v a c ita to il n o m e qeser in C D 1 3 , 1 0 : in
g a r lo p e r l ’ a ra tu ra (Iob 3 9 ,10 ) . N e lla p r o m e s s a di q u e s to c a so (c o r ris p o n d e n te m e n te al m e d io e b r a i­
Is. 4 9 ,18 l’ o rn a m e n to c h e u n a s p o s a in d o s s a (p i, c o , v . s o p r a , 1 . 1 ) s ig n ific a « caten a » ed è u sa to c o ­
p e r 'a d ì -» 'àdà iv .2 ) r a p p re s e n ta u n ’ im m a g in e m e m e ta fo r a p e r la c o e r c iz io n e s o c ia le e p e r l ’o p ­
d ella g lo r ia e d e ll’ o n o r e d i S io n d o p o il r ito r n o p re s sio n e .
d e g li e silia ti nel te m p o fu tu r o d e lla s a lv e z z a . 2. Q u a n d o s o g g ia c e al g r u p p o le s s ic a le , o s s ia al
In s e n s o tr a s la to a n ch e i n o m i a s tra tti s o n o u s a ­ v e r b o e al n o m e qeser, il s ig n ific a t o s t a t iv o d i ‘ e s ­
ti c o m e o g g e tto . D u n q u e i c o m a n d a m e n ti del s e r e le g a to ’ , si tratta p r in c ip a lm e n te d e ll’ u n io n e
D e u te r o n o m io d e v o n o e s se r e le g a ti alla m a n o , in d i p e r s o n e a fin i c o s p ir a tiv i, c io è di u n a c o n g iu r a
m o d o c h e s e rv a n o d a r ic o r d o (-* ’ót m .2 .d ) , c o m e il c u i s c o p o è q u e llo d i d e p o r r e e u c c id e r e il re
se fo s s e r o g io ie lli p r e z io s i (Deut. 6,8; 1 1 , 8 , p e r a ttu a lm e n te a l p o te r e e u s u r p a r e c o s ì il tr o n o o r ­
d cbàrìm 6 ,6 ; 1 1 , 1 8 -» dàbar v .5 .b ). C i o è d e v o n o m ai v u o t o . I n q u e s to s e n s o il c a m p o le s s ic a le r i­
e s se re s e m p re p re se n ti a Isra e le , ed e s se re p o s s e ­ c o r r e s o p r a ttu t to nei lib ri d ei R e , c o m p r e s i i testi
d u ti d a Is r a e le c o m e u n a p r o p r ie tà p r e z io s a e in a ­ p a ra lle li d i 2 C r o n a c h e , d a l m o m e n to c h e q u i si
49 (v,,. 2 >5) qàsar (J. C onrad) (v u ,2 i6 ) 50

p a rla p iù fre q u e n te m e n te di a v v e n im e n ti d el c o s ì n u m e ro s i a d e re n ti c h e si p o te v a p a rla re di


g en e re . U s u r p a z io n i c o r o n a te d a s u c c e s s o e le g a ­ u n a c o s p ir a z io n e c h e c o in v o lg e v a tu tta la p o p o la ­
te a un c a m b io d i d in a stia , n el c o r s o d e lle q u a li è (2 Sam. 1 5 , 1 2 b ); in q u e s to c a s o il n o m e
z io n e
p r e v is to n o n s o lta n to l’ a s s a s s in io d e llo s te s so re qeser in d ic a d u n q u e u n a m p io m o to c o s p ir a to r io ,
m a a n ch e lo s te r m in io d i tu tta la s u a fa m ig lia , la c u i rile v a n z a è so tto lin e a ta in m an ie ra m o lto
s o n o atte state s o p ra ttu tto d e l r e g n o d e l n o r d . N e i n etta a n ch e d a l fa tto c h c v i ad e rì u n c o n sig lie r e
testi r ile v a n ti lo s te s s o u s u r p a t o r e , in q u a n to p r o ­ ta n to e s p e r to c o m e A h it o fe l ( v . 3 1 ; c fr . i 2 a ; 16 ,
Reg.
ta g o n ista , è s e m p r e il s o g g e tto d e l v e r b o (/ 2 3 ). N e l s e c o n d o c a so si tratta d e lla c o s p ir a z io n e
2 Reg. 9 ,1 4 [hitp.]; 10 ,9 ; 1 5 , 1 0 .
1 5 ,2 7 ; 1 6 ,9 .1 6 .2 0 ; c h e s i p r o p o n e v a d i r o v e s c ia r e S a u l a ffin c h é D a ­
1 5 .2 5 .3 0 ; in 1 Reg. 16 ,2 0 ; 2 Reg. 1 5 , 1 5 . 3 0 fig u ra v id n e u s u r p a s s e il tr o n o , a lla q u a le p r e s e r o p a rte
e tim o lo g ic a c o n qeser; p e r l ’ u c c isio n e d e l re e ta n to G io n a t a q u a n to i s a c e rd o ti di N o b (/ Sam.
d ella s u a fa m ig lia -» nkh 1 1 .2 . b). P e r il r e g n o del 2 2 ,8 .1 3 , c fr . v. 7 ). In b ase al te sto c o s ì c o m e o ra lo
su d s o n o a tte stati s o lta n to i c a si in c u i s i a r r iv a le g g ia m o , s i tra ttò s o lo d i u n p a rt o fa n ta stic o g e ­
a ll’a s s a ss in io d e l re , m e n tre fa llis c e il c o lp o d i s ta ­ n e ra to d a l s o s p e t to d i S a u l.
to in q u a n to tale. Il v e r b o ha in q u e s to c a so s e m ­ I n a ltre a tte s ta z io n i il g r u p p o le ssic a le e im p ie ­
p r e u n s o g g e tto p lu ra le . Q u a n d o q u e s t’ u ltim o è g a to in s e n s o s fu m a t o , o v v e r o tra s la to . Q u a n d o
n o m in a to e s p re ss a m e n te , si tra tta d e i 'àbàdim del A m o s c a c c u s a to d i a v e r c o s p ir a to (Am. 7 ,1 0 ) , c iò
re u c c is o c h e a lo r o v o lta v e n g o n o p o i u c c isi (2 n o n s ig n ific a c h e il p r o fe t a a b b ia a ttiv a m e n te p a r ­
Reg. 1 2 ,2 1 [c fr . 14 ,5 ] ; 2 1 ,2 3 s>> P ar- 2 Chron. 2 4,25 te c ip a to a u n a c o s p i r a t o n e , m a c h c il s u o m e s­
s. [hitp. c fr . 2 5 ,3 ] ; 3 3 ,2 4 s. p e r il lo r o tito lo e la lo ­ s a g g io (p u b b lic o ) ( c fr. v . 1 1 ) a v e v a s o t to s o tto lo
r o fu n z io n e -» 'àbad i n . 5; q u e s ta c e rc h ia è p r o b a ­ ste s s o e ffe tto d e ll'a tt iv ità s o v v e r s iv a d i v e ri c o s p i­
b ilm e n te im p lic a ta a n c h e in 2 Reg. 1 4 , 1 9 [2 Chron. r a to r i. Nehem. 4 ,2 d e fin isc e c o s p ir a z io n e la c o s ti­
2 5 ,2 7 ] e p e r c iò b is o g n a s u p p o r r e c h e sia an d ata tu z io n e d i u n a c o a liz io n e d i n e m ic i c o n tr a r i a lla
in c o n tr o alle m e d e sim e c o n s e g u e n z e , v is to e c o n ­ ric o s t r u z io n e d e lle m u ra d i G e r u s a le m m e (c fr. v .
sid e ra to il fa llim e n to d el c o l p o d i sta to im p lic ito 1). P iù p re c is a m e n te , tu tta v ia , si tra tta v a s o lo di
in 2 Reg. 1 4 ,2 1 [2 Chron. 2 6 ,1 ] ; in 2 Reg. 1 2 , 2 1 ; im p e d ire la c o s tr u z io n e d e lle m u ra c o n u n ’im b o ­
1 4 , 1 9 ; 2 Chron. 2 5 ,2 7 fig u ra e tim o lo g ic a c o n qe­ s c a ta p r e p a ra ta in s e g re to ( c fr. v . 5). In q u e s to
ser). In tu tti q u e s ti c a si re sta in c e rto q u a le fo s s e il c a so l’u s o d e l v e r b o qàsar s e r v e a e v id e n z ia r e c o ­
v e r o s c o p o , se c o n sis te s s e n e l r o v e s c ia m e n to d e l­ m e q u e s to d is e g n o sia p e r ic o lo s o e p e r fid o . Il v e r ­
la d in a stia d a v id ic a o s o lta n to n e ll’ in t r o n iz z a z io ­ b o p ro b a b ilm e n te è im p ie g a to q u i a n ch e p e r c a ­
ne d i u n a ltr o d a v id id e . C o m u n q u e , d a l fa tto c h e r a tte riz z a re l’a tto c o m e e m in e n te m e n te s o v v e r s i­
il s o g g e tto è q u i s e m p r e p lu r a le d e r iv a c h e il te n ­ v o c o n tr o la s o v r a n ità d e ll’ im p e r o p e r s ia n o e c o n ­
ta tiv o d i c o lp o d i sta to è v is t o c o m e u n a tto p u r a ­ t r o N e e m ia in q u a n to ra p p re s e n ta n te d el p o te r e
m en te c o lle tt iv o e b is o g n a c o n c lu d e r n e c h e n e s­ re a le (cfr. G u n n e w e g , K A T x ix / 2 , 8 1) . D i u n ’ a lle ­
s u n o d e i c o s p ir a to r i in te n d e ss e u s u r p a r e il tr o n o a n z a s o v v e r s iv a c o n l’ E g it t o , c h e a v re b b e re so
p e r se s te s s o ( p e r lo m e n o i te sti c o s ì c o m e ci s o ­ p o s s ib ile la lib e r a z io n e d ’ Is r a e le d a l g ra n re a s s i­
n o g iu n ti s e m b r a n o s u g g e r ir e q u e s ta in te rp re ta ­ ro , si n a rra in 2 Reg. 17 ,4 . A n c h e se q u e s ta a lle a n ­
z io n e , c h c p o tr e b b e v a le re a n c h e p e r q u e lli d i c u i z a n o n m ira a d e t r o n iz z a r e il g ra n re , m ette in
si p a rla in 2 Reg. 1 2 ,2 2 , u n v e r s e tt o c h e c o m u n ­ p e r ic o lo l’ in te g rità d e ll’ im p e r o ra p p re s e n ta ta d a l­
q u e è s ic u ra m e n te u n ’ a g g iu n ta ). Q u e s t ’ u ltim a la su a p e r s o n a ed è p e r c iò c o n sid e ra ta c o m e u n
p o s s ib ilità s i a tta g lia b e n e al c o lp o d i sta to n a rr a ­ a tta c c o c o n tr o lu i ste s so . L a ste s sa c o n c e z io n e in
to in 2 Reg. 1 1 (2 Chron. 2 2 ,1 0 - 2 3 , 2 1 ) , c h e e b b e Ier. 1 1 , 9 è a p p lic a ta , c o m e a ffe r m a z io n e t e o lo g i­
su c c e s s o e nel c o r s o d e l q u a le fu a lla fin e p o s to c a , a Is r a e le in q u a n to p o p o lo tr a d ito r e d i J h w h
su l tr o n o u n n u o v o d a v id id e . I n q u e s to c a s o si ( c fr. v . io b ) , in te n d e n d o la in q u e s to c a s o c o m e
tratta p e r ò d i r im u o v e r e u n ’ u s u r p a z io n e in fa v o ­ u n p r o c e s s o in te rn o a Isra e le . A n c h e l’a tta c c o c o n ­
re d e ll’ a ttu a le d in a stia , p e r c h é il c o lp o d i sta to è tro u n p r o fe ta in 2 Chron. 2 4 ,2 1 , d e s c ritt o c o m e
qeser s o lo d a ll’ u s u r p a t r ic e (2 Reg. 1 1 , 1 4 ; 2
d e tto u n a c o s p ir a z io n e , è d ir e tt o in u ltim a a n a lisi c o n ­
Chron. 2 3 ,1 3 ) . tr o J h w h ( c fr. v . 19 ) e v a p e r c iò c o n d a n n a to s o ­
A l di fu o r i d ei lib r i d ei R e e d e lle C r o n a c h e ci p r a ttu tto c o m e s in to m o d i a p o s ta sia nei s u o i c o n ­
s o n o s o lta n to d u e a ltri casi in c u i il g r u p p o le s s i­ fr o n ti.
c a le e im p ie g a to p e r in d ic a r e u n a c o s p ir a z io n e C h e anche G e re m ia in qu alità di p ro feta si c o n si­
c o n tr o il s o v r a n o re g n a n te . S i tra tta in p r im o lu o ­ deri m in acciato da un co sp irazio n e risu lta da Ier.
g o d e l te n ta tiv o d i u s u r p a z io n e d i A s s a lo n n e , p e r ­ 12 ,6 , alm en o se si c o rreg g e il testo in q u esto s e n ­
c h é q u e s t’ u ltim o g u a d a g n ò in p o c h is s im o te m p o so (cfr. B H S , R u d o lp h , H A T i / i 2 J , 80, cfr. K B L J
J I (v ii,2 17) qeset (T. K ronholm ) ( v i i , 2 18 ) 52

10 7 6 ). Il p ro b lem a di una c o rre z io n e testuale si r i­ tim o c o m e u n m o n ile a lla p r o p r ia m a n o e c o s ì d i­


p ro p o n e an co ra in Is. 8 ,1 2 - 1 4 . N e l v. 1 2 qeser p o ­ v en ta p r o p r ia m e n te s u o ( c fr. Deut. 6 ,8 ; Prov. 3 ,3 ,
trebbe essere m esso in rap p o rto co l ten tativo d i c o ­ in p r o p o s it o v . s o p r a , 1 1 . 1 ; h t' s a r e b b e a llo r a l ’o g ­
sp irazio n e o rd ito in co n co m ita n za co n la gu erra siro -
g e tto d i e n tra m b i i v e rb i p re c e d e n ti; p e r a ltri te n ­
cfraim ita m en zion ata in Is. 7,5 s. (l’ ipotesi di E v a n s
ta tivi d i in te rp re ta z io n e v . K B L 3 10 7 6 ) . In 1 3 , 1 2
in base alla qu ale essa riflette il g iu d iz io d el p o p o lo
s u ll’ ap p arizio n e di Isaia in Is. 7 ,1 ss. non è accettab i­
qàsar qeser d o v r e b b e e s se re tr a d o tto ‘ m ettere in
le). In qu esto c aso b iso gn a intendere i pian i degli c a te n e ’ (c o m e m e ta fo r a d e ll’o p p r e s s io n e , c h e c o r ­
stessi alleati, co sicch é qeser d o v reb b e essere in terp re­ r is p o n d e alla c ru d e ltà m e n z io n a ta n e l v . i2 a , c fr .
tato com e Nehem. 4,2, o p p u re più p ro b ab ilm en te qeser in C D 1 3 , 1 0 , v . s o p r a , 1 1 . 1 ; p e r lo p iù si
com e un ten tativo d i c o lp o di stato o rd ito da un p r o p o n e in tu tta v ia il s ig n ific a to ‘c o s p ir a r e ’ , c fr .
ru p p o di co sp irato ri a G eru salem m e n e ll’ interesse S a u e r, J S H R Z 111/ 5 , 5 38 ). In 1 1 , 3 1 a l c o n tr a r io si
egli alleati (cfr. W ild b erger, B K x / i \ J 37 ). A lla ra c c o m a n d a la tr a d u z io n e di qeser c o n ‘ c o s p ir a ­
luce del p arallelism o nella scelta d elle p a ro le fra il v.
z io n e ’, p o ic h é la p e r fìd ia e la p e r ic o lo s it à d e l c a ­
1 zb e il v. 1 3b si p u ò avan zare l’ipo tesi che o rig in a ­
lu n n ia to r e (v . 3 1 a) s o n o p r e c is a m e n te c a ra tte riz ­
riam ente il g ru p p o lessicale qàsar parallelam ente a
i2 a fo sse rapp resentato an ch e in i j a , e che taqdisù
z a te (c o n mhmdjk in te so p e r d e n o ta r e u n g r u p p o
d eb b a essere co n sid e rato u n a c o rru z io n e testuale o d i p e r s o n e ). In 4 1 , 1 8 n o n è p o s s ib ile u n a in te rp re ­
u na co rre zio n e più recente del hif. del v e rb o (‘ c o n si­ ta z io n e s ic u ra , in q u a n to qeser è a tte s ta to s o lta n ­
derare com e un c o sp ira to re ’ ) (v. B H S , K B L * 10 7 6 , to nel m a n o s c r itto d i M a s a d a , m e n tre il m a n o ­
c fr. W ild b erg er 3 3 4 s.). V a le a dire: non b iso gn a te­ s c r itto B le g g e seqer.
m ere la presun ta m inaccia espressa dal v . I2 a , m a J . Conrad
Jh w h ch c si co m p o rta co m e un c o sp irato re nei c o n ­
fro n ti del su o p o p o lo . D i co n seg u en za si d o v reb b e
leggere nel v. 148 invece di miqdàs il hif. del v e rb o
(ptc. ‘ co sp ira to re ’ , v. B H S ) o p p u re il nom e *miqsàr
(‘ co m p lo tto ’ , co sì W ild b e rg er, B K x / i, 3 3 5 ; d iv ersa­
qeset
m ente D u h m , H K A T u t / i ' 83 s., c fr. B H K ) . C ’è da
chied ersi p eraltro se n o n si p o ssa lasciare il testo del
v. 1 3 3 così c o m ’ è, e di co n seg u en za se n o n si tratti n i^ f? qassdt
sem pre del fatto che n o n b iso gn a tem ere la co sp ira ­
zio n e (v. I2 a ) m a rico n o scere soltan to e assolu ta­ 1. Etim ologia. - 1 1 . L ’arco nel V icino O riente. - ih . U so
m ente Jh w h com e san to c che perciò egli è il s o lo da nell’A .T . - 1.
Attestazioni. - 2.
Espressioni specifiche.
tem ere. S o lo nel c aso del v. 14 3 si d o v re b b e pen sare
a una co rru z io n e o p p u re a una co rre z io n e tarda (cfr.
- 3.L ’arco da caccia. - 4.
L ’arco da battaglia. - j. L ’ ar­
cobaleno. - 6. L ’arco com e metafora. - iv. L X X . -
anche -» qds i i . j ) . U n ’ altra ipo tesi è stata avanzata v. Q um ran.
d a D r iv e r (82-84). P arten d o dai L X X (v. sop ra, 1.2)
egli p ro p o n e di attrib u ire a qeser nel v . i2 a il sig n ifi­ Bibl.: W .F. A lb right - G .E . M endenhall, The Creation
cato ‘ d iffic o ltà ’ . D i co n seg u en za trad uce ‘ tro va re d if­ of thè Composite Bow in Canaanite Mythology. J N E S
fic o ltà ’ q u e llo che an ch’ egli ritiene fo sse in o rigin e il 1 (1942) 227-229. - H . B alfou r, On thè Structure and
hif. del v e rb o nel v . i3 a , co m e p u re ‘ causa d i d iffi­ Affinities o f thè Composite Bow: Jou rn al o f thè A n thro-
coltà’ il ptc. hif. chc egli in d ivid u a nel v. 148. M a non pological Institute 19 (1890) 220-250. - W .B . B arrick,
vi è alcuna necessità d i p o stu lare so ltan to in qu esto Elisha and thè Magic Bow: A Note on 2 Kings X III tj~
passo d ell’ A .T . un tale sign ificato p artico lare per 77: V T 35 (1985)354-363.- U . Bechm ann, Bogen ( N B L ,
qu esto g ru p p o lessicale. 316 s.). - H . Bonnet, Die Waffen der Volker des alten
Orienti, 1926. - R . B orger, Die Waffentràger des Kò-
i n . È c o n tr o v e r s a la tr a d u z io n e d e l g r u p p o le s­ nigs Darius: V T 22 (1972) 385-398. - ld ., Hioh X X X IX
sic a le nel S ira c id e . R . S m e n d ( Die Weisheit des J e ­ 2] nach dem Qumran-Targum\ V T 27 (1977) 102-105.
sus Sirach, 19 0 6 ) s u g g e ris c e u n ita ria m e n te p e r tu t­ - B. C o u ro y e r, Vare d ’airain: R B 72 (1965) 508-514. -
te le a tte s ta z io n i il s ig n ific a t o s p e c ific o ‘ p e c c a re , Id., Come et are R B 73 (1966) 510-521. - Id., NHT:
t r a s g r e d ir e ’ o ‘ p e c c a to , tr a s g r e s s io n e ’ . M a si tra t­ «encorder un arc»f: R B 88 (1981) 13-18. - W. D ecker,
ta d i u n s u g g e rim e n to p r o b le m a tic o in r a p p o r to Die physische Leistung Pharaos. Untersuchungen zu
Heldentum, Jagd und Leibesiibungen der àgyptischen
Kònige, 1971. - Id., Bogen (Lex. Àg. 1, 842-844). - W.
al re sta n te u s o d e l g r u p p o le s s ic a le , q u in d i è p r o ­
b a b ile c h e s i d e b b a n o fa re d e lle d iffe re n z e . S e si
D ecker - J . Klauck, Kòningliche Bogenschiessleistungen
c o n s id e ra la re sa n e i L X X ( c fr. s o p r a , 1.2 ) n o n d e l
in der 18. àgyptischen Dynastie. Historische Dokumen-
tu tto in e satta, in 7 ,8 e 1 3 , 1 2 si p u ò p a rtir e d al s i ­ te und Aspekte fiir eine experimentelle Oberpriifung:
g n ific a to b ase ‘ le g a re ’ . A 7 ,8 p o tr e b b e s o g g ia c e r e K òln er Beitrage zu r Sportw issenschaft 3 (1974) 23-55.
l ’ id ea c h e il p e c c a to , in q u a n to c o m m e s s o u n a - L . D u rr, Zum altorientalischen Gedankenkreis
*Der
s e c o n d a v o lta d a l p e c c a to r e , è le g a to d a q u e s t’u l­ Kònig als Meisterschiitze im Bogenschiessen von der
J J (V II, 2 1 9 ) qeset (T. Kronholm ) ( v i i , 2 2 0 ) 54

Gottheit unterrichtel» (Pi 18,j y 144,1): O L Z 34 ( 19 3 1) Syr. 7 0 3 ); ar. qaus ( L a n e 1/7 2 5 7 4 s.); et. qast ( D ill-
697 s. - W . G ro ss, Bundeszeichen und Bundesschluss in m an n , Lex. Ling. Aeth. 4 3 3 s.).
der Priesterschrift: T T h Z 87 ( 1978) 9 8 -1 15 . - D .R . H il- L ’ e b r. qeset s o p r a v v iv e n ei testi d i Q u m r a n (c fr.
Icrs, The Bow of Aqhat: The Meaning o f a Mytho-
s o t to , v ), c o m e p u r e in e b r a ic o r a b b in ic o (Dict
logical Theme (Fs. C .H . G o rd o n , A O A T 22, 19 7 3 , 7 1 ­
80). - B. H rouda, Die Kulturgeschichte des assyrischen
Talm. 14 3 3 ) . C o m e d e r iv a to r ic o rr e in e b r a ic o
Flachbildes (Saarhriickcr Beitrage zu r Altertum skim dc b ib lic o s o lta n to Vhap. leg. qdssdt ‘ c u s to d ia d e l­
2, 1965). - S. Iw ry , New Evidence for Belomancy in l’ a r c o ( ? )’ (Gen. 2 1 ,2 0 ; K B L J 10 7 8 s.), è b en a tte ­
Ancient Palestine and Phoenicia: J A O S 81 ( 19 6 1) 27­ sta to a n ch e in e b r a ic o p o s tb ib lic o p e r in d ic a re il
34. - O . Keel, Wirkmachtige Siegeszeichen im Alten s e g n o z o d ia c a le d e l S a g it ta r io (Dict. Talm. 14 3 3 ) ;
Testament (O B O 5, 1974). - Id., Der Bogen als Herr- c fr . il p r e s tito a r a m a ic o qóset ‘ tir o c o n l ’a r c o ’ (Ps.
schaftssymboi. Z D P V 93 (19 7 7 ) 1 4 1 - 1 7 7 . - Id., Die 6 0 ,6 hap. leg.; M . W a g n e r, B Z A W 96 [ 19 6 6 ] 2 7 3 ;
Welt der altorienlalischen Bildsymbolik und das Alte K B L J 10 7 5 ) .
Testament. Am Beispiel der Psalmen, M980. - M . K o rf-
mann, Schleuder und Bogen in Sudwcstasien bis zum
11. N e l l ’a m b ito c u ltu ra le d e l V ic in o O r ie n t e a n ­
Beginn der'Stadtstaaten, 1972. - W. M cLeod, Compos­
ite Bows from thè Tomb ofTuiankhamùn (Tut'ankha- tic o era c o n o s c iu to c o n o g n i v e ro s im ig lia n z a s o l­
m un’s T o m b Serics 111, 1970). - A . Pavlica, Der Regen- ta n to il s e m p lic e a r c o d i le g n o , c h e c o n s is te v a in
bogen als Zeichen des Bundes: B Z 13 ( 19 1 5 ) 289-291. - u n p e z z o d i le g n o fle s s ib ile c h e p o te v a e s se r e o c ­
G . Rausing, The Bow. Some Notes on its Origin and c a sio n a lm e n te r a ffo r z a t o c o n u n in tre c c io d i te n ­
Development (A cta A rcheologica Lundcnsia 6, 1967).- d in i o di c o r d a ; le d u e e s tre m ità e r a n o ten u te in ­
U . R iitersw òrdcn, Der Bogen in Genesis 9. Militarhi- sie m e d a u n a c o r d a . M a g g io r g itta ta si ra g g iu n s e
storische und traditionsgeschichtliche Envàgungen zu c o n l’ a r c o d o p p ia m e n te c o n v e s s o , n e l q u a le la d i­
einem biblischen Symbol: U F 2 0 (1989) 247-263. - E.
sta n z a fr a im p u g n a tu r a e c o r d a e ra in fe r io r e ; e s so
Salonen, Die Waffen der alten Mesopotamier. S tO r 33
è d o c u m e n ta to p e r il p e r io d o d e l B r o n z o M e d io
(19 6 5) spec. 39-45. - J.M . Sasson, The Military Estab-
lishments at Mari (Studia P o h l 3, 1969). — T . Savc- 11 A in u n d ip in to fu n e r a r io e g iz ia n o ( A O B 5 1 ;
Sòdcrbergh, Bogenvòlker (Lex. Ag. 1, 844 s.). - H . ANEP 3). N e l l ’ a m b ie n te m e s o p o ta m ic o si s v i­
Schafer, Kònig Amenophis II als Meisterschiitze: O L Z lu p p ò u n a r c o m ig lio ra to , il c o s id d e tto a r c o c o m ­
32 (19 29 ) 233-244. - Id., Weiteres zum Bogenschiessen p o s it o , fa tto d i v a rie la m in e d i le g n o u n ite o in ­
im alten Àgypten: O L Z 34 ( 1 9 3 1) 89-96. - Y . Sukenik, c o lla te in sie m e . Q u e s t o tip o d i a r c o fu in tro d o tto
The Composite Bow of thè Canaanite Goddess Anath: in P a le s tin a ( M e g id d o 11 ta v . 1 5 2 n r. 1 5 4 ) e in
B A S O R 107 (19 47) 1 1 - 1 5 . - E . U ph ill, The Nine Bows:
E g it t o d el N u o v o R e g n o . S e b b e n e l’ a r c o c o m p o ­
J E O L 19 (1965/66) 393-420. — H . W eippert, Bogen
s ito fo s s e fa tto fo n d a m e n ta lm e n te in le g n o , il s u o
(B R L *, 49 s.). - Y . Y ad in , The Art of Warfare in Bib-
lical Lands. In thè Light of Archaeology, 19 6 3 .- I d . , The d o r s o p o te v a e s se r e r ic o p e r to s tra ti d i te n d in e e
Earliest Representation o f a Siege Scene and a 'Scythian l ’in te rn o d e lle c u r v e c o n s tr is c e c o r n o ( A lb r ig h t-
Bow' from Mari: I E J 22 (19 7 2 ) 89-94. ~ E . Zengcr, M e n d e n h a ll; S u k e n ik ; W e ip p e r t 50). U n a e la s tic i­
Gottes Bogen in den Wolken (S B S 1 1 2 , ‘ 1987). tà a n c o ra p iù g ra n d e ra g g iu n s e p o i la c o m b in a ­
z io n e d e ll’ a r c o d o p p ia m e n te c o n v e s s o c o n l’ a r c o
I. L ’ e b r. qeset ( c fr. B L e § 6 i g ) , c h e in d ic a n e l­ c o m p o s ito , attestata a M a r i g ià a ll’e p o c a d el b r o n ­
l’A . T . l’ ‘ a r c o ’ c o m e c o n c r e t a a rm a d a c a c c ia o d a z o a n tic o ( Y a d in , I E J 2 2 ).
g u e r ra ( o a n c o r a c o m e a r c o b a le n o ) e a n c h e c o m e S e b b e n e l’A .T . p a rli d i u n « a r c o d i b r o n z o »
s im b o lo d e lla fo r z a , d e lla p o te n z a e d e lla g u e rra , (qeset n'hùsà, 2 Sam. 2 2 ,3 5 II ^s- 1 8 ,3 5 ; 1°^ 2°> 2 4 )
è u n n o m e p r im a r io , ric c a m e n te a tte sta to n e lle a l­ n u lla d el g e n e re è d o c u m e n ta to d a ll’ a r c h e o lo g ia ,
tre lin g u e s e m itic h e : a c c. qastu(m) ( A H w 90 6 s.); tra n n e c h c p e r d u e e s e m p la ri s c o p e r ti a S u sa , ch e
CAD Q qd-sù
1 4 7 - 1 5 6 : S a lo n e n 3 9 - 4 2 ) ; e b la ita v a n n o p e r ò in tesi c o m e d o n i v o t iv i ( C o u r o y e r ,
O ld Canaanite Texts o f thè Third
( G . P e ttin a to , R B 7 2 ). C o m e g li a rc h i d i c o r n o n o ti d a ll’ E g itt o ,
Millenium Recovered during thè 1974 Season at s im ili a rc h i d i ram e n o n e r a n o a b b a s ta n z a c la stic i
Tell-M ardikh-Ebla, 19 7 9 , 1 2 ) ; u g . qst ( U T nr. d a p o te r fu n z io n a re e ffe ttiv a m e n te c o m e a rm i d a
2 2 8 7 ; W U S n r. 246 6 ; c fr . R S P 1, 2 5 8 . 3 3 2 - 3 3 4 ; 11 c a cc ia o d a g u e r ra ( c fr. B . G r d s e lo ff , Z À S 74
qst ( A . B e r t h ie r - R . C h a r lie r , Le sanc-
2 9 ); p u n . [19 3 8 ] 5 2-55 . 13 6 - 13 9 ) .
tuairepuniqued’E lH o fra à Constantine, 1 9 5 2 / 5 5 , Ad e c c e z io n e d i q u e sti e s e m p i n e ll’ O r ie n t e
82; T o m b a c k , 2 9 5 ); a ra m . a n tic o qst(') (S. S e g e rt, a n tic o s o n o stati s c o p e r ti s o lta n to a rc h i lig n ei ed
Altaramàische Grammatik, 1 9 7 5 ,5 5 0 ) ; a ra m . g iu ­ e s c lu s iv a m e n te in E g it t o , d o v e il c lim a è fa v o r e ­
d a ic o qst(‘ ) (Dict. Talm. 1 4 3 3 ) ; s a m a r, qàs't ( L O T v o le a lla c o n s e r v a z io n e d e l le g n o . I n P a le s tin a ,
2, 5 8 3 ); p a lm . qast’/qast’ ( T o m b a c k 2 9 5 ); m an d . in v e c e , a b b ia m o s o lta n to te s tim o n ia n z e in d ire tte ,
qasta ( M d M 4 0 4 ); sir. qestà ’ ( B r o c k e lm a n n , Lex. c o m e p u n te d i fre c c ia in o ss id ia n a d e l n e o litic o
55 (vu,22i) qeset (T. K ronholm ) (vii ,222) 56
d a G e r ic o (c fr. W e ip p e r t 50), m e n tre in e p o c a p iù 1 11.1. Il n o m e p r im a r io qeset r ic o r r e 7 6 v o lte
ta rd a s o n o n o ti a n a lo g h i e s e m p la r i d i fe r r o e d i n e ll’ A .T . e b r a ic o . L e a tte s ta z io n i s o n o c o sì d is tr i­
b ro n zo . b u ite : 1 0 v o lte c ia s c u n o in G e r e m ia e S a lm i, 7
L a c o r d a d e ll’ a r c o ( jeter 1 1 ,
Ps. 1 1 ,2 ; lob 3 0 , 1 1 ; v o lte n e lla G e n e s i, 6 v o lte n e l P r o to is a ia , 5 v o lte
D a lm a n , A u S v i 3 3 0 s .; mètàr, Ps. 2 1 , 1 3 ) p o t r e b ­ in 1 R e / 1 C r o n a c h e , 4 v o lte c ia s c u n o in 2 R e ,
be e sse re stata d i m a te ria le a n im a le (te n d in i) o O s e a , 2 C r o n a c h e , 3 v o lte c ia s c u n o in 1 - 2 S a m u e ­
v e g e ta le (lin o r it o r to , c o r d e d i c a n a p a ) (c fr. A O B le, Z a c c a r ia e G i o b b e , 2 v o lte in L a m e n ta z io n i e
2 5 2 ). L a c o r d a e ra fis sa ta a ll’ a r c o s o lta n to p rim a N e e m ia e in fin e u n a v o lta c ia s c u n o in G io s u è ,
d e ll’ u so , p e r im p e d ire c h e si in d e b o lis s e ( c fr. T G I J D e u te r o is a ia , T r it o is a ia , A m o s e A b a c u c (p e r le
5). P e r q u e sta p r o c e d u r a s i p o te v a te n d e re l ’a r c o c o n g e ttu r e v e d i K B L 5 10 7 8 ).
c o n la m a n o (hirkib jà d 'al-haqqeset, 2 Reg. 1 3 , 2 . T r a le e s p r e ss io n i s p e c ific h e c o lle g a te al n o ­
16 ) o a n ch e m e d ia n te la p r e s s io n e d i u n p ie d e c o n ­ me qeset v i s o n o : dàrak qeset « te n d e r e l’a r c o ( p r e ­
tr o la c u r v a (c fr. dàrak qeset, a d es. Ps. 1 1 , 2 ; B o n - m e n d o u n p ie d e c o n tr o la su a c u r v a tu r a )» (Is.
net 1 3 3 s .; R . G h ir s h m a n , S y r 35 [ 1 9 5 8 ] 6 1 - 7 2 ; Y . 5 ,2 8 ; 2 1 , 1 5 ; Ier. 4 6 ,9 ; 5 0 ,14 .2 9 ; 5 1 , 3 ; Zach. 9 , 1 3 ;
Y a d in , Art o f Warfare, 4 5 3 ; K B L J 2 2 2 ; R u t e r s - Ps. 7 , 1 3 ; 1 1 , 2 ; 3 7 ,1 4 ; Lam. 2 ,4 ; 3 , 1 2 ; 1 Chron. 5,
màsak
w ò r d e n 2 5 7 s .; c fr . p o i il te rm in e g e n e ric o 18 ; 2 Chron. 1 4 ,7 ; c fr . B o n n e t 1 3 3 s .; -» derek);
baqqeset « tira re l’ a r c o » [R ù t e r s w ò r d e n : « riv e s ti­ hórà baqqeset « tira re c o n l’a r c o » (/ Sam. 3 1 , 3 ; /
re l ’ a r c o » ], 1 Reg. 2 2 ,3 4 ; 2 Chron. 1 8 ,3 3 v - s o tto , Chron. 1 0 ,3 ; jrh 1 p tc. hif. « a r c ie re » ; 1 Sam. 3 1 , 3 ;
111.2 ) . 2 Sam. 1 1 , 2 4 Qi Ptc' qol: 1 Chron. 1 0 ,3 ) ; kónen
L ’ a rc ie re (rómeh qeset, Ier. 4 ,2 9 ; Ps. 7 8 ,9 ; tófes qeset « c o llo c a r e b en e la fr e c c ia s u ll’a r c o » = a v e re
haqqeset, Am. 2 ,1 5 ) p e r tira re im p u g n a l’ a r c o c o n l’a r c o p r o n t o al tir o (Ps. 7 , 1 3 ; c fr . hif. 2 Chron.
la m a n o s in is tra e c o n la d e stra tira in d ie tro la 2 6 ,1 4 ) ; màsak baqqeset « te n d e re l’a r c o » (/ Reg.
c o r d a d o p o a v e r v i in c o c c a to la fr e c c ia (hes in s ie ­ 2 2 ,3 4 ; 2 Chron. 1 8 ,3 3 ) ; nihat (pi.) qeset « p re m e re
m e con qeset: 2 Reg. 1 3 , 1 5 [2 v o lte ], Is. 5 ,2 8 ; 7 ,2 4 ; l’ a r c o (p e r te n d e rlo )» (2 Sam. 2 2 ,3 5 // ^ s- 1 8 ,3 5 ;
Ier. 5 0 ,14 ; Ezech. 3 9 ,3 .9 ; Ps. 1 1 , 2 ; Lam. 3 , 1 2 ; / c fr . nif. ‘ p e n e tr a r e ’ [d i fr e c c e ], Ps. 3 8 ,3 ) ; màsaq 11
Chron. 1 2 ,2 ; in o ltre -> hes; a n c o r a ben 'aspi, Lam. qeset « a rm a rsi d i u n a r c o » (1 Chron. 1 2 ,2 ; 2 Chron.
3 , 1 3 ; ben-qeset, lo b 4 1 ,2 0 ; c fr . l ’e s p r e ss io n e kó- 1 7 , 1 7 ; Ps. 7 8 ,9 a c c a n to ràmà qeset, g lo s s a ? ) ; 'era
nén qeset « c o llo c a re b e n e la fr e c c ia s u ll’a rc o » = qeset « ‘d e n u d a r e ’ l ’a rc o » (Abac. 3 ,9 c o n g .); hirkib
a v e re l ’ a r c o p r o n t o ai tiro , Ps. 7 , 1 3 ; hif. 2 Chron. jàd 'al qeset « te n d e re l’ a r c o c o n la m a n o » (2 Reg.
2 6 ,1 4 ; p e r l’ E g itt o : A O B 5 3 . 1 0 9 . 1 1 2 ; A N E P 3 3 3 . 1 3 , 1 6 ) ; ràmà qeset « tira re c o n l’ a r c o » (ler. 4 ,2 9 ;
3 4 1 ; p e r l’ A s s ir ia : A O B 1 1 9 . 1 3 0 . 1 3 2 ; A N E P 36 8 ). Ps. 7 8 ,9 ; c fr . qeset r'm ijjà « u n a r c o tra d ito re » ,
L ’ a rc ie re in d o s s a v a al b r a c c io s in is t ro u n a p r o t e ­ Hos. 7 ,1 6 ; Ps. 7 8 ,5 7 ) e tàfas haqqeset « tira re c o n
z io n e d i c u o io p e r p r o te g g e r s i d a l r it o r n o d e lla l ’a rc o » (Am. 2 ,15 ) .
c o r d a d o p o il tir o (p e r l’E g it t o H .S .K . B a k r y , 3 . Il g e n e re d i c a c c ia p iù c o m u n e nel V ic in o
O r A n t 6 [ 1 9 6 7 ] 2 2 7 s. 2 4 0 ; p e r l’A s s ir ia H r o u d a (hes) ed a r ­
O r ie n t e a n tic o e r a la c a c c ia c o n fr e c c e
ta v. 2 1 , 1 0 - 1 4 ; illu s tr a z io n e in W e ip p e r t 49). co (qeset). S i a n d a v a a c a c c ia p e r c e rc a r e c ib o
L e fr e c c e e r a n o c u s to d ite in u n a fa re tra (’ aspa) q u a n to p e r p ro te g g e r s i d a lle b e lv e fe r o c i, fr a le
p o r ta ta s u lla s c h ie n a (ad es. Is. 2 2 ,6 ; 4 9 ,2 ; Ier. 5, q u a li in S ir ia -P a le s t in a si a n n o v e r a v a n o il le o n e
16 te sto d u b b io ; Ps. 1 2 7 ,5 ; 1°^ 39 >2 3* a c c - ‘spatu< (’arjèh), l ’o r s o (dób, c fr . 2 Reg. 2 ,2 4 ; Am. 5 ,1 9 ) e
K B L j 9 3 ; an ch e teli*, Gen. 2 7 ,3 ) . A n c h e l’ a r c o il b u fa lo s e lv a tic o (rr,ém/rém lo b 3 9 ,9 ). F r a le
p o te v a e s se re tr a s p o r ta to in u n a c u s to d ia d i c u o io c a c c ia g io n e c o m m e s tib ile in D e ut. 1 4 e a ltr o v e
( selet * ; acc. saltu; B o r g e r , V T 2 2 ), c h e fa c e v a p a r ­ s o n o m e n z io n a ti il c e r v o ('ajjàl fem . ’ajjelet/’ajjà-
te d e ll’ e q u ip a g g ia m e n to d i u n fa n te (p e r l’ E g itt o : là), la g a z z e lla (sebi) c l’ a n tilo p e (jahmùr), p r e ­
Y a d in , Art o f Warfare, 18 5 . 19 9 ; p e r l’ A s s ir ia : se n ti tu tti q u a n ti a lla ta v o la d i S a lo m o n e ( / Reg.
A O B 1 3 8 ; A N E P 3 7 1 ) o p p u r e e r a leg a ta a u n c a r ­ 5 ,3 ), e in o ltre la c a p ra se lv a tic a (’aqqó), il b iso n te
ro ( A O B 7 2 . 78. 1 1 9 ; A N E P 3 1 4 - 3 1 6 . 3 3 3 ; W e ip ­ (?) (disòn 1) e u n a s p e c ie di g a z z e lla (zemer*). Si
p e rt 50). p u ò p e n sa re in o ltre a ll’a n tilo p e d e lle r o c c e (jà 'él)
L a g ittata d i u n a r c o c o m p o s ito p o te v a s u p e r a ­ c o m e p u r e a ll’a s in o s e lv a tic o (‘àród) e a ll’ o n a g r o
re i c e n to m etri ( K o r fm a n n 1 7 - 2 0 ; c fr . tu tta v ia ( ' ajir). L ’ A .T . n o n o ffr e m o lti p a r t ic o la r i s u lla c a c ­
R iit c r s w o r d e n 2 5 3 s.). Il tiro c o n l’a r c o r ic h ie d e ­ c ia c o n le fr e c c e e l’a r c o (sajid 1, Gen. 10 ,9 ; 2 5 ,2 7 ;
va u n ’ a b ilità c h e p o te v a e s se re c o n se g u ita an ch e c fr . sajjàd* ‘c a c c ia to r e ’, Ier. 1 6 ,1 6 ; e il v e r b o -»
p r a tic a n d o il tir o al b e r s a g lio (/ Sam. 2 0 ,2 0 ; A O B swd, Gen. 2 7 ,3 ; Lam. 3 ,5 2 ecc.). P r o b a b ilm e n te
5 3 ; A N E P 3 9 0 ; S c h à fe r; D u r r ; D e c k e r , Leistung, h a r a g io n e V . M a a g ( T h Z 1 3 [ 1 9 5 7 ] 4 1 8 - 4 2 9 )
8 0 - 1 2 2 ; D e c k e r - K la u c k ; K e e l, Z D P V 9 3 , 16 9 ). q u a n d o a ffe r m a c h e nel c o n flitt o fr a G ia c o b b e ed
J 7 (V II,2 2 2 ) qeset (T. Kronholm ) ( v i i , 2 2 3 ) 58

E s a ù rie c h e g g ia u n m ito c u ltu r a le , in b ase al q u a ­ ( c fr. p a rtic o la r m e n te H . G u n k e l, G H K i / i 9, 1 5 0


le l ’ a rc ie re E s a ù r a p p re s e n ta u n o s ta d io p iù a n ti­ s .; u n ’ e s a u rie n te b ib lio g r a fìa in R ù t e r s w ò r d e n ) .
c o d e lla c iv iltà , p iù ta rd i s u p e r a to : « A d e s s o p r e n ­ B e n c h é l’ id ea di u n a rc ie re d iv in o sia b en n o ta in
d i le tu e a rm i, la tu a fa re tra e il tu o a r c o (kélékà Isr a e le e in tu tto il V ic in o O r ie n t e a n tic o , l’ a r c o ­
telj'kà w'qastekà), v a ’ nel c a m p o e c a c c ia m i q u a l­ b a le n o nel r a c c o n t o d e l d ilu v io n o n ha n u lla c h e
c o s a » (sajid Q ; K : sjdh, Gen. 2 7 ,3 ) . v e d e r e c o n q u e s ta tr a d iz io n e . L ’ a r c o b a le n o , u n a
N e lla s fe r a d e lla c a c c ia r ie n tr a a n c h e la d e s c ri­ v o lta p r o b a b ilm e n te c o llo c a t o a lla fin e d el r a c ­
z io n e d e lla d e v a s ta z io n e d e lla te rra d i G iu d a n ella c o n to d e l d ilu v io n e lla v e rs io n e p r e c e d e n te a P ,
m e m o ria c h e Isa ia p re se n ta a d A h a z d u ra n te la ha s e m p lic e m e n te il s ig n ific a t o d i « u n fe n o m e n o
g u e r ra s ir o -e fr a im ita : la te rra s a r à tr a s fo r m a ta in n a tu ra le d o p o la p io g g ia o u n te m p o ra le » ( C . W e -
u n d e s e r to n e l q u a le si a n d rà s o lta n to « c o n fr e c c e s te rm a n n , B K i / i J , 6 3 2 - 6 3 5 [b ib l.]). Q u e s to ha
e a rco » ( Is. 7 ,2 4 ; s u ll’ u s o m e t a fo r ic o d e ll’ a r c o d a p e r m e s s o a P di tr a s fo r m a r e il n a tu ra le a r c o b a le ­
c a c c ia , v . s o t to , 6). n o in u n « se g n o d e l p a tto » (’àt b'rit, Gen. 9 ,1 3 ) .
4. L e a rm i im p ie g a te d a l p o p o lo d ’ Isr a e le in Q u e s to s e g n o (-» ’ò t; c fr . Gen. 2 1 ,3 0 ; 3 8 ,1 7 ) c o lle ­
g u e rra e r a n o a n tic a m e n te d i n a tu ra p rim itiv a . g a to c o n il p a tto (-» b'rit) s e c o n d o P s e r v e a ll’u o ­
N e lle r a p p re s e n ta z io n i d i a r m i n e ll’A . T . s i m e n ­ m o c o m e p e g n o d e ll’ im p e g n o d iv in o v e r s o l ’ u m a ­
z io n a : la fio n d a (qela ‘ 1, u n a « c in g h ia c o n u n a p a r ­ nità.
te p iù la rg a nel m e z z o p e r c o n te n e re u n p ro ie ttile 9 R ù te rsw ò rd en ha s o tto lin e a to an co ra una
di p ie tra » [ H .J . S to e b e , K A T v m / i 3 3 2 ]) , il m a r­ v o lta il n e sso l’a rm a d a c a cc ia e l’ a r c o fr a le n u b i.
te llo d a g u e r ra (mappès\ a n c h e pattis ), la m a z z a D a u n a p a rte , l’ A .T . c o n o s c e l’ id ea d i u n a r c o d i
(1tótàh), il g ia v e llo tt o ( hanit ), la s p a d a r ic u r v a (ki- Jh w h (Abac. 3 ,9 ; Lam. 2 ,4 ; 3 , 1 2 ) , m a d a ll’altra
dórt), la la n c ia ( rómah) e il p u g n a le o s p a d a c o rta n o n c ’è n e ssu n a n e c e ssità d i c o n s id e ra r e a n ch e in
(-> hereb), c o m e p u r e a rc h i e fr e c c e . Gen. 9 l’a r c o d i J h w h c o m e te s o e p r o n t o a lla b at­
L ’ a r c o d a g u e r ra d o v e v a e s s e r e re la tiv a m e n te ta g lia. U n o s g u a r d o a ll’a r c o m e sso d a p a rte , d i ­
r a r o in S ir ia -P a le s t in a p rim a d e l l’a r r iv o d e g li A s ­ s te s o e lib e r a to d a lla s u a c o r d a n e lla p o s iz io n e « r i­
siri ed e ra u s a to s o lta n to d a p e r s o n e a p p a rte n e n ti fle ssa » d i r ip o s o ( R ù te r s w ò r d e n , fig . 2 s.), ap re
alle c la s si s o c ia li p iù e le v a te : il re (2 Reg. 1 3 , 1 $ ; n u o v a p r o s p e tt iv a , p e r c h é o ra q u e s t’a r c o «è u n
Ps. 1 8 ,3 5 ; 4 5>6), il p r in c ip e e r e d ita r io (/ Sam. 20, s e g n o di J h w h a ffin c h é si r ic o r d i d i n o n in flig g e re
2 0 ; 2 Sam. 1 ,2 2 ) e i c o m a n d a n ti m ilita ri (2 Reg. 9, m ai p iù d is tr u z io n i s u lla te rra e c o n tr o i s u o i a b i­
24). T u t t o in d ic a c h e g li a r c ie r i tr o v a r o n o p o s to ta n ti... s im b o lo d e lla fin e d e l c o n flitt o m o rta le fr a
a ll’ in tc rn o d e g li e s e rc iti p e r la p r im a v o lta d u r a n ­ J h w h e il m o n d o c h e e g li h a c re a to ...» . L ’a r c o d i­
te l’ e p o c a a s s ir a , ad e s e m p io p r e s s o g li A r a m e i (/ s te s o s e g n a la « il rila ss a m e n to , la d is te n s io n e fr a
Reg. 2 2 ,3 4 ), p r e s s o il n e m ic o c h e v ie n e d a l n o rd J h w h e la c r e a z io n e a ttr a v e rs o il r o v e s c ia m e n to di
(Ier. 4 ,2 9 ; 6 ,2 3 ) e a n ch e in G iu d a , s o tto il re U z ­ un m o tiv o c h e a v e v a a n n u n c ia to l’e silio » (v. ad
z ia (7 8 6 -7 4 6 a .C .; 2 Chron. 2 6 ,1 4 ) . È s o r p r e n d e n ­ es. Ier. 4 ,2 9 ; 7 ,2 3 ) , «il r o v e s c ia m e n to di u n ’ im m a ­
te c h e la tr a d iz io n e d i / Chron. 1 2 , 1 - 7 a n n o v e ri g in e c h e r a p p re s e n ta l’ in im ic iz ia d i J h w h » (2 5 9 ).
a n ch e d e g li a rc ie ri (nósqè qeset) fr a i p r o d i di
(Fabry)
D a v id , «i q u a li s a p e v a n o la n c ia r e p ie tr e c o n la
m a n o d e s tra e c o n la m a n o s in is t r a e tira re c o n L ’a r c o n e lle n u b i d im o s tr a p e r c iò c o n tin u a ­
fr e c c e c o n l’ a r c o » (v. s o p r a , 2), m e n tre la tr a d i­ m en te il sì d i D i o alla s u a c r e a z io n e e a lla v ita
z io n e p iù a n tica in 2 Sam. 2 3 ,8 ss. n o n ne p a rla c re a ta : e g li s o lo g a ra n tisc e c h e l’u m a n ità n o n sarà
a ffa tto (p ro b a b ilm e n te p e r c h e il te s to di 2 Sam. d is tru tta , n é p e r c o lp a di c a ta s tro fi n a tu ra li, né a
2 3 ,8 - 3 9 è in c a ttiv o sta to : c fr . J . H . G r a n b x k , Die c a u sa d e lla m a lv a g ità e d e l p e c c a to . « E s s o r ic o rd a
Geschichte von Aufstieg Davids, K a b e n h a v n al D io c re a to re c h e e g li a s s u m e n d o il d o m in io
1 9 7 1 , 9 5 s . n . 66). . . . re g a le s u lla 'c a s a d e lla v it a ’ d e lla s u a c r e a z io n e ha
5. D a l p u n to d i v ista te o lo g ic o è s ig n ific a tiv a la o p e r a to u n a s c e lta d e fin itiv a p e r il v a lo r e fo n d a ­
r a p p re s e n ta z io n e d e ll’ a r c o b a le n o n e ll’ A .T . (qeset, m en ta le ‘ v it a ’ nel c o n flitt o fr a g iu s tiz ia e c o m p a s ­
s e m p r e in sie m e c o n he'dnan « fr a le n u v o le » , Gen. s io n e , fr a ira e p ietà » ( Z e n g e r 1 8 1 ) .
9 ,13 .14 .16 ; Ezech. 1,2 8 ) , c h e v a c h ia ra m e n te d i­ N e l r a c c o n to d e lla v o c a z io n e di E z e c h ie le
stin to d a ll’ u s o m e ta fo r ic o d e ll’ a r c o d a c acc ia o da (Ezech. 1,1- 3 .15 ) l ’a r c o b a le n o r a p p re s e n ta lo
g u e r ra (v . s o t to , 6). A p a rtir e d a W e llh a u s e n , tu t­ nógah) e l’a p p a r iz io n e d e lla m aestà
s p le n d o r e (->
ta v ia , tu tti g li e s e g e ti h a n n o r ite n u to c h e nel r a c ­ d iv in a (-> kàbód) (Ezech. 1 ,2 8 ; c fr . Ecclus 4 3 , 1 1 ;
c o n to d e l d ilu v io d i P si a llu d a a ll’a r c o d a g u e r ra 5°» 7 )-
c h e il g u e r rie r o J h w h d e p o n e o a p p e n d e a lle n u b i 6. L ’u s o m e ta fo r ic o d e l n o m e qeset n e ll’A . T . è
59 (v i i , 224) rà'à (H .-F . Fuhs) ( v i i , 225) 60

fr e q u e n te e v a rio . Q u a lc h e v o lta l’a r c o s im b o le g ­ fa ra o n e ( c fr. U p h ill, S a v e - S ò d e r b e r g h ; tu tta v ia Ps.


g ia g e n e ric a m e n te u n ’ a rm a d a lu n g a g itta ta , in 8 3 ,7 -9 p a rla d i n o v e p o p o li n e m ic i; c fr . a n ch e i
p a ra lle lo c o n la sp a d a c o r ta ( hereb) p e r il c o m ­ c o m m e n ta ri su Ps. 1 1 0 ) .
b a ttim e n to r a v v ic in a to . L ’ e s p r e s s io n e « a rc o e
s p a d a c o r ta » (qeset w rhereb, Hos. 2 ,2 0 ) v a le d u n ­ rv. I L X X tr a d u c o n o n o r m a lm e n te qeset c o n
q u e p e r le a rm i n e ll’ in s ie m e (Gen. 4 8 ,2 2 ; Ios. 2 4 , TÓSjov; la ste s sa p a r o la p u ò p e r ò r e n d e re in sie m e
1 Sam. 18 ,4 ; 2 Sam. 1 , 2 2 ; 2 Reg. 6 ,2 2 ; Is. 2 1 ,
12 ; a n ch e ’aspà ‘ fa r e t r a ’ (Iob 3 9 ,2 3 ) e hes ‘ fr e c c ia ’ (Ps.
Ps. 4 4 ,7 ; c fr . a n c h e Ps. 7 , 1 3 ; 3 7 ,1 4 ; 7 6 >4J 1
15 ; 6 4 ,4 ; c fr . a n c h e 1 Chron. 1 2 ,2 ) . In s in g o li c a si (Is.
Chron. 5 ,1 8 ; c fr . a n ch e K e e l, O B O 5,26 ). D a q u i 7 ,2 4 ; 1 3 , 1 8 ; 2 1 , 1 5 . 1 7 ) si tr o v a TÓ^cujAa. N e i L X X
e v id e n te m e n te r is u lta che una fo r m u la com e ■toi-ÓTTji; ‘ a r c ie r e ’ re n d e róbeh qassat (Gen. 2 1 ,2 0 ) ,
« p re n d e re q u a lc o s a c o n la p r o p r ia sp a d a c o r ta e il dórék qeset (2 Chron. 14 ,7 ) , nóseq qeset (2 Chron. :
p r o p r io a rc o » (Gen. 4 8 ,2 2 ; c fr . 2 Reg. 6 ,2 2 ) in 1 7 , 1 7 ) e tófes haqqeset (Am. 2 ,15 ) .
re altà sig n ific a « p re n d e re q u a lc o s a c o n la p r o p r ia
fo r z a » . A l l ’ in v e rs o , il p o p o lo d i D io r ic o n o s c e in v. Il n o m e qeset c o m p a r e 2 v o lte n e l Rotolo del­
u n in n o d i p re g h ie ra : « N o n c o n fid o nel m io a rc o , la guerra d i Q u m r a n . N e lla d e s c r iz io n e d e ll’ e q u i­
la m ia sp a d a c o r ta n o n m i p o r ta la v itto ria » (Ps. p a g g ia m e n to d e i se tte r e p a rti d e lla c a v a lle r ia si
4 4 ,7 ), c h e in u ltim a a n alisi (il g u e r rie r o ) c o n fid a (qst) in sie m e c o n lo s c u d o r o ­
m e n z io n a l ’ a r c o
in J h w h e n o n n e lla p r o p r ia fo r z a ( c fr. Ios. 2 4 ,1 2 ; to n d o (mgnj ’glh), la la n c ia (rmh), le fre c c e (hsjm)
Hos. 1,7 ). e i g ia v e llo tti di g u e r ra (zrqwt mlhmh) ( i Q M
L ’ a r c o d a g u e r ra v a le a n ch e c o m e m e ta fo r a p e r 6 ,1 5 s.). È in c e rto il s ig n ific a to d e lla p a ro la qst in
la « g u e rra » (ad es. qeset milhamà, Zach. 9 ,1 0 ) . iQ M 9 ,1 0 s .; s e m b r a tu tta v ia c h e le e s p re ss io n i
I n fin e in Zach. 10 ,4 l’ a r c o d a g u e r ra in d ic a q u a l­ « c ir c o lo d i m an i e d i to r ri» (gljl kpjm wmgdlwt) e
c o s a d i c o m p le ta m e n te d iv e rs o : a c c a n to a « p ie tra « a rch i e to r ri» (qst wmgdlwt) d e s ig n in o d iv e rs e
a n g o la re »(pinnà , c fr . Iud. 2 0 ,2 ; 1 Sam. 1 4 ,3 8 ; Is. fo r m a z io n i d i b attag lia.
19 ,13 ; Soph. 3 ,6 ), « p io lo d a ten d a » ( jàtèd , c fr . il i Q H 6 , 3 0 - 3 1 d ic e , a p r o p o s ito d e ll’ e r o e (gbwr)
g r e c o (ttùXo 1, Gal. 2 ,9 ; R . M a c h , D er Zaddik in d iv in o , c h e p e r la s p e r a n z a p ia d e l g iu s t o c h e p a ­
Talmud und Midrasch, L e id e n 1 9 5 7 , 1 4 2 ) e « c o ­ tis c e l ’ o p p r e s s io n e « l’ e r o e te n d e rà il s u o a r c o ed
lu i c h e e se rc ita la fo r z a » ( nógès, c fr . Is. 14 ,2 .4 ), e s p u g n e r à la fo r te z z a » (wjdrwk gb w r qstw wjpth
l’ « a rc o d a g u e rra » d iv e n ta u n a m e ta fo r a p e r in d i­
c a re la g u id a c a ris m a tic a d e lla fin e d ei tem p i. mm/> T. Kronholm
C o m e si v e d r à d a Is. 2 1 , 1 6 s. e Iob 2 9 ,2 0 , I n a r ­
c o » p u ò e s se r e m e sso in p a ra lle lo c o n « o n o re /
s p le n d o re » (kàbòd) ( c fr. Ezech. 1,2 8 ).
L ’ a r c o d a g u e r ra p u ò e s p r im e re a n ch e la p o ­
te n z a e la fo r z a m ilita re di u n a n a z io n e . I re la tiv i
b ra n i d e ll’ A .T . p a rla n o n e lla m a g g io r p a rte dei H iÓ m eh 1 + 1 1 , 'I O r*’t, DV1 r 'ù t,
c asi d e lla r o ttu r a d i q u e s t’ a r c o , p e r p r im a l’ atte­ nN-ID
V I - m a r ’eh, HN
T 1ID
“ m a r ’à '
s ta z io n e c h e si tr o v a n e lla m in a cc ia p r o n u n c ia ta
O s e a in n o m e d i J h w h : « In q u e l g io r n o io s p e z ­ 1. Etim ologia. - li. A l di fuori della B ibbia. - 1. Iscrizio­
z e r ò l’ a r c o d ’ Is r a e le (qeset jisrà’èl, c h e p u ò tu tta ­ ni cananaiche. - 2. Egiziano. - 3. A ccadico. - 111. A n ti­
v ia s ig n ific a r e a n ch e « l’ a r c o Is r a e le » ; c fr . Am. 5 ,2 ; co Testam ento. — 1 . Attestazioni. - 2. Particolarità lin­
K e e l, Z P D V 9 3 , 7 2 n. 1 3 6 ) n ella v a lle d i Iz re e l» guistiche, sinonim i, espressioni idiom atiche. - 3. P ro ­
cesso percettivo quotidiano. - 4. U so specifico. —a) In
(Hos. 1 ,5 ) . P a ra lle la m e n te , un o r a c o lo d i J h w h
am bito militare. — b) A corte. - c) C o m e termine del
p r o n u n c ia to c o n tr o l’ E la m risa le n te al 5 9 7 a .C .
linguaggio giuridico. - d) N ella sapienza. - e) N el cul­
a ffe r m a : « G u a r d a , io s p e z z e r ò l ’a r c o d i E la m , il to. - f) N elle form ule di scongiuro e degli oracoli pro­
p r in c ip io d e lla lo r o fo r z a (rè’sit g'bùratàm)» (Ier. fetici. - 5. U so teologico. - a) «Vedere D io/Jh w h » o v ­
4 9 ,3 5 ;c f r . a n c o r a sbr qal in Hos. 2 ,2 0 ; pi. Ps. 4 6 ,1 0 ; vero «il suo volto». - b) Sentire o sperim entare l’onn i­
76 ,4 ). Il d e tto d iv in o c o n tin u a p o i c o n l’a n n u n c io potenza di D io. - c ) Esam inare criticam ente il com po r­
c h e J h w h p o r rà il s u o tr o n o in E la m . Q u e s t ’ id ea tamento e l’azione di qualcuno. - d) D io com e sogget­
r ic o rd a q u e lla d e l fa ra o n e e g iz ia n o , c h e « d al tr o ­ to del vedere. - e) Esperienze di visioni. - 6. Fo rm azio ­
n o r e g n a su an im a li o u o m in i, o su e n tra m b i, c o n ni nom inali. - a) ró’eh 1 + n . - b) mar’à. - c) mar’eh. -
d) A ltri derivati. - iv . i . Q um ran. - 2. L X X .
l’ a r c o te so » ( K e e l, Z D P V 9 3 , 1 5 3 ) . M a l’A .T . e v i­
d e n te m e n te n o n c o n o s c e la c o n c e z io n e d ei p o p o li B ib l.: R . A lbertz, Jer 2-6 und die Fruhverkiindigung
d e lla te rra c o m e n o v e a rc h i p o s ti s o t to i p ie d i d el Jeremias: Z A W 94 (19 8 2 ) 20-47. - S. A m sler, La parole
61 (v ii,226) rà'à (H .-F . Fuhs) ( v i i , 227) 62

visionane des proph'etes: V T 3 1 ( 19 8 1 ) 359 -36 ). - C . (19 87) 446-467, spec. 462-465. - K . K oenen, Wer sieht
B arth, Theophanie, Bundesschliessung und neuer An- wen? Zur Textgeschichte von Genesis XV I i j : V T 38
fangam drilten Tag: E v T h 28 (19 6 8) 5 2 1-5 3 3 . - W . G ra f (1988) 468-474. - E. K ònig, Der Offenbarungsbegriff
v. Baudissin, «Gott Schauen» in der at.lichen Religion im Alten Testament 11, 1882. - H .-J. Kraus, Hóren und
(A R W 18, 19 15 , 173 -2 39 ; rist. in app. a F . N òtscher [v. Sehen in der althebràischen Tradition: B iblisch-theolo-
sotto] 1969, 19 5 -2 6 1). - C .T . B egg, 2 Kings 20:12-19 as gische A u fsatze (19 7 2 ) 8 4 -10 1. - J . K . Kselm ann, A Note
an F.lement of Deutcronomistic History: C B Q 48 on Ir'wt in Ps 40,i j: B ibl 63 (19 82) 552-554. - W .E.
(1986) 27-38. - A . Berner, Ester and thè Land of mar- Lem ke, The Near and Distant God: A Study of Jer
’ àh: BcthM 26 (19 80/81) 267-278. - Id., Mar'ah and 23:23-24 in its Biblical Theological Context: J B L 100
mar’èh: BcthM 25 (1979/80) 1 3 2 - 14 9 .3 7 3 s. - H .J. B oek- ( 19 8 1) 5 4 1-5 5 5 . - C . Levin , Der Dekalog am Sinai: V T
ker, Redeformen des Rechtslebens im A.T. (W M A N T 35 (19 85) 1 6 5 - 1 9 1 . - J . Lindblom , Prophecy in Ancient
14, *1970). - T . B o o ij, Hagar’s Words in Gen XVI i j B : Israel, '19 6 5 . - P. M aiberger, Ein Konjekturvorschlag
V T 30 (1980) 1-7 . - Id., The Hebrew Text of Psalm zu Ex 16,}2: Z A W 95 (19 8 3) 1 1 2 - 1 1 8 . - H . M idden-
X C I1 i n V T 38 (1988) 2 1 0 - 2 1 4 . - M . Buber, Sehertum. dorf, Gott sieht. Eine terminologische Studie iiber das
Anfang und Ausgang, 1955. - E . B u rro w , The Orac/es Schauen Gottes im A.T., 19 35 . - R .W .L . M oberly, The
of Balaam, 1939. - D .L . Christensen, Two Stanzas of a Earliest Commentary of Akedah: V T 38 (1988) 302­
Hymn in Deuteronomy j j : B ibl 65 (1984) 382-389. - 323, spcc. 306 s. - H . M òlle, Das Erscheinen Gottes im
R .E . Clem cnts, Prophecy and Covenant (S B T 43, Pentateuch: E H S x x in /18 (19 7 3). - H .P . M uller,
1965). - F. Criisem ann, Zwei at.liche Witze. I Sam 21, Theonome Skepsis und Lebensfreude - Zu Kob 1,12 ­
u - i } und II Sam 6,16.20-23 als Beispiele einer bibli- 3,1 y. B Z 30 (1986) 1 - 19. —R .E . M urph y, Cant 2:8-17 ~
schen Gattung: Z A W 92 (1980) 2 15 -2 2 7 . - J.H . Eaton, A Unified Poemi (Fs. M . D elcor, A O A T 2 15 , 1985,
Some Misunderstood Hebrew Words for God’s Self- 3 0 5 -3 10 ) .- K . N am ik i, Homer, Ugaritic Literature and
Relevation: BiT rans 25 (19 74) 3 3 1-3 3 8 . - J . A . Em crton, thè O.T - Antiquated Expressions of «seeing»: C h ris-
Notes on thè Text and Translation of Isaiah X X II 8-ti tianity and C u ltu re 16 (19 82) 4 7 -10 2. - H . N ieh r, Zur
and LXV jy. V T 30 (1980) 4 3 7 -4 5 1. - G . Fohrer, Of- Intention von Jes 6,9-10: B N 2 1 (19 8 3) 59-65. - F . N ò t-
fenbarung und A.T. (G run dlagen des G laubens, 1970, scher, 'Das Angesicht Gottes schauen» nach biblischer
3 1 - 5 1) . - C .T . Fritsch, A Study of thè Greek Trans­ und babylonischer Auffassung, 19 2 5 , 1969. - H .M . O r ­
lation of thè Hebrew Verbs •to see* with Deity as Sub- linsky, The Seer in Ancient Israel: O rA n t 4 (19 6 5) 1 5 3 ­
ject or Object (Fs. H .M . O rlin sk y = E l 16, 1982, 5 1 * ­ 174. - Id., The Seer-Priest and thè Prophet in Ancient
57*). - H .-F . Fuhs, Sehen und Schauen. Die Wurzel hzh Israel (Essays in Biblical C u ltu re and Bible Translation,
im Alten Orient und im A.T. ( F z B 32, 1978). - Id., hzh F s. H .M . O rlin sk y, 1974, 39-65). - D .L . Peterscn, The
- Zu einem angeblichen Aramaismus im Hebrdischen: Roles of Israel's Prophets ( JS O T Suppl. 17 , 19 8 1). - O .
B N 2 (19 7 7) 7 -12 . - S .D . G lison , Exodus 6:3 in Penta- Plòger, Priester und Prophet: Z A W 63 ( 19 5 1) 15 7 -19 2 .
teuchal Criticism: Restoration Q u artcrly 28 (1985/86) - W .H . Propp, The Skin of Moses’ Face - Transfigured
13 5 - 14 5 . - H . H aag, Offenbaren in der hebrdischen or Disfguredt: C B Q 49 (19 87) 375-386. - J . Reindl,
Bibel: T h Z 16 (i9 60 ) 2 5 1-2 5 8 . — R .N . H aber (H g.), Das Angesicht Gottes im Sprachgebrauch des A .T :
Vision: Contemporary Theory and Research in Visual E rfT h S t 25 (19 70). - R . R en dtorff, Die Offenbarungs-
Perception, 1968. - J . H àncl, Das Erkennen Gottes bei vorstellungen im Alten Israel (W . Pannenberg [H g.],
den Schriftpropheten (B W A N T 4, 1923). - H . H aran, Offenbarung als Geschichte, 19 6 1, 2 1- 4 1 = T h B 57
The Divine Presence in thè Israelite Cult and thè [•9 7 5 ] 39' 59)- ~ F . R ouillard, Les sens de Job 33,21: R B
Cultic Institutions'. B ibl 50 (19 69) 2 5 1-2 6 7 . - F . H aus- 9 1 (1984) 30-50. - E . Ruprecht, Exodus 24,9-11 als Bei-
sermann, Symbol und Wortempfang in der at.lichen spiel lebendiger Erzàhltradition aus der Zeit des Baby-
Prophetie (B Z A W 58, 1932). - S .L . H arris, Wisdom or lonischen Exils (Fs. C . W estermann, 1980, 13 8 -17 3 ). -
Creationf A New Interpretation of Job X X V III 27: A . Saviv, God Sees: BcthM 26 (19 80/81) 2 79 -2 8 1. - H .
V T 33 (19 83) 419 -4 2 7 . - R . H entschc, Die Stellung der Schm id, Gottesbild, Gottesschau und Theophanie: Ju d
vorexilischen Schriftpropheten zum Kultus (B Z A W 75, 23 (19 67) 2 4 1-2 5 4 . - W .H . Schm idt, Ausprdgungen des
1975, spcc. 14 8 -174 ). - S. H errm ann, Die prophetischen Bilderverbotsi Zur Sichtbarkeit und Vorstellbarkeit
Heilserwartungen im A.T. (B W A N T 85, 1965). - V. Gottes im A.T. (Fs. G . Friedrich, 19 73, 25-34). - F.
H irth, Boten Gottes im A.T. (Theologische Arbeiten Schnutcnhaus, Das Kommen und Erscheinen Gottes im
32, 1975). - M . Jastro w , Ró'èh and Hózé in thè Old Alten Testament: Z A W 76 (1964) 1-2 2 . - E . Schùtz,
Testament: J B L 28 (1909), 45-56 . - A . Jepsen, Nabi. Eormgeschichte des vorklassischen Prophetenspruchs,
Soziologische Studien zur at.lichen Literatur- und Reli- diss. 1958. - H . Seebass, Zum Text von Gen XV I 13 B:
gionsgeschichte, 1934. - J . Jerem ias, Theophanie (W M V T 2 1 ( 19 7 1) 254-256. - C . L . Seow , A Textual Note on
A N T 10, * 1977). - A .R . Joh n son , The Cultic Prophet in Lamentations 1:20: C B Q 47 (19 8 5) 4 16 -4 19 . - A . van
Ancient Israel, '19 6 2 . - H . Ju n k e r, Prophet und Seher Seters, Isaiah f 2:7-10: Int 35 ( 19 8 1) 401-404. - M .S.
in Israel, 1927. - E .C . K in g sb u ry, The Theophanie To­ Sm ith, "Seeing God » in thè Psalms: The Background of
pos and thè Mountain of God: J B L 86 (19 6 7) 205-210. thè Beatific Vision in thè Hebrew Bible: C B Q 50
- R . Knierim , Offenbarung im A.T. (Fs. G . v. Rad, (1988) 1 7 1 - 1 8 3 . - M .A . V andcn O udenrijn, De vocabu-
19 7 1, 206-235). ~ K . K o ch , P - Kein Redaktor! Erinne- lis quibusdam, termino synonymis: B ibl 6 (19 2 5 ) 294­
rung an zwei Eckdaten der Quellenscheidung: V T 37 3 1 1 . — A .S. van der W oude, Der Engel des Bundes. Be -
6 3 ( v u ,228) ra’à (H .-F . Fuhs) (VII.229) 64

merkungen zu Maleachi j,tc und seinem Kontext (Fs. G e r u s a le m m e , m e n z io n a ta p e r la p r im a v o lta in


H .W . W olff, 19 8 1, 289-300). - D . Vctter, Seherspruch / os. 1 0 , 1 0 ss. e s e c o n d o 2 Chron. 1 1 , 9 fa c e n te p a rte
und Segensschilderung (C T h M A/4, 1974). - ld., r'h se- d e lla c in tu r a d i fo r te z z e d i R o b o a m o (c fr. G . B e y -
hen (T H A T 11 6 92-701). - S. W agner, Offenbarungs- e r . Z D P V 54 [ 1 9 3 1 ] 1 1 3 s.), a d is p e tto d e ll’ in fo r m a ­
phànomenologische Elemente in drr BUeam-Geschichte
z io n e di Ier. 3 4 ,7 in ta n to e ra stata e sp u g n a ta . Il
von Numeri 22-24-, T heologische Versuche 5 (19 7 5) 1 1 ­
3 1 . - E .C . W ebster, A Rhetorical Study of Isaiah 66: c o n te s to im m e d ia to illu s tra la p e r ic o lo s it à d e lla s i­
JS O T 34 (1986) 93-10 8 . - C . W estermann, Lob und Kla- tu a z io n e d i G e r u s a le m m e : « S a p p ia il m io S ig n o r e
ge in den Psalmen, *1977. - G .E . W hitney, Alternative c h e s tia m o a s p e tta n d o il s e g n a le d i L a c h is h » ( K A I
Interpretations of lo’ in Exodus 6:j and Jeremiah 7:22: 1 9 4 ,1 0 s.). ra ’à hif. c o n s o g g e tto J h w h n el s e n s o di
W estminster Thcological Jo u rn al 48 (1986) 1 5 1 - 1 5 9 . - « fa r v e d e re , s p e r im e n ta re (il b en e)» r ic o r r e 2 v o l­
D .P . W right, Deuteronomy 21:1-9 as a Rite of Elimi- te n e lla fo r m u la a u g u ra le a ll’ in iz io ( K A I 1 9 6 ,1 s.)
nation: C B Q 49 (19 87) 387-403. - W . Zim m erli, «O /- o p p u r e alla fin e d e lla le tte ra ( K A I 1 9 5 ,7 s 0 -
fenbareni im Alten Testament: E v T h 22 (19 62) 1 5 - 3 1.
Il m o a b ita , u n a lin g u a v ic in a a ll’e b r a ic o , p r e s e n ­
— Id., Die Bedeutung der grossen Schriftprophetie fiir
ta rd ’à b r ( qal/hif.) nel s e n s o d i « fa r v e d e r e (co n
das at tiche Reden von Gott (V T S 23, 1972,48-6 4).
g io ia o s o d d is fa z io n e ) » ( K A I 1 8 1 , 4 : « a s sic u ra re la
1. r ’ (j) è attc sta ta p r in c ip a lm e n te n e l­ v it to ria » ; 1 8 1 , 7 « tr io n fa r e su q u a lc u n o » ). L a d e r i­
L a ra d ic e
le lin g u e s e m itic h e m e rid io n a li: s u d a ra b . r ’j ( C o n ­ v a z io n e d a r ’h d i rjt, a tte sta to n e lla ste ssa is c r i­
ti R o s s in i 2 3 5 ; B ie lla 4 7 3 s ., B G M R 1 1 2 s.), et. z io n e ( K A I 1 8 1 , 1 2 ) , è d is c u s sa ( c fr. K A I 11, 17 5 ) .
ré ’eja ‘ v e d e r e ’ c o n i d e r iv a ti n o m in a li rè’éjat ‘ v i ­ 2. L ’e g iz ia n o n o n h a a lc u n a b ase se m itic a c h e in
sta, s g u a rd o , v is io n e ’ , ra’àj ‘ s p e tta to r e , o s s e r v a to ­ m o d o p a ra g o n a b ile al s e m itic o m e r id io n a le / e b r a i­
re ’ , ’a r ’ajd ‘ im m a g in e , fo r m a , e s e m p io ’, nèredj c o - m o a b it ic o r ’(j) p r o d u c a u n c o s ì e ste so e a lta ­
‘ o r iz z o n t e ’ ( D illm a n n , Lex. Ling. Aeth. 2 9 6 -3 0 0 ), m e n te d iffe r e n z ia to c a m p o se m a n tic o , m a im p ie ­
ar. ra’d ‘ v e d e r e ’ c o n i n o m i d e v e r b a li ra’j ‘ v is io ­ g a p e r la p e r c e z io n e s e n s o ria le v a rie e s p r e ss io n i.
n e, p e n s ie r o ’ , ru’ja ‘ v is ta , v is io n e , is p e z io n e ’ , ra- L e p iù im p o rta n ti s o n o dgj (W b A S v 4 7 9 s .),ptr/ptj
’jd ‘ v is io n e , s o g n o ’ , m ar’an ‘ s g u a r d o , v is io n e , a p ­ (1 564) e b 'j, fo r m a n o m in a le /p'w ( 111 2 3 9 - 2 4 1 ) ,
p a r iz io n e ’ , m ir’dt ‘ im m a g in e a llo s p e c c h io ’ , r i’d ’ tu tte e tre atte sta te sin dai testi d e lle p ira m id i, dgj
o v v e r o rijd’ ‘ a d u la z io n e , ip o c r is ia ’, rd ’in ‘ o s s e r ­ in d ic a la s e m p lic e p e r c e z io n e s e n s o ria le : « v e d e re
v a to r e , s p e tta to r e ’ (W e h r, Arab. Wb. 2 8 6 s.). N e l ­ (c o n gli o c c h i)» , ad e s e m p io il v o lto d i u n a p e r s o ­
le lin g u e c a n a n a ic h e r ’j o ltr e c h e in e b r a ic o r ic o r ­ na o la s u a fig u r a , e a n ch e u n a v is io n e p iù in ten sa,
re s o lta n to n e ll’ a ffin e lin g u a m o a b ita ( D I S O 268 « g u a rd a r e , o s s e r v a r e , n o ta re » : d ir ig e r e lo s g u a rd o
s .; K A I 1 8 1 ,4 .7 ) . L ’ u g . r ’jdn ( K T U 1 , 3 , 1 , 1 2 s.) è su q u a lc o s a p e r r ic o n o s c e r la , p e r e s e m p io r ic o n o ­
in c e rto . U . C a s s u t o d iv id e r j’ -dn e tra d u c e «di s c e r e il s o le , le s te lle ; la b e lle z z a , il v e r o , il b e n e ,
a s p e tto p o te n te » (B u llc t in o f th è J e w i s h P a le stin e m a a n ch e « g u a rd a r e in m o d o m e r a v ig lio s o , in m o ­
E x p lo r a t io n S o c ie t y 1 0 [ 1 9 4 2 / 1 9 4 3 ] 50; The God- d o r a d io s o » , v e d e r e n e l fu tu r o ; c o m e d t o lo r e g a ­
dess Anath, Jc r u s a le m 1 9 7 1 , 85. 1 1 0 ; c fr . J . A is - le: « c o lu i c h e p u ò v e d e r e o g n i c o s a sa n ta » , o c o ­
le itn e r, Z A W 5 7 [ 1 9 3 9 ] 2 1 0 ; W U S n r. 246 9; m e tito lo d e l s o le : « ch i d à il p o te r e d i v e d e r e [= r i­
A N E T > I } 6 . £ U lle n d o r ff, J S S 7 [ 1 9 6 2 ] 3 4 6 ; J . L . c o n o s c e re ] a q u e lli c h e g u a r d a n o v e r s o di lu i» , in ­
d e M o o r , A O A T 16 , 1 9 7 1 , 6 7); al c o n tr a r io J . C a - fin e « v e d e re q u a lc u n o = fa r v is ita , v is ita re » : il re
q u o t - M . S z n y c e r , Les religioni du Proche-Orient p e r u n ’ u d ie n z a , u n d io , il te m p io .
asiatique, 19 7 0 , 3 9 1 : il d io R a ’iddn. L ’a ra m . rè- ptr/ptj d e s c riv e in o g n i c a s o la p e r c e z io n e s e n ­
w(d) ‘ a s p e tto , a p p a r e n z a ’ p o tr e b b e e s se re u n p r e ­ s o r ia le , « v e d e re (c o n gli o c c h i)» , m a è u sa to in s e n ­
stito c a n a n a ic o ( B L A § 5 1 k ’ ; K B L 1 1 1 2 3 ; A T T M s o tra sla to : s p e r im e n ta re o c o n s e g u ir e la v itto ria ,
6 9 2 ; c o n tr o J . L . d e M o o r , A O A T 1 6 , 1 9 7 1 , 74). le b u o n e a z io n i, s e g re ti n a sc o sti; c o n o s c e r e q u a l­
N e lle lin g u e s o p r a c ita te r ’j r a p p re s e n ta la b ase c u n o o q u a lc o s a . L ’e s c la m a z io n e ptr c h e ric h ia m a
p e r la p e r c e z io n e s e n s o ria le « v e d e re (co n g li o c ­ l ’a tte n z io n e si u sa d i fr e q u e n te a ll’in iz io d i u n d i­
c h i)» . D a l s ig n ific a t o fo n d a m e n ta le s o n o d e riv a ti s c o r s o o so le n n e m e n te n ei tra tta ti; la c o s tr u z io n e
tu tti g li altri a sp e tti d e lla p e r c e z io n e . \}rptr e s p r im e u n a b e n e d iz io n e .
L a g a m m a s e m a n tic a d i rà’à nif. è c o p e rta d a l-
U .I. In e b r a ic o al d i fu o r i d e lla B ib b ia rd ’à c o m ­ l’ eg . jf'j, c h e si r ife ris c e in p r im o lu o g o al s o r g e r e
p a re 3 v o lte n e lle le tte re d i L a c h is h . K A I 1 9 4 ,1 2 d e l s o le , c o n v a lo r e fig u r a to al s u o s o r g e r e m e r a ­
a ttc sta rà'à qal c o l s ig n ific a t o d i « g u a rd a re (d a un v ig lio s o (= a p p o r t a to r e di sa lv e z z a ), fr'j è tr a s fe r i­
p o s to di o s s e r v a z io n e m ilita re ), o s s e r v a re a tte n ta ­ to d a l s o le a g li dèi e al fa ra o n e , ad e s e m p io « m a ­
m e n te » : « ... n o n v e d ia m o (p iù ) (il se g n a le ) d a A z e - n ife sta rs i c o m e u n g ra n d e d io » d u r a n te u n a fe sta
q a » , v a le a d ir e c h e q u e s ta fo r tific a z io n e e s te rn a a n el te m p io , a p p a r ir e agli u m a n i d u r a n te u n a festa .
65 ( v i i , 230) r i ’a (H .-F . Fuhs) (v n ,2 3 i) 66

A n a lo g a m e n te il fa ra o n e c h e s i m o s tra d a l tro n o la z io n i a s tr o n o m ic h e o s a n g u e ; c o m p a io n o in v i ­
a p p a re al p o p o lo c o m e il p r o m o t o r e d e lla g iu s ti­ s io n e d e i d e m o n i; l’u o m o r ic e v e u n ’ in fo r m a z io n e
z ia , se in u n a c ittà , se in b a tta g lia c o m e v in c ito r e . d iv in a . I testi a ffe r m a n o d i fr e q u e n te c h e l’o ra n te
D a l M e d io R e g n o è a tte s ta to gmh, c h e in d ic a g u a rd a a l fa v o r e d e lla d iv in ità . « G u a r d a r e il v o lto
g e n e ric a m e n te la p o s s ib ilità d a ta a g li o c c h i d i v e ­ d i N D » s ig n ific a c o n c re ta m e n te p re s e n ta rsi d a ­
d e re e in s e n s o tra sla to s ig n ific a « o s s e rv a r e , s c o r ­ v a n ti a ll’ im m a g in e o a lla sta tu a d i q u e lla d iv in ità
g e re » , p e r e s e m p io la p r o p r ia p e r s o n a r ifle s s a s u l­ p r e g a n d o e fa c e n d o s a c r ifìc i - e c c e z io n a lm e n te in
l’ a c q u a o p p u r e a llo s p e c c h io , il s o le , il n e m ic o ; u n lu o g o p r iv a ta a d ib ito ai s a c r ifìc i a ll’ in te rn o d e l­
« lu n g im ira n te = a v v e d u to » n e l c o m p ie re u n la v o ­ l’a b ita z io n e , d i r e g o la nel te m p io , p e r r ic e v e re f a ­
r o ; in p a rtic o la r e : « g u a rd a r e a l fu tu r o , a ll’ e te rn i­ v o r e e a iu to . T u tta v ia la fr a s e « v e d e re il v o lto di
tà» a n c h e c o m e e s c la m a z io n e n e lle la m e n ta z io n i N D » n o n è p r in c ip a lm e n te u n ’ e s p r e s s io n e te c n i­
fu n e b ri. D a lla x v n d in a stia in p o i si u sa nw c o m e c a c u ltu a le p e r « v is ita re il te m p io » , m a c o m p r e n ­
te rm in e g e n e ric o p e r in d ic a re la c a p a c ità v is iv a d e ­ d e s e m p re la ric e r c a d e l v o lt o m is e r ic o r d io s o e d i­
g li o cc h i. s p e n sa to re d i v ita d e lla d iv in ità , p o ic h é d a e s so d e ­
3. amàru e q u iv a le d a l p u n to d i v is ta s e ­ r iv a n o a iu to e s a lv e z z a . « V e d e r e D io » in d ic a q u in ­
L ’ a c c.
m a n tic o a r i'a : gli c o r r is p o n d e n e ll’ e s te n sio n e d i d i il g u a rd a rs i in t o r n o o v v e r o im p e g n a r s i a l s e r ­
sig n ific a to , nei d e r iv a ti n o m in a li e a n c h e n e ll’a m ­ v iz io d e g li d è i, c h e è g ià u n a g a r a n z ia d e l fa v o r e
p ia d iffu s io n e d e lle a tte s ta z io n i (p e r le p a r t ic o la r i­ d iv in o .
tà c fr . A H w 4 0 -4 2 ; C A D A 11 5 -2 7 ).
L ’ e s p e r ie n z a s e n s o ria le r a p p re s e n ta l’e s ito d e l­ m . i . a ) 11 v e r b o r i ’a è a tte s ta to c ir c a 1 3 0 3 v o lte
l ’in te ro s p ie g a m e n to d i s ig n ific a t i p e r il v e r b o , c o l­ (V e tte r, T H A T 11 6 9 2 ; K B L * 8 6 1 : 1 3 0 0 v o lte ).
le g a to a ina in i : « lo h o v is t o tu t to c o n i m ie i o c ­
c h i» . D i qu este attestazio n i 1 1 1 9 ric o rro n o al qal (V et­
A c c a n t o alla p e r c e z io n e s e n s o r ia le , am iru in d i­ ter 692; K B L * 10 7 9 ; K B L 1 862 (p rob ab ilm en te c o r ­
ca u n c o m p le s s o p r o c e s s o p e r c e tt iv o , c o m e « s c o ­ retto: 1 1 4 0 ) : G e n e si 1 2 3 ; E s o d o 70; L e v itic o 3 7 ; N u ­
m eri 39; D e u te ro n o m io 56; G io s u è 1 5 ; G iu d ic i 34 ; 1
p r ire , sp e rim e n ta re , v e d e r e » ; « s p e rim e n ta re u n a
Sam u ele 74; 2 Sam u ele 4 3; 1 R e 2 5 ; 2 R e 55; Isaia 74;
b u o n a fo r tu n a » , « v e d e re te m p i c a ttiv i» . I n alcu n i
G erem ia 66; E ze ch iele 70; O se a 4; G io e le 1 ( 3 ,1) ;
testi am iru a ssu m e il s ig n ific a t o d i « tr o v a r e , im ­ A m o s 5; A b d ia ( 1 2 . 1 3 ) ; G io n a 2 ( 3 ,10 ; 4 ,5); M ich ea
b a tte rsi, d e te r m in a r e , s c o p r ir e » . N e l l ’ u s o tra sla to 5; N a u m 1 (3,7 ); A b a c u c 6; A g g e o 2,3 (2 v o lte); Z a c ­
si tr o v a n e lle se g u e n ti c o s te lla z io n i s e m a n tich e : caria 18 ; M alach ia 2 ( 1 ,5 ; 3 ,18 ); Salm i 87; G io b b e 50;
« tr o v a r e ( d o p o u n a ric e rc a ), s c e g lie r e » ; p a r t ic o ­ P ro verb i 12 ; R u t 2 ( 1 , 1 8 ; 2 ,18 ); C a n tic o 7 ; Q o h elet
la rm e n te , o tte n e re u n r is u lta to a s tr o n o m ic o o m a ­ 46; L a m en taz io n i 16 ; E ste r 1 2 ; D a n ie le 18 ; E s d ra 1;
te m a tic o , in o ltre « im p a ra re , s p e r im e n ta re » , « e sa ­ N eem ia 6; 1 C ro n a c h e 19 ; 2 C ro n a c h e 24; nif. 10 2
m in a re , o s s e r v a r e a tte n ta m e n te » , « is p e z io n a re » , volte: G e n e si 14 ; E s o d o 16 ; L e v itic o 10 ; N u m e ri 5;
D eu tero n o m io 5; G io s u è 6; G iu d ic i 6; 1 Sam u ele 2
a n c h e in s e n s o m ilita re : « p a s s a re in ra s se g n a » , in ­
( 1,2 2 ; 3 ,2 1) ; 2 Sam u ele 3 ( 1 7 , 1 7 ; 2 2 ,1 1 . 1 6 ) ; 1 R e 1 1 ; 2
fin e « p re n d e rs i c u r a , p r e o c c u p a r s i» , p a r t ic o la r ­
R e 1 (2 3,2 4 ); Isaia 4; G e re m ia 2 ( 13 ,2 6 ; 3 1 ,3 ) ; E z e ­
m e n te « c e rc a re , v is ita re » .
chiele 4; Z ac ca ria 1 (9 ,14 ); M alach ia 1 (3,2 ); Salm i 5;
F r a la q u a n tità di e s p r e s s io n i id io m a tic h e v a n ­ P ro v e rb i 1 (2 7 ,2 5 ); C a n tic o 1 ( 2 ,12 ) ; D an ie le 4; 2 C r o ­
n o q u i r ic o rd a te : am iru p in u « v e d e re il v o lto » , nache 6.
p a rtic o la r m e n te « v e d e re il v o l t o d e l re » . L ’ e s p r e s ­
s io n e d e r iv a d a l c e rim o n ia le d i c o r te e s ig n ific a in Il hif. r ic o r r e 62 v o lte : Gen. 1 2 , 1 ; 4 1 ,2 8 ; 4 8 , 1 1 ;
p r im o lu o g o « c o m p a rir e d a v a n ti al re» p e r d im o ­ E s o d o 4 v o lte ; Num. 8 ,4; 1 3 ,2 6 ; 2 3 ,3 ; D e u t e r o n o ­
s tr a r g li le a ltà e in s e g u ito « e ss e r e a m m e ss o a u n a m io 6 v o lte ; Ios. 5,6 ; G iu d ic i 4 v o lte , 2 Sam. 1 5 ,
u d ie n z a » p e r q u a lc u n o c h e n o n « v e d e c o s ta n te ­ 2 5 ; 2 R e 7 v o lte ; Isa ia 4 v o lte ; Ier. 1 1 , 1 8 ; 2 4 , 1 ; 3 8 ,
m en te il v o lt o d e l re » , c io è c h e n o n sta al s u o s e r ­ 2 1 ; Ezech. 1 1 , 2 5 ; 4 0 ,4 (2 v o lte ); A m o s 4 v o lte ;
v iz io , u n a d im o s tr a z io n e d i p a r t ic o la r e fa v o r e c h e Mich. 7 , 1 5 ; Nah. ),y,Abac. 1 , 3 ; Zach. 1,9 ; 2 ,3 ; 3 , 1 ;
c o m p o r t a fo r tu n a e v ita . S a lm i 8 v o lte ; Cant. 2 ,1 4 ; Eccl. 2 ,2 4 ; Esth. 1 , 4 . 1 1 ;
am iru samai « v e d e re il s o le » = « v iv e re » . S i in ­ 4 ,8 ;il/ > o / r i c o r r e 4 v o lte : Ex. 2 5 ,4 0 ; 2 6 ,3 0 ; L e v . 1 3 ,
ten d e u n a v ita lu n g a e fo r tu n a t a , q u a n d o s i d ic e : 49 ; Deut. 4 ,3 5 , m e n tre il hitp. 5 v o lte : Gen. 4 2 , 1 ;
« E g li v iv r à a lu n g o , e g li v e d r à il so le » . 2 Reg. 1 4 , 8 . n ; 2 Chron. 2 5 , 1 7 Q . 2 1 ; il pu. 1 v o lta :
am iru è a n ch e u n te rm in e le g a to al c u lto e alla Ioh 3 3 , 2 1 .
am iru
p re g h ie ra . N e i te sti d i c o n te n u t o r e lig io s o C o n l’ e c c e z io n e d i S o fo n ia , il v e r b o è a tte sta to
c o m p a r e in tu tta la su a a m p ie z z a d i s ig n ific a to . S i in tu tti i lib ri d e ll’ A .T . S o r p r e n d e la fre q u e n z a
o s s e r v a n o s e g n i p r e m o n it o r i c o m e u c c e lli, c o s te l­ d e lle a tte s ta z io n i n e lla G e n e s i ( 1 4 1 s u lle c ir c a 32 8
67 ( v i i ,2 3 1 ) r i'a (H .-F . Fuhs) ( v i i , 232) 68

d e l P e n ta te u c o ) e S a lm i ( io o ) , p o i l’ u s o r im a rc h e ­ l e; p a r. -» léb); 2 Sam. 1 6 , 1 2 Q ( + b')\ 2 4 ,3 ; 1 Reg.


v o le in Q o h e le t ( 4 7 v o lte ) e P r o v e r b i ( 1 3 ) e in fin e 1,4 8 ; 1 0 ,7 ; 2 Reg. 7 ,2 ; 2 2 ,2 0 ; Is. 6 ,5 ; 1 1 , 3 ; 1 7 ,7 ;
le p o c h e a tte sta z io n i n e ll’ o p e r a s to r io g r a fic a c r o ­ 2 9 ,1 8 ; 3 0 ,2 0 ; 3 2 ,3 ; 3 3 , 1 5 . 1 7 . 2 0 ; 4 4 ,1 8 ; 6 4 ,3 ; Ier.
n istic a ( 5 5 ) ris p e tto a q u e lla d tr . (2 2 4 ). 5 ,2 1 ; 2 0 ,4 ; 4 2 ,2 ; Ezech. 1 2 , 2 . 1 2 ; 2 3 ,1 6 ; 2 8 ,1 8 ; 40,
b) D e lle fo r m e n o m in a li v a m e n z io n a ta in p r i­ 4 ; 4 4 ,5 ; Mich. 7 ,1 0 ; Zach. 9 ,8 ; Mal. 1 ,5 ; Ps. 1 7 ,2 ;
m o lu o g o la v o c e p r im itiv a ró’i « v e d e re » : Gen. 16 , 3 5 , 2 1 ; 5 0 ,2 1 ; 54 ,9 ; 9 1 ,8 ; 9 4 ,9 ; 1 1 5 , 5 ; > 3 5 .16 ; 1 3 9 ,1 6 ;
1 3 3 . 1 4 ; / Sam. 1 6 , 1 2 ; lo b 3 3 , 2 1 . Iob 7 ,7 .8 ; 1 0 , 1 8 ; 1 3 , 1 ; 1 9 ,2 7 ; 2 0 ,9 ; 2 i,2 0 Q ; 2 4 , 1 5 ;
A lt r i n o m i d e v e rb a li s o n o : m a’reh c h e r ic o r r e 2 8 ,7 .1 0 ; 2 9 , 1 1 ; 4 2 ,5 ; Prov. 2 0 ,8 .1 2 ; 2 2 ,1 2 ; 2 3 ,3 3 ;
10 3 v o lte : G e n e s i 1 1 v o lte ; Ex. 3 ,3 ; 2 4 , 1 7 ; L e v it i- 2 5 , 1 7 ; Eccl. 5 ,1 0 ; 6 ,9 ; 1 1 , 7 . 9 ; Esth. 2 , 1 5 ; v e d e r e c o n
c o 1 1 v o lte ; Num. 8,4; 9 , 1 5 . 1 6 ; 1 2 ,8 ; Deut. 2 8 ,3 4 . i p r o p r i o c c h i: Deut. 3 ,2 7 ; 2 9 ,2 ; 3 4 ,4 ; 1 Sam. 24,
6 7; los. 2 2 ,1 0 ; Iud. 1 3 ,6 (2 v o lte ); / Sam. 1 6 , 1 7 ; 1 7> 1 1 -,2 Reg. 7 ,2 .1 9 ; Zach. 9 ,8 ; Iob 4 2 ,5 ; Esdr. 3 , 1 2 ; 2
4 2 ; 2 Sam. 1 1 , 2 ; 1 4 ,2 7 ; 2 3 , 2 1 Q ; Is. 1 1 , 3 ; 5 2 ,1 4 ; Chron. 9 ,6 ; 2 9 ,8 ; 3 4 ,2 8 ; v e d e r e fa c c ia a fa cc ia :
5 3 ,2 ; E z e c h ie le 3 6 v o lte ; Ioel 2 ,4 (2 v o lte ); Nah. Num. 1 4 , 1 4 ; Deut. 1 9 , 2 1 ; Is. 5 2 ,8 ; ler. 3 2 ,4 ; 3 4 ,3 ;
2 ,5 ; Iob 4 ,1 6 ; 4 1 , 4 ; Cant. 2 , 1 4 (2 v o lte ); 5 ,1 5 ; Eccl c o n la c o n n o ta z io n e d e ll’e s se re s a z io d i v e d e re ,
6.9! 1 1 , 9 ; E s te r 4 v o lte ; D a n ie le 1 2 v o lte ; mar'à , o p p u r e di s a z ia r s i: Mich. 4 , 1 1 ; 7 ,1 0 ; Ps. 54 ,9 ; 9 2 ,
1 2 v o lte : Gen. 4 6 , 2; Ex. 3 8 ,8 ; Num. 1 2 ,6 ; 1 Sam. 1 2 ; Prov. 2 7 ,2 0 ; EccL 1 ,8 ; 4,8.
3 , 1 5 ; Ezech. 1 , 1 ; 8, 3; 4 0 ,2 ; 4 3 ,3 ; Dan. 1 0 ,7 (2 v o l­ F r a le e s p r e ss io n i id io m a tic h e v a n n o n o tate:
te ) ^ . 16 ; ro’eh 1, 1 1 v o lte : 1 Sam. 9 ,9 (2 v o lte ). n s’ ‘ajin + w 'r ’h ( n a r r a tiv o o p p u r e im p e r fe t­
1 1 . 1 8 . 1 9 ; Is. 3 0 ,1 0 ; 1 Chron. 9 ,2 2 ; 2 6 ,2 8 ; 3 9 ,3 9 ; 2 to ): Gen. 1 3 , 1 0 . 1 4 ; 1 8 ,2 ; 2 2 ,4 .1 3 ; 2 4 ,6 3 .6 4 ; 3 1 , 1 0 .
Chron. 1 6 ,7 .1 0 ; ro'eh n , Is. 2 8 ,7 ( c fr. J . B a r t h , Die I 2 ; 33 . i - j ; 37 .2 5! 3 9 .7 ; 4 3 .2 9 ; £ * • «4 .» o ; N*m-
Nominalbildung in den semit. Sprachen, * 18 9 4 = 2 4 ,2 ; Deut. 3 ,2 7 ; Ios. 5 , 1 3 ; Iud. 1 9 , 1 7 ; / Sam. 6,
19 6 7 , 1 5 1 ) ; r'ù t: Eccl. 5 ,1 0 Q ; rr ’i: Iob 3 7 ,1 8 . L a iy ,2S a m . 1 3 ,3 4 ; 18 ,2 4 ;/ * . 4 0 .2 6 :4 9 ,1 8 ; 5 1 ,6 (+ nbt
d e r iv a z io n e d i to’ar -* t ’r ( 1 5 v o lte ; p a r. mar'eh hif.)-, 6 0 ,4 ; Ier. 3 ,2 ; 1 3 ,2 0 ; Ezech. 8,5 (2 v o lte ); Zach.
in Gen. 2 9 ,1 7 ; 3 9 , 6 ; Is. 5 2 ,1 4 ; 5 3 ,2 ; Esth. 2 ,7 ) da 2 , 1 . 5 ; 5. I - 5-9 I 6 , 1 ; Iob 2 , 1 2 ( + nkr hif.); Dan. 8 ,3 ;
r ’h è d is c u s sa , rd ’à in D e ut. 1 4 , 1 3 v a le tto s e c o n ­ 1 0 , 1 5 ; 1 Chron. 2 1 , 1 6 ; c o n w'hinneh d i s e g u ito :
d o Lev. 1 1 , 1 4 d i'à ( K B L J 19 9 ; V e tt e r 692). Su i Gen. 3 9 ,7 ; Deut. 4 ,1 9 ; 2 Reg. 19 ,2 2 = Is. 3 7 ,2 3 ;
n o m i p r o p r i c o s tr u iti c o n r ’h, c fr. I P N 18 6 . 19 8 . Ezech. 1 8 , 6 . 1 2 . 1 5 ; 2 3 ,2 7 ; 3 3 ,2 5 ; Ps. 1 * 1 , 1 ; 1 2 3 , 1 .
2. N e l c o n te s to im m e d ia to ed e s te s o d i r i 'à r i­ w e + r ’h (n a r r a tiv o o p p u r e im p e r fe tto ) + w 'h in -
c o r r e u n a s e rie di v e r b i a p p a rte n e n ti al c a m p o le s ­ neh: Gen. 19 ,2 8 ; 2 2 , 1 3 ; 2 6 ,8 ; 2 9 ,2 ; 3 3 , 1 ; Deut. 9,
s ic a le d el « p e rc e p ire , ric o n o s c e r e » : 1 6 ; Ios. 8 ,2 0 ; Iud. 9 ,4 3 ; 2 Sam. 1 3 ,3 4 ; 2 Reg. 6 ,2 0 ;
nbt pi/hif. (ad e s. 2 Reg. 3 , 1 4 ; Abac. 1 ,5 ; Ps. 22, Ier. 4 ,2 5 ; Ezech. 1 ,4 ; 8 , 7 :2 Chron. 2 3 , 1 2 .
18 ; 8 0 ,1 5 ; M M J Iob 3 5 ,5 ; Lam. 1 , 1 2 ; 2 ,2 0 ; 1 hinneh + r ’h : 1 Sam. 1 6 ,1 8 ; 2 1 , 1 5 ; 2 &a m •
Chron. 2 1 , 2 1 ; bin (Is. 6 ,9 ; 3 2 ,3 .4 ; 4 4 ,1 8 ; Iob 1 1 , 1 1 ) ; i o . i i ; 2 Reg. 7 ,2 .1 9 ; 1 3 , 2 1 ; c fr . hinneh + s u ff. +
sim (Is. 4 1 ,2 0 ) ; sakal (Is. 4 1 ,2 0 ; 4 4 ,1 8 ) ; sur (ad es. r ’h: 1 Reg. 2 2 , 2 5 ; / e r . 3 2 .2 4 :2 Chron. 18 ,2 4 .
Num. 2 4 ,1 7 ) ; qàsab (Is. 3 2 ,3 s.); -> h izà (ad es. l'k ù (ù)rc’u: Ios. 2 , 1 ; 2 Reg. 6 , 1 3 ; 7 ,1 4 ; 1 0 , 1 6
Num. 2 4 ,1 6 ) ; pàqad (1 Sam. 1 4 , 1 7 ; Ier. i , i o ) ; sà'à (sin g .); ler. 7 , 1 2 ; Ps. 6 6 ,5 .
hitp. (Is. 4 1 , 2 3 ) p o tr e b b e fo r s e e s se re le tto c o m e da' ùre’eh: 1 Sam. 1 2 , 1 7 ; J 4>38 (pi-); 2 3 .2 2 ,2 3
u n qal d i sàtà‘ « a v e r p a u r a » , c fr . l ’u g . tt * ( U T nr. (e n tra m b i a l p i.); 2 4 ,1 2 ; 2 5 , 1 7 ( fe m .);2 Sam. 2 4 ,1 3 ;
2 7 6 3 ) e fen . st ‘ ( D I S O 3 2 2 ); sàmar (Ps. 3 7 ,3 7 ) . O c ­ / Reg. 2 0 ,7 (p i.); Ier. 2 , 1 9 (fe m .); 5 ,1 (p i.).
c a sio n a lm e n te r i ’à è a c c o m p a g n a to d a u n v e rb o w a j'h ì kir'ót: Gen. 2 4 ,3 0 ; Ios. 8 ,1 4 ; Iud. 1 1 , 3 5 ;
c h e in d ic a l ’ a z io n e di c e rc a r e , c o m e hàfas (2 Reg. 1 4 , 1 1 ; / Reg. 1 6 ,1 8 ; 1 8 , 1 7 ; 2 2 ,3 2 .3 3 ; 2 Reg. 4 ,2 5 ;
1 0 ,2 3 ) o p p u r e dàras (2 Chron. 2 4 ,2 2 ). D i fr e ­ Ier. 4 1 , 1 3 ; c fr . 3 9 ,4 -,Esth. 5 ,2 ; Dan. 8 ,2 .15 (e n tra m ­
q u e n te s ta n n o in p a r a lle lo -» sim a ‘ (ad es. Num. b i c o n be); 2 Chron. 1 8 , 3 1 .3 2 .
2 4 ,1 6 ; 1 Sam. 2 5 ,3 5 ; I s- 6 ,9 .1 0 ; Ier. 2 3 ,1 8 ; Ezech. r‘ ’eh natatti: Gen. 4 1 , 4 1 ; Ex. 7 , 1 ; Deut. 1 , 8 , 2 1 ;
4 4 ,5 ; f r . 4 5 , 1 1 ; 4 8 ,9 ; Iob 1 3 , 1 ; Prov. 2 0 ,1 2 ) e 2 ,2 4 ; 3 0 , 1 5 ; Ezech. 4 , 1 5 ; / Chron. 2 1 , 2 3 ; c o n b 'jà-
d a'(G en . 1 8 , 2 1 ; Ex. 2 ,2 5 ; L e v . 5 , 1 ; Num. 2 4 ,1 6 s .; d 'k i: Ios. 6 ,2 ; 8 , 1 ; c fr . Deut. 1 1 , 2 6 ; Ios. 6,2; 8 ,1 ;
Deut. 4 ,3 5 ; 1 1 , 2 ; 1 Sam. 6 ,9 ; 1 8 ,2 8 ; 2 6 ,1 2 ; Is. 5 ,1 9 ; c fr . Deut. 1 1 , 2 6 ; Ios. 2 3 ,4 (p i.).
29»*5; 4 « .2 o ; 44 »9 -i 8 ; 58»3 ; 6 ì>% ter. 2 .3 ; 5»1 » , 2 >3 i r i ’à p in im Gen. 4 3 ,3 .5 ; 4 4 ,2 3 .2 6 ; 4 6 ,3 0 ; 4 8 , 1 1 ;
Ps. 3 1 ,8 ; 13 8 ,6 [c fr. J . R e id e r , J B L 66 ( 19 4 7 ) 3 1 7 ] ; Ex. 10 ,2 8 .2 9 ; 3 3 ,2 0 ; 3 4 ,3 5 :2 Sam. 3 , 1 3 (2 v o lte ); 14 ,
Iob 1 i , i 1 ; Eccl. 6 ,5 ; Nehem. 4 ,5 ). 2 4 (2 v o lte ) .2 8 .3 2 ; Ier. 5 2 ,2 5 ; lo b 3 3 ,2 6 ; Esth. 1 ,
N a tu r a lm e n te r i ’à c o m p a r e fr e q u e n te m e n te in ­ 1 4 ; Dan. 1 , 1 0 ; c fr . r i ’à p in im ’el pinim : Gen. 3 2 ,
sie m e a -> ‘ ajin: Gen. 4 5 , 1 2 ; Lev. 1 3 , 1 2 ; Num. 1 1 , 2 1 ; Iud. 6 ,2 2 . .
6; Deut. 3 , 2 1 . 2 7 ; 4 ,3 .9 .1 2 ; 7 ,1 9 ; 1 0 , 2 1 ; 1 1 , 7 ; 2 1 ,7 ; I n fin e il g io c o d i p a ro le r i ’à + j i r e I s . 4 1 , 5 ;
2 8 ,3 2 .3 4 .6 7 ; 2 9 ,2 ; Ios. 2 4 ,7 ; / Sam. 1 4 , 1 7 ; 1 6 , 1 7 (+ Zach. 9 ,5 ; Ps. 4 0 ,4 ; 5 2 ,8 ; Iob 6 , 2 1 ; n o n è r a r o tu t-
69 (v ii,233) rà’à (H .-F . Fuhs) (v i i ,234 ) 70

lud.
ta v ia c h e si a r r iv i alla c o n fu s io n e d ei d u e v e rb i: sce . N e s o n o te s tim o n ia n z a le fr e q u e n ti c o m b in a ­
14 ,11; 1 Reg. 1 9 ,3 ; Is. 4 1 , 2 3 ; Mich. 6 ,9 ; 2 Chron. z io n i d i rà ’à c o n 'ajin o b e'ajin « v e d e re g li o c ­
2 6 ,5 . .................................................... c h i» , « v e d e re c o n g li o c c h i» . N e ll o s te s s o te m p o
3 .a) A d iffe r e n z a d i a ltri v e r b i c h e s i r ife r is c o ­ si e n fa t iz z a c o s ì il c a ra tte re p e r s o n a le d e ll’ e s p e ­
n o a lla p e r c e z io n e v is iv a , rà ’à d e s c r iv e l’e s p e r ie n ­ rie n z a v is iv a . La p e r s o n a lità d e g li u o m in i si
z a d e l v e d e r e c o m e u n a to ta lità n e lla q u a le s e n s a ­ c o n c e n tr a n e ll’ o c c h io c h e v e d e . N e ll o s g u a rd o
z io n e e p e r c e z io n e si fo n d o n o in u n a so la u n ità. d e ll’u o m o s i r ifle tte il s u o s ta to p r e s e n te c o m e un
A l l ’ e s p e r ie n z a d e lla n a tu ra v is iv a d e lla realtà, ch e c a m b ia m e n to d e lla s itu a z io n e v ita le , s p e r im e n ta ­
h a c o m e c o n te n u to il s ig n ific a t o , il c a ra tte re e la to s o g g e ttiv a m e n te e o b ie ttiv a m e n te r ic o n o s c ib i­
n a tu ra d e lle im m a g in i p e r c e p ite , s ta in r e la z io n e le . N e l l ’ a ffie v o lir s i d e llo s g u a r d o l’a n z ia n o s i r e n ­
p o la re la s e n s a z io n e , c io è l’ e s p e r ie n z a d e lla c o r ­ d e c o n to c h e s ta p e r d e n d o fo r z a e v ita lità , e s ’ a v ­
p o r e ità d e lla re a ltà , il g e n e re e l ’in te n sità dei dati v ic in a l’o m b r a d e lla m o r te (Gen. 2 7 , 1 ; 4 8 ,1 0 ; 1
s e n s o ria li c o m e i c o lo r i, la fo r m a e l’o rd in e s p a ­ Sam. 3 ,2 ; 4 , 1 5 ; / Reg. 14 ,4 ; in u n a fo r m u la a lle g o ­
z ia le . rà ’à s i r ife ris c e in p a r t ic o la r e a q u e l s e g ­ ric a Eccl. 1 2 ,3 ) , u n a s itu a z io n e n e lla q u a le il c ie c o
m e n to d e l p r o c e s s o c h e p o r t a il flu s s o in in t e r r o t­ si tr o v a d a s e m p r e (Is. 2 9 ,18 ) . M a a n c h e o c c h i s a ­
to d e ll’e s p e r ie n z a v is u a le d e lla r e a ltà v iv e n te al li­ n i p o s s o n o v e d e r d im in u ita la lo r o c a p a c ità v is i­
v e llo d e l r ic o n o s c im e n t o c o n s c io , c io è a lla p e r c e ­ v a : u b r ia c h e z z a (Gen. 4 9 ,1 2 ) , d e s id e r io (Num. 1 5 ,
z io n e c o s c ie n te o a ll’ a tto d e lla c o m p r e n s io n e . N e l 39 ), a v a r iz ia (Ier. 2 2 ,1 7 ) , hybris e fo llia (Is. 4 4 ,18 )
g io c o r e c ip r o c o d e lla p e r c e z io n e c o n s c ia e d e l­ d is to r c o n o la v is io n e d e lla realtà. 1 Sam. 1 6 ,7 r i­
l’ e s p e r ie n z a - o s s ia l’ a c c u m u la rs i d i im m a g in i ch e le v a u n lim ite u n iv e rs a le d e ll’ u m a n a p e r c e z io n e
v e n g o n o r ic o rd a te e il lo r o s ig n ific a t o - s c a t u r i­ d e lla realtà: « L ’ u o m o v e d e c iò c h e s ta d i fr o n te ai
s c e la fa c o ltà deU ’ o rie n ta m e n to v is u a le e sp a z ia le . p r o p r i o c c h i» , c io è è in c lin e a p e r c e p ire s o lta n to
I l s o g g e tto c h e v e d e s i s p e r im e n ta p e r c iò n e lla d i­ la fo r m a e s te r io r e , n o n la v e ra e p iù p r o fo n d a r e ­
sta n z a d a lla realtà p e r c e p ita , e p u ò c o m p r e n d e re a ltà ( c fr. Is. 1 1 , 3 ) .
q u e s to d is ta c c o d a l p u n to d i v is ta d e lla p e r c e z io ­ S i m a n ife s ta c o s ì l’e s ig e n z a d i u n a « v is io n e in ­
n e e a p p r o p ria n d o s e n e d o p o a v e r lo r ic o n o s c iu to . te n s ific a ta » , c h e tr o v a e s p r e s s io n e in u n a g ra n d e
L ’a tto d e l r ic o n o s c im e n to e q u e llo d e lla c o m p r e n ­ q u a n tità d i a p p e lli c h e r ic o r r o n o a fo r m u le (v.
s io n e si fo n d o n o d u n q u e in u n c o m p le s s o p r o ­ s o t to , 111.2 ) . U n a p e r s o n a o u n s itu a z io n e d e v o n o
c e ss o p e rs o n a le , c h e d a l p u n to d i v is ta lin g u is tic o esse re o s s e r v a ti fa c c ia a fa c c ia e d e v o n o e s se re r i­
c o m e n e lla su a re sa te stu a le è r a p p re s e n ta b ile p e r c o n o s c iu ti. L ’ o s s e r v a z io n e d i u n a fo r m a e s te rio re
m ezzo di rà ’à, e s p e s s o è e s p r e s s o a n ch e p e r c o n la su a a p p e r c e z io n e in iz ia le d e v ’e s se r e a p ­
m e z z o d el p a ra lle lis m o d i rà’à/jàda' (Num. 2 4 ,16 p r o fo n d it a e g li o c c h i d e v o n o e s se re re si p iù acu ti
s .; Deut. 1 1 , 2 ; / Sam. 2 6 ,1 2 ; Is. 2 9 ,1 5 ; 4 1 ,2 0 ; 44 ,9 . p e r ra g g iu n g e r e u n a v is io n e p e n e tra n te c h e c o m ­
1 8 ; 5 8 ,3 ; 6 1 ,9 ; Ier. 2 ,2 3 ; 5 , 1 ; 1 2 ,3 ; Ps. 1 3 8 ,6 ; lo b p r e n d a la realtà. A q u e s t’a ffin a m e n to d e llo s g u a r ­
1 1 , 1 1 ; EccL 6 ,5 ; Nehem. 4 ,5 ). N o n è r a r o c h e i te ­ d o m ira in p a r t ic o la r e l ’im p e r a tiv o fo r m u la r e n s’
s ti a c c e n tu in o l’ a tto d e lla p e r c e z io n e c o n s c ia c o m e 'jn + w 'r ’h « a lz a (a lz a te ) g li o c c h i (i tu o i, i v o s tr i)
(Gen. 1 8 , 2 1 ; Ex. 2,
u n a p o s s ib ilità d i c o n o s c e n z a e g u a r d a ( g u a rd a te )!» . U n o s g u a r d o su di s é r i­
iy,D eut. 4 ,3 5 ; 1 Sam. 6 ,9 ; 1 8 ,2 4 ; Is. 5 ,1 9 ; Ps. 3 1 ,8 ) . v o lt o e r e g o la to ric h ie d e d ’e s s e r e lib e r a to d e l s u o
L a c o m p le s s ità d e l p r o c e s s o p e r s o n a le d e lla p e r ­ im p r ig io n a m e n to n e ll’ io e d e v e a p rir s i a q u e l c h e
c e z io n e è s o tto lin e a ta ta lv o lta d a lla g iu s t a p p o s i­ in c o n tra .
z io n e d i v e rb i d iffe re n ti c h e a p p a r te n g o n o al c a m ­ I n s e n s o a tte n u a to il n a rr a tiv o d i q u e s ta e s p r e s ­
p o le ssic a le d e l « r ic o n o s c e r e , p e r c e p ire » , se n z a sio n e r ic o r r e nei r a c c o n ti an tich i c o m e m e z z o s t i­
c h e si p o s s a n o in d iv id u a re d iv e r s e s fu m a tu r e dei lis tic o p e r in t r o d u r r e u n n u o v o e p is o d io (Gen. 1 3 ,
s ig n ific a ti p a rtic o la r i ( K . E llig e r , B K x i / i, 16 8 s.): 1 0 ; 1 8 ,2 ; 2 2 ,4 ; 2 4 ,6 3 ; 3 3 , 1 . 5 ; 4 3 ,2 9 ; c fr . 8 , 1 3 ; 19 ,2 8 ;
rà’à, stm, sakal, jà d a ' (Is. 4 1 ,2 0 ) ;
le c o m b in a z io n i 40 ,6 w ajjar’ w'hinneh', s e n z a hinneh : 2 1 ,9 ; 2 8 ,6 ;
b in ,rà ’à,s’à kal(Is. 4 4 ,18 ) , sàma', rà'à, bin (Is. 6,9); 3 8 ,2 ; su u n s u o a n a lo g o in u g a r itic o c fr . R S P 11
rà’à, sàma', qàsab, bin (Is. 3 2 ,3 s.); sàma', hàzà, 1 3 3 - n 2 )- .................................................................................

r à ’à, sur (Num. 2 4 ,1 6 ) n o n s o n o r ic o n d u c ib ili a Il fr e q u e n te p a ra lle lis m o d i rà ’à e sama' in c o n ­


u n a s ig n ific a tiv a d iffe r e n z ia z io n e n e lla a p p e r c e ­ testi d e l tu tto d iffe re n ti s o lle v a la q u e s tio n e d e lla
z io n e v is iv a s e n s o ria le e n o e tic a , m a e s p r im o n o in ­ re la z io n e tra « v e d e re » e « se n tire » , c h e v a s tu d ia ta
v e c e la to ta lità d e lla fa c o ltà p e r c e tt iv a d e ll’ u o m o . n e lle s u e s fu m a tu r e p e r o g n i s in g o la a tte s ta z io n e .
N o n d im e n o la fa c o ltà v is iv a d e g li o c c h i r a p p r e ­ In q u e s to c a s o si tratta d e lla d o m a n d a s e « n e ll’ a n ­
sen ta la b a se p e r la p e r c e z io n e d e lla realtà s p e r i­ tica tr a d iz io n e e b ra ic a a s c o lta re a b b ia l’ in d is c u s s a
m en tata c h e si d is tin g u e d a ll’ o g g e tt o c h c p e r c e p i­ p r e c e d e n z a su l v e d e r e e su tu tte le a ltre fo r m e di
7 i (v i i ,2 3 5 ) rà'à (H .-F . Fuhs) ( v r i.z jó ) 72

p e rc e z io n e » ( K r a u s 9 3 . 94). L a r is p o s ta è g e n e ra l­ b en e (2 Reg. 2 ,19 ) . N e lla n o tiz ia a n e d d o tic a c o n ­


m en te a ffe r m a tiv a (d a u ltim o c fr . H . S c h u lt, T H te n u ta in 2 Reg. 2 ,1 9 - 2 2 q u e s ta a ffe r m a z io n e , p o ­
A T 11 9 7 8 : « p re v a le n z a d e ll’ a s c o lta r e su l v e d e re sta s u lla b o c c a d e g li u o m in i d e lla c ittà, s e rv e p e r
n e ll’ A .T .» , 9 8 1) . U n a s im ile s u p p o s iz io n e a ffo n d a s p in g e r e E lis e o a r im u o v e r e l’ u n ic o d is a g io , la s o r ­
a p p a re n te m e n te le r a d ic i p iù n e lla d o ttr in a a r is t o ­ g en te d ’ a c q u a in q u in a ta . G ia c o b b e s c o p r e c h e si
te lica d e l lo g o s c h e n e lla tr a d iz io n e v e te r o te s ta ­ p u ò a c q u ista re g r a n o in E g it t o (Gen. 4 2 ,1 ) ; G i o -
m e n taria. A d e tta di A r is t o t e le l’ u n iv e rs a lità d el (1 Sam.
n ata in fo r m e r à D a v id s e s c o p r ir à q u a lc o s a
lo g o s ric h ie d e la p r e v a le n z a d e ll’ a s c o lta r e su l v e ­ 19 ,3 ) . I n e n tra m b i i testi rà ’à è s in o n im o d i sàma'.
d e re . Q u e s to a s s u n to è s ta to a c c o lto d a lla filo s o ­ V e d e r e in m o d o a c c u r a to e a tte n to a p p r o d a a
fia o c c id e n ta le (c fr. H . - G . G a d a m e r , Wahrheit u n accertamento. L a r ifle s s io n e c h e h a lu o g o n e l­
und Methode, i9 6 0 , 4 3 8 : « P e r m e z z o d e lla lin g u a l’ a tto s te s so d e lla p e r c e z io n e c o m p o rta c o n o s c e n ­
n o n c ’ è n ie n te c h e n o n s ia d is p o n ib ile a ll’ a s c o lto . za (rà'à c o m e s in o n im o d i jàda'). Gen. 8 ,6 - 1 3 P e r ~
M e n tre tu tti gli a ltri se n si n o n p r e n d o n o im m e d ia ­ m e tte d i o s s e r v a r e in m o d o e se m p la re q u e s to s v i­
ta m en te p a rte a ll’u n iv e rs a lità d e ll’e s p e r ie n z a v e r ­ lu p p o n o e tic o . N o è c o m p ie q u a t tr o te n ta tivi (v v .
b a le , m a o ffr o n o s o lta n to la c h ia v e p e r i lo r o c a m ­ 6 -9 ; 1 0 - t i : I 2 . i 3 b ) p e r u sc ire d a lla p r o p r ia s itu a ­
pi s p e c ific i, a s c o lta re è u n a v ia d i a c c e s s o al tu tto , z io n e d is p e r a ta , m a n d a n d o fu o r i u n c o r v o e tre
p o ic h é e s so è in g r a d o d i a s c o lta r e il lo g o s » ) e ha c o lo m b e . N e l v . 8 fa u s c ire u n a c o lo m b a p e r v e ­
isp ira to la te o lo g ia c ris tia n a d e lla p a ro la . A n c h e d e re (rà’à) q u a n to sia a n c o ra alta l’ a c q u a . Q u a n ­
n e ll’ A .T . la p a ro la ha u n a fu n z io n e estre m a m e n te d o la se c o n d a c o lo m b a rito r n a c o n u n ra m o sc e llo
r ile v a n te (-» dàbar). C e r ta m e n te c i s o n o am b iti te­ d ’ o liv o n e l b e c c o , sa (jàda') c h e le a c q u e s i s o n o
s tu a li nei q u a li d o m in a l’ a s c o lt o d e lla p a ro la , d e l­ r itira te d a lla te rra (v . 1 1 ) . Q u a n d o la te rz a c o lo m ­
l’ istru z io n e , d e lla le g g e (-> sàrtia'). Q u a n d o rà'à e b a n o n rie n tra a p re l ’a rc a ; g u a r d a fu o r i e v e d e la
sàma' r ic o r r o n o in sie m e s i e s p r im e n e l te sto u n te rra a sc iu tta s te n d e rsi d a v a n ti ai s u o i o c c h i (v.
a tto u n ita r io d i p e r c e z io n e (Deut. 2 9 ,3 ; Is. 6 ,9 ss.; 1 3 ) . Q u e s ta v is io n e g li d à la c e rt e z z a fin a le d e lla
Ier. 5 ,2 1 ; Prov. 2 0 ,1 2 ; Eccl. 1,8 ) o p p u r e si s ta b ili­ s a lv e z z a (wajjar' w'hinneh). A n a lo g a m e n te d o ­
sce u n a p r e v a le n z a d e l v e d e r e s u ll’ a s c o lta r e (c fr. v ra n n o s v o lg e r s i gli a ltri a tti n o etic i. Q u a n d o S a ­
Gen. 4 5 ,2 7 ; 1 Reg. 1 0 ,7 ; Ps. 48,9 ; Iob 4 2 ,5 ). C i ò ra v e d e g io c a r e il fig lio d i A g a r (Gen. 2 1 ,9 ) il c o r ­
c h e v ie n e a s c o lta to re sta le ttera m o r ta , fin c h é n o n s o fu tu r o d e g li e v e n ti p a ss a m e n ta lm e n te d a v a n ti
v ie n e p o r ta to c o n l’ a tto d i rà’à ad u n a e s p e rie n z a ai s u o i o c c h i e lei n e c o m p r e n d e le c o n s e g u e n z e e
v ita le c h e a r r ic c h is c e la v ita . N e lP u lt im o p a ss o c i­ la n e c e ssità d i a g ir e ( c fr. Gen. 2 4 ,3 0 ; 3 0 ,1 .9 ; 3 7 ,4 ;
ta to la c o n o s c e n z a tra s m e s s a d a lla tr a d iz io n e ( sà­ 1 Sam. 18 ,2 8 ; Esth. 7 ,7 ). I fra te lli d i G iu s e p p e v e ­
ma ",) n o n s o lta n to è c o r r e tta d a l c o n fr o n to c o n la d o n o c h e il p r o p r io p a d r e è m o r to (Gen. 5 0 ,1 5 ) ,
realtà (rà’à), m a è a n c h e s m a s c h e ra ta c o m e d e lu ­ c io è d iv e n g o n o c o n s a p e v o li ( c fr. J . S k in n e r , Gen­
sio n e . In p a rtic o la r e le tr a d iz io n i p iù an tich e ch e esis, I C C « essi ‘c o m p r e s e r o ’ ») di c iò c h e la m o rte
r ig u a r d a n o g li in c o n tri c o n D i o s o tto lin e a n o la d i G ia c o b b e a v re b b e p o tu to s ig n ific a r e p e r lo r o :
p r io r ità d e l v e d e r e s u ll’ a s c o lta r e (v. s o t to , n i . 5) la v e n d e tta d i G iu s e p p e ( c fr. Gen. 3 1 , 5 ; 3 9 ,3 ). D o ­
b) O g n i p e r c e z io n e c o n s a p e v o le h a p e r c iò il p o c h e L o t h a r ifle tt u to a lu n g o tra s é s u lla p r o ­
p r o p r io in iz io n e l v e d e r e c o n gli o c c h i. C i ò c h e è p o s ta d i A b r a m o (Gen. 1 3 ,8 ss.), a lz a g li o c c h i e
v is to d e v e tr o v a rs i re a lm e n te o m e ta fo ric a m e n te v e d e d a v a n ti a sé tu tta la p ia n u r a irr ig a ta d el G i o r ­
« d a v a n ti a g li o c c h i» , c io è e s se r e fo n d a m e n ta lm e n ­ d a n o (v . 10 ) . T u t t o il p r o c e s s o p s ic o lo g ic o in te ­
(1 Reg. 6 ,18 ; 8,8
te « d a v e d e re » o v v e r o « v is ib ile * r io r e d e lla r ifle s s io n e e d e lla d e c isio n e è c a ttu r a ­
= 2 Chron. 5,9; Iob 3 3 , 2 1 ; Prov. 2 7 ,2 5 ; Cant. 2, to in m a n ie ra g en ia le n e ll’ atto d e ll’o ss e r v a z io n e .
1 2 ; Ezech. 1 9 , 1 1 ) . G li atti d i c o m p r e n s io n e p r o ­ L ’ o s s e r v a z io n e d i c ir c o s ta n z e ed e v e n ti c o n c re ti
d o tti d a rà'à c o p r o n o c o s ì u n ’a m p ia e c o m p le s s a a p p o rta c o n o s c e n z a e c e rte z z a . D a l c o m p o r t a ­
ga m m a se m a n tica . U n a c la s s ific a z io n e g lo b a le in m e n to d i S a u l D a v id r ic o n o s c e c h e la s u a m o rte
d u e g r u p p i s e m a n tic i è g iu s tific a b ile p e r c h é , o ltre è stata d e c isa in m o d o d e fin itiv o (/ Sam. 2 3 , 1 5 ;
a ll’ a s p e tto v is u a le c o m u n e ad e n tra m b i, u n g r u p ­ l’ e m e n d a z io n e jà ré ’ n o n è n e ce ssa ria ). G l i a b ita n ­
p o p o n e m a g g io r e en fa si s u ll’ a s p e tto n o e tic o e l’ a l­ ti di A s h d o d o s s e r v a n o il g iu d iz io c h e si è a b b a t­
tr o su q u e llo e m o tiv o . tu to su d i lo r o e ne r ic o n o s c o n o l’o rig in e (/ Sam.
a ) Secondo Gen. 3 4 ,1 D in a e sce d i c a sa « p e r v e ­ 5,7). D o p o m o lti te n ta tiv i D a lila g iu n g e a lla c e r ­
d e re le fig lie d e lla te rra » : v u o le u s c ire d a lla r is tr e t­ te z z a d i c o n o s c e r e c o m p le ta m e n te il s e g re to d el
te z z a d e lla su a fa m ig lia a lla rg a ta s e m in o m a d e p e r n a z ire a to . N e ll o s te s so te m p o l ’a p p a re n z a e s te r io ­
conoscere la v ita lib e r a e a ffa s c in a n te n e lla c ittà. re p u ò in g a n n a re , p o ic h é m ira c o n sa p e v o lm e n te
E lis e o ha s p e r im e n ta to c h e a G e r ic o si p u ò v iv e r e a ll’ in g a n n o : D a v id fin g e d ’ e s se r e p a z z o d a v a n ti ad
73 (vii, 2) 7) rà'à (H .-F . Fuhs) (V II.2J8 ) 74

A k is h p e r s fu g g ir e al p o s s ib ile p e r ic o lo (/ Sam. rà'à in d ic a la ricerca mirata c h e r a g g iu n g e u n


2 1 , 1 4 ) . E v id e n te m e n te A k is h s ’ a c c o r g e d e lla s im u ­ scoperte ca­
o b ie ttiv o , m a a n c h e q u e lla c h e a r r iv a a
la z io n e ( 2 1 , 1 5 s>: a n c he in q u e s t o c a s o l’e m e n d a ­ suali. I n Iud. 5,8 si tr o v a u n a s e m p lic e c o n s ta ta ­
z io n e j i r e ’ n o n è n e c e ssa ria ), m a n o n ha n e ssu n z io n e : « S c u d o e la n c ia n o n fu r o n o m ai p iù v isti
in te re sse nel fa rs i c o in v o lg e r e n e lla lo tta fr a D a ­ fr a i 4 0 0 0 in Is r a e le » . G iu s e p p e fa n a sc o n d e re il
v id e S a u l. D i s e m p lic i atti d i o s s e r v a z io n e si tra t­ d e n a ro d e i s u o i fra te lli nei s a c c h i d i g r a n o . M e n ­
ta in Is. 2 2 ,9 [b re c c e nel m u r o d e lla c ittà di D a ­ tre s o n o in v ia g g io u n o d i lo r o lo s c o p r e ; a c a sa lo
v id : cfr.2 Sam. 5 ,7 .9 ; 1 Reg. 2 ,10 ) 5 2 Reg. 1 2 , 1 1 ( 10 ) s c o p r o n o tu tti gli a ltri. Si r e n d o n o c o n to (rà'à)
= 2 Chron. 2 4 , 1 1 (d e n a ro in u n a c a ssa ); c fr . Ex. s u b ito d i q u a li c o n s e g u e n z e p o tr e b b e r o e s se rc i e
8 , 1 1 ( 1 5 ) ; } 2 , i ; Sam. 2 8 ,2 1 ; Dan. i , i j (ch e c o s a si ne h a n n o p a u ra (jàre') (Gen. 4 2 ,2 7 .3 5 ) . D a lila d e ­
d e b b a o s s e r v a r e p e r d e c id e r e c o m e c o m p o r t a r s i; v e s c o p r ir e il s e g re to d e lla fo r z a d i S a n s o n e p e r
c fr . Esth. 2,9). o rd in e d e i c ap i d ei F ilis te i (Iud. 16 ,5 ) . S a u l e il
L a v a lu ta z io n e a tte n ta d i p a r t ic o la r i c ir c o s ta n ­ s u o s e r v o v a n n o in c e rc a d e lle lo r o a s in e m a n o n
z e p u ò fa r m a tu ra re u n piano c h e v ie n e p o i m esso r ie s c o n o a tr o v a r le d a n e ssu n a p a rte ( / Sam. 1 0 ,1 4 ) .
in a tto . S e c o n d o 1 Sam. 2 5 , 1 7 A b ig a il r ifle tte a t­ S e c o n d o la s in g o la r e o p e r a z io n e n ata d a lla fa n ta ­
ten ta m e n te su c o m e s to rn a r e il m ale s c a t u rito dai sia d ei le v iti e d e i s a c e rd o ti, c h e ha tr o v a to e c o in
c a ttiv o c o m p o rta m e n to d e l m a r ito nei c o n fr o n ti Ezech. 3 9 , 1 1 - 1 6 , u n a c o m m is s io n e p e rm a n e n te
d i D a v id ( 2 5 ,3 2 ss.). D i fr o n t e a ll’ a tta c co im m i­ d e v e is p e z io n a r e la te rra a lla r ic e r c a d i re sti u m a ­
n e n te d a p a rte d e g li A r a m e i, A c a b d e v e r a d u n a re ni e d o v u n q u e se ne tr o v in o c o llo c a r e u n s e g n o
le s u e fo r z e e d e la b o r a r e u n ’ a c c o rta s tra te g ia (/ (v. 15 ) .
Reg. 2 0 ,2 2 ). G a d e s o r ta D a v id a r ifle tte r e a tte n ta ­ In Gen. 2 9 ,2 ( J) G ia c o b b e si im b a tte in u n p o z ­
m en te s u lla ris p o s ta c h e e g li d o v r à d a re a lla p a r o ­ z o in a p e rta c a m p a g n a . C i ò c h e v e d e G ia c o b b e
la di J h w h (2 Sam. 2 4 ,1 3 ; c fr . 1 Chron. 2 1 , 1 2 ) . Ps. n o n è s o lo u n o g g e tt o , p e rc h é il p o z z o n e lle v ic i­
6 6 ,1 8 p a rla g e n e ric a m e n te d i « m a c c h in a re il m a ­ n a n z e d e lla c ittà è s o p r a ttu t to il n a tu ra le p u n to d i
le» (la p r o p o s t a d i H . G u n k e l , G H K 11/ 2 ’ , 2 7 9 e in c o n tr o d e i p a s to r i e d e i m e rc a n d . In Gen. 2 2 ,4
d i a ltri c o n lu i d i e m e n d a re r a it l in 'amarti n o n è A b r a m o d o p o tre g io r n i lev a g li o c c h i e v e d e d a
n e ce ssa ria ). lo n ta n o il lu o g o d e lla p r o v a . P e r la c o s tr u z io n e
L a re g in a d i S a b a ha s e n t it o p a rla re d e lla ric ­ d el r a c c o n to d i Gen. 2 2 la tr a ie tto ria c h e p re n d e
c h e z z a e d e lla s a g g e z z a d i S a lo m o n e . S u l p o s to si fo r m a c o l c o m a n d o d i E lo h im (v. 2 ), n e lla s ile n ­
c o n v in c e e si p e r s u a d e d e lla v e r ità di q u e s to r a c ­ z io s a p a rte n z a di A b r a m o v e r s o u n lu o g o s c o n o ­
c o n to ( /Reg. 1 0 ,4 .7 = 2 Chron. 9 ,3 .6 ). In 2 Reg. s c iu to e c u lm in a c o n la v ista d i q u e lla d e s t in a z io ­
1 0 ,2 3 Jeu c h ie d e agli a d o r a t o r i d i B a 'a l di assicu­ n e, ra p p re s e n ta u n m e z z o p e r a v v ic in a r e l’ a s c o l­
rarsi c h e n e l te m p io v i s ia n o s o l o d e i lo r o , c io è ch e rà'à
ta to re a lla s itu a z io n e d ra m m a tic a . In g e n e ra le
n o n li m in a cc i n e ssu n p e r ic o lo . C o s t o r o s c o p r o ­ in d ic a l’incontro di due uomini. In Gen. 2 4 ,6 4 R e ­
n o b e n p r e s to c h e si tratta d i u n in g a n n o , a lm e n o b e c ca a lz a g li o c c h i e v e d e Is a c c o . In q u e s ta fr a s e
s e c o n d o il r a c c o n to d e ll’ a u to r e c h e h a r ie la b o ra to la p id a ria tr o v a e s p r e s s io n e la p r o fo n d it à di u n in ­
i w . 1 8 - 2 7 . L a m o r te d i G iu s e p p e , c h e i s u o i fr a ­ c o n tr o d i d u e p e r s o n e c h e s i a m a n o ; a d e s e m p io
telli h a n n o p ia n ific a to , v u o l d im o s tr a r e c h e le su e in Gen. 2 9 ,1 0 , l’ in c o n tr o d i G ia c o b b e e R a c h e le ,
id ee a m b iz io s e s o n o s o lta n to dei s o g n i: « A llo r a « u n a m o re a p r im a v is ta » , c o n fe r is c e u n a fo r z a
v e d r e m o c h e ne s a r à d e i s u o i s o g n i» (Gen. 3 7 ,2 0 ). s tr a o rd in a r ia . In Cant. 3 ,3 la s p o s a c h e v a in c e r ­
G iu s e p p e c o n s ig lia al fa r a o n e di scegliere un ca d e ll’ a m a to d o m a n d a : « A v e te v is to c o lu i c h e la
u o m o in te llig e n te e s a g g io e d i p o r lo a c a p o d e l­ m ia an im a am a ? » . S e c o n d o Ex. 4 ,4 A r o n n e g io i­
l ’E g itt o : c o s tu i a llo n ta n e rà il p e r ic o lo m in a c c io s o sc e in c u o r s u o q u a n d o v e d e il fr a te llo M o s è . Il
(G e n . 4 1 ,3 3 E ). P e r o rd in e d i S a u l i s u o i s e rv i d e ­ r ifiu to d i M o s è d i a c c e tta re l ’ in c a r ic o a ffid a to g li
v o n o sc e g lie r g li u n g io v a n e e d o ta to s u o n a to re , il d a D i o ha p e r m e s s o a u n tra d e n te c h e a p p a r te n e ­
q u a le p o s s a a lle v ia re la su a m a la ttia p e r m e z z o d e l­ v a a u n a c e rc h ia le v itic a s a c e rd o ta le d i in t r o d u r r e
la m u sic a (/ Sam. 1 6 ,1 7 ) . J e u c h ie d e c o n u n o s tr a ta ­ c o s ì la fig u r a d i A r o n n e ( w . 1 4 - 1 7 b ). I n m o d o
g e m m a d ip lo m a tic o ai n o b ili d i S a m a r ia d i s c e ­ m e n o p ia c e v o le si s v o lg e l’ in c o n tr o d i A c a b c o n
g lie re il m ig lio re d e i fig li d i A c a b e d i fa r lo re (2 E lia (1 Reg. 1 8 ,1 7 ) . D i S a m u e le s i d ic e c h e e g li n o n
Reg. 10 ,3 ) . E s te r r ic e v e se tte a n c e lle s c e lte d al p a ­ v id e p iù S a u l fin o alla su a m o r te (/ Sam. 1 5 ,3 5 ) .
la z z o reale (Esth. 2,9). N e ll a c o s id d e tta b e n e d iz io ­ D i u n riv e d e r s i si p a rla in Gen. 4 4 ,2 8 ; 4 5 ,2 8 ; 48 ,
ne d i M o s è (Deut. 3 3 ) s i a ffe r m a in u n d e tto su 1 1 : G ia c o b b e / Is r a e le , c re d e n d o c h e G iu s e p p e sia
G a d c h e e g li h a s c e lto p e r sé la p a rte m ig lio re del m o r to , si la m e n ta di n o n a v e r p iù r iv is t o s u o f i ­
b o ttin o , c io è la p a rte c h e s p e tta al c a p o ( 3 3 ,2 1 ) . g lio fin o a q u e l m o m e n to . L a s ic u r e z z a c h e e g li sia
75 (vii,238) rà’à (H.-F. Fuhs) ( v i i , 239) 76

ancora vivo dà a quell’uomo ormai vecchio la for­ 6-9 (P) Esaù osserva che Giacobbe è stato bene­
za di compiere il lungo viaggio verso l’Egitto, do­ detto da Isacco. Riflettendo, egli collega la bene­
ve gli accadrà di rivederlo. In 1 Sam. 20,29 David dizione coll’obbedienza di Giacobbe. Nello stes­
resta lontano dalla tavola di Saul col pretesto di so tempo considera ingiusto il modo in cui ha trat­
rivedere suo fratello. Per l’espressione «non rive­ tato il padre. Secondo la visione di P, in questa
dere più la terra o la patria» nei detti profetici, cfr. prospettiva anche Esaù può essere presentato alla
Ier. 42,18 e la sua reinterpretazione in Ier. 22,10. comunità postesilica come modello d’obbedienza.
12. La malattia può costituire un motivo partico­ L o sguardo della figlia del faraone cade imme­
lare per una visita. Acazia di Giuda visita a Icz- diatamente sulla cesta che sta fra le canne, che de­
reel suo cugino Joram ferito a Ramot di Galaad sta subito la sua curiosità (Ex. 2,5). Con stupore
(2 Reg. 8,29 = 2 Chron. 22,6; cfr. 2 Reg. 9,16). T a­ scorge un bambino che piange (v. 6). Giacobbe
li visite possono anche diventare una tortura per prendendo fiato ha appena dato il nome al luogo
il m a la to ^ . 4i,7[6];cfr. Iob 2,11 ss.). La piena im­ della lotta notturna (Gen. 32,31: rielaborazione
mediatezza di un incontro personale si esprime tarda), quando scorge Esaù avvicinarsi con un lar­
nella formula «vedere il tuo/suo volto». In Gen. go seguito di persone (Gen. 33,1 J). Fra i membri
46,30 «Israele disse a Giuseppe: ‘Adesso io mori­ della casa di Giacobbe, Esaù vede inizialmente
rò volentieri, poiché ho visto ancora il tuo volto e soltanto il proprio fratello e si riconcilia con lui.
poiché so che tu sei ancora vivo’». Al contrario, In seguito il suo sguardo cade sugli astanti ed
Giacobbe ha tutte le ragioni per aver paura di avere estende anche a loro il suo gesto di amicizia (Gen.
un incontro faccia a faccia con suo fratello. Egli 33,5). I fratelli di Giuseppe alzano gli occhi dal
manda perciò avanti un gregge in segno di pace, cibo e scorgono una carovana (Gen. 37,25). Isac­
nella speranza che al momento dell’incontro suo co solleva gli occhi dal proprio lavoro e scorge
fratello si dimostri misericordioso e lo perdonerà dei cammelli, un’espressione velata per dire che
{Gen. 32,21(20]; cfr. 31,2). In conclusione nel vede Rebecca (Gen. 24,63). Quando un vecchio
complesso semantico dell’ «incontrare» si osserva che vive a Gabaa da straniero scorge di sera un
chiaramente una transizione verso l’accentuazio­ viandante fermo al pozzo del villaggio, gli dà il
ne dell’aspetto emotivo. benvenuto presso di lui e lo ospita nella sua casa
P) Mosè cerca secondo Ex. 2 ,11 l’incontro coi (Iud. 19,17). Uno sguardo troppo coinvolto può
membri del suo popolo e li osserva impegnati nel risultare persino ingannevole: Samuele è profon­
loro duro lavoro obbligatorio (rà’à be). Quando damente colpito dall’aspetto di Eliab e lo scambia
è costretto a vedere il maltrattamento di altro con­ per l’unto di Jhwh. Ma Jhwh, che non guarda alle
nazionale uccide il sorvegliante egiziano. In Ex. apparenze ma al cuore (v. 7), ha scelto un’altra
18,14 il suocero di Mosè osserva che Mosè è com­ persona.
pletamente oberato dal dover impartire le decisio­ In quanto avvenimento personale rà’à copre
ni di Dio al popolo (la comunicazione dei co­ l’intero spettro degli affetti emotivi, per lo più sen­
mandi e delle istruzioni di Dio nel v. 16 è un’ag­ za classificatori specifici del contesto. Un indica­
giunta dtr.) e gli consiglia di nominare dei funzio­ tore è di solito la costruzione dell’oggetto con bc.
nari (vv. 21 s.). Le relazioni sessuali, in cui rà’à raggiunge il suo
In Iud. 3,24 i servitori di Eglon scoprono che la scopo con jàda', stanno evidentemente sullo sfon­
stanza superiore è chiusa e ne traggono conclu­ do. Esse vanno dal semplice soddisfacimento del
sioni sbagliate. In Gen. 26,8 Abimelek scopre per desiderio carnale fino all’amore tra le persone.
caso che Rebecca è la moglie di Isacco e che que­ Giuda (Gen. 38,15) e Sansone (Iud. 16,1) vedono
st’ultimo lo ha ingannato. Quando gli Ammoniti una prostituta e la seguono. Sichem scorge Dina e
notano che sono diventati odiosi a David, mobili­ la violenta (Gen. 34,2). David osserva Betsabea
tano le loro forze (2 Sam. 10,6 = 2 Chron. 19,6). dalla terrazza del proprio palazzo mentre fa il ba­
Dalle dicerie dei servi David apprende che suo fi­ gno e se la fa condurre (2 Sam. 11,2). La moglie di
glio è morto (2 Sam. 12,19). Mikal esprime il suo Putifarre getta un’occhiata piena di desiderio su
più totale disprezzo quando apprende che David Giuseppe e lo invita a giacere con lui (Gen. 39,13).
salta e balla davanti all’arca (2 Sam. 6,16 = / Chron. L ’allegoria storica di Ezech. 23 descrive Israele
15,29). Quando Agar capisce di essere incinta, si con l’immagine di due sorelle spinte alla lussuria.
sente come una seconda moglie e tratta Sara con A Oholiba basta vedere l’immagine di un magni­
disprezzo (Gen. 16,4 s.). Tamar comprende che le fico guerriero perché si ecciti il suo desiderio (v.
si nega il diritto di avere figli, che le spetta per la 14). Ammirazione della grazia e della bellezza
legge del levirato (Gen. 38,14). Secondo Gen. 28, femminile stanno dietro a Esth. 2,15: «Ester dun­
77 ( v ii,240) rà'à (H.-F. Fuhs) (v i i ,2 4 1 ) 7 8

que suscitava l’ammirazione di tutti quelli che la rappresentate, in maniera molto abbellita, le con­
vedevano» e Cant. 6,9: «Le ragazze la vedono e la seguenze religiose della condizione di vassallag­
lodano» (cfr. Cant. 2,14; Gen. 2,12-15). Ricorren­ gio. David vede con gioia e gratitudine la genero­
do ai motivi del giardino e dei frutti Cant. 6,11 sità del popolo per la costruzione del tempio (/
(cfr. 7,13) rappresenta metaforicamente il piacere Chron. 29,17).
«della scoperta del femminile durante l’atto ses­ Non è raro che la vista della sfortuna abbia un
suale» (G. Krinetzki, Hoheslied, N E B , 22; contro aspetto sensazionale e faccia guardare a bocca
W. Rudolph, KAT xvn/1-3, 166). Gen. 38,2 im­ aperta. In lud. 16,24 Sansone è mostrato a una
plica uno sguardo innamorato che porta al matri­ folla che guarda a bocca aperta. In 2 Sam. 20,12 la
monio: Giuda vede Sua, figlia di un cananeo, e la folla resta in piedi per strada per osservare mera­
prende in moglie (cfr. lud. 14 ,1 s.). La vista può vigliata il cadavere di Amasa (/ Reg. 13,15). In Ps.
implicare anche il desiderio di godere di qualco­ 22,18 l’orante si lamenta della folla che lo osserva
sa. In un canto che deride le statue degli idoli fab­ a bocca aperta, che lo circonda e deride la sua mi­
bricate dagli uomini (Is. 44,9-20) il poeta mette in seria.
contrasto satirico tutti e due i modi in cui si può Al desiderio di vedere corrisponde la necessità
usare il legno: ciò a cui l’artigiano da la forma di della dimostrazione (rà’à hif.). Mostrando i frutti
un idolo, davanti al quale si prostrerà, serve con­ della terra si può convincere Mosè e l’intera co­
temporaneamente come combustibile per cucina­ munità che la terra promessa è fertile e conferma­
re e per riscaldare: «Ah, come ho caldo! Vedo (= re contemporaneamente il resoconto degli esplo­
sento) il fuoco» (v. 16). La minaccia metaforica ratori (Num. 13,26). Giaele mostra orgogliosa­
rivolta alla «corona di Efraim»- (Is. 28,1-4) ne rap­ mente a Barak il corpo di Sisera che ha assassina­
presenta la fine improvvisa con l’immagine di un to (lud. 4,22). Il puro desiderio di impressionare
fico maturo: chiunque lo vede con sguardo avido motiva l’esibizione di tutte le ricchezze da parte
subito lo divora, non appena Io scopre (v. 4). Di di Ezechia (2 Reg. 20,13.15 = Is. 39,2.4), in forma
quest’ambito non fa parte Gen. 3,6: non è «sem­ ancor più accentuata nel caso di Artaserse (Esth.
plicemente il frutto allettante, che stimola a man­ M ” )-
giare» (C. Westermann, B K i/ iJ, 339), ma piutto­ Giacobbe manda Giuseppe dai suoi fratelli per
sto del desiderio umano fondamentale di una vita chiedere notizie sulla loro salute (Gen. 37,14). Su
più lunga e di un’esistenza migliore. A un vedere richiesta del capo della prigione, Giuseppe si oc­
gioioso può essere mescolato un elemento di ma­ cupa di tutto ciò che accade in prigione, cosicché
lizia, nel caso in cui si tratti della sfortuna altrui; egli non se ne deve più preoccupare (Gen. 39,23).
Lam. 1,7 afferma: «I nemici stavano ad osservare David si preoccupa di Amnon che finge di essere
beffandosi della sua rovina» (cfr. Abd. 11 s.). Se­ malato, acconsentendo alla sua malvagia richiesta
condo Mich. 7,8-20, Gerusalemme piangerà sulla (2 Sam. 13,5 s.). Non è chiaro / Reg. 12 ,16 = 2
distruzione della propria «nemica» (v. 10). Secon­ Chron. 10,16: «Ora guarda la tua casa, David»;
do Ezech. 28,17 il re di Tiro sarà precipitato negli l’emendazione in base ai L X X in re'eh non è affat­
inferi, dove i re che prima Io adulavano si ralle­ to d’aiuto. Resta dunque aperta la questione se la
greranno della sua miseria (v. 10). Nel Ps. 22,8 frase debba essere intesa in senso perfidamente
l’orante lamenta: «Tutti quelli che mi vedono mi beffardo («Guarda che ne è stato del tuo sogno
deridono»; la sua sofferenza è aggravata dal per­ politico») oppure ironico («Goditi la tua casa»), o
verso piacere che provano gli altri (cfr. Ps. 109,25). nel senso di: «Pensa agli affari tuoi».
Talvolta la vista della disgrazia provoca la reazio­ rà’à si concentra infine su un aspetto che segna
ne opposta: orrore e fuga (Ps. 3 1,12 ; cfr. Nah. 3, l’essere più intimo di un individuo: lo «sperimen­
7), ma anche partecipazione e dolore (Esth. 8,6; tare». Questo avviene in modo differenziato, in
cfr. Deut. 28,32; in riferimento a un destino indi­ relazione alla multiformità della realtà sperimen­
viduale: Gen. 2 1,16 ; 44,34). D a qui scaturisce l’ap­ tabile.
pello rivolto al mondo circostante, di partecipare Mosè annuncia al faraone in Ex. 10,6 con la pia­
al lutto e al dolore di Gerusalemme (Lam. 1,12.18). ga delle locuste un disastro quale nessuno ha mai
Infine, nel vedere possono trovare espressione sperimentato in Egitto. Ier. 20,4 minaccia Pashur:
gioia e piacere. Secondo 2 Reg. 16,10, l’altare che vedrà la morte dei suoi amici per mano della spa­
aveva visto a Damasco piacque tanto ad Acaz che da nemica. Secondo Lam. i,io Gerusalemme fu
egli ne fece costruire uno nuovo a Gerusalemme costretta a sperimentare la profanazione del tem­
su suo modello, facendo rimuovere quello vecchio pio. I reduci dall’esilio sperimentano personal­
(secondo una glossa tarda nel v. 14). Così sono mente ogni giorno la misura della distruzione e
79 ( v i i ,242) rà'à (H.-F. Fuhs) ( v ii,243) 80

della miseria (Nehem. 2,17). Da qui l’awertimen- vita felice (Is. 53,11). La vita è una concessione di
to contro la fuga in un passato che si reputa mi­ Dio (Iob 33,28); nello splendore luminoso del
gliore, situazione che si ritiene possibile in Egit­ suo kàbòd come fonte della vita, l’esistenza uma­
to, dove il popolo non vedrebbe guerra né biso­ na acquista senso e significato (Ps. 36,10; cfr. Is.
gno (Ier. 42,14 = 44,17 - entrambi dtr.; cfr. Ex. 13, 9,1). In maniera complementare l’espressione con
17). Secondo il detto tribale di Gen. 49,14 s. Isac- la negazione significa «morire». Anche l’uomo ric­
car si tiene lontano dagli scontri militari (ma cfr. co e quello felice devono ricongiungersi ai padri,
Iud. 5,15), preferisce il lavoro salariato e gode a «quelli che non vedono più la luce» (Ps. 49,20).
(«vede») per il resto la tranquillità e la bellezza Un bambino non nato che «non ha visto la luce»
della propria terra ancestrale. (Eccl. 6,5; cfr. 58,9 con hàzà) ovvero «che non ha
Vedere il bene (rà'à tòb o tóbà) significa speri­ mai contemplato la luce» (Iob 3,16) non ha iden­
mentare la fortuna, una vita piena di significato: tità ed esistenza ma ha invece una quiete alla qua­
un’esperienza che è completamente preclusa, se­ le anelano a loro modo entrambi gli autori. In sen­
condo loh 7,7 (rà’à con soggetto figurato: «i miei so metaforico Eccl. 12,3 dice a proposito del mo­
occhi») e 9,25 (rà’à con soggetto figurato: «i miei rire: «(Quando) caleranno le tenebre su quelle (=
giorni»), al poeta. Resosi consapevole della vul­ gli occhi) che guardano attraverso le finestre». «Le
nerabilità della propria esistenza, la paura di vive­ porte dell’oscurità» (Iob 38,17.22), «la tomba» (Ps.
re e il dubbio segnano la sua esistenza più intima. 16,10; 49,10) ovvero «vedere la morte» (Ps. 89,49)
Quindi, come dice Elifaz nel suo rimprovero, egli indicano esplicitamente il morire e la morte.
non può più cogliere la luce della propria felicità, 4. In alcuni ambiti particolari la «visione affina­
ma può vedere soltanto il buio della sua miseria ta» è l’osservazione attenta e la retta valutazione
(loh 2 2 ,11; il T.M . va preferito rispetto ai LX X ); di avvenimenti e circostanze di particolare im­
cfr. la domanda perplessa del Ps. 4,7: «Chi ci farà portanza e può essere legata a cariche e funzioni
sperimentare il bene?». Di fronte al fallimento del­ specifiche. Le espressioni quotidiane e le frasi fat­
la propria azione Geremia si pone la domanda sul te assumono in questo caso sfumature specifiche
senso della propria vita, che e destinata soltanto a a seconda del contesto, diventando talvolta termi­
sperimentare affanno e dolore (Ier. 20,18). ni tecnici.
L ’espressione tradizionale vedere la propria di­ a) U n gran nu m ero di attestazioni d eriva natu­
scendenza esprime al contrario una vita piena di ralm en te d a ll’am bito m ilitare:
felicità (Gen. 50,23; Iob 42,16). Con questa espres­ a) Una condizione necessaria per conseguire la
sione Is. 53,10 descrive le conseguenze delle azio­ vittoria in battaglia è un’accurata informazione
ni restauratrici di Dio nella persona del suo ser­ sul terreno e sul nemico. Di regola questo è com­
vo. Secondo il Ps. 128,6, chi è benedetto speri­ pito di esploratori esperti e di ricognitori (Num.
menta nei figli dei suoi figli una felicità durevole 13 ,18 ;Ios. 2,1; 1 Sam. 14 ,16,2 Reg. 7,13 s.;cfr. Gen.
che si estende oltre i limiti della propria esisten­ 49,9.12: Giuseppe accusa i suoi fratelli di spio­
za. David è felice per aver visto il proprio succes­ naggio e Num. 32,8-9 [brano redazionale tardo]).
sore salire al trono, perché ha potuto così speri­ 1 rapporti informativi degli esploratori non sono
mentare la durata della propria casa (1 Reg. 1,48). conservati. Num. 13,28 (J?); 32 s. (P); Deut. 1,28;
y) Luce e sole sono delle metafore per una vita Iud. 18,9 (dtr.?) sono ricostruzioni recenti. Osser­
felice. «Vedere la luce» (Is. 5 3,11 secondo iQ Is*'b; vazioni e informazioni importanti sono occasio­
L X X ; Iob 33,28; Ps. 36,10); oppure «il sole» (Eccl. nalmente trasmesse da collaboratori e delatori: in
7 ,11; 11,7 ) significa «sperimentare, vivere una vita Iud. 1,24 un abitante di Betel mostra alla gente di
felice». L ’espressione è largamente diffusa nell’am­ Giuseppe da dove possono penetrare nella città.
bito linguistico semitico (cfr. l’acc. amàru samas In 1 Sam. 22,9 l’edomita Doeg denunzia a Saul
oppure nùra; v. sopra, 11.3). Non è dunque neces­ Ahimelek, il quale ha offerto rifugio a David (cfr.
sario supporre (H.W. Hertzberg, K A T xvii/4-5, 2 Sam. 17,18). N on soltanto il nemico straniero,
139), come ha fatto N . Lohfink, che si tratti di una ma anche il proprio avversario politico interno
espressione «della poesia greca fin da Omero» può essere oggetto di spionaggio (1 Sam. 23,23; 2
penetrata in ebraico (Kohelet, N E B , 53). Secondo Reg. 6,i}). David fa spiare Saul e il suo accampa­
Eccl. 11,7 fare quel che di volta in volta risulta mento (1 Sam. 26,5). Da una adeguata analisi del­
possibile fa partecipare a una «limitata» vita feli­ la situazione e dall’elaborazione di una tattica e
ce. La sapienza è un vantaggio solo per chi è an­ di una strategia oculata dipendono il successo o il
cora vivo (Eccl. 7,11). Il servo di Dio vedrà la lu­ fallimento di un’azione militare (Ios. 8,21; Iud. 9,
ce dopo le tenebre del dolore e sperimenterà una 43; Sam. 10,9 = 1 Chron. 19 ,10 ;2 Chron. 32,2; va­
81 ( v i i , 244) rà’à (H.-F. Fuhs) ( v i i , 2 4 5 ) 82

lutazione errata: Ios. 8,14; Iud. 9,36; / Reg. 22,32 s. 15: Elia davanti ad Acab; cfr. / Sam. 25,23; 2 Sam.
s. = 2 Chron. 18,31 s.; come trasgressione da par­ 24,20; 2 Reg. 1 1 ,1 4 = 2 Chron. 23,13; Ier. 32,4;
te di Israele: 1 Sam. 12,12 dtr.). In 1 Sam. 14,17 34,3). La concessione di un’udienza può essere
Saul controlla attentamente chi abbia disertato fra legata a certe condizioni (Gen. 43,3,5; 44,23.26; 2
le sue eruppe. In / Sam. 13,11 Saul giustifica l’aver Sam. 3,13). A chi è caduto in disgrazia non sarà
sacrificato prima dell’arrivo di Samuele sulla base accordata un’ udienza. In Ex. 10,28 s. il faraone
dell’osservazione della situazione. Di fronte a una proibisce a Mosè, sotto minaccia della pena di
sconfitta imminente la fuga è spesso l’ultima pos­ morte, di vedere ancora il suo Volto. Dopo aver
sibilità (Ios. 8,20; Iud. 20,26; / Sam. 13,6; 17,51; 1 attaccato Amnon, Assalonne tenta invano per due
Reg. 16,18; 2 Reg. 3,26; 9,27; Ier. 39,4). La sem­ anni di ottenere un’udienza presso il re (2 Sam.
plice vista del nemico nella sua superiorità può su­ 14,24.28.32). Ad un gruppo particolare di funzio­
scitare paura o terrore (/ Sam. 17,25; 18,15) e ri­ nari di corte, che in ogni caso si trovavano a pre­
solversi in una rotta in preda al panico (/ Sam. 17, stare un servizio privilegiato di carattere perso­
24; 31,7 = 1 Chron. 10,7; 2 Reg. 13,21). Questo nale, si riferisce l’espressione «coloro che vedono
presuppone l’esortazione bellica di Deut. 20,1-9, il volto del re» (2 Reg. 25,19; Ier. 52,25; Esth. 1,
che sprona al coraggio (v. 1). La vista degli Egi­ 14). Nel regno di Persia sette funzionari statali pri­
ziani morti sulla riva rende gli Israeliti coscienti vilegiati sedevano nel consiglio del re.
di essere scampati alla minaccia (Ex. 14,30; cfr. v. (3) Quando il re intende vedere qualcuno e si
13). Quelli che contro la loro volontà Ismaele ha informa su di lui, si tratta di un segno di grande fa­
portato via da Mizpa, quando vedono gli insegui­ vore (Gen. 43,16.29) che può fondare un rappor­
tori, sono felici di vedere l’opportunità della loro to di servizio (Gen. 41,33; / Reg. 11,28). Gen. 46,
liberazione e corrono da Gionata (Ier. 41,1-3). 29 descrive il momento dell’incontro fra Giusep­
P) È compito della vedetta (sofeh) scorgere su­ pe e il proprio padre con l’espressione «quando
bito un pericolo imminente e dare l’allarme. In un egli apparve davanti a lui». Poiché è impiegata
abitato fortificato il posto della sentinella è sulla soltanto per le apparizioni divine, questa espres­
torre della porta, da dove dispone di miglior vista sione generalmente non viene accettata (G. von
(2 Sam. 18,24-27; 2 Reg. 9 ,17; la sentinella che vi­ Rad, ATD 2 -4 ", 331 la definisce «sospetta» e C .
gila sulla torre diventa un topos spesso ricorrente Westermann, B K 1/3 180 «impossibile») e perciò
nei racconti e nella letteratura profetica; questo è stata emendata (cfr. la Einheitsiihersetzung; J.
probabilmente spiega perché, a differenza di quel­ Scharbert, Genesis, N E B 280 con Westermann e
le degli esploratori, le parole delle sentinelle sono altri) in «quando lo vide». Si tratta invece di una
ricordate, cfr. 2 Sam. 18,25-27; 2 Reg. 9,17; Ahac. frase assai diffusa del linguaggio di corte, dunque
2,1 ss.). Le sentinelle di un campo militare non emendare il testo non è necessario (così a ragione
svolgono questa funzione stabilmente, ma sono H. Holzinger, K H C 1/249: «Egli lo incontra per
comandate per svolgere questo incarico quando è la prima volta in qualità di funzionario statale»).
necessario (Iud. 1,24; 2 Sam. 13,34). c) rà’à è ben ancorato anche nel linguaggio giu­
Y) In 1 Sam. 17,28 Eliab accusa David di cerca­ ridico. -
re lo scontro per diventare importante. Il Filisteo a) Mostrare la terra (Deut. 34,1) e l’ordine di
guarda David con disprezzo quando si presenta a guardare la terra (Gen. 13,14 ; Num. 27,12; Deut.
combattere contro di lui (/ Sam. 17,42). Con W. 3,27; 32,49) rimandano ad antiche concezioni giu­
Rudolph, H AT 1/21, 333 si deve emendare 2 Reg. ridiche. Si tratta in origine di un atto giuridico, at­
23,29 «quando egli (= il faraone) lo vide» in «quan­ traverso il quale si sancisce il trasferimento della
do egli (= Giosia) si schierò per la battaglia». La terra in questione. Quando la persona invitata a
richiesta di Amasia che Ioas venga a incontrarlo guardare la terra acconsente a farlo, questa diven­
in battaglia (2 Reg. 14 ,8 .11 = 2 Chron. 25,17.21) ta sua legittima proprietà (Num. 32,1). Ciò non
assomiglia formalmente ad una sfida a duello. esclude che egli possa rifiutarla perché non la tro­
8) Secondo / Sam. 14,52 Saul recluta tutti gli uo­ va di proprio gradimento (cfr. 1 Reg. 9,12). L ’esor­
mini forti e valorosi. Neemia ispeziona la propria tazione di Ger. 40,4 va intesa come una libera
milizia (Nehem. 4,8; un’emendazione in jàre’ non scelta del luogo di residenza. Del resto questa con­
è necessaria). cezione giuridica è stata completamente incor­
b) a) La «vista del re» ovvero «vedere il re» è porata nel linguaggio relativo alla promessa della
un’espressione formale del linguaggio di corte terra da parte di Dio: quando Dio comanda ad
per l’ammissione all’udienza regale. L ’incontro Abramo di alzare gli occhi e abbracciare con lo
con il re non è mai privo di pericolo (1 Reg. r8,1 sguardo la terra intorno (Gen. 13,14), la promes­
«3 (v u ,245) r i'.ì (H.-F. Fuhs) ( v i i ,2 4 6 ) 8 4

sa (v. 15) è onorata e il trasferimento della terra 3,4). Questa richiesta è il cuore e il centro della
adempiuto. Al contrario «nessuno di questi uo­ compilazione di regole processuali di Ex. 2 3 ,1­
mini, di questa generazione malvagia... vedrà la 3.6-8, strutturata in forma chiastica, che ha rice­
buona terra» (Deut. 1,35; cfr. Num. 14,23; 3 2 ,11: vuto una cornice con fondamento teologico in
con l’eccezione di Caleb: Deut. 1,36 dtn.). La pre­ base a Ex. 22,28 s. e 23,10-12. La disposizione di
ghiera di Mosè, che spera e si attende da Jhwh un prestare aiuto al nemico non è una legge giuridi­
trattamento differente da quello accordato agli camente applicabile, ma un’esigenza di carattere
Israeliti infedeli che moriranno nel deserto, di po­ etico. Il caso stesso vale solo da paradigma per un
ter prendere personalmente possesso della terra comportamento solidale che superi l’inimicizia,
(Deut. 3,25), è respinta da Jhwh. In effetti, sicco­ che ha la sua ragione ultima nella misericordia di
me egli è (ancora) rappresentante del popolo, po­ Dio. Il rituale di purificazione di una città dal san­
trà prendere possesso della terra per suo conto gue di un omicidio rimasto impunito, antico nella
(«vedere da lontano»), ma personalmente non ri­ sua forma base (Deut. 21,1-9 ), esige fra le altre co­
ceverà nessuna parte di essa (3,27; cfr. 32,49; Num. se una dichiarazione di innocenza degli anziani:
27,12 s.). «Le nostre mani non hanno versato questo san­
P) Non è raro che l’ordine di guardare sia uni­ gue, né i nostri occhi lo hanno visto» (v. 7). Oltre
to a una frase fatta relativa al trasferimento di per­ all’accusa di omicidio, anche trasgressioni di ca­
sone e cose, oppure per all’assunzione di un inca­ rattere sessuale possono portare all’impurità di
rico. «Guarda, io vi ho dato la terra!» (Deut. 1,8; una città e dei suoi dintorni. Di conseguenza Lev.
cfr. 1,2 1; 2,24.31; Ios. 6,2; 8,1; 23,4). Questa for­ 20,1-7 es'gc l’estirpazione di un uomo che abbia
mula giuridica di trasferimento nei passi citati è visto la nudità di sua sorella (= abbia avuto con
del tutto incorporata nel discorso di Dio; esprime lei un rapporto sessuale). La vista delle vergogne
la sovranità della decisione divina in quanto atto del proprio padre da parte di Cam (Gen. 9,22)
personale, che coinvolge la persona interpellata in significa disonorare gravemente il genitore, che se­
un atto libero di decisione personale: «Guarda, io condo Ex. 2 1,17 ; Lev. 20,9 ® punito con la morte
ti ho posto sopra tutta la terra d’ Egitto!» (Gen. e secondo Deut. 27,16 si attira la maledizione die­
41,41). Con questa formula il faraone compie l’at­ tro di sé. L ’esposizione dei genitali davanti agli
to ufficiale di nominare Giuseppe come visir. L ’al­ occhi di tutti è una particolare vergogna, che vie­
locuzione è espressione di un particolare atto di ne inflitta spesso ai nemici sconfitti (2 Sam. 10,4­
fiducia. Perciò Giuseppe non è soltanto preposto 5; Is. 20,2-4), mentre negli oracoli profetici di giu­
al personale di corte, ma anche rappresentate del dizio ricorre come punizione per Israele (Ier. 13,
faraone, sua «immagine»; cfr. Ier. 1,10 con la 26; Ezech. 16,37; Hos. 2,5; cfr. Lam. i,8), Babilo­
prima persona singolare nel discorso divino della nia (Is. 47,3) e Ninive (Nah. 3,5).
nomina di Geremia come profeta delle genti; Ex. S) rà'à come termine tecnico forense significa
7,1: Mosè diventa un dio per il faraone; Ex. 31,2; «testimoniare» ovvero «considerare (come pro­
35,30: secondo P, Jhwh stesso ha incaricato Beza- va)». Secondo Lev. 5,1 la colpa ricade su chi è te­
lel di costruire degli arredi liturgici del santuario. stimone in una causa ma che non si presenta, no­
y) Tra le prescrizioni giuridiche che in Num. nostante un pubblico richiamo e la consueta ma­
35,16-19 regolano l’asilo, Num. 35,23 tratta del ca­ ledizione in caso di mancato adempimento del suo
so dell’omicidio non intenzionale: «Se egli (= chi obbligo di testimoniare. Contro le liti affrettate
ha commesso l’omicidio), senza vederlo, gli ha fat­ ammonisce Prov. 25,708: non si deve portare da­
to cadere sopra una pietra che poteva uccidere un vanti alla corte qualunque piccolezza della quale
uomo». Ex. 22,9 è una disposizione sul diritto di si è testimoni, ma sistemare le cose per via extra­
deposito (22,9-14). Il caso definito nel v. 9a (de­ giudiziale. N ell’argomentazione in tribunale si
posito di un animale) va trattato secondo il siste­ può esibire pubblicamente una prova fattuale op­
ma giuridico della raccolta originaria di 22,6.7301. pure una circostanza, eventualmente con l’aiuto
9 a.u -i4 a . Il caso particolare esaminato nel v. 9b di testimoni. N ell’azione legale che coinvolge Da­
(non c’è nessun testimone che sostiene l’innocen­ vid e Saul (/ Sam. 24,1 o -16) sullo sfondo sta la pro­
za del detentore nel caso di una querela presenta­ va fattuale: Saul vede il lembo del mantello che
ta dal depositario) appartiene allo strato rielabo­ David produce e vede con i propri occhi che egli
rato 22,7Pb.8.9b.io e va regolato in relazione alle è innocente. 1 Sam. 26,16 invita a riconoscere uno
prescrizioni giuridiche di 22,6-14. Ex. 23,4 s. stato di cose evidente (cfr. / Sam. 24,12; Ier. 2,
richiede assistenza «quando tu vedrai l’asino del 10-12.29-35). La formula «i nostri occhi hanno
tuo nemico cadere sotto il suo peso» (Deut. 22,1- visto» (Ps. 35,21) è una formula retorica del lin­
8 } ( v i i , 247) rà’à (H.-F. Fuhs) ( v ii,2 4 8 ) 86

guaggio forense, con la quale i testimoni confer­ naturale e noetico, come pure la convertibilità del­
mano la propria testimonianza. Dietro Deut. 33, l’esperienza individuale e di quella collettiva. Da
9; Iob 8,18 si può supporre un’arcaica formula giu­ qui derivano i numerosi richiami all’osservazione
ridica sul cui carattere forense tuttavia si discute. e all’esperienza individuale, dove si trova confer­
In Iob 29 ,11 il poeta chiama a testimoni le vedove ma alla sapienza pratica che è stata trasmessa
e degli orfani che ha aiutato. Dopo l’esibizione (Prov. 6,6; 23,31; Ps. 119 ,37; ^er- 6,16). N ell’oriz­
delle prove si può giungere a una proposta di con­ zonte dell’esperienza di gruppo l’osservazione in­
ciliazione, talvolta introdotta con l’imperativo di dividuale diviene la base della mediazione sapien­
rà'à (1 Sam. 12,16). Secondo Ps. 64,6; Is. 29,15 ziale (Prov. 7,7; Ps. 37,25.35; Iob 4,8; 5,3). D ’altra
(cfr. Is. 47,10) il pensiero del malvagio è che le parte non tutte le cose sono degne d’attenzione
proprie macchinazioni resteranno nascoste e non (Prov. 23,31; Ps. 119,37); alcune oscurano la ca­
saranno perciò punite: «Chi ci vedrà?». pacità di giudizio: «Gli occhi vedono cose stra­
La parenesi giuridica dtn. usa uno schema pro­ ne» (Prov. 23,33). Vale anche che: «Chi sta a guar­
batorio sviluppatosi a partire dal formulario del dare le nuvole non mieterà» (EccL 11,4), ovvero
patto per influsso del linguaggio giuridico in sen­ un’osservazione troppo puntigliosa ed esagerata­
so lato e in senso proprio. L ’uso e il significato di mente scrupolosa, che cerchi di raggiungere la cer­
rà’à corrisponde a questo schema. tezza a ogni costo, porta a trascurare le reali pos­
sibilità e la necessaria azione. A l di là di ogni otti­
La prima parte dello schema, la cosiddetta introdu­ mismo riguardo al poter raggiungere una vita fe­
zione storica, si riferisce sempre alle grandi azioni
lice per mezzo dell’intelligenza e della conoscen­
compiute nel passato da Jhwh, che vengono richia­
mate alla memoria (zkr) e devono passare davanti agli za, la sapienza gnomica vede chiaramente i propri
occhi (rà’à). In Deut. n,2b-7 rà’à si incontra come limiti (Prov. 26,12; Ps. 119,96), ma non ne fa og­
elemento della cornice dell’introduzione storica. In getto della propria riflessione al modo di EccL
Deut. 29,ìb rà’à la introduce, in una forma di pro­ 11,4. Questo vale in modo particolare per l’assio­
babile origine liturgica (w . ib-8) viene ripresa nei ma molto delicato della retribuzione, cioè del rap­
vv. 2a.3b. In Deut. 4,32-40 il tema del passato di porto fra l’agire e le sue conseguenze, che sta a fon­
Israele è sviluppato sotto forma di domanda retorica damento dell’ordinamento della vita sapienziale.
che risale alla creazione. In conclusione si trova la La validità di questo principio è affermata sulla
parola chiave «occhi». Il v. 35 conclude poi una for­
base dell’esperienza comune e dell’osservazione
mula di confessione introdotta da jàda'. Nel discor­
so di Mosè citato da Deut. 1,29-31 rà’à (v. 31) ritorna personale (Prov. 29,16; Ps. 37,25.35; Iob 4,8; 5,3;
sull’esperienza diretta del popolo (testimone oculare) 20,17; 21 >2°), laddove emerge la rimarchevole cir­
(cfr. 1,19; 3,21; 4,3.9; 7,19; 10,21; Ex. 19,4 [post dtr.J). colarità del ragionamento (in particolare Iob 4,8).
La conclusione fiduciosa che segue, ovvero la se­ Qui la sapienza raggiunge i suoi limiti (Iob 13,1).
conda parte dello schema, è spesso introdotta da jà- La fede in Jhwh permette di trascendere questo
da‘ e talvolta anche da rà’à: «Guarda adesso: Sono io, limite (Ps. 73,3; Iob 22,19). Le evidenti contrad­
solo io, e non c’è altro dio al mio fianco» (Deut. 32, dizioni della vita sono radicate e trascese nell’im­
39; cfr. 28,10; 29,21). Nell’uso dtn. rà’à significa che perscrutabilità del piano divino (Iob 35,5; cfr. 9,
il destinatario sperimenta le azioni di Jhwh nel pas­
11; Ier. 23,18). Retto discernimento e retta cono­
sato come vive e cogenti nel momento attuale, cioè
entra in relazione personale col Dio che agisce nel scenza sono allora, in ultima analisi, un dono di
presente come convinto testimone oculare dei po­ Jhwh (Prov. 20,12). Alla domanda sapienziale:
tenti atti di Dio, così da realizzare la testimonianza «Chi è l’uomo che ama la vita e desidera molti
per mezzo della corrispondente condotta di vita ver­ giorni per godere il bene?» (Ps. 34,13) la sapienza
so Dio e verso i fratelli. pratica offre una risposta dalla prospettiva della
fede: la vera felicità tocca a coloro che temono
d) a) Compito della sapienza pratica è di discer­ Jhwh (Ps. 34,12 con un gioco di parole fra rà’à e
nere, attraverso un’attenta osservazione della real­ jàre’ ).
tà nella sua molteplicità di fenomeni cosmologici P) Qohelet usa rà’à con notevole frequenza, an­
e antropologici, le sequenze regolari e le strutture che se con un chiaro cambiamento di significato
all’interno di questa varietà e di formulare di con­ rispetto alla sapienza gnomica. Qohelet parte dai
seguenza regole e orientamenti di vita, chc siano limiti della percezione umana e della possibilità
come consiglio o parere assennati e concilianti. di cogliere tutta la realtà, generalmente riconosciu­
Innumerevoli osservazioni ed esperienze indivi­ ti nella sapienza tradizionale: «L’occhio non si sa­
duali si uniscono a formare il sapere pratico di una zia di vedere» (Eccl. 1,8). Il limite trascorre «sot­
società. Questo presuppone l’identità fra l’ordine to il sole»: per principio a questo mondo la cono­
87 (va,249) rà'à (H.-F. Fuhs) ( v n ,2 jo ) 88

scenza è ristretta, un o sgu ard o a ciò che va oltre bra dei vestiti (vv. 47-59): se su di essi compare un
o addirittura la con oscen za di D io son o escluse. caso di muffa, di tigna o di funghi, vanno mostrati al
M a anche «sotto il sole» la con oscen za approda sacerdote chc li esaminerà (v. 49). Dopo sette giorni
il sacerdote li deve esaminare di nuovo (vv. 51.56) e
evidentem ente al suo fine, dal m om ento che l’ u o ­
la sua decisione determinerà come saranno trattati.
m o p u ò co gliere la realtà alm eno nel fram m ento
Lev. 14,33-37 regola il comportamento nel caso di
attuale del presente. N o n c ’ è d u n q u e nessun p ro ­ lebbra nelle case, che secondo il v. 35 il proprietario
gresso con tinu o nella con oscen za. L a gioiosa s c o ­ ha l’obbligo di denunciare al minimo sospetto («si
perta espressa dalla frase: « G u ard a, c ’ è qualcosa vede qualcosa come una piaga»). Il sacerdote ordina
di nu ovo» ( i ,i o ) d eriva la p ro pria apparente v a li­ che si pulisca la casa prima delia sua ispezione (v.
dità so lo dal fatto che gli uom ini dim enticano. 36). A seguito di una nuova ispezione, sette giorni
P artendo da questo lim ite, Q o h elet sotto p o n e a dopo, esamina di nuovo il da farsi (v. 39). Se la ma­
un esam e radicale tutto ciò che la sapienza trad i­ lattia si è diffusa il sacerdote prende la sua decisione
(v. 34) e dichiara impura la casa. Se non constata al­
zionale aveva esaltato com e «guadagno» (Eccl. i,
cuna espansione della malattia (v. 48) dichiara la ca­
3). In passi com e Eccl 1,4; 2,13.24; 3,10.16.22; 4, sa pura ed effettua il rituale di purificazione.
4.15; 5,12.17; 6,1; 7,15; 8,9.10.17; 9,13; 10,5.7 ri'à
indica non tanto la com u n icazion e di un’ o sserva­ P) L ’incontro con il divino è pericoloso per gli
zione e di u n ’esperienza person ale, q uan to u n ’an a­ uomini e richiede una speciale cautela. Il sacro
lisi critica di ciò che si presenta com e esperienza può essere presente in un oggetto rituale e nei rap­
collettiva che pretende di assu rgere a con oscen za, presentanti del divino oppure di una divinità. Un
per determ inare la validità di questa pretesa. A n ­ oggetto del genere è l ’arca (più tardi intesa come
che i racconti in prim a p erson a in EccL 1,12 -2 ,11 rappresentante di Jhwh), la potenza della quale po­
non rim andano ad alcuna esperien za personale, teva essere sperimentata immediatamente: al
ma piu ttosto m ostrano Q o h elet nelle vesti di Sa­ ritorno dell’arca da presso i Filistei la gente di
lom on e intento al su o esam e critico della c o n o ­ Bet Shemesh gioì al vederla e offrì un olocausto
scenza. L a sua con clu sion e è chc di fro n te a ll’as­ (/ Sam. 6,13 s.). Ma quando alcuni violarono la
surdità dello s fo rz o um an o p e r la con oscen za c o ­ zona marcata dal tabù, morirono all’istante (/ Sam.
m e un m ezzo p er dare sen so alla vita e co n se gu i­ 6,19: «Dal momento chc essi hanno visto l’arca di
re una d u revole felicità, rim ane a ll’u o m o il «gua­ Jhwh»; cfr. 2 Sam. 6,6 s.). Da qui derivano le pre­
dagno» di godersi le gioie che la vita o ffre nel m o ­ cauzioni in Num. 4,20; cfr. Num. 3,3 (dtr./P): il
m ento fuggente (9,9: ri'à hajjim; cfr. rà’à (bc)tób popolo vede l’arca e la riconosce come un segno
in 2,1.24 (hif.); 3,13; 5 , i 7 [ i 8 ] ) . della presenza di Jhw h al proprio interno, ma la
e) a ) C o m p ito del sacerdote è distingu ere il p u ­ segue a rispettosa distanza.
ro d all’ im pu ro (Lev. 10,10). L a distin zion e si fo n ­ f) rà’à nel senso di un vedere capace di inter­
da su ll’attento esam e d e ll’oggetto e della situ azio ­ pretare e di produrre efficaci risultati ha un posto
ne, descritta in Lev. 13 s. ben 34 vo lte con rà’à. importante nell’ambito degli incantesimi e degli
oracoli. Condizione per l’efficacia di una maledi­
Lev. 13 s. - sommario esilico (13,2-46; 14,2-8) di zione è che l’oggetto o la persona siano diretta­
un'usanza più antica (cfr. Deut. 24,8 s.; 2 Reg. 7,3) mente a portata di vista, o se non è possibile al­
con ampliamenti esilici e postesilici (14,9-20; 13,47­ meno una loro immagine. Si riscontrano qui con­
59; «4,33-53; ancora più recenti: 14,21-32; 14,13) - cezioni della potenza magica dell’occhio magico
regola le procedure da seguire quando si sospetta la
(cfr. 2 Reg. 2,24). Balak porta Balaam in un luogo
presenza della lebbra, laddove l’ebr. sàra'at designa
in senso lato malattie della pelle, dalle quali si pote­ dal quale vede meglio, cioè «completamente»,
va generalmente guarire. Lev. 1 3,2-46 tratta dei di­ Israele, così che possa pronunciare efficacemente
versi casi di lebbra negli esseri umani. In caso di sin­ la sua maledizione (Num. 22,41; 23,13; cfr. Num.
tomi acciarati, chi ne è colpito deve presentarsi al sa­ 24,20.21). La negromante di En D or vede alzarsi
cerdote. Il sacerdote esamina l’oggetto (w . 3.30.32. lo spirito del defunto (cioè di Samuele: 1 Sam.
34) oppure il malato (vv. 13.20,39) e in base alla dia­ 28,12 s.). D ell’epatoscopia parla Ezech. 21,26.
gnosi («Quando il sacerdote esaminerà...» w . 8.10. 5. N ell’ambito teologico, che non va separato
21.26,31) può pronunciare immediatamente la sua da quello profano ma inteso piuttosto come parte
decisione oppure differirla di sette giorni fino a un
di una realtà globale, r i ’à descrive l’intera gam­
altro esame (vv. 3.6.17.27.36.43). La diagnosi medica
è perciò un passo preliminare per la decisione cul­ ma di esperienze e di incontri umani col divino
tuale. Il sacerdote non assume dunque la funzione nella visione personalmente sperimentata, rà'à è
medica, ma esclusivamente quella cultuale. Del tutto in questo senso un termine complementare di -»
analoghe sono le prescrizioni che riguardano la leb­ gilà ‘ rivelare’: Dio emerge dal nascondimento del
8 9 ( v i i ,2 5 O rà'à (H.-F. Fuhs) (v n ,2 5 2 ) 9 0

proprio essere divino, e si apre in e attraverso tut­ va davanti a lui con una spada sguainata in ma­
te le possibili modalità dell’esperienza umana del­ no», il quale «si presenta come il comandante del­
la realtà, rà’à denota così l’ano stesso di rivelazio­ l’esercito di Jhwh» (Ios. 5,13). Gedeone reagisce
ne, l’automanifestazione di D io nella sua persona gridando incontrandosi «con il messaggero di
e nelle sue azioni. N ell’esprimere questo, rà'à non Jhwh»: «Guai a me, io ho visto il messaggero di
diventa uno specifico termine teologico, ma resta Dio faccia a faccia» (lud. 6,22; cfr. Is. 6,5). David
epistemologico. Teologica è la preoccupazione vede il messaggero di Jhwh fra terra e cielo (/
che domina nel parlare della relazione tra uomo e Chron. 2 1,16 ; cfr. 2 Sam. 24,17). La visione di Dio
Dio, di esprimere questo rapporto fra l’uomo e narrata in lud. 13,22 dovrebbe essere una teofa­
Dio nel suo carattere epistemologico. Di conse­ nia liturgica. In 2 Chron. 26,5 «vedere Dio» va
guenza l’uso di rà’à in questo contesto non si li­ probabilmente emendato in «temere Dio», poi­
mita a una particolare forma della parola verbo né ché il passaggio esprimerebbe altrimenti l’idea im­
a gruppi specifici di testi (come il nif., oppure il possibile che la visione di Dio possa essere indot­
caso delle eziologie cultuali: cfr. Rendtorff 23-25). ta da pratiche umane.
Le diverse forme della parola accentuano sempli­ (3) «Vedere il volto di Jhwh», corrispondente­
cemente differenti prospettive sul singolo evento. mente all’ambito linguistico extrabiblico, è un ter­
a) a) Soprattutto le più antiche tradizioni narra­ mine tecnico cultuale che significa «visitare il tem­
tive parlano semplicemente di uomini che hanno pio, entrare nel santuario». L ’orante visita l’abita­
visto Dio, il volto di D io o il messaggero di Dio. zione terrestre della divinità per presentare la sua
Questo modo di raccontare deriva dalla maniera supplica davanti alla sua statua e chiedere soste­
in cui nel Vicino Oriente antico si pensava la ma­ gno e aiuto. L ’ israelita sperimenta nel tempio (pri­
nifestazione del divino. A l di là di ogni conven­ vo di immagini) di Gerusalemme la presenza e la
zione mitica, si enfatizza la realtà dell’incontro e comunione di Dio (Ps. 42,3; cfr. 84,8). Secondo
la visione come autenticazione dell'esperienza. Ex. 23,17; cfr. Ex. 34,23; Deut. 16,16 ogni israeli­
Analogamente all’uso quotidiano, l’espressione ta ha l’obbligo di visitare il tempio di Gerusalem­
«vedere Dio/Jhwh» o «vedere il volto di Dio/ me in occasione delle tre feste di pellegrinaggio.
Jhwh» descrive un incontro con Dio sottolinean­ Ex. 23,15; cfr. Ex. 34,20 (ora fuori posto); Deut.
done l’immediatezza e il carattere personale. Se­ 16,16 prescrivono che non si visiti il tempio a
condo Ex. 24,9-11, un frammento interpolato nella mani vuote. Ps. 84,8 rispecchia la gioia del pelle­
teofania del Sinai la cui redazione finale è riferita a grino di incontrare Jhwh nel suo santuario. N el­
Israele, settanta capi non meglio identificati vedo­ l’assemblea per la festa davanti a Jhwh secondo
no il Dio d’ Israele (v. 10), senza che gli stenda la Deut. 3 1 ,1 1 si deve leggere la sua torà. Ma se il
sua mano su di loro (v. 11) . C iò significa che que­ culto sacrificale e condotta di vita sono in contra­
sto incontro con Dio stabilisce una relazione spe­ sto, è inutile e vano vedere il volto di Dio (Is. 1,
ciale di fiducia e di protezione. In Gen. 16,3 (nella 12). La formula è usata in senso traslato in 1 Sam.
versione presumibilmente originaria con la voca­ 1,22: Samuele deve restare per sempre nel tempio
lizzazione ró’i invece di ró’t) Agar dice: «Tu sei 'il e servire Jhwh. I masoreti e prima la tradizione
Dio che mi vede (= mi salva)’, perché diceva: Vera­ giudaica, attestata dai L X X (v. sotto, iv.2), senti­
mente qui ho visto (= incontrato) il Dio che mi rono come scandalosa l’antica formula cultuale e,
vede (= salva)». Nel suo incontro con Dio Agar a misura della loro più recente concezione di Dio
sperimenta la salvezza e lo definisce come il suo come decisamente distante rispetto al mondo, mo­
Dio protettore personale. In Gen. 32,21 un redat­ dificarono il verbo dal qal al nif: «mostrarsi da­
tore tardo, interessato all’eziologia del nome Pe- vanti a Jhwh».
nuel, fa gridare a Giacobbe dopo la vittoriosa lot­ y) L ’idea di una visione diretta di Dio come mo­
ta notturna: «Io ho visto il volto di Dio e sono an­ mento personale di incontro con il divino, capace
cora in vita». Giacobbe reagisce con un discorso di produrre un cambiamento della triste situazio­
iperbolico al trattamento inaspettatamente gentile ne personale, si incontra in alcuni salmi e in G iob­
da parte di Esaù: «Io ho visto il tuo volto, come be. In una terra impura l’orante del Ps. 42/43 ane­
qualcuno che vede il volto di Dio» (Gen. 33,10). la alla presenza di Dio: «Quando potrò venire a
In relazione con l’eziologia del nome Mahanaim, vedere il volto di Dio?» (Ps. 42,3). Guardando al-
E parla dell’incontro di Giacobbe con il «messag­ l’indietro alla sua afflizione mortale l’orante del
gero di Dio»: «Quando Giacobbe lo vide, disse: canto di ringraziamento di Is. 38,9-20 ricorda il
Questo è il campo di Dio» (Gen. 32,3). Giosuè suo lamento di allora: «Ho detto: ‘ Non potrò più
vede nelle vicinanze di Gerico «un uomo che sta­ vedere Dio nella terra dei viventi’» (v. 11). lob 33,
9 i ( v i i ,2 J 3 ) r i ’à (H.-F. Fuhs) ( v i i , 253) 92

26 generalizza l’esperienza individuale di sollievo bile la maestà di Jhwh; secondo Ps. 97,6 nei cieli
dall’afflizione grazie all’incontro con Dio e la ele­ si proclama la giustizia di Jhwh, che tutti i popoli
va a principio generale sapienziale e teologico: «In­ vedono. La prova della sua giustizia sta nel ricon­
vocherà Dio e sarà misericordioso verso di lui, e durre in patria e riunire il suo popolo. Secondo Is.
lui potrà vedere con gioia il suo volto». N ell’abis­ 40,5 la maestà di Jhwh è visibile a tutti i mortali.
so della propria sofferenza respinto da sé e da L ’assemblea escatologica dei popoli, che «non
Dio, il poeta di lob 19,27 è certo: «I miei occhi lo hanno ancora visto la mia gloria» (Is. 66,19), ha
vedranno, non più straniero»; una certezza che in come scopo la prova della sovranità di Jhwh sugli
lob 42,5 diventa realtà: «Ma ora i miei occhi ti dèi dei popoli, più esattamente la prova della sua
hanno visto». L ’incontro personale con Dio stabi­ unicità. Questo spinge i popoli a venire a speri­
lisce una comunione intima. Colui che era afflitto mentare di persona la maestà di Jhwh (Is. 66,18;
appartiene adesso al Dio fedele e può sperare nel cfr. 35,2). Al contrario, la miseria dell’iniquo con­
suo aiuto. siste nel non vedere P«altezza» di Jhwh, vale a di­
S) L ’annuncio escatologico di salvezza assume, re nel non prendere parte alla sua maestà negli ul­
con qualche trasformazione, la nozione del vede­ timi tempi (Is. 26,10).
re Dio. L ’uomo guarderà al suo creatore, e i suoi P) La presenza di Jhwh è visibile nelle sue azio­
occhi vedranno il Santo d’Israele (Is. 17,7). Secon­ ni. A Israele vengono continuamente ricordati gli
do Is. 33,17 i redenti vedranno con i loro occhi il atti salvifici operati da Jhwh nel passato e nel pre­
re salvatore. Il popolo in Sion vedrà nel tempo sente, in modo da rafforzare la fede in Jhwh:
della salvezza il suo «maestro», cioè sarà possibi­ «Guarda come oggi Jhwh ci ha liberato» (Ex. 14,
le un contatto immediato con Jhwh, perché egli 13; cfr. Ex. 16,32; 6,1; 14 ,31; 34,10; Ios. 23,3; 24,7;
non sarà mai più nascosto (Is. 30,20; a meno di non Iud. 2,7; 2 Chron. 20,17; fr- 66,5). Segni potenti
leggere con iQ Is1 e L X X il plurale, col che la portano un popolo incerto alla comprensione e gli
promessa si riferirebbe ai maestri d’ Israele). fanno proclamare: «Jhwh è Dio» (1 Reg. 18,39;
e) Come già suggeriscono le correzioni dogma­ cfr. 1 Sam. 12,16.24). Se no, incontrerà l’azione di
tiche dei tradenti giudei (v. sopra, (3), l’idea di una giudizio del suo Dio: I padri l’ hanno sperimenta­
visione diretta di Dio al di fuori di visioni e di teo­ to (fr. 95,10; 2 Chron. 29,8; 30,7). A Israele la pre­
fanie risultava scandalosa per queste cerehie. Pren­ senza è annunciata per mezzo dei profeti: «Guar­
dendo spunto da un motivo legato a un antico ta­ da, Gerusalemme e osserva, come vengono dal
bù (messo sotto forma di discorso divino) essi ne nord!» (Ier. 13,20; cfr. Ier. 4,21; 7,12); «Ogni mor­
dimostrarono espressamente (con lo stile del di­ tale vedrà che io, Jhwh, ho appiccato il fuoco»
scorso di Jhwh) l’impossibilità: «Tu non puoi ve­ (Ezech. 21,4, con r i ’à al posto di jid a ' nella for­
dere il mio volto. Nessun uomo non mi può vedere mula di riconoscimento, cfr. 39,21). Infine, Israe­
e restare in vita» (£*. 33,20.23; cfr. Ex. 19,21; Deut. le stesso la sperimenta nella sua stessa vita (Ier. 44,
4,12.15 ; 18,16). 2; cfr. fr. 74,9; Lam. 3,1). Ma anche i popoli spe­
b) Ben più numerose della visione diretta di Dio rimenteranno l’azione di giudizio di Jhwh e do­
sono le attestazioni riferite all’esperienza della vranno pertanto riconoscerlo come loro signore
presenza divina nel suo kibòd e nel suo agire nel­ (Ezech. 39,21; cfr. 28,18; Is. 14,16; fr. 48,6; Zach.
la storia, laddove i due gli aspetti non risultano 9,5; esteso al giudizio finale: Is. 18,3). In modo to­
più del tutto distinti. talmente sovrano Jhw h fa di tutti i popoli e dei lo­
a) In Ex. 16,6 s. (PG) Mosè annuncia: «Questa ro sovrani uno strumento del suo giudizio (Abac.
sera saprete che Jhwh vi ha portato fuori dall’Egit­ 1,5; Is. 41,5). Secondo il canto di professione di fe­
to e domani vedrete la maestà di Jhwh». Ciò che de tardocsilico di Mich. 7,8-10 la comunità spera
gli Israeliti vedono non è soltanto la nuvola che li di vedere la salvezza di Jhwh (v. 9), al cospetto
accompagna come segno della presenza divina, della quale i suoi nemici saranno svergognati (v.
ma la loro guida sicura a opera di Dio (cfr. Num. 10). In un’anticipazione di questo evento il Deu­
14,22). La maestà di Jhwh è però visibile soprat­ teroisaia ammonisce i suoi ascoltatori: «Volgi in­
tutto nel suo santuario (Ps. 63,3). A questa vista torno gli occhi e guarda» (ls. 49,18; cfr. 60,4). Il
la comunità radunata per il servizio divino si pro­ resto d’Israele vedrà la liberazione di Jhwh «con i
stra per pregare (Ex. 33,10; Lev. 9,24); la natura si propri occhi» (Mal. 1,5) e se ne rallegrerà (Zach.
rivolta, la terra sussulta (Ps. 97,4), le montagne tre­ 10,7). La riunione del resto del popolo sarà una
mano (Abac. 3,10), il mare è in tempesta (Ps. 114 , nuova creazione: «Tutti vedranno e comprende­
3), le acque fremono (Ps. 77,17). Ma non sono so­ ranno, considereranno e capiranno che la mano
lo questi i segni cosmici attraverso i quali è visi­ di Jhwh ha fatto tutto questo» (Is. 41,20). Nel fat­
93 (vii,2J4) rà’à (H.-F. Fuhs) (v ii,2 5 j ) 9 4

to chc Jhwh ritorna a Sion si manifesta agli occhi fiuta di vederlo e agisce in maniera ancor peggio­
di tutti i popoli la sua opera di salvezza per il suo re (v. 11). Infine le trasgressioni di Israele sono
popolo (Is. 52,8.10; cfr. Ps. 98,3). Di fronte alle esposte, i suoi peccati e le sua condotta oltraggio­
misere condizioni nella Gerusalemme postesilica sa portati alla luce (Ezech. 21,29). Secondo Ezech.
il Tritoisaia profetizza un nuovo intervento di 14,22 i sopravvissuti alla catastrofe saranno una
Jhwh, che Israele e i popoli vedranno e sperimen­ banda di empi e di peccatori, a testimonianza del­
teranno (Is. 60,4; 61,9; 62,2; 64,3; cfr. Mich. 7,16; la giustizia di Jhwh, nei quali gli esiliati possono
Is. 29,23). Is. 33,20 descrive il prossimo tempo di riconoscere i propri peccati. Col discernimento,
salvezza con l’immagine di una Gerusalemme secondo Ezech. 18, l’individuo come il popolo
tranquilla: «I tuoi occhi vedranno Gerusalemme, possono stornare la catastrofe: «Poiché hanno os­
il luogo tranquillo e la tenda che nessuno abbat­ servato e si sono allontanati da tutte le trasgressio­
terà», mentre il poema che anticipa l’apocalittica ni che hanno commesso, sicuramente vivranno»
in Is. 66,6-16 la interpreta nel senso di un interven­ (v. 28). D i qui viene l’appello pressante dei profe­
to universale e definitivo di Jhw h contro i popoli, ti a non chiudere più gli occhi di fronte alla realtà
che Israele vivrà con gioia (v. 14; cfr. Ps. 48,9). peccaminosa (Ier. 2,23; 3,2; cfr. Am. 6,2; Ier. 2,10;
Come la comunità e i popoli, anche l’individuo 5,1). Am. 3,9 chiama l’Assiria e l’ Egitto a testimo­
sperimenta nella propria vita l’operato di Jhwh. ni nel processo che Jhwh intenta contro Samaria
Al cospetto dell’ opera creatrice di Jhwh egli spe­ a causa del suo comportamento malvagio.
rimenta la sua creaturalità (Ps. 8,4; cfr. 107,24). |3) Israele ha perduto la possibilità di vedere. Si
La bontà di Jhwh e la sua presenza vivente diven­ tratta di un «popolo ribelle, che ha occhi per ve­
tano un’esperienza corporea (Ps. 34,9). Chi teme dere e tuttavia non vede» (Ezech. 12,2; cfr. Ier. 5,
Dio potrà vedere per tutta la vita «la prosperità 2 1; Is. 42,18; cfr. Is. 5,12; 2 2 ,11; 42,20), anzi essi
di Gerusalemme», ovvero «la prosperità dei tuoi irridono Jhwh: «Ciò che vuole fare lo faccia in
eletti» (Ps. 128,5; 106,5; cff - Pi- 27,13). Gli empi fretta, si affretti, affinché lo possiamo vedere» (Is.
vedranno, a loro vergogna, l’intervento di Dio in 5,19). Israele si fida più volentieri degli idoli che
favore degli afflitti (Ps. 86,17; 112 ,10 ; cfr. Ps. 37, si è fatto con le proprie mani, che hanno occhi e
34; 91,8; loh 34,26; Is. 52,15), che permetterà a chi non vedono, orecchie e non sentono (Ps. 115,5 s->
è stato liberato di guardare dall’alto in basso i pro­ 13 5 ,16 s.; cfr. Deut. 4,28; Is. 44,18; 41,23). A un
pri nemici (Ps. 54,9; 112,8; 118 ,7), colmando tutti popolo così accecato secondo Ier. 2,31 il profeta
coloro che lo sperimenteranno di gioia (Ps. 69,33; aprirà gli occhi, così che infine possa vedere la
107,42) e di profonda riverenza (Ps. 40,4; 52,8; con «parola di Dio» efficace e visibile negli eventi (cfr.
un gioco di parole rà’à/jàré’\ cfr. Is. 47,9). Ezech. 12,3 in riferimento alla successiva azione
c) Sperimentare la presenza di Jhwh nella visio­ simbolica, e Is. 42,18 riferito al messaggio del pro­
ne di Dio e nella rappresentazione cultuale, come feta). Il comportamento di Israele, che continua a
l’esperienza del suo agire nella storia, richiede oc­ non voler vedere e ascoltare, conduce infine al giu­
chi aperti e capaci di comprendere, e indirizza nel­ dizio di non poter vedere e ascoltare eseguito da
lo stesso tempo l’attenzione al proprio compor­ Jhwh (Is. 6,9). Un’effettiva capacità di vedere e
tamento e alle proprie azioni, in modo tale che ascoltare sarà reso di nuovo possibile da Jhwh nel­
nell’atto di rà’à possa realizzarsi quel rapporto l’era escatologica della salvezza (Is. 32,3; cfr. 17,8;
personale e quella fiduciosa comunione fra Jhwh 29.18; 3 3 , ! 5 )-
e Israele. d) Premessa di ogni possibilità umana di perce­
a) Talvolta un atto peccaminoso della comuni­ zione è Dio che si rivela nella sua personale iden­
tà o di un singolo è riconosciuto come tale e vie­ tità e che si annuncia nel suo nome. Jhwh è colui
ne rifiutato (Deut. 9,16; 29,16; Iud. 19,30; / Sam. che apre gli occhi umani affinché possano com­
14,38; 2 Reg. 23,24; Nehem. 13 ,15 ; cfr. Ps. 55,10; prendere rettamente la realtà (Gen. 21,9; 2 Reg. 6,
119 ,158). Dai segni che Jhwh opera davanti ai suoi 17.20; cfr. Prov. 20,12), che consente di vedere,
occhi, Israele deve vedere e riconoscere la propria che appare, che presiede alla propria opera di crea­
ingiustizia (/ Sam. 12,17). Per H°i- 5.13 Efraim zione. Queste rappresentazioni antropomorfiche
e Giuda non ignorano la loro «malattia», ma in­ derivano dal linguaggio del mito (Gen. 2,19; 11,5 ;
vece che a Jhwh si rivolgono alle potenze stranie­ cfr. 6,2) ma il loro intento «non è certo di ridurre
re. L ’allegoria storica di Ezech. 23 scopre con l’im­ Dio a un livello umano... piuttosto mirano a ren­
magine delle due sorelle la peccaminosità di tutto dere Dio accessibile all’uomo... dimostrano la na­
Israele. Sebbene la più giovane abbia davanti agli tura personale di Dio... tutto volontà, che si trova
occhi l’esempio ammonitore della più vecchia, ri­ in vivace contrapposizione... che dimostra indui-
95 (vii,256) rà’à (H.-F. Fuhs) (v ii,257) 96

genza per lo scandalo dei peccati umani e si mo­ un’ingiusta persecuzione giudiziaria da parte di
stra aperto alla supplica delle preghiere umane e al avversari personali il pio implora Jhwh di esami­
pianto sulle colpe dell’uomo» (L. Kòhler, ThAT 6). nare la sua condotta di vita. La proclamazione del
a) La bontà insita nel creato di Dio, ossia lasuo amore per la torà di Jhwh è fondamento sicu­
sua rispondenza allo scopo e il suo senso intrin­ ro per aver fiducia nell’intervento di Jhwh per la
seco, si fonda sullo sguardo di Dio (Gen. 1,4.10. salvezza (Ps. 119 ,15 9 ; 139,24). L ’occhio scrutato­
12 .18 .21.25 e la considerazione conclusiva, v. j i ) . re di Dio riconosce chi fra gli uomini sia il candi­
P fa quindi risalire al giudizio del creatore ciò che dato migliore in vista di un incarico. Fra i figli di
è oggetto della lode di Dio. Il Dio che siede in al­ Jesse Dio «ha visto» (= ha scelto) David come re
to sul trono osserva tutto quanto sin nel profon­ (1 Sam. 16 ,1; cfr. 2 Reg. 8,13). Il merito personale
do (Ps. 113 ,16 ), fino ai confini della terra (Iob 28, non ha perciò nessun ruolo, e si tratta soltanto
24; cfr. 28,27), conosce l’uomo sin dal suo conce­ della capacità agli occhi di Dio di eseguire i suoi
pimento (Ps. i) 9 ,16; cfr. 1 Sam. 16,7; Iob 10,4), disegni. In questo senso secondo J Dio sceglie Noè
presta attenzione agli umili (Ps. 138,6); nessuno come suo «giusto» per il suo progetto di salva­
può nascondersi al suo sguardo (Ier. 23,24). Quan­ guardare la sua creazione (Gen. 7 ,1; a differenza
do Jhwh vede il bisogno e la miseria di singole di P). In Gen. 22,14 >1 nome jhwh jr ’h è la rispo­
persone o di popoli, con l’atto della sua percezio­ sta al lamento nel v. 8: «Dio prowederà per sé
ne coincidono la sua personale compassione per­ l’agnello per il suo sacrificio», ed è perciò espres­
sonale e il suo aiuto, e il bisogno viene subito sod­ sione di lode a Dio, che manifesta la gioia liberata
disfatto. Di questo sollievo nell’afflizione che una dalla disperazione e dalla distretta. Ezech. 16,8 e
persona può sperimentare talvolta si racconta in Hos. 9,10 parlano in senso metaforico della scelta
relazione all’ imposizione di un nome a un luogo di Israele, il che nel caso di Hos. 9,10 è contestato
(Gen. 16,13 s-)> alla nascita di un bambino (Gen. a torto da W. Rudolph, KA T xm /i 185.
29,32 JE ), oppure a una decisione di Dio (Gen. D all’ambito linguistico e concettuale di natura
3 1,42); ricorre come un motivo costante nella pre­ giuridica deriva l’idea che Dio veda l’ingiustizia,
ghiera e nella lamentazione (1 Sam. 1 , 1 1 ; 2 Sam. l’oppressione e l’idolatria. Il vedere da parte di Dio
16,12; Ps. 10,14; 25,18.19; J 9 . f i 1 , 9 >I 53 )> n<:Ua lo­ implica il suo intervento come giudice, in cui l’in­
deenei ringraziamento (Ps. 9,14; 31,8) e come pro­ chiesta giudiziaria precede l’emissione del verdet­
messa divina (Gen. 3 1,12 ; 2 Reg. 20,5 = Is. 38,5). to. Mentre l’empio pensa: «Il Signore non mi ve­
L ’intricata storia della salvezza di Israele comin­ de affatto» (Ps. 94,7; cfr. Ps. 10 ,11; Iob 22,14; Ier■
cia con la promessa di Jhwh: «Io ho visto l’affli­ 12,4), o il popolo che si è allontanato da Jhwh
zione del mio popolo in Egitto» (Ex. 3,7.9). A que­ chiede ostinatamente: «Perché digiuniamo e non
sta si torna a riferirsi di fronte all’afflizione del lo vediamo?» (Is. 58,3), oppure si sente a torto di­
momento (Ex. 2,25 P ;4 ,3 i dtr.?; Deut. 26,7; 2 Reg. menticato da Jhwh (Ezech. 8,12; 9,9), Jhwh se la
13,4; 14,26); in ciascuna situazione di afflizione si ride di questa condotta: sa infatti che il giorno
rinnova (/ Sam. 9,16; cfr. Ezech. 1 6,6) e viene ga­ (del giudizio) sta per arrivare (Ps. 37,13). L ’epifa­
rantita per il futuro (Zach. 9,8); narrata o descrit­ nia di Dio come giudice ha degli effetti cosmici:
ta, diventa un motivo ricorrente nei lamenti e nel­ la terra trema e i popoli sussultano alla sua vista
le suppliche della comunità (Lam. 1,9 ,11,20 ; 3,36. (Abac. 3,6). Jhwh accerta in primo luogo dopo una
50.60; 5,1; Nehem. 9,9; Dan. 9,19) ma anche dei inchiesta accurata il peccato o le trasgressioni di
canti di ringraziamento (Ps. 106,44; Lam. 3,59) e un individuo, di un gruppo o del popolo. Dio ve­
si espande infine in una preghiera per l’avvento de il sangue di Nabot (2 Reg. 9,26), le abomina­
escatologico (Is. 63,15; cfr. Ps. 80,15). zione a Betel (Hos. 6,10), come Efraim rende i
Nell’uso quotidiano il vedere di Dio può avere propri preda per il cacciatore (Hos. 9 ,13; testo in­
la connotazione di mettere alla prova, scegliere, certo), gli obbrobri fra i profeti di Samaria (Ier.
giudicare. Il signore del mondo che troneggia in 23,13 s.), l’impurità di Israele (Ezech. 23,13; cfr.
cielo (Ps. 33,13; cfr. 14,2 = 53,3) vede tutti gli uo­ Deut. 23,15), le sue abominazioni sulle colline e
mini (Ps. 33,13; cfr. 14,2 = 53,3), mette alla prova nei campi (Ier. 13,27), l’oltraggio dei suoi figli e
le vie e i passi dell’uomo (Iob 3 1,4; 34,21), lo scru­ delle sue figlie (Deut. 32,19), che «non c’è più giu­
ta (Ier. 12,3), ne prova il cuore e le reni (Ier. 20, stizia» e nessuno interviene (Is. 59,15 s.), sigilla
12), conosce la corruzione della terra (Gen. 6,12) con il suo sguardo il destino del suo santuario pro­
e l’ostinazione del suo popolo (Ex. 32,9; Deut. fanato (Ier. 7 ,11) e si accerta del peccato di Sodo­
9,13), ma anche il pentimento della popolazione ma e Gomorra (Gen. 18,21). La pessimistica di­
di Ninive (Ioel 3,10; cfr. 2 Chron. 12,7). Durante chiarazione di Gen. 6,5 (J), che gruppi o genera­
97 ( v i i , 2 5 8 ) rà'à (H.-F. Fuhs) ( v u ,259) 98

zioni di uomini sono capaci di trasgressioni cali mente la preghiera del Ps. 90,16 rimanda alla stes­
da minacciare l’esistenza stessa dell’umanità, mo­ sa epoca e alla stessa situazione. Il poeta attende
tiva la decisione divina di annientarla nel v. 7, ma il passaggio dell’afflizione per mezzo di un ora­
è nello stesso tempo e soprattutto causa del suo colo di salvezza, che renda visibile la volontà di
profondo dolore (v. 6). L ’idea di un Dio che ripa­ Dio di perdonare e in ciò riveli la sua signoria sul­
ga in base a una cieca giustizia è estranea all’A.T. la generazione presente e su quella a venire. Se­
Nel suo giudizio D io stesso soffre (cfr. riguardo condo Ps. 59,11 l’epifania di D io davanti alla co­
a rà'à il testo recente di / Chron. 21,15). Il teolo- munità comporta anche per l’orante l’incontro con
gumeno espresso come massima sapienziale: «Egli Dio, attraverso il quale egli nel giudizio di Dio
conosce gli uomini inutili, vede l’iniquità e non se sui suoi nemici sperimenta il suo aiuto salvifico.
ne accorge?» (Iob 1 1 ,1 1 ) , incoraggia chi si trova La proclamazione didattica di Ps. 78, formulata
coinvolto in una azione legale ingiusta a invocare secondo lo stile della parenesi levitica, mette in
l’intervento di D io come testimone e giudice nel­ guardia riferendosi ai padri l’attuale generazione
lo stesso tempo (1 Sam. 24,16; 2 Reg. 19,16 = Is. dal dimenticare i prodigi di Jhwh, «che egli ha
J 7 ,i 7 ;/ Chron. 12,18; 2 Chron. 24,22; Abac. 1,13 ; fatto vedere» (v. 11), e di conseguenza dall’ostina­
Ps. 3 5,17.20). zione contro la sua sovranità e contro l’obbe­
P) In contesti differenti si afferma che Dio fa dienza al suo ordinamento. Dalla citazione di Is.
vedere, ovvero mostra. Dio concede a Giacobbe 66,5 emerge disprezzo per il messaggio di salvez­
una lunga vita, in modo chc non soltanto potrà za indirizzato a coloro che seguono la parola di
rivedere Giuseppe, ma anche la sua discendenza Jhwh: «Si mostri Jhwh nella sua gloria e vedremo
(Gen. 48,11). Jhwh annuncia al faraone ciò chc la vostra gioia». Si tratta di un esatto parallelo a
sta per fare (Gen. 41,28), permette a Geremia di quanto i nemici di Isaia obiettano al suo annun­
vedere le trame dei suoi nemici (Ier. 11,18 ), per­ cio di giudizio (5,19). Perciò Jhwh nel giorno del
mette all’orante di «sperimentare dolore e affli­ suo giudizio non mostrerà al popolo e a tutti i suoi
zione» (Ps. 71,20). Secondo P, Dio stesso ha for­ il suo volto nemici per benedire e liberare, ma mo­
nito lo schema e le istruzioni per la costruzione strerà loro la schiena, così che il giorno del giu­
del santuario e di ciò che contiene (Ex. 25,9; 27,8; dizio sarà il giorno della loro rovina (Ier. 18,17).
cfr. Num. 8,4 per l’altare). Nella promessa in Gen. y) rà'à nif. con soggetto divino (Dio, Jhwh, un
12,1 (J) l’accento cade sull’assicurazione che Dio messaggero di Jhwh, la sovranità di Jhwh) come
guiderà il viaggio di Abramo nella terra promessa espressione per l’apparizione di Dio ricorre in
indicandogli la via (cfr. Deut. 1,33); «non permet­ contesti diversi. Fu impiegato già andeamente per
tere di vedere la terra» significa il rifiuto di farne indicare Vapparizione di Dio in un luogo chc ne ri­
prendere possesso (Ios. 5,6 per la generazione del sulta di conseguenza santificato (Gen. 12,7; 18 ,1;
deserto; cfr. Deut. 34,4 per Mosè). In Deut. 4,5 22,14; 3 5 . Ex. 3,2.16; 4,1.5; cfr. Gen. 17 ,1; 26,2.
l’indicazione della via si riferisce agli statuti e alle 24! 3 5 i9 ! 48.3; 1 Sam. 3,21 con la limitazione del­
ordinanze. Jhwh fa sperimentare la propria pre­ l’affermazione del v. 2 ia nel v. 2ib: «Jhwh si ma­
senza nel suo kàbód (secondo lud. 13,23 non sen­ nifestò a Samuele a Silo per mezzo della sua pa­
za pericolo) e nei suoi atti potend nella storia. Se­ rola»), L ’uso linguistico riscontrabile nei passi ci­
condo Ex. 9,16 egli lascia in vita il faraone per mo­ tati è già ben sviluppato. Già nello Jahvista si può
strargli la sua forza. Egli è vicino al suo popolo affermare che è avvenuto per rà’à uno spostamen­
attraverso il segno del fuoco (Deut. 4,36), con la to semantico dall’aspetto visuale e sensoriale a
sua potenza (Deut. 3,24; 5,24) e con il suo braccio quello dell’incontro personale, e di conseguenza
forte (Deut. 3,24). Egli promette salvezza ai suoi l’accentuazione si trasferisce dalla descrizione del­
fedeli (Ps. 50,23; 9 1,16), vale a dire l’abbondanza la teofania allo scopo dell’apparizione divina: il
di benedizioni che abbraccia tutta la realtà. Con discorso con la promessa (Gen. 12,6 s.; 26,24 s-;
le parole: «Mostraci, o Signore, la tua misericor­ Ex. 3,2 s. JE ). In P l’evento visibile si ridra total­
dia» (Ps. 85,8) la comunità esilica prega per l’inter­ mente, e anche l’aspetto dell’incontro personale
vento potente di Jhwh nella storia come lo profe­ non ha più alcuna funzione. L ’espressione si tra­
tizza il Deuteroisaia. Mich. 7,15 - una preghiera sforma piuttosto in una formula introduttiva del
scritta poco dopo la fine dell’esilio - evoca i fatti discorso divino, che serve unicamente a sottoli­
dell’Esodo. Come in passato l’Egitto, così le neare la trascendenza di chi sta parlando (Gen.
nazioni potend sperimentano ora la potenza di 17,1 ss.; 3 5,9 ss.; 48,3 ss.). C iò corrisponde alla ma­
Jhwh, cosicché «viene loro meno l’udito e la vi­ niera abituale di esporre di P, in cui lo strumento
sta» (7,16; cfr. sul gesto Prov. 30,32). Probabil­ sdlisdco dominante è la retoricizzazione: l’essen­
9 9 ( v ii,260) rà’à (H.-F. Fuhs) ( v i i , 260) 10 0

ziale si trova nel discorso. La rivelazione si mani­ visibile di Jhwh a Sion. Is. 60,2 modifica profon­
festa nella parola. A queste riserve radicali rispet­ damente per il suo annuncio di salvezza il motivo
to a tutti gli aspetti visivi e sensoriali dell’incon­ dell’ epifania di Jhwh. L ’idea della venuta e del­
tro con Dio corrisponde la puntuale contrapposi­ l’apparizione di Jhwh si fondono. Nello stesso
zione di rà’à e jàda' in Ex. 6,3. Con Mosè comin­ tempo l’apparizione di Jhwh è trasformata in una
cia una nuova epoca: Jhwh si fa conoscere con il metafora astrale o solare: Jhwh appare come il so­
proprio nome, mentre la sua apparizione viene le che sorge, che riempie tutto di nuova vita. Zach.
assegnata a uno stadio anteriore. Ex. 6,2-7 antici­ 9,14 annuncia ai deportati in Egitto sotto il regno
pa la rappresentazione di P dell’avvenimento del­ di Tolemeo 1 (312 a.C.) con l’immagine di una
l’esodo, che diventa il fattore determinante per la grande teofania l’intervento salvifico di Dio. Mal.
conoscenza di Dio come Jhwh (Ex. 7,2; 14,4.8; 3,2 mitiga il desiderio di un’imminente apparizio­
16,6 s.12), che più tardi sarà attualizzata dalla di­ ne di Jhwh, perché il suo giorno sarà un giorno di
vina presenza nel santuario (Ex. 29,45 s-)e nella ce­ giudizio.
lebrazione annuale della festa delle capanne (Lev. e) N ei testi profetici rà’à serve a descrivere
2 3 >4 })' l’esperienza della visione, spesso in parallelo con
Nel perfezionamento della tradizione della teo­ -» hàzà. Il parallelismo non implica nella maggio­
fania liturgica gerosolimitana (Is. 6; Ps. 97; 2 Sam. ranza dei casi la sinonimia (come ad es. in Is. 30,
2 2 ,11.16 = Ps. 18 ,11.16 ; 2 Chron. 7,3) l’espressio­ io), ma segnala una differenza semantica impor­
ne per l'apparizione della gloria di Jhwh annun­ tante, che va sempre rilevata (contro H.J. Stoebc,
cia la dimostrazione della forza di Jhwh contro il V T [1989] 347). Mentre hàzà è un termine tecni­
popolo disobbediente (Ex. 16,10; Num. 14,10; 16, co che indica originariamente una forma partico­
19; 17,7; 20,6). Lev. 9,1-24 (sacrificio per il pec­ lare di rivelazione, apparentemente legata alla figu­
cato del sommo sacerdote) c 16,1-34 (rituale del ra del veggente preprofetico (Num. 24,4.16; cfr.
giorno dell’espiazione) presuppongono la prassi Is. 1,1; Am. 1,1; Mich. 1,1; in proposito cfr. Fuhs,
cultuale del secondo tempio. Entrambi i testi ri­ FzB 32), più tardi genericamente usato per indi­
flettono l’antica convinzione che l’apparizione po­ care la ricezione di una rivelazione (Is. 13 ,1; 29,10;
tente di Jhwh (Lev. 9,4.6.23; 16,2) richiede parti­ Ezech. 12,27; cfr- H. Wildberger, B K x / iJ, 5 s.;
colari condizioni. La funzione della nuvola d’in­ H.W. Wolff, BK xiv/2J, 154), rà’à appartiene al
censo come velo protettivo che circonda l’appari­ linguaggio del racconto di visione (Vetter 697; cfr.
zione della divinità (16,2) è una nozione teologica W. Zimmerli, B K xm /1,41*). Per altri tentativi di
assai recente. individuare differenze cfr. Hànel 7 -13; Hàuser-
Estraniato dai suoi usi originari, il parlare del­ mann 4-8; Jepsen 43-56; Johnson u-26).
l’apparizione di Jhwh o del suo messaggero (Iud. a) Nel detto del veggente, un genere la cui esi­
6,12; 13,3.10.21) serve come strumento stilistico stenza è sufficientemente dimostrata da Vetter, Se-
per introdurre un racconto che culmina in una herspruch e Fuhs, FzB 32, rà’à insieme all’io del
promessa divina (ad es. la predizione della nascita veggente serve da formula fissa introduttiva nella
di un bambino: Gen. 18,1 ss.; Iud. 13,3 ss.; promes­ descrizione della visione: «Io lo vedo, ma non an­
sa di una discendenza: Gen. 26,2 ss.; promessa di cora, io lo osservo (sur) ma non da vicino: una
liberazione: Iud. 6,12 ss.; oracolo dinastico: / Reg. stella sorge in Giacobbe» (Num. 24,17; cfr. 1 Reg.
3,5 ss.; 9,2 ss.; entrambi dtr. e stilizzati come rive­ 22,17). Quel che il veggente ha visto nell’espe­
lazione in sogno, diversamente 2 Chron. 1,7 :7 ,12 ; rienza visionaria viene da lui trasformato in even­
cfr. / Reg. 11,9). Un uso più recente riferisce to linguistico (Num. 23,9; cfr. v. 2 1, dove proba­
l’espressione all’apparizione di Dio sul Sinai (Ex. bilmente in seguito a rielaborazione tarda una pri­
20,18; cfr. Ex. 20,22) e alla tenda del convegno ma persona singolare è diventata una terza perso­
(Num. 14,14; Deut. 31,15). La profezia esilica e na sing.). L ’autocoscienza e la responsabilità del
postesilica ricorre all’antica rappresentazione del­ veggente per la formulazione linguistica della
la teofania per annunciare una nuova salvezza do­ propria visione trovano espressione nella formula
nata da Jhwh nel futuro prossimo o più lontano. di legittimazione che apre il detto del veggente:
Secondo Ier. 31,3 Jhwh, come dapprima a Mosè, ne’um + N P (nome del veggente; Num. 24,4.16:
ora è apparso alla gente in esilio, così a lungo vis­ Balaam; gli altri impieghi della formula sono do­
suta nella lontananza da Dio, per condurli, come vuti a un uso linguistico arcaizzante, cfr. 2 Sam.
allora il popolo fuori dall’Egitto, dalla prigionia 2 3 ,1; Prov. 30,1; Ps. 36,2 testo dubbio).
alla libertà. Sulla scorta del messaggio del Deute­ È fuori questione che la visione espressa in for­
roisaia, Ps. 102,17 descrive il ritorno della gloria ma linguistica sia influenzata da Dio: «Quel che
101 (vii,261) rà’à (H.-F. Fuhs) ( v i i , 2 6 2 ) 102

lui (Jhwh) mi fa vedere, io te lo comunicherò» 7 ,1 7; 33,24) potrebbe essere stata presa in prestito
(Num. 23,3). Jhwh ha in primo luogo aperto gli dal linguaggio forense (W. Zimmerli, B K x i i i / i ,
occhi del veggente (Num. 22 ,31; cfr. 2 Reg. 6 ,17. 208 la collega con il detto divino di dimostrazio­
20) affinché possa comprendere il piano di Dio ne; diversamente G . Fohrer, BZAW 99, 1967, 19).
(Num. 24,1). La ridicolizzazione di Balaam in A un contesto analogo rimanda l’ordine divino
Num. 22,22-35, peraltro tarda, volge in caricatura rivolto al profeta: «Vieni a vedere le pessime abo­
il problema che a un veggente gli occhi possano minazioni che si svolgono qui!» (Ezech. 8,9; cfr.
essere trattenuti, e perciò gli risulti impedito di 4 4 . 5 )-
cogliere una visione mandata da Dio. Elementi della rappresentazione della teofania
p) L ’antica tradizione del veggente riemerge a entrano nella descrizione della chiamata profeti­
distanza nella fase cosiddetta profezia classica. ca. L ’avvenimento dell’incontro divino nella vo­
Amos, Isaia e Michea si consideravano veggenti. cazione e nell’ invio diventa per il profeta un’espe­
Am. i .i * ; 9,1* e Mich. 1,1-6 contengono resti di rienza che egli può descrivere in parole solo con
detti di veggenti. In Is. 30,10 il profeta si sente le metafore note della teofania liturgica (Is. 6; cfr.
solidale con i veggenti e con i visionari. In ogni 1 Reg. 22,19; Ezech. 1,4-28 + 3 ,12 -15 ; cfr. 10,1.8­
caso le forme retoriche del detto del veggente so­ 17). Al contrario Ezech. 33,1-9; cfr. Abac. 2,1 ss.;
no state adottate e incorporate nel linguaggio pro­ Is. 21,6 s. rappresentano la missione del profeta
fetico più tardo. La formula di legittimazione n*~ con l’immagine della sentinella.
’um + N P si trasforma di conseguenza nella for­ Colpisce la frequenza di rà’à in Ezechiele. La
mula del detto di Jhwh ne‘um jhwh o viene varia­ formula introduttiva della visione di vocazione in
ta con d'bar o dibré + N P. La funzione di rà'à re­ I,1 è ripetuta nel v. 15 in modo da strutturare le
sta tuttavia immutata. Per resoconti di visioni alla sezioni. Nei w . 1.15.27,28 (cfr. 10,1.8.9) r&à ser­
terza persona cfr. Gen. 18,2; 19 ,1; Ex. 3,2; 2 Reg. ve a dare risalto a ciò che il profeta vede. Riferi­
2 ,10 .12 .15 ; 6,17.20 (tutti brani tardi). Risultano menti trasversali collegano le visioni «che io ho
prevalenti i racconti dell’esperienza di visione in visto sul fiume Kebar» (3,23; 8,4; 10,15.20.22; cfr.
prima persona da parte del profeta; sono aperti II,24; 43.3 [3 volte])».
da una formula introduttiva costruita con rà’à op­ Tutto sommato l’esperienza visionaria nei pro­
pure (soprattutto) con w'hinnèh. Esse sono atte­ feti più recenti ha ancora un ruolo centrale (cfr.
state in due forme: rà’à qal con il perf., prima per­ Zach. 1,8; 2,1.5; 4,2; 5,1.2.5.9; 6,1.8). La discussio­
sona sing. (1 Reg. 22,17.19; Ier. 4,23; Ezech. 37,8; ne, se si tratti nel caso di queste visioni notturne
Am. 9,1; Zach. 1,8) oppure con l’imperfetto con­ di visioni durante la veglia o di esperienze oniri­
secutivo (Is. 6,1; Ezech. 1,4.1 j; 2,9; 8,2.7.10; 10 ,1; che, potrebbe essere risolta in base a Zach. 4,1, in
44,4; Zach. 2,1.5; 5,1; 6,1) mette in evidenza in re­ quanto vi è descritto il passaggio da una visione al­
miniscenza del detto del veggente l’io di chi vede, l’altra in termini di essere risvegliato. Imitazioni
mentre la formula costruita con rà'à hif. mette in dei racconti di visioni nell’orizzonte della nascen­
rilievo l’autore divino della visione (Am. 7,1.4.7; te apocalittica si trovano in Dan. 8,2.3,4.6.7.15.20;
8,1; cfr. 2 Reg. 8,10.13; Is. 24,1; 38,21; Ezech. 1 1 , 9,21; 10,5,7,8; 12,5. Sotto l’influsso dello stile del­
25; 40,4; Zach. 1,9; 2,3; 3,1 con soggetto l’angelo). le visioni rà'à qal è entrato in alcuni passi di rac­
Da Amos a Zaccaria si osserva nei racconti in conti di sogni, la cui forma linguistica si differen­
prima persona delle visioni uno schema formale zia nettamente dal racconto di visioni (Gen. 41,22;
rimasto evidentemente invariato nei secoli. Alla 31,10.12).
formula d’apertura segue un dialogo tra Jhwh e il Secondo loel 3,1 l’augurio di Mosè in Num. 1 1 ,
profeta secondo uno schema stereotipato di do- 29 (J?) si avvererà all’inizio del tempo escatologi­
manda-risposta-spiegazionc, come ad esempio in co di salvezza, tuttavia esteso universalmente a
Ier. 1 , 1 1 s.: «Che cosa vedi, Geremia? Io risposi: tutti gli uomini. Lo spirito di D io renderà tutti
Vedo un ramo di mandorlo. Così mi parlò jhwh: profeti. Ciò non significa affatto l’estensione del­
Hai visto bene, poiché io vigilo sulla mia parola e l’incarico di annunciare, ma un legame diretto con
la porterò a compimento» (cfr. Ier. 1,13 s.; 24,1 ss.; Dio per mezzo di sogni e visioni. L ’accesso im­
Am. 7,7-9; 8,1-3; Zach. 4,2-6; 5,2 s.; sulle visioni mediato a Dio annullerà fondamentalmente ogni
associate a parole simboliche e all’assonanza fo­ differenza fra gli uomini.
netica cfr. F. Horst, EvTh 20 [i960] 193-205). La 6.a) Secondo 1 Sam. 9,9 ró’eh (1) sarebbe stato
formula divina di accertamento, «Figlio dell’uo­ il titolo più antico per nàbV. Non si tratta affatto
mo, che cosa vedi?», oppure «Hai visto, figlio del­ di una «notizia antiquaria» (H.J. Stoebe, V T 39
l’uomo?» (Ezech. 8,6 .12.15.17; cfr. 47,6; Ier. 3,6; [1989] 347 ss.; KAT v i i i / i , 202), ma di un’espres­
ÌO J ( v i i , 2 6 3 ) rà'à (H.-F. Fuhs) ( v i i , 2 6 4 ) 1 04

sione tarda, forse di carattere popolare, per indi­ zionati: r*'i «specchio» (lob 37,18) = mar’à in
care il veggente. In / Chron. 9,22; 26,28; 29,29 è Ezech. 38,8. re'ut «vista» in Eccl. 5,10 Q , K r“ it.
utilizzata come epiteto per Samuele, mentre in 2
Chron. 16,7.10 per un non meglio conosciuto veg­ i v . i . Nei testi di Qumran rà’à al qa^nif/hif è
gente Hanani. L ’antico appellativo per indicare il attestato 55 volte (senza calcolare le citazioni
veggente avrebbe dovuto essere hòzeh. In ogni ca­ dall’A.T. nei p'sàrim) (cfr. M.P. Horgan, C B Q
so le due espressioni testimoniano un particolare Monograph Series 8, 1979).
carisma che non era conferito eo ipso a qualunque Tra i derivati nominali ricorrono 4 volte mar’à
nàbi’ e che differenzia tra loro Amos e Isaia, al (iQ M 5,5 .11; 1Q 34 3 11,6); 11Q T 3,16 [?], come
quale secondo Is. 30,10 (con le due espressioni in pure mar’eh 13 volte (iQ M 5 ,11; 6,13; 4Q403 1;
parallelo e al plurale) l’attività visionaria sarà proi­ 11,3.6.8; 4Q405 15 -16 , 11,10 [2 volte]; 4Q405 23,
bita (Am. 7,12.14; cfr. H.W. Wolff, B K xiv/2J, 359­ 11,8.9; 4 Q ! 6o i ,5 ;4 Q i 6o 3-4,1,6; i i Q P s* 28,9).
361; per H.J. Stoebe, V T 39 [1989] 341-354 Ama­ rà’à qal e nif. in senso quotidiano è attestato
sia dicendo «veggente» ad Amos avrebbe voluto nei seguenti contesti semantici:
«riconoscergli soltanto un significato ristretto, a) «vedere (con gli occhi) oppure visibile agli
fondato nella sua origine contadina e in un even­ occhi»: secondo iQ S 7,14 deve essere punito per
tuale incarico in quell’ambito», [351] ma la cosa trenta giorni chi tira fuori la propria mano dai
resta assai dubbia; su Is. 30,10 [cfr. 28,7; 21,8 te­ vestiti, così che la sua nudità sia visibile. Per evi­
sto emendato] cfr. H. Wildberger, B K x/3, 1 171 s.). tare l’impurità la cura del campo, ovvero del re­
ró’eh 11 ricorre in Is. 28,7 nel senso di «visione, cinto del tempio, e della città deve essere tale che
vista». Nella rielaborazione della dura invettiva «nessuna cosa vergognosa, cattiva» (iQ M 7,7),
(Is. 28,7-13) i profeti cultuali sono accusati di es­ cioè nessun escremento ( 11Q T 46,15), sia visibi­
sere ubriachi quando profetizzano, cosicché le lo­ le. L ’ordine si basa su Deut. 23 ,13-15 o su una tra­
ro visioni sono una testimonianza della loro ceci­ dizione comune più antica.
tà di fronte al messaggio escatologico. b) «osservare, sorvegliare»: 11Q T 6 1,13 richie­
b) mar'à, per lo più al plurale, indica lo svolger­ de di dimostrare coraggio di fronte alla superiori­
si di un evento di visione (Num. 12,6 par. hàlóm; tà del nemico: «Quando andrai in guerra contro i
come evento uditivo 1 Sam. 3,15). mar’ót ’élòhim tuoi nemici e vedrai cavalli e carri e guerrieri più
come espressione per la visione di Dio in Ezech. numerosi di te, non aver paura», cui segue un’as­
I,1; 8,3; 40,2; 43,3 (cfr. BHS) potrebbe riflettere sicurazione di aiuto (1. 14) che incorpora la for­
non tanto una formula tratta dall’antica tradizio­ mula del condurre fuori (-» 'àia). C D 9,16 ss. con­
ne dei veggenti (W. Zimmerli, B K x m /i, 47; Vct- tiene istruzioni per la denuncia di una trasgres­
ter 699), quanto una forma linguistica protoapo­ sione che qualcuno vede (9,17.22) essendo da so­
calittica nell’orizzonte della redazione finale del lo. Qui si tratta di una regolare testimonianza.
libro. Sulla «visione notturna» cfr. Gen. 46,2; Dan. Analogamente anche nel rito di espiazione per un
10,7,8.16, dove si usa il singolare per il vedere in assassinio commesso da uno sconosciuto; in
visione. questo caso si dice: «Le nostre mani non hanno
c) mar’eh è usato come mar'à col significato di versato questo sangue e i nostri occhi non hanno
«visione» in Ex. 3,3; 24,17; Num. 8,4; 12,8; Ezech. visto» ( 11Q T 63,6; cfr. Deut. 21,1-9 ), c'° è chi
II,24; 43»3i Dan. 8,16.26 s.; 9,23; 10 ,1. General­ parla non ha commesso quel crimine né può ren­
mente mar’eh indica nella descrizione della visio­ dere testimonianza contro chi l’ha commesso. Va
ne specificamente l’oggetto visto: «qualcosa che negato un posto nella comunità a chi tra l’altro è
somiglia a...», «apparenza» (Ezech. 1,5.13.27 s.; 8, «colpito da macchia visibile» (iQ Sa 2,7). A detta
2.4; 10,1.9 s.22; I I >24;40,3). La genericità della de­ di 11Q T 64,13 nessuno può stare a guardare sen­
scrizione è indicata dall’uso di ke (Ezech. 1,13.26 za far nulla quando il bovino, la pecora o l’asino
s.28; 8,2; 10 ,1; 40,3; Dan. 8,15; 10,6.18; Ioel 2,4) o del vicino fugge (cfr. Deut. 22,1 s.).
dalla ripetizione mar’eh k'mar'eh (Ezech. 40,3; c) «cercare, scegliere»: la legislazione sul ma­
4 1.2 1; 43,3). trimonio di una prigioniera di guerra (1 iQ T 63,10
Nella lingua quotidiana mar’eh indica il vedere ss.), più restrittiva rispetto a Deut. 2 1,10 -14 , Pre~
(degli occhi o con gli occhi) (Lev. 13 ,12 ; Deut. scrive fra l’altro che chiunque «abbia visto una
28,34.67; Ios. 22,10; Is. 11,3 [secondo l’apparenza bella donna» ( 11Q T 6 3 ,11) fra le prigioniere, la
esteriore]; Ezech. 23,15 s.), l’apparenza (Gen. 39, desideri e la prenda in moglie rimuova da lei tutti
6; 1 Sam. 17,42 ecc.) e la figura (Cant. 2,14; 5,15). i segni della prigionia. Il poema sapienziale sulla
d) Dei restanti derivati nominali vanno men­ seducente donna straniera dice di lei che alza im­
105 (vu,2é5) rà'à (H.-F. Fuhs) ( v i i , 2 6 6 ) 106

pudentemente i suoi occhi per scegliere/cercare tanto l’apparenza esteriore ma gli impulsi segreti
col suo sguardo un uomo giusto da mandare in ro­ del cuore; qui rà’à è in parallelo con due verbi
vina (4Q184 1,13). che indicano l’ascoltare: «Dio vede (r’h) ogni co­
La maggior parte delle attestazioni rientra nel­ sa, ascolta (sm‘) ogni cosa e la percepisce (’zn hif.)
l’uso teologico. Per il vedere in visione si posso­ (11. 7 s.).
no menzionare due passi, 1Q 25 1,3 (un frammen­ I due testi seguenti trattano dello sguardo com­
to apocrifo dei profeti) e 6Q9 58,2. In entrambi passionevole di Dio: in una ricapitolazione stori­
però il testo è incerto. L ’ imitazione dello stile ca, 4Q504 fr. 1 - 2 . 5 ,11, si dice: «Egli vide il nostro
della visione risalta quando nella descrizione in- dolore e la nostra angoscia», e nella richiesta d’aiu­
nica dei «saggi che comprendono» si dice: «Quel­ to di 4Q 176 fr. 1-2. 1,3 s. (peser su Ps. 79,2 s.) si
li che ascoltano la voce della gloria e vedono gli trova il seguente lamento: «Guarda i cadaveri dei
angeli santi...» (iQ M 10,10 s.). Assai frequente è suoi sacerdoti...» seguito dal motivo dell’esaudi­
quindi l’argomento che gli uomini nella loro vita mento, «non c’è nessuno chc li seppellisca». La
ovvero nella storia sperimentano l’opera di Dio e parafrasi di Ex. 24,6-8 dice del luogo del sacrifì­
si rendono conto del suo aiuto (1rà'à qal/nif). cio, riferendosi a Gen. 12 ,1; Deut. 34,4: «che io
Risulta però prevalente l’esperienza che «l’uomo ho mostrato ad Abramo e...» (4Q 158 4,6). L ’oran­
vede senza comprendere e progetta senza credere te in preda all’angoscia si sente preclusa ogni pos­
alla fonte della vita» (iQ H 8,13 s.). Si può vedere sibilità di vita e si lamenta così: «Tu non mi farai
un aiuto solo nel fatto che Jhw h apra gli occhi: vedere mai (più) il bene» (4Q381 33,10; oppure:
«... questo io ho visto (r ’h), (... come) potrò capi­ «La mia vita non vedrà mai [più] il bene»). A chi
re (nbt hif.), senza che tu apra i miei occhi?» (iQ H ripone la propria fiducia in Jhwh «egli mostrerà
18,18 s.). La ragione di questa cecità sta nel fatto la felicità del suo eletto» (4Q380 1,10). L ’opera
che gli occhi «erano stati sigillati per aver visto il salvifica di Jhwh è fondata sull’atto della creazio­
male» (iQ H 7,2 s.). Dunque nello stile dell’inse­ ne. Questo proclamano (spr p i) i suoi eserciti
gnamento sapienziale il Maestro di Giustizia esor­ (iQ H 13 ,11) e attestano (r’h) con giubilo i suoi
ta: «Ascoltatemi, così che io vi apra gli occhi per angeli (iiQ P s* 26,12). È comunque Jhwh chc ha
vedere c per comprendere la opere di Dio» (CD donato loro questa conoscenza: «Tu hai mostrato
2,14 s.). Coloro che ascoltano la sua voce vedran­ (r’h hif.) loro ciò che essi non conoscevano (jd ')»
no la sua salvezza (CD 20,33 s-)- C iò significa, per ( n Q P s a 26,12; cfr. iQ H 13 ,11). Negli ultimi tem­
contrasto, che il popolo degli eletti vedrà il giu­ pi jhw h costruirà un santuario indistruttibile.
dizio di Dio sui malvagi ^ Q p P s1 4 ,11, che com­ Con questo egli promette la sua presenza eterna.
menta Ps. 37,34). Infine, in un poema su Gerusa­ In esso potranno entrare soltanto coloro che por­
lemme (4Q380 fr. 1, 1.2-6; cfr. n Q P s 1 22 ,1-15 ; tano il nome «santo»: «Egli stesso apparirà sopra
4QPsf 7,14-17) si legge: «Il nome di Jhwh è invo­ di esso per sempre» (4QFlor 1,5).
cato su di lei e la sua gloria appare ( r à ’à ) su G e­ In combinazione con pànim, mar’à indica lo
rusalemme (e Sion)» (1.6). A l contrario, 4Q504 fr. specchio. Le spade e gli scudi dei guerrieri schie­
1-2, 4-8 apre la prospettiva di salvezza e include rati per la battaglia finale sono «lucenti (lucidi)
nell’azione salvifica di Jhwh tutti i popoli: «Tutti come specchi» (iQ M 5,4 s.,11). Il bacino dotato
i popoli vedranno la tua sovranità». In senso com­ di ruote presso l’altare degli olocausti è rivestito
plementare a questi, altri testi dicono che Jhwh interamente di «specchi» ( u Q T 3,16; cfr. Ex. 38,
vede, fa vedere (= mostra) o appare (rà’à rispetti­ 8; presumibilmente Ir’wt è una corruzione di
vamente qal, hif, nif.). Jhwh vede la condotta abo­ mr’wt), cioè di bronzo lucidato. 1Q 34 fr. 3. 2-6
minevole dell’umanità e la costante contaminazio­ parla della visione della gloria (mr't kbwd): «Hai
ne del paese o della terra intera (4Q381 fr. 69,1); rinnovato con loro il tuo patto nella visione di
è discusso se il piano storico delle 11. 1-5 si riferi­ gloria e nelle parole del tuo spirito santo».
sca all’ umanità prima del diluvio, a Israele prima Usato da solo mar’eh significa «aspetto»: nella
dell’esilio o ai «popoli della terra» secondo Nee- ricapitolazione poetica di 1 Sam. 16,4 ss., 1 iQ P s1
mia (E.M. Schullcr, Non Canonical Psalms from 26,8 s. dice di David: «Egli era bello di figura
Qumran: HSS 28 [1986] 203-204). Allo stesso (tw’r) e bello d’aspetto». Secondo iQ M 6,13 tutti
modo Dio valuta la malvagità degli abitanti di i destrieri che escono in battaglia sono uguali
Sodoma: «Io ho visto tutto questo» (4Q180 fr. 2­ d’aspetto. Il costrutto mar'è sibbólet «aspetto di
4, 2-9). iiQ P s ’ 28,3-12 afferma, facendo riferi­ una spiga di grano» è un termine tecnico (iQ M 5,
mento a David in un midrash poetico su / Sam. n ; cfr. 4Q405 fr. 20-22,2,10). Della visione di Dio
16 ,1-3, che Jhwh percepisce ogni cosa, non sol­ (mr’h h ’iwhjm) parla 4Q 160 fr. 1,5: «Fammi co-
107 (vii,267) r '’ém (H.-P. Miiller) ( v i i , 267) 108

noscerc la visione di Dio» (cfr. 4Q 160 fr. 3-4,1,6). 131, spec. 121-123. - J.W. Klotz, The Lion and thè
2. 1 L X X usano per tradurre rà’à qal general­ Unicom: Concordia Journal 5/6 (1979) 213-215. - G.
mente iScìv, ó p à v e pAéreiv, senza che si possa ri­ Rausing, The Ancestry of thè Unicom (Meddelanden
cavare una regola precisa. L ’ imperativo deittico fràn Lunds Universitcts Historiska Museum 1971-1972,
Lund 1973, 188-197).
re’èh è tradotto sempre con ISoii. Per aspetti se­
mantici speciali i L X X usano vari verbi, come ad I. Alla base del nome ebraico primario r*’èm c’è
esempio àxoóeiv (Ier. 2,31), àvayytXXtiv (Is. 30, la forma semitica comune *ri’m, di schema qitl,
10), (<Ì7:o)8eixvuvai (Num. 22,41; 24,17; Deut. 32, come risulta, ad es., dalla occasionale grafìa acca-
20; / Reg. 13 ,12 ; Is. 5 3 ,11; Ier. 18,17; ^ st^- 2>9 )> dica ri’-mu (M SL 8/2, 74:49) e dall’ar. ri’mkn (ac­
eÌTiEÌv (Lam. 3,6), eùpttrxciv (Iud. 18,9), xaTavoeìv canto a rim“"); per la metatesi di ’alef e *i in nomi
(Gen. 42,9; Ex. 2 ,11; 19,21; Num. 32,8.9; Is. 5,12) di seconda ’alef cfr. B Le § 6 ic ” . Una forma fem­
e (Esth. 8,6). rà'à nif. è reso dalle forme minile risulta solunto in accadico: rimu(m) con­
corrispondenti di ópàv e iSeìv; inoltre trovano im­ tro rìmtu(m); per la mancanza di desinenza nei
piego anche i seguenti verbi: eùptaxeiv (Iud. 6,12), nomi ebraici di animali cfr. D. Michel, Grundle-
YtyvEcr-Sai (2 Reg. 23,24), SrjAoùv (/ Sam. 3,21; gung einer hebr. Syntax 1, 1977, 74. Il N P fem.
testo ebraico differente), èvxpétciv (Is. 16,12), xa- ebr. re’ùmà (Gen. 22,24) non rientra nella nostra
T a(3 a(v E iv (Deut. 3 1,15 ; testo ebraico differente) e voce (cfr. sotto, 1.2); semmai vi rientra la trascri­
<pa!veiv (1 Reg. 6,18; Is. 47,3; Dan. 1,13 .15 ). rà’à zione adottata dai L X X l con Per,(xa e per lapsus
hif. è tradotto con Sexvueiv o Seixvùvai, in Ex. calami in L X X A IVrjpa. Non hanno alcun rappor­
33,18 con é|A<pavtSeiv e in Iud. 13,23 con epum^eiv. to con re’èm neppure rà’mòt (1) «coralli» (?) e la
Per ragioni dogmatiche i L X X modificano i testi forma verbale w 'rà ’àmà (da ricondurre alla radi­
che parlano di vedere Dio al di fuori di teofanie e ce rum) «sarà alta» (Zach. 14 ,iob); cfr. r’m in K A I
visioni (Ex. 24,10 s.; Is. 3 8 ,11; Ps. 63,3; Iob 19,26 279,3 per H. Donner (KAI 11 336) potrebbe
s.; 33,26; cfr. Ps. 1 1 , 7; 17,15), sostituendo un og­ essere un ptc. masc. sing. att. qal di rum con ’alef
getto concreto al posto di «Dio» (Ex. 24,10: il luo­ quale mater lectionis. Nulla di certo si può invece
go dove Dio appare; Is. 3 8 ,11: la salvezza di Dio; affermare riguardo al rapporto etimologico col to­
nel caso di Giobbe si tratta di un testo differente) ponimo rà’mòt (n), usato per diverse località.
o usando una costruzione passiva: «apparire da­
vanti a Dio», e questo in particolare per l’espres­ 1. L ’acc. rimu(m) 1 (assiro rèmu 11) col fem. rim-
sione «vedere la faccia di Dio» nel senso di «far tu(m) viene identificato sin da M. Hilzheimer (Die
visita al tempio» (Ex. 2 3 ,15 .17; 34,20.23 s.; Deut. Wildrinder im alten Mesopotamien, M AOG 11/2,
1926) con il «bufalo, uro (Bos primigenius)* (cfr. B.
16,16; Is. 1,12 ; Ps. 42,3; cfr. Ps. 84,8. Sulla scia dei
Landsberger, Die Fauna im alten Mesopotamien,
L X X i masoreti hanno modificato rà’à qal al nif; ASAW 42/6, 1934, spec. 89; AHw 986; A. Salonen,
cfr. Fritsch; Smith 173 s.). AnAcScFen B 196 [1976] 247-250); lo stesso vale per
' H.-F. Fuhs
il corrispondente sumerico «a m» (Salonen 167-174;
per l’uso letterario di «a m» in senso figurato cfr. W.
Heimpel, Tierbilder in der sum. Literatur, Roma
1968, 79-121). L ’uro, remoto progenitore dei bovidi
re'em domestici (J. Clutton-Brock, Sumer 36 [1980] 37­
41), veniva cacciato soprattutto dai re neoassiri (W.
Heimpel, RLA v 234 s.). Al contrario il «bufalo d’ac-
D'*! rem, D'NI re’èm ua» (Bubalus amee; la specie domestica è il Bos bu-
alis), che molti suppongono sia dietro all’ebraico
1. Isoglosse semitiche. - 1. Accadico e sumerico. - r‘ ‘ém e che in accadico a quanto pare è chiamato ap-
2. Ugaritico. - 3. Aramaico antico. - 4. Semitico meri­ sasù < sumerico abzaza, non appartiene alla fauna
dionale. - 11. Attestazioni in ebraico antico. - 1. L’A.T. originaria della Mesopotamia ma è un animale d’im­
- 2. Al di fuori dell’A.T. -111. Le versioni antiche. portazione dalle regioni dell’Indo, noto soltanto a
partire da Sargon I e fino circa all’epoca di Susin
Bibl.: E. Bilik, The Re'em: BethM 54 (1972/73) 382­ (R.M. Boehmer, ZA 64 [1975] 1 - 19). Le denomina­
386. - B. Clark, The Biblical Oryx - A New Name for zioni di questo impressionante e anche pericoloso
an Ancient Animai: BAR 10/5 (1984) 66-70. - M. Da­ toro selvatico dalle lunghe corna ricurve volte in
hood, Hebrew-Ugaritic Lexicograpby x: Bibl 53 (1972) avanti (cfr. il lemma «a m g u b - b a» e simili = qar-
386-403, spec. 389. - Y. Felix, Ox, Oryx, Bull: Lesho- na-nu «dalle grandi corna», MSL 8/2 10:503-52 e gli
ncnu 44 (1979/80) 124-136. - A.H. Godbey, The Uni­ esempi in Heimpel, Tierbilder, 81-97. ,0 3- I2 1! inol­
com in thè O.T.: AJSL 56 (1939) 256-296. - J.J. Hess, tre Deut. 33,17, v. sotto, u .i) servono tra l’altro da
Beduinisches zum A. und N.T.: ZAW 35 (1915) 120- epiteti per dèi (per il sumerico «a m» cfr. Salonen
io 9 (v ii, 268) r''èm (J. Tropper - H.-P. Mùller) ( v ii,269) 1 1 0

168 ss.; per l’acc. nmu[m}jrimtu[m] cfr. K.L. Tali- stuale e semantico (v. sopra, 1.1). Senza problemi di
qvist, Akk. Gotterepitheta, Helsinki 1938, 165 s.; testo, ma semanticamente oscura, è l’espressione br-
AHw 986; Salonen 248 ss.) e re (M.-J. Seux, Epithè- ’mn 2 pthn nel registro delle fatture di un mercante
tes royales akkadiennes et suméeriennes, Paris 1967, ebreo che operava in Egitto all’inizio dell’epoca elle­
250-386; AHw 986; Salonen). Si può definire un tem­ nistica (AP 81,110). nQ tgJob 39,9 s. rende l’ebr. r'­
pio bit rim màtàtim «casa del toro selvatico dei pae­ 'èm con r'm. Per wrjm[‘] in Hen. aram. 89,6 v.
si (cioè di Ellil)» (AOB 22 111:7) oppure semplice­ sotto, n.2. S usa il termine siriaco rajmà’ non solo
mente rimum «toro selvatico» (RA 64, 95:5.16; per re'èm, ma anche per disón [1] «un tipo di antilo­
AHw 986); per il paragone di un tempio con un «a pe (?), bisonte (?)» (Deut. 14,5).
m» «toro selvatico» cfr. Heimpel, Tierbilder 83-87. 4. Il nome semitico comune si manifesta in arabo
H.-P. MUller con ri'm',''lrim'4n «antilope bianca (Antilope leuco-
ryx)» (Lane 1/3, 1204), un significato metonimico dal
2. L ’ug. rim va vocalizzato analogamente al se­ quale non è possibile dedurre alcunché di utile per
mitico *ri’m, quindi ne risulta ri’mu, una forma in l’ebraico; cfr. Hess che a causa del colore chiaro di
cui i funge da ’alef in chiusura di sillaba (cfr. J. Blau entrambi gli animali pensa a una trasposizione se­
- S.E. Loewenstamm, U F 2 [1970] 23 n. 27). Vanno mantica «toro selvatico» > «gazzella» (!). Per l’et.
ormai ritenute superate quelle posizioni che in pas­ (ge'ez) rè'imlrè’ém cfr. W. Leslau, Comparative
sato sostenevano che rim avesse quale vocale tema­ Dictionary of Ge'ez, 1987, 458: «toro selvatico, ri­
tica una w, come ritenevano da un lato Z.S. Harris noceronte, unicorno». Soprattutto a causa della va­
(JAOS 57 [1937] 15 1: ru'mu) e dall'altro H.L. Gins- riante fonetica ré’ém, F. Hommel (Die Namen der
berg (Or 5 [1936] 185) e D. Marcus (JAN ES 1 [1968] Saugethiere bei den siidsemit. Vòlkem, 1879, 367)
54 n. 45: ru’ùm, una forma analoga all’ebr. re'ùmà ha suggerito, probabilmente a ragione, che la forma
in Gen. 2,24 T.M.). sia un prestito dall’ebraico; ad esso farebbe riscon­
Per il significato «toro selvatico» anche per l’ug. tro la ripresa dell’identico valore semantico.
rìm cfr. J.C . de Moor, AOAT 16, 1971, 199; «bufa­
lo d’acqua» (H.L. Ginsberg, JA N E S 5 [1973] 13 1 n. 11. Anche per l’ebr. r‘ ’èm l’esegesi indica chc il
4) non è esatto neanche in questo caso. L ’animale,
significato «toro selvatico» è il più probabile
molto diffuso nella Siria antica, considerato la quin­
tessenza di forza indomabile, era preda di caccia (così GesB 736 s.; BD B 910; E. Kònig, Wb. 426;
(KTU 1.10, n 9.12). «Una ciotola... con sopra (raffi­ K B L 2 864 s.; K B L } [cortese comunicazione di J.J.
gurate) miriadi di uri» è menzionata in KTU 1 .4 1 ,1 Stamm]). L ’interpretazione «antilope bianca»,
41-43; ad essa si può accostare la ciotola d’oro di che segue l’arabo (S. Bochart; cfr. F.S. Bodenhei-
Ugarit con scene di caccia del re a uri e antilopi della mer, Animai and Man in Bible Lands, Leiden
tarda età del bronzo, riprodotta in Syr 15 (1934) tav. i960, 53), non tiene in conto che isoglosse lessi­
16 (= B R L 2 151). cali possono avere nelle singole lingue significati
Nei miti il termine rim s’incontra con relativa diversi: l’agile animale è certamente, come il toro
frequenza. La vacca della dea Anat «partorì» secon­
selvatico, una preda cacciata dai re (cfr. sopra, 1.1,
do KTU 1.10, h i 21(36) «un toro (ìbr) per Ba'al,
anzi un toro selvatico (rim) per il cavaliere delle nu­ e la raffigurazione sulla ciotola di Ugarit menzio­
vole». Secondo KTU i . i o , n 9.12 Ba'al va a caccia nata sopra, 1.2). Tuttavia, prescindendo dal fatto
di questi animali «nella regione rivierasca di Smk, che l’ebraico ha altri termini per antilopi di vario
che è piena di uri» (per la costruzione cfr. E. Verreet, genere, l’antilope non si adatta certamente al pa­
UF 18 [1896] 381 s.). Dopo la morte di Ba'al, Anat radosso di Iob 39,9-12 e ancor meno si adatta a
scanna, oltre a numerosi altri animali domestici e rappresentare un mondo ostile all’uomo (Is. 34,7;
selvatici, anche 70 tori selvatici (KTU 1.6 ,1 19). Per Ps. 22,22). Nel 1 millennio a.C., a differenza del
fabbricare un arco per Anat era necessario usare «i toro selvatico, il bufalo (Gesenius, Thesaurus ili
tendini più forti dei tori selvatici» (KTU 1.17, vi
1248 s.; ma v. sopra, 1.1) e il bisonte (K. Buddc)
21). Oltre ad altre belve feroci, anche i «tori selvati­
ci» servono da termine di paragone per descrivere i dovrebbero essere già scomparsi da lungo tempo
due dèi che si danno battaglia, Mot e Ba'al (KTU 1.6, dalla Siria, quindi da troppo per poter essere an­
vi 18). Per illustrare l’appetito di Mot (KTU 1.5, 1 cora impressi vivamente nella memoria. In senso
17; cfr. 1.133,7) si parla di «uno stagno che i tori sel­ positivo rr 'ém c simbolo di una forza desiderabi­
vatici (vogliono) raggiungere, una sorgente dove le le (Num. 23,22; 24,8; Deut. 33,17; Ps. 9 2 ,11; Hen.
cerve (’jlt) vogliono arrivare» (per la traduzione cfr. aeth. 90,38 cong.), in senso negativo, invece, sim­
Verreet 381). _ _ bolo di una realtà ostile all’uomo (Is. 34,7; Ps. 22,
]. Tropper - H.-P. Miiller
22; Iob 39,9-12); le menzioni in Ps. 29,6 e Hen.
3. Alla 1. 3 dell’iscrizione in aramaico antico di aram. 39,6 sono neutre.
Kandahar (Afganistan) (KAI 279) del re As'oka (268­ 1. N ell’A.T. il paragone con re’èm s’incontra
233 a.C.), r'm è controverso dal punto di vista te­ in primo luogo, come avviene generalmente con
111 ( v u ,2 7 o ) r*’ém (H.-P. Miiller) (vii,270) 112

le similitudini con gli animali, in massime c motti senza dell’animale in quelle regioni; il re assiro
chc riguardano una tribù o un popolo. In Deut. Assur-bél-kala arrivava fino al Libano con le sue
33,i7a, una frase attributiva che nella formulazio­ battute di caccia all’uro (W. Heimpel, R L A v 234).
ne dell’oracolo per Giuseppe in Gen. 49,22-26 non La frase narrativa (v. 1 la) di un salmo di ringra­
ha riscontro, il referente - la tribù di Giuseppe ziamento con variazioni inniche (Ps. 92), che è al
(?), di Efraim (come sostiene H .-J. Zobel, BZAW contempo espressione e motivo di fiducia, si ser­
95» l9&5> 37) “ è definito «toro primogenito», le ve della singolare metafora, unica del suo genere
cui corna sono però anche «corna del re'èm» (v. riferita all’orante, di «mio corno» per aggiungere
sopra, i.i), con le quali egli incornerà «(i) popoli» una nota di vivida intensificazione a kir'èm «co­
e «le estremità della terra» (per l’attitudine del me (a) un toro selvatico». I «nemici» già noti da
toro selvatico ad attaccare a corna basse nel lin­ Num. 24,8 e Deut. 33.17 sono ora gli avversari,
guaggio figurato della letteratura sumerica cfr. gli difficilmente identificabili, dell’uomo pio e insie­
esempi in Heimpel, Tierbilder 9 7-10 1. 104 s.); me di Jhwh (vv. 10.12), che s’incontrano nei la­
l’animale domestico (sòr) e la sua forma selvatica menti e nei salmi di ringraziamento individuali.
(re’ém) quali termine di paragone aggiungono al­ Nel lamento individuale di Ps. 22,22b i rémim
l’invincibilità battagliera una nota magica (per stanno, dopo cane (v. 2ib) e leone (v. 22a), per la
l’associazione di sór e re,ém cfr. in ugaritico quel­ minaccia chc incombe sull’orante: Dio lo strap­
la tra rim e tr in K TU 1.17 , vi 21 // 23; in merito perà da queste forze ostili all’uomo enumerate in
RSP 1 334). Nel primo dei due più antichi oracoli una serie aperta dalla parola «spada» (v. 21 a).
di Balaam su Giacobbe // Israele, cioè Num. Come rappresentanti di un universo avverso
24,8a nella frase krtó‘afót re’ém ló, rr,ém funge all’uomo, re’èmim o rc‘èm ricorrono insieme con
da predicato per Giacobbe // Israele stesso («a lui altri animali impressionanti e pericolosi in Is. 34,
[= El] sono proprie, per così dire, corna di toro 7 e Iob 39,9-12. In Is. 34,7 il simbolo della forza e
selvatico», così M. Noth, A TD 7, 1 50) o da ter­ della minaccia, nominato per ridondanza insieme
mine di paragone diretto per El, che ha qui il col bestiame domestico, diventa vittima inoffen­
ruolo di guida che conduce fuori dall’Egitto («co­ siva e inerme per Jhwh nel giorno del massacro
me corna [?] del r ' ’èm egli [= ElJ è per lui [Gia­ escatologico, chc colpirà soprattutto Edom. Nel
cobbe // Israele]»; cfr. la Bibbia di Zurigo e molte paradosso di Iob 39,9-12 il concetto chiave è che
altre trad.); in quest’ultimo caso si dovrebbero ri­ il «toro selvatico» non fa assolutamente niente di
cordare i termini accadici rimu(m)/rimtu(m) ne­ ciò che l’uomo si aspetta dal suo parente dome­
gli epiteti divini e l’ug. rim come termine di pa­ stico, il bue. Nel contesto del discorso di Dio, con
ragone per gli dèi. In un modo o nell’altro è sem­ ciò si vuol significare che egli sa come neutraliz­
pre a Giacobbe // Israele che - come in Deut. 33, zare il rappresentante di un universo ostile al­
i7a - la forza dei r“ ém conferisce una superiori­ l’uomo (cfr. O. Keel, F R L A N T 12 1, 1978, 63 ss.;
tà bellica su(i) «popoli suoi nemici». Num. 24,8a H.-P. Miiller, B Z 32 [1988] 2 10 -2 31, spec. 218 s.).
è ripreso alla lettera nel secondo dei due oracoli 2. btw 'pwt r’m in Ecclus 45,7 B invece di btw
di Balaam più recenti (23,22). Nulla osta all’ipo­ 'pwt tw’r è dovuto a un peggioramento del testo
tesi che in Deut. 33,178; Num. 24,8; 23,22 come per adeguarlo a Num. 23,22; 24,8; con questo in­
per l’acc. rimu(m) e l’ug. rim si debba pensare tervento si trasferiscono su Aronne le caratteri­
all’aggressivo toro selvatico, che anche in testi ac­ stiche del toro selvatico riferite in origine a G ia­
cadici viene definito kadru «quello chc s’inalbera, cobbe // Israele.
pronto ad aggredire» (cfr. M SL 8/2, io:joa [v. so­ In una visione che anticipa il diluvio universale
pra, 1.1] e A H w 419; C A D K 32; per le analogie Hen. aram. (= 4QEne) 89,6 racconta come la «na­
in sumerico cfr. Heimpel, Tierbilder 104-107). ve» di Noè passi «sopra la superficie delle acque
Nei Salmi re’èm ricorre 3 volte, ma qui l’uso e tutti i tori [...) elefanti e tori selvatici (w ym ;[’])»
del termine riflette meno le caratteristiche speci­ (ATTM 244). In Hen. aeth. 90,38 si sostituisca
fiche dell’uro. Secondo l’inno di Ps. 29,6 il dio all’et. nagar «parola», che nel contesto non ha al­
delle tempeste Jhwh fa saltare il Libano «come un cun senso, l’ebr. r ’m «che lo scriba greco aveva
vitello», il sirjón «come un torello selvatico» (kc- reso con che quello etiope intese come prj(j.a
mó ben-re’èmimy, cfr. l’acc. rimu(m) particolar­ = nagar» (così, sulla scia di altri, S. Uhlig, J S H R Z
mente come epiteto per Ellil (Tallqvist 166) e v/6, 704); per l’interpretazione di questo rr’ém
l’ug. rim a proposito di Ba'al (v. sopra, 1.2). Chc come una di due figure messianiche si veda M.A.
proprio Libano e sirjón vengano messi in rappor­ Knibb, The Ethiopic Book of Enoch 2, Oxford
to con tori selvatici potrebbe dipendere dalla pre­ 1978, 216.
ii3 (vii,270 ró’s i (W. Beuken) ( v i i , 272) 114

ili. Come i L X X siano arrivati a |Aovóxep(u^, la nieuwe dingen bij Deuterojesaja, A m ste rd a m 1987. -
traduzione che usano per tutti i passi tranne Is. H . L e sétre, Téle ( D B v 2100 s.). - J . A . M a c C u llo c h ,
34,7 (ot àSpoi «i forti»), e la Vg. li abbia seguiti H ead (E n c y c lo p a e d ia o f R e lig io n and E th ic s v i 532­
con unicomis (Is. 34,7; Ps. 2i[22],22; 28(29],6 jux­ 540). - H .- P . M ù lle r, r ò ’s, K opf ( T H A T 11 701-715). -
H .D . P re u ss, Verspottung frem der Religionen im A.T.
ta L X X ; 9 1 [92], 1 1 juxta L X X ) e monoceros (Ps.
( B W A N T 92, 1971). - C . R a b in , Rós as Designation o f
9 i[9 2],n ), è una vexata quaestio. Ci si può do­ Substances: L e sh o n e n u 40 (1975/76) 85-91. - J . J . R a b i-
mandare se quest’idea sia dovuta alle raffigurazio­ n o w itz , D em otic Papyri o f thè Prolemaic Period and
ni (babilonesi) di profilo del toro selvatico (Hess Jeivish Sources: V T 7 (1957) 398-400. - J . J . R a b in o w itz ,
12 1), a esempi naturali come il rinoceronte (si An A dditional N ote on b r ’ s: V T 9 (1959) 209 s. - H .
noti ptvóxepoi; in Aquila e un ETcpo; [J. Ziegler, R e v iv , The Elders in Ancient IsraeL A Study o f a
Iob, 1982, 392] a Iob 39,9 e rinoceros nella Vg. a Biblical Institution, Je ru sa le m 1983. — H .N . R ò s e i,
Num. 23,22; 24,8; Deut. 3 3,17 ; Iob 39,9 s.; Ps. 28 Jephtah und das Problem der Richter. B ib l 61 (1980)
251-255. - H .N . R ò s e i, D ie « Richter Israels». Ruck
[29],6 juxta bebr. e in Saadia Gaon relativamente
blick und neuer Ansatz: B Z 25 (1981) 180-203. - V .M .
a Iob 39,9), a immagini fantastiche della specula­
R o g e rs , The Use o f r 's in an Oath: J B L 74 (1955) 272.
zione ellenistica (cfr. Bo Reicke, BH H W 111 2173 - U . R ù te rs w ò rd e n , Die Beamten der israelitischen Kò-
s.) o anchc a Dan. 8,5 ss. La traduzione di Lute­ nigszeit. Eine Studie zu ir und vergleichbaren Begrif-
ro, eynbom («unicorno»), si basa sui L X X . fen ( B W A N T 117, 1985). - E .A . Sp eiser, Census and
Ritual Expiation in Mari und Israel: B A S O R 149(1958)
H.-P. Miiller 20-25.- H .W . W o lff, Antbropologie des A .T , *1977. -
R . Y a r o n , Aramaic Marriage Contracts from Elephant-
*ne: J S S 3 (1958) 1-39.

t^ Ò ró ’si 1. L ’ebraico ró 's e un nome primario cui sog­


giace una radice semitica comune che un gran nu­
mWn
T •
ri’ut, T
ró’sà, nWN"ID m'raasót
' -» - T mero di studiosi ritiene essere * r a ’s (cfr. Mùller
701; K B L J [grazie alla consultazione del mano­
1. R a d ic e e attestaz io n i. — n . Il c a m p o lessicale. - 1 . S i­ scritto gentilmente concessa da B. Hartmann]);
n o n im i. - 2. M c to n im i. - 3. C o n t r a r i. - 4. A ltr i ra p p o r­ Friedrich suggerisce invece una forma *ru 'su se­
ti. - 5. S ig n ific a to lo cale. - 6. S ig n ific a to tem p o rale. - golata in ró 'é s con una ’a le f sonora relativamente
n i. L o c u z io n i v e rb a li. - rv. U s o p r o p rio . - 1. U o m in i.
tarda.
- 2. A n im a li. - 3. D io . - v . U s o fig u r a to rife rito a p er­
son e. — 1 . Il « cap o». - 2. Il re. - 3. N e l v o c a b o la rio m ili­ Il sostantivo è ampiamente attestato: già in ac­
tare. - 4. A lt r e fu n z io n i. - v i. U s o fig u ra to rife rito a c o ­ cadico antico come rdsum/rdsum ‘ testa, capo, ini­
se. - 1. In sen so lo cale. - 2. In s e n so tem p o rale. - 3. V e r ­ zio, cima, punta’; in babilonese diventa résu(m)
tice, cim a , in iz io , so m m a . - v i i. A n t r o p o lo g ia e te o lo ­ (cfr. A H w 973-976) quale denominazione della
gia. - v i li . 1 . 1 L X X . - 2. Q u m ra n . parte del corpo o in senso geografico, ad cs. per
B ib l.: L . A lo n s o S c h ó k e l - C . C a m it i, *ln testa»: Is.
la cresta, vetta, cima a guglia o torre del monte; in
J f.io : R i v B i b lk 34 ( 19 8 6 ) 3 9 7 -3 9 9 . - J . R . B a rtle tt, The senso architettonico per elementi sporgenti (ad
Use o f thè Word r ó ’s as a Tùie in thè O.T.: V T 19 es. testa del ponte); anche in senso temporale (ini­
(19 6 9 ) 1 - 1 0 . - F . B lo m e , D ie Opferm aterie in Babylo- zio di un’unità di tempo, la nuova luce della luna,
nien und Israel 1 (Sacra S c rip tu ra A n tiq u ita tib u s O rie n - inizio di un regno o di un’attività, ecc.) e per in­
talib u s Illu strata 4, R o m a 19 3 4 ) . - N .M . B ro n z n ic k , dicare aspetti qualitativi (qualità, eccellenza, pri­
Calque or Semantic Parallel, W hicht: H A R 1 ( 19 7 7 ) mato). Già a Mari s’incontra rèsu come titolo di
1 2 1 - 1 2 9 , spec. 1 2 7 s. - M . D a h o o d , Are thè Ebla
alti funzionari (sa rési, cfr. l’ebr. sdris) e di con­
Tablets R clevant to Biblical Research ?: B A R 6 (19 8 0 )
dottieri militari, ma anche nel senso di ‘schiavo,
54-60. - F . D e litz sc h , System d e r biblischen Psycholo-
gie, M 8 6 1. - P . D h o rm e , L ’em ploi métaphorique des servitore’ (o forse in quest’accezione résu ha a
noms de parties du corps en hébreu et en akkadien, P a ­ Mari [come in arabo] funzione di numerale?).
ris 1 9 2 3 . - J . F rie d r ic h , S em itich e Kleinigkeiten (F s . A . L ’ug. r i s (WUS nr. 2472; U T nr. 2296; RSP 1,
D u p o n t-S o m m e r , P a ris 1 9 7 1 , 1 9 5 - 1 9 9 , spec. 19 5 s.). - nr. 509 ss.) (pi. r'sm ) ha un’estensione semantica
M .I. G r u b e r , Aspects o f N on verbal Communication in simile a quella chc il termine ha a Mari. U T fa ri­
thè Ancient N ear East (S tu d ia P o h l 12 / 1-11, R o m a ferimento a K T U 1.2 ,1 24, dove dietro all’inchi-
19 8 0 ). - A .R . Jo h n s o n , The Vitality o f thè Individuai
narsi delle teste sui ginocchi si delinea un rito fu­
in thè Thought o f Ancient Israel, C a r d if f 19 64 . - E .
K u tsc h , « Trauerbrduche » und • Selbstminderungsriten »
nebre (U T nr. i965;cfr. 1 R eg. 18,42).
im A.T.: T h S t 78 ( 19 6 5 ) 2 3 -4 2 = Kl, Schr. zum A.T., E A 264,18 tramanda la glossa cananaica ru-su-
B Z A W 16 8 , 19 8 6 , 7 8 -9 5 . - H . L e e n e , D e vroegere en de nu (per l’acc. résu-nu). Il sir. résa’ (Brockelmann,
115 (v u , 2 7 3 ) ró’i 1 (W. Beuken) ( v i i , 274) 1 1 6

Lex. Syr. 728) e Taram. rèi (aram. giudaico rè'sa) do una parte della testa, talora sono usate come
sviluppano da questa radice anche un’accezione sinonimi: a) -» qdqd (qodqòd) ‘sommità del capo,
fin qui non rilevata, l’idea del denaro come capita­ cranio’, in parallelismo con ró’i (Gen. 49,26; Deut.
le principale (Vogt, Lex. Ling. Aram. 15 j ; ATTM 33,16; Ps. 7,17; 68,22), intercambiabile con ró’i
689), uno sviluppo già documentato in aramaico nell’espressione mikkaf-regel w e,ad-ró'i «dalla
egiziano (cfr. A P 10,6; 11,5 ; D ISO 269 s.). Pro­ pianta dei piedi fino alla cima della testa» (Is. 1,6;
prio in aramaico r ’i è usato spesso come titolo: cfr. Deut. 28,35; 2 $am■ *4»2j; Iob 2,7) e anche
r ’j hbr «capo della comunità (ebraica)»; r’i 'dt ’, r’i
altrove come sineddoche per ró’i (Deut. 33,20). -
ijr’ ‘capocarovana’ ecc.; analogo l’uso a Paimira. b) gulgólet ‘cranio, teschio’ in parallelismo con
Controverso è il significato in moabitico (K A I ró’i (Iud. 9,53), intercambiabile con ró’i nella
181,20: «capo», «élite», o derivato di rài «pove­ espressione «a testa» (laggulgólet: Ex. 16,16; 38,
ro»? Discussione in D ISO 269 e K A I 11 177). 26; Num. 1,2.18.20.22; 3,47; 1 Chron. 3,23,3.24;
L ’ampiezza della gamma semantica del mandai- cfr. l'ró ’i: Iud. 5,30; 1 Chron. 24,4) e come sined­
co rii, rìia (MdD 434), sudarabico r’s (Conti Ros­ doche per ró’i (2 Reg. 9,35; 1 Chron. 10 ,10 [cfr.
sini 2j 5; Biella 474: B G M R 112 ), dell’arabo ra’sv. 9]). - c) Naturalmente ró’i si trova insieme, in
(qui «capo» anche in funzione di numerale per il parallelismo o nel contesto, con parole indicanti
bestiame; cfr. Wehr, Arab. Wb. 285) e ra’is ‘capo parti della testa o del corpo prossime a questa:
supremo’, e infine dell’etiopico rè’és (Dillmann, ’ajin (-> ’jn) ‘occhio’ (2 Reg. 9,30; Is. 29,10; Ier. 8,
Lex. Ling. Aeth. 294) con i suoi dialetti (cfr. Wb. 23; Iob 2,12); pdntm (-> pnjm) ‘faccia, volto’ (los.
Tigre 155; Leslau, Cognates 102) è fondamental­ 7,6), ’af (-» ’p) ‘naso’ e ’oznajim ‘orecchi’ (Ezech.
mente simile. 16,12); peh (-» ph) ‘ bocca’ (Prov. 10,6); raqqà
Infine la radice è entrata come prestito (ru-’u- ‘tempia’ (Iud. 5,26); mahldfót ‘ treccine’ (Iud. 16,
i, cfr. W.F. Albright, The Vocalization of thè 13.19); sìsit ‘capelli della fronte’ (Ezech. 8,3); tal-
Egyptian Syllabic Orthography, N ew Haven tallìm ‘ riccioli’ (Cant. 5,11); dalla ‘capelli, capi­
1934, 35) in egiziano, dove la s’ incontra come pi. gliatura’ (Cant. 7,6); sé 'ir ‘peli’ (2 Sam. 14,26); zd-
rii ‘ la cima di un monte’ (WbÀS 11 45 5) qdn ‘ barba’ (Lev. 13,29; Is. 15,2; Ier. 48,37; Ezech.
Secondo KBL* il termine ricorre nell’A.T. 5,1; Ps. 133,2; Esdr. 9,3); qeren (-» qrn) ‘corno’ (la
(T.M., BH K) 599 volte (più 14 in aramaico, rèi). parte più in alto di alcuni tipi di animali: Zach. 2,
In tre casi potrebbe trattarsi di nomi di territori 4; Dan. 7,20); garg'rót ‘ gola’ (Prov. 1,9), kdtèf
(Ezech. 38,2 s. e 39,1 L X X ; Muller 703; ma v. W. ‘spalla’ (Ezech. 29,18).
Zimmerii, B K xin/2, 925. 947). Even-Shoshan (A 2. In secondo luogo anche ró’i è usato talora
New Concordance of thè Bible, Jcrusalem 1980) metonimicamente per indicare i capelli nel conte­
arriva a 600 ricorrenze, includendo Ps. 140,10 (co­ sto dell’acconciatura (rituale) (Lev. 13,29 s.; 14,9;
me fa anche H .-J. Kraus, B K xv/2*, 1103), dove 19,27; 2 1,10 ; Num. 6,9; Deut. 2 1,12 ; 32,42; Iud.
molti altri leggono ró’i come ‘ veleno’ (M. Da- 13,552 Sam. 2,16; 2 Reg. 9,30; Is. 7,20; Ezech. 5,1;
hood, A B 17A , 303 s.), e anche Prov. 13,23 (cfr. 29,18; 44,20; Am. 8,10; Ps. 14 1,5; Iob 1,20).
W. McKane, Proverbs, O T L , 463: rd’iim signifi­ 3. In terzo luogo ró’i si trova piuttosto spesso,
ca ‘capi, notabili’). La distribuzione del termine è quando sta per la parte superiore del corpo, in­
molto uniforme in quasi tutto l’A.T. (tavola delle sieme con gli opposti che indicano la parte infe­
ricorrenze in Miiller 703). riore o comunque un’ altra parte del corpo, ad es.
Tra i derivati vanno ricordati 3 sostantivi: me- con (kaf-) regel (-> rgl) ‘piede’ (Is. 1,6; Ezech.
ra’diót «(zona) vicino alla testa, sotto la testa di 24,23); ’dqèb (-* ’qb) ‘ tallone’ (Gen. 3,15); rag-
qualcuno» (Gen. 2 8 ,11.18 ; 1 Sam. 19 ,13.16 ; 26, lajim ‘ gambe’ (1 Sam. 17,6; Is. 7,20); zdndb ‘coda’
7 .11 s.; 16; / Reg. 19,6) e «cuffia, berretta» (Ier.(Deut. 28,13.44; Is. 9 ,13; 19,15); gèw (?) ‘ busto,
13,18); ri’sa «un tempo, in passato» (Ezech. 36, tronco’ (/ Sam. 5,4 testo emendato; cfr. BHS ap­
11); (hd'eben hd)ró’id «la (pietra) più in alto, su­ parato); 'ór ‘pelle’ (Iob 40,31); 'dsdmìm (-> ’sm)
periore» (Zach. 4,7: «la pietra culminante» o «la ‘ossa’ (Ezech. 32,27); sad ‘ fianco’ (2 Sam. 2,16);
prima pietra»? Per la situazione del testo e il si­ motnajim ‘lombi, fianchi’ (/ Reg. 20,31 s.; Ier. 48,
gnificato cfr. W. Rudolph, K A T xiu/4, 110 s.; pa­ 37; Ezech. 23,15; 44,18; Am. 8,10)\zeróà' (-* zrw')
rere diverso in Lipinski, V T 20 [1970] 30-33); per ‘ braccio’ (2 Sam. 1,10); ’assilé-jàdim ‘articolazioni
ri'ión e ré’iit -» r'iwn e -* r ’ijt. della mano’ (Ezech. 13,18).
4. Infine, ró’i ricorre anche nel contesto degli
11.1. Al campo lessicale di ró’i in senso proprio «abiti» (-» bgd lbeged]) quando entrambi sono
appartengono in primo luogo parole che, indican­ oggetto di azioni affini, piuttosto spesso simboli­
117 ( v ii, 274) ró's i (W. Beuken) (vii,275) 118

che (purificazione, unzione ecc.) (Ios. 7,6; 1 Sam. 8; 109,25; lob 16,4; Lam. 2,15; Ecclus 12 ,18 ; 13,7);
4,12; 17,5.38; 2 Sam. 1,2; 13 ,19 ; 15,32; / Reg. «scuotere» il capo (nùd), secondo i più un gesto
20,31 s.; Is. 15,2 s.; 58,5; 59,17; Ier. 48,37; Ezech. di compassione (-» nwd 2.b), secondo altri per re­
7,18; 23,15; 27,30 s.; 44,18; Am. 8,10; Zach. 3,5; spingere e deridere (Ier. 18,16; Ps. 44,15 [v. i com­
Ps. 133,2; Eccl. 9,8; Lam. 2,10); ró’s si trova anche mentari]); «alzare» la testa come gesto d’indipen­
nel contesto di nèzer (-» nzr) ‘corona’, misnefet denza e di orgoglio (lud. 8,28; Zach. 2,4; lob
‘turbante’ (Ex. 29,6; Lev. 8,9; 2 Sam. 1,10 ; 12,30; 10,15; Ps- 83,3); «alzare, sollevare» la testa di un
Ezech. 16,12; 23,15; Zach. 3,5; 6 ,11; Ps. 21,4; lob altro (-> ns' [ndsa’]) per indicare la restituzione
19,9; Lam. 5,16; Esth. 2,17; 6,8; / Chron. 20,2) e dell’onore, il ristabilimento della dignità (Gen. 40,
anche di semen (-» smn) ‘olio’ (Ex. 29,7; Lev. 13 .19 s.; 2 Reg. 25,27 = Ier. 52,31) (ma v. anche
8,12; 2 1,10 ; 1 Sam. 10,152 Reg. 9,6; Ps. 23,5; 141,5; sotto, vi.3); «innalzare» (rum hif.) nel medesimo
Lam. 9,8). significato (Ps. 3,4; 110 ,7; I 4°>9 [cong., cfr. i com­
5. Dove ha significato spaziale, cioè denotamentari]; Ecclus 38,3); «inchinare, piegare» il
l’estremità di una cosa rispetto all’altra estremità, capo verso terra (jàrad hif. + là’àres, Lam. 2,10)
ró’s si trova insieme: a) in senso geografico, con e «far pendere» la testa (kàfaf, Is. 58,5) come ge­
gè’ ‘valle’ e 'imeq (-» 'mq) ‘ pianura’ (Ios. 15,8); sto di annichilimento; «andare oltre, superare»
gaj’ ‘ valle’ e sadeh ‘campi’ (Num. 21,20; cfr. 23,14. ('àbar) la testa, nel senso di «diventare più alto»
28; Deut. 3,27; 34,1); nàweh ‘ prati erbosi (lungo i (Ps. 38,5); «trascurare» (pàra') i capelli, non cu­
corsi d’acqua)’ (Am. 1,2); 'ajin (-» 'jn) ‘sorgente’ rarli per osservare un rito funebre (Lev. 10,6; 13,
(Ios. 15,9); qarqa' hajjàm ‘fondo del mare’ (Am. 45; 2 1,10 ; Num. 5,18). La testa ha quindi un ruo­
9,3); derek (-» drk) ‘via’ (lud. 9,25); - b) nel voca­ lo importante in pari misura nelle usanze funebri
bolario tecnico architettonico con j'sód (-* jsd) e nei riti di annichilimento, in ultima analisi per­
‘fondamenta (della casa)’ (Abac. 3,13); jarkà ‘ par­ ché nel modo di vedere israelitico si attribuisce a
te inferiore (della dimora)’ (Ex. 26,23 S-I 36,29 s.); entrambi i comportamenti il medesimo significa­
'eden ‘zoccolo, basamento’ (Ex. 36,38; 38,17). to. Infatti Io «sminuimento» è compiuto dal sog­
Quando invece ró’s ha significato temporale, cioè getto stesso, oppure provocato da un evento o da
indica l’ inizio di un’epoca, solo raramente se ne altre persone (cfr. Kutsch 84 s.). Poiché è dal
menziona la fine (Eccl. 3 ,11 ; inoltre: «al tempo in punto di vista antropologico di solito la parte pre­
cui ciò avviene» [Is. 48,16]). minente del corpo, la testa era l’oggetto più ap­
propriato per atti rituali di questo genere. Ciò
ili. C i sono molte locuzioni verbali con ró’s spiega anche come la testa occupi un posto cen­
nelle quali il termine è usato in senso concreto, trale anche in riti che si possono considerare pro­
ma l’azione stessa ha un significato antropologi­ prio l’opposto dei «riti di abiezione» (elevazione,
co. In costrutti di questo genere raramente ró’s è insediamento in una carica ecc.; v. sotto, vii).
il soggetto (di ng' hif. in lob 20,6; di nw’ hif. in In locuzioni verbali nella frase la parola ha una
Ps. 141,5 [se il T.M . non è corrotto; v. i commen­ funzione simile; in tal caso il significato antropo­
tari]; di 'àmad, 2 Reg. 6,31; di rum, Ps. 27,6) e qua­ logico si fonda sulla metonimia: la «testa» è pars
si sempre, invece, è l’oggetto: quindi la testa vale prò toto indicante la persona eticamente respon­
per il suo possessore e per l’altro quale tramite di sabile, in primo luogo nell’ambito della responsa­
incontro e d’ interscambio umano. In questa cate­ bilità e della remunerazione: un’azione umana
goria rientrano «radere» il capo in segno tradi­ «ritorna» sulla testa dell’autore (sub [qal o hif.]
zionale di lutto (gàzaz, lob 1,20) e come atto ri­ con be: Num. 5,7; lud. 9,57; 1 Sam. 25,39; 1 Re&
tuale dai molteplici significati (gillah, Num. 6,9. 2,33.44; Ioel 4,4.7; Abd. 15; Ps. 7,17; con 'al: 1
18; Deut. 2 1,12 ; Is. 7,20); «ungere» il capo (dis- Reg. 2,32; Esth. 9,25; con 'el: Nehem. 3,36); op­
sén) per rendere onore e in segno di gioia (Ps. pure la si «dà» sulla sua testa (nàtan be, 1 Reg. 8,
23,5); «perdere, rischiare» la testa (hijjéb, Dan. li-,Ezech. 9,10; 11,2 1; 16,43; I 7 >1 9 ! 22,3152 Chron.
1.10 ; Ecclus 1 1 , 1 81 ; «velare» (hàfà) il capo in 6,23); il «sangue» (dàm, -» dm) versato pesa sul
prossimità della morte (2 Sam. 15,30; ler. 14,3 s.; capo dell’omicida (con be, Ios. 2,19; / Reg. 2,37;
Esth. 6,12); «velare» (kissà) il capo con un gesto Ezech. 33,4; con 'al, 2 Sam. 1,16 ; cfr. Lev. 13,44).
di esautorazione (Is. 29,10); «spuntare, accorcia­ In secondo luogo nell’ambito della benedizione e
re» i capelli (kàsam), un requisito della funzione della maledizione: la benedizione «avviene» (hàjà
sacerdotale (Ezech. 44,20 [W. Zimmerli, B K le, Gen. 49,26), «giunge» (bó’ /', Deut. 33,16), «ri­
xm/2, 1134]); «scuotere» il capo (nuà' hif) come posa» (frase nominale con 'al, Prov. 10,6; 11,26;
gesto di scherno (2 Reg. 19 ,21 = Is. 37,22; Ps. 22, Ecclus 44,23; cfr. Gen. 48,14.17 s.) sul capo, men­
1 19 ( v i i , 2 7 6 ) ró's 1 (W. Beukcn) ( v i i , 277) 120

tre l’ira «scende come un turbine» sulla testa di tima abbia particolare risalto come offerta pre­
persone (hul 'al, 2 Sam. ),i% Ier. 23,19; 30,23). In ziosa per la divinità, analogamente all’ovvia im­
terzo luogo nell’ambito del cordoglio e della pe­ portanza di questa parte del corpo umano, in
nitenza: ci si sparge «polvere» ('àfdr, -> */>r) e «ce­ Israele manca una particolare valutazione di que­
nere» (’éfer) sul capo (Ios. 7,6; 2 Sam. 13,19; Ezech. ste due parti delle vittime, tanto nelle norme rela­
27,30; Iob 2,10.12). tive ai sacrifici quanto nei racconti di sacrifici. (In
Israele le parti specifiche per i sacrifici sono piut­
i v . i . Nell’uso concreto la maggior parte dei pas­ tosto il sangue, i reni e il grasso). La testa è men­
si riguarda la testa di persone. L ’impiego del ter­ zionata solo nell’elenco delle parti che vanno bru­
mine è solo di rado puramente descrittivo (Deut. ciate sull’altare o davanti all’accampamento, sen­
28,23; 2 2,3-5; Eccl. 2,14), perche quasi sem­ za che le si dedichino attenzioni particolari nella
pre riguarda ambiti nei quali la «testa» è oggetto celebrazione del sacrifìcio, come si converrebbe a
(raramente soggetto) di atti o funzioni che provo­ una parte sacrificale privilegiata (Ex. 12,9; Lev.
cano esperienze umane fondamentali. Si possono 1,8 s. 12 s.; 4 ,11 s.). Anche nella fase rituale dell’im­
individuare i seguenti contesti: a) guerra e violen­ posizione delle mani sulla testa della vittima, la
za: Deut. 32,42; Iud. 5,26; 7,25; 9,53; 1 Sam. 17, testa semplicemente sta per l’animale intero (Lev.
46.51.54.57; 29,4; 31,9; 2 Sam. 2,16; 4,7 s.12; 16,9; 1,4; 3,2.8.13; 4,4; 8,18; Blomc 173-175. 418). Inol­
20,21 s .;2 Reg. 6,31 s.; 10,6 ss.; Am. 9,1 (oppure tre, quando si tratta di animali in genere, ró’s è
da ró’s «veleno», F. Horst, EvTh 20 [i960] 196; usato in senso puramente concreto (Gen. 3,15;
se non si deve leggere ra'as «terremoto», W. Ru­ Iob 40,31) e spregiativo (2 Sam. 3,8; 2 Reg. 6,25).
dolph, KAT xm /2 ,242); Abac. 3,14; Ps. 68,22; 110 , Nel campo del mito e del soprannaturale si parla
6; 1 Chron. 10,9; - b) pericolo o sicurezza di vita: delle «teste» dei draghi e del Leviatan (Ps. 74,13
Gen. 40,16 s.19 s.; 2 Reg. 4,19; Is. 1,5 s.; Ion. 2,6; s.), di quelle della terza bestia (Dan. 7,6), delle
4,6.8; Ps. 66,12; Iob 20,6; 29,3; - c) riti di annichi­ creature viventi (Ezech. 1,22.25 s ) e dei cherubini
limento e di sminuimento: Deut. 2 1,12 ; Ios. 7,6; / (Ezech. 10,1). In questi casi ró’s assume nuova­
Sam. 4,1252 Sam. 1,2; 13,19 ; 15,30.32; / Reg. 20, mente il suo valore consueto, derivante dalla pro­
31 s.; Is. 15,2; 58,5; Ier. 8,23; 14,3 s.; 48,37; Ezech. spettiva antropologica.
7,18; 9,10; 27,30; Iob 1,20; 2,12; Lam. 2,10; Esdr. 3. Della testa di D io si parla solo una volta (Dan.
9,3; - d) abbigliamento di protezione (/ Sam. 7,9; v. sotto, vii), mentre talvolta si menzionano
17,5,38; Is. 59,17); insediamento in un ufficio ed le teste degli idoli. In 1 Sam. 5,3-4 il dio dei Fili­
esercizio della carica (Ex. 29,6; 2 Sam. 1.10 ; 12,30; stei, Dagon, ammette già la superiorità di Jhwh,
Ezech. 44,18; Zach. 3,5; 6 ,11; Ps. 21,4; Esth. 2,17; cadendo la prima volta davanti all’arca, simbolo
6,8) oppure ornamento del capo (2 Reg. 9,30; del Dio d’Israele apparentemente sconfìtto (v. 3);
Ezech. 16,12; 23,15.42; 24,23; 32,27; lob 19,9; Prov. ma alla seconda caduta perde testa e mani, diven­
1,95 4,9! Lam. 5,16); — e) unzione del capo per tando così incapace di pensare e di agire (v. 4).
scopi diversi: Lev. 8,9.12; 2 1,10 ; 1 Sam. 10 ,1; 2 Qui si coglie da un Iato la voce della pesante po­
Reg- 9 , 3 -6 ; 23 , 5; 13 3,2; i^ ity,EccL 9,8; - f ) dia­ lemica religiosa, che s ’incontra anche in altri rac­
gnosi, purificazione e sentenza di colpevolezza: conti e nei profeti (Iud. 17 s.; / Reg. 18,19-40; 2
Lev. 13,12.29.405.; 14,9.18.29; 24,14; - g) benedi­ Reg. 1,1-8 ; Is. 44,9-20; 46,1-7), addirittura nel lin­
zione e remunerazione: Gen. 48,14.17 s.; 49,26; guaggio della preghiera (Ps. 97,7; 115,5-8) che di­
Deut. 33,16; Prov. 10,6; 11,26 e 1 Reg. 2,32 s.; chiara l’incapacità intellettuale e fisica degli dei a
Ezech. 16,43;Prov. 25,22;/ Chron. 12 ,20 ;- h ) ac­ salvare (Preuss 74-80). D ’altra parte, nel racconto
conciatura sacra e profana: Num. 6,5.7.9.11; Iud. sono presenti anche tratti tematici legati alla guer­
1 3,5; 16 ,13.17.19 .22; / Sam. 1,11,2 Sam. 14,26:18, ra, poiché dopo la seconda caduta Dagon è come
9; Is. 7,20; Ezech. 5,1; 8,3; 44,20; Ps. 40,13; Cant. un guerriero morto al quale vengono mozzate te­
5,2; - i) amore: Cant. 2,6; 5 ,11; 7,6; 8,3; - j) ma­ sta e mani da un anonimo potentissimo eroe, e
gia: Ezech. 13,18; - k ) giuramento: / Chron. 12,20 questi trofei servono da prova dell’effettiva mor­
(Rogers: «Per le nostre teste! Egli potrebbe pas­ te di Dagon (cfr. 1 Sam. 17,49-54; 2 Sam. 4,7 s.;
sare al suo signore, Saul!»). paralleli dal Vicino Oriente antico in A N E T 1 233.
2. In relazione agli animali ró’s ricorre soprat­ 241. 277; A N E P 318. 340, 348; per tutta la que­
tutto nel contesto dei sacrifici (Ex. 12,9; 29,10.15. stione cfr. A .H . van Zijl, I Samuel, PO T, 85 s.).
17.19; Lev. 1,4.8.12.15; 3,2.8.13; 4,1 i . i 5.24.29.33; Anche la testa della statua nel sogno di Dan. 2 (vv.
8,14,18,20,22; 9,13; 16,21). Sebbene nell’ambito 32-38) ha come sfondo la polemica contro gli dèi
semitico in genere la testa (come il cuore) della vit­ stranieri (Preuss 256-260), sebbene la statua gi­
12 1 (VII,277) ró’s i (W. Beuken) (vii,278) 122

gantesca che appare a Nabucodonosor non sia una to il popolo: Ex. 18,25; Num. 25,4; Deut. 33,5.21;
divinità, ma rappresenti lo sviluppo del mondo in lob 12,24; Nehem. 10 ,15; secondo Bartlett 4 s.
varie epoche. Poiché i materiali, oro, argento, fer­ anche / Reg. 21,9 .12; lob 29,25 (‘dm); Num. 13,3;
ro e argilla, implicano una stima di valore in sen­ los. 23,2; 24,1 ([benè] jisrd’èl);-A ) espressioni uni­
so decrescente per gli imperi che si succedono, la che sono «capidistretto» (Nehem. 11,3 : m'dinà) e
scultura rappresenta una critica razionalistica alla «capi degli uomini» (1 Chron. 24,4 gebdrim). R i­
divinizzazione di coloro che detengono il potere guardo allo sviluppo storico di titoli dei funziona­
(cfr. 5,4). Il vero potere sulla storia universale lo ri, si vede chc il Cronista arriva a equiparare sar e
detiene il masso che si è staccato, simbolo di Jhwh ró’s. Egli forma con sar titoli che di solito con­
(Deut. 32,4.15), chc frantuma la statua e diventa tengono ró’s e viceversa, così che ne risulta un uso
una montagna che riempie di sé la terra intera (v. promiscuo (cfr. / Chron. 27,22 con 1 Sam. 15 ,17 ;
35). La testa d’oro, simbolo dell’impero di Babilo­ 1 Chron. 21,2 con Num. 25,4 e Deut. 33,5.21; 2
nia (v. 38), prende solo in prestito il suo potere dal Chron. 36,14 con Nehem. 12,7; inversamente, /
Dio del cielo e dovrà cedere il passo al suo regno Chron. 12 ,15 .19 .2 1; uso promiscuo in / Chron.
eterno (v. 44; cfr. J.-C . Lebram, Z B K 23,55-57). 11,6 ; cfr. Ruterswòrden 46 s.).
2. Nella fase iniziale della costituzione dello sta­
v .i. ró’s ricorre molto frequentemente in senso to, la nuova carica di re era intesa come continua­
figurato riferito a persone col significato di «ca­ zione dell’antica guida tribale, come risulta dal­
po», «condottiero», «guida» di un gruppo socia­ l’uso del titolo di ró’s in parallelo con melek (1
le. In proposito, una «carica» di questo genere Sam. 15,17; cfr. Iob 29,25), ma anche in senso spe­
sembra avere la sua collocazione originaria nella cifico, come termine funzionale per una posizio­
struttura tribale, dove quell’ufficio comporta una ne di guida militare o forense (cfr. lud. 9,7 ss. con
competenza militare e giuridica; ma l’aspetto più 10,18; 11,8 ; -» mlk [melek], -» voi. v 107 s.; lo
importante è la sua funzione integrativa: al capo stesso con riferimento a nàgid [-> ngd], -» voi. v
spetta la responsabilità per il benessere e l’azione 584) e infine in nuovi costrutti (2 Sam. 22,44: «ca­
comune del corpo sociale; in lud. 11,4 - 11 essa è po di nazioni»). Questa concezione della dignità
persino distinta dalla carica di condottiero mili­ regale continua a farsi sentire anche più tardi (/
tare (qdsin, Ròsei, B Z 25, 203). Ma con la scom­ Chron. 2 9 ,11; 2 Chron. 11,22), forse come critica
parsa della struttura tribale, in qualche modo il della divisione del regno (Hos. 2,2; H.W. Wolff,
titolo con le sue funzioni, invero quella giuridica B K x iv /iJ, 31 s.). Il titolo continua a essere usato
più di quella militare, è passato gradualmente an­ parlando di strutture di potere straniere (Ezech.
che in altre strutture sociali (Bartlett). Si trovano 38,2 s.; 39,1 nrsi’ ró’s, cfr. W. Zimmerli, B K xin/2,
i seguenti usi specifici di ró’s: a) capo della tribù, 947 s.). In Is. 7,8 s. c’è un bisticcio con due aspet­
in rapporto con termini relativi alla tribù o al clan: ti semantici della parola ró’s («capitale» e «princi­
Num. 30,2; 1 Reg. 8,1; 2 Chron. 5,2 (ri'sé ham- pe», rispettivamente per Damasco e Samaria, Re-
mattót); Deut. 1,13 .15 ; 5,23; 29,9 (rd 'sé sibtèkem); sin e Pekah) in cinico contrasto con la definizio­
Num. 1,16; 10,4; los. 22,21.30 (rd’sè ’alfé jisrd’èl), ne usata da Dio per questi re, «coda» (zanhót hd-
oppure col nome proprio della tribù o del proge­ ’ùdim, che generalmente si traduce con «mozzi­
nitore: lud. 10,18; 11,8 - 11 (cfr. Ròsei); Mich. 3,1. coni») al v. 4, probabilmente sullo sfondo di un
9; 1 Chron. 11,42; 2 Chron. 28,12; - b) capofami­ proverbio (cfr. Is. 9,13 s.; 19,15; Deut. 13,44: «Egli
glia, solitamente insieme con parole legate alla ca­ diventerà testa e tu coda»; E. Jacob, C A T vma,
sa paterna: Ex. 6,14.25; Num. 1,4; 7,2; 17,18; los. 115). La peculiarità funzionale di ró’s può essere
2 2 ,14 ;1-2 Cronache passim (hèt ’àbót); Esdr. 2,68; la causa dell’impossibilità di individuare uno svi­
3,12; 4,2 s.; 8,1; 10,16; Nehem. 7,70; 8,13; 11,13 ; luppo diacronico di questo termine in rapporto
12,12.22 s. (abbreviato in hà’àbót), talvolta anco­ con melek, e tantomeno in rapporto con nàgid (v.
ra con altre determinazioni: Num. 25,15; 31,26; sopra).
32,28; 36,1; los. 14 ,1; 19 ,51; 2 1,1; Esdr. 1,5; 2 3. Il significato «capo militare» è ugualmente
Chron. 19,8; oppure anche insieme con parole in­ radicato in quello di «capo della tribù» (Num. 14,
dicanti gruppi professionali: Nehem. 12,7 (i sa­ 4; Nehem. 9,17). In quest’uso ró’s sta da solo (an­
ce rd o ti)^ (i Leviti); oppure col nome della per­ cora in Esdr. 7,28; / Chron. 12,3.33), specificato
sona o delle persone in questione: Esdr. 8,16 s.; 1 nel linguaggio militare come «capitano» o «con­
Chron. 5,7.12; 7,3; 9,17; 12,3.19 ; 16,5; 23,8.11.16. dottiero» (sar, 1 Chron. 11,6 ; cfr. 27,3) o legato a
20.24; 26,10.31;.2 Chron. 2 4 ,6 ;-c ) «capi» (talvol­ termini indicanti unità militari, come «capo dei
ta «capo») viene riferito direttamente anche a tut­ tre» o «dei trenta» (2 Sam. 23,8.13.18; 1 Chron.
1 2 } ( v ii,279) ró’s i (W. Beuken) (vii,280) 124

11,11.2 0 ; 12,19), «capi delle migliaia» (/ Chron. Bartlett 4 s. per / Reg. 21,9 .12; Iob 29,25: «sedere
12,21), «capi degli eroi (gibbòrìm) di David» (/ come un capo»); così anche in Is. 35,10; 5 1,11
Chron. 11,10 ) e «superiori dell’esercito» (sàbà\ 1 (Alonso Schòkel); - h) al pi. per reparti di un eser­
Chron. 12 ,1 5). cito: Iud. 7,16.20; 9,34.43; 1 Sam. 1 1 , 1 1 ; 13 ,17 s.;
4. Più tardi ró’s perde il rapporto col contenu­ Iob 1,17 ; / Chron. 12,24.
to semantico sociologico di «capo della tribù» e 2. Con significato temporale, ró’s segnala l’ini­
diventa un termine del lessico gerarchico, chc in­ zio di vari spazi di tempo. N ell’A.T. si trova uni­
dica la persona più alta di grado in una qualche to ad «anno» (ró’s haisànà) soltanto 1 volta, in
funzione: a) soprattutto il «primo sacerdote», una Ezech. 40,1, da dove, insieme con Lev. 25,9, si può
denominazione usata sempre per personaggi pre­ desumere l’esistenza di u n C a p o d a n n o in base al
esilici (che forse continuano ad avere una compe­ computo dell’anno con inizio in autunno, osser­
tenza giudiziaria, come l’antica carica nell’ambito vato da Israele nell’antichità (J. Begrich, Die C r o ­
del clan, Bartlett 5 ss.): kóhèn hàró’s (2 Reg. 25, nologie der Kónige von Israel und Juda, BHTh 3,
18; Ier. 52,24: cfr. la presenza in questi passi an­ 1929,66-90). rò’s ricorre inoltre insieme con «me­
che del «secondo sacerdote», kóhèn hammisneh: se», nel senso di una serie di mesi (Ex. 12,2: «il ca­
/ Chron. 27,5; 2 Chron. 19 ,11; 2 4 ,11; 26,20), an­ po dei mesi», cioè il mese di Abib, chiamato in se­
che hakkóhèn hdró’s (2 Chron. 24,6). - b) Altri guito Nisan) e nel senso di ciascun singolo mese,
usi di questo tipo sono sporadici: «direttore del­ quindi col significato di «novilunio» (in Num. 10,
l’inno di lode» (Nehem. 11,17 ; si legga con i L X X 10 e 28 ,11 in senso positivamente gioioso; -> hds
t'hillà) e «direttore dei cantori» {Nehem. 12,46: [hàdàs], -» voi. 11 816 s.) e con «turno di guardia
m'sór'rim). In Is. 29,10 («Le vostre teste - i veg­ notturno, vigilia» (Iud. 7,19: il momento in cui le
genti» par. «i vostri occhi - i profeti») non si trat­ sentinelle escono dalle tende illuminate e non rie­
ta di terminologia professionale profetica, bensì scono ancora a vedere bene al buio; cfr. A .B. Ehr-
della spiegazione di una metafora. - c) L ’uso di lich, Randglossen zar hebr. Bibel 111, 1910, 99;
ró’s in Ier. 13,2 1; Lam. 1,5 è generico: «signore, Lam. 2,19: come la sentinella chiama all’inizio di
maestro». ogni vigilia, così Sion deve lamentarsi a voce alta,
cfr. W. Rudolph, K A T xvn /1-3, 226). Infine ró’s
v i . i . N ell’uso figurato riferito a cose ró’s assu­ indica l’inizio di una serie di avvenimenti che si ri­
me molto spesso valore locale, soprattutto in sen­ petono (Nehem. 12,46; 1 Chron. 16,7), ma anche
so geografico. Il termine si incontra nei seguenti un tempo molto lontano, l’inizio dell’esistenza di
costrutti: a) la vetta di monti o la cima di rocce: Israele (Is. 40,21; 41,4.26; 48,16; Leene 14), e for­
Gen. 8,5; Ex. 17,9 s.; 19,20; 24,17; Num. 14,40.44; se il tempo in senso assoluto (Prov. 8,23; Eccl. 3,
20,28; 21,20; 23,9.14.28; Deut. 3,27; 34,1; Ios. 15,8 1 1). In Prov. 8,26 ró’s'afròt tèbèl significa «le pri­
s.; Iud. 9,7.25.365.; / Sam. 26,13; 2 Sam. 2,25; 15, me zolle di terra» (Mùller 708) o «la massa delle
32; 16,1; 1 Reg. 18,42; 2 Reg. 1,9; Is. 2,2; 28,1.4; zolle del terreno» (B. Gemser, H A T 1/162, 46).
30,17; 4 2 ,11; Ier. 22,6; Ezech. 6,13; Hos. 4,13; Ioel 3. Il significato di «inizio» o «culmine» è usato
2,5; Am. 1,2; 9,3; Mich. 4 ,1; Ps. 72,16; Cant. 4,8; 2 anche in senso valutativo con riferimento a: a) pro­
Chron. 25,12; - b) l’angolo di strade e vie: Is. 51, dotti naturali: Ex. 30,23; Deut. 33,15; Ezech. 27,
20; Ezech. 16,25.31; 21,26; Prov. 1,2 1; Lam. 2,19; 22; Ps. 118,22: «pietra angolare»; Cani. 4,14; -
4,1; - c) la tracimazione di un fiume: Gen. 2,10; - b) potenze politiche: los. 11,10 ; Is. 7,8 s.; 1 Chron.
d) la cima di alberi e di piante; 2 Sam. 5,24; Is. 7,40; e persino - c) affetti umani: Ps. 137,6. - Dal
17,6; Ezech. 17,4.22; Iob 24,24; 1 Chron. 14,15; - significato di «valore» è disceso poi quello di
e) la cima di edifici: Gen. 11,4 ; Iud. 6,26; Ps. 24,7. «somma», «cifra, numero»: Lev. 5,24; Num. 1,49;
9; Prov. 8,2; - f) inizio o punta di oggetti: Gen. 4,22; 31,49; Ps. 119 ,16 0 ; 139 ,17 (nàia’ ró’s «tirare
28,12; 47,31; Ex. 26,24; 28,32; 36,29.38; 38,17.19; le somme»: Ex. 30,12; 4,2; 26,2; 31,26; Speiser).
1 Reg. 7,16-22.35.41; 8,8; 10,19; Ezech. 10 ,11;
Zach. 4,2; Iob 22,12 (ma cfr. Dahood 58: non «la v n .i. Poiché il significato teologico di un ter­
stella più alta» o «le stelle più alte», bensì «il capo mine dipende da se e come ricorra collegato con
delle stelle», N . Peters, Das Buch Job, 1928, 242: Dio, per ró7 in senso concreto non c’è molto da
«la totalità delle stelle»); Prov. 23,34; Esth. 5,2; dire, al contrario di altri termini antropologici co­
Dan. 7,1; 2 Chron. 3,15 s.; 4,12; 5,9; - g) chi è alla me pànim «faccia»; 'ajin «occhio»; ’ózen «orec­
testa di una schiera: Deut. 20,9; 1 Sam. 9,22; 1 Reg. chio»; peh «bocca» e ’appajim «naso» (cfr. alle ri­
21,9,12; Am. 6,7; Mich. 2,13; Iob 29,25; / Chron. spettive voci) e al contrario anche di altre religio­
4,42; 2 Chron. 13 ,12 ; 20,27; Esdr. 5,10 (ma cfr. ni, dove ci s’immagina la testa delle divinità dota­
I 2 J (V ll, 2 8 l) ro’s i (W. Beuken) (v i i , 2 8 1 ) 1 2 6

ta di numerosi attributi (corona di raggi, disco, Ezech. 16,43; Am. 8,10; 9,1; lon. 4,8; Ps. 38,5;
corona, corna) oppure si raffigurano divinità po- 66,12; Iob 19,9; Lam. 5,16). Sul suo capo scende
licefale (idoli fenici) o persino zoocefale (Egitto). 11 bene, quando egli incontra il Dio della concilia­
Soltanto nella visione conclusiva della parte ara­ zione e della salvezza, della benedizione e dell’ele­
maica del libro di Daniele si parla dei «capelli del zione (Gen. 49,26; Lev. 14,18; 1 Sam. 10 ,1; 2 Reg.
capo» di un «vegliardo» (Dan. 7,9). L ’ interpreta­ 9,6; Ezech. 16 ,12; lon. 2,6; 4,6; Zach. 3,5; 6 ;ii; Ps.
zione (v. 22) non mostra alcun interesse per que­ 3,4; 21,4; 23,5; 133,2; 140,8; Iob 29,3; Prov. 10,6;
sta parte del corpo del personaggio celeste (in re­ Eccl. 9,8).
altà non s’interpreta nemmeno la figura dell’ «an- b) Il nemico viene colpito alla testa quando
tico di giorni» e resta sottinteso che si tratti del­ Israele o il credente riceve l’ aiuto di Dio (Ier. 48,
l’eterno, immutabile Dio del cielo), ma solo per la 37 s.; Abac. 3,14; Ps. 68,22; 110,6).
sua funzione, di lasciare la competenza nel giudi­ c) Con i gesti del capo gli uomini possono espri­
zio ai santi dell’Altissimo (J.-C. Lebram, Z B K 23, mere qualcosa riguardo a Dio: arroganza (Iob 20,
85-92). L ’apocalittica successiva riprenderà que­ 6); pentimento (Ios. 7,6; Iob 1,20; Esdr. 9,3); de­
sta concezione e definirà il «vegliardo» anche «il dizione (Lev. 2 1,10 ; Num. 6,5; Iud. 13,5; 16,17; 1
capo dei giorni» (Hen. aeth. 46,1; 60,2; 71,10 ; cfr. Sam. 1 ,1 1 ) e richiesta di benedizione (Gen. 48,14).
S. Uhlig, JS H R Z v/6, 586. 605. 633). Sebbene d) Dato che secondo la concezione semitica
l’idea del capo canuto come simbolo della funzio­ l’uomo porta «sulla testa» la propria responsabi­
ne giudicante riappaia comunque in Apoc. 1,4 tra lità etica, o lì gli viene assegnata, egli si vede co­
le caratteristiche del figlio dell’uomo, nel periodo stantemente confrontato con il Dio di Israele co­
intertestamentario non risulta che abbia avuto am­ me garante del nesso ontologico tra l’agire e le
pia diffusione. sue conseguenze, quindi con la giustizia quale or­
2. N ell’uso figurato ró’s riferito a Dio descrive dine universale (Lev. 24,14; Num. 5,7; Iud. 9,57;
la sua posizione di sovrano dell’universo (1 Chron. 1 Sam. 25,39; 2 Sam. 1,16 ; 1 Reg. 2,33.44; 8,32;
29,11), di condottiero dell’esercito di Israele (2 Ezech. 9,10; i i , 2 1; 17,19 ; 23,31; Abd. 15; Nehem.
Chron. 13,12) e condottiero regale dei reduci dal­ J,}6 ).
l’esilio (Mich. 2,13). Tuttavia anche questa funzio­ 4. Ma ro’s ha un valore teologico anche nella
ne teologica del termine è marginale. sua funzione di termine geografico o temporale
3. Il significato teologico preminente di ró’s va (v. sopra, vi): a) la cima (ró’s) dei monti è il luogo
visto nella sua funzione antropologica (v. sopra, dove di preferenza Jhwh si rivela, ascolta le sup­
n i e iv.i). La testa è la parte eminente del corpo, pliche, proclama la propria volontà e lo si può
che contiene gli organi della vista, dell’udito, del adorare (Ex. 17,9 s.; 19,20; 24,17; Deut. 34,1; Iud.
gusto e dell’olfatto e nella quale viene ubicata la 6,26; 2 Sam. 15,32; 1 Reg. 18,42). Sempre in vetta
facoltà di pensare (in relazione alla quale anche il ai monti si compiono la insulse pratiche degli ido­
cuore ha una funzione); dai tempi più remoti è latri (Hos. 4,13). Lo stormire delle fronde in cima
stata considerata la sede in cui si cristallizza il agli alberi segnala la presenza di Jhwh (2 Sam. 5,
principio vitale. Perciò essa è al centro di tutta una 24); il Signore marcia alla testa di una schiera di
serie di riti che mantengono le condizioni per uomini (Mich. 2,13; 2 Chron. 13,12); dalla cima
l’esistenza e marcano le esperienze fondamentali della scala poggiata al cielo gli angeli di Dio sal­
della vita. Ciò accade anche in Israele e tale pre­ gono e scendono (Gen. 28,12; il contrasto in 11,4)
supposto antropologico si manifesta nel linguag­ e la sapienza predica «all’inizio delle mura» (Prov.
gio. Così Akish dice a David: «Ti nomino custo­ 1,2 1; o «sopra le mura» oppure «in alto, nelle
de della mia testa» (1 Sam. 28,2: sómér l'rò ’sì, cfr. piazze piene di rumore»; cfr. O. Plòger, B K x v i i ,
Ps. 140,8). La medesima valutazione vitale della 12 s.). - b) N ell’uso temporale ró’s serve a quali­
testa costituisce lo sfondo della prassi di fare del­ ficare momenti teologicamente importanti: il pri­
la testa di nemici un trofeo (Gen. 3,15; 40,19; mo mese (Ex. 12,2), l’inizio dell’inno (/ Chron.
Deut. 32,42; Iud. 7,25; 1 Sam. 5,4; 17,54.57; 31,9; 16,7) e della creazione (Prov. 8,23; Eccl. 3 ,11). Il
2 Sam. 4,7.12; 20,21 s.; 2 Reg. 10,7 s.; Ps. 66,12; 2 termine ha assunto un’ importanza teologica spe­
Mach. 15,30; Iudith 13,10). In questa antropolo­ cifica nel Deuteroisaia con l’espressione méró’s
gia si fondano le seguenti opinioni teologiche: (Is. 40,21; 41,4.26; 4 2 ,11; 48,16). Sebbene il conte­
a) Quando subisce l’ammonimento e il giudi­ nuto di tale espressione sia in stretto rapporto
zio di Dio, l’ uomo è colpito dal male alla testa con altri termini indicanti tempo, parzialmente
(Deut. 32,42; Iud. 9,53-56; / Sam. 17,46; 2 Sam. relativi al prossimo lemma (-» r’swn [ri'són], r ’sjt
4,7 s.; 1 Reg. 2,32; Is. 1,5 s.; 7,20; 29,10; Ier. 23,19; \ré’sit])t è opportuno sottolinearne qui la sua re­
127 (vii,282) ro’s 1 (Ch, Dahmen) ( v i i , 283) 128

lativa importanza (in generale cfr. Leene 14). deve risarcirli personalmente (sim pi. b erósò, iQ S
L ’espressione indica in ogni sua ricorrenza un 7,6 s.). Nella formula di benedizione è Jhwh
lontano passato, ma il tempo che si vuole inten­ stesso che pone la corona sulla testa del sommo
dere è ogni volta diverso, secondo il momento a sacerdote (ns’ b c, iQ Sb 3,3). In 4Q 381 31,4-9 (la­
partire dal quale viene annunciato, in una pro­ mento? v. E.M. Schuller, Harvard Semitic Studies
spettiva che allontana ciò che, rispetto al passato, 28, Atlanta 1986, 145) l’orante dice: «Hanno in­
rappresenta il futuro e il nuovo, e dal quale si trecciato (srg) una corona per il mio capo» (1. 7).
guarda all’ indietro: in Is. 40,21 si volge lo sguar­ Jhwh fa ricadere il delitto sul capo dell’empio (swb
do all’inizio lontano di una lunga storia (che risa­ hif. be, iQ M 11,14 ).
le fino alla creazione) nel corso della quale Israele b) Si parla di ró’s nel senso di «testa, capo del­
venne a conoscere la sovranità regale di Jhwh; in l’uomo» anche in iQ Sb 4,3 (benedizione per il sa­
41,4 si guarda al lontano inizio della razza uma­ cerdote), iQ M 6,15 (elmo/corazza per i reparti di
na; in 41,26 alle primitive opere di Jhwh in favore cavalleria); 7 ,11 (abbigliamento militare dei sacer­
d’Israele, considerate una predizione della com­ doti, che non va indossato nel tempio) e in 1 iQ T
parsa di Ciro; in 48,16 alla prima predizione di 63,12 (cfr. Deut. 21,12 ). ■
Ciro insieme con la vittoria presente su Babilonia c) ró's è usato per indicare la «testa delle vitti­
(per i singoli passi cfr. anche J.L . Koole, Jesaja me sacrificali» soltanto nel Rotolo del Tempio: a
11/1, CO T). In questi testi il Deuteroisaia ha espli­ proposito dei sacrifici della festa di consacrazione
citato la consapevolezza teologica che ogni nuova (16.01.12), dei sacrifici previsti per il giorno della
esperienza della potenza e della volontà salvifica riconciliazione (2 6 ,11.12 ; cfr. Lev. 16,21) e della
di Jhwh s’inserisce in una storia che risale fino struttura per la macellazione delle vittime nell’area
all’inizio della memoria d’Israele. del tempio (34,6 senza parallelo biblico). Nella ce­
lebrazione del rito della ‘egià gli anziani della cit­
W. Beuken
tà devono esplicitamente lavarsi le mani sulla te­
sta della vacca ( 7 r ’sw h'glh, 1 iQ T 63,5), un gesto
v i i i . i . I L X X hanno colto l’estensione semanti­ non previsto in Deut. 21,6.
ca di ró ’s documentandola con traduzioni diffe­ d) «Capo, guida, condottiero» rappresenta l’ac­
renziate. Quella consueta è xe<paXif] (291 volte) cezione di ró ’s più usata a Qumran. Per quanto
per indicare la testa, parte del corpo, che comun­ attiene alle tribù o ai clan vengono nominati r ’sj
que può essere usata anche per gulgólet e 1 volta ’lpj jsr’l (iQ Sa 1,14 ; 2,14; 11Q T 19,16); r ’sj sbtj
per nefes (Is. 43,4). Aquila ha costantemente usa­ js r ’l UQ pIs 1,7); r ’sj bjt j'w b (3Q5 3,3) e rsjm
to xecpaXr] per ró's (anche per ró’s 11 ‘veleno’) (cfr. wsrjm (4QpPs 37 3,5). Inoltre la Regola della
G. Bertram, G L N T v 367 s. n. 2). La seconda tra­ guerra parla degli «stendardi dei capi degli ac­
duzione più frequente di ró’s è ap^wv (104 volte). campamenti che albergano ciascuno tre tribù»
Analogamente si trovano àp^rj (55 volte) e àpyr,- (iQ M 3,14).
YÓ5 (15 volte), mentre l’uso di TipàiTo^ (9 volte) re­ I «capi delle tribù e delle famiglie della comu­
sta chiaramente indietro, xopu^r) è usato 36 volte. nità» (r’sj hsbtjm w ’b w th 'd h ) occupano una posi­
L ’uso geografico di ró's si riflette in axpo? (16 zione gerarchica intermedia (iQ M 2,3; 4QM 2,6).
volte). Nella gerarchia della comunità di Qumran si
2. Le circa 130 ricorrenze di ró ’s negli scritti di menzionano sovente i «capifamiglia della comuni­
Qumran presentano tutte le varianti ortografiche tà» (r’sj ’bwt h'dh, iQ Sa 1,16.23 s-2 5; 2,16; come
della parola (r’s, rw ’s, r ’ws, rws, rs), senza che se nel caso visto più sopra, «in iQ Sa si tratta più di
ne possano trarre direttamente conclusioni let­ funzioni e di cariche amministrative che di culto»
terarie, Strana è l’assenza assoluta di ró’s in iQ H [H. Muszyriski, AnBibl 61, 1975, 204]; iQ M 2,7;
e C D (dove si ha però ró ’s n «veleno» -» r ’s 11), 3,4); inoltre si parla pure di r ’sj ’bwt llwjjm (1Q 22
mentre se ne ha una nutrita presenza in Rotolo del 1,3) e dei r ’sj btj h’bw t Ibnj js r ’l ( 11Q T 42,14).
Tempio (19 volte), iQ M (28 volte + 6 nei pa­ Usi più sporadici riguardano i dodici capi dei
ralleli di 4QM) e nei Canti dell’olocausto del sa­ sacerdoti e dei Leviti (iQ M 2,12) e anche i «capi
bato (40 volte). Non è invece più possibile ricava­ dei turni di servizio» (r’sj [hi]msmrwt) che li af­
re con precisione lo spettro semantico delle varie fiancano e i capifamiglia (iQ M 2,2.34).
attestazioni, a causa del carattere frammentario di e) Solo 1 volta ró’s viene messo in rapporto
alcuni testi. con la monarchia. Chi viene nominato re (mlk
a) Le locuzioni verbali sono estremamente scar­ hif.) diventa «capo (’t r ’ws) dei figli di Israele
se. Così chi arreca danni (materiali) alla comunità ( 11Q T 57,2, aggiunta alla legge deut. per il re).
129 (vii,284) ró’s 11 (G. Fleischer) (vii,28 5) 130

f) In contesto militare ró’s e attestato, oltre che 1 1 .1 2 sono descritte le decorazioni artistiche del­
nella lettera di Mur. 42,2 (rws hmhnjh), soltanto le punte delle lance e delle spade.
nella Regola della guerra, dove denota i coman­ j) N ell’accezione temporale ró ’s è unito con
danti dei reparti e delle linee di combattimento hwds quale primo giorno del mese o del novilu­
(iQ M 8,6; 16,4.5; 18,6; 19,12 // 4Q M b i, nio (4Q503 32,2; 4Q 512 33+35.3: 1 iQ T 11,9; 14.
1 1) oltre che una formazione specifica di una de­ 02.7.9; 1 iQ P sa 27,7) e anche per indicare il primo
terminata unità militare (iQ M 9 ,11). giorno dell’anno e delle stagioni (iQ S 10,4 s.6.8).
g) Il kóhèn h àfó’s, il titolare della più alta cari­ In quest’uso non si sottolinea tanto l’ inizio cro­
ca sacerdotale, è menzionato in tutto 8 volte. Suo nologico, quanto piuttosto «il ruolo primario e
compito è tenere l’orazione prima della battaglia fondamentale di questi giorni per la determina­
(iQ M 15,4; 16 13 / / 4Q M a 1 1 , n 11) e pronuncia­ zione dei tempi sacri del culto». L ’ importanza ba­
re la preghiera di ringraziamento dopo la vittoria silare di questi giorni è messa chiaramente in ri­
(iQ M 18,5; 19 ,11?). 4Q401 13,3 menziona, infi­ salto mediante «la coincidenza del ciclo trime­
ne, un «terzo (hsljsj) tra i sommi sacerdoti» (bkw - strale con la legge cosmica fondamentale del tem­
hnj rws). po» (H. Muszynski, AnBibl 61, 1975,147).
h) Nei Canti dell’olocausto del sabato (4Q400- k) Concludendo, vanno ancora ricordati due
407) ci si serve, tra l’altro, dell’elemento r ’s per ar­ passi dove ró ’s e un termine di valutazione (4Q403
ticolare la struttura gerarchica degli esseri celesti 1 , 1 40; 11 34; cfr. Newsom 220-245).
(cfr. già J. Strugnell, VTS 7, i960, 334; ora più dif­ Ch. Dahmen
fusamente C. Newsom, Harvard Semitic Studies
27, Atlanta 1985,23-38, spec. 27). rws si trova qua­
le nomen rectum soltanto nell’espressione nsj’j rws
( 4 Q 4 0 3 1,11.10 .17 .2 1.2 3 ; 4Q404 2.2-5; 4Q405 3. ty'Nirò’sn
1 i2a; 11 6); nei restanti titoli ( 11 in totale) r ’s è
nomen regens: r ’sj dbjrw (4Q403 i, 11 11); r ’sj 1. E tim o lo g ia e attestaz io n i. - 1 1 .1 L X X . - n i. S ig n ific a ­
Ibwsj p i’ (4Q405 23, 11 10); r 'sj mmlkwt (4Q403 to . - 1. P ian ta velen o sa . - 2. V e le n o , v e le n o so . - j . V e ­
1 , 1 1 3); r ’sj mmllwt (4Q401 1 4 ,1 6; cfr. 4 Q 5 11 2, le n o d i serp en te. - 4. A m a re z z a . - IV. Q u m ra n .
1 3); r ’sj mrwmjm (4 Q 40 3 1, 1 34; 4Q4°5 4~5>2;
B ib l.: W . M c K a n e , Poison, Trial by Ordeal and thè Cup
6,4); r’sj nsj’jm (4Q403 1 , 1 1 20) e r ’sj nsj’j kwh- ofWrath: V T 3 0 (19 8 0 ) 4 7 4 -4 9 2 . - H .N . - A .L . M o ld -
nwt (4Q403 i, 11 21; 4Q405 8-9,5); r *j dt hmlk en ke, Plants of thè Bible, W alth am , M ass. 19 5 2 , sp cc.
(4Q403 1, 11 24); r ’sj tbnjt ’lwhjm (4Q403 1, 11 78 ss. - M . Z o h a r y , Pflanzen der Bibel, 19 8 3 , sp ec. 18 6 .
16); r ’sj trwmwt (4Q405 2 3 ,11 12) e r ’sj twsbhwt
(4Q403 i, 1 31). Un uso di r ’s per angeli o creatu­ I. Nel caso del nome r ’s 11 nessuna lingua se­
re celesti non è documentato altrove nell’A.T. né mitica può aiutare a trovare il bandolo della ma­
in altri testi di Qumran. Un particolare significa­ tassa dell’etimologia, perché il termine è presente
to è attribuito al numero 7: ai sette nsj’j rws no­ unicamente in ebraico. Di conseguenza per la de­
minati nel primo, ma particolarmente nel sesto e terminazione semantica ci si deve necessariamen­
ottavo Canto dell’olocausto del sabato sono aggre­ te accontentare delle 12 ricorrenze del termine
gati sette rappresentanti o supplenti (nsj’j msnh). nell’A.T., distribuite tra il Deuteronomio (3), G e­
Newsom (32 s.) vede in queste titolature, come in remia (3), Osea (1), Amos (1), Salmi (1), Giobbe
r ’sj nsj’jm e r ’sj nsj’j kwhnwt, una certa dipenden­ (1) e Lamentazioni (2). Tra queste ricorrenze
za da testi dei Numeri; tuttavia a differenza dei ti­ balzano all’occhio quelle di Deut. 29,17; Ier. 9,14;
tolati di Numeri, le creature angeliche hanno nei 23,15; Am. 6,12 e Lam. 3,19 per l’uso in parallelo
Canti funzioni sacerdotali (ad es. benedire in no­ di -» l'nh (la'ànà) (una pianta velenosa di difficile
me di Dio). Infine i r'sj Ib w sjp l’ sono vestiti tutti identificazione, oppure una sostanza velenosa; cfr.
come il sommo sacerdote. Presi tutti insieme, K. Seybold, -> voi. iv 840 s.). Inoltre sono da ricor­
questi indizi confermano che i r ’sjm (e i nsj’jm) dare i costrutti genitivali me ró ’s (tre esempi in
sono «i sommi sacerdoti angelici» (Newsom 33). Geremia) e ró’s p ‘ tànim (Deut. 32,33; Iob 20,16).
i) Quanto all’accezione locale e geografica di
ró’s, a Qumran è attestato il significato di «(posi­ II. N ei L X X domina la traduzione con x,oXr). Si
zione di) testa» di una schiera di uomini in iQ S dovrebbe convenire con McKane 479 che con ta­
6,14; iQ Sb 4,23; iQ M 3,13 // 4Q M f 10,3; 11Q T le termine i L X X non vogliano tanto indicare con­
57,4; 62,5). 4Q403 1, 1 43; 11 10 menzionano «il cretamente la colecisti, quanto piuttosto la bile e
più alto cielo» e «l’altissima altura». In iQ M 5, l’ idea di amarezza che si associa alla secrezione
iji (vii,285) ró’i il (G. Fleischer) ( v i i , 2 8 6 ) 132

epatica che si raccoglie nella cistifellea, un’asso­ vita nello sradicamento ha per l’orante l’effetto
ciazione confermata dalla traduzione di ró’s con dell’ingestione di una sostanza tossica, nuoce cioè
Ktxpta in Am. 6,12. persino alla salute psichica. Nel detto di Amos
vien fatto di pensare a una pianta (o a una sostan­
tu. N ell’esegesi rabbinica e nei commenti a G e­ za vegetale) anche per la presenza del termine p'ri
remia del xvin secolo, le spiegazioni oscillano tra (-* prj): il frutto della giustizia, cioè le buone con­
«pianta velenosa» e «veleno di serpente» (cfr. Me seguenze che l’esercizio della giustizia dovrebbe
Kane 480). In entrambe le interpretazioni si ri­ produrre per chi la pratica, non si vedono. Acca­
scontrano tentativi di stabilire una relazione con de invece il contrario (hàfak): l’innocenza non
-» ró’s 1 «testa», pensando alla capsula del papa­ protegge dalla condanna (cfr. Am. 2,6b; 5,12).
vero bianco come papaveris capita (Gesenius, Non si può escludere che anche Ps. 69,22 si
Thesaurus 12 51) o considerando che il veleno di riferisca a una pianta velenosa, o come minimo
serpente si forma nella testa del rettile (H. Vene- dall’effetto spiacevole, il cui frutto viene porto,
ma, Commentarius ad Librum Prophetiarum Je- insieme con l’aceto, a chi si trova in gravi diffi­
remiae, Leeuwarden 1765, 236 s.). La cronologia coltà. Il parallelo con hómés fa risaltare la conno­
delle attestazioni suggerisce chc ró’s abbia indica­ tazione dell’ «amarezza» (cfr. Deut. 32,32 par. m i­
to in origine una pianta, impossibile da determi­ rar) piuttosto che l’aspetto della minaccia letale,
nare botanicamente con esattezza: le individua­ senza tuttavia che i due si escludano a vicenda.
zioni della pianta vanno dal papavero bianco (Pa- 2. ró’s come nomen rectum assume un signifi­
paver somniferum), da cui si ricava l’oppio, alla cato più generale nei costrutti genitivali me ró’s e
zucca selvatica (Citrullus colocynthis [Z..] Schra- ’inn bè ròs (la variante ortografica s’incontra di
der; cfr. Moldenke), usata come lassativo, alla ci­ nuovo nell’attestazione, tuttavia incerta, di 4 Q 511
cuta maculata (Conium maculatum [ L J, cfr. già 71,3) in quanto qui si definisce tossica una sostan­
Venema 583) che contiene coniina, un alcaloide za, ovvero velenoso un frutto, senza che nel pri­
tossico. Quest’ultima identificazione è contestata mo caso si debba pensare per forza alla sostanza
da Zohary perché «linguisticamente insostenibile, tossica della pianta ró’s sciolta in acqua. Quest’ac­
sebbene stabilita in ebraico moderno» (186). qua avvelenata, menzionata insieme con la’ànà in
1. Hos. 10,4 c il passo che meglio fa capire chc Ier. 23,15 (autentico) e Ier. 9,14 (GerD) e da sola
cosa s’intenda con ró’s. Qui il profeta prende evi­ in Ier. 8,14 (autentico), va intesa nel senso meta­
dentemente una pianta presente nei campi quale forico di mezzo della sanzione divina contro i
termine di paragone. A questa pianta sono asso­ falsi profeti, ovvero contro il popolo peccatore.
ciati due aspetti: da un lato la crescita rigogliosa, me ró’s rappresenta quindi un motivo del discor­
dall’altro una nota dannosità. Così il v. 4b, riepi­ so sul giudizio, e in quanto tale va distinto dalla
logando il v. 4a nell’immagine, coglie (waw di­ pozione usata nell’ordalia (Num. 5,11-28). I due
chiarativo!) l’aspetto, implicito nel primo stico, di motivi non dovrebbero essere confusi, ritenendo
un fatto che si ripete costantemente e smaschera che nel caso di Geremia l’acqua velenosa non
al contempo ciò che ha l’apparenza di giustizia avrebbe avuto alcun effetto letale se il popolo o i
(belle parole, giuramenti, patti), ma si dimostra falsi profeti fossero innocenti, così che l’effetto
un’ingiustizia fatale per le persone coinvolte. A n­ mortale sarebbe «una dimostrazione di colpa»
che Deut. 29,17b fa pensate al regno vegetale (se­ (McKane 486). Di conseguenza i tre passi di G e­
condo D. Knapp, G TA 35, 1987, 148 si trattereb­ remia non sono affini a Num. 5 ma a Ex. 32,20,
be di un’aggiunta redazionale al v. 17a), sebbene perché anche qui l’acqua mescolata con la polve­
non si possa stabilire se ci si riferisca alla pianta re delle tavole frantumate serve per la sanzione
velenosa che germoglia dalla radice, oppure al (cfr. C. Dohmen, B BB 62, '19 8 7 ,13 1; per R. Press,
principio attivo tossico contenuto nella radice ZAW 51 [1933] 125 ss. Ier. 8,14 ed Ex. 32 sono in­
stessa (cfr. Seybold, -» voi. rv 840). Con l’imma­ vece uniti tra di loro dal motivo dell’ordalia me­
gine della radice che produce veleno si allude al diante pozione).
pericolo nascosto che potrebbe venire dall’esi­ In Deut. 32,32 l’immagine dell’uva velenosa
stenza, in seno al popolo di Dio, di gente che ha serve a caratterizzare i nemici d’Israele, che al di
rinnegato Jhwh. Sulla base dell’uso parallelo di fuori del volere di Jhwh non potrebbero in alcun
la'ànà (come in Deut. 29,17) l’idea di una pianta modo essere la causa del giudizio d’ Israele.
velenosa o di un principio attivo tossico vegetale 3. Il succo di queste uve velenose (tuttavia cfr.
potrebbe soggiacere anche ad Am. 6, 12 e a Lam. il pron. di 3“ pers. masc. sing.!) è equiparato al ve­
3,19. Secondo quest’ultimo testo, il ricordo della leno dei serpenti (Deut. 32,33). ró’s ha ormai per­
«33 ( v i i ,2 8 7 ) ri’són (H.D. Preuss) ( v i i , 2 8 8 ) 134

so il suo significato specifico di «veleno vegetale» 4 0 ( 19 6 4 ) 1 9 - 4 7 .- C . S tu h lm u e lle r, •First an d Last• and


a favore del valore semantico più esteso di «vele­ * Yahw e-C reator » in Deutero-Isaiah: C B Q 29 (19 6 7 )
no», perciò può essere usato come nomen regens 4 9 J -J” -
anche in relazione con la secrezione velenosa 1. L ’aggettivo ri’són è presente 182 volte nel­
degli ofidi, al cui effetto letale allude, oltre Deut. l’A.T., 3 nel Siracide (Ecclus 3 1,17 ; 41,3; 44,32), 2
32,33, anche Iob 20,16 (per lo spostamento dietro nelle iscrizioni di Arad (1,6; 5,4; Y . Aharoni,/ !rad
al v. 14 cfr. G. Fohrer, K A T xvi, 325). Inscriptions, Jerusalem 1975, 12 s. 2 1. 162) e fre­
4. In Lam. 3,5 l’associazione con t'ià’ii «affan­ quentemente negli scritti di Qumran (solo in Iob
no» fa capire che ró’s va inteso qui piuttosto nel­ 8,8 e in Rotolo del Tempio scritto rjswn [risón] e
l’accezione metaforica di «amarezza» (v. sopra, solo in Ier. 25,1 nella forma r’swnjt [ri’sómt]). Eti­
iii.i; cfr. H.-J. Kraus, B K £ x .J, 52). Ma non è mologicamente ri’són è collegato con ró’s (-> r ’s)
assente l’idea della morte, sviluppata esplicitamen­ e corrisponde all’acc. réstu(m) (cfr. A H w 973).
te al v. 6. Per lo più ri’són è presente al masc. sing. o pi. e al
fem. sing.; al fem. pi. solo nel Deuteroisaia e nel
tv. Negli scritti di Qumran il nome non com­ Tritoisaia (Is. 41,22; 42,9; 43,9.18; 43,9.18; 46,9;
pare spesso. iQ H 12,14 paragona la masnada di 48,3; 65,170; per quest’ultimo passo cfr. 43,18 s.,
Belial a una radice chc produce «veleno e assen­ riattualizzati e sviluppati in 6 5 ,17 ^ v. E. Sehms-
zio» (ró’sw'la'ànà). C D 8,10 s.; 19,22 s. cita De ut. dorf, ZAW 84 [1972] 520 s.). Le ricorrenze nei te­
32,33 paragonando la tentazione dei nemici col sti di Qumran non mostrano alcuna particolarità
veleno di draghi e vipere. Negli altri testi soltanto rispetto all’A.T. e sono pertanto incluse nell’espo­
la ricorrenza nel testo frammentario di 4 Q 511 sizione che segue e non trattate a parte. La distri­
71,3 potrebbe permettere di tradurre rós (!) con buzione delle ricorrenze (Mùller 703) non mostra
«veleno», ma non si può neanche escludere la tra­ niente di particolare (l’agg. manca in Amos, A b ­
duzione con «capo» (cfr. D JD v i i 251). dia, Giona, Naum, Abacuc, Sofonia, Malachia,
Cantico e Lamentazioni) e solo per quel che ri­
G. Fleischer
guarda l’uso teologico si deve leggere con atten­
zione il Deuteroisaia e altri scritti profetici esilici
e postesilici (v. sotto, 111). La parola non è chiara­
ri’són mente documentata in ugaritico e anche nel Vici­
no Oriente antico non si individuano testimoni
l. T e rm in e , c a m p o lessicale e L X X . - it. U s o p ro fa n o del termine (cfr. l’assenza negli indici di K A I,
(d ataz io n i, su ccessio n i te m p o ra li). - n i. U s o te o lo g ic o . D ISO , ATTM). Oscuro è il testo di Is. 41,27,
- 1. Il D e u tero isaia. - 2. A lt r i am b iti. un’oscurità che si ripete frequentemente nei testi
B ib l.: A . B e n tz e n , O n thè Ideas o f «thè O ld » an d «thè di Qumran (1Q 30 5,2; 4Q400 2,10; 4Q402 4,13;
N e w in Deutero-Isaiah: S tT h 1 ( 19 4 8 ) 1 8 3 - 1 8 7 . - J . MasShirShabb 1,3 s.; n Q T 14,9).
B la u , Some Ugaritic, H ebrew , a n d A rabie Parallels: J N Per l’ampiezza dello spettro semantico e del
W S L «o ( 19 8 2 ) 5 - 10 . - M . H a r a n , Between Ri'shonót ventaglio degli usi (v. sotto, 11; tu), ri’són viene a
(Former Prophecies) and H adashòt (N e w Prophedes), trovarsi in un vasto campo lessicale nel quale ri­
Je ru sa le m 19 6 3 (in eb r.). - E .- M . L a p e rro u sa z , Les •or- entrano soprattutto ’ahàrón (’hrwn)l’àharit
donnances prem ière s» et les *ordonnances dem ières•
(’hrjt); bó’ (bw’) l ’àtà (’th) (-* voi. 1 1 1 13 ss.); zà­
dans les manuscrits de la Mer M orte (F s. A . D u p o n t-
kar (-» zkr, voi. 11 6 11-6 14 ); !?ds (-> voi. 11 821 s.);
S o m m e r, P aris 1 9 7 1 , 4 0 5 -4 19 ). - H . L e e n e , D e vroegere
en de nieuwe din gen bij Deuterojesaja, A m sterd am qdm e derivati; in elencazioni anche sènit (snjt);
19 8 7 , c o n b ib l. - S .E . L o e w e n sta m m , The D evelop- cfr. anche ngd (-* voi. v 568 s.).
m ent o f thè Term * First» in thè Semitic Languages (in Nei L X X ri’són è tradotto generalmente con
eb r.): T a r b iz 24 ( 1 9 5 5 ) 2 4 9 - 2 3 1 - Com parative Studies jtpÙTo?, 19 volte con jtpoTepo? (+ Ecclus 31 [34],
in Biblical an d Ancient O rientai Literatures ( A O A T 18; 46,3), 13 con 7tpóxcpov, 9 con to npÓTcpov e 9
2 4, 19 8 0 , 1 3 - 1 6 ) . - H .- P . M ù lle r , r ó 's , K opf ( T H A T 11 volte con qj.7tpoé>e(v). Isolatamente si trovano al­
7 0 1 - 7 1 j , sp ec. 7 0 3 . 7 1 1 s.). - C . R . N o r t h , The •Former tre traduzioni: àpxaùx; (Ps. 79 = 78,3; 89 = 88,49),
Things» and thè «N ew Things• in Deutero-Isaiah (F s.
àp-pì (Gen. 31,4), èvàp^ecrSou (Num. 9,5), na~r\p
T .H . R o b in s o n , E d in b u rg h 19 5 0 , 1 1 1 - 1 2 6 ) . - D .H .
(Deut. 19,14), 7tpeapÓTepo<; (2 Chron. 22,1), -ptiiTjv
O d e n d a a l, The *Former and thè N ew Things » in
Isaiah 40-48: O T W S A 1 0 ( 1 9 6 7 ) 6 4 -7 5 . - H .D . P re u ss, (Ios. 8,5) e npóuov (Ios. 8,23; anche Ecclus 31134],
Deuterojesaja. Eine Einfuhrung in seine Botschaft, 19 7 6 , 17?). Quest’ultimo gruppo evidenzia la traduzio­
spec. 47-49. - A . S c h o o rs , Les choses antérieures et les ne interpretativa dei L X X , a seconda dei vari con­
choses nouvelles dans les oracles deutéro-isaiens: E T L testi.
'3 5 (vn, 289) ri’són (H.D. Preuss) (vii,289) 136

11. ri’són si trova frequentemente in datazioni 34,5; Ps. 79,8; Iob 8,8; Eccl. 1 ,1 1 [cfr. Ecclus 41,3];
(il primo giorno -» voi. 111 671 ss.jòm; primo me­ 2 Chron. 22,1; per questi passi cfr. sotto, in).
se -> voi. 11 804 ss. hódes-, primo anno), un uso
che si trova particolarmente nelle norme che ri­ iii.i. È solo a partire dall’esilio o con il Deute­
guardano il calendario liturgico (Gen. 8,13; Ex. roisaia (più esattamente nel Deuteroisaia di Is.
12,2.15 t M - i6 i8; 40,2.17; Lev. 23,5.7.35.39.40. 40-48) che si ha un uso teologico più pregnante di
45; Num. 7,12; 9,15; 20,1; 28,16.18; 33,3[/’wj; ri’sòn (e delle forme fem. ecc.), e quindi un riferi­
Deut. 16,4; los. 4,19\ 2 Sam. 21,9; Ezech. 29,17; mento al «passato» inteso come qualcosa di costi­
30,20; 45,18.21; Esth. 3,7.12; Dan. 10,4; Esdr. 6, tutivo del presente e del futuro, oppure di qual­
19; 8,31; 10,17; Nehem. 8,18; 1 Chron. 12,16 ; 27, cosa di cui si è avuto ragione. Quest’accezione di
2.3; 2 Chron. 29,3(2 volte]. 17(2 volte]; cfr. anche ri’són s’ incontra in Is. 40-48, unità letterarie che
Ier. 25,1 ri’sónit; iQ S 7,19; 4Q400 1 , 1 i[2 volte]; appartengono ai generi dell’annuncio di salvezza,
n Q T 14,9; 17,6; 28,03; 45,9; 49,17; 50,14; 11Q della disputa o delle scene di giudizio (Jhwh - po­
Melch 2,7). poli): Is. 41,4.22; 42,9; 43,9.18; 44,6; 46,9.(10); 48,
ri’sòn (qui spesso come fem. e come masc. pi.)
JI2 ‘ . . .
s ’incontra inoltre nel senso di «dapprima, prima, In primo luogo, Jhwh stesso viene definito «il
in passato, precedentemente, allora, un tempo»; primo» (41,4), prima del quale nessuno era stato
in quest’uso ricorre piuttosto spesso in successio­ creato (43,10.13), che è e sarà anche l’ultimo e
ni, dove ri’són indica qualcosa che in quella serie quindi abbraccia ogni cosa nella sua opera pla­
è precedente, accaduta prima di un’altra (Gen. smatrice (44,6; 48,12); di conseguenza è l’unico
13 .4 ; * 5,* 5 ! 26,1; 28,19; 3 2>l8 ! 38,*8; 40,13; 4 «.2° : vero Dio e l’ unico che agisca con efficacia nella
Ex. 4,8; 3 4 ,i[te ]; 34.4; Lev- 4 .2 i; 5 . 8 ; 9 . 1 5 ! Num- storia. Gli dèi stranieri non sono in grado di
6,12; 10 ,13.14 ; 21,26; Deut. 9,18; 10,1.2.3.4.10; annunciare (41,22 s.; anche il testo incerto di 41,
13,10 ; 1 7,7; 24,2; los. 8,5.6.33; 2 1,10 ; lud. 18,29; 27 va inteso certamente in tale senso) il passato
20,22.32.39; / Sam. 14,14; 17,30; 2 Sam. 18,27; ! 9 > né l’avvenire (cfr. 44,7; 45,7), dimostrando così
21.44; 2°,i8 ; 1 Reg. 13,6; 17 ,13 ; 18,25; 20,9.17; 2 che non sono veri dei (41,23). Questo genere di
Reg. 1,14 ; Ier. 36,28(2 volte]; 50,17; Ezech. 40,27; discorso riguarda evidentemente un potere e una
loel 2,23; Zach. 6,2; 12,7; 14,10 ; Iob 15,7; Prov. efficacia di azione e di parola che si esplicano ge­
18,17; 2° .2 i; Ruth 3,10; Esth. 1,14 ; Dan. 8,21; nericamente nella storia, senza un riferimento a
10 ,12 .13; Esdr. 3 ,12 ; Nehem. 5 ,15:7,5; 1 contenuti specifici (cfr. ancora 42,9; 44,6-8). N el­
Chron. 9,2; ii,6[> volte]; 15 ,13 ; 19,9; 18,17; *4.7; l’aggiunta (?) di 42,8 s., che tuttavia può anche
25,9; 27,2; 29,29; 2 Chron. 3,3; 9,29; 12 ,15 ; 16 ,11; fungere da affermazione finale di 42,5-7, ciò che è
20,34; 25,36; 26,22; 28,26; cfr. Ecclus 3 1,17 ; iQ S stato annunciato precedentemente potrebbe esse­
2,20; 6,5(2 volte, probabilmente dittografìa]; 6,8; re forse la prima e già coronata dal successo com­
C D 5,19; 14,3.5; 4Q P l°r M i n Q T 16,6.15; 45.4! parsa di Ciro sulla scena storica, la «novità» (cfr.
60,7; cfr. 15,18; 21,4; 23,10 s.). Un «in primo luo­ 42,9; 48,6 fem. pi.; 43,19 sing.), la sua azione che
go» con la sfumatura di «soprattutto» si ha in Is. continua e si allarga. Nella contrapposizione tra
60,9 (cfr. Esdr. 9,2). È difficile stabilire se la «pri­ passato e futuro, l’evento di Ciro ha natura di
ma» farina (qemah) sia quella di prima, cioè la più punto d’incrocio e di limite. Il discorso di 43,9 ar­
vecchia, oppure la migliore (iscrizioni di Arad gomenta in maniera simile a 41,22 s.: gli dèi stra­
1,6; 5,4). In Nehem. 7,5 «reduci della prima ora» nieri dovrebbero dichiarare pubblicamente ciò
ha tuttavia un senso evidentemente positivo. In che è avvenuto prima, cioè mostrare ai loro po­
Gen. 33,2 e Num. 2,9 (ri’sònà) è presente un va­ poli che è successo ciò che essi avevano predetto
lore spaziale: «all’inizio = prima, davanti». in passato (per zó’t cfr. 45,21: il presente prose­
Un gruppo coeso di testi è formato dai com­ cuzione del contrasto col passato). Secondo 44,6­
menti su David, Salomone, Roboamo, Giosafat, 8 (cfr. 41,4; 43,10.13; 48,12; anche Apoc. 1,17 ; 2,8;
ecc. che si riferiscono alle azioni e fatti «prece­ 22,13) la parola di Jhwh che si realizza dimostra
denti» (o «successivi») di questi re, che sarebbero come egli sia l’unico Dio, un concetto che in
riportate in altri libri ma non sono state riprese 48,12 s. (cfr. Ps. 33,9) viene ampliato nel senso di
nelle Cronache (/ Chron. 29,29; 2 Chron. 9,29; 12, una teologia della creazione. L ’opera iniziale di
15; 16 ,11; 20,34; 25,26; 26,22; 28,26; 35,27)- Dio, il creatore, è il fondamento della sua opera
Infine con «quelli di prima», un’espressione oggi e rimanda, incoraggiante, all’onnicompren-
che ricorre in contesti di vario genere, s’intendo­ sività del suo governo universale (cfr. K. Elliger,
no gli «antenati» (Deut. 19,14; cfr. Lev. 26,45; l gr- B K x i / i , 401, dove si rimanda anche ad afferma­
i 3 7 ( v u , 29o) rè’sìt (S. Rattray - J. Milgrom) ( v i i , 2 9 i ) 138

zioni simili nelle Gdthd dell’A vesta: 31,8). Qui si e anche la loro epoca non sia stata migliore (Is.
individua una chiara e lineare concezione storica. 43,27; Zach. 1,4; Nehem. 5,17; Ps. 79,8), così che
Anche Is. 46,8 (cfr. 48,3) dice che Jhwh è un Dio il peccato di un tempo provocò giustamente il ca­
i cui annunci si realizzano, così che ci si può raf­ stigo (Ier. 7,12; 11,10 ; cfr. 2 Reg. 17,34.40; Is.
forzare nella fede ricordando questo «passato». 65,7: prevalentemente testi dtr. o considerazioni
Nel corpo dei testi del Dcutcroisaia, Is. 43,18 esiliche e postesiliche). Zach. 8 ,11 s. (cfr. Ier. 33,
(contenuto nell’oracolo di salvezza di 43,16-21) 7 .1 1) assicurano che Jhwh non si comporterà af­
occupa una posizione particolare (per questo fatto col resto (se,érit, -» s ’r) del suo popolo co­
gruppo di testi nel Deuteroisaia cfr. C . Wcstcr- me si è comportato in precedenza. Secondo Ier.
mann, F R L A N T 145, 1987, 33-53). Secondo Is. 16,18 egli remunererà comunque il peccato prima
43,18 Israele non deve più ricordare il passato (!), della salvezza e secondo Ier. 33,7 edificherà tut­
non deve più badare a quanto avvenuto in prece­ tavia Giuda e Israele «come prima» e darà una
denza (cfr. invece Is. 41,22; 42,9; 43,18; 46,9; 48, svolta al loro destino.
3), perché Jhwh sta facendo qualcosa di nuovo che Tutti questi interrogativi sulla validità delle pre­
sta già germogliando (-» smh). Queste «cose pre­ cedenti assicurazioni di salvezza (cfr. Lev. 26,45;
cedenti» non sono la discesa in Egitto (52,4) e ne­ Deut. 4,32; 2 Sam. 7,10; ripresa più recente in C D
anche il primo esodo (cfr. il contesto), il giudizio 5,19; 4QFIor 1,5 c poi esplicitamente in Ps. 89,50)
del 587 a.C. o l’attuale esilio dei destinatari del­ conducono (come probabilmente anche Ier. 17,
l’oracolo: adesso Jhwh crea nel complesso qual­ 12) all’epoca dell’esilio e oltre (cfr. Zach. 1,4; 7,7.
cosa di più grande rispetto a tutto il passato della 12: «profeti precedenti, antichi»), si accumulano
storia d’ Israele, qualcosa di nuovo che dovrà ser­ nella letteratura che risente dell’influenza dtr. o di
vire a Israele da punto di orientamento (per il pro­ dipendenza dtr., affiancano e commentano la ri­
blema concreto cfr. K. Elliger, B K x i/i, 350 ss.; flessione di principio che si manifesta nel Deute­
Leene 148 ss.) e che non si esaurisce nella catego­ roisaia (v. sopra, m .i). Paure del passato vengo­
ria di un «nuovo esodo» (43,18 ss.). Così le cose no più tardi dimenticate (Is. 65,16), ciò che fu di­
precedenti continuano a essere efficaci nelle nuo­ strutto precedentemente sarà ricostruito da colo­
ve e future; non ne rappresentano in sé l’antitesi ro che adesso fanno cordoglio (Is. 61,4). Jhwh
totale, ma vengono superate dalle ultime. È quan­ stesso creerà un nuovo cielo e una nuova terra
to avviene con Ciro, il punto d ’incrocio della pas­ affinché non ci si ricordi più di quelli precedenti
sata storia di parole c di atti con ciò che avviene (Is. 66,17 fem- pi-)- Il cammino di Jhwh con il suo
ora, e tutto è tenuto insieme da Jhwh e dal pote­ popolo riprende e continua, la sua opera andrà
re della sua parola e della sua opera nella storia. sempre più avanti fino a compiersi, com’è carat­
Probabilmente le coppie di termini importanti per teristico di questo Dio nei suoi rapporti con pro­
Is. 40-45 (passato-futuro ecc.) hanno anche un’ul­ messe, storia e futuro. _
teriore importanza per la scoperta di un reticolo H.D. Preuss
di isotopie semantiche che legano insieme, in una
composizione di maggiori dimensioni, unità let­
terarie minori (per la questione cfr. Leene). nntftn rè’su
Ai testi del Deuteroisaia possono essere aggre­
gati, per contenuto, 4Q402 4 ,13 e MasShirShabb 1. O ss e rv a z io n i gen erali. - it. S ig n ific a to n c ll’A .T . -
1,3 s. 1 . « In iz io » . - 2. « P rim iz ie » . - } . « Il m eg lio » . —
2. Che in passato ci fosse qualcosa di meglio è i li . Q u m ra n . - iv . 11 Siracid e.
detto da Is. 1,26 (giudici), Hos. 2,9 (marito), Mich. B ib l.: W . E ic h ro d t, In thè Beginning (F s . J . M u ile n -
4,8 (sovranità, che comunque ritornerà a Sion), berg, N e w Y o r k 19 6 2 , i - i o ) . - O . E issfe ld t, Erstlinge
Ag. 2,3 (il tempio, ma cfr. 2,9 ed Esdr. 3,12) e Da­ und Zehnten im A.T., 1 9 1 7 . - J . D e F ra in e , Prémices
vid è un esempio del bene primitivo (2 Chron. 17, ( D B S v i li 4 4 6 -4 6 1). - J . M ilg ro m , First Fruits, O.T.
3). Secondo Is. 28,23; Ag. 2,9 (tempio) e / Chron. ( I D B S u p p l. 3 3 6 s.). - Id ., Studia in thè Tempie Scroti:
15 ,13 ciò che fu sarà o dovrà essere superato. Qo- J B L 9 7 ( 19 7 8 ) 5 0 1 - 5 2 3 , spec. 5 04-506 . - H .- P . M ù lle r,
rò 's, Kopjf ( T H A T 11 7 0 1 - 7 1 5 , spec. 7 0 2 . 7 0 3 - 7 1 1 ) . -
helet è invece convinto che non ci si dovrebbe ri­
N .H . R id d c r b o s , Genesis l 1 und 2: O T S 1 2 ( 19 5 8 )
cordare del passato (Eccl. 7,10), tanto più che non
2 14 -2 6 0 , spec. 2 1 6 - 2 1 9 . - G . R in a ld i, b'rè'sit Gn 1,1:
esisterebbe alcuna memoria degli antenati ( 1 ,1 1 ; B ib O r 25 (19 8 3 ) 14 4 . - J . d e Savig n ac, Note sur le sens
cfr. Iob 8,8; 1 5,5; per Iob 8,8 cfr. RSP m :ix 47). du verset VII! 22 des Proverbes: V T 4 ( 1 9 5 4 ) 4 2 9 -4 32 .
Una considerazione che affiora ripetutamente - W . W ifa ll, God’s Accession Year According to P: B ib l
è che anche «quelli di una volta» abbiano peccato 6 2 (19 8 1)5 2 7 -5 3 4 .
•39 (vii,292) ré’Sit (S. Rattray - J. Milgrom) ( v i i , 2 9 } ) 1 40

l. rè’sit (cfr. l’acc. résru[m] 1; cfr. A H w 972 s.), altri seguiranno). Per il proverbio ré’sit hokmà
derivato di ró’s «testa» (-» r ’s), è un nome astrat­ jir’at jhwh (Ps. 1 1 1,10 ; cfr. Prov. 1,7) si deve con­
to con desinenza -it (G Ka § 86 1). I suoi diversi siderare il suo riscontro tehillat hokmà jir’at
significati - «inizio, il meglio, primizia» - sono jhwh (Prov. 9,10). La prima massima si riferisce
tutti estensioni semantiche del significato «testa, apparentemente a uno stato completo della sa­
punta, cima»: «inizio» è la punta in termini di pienza, per raggiungere il quale ci si deve impe­
tempo, «il meglio» è la cima in termini di qualità gnare; la seconda riguarda invece soltanto il pros­
e in «primizie» sono contenute entrambe le acce­ simo scalino (probabilmente non l’ultimo) della
zioni precedenti - le primizie sono la prima e/o la scala che porta alla sapienza. La prima massima
migliore parte del raccolto. Fungono da sinonimi equivale forse a «la parte migliore della sapienza
t'hillà «inizio», héleb «grasso, parte migliore» e è il timore di Jhwh».
bikkùrim «primizie». Di solito ré’sit si trova allo st. cs., dunque si
N cll’A.T. ré’sit ha 51 ricorrenze (3 nella Gene­ parla dell'inizio di qualcosa. Normalmente segue
si, 2 nell’ Esodo, 2 nel Levitico, 4 nei Numeri, 7 nel un nome o un pronome, tuttavia in Gen. 1,1 si ha
Deuteronomio, 2 in 1 Samuele, 1 in Isaia, 6 in un verbo finito. Gen. 1,1 va quindi inteso (con
Geremia, 4 in Ezechiele, 1 in Osca, 1 in Michea, 2 Rashi) come segue: «Quando Dio cominciò a cre­
in Amos, 3 nei Salmi, j nei Proverbi, 3 in G iob­ are cielo e terra - la terra era desolata e vuota... -
be, 1 nel Qohelet, 1 in Daniele, 2 in Neemia, 1 in allora Dio disse: Che sia luce!...». Per leggere così
2 Cronache) e non è limitato a una data fonte o a non è necessario cambiare bàrà’ (perfetto, 3*
una data epoca, anche se in P assume il significato sing. masc.) in bcró’ (inf. cs.), giacché si ha il me­
specifico tecnico di «primo prodotto finito (del desimo costrutto genitivale sost. - verbo finito in
raccolto)». Hos. 1,2: «Quando Jhwh cominciò a parlare per
I L X X traducono rè’sit con numerosi termini mezzo di Osca (t'hillat dibber-jhwh b'hóséà'),
diversi, i più frequenti dei quali sono àpxV 'ini­ egli disse a Osea». Questa interpretazione di Gen.
zio’ e àroap^T) ‘ primizie’ (ma nei L X X ànapxr) tra­ 1,1 è avvalorata anche dalla mancanza dell’artico­
duce anche t‘ rùmà e héleb)', poi ópXT)Y(k (‘inizio, lo. Infatti se l’autore avesse voluto dire: «All’ini­
origine’), é(j.7rpocr&ev (‘prima, precedentemente’), zio D io creò...», si dovrebbe leggere bàré’sil in­
xe<paAatov (‘capo’), itpwipo? (‘presto, precoce’), vece di beré’sit. Qui ré’slt non allude dunque a un
npótEpov (‘prima, una volta’ ), irpó>Toi (‘prima, in inizio assoluto del tempo o dell’universo, bensì
primo luogo’) e ■xpuTo'fevrfixx-ia (‘primizie’), àrc- semplicemente all’inizio del processo di creazio­
ap^Ecr'flai rende «offrire primizie». ne del mondo, terminato il sesto giorno.
La locuzione ré'ìit ’ón «inizio della potenza
lt.i. Col significato di «inizio», rè’fit è l’oppo­ generatrice o virile di qualcuno» (Gen. 49,3; Deut.
sto di ’ahàrìt «fine» nel senso di ultima situazio­ 2 1,17 ; P*- 78,51; 105,36) si riferisce al primogeni­
ne, distinguendosi quindi dal suo sinonimo t'hil- to di un padre (a differenza di peter rehem «ciò
là, che è l’opposto di situazioni che si susseguo­ che rompe [passando attraversoj il grembo ma­
no. ré’sit si riferisce quindi all’ inizio di un pro­ terno», il primogenito della madre). Deut. 2 1,17
cesso che ha una fine o un fine definitivo, oppure favorisce il primogenito nell’asse ereditario pro­
a un determinato e limitato lasso di tempo, men­ prio perché egli è «l’inizio della sua (= del padre)
tre tehillà denota semplicemente il primo di una forza procreativa», cioè il primo in assoluto, ri­
serie di avvenimenti senza una fine determinata. spetto al padre e agli altri fratelli, il figlio migliore
Questa differenza si riflette nelle seguenti locu­ e quindi il più meritevole, anche se non fosse il
zioni: mèrè’sit hassànà w “ ad ’ahàrit sana «dal­ figlio della moglie preferita del padre.
l’inizio dell’anno alla fine dell’anno» (Deut. 1 1 , 2. In P ré’sit si riferisce al primo prodotto fini­
12); tób 'ahàrit dàbàr mèri’sitò «la fine (l’ultima to del raccolto, bikkùrim alla prima parte matura
forma) di una cosa è migliore del suo inizio» (Eccl. del raccolto (Milgrom, Fruits). bikkùrim indica
7,8); brré'sit mamleket j'hójàqìm «al principio infatti l’offerta delle primizie del grano, i primi
del regno di Jojaqim» (Ier. 2 7 ,1; cfr. 26,1; 28,1; 49, mannelli, ré’sit invece l’offerta di doni già pronti
34: i governi hanno sempre un principio e una fi­ all’uso: il grano (già trebbiato e ventilato), l’olio
ne); ’àser-hàjà sàm ’oholóh batt'hillà «dove al­ (già torchiato), il vino nuovo (già pigiato), lo sci­
l’ inizio / in origine la sua tenda era stata» (Gen. 13, roppo di frutta e l’impasto di farina. La differen­
3); mi ja'àleh - ’el-hakkcna‘àni batt’ hillà «chi di za risalta in Num. 18,12 s.: «Il meglio (heleb) di
noi dovrà scendere per primo in campo contro i tutto l’ olio, il meglio (heleb) di tutto il vino e dei
Cananei?» (Iud. 1,1: la domanda implica chc poi cereali, la loro prima preparazione (ré’sit) che
i 4 i ( v ii,294) ré’sìt (S. Rattray - J. Milgrom) (vii,294) 142

verseranno al Signore, ciò ho destinato a te. Le ciò che era consacrato alla distruzione, per sacri­
primizie (bikkùrìm) di tutto ciò chc c’è sul loro ficarlo al Signore, tuo Dio, a Gilgal». In Num.
terreno e che essi portano al Signore ti apparten­ 24,20 ré’sìt assume un doppio senso in un gioco
gono». In Lev. 2,12 qorbàn ré’sìt «offerta dei pri­ di parole con ’ahàrìt: «Tra i popoli Amalck era il
mi prodotti preparati» comprende il pane-lievita­ primo / il migliore, tuttavia la sua fine (’ahàrìtó) è
to e lo sciroppo di frutta (v. 1 1 ). Num. 15,20 s. esi­ nella rovina».
ge il tributo consistente nei primi prodotti da for­
no. Nella locuzione 'ómer ré’sìt qesìrekem (Lev. ni. Fondamentalmente a Qumran si usa ré’sìt
23,10) tuttavia ré’sìt non è usato in senso tecnico come nell’A.T. Col significato di «primizie» ré’­
(«il primo prodotto pronto all’uso») ma in senso sìt si trova in iQ S 6,5.6; iQ Sa 2,18.19, mentre al-
cronologico, e indica «il covone iniziale della vo­ trove(ades. iQ S io,i[bis\.yi}\bis).iy, iQ H 20,6;
stra mietitura». Si ha il medesimo uso nell’espres­ iQ M 1,1) va tradotto con «principio, inizio».
sione ré’sìt bikkùrè ’admàt'kà (Ex. 23,19; 34,26) Come nell’A .T., anche a Qumran ré’sìt si riferi­
«i primi frutti delle primizie del tuo campo», rife­ sce a un lasso di tempo limitato (iQ S 10,5; iQ H
rendosi alle medesime offerte sopra citate. Ma la 20,6). ré’sìt ricorre insieme con «fine» in iQ S
espressione potrebbe anche significare «i migliori 10 ,1; con l’infinito di verbi in iQ S 10 ,13-16 , dove
dei primi frutti del tuo campo». Nel Deuterono­ significa praticamente «prima di».
mio bikkùrìm non compare, perciò non si può La setta di Qumran aveva diverse feste delle
avere la netta distinzione osservata in precedenza primizie. Oltre a quella dei primi covoni di orzo
tra «primi frutti maturi» e «primi prodotti prepa­ (‘ómer) prescritta nell’A.T. e celebrata subito do­
rati e pronti all’uso». Probabilmente il Deutero­ po la Pasqua e alla festa dei bikkùrìm (Penteco­
nomio usa ré’sìt in entrambi i sensi, per ogni pri­ ste), 50 giorni dopo (con l’offerta del grano), il
mizia: «primizie» in senso generico (ré’sìt p'ri hà- Rotolo del Tempio prevedeva una festa delle pri­
'àdàmà, Deut. 26,2.10) e «primizie» di prodotti mizie del vino nuovo 50 giorni dopo Pentecoste e
lavorati (Deut. 18,4: vino, olio, grano e lana). 11 dopo altri 50 giorni una festa delle primizie del­
medesimo uso non tecnico prevale anche altrove, l’olio nuovo. (Sebbene le date per queste due ulti­
ad es. in Is. 2,3; Ezech. 20,40; 48,14; Prov. 3,9; Ne­ me offerte sembrino schematiche e arbitrarie, es­
hem. 10,38; 12,44; 2 Chron. 31,5. Spesso è diffi­ se corrispondono all’incirca ai tempi della ven­
cile capire se ré’sìt significhi «i primi frutti» o demmia e della raccolta delle olive). Evidentemen­
semplicemente quelli «migliori»; probabilmente te un sacerdote doveva benedire le primizie pri­
in testi non sacerdotali non si dovrebbe distin­ ma che il resto della comunità potesse cominciare
guere nettamente tra questi due significati. a mangiarne (ìQ Sa 2,18-22; rQS 6,5). ré’sìt ha co­
I «primi/migliori frutti» del raccolto venivano munque una sola presenza nel Rotolo del Tempio
offerti a Dio per onorarlo e ricevere la benedizio­ ( 11Q T 22,9). Appoggiandosi su questo testo in
ne per il resto del raccolto: «Onora il Signore con parte ricostruito, Y . Yadin (The Tempie Scroti 1,
il tuo patrimonio, con la migliore/prima parte Jerusalem 1983, 141 s. 153) crede che i sacerdoti
(ré’sìt) di ciò che raccogli. Allora i tuoi granai si potessero ricevere zampe anteriori, mascella infe­
riempiranno di grano, le tue giare traboccheran­ riore e stomaco, e i Leviti le spalle di un sacrifìcio
no di vino» (Prov. 3,9 s.). N on era lecito mangia­ legittimo soltanto quando questo sacrificio veni­
re cosa alcuna del raccolto prima di aver portato va offerto in occasione delle feste delle primizie.
l’offerta del primo covone (Lev. 23,14). I figli di Tuttavia 11Q T 60,7 mostra che i Leviti riceveva­
Eli furono maledetti perché erano soliti prendere no le spalle di tutte le vittime dei sacrifici previsti
la quota di loro spettanza prima di offrire le dalla legge.
primizie a Dio, «ancor prima di far salire il grasso
(heleb, la parte di offerta destinata a Dio) in fu­ rv. Nel Siracide ré’sìt assume i significati di
mo» (/ Sam. 2,1 j); il v. 29 li accusa d’ingrassarsi «principio» e di «il meglio, la parte migliore»:
con il meglio (ré’sìt) di tutte le offerte d’Israele. ’lhjm mbr’sjt br’ ’dm «Dio creò l’uomo dal prin­
3. In una serie di casi sembra che ré’sìt signifi­ cipio in poi» (Ecclus 15,14); shw’ mr’sjt Is'mhh
chi semplicemente «la parte migliore» più che «le nwsr «(il vino) che fu creato per la gioia sin dal­
primizie». Si tratta di Am. 6,6: «Vi ungete con l’ inizio» (Ecclus 34(311,27); qnh ’sh r’sjt qnjn «chi
l’olio migliore (ré’sìt)»; Ier. 49,35: «Spezzerò l’ar­ si acquista una donna realizza il guadagno miglio­
co di Elam, le sue armi più potenti (ré’sìt)»; 1 Sam. re» (Ecclus 36,29; oppure «il primo profitto», cfr.
15 ,2 1: «Il popolo ha preso dal bottino alcune Ecclus 36,24 LX X ).
ò. Rattray - J. Milgrom
pecore e alcuni buoi, la parte migliore (ré’sìt) di
143 (vii.295) rab (H.-J. Fabry) ( v i i ,2<}6) 14 4

alttestamentliche Konigsnamen (F s. W .F . A lb rig h t,


2*1 rab B a ltim o r e - L o n d o n 1 9 7 1 , 4 4 3 -4 5 2 ). - O .H . S tc ck , Der
Schòpfungsbericht der Priesterschrift ( F R L A N T 1 1 5 ,
'1 9 8 1 ) . — Id ., Zions Tròstung. Beobachtungen und
D I ra b 1 1 , Di "1/3*1 rò b/ró b, 2 5*1 ra b a b 1 ,
Fragen zu Jesaja ! 1,1-11 (F s. R . R e n d to r ff, 19 9 0). - E .
r oT m
T I
r 'b à b à ,' n Tn T ra bà ,' S trò m b e rg K ra n tz , Des Schiffes Weg mitten im Meer.
K Ì3 ‘l / i a “1 rib b ó /rib b ò D'O'O'l r 'b i b i m , Beitrdge zur Erforschung der nautischen Terminologie
des A.T. ( C B , O T S e ric s 19 , 19 8 2 , spec. 17 8 . 18 2 . 18 7 s.
HV
3 1K
I- ’a r b e b , HV3 1I0“ m a rb e h 7, n '3• 1 1D• m a r bit,’
n«nn 19 8 ). - C . W e ste rm a n n , Arten der Erzàhlung in der
Genesis: T h B 24 (19 6 4 ) 9 - 9 1. - B . W ik la n d er, Begrep-
pet Rabbim i Daniel 8-12: S E À 39 ( 19 7 4 ) 59 -73.
I .1 . E tim o lo g ia e attestaz io n i. - 2. N o m i p ro p ri. -
II. L ’ A .T . - 1. D is tr ib u z io n e n e ll’A .T . - 2. C o s tru tti. - 1.1. Le varie formazioni risalgono a una radice
in . U s o in co n testi te o lo g ic i. - 1 . L a p ro m e ssa d i c re ­ semitica comune biradicale rb che si è sviluppata
scita n elle c o m p o siz io n i d el P en ta teu c o . - a) 11 g ru p p o in rbb per raddoppiamento della seconda radica­
D . - b) 11 g ru p p o P . - 2. L a crescita d ’ Israele - a) In Ex. le, come nel semitico occidentale, o in rbj/w per
1 . - b) N e ll’ o p era s to rio g ra fic a d tr. - c) N e lle attese allungamento, come nel semitico orientale (Mey-
p ro fetic h e d ella salve zza . - 3 . 1 p red ica ti d ivin i. - 4. L e er, H G r ri 142). N ell’area del semitico orientale
attestazion i sap ien ziali. - 5. rabbim in sen so in c lu siv o .
si trova soltanto quest’ultima forma, mentre nelle
- m arbit/tarbit. - rv. I l tito lo d i « ra b b i» . - v. I L X X . —
2. Q u m ran .
altre lingue semitiche sono diffuse entrambe. Non
c’è alcun palese motivo per distinzioni seman­
B ib l.: A . A h u v ia , H ow Lonely Sits thè City... Full o f tiche. Il siriaco e alcuni nomi propri segnalano
People : B e th M 24 (19 7 8 /7 9 ) 4 2 3 - 4 2 5 . - A . B e rlin , O n thè anche l’esistenza di una forma con prefisso jrb (v.
Meaning o f rb: J B L 10 0 ( 1 9 8 1 ) 9 0 -9 3. - E . B lu m , D ie sotto). A tutti i significati osservabili è comune
Komposition der Vatergeschichte ( W M A N T 5 7 , 1 9 8 4 ) . -
l’aspetto dell’«essere grande, essere molto/nume­
W . B ru e ggem an n , The Kerygm a o f thè Priestly Writers :
roso».
Z A W 84 (19 7 2 ) 3 9 7 - 4 13 . - J . C a rm ig n a c , H RBYM : les
« nombreux» ou les «notables»i: R Q u 7 ( 19 6 9 / 7 1) 5 7 5 ­ N ell’ambito delle singole lingue, pur in presen­
586. - S J . D . C o h e n , Epigraphical R abbis: J Q R 72 za di ampie coincidenze semantiche, si possono
( 19 8 1/ 8 2 ) 1 - 1 7 . - M . D a h o o d , H ebrew -U garitic Lexico- tuttavia rilevare sempre specifiche particolarità
graphy ix : B ib l 52 ( 1 9 7 1 ) 3 3 7 - 3 j6 , spec. 3 5 3 s. - P . marginali. In accadico rabiì(m), rabà’n(m) ‘esse­
F r o n z a ro li, Studi sul lessico comune semitico: A A N L R re, diventare grande’ (A H w 983 ss.) significa nel­
19 (19 6 4 ) spec. 246. — M . G ilb e r t, «Soyez féconds et
la forma base ‘crescere’; nella forma D ‘rendere
m ultipliez » (Gn 1,28): N R T h 96 ( 19 7 4 ) 7 2 9 -7 4 2 . - W .
grande, allevare, favorire, moltiplicare, aumenta­
G r o s s , lsraels Hoffnung a u f die Emeuerung des Staa-
tes (J. Sch rein er, ed ., Unterwegs zu r Kirche, O D 1 1 0 , re, far essere grande’; nella forma § ‘celebrare’.
19 8 7 , 8 7 -12 2 ) . - T . H a rtm a n n , rab, vie l ( T H A T n 7 1 5 ­ Soggetto del verbo e antecedente dell’agg. rab A
726 ). - J . H o ftijz e r , Die Verheissungen an die drei Erz- (cfr. A H w 936 ss.) può essere praticamente tutto.
vàter, L e id e n 19 5 6 . - P .F . Ja c o b s , A n Examination o f Si hanno interessanti significati specifici come
thè M otif «Life as Result o f Reward» in thè Book o f rubù ‘principe’; rubùtu ‘principato’; ma anche nei
Deuteronom y, d iss. V irg in ia 19 7 3 . - M . K o c k e r t, Va- derivati dalla forma D murabbànu ‘padre affida­
tergott und Vàterverheissungen ( F R L A N T 14 2 , 1988). tario’; murabbitu ‘ madre affidataria’; tarbù/tarbi-
— L . K o p f, Arabische Etymologien und Parallelen zum
tu ‘allievo, bambino in affidamento’ ecc. Nell’ acc.
Bibelwórterbuch: V T 8 ( 19 5 8 ) 1 6 1 - 2 1 5 , spec. 2 0 2 . - J.S .
sarru rabbit c’è il titolo del «gran re» (ebr. melek
K se lm a n , rb // k b d . A N e w H ebrew -A kkadian Formu-
laic Pair. V T 29 (19 7 9 ) 1 1 0 - 1 1 4 . - E . L ip in s k i, N c s e k gàdól, Ps. 47,3; melek ràb, Ps. 48,3; cfr. A. Mala-
and tarb it in thè Light o f Epigrafie Evidence: O r L o v mat, The Kingdom o f David and Salomon and
P e r 1 0 (19 7 9 ) 1 3 3 . - N . L o h fin k , D ie Abànderung der thè First Treaty with Egypt: Bitzaron N.S. 1/1-2
Theologie des priesterlichen Geschichtswerk im Segen [J 979] 7_I4)- In ugaritico rb significa ‘essere gran­
des Heiligkeitsgesetzes (F s. K . E llig e r, A O A T 18 , 19 7 3 , de, essere padrone’ (WUS nr. 2482; U T nr. 2297).
12 9 - 1 3 6 ) . - Id ., D ie Priesterschrift und die Geschichte: Per un possibile rapporto tra l’acc. rabba’um di
V T S 29 (19 7 8 ) 18 9 - 2 2 5 . - Id ., «Ich bin Jahwe, dein Mari con il rprplm di Ugarit, cfr. M. Heltzer, Or
A rzt» (Ex 11,26). («Ich w ill euer G ott w erden ».
LovPer 9 [1978] 5-20 (-» rp’jm [r'fà'im]). La de­
Beispiele biblischen Redens von G ott, S B S 10 0 , 1 9 8 1 ,
nominazione rb nqdm indica probabilmente il
1 1- 7 3 ) . - R - R e n d to r ff, Das uberlieferungsgeschichtliche
Problem des Pentateuch ( B Z A W 14 7 , 19 7 6 ). - G . R in a l­ capo di una categoria professionale (cfr. M. Diet­
d i, rb: B ib O r 16 ( 19 7 4 ) 32 . - H . S o lo v e itc h ic k , Pawn- rich - O. Loretz, U F 9 [1977] 336 s.). Secondo
broking. A Study in R ibbit and o f thè Halakah in Ex­ D ISO 270 ss. la radice è abbondantemente docu­
ile: P A A R 38/38 ( 19 7 0 / 7 1) 2 0 3-2 6 8 . - J .J . S tam m , Zwei mentata anche in fenicio (cfr. K A I). Anche qui si
145 (vn,297) rab (H.-J. Fabry) ( v i i , 297) 146

trova rab usato come titolo, il cui contenuto pre­ e Biella 476 menzionano rbj/w ‘sostenere, nutri­
ciso può essere chiarito soltanto in rapporto a al­ re, far crescere’ . Infine il gruppo linguistico etio­
tre cariche e funzioni (per un rapporto coi suffeti pico sottolinea l’aspetto dell’espansione: rbb, ex-
fenici cfr. J. Teixidor, Semitica 29 [1979] 9-17). pandere, extendere (Dillmann, Lex. Ling. Aeth.
In tutte le sue varietà l’aramaico fa un uso no­ 286 s.); amarico rebba ‘attecchire, essere molto
tevole di questa radice (D ISO 272; ATTM 689 s.). produttivo’ (W. Leslau, Cognates 102; Concise
Già in aramaico antico si trova la forma con rad­ Amharic Dictionary, 1976, 43). Nel dialetto tigrè
doppiamento rbrb nell’iscrizione di Barràkib (ver­ rabbi è diventato il nome per «Dio» (Wb. Tigre
so il 730 a.C.; K A I 216,10 ; cfr. anche A P 31,9 IJ2).
ecc.), una forma qalqal come quella che si nota
già nel testo cuneiforme di Uruk 1 1 col significa­ Per concludere, e poco verosimile che la radice se­
mitica rb sia collegata con l’eg. nb ‘signore, sovrano’
to di ‘grande, potente’, ra-ab-ra-bi-e. In tardo
(WbAS 11 227-234) e nb ‘tutti, ogni’ per un passag­
aramaico si ha rb usato come epiteto divino, 7 rb gio fonetico rll/n (v. F. Calice, Grundlagen deràgyp-
‘Dio, l’onnipotente’ (4Q246), oppure per indica­ tiscb-semitischen Wortvergleicbung, Wien 1936, 92).
re «i grandi, i vecchi» in contrapposizione ai «gio­
vani» (z'wrjb). Già in aramaico biblico s’incontra 2. Non c’è da meravigliarsi che il termine d’uso
rb nella locuzione «parlare con arroganza, in ma­ comune rb sia stato usato nella maggior parte del­
niera blasfema» (mll rbrbn, Dan. 7,8.11.20 e pas­ le lingue semitiche anche per formare N P . Già in
sim). La radice ricorre sovente nelle titolature: ’m epoca cassita è documentato un N P ilu-ra-bi «Dio
rbh «protomadre», cioè Èva (Enoc 32,6 [ATTM è grande» (cfr. A.T. Clay, Y O S Researches 1
242]); khn’ rb’ «sommo sacerdote» (Test. Lev. 41, [19 12] 195 s.). Inoltre s’incontrano nomi con l’ele­
7 [ATTM 202]), poi anche nell’uso assoluto nel mento verbale causativo jarbi-ilu, ja-ar-bi-AN
significato di «rabbi, esperto della legge»; al pi. «i «Dio ha reso grande» (APN M 70 ss. 260; A N
grandi, i notabili» (K A I 222 A 39 ecc.). Il termine 359). Rientra qui anche il N P protocananaico
rabbàn, di schema qalldn, documentata in ara­ Hammu-rabi. Questi nomi in -rabi sono attestati
maico biblico nello schema qalqal[àn]: rabrebirt, già in accadico antico (cfr. A H w 939). In ugariti-
fem. rabr'bàn e rabrebànlm (cfr. Dan. 4,33; 5,1­ co s’incontrano i N P rb-sl e il-rb «Dio è grande,
3.9 s.23; 6,18) (un pi. con raddoppiamento di rab, E 1 si è dimostrato grande» (P N U 44. 96. 179;
cfr. S. Segert, Altaram. Grammatik 183), significa WUS nr. 2479) e il toponimo tlrb (WUS nr. 2877).
‘magnati, potenti, comandanti’ (cfr. A P 3 ,11 ecc.). In sudarabico, fenicio-punico e soprattutto in na­
Altri derivati nominali sono rcbù ‘grandezza, glo­ bateo è documentato il N P Rab(b) 'èl o ’El-rab(b)
ria’ (cfr. Dan. 4,19.33; 5,18 s.; 7,27) e rbj' ‘ufficia­ «E 1 è il signore», nome di diversi re nabatei (PN PI
le’ (Ah. 33.38; A P 80,3 ecc.). In aramaico c’è an­ 1 1 1 ; J.J. Stamm, Fs. W.F. Albright, 19 71, 449­
che un’altra forma verbale, rebà ‘crescere, aumen­ 452). Infine rabbat «Signora» è il nome di una
tare, salire’, al pa. ‘innalzare, far crescere, alleva­ dea (PNPPI 408).
re’ (AP 10,4; Ah. 18.25; Dan. 4,8.17.30 ecc.), che A Hatra è documentato l’ipocoristico rbj «mio
rappresenta l’ampliamento sopra menzionato in signore (è ND)» (cfr. S. Abbadi, Die Personenna-
rbjlw. Altre forme aramaiche e targumiche più men der Inscbriften aus Hatra, 1983, 161). Qui è
tarde sono registrate in A TTM 691. attestato anche il N P formato da una sola parola
Il sir. rab e rebà’ (Brockelmann, Lex. Syr. 706­ rbn «maestro»; è meno probabile che si tratti di
709) e il mand. rba 1 (MdD 422) non mostrano un ipocoristico rb + n per indicare un nome di­
particolarità. In siriaco esiste però una forma se­ vino.
condaria jrb (Brockelmann, Lex. Syr. 308 s.), alla Già su un sigillo ebraico antico s’ incontra il N P
quale vari studiosi ricorrono per spiegare alcuni ben attestato nella Bibbia jàrob'am (1 Reg. 11,26
N P nell’A.T. (v. sotto). ecc.; cfr. J.D . Fowler, JS O T Suppl. 49, 1988, 359;
Anche l’ambito linguistico semitico meridiona­ -» voi. vi 815), che come j erubba‘al (Iud. 6,32) e
le conosce la radice, che ha formato molti deriva­ nella forma peggiorativa j erubbóset (2 Sam. 11,2 1)
ti. In arabo rabba ‘ essere padrone, possedere’; 11 contiene, oltre all’elemento teoforico, un gruppo
‘allevare, divinizzare’ (Wehr, Arab. Wb. 287); radicale jrb la cui origine non è chiara: all’ inter­
rabb ‘signore, sovrano’; rabd ‘ moltiplicarsi, au­ pretazione che sostiene una derivazione da rb
mentare, crescere’, con molti derivati (Wehr 291). («che il Dio degli avi si dimostri grande» o simili,
La radice non è invece documentata con assoluta cfr. IP N 206 ss.; oppure «che... voglia concedere
certezza in sudarabico: rbb ‘essere padrone, pro­ crescita»: W.F. Albright, Die Religion Israels im
prietario’ (Conti Rossini 235 s. con ?). B G M R 114 Licbte der archàologiscben Ausgrabungen, 1956,
147 (vn,298) rab (H.-J. Fabry) ( v i i , 299) 148

230 n. 59) si contrappone una derivazione da rìb 16 ,13; Prov. 26,10?) e rbh II, presente solo al ptc.
(-> rjb): «il Dio degli antenati ha reso giustizia» qal «tiratore» (Gen. 21,20; ler. 16,16?). In verità
(cfr. Stamm 4 51; P N U 179). Per la discussione cir­non si riscontra alcun evidente rapporto semanti­
ca j'rubba'al cfr. K B L 5 414. Infine, in iscrizionico con ràbab/ràbà. Quindi si tratta di due radici
preesiliche e attestato anche il N P rbjhw (cfr. R. omonime o, con Brockelmann, V G 1 228, si sug­
Lawton, Bibl 65 [1984] 344). gerisce che sia avvenuto uno mutamento fonetico
Controverso, oggi come ieri, è il nome della fi­ m > b con riferimento a rmh «gettare, lanciare».
glia di Saul mèrab (1 Sam. 14,49; 18,17.19 ; in 2 N ell’A.T. il verbo rbb 1 ricorre 24 volte, dalla
Sam. 21,8 sostituito da «Mikal» con una variazio­ prima età monarchica fino alla sapienza postesili­
ne del testo. Forse l’intervento si basa sulla possi­ca. Dominano decisamente le forme qal e solo in
bile sinonimia etimologica [rab = kol] dei due no­ Ps. 144,13 s’incontra un pu. Il nome rób ricorre
mi?), che potrebbe essere derivato da rb (Stamm, 15 1 volte con una concentrazione evidente nella
VTS 16, 1967, 333 lo deriva da jrb) e significare letteratura postesilica. L ’agg. rab è un termine di
quindi qualcosa come «Crescita». uso comune, con 413 ricorrenze alle quali si som­
Il nome rab-sàqéh (2 Reg. 18 ,17.19 ecc.) con il mano quelle registrate separatamente nella con­
par. rab-sàrìs (-» srjs [sdrts]; -» voi. vi 307), pre­
cordanza di A. Even-Shoshan (1055): rab 11 «ab­
sente con una certa frequenza nell’A.T., è stato bastanza» (13), rab in titoli di funzionari (35), 15
certamente frainteso dagli autori dcll’A.T. come forme aramaiche, per un totale, quindi, di 476 ri­
N P. Dietro tali nomi ci sono non insolite desi­ correnze. Per la distribuzione omogenea cfr.
gnazioni di funzionari di origine mesopotamica: Hartmann 717. Il nome rcbàbà ricorre 16 volte,
rab sàqù «comandante in capo» (cfr. M. Ellenbo- ribbó/ribbò' 1 1 volte, quest’ultima forma esclusi­
gen, Foreign Words in thè O.T., London 1962, vamente nella letteratura esilica tarda (Esdr. 2,64;
Nehem. 7,66.71), con la forma lunga usata in Esdra
152) e sa rèsi (-> r's [ró's]\ -» voi. vi 302 s.). Il N P
e Daniele, ed entrambe insieme solo in Nehem. 7,
rab-màg citato in Ier. 3 9 , 3 . 1 3 risale all’acc. rab-
mugi attraverso l’aram. rbmg’. In accadico indica 70 s. Infine il nome rebibim ricorre 6 volte (Deut.
un alto funzionario, il cui compito non è certo de­ 32,2; Ier. 3,3; 14,22; Mich. 5,6; Ps. 6 5 ,11; 72,6).
scritto chiaramente dalla traduzione greca orpa- L ’ appartenenza di r'bibim «rugiada» alla radice
tt)yÓ; (cfr. E. Ben veniste, R E J 82 [1926] 55 ss.; rbb non c affatto dimostrata. I riferimenti all’ug.
Ellenbogcn 15 1; K B L J 515). rbj («piovere»?, cfr. K B L 1 870), rb/rbb (U T nr.
Da rbb derivano infine i toponimi rabbà «la 2298) o addirittura all’acc. rabàbu «diventare de­
bole» (Hartmann 722, cfr. A H w 933) risultano
grande città» (Ios. 13,25; 2 Sam. 1 1 , 1 ecc.; preci­
sata meglio con rabbal b'nè 'ammón [Deut. 3 ,11; poco utili.
2 Sam. 12,26; diventata poi 'Pafifiatap-ava e infi­ 11 verbo ràbà 1 ricorre 176 volte in tutto, 59 al
ne Amman]; sidón rabbà [Ios. 11,8 ; 19,28]; hàmat qal, 4 al pi. 113 nella forma hif., in aramaico 5 al
rabbà [Am. 6,2] o barabba [Ios. 15,60; cfr. J. Si- pe., 1 al pa. Il derivato nominale 'arbeh «locusta»
mons, G T T O T 120. 15 1. 184 s.]). La città di hà- ricorre 24 volte, ’arbeh non viene da rbh n «lan­
rabbit (Ios. 19,20) si trovava nel territorio della ciare, cacciare ecc.» ma probabilmente da rbh 1.
tribù di Issacar e secondo G T T O T 77 va identifi­ Tuttavia questo derivato nominale dev’essersi for­
cata con Qishon. Infine in Cant. 7,5 si nomina la mato molto presto, perché è già presente nell’acc.
«porta di Bat-Rabbim», una città probabilmente erbu (A H w 234) e nelPug. irbj (RSP 1 395 s.; cfr.
ubicata presso gli stagni di Heshbon in Trans­ anche D ISO 23 e G e s '8 94). In questo nome si
giordania. Probabilmente in Cant. 7,5 non si ha cela l’esperienza concreta di un insetto dannoso,
una reale indicazione topografica, ma una meta­ conosciuto dall’uomo come una quantità innu­
fora per evocare una folla numerosa che dalla merevole, uno sciame foltissimo: la cavalletta. A l­
steppa si affretta verso gli stagni per rinfrescarsi tri derivati sono marbeh «quantità» (da un ptc.
(O. Keel, Z B K 18, 218; W. Rudolph, K A T x v i i/ hif.?, BLe § 6 1 1£: 2 volte: Is. 9,6; 33,23), marblt
>-3 . *7 3 )- «maggioranza, maggiorazione per gli interessi»
(già in aram. egiziano, «interesse», D ISO 167; AP
11.1. Prima di procedere a considerare la distri­ 10 ,4.6 .8 .11.12.14 .16 .18 ; 11,8 s. ecc.; nell’A.T. 5
buzione dei termini nell’A.T., si deve accertare se volte), tarbit «interesse, usura» (6 volte, di cui 4
vadano effettivamente escluse dal nostro compu­ in Ezechiele; cfr. sotto, 111.6), tarbùt, dispregiati­
to quelle forme individuate da K B L 3 e GesB 740. vo, «crescita, razza, genia» (solo Num. 32,14) e in­
742 come rbb 11 «gettare» (Gen. 49,23; Ps. 18,15), fine mirbà «ampiezza» (Ezech. 23,32; ma cfr. W.
*rab 11 «tiratore? colpo, tiro?» (Ier. 50,29; Iob Zimmerli, B K x iii/ i, 534: marbà).
149 ( v n , J o o ) rab (E. Blum) ( v i i ,3 o i ) 1 5 0

2. Anche se i due verbi rbb e rbh non si lascia­renze, per lo più in Deuteronomio, Ezechiele e
no distinguere semanticamente, è sorprendente la Geremia) si ha anche, con il medesimo significa­
loro diversa frequenza e la netta differenza nella to, 'ammim rabbim (19 volte, soprattutto in Eze­
capacità di modificazione sintattica, rbb, preva­ chiele, mai in Deuteronomio e Geremia; cfr. sot­
lentemente usato solo al qal, forma derivati che si to, in. 5); dai parallelismi in Ezech. 38,22 s.; Mich.
incontrano molto spesso, mentre rbh, usato fre­ 4,2 s.; Abac. 2,8 ss. non risultano differenze se­
quentemente nelle forme qal, pi. e hif., forma de­ mantiche. rahàmim rabbim «numerose dimostra­
rivati nominali che sonò a loro volta scarsamente zioni di favore» è una frase tipica della letteratura
presenti. più recente (Dan. 9,18; Nehem. 9,19.27.31; Ps.
ràbab ricorre soltanto in forme stative, infinito 119 ,156 ; cfr.2 Sam. 24,14 [ !J;/ Chron. 21,13).
e participio, e significa «essere molti, numerosi». Anche i costrutti col sost. ròb (più di 50) sono
Costruito con min genera normalmente un signi­ molteplici: ròb ’àddm «una moltitudine di gen­
ficato comparativo: «essere più grande, numero­ te»; ròb bàriim «molti figli»; ròb behèmà «molto
so di...» (ad es. Gen. 4 3,3 4 ); al hif. «rendere più bestiame»; ròb hokmà «grande sapienza»; ròb he­
numeroso di...» (ad es. Ezech. 16,51). Questo ver­ sed «molti doni di grazia»; ròb jdmim «molti gior­
bo ricorre particolarmente spesso insieme con al­ ni, lungo tempo»; ròb kòàh «grande forza» esem­
tri verbi nel significato di «fare qualcosa frequen­ plificano l’ ampiezza dell’intera gamma semantica.
temente», «fare qualcosa più di...» ecc., diventan­ Il nome rebàbà «una grande moltitudine» vale
do quindi semplicemente un verbo fraseologico. anche da numerale: «diecimila» (Lev. 26,8; Deut.
Infine, in certi costrutti può assumere valenze 32,30; Iud. 20,10); il 50% delle ricorrenze è dato
idiomatiche: jirbu hajjdmtm «il tempo passa» dal plurale, che indica una grande quantità inde­
(Gen. 38,12); jirbeh hadderek «la strada è troppo terminata - innumerevole - , soprattutto insieme
(min) lunga» (Deut. 14,24); cfr. inoltre Hartmann con ’àlàfim «migliaia» (Num. 10,36; cfr. Gen. 24,
718, Per il carattere fattitivo del/>t. «rendere gran­ 60). Il termine preciso per «diecimila» è ribbò’/
de/numeroso, moltiplicare, far crescere» cfr. E. ribbò, di origine cananaica (Dan. 11,12 ; Esdr. 2,64.
Jenni, Das hebràische Pi'el, Zurich 1968,108 s. 69; Nehem. 7,70 s.). Già la rara forma nominale
L ’aggettivo nominale rab entra in numerosi co­ indica un cananaismo (cfr. M. Wagner, BZAW 96,
strutti (cfr. Even-Shoshan 1052 s.) dei quali si ri­ 1966, nr. 275). Anche se questo termine è usato
cordano qui solo i più frequenti: gój rab «un solo nella letteratura postesilica tarda, ciò non si­
grande popolo» (Deut. 9,14; 26,5); hàmòn rab «un gnifica che non possa essere un prestito.
grande frastuono» (Is. 16 ,14 ecc.); tùb rab «una
grande bontà» (Ps. 31,20 ecc.); miqneh rab «gran­ H.-J. Fabry
de greggi» (Deut. 3,19 ecc.); 'am rab «un grande
popolo» (Deut. 20,1; anche in senso comparati­ i i i .i . Alla frequenza dei termini del gruppo les­
vo); qàhdl rab «una grande comunità» (Ezech. 17, sicale fa riscontro la rarità di un significato teolo­
17 ecc.); rekùs rab «una grande proprietà» (Gen. gico specifico. Tra le eccezioni, si ha al primo po­
13,6); salai rab «un ricco bottino» (2 Sam. 3,22); sto l’uso nelle promesse di una grande crescita.
seguono poi rab-hesed «ricco di grazia» (Num. Tuttavia il gruppo lessicale verte qui, di nuovo,
18,14 ecc.); rab ’emet «grande/ricco di fedeltà» soltanto su una parte limitata della tematica - una
(Ex. 34,6); rab-pe'àlim «grande di opere» (2 Sam. constatazione che ci ricorda i limiti delle analisi
23,20 1 Chron. 11,22); inoltre makkà rabbà «un basate unicamente sui lessemi.
grande colpo» (Num. 11,3 3); rà'à rabbà «grande a) Nelle storie dei patriarchi non di P, la pro­
malvagità» (Gen. 6,5); t'hòm rabbà «grandi ac­ messa della crescita compare principalmente in
que, grande oceano» (Gen. 7 ,11; Ecclus 43,238. due forme (H.H. Schmid, Der sogenannte Jah-
25b); cfr. majim rabbim «molta acqua» (Num. 20, wist, Zurich 1976, 127 s.): come assicurazione di
1 1 ; -» mjm, -» voi. v 12. 21 s.), ma anche «flutti diventare un (grande) popolo (gój [gàdól]) data
impetuosi» (Is. 17 ,13 ; circa 30 volte; 1 1 in Eze­ ad Abramo (Gen. 12,2; 18,18), a Ismaele (2 1,13 .
chiele, 3 in Geremia e 7 nei Salmi). Tra gli altri 18) e a Giacobbe (46,3) (come offerta a Mosè an­
costrutti al pi. vanno ricordati: bdriim rabbim che in Ex. 32,10 // Deut. 9,14; Num. 14,12), o co­
«molti figli» (Is. 54,1; 1 Chron. 4,27; 24,4; 28,5; me promessa di far diventare estremamente nu­
dunque tutti brani tardi); haldlim rabbim «molti merosa la discendenza (zera') dei padri. I testi
caduti» (Iud. 9,40 ecc.); jimim rabbim «molti con rbh hif. sono limitati - come prevedibile già
giorni, molto tempo, tempo piuttosto lungo» per mere ragioni linguistiche - alle promesse del
(Gen. 21,34 ecc.); oltre a gòjim rabbim (18 ricor­ secondo tipo, ma costituiscono qui il gruppo mag­
I J 1 (v i i , 3 0 1 ) rab (E. Blum) ( v i i , 3 0 2 ) 152

giore: Gen. 16 ,io; 22,17; 26,4.24; Ex. 32,13 (altri base alla lingua, un’aggiunta più recente?); 26,4b
esempi con hàjà/slm c ka'àfar hà’àres / k'hól haj- = 2 2 ,18a. La promessa stessa della crescita nume­
jàm: Gen. 13,16; 28,14; 32,13; per Gen. 15,5 v. rica in 26,4aa (w'hirbèti ’et-zar'àkà k'kók'bé has­
sotto). Inoltre questi passi si trovano tutti in un sàmajim) è una citazione «semplificata» di 22,173,
contesto evidentemente redazionale. Comune a che spiega anche il riferimento introduttivo al
tutti è la formulazione con rbh hif. con la 1* pers. giuramento fatto in passato ad Abramo (v. 3bfJ).
sing. del discorso diretto di Dio, con zero.' (dei Il secondo discorso con la promessa del cap. 26
patriarchi) per oggetto. Tre volte la promessa è (v. 24) riprende tra gli clementi menzionati la pro­
definita un giuramento di Jhwh (Gen. 22,16 s.; messa di benedizione, (quale suo contenuto:) la
26,3 s.; Ex. 32,13; gli ultimi due passi si riferisco­ promessa di crescita (w'hirbèti ’et-zar'àkà, senza
no esplicitamente al precedente giuramento di il paragone) e il riferimento ad Abramo per la mo­
Gen. 22,17). 1° questi tre passi si trova anche il tivazione.
paragone con le «stelle del cielo» (k'kók'bé has- Ex. 32,13 si riferisce a Gen. 22 e 26: lo rivela
sdmajim). Tre volte la promessa è motivata (Gen. soprattutto l’introduzione, che corrisponde esat­
22,17; 26,4.24) con la buona prova di Abramo (in tamente a quella di Gen. 22,16 (nisba td làhem
Gen. 22); in questi passi, inoltre, la promessa del­ bàk), ma anche la formulazione ’arbeh ’et-zar'à-
la grande crescita è sempre strettamente riferita a kem k'kók'bé hassàmajim (cfr. Gen. 26,4). A con­
quella della benedizione. fronto della promessa del paese, ripetutamente ri­
Il «brano principale» di questo gruppo è quin­ presa (Ex. 13 ,5 ,11; 3 2,13; 33,1; Num. 11,12 ; 14,
di rappresentato dal secondo discorso angelico 16.23; 32>n)> colpisce che nei libri di Esodo e
dopo la prova di Abramo (22,15-18). Alla sua im­ Numeri la promessa di crescita numerosa fatta ai
portante funzione corrisponde l’enfasi che per­ padri compaia soltanto in questo passo. In verità
mea tutto il passo: l’introduzione, col giuramento anche qui è il contesto specifico che la richiama,
di Jhwh «per se stesso» (bi nisba’tt n '’um jhwh, in quanto Mose interviene intercedendo presso
v. 16), la motivazione ripetuta in funzione inclu­ Dio (Ex. 3 2 ,11-13 ) per allontanare la distruzione
siva (w . i6b // i8b... ja'an ’àser //... 'éqeb ’àser), del popolo, minacciata da Jhw h (Ex. 32,10). Nella
il secondo inciso con la promessa di benedizione situazione analoga di Num. 14 ,11 ss. risulta inve­
(v. 17301,: un accentuato bàrèk ’dbdrek'kà, par. v. ce in primo piano nella narrazione principale il te­
i8a: w'hitbdrdkù b'zar'dkd kól gójé hd’àres); la ma del «paese».
promessa di crescita numerica sta al centro (insie­ Sulla medesima linea si pone anche la promes­
me con una promessa del paese formulata ripren­ sa a Agar/Ismaele di Gen. 16,10: la formulazione
dendo la benedizione di Gen. 24,6ob), essa stessa corrisponde alla lettera a quella di 22,17 (harbà
caricata di forte intensità dall’ infinito assoluto e ’arbeh ’et-zar'ék); tuttavia qui manca, nel caso
da un doppio paragone (si noti che questo ricorre della linea collaterale di Abramo, il «giuramen­
soltanto qui) harbà ’arbeh ’et-zar'dkd k'kók'bé to», e il gran numero non viene espresso con un
hassàmajim w'kahól ’àser ‘al-s'fat hajjdm (v. 17). paragone ma con la formula di innumerabilità
Inoltre il riferimento contestuale è molto preciso: (w'ió’ jissàfér mèrób) (cfr. Gen. 32,13).
Abramo, colui che non risparmiò l’unico figlio Elementi redazionali/compositivi, generalmen­
(v. 16), riceve in premio (si differenzia da questa te presenti in tutti i discorsi di promessa (cfr.
lettura R.W.L. Moberly, V T 38 [1988] 320 s.) una Hoftijzer; Westermann; Rendtorff e altri), infor­
discendenza innumerevole. Qui si nota al con­ mano anche i testi di questo gruppo, come si può
tempo una nuova accentuazione rispetto al rac­ rilevare soprattutto in Gen. 16,10; 22,15-18 già
conto (preesistente) nel quale il proprio timore di dalla struttura del testo (cfr. ad es. Blum 317. 320;
D io di Abramo non si dimostra soltanto con la per Gen. 22,15 SS-I di diverso parere J. van Seters,
sua ubbidienza (per la questione Blum 322 ss.). Abraham in History and Tradition, N ew Havcn
Il primo discorso con la promessa a Isacco - London 1975,230 ss.). Più precisamente, essi ap­
(26,3-5) è chiaramente formulato corrispondente­ partengono a un filone redazionale del Pentateu­
mente a 22,15-18 (anche se qui, in conformità al co che va attribuito alla costituzione della tradi­
contesto immediato, è in primo piano la promes­ zione (in senso molto Iato) dtr. (la cosiddetta
sa del paese) (Blum 363 s. con bibl.; Kòckert 171 «composizione D»). Questo aspetto andrebbe
ss.). Nel discorso, anche qui costruito con im­ sviluppato analizzando il complesso del profilo e
pianto concentrico, la riprova della specularità è delle connessioni dei passi in questione, ma può
data dalle espressioni riprese letteralmente: 26,58 essere già seguito e ricostruito esaminando le com­
= 22,i8b (ubbidienza di Abramo; 26,5b è forse, in ponenti delle promesse di crescita: 1) nel Deu­
153 (vii,3° 3 ) rab (E. Blum) (vu,j04) 1 54

teronomio la promessa di crescita passa in secon­ sua fede conteggiata come s'dàqà). La promessa
do piano rispetto a quella del paese (analogamen­ della crescita esponenziale - conformemente al
te a quanto avviene in Esodo e Numeri). Ma quan­ carattere di tutto il capitolo - è sviluppata narra­
do si fa riferimento a una siffatta promessa divina tivamente con gli elementi «stelle del cielo» e «in­
ai «padri», si parla di una crescita numerosa (for­ numerabilità», che più tardi ricorreranno come
mulata con rdbà hif.) garantita con un giuramen­ formula, trasformati e tradotti in una scena di
to (sb' nifi sb')', cfr. Deut. 13 ,18 e 7,12 s. (cre­ grande effetto (vv. 4 s., senza rbh hif). Tutto som­
scita del popolo e~fertilità deL suòlo" [v. 13] rap­ mato, però, in Gen. 15 la promessa della «nume­
presentano il contenuto della berit citata al v. 12). rosa discendenza» passa in secondo piano rispet­
- 2) La formulazione con rbh hif + zera‘ ricorre to alla promessa del «paese». A ciò corrisponde il
esclusivamente in testi d’impronta dtr.: Ios. 24,3 fatto che il giuramento della crescita numerica,
('wd’arbeh ’et-zar'ó, con riferimento ad Abramo) con tutte le sue importanti implicazioni e possi­
e Ier. 33,22 (quale promessa per i discendenti di bili sviluppi, resta riservato a Gen. 22 (v. sopra).
David, con la formula di innumerabilità e il para­ E qui e nella successiva storia di Isacco (Gen. 26)
gone con s'bd’ hassdmajim) (cfr. anche Dan. 3,36 che le promesse di D formulate con ràbà hif
LX X ). - 3) Il paragone con le «stelle del cielo» è hanno il loro evidente baricentro. Si avvia forse
presente, oltre che nei testi suddetti del filone D, già qui, all’ interno dell’A.T. stesso, l’illustre sto­
unicamente in testi deut./dtr. o in testi da essi di­ ria della ricezione del racconto della «legatura di
pendenti: Deut. 1,10 ; 10,22; 28,62 (ogni volta ke- Isacco» (Moberly, V T 38 [1988] 322)?
kók'bé hassdmajim Idrób); Nehem. 9,23 (b'nè- Nel quadro delle ipotesi tradizionali riguardan­
hem hirbìtd k'kòkfbè hassdmajim)', 1 Chron. 27, ti il Pentateuco, i brani menzionati (ad es. Gen.
23; un discorso simile vale per la formula d’innu­ 22,15 ss-> Ex. 32,7 ss.) sono considerati, o erano
merabilità là’ jissdfèr mérób di Gen. 16,10; 32,13 considerati, dal punto di vista della storia lettera­
(in merito Blum 154 ss.) in 1 Reg. 3,8; 8,5 // 2 ria, per la maggior parte elementi redazionali
Chron. 5,6; Ier. 33,22; Hos. 2 ,1. - 4) In questo relativamente recenti («JE» o «Dtr.»). Se invece si
gruppo di testi ha particolare e grande importan­ seguono le connessioni qui appena accennate più
za il comportamento di Abramo, che viene citato in là, oltre i limiti del Pentateuco, si delinea un
come motivo della promessa. L ’ immagine del grande affresco che l’opera storiografica dtr. già
modello di ubbidienza, per amore del quale Dio presuppone e ingloba (cfr. E. Blum, Israel à la
rinnova il giuramento della promessa, trova il suo montagne de Dieu, in A. de Pury, ed., Le Penta-
riscontro più prossimo nell’importanza di David teuque en question, Le monde de la Bible, Genè­
nell’opera storiografica dtr. Se nella concezione ve 1989, 271-295). Comunque questo gruppo di
dtr. David è «il prototipo dell’unto perfettamente testi relativi alla crescita numerica presuppone la
ubbidiente» (G. von Rad, ThB 8 [1958] 201 con catastrofe storica di Giuda e formula su tale sfon­
citazioni) e al contempo il 'ebed per amore del do, con la massima intensità, l’impegno con cui
quale Jhwh non abbandona i discendenti di Da­ Jhwh si è legato al futuro del popolo. In linea di
vid e Giuda, nonostante la loro disubbidienza (/ principio questo è il contesto storico anche di tut­
Reg. 11,13.32.36 ; 15,4; 2 Reg. 8,19), senza che i ti gli altri testi della promessa che si esamineran­
due aspetti vengano esplicitamente collegati tra di no qui di seguito (ma v. sotto, su Ier. 30,19).
loro (analogamente in Ps. 13 2 [v. 10: ba'àbùr Ancora un altro aspetto, nel gruppo di testi in
dàwid 'abdekà - Gen. 26,24; ba'àbùr ’abrdhdm esame, caratterizza complessivamente le attesta­
'abdi]), allora Gen. 22,15 ss- * un passo ulteriore zioni: il costante rapporto tra crescita e benedi­
verso questo collegamento. Anzi, poiché la pro­ zione. La fertilità del suolo e l’accrescimento de­
messa mantiene anche nel presente la sua validità mografico sono spesso il contenuto per eccellen­
portante, il timore di Dio di Abramo acquista, za della benedizione.
nella prospettiva del lettore, quasi valore vicario b) Caratteristica dei testi sacerdotali del Penta­
(cfr. Kòckert 176 e n. 57 col riferimento al ruolo teuco è la formulazione della benedizione della
di Abramo nella storia della salvezza secondo la crescita con la coppia lessicale pàrà (-» prh) + rà­
letteratura postcanonica). - 5) Alcuni dei suddetti bà qal o hif. Il costrutto ricorre in Gen. 1,22.28;
tratti si riuniscono in Gen. 1 5, il testo base della 8,17; 9,1.7; 17,2.6.20; 28,3; 3 5 ,11; 47,27; 48,4; Ex.
promessa del paese (vista come giuramento e b '­ 1,7; Lev, 26,9. I testi con la benedizione sono
rit) del filone D: anche (e di nuovo soltanto) qui formulati di regola con l’imp. qal o (così in Gen.
le promesse sono presentate come «ricompensa» 28,3) con lo iussivo hif. (eccezioni: Gen. 17,20:
per Abramo (v. 1: s'kàr'kà harbèh me’Sd; v. 6: la w f-perf.; 48,4: hinnéh + ptc. + hif.) e sono intro­
«55 ( v i i , 3 0 4 ) rab (E. Blum) (vii,305) «56
dotti/collegati con brk p i Costituiscono eccezio­ per gli uomini significa invece continuità: 9,ib
ni le promesse di Gen. 17,2 + 6 e Lev. 26,9 (en­ (p’ rù ùr’ bù ùmil’ù ’et-hà’àres) riprende invece la
trambe le volte collegate con b’ rit), l’annuncio in formulazione di 1,28 e col v. 7 forma un’inclusio­
Gen. 8,17 e naturalmente la constatazione dell’av- ne che inquadra le nuove disposizioni (w . 2-6).
venuta crescita numerica in Gen. 47,27; Ex. 1,7.
Insieme con altri temi guida del documento sa­ La ridondanza in Gen. 9,7 viene solitamente atte­
nuata congetturando al posto di ùr'bu-bà alla fine
cerdotale, le promesse di crescita demografica se­
del v. 7 ùr’ dù-bà, in analogia con 1,28. Il rimando a
gnano la struttura fondamentale della «storia del­ 1,28 è tuttavia fuor di luogo, perché in 1,28 ràda si
la creazione», cioè la geometria divina disegnata riferisce agli animali e non alla terra. Anche l’aggiun­
nella creazione. ta di xaTaxupieójaTE aìnrfc (dopo ~Ar]-S'jvECT'3 e èn
La benedizione della creazione per gli animali aù-f,<;) in vari mss. dei LX X riprende la corrispon­
dell’acqua e del cielo (Gen. 1,22) e per gli uomini denza con kibsuhà in 1,28 (e 9,1 LXX).
(1,28) include, oltre alla crescita numerica (p’ rù
ùr’ bù), il «riempimento» (mil’ù) dello spazio vi­ La promessa della benedizione della crescita
tale destinato a ciascuno e nel caso dell’uomo an­ fatta ai padri d’ Israele indica (oltre ad altri segna­
che la «sottomissione» (kbs) della terra (con la li, cfr. ad es. i7,2b con 9,7) il nuovo inizio all’ in­
coltivazione dei campi?) e il dominio sugli ani­ terno della creazione. La singolare distribuzione
mali (v. 28b). La benedizione costituisce un ele­ (nel caso di Abramo in un unico passo [Gen. 17];
mento integrale della «prima esecuzione» di que­ per Isacco mai; tre volte invece nel caso di Gia­
ste opere della creazione e le dota della capacità cobbe [Gen. 28,3; 3 5 ,11; 48,4]) integra a questo
di sopravvivere continuativamente (O.H. Steck, proposito, in modo complementare, la distribu­
F R L A N T 116 , 1981, 65. 68 s. 156). Il fatto che zione delle promesse presacerdotali. Nella storia
non venga pronunciata alcuna benedizione di cre­ di Giacobbe le pericopi sono inoltre importanti
scita per gli animali di terra (v. 25) è un aspetto per l’articolazione redazionale: si trovano ogni
dell’ «impedimento di conflittualità» tra gli uomi­ volta prima o dopo la permanenza di Giacobbe in
ni e quegli animali che dividono con loro il pro­ «Paddan Aram» (nel contesto di tradizioni di
prio spazio vitale. Serve al medesimo scopo an­ Betel) e alla fine della sua vita.
che l’assegnazione di un nutrimento esclusiva­ Insolita è, per diversi aspetti, Pinterpolazione
mente vegetale, e inoltre di vario genere. L ’esecu­ in Gen. 17: prh e rbh hif. appaiono qui distribuiti
zione di questa disposizione è narrata nella storia tra due diversi discorsi di Dio (vv. 2 e 6), con rbh
delle origini dopo la transizione marcata da wa- hif. nel primo passo e inoltre non unito con brk,
j'hi-kèn al v. 30 (Steck): le direttive riguardanti ma inserito in una b’ rit «personale» con Abramo
l’alimentazione e il rapporto con gli animali so­ (vv. 2-6). Queste particolarità e l’intensità delle
prattutto nel materiale non sacerdotale (!) di Gen. formulazioni corrispondono alla posizione sco­
2 ss., e nelle genealogie la crescita demografica pertamente redazionale, non solo in quanto ini­
(Gen. 5 e in 6,1: hèhél hà’àdàm làrób ’al-pné hà- zio della genealogia d’Israele, ma anche in consi­
’àdàmà [!]). Questo senso concreto della benedi­ derazione al ruolo della mancanza di figli (avuti
zione della creazione non soltanto ne vieta l’ap­ da Sara) di Abramo nel contesto immediato. Il
plicazione tipologica ristretta all’Israele esiliato rapporto con gli altri testi resta comunque pre­
(Brucggemann), ma impedisce anche di mettere servato. Così si segnala anche la correlazione del­
Gen. 1,28 in rapporto con la storia d’Israele se­ la terminologia mediante la formulazione paralle­
condo lo schema promessa-adempimento (Loh­ la w e’arbeb ’ót'kà bim’ód m” ód (v. 2) - w ehif reti
fink, VTS 29, 1978). Invero i punti fermi fìssati in ’ót’ kà bim’òd m” òd (v. 6). Anche la successione
1,28-30 hanno, prima di tutto, la loro propria dei verbi, diversa dal solito, non sembra del tutto
storia: dopo la comparsa della violenza (hàmàs, casuale: se si aggiunge il brk pi. del v. 16 (riferito
6,i 1; cfr. Gen. 4) e dopo il diluvio, una disposi­ a Sara; nei L X X anche a Isacco), si ha qui di nuo­
zione modificata si limita al «contenimento della vo la consueta triade in ordine inverso (Lohfink,
conflittualità»; cfr. la concessione agli uomini di A O A T 1 8 ,1 3 1 n. 3) per poi ritornare alla sequen­
usare gli animali per nutrirsi e la nuova qualità za abituale al v. 20, con la promessa a Ismaele.
del dominio sugli animali in Gen. 9,2-5/6. A que­
Comune a tutti i testi sacerdotali relativi ai patri­
sto nuovo ordine fa riscontro anche la promessa archi è il tratto che le benedizioni (o la b’ rit) di cre­
della crescita a tutti gli animali in generale (assi­ scita numerica vengono seguite da promesse relative
curazione, ma non benedizione): w ’ sàr’ sù bà’àres al divenire popolo. Il nome di Abramo è interpreta­
ùfàrù ùmil’ù ’et-hà’àres (8,i7b). La benedizione to (Gen. 17,5) come ’ab-hàmón gójim-, egli e Sara di­
i 57 ( v ii, 3° 6) rab (E. Blum) ( v i i , 307) 158

venteranno «popoli» (gójim) e da loro discenderan­ so tempo, la somma delle promesse per Israele vie­
no (w . 6.16) «re (dei popoli)» (m'iàkim / malkè 'am- ne messa parcneticamente in relazione all’alterna­
rriim) (promessa analoga per Ismaele, v. 20: «dodici tiva benedizione-maledizione (Lev. 26,1 ss.). Per
principi [nesVim]» «un grande popolo»). Con le po­ Lohfink ciò palesa un «mutamento» della conce­
polazioni che discendono da Àbramo prosegue
zione di P in direzione della teologia dtr. Resta
quindi l’espansione dell’umanità. Su questo sfondo
risalta ancora di più, allora, l’esclusivo vincolo della tuttavia da chiedersi, se la fondamentale cassazio­
b'rit con il solo Isacco (w . 19.21). Nel caso di Gia­ ne della responsabilità d’Israele, che si presuppo­
cobbe si dice che diventerà un q'kal 'ammim (Gen. ne costituire la concezione di P, sia davvero con­
28,3; 48,4) o gój ùq'balgòjim (35,11; v. n b : promes­ cepibile per una forma di tradizione che deve «ca­
sa di re). Dato che qui si può trattare unicamente di pire» in un’ottica teologica l’esperienza catastro­
Israele, q'hal 'ammìm significherà «una schiera di fica dell’esilio. Proprio nella successione di una
tribù» (Gross 95 s.). Difficile resta invece l’espres­ benedizione illimitata di crescita e di una promes­
sione q'halgójim in 35,11. Si potrebbe pensare a un sa «condizionata» di crescita si riflette la sequen­
riferimento (unico caso con gójim) alle tribù israeli­
za caratteristica di tutta la composizione sacerdo­
tiche, a un’allusione alla coesistenza dei due regni di
Israele e di Giuda (Blum 457) oppure (soluzione più tale, tra disposizioni divine incondizionate e una
probabile) a un’iperbole per indicare una copiosa conformità a esse richiesta a Israele con la parene-
moltitudine-in analogia con meló’ haggdjim di Gen. si (Lev. 1 1 ss.) che certamente, dati tutti i fallimen­
48,i9b (riferito a Efraim!). (Per l’immagine della co­ ti d’Israele, viene superata radicalmente dalla b'rit
stituzione d’Israele qui sottintesa cfr. in particolare data una volta per tutte (Lev. 26,41 ss.).
Gross). 2.a) Soltanto una volta la «crescita» demografi­
Gen. 47,27 ed Ex. 1,7 constatano la crescita de­ ca d’Israele diventa l’elemento che muove la nar­
mografica d’Israele in Egitto. Il «raddoppiamen­ razione: in Ex. 1. Il loro pesante assoggettamento
to» crea una sutura redazionale che probabilmen­ al lavoro forzato è provocato dal timore del farao­
ne che gli Israeliti ('am benè jisrà’èl) siano troppo
te aveva una funzione anche in vista di «divisioni
in libri» divenute necessarie. Comunque Ex. 1,7 numerosi (rab we‘àsbm mimmennù, v. 9) e pos­
si allontana per molti aspetti dalla formulazione sano diventarlo ancora di più (pen-jirbeh) e rap­
presentare una «quinta colonna» (v. 10). Ma più
tipizzata.
si opprime il popolo, più questo cresce (jirbeh //
Certo - salvo che per ’àsam (-> 'sm) - tutte le com­ jifròs). Le mosse successive del faraone mirano
ponenti appaiono anche negli altri passi di riferimen­ proprio a bloccare tale crescita; in un primo mo­
to (per sàras cfr. Gen. 8,17; 9,7; per bim’òd me’òd mento celatamente, con l’ordine impartito alle le­
Gen. 17,2.6; per màlè” et-bà’dres Gen. 1,28; 9,1), tut­ vatrici di uccidere ogni neonato maschio ebreo. Il
tavia salta all’occhio che nella sequenza dei quattro
timore di Dio delle levatrici fa fallire questa mi­
(!) verbi sia stato abbandonato il costrutto fisso para
+ rabà. Si deve inoltre spiegare come mai proprio il sura e di nuovo il racconto registra l’ulteriore cre­
collegamento di ràbà con 'àsam abbia i suoi riscon­ scita numerica degli Israeliti (wajjirbù hà'àm waj-
tri nel contesto immediato non sacerdotale (w . 9 e ja'asmù me‘ód, v. 20; cfr. BHS). Così al faraone
20). Per questo vari esegeti hanno suggerito che vi sia non resta altro che ordinare apertamente al pro­
stato un adeguamento redazionale secondario del te­ prio popolo di uccidere i neonati maschi d’Israele
sto «P» (cfr. W.H. Schmidt, BK ufi, 1 1 s. con bibl.), (v. 21). Tuttavia anche l’esecuzione di quest’ ordi­
il che non spiega comunque lo scioglimento del co­ ne non ha seguito - almeno nel racconto. In ef­
strutto ràbà-pàrà. Più semplice è l’ipotesi che già nel fetti, già la singolare formulazione dell’ordine del
testo sacerdotale l’associazione di wajjirbù e wajja-
faraone ha presente la nascita e la salvezza del li­
'asmù fosse stata indotta dal contesto, e la ricostitu­
zione della coppia con para abbia comportato l’in­ beratore (Ex. 2,1-10). Nonostante tutto ciò, pro­
troduzione di un termine collaterale. prio la crescita d’Israele diventa in Ex. 1 espressio­
ne del segreto disegno di Dio.
La promessa sacerdotale di crescita compare
per l’ultima volta in Lev. 26,9: w'hifrètì ’etkem In Ex. 1,20.21 da sempre si è notata la costruzio­
w'hirbètì ’etkem. La formulazione corrisponde a ne ridondante. Dato che i w . 2oa.2ib costituiscono
un’unità convincente, si potrebbe vedere nel com­
Gen. 17 (w . 2.6.20) e così anche il nesso con bari­
mento circa la crescita del popolo un’aggiunta (v.
ti (cfr. anche la successione in Gen. 9,7.9). Il testo 2ob) inserita prima dell’inciso riassuntivo del v. 2ia
appartiene a una pericope che riunisce i temi guida (cfr. B. Baentsch, GH K 1/2, 8). Certo è possibile con­
della composizione sacerdotale (Lohfink, A O A T siderare anche tutto il v. 21 una glossa indotta dal v.
18) e chiude un arco concettuale (E. Blum, Studien 2ob (così W.H. Schmidt, BK ufi, 19). Comunque si
zur Komposition desPentateuci) 257 ss.). Allo stes­ vedano le cose, mediante l’inclusione con il v. 9b e
159 (v,i>3°7) rab (E. Blum) ( v i i , 308) 160

riprendendo il v. i2a, il v. 2ob porta la sequenza nar­Mosè presso il monte Horeb!): «Jhwh, vostro
rativa a una felice rifinitura prima dell’ultimo cre­ Dio, vi ha moltiplicati (hirbà ’etkem) e oggi siete
scendo. numerosi come le stelle del cielo» (segue l’augu­
rio della benedizione di un ulteriore accrescimen­
Non è un caso che l’elemento della grandezza
to con jósèf ‘dlèhem). Poi con una formulazione
d’Israele di Ex. 1 venga ripreso in Ex. 5,5 in una
analoga in 10,22: «Con 70 anime i tuoi padri sono
riflessione del faraone - dopo la prima trattativa
scesi in Egitto e ora Jhwh, tuo Dio, ti ha reso nu­
per l’esodo e prima del drastico inasprimento del
meroso come le stelle del cielo». Infine, nel co­
lavoro forzato: «Essi sono già adesso più nume­
siddetto «piccolo credo storico» il medesimo con­
rosi (rabbim) della popolazione del paese (mè'am
cetto è formulato come «divenire popolo» (26,5):
hà’àres) e volete già farli riposare dal lavoro?». Il
il padre che era migrato in Egitto «vi dimorò da
problema iniziale, rimasto irrisolto, determina ora
straniero con poca gente e vi divenne un popolo
il rinnovato acuirsi del conflitto.
grande, potente e numeroso (gój gàdól 'àsùm wà-
L ’idea di fondo in Ex. 5,5 a resta tutto sommato ràb)-» (per questa formulazione unica -> voi. vi 972
immutata, che si segua la lezione del T.M. (‘am hà­ s.). Certo non si dice esplicitamente che la cresci­
’àres soggetto della frase nominale) o quella del Sa­ ta in Egitto sia opera di Dio, ma contrapponendo
maritano (mè'am hà’àres). Entrambe le lezioni pre­ esplicitamente il padre «errabondo» con la sua
sentano proprie difficoltà: nel primo caso si è co­ poca gente al popolo innumerevole che ne è di­
stretti a postulare un significato particolare per 'am sceso si evoca l’aspetto meraviglioso di una cre­
hà'àres (GesB 597: «plebaglia, gentaglia»); nel se­ scita immensa. Questo elemento compare rara­
condo la sintassi presenta una certa durezza (manca
mente nei sommari storici, e solo qui è di singo­
il soggetto pronominale). Questa incertezza sintatti­
ca (e la suggestione di Ex. i,7b?) potrebbe aver certo lare rilevanza. Lo si ritrova soltanto in Ps. 105, an­
indotto la lezione del T.M. cora una volta in contrapposizione con lo sparu­
to gruppo dei padri (cfr. Ps. 105,12 con Deut. 26,
L ’inizio della storia presacerdotale dell’esodo 5a), e nella sequenza: soggiorno da straniero in
trova un’ultima eco narrativa al principio della Egitto (v. 23) - crescita demografica (v. 24) - op­
storia di Balaam. Gli Israeliti usciti dall’Egitto su­ pressione per mano egiziana (v. 25). Ma ora, nel
scitano i timori di Moab e del suo re, a causa del salmo, si dichiara esplicitamente che la crescita è
loro grande numero, spingendoli a chiedere l’in­ opera di Jhwh: wajjefer ’et-'ammó me’ód. Inoltre
tervento di Balaam (Num. 22,3-6). La coinciden­ il salmo ha davanti agli occhi il Pentateuco riela­
za tra Num. 22,3b (wajjàqos mò’àb mippenè bené borato (non solo Deut. 26; per il v. 24 cfr. Ex.
jisrà’el) e Ex. i,t2 b (wajjàqusù mipp'né benè jis- 1,7!). La crescita è menzionata anche in Ios. 24,3
rà’él) può essere considerata una vera e propria —ma si parla genericamente del «seme» di Abra­
«citazione» di Ex. 1 (W. Gross, Bileam, StA N T mo - e in Nehem. 9,23 —ma con riferimento alla
38, 1974, 6 j. 90 s. 146 s. giudica Num. 22,3b una generazione della conquista del paese (!). L ’«as-
aggiunta isolata «che si rifà a Ex. 1,12»; ma se si senza» più vistosa dell’elemento della crescita si
considera la possibilità di una «citazione» [par­ ha in 1 Sam. 12,8, dove tra l’arrivo di Giacobbe in
ziale anche al v. 3a] non si relativizzano anche le Egitto e il grido a Jhwh si deve necessariamente
ragioni chc andrebbero addotte per l’ipotesi di un pensare anche all’oppressione patita sotto gli Egi­
raddoppiamento?). Viene ripresa anche la defini­ ziani. Viceversa l’oppressione è nuovamente mol­
zione del popolo (‘am) come («troppo») rab e to importante per Deut. 26 (vv. 6 e 7): si deve forse
‘àsùm (Ex. i,9b), solo distribuita su due versetti: pensare qui anche a Ex. 1 con il suo collegamento
al v. 3a («Moab fu preso da grande paura a causa tra la grandezza del popolo e la repressione egi­
del popolo ki rab hi<’ ») e al v. 6 («Avanti, maledi- ziana?
cimi questo popolo, ki 'àsùm hù’ mimmennù»). Il discorso sulla grandezza d’ Israele perviene
Vengono così evocate per i lettori associazioni e al suo culmine parenetico solo con l’ immagine
attese analoghe; l’unico presupposto è la cono­ capovolta di Deut. 28,62 s. Adottando il linguag­
scenza della tradizione dell’esodo e non si tratta gio di Deut. 1,10 ; 10,22 («Numerosi come le
necessariamente un accostamento compositivo (-» stelle del cielo») e di 26,5 (soltanto in questi due
voi. vi 971 s.). passi dell’A.T. compare l’espressione meté me'àt;
b) N el Deuteronomio una serie di enunciati in 28,62 si riprende anche la preposizione usata in
mette in risalto l’avvenuta crescita d’Israele quale 26,5; cfr. per contro il parallelo di 4,27), l’ affer­
prova dell’attenzione benevola di Jhwh. Il primo mazione viene capovolta: se Israele cade per pro­
in Deut. 1,10 (nella citazione di un discorso di pria colpa sotto la maledizione resterà nuovamen­
i 6 i ( v i i , 309) rab (E. Blum) ( v i i , 310) 162

te «con poca gente» (v. 62), l’opera di Jhwh della re, ma tra le privazioni del «deserto», in una si­
moltiplicazione (rbh hif.) si trasformerà nell’az­ tuazione che dev’essere interpretata come «situa­
zeramento d’ Israele (v. 63). Ma l’opera di Dio zione della prova» (N. Lohfink, SBS 100, 60-63).
non si ferma neanche qui. Deut. 30 ,1-10 guarda Nella storiografia la grandezza d’Israele viene
ancora più in là, al tempo dopo il giudizio: per un inoltre messa in risalto (senza l’aspetto della cre­
Israele pronto a ravvedersi il v. jb formula a sua scita) soprattutto per l’epoca ideale di Salomone:
volta l’immagine contraria di 28,63 (rbh hif. dopò nella sua preghiera (con rielaborazione dtr.) a Ga-
jtb hif. solo in questi versetti!), una crescita nel baon Salomone motiva la richiesta di un «cuore
paese di cui Israele ha preso nuovamente posses­ che ascolta» con la grandezza del popolo che egli
so e che supererà quella del passato (cfr. anche la deve giudicare. In questo passaggio si hanno in
promessa della fertilità in 30,98 [con jtr hif], che parallelo 'am rab (+ doppia formula di innumera­
al v. 9b viene ulteriormente estesa con il ricorso bilità; 1 Reg. 3,8) e hà'àm hakkàbèd hazzeh (v. 9)
alla terminologia di 28,63). Così questa parenesi (cfr. anche Gen. 18,20; ler. 30,19; Nah. 3,3.15 s. e
dtr. postesilica tarda si riconnette alla situazione in merito Kselman). Il nesso tra la sapienza del re
dei suoi destinatari: diventare un popolo parten­ e la grandezza del popolo si trova anche nel mes­
do da origini non appariscenti diviene il paradig­ saggio di Hiram (dtr.) in 1 Reg. 5,21 (hà'àm hà-
ma promettente per coloro che sono già passati ràb hazzeh) e nell’aggiunta dei L X X rispetto al
attraverso il grande giudizio. T.M. in 2,463, nella quale viene utilizzato / Reg. 4,
Per il resto, la crescita appartiene anche altrove 20 (T.M.) (con il peculiare pleonasmo rabbim...
al repertorio delle promesse di salvezza incluse làrób, cfr. Ios. 11,4; Iud. 7,i2b). Già prima l’eser­
nella parenesi dtr., anche se con minore frequen­ cito di tutto Israele è detto, con la retorica di Cu-
za. Oltre al suddetto Deut. 30,9 ci sono altri cin­ sai, «numeroso come la sabbia in riva al mare» (2
que passi con rdbà: ràbà qal insieme con hàjà in Sam. 17 ,11) .
Deut. 8,i e 30,16; in 6,3 con jtb qal (se è lecito Solo apparentemente contraddittorio è il topos
completare, come nei L X X , la frase incompleta di dei popoli stranieri che sono più numerosi, o più
6,3b T.M. ottenendo una promessa del paese, al­ potenti, di Israele. Qui si tratta degli abitanti del
lora il collegamento stabilito per via del contenu­ paese e della loro cacciata, o del loro sterminio. La
to con la prima frase relativa dimostra che la se­ formulazione è notevolmente unitaria: per «po­
conda [wa'àser tirbùn me'ód] è un’aggiunta [il poli» si usa sempre gójim, 4 volte definiti gedólim
numero gramm. cambia]); rbh hif. in 7,13 (insie­ wa'àsumim (min) (Deut. 4,38; 9,1; 11,2 3 ; I ° s- 23 >
me con brk pi. e riferito alla b'rit con i padri ricor­ 9), e sempre come oggetto di jàras qal o hif Tipi­
data al v. 12) e in 13,18 (dopo rhmpi. e con l’espli­ co di Deut. 7 è il nesso con rabbim (w . 1.17 ; al v.
cito riferimento a un «giuramento di crescita» fat­ 1 una volta gójim rabbim wa'àsumim mimmek-
to ai padri). Quest’ultimo testo, l’ unico nel corpo kà; cfr. anche Ps. 135,10). Lo stereotipo della
delle leggi, non decreta a caso le norme per l’ap­ grandezza strapotente dei popoli del paese si basa
plicazione dell’interdetto a una città infedele a sulla tradizione di una popolazione aborigena gi­
Jhwh: alla perdita di una sola città viene contrap­ gantesca - tanto in Ammon e Moab (Deut. 2,10.
posta la promessa della crescita. - Inoltre nel 21: 'am gàdól w ‘ rab wàràm kà'ànàqìm) quanto
Deuteronomio compaiono anche altre promesse anche in Canaan (Deut. 1,2 8 :... 'am gàdól wàràm
di crescita e di fertilità per uomini e animali for­ mimmennu - w egam-benè ‘ànàqim; 9,2: 'am gà­
mulate senza ricorrere al nostro gruppo lessicale: dól wàràm benè ‘ànàqim), tradizione che si trova,
cfr. Deut. 1 ,1 1 (jsp hif); 7 ,13 ^ 14 ; 28,4 (brk); 28, tra l’altro, in quella degli esploratori (Num. 13,28
1 1 ; 30,9 (jtr hif.). - Con una peculiare espressio­ ss.). I termini con cui Ios. 11,4 descrive la supe­
ne «dialettica», Deut. 8 riprende l’idea dell’ab­ riorità militare dei popoli del paese, «un grande
bondanza della benedizione: benessere, cibo ab­ esercito (’am-ràb), numeroso come la sabbia del­
bondante e molti beni (8,13: 3 volte la radice rbh) le rive del mare, e molti cavalli e carri», possono
minacciano di trasformarsi nel paese in un peri­ però essere usati in Deut. 20,1 parlando in gene­
colo, se comportano l’oblio di Jhwh e una falsa rale di un nemico strapotente (sùs wàrekeb 'am
fiducia in se stessi (8,11.14 .17 ). In questo senso rab mimm'kà) che Israele non ha bisogno di te­
già il cammino nel deserto, con le privazioni pati­ mere. È questo infatti sempre lo scopo dell’argo­
te, mirava pedagogicamente all’ esperienza della mento della superiorità: il popolo ha puntato sul­
totale dipendenza da Jhwh (8,2 s.14 s.). Il messag­ l’aiuto di Jhwh e può affidarsi a lui. In Deut. 7
gio è probabilmente diretto a un Israele postesili- questa tematica è presente con una particolare
co —che non vive (più o non ancora) nel benesse­ concentrazione e con una formulazione indipen­
i 6y ( v i i , 3 i o ) rab (E. Blum) ( v n , 3 i i ) 164

dente, e inoltre con una nota teologica particolar­ mento idrico di Gerusalemme (galleria di Siloe), e
mente forte (7,7): Jhwh non ha scelto Israele per­ O.H. Steck (1990), che interpreta la diatesi passiva
ché fosse il più grande tra tutti i popoli (ló‘ mè- in riferimento alla deportazione da Gerusalemme
nell’esilio. In effetti il passaggio concettuale da «roc­
rubb'kem mikkol-hà'ammim), dato che in realtà
cia» a «Sion» è breve (-> voi. vii 604 s.); con Janzen e
di tutti è il più piccolo (’attem ham“ at mikkol- Steck si può anche far notare il collegamento ideale
hà'ammim), ma per amore e per fedeltà al giura­ tra bór e il v. 3afi (parola ponte: fornitura idrica) (cfr.
mento fatto ai patriarchi. Questa non è soltanto anche mqbt con hnqbh nell’iscrizione di Siloe, KAI
storia, in quanto rispecchia un autoritratto di G iu­ 189,1 ). Ma è altrettanto vero che non si possono igno­
da così come era e si vedeva dopo l’esilio. Da un rare il rapporto col v. 2a, la formulazione rigidamen­
punto di vista teologico qui (e in Deut. 9,1 ss.) non te parallela, i diversi ponti associativi tra maqqebet
dovrebbe trattarsi semplicemente del principio bór e sarà t'hòlel'kem: maqqebet - n'qèbà - bajil -
sola gratta (in una discussione critica con una con­ neqeb - hll, bór - «donna» (Prov. 5,15 ss.); per il
rapporto tra sùr e «padre» si potrebbe sempre citare
cezione «nomistica», così -* voi. vi 974 s.) (cfr. la
Deut. 32,i8a (dove però il riferimento è a Dio). Se si
continuazione in 7,9 ss.), quanto della garanzia aggiunge il nucleo del discorso, che nel contesto
concreta chc la «fedeltà al patto» di Dio continua immediato (Is. 49,14 ss.; 50,1 ss.; 54,1 ss.) verte sulla
a essere valida anche nel presente, oltre il giudi­ «madre Sion», si arriva alla spiegazione che nel no­
zio (7,9b). stro testo ci si trova davanti a una fusione di due im­
c) La tematica della «crescita d’ Israele» subi­ magini sovrapposte: il v. ib si riferisce dapprima alla
sce, com’era prevedibile, una forte accentuazione madre Sion (probabilmente anche all’idea della de­
nella profezia esilica e postesilica. In realtà anche portazione violenta, se i verbi dovessero avere il pro­
prio valore autonomo e non fossero soltanto condi­
qui il gruppo lessicale in esame riguarda soltanto
zionati dalla metafora della roccia); ma ancora pri­
una parte dei testi chc contemplano tale tematica ma che venga descritta la sua trasformazione (v. 3),
(cfr. ad es. Is. 44,3; 48,19; 60,22; Ier. 31,27 s.). il v. 2 fa apparire in trasparenza, dietro la prima im­
Is. 51,2 si riferisce (ed è il solo passo a farlo) magine, le sagome dei «primi» due progenitori (e del­
alla tradizione dei patriarchi: «Guardate Abramo, la loro moltiplicazione) —memoria e promessa in­
vostro padre, e Sara, la vostra genitrice, perché sieme. Questo cambio di prospettiva potrebbe esse­
ho chiamato lui, uno solo, e lo benedirò e lo mol­ re stato indotto da 54,1 ss.: le parole dirette alla città
tiplicherò (we>arbéhiJ)». La sequenza: «vocazio­ abbandonata, i cui figli saranno più numerosi (rab­
bim) di quelli (precedenti) della donna sposata, si
ne» - benedizione - moltiplicazione ricorda Gen.
sfumano nella diffusa metafora della tenda (54,3 s.),
12,1 ss., senza che la conoscenza di tale testo spe­ che potrebbe perfettamente far correre il pensiero a
cifico sia scontata (per la questione cfr. C . Hard- Sara (cfr. anche qàrà’ in 51,2 e 54,6).
meier, WoDie 16 [1981] 31 ss.). (La lezione di
iQ Is’ , w ’prhw w ’rhhw, ha negli orecchi il testo Anche in Ezech. 33,24 il ricordo del «solo»
sacerdotale del Pentateuco). Tuttavia il riferimen­ Abramo mira a dare certezza, qui certamente ri­
to alla memoria dei progenitori serve a fornire si­ spetto al dono del paese come argomento dei
cura base argomentativa al discorso d’ incoraggia­ «molti» (rabbim), confutato con la dimostrazione
mento in vista dell’imminente salvezza (js', sdq, profetica della colpevolezza. Con una singolare
vv. 1 e 5): la crescita miracolosa dell’unico è il pa­ inversione, inoltre, la prospettiva viene a corri­
radigma incoraggiante per il presente. A questo spondere: mentre in Ezech. 33 parlano «questi
proposito è indifferente che al v. 2bp si leggano, sfollati che abitano tra le rovine» (jós'bè hehòrà-
con le versioni antiche, forme verbali narrative (il bót hà’èlleh), che devono aspettarsi ancora altri
riferimento ai destinatari resta quindi implicito), massacri, in Is. 5 1,1-3 gli esiliati guarderanno or­
oppure col T.M . forme verbali modali (restando mai alle rovine (horhót) «consolate» di Sion.
quindi implicito il riscontro narrativo). Il passo più antico contenente una promessa di
crescita espressa col verbo ràbà è probabilmente
Una crux interpretum è il nesso di Is. 51,2 col pre­ Ier. 30,i9b: «Io li moltiplicherò (w'hirbitim) in­
cedente v. ib: «Guardate la roccia (sùr) dalla quale vece di diminuirli (weló’ jim'àtà)-, li renderò nu­
foste staccati, e la cavità della cisterna dalla quale fo­ merosi (w'hikbadtim) invece di ridurli a pochi
ste scavati!». La metafora, molto dibattuta (-» voi. (w 'iò’ jis'àrù)». Nel «libretto consolatorio per
v i i 606), viene di solito riferita alla coppia di proge­
Efraim» di Geremia (per il suo contenuto origi­
nitori Abramo e Sara. Ma c’è anche chi difende un
riferimento a Sion, come H.-J. Fabry (-> voi. v ii 606) nario cfr. N . Lohfink, BiblEThL 54 [1981] 3 5 1­
riprendendo la lezione con diatesi attiva dei LX X , e 368), alla descrizione della situazione critica e alle
J.G . Janzen (Harvard Annua! Rcview 10(1986] 139­ ragioni che hanno portato a essa (30,5-7.15-1 j)
1 5 j), che vi vede un riferimento all’approvvigiona­ segue la promessa della ricostruzione e della nuo­
165 (vii,312) rab (E. Blum) (vn,313) 166

va possibilità di vivere una vita piena nel paese ehie sacerdotali? - circa ruolo e necessità dell’ ar­
(30,18-21; 31,2.6). In questo discorso, forse l’as­ ca, non ha presente la Genesi in primo luogo,
sonanza linguistica tra la crescita numerica (rbb bensì appunto Ier. 23,3, come dimostra l’insolito
hif., v. 19) e la grandezza (rób) della colpa (vv. 14 ordine di successione para - rdbà che si unisce in
s.) è voluta (cfr. Lohfink 355), per spiegare la di­ un chiasmo con 23,3 (per l’aspetto tecnico stilisti­
mensione della svolta donata (sub sebùt, v. 18) co cfr. M. Weiss, The Bible from Within, Jerusa­
dal punto di vista di Dio. lem 1984, 95 s. 116).
Anche in alcuni oracoli di salvezza del libro di
Si potrebbe pensare che il notevole testo di Is. Ezechiele la promessa della crescita è espressa con
9,2: hirbitd haggój lo' (congettura corrente: hirbitd rbh hif, soprattutto in Ezech. 36. A i monti d’Israe­
haggilà) con la concezione della crescita numerica
le si promette la crescita numerica degli uomini
del popolo sia stata indotta da Ier. 30,19. —Tuttavia
potrebbe esser sembrato naturale considerare insie­ (36,10), o di uomini e bestiame (36,10 s.). Nel qua­
me e avvicinare tra di loro (forse inconsapevolmen­ dro della nuova vita nel paese rientrano, tra l’ al­
te) i due brani sulla base di elementi del tipo «giubi­ tro, l’aumento della produzione di cereali, di frut­
lo gioioso» (/er. 30,198 / Is. 9,2), sorgere/nascita del ta e di altri prodotti agricoli (36,29 s.) e - accen­
sovrano (/er. 30,21 //$. 9,5). tuato in posizione finale - la crescita numerica
della casa d ’Israele, che come gregge umano - sò’n
La formulazione di Ier. 30,19 (cfr. anche Bar. ’àdàm, dice il singolare paragone - riempirà le
2,34) ha un parallelo molto prossimo nella lettera città desolate. Infine il «patto di pace», la cui pro­
di Geremia ai deportati, con l’esortazione a con­ messa alla fine del cap. 37 costituisce il culmine,
durre una vita normale anche all’estero in vista comprende (secondo il T.M.) anche la crescita de­
del futuro (Ier. 29,6): devono formare nuove fa­ mografica del popolo (37,26). Per questo aspetto,
miglie, moltiplicarsi in terra d ’esilio e non avere come per altri, tale patto è improntato probabil­
una diminuzione demografica (per il testo base di mente a Lev. 26 (cfr. Gross 116 s.; diversamente,
Geremia cfr. W. Thiel, W M A N T 52, 1981, 1 1 s.). ad es., B.C. Levin, F R L A N T 13 7 ,19 8 5 , 216 ss.).
Rispetto a Ier. 30,19, le altre attestazioni in G e­ La terza delle visioni notturne di Zaccaria de­
remia sono decisamente più recenti. Ier. 33,22 scrive la Gerusalemme del tempo della salvezza
presenta una promessa di crescita per i discen­ come una città che a causa della moltitudine (mé-
denti di David e i Leviti sul modello della tradi­ rób) di uomini e bestiame deve rinunciare a esse­
zione dei patriarchi (rbh hif), con un peculiare re delimitata da una cerchia di mura, ma può far­
ricupero della formula di innumerabilità e del pa­ lo anche perché in mezzo a essa (nel tempio) è
ragone con l’ «esercito» del cielo e con la rena del presente Dio che la protegge (Zach. 2,8). Se a tale
mare. Per l’intera sezione Ier. 33,14-26 cfr. Gross visione soggiaccia un dibattito dei primi tempi del
10 6 -112 con bibl. ritorno dall’esilio circa le priorità, cioè se si do­
Ier. 3,16 e 23,3 ricordano la benedizione sacer­ vesse ricostruire prima il tempio o le mura, resta
dotale della crescita nel Pentateuco, con la coppia un interrogativo senza risposta. Comunque sia,
di verbi ràbà + pdrà (che altrimenti compare sol­ crescita demografica e fertilità dei campi ripren­
tanto in Ezech. 3 6 ,11, ma in un’aggiunta, come di­ dono, in quanto aspetti salvifici (oltre alla tradi­
mostrano i L X X e il contesto). I due passi non zionale funzione protettiva) del tempio che risor­
sono indipendenti tra di loro. I vv. 3,14 -18 si ri­ gerà, un’esperienza fondamentale (negativa) del­
chiamano per diversi elementi all’accurata peri­ l’epoca (Ag. 1,3 ss.).
cope redazionale di 23,1-8, composta attorno al Nella tarda età postesilica Zach. 10,8 collega
nucleo della promessa di nuovi pastori/discen­ (come Is. 3,16; 23,3; cfr. il contesto che precede
denti di David. In questa parte conclusiva degli Ezech. 36,29 ss.37 ss.; 37,26) il topos della riunio­
oracoli contro la casa reale i vv. 1-4.7 s- mostrano ne e del ritorno in patria con l’annuncio di una
un’affinità con i testi D del libro di Geremia (W. crescita numerica come quella di una volta (w'rà-
Thiel, W M A N T 4 1, 1973, 247 ss.). Tanto più po­ bù kcmò rdbù). Il metro è comunque generosa­
trebbe meravigliare ritrovare qui una tipica for­ mente esagerato, di certo un Israele davidico-sa-
mulazione «sacerdotale». Tuttavia il problema di lomonico idealizzato: neanche Galaad e il Libano
una dipendenza dalla composizione P (Gross 105) riescono a contenere la moltitudine dei rimpa­
non permette una soluzione, perché non è stata la triati (v. 10).
composizione P a inventare la formula idiomati­ 3. Termini del gruppo lessicale (spec. rab e rób)
ca. Inoltre Ier. 3,16 s., dove qualcuno crede di co­ sono i preferiti quando si tratta di definire «gran­
gliere l’eco di un dibattito postesilico - con cer­ di» le qualità o gli atteggiamenti di Dio. In que-
167 (vii,313) rab (E. Blum) ( v i i , 314) 168

st’uso particolare i derivati di gàdal (cfr. E. Jenni, siglieri non può che risultare utile (Prov. 11,14 ;
T H A T 1 407) o simili sono piuttosto rari. Per il 15,22; 24,6). A l contrario le troppe chiacchiere
contenuto le attestazioni si dividono con relativa (avventate) risultano dannose (Prov. 10,19; Eccl.
organicità in due gruppi, a) In primo luogo il 5,i s j *•)•
discorso circa il potere e le dimostrazioni di po­
Si è cercato ripetutamente di venire a capo di Eccl.
tenza di Jhwh: la grandezza della sua forza (kóàh, 5,6a ricorrendo a libere congetture: kì b'rób hàló-
Is. 63,1; Ps. 147,5; 23,6; ’ónim, Is. 40,26; 'òz, mòt wahàbàlìm ùd'bàrim harbéh. Tuttavia si deve
Ps. 66,3), della sua maestà (gà’ón, Ex. 15,7), della probabilmente leggere il T.M. (come continuazione
sua grandezza {godei, Ps. 150,2), della sua energia del v. 5b): «(per quale ragione Dio dovrebbe adirarsi
(‘àlilijjà, Ier. 32,19) e della sua capacità di soccor­ per la tua voce...) - in verità a causa di sogni rumo­
rere (rab lrhòsid\ Is. 63,1). - b) Il secondo grup­ rosi e vanità e molte parole?» (cfr. già r. Shlomo b.
po parla della sua benevola, indulgente attenzio­ Meir [Rashbam], ed. S. Japhet - R.B. Salters, Jerusa-
ne/fedeltà verso Israele: egli è ricco di bontà (tub, lem 1985, ad /.). Il doppio ki al v. 6 (con significato
diverso) corrisponde ai doppio 'al del v. 5a, chiu­
Ps. 31,20; 145,7; & 63,7), grande è la sua miseri­
dendo come tra parentesi il v. 5b.
cordia (rahàmim, Ps. 51,3; 69,17; 2 Sam. 24,14 //
1 Chron. 2 1,13 ; ^ 119 ,156 ; Dan. 9,18; Nehem. 9, L ’esperienza problematica che la ricchezza pro­
19.27.31; cfr. Ecclus 3,i9a; 5,6a; i6,i2a), grande la cura molti amici (e la povertà ha l’effetto contra­
sua fedeltà (’emùnà, Lam. 3,23); presso di lui c’è rio, Prov. 14,20; 19,4.6 [nàdib in parallelo con ’is
molta redenzione (harbéh ’immó p'dùt // hesed, mattàn, probabilmente «il generoso»]; cfr. Ecclus
Ps. 130,7); è grande nel perdonare (jarbeh lislòàh, 13,21 [22]) è formulata dal Qohelet in maniera più
Is. 5 5,7) e trattiene spesso la propria ira (hirbà l'h- drastica dal punto di vista del benestante: «Dove
àsib ’appò, Ps. 78,38). In questo gruppo l’associa­ si moltiplicano (bir'bòt) i beni si moltiplicano
zione più frequente è quella di rab/rób + hesed (rabbù) anche quelli che li divorano. E che prò ne
«bontà/fedeltà/favore/grazia», Ps. 5,8; 69,14; 86, ha il possessore?...» (EccL 5,10). Secondo Prov.
15; 106,45; Lam. 3,32; Nehem. 13,22 (Ecclus 5 i,3a) 15,16 è meglio possedere poco col timore di Dio
e nel novero dei predicati divini stereotipati (ben­ che avere un grande tesoro (’ósàr rab) che dà solo
ché variabili) (le cosiddette «13 middót di Dio») preoccupazioni. L o stesso pensiero, ma con una
di Ex. 34,6 (hesed we’èmet); Num. 14,18; Ioel 2, diversa accentuazione, in Prov. 16,8: «Poco, ma
13; lon. 4,2; Ps. 86,15; 103,8; Nehem. 9,17 (per la con giustizia, è meglio di grandi introiti (ròb te-
formula cfr. H.J. Stoebe, T H A T 1 612 s.; J. Jere­ bù’òt) (guadagnati) senza giustizia». Per Ps. 19,10
mias, BSt 65 [1975J 94 ss. con bibl.); inoltre il pi. s. gli statuti (mispàtim) di Jhwh sono più preziosi
hàsàdim: Is. 63,7; Ps. 106,7 (par. nifld’ót). dell’ «oro, di molto oro fino (paz ràb)».
Stranamente a tutti questi esempi chc mettono Ripetutamente si mettono in rilievo i grandi
in evidenza l’abbondanza (radice rbh) della bontà guadagni dell’agirc con giustizia: nella casa del
e della misericordia di Dio fa riscontro un unico giusto ci sono «abbondanti provviste» (hòsen ràb,
passo che faccia un’affermazione analoga riguar­ Prov. 15,6); l’ osservanza dei mispàtim porta a
do alla sua ira, lob 10,17: tereb ka'askà 'immàdi «grandi guadagni» ('èqeb ràb, Ps. 19,12); «un
(si sottrae a una classificazione l’espressione rób grande benessere» (sàlòm ràb) attende coloro che
s'dàqà, lob 37,23). A questo dato statistico corri­ amano la legge (Ps. 119,165); l’uomo di cui ci si
sponde il senso comunicativo di questo genere di può fidare è «ricco di benedizioni» (rab-b'ràkót)
discorso: è sintomatico che 33 dei 41 passi elen­ (al contrario di colui che pensa solo ad arricchir­
cati si trovino in un contesto di preghiera (in sen­ si, Prov. 28,20). Ma è vero anche l’inverso: racco­
so lato) e la maggior parte m discorso diretto a glie «molte maledizioni (rab-me’èrót)» chi chiude
Dio. In quest’uso si tratta costantemente - nella gli occhi davanti al povero (Prov. 28,27); Per I*
lode, nel lamento o anche nell’oracolo profetico - malvagità di una nazione si moltiplicano i suoi
del ricordo della amorevole attenzione di Jhwh principi» (rabbim sarèhà, Prov. 28,2); un notabi­
per Israele, perdurante nonostante colpa e giudi­ le senza intelligenza è «grande nell’oppressione
zio, e del richiamo a essa. (d’animo)» (rab ma'àsaqqòt, Prov. 28,16); il
4. Le espressioni del nostro gruppo lessicale as­ collerico compie molte trasgressioni (rab-pàsa',
sumono una certa loro importanza in alcune mas­ Prov. 29,22). Invece Qohelet mette in questione
sime sapienziali quando il tema (primario o se­ che la sapienza stessa sia un guadagno: «Molta sa­
condario) è la misura delle cose. Certamente an­ pienza significa molte preoccupazioni» (b'rób
che in questi casi si tratta di vedere di che cosa si hokmà rob-kà'as, Eccl. 1,18) e consiglia persino
parli. Così per i sapienti una molteplicità di con­ una via di mezzo, che non comporti grande im­
1 69 ( v i i ,3 15) rab (H.-J. Fabry) ( v i i , j i 6 ) 17

pegno, nella ricerca della giustizia: «Non essere (cfr. il parallelo ai vv. 3 s.). Altri esempi sono I
eccessivamente giusto (’al-t'hi saddiq harbéh) né 52,15 (par. «re della terra»); Zach. 8,32 (par. gì
esageratamente saggio! Perché vuoi rovinarti? jim ’àsùmim). Anche l’espressione gòjim rabbh
Non essere eccessivamente malvagio ('al-tirsa' è usata ne) medesimo significato, ad es. in Ezeci
harbéh) e non essere stolto! Perché vuoi morire 38,23; 39,37 («Davanti agli occhi di molti [= tut
prematuramente?» (Eccl. 7 ,16 s.). A differenza di i] popoli»); Mich. 4 ,11.13 ; cfr. anche Nehem. 1
lui, la sapienza tradizionale vede altrove i propri 26: «Nessun re era simile a lui (Salomone) tra mo
limiti: «Nel cuore dell’uomo ci sono molti pro­ ti (tutti i) popoli». In Ps. 109,30 rabbim è usai
getti, ma il consiglio di Jhwh è stabile e durevole» da solo per indicare tutta quanta la comunità (qi
(Prov. 19,21). hai [rab]). Secondo Ex. 23,3 un testimone non d<
La critica della fiducia nei propri beni o nel pro­ ve seguire la schiera più numerosa (schierarsi co
prio potere (-» bth [bàtah]) va oltre la sfera sa­ la maggioranza).
pienziale. In tale contesto rientrano anche diverse Nel quarto canto del servo si hanno non men
attestazioni del nostro gruppo lessicale. Gli empi di 4 ricorrenze di rabbim (Is. 52,14.15; 53,11
confidano nella grandezza della loro ricchezza i2a.bp) per denotare gli spettatori che non con
(Ps. 49,7; 52,9; lob 31,24). La figlia di Babilonia prendono, ma che sono «giustificati» dal serv
non potrà salvarsi con tutte le sue arti magiche e (cfr. Dan. 12,3). Se il servo rappresenta l’Israe
con la moltitudine dei suoi consiglieri (Is. 47,9. ideale, «i molti» sono allora i popoli della terra.
12.13). Con tirannica arroganza Sennacherib fa rabbim è inoltre usato per indicare una plural
valere il gran numero dei suoi carri da guerra (2 tà rispetto a un singolo individuo (cfr. Wiklar
Reg. 19,23 Q H Is. 37,24; cfr. Is. 10 ,13-15). der), ad es. gli ascoltatori del maestro di sapien;
Anche Israele corre certo lo stesso pericolo (cfr. (Prov. 10,21; Ecclus 37,19 [cfr. v. 23, ha‘dm]; 39
sopra, 2.b). L ’oracolo di giudizio di Hos. 10 ,13b [cfr. v. 10, éxxXr,<na] e forse Iob 4,3 s.) o l’uditc
attribuisce al regno del nord la colpa di confidare rio del sacerdote (Mal. 2,6.8).
H. R in g g n
nel gran numero dei suoi guerrieri (ròb gibbóré-
kà), e una recente appendice alla storia di Gedeo­ 6. È difficile indicare un significato esatto 1
ne fa precedere da un’interpretazione simile la vit­ marbit e tarbit, perché esso dipende palesemen
toria di Gedeone su Madian (Iud. 7,2-8): le trup­ dai rapporti contestuali dei termini in testi di d
pe erano all’inizio troppo numerose (rab, w . 2.4) verso genere, marbit indica una grande quanti
e dovettero essere ridotte due volte, fino a rag­ che coincide quasi con la totalità della cosa
giungere le 300 unità, «affinché Israele non si van­ questione. Secondo 1 Sam. 2,33 la maggior par
ti a mio danno (dicendo): mi sono liberato con le della casa di Eli viene uccisa (uno solo sopraw
mie sole forze» (v. 2b). L ’incalcolabile moltitudi­ verà; cfr. / Chron. 12,30; 2 Chron. 30,18). mari
ne dei nemici (Iud. 7,12: «... numerosi come le ca­ è usato in senso inclusivo per la grandezza del
vallette [kà’arbeh làròb], i loro dromedari erano sapienza di Salomone, che agli occhi della regii
innumeri, numerosi come la sabbia sull’arenile di Saba supera ogni cosa (2 Chron. 9,6).
del mare», cfr. Iud. 6,5) completa, in funzione di Soltanto una volta marbit ricorre nel testo
contrasto, questa visione della guerra di Jhwh (cfr. una legge (Lev. 25,37), dove è chiara la si
anche 1 Sam. 14,6). identità semantica con tarbit (v. 36), che in tut
Ps. 33 formula la differenza tra forza divina e le sue ricorrenze (escluso Prov. 28,8 assolutamei
forza umana (cfr. F. Stolz, A ThA N T 60, 1972, te recenti: Ezech. 18 ,8.13.17; 22,12) è usato in p
u 5 -119 con ulteriori citazioni) in linea di princi­ rallelo con nesek (-» nsk). I due termini non vai
pio: rispetto a Jhwh, il Signore dell’ universo, al re no distinti uno dall’altro (cfr. E. Neufeld, H U C
non giova un grande esercito (rob-hajil) né al­ *6 [>9 5 5 ] 3 5 5 ' 4 I2> sPec- 356)- Sempre risul
l’eroe la sua grande forza (rob-kóàh, v. 16) né il chiaro chc si prende (làqah) tarbit «interesse» (i
grande vigore (ròb hèlò) del cavallo (v. 17). mentre si dà (nàtan) b*nesek «a usura» (?).
Nella storia dell’esegesi sono state avanzate dive
E. Blum
se proposte interpretative (cfr. A. Cholcwirisl
AnBibl 66,1976, 229 n. 49; cfr. anche A.S. Kapelru
5. Il pi. rabbim «molti» ha spesso valore inclu­
-» voi. v 1112 ): tarbit come maggiorazione alla resi
sivo: (una grande quantità =) «tutti» (cfr. J. Jere­ tuzione di un prestito (Neufeld); tarbit come aumc
mias, G L N T x 1330 ss.). Ciò avviene soprattutto to del capitale prestato (cfr. H.M. Weil, AHDO
con l’espressione 'ammim rabbim che, ad es., in 1938, 205 s.).
Is. 2,3 e Mich. 4,2 è in parallelo con kol-haggòjim
l 7 t (vii,317) rab (H.-J. Fabry) (vn,3i7) 172

Le scarse attestazioni si lasciano incanalare in la forma rabbàn usata in parallelo, l’aramaico pa­
questi significati: nesek indica interessi su prestiti lestinese ha sviluppato il titolo di rabbiini (Me.
di denaro, tarbit su prestiti in natura (alimentari) 10 ,51; Io. 20,16; cfr. G . Schneider, EW N T 111 493
(cfr. M. Noth, ATD 6, ' i 966, 167; Cholewiiiski). ss.; H.P. Rùger, T R E 111 608). Gli appellativi rab­
Si deve anche considerare che tarbit, termine mol­ bi e rabbùni sono generalmente resi appropriata­
to più recente, potrebbe forse essere stato affian­ mente, quanto a contenuto, con StSàaxaXc, seb­
cato a nesek in funzione esplicativa. bene i L X X non offrano mai, neanche una volta,
questa traduzione (K.H . Rengstorf, G L N T 11
iv. L ’esame dell’etimologia ha messo in luce che 10 9 3-110 1. 112 6 -113 5 ).
rab è stato usato molto presto in ambito semitico
come titolo, se già in accadico antico rubùm si­ v .i. Nei L X X il gruppo lessicale è tradotto in
gnifica «principe» (AH w 992) e rubàtum «princi­ prevalenza con jtoXus/rcXEUiiv/sXEtffTo; (oltre 400
pessa», in riferimento a divinità e a uomini. A n­ volte). Con eguale frequenza s’incontra il nome
che l’agg. rabùm ha - congiunto con nomi di arti TtXfi'So?, e per rendere il verbo si ricorre analoga­
e mestieri - funzione di titolo, designando allora, mente a 7tX t)-3uveiv ‘aumentare’ (usato anchc per
ad es., un ispettore degli artigiani, un comandan­ ràbà qal); al terzo posto viene péyai;, inoltre 1
te, un presidente di tribunale ecc. (cfr. A H w 938). volta (ieYaXóvEtv. marbeh viene tradotto con fié-
Un uso analogo si è potuto osservare in ugaritico ya<;, per marbit e tarbit si possono avere uXcovà-
e in arabo. a|Ao;, per ribbò(') [iupiài; e per tarbùt auaTpé|j.|J.a.
A Ugarit rab è una componente di titoli di pro­ 'arbeh è tradotto per lo più con àxpi<;. Infine r‘ -
fessioni profane, ma s’incontra anchc nella titola­ bibim è reso con oiaytliv e vii}*?©?, ma una volta
tura del «capo sacerdote», rb kbnm/ntbts (cfr. si usa invece TCXeqAOvr, ‘sazietà’ .
Shanks 153; cfr. anche rb qrt, K T U 4 .14 1, h i 3; 2. A Qumran il gruppo lessicale è usato molto
rb nqdm, rb spr: cfr. WUS nr. 2481). frequentemente. Il verbo ràbà ricorre circa 50
In aramaico il titolo ha un profilo ben preciso: volte, con una netta concentrazione nei testi di
«comandante» (cfr. BM A P 226 s. 317); anche in preghiera (iQ H ). L ’aggettivo rab (150 volte) è il
siriaco (cfr. C SD 525), fenicio-punico, nabateno e termine più usato, e qui la maggior parte delle
palmireno. L ’associazionismo (-» mr/.h [marzé- ricorrenze è concentrata nelle varie «regole» (in
db]), un fenomeno in continua crescita di numero iQ S esclusivamente al pi. rabbim e più o meno
e d’importanza in quest’area culturale, prevedeva così anche in C D , cfr. sotto). Il sost. rab/rób regi­
il rab quale funzionario capo delle diverse asso­ stra circa 110 ricorrenze, particolarmente in testi
ciazioni e gli conferiva le necessarie competenze. di preghiera (iQ H e 1 iQ IV ). Le attestazioni nel­
Analogamente spesso si trova tale titolatura nelle le «regole» sono semanticamente vicine al termi­
iscrizioni dedicatorie perché, di regola, era il rab ne rabbim. Infine s’incontrano 4 volte rbw’ (iQ M
stesso a eseguire la dedica in questione, quale rap­ 3,16; 4,16; 12,4; 13,14) e rbjbjm 3 volte (iQ M 12,
presentante della propria associazione (di culto). 10; 19,2; 1Q 34 1,3). Tutto sommato la gamma se­
rab è d’uso corrente nelle titolature dell’A.T. mantica negli scritti di Qumran è uguale a quella
(v. sopra). In ogni caso la menzione del titolo im­ dell’A.T.
plica una posizione gerarchica di vertice della per­ a) È probabilmente conforme alla natura pecu­
sona in questione (E. Lohse, G L N T xt 9 11 ss.), liare degli scritti di Qumran che il nostro gruppo
un rango particolarmente evidente quando i Sa­ lessicale non venga praticamente mai usato in
maritani, per es., chiamano Dio «rabbi» (cfr. G . formulazioni profane; persino in queste poche
Dalman, Die WorteJesu, 1898, 272-276, spec. 275; la prospettiva teologica è implicita: appartiene al­
identico valore ha ribbón nel Targum). Quando l’ illusione di questo mondo che gli uomini mon­
poi nella letteratura rabbinica più antica il rab vie­ dani somiglino per proprietà e patrimonio a un
ne contrapposto al talmid «discepolo», rab subi­ albero con la chioma rigogliosa dai «molti rami»
sce un significativo cambiamento semantico e vie­ (rbh 'np, iQ H 18,26), che si diano delle arie per
ne a significare «maestro». A ll’inizio il titolo rab­ l’abbondanza (ròb) di grano, mosto e olio (18,24).
bi era quindi un appellativo di rispetto e implica­ Il Rotolo di rame parla di una «gran quantità d’ar­
va un preciso rapporto. N cll’aramaico dei tempi gento» (3Q 15 9,10) e una formulazione analoga
del N T . questa componente semantica non è co­ s’incontra nel Rotolo del Tempio, riprendendo la
stantemente visibile, ma in questa titolatura il legge regale deut. (Deut. 17,14-20; cfr. 11Q T 56,
suffisso sembra aver perso il suo valore pronomi­ 16-19 ; C D 5,2). Del tutto indeterminata resta la
nale (cfr. F. Hahn, F R L A N T 83, } I966, 78). Dal­ formula ben ròb l'mù'àt «sia tanto sia poco», di­
173 ( v i i , 3 i 8 ) rab (H.-J. Fabry) ( v i i , 319) 174

venuta una frase fatta (ad es. 1 Q S 4,16; 1 QSa 1,18). e lo segue il fragore di molte acque» (u Q P s a 26,
Ordini di grandezza militari («grande eserci­ 10). Altrove s’incontra l’idea che l’influenza noci­
to» ecc.) sono menzionati in iQ pH ab 4,7; 4Qp va di Belial si apre una strada fino all’«oceano pri­
Nah 1,10 (cfr. Nah. 2,14); 1 1 Q T 58,6 s.; 6 1,13. H mordiale» (thwm rbh, tQ H 11,3 2 ; 4QDibHama
re fedele alla legge potrà esercitare il proprio go­ 7,8: testo?). Un motivo sapienziale della tradizio­
verno per «molti giorni» (rabbim jàmim, 11Q T ne di Giobbe compare in 4 Q 5 11 30,4, con la do­
59,11). b'rób jàmim indica la «pienezza dei gior­ manda «quale uomo è in grado di misurare con la
ni» per la svolta degli ultimi tempi (iQ H 4,15). mano le molte acque?». L ’immagine delle grandi
Infine «l’aumento degli anni» di un uomo è una acque s’incontra anche nel paragone, interessante
ragione per affidargli altre mansioni nella comu­ dal punto di vista ecclesiologico, dei costruttori
nità, per un servizio corrispondente alla sua forza di pozzi che incontrano una vena ricca d’acqua
(iQ Sa 1,19). L ’espressione p'mjm rbwt «molte (metafora per l’abbondanza della torà, C D 3,16).
volte» ha chiaramente la connotazione semantica Da questa vena la conoscenza fluisce «come ac­
di «per sempre» (iQ M 11,3 ; 18,7; spec. n Q P s a qua del mare, in abbondanza» (iQ pH ab 11,2).
22,12: «Mi ricordo sempre di te, o Sion»), d) Il gruppo lessicale s’incontra con particolare
L ’ordine di grandezza resta indeterminato frequenza nei predicati divini. Contraddistinguo­
quando si parla di «molti» (rabbim/rabbót): molti no Dio abbondanza di gloria (kàbòd, 4Q 176 8­
popoli, paesi, molte città ecc. (molto spesso si 1 1 . 13: i i Q P s4 22,4) e verità (iQ H 19,29), di gra­
vuole indicare con queste espressioni l’umanità zia (iQ H 20,14; 4QDibHama 2.10; 4 Q 5 11 52-59,
fuori della comunità di Qumran) cedono alla ten­ in 1) e dimostrazioni di grazia (1Q H 12,32; 19,
tazione (iQ pH ab 10 ,9 .11; iQ H 10,27; C D 2,16; 28; 4Q 381 45,2), di bontà (iQ S 11,4 ; iQ H 6,17;
4QpNah 2,8), vengono sottomessi (iQ pH ab 6, 15,30; 19,6; iQ H fr. 15,7: testo?), misericordia
8.10; iQ Sb 3,18), sono rovinati (iQ pH ab 2,13; (iQ H 15,18.27; 18,16; 5,17; 23,14; n Q P s a 19,5.
4Q 381 46,7; 4QpPs 37 3,3) e diventano oggetto 1 1 ; 4Q508 22+23,2) e perdono (CD 2,4; iQ H
di ludibrio (tQ pH ab 4,2 s.). La fede nella propria 14,9; 17,34; 19,9). Dio è «grande nei consigli e
elezione comporta la convinzione «di essere ora ricco di opere» (iQ H 8,8; n Q P s a 18,4), ricco di
essi suo popolo, tra molti popoli e grandi nazio­ forza 1Q 29 4,2; iQ H 17,14) e opera abbondanza
ni» (4Q381 76/77,15); si è consapevoli di essere di meraviglie (iQ H 6,23). Queste qualità divine,
«in mezzo a molti popoli» (iQ pH ab 10,4). di volta in volta celebrate, richiedono un compor­
b) Molto frequentemente il gruppo lessicale è tamento analogo dei membri della comunità, che
usato in enunciati antropologici: l’orante esseno devono praticare reciprocamente abbondanza di
sa di trovarsi sotto la pressione «di numerosi pec­ misericordia, grande grazia e molto affetto (iQ S
cati» (iQ H 11,2 5 ; iQ H fr. 6,12; 4Q 381 33,4.9), 4,3 ss.). In considerazione di questo catalogo di
ma nello stesso tempo è certo del perdono e della virtù, risulta strano proprio il modo in cui l’oran­
purificazione che viene da D io (iQ H 9,32; 11, te di u Q P s a 18,9 si definisce: «Lodo l’Altissimo
21). D io lo rende grande ( iQ H 8,4), aumenta la ... come chi copre di grasso l’altare con molti olo­
sua eredità (iQ H 18,28; 1 1Q T 55,12) e allunga la causti» (= Ps. 15 4 ,11; certo un residuo di un’età
sua vita (4Q502 24,3: testo?). L ’orante sa di vive­ prequmranica!).
re in un mondo pieno «di grande empietà» (rb e) Indubbiamente è la forma pi. rabbim nella
hnp), ira, inganno, malvagità, menzogna e «stoltez­ Regola della Comunità che merita la maggiore
za in sovrabbondanza» (iQ S 4,10 s.). Ma ognu­ attenzione. Se in molti casi si è già inteso che i
no troverà il proprio destino, conformemente alla termini «molto, numeroso» intendono frequente­
«moltitudine dei suoi peccati» (rb ps', iQ H 12, mente denotare una «totalità» assumendo il valo­
19). Una condotta cattiva genera «gran copia di re semantico di «tutti», quando rabbim assume
piaghe» (rb ngj'jm, iQ S 4,12), una condotta buo­ una valenza ecclesiologica questo diventa chiara­
na «abbondanza di pace» (rb slwm, iQ S 4,7). mente il suo vero significato. Una delle prime
c) Per descrivere la tribolazione antropologica analisi accurate e specifiche di rabbim a Qumran
l’orante si serve talora di morivi mitologici: i ne­ è stata quella di E. Koffmahn, Die Selbstbezeich-
mici lo opprimono come il fragore «di grandi ac­ nungen der Gemeinde von Qumran auf dem Hin-
que» (iQ H 10,16.27). N ei testi ancora in attesa tergrunde des A.T., diss. datt., Wien 1959, 23-34.
di pubblicazione compare anche hsk rwb «grande Già nell’A.T. si delinea tale spostamento seman­
tenebra». L ’immagine cosmica delle «molte ac­ tico, che dal significato di «molti» passa a quello
que viene applicata dall’orante al creatore: «Gran­ di «maggioranza, pluralità» (1 Reg. 18,25), “ furti»
de e santo è il Signore... Lo precede lo splendore (Ps. 108). Un esame dell’uso di rabbim nel Deu-
«75 (v i i ,3 2 o ) rab ai (E.-J. Waschke) ( v i i , 321) 1 76

teroisaia presenta difficoltà insuperabili (v. sopra). 2,5.9; 6,19); ròb jisrà'él «la moltitudine di Israele»
Già in iQ pH ab 4,2 (prima del 100 a.C.?) rab­ (iQ S 5,22) e ròb qedòsim «la moltitudine dei san­
bim denota una classe dirigente della comunità di ti» (iQ M 12,1).
Qumran, parallelamente all’uso del termine nella In questo modo il termine tecnico rabbim vie­
letteratura rabbinica, dove rabbim è sinonimo di ne personalizzato, risultando al contempo chiaro
hàbèrim «membri di un gruppo religioso». N é che rabbim non può essere ridotto a un mero
l’etimologia nc l’uso nell’A.T. permettono di ri­ valore numerico indicante una moltitudine o una
costruire il passaggio a tale significato tecnico di dimensione, ma implica anche una valutazione
rabbim (di cui si può forse cogliere un’eco solo in teologica ecclesiologica. La valenza di «rabbi» nel
Dan. 11,3 3 ; I2i 3 )- Resta quindi più che mai incer­ senso di maestro e dottore nelle Scritture, cui si
to quale sia la traduzione adeguata (cfr. già Hup- fa spesso riferimento negli studi dedicati a Qum­
penbauer). Soltanto le attestazioni nelle regole di ran (a cominciare da M. Burrows e a seguire con
Qumran, con i loro rapporti contestuali, offrono Carmignac 584), non è dimostrabile, perché non
indizi utili. si sa con certezza quando il titolo «rabbi» abbia
Il manuale per il consiglio dei membri effettivi iniziato ad assumere tale valore (v. sopra). Inoltre
della comunità di Qumran (iQ S 6 ss.) prevede un è ben poco probabile che la comunità si sia vista
«regolamento della seduta dei rabbim» (6,8; cfr. come comunità di scribi, teologi ed esegeti, tanto
C D 14,12). A tale seduta partecipano i sacerdoti, più che in essa analoghe competenze erano previ­
gli anziani e «il resto di tutto il popolo» (iQ S 6,8 ste per gli incarichi di maskil e mebaqqér. Ci si
s.). Questo regolamento interno della comunità dovrà quindi accontentare di dire che l’esatta va­
prevede una rigida articolazione gerarchica dei lenza del termine rabbim non può essere meglio
membri, ai quali vengono assegnate competenze descritta.
minuziosamente definite a seconda del rango di H.-J. Fabry
ciascun membro nella gerarchia interna - rango
che dipende dall’anzianità di appartenenza alla
comunità (-> jhd [jàhad]). Al vertice c’è l’ «ispet- rabas
tore» (m'baqqèr) «che sta a capo dei rabbim» (6,
14; cfr. 6,12) ed esercita la vigilanza (C D 14,7).
Dalla sua mansione di custode delle entrate dei jO *p marbés, rèbes
rabbim (6,20) risulta già chiaramente che i rab­
1. L a rad ice n elle lin gu e sem itich e . - 1 1 . 1 . R ic o rre n z e e
bim devono essere il nucleo della comunità, i
c o n g e ttu re n ell’ A .T . - 2. S ig n ific a to e c a m p o lessicale. -
membri a pieno diritto. Lo si ricava anche dalle
3 . 1 L X X . - n i. U s o e im p ie g o n e ll’A .T . - 1. Il c o m p o r ­
norme che regolano le varie fasi dell’ammissione tam en to d egli am m ali. - 2. U s o m e ta fo rico . - 3. Im p ie ­
dei postulanti e novizi, fino «alla purità dei rab­ g o c o n u n o s fo n d o o rig in a ria m e n te m ito lo g ic o .
bim» (iQ S 6,17,21; 9,2; C D 15,8), e a tale signifi­
cato corrispondono anche le regole circa la sco­ B ib l.: G .R . C a s te llin o , Genesi1 IV 7: V T 1 0 (i9 6 0 ) 442-
4 4 5 .- L . R a m a ro so n , A propns de Gn 4 ,7: B ib l 4 9 ( 19 6 8 )
munica e la graduale riconciliazione e reintegra­
2 3 3 -2 3 7 , - H .- J. Z o b e l, Stammesspruch und Geschichte
zione dei membri resisi passibili di pena (iQ S 6,
(B Z A W 9 5 ,1 9 6 5 ) .
25; 7,3.10.13.16.19 ). Si tratta di questioni sotto­
poste alla decisione dei rabbim, che quindi rap­ 1. La radice rbs è comune a tutte le lingue se­
presentano evidentemente la parte integra della mitiche. È particolarmente ben documentata in
comunità (6,9.15.16) che si è riservata l’unico e accadico, dove oltre al verbo rabdsu(m) ‘accam­
pieno diritto di decidere in merito al patrimonio parsi’ si hanno i derivati rabsu, rubsu, ràbisujràbi-
comune (6,17.20; 7,25). I rabbim esprimono la sìtu, narbàsu, rubbusum e tarbasu (A H w 933 s.).
loro identità con formule tipo «purità dei rab­ In ugaritico è attestata la forma nominale trbs
bim» (iQ S 6,17.21), «bevanda dei rabbim» (7,20) ‘ luogo dove accamparsi, stabbio’ (K TU 1,14 ,11 3;
o «possesso dei rabbim» (6,17.20; 7,25). in 25.37; vi 8.21; cfr. WUS nr. 2487; U T nr. 2304).
Il Maestro di Giustizia si vanta di quel che ha Il verbo s’ incontra nell’espressione wrbs Igrk
fatto per i rabbim: ha potuto portare i loro occhi inbb (K TU 1,13,9), ma non è del tutto certo che
a vedere la luce e comunicare loro l’opera mera­ il significato sia ‘accamparsi’ (WUS nr. 2487).
vigliosa di Dio (iQ H 12,27 s.; cfr. iQ Sb 4,27). Non sono chiari il N P Jrbs (K TU 4 .122,1; cfr.
Infine è molto istruttivo considerare i paralleli­ WUS nr. 381) e la forma, probabilmente incom­
smi di rabbim nei testi in quesdone: ròb 'anse bab- pleta, J rbs (K T U 4.382,4; cfr. U T nr. 2304).
b'rit «la moltitudine degli uomini del patto» (iQ S Oltre che nell’aram. r’ ba' ‘accamparsi’ la radi­
1 7 7 (v i i . J ì i ) ribai (E.-J. Waschke) ( v i i , 322) 178

ce è presente anche in arabo: rabada ‘accamparsi, tengono quindi gli «stabbi» (‘éder, -» 'dr, Gen. 29,
giacere’; marbid ‘luogo di accampamento’ (Wehr, i,Is. 17,2; Soph. 2,14), il «bestiame minore» (só’n,
Arab. Wb. 289). -» s’n, Gen. 29,2; ler. 33,12; Ezech. 34,14 s.; Cant.
1,7 s.) e il «pastore» (ró'eh, Is. 13,20; Ier. 33,12
11.1. Nel T.M. il verbo ricorre 24 volte al qal ecc.). Il parallelo di gran lunga più frequente di
(perf., impf., ptc.) e 6 al hif. (impf., ptc.). Il so­ rbs è il verbo rà'à (-> r'h) «pascolare» (Is. 11,7 ;
stantivo ricorre 4 volte nella forma rèbes e 2 nella 14,30; 27,10; Ezech. 34,14 s.; Soph. 2,7; 3,13; Cant.
forma marbès, st. cs. mirbas (R. Meyer, Gramm. 1,7); talvolta si hanno anche kr' «accovacciarsi»
SS 27.3; 49i3a)- (Gen. 49,9), 'sp «radunare» (Ps. 104,22) e gùr
Le ricorrenze della radice (36 in totale) sono di­ «sedersi, accomodarsi come ospite» (Is. 11,6).
stribuite ncll’A.T. come segue: per il verbo al qal: Le diverse posizioni in cui gli animali riposano
Isaia 6; Genesi 5; 3 ciascuno in Deuteronomio, o si stendono possono essere espresse in varie ma­
Ezechiele e Sofonia; 1 ciascuno in Esodo, Nume­ niere, mediante preposizioni o locuzioni preposi­
ri, Salmi e Giobbe; per la forma hif: Isaia 2; 1 cia­ tive come 'al (Gen. 29,2; Deut. 22,6), ’im (Is. 1 1,
scuno in Geremia, Ezechiele, Salmi e Cantico. Il 6), ben (Gen. 49,14; Ezech. 19,2), tahat (Ex. 23,5;
sost. rébei appare 2 volte in Isaia e 1 volta ciascu­ Num. 22,27)0 b'tók (Ezech. 29,3; Soph. 2,14).
no in Geremia e Proverbi; marbès compare in Dato che le immagini del gregge e del pastore
Ezech. 25,5 e Soph. 2,15. La forma aramaica rb' sono frequentemente usate per indicare il com­
corrispondente alla radice è presente nell’A.T. portamento d’Israele e di Jhwh, possono essere
come inf. cs. qal (Lev. 18,23; 20,16; Ps. 139,3) e soggetto diretto del verbo singole persone o grup­
come hif. impf. (Lev. 19,19). pi al qal (Is. 14,30: ’ebjòn; Soph. 2,7; 3,13: se’érìt;
In Gen. 4,7 la discordanza tra il sogg. fem. hatti’t Iob 11,19 ) e Jhwh con il hif. del verbo (Ezech. 34,
e il ptc. masc. róbés viene spesso superata correg­ 14 s.; Ps. 23,1 s.).
gendo il testo in hét’ tirbas o simili (O. Procksch, Quando è soggetto P«oceano primordiale» (tr-
KAT i2\ 47; G. von Rad, ÀTD 2-4'°, 76 s.). Nono­ hòm, Gen. 49,25; Deut. 33,13), il peccato (hatti’t,
stante tutte le altre difficoltà di questo versetto (v. Gen. 4,7) o la «maledizione» (’i l i , Deut. 29,19)
sotto), la congettura è inutile perché róbés può esse­ sembra che il contesto del verbo sin qui descritto
re inteso come ptc. sostantivato (GKa § 14511; cfr. venga abbandonato. Già Is. 54 ,11 usa il verbo al
C. Wcstermann, BK 1/11, 385). hif. in maniera tipica e con un forte spostamento
Per contro, il sost. con suffisso ribsà di li. 35,7
semantico quando si legge: «Ecco, io (Jhwh) co­
dovrebbe esser letto come forma verbale rib’sà (O.
prirò (marbìs) le tue pietre con ceramica vario­
Kaiser, ATD 18, 286).
pinta» (cfr. C . Westermann, ATD 19 2, 222 s.).
2. Al qal il verbo ha come significato base ‘ac­ rb', la forma aramaica del verbo, è usato esclu­
camparsi, stendersi, giacere’; al hif. ‘ farsi accam­ sivamente (tranne che in Ps. 139,3) Per * rapporti
pare’. Stando alla maggior parte delle attestazio­ sessuali proibiti (Lev. 18,23; ! 9 >i9 ; 20,16). Nei
ni, sullo sfondo c’è l’idea del comportamento e tesò di Qumran si è trovata finora una sola ricor­
della posizione di riposo degli animali (cfr. AuS renza (1 i Q T 65,3 = Deut. 22,6; cfr. sotto, m .i.b).
vi 261). Da un lato ciò viene sottolineato dai so­ 3. Le molteplici sfumature semantiche del
stantivi rèbes e marbès che di regola indicano il verbo rbs si riflettono anche nella traduzione dei
‘giaciglio’ o il ‘ posto di sosta’ degli animali, e in L X X , dove la resa più frequente del verbo è àva-
quest’uso si trovano spesso in parallelo con ni- itauetv (9 volte) o auvavaTtauea-Sai (1 volta). Se­
weh ‘pascolo’ (Is. 65,10; Ezech. 25,5), dall’altro lo manticamente quasi sinonimi sono xoi'à'Cecj^ai
si ricava dal più ampio campo lessicale. Con il (4 volte), Yjcru^ót^eiv, xoi(xàv (2 volte ciascuno) e
verbo al qal 17 volte su 24 soggetto sono animali xaTacrxY)voùv (1 volta).
(incluso Is. 35,7). Quando il verbo è al hif., sog­ Altrove il verbo rbs è interpretato in base al
getto sono il pastore o i pastori che fanno riposa­ contesto e tradotto di conseguenza, con ve|j.eiv (2
re gli animali (Is. 13,20; Ier. 33,12; Ezech. 34,15; volte) e 1 volta ciascuno con àva~i~"Eiv, pótjxeiv,
Ps. 23,1 s.). èYxa-Sfjff-Sat, è7oi|A3t!Uiv, &x?.7ieiv, xo?%Xàv, tu-
Anche quando si vuole esprimere metaforica­ 7tteiv, (xuYxa-SitUiv. Inoltre i L X X rendono rbs an­
mente un comportamento di persone, l’immagine cora più liberamente con e/eiv e ytveu-Sat (1 volta
originaria continua a rimanere sullo sfondo a cau­ ciascuno). I L X X rendono anche il verbo rbs con i
sa del campo lessicale (cfr. Gen. 49,9.14; Is. 14,30; sostantivi àvàizauai!, e xoirr, (1 volta ciascuno)
Ezech. 19,2; 29,3; 34,14 s.; Soph. 2,7 ecc.). che altrimenti traducono rèbes, mentre marbès è
Al campo lessicale più ristretto di rbs appar­ tradotto con vo(xr).
•79 ( v ii, 3^ 3) rabas (E.-J. Waschke) ( v ii,324) 180

in. Per l’impiego nell’A .T. si può certamente campo (s'àdeh, Gen. 29,2) e il prato erboso in pros­
partire dalla premessa che la radice rbs designi, se­ simità di acque o il trattura (nàweh, Is. 65,10; Ier.
condo la maggior parte delle attestazioni, la posi­ 33,12; Ezech. 25,5; 34,14; cfr. Ps. 23,2). Le fiere
zione di riposo e la posa distesa di animali (v. so­ hanno il covile nel deserto (midbàr, Is. 27,10; sam-
pra). Passando per la metafora di gregge = popolo, mà, Soph. 2,15; cfr. Is. 35,7). Quando in Deut.
pastore = Dio, il verbo può poi servire anche a 12,6 si parla dell’uccello femmina (’ém) che siede
descrivere atteggiamenti umani. Per contro idee (rbs qal) sulla covata o sulle uova, ci si riferisce a
mitiche demonologiche, che nell’ambiente del V i­ una posizione di allevamento e protezione con­
cino Oriente andeo erano associate in origine al forme alla sua specie. Protezione e sicurezza so­
mondo degli animali e degli dei, potrebbero servi­ no due elementi imprescindibili per la rimessa de­
re a spiegare l’impiego nell’A.T. della radice rbs in gli animali. G li animali feroci si ridrano nei loro
relazione alP«occano primordiale» {Gen. 49,25; covi alle prime luci dell’alba (Ps. 104,22), la leo­
Deut. 33,13), al «peccato» (Gen. 4,7) o alla «male­ nessa riposa distesa tra i leoni (Ezech. 19,2) e il
dizione» (Deut. 29,19). Ma né questa ipotesi né le coccodrillo tra i rami del N ilo (Ezech. 29,3).
attestazioni e la loro distribuzione autorizzano a Per le greggi il pastore ha la responsabilità di
trarre conclusioni riguardo a uno sviluppo storico farle «sostare al sicuro» (làbetah jirbàsù, Is. 14,30)
linguistico della radice rbs all’interno dell’ A.T. e soltanto in luoghi dove gli animali stanno indi­
L ’impiego nell’A.T. corrisponde invece, tutto sturbati è vero che «essi sostano e nessuno li spa­
sommato, all’uso del verbo accadico rabàsu(m), venta» (wt ’èn mahàrìd, Is. 17,2; Soph. 3,13; cfr.
per il quale è documentato l’ impiego con animali, Iob 11,19 ).
persone, demoni e divinità (cfr. A H w 933 s.). 2.a) Ma l’impiego dell’immagine di animali che
i.a) I luoghi in cui gli animali sostano o vengo­ pascolano e sostano non è limitato nel discorso
no fatti riposare sono strettamente collegati con le profeùco all'applicazione agli uomini, anzi signi­
zone di pascolo. Così all'amico chiede l’amata: fica in modo fondamentale e polivalente la pro­
«Dove pascoli? Dove fai riposare (rbs hif.) (il sperità e la rovina del paese. In luoghi distrutti e
gregge) a mezzogiorno?» (Cant. 1,7). Quando spopolati brucano e sostano greggi ('àdàrim, Is.
Giacobbe arriva da Labano vede nel campo un 17,2) o il vitello ('egei, Is. 27,10): un luogo siffatto
pozzo «presso il quale sostavano (rbs qal) tre è uguale al deserto, «un campo per la sosta degli
greggi» (Gen. 29,2), cioè le greggi venivano dal pa­ animali» (marbès lahajjà, Soph. 2,15). Segnala pa­
scolo e sostavano presso il pozzo in attesa di es­ rimenti una sventura l’espressione «i pastori non
sere abbeverate. vi faranno sostare (rbs hif.) (il loro bestiame)»,
L ’alternanza di pascolo e sosta degli animali ma al loro posto hanno il loro covile (rbs qal) i
gregari corrisponde all’alternanza, nel mondo de­ «demoni» (sijjim, cfr. K B L 1 801; -» sj) e altri ani­
gli animali da preda, di caccia e riposo: «1 leoni mali del deserto, nature intermedie tra animali e
ruggiscono in cerca di preda... quando il sole demoni (Is. 13,20 s.; cfr. O. Kaiser, ATD 18, 20;
splende si ritirano, sostano (rbs qal) nelle loro ta­ H. Wildberger, B K x/2, 504. 522 s.).
ne» (Ps. 104,21 s.). Gli animali da soma e da lavoro Quanto siano vicine, in quest’immagine, buo­
possono anche crollare sotto il loro carico, cioè na e cattiva ventura è illustrato da due oracoli nei
morire per lo sforzo (rbs qal). In una norma si quali solo il contesto chiarisce se la figura usata
prevede che in un caso simile non si debba abban­ debba essere intesa con segno positivo o negativo.
donare l’animale senza aiuto e assistenza, neanche L ’oracolo di minaccia di Ezech. 25,5 dice: «Tra­
se appartiene al nemico (Ex. 23,5). L ’asino «ripo­ sformerò Rabba in una pista (nàweh) per drome­
sa» (rbs qal) tra i cestì della soma (ben hammis- dari e Ammon in uno stabbio per le greggi (mir-
p'tàjim, Gen. 49,14), una posizione che viene spie­ bas só’n)». Al contrario, quasi con la medesima
gata con il suo comportamento caparbio (K B L J immagine, Is. 65,10 annuncia una promessa: «Sa-
616). Ma se hammisp'tàjim va inteso come una ron diventerà un trattura (ndweh) per le greggi
sorta di recinto (così O . Eissfeldt, KL Schr. ili, (só’n) e la valle di Akor un luogo di sosta (ribes)
1 966,61-66; Zobel 16), allora l’asino riposa in una degli armenti». Così anche l’immagine che il luo­
stalla all’aperto. L ’asina di Balaam si stese (rbs go desolato «sarà di nuovo un trattura (nàweh)
qal) quando vide che la strada era sbarrata dal per i pastori che vi faranno sostare (rbs hif.) le lo­
mal’ak jhwh (Num. 22,27). ro greggi (só’n)* può diventare una promessa di
b) Gli animali hanno luoghi di sosta, rimessa o una futura ricostruzione (ler. 33,12).
riposo diversi, secondo il loro genere e specie. I Infine, l’immagine del deserto irrigato nel qua­
luoghi di sosta (marbès, ribes) delle greggi sono il le «dove lo sciacallo aveva il suo covile» (ls. 35,7:
1 8 1 ( v ii,3 2 5 ) ràbas (H.-J. Waschke) ( v i i , 325) 182

si legga ràb'sà, v. sopra, n .i) cresceranno giunchi 3. Già un passo come Is. 13,20 s. (v. sopra, xii.2.
e canneti simboleggia la salvezza, come l’ idea del­ a) ha fatto capire che l’uso della radice rbs in alcu­
la «pace eterna tra gli animali» di Is. 11,6 s., quan­ ni brani dell’A.T. ha alla base uno sfondo in ori­
do «la pantera riposerà (rbs qal) vicino al capret­ gine mitologico. Tra questi passi è da includere an­
to» e i vitellini «riposeranno fianco a fianco (jah- che Gen. 4,7; 49,25 II Deut. 33,13 e Deut. 29,19.
dàw jirb'sA)» con gli orsetti. a) Per O. Procksch Gen. 4,7 «è il versetto più
Quando l’ immagine è applicata a singole per­ oscuro di tutto il capitolo, anzi della Genesi» (KAT
sone o al popolo, l’A.T. ne utilizza l’intera esten­ i2\ 47). Finora non si è trovata una spiegazione sod­
sione (-» voi. v 690 ss.). disfacente dei w . 6 s. Analogamente multiformi e
Nella benedizione di Giacobbe (Gen. 49) G iu­ vaghe sono le interpretazioni di róbès (per le varie
da è paragonato a un «leone» accovacciato, che posizioni cfr. C. Westermann, BK i / i * , 407 s.). La
riposa (rbs qal) (v. 9), e Issacar a un «asino ossu­ maggior parte degli interpreti è d’accordo che in
to» che si è disteso (v. 14; v. sopra, iu .i; cfr. Zo- uesto passo róbès sia connesso con Pacc. ràbisum, la
enominazione di un demone. Premesso ciò, il «pec­
bel 12. 16 s.). La «leonessa» che riposa tra i leoni
cato» (hattà’t) andrebbe immaginato come un de­
(Ezech. 19,2) simboleggia la regina madre a G e­ mone che sta in agguato alla porta dell’uomo (-* voi.
rusalemme e il «coccodrillo» che riposa steso tra i ili 911). C. Westermann dubita tuttavia che «una
rami del Nilo (Ezech. 29,3) rappresenta il faraone tale personificazione o demonizzazione del peccato
d’Egitto. L ’ impiego di gran lunga più frequente sia concepibile in un testo così antico». Per questa
dell'immagine riguarda Israele e ne raffigura la ragione egli suppone «che nel testo che venne co­
vita prospera, protetta e sicura. È l’uso che s’in­ perto con i vv. 6-7 Caino fosse stato avvertito di
contra già in una retrospettiva all’interno di una guardarsi dal fantasma dell’ucciso, che lo avrebbe
serie di oracoli di salvezza (Ier. 50,6): «Il mio po­ perseguitato». Con la rielaborazione successiva que­
st’idea sarebbe stata cancellata e trasformata «ren­
polo era un gregge condotto fuori strada... erra­
dendo soggetto ‘il peccato’» (BK i / i \ 408).
vano di monte in colle, avevano dimenticato il lo­
ro stabbio (ribes)». È Jhwh stesso chc un giorno, b) Una personificazione, o demonizzazione ori­
da pastore, farà pascolare e riposare (rbs hif.) il ginaria, sembra soggiacere anche a Deut. 29,19
suo popolo «sul buon tratture (b'nàweh tób)» quando si dice: «Ogni maledizione (kol hi'àia) lo
(Ezech. 34,14 s.). Vanno considerate qui anche aspetterà al varco (wcrabesà bó)». Tuttavia qui la
quelle affermazioni negli oracoli contro le nazio­ concezione originaria risulta sbiadita e rimossa,
ni straniere, che in Soph. 2,7 promettono al «re­ perché si tratta «della maledizione scritta in que­
sto» (sc,èrit) di Giuda pascolo e sosta, e in Is. 14, sto libro» e Jhwh è il motore e l’autore della «san­
30 promettono «ai più umili degli umili» (b'kórè zione mediante maledizione» (C.A. Keller, T H A T
dallim; per la critica del testo e le varie posizioni
cfr. O . Kaiser, ATD 18,43) e ai «poveri (’ebjónim)
HJ0- ,
c) Dietro a Gen. 49,25 // Deut. 33,13 (per la re­
,
che essi «sosteranno e riposeranno in sicurezza» ciproca dipendenza dei due passi cfr. C . Wester­
sul monte di Sion (cfr. v. 32), il santo monte di mann, B K 1/3, 273; Zobel 37) si riconosce ancora
Jhwh (così anche le affermazioni affini riguardo al l’ idea dell’ «occano primordiale» (t'hóm), caratte­
«resto» d’Israele in Soph. 3 ,12 s.). ristica della visione mitologica della creazione.
L ’orante di Ps. 23,1 riprende quest’ idea quan­ Diversamente da Gen. 1,2; 8,2 (P), dove l’oceano
do confessa: «Jhwh è il mio pastore, nulla mi man­ primordiale è visto semplicemente come un mare
cherà; mi farà sostare (jarbìsèni) su prati erbosi sotto la terra, qui lo si «immagina personificato
vicino all’acqua (bin’ót dese’)». mitologicamente» in maniera più netta, come un
L ’immagine si riflette ugualmente nella lettera­ essere «che sosta lì sotto» (ròbeset tahat) (G. von
tura sapienziale, quando l’empio viene ammonito Rad, ATD 2-4'°, 3 52; diversa è l’ interpretazione di
(Prov. 24,15): «Non insidiare (...) la dimora del C . Westermann, B K i/ ij , 146 s.; W .H. Schmidt,
giusto (linwèh saddiq), non distruggere il luogo W M A N T 17, ‘ 1967, 81; ma cfr. Ps. 77,17; Abac.
dove riposa (ribes)», oppure quando gli amici di 3,10). Tuttavia anche le sue acque sono, al pari
Giobbe gli ricordano la sua fiducia in D io (lob 1 1, delle acque del cielo, in senso proprio, benedizio­
18 s.). Tuttavia qui le parole «riposi e nessuno ti
spaventa» (v. 19; cfr. Is. 17,2; Soph. 3,13) potreb­
nidiJhwh- E.-J. Waschke
bero far parte di una glossa esplicativa al v. 18:
«Tu puoi aver fiducia perché c’è ancora speranza,
'confuso’ (si legga huppartà, cfr. BHS) riposerai
in sicurezza» (cfr. G . Fohrer, K A T xvi, 222).
183 ( v i i , 326) ràgaz (G. Vanoni) ( v i i , 3 2 7 ) 18 4

medario» (malattia); Freytag, Wb. 11, 124), ara­


ragaz maico, yaudico, fenicio, punico (DISO 274; K A I
9 A 5; 13,4.6.7; 214,23.26; ATTM 691 s.; 1Q 20 1,
U ì r ò g e z , n t J I r o g z d , U T r a g g d z , U *1N ’a r g a z 1 1.2 [D JD 1 86]; M.-J. Fuentes Estanol, Vocabu-
lario fenicio, 1980, 226) e in siriaco (Brockelmann,
1 . 1 . L e fo rm e attestate. - 2. E tim o lo g ia . - 3. L e v ersio n i Lex. Syr. 7 11). Prescindendo dall’arabo e dal­
an tich e. - u . i . C o s tr u tti. - 2. C a m p i lessicali. — 3. S i­ l’ebraico, i lessici registrano come effetto seman­
gn ificato . - a) C o n te sti p ro fa n i. - b) C o n te sti teo lo gici. tico più importante ‘essere in collera’ (accanto a
- c ) U s o teo lo g ico . ‘scompigliare’, ‘disturbare’ nella forma causativa).
Se si vuole trovare nelle lingue semitiche un nu­
B ib l.: J . B ec k e r, Gottesfurcht im A. T. ( A n B ib l 2 5 , 19 6 5).
- L . D e ro u sse a u x , La crainte de Dieu dans l ’A.T.
cleo semantico di rgz comune, si deve partire da
(L e c tio D iv in a 6 3 , P aris 19 7 0 ). - J . Je re m ia s, Theopha­ ‘ tremare’, ‘sussultare’. Soprattutto nel ramo lin­
nie. D ie Geschichte einer alttestamentlichen Gattung guistico aramaico si ha un restringimento seman­
( W M A N T 10 , ‘ 1977). - P . Jo iio n , Crainte et peur en tico nel senso della metonimia e della sineddoche
hébreu bibhque: B ib l 6 ( 1 9 2 5 ) 1 7 4 - 1 7 9 . - T . N ò ld e k e , (v. sotto, 11.3). La ricerca etimologica ha da tem­
Worter m it Gegensinn (A ddad) (in Neue Beitrage zu r po appurato che radici con le due consonanti rg
semitischen Sprachwissenschaft, S tra ssb u rg 1 9 1 0 , 6 7 ­ «esprimono il significato di ‘essere irrequieto’ o
10 8 ). - H . R in g g re n , Einige Schilderungen des gott li­
‘rendere inquieto’ » (così ultimamente M. Gòrg,
chen Zom s (F s. A . W eiser, 19 6 3 , 1 0 7 - 1 1 3 ) . - F . S to lz ,
GòttM iszAg 47, 1981, 21; cfr. già Gesenius, The­
Jahwes und Israels Kriege. Kriegstbeorien und Knegs-
erfahrungen im Glauben des alten Israel ( A T h A N T 60,
saurus 1260 che estende l’osservazione alla cop­
pia di consonanti rh e r ' e trova paralleli nelle lin­
>972 )-
gue indoeuropee, tra l’altro nel greco òpy-rj).
1.1. N ell’A.T. rgz ricorre prevalentemente in 3. Mentre Targum e S traducono rgz soprattut­
contesti poetici, rgz qal è attestato 31 volte (in­ to con rgz e zw ‘, nei L X X e nella Vg. la traduzio­
cluso Ecclus 34,24 [L X X 31,24]), di cui sono te­ ne è estremamente eterogenea (15 diverse radici
stualmente incerte Gen. 45,24 (hitp.}) ed Ezech. in ciascuna versione; per i L X X cfr. G L N T vi 856
16,43 (hif ?)> 7 volte rgz hif. con Is. 13 ,13 incerto s.; v ili 1 1 5 1 -1160). I corrispondenti più importan­
(quii); 1 volta la forma aramaica haf. (Esdr. 5,12); ti sono: nei L X X -opy- (14), --3 u|x- (12), -lapaaa-
rgz hitp. 4 volte. Sono attestati anche i sostantivi (6); nella Vg. -turb- (17), -mov- (8), -ira- (8). La
rògez 8 volte (incluso Ecclus 5,6); rogzà 1 volta e distribuzione delle traduzioni con l’effetto seman­
l’aram. regaz (Dan. 3,13) 1 volta; l’aggettivo rag- tico «ira» prova che la Vg. ha colto meglio dei L X X
gaz 1 volta (Deut. 28,65). ^s- 52»1 5 rSz ^ ® una il significato ebraico, mentre i L X X subiscono
congettura (C. Westermann, ATD 19 1, 204; non maggiormente l’ influenza del lessico aramaico (v.
accolta da D. Barthélemy, O BO 50/2, 1986, 384­ sotto, 11.3).
' 3 9 5 )-
11.1. N ell’uso del verbo rgz le forme imperfet­
II sost. ’argaz, presente solo in 1 Sam. 6,9.11.15, è
tive (17 volte l’ impf., 4 il perf. cons.) superano
controverso quanto all’etimologia (filistea?), allo
schema nominale (’aqtal o ’aqtàlì Prima sillaba pro- numericamente quelle perfettive (7 volte il perf.,
stetica? cfr. J. Barth, Die Nominalbildung in den se- 5 l’impf. cons.). Si hanno inoltre il vetitivo (1 vol­
mit. Sprachen, *1894, 223; Brockelmann, VG 1 215) ta: Gen. 45,24), l’imperativo (2 volte: Is. 3 2 ,11 [for­
e al significato («borsa», «sacca», «cassa», «borsa da ma aram.]; Ps. 4,5), 4 volte l’inf. cs. hitp. (2 Reg. 19,
sella»?), un’incertezza evidente già nelle versioni 27.28 = Is. 37,28-29), il ptc. hif. 3 volte (Is. 14,16;
antiche (cfr. la disamina con bibl. in H.J. Stoebe, Iob 9,6; 12,6). Nelle forme derivate il soggetto è
KAT viii/i, 147; P.K. McCarter, 1 Samuel, AB, 130. sempre animato. A l qal prevalgono i soggetti ani­
135; inoltre W.H. Bcnnett, ExpT 13 [1901/02] 234). mati; i soggetti inanimati sono per lo più termini
Ma è molto più probabile che il sostantivo non sia
«geografici» («cielo»; 2 Sam. 22,8 [Is. 13,13?];
affatto pertinente alla radice rgz qui in esame (cfr.
già J. Fiirst, Hebràisches und cbaldaisches Handwòr- «terra»: 1 Sam. 14,15; loel 2,10; Am. 8,8; Ps. 77,
terbuch 11, '1863, 352). 19; Prov. 30,21; «montagne»: Is. 5,25; Ps. 18,8;
«sheol»: Is. 14,9; «l’oceano primordiale»: Ps. 77,
2. Attestazioni della radice rgz come espressio­ 17); i restanti soggetti inanimati indicano per si­
ne di un «movimento» s’incontrano oltre che in neddoche una persona (una parte del corpo, be­
ebraico (per il medioebraico cfr. Dalman, Aram.- ten: Abac. 3,16) o una regione («le tende [di Ma­
neuhebr. Handwb., 1938, 397), in arabo (ragaza v dian]»; Abac. 3,7; cfr. C. Siegfried - B. Stade, Hebr.
+ vili, detto del «tuono»; ragaz «tremito del dro­ Wb. zum A.T., 1893, 702; oppure si pone l’accen­
185 ( v i i , 3 2 8 ) rigaz (G. Vanoni) (vii,329) 186

to sulla «sicurezza sismica delle tende»; cfr. A. 2 Sam. 22,9 par. fr. 18,9; Mich. 7,18; Iob 9,5); hrh
Deissler, Zwòlf Propheten n, N E B , 232). N ell’uso (2 Sam. 22,8 par. Ps. 18,8; Is. 5,25; 13 ,13); ‘br (Is.
dei sostantivi e dell’aggettivo il soggetto agente è 13,13). Infine nell’ambito di rgz s’incontrano ver­
sempre animato, il soggetto subente può essere bi di percezione sensoriale (r’h: Is. 14,16; Mich.
inanimato (parte del corpo: «cuore»: Deut. 28,65; 7,16 s.; fr. 77,17; sm': Ex. 15,14; Deut. 2,25; Ier.
«terra»: Ioh 39,24). 22 sui trentuno esempi del qal 33,9; Abac. 3,16); in questi casi rgz segnala la rea­
sono monovalenti (solo il soggetto). Altri sintag­ zione alle impressioni sensoriali.
mi usati sono: oggetto diretto (hif. : persona: / Sam. 3. La statistica del campo lessicale consente una
28,15; Ezech. 12,18; Dio: Iob 12,6; Esdr. 5,12; analisi semantica. La radice ebraica rgz ha un nu­
«terra» ecc.: [Is. 13,13?]; Is. 14,16; 2 3 ,11; Iob 9,6); cleo semantico invariabile: «un moto interno/
oggetto preposizionale per indicare l’opponente esterno violento». Altri effetti semantici risultano
(sempre Dio: qal: [Ezech. 16,43?]; hitp.: tutte le ri­ concretamente dal contesto (a seconda della cau­
correnze) o la causa (Dio: Is. 64,1; uomo: Is. 14,9; sa scatenante del moto: «rallegrante» contro «op­
Abac. 3,16 [testo?]; animale: Ioel 2,10; opera buo­ primente», cfr. Nòldeke 85 s.; a seconda della di­
na: Ier. 33,9; ingiustizia: Am. 8,8; Prov. 30,21). In rezione del moto, «mosso» contro «movente»,
Mich. 7 ,17 il tipo di frase verbale (gruppi prepo­ ecc.). Se l’impiego con un soggetto inanimato è
sizionali con min e ’e/) indica un moto in avanti: originario rispetto a quello con un soggetto ani­
«avanzare tremando»; si ha una constructio prae- mato, rgz con soggetto animato indica in primo
gnans (cfr. G K a § ii9ee; B D B 919). Sintagmi li­ luogo una manifestazione somatica («fremere, tre­
beri compaiono solo isolatamente (luogo: Gen. 45, mare»), come confermano passi come Ezech. 12,
24; Ecclus 34,24; tempo: Is. 3 2 ,11; fine: Is. 28,21; 18 (cfr. W. Zimmerli, B K x m / i1, 270; diverso pa­
modo: 1 Sam. 28,15). La mancanza del ptc. qal, rere in F. Horst, BK x v i/i3, 37 a Iob 3,26); altri­
della vocale tematica -a- nell’ impf. qal e la scarsa menti un moto interiore («essere/diventare scos­
adattabilità ad altri sintagmi fanno supporre che so, agitato»). Non si registrano sviluppi semanti­
rgz sia un verbo di stato. L a scarsità di adatta­ ci, ad es. in direzione di un restringimento verso
mento si constata anche per i sostantivi (pronomi l’effetto semantico «ira». Si nota tuttavia chc nel­
enclitici: Is. 14,3; Ecclus 5,6; nesso genitivale: Iob l’ambito di rgz i campi semantici di «irrequietez­
37,2). Infine si deve notare la concentrazione di za, agitazione» e «ira» si escludono. Ciò porta a
rgz in Is. 14 (3 volte) e Abac. 3 (4 volte). concludere l’esistenza di un duplice uso di rgz
2. Nel contesto di rgz si trovano le radici di si­«turbamento, agitazione» e, più raramente, «ira».
gnificato affine d'g (Ezech. 12,18); hwl (Ex. 15, L ’analisi semantica del sost. rógez, teologica­
14; Deut. 2,25; Ps. 77,17); hrd (r Sam. 14,15; Is. mente rilevante, è tuttavia complicata perché nel
3 2,11); jr ' (Deut. 2,25; Mich. 7,17); nwt (Ps. 99,1); suo contesto immediato non s’incontra mai il cam­
phd (Deut. 2,25; Ier. 33,9; Mich. 7,17); pls (Iob po lessicale «ira» (cfr., ad es., la diversa valutazio­
9,6); r's(i Sam. 22,8 p a r.fr. 18,8; Is. 13 ,13 ; 14,16; ne di Abac. 3,2 nei vari commentari).
Ezech. 12,18; Ioel 2,1.0; fr . 77,19; Iob 39,24); cfr. a) Giobbe riepiloga la condizione umana in una
ancora bhl, mwg e r'd in Ex. 15 ,15 . Le radici con­ formula pregnante: « L ’uomo, nato di donna, bre­
tengono la comune caratteristica semantica «sus­ ve di giorni, sazio di ‘ inquietudine’ (rógez)» (Iob
sultare, tremare» (-» voi. in 10 13 -10 19 ). 14 ,1; cfr. Gen. 35,29 «sazio di giorni»). La formu­
Radici antonimc documentate nel contesto di lazione gnomica fa pensare a tutto ciò che «coin­
rgz sono: 'mn (Iob 39,24; cfr. Deut. 28,66); bth volge l’uomo anima e corpo, tutto ciò che lo tur­
(Is. 3 2 ,10 .11; Iob 12,6; cfr. f r . 4,6); dmm (Ps. 4,5); ba e lo agita» (F. Horst, BK x v i/i3, 52 s.).
nwh (Deut. 28,65; 2 $am- 7>IO>cfr. v. 1 1 ; Is. 14,3; Cause scatenanti dell’ «agitazione» sono noti­
Abac. 3,16; Iob 3,17.26; Prov. 29,9; cfr. Ezech. zie di una morte (portate a David: 2 Sam. 19 ,1; al­
16,43); rg' (Deut. 28,65; Ier. 50,34); s'n (Is. 3 2 ,11; le donne di Gerusalemme tanto sicure di sé [bth]
cfr. Iob 3,18; 12,5; ma non 2 Reg. 19,28 par. Is. con un canto funebre ironico: Is. 3 2 ,10 .11); ostili­
37,29 [si legga s i ’ón]); skn (2 Sam. 7,10 par. / tà (durante un viaggio: Gen. 45,24 [non «litigio»;
Chron. 17,9); slw (Iob 3,26; 12,6); sqt (Iob 3,26; Zorell, Lexicon 755: iter vestrum sit felix, sine ter­
cfr. Ezech. 16,42). Questo campo lessicale può es­ rore; diversamente le versioni antiche]) e infine
sere descritto con le caratteristiche «sicurezza (di un torto subito (fr. 4,5 [cfr. C . Westermann, Aus-
sé)», «(avere, ottenere) quiete». Frequentemente gewihlte Psalmen, 1984, 92 ss.]; Iob 3,26). Empi,
nel contesto di rgz si hanno espressioni con la stolti e animali si segnalano per la «veemenza» e
componente semantica «ira»’: radici: ‘np (2 Reg. gli «accessi» di stati d’animo incontrollati (Iob 3,
19,28 par. Is. 37,29; Is. 5,25; 13 ,13 ; Ecclus 5,6; cfr. 17; 39,24; Prov. 29,9; Dan. 3,13; Ecclus 34,21 [?]).
187 ( v i i , 3 30) ràgaz (G. Vanoni) (v i i ,3 3 0 ) 18 8

Re, stolti e situazioni assurde possono far «tre­ 2,25 [il tremore è provocato da Israele; -» voi. vi
mare» la terra e il mondo dei morti (Is. 14,9.16; 109], Is. 64,1; Mich. 7,17 [l’augurio espresso nella
Prov. 30,21). Iscrizioni cananaiche (K A I 9 A 5; preghiera ricorda Ps. 18,46; cfr. G . Schuttermayr,
13,4.6.7) parlano di «scuotere dal loro sonno» gli StA N T 25, 19 71, 177 s.j; Ps. 99,1). La problema­
spiriti dei morti e l’A.T. non si esprime diversa­ tica di questi testi non può essere esaminata in
mente (/ Sam. 28,15; cfr- i4>9)- questa sede (cfr. Jeremias; Stolz con bibl.), dove
b) Iob 12,6 potrebbe ricollegarsi a questo mo­ ci si deve accontentare di evidenziare l’ampia gam­
do di dire: «Sono pieni di sicurezza coloro che 'di­ ma degli effetti delle rivelazioni che provocano il
stolgono dal suo sonno’ El» (cfr. G . Fohrer, KAT «turbamento» (dal «torcersi dalla paura» [Deut.
xvi2, 232). 11 rimprovero profetico di essersi «agi­ 2,25] fino alla «lode» del nome di Jhwh [Ps. 99,1­
tati» e «ribellati» contro D io è diretto tanto al­ 3]; cfr. J.Jeremias, F R L A N T 14 1,19 8 7 ,116 ). Que-
l’infedele Gerusalemme (Ezech. 16,42 testo emen­ st’ampia scala s’incontra anche nei restanti testi:
dato) quanto al suo oppositore Sennacherib (2 al «tremore» di Abacuc (3,16 [2 volte rgz]) dopo
Reg. 19,27.28 par. Is. 37,28.29). Nella loro confes­ la visione della teofania di giudizio si mescolano
sione a Tattenai, i Giudaiti ricapitolano le tra­ «quiete» (v. 16), «giubilo» e «gioia» (v. 18). Tut­
sgressioni (che l’opera storiografica dtr. denuncia tavia il giorno di Jhwh che si avvicina sarà «inso­
con ben più ampia terminologia) dei «padri» stenibile» (Ioel 2 ,11) e farà «tremare» «tutti gli
prcesilici in un’unica breve frase: «Hanno irritato abitanti del paese» (v. 1). La descrizione dell’inva­
(rgz haf.) il Dio del cielo» (Esdr. 5,12). sione delle cavallette, sotto la quale cielo e terra
In promesse di salvezza e minacce di maledi­ «tremano» (v. 10), «fa scorgere allo stesso tempo
zione viene ricondotto a Dio il «disagio» chc nuo­ agli ascoltatori e ai lettori, per così dire in minia­
ce sensibilmente alla vita umana, ponendolo quin­ tura, ‘l’esercito apocalittico’ del ‘ giorno di Jhwh’ »
di in un contesto teologico. La promessa di N a­ (Deissler, Zwòlf Propheten 1, N E B , 75 ai vv, 4-9).
tan prevede la fine dell’oppressione d’Israele da c) Del rgz di Dio si parla 8 volte, sempre a pro­
parte di uomini malvagi, così che Israele non do­ posito di una manifestazione di potenza. Egli «si
vrà più «tremare» (2 Sam. 7,10 // / Chron. 17,9). irrita» contro Gerusalemme fino a compiere «una
Am. 8,8 interpreta un «terremoto» come una pu­ opera aliena» (Is. 28,21; il collegamento con 2
nizione degli sfruttatori. Le sanzioni del Deute­ Sam. 5 indica una guerra di Jhwh anomala [rgz
ronomio predicono a Israele incessanti preoccu­ qal]). Creatore e giudice, Jhwh «fa tremare terra»
pazioni causate dai popoli e angosce profonde (léb (Iob 9,6) e «cielo» (Is. 13 ,13 : il giudizio su Babi­
raggàz) provocate da Jhwh, se sarà disubbidiente lonia [testo?]), fa «tremare i regni» (Is. 2 3 ,11: giu­
(Deut. 28,65; v°l- vn I0 5)- L ’azione simbolica dizio su Tiro). In quanto «forte redentore» di
del profeta (consumare il pasto tremando e sob­ Israele Jhwh procura «riposo al paese, ma ‘turba­
balzando) predice drammaticamente il turbamen­ mento’ agli abitanti di Babilonia» (Ier. 50,34; sem­
to degli assediati (Ezech. 12,18). N ell’introduzio­ pre rgz hif.). Elihu parla dell’ «irritata voce tonan­
ne dei canto satirico (postesilico) per il re di Ba­ te di Dio» (Iob 37,2 rógez). Si può implorare Dio
bilonia (vero destinatario la Persia, cfr. H . Wild­ di anteporre la «pietà» all’ «irritazione» (rógez)
berger, B K x/2, 538 s.) si constata la redenzione (Abac. 3,2; cfr. W. Rudolph, KAT xm /3, 242:
d’Israele dagli «affanni» decretati da Jhwh (rog- «Non è un testimone sicuro» per «ira», con bibl.;
zekà // hà'àbódà haqqàsà, Is. 14,3). Il gioioso cfr. anche B. Margulis, ZAW 82 [1970] 413). Tut­
evento del ristabilimento di Gerusalemme porte­ tavia l’uomo che si basa sulla «misericordia» di
rà nei popoli a un riconoscimento, accompagnato D io con temerarietà empia dovrà aspettarsi la sua
da «timore e tremore», del bene compiuto da «irritazione» retributiva (Ecclus 5,6 ’af e rógez).
Jhwh (Ier. 33,9). In testi d’impronta prevalente­ A Qumran la radice non è finora comparsa; per
mente innica rgz ricorre a proposito della rivela­ le scarne solite ricorrenze nella letteratura interte-
zione della potenza di Jhwh. Descrizioni della stamentaria cfr. J.A . Fitzmyer - D.J. Harrington,
guerra di Jhwh e testi relativi alla lotta di Jhwh BietOr 34, 1987, 337.
contro le nazioni e le forze del Caos (collegati G. Vanoni
spesso con i motivi dell’Esodo) parlano ripetuta­
mente della terra che «trema» (/ Sam. 14,15; Ps.
77,19; cfr. Abac. 3,7 [«le tende di Madian»], del
«tremore» dei monti (Ps. 18,8 diverso dal par. 2
Sam. 22,8 [«cielo»]; Is. 5,25), dell’oceano primor­
diale (Ps. 77,17), delle nazioni (Ex. 15,14; Deut.
189 (v n ,3 3 1 ) regel (F.-J. Stendebach) ( v i i , 3 3 2 ) 19 0

« H an d » in der Hieroglyphenschrift und die semitischcn


regel Entsprechungen des zugrunde liegenden Etymons: Z À S
1 1 2 ( 19 8 5 ) 1 6 9 - 17 9 . - K . W eiss, 710Ù; ( G L N T x i 5-26).
- H .W . W o lff, Anthropologie des A .T . , *19 7 7 .
rdgal, n ì^ -jD marg'lót, y^H ragli,
-* hdm (hàdóm), -> m w t.
r'gàlìm
1. Il sostantivo regel ricorre nell’ A.T. 245 volte;
1. Il term in e. - 11. - I l p ied e n e ll’ O rie n te an tico . — è inoltre attestato nella forma dell’aramaico bibli­
1. L ’E g it t o . - 2. L a M e s o p o ta m ia . - 3. L a S iria. - co, regal. In aramaico antico, precisamente in yau-
n i. L ’A .T . — 1 . regel c o m e m e m b ro d el c o r p o . - 2. U s o dico, si trova Igr (DISO 274; J. Friedrich, Phón.-
traslato. - 3. I l s im b o lism o d el p ie d e . - 4. I «pied i» di pun. Grammatik, A nO r 32, 19 5 1, 42*; LidzN E
D io . - rv. I d eriva ti. - 1. rigai. - 2. m arg'lòt. - 3. ragli.
368; cfr. il mand. ligra [MdD 23 5] e l’et. ’egr [Dill­
- 4. r'gàlìm. - v . G l i scritti d e u te ro c a n o n ic i. - v i. Q u m ­
mann, Lex. Ling. Aeth. 804 s.]), poi in aramaico
ran.
d’impero (DISO 274: Ah. 80,122.123.206; AP
B ib l.: P .- R . B e rg e r, Ellasar, Tarschiscb und Jawan, Cn 30,16; 3 1,15 ) e in palmireno (CIS 11 4058,6) rgl, in
14 und 10: W O 1 3 ( 19 8 2 ) 50 -78 . ~ T . B la tte r, Macbt und aramaico giudaico riglà’, ragia’ (così G. Dalman,
Herrscbaft G ottes (Stu d ia F r ib u r g e n s ia N . F . 29, F r e i- Aram.-neuhebr. Handwórterbuch 378), in siriaco
b u rg /S c h w e iz 19 6 2 ). - E . D h o r m e , L ’em ploi métapho- regia’ (Brockelmann, Lex. Syr. 712). Per la dissi­
rique des noms de parties du corps en bébreu et en ak- milazione reciproca di consonanti sonore cfr.
kadien, P aris 19 2 3 = 19 6 3 . - E . E b c lin g , Fuss ( R L A i n
Brockelmann, V G 1 227. 231. 295. In sudarabico
12 3 ). - G . F itz e r , Fusswaschung ( B H H W 1 506). - G .
F o h r e r , Barfuss ( B H H W 1 19 8 ). - G . F o h r e r , Schuh-
si ha rgl (Biella 479), in arabo rigl (Wehr, Arab.
werk ( B H H W u t 17 5 8 ) . - G . G e r le m a n , b r g ljw as an Wb. 296).
Idiom atic Phrase: J S S 4 ( 19 5 9 ) 5 9 .- M . G ò r g , Alles hast In fenicio c in ugaritico la radice non è docu­
D u gelegt unter seine Fusse (F s. H . G r o s s , S tu ttg arter mentata; qui si trova p'm o p'n (K B L 1 872; cfr.
B ib lisc h e B e itra g e 1 3 , '1 9 8 7 , 1 2 5 - 1 4 8 ) . - F . G ò ssm a n n , U T nr. 2076) (-> p'm ).
«Sgabellum pedum tuorum*-. D iv in ita s 1 1 ( 19 6 7 ) 3 1 - 5 3 .
Il verbo ràgal va ritenuto probabilmente un
- R . H e n tsc h k e , Fuss ( B H H W 1 505 s.). - F . H in tz c ,
denominale da regel (K B L 2 872; non così GesB
H d m r d w y «Fussschemel»: Z A S 7 9 ( 19 5 4 ) 7 7 . - J .K .
H o ffm e ie r, Some Egyptian M otifs Related to Enemies
744). Al qal significa ‘ follare’ (cfr. il toponimo ’èn
and Warfare and their O.T. Counterparts (F s . J .R . rògèl), poi ‘calunniare’; al pi. ‘percorrere (un pae­
W illia m s, A n c ie n t W o rld 6, C h ic a g o 19 8 3 , 5 3-7 0 ). - se, una città)’ e quindi ‘spiare’ (ma cfr. W. von So-
A .R . Jo h n s o n , The Vitality o f thè In dividuai in thè den, BZAW 162, 1985, 201); con le preposizioni
Thought o f Ancient Israel, C a r d if f '1 9 6 4 . - O . K eel, be e 'el ‘sparlare di qualcuno a qualcun altro’; al
D ie Welt der altorientalischen Bildsym bolik und das tif. ‘insegnare a camminare’ (solo in Hos. 11,3 ; cfr.
A.T., Z ù r ic h - E in s ie d e ln -K ò ln - N e u k ir c h e n *19 7 7 . - Id ., G K a § 55h; H.W. Wolff, B K x iv / i\ 247; K B L 1
Jahwe-Visionen und Siegelkunst ( S B S 84/85, 19 7 7 ). -
872).
Id ., Sym bolik des Fusses im A.T. und seiner Um welt:
O rth o p a d isc h e P ra x is 18 ( 19 8 2 ) 5 3 0 - 5 3 8 . - O . K o m ló s , A l campo lessicale appartengono ’asur ‘passo’
tu k k u l'r a g 'le k à (D eut X X X I I I j ) : V T 6 ( 19 5 6 ) 4 35 s. (da ’sr 1 ‘avanzare, camminare’); pa'am ‘passo,
- M . K ù c h le r, D ie «Fusse des H erm » (Eus., D E 6,18) camminata’; ma'gàl ‘pista, carreggiata, via’; kerà-
(F s. H . e O . K e e l-L e u , N o v u m T e sta m e n tu m et o rb is 'ajim ‘gamba (dal ginocchio al piede)’; 'dqeb
an tiq u u s 6, 19 8 7 , u - 3 5 ) . - K .P . K u h lm a n n , Thron ‘ tallone’; kaf ‘pianta del piede’; parsa ‘ zoccolo
(Lex. Àg. vt 5 2 3 -5 2 9 ). - R . L a b a t, Fusskrankheitcn fesso’.
( R L A in 12 6 s.). - M . L u r k e r , XVórterbuch biblischer
In Mesopotamia s’incontrano per ‘piede’ il su­
tìilder und Sym bole, '1 9 7 8 , spec. n i s. - M . M etzg e r,
Himmlische und irdische W ohnstatt Jahwes: U F 2
merico g ir, l’acc. sèpu(m) (Deimel, Ps. ni 63;
(19 7 0 ) 1 3 9 - 1 5 8 . - Id ., Kónigsthron und Gottesthron Ebeling; A H w 12 14 s.), da cui forse il verbo de­
( A O A T 1 5 / 1- 2 , 19 8 5 ). - Id ., D er Thron als Manifesta- nominale sèpu ‘ incedere’ (A H w 1215). Si trova
tion der Herrschermacht in der Ikonographie des Vor- inoltrepèmu(m),pènu «coscia» (AH w 854).
deren Orients und im A.T. (T . R e n d t o r ff, ed., Cha- L ’egiziano ha rd ‘piede’ (WbÀS 11 461 s.; V y ­
risma und Institution, 19 8 5 , 2 5 0 -2 9 6 ). - G .G . N ic o l, cichl 170). L ’espressione hdm rdwj «poggiapiedi»
Watering Egypt (Deuteronom y X I 10-11) Again: V T
corrisponde all’ebraico hàdóm raglajim, con l’egi­
38 (19 8 8 ) 3 4 7 s. - A . O e p k e , intoSèw x t X . ( G L N T v iri
ziano hdm che è prestito dal semitico (J. Osing,
8 7 1-8 7 6 ). - G . R iih lm a n n , «Deine Feinde fallen unter
deine Sohlen»: W Z H a lle -W itte n b e rg 20 ( 19 7 1 ) 6 1-8 4 .
Die Nominalbildung des Àgyptischen 1-11, 1976,
- F .J . S ten d eb ach , Theologische Anthropologie des 374; Kuhlmann 524; W. Helck, ÀgAbh 5, 1962,
Jahwisten, d iss. B o n n 19 7 0 ). — E . U n g e r, Fuss als Sym ­ 565 s.). In egiziano hdm da solo significa già «pog­
bol ( R L A in 1 2 3 ) . - W . V y c ic h l, Das Zeicben fiir d giapiedi» (WbÀS 11 505), come risulta conferma­
«9 « ( v ii, 33)) regel (F.-J. Stendebach) ( v ii,3 34) 19 2

to, oltre che dal costrutto hdm n tJtj «poggiapie­ quale un vassallo si definisce rispetto al faraone
di del visir», soprattutto dal fatto che in ugaritico come «sgabello dei tuoi piedi», dichiarando di es­
il semplice hdm significa «poggiapiedi» (U T nr. sersi prostrato davanti ai piedi del suo signore
751); la forma esplicativa è dunque semitica. Si no­ (E A 195,9-15; Metzger, Thron 265).
ti anche la traduzione dell’espressione nei L X X : Anche i piedi della divinità erano considerati
ò tz o iz ó S io v (t<I>v) tz o S ù iv (Hintze: Hoffmcicr 63;
simbolo del potere sovrano; all’uomo è consenti­
cfr. P. Artzi, Fs. S. Yeivin, Jerusalem 1970, 3 3 1­ to avvicinarsi soltanto a essi in quanto parte più
337). I L X X rendono regel con tou; (Weiss 1 1 s,). bassa del dio. A questo proposito si possono men­
zionare bronzi tardoegiziani che raffigurano un
II.1. Il simbolismo del piede è molto importan­ adoratore inginocchiato davanti ai piedi di una di­
te in Egitto: rientrano tra i simboli di sovranità le vinità sovradimensionata (Keel, Symbolik 536;
raffigurazioni dei popoli stranieri, ovvero la loro SBS 84/85, 35). Si colloca in questo contesto an­
riproduzione in geroglifici, i nove archi, sul pog­ che l’usanza di deporre contratti ai piedi delle di­
giapiedi c sullo zoccolo del trono del re (Kuhl- vinità dei contraenti, le quali fungono così da te­
mann 526; Keel, ZD PV 93 [1977] 167). I tre pa­ stimoni (G.J. Botterweck, B BB t, 1950, 28).
voncella il cui nome egiziano rfpjt significa anche Battere ritmicamente i piedi, battere le mani
«popolo, suddito», indicano all’incirca la medesi­ ecc. «sono movimenti e insieme manifestazioni
ma cosa dei nove archi; essi giacciono indifesi ai sonore con le quali si accompagnavano i ritmi
piedi del sovrano (Keel, Welt 230. 233). Queste della danza, canti corali durante una processione,
rappresentazioni non vogliono dire altro che il re invocazioni e recitazioni» (E. Hickmann, Lex.
dominerà, o continuerà a dominare, l’aggressività Àg. in 670; Keel, Welt 314).
dei nemici. Con archi sotto i piedi possono essere N ell’A .R. inoltrato si era soliti mettere vicino
simboleggiate anche le 15 divinità dei gruppi di dèi al defunto gambe di corniola per mantenergli ma­
presieduti dal dio del regno, Amun (Keel, Sym- gicamente valide le gambe e salvaguardare la sua
bolik 513). I nemici sconfitti possono essere an­ capacità di alzarsi e camminare. A l medesimo sco­
che raffigurati sotto i sandali del re (Keel, Sym- po serviva la formula 92 del Libro dei Morti (Keel,
bolik 532; Rùhlmann 74). L ’espressione egiziana Symbolik 530).
hr tb(w) o tbtj «sotto i sandali» significa «essere 2. In Mesopotamia sépu indica metaforicamen­
sottomesso a qualcuno» ed è attestata sin dai testi te la parte inferiore di un monte, di un colle o di
delle piramidi. In un’ iscrizione di Thutmosi ili si un mobile. Nei testi assiri il termine è usato col
legge: «Tutti i paesi, tutti i paesi stranieri... chc significato di «carovana». È documentato anche
non conoscevano l’Egitto, sono riuniti sotto i tuoi l’ uso eufemistico, per denotare i genitali.
sandali». Durante la x v i i i dinastia l’espressione Il piede c il segno caratteristico del dio Isum, al
divenne una formula fissa usata per il faraone in quale si applica anche l’epiteto di «piede lungo»;
quanto protettore dell’Egitto, senza che ciò impli­ egli è «il viandante notturno» e «guardiano della
casse necessariamente un’azione militare (Hoff- strada» (Unger).
meier 56. 59 s. 63; Gòrg 134 s.; cfr. Metzger, A O «Il trattato sulle prognosi considera... i sintomi
AT 15 / 1,4 6 .9 1 s.; Thron 2575.;-» voi. 11 375 ss.). che si possono osservare in chi ha i piedi malati...
L ’idea che il faraone calpesti il nemico e il suo Tra i testi terapeutici ci sono varie tavolette dedi­
paese o vi metta sopra il piede, com’è documen­ cate alla cura di dolori ai piedi» (Labat 126).
tata, ad esempio, sulla tavola di Narmer dove il Sin dall’età sumerica antica s’incontrano pog­
re, rappresentato da un toro, ha il nemico sotto i giapiedi teriomorfi per le divinità, soprattutto su
piedi (AO B 9 con rif. alle taw . 26 s.), presenta un sigilli cilindrici della Cappadocia (Metzger, AO
altro aspetto. Il faraone è così descritto come il A T 1 5 / 1 ,134 ss.). Quando si tratta di animali fero­
vincitore che prende possesso del paese straniero ci, si vuole probabilmente indicare che la divinità
(Hoffmeier 63 s.). Probabilmente esisteva anche domina le fiere (Metzger, Thron 267-273). D ivi­
una sorta di parata per la vittoria del faraone nità legate ad aspetti della vegetazione vengono
(Keel, ZD PV 93 [1977] 156). spesso raffigurate insieme con un monte sul qua­
Le raffigurazioni «che presentano un ‘mettere le troneggiano, così che anche i loro piedi poggia­
sotto i piedi’ nel senso di dominare e tenere sotto no o stanno sul monte (Metzger, Z D P V 99 [1983]
controllo... [vanno interpretate] in primo luogo 59 ss.).
come trasposizioni iconografiche... dell’idea miti­ Incisioni su sigilli cilindrici neoassiri del ix/vm
ca della vittoria sulle forze del caos» (Gòrg 145). sec. a.C. con la raffigurata della divinità con sotto
Nei testi di EA ricorre un’espressione nella i piedi un animale gregario, che allontana un leo­
193 (vii,334 ) regel (F.-J. Stendebach) (vii,33 5) 194

ne aggressore, dimostrano che il dominio signi­ bolo di dominio. Un dono votivo è messo «sotto
fica anche responsabilità: il sovrano deve difen­ i piedi» di Ba'al Samem, a memoria del donatore
dere i suoi sudditi più deboli dai più forti (Keel, (K A I 18,7). In un’iscrizione di Karatepe Azita-
Symbolik 533; Welt 49 s.; E. Zenger, SBS 112 , wanda dice di aver posto sotto i suoi piedi i capi­
*1987, 91; Fs. A. Brems, 19 8 1,13 6 s.). banda (K A I 26 A 1 16).
L ’idea del piede come simbolo di sovranità s’ in­ S’incontrano inoltre norme rituali in base alle
contra anche nella letteratura. In un inno sumeri- quali i piedi delle vittime sacrificate appartengo­
co-accadico si dice che Anu ha messo la terra co­ no a chi ha offerto il sacrificio (K A I 69,4.6.10).
me un sandalo sotto i piedi di Inanna/Ishtar (A. «Piede» e usato in senso traslato in un’iscrizio­
Falkenstein, BiO r 9 [1952] 90; Keel, Symbolik ne che parla del restauro di un «luogo di sacrifici
536). Ad Assur l’aspetto dell’oppressione è sotto­ cruenti munito di piedi» (K A I 80,1).
lineato con maggior forza. Così Tukulti-Ninurta Sul coperchio di una pisside con rilievi di avo­
1 dice di Kastiliash iv di Babilonia: «Ho messo i rio trovata a Minet el-Bedà è raffigurata una dea
miei piedi sul suo collo regale come su un pog­ in trono, i piedi della quale poggiano su una mon­
giapiedi» (E. Weidner, Inschr. Tukulti-Ninurtas, tagna stilizzata, che serve quindi da poggiapiedi
A fO suppl. 12, 1959, nr. 5,62; -» voi. 11 375 s.). Il per la dea (Metzger, ZD P V 99 [1983] 54-56).
piede è considerato anche strumento della presa
di possesso, ad es. nell’usanza di alzare il piede dal iii.i. regel indica il piede come parte del corpo
terreno che si vende e di far porre sul suolo il di uomini e animali. Gen. 8,9 racconta che la co­
piede del compratore (E. Cassin, L ’Année Socio- lomba non trovò un posto dove poggiare la pian­
logique 3 [1952] 12 1 s.; Keel, Symbolik 531 s.). ta (kaf) del suo piede (cfr. Deut. 28,65). Gli Israe­
3. La regione siro-fenicia partecipa della stessa liti dovranno mangiare la Pasqua «con le scarpe
mentalità: a Ugarit i piedi sono simbolo della so­ ai piedi» (Ex. 12 ,11).
vranità degli dei, davanti ai quali ci si piega (KTU Il piede è mezzo di locomozione. Israele attra­
1.3, III 9; VI 18; 1.4, Vili 26; 1.5., I 36; I.IO, II 18). versa a piedi (b'raglaj) il territorio di Edom (Num.
Si conosce anche il poggiapiedi come accessorio 20,19; Deut. 2,28). Secondo il canto di Debora,
del trono (KTU 1.6 ,111 15; 1 .1 7 ,1 1 11). Istruttivo Barak fu «mandato» (slh pu.) nella valle sui suoi
è il testo nel quale Attar è spinto a sedersi sul tro­ piedi (Iud. 5,15; F.J. Helfmeyer, B BB 29, 1968, 76
no di Alijan Ba'al, scoprendo che i piedi non gli intende l’espressione nel senso di «seguire»). Il
arrivano al poggiapiedi, né la testa alla testata del movimento dei piedi può essere anche violento.
trono (K TU 1.6 ,1 58 ss.). Non riuscendo a riem­ Così le piante dei piedi dei sacerdoti si staccano a
pire il trono di Ba‘al, Attar deve abdicare (Keel, fatica (ntq nif.) per posarsi sull’asciutto, uscendo
SBS 84/85, 35). dal letto melmoso del fiume verso la riva (Ios.
I feroci animali taurini che uccidono Ba'al ne 4,18). Sisera fugge a piedi (Iud. 4,15.17). Gionata
afferrano i piedi (KTU 1.12 ., 11 33). Ad Anat tre­ si arrampica con mani e piedi per arrivare alla po­
mano i piedi dal panico quando scorge i messi di stazione dei Filistei (1 Sam. 14,13). Estremamente
Ba'al (K TU 1.3, n i 32), ma la dea può anche sal­ perspicuo è il paragone con gli animali: Azael era
tare dalla gioia coi piedi (K T U 1.4, v 21). veloce (qal) a piedi come una gazzella (2 Sam.
Quando Alijan Ba'al fa dire ad Anat che i suoi 2,18; cfr. Am. 2,15). Per dare l’idea di una gran
piedi devono precipitarsi da lui, i piedi sono visti velocità si usa il modo di dire «i piedi non tocca­
quale mezzo veloce di locomozione (KTU 1.3, n i no la strada» (Is. 41,3; K. Elliger, B K x i/i, 10 6 .12 1
19; cfr. 1 .1 2 ,1 40). s.). «Mandare» il piede di un animale (slh pi.) si­
II piede come simbolo di oppressione compare gnifica farlo correre libero (Is. 32,20; H. Wild-
nell’espressione che i miseri (di) «vengono pesta­ berger, B K x/3, 1280 s.; diversa l’interpretazione
ti (ts) sotto i piedi» (K T U 1.16 , vi 48; -» voi. 11243). di Dalman, AuS 11 239: mandare gli animali al la­
La vicinanza tra la poesia ugaritica e quella voro). Il piede come mezzo di movimento fa ru­
ebraica si coglie nelle formulazioni parallele. Si more (qól, 1 Reg. 14,6; 2 Reg. 6,32).
nota così l’associazione di p'n ‘piede’ con pnm Il piede è quella parte del corpo con cui si cam­
‘volto’ (K T U 1.3, in 32-34; 1.4 ,11 16-18 ; 1.10 , n mina o sta sul suolo. Perciò si dice che la donna
17 s.; cfr. Ps. 57,7; 85,14); di p'n con pnt ‘angolo’ abituata alle mollezze non ha ancora mai cercato
(K TU 1.3, in 32-34; cfr. Prov. 7,12). La frase «il di posare la pianta del piede in terra (jsg hif., Deut.
suo piede parla d’inimicizia» è un parallelo di 28,56). Le piante dei piedi dei sacerdoti che por­
Prov. 6,1} (K TU 1.101,6). tano l’arca poggiano (nwh) nell’acqua del Giorda­
Anche in fenicio-punico il piede vale come sim­ no (Ios. 3 ,1 3 ; cfr. 3 ,1 5 ; 4,3.9; cfr. Is. 66,6). «Senza
*95 ( v ii, 33*) regel (F.-J. Stendebach) (vii,337 ) 196

piede» (lob 28,4; per Fohrer, K A T xvi, 391 una piedi o le gambe possono venire sporcati anche
glossa), cioè senza usare i piedi, indica la posizio­ dall’alto, ad cs. gambe e piedi di una puerpera dal­
ne sospesa dei minatori sorretti dalle corde di si­ la placenta espulsa (siljà, Deut. 28,57). Analoga­
curezza (Fohrer 397). mente l’urina è chiamata «acqua dei piedi» (2 Reg.
Conseguentemente anche la dimora di un uo­ 18,27 Q // Is. 36,12 Q). Sulla base di questo mo­
mo può detta «il luogo dove sta il suo piede» (1 do di dire Nicol (347) interpreta Deut. 11,10 co­
Sam. 23,22). Quando una persona si mette in cam­ me un’allusione ironica alla grandezza delle terre
mino alza i piedi (ns", Gen. 29,1). possedute dagli Israeliti in Egitto: per poter innaf­
«Mettersi, alzarsi in piedi» (qwm o 'md 'al rag- fiare tutti i terreni di sua proprietà a un uomo ba­
lajim) può indicare semplicemente il gesto volon­ stava urinarci sopra! Fare i propri bisogni era re­
tario di alzarsi, ad es. per pronunciare un discor­ so con l’eufemismo «coprirsi i piedi» (skk hif,
so (1 Chron. 28,2), oppure significare che qual­ lud. 3,24; / Sam. 24,4; K B L 3 712). Poiché questa
cuno è tornato in vita (2 Reg. 13 ,2 1; Ezech. 37,10; zona di impurità poteva attrarre spiriti immondi,
cfr. Ezech. 2,1 s.; 3,24). Viceversa, l’espressione il sommo sacerdote indossava una veste con il
«mentre sta ancora in piedi» (Zach. 14,2) significa bordo munito di campanellini a scopo apotropai­
«restare, essere in vita» (K. Elliger, ATD 2 5J, 184). co (Ex. 28,33-35; 39,25 s.; Ecclus 45,9; Keel, Sym­
In Gen. 49,33 «ritirare (’sp) i piedi sul letto» signi­ bolik 536).
fica prepararsi coscientemente a morire. Ciò spiega anche la perifrasi regel per indicare
Il piede serve anche per lavorare. L ’Egitto è un i genitali (Ex. 4,25; Is. 7,20; cfr. H. Junker, BBB
paese nel quale si irrigano i campi col piede, cioè 1, 1950, 128; Stendebach 278; H. Wildberger, B K
artificialmente (Deut. 11,10 ). L ’espressione si rife­ x /12, 302; H.-J. Hermisson, W M A N T 19, 1965,
risce probabilmente a una ruota per attingere, che 66). In Ezech. 16,25 «allargare le gambe» (psq pi.)
va mossa coi piedi, o a un bilanciere per attingere indica la provocazione sessuale della moglie infe­
acqua sul quale si sale coi piedi, non certo a sca­ dele.
vare coi piedi i fossetti per l’irrigazione (Dalman, L ’usanza di togliersi i sandali prima di entrare
AuS 11 230-238). In Gen. 41,44 «alzare (rwm hif.) in un luogo sacro (Ex. 3,5; Ios. 5,15) va spiegata
mano e piede» è una perifrasi per indicare qua­ col contatto con la zona immonda cui sono espo­
lunque attività. In questa espressione si ha un uso ste le calzature. I sacerdoti compivano evidente­
giuridico simile alla vindicatio romana: «Che in mente il loro servizio a piedi nudi; in ogni caso
Egitto nessuno possa alzare mano e piede senza nella descrizione del loro paramento sacerdotale
Giuseppe serve a descrivere il suo potere sul pae­ in Lev. 8 non si parla di calzari (Weiss 13 s.; Keel,
se» (C. Westermann, B K 1/3, 99 secondo Z.W. Symbolik 536). Anche l’ambito della morte ha ca­
Falk, JSS 12 [1967] 243 s.). rattere numinoso, perciò i riti funebri prevedono
Jhwh intima a Ezechiele di battere il piede in i piedi scalzi (2 Sam. 15,30; Ezech. 24,17.23; Mich.
terra (rq', Ezech. 6 ,11 [W. Zimmerli, B K x m /i1, 1,8) e in tale circostanza i piedi non vengono
145]; cfr. 25,6). «Già il semplice battere la terra curati (2 Sam. 19,25). I piedi scalzi sono anche un
col piede... è una dimostrazione della capacità di segno dell’umiliazione dei prigionieri di guerra
imporsi e di trionfare» (Keel, Symbolik 532). Cfr. (Is. 20,2-4; H. Wildberger, B K x/2, 756). Per l’in­
anche Ezech. 32,2 (Zimmerli, B K xm /22, 768 s.); terpretazione dell’uso cultuale di denudare i piedi
lob 39,15. per simboleggiare (pars prò toto) la nudità inte­
I piedi in quanto estremità inferiore del corpo grale cfr. E. Drcwerm ann, Tiefenpsychologie und
umano vengono in contatto con la sporcizia della Exegese ti, *19 8 6 ,384 ss.; Weiss 8 ss.
strada, perciò entrando in una casa li si lavava (2 La particolare prossimità dei piedi all’ambito
Sam. 11,8; Cant. 5,3) e di conseguenza si offriva dell’impurità è forse la ragione per la quale si ap­
all’ospite, per prima cosa, acqua per lavarsi i piedi plicava sangue all’alluce destro del sacerdote nella
(Gen. 18,4; 19,2; 24,32; 43,24; lud. 19,21; cfr. / cerimonia di consacrazione (Ex. 29,20; Lev. 8,23
Sam. 25,41; cfr. Fitzer). Uccidendo un uomo l’as­ s.; K. Elliger, H A T 1/4, 119). Il medesimo rituale
sassino si sporca i sandali e quindi anche i piedi s’incontra nelle cerimonie di purificazione per
col sangue della vittima (1 Reg. 2,5). Dato che i coloro che sono guariti dalla lebbra, con l’aggiun­
piedi sono il punto di contatto con ciò che è im­ ta, in questo caso, di un’applicazione di olio (Lev.
puro (Keel, Symbolik 535), prima di iniziare il 14,14.17.25.28) - né va trascurato chc augurare a
loro servizio i sacerdoti devono lavarsi i piedi (Ex. qualcuno di immergere (tbl) il piede nell’olio si­
30,19.21; 40,31) - probabilmente al posto di un gnifica augurargli abbondanti benedizioni (Deut.
bagno completo (F. Hciler, RdM 1 [1961] 187). I 3 3 . 2 4 )-
i ?7 (vii,337) regel (F.-J. Stendebach) ( v i i , 338) 198

La salute dell’uomo implica anche avere piedi vallette atte al salto (Lev. 11,2 1) , e piccoli animali
senza difetti, perciò chi abbia (una gamba o) un che si muovono con quattro o più piedi (Lev. 1 1 ,
piede difettoso non è ammesso a esercitare le fun­ 23.42). Le creature viventi che nella visione della
zioni sacerdotali (Lev. 21,19). Meribba'al è «col­ vocazione di Ezechiele sorreggono il trono han­
pito ai piedi» (nekèh raglajim, 2 Sam. 4,4; 9,3), no gambe dritte; le piante dei loro piedi sono
paralitico (psh nif., 2 Sam. 4,4; pisséàh, 2 Sam. 9, uguali a quelle di un vitello e scintillano come il
13; cfr. 1 Reg. 15,23; 2 Chron. 16,12). Durante il metallo lucidato (Ezech. 1,7; per i problemi del
viaggio del deserto Israele non ebbe a subire al­ testo cfr. W. Zimmerli, B K x m /i, 4 s. 25. 62; di­
cun danno, e tale incolumità viene espressa di­ versa l’interpretazione di Keel, SBS 84/85, 178­
cendo che il piede («i suoi piedi», cfr. BHS) non 180. 213-215). I cherubini nel santissimo stavano
gli si gonfiò (bsq, Deut. 8,4; Nehem. 9,21). Per al­ eretti sui loro piedi (2 Chron. 3,13). Nella visione
tri danni o difetti ai piedi cfr. Num. 22,25; 2 Sam. delle bestie di Daniele si dice che alla prima be­
21,20; Prov. 6,28. stia furono strappate le ali e fu messa ritta in pie­
Nella legge del taglione oltre a «occhio per oc­ di, su piedi come quelli di un uomo (Dan. 7,4).
chio» si commina anche «piede per piede» (Ex. 21, La privazione delle ali va probabilmente interpre­
24; Deut. 19,21); cfr. A. Alt, Kl. Schr. 1,19 5 3 , 34 1­ tata nel senso di un’esautorazione, oppure anche
344; D. Daube, Studies in Biblical Law, Cam­ come un gesto parallelo all’affermazione che le sa­
bridge 1947, 10 2-153; W. Preiser, Fs. E. Schmidt, rà dato un cuore umano. Questa umanizzazione
1961, 7-38; V. Wagner, BZAW 127, 1972, 3-14; della bestia si riferisce a Dan. 4,13 e allude alla sua
C. Carmichael, Biblical Laws of Talion, Oxford identificazione col regno neobabilonese (O. Plò-
1986, 21-39. ger, K A T x v i i i , 108).
Un uomo viene privato della libertà quando gli Nel sogno di Nabucodonosor la statua ha pie­
si applicano ceppi di ferro ai piedi (ngs, 2 Sam. di in parte di ferro e in parte di argilla (Dan. 2,33
3,34; cfr. Ps. 105,18 ‘nh 11 pi.; Iob 3 3,11). In Ps. s.). La duplicità del materiale si riferisce a una
22,17 invece di kà'àrì «come un leone» si deve divisione dell’ultimo impero in una parte solida e
probabilmente congetturare un verbo kàrù da krh una fragile (Plòger 47). Anche le statue degli idoli
iv col significato «legare, incatenare» (H.-J. Kraus, hanno piedi, dei quali si dice, svalutandoli pole­
B K x v /is, 323; K B L 3 473): dunque l’orante la­ micamente, che non possono camminare (Ps. 115 ,
menta chc i suoi nemici gli abbiano incatenato i 7; cfr. Is. 46,7; Ier. 10,5; cfr. H.D. Preuss, BW ANT
piedi, lo abbiano fatto prigioniero. Mozzare mani 92, 19 71, 252). Metaforicamente si potrà poi dire
e piedi ai nemici morti (qss pi.) è un atto docu­ che anche i tavoli coi pani di presentazione han­
mentato (2 Sam. 4,12), probabilmente per procu­ no «piedi» (Ex. 25,26; 37,13) e a questo proposito
rarsi un trofeo di vittoria (cfr. A N E P 118). si potrebbe anche pensare a «gambe» dei tavoli di
Si può indicare l’uomo intero con la formula foggia teriomorfa.
«dalla testa ai piedi» (Lev. 13,12). Più frequente è 2 .1 piedi come pars prò toto possono rappre­
l’espressione «dalla pianta dei piedi fino alla sentare l’intera persona: «Quando i tuoi piedi ven­
sommità del capo» (Deut. 28,35; 2 Sam. 14,25; gono in città» (/ Reg. 14,12) significa «quando tu
Iob 2,7) o «fino alla testa» (Is. 1,6). Quando in Is. vieni in città» (cfr. Is. 23,7; Ezech. 2 9 ,11; 32,13;
6,2 i serafini si coprono i piedi con due delle loro Ps. 122,2). I piedi degli abitanti di Gerusalemme
ali, non si deve pensare all’eufemismo piedi = ge­ «camminano verso il male» (Is. 59,7; cfr. Iob 31,5;
nitali, bensì si vuol dire che si coprono compieta- Prov. i , i 6 ; 6,18). I piedi della donna straniera non
mente davanti al Dio santo (Keel, SBS 84/85, 78 s. restano in casa (Prov. 7 ,11) ma conducono giù al­
113 ; di diverso parere è Wildberger, B K x/i, 248). la morte (Prov. 5,5).
I piedi sono solitamente rivestiti con sandali o
calzature chiuse (na'al) (Deut. 29,4; Ios. 9,5). In In Gen. 30,30 Giacobbe dice a Labano: «Jhwh ti
battaglia le gambe sono protette da schinieri di ha benedetto leragli». L ’espressione va probabilmen­
bronzo (1 Sam. 17,6). Per gli ornamenti dei piedi te intesa nel senso «dopo il mio tempo», perché il
cfr. Is. 3,16; Fohrer, BH H W tu 1706 s.; H. Weip­ piede che passa senza fermarsi è simbolo del trascor­
rere del tempo (Brockelmann, Synt. 102. 116; GesB
pert, B R L 2 289; W.H.Ph. Ròmer, A O A T 1, 1969,
744; Stendebach 278; C. Westermann, BK 1/2, 586 s.
304. intende la successione temporale in senso causale,
Anche gli animali hanno piedi. Così nelle nor­ «poiché sto qui»). Wolff (107) interpreta diversa­
me circa gli animali puri e impuri s’ incontrano mente l’espressione: «Da quando ho messo piede
piccoli animali alati che hanno cosce (kerd‘ajim) ui, grazie alle misure da me adottate, ai progressi
sopra i loro piedi, intendendo le zampe delle ca­ a me ottenuti».
199 (vii,339) regel (F.-J. Stendebach) ( v ii,340) 200

In Gen. 33,14 Giacobbe vuole avanzare lentamen­ rende raro (jqr hif.) il proprio piede davanti alla
te (nbl hitp.) tenendo il passo (l'regel) del bestiame casa del vicino. Prov. 26,6 afferma: «Si taglia i pie­
e dei bambini. Ex. 1,8 parla del popolo che è b'rag- di da solo (ptc. p i di qsh 1) ... chi invia messaggi
lajim di Mosè: cammina nelle «orme» di Mosè, cioè
mediante uno stolto». «Un mandante che si serve
dietro a lui (Brockelmann, Synt. 116; Stendebach
di uno stolto per messaggero... è considerato un
278; cfr. lud. 4,10; 8,5; 1 Sam. 25,27-42 [prep. /']; 2
Sam. 15,16 s. 18 [BHS]; 1 Reg. 20,10; 2 Reg. 3,9). uomo che si priva delle gambe con le quali avreb­
be potuto portare lui stesso i propri messaggi»
Frequentemente regel è usato metaforicamen­ (Plòger 3 10).
te. Giobbe dice di sé: «Per il paralitico ero io i Anche nel linguaggio della preghiera regel è
piedi» (Iob 29,15): «era guida e badante, serven­ una metafora frequente. Così Geremia lamenta
do, per cosi dire, da occhio e piede per lo sfortu­ che hanno teso lacci ai suoi piedi (Ier. 18,22) e
nato» (Fohrer, KA T xvi, 409). In Is. 52,7 vengo­ messo quindi in pericolo la sua vita. Il salmista
no definiti «amabili» (n’h) i piedi dei messaggeri parla di persone che quando il suo piede vacilla
di gioia. L ’attributo non si riferisce al loro aspet­ (mwt) si vantano contro di lui (Ps. 38,17), oppure
to, ma all’attività resa possibile da quei piedi (cfr. afferma la propria fiducia che Jhwh non farà va­
Nah. 2,1). Si tratta dei gioioso annuncio della cillare il suo piede (Ps. 66,9; cfr. Ps. 94,18; 12 1,3;
buona notizia (Kiichler 11). Questo è un esempio lob 12,5 [m'd\, De ut. 32,35; ler. 13,16 [ngp hitp.]-,
di «pensiero sintetico, che nominando una parte Ps. 73,2 Q [nth]). Invece l’empio finirà con i piedi
del corpo ne intende la funzione» (Wolff 23; cfr. nella rete (lob 18,8); qui Gerleman ritiene che
107) - sullo sfondo dell’idea di una priorità del beragldjw sia una espressione idiomatica «a piede
concreto nel pensiero ebraico (J. Koeberle, Natur fermo» = «subito» (così anche in lud. 5,15; forse
und Geist nach der Auffassung des A. T., 1901, 38­ in Num. 20,19; Deut. 2,28; 2 Sam. 15 ,16 s.; cfr.
4 1; Vycichl 175; cfr. Is. 58,13;/«•. 2,25; 14,10). Lam. 1,13 ; Pi. 9,16; 25,15; Prov. 3,26). Improvvisi
Prov. 4,26 avverte: «Spiana (pls pi.) il sentiero terrori braccano (pws hif.) l’empio l'raglàjw
del tuo piede». O . Plòger (BK xvn, 45) menziona «passo passo» (lob 18 ,11). Fohrer (KAT xvi, 302)
l’acc. paldsu/naplusu e propone di tradurre «os­ pensa che si tratti degli «spiriti vendicatori degli
serva, bada al». La via su cui deve camminare il oppressi e degli assassinati, se non addirittura di
piede è la via della vita dell’uomo, la sua esistenza figure demoniache chc stanno alle calcagna dei
storica. Chi la percorre di fretta ( ’ivs) coi suoi pie­ malfattori». Per G .R . Driver (ZAW 65 [1953] 259
di, cioè senza riflettere, camminerà a vuoto (Prov. s.), che si riferisce all’ar. fdsa iv, pts significhereb­
19,2). Perciò l’orante confessa di dirigere i suoi be «perdere acqua (sui propri piedi)» per la pau­
passi verso le testimonianze di Jhwh (Ps. 119,59), ra. Le donne della corte reale intonano un lamen­
trattenendo invece il piede da ogni cattivo sentie­ to per Sedecia perché i suoi piedi sono immersi
ro (Ps. 119 ,10 1; cfr. Prov. 1,15 ; 4,27). In queste nel fango (tb' hof, Ier. 38.22) - immagine della sua
espressioni e in altre simili s’ incontra l’uomo qua­ situazione disperata.
le homo viator (Keel, Symbolik 530). Sullo sfondo della metafora del piede che vacil­
Qohelet esorta a badare al piede quando si va la c’è probabilmente la teologia della creazione,
alla casa di Dio (Eccl 4,17). Questo avvertimento che insiste particolarmente sulla stabilità delle
è un attacco a ogni tentativo dell’uomo di volersi fondamenta del mondo mediante l’opera di Jhwh.
mettere al sicuro da Dio mediante sacrifìci, pre­ N el Salterio si tratta di una tarda individualizza­
ghiere e altre opere religiose (F.J. Stendebach, zione di affermazioni che in origine avevano un
Glaube bringt Freude, 1983,99 s.). orizzonte molto più vasto (-> voi. iv 1009 s.).
Prov. 6,13 definisce iniquo l’uomo che «scal­ L ’orante confessa che la parola di Jhwh è una
piccia» (mll in) o «fa cenni» (mll iv) col piede: lanterna per il suo piede (Ps. 1 19,105); rischiara la
«l’uso improprio di organi o di parti del corpo sua esistenza, così che egli può riconoscere la me­
umano... suggerisce una perversione del cuore» ta e il cammino della propria vita. Il suo piede po­
(O. Plòger, BK xvii, 64 s.). Prov. 25,19: «Un den­ sa su un terreno piano (Ps. 26,12), egli è salda­
te chc si sbriciola e un piede che vacilla (mó'd- mente fondato con tutta la propria esistenza. Gli
det): l’infedele il giorno del bisogno», è un’esor­ angeli di Jhwh sostengono il pio affinché il suo
tazione a trattare con attenzione parti del corpo piede non inciampi in una pietra ed egli non cada
lese (secondo H. Ringgren, ATD 16 3, 10 1: ci si (Ps. 9 1,12 ; cfr. Ps. 56,14; 116,8; Prov. 3,23; 1 Sam.
può fidare di una persona infida tanto poco quan­ 2,9). Jhwh rende i piedi del re veloci come i cervi
to di un dente cariato e di un piede slogato). Se­ (Ps. 18,34 H 2 Sam. 22,34; cfr. Abac. 3,19). Il sal­
condo Prov. 25,17 si diventa molesti se non si mista confessa chc Jhwh ha posto i suoi piedi su
2oi (vn,34 i) regel (F.-J. Stendebach) (v i i , 3 4 1 ) 2 0 2

un ampio campo (Ps, 31,9). Mentre sàr significa Controverso è Is. 41,2. Il T.M. ha qui nel primo
«la ristrettezza, la situazione difficile che soffoca stico sedeq jiqrà’èbù l’ raglò «la salvezza si fa incon­
la vita... [merhàb] è un termine che descrive la tro (qr’ 11) al il suo piede». iQ Is1 legge qr' 1 «chia­
mare». K. Elliger (BK x i / i , 105) ritiene errata la po­
‘gioia di vivere del nomade’ {Gen. 26,22) che ve­
sizione dell’oggetto indiretto (dativo) leragló accan­
de davanti a sé gli ampi spazi e la libertà di possi­ to all’oggetto diretto (accusativo) del suffisso verba­
bilità illimitate» (H.-J. Kraus, B K x v /is, 169 a Ps. le, e propone di spostare l'raglò alla fine del secon­
4,2; cfr. Ps. 18,20; 66,12; 118,5). Jhwh ha messo i do stico sostituendolo - in base ai LX X xaì 7topeù-
piedi dell’orante in alto su una roccia (Ps. 40,3). creTat = w'jélék, che Elliger corregge in w'jukal -
Rispetto al luogo dei morti, sotterraneo e caotico, proprio con questo «ed egli prevale». Si dovrebbe
la roccia (sela') «è la quintessenza della solidità e quindi tradurre: «Chi ha svegliato dall’oriente colui
dell’incrollabilità» (Kraus 460). che incontra la salvezza e vince? Egli pone popoli
davanti a sé e mette (iQ Is1 hif. di jrd) re ai suoi pie­
Iob 13,27 è difficile. Fohrer (KAT xvi, 238 s.) ri­ di». Se questa congettura fosse esatta, si avrebbe qui
tiene che tds'èm derivi da slm 11 = imm - smm ‘pittu­ un altro esempio del piede come simbolo di sotto­
rare, colorare, truccare’ e legge invece di bassad «nel missione. .
ceppo al piede», bassld «con calce, malta». Egli
espunge il v. 27b considerandolo una glossa derivata In Ps. 110 ,1 Jhw h promette al re di fare dei
da 33,1 ìb e intende hqh una forma secondaria di nemici lo sgabello (hàdòm) per i suoi piedi. L ’in­
hqq «seppellire», arrivando alla traduzione: «Colori fluenza della tematica egiziana è palese (v. sopra,
i miei piedi con la calce, disegni sulle radici dei miei
11.1; L. Dùrr, Ps 11 0 im Lichte der neueren alt-
piedi» (diversamente F. Horst, BK xv/11, 182). «È orientalischen Forschung , 1929; Keel, Welt 230­
come se [Dio] pitturasse i piedi di Giobbe con bian­ 233; di parere diverso Gòssmann 51 n. 72, che
ca calce per potere osservare bene ogni suo singolo ricorre a insostenibili argomentazioni dogmati­
passo e disegnasse le sue orme sul suolo, così da che). «Soltanto il Dio d’Israele può lasciare al re
potere seguire esattamente il suo cammino» (G. Foh­
in carica quel controllo sulla potenza del Caos
rer, KAT xvi, 253; per Iob 30,12; 33,11 cfr. Fohrer
simboleggiata dai ‘nemici’, che il faraone egiziano
4I4-457)- rivendica nei confronti della divinità nel quadro
3. Il simbolismo del piede riguarda soprattutto della consapevolezza della sua elezione» (Gòrg
la sovranità e la sottomissione (Hentschke 505; 138). All’immagine dei nemici diventati sgabello
Blatter 55). Secondo Gen. 49,10 il bastone di co­ per i piedi del re si affianca la prassi di mettere i
mando (m'hóqèq) non si allontanerà «di tra» i piedi sulla nuca di sovrani sconfitti (Ios. 10,24).
piedi di Giuda. Qui si tratta «del bastone del re­ Il simbolismo del piede ricorre anche quando si
sponsabile dell’ordine, o del bastone di comando tratta di oppressione sociale (cfr. Lam. 3,14 [dk‘
del capo della tribù... qui usato nel senso della su­ pi.] con riferimento alla violazione della legge da
premazia su un gruppo di tribù» (Westermann). parte dell’occupante babilonese; Ps. 36,12). I sot­
La posizione del bastone tra i piedi sottolinea la toposti leccano (Ihk pi.) la polvere dei piedi del
forza simbolica che essi già comunque hanno; cfr. loro padrone (Is. 49,23) o si prostrano davanti
Iud. 5,27. Quando in Iud. 1,6 s. ai re sconfitti ven­ alla pianta dei suoi piedi (Is. 60,14). Il fenomeno
gono amputati pollici e alluci (b'hónót raglajim) della sottomissione volontaria mediante l’abbrac­
si segnala la loro esautorazione. S’intende eviden­ cio ai piedi è documentato in'/ Sam. 25,24; 2 Reg.
temente vittoria e sottomissione quando secondo 4,27.37; Esth. 8,3. Il gesto implica la richiesta di
Ps. 18,39 II2 Sam- 22>39 s> dice * nemici cad­ protezione e aiuto, ma anche la reazione di grati­
dero sotto i piedi del re (cfr. la formulazione si­ tudine per l’esaudimento. «I piedi vengono qui
mile in 1 Reg. 5,17: «sotto le piante dei piedi»). In abbracciati, per così dire, nella loro funzione di
Ps. 47,4 questa, che era in origine una prerogativa base del potere che si desidera sensibilizzare. Que­
del re, viene estesa a Israele (Gòrg 138). Secondo sto modo di esercitare potere mediante un gesto
Is. z6,6 la punizione per la città che si ergeva alta di (apparente) sottomissione risulta nell’A.T. un
consisterà nell’essere calpestata (rms) sotto i piedi atto tipicamente femminile» (Keel, Symbolik 533).
del meschino. In Mal. 3,21 il simbolismo della Ps. 8,7 ha una notevole importanza antropolo­
sottomissione, con un salto di qualità, e diventato gica: «Hai posto tutto sotto i suoi piedi». Qui
il simbolismo dell’annientamento (cfr. U. Riiters- l’uomo non è soltanto descritto come signore de­
wòrden, B N 2 [1977] 16-22). Questa intensifica­ gli animali, ma anche quale loro protettore (Keel,
zione si manifesta anche nell’espressione «immer­ Welt 49 s.; Zenger, SBS 1 1 2 , 2i987, 91). Mentre in
gere (rhs) il piede nel sangue» (Ps. 68,24; c^r- Dan. Egitto si usa l’espressione analoga con riferimen­
7,7 i9)- to al faraone quale protettore dell’Egitto nei con­
203 (vii.34 2) regel (F.-J. Stendebach) (vii,343) 2°4

fronti dei popoli stranieri, affinché sia conferma­ quale i piedi di Jhwh poggiano sul Monte degli
to il potere del re che, uomo esemplare, crea e U livi, che perciò si spacca a metà, creando così
mantiene l’ordine, Ps. 8 estende l’ampia compe­ un’ampia valle, una strada magnifica per la quale
tenza del re all’uomo eletto da Dio, ponendolo Jhw h entra a Gerusalemme insieme con i suoi san­
nella condizione, in virtù della sua elezione divi­ ti (J. Jeremias, W M A N T 1 0 ,21977, 24). Abac. 3,5
na, di resistere alla minaccia del Caos e di domi­ parla delle disastrose conseguenze di una teofania
nare il mondo in cui vive (Gorg 134 -137; cfr. quando in essa la peste (resef ), divinità depoten­
O.H. Steck, BN 14 [1981] 59). ziata a demone al servizio di Jhwh, segue i piedi
11 piede ha un valore simbolico anche nell’am­ di D io (Jeremias 46 ss.).
bito della proprietà e della presa di possesso. Secondo Is. 60,13 Jhwh onorerà il luogo (mà-
Secondo Deut. 2,5 Jhwh non darà agli Israeliti qóm) dei suoi piedi, cioè il tempio di Gerusalem­
neanche un pezzetto del paese di Edom ‘ad mid- me. In Is. 66,1 si riflette un’altra idea quando la
rak k a f ràgel «fino a quanto calpesta la pianta di terra è considerata il poggiapiedi di Jhwh - con
un piede», cioè neppure tanta terra quanta ne co­ un polemico ridimensionamento della riedifica­
pre un piede. La presa di possesso di Canaan è zione del tempio (Fohrer, Fs. K. Galling, 1970,
descritta in Deut. 11,24 con l’espressione: «Ogni 10 1- 116 ; diversa l’interpretazione di C. Wester­
luogo che la pianta del vostro piede calpesterà mann, ATD 192, 327 s.). Metzger (Thron 295 s.)
(drk) vi apparterrà» (cfr. Ios. 1,3; 14,9; 2 Reg. 21, fa notare che «il trono rappresenta la sfera di so­
8; 2 Chron. 33,8). In Deut. 11,6 si parla dell’an­ vranità e di azione del titolare del trono». Aven­
nientamento di Datan e Abiram, insieme con kol do Jhwh costruito la propria sfera d’azione col
haj'qùm ’àser b'raglèhem «ogni cosa che è ai creare cielo e terra, egli ha già eretto il proprio
loro piedi», cioè insieme con ogni loro proprietà trono con la terra e il cielo, così che la costruzio­
(F.J. Helfmeyer, BBB 29, 75 s.; cfr. anche Gen. ne di un tempio è superflua. Ezech. 43,7 (proto-
13 ,1 7\Ps. 60,10= 108,10). esilico; cfr. B. Janowski, JB T h 2 [1987] 168) parla
Deut. 25,9 documenta un’usanza giuridica se­ invece ancora senza riserve del tempio come resi­
condo la quale in caso di rifiuto del matrimonio denza della pianta dei piedi di Jhwh. Il passo do­
di levirato la vedova doveva togliere pubblica­ vrebbe alludere all’ arca (contrario Janowski 172),
mente un sandalo dal piede del cognato. Poiché il anche se manca vistosamente qualsiasi sua men­
sandalo irrobustisce la forza del piede, e quindi zione. Si deve vedere qui un effetto di Ier. 3,16
anche la possibilità di prendere possesso, il gesto s.? In caso affermativo, con la sua formulazione
rituale comporta un’esautorazione e un disonore Ezechiele si porrebbe a metà strada tra la nega­
della persona in questione (cfr. Ruth 4,7 dove il zione di Geremia e la valutazione positiva dell’ar­
gesto di porgere il sandalo equivale a una dichia­ ca in P (Ex. 25 ss.). In Lam. 2,1 Sion e Gerusa­
razione di rinuncia; Keel, Symbolik 534 s.). lemme sono dette sgabello dei piedi di Jhwh (di­
4. Le concezioni antropomorfiche di Dio nel- versamente H.-J. Kraus, B K xx3, 42). L ’identifi­
l’ A.T. comportano che si possa parlare anche dei cazione tra arca e sgabello dei piedi di Dio, pre­
piedi di Dio. Secondo Ex. 24,10 Mosè e i suoi ac­ sunta in / Chron. 28,2 (cfr. Metzger, A O A T 15/1,
compagnatori possono vedere il D io d’ Israele: 358 s.), non è affatto chiara a causa della paralle-
«Sotto i suoi piedi c’era qualcosa che somigliava a lizzazione aggiuntiva tra ’àrón e hàdóm. Fabry (-»
una struttura di mattonelle di lapislazzuli». È voi. 11 379 ss.) suggerisce pertanto di considerare
molto significativo che in questo testo, probabil­ hàdóm una circonlocuzione di kappóret, il co­
mente tardo (cfr. E. Ruprccht, Fs. C . Wester­ perchio dell’arca che sin da P è ritenuto il «luogo
mann, 1980, 138 -173; si osservi la vicinanza a dell’espiazione», e perciò in aggiunta, in piena re­
Ezech. 1), si descriva soltanto ciò che i piedi di altà simbolica, va inteso quale «rappresentante»
Dio toccano, accentuando così la trascendenza di del Dio presente (J. Blank, Theologie zur Zeit 1
Dio. Ps. 18,10 // 2 Sam. 22,10 raffigura la teofania [1986] 46-48).
di Jhwh nella quale «nuvole scure sono sotto i Se Sion è vista ora come seggio del trono (Ier.
suoi piedi». La scena ricorda un inno accadico che 14 ,19 .2 1; Ps. 9,12; 68,17), ora come poggiapiedi
descrive la divinità uranica che arriva cavalcando del trono divino (Ps. 9 9 ,5 .9 ; Lam. 2,1), l’oscilla­
la tempesta (A O T 249; H .-J. Kraus, B K x v/15, zione concettuale coincide con l’iconografia del­
290). Anche qui si rinuncia a una vera e propria l’ Oriente antico (Metzger, U F 2,156 ).
descrizione di Dio, che «in quanto revelatus ri­
mane Vabsconditus» (Kraus 289; cfr. Nah, 1,3). Davanti all’arca come sgabello dei piedi di Jhwh
Zach. 14,4 descrive una teofania di Jhw h nella ci si prostra (Ps. 99,5; 132,7). Difficile è Deut. 33,3.
205 (VII,344 ) regel (F.-J. Stendebach) ( v i i , 3 4 5 ) 206

Nella frase w'hém tukkù l'raglekà si propone (BHS) possono essere usati per camminare (cfr. Bar. 6,
una congettura himtakkù (da mkk), così che il testo 25; Pi. 115 ,7 ; cfr. H.D . Preuss, BW ANT 92, 19 71,
direbbe che i santi s’inchinano davanti al piedi di 264-267).
Jhwh (cfr. F. Stummer, Fs. F. Nótschcr, BBB 1, 265­ jtoù; è usato in senso traslato in 1 Mach. 9,16,
270; F.J. Hclfmeyer, BBB 29, 104 s.). Per Komlós
quando si dice che le truppe nemiche che erano
tukkù sarebbe prestito dall’aram. tikkd’, tikà' «cate­
xaxà izÒSclc, «sulle tracce» di Giuda si volsero in­
na», dalla radice tkk ‘annodare, legare’. Egli intende
quindi il testo nel senso che i santi sono attaccati ai dietro. Sap. 9,16 constata che si trova solo con
piedi di Jhwh (come con un guinzaglio) - un’imma­ difficoltà ciò che sta davanti ai piedi. Gli idoli so­
gine concreta per una prossimità ideale. no diventati un trabocchetto per i piedi degli stol­
ti {Sap. 14 ,11). Ecclus 6,24 ammonisce il discepolo
Si coglie un altro aspetto quando Giobbe con­ a costringere i propri piedi nei ceppi dell’istru­
fessa: «Il mio piede ha seguito fermamente le sue zione (ma cfr. Ecclus 2 1,19 L X X [B]). Ecclus 6,25
orme (’ij« r)» (Iob 2 3 ,11). Qui appare l’ idea di (= 6,36 L X X ) esige dal discepolo che il suo piede
una «sequela» di Dio, che implica fedeltà c ubbi­ calchi la soglia della persona giudiziosa. I passi del
dienza. piede fanno capire di che pasta sia fatto un uomo
{Ecclus 19,30 L X X [S1]); così il piede di uno stol­
iv. 1. Il verbo rigai è usato nel significato di to entra velocemente in una casa, mentre un uo­
«calunniare, diffamare» {qal: Ps. 15,3; pi.: 2 Sam. mo con esperienza si trattiene da un incontro {Ec­
19,28), ma più frequentemente nel senso di «spia­ clus 11,21). In Ecclus 15,15 (L X X H a) l’orante con­
re* {Gen. 42,30; Num. 21,32; Deut. 1,24; los. fessa che il proprio piede cammina in rettitudine.
6,22.25; 7,2 [bis]; 14,7-, Iud. 18 ,2.14 .17 ,2 Sam. 10, Infine Ecclus 40,25 ricorda chc oro e argento of­
3; / Chron. 19,3). Il ptc. pi. m'raggél denota gli frono al piede un appoggio sicuro, ma un buon
esploratori o le spie {Gen. 4 2 ,9 .11.14.16.31.34; Ios. consiglio vale più di entrambi. Ecclus 25,20 H con­
2,1; 6,23; 1 Sam. 26,4; 2 Sam. 15,10). «Chi usava i tiene una similitudine plastica: «Una salita sab­
piedi con eccessiva solerzia era ritenuto una spia» biosa sotto i piedi di un vecchio, ecco cos’è una
(Keel, Symbolik 530). H . Schùngel-Straumann donna ciarliera per un uomo tranquillo»: il ter-
(TùThQ 166 [1986] 123 n. 8) suggerisce per la for­ tium comparationis c la fatica richiesta a entrambi
ma tirgalti {Hos. 11,3 ; v. sopra, 1) la derivazione gli uomini.
dall’ar. rgl «succhiare, allattare». Il simbolismo del dominio e della sottomissio­
2. marg'lot «estremità dei piedi» si trova in ne s’ incontra in Iudith 2,7. Così anche la prosky-
Ruth 4,4.7.8.14. N ell’immediato contesto ci sono nesis è considerata un gesto di sottomissione e di
formulazioni le cui connotazioni sessuali non omaggio {Iudith 14,7; Esth. 4,i7d). D ’ altra parte
possono essere ignorate (E. Zenger, Z B K 8, 67). si può dire che la pianta (ì‘xv<k) dei piedi dei ne­
Dan. 10,6 parla delle «estremità dei piedi» dell’an­ mici non reggerà all’attacco {Iudith 6,4; cfr. per
gelo che splendono come bronzo terso. contro E. Zenger, JS H R Z 1 476: txvo? = «orma,
3. ragli «pedone, fante» è attestato in Ex. 12,37; traccia»; cfr. / Mach. 10,72). In Ecclus 4,28 H (cfr.
Num. 11,2 1; nel senso militare di «fanteria» in Iud. 5,14 L X X ) s’incontra rdgal qal col significato di
20,2; / Sam. 4,10; 15,4; 2 Sam. 8,4; 10,6; 1 Reg. «calunniare, diffamare» (G. Sauer, JS H R Z ili 516).
20,29; 2 Reg. 13,7; 1 Chron. 18,4; 19,18. Va ricor­
data la metafora di Ier. 12,5: «Se ti risulta faticoso vi. In iQ M 5,13 si trova una forma merùggelet
{ l’h) camminare con i fanti, come potresti sfidare chc va forse interpretata come ptc. pu. di rgl nel
i cavalli alla corsa?»; fuori metafora: «Se fallisci significato di «pendaglio», un cinturino che servi­
già nelle missioni facili, che succederà quando ar­ va a trattenere il fodero della spada.
riveranno quelle difficili?» (W. Rudolph, HAT 1/ regel nel senso di parte del corpo di uomini e
1 21»7 9 )- . . . animali è presente in iQ M 6,12; iQ Sa 2,5; 1 iQ T
4. Il pi. r'galim può essere utilizzato con il sen­ 48,4 s.; 6 1,12 ; iQ S 6,13; 10,13.
so di «volte», alternandosi con p t<dmim {Ex. 23, Molto vicini al linguaggio metaforico dei Sal­
14; Num. 22,28.32.33). mi, ai quali si rifanno, sono iQ H 10,29; * 5»*S (c^r-
Ps. 26,12); 12,3 (cfr. Ps. 40,3); 15,2 (cfr. Ps. 5,21?;
v. Il termine greco noi*, per denotare il piede si Ier. 38,22); 16,34 (cff - 105,18) che presenta
trova in Tob. 6,2 {bis); 11,10 ; Iudith 10,4; Ecclus anche una nuova espressione: «Non si faceva al­
26,18; 38,29.30; Bar. 6,16; / Mach. 5,48. cun passo con rumore di piedi».
Nel contesto della polemica contro gli idolatri­ Il piede quale simbolo di vittoria e sottomissio­
ca Sap. 15,15 afferma che i piedi degli idoli non ne appare in iQ M 12 ,11; 19,3.
107 (VII>34S) rigarti (K.-D. Schunck) ( v i i ,3 4 6 ) 208

4QPatr 3 spiega l’oracolo per Giuda di Gen. 49, volte: 15 come verbo al qal, 2 come sostantivo (1
10: i piedi tra i quali si trova il bastone del co­ volta nella forma margemà [Prov. 26,8] e 1 come
mando sono le migliaia d’Israele. rigmàtàm [Ps. 68,28]) e 2 come N P (/ Chron. 2,
regel compare solo 2 volte nei Canti per l ’olo­ 47; Zach. 7,2). Tuttavia è molto probabile che si
causto del sabato, ma con riferimenti del tutto abbia un errore in Zach. 7 ,1 (NP regem melek) e
oscuri (4Q403 i, 11 2; 4Q404 6,3). in Ps. 68,28 (rigmàtàm, un hap. leg.): forse in Zach.
Nei testi aramaici si hanno ricorrenze di rgl in 7,2 si deve leggere rab mag hammelek con E. Sel­
n Q tgJo b 12 ,1; 14,10; 22,5 (cfr. lo b 3 3,11); ìQap liti (KAT x ii2,J, 528) e S (cfr. BHS) e in Ps. 68,28
Gen 20,5 nella descrizione della bellezza di Sara rab metim con H. Gunkel (G H K n/22, 291).
(cfr. J.A . Fitzmyer - D .J. Harrington, BietOr 34, Eccetto che in Lev. 24,14.16, il verbo compare
sempre costruito col sost. 'eben «pietra», sing. o
^ F.-J. Stendebach pi., all’accusativo o retto dalla prep. b e. A diffe­
renza di sàqal (-> sql), che nell’A.T. è usato come
sinonimo, ràgam si trova quasi esclusivamente in
testi esilici e postesilici.
nr\ ràgam 3 . 1 L X X traducono il verbo con At$opoXeìv,
ma in Num. 14,10 hanno xataXi-SopoAcìv. Il sost.
0 X 1 regem , n D ìp rig m à , HDiflD m a rg em à
margemà è tradotto invece con crtpevSóvr] ‘from­
bola’, cosa che suggerisce una traduzione simile
per questo hap. leg. in Prov. 26,8 (cfr. O. Plòger.
1 .1 . E tim o lo g ia , V ic in o O rie n te an tico. - 2. L ’ A .T . —
3. I L X X . - 11. Im p ie g o in d isp o s iz io n i d i legge. -
B K xvii, 306 s. 3 11).
i li . Im p ie g o in testi n arrativ i. - iv . I n o m i in Prov. 26,8
e 1 Chron. 2,47. n. Il verbo è usato nel contesto di disposizioni
legali in Lev. 20,2.27; 24,14.16.23; Num. 15,35 s' e
B ib l.: H .J. B o e c k e r, Redeformen des Rechtslebens im Deut. 2 1,2 1 (cfr. 11Q T 64,5). Qui denota specifi­
A.T. ( W M A N T 14 , 19 6 4 , spec. 1 4 7 - 1 4 9 ) .- G . R . D riv e r,
camente un tipo di esecuzione della pena capitale,
Studies in thè Vocabulary o f thè O.T. iv : J T h S 33
espressamente previsto per determinati reati: la
( 1 9 3 1 / 3 2 ) 38 -4 7 . - J . G a b r ie l, D ie Todesstrafe im Licht
des A.T. ( Theologische Fragen der G egenwart, F s . T . bestemmia contro Dio (Lev. 24,14.16.23), la pro­
In n itz er, W ic n 19 5 2 , 6 9 - 7 9 ) .—R - H irz e l, D ie Strafe der fanazione del sabato (Num. 15,35 s.), il sacrificio
Steinigung ( A S G W P h il.-h ist. K l. 2 7 , 19 09 , 2 2 3-2 6 6 ). - di bambini a Moloc (Lev. 20,2), la divinazione
G . L ie d k e , Gestalt und Bezeichnung alttestamentlicher (Lev. 20,27) e ribellione caparbia contro i geni­
Rechtssdtze ( W M A N T 39 , 1 9 7 1 , spec. 49 s.). - O . M i­ tori (Deut. 21,21). Molte volte la disposizione
chel, Steinigung ( B H H W i n 1 8 6 1 s.). - F . P ra eto riu s, della lapidazione è preceduta dalla formula nor­
Àthiopische Etymologien: Z D M G 6 1 (19 0 7 ) 6 15 - 6 2 4 , male della sentenza capitale, mót jùmàt (Lev. 20,
sp ec. 620 s. - G . R in a ld i, R igm à: B ib O r 26 (19 8 4 ) 12 4 .
2.27; 24,16; Num. 15,35); talora si ha in aggiunta
- H . Sch iin g el-S tra u m a n n , Tod und Leben in der G e-
l’esplicita constatazione di morte avvenuta in se­
setzesliteratur des Pentateuch, d iss. B o n n 19 6 9 . - R . d e
V a u x , L O 1, '19 6 4 , spec. 256.
guito all’esecuzione (Num. 15,36; Deut. 2 1,2 1;
Lev. 24,23 secondo S). Il condannato a morte
1.1. La radice rgm compare nell’A .T. come ver­ veniva condotto fuori dell’accampamento o della
bo e come nome. Oltre che nell’A.T. è già pre­ località, i testimoni a carico poggiavano le mani
sente anche in testi accadici e ugaritici, poi anche sulla sua testa (Lev. 24,14) e la folla presente pro­
in aramaico giudaico, siriaco, arabo ed etiopico. cedeva alla lapidazione, lanciando pietre finché
Ma mentre in ebraico, aramaico giudaico e siriaco non sopraggiungesse la morte del reo. In questo
la radice presenta unicamente il significato di ‘get­ modo si esprimeva anche il carattere collettivo
tare pietre’ e ‘ lapidare’, in arabo vale anche per della punizione. Alla lapidazione poteva seguire
‘maledire’, significato che è l’unico attestato in una pubblica impiccagione del cadavere, per
etiopico. Non si può dire con certezza in che mi­ disonorare ulteriormente il giustiziato e a scopo
sura l’acc. ragàm u ‘chiamare’ e rigm u ‘grido, vo­ deterrente per gli altri; in questo caso il cadavere
ce’ siano collegati con la nostra radice; ma proba­ doveva essere rimosso prima di notte, per proteg­
bilmente l’ug. rgm ‘mandare’ e rgm (t) ‘messaggio, gere il paese da una contaminazione rituale (Deut.
notizia’ riflettono ancora il signi