Sei sulla pagina 1di 762

GRANDE LESSI CO

DEL
NUOVO TESTAMENTO

Fondato da GERHARD KITTEL

Continuato da GERHARD FR1EDRICH

Edizione italiana a cura di


I'. MONTAGNINI - G. SCARP AT - 0. SOFFRITTI

VOL. VII

P A ID ElA
Titolo originale dcll'opcrn
TheolotiJChet \f/orterhuch Zllfll N eur11 restnmm/
in Vcrbindunll mic zah lrc idicn f.achgcno=
bcgriindet von GERHARD KrTTr.L
he rnusgcgebeo von GERllARO f.R1Eoa1c11
AJl'ediziont italitma di questo se11i111<1 volume
hanno collaborato tome traJ1111ori:
FRANCO RONC:HI
GIOVANNI CAS ANOVA
nENEDl:TTINc DEL MONASTllRO ()I s. SCOLA STICA

T imi i diritti sono riservati. È rigorosammtc vicìata, a tcrmi11i


di legge, la riproduzione anche p11rz111lc dtllt• voci o il riasrr111lo
delle stesse.

@ VULAG VON W. KOllLllAMMU, STUTT<;A RT, 1942

@ P.•mF.t A, BRESCIA, 197 1


AVVERTENZA AL SETTIMO VOLUME ITALIANO

Il serrimo volume italiano è costituito dell'ultima parte del quarto vo-


lume tedesco (pp. 573-1120).
AUTORI
DELLE VOCI CONTENUTE NEL SETTIMO VOLUME

Direttore
GERllARll Knrm., professore ordinario di N.T., Ti.ibingen .

Collaboro/ori
OTTO BAVERNFEINll, profossorc straordinario di N.T., Tubingcn.
) OllANNES Bru IM , profes.<orc ordinario di N T. , Bcrlin.

GEOkC Bt:tTRAM, professore ordinario di N .T., Giesseo.

GONTHER BORNKAMM, docente di N.T., Konigsberg/lkthel.

FRtEDRICH BOCllSEL, professore ordinario <li N.T., R ostock.

R u ooLF B uLTMANN, professore ordinario di N.T., Marburg.

KUJIT DEISSNER, professore ordinario di N .T., Grcìfswnld.

GEl\HARD DELLING, parroco, GLauchau.


WALTER GRUNOMANN, docente incadçato di N.T., Jcna.

t \Xl ALTER GUTBRoo, Rcperent, Tubingcn.


FRIEDRICH HAVCK, professore straordina rio di N.T., Erlangen.

j oACH!M jERfMJAS, prof~sore ordinario d i N.T., C..iiningen.

HERMANN K t.t!I NKNEcHT, Obcrassistcn1, I lal le.

Wn.HELM MICHAELIS, profeSSQrc ordinario di N.T., Beni.

Orro M1CH EL, docente di N.T., Halle.


AtBRECHT O EPKE. professore straordinario di N.T., Lcip-.tifl.
~RllERT Pu1sKtR, professore ordinario di N.T., Bre.lau.

HANS HEINR!Ctr ScHAEllER, professore ord inario di irnnistica, Jkrlin.

W ltL SCHNEIOEA, professore ordinario d i N.T., Konigsbcrg.

]OHANNES ScHNt;IDER, professore straordinario di N.T., Berlin/ Breslau.

GuSTAv Sri\nt.tN, docente di N.T., Leip?.ig.

EJNST W iiR1·Hw1>1N, assistente. Tiibingcn .


INDICE DELLE VOCI

MEÀ.xtadìix (Michel) . . .... . .. .... . ... ....... . ... ... .... . . . . .. . •


J.LÉJ,l(j)Oµa.t, µEµl)il~lOtpoc;, èi11Eµ'ft'!Oc;, J.lOiWTi (Grundmann) . . ... . .. . .... :
µ€vw, ȵ-, 1ta.pa.-, 1tEPt·, 11poaµ.Évw, µovi'), v7toµÉvw, V'lloµov'i) (Hauck) ... .
p.Eptµv6.w, 7tpoµeptµv6.w, µÉptµva., 6.µÉptµvoc; (Bultmann) .... ... : . . ... .
µipoc; (Joh. Schncide.r) .... . ... ... ......... . ....... . ... . . . . . . .. . .
1iecrl-r1)c;, µeq'f,·miw (Ocpke) .. . ............. . ....... . ... •. . . ..•..
1w,-6-rotxov (Cari Sch neider) ... . ... . . . . ... . . ... .. ... . ... . .. . . .. . .
Mtcrcrl<l4 -+ Xpin-r6ç
µg-ro:f3o:lvw-+ 11, coli. 27 s.
llE'f6.0tcnc; -> -r(ih'JtJ.<
J,lE-rtx>UtÀ.Éoµm-+ IV, col. r478
µE'tlXXWÉW-+ V, coU . 485 s.
µt-ro.ì..cxµBcivw, (J.t-rciì..r1~.11jli.ç -+ VI, col. 37
µs-raì..Micrcrw-+ 1, coli. 695 s.
JJ.EW!J.ÉÀ.oµm, 6.µE-ra.µÉÀ.1)-roc:; (Michel)
µe•aµopq>6oµat -+ 1ioprpi)
µE'tetvotw. µt'tcivoto: -+ voiic;
µE't0:1ttµ1toµo:t -+ 1, col. ro78
µt-i:acr-i:ptcpo -+ O"'tpécpw
µs-racrxTJµ a ... l1;w -+ crxliµa
µE'tO:'tlih)µ<. -+ 'tl~µL
(1E'tÉXW -+ lii, coli. 1358 ss.
µE'tEWpll;oµm (Deissner) ........... . ......... . . . . . . .. . .. . ..... . . 177
µhoxoç, 1u...ox'l'J -+ 111, coli. t358
tJ.t-rptoltC:xOiw -+ itcicrxw
µihpov, èl.µe-Tpoc;, µe-rpÉw (Deissner) . . ......... . .. . .. . . .. .. ....... . l8 I
1d-rw7tov (Cari Schneider) . . .... .. . .. . ..... . .. .. . . .. ..... . . . . .... . 189
µl]À.wit'i) (Miche!) .... .. .. . . .. . . ..... .... . . . .. . ... . . ..... . . . .. . 195
µ1}v, veoµ11vla (Delling) ... .. . . .............. . . .. . .... . . . ...... . 197
µ1}-rl]p (Michaelis) . . ..... . .. .............. . ... . .... . .. . . . ..... . 207
µta. lvw, µlw:rµa, µta.0'µ6c;, ciµiav•oc; (Hauck) . ... ..... . .. . . .. .. .... . 215
µtxp6c; (H.cinwv, ÈÀ.ciXtO''toc;) (Michel) . . ............... . ..... . . . 22 3
µtµ ioµat, iu1..t1)'t1}<;, <TVµJ,ttµl]-n)c; ( Michaelis) . .. . ......... . ..... . ... . 2 5.3
µtµv{iO'xoµa.t, µvtla., µvi)µl], µ vfiµa. , µvl]µti:ov, µvl]µovtuw (Miche! ) . . . . 299
µtO'Éw (Miche!) .. .. . ........... . . .... . ......... . .... . .. . . .... . ,32 I
p.~6c;, µwil6w, µloihoc;, µuro<JJ'toc;, µ tcro<.r.7too6-r1)c;, -O'~ av-rtµtcrola (Preis-
ker, Wiirrhwein) .. ... . ...... .. . .. .... . ... . .. . .. .. ... . .. .. . . . 353
VIII TNOICE OELL~ VOCI

µoLl(WW, µcLxciw, µoLl(tLIJ., µoL)'.Oç, µCL)(«.Àlç (Hauck) . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 3


µ6)..t..;, µ6yLç (]oh. Schneiçler) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
µoMvw, µoÀ.ucrµOç (H:1uck) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
µoµ.<pi) -+ coli. 10 s.; 14
µoVlj -+ coli. 40 ss.
µovoycvi)ç (Biichsel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465
µopqn'), µopq>ow, µ6pq>wcnc;, µc•a;µopq:>òw (lkhm ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 477
µ6oxoc; ( Miche!) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . 53r
µii&oc; (Stiihlin) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 537
µuX'tTJplsw. ixµuX•TJPlsw (Preisker, lkmam) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629
µupov, µvpll;.w (Michaelis) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639
µuCT'ti}pLov, µuÉw (Bornkamm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 645
µwÀ.wl)i (Cari Schneider) . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 717
µwµ~. tiµwµoc;, O:µWµT)-roc; (Hauck) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 719
µwp6 c;, µwpa;lvw, µwpla;, µwpoÀ.oyla (B1::mam) . ._ . . ............. . . ... 723
Mwucrijc; (Joach. Jeremias) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . 765
Na~aprjv&;, Net~wpa.i:oc; (Schacder ) . . . . . . . . . . ..................... 833
vet~ (Miche!) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. .... .... .. ... .... .. 849
vetvetyi\w ( Preisker) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... ... .. ... . ...•... .. 8 77
vExp6c;, vcxp6w, véxpwcrLç (Bultmann) . . . • . . . . ..................... 879
vfoc;, O:vtiVEOW{Behm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 889
vcq>t)..11, vÉq>oç (Oepke) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 905
vccpp6c; (Preisker) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 929
vrrmoc;, \ll)'ltLci:~w (Bemam ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93x
vfi<r·nc;, VTJ<T•&vw, VTJO"i:da (Behm) . . . .... ... .•... . ...•....• . 965
vi)cp<...i, VTJ<p<iÀLoç, Éxvi'}q>w (Bauernfcind) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . 995
vLxci:w, vlx'T), vi:xoc;, vmpvLx<iw (Bauernfeind) . .. : . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101 l
vl'lt'tW, ètwr.'toç (Hauck) . .. ... .. ...... .. ... .. .. . .... . . .... ...... 1021
VOÉW, vovç, VOTJIJ<I, civéT)-roç, iivo~«. OVU\IOT)'tOç, OLaVOLa , OLClVOl)µa., lwoLa.,
cvvotw, ciivoLcr., x11•cr.v0Éw, µc,-avotw , µE-r6:vo1.a., àµnavÒ'T)'toç, itpovoÉw,
np6voLa, ùitovotw, Ù1tOVOLa, voubE•Éw, voui}ccrla. (Bchm, Wiirthwein) ... 1027
v6µoç , &.voµlO'., èivoµoc;, ~woµoç, voµLx6c;, v6µ<.µoç, vo~1olU•T]ç, voµo~t<Tl«,
voµo&c-riw, 1tapavoµla, ·µÉw (Kleinknecht, Gutbrod ) ............ . .. r 233
v6cro<;, voalw, v6<Tl)µa. (µaÀ.O'.xla;, µ<i<TnF,, xaxwç EX.W) (Oepke) ........ . . 1419
vuµq>l) , vuµq>loç (Joach. Jeremias) . . ..... ...... . .. . . . .. . ..... ..... 1439
viiv (lip·n ) (Srahlin) ....... ........ .. ............. • .... .. . • ..... 1457
VU~ (DelJ ing) ... . , , , ..... . .. . . . . , . . ... , .... ... . . • .. . ... · . ..... L,503
vwbp6ç (Preisker) ..... • . ............ . ....... . ......... . . . ..... 1513
ABBREVIAZIONI DEI LIBRI BIBLICI

ANTICO TEST AMENTO

Gen. Genesis Sap. Sapien1ia Salomonis


E.'<. Exodus Ecdus Ecclesfosticus ( LXX Sir.)
Lev. Leviticus Is. Isains
Num. Numeri Ier. Ieremias
Dcu t. Deureronomium Bar. Baruch
Ios. Iosuc Lam. Lamentationes
lud. Iudiccs Ep. lcr. Epistola Iererniae(Vg. Bar. c. 6)
Rmh Ruth Daniel (Vg. c. 13 = Susanna; 14
I -2 Sam . ("' LXX 1-2 Rcgnorum; Vg. 1-2 = Bel et Draco)
Regu m) Ez. Ezechiel
r-2 Reg. ( = LXX 3-4 Rcgnorum; Vg. 3-4 Dan. Daniel
Regum) Mal. Malachias
1-2 Chron. Vulg. 1-2 Parai. Os. Oseas
1-2 Par. 1-2 Paraliporncnon Am. Amos
1-3 Esdr. 1 -3 Esdrae( = Vulg. 3 Esdr. Mich. Micbaeas
[ apocr.], Esdr. I+ Il [ = T.Mas. Ioel Iocl
Esdr.,c. 1-10; Nem.c.n-23 ]) Ab<l. Abdias
Tob. Tobias lon. lonas
l udith Iudith Nah. Nahum
Esth. Escher Abac. Abacuc
lob lob Soph. Sophooias
Ps. Psalrui t\g. Aggaeus
Pr. Provcrbia Zach. Zacharias
Ecci. Ecclesiastes (hcbr. Qohde1) r-4 Mach. r -4 Machabaeroum ( }-4 apocr.)
Cane. Canticum Ca111icotum

NUOVO TEST AMENTO

Mt. Evangclium Matthacl i,z Thess. E pist. ad Thcssalonicenses J ,2


Mc. Evangelium Marci 1,2 Tiro. Episrulae ad Thimoteum 1,2
Le. Evangeliwn Lucae T it. Epistula ad Titum
Io. Evangelium Ioaonis Philm. Epistola ad Philcmonem
Act. Actus Apostolorum Hebr. Epimtla ad Hebraeos
Rom. Episnila ad Romanos Iac. Episnila Iacobi
e,2 (,or. Epistulae ad Corinthios 1,2 I-J fo. Epistulae Ioannis 1- 3
Gul. Epistula ad G1.latas 1>2 Perr. Epistu lae Petri 1,2
Eph. Episrula ad Ephesios Iudae Epistula ludae
Phil. Epistula ad Phili ppenses Apoc. Apocalypsis Ioannis
Col. Epistula ad Colosscnscs
ABBREVIAZIONI IN CARATTERI GRECI

Qua odo lln libro biblico è citato con abbreviazioni greche, il rimando è fat-
to alla versione dei LXX in quanto si distacchi da l T.M. Per es.:

q, Psalmi, nel testo dei LXX LiEU1:. De111ero11omio, nel testo dei LXX
1 Bn:a. r Reg., nd resto dei LXX '!la. Osea nel testo dei LXX

TRASCRIZIONE DELLE PARqLE SEMITICHE

Le parole ebraiche sono trascritte in caratteri latini nel sistema semitico


corrente, indicato dalla seguente tabella:

b (con e senza dageJ lene; e così


•ii pata!'
qi!Jme~
con tt1tte le begadkefat, eccello p,f) ii hatef - patab
bb (dageJ forte: e cosi in ogni caso .~ qames con ·h finale
di dages forte) -ah qomef con -h e mappik
g (vedi b) e sego/
d (vedi b) e sérO
h e !)(1/ef- sego/
w e ferf e sego/ con i
z {iireq
I) Nrt·q con i
! o holem
i o qo1ne! hatil/
k (vedi b) o !u1/e/ qiime~
l ò OC011\V
m li qibbuf
n c. uconw
• Jewii' pro11u11ciato

p.( Una parola ebraica tra i dt1e apici ' ' è /e.
::ione delle versioni antiche.
q

$ Le parole 11011 vocaliv.ate 11el testo tedesco


s (specialmente radici verbqli) sono riferite
(vedi b) di norma senza vocali.
LESSICO
M
(continuazione)

1. MEÀ.XID'EOÉx (in ebraico malkl-!e· condo l'ordine di Melcbisedech». Di-


Jeq) è, secondo Ge11.14,18 re di Salem gnità regale e sacerdozio erano antica-
e sacerdote dcli" Altissimo lddio' ('el mente uniti, e cosl resteranno anche nel
'eljon), contemporaneo di Abramo con presente e per il futuro . Simili idee era-
cui, secondo un aneddoto narrato diret- no vive onche all'epoca dei Maccabei
tamente, si incontra '. Il Ps. IIOA si ri- (Gionata in r Mach.9,30 s.; ro,20 s.; Si-
fà a questo racconto in un oracolo di mone in r Mach. I4,4I è chiamato ii·
Dio al re: «Jahvé ha giurato e non si yOU(..IEVO<; xat 6:pXt.€PEÙç El<; •ÒV alwva.,
pentirà: ru sei sacerdote in eterno se- «capo e sommo sacerdote in eterno».

MEÀXlO'EOtx
1 Per la formazione del nome dr.F.C.BURKITT, per i Cristiani al Golgota. e assai probabile
The Syriac Forms o/ N.T. Proper Names ( r912) che Mekhisedech sia una figura di cnnoneo
28; sulla storicità e sul la leggenda sorta intor- nordico e che il poco clx: di lui sappiamo costi·
no a lui, G. WUTIKE, Melchiscdec, der Prie- tuisca uno dci resti più antichi a noi pervenuti,
sterkiinig von Salem, Beih. z. ZNW } ( 1927); attestanti l'esistenza della tradizione nelle re·
M . FRJEDLANDER, La sei;te de Mdcbisédec et gioni nordiche della Palestina• (o.e. 179). A.
/'épitre aux Hébreux: Revue des 'Erudes Jui- jJRKU, Guchichte des V olkes l sratl ( s93 r) 63
\'CS v [ 1881] 1 ss., r88 ss.; vr 187 ss.); M. S1- n. 2 ~: «Di questo Mckhiscdcch si dice, in
:v10N, Mcl<bisédcch daus la polé11tiq11t: t:11trc Hebr.7,3, <'hc era o:mhwp, ciµ-frrwp, ciT•Yt:a-
)11ifs ti Chré1iens ti dans la Ugr.nde: Revue Mlyt)"tO~. Queste espressioni, o cui richiama
d1list. et dc Phil. rdigicuscs 17 (19,} 7) 1; W. l'attenzione P. HAUPT: JAOS (r918) 332, ri·
HERTZBERG, Die Melchisedektraditionen: JPOS cordano le parole che Abdihipa di Gerusalem·
8 ( r928) 169-179; H . STORCK, Die sogcnam•· me, in una lettera di EI-Amarna, scrive al re
len Melchisedckianer mii U11tersuch1111g ihrer d'Egitto (ed. J. A. KNUllTZON [191,J 1 286,9
Que/~11 auf Gedankengehall und dogmenge- ss.): 'Noo mi ha posto in questo luaso mio
schichtliche Entwicklung ( 1928); J. GAMBLE, padre né mia madre; la potente m:mo del re
S1mbol a11d Realit1 in the Epistle 10 the He- mi ha condotto nella casa di mio padre' . La
brews: JBL 45 ( 1926) 162-170. Inoltre i com- Lettera agli Ebrei ha forse conservato l'an-
mentari biblici a Gen. Ps. e Htbr. Per la for· m stile aulico di Gerusalemme?•. Anche H.
mozione dcl nome: Mclclùsedech è un nome G1sssMANN, Der /lfessias ( 1929), ha esposto
vetcrocananeo, formato come Adoniscdcch: «il particolareggiatamente come Israele abbia pre·
mio re è Scdccl1». W. HERTZB~RG sospetta che so dai CAnanei la speran1.a messianica e lo sti·
«lo storin di Mckhisedech sia lo f.apò~ Mlyo~ le aulico, e quanto la dignità regale e sncerclo
di un san1uario dell'antico Canaan, più tardi tale di Mckhisedech sia stata in questo senso
israelizzoco» (o.e. r78) e dalle tradizioni locali signifiro1iva per lo sviluppo della s1oria reli-
palestinesi condudc: «La tradizione sui re· giosa d'Jsraele. In ogni caso, ora si è inclini a
sacerdoti di Cana:m, dalla sede originaria sul riconoscere io Gtn. 14 materiale di un' ami-
Tabor, è Pl\$Sata poi per i Giudei o Gerusa· ca tradi:tionc palenisl~.
lemme, nel tempio, per i Samaritani al Garizim,
MEÀ.XtOE5Éx (0. Michcl J

Trncce di esse si trovano anzitutto nei che perciò la dignitlt regale e sacerdo-
Testamenti dei xn Patriarchi (dr. tesi. tale non sia attribuita ad un 'unica per·
L.5,1-7; 8,1-19; 17,1-11; 18,1-14; test. sona. Melchisedech è per i rabbini un
I ud. 24 , 1-6); in questi scritti apocalit- anello della catena tradizionale: Noè ·
tici ci si attende la rinnovazione del Scm-Abramo-Aronne. Sul gesto di Mel·
sacerdozio e un futuro regno di sa- chisedech lo straniero, che riceve la de-
cerdoti, jj superamento del peccato e cima da Abramo, si stende w1 velo in
l'apertura del paradiso. L'esegesi rab· diversi modi; in ogni caso l'interesse è
binica spesso sospem1 che Melchisedech rivolto soprattutto ad Abranio, e gncbe
sia un nitro nome di Sem, il figlio di questo episodio è narrato a suo partico-
Noè (Tg.J. raGen.14,18) e sposta cosl lare onore. È certo pacifico che assai
l'interesse su Abramo (P.R.Et. 27; Se· presto i rabbini si opposero ali 'interpre-
der Eliahu r. 25) 2 • Pagando Abramo la tazione cristiana del Ps. IIO e della per·
decima «di tutto», la sua stirpe ottiene sona d i Mclchisedcch (R. Ismael, c. 135
in cambio la benedizione «in tutto» d.C.) 4.
(Gen. r. 43 n 14, 20). Oppure , ancor:i, Flavio Giuseppe parla di Melchise·
quest'esegesi mette in dubbio d1e il pa- dech tanto in bell.6,438 quanto in a11:.
triarca abbia pagato la decima e al con· r ,180 ss., descrivendolo come fondato·
erario osserva che Jahvé diede personal- re e primo sacerdote della città di Ge-
mente la decima ad Abr:imo 3• Stando rusalemme, che a lui deve il nome ('Ie·
ali' interpretazione di R. Ismad, Mel- pwo À.uµa = !.t:po( e l:o:À.1)µ) 5 • Come Fi-
chisedech perde il suo sncerdozio per- lone e i rabbini, Giuseppe cerca di pro-
ché, secondo Gen . r 4,J9, antepone il no- cedere per ill:12ione - in questo caso
me di Abramo n quello di Dio; così Dio patticolarmente ovvia - dal nome a chi
trasferisce ad Abramo, conforme a Ps. lo porta. L'importante è che egli difen-
l 10,4, la suddetta dignità sacerdotale de la storicità della persona e del rac·
di Melchisedech (Lev. r. 25 a 19, 23; conto e accetta perfino che si tratti di
Ned. b.32b). un sovrano cananeo (Xa.vo:va.Cwv ovvci-
Tnlvolt", arcanto al Messia appare an- C7'T1}ç). Ma ~'ta di fatto che la sua ese·
che la figura cscat0logica del kòhèn !e· gesi razionalizzante e moralisrica cancel-
deq, «sacerdote giusto» ( ::: legittimo), e la proprio i tratti arcaici di Gen.r4 e
in questi passi è ovvio un legame con la mette in primo piano, come fanno an·
figura di Melchisedech (Cant. r. 2, y3; che i rabbini, Abramo e la sua virtù.
Sukkab.52b; Ab.R.Nat.34 (recens.A]; La preoccupazione storica, presente in
ed.Schechter [1882) roo , a Zach.4,14 ). Giuseppe Flavio, manca invece in Filo·
È significativo che questo malki-fedeq, o ne, che menziona Melchisedech solo di
kohèn-[edeq, appaia accanto al Messia e passaggio, anche se non senza interesse.
1 C.fr. anche la tradizione dei S11IDarìtani in E- 452-46,; cfr. J. ]EREMIAS: ThBI (1937) 3o8·
piph., haer.55,6. 310.
5 Gitolamo conosce una località di nome Sa·
3 Anc~ S. Girolamo riferisce questo pensiero loumins, a sud di Sciiopoli, e un'altra, Satem.
degli 'Ebrei': ambigu11m habelur, non si sa nella sic~sh regione, dove sarebbe ~tato possi·
chi pagò lo decima e chi la ricevette (ep. ad E- bile vedere le rovine del palazzo di .Mekhise·
vangelium 73,6): -+ WUTTICE 20 s. n. 5; RIG· dcch. Anche nella peregrina/io Siluiae viene
GENBACH, Komm. Hebr.190 n . 25. descritta questa localid., e messa in relazione
con Mckbiscdcch. Pero l'il)teresse della tra·
' Importante (: l'excursus in S'rRACK-BllLER· dizione è soprattutto fisso ·a Io. 3, 2 3 (Enon,
BECK, Der 110. Psalm 111 der ai1rabb. Lii. 1v presso Salùn). -+ Hl!RTZBF.RG 1 77.
Me>..x~i:reotx <0. Miche!)

Il testo veterotestamentario dà a Mel- dcll'an~ica attesa apocalittica (già .Mc.12,


c hi.sedech i titoli cli re ( Ba.u~hVç) e sa- 36?) 7 . La Le nera agli Ebrei, esponen-
cerdote ( lEpEuc;), cosl che Filone può ri-
t rovarc in lui il Ba.<TtÀ.EÙç voiic;, la ra-
do in forma di predicazione i concetti
gione regale, e il Myoc; (leg. alt. 3,79· di 'figlio' e 'sommo sacerdote', riprende
82). Melchisedech è inoltre l'amico di antichi problemi e remi della letteratu·
Abramo e riconosce nell'agire di costui
la mano di Dio (Abr.235 -236); infine è
ra apocalittica (test. JCJ! Patr. ! } e, citan-
un 'autodidatta' nella conoscenza di Dio, do il Ps. uo,4, giunge a parlare d i Mel-
e la sua dignità sacerdotale va intesa in chisedech (5 ,6.10; 6,20; 7,t ss. xoss.).
questo senso (co11gr.9~) 6• Cosi un pen-
Per prima cosa espone la sua mister:iosa
siero filosofico speculativo dissolve la
concreta persona storica fino ai limiti interpretazione di Gen.14 ,17-20, esem·
del possibile. pio di profonda e 'perfetta' dottrina (6,
2. Il cristianesimo primitivo si im· l ). Nome e dignità richiamano l'atteo·

battè nel mistero della persona di Mel- zione ai beni messianici di 'giustizia' e
chisedech procedendo dalla interpreta- 'pace' (7,2). L'assenza del nome del pa·
zione cristologica del Ps.110. Come mes- d re suo e del ceppo di origine ind ica una
sia, Cristo innalzato in croce fu pure sa- provenienza di tipo straordinario: egli
cerdote, anzi sommo sacerdote (a pxte· è se nza padre, senza mad re , senza ge-
pEuc;-+ rv, coli. 885s.), compimento nealogia (7,3)'. La Scrit tura inoltre, non

' o-rltv a.Ù'Toµa.»ij xcd a.ino5llia.x i:ov >..a.xwv puro caso? Si porrebbe negare per il rapporto
itPW<nlVT)v (congr.99); di q uesta frase si ap· preciso cli Hebr. con la gnosi, e I. confermo
propriò io seguito la Cliiesa. viene da certe $peculazioni su Melchisedech: la
speculazione di Filone e quella di una determi-
7 Melchiscdech, scoondo il testo veterotesto·
nata tradizione snudeo-gnoot.icuo. F. J.J.1!1tòMa,
mentario. è 's:i~do te'; n,.i LXX, in Filone e
Da1 geschichtliche Melchìsedek-Bild und seine
in Giuseppe non è chiamato à.pxe~peu~; inve-
Bedeu1u11g im Hb. (Diss. manoscritta, Frciburi;
ce in Philo, Abr.235 è detto o µiya.; ~~-
1920); B. MURMELSTEIN, Adam, ein Bcitrag
• Secondo ~ WurrKE 6 ss., l-Iebr.7,2-3 utiliz· wr Messiaslehre: Wiencr Zeitschrift fiit dic
:t..~ Wlo fonte: «L'autore ho fatto sua la fonte a Kundc des Morgenlande> 35 (1928) i42-2n;
motivo della forma altiS<>n3nte e dei rnffin2ti 36 ( 1929) ;1·86 e E. Ki\seMANN, o.e. 130, mo·
predicati, senza un profondo interesse al con· mano che la gnosi st2bilisce un peculiare lega·
te nuro•. Avremmo quindi uno 'srile aulico' ar- me tra fede nell'uomo primigenio e sommo sa·
mico, e forse anche tracce di una gnosi precri· ccrdozio. Anche Melchisedcch può apparire co-
sriana su Melchiscdtth . Del resro è sorpfCll· me incarnazione dell'uomo primigenio e per·
dente che 1' au tore di Hcbr. non spieghi le tan to rivestito della digni1à messianica di soni ·
11rnndi affermazioni di 7,2-3, e meno ancora le mo sacerdote, come altrove Mosé, Elia-Fmees,
utilizzi. E. KXsEMANN, Dar wandernde Got· Meratron, Sem o Michele. Le figure cambiano,
l csvolk (1939) 134, alfernia: «Non si può, né ma lo schema resta. Me k hisedech. che negli
per Filo ne, né pet Hebr., negare la conosccn· scritri su Adamo viene designato come il gran·
za d i tradizioni segrete circa il so mmo sacerdo- dc pontefice, esercita il suo ufficio al centro
te celeste, e per entrambi ronsuiare u na sem- della terra e là viene nnchc sepolto (ftammen·
plice gnosi scrirturistica derivata dal Ps. r 10•. to su Mclchisedech nel Libro di IIcnoch slavo),
St-condo E. KASEMANN, i mognifici pr<-dit":lti di e lo stesso vale per Acbono, 't'l-Or.do antiche
7 ,2-3 c-orrispondono a quelli che ndln gno~i speculazioni. Nd Lihro di Adnmo <:ristiano ·
110no ' "lirnmcnte applicati a un con~. «t un orientolc la cosa viene riportala in <Jucsta for·
' ' ( IV,J?J ) Mùx«TEÒÉx (0 . Miche!)

parlando deUa sua nascita né delfo sua rico (non fa riferimento alla tradizio-
morte, ne rivela )?eternità e l'eterno sa- ne di Abramo, Levi, Aronne) 9.
cerdozio (7,3). Ma, nonostante queste
3. La misteriosa inierpretazione di
grandi asserzioni, Melcbisedech rimane Hebr. nel periodo successivo venne ri-
solo ombra e prefigurazione del figlio di petutamente citata dalla speculazione
Dio (à.q>wµo~wµlvoc;, 7,3); non ha per- ecclesiastica e gnostica. La Pistis Sophia
e i Libri di Jeu fonno di Melchisedech
ciò alcuna imponan2a salvifica indipen- uno dei redentori gnostici, come rnisie-
dente, ma è una figura che Dio finaliz- riosa forza del regno della luce 10. An-
za verso il Figlio. Ge11.14,17-20 mostra che la speculazione giudaica sull' arcan-
gelo Michele s'è occupata di lui in epo-
che egli è più grande di Abramo e Levi
ca tardiva (Lueken) 11 • Sembra che i
e~ VI, coli. 647 ss.) e Ps.uo,4 è la pro- 'melchisedechiani' prestassero anche un
va che con lui è introdotto un nuovo or- culto a Melchiscdech; certo compromet-
tevano, con la serie dei redentori gno·
<line (-rei~~<;) che non dobbiamo affatto
stici, 1'9pera salvifica di Cristo (secondo
confondere col sacerdozio aronnitico. Hipp., refutatio 7, 36; 10, 24; Epiph.,
Mekhisedech segna lo scioglimento del haer.55). Melchisedech è, secondo loro,
culto giudaico e della legge; egli è per- al di sopra di Cristo e Cristo è soltanto
figura di questa 'grandissima forza' 12•
sona, figura e ordine, storia delle origi- In tale speculazione gnostica la rela2io-
ni e della fine nello stesso tempo, dise- ne reciproca delle due persone viene
gno salvifico di Dio e suo compimento spesso invertita e il testo di Hebr. fra·
inteso. Anche in circoli ecclesiali la mi-
umano ( -rEÀ.Elwu~c;). Propri di questo teriosa allusione di Hebr. ha dato ori-
brano (Hebr.7,2-3) sono lo stile magni- gine a diversi pareri e speculazioni (E-
fico (esisteva già prima di Hebr.?), la piph., haer.55)u; ma certo manca qui
il contesto cultuale, che rende così pe·
wncezionc cristologica ( &.qx.vµ.o~wµ.lvoc;, rigliosa la gnosi eretica.
7,3 ) e il valore dam allo scandalo sto- O.MtCHEL

mn: Melchisedech presca servizio alfa tomba cscgc•i rabbino·giudaica, pur giungendo a ri-
di Adamo, porta il corpo di Adamo al Calva- sultati che qttesta non seppe attingere.
rio e in qualirà di portatore del corpo di Ada- 10 C. SoiMIDT, Koptiuh -gno1tische Schri/t rn
mo riceve I~ mansione di sommo sacctdote e ( 190,); Pist. Soph. (1925).
diviene anello di congiunzione tra il sommo ll R•GGENBACH, Komm.Hebr.179: -+ WvTTKU
s:1cerdote Adamo e il terzo sommo sacerdote, 24.
Cristo. Gli scritti armeni 1u Adamo riferiS«>no 12 Hipp., ref. 7,36,16 s.: -rov-cov dva< ( L!L~ova
che Sem seppelll il cadavere di Adamo sul
"toù Xpia--toù, oìi xa-r' dxòva cpciaxou<rL -ròv
Golgota (Jrh0 M5, 10-15; KASEMANN 130).
XpL~Òv -rvyx.Xvtw; 10,24,13: q><i<n<ovn-; q.Ù-
9 Si tratta di un chiaro esempio di tipologia -ròv ùntp ttii<rav 5uvaµw vitlXPXEW.
cristiaon prirnitiva, non di un'allegoria; tipo- n V. anche Marcus Eremita, MPG 6' p. 1II 7
logia e aUegoria hanno un diverso rapporto ss. Cfr. J. KU>12E, Marcus Eremi/a ( 1895 ) e-+
con la storia (dr. ad es. il rapporto di Htbr. WvTTK:& 32 ss. Secondo i maesrri combattut i
e di Filone con il passato storico). Non dob- da Epifanio e secondo Mamrs Eremita, Mel-
biamo però ne.gare che J-lebr. presuppone me- chiscdcch era un 'npparizion<f, del >..òyoc; i}tclc;.
todi e principi ben determinati della rnrda primn dell'incarnaiione storica.
1•i1'~ ""' xù . (W. Grund mann ) (1v,n6) 18

t [tE[tcpoµcu, µEµ\jJlµoLpoç
t altEµ7t'"tO<;, t µoµq>YJ
!tɵ<poµa~ significa biasimare, rimpro· spondente ebraico lisso. In Ecclus 1 1 ,7
vcrare, oltraggiare; comunemente usa· sta per slp, che in ques to libro ricorre
to a partire da E siodo e and1e nella le i· solo qui e nel T. M. sette volte (di cui
teratura ellenistica. i:oùç à.yaltoùç liÀ.· quattro in Prov.) e in greco vie ne tra-
).oç µà.À.a 1.iiµ<prnx~. liÀ.À.oç É7taWE~, d otto in molti modi. Significa distor-
«i buoni, uno li biasima, l'altro li lo · cere, corrompere. In Ecc/us 41, 7 e 2
da» (Theogn. 797 ); µlµcpo11' a.Tnav i:v· Mach. 2,7 l'oggetto personale è in dati-
pawUìwv, «biasimo la sorte dei tiranni» vo. Altrettanto in lob x,22 ( ebr. ): ovx
(Pind. , Pyth. n,53); µT}Ot itpòç lfrnç lµÉµ\jia.-ro i:Q ltEQ, «non incolpò Id-
lt11pa.l>EW"m µlµljiT}a-ì}E 'l:UXTJV, «quando dio», per IO' natanti/la le'lohim ( LXX:
sarete raggiunti dal castigo, non accu- OVX ~/)wxEV aq>poaWl}V -r<{) l)eQ, «000
sate la sone» (Aesch. , Prom. 1072). attribuì a Dio stoltezza d i sorta»). In
Essere i11 collera, far rimproveri, ad es. : lob 33 ,2 7Ò.7toµÉµ.<jle-rcx~ tavi:ci"> non ha
i:t~ OÈ À.o!;lq.. .. µlµljiw OLxa.la.v µlµcp o- un corrispondente nel T.M. '.
µa~ i:avi:T}v (Aristoph., Pl.10). LAgnar-
si di qualcosa, 11011 ener soddisfatto di ~uµt)ilµoLpoç proviene dall'unione di
qualcosa: oi'. a<. 7tOLWavi:a. à.v6cna, v6- µÉµqmrlta.L con µoLp!Xv (che non è do-
µip OLxa.lt,o> XPEWµ.EVOL, u7ti}y ayov tç cumentata, ma che dobbiamo supporre
XELpaç i:tiç tµiiç, W.,-n <TE µ.T) µtµljie - secondo il modello di µiµq>Ei:rÒa.L -ru-
ol}cx~ -;i)v... olxnv. «(gli dèi) con legge XTlV, olxriv): uria che si lamenta delta
giusta hanno condotto nelle mie mani sua sorte, del suo destino, che non ne è
te, che hai compiuto azioni empie, sic- soddis/atto e litiga, malcontento, bron-
ché tu non abbia a lagnarti della pena » tolone. Isoc. l 2 ,8: oihw ;Ò yijpoc.:; È<ri:L
(Hdt. 8, ro6, 3 ss.); -rwv yewpyovv-rwv Ovaaptcr-;ov xal µixpoÀOyov xcxL µ.qJ.-
't:YJV XWPctV ~LEµcpoµÉVWV, «non eSSCndO ljllµotpov, «... la vecchiaia è spiacevole,
gli al!iic.:ultori soddisfatti de l terreno» piccina e b10111uluoa» ; Luc. , Iup.trag.
(Ditt., Or.669,6). Nei LXX, Ecclus 1 r, 40: ÉXELVl} 1.LEµljilµ.oLpoc; ov<ra i')yavcix-
7 ha: 7tPLV ÈçE-riicrnç. µTj µtµ"'1J, «pri· 'rl)CTEV, «quella (sci!. Diana ), essendo in·
ma di aver esaminato, non biasimare »: soddisfatta, si adirò»; Aristot. , hist.an.
1tai:pL àaE(3ci: µlµ~TaL -réx.va., O"tL o::.' 9,1 p. 6o 8b, 8 ss. : yuvT) b.v8pòc;... cpl)c.
au-ròv ÒVELOtalhio-ovi:a.L, «a un padre vEpW'l"tpov xat ~ljl~1.t0ip6i:Epov, «la
e mpio i figli muoveranno rimproveri, donna è più inv idiosa e brontolona del-
perché per causa sua saranno disonora· l'uomo » 2 •
ti» (Ecclus 41 ,7 ); µq.ujliiµtvoç au-ro~c; CiµEµ.7t-roç 3: una persona o cosa sen·
(2 Mach.2,7). ;;a biasimo, irreprensibile; cosi liµEµ7t-
Nei LXX il termine non ha un corri- i:oc;, in Plat., leg. II, 92411; &1uµ7t-roc;

µiµqioµm xù.
• Il capoverso preccden1e è stato curato da G. olXO\IOl~OUµiV1] tv 1tCXpaX<XÀ.vµµ11'1"• ( " ··· un
B!!llTRAM. biasimo segreto; essa vuole parimenti, con aiu-
1 Diversa è la definizione che dii Oem. Al., to artificioso, procurare salvezza, nel nascondi.
paed. 1,9,80,3: ~1~.Pi.;1o•pla oé tu-<• Àa~pi.oc; mento•).
<j.o6yoç, 'l"EXVLXU 130TJ0Eiq; XO:L o:ùi:Ti <TW"M")P(a\I J Cfr. PASSOW (.CR.), s.v.
19 (1v,176) µfJ)q>cµru X'tÀ.. (\'U. Grundmann ) (rv,577) 20

v7tÒ 'tW\I q>lÀ.W\I (Xenoph., Ag.6 ,8 ); li- fiiuµ'lt'toç in Ps.1 ,1 sta al posto di 'c-
µi:µ1nov 5d7tVov, «banchetto inappun- ser, 'beatitudine', e nei Salmi ricorre al·
tabile» (Xenoph., symp.2;i); ciµq.1:1t'toç tre tre volte per tamlm, 'perfezione'<.
5lxl) (Plat., leg. 12, 945 d ). Può essere
usato anche all'attivo: èiµtµ'lt"t"O\I 'tLV~ y~µlji~ç e~prime cl.a Eschilo in poi i I
7tOLEtv (Xenoph., Cyrop. 4, 'j,52). Nei b1as1mo; µEµIJiw µEµcpEai)<H (Arisro-
~XX, _il termine è abbastanza frequente phanes, Pl.10); µiµljJi.c; 5t Écrn IJi6yoc;
m Giobbe (altrove solo in Gen.17,1; wc; OÀL ywpovnwv ii C̵ÙOVV't WV. (( la
Sap.10,5 .15; 18,21). Giobbe è livl>pw- lagnanza è un biasimo tipico C:: quanti
11oc;.. · Ò:À.T)ilwéç, /iµtµ7t't0<; , OLX a.LO<;, tengono (Dio) in poco conto o non se
ilEoaE{3i')ç (1,1.8; 2,3). Uno dei suoi a- ne curano» ( Clem. Al., paed. r ,9,77,3).
mici solleva la questione: µ1) xa.ila.pòç Nei LXX, oltre che in Sap. 13,6 si ha so-
Ea'ta.L {3po'tòc; ÈVCI\l'tl.ov xvplov t\ ciitò lamente in lob 33,10: µ.éµljlw ... xo.'t' É·
'tWV' tpywv a.&.oii ciµEµ'lt'tOc; à:\l'l)p;, µoii E\ipEV, «trovò da muovermi un rim-
«Sara forse giu sto appresso a Dio, un provero»; ibid.33,23; 39,7. Anche µé1.1.-
mortale, o irreprensibile un uomo per \j!Lç non ba corrispondenza reale nell'e·
le sue opere?» (4,17); e darà una ri- braico. t•nti'a in lob 33,10 significa pre-
sposta negativa. Un altro gli ricord a in testo di ·inimicizia. Nell'unico passo do·
I I ,4: µi) ... À.ÉyE o't~ xaila.pbc; dµi 'toi:c; ve ricorre ancora nel T.M., cioè in Num .
[pyoLc; xa.l t7.µi:µ1noc; lva.\l'tlov a.v"tou 14,34, i LXX gli hanno so~rimito -ròv
«non dire: sono puro per le (mie) ope~ ilvµb\I 't'ijç opyijc; µov, «il furore della
re e irreprensibile dinanzi a lui» ( cfr. mia ira». Secondo il Gesenius-Buhl ta-
pure 15,14; 22,3; 33,9; di contro Giob- le termine esprime in qu<'l contesto )'a].
be stesso, in 9,20; 124). La direzione di lontanamento di Dio dagli uomini. l'-
ciµEµ11'toc; nei LXX, per quanto sia più Ja•u"t, ' rumore ' ' gn'd a ' ricorre
· 4 voIte
?eter'!1inata che nell'uso greco, non è, nd T.M.: in b .22,2 {3owv'tEc; riassume
m ul urna analisi, decisa da una istanza forse i diversi sinonimi di rumore. In
ùmana. Si tratta di essere itµcµ7t-roç in- Zach.4,7 e lob 36,29 ; LXX hanno ta6-
nanzi a Dio. 't'T)c;; in lob 39,7 µiµ·~~c;. Pare dunque
che i LXX non conoscano veramente i
Ad. &µi:µ it'toç, come per lo più ai vo-
vocaboli ebraici, ma li suppliscano ad ar-
caboli formati con à:- privativa, non
bitrio. Invece in Ecclus 7,15 µÉµljl~ç è
corrispondono direttamente termini e-
usato per m•' um, che i LXX evidente-
braici; esso perciò sta per una serie di
mente suppongono al posto di m''um.~
~spressiòni di indole positiva come: pu-
lito, perfetto, pio, giusto. Quindi rende del T .M. Ma la radice m'wm nei LXX è
resa di regola con il sinonimo µwµfur-
bar, ziika, ziikak, pap (solo in lob 3),9, 1'm s.
~-!':1·» fiihèr, _nàqi, tiim, tiimtm, !iidaq,
1asar, vocaboli tutti che indicano una µoµq>i'J - formato analogamente a
condizione oggettiva, mentre j LXX VO(J.i) da vtµw 6 - è il biasimo, il rim·
con ciµEJ.J.7t't~ esprimono un giudizio provero: µoµ.q>àv ~XEL 7ta.l5Eaaw 'EÀ.·
s<?~ettivo; anche µiµ<poµa.~ esprime il M:vwv, (Pind., lsthm.4,61 ); µoµqri)ç ci-
b1as1mo soggett ivo, al contrario di µw- 'tEP, «senta biasimo» (Aesch., Sept. c.
µdoµa.L. In un'ignota tradizione greca T heb. 101 o); gv µkv 11pW"tà: ero~ µoµ.cpY)"

4 Il capoverso precedente è stato curato da


G. BEl\TRA.M.
G. BElnAM.
5
• P. Ù1ANTRAINE, La formation des noms en
Il capoverso precedente .è stato curato da grec ancien (r933) 2os .

.,
21 (IV,57:;) (1v,577)"

EXW, «prima di tutto, ti devo muovere nella Gnalit;\ divina si compendia tutto
un rimprovero:.. (Eur., Or.1069). Man- ciò che avvi<:ne, sia esso positivo o ne-
ca nei LXX.
gativo. Ecco, dunque, il problema: se
Nel N.T., in H ebr.8,8 si legge: µEµ- cosl stanno le cose, Dio ha ancora il
1
q>é~iEvoc; yap o.\rroùc; ÀÉyEL... «rimpro- dirit to di esprimere un biasimo , se è
verandoli' dice... » (segue una parola vero, come è vero, che alla sua volontà
profetica, con la promessa e il biasimo è impossibile opporsi? Paolo respinge
per gli Israeliti fedifraghi). Non si di- Ja domanda, facendo rilevare che I' uo-
ce che l'antico patto sia ripudiato da mo non ha alcun diritto di chiamare
Dio, ma che gli Israeliti infedeli offro- Dio al rendiconto. Il problema che si
no a Dio l'occasione per concludere un pone è quello della capacità di Dio di
pr1tto nuovo. Oggetto del µÉµq>Ecr~cx.~ è 01tcnerc tutto ciò che vuole, e della col-
l' infedeltà, con .la quale essi hanno in- pa dell'uomo.
franto il p:itto antico (d yap Ti npW"tT) In Phil. 3,6 Paolo dice di esser stato
ÈxELVTJ 1'jv èiµq.1,1it"toc;, • oiix 8.v oevi:Épcx.ç «irreprensibile a norma della giustizia
Ès1Ji:Ei:"to i:6'Ttoc;, «se infatti la prima secondo la legge» ( xai:a 01xmocnivT}v
(alleanz:i) fosse stata irreprensibile, non -ri)v Év v6µiii yEv6µ.vo<, t'iµEµ"lt'to<;). È
si farebbe luogo a una seconda», 8,7 ). un giudizio che concorda con un 'altra
Roni. 9, 19: i:L h1 llɵcpei:et.~; «per- autovalutazione paolina (Gal. r ,14 ) e of·
ché ancora muove rimproveri?». È una fre un saggio importante dcl modo in
domanda in cui si esprime un'obbiezio- cui i farisei giudicavano se stessi 8 • Da
ne (ÈpE~ i.AOL oùv) la quale si riferisce questo giudizio di Paolo su se stesso
~ 11 ~ tesi, sostenuta do. Paolo e confer. non s i può cancellare j[ fatto così affcr·
mata nella storia d'Israele, secondo cui mate, cioè essere egli stato irreprensibi-
Dio nel suo agire è libero e l'uomo sot- le nella giustizia secondo la legge. Anzi,
tomesso alla sovrana autorità con cui quesro facto si presuppone là dov'egli
egli tutto opera. La storia è guidata da aiferma di esser sta to «qu~nto a zelo,
lui e serve al suo scopo, che è quello di persecutore della chiesa» ( xa:tà. ~i'jÀ.o<,
mostrare la propria potenza e di an- Stwxwv "tTJV txxÀ.ncrlo:v); cfr. Gal.r,14 :
nunziare il proprio nome in cutto il mpwcrodpwc; ~1JÀ.<ù"t1Ì<; V1tci.pxwv "tWV
mondo. A questo egli mira sia quando 'TtC/."tpixwv µov 1tcx.po:oOaEWV. «essendo
usa misericordia che quando indurn: più decisamente appassionato per le tra-

7 Cosl giustamente E. K il HL, Rom. (19t3), Judtnt11m, BWANT IV 27 (1939), 1)2 n. 2.


Ji8, contro ZAHN, Rom., 4.13· Le. 1,6, parlando dci genitori di Giovanni Bat·
tist<a, li caratterizza cosl: 1topl!Voµtvo• 1:-J 'TC«·
8 -+ <l~P"<WÀ6ç, I col. 889; inoltre E. SJO· uar.c; ~ai;s èvi:o).aLç itaL oLxar,Wµa.ow i:oii X\I·
H~RG, Goti 1111d die Sii11der im paliistinischen p(ov lfj.u;µ1t"<O~.
23 {tv,577) J.d1.i.q1oi.icu X"tÀ. (W . Grundmann )

dizioni dei miei padri». Il suo peccato è è alla loro portata, dal momento che,
consistito nella persecuzione della Chie- giustifìcati per la fede, essi ricevono lo
sa~; ma a muoverla era spinto dallo zelo Spirito Santo, del quale il frutto e l'a.
per la legge: dei padri e per il compimen- zione sono graditi a Dio. Cosl l'idea di
to dell'interpretazione: halachica. Se que- aµEµ7t"'COC, è ad un tempo motivo p~l'C·
sto è stato il suo peccato, si è potuto ve- nctico e indicazione dello scopo della vi.
dere COII)C la giustizia dalla legge fosse ta (-> tnawoc;, III coll. 697-702). Pao.
impossibile: non perché egli non potes- lo può ben invocare la testimonianza
se dar compimento alla legge stessa, ma che gli viene clall' attività apostolica
perché lo sforzo per compierla si è tra- ch'egli ha svolto: écrLw.; xat lilxa.lw<;
sformato in peccato. i'::: <lall' esperienza xat à:µiµ-cwç ùµ~v 't'O~ç 111.o'"CEUOVOW
di Damasco che nasce il problema della Èytv1}l>l)µEv, «abbiam tenuto una con-
giustizia per la fede 10 • dotta santa, giusta e irreprensibile verso
I cristiani, secondo Paolo, sono de- di voi, 'che avete la fede• (1 Thess.2 1
stinati ad essere 8.µtµ7t't'O t innanzi a 10). La sua benedizione, poi, è la pre-

Dio: .. .tva rév11cr~E /:i.µtµ'lt'tct xat CÌ.xÉ- ghiera che tutto quanto l'uomo si mo-
pctlOt.. ., « ... aflinché siate irreprensibili stri «irreprensibile nella parusia del Si-
e giusti ...» (Phil.2,r 5 ); ti.; 't'Ò CT't'l)pl~at gnore nostro Gesù Cristo»: à:µ.ɵ1l't'Wç
vµWv 't'Ò.ç XctpOlo:<; à.µiµ'lt't'ovç Èv àrtw- Èv tji 1tapovcrlQ: -coii xvplov i)µwv '111-
cnivn tµ1tpOCT~EV "COV ~Eoii xat 1tGt"Cf:Ò<; croii Xplcr-coii (r Thess.5,23).
i)µwv Èv 't'TI 1tctpOVCTLQ: 't'OV xvplov fi- µéµ"1tc, non ricorre nel N.T., dove
µwv 'I11croii... , «per fotti6care i vostri invece si ha [.LOp.qd1; Col. 3 ,13: 6.vEr..6-
cuori, sl che siano irreprensibili innanzi µEVo• (J.)..)..-1))..wv xctt Xctpt!'.,bµtVOL rctv-
"'CO~, Mv -e~ Ttpòç -civa EXTJ µoµqniv.
al Dio e padre nostro nella parusia del «sopportandovi gli uni gli altri e perdo-
Signore nostro Gesù ...» (r Thess.3,1 3). nandovi a vicenda, se uno ha qualcosa
!:. Dio quello che nel suo giorno pro- da rimproverare a un altro».
nuncia il giudizio escatologico sullo sta- In I udae 16 gli eretici son detti [.t.tµ-
to di &µtµ1t-coç in cui ci si trova. Esse- .jilµolpot, «incontentabili» . C:Ome nel v.
l'e irreprensibile innanzi a Dio: ecco r 1 la loro opposizione al buon ordina-
l'impegno dei cristiani; un impegno che mento della comunità era illustrata col

9 Per es., r Cor.1~ 9s.; Gal.1,13 s.; Eph.3,8;


1 stificAiion~ Ro1'1. 7 non può esser inteso come
1 Tim. r ,13 ss. prova di una frattUl"d morale atta a chiarire la
•o Cfr. specialmente Rom.9,Je>-•0,4. Da questo visione di Dama!ICO. Cfr. W. G. KiiMME.L, Ro·
passo emerge una importante differenza rispct· mer 7 und die Beluhrung des Paulus (1929);
to all'cspcricnzo monas1iC11 di Lutero, che urtò R. BuLTMANN, Romer 7 tmd dfr Anthropolo·
contro l'incapacità di compiere la volonià di gie des Paulus, in Imago Dci, Fcstschr. f. G.
Dio, e all'abbozzo della sua dottrina della giu· Kriigcr ( 1932) 53 s.
i~ ( cv.~ ;·fi) 1Jlvw ( r. I fou.·k ì

ricordo della ribell ione di Core, cosl es- la sorte· (11o~r.a.) ch'egli loro assegna e,
si ora son detti mormoratori inconten- insoddisfruti, ~ i lasciano andare alla cri·
t:ibili ( yoyyvo"rat µEµ\(ilµoLpoL ), cioè tka contro di lui e la sua provvidenza.
~ente che è in contrasto con Dio 11 e con
W .GRUNDMANN

µÉ\lw, ȵ-, 7tapcx.-, 'TtEp~-,


7tpoaµÉvw, µovfi,
Ù7toµÉvw, V1toµo\IT)

µtvw 8,62; Epict., diss.2,16.42 (opposto q>EV..


'YEW}; in una lite giudiziari:•, P. Tebt. n
Il concetto di permanenza si differen- 391,24, Ò 1.i.ivwv è la parte rimasta fe-
zia secondo i rapporri e le antitesi pre- dele al patto.
si in considerazione. c) Restare, star fermo ; opposto: muo-
versi, esser mosso. cambiato. Horn., Od.
Significa t. con valore intrnns., a) re- 17,570; Aristot., cael.1,8, p. 29oa, 21:
stare, trattenersi in un luogo; opposto: ol µÉvovnç sono le stelle fisse, in oppo-
andar via, P olyb. 30, 4, 10 ; Plat., Eu- sizione ai pianeti; Pbilo,som.2,221,par-
thyphT.I5 b; Gen.24 ,55; 45,9; Apoc.17, ùmdo dell'eternità di Dio dice che egli
ro; restare a casa, Aesch., /r.300; Lc.8, è Ècr'tWç ÉV oµol~ xa.L µtvwv. ci'tptrc'to;
27; ~9.5; inoltre, speciahn. i.a età elleni· wv, 'Ttptv T\ crt TI "CL 'twv ov'twv dç rt-
stica pern·ottare {dr. 111anere, mansio ), vtcrLv O..ilE~v. «colui che stn e resta i-
lud.19,9, Aquila (ljn), abitare, Io.1,38 denrico con se stesso, essendo immuta-
s.; Preisigke, Sam111elbuc!J2639: 'TtOV µÉ- bile, ancor prima che tu o un altro es-
VL 0Epµoùi>Lç; sopravvivere, Epict., diss. sere sia stato generato»; della pa rola d i
3,24 ,97; D iog.L.7,174 (5) (opposto: &.- Dio, immutabile e quindi perfetta, di-
mÉvaL ); in senso traslato, tenersi in una ce: µÉVE~ yò:p r, aù'ti] 'i'tO~O'tT)ç d'tt d'ltÒ
sfera, Plat., ep. ro,J,:;8 c: µlve t v 'tO~ç µÉVOV 'tO<; hµayt~a. xcxt µT)Ocxl.lTI 'tpé-
i')i>Eow oto''ltEP xat vvv µlvw;, «tien ti 'TtOµÉ\IOV 1'dov Myov, «rimane infatti la
nei costumi in cui appunto ti tieni ora»; stessa proprietà in qu11nto deriva ta dal
Prot. 356 e: 'tTJV t!Jyxi]v µ.Évovcrav t7tl logos divino , che resta assolutamente
't<t°> &.ÀT)i}E~. « l'anima che rimane nella inalterabile» (fug. 13 ).
veri tà»; test. los.1,3: iµtwa. ÉV 'tTI &.- d) Rùrranere, perma11ere, specialmen-
Àl)ml~ xvpiov, «rni son tenu to n rlla ve- te deno d'una legge che resta in vigo--
rità del Signore». re; opposto: passare; Horn., Il. r7,434;
b) Restar fermi d1 fronte alle twver- Plat., Crat. 440 a (opp. µ.~ 'tCJ.7tl7t'tH);
sità, perseverare, resistere; opposto : e- Crito 48 b (ò }.hyoç); Eur., Andr.1000:
sitare, fuggire; IIom., f/. 16,838; Hdt. opxoL; Epici., diss. }.24, to (opp.: 'XWE~-

11 -+ yay"(WT'lic;, 11 coli 58'J s. e -+ yoyyi>- r;w.


27 (1v,579) µfow {F. Hauck) (1v,579) l8

lhL); cosl specialmente negli accordi e alle cose e persone a Dio appartenen-
egali, BGU 1 2,17 s. (m sec.): 7tp6c; 'tÒ ti. La permanenza è caratteristica divi-
VELV eµot 'tÒV ÀOyOV ?tpòç a.ir.oÌJç 'ltE-
( t 'tOu-ro ] u, «restando in vigore per me na, in contrasto colla mutabilità e cadu.
a parola data ad essi su questo punto»; dtà delle realtà terrene e umane. L'ag.
PR 228 ,10 (rn sec.): µivov't6c; µoL 'tOV giunta dell'eternità non fa che confer·
6you 7tpÒç Ìlµfu;, «restando in vigore
e me la parola verso di voi»; P.Amh. marlo (lj> 9,8 ; ro1 ,13). La caducità è in
85 ,21 (1 sec.): o7twç ... µÉVT}L f) µ~1...1tnç parte un tratto essenziale della realtà
PEPalo:, «in modo che... rimanga il prez- terrena, infradivina (Is-40,8; >li 101,r3),
. o fissato»; BGU I, 36 1 col. 2,JO s.:
in parte è un effetto della condanna di-
LO:~Xt) <iÀu[ -roç] µElVTJ, «Che il pat-
io rimanga indissolubile,.,. In senso re- vina (lob 15,29; ltp. 26(40),15; Dan .
ligioso µév tw denota un carattere di t I ,6). Dio è ~eòc; !;wv xa.l µivwv dc;
Dio e di ciò che è divino: Porphyr., vit. -rovc;, o:lwvo:ç, «Dio che vive e permane
Pyth.38: -rò µivov; Philo, ebr.2u: 'tÒ.
µivona. "tiic; q>uO'Ewç Àa.µ1t6:oia. iioi3t- in eterno», quindi è superiore agli dèi
'ta., «le fiaccole della natura perma- (Dan.6,27, qim). Il suo consiglio per-
nenti e inestinguibili»; in leg. alt. 3. mane (Is.14,24, qwm), mentre tutti gli
I oo, dice che il voiic; è IXr'tLc; oiix et1tÒ
WV ytyoVO'tWV -rÒ o:t·nov yvwp{l;fL wç assalti dei nemici di Dio svaniscono e
lì.v a1tò O"XL<ic; -cò µtvov, «quello che co- falliscono contro di lui {lji 32,11, 'md;
nosce fa çausa non dalle cose generate, Prov.19,21; Is. 7 ,7, qwm ), Nell'attesa e-
come si può conoscere l'oggetto immo-
bile dalla sua ombra»; det. poi. ins. 75: scatologica, ai regni dell'uomo che pe-
sono morti uomirii, artisti, a.t lit 'tOV· riranno, si oppone il dominio di Dio
-cwv Uìfo.L µtvowi. xa.t 'tpoitov TLVÒ. PL- che permane (Dan. 4, 26, qim), e cosl
ovcnv l<l'O)(pÒVLOL 't4'1 XÒO'IJ.<~, «le idee di
pure il cielo nuovo e la terra nuova (ls.
questi però restano e vivono in certo
modo con la stessa durata del cosmo». 66,22, 'md); la Gerusalemme futura è
una città che non subisce più clistnizio·
2. Con valore transitivo: aspettare
qualC11no, Hoiu., Il.8,5 65; 2 Mach1,30; ne (Zach.14,to, ;!b). La sapienza divi-
Act. 20,5. na rimane identica a se stessa, e insieme
I LXX impiegano per lo più µÉve~v ·r innova turco (Sap.7,27). Le persone pie
per rendere l'ebraico 'md, stare, consi-
stere, restare, perseverare, sopravvivere; e la loro generazione partecipano della
spesso anche per qum, alzarsi, stare in stabilità divina (Ecclus 44,13). La loro
piedi, concretarsi (l s. 7 ,7 ), aver durata o~xa~cxrvvr) permane (ljl I l r ,3.9), come
(lob 15,29), insistere (I.r.32,8), valere
pure il loro consiglio cormo gli empi
(Num.30,5); più raramente per jJb, re-
star seduti (Gen. 24,55), dimorare, re- (ls.32,8, qwm).
star fermi (Zach.14,10), per l;kh, ritar-
dare (2 Reg.7,9; Is.8,17), qwh, aspetta- Similmente nel N.T. l. si usa µÉVnv
re (ls.5,2+7), ed altri. parfondo della stabilità di Dio e delle
L'A.T. attribuisce la permanenza, con cose divine, per es. del ~onsiglio di Dio
significaro rdJgioso e teologico, a Dio che non subisce alterazioni (Rom.9,n ),
29 (1v,579) µtvw (F . Huuck ) ( 1v,5So) )O

della parola di Dio che, diversamente 2. Conforme all'uso generale greco di


dalle caduche realtà umane, persiste ( r µ.ivuv Ev <- 1 a), anche il N.T. parla

Petr.1,23.2~) 1 , del ministero del N.T., della permanenza psicologica della per-
diverso da quello transeunte (xai:tXpyov- sona pia nelle realtà salvifiche; r Tim.
µtvov) dell'Antico (2 Cor. 3,u), della 2 , 15: F.v 7tlll''tEL xt:lt &:yO.itn, «nella fe.

'ltWTLç, della H.1t(ç e delJa àycbt'T) qua- de e nella carità»; 2 Tim. 3,14: Év ol<;
li valori neotestamentari permanenti ( r Eµt:l~Eç, «nelle cose che hai appreso»;
Cor .13,13, l'opposto nel v. 8: 'ltliti:E~, dr. lgn., Pol. 5,2: Év &:yvEl~. I testi
xai:apYTJihi<rov-taL, 1tctV<Tov-::aL, dr. 4 giovannei si elevano, in questo punto,
E!dr. 9,37) 2. µÉvEw compare special- ad enunciazioni originali e personali sul-
mente nei testi giovannei 3 • L'asserzio- !' immanenza perpetua che sussiste fra
ne che Cristo permane (lo.12,34) vuol Dio e Cristo, oppure fra i credenti e
cerro affermare apologeticamente il ca- Cristo (Dio) <- III, coli. 574 s.). L' e-
rattere eterno della dignità di Gesù con- spressione paolina iv XpL<r-r<!i viene qui
tro le obbiezioni dei Giudei, che nega- rafforzata e- m, coli. 569 ss.).
no il suo carattere di Messia ricordando
L'impiego giovanneo dcl termine ha
la caducità del1a sua vita terrena 4 • Lo chiari precedenti e analogie. Un'analo-
Spirito che permane su Cristo (Io. I, giA formale esiste con l'immagine di uno
3 2) lo eleva al di sopra dei profeti, cui spirito che abira nell'uomo (Mt.1243
ss. ). Paolo fa uso di un'analogia di con-
fu concessa soltanto un'ispirazione prov- tenuto quando parla dello Spirito di Cri-
visoria, e innalza la pienezza di Spirito sto che dimora ( - obtE~'\I) nel credente
di Ctisto, quindi anche dci cristiani, ol- e viceversa (Rom.8,8 ss.). Filone parla,
alla maniera stoica, tldl'•bitazione del
tre le estasi transitorie dci pagani. li do- divino À.Oyoç o vovç nell'uomo (poster.
no dello Spirito è nella religione di Cri- C. 122; mut. 110 111. 265; det. pot. ins.
sto uno stato permanente. 4: evo~XEi:v, tµ'lttpL1ta't'E\v). Riferendosi

µivw
t JI v. 23: l;wv-co<; &toii x11t µÉvov't'oç, sem· (r916 ) 367-416; (1917) 130-151; (•922) 2'6;
bra far e~o a Dan.6,z7. Tuttavia i;wv't'oç x<r.t ThStKr 94 (1922) 94 s. (E. Lt'.HMANN-i\.fRID·
1itvov-coç sembra da connettere con Mlyov, a RICHSEN, a I Cor. r3).
CllUSa dello mo1ivaziooc aggiunta (vv. 14 s .); l µlvav è usuo rr 2 volte nel N.T., di cui 66
cfr. KNoPF, Pnr.8r; WIND! SCH, Kath. Br. 55. in Giovanni : 40 volte nel Vangelo, 13 nella
2 L'enunciazione in 1 Cor.13,13 non è inserita primn lettera e 3 volte nella seconda. Su µt-
VELV in Giovanni cfr. H. HANsll. «Goti habe11"
con chiaro ordine logico. Seoondo il contesto ci
si aspetta soltanto l'affermazione che la carità ìn tier Antike 11nd im frùhcn Christenlum,
permane, d iversamente dai carismi transeunù RV V ( 1939) lJ.t.
menzionati prima (v. 8). ] 0 1<. WElSS, r Cor. 4Sulla dUiata eterna dell'era messianica, dr.
320 s., sospetta che Paolo si serva qui d'una Ex.37,25; Ps.uo,4; Ps.Sal.17,4; Hen.49,r; 62,
formula stercc>tipata; A .HARNACK: SAB ( r9n)
lp-163; R.Ri!.tTZENSTElN: GGA , Phil.hist.Kl. ,,..
14; Sìb. 3, 49· 50. 767: STRACK-Btr.LERBECK Il
a Gen.6,3, testo dei LXX, egli fa questa sono, per es., la parola di Dio (lo.5,38;
distinzione: 11VEiiµa. ltti:O'V µlvtw µlv 15, 7; i lo. 2, r 4), la vita (1lo . 3, 15 ),
lìuva:tÒV tv ljJuxiJ, Ò~cxµivELV Oè &./ìVvcx·
'tov, w<; EEnoµEv, «Come abbiamo detto, l'amore (r Io. 3,17), la verità (2 /o.2),
lo spirito divino può stare nell'anima, l'unzione ( r Io. z ,z 7 ); o , viceversa, indi-
ma non può res tarvi stabilmente» (gig. ca come i ft:ddi permangano nelle co~c
28, cfr. 19 ). Il giudaismo parla della
permanenza della shekinà nel popolo di divine, per es. nella casa di Dio (lu.8,
Dio o nei credenti 5 • 35), nell'amore (lo.1 5,9. to), nella luce

Impiegando il termine µlvEw, Gio- (1 lo.2,10), nella dottrina (2 Io.9). An-

vanni vuol esprimere l'immutabilità e che qui il rapporto salvilìco è durevole


l'imperturbabilità del rapporto religioso e già presente. Lo stesso vale per la per-
d 'imma nenza. Con ciò egli eleva la re- dizione. Gli increduli rimangono nelle
ligione di Cristo oltre il grado raggiu n- tenebre (lo.r 2,46) e nell a monc (I lo.
to dall'estasi ellenistica o dalla profezia 3,14).
israelitica. È in questo modo che D io
permane in Cristo ( 14, io). I credenti
t tµµtvw
permangono in Cristo (6, 56; r5, 4-7; a) Rimanere in qualche cora: Xe-
r Io. 2 ,6.27 s.; 3 ,6 .24) e Cris10 perrna- noph., an. 4,7,r7; H erm ., vis.3,6,3.
b) Perseverare in qualche cosa; He-
nc nei credenti (lo.1 5,4·7; i lo.3,z4), rod. 9,ro6,28 s. (òpxloLcrt ~µµt\IÉEW x llt
Dio permane nei credenti (1 lo. 4,r6) µ11 &.11ocr't1'JCTEa'Ì)cxL, «restar fedeli ai giu-
e i credenti permangono in Dio (r Io. ramen ti e non defezionare»); M. Ant-4,
30 (-cG,.I )...Oy~); P olyb.3,704 (tv 'tjj n(-
2,24; 4 1 r6). Con questa enunciazione CT'tEL); Plat., Crito 50 (t~vEi:v 'ta.i:<;
al presente la promessa escatologica del- lì'xru.ç a.l<; iiv Ti 1toÀi.ç lì1x6.!;.n, «osser-
la salvezza diventa un possesso salvifico vare le leggi che la polis ha stabilite,.);
53 a. Frequente n ei documenti giuridici,
immediatamente vissuto. Nello stesso dove si tratta di clausole penali per con-
tempo Giovanni, usando la formula µi- tratci inadempiu ti; CPR 224 15 s. (v-v1
\IELV tv, fedele al pensiero teistico della sec. d. C.): éµµé vELv év 7tfun -.oi:ç yE-
Yf. [ VT)µlvoi.ç X<l"Cà. "Ci) ]v ypcxq>'i)v "Cfjç
Bibbia, evita le affermazioni d'identità
OµoÀoy(a.ç, ftv O'Vyy/;yp~µµ«l C10~, «Os-
che si inconuano nella mistica eUenisti- servare tutti gli obblighi secondo il te-
ca6. Analogamente alle enunciazioni per- sto dcli' accordo che ti ho fissato per
sonali, Giovanni usa µivELV lv per indi- isèritto»; BGU l i 600,6 (n-tu sec. d.
C.): ÈvµÉvw mi cn 'toiç npoytypcxµi-
care la permanenza nei credenti delle v[ cxh<; [lvJ-coÀcx~ç, «mi attengo fedel-
manifestazioni dell a vira divina, qual i mente ,agli ordini prescritti»; los.. Ap.,
2,r44; a11t.r6,177 (i:oiç voµo~<;).

; Tcsri in Su.m< - BI LLERBECK 1 794. Per la mus ... : S1udicn der Biblio1hek Warburg 7
lertera1ura mnndaica v. L I DZBARSKI, Ginza, ( 1926) 316ss.
indire, s. 11. «Wobnung..; R. RF.ITZEllST&IN -H .
H. Sa-tAll.DER, Studien z11m anliken Synkretis- 6 Cfr. Corp. Henn.,,u .

!
'!tapaµtvw (F. l lauck)

Nei LXX sta una volta per ~kh 1 (J s. Egli mette così più chiaramente in lu-
30, 18: le persone pie sono q uelle che ce che il peccato dell'uomo sta nell'ina·
persistono nel!' attesa fiduciosa di Dio).
Altrove (8 volte) sta per qum e~ µÉ- <lcmpienza del patto scritto d 'alleanza,
vw.), specialmente dove si parla del re- colla conseguenza automatica di provo-
star fedeli alla parola data, per es. a una c~re l'esecuzione d~lle pene comm inate.
alleanza (q>LÀ.lo., r Mach.10,26), ai pre·
cetti (tv'toÀ.o.l) di Dio (Ecclus 28,6), ai
voti (IEp.' r [ 44) ,2 5: 6µoÀoylo.v;); spe- t 110.po:µlvw
ciahnente è usato in rapporto alla com·
mlnazione di pene per infedeltà ai patti n) Rimanere stil posto; P. Flor. m
(~ col. 32), Det1t.27,26: É1tLX<n<ip0t- 365, 7 (UI sec.): tvM.oE 1t<Ipo.µÉVELV.
'tO<; 1ta<; livi)pw7to<;, O<; OÙX ɵµ€VE~ ÉV Restare a casa; Hdt. 1 , 64. Fermarsi i11
1t&CT1. "t'O~ ÀoyoL<; "t'OV v6µov 'tOV"t'OU "tOV u11 luogo, opposto: fuggire, specialmen-
1tOLijCTo.L a&"touc;. «maledetto chiunque te di schiavi, Plat., Men. 97 e: ù'.lCT1tEP
non si atterrà a tutte le parole cli que- lìpcml"t'T)v (fuggiasco) liwpwrcov· oò yilp
sta legge, per praticarle». L'A.T. oppo- n0tpo.µlvEL. È usato parlando di eserciti
ne la sict1ra /edeltà cli Dio alla parola in comba ttimento col senso di tener dt1-
data (Num.23,19) alla instabilità uma- ro, resistere, Il.x3,r51; Thuc.7,15,1 : à:-
na: Is.8,10 (parola umana); 28,18 (spe- ouV(.('tO<; dµL Olà 'Jroov VE<pp~'tLV 1t0tpo:-
ranza falsa); l&p. 38(31),J2 (infedeltà µÉVELV' à~LW o'uµ.Wv ~uyyvwµl)<; 'tVY-
all'alleanza). XcXVELV, «non posso resistere a causa di
un mal di reni; confido nella vostr:i
comprensione»; usato in senso assoluto:
Nel N.T. il termine ha senso locale restare in vita, cfr. Hdt.1 ,30. Detto di
(Act.28,30: Év Lol<ii µLuì}wµcx:n), senso cose: durare, permanere; Eur., El.942,
religioso, quando si parla della perse- dice che In natura è àEL 1tCT.po:µÉvoucro.;
veranza nella fede contro ostilità incal- Xenoph., Cyrop. I ,6,17: ii ùylELo.; Lys.,
or.25,28.
7.anti (Aet 14, :>.:>.), del rimanere n ell:i b) Col dalivu <li per:;ona: restare
OLO.ÌNJxri con Dio (Hebr.8,9 = lEp. 38 presso qualcuno, stargli accanto assidt1a-
[J I], 32 ). È pure usato nella commi- menle, Horn., Il. I 1, 402; Aristoph.,
pax JJ08: 1tO:pciµELVOV 'tÒ'll elov i')µ~V
naùone di pene contw l'infedeltà al «resta con noi in vita tua»; P . Oxy. 1v
patto, in Gal. 3,10, dove Paolo rafforza 2'
7 .43. Questo vale specialmenie per
lo schiavo che deve restare in servizio
l' eco della formula giuridica corrente
presso qualcuno: Xenoph., oec.3,4 ; per
c0u una aggiunta al testo di Deut.27 ,26, questo Ilo:pµÉvwv come nome di schia-
LXX: mxç oç oux EµµlvEL 1télcnv "t'O~ç vo s'incontra di frequente. Nei · testa-
yEyp(.(µ.µ.ÉVOLç Èv 't<Ìl eLeÀL<iJ "t'OV voµou, menti si dispone spesso che sia data In
libertà a qualche schiavo, Èq>' cr> Ttapo.µE-
«chiunque non persevera in rutto ciò vei: OtÒ'tij 'tÒ[ VJ 'ti'jc; swi'ic; 0tò-rijç XPb-
che sta scritto nel libro della legge». vov, «3 condizione che resti allo stesso

iµµivw
DEISSMANN, N.B. 76 s.; A. BBRGER, Die S1rof- den poulinischm Brie/en: ZNW (r917/18) 94.
klauseln in den Papyrusurkunden (191 1) 3 s.; 1 Per ~kh altrove è usato ònoµtvw (ljl 32,20;
O. EGER, Recbtsworter und Rechtshildtr in 10,,n; !s.64,3) oppure 1itvw (lr.3,17).
1tCCp(lµlvw {F. Hauck)

posto per tutta la sua vita» (Ditt., Syll.' Come in b): Gen. 44, 3y Giuda si
1 210 ,7 ss.). In questo caso napaµ.tvtw offre volontariamente a restare (jJb ) CO·
è quasi un eufemismo che significa ser- me schiavo, in servitù (~ col. 34) pres-
vire, P. Petr. III 2,2I ( 23 6 a.C.): gli so Giuseppe. In Ecclus 11, r7 (li6cr~
schiavi siano liberi M.µ µe~ r.cxpcxµElvw · xvplov o.a.pctµÉVEt EÙCTÉ~E<nv, •cii dono
[ow €]wc; liv hw ~wt, «a condizione del Signore resta ai devoti») e simil-
che rimangano presso d i me finché_ vi· mente in Prov.12,7 (~col. 35) Dio è
vo»; BGU IV 1126, 8 (8 a. C.); Dm., la potenza eterna e suprema da cui di·
Syll.'850,5 (173-172 a.C.). Lo stesso va· pende il perdurare delle cose.
le per l'apprendista, per es. nel contrat-
to di apprendistato di P. T ebt . n 384, Nel N. T. 1tCXpocµÉvELv significa: t. re-
21 s. (IO a.C.): r.cxçt!;oµdhr. -ròv &&À.- stare presso qualcuno (~ a}, intenden-
q>Òv ùµ.Wv (leggi: 'l')µGlv) Ilcurlwva it[ a· dosi un trattenersi in servitìo ( ~ col.
paµi)VOV'tCX CXV"<Q €\ltCXV"<ÒV tvCX, «IDet·
34 ). 7ta.paµÉvEw raggiunge in Paolo il
teremo a disposizione il fratello nostro
P asione perché stia presso di lui per un significato più profondo quando riguar-
anno». Riguardo a cose: restare a qual- da il . suo lavoro evangelico. Cosi in I
cuno, I os., ant. 11 ,309: Ti')c; l.Epa·nxijc; Cor. 16,6: 1tp&; ùµ.aç ... r.apaµ.Evw 1 "D
-rtµTic; ... 'tCÌJ yÉvu r.apaµEvow11c;, «Ti·
manendo alla stirpe ... la dignità sacer- xa.l 7ta.paxEtµiicrw, «mi tratterrò presso
dotale»; Plat., leg.6,769c: crµtxp6v 'tl· di voi, o anche vi passerò l'inverno». La
va x_p6vov aV..Q 1t6voc; 1tapaµEvE~ miµ· stagione invernale, inadatta ai viaggi,
1toÀ.vc;, «per breve tempo gli resterà an·
sarà dedicata alla comunità di Corinto.
cora una grande fatica».
c) Col d ativo di cosa: continuare in È poi significativo il modo in cui Pao-
un'occupazione, perma11ere in uno con- lo, in Phil.1,25, trasforma il previsto
dizione, perseverare; Flav. Ios. ant. 9,
ritardo del martirio (µÉvEw=resta re in
2 7 3, parlando dei sacerdoti: tva iid
'tTI ìlp"T)crxd~ 1tapa.µivwo-w, «affinché vita), dandogli un contenuto etico con
persistano sempre nel servizio divino». le parole: 1tctpO.µEVW néiaw ùµi:v Elc;
Nei LXX, come in a): ludith I2, 7: 'tTJV vµWV o.poxo1tT}v JCO.L XCXflètV 'tijc; 1tl·
r.apɵEtVEV tv -rii 7tapeµ~lii, «rima-
se nell'accampamento»; a proposito del- auw:;, «dimorerò con voi rutti, per il
!' amico infedele, insicuro, Ecclus 6,8: vostro profitto e per la gioia della vo-
où iii) 1to.po.µE(vn èv i)µÉp~ ìlÀ.llj!Ewc; stra fede,.. Invece di pervenire alb
O'OV, «non resisterà nel giorno della tua
1ribola1fone»; Prov.12,7, parlando del - bramata unione con Cristo per mezzo
la casa o famiglia del giusto dice che dcl martirio, egli vuol rimanere ancora
essa perdura solidamente ('iimad), a dif- al loro servizio; subordina il desiderio
ferenza di quella dell'empio, che Dio fa
crollare e andare in rovina. Dio eterno personale al servizio e alle esigenze del-
e onnipotente è il giudice che decide la compnità 2 •
se una cosa debba esistere o perire.

r.al)al.livw
1 Cosl secondo le recensioni esichiana e koiné l Lo11MtYE&, Phil,67, anche ibid. n. 3.
e nei codd. DG, contro B 1739: xa-taµEvW.
Tt<Pt!~Évw (F. Hauck)

2. Persistere, continuare in una cosa l'andata nel l' Ade, promo ad entrarvi
od occupazione (--+ e). Cristo, l'eterno non appena il destino lo chiama.; M.
Ant.), 10, 9: mpq,lÉ'\/ELV -rnv (j)VIHX'Ì)V
e sommo sacerdore, viene opposto ai À.vcrw «atccndcrc il dissolvimento del
sacerdoti ufficiali che, essendo soggerti corpo»; ;;.33,15.
nll:t legge della morte, non possono per- b) Parlando di avvenimenti: i11co111·
bere a qualcuno, aspettarlo. Soph., Ani.
manere nel loro sacerdozio (Hebr. 7 ,23)3. 1296: 't'lç µE 116-rµoç E't'L 'TtEp~µlvH;
In lac. r ,25 11apaµdvaç (acc:into a 7ta- «quale destino ancora mi attende?»;
pCl'.x\il)laç e(ç v6µov -rÉÀ.nov -ròv Tijç È· Plat., resp. ro,614 a: G. -re).w-ri'}O'av-.a
ha-rEpov 1tEp~µÉVtt., «ciò che attende o·
À.EUDeplaç, « avendo attentamente consi-
gni individuo quando ha terminato la
derato la legge perfetta della libertà») sua esistenza».
si riferisce al perseverare docile ed ob· e) Usato assolutamente è come il
semplice µivw: aspettare, restar fermi,
bedientc nella legge 4 , in contrasto con
quieti. Hdt. 7.;;8; Plat., ap.38 e: 6À.l-
lincorreggibile superficialità dell'uomo yov x,p6vov; coll'infinito, Plat., resp. 2,
che fugge lontano dallo specchio della 37.5 c: où TtEpLj.tEVOUGW i.iÀ.À.out; O'l{>ik,
parola divina (1,23). Soltanto tale per- OtoÀ.iO'cu, <.<non attenderanno certo cbe
altri li distruggano»; con t'wç, Plat.,
severanza vole nterosa nella legge, dispo- Phaed._59d: ncpqdvcw.•. fwç O:votxl)tl'T)
sta a subirne l'effetto trasformatore, può -.ò OECTJ.IW't'Ttptov, «attendere che venga
portare alla beatitudine (cfr. /o .8,3 r ). aperto il carcere». Polyb.). 56, 2 : µ1]·
O' EWS 'TOV'TOV 7teptµ.ti:VC1.L µlxpt<; /iv o:J
't'Oi:ç 6µolotç -ràocÀ.cpQ 'lta.À.aln crvµ·
t nEpl.l..te:vw· 'lt'TWµacrw, «né indugiasse tanto da es·
ser colpito come il fratello•.
:1) Aspettare, coll'ace. della persomi, Nei LXX trovasi due volte soltanto:
Hdt. 4,89; Xenoph., a11 . 2,4,I ; P.Giess. Gen . 49, 18, per qwb in forma pi'el 1,
7J, 3 s. (epoca di Adriano ): lxo111.uci· per indicnre l'attesa impaziente, sp.,srm>
µ'l]v uov -ri}v bti.CT-ro)vf1v #ìlwç xal dica d ella salvezza divina (fir1a, cHù'TT)·
mpLµÉvw O'E, eho ricevuto con grande pia) di chi srn in pericolo di morte; in
piacere la tua lettera e ti attendm>. Con S,1p.8,12 indica invece l'attesa rispetto·
l'ace. della cosa, Pfot., Phaed. n5 n: s:1 e silenziosa della persona semplice.
oìhw 1tEPtJJ.Évs1 -ri}v elç "Ai.oov 'ltope~­ che aspetta In risposta del saggio.
<t.v wç 'ltOpEVCTOJl€VO<;, O"t(l'\/ -ii dp.<t.pµÉV'Y)
xaÀ.ii. «così lii saggio moren te ) aspetrn Nel N.T. è usato solo in Act.1,4, do·

l A 11apa.µtvEw sembra da aggiungere, a com· fica l'tssere 1eso dello spirito, proteso ad aspet-
plctarncnro, 'Tij tEpwM1), prendendolo dal v. tare inte nsnmentl', sopratnitto se si traua di
24 (ll1C01'.NBACH, Hebr., ad/. ), altrimenti ne pwsone religiose che pongono in Dio In loro
sorgerehhe una rnmologia con 't'Ò i)av.X.'t'ti> XW· viva speranza in mezzo alle vicende terrene;
Meui)aL. in forma qol: Ps.25,3; 37,9; Js.40,31; in for.
ma pi'el è dello della speranza in Dio dci ere·
4 Cfr. Ps. r,2; De11/.6,6ss.
e.lenti (Ps.:i.5,,; 39,8; 40,2), dell'attesa imr>~·
ziente dei 1ribolati che :i.spettano la fine della
1'f4;1.j.LiVW loro miseria (Iobp [LXX: &.vaµtvw]; 30,26
' qwh, in ron1cs10 con qaw, il filo r~. signi· [LXX: tntxw) ).
ve indica l'attesa del compimento delJa giorni inted con Gesù, in tendendo che
promessa finale 2 • erano animate da profondo attaccamen-
to e dedizione personale e fiduciosa a
t 1tPOO"µÉVW lui, come soccorritore mandato da Dio.
A ct .1 1,23 indica con qucsw termine il
a) Usato assolutamen te: restar in Ull
luogo, tener duro, aspe/lare ancora, Hdt. perseverare nella fede presso il Signo-
I ,199; Dht., Syll.' 615,7 ( 180 a.C.). re, che è per i cristiani una condizione
b) Col ,dativo: rimanere costantem en- essenziale della conversione a cui si so-
te con qualcuno o qualcosa, essere at- no decisi. Ciò implica pure la resistenza
taccato, restar fedele: miilm 7tpoo-µÉvE~
-COXEUO"W, «ai genitori non mancano mai contro ogni turbamento derivante dalle
dolori» (Aesch., Eum.~97). sofferenze (cfr. tµµÉvtw, Aci. r4, 22).
c) Transitivo: attendere, aspettare; Cosl la perseveranza nella rivelazione
Soph., Oed. T yr.837. salvifica di Dio già conosciuta viene op-
Nei LXX trovasi due volte sole: co- posta al carattere instabile di chi, alla
me ~ a) in lud. 3, 25: 7tpoO"tµEwcx.v minima difficoltà, lascia perdere il teso·
(Ml) 1 cx!crxvvoµtvo~ xcxt looù ovx 1\v ò ro di salvezza che aveva trovato (Act.
avolywv -e~ ltùpa.ç, «aspettarono pie-
n i di vergogna; ma nessuno apri va la 13.43; dr. Mc. 4 , 17: -..pbcrxcupoL). La
porta»; come ~ b ) in Sap. 3,9 : ot 7t~­ vedova onesta, seçondo T T im. 5, 5, si
O"-cot tv. &.y6.7t1J 7tpOO"µEVOVOW cx.Ò-c~, distingue dall e vedove giovani e volubi -
parlando del giusto che, ricorda ndo le
li (che si lasciano tentare dalle illusioni
grazie ricevute, attende sperando l'aiu-
to di Dio. Questa accezione corrispon- mondane e si allontanano da Cristo) per
de al frequente termine ebraico i!Jl, che la sua fedele e pia persev..:ranza nella
in form2 pi'el (Ps. 31,~5; 33,T&.22; 69, preghiera ( v . I I ) .
4 ; r30,7, ecc.) o hifil (Pr.38,16; 42,6.
12; 43,5; 130,5, ecc.) descrive i giusti
come coloro che aspettano con fede la t µov'l')
venuta di Dio e gli res tano fedeli 2•
a) Il soggiomo, la permanenza. Eur.,
Nel N_T., come in ~ a): usato asso- Tro. u29; Hd t. 1,94 (opposto: it!;o-
lutameme, in Act.18,18; rTim.1,3 ; co- &c; tx -cfiç xwpcx.c;); Plac., /eg.9,856 e
(idem); Crat. 437b (opp. q>op<i, movi -
me in ~ b): soffermarsi presso qualcu-
mento); Aristot., phys., 3,;, p. 205 a 17
no: Mc.8 ,2; Mt.15,32 usano il termine (opp. xlV'l')01.c;); Philo, Abr.58: nulla è
parlando delle folle che rimangono per più sublime di Dio, 1tP~ O\I _.. µovT)v

'f
2 Come variante ricorre in Act.10,24, cod. D: i Per i!il i LXX usano anche 1~évw (2 B.xa.18,
detto del centurione pagano che attende con t4 ), o intoµtvw (lob 6,u; r4,14; 32,16; Mich.
rispetto e impazienza l'apostolo di Cristo. 7,7, ccc.), ma soprattutto (come nei passi so-
pracitati) n.Tr(t;w.
Trpoaµkvw
1 Cfr. GEsENrus-BuHL, s.v. lfjl 111.
JlO'lii ( F. llouck)

Evxtcri}w xa.L O'"taow, «verso di lui ..., si corrispondono intenzionalmente. la


p reghi di avere stabilità e quiete». q,2 vengono chiamate luoghi di perina-
IJ.OVT}'V noiEicrDaL, prender residenza
(Ios., ant.8 ,350); soggiorno, Philo, vita nenza, di dimora 2 le abitazioni celesti,
Mos. 1a16: l>LÒ'. 't'Ì)v i1v6ov µovfiv; I , che sono la mèta della salvezza per .chi
64; perseverare, tener duro, Plat., Crat. sale dal basso, in cui i credenti posso-
395a (accanto a xa.p'tEpla); termine tec-
no entr:ire dopo essere siati sulla terr.a
nico per restare a servizio, opposto di
nndarsene, BGU li 581,6ss. (Il sec. ): lontani da Dio; essi sono preparati in
iyyuiicri}a.L... µo viic; xat ɵipavEla.c;, numero sovrabbondante nella casa del
«garantire la permanenza e la compari- Padre 3• Questo termine, forse scelto in-
zione» . Ritardo (Philo, vit. Mos. i,330),
durata: P olyb. 4, 41 s. 4 s. (accanto · a tl!nZÌonalmente, toglie valore allo stato
cn<i.al.<;); Philo, som.2,237 (idem); net. transeunte e provvisorio della vita sulla
11irmd. II 6 (<icra.À.EV'tOU µovijc;, «di UM terra in confronto dell'esistenza eterna
stabilità imperturbabile»); vit. Mos.2(3)
125 (ri)v l>LatWvl!;.oucrav mhwv µovi}v, e beata presso Dio. Il passo di 14,23
«la loro durata ete rna»); spec.leg. r ,:;8. descrive invece, guardando dall'alto in
Durata, I Mach. 7 ,38: µT) oQc; a.1hoV; basso, la salvezza dopo la dipartita di
µovi}'I>, «non lasciarli durare».
Cristo: un'inabitazione permane11te di
b) Luogo di saggiamo, residenza; A·
poc. Petr. frag. (secondo Clem. Al.) 2: Cristo e di Dio nel credente'. L'abitazio-
tva. yvWcrEW<; µt-.a.À.a.~bvra. Tijc; àµEi- ne di Dio presso il suo popolo, afferma·
vovoc; 'tVXn µovfic;, «affinché (i figli), ta in senso cultuale nell' A.T . (Ex. 25 ,8;
dopo aver avuto parte alla conoscenza.
29,45 ; UV. 26,II), O attesa per la fine
ottengano una residenza migliore». Luo-
go di sosta durante un viaggio, albergo; dei tempi secondo la stia promessa (Ez.
P aus.10,31,7 (mansio); stazione (posto) 37,26 s.; Zach.2,14; Apoc.2r ,3.22s.),
di guardia della polizia: E.J.Goodspeed, viene qui svirituuliaaca e inserita nel
Greek Papyri /rom the Cairo MtJseum
( 1902) r 5,r9; capanna di guardia nei momento presente dell a comunità. Am-
campi, P. Masp.107,10 (v1 sec. ) 1. bedue i passi intendono la salvezza non
in senso universale ed escatologico, ma
Nel N.T. µovfi è usato solo due vol- in senso individuale: essa consiste nel-
tenel Vangelo di Giovanni ( t4,2. 23), l'unione con Dio e con C risto. Essa si
dove forse le enunciazioni dci due passi attua con l'immanenza di Dio e di Cri-

µoviJ
1 Altre indicnzioni in P 1t F.1s1GKB, W 6rt.; ne exegws o{ 1be Gospds 5 ( 1928) 275 ss.:
MuuLT.-MILL., P.llEISIGKll, · Facbworter, s.v. BERllARO : JCC 2,532 s., ad I.
2 Orig., princ. 2, Ir ,6, intende µovfi = 111a11sio 3 1! diffici le d ire che proprio per questo si chfo -
nel senso di stazioni, di fermare, nel vioggio maoo J.U)Vdi; cosl J. GRILL, Unters11ch11nge11
dell'anima verso Dio. Soltanto dopo le prove iiber die E11tstehu11g des 4. Ev. Il (1923) 214s.
subite in queste, esse possono salire. Cfr. Cl. 4 1tapa, quanto al senso, è uguale a tv, come
Al., s1rom.4,6,}6,3; 6,14,114,1. Per altre intcr· mostra il v. 17; BWE.R, Joh.181,
pretazioni dei Padri vedi H. SMtTll: Ar11e11ù;c-
uito1Livw x-rÀ.. (F. Hauck)

sto nei credenti e con l'introduzione dei Secondo Ta11h. 'mwr § 9 (p . 45a, Buber),
credenti nella casa di Cristo e di Dio. ogni giusto dispone in paradiso di unn
abitazione (mad6r) propria 10• Di dipen-
La durata, l'indistruttibilità e la perma- denza iranica sono pure le scrittu re man·
nenza immutabile di questa unione vie- daiche, nelJe quali il punto foca le della
ne espressa col termine ~tovn (-+ µé- fede nelJa redenzione è costituil'o dal ri·
torno dell'anima alle abitazioni di luce
vm1 ). Però, come nelJo stile giovanneo, dei beati nella «grande casa paterna» di
le d ue immagini di fede non vengono Dio 11 • la Lidzbarski, Ginw R. v i , r 36
poste una di fronte all'altra fino ad ot- (p . 152,23 ss.) si dice: «In quel mondo
egli ha creato per me io.ooo per 1.000
tenerne un'equipar azione teologica vera
mondi di luce .. . in ciascuno di quei
e propria (dr. I Io.1,8 e 9 s.). mondi e~li ha creato per mc 360.000
uthre e in ciascuna skina (1kint') egli
L'idea delle dimore celesti dei giu- ha creato per me 360.000 skine» 11. Pla-
sti è radicata nella religione iranica$ e tone Il (Phaed.53-63) parla delle abita·
di là è penetrata nel tardo giudaismo 6 , zioni -celesti a cui l'anima ritorna. Si·
determinando un cambiamento radicale rnilmente Philo, som.r,256: OV'TW<; yò.p
della vecchia credenza nello sheo/1. Al- OuviJ<Tfl xcx.t EÌ.ç T:CX.'Tpi;)ov OLxOV tncx.\ltÀ.·
la credenza in un soggiorno provvisorio ~E~V, «e cosl (l'anima ) potrà entrare an-
nello scheol, dove i giusti r ossono ripo- che nella Cli.Sa dei padri». Come Gin·
sarsi in un luogo di pace , si aggiunge vanni, anche Filone parla poi dell'abita-
ota l' idea che il giusto entra, immedia- zione del À.byoç o del voùç 1• e perii no
tamente dopo la motte, nella sfera cele- di Dio sresso ts nell'uomo.
ste; cfr. Lc. r 6,22; 23.43 (-+ 7tetp6:0EL-
cro~ ). I passi di Hen. 39,4 ss.; r5,7 .10;
22,9 ss.; 71,15 s., descrivono le abitazio- t Ù7toµtvw, t Ù7toµovii
ni dei giusti e le mansioni dei santi in
cielo. Secondo il Talmud, le sedi in cui SoMMARIO:
stanno gli angeli del servizio e i giusti A. Grtcit1l
beati son disposte in cerchi concentrici B. A.T. t tardo giudaismo:
intorno al trono di Dio, che si trova nel- l. uitoµévEIV riguardo a Dio: aspettare Dio,
la parte più interna (m'bl~8) del cielo 9 • restargli fedele;

~ W. BovsSET, Himmeltreiu du Sul,.: ARW 17).44 (p. n ,21 ).H ( p. 12,10).


4 (1901) tn ss.; REITZINSTEIN, lr. Erl.207 ss. ; 12 Jkjnt' per lo più è la 'dimora'. e rar:11ncn1e
J Himmelsreise der Stele (1931); H .
IUOLL, viene pcrsonalirt.ata per indicare esseri supe·
JoNAS, Gn01is und spQ1ontilur Geist (1934) riori, L10ZBARSK1, Gi11za 7, n. 4 ; uthra=ema·
100 ss. 6 RGG' 1 626. nazione dclln divinità, ibid.6, n. 3.
7 STRACK . Bn. LERBECK 11 26,iss.; 1v 1016 s. 13 Questi è a s ua \•olta influenzato dall'orfismo
!020 s. pitagoricb, BoussBT (-)o n . '} 255.
8 Testi in STRACK·BILLERBECK 1v 10<7 s. •~ poster C. n>: w<1~' o~ 1;Èv b IJ.ivxii~ !3loc;
-tE-t!µ:rr:a•, )..6yoc; ~ti.oc; ivo•xn; /up, 177: o
9 STRACK· BILLERDECK Il 266. (tpW'ta-tot; oihoc; Myoc; Z:.ii xcx.l itEpic<l""tlV t v
10 SarLATTEa, ]oh.292. i!NXU·
11 L IDZllARS K I, Utur1.., . 11.r4s. 18.2i.30; 15 som.1,149: 1rnoòli~E ~"ùv. w l!iuxii. ~coii
L roZ&ARSKr, Ginza R. 1 16 (p. 7,17). 27 (p. 9, ol:xoc; -yivt<Tll<XA, cher.98.100 s.; wbr.62 ss.
ù1101.dvc.) x-rÀ. A (F. Hauck)

2. riguardo al mondo: tener dum, resistere «la sopportazione delle tribolazioni ine-
fermamente, sopportare pa>.ientementc. vitabili».
C. Nuovo Testame11to: Il termine implica, come v1toµÉvEtv,
i. &noµévew riguardo a Dio: la resistenza atciva e coraggiosa contro
rnendere sperondo; le cose avverse e ricorre quindi accanto
ri8uardo al mondo: res istere, essere co· ad àvopEia e a xapi:Eplcx.
stanti, superare colla resistenza.
b) L'attendere fiducioso, l'aspettare;
Aristot., rhet.3,9, p. l410a4 (opposto:
Ù1toµÉ v w: a) attardarsi, fermarsi &.xoÀ.oM1}<1~ç).
(Horn., Od. ro,232; Ios., ant. 18,328;
Le. 2,43; Act. 17, 14); restare in vita A.GRECITÀ
(Hdt. 4,149).
b) Stare in attesa, aspettare fino al Il primo senso di ìmoµÉvEw è mo·
termine, aspettare qualcuno (Xenoph., ralmente neutrale. Significa restarci in
an.4,1,21; Hdt.4,3; 7,121 a). mezzo, tener duro. Ma come più tardi
e) Fermarsi, aspettando l'assalto ne- alla Ù7toµovi} fu assegnata una parte im.
mico, resistergli (Hom., Il. 16,814); tal- portante nella gerarchia delle virtù gre·
volta in senso assoluto, resistere, tener che, cosl nel termine \moµÉvEw predo-
duro: Horn., Il. 5,498; 15,312; Hdt. mina il conce1to della costanza corag·
6, 96 ; Plat., Theaet.J I7b: civopLxw.;... giosa che si oppone virilmen te al male.
ìntoµs~vm xcd µTi <ivcivopw.; <pvyEi:v, Esso ha quindi un significato pretta·
« tener duro virilmente e non fuggire da mente attivo, diversamente dal nostro
vili»; con l'ace. della cosa a cui si resi- 'pazienza'. Connota una resistenza inten·
ste: ~o).Lopxfo.v, Polyb.1,24,rr; no}.E- sa e quotidiana contro la potenza osci-
µov, 4,84,9; con l'infinito: <p6pov.; ÉVEy- lc, senza però implicare un giudizio sul-
XE~v, Polyb.2,43,6; oppure col partici- l'esito di tale resistenza. Cosl v7toµ€vEtv
pio, Plat., Gorg.505 e: ov-roç àvnp ovx si distingue chiaramente da alcuni sino-
Ù1toµÉvEL W<peÀ.ovµsvo.; xal aù-rò.; -rou-ro nimi, per es. da TCacr)(EW (cfr. Mt.16,
micrxwv, mpL ov ò À.byo.; È1nlv, xoÀ.a- 21; r Petr.2,2r.z3; 4,1), che è il puro
çoµtvoç, «lJUC:~t 'uomo non tollera <l'es- opposto <li opéi.v, (i11 sernu sia l>llOllO
sere aiutato, sopportando anche lui ciò che cattivo) (Plat., Eutyphr. rr a). Nel
di cui si parla, cioè d'essere punito». sinonimo cpÉpEt'll (cfr. Rom. 9,22), che
d) Sostenere, sopportare, tollerare: indica il portare un peso, per lo più nel
oouÀ.Elav, Hdt.6,12; atcr)(POV 'tt, Plat., contesto della progressione e del risul-
ap.28 e; Isocr.4,94: oùx ùnɵEwav -rà.; tatO (Xenoph., Cyrop.8,2,21; Isoc.6,60
mxp' ÈxEl'llOV OWpEciç, «non tolleral'OOO s.), il concetto di resistenza resta pili in
i suoi doni» offerti per corromperli, ma ombra. Ù7ta<pÉpEw (dr. I Cor. 10,13; 2
li disprezzarono. Tim.3,II; I Petr.2,19) è detto di colui
e) Persistere in qualcosa, perseverare, che sopporta un peso, con dispendio
-rii yvwµ11 (Appian., de bellis civilibus delle forze fisiche e morali (l soc.1,30;
5,54). Plat., leg.9 ,879 c). àv{xEcr&cn, di per sé
\moµovi) a) Il sostenere, lo star fer- quasi identico a ÙTtoµivew (dr. Mt.17,
mi, il sopportare, la costanza; s'intende 17; 2Cor.11,r.4.20; Eph-4,2 ; 2Thess.
specialmente la sopportazione di malan· 1,4), tende piuttosto a indicare la fer-
ni d'ogni sorta, per es. À.vm1c;, Pseud. mezza contro influssi esterni, spiegata
Plat., def.412 e; 1t6vwv, Ios., ant. 2,7; senza agitazione e perdita della calroa;
Democr ., fr.240 (2,193,10 Diels'): -rT)v in primo luogo fisicamente, come fa il
-rwv àxowiwv (scil. 7tovwv) imoµovi)v , ferito che sopporta i suoi dolori (Od.
V1toµlvw x-r)'" A (F. Hauck)

u,375 s.), poi in senso morale, volendo coraggiosamente saldo, cosa che fa ono-
dire che si può restar calmi, senza agita- re all'uomo (cfr. sopra Plat., T heaeth.
zione, timore o passione, contro le vicen- I I 7b ), e il tollerare e sopportare cose
de incalzanti del destino (Horn., Il.24, umilianti, il che disonora l' uomo; per
549; Od.19,27; Thuc.1,122,3). Cosi&.- es. vnoµivEw oouÀE(av (Hdt.6,12 ), -rv-
véxEo-bm diventa l'atteggiamènto parti- pavvloa (Aristot., pol. 4,10, p. 1295 a
colare dello stoico (Epict., fr.10,34; M. 23 ), OEO"ito-rLx'Ì)v cipx'l)v (ibid. 3 ,14, p.
Ant. 5,33,6). ~ xocp-rEpE~v (xà.p-toç = 1285a 22). Il greco è orgoglioso del suo
xp,hoç, da xap-rEpoç = xp<t.-rtp6ç, forte) amore per la libertà, che non sopporta
ripete il motivo della fermezza e resi- condizioni umilianti. Nel sistema delle
stenza animosa e perciò valorosa (Plat., virtù greche la ìmop.wi'), insieme alla
La.194a). Il poetico -rÀ:ijvaL, da lla radi- xap-.i;;pla, è una suddivisione dell' civ-
ce -raÀ, portare, indica la sofferenza di optla 2• Questa si palesa m:pt •tX<; V'ltO·
dolori e tribolazioni sostenuti con animo 1~ov&:..;, mentre la OLXmo0-Vvl) tratta nEpt
fermo, senza lasciarsi piegare (Horn., -rà.ç ci1tOVEµ1)o-nç, della distribuzionr
Od.5,362; Il.19,308; 5,382). Il conte- ( v. Arnim III p. 64, r8). Il OELÀ.éç è
nuto del termine -rÀTjvm passa in certo «cc.lui che fugge tutto . teme tutto e non
modo in prosa nel termine vitoµivEw, resiste a nulla» (mxv-. a: q>El'.i-ywv xat qio-
cbe indica soprattutto la fermezza con- 13ouµevoç xat µ'l}oÈv ù~OJ.lÉVWv, Aristot.,
tro la pressione di forze avverse. Può eth. Nic.2,2, p. no4a 19 ss.). A propo-
essere fermezza conuo assalti ostili ('ltO· sito, Aristotele concede cbe nell'etica è
).Lopxlav, Polyb.1,24,u), contro il de- spesso difficile decidere se si debba re-
stino avverso (o-uµqiop6.ç, Isoc. 6,86) e sistere a una cosa anziché a un'altra (-rl
contro i tormenti corporali (Bmnivouç, àv·tl i:lvoç Ù7toµevnfov, 3,1, p. II roa
Plut., apophth. Lac. [II 830 c]); indica 30). Comunque, il coraggiosò deve tra·
pure una sorta di eroismo nel sopporta- vare in se stesso fa forza di resistere;
re punizioni corporali (Aristophon, fr. non deve mantenersi fermo solta~t.o per-
4,6 [ C.A.F. II p . 277), dr. r Petr. 2 , ché reme la condanna della società (-7
20), ma anche resistenza contro tenta- alo-xvv11, Plat., ap.z8c; Hebr.12,2), ma
tivi di corruzione, che un uomo integro neppure .per il motivo edonistico di sug-
rigetta (Demosth., or. z r,9·3: ovx V'ltE· gestive speranze. Il coraggioso deve in·
µt{VctµEV) 1. vece tener duro per amore della digni -
Sotto il profilo etico Ò'ltoµivELV desi- tìi (-7 alo&)<;) i. Il forre deve sopporta·
gna due diversi atteggiamenti: lo star re le difficoltà xaÀov ilvi;:xa 4• Aristote-

V1tOµtvw X't)-.
J.HH. SCHMJDT, Sy11011ymik der griech. Spra- lipe\oç Ù7toµtvrt; 1 n7a .32-35: 't0 ofi -rò. ì.v-
424 ss.; ERE IX 674 s. (Potiençe);
che 1 (1876) m1pò. ònoµÉVEW àv8pri:ot )..iyovi:at. V. ARNIM
TRENCH 221 s.; A. C•llR, The patience o/ ]ob: lii p. 64,1: ii of. 6.vopEW. -roiç V7t0J.U:VE'tiotç:
Exp. Ser.8, vol. VI (1913 )5u-5r7; W.MEIKLE, ibitl.72,37: (Ò Évàpt-roç) Ù1tOµtVETtX~ 'ltOtE\.
The vocabulary of patience in the O.T.: Exp., Demctr. Phttl., in Stob, ecl.3,345,13 ss .: I' civ-
Ser. 8 voi. XIX (1920) 219-225; ibid. 304-313 lìpe!a corqanda plvew ... xat -r-/tv -r6.!;w otct<pv-
(in the· N .T.); C. SP!CQ, Patientia: Revue des À.ànEtv· ·«aÀ.M PaÀ.À.ovow,.· ù1toµE\/e· «&.À.-
scicnccs . phil. et théol. 19 (1930) 9)-106; A. À.à i:pwìh)O'oµoct»' xo:p-rspEt.
M. F r..sTUGIÈRE, v1101iov1) dans la tradition ; Aristor., eth.Eud. "), p. u29b .31 ss.: xal yàp
grecque: Rech d . Se. Rei. 30 ( 193r) 447-486. ò thJµòç 1]oovfiv €)(,EL 'Tw6.· ·µE't' iÀ.n(ooç yétp
1 -) ScHMrnr 424 ss. t<l"TL -rtµwpltt~. 0.À.À.' 5µwç o{h' n O~ 't<XV"t'l}V
2 Aristot., eth.Nic.3,10, p. 1115 b 17-23:o 6.v- oih' El lit' ((),,).11v fioovi}v vitoµlvtt -rtç -rbv
imo11ivhl x"t).. B .1 (F. Hauck)

le distingue la Ér.iepli'tEi.a. dalla xarnE- prevalentemente religiosa di v1t0µÉvnv,


pla., affermando che l'éyxpa"tl)c; i': colui per cui qucstu termine, invece di rife-
che domina i piaceri (6 xpa.-rwv -rwv Ti- rirsi all'oggetto materiale del potere O··
oovwv ), mentre il xa.pi:~p(;iv è colui che stile a cui si resiste, viene usato con
regge ai dolori {1'.nroµÉvwv 'tàc; À.V7tac;). l'accusativo o con il dativo della perso·
Analoga distinzione pone fra la w:i.),a- na che si aspetta e a cui ci si mantiene
xla e l'&.xpacrl<t. Il µa'ì..axòc; è il µ:l} fedeli bramando e sperando . Cosl nel-
v7toµivwv 7t6vouc;, colui che non resi- 1' A. T. \moµtvEw sta quasi sempre in
ste alle fatiche, mentre l'<ixpa.-d1c; è il rapporto con l'attesa fiduciosa di Dio.
µi) OVVaµtvoc; Ù'itOµÉVELV i)oovàc; Ò:ÀÀÙ. Nell ' A.T. esso è in parte sinonimo di
xa'ta.µaÀ«x~~ò~oç x«l \mò 'to\rrwv r.moi~tv«1, aver fiducia (lji 24,2, b!M
liy6µEvoc;, «colui che non sa resistere ai e in parte di EÀ1tLSEIV, sperare (lji 5,12;
piaceri, ma rammollendosi, viene da es- 7,2; 15,1; 16,7, psh) 9 • Per questo mo·
si gu idato» s. tivo v7toµivnv rende per lo più i tre
Anche nella domina s toica sulla vir· verbi: qwh, .;pi e pkh.
tLt, b V7top.ovl) ha una parte importan- qwh, con riferimenro a qaw, la fune
te come suddivisione dell' <ivoptl« 6 • Lo tesa, indica l'attendere impaziente e lo
stoico coltiva la forza dell'onimo. Que- sperare, come staro di tensione del l'uo-
sta può ottenersi coll'educazione della mo 10• Esso è reso 25 volte con u7toµ(-
volontà, sia con l'astensione dai piaceri vEiv; per c:s. lob 3,9; 11, c3 ; ljl 24,3 .5.
( li1tOXfi 'tWV i')otwv ) sia con la soppor- 2 r; Lam.3 , 2 5 (àya.itòc; xlipioc; i:oic; v-
tazione di ciò che è arduo ( v7toµovn 7'oµÉvoV<TLV o.v-r6v, «Dio è buono ver-
'twv È'ltm6vwv) 7 • Anche F ilone, sotto so que.Ui che sperano in lui»). ..
l'influsso della Stoa, colloca la ìmoµovi) jhl (forme pi'el e hifil) affine a (Jjl
accan to al!' a vopda e alla XCl'.p'tEpl« 3. 111, aspettare, Iud.3,25; Ge11.8,ro; Ps.
37,7), significa aspettare, sospirare. fn.
B. A.T. E TARDO GIUDAISMO dica l'attesa perristente e perseveran-
te. Perciò è naturale che spesso venga
x. U1toµivnv riguardo a Dio: tradotto con vnoµÉVEw (per es. lob 6,
aspettare Dio, restargli fedele n; r4,14; 32,16; I..am.3,21.26, accan-
Caratteristica dell'A.T. è l'accezione to a itGVx<ian). Riferito a Dio, protet-

Mvct'tOV i\ cpvy/)v µ n ç6vwv À.111tWV, oùliEi.ç 7 Muson . p. 25,8 s.; 12 ss.: «/>WVVU'fct• lit 11
01xalw~ ti.vlipri:o.; Ài yo•"to i:ov"twv ...; p. 123oa <Jivxli yvµvcr.~oµÉVT} o<it 1Jlv -.ljc; \ntoµovfiç
16 ss.: ci).).à 1tcinwv i:Wv -ro..ov"tW'll q.("t(wv "tWV tnut6v1ov npòç avopflav, li..Q. lit "Cijç Ò.-
ol olà "tTJV ailiw U;toµ(vov-rtç µci>..rni:a q>(J.- 1tOXiic; "tWll ·i)Oiwv npÒ<; crwqipcxruvnv.
VE~ ò.vopi'°'· eth.m. r,u, p. 1191 a' ss. Cic., a Deus imm. r3; leg.aU.1,65: ti 1J.tv cpp6\ll}U\ç
Tusc.3,14 ss. n
""pi. "t&: 1to•11-tia gp<>vc; a vi:oi:ç 't1.ini4a., liÈ
• Aristot., eth.Nic.3, ro, p. n1'b 23 s.: xaÀ.ou Ò.VOf'tiCX. 'tO" Ò7t0!UV!'tÉo!.:;, YJ OÌ !1Wq>pOaW1)
o'f'i fVEXCl Ò à.vlipELO<; intoµivn XCX.( 'ltpd't"ttt "tà "to~ç q.(pe'ti.ot.ç, 'Ì) oÈ liixcu.0<1VV1} "tO~ç ci1tovE-
xr.t"tà. 't~ ò.vope(q.v. Pseud. Plar., dc/.412c: IA1}'<to•ç; 11/U/. nom. 197: V!tOJJ.Ollljç él.l:,•OV n
JICX.P"ttpia Ù1toµovT) Àintf)<; fvexa 'tOii X(J.À.OV. civlìpEUr., cpuyijç i) oEiÀ.(a. Cfr. cher.78 e -+
s eth. m. 2,6, p. 1202 b 29 ss. n . 15.

6 Sen., ep. mor. 67, 10; P. BARTII, Die S1oa'·' 9 Aquila usa abhastanza spesso Ù1toµovft (lob
( 1922) 1 r9 ss.; v. A1tN1M 111 p. 6' ss.; Epict., 4,6; 6,8; 17,15) dove i LXX hanno lÀ1ti<;.
diss. 2,2, 13; 1, 2,25; dr. A. IlONHl!FFER, Du 10 Allìne all'arabo qroi, esser teso, forte; al si-
E1hik des Stoikers Epici. (1894) 20 ss.: .-i ma- riaro qwj, ospenare con ansia, sperare. GF.Sll·
li della vita.. NlUS· BUHL, S. IJ.
VTtOlltvw x-.À. BI (F. Hauck) (rv,~88) p

tore e baluardo del suo popolo, questo tore, che porterà sollievo al suo biso·
termine significa l'attesa costante e fi. gno (Mich.7,7: "t'Q <rw-rijpl µov). Dio
·duciosa, che non si lascia sviare (Mich.
7 ,7: €7tt -réii l)Eéii -.ç, trw-r·ijpl f.Lou, «in è infatti l'onnipotente che sta sopra tut-
Dio mio salvatore»). to ciò che è umano (ls.51 ,5); egli è SO·
hkh (forma pi'el) significa attendere prattutto il Dio dell'alleanza, che man-
pazientemente (lob 32,4) e sospirare nel·
terrà la promessa del suo aiuto e della
l'attesa (lj> 105 ,3, opposto: aver fret-
ta). Io quanto indica un'attesa semplice sua giustizia (lji 5 r,u; 12914 s.). L'atte-
e calma (2 Reg.7,9; 9,3), esso è stretta· sa fiduciosa di Dio è quindi animata in-
mente affine al greco Ù1toµÉvEw. Rife- timamente dall'idea dell'alleanza (Soph.
rito a Dio, diventa l'attendere fiducioso
e paziente fino all'intervento di lui (lj> 3 ,8) ed è cosi un tratto speciale della re-
32,20; ls. 64,3; Abac.2,3 [nel ritardo ligiosità israelitica. Perciò il soggetto
della profezia); Soph. 3,8; Dan. x2,I2 dell'attesa è anzitutto Israele, mentre
T eodoz.: 11ocx:6.p1oc; 6 U7to11évwv ).
Dio vien chiamato la speranza d'Israele.
Similmente il sostantivo Ù7toµov1) ren- (ler.i4,8; 17,13). In secondo luogo, an·
de mìqweh, speranza, fiducia ( r: Chron.
29, l5; 2 Etrop. 10,2), ed è attribuito, che il singolo credente attende l'aiuto
con speciale intensità religiosa, a Dio personale di Dio (lji 9,19; 38,8; 61,6;
quale oggetto della speranza d'Israele 70,5; Lam. 3,2 5 ). È un segno di pessi-
(lob 14,8; 17,13), o anche all'uomo
singolo (o/ }8,8). È pure traduzione di ma miscredenza l'abbandono della spe-
tiqwa, tensione, speranza; lji 9,19: Ti ranza in Dio (Ecclus 2,14). L'idea ge-
V1t0µovi} "t'WV 7tEVTJ"t'WV, «la speranza dei nerale della pia e fiduciosa attesa di Dio
miseri»; 6r ,6; 70,5: <JÙ d Ti ùnoµovi} acquista forza speciale nel contesto esca-
µov, xvptE' xvptoc; Ti D.nlc; µov ÈX vEb-
"t'1)T6c; µov. «tu sei la mia speranza, Si· tologico. Dio manterrà la promessa del-
gnore; il Signore è la speranza mia !in la salvezza finale. Isr~ele e i singoli cre-
dalla mia gioventù)>; lob 14,19: V'ltoµo- denti aspettano con intensa fiducia que·
vi}v &:vltpwnov Ò:7twÀ.rtrcxc;, «hai dis trut-
to la speranza dell'uomo» ; Ecclus 16, sto acto decisivo di Dio (Abac.2,3; Is.
13; 41,2: à.noÀwÀu6"t'~ Ò1toµov'J)v, «al- 25,9 [var.J; 51,5). Beato è detto chi
l'uomo che ha perduto la speranza». persevera nell'atcesa e raggiunge cosi il
Cosi, secondo una formulazione fre· compimento finale (Dan. 12,12, Teodo-
quente nell'A.T., i giusti sono quelli che zione; Zach.6,14}.
attendono bramosamente Dio (ot ùno- In questo uso vetetotestamencario
µÉvov-rtç "t'ÒV XVp~ov, \ji 36,9.34; 24,3). ùitoµovi} riceve un significato diverso
Dio è la potenza salvifica a cui si diri· dal grefXJ profano. Lo sguardo non è
ge la speranza dei giusti (lji 24,5 ). Cir· più rivblto alle potenze ostili a cui si
condato da un ambiente empio e tra· resiste, e chi sta saldo non trae più da
vagliato da difficoltà interiori, il giusto se stesso la forza di resistere; l'atten-
sa di esser protetto da Dio e deve sol· zione è diretta, invece,}alla lealtà verso
tanto attendere l'intervento suo libera· Dio, a non perdere di vista la sua poten-
53 (1v,588) tinoµtV<.J X'T)., B 2 (f. Il a11ck) ( l\1,588) 54

za e fedeltà. Inoltre questa ùnoµoviJ ri- i Iibti più recenti. Cosl, senza oggetto
volta a Dio è un atteggiamento attivo, ricorre in lob 9,4; 22,2!; 4r,3 (tre vol-
te per slm 'restare incolumi'; il senso
accompagnato da una tensione estrema.
viene quindi notevolmente alterato);
I~ una perseveranza virile e coraggiosa Ecclus 22, r8. È usato con l'accusativo
(cosl ljJ 26,r4, accanto a livopil;wilcu). della cosa a cui si resiste, in Mal. 3, 2
Questa attesa religiosa di Dio impedi- (i}p.épav d<Tòòov aù-.ou, «il giorno del-
la sua venuta», per kwl, forma pi'el,
sce che si cada neUa a:t<TXVV'I) (!s. 49, 'sopportare'), Sap.16,22 (1tup); S11s.57,
2 .3 ). Però la persona pia non tien du- Teodoz. ('t'JÌV à. voµla:v); oppure con
ro per forza propria (lob 6,II), ma gra- l'infinito, in Sap.17,5 (xaw.vy&,Snv).
zie alla forza con cui aderisce a Dio,
L'esempio della sopportazione anima-
forza che è frutro della fiducia in Dio
ta da sentimento religioso è Giobbe.
(ls. 40,3 r ). Cosl la religione dell' A.T.
Non a caso il concetto di ùnoµov'l'J si tro-
non spi nge immediatamente la persona
va frequentemente nel Libro di Giob·
religiosa alla fortezza virile e coraggio-
be (come verbo, 13 volte; come sostan-
sa, ma per mezzo della fiducia in Dio,
tivo, r volta). Otto termini ebraici ven-
che difende ed infine fa prevalere la gin·
gono resi da Ò7toµovi}, in cui il concetto
stizia, dà una forte ed interiore capaci-
Ji fermezza viene chiaramente, benché
tà di resistenza, la quale può anche ac-
in diversa misura, amplificato in con-
quistare una tinta quietistica di pazien-
fronto del testo ebraico (per es. tradu-
za che sopporta sperando. Mentre il
moralista greco aveva biasimato l'unio·
cendo slm, °"'
qui sopra). La sola forza
umana non basta a dare questa fermez-
ne della Ù7to110vi} colla speranza, defi-
za (6,rr). L'uomo, specialmente l'em-
m:11ùula una mollezza inaccettabile, nel-
pio, non può resistere contro Dio (9,4;
1'A.T. la Ù7toµovl) si è trasformata qua-
15, )I; 22,21); Dio stesso distrugge la
si completamente in speranza. Il punto
speranza e l'aspettazione puramente u-
fermo per una persona religiosa è che
mana (r4,r9). Giobbe attende per tut-
Dio farà gius tizia e darà un premio alla
ta la vita l'intervento di Dio ( 14,14;
pietà (lji 14r,8; Ecclus 36,r5).
I 7 ,1,3), che infine lo invita persona!.
2. \moµÉvnv riguardo al mondo: te- mente a riflettere come nessuno gli pos-
ner dt1ro, resistere fermamente, soppor· sa resistere (41 ,3 ).
tare pazientemente In modo ancor più marcato che nel.-
I'A.T., vnoµoviJ acquista il senso di fer-
A confronto di quello religioso, il mezza religiosa nel tardo giudaismo, che
senso profano di Ù7to~tivEw, sopportare per molti aspetti è un'epoca d'interioriz-
fermamente, resistere contro avversità zazione religiosa, dovuta alle gravi pro-
d'ogni genere, nell'A.T. resta nettamen- ve sopportate. Il Testamento di Giob-
te in ombra. Ne offrono alcuni esempi be disegna questo personaggio con i
imo1u\~w xd.. C (F. Hauck)

tratti di persona paziente, forte e pia 11 • 1ielvavm:; E11crÉB71:1a.v, .«col timor di Dii!
È cosl che il credente deve perseverare e sopportando le tribolnzioni dimo~tnl
contro la tentazione. La sopportazione rono la loro pietà» (cfr. 2 Pelr.r,6).
ferma è un'opera buona di carattere in- Filone, spiegando allegoricamente 1 I
teriore, per cui la persona pia merira nome di Rebecca, che fa derivare dn
un premio 12• Però il modello ideale del qwh e rb, 'fidarsi grandemente', la elo·
credente provato dalle tribolazioni è A· gia come modello di costante pazienza'; ;
bramo, che resistette a dieci tentazioni d'altra parte egli accoMa, alla manicrn
(Iub.17.18). urcoµivm1 diventa il ter- stoica, la imoµovlj ali' ~vopEl(X. e all:i
mine tecnico per indicare fo costanza del xap'ttpla ••.
martire13. Ciò avviene particolarmente
nel quarto libro dei Maccabei, dove la C. NUOVO TESTAMENTO
pietà giudaica si esprime in forme stoi-
che. Il libro è un elogio della costanza La unoµ.ovi}, quale atteggiamento fon-
che promuove e stimola la fede. Lo si di- damentale del credente quale si è ve-
mostra con l'esempio dei padri (Isacco,
13 ,12; Noè, x5,3r) dei profeti (Daniele, nu tO configurando nell 'A .T. e nel tardo
16,21) e soprattutto dei martiri", spe- giudaismo, trova la sun continuazione
cialmente dei sette fratelli e della loro naturale nella mentalità escatologica nel
madre. Come nella Stoa. la unoµovfi
N.T. La costanza fra le avversità di un
vien qui appaiata alJ' U.vopEla (1,II; 6,
2 l, opp.: a\IQ'.VOpo~) e tollera vittorio- mondo ostile e in mezzo alle tent:12io-
samente tutti i 'ltovo~ (5,23) e tutti i ni, nutrita dalla speranza nella venuta
(3acravt.erµo( (9,6; r5,32). Essa si di-
mostra ferma 6.no alla morte ( r6, r,
del regno di Dio, è pure un atteggiamen-
I 7, 7 ); strappa al tiranno stesso una to fondamentale del cristiano. Per que-
ammirazione religiosa ( 17,17) e ne ha sto sorprende ancor più vcd~re come nel
ragione con la costanza nella fede ( r, N.T. non sia mantenuta la formula tipi -
r 1: VLxi'!cravnç •Òv -rupawov -rft uno·
1.10\l'fi ). Ma questa fermezz11 v• oltre ca delJ'.A.T. che designa i aiust i 1.Ì'ltoµÉ-
b Stoa, perché sorge oL<'L 'tÒv i}tbv, «a vo\/'ttc;; "'òv xvpLov o i:Q lkG.i. Sembra
motivo di Dio» (I 6 , I 9 ) ed è proprio che la posizione centrale assuma nel N.
con essa che i martiri della fede dimo-
strarono il loro timore di Dio (9,6: OLèt T. dalla fede e l'avanzamento della spe-
"t1)v tucrÉ(kLav xaL 6a.cra.vwµoùç u'lto- ranza, ambedue virtù fondamentali cri-

11 test. lob (cd. M.R. JAM.E:S, in Texts and slu- 1J K. FR. Euu:.a, Die VerkundiRung vom lci-
dies v [ 1899) q.p6). FR. SPITTA, Zur Gescb. du11de11 Gottesknrcbt = BWANT IV 14 (19)4l
tmd Lit. der Urchr. Ili 2 (1907) 160. 171 ss. I I4 ss., -+ µap"CUç VI, co!L 1269 ss.
201 ss.; J.H.Js:o1tN, Ilt•po.aµé<;, BWANT 4. F. 14 K. HoLL: ]beh. fiir klass. Alrertumswi<scn·
20 ( 1937) 68 ss .. a proposito di Giobbe.
12 test. los. 2,7: tv litxcx mi.pa~o~ 06>«.µov schaft, 33 ( r914) 'lT ss. Anche i martirii ~ono
da considerarsi come centa>ioni, KoRN (-+ n .
(Ì1tflieLl;É ~u: xcxl Èv 'Jtciaw au-roi:ç lµaxpolhl- JI) 71 ss.
µT}O'CI.- 11-r• µiya <pdpµax6v tO"'tW fi µaxpoihr
µla X~ _no">-">-1- tiyaM ol0w<n~ ii ur.oµovi). u det.pot.im.30.4,.,1; plant.16<) e passim; dr.
10,t: OpllL'tE ovv, 'tÉxV<X µov, 'ltOO'CI. XCl."Ctpy6'- A.MEYEll, Das Riitul des Jak -Briefes= BZNW
10 (1930) 273.283 s. .
l;t't<U Ti &noµovt) xcd Ti npO(TEVXlJ !!E"Cd V1)·
O't:Ei«ç. 17,t; KORN (-.+ n . Il) 48ss. 16 -+ n. 8.

,
V"l!OJlfVt.; r.-:À. e r.2 (F. Hauck)

stiane, abbiano fatto scomparire la for- te di me») vogliono evidentemente eloc


mula usuale dell' A.T.; forse l'afferma- giare il mantenimento costante della fe-
zione della vicinanza (Èyyvc; Ècr-rw) del- de nella parusia da parte della comuni-
le realtà escatologiche. ha impedito a tà 19• La pia aspettazione di Gesù è il
vnoµÈvtw di apparire come un'espres - palpito più intimo della fede della co-
sione conveniente (cfr. - SixecrfraL e munità neotestamentaria. In cerfrpassi,
composti). Nella gran maggioranza dei specialmenre nelle Lettere Pascorali, ·è
casi \moµÈVELV è usato o assolutamen- dubbio Se ÙnoµtVEW sia da intendere
te nel senso di resistere, esser costanti, come orientato verso Dio o verso il
o, mantenendo lo stesso senso, con l'ac- mondo (-col. 62).
cusativo ddla cosa, più raramente col
2. Ù'ltoµÈvELV verso il mondo: resiste-
participio o l'infinito. Di rado ha il sen-
re, sostenere.
so di aspettare, attendere, agognare.
Nella maggior parre dei passi del N.
r. vnoµÈvELV riguardo a Dio: agogna- T. v7to11tvtw assume il significato della
re, aspettare costanza e fermezza del cristiano in mez-
Il senso religioso, riferito a Dio, di zo alle avversità e alle prove a cui la
ùnoµÉvew (conforme all'uso dei LXX) fede è sottoposta in quest'epoca terre-
trovasi certamente in 2 Thess. 3, 5. La na carica di iniquità.
Ù'ltoµovi) -rov Xpw-rov è qui l'attesa fi· a) Nei vangeli sinottici Ù7toµÉvnv e
duciosa del Cristo che ritornerà nella tmoµovl) sono usati solo tre volte in
gloria 17• In essa, oltre che nella ò.yò.m1 senso etico-religioso, e sempre da parte
't'OV l>eoii. il cristiano deve impegnare di Gesù. Luca accosta iv V7toµovii a
tutto il suo cuore ( v. 5 ). Similmente de- xapno<popoiJcrw, «portano fnitto», nel-
v'essere intesa come riferita all'aspetta- la spiegazione della parabola del semi-
zione di Cristo la vnoµovi) 1'1]CTOV di natore (8,15). In contrasto con i vv. 12.
Apoc.r,9 18, perché le parole del Cristo 13.14, i veri credenti si distinguono per
glorificato in 3,10 (i-r1Jp11crac; -ròv À.6- la fermezza e costanza con cui, malgra-
yov Tijc; ÙTCoµovf\c; µou, «hai custodito do le avversità e le tentazioni, perseve-
la mia parola vivendo nell'attesa pazien- rano nel fare il bene e nella viuù. La

11 DoBSCHiiTZ, Thess. 309; diversamente 01- ad/.): iv &nosiovii 'h1ooii, dr. ZAHN, Apok.
si;uus, Thess. 45. Lo pazienza io Cristo è ba- 179 n. 2; J. Hrmrni. : 'fliStKr 106 (1934/3,)
sata sull' inabitazion.e di Crist0 nei credenti. 317.
Cosi anche O .ScHMITZ, Die Christus-Gemein- 19 ZAHN, Apok. 1 306 s.; invece Boussirr, Apok.
schaft des Paulus im Licht seines Gen. · Ge· 22$: «la pazienza praticata da me (Crisro)»,
brauchs (x924) 139 s. «il comandamento di praticare la pazienza co-
13 ZAHN Apok. r 182 s.; Lu1Thtt'lllR, Apok.13; me Gesù». Anche 2 Tbess.3,5, a suo giudizio,
seguiamo il iesto di Dionigi AL (v. NESTLE, dovrebbe essere interpretato cosl.
59 (tv,590) v11oµivw X"fk. e 2 (P. Hauck) (1v,5y1) 6u

ùnoµovi) è qui una foi:za attiva che si 55 s.). La costanza paziente, inllessibilc
dimostra cd afferma guardando al pre- di fronte alle calamità e ingiustizie del
mio finale. In Mc. I J,IJ ( = Mt.24,x3; mondo diventa l 'atteggiamento proprio
ro,2 2) è la resisrenza, la perseveranza si- del cristiano (r Cor.13,7), la sua azione
no alla fine, in mezzo alle prove d 'ogni interiore nel maligno eone prcseote
genere (fra cui il martirio) dell'iniquo (Rom . 12, 12: Tfl l}).lo/E~ v1to1iivov'tE<;;
pedodo finale, è il presupposto della 1,,4). Questa Vnoµovi) in pane si di·
salvezza. Le. 21, 19 esprime lo stesso mostra più attiva nel cosrante far bene
pensiero in forma atti va ( Èv 'tTI V'ltO!J.O· (Rom. 2,T xai>' &itoµovljv [pyou ò:ya·
v0 vµwv X'ti)CTE~E 't~ l\nJXÒ'.<; ÙµWv, i>oii), in parte è passiva, in quanto si
Vulg.: i11 patie11tia vestra possidebitis esprime nella resistenza e nella soppor-
animas vcstras; dr. Act.14,22). tazione paziente del dolore ( 2 Cor. I 2,
b) I tratti principalì della vnoµovfi , 20
i 2) • Dovendo il cristiano sopportare

in quanto virtù e atteggiamento fonda- con pazienza, anche in modo pura·


mentale dcl cristiano, vengono svilup· mente passivo (I Petr.2,20), la v1toµovi}
pati da Paolo, e, rispondentemente, dai cristiana assume un carattere più quie·
passi di Pietro e delle Lettere Pastorali. tisrico ( 2Thess.1 ,4, accanto ad ér.vixE<T·
La costanza ferma e paziente del cristia· Dcx~). L'etica greca, non rendendosi con·
no ha questo di proprio, che essa non to del coraggio interiore dimostrato da
trae la sua forza <lal coraggio persona· ques to atteggiamento, lo riterrebbe ser-
le (-7 col. 46) o da una insensibilità vile e spregevole. Il cristia nesimo inve-
voluta (I Petr. z, 20: xoÀct.<pLs6µEvoL ce nobilitò la ùnoµovfi paziente. M~ si
ùrtoµEv&i:n, «sopporterete di ricevere deve precisare che nel N.T. il resis'rere
uno scbiaifo•) ma, come nell' A.T. e nel alle sofferenze sopportandole è senz'al-
tardo giudaismo, dalla fede religiosa e, tro qualcosa di attivo (2 Cor.r ,6: -ri)c;
concret2mc:nte, dalla speranza cristiana vµWv 1ta.pctx;'>.:l')crewc; -rijc; ivEpyovµéVl)<;
(Rom.8,25 : OL' Ù'ltoµovii<; ò:m:xoqéµE· tv ùnoµovii i:wv a.ò"twv 'lta.ì}l)µÒ:"twv,
lh, «con pazienza aspctriamo» ). In 2 «della consolazione vostra, che opera
Petr.1,6, dove la vnoµovfi deriva dalla nella tolleranza delle stesse sofferenze»).
padronanza di se stessi, si ha, pit1 che Ciò è chiaro specialmente in I Petr.2,20
altrove, l'impressione della mentalità dove questa virtù viene in soccorso a
greca; però il fatto che il credente di- chi è sommerso (v. 19: 'ltMxwv ò.o~­
mostra proprio con essa la sua pietà xw<;~ dal destino avverso. Avendo i cri·
(eùcri(3wx) è in linea con le idee del- stiani una vocazione alla sofferenza ( Act.
l'A.T. o del tardo giudaismo (-7 coli. 14, 22; r Petr.2,21 ), son chiamati a pra·

20 Wmo1scli, 2 Kor.397.
intoµévw X'tÌ•. e 2 (F. Hauck)

ticarc la vnoµovi) e devono perseverare lamentoso, stanco, avvilito o brontolone,


in essa fino alla redenzione finale, dimo- ma è animato e sostenuto da una pron-
strando cosl la misura della loro fede ( 2 tezza pia e coraggiosa a resistere (lac.
Cor.6,4 ). E qui Paolo sa d'essere obbli- l,2 s.). li cristiano però non deve cer-
gato a dar l'esempio della pazienza (2 care den1 ro di sé la forza di resistere;
Tim.2,IO). Cosl per la religiosità del N. la forza necessaria gli vien data da Dio
T. è essenziale che la vnoµovi} non sia stesso (Co/. I , II: owaµovµtvOL .. Et<;
intesa come sopportazione di oneri scel- 7tiia'av v7toµovi)v, «siam resi capaci di
ti da sé (concetto greco); essa è invece ogni pazienza»), che perciò è chiamato
tolleranza di sofferenze imposte da altri ò 1kòc; ùnoµovi)c; (Rom. 15, 5), cioè il
e resistenza alla tentazione di natura re- Dio che dona la u7toµovi'J. Anche Cri-
ligiosa. La tribolazione piamente sop- sto e il suo esempio rendono il cristia-
portata produce perciò nel cristiano, co- no capace di resistere alle sofferenze ( r
me risultnro(Rom. 5.~: xai:-Epycist-ra~). Petr.2,21, continuando il v. 20).
la preziosa u1toµovi), e questa produce Nelle Lettere Pastorali, in armonia
la virtù provata (Sox~µ'I]), che è anco- con la sua importanza centrale, la U7t~
ra più pre.ziosa (5 ,4 ). La lotta che si de- µovi'J viene spesso nominata accanto agli
ve affrontare ìn campo cristiano (dr. atteggiamenti cristiani fondamentali e
Hebr. l 0,3 2: èli}),:riow TCCll}1)µ<hwv) as· decisivi, la 7tlo-i:i..; 21 e hxyci7tT) (I Tim.
sume un carattere inter iore in confronto 6,11; 2Ti111.3,10; Tit.2,2, dr. Apoc.2,
della mentalità greca. l 9 ), alle quali è particolarmente affine.

La U"TCoµovi) ha a che fare con la re- In Tit.2, 2 si descrive l'ideale cris1iano


~iMPn7.A nelle situn.ioni avverse, " dif- colla uiadc: fede, carità e pcrsevcranzn
ferenza della longanimità ( µcnpoi}v - (sperante, cosiante, paziente) (cfr. 1 Cor.
µla) che, almeno per mo.I ti aspetti, in- l 3,7 ), analogamente al modo in cu i la

dica la rollernnza verso le persone ( am- triade 1tLCTi:Lc;, H.nlç, ciycim) ( J Cor. l 3,
bedue insieme in Col. x,n; 2 Cor. 6,4 13) indica le virtù cristiane fondmnenta·
ss.; 2 Tim.3,10). Perciò la ùnoµovi'} 'Iw'3 lì. Mentre la H.nlç è volta più al futu-
viene opposta (Iac.5 ,u ), per es., alla ro, la ùnoµovi) invita a perseverare fra
µ.axpowµla di Dio (lji 85,15; 102,8; I le avversi1à del mondo e indica cosl
Petr. 3,20; i Petr. 3,15). A Dio non si una condizione indispensabile per conse-
può attribuire la U7toµovi'J (Rom.15,5 ; guire la salvezza. Qui la ùno1.lov1) col·
- sot to), perché egli non si trova mai lima con la ÈÀ n~. Il nesso ùnoµovi)
in angustie. Il cristiano paziente non è Tl'jç ÈÀ:nlòoc; ( r Thess. l, 3) 12 significa

21 In 1Thers.r4 sta con r.\a'tc.ç solranro. precedenti oosrruzioni col gen., DoosCHOTZ,
ll Gcnir. sogg.: la speranza ricn duro; dr. le Thess.61s.; ScHMrTZ (-+ n. 17) 14oss.
ònoµlvw xù. C 2 (F. Hauck)

che la speranza cristiana deve essere ne descritta come la capacità di soste·


mantenuta malgrado timori e minac- nere fisicamente e spiritualmente la
ce. Il passo di 2 Tim. 2, 12 enuncia e- morte ignominiosa ( ÙTtɵEwEv <T'tCl.V·
spressamente la dipendenza causale fra pov), rinunciando alla gioia e disprez-
la cosranza nel presente eone di sof- zando l'umiliazione esterna, e come sop-
ferenze e il conseguimento futuro della portazione virile del rif:Ìuto a lui op-
salvezza (Ei. VitoµÉvo!J(v, xal uvµ(3acn- posto ( 12,2 s.)2". Il superamento viri-
MvuoµEv, «se sopportiamo, potremo le delle prove della sofferenza av rii per
pure regnare insieme») 2J. Grazie all'u- i cristiani il vnlore interiore d'una divi-
nione mistica col loro Redentore, i cri- na 7to.~odo. ( 12 ,7 ).
stiani, se patiscono insieme con lui ( v. d) Anche la Lettera di Giacomo, di·
I I) , regneranno pure insieme a lui ( v. retta n cristiani affiitti dai colpi delle
12 ). Un effetto simile per i suoi compa- avversi ti\, accentua, all'inizio e alla fi.
gni di fede ba la pa7jenza che l'Apo- né, l'esortazione a tener duro virilmen-
stolo esercita per le sue comunità ( 2 te. Le prove toccate loro in sorte (1tE~­
Tim.2, ro). po.uµol, r,2; 1,12) servono a conferma-
c) La Lettera agli Ebrei, direrta a re la fede, elevandola a perseveranza (1,
una comunità perseguitata, raccomanda 3 ), mentre la perseveranza nella fede
con insistenza la V7toµ.ov.fi. I lettori, che produce da parte sua l'opera perfetta (r,
avevano una volta resistito valorosa- 4 ; dr. l'opera di Abramo, 2,21 s.; Gen.
mente aJl'avversità di gravi persecuzioni 22) 25 . Giobbe è il modello di questa
(10,32: èHH..11uw ùmµdva·u Tto.D11µ.ci:- perseveranza fra prove dolorose ( .5 ,II;
'tWV), clevnno dimostrare ora la stess<1 cfr. l ob 1 ,21 s.) 26 , e come la sua fermei.-
fermezza (v. 36) per meritare il com· za nella fede ricevette da Dio un pre·
pimento della promessa. Anche nella si- mio abbondante, cosl la gloria e la co-
militudine della gara podistica (12,1 ) la rona del vincitore spetta a coloro che
Ù7toµovY} fa pensare alla resistenza pro- perseverano (5,n; dr. r, r2; Da11. 12,
tratta fino alla vittoria, che è presuppo- c2; Mt . .5, 12). Precedentemente erano
sto per ricevere il premio della lotta. Lo stati menzionati i profeti come esempi
sguardo dei cristiani che sono esorrati a di martiri per la fede ( .5 ,10 }.
perseverare deve rivolgersi a Cristo, il e ) Ma è soprattutto l'Apocalisse, il
modello dei martiri, la cui passione vie- libro della chiesa dei martiri, che elogia

2l W. T. 1-1.AHN, Das Mitsterben und Afitaufer· 4, si cela, come in Filone (-+ n. 1,), l'allegoria
stehc11 mit Cbrist11s bei Paulus (1937) r56 ss. dcl nome Rebecca; dr. MllYER (-+ n. 15) 274
24 Invece Paolo non usa mai òitoµtvw per in· s.; HAUCK, ad l. (N.T. DeutSch) 4,7.
dicarc la sofferenza paziente di Gesù.
25 Presumibilmente sotto òitoµ.ov/i, in lac.1,>- 26 -+ O. Il.
i~Epi1.v6.w X'tÀ. (R. Buhmann )

per ben sette volte la vnoµovi), definen- martiri, che sopportano e resistono fra
dola l'atteggiamento giusto e necessario le sofferenze della persecuzione (2 ,2 s.
dei credenti nell' ultima ora del!' eone 19 ). L'ultimo conflitto fra la potenza
antico. Il doppio significato della uno- terrena e la comunità sarà pure l'ultima
µovi}, quello religioso e quello profano, e suprema prova della fede, e richiede-
appare nell'Apocalisse con speciale chia- rà dai credenti la massima fermezza,
rezza. La \moµovi} è una pazienza fon- perché altrimenti tutto sarebbe stato
data sull'attesa fiduciosa cd è un'atte- inutile (13,10; 14, 12). Non per caso nel
sa che si esprime nella pazienza 27 • L'at- Vangelo di Giovanni, in cui la tensione
tesa fiduciosa di Gesù (1,92&; 3,10) è da escatologica è molto minore perché la
una parte l'atteggiamento che riempie salvezza è resa in gran parte presente
rutta l'anima del credente; dall'altra, dall'unione mistica col Redentore, man-
tutta la salvezza dipende dalla perseve- cano sia Ù1toµ€vEL'V che v1toµov1), in com-
ranza fino alla fine. Questa è necessaria pleto contrasto coli'Apocalisse.
soprat tutto come pazienza dei fedeli F. HAucK

µe:ptµ vciw, 7tpoµe:ptµ vciw,


µÉptµvcx., iiµÉptµvo<;
t µEpLµv<iw, t 1tpoµEpLµv&:w,
t µÉpLµvcx
uno ha cura o si preoccupa 'di' se stes-
1. L'uso linguistico greco so. b) il pr eoccuparsi per qualcosa, a-
verne cura o sollecitudine; per es. Soph.,
µtpqJ.vitv (µÉpLµvcx) corrisponde al Oed.Tyr.n24: l::pyov µE9~1wwv r.ofov
nostro curarsi, preoccuparsi (cura, pre- iì $lov -;lva; «quale lavoro ti preoccu-
occupazione; tedesco, sorgen, Sorge), in pava? quale professione?» 2• Pdrtendo
tutta l'ampiezza del significato 1 • Esso di qui ov 1..1ep~µvav può ave re il senso
include: a) il curarsi, preoccuparsi, aver di ignorare (qualcosa), non interessarse-
sollecitudine di qualcuno o qualcosa, ne (Philodem. philos., volumina rheto·
per es. dei figli (Soph., Oed.Tyr.l460); rica ed. S. Sudhaus H [ 1896] 14 3,9
per lo più resta inespressa la funzione s.). Q uesto preoccuparsi per e di è ri-
indicata dal 'di', quando è chiaro che volto al fu turo cd è perciò, c) o il darsi

11 LOHMEYER, Apok.20 ss. µ tpqxva. può significare anche ciò che desta
2s ~ col. 57e anche~ n. 18. preoçcupazione (Horn., hym11.Merc.160).
l Nel se nso h) o anche ~). si può parlare di
i«P4M<w X'tÀ. il<wv iJÉPLf<va (l3acchyl.3,57 s.).
1 Data la reciprocità di questi concetti greci,
µtçi.µvciw X'tÀ.. (R. Bulunann) (1v,,94) 68

pensiero per, l'aver in mente, l' impe· che speculano acutamente> (Plat., resp.
gnarsi per qualcosa (per es., p:irlando 10,607c= Poetae Lyrici Graeci, cd. Th.
del cane da caccia Aesch., E11m.132: µ.É· Bergk, m [1882] frag. adespora 135) ' .
ptµ v11v olhto-r' lxÀ.d"ltWv 1t6vou, «mai Spesso si parla di cure assillanti, sen-
tralasciando la cura del suo lavoro»), è za indicarne l'oggetto preciso ma inten-
perfino l'ambizione (Pind., Nem.3,69; dendo le preoccupazioni che amareggia-
Xenoph., Cyrop.8,7,12). Questa proie· no o tormentano la vita in generale, le
zione verso il futuro emerge talvolta ÀV1t<lt ed i 1t6vo~ 5• Allora trovasi di re-
chiaramente quando il termine è con- gola il plurale µiptµvat, a cui si unisco·
giunto con ÈÀmç (Pind., I stbm.8,13 ss.; no, come artributi, x11À.en11l (H es .. op.
Pytb .8,88 ss.). Significa pure d) l'attesa q8), xax11C (Theogn. 343 [Diehl 1
timorosa di qualcosa, l'ansietà per qual· r34]). x11µa-rwom; (Pind., /rag.124ab,
cosa, per ciò che incombe (Aesch., sept. .5 ss.)1 aam-rot (Bacchyl. 29 (18] 34),
c. Theb.843; Ag.460; Soph., Oed . Tyr. 1'etµnal (Horn., hym11.Merc.41}. t diffi-
728; Eur., !on 404); in questo senso è cile che si viva senza affanni ; essi di-
uni to talvolta a q>é~oç (Aesch., sept. c. sturbano anche il sonno 7 e l'animo leg-
Theb.287 ss.; Pers.165 ss.). gero cerca di dimenticarli nell'amore 8
Il riferimento al futuro può anche re· o n eU'ebrietà 9 . Solo la morte ce ne ren-
stare in ombra e quasi scomparire; allo- de finalmente liberi '°.
ra µÉptµva riceve il significato e) di MÉp1µva e µrptµvav sono usati nel
tormento, asrillo, dispiacere per qual- greco a partire da Esiodo e Sofocle; si
cosa, avvicinandosi al senso di À.Umi trovano anche nei papiri. È strano che
(Aesch., sept. c. Theb. 849; Soph., Ant. manchino negli scritti della Sto:., dove
847; Eur., Hipp.u57) 3; oppure quello sono sostituiti da q>pov-.lç e da altre vo-
f) di almanaccare, speculare, cercar di ca- ci. Negli autori latini gli aspetti corri-
pire; perciò i filosofi sono, agli occhi dei spondenti della vita umana sono esprcs·
poeti, ol ÀE1t'tW<; µEptµvWV'tEç, «quelli si dai termini cura, sollicitudo e metus.

l µiptµva può ave.re il sisnifi<:uo particolare Plat ., amai. 134b; Vett. Va.I. 2rtO (p . .131, 2
di '1ormeoro amoroso', S3ppho I ,2, s. DIEHL ss.]) e con altri tennini (cfr. Anth. Pal.9,;u 9;
I 327); Baa:hyl.u(xo),8, s. ar. anche Hip- qui, per e~., COJnc in 1\esch. Pers. t6! s.s., è
1

pocr.• vict. (v1 p. 648, r5, E. L1n·Rt): ljlvxijç unico anche con cpponlç, al quale 1itp1.µw. è
'ttVIX -.cipixl;w... ùnb µEplµvri~. molto affine in quest'ultimo senso; c(r. Soph .,
Trach.147 ss.). L'aspetto determinante di <ppov-
• r..osl anche Aristoph., m1b 949 ss .; 1404 (do· ~ (il termine greco che significa propria-
ve ricorre tot volte la. caric.1rura µEpl.IJ.~ mente 'preoccupaziouc', ~soJJecirudine') è in
cppov<t1.cnix(; con acc-ento critico anche in Xe- questo caso il pensare continuamente a una
noph., mem.1,r,q; 4,7,6. Nel primo senso cosa senza venirne a capo.
Empcd., frug.2.u.uo (1 309,1; 313,18; 313,r 6 Veti. Val. 9,n (p . 355,6); Anth. Pal. 9,359,
s., Dreu'); Philodem . philos ., vo/11min11 rhe- 's.
torica, ed. SVOHAUS I (1892) r3,,>8. Perciò gli 1 Aristoph ., 11ub .420; Pseud.-Plal., a111t1/.134b;
scienziati greci sono chiamati flEPLILYr)'t<Xl
Apollodor., /rag.3 (C.A.F. lll >89).
in Hipp., re/. 4,12,1; 1,,3 (p. 44,24 s.; 49,8,
G.C.S.). 8 A11acreJ111ea J2,r8 (p. 26. l'REIS~NDANZ) .
9 Pind., /rag. 124 ab, 5 ss.; Eur., Ba. 178 ss.;
5 µtp•µvix vien con~iunto variamente con Àv· Anth. Pal.n,>4.
1tll (Menand., /rag. 1o83 [ C.A.F. ru 263); Di- IG Diphilos, /tat.88 (C.AF. n ,70); Anth Pal.
philos, /rag. 88 [C.A.F. Il '70) ; ApoUodor., 9,359; cpitnflio: Eranos 13 ( 1913) 87 (1>criz.
/rag. 3 [C.A.f. 111 289) ). C'Ofl novo~ (PS<:Ud.- 9,6).
11'P•µVÒ.w X'tÀ. (R. Bulunann)

2 . U 10 ellenistico-giudaico scw, ecc. ); Prov.14,23 (per 'e!eb, I/or


zo, in Prov. 10,22 e Gen.3,16 tradotto
1n Filone, Giuseppe Flavio e nei Te- con }..Vm), altrimenti òSvvT], n6voc;,
stamenti dci XII Patrial'<.'hi manca sia ecc.). Infine µEpLµviiv in Ez.16,42 ren-
µtpLµva che µtpLµv<iv, come nella Stoa; de ka'as, adirarsi (altrove tradotto con
sono usati invece <ppov·dç e <ppov-çl~ew. i}uµoùv, 6pyl1;Ew, ecc.). L'impiego del
Nei LXX 11ipLµva s'incontra cinque vol- termine nei LXX e nella Lettera di Ari-
te, come traduzione di i'hab (solo in l)i stea corrisponde del tutto a quello gre-
54,23) e d•'aga, e altre sette volte; µE- co; corrisponde pure al greco il discor-
pi.µv<iv trovasi secte volte e rende pa- rere delle preoccupazioni io Ecclus, es-
role ebraiche diverse. µÉpLµva; significa sendo queste un aspetto della vita uma-
certamente avere in mente o ambire in na in generale. Teologicamente impor-
Prov.17,12; Ecclu1 38,29 (cfr. tutta la tante è solo 11' 54,23: ÉitlppLl)Jov lnt xv-
pericope dei vv.26-30); Esth.1,1 •.Co- PLOV 'tTJV µtpL~LV<i:v O'OU, xcxl !1.V'tOç '1E
sl anche quando è unito con q>pov•l<; OLai}pthJm, «getta al Signore la tua an-
(ep.Ar.27r). Come variante di aocpla sietà ed egli ti darà sollievo» 12 •
si trova in ludith 8,29. Significa pemarci
su, preoccuparsi in Ex.5,9 e rende sia 3. µÉpLµva: e µEpLµv<iv nella letteratura
a
'aJd, 11 sia Ja (quest'ultimo altrimenti cristiana deUe origini
reso, tra l'altro, con tmSti:v e 7tpOO'É-
XEW). In ep.Ar.296 vale riflettere, con- a) µÉpLµva e µEpLf..Lvliv occorrono va-
siderare in anticipo. Per lo più signi- rie volte nel N.T., ma molto raramente
fica soUecitudine ansiosa: lob II, 18 nel resto della letteraturn cristiana del-
(unito a q>pov-.lc;); Dan. Il 126 (plur. ); le origini; µtpi.µ.v a: u;ovasi tre volte nel
1 Mach.6,10 (insonnia per l'ansietà); l)J Pastore di Erma; µtpLµv<iv una sola
54,23 (rende j'hab, termine singolare e nella Lettera a Diogneto e tre volte (di
di incerto significato); Eccl11s30[3 1 ]. cui due in citazioni del N .T.) in Giu-
24; 34,1 s.; 42,2 (in n1tti quattro i pas- stino u.
si sta per J•'aga, tormento interiore, al- La strurtura del concetto è la stessa
trimenti reso da 1>>..i,Y•<;, -Tc:tpc:txii. ecc.; vistB sopra; µip~µvc:t è un preoccr1pani
negli ultimi due passi il tormento si uni- per w1 oggetto che di regola restn ine-
sce all'insonnia). spresso dalla persona stessa che si pre-
µEpLµv<iv, a sua voltn, significa tor- occupa (come quando si tratta di mezzi
mentarsi, angosciarsi(2 Baa.7,ro; 1 Par. di sussistenza, per es. in Mt.6,i.5 -34,
17,9; in nmbedue i casi per ragaz, tra- ecc.); è sollccit11di11e per qualcosa, il cu-
dotto altrimenti da ÀurcE~v. 't'GtpciO'O'Ew, rarsene (mpt itoÀÀa, Lc.ro,4 1; i:à. 'TOU
q>o$Ei:v, ecc.); ~ 37,19 (dii' ag, per cui xocrµov o anche 'TOC -.oii xvp(ov, r Cor.
in altri casi stanno q>o(3daita~. q>POVT(- 7,32-34); è il desiderio di qualcosa, lo

11 Forse i LXX (se non hanno tradono libe- u µ.po.µviiv, affine a qipov'l'l~w. t·rovasi nel
ramente) hanno letto Jii'il invece di 'ii!d, già N.T. sohanto in Tit.3,8 (xaÀwv ~pywv rcpot-
nella prima parte del verscno. O''l'etO'bett), poi in Ign., Pol.1,1; q>povT(ç man·
ca nel N.T.; appare in I Clem.7,2 (lìl.Ò àitoÀl-
12 µlptµva si trova più volte per d•'iiga anche 'itWµEV "<<Ìç im1àc; xa< µa'taletc; q>pov..!lìetc;.
in Aquila e: Tcodozione: Eq.16 (LXX: lv- Cfr. lob 11, t8, --> colJ. 69; 63,4 {la preoc-
lìmt); r>,19 (id.); Prov.12,15 (LXX: qioeEpò<; cupaiionc ansiosa per la comunità); Diogn.
Myo~); per iiigon, <li 1.2,3, Sim111. (LXX: òlìU- 5,3. Ambedue qu~ti termini sooo un po' più
vai.); <li 30,11 , Aquila (LXX: clìlivrt); ~r Jiii~. frequenti negli apologeti. Cfr. andic Aci.
tjl ,54,3, A).).., {LlCX: tilìoÀE!TXLa ). Tbo111.42 {p. ,6o,5).
71 (1v,;95) j.U'plf,1v<iw x-r:ì.. (R. Buhrnonn ) (1v,59s) ;·i

sforzo per otte.nerc una cosa ( ..;l q>ayw- modo di intendere se stessi, fa propri:i
~v i) -rl itlw~v; «che cosa mangere- 'vitn'.
mo o che cosa berremo?», Mt . 6,31;
'ltw~ àpfou -rii yuva.~xl, -rcjl avopl, op-
Questo non sarebbe vero, nuravia,
pure -r4> xvplw, «come piacere alla mo- se le esortazioni a non preoccuparsi e
glie, o al marito, o al Signore», 1 Cor. a riporre in Dio le proprie sollecitudi-
7,3 2-34 14 ); è la preoccupazione ansiosa
ni 17, si basassero sull'idea che Dio assi-
per qualcosa (r Petr.5,7; Herm., vis.4,
2,5; incluso anche Phil.4,6). La proie- cura l'adempimento d'ogni sforzo. Pe-
zione verso il futuro non scompnrc mai rò già Phil.4 ,6 fo vedere che nella pre-
interamente, però µtp~µva. acqu ista il ghiera di domanda, che ha come pre-
senso di a{/lizio11e se congiunto all'op-
posto -i}oovi), piacere (Le. 8,1 4 ); e io supposto la preoccupazione, l'orante si
Mt.10,19 e par. µ~pt.1.ivciv significa pen- colloca a un a distanza tutta speciale dai
sarci su, predisporre 1~. suoi desideri, quando li manifesta a Dio
b) Anche per il N.T. l'esistenza uma- µe-rèt tùxa.p1.11-rlcu;, «con rendimento di
na è turbata dall'ansietà. Proprio con graZie», e si libera cosl dal l'ansietà. An-
gli ammonimenti a non essere ansiosi 16 che r Petr.5,7 (dr. v. 6) fo capire, · del
si presuppone che ciascuno si preoccupi resto, che riporre in Dio la propria sol-
naturalmente di sé, della sua vita, che a lecitudine non signilica pensare che egli
ciascuno importi di se stesso e quindi garantisca l'adempimento dei nostri de-
desideri qualcosa e si sforzi di ottener· sideri, ma che sa meglio di noi quello
la. Però queste preoccupazioni non ven- che ci è necessario. Dunque queste e-
gono semplicemente escluse, quasi fos- sortazioni a pregare per ol!enere inten-
sero illecite. Si afferma invece che ogni dono semplicemente condurre al supe-
UOlllO è importante per se stesso e che r arncnto del!" preoccnpnione in quan-
deve sfonarsi di raggiungere qualcosa. to è ansiosa.
Ma il movente e lo scopo della preoc- Quando poi all'ansietà per il cibo e
cupazione e dello sforzo ricevono un il vestito, cioè per le cose della vira
orientamento nuovo, e con ciò anche il (~tw-r~iça) in generale 18
, vien opposto
14 Appare chiaramente che µ1pi.µviiv significa non attestato, con npoµ<:ÀE-réiv.
sforzarsi di raggÌllngerc qualcosa anche dal 16 Mt.6,25-34; Phil.4 6; 1 Pe1r.},7; Herm., vit.
1

fatto che esso si alterna con ~1)i:nv. Cosl in 4,2A: Diog11.9,6; Ius1.,apol.1;,14-16.
M1.6,33; Lc.n,>9 trovasi ~l}ni:v invece dd 17 1 Petr. 5.7 (seguendo .V H.2 3; così pure
µt(l4.µviiv di M1.6,31. Lo ~'l')'Tti:v i;Ò ia.ui;où di Herm ., vis. 3,11,3; 4,2.~); Phil. 4,6. Cfr. act.
r Cor.ro,33; I>,} corrìsponJe a \J'!ttp aÀ.À.i)- T hom. 42 (p. 160,4 s.), nel!~ descrizione della
M.lv µtp~µviiv di I Cor. l2,>}; dr. Phil. >,20 1
vita non turbata dal demone maligno: 1t<7.V'ttt-
e 21. In M c.4 ,19 µlpi.µva sta con Ém&vµtGt. x6DEv µE Etpi)Vr) 1tEPIELXEV X!lL oÙOEvòç ~tt­
u ar. Demosth., or .21,192: ò µEplf,lvi)o'a<; 'tÒ: piµvav tr.c.,,vµ1)v, «la pace mi circondava da
O(Xal4 ).{yEIV Wv, <echi Si è preparato a dire ogni pane e non mi preoccupavo ù.i nulla>.
ora le cose giuste»; ep.Ar.296. Nel parallelo a Cfr. G. BoRNKAMM, MY,thos 1111d Legende in
Mt.10,19, Mc.13,Jt usa 1tPOµtp1µviiv, mentre de11 aprokr. Thoma.r-AkletJ ( 1933) 43.
Lc.21, q ha sostituito questo termine, altrove li Quanto esteso sia il signific~10 di µÉpi.µvat
73 (IV.)<) \) {IV,596) 74

l'impegno rcr l:t f,cun4la 'tOV Dtov, o.lwvoç (scii. -.oiii:ou, M c. 4,19 e par.);
quando cioè :ili.I cura per le cose <lei in questo consiste l' O:mhT] -rov 11À.ov-
mondo ( -.~ <ov Y.ocrp.ou) si contrappone i:ou, «l'inganno della ricchezza» (Mc.4,
la cura per le cose di Dio ('tCÌ -.ov xu- 19 e par.).
piou ). l'uomo non viene con ciò sradica- L'uomo deve pensare ai mezzi di so-
to dalla vica Mturale, alla quale è con- stentamento; ma questa cura de\•e li-
giunta 1K><:cssariamente una certa solle- mi tarsi all'indispensabile, affinché non
citudine. Infatti Mt.6,26.28 presuppo- vada perduta la à.-yaITT) µEp{,;, 'la parte
ne certamente che gli uomini seminino migliore' (Lc.10,4 r s.); dai legami ter-
e mietano, lavorino e tessano, diversa- reni deve tenersi alla dovuta distanza,
mente dagli animali ( ~ col. 72 ). e an- come se non ( Wç µ1)) esistessero le co-
che Paolo si guadagna il pane ed esor- se che lo avvincono (I Cor. 7,29-31 ).
ta a lavorare (1 Thess. 2, 9; 4, n ; cfr. Poiché, se si cura veramente di se stes-
2 Thess.3, 10 ecc.). Però quello che q ui so in quanco credente, l'uomo non ap-
si intende far capire è che l'uomo non partiene più a questo mondo, ma a quel-
deve credere di poter assicurarsi la vita lo futuco. Perciò quello deve cercare
col suo µEptµv<iv (Mt .6,27; dr. Lc.12, (Mt.6,33 par. ) e star pronto alla sua ve-
I 5-2 r) e che, se ha una vera cura di se nuta imprevista (Lc.2 l ,34); deve curar-
stesso, deve cercare la ~M'thi.rt -tou si ii:G'i~ llp~crn -tQ llUPLW. «come piacere
DEov e preoccuparsi delle cose -.ov xu- al Signore» (r Cor.7,32-34). Quindi il
plou. Ciò significa che egli deve capire credente supera la µiptµvet in quanto
non solo che la vita non gli è stata data la sua è un'esistenza escatologica. Il ca-
dal mondo presente. ma anche che se. rattere ultraterreno di questa esiste nza
preoccupandosi di se stesso, si cura si dimostra genuino se il credente, nel-
principalmente delle cose di questo la lotta contro il mondo ostile, non im-
mondo, finisce per esserne vittima. Poi- posta la sua causa sulla forza delle p ro-
ché ciò d i cui si cura, intorno a cui e prie idee, ma la basa completamente
per cui si preoccupa, a motivo e intor- sullo spirito ultraterreno che gli ~ stato
no a cui si affatica, è quello che real- donato (Mt. ro,19 par.).
mente determina la sua esistenza; per- È ovvio però che con questo non vie-
ciò questo mondo cerca costantemente ne esclusa, anzi, vien comandata, la cu-
di sedurlo e di farlo cadere con le sol- ra vicendevole fra gli uomini, la quale
lecitudini della vita (µÉptµvm ~tw·n­ per il credente è inquadrata nel motivo
xa.l, Le. 21,34), con la µÉptµva -.ov e nello scopo della finalità escatologica

13iw-rtxo:l, risulta con evidenza da vari passi,


come Mc.4,19 par.; Lc.2r,34; Mt.24,38; I Cor.
~u:py1v<iw X"tÀ. (R. Bultmann)

(2Cor.11,28; Phil.2,20); poiché ciascu- ÈO''t'W 't'fjç 't~ocpijç xat 'tÒ O'Wµct "tOii
no di essi è membro del corpo di Ci:i- tvSVµcnoç, «non vale la vita più del
StO e la sollecitudine degli uni per gli nutrimento, e il corpo più dcl ves1i-
altri ( ìmèp òJ,),:i]À-wv µEpLµvéiv) è vo· to?»; poiché altrimenti gli uditori a·
lontà di Dio (r Cor.12,25). vrebbero potuto rispondere che pro·
prio perché la vita è tanto preziosa,
c) La sollecitudine vien tematizzata ne hanno tanta cura!). Questa solle·
espressamente soltanto da Mt.6,25-34 citudine è inutile, perché il futuro, su
par., che richiede una spiegazione par- cui essa crede di contare, non sta a di-
ticolare. µEpLµvéiv è il preoccuparsi per sposizione di chi si preoccupa. Cosl è
il futuro (dç -i-nv aiipi.ov, Mt.6,34) cir- detto esplicitamente, se ~ 'i)\tx!.C1., in
ca i mezzi di sussistenza (Mt.6,23.28 Mt.6 ,27 par., significa la durata della
par.) per la propria vita (per la \jivxli vita; se invece designa la taglia del cor-
e il <rGiµa., che in .llft.6,25, posti in pa· po,· la sentenza ricorda ironicamente
rallelismo sintetico, designano la vita). che l'uomo, con tutta la sua ansia, non
Che si tratti di una preoccupazione an- è capace di ottenere alcun risultato, per
siosa è quanto dicono, o meglio dipin- quanto indifferente e ridicolo; tanto
gono, le domande: -i-l cpa:ywp.EV; .-.l-nl.w- meno, quindi, può assicurare la sua
µEv; 't'l 7tEPL~aÀ.wµEi)a; «che mangere- vita.
mo? che berremo? di. che ci vestiremo?» La sollecitudine ansiosa, inoltre, non
(Mt.6,31 par.); ma soprattutco lo fa ve- è necessaria perché Dio ne ha esonera-
dere il confronto con gli uccelli e le pian- to l'uomo, prendendola su di sé. Que-
te cos truito secondo la regola a maiori sto però - malgrado le parole "tctiYta...•
ad minus (Mt.6,26.28 par.). Ricordando -;tpoO'"tt~TJC'E"tcu ùµ~v. «tutte queste cose

queste creature che non possono prov- vi saranno date in sovrappiù» (Mt.6,33
vedere al loro futuro col lavoro, si pre- par.}, che indicano il caso normale -
suppone che gli uomini vi provvedano, non vuol dire che l'uomo possa sem-
come la loro situazione richiede, ma pre essere certo che la vita sarà messa
che, pensando a quelle creature, lo deb- al sicuro da Dio, come sembra indicare
bano fare senza !J.EPLJ.LV<i.v. Ciò che tra- Mt. ro,29-3 r par.; vuol di('e, invece, che
sforma la cura da conveniente in irra- l'insicurezza non deve renderlo ansio-
gionevole è proprio l'ansietà e l'illusio- so: qualunque cosa accada, sarà predi-
ne, prodotta dall'accecamento dell'an- sposta: da Dio. Il presupposto per po-
sietà, di assicurare la vita stessa curan- tersi liberare dal µ.tptµvciv con questa
dosi dei mezzi per il suo sostentamen- certezza sta senza dubbio nel seguire
to. (Di qui viene pure il paradosso del l'esortazione: ~TJ-CE~'tEo xi: À.. «cercate ...
detto di Mt.6,25: oùxt ii i!NxTi -nMU>v il regno di Dio ... » (MÌ.6,33 par.). L'uo-
77 (IV,597) 6.1iiPL1ivo.; (R. Bultmann)

mo che si preoccupa di se stesso e cre- spensierata»); Vett. Val. 9,n (p. 355,
de di assicurarsi la viw con i mezzi di 6): O'navLov y6..p ·nvo: ò..µiµ n-rwç -ròv
Blov xo:t 6.1uplµvw.; OLEVl>iivo:t, «passa-
sussistenza è invitato a rammentare che re una vita morigerata, senza colpe e
ciò che deve importargli è il regno di senza timori»; Herodian. 4,5,15: 6.µe-
Dio; allora l'ansietà scompare 19 • plµvwç BLOiiv, «vivere spensieratamen-
Mt.6,34 (senza parallelo in Le.!) ag- te»; in un epitaffio pubblicato in Era-
nos r3 (1937) 87, iscriz. 9,5 ss.: -ròv
giunge a questo un tratto di sapienza anovov, acpo(3ov, T)ovv, { vi}ovµov) !Xµ€-
profana, che per sé non è caratteristico ptµvov o:lwvLOv ì.invov EVOEt.<;, «dormi il
di Gesù 20 : è assurdo raddoppiare la cu- sonno perpetuo, lieve, tranquillo, dolce,
(soave) senza cure». Non è raro nei pa-
ra per l'oggi con quella del doma- piri.
ni. Se quindi il discepolo si preoccupa
Nei LXX questa parola occone in
per il domani, viene a trovarsi in una Sap.6,15: ò ii·(pvnviJc;aç ot'airrr1v -ro:-
posizione assurda, con sua grande ver- xlw.; àµÉpt~lvo.; EO''tO:t, «Chiha vigilato
gogna, perfino agli occhi della sapienza a causa di lei (scii. la sapienza) tosto
sarà senza pena»; 7 ,2 3: la sapienza è
profana. nvEiiµo:... BÉBaLOv, Mcpo:À.é.;, IXµéptµ-
vov .. ., «uno spirito forte, sicuro, tran-
t ീpLµvo.; quillo ...»; test.fod. 3,9; liµÉptµvoç Ev
't'oi:ç 7toÀ.ɵoLç, «tranquillo fra le batta·
àµÉpL( ..Woç 1 è attestato in Soph., Ai. glie». Forse è giudaico l'epitaffio IG xrv
1207, nel senso di uno di cui nessuno r 8 39, I I (n.L'ltt tjlvx.i}v à:µeplµvw.;, «la-
si cura; dopo la commedia nuova è usa- sciò la vita imperturbato»). Ò:µEplJ.Lvw.;
to nel senso di uno che non ha preoc- sta per làbcfap (fiducioso) in Js. 14,30
cupazioni, per es. Menand., /rag. 1063 (Aguila) 2 e per b!f? in l{l u 1,7 (Simma-
( C.A.F. m 26 3) ( ീpLµvo.; Blo.;, «vita co); Is.32,11 (Simmaco); (nelle tradu-
19 Con quest'idea l'esortazione di Mt.6,25-33 bensl che, se l'animale non ha bisogno di la·
par. si d istingue dai paralleli stoici (Epict., diss. vorare, neanche l'uomo, a cui servono gli ani-
l,9,7 ss.; 16,1 ss.; 3,26,27 ss.; Sen., de remediis mali e che a sua volta <leve servire il suo
fortuitorum 10 [ p.104,18 s., RosSBACH, Bres- Cre.atore, dovrebbe provvedere alla sua vita
lauer phiL Abh. 2,3,r888 ] ; dr. con Mt.6,29 con ansietà e preoccupazione, ma precisano -
anche la parola di Solone in Diog.L.1,51), an- e qui sta la differenza - dl.e l'uomo è costretto
che se pure lo smidsroo d i.chiara irragionevo- a q ues to, e precisamente a causa del suo pec-
le la preoccupazione ansiosa per i mezzi di sus· cato. Queste parole, dunque, non sono un'esor-
sistcnza invitando a guardare gli animali. Poi- tazione a liberarsi dall'ansietà in quanto debo-
ché nella Stoa il superamento dell'ansietà è lezza verso il mondo, ma fanno notare che l'an·
fondato sull'ide11 della >tp6vota: divina (la qua- sictà colpisce gli uomini in quanto pena inflit·
le ha provvisto l'uomo, come le altre creature, ta da Dio.
di ciò che gli è necessario) e specialmente sul :lJ Cfr. i paralleli giudaici e pagani nei com-
dogma della libertà umana, s«ondo il quale la mentari e in STRACK·BtLLERBECK; -> FIEBIG
vera vita dell'uomo è quella intima della men- 130; G. Hwooc1, Beitrage wr Geschichte
te, che non può essere colpita dal destino este- und I?.rkliimng des N.T. lii ( 1905).
riore (dr. R. BULTMANN: ZNW 13 [ l9r2] 106
aµÉptµvoç
s.). Una vera analogia non si ha neppure negli
scriui rabbinici (STRACK-BI LLf!RBECK l 436 s. ; 1 Su cXt..tkp~µvoç e àµtptµvla cfr. PREUSCHEN-
P. FmnJG, Je;u Bergpredigt [ 1924} 1295.), che, BAUER'.
seguendo la regola 11 maiori ad minus, dicono 2 ZAW NF u (1934) l8I.
µÉpo; A r (J. Schneidcr)

zioni esaplari ricorrono anche ò:iµpLµ · voç (ilare, allegro) - come un carnucrc
vfiv e Ò:µEpLµvla) . della longanimità (11axpoi)uµla). Sib. i.,
Nel N. T. ò:µipLµ voc; si ha solo LO r 316 promette alla persona pia che gli
Cor.7,32 (itO..w OÈ vµCiç O:µEplµvovc; d- angeli E/.ç <pwç lil;ov1nv x<it Eiç l'.,t.ii}v
vaL, «vorrei che foste senza sollecitudi- Ò'.!LÉpLµvov, «111 porteranno ne lla luce e
ne», ~ col. 73) e in Ml.28,1 4 (i Giu- nella vita tranquilla e senza cure».
dei alle guardie del sepolcro: xat tàv ò:-
In Ignazio compare anche il sosrnn-
xovoitjj • OV'tO tnt T}yrµovoc;, T}µri:c; nei.- tivo ciµrpLµv(a (attestato a partire da
<roµ.ev X<XL uµ.iiç aµrplµ VOVç 'J';OLTJO'O· Plutarco; usato anche in ~ l07,r o,
µ.tv, «e se questo giungerà all'orecchio Simm. [LXX: ÉÀ.1tlç] e Flav. los., beli.
l,627): dr. Pol.7 1 1 : xò:yw t Muµb-rtpoç
del p rocuratore, noi lo convinceremo e
ÉyEVOJ.lTJV ÉV ciµEpLµvl~ itEOU, «ho acqui-
vi assicuretemo la tranquillità»). In stato anch'io maggior coraggio, nello
Herm., mand.,,2,3 questo termine com- tranquillitù che viene da Dio».
pare - accanto a 0.<ip6c;, ò:yaÀ.À.LWµE- R. BULT.Mi\NN

t µÉpoc;
A . µipoç FUORI DEI, N.T. specialmente parte di un corpo, di 11n
edificio, di uno città. -rà µÉpTJ, il terri-
r . Uso del Urmine nel greco profano torio, la regio11e, la co11trada (per es.
Dalla radice (O')µrp- derivano IJ.Elpo- Thuc.2,96). ln ~enso trasla to (frequen-
µm , i'µµopr, col senso di ricevere in te soprattutto nei papiri): distretto, di-
parte propria, partecipare. (O')µEp- è partimento, dicastero 2• In campo poli-
forse identico alla radice indogermanica tico: il p11rtito J . Anche in campo giu -
smcr- ( ~ µipLµv<i ): pensarci, curarsi diziario (parte in causa, parte in un pro-
(dr. il tedesco mit etwas bt:denken, cesso, in un contratto), in campo mi-
versorgen, «darsi pen siero di qu alche litare (reparto dell'esercito) e nella mn-
cosa, provvedere») 1• È usato a comin- tematicn (parti di numeri), µ.tpoç svol-
ciare d agli Inni omerici e da Pindaro. ge un ruolo importante•.
a ) Parte, in quanto opposta al tutto; b) La pt1rte assegnata, la porzione o

f~Époç
I Cfr. BotSA<:Q 621. wALDE-POK. li 689 s. [DE- '
li gli affari <lell'ammioistrazione pubblica».
BWNNER].
lP. Oxy. x 1278,24,24; P. Aor. t 47,17; P.
2 Vedi in dettaglio la ricca document"'1ione in Lond .1028,r8; anche Flav .. los., btll.1,143.
PREISIGKE, Worl, s.v. e Fachworter 121; v.
sp.,.,ial. P. Fior. 1,89,2: tt&v-ta µtPTJ TiK o~o~­ • Cfr. i dizionari ; 5JX'C. LIDDELL·Scorr e Plllit·
x~uews, (d irigendo come rappresentan te) «tut· SICKF., \Vorl ., !.Il.
partccip11~Ùm<": spesso in congiunzione 'l''Y ,. arlini (111d. 18,2 e passim). Qiis e
coi \·crhi 1wrtxnv, EXEW, >..aµ~à.vEw. affini. 11r i >ii.tnifica ri più diversi, sono
Eur., /lk.474: la parte decisa dal dc· il t·orri,pondcme più frequente di µÉpoc;.
stino (sorte). A Itri esempi: Acsch., Ag. Spcà1l11w111e col dativo, il termine ren-
507: ~LEDE~ELV <j>LÀ'ta:tov T<i.q>ov µÉpoc;, clc ahha~ t nnz:i spesso min, in senso par-
«ricevere in sorte unn tombn de~ idcrntis· i i 1iv11. I11fi11e designa frazioni, rendendo
sima»; Isoc.10,54: xaÀ.À.ovc; yà.p 1t),E~­ jiùl, o sta, insieme all'ordinale greco, per
a-•ov 1iépoc; 1iE'tÉO"XEV; «ebbe in so rre il solo numero frazionario ebraico. Non
mass ima parre di bellezza». viene usaco invece con valore biologico,
per una pane o un fianco deU 'uomo e
c) Il tempo stab1lito, il turno, il po- di un animale 8 •
sto. Es., Aesch., Cocph.827 s.: &rav
iixn plpoc; tpyW'J, «quando viene il Particolarità. a) Parte: specialmente
tempo <lei fatti» . l'ultima parie di t1n paese, di 111111 regio-
d) Spesso p.Époc; è preceduto da pre- ne, di un mare; perciò lato, 111argi11c,
po~izion i ( à:nò, tx µtpovc;; €'ltt, f.v µÉ· confine (il bto meridionale, fa.47,19;
pn; XGtTCX., r.pòc;, Vi':Ò 1Jipouc;; l.!Époc; •L) il confine orientale, Ios.18,20; il lato
quasi sempre col senso di in parte 5 • occic.lentalc, Ez.47 ,20. I lati dci cheru-
Specialmente caratteristica è l 'espressio- bini [ Ez.1,8 ss.], dell'atrio [fa.40,471,
ne che s'incontra nell 'antica burocrazia: dell'altore degli olocausù [fa. 43,r6
~x µÉpovc; EXELv, partecipare a 1111'am-
s. ]). I marR.ini della .rtrado, µipTJ òooù
ministrazione. Ciè> vuol dire che si può {cod. S': Àoyou) in lob 26, 14. Da am-
condividere con più persone l'onere di bo i lati, i~ tx.a•Épou iLÉpovc; ( 2 Mach.
un unico ufficio~. Cosl in BGU n 574, 3,z6).
lO: éy µtpovc; ò:yop(av6µoc;), «diretto- b) -rà 11Épl), la contrada, per es. Is .
re di mercato»; in BGU I 144, col.II 7 9,r (8, 23), code.I. AB' S; l Bao-.30,14:
s. ricorre spesso la denomina7.ionc: Èy 'à •Ti,;; 'Iovoalac; µ€p-1J; Tob.8 ,3 co<l. S:
(µÉpovc;) i~"TJYTJ't(Ewcxc;), (anche Èy -rà µtP'll AlyV!t'tov (codd.AB: -rà à.vW-
[µlpouc;] &.yopavo[µ7)uac;)) 7. 't<I'tct Alyvn'tov ), «l'Egitto superiore».
Tn scn$\) uaslat.o, Ecclus lJ,19 : Ù1t6-
2. Uso del termine nei LXX xpvq>ct µtpT), «gli 'angoli' nascosti».
c) µépoc;, posto (per es., 2Mach.15,
e i11 Filone
20: •WV fiT]pi.wv È1tL µÉpoc; eìixcx.Lpov
Nei LXX µÉpoc; rende molti vocaboli 6:11oxa-ro:O"'talMv-rwv, «ritiratesi le belve
ebraici di significato assai diverso. Il oei posti loro convenienti».
termine è usato specialmente nella de- d) Reparto d'un esercito (I Moch-4,
scrizione di costruzioni ed oggetti ( tem- r 9: <>. 11 ); Svo I LÉp1J. le «clut> nli» <l'un
pli, santuari, accessori), per rendere ;aa, esercito ( / Mach.6,38); "ò Sd;c.òv µÉpoc;,
;arka, 111iq!6ìi', !élà', !ad, ecc. Inoltre è «l'ala <k·~ir:1:0 (I Mach.9,15 cod. S.).
usato spesso con valore topografico o e) P11rcdln, partecipazio11e, podere;
geografico, in riferimento fisico o politi- lob 3 ( , 2: 1tÙP... xa~oµEVO'\I E7CL 7taV·
co, per 'cbcr, pè'ii, pelck, .fa/a, !ad, ecc. ;:wv 'tWV fltp!.iv, « il fuoco ... che sta bru-
In senso sociologko llÉpoc; sui solo per ci.ando t"1 11 1i i poderi». 2 Enop. 4, 20,

S Cfr. in detta~lio i ,liziun:u i, >pt.'C. PH.JSIGKE, 7 Cfr. PK1>1~11 .~1 I-> 11. 6) 14 n. 4.
\Vorl. 11 n s. e MAYSE.R 11 z, /111/ex (6 10).
• Cfr. r. P11.c1s1<:Ktò, S1.iclti1cb..s Tkam/e.'IWe· & L'ulti1nc..• <
.,,,_,,,.,....._, ,. ~1:110 scritto in colla-
se11 ( r903) 14 n . .i e Ml 11 . ~. borazione mn (; lltar•\M .
pipo; B 1 (J. Schncider)

la porzione richiesta (il tributo); Prov. hanno il d iriu.o di partecipare ad esso


17,2, la parie lasdata (l'eredità); in 3 (vit ..Mos.1,323). In campo etico, il bene
Mach. 5, 17, la parteciparione al pasto veramente perfetto è un tutto. I beni
(El.; EÙ<ppocruVTJv xa'tai)roi)cu µtpoc;, singoli, appunto perché sono parti del
«prendere parte all'allegria dcl banchet· bene perfetto, non possono esser ritenuti
to» }. beni perfetti (det.pot. ins.7). L'uomo è
f) Unit0 a p reposizioni; per e~. xa•à µtpoc; 'tOV 'lta.vi:bc; (som.21 116) 10• P er-
µtpoç, «a pezzi» ( 2 Mach.15,33 e pas· ché parte, esso non è un'immagine di-
sim}; 2 Mach. n,20: -tà xa-tli'. µÉpoç, retta di Dio, ma solo dcl Logos divino
«i particolari». t v lJ.lpEL, «in parte» (op.mu11d.25).
(lob 30, I e passim). In Dan. u,45,
Teodozione sostituisce il testo dci LXX: B. µtpoç NEL N.T.
tjt,EL wpa. 'tij<; cnrn:À.da.ç O:V'toii, «verrà
l'ora della sua fine», con le paro le: ti!;tL r. Uso linguistico
~w<; µtpovc; (fino al termine) aùi:oii Nel N.T. ritroviamo i due significati
(ebr.: 'ad- qiffo, «fino al suo limite). fondamentali di µÉpoç presenti io tutta
la ·letteratura :intica: partt: e partecipa-
Filone parla della parte del corpo,
zione.
dell'anima, del mondo, della filosofia ,
ecc.- P erò si occupa specialmente del i. Parte. µipoç è: una parte del cor·
problema del tutto e delle parti, dr. po (Lc.u,36), dcl patrimonio ( Lc.15,
specialmente congr.r4 5: ii (q>LÀ.CG'oq>la) I 2 ), del ricavato d 'un podere venduto
'tlX OÀ.CX. XCX.Ì)OpWaa Ì)E/i"tO:L XO:t µ{P'I'), ( Act.5, 2), del vestito (lo.19,23); è un
«lrt filosofirt contemplrt drtll'alto il tu tto pezzo di pesce (Lc.24,42); parte d'una
e le parti» 9 • D io è un tutto ( é Sè Ì)EÒ<; città (Apoc.u,13 11; i6,19). -tèt. µÉpTJ
llÀ.ov, poster. C.3). D'accordo con Pla- ha il significato di contrada in Mt.2 1 22 ;
tone e gli stoici, Filone sostiene l'unità IJ,21; 16,13; Mc.8,10; Act. 2,10; 15>,
del mondo, mentre gli epicurei afferma- 1 ('tè.t civW'tEp~xà µÉpTJ, «la regione su-
vano che il cosmo consta d'un numero periore»); 20 1 2. In una barca, µÉ poç è
infinito di mondisingoli (op.m11nd.r71). la fiancata; Iu.z r,6: 't'Ò. 5tl;~à. µlpTJ i:oii
In base a questa unità del mondo, egli 1tÀ.oi.ov, «il fianco destro della barca>
accetta la dottrina della comunione del- (que!Ja che por ta fortuna). Col signifi-
le parti e della simpatia dcl tutto ( migr. cato di 'fianco' il rermine compare an-
Abr.I 80 ). È sempre il tutto che deci- cora in H erm., sim.9,2,3; vis.3 ,1,9: -tèt.
de; solo per amor del tutto le parti StçLè.t µÉP'I') , «a destra»; 3 1 2,r: i:à à.pw-

9 Sul problema filosòfico dc:I tuu o e delle par· che queste si dicono parti di essa». Sulla de-
ti , v. spec. Aristotele, metaph.4,25, p. 1023 b, finizione del concetto d i pane nella storia del-
u ss. e 4,>6, p. to23 b, 26 ss. Aristotele defi- la fùosofia '" R. 'ErSLE.R, Worterbuch der ph1·
nisce il µtpoç rome segue: 1it90ç ÀtYE"<<X< lvo. losophisch<n &griffe Ili (1930' ) 216.
µ!v 'tpb-rto11 El~ 8 lìlo.i.pdElTJ liv "<Ò 'ltoa~v Ò?'.u>- 10 Cfr. Plat., leg.10,903 c. Scoondo Platone, il
aow ... lO.À.011 lit 'tp61tOll i:oc XO.'tO.l!t'tpoÙv'ta. sing0lo, da lu i inteso come una parte del tutto,
'tWV 'tOoOV'tWll µ.6vov... h1 etc; él. 'tÒ E!lìo<; lìl.Cl.lr esi•te per il torto e non, viceversa, il tutto per
ptbtlt) liv &.veu "<OV 1t0aou, =l -raii'to. µopv.t
13 parte. Il fine d'ogni singolo è posto nel be-
Àt-yt'tru. 'tOU'tou, «son dette parò da un can- ne dcl rutto.
[O quelle in cui si può in qualche modo divi-
dere dall'altro soltanto quelle che comm isurano 11 L'espressione 'tÒ oéx a.'tov (<cii. µtpot; ) 'ti;ç
questo ..., inoltre quelle in cui può esser divi· n6)...ewç (Apoc.11,13)'non è dasska. V. BL.-
sa la specie, prescindendo dnlla quantirà; an- D!!BR. S 241 ,7; dr. anche § i 64,, .
1iipoc; B 2 (J. Schneider) (ll',600) 86

'tEPÒ: ~itpTJ, «a sinistra»; sim.9,9 1} : -.à. sto caso» (2Cor.3,10) 1'. Similmente 2
t!;w-.Ep<l µÉp1] -.ijç olxoooµijç, «i fianchi Cor.9,3: in questo caso, in questo pun-
es terni dell'edificio». Parlando J i rag- to. Col.2,16: É\I µtpn top-.fjç, «in que-
gruppamenti religiosi, µÉpoç è il partito, stioni [cioè, «a motivo»] di festa». xa-
sorto per ragioni teologiche e politiche -rà µÉpoc;, «in particolare» ( H ebr.9 ,5:
(Act.23,6: -rò t\I µtpoç ta-.tv Laooov- delle spiegazioni dettagliate di un punco
xal<.N, -rò ot hepo\I <l>apw<llW\I, «un della dottrina cristiana). Accusativo av-
partito è dei sadducei, l':iltro dei fari- verbi abile 1.1,Époc; 'tt, «in parte» (1 Cor.
sei»; 23,9: -rò µipoç -rwv <l>a.pur(J.lW\I). r1 ,t8).
Act.19,27 mostra che nella koinè µlpoç
non significava solo un ramo di affari,
ma anche gli afjari stessi. Però sullo 2. Enunciazioni
sfondo si avverte che gli affari (degli teologicamente essenziali
orefici di Efeso) sono concepiti come
una parte della virn econ omica (della La locuzione avverbiale tx µipouç
città}. (1 Cor.13,9.12) connessa coi verbi yt-
Partecipazione. Si può aver parte
2. \IWcrXELV e r.poq>l]"tEVEW, serve a defi-
a una persona (Gesù, Io.x3,8}, esser
n ire la simazione dci cristiani in que-
membri di una comunità di persone (i-
pocriti ed increduli, Mt.24,51; Lc.12, sto mondo. Qui non esiste una co-
46), di una cosa (l'albero della vita, noscenza e un impiego perfetto del do-
Apoc.22,19; lo stagno di zolfo, Apoc. no 'profetico'. L'esistenza terrena dci
2 I ,8 ), partecipare a un avvenimemo (la
resurrezione, Apoc. 20,6). Parlando di cristiani, benché determinata dallo Spi-
persone si dice: µtpoç µE'ta -rwoç (Io. rito, resta qualcosa di parziale. Solo nel-
13,8; Mt. 24,51; Le. 12,46), parlando l'eone futuro questa realtà parziale ( -rò
di cose e avvenimenti: µÉpoç ~ i:LvL
Èx µépovc;, 1 Cor.13,10) cederà il posto
(Apoc. 20,6; 21,8) oppure à116 'TLVoç
(Apoc.22,19). a quella pedettn (-+ "\"Ò "\"O ..ec.ov).

3. Locuzioni avverbiali nel N.T.: Anche la storia della salvezza, in


à\là. µÉpoç, «a turno» (r Cor. 14,27: quanto si riferisce ad Israele, viene in-
i glossolali della comuniù devono par- quadrata da Paolo nell'idea di µtpoç.
lare uno dopo l'altro, perché sie man -
tenuto l'ordine). a7tÒ µipouç, «in par- Paolo possiede una conoscenza segreta
te» (Rom. r5,t5; 2Cor.2,5); «un po', del piano nascosto di Dio sull'umanità
in certo modo» (Rom.15,24; 2 Cor.r, (4 µva-.i}ptov)ll. Con questa conoscen-
14 ). Èx µipovc;, «parzialmente» ( r Cor. za egli spiega (Rom.11,25) che un in·
13,9. 10.12: dell'attività dei doni del-
lo Spirito nell'eone presente}. lv 't"Otr durimento parziale ( 'llWpw<n.c, àr.ò µl-
-.~ "ttii µépEt, « in questo senso, in que- povç) ha preso Israele e che esso dure-

12 Un parallelo letterale è offerto da Polyb. rio, come risulta dal passo di Polibio. Nel con·
18,3,(18)2. ]. WEtSS, Die Aufgaben der nt.li· resto di 2 Cor.3 ,10 l'espressione si giustilìca
chen \Vfrunschaft (19o8) 32, cancella tv 'tOV· appieno.
'<'!' 'ttj> µtpe,, ritenendolo una glossa aggiunta Jl Cfr. J. SCHNE!Dl\R, cMysurion• im N.T .:
a €vtxtv. Questo però non è affatto necessa. ThS1l<t 104 ( 1932) 167 s.
87 (1v,600) JUpoç B 2 (J. Schneider) ( IV/>01) fil\

rà finché il numero completo dei gentili singolo cristiano, presuppone sempre la


d:i Dio voluto sarà giunto alla salvez- situazione reale, che è il <rwµa Xp~­
za " · Allora si adempirà tutto il piano cr-.o\i.
divino stabilito dal le promesse: I sraele In questo contesto rientra anche Epb.
sar<ì finalmente salvo nella sua totalità. 4,1 6. Q ui però non si parla semplice-
à r.ò 1.tÉpov.; allude quindi a ciò che ac- mente della ÉXXÀTJ<Jl<l in quanto <JW-
c:ide ora. L'azione divina di grazia si µa Xp~u-.oii, ma del rapporto del <Jw-
rivolge ora soltanto a una parte d'I- µa. col suo capo (x.tq>CX.ÀiJ), con Cristo.
s raele, mentre l 'altra - Paolo pensa e- Il corpo riceve da Cristo le forze per
videntemente alla parte di gran lunga crescere; ma vien tenuto insieme da
maggiore - rimane sotto il segno della giunture ( ci.qicxl). a cui è concessa un'ef-
11wpwcnc;. ficienza diversa. Esse devono contribui-
In I Cor. rz,l7 (~ v1, col.x526), Pao- re alla crescita del corpo secondo la mi-
lo spiega: vµdi; OÉ fo·TE crwµa. Xpl.CT'tOV sura' della forza ricevuta (Év µÈ'tP<!> evòi;
:mt µD..T) Èx µÈpovi;, «voi però siete Èx6.<J'tOV 1.1Épovç). Paolo vuol dire che
corpo di Cristo e ciascuno ne è un le forze vi1ali decisive per la crescita
membro per parte sua,. ts . È importan- della chiesa provengono da Cristo, ma
te constatare due cose: r. i cristiani i membri della chiesa, a cui è stata data
non sono tra loro sepatMi, ma appar- una speciale posizione e forza (aposto·
te ngono tutti a un o rganismo che, col- li, profeti, evangelisti, pastori e dotto-
l'aggiunta del genitivo XplAT-ro\i a <JW- ri, v. II) 16, sono tenuti a servire per
µa, vien distinto da ogni altra stmttu- parte loro alla crescita della chiesa se-
ra o rganica; 2 . il uwµa XpL<T'tOU è un condo la misura dei doni loro concessi.
organismo articolato, in cui esistono In Io. r 3,8 Gesù spiega a Pietro, in
delle 'membra' (µÈÀTJ) . In tal modo o- occasione della lavanda dei piedi, che
gni cristiano è riconosciuto e valorizza- solo il discepolo purificato può aver
to nella sua partico larità. Ma la sua in- parte con lui {EXEl.t; µipoc; µt<t'tµou). La
dividualità non è un tutto a sé stante, purificazione (dal peccato) è il presup-
ma va intesa come parte di un tutto. posto assoluto per la comunione con il
Perciò quel dato concreto, che è ogni Cristo Gesù.

" Cfr. l 'eccellente formulazione di SCH!.ATI"Elt , anche LIETZMANN, Kor.63.


Ront.)27: «La chiusura del giudaismo all'ope- 16 Cosl'anchc Kl.OPP ER, Dcr Bric/ RII die Eph.
ra di Dio è stata imp0s1n per il periodo in cui (1891) 136: qui «s'intendono le diverse perso-
vengono chiama ti quelli che appartengono ogli nalità, dotate di carismi specifici~. Similmente
nitri popoli». SCHLATTEx, Ertauterungen, ad I. Alcri (per es.
tS Ccxl. D, Vulg., lm.; secondo Nestle anche HAUPT, Ge/br. 175; EWAl.D, Ge/br. 199) rife-
il testo syh ha h µiÀoui; inv= che tx µt - riscono, ma a torto, Pas.sefzionc o tutti i mem~
pou<;. Questo è un errore dell'amanuense. Vedi bri della comunità.
8~ (1v,6ot) µlpoç 8 l (j. Schnei.!~r)

La wmunione t\)11 Gesù, quando sc,1gno ardente Ji fuoco e zolfo». Que-


questo eone sarà finito e comincerà il 5r<l è la morrc seconda», cioè l'annien-
nuovo, porterà ad nvcr parte nella pri- tamento perpetuo 20 •
ma resurrezione (Apoc. 20,6) 17, che pre- Eph.4,9 ( xo.'TÉ~TJ Ei4 -ra. xo.'tw'TEpo.
cede la resurrezione u nivei:sale ( ~ &.va- µÉpT) -rijç yij~. «discese nelle parti in-
ertaui.c; 1, coll.999 s.). Il cristiano che feriori della terra»). stando 11lla lette-
avrà partecipato alla resurrezione rice- ra, può riferirsi sia a una d iscesa di
veril poi la sua porzione dell'albero d el- Cristo negli inferi, sia alla sua venuta
la vita (Apoc.22 ,19: -.ò µtpoç o.v-.oii sulla terra. Biichsel ( ~ xa.-.w-.Epoç v,
-.oii ~uÀ.ou -.ijç ~wf\ç) 11 , cioè parteciperà coll. 279 ss.) con argomenti validi ren-
ai beni imperituri della vira eterna. de probabile l'iporesi che in Eph. 4,9
La partecipazione ha un'importanza non si tratti della venuta in terra del
fatalmente decisiva per l'uomo. Gesù redentore, ma «dell'enttata di Cristo nel
non ha lasciato alcun dubbio ai suoi: regno dei morti, avventtrn con la sua
l'infedcltà nella vita <lei discepolo può morte» 21 •
comportare la perdita della parte già
In I Clcm.29,r, i cnsuani vengono
assegnata nel regno di Dio. In Aft.24, chiamati ÉXÀ.oyijç µtpoc;, «la parte e-
51 (Le. 12,46) egli prevede per il disce- letta» (di tutta l'umanità). Secondo
polo infedele un posto (µtpoc;) accanto Herm., vis.3,6,4, nei cristiani c'è anco-
ra una parte ingiusta ( -cw~ OÈ µÉPTJ
agli ipocriti (Le.: µE-rà. -rwv 0:1t(ertwv, ilxouow 'tijç O:voµlcr.c;, «hanno ancora
«insieme agli infedeli»} 19• In Apoc.H , alcune parti di ingiustizia» ) 22 •
8 agli empi è riservato un posto «nello ]OH . SCHNEIDER

17 Sullu frase: ExtLV µlpoç tv 'tM (Apoc.20,6 : tenersi secondoria.


µa.xap~oç xal &.yuiç o lxwv µtpoç Èv i:ii ava.· 20 Il contrario trovasi in lgn., Po/.6,T: µE't
o-ra<m -rii ni:&t11J dr. OALMAN, \Vorte ]. 1 a.ùi:wv µo• i:b µtpoi; yÈ'Vo•i:o .-xeiv tv (var.:
t O) s. na.pÒ'.) ~Eiii. ccon essi abbia luogo la mia parte
11 Su "ti)ç l;wfiç dr. --. tuÀ.ov.
~uÀ.ov in (o «presso») Dio»; e in Mori. Poi. 14,>:
19 'tÒ µtpoç µ.E'tÒ'. i:woç è forse un semi tismo.
i:oii À.a.Pr\v µipoç (parte) [v af)l.f)µi;i -rwv
µap'Tiipwv.
Cfr. tjJ 49,18: µE-r&. µo~xwv ..riv 1...,_p(Sa. .-ov
hl&w; e gli esempi rabbinici in SCHLArrER, 2 1 In acrordo con questa o pinione, io correg-
Af/.718. Cir. anche STRACK-BILLElBECI( I ~­ go la mia, cbe avevo sostenuta -+ 11, col. 26.
Li lezione ~u:"'à. -ri:N cima.,,wv (Le.) è da ri- ll PREUSOUlN·BAUF.l ' 837.
~t (1v,602) IJ.€ai'tT}ç nì... A 1 (A. Oepke) (1v,603) 92

SOMMARIO : 2. il giudaismo ellenistico.


A. Occorren:i:a e significalo d<!i Jermini: E. Il concetto di mqdiazione nel N.T.:
1. l'uso dci ,·ocaboli; 1cologia della
I . uso ellenistico;
II. espressione e concetto nell'uso mc<liazione nel N.T.:
israeli t i~gi udaico: a) Gcsò,
r. l'A.T.; b) 13 comuni ti! primiùva,
2. il giudaismo rabbinico; t) Paolo,
3. il giudaismo ellenistico: Giuseppe e d) Vangelo e lenerc di Giovanni,
Filone. e) gli altri scritti dcl N .T.
B. Teologia della media~ione f11ori della F. LA chiua.
Bibbia:
1. la divinità gamme di acconli umani;
2. potenze intermedie cosmosoteriologiche
A. OCCORRENZA F. SIGNIFICATO
nella storia delle religioni ; DEI TERMINI
3 . mediatori umani.
r. Uso ellenistico
C. La media:Uone nefl'A.T.:
r. mediazione divina; µccrt'.-c11c; è un termine escraneo al gre-
2. uomini inedjatori. co attico (Moeridis Atticistae, Lexicon
D. Il conce/lo teologico ,{i mediazione Atticum, ed. G.A. Koch (r830] 235:
nel giudaismo: µe-.fyyvoc;, 'A-c-nxwc;· µEcrl-c11c;, 'EÀ.Ì..1)-
1. il giudaismo rnhbinico; VLxGl<; ). Aristor., eth.Nic.5,7 (p. xt32a

l~EcrC'tT}ç xù.
RGG' 1v 121 s.; WETTSTBIN a Gal.3,19; Hehr. F. CuMoNT, l"extes e/ 111011w11c111s figurés re·
6,17; ) . BEHM, Der Begrifi 01a&i)xT} irn N. latifs a11x 111y1tì:res J,. .Mithra I ( r899), indice s.
T. (1912) 77 ss.; LJODELL-SCOTT, P1tEUSCHl1N· v. IJEcr\'tY)ç; Il ( 1896) 33 s.; Io., Dic Mysterien
Dt.uEll', MouL-r ..Mu.t.., CaEM611· 'K&:Et, s.v.; des Milhra' (tmd. tcd. di K. LATTE, 1923); C.
-+ ou;dh'JXTJ, tiitOXO:Àt>n"CW, ~Y')'VO<; nota bi- CLEMEN, Die griechischM 11nd latcinischen
bliografica. Nachrichltn iiber die perrische Religion: RVV
Per A: r7,1 (1920) 1'' ss.; J. Hf.RTEL, Vie Son11c und
PRE1s1GKE, Wort., s.v.; PRnistCK.E, facbworter, Mithra im Avesta, lmlo-irnnischc Quellen und
s.v.; O. ScHULTHESs in Pauly.W. xv (1932) Forschungen 1x ( 1927); H. LOMlllEL, Die Yiiits
io97 ss.; L. MnTElS, Zur JJerliner Papyruspu-
blz.leation rv. MtaC"CTjç: Hcrmes 30 (1895) 616
ss .; lo.: Berichte der Sachs. Gesellsch. 62,1
dcr Religionsgeschicb1e l'
des Awesta iibersetzt umi eingeleitet, Quellen
(1927), spec. 6 1 ss.;
A. MEU.LllT, Le Dieu lnd11-Iranie11 Mitra:
(19ro) 124 ss.; O. CRADENWITZ, Ein/iihrung i11 Journal Asia1ique 10,10 (1907 11) 14} ss.; R.
die Papyruskunde 1 (1900) 31, n. 3; 94; ]. E1SLER, \Y/elte11ma111el und Hi111melnelt 11
PARTSCH, Griechi1ches Burgscha/tsrecht 1 (t910) 417 ss.; H. GONT.ER'r, Der arische Welt·
(r909); O. Egcr, Zum iigyptitchen Gr11111/. kOnip, 11nd fleiland ( 1923) 49 ss.; C. ScttMJDT-
buchwesen in riimiscber Zeit (1909) 43 ss.; E. llJ. POLOTSKY, Ein Mani.funti i11 Jigypte11:
WEISS , Pfandrecbtliche Un1ersuchungen 1 SAB (1933) 4 ss.; Manicbaischt l10111ilic11, M11-
(1909)21,n. 1; A.D.ScHWARTZ, flypotbek imd nichiilschc llandschr. der Sammlung A . C.ncstcr
Hypa//11gma (1911) 143 ss.; G. SEMEKA, Prole· Deatty 1, cd. da H.J. PoLOTSKv ( 1934); Kepba·
mairches Proussrecbt I (1913) 217 ss .. /aia, Manichiibche Haadschr. der Staatlichen
Per B: Museen Bedin, ed. da C. ScttMID'l' r ( 19Hss.l;
W. H. RoscuER, Der Ompha/osgetlanke bei LIDZBARSKI, Gin:ca-+ cgll.117ss.; 0.v.WES11H·
vuschiedenen Volkun, bes. de11 semitischtn: DONK, lfr111e11.rth und Seelc in du iru11isd1rn
Berichtc dor Siichs. Gcscllsch. 70 (1918) 1 ss.; Obulitferung (1924 ); \V/. STA>'.RK, Die siebe11
JJ.Eoi't11; x'<À. A r (A. Ocpke)

22 ss) lo evita, introduce con esitazione suno' 1• Questo significato è implicito in


µ.wl&oc; ( xaÀoiiow EVLOL, «alcuni dico- Horn., li. 18,507 : (nella riunione dd
no») e prefedsce ò1xo:a"-r1}c; µ.ia"o<;. Al consiglio incisa sullo scudo di Achille)
µÉa'~ &xawcfi in Thuc., 4,83, lo Sco- XE~'t'O ò'ii1>'~v JUO'<TOLO'L òvw XPOO'oi:o -.d:-
liaste (ed. C. Hude ( 1927} 268) anno- «in mezzo stavano due talenti
).c.t\rta.,
ta: ò:nl -.ov µea"l'tl) xat ÒLCLL't..11i:n (ar- d'oro» (per esser dati in premio al giu-
bitro). Negli scrittori cllenisrici, da Po- dice migliore). Questo dice chiaramen·
libio in poi, il vocabolo è molto raro; te Xenoph., an.~ 1 1,21: tv µic;w ... xçi:-
si trova invece spessissimo nei papiri (a -.a1 'tCLÙ-rc.t -.à d:yo:M. ai}Ào., «nd rnez·
partire dal m sec. a.C. ). Nelle iscrizio- zo stanno questi due magnifici premi».
ni non è stato ancora riscontrato. Esso Ii modo di dire: Éc; µta"OV aµq>oi:ÉpOL<TL
è un derivato (da µfoo.;) , come '1tOÀl· ò~xd:l;ELV, «giudicare fra ambedue» (Il.
TI]<; (da mÀ.i.ç), -.EXVl't1}c; (da -.ÉXVT) ) e 23,574), porta di.r ettamente a µia'oc; ÒL·
simili, e designa colui che si trova in xa<r't'i}c; e µ.e<Tl'tTJ<; .
mezzo ed esercita la funzione di µiuoc;.
Il significato speciale, da cui qui biso· 1. L'uomo neutrale o di fiducia. Que·
gna partire per giungere all'uso quasi sto può apparire come arbitro (c&. Thuc.
sempre tecnico dd termine, è quello 4,83: E-roLµoc; wv J3P.ac;lS~ µ.ia"~ SLxa-
di µfooc;, che è eh i si trova fra due
combattenti o paniti, chi è neutrale (da
,,.,.fl
Émi:pfoELV, «pronto a rivolgersi a
Brasida come atbitro» (-? n. 15 s.) o
neuter ); -rò 1.tlcrov è la 'terra di nes- come intermediario di pace (Polyb.28,

Sim/en der \Velt und du Ha11ur d., Weir- (1936) 194 ss.
heit: ZNW 35 ( r936} 232 ss. Per E:
Per C: Le 1oologie dcl N.T. d i H OLZMANN e \VJEINE.L,
\VJ. EICHRODT, Theo/ogie der A.1'. I (1 9)3) 150 indice s.v. 'Mittler'; E. Ki\S1'MANN, Das wan-
ss.; P. V OLZ, Alose 11nd sein W erk' ( 1932); lo., dernde Gwe1vclk: FRL 55 ( 1938), spec. 58-
Jesaiar 11 iiberse1z,1 11nd erklart ( 1932) 149 ss.; 156; SrEFFERT, ZAHN, )3URTON, LAC.RANGE,
K. ELLIGER, Dtjs. in scinem Verhiìllnis w Lo1sv, LtETZMANN, OEPKI?., Gat.,a j,19s .; B.
Triljs . ( l!)J3), spec. 6 ss.; G . v. \<.AD, Die·Kon- WEISS, DmELIUS, ScHLATTER, Pasl., a r Tim.
fusioncn Jeremias: Evangdischc Theologie 3 2,5; RrCGENBACH, W1NDISCH, MJCHF.L, Hebr.,
( J 936) 26, ss. a 6,17; 7,22; 8,6; 9,15; u ,24; G. KlTTEL, /e-
Pe r b: su \Vorte iib~ sdn Stube11: DTh 3 ( i936)
LEvY, Wurt., s.v. rrswr; MooKP. 1 416 ss.; 437 r66ss.; lo., ]esus otler Pnulus?: AELKZ 69
s.; ID., fotermediarier in Jewirb Thcology: (1936) 578 $S.; A. O~PICF.. 1-fat Pau/us die «]e·
1-IThR 11 (1921) ~1-1!5 (Memra, Shekirui, Me· susreligion• verdorbm? ibid. 410 ss.; ID., Das
totron :: met11tor, 11fficiale addetto nlla mi· Cbrift1m:c11g11ir d~s ]oh..LJva11g.: Sachs. Kir.
rurn:r.ione dell'accampamento e non iposrasi c:henblatt NF l (193;) 252 ss.
mediatrici); STRACK·BILU!RBECK, spec. li 30 2
Per F:
ss.;111 512 ss., 556; G . DALMAN, Dcr leiden·
dt rmd dcr stcrbe11de Mcssior der Synagogc
E. liRUNNER, Der Alittler' (1930); \VJ. KON-
1'Tlli, Tbeologie der Aufersteh1111f ( 19 24),
im trstcn nacbch1irtlicbe11 Jahrta11send (1888);
spcc. J 43 ss.
JOACH. f P.REMfA S, Er/iJscr umi Er/Osrmg im
Spatiudent11m 11rsd Urchrirtentum: Deutschc 1 Sull• formazione del VOCllbolo dr. D i:Bt .,
Thcol., Bcricht iibcr den 2. d"utschen Theolo- (;riech. \\'lortb. 180; P. CHANTRAINE, La forma .
gentas in Frankfurt a. M. (1929} 106 ss.; B. tion des noms en grec ancien (1933) 312; MAY·
MUAMm.~Tf.IN, Adam, cin Bcitrag zur Mtr- SER 1 3'(1936) 76 ss. La derivuionc da 'giu-
siaslehre: WZKM 35 (1928) 242ss.; 36(1929) sto' in quanto è il mezzo fra due estremi, in
51 ss.; P. Scrn1•.1.1N, Di:r Ebed ]ahwe und Aristot., cth. Nich.,,7 p . u322, 22 ss., è una
die Muriosgertalt im }esaiatargum : ZNW 35 costruzione lilosolioi.
95 ( IY,603) 11ta-l-tlJ<, x-tì.. A i (A. Oepkc)

14,8 : Èj3ov)..no i:oùç 'Poolou:; 1.povV- dopo lunghe m urnri vc avvenne che µc-
!;ac; 1iecrhac; &:rtoOt~l;m, «uvcw vo- O"r)'tlo:.v ( = !J.!'.n-.d():v) ytvfoOa~ 1.tfot.Jv
luto stimolare quei di Rodi ad intcr· dp'l]VLxG>v &vSr-t::iv èt.yoJ)wv ... µÉÀ'ì-cv-
porsi come intermediari»). A seconda "toc; '!"OU 1.p&.y1La•oc; d<; 0LXO:C''t1'J.OLOV
del contesto potrebbe risulrarc che que· xa-r&.yeuì}o.L, vu-.epov i\peo-ev -roi:c; µÉ·
sti si assume di garnntire durevolmen- O"O~ xo.,t -roi:c; µÉpEO'E[ t )v ~OO~EV, «ebbe
te gli accordi conclusi (Diod. Sic. 4,54, luogo una medi:1zione cli buoni arbitri di
7: Medea, ripudiarn, si rifugin presso pace ...quando la causa stav:i per esser
Eracle; -.oihov yàp µ.rali:T)v ytyov6- portata in tribunale, inoltre i mediatori
"ta i:wv oµoÀoyul>v tv K6ÀxoLc; E7t'TJY· decisero e ille parti parve bene» (segue
yiÀl>a~ (3oT)~EW o.ùi:ii '!tC1.p0.0'"7tOV00U· la sentenza di compromesso). L'arbi-
µÉvn, «poiché costui, essendo garante tro può essere nominato o dal giudi-
degli accordi stipulati in Colchide, aveva dice conciliatore (Greek Papyri /rom
promesso di aiutarla se le si fosse man· tbc Cairo M11se11m, ed. E. J. Goospeed:
caro di parola». Cosl 1..1.EaL-i:ric; diviene The decennial publications of the Uni-
pure sinonimo di (iµ;-; )iyyuoc;, garante. vcrsity of Chicago I 5 [ 1904] 29, col.
Esso è diventato uno dci termini tecni- m 5: µ.e.O'"l'tT)v Tjµi:v Obc;; P. Lille I 28,
ci più polivalenti del linguaggio giuri- l l.: o.,ù-roi:ç Èowxo.µev llEal-.T)v; Papy-
dico ellenistico. Nei papiri si possono ms Grecs et Démotiques... publiés par
distinguere, trafosciando le sfumature Th. Reinach (1905) 44,3 [co4 d.C.]:
più fini, i significai i seguenti: ò xa-racri:ai)EÌ4 xpti:i)c, µ.rcrl-r11c,) o scel-
a) arbitro di pace nelle cause civili to daJlc parti ( Mitteis-Wilcken 11 2,87,
{µ.ral·n1c;· ò etp11vo7tOL6<;, «pacilicmorc», 13: É),Ecrl}e i:(vcx {3ovÀ.tcri)E µtCTl'tT)V,
Suida, s.v.). La non rara locuzione µeo-l- «prendete chi volete come mediat0re» ).
TIJ<; xai. XPL·ti1c;. «arbitro e giudice», o b) T estimo11io in un procedimento
alrra simile (per es. P. Cattaoui verso, legale, che è anche garante dell'esecu-
col. 1 3, APF 111[ 1906 ]62.103) ricorda zione degli accordi. CPR 1os. (da un
l'espressione romana iudex et nrbiter reclamo riguardante l:i vendita di un
e non si è forse insediara nell'Egitto terreno; la acquireme non esegue certe
romano senza l'influsso di questa. Ri- obbliga.zioni): xa.L 1toÀÀét.x~ i:au-rn
mane però in realtà una differenza: l'or- l}vwxÀT)a-a. µE-i:IÌ i:ov µEa-hou ét.7toOoù-
biter appare nel processo giudiziario uf- vo.t µot lJ.. r.o.plaxov, «e più volre l'ho
ficiale, mentre l'impiego di uno o più ammonita per mezzo del garante di re-
µeari:aL - come avviene nell'azione di stituirmi quanto le avevo fornito». L'im-
pace dei conciliatori souo il controllo piegato che notifica il contratto di com-
cominuo d'uno s1ratega - ha proprio pravendita (r. 16: ò µei:o.l;v, r. 23: o µE·
per scopo di evitare un processo ufficia. 't'a.l;u µ.e.al't'Ylc;) e ha cura della sua esc-
le e cerca di giungere a un compromes- c1nione. La consegna di un'eredità ha
so benevolo; esso è quindi l'opposto luogo TCa.p6v-.wv (i:wv) µEo-~-rwv (BGU
del OLxaa-n'tpLov, «corte giudiziaria». 11 419,8, 18), e questo non solo quando
P. Lond. 1 u 3 ,r ,26 ss (v1 sec. d.C.): esistono contestazioni 2•

2 I tcstimooi che, secondo il diritto romano, ..:rie; oi.o.l>-~x'l')c; fosse un'espressione estranea
dovevano fìrma [e il tcsrnrnemo insieme con il al diritto ereditario (--. BEHM 79 n. 1)?
testatore, si chinmano nom1a lmente µ6.p'tvpcç, Clcm. Alex., strom.5,8,55,4, spiegando il signi·
gli ese<.-utori rcsramemari b;(-rprn:o' e quelli fìcuto dei s imboli, S<;rivc: xo:l -rèt. 1tO:pd 'Pw·
che presentano i conti riguardanti l'eredit~ ),o· Ila.'°!.<; èm 'tWV lìUllJT)xWv 'Y•Véµ~a. -ral;~v et-
yo&ha.c. fò il caso di pensare che 1u:cl- À.lJXE, -i:à. Si.à OLXa.~oaUvriv htiva. l;uyèt. xa.L
9; (1v,6o4) 1ua(-c~ x-cì... A 1 (A. Oepkc)

=
e) Depositario ( lat. sequester), cioè impegna il suo palrimonio per le obbli-
gazioni di un altro (senso forse deriva-
una pcr~ona neutrale presso cui vien de-
posit:1 to per u n certo tempo un oggetto to dal sign. d. P. Lond n 370,6.9.14) 6•
o un:i somma contesa 3. BGU I 4, 1 6 s. f) Nella tarda antichità è l'impiegato
(da un reclamo per un deposito rifiuta- di tm deposito di grano, che registra l'in-
to): ~xov-r6c; µov µEaEi-cnv Ivplwva vio di grano in giroconto e devolve le
'IO'dìwpov. Qui µcal-rnc; (forse colle- consegne ai singoli partc:cipanti. BGU 11
gandosi anche col punto d) può desi- 683-689 (periodo arabo): xv(pt~) µE11t-
gnare una professione. CPR 45,3 (214 ( 'tTJ) òpp(lwv) (granai) itoÀ.~-rwv.
d.C.): 1tetpcl Mapxou Ai>p1')À.LOU IEp'!)-
'llOV µl1n-rov à:nò ò:µ.GJ6oou ( indicazione Oltre :1 q uesti significati tecnici d el
di una strada) <. nostro vocabolo , due altri sembrano es-
d) Ipotecario (pignoratario). Questo ser stati avvertiti, anche se non giunse-
significato si spiega in quanto il seque- ro a completo sviluppo. Essi sono: 2.
stro e l'ipoteca, per chi non è del me- il medio , nel senso di spazio in genera-
stiere, sono quasi la stessa cosa 5. Talora le; 3. il mediatore, parlamentare o in-
quesro senso non può essere documenta- termediario , che stabilisce un rapporto
t0, ma dev'essere postulato. non ancora esistente. Di questi sensi
µEO'vtda. indi ca :mche il pignora- non si hanno prove sicure nella lingua
mento o il pegno. BGU ltl 907,4, d r. tecnica; ma essi possono dedu rsi dal.
7: ùitoihixnv xixt µi:a-wrlav; I 68, r 3 : l'uso dcl verbo corrispondente. Vedi
wv òqiélÀ.e~ µv (=µo~) €1tEt ( =litl) µE- inoltre i testi greco. giudaici coli. <-
0-E~i:ta (anche --') 1.U<1~i:cvEw col. r oo ). io3 s.; 143 ss. ). È invece dubbio il si-
e) Talvolta significa garante, cioè chi gnificato di 'trasmettitore' o 'dar.ore',

ò.11aò.p1.« xa.pn•aµol -CE xG<t al. -cwv W-.wv senso la carica {-T6.l;•c;) di µEa("t'l')c; s.u.~-ip<11c;.
tm\jla.vcmç, 't'à. µÈv Y°'9 tva. SLxal.wç ylVl)- r,orantc dell'esecuzione regolare delle decisio-
-<ttL, -<à oÈ tl4 -<Òv -<1iç -c..µTiç µtF'Aµhv , -cò ni testamentarie. L'espressione è probabilmen·
o'&nwç ò ;-..ai;a:-ruxwv, Wç ~é.povç ·twòç airt<!i te presa dal patrimonio lineuisrico egixi2Jl0,
tm-cL~Eµi\IOV, ta-rwç dxoùO'fl xat -r<i.9-v µt- Sulla spi~gaiionc del difficile tesco dr. PAULY·
a(..;ov >.6.!l11. Clemente allude qui all'acquisto W. 2. Rcihe, v 1 ( r934) 987; PAssow, s.11.
simbolico dell'eredità, col quale era unita s X(l{mlc;.
Roma l'istituzione di un 1est'1mento. Il fami- 3 lsidor. f!isp., Etbymologioe (ed. W. LtND·
liac emptor, un rappresemantc nominato giu· SAY [19n)) x 160: Seque1/er diciwr, qui cer-
diziariamemc per l'erede o c li credi, Innevo lantibus meditts intervenil, q11i apud Graecos
con un pezzo di mmc o moneta (ò.ua6.pt.a) oµfooc; dicitur, apud quem pignora deponi so·
sulla bilancia apposita (!;vyé.) e lo dava poi al Imi. L'e1imologia quod eius... 11traque pars fi·
1estatore, per s ignificare cbe prendeva in con- dem uquatur è dubbia. Sequester è p iuttosto
segna la /amili<1 pecuniaq11e (gli schiavi e il be. nffine al latino arcaico secus (a lato, accanto):
stiame). Gli schiavi che dovevano esser libe- quello che Sla accanto, il ncutr-~le. Esso corri·
rati ( xa.p'!tLaµol) venivano t0<.-.:oii con lo ver· sponde quindi esattam~te, secondo l'eùmolo-
ga ( x<ipr.ic,). Inoltre si toccavono gli orecchi i;ia e il significato, al greco µtaiTIJ<;.
('TWv 6hwv tn~o.jiullau~). a quan to pare, del • C. WF.SSF.LY ha tradotto con agen/e. Non
rapprcseo t~n 1c menzionato. Con q ucSto gesto
c'è motivo suJlicic111c per enumerare questo fra
gli veniva imposto l'onere dello responsabilità i sigoifica1i speciali, ma forse esiste un ceno
e il dovere di ascoltare (anche gli evct11uali
ollugamenco di significato nella direzione ac-
reclami). La bilancia (imcsa da Clemente CO·
cennata.
me simbolo della iu11i1ia, con un simbolismo
seconduio) doveva ricordargli il dovere di de- 5 _. M1TTEIS: Hcrmcs 6r8 .
cidere giusrnmcncc. Cosi egli riceveva in certo 6 C!r. le note che K F.NYON premette ol pllpiro.
µEcrl-r~ XTÀ. A 1 (A. ~pkc) (1v,605) 100

attribuito più tardi al termine dai Pa- 265, r. 7 eKarpathos ): µt01."tEUOV"tO<;


dri della Chiesa (--+ n. 84, anche qui "tov o<i.µov ). Quasi tutti i significati
sotto). del sostantivo hanno qui il loro corri-
spondente verbale: depositare presso
µ.ro"L"tEVw un 'sequester' (senza nominarlo, in Sui-
da, S. V. : 'tÒ:. XP'liµc.t"l"CX · µEO"L"tEUtL\I ); pi-
I. In senso tecnico, agire come arbi- gnorare (µccn.-rEvnv xttl napcxxwpei:v,
tro o intermediario di pace. Il granchio, BGU III 709,18; 906,].; CPR 1,19: pi-
che vorrebbe mccrere pace fra i delfini gnorare e alienare); Eustath. Thessal.,
e le balene, rappresenta nella favola la comm. i11 Il. 1342,39 s. (tv 341, Stall-
parte tragicomica di quegli uomini poli- baum): inttp xptwcr-rov O:ppw<r-rov µE·
tici insignificanti che si dànno molto da <TL'tEUEW, «impegnarsi per un debitore
fare: "to\rtoi.ç TCcxpijÀ~E xcxpxlvoc; µ.ECTlr ammalato•, forse anche garanlire.
-rtliwv, «a questi si avvicinò il granchio
per far da mediatore» (sinom. ilpl}· 2 . Con valore focale: lenere il posto

vtuwv, Babrius, ed. W.G. Rutherford di mez:r.o. Il quattro e il sette µta_L"tEU·


(1883)39,2). ouCTL µovci:ooç xcxì lìexalìoç, «stanno · a
Con oggetto interno (µ.w-LnuELV "tTJV meu;o fra l'uno ed il dicci» (!ambi.,
oi.6.Àvow), Polyb. U,J4,3. Con oggct· theol.arythm., cd. V. De Falco [ 1922]
to semplice, Eusrath. Thessal., comm. 44), cioè sono ugualmente distanti dai
in Il. 1338,50 (1v 336, Stallbaum): due estremi; a ciò forse è attribuito un
µ.EOVtEUtW WOTI}"tGt "tLµfjc; "tO~ µi) t"Ttl- significato mistico nel senso indicato ai
<TT)ç ap!c-rot..;, «assegnare in quanto ar- punti 1 e 3. Clem. Ale.x., slrom.3,12,
bilro l'uguaglianza dell'onore ai nobili 8 X.4: yaµou 'tOV crw<ppovoc; µE<TL"tEUEL
disuguali» (sinon. -rLÌtÉVIXL -rLµ1}v -rwL). O'uµ<pwvlcx, «l'armonia mediatrice del- e
Non v'è ragione di postulare il signi- le nozze del saggio».
ficato di 'dare' o 'concedere', bas:m- 3. Stabilire un rapporto fra entità
dosi su quest'unico passo. Può esser· prive di relazioni mutue, fnrsi i111erme-
vi invece inclusa la garamia per un RC· diario per il loro incontro. Questo sen·
cordo concluso, per la sua esecuzione. so sorge du q<tflli indicati ai numeri I.
Efeso e Sardi c-0nclusero un trattato e 2., senza che sia possibile una distin·
con la garanzia di una terz:i poccnza, zione precisa. Sul confine fra di essi tro-
probabilmente Pergamo. Dovendo di- vasi Diod. Sic. 19171,6: µEO"L"tEucrav-roç
chiarare il bando dalla lega delle città 'tàç ovW1}xaç ' AµiÀxou -roii Kcxpxl}lìo-
contro un contraente fedifrago, il sor- VLou. Lo spostamento di significato di-
teggio di chi avrìì l'incarico di eseguir- venta già più chiaro in Dion. Halic. 9,
lo avrà inizio Ò:.1tÒ "tfjc; p.ECTL-rEvoUcrT}c; 59,5: µnà "tOÙ"tO CTVll~XGtL ylvoV"tGtL
-ràc; avv~l)xaç it6ÀEwç, «dalla città che -rcxiç itÒÀECTL µEO"L"t"fUcra.noç aÙ"t<Ìç -toii
ha agito da intermediaria e garante del Ù1tÒ:."tou 'tOLcxlSt, «dopo questo si con-
trattato» 7 (lnscr. f}e rg. 168 E 2 r = cludono i patti fra le città, facendo da
Ditt., Or. II 437 1761 sec. I a.C.; cfr. ibid. intermediario per essi il console». Il
e 23: µEO"t"t"EVEL\I; E :24: Ttpòç -ròv µt- console non è neutrale, né arbitro, né
O'L"tEVOV"ta. oi'jµov; E 28: b:ì -.òv µtCTL· garan\e dei trattati, ma l'intermediario
-rtuov"tcx Sijµov; inoltre BCH IV [ 1880) incaricato delle trattative da una parte,

7 Viene qui in mente la descrizione sarcastica hXE1.PU~ouin -cqv q>u"Mtx.Tjv O"'tpc:tT!.WTOO.~ M-1
di Aristo!., pol.:J,6, p. i3o6a,>6ss.: lv Tij ,(pii. !pxov·n µtai.S~. Se; M.o"Tt y(VET!lL xv~oç
vn oui: -riJv tiltW'rla11 -rl!v r.pòç aÀ-ÀT)>.ou~ ciµ.q>oTl.pwv.
lt<oi'tT}ç x'tÀ.. A .2 (A. Oepkc) (rv,606) 102

il senato romano, che intende semplice- giatore, significa anche interprete, forse
mente dettare la pace. Finalmente un perché questi parla una lingua stranie-
attestato meno antico, ma più sicuro, di ra, storpiandofo (Gen-42,23 , LXX: i p-
questo significato è quello di Eustath. µT}VEvTi)c;) e infine negoziatore, dele-
Thessal., comm. in Il. rr66,25 (Iv 102, gato (2 Chron. 32 , 3~, LXX: npEO'PEV·
Stallbaum): Dedalo •ii 1Iao:Lq>6.U npòc; "Tiic,; ls.43,37, LXX: ot iipxonEc; vµwv ;
Q.)..Mxo't'ov l'pw't'a -ròv -rov -ravpov ɵE- lob 33,23 [tradotto del tutto errnnea-
O'l-rwue, Dedalo «fovorl Pasifae, facen- meme nei LXX]). Questo concetto è
dosi intermediario, nell'unirsi al toro chiaramente piì:1 vicino al senso cultura-
contro natura»; fu lui che, preparando le e linguistico ebreo-giudaico che non
la vacca di legno, accoppiò la regina al quello di un uomo di fiducia e arbitro
toro. Già Luc., amores chiama (in 2 7) neutrale. La funzione di quest'ulcimo
la tavola e (in .54) la passione pederasùca non si è qui distinta dall'ufficio rego-
«mediatrice di amicizia»: q>LÀ.lac; µwi:- lare del giudice.
't'L<;. Anche qui il termine accenna alla 2. Il giudaismo rabbinico. Soltanto
creazione d' un rapporto; il che consen- nell'ebraico postbiblico e nell'aramaico
te, di rimando, conclusioni analoghe per compare l'espressione tipica, divenuta
µro't't'EUELV e IJ.(G'h'l)c;. poi tecnica in campo religioso, che cor-
risponde al concetto che qui ci occupa:
Il. Espressione e concetto nell'uso sarsor, aram. sars6rii' 8• Essa non pro-
israelitico-giudaico viene dal linguaggio giuridico, ma da
quello commerciale e designa il sensa-
1. L'A.T. Nei LXX J.1.€0't'tEVw non
le, cioè il mediatore che scopre I'occa-
compare affatto, µEO'l'ttj<; soltanto in
sione d'un affare e s'interpone per far
lob 9 ,3 3: Et»E Tiv ò µ.eO"l-tTJc; 'l'Jµwv xat concludere il contratto, cioè mette in-
ÈÀ.Éyxwv xal 8taxovwv 6.voc µÉO"ov à:1..v
sieme parti che prima non avevano con-
<pO't'Épwv. «ci fosse per noi un arbitro
tatti. B.B: 5,8 (acquisto di vino): se es-
che esamini ed ascolti· stando in mezzo
si hanno un sensale e la botte si rompe,
ad ambedue» (lo' jes benénii mokiaf? iii-
Jét iiido 'al-s' nén/)). ò µE<ri"T'l)S è dunque il sensale sopporta (il danno). G en. r. 8
a 1,26 e Ex. r. 6, a 6,2 portano esem-
la traduzione inesatta di benenu, «fra
pi di un re che si serve di un sensale
di noi»; ciò dimostra quali percezioni
per l'acquisto del vino o per il matri-
si associno al vocabolo per l'orecchio e).
monio della figlia. Che domini comple-
lenistico. A questo senso corrisponde
tamente l'idea di mettere in rapporto,
piuttosto moklìip, «arbitro», tradotto
è dimostrato anche dall'uso traslato del
con iD..Éyxwv. Non esiste nell'A.T. gre-
termine per indicare il giaciglio come
co ed ebraico un'espressione u1ùca per
'sensale' della procreazione (Ber. j. 6a
il concetto di 'mediatore'. 'is habb&na- 6) e il cuore e gli occhi tome media-
iim°, lett. «l'uomo (posto) fra dt1c», è tori del peccato (Ber.;. 3c 19). li ver-
il combattente che si presenta fra due bo srsr, per sé, significa soltanto com-
eserciti e decide la guerra con un duel-
binare tm a/Jare, mediare, e non 'essere
lo (1 Sam.17,4.23 : Golia; al v.23 Orige- arbitrn', ' garantire' o ' trasmenere'.
ne e Lu~iano: à:viìp ò. ~O'o:i:oc;; manca
nei LXX). mélì~, propriamente il dileg- 3. Il giudaismo ellenistico. In Flavio

8 STRACK·BtL~E!lBECK lii 512.556. L EVY, Wiirt. spondenti sono sarsiiriit .e safsiruto', 'senseria',
111 595 s., s.v., vocalizza: sirs6r. Forme secon· 'mediazione'.
da rje sono safsar, sa/sirO'. Gli astratti corri·
IOJ (1v,6o6) (1v,6o6i 104

Giuseppe i nostri vocaboli sono usaci e- ~T)-tovµlvwv (neutr.) µECTLTTJ<; Yiv: Ero-
sclusivamente in senso profano, con de aveva cura che i postulanti potesse-
prevalenza dell'uso ellenistico nel signi- ro entrare in contatto con Agrippa, il
ficato 1 . Alessandro e Aristobulo, de- legato di Augusto. Era il loro interme-
nunciati dal padre presso l'imperatore, diario; in un senso non ufficiale, il lo-
propongono: ÒLO'llEp E7tt i:Q 7tavi:wv ÒE- ro mallevadore. Qui µEO"L't'!)ç è quasi
CT1tO\TI Ka(crcx.pL µECTL•EVOV\L •òv 7ta.pbv- identico a sarsor.
"tCJ. XCJ.Lpov CTVV•Li)Ép.El)cx; 'tO.V•T)V -ri}v
cruvi)Tix11v, « ...perciò, in presenza di Ce- Anche Filone si basa sul concetto el-
sare, signore di rutti e nostro medintore lenistico indicato al punto I. Sinonimi di
nella presente circostanza, proponiamo µco-l't11ç sono OLa.LTIJ'ti'l<;, arbitro (som.
l,42, cfr. µECfL'tEVELV xcd ÒLa1-rii.v, pltint.
il seguente accordo» (ant.r6,u8); l'im-
peratore viene indicato come arbitro su- 19) e 01aÀ.À.axTi]c; (giudice di pace, vii.
premo e forse, senza distinzione mar- Mos.2,166). Ma già gli altri sinonimi,
cata, anche come garante di un accordo xrioEµwv (tutore) e napal'tT)i:i}c; (inter-
da concludersi ( ~ coli. 94 s. ). Il signi- cessore, vit. Mos. passo citato), dimo-
ficato di garante, mallevadore (-4 col. strano che in fondo si tratta di u11a co-
96) è l'unico che conviene al vocabo- sa completamenre diversa da uno deci-
lo dove si dice che i Madianiti -taù- sione arbitrale neutra fra due parti a-
-.a 6µvvvuç 0.Eyov xa.t ilEi>v µECTL'tTJV venti lo stesso diritto, cioè si trana
wv Ù1ttcrxvoiivi:o notovµevot, «questo dell'intercessione presso un'istanza su-
dissero sotto giuramento e prendendo periore. Questa versione è solo in par-
Dio a gamme ddle promesse» (a111.4, re spiegabile partendo dal significato 3.
133 ; dr. Luc., amotes 47~ Pilade e Ore- Nemmeno certe sfumature di sars6r (-4
ste l>Eòv -rwv itpòç ciÀÀi}À.ovc; no.ilwv col. 102) spiegano tutto. Qui invece
µEO"l 'tT)V À.a{36vw; W<; Ècp' t'Jòç crxcicpov<; il concetto cli media1orc ha ricc;>u to u;i
-roii Plov crvvÉ1tÀ.EVCTav, «prendendo il singola re approfondimento e un nuovo
dio testimonio del loro mutuo affetto, contenuto dalla religione. Lo suggedsce
attraversarono, per cosl <lire, la vita Filone stesso, quando usa µEcr(-rl]c, e-
su un 'unica nave»). Corrispondente- <clusiv~men te, e 11EO"~'tEVW quasi esclu-
mente µECTL'tEla., in ant. 20,62, signi- sivamente 9 in senso tecnico-religioso.
fica garanzia (opxouc; xat µco-L'tEL<Xv).
Sul confine fra i significati 1. e 3. sta B. TEOLOGIA DELLA MEDIAZIONE
ant.7,193, dove si dice che G ioab tiLt- FUORI DELLA UCDBIA
crlnucrc 1tpÒ<; -ròv BacrtÀ.Èa (in favore <li I. La di11i11ilà garante
Assalonne). Si tratta cercameote di pa-
di patti umani
cificazione, noo però della composizio-
ne di un conflitto fra uguali da parte Abbiamo già incontrato alcuni esem-
di una persona neutra, ma di un incer- pi in cui la divinit:'i è chiamata in caus:i
ven to presso il re. Gioab fa la parte del
mediatore e intercessore. Il significato come garante nei rapporti umani, con-
3 . emerge ancor più chiaramente in ant. fo~e al significato 1. di ~O"L't'll<; ( ~
i6,24: -.wv napà. 'Aypl7t1ta -t1crtv Éitt· col. I 03 ). È questo il presupposto di

9 L'unica e<:cezione 1rovosi in migr.Abr.158: con ambedue (µioi:ttvtw i:òv eav'twv ~iov
certuni ... vogliono che la loro vita rimonga cii;<OUV'r&c; xat Jll~Opl.OV ò.vOpwm'llWV 'tE xat
nella via media, sul confine fra le virtù umane Otlwv «Ìpt'twv i:i.lltvuç).
e quelle divine, per poter rest:tt-c in coniouo
J 0 5 ( l\'.("'6) 11t'1L-nJ<; nL B 2 (A. Oepkc)

ogni giun1men to cd è comune <l cuttc ~s., W eiss): «Chi dà (semplicemente)


le relig ioni, come lo è il giuramento in prestito ... lo fa solo su cambi~le e
davanti a testimoni..., ma chi affida al
stesso. suo amico un oggetto da custodirsi,
Simplicius, in Epictcti e11chiridion vuole che non lo sappia nessuno eccet-
33-5 (cd. J. Schwcighiiuscr 1v l r.800) to il terzo che sta fra loro ( doè Dio so-
4 2 3) dice: o
yè<.p éSpxoc; p.ap•vpo. •Òv lo deve saperlo); se poi quello (l'amico)
i)Eòv xo.M:i: xo.t ~ah11v mhòv xo.t Èy- nega, egli rinnega il terzo che sta fra
yv1rnìv tq>' olc; )..tyH itpofoXE'tO.I, «il loro». Se qui si abbia un'incidenza elle-
giuramento infatti invoca in testimonio nistica o si tratti d'uno sviluppo paral-
la d ivinità e la considera come media- lelo, non si può decidere. Il vero pro-
trice e garante di ciò che afferma». Uno blema teologico è però di natura al-
degli dèi cui si attribuisce particolar- quanto più profonda.
mente questa funzione è Mitra. Da Se-
nofonte in poi gli scrittori greci met- 2. Potenze intermediarie cosmosoterio-
tono spesso in bocca ai Persiani l'as- logiche nella storia delle religioni
severazione: µà •Òv Ml~p,,v, «per Mi-
tra». Forse il nome di Mitra deriva pre- Per abbracciare tutte le luci che po-
cisamente dnlla sua fonzione di re ndere trebbero riflettersi intorno al concetto
sacri i patri ( ~ coli. rro s.). Anche Jah- di intermed iario, è meglio partire dal-
vé, in quanto Dio spiccatamente perso- l'idea p rimitiva della terra e del cosmo,
nale, è per eccellenza un Dio dci giura- concepiti come il corpo vivente dell'u-
menti ( ~ òµww, 6pxl"çw ). Per lui è niverso 10• Un culto speciale vien reso
usato, olcre al sostancivo (-+ col. 103), ali' 'ombelico' di questo corpo e alle sue
nnche il verbo. Philo, spec. leg. 4,3 i: divinità 'intermedie', e si può subito
Q:op<h(!l OÈ 7tp<i'.yµa•~ 11aV'tW<; aòpo.-i:oç osservare come queste idee cosmogoni-
µEO"l<EVEI ~EO<;, Ov dxòc; ù71:' Ò.µq>o~v che e cosmologiche ricevano di rifles-
µQ:p'tvpa xo.À..t~a~. «è garante di un so un'accentua?.ione soteriologica. Gran
atto invisibile un dio comple tamente in- parte dei popoli sono infarti convinti
visibile, t.:hc rnnviene sia invocato da en- per tradizione che il loro paese sia 'un
trambi i testimoni». Nel contesto non si regno del mezzo' 11 e goda perciò di una
tratta di un giuramento, ma del collo- posizione privilegiata. Essi considerano
camento di un deposito che viene ese- il loro centro o punto medio geografico
guito conlidcnzialmente, a qu11ttr'occhi, e religioso come l'ombelico del mondo,
in modo che Dio solo lo sappia. È inte- e questi siti, se non sono già distinti na-
ressante un parallelo rabbinico che con- turalmente per l'altitudine, vengono
tiene una specie di definizione del con- messi in rilievo con pietre ombelicali in
cetto di µEal-rT)c;. S.Lev. a 5,21 (p. 27d,6 forma d'alvcari 12 • Le deità locali ven-

10 Questa idea si awe.rtc ancora, per es., nel- mente Atene, Eleusi, De1fi ed Epidauro.
l'or6smo-+ v, col. 1136 12 Ricco materiale in -+ Rosc11ER, Omphalos-
11 Questa concezione non è affatto tipica dcl· gedanke. Rappresentazioni dell'omphalor di E-
la Cina. ~ stara scopert• anche fra i pig- leusi sul Niinnionpinax (loto Alinari 24 33 5)
mei dell'Africa <"lltrale. Per gli Indù l'ombe- di un vaso d i S. Maria d i Capua (-+ Re>-
li<'O del mondo è situato :id Aryan, per gli As- SCHH 68) e di un vaso di Creta (ibid.72).
siri e i Babilonesi n Ninivc e a Babilonio, per L'omphalr>s di Delfo è stato ritrovato in ori·
gli Egiziani n Tebe e per gli Arabi alla Mecca. ginale (-+ 111, col. nx n.14).
Jn Grecia reclamarono questo onore special-
107 ( rv,607) iuuli:nc; xi:'/... B 2 (A. Oepk<) ( rv ,6o8) 108

gono spesso raffiguraie sedute sulla pie- segnandole un posto nel ccniro del
tra o accanto ·ad ess:t. La divinità onfa. mondo. In questo senso Corp. Hcrm.
licn è una divinità salvatrice. Trittole- 16,7 dice del sole: µÉO'oc, yàp tlipv-.cu
mo porta da Eleusi a tutto il mondo, O''tEq>av'T}cpopwv -.òv xéaµov xat xaM:-
per incarico di Demetra, la spiga e la mp i)vloxoç à yallòç >Ò -.:o\l x6crµou a.p.
cultura. Nel culto di Coro in E leusi si µCl àO'qlClk~ct(1EVOç xal ttVCXOTJO'W; Elç
cerca la vita eterna. É<Xv-r6v, µl} 11wç à-ràx"twc; q>Épwl'o. tlat
In modo più speculativo parla del pri· oÈ Cll ijvlClL l;wi} xat l)lvx'ÌJ xClt m>Euµa.
vilegio della posizione di mezzo Ermete xa.t cX.llava.ula. xa.t yÈVEcrLç, «esso è po-
Trismegisto in Stob., ccl. r .4 u ,7 ss.: sto in mezzo, portando come corona il
É·rmlii) ÒÈ lv 't~ µfo(fl 'tijç yijç XEL'TC.U. cosmo, e, come un buon cocchiere, ha
'f)·-.aiv 7tpoy6vwv iJµGJV ttpwtci<tTJ xwpa, assicurato e unito a sé il carro del co-
't'Ò liÈ µfoov -.oii &.vllpw'ttlvou c-wµ<X-roc; smo affinché non sia trascinato in corsa
-.ijç xaplilaç Èv'tt cn1x6c;, -rf)c; lit \jlvxijc; sfrennta. Le briglie sono la vita e l'ani-
OpJJ.T)'ri}p~OV ÈC"'tLV YJ X<Xplila, 7tClptX 't(X,j. ma e il soffio e l'immortalità e la genera-
w
'tT)V "!TJV ah(a.v, 'tÉXVOV, ol tv'to:vll<X zione» 14• Il sole non permette che il co-
O.vllpw'lto~ -.«µÈv &)..).a. i:'.xoww ovx smo si allontani, ma lo tiene a sé stret-
TYr'rOV OO<X XO:t miv-rEç, Èi;<X(pE'tOV lit to. Il cosmo tende per natura a disper·
'tW\I 116.v-.wv VOEpW'tEpol da~. «giacché dersi, ma il sole lo trattiene imbriglia-
nel meizo della terra trovasi il luogo to, e cosl esso rende visibile nello stes·
sacratissimo dei nost1i progenitori, il so tempo il Dio supremo.
centro del corpo ùlnano è il recinto del Anche le singole parti del mohdo
cuore, il punto d'appoggio dell'anima è tendono a sepa1arsi o anche ad opporsi
il cuore, per questo, o figlio, gli uoinini tra loro. Se, con altra figurazione, .si im-
di quella regione, non inferiori agli al- magina che la tena e il ciclo siano un
tri quanto al resto, sono eccezionalmen· grande edificio sovrastato da una cupo·
te più intelligenti». Qui l'ic1e:1 c1cll'om- la, si deve badare che questa cupola
belico della terra è sostituita da quella, venga sostenuta. La terra e il cielo de-
più spirituale, del cuore qu:ile centro vono essere mantenuti a distanza. Que-
dcl corpo e della vita. Filone conosce sto è il compito speciale delle divinità
un'interpretazione dell'albero della vi- ' intermedie'. Una figura egizian~ del
ta, posto 'in mezzo' al paradiso terre- nuovo impero rappresenw fo dea del
stre, che lo identifica col cuore, È'ltELlìi) cielo Nut sostenuta dal dio dell'aria,
a.l-rla 'tE 'TOV sijv fo-.~ xcd -.;T)v J.l.ÉO'l')V fra le cui braccia si vedono i quattro
-.:o\i O'Wµcnoç xwpa.v D..axEv, «poiché pilastri del cielo 1s. Nella mitologia gre-
esso è la causa del vivere cd occupa la ca Atlante esegue la stessa funzione, di
paue centrale del corpo». Egli rigetta sostenere la volta celeste ( H orn., Od.
questa opinione non per morivi anato- i ,52 ss.; I Ics., theog. 517 ss.; Acsch.,
mici, ma perché essa è più la.i:pLY.TJ che Prom.348 ss.). Filone si serve di queste
<pu11~xi; (leg.all. 1 ,59) u. Per chi conside- concezioni nella sua interpretazione al-
rava il mondo intero ·come un gigante- legorica dell'A.T. La scala che porta al
sco organismo era naturale concepire delp è il sim!Jolo dell'aria: xÀ.i:µo;~ "toL-
la divinità come il cuore di questo, as· wv Èv µ.Èv i:Q x60'µ<p c-uµ(3oÀ.LxWc, À.t·

13 L'idea che il cuore sia il ccn1ro dcl corpo " Citato SC(l(')ndoR.EITZENSTEIN, Poima11dres
è ancora viv" nel culto cattolico del Sacro 3,1,3 ss. ScoTT, come sempre, si basa molto
Cuore. su congetture.
~~ Hus, Lfrg. 2/ 4, Boi-'NET (1924 J lig. 2.
iitO'l ~Yl~ xù. B 2 (A. Oepke) (1v,608) TIO

yE'tCU ò cii)p, où (36.cn.ç µtv iui:L yi;, triamo inaspettatamente il significato


xopvqri} li'ovi:;a.vbc;. . «questa scala può tecnico del nostro vocabolo ( signif. r ).
dirsi quindi simbolicamente, nel cosmo, N on si tratta però soltanto di un'allego-
l'a ria, la cui base è la terra e il cui ver- ria sugge rita dalle idee ellenis tiche sulla
tice è il cielo» (som.J,134). Per essa dialisi, ma di una cosmologia antichissi-
salgono e scendono, come 1~ecri:i:1u, gli ma. Questa si risolve· praticamen te in
angeli (-> col. I 4 3 ). una soteriologia, poiché il mantenimen-
to dell'ordine cosmico è salutare per
Filone riferisce q ueste concezioni, ta- l'uomo.
lora antichissime, anche al Logos. E-
stendendosi d:ù centro (d el mondo) agli Forti di queste considerazioni preli-
estremi e daUe punte più eccelse al cen- minari, accostiamoci aUa documentazio-
tro ( à.'ltò i:wv µfowv tnt -rà 1tÉpa."t'a ne più fnmosa e insieme più difficile
xa.I. à'ltò 'tWV iJ.xpwv tr.t 'tà µécra 'ta- della teologia extrabiblica. della medifl-
itelc;), esso tiene ·uni te tutte le parti del zione. Plut., Is. et O s.46 (u 369e), scri-
mondo (plant.9). È lui che impedisce al ve: «Zaratustra chiamò il dio buono e
mondo di ricadere nel caos e frena e ri- luminoso, Ahuramazda, il d io cattivo e
concilia gli elementi che si scatenano tenebroso, Ahriman, µtuov li' cLJtq>oi:v
l'un contro l'altro. ·Cosl la terra non an- -ròv Mll>pTJ'll tt'llaL· lii.ò xat M (ì)pT1v IlÉp-
nega nell'acqua, il fuoco no n viene spen- um -tòv µEai TTJV bvoµ<i~ovow , «in
to dall'aria e l'aria non brucia 16. Come me-ao ad essi pose il dio Mitra; perciò
avviene questo? Avviene -toii ~elov ).6- i Persiani chiamano Mitra il mediato-
yov µEbÒpLOV 't<iTIOV'to<; a\rròv xetl°}<i- re». «Egli insegnò ad offrire ari uno voti
'ltEP cpwvl)EV't(l CT'tOLXELWV àcpwvwv, «in e sacrifici di ringraziamento, all'nltro in-
quanto il Logos divino si schie ra come vece vittime apotropaiche e oscure. Es-
frontiera in mezzo al cosmo, voce, per si infatti pestano in un mortaio un'er-
cosl dire, di elementi muti», affinché il ba chiamata 6µwµ~ 17 ( = haoma), poi in-
tutto risuoni cq!lle una parola completa, vocaoo l'Ade e le tenebre. Quindi la
quando egli calma le minacce degli ele- mescolano col sangue di un lupo scan-
m..-mi ostili, conciliando e persuadendo natq, la port:mo fuori, in un luogo sen -
come un mediatore ( -càc; -cwv ivetV'tlwv za sole, e la versano per terra». Che
cbm>-.àc; 1mboi: tjj uvvaywyQ µ.wt.uV- questa notizia sia antica, non si può du·
OV't6c; 'tE xaL &aL-tWV'to<;, plant.10). Per bitare 13• Però le opinioni sul suo signi-
capire questo testo occorre tener presen- ficato sono assai disparate. Non è cer-
te il doppio senso·di ~ u-coLxeia.: ·lette- to se Mi tra debba in primo luogo il suo
re ed clementi, spiriti (li r lemc11 ri (sul- titolo di µEcri'tT}<; a una posizione inter-
l'ultimo senso cfr. Kore kosmu .H .62, media nel cosmo, oppure a una media-
Stob., ecl.r,403,12; 405 ,12 ). Qui incon- zione etico-religiosa; detto in altre pa-

16Filone dimentica, a qunmo pare, che l'ac- portano a Posidonio. Anche se si dovesse leg-
qua spegne il fuoco. · gere 11wÀ.v (col Lagarde e altti) e Dìoscoridc
avesse ragione nell'affermare l'origine cappa·
17 µwÀ.v è una congettura di B ERNARDAKlS,
doce di questa JY.lrola, non ne seguirebbe la
senza documentazione mano•criua. Cir. J. H. provenienza tarda della notizia. Infotti il zara-
MOVl.TON : Class. Rev. 26 (1912) 81 s.
custrismo è penetrato assai presto in Cappa·
13 Che qui Plutarco segua Teopompo (oato dacia. Se Plutarco ha preso le sue informazio-
nel 376 o.C.) non risulto dalle sue P"rolc, per- ni da uruo compilazione alessandrina (--. Cu-
ché c11li lo nomina solo in l s. et Os. 47 MONT, Textes et monuments 11 33), ciuesca
[li 307h]). Od rutto dubbie sono le linee che può aver seguito fonù pit1 an ticbe.
rtr (1v,6o8) µtcrl-t~ ><'\") •• :S 2 (A. Ocpkc)

role: se alla base del titolo stia il signi· mezzo, era consacrato a lui il sedicesi-
ficato 2. oppure r. Viene ammesso un mo giorno d'ogni mese, cioè il giorno
passaggio posteriore dall'uno all'altro di mezzo, e il settimo mese dell'anno,
in entrambe le direzioni. che pure era il mese di mezzo.
La prima concezione, oltre che sulla La seconda opinione fa invece nota·
derivazione di µ€<1Lff)c; da µéo-ov, si ba- re 22 che Mitra è il patto personificato,
sa sul presupposto 1~ che il Mitra delle come la greca Dike era la giustizia per·
fonti parsiche sia originariamente il cie- sonificata. Il suo nome sarebbe da deri-
lo stellato 20 e quindi la luce da esso ir- vare dalla radice m(e)i, 'legare', e dal
radiata. Per i maghi, comunque, Mitra suffisso strumentale -Ira. Ambedue ricor-
è il dio della luce. Essendo la luce por- rono nel greco µl·<P'IJ, 'cintura', ' infula'.
tata dall'aria, lo si immagina dominato- In sanscrito mitra significa, al maschile
re della zona aerea, che sta in mezzo ' amico', al neutro 'amicizia'; in zend mi-
fra il cielo e gli inferi. Egli media il thra è, al maschile 'patto', al plurale 'al·
passaggio dalla notte al giorno e lo reo· leanze'. Mithra è lo rta, l'ordine giuri·
de benefico. YaJ't ro,13: «È quegli che, dico in persona, il dio della verità e del-
primo Yazata (dio spirituale, venera- la fedeltà, il dio dei trattati e delle de-
bilissimo), giunge oltre gli Harà (le cisioni nei combattimenti ( cfr. Y aJ't ro,
montagne del mondo), precedendo il 2.8s.). L'equiparazione è cosl palese, che
sole immortale, dai destrieri veloci; è qualche volca è difficile decidere se sia
colui che arriva per primo sulle cime indicato il dio o il patto 23 • Le relazioni
dorate» 21• Dopo il tramonto egli tiene stabilite più tardi col sole si spiegano
in mano la clava che fa oaura ad Ahri· facilmente, poiché la luce chiara è ne-
man, l'arcimaligno. Egli media pure il mica d'ogni essere nascosto.
passaggio fra la luce ascendente e di- Però fra qyeste due concezioni, a pri-
scendente nel corso dell'anno. Cosl sta ma vista tanto diverse, non esiste in
in mezzo fra Kautes e Kautopates. Sem· verità una contraddizione reale. Basta
bra inoltre che sia stato identificato col avere un'idea chiara della mentalità an-
dio babilonese Shamash. Però nella con- tica, per convincersene. Per glì antichi
cezione caldaica quello che occupa il po- il cosmo non è il campo in cui domina-
sto di mezzo fra i pianeti è il sole. Per no leggi naturali impersonali, ma l'ordi-
ricordare che Mitra è quello che sta in ne del cosmo è un effetto di potenze

I? Cfr ...... CuMONT, rextes et mot1uments I 22 M.A. ME!LLET.• Le Dieu Indo-Ir1111ie12 Mi-
303 ss.; CLl!MEN, Gl'iccbische 1md lateinischc tra : Jouroal Asiatique xo,ro (r907 li) 14 3 ss.;
Nacbricbten. 157 s. E. LEllMANN presso CHANT. DE LA SA U SSAYE
20 .J. HERTEJ•. Die Sonne tmd Mithra. im Awe· Il 226.
sta (1927). Aoche la figura a colori di Mitra 23 Per es. Yast 10,2: il mostro umano che in·
di Santa Maria di Capua Vetere (N1>tizie degli ganna Mitra equivale al violatore d 'un con-
scavi di antichità ( 1924), cav. 17) fa vedere il tralto. Hanno diritco alla fedeltà (mithra), sia
mantello di Mitra gonfiato dal vento che as- l'incredulo che il credente. La frase «quelli
sume la forma della volta celeste cd è foderato che non ingannano Mitra» (cioè clie ooo vio-
di azzurro all'interno e ornato di stelle d'oro. lano il patto contratto) è come un ritornello.
21 T raduzione su informazioni di H. Junker, Più ampie notizie su questa equipatazione in
che hn offerto altre preziose indicazioni. Se- -> LoMMF.L 6 1 ss.; -> GiiNTEJ\T 64. HERTJ::L,
condo F. WOLFF, Avesta. die hei/ìgen Biicbel' Srmne ttnd Mithra 229 s., dubita dell'etimo·
der Parun (1924) e ..... loMMEL, è più pro· logia, ma non contesta l' i<lentifìcazione di Mi.
babi le che i destrie>i ~iall\> 1111 attributo dcl ua col pano; soltanto I~ ritiene secondaria
~o!ç, (219).
(1v,610) II4

personali, è un ordine legale in senso •Òv µ.EO'l•11v òvoµ<isov<rw. Ciò fa pen-


stretto, e anche il tipo di ogni legge. sare non alla semplice descrizione di
Dalla stabilità di quest'ordine dipende un compito, ma all'interpretazione di
la stabilità del mondo. Mitra ne è il cu- un nome. Infine trovasi di ciò una con-
stode assegnato dal dio supremo. Stando ferma in quello che Sahrastani rac.conta
al centro del cosmo, egli è insieme l'ar- dei marcioniti persinni, i quali «credono
bitro fra le potenze cosmiche che im- in due esseri fondamentali, eterni ne-
perversano in lotta fra loro, il conser- mici fra loro..., ma anche nel mediato-
vatore dell'equilibrio cosmico e il ga- re giusto. il compositore; questi è la
rante della legge. Anche il sacrificio dcl causa della composizione, poiché quelli
toro rientra in questa funzione. Rien- che si combattono e sono opposti ostil-
tra infatti nell'ordine fondamentale mente si compongono soltanto per mez-
Che la vita sorga dalla morte. Il mon- zo di uno che Ii unisce. Essi dicono che
do trac vita dal sacrificio. E così Mitra il mediatore sta un gradino sotto la lu-
diventa mediatore di salvezza per tutti i ce e sopra le tenebre» 25 •
suoi credenti. Salito al cielo da vincito· Se l'interpretazione data è corretta,
re, egli è l'intercessore e il largitore dì allora il significato I. è quello determi-
vita eterna per tutti quelli che lo servo- nante. Difficilmente «lo rta personifica·
no fedelmente. Nei frammenti di Tur- to» può venire espresso meglio che dal
fan lo si invoca così: «Mitra, grande greco µEcrl-r11c;. Questa designazione,
messaggero degli dèi, mediatore della quindi, non significa in primo luogo che
religione degli eletti» 2'. Mi tra è il mediatore fra gli dèi e gli uo-
Partendo da questa constatazione è mini 21>. Ma ciò basta a provare che al-
più facile ammettere che il titolo di µ~­ meno nell'orecchio greco poteva asso-
<rl•11c:; attribuito a Mitra non sia un ap· ciarsi al primo anche il significato 3 .,
pellativo casuale, ma una sintesi di ciò come pme il 2 . (cfr. Plutarco). L'i·
che il nome di Mitra, col suo moltepli· dea d'esseri intermedi che servono da
ce significato, evocava all'orecchio per- colJegamento fra gli dèi e gli uomini è
siano. Che µEah11c:; sia, se non una tra· nota, per es., anche a Platone. In symp.
duzione letterale, almeno un'interpreta- 202e egli descrive il daim6nion come
zione ad sensum nel nome di Mitra, è un ente che per sua natura è sirnaro
probabile per diverse ragioni. Non è fra l'essere divino e quello mortale (µt-
stato trovato finora un equivalente per· -ro:!;v ÌtEoii n xat w11-.ov). «Egli inter-
siano di µ.Ecrh11ç: l'equivalente è pro- preta e trasmette agli dèi ciò che è de-
prio il nome di Mitra. Plutarco inoltre gli uomini, e agli uomini ciò eh~ pro-
non dice, come era da aspectnrsi: Ml- viene dagli dèi, le preghiere e le o-fferte
itpl)v IlÉp<ro:L µ.EO'l•nv xo:À.ovcnv, ma sacrificali degli uni, i comandamenti e

?I F.W.K. MiiLLf.H; Handschriftenreste in E. Ahriman in quanto parte superiore e ·inferiore


strangelo·Scbrift ous T11rfà11 Il: AAB ( t904) del ghiaccio cosmico.
77: 26 L'opinione del D1BELIUS, Post., a 1 Tit1i.
~ Tradotto da Tu. H1\l\RBROCK~R, Religions· 2,) (dr. anche PitEUSCHEN-BAUEI\', s.v. ~m:ri­
parteien u11d Philosophenschule11 1 (1850) 295. <1)ç) che Mitra si chiami l.l€17i'tT)ç per aver
L 'interprccazione sopra 1ncnz.ionata è motiva· trattalo di ordinamenti sacrificali, cioè che egU
ta da GONTEl<T, 50 ss. Fantastica iovece sern· \cnga dcnominaco direttamente mediatore fl'a
1

bra l'opinione di R. FJ~ 1.1:1<, \\:'elte11ma11tel tmd f)io e l'uorno, si bas~ su un.:a inesatta interpre-
Himmelszelt Il (1910) .p8: Mitra sarebbe il tazione <lei rcsco. li soggetto di ioloa.~t non è
fermaglio di con.giunzione fm Ahurarnazda e Mirrn, ma Zaratustra.
rr; (1v,610) 1u11(ni-; x-tÀ. B 2 (A. Oepkc) {IV,610) n6

i compensi per i sacrifici degli altri. più della personificazione del fuoco sa-
Stando in mezzo ad entrambi, egli oc- cro. Egli è descritto corne il deva- a noi
cupa lo spazio intermedio, in modo che più vicino e d'altra parte porta le ofier.
il tutto stia congiunto a se stesso» (tv re sacrificali ai deva· sul suo carro di
µta-w ·St 8v '4J.q>odpwv a-vµTtÀ.T)po~ , guerra; è chiamato anche 'boçca dei de-
W<l'rE "CÒ -néiv av-rò ttìnQ l;uvoeoÉ~a:~). va-', perché per essi consuma le offerte
A questa posizione mediatrice del dai· sacrificali. Egli prende pure le salme dai
m6nion vien poi ricondotta tutta l'arte roghi, portandole nel suo corpo di fuo-
dei sacerdoti e dei veggenti. E ros ha un co al ciclo della luce zr.
posto privilegiato fra i· démoni; ha la
funzione del conciliatore. E Platone ag· Esistono infine anche figurazi oni mi-
giunge, dopo una minaccia scherzosa: ste, rappresentazioni di mediazioni se-
«Perciò tutti dovrebbero èsortarsi vi- m.ipersonali. li campo tipico in cui que-
cendevolmente · a venerare gli dèi per ste sorgono è quello della gnosi, dietro
evitare una cosa e ottenerne un'altra se- la quale trovasi in vari modi la mitolo-
condo -l'attrazione di Eros ... Che nessu- gia orientale, fecondata però dalla filoso-
no. gli si metta contro; ma gli si mette fia occidentale. Può servire da campione
contro chi si attira l'odio degli dèi. Se il manicheismo, che oggi sta nl centro
invece siamo divenuti amici del dio e ci dell'attenzione gr~ie a nuove scoperte18 .
~iamo ticonciliati con lui ( qil>1.0L yàp )'E·
Esso conosce specialmente rre ipostasi
v61WJ01 xat 010.ÀÀ.a:yivnç -rii> i)EQ ), tro- media trici 19 , che emanano dal 'padre
veremo amici anche per noi ed avremo della grandC2za' attraverso la 'madre
parte in,· loro» (symp .193 a/b). Queste dei viventi': il 'primo messo' ( = l'uo-
frasi fanno parre di un lungo elogio mo primordiale ~ col. u9), lo 'spi-
della ped..erastia. Malgrado gli sforzi di rito vivente' e 'il messo', senza nùribu-
Platone per distinguere l'eros dal puro ti. Ques t'ultimo, in. quanto Gesù, vien
amore- sensuale, è superfluo chiedersi se mand.a to già ad Adàmo per illuminarlo
esista q ui un parallelo coll'idea neote- sulla sua origine diàbolica e su I suo de-
stamentaria -del mediatore. stino di luce. Egli si mi:.nifesta poi nei
'tre precursori'. il Gesù storico, Zarades
~ ~f:.Jel!;ellenisnÌo sembra abbastanza fre- ( = Zaratustra) e Budda, e s'incllrna fi.
quente;. l'idea che gli dèi prediletti dei nalmente in Mani, il paraclìto promesso.
culci speciali .esercitino la funzione di Mani definiste · se stesso eome 'aposto·
mediatori fra la divinità suprema . e i lo d{ Gesù Cristo', ma di hii non si sen-
suoi adoratori. Fino a che pun to il ti· te suddito, · bens} perfezionatore. L'ac-
tolo di 'signorf abbia qui un significa- cento vien"pdsto "chiaramente sulla 'sa-
to tecnico, è. discusso. ~ xupioç. pienza', la dottrina. L'azione mediatri-
ce vera e proprià è attribuita ai tre mes-
Esistono anche potenze mediatrici im- si in quanto esseri che trascendono la
personali. Il, çlio vedico Agni è poco storia. Il lor9 compito è quello di libc·

zr [.J. Hnnw, pc~ lettera]. Cfr. anche Io:, Manicbàischc Homilien ... , edite da H.J. Po-
Die ar~sch,e . Feuerlehre (lndo-iranische· Qud- LOTSKV, .c on un contributo di H. IBSCHER
len und Fortçhungen v1 (1 925] 147 ss.). (1934). Kephalaia... ed. da C. SCHMIDT (1936
21 Cfr. H.H. $(;HAEDER, RGG' 111 1919 ss., ron ss.) . .
ampia rassegna bibliografica. I frammenti di 29 Questo schema triadico t'incrocia con quel-
opere • originali di Mani trovoti più tardi in lo pentadico, che altrimemi p~omina: cin-
Egiuo sooo discussi da-+ ScttMtOT-PoLOTsKY, que 'padri' con tre emanazioni ciascuno. --.
Ein Mani-Fund. B iniziata la pubblicazione SCliMIOT· POLOTSk'Y, Bin Mani-Fund 62 ss.
ll7 (1v,610) µtO'('O}ç x-<L B 2 (A. Ocpkc} (tv ,611) 118

rare le parti di luce incatenate dalle te- s terni gnostici e mistici riporta il con-
nebre, mediante un processo cosmogoni- cras to etico fra il bene ed il male a
co, che in sé è fisico, benché sbocchi in quello ontologico di spirito. e materia,
un'etica abbastanza elevata. A quanto o di luce e di tenebre (~X.«µ'ltw VI, coli.
sembra, il manicheismo non possiede 66 s.). Perciò il contrasto etico si esten-
un termine p roprio che significhi 'me- de, nell'interno dell'uomo, fille due pani
diatore', ma lo sosti tuisce con 'messo'. principali di cui l'essere umano è costi-
La sua forma greca, OC1tOO"roÀoc;, è usata tui to: l'anima e il corpo. Quindi cono-
anche nei resti copti. Se Mani ha po- scenza viene a significare. potenziamen-
sto il suo secondo messo allo s tesso li- to dello spirito, la parte buona nell'uo-
vello di Mitra 30, vuol dire che per lui mo, mediante l'unione alla. realtà origi-
ciò che riunisce è la posizione interme- naria del bene, alla divinità spirituale,
diaria cosmosoteriologica. luminosa. Nei compici del mediatore
rientra l'azione. Egli scende per combat-
Anche al centro della religione m:1:i- tere le tenebre. Salendo, afferra 'l'om-
d:!ica ·11 sta l'idea del mediatore, espres- belico della terra' e lo «lega al cuore del
sa con la stessa parola: il me~~,, 3z. Men- cielo» JO, incatenando nello stesso tempo
tre le uthre, le emanazioni dall ' essere i démoni dei pianeti. Qui la sapienza del-
primordiale, dal «grande mana della glo- l'Oriente e quella dell'Occidente si in-
ria». sono migli.nia 33 , ~i parla solo di contrano (~ col. 107). Ma la priori-
tre 34 e quasi sempre soltanto di u n so- tà non spetta, come s'è fatto sempre
lo messo 35 • Questo è chiamato Hibil- piì:i chiaro negli ultimi tempi 37 , esclusi-
Z iw:i, sotto cui sta lAbele della Bib- vamente all'Oriente, poiché, come la
bia. Però esso viene identificato anche mitologia orientale ha fecondata l'Occi-
con Ptahil-Gabriele e rappresenta Man- dente in molti modi, così la · filosofia
da d'Haije, la gnosi personificata della greca ha sollecitato in· varie forme la
vita, di cui è considerato figlio . Q ui speculazione orientale. Le concezioni di
non è possibile occuparsi di tu tti i par- cui parliamo sono .sorte più !:1lrdi, per
ticolari, confusi per più d i un aspetto. lo più molto dopo il cristianesimo e,
Resta certo però che anche in questo <:ome si J;:uù mo~trare, wtto l'influ~~o
caso il compito dcl mediatore di rivela· del N :T. , ma contengono pure un pa-
zione è quello di porta re la conoscenza trimonio ideologico antichissimo, sulla
che salva. Tuttavia, come nel maniche i- cui origine da un paese e da una razza
smo, non bisogna. fra intendere questo si può giudicare solo con la massima
compito in senso intellettualistico. Il çautela 39 •
dualismo che sta alla base di tutti i si.- Questo è chiaro speciaLnente in una

JO ScHAEDER, RGG' Ili r969. raie dr. l'elenco in LlDZBARSKI, Gim:a 597 ss.
Jt Per · la bibliografia riguMcfonte il maodei- l6 LIDZBARSKl, Ginza R 111 97 (p. >03,29 s~. );
smo ~ 11, col. 61 n. 37 e 38. R li! 98 (p. 104,13 ss.). Col termi~e ' legare' è
32 LIDZBARSKI, Ginzt1, indic:c s.v. 'Gesandter'. io tesa una tortura che esprime il S()ggioga-
ll LIDZBARSKI, Ginza, R V 1,136 (p. 152,23 ss.): rncnto totole. Cfr. LJDZBARSKI , Ginza R Jll
118 (p, 132,11). .
diecimila volte mille mondi di luce, coo 360
mila uthre ciascuno. i7 Specialmente grazie alle ricerche di r. Cu-
~ L I DZBARSKI, Ginza R Il IA7 (p. 44,23). MOJ>IT e H. H . ScHAEDER.
lS Il primo, genuino. autcm ico messo della vi- 3g Sul problema dei mandei ~ 11, coli. 62 s.
ta, della luce ccc., LrnZBARSKI, Ginza, indice 3? R~ITWNS'fEIN in Poima11drcs, sostiene con
o.e. Sugli esseri superiori ~'<.I inferiori in gene- certa unilateralità la provenienza egiziana; in-
u9(1v,6n) iuo\~nç xù . B 3 ( A. Ocpke) ( 1v,6u ) 120

figurazione che tra luce variamente dal- Ippolito 41 • L'uomo primigenio è chius\1
le concezioni di mediazione, cioè nella nel corpo come in w1a tomba, ma, es-
specula1.ione sull'uomo primigenio (Ur- sendo dio, non può resrare nellii mor-
mensch) '40_ Lonrnna da idee primitive re ..s_ Ciò che a lui accade, accade pure
sul 'promotore'", essa si basa su di una alle anime individuali (elette).
unificazione panteistica della vita origi- Questa dottri na orientale è penem1-
naria divina e umana. L'uomo primige- ta anche in Occidente. Nella cosmogo·
nio non è semplicemente identico al ni:t del Poimandres appare alquanto ar-
protopJasma storico, portatore all 'inizio tificiale l'accos tamento di ò ~oii llEoii
di una vita trascendente puramente spi- Àéyoc;, che è òµoou<n oc; 46 al dio supre·
rituale, caduto poi in preda alla mate- mo Nus, e di "Av!lpwrtoç, generato da
ria ed alle tenebre e infine liberato me- Nus 47 o.vi:Q oµoiov, «Simile a se stes-
diante un complesso procedimento re- so». Questo dipende certamente dall'in-
demorio; è invece dio e uomo, redento- contro di due diverse concezioni del
re e redento nello stesso tempo, me- mondo.
diatore fra il mondo della luce, rimasto Anche qui è impossibile ridurre la
intatto, e gli uomini. Perciò nel mani- dottrina del mediatore all'idea dell 'uo-
cheismo l'uomo primigenio è il primo mo primigenio. I mediatori di rivelazio-
messo. L'inno all'anima, negli Atti di ne, come H ermes-Tat o Asclepio, non
Tommaso 42 , descrive in forma narrativa sono connessi con questo, ma sono sta-
il viaggio del figlio del re in cerca della ti trasferiti alla speculazione lilosofico-
perla preziosa, cioè la redenzione del- religiosa dal panrheon egiziano. I pre-
l'anima individuale, dn parre dell 'uomo supposti panteistici non escludono idee
primordiale; nella Pistis Sophin ,, leg- mediatorie, neppure quelle di carattere
giamo l'incontro fra il redentore e il personale. Ma la splendidu facciata dei
suo fratello celeste. Nell'uomo pri- molti mediatori non deve ingannare:
mordiale, in quant o anima ge11eralis, al fondo della mistica pnnteiscica sta una
sono poste tutte le anime indi vidua- religiosità senza mediatori.
li. Come le nottole pendono att:acca-
te fra loro e alle pareti di un 'umida 3. Mediatori uma11i
caverna, cosi le anime scanno artaccate
fra loro e all'uomo primordiale Ada- Dopo i mediatori divini o semidivi-
mas, I' lfrrw d.wpwnoç, come si legge ni, vengono quelli umani; ma la distin-
nella predicazione dci Naasseni presso zione fra i due gruppi non è sempre

vece nel suo lranirches Erwsungtmysterium V 1.p 6 s. -> KJiSEMANN 6r $5.


sostiene, in modo ancor pi(1 unilaterale, l'ori- 41 SoDEROLOM. Das Werden des
Cfr. N. Gol·
gine iranica. Anche il panbnbilonismo e il pa- tesglti11bcns' ( 1926) 93 ss.
narianismo mescolano ciò che è esauamente 42 ac1.Thom.108-rr3; H1tNNl!.CKE 277 ss.
constatabile con presuppost i s1iracchia1i e in
parte addirinura tcndenzic»i. Molto più seria o 120. I raduzionc tedesca di C. ScHMI DT
è l'opinione di O. v. \VESENOONK, Urmensch (r925). Inoltre: LEtSEGANG, Der Bruder des
u11d Scelc in der ira11i.schcn Vberli~fcru11g Erl/isec{ : Angelo> 1 (192') 24 "·Sulla settem-
(1924) 18 ss. Secondo gli ultimi accertamen ti, plice apparizione dell'uomo primordiale -+
i test.i nordirnnici devono annoverarsi nella STA&RK: ZNW 35 (1936) 232 ss.
tradizione 'occidentale', come dimostrano i "' Cfr. Ri!.tTZENSTlllN, Poim. 89.
traiti siriaci. --> SCHMI DT-PO LOTS U , M<1ni- 4.5lbìd. 93 ·
Fund, 80. 46 Corp.Herm.1,1 0.
«> Rassegna (con bibliogr.) di L. TROJP..: RGG' 47 Corp.Hecm .r, u.
(}I (IV/~r.l) 1tEcri-r11ç x-r ì•. B 3 (A. Òepkc)

d 1i:1nt. Il re, che spesso è ritcnu10 unnica e durevolmente efficace. Di regola


dio o figlio di un dio, sta come media· l'accento è pos10 sulla rivelazione d'unn
torc per il popolo dnvanti alb divini cil, conoscenza assolutamente salvifica. Nel-
ne nccoglie le leggi e le offre i sacrifici la fede della comunità la figura del fon·
pubblìci ..s. Accan to a lui il sacerdote, datore assu me quasi sempre tratti so-
mc<li:uore sia per la totalità <lei popolo vrumani. La figura di Zaratustra, perlo·
sia per il singolo credente, sanifica, meno, è circondata da una ricca aureola
prega e istruisce. Anrichi incroci di que· d i leggende 50• Il sobrio moralista Con-
sre due figure sono indicaci, ol tre che fucio fu assunto, sia pure in epoca suc-
d~ certe funzioni sncerclornli ciel re, dal· cessiva, nel r,anrheon cinese per decre·
l'occorrenza di nomi (Cgali nella te nni · to imperia le 1• La comunit:ì cli Mani ha
nologia sacerdotale ' 9 e dall'iniziazione dedicato a questi, dopo la s ua morte,
del re alla domina segreta dei sacer- preghiere e inni aventi per oggetto la
doti ("°'v, cob 135 ). Ambedue que· sua croci.lissione. Per gli eleui e i ca·
stc specie di mediatori, prescindendo tecurneni egli è il dio davan ti a cui essi
da origini puramente sociologiche, ri· si prostrano annualmente nella festa del
snlgono cercamente a un tipo orig in:i. berna per riceverne i I consola1>1enlmn,
rio: quello del ca rismatico, dell'uomo il perdono dei peccati, e viene, quale
dorato di potere specia le (ìMo:; livl>pw- sposo, salutaro 'col salu to evangelico' 52 •
7tO<; ~ v , coll.93 ss.), che continua :id Maometto diventa l'incarnazione della
esistere anche indipendentemente nel- luce preesistente della rivelazione; CO·
l'estatico, nel tauma1urgo, nell'uomo di me principio cosmico, prende posto nel
Dio e nel profeta. Così l'idea di media· centro dell'universo; la tomba del pro·
Lore comincia presto a svilupparsi verso feta senza peccato e del taumatut·go di-
lo schema del mimus triplex. Essa man- viene il luogo di pellegrinagg io pit1 sa-
tiene viva, benché non senza offusca· cro. Gli vengono perfino eretri alrari e
menti, la coscienza che fra Dio e gli offerti sacritici 53 • Budda, specialmente
uomini esiste una di~t:inza sostanziale, nel buddismo nordico, in congiunzione
acuirn in certe circos rnnze dalla colpa U· con Amida, il Budda preesistente, è di-
mana; ma la possibi lità <li comunio ne venuto ·1uce infinita', oggetto di fede e
non resta esclus:1. Sui singoli punti ~ adorazione s., giungendo , oltre l'idea di
(3wnÀEIÌ<;, II, col. r33-x37 ; tspt\iç, iv, mediatore, ad essere quasi un dio per·
coll.839 ss.; >tpoqn'rtl):;. sonale supremo. Dire che questi fonda-
Il ripo di mediatore umano raggiun· tori di religioni sono stati venerati solo
ge la perfezione nel fondatore di reli· come precursori di conoscenza, sarebbe
gione, la cui opern, a differenza dai mc· una razionalizznzione troppo austera e,
diatori di grado inferiore, è rircnuta li· più precisamen te, una deformazione del-

43 Jlammurabi davanti ol dio Sole in testa nllo SAUSSAYE Il 449.


stele di Parigi con in mano il cosiddetto co- 50 0tANT. DE LA Si\USSAYE 1l 204 s.
dice di Hammurabi. Fig. in RGG' 1 704 s., tav SI ]bid. J 2 1) S.
v1/4. Amioco di Commos;cnc davanti a Mitru
52 ScHMil1T·POLOTS~v, Mani-Fu11d 3 2 s.
nell'altorilievo di Nemrud-d~gh, HAAS, Lfrg.
' '· LEIPOl.DT ( 1930), fig. 6. Per l'Egitto, v. per Sl CHANT. Dll LA SAUSSAYE I 674.
es. le figure di re che prcg•no o sacrificano, s.i lbid. 382-410. Vedi inoltre soprattu tto H.
HAAS, Lfrg. 2/ 4 (1924), JlONNET, IÌg. 76.91. HAAs «Amidu B11ddba, 11nsere Z11/IJ1cb1~ Ur-
kunden wm V trsta11d11is des iapo11iscben Su·
0 &siltus e barili11na nel culto attico, r~x sa· khavafi-Buddhismus = QueUcn dcr Rcligions·
crificulus in quello rom~no. CHANT. DF. LA gcscbicbre l (1910).
µEC1l-nJ<, )("<)... ( I (A. Ocpke) (iv,613) 124

la realtà. Quando si crede che una bre· pi poi fino all 'idea del mediatore tra·
ve invocazione ripetuta un migliaio o scendente, come è inteso dalla comuni·
un milione di volte, o perfino una volta tà secondo un processo regolarmente ri-
sola, possa salvare al momen·to della petuto e una legge, e se anche il cri·
morte, quando si appendono davanti ai stianesimo, colla formazione della sua
morenti delle immagini e si fo scende- cristologia mediatoria, cada sotto que-
re da esse una cordicella con cui si le- sta specie di legge. Parndossalmente, in
gano i JX>lsi degli infermi, affinché que- questa legge potrebbe di nuovo m:ini·
s ti abbillno un app0ggio sicuro per en- festarsi la tendenza ad un rapporto im-
trare in paradiso, allora esiste l'idea di mediato con Dio, a una religiosità senza
una vera mediazione salvatrice. Quan- intermediari.
do, come qui, si tratta di pratiche reli-
giose rinvenute in alcune sette buddi- C. LA MEDIAZIONE NELL'A.T.
ste giapponesi, è da prendersi in consi·
dc.razione indubbiamente I 'inRusso cri-
stiano, gi unto in Cina attraverso le mis· I. Mediazione divina
sioni nestoriane nel scc. VII d.C. ss. Ma
questo in flusso non avrebbe avmo facil- Dal punto di vista· della stÒria delle
mente efficacia, se non avesse potu to gio- religioni. è sorprendente e degna di nota
varsi di una tendenza constatabile anche la completa mancanza d 'una mediazione
in altre religioni che hanno un loro fon·
datore. cosmica di Jahvé nella religione dell'A.
Tuttavia questa tendenza non si può T. Jahvé colloca fra le acque la volta
normalmente ricondurre ai fonda tori celeste, che si pensava fosse un corpo
stessi. Il Budda storico è estraneo ad solido e sottile, e confina cosl le poten·
ogni idea medi atoria, se non altro per-
ché non vuol condurre colla fede alla ze caotiche néllo spazio loro assegnato.
comunione con Dio e alla salvezza ul- Ma proprio qui appare la grande diffe-
traterren a, ma portare al nirvana per renza. All'inizio non si trova il caos,
mezzo della conoscenui. La sua dottri-
na è in fondo atea, e pertanto non reli- ma il Creatore; senza di lui non esiste·
giosa. M aometco, prescindendo dal suo rebbe neppure il deserto o la solituùine
compito profetico, non ha voluto esse- iniziale. Jahvé forma il mondo senza
re altro che un uomo defettibile. Secon·
lotta e fatica, con la semplice parola
do una tradizione canonica, egli avreb-
be lanciato una maledizione contro ogni (~ X"l'l~w. v, coU. 1265 ss.). Egli prov·
specie di divinizzazione dell'uomo. J\n. vede acché si conservi l'equ ilibrio cosmi·
che l'autocoscienz:1 di Mani, per quan· co, ma non lo fa come una potenza en·
to relativamente sviluppata, non lo por-
ta oltre l'idea d'essere l'ultimo media· docosmica, un'anima del mondo solo
tore della sapienza legittimato da D io. relativamente superiore alle altre forze
La s tori:i delle religioni pone dunque il dcl oosmo, bensl come uno che sta su-
problema se In coscienza d'essere in-
viato, che nei fondat ori di religione si blime al di sopra del mondo (cfr. Am.
mantiene entro limiti umani, si svilup- 5,8; ls-40 ,12 ss. 22 ss.; Ps. 104; lob 9,

s; 0tANT. DE I.A SMJ SSAVI! 1 382.


1z5 (1v,613) µEOl't'TK x'tÀ. C 1 (A . Oepke)

5 ss. ). Sarebbe quindi un 'offesa alla sua be conduce contro il Dio del dogma
dignità volerlo legare al centro della della retribuzione. In lob 9,33 compa
terra o del cosmo. Cerramente le conce- re per la prima volta il desiderio, che
zioni onfaliche no n sono ignote in I- all'inizio sembra inesaudibile, di avere
sraele 56 • Gerusalemme è la città che un arbitro (mfJkra~; LXX: µE11lnic; ""'
Jahvé ha posro in mezzo ai popoli (fa. coli. 1orss.) che stia fra Giobbe e il Dio
5,5); alla fine dei giorni il monte della che lo tormenta incomprensibilmenic.
casa di Jahvé starà sicuro sulle sue fon- Questo desiderio cresce, diventando vo·
damenta come il più sublime fra i mon - lontà di contendere con Dio (Mkea~;
ti e i colli, e rutti i popoli vi accorre- LXX: H.l-y~w, 13,3) e viene infine co-
ranno a schiere (Ir.2,2 ss.; Mich.4,1 ss.). ronato dalla certezza che esiste già ora,
Altre ·località della Pales tina, come Si- in cielo, il testimonio e garante ('ed ;
chem (Gen .12,6s.; lo.4,20) e Bethel, il LXX: µ.<ip-tuc;; Jahed, LXX : uuvlo--twp )
luogo della scala celesre (Ge11.28,rr ss.; che tutela i diritti dell'uomo contro Dio
3 .5 ,r ss.), possono aver conteso q uesto e gli altri uomini (16,18 ss. ). Giobbe sa
onore alla città santa. Ma già l'esempio che il suo redentore (gò'el; LXX: µÉÀ.-
del Sinai mostra che la posizione cen- À.wv txÀ.vtw) vive e ultimo si erge-
trale, t:mto se solo creduta quanto se rà sulla polvere ( 19, 2 5). Egli si ap-
reale, non è mài decisiva. Non è Jahvé pella quindi a Dio contro Dio. Distin-
che riceve il suo onore dai luoghi, ma gue fra Dio in quanto parte in causa e
i luoghi che egli 'elegge' {Deut. 12,5; Dio in quanto arbitro che sta sopra op-
15,20 e passim) con libera guida della pure in mezzo alle parti. Il concetto di
storia, sono essi che ricevono l'onore rnedinrore co rrisponde quindi formal-
da lui. Dominatore sublime del mondo, mente all'uso linguistico ellenistico, sen-
egli non è il punto centrale del cosmo, za che per questo si d ebba supporre un
ma il reggente che sta sopra il mondo rapporto. genealogico con essò, e rag-
e impera sull'universo, onnipotente e giunge quasi l':iltezza dcl N.T. nd suo
con rotale indipendenza {ler. 23,23 s.; contenuto. Questo è un caso del tutto
Ps. 139). Tutto questo contiene una unico nell'A.T.51 •
protesta precisa contro ogni forma di D'altra parte Jahvé ha i suoi media-
panteismo o dualismo pagano. tori, anche prescindendo dai trasmetti-
Dunque, Jahvé non è assolutamente tori umani della r ivelazione(""' 2.). Egli
un mediatore cosmosotcriologico. Tut- infatti si rivela. Il monoteismo diviene
tavia assume, in certo modo, una pos i- via via più rigido nell'A.T., non mai
zione di mediatore nella lotta che Giob- però astratto, striminzito e povero di

56 --+ Roscm;a, Omphalosgedanke ss. 48 ss.


12 57 [G. v. RAo].
1ucr('tll~ X't)... C 1 {A. Oepke)

contenuto. I con tatti di Dio ·col mondo mato figlio di Jahvé (2 Sam.7,1 4; Ps.2,
si attuano per mezzo di certe ipostAsi 7 ), ma non in senso metafisico. La me-
int ermedia rie, fra cui 11e emergono tre: diazione regale diventa importante solo
il mal'ak jhwh , «messaggero di Jahvé », nell'immagine del futuro Un10 ideale,
che dai tempi piLt antichi a quelli più del Messia. Anche nel concetto della
recenti appare in forma visibile e per posizione mediatrice del sacerdote e del
lo più soccorrevole; la rilìih jhwh , «spi- profeta si esprime il carattere proprio
rito di Jahvé», riconoscibile all'iniz io della religione dell'A.T. a confronto
dai soli effetti estatici, poi anche da del paganesimo (~ aacr~À.Evç, Il, coli.
quelli morali, e 1:1 divina pokma, sa- 137 ss.; i.EpEvc;, iv, coll. 845 ss.; 11poq>1'r
pienza ipostatizza ta che corrisponde al- 't'T}<;). Il munus triplex diventa, nel cor-
l'idea greca del Logos 51 • Il rapporto di so della storia della salvezza, un conte-
queste tre entitò con Jahvé crea seri nente sempre più adatto per le idee di
problemi che non possono essere risolti mediazione del N.T.
qui (~ èiyyEÀ.oc;, 1, coli. 202 ss.; 'lt\1Ev- Ma nell'A.T . l'idea della mediazione
µ<1t, a-ocpl<1.). L 'uomo primigenio nell'A. raggiunge il suo punto pit1 alto all'i ni -
T. non è né semidio, né mediatore. J:: zio e alla fine del periodo creativo, in
bensì creato ad immagine di Dio, ma due figure che col munus triplex han-
per il resto è dis tinto nettamente da no un rapporto piuttosto blando. Al-
lui (~ I, coll.377 ss.). Solo nelb lcttc- l'inì2io della storia della religione israe-
roturn apocalittica, probabilmente, fo litica trovasi Mosè, considerato più tar-
capo lino il mi co sincretistico dell'uomo di il mediatore per eccellenza. In nes-
primordiale e l'P.IP~re <- vlò<; 'tOV &.v- suno degli schemi già esistenti si può
~PW'!tOV). far en trare comodamente questo c rea-
tore dì forme valide per tutte le epo-
2. Uomini mediatori ch e della religione israelitica. Egli è
Nell'A.T. incontriamo in primo luo- «organi2z:11ore sen2a un vero potere po-
go le stesse figure di mediatori umani li tico, duce del popolo senza u na ditta-
ch e sono note alla storia delle religioni tura milirare, ordinatore dcl cu lto sen-
in generale(~ coli. 120 ss.). P iù debol- za carattere sacerdotale, fondatore e me-
mente degli altri è svi luppato il valore diatore di conoscenze nuove sen:1.a es-
religioso del re ;,, che talvolta vien chia-
.,
sere legirtimato da vaticini p rofetici,

51 L'ipostatiZZilzione <ldlo p:u·ob di Dio nel· S'J Ncll'A.T. la regalità trovasi per lo pi(1 in-
l'A.T : non supern lo personificazione poetica quadrata nell11 luce delJ3 critico deuteronomi-
-+ À.6yoc;. R . BULTMANN. Das Job.-liva11g. stica. Malgrado la disranza di tempo, in questa
(•9}7 ss.) a t,I. sembra perdurare quiilcosa dell'antica sc11sibili-
tà isrnclitica .

.~
(1v,6c6) i;o

caum:u:urgo che sta molto al Ji sopra popolo; riceve le d irettive cli Jahvé e
della semplice magia»''>. Proprio per le trasmette al popo lo. Questo procedi-
questo suo carattere paradossale egli è mento si ripete in altre occasioni (Ex.
il mediatore, ap positamente preparato 33,5 ss.). Gli statuti sacerdotali sono
e chiamalo, fra Jahvé e il popolo ch e tramandati come o rdi ni dati a Mosè,
questi si l- scelto. Si c:1pisce già dalla pumo per punto (Ex. 35,r.4; Lev. r , r;
scoria ddla vocazione (Ex. 3,1 ss.} che 4,1; 5,r4; 6,1 e passim). La mediazio-
Jahvé ha tlll p iano speciale per Mosè. ne si basa in primo luogo sull' incatico
Non si tratta di un incarico qualsiasi, conferito da Jahvé, ma è bilaterale, nel
ma dell'azione liberatrice fondamentale senso che anche il popolo desidera e-
che, in a<lemp imen10 della promessa spressamente che Mosè ascolti le parole
fatta ai padri, c rea fa possibilità di una di Jahvé, gli parli in nome di Jahvé e<l
esistenza nazionale e religiosa per il po- interceda presso Jahvé pel' lui (Ex. 20,
polo eletto. L'Esodo ha messo in rilie- 19; Num. 21,7; Dcut . .5 ,24 ; 18,16). U
vo questa novità in troducqido a que- popolo invoca aimo cht Mosè e ques ti
sto punto della storia (Ex.3,13 s.) il no- invoca Jahvé (Num. r7,27 s.). Forse la
me di Jahvé. mediazione di Mos~ si esprime colla
Mosé si presenra çome un inviato massima profonditÌl nell'intercessione,
che parla iJ1 nome di Jahvé davanti al come, per es., dopo la prevaricazione
popolo e al re d'Egitto (Ex .4,29; 5,r). del vitello d'oro, quando Mosè implo-
In questo contesto vien formulato due ra perfino che il suo ruolo di rappresen-
volte, e classicamente, il concetto di tante del popolo sia cancell:ito dal li-
mediatore, senza che il cennii1c cum- bro di Jahvé (JJx.32,1 l ss.30 ss.; 33,12
p:iia. Aronne, il più eloquente dei due ss.). Poi egli si unisce al popolo chieden-
fratelli, parla al popolo e al Faraone co- do perdono, benché non abbia avuto par-
me se fosse la bocca d i Mosè e Mosè te nel p1..>ccato (Ex.34,8 s.). Talvolta si
fosse il Dio che parla per mezzo di lui presenta accanto a lui, e in modo a lui
(Ex.4,16; 7,1). Mediatore secondo l'A. simile, Aronne (Num.17,10 ss.25; Lev.
T. è dungue chi è incarica to di parlare TI ,r e passim); ma la posiY.ione specia-
per gli a ltri. Mosè enrrn poi in azione le d i Mosè mediatore in confronto di
in modo specialissimo come mediatore Aronne e di tu 11 i gli altri profeti poste
della cmannzione delle leggi (Ex. 19,3 riori vien messa in rilievo in modo evi-
ss.21 ss.; 20,18 ss.; 34,r ss. 29 ss.; Veut. dentissimo, Con lui Johvé parla per-
5,5.23 ss.). Egli solo può sopportare sonalmente, «:l faccia a faccia» (malgr::i-
Jahvé. lfa il suo posto fra Jahvé e il <lo Ex.33,20; le d11e concezioni sono pro-

60 -4 faCHROU1' I t 51.
IJI (tv,616) µrcrlTYK x'l'À. C 2 (A. Oepke)

prie l'un:i dello j:ihvista, l'altra dell'e- mente misteriosi e resteranno sempre un
lohista), come un uomo parla ai suoi po' enigmatici. Però risuha sempre più
compagni (Ex.33,u; Deu/.34,10: ag· chiaramente che lo 'ebed jhwh è un
giunta deuteronornistica). Cfr. anche personaggio s torico concreto, e si può
Num.) 1 ,25 ss.; 12,2 ss. De111.r8,r5.r 8 presumere che egli sia proprio i I Deu-
è certo orientato divcrsamenre. Qui s'in- teroisaia.
tende dire che ci sarà sempre una rive- 1 primi canti sono trarti di un 'auto-
lazione in Israele. Ma nnche qui Mosè biografia profondamente rillessiva. Essi
non appare soltanto come il primo dei riferiscono una radicale convinzione di
trasmetti cori di rivelazione, ma come una missione destinata non solo ad I-
l'incarnazione perennemente normati- sraele, ma a tutti i popoli, cui vuol por-
vn della mediazione per eccellenza. La tare luce e g iustizia con una p1:edicnzio·
lìgurn di Mosè raggiunge poi una pro- ne mite; parlano di gravi lotte interio·
fon<lità speciale nel Deuteronomio. Qui ri, 6no quasi alla disperazione, e di osti-
egli è senz'altro un mediatore sofferen- lità esterne che giungono ai maltratta-
te. Prega e digiuna quaranta giorni per

menti più duri, ma anche di costanza
il popolo idolatra {9,8 s.); lotta con Dio virile, di successo e di fiducia crescen-
(9,26 ss.); la sua morte fuori della terra te. L'ultimo canto, però, non si allinea
promessa è un dolore vicurit) (3,23 ss.). a questo stile autobiografico, e forse è
Che le cp.>cbe seguenti abbiano contri- srato aggiunto dal T ritoisaia, scolaro e
buito n delineare la figura di Mosè pre- ammiratore del Deuteroisaia, la cui ma-
sente nei nostri testi, è ovvio, ma il no è talvolra riconoscibile anche negli
nudeo è rigorosamente storico. Ma per altri canti 62• O,. questa situru:ionc rica-
questn trattazione non importri canto viamo il quadro seguente: il Deutcro·
mettere in luce il nucleo originario, isaia ha riconosciuto con gioia il libe·
quanto clnborarne il signi6cato teolo- ratore di Israele in Ciro, l'eletto e un-
gico 61. to Ji Jahvé, e si è insieme reso conto del
L'altr.i figura di mediatore dell'A.T. significato storico universale della gu ida
è il Servo di Jahvé ('ebeti jhwh) del d'Israele. Purtroppo, nel su.o comples-
Dcuteroisaia. J canti che ne trattano so, il popolo che dovrebbe essere servi-
(ls.42,1-4(5-9? ); 4 9,1-6[7-13?]; J0,4- tore di Jahvc! vien meno; è sordo e i:ic·
9 [ros.?); 52,r3-.n,12) sono voluta- co (42,19). Perciò il profeta - servito·

•• --> P. Voi.z, Mose 1111d sci11 \\'lc1·k '(1932) (t932) 140 ss. Egli però interpreto l'ulrimo
[v. HAo). c;mto in senso escatologico e lo ritiene opera
di un !?rande di epoca posteriore, del rv o m
61 Que•rn soluzione è accettai. da --> ELLt- sec. Per lo discussione scicn1ilica e l'ompia
G~k 66 ss. Quasi imeramemc alle >ICSS<: con- bibli<>!lrafia dobbiamo rimandare olle opere ci·
clusioni giunge --> Vou, Komm. :. /es. Il tate. -+ ='4.
µtulTTJ<; xù. ( 2 (A. Oepke) (1v,6r8) 134

re di Jahvé m senso concreto - tenta resp.2,361c: «Se il giusto si trova in


di scuoterlo dalla sua indifferenza con questa situazione (cioè se non fa nien-
te di ingiusto, ma dà l'impressione di
rnddoppi:Ha energia. Però la sua parola ingiustizia, altrimenti la sua giustizia
non è dcstinaia solo a Israele, ma a tut- non sarebbe comprovata), viene fla-
ti i popoli. Per la prima volta l'idea gellato, torrnrato, incatenato e percos-
so, gli vengono estratti gli occhi e do-
della missione mondiale irrompe con po tutce queste sevizie viene crocifis-
tuna la sua forza nel Deuteroisaia. Non so (6.Vll<JXLvOUMUMicre'TaL)». Il paral-
si può determinare con cenezza se il lelo colpbcc e sembra a tu na prim:i
un'inconscia profe-.ria pagana riguardan-
profeta abbia già lavorato per quesra
te Cristo. Ma in verità è totalmente e-
missione, rinunciando a tornare in Pa- steriore e non pertinente. Fa parte d'un
lestina o riprendendo volontariamente elogio che il sotista Glaucone fa dell'in-
la via dell'esilio. Comunque, egli incon- giustizia perfetta; non esprime qui.ndi
l'opinione di Socrate o di Platone, ma è
trò diffidenza e ostilità frn i detenrori una chiacchierata dialettica. Arriva a
del potere, e probabilmente anche fra i concludere che lo stesso giusto si con-
suoi connazionali. Fu rinchiuso in car- vincerà per esperienza propria che non
serve essere giusti, ma che val la pena
cere e maltraccato fino ai limiti dell:1 sembrarlo. Il dolore vien postulato solo
sopportazione, ma si mantenne fermo. concettualmente e non derivato dall'op-
La sua fine fu agli occhi umani una posizione inesorabile fra il bene cd il
rn:tle. Non si ha quindi affatto una glo-
morte miserabile e ignominiosa. Ma il
rificazione dcl martirio. Ancor meno si
Tritoisaia non poteva credere che tan- parla d'un intervento mediatore del
to lavoro e pazienza fossero stati inuti- giusto per gli ingiusti. Non si tratta i-
li. E riuscl a convincersi della soluzio- noltre in alcun modo di un procedimen-
to storico, ma di una finzione puramen-
ne offerta nell'ultimo canto. che la pas· te concettuale, benché esagerata fino al·
siooe dello 'ebed era stata un'niooe vi- l'innaturale.
caria, volma da Dio, per i peccati dcl L 'idea profonda della mediazione pro-
popolo e che Dio disponeva dei mezzi fetica del Deutero e Tritoisaia non è
e dei modi per trasformare il dolore in sorta come d'incanto. Si è gi:\ accenna-
henedizione per il suo servo, per Israe- to alla figura di Mosè nel Deuterono-
le e per tucco il mondo. Partendo da mio (-+ col. 131). lmport3nti precur-
una situazione concreta, l'autQre di que- sori sono anche Ezechiele e Geremia.
sto canto vi ha scopeno ciò che in es- Il primo si serve due volte dell'espres-
sa non si esaurisce affatto. L'idea del- sione im1m1ginosa, presa dall'assedio di
la mediazione raggiunge qui la massi· una citt:ì, «entrare nella spac:c{11Ura, nel.
ma profonditi\ metafisica e soteriologi- la breccia» ('amad bappere~, 22, 30;
C'.l prima di Cristo. I 3,_>}. Nel primo passo si rimprovera ai

Come parallelo si suol cirnre la de- capi politici d'Israele e nel secondo ai
scri7.ione del giusto perfetto in Plar., falsi profeti di non essersi impegnati
1;, ( 1v,618) µta('MJ~ x-r)•. C 2 (A. Oepke)

personalmente. «Cercai fra essi uno che 8,18-23). Ma la tribolazione dcl profeta
erigesse un muro o entrasse nella brec· giunge nll'acme più terribile nelle ore
eia davanti a me per il paese, affinché in cui la sua vocazione quasi lo fa im-
io non lo distruggessi, ma non trovai pazzire. La parola di Jahvé, scendendo
alcuno» (22,30). «Come sc.iacalli fra le in lui con una forza irresistibile, lo e·
rovine, cosl sono i tuoi profeti, o Israe- spone al sarcasmo e alla derisione di
le! Voi non siete saliti sulla breccia, né tutti Egli non riesce a sopprimerla. Ar-
avete eretto un muro attorno alla casa de in cuore come preso dal fuoco. E,
d'Israele per star fermi in battaglia nel lottando sotto questa enorme oppres-
giorno di Jahvé» (I3A·J). Si può leg· sione, maledice il giorno della sua na-
gere fra le righe che Ezechiele stesso si scita e il messaggero che ne porcò la
appropria questo servizio profetico di notizia a suo padre (20,7-9.14-18). Cer-
mediatore. Egli adempie la sua missio- to, anche in quelle ore emerge a tratti
ne fra gravi sofferenze corporali ( ~ vb- la' certezza che Jalwé sta sempre accan-
uoç). to a lui come un eroe invincibile, ed
Sulla mediazione sofferente di Gere- erompe dal suo petto, con durezza spa-
mia ci offrono un quadro impressionan· ventosa, l'implorazione che Jahvé gli
te le 'confessioni' interpolate da Baruch faccia vedere la sua vendetta contro i
nel testo del pIOfeta 61 • In IJ,r6ss. il nemici (20,rx-13 ). Però a Geremia non
profeta si lamenta d'essere solitario e riesce la soluzione donata al T ritoisaia,
disprezzato fra gli uomini a causa del secondo cui la sofferenza profetica è un
suo attaccamenw quasi passionale a servizio di mediazione per la comunità.
Dio. Con ciò sarebbe giò decaduto dal- Qui sta il limite, tipico per l 'A.T ., della
la sua vocazione. J ahvé gli risponde se· sua mediazione. Il mediatore resta a<l-
veramente, ma non senza consolarlo, dirim1ra impigliato nella colpa 64 •
che egli può veramente annunziare la Benché manchi ancora il termine, 111
parola <li Dio solo nella fedeltà assolu- mediazione sta al centro della religione
ta. Deve quindi acceccare le sofferenze dell'A.T. Quel che teologicamente im-
p roprie della vocazione. Geremia si sen· porta è che Dio non si raggiunge a vo-
te ancor pit1 addolorato guardando alla lontà, ma solo quando egli stesso si of-
felicità degli empi e alla miseria del suo fre alla comunione. La base di ogni co-
popolo, che Dio non soccorre ( 12,r-5 ; munione con lui è la sua csigcnz;i etica

lll Che queste confessioni non sono spurie è feta cornc «portatore della puola di Dio~. G<.~
staio dimostrato in maniera convincente da remia non si contrappone agli uornini oomc
\Y/. BAUMGAllTNEl, Die KlagegeJichte Jes ]<'· semplice inviato di Dio, ma egli stesso è uno
umias ( 1917), spec. pp. 68 ss. Baruch però di loro; li porta in sé çon la loro rniscri.1 abis-
scrive una storia di dolori che si adatta ma- sale. •
k ali 'idC11 unilaterale che ci si è fatta del pro- 6< Cfr. l'esposizione di .-. v. RAD.
11EO'Li:1iç xi:) •. D 1 (A. Oepke)

incondiidonata, rivolra indissolubi lmcn· D. IL CONCETTO TEOLOGICO


te sia alla comunità che a ciascuno dei DI MEDIAZIONE NEL GIUDAISMO

suoi membri personalmente. Ma la co- 1. li giudaismo rabbinico


munione che Dio offre non si risolve in L'espressione 'mediatore' appare la
questa esigenza, ma è pure, anzi è in prima volt.a in senso teologico nel giu-
primo luogo, un 'elezione previa. E co· daismo. L'uso che ne fanno Filone e
Paolo dimostra che il termine :iveva già
sl il mediatore, in quanto incaricato d.a trovaia cinadinanza a cavallo fra i due
Dio, è portntore di un'esigenza divina Tes tamenti. Poiché i rabbini, pur cono-
che è duplice e insieme unitaria. Egli scendo l'imprestito méson = µÉO"ov, im-
piegano per µEO"L't'l')ç un termine ebrai·
sta nello stesso tempo a lato della co-
co, l'indagine deve partire dall'uso lin-
munità da lui rappresemata davanti a fll.tisrico palestinese. Perciò è raccoman·
Dio. Se la maggioranza si rende debitri- <labile mettere al primo posto il giu-
ce verso Dio, il medi:nore entra 'nella daismo rabbinico, sebbene le fonti rab-
biniche siano meno antiche. In que-
brcc.-cia', d:1pprima intercedendo e poi ste è senza dubbio fondamentale il si-
giungendo tino all'oblazione vicaria di gnificato di renrale, negoziatore, i11ter-
se stesso (cfr. Hx.32,u ss.30 ss.; 33,12 prete, corrispondente a sarsor (--+ col.
102). Il concetto viene applicato in so-
ss.; 34,8 s. con fs.53,u.4-10). Mentre stanza esclusivamente a Mosè, in quan·
l'idea profa na di mediazione parte qua- ro incaricato di Dio.
si interamente da presupposti nMut:ili Come, alla rottura d'una botte, è il
sensale che deve risarcire il vino che
( ~ coll.106 ss.), il contesto vererotesta·
è andato perduto, così Dio disse a Mo-
mentario è o rientato sulla personalità 3è: Tu sei il sarsor fra me e i miei figli:
santa di Dio e su lla su:i azione salvifica tu hai spezzato (le tavole); devi sosti-
nella storia. Vi manca completamente tuirle (De111.r .3,12 a 10,1 ; Strack-Bil-
lerbeck m 512). La stessa idea, in u n
la tendenza a glorificare il mediatore U· contcs10 identico (Strack-Billerbeck, i·
mano facendone un essere divino o se- bid.), vien chiarita parlando del depo-
midivino "5. Invece appare sempre più situm. Questo corrisponde esattamen-
te al signifìcato ellenistico di ~O"l'TT)ç
chiaro che nella mediazione salvillca in
( ~ col. 97 ). P erò il concetto di sar-
Israele si mira in d efìnita va a tutta l'u· sor non compare in questo contesto,
inanità . Nella sua sublimità e nei suoi ma viene introdotto solo con un cam·
limiti l:i concezione mediatoria dell' A. biamcnto dell'allegoria. Qui si mani·
festa ch i~mrnentc la differenza fra la
T. mostra il pun to in cui la mediazione sensibilità linguistica ebraica e quella
troverà il suo compimento. ellenistica. Molto significative sono pu·
re due parabole intorno a un re. Un
re che vuol maritare la figlia si ser·
ve di un mediatore proveniente da una

6.' Il tentativo di imerprccare Ir.53 come un 1 18 s.) è da giudicare non sufficientemente


riflesso dcl mi co orientale del dio che muore fo ndato (-+ VoLZ, Is. u 187).
e risuscil3 (ultimamente -+ ]OACH. JE1tt1>nAs
139 (1v,619) JJ.<~L•Y)ç x•À. D 1 (A. Ocpkc) (IV,(>211) l ~O

piccola città, il quale se ne insuperbi- clorazione del vitello, dopo di questa egli
sce. E così Dio disse a Mosè: Chi ti fa stesso non riusciva a sostenere lo s~u:1r­
parl:ue con t:mto orgoglio? Io stesso, do neppure degli ultimi angeli dcl ser-
che ti ho elevalo cosi in alto! ( Ex.r. 6, vizio (per il seguito della citnzionc vedi
a 6,2 ). In un 'altra parabola, in cui è il coll. 138 s.). Solo in rarissimi casi si af.
re sccsso che cerca una sposa, il sars6r ferma che Mosè osservò tutta la Torù; è
è il procuratore. Quando la donna si più facile che lo si dica di altri, tra cui,
concede ad un altro, egli straccia la tra - curiosamente, suo padre (Strnck-Billcr-
scrizione del matrimonio. Cosl Mosè beck 1 Sr,5 s.). P erò, sotto l' influsso del
spezzò le tavole della legge (Ex.r.43, a mito dell'uomo primigenio, nelle leg-
32,II ). Dunque Mosè, come mediatore, gende rnbbiuiche posteriori Mosè fu e-
è l'agente intermediario che prepara saltato come un essere sovrumano 66 •
l'incontro fra Dio e il suo popolo. In Il giudaismo rabbinico non dimostro
Ex.r.3, a 3,13 (Strack-Billerbeck lii 556) inizialmente nessuna comprensione per
Mosè dice: Sarò per una volta il sars6r il profondo sviluppo che l'idea di me-
fra te e loro, se tu vuoi dare ad essi la diatore raggiunge nella figura del Servo
domina delln legge. Essendo la Tori! di Dio sofferente. Ciò sarebbe parti-
tutta fuoco, anche la faccia del sars6r cotarmenre sorprendente se da Eccl11s
divenne di fuoco (Ex.34,30; Tanb.jtrw 48,10 ss. si dovesse trarre la conclu-
§ 16,97 a [ed. di Varsavi<1 1879)). sione, peraltro scarsamente fondata, che
Gli IsraeUti non potevano guardare fa i canti deUo 'ebed-jbwh siano stati in -
faccia del mediatore in conseguenza del- terpretati in senso messianico in epocn
l'adorazione del vitello d'oro (Pesikt. precristiana. Tuttavia è assai caratteristl-
§ 5, p. 45 a, Struck-BiJkrbeck III 515 , ca la concezione regi~trata in Tg, Is. a 5 2 1
cfr. 3 l ). Come la Torà è stata data per 13.53,12°', dove lo 'ebed-jhwh dci canti
mano di un mediatore ('al ;'dé sars6r, è messo chiaramente in rapporto col
cfr. Gal.3,19), cosl può essere trasmes- Messia. Ma invece che inserire il dolore
sa solranto 'al j'dé sars6r, cioè da un vicario entro l'idea messianica, l'inter-
i11terprele diverso dal lettore della co- pretazione del resto è piegata in modo
munità ( Meg.j.74 d xz s., Strack-Dille1- che porti logicamente alla glorificazione
beck 111 556). Perciò il concetto di me- d 'Israele e alla sottomissione dei popoli
diatore si concentra completamente su con la forza; l'intervento di un mediato-
Mosè. re viene eliminato, eccetto che per un
Del tutto isolata è l'annotazione in piccolo resto, per il quale intercede il
Tanh.jtrw § xo, p.95b(ed. di Varsavia Messia. Ecco i versetti decisivi dcl rifaci-
r 8 79), che parla di tre mediatori: Mi- mento targumico: «3. Perciò si cambie·
riam, Aronne, Mosè. Benché nettamente rà in disprezzo e scomparirà la gloria di
più in ri lievo degli altri , Mosè resta un tutti i regni; <li verranno deboli e mi~e­
uomo defettibile. Commette un peccato ri , ceco, come un uomo dolente e d e-
di orgoglio (~coli. 138s.). Deve poi sof- stinato aUo malattia-, e come quando il
frire anche per i peccati del popolo. volro della shekinà si allontana da noi,
Menrre neppure gli angeli maggiori lo essi saranno disprezzati (plur.) e tenuti
potevano guardare in faccia prima dell'a- in nessun conto. 4. Per que~to egli pre-

66
Ricco mucrialc tl{)vasi in -+ MuLl\fELSTUN anche in Sn.ACK-BtLLEJUlECK I 482 s. Noi sc-
' I SS. j!Uiamo la traduzione del Seidelin. Alcuni par-
ticolari sono discussi; nia non è possibile du-
67 -+ 0ALM•N, -> S~IDELIN. li testo trovasi bitare della tendern:a generale.
11tai"T1ic; xù. D 1 (A. Ocpkc) (1v ,6n) 142

ghcr:ì per le nostre colpe, e le nosl re certezza, almeno fino al scc. n <l.C., tra-
rrnsi.:rcssioni snranno perdonmc per a- dizioni su un M essia che soffre e muo-
mor di l ui, mentre si crede che noi sia- re ea. Per ragioni oggettive il pensiero
mo calpestati, cancellati davami a Jahvé giudaico trova estremamente di.Jlìcile
e umiliati. 5. Ed egli rirostruidi il tem- giungere nlla sintesi come è indicata in
pio, ~consacrato per colpa nosc ra e alie- Is.53 69 • Solo nel medioevo, in un pe-
nato a c:tusa delle nostre trnsgrcssion i, e riodo di gravi pressioni esterne e di
per mezzo della sua domina sarà grande :ieri controversie col cristianesimo, lo
per noi b pnce, e se noi ci raccoglia- studio approfondito della Scrittura por-
mo intorno alle sue parole, i nostri pec- tò a pensare a un Messia che soffre
cati saranno rimessi ... 7. Qu3ndo egli vicariamente, ma senza morire ,.,. Pre-
prer,a. ottiene risposrn; nrima ancorn di scindendo dallo svolgimento ulteriore
aprir bocca, viene esaudito. Egli conse- della dottrina riguardante la sJtpienza
gnerà i forti delle genti come se fossero (Ecclus 24,3 ss.; Bar.3,9 ss.; He11. aeth.
un agnello da macello o una pecora mu- 42,t s.; 91,xo e passim), li P.iudaismo ha
ta davanti al tosatore, e non c'è nessuno çominuato a sviluppare la dottrina del-
che apre bocca e dice una parola al suo l'intermediario divino solo in quanto,
cospet10 ... 10. E Jahvé si compiacque partendo da Dn11.7,r3 s. e in ultima a-
di provare e setacciMe il resto del suo nalisi dal mito dell'uomo primigenio,
popolo per purilic-.ire le loro anime dal ne ba tracro il tipo del Messia apocalit-
peccato: esse vedranno il regno del lo- tico trascendente (--+ vtòç -rov <iv~pw­
ro Messia. I figli e le figlie saranno nu- nov ). La memrà Adonai invece non è
merosi, avranno lunga vita; se serviran- un'ipostasi mediatrice (Strack-Billerbeck
no la Torà di Jahvé nel suo beneplaci- 11 302 s.). E il Metatron (metdtor ==
to, troveranno la felicità». misuratore di terreni, alloggiatorc o a-
Si tratta di un fraintendimento tota- manuense: °'IV, col.582, n .30) non è
le, ancor più sorprendente se si pensa altro che l'angelo precursore. Anche
che altrimenti l'ide11 del dolore vicario Jahvé è chiamato cosl quando mostra a
non è affatto estranea al giudaismo ( cfr. Mosè la terra promessa o precede il suo
4Mach.6,28 s. ; 17,22; B.M. 85a, Ji R . popolo. JI concetto di mediatore ne sta
Eleazar) ed è possibile rintracciare con molto lontano 71 •

~ In gran parte divise fra il Messia ben Jo· Ambedue i testi sono tannairici. Malgrado al-
seph e il Mess ia ben David. 4 fudr.7,29 non cune allusioni al Servo di Jahvé nella lettem-
apparriene a questo gruppO, perché in esso si tura ajlOC>llit1ica, non è probabile che l'attesa
tratta clclla morte ciel Messia dopo la fine del <li un Messia soffereme nel senso di I s.53 sin
suo regno. Il Messia hen Joseiih (anzituno esistita, in cLà neorc;c;tamenlnria, come dottri.
Sukkà b. 52a lfar), dopo alcune virtoric ini- na segrcw. fra il popolo(-+ }OAcH . JEREMIAS
1.ioli e un regno lelicc di quaranr'anni, cadrà 106 ss.). Questo pensaao non solo autori me-
in una zulia di piaz.7.a contro Gog e Magog no recen1i, come ScHliRER, 11 648 •s., ma an-
e sar~ rimpinnro disperatamente da Israele che VoLz, ]es. u 185 n. 2, -+ G. KrTTEL:
(Leqah Tob.Nu .24,l7, STRACK-BILLERBECI( Il OTh 3 (1936) 166 ss., spec. tl} ss . e-+ SEro&-
298). Forse nella sua ligura è rispecchiai~ la LIN 230 s.
cragicn fine dcllli zeloti nelle guerre giudaiche. 6? Forse il Targum polemizza propri(> contro
Per.) nlla sua morte non si atuibuisce un si- l'idea del .Messia sofferente.
gnificato espiarivo e di mediuione. Cfr. R.
MEYF.R, Der Propbel aus Galiliia (1939) So ss. '° Più ampia noti1la in -+ DALMAN, spec. 49
La p3SSione del Messia ben David ha luogo ss. Cfr. il bel canto del Machzor polacco, 72 s.,
prim:i della sua cnrratn in e<1rico e serve cli rro- che risale rrob2bilmeote " ElcaUlr ben Qalir.
va anche per lui (amitutto 5411/J. b. <)8a.b). 11 Boussn-GRESSM. 353 s. -+ .MOORll : HThR
143(1v,62r) JtEcrl·ni• xù. D 2 (A. Ocpkc) ( IV,621) l44

2. li giudaismo elle11ist1cu re fra Dio e gli uomini e sta per la pa-


ce d'Israele davanti al regno di Dio» 72
Ogni t:u1to, ma con perccuibile esi- (dr. test. L. 5 ,6 ). Anche qui i concetti di
tiizione, compaiono in fìlonc gli angeli negozi(ltOrc e pacificatore si sovrappon-
quali mediatori fra ciclo e terrn. Essi gono. Il mediatore per eccellenza è Mo-
s~lgono e scendono pe r b scnla celeste, sè 1l, dd quale Filone parla tractando
oùx. È7tELOYJ 'l"WV µ T)VVO'OV"l:WV ò 7tav'tn degli angeli (--+ sopra), in som. 1, 14 3:
Èq:ithx.x.wc; frEòç oer'tclL, cì).).'éhL -.o~c; È- oii À.aj36vuc; [vvoLav téEl}llT)µlv 7to-rÉ
mx.i}poi.<; i)µ~v crvvÉq>q>E ~LEl1i-rcx1c; x.a.t 'TLVoc; '\WV ~O'L'tWV ÀtyOV'\Eç, «della
OLa:L-rT)-ra~c; À.61ov.; XPfJa'ila:1, «non per- quale avendo preso coscienza, una volta
ché Dio onnipresente abbia bi:;ogno di pregammo uno di tali mediatori, dicen-
informntori, ma perché a noi mortali do ...» {segue Ex.20,19). Appare inoltre,
conveniva disporre <li logoi in funzione come sinonimo , Ù'ltTJPt'>CXL iiÀ.ÀoL, «altri
di mediatori e concìl iatori, perché da- servitori». Qui si torna perciò a sentire
vanri al Signore dell'universo e alla po- l'uso cbrnizurnte . Ma nell'«ppl icazione a
tenw cosl grande del W<) dom inio sio- Mosè, xcx"Tar.Àaydc; oÈ xixt 6.vcx1xa.O'-
mo presi da stupore e timot·e». Il ter- un parrimonio ideale dell'A.T. entra nd
mine è usato qui in formn cbmizzante concetto dlenistico {sign. 1.) come in
nel sign. 3. Gli angeli. o M101, stabili- una forma predisposta. Riferendosi all'e-
scono il collegamento fra il cielo e la pisodio dcl vitello d'oro, Filone dice che
rerra. Questo senso ha dnto il suo co- Mosè, X.<X'tanÀ.cx.yElc; ol xat civayX!X.O'-
lore anche a OLCX.~ 'tì)'tTJ<;. P oiché non si !\ l 't
uetc; 1tLO''\EVELV CXTtLO''TOtc; npcx.,EO'LV
I ' ' T
OLCX
può sost<:nere rigorosamente che gli an- l.l.éO'('tì)ç x.at OLCXÀ.À.CXX.'t TJc; oùx eui)ùç
geli siano arbitri fra Dio e gli uomini, rint:ni}on<TEv, rJ.)..)..!X 'l>po-.epov -.~ç ìmtp
OLCXL'\T)'T'Ì]ç ha qui, approssimuti vamen- ~llvovç lxEalcx.ç X.CXL Àt'tll<; t7tOLEt'\"O <rvy-
tc , il s ignifica to di 'concilia to re'. Ma l'ac- yvG>va:L '\WV i')µcxp•T)µÉvwv OE6µEvoc;.
costamento dei due sinonimi dimostra d't' È;EvµEvl.C'ciµEvoç Ò XT)Otµwv XCXL
pure che vi è incluso il sign. I. Un uso 1tetpetl'tT)'i'TJ<; -ròv TJjEµ6vcx, È1tetVTIEL
esattamente corrispondente a questo XCXlpwv aµcx xat XCX'tT)q>WV, «turbato e
si ha nei T estamenti dei XTl Patriar- l.ustn:Ltu a c1<:Ùt:r<: a co~e im:tcdiuili,
chi. In tcst.D. 6,2, dell 'angelo che inter- non si ritirò subito, essendo egli media-
cede per Israele (naptH'\OVJtÉvc.,ù 1]µiic; ) tore e co11ciliatore, ma prima proferl
è detto: &n o1h6c; È11-rt p.e11l.. nç i}eou suppl ich e e preghiere per il perd ono dci
xcxt cX.wpwnwv x.cxt hl "f}c; dpiJVTJ<; peccati dcl popolo. Soltanto d opo che
-rou 'l<rpa1)À xa-rtvav•1 'i'f1c; Bao-LÀ.dw; egli, curatore e intercessore qual era,
'TOU lleov, «poiché questi è il mediato· avev:i pacificato il Signore, ritornò lie-

62 ss. L'cpinione di WEBF.R 178 ss. è erroneo . lius; in greco presso Gclasius , commtttlarius
Il tentativo di clerivare Mcrnrrou da 111e1a1nr actorum conci/ii Nicae11ei (ScHiiUR m' 294) :
è ciel tutto errato. xal TCPOE/}Ed:O"tt't6 µt: 6 lh:6c; npò XtXTa~oÀ.ijc;
72 x60'µ011 EÌWx( JU' -rilc; Si.aDiJX'l'J<; avi:oii JU'O'l-
Molto interessante è fa variante lx&poii, po- '<'l'JV. Le> scritto fo compilato subiro dopo la
co attestata ma ori~inale e <Ìllnific•tiv•. ndla morte di Erode il Grande. Vi scor11iamo na-
quale si potnbbe intr:wedere nncora l'imma- scente l'ide• clella preesistenza del moduuorc
gine dell'arbitro fra gli elementi. dcll'alleam,a. Slùla locuzione µrcn-r'l'Jç Tijç o<a·
n Cosl anche ass.Mos. 1,14: ilaq11c excogila· DiJx'l'Jç -+ col. 96. La traduzione arbiltr ttadi-
vii el invenit me, qui ab i11i1io orb1s u:rr11m111 sce una scn•ibilità ellenistica (sign. x). L'origi·
{'rlll!para/111 sum, uf sim 4rbi1er lcslf1m c11/1 il- nale palestinese però intendeva forse il sig.n. 2 .

i
145 ( JV,621 ) µEO't'trJ<; X'tÀ. E t (A. (kpke)

co e triste ad un tempo» (tJit.Mos.2[3] cerdote: !3ouÀE-ro:L yàp CLu-ròv b v6µoc;


166). Si notino i sinonimi di µEO'hl]ç. µElsovoç µEµotpM"ila.t q>ucrewc; 1ì xo:-r'
Memre qui tutto resca al livello unrn· G.vilpw1tov, éyyv'TÉpw 1tpocr~ov-;o: -riic;
no, altrove Filone tende ad applicare il ilElCLç, µEil6p~ov, El lìd -rà.À:l]&Èc; À.ÉyELV,
concetto cosmologico di mediatore (--'> à.µqioi:v, lvot Otà µÉerou '>tvÒ<; èivilpw1tOL
coll.109 s. ) a Mosè, accostandolo cosi al µÈv tÀQ:crxWV'TO:L itEOV, ilEÒ<; oÈ "tètç xci-
Logos. Lodando il dono ricc1•uto, Mosè pL"tO'.<; àvilpW'ltotc; v'ltolìto:xbv~ -rwl xpw-
disse: xayw EW"ti)XEW avà. µÉCTov xv- µEVO<; 6pÉYTI XO:L XOPTJYTI, «infatti Ja
p~ov xo:l VJ.LWV, OV't"E O:yévT}'tO<; wç o legge vuole che egli sia posto per natu-
ilcòç Wv OV"tE )'EVT}"tÒ<; W<; VJAEL<;, aÀÀ.à ra più in alto dell'uomo, accostandolo
µio-oç TWV èixpuiv' O:µqio;Épotç oµT)pEU· maggiormente alla divinità, in modo
WV, 'lt:ClpÒ; p.Èv -r<;l q>U'tEUC10'.V"tL 1tpòç 1ti.- che assuma, per dire il vero, una posi-
cr·n V "tOV µÌj crU~t'ltClV èi.q>T}vtcicro:t 1tO"tÈ zione media fra ambedue; affinché per
xo:t Ò:7tOCT'tijvo:t 'tÒ ytyovòc; &.xoaµlo:v mezzo d'un essere intermedio gli uomi-
<iv"tt x6crµou H.6µevov, mxpà. OÈ 'T<;l ni si concilino a Dio e Dio possa conce-
<pVVTL 1tpÒç EÙEÀ.mcr-;lo:v 'tOV µT)7tO'TE dere e assegnare Je grazie agli uomini
-ròv i:À.Ew ilEòv m:pLtlìdv -rò tlìtov €pyov, per meizo d'un servo» (spec.lcg. 1 ,16).
«e io mi trovai fra il Signore e voi
(Deut.5,5), non essendo né ingenerato E. I L CONCETTO DI MEDIATORE NEL N.T.
come Dio, né generato come voi, ma
stando in me7.ZO fra due estremi, come r . L'uso dei vocaboli
ostaggio di (garante per) entrambi: del
Ambedue i vocaboli sono rari nel N.
Creatore, in pegno che il creato non si
rivolci completamente e si stacchi da T ..: (.1€crl'tl]<; ricorre sol tanto nel cor-
lui, preferendo il disordine aJl'ordine; pus paolino e ne.Ila Lettera agli Ebrei,
della creatura, per la ferma fiducia JLEC1L'TEVEtv solo in quest'ultima, e per
che il Dio benevolo non trascuri mai la
sua opera» (rer. div. her.206). La com- di più come hapax leg6meno11. Per com-
presenza di motivi cosmologici e sote· prenderli bisogna partire dall'uso gre-
riologici è quanto mai singolare. In co-giudaico (sign. 3.). Nella Lettera agli
questo senso in Filone anche µecrvn:V..
EW diventa un term ine tecnico (--'> Ebrei si ha in aggiunta un carattere spc·
col. 104). cificamente ellenistico (sign. r.). Man-
ca il significato 2 .
Fu il giudaismo il primo che svilup-
pò tecnicamen te il concetto di mediato· Gal.3, r9 s.: -;L ovv 6 vòµoc;; -rwv 1tCl-
re. Esso però comprese solo in paue la pCLf3à.crEwv x6:pw 'ltpO<iE'TÉ:i)T), aXPL<; OV
eÀ.lJn 'tò <T1tépµo: ~ É1t'l)yyEÀwL, otCl-
ricchezza e profondità delle idee dell'A.
-.o:yEl.:; lìL'ayyéÀ.wv, lv XEtpl µtcrl ..ov.
T. su cui era fondato; semmai, in que- 6 ot
µEcrl'TT}<; Èvòc; ovx !!<T"tW, ò OÈ ilEÒ<;
sto, il giudaismo ellenistico precedette EL<; Écr-;w, «a che dunque la legge? Essa
quello rabbinico. Ed è appunto per in- fu aggiunta per le trasgressioni, finché
non venisse il seme a cui era stata fatta
flussi stranieri che si manifesta la ten- la promessa; e fu disposta per mezzo di
denza ad elevare il mediatore del patto angeli per mano di un mediatore. M,~
al grado dì semidio. non si dà mediatore se vi è uno solo.; e
Dio è uno solo». I versetti precedenti
Così Filone dice anche del sommo s:1· hanno spiegato che fo promessa fatta ad
147 (tv,622) 11ta-l'tT)ç X'tÀ.. E 1 (A. Oepke)

Abramo e ai suoi ligli non si basa sulla un ebraismo che sta per b'iad; cfr. Mefl. .
legge e non può essere annullata per ;.74d, 12 s. (Strack Billerbeck lii "6):
la legge. Di qui sorge il problema se la la Torà vien data 'al ì'dé sars6r. Anche
legge persegua uno scopo voluto da Paolo, con µecrhric;. intende indicare
Dio. Paolo vuol giungere a una rispo· concretamente e semplicemente Mosè.
sta positiva (vv. 21 ss.). Ma all'inizio la Questi però non è detto in concreto il
risposta è quanto mai sorprendente 74 • mediatore (o µEO'h T]ç ), ma è sussunto
Dio aveva certamente avuto patte nella sotto il concetto di µECTL"t1Jc;, secondo
promulgazione della· legge; ma questa un uso che è di pretta marca greco-giu-
era un'aggiunta - valida solo per un daica (sign. 3.) >s_ Il v. 20 vi connette
ceno tempo ( èixpLç ov x•À..) e propria· un'osservazione che non deriva dalla fi.
mente assurda - al testamento della gura concreta di Mosè, ma essenzial-
promessa ( 7tproE•Éih1, cfr. itGtpEwfjÀ- mente dal concetto di negoziatore e di
~tv, Rom. 5,20; ito;pturi)'À.~ov, Gol.2, parlamentare: perciò usa l'articolo, ma
4 ). Essa aveva il compito di aumenta· in senso generico. Il v. 20• è dunque
re le trasgressioni (-.wv ito:po:~èicrEwv una massima generale. Il primo OÉ
x6.pw, dr. Rom.4,15; 5,20; 7,7 ss.; II, collega questa al v. 193, come premes·
3 2 ). Le qua ttro parole seguenti, tanto sa maggiore, mentre il secondo OÉ colle-
discusse, non possono quindi mirare ga il v. 2ob al v. 20• come premessa mi·
a un'esaltazione della legge, ma a una nore e opposta. ~be:; corrisponde dun-
sua degradazione. Solo alla luce di que- que a Ei:.;, e come questo è maschile. f:
sto presupposto la conseguenza antino· controverso se le due parole debbano es·
mistica del v. 21 appare logica, anche se sere intese in contrasto a) con la dualità
poi verrà rifiutata. La partecipazione de· delle parti contraenti, oppure b) con una
gli angeli alla promulgazione della leg- pluralil"n di una delle parti. L'ipotesi a)
ge non è dunque messa in rilievo per suggerisce questo ragionamento: u 11 me-
elogiarla, come si fo nel giudaismo diatore tratta di regola fra due parti, ma
(Detll. 33 ,2, LXX; Flav.los.,an/.15,136; Dio è uno; quindi la legge emanata me-
lub.1,29 [Strack-Billcrbcck 111 n4 ss.]; diante un intermediario è un contratto
dr. Act.7,38.53; Hebr.2,2), ma piutto- o UIJ f.:UlUIJlVtUt:~~o, 1lUU è C!»ptc:~:.iouc.;:
sto per sottolinearne l'inferiorità (~ 1, diretta della volontà di Dio 76 • Ma in
col. 227). Ciò che rcstn dubbio è solo questo caso b menzione degli angeli nel
se Paolo nel parlare degli angel i inten- v. 19b sarebbe superllm. Perciò l'ipote·
da presentarli come organi subordinati si b) si adatta meglio al contesto: poi-
del legis latore divino o come autori re· ché un mediatore rappresenta di solito
lativamente indipendemi (~ 11, col.9n una plnr,.lirà (o anche dne plur:1lità), la
ss.) della legge. Il contesto accredita la legge non deriva da Dio, o comum1ue
seconda interpretazione. A questa spie- non di.rettamente da Dio, che è uno,
gazione si adatta al meglio anche la ma dalla pluralità menzionata al v. r 911,
considerazione connessa col concetto di cioè dagli angeli 11 • In questa spiegazio-
mediatore. tv XE~pL µEO'l"tou (v. r9) è ne l'obiezione dcl v. 21 s'inquadra con
I
14 Persino ngli amanuensi cristiani css.1 ho fot- 617, al SC:JUÌIO <li HALMEL) non lrovtt nppog-
to d!fficoltà, come dimostrano le numerose va- gio nel tesro. ·
rianri. Per il pensiero giudaico è completamen- 76 P. S1EFFERT (' •899); E.W. BuRTON (192r),
te scandalosa. LAGRANGE, ad /.
75 L'idea d'un Mosè custode dclln legge e por>- 77 LJE.TZMANN, Ù>YS\', A. 0EPKE, Gal., ad I.;
te fra Abramo e Cristo ( -4 MrTTEIS, Herm. A. $OiWE1TZEl, Dic Myrtik des Apost~ls Pau·
I4Y (IV/>l I) 1<fai-c114 x-cl.. E 1 (A. Oepkc)

logic:1 pcrfe11a. D unque I''"'' d i 1m;~. blaziooe mediar ricc nella morte ottiene
TIJt; è qui puramente giudaico , non :m· da Dio che 1u11i abbiano pMte nella sal-
cora wcrnco chl cristianesimo. l'er il rn- vezza. Quesro auo salvifico è l 'oggetto
gionamento dell'Apostolo pn1rebbe es· centrale de lle testimonianze apostoli·
sere pericoloso chiamare Cris10 un µt- che, che sono anch'esse destinate a tut-
vL'tT)t;, proprio perché ciò suggerirebbe ti. µi:ir l'tTJ<; è colui che rappresenta Dio
u n .1 conclu sione an:iloca anche a propo· davanti agli uomini e gli uomini davan-
sito ùclb promess:i. ti a Dio e porta entrambi a comatto;
egli è 'procuratore' e 'negoz ia1ore' (sign.
Di\·erso è il c:iso di r T1111.2,5 s.: Eic; 3. nel senso d i sarsor). Che egli procu-
yò:p i>tbc;, dc; xat µ.tvlnic; ilEoii xat ètv· ri la pace fra Dio e ~i uomini non C·
ilp1:in1a1v, èi.vi}pw;>oç Xpu;'tò<, ' ITJO"oùç, ò merge d~I con testo con tan10 rilievo da
So&.; Éc.tV'tÒV CÌ.V't0W'tp0V vnèp niiV'tWV, dover supporre un rapporto diretto col
'tÒ 11ap'tupwv xmpoLc; lòlot<,, «unico è sign. r. Questo .signific.110 potrebbe rie·
Dio e unico è il mediatore di Dio e de· cheggiarvi solrnnto in modo imliretto,
gli uomini, l'uomo Cristo Gesù, che die- in quanto esso non è estraneo, insieme
de se stesso in riscntto per molti, te· all' A.T., all'estensione del concetto re-
stimonianza a tempi debiti». Qui il con- ligioso di mediazione nel greco giudai-
cetto di mediatore è cristianizzato. La co, per cui µi:O"l-.T)ç si avvicina al senso
massima fonda l'universali tà della vo- di 'conciliatore' (--+ colL 104; 143 ss.).
lontà ~alvi1ica divina affermata al v. La novità, in confronto con unte le
4 ;s. Questo concetto esige l'idea del- concezioni precedenti di mediatore, srn
l'unicirà di Dio e del mediatore; in en- nel fatto che la funzione di µi:irl'tT)c; è
trambi i rasi Etc, è un predicaro 79 • li applicata esclusivamente a Cristo e che
medinrore fra Dio e Isrnele, su cui si partendo da qui viene affermata l'uni-
basa il particolarismo giudaico 80, è so- cicl e universalità del rnpi>orto. Cosl il
stituito d~l µtu{ TIJt; ìkoii xat ètv&pW- concetto di mediaz ione assume u1l valo-
nwv, che , in corrispondenza dell'unici- re positivo che. difficilmente si concilia
tà di Dio e d ell'umanità, è uno. Egli con la valutazione negativa di Gal. 3, 19
viene chiam<1LO e~µ1t:,~d111c11u: uomo, s. Però 11011 è 1·aru Lhc la <lialctrica pao-
per mettere in rilievo che nppartienc a lina conduca a contraddizioni di logica,
tutlì quelli che hanno un vo lto uma- formale 32 • Oggettivamente, è del tutto
no ai. Il valore universa le della ~ua o- conforme alle idee di Paolo che dall 'u-

iur( x930) 7 r. ZAHN, Gai., ad/. e ) . GRiiNl>~ER: &J Una polemica mncro il parricolari<mo eccle-
NkZ 19 (1928) 549 ss .. pensano che la plurali- siastico • questo punto (ScHLATTER, Past., ad
tà >iu il pop0lo che riceve la legge; ma è mol- /.)può nascere solo da un'esegesi 'pneumatica'.
to improbabile che ciò si llC(()rdi col pensiero Piuttosto si annun7.ia l'autocoscienza della
dell'Apostolo. chiesa 'canolica'.
1d Non solo, come suppone B. Wr1ss, ad l., 81 L• corrispondenza fra c:l.vi)pWltOVç (v. 4) e
l'unicà dcll.1 via salvilica (v. 4b). I~~ riproduzio- àvOptlmwv e livflpw7toc; (v. 5) salta ai;li occhi.
ne di una forma solenne (D1•r.1,1os. Post .. ad Owiamen1c Cristo non è detto uorno per e-
I.) non escluderebbe uno stretto 1.-on1cs10 reale. scludere lo suo div inità, e neppure, in contra-
'l'J \,ontro ttç e.ime soggetto (B. Wmss. forse sto con tendenze docetiche, in quanco uomo
anche D10F.1.1us, Past.) stanno pure ruuc le ideale opparrenente a un unico gruppo, ma per
onalogic (Rom. 3,30; Gal. 3,20; cfr. anche r indicare che egli appartiene a ruui gli uomini,
Cor. 8,6; E . PtrrUSON, El:E 9EOl: [ 1926] senza differenza.
•H; 227 .. . ; >H ss.l. Alla manania ck:ll'arti· sz Cosl Paolo, in Gal.3,16, argomenta parten-
colo non si d<-\·c dare un '"'"° ùcci~ivo. do da untPIJQ. al singolare, benché sa)l))ia be·
151 (1v,623) µc<r('tnç x-rì... E l (A. Ocpke)

nità <li Dio derivi l'estensione illimita- 1tporrtÀ.TJÀulto:-.E, «vi siece accosrati ...» ):
ta della sua volontà salvilica e che que- xo:L lì1ai)'l)xT)c; vÉru; µEcrl-.n 'Incroii, ><C(t
sta volontà non si realizzi nell'attualità C(tµa'Tt po.v-r1aµoii xpE~'T'TOV À.<XÀ.OÙV'TI
umana, ma in Cristo, nella sua oblazio- mxpà. -ròv " AStÀ., «e a Gesti, mediatore
ne di sé nella morte (Rom.3 ,30; 5,1 8; della nuova alleanza, e al sa11gue del-
11,32; J Cor. 15,22; Gal. r,4; 3 1 14 e l'aspersione che parla più vuliJnmentc
passim). La designazione di questa fun- di quello di Abele».
zione di Cristo mediante il termine 1J4- In runi questi passi è cara1t.cristica
l1L"rTJc; non è esclusa da Gal.3,I9 più di la congiunzione di µtcrl 'TT)c; con lìto.ihi-
quan10 l'opposizione alla legge mosaica x1J. Quest'ultima signilìca fondamental-
non impedisca all'Apostolo di parlare mente, secondo i LXX, 'alleanza', o me-
del voµoc; 'fOii Xptn'fOii (Gaf.6,2). Cristo glio 'disposizione salvilìca' di Dio. Pe-
è l'antitipo di Mosè (r Cor.10,2 da con- rò in 9,16 ss., per mettere in evidenza
frontare con 1,13; Rom.6,3 ). la necessità della morte di Gesù, l'au-
Il concetto di µwl-r1)ç assume una tore completa questo significato, prov-
coloritura più ellenistica in 1-Iebr.8,6: visoriamente, con quello di 'tcsramen·
viiv oÈ OL<Xq>Opw<Épac; 'tÉ'TVXEV À.EL'Tovp- to', 'ultima decisione della volontà', di-
yia.c;, èlcr4) xat xpEl-r•ovéc; i.cr·nv OLWTJ- vennto termine tecnico nella koinè pro-
XT)ç ~cr(·niç, ijnç Èrct xpEL'T'tOCTLV É7t- fana più recente ai. Un caso analogo si
a y yEÀ.(o:Lç VEVoµoi)É'tTJ'tO:L, «ora però ha per µ.Ecn't'T)c;. Sempre si vuol dire an-
egli ha ottenuto in sorte un ministero zitutto che Gesù supera e sostituisce il
più eccellente, essendo medi:1tore di una mediatore dell'A.T. (Mwucrijc;, 8 ,5; 9,
alleanza superiore, sancita con maggiori i 9; 12,21). L'autore non ha quindi co-
promesse»; 9 11 j: xat OLà. •oii-ro lìLaltTj- niato lui stesso il termine teologico µE·
XT)ç xawi'jç 1.mrl't'T}c; tcr-rtv. O'ltwç ì)C(vci- crl-rnc;. partendo da presupposti elleni-
-.ov yevoµÉvov dc; 0:7toÀ.1hpwaw -rwv stici, ma l 'ha preso dalla tradizione giu-
t'ltt •ii 1tpw-rn lìtctlti'txn 1t(.(p(.((3cicrEwv daica e cr istiana. Perciò la pdma tradu-
-ri}v t7ta.yytMav À.aPwcnv ol XExÀ.11µ.i- zione corretta di esso è, ancora una voi·
voL 'rijc; o:l.wvlov xl1Jpovoµlo:ç, «e per ta, mediatore (sign. 3 = sarsor)''. Ma
qucsro egli è mediatore di una nuova al- vi sono due motivi che impedisco-
leanza, affinché, per la morte avvenuta no di fermarsi semplicemenre a questo
in riscatto delle trasgressioni contro la punto: I. in 7"ZZ Gesù è chiamato
prima alleanza, i chiamati prendano par- xpEl-r-.ovoc; lìLC(lti)x11c; t'.yyvoc;, dove la
te alla promessa dell'eredità eterna»; marcata concordanza rende probabile
12,24 (in un'enumerazione dei beni del- che per l'autore ~ ityyvoc; sio sino-
la salvezza che comincia al v. 22 con nimo di µtal·n1ç. Ma questo è pos-

ne, secondo R01n.4,16 , che esso può indicare Htbr. ) è impossibile, non meno che tradurre
tuna la disrendenza. Rom.5,13: ciµo.(>'<Lcx oux sempre con '.Jleanza' (covenant, Mtt.LIGAN,
ÉÀl..oyci:'taL µi) éiv-r~ v6µov, •il peccato non CAu). Lo stesso alternarsi di significati si ha
viene i1npu toto, non essendovi un11 legge», sra in ~ Co, .3,6.14; Gal.3,15.
in contrasto con Rom.2,12 ss., e cosi la legge &a RcGGENBACH, Hehr., a 8,6: mediatore di un
del parttdiso presupposta in Ro111 ., ,1 4 è in bene. Ma le spiegazioni di Tcolìlntt o: µ«1l-
rapporto alquanto teso con Gal.3,17. Se le lct· TI)<; xat 86n1ç ('tOV EÙa;yyiJ.lov) e quella di
tere pas1orali non sono siate scriuc da Paolo, Eucimio: iucrli:nç 1bi:t 'tOÙ V<Pll'Y'l'l'ti')ç xat
fa diffcreoz• delle espressioni non è offatto 8o'ti)p si basano •u un s ignilicato molto sbia-
sorprendente. dito e forse adattato al oaso considerato (-+
&l -+ S14Si)xTJ Il, coll. 1083 ss. Ravvisare ovun- col. 99). /i14bt)xT)ç è cetiamen1c un genitivo
que il signilicaro di 'testamento' ( RlCGENBACH, oggettivo, di oggetto interno -+ col. 99.
sibile soltanto se egli, in quanto elleni- soltanto la garanzia della salvezza, men
sta, percepisce dal concetto teologico di tre l'altro fa risaltare anche il compi-
mediatore, o entro lo stcs$O, anche il mento dell'iniziativa salvifica, in cui
sign. 1., soprattutto nel senso e) e for- rientra anzitutto la morte mediatrice.
se b ). Questo porta poi all'idea di un'ob-
bligazione assunta, del cui mantenimen- 2. Teologia della mediazione nel N. T.
to Gesù si fa garante, restando in certo
modo impegnato egli stesso come debi- Il farro che il concetto di mediat0re
tore. Qui il pensiero è rivolto alla pro- non sia enunziato espressamente da Ge-
messa divina della salvezza: Gesù si è sù, ma soltant0 dalla comunità, induce
impegnato con gli uomini a far sì che
a chiedersi se questa idea, seguendo la
essa non resti lettera morta, ma che la
salvezza venga compiuta 85 • 2. il passo 'legge' sopra accennata(~ coli. 123 s.),
6,17 dice: ÈV t;i 7tEptO"cr6-repov eovÀ-OµE- non sia un'aggiunta della comunità.
voç b lleòç h:LOei:l;etL -rote; xÀ.l}pov6µoLç
Questa domanda è suggerita pure da al-
·cfjc; ÈmtyyEÀ.Let<; <Ò 6:t.LE't6:llE'tOV -cijç
ffovÀ.ijç etÙ'toù ȵecrl-revcrev opx({l, «VO· tri motivi e costituisce un problema
!endo Dio in quesco dimostrare an- centrale della teologia del N.T. Ad essa
cor più agli eredi della promessa la ina- si deve rispondere che l'idea di media-
movibilità della sua volontà, l'ha garan-
tita con un giuramento». Qui µeCTL·mi- tore è originaria. Essa si riveste bensl,
ELV non può significare 'mediare', 'tra- progressivamente, di forme preesistenti,
smettere', perché è senza oggetto, e ma mantiene la sua originalità neotesta-
neppure 'essere mediatore', petché non
mentaria.
esiste un'istanza superiore che possa es-
sere rappresentata da Dio di fronte agli
a) Gestì. Dato che nei sinottici, so-
uomini. L'unica traduzione possibile è
garantire, impegnarsi in una garanzia 86 . prattutto in Lc.18,9- 14 e Lc.15,u ss.,
Mentre Dio, avendo promesso, era in l'autocoscienza di Gesù è alquanto in
certo modo una delle parù, si pose, per ombra, si è voluto dedurre che il Ge-
cosi dire, su un terreno neu trale, giu-
rando e inoltre garantendo il giuramen- sù storico sarebbe staro l'annunziatore
to (~ coli. 104; 105), e cosi assi- d'una religiosità senza mediatori. Ma
curò l'adempimento della sua promes- anche in questo caso le parabole vo-
sa. Ciò riporta 1.1.Ecr(-criç al sign. 1.
gliono soltan to mettere in forte rilievo
Questa in rerpretaziom: ellenistica è fa.
cilitara dal fatto che nel diritto eredi- un'idea che importa nel contesto, e non
tario ellenistico l'espressione iucrl-criç offrono una completa descrizione alle-
OLetiti}xriç è bensi rara, ma non impos- gorizzante della salvezza. Il pubblicano
sibile (~ col. 96 ). Poiché però il si-
gni6cato di mediatore resta quello fon- nel tempio prega come un giudeo, ri-
damentale, µecr(-cl}ç è in realtà più che volgendosi al Dio della rivelazione. Nel
ityyvoç. Quest'ultimo mette in rilievo racconto del figliol prodigo Gesù vuole

Bl -+ Ili, coli. 9 s. Che Cdsto garantisca per gli e non corrisponde al pensiero della Lettera
uomini davanti a Dio (0. MICHEL, Der Brie/ agli Ebrei.
an die Hebriier [l936] a 7,22) è meno ovvio 86 Così RIGCENBACll, WINDISCH, f-lebr., ad /.
155 (iv,625 ) µcaiT11<; x-r>... E 2 (A. ().,pkc) (1v,6i5/ 156

invece giustifii:arc il proprio comporta- di antitipo di Mosè. In Mt.5,20 ss., par-


mento coi peccatori. Egli dichiara il lando sul monte, Gesù non intende of-
perdono dei peccati al paralitico in un frire una Torà nuova, ma addurre esem-
modo che ai capi del giudaismo sem;.,ra pi per mostrare che egli non diminui-
sacrilego (Mc. 2 ,1 ss.; dr. Le. 7,36-50). sce, bensì aumen ta le esigenze morali
La sua au1ores timonianza, storicamente a confronto de lla casuistica rabbini-
convincente appunro perché riservata, ca 83 . La celebrazione delfo cena, pur es-
non manca affatto nei sinottici , anche sendo nvvenuta storiCJJmente durante il
se si p resci nde dalle ultime confessioni banchetto pasquale(~ v, coli. 521 ss.),
aperte (Mt. ir,1 ss.; 26,64 par.). Ge- ha bcnsl come sfondo In liberazione
sù pone precise esigenze (Mt. 10,37 ss. dalla schiavitù d'Egitto e la conclusio-
par. ) e dà precise risposte (Ml. rr,28 ne dd patto dcll'nlleanza su l Sinai, ma
ss.). Egli è il solo che conosce e rive- non lascia dubbi s ulla di fferenza fra l'nl-
la il Padre ( Mt.u ,27 par.); fo dipen- leanza nuova - che si doveva attendere
dere il destino e terno ddl'uomo dal ri- secondo I er. 3 I ,3 I ss. - e quella antica.
conoscimento dclb sua persona (Mt.ro, Dal confronto di M~.1 1,2 5 ss. con Ec-
J2 s. par.); è il giudice universale (Mt. clus 'x risulta chiaramen te che Gesù s:i
25,3 J ss.). Il Gesù che le fon ti pre- di fare tutt'uno con Ili sapienza d ivi-
semano in modo convincente 87 nella si- na 39 • La fol'ma prlru:ip11le della coscien-
tuazione escatologica è soltanto questo, za me<liatoria di Gesù è la sua condi-
e non certo il Gesti delb ricerca psico- zione <li Figlio di Dio e dell'uomo apo-
logizzante. calittico-messianico ( ~ vtòç -.ov
ò.v-
Però la c;osdc:uza della propria ec- l)pt!mov ). L'atto suo pi\1 originnle sem-
cellcnzn si riveste in GesL1 delle forme bra essere stato quello <li congiungere
storiche già delineate. Quella che è po- indissolubilmente questo ideale di po·
sta meno in rilievo è la sua posizione tenza con l'ideale d'umiltà del Servo di

17 «Lu. coul..1sionc c-:101irn nei raccon1i avrei> non resistono all'esame scicr11ifico. Un'esposi-
be dovuto far concludere che gli avvenimenti zione convincente, se si prescinde <la alcuni
sooo sfati messi o soqquadro dalla natura vul- parricolari, si h3 in E.C. HoSKYNS, Tbe Ritldlc
canica di uo'auux:oscicnz:i insondabile e non o/ 1be N .l'. ( r936).
da qualche negligenza nella tradizione» (A.
l;s 7ttpt.U<TEVt\.v in M1.,,20 non è un concetto
SCHWEITZE~. Gescbichte tler Leben-]es11-For-
qualic~tlvo,ma quantitativo. Solrnmo rico110-
scbung' l 19~6] 391). jOACli. }EREMIAS, fesus
scendd questo si comprendono nel loro conw·
11/s Wd1volle11tl~r (BFTh 33.4 [1930] ). ha vi- sco i vcrscui precedenti e qU<:Ui seguenti. ar.
SIO gius1nmen1e il quadro compl.,,.sivo, per
quan10 restino molli problemi di dcnaglio. 1
A. OEPKF., jesur tmd dns Alle: r ertamenl.
(Theoloi;i:1 milirnns, Nr. 21 ( ••nll]).
recenli ten tativi di eliminare con J>rO«•'<Jiincnti
critici I~ coscierw di mediaiorc dd Gesù sto- u Altri particolari •'U QlJes10 punto, ma con
rico (E. WtNKEL, lJer Sobn' [ 1938]; R. T111EL, conclusion i discmi bili, in E. NuRDt:N, A~nos­
Jesus Cbrislus 1111</ die W'isso11scbaft ( 1938)), tos Tbeos ( 19r3) 280 ss .
µto\-rnç xù. r: l \ i\ . Oepke)

Dio(~ coli. 1 3 1 ss.). Ln coscienza delJ,, rcbbe co mplernmen te inspiegabile, se I


sun missione è in Gesù orienta ta con vita terrena di G esù non si d istingues·
grande prevale nza sul Deutero e T ri to- se radicalmente dalla vita di un qualun-
isa ia90, benché iJ riferi mento esplicito sia que maestro o profeta, e se fosse sta ta
rnro. In quan10 Se rvo di Dio, egli o ffre la comunità primitiva ad attribuirgli per
la sua vi ta À.u-rpov &.v-rt 1tOÀÀ.Wv, cin prima il ruolo <li mediatore della sal-
riscauo pe r mo ll i» (M c. I0,4) par. ), e vezza 92.
sa che Dio riconoscerà q uesta sua me- L~ fe<le della comunità si basa visi·
diazione. Solo dopo morto e risuscirn- bilmente sulla sintesi d i Figlio d ell'uo·
to egli è mediatore nel senso pieno del- mo e Ser vo di Dio, creata dallo stesso
la parola. Gesù. Ciò che ad essa si è nggiunto è
soltanto l'adempimento verificatosi col
b) La comunitìt prhnitiva. Si suppo·
ve nerdì san to, con la pasc1u:1 e la pen·
ne freque ntemente che sia stata la co-
teeoste. La teo logia d ella mediazio ne è
mu ni tà primit iva a creare, per fe<le,
invece ai primissimi inizi . I<lcc di pre·
l'immagine di Gesù med iatore, quale è
esistenza non son ancora riscontrabili,
de lineata nei vangeli; ma l'idea già non
ma stanno nell'aria. L 'affermazione del-
regge d i fro nte a una descrizione che è
la ripresa dcl mito sincretistico nel mes-
se mplice, eppure cosl perfetta, che non
saggio <lei cristianesimo d elle origini,
può non essere basa ta sulla reaJtà. An-
per quanto frequente, è impro babile.
cor meno, poi, regge se si considera la
brevità del tempo a d isposizione. Nel e) Paolo. Quando, nel gio rno di Da·
b uddismo e ncll'isliimismo sono stati maseo, si converte alla fede nel Cristo
necessari der secoli per trasformare u n risono, P aolo adotta la fede della co-
uomo fondato re di un a religione in un munità primitiva, pur trasformandola
semidio. Nella fede della comunità pri· in un'esperie nza personale. È superfluo
miti va, q uale possiamo riconoscere mol· dimostrare che egli non annu m·jò mai
10 bene att raverso gli Atti e le leu ere una religiosi tà senza mediazione e non
di Paolo, vive fin dnll' in izio un Signore pretese mai di essere lui il mediatore in
clc vMo dalla resunezione alb glori a ce· senso assoluto. Senza vola tilizzare o sva·
les te, di cui si atte nde con ausia la ve- lorizzare la vita te rrena d i G esì1, egli
nuta per l'istaurv.ione del regno di pose al centro la croce e b resurrezione
Dio 91 • L'origine del cristianesimo sa- in modo ancor più esclusivo di q uamo

•1 Lo contesrn a to rto - > VoLz, l s. u,rs,. 92 D.A. FRO VIG, Der Ky1·iosgla11be //es N.T.
" Contro l'opinione di l.X1usset, in parte diver- 11nd das Messiashewusstsein ]eru !BFTh 31,2
gente, cfr. P . W El\NLC, Jesus t1nd Pa11/11s: [1 928 l J. .
ZThK 2, ( 1915 ) Xss.
µE<r(n)<; xù. E 2 (A. Ocpkc)

non fosse avvenuto fino allora. In que- caduta , tutta la religione on1ologic:1 di
sta duplice azione divina s'è compiuto il redenzione. L.1 redenzione non consiste
passaggio dall'antico al nuovo eone. Il nel fatto che l'uomo prende coscien.
battesimo consente la partecipazione al· za di ciò che è divino nel suo essere,
l'atto che ch iude l'era antica e inaugura ma nel fatto che viene redento. Adamo
queUa nuova e che è compiuto fonda- è solo un mediatore dì rovina. A lui si
mentalmente nel mediatore (Rom.4,25; oppone Cristo , che ha una funzione to-
6,1 ss.). Il compimento ultimo è soltan- talmente diversa ed è mediatore di sai.
to questione di tempo. Però Paolo pen· vezza in senso rigoroso. Non l'uomo ce-
sa anche a.I Cristo p reesistente, che pren· leste fuori del tempo è mediatore, ma
de parte a Un creazione (I Cor.8,6; Col. il Figlio di Dio, divenuto uomo ed en-
1,16), probabilmente sotto l'influsso trato nella storia. Quando la gnosi bat·
dell'idea veterotestamentaria di sapien- te. alle porte, sorgono concezioni che in
za. La fede nel Kyrios (~V, coli. 1468 qualche modo vedono realizzata in Cri-
ss. ), benché derivaca dalla comunità pri- sto la posizione media della divinità nel
mitiva (1 Cor.16,22), è ora accentuata cosmo {~ coli. 107 s.). In lui l'univer-
in modo antitetico ( 1 Cor.8,5) e di con- so è compendiato (ò:va.xtcpa.Àa.~Wo"a.<1·
seguenza sviluppata con più forza ( ~ i)a.~, Eph.1,10) e pacificato (&.1toxa.-.a.À-
o~a. li, col.913; Èv m, coli. 569ss.). M.l;a.~. ElpT)VO'lto~T]qa.ç, Col. I ,20 ). I n
Pure nuovo in Paolo(~ I, coli. 379 ss.) lui abita tutto il divino (~ nÀ-i}pwµa.,
è il parallelo fra Adamo e Cristo (Rom. Col.1,19), cosl che egli tiene unito l'u-
5,12 ss.; r Cor.15,22 .45 ss.), nel quale è niverso e lo riempie con la sua vita
improbabile che si tratti scmplicemence ( 't"ov ·çà mi:.v-.o: tv nO.O'w n).11povµt\vov,
d'una modifica dell':mtotesrimonianza di Eph. 1,23). Ma il pensiero di Paolo
Gesù quale figlio dell'uomo. Piuttosto, cimbia corso in modo estremamente si-
oltre le speculazioni giudaiche su Ada- gnificativo: il corpo universale che Cri-
mo, vi ha forse influito, almeno in- sto governa come capo, il pleroma che
direttamente, anche il mito sincretisti- egli riempie da parte sun, non è, nella
co dell'uomo primordiale {~ coli. 119 sua piena espressione, il cosmo, ma la
s.). Ma l'applicazione che ne fa ora ~ txxÀT)O'la. {Eph.1,22). Mentre nel
Paolo è di natura opposta e, in quanto paganesimo la mediazione soteriologica
tale, nuova. P er Paolo Cristo è sempre deriva dalla realtà cosmica, il rapporto
l'ultimo Adamo. Ciò vuol dire che è nella gnosi cristiana è quasi opposto.
spezzata l'identificazione mistica fra me- t vero che in principio sta la 1nediazio-
diatore di sa lvezza e mediatore di ro- ne cosmica dcl 1tPW't"6-roxo<; 7t6:0"'11ç x-rl-
vina, la volatilizzazione panteistica del cm..iç, «primogenito di tutta la creazio-
contrasto fm Creatore e creazione de- ne» (Col.r,15 s.) e che alla fine si deve

'I
161 (IV,'11/) 11c<r(·n1~ x-.>... ~ 2 (A. Ocph~) (11•,628) 1(>l

attendere la rivelazione, cioè la glorifì. coli. 9 19 ss.). Non è pii1 possibile distin-
caiicinc cosmica di Cristo e dci suoi guere il Gesù terreno da quello risorto.
(Co/.3,4), ma nel mezzo stn la storia, Nella teologia giovannea si contempla
con b caduta nell'abisso, il suo para- la figura del mediatore partendo dalla
d osso e il suo processo di separazione. fede pasquale della comunità.
L'I tendenza non è di for dipendere la
e) Gli altri scritti neotestmnentctri.
salvezza dal cosmo, ma il cosmo dalla
Fra gli :1liri scritti d el N.T. solrnnto h1
salvezza 93 •
Lettera di Giacomo lascia alquamo in
d) Il V angelo e le lei/ere di Giovan- ombra l 'idea di mediatore. Ciò dipende
ni. La teologia di Giovanni è pervasa dal carnuere particolare dello scritto.
ancor pitt dall'aspirnzione n far vedere Ma questo, nella sua forma attltalc, de·
in Cristo il compimento d'ogn i media- ve interpretarsi ammettendo che ciò che
zione, benché la parola non ricorra. Vi in apparenza manca vi è invece tacita·
echeggiano motivi so rgenti da tutta l'e. mente presuppos to. Circa gli altri scritti
sigenza religiosa dell'ambiente che ciI- non vi possono esser dubbi. La Lettera
conda l'evangelista. Ma, come la gnosi ngli Ebrei si serve <lei concetto di me-
paolina eleva Cristo sopra rutti gli coni diatore, anche dove non usa il termine,
e 11tttibuisce alla sua funzione di me- per far vedere che la Chiesa è il popolo
diatore il carattere di assolutezza (Col. di Dio dell'era salvifica 9s. La prima Let-
2 ,3 ), così Giovanni oppone a tutti quel- tera di Pietro si apre col ricordo dell':i·
li che si offrono come guide verso Dio spersionc col sangue di Cristo e del rin-
(/o.10,8; .5'43) quell'unico che è la via novamenro del mondo per mezw delb
e la verità e la vita (Jo.14,6)"'. Anche sua res1trrezione dai morti ( 1,2 s. ), esco-
qui l'idea dcl mediatore culmina nel- pre per questa via l'elezione :intitipica
l'intercessione (Io.17; r lo.2,1) e nella della generazione santa, regale e so..:cr-
morte (ro,u; 12,3 2; r7,r9 e passim), dotale (2,9). Ambedue gli scritti sono
il cui valore espintorio vien sottolinea- formalmente imbevuti, sia pure con cer·
to particolnrmente dalla prima lenera re diversità nei partico lari, dell'idea di
( r Io.1,7; 2,2). Anche qui è chiaro il mediatore. La Lettera di Giuda e la se·
collegamento con Jr.53 (Io.1,29; ~ I, conda di Pietro sono già più lonrnne lb

93 H. ScHLIER, Cbris111s 11111/ dia Kircbc im E- The. Gospel o/ tbc ffellenists (1933) 370 ss.
phcsrrbrief ( \<J }O).
9' A. 0EPKF., D11s Chris111szc11gnis des johan- oS Cfr. -> KXsEMANN, che però 1>ar1e trop)>O
11escvangelit11ns: Sachs. Ki rchcnblatt NF .t unilateralmente dalb gnosi e , malgrado la com·
( r937) 252 ss .; R. 13ULTMANN, Das Joh.-Evang. prensionc che dimOcltra per il carattere parti·
(r937 ss.) a i.r ss. I paralleli fra lo. e Epb. culare dcll'evangelo, non considera <i1fficiente-
sono •·saminoti acu1amencc <la B.W. BACON, onentc i contesti biblici.

•t........ , .......4 . \I•


µ<at:'ttJC; ><Ù. F (A. Oepke)

quesco carattere ong111ario. Però pto- Dio che si dona in quelln pienezza di co-
prio le loro formule dogmatico-liturgi- mwiione a cui noi siamo invitati senza
che mostrano che l'idea d i mediazione riserve. La rivelazione del N.T. non si
si è ormai fissata nella fede della Chie- lascia inquadra re in uno schema genera-
sa, cosa, questa, che presentava qu alche le della storiJI delle religion i. Essa è nuo-
pericolo (ludae 1.4.17. 21.25; 2 Petr. va e indipendente, ma nello stesso tem-
1,1.2.8.u; 2,20; 3,18). P er l'au tore po realizza pienamente l'idea di mc-
dell'Apocalisse Cristo è il leone della dia tore.
tribù di Giuda e l'agnello immacolato,
che realizza nella sua persona, unifican- P. LA CHIESA
doli in sé, i due ideali opposti della po-
Se la stessa rarità del concetto di 'me-
tenza e dcll 'umiltà. Egli solo ha il pote- diatore' nel N.T. è sorprendente, ancor
re di aprire i sette sigilli del libro, cioè più fa meraviglia la mancanza presso-
d'incendere i segreti del governo divino ché totale di esso nell'antica letteratura
crisùana. Comunque µtaL'tElcx. si trovo
del mondo (5 ,5 ss. ). Su lui vengono tra- in senso tecnico in act. Andr. 2 (Bon-
sferiti, reinterpretati, i rap?orti simbo- net 38,25), a indicare la mediazione
lici prima inresi in senso cosmico, co- di Cristo. µE<Tl-tT)<; torna una volta in
me il numero settenario dei pianeti ( r, Cl. Al., paed. 3,1,2,1; -tò i}fl...l)µ.a -toii
1tCX."'tpÒ<; ò fLEO'l'tT)<; tx-ttÀ.EL. ~al't1)<;
I 2 ss. e passim), le dodici costellazioni -yàp ò Myoç ò xowòç aµq>OLV, fiEoii
dello zodiaco (21 ,24), lo splendore del µÈv vt6ç, crw'tl)p & àv~fiW1tWV, «il me-
sole, della luna e della stella mattutina diatore compie la volontà del P adre;
mediatore infatti è il Logos comune ad
(12,1 ss.; 22,16) . Cristo non sta solran- ambedue: figlio di Dio e salvatore de-
10 al centro del cosmo, ma guidn anche gli uomini» . n concetto è qui spieg!'llo
la sua comunità da un'era cosmica ad con l'aiuto di u n detto di Eraclito, ci-
tato inesattamen te, che ha originaria-
un'altra. men te un senso razionale-panteistico:
Così la religiosità neotestamentaria è ii.vftpW1tOL fteol, i}eot livì)pw1toL, Myoç
tutta ed esclusivamente orientata sul- -yà,p a1hot.;, «gli uomini sono dèi e gli
dèi uomini; infatti essi hanno in comu-
l'idea di mediatore; certo non nel sen-
ne la ragione• (dr. H eracl., Jr. 6:i. [ 1
so che al di fuori del mediatore non 164, 9 s., Diels' ] 96 . µEC1L'tEVEW ha un
resti spa2iO per altre testimonianze di annlogo signi6cnto teologico in Cl. Al.,
D io e altri conta cri con lui ( ~ v, coli. pro1.12,r 22,3: µ raLuvov-toç ·roii 16-
yov. Si tratta di testimonianze isolntc.
i 43 ss.}, ma solo che nel mediatore che Trarre delle conclusioni da questa ca-
è Cristo si compie l'offerta decisiva di rem~a sarebbe non meno erra tu che n

96 Cfr. inoltre Lact., ùut.4;i,, che mantiene il tius Latinilalis uxicon I V (1868) 74. Signif•
termine greco. G li autori latmi , come T ~rwl­ cativa è l'etimologia i n~udita dell'Etym.Gudia·
liano e Prudenzio, si servono di mediator. Or. nr1m (ed. STuRz 388,1~): Mtaiac;, 6 Xp~Q'-c6c;,
A. FoRCELLIN•·J. F lltLANETTO.V. De VrT, To· 1tllpÒ; 'tÒ µÉQ'Oç.
11<0'0't••xov (C. Schneider)

proposito dd N.T. !?. certo che µEo-l- diatrice. La teologia della Riforma inve-
-rl]<; non divenne subito un concet- ce ritornò oll'idea del!' 'unico mediato-
to centrale della dogmatica. Molto più re', Cristo (per es. Con/ess. Aug. xx).
efficaci furono invece altri titoli di Cri- Non a caso nel secolo XJ<, quando, dopo
sto, come xvpLoc;, e quelli riassunti nel un periodo di pensiero a indirizzo libe-
pesce simbolico: ilEoii ul6c; e o-w-c-i}p. rale e razionalista, la teologia ritrovò il
Forse il concetto di mediatore non sem- contatto col messaggio biblico della Ri-
brò opportuno, perché onerato da pre- forma, il termine 'mediatore' divenne
cedenri profani e giudaici. Nel cattoli- un simbolo di questa nuova coscienza VI_
cesimo è la Chiesa coi suoi organi che
assume ampiamente una funzione me- A. 0EPKE

Il neutro 1.1.to-6-i:oLxov, o il maschile Nel N.T. il termine s'incontra unica-


µEO"o"toLxoc;, sono stari finora riscontra- mente in Epb .2, 14. Il passo non è del
ti, olrre che in Epb.2 , 14, solo in Hesy-
chius, r .11. xai:ijklji, in due iscrizioni tutto chiaro, ma stando al contesto ge-
di Argo' e Didima 1 e, in senso trasla- nerale, 'tÒ 1mr6't'otxov -rov (Jlpdyµov si-
to,· in Eratostene di Ci rene presso Ate- gnifica certamente la parete divisoria
neo, 7 ,14 (p . 281d): -ròv i:ijc; Ti&ovijc; xat
<ÌpEi:ijç µicrb-coLxov, «b parete diviso- del recinto che esisteva fra Dio e gli
rio fra il piacere e la virtù». L'aggetti- uomini. µE0"6'tOLXOV vien qui chiarire
vo µEcroi:oLxoc; trovasi in P. Amh. Il 98, meglio da E'xì)pa, «inimidzia», e Q>PctY·
8 5.: òµoÀoyw TIE1tpC1XÉVC1L CTOL... oi-
µ6c; da v6µoc; -rwv t.v-roÀwv, «legge dei
xiav xat -i:i}v EVOWC1V ctvÀ'Ì}V Xat fjµL-
O'U µÉpoc; -rwv µ.woi:olx<.llV (IJ.€ao·n'.ixwv?, comandamenti». In quanto Cristo eli-
lettura incerta) oixLwv, «ammetto di a- mina il v6µoc; i:wv Èv-i:oÀwv con la sua
verti fatto una casa e l'atrio interno di incarnazione e morte, vien tolta di mez-
essa e la merà delle stanze intermedie)}.
È un composto in prevalenza ellenistico: zo l'inimicizia fra Dio e l'uomo•. Mal-
parete intermedia, parl'le divisoria3. Nei grado le reminiscenze delle barriere del
LXX non è usato. tempio 5, dei muri della legge che di-

97 Cfr. le opere di -> BRu NNl!t e -> KONNl!Tli. btmgen. AAB ( 1911) 56.
µe0'6't~XOV
3 Nel greco modcmo si ha solo µe<r6't'o~xoç.
4 Tuui gli argomenti in favore sono riassunti
L•DDf!LL·ScoTT rro8; PKEUSCHEN·BAVER 798;
da l!AUPT, Ge/br., ad I.
' 84 1; \VJIJ( &GRIMM 2;9.
S Flav.Ios., bell.) ,19 3 s.; ThTT., Or. 11198. Dr-
1 BCH 33 (1!>09) p. 452, nr. 2>,16. DELIUS, Gefbr., ad I. si chiede gius1<1mcmc se
2 Siebenter vortiiufi11,er Dcrtrht iiber die ... In avessero potuto c~pirc questu allusione i lei·
Ali/et und Didyma 11n1emo111menen A11rgra- tori <li Efeso.
jU"<111.u:ÀoµaL x"tÀ. (0. Micbel)

feodono contro 1 pagani 6 e dello chiu- passo al conrrnsto fra Giudei e Greci, e
sura del gherto 7 , è certamente impro- ciò a motivo Jei vv. 16 e 17 '·
babile, anù impossibile, riferire questo
CARL SCHNJl.IOER

M€<1crla.ç ~ XpLcri:6ç p.E't<XXLVÉW ~ v, coli. 485 s.


µe:i:af3alvw ~ n , coll. 27 s. µE-caÀcxµ$0:vw, µti:aÀ'IJ1llj/~ç ~ v1,
µe:i:aìkcrn; ~ i:lmiµL col. 37
µnaxaÀtoµaL ~ rv, col. 1478 µEi:a.ÀÀ!io-crw ~ 1, coli. 695 s.

I. ~IE-Ca.VOEt\I e µt-.aµfÀ.EtroaL sono verso una cosa (µÉÀEL = mi sta a cuo-


diversi ua di loro nel greco cfassico, in re). Però un contatto o :mche una so-
quanto ~ µE-ca.voEtv indica un cambia- vrapposizione dei due concetti è molto
mento di idee in generale o riguardo a facile, perché un cambiamento di giu-
un peccato in particolare, mentre 1.u:- dizio spesso riesce duro. Il deponente
i:aµ.ÉÀE<lÌ}aL significa soltanto sefllire passivo è attestato da T ucidide in poi.
ri11çrnçimc11to, pentirsi 1• µt-cavoEtv in- Di Democrito è riferito il detto: µE-.a.·
dica l'atto di chi, ripensandoci, ha ap- µÉÀE~<X é1t' ai.o-xpoi:<rw ~pyµacrL ~lou o-w-
preso a giudicare (voiic;) diversamente -C'IJpl'IJ, «il rincrescimento per le azioni
di una cosa; µri:aµ.ÉÀEtro<XL indica piur- indecorose è la salve-aa della vitu
rosto il sentimento diverso che si prova (/ragm. 43 [II 155,13s., Diels']) 2• La

b ep.Ar.139: Mosè circondò Israele àou:.txi). Uibd); E.K. DlETRICH, Die Urnkobr (Bckdr
no.ç xii:pa!;L xat cnOTJpoÌ<; "<fix=v, o.con pali runi und Busse) im A.T. 1md im Judentum
dn non porcrsi scalfire e muri di ferro•; cfr. (1936); H. PoHLMANN, Die Metanoia a/s Zeri-
anche ep.Ar. ·142. lralbegri/J der christlicben Frommigkeit
1 EwALo, Ge/br., od l. ( 1938); J. SCllNIIZWtND, Evangelisthe Meta-
1 f: ccrt:tmemc assurdo pretendere che l'osti- noia, in: Bekennen<le Kirche, lldc 25 (1935);
li1iì fra Greci e Giudei possa essere eliminat.1
O. MICH&L, Die Vmkthr nach dtr Verkii11di-
con l'abrogazione dello legge quale vin di sal- gung Jesu: E v. TI1col. 5 ( 1938) 403-414.
vezza . Tuuo il passo è invece impostalo sul
problem~ di un np;>o1·to nuovo dei gentili con 2 A questo proposito -4 N oROEN !36: «qui esi-
Dio. stono due possibifaà: o que<ea massima (che
non uovasi in Sro~-o) non è di Democrito, op-
llE"<aµO.oµaL x"t }•. pure, se essa è autentica, deve aver preceduto
1 SulLi bibliu1;cafia dr. E.F. Me-
Trn>MPSON, un'evoluzione concettuale duro.to jnteri seco-
w.voÉw und µE-r«1Ji),~~ ùt Crt·ek Literature un- li•. --.' ]AEGER 590: «La polemica degli stoici
til ioo A .D. (Diss.Chicago[ 1908)); H.J.lfoLTZ· con il'O la µE"<iivol(X, che trovasi in parecchi RU·
MANN: ThLZ 33 ( 1908) 45!)-400; Wnm1so1, 1 tori, è, a mio parere, un segno dcl di!{ondcrsi
Kor. 129; PREUSCllEN-BAUEl!.1• s.v.; HllLBING, di un tipo di etica, per la quale questo con-
Kasussyntax 112; TRENCll 167 ss.; E. NORDEN, cetto aveva jnvece un gri'nde valore». Cfr. I•
Agnosios Tbeos (19q) T}4 ss. ; W. }AEGER: semenza di Democr.,/rai;43 (Il 155,13, DrnLs')
GGA 175 (1913) 569-610. Wie:BER 3r6-321 (1•- e Ccb., 1ab.104; u ,1; 32,2; HA·
11na11ÉÀ.011cr• X'tÀ.. (0. Miche!)

l>E'tcivoLa e l'affine µE'taµO..ncr sono co nuovo, dovuto agli insegnamenti dei


frequenti nei classici, ma - come inse· cinici e dci pitagorici. Una nuova idea
gna questa sentenza di Demt)Crito - di colpa e l'appello a penrirsi penetrò
non vengono intesi in senso esclusiva· allora in vaste cerchie popolari. In epo-
mente intelletruale; sono ptli valutate ca posteriore i due termini µs"t a µD . o-
d iversa mente e spesso neuamente re- µa.L·µE'ta.µH.u a ricorrono in Plut ., ser.
spinte. Per Platone i:apo.xi) e µti:aµ É· m1m.pun . .3 (n 549c); tranq.a11. 19 (II
}..na sono due sintomi affini di una ma- 476s.); apophth.22(II178s.); gen.Socr.
bttia dell'anima um:rna: Y.al ·~ 'tupav- 22 ( 11 592b); Ceb., tab. 35,4; Philo,
vouµiV'T) ii.po: '1Nx1) l)XLC1't0: 'itOLlJITEL ii spec. leg. t ,242; il decreto delle citlà
li'I ~ouÀTJl>ii. wc; 'ittpl oÀ.TJc; ditt~v ljftJ- greche, DiHcnberger, Or.~;;8,10 s.: o É·
x:iic;. imò OÈ 0(11-rpou cht t}..xoµÉVTJ ~lq. IJ'H'll 'ltÉpru, xat opoc; 'tOV p.na.µl>.Et7l>m
i:apa.xiic; xa.t µi:i:C4L'Àdac; µi:cniì fo- e BGU IV 1040,20. Il sostantivo fl<·
'tO:.L, «C l'anima tiranneggiata non farà •àµEÀoc; trov:isi anticamente solo in
affatto quello che vonà, se si pa rla del- T ucididc e poi in età ellenistka (V :tr·
l'anima intera; ma tormenta ta sempre ro [ed. Biicheler, 1922)), sat.239: Me-
e violenremente da un pungolo, essa sa- lamelos Inconstantiae /ilills). O ltre a
rà piena di confusione e Ji rincrescimen- 11.:'ta'IOE~'ll e µE-.a.µ.ÉÀEO'~a.L, è du nota·
to» (resp.9,577e). A ciò corrisponde re anche µE•a.aa}..>..iata.L, che è in teso
quanto Aristotele dice dello C11tou- anche in senso intellettualistico ( Tsoc.
lìa.foc; àvi)p: esso è àµEi:cxµ.ÉÀTJ't~, 8,23; Eur .. Jo11 x6r4).
«non ha rincrescimenti» (eth. Nic. 9,
4, p. u66a 29). Per Aristotele la µE- 2. Nei LXX t roviamo, dc!!" stesso
i:a1..1iÀna è un segno di mancanz;i di gruppo di p11role, µ~>«µtì-.~~ ('Jm, e
coerenza interna nel pensare e nell'agi- 11{m1 in forma nif al), µti:ciµEÀoç (4
re, dovuta a un cambiamento di senti· Bau. J,27i Prov. II,3; ;Mach. 2,24:
menti dell'uomo circa una cosa (µti:a - ovlìcxµWç Etc; µt'taµEÀ.ov i]MEv) e una
1.1ÉMLa, presa in senso etimologico). Si volta anche µE-ra.µÉÀ1'L<X ( 01.1 1,8) •. È
c:tpisce cosl perché 11li stoici polemizza- senz'altro possibile usare l'ardit3 C$pres-
no coniro In µc"'<ocµÉÀ.t~Cl e la µe-.:civo~cr; sione che c Dio si pcnd»: I Bcc..,-. r,,3.:i:
(µE"ta.µÉÀ.ncx in quanto 1tci0oc;!) e per- xat xupLoc; µE'tEµEÀTJ~TJ. «e il Signore si
ché la nostrn idea di pentimento sia pentl»; anche 1 Chron.21,15: doe'll xv·
propriamente estranea al greC"o cbssi- pLoc; xat llE'tEµt },,i)lh1 È11t 'tTI xcxxl~. «il
co 3. Forse µE't6.VoLa e 1JE'tC1.l>ÉÀELC1. han- Signore vide e gli dispiacque dcl male
no t rovnto più tardi un interesse eti- (compiuto)»; ili 1 o5 .45 : x<Xt ɵ 'liiatTJ

J C(r. VUN ARNIM, s.v. µE'taµlMta e ... NOR· è certameni e da inlendersi nel sen.<o di 'cord~
DCN 1H·140. La µt"Tttvo\.Cl è comb:mu1a e con- glio'. Il •-ocabolo ha b s1esso senso in Prov.
cfanna1• come ~~e, in EpillctO, M . Anmnino II,3, dove il T..M. suona: tu111ma1 fJiirlm ta11-
e Ario Didimo; dr._. JAF.CER ,s9. !Jé111 w"re!ef bogdim w•Jaddèm: «l'innocenza
dei gius1i li guida e la falsità degli infedeli li
• 1 Rc1,. , ,27: si parla di qejc/, irn. All'inizio porta a rovina• . Nella prima metil dcl versetto
il tema del discorso era l'iro del dio Camos che i LXX pensano a n1U1, 'n1or-ire', e a ni!Ja111, 'pc:n~
costrinse Israele a rilirarsi quando il re d i tirsi', e scrivono rcrciò: 6.nol)avwv olxmoc;
MO'<lb r,li offri il figlio in sacrificio. lsr.cle pen- fl..Lmv ~LE'tttµEÀ.O\I, '!tPOXELpoc; Sic ylvE'tClt x«t
sav• invece all'ira del popolo contro il sacrifi- iitLX«p'toc; 6.0-E~v 6.11wÌl.tl.<1, «quando il gju·
cio umano. Anche i LXX in1erpre1ano il testo Slo morì si lasciò dietro il cordoglio; la rO\•ina
s«ondo l'atrcggiamento psicologico d'Israele. degli empi invece è presa :tlh lq;gcro c l'CCll
Essi sostituiscono q•!cf con µt't~EÀ.c<;, che p iacere•.
11• (tv,631) (lt"<aµH.011a• x-rÀ. (0. Michel) (IV,631) 172

•Tic; o~cxl>iix11c; av'tov xcxt µE'tEµ.tÀ.iiDTJ sua volta, la condanna e punizione di


X<1't'Ò: 't'Ò 'ltÀ.Tjl>oc; 'tOV É°Mouc; O.Ù'l'OV, «Si Dio non è separata dalla sua bontà e
ricordò del suo patto e si pcntl secondo misericordia, ma è da essa inquadrata.
la sua grande misericordia»; 4' 109,4: Ogni pentimento di Dio realizza dun-
WµocrE'll XÙp~O<; Xcxl OV µ.t't'CtµEÀ. l]l}lJCl'E- que una possibilità preesistente. «Ogni
'tO:~, «Dio ha giurato e non si pencirìi"; amore è un superamento, una rinuncia,
Ier .20,r6: o:l it6À.uc;, iic; xcx•ÈCT'tpeijlev una dedizione, proprio per colui che è
XVptoc; È\/ ÌhiµQ Xett OÙ µ.t't'EJJ.EÀ.1)l)1], «le superiore alla persona amata; e ciò è
città che Dio ha dimutto e non se n'è vero soprattutto per la grazia di Dio» 6 .
pentito», ~ IV, col.437. Pregando Dio, Questa tensione fra giustizia e grazia,
Amos si aspetta che egli ascolti la sua elezione e condanna, nell'attuazione sto-
protesta: µE'\'<1\lbT)O'O'I, XVptE, lnt 'tOV- rica dell'azione salvifica divina vien man-
't<!>, «pentiti, o Signore, di questo!» tenuta pure nella coscienza del iardo
(Am.7,3.6); e in realtà Dio cede all'in- giudaismo. Dio è il giudice ed è il cle-
sistenza del profeta (nipam jhwh). L'A. mente; in quanto giudice si chiama Elo-
T. suppQne quindi che esistano parole bim ed in quanto clemente Jahvé 1• Il
e atti in cui Dio manifesta il suo ' penti- giudaismo e il cristianesimo delle origi-
mento' (µe -raµeÀ.Et<Tl>cxL, µ.t'tCX\IOEi:V = ni si distinguono nel modo di intende-
nipam ). D'altra parte esso stesso si Op· re questa tensione. Quando l'A.T. af-
pone acché la serietà con cui annun- ferma cbe Dio non prova o non ha pro-
zia il giudizio divino non soffra per vato pentimento (Ps. II0,4; Ier. 4,28;
questa affermazione: Dio non è co- 20,16)', con questa negazione intende
me un uomo, che pot.r ebbe pentirsi del- sottolineare la stabilità e fedeltà di Dio.
la sua patola (N11m.1>.19; 1So.m.15, Nessuna umana contraddizione porta
29; Ier. 4 1 28; 20,16; Zach. 8,14) 5. Il al fallimento della sua impresa; fa vo-
'pentimento di Dio' non è dunque Af- lontà di Dio raggiunge il suo scopo.
fatto un arbitrio, non è l'eliminazione D 'altra parte, quando il pentimento
del giudizio divino, né un· falso ~ ­ è attribuito all'uomo, non può discono·
more per gli uomini; anzi la serietà scersi la sua distanza dalla penitenza
della giustizia divina è confermata e as- ( µno.vot~v). Anche i LXX, tullavia, ri-
sicurata dall'annunzio del divino penti- sentono della tendenza ellenistica a i-
mento. Le parole dell'A.T. sul penti- dentificare JJ.E-raµfawltm con µei:cxvo·
mento di Dio indicano una doppia pos- Etv (dr. Jcr.4,28: où µ.t•avo1)0'W, e 20 1
sibilità: a) Dio ripudia, malgrado la gra- J6: xat où ~'t'E(JEÀ:i}l>T) ). Il pentimen-
zia e l'elezione precedente ( r Sam. r 5, co non è necessarimentc nemmeno un
3 5 ); b) Dio ridona la sua grazia e mise- sentimento gradito a Dio, ma può an-
ricordia, malgrado la condanna pre- che indicare un semplice cambiamento
cedente (rChro11. 21 115; Ps. 106 145). d 'umore ( Ex. 131 17; rMach. n,xo).
Quindi la grazia di Dio comporta sem- Molte volte esso è il risultato di un'a-
pre la Possibilità della sua ira, l'elezio· zione imprudente e illecita (Ecdus 33,
ne di Dio il pericolo di un ripudio. A 20; significativa la frase µEi:aµEÀ.Ei:crl)cx.L
'
~

s t importante 1 Bttcr. 15, 29 : xaì oùx CÌT«> 7 Leu. r.29,9 s., a 23,>4;
S. De111.2i a 3,24; per
wc;
Cl"tpÉ\jlEI OÌl5è µE'ttt\/O'f)cru, 1)-,:1 OÙX èi\IOpw- il problema vedi anche WllnER 114. E.SJOBERC,
néc; ltri:•v 'toii µaavoiicraL aòi:o~. Gott 1md die SUnder im paliisti11iscben /11de11-
tum = DWANT rv 2.7 (1938) 6.(1 ss.; R. SAN·
6 W. L iiTCERT, Schiip/1mg und Olfenbarung DER, F11rch1 zmd Liebe im paliistinischcn J11-
(1934} 392. dentt1m :::: BWANT 1v i6 (1<n5).
µt"<o:µi>. owu. xù. (0. Michcl} (1v,632) 174

bt'Èa xrh:wv in Prov.5,r 1; 25,8). Nel stezza ... e rincresci mento delle azioni
pentimento (11E "tCX.µE "ì.E~O"Dcx.t) l'uomo compiute» (a111.i,108); À.t11t"T\ -i:wv 1tE·
sente b lìnc amara del peccato, nella pe- 1tpGtyµÉvwv ... xcx.~ p.nai.u>..oc;, «dolor
nitenza (IJ.E'tCX.VOE~v) se ne libera; al pen- degli atti compiuti ... e rincrescimento»
timento egli arriva da sé al termine del (t111t.8,36 2). Interessante è uno scambio
suo cammino peccaminoso e insano; al- di µE-ta..µ €À.ELa.. con µE'tciVOLG.. in beli. I.
la penitenza è chiamato invece dall 'ap- 81: i} mpt -coli µ~ove; µE'to.µtÀ.na.. «il
portatore della d.ivin~ p3rola (µn avo- rincrescimento dell'odio» , e in ant.13,
t~n, .Mc.1,15). .314: -ri)c; tXOEÀ.<(>OX'tO\l~CX.ç lt:~:l.\•?'.G.., «il
pen timcnto del fra cricid.io». Riferendo
3. Anche nella letternwra e llenistica il ripudio di Saul, di cui parla l'A .T .,
µE'tcXVOLGt e µt'tcx.µ0.EICX. (o µE'tcilJ.Ùoc;) Flavio Giuseppe usa questi termini :m-
ricorrono spesso insieme, talvolta in di- che a proposito di Dio (µnavoEiv ... l!\t-
zione sbiadiui con lo stesso senso; cal- ye, ant.6,143; oTj}.oç 'ljv µE'tGt!JÙÒ!J.E·
volra invece sono separati 8 • f.U'tcXVOLCX. è voç, tmt .6,145).
il termine della s inagoga e della comu-
nità ( = l'sub/i ), µe-c«µiÀ.ELCX. (µE'taµE· 4. Nel N.T. µn«µiuO"na~ si riscon-
À.oc;) è un 'espressione della letteratura, tra solo in Mt.2r,~o.32; 27,3; 2 Cor.7,
della filosofia e della domin a sapienzia- 8 e Hebr.7,21 (citazione d i ljJ 109,4 );
le in genere. Del resto anche nel pen-
siero biblico µ E'tavo1cx. può assumere a ciò si aggiunge però l'aggettivo &:1,.LE-
un senso più ampio, come insegna Hebr. •cx.µiÀ1]'toc;, usato da Paolo in Rom. r 1,
12,17 9 • Per Filone la l,.LE'tcx.µD..no. è già 29 e 2Cor.7,10. Sono frequenti, inve-
presupposto e garanzia del perdono dei
peccati (spec./eg. I ,242: O'tL àµcx.p't1]µci - ct:, 11E'tGtVOE~\I e µn<X.volC"t. µE"t a..µtÀ.E·
'tWV El<rÉp)';E'tCX.L µe-.aµlÀ.E~Gt t"ì.tw i;òv cri>GtL ricorre due volte nella parabola
DEòv i1xouaw, «poiché subentra in essi di .Mt. :u,28-32: il figlio che ha oppo-
il pentimento dei peccaci, hanno Dio in
loro favore»); però trova nsi in lui an- s to un diniego alla richiesta del padre
che µ c"<<XvoL<:L e ~"<o.voi~v (leg.a/I. 3, si pente della risposta e va cguahm:ntt:
106: ò DEb<;... oi.owai. xpovov ti.e; IJ.E"ta· nella vigna (i,.LE•GtlJ.EÀ.lltMc; ò:ni)ÀDEv ).
voLcx.v, «Dio concede tempo per il pen-
I pubblicani e le meretrici credettero in
timento», e sorn. l,91: -tb µE"tGtVOE~'J
cioE"ì.<i>òv vEw-cEpov lìv 'tou µ110 '0)..wç ò.- Giovrumi, ma i capi dei sacerdoti e gli
µ.ap-i:E~v cinolìlXE"tGtL, «concepisce il pen· anziani a· questo spettacolo non s i mv·
timento come fratello minore della com- videro e non credettero in lui ( ov&t µE·
pleta innocenza» ). Forse anche Flavio
Giuseppe sa che µE"tavoLcx. e più che -.eµù1Jll"T\-i:E vO"-ttpov 'toii m O"-i:t\iO"cx,t
IAE'tGtµÉÀ.ELa..: «Accanto alla µE"tciVOL(X,, aù-r(j> ). La formulazione del rimprovero
il mutamento della volontà, sta il in 2 1 ,32 vuol certo richiamarsi alla pa-
µnaµùoc;, il pentimemo, di cui l'uo-
rabola stessa (µncx,µEÀ.l)i)E~ç. 21, 30 ). Il
mo soffre incolpando se stesso» 10. So-
no tipiche però le frasi: xa.'ti}(j)eLCX-... figlio ha cambiato il pensiero (non
xcx.l -twv itpayµci-cwv µti;ciµeÀ.oc;, «tri- nel senso religioso), i capi del popolo

I Anche ~tt-i:ò:voLCt e 1.uo-co:voti:v cambiano di ' Clr. su ciò Rloo~BACH, Hebr. 407·4W.
significato nell'clleoisol(>: v. W1No1scH, 2 Kor.
233 s., dedicato a questo ~'Oncetto. 10 Sc11urrER, Theologic dcs /lldenlums 147.
JtL"<111ui).oµcn xù. (0. Michcl)

giudaico invece hanno mantenuto il lo· l'ossimoro : f.l.E'Trivoto: ò.1.1.e• o:µÉÀTJ• oc;, 7,
ro rifiuto. li rimprovero oùoÈ µE>tµE- 10). Ciò che proviene d:i Dio n~m com-
). Ti Dryn iio--t E? ov intende riferirsi al porta infatti pentimento.
concreto riliuw dd messaggio e della Mentre il pentimento umano ha qui
persona riel Battistn. l.tE>o:µiÀ.ecr Oo:t in il carattere d'una riflessione naturale,
.Mt.2 t ,30 e .F non (; dunque identico setlZll contenuto di fede (µ E"t'o:µiÀ.E-
a IJ.E""tO:Voti:v 11 • Quando Giuda vede che crOo:~, 7 ,8 ), il vero cambiamento di sen-
Gesù era stato cond~nnato, ne ha rimor- timenti (µe-tiivota, 7 '9) è un effetto di-
so (µno:µtÀ.11~ti:c;, ;27,3) e riporta i tren- vino che avviene nonostante il dolore,
ta sidi. Anche qui il testo parla di rin- anzi proprio nel dolore ha luogo. Da
crescimento, non di penitenza. Giuda si qu es ta penitenza sorge una salvezza ( 7,
sen te colpcvok per la sua azione e cede 10) nuova e una nuova vita {7,u).
sono questo pc.-,;o; il suo pentimento In Rom. rr ,29 Paolo definisce irrevo-
(Mt.27,3), come yuello di Esau (llebr. cabili (à 1.u:-taµiÀT] "<O: ) i doni (xo:pi.aµo:-
12,1 7), non ba la forza di superare l'ef- -co:) di Dio e la sua chiamatn (xÀ:~cnç).
fetto distruttivo del peccato. «Però nel- Il suo sguardo s'innalza al piano immu-
b coscienza giudaica :il pentimento va tabile secondo cui Dio realizza la sua
indissolubilmente congiunto l'obbligo di volontà salvifica, malgrado la d isobbe-
resti tuire il mal toho» (cfr. Le. r9,8) 12• dienza e la caparbietà degli uomini. A-
In 2Cor.7,8-10 riappare chiaramente nalogamente a Rom. 1 I ,29, àµe-.aµÉÀTJ·
la differenza fra µE-co:p.D..tcr-Oo:~ e µE"to:- -coç viene occasionalmente riferito an -
vot i:v: Paolo non si pente di aver scrit- che da 2 Cor1 ,10 alla O"W'tTJplo: {Vulg.
to una lellern se"e' a (ov ~1t•o:µt)..011o:t, in salittcm stabilcm) B_ P erò la 10<'11?.in-
7 ,8); se ha causato dolore, anche que- ne µ E-.civoLo: àµt"t'o:µiÀT}•oc; ha la pre-
sto è conforme al volere divino. Può ferenza .
darsi che prima abbia esitato (El xo:l Tlebr.7,21 cita Ps.110,4 per confer-
~lE•EµEÀ.6µT)v, 7 ,8}. ma ora è chia ro per mare la superiorità dcl nuovo sacerdo-
lui che il dolore era necessario per con- zio sull'antico, fondata sul giuramento
vertire i Corinti (È>..v7tT}\)11•E Elç fJ.E-tci- solenne d i Dio. Quando Dio giura, po-
voLav, 7,9). ll dolore conforme alla vo- ne la sua persona in pegno della verità
lont.; cli Dio provoca un cambiamento Jella sua parola {6,1 3 ss.). L'insediamen-
di sentimenti che è salvifico e non è a to del sacerdote eterno è immutabile e
sua volta oggetto di pentimento (di qui inalt<!rabile; in ques ta negazione, come

11 Diversamente ZAR'I, J\ft ttd I. che \'UIN11rsCH, z Kor. 23 2. Su <4.Lr-ravon-coç


Il SCllLATIER, Mt. 768. dr. A. BoNHOFFEK, Epìkt<'I r111.l das N.T ..
RV V 10 ( 191I ) xo6 s.; .-> N OR n EN 135 e ->
Il 6.µt "<a1.1.tÀ.'l)"tO<; inoltre in r Cle111.2,7; }4 ,4 ;
J"lGl!R 589 S.
,s,2. Sul dil'crso uso grct"O dd termine cfr. an-
ncll' ciJ)..€"tO.~iD..rrroç di Rom. u,29 è in- manifesta una conoscenza chiara della
dica ta la fcdclti't di Dio e la crcdibili t:ì natura inalterabile dei due concetti;
della sua promessa. Quando dunq ue i I l'uso della lingua ellenistica, invece, ha
N.T. distingue e separa, secondo il si- cancellato spesso i confini fra i due
gnificato, µno:µÉÀ.EO"Ì)etL e µE·mvoEi:v, termini.
0. MICHEL

µE"tetµopq>6oµetL ~ µopqr~ llt•Mxriµa•lsw ~ o-xfiµo.


µE"tetVOtW, µt-.ciVOlet ~ VOV<; llf"tet'trnri1n ~ <tl~11 µt
l.lE-.etTIÉJ.t'ltoµw ~ I, col. 1078 µt<téxw - m, coll. 1358 ss.
µna.cr-.pÉ<pw ~ cnpÉq>l>l

1n senso attivo µ,f"ttwpll;w significa 269; leg.all.3,186 (detto qui e altrove


alzare, elevare o anche (P. Oxy. VI 904, del vo(iç spesso in senso positivo: 6
6; Philo, spec.leg.3,152) sollevare qual- vovç È'!mOàv µiv É~aPl) etÙ'tÒV Ò.itÒ
cuno, appenderlo; in senso traslato sol- 'tW\I WTJ'tWV xat µe'tEWpLo-i}fi, «quando
levare qualcuno con la spera11za, inco- la mente si esalta e si eleva al di sopra
raggiare, animare (Polyb.5,70,10; 25,3, <lei mortali»); ebr.93; post. C. n5; µE·
4 ) . Nel medio e nel passivo f.IE'tEwplt;,w •ewplsw, spec.leg. I,44; rer.div.her. 71
(come anche l'agg. 1.wréwpoç) è usato ( xetli:oL µe<tewpLZ;,ov-roç xetl cpuo-wv<toc;
spesso in senso traslato. Que.s t0 uso Èetu<t6v); vit.Mos.1,195; 2,139; µt"tiw-
trasbto abbraccia due significati: a) ele- poç, som.2,16; Flacc.142; ebr.128 .
varsi, librarsi in alto (della mente uma- Nei LXX si trova solo il primo senso
na), insuperbire, inorgoglirsi, gonfiarsi, traslato, e sempre se11s11 malo, special-
smaniare; b) inquietarsi, angosciarsi, es- mente per descrivere il carattere su-
ser tesi, eccitati, irrequieti pe1· la gioia, perbo e la stra/ottenza. µt'tewpl(,oµett, ljJ
il timore o la speranza, ondeggiare fra I 30,r ( OÌJOÈ Èp.ei:e&Jplo-l)T}O"<X.V ot òq>i}o.ft.-
il timore e la speranza. Nel senso a) µE- 11ol µou); 2 Mach.5,17; 7,34; 3 Mach.6 ,
'tfwpll;o1.tw (o µE<tÉwpoç) trovasi in A- 5; !.lE<tiwpoç, 2 Beta-. 22,28; Js.2,12; 5,
risroph., av. 1447; Polyb. 3,82,2 (µE-.É· 15; µei:ewptaµoç, Ecclus 2 3 A ( µe•e·
<..ipoç... xo.t llur.tov itÀ.i)p11c:;): 16,2 1 ,2 wpLO].J.Òv 6cpllaÀ.µwv); 26,9 (Èv µe"tE·
(µE<t~wpos xo.t qnMoo~os). È frequente wpwµoi:ç òcpllo:À.µWv); 2 Mach.5,21 (OLà
in Filone: p.newpll;oµo.1, rcr.div.her. "tÒV µE'tEWpwµòv -rii<; Xetpolo:c;) I.

1wtewp(?;op.<:x•
A. HARN,\CK, 5/>riiclx· 1md Reden Jem (1907) t111s Jn J i11 der griechiscbm Bibel = BWANT
ro; K. Ki:iHl.f.R, 'ftoxt/..:ritische Bemerkur1ge11 IV 14 ( 19 3-i) 9 7 ; PASSOW, fuUSCHEN-BMTER',
zu der Perikope v0111 Sorgm im Lk.·Ev.: $.V.

TI1StKt 86 (191 .\) .J52 S-'.; K. F. EVLER, Die 1 Anche Ez. 3,14 non fa eccezione all'uso co-
Verkii11digung vom /ci,J<>ndc11 Gottesknecht mune dci I.XX. Solo se µtdwpo.; (in Aquila
fW<twpl~cµ<n ( Deissner) (IV,634) 180

Nel senso b) µE-.Ewpll;oµaL non è di; oppure b) non inquiet(1tevi, no11 cc-
frequente; specialmente chiaro è il ca- cilatevi, non ondeggiale /ra timore e
so di P. Oxy. xrv . r679,16s.: µ1) µE·
-.Ewp(l;ov ( = non turbarti), xaÀwc; &<i- speranza, non a11gosciatev1. I passi che
yop.Ev; v. inoltre Fbv. los., arit.16,135 si trovano nei LXX e la traduzione del-
(secondo una congettura del Niese) 2; la Vulgata (nolite ' in sublime tolli) hnn-
µE'tEwpoc; ( = eccitato, inquieto, teso):
no avuto un peso in gran parte decisi-
Thuc. 2,8,r: Flav. Ios., ant. 8,218 (~lE·
'tEWpou '!OV Àaoii 1tGt'll'tÒç ov-.oc;, «es· vo a favore della prima opini<:me, e fan-
sendo tutto il popolo eccitato»); Po- no certo pensare. Però le versioni più
lyb.3,107,6 (-rwv OÈ crvµµiixwv miv· antiche rendono µ1) µr-rewpll;EO"ilE col
-rwv µE'tEWpwv l!v-.wv -ro.i<; OL<X.volaLc;,
«essendo tutù gli alleati eccitati negli secondo senso (si vedano per es. la Ve-
animi». Cfc. inoltre 5,70,ro: iii XP1'J· tus laùna: nolite soliciti esse, e la Pe-
C1Ò:µEVoc; ~Lfy<X.À.01tpE1tWc; 1tOÀ'X.ovc; ɵE· shitta) 5 ; inoltre il testo latino del cod.
'rEWptnt TWv 1tttpèt. -ro~c; Évav·rlou; fiye·
µ6vwv, «trattandolo con magnificenza D traduce con non abalicnotis vos. Se
fece ren1ennare molti dci capi avver· già 'questi testi fondano saldamente 13
sa ri») 3 . seconda versione, il contesto del passo
A causa di questo doppio uso è par· decide completamente in suo favore.
ùcolarmeme difficile decidere il senso Certamente l'ammonimento contro l'or-
di µt't'E<ùpll;oµttL nell'unico p~sso del goglio e l'esortazione alla modestia - in
N.T . (Le. 12,29) in cui ricorre. Le pa: cui sfocia b prima traduzione - costi·
role di Gesù: µi) µETEwpll;Ecri>t, pronun· tuiscono una parte stabile della primiti-
ciare nel contesto e.li un ammonimento va parenesi cristiana, e giustamente si
contro l'ansietà, sono state comprese e ricordano a questo proposito Rom.!2 ,
spiegate n ella storia dell'esegesi secori r6, oppure; Tim .6,17 ss. F. l'umiltà in·
do il primo o il secondo uso del rer· tcriore, come la conteot~ completa
mine •: a) non esaltatevi con le vo- per i doni di Dio - a cui finirebbe per
stre pretese, non datevi importanza ind irizzare l'ammonimento, quando fos.
(Lutero), non cercate cose troppo gran· se espresso in forma positiva - sono

cd altri ) dovesse corrispondere a mar, 'an1aro', In Ez.3,15 µr-.éwpoc; è dovuto forse alla Jet·
'triste', 'di cattivo umore' del T.M., potrebbe tura 1,:rronca 1•/e' (T.M. : li!l iiblb ).
significare eia depressione profonda presumi- l ZAHN, Lk,3.4 (1920) 500, n.17.
bile nello stato d'animo rnenzionato alla fine l L'a8G. µE"tfo1poc;, frequente nei papiri, ha
del V. 1~,. (J.HtRRMANN, Er. [ 1924] 24); allora qui il senso di 'sospeso in arJa', 'incompleto'
~<t-.lwpo; avrebbe in Ez. 3,14 il significato b. (deltoidi servizi); PRElSIGKf., \Viirl., $.V.
Ma è difficile che mar sin originario. Forse µt:·
-tlwpoi; sta per ,,ram (pan.qal) oppure mt1riim ' Rassegna delle vnrie opinioni in - KOHLER
(pari. hofal ), che significano entrambi 'eleva· 454 ss.
10', 'sol!evaio', e sono in ~ni caso una forma s A. MERX, Die vitr ka11oniscb~11 Evangelicn,
di rwm, perché anche Ez.ro.19 rende rwm, al li 2: Das Evang. Mk. m1d Lk. {1905) 302, e
qal e al nif'al, con µn E<.<lp(l;tG'Oat, e in 17,23, -+ KOHLER 456. .:
m4r6m con 1u-.twpoç& (J. HERRMANN, o.e., 7).
µi-tpov x~À.. (Deissncr)

senza dubbio un atteggiamento fonda- lo l'ammo nimento a non angosciarsi, a


to sull 'esserc pwfondo di Gesù, che fu non essere inquieti e insicuri - perché
caracteristico dei primi discepoli. Ma il Dio garantisce tutti i doni, anche quel-
contesto parra. a un'altra . interpretazio- li degli ultimi tempi - ha un senso po-
ne. Le parolè di Gesù nel v.22 svelano sitivo. Cosl il nos"tro _passo, con l'esor-
tutta la grandezta della bontà creatrice razione µ'i] µt-cEW:>tSEO"ÌtE, è unn testi-
di Dio, la "ricch=a dei suoi doni, che monianza del modo in coi veniva ban-
dovrebbe far distogliere lo sguardo dal- dita la tortura dell'angoscia e l'inquie-
le preoccupazioni ansiose, da ogni for- wdine dai primi crisfr,mi partendo dal
ma di quella «poca f.ede» (v. 28) con loro atteggiamento escatologico. Questa
cui l'uomo tenta ripetutamente di dar idea è confermata, per es., da Phil.4,4-
da solo sicurezza alla sua esistenza. Nel- 7: verrà il tempo della gioia e caccerà
lo stesso tempo lo sguardo viene rivol- le preoccupazioni ansiose proprie del
to all'ultimo dono, al regno di Dìo, che peru.are umano, perché con essa sarà do-
per il cristiano è certo ed esclude qual- nata ai cristiani la pace che supera ogni
si asi timore ( v. 32 ). In tale contesto so- concetto.
K.DEIS SNER

t µÉ"tpov, t èiµE-rpoc;,
t µE-rpÉW

r. Il gruppo dei termini fuori del NT. suralo in quanto risultato della misura-
zione, la parte assegnata o attribuila con
µÉ"tpov (da Omero in poi: Il.7,47I; o su misura (spazio, percorso o 1empo ),
I2,422; Od.2,355; 9,209, ecc.) signi.6- in senso sia proprio sia traslato.
ca a) la misura come strume1110 di mi- NeUa lingua filosofica il termine µt-
s11rai.io11c (misura di capacità o misura "'tpov acquista un significato speciale. Il
d i lunghezza); b) senso della misura, µÉ-cpov 7t6.v-cwv, . la misura assoluta di
ordi11e (frequente nei poeti del periodo tutto, ma specialmente dei valori, fu
classico e anche nei papiJ:i) 1 ; c) la mi- trasferita esclusivamente nell'uomo da
s11n1 del verso o dette sillabe; d) il mi- Protagora: 11civTwv )(pl)µchwv flÉTpov

µhpov xù.
PASSOW, PAPE, PREUSCHEN-BAUEll', LIDIJELL- 64 s.; ScHLATTER, Job. uo s.; STRACK-BILLER-
$COTT, S.P.; PREISJGKl;, Wi:irl., s.v.; KLOSTER- BECK Il 431; ZAHN,]oh. '·'( 1921 ) 227 ss.; K.
MANN, Mt.65; $cHLATIER, Mt. 241; STRACK· 130RNHAUSF.R, Di• Bergpredigt' (1927) 187 ss.
BtLLERBECK 1 444-446; BAUER, }ob. '(1933) 1 P1tEts1GKE, Wor1., s.v.
µi-tpov X"t"À. (Deissncr)

ÈC"'rlv èivÌ>pw1toç "tWV µiv 3V'TWV W<; 2. Il gruppo dei termini nel N .T.
EO""tLv, -.wv oÈ oùx ov-.wv wc; ovx t:a--.w,
«misura di tutte le cose è l'uomo, delle Nel N.T. µÉ-rpov è usato ulcunc voi·
esistenti in quanto sono, delle non esi- te col significato a); ad es., .Mt.7,2, do-
stenti in quanto noo sono» (/rag. x [ n ve Gesù proibisce di giudicare: tv et>
( iÉ'tp~. µE"t"pEi"tE µE'tp'YJ~TJO"E"tGtl Ùll~V,
263,3 ss., Diels']). Plat0ne, al contra-
«l~ misura che userete sarà usata per
rio, trova solo in Dio il µi'tpov miv-twv
(leg.4,716 c: ò lii) bEòç i}µi:v mivtwv voi» (cfr. Mc.4,24 e Lc.6,38": <i'> yà.p
1i1hp~ IJE"tpEhE à.v-r1µE-rP'"f)~1}aei:aL ù-
:wrtJ.L6:'tWV µi'tpOV (iv Etl] !~6:À.LO""tCX.,
~l~v (in Le. il signiGc:ito è più ampio
:cx.t 7tOÀ.Ù µàÀ.À.O'J i] 7tO\i "ti.<;, ~<; <j>CX.<TLV,
cx.v~pw"ltoç, «per noi soprattutto è Dio
che in Ml., ~ col. 186); Lc.6,38': µi-
la misura di tutte le cose, e molto pit1 'tpov xu;À.òv m:mtcrµivov C'EcraÀtv1.tÉvov
che non l'uomo, come pur si va dicen- Ùntptxxuvv6µe:vov: «una misura buona
do»). Questa conce-tione acquista poi im- (cioè ricca), condensata, coagitata, so-
portanza specialmente nel neoplatoni- vrabbondante»; Jo.3,34: ou yà.p ÉX llÉ·
smo: Plot., em1.1,8,J; cfr. 6,8,18: 1tEpi- i:pov Otowcrw 'tÒ nvtvµa (~col. 188);
l.11ljiLç 1t6:v'twv xal µhpov, comprehen- Mt.23,32: rcÀl)pWcrE'tE (non: rcÀ.l)pW·
sro onmmm et menrnra; 5,5,4: µhpov cro:-n: l -tò µt-cpov -.wv nai;i.pwv ùµwv:
y~p O:V'tÒ xa.ì. où µE'tpOVµEVOV, «esso è completerete In misura dei pecc:i ti non
misura e non misurato». ancora colmata dai voscri padri; inoltre
. Nei LXX µhpov è per lo più tradu- Apoc. 21,15 e 17; qui particobrmente
zmne di middiì; eccetto che in alcuni nel sens~ di una misura di lunghcz.za,
V. 17: µE-tpov civ~pWitOU I) ÉO""tLV à.yyÉ-
passi profani, è usato r. nelle direttive
per !a ~osttuzione di santuari e templi, À.ou == misura umana che è misura an·
si:ec1e m E~.40-48; 2. per la misura gelira.
I significati b. e c. non si trovano nel
g.1~sta e ~ giusto peso, che sono g:uan-
tltl da Dio e custoditi nel tempio (Lev. N .T.; abbastanz.a spesso invece il si-
r9,35; Deul. 25,14s.; Prov.20,10; Am.8, gnificato d. (in senso trn;luto). R~m.12,
5i r Par.23,29); 3. per le misure del 3 : ÈXà.O''t(i.> W<; Ò Dtòc; Èl.i.ÉPWEV µi-rpov
cosmo che esprimono la fede nella crea· nl.r.r-rr.r.iç, «ciascuno secondo la misura di
zione (lob II,9; 28,25; 38,5; Sap.u, fede che Dio gli ba compartita»; 2 Cor.
20 ); 4. nelle minacce di rovina e nelle 10,I 3: i)µEi:ç OÈ oùx E/.ç -rò: èiµ.E'tpO: XCX.V·
parole di condanna (4 Bmr. 2r, 13; Is. x110-6µd}cx, à.l>..ò: xa:i:à. 'TÒ µÉ-tpov -.oii
5 , 10; Ez. 4,1i.16; Lam. 2,8; lji 79,6; xav6vo.ç oi'.i ȵépLO"Ev 'Ì]µ~v ò btòc; (J.É'tpov,
Zach.5,6ss); 5. nella parola di salvezza «non c1 vanteremo oltre misura, ma se-
in Zach.1,16. condo la misura ddla norma che Dio ci
ha assegnato per misura»; Eph.4 7: t.vt
IU'l"pÉw (pure da Omero in poi: Od. OÈ ÈxM't(i.> 1JµWv tò6Dl) 1) xcl:pt.ç x~'tÒ: -rò
3,179) significa a) misurare, calcolare e µÉ-tpov -tijc:; Swptiì4 -roù XpLO"'toù, «a cia-
anche sondare (il mare); in senso tra- scuno di noi fu cinta la grazia secondo la
slato, valutare, giudicare; b) costruito misura in cui Cristo glie l'ha donata>>"
con 'ttvl 'tL, attribuire 11na misura di Epb.1,r 3: µixpL xa:-.o:vtj(TwµEv oL 1t&.v'.
qualcosa a qualcuno (da Euripide e Ari- "tEç ... dc:; /j.vopcx 'tÉ)..HOV, E(c:; !lÉ'tpov YJ·
stofane in poi). Nei LXX µE-rpÉw tradu- À.Lxicx.ç 'tOÙ re)..npWµcnoc; 'tOÙ Xp"'noii'
ce miidad, per es. Ex.16,18. È attesta· «linché tutti ~rivercmo .. all'uomo per-
to nei papiri 2• fetto, alla mmtra dell'età della piena

2 PREISICl.."E, \Vori., l.V.

·;
i
t<E'tpo-.. Y.'tÀ. (Deissncr)

maturità dcl Cristo» 3 (cfr. In frase I testi cnraltcristici del! 'uso neotesta-
iiBTJç µÉTçov tx,1foµa~. Hom., li. r 1, mentario di µÉTpov e µE-tpÉw si rife(i.
225; Od.rr,317; 18,217; 151,_n2, che
scono alla giustizia di Dio nel giudizio
indìca il raggiungimento della misura
piena della giovinezza, cioè i I tempo finale (a.) o al dono della grazia nella
dell a piena maturità giovani le ); Eph.4, misura a noi assegnata (b.).
i 6: xa-t' ÉvÉpyE~av Èv µ1'.'\"p<p tvòç b.a.-
a) Nella frase proverbiale: lv 1'.:i µÉ-
crTou µipouç, «secondo l,1 forz:l corri-
spondente alla misura di ciascuna pnr- TPW. µtTpELTE µE-tp11l>iJcrrTa~ ÙµLv di
te». Mt1,2 (cfr. Mc.4,24 e Lc.6,38b) vien
èi~Tpoç, senza misura, immenso, i11- posta in piena luce la serietà escatolo-
so11dabile, smoderato, smisurato; nel- gica con cui Gesù fonda il divieto di
l'ultimo senso trovasi due volte nel N. giudicare (µi) xplven), appellandosi a
T.: 2Cor.10,1 3 (~ µÉTpov, v . sopra) e
10,15; è usato parlando contro la lode un giudizio divino di condanna corri-
smisurata di se stessi. spondente al giudicare umano. La nor-
µc-tpÉw ricorre nel N. T. col signifi- ma ha numerosi paralleli nella lettera-
cato a) specialmente ndl' Apocalisse: in tura r:ibbinica, secondo la lettera e se-
1r,1 significa prendere le misure del condo il senso; in Sota 1,7 essn suona:
tempio <li Dio; in 11,2, usalo in co·
b'midda st:'iidiim moded biib mod•dzn
stru2ione negativa, indica l'omissione di
misurare l'atrio esterno del 1e111pio; in lo, «con la misura con cui un uomo mi-
21,15.16.r7 l'atto di misurare la città, sura, si misura lui», (scii. Dio misura
le porte e le mura. lui) 5 • Tuttavia nell'applicazione di que-
L'uso traslato di a) trovusi in 2 Cor.
10,12: aù-tot tv tau-torç tauToùç ~­ sta norma esis te una differenza fonda-
Tpoiivuç, si misurano su se stessi, «cioè mentale fra Gesù e i rabbini. Mentre
su misure umane, stabilite da loro stes- questi si i;crvono del principio come di
si; io invece sulla misura datami da
Dio»•. fondamento e regola nel giudicare gli
li significato b) vale per i passi g1a altri, Gesl1 condanna con esso ogni giu·
citati per µÉ-tpov (4 col.184): Mt.7,2 e dizio; In sua proibizione ha un valore
Mc.4,24 (Lc.6,38b ba il composto à.v·n-
assoluto: µi) xplvE-tE! «La rasione di
µE-tpT]l)i)crETm invece di µETPTJl>i)crE-
-ta~). questo impiego opposto dello stesso

j Cfr. PRCUS<.1-l~BAULR', s.v. odo, che fa eco ali.i massi.nu di Mt.7,2, a rui
' LIETZMANN, Kor., ad I. rimanda G . Hl!lmtct, Beitriige iur Geschichte
s C!r. il maccriulc in STRACK·Bll.Ll!RBECK 1 444 und Erkliirtmg drs N.T. m (19o;l81, insieme
ss. e SCH LATT1'R, Att.241. STRJ.CK-Sll.LERBECK ad altri detti di Sencc3 ed Epitreto. Poicht le
aggiunge lesti con uno forn1ulo. pjù breve: pMole Èv i;i 1.1.hpy... sono un detto proverbiale
«lnisura contro 111isurti:-> e, con una fr;1se pro-- e lrcquc11tc, che in questo caso vuol giustilica-
vcrbi3le dello st~so signifìrnto: «nella penco- r(· l'itnperntivo µ1) xpl\lé'."t'E, non se1nbr:1 csatt-!l
la in cui uno L"UOCC, si cuoce anche per lui (o: l'intcrprcrnzione dcl passo data da ~ lloRN·
vien cono nnche lui )». C:. da notare inoltre il 11Xus~11. 187 ss., che vonebbe ridurre il tutto
rinvio di Strack-Billerbe..-k a Sap.11,15 s.; 12, alle due 'misure', quella della bontà e quella
24 s.; r8ri a:. Al confronto con questo mate· della i:iustizia, che scrondo i rabbini sono ap-
riale non ha importanza il derro preso da Esi- plira1c da Dio
µÉ-rpov x-rÀ., (Dcissncr)

principio sta nel fatto che Gesù non ad esprimere la varietà e molreplici1:ì
vede nella norma che esige la retribu- del dono di grazia assegnato a ciascuno;
zione l'unica ed ultima volontà di cosl in Eph.4,7 (sottolineando ~vb-tT)ç,
Dio» 6 . L'opposto di xplvm1 è il perdo- come in I Cor. 12) 9; in Eph. 4,16 e
no, a cui Gesù impegna i suoi discepoli Roma. 12,3. Eph. 4,13 (~col. 184) im-
mostrando Dio sempre pronto a perdo- piega µÉ"tpov ne l senso di 'misurn pie-
nare . . na' per mettere in evidenza l'unico fine
In Lc.6,38b le parole ~ ycìp µi-t~ ulùmo di tutti i membri della comu·
µt-rpEi:i:E ci.v-ctµE"tpTJ~i}11E-cctt v1..1.~v son nità, ai quali devono servire i vari do-
poste a conclusione di una serie di mas- ni. In 2 Cor.10,13 - in contrasto con
sime, in cui 11lla proibi.zione di giudica- il vanto 'smisurato' degli avversari di
re è opposta la richiesta positiva di e- Corinto - appare come la 'misura' sc-
sercitare la misericordia. Quelle parole cor:ido cui Paolo vuol essere misuraro,
sembrano perciò una motivazione del il campo di azione missionaria che Dio
premio divino assicurato ai misericor- ha assegnato a lui, l'apostolo. Questa
diosi. Però esse non devono essere rife- 'misura' non è dunque di fattura uma-
rite unicamente al precedente V.) s•, na, ma è stabilita da Dio.
ma a tutto il gruppo di massime e quin- Mentre il dono di grazia di tutti i
di nnche a µi) '>Gp(vEi:E x-cì•. del v. 37. cristiani ha una 'misura' e qui11di un li-
Cosl l'apparente discordanza scompare, mite, Cristo ha ricevuto invece da ])io
perché con le parole immediatamente il dono dello Spirito 'senza. misura', il-
preccden ti (µ(-cpov xaÀ.òv 1tE1ttE<7µt.lov limit11ta111ente; questo è il senso delle
xi:}.., v. 3 s•) si rpettc in ri Ii evo il pre- parole di Io. 3,34: ov y&.p ix µÉ"<pou
mio sovrabbondante çli Dio, mentre il. lìllìw11w i:ò nvtvµa 10 • Benché il presen-
detto ~ yàp µti:plfl xi:}.. sottolinea te olowow possa indurre a intendere la
«l'equivalenza quantitativ:i della retri- frase come una regola generale, secon-
buzione» 7 • li tenore del testo di Mt. e do il contesto queste parole possono ri-
Mc. è più vidno alJ'origina le che non ferirsi soltanto n Cristo; soggetto dcl
quello di .Le. 9• periodo può essere, sempre secondo il
b) Lu metafprà dcl µhpov serve poi contesto, soltanto Dio 11 • Sia il prece-

6 SCHLA'ITER, Mt.24t. io opx lx µi-tpou, che finoro non ha riscontro


7 Contro B. W1nss, Dia L'v. dcs Mk. rmd Lk. nel gr<.>co (PREUSCHEN·DAueit', s.v. e BAUtrn,
'(i901), ad /., che trova qui un'incongruenza. Job.' 64 s.) significa: non in base a una misura
(limitante), cioè 'immens.~mente, illimitn1amcn·
8 Cfr. SntLATTER, Lk.246: «Il piccolo tralto te'; cfr. inoltre SCHLATIER, /oh.110 s. li con·
ellenii:ainte, cioè la c•duta di iv e l'aggiunta trario di ovx Éx µi'tpoµ sarebbe tv µé"t~ (lil.
di àVT( si verbo, sono da attribuire a Luca». 4 ,11.16; lttdith 7,21): ar. BAUEa, Job.l6j.
9 Cfr. DrnHlU S, Ge/br., t1<l I. 11 Contro ZAHN, Joh.227 s., che imerprera la
µÉ-t<->r.ov (C. Schncider)

dente v. 34• sia il successivo v. 3 5 lo mc il significato di 'conservare', 'salva-


dimostrano chlaramcnrc. guardare' 11• Il tempio di Dio dev'esse-
e) 1u-rptw ha un significato speciale re misurato, cioè conservato, mentre
in Apoc.il,I s. In questa visione, che l'atrio esterno, che non dev'essere mi·
si appoggia a Ez.40,3 ss., llnpÉw ( v. 1 ), suratO, viene con ciò abbandonato ai
considerato in contesto col v. 2, assu· gemili.
K.DE!SSNER

t µÉ"tW'ltOV

Da µt"l'<i+wl)i, propriamente la par- rop.2,4,2; hist. Graec. 2, r,23; J>olyb. r,


te della fronte che sta fra gli occhi; per 33,6; 3,65,5; J,82,10).
lo più designa tutta la fronte. Il termi- Nei LXX µ.hwitov rende mesah (Ex.
ne è frequente in Omero col senso di 28,38; I Bacr.17,49; 2 Par.26,19.s.; l s.
fronte dell'uomo: ll.4,460; 6,10; 13, 48,4; fa.9,4) sempre nel senso di fron-
615 (nel senso originario); 1;;,102; 16, te umana. Invece in Teodozione anche
798; Od.6,107; 22,86.94.296; col sen- in Ex.28 ,2;;, sta per la parte anteriore
so di fronte d'animale; Il.l3,454; si- della busta degli oracoli ( mtll panlm ),
gnifica anche la fronte umana nel senso e in Sim.tru1co, ler. 9,2;; per margine
più generale. Modi di dire: civa'71tav e (pe'li).
XaÀÒ.V "tÒ µi-rW1tOV, «Corrugare e rasse-
renare la fronte» (Aristoph., eq. 631; Nel N.T . ricorre solo nell'Apocnlis·
vesp. 655). Detto di animali in Soph.,
se, in rre contesti diversi.
El.7:>7; Eur., He/.1568; Rhcs.307; Xc-
noph., Cyrop.I,4 ,8; un monte è yalcu, r. 1 'servi di Dio' portano sulla fron·
µÉ"l'wnov, «fronte della terra» (Pind., te il sigillo (-4 crq>p1Xylc;) di Dio, il no·
Pyth.1,30 s.). In senso traslato designa me di Cristo e il nome di Dio (-4 èlvo-
la parte fro11tale dell'elmo (Horn., li.
16,70), b facciata di un edificio e in µa) , che li protegge dalla condanna del
genere la parte anteriore (Hdt. 1,178; tribunale divino e dalle pinghc apocnlit·
2,124 [piramide]; 9,1;;; Thuc. 3,21); tiche (Apoc.7,3; 9.4; q,1; Z2,4).
frequente nelle iscrizioni. Indica la
fronte o schieramento frontale di un e- In contrapposizione ad essi, ne-
2.
sercito (Aesch., Pers120; Xenoph., Cy· mici di Dio si fanno imprimere sulla

frase come se. fosse un• regolo generale da «Anche lo Spirito santo che risiede sui profe-
riferir:.i •solu ~i profc1i, ivi incluso il Bauista, ti, risiede (su di essi) soltanto con un certo
ma oon a Cesia., e considera -tò 1tvs\iµct come peso (bmsql, con misura): uno di essi ha v:t·
soggetto. A nos1ro avviso, nel periodo si sot10- 1icinato un libro e un altro (come Geremia )
linea proprio la differenza di CriSIO dagli al1ri due•.
profeti, che hanno ri=~•to lo Spiri to soltan10
lx µÉ'rpov; dr. le parole, ciiate da STRACK-Bu.- 1? Cfr. LOHM~YER, Apok. e HADORN, Apk., ad
LEIUlECK Il 431, cli R. Aha, Le11.r.15,a13,>: /oc.
i91 (1v,638J µti:wi:ov (C. Schneider )

fronte e su una mano ' il marchio (~ forma d i croce; si tratta dunque dclh1
x.ci.payµet.) deUa bestia, il nu mero mi- cr<ppet.ylc; cruciforme, la figura più faci -
le da intagliare, <.:he si trova anche nel
sterioso che contiene il nome di questa. culto di Iside <- n. 10). F. più che
Ciò conferisce loro grandi possibilità di dubbio che esista un rapporto fra que-
successo nell'economia mondiale, spe· sto e il segno di Caino l . Devesi piuttO·
s to pensare al segno impresso col san·
ci~lmente nel commercio , ma li espone
gue sulln porto degli Ebrei prirna del-
nU'irn di Dio e li esclude d:.il rei:no l'uscita dall'Egitto (Ex. 12,13 ), pe rché
millenario ( Apoc. 13,16 ; q ,9; 20 ,4 ). :mche in questo caso q uelli che son se.
segnati restano immuni da una piaga'.
Il segno, che esprime il contrasto Col segno della bestia si allude poi
profondo e es teriormemc riconoscibile clùaramente, in tutti e tre i p:1ssi, alle
fra i salvati e i condannati e la ]oro ap- filatterie (t'fillin), perché qui sono no-
partenenza a lle due potenze schierate minati la fronte e la mano 5 . Da que-
l'una contro l'altm ~. ha tre radici: SLa equiparazione è riconoscibile l'atteg·
a) è ovvio un rifcrirnernu immedia- giamenro :mtigiudaico JeU'Apocalisse ;
to a Ez.9,4: a chi non h~ collaborato quindi Apoc. 13,16 significa: ch i non
con l'idolatria in G<:rusalcmme viene porta i t'/illin vien boicottato economi-
impressa da un :ingelo una lettern taw camente dai Giudei. Infatti il giud1i-
sulla fronte. L'antico taw ebra ico è a smo, molto influente nllu corte d i Ro-

1,1,l-tw1tov
PRHUSCHEN-BAUf.R 81 ·1; '8.H S. ; LlllDEL·ScOTT nl battesimo, come in H erm ., sim.S,6.}; 9,16
II23 ; W1uu:-Ca1MM 283; W!. FoasTH, D1e s .; 2 Clettt.7,6; 8 ,6, oon è skuro, ma neppure
Bilder in Offenbarung r 2 / und 17 /: ThStKr impossibile.
104 (1932) 279 ss.; DEISSMANN, 1..0. 289 s.; ]. J Cosl ~ STADE. Bisogna pensare p.:rò anche
BEHM, Gol/ 11nd die C eschichte (1925) 7 ss.; • Ex.13,9.16; ls.44 ,5 e specialmente al segno
R. SCH&rz, Die O/jenbarung des /uha11nes u11d d<!I profeta in I Cor.10,38. p. a r. J. IIEU·
Kaiser Vomitian (1933) 53 ss.: B. S't'ADIO, Dus MANN, Euchiel ( 1924) • LJ(. 9,4.
Koir111.eichm: ZA\YJ 14 ( 1894) 2 ,0 ss.; DEISS· 4 In ogni caso non è certo che ndl'A.T . si par·
M.•NN, B. 262 ss.; A. JiuG, arr. l:i:iyµq.i:W..;,
li originariamente della forma dell3 lencra
in PAULY-W. >. Reihe 111 (1929) 252oss.; Ot.
taw. [Il BERTRAM ritiene perii no possibile che
LÉCRlVAlN, al'I . Stigma, in D•neMDBRG-S•Gr.10
quest~ sia un'idea di origine cristiana . Fu n oto·
iv 2, 1,10; R. Hr.RZOG, Di~ Wunderheilunge11
re che Aquila e Teodozione sono le prime tra·
von Epidauros ( i9J •) 1 n s .; C. SGt»FJDlll , <.luzioni che riferiscono E:.9..i al "< gr<.-co; cira
Die Erlebnisechtheit der Apk. cfes /oh. ( 19Jo) poi Barn.9,8 e A. }l!REMIAS, Das A.T. irn Lich-
62 s.
te des altm Orienls' (1916) 614).
l Solo in Apoc.1 3,16 si parla di mano dcsm.. s Non è affatto sicuro che aU 'epoca dcl N.T.
Il marchio sulla fronte e sulla mano non è sta- vigesse giil la consuetudine di portare i t•fil/ìn
to ancora riscontraco nella storia delle religio- sul braccio sinistro. Le resrimoni>n, e pi\1 anti·
ni, al Ji fuori dci t</11/iti. Anche questo p arla d1e (ep.Ar.159; Flav.Ios., ant.4.213 e l'A.T.)
in fAvorc dell'aUusionc proposi. rongeuural- non pe fanno cenno. Lo prc•uppone per primo
mcntc al punto "· il Tg.J.1 Ex.13,9.i6; Deut .6,8; 11 ,18 (non
2 --. Scuiirz ,6, sorrolinea a ragione la dille- •ncoro il T•rgum di Onkelos); però anche M.
renz• fr:. un s igillo e un marchio, ma forse Ex.13,9 fa c:ipirc che all'epoca tannaitica eni
per i cristiani è stato St'Clto o-cppoi.y14 perché risaputo che si sceglieva il brnccio sinistro solo
era un rennine corrente nella lingua dci mi- per morivi pr•tici, cioç perc:hé i nostri si do-
steri, e in base a dizioni c001e quelle di 2 Cor. vevano legare con la 'inano d estra . V. anche:
1,22 ; Eph.1,13; .1,30. Che il termine alludo già ST•ACK-Bll. LERl!ECK 1v,exrmrns II, p. 25oss.
1•É<t<Jrcov (C. Schncidcr)

ma da Nerone in poi, era una delle po- valore apotropaico in Apoc. 7 ,3 e 9,4 11 ;
tenze istigatrici delle persecuzioni con- e) l'autore cd i lettori dell'Apocalis·
tro i cristiani al tempo dell'Apocalisse 6 ; se avevano visto direttamente questi se-
b ) nelle religioni ellenistiche il segno gni sugli schiavi stigmatizzati, sulla cui
in fronte esprime l'appartenenza a un fronte s'imprimevano a fuoco lettere u
dio oppure è un amuleto. Già gli dèi - raramente più di tre - per punirli
egiziani portano i loro geroglifici sulla dcli.a fuga o di altri delitti t•; una di.
fronie 7 ; questo uso può trasferirsi ai vertente iscrizione di Epidauro raccon·
saccrdori, che allora porrano la masche- tll come Asclepio cancella un marchio
ra del dio 1 oppure gli ornamenti del trasferendolo magicamente su una ben-
suo capo 9 • La aq>payCc, 10 cruciforme da 15 • Questi marchi sono cosl frequen-
sulla fronte dei sacerdoti di Iside va in- ti, che i papiri parlano <li continuo di
tesa come un segno di appartenenza al- persone con una cicatrice (ov">-:r1) a de-
la dea; anche Mirra segna i11 frontibus stra, in mezzo o a sinistra della fron-
milites suos, secondo Tercull., praescr. te 16• I liberti cercano di nascondere
haer.40,4. Cosl troviamo amuleti col- questi segni vergognosi con tutti i mez.
l'immagine degli dèi sulla fronte dei sa- zi, per es. con la capigliatura. Può dar·
cerdoti di Atti e Cibele 11 • Pure i segni si che una traccia di questi sentimenti
dell'Apocalisse, che ai fedeli apparivano non manchi nell'Apocalisse: i segnati
in forma di croce, hanno ambedue i si- da Dio sono in tal modo oggetto di
gnilicnti. L'appartenenza a Dio è nccen· scandalo 17•
tuata particolarmente in Apoc.224, il

• P. Co1ss11N, Die Ztugnisse des Tacitt11 rmd na ;nilitis 3; Mare. 3, 22; L•ct., epitome 46;
Pseudo-Joseph11s ubtr Christus; ZN\'C' IJ Aug., in }oh . ev. tract.11,3; Prud., contra Sym.
(1914) 1)8 ••. machum 1,712 s.; dr. anche F. ]. OOt.cER,
7 Numerosi testi in HAAS, L/rg. 2/4, BoNNET Sphragis ( 1911 ), passim.
(t!)24). u Talvolui anche soldati (-+ Huç 2p1 ); for-
8 se di qui viene l'uoo nel C\1ho di Mitra, ma
Cfr. la maschera di A nubi nel Pelizausmu-
in questo ca.so non a scova di punizione, ben·
seum di Hilùesheim, l}ONNET, I .e., hg. 144.
s I in segno d'appartenen~ o conie prova di
9 Per questo è del tulio incerto se la quasi coraggio.
totalità delle s1atue di Iside e molte figure <li 14 Segni sulla fronte di schfavi, prigionieri o
Dioniso rapp1·esc:ntino la divinitn o il sacerdo-
delinquenti : Ilerondas, mim.5,63-79; Plat., leg.
te o il fedele. Soltanto <love esistono le curuue- 9,854d; Petronio (cd. BiicnELER' [ 192l ll 102
ristiche d'un ritratto, oltre che nelle immagini s..; Atistoph., av.76o; P. LiUc 29 11 36; Ac·
fornite d'iscrizione, si può concludere che si schio., or.2,7.9; Aci. Var., bist.>,9; Diphilos, in
tratta di una mistica di traslazione.
Athen. 6,6(p. 225); Luc., Tim.17; Diog. L. 4,
•o Esempio dal Museo Capitolino in W . HEL· 7(46 ); Plut., Perici.26 ( l 166d}; Poli., onom.3,
BJG, Fnhrer durch dic ò/fentlicben Ssmrnlun- 78 s.; Quint., inst.orat.7,4,14; Apul., rnct.9, n;
gw klas.r. Altatiimcr in Rom' 1( 19r2)827; Scn., de ira ),6; Mart. 3,2I.
dalla cliptoteca di Monaco, B. HAAS , Lfr&. 9/ 11 DrrTENBERGEJt, Syll.' m 1168A8 ss.
11, LEIPOLDT (1926) fic. 49· t6 P. Amh. 111,8 s .; 112,26; BGU 1 18),26 s .;
11 LEIPOLDT, I.e., fig. 150.
196,9; 197,8; 232,5; 251,>; 252,12; 290,7 s. ;
12P.L. CoucHOUD, L'Apoca/ypse (19}0} 140. 297,.23; 339,6 s. ; ,,0,3; 11 454,22 ; 526,26;
In ba.se a fu.9'4 e a questo passo è sono l'uso 644,11; 111 713,13; 854,9 ; 856,8.1 r; 901,8 ;
apotropaico del segno della croce, forse prece. 9 to,18; 911,5 ss.; 97',8 s.; IV ro13,6 s. e pas-
duro da una scalfittura in forma di croce sullo sini.
fronte: Cyr. cat .13,3,36 (MPG 33 p. n}b s., t' Perciò anche Gol.6,17 rientra forse in quc·
816a s.); Hier., in fu.9;1; Tertullian., de coro- s10 contes10.
µ11)..w"<i} (0. Michel)

3. In Apoc.17,, la sintesi di tutte le steriosa allusione a Babilonia.


iniquità de~ mondo, personificata in una Alla base di questa· immagine sta la
meretrice, sia essa intesa concretamen· moda delle meretrici romane di avvol-
te · per Roma o, in astratto, per una gersi la fronte con un'infula portante il
loro nome"· Di ciò il Veggente ebbe
realtà diabolica, porta sulla fronte il no·
un'esperienza visiva 1~.
me della sua vera natura, con una mi- CARL S C HNEIOI'.R

Termin"e non frequente 1 , ma non del abito da profeta. Hebr.11 1 37 fo <listin-


rutto sconosciuto nella letteratura gre- zibne tra pelli di pecora e di capra, cosl
ca (.Apoll. Dyscol., synt. 191,9); si crova che sembra doversi pensare a pelli ru-
in Dittenbcrgcr, Or:· 629,32; P . Tebt. vide, noa lavorate, fornite di lana e di
38,22, come pure nei LXX (3Bacr. 19, peli, piuttosto che a un abito confezio-
13."19; 4BCl<T.2,8.13s. = 'adderet), col nato con peli 3 .
significato di manto di pelle, mantello i. È chiaro che in questo strano abbi-
Con rifcrimcmo alla tradizione biblica, gliamento dei profeti la Lettera agli E·
secondo la quale Elia indossa un abito
irsuto, µT)Àwtj appare in Hebr.11,37, brei ravvisa un sintomo dell'opposizio-
nel racconto di J Clem .17,1 (ricalcato n e di questi al mondo, della penuria e
su Hebr.) e nella letteratura patristica dell'oppressione a cui son fatti segno,
(Clem. Al., strom.3,6,53,5; "4, r7,ro5,4;
paed. '.L , w,u2). Dato che Elia è de- come pure della vita che conducono in
scritto come «uomo peloso» ('ii ba'al solitudine nel deserto e su per i monti.
Jé'iir, dr. 2 Reg.1 ,8) e che i profeti in Da ciò viene spontaneo un riferimento
genere, stando a Zach.13,4, portano un all'abito del Batùsta (Mc.1,6: t\IOEOV·
mantello irsuto ('adderet se'iir). si può
credere che µT}ÀW-ti} sia una specie di µÉ\IO<; -tplxo:c; xa.µi}Àov), e si compren-

18 luv. 6 1r22 s.; Scn. rhet., contr.1,2,7. proposito dell'impiego della parola, il Blcck
scrive: cPreSSQ i Greci, del resto, µl)lwTi)
Il I visionari vedono «importanti comunica- sembra poco usato. Secondo Polluce, il vaca·
zioni personali ... in scritte illuminate di luce bolo ricorreva nel comico Filemone (sec. 111 a.
fosforc•ccntc•, cfr. W . MAYER·GROSS, Psycbt>- C.), per il resto non lo trovo attesr.10 né in
patbologie 11nd Klinik der Tr1Jgwahrnebmu11- Stephanus né altrove prc.sso gli scrittori greci».
gen, in: O. BuMKE, Handbucb der Gtistes· Si ~cdi anche LlDDELL-Scorr r 127.
krank'?ei1tm I ( 1928) 449. J Prccis~ndo il significato di 1111)..w-n'), l"Etym.
M. dice:: 7tpol3chttc<; oo;id; Poli ., 0110"1. TO,
µ11M.iTii 176: i} i:oii r.po13di:ou oop6;; Tcofilmo, in
I LtDDELL·ScOTT t 127 . Hebr.11 ,37 (MPG 12), p. 365• ). ana.logamen·
2 Si veda la bibliografia in F. BtEllK, Der Britf te : µ11)..w"t"Ì) et, "<Ò i:oii µf))..ov , ii"<o• "Coii itpo-
an die Hebraer u 2 (1840) 839-840. A p. 840, a ~d"<OU otpµa.
1•ir1 uÀ.. (G. Dclhng)

Jc pure come, più tardi, pelli di pecora Nei racconti ecclesiastici tardivi sul-
e di capra e «tessuti di pdi cli cam- la vita e l'abito dei monaci, melotes si
trovn accompngnato dalla spiegazione
mello» ricorrano insieme per indicare
pc//is caprifl1.1 '.
l"abbigliamenro dci profeti (per es., o. MtCHEL
Clem. Al., Il.cc.).

r . Nell'uso linguislico extrn·biblico cina ad essa ( 38d); In sua rivoluzione


µi)v da principi<> st:1 a indicare l'astro abbraccia il periodo di un me~c ( 39Cl·
lunare come m1surn1ore del tempo (rn- Il corso dei mesi ha contribuito a far
Jice me che s1 collega fra l'altro con il conoscere ugli uomini i concetti di nu-
latino metiri ed il tedesco me.isen [mi- mero e di tempo (47a).
surare) 1); quindi il trotto di tempo cir· TI novilunio (vioµT}vl11.) dapprima sta
coscritto dallJ luna, il mese 2• Questo a indicare nient'altro che l'inizio del
originariamente cominciava con il no- mese; m:i subito riceve anche un signi·
vilunio, anche in Grec:i:i; perciò il nu- llcaro religioso grazie alle forze che si
mero dei mesi non era uguale in rutti attribuiscono alla luna. Tra gli effetti
gli anni. Le cose cambinrono solo con benefici deUa luna, Philo, spec. leg. 2,
una riforma del calendario attribuita a 143, enumera l'ingrossamento dei corsi
Solone (Plut., Solon 25 [ t 92c). LI lu- d'acqua, 1a crescita e la maturazione
na, con alni astri, è creacJ «affinché ab- delle sementi e degli alberi. Filone, con-
bia origine il tempo» (Pl.11 ., Tim.38c), dividendo queste idee largamente diffu-
girn intorno alla 1err:1 nella ~fer;I più vi- se, mosua che non si trnttav:i soltanto

• Cassi2nus, d~ i11s1i1Ulis coc11obiorum 1,7 µT)v xi:À..


(CSEL 17,1888). ul1imum tSt habitus ..omm F. GINZEL, Handburb do:r matbcmJ/1scbtn 1md
pcllis caf>rimi, qwu melotir (nxld. GH; ml'fo. recbms~n Chrottologie (19 11 ) li 36ss. JI}ss.;
fer. Lv) ve/ pua appel/atur, et bac11/us, quae W. SoNTIJIUMER, in PAULv.\'(/. XVI, r ( 1933)
g~sta11t ad il11itationen1 eoru1n, qui {Jro/t'ssionis 44 ss.; LEsKY, in Pwr.v-W. xv, 1 (1931)689·
hui11s praefiRur4Vt'rt line•s iam ili velcri usta· 697; più diiiusarncnic \Y/. DtEXLl:K, Rosomt
mtnto (con citozionc di Htbr.ll-;J7 e 38 e li, 2, 2687·2770; W. BAUDISSIN, in RB' uu,
11n'in1<rprcuzione di pdlis c11prina). Isidoro di Hl ss.; P. FtEJUG, Roscb bascb•na (Gi=oer
Si~iglit !et)'mo!ogiafllm 19,i.4, MPL 82, p. 691 Mischna n, 8 [ 1914 J spccialm.13.31 ); HPJu.c,
b ): mtfoles, quae ~11a111 prr.1 vora/11r, pdlzs est Der Men- unti llfitbraltult in Phryglen: Theol.
r.iprit1a, a collo pmtlrm, p1atci11r1a usque ad Qum. 70 (1888) }90·614.
lumbos Est au1tw1 /><:bitus proprit nccesst11it1s
l Altre norizie in Bo1SACQ '(1938)633; WAL-
ad operis exercit1uut. Fiebat autt1n prius, ut
DE- POKO&NY li 271 SS.
quidam aest1111a11t, dt ptllieu/11 mtlonum. Un·
de ti melolae IJO<:tll~r sunt. crr. nnchc la &gu· 2 Sul computo, la divisione «e. dd mesi, indi·
lit Parhomii (ed. li. Ai.nu~. 1•1211. rn:z.ioni più prL'<'ÌSC in _. Soi."THElMU. Il dop-
pio significalo di 'Mond' (luna) e 'Monat' (me·
se) è giò •ttc•JOto nel protoindo.gcrmaniro
[0F.nRllNNEK]
µi)v X'rÀ.. (G. DeUiDB)

di immaginazioni di carattere magico. tanza (cfr. Strabo 12,3,31, p. 5.57) ed


In Prcisendam:., Zaub. rv 2.5.54 s., è è attestato sotto varie forme, fra l'altro
detto chiaramente, parlando della luna in Galazia 7 • Naturalmente, nel periodo
(cfr.244t): tu produci ogni cosa sulla del sincretismo religioso la luna fu con·
terra e nel mare l . La luna è dispensa- sociata ed anche assimilata ad altre di-
trice di vita e di fortuna, dà una forza vinità, come Attis 8 e Adonis (Orph.Fr.
speciale all'incantesimo (ad es. Preisen- [Kern. ] 201). Qui gli orfici cercano di
danz , Zat1b. III 388-416). L'idea degli sistematizzare, parlando di sfere d'in·
effetti fruttuosi provocati dalla lun:t è flue02a nel cosmo e attribuendo il c:im·
collegata evidentemente alla rugiada po lunare ad Attis o Adonis (ibid. ). In
della notte, il cui formarsi è attribuito questo contesto Mi')v designa sempre
all'astro notturno (dr. Apul., mer.11, l' astro; il periodo di tempo è divinizza-
2: u( 11 ]dis ignibus nulrie11s /aeta sae- to solo in tratta:zioni filosofiche che qui
mina, detto di Iside equiparata alla non ci interessano 9 •
luna ). In rispondenza al suo significato reli-
Non stupisce du nque che il novilu- gioso il novilunio è festeggiato già in
nio sia salutato con gioia, come il mo- Omero (Od.20,156.276-278), e anche
mento in cui ricominciano gli effccri più tardi, con speciali sacrifici e ban-
benefici dell'amo 4 ; perciò i na ti nel chetti (Porphyr., abst.2,16 ). Dove tro-
giorno del novilunio sono considerati viamo la falce del novilunio, si tratta
come bambini parcicolarmcnte fortuna· per lo più del simbolo della vita che ere·
ti; essi ricevono il nome Nouµiivio<; o sce (con la luna nuova). La troviamo in
NouµTjv~ç. 'figlio del novilunio' (ad es., quasi tutte le religioni antiche fuori del-
IG VII .'.!.'.!9• 1))6; 3r97,8 ; 3220; BGU la G recia classica : s'incontra in Babilo-
IV 1206,5; 1207,8; P. Oxy. lV 715,22)~. nia 10; è aggregata a rappresentazioni di
Per quei.ti motivi la luna merita un'a- Mic.ra 11 ; i misti di Iside la portano 1',
dorazione divina 6 , anche sotto il nome e le corna di vacca, con cui la stessa
di MT}v. I scrizioni votive per Mi'}v si dea viene rappresentata, pili tardi ce-
trovano in Attica, per lo meno nel Il! dono il posto alla falce lunare 13 • Inoltre
sec. a.C. (IG II 3,1587.1593; m 1,140. Selene è ~cxp~ooiixo<; (l'reisendanz, Zaub.
73 s.). In Attica il culto è giunto dal- IV 2274) 1' .
l'Asia Minore, dove ha notevole impor- Nelle discussioni filosofiche della
JSulla luna come asi ro della viln nella religio- attestazione per Colossi ~ fol'$e soltanto for.
ne asrralc babilonese cfr. CHANTEPIE DE I.A ruita.
S AUSS AYE I j08 s.
8 Sul suo soprannome di Mcnotycannus e sul-
4 tu.à l!ÈV O"Ì'J -ra.iml ... vovµnv(a. 'tE"r(µ'llTO'.L le relative rappresentazioni cfr. H. HEPDING,
xal -rci.l;Lv O.o:x< -rlyv lv -.ai:ç iop'to:\ç, Philo, Àlti1; RVV I (1903) :108 s.86 s. Sulla deifica·
1pec./eg.2,t44. Cir. la religione babilonese dc· zione della luna nuova in Siria dr. 0tANTEPlll
gli clèi, in Ù!ANTEPIF. DI! LA SAUSSAYB l 546 S. DB I. A SAUSSAYE I 6 28.
5 Corrispondente a Bmbode1 nel culto cana·
9 In Proclo. Tesri in -.. D11ExLl!Jt 2688 s.
neo e in qudlo siro-fenicio, donde UIANTEl'lll
10 OQviTEPllrl)E LA SAUSSAYS I ,23.,46.
oe LA SAUSSHE 1 645 deduce che colà il gior·
no del novilunio avesse carauere di fesca. Il HErDINC, o.e., 1o8 s., n. 8.
12 HAAS (Lfrg. 9/u}, ÙllPOLDT (r926) fig. , 2.
6 Le ancstaziooi dì ciò sono poche; cfr. anche
RosC11F.11, 1.1•. 'Selene'; C.F.H. B1uCHMANN, 13 H.US·LEJPOl.DT, o.e., figg.23.27; sull'cqui-
Epitheta Deorum ( 1893) 1.v. I:tÀ.i)VT); cfr. an· valenu lsidt-luna, dr. ~pul., met.n,2.
che ibid. µi)v. 11 La parola significa «Colei che tiene la bar-
7 -+ DaEXLER 269<H7}}; la mancanza di una ca•, cd è caratteristico che! nella prima parie
1<iJv xù. (G. Delling) ( IV ,643) 2 0 2

Sto~ la concezione religiosa popo lare enumerati i sacrifici solenni da offrire


viene 1rasformata nel senso che anche in questo giorno, e in Num. io,10, do·
la luna è- una divintà ( von Arnirn Il 315, ve la celebrazione del novilunio occu-
22ss.) 15 , cioè, secondo il contesto, è una pa un posto di rilievo tra le feste e
forza ;mimata della natura. Crisippo spie- spicca per l'impiego di strumenti :i fia-
ga che anche neU'astro è operante l':mi- to. Nel giorno del novilunio, come in
111:1 1ornlc, il principio del mondo come un giorno santo, si va dal profeta ( 4
forza ciel cosmo (ibid. 25 ss.; quest'idea Ba.u. 4,2 3, qui que.s to giorno sta ac-
della Sroa è attestata anche da Cic., nat. canto al sabato); cfr. 2Par.2,3; 31,3; r
d eor.t,J6). Anche gli orfici sostengono Par. 23,31; Neem. ro,34(33); Os. 2,13
l'unità delle forze che governano il tut- ( n); ls.1,13; 2 Ecrop. 3,5. La varietà
to, fra le quali è esplicitamente nomi- delle attestazioni mostra che (con rrnria-
nata la luna (Pseud. Aristot., mund. 7, mente a quello che aJtri suppo ngono)
p . 40 xa, r 2 ss. ). Nella fede popolare, il giorno dcl novilunio ha sempre avu-
rei nterpretata dalla Stoa e dalla teolo- to un' importanza religiosa. In lji 80,4
gia o rfica , naturalmente la luna (come esso è messo in evidenza come EìlO'l]µoc;
gli altri astri, ecc.) è una forza autono- l]µÉpa. fop·djc; i}µwv, «giorno insigne
ma, personalizzata, con la quale è per- della nostra festa». Naturalmente anche
ciò possibile entrare in contatto me- la comunità orante (fa:.46,3) si radu -
diante la preghiera e le arti magiche. na per i prescritti sacrifici della festa
Infine è da ricordare che la luna fu (dr. ancora fa. 46,6 s.). Filone (spec.
considerata come un provvisorio luogo leg.r,177 s.) dà un'interpretazione alle-
di sosta per le anime nel viaggio verso gorica del numero delle vittime che de-
e dalla terra (Sext. Emp., math. 9,7 r· vono essere offerte il giotho del novilu-
7 4 16 ). In forma analoga l'idea è riscon- nio, e una motivazione filosofico-mora-
trabile nella grecità antica 17 - non, evi- le della fes ta (ibìd.2,140-142).
dentemente, in quella delle origini - e La festa del novilunio h:i mantenu-
si può naturalmente collegare all'idea to nd culto giudaico tutta la sua im-
d ella trasmigrazione delle anime, che si portanza fino all'epoca del N.T. ". La
riscontra negli orfici e nei pitagorici 1&. fissazione della data non :ivvcniva in
base a calcoli astronomici, ma con l'aiu-
2. Nei LXX µfiv e vov1.111vla. rendo-
to di osservazioni, «sulla base della vi-
no prevalentemente ~odeJ, termine che sta» (R.H.b.2oa)11J. Al procedimento da
indica tanto il mese quanto il suo prin- seguire per la determinazione del novi-
cipio, sebbene per quest'ultimo possa lunio da parte di testimoni è destinata
essere usata anche una definizione più perciò gran pane del trattato rii'S haI-
precisa (di primo giorno o principio del sana, di cui si usano speciaLnente i det-
mese). Quest'ultima espressione (ro'J) si ti riportati nella Mishna; l'ampiezza
trova, ad es., in Nunr.28,1r, dove sono deUa trattazione è comprensibile se si

sia egiziana, fliipt<; = barchetta. Ndle rappre- 11 CuMONT, o.e., 175.


sentazioni di Maria si ripc:tc i1 motivo, ma mo- Il Altee importanti norizie ibid., 1?fi •·
difiC'11tO.
19Cfr. -> FlEDtC. Sulla liturgia: I. ELBOGEN,
is Cfr. ancora F. CUMONT, Astrology and Reli- Der judirche Gollesdiensl '(1931) r4oss.; sul
gion among thc Greekr and the Romans culto nel giorno del novilunio, cfr. ìbid., 122
(t912) 39 s. ss. [R. MEYER) .
H Cfr. K. R EINHARD, Kosmos und S7mp11tbie, 20 Come poi avvene anche nell'Islam; cfr.
( 1926) 3o8 ss. C!iA!.rrEP! E DE LA SAUS SAYE I 711 .
1•ii" xù. (G. Delliog)

pensa all'impcmanzn decisivn auribui· che l'uomo pio deU'A.T., pur rifiuran-
ta alla p recisa esecuzione delle celebra- dolo, ne comprende l'attrattiva estetira
zioni festive dal rigido legalismo dei
che colpisce i sensi (lob p,26s.). Ma
tempi a noi più 'llicini. Perciò col p as·
~ore del tempo non ci si nccontentò piì1, per lui la luna ha importanza solwmo
:td es., delle segnalazioni con fuochi, a come misuratrice del tempo (Ps ro4,
cui in origine si ricorreva ptr far sape· 19), e se talvolta si parl:i di un potere
re quando aveva inizio la fosca ( 2 ,2);
si esigeva invece (in caso di condizioni dellt1 luna (Ps.136, 9; Ge11.1,r6), è ch i11-
di tempo sfavorevoli) il maggior nu· ro che esso le è stato dato dall 'unico
mero possibile di testimonianze dcll'ap· Dio.
pariziooe d ella fakc lunare, che dove·
vano esser rese davanti alle autorità (1 ,
6), e si elaborò anche un accurato si· 3. Nel N .T . µi}v si usa:
stema di interrogatorio (2,6). Il giorno
del novilunio è 'consacrato' dalla paro- a) per indicare periodi di tempo, nel
la del capo delle aurorità (2,7; 3,1) ed è contesto dei raci.-onti della nascita di
reso n oto olla comunità con squilli di Mosé (Ace. 7,20 ), del Battista (Le. 1,
tromba ( 4,1 s.; dr. R. H .b.3oa). In una 24 u.26.36) e di Gesù (Le 1,56 21 ); un
preghiera speciale per questo giorno la uso corrispondente indica la durata dcl
luna, con il suo rinnovarsi, diventa il soggiorno o dell'at.rività di Paolo ( Aci.
simbolo della resurrezione (Sanh. b. 18, u ; 19,8; 20,3; 28,u ); serve anche
42a). ad un'indicazione storica (Lc.,4,25; lac.
.5,17) 14.
L'A.T. respinge esplicitamente la ve-
nerazione religiosa della luna ( Dl'11t.4, Cnra11eristica dcl modo di narrare
19), che viene punita con la pena ca- dei libri storici dcl N.T. è la mancan·
pitale (De11/. r 7,3ss.). Questo durezza si 7.a, in Ml., Mc. e lo., di qualsiasi indi·
re~ necessmia per la poss ibile pericolo- cazionc di mesi, sia per stabilire che
sa in fiuenza del culto lunare, praticato un fotto è avvenuto in un dato giorno
d'li popoli circostanti (lud.8,21.26 21 ), o mese dell'anno, sia anche solo per
che quakhe volta si insinuò perfino nel· indicare la distanza fra c.luc avvenimen·
la religione lla7.ionalc ( 2 Reg. 2 3,5 ). An- ti. Negli Atti Luca mostra un intercs;e

21 Tra i r oroli circ<Xitnnti s'incontrano amule- indice; lv., A111ike u11tl Christc11t11111 I (t929)
ti a forma di luna (LXX: µTJ'll!O"xo~). ricor<l21i r 36. Altre norizk m K. GALLINC, Bibl. Real
corne monili anche in Is.3,18. Cir Pltus1GKt:, kxikon (1937) s V. 'Amulett' [BE&TRAM].
Wort ., 1 "· 1~~ e µ,...M-xoc;. Natural· u Cfr. STRAC~·BILI FR&r;CK, •d I : .. Ques~ v•·
mente il confine tra monile e amulcio (astro ra rliirn1a era forse motivaw dal pemiero dcl
logico) cr:i molto incetto. Sul culto lunare in nazlfearo del fanciullo; cfr. fod t 3.4 ss:. .
Oriente e nell'ellenismo, nel momento in cui
lJ Cfr però ]. SPJTTA: ZNW 7 (1906) 28 1 ss.
s'incontra C'Oll la 1cligiooc isndi1iro-giudaica e
col criS1ianesimo, dr i dati raccolti in A. JE· z• Sul diverso rompuru di qucJri 3 nnni e mez-
lEMIAS, D11s A.T. irn Licbtt des alten Oritnts, zo n~ll• rradizionc rnbbinka, cfr. STRACKB11.-
~ r9JO) Re11is1. e Motivregist., e In F.J. DoL· LEUECK ILI 76o s. a lizc.5,17; inoltre G. KIT·
CER, lchthys Il, Dw htiligt Fiub 111 Jen 1111ti· TEL, R4bbi11ìca (1920) 31 ss.: si lnua d'una d·
t~ Rd1&ì011t11 und 1111 CbriJtmlttm (19n) fn tond• che significa «Un p:iio d'anni•.
più vivace per il decorso temporale(~ per il semplice fa1to che tli tali cifre ve
sopra); prob11bilmente ha cercato di fa- ne sono molte altre, né fatto risa Lire a I-
la durata in vita delle cavallette 26 , per~
re altrettanto anche nel Vangelo (dr. ché qui non si tratta né di vere caval-
Lc.1,3: xalk~ijç, Vulg.: per ordinem), lette né di veri mesi, ma dovrebbe rap-
ma pare che le sue ricerche non abbia- presentare una tradizione apocalittica
particolare. Inoltre in Apoc.11,2;..1~.J
no approdato a un risuhato apprezzabi-
(~ rv, coli. 504 ss.) i 12 mesi si devono
le, all'infuori dei racconti dell'infanzia. intendere come un arrotondamento dél
1 1,0 giorni di Dan.8,14 ~ . I termini di
1
Per i primi narratori degli avvenimenti
evangelici l'indicazione del 1cmpo nella quest.'avvenimento della fin.e . dei tempi
sono ignoti all'uomo, anche al credente,
storia di Gesù è assolutamente secon- eppure non sono arbiuari, ma fissati
daria: decisivo per essi non è il quan- nel giorno, nel mese, ecc. (Apoè.9,.15.):
do, ma l'oggetto e il modo. IL risultato Il fiorire rigoglioso delle gioie che atten -
dono i salvati nel regno finale trova
di un esame della comprensione e del- realistica espressione nell'immagine de.
la concezione del tempo nel comples- gli alberi che danno frutti ogni mese
so del N.T. (con l'eccezione degli scrit- (Apoc.22,2); quest'immagine è In con-
tinuazione di espressioni dell'apocalitti~
ti lucani) è confermato anche da que- ca giudaica (già Ez. 47,r.2).
ste osservazioni: gli scrittori del N.T.,
e) Infine la parola 111)'11 si trova in
che non erano stati formati al pensiero
rapporto a deviazioni giudaizzanti delle
greco, considerano la storia non come
comunità in Gal.4,10, come pure 'llÈo-
una catena ininterroua di avvenimenti
tJ.TJ'll(a in Col.2,r6 (questo vocabolo ri-
del passato, ma come una somma di
corre soltanto qui nel N.T.). l due pas-
forze sempre operanti, non dal punto
si corrispondono anche nella costruzio-
di visu della continuità mn da quello
ne ( ru.ulpru;-<ra~(3G.--rwv' xmpouç-fop--rijc;
dell'energia.
r-4 IV , col. 1374), µij'llaç e Èvt.aV'fOU<;·

b) In tal modo si indica un rapporto vE0µ1wtac;); è infatti na1urale che l'os-


piuttosto ingenuo con il dato 'tempo', servanza dei mesi si basi sulla fesw del
ma non un rifiuto di computi. Riferiti novilunio (come quella degli anni s'im-
al futuro, questi sono prediletti dall'a-
pocalittica. Spesso essi non vanno inte- pernia su lla festa di capodanno [cfr. il
si nel loro senso lencrale, ma come in- collegamento del modo di celehrare le
dicazioni segrete, comprensibili solo a- clue feste in R.H.] ~ col. . 202 ). Anche
gli iniziati; ad es., in Apoc.9,5 .10 ( ~
II, coU. 783 s.) il numero cinque non do- se l'eresia in Galazia non è del rutto u-
vrebbe essere inteso come cifra tonda~, guale a quella cli Colossi, e per lo meno

l5 Lo11MEYER, Apk., a 9,5; sul «numero cin- 1382; 1375), che riprende Dan.12,7. Inoltre
que come numero d'uso corrente• dr. KlTTF.L, STRACK·BILLERBECK IV 986 ss., excurms: Vor-
o.e., 39 ss. uichen und BerNhming Jcr Tage des' Mùsias
26 HADORN, Apk., a 9,5. 11; secondo KlrreL, o.e., 31 ss., anche qui s1
li Cfr., per il N.T., Apcc.12,14 (-> 1v, coli .
trana d'una cifra 1onda.
1n'l't11P (W. Michaclis)

neJla seconda comunicà si avvicina di derava il paganesimo, essn dal punto di


più al sincretismo, possiamo però dal vista biblico andava annoverata fra gli
nostro punto di vista trattare insieme i 'elementi' (u-.o~xE~a), dalla cui potenza
due passi. e servizio il credente in Cristo è libe-
Sulla fesca dcl primo del mese nel ra to (Gal-4,3.9; Col.2,8.20). I neofiti
giudaismo abbiamo detto sopra (~ an- cristiani, però, potevano facilmente ri -
che col. 202); nelle comunità si pre- trovare nella celebrazione giudaica dcl
sentavano alcuni che esortavano alla novilunio un tratto del cuho che prima
circoncisione (Gal.5 ,2 s.; 6,12 s.; e for- era loro caro; la preghiera giudaica del
se anche Col.2,II), quindi ne consegui- novilunio, infatti, metteva loro sulla
va anche la celebrazione delle feste bocca la professione: «Lodato sii, o Si-
prescritte nell'A.T. Già abbiamo accen- gnore, che rinnovi il novilunio» (Sanh.
nato che il culto d'una dea Luna er:i b.42a; dr. - col. 203 l'idea della ri-
molto diffuso nell'ambiente entro il surrezione, ibid.). Nella Lettera ai Co-
quale si trovavano a vivere le due co- lossesi non è escluso che i membri dclln
munità u; è naturale, allora, ammette- comunità collegassero il culto lunare
re che il giorno del ritorno della luna, d 'un tempo con l'attuale venerazione de-
dal quale ci si attendeva tanto bene, gli 'angeli' (2,r8) o dei 'principati' (r,
t rascorresse in grande allegria. In quan- 16) (-I, coli. 1283 ss.).
to ruspensatrice di vita, quale la consi- G. D ELLING

La posizione che la madre occupava xal µi}nip tµ.qiavt~ç du~ l>Eol «padre
nell'antichità extra-biblica non corri- e madre sono degli dèi visibili». Cfr.
spondeva del tutto al giudizio corrente la commovente testimonianza di una
sulla donna e sul matrimonio 1 • Philo, lettera in un papiro: oq>O..oµE\I yà.p
decal. 120, si riferisce all'apprezzamen- UÉ~EO"itE 'ti}V 'fE)(OVUCX.V Wç J)E( ÒV ), µci-
to, a volte assai alto, che dell~ madre À.t;inw. -ro~cx.vniv ovucx.v ò.ycx.l>i}v, «siam
(e in generale dei geni tori}, si dava ad tenuti a venerare la nostra genitrice co-
es. nella Stoa, quando scrive: na'tf}p me una.fica, specialmente perché è tan-

21 Una strana confusione fra le possibili linee alla donna e al matrimonio nel cristianesimo
di colleg:unento in -+ HENLE 6u ss. primitivo, non si tiene sempre nel dovuto con-
to la posizione della donna. come madre.
µi}uip ;.

1 Nella bibliografia, anche in quella dedicata


1•ii~1JP (W. Michaelis)

to buona» 2 • Situazioni primitive di ma- Ione usa spesso µi)-r'l)p in senso traslato.
triarcato, la cui importanza fu sottova- Una particolare imporranza ha l'idea
lutata fino a che F. J. Bachofen richia- della sapienza come madre del mondo e
mò l'attenzione su di esse, sia pure so- del logos, come µfi-rTJp xo.t i:Li}1']v'I}
pravvalutandole, hanno avuto solo po· 'tWV oÀ.wv, «madre e nutrice di tutte le
che ripercussioni 3 ; viceversa il culto di cose» (ebr.3 1; dr. det.pos.ins.54.116),
divinità materne (originarie dell'Asia come madre del sommo sacerdote (fug.
Minore, mentre in Grecia era adorata 109). In ebr.3r, Filone riprende l'idc~.
soprattutta la Terra madre) ha eserci- già presente in Plat., Tim.5od.5ra, del-
tato sempre una forte influenza 4• An- la materia come madre (o nutrice; cfr.
che nell'A.T. non mancano del tutto 49a.52d) del tutto 8 •
tracce di matriarcato 5, dato che vi ab-
bondano importanti figure di madri; i Il precetto veterotestamentario di o-
LXX aggiungono nuovi tratti all'imma- norare il padre e la madre: -clµo. i:òv
g ine, soprattutto in Tobia e nell'Eccle- 1tO:'tÉpo. aov xo:t -rTiv µT}-ci.po., E x .20,12 ,
siastico e con la tepà xo:t ilEoO'c.~i)ç µ'i)·
TIJP, con fo «madre sacra e pia» del 1v citato anche in Eph.6,2 : Èv-roÀi} npW't'IJ
libro dei Maccabei. Un uso figurato di iv ÈmxyytÀ.l~ (---7 m, col. 604), è man-
1x1)-rTJp (che nei LXX si incontra più tenuto in vigore da Gesù (Ml.I.5>4" par.
di 300 volte, e che corrisponde sem·
pre, con 4 sole eccezioni, a 'em,
quando j\fr.7,rn'; Mt.19, 19 par. Mc.10, 19), che
almeno rende il T.M.) si trova in Is. ribadisce pure la pena comminata a chi
Jo,r; lEp. 27(50),12; Tob. 4,13; Os. lo viola (Ex.21,16, cfr. Mt.x5,4b par.
4,5, dove µfrrnp è personificazione di
Mc.7, 1ob) e Io difende contro l'inter-
un popolo 6. In 2 Bo:cr. 20,19, invece, i
LXX rendono con µrycp61toÀ.u:; l'ebraico pretazione sofistica dei farisei (Mt.15,5
'èm come indicazione di una città 7 • Fi- s. par. Mc1, 11 s.; -) v, coli. 87oss.).

2 DEISSMANN, L.0.' 16o,18 s.; ibid., indice, Gnosis (FRL ro [ 1907 ]), indice, s.v. Mirt'lJP,
s.v. 'l\focrer'. 'Mutter', ecc.
5 J. BENZINGeR in : RE' 5 (1898) 739 s., art.
3 R. THURNWAL.D, 'Mutterrecht' A, in: Real·
lexikon der Vorge,;chicht<' 8 ( 1927) 3(,0-380; E. ' Familic und Ehe bei den Hebraern'.
KoRNEMANN, art. 'Muttcrrecht', in PAULY·W., 6 In 0 1.2,4.7, invece, 1~1J•1JP, anche se d oves·
Supplem. v 1 (1935) 557-,71; RGG', indice, se alludere al popolo, va compreso alla luce
s. v. 'Muttcrrecht '. dell'immagine del matrimonio. Dio è pnrago-
4 F. SCHWF..NN, art. 'Kybele', in PAU LY·W. Xl nato ad una madre in ls-49,15 (yvvi] "" ma·
(1922) 2250-2298; Io., art. ' Mete{: ibid. xv dre); 66,13.
7 In I!; 86,5 µft-tTJ? L•wv è dovuto a un er-
( 1932) 1372 s.; A. Dtl!TERICH, Muller Erde
'( 1911) (ristampa 193!\); L. FRANZ, Die Mut· rore di trascrizione (RAHLFS: 1111 ~1). ScHU\US-
terp_ottilt im vo,dere11 Orieflt und in Europa NBR lii i57: µT]~'l· Cfr. anche ler.1 5,8. At·
(AO 15,3) (1937) ; C. SCHREMPF, Der Mutter· cestazioni extra-bibliche di quest'uso in Lro-
glaube in der antiken 'Veli: Gelbe Hefte, Hi- DBLL· SCOTT, s.v. Cft. anche STRACK · B I LLER·
storische uod politischc Zeitschrift fiir das BECX: tll 574.
chrisdiche Deu1schland 13 (1937) J93·610; K . s Cfr. J. PASCHER, H BAJ:IAIKH OtlO:E. La
LE!!Sll, Die Mutter als religioses Symbo/ "ia regia alla rinascita e alla deificazione si ha
(Sammlung gerneinverstiind licher Vortriige 174) in Filone ( = Studien zur Geschichtc 11nd Kuf.
(1934); RGG', indi<'<':, s.v. 'Muttergotthcircn'. lur des 11lter1um.s xvn 3/4) (1931 ) 6 5.70.1 12.
Cfr. anche W. BoussET, /·lduptprob/eme der I 5_3.1 56.222.261.
I'iii:TJp (\Xl. Michaelis)

Come la norma di Gen.2,24, ripetuta in conti dell 'in fonzia di Matteo e Luc::1
Mt .19,5 par. Mc.ro,7s.; Eph.,,3r, non (µi)"tl)p, Mt.1',18; 2,Jr.13s.2os.; Lc.1 ,
trasgredisce il 4" comandamento, cosl 43; 2,33 s.48.51; dr. anche la corri-
non lo lede la richiesta di Gesù di ama- spondente citazione della madre di Gio-
re lui più che il padre e la madre (Mt . vanni Battista, in L<:. 1,60 ). In Giovan·
10,37), anzi di odiare il padre e la ma· ni la madre di Gesù appare n elle nozze
dre, se il legame con essi può essere di d i Cana e ai piedi della croce: sempre
ostacolo a seguirlo (come, con un ebrai- senza il suo nome Maria; in 2,J.3 è det-
smo, dice il parallelo Lc.14,2 6; dr. l'u- ta ii µi}"t1Jp-;oii 'Incroii; in 2,5.1 2; 19,
tilizzazione di Mich.7,6 in Muo,35 par . :1.5 ii µfi•lJP a.Ò"toii (dr. 19,27); invece
Le. I 2 ,5 3 ). La promessa di Gesù in in 19,26 è presentata due volte col
Mt.19,29 par. Mc.10,29s. (L<:.18,29: semplice Ti µi)TT)p, che equivale quasi a
yovdç) a coloro che lasciano il padre e un nome proprio. Tuttavia, come prova
la madre EVEXEV -toii lµo ii òv6µa."t:oc;, «a la posizione che altrove la madre di Ge-
motivo del mio nome» (Mc.: •Oii eùa.y· sù occupa in lo . 10, quest'ultimo uso
yeÀ.iov; L<:.: -ti'jc; ~a.q~°Mla.c; •ov l)Eoii) non basta a indicare un apprezzamento
è parallela alle parole pronunciate da speciale della sua persona. Nei racconti
Gesù sui suoi veri parenti quando si vi- dell'infanzia invece l'interesse per In
de messo in contrapposizione alla sua madre di Gcs~ è comprensibilmente
famiglia (Mt. 12,46 ss. par. Mc.3,31 ss.; grande; ma d'altro canto le parole di
Lc.8,19 ss.) 9 • Gesù in L<:.n,28 non ne autorizzano
La madre di Gesù è ricordata nei si- alcuna sopravvalutazione 11 • Nel resto
11u11i<.:i, ulin: cl11:: nei passi testé nomi- del N .T., ud eccezione di Act.r,x4 , la
nati e in Mt.13,55 ( par. Mc.6,3, senza madre di Gesù non è più nomiriata l?.
~li}TTJp; dr. fo.6,42), solrnnto nei rac-

9 1, coli. 389 s. Anche la menzione dcl-


Cfr. -> F.X. STEINM ETZER, Dir christ/icbe Mater f)ei
i~ m:1dte fa pensare che si tratti prima di fra· 1111d die babylonische Mythe: Prager Theol.
telli carnali di Gesù (-> 1, col. 388, n . .5 ). Bliiu er [ 1938] 3 ss.), comincia sohanto dopo
10 Sulla possibilità d"un'intcrprctuiooe allego- il N.T. Cfr. G . BEHRAM, are. 'l\laria' in: RGG'
riC':l dei passi iiiovannei, cfr. i commentari. Su ur 1915 s., e LEllSB, I.e. Sull'idea della chiesa
fo. 2,I SS. cfr. CJ.E ....tEN, 267 S. come µf]i:1Jp '!W.pi)tvo<, in Ireneo e Terrullia·
Il Per il cristianesimo p rimitivo la madre di no dr. H. KocH, Virgo Eva-Virgo Maria. Neue
Gesù aveva un'importan7..a molto minore di U11tersuchunge11 liber die Lebre uon der Jung·
quella che per a lt re 1·cligioni ebbe la ' madre /rr111schpft rmd der Ehe Mariens m der iiltesten
dcl fondatore'. A. Ni;uMANN, Die .Mutter des Kirche'( == Arbei!en zur Kirchcngeschichte :i5 )
Rdigiomsti/tcrs (diss. 61., Leipzig f :: Religion (1937) 42 s., e appendice 1 (92 ss.): Die Kircbe
und Geschichte 1] 1935) prende in esame le als iungjraulit:be Muller und Maria ihr Vorbild.
iradizioni relative alle madri di Budda, Mao- 12 Su Ga/44 cfr. A. OEPKE, Der Brie/ des
metto, Zaracustrn. Il culro di Mnrio , attraver- Paulm an die Galattr (1:937) 11tl I. La regina
so il quale sono entrati nel cris1ianesimo mo- dcl cielo di Apoc.1 z come madr~ del Messia è
rivi dell'antica religione della madre (dr. però una figura mitologica.
213 ( 1v,(146) fti'rr'flp (\YJ . Miçhaelis)

Alrtc ligure materne sono hl m11dre so. L'atteggiamento riverente verso l:t
dci ligli di Zebcdeo (Mt.20,20; 27 ,56), madre è espresso in I Tim. 5 ,2 1·1 e Rom.
h M;1ria che appare in Mt .27 ,56 par. r6,r3 14. Lo si sente anche in Gal.4,26,
Mc. lJ,40 (cfr. ~ r, col. 388, note 4 dove Paolo - seguendo l'uso linguisti·
e 5 ), Maria fo madre Giovanni Mar- co veterotestamentario ( - col. 209) di
co (Act.12,12), la madre presso la fi- cui si sente l'eco anche in Apoc. 17, 5
glioletta morta (Mc.5,40 par. Lc.8,5 r ), ·- dice che la Gerusalemme celeste «è
la vedova di Naim ( Lè. 7, l 2. r 5 ), Ero- madre di noi (tutti)»: ij·rn; ~-ctv µi'J-
di ade madre di Salomc (.Mt.14,8 par. "11P ( + 1t~V>WV. codd' A sr ) 1)1.J.Giv 15.
Mc.6,24; Mt.14,II par. Mc.6,28). L'e-
spressione «dal seno della madre» già Nella posizione conferita dal N.T. al-
usata nell'A.T. (lji 21,n; 70,6 ecc.: Èx la madre non vi è traccia di eccessi sen-
xoLÀ.lac; µ1)>p6c;) ricorre in Mt. 19,12; timentali, di esagerazioni mitologiche;
Lc.J,15; Acq,2; 14,8; Gal.r,15 (dr.
essa non è nemmeno innalzata a simbo-
lo.3,4: dc; »Qv xoLÀ.tav µ11-cpòc; mhov,
~ v, col. 667s., n . 7 ). Paolo non nomina lo; però la visuale resta. aperta sull'im·
mai la propria madre (e neppure il pa- portanza della madre e della maternità
dre); ma in 2 Tim.r,5 si avverte il ri- e sulla sua collocazione nella cornice
cordo riconoscente della madre, che gli
ha trasmesso il suo patrimonio religio- della creazione 16 •
W,. MICHAELIS

13 Certi paralleli amichi, specialmente Plot., teme era an<;ora viva. Mn su l resto dcl N .T. es-
resp.5,463c (dr. DtBELTUS, Past. , ad l.), non sa ha avuto scarsa ripercussione. Né Mt.3,9 né
annullano questo valore dell'espressione. · r Cor.15147 stanno in rapporto con la fede
nella Madrc·Tcrra; dr. la discussiono in ZNW
U Cfr. i paralleli nei papiri in MouLT.-MtLL., 9 ss. (190S ss.) e in DIETERICH, o.e., u6 ss.
s.v.
16 Bisognerebbe riflettere ~oche sugl i enuncia·
15 Qualcuno ha suggerico che qui sia presente ci relativi ai genitori nei 'codici domestici' e
l'idc1 d'uno sposalizio trn Cristo, come secon- in passi come Io. 16,z1; 1 1'hes.r. >,7; in sen;
do Adamo, e la 0 1iesa preesìste.o te come Spi· so lato rientra in quest'ordine di idee anche .
rito Santo. Ancbc le altre tesi neotestamenta- il gruppo di immagini sul.In nascita, la hn·
rie di. S. Hil\SCH, Die Vorsteflung von einem ciulle-Lza, ecc. Cfr. Gal.4,19, dove Paolo sem· .
weiblicben 11VEiiµa &yiov i111 N .T. und in der brn applicare a se stesso l'immagine della ma-
iilteste11 christlichen Literatur (diss.teol., Berlin, dre (-. wolvw). Nei Padri apostolici cfr. 1
r926) sono esagerate, anche se l'idea dello Spi· ClevJ.I8,5 ( = tjJ 50,7); 35,8 ("' tf.i 49 ,20); Po-
rito Santo come madre di Gesù ( ~ '1tvtv110.), lyc. 3,3 (Gal. 4, 26, riferito però alla fede);
presence nel Vangelo se<.-ondo gli Ebrei, lascia Herm., viq,8, ) (la fede come madre di virtù
vedere die la credcn1.a popolare in tlivinirà ma- cristiane).
l~L<llvw (F. Hauck) (IV,6~8) H6

, ,
µLctWW, µLctCTµCX.,
µLacrµ6c;, d.µlav'toc;

scomparire questa macchia 5 • L'atto <li


accusa della coscienza dapprima non è
a) In senso neutro: dipingere a co- percepito nella concezione primitiva. I n
lori', Horn., Jl.4,q 1 (q>olvLXL). b) Con modo particolare macchiano quei fotti
una connotazione di biasimo: macchia- ai quali, in origine, si pensava che par-
re, contaminare, fisicamence, ma spe- tecipassero attivamente forze demonia-
cialmente in senso religioso-cultuale. che, (ad es., gli atti sessuali e la putre-
µLalvnv viene usato soprattutto per in- fazione 6 ). Perfino una cattiva notizia
dìcare iJ macchiarsi di 11n assassinio 1• contamina l'orecchio 7 . Solo più tordi, in
Nel pensiero primitivo era percepito fi- Platone e nei tragici greci, il fatto di
s icamente, come l'appiccicarsi di spor- macchi arsi fu sentito come una cosa spi-
cizia o di qualcosa di infctto 3 • Ma l'a t· rituale e morale 6 •
to non macchia soltanto chi lo compie, Anche nell'A.T. si rispecchiano que-
giacché questi trasmette la suu contami- ste idee primitive e cultuali-re ligiose.
nazione ai concittadini, alla città, ai Nei LXX µw;lvw prevalenremente tra-
templi degli <lèi •. Una purificazione cul- duce tm' nelle forme qal, nif'al, pi'el,
tuale con abluzioni o sacrifici deve far pu'al, hirpa'el. È un concerto cultuale,

µ<alvw
TRENCH' (originale inglese) ro6 s .; E. WtLLl- /ur.1324: termine tecnico per espiazione di un
CBR, Hagios= RVV 19,1 (1921) 64 ss.; P. STEN· assassi nio è xn.Oalpnv.
GP.L, Die griechischen Kultu.sollerliìmerl (1920) 6 Gemme (Phoc., /ex., s.11. ~cX.11vo.;; -> WXCH·
in ss.; Tn. \'UXorru, Rà11hd1svorscbri/tcn Tl!R 3i, n. 1 ); puerpera (Th<:Ophr., ch11r.16,9;
im griech1schtn Kult =
RVV 9,1 ( r9ro);
RGG' 1v 1839 ss.: 'Rein und unrcin'; J. DtiL-
--> WXOiTEI. 2, ss.; 0. GRUPPE, Griechrsche
Mythologie [r!)06] 8_58; i2 72, n. 7); mcstru~n­
LDR. Die Reinhcits urul Spci.sc1.csct::.c Jcs A.T. te (Ceopo11ic11, e<l.H.BECK (189,- J ••,>,,•;->
in religio11Sgeschichtlicher Beleuch1u11g = Alt· WXCHTU. 36 ss.); cadavere (Thcocr. 23,H s.
testament. Abh. vtl 2/J (1917); -+ xa6a;p6; [ p. 119]; -+ WACHTER 43 ss.); la casa di un
IV, colJ. 12'5 SS. mono contamina (LZ1EHf..N, Leges Graeci11e et
I Secondo WALDE·POK. n 143, l "Cdvw si co l· lnsulorum, Leges Graecomm Sacrac Il 1 [ 1906]
lega etimologicamente con l'antico alto tedesco 93 A vv. 24 ss.); perfino il fuoco è: contamina·
e il medio olto tedesco mei/, Mal {macchia); to nella casa del morto (-+ W Xcrn ER 47).
spccialmenre macchi.a di sangue; Phot., /ex. l , Specialmente j pitagorici dovevano evit:ire con
423, s v. 1.Liaaµa = f3a'PiJ. imm~r.•iooe. cura ogni coniunlnaziooe (Porphyr., absl.4 ,16:
2 1.isµ'4v"t«L <t6 'tt Mxoi:iç ~a.L [i1 contat·
Hom .• /l4,146; Plat., /eg.6,78H: 'tOÙ<; -Th>v
to con una puerpera] xa< -rli Dvt)cméU..,v
&<Wv f3wl1où.; alµa·n 111.ai•J<W; 9,868a .87ia.
[mangiare animali morti]; J. HAUSSLEITEI ,
872e; Luc., Alex.J6.
Der Vegetarismus in der Anlike = RVV 24
} -+ STENCEL I ;6. (193') u6, n. 1.218.340).
4 Plat., /eg .9,868a : ocr·rn; lì'liv 'TWV tbtox-m· 1Aeschi, Ag.636 s. ; Eur., Hipp.317 (q>pi)v).
v6.v-twv miv"twv r•ii ndihy<a< -rei> v6µctJ, 6_).. Anche qui la concezione è anziturto fisica.
ì..'cix6.0ap-to~ wv ciyopciv n xa.t ài>Àa. xat -rf!
8 PIBr., resp.10,621c: '"iv <lNx-itv ov µta.v&T)-
aÀÀa tEpà. µ.1.alvn. Plut., Sulla 35» (1 474a): a6µda. Aesch., Sept.c.Theb.344 (Eùot~t~«v);
"tfiv olxl.av.
Ag.1669 hfiv OLxlJV µ1.11(vtw ); Eur., He!.()99
5 -+ ST&'IGEL 1;6 s.; WXCtiTP.l ; Rou1111'·" 1 s. (xUoç 1<a"tp/i;
µw;(VE•iÌ ). -> WU.LIGER 63
275 , n. 2; 11 69 ss.; -+ cìyvl!;Ew; Eur., Herc. ss .
217 { 1v,6~8) Jtta.(vw 1F. Hauck) (1v,649) 218

e perciò occupa largo spazio ncllu fon- Nella Mishna il 6° ordine (thrwt)
te s:iccrdoaùe {P) e in Ezechiele, che tratta delle varie possibilità di co'ntami-
hn un forte interesse per il culto 9 • nazione e dcl modo di eliminarle, arti·
Un'ampia casistica fissa le regole per colandosi in trattati che si chiamano,
stabilire in quali casi avviene una con- ad es., klim (utensi li), 'hlwt (contami·
taminazione e come essa debba essere nazione con cadaveri), ng'im (lebbra).
eliminata. Il giudizio su ciò che conta- fhrwt (contaminazioni leggere, che non
min:i dipende per molti versi da sens:i- durano oltre il tramonto dcl sole), mq-
zioni immediate, in parte stabilite nella w'wt (bagni d'immersio11e), 11dh (impu-
più remota antichità, come la nausea, e rità della donna), jdjm { contaminazio-
d:ill 'esperienza, o anche da precedenti ne delle mani ), ecc. u.
situazioni religiose {demonismo) 10. In
particolare ha valore di contaminazione Il N.T. ha superato la mentalità ri-
ogni rapporto con un culto straniero 11 • tuale-cultuale, perciò µ~Cilvw vi è estre-
Chi è impuro, a sua volta, mediante il
mamente raro. Vi si legge:
contatto rende altre persone inabili al
culto o sconsacra gli oggetti sacri 12• In r. nel senso cultuale giudaico in Io.
tutri questi casi µ.w:lvw è inteso sotto 18,28: i Giudei evitano di entrare ndla
l'nspetto rituale..cultuale. La <lilferenza casa del pagano, per non contaminarsi
tra rituale e morale si fa strada solo con
l'A.T. {profezia) 0 . cultualmente;
2. in senso morale-religioso, come de-
Peculiare dei LXX è l'uso dichiarati- signazione della contaminazione della
vo di µ~alvw: dichiarare impuro (Lev. persona in conseguenza del distacco in-
13,3). Filone, conforme al suo pensie-
ro di trnsformare la religione giudaica teriore da Dio. Hebr.12,15: l'apostata,
in sistema etico, designa spesso con alloncanandosi dalla grazia di Dio, con-
µu1lvw una contaminazione spirituale 14• tamina anche gli alrri membri della co-

9 µLO.lvw ricorre 48 volte nella fonte P, spc·


male dome11tico e sacrificale c-Ananco), i topi, i
cialmcnce in Lev. e Num., mentre si trova solo serpenti, la lepre (credenza magicn), ecc. STADE-
2 volte per pi/ nelle fonti J, E (G1m.49,4; Ex. BERTiiOl.IIT (-> n. ro) 39. 141 s.; E1cllkODT
20,25). 28 volte in Ez., 7 in ler. ad es., 3,x.2 (-> n. 10) 61; RGG' IV 1842 ss.;-> WLLER
per {mp; 2,7.23; 7,30 per {m'), altrove nell'A. 168 ss. L'idolMria ('Olllamina il paese (Nrun.35,
T. solo circa 16 volte, negli apoc.r ìti 9 volte, 34; 4 Bcia. 23,10).
specfalmcn1e nei libri dei Maccabei (ad es. r
12 Leu.,,3; l),31; 2.0,3; Nt1111.,,3; A,. 2,13 s.;
Naeh.1A6.63; 4A5; 7,34; 14,36), 1 volta nclla
Sapienza (7,z5). -+ Dè>LLER ' S.
13 ls. r,r, ss.; Os. 6,6.10; fa. 14,11: tvci µ'it
IO Sono coasider11ti contaminanri i fotti sessua-
li (Lev.12.1-'), la lebbra (Lev.13,14), la morte e µLalVWV'tClL l't\ tv néi01. 'tOiç 1tClPCl1t'\'Wµaow
putrefazione (Lev.21,r s!.); B. Snn&A. BER- a/J'fWv.
TH01.1~r.Biblische Thcologic dcs A.T. I (1905} 14 leg.all.3, 148 ('<i)v <Jivxiiv n&.Dei µLalvEw);
140 s.; EicH100T, Theol. des A. T . 1 61. -+ vit. Afos. 2,196 ( µtµLao-1~tvn ljlvxfl -rt xat
DèlLLER l SS. yÀ.w·nn); Dcus imm.89 ('tòv vouv 11talvov-
11
Una dichiarazione d'impurità di animali o-a.); Giuseppe lo usa in senso cuhunlc: a11t.
(Lev.11; Deul.I4A ss.) è prevalcn1emcnte mo- u,300; 18,271 ; be//.4,2or.215.2p; 5r102, ecc.
rivata d:tl loro rapporto con culti stranieri o is Cfr. STlACK, Einl. 59 ss.; -> xalla.p6ç 1v,
azioni magiche; c:tli sono, ad c.s., i! mai~lc ( ani· coll. 1267 ss.
11iMµo: (F. Hauck) (1v,649) 210

munità (accanto a 1tOpvoc; e~ ~É~"l}À..cx;, aderisce al corpo. Il µlaaµa: deriva par-


v. 16; l'opposto ~ àyLa:aµéi; , v. ·14); ticol:mnentc da un delitto di sangue.
Colpisce !'aurore, ma da questo viene
Tit. i ,1,: contaminazione interiore che anche trasferito al paese, ai s:rntuari,
ha come conseguenza l'attaccamento al alle immagini degli dèi del gruppo che
libertinismo gnostico. Co loro che se- lo tollera nel suo seno 1 , e anche ai giu·
dici e ai testimoni ingiusti che impcdi·
guono questo indirizzo sono detti 'con- scono l'espiazione 2 . Il p.laaµa: dev 'es-
taminati' (~µLa:µ.µivoL, accnnto a èi'ltL- sere to lto di mezzo con la pmi6cazio-
O"'"tOL, V.5; ~OEÀVX'"tOl, anELllE~, V.
I ne (xo:l>o:pµoç) o con l'espiazione (lÀa:·
aµOi; }'. Più tnrdi µlau1.ta indica anche
16); in ludae 8: cnipxot. .. µLa:Cvovow,
una macchia mo rale•.
«contaminano la c3~ne», è detto non
dell'atto sessuale in sé, ma di un com- Nei LXX 1..1Caaµa., che non ha un vero
portamento sessu~le dissoluto, che <li· e proprio termine rispondente nel T.M .,
è raro'. Iudith 9.4 (assassinio); 9,2 (lus-
spr=a i comand8memi cli Dio 16• suria); · 1 Mach. 13, 50 (contaminazione
pagan a); cosi anche Itp. 39( 32 ),34 (per
"t µlaaµa iiqqtl!); Ez.33.}I (per he!a', ma i LXX
sembrano aver letto 'ti!àb); Lev. 7, t8
La contaminnzio11e, l'essere co11tami- (piggul, carne da non usa re nel culto);
nato in conseguenza di un fatto. La po· nel se nso di mancanza morale in Iudith
rola segue i cambiamenti di significato r3, t6 accan to ad alo"xuVTJ. ·In Flavio
storico-religiosi di ~ µLalvw. Designa Giu seppe la parola è frequente nel sen-
specialmente h contaminazione rituale- so d i impurità cultuale•. Anche Filone
cultuale, che secondo il pensiero primi- la usa nel senso d i impurità rimale, e
tivo ero concepirn come qualcosa che anche morale 7 .

I• KNOPF, Petr. 226, a causa del collegamento ntina2ionc è vis(a ancora in sostanza come
(òµolwç) con l'esempio dei Sodomiti (v. 7), qualcosa di corpore<> (wiiv = parre dcl cor-
peosa che si parli di lussuria contro narura. po), ma l'immllgine tende già allo spiritu•le;
similm. Hipp.655 ; d r. R OHDE'· " I 275, n. 2; Il
µlaaµa 71 ss.; -+ WnUGER 64 ss.
-+ µ..a:(vw, nota bibliogr. -+ SnNGEL 155 ss . 4 Polyb.36,i6,6 ( vizi domestici).
165 s.; -+ WACHTl!R 3.14.>8.58.64s.; E. FEHR·
u:, Die kultiscbe Keuschhtit (RVV 6 [ 1910]); s 7 vohe, di cui 4 negli apocrifi (3 in Giudit-
-+ WILLIGEI; B. B110NE, Flavius Josepbus ta, I nei Maccabei).
(1913) specialm. 86 ss. 6 Flav.Tos., bell.24'5 (masiocro della guarni-
I Aesch., Ag.1645: Cliienncstra è xwpaç µla- gione romana sul sacro suolo d i Gcrusalem ·
aµu. X4Ì fltWv lyxwp(.wv. Eur., Aie. 22 s.: mel; 2, 473 (perciò è da attendersi la 11owi1
t)'W 6É, µ1') µiaoµQ: µ•lv 66µ01.ç X()(U, Àdl<W ò#<X di pio); soltanto "1 xétOcxp<n.<; di Dio
µtÀ.6.bpwv i:!;,vlìt q>tÀ.i:a't11'' o-i:h11v. Plac., (per mezzo del fuoco) può puri6<'1lre la città
/cg.6,78_2c: oux 8cnov ..• 'twv l>twv j3wµo~ (6,110; 4,323).
al:µct'tL µ~alvnv.
1 Philo, spec.leg.3,121 (q>6vov); decnJ.93 ( xa-
2 Amiphon Or., tetralogia 3,1 ,J. ilaptvu ljNx-/Jv xcxl. o-Wµa ... -rlJv µè\/ 1tClf>Clvo-
J Eur., Hcrc./ur.J324: lxti: XÉPCl<; aò.ç ò.yvl- vlac;. 'tÒ lit µi.aa\.1a'"tWv); spu.leg.1,28 1 (1ta-
uaç µt.6.crµa'to<;; Hipp. 317: xci:peç µèv b:yval, 6<-:iv) 1 ,102 ( [ 1t6pvTJ] cr1toulilio-aaa µt11CJ11d-
q>p-/rv o'lxtL µlaa1.ttl: "Tt; anche q ui la conta- "TWV xaCapriicrm); 3,127; det.pos.ins.170.
Nel N.T. ricorre solo in 2 Petr.2,20, scentia in11111111ditiae ambulant (analog.
dove indica la contaminazione contrat- Iudae 8: crO.pxa µMx.lvcw).
ta partecipando a qualcosa che contra·
sta con l'essenza santa di Dio: a'ltoq>v· t àµlav"To<;
y6V'tEç 't~ µ~Mµet'ta -.oii XOC1µ,ClU ÉV Im111acola10, puro, fisicamente(Pind.,
tmyvt:ia-E~ 'toii xuplou, «dopo esser Jr. xo8 b, della luce), poi specialmente
sfuggiti alle sozzure del mondo grazie della purità culruale (Plut., Numo 9 [I
66b): castità verginale delle vestali);
alla conoscenza del Signoreit. Qui xb- traslato in senso morale religioso 1• 0:-
o-µoç è il mondo contrario a Dio, pra· µlctv-.o<; è presente spesso con xaDa-
ticamente il paganesimo. poç, come rinforzativo, e allora indica
la purità assoluta, inviolata (Plut., I s.
et Os. 79 [n 383 b]; Pyth. or. 3 [n 395
t µ~acrµ6ç e)). L'esse re esente da ogni macchia è
Contaminazione, come azione o co- il presupposto per avvicinarsi a Dio nel
me stato (~ µ~alvw, µloco-µa), prima cuJto 2 •
cultuale-riruale (Plut., Solon r 2 [I 84c): Nei LXX à.µlm1-i:o;, a cui manca un
Ciy'!] xat µ~o;crµ,oùç SEoµtvouç x<t~ap­ corrispondente ebraico, appare solo .5
µWv, «delitti e contaminazioni bisogno-
volte negli apocrifi, in 2 Macb.14,36; IJ,
34 è detto della purificazione culruole
se di riti espiatori»), poi trasferito nel
campo morale, dr. test. B. 8,2, accanto del tempio; nella Sapienza più volte del-
la integrità sessuale, 3113: o à.µ(avi:oç,
a 1tOPVElct (il contrario è O~civoLa xai)a. ij't"Lç oùx ~yvw xol't'!]v Èv 1t(X91l1t'twµ<t-
pO.); test.L. 17 ,8.
,.t, Vulg.: ...quae nescivit torum in de-
Nei LXX solo in I Mach .4.43 (il {3w-
µ6ç pagano sul WO"LGtU'tTJpLov di Dio) e
licto; 8,19s.: i!Nxfiç àyai)ijç ... crwµ.a
&:µl«v..ov; 4 ,2: à.µ~av'twv liDÀwv à.yw-
Sap. 14,26: l)ivxwv µLao"µO<;, «putrefa- va, detto della vita di chi è rimasro ce-
zione morale delle anime• 1, accanto a libe.
dimenticanza della grazia del patto e a
peccati di lussuria. Nel N.T. è detto: I. in senso srret-
Nel N.T. soltanto in 2 Petr. 2,10, to, per purezza da mancanze sessuali
detto del consenso dei libertini allo sti- (Hebr.13,4); 2. in generale della purez-
molo sessuale sfrenato: 'tovç 01tiaw za morale· religiosa cl' un' autentica ado-
crapxòç tv tmwµlq. µLmrµoii 1topEvoµt- razione di Dio (lac.1,27: accanto a XCI.·
vouç, Vulg.: qui post carnem in concupi- i>ap6ç), della totale purezza dell 'e reditìi

l1L<lCJ!6ç xal ciµlaV'tOV 'O>..vµTtLOV npoO'a.yopcleoi)a.1;


t K. $ 111.GFRIED, in KAvrzsCH, Apkr. u. Pseu- Plut., Nikias 9 (1529a): ciµl<tv'tov x<tt 6.no·
dcpigr., nd I. ÀEµov !ltov.
àµ(a.V"{oç 2 Cfr. WiiCHTllR (-+ µLalvw, noto bibliogr.);
-+ µi.alvw, nota bibliogr. --. SnNGEL ''6 ss. Nell'ambito giudaico dr.
I Pia!., leg.6,777e: O:µla.noç 'tOU 'tt aVOO'LoU test.los. 4,6: i:o~c; tv xallapq. xaplì{q. xat 11'tb-
r.tp< xat <io!xov am:(pnv tlç àpltj~ lx'l'ucw µac•v àµuiV"{o1ç a&t~ Ttpoatpxoµiv<11.ç. Cfr.
l><C.vW'tai:oç liv d'I'); Plut., Pericl.39 (1 173c): 1 Cl<m.29,L (delle mani dell'oranie); 2 Clem.
ruµ.evtç i)Doç xa! ~l~v tv tl;ou(J'\.q. xa&apòv 6,9 (accanto a Ò:)"ll~).
223 (1v,650) µ1xp6c, (0. Michd)

celeste ( r Petr. 1.4: accanto a /iq>Dap"toc; 26 : accanto a llcnoc; e lbca.xoi;, ~ IV,


e ciµci.paVToc;). della compiuta purezza coli. 1439 s.).
del sommo sacerdote Cri$tO (Hebr.7, F. HAUCK

t p.Lxp6c;,
(t fì. .c't-..wv' t n. <X:xtcr'toc;)
x. In greco µ~xpb<; (e O"µLxp6c;, con sciocchi da farsi ammonitori (ammae-
forme secondarie l.1Lxx6c,, µLx6<;) è at· strando o punendo) di uomini brutti,
testato a partire da Horn.: Jl.5,801; 17, piccoli e deboli; si sa infatti che simili
757; Od.3,296; Hes., op.361, ecc. L:i cose . toccano agli uomini per natura o
parola si trova spesso nell'uso linguisti- per un caso, tanto gli svantaggi di que·
co classico, ed anche nel periodo serio- sto genere quanto i vantaggi ad essi op·
re (iscrizioni, papiri) 1, e significa: posti». Aristot., eth. Nic. 4,7 (p. II23 b
6 ss.): tv µtrÉDti yàp Ti µqaloljlvxlo.,
~'ltEp xal i:ò x&.U.oc; Év µq6.À.(t} a'W-
a) piccolo esteriormente, o di corpo; µa'tL, ot µLxpot o' ttO""tEfol XGt.l crVµµE-
li. 5,801: Tuosvc; -.oL µLxpòc; µtv E1l\I 'TpoL, xa.À.ot ò' o(), «nella prestanza al·
oɵac;, ctÀÀà µax l)"ti}C,, « ...piccolo di berga la magnanimità, allo stesso modo
statura, ma prode comb3ttente»; I 7, che la bellezza sta in un corpo grande;
7 57: O 'TE <TµLXpflcn q>6VOV q>ÉptL opvl· i piccoli sono garbati e proporzionati,
l>eo-aw, «dà morte agli uccellini». ~ ag- ma non sono belli».
giunto come nomignolo a KÀEL')'Évl)c;
(6 µLxp6c; ) in Aristoph., ran.709; a 'A· b) Piccolo di dirm:n)iorJi, Hcs., op.
µvv"t<:l<; (ò µLx.poi;), Aristot., pol.5,10 (p. 361 : Et y6.p XE'll xa.t crµLxpòv Énl crµL·
r3rrb 3) 2• Cfr. inoltre Plar., Prot.323 xP1ti xa'taDefo xat Daµà -.ov-.· ~plìoL<;,
d: ofov 'TOÙC, awxpoÙc; i) <TµLXPOÙc; i) •ttXGt. XE'll µÉ')'a xa.t -rò ')'ÉvOt"tO, «SC po-
ciui}eve~c; "tlç olhwc; 6.vòl)-roc; wo--.E -rL ni piccolo su piccolo e fai ciò spesso,
"tOV"tW\I ÉTtLXELPEL\I 7tOLE~v; 'TIXV'fa µÈv quel piccolo potrà tosto diventare gran·
yà.p ol1.LaL tcraow &n <pvCTEL "tE xa~ "tV· de». Esiodo mette in rilievo il valore
XTI "tO~ av&pwnotc; yl yVE"tlXL, "ttÌ. xaÀà delle cose piccole: «Piccolo aggiunto a
xat "t<i\laV"tiix "tOv"totc;, «non si è cosl piccolo diventa grande; se dunque a ciò

µ•xp6ç
I Or. LIDDELL.SCOTT ll ) 2· 1IJ 4 : ivi anche nu· 3.497 ~ nota a 133,a,14, e cfr. Plor.o, Prol.323
merosi composti. rome fUXl)<lO<X'l}T'i)<;, 1.u.xpo- D». A. MEtNtKE, Fragmen/a Poetarnm Comoe-
l3aC1LÀEla., µixp6j 11.1.a-toç, l.IJ.XpOIAVp-toç; anche diae Mediac = Fragmenla Comicorum Graeco-
µ•xpO'tT}ç e µixplivw appartengono alfo stessa rum 1ll (°1840) 497: oµ<xpo; baud rarum a·
famiglia. pud Athenimur sive cognomcn sive convi·
2 W. L. NEWMAN, The Po/i1ics o/ Aris101/e IV cium. Ita KÀE<ytvri 'tÒv,µ<xpév apud Xenopb.
(1901) 418: «L'asgiunta di b J.U.XpOç non è del Mem. I 4,1 et Plato, Symp. 1,7. Su µ<xpoc; ~
tutto rispettosa: v. MEtNEKE, Fragm. Com.Gr. oµ•xpé.; dr. Buss-DEBRUNNEll.6 S 34.4·
l'"'"°c; (0. Michd)

che si ha si aggiunge ancorn yualcosa, pensa anche '' Plat., lcg. 10, 902 d: où-
non dire: posso consumare lJUcl che ho, SEvt, xwplç 'tWV ÒÀ.lywv xa.t Gµ Lxpwv
eh~ non vado in miseria. Bisogna inve- 1tOÀÀ.Ò: fì µEyciÀa. ' ovOÈ. yÒ:p èiVEV aµL·
ce conservarlo bene in casa; fuori va fo- xf)Wv -toùc; µtyaÀ.ovi; cpcxO"tv )..~oÀoyoL
cilmeme perduro, sia utensili che legna, À.ll>ovç Ev xEWila.L, «a nessuno è conces-
cercali in covoni. Se si hn una scorra, se so aver cose molte e gr:tndi trascurando
ne attinga, ma nel caso che si debba le piccole e infrequenti, e i muratori di-
prendere a prestito, non lo si può farc»1 . cono che senza le pietre piccole n<.:rnme-
Aristoph., vesp. 878: 'A'J'tLXvpcdov µÉ- no quelle grandi stanno a posco». Cic,
ÀL"tOc; µLxpòv "te!.> Dvp.LOl<!.! na.paµd!:,a.ç, nat. deor. 2,66 1 167: 111ag11a di wrant,
«allungando lo rnbbietta con un pochi- parv(l negleg11nl.
no di miele di Amiciro».
d) Detto del tempo ( xp6voc;l o del-
c) Piccolo, di poca importanza. Cosl l'etìì =breve tempo, età giovane. Pi nd.,
Theogn. 323 ammonisce: Mi'}no't' tnt Olymp .12 , 12: iv µtxpi;> 11toaµrn(ia.v
CTµLxpijL npoq>aO"tL q>lì.ov &.vSp' cir.OMO"- XPOV<iJ, «mutare in breve tempo•; Plat.,
O"CXL, 1t<LMµEvoc; xaMmjL, Kvpvt, OLa- resp.6,498d: dc; µLxpòv y ', Eq>l), xpòvov
~OÀ.ll)L, «non rovinare, o Cirno, un ami- ELP'l)xac;, «bai parlato, disse, per breve
co per una ragione da poco, persuaso tempo». Numerosi sono gli avverbi: µL-
<la maligna calunnia»; similmente Soph., xpwc;, µ~xpoii, µ~xp6v, tnt o xa-tò: µL-
Oed. Col. 44 3: à.U.' faovc; O"µLxpoii xa- xpciv, 1tapò: e IJ.E"Ò: µtxp6v •. Per il pe-
pw qlV')'tl<; cnpLV t!;!.ù O.'tWXÒ<:; l)ÀWµl)V riodo seriore' dr. P.Gen.28,11: ò odvcx
Ò.ÉL, «per una parolina esule e misero ÈmxaÀovµtvoc; µLxpbc;, «quel tale eh 'è
vado errando»; T rach.36r s. ; ~y XÀ,T)µcx. chiamato piccino»; P. Fior. 111 322, 28.
iLLXPÒV ali:La.v i)' t:toLµaaac; È7n<T'tpCX- 67: xÀ-i;poc; µtxpoii IIoÀ.vcpwvoç; P.
'tfVEL ... , «preparate una lieve accusa e Eleph. 27, 5: 'l'Lv"ta.fjc; µLxpòç 'Ea"i:-
un:i causa, :1vanza con l'esercito»; Oed. q>1\vLoc;; 16,u ; r8,r; BGU Ili 712,2:
Tyr.961: O'µLxpà. na.).a.Là: awµa"t ' Eùva- n-.oÀ,tµa.toc; µLxp6ç; P. Fior. 1ll 322,
SEL ponfi, «basta un nulla 11 stendere sul r.o: SL' 'Amavoii µL xpoii; 372,4: 'Ama.-
leno di morte i corpi senili». La parola vòc; µ txp6c;; P. Amh.155,9: TTÉ-tpov µt·
è applicata anche u persone come oppo- xpov. La parola ricorre spesso come ag-
sto di µtyac;: Pind., Pith .3, 107: GµL- giunta ai nomi più diversi; in t:ili casi
xpòç Èv uµLxpoi:c;, µlycxç èv µEyaÀoL<; significa sempre 'piccolo'. Ma può an-
t<To-oµaL, «sarò piccolo nelle piccole co- che voler dire ' giovane ', come in P.
se, grande nelle grandi»; Soph., Ai.160 Lond. III 897, 30: à.0"1t0.!'.,ov ' A<[Jpo-
s.: µe-.à yàp JlE')'<i.À.wv ~mòc; &pLvi:' liv Soiiv i:i}v µ~xptiv; P. Oxy. I 1Jl, 7: o
xo:t µlycxc; 6pl>o~i>' ùnò llLXpcrtÉpwv, «con µLxp6 -ttp6c; µou ò:otÀ.cpoc;; P. Giess. 78,
l'aiuto di chi è potente l'uomo di poca 7. In numerosi altri passi si riallaccia
importanza può reggersi m3gnificamen- agli usi linguisrici già descriHi (breve
1e e grande diveni re». Sembrn che Sofo- tempo, scarso di misura e quantità,
cle obbia in menrc un proverbio; si ecc.). µtxx6c; (P. Fay. c27, n. 13; P .

J u. VO:< WU.AMOWITZ-MOD.LE/IOORF, / lesio- Pfennig nicht ehrt, ist des Talers nicht wert•,
dM Erga erkliirt {1928) 84. In generale anche cioè: chi non (a con to della monetn piccola,
11ella grecità l3 parola µ~Kp6ç=aµ~xp6; ha un non merita quella grande.
tono svalut~ti1•0, µi:y<X<;, al cont r:irio, un cono
d'eccellenza. Anche Hes., op. 361 non si di· • Vedi i lessici.
stacca dalla tendenza del proverbio e della
saggeiz.1 popolari. Cfr. il tedesro .Wer den s P1ms1cu, Wort. u ro~ ss.
(1v,6p)228

Lond. n 239, 16; 4 18, 21) = µ~xp6ç. t-yw nµL ò µixpil'tepo<; l:v otxci> ita-rp&;
ò:itò µ~)({)6i)EV = dall'infanzia (P. Oxy. µov). Questo tratto di modestia cd .u·
1x1216,5). miltà è tipico nel momento dell'clez10-
ne e della vocazione, ed ~ b prova del
2 . Nei LXX troviamo µucpoc;come tra· retto comportamento dell'eletto e dd
duzionc di tutta una serie di parole chiamato, ma anche della libertà e so-
ebraiche come :t'lr (mii'ar), mlkiil, vranità dcli' operato di Dio. Analoga·
m"a!, m'i{iir (!air), qii{an, q4lal (al ni· mente in J Sa1n.9,21 Saul dice a Sa·
fal), Iiflat q6mii, ie!ef '. Fra queste p~· muele: «Ma io sono soltanto di Benia·
role ebraiche fo spicco soprattutto qa- mino una delle più piccole fra le tribù
tiin che, come il greco µ~xp6ç, può CS· d' Is:aele, inoltre il mio clan è il più
sere usato in vari signi6cari: in quello, piccolo di rutti. i cl~n. della tribù di ~c­
ad es., di •piccolo per spazio e massa' niamino> (LXX: OVXL &.v&pòc; vl.òc; lE·
(Deut.25,13: «non avrai nd tuo sacro µwalou tyw Elµt. .. t!; a>.ou axi)r.'tpou
due pesi l'uno gronde e l'altro picco- BtvLaµdv, xo:l tvet. -rl f>,cf>.;qaa~ 11p6ç
lo»; Ez.~3,14: «...e dal cortile piccolo iµt Xet'tà -rò {riiµtt -roOi:o; ). I ~am. 15 !
a quello grande quattro cubiri ...,. ), di 17 si· riallaccia a questa pro(ess1one .di
'piccolczia' nel tempo, cioè di giov~· umiltà: «Non sei forse, per quanto pic-
tù (p. es., Geri.9,24: «quando Noè ... ri- colo per te stesso, il capo ddle tribù
seppe quel che gli aveva fatto il figlio d'Israele?• (LXX: ovxL µi.xpòc; uiJ El
suo minore», b'116 haqqiJfan, LXX: b tvwmov ah-roi:i iJyoVµtvoc; a-xi)'lti:pov
vlòc; ò \IEW-rtpo<;). Ma qii!ii11 può anche cpvÀi'jc; 'Iirpa.i}}.; ) Similm~nt~ Salo~o­
esprimere il poco valore o la nessuna nc nel colloquio con Jahvc s1 definisce
importnnza (lr. 22,24; 36,9; Zacb. 4, «Un giovane che non sa né entr'!1'e ,né
1 o: «chi dunque ha disprezzato questo uscire• ( 1 Reg .3,7; LXX: xo.l lyw ELµi
giorno di piccoli inizi?•, LXX: &~6-r~ -r~ ;-4L&i.p1.0v µLxpòv xctl. oòx oiSa -div
tl;ou&tvwow Elç -ftµlpac; µ~xpcic;). Assai l~o&b\I µov xal "tTJV dao&6v µov ).. Qui
frequente è l'espressione 'piccolo e gran· abbiamo evidentemente un determmato
de' nel senso di 'tutti'; ad es. Num.22, stile linguistico che, tanto nella preghie-
18; Jer.6,r 3; q, 103,2'; u3 ,21 ; 1 Mach. ra quanto nel colloquio, vuol essere e-
5,45 (Ò:7tÒ µ~xpoli lwc; IJ.E-Yci~ov~. Erdr.8, spressione di modestia e di umiltà 7 •
12 ricorda un Johanan, figlio d1 Haqqa.
ran (LXX, 2 Ea&p.8,12: 'lwa.va.v vlòc; 'A· 3. Lo Strack-Billerbeck' aHe""'!a a
xa.-ra.v). Una particolare attenzione me· proposito di Mt.ro,42: «Non abbiamo
rira nell' A.T. l'uso di 'piccolo' come e· alcuna attestazione rabbinica che qii!iin
spressionc di modestia e di umilt11. ln o z!'b, 1.''érii', corrispondente a 1nxp6ç,
lud.6,1:; Gedeone obbietta all'angelo di usato in assoluto ~ignifichi 'scolaro' o
Jahvé: «Come potrò salvare Israele? Il •discepolo'. Nei passi che eventualmen-
mio clan è il più debole in Manasse, e te poticbbero essere presi in considera·
io il più piccolo della mia famiglia> zione il signliicato è diverso. Ab.4,20:.
(T. M.: uf''anok1 hauii'ir b•bét' 'ab1; R. )osè b. Jehudà da Kefar ha-Babh
LXX, cod. A: xat t-yw d.µL µL~ tv ( contepiporaneo del Rabbi ) soleva dire:
"t~ otx~ "toi:i ita'tp6c; µov, cod. B: xo.t
Quello dci piccoli (hq~11irn) che studia,

• \ledi HATQl· RCl>PATH Il 926 s . centomila prigionieri il re risponde con nobil-


tà e demenza: i.u.xp6v yt ... 'Apuni04 o/».l.4c;
7 Che cosa sia ÀttµnJ>bTT1c; 'TiK ljlvxiic; e µE·
ya>..oljlvxlct è spiegato i11 ep. Ar. 15 ·:>O, dove cil;Lo~ npciyµa.
alla preghiera di Aristca di Ubc~ più di I I ,91-,92.

i

22\) (1v,6p) 1.v.x~ (0. Michel)

a chi somiglia? A uno che mangi uva sun dotto, non c'è nemmeno un anzia-
acida e beva vino dal suo torchio. E no; se nessun anziano, nessun profeta;
quello dei vecchi che studia, a chi so- ma se non c'è nessun profeta allora
miglia? A uno che mangi uva matura vuol dire che Dio non fa posare su di es-
o beva vino vecchio». I 'piccoli' qui si (cioè sugli Israeliti) la sua shekinà».
non sono semplicemente gli scolari dei Qui 'i piccoli' sono evidentemente i
dotti, ma i giovani studiosi in genere. bambini. Dcl resto il nome Se'era, Se-
Altrettanto si dica cli M.Q.j. 85d,25: 'ura (dr. Il<1-iiÀoç) è portato d:i diversi
«Grandi (importanti studiosi) sono da- Amorei (Ber.j.5c ,n; Pes.;.35d 4) 10•
vanti a lui; ma egli interroga i piccoli
( = gli insignificanti: z'jrjj')». Sota b.
22a Bar.: «Una vergine bigotta e una 4. L'uso 11eoteslame11tario I.
vedova che va n zonzo sfaccendata e
un piccolo (qtn) i cui mesi non sono L'uso linguistico neorestamemario
compiuti (che non è stato portato nel corrisponde largamente a quello che ap-
grembo materno per 9 mesi interi): ec-
co, costoro mandano il mondo in rovi· p:irc altrove 11 • Zaccheo è descritto in
na... Chi è il piccolo i cui mesi non so- Lc.19,3 come piccolo di scatura (o-tt 'tTI
no compiuti? È stato spiegato: è uno i'JM.xi~ µi.xpòç Tiv ). Più difficile da spie-
scolaro studioso che rifiuta i suoi mae-
stri (cioè è indocile)». R. Abba (intor- gare è, in Mc.15,40, l'aggiunta al nome
no al 290) ha detto: «È uno scolaro proprio: 'Ja.xwPov -.oii µtxpoii. È da in-
che non è ancora giunto al momento in tende~i, come in Lc.19,3, in rapporto
cui possa prendere delle decisioni, e che
(tuttavia) le prende». Anche qui il 'pic- alla statura 12 ? In sé, ciò sarebbe al-
colo' non è semplicemente uno scolaro, trettanto possibile quanto la disti02io-
ma uno scolaro immaturo?. Ma que- ne del Giacomo 'più giovane' (latino
st'uso linguistico, riscontrabile nei rab-
bini, di chiamare 'piccoli' in senso di-
Il breve
mifloris) da un 'più vecchio'.
spregìativo dei giovani studiosi (in op- cenno non consenre un accertamento
posizione ai 'vecchi' e ai 'grandi') si più preciso. Anche la locuzione µtxpol
spiega in quanto i bambini sono chia- x<Xt µqaJ..ot, attestata tanto nell'A.T.
mati anche 'i piccoli'. Cosl, ad es., Gen.
r.42, a 14,r: «Se non c'è nessun picco- quanto nell'ellenismo, non è ignot:i al
lo, non c'è neanche uno scolaro; se nes- N.T., e si trova più volte in citazioni
suno scolaro, neanche un dotto; se nes- o in acrenni a modi di esprimersi vere-

9 STRACK-BILLEl.BECK l '9' s. Il PIIBUSCHEJ(- BAUER' 864 è incline a intcr-


prernre Mc. t540 secondo Le. 19,3. E. LoH-
IO LEVY, \fiori. I 547; STMCK·BILLF.RBECK li
M&YBll, Mk. ( 1937) 348, invece, la pensa diver-
713. samente ( = latino minor): ~(perché} qui si
n Cfr. O. MrCHEL, «Diese Kleincm> • eine trova soltanio l'a1l3iunta di 'il piccolo' al no-
}iingerbezcicbttung ]esu: T'hSiKr 108 ( 1937· me di Giaromo, che in tal modo è distinto,
1938) 4or-.1r5; A. VO.'i HARH.\CK, Die Termi- come uno più g.iovone, da un altro più anzia·
nologie der Wiedergeburt und 1>erw1111dter Er- no•. Che li 1i•xri6ç sia in relazione con la defi.
lebnisse i11 der iJltestm Kirche: TU 42, 3 nizione data da Gesi:l dei discepoli - ov"<o• ot
(1918) 97-143; ScHu.TTf.R, Komm. Mt. 3H s. ; µ•xpol - non è impossibile, ma n on è neppure
BULTMANN, /'rad.' I'l S. rn. verosimile.
•J1 (1v,6nl 1.uxpé( (0. Michcl)

rotestamentnri u_ Si trova spesso b de- che un solo bicchiere d'acqua frcscn nel
terminazione µ4XpÒ'll xpévov, oppure nome di discepolo, in verità vi dico,
l'avverbio neutro µLxpov; ma µLxpllv non perderà ll1 sua rnercedeo; Mt.18,6:
può essere usato in seoso vario: tem- «Mn dù scandalizzerà uno di questi
porale, locale, quantitativo 14• Più im- piccoli che credono in me, meglio ~a·
portante è il fatto che Gesù, secondo rebbe per lui che gli si appendesse al
la tradizione sinottica, parla ripetuta- collo una macin3 da mulino e lo si spro-
mente di 'quest i piccoli' (oiJ-toL ot µ.L· fondasse nel mare» (le stesse parole i11
xpol nel testo greco), cioè acceooando Mc.9, 42 ; Lc.17,2); Mt.18,10 : «Badat..:
a persone prc:;cnti, senza che questa a non disprezzare nessuno di questi pic·
espressione abbia un tono dispregi:iti- coli, percbé to vi dico che i loro ange·
vo o sia riferita a dci bnmb ini. t:. il ca- li vedono sempre il volto dcl Padre mio
so cli Mt . 10,42: cE chiunque abbia da- che è nei cieli»"; Mt.1 8,14: «Così non
to da bere a uno di questi piccoli an· è volere dcl PJdre vostro che ~ nei cie·

11 Act .8,10: ch:ò µo.xpov (wç µiy6'.>.ou; 26,21: 1s SctonJo la concezione rabbinica neppure gli
µa.p'tUp6µN o.; IJLXPii 'tt xctl µty6'.>.~; Htbr angcU possooogu•rdare il volto di Dio(STRACl
8,11 (= ciw. di I~. 38,}4 [}1,34]) 6.1'Ò µi.. BILLERBECK I 783 s.). Una tradizione che •i fa
xpou w~ iuyci)J3'J ouhW'I; Apoc IJ,18: 'tO~ç ris-•li~ a R. Akibn e che ~ raponara in più
µLx po~ xa.L i:o~ç iurcl.>.oLç; analogamente 13, forme, afferma che nnche gli esseri .an1i, dw
i6; t9,j; 19,18; 20,12. L'espressione ncote· sos1cngono il trono della gloriJ, oon vc<lom)
srnmcntarin è abbutonw spesso lo riprcsl di la gloria di Dio. Cosl S Ltv 1,1 (p . .i a.13 ss
quella dell't\.T. (cfr. la chaziooe in lfrbr.8, \Vt:JSS) e il passo p•rallclo di S N ..111.103, n
11 ); però non si può ignora~ che questo mo- 12,8. ViSto su questo sfondo, /lft 18,10 riceve
do di esprimersi è •t1cstato andie altrove: P. u!lll loce porticolure· gli •ngcli cnstodi di 'que-
O•y. X 13,0: 7tpoaa.yoptvoµru. miV't~ dr.ò sti pkcoli' hanno ìl privilegio Ji vedere sem-
llLXpWV fw.; 11ty6'.>.wv, «<:. (PUISIGKI. \Vari. pre lo•à. 'ltC1V't6ç) il volto dcl 'Padre· di Gcsi1
11 ro,). U:is1u nel ciclo Mt 18,10 è dunque in Inne
14 Spesso µtxpò-1 )(p6vov (Apoc.6,11; 20,3; lo. contro•to con la tculogia r.tbbink;1; dr. J
7,33: 12,3,), abbreviato in 111)({:6v (lo.•3.>·s; Sc11N1EWIND, ad I . (N. T. Dcmt<eh I 2, 193);
14,19; i6,16 ss. ; Mc.14,70; M1.26,73). 11txp6v ~Qucs10 governo <livino del monJo è r><-rò ri-
può aochc ovcre un signilic•to locale (ad es. vd10 • ciò che è piccolissimo e ai più pi<x<>h
Mc.14.35; Mt.26,39) o quamitaùvo (2 Cor.11, In tal moJo qucst4 concczjone tk'evc nel N.'I'
16; dr. 11,i: µ.xçiév 't\ Q.q>poa\r.ni<;J: Scm.AT· un nuovo indm1.zo rispcuo JI i:iutbosmo. e
TER, Komm. Joh.3ooa Io.14,19: chi 1.u.xpòv anche o!l'cllenismo, che conosccvn am:h'css.>
xCll. Ou,4: /ti 'Od m•at Il ... = LXX: &.6n r-n delk spcc-ulazioui •ugli •pirid ccle.<ti. La tra·
µ1xpòv XCll. /J.10,z': I u.' t ,33. µtxç.òv tµ.
r:po~v. poco prinu; !'lnv. los. ant 8, 40,;
dizione giudaica dice espressamente che gli an-
geli non """"°oo \'Cucre Dio; .- qui, proprio
9.79. Vedi Mt.26,39.73». xa.i:&: !"Xp6v fra= parict.do dal più p1crolo, è promc:= il contra·
J)OCO: Darn.1,5; napà µ•Y.?6v, ljl 7>,2; /;:.16, rio. O'ahra parte, 11 giudaismo e l' ellenismo
47; Herm., <im. 8,1 ,q: 7ta.pi): µ1xp6v 6'/..o'.ç pmvavano un fonc senso di sog11••ione di fron
=
x>.wp4c; tranne una piccola t;>aite, qunsi; µL· 1e a questi esseri celesti; Li si doveva ,-enerare
xpòv 00011 6crov, Hebr.10,37; 1 Cltm.,o~ (am· per poter giungere o Dio con il k•r.> aiuto. In.
bcdue le volte da ls. 26,20). Sull'origine dell'u- "~ quo i po1cn11 esseri celesti '•mo •I servizio
so vedi 8LASS· OEllRUNN!i•' S 304 e aprcndice ancbc dei piìo piccoli, che app.1r1t11:1ono a c.;,;.
308. $10».
11ixpoç (0. Miche))

li, d1c si per<la una sola cos:1 l tv; va· se Gesù con questo str:mo uso lingui-
ria111e Ec<; = uno solo) <li questi picco· s tico voglia dire qualcosa di speciale.
In complesso si deve dire che, :1d onta
li ». Si traila di singole affermazioni di notevoli differenze (cfr. ad es. Mt.
(promesse, ammonimenti) della predi- l0,42 con Mc.914 r ), questa peculiare e·
cazione che hanno in comune il fatto spressionc oÙ'tOL ot µLxpol è fermllmen-
te ancor:ita nel cesto e si dilicre11zia
che Gesù prende questi 'piccoli' sotto chiaramente dalle parole sul 'fanciu llo'.
la sua speciale protezione. Anzi, non si sono avute neppure facili
assimilazioni del contesto o dei logia in
In µtxp6ç si avverte anche l'ebraico parola nel loro contesto. Abbiamo in
qafiin e l'aramaico t''b, z"'éra'. Il Bult· Mt.l0,42 e Mc.9,41 due forwe diverse
man n annovera questi lo gin fra 'le pa· dello stesso logion, che accampano egual
role tiella legge e le regole della comu- valore. M c.9,42 n on ha potuto influire
nità', che con certe modifiche fuco no su ll'affermazione di 9,4 r; in Mt.10,40
incorporate nella tradizione comunita· ss., d 'altra parte, il discorso oscilla tr.1
ria 16• Ci dobbiamo chiedere se parole l'apostrofe e la promessa a 'questi pie·
di Gesì.1, cbe in origi ne trai.lavano del co li'. E tuttavia ov vio supporre che gli
'fanciullo', nell'uso linguistico della co- evangelisti non abbiano fatto distin-
munità siano diventare ~role riguar- zione, quanto al significato, tra i ' disce·
danti i 'piccoli' (il 'cristiano di poco poli' (Mt.10,42: tLç ovoµa. µa.lh1wii;
conto'); se le parole sui 'piccoli' sciano Mc.9,41: O't ~ Xpunoii iu;i) e 'questi
a indicare gli scolari studiosi 17, oppure piccoli' (oìYto~ ot µ Lxpol) 11 •

16 BULTMANN, Trad. 1,z: .cSe si considerano gio reso alla sbekinà) in STRACK-BlLLEltBECK 1
insieme Mc.9,37.41 e Aft.1040.42, appare chia- )89 s. Perciò si potrebbe considerare •rtentn·
ro che i 7«1ilì(cx o µixpo(, che in Mc. si tra. mente l'ipotesi che o riginariame.nte si parlasse
vano nella prima parte ed in J.ft. ncu·ultima, di 'soolari'. Tuttavia STRACK·BILLERBECK I .59 t
sono oggeuo originariamente della parola, e ~.• n-.:istra che 'piccoli' (e lo stesso ~i dica per
che dunque avevano oriet n:lriamente il loro 'bambini') non veniva usau.> i11 a:>~oluco per
posto in am bcdue le pani; ma ure gli ilµtCç, indicare gli scolari. Ci si dovr~ alloro rivolge-
posti al principio in Mt e alla fine in Mc., s<>- re ai paralleli rabbinici citati in STlACK-Bll..·
no correzioni sccondoric, che consentono di 1,eRBF..CK I 774, che trattano della ricompensa
appliCllre la parola alla comunità cristiana. Q. per i benefici resi a fanciulli orfani~.
riginnriamcnte infatti s i parlava senza dubbio
di -ita.UiLa. o di 1-"-X!>OL in senso proprio; acco- 17 STKACK· l3tLLERBECK scmbr• escluderlo, .....
i::Herc e ristorare un piccolo fanciullo è con- n. 16.
sideruto un beneficio reso ali' Altissimo. Pi\1
tardi i ito.ilìia e i µLxpol sono stati intesi in ts Se confrontiamo i logia di Mt.10,.µ e Mc.9,
senso traslato, come sinonimo dti (piccoli) cri- 4 1, vediamu che, pur divergendo nei paròco·
s tiani•. Su Alt. r8, xo dr. l3uLTMANN, T ratl. lari, essi concordano in un punto dl!Cisivo:
t n : •Una pnrola , che ciriginariamente mene-- 'questi piccoli' sono veramente, secondo an.,..
va in guardia d•I disprczz.~re il C.nciullo, è sta· bcdue gli evangdisti, discepoli di Gl'Sù: Mt.
ta cri<1iani1;.arn rife.reudo median1c il comesco dice: tlç 5v01.w. 1.•uih'i-roù, Mc.: a-., XpL<nov
i µLxpo( ni membri d ella comu11 itìì cristinn•. ta-.r... La p romessa a 'q uesti piccoli' di M1.10,
Anche qui è impossibi)c dire da dove t Ngga 42, in Mc.9,41 è faua ai discepoli, e in .Mc.9,
la sua origine il logiori». Su J\fl.l0,40-42 par. 42 torna ad esser fotta a 'questi piccoli'. Si
cfr. BULTMANN. T rad. l'J, n. >: «Anuloghi vede come originariamente i due logia seguis-
det1i rabbinici ><•Ila ricom pensa riservata all"a- sero 0gnuno la sua strada e quanto poco avcs.
micizia e all'ospitalità mostrata spe<:.ialmenrc sero a che fare con i logia di altro tipo riguar-
agli scolari isiruiri (apprC7.zara qwtnto l'omng· dHnti i 11a•Blcx.
µt.Xp6~ (0. Michd)

Il logion di Mt.10,42 è interessante Mentre tra i rabbini l'espressione 'i


anche per un altro motivo. Il versetto piccoli' è sempre usata in senso svaluta-
comincia in modo diverso dal testo pa-
tivo ( = gli immaturi, coloro che non
rallelo di M c., cioè con le parole xcd oc;
tà.v 1tO"tWrl lva. 'tWV µLXpwv "t"OVTWV. sono ancora 'grandi' e 'vecchi'), e anche
Lutero traduce, basandosi sul cod. D, nella grecità e nell'ellenismo la parola
sull'antica tradizione cristiana e sulla µÉya.c; ha uno splendore speciale e il
Vulgata: «E chi di questi piccolissimi
ne disseterà uno soltanto con un cali- µLxpoc; comunemente è poco apprezza-
ce d'acqua fredda ...» 19• Ma sembra trat- to ( µLxpoc;, al massimo, è mezzo e via
tarsi di una lezione difficile resa in for. al µ.Éycx<;), lo stesso termine, invece, in
ma più facile. I n queste parole di Ge-
sù non sì ha un confronto reciproco di bocca a Gesù sembra accennare para-
situazioni ed onori umani, ma una 'pic- dossalmente a un miste.ro, a una digni-
colezza obbiettiva', una forma di ~'tci­ tà nascosta interiore o futura. Nel con.
'JO~a. del "tCl.1tEwoiiv (o "Tcxm:wòv dvc;n ),
cetro di 'piccolo' (qatiin, µLxpéç) posso-
l'aflini~::\ con 1t"tWXÒc; e 't0..1tttv&;, con
'iin1 e 'iiniiw. La protezione dei 'picco- no c0esistere due idee: la poca impor-
lissimi' nella comunità risponde anche tanza per gli uomini e agli occhi degli
al comandamento di Gesù, ma è qual- uomini, con il segno della conversione
cosa di meno dell'antica e radicale de-
finizione del discepolo da parte di Ge- (t•Jaba, µe<t6\loLa.), e la lotta contro la
sù. generale aspirazione, presente anche nei
La parola di Mt .ro42 è importante giudei, e farisei in particolare, od esse-
anche sotto un altro aspetto. Bisogna
leggere .Mt.10,40-42 nel suo insieme re 'grandi'. Forse il momento sociolo-
per interpretare rettamente l'evangeli- gico e quello religioso sono ree iproco-
sta. 'Profeta', 'giusto' e infine 'questi men te uniti (dr. 'i poveri di spirito' di
piccoli' sono termini volutamente coor- Mt .5,3 e i 'poveri' di l.c.6 ,20 ). Dio ha
dinati t ra di loro. !'orse la parola di
Gesù sui 'piccoli' originariamente stava chiamato proprio i 'piccoli' e i 'poveri'
a sé e l'evangelista vi ha ~iunto, traen- (Mt.11,2,.29; I Cor.1,26s.). Chi è chia-
dole da un alcro contesto , le due affer- mato da Dio è piccolo e povero, si fa e si
mazioni relative al profeta e al giusto.
Ma è più probabile che si siano svilup- considera piccolo come un fanciullo (Mt.
pate insieme due diverse tradizioni nel· 1 s,4 : Bcr•Lc; oùv 'tCt.1tEwWc°E~ Èet.v ..òv wc;
la comunità e che 'questi piccoli' - si 'tÒ 7tet.Llilov •oii"To, «chiunque si farà pic-
potrebbe dire paradossale questo fatto
- esigano la stessa dignità spirituale di colo come questo fanciullino»). Le po·
un profeta e di un giusto. Il risveglio role sui piccoli (oiho~ oi µ.~xpol) sono
di doni pneumatici e carismatici non affini alle parole sui fanciuUi (-runola. ),
contraddice alla parola di umiltà accen-
perchl ambedue i gruppi entrano nella
nata in Mt.10>42.

19 La Vul1t. legge: et quicumq11e potum dedc- 10.14.


rit uni ex minimis istis; Mt.18,6: ur.11m de p11- 20 .f:. forse una tradizione giudaica? Cfr. BULT·
si/lis istis, cosl pure Mc.9,42 e Lc.17,>; Mt.18, MANl'I, Trad. 158.

·;
I
predicazione della µr-t<ivoLa. ( t' j tib3) 21 . ni Battista; ma il più piccolo nel regno
Ma si potrebbe anche pensare a un rife- dei cieli (?) è più grande di lui».
rimento escatologico: chi è piccolo in Bultmann n spiega come segue la di-
questo eone sarà chiamato grande nel- versa impressione riportata dalla tradi-
zione: « ... mentre alcuni passi fanno ap-
l'eone futuro (dr. Mt.5,19: H.O:x1.<1-to<; parire il Battista come alleato de lla cau·
xX.11~i}at't<X.t. Ev 'tij (3a1nÀ.tl~ -.wv oùpa.· sa cristiana, altri mettono in rilievo la
vwv; t8,I: -.(,; éipa. µtL~WV Ècr-.tv ÈV sua inferio rità nei confronù di Gesù.
Entrambi i punti di vista si giustifica-
-.ii aa.<nÀ.EC~ -rwv oùpa.vwv; «e chi è vano con la polemica antigiudaica ed
più grande nel regno dei cieli?,.). Si ve- antibattista. L'aggiunta restrittiva di
de che la parola in ogni caso deve ave- Mt.11,n b par. si trovava già in Q e po-
re una certa larghezza di sigoilìcato 22 • trebbe dunque provenire dalla prima
comunità; in tutti i casi, essa è cristia-
Forse può fare luce sul testo anche Mt. na come il versetto inserito di Me. II,
xr,u =
Lc.7,28 ( = tradizione Q), do- r o par.» 2•. Questo versetto segna ve-
ve Gesù p:ulando dcl Battista dice: «ln ramente la divisione dei due eoni? e<l
è proprio vero che « il più piccolo nel
verità vi dico, tra i nati di donna non regno dei cicli» è più grande del Batti-
è sorto nessuno più grande di Giovan- stalS? Oppure non è più ovvia l' antica

li Nel discorso comunitario di .Mt.18 l'esprcs· q•tannlm (µ~xpo() e gli ·anàwlm ( = ·ni:wxoL
sione 'quesci piccoli' appare non meno di ere i:cjl '!t\IEÙµd't'L) di Mt. 5,3: 4Ancora una volta i
volte (Mt. r8,6.10.14). :t difficile pensare che piccoli sono gli insignificanti, nel senso più
quc~;to numero tre sia casuale; si deve ritenere ampio della parola, i poveri, i non lstruici,
piuttosto che l'abbia voluto l'evangelista stesso. coloro che socialmente stanno in basso, certa-
Colpisce il fatto che a=to a queste tre espres- mente nnchc i faru:iulli; ma sarebbe errato de-
sioni sui 'piccoli ' ce ne siano aluc tre sul 'fan- durre d a questa parola { =.Mt.18,10) •l'idea di
ciullo' (nal.Slov): .Mt.18,1-34., . Si tratta di una un angelo dei fanciulli~. Allora l'equipara2io-
ripetizione che unisce l'una all'altra diverse esi· oe ai µ.a;&iyto:( di Gesù sarebbe avvenuta sol-
g = della conversione. Anche il ricevere ( OÉ- tanto nel contesto della composizione del di·
xt11Da~) di M1.18s non esce dal contesto delfa scorso, però è del tutco possibile che gli cvan·
prcclicazione riguardante la conversione, come gclistl con la loro equiparazione siano nel
insegna anche Lc.9A8. I due gruppi di logia so- giusto.
no collcg<1ti fra di loro anche esternamente dal- n Trad. 177.
lo stesso concetto ebraico di haqq'!annlm. Il 24 o.e. 178.
paragone del fanciullo fa parte clcll' invito a
conversione allo stesso modo dclla defin izione 25 1; impottanic I ob 3,19 ncll' illusuazione rob-
de i discepoli come ' i piccoli'. Però non si può binia (STucx· BILLEJtBECK 1 .} 98). Rutb r. 3,
s tahilirc una connessione ancoro più stretta fra a 1,17: c Là ci sono p iccoli e grand i, e il servo
i due glllppi cli logia, come fa l' ipotesi della è liberato dal suo padrone" (l ob }. •9). R.
rielabora.zionc (R. Bultmann). Già la separa- Shim'on (c. 280) ha detto: 'Oti è piccolo in
zione este rna fra i due gruppi Jeponc contro questo mondo può diventare grande, e chi è
la supp0sizione' che i 1t'1.Lolu., e rispettivamen- grande può diventare piccolo; ma chi è pie·
te i µ\xpol. fossero in origine riferiti al fan. colo nel mondo fururo non può diventare
ciullo, e più tardi siano stati trasferiti :1i cri- grande e chi è grande non può diventare pic-
stiani (in quanto persone di poco conto). colo'. In Pes. r., appendice 3 (1 98 b) R. Jo-
nathan dice, riferendosi a lob 3,19: cNon
l1 ) . S<:11Ntf.W IND, a Mt.18,10: N.T. !Xursch I sanno forse tutti che là ci sono piccoli e gran-
2,19}. ha riconosciuto il coll~gamcnto era i di? Il passo intende insegnare che in questo
l«XP<X; (0. Miche!)

interpret<1z ione, ripresa da F. Dihd ius2• , di Gesti contro 1:1 grandezza uman;t ll<'H
secondo la quale colui che oggi è pie· si svolse solo sulb b~sc <li scn1cmc "
colo, cioè lo stesso Gesi1, quanc.lo appa· di :1tti come in tr,25; 18,r ; 19,1.J.)o.
rirà il regno sar:t pit1 ~rande dcl 'più ma fu la caratteristica contimi:tmt·ntc
grande degli uomin i'? In questo c:1so opcrnnte e sempre visibile d i liii 1:1 l:t
il Figlio dell'uomo sarebbe rivcliito CO· sua aui.... irà» 2~. «Nell'adcmpi11H:n10 dcl
me 'colui che è più grande'. La parol:t suo servizio e nella sua sofkrcnz:1 il di-
misteriosa 'piccolo', con il suo compk· scepolo si farà :mcor più piccolo dcl
tamento escatologico, l'autocoscienza di BRttista, e in tal modo divemcr~ an-
Gesù, che rivela eppure nasconde. !'al· cora più grande di quamo non lo sia
to riconoscimento dcl Battista, sono stnto il più grande dì tutti». Q11<111do
tutri fattori che oggi fonno apparire in Gesù parla del mistero dcll:i pìccolcz·
una nuova luce l'ipotesi di F. Dibc- za, lotta dunque contro l'idea.le della
lius 17 . Per Schlatter ?li Mt. Il, 1 J descri- gra ndezza io.
ve la lotta di Gesù contro l' ideale ••iu- Secondo Mc.4 ,3r e Mt.1 3,32, il gra-
daico della ·~randczz.n': «Il discepok>
nello di senape è il più piccolo di tutti
può diventare più grande anche di chi
è più grande di tu tti. Lo diventerà ~.e è i senli, quando è gettato nella terrn;
pit1 p iccolo di lui; e d ato che secondo mn una volta seminato diventa 'più
il giudii:io umano è 11n controsenso che grnnde' di ogni altro ortaggio e fa 'gran·
il più piccolo, proprio perché tale, sia
il più grande, bisogna aggiungere: lv di· rami n. Il mistero di Dio si nascon-
tjj ~w:nlElq; 'tWV ovpavwv». «la lotta de in questa crescita e in questo pas·

mondo non si riconosce chi è piccolo c- chi è re crcJ1ttJr,, qui 111is1ur in 1111,ge/i ('oti~stat~ 1JÙ1m
grande». Cfr. B.M.b.85b: • R. Jirrneja (c. 320) venturo paraverit, et quo e~ 11atis 11111licr11111
disse a R. Zciru (c. 300): Che vuol dire lob 3, n11/111s maior propbeta surrex(•rit; niri q11od
19: Là ci sono piccoli e grandi? Non lo sap- q"i "1inor eo estt id est, qui i111crrogat11r, cui
piamo, forse, che là ci sono pi~coli e grondi? non creditur, cui trstimo11i11111 11cc opera .!1111
Piuttosto il significato è quewi: chi per la praestant, hic in regno coelorum maior ts1?;
Torà si fa piccolo (si umilin) in questo mon- Tcnull.. Mare+ t8: si.-e enim de q11ornmt111e
do, sarà sr:mc.le nel mondo futuro, e chi t>e• le dicit modico rive dc semetip.10 per h11111ilita·
parole della Tor~ si rende pari a uno schiavo tem, quia minor fohanne bobcbdtur.
in questo mondo. sarà un Libero nel mondo 221 SCHLATTER, Komm. Mt. 3_36 s.
futuro». La distinzione lro pie<:<>lo e ~rande, 29 lbid.
dunque, secondo la concezione rabbinìc:J non JO J. SCliNIEWINll, a Mt.11,11 : N.T. DeulM"h,
viene meno neppure nell'eone futuro. r 39: ~n regno di Dio comporta una nuov~ e-
26 ZNW H (1910) 190. sistenza, una nuova nascita». "l..o s tesso Datti·
27
Si badi alle testimonianze dei Padri della sta lu avev:1 annunciato con il suo battesimo,
Chiesa. Chrys.. bom in Mt. 37, 2 (MPG 57. p. simbolo di morte e di risurtczione ...; n>a il
421): 1'.Ept µlv yà{> ia.1Ytov :Uywv, ttxé-tw, Battista nella sua opera è come uno che sia in
XpV<t'ttL 'tÒ np6o-i,.mov 6tà. 'tÌ]'J f"T• ><pa.i;oiJ. attesa.. «E il più piccolo, che 'vede' il regno
<rrJ.V UotOVOtO.\I, xo.t 'tÒ µlÌ ool;r.l< TtEpl fo.V't'Otl dei cielk che lo vive e vi cniro, h a qualcoso
1•tra. .,,, ì.tytw, xo.t y<'tp TtoÀ.À«y;ov q><t.cvt 'to.< che neppure il tlattista aveva •mcora-.. «Analo-
i;oii-ro Tto!.Wv. I bid. (422 ): µ•xpbi;tpoç "'1Ì" gamente l'attesa di allora dice a proposito dei
-1)"1.txl«v, xa.l xa.i;èt '<Trv 'tW'J no)...).Wv Sol;o.v· giorni del Messia: Felice il più piccolo che li
xa.L yètp O.tyov a.\rtòv q>Q:yov xa.L oL\lor.6· vivei C.Ome giiì il più piccolo che aveva vissu-
'ttj\I" xa.L· OV)C, ov-:6ç foi:w 6 'tOV 'tÉX'tOVO<, to la liberazione dall'Ei:itto nveva visto piì1
vto.;; Hilar. Pictav., comm. in Alt. n ,6 (MPL dci grandi profeti• .
9, p. 980 s. e ss. ): ti quomodo Cbristum ignora· li Cfr. f. )&Hl-E., Stnfkorn 1111J Saucrlcig i11
~ILXPÒ~ (0. Mi. lwl 1

~aggio d:i 'pi,coln' a 'grande'. In Le f:111<·i111lt1, i: ti n1:1::giore nel regno dc


n , 32 ( ;i:,ì1 si rivolge ai d iscepoli con d,·Ji»l. .1n.1l11i.:.11ucntc Mt.23,12: oui:L
la pmmcssa: «Non temere, piccolo ot v1)i<:nn fov -rov 't!l1tEWWih)a t'tCH
grtggc» !111'1 <poBoii, i:ò µ~xpò'V 1t04J.· 1wl OG"1:LC ·m 1mvwcrE~ È!lU'tÒ'\I vljlwi}·~
v~o'V ). Egli sa che, perché piccol11, la qui ... se exaltaverit bumi·
aE"\O.L, \ ' 1111:.:
schiera dci suoi è esposta agli nttacchi ; li.i/111ur. t'I qui se hurnilìaverit exaltahi
ma anche qui il 1mcpò'V cela in se stes- t11r !dr. l.r. q,rr; x8,14 ). Questo i:a
so il mistero divino: proprio a qucs1:1 itEL'VO':iv tau'tév, «ritenersi d~vanti :
schiera toccherà il regno dci cicli. L:1 J)j,, pii:colo e di poco conto», è un'c
parola di Lc.9,48: ò y<lp µixp6-rEpoc; È'V sprc~sionc dell'umiltà di Gcsì1 simile al
1tMW vµ~v V'ltci:çX.W'V, oìi-réc; Ècri:w ~iÉ· µixpòv dvat della trad izione sinottica.
yaç, «quello tra voi tutti che è pii1 Questn umiltiì è l'espressione dcll n con·
piccolo, proprio questo è grnndc», col- versione, non è un'opera artificiosa del-
pisce nuovamente ali.a radice l'aspir:i:tio- la i;iustizia della legge, m:i in essa s i
ne umana ad essere 'grande' e <1dcscri· riassume tutto quel che Ge.~\1 è: lh
ve l'essere piccolo come la via alln gran· itpaOç tlµL xat 'tetitEwòç 'tTI xaplìlq.,
dezza » 12• L '' essere piccolo' corrisponde Vulg.: q11ia mitis sum et bumilis corde
all''esscre umi le' (i:et'ltEWOii'V ) di Mt .18, (Mt.u,29)i.1 • La p romessa che Dio fo
4 («chi dunque si umilia come quesro al µtxpòv El:vetL è ricordata anche in

der Hciligen Schrift: NkZ J.I ( r92~l 7 r 3 ss. sta tradizione, diede alla sua comuni1a una
S<;HLATTl!.11., Komm. Mt. -1·12: ~AC'Cllnto a un configur:.11.ionc tot:ilmente nuova~. Su -ca7ttlr
minimo di azione sta la tot~lit:\ del suettSSO. voiiv la.u'tov nd modo di pensare precristiano
Colui che si inchina alla picrolez:z3 crc1 b e&. Scl-ILATT&rt, Komm. Mt. HJ· In Flnvio
gtand=a, il IUllO. TJ riferimento di queste Giuseppe i:o:~mvoiiv sembra roll"l)arsi con
parabole alla ~itu:izione dci disccPoli si rico· l'impotemn e la vergogna. Secondo i rabbini
noscc focilmente ... in questi piccoli avveni- l'aut<mmilinzione equivaleva a conf~ssar~i col-
menti è operante tutta la grandc1.za di D io. Tn pevole. STRACK • B 1LLER!lECK t 774: l..etJ. 1·. t,
essi si rnclica e incon1inci:i il tutro, che rf\~~ J a ' " : «Co~\ Hillel (c. 20 a.C.) ha detto: 'La
giunge infallibilmc.utc la meta•. mia (auto)umiliazionc è la mia esaltazione, la
mh1 (auto)e$altazione è la mi:i umiliazione':..
Jl SarLATTElt , Ko111111. LJ:. 1o8. Quc.•tc pnrolc di [ liJlel vengono ripcmtc e di-
scusse in vari modi. Ex. ;.45,5. a 3),n: R.
.IJSnu ATTF.R , Komm. Mt. H 3' ~i... questio- Tanhum.ì h . Ahhil (c. 38o) cominciavo la sua
ne ddln i;rnmlc:-7" aCljui•til imponon7.a per il lezione '"" l'r<111. 25.; : Perché è meglio sentir-
fatto che l'i1srirozionc od essere 'j!randc' ave- ti dire: «Snli <i"""· piuttosto che 1i si umili.
v11 compcnc1rato tutrn lo pietn palestinese. Jn llillcl dir<-v.1 : la mia (anco)umilin1.ìo11c è la
oi:ni oc(11sitlnc, rwl l'adunanzn cultuale, nell 'arn· mi:t cs:ilr:iii<>n<' e I~ mia (auto)esaltazionc è la
min istrnzionc della giustizia. ne l pasto in e~ mia u1nH ia'l innc f.: 1ncsdio pct u 11 uo1no che
rnuni.:, in oAn i r.,ppnrlo, sor.o •c\·n Continu:unen · gl i ,i ,Jir:i •. Sali in ah<>» piuttos to che «Scen-
te la qul·s1ionc: d1i fos.e il primo; e la va· di in h:is,... I l:" ·i<I<: è considerato nella let-
lma:zionc dell'onor.· di<: s1>ettava a ciascuno teratura r.,hhiniç,l c:ornc i\ modello e l'cscm-
ero una focccml:i di <~1i d si nccupava di conti· l>Ì<.' chff.1111umih.011011,·. e quindi anche dcll 'e-
nuo e che cr~ consid«r>l:t di 11rande imponanza. s.1hazio1M..· ''" lt., ...... 1 Ps.,6,l; 113., s.; 1 Par.
Gesù, portone~• i s1101 .li.x~·poli fuori da que- 14,17).
j!LX~ (0. Michel) (tv,6}8) 244

Apoc. 3,8: &n µLxpÒ.v exrn:; &uvo:µw, È bene tuttavia, conforme al comu-
xat t-.l}pl)crW; µov -.òv Myov xat oòx ne detto: ~piccole cause, grandi ciiet-
ti,., non trascurare piccoli dati o fatti.
i]pvi)<rw -.ò ~voµ« µov, «hai poca forza, Paolo ha caro il proverbio: µ~xpà l;v-
ma hai custodito la mia parola e non 1..t.TI oÀ.ov 'tÒ cpupcxµa l;vµoi: (I Cor. 5 ,6;
hai rinnegato il mio nome» 34• Questa è Gal.5,9)" e Giacomo ammonisce pari·
menti a guardrusi dalla lingua che «è
la novità della predicazione di Gesù:
bensl tm piccolo membro, ma mena gran-
egli supera l'aspirazione giudeo-farisai- di vanterie»: oihwc; xo.t Ti r 1wrnro. 1-n-
ca, ma anche umana, alla 'grandezza', xpòv µt1oc:; ro"ttv xaL µty<ila o.ùxd 36•
e vince l'assalro a cui è esposta la pic- Anche il male può sviluppare una forza
sinistra. Più tardi l'uso linguistico viene
colezza. Egli vede nell'essere piccolo da- svuotato del suo significato e adattato al
vanti a Dio e nella testimonianza resa modo di esprimersi generale. In 2 C/em.
da questa condizione, anzi nell'umilia- 1 ,I s. s'incontra l'espressione µLxp&. cppo-
vei:v 1ttpl "tLVOc; (µLxpòv q>pOVELV, Sopb.,
zione e nella sottomissione di sé, la via Ai. u 20; Plut., quomod o adolescens
per guadagnare il cielo ed essere gran- poetas auàire de beat 9 [II 28c] ): «Non
de nel nuovo eone. Paolo ha ripreso in dobbiamo tenere in poco conto la no-
Phil. 2,8 (l"ta.nElvwcrEv ÈO.V"tÒv, Vulg.:
stra salvezza» ( xo.t ov &ei: Ti1..i.à.c; µLxp&.
cppovti:v nepl "tijc:; crw'tT(pla.c:; i)µwv ).
humiliavit semetiprum) e in Phib,3; «Perché se facciamo poco conto di lui
Col.3,12 ('to.mwocppo0-Uvl)) l'annuncio (scil. di Gesù ), ci attendiamo anche di
ricevere poco; e se stiamo ad ascoltare
di Gesù, e ha visto Cristo stesso in que-
come se si trattasse di poca cosa, pec·
sta luce e sottomesso se stesso alla sua chiamo, perché non sappiamo donde sia-
parola (Phil.4,12: ot&o. xat 't'IX'JtEWOVcr· mo chiamati e da chi e n quale luogo,
DaL, Vulg.: scio et humiliari). né quante sofferenze Gesù Cristo ha sop-
portato per noi». 2 Clem.8,5 cita le se-

34 HADQRN, Apk.: 6o: «La poca forza si ri- stessa frase, che con l'esempio dcl lievito spie-
ferisce non solo al numero ridotto dei mem- ga come un facto apparentemente di poco con-
bri, ma, come in 1 Cor.1,26, anche alla loro to possa acquistare importarua per la colletti-
bassa posii~c sociale, alla mancanza d 'auto- vità, si trova anche in Gal.5,9. Essa aveva una
rità, di stima c. d 'influenzo. Ma questa in- diffusione proverbiale.; Gesù ha usato la stes-
terpretazione dl µLxp(L Svva1u.ç non è sicura. sa parabola; il parallelo più vicino è Mt .16,6
e si trova anche ne.i rabbini». 'Llevico' per di-
lS }OH. WEISS, 1 Kor. r33 : «Con oux otlia- re la fon.a traente che è alla base di una dot-
-.;tl'Apostolo non solo richiama alla memoria trina ~ usato in Hag. j. 76c, 42 e Pesk. ui a:
le parole che essi conoscono, ma fa appdlo al STRACK·Bll.LERJll!.CK I 728-729.
loro giudiùo: non è veramente oosl come di- .l6NeUo stesso contesto forse nell'immagine Ji
ce il mo110, e non si addice a voi totalrnente? lac.3,!f: ~-.;tiys-.;cu. ln<ò ÈÀa.XÌ.a'tOV m)OaMou.
L'immagine, che appare anche in Gal.5,9, non TamJ in Iac.3,4 quanto in 3,, si trotla della
è necessariamente un'eco dell• parabola di Ge· contrapposizione di 'piccolo' e 'grande'. tM-
sù (Ml.!3,33 = Lc.13,21), anzi la parola cpv· x•o--to~ in lac.3,4 non è un superlativo, ma
11«µa (Rom.9,21; IJ,16) usalll in luogo di li· un µ~xpoç rinforzato (come altrove nel greco
ùupov suggerisce piuttosto il contrario; si può ellenistico). Bt.. nt::llRUNNER' S 6o,2; Scm.AT·
trattare anche di un proverbio uciliz.zato da Ge- TER, Komm. ]ak. 21' (ron esempi tratti da
sù e da Paolo». Sct1LATTER, Kor. 179 s. : «l.a Flavio Giuseppe) .

.,
IUl<pO<; (0 . Mkhcl)

guenti parole come dette J:il Signore 5. L'uso 11eotestame11tario 11 :


(À.éyn yàp ò x v1M<; tv -.Q €vo.yyEÀ.~): comparai ivo e superlativo
EL -.ò 1Ltx.pòv ovx È'flJpiJcro.u, -.ò µlycx
i:lç vµi:v 0Wcr€t; À.Éyw yàp vµi:v O'!L 6 Il comparativo di µtxp6c;, t)..ci't-tWv
1tl.0"1;Òç èv n. axlcr"t'({J xo.t EV itoÀM;'i m- (lo.2,10; Rom.9,12; Hebr.7,7; r Tim.
(T'!Òç tcr"l'w, «se non avete custodito il 5,9) e il superlativo ÈÀ.ci;(l.O''toç (Eph. 3,
poco, chi vi affided il molto? Vi dico
8: H.cxxtcr"t'6npoc;) corrispondono al
infarti che chi è fedele nel pochissimo è
fedele pure nel molto» (cfr. Le. r6,10) 17 . positivo e confermano le considerazioni
H erm., sim.8,10,1 ha l'espressione µL- fatte sinora li. Mt.2,6 fa l'elogio di Be-
x?« Xet'f' a>.À.iJÀ.wv E;(Wol > «avere delle tlemme nella citazione di Micb.5,T.3:
piccolezze l'uno contro l'altro» e giunge
a parlare di «futili desideri» (µtxpetl tm- xat cru Blli))..~µ. yij 'Iov&a, oVocxµWç
ì)vµ(aL): ÈÀ.OC;(t<T'fov oÈ (t~l} )µo.p"t'ov lìtà. ÈÀaxl<r-.lJ d Èv -.orç 1}yeµ.Oow 'fovoa.
p.txpàç tmi}vµlcxç xat µtx?« xa-t' à À.- Betlemme e ra stata semp re considerata
)..1])..wv itxov"t'Eç: («sono sempre stati
buoni e credenti e in buona stima pres- «cosa da poco» (Tg.Mich .5,1), ma per
so Dio), ma hanno commesso peccati l'evangelista non è affatto cosl 39 • Secon-
molto piccoli per lieve concupiscenza e do Mt .5,19 nessuno può abrogare nep-
h:mno avuto piccoli contras ti tra di lo-
ro». pure uno di 'questi piccolissimi coman-
damenti' né i.nsegnare agli uomini a far.
lo, altrimenti sarà chiamato minimo nel
regno dci ciel.i (il contrario di è)..ii.x1-
1noc; x)..ril>l}crE"t'Gt~ è µiycxç x)..'l]i}'t)O't-

J1 Su > Cl~m.8,5 come parola apocrifa dd Si- grecità classjca, e si trova anche in iscri2ioni,
gnore: e 'ulla !!Ua attc.$tazionc v. !Ci"'fOPl', Did. !""Viri e nei LXX; tMX\ti'to<; si tro\•a negli
166. lren. 2,34.3: el ideo do111w11s dic~bat in- Inni Omerici (Merc.) ,73) e in Hdt., in iscrizio·
gratis ex sistentibus in eum: si in modico fide- ni, p-dpiri e nei LXX. lì..cixto-i:oç è detto di
/es nun fuistis, quod mav111111 est q11ù dabit persone che valgono poco: D1n., Syll.' n 888,
vobis? sig11ificn11s q11011iam qtii in modica tem- 56 ss.: x!lt ràp t:>; &;)..11bwç &:itò noÀÀ.Wv o(-
porali vita i11gra1i exstiterunt ei qui t•am prae- xootu1wrw" ti.<; EÀ<.t)lW"t'OVç X<t'TEÀ.1)À.Villl)Ji\I,
stitit, Ìt/ste non percipiem ab co in saeculunz Cfr. anche PRF.USC11EN-8AtJER', 411 s. e LIJ>.
saeculi lo11gi1ru!i11em d ierum; cfr. anche l-lipp., DEL-SCOTT, ,29 s.
re/. 10,JJ, 7; KNOPF, I. c.: «Per > C/em. 'l:Ò l9 Tg. Micb. ,,t: Tu lktleh~m di E.Irata, co-
µ1xpÒll 'tl)PEÌV equivale a -ri)y o-ciplCcx àyvi)v me sei poca cosa per essere annoveroto tra mi-
TI')PE~v. mentre il J>i-ra è la l;wi) a!.WV1.0ç». gliaia dcUa casa di Giuda; da te uscid davan-
l i Sul comparativo ÈÀ.cii:-.wv cfr. 8L.-0UR.' ti a me il Messia, per dominare su Israele, il
5 34,1; dr. anche iÀ.anoiiv e t À.a'l:'tOVEi:v. cui nome è nominato fin dal principio. dai
Anche S 61,1 s. (come contrario di xptl.a<rwv giorni dd mondo. STJtACK - BILU!RBECK I 83;
in Io .2,10; Hebr.7,i ; di µtl~wv in Rom.9,12); LXX Micb.5,r: ><llL aiJ, B11ilÀ.EEµ otxoç ,-oii
MÀ.cx'l:'tOV (nvv.). «meno» (r nm.5,9). Sul su- Ecppai}(l, 6À.tro<T'tÒ<; Et '!OV EtVaL tv XtÀ.tMW
perlativo ÉÀ.axto-i:o<; § 60,2 (pert!xiguus); n~ IovStt· l.x <rov µot i~EÀEVUE'!Clt -roii ctva.. Eiç
logismo volgare è lÀ.«x~u-c6i:tpo<; in Eph.3,8; èi.pxov'ta tv -cQ l<rpal]À, xaL a~ ~oòot cxv'toii
\'- S 6o,2 e 61,2; su ȵot Eiç tMxw..év w-rw IÌ7t' tXPXiX t~ iJµEpWv cxf.Wvc.;. Sul rapporto di
in 1 Cor.<f,J dr. S 145,2; }93,6. l>..6:.aowv (t- Mt. cui rcsin chraico cfr. ScHurrea, Komm.
Ml't'TWV) è a11es1ato a pu1itc (!3 Omero nella Mt.n.
1mpoç (0. Michell

T<XL, ibid.)"'. Secondo Mt. 25 ,40 (tcp' eta propri:i la loro mjseria (Mt.10,40-
00'0\I È1t0LTJO'O:Tt tvt a/ÌE),.
'tO\l't WV 1:WV 42). Anche Le. ama questo superlativo,
q>wv µov 'TW\I H.rxxlcri:wv, ȵot èltod1- con il quale esprime l'impotenza d egli
cro.'TE) e 25,45 (Éq>' 00-ov oùx È7tOLTJC1tX- uomiii i in 12,26: ti ovv où&~ iM:x~­
'TE tvt "tOV'tWV 'TWV ÈÀ.e.txl<Ti:wv, OÙOÈ rnov ovvClO'&E ... In Le. 16,ro esso appa-
èµot Gesù ha parlato di
È1tOLTJ<TO."tE ), re nel no lO Jetto di Gesù: ò mo-tòc; Èv
«questi suoi minimi fratelli»••. In que- ÈÀ.o.)(i<T'tli) xat Év noÀ.Ài;i 'l'tL<T•~ fo·"tw,
sto contesto egli si mette alla pari di xo;t Ò ÉV 0..a.)(lC1't(!.l ii.OtXOç xa.t ÈV 1tOÀ.-
«questi minimi>). Qui si pone la do- ).<iJ a.lì1xòc; tcr-i:w 42 . Similmente Le. I 9,
manda se intenda parlare degli uomini 17 : EV yE, ciya.~t ooùÀ.E, eh~ iv ÈÀet.-
affamati, malati, carcerati, e indichi il xl<r't<_t) nw"tòc; t-ytvov. «Non soltanto le
metro secondo il quale egli giudica doti naturali sono qualcosa di piccolo,
ognuno (Mt.),3-10), oppure se si iden- ma anche ciò che si è ricevu to d a Gesù
tifichi con il destino dei discepoli e fac- è addirittura t l<ix1<ri:ov. La situazio-

«1 Cfr. F. DIBELJUS, Die kleimten Gtbote: Aus dem Ge1priicb der Kirche mii Mt.25,JI·
ZNW 11 ( 1910) 188-190: «I 'comandamenti 46: Jahrbuch dcr Thcologi$Chcn Sebuie Be-
minimi' sono i comandamenti più corri:o. «Sal- thel 8 ( 19371 •·28. Inoltre A. GRAFFMANN,
ta subito agli occhi un grupPQ di comanda- Das Gerichl 11ach den Werken im J\ft.-Ev., in
menti che senza dubbio sono i più concisi: Barch · Fes1schrift ( 1936) n 4·13,, Secondo
non uccidere, non comme1tere adulterio. non BuLTMANN, Trad.130 s., è po5sibilc che Mt.25 ,
rubare. frasi che in ebraico sono comPQste dn F·46 provenga dolla ttaàizione giudaica. «Il
due parole». Analogamenre anche ScHLATTEll, passo contiene elementi specificamente cristia·
Komm. Mt. 157 s. : •Questi 'com9ndamenri ai forse nelle locuzioni in cui si afferma che le
minimi' sono la parre ccmrale, nota a tutti , opere buone, o la loro omissio ne, pos$0no es·
del la lecge scritta, il Decalogo» . «Dato che la ser viste in riferimen to al Figlio dell'uomo»
parlata semitica non hn gradi di comparazione (o. c. 130). «Il re·giudicc del mondo fa tut·
degli aggettivi, Mt. ricorre assai di rado al su- t'uno con i suoi minimi fratelli (vv40.45). Il
perlativo e al comparativo. Oltre a n. &:x~a'to~. Cristo glorioso usa lo stesso linguaggio quan-
egli usa soltanto 'ltÀtW'tO<;, e usa il comparati do soggioga il persecutore Snulo (Ac1.26,14
vo parlando di misura e di numero: nÀdwv, par.); ma Gesù già sulla terra aveva parlato
1ull;i..i11, 1.u.xpott~, ltEptaC'O'\'Epo<;. V•nno &I!· i n tal modo dd bene che viene fatto ai suoi»
giunri XE,pwv, ltOV'l'}pénpo;, EUXOltW'tEpov, oc· (J. ScHNtEWt No , a Mt.25 ,40.u , N.T. Deutscb,
vcx'\'6'\'EPOV•. J. ScHNIEWI ND, a Mt. 5,19, N.T. 248 ).
Dcutsch, n s., fa nornrc che anche qui si pr<'· 42 BuLTMANN, Trad.79, m et te Lc. 16,10-12 fra
suppone l'esistenza d i 'gl'adi' nel regno dei cic· i logia sapienziali; secondo o.e. 90, i vv. ll·l2
li, e che il nostro passo esige la radic:ilc obl-.e- sono una rielaborazione del v.10. Sul contenu-
ùienza alla Legge. In tal tnodo Mt.5,19 si riol· to del passo d r. ScHLATTER, Komm. LJ:. 370.
laccia tanto a discussioni tardo-giudaiche sulla K. H. RmcsTOaF, ad l. , N.T. Da11sch 1 3,175-
Legge quanto :i problemi dd cristionesimo t csau~ <lire che anche in questo gruppo di
delle origini. Forse 1ity~ si collega con l'uso logia O.~)'.IO''\'OV non è superlarivo ma va in·
di definire il maestro come 'il grande' (rab). teso, come anche altrove, come elativo. Che
41 O hre ai commentari. che cercano di scopri· q ueste parole di Gesù non siano Slt1 te dimen·
re il senso di questa pericope, dr. spcci>lmen- ticate in seguito, ma sillno concresdu1e con a-
te A. WlllE.NHAUSER, Die Liebeswerkc in drm naloghe parole della tradizione, è provato ad
Gtrichtsgemiild.e Mt. 15.)1-46: BZ 20 ( i 932l es. da 2 Cltm.8,,.
366·3n ; W. BRANDT, Dic gcringsten Brtider.
1.u.xp6ç (O. Miche!) (IV ,66o) 250

ne in cui vengono a trovarsi i- discepo- In Paolo s i trova l'espressione ȵot


1i in seguito alla morte di Gesù non oi dc; D..<iXLO''TOV Ècntv (r Cor. 4,3),
consente loro una grande attività. Se si «per me è assolutamente indifferente»".
pensa al fine messianico, si può dire elc; tÀax1cr-.bv Ècr-.w deriva dalla fusio-
che ben poco è stato dato loro» 43 • Pao- ne e concentrazione di €Àaxiin6v È<T'!tv
lo in r Cor. 15, 9 chiama se stesso ò e dc; ÈÀ6.XW"tOV ylyvt'Tm " · In 1 Cor.
i\Àcixtcr-.oc; -.wv Ò.1t0<1-.6Àwv, evidente- 6,2 xpi-.l]pLa. H.axiai:a. sono i «giudizi
mente, come spiega nello scesso verscc- più insignificanti» 411 •
co, perché non meri.ca di essere chiama-
-.à ÈÀaxw-.a -.wv 1;W<»v ( r Clem.20,
to apostolo, tanto più che ha perseguita- lO ), «i più piccoli animaletti»; '!tÌ. t).,6,.
to la comunità di Dio"'. In un contesto xicri:a. µiÀri i:oii awµa.-.oc; (rClem.37,
analogo, in Eph. 3,8, forma il compara- 5), «le membra più piccole del nosu:o
corpo». Soprattutto il Pastore di Er-
tivo del superlativo: tµot i:G n.axvno- ma predilige questa parola; ad es.,
-.ÉP<.i> minwv àylwv Éoobrj fi xapLc; av- mand.5,1,5: tàv yàp Àa~~)V ciljnvi}lov
'!1), '!oi:c; Envtcrtv EÙayytÀlcracri)m -.ò µtxpòv Àlcx.v tlc; :upaµtov µ€Ài-.oç im-
XÉU<;, oùx t oÀov i:ò µÉÀt àq>a.vl1;E'TCU,
ò:vE!;t x.vla.ai:ov 1tÀOÙ"toc; -.où Xpt<i'!OÙ,
xcx.t i:ocroù-iov µiÀt v7tÒ -.oii ÉÀCX.XL<T'tov
«a me, che sono il più piccolo di tutti àljlt.vi)Lov a1tÒÀÀvTa.t; «Se tu prendi un
i santi, è stata concessa questa grazia: pochino d'assenzio e lo versi in un va-
di annunciare ai gentili l'imperscrutabi- so di miele, non è vero forse che tutto
il miele va perduto e che tanto miele
le ricchezza cli Cristo» 45 • Si vede chia- viene guastato da quel pochissimo nssen-
ramente che anche il vocabolo tM:xt- zio ... ?». µtXpOV e OÀOV, ÉÀa,XLCT'!OV e 'tO·
cr-toc; può avere nel N .T. una grande <iOÙ"tOV qui formano due con trapposizio-
ni parallele. Si ricordi il;roverbio sinot·
importanza e dev'essere coo1'Jinato cou tico sul lievito (1;vµl}) 4 • Anche altrove
JltXpÒc;. Erma mostra di usare H .6.xtcr-.ov come

43 ScHLATTER, Komm.Lk. 4o6. qui pensu anzitutto si suo particolare peccato,


44 ScHLATTER, Komm. Lk. 402: «Egli che per come in I Cor.15,9 e 1 Tim.1,\); ma è valido
sua colpa è l'ultimo di tutti, con il suo lavoro anche quanto scrive G.CA. HARLl!ss; Com-
è diventato il primo» . Jo 11. \\1 E I s s, 1 Kor. mentAr iiber de11 Brief PAuli a11 die Epheter
(1910) 35>: «tÀ.ciXL<r't'o<; è perfettamente com·
( l834) 291: «Nell'intimità profonda ognuno
prensibilc sulla bocca dc:ll' Apostolo in parago- vede soltanto pe.r sé; ciò che vede in sé non
ne alle assurde esagerazioni sul suo conto» lo vede in altri . Ma ciò che egli scorge gli dice
(Epb.3,8; r Tim.1,1;;). Forse r 'fim.1,15, con che il peccato abica in lui». Paolo si è consi·
il suo wv itpw't'6<; Elµi. iyw di difficile com- derato il vero e proprio '!to.pc\:Stt)'f.UX de.I pec-
catore, e anche in questo senso ha tracciato
prensione. va considerato a parre: Paolo sa di
essere un 'peccatore' d i un tipo Jet tutto par- una linea di separazione era sé e gli altri.
ticolare. 46 LlETZMANN, Kor., ad I.
<T Cfr. Bt.-DEBn.• § 145,2; 393,6.
•S Eph,J.8: t~1oi 't'iji 0 ..«XtO'i:o-tÉP<i> mivi:wv
&:yLwv tS6&-r, Ti xcipt<; C1.V'tT}, ricorda I Cor. 48 L!ETZMANN. Kor., ad I.
4
15,9 e 1 Tim.1,15. D.o.xtui:oi:epo<; è un volga. 9 Cft. DIBELIUS, Herm., )!J: •Anche qui al·
rismo (BL.-DHBRUNNBR' § 60,2 e 61,2). Paolo la radice di tutto dovrebbe esserci un prover.
251 (1v,66o) 1~•xçi>ç (0. Miche!) (1v,661) 252

elativo, allo stesso modo di µLxp6v. t:i imperfetta. Cfr. sim.8,10,1: H.ci.xt.CT-
Herm., mand. r r ,20 s. vuole spiegare co- -rov oÈ [e!;i)Jµa.p-tov S1à. µLxpà.c; Ém~u­
me certe «cose minuscole che cadono dal- µlac; xcxt µ~xpà xa-.• Ò'.ÀÀ.i)À.wv ~xov-w;.
l'alto sulla terra abbiano una grande for- sim.8,10,1-3: «Coloro che hanno resti-
za» ( 1hL -.à. 6.vw~<v tì.ci.x1<r>01. 11lit-.ov- tuito i rami verdi, mentre soltanto le
't01. Èitt 'tijv yijv µE')'clÀT')V ovvcxµw E- punte erano secche e tutte screpolate ...,
xovow ). «La grandine è un chicco pic- hanno commesso piccoli peccati per lie-
colissimo (È.ÀclXLO''t6v tO''tW xoxxliptov ), ve concupiscenza, e hanno avuto tra lo-
eppure quanto male fa se cade in testa!» ro contrasti di poco conto... ; ma coloro
(corrispondente antitesi: ÈÀaXl.O''to<; - che hanno riconsegnato i rami rutti
µÉ')'cx,ç). Herm., sim.6,4,2: [ÈÀ&.xvnov, secchi e con pochissimo verde, questi
qrTJµl, xvptE, ~Ol.O'CX.Vl~OV'tCX.L'] EOEt yà.p son coloro che hanno soltanto credu-
i:oùc; OV'tW 'tpvq>Giv'tcxc; xcxl bnÀcx~a.­ to, ma poi hanno compiuro le opere
voµlvovc; 'toii ~Eoii tit-.a.itÀ.cx.al~ ~cx­ dell'iniquità»'°. sim. 9,8, 7: Èx. 'tOV'twv
O'a.vl~EO'~m (antitesi: n.aXl.a''tov - bt- tì.ci.x~cr'tot ɵeÀ&.vlJ<rav, xat &.m$À.i)-
i:a.itÀcxcrlwç), «pochissimo... sono tor· ~1Jcrav irpòc; "rOÙ<; ),ouiovc;, delle piet re
mentati; sarebbe bene infatti che quan· controlbte nella parabola della costru-
ti si danno ai piaceri a codesto modo, zione della torre, «pochissime si annerì·
dimentichi di Dio, fossero tormentati rono e furono gettate via con le altre».
sette volte tanto»; sim. 6,414: ~'MitEt<; Erma distingue tra i credenti un grup-
oùv, q>l)O'lv, !S'tL -tf]c; 'tpvq>ijc; xat àitcl:- po speciale, che per lui costituisce l'i-
'tT')c; ò xp6voc; H.axl.O'-t6<; ÈO'-tt, -tijc; oÈ deale di ogni pietà: sono fanciulli in-
·nµwpla<; xu.l ~w;ci.vov itoMs (antitesi: nocenti, cui non viene in mente nulla
ÉÀ.ci.Xl.a''toc; - itoÀVc;), Erma deve ricono- di cattivo, che non hanno imparato che
scere «che il tempo della voluttà e del- cosa sia il peccato, ma sono rimasti
1'errore è brevissimo, lungo invece quel· sempre senza colpa. Essi riceveranno
lo della punizione e del tormento». Si certamente una dimora nel regno di
vedano ancora sim. 8, r,14 : ÉÀ.ci.xl.O"tov Dio, perché in nessun caso banno mac-
of. -cwv p6.(3Swv Clv-ewv !;11pòv -ilv, a.v-eò chiato i suoi comandamenti, ma tutti i
'tÒ &xpov; sim.8,r,15: t'tÉpwv oÈ l)v È· giorni della loro vita hanno persevera-
Mixl.O'i:ov x1.wp6v; sim.8,5 ,5 : !Xci.xw- to nell'innocenza (sim.9,29,1 s. ). «Voi
'tov OÈ (~T')pÒv) xat CT)(l.O'µÒ.ç lxovacx.ç; tutti che perseverare cosl. .. e sarete co-
sim.8,5 ,6: ol ÈÀci.XtO''tO\I gxov'ttc; xÀw- me i fanciulli, senza malizia , sarete glo-
pbv, i:à OÈ Àotità µipTJ ~11pci. Con que- riosi più di tutti gli altri nominati pri-
sta similitudine Erma intende parlare di ma; perché tutti i fanciulli sono glorio-
certi gruppi di cristiani la cui fede risul- si davanti a Dio e sono primi presso di

50
bio, v. Canone Mu.rotoriano 67 s.: 1~1 enim Su h.1tta la mnteria d r. I' cxc11r111.1 in D i-
cu111 mcUe misceri non congruit. Il detto ap- belius, Herm. 587 ss.: «L' allegoria del sali·
partiene alla serie di immagini che provano ce•; ,589: «Egli ha utilizzaro l'immagine del-
l'assurdità di mettere insieme rose che non l'esame dci membri dcl popolo di Dio soltant0
vanno d'accordo». Cfr. lgn., Tr. 6,2; Iren. 3, per tl'a{ne in certo qual modo una seconda
18,3; Terrull. Mare., 1 ,55 s.; Temù!., de anima immagine: il ristabiliment<l delle membra cor-
3; in modo simile H erm., ma11d.10,3,3: cC:O. rotte. Il suo princip:tle interesse 0011 è dun·
me l'aceto e il vino mischiati insieme non que la conferma dci giusti ; egli vuol piuttosm
hanno più lo stesso buon sapore, cosi anche mostrare il successo del messaggio di peniten-
la uistezza, mischiato allo spirito santo, non za fra i cristiani e ammonire la comunità me-
ha più la stessa fona di preghiera>. mcdiante la rappresentazione dell 'impenitenza
di alcuni peccatori •.
253 (1v,661) µ<µio µoo. xù. (W. Michaclis) (1v,661) 254

lui. Beati dunque voi, che avete rifiuta- dell'innocenza del fanciullo, comune al
to la malizia e vi siete rivestiti d'inno- mondo ellenistico-greco non meno che
cenza; davanti a tutti gli altri avrete vi-
ta presso Dio» (sù11.9,29,3) 51 • a quello giudeo-rabbinico. Ma l' essen-
ziale è che proprio questo motivo non
Qui si ha un segno anticipatore del
sia presente nel cristianesimo primiti-
pensiero dei Padri, in quanto la predi-
vo: nel N.T. la parola di Gesù sui 'pic-
cazione della conversione dei primi tem-
coli' e sui 'fanciulli' aveva una altro
pi cristiani si collega con l'antico motivo
significato ll.
0. MICHEL

t µLµÉoµcu, t µLµrrn1c;,
t atJµµLµ"Y)'tTJ<:;
$oMMARIO: 1. L'uso linguistico profano
1. L'uso linguisticoprofano;
2.il concetto CQsmologico di mitl!esis; Il gruppo di parole µtµfoµcx.t ecc.,
3. LXX e pseudepigrafi; che è ancora asscn te del tutto in Ome-
4. Filone e Flavio Giuseppe; ro e in Esiodo, appare nel v1 sec. e poi
'. il gruppo cli vocaboli nel N.T.; diventa cl' uso generale in poesia e in
6. il gruppo di vocaboli oei Padri apostolici. prosa. µtµ.foµm qui significa io imito,

SI Cfr. DIB.&LIUS, Herm.636 s .; H. W1NDJSCH, q>1]-::ò À.oy<XÒ\I lilìoÀ.ov y<iÀ.a tm1toiH}c:rct.i:t)


Tau/e tmd Su11de im iilteste11 Christentum bis «il carattere innocente, senza malizia e senza
auf Origenes (19o8) 359: «Ò:itÀ.bi:T)<; e \IT)m0- peccato della fanciulle1.za». Giustamente A.
"t1J<; sono le definizione adatte a questi esseri ScHLATTER, Peter tmd Paulus nach dem 1. Pt.
senza peccato. E la fanciullezza innocente che (1937) 90, dice: «Dato che chi riceve la paro-
si realizza in essi» (7' monte). «A tutti coloro la è descritto come uno rinato, la sua brama
che resteranno e diverranno come i fanciulli della parola è paragonata al comportamenro
senza peccato (xaxlav µ1) exont<;) il Pastore del bambino appena nato, cbe desidera il lat-
promette una gloria eminente» (12° monte). te».
«Cosl l'immagine, a noi ben nota da scritti an-
teriori, del fanciullo innocente viene usata per µt.µfoµa;L X"t"À.
· illustrare l'ideale cristiano dell'assenza di pec- Cfr. OIEMER·KOCEL 703 s., s.v.; ]OH. WEISS,
cati. L'autore è dell'opinione che ci siano sta- I Kor. a 4,i6; E. EmEM. lmitatio Pauli: Teolo-
ti veramente nella comunità dei cristiani sen- giska Srudier cillagnadc Erik Stave (1922) 67-
za peccato. La predicazione della penitenza 85; E. G. GuuN, Die Nachfolge Gottes: Srnd
deve far cres<.me il numero degli uomini-fan- Or I ( (925) 34-50; IDEM, Die Freude im N.r.
ciulli senza peccato» . ( = Annales Academiae Scientiarum Fennicae,
sz Sull'interpretazione delle parole riguardanti Ser. B, tom. xxvi, 2[1932]) 234 ss.; A.OEPKE,
i 1t<X<oia in Mt.18 da parte dei Padri dr. Mr- Nachfolge und Nachahmung Cbrisri im N.T.:
CHEL, I.e. (~ n. Il). WINDISCH, o.e. 237 ha vi- AELKZ 71 ( r938) 850-857.866-872; J.M . Nm-
sto a 10.rto in 1 Petr.i,2 (wç <X:p·n:ylW'l'J"t"<t ~pt- LEN, Die Kultsprache der Nachfolge u. Nach·
l.IL!.lloµru x-rì... (\X'. Michadis) (rv,662) ~,6

cioè ciò che vedo fore da un altro lo stc argomenrnzioni, nelle quali c'è già
faccio anch' io 1• 't6 i;e yò:p µLµEi:O'Ìkt.L una visione cosmologica, in guanto l'uo-
O'Vµq>v't'ov 't'oi:c; civapW-itoic; è:x 1ta.lowv mo è inteso come à1toµ(µri:nc; -cov o-
ÉO''TLV, «l'imitare è connaturato agli uo- Àov, «imitazione {copia} del rutto» ( 1,
mini sin dnlln fanciullezz.1», dice Ari- ro = 1 r85,9ss., Diels' ; cfr. r,22 == l
stot., poet.4 (p. r448b, 5 s.), e in De- i88,6, Diels'). Con porticolarc frequen-
mocr., fr. IH (n 173,II ss., Diels') ven- za è stata definita imitazione la crea-
gono così spiegati gli inizi della civiltà zione artistica, quale riproduzione co-
umana: gli uomini hanno preso a mo- sciente dclh realtà. Ciò va le non soltan-
dello gli animali, hanno imparato da es- to per il teauo 2 , ma anche per la pitrur:i
si (µa.vM.vEw); dai ragni a tessere e a e la scultura, per la mmk'<1 e b danza,
cucire, dalla rondine a costruire la ca- e in modo speciale per la poes ia: tut-
sa, ecc., e !urto que~co xa>tò: µlµT}ULV, te queste arti sono µiµri·nxal i:ixvaL.
cioè facendo ciò che avevano veduto fa- Già Heracl., /r.10 (I 153,1 s., Diels')
re da quelli. Hippocr., vict.r,II ss. (1 parla della -cÉy;v'r) {e citn pitturn, musi-
185,25 ss., Oiels') rileva che i vari arti- c:.1 e arte dello scrivere) i:'i)v <pVO'LV µi-
giani, i 't'ÉX'Tovec;, gli o!xoo6µoL ecc. a- µ01:1µiv11. nnchc se si riFcris..:e a un fot-
vrebbero preso a modello per fa loro to isolato (fa formazione dcli' accordo
attività le varie p:irti del O'Giµa umano 1r:1 elementi contrapposti e non tra u-
e le sue funzioni: q>VO'Lv &.vapwr:wv µL- r,uali}. Aristotele, nell a Poetica, fonda
µto\l't'a.L è il pensiero conduttore di que- le sue argomencazion i incorno all'arte

abm1111g Gol/es tmd 11uwa11dter Bezeichnu11- MILL. 412, s.v. µ(µ.~si trQva solo in papiri
gen im ne11tesramentlkhcn Schi/llum, in Hci- bizantini nella locuzione srereotipa ><tXi:èr. µ(µ11 -
iig~ Oberlieferuog. Ausschniue aus dcr Ge- aw, corrispondentemente (questa locuzione an-
schichte des Monchtums und des heiligen Kul. che in /est.Sai. D S,5). Dai papiri mogici citia-
tes ... Ildcfons Herwegen dargebotcn ( = Bei- mo l'espressione: XUJXE, à.no11tµov11al <TE -ca.Le
triige >.ur Geschiclne dcs altcn Monchrums l;' cpwvcùc;. cSignorc, io ti imito con le 7 vOC•·
vnd clcs Benedikt;n.-rorclcns, Suppl.-1\d.. !938) li» (PllEtSt:NDAN2, Zaub. x111 7oos. (346 d.C. ]).
.59·85; bibliogrnfìa di -> cittov)..ovbéw, 1, ·coli. à.noµ<µioµm, 6'.itoµlµT]:rt..:;, <.i:no1ilµT]11a si tro-
s61 s. vano <li rado, cfr. PAssow, s.v.; questi vocabo-
I Cfr. PASSOW e LtDDELL-ScOTT, s. V. Il gruppo li non si trovano negli scritti biblici.
cli vocnboli è raro nelle iscrizioni. DrrT., Sy/l.' 2 H sostantivo µ(t1oç da E.<;chilo in JX>i signi -
;83 (dopo il 27 a.C.) nella laudaliu di una cop- fica soprattutto l'attore, il mimo. Il piacere
pi. di sposi. di cui viene elogiato la C.,.1ovo1.a è spcnsieratu ddl'imitazion<: e il motivo alle11ro
deno (righe 39 s.) dello donno: i\-<• atµvo-rci- e p-.irodi>cico erano caraucri$rici dello spedak
'TTI xal q>O.avopoç 'E;:1:y6vn 1.m~LTJO"O'.µévri genere di rappresen1a2ioni 1e:11rnli, chiamato
1'bv yaµ-fiaa;v'ta xaì. aù-i:-1), essa non è rima- anch'esso mimo, molto diITuso 611 dai tempi
sta indietro o suo marito, hc gareggi;1to con t1ntichi (Platone lo apprezuiva altamente, se-
lui. Cfr. anche OtTT .. Or. 669,q s. (68 <l.C.). condo Diog. L. J,t3 [18]) e fiorence negli ul-
li vocabolo µlfinµa (chè non oppnre nd N.T., rimi secoli precristiani; le sue prop11ggini giun·
ma nci ll1{ e nei Pndri apostolici) si UQva «:ro fin oltre il Medioevo. Or. E. WusT, an.
nel significato di copia: Drn., Or. 383,63 (e 'Mill'los': PAVLY-\V. xv > (193 2} r727 ss.; K.
nel resto abbreviato dclb su:ssa iscrizione, l'<ERENTVI, Apollnn (1937 ) 142 ss. li mimo
404,26). I papiri attesrano l'uso popobn: d i «rappresenta la vito di tu11i i 1:iorni <-On crudo
µ<µtoµa.L: oùx tµi.µna.Xµnv <1t, non ho fallo realismo. per conrenuco e per lingua socldi>fJ
come te, P. Oxy. x i19, ,3 (11 sec. d.C.); µ111oii soltanto il bisogno di divercimento del popolo
-ròv 'IUX.-tÉpa -ròv q>\)..6-t~µov i:òv ytp:iv-c11 't)r:;:,. minuto, e perciò è essenzialmente non lettera-
-ra, P. Ryl. H 77 ,34 ( 192 d.C.). Altre allestA- rio, monoloj!Ìco, e mene in rilievo soltanro i
zioni in PREtSIGKE, \Vort. n 106 e Mov 1.T. - caratteri e non il dramm,. (WiisT, o.e. 1730).

J
I
157 (11•."61 ) (IV,663) l}~

poetica, alla sua origine, ai suoi generi :i una copia tura debole e non autono-
ecc., sulla gioia che si prova nell 'imita- ma 3. D 'altro lato, però, esso è stato ben
re la realtà; in ciò egli si contrnppone presto 11ccolto nella sfera dell'etica, do-
al suo maestro Platone, che aveva dato ve è stato usato con tutta serietà. De-
:ù poeta il nome di µtµT)-ri)c;, ma in sen- mocr., fr. 39 (11 155,5, Dicls') rileva:
so dispregiativo. Dio, che ha creato l'es- tiyai)òv i) dvai XPEWV i) 1..1iµ.E~ai,
senz!I, l'idea per es. di un letto (questo «bi~ogna o essere buoni o imitare chi
esempio è scelto da Plat., resp. rn,597 lo è»; cfr. /r. 79 (n 160,5 s., Diels'}:
d}, è il q>V'toupyòc;; il falegname che Y.a.,Àrnòv µtµEi:11Dai µtv Toùç xax.ovc;,
costruisce un letto è il OT)µtoupy6c;; il µl}SÈ rnn.~w OÈ "tOV<; liyaDovc;, «è ma-
pittore, che non sn costruire ma soltan- le imitare i cattivi e non volere imi -
to d ipingere un letto, viene solo come tare i buoni». Anche il legame che nel-
terzo, essendo il µtµT)-ti}ç, e sullo stesso l'educazione e nell ' ubbidienza deve uni -
suo piano va messo anche lo scrittore di re i genitori e i figli (dr. Eur., Hel.940
tragedie (597e). Qui si avverte certa- s.: µLµo\i -rp61tovc; 'lta>tpòç Òtxalou,
mente la differenza, tanto caratteristica «imita i costumi di un padre gius to»),
in Platone, tra idea e apparenza; ma il come pure i maestri e gli scolari, è e-
pittore e il poeta non sono chiamati µ.t- spresso con µtµtoµcu, ecc., a<l es. Xe-
µrytal perché trasformano l'idea in ap· noph., mem. 1,6,3 : d ow wump Y..a.t
parenza, ma perché solo copiano la reale/I "t"WV lfì,Àwv t'pywv ot Stlici<1xo:Àot "t"ovc;
(che in queslo contesto non è definita µai>T)'t'lX<; µLµ.l]Tàç ÉctV"tWV Ò:TCOOELX'\IV·
come imitazione del!' idea ) in modo ouow, oll-tw xcxl 11v -roù.; O'UVOv-to:c; Sta-
insufficiente e addirittura ingannevole ~<TEI.<;, voµLl,E xaxoomµovlru; 0LOOC<1-
(J98d; il µ.~µ.11-.i)ç è accomunato al -+ XCl.À.Oç dva t, «SC nei riguardi dei tuoi
y61]c;) perché essi fonno soltanto un seguaci 1i comporterai come i maestri
~ ELOwÀ.ov, una copia della realtà d'altre opere (i quali nei discepoli mo-
(ò 't"OV dowÀov 'ltOLl]'t'i)ç, ò µLµl]..1)c;, s trano i propri imitatori), fa conto di es-
6orb). Il µtµT)'t'TJ<; è cosl ben lontano sere un maestro <li dissennatezza» (dr.
dalla verità del l'idea {-rov Si: aÀ11DoV<; 1,2,3 ).
TCoppw mi.vu Ò.q>E<T-tGi-ta, 605c; cfr. 597
e). Perciò Platone non ammene nel suo l. li concetto cosmologico di mimesis
stato la poesia epica e tragica, perché
essa fa nascere una xaxi) 'ltOÀ.L't'E(a nel- Il concetto d i mimesis ha assunto un
1'animo degli uomini ( 60 5b); cf r. an- significato particolare sotto l'aspeuo co-
che, in 3,388c, la critica ad Ome ro, che smologico. FondnrnentaH sono le argo-
ha osato rappresentare perfino Zeus co- mentazioni che fa nel Timeo Platone,
sl dissimile da quello che è realmente che dev'essere considerato il creatore
( -coÀµfjua~ o\hwç ò:vo1..1olwc; µtµi)11ao- - <li questa terminologia. La realtà è vi -
i}at ). sta come unn 'imitazione ' dell'idea: il
Anche all 'infuori di Platone il grup- tempo 'imita' l'eiernità {)(pòvov... o:i.W-
po di parole talvolta è sta to usato se11m va µLµovµ.Évov, Tim.38a); il visibile è
malo, o sottolineandone l'aspetto di cea- un µlµY)µ.a dell'invisibile (48e; µlµ11 -
tralitil e di scimmiottatura, o pensando µa è qui e altrove quasi sinonimo di

3 Cosl µ(g'l)O"iç fu la parola d'ordine (dap- per il suo oggetto rnllsiderava arte solrnnto la
principio presa sul s..rio) di quclla estetica let- fedele imiuzione dci modelli classici. O r. \YJ.
teraria d.1ssichcggiante che, per quanto non SCHMID: \YJ. VON C HRIST, GeschicbJe der grie-
creativo, f.tllidata con1'era da un grane.le ttn1ore rhische11 Literatm' rr i ( 1920) 21.462.
fJLJ1io1uu X'tÀ.. (\Xl. Micl13eli<

--+ Etxwv, m, coll.16x ss.). Nel mito del- sì, un'esigenza da soddisfare, ma in esse
la creazione del mondo gli 6pa-rot i}Eo( appare anche che l'obbedienza è concepi-
nella creazione degli sG'>a mortali imi- ta come lo svolgimento (più o meno ine-
tano il divino creatore del mondo (ò luttabile) di una disposizione preesisten-
-r60E -rò ·miv yEwl)crac;, 4I a): essi deb- te. Per conseguenza, anche quando si di-
bono, in base ali 'incarico che egli dà ce che gli adoratori di un dio lo 'imitano'
loro, agire µtµOVµtVOL -ri]v ȵ.TJV OVVa- (µLµOVµEvoL, Phaedr.2:J3b; cfr. 252c-d)
µw m:pl -ri)v Ùµt-rlpav yÉ\IEaw, «a imi- e che cercano di portare i giovani ( 7tCH-
tazione della potenza da me mostrata otxi:i) alla éµotém1c;, alla somiglian-
nel generare voi» (41c.; cfr. µtµovµE- za con il dio ( nowiicrtv 11>c; liuva-còv 6-
vot -ròv ucpÉnpov 01)µtovpy6v, 42e ). An- µo~ò-ra-rov 'tQ crq>E-rÉpf.tl DEG'>, 2;na), si
che gli uomini debbono praticare In ml- aggiunge pure esplicitamente che tutto
mesis; Dio ba inventato la facoltà della ciò altro non è che ricordo dell'immagi-
vista e ce l'ha data tva -.<ic; É.'11 ovpav(t> ne del dio fissata nella memoria (µvi]-
'tOÙ voii xa'ttObv..tc; mpt61iouc; XP'l)CTal- µl]), realizzazione di una disposizione
µEDa titt ·-r<ic; itEptqxipexc; -.<Xc; -rijc; nap' orientata verso la corrispondenzn tra
i'jµi:v Otavo1)0'EW~,. crvyyEvEi:c; Éxtlvatc; idea. e apparenza. In altre parole: quan-
o\icrac;, ...µLµovµtvot -c<ic; -roii ìkov mX.v- to più strettamente il conccuo di mf-
'tW<; <Ì1tÀa~i:c; oìlcrac;, 't<Ì<; èv TJl.LLV 'ltE- mesis è legato allo schema cosmologico
nÀavnµlvac; xa'tacr'tl)cralµtDa (47 b- archetipo-copia, tanto piL1 passa in se-
e), nflinché, contemplando nel cielo i conda linea l'idea della sequela obbe-
giri dell'intelligenz.a, ce ne giovassimo diente sostenuta dalla responsabilità mo-
per i giri della nostra mente, che sono rale.
aflini a quelli ... e cosl, imitando i giri Le idee platoniche a cui abbiamo ac-
della divinità che sono regolari, potessi- cennato hnnno avuto grande inlluenza
mo correggere !'.irregolarità dei nostri» sulla concezione del mondo. Ne trovia·
(trad. C. Giarratano). È chiaro come mo rillessi nci neopitagorici, i quali na-
queste argomentazioni siano dominate niralmente, quando concepiscono il mon-
dal modo di pensare per analogia; quan- do terresrre come µlµl]atc; dcl mon·
to più ciò avviene, tanto più il concetto do superiore, elaborano anche antiche
di mimesis si allontana dall'autentica i- idee pitagoriche; cfr. Diels' 1 454,15;
mitazione quale atl'o di libera decisione, Aristot., melaph. I, 6, p. 987b, 11 ss.;
e diventa un concetto schematico di rap- Iambl., vit.Pyth.69 (p. 39,21 s., Deub-
porto, che intende la relazione trn il ner). 33 (229) (p. 123,2os., Deubner).
mondo inferiore delle apparenze e quello Vanno ricordati anche gli stoici, come
superiore delle idee come una corrispon- Muson., /r.17 (p.90As. 13s., Hense);
denza (peraltro imperfetta); con ciò è Epict., diss. 2, 14, 12 ss. Filone è forte-
posta la premessa della loro originaria--+ mente influenzato dalla dottrina plato-
cruyyÉVELa. Quando, ad es., Platone nel nica della mimesis (--+coli. 268 ss.). An-
mito di Cronos (leg-4,713e) dice: µiµtin- che la teologia ellenistica del sovrano
~ai oELv 1)µ.fu; oit-~at 1tMn µnxavii ha tratti affini e~ n. 8). Del periodo
'tàv htL -toii Kp6vou lcy6µEvov {3lov, seriotf! va ricordato, ad es., Plotino. Per
xat ooov Èv i]µLv <iDavacria.c; EVt<T'tL, questo filosofo il sensibile ( -c<Ì alvlh1-
-rov-t<v 'ltEL~oµtvou<; x-r À.. «ritiene che -cwç <Sna), grazie alla sua parrccipazio-
dobbiamo con ogni mezzo. imitare la vi- ne (µt-roxiil ali 'intelligibile (-.<X VO'l)'tW<;
ta che si racconta dei tempi di Crono e ov-ta), orticne la capacità dì esistere e-
dobbiamo obbeclire a quanto c'è in noi ternamente (dva.~ €Le; <:tEl ), perché 'imi-
di immortalità», queste parole pongono, ta' per quanto può la natura intelligi-
1•ydo1•<n X'tÀ. (\X'. Michadb) (IV ,66_t) 262

bile (p.LJ..LOVp.eva ;i)v VOT)'ti)v xcxì}' ocrov µfoµat e !;11Mw, come pure l'impiego
ovva>aL q>vcrLv, enn-4 18,6). La relazio- di txvoç (cfr. -+ rv, coli. .1229s.). An-
ne tra gli dèi inferi e quelli superni che in Plut., ser. num. ptm. 5 (II 550
è descritta come un ~LLµEi:crÌ}cu in Procl., e) sembra presente una cticizzazione
in rem pubt.1,138,18; 2,7,14.225,2,ecc. del concetto: où yàp EO"<W o 'tl µE~ov
(cfr. anche Plot., em1.5,5,3) . liv1>pw1toç cb:0Àavm1 1>toii 1tÉq>vxev i)
•ò µtµi}a"n xat Otwl';EL -rwv (v tx.d~
Questi e.sempi bostano a mostrare xa>..wv xat <i.y<Wwv EÌ.ç, ciptTi}v x<Wln-
che il concetto cosmologico di mimesis <Ct<T1'aL, «il maggior frutto che l'uomo
ha esercitato notevoli influssi. Sarebbe può trarre dalla divinità sta nel far pro-
certo lodevole uno studio più approfon.. prie virtuosamente, mediante l'imitazio-
dito; ma esorbiterebbe dal quadro di ne e la sequela, le cose buone e belle
un articolo per un dizionario teologico'. insite nella divinità stessa»; però il
Una speciale difficoltà presenteranno contesto, in cui è fatto riferimento a
quegli enunciati in cui le idee cosrno- Platone, lascia vedere che qui non
logiche non costituiscono il vero e s'intende parlare della 111imesis in sen-
proprio tema, ma al massimo si può so esclusivamente etico. È possibile che
supporre che facciano da sfondo. Ad es., l'idea dell'imitazione di Dio origina-
ci si può domandare se anche Platone, riamente fosse solo un caso particola-
quando dice (Menex.238a): où yàp Yii re del grande e prevalente rapporto tra
yvva~xa µEµlµ11>aL xvT}crn xal yiwi)- mondo e ciò che è sopra il mondo, che
<m, ciÀÀà yVVÌ) yfjv, «nella gravid:m- consiste essenzialmente nella imitazio-
za e nella generazione non è la rerra ne del mondo superiore da parte di
che imita la donn:i, bensì la donna la quello inferiore. Resta comunque da
terra», si riferisca proprio a nessi co- chiedersi in quale misura questi rappor-
smologico-antropologici. Una spiegazfo.. ti persistano ancora scientemente nelle
ne precisa esige soprattutto questo pro- affermazioni orientate in senso etico.
blema: l'imitazione di Dio da parte del- Ciò vale in modo particolare per la for-
l'uomo, dove appare come esigenza eti- mula classicamente concisa di Sen., ep.
ca, può venire ancora intesa come e- 9,,,0: vis deos propitiare? bonus esto.
spressione dell'idea cosmologica di ar- sotis illos colui/ quisquis imitotus est;
chetipo e copia, oppure come t:licizza- cfr. ep.95A7: deum colit qui novit, e
zione del concetto di µlµ1}cnç (intesa de ira, 2,16,2 : l'uomo dovrebbe, inve-
in senso assai simile a quello di ~ 6- ce di prendere a modello gli animali,
1.Lolwau; )? e in quale misura, allora, pensare a Dio, quem ex omnibus a11i-
comporta un allontanamento da contesti mal1bus, ut solus imitct11r, rolus illtel-
cosmologici? Si veda, ad es., Plut., A- ligit. Qui si seme Plat., Thoet . I]6b:
lex. fort . virt.ro (II 322a): 'HpaxÀÉa q>uyfi OÈ oµolwcr...; Ì}E~ XO:'tcX 'tÒ lìvvo:-
µtµoùµGtL xo:t IIEpO"Éa l;nÀ.w, xcxt •Ò: 'tOV" òµolwcrr.ç OÈ olxa~ov xat WLO'll µE ·
6Lovwou µt"tLWV LXV1J, «imito Eracle -rà cppoviicrtwç ytVÉo'1'aL, «fuga è asso-
ed emulo Perseo, seguendo anche le migliarsi a Dio, per quanto è possibile;
o rme cli Dioniso». E notevole in que- e assomigliarsi signilica diven ire giusto
sto passo l'uso parallelo (che si trova e santo con asscnnate-tza )). In afferma-
anche in Plur,. oud.6 [ 11 4ob] ) di µt- zioni del genere, come è evidente, la

4Già ]. Kaou., Die Lehre11 des Herm. Trism. 'N>1chahmung'), desidererebbe che si facesse
( 1914), cheprova l'esistenza dell'idea di ml· un'indagine in questo senso ( 114).
mesis anche nel Cor_p. Hcrm. (dr. Indice s.v.
11tµioµcu Y."tÌ... (W. Mich~clis)

imita/io dei non può andare troppo mesis non ha alcun rapporto con le :1{
strettamente unita all'idea cosmologica fermazioni neotestamentarie sulla 'imi·
della mimesis'. ta.zione' di Dio e di Cri~to, dato che es-
L'antico concetto cosmologico di mi- se, secondo il contesto in cui si trova-
5 Su Sen., cp.9;,50, dr. \YJ. T11E1LER, Die Vor- o-av i)µWv "tTJV ato-l>'l)o-tv; e subiio dopo si
bermu11g des Neupilllo11it111us ( t930) spccialm. &8';iunge: EÙ 1-<l•1 y<Ìp cl'.pi,-rai xal "toii-ro 1'0Ù<;
1o6 ss. Sul problema generale della mimesif àvl>pW1tOU<; "t6-rt µ«Àwta µLµào-DaL "tOÙ<;
cfr. inoltre : H. WJ.LLMS, Eiko11, 1. Teil: Phi- llroùc; Chav tvEpyE"tWOW . iiµEtvOV li' liv ).é.
/on von Aiexa11drien (r93J); W. KRANZ, Kos· ro• -r•<; o"tav evocx.1.1~ovwov -r0<ou,,ov oÈ ..ò
mos und Mmscb in du Vorslellung /riihe11 xa4>nv xaL "tè torm't~uv xai -rò q>tÀoo-oq>riv
Griecbentums: NGG, phil.-hist. Klasse, Fach· xa( r1ou01.xij~ &n-n:uila1. Qui il culto, la filo-
gruppe 1: Altertumswis.5Cnschaft, N .F. 2,7 sofia, la musica ccc. non vengono giudicate di -
( 1938) 122 ss. La disscttuione 1enuta all'Uni- rettamente come imitazione, ma come forze
versita di GOttingcn da G. ABEKEN, De M.- che possono unire al divino ( r.pòç -rò lltiov
µi}o-twc; ap11d Pla1011em cl Aristotelem nolio- -1)1~«ç O"Uva"Jt·m, oppure "tpi11E1 npòç "tÒ llàov),
ne {1836) si occupa quruii esclusivamente del- e ciò perché derivano «da lln enmsinsmo ori-
la poesia e dell'arte come ~1(µ'TJO"t.c;. Per -+ ginario, quale naturale e innato rapporto della
questa sez. 2, K LEINKNECH1" ha messo o di· umanità con la divinità ( Rf.LNHARDT, Poseido-
sposizione le sue schede sul.Li quesùone dcl· nios iiber Ursprung und EllltJrtung: i928, 50).
la mimesi;; es.se sono state in parte urilizu- L'applicazione del concetto di mlmesiJ nella
te, ma spesso non secondo I' interpretazio- teoria antica della techne e dell'arte umane (dr.
ne preferita dal Kleinknccht. Egli è dcll'opi· Arisrot., poet. ) è vista dal Klcinknecht come un
nione che la mlmesis Jd divino dominò 6n aspetto secondario del concerto di mimesis, nel
dagli inizi, in una misura ancora più forte, quale =ndo lui l"uS<> cosmolosico e anrropo.
la storia delle religioni. A suo giudizio il logico precede la concei,ione ecka. Si noti che
punro di paricnza dcv' ~sere ruppresentato -4GuuN, Nach/olgc 46, riferendosi a passi di
dalla concezione dell'aztorie cultuale come mi- Platone che usano l'nco-itaL -r.;i òtci>, sostiene
mesis di una corrispondente azione mitica de- che la sequela di Dio orientata in senso etico
gli d èi. Rinvia a Plut., Numa 14 (1 69 s.): ii si sarebbe sviluppala da un'otiginario imica-
ot n<pw..poqrii -rwv Trpoo-xuvow'twv ;i.ty,"taL 1ione di Dio intec<a in senso cultuale e mimi-
µCv d.noµlµ11<T1.~ E.lva.1. .,.T)t;. "t'oU x.6oµov 'l'tEVI.· co. «Nel culto si imitava Dio, e si aveva cosi
q>o~. e sostiene, richinmandosi u Hes., tbeog. b sensazione di divencarc come un Jio. Pln-
535 ss., che anche il sacrilìcio originariamente tone ha soltanto spiritualizuto cd ctici.z·
altro non era che l'imit azione, la mfmesis, zato questi idea.; 45: «U sequela degli dèi
dcl pasto degli dèi. Esiodo racconta come, es· i;cmbra aver significato originari•mcnte in
scodo dèi e uomini riuniti a Mccone, Prome- Grecia proprio questo culto mimico•. Anche
teo avesse fatto in pezzi 1.1n toro, in modo che nelle espressioni degli stoici, particolarmente
agli uomini toccasse lo carne che aveva nasco- di Epitte10, circa la sequela di Dio, il Gu-
sto souo una pelle, e invece a Zeus soltanto le lin (47) vede il riflesso di uno :1equel:l origina-
bianche ossa, che aveva 1tbilmente coperto di riamente cultuale, •per quanto Epitteto l'ab-
grasso; ma Zeus •veva subito notato l'ingan- bia interpretata in senso puramente etico•.
no. Da allora, cosl cont inua nei vv. n6 s. Noo dovrebbe trattarsi d'un'interpretazione in
(forse interpolati, secondo la tradizione te- senso etico, ma del superamento dell'aspetto
stuale). si vedono gli uomini bruciaie sugli cultuale-mimico mediante quello etico. Al con-
altari delle ossa bianche per gli Jèi. Però que- trario ~i culti misterici il mimico-drammatico
sto pnsso se.mbra una base troppo debole per ha conservato il suo posto. Cosi, ad es., in
una tesi di cosl vasta J?Ortata. Per la vasti- Pscud.-Luc., Syr.dea 1~, è dello dei misti dì
tà dtll' idea di mimws il Klcinknecht rin· Atti: 'Ptn 6t ;iµvo'\11'aL x11l "A"t-rE11 µ1µiov·
via alle affermaJfon.i, da attribuirsi a Posido- -raL. Altri esempi in G. P. WETT2J, Altchrist·
nio, contenute in Strabo i:o,9 (467): i) "tt XpV· licbe Liturgien: Das christlicbe ,\lyrterium ( =
<lit.e; ,,
IJ.U<l"nx-1) 1'WV Ù!pWV atµ\/O"!tOU:l TÒ FRL, N.F. t3) (1921) 67.
ildov, µ1.1~ouµfVT) -ri')v cpv01.v av ..oii q>Euyov-
(Iv,666) 26<>

no, non S\llltl inserite in uno schema co- altri : JlLllTJ<Ta<rilÉ µE, ètotÀ.tpol, premie-
s111nlogio>·:111tropologico di archetipo e tc t•scmpio da me, fate come me, e la·
copia, e inoltre lasciano chiaramente trn- ~riatcvi martirizzare piuttosto che trn-
. . • 6
sparire t11w tensione enca . ~llrcc.lirc la legge; in 13 ,9 i sette giova-
ni esclamano: µtµT)awµeiloc i:oùc; 'tpt~c;
'tOVç rnt 'tijc; 'A<ravpletc; VE<l.VL<Txovç, ot
3. LX X <' pst!udepigra/i i:fjc; laor.oÀ.hLlioç xaµivov xa-rt<ppÒVTJ·
Nei LXX µtµ€oµat e µLµT)µ.« sono <ra.v, «imitiamo i tre giovine tti dell' As-
:issai rari , e compaiono solo negli apo- siria, i quali sprezzarono la fornace eh-:
crifi, giacché non si deve tener conto li accomunava nello stesso destino» (dr.
dell'errore di scritturo di t)i 30, 7 cod. Dan.),I7 ss.). Anche se in 4 Mach. si
B: tµlp.T)<ra.c, (invece di tµla wa.c; ). In tratta e.lei martirio, non per questo µt -
Sap.9,8 c'è µLµT)µa. per riproduzione: il µioµm deve esser consideralO come ter-
tempio come µlµY)µet CTX'T}vijc; <Xytocc; fiv mine tecnico di una certa concezione dei
1tpOT)'tolµa.<rac,, «imitazione delfo tenda marciri . Ad ogni modo, in complesso il
santa che hai preparato in anticipai.; i- concetto di imitazione è dcl tutto estrn·
noltre Aquila, in fa.23,14, ba àvlipG>v neo ali ' A..T.; soprattutto ne è assente
µiµT]µ.«, in luogo di é:ivopac; i~wypa­ l' idea che si debba imitare Dio 7 •
q>T)µÉvovc;, «uomini effigiati» (T.M.: 'an-
U m•!111qqeh; in fa:.16,61 Aquila legge Diversamente stanno le cose nei
tv 't<!°> µtµ1)<ret<T~etL, mentre i LXX han- pseudepigr:i.6, quando incitano a imi tare
no iv 'tQ àvaÀ.etf3dv: evidentemente uomini esemplari (test. B.4 ,1: µ~~ni<ret­
Aquila in luogo di b•qa/_Jték, «quando <rilE ... i:i)v clÌ<inÀ.ocyxvta.v o.&toù, «imi-
riceverai», ha letto ba(,?iqqotèk, da ~qh, tate la misericordia di lui», scil. di Giu-
incidere, disegnare, dipingere, neoebrai- seppe, i:où &yctl)où àvlip6c;; specialmente
co imitare. µtµÉoµaL si trova in Sap-4, 3,1 : µt.µOVµEVOL 'tÒV à.yc:1i)òv XOL~ O<Ttov
2: r.:apoù<rav 'tE µLlloVV'tru (cod. A: 'tL· &vopoc 'Iwaii'!>. nell'amore di Dio e nel-
1~w<rw) ain1)v (scil. àpE'ti)v), e 15,19: l'osservanza dei suoi comandamenti). Fa
Xt:tÀ.X01tÀ.cl<T'tCtC, 'tE jUµE~'t(lL, egli /a CO- capolino anche l'idea ddla irnitaziont' di
me i la11ora11ti in bronzo. Si lt:ggc: iuul- D iu; secondo test.A.4,3 lo ityat'lòc; tiv-
tre in passi di 4 Mach.; in 9,23 il fra- l>pwnoç, ancht: se pecca, è considerato
tello maggiore fra i to rmenti grida agli giusto davanti a Dio perché vale il prin-

Per l'uomo il tentativo di rendersi uguale •


6 ar. anche quanto è d•uo su ~ tlxW.J, lll, Dio è segno cli IDlllvagia presunzione, q uale si
coll. 179 ss.; 183 s. L'antica idea di mlmcsù mostra nell"idea orientale del re-dio (ls. 14,14)
riappare chiaramente nella Chiesa ~mica sol- [BERTRAM). Soltanto il rabbinismo porta nel-
hmto con Oemente Alessandrino (-> n. 43). 1'A.T. l'idea dcll'irnimzione di Dio; cfr. t, coll.
7 Nell'A.T. Dio è incon frontabile e inimirahi- 571 s. M. Buu: R, Nachabmung Gottes, in:
le nell'essere e nell'agite: ls.46,,: l<mi t'dam- Kompf uro Isrocl ( r933} 6ll ss. (.,. Der Mor·
m'iunl w<talwu uFtamJ1/u11i uFnidmeb, «a gen I [ i 926) 638 ss.} prova come questa imi·
chi mi poletc paragonare e rassomigliare. u· razione sia intes• quale svilup1>0 delln somi-
guagliarc e paragonare?». li versetto contie- glianza dell'uomo con D io. Il Buber, naturnl·
ne i tre verbi dmh, Iwb e mJI, importanti in mente, sovrappone l'esegesi rabbinica al dnto
questo conteoto. I LXX hnnno reso liberamen- veterotest.unentario, e dal ricorso che q;li fa
te: <:(V1. µt Wi.to\.Wua-rE; WE'tt -rExvciaaGi>t, a passi del N.T. è chiaro che non fa diffcren·
ol itÌl.a.'o/WµEVOL, interpreiondo i l passo sotto zs tra sequela e imitazione. Dcl resto il mote·
l'impressione d i quel lo suCC<:$sivo (forse in· rialc rabbinico non è molto abbondante; dr.
terpolato) riguardante le immagini degli idoli. :;nACK·BILLERDl>CK ( 372 s.; Ili 6o5.
267 (1v,666) µi.µÉoµa• x't}.., (W. Michaeli•) ( 1v,666) 268

ci pio che «tutta l'opera è buona»: egli so di essi. Inoltre dr. Bar.syr.18,1 (dr.
imiia il Signore (µ~µEL't' ctL xupiov). che I 7 ,4 ).
non accomuna ciò che sembra buono a
ciò che è veramente cattivo. Con questo 4. Fi!ouc e Flavio Giuseppe
testo è da confrontare la conclusione di
4,5, dove si dice che i buoni tv ~1)Àiy ln Filone il gruppo di parole è fre-
l}Eoii 7t0pEUOV't'C1.L, cbttX6µtVOL wv xctt ò quente. L'uso di µlµT] µ«, che si trova
i}Eòc; OLà 't'WV tnoÀ.wv µLO'W\I 6:1to.Ào- in più di 60 passi, spesso p~rallel:smen­
pEuEL X't'À., «camminano nell'emulazione tc ad Ò'.7tEix6vu;µa. (contrario: Ò:PXÉ't'V·
di D io, astenendosi da quelle cose che 1to<; e 1ta.paOELyµo.), attesta fino a che
anche D io ha in odio e proibisce con i punto Filone ha ripreso da Platone l'i-
precetti ... ». Emulare Dio è lo stesso che dea che mondo celeste e mondo terre-
imitarlo, cioè attenersi ai suoi coman- stre si corrispondono (~ coli. 258 ss.).
damenti. Nella Lettera di Aristea µLµé- Nelle araomentazioni del dc opificio
oµaL ·· si
0

trova
in- qu~tt~O p;Ssì--dello mundi sulla relazione intercorre!11'e tra
'specchio dei principi', e indica l'imita- il mondo intelligibile (x6oiio:; voT)'t'oc;)
zione di certe qualità di Dio: µLµouµE - e il plondo sensibile ( x6<iµoc; ala3TJ-
voç 't'Ò -toii ~toii OLcX 7tctV't~ tnmxt.;. 't'Ò<;, ~ v, coli. 902 ss.) si sottolinea che
«imitando la bontà di Dio sempre» µiµT]µ« XO.À.ÒV OÙX 6.v 'ltO"l'E yÉVOL't'O Ol-
( 188 ), «la sua coodorta» ('t'flV ~ à.yt.>- X<1- XctÀ.ov 1t<Xpctoflyµa-roc; oÌJOÉ 'tL 'tWV
y-i]v o.ù-toii), 280; dr. anche, in 210. a.lua'!J'tW\I 6:w1to.l-r1ov, S µi] 1'pòc; apxt-
281, la richiesta che il re prrndo :1 mo- 't'vnov xa.l vOT]tjv loÉa.\I annxovlaaTJ,
dello lo EIÌEPYE't'ELV di Dio nel modo di «una bella imitazione non potrebbe mai
frattare i sudditi 8• Porse dipende dalla nascere senza un bel modello e noi~ c'è,
circostanza che il colloquio si svolge a nel sensibile, nulla cli irreprensibile che
tavola tra il re pagano e i suoi ospiti non sia modeUato sull'idea archetipa e
giudei, se non r isa! ta il carattere impe- im elleggibile» (16); ibid.25 si afferma il
gnativo dei comandamenti di Dio e se principio che c:n'.iµ7to.c; ov•e<; ò a.la~òc;
l'imit.azi~ne di Dio non è orientata ver- x6cµoc; ... µlµT]µa. ìlElo.c; dxo\loc;, «tut-

1 H.G. MEECHAM, Tbe Lcllu o/ Aristeas. A lo schema archetipo-copia; come portatore di


lingtJistìc study tvith special re/crcnce to the rivelazione divina, il re è µtJL'll lltt di Dio sulla
Greek Dibfe (193,). non fa nessuna annotazio- terra. Come µ4,t.11µa. in Plur .. PrÙl(Ìp. incru-
ni! • questo passo. .I<leinknecht giudica che qui dii. 3 (n 780 s.) è paragonato al sole, che Dio
siano presenti idee tipiche dello teologia elle- nel cielo come 'lttp1xa.).}..Èç ttlìwÀ.ov fav'toii ...
nistica dcl sovrano. Effeuivamcnrc l'idea di ivllìpv1n. Cfr. E. R. Goo1rn.NOUGH, The Poli-
mlm~sis è stata applicata anche alla relazione tical Philosoph)' o/ Hellenistic Kin11.ship: Yaie
del re terreno con l'eterna sovranità degli dèi Classica! Studia r ( 19 28) 55 u. (spcciolmcnte
o col Dio altissimo. Cfr. ad es. Themist., or. èediauo alla spiegazione della designazione del
2 (p. 41,13, DINDORF): 'tÒV µiv yàp "l"OVlìE re come v6µo.; l°µ<!Nxo;); qui è chiaro che an·
'tOV ~uµ'M'.11"\"0ç (3i:r.O'L}..fa ò µiv ÉTtW"\"Gl.'tGl.L che «l'imitazione del re» da parte dei sudditi
µòvov, ò lìè xi:r.t Jttµ•t"<«•: Stenida di Locri, non è il)tesa in senso etico, ma come conse-
in Stob., ecl.4,7,63 (2 70,14 ss.): oii"<oç (il di- guenza ~ella «personale e dinamica rivclnzio·
vino re del mondo) yàp xat <l>UO'EL tv-tt xat ne della divinità» loro comunicata dal re in
'ltp<i'to.; f3«~À.ruç 't€ x«4 Swéta''t«ç, ò lìè (il grazia deUa sua «relazione con la divinità» (90
re terreno) yEVÉCTEL xai µ1.µ6:CTEL; Diothogenes s.). Dato però che gli enunciati della Lettera
Pyth., ibid. 4, 7' 62. 2 70, I O s.: 6EOµLµ6'; N't• di Aristea hanno una forma etico-imperativa,
TCpiiyµa jlaO'lÀ.-fla. li re è dunque visto come si differenziano chiaramente dall'idea di mf-
il µtµ'l')'ti')ç di Dio; ma ciò ''a inteso secondo mcsis della teologia ellenistica del sovrano.
z6•) ( I V,(>(>(,) 111.11ée: •~·. X•À. (W. Michaelis) (1v,667l 270

to questo mondo sensibile... ì: imitazio- xcxM opwaw); trattandosi di obbedien-


ne dell'immagine divina». za, imitare equivale a seguire gli ordi-
Filone, mentre da un la10 usa <li fre- ni del padre. Anche in migr.Abr.149 non
quente µl1.1:nµo. come termine 1ecnico manca questo motivo: Lot si rifi111ò cii
della concezione cosrnolo1~ic:1 imposta· imitare il migliore (di seguire il consiglio
ta sul rapporto archetipo-copia, dall'al- di Abrnmo) e di diventare cosl egli stes-
1.ro impiega raramente IJ.t!lllOIJ.O.t (e µt· so migliore (ovx ilvEXa, -roii µLµT)aaµ,.
IJ.'1)-r-i}ç). µtµioµm si trova in pitt di 40 vov -rov <i!,1€lvw ~EÀ•t.WllijvaL ). Partico-
passi 9, ma non sempre per indicare la lare import:mza assume la comparsa di
imitazione cosciente di un modello. µt· questo a~petto In dove Filone parla del-
µfoµo.~ può essere usato anche solo per l'imitazione di Dio, nonostante il rap-
un pnragone, ad es. quando (spec. leg. porto di questo enunciato con In con-
4 ,83) si dice che la concupiscenza (tm- cezione di archetipo e copia. Una vol-
ilvp.(a) s'impossessa con violenza del!'a- ta si parla dell'imitazione di Dio da
nima e non lascia illesa alcunn parte, parte dcl Logos: subito dopo b nasci-
esattamente come il fuoco, che si pro- ta, il Logos ha imitato le vie dcl Pa-
paga qunndo .trova abbondante materia- dre e, lo sguardo rivolto ai modelli
le infiammabile ( µr.µouµÉv'I) TI)v tv à.q>· creati da lui, ha formato le specie degli
DbV<iJ iH:n mipòç ovvaµw; cir.aet.mund. esseri, µLf..LOUµtvoc; 'tèu; 'tOÙ 1tCX,>tpòç 0-
135: -rò 7tUpòç oxijµo. µr.µ-ouµÉV'I)). Ma liovc;, 1tpòç 7tcxpaoE(yp.o:-ra, iiPXÉ'tVJttt È·
per lo più significa l 'imitazione di un xe(vov ~ÀÉTtwv ȵ6pcpov -ra ttS71 (con/.
modello; ad es., sacr.A.C.123: nell'as- ling.63; anche qui, nell'uso di-+ oSoi..
sistenzn a uomini che vanno in rovina è forse presente l'idea che il Logos è
senza speranza a motivo dei vizi biso- stato obbediente?). Che gli uomini deb.
gna seguire l'esempio dei medici capa- bano imitare Dio è da Filone afiermaro
ci, che anche in casi disperati tentano più volte: decal. x II; leg.a/l. J 148: µLµEi:-
tutto quanto è umanamente possibile ulla~ lltov -rà: q,ya; virt.168; spec.leg.4,
(1J.4.LovµÉvouc, -roùç à.yalloùc; -rGiv i1X- 73: -r( S' a.v EL'I) xpti'nov &ya,Dòv iì µL·
-rpiiiv); vit.Mos.1,158: Mosè ha posto µefal)Cl~ ilEÒ'll yEVT)'tOLC, 'fÒV àtOLOV. In
se stesso e la sua vita a modello del op.memd.79 il motivo per cui Dio ha
mondo, per cutti coloro che lo voglio- creato l'uomo per ultimo sta nel fatto
no imitare (11apciSELyµa -roLç èillÀoucn che l'uomo doveva trovare già pronti i
l..ltl..l.ELO"i)aL); cfr. l'uso di -rvitoç nella ricchi tesori delln natura per poterne
frase successiva ( 159); anche altrove godere; poi si afferma che gli uomini,
µLµÉOl.L<Xt è spesso coUegato con itapci- se avessero imitato il creatore del ge-
onyµix (ad es., spec.leg.4,x73.182) e a nere umano (µiµovµtvo~ -ròv <ipx'l)yÉ-
à.pxÉ't1>11:oc, ( vit.cont.29). P. degno di no- 't'l)V -roù yÉvouc,), ancora oggi vivrebbe-
ta sacr.A.C.68: i figli obbedicmi, quan- ro nell'abbondanza, senza fatica e prc·
do imitano ciò che costituisce l'essenza occupazioni; imitare Dio, dunque, vuol
dcl padre, non possono fare che il be- dire aderire al piano divino della crea-
ne ( liEov-rw.; ovv µtµovµevoL -rfiv -ro\i zione, invece che perdere colpevolmcn·
7ta-rpòç <flUO'tv oL v7tl)xooL 7tClLOEC,... -rà. te i suoi doni trasgredendo i suo i t'o·

9 Inoltre si ritrova, in fut.-74; mut. nom.208, (in Abr.38 vengono contrapposte l!(µT)<n<; e
con lo stesso significato il verbo (attestato solo tvavi;iwai.c;). In migr.Abr.167 c'è I' aggc11ivo
in Filone) µ1µ11l.à.l;w o µ<µT)Àll;w, derivato (raro anche altrove) µlµT)'tLXOs (µl.j~T)-nxat
dall'agge11i110 µ<µ"T)À6ç. µ(µT)O"l4 si uova 9 voi· i;ixva•).
u:, di cui 3 nella costtu7.ione x.a'tà. µi.µl)<TW
(rv,668) 272

mandamenti. Imitazione di Dio in Fi- dvcu x-.>.., «non della voce né delle
lone è più volte la procreazione di fi. parole ... , poiché l 'asceta doveva e ssere
gli (decal.51.120; spec.leg.2,225). Egli imirn1orc della vit.a, non amlito re di p :1-
non insiste nel dire che questa sia una role» . Dunque il f.LLl.L1J-clJç <: concrappo·
dote concessa da Dio (fa piuttosto un sto all'ascoltatore (axpoa-c-/)c;): un a·
parngone), ma in decaf. I 20 si oppone a xpocni}ç, o 1.1-o.11bàv1»v, si attiene alla
che (come nella Stoa) i gc11itori siano singola pMola, il µtµ1J•TJ<; invece al Bloc;,
considerati divinità visibi li (1,u.µovµEvoL all'habitus di colui al quale rende obbe-
-CÒV àyÉVTj'tO'\I t\I 't~ ~~07tÀ.tlCT"TEiV) e dienza ( xo.-ciX -.òv À.É-yov-.o. e no n xa-cèi:
in spec.ieg. 2 ,225 precisa: llLllOvµtvoL -.òv txEivou Àoyov). Si ved a ancora
xa&' oCTov otév 'tE (per qua.nto è possi- m igr.A br.26.
bile ) -.l'}v fatlvou ou11aµw (per xal>'
OO'ou otov 'tE cfr. virt. 168 ). I limiti entro In Giuseppe l'impiego dei termini re-
i quali soltanto si può parlare di imita- sta nell'ambito dell'uso linguistico cor·
zione di Dio non sono dunque stati tra- re111.e. Si trovano µlµ1]µo. (anl.12,75;
scurnti da Filone 10. bc/l.7,r42) e µlµ'l')cnç (3,1n; 12,77) in
µLµTj-ri)ç si trova in 4 passi. Gli uo- descrizioni di opere artigianali; in 3,123
mini, in maggioranza ingrati, dovrebbe- la disposizione del tabernabolo è chiama-
ro per lo meno prendere esempio dagli ta µlµl)O'Lc; 'tijç -cwv 04.>v cpmwc;. «i·
animali, dei quali alcuni si mostrano ri- mitazione della natura di tutte le cose».
conoscenti ai loro benefattori: µLµ11-.at µtµfoµat ad es., in ant.r2,24r; r8 ,29r;
lh)plw11 Ev(wv, éivl>pw1m, ylvEO'~E (de- hell.4,!)62; Ap.1 ,165; 2,283, come pu-
cal. r I 4 ). Giosuè, in quanto discepolo re µLµ.11-.i)ç (ad es., ant .8,31:> ; 12,203;
(rpovtl)'t'i)c;) di Mosè e imitatore del suo i 7,9?; cfr. anche µlµl)cnc;, 5,98) ven·
carattere amabile, è detto l.LLµTj-ci}ç -.wv gono per lo più usati per esprimere una
à!;LEpào--.w11 iJ~wv ( virt. 66 ); non vuol voluta imitazione di qualità o di azioni
dire che egli imitasse coscientemente il altrui , nel bene o nel male. A volte pc·
maestro, ma che gli rassomigliò. In rò si tratta solo di un paragone (ad es.,
congr.70, si adduce Gen.28,7 (Elcriixou- 8,315; 9,44; 17,97 ). Di imitazione di
O'E'll [ LXX: 'ijxova-Ev J ·1a:xw!3 -cov ita- Dio Giu~t:ppt: non fa parola. Tn am. I,
-.pòç xat -.fjç p.11-cpòç mhoii), e lo si in- x 9 è il creato nel suo ordine e nella sua
terpreti1 così: oÌJ -.ijç <pwviiç oÌJOÈ -.w11 regolarità (non Dio, cfr. Ap. 2 , 19 l ) che
Mywv ... >toii yèx.p Blou 11Lµ11-n')v €on viene additato a modello della vita e
-rò11 ào-XTj'tTJV, oÌJx &:xpoa'tl'}v À.Òyw11 dell'open1 dell'uomo. Dio, come risulta

10 A conclusioni analoghe giunge \Y!. VOLKBR, quando afferma che solo la terminologia ricor-
Fortschritl u11d Volkndunt. bd Pbilo vo11 Aie· da Platone (207 .21 6.333), mentre il conccnu10
xandrien ( = TU 49, 1[19381), dimostrando è otienroto \'cr:<o l'A.T .: primo viene l'obbe-
che al centro dell'etica di Filone stonno le esi- dienza al volere divino (cfr. a pp. 220.327 s. le
genze vecerocestamentarie, menare le formula- argomentazioni su wEilttal)a.. o fo10-Dcu Drci>;
zioni platoniche. stoiche, ecc. vanno conside- leg.all.3,209: 'tÒ -yò:p gVtY.O'. ~toù ~lOVOl.I 'lt!lV·
rale loltanto allà stregua di •COsrruzioni ausi· 'tO'. 11p6''t;tt1v t.:.0-tMçl; l'id<?-a di mimosis è
liarie• che «per mezzo della strumrra tempo- collegala 'l',1! morivo della riconoscenza ( 278);
role• devono servire a interpretare le inunu- «pe.r µlµl)CTL~ ileoù Filone intende nel senso
tabili idee bibliche (J7). Secondo il Volkcr più ampio della parola la consacrazione di rut·
ciò vale anche per l'idea di mimtsis. In lui ta la vira, che viene offerta a Dio• (333). An·
(sollo l'inBuenza di BuaEJt-+ n. 7) i dati vete- che Wru..Ms (--. n. ') 86 s, sottoline. che l'i-
roresaamcmari possono essere alquamo discor- dea di mlmuis riceve in Filone un'impronla
ti ( 206 s.); ma è importante quel che egli dice, etica.
2 j l (1V,M$ ) 1i.1tio1uxi x-r}.. (W. Micl1aelis ) (rv,668) 274

ben chiaro eia a11t. 1 ,20, è oggetto di E· ~MLV "ti)<; aVCl<i"tpoqrijç µq.u,L<ii)E "tTJV
1m1i}a.i., 'seguire' (dr. 8,337; ~I, coli. 1t~v·nv, «di essi (scii. dei capi), conside-
567 ss). Naturalmente s i può 'imitare'
la teologia (Ap. r ,225 ). rando l'esito della loro condotta, imita-
te la fede». Ciò che in questo caso ren-
; . Tl gruppo di vocaboli 11el N.T. de esemplai:e la fede è la conferma che
essa ha avuto anche nella morte. Qui la
Nel N.T. il gruppo di vocaboli rap- fede non è l'oggetto che si crede, ma l'at-
presentato da 1.uµÉoµat. e µtµT}·dv; (e teggiamento di fede . Non essendo la fe-
<ruµp.1.11TJ•TJ<;) è piuttosto raro. Ricorre, de una virtì1 wnana, ma un essere affer-
oltre che nella Lettera agli Ebrei e nella rati da Gesù Cristo, nel concetto di µ1.-
terza di Giovanni, soltanto nelle lette- 1.iei:ol)ai., oltre lo sforzo per raggiungere
re di Paolo (rl2Thess. , rCor., Eph. , il modello, è necessariamente compresa,
Phil. ). La lezione di 51': (-.où &:yai}où) e non come ultima, la volontà di lasciar-
µi.p.TJ•al, invece che s1J),w-.al, in r Petr. si guidare sulla stessa via. Nello stesso
3,13 (--? 111, col.1516 ) va considerata tempo 'imitazione' non significa la ri-
secondaria. P ur riconoscendo l'affinità nuncia n un'impronta individuale; il mo-
dei due vocaboli (~ coll.261; 267; dello non è uno schenrn, ma un appel-
2 97), essa ha un signifìcato più debo- lo a confermare la fede nella vita e nel-
le. È difficile pensare che su questa le- la morte. In Hebr.6 ,12 (!va µÌ) vwì}pot
zione abbia influito J lo .u, magari in yÉv1')a-i}e, µt.µ'l'}•at OÈ 'tWV s~&. 'ltW"t€W<;
occasione di una sistemazione delle Let- xaL µax:polhiµlaç xÀT}povoµovv'twv -.&.ç
tere Cattoliche, nella quale la 3 Io. sa- btci.yyE),lcx<;, «sicché non siate pigri,
rehhe venuta prima ~el b r Petr. bensì im itatori di qu:1nti, nello fede e
Tuttavia l'esortazione di 3 lo. II : p:Ì) nella pazienza, ereditano le promesse»),
JJ.t.JJ.Ov -.ò xaxòv aÀÀèt -.ò ayaMv, «non dal contrasto con vwi}pol deriva una co-
imi tare il male, ma il bene>>, pur nella lorazione fortemente attivistica di µL·
sua forma generica, è in stretto rappor- ~lTJ•al (cfr. 6,r r ); ma si può anche pen-
to con quel che precede e quel che se- sare che con questa frase s'intenda già
gue: Gaio non deve lasciarsi irretire dal il superamento cieli' accidia, per cui si
reprobo Diotrefc ( vv. 9 s ), ma imita- avrebbe una semplice comparazione:
re Demetrio, che è lodato nel v. 12. affi nché tmche voi un giorno otteniate
La Lettera agli Ebrei offre ai suoi la promessa eredità, come coloro che -
lettori tanti paradigmi della fede ( JI, ne siamo convinti - già la possiedono.
4 ss.; 12, r ss.}, senza pc:rò sottolineare Una comparazione si trova anche in
sempre il dovere di imitare questi mo- { Thess.2,14: vµEtç yàp µLµ1')•at €yt-
delli (tuttavia dr. 12,2 s.); in Hebr.13, vi}a1')"t€, Ò:ÒtÀ<pol, "tWV ÈxXÀT}<TtWV -.ov
7 SI legge: WV aValk<upOVV"tE<; "t'Ì')V Ex- bEov •<7>v ovr;wv lv ""TI 'Iou8alq: lv Xpt.-
l?j (IV ,668) l~'ldoµ<n it't'h. (W. Michnclis)

O'"t<i'J 'l'l')O'oÙ, o·n ,(x aù-t« ÈitiillE>E xat nell 'Aposrolo non va inteso in senso
Ùµt~c; imò >wv lòlwv uvp.q>vÀE>Wv, xa- ristretto, e che di µL1.1foµaL non si deve
ll1:.ic; xat aù"tot imò -.wv 'Iovoalwv, «voi, prendere in considerazione un solo si-
fratelli, vi siete bui imitatori delle chie- gnificato.
se di Dio che sono nella Giudea, in Cri- In tutta una serie di p~ssi Paolo po-
sto Gesù, poiché voi pure avete subito ne se stesso n modello delle sue comu·
le medesime sofferenze da parte dei vo- nità, un modello che esse devono 'imi-
srri connazionali, come quelli da parte tare'. Quest'idea, a quanto pare (il Òt~
dei Giudei». Anche se in niiuxEw non è lo fa supporre), ha già avuto posto nel-
assente del tutto il momento attivo ('re- la predicaiione missionaria: CLÙ>ol 1'~
sistere soffrendo'= ùnoµÉvEw ), questo otòa>E nWç ÒE~ µi.µeW'i>aL T,1,1.fi,;, «voi
non è in primo piano 11 , come prova la sapete come è necessario imitare noi»
costruzione con ùno; perciò, anche se (2 ThesJ. 3, 7 ). Il nw.; è spiegato nella
i Tessalonicesi avevano notizie più pre- frasé successiva introdotta da <i'tL ( 3 ,7
ci se delle persecuzioni dei cristiani in s.): il comportamento dell'Aposrolo in
Palestina 12, ciò non può significare che questo caso era esemplare perché egli si
essi ne avessero volutamente preso a era guadagnato il pane col lavoro delle
modello il destino (non il comportamen- mani e non era stato a carico di nessu-
to). Piuttosto il senso è il seguente: vi no nella comunità: ciò doveva essere di
ha colpito (senza che vi abbiate contri- esempio ai neghittosi ( li-.ax-.01) e alle co-
buito ) lo stesso loro destino, avete d o- munità doveva insegnare come trattare
vuto patire le stesse cose che essi già costoro. In 3,9 Paolo sottolinea (a dif-
lianno !JaliLO. Non siete i primi a cui ferenza di :r Cor. 9 ,1 2, dove fa valere un
sono capitate queste cose; la vostra non altro punto di vista) che l'ha indotto a
è un'eccezione, ma la regola da sempre, ciò il proposito di dare un esempio, così
come vi può insegnare l'esempio delle che lo possano imitare (!va Èau-.ovc; Tv-
prime comunità cristiane. È importan- nov owp.EV V~\/ Elç "tÒ µc.µtwi)CLL Ti-
te che tra le attestazioni di Paolo si µéiç). Che con ~ >vnoç s'intenda dire
trovi anche questa, perché essa prova non tanto il campione che dev 'essere co-
chiaramente che il concetto di µ~µ1)"t'l'}ç piato, quanto il modello che dev'essere

11 Di opinioo~ rontrari~ è DonsatOrz, Thtss .. 12 Si <leve però prendere in considerazione an-


ad I.: è una petwonc di principio noo fondata che l'ipotesi d>e l'Apostolo (ove 1 Thers. ri·
sull'uso linguistico generale dire che «dev'es- salga .Ù tempi dcl terzo viaggio missionario)
sere un comportamento morale per cui si può si riferisca o certi avvenimenti del recente pas·
divenrare imitatori». lnvt><:e, Dobschutz è giu· sato, di cui egli è venuto a ronost-enza (forse
stmnente roncrario a WOHLl!NBBllG, Thess., ad anche come restimonio oculare) al tempo di
I., che vuole riferire tv Xp<O''<li> 'IT}O'ou o µi.- Act.r8,22, che gli danno ancora moho da fare
µT}'Tat ~vTJ~'tf. e di cui i Tcssalonicesi banno qui notizia per
la prima volta.
ll<µÉo~•a:t x'tÀ. . (W. Mirhodi~)

scguiro, e che per conseguenza il voca- carl:i dall'esemplarità degli olhw ntp~­
bolo µ~iui:o-ltm implichi il riconosci- na•ovv·m; u. La posizione speciale che
mento d'una autoritil, lo si deduce dal ciononostante assume lApostolo do-
paralle lismo con la tradizione ( nap<ioo- vrebbe dipendere dalla sua autorità apo·
cr~c;) di cu i è parola in 3,6, che dev'essere stolica (ma anche gli olhw ntpm<:l•ovv-
anch'essa seguita. •Ec;, forse, si dedicano all'attività mis-
Anche in Phil.3, t7 appare il conce t- sionaria, come i cristiani osteggiati di
to di 'TV1toc;: O'\Jllll~µryrcxl µov ylvtai}E, ),I8 s.). Perciò anche qui il cooceuo di
&:oEÀq>ol, x ai <TX07tEL"tE "toùc; oihw nEp~- imitazione (sia che l' esortazione vada
1ta"toÙv"Tac; xc:dtwc; EXEn "tV7tov TitJ.cic;, collegata con 3, I 6 o che introduca a
«siate, o fratelli, imitatori miei e bada- quel che segue) ha u n significato più
te a quanti si compouano secondo il vasto di quello di cercar di prendere
modello che avete in noi». È vero che un modello precedente come tipo da
Paolo è "tvnoc; in quanto i Pilippesi de- copiare: quantunque la condotta del-
vono giudicare in base a lui, come -ru- l'Apostolo nbbia un tale carattere csem-
noc;, quelli che son detti oihw nep~m:i­ pl:irc (egli lo afferma chiaramente, e non
-rovv"T&ç, ma esiste un ampio pnrnllc- per vananloria, per minacciata che sia
lismo tra i due enunciati: dam che i questa sua esemplarità; dr. I Cor.9,27),
Filippesi diventano auµµ~µT}"Tal Il del- non si tra tta della sua persona e della
1'Apostolo, lo prendono come "tvnoc; an - sua ' perfezione' (Phil.3,12 ss.), ma del-
che per il loro cammino, e in quanto l'autorità che gli è sta ta data; è in forza
considerano gli oihw 1tEp~na"tOÙV't&ç ne di questa che egli esige che si dia ascolro
clivPnt<1nn Rnrhe 1.Ltf.1.T)Ta:l. È vero che b alla su2 predicazione; è in rapporto a
successione e la scelta delle parole man- questa che chiede anche che si imiti la
tengono una certa distanza tra l'Aposto- s ua çondotta. crvµJJ.LµT)"Tal µov ylVEcrik
lo e gli oihw nEp1na-tow<t E<;, per cui, significa certamente: «comportatevi co-
forse, non si possono equiparare del tut- me io mi com porto!», ma significa :ind1C
to auµ(J.l.IJ.T)'ta~ ylvro-&E con il genitivo e per prima cosa: «riconosce te la mia
e <rXO'lfEL'T E con l'accusativo; d 'altra par- autorità, seguite quello che vi dico, siate
te però non è consigliabile isolare del obbedienti!». ' Imitazione', dunque, non
tutto l'e$emplarità dell'Apostolo e stac- come ripetizione dcl modello, ma come

JJ Solo qui si incontra questo soscam ivo. de- ., Di parere contrario è LOHMEYER, l'hil.,ad l.,
rivato da <rvµµtµ fo11cu, d1e si legge in Plar., che i noitre negli o\hw l'tEpLna:-toiivT«; vede i
polit. 274d. t;\)V- non può significare, nel con- «perfetti, che subiscono il murtirio• (e, corri-
testo, 'iJlsieme con me' ma al massimo 'voi spondentemente, in quelli nominati in 3,18 s.
tutri insieme'. Ma probabilmente 11\Jµµ'l-'1)'<1'\~ ravvisa i lapsi), e qui trova espressa l'csigen•-'1
è una forma tautoloi:ic~ (dr. ad es. avvitro- <lell'esemplarità dei maniri.
µcxL): =µ!µ1)-ri}ç (dr. D. 39).
fltlttofLGU x'tÀ. ( W. Michnef is)
..
espressione dell'obbedienza. µLp:J')'fal µov ylvE11i}E, essa non p uò es·
li motivo dell'obbedienza appare in sere compresa senza for riferimenm a
modo particolarmente chiaro in I Cor. 4,16. È vero che subito prima P<1olo
4,16: na.paxaÀw oÌJv ùµù.ç, µLp:ryrnl parla dì sé come di un esempio: all'11m-
µou yl'llEO-ì}E, «vi prego: siate miei imi· monimento a i cristiani d i Cori n to ( ro ,
tatori». Infatti in 4,17 Paolo scrive che 32) egli aggiunge le parole di ro, 33,
proprio per facilitare l'adempimento di con la breve espressione xa~wç xà.yw,
questa esortazione (sempre valida) ha «come anch'io» (cerco di piacere sem-
inviato a Corinto Timoteo, lìç ùµaç à,. pre a tutti), che ricordano quelle di 9,
vaµvi')cm -.àç òéovç µou -.èt.ç tv XpLo-- 19 ss., accennando a se stesso per mo-
-.Q, x altwç nanaxoii EV nacrn €xxb1- strare che egli ha eretto anche a norma
alq. OLocio-xw, «il quale vi rammenterà della propria vita ciò che si attende dai
le mie vie in Cristo, come insegno dap· suoi lettori; perciò il successivo IU(.L1)·
pe.rtutto, in ogni chiesa». Evidentemen- •al ·µov -ylvEO·ì}e potrebbe essere solo
te q ui le vie ( ~ òool}, che i Corinzì a- una ripetizione d i questa idea e un in·
vevano quasi dimenticato e che Timo- citamento a seguire il suo esempio 17•
teo deve richiamar loro alla memoria, Tuttavia, sotto l'impressione di 4, r6,
non possono designare la condotta per- questa interpretazione non può risulta-
sonale dell'Apostolo 15, perché esse fan- re sufficiente. f.1Lµ'J')-.ctl µov ylv~alk de-
no parte del patrimonio intangibile del ve s ignificare: lasciatevelo dire, prende-
suo ÙLoacrXEw, e q uindi sono istruzioni tevelo a cuore e attenetevi a ciò, siate
per una condotta di vita cristiana. Di- obbedienti 1 In altre parole, la loetizione
ventAre 11t1L'Y'Ji:al di Paolo q ui significa non dovrebbe riferirsi soltanto a ro ,33,
chiaramente seguire le sue vie, accetta- ma anche e soprattutto ali' esortazione
re la sua o~oaxl}, nella misura in cui ha di 10,3 2; i Corinzi si dimostreranno µ t-
carattere imperativo, eseguire i suoi or- µ l]-.al dell'Apostolo se seguiranno il
d ini 16• Cfr. anche Phil.4,9, con la pre- suo invito, che è sostenuto anche dal-
a.
cedenza data ad x at €µ6:itEi:t: Kat mx- l'accenno al suo proprio comportamen-
pEÀa(ki:E, «ciò che avete appreso e ac- to. Ma ora l'Apos tolo aggiunge: xa-
colto». Dwç xàyw Xp~cnov, «come anch'io (so·
Quando più avanti, in 1 Cor. I t ,J, ri- no imitatore) di CL'isto»: egli, cioè,
torna esattamente la stessa locuzione ricorda come lui s tesso sia un µ~(Jl]-
·~
1.s Le difficoltà di rilevare in 4,16 delle qualità 16 Cfr. -> JoH. WE1ss, I Kor.
esemplari del ' padre', proposte all'imitazione 11 Se 10,3a è un~esortazione, l'accenno di ro,
dei 'figli', sono illustrate da BACHMANN, Kom- 33 acqu ìsta il valore dì un esempio che serve
mentar, ad I. Anche l' immagine del padre e da incoraggiamento. Ma mima di rutto xo:·
dci figli indica piuttosto che al ccnu-o di tutto i)w~ xa.l stabiJisçc soltanto un paragone; cfr.
si trova il problema dell'obbedienza. I Thess. 2,14; Rom.15 ,7; Col.3,1 3.

i
'l:'Ì)ç Xp14'l:oii, o si sforzi di esserlo. norma soltanto idee correnti di un au-
Se prima si fosse inteso parl:ire di esem- tore vengono esposte nella forma del-
plarità, r r ,r dovrebbe significare: pren- l'aggiunia in parola; ma l'esemplarità di
detemi a modello, come io prendo a Cristo non è una delle idee correnti del-
modello Cristo. Ma in questo caso sa- l 'Apost0lo. Neppure in Rom. 15,1-3 è
rebbe difficile spiegare perché Paolo espressa con chiare parole l'esemplarità
non indichi ai Corinzi <liret tamente Cri· di Cristo, o il dovere di seguire il suo
sto come modello. Inoltre non potreb- esempio; ciò che si attende dalla comu-
be non stupire che Paolo non spieghi nità, e che Dio porrebbe donarle, è de-
meglio sotto quale aspet 10 egli prenda finito 'tÒ a,Ì>'tÒ qJpOVE~V ÈV (t}.).;1')}.014 X<I-
Cristo a modello. Certamen1e è facile il 'l:à Xp~cr-.òv 'IT)<Toilv, «avere vicendevol-
rinvio al passo di Rom.r,,r-3, che in- mente gli stessi sentimen ti secondo Cri-
dubbiamente è molto allìne a i Cor.10, sto Gesit» (15,5) 18 ; anche in Phil.i,4
33 (anche a Phil.zA ss.), e del rest0 sa- ss. non è assolutamente sicuro che al
rebbe evidente che 10,33 di fatto si po- centro si trovi l'idea della esemplarità
trebbe applicare anche a Crist0; però con di Cristo 19• Appare dunque assoluta-
l'importante riserva che tva uwDwaw, mente necessario cercare un'altra spie-
inteso, in questa applicnione, come sco- gazione delle parole xai)wç x~:yw Xp~­
po dell'opera salvifica di Cristo, indiche- cr-.oii. Eccola: essere il 1.1.~µ'Y}'ti]ç di qual-
rebbe un cerro distacco tra Paolo e Cri- cuno significa lasciarsi guidare dai suoi
s10, tale da escludere ogni imitazione. ordini, essergli obbedien ti. L'Apostolo
Ma proprio qui manca un'utilizzazione vuol dire: io ve l'ho ordinato, ma Cri-
corrispondente a Rom.1,,1-3, che non si ~•u l'ha ur<limnu a me; <liveatatt dun-
ha neppure in I Cor.ro,24, e anche nelle que i miei µ~µn-.al'., obbedendo alla mia
precedenti analoghe affermazioni non si esortazione (10,32), come io sonoµ~­
accenna mai a u n rapporto con Cristo in µrrn'1ç di Cristo in q uanto concepisco
quanto modello. Se veramente Paolo, in il mio servizio apostolico come egli lo
r Cor. t 1,r, intendesse cennare al model- vuole ( 10,33). Ne conseguirebbe che le
lo cli Cristo, lo spazio che dedica a que- frasi di 10,32 s. e II ,1, le sole in cui
sto argomemo sarebbe sproporzionato ricorre l'espressione xo:DWç x6:yw, sono
all'ampiezza dell'argomentazione di 9,1, costruite nello stesso modo e che le lo-
per non parlare d i 8,1. È <la 1ener conto ro parti si corrispondono. l\fo allora
anche della seguente considermdone: di l'incarico di Cristo, con l'adempimento

•3 X<X'tÒ. Xp1a'tàv 1'1]croiiv (cfr. X<X'tÒ. Xpt- ce anche E. llRllNNEM, Der Romubrief [ Ilibel-
a-r6v, Col.2,8; Xll'tÒ: xvpi.ov, 1 Cur.11,17; Xtt- hilfc fiir <lie Gemcinde, nt.lid1c Rcihc:, Band
't<Ì l)cév, Epb.4,24) non significa cS«Ondo l'e. 6] ad I).
scmpio•, ma «secondo la volonliì» (cosl trndu· 19 Cfr. MICllAl:J.IS, Phil., ad /.
del quale Paolo mostra di essere il ~uo li o uguali con )'imitazione , ma di au-
µLµ.l}~i')ç, può anche riferirsi diretta- torità del le quali si devono eseguire gli
mente all'esortazione di ro,32; in que- ordini e seguire le esortazioni 2t.
sto caso Paolo non fonderebbe questa In r Thess. r ,6 è detto: xa.t ùµEi:ç µt-
sua esortazione soltanto sulla sua auto· ~11}-ra.t i)µwv tytvi(ihytt xa.t -rov xupl-
rirà di apostolo, ma anche sull'autori tà ou, «voi pure vi siete fatù imitatori no-
di Cristo, a cui egli obbedisce trasmet- stri e del Signore». Il collegnmento tra
tendone l'esorrnzione. Proprio in I Cor. Paolo e iI Signore non toglie che xa.t
P:iolo fa spesso riferimento alla superio- -rov xuplou sia un rafforzativo , tanto se
re autoriril di Cristo: qui, posto a con- si tratta di una specie di autocorrezio-
clusione della diffusa trnttazione di un ne (cfr. J Cor.15,10) 12, quanto se si in-
tema, il testo di II,I ricorda la posizio- tende approfondire ed estendere il rico-
ne che occupa 7 ,40" alla fine del cap. 7; noscimento tributato alla comunità. La
posto alla fine di un crescendo non di aggiunta OE~cXµ.EVOL -ròv À.6-yov tv l))..llj!EL
modelli, ma di autorità, IT ,1 richiama i r.oÀ.>.:n µE~à xa.pàç m>Euµa.~oç àyCou,
momenù della iradizione indicati in Il, «avendo accolto la parola tra grandi tri-
23 l.O. Non ne conseguirebbe allora che bolazioni con la gioia dello Spirito San-
II ,2 (menzione delle 1to.pa.S6crtLç = òliol to», - possiamo supporre - non do-
4,17) dovrebbe essere uni1·0 a rr,r pit1 vrebbe indicare il momento in cui i cri-
di quanto solitamente si faccia, e che stiani di Tessalon.ica sono diventati
Paolo soltanto in r 1 ,3 passa a trattare µLµ1]-ra.l , ma trattare della misura in
il nuovo tema, come mostro .il carattere cui lo sono diventati. Può darsi che sia
introduttivo dell'espressione i)D..w 15t ii- presente l'idea di seguire l'esempio da-
µà.ç Etlilvcx.L (cfr. l'analogo où ltn.. w to da P:iolo e dal Signore: natura lmen-
ùµà.ç ciyvoEi:v di ro,r, ccc., che sta sem- te, in tal caso l'accento cadrebbe su ÉV
pre all'inizio di un capitolo)? Ad ogn i i}À.l!JiEL 1to}..À.i'l x~ À.. e non su OE~<ii.u:­
modo in n,r non si fa parola di mo· voL -ròv À.òyov. Infatti, nel caso di Pao-
Jelli ni quali si debba diventare simi- lo non si può pensare alla sua conver-

20 Anche qui (~ a. 17) x«O~ x<iyw porta /11s Cbrislophoros: Srro:n:uo [ 1930] p). Cfr.
prima di tutto ad un confronto. Solo per il anche 1 J"besu ,6.
farto che Paolo appare in tutt'e due le parti,
21 Se qui non si tratta dell'esempl3ri1à, perde
si ha un crescendo (cfr. l 1,3, e d'ultra patte ogni !jl!llSO •nche la questione clisc11ssa d~ ]OH.
Eph.5,2.3). La posizione dell'Apostolo tra Cri- We1sl / Kor., ad l., cioè se Xpw-c6, designi
sto e lo comunità non è perdò esplicitamente
il Gtsù 1crreno (cfr. Rom.r5,3) o H Cristo ce-
quella di un intermediario. Anche se rr,r fos-
leste. Non può non essere l'au1ori1~ dcl Signo-
se riferito nll'esemplarità, Paolo non andreb-
be considerato un intermediario che in rap-
re nei cieli quella a cui si inchina l'Apostolo.
presentanza di Cristo debba servire da mo- 22 Cosi DooscHOTZ, Thns., e DtB!lLtUS,
dello (di opinione oppo.;ta è -> GuLIN, Freu- Thess., "d I, anche -+ GuuN, Freude 232.
de 214, n. 3; analogamente G. BERTRAM, Pa11· Similmente-+ ElDcM, 7j , a e Cor. 11,r.
µi.µioµoo. x-r).. (\Xl. Mkhaelis) (1v,673) 286

sione come al momento in cui egli aC· "t"TI 'Axatf1., «sicché voi siete divenuti
colse la p~rola; quanto al Signore, poi, modello di tutti i credenti in Macedo·
non si può certo dire che egli abbia nia e in Acaia•. Qui µtµl)"t"o.l e 'tvnoç
mai accolto la parola. Ma di Paolo si sembrano stare in rapporto reciproco:
potrebbe ben dire che a Tessalonica ha coloro che finora erano soltanto µtµl)-
annunciato il vangel~ tv ll)...lljic~ no)..- "t"o.l, ora divencano essi sressi "t"tntoç
À.ij (dr. 2,2: Èv noÀ.)..<!> ocywv~). ma ( nmuralmeme, non si mli ta della pre·
anche µE'tà ~pfu; nvevµa'toc; aylou senta.zione intenzionale <li un "t"vnoc;,
(dr. r,5; 2,2). Anche per il Signore po· come in 2 Thess. 3,9 2l). Ma i Tessalo-
trebbe dirsi che, specialmente nella sua nicesi sono diventati genericamente ta·
passione, ha sofferto una grande i)À.~­ le "t"V1toç, come mostra r ,8 s., in quan-
\jltç, ma che con tutto ciò la xapci. non to sono divenuti credend e si sono con-
l'ha mai abbandonato (cfr. Hebr.5,7). vertiti a D io. Per questo morivo, da-
La difficoltà di poter applicare tale e to che la connessione tra 1.ttµl)-ra( e
quale la locuzione 1.tE'tà xapa.c; 1t\IEV- -rt'.lnoç non si può allentare, l'accento
µo.-coc; à.ylov potrebbe essere attenuata in I ,6 b può forse cadere su oEF,tt~vo~
dalla considerazione che la locuzione -ròv À.oyov e non su tv i)'Hl)in itoÀ.-
participiale si riferisca primariamente Mi? Ma se i Tessalonicesi sono diven-
ai Tessalonicesi, e che xcd "t"Ou xvplou tati µ~1xr1-ral di Paolo e del Signore con
sia stato aggiunto come appendice al pri- l'accoglimento della parola, l'idea del
mario Tjµ.Wv. Si può comunque dubita- seguire un modello viene a mancare
re che, considerando Paolo e Cristo in (~ sopra) "· In tal caso il contesto
questa gui3a come moJdli, si voglia par· può voler dire soltanto che, accett:m-
lare di un'imitazione cosciente. Se non do la parola, i Tessalonicesi fecero quan·
si tratta di ciò, l'espressione si avvici- to Paolo si attendeva da loro, giacché
na molto a un paragone (cfr. anche 2, proprio a tal fine, per incarico del Si·
14}. Tuttavia in 1,7 appare anche il con- gnore, aveva predicato la parola. Il pas-
cetto di -rv"ltoç (cfr. 2 Thess. 3,9; Phil. so è affine a r Cor. II, 1, con la differen·
3,17), là dove l'Apostolo prosegue: w- za che qui si tratta della prima sottomis·
<Tn yevi<Ti)aL ùµa.ç "t"V"ltOV 'ita.ow "t"oiç sionc all'autorità apostolica, dell'unione
ni.a-ceuooow Èv t j Mo.xdiovl~ xat Èv a Pnolo e al Signore, dell'inizio di una

IJ Del resto non si può neppure intendere ttd I.: •Cosi Paolo deve aver pensato qui in
che la comunità di Tessalonico, in quanto pri- prima linea più all'accoglien>n dell'evangclo
ma oomunirà, sia stata il -rUnoc; delle su«CS· cbe non a ciò in cui appare la somiglianza•.
si ve fondnion.i , perché già prima in llilnce<lo- Proprio per quel che riguarda l'acroglimento
nia era sorta la comunit~ di Pilippì. della parola non si può par lare di «una somi·
glianza di comporrnmen to• tra Gesù, Paolo e
24 Non si può dire, con 0oDSCHih7., Tb~ss., i !cuori.
µiµloµm xù. (\'(/. Michaclis)

vita di discepoli e seguaci2~. se stesso per noi, oblazione e vittima,


Rimane ancora Eph. 5 ,1: ylvEcrl}t: ovv a Dio in sonvc profumo». Tra 4,32
µiµT]"l'OCl 't'OU DEoii, wç 't'txva. à.ya1tT)· e 5,2 c'è l'invito di 5,x : ylvEO'ylk ovv
-tà., «siate dunque imitatori di Dio, co- µ LµT]'tGtt "tOU iltoii, «fatevi dunque imi-
me figlioli diletti». La parricella ovv ri- tatori di Dio». Se ciò volesse signilìcnre
manda a 4,32: -ylvEcrl}E OÈ Elç aÀÀfi- l'imitazione di Dio come di un model-
Àovç XPTJl1-tol, Evo°'1tÀa.yxvoL, xapis6µE· lo, allora anche j , 2 dovrebbe essere ri-
voL Èau"to~ xaì)Wç xat oìkòc; tv Xpw-r<;> ferit0 all'imitazione delJ'.esempio di Cri-
ÉX«PWCX."to ùµtv, «Siate amorevoli gli uni sto. Questa interpretazione di _5,2 la-
verso gli altri, misericordiosi perdonan- scia perplessi pcr più d'un verso 27 • L' ac·
dovi a vicenda, come anche Dio, in Cri- cenno a Cristo è piuttosto da valutare
sto, ha perdonato a voi». In 4,32 ab- come un motivo etico, che non neces-
biamo un confronto, ma di un carattere sariamente comprende anche l 'idea dcl-
esplicitamente obbligante. Ma siamo l'iniitazione di un modello. Ma allora
autorizzati a intendere l'accenno a Dio anche l'accenno a Dio di 4,32 va inte-
come se Dio si fosse in tal modo posto so nello stesso senso (dr. anche Col.3,
a modello? O non s'intende piuttosto 13 ) e la spiegazione di 5, 1 va anch'essa
dire che chi ha sperimentato il perdono orientata in tale senso. E non è neppu-
di Dio non deve restare in debito di re a caso che in 5 ,r, allo scopo di dare
perdono col tuo prossimo? 16 4,32 ha maggior forza all'esortazione, si aggiun-
il suo chiaro parallelo in 5 .2 : xat 7tEPL- ge Wç -rtxva. à:ya.1tl)"tci.: in quanto i
1tCl.TEt-rE tv ci.y6:rq1 xaì)wç xa.t ò Xp1- lett0ri, nella loro qualità di figli diletti
cr"tòç i)yit1tT]O"EV \Jµdç xa.t 1ta.péOWXEV ùi Dio, devono divenire suoi µ.<µ.l) i:a.l,
Èa.v"tÒv vmp YJIJ.WV 7tpo11cpop1Ì.v xa.t W viene messa con forza in primo piano
crlav -r(ij &t:i;> cl.e; 6up.Tjv Eùwola.ç, «cam- l'idea dell'adempimento obbediente del-
minate nell'amore, a quel modo che an- la volontà del Padre e nello stesso tem-
che il Cristo vi ha amati e ha offerto po è sottolineato che i lettori stessi, an-

2S Di sequela in senso proprio Paolo non par· 26 Cfr. ftfr.18,33: oùx !'!in xaì. <Ti !).rijo-a<
lo mai, perché, come scrive G . K1nEt -> 1, 'tÒV cruv5ovlbv CTOU, W.; xayw CTt T}).É1jO'a. ;
col. 579, questo concetto nel N.T. è rimasto Anche quì no n st vuol dire che il servo diso-
limitato al r~pporto con il Gesù storico. Ma nesto avrcbhe 1rnscut"1lto di prendere n model-
4ui non si tratta del Gesù storico, e neppure lo il ~uo signore, ma che la mjscricordb di
«dell'immagine storica del Gesù sofferente~ cui eia scato ogi;cno avrebbe Jovuro es.sere
(di parere contrario è DIBELru S, Th~n., ad/.). per lui motivo per essere a sua volta miseri·
Ciò che nei vangeli è la sequela come condi- cordioso. Cfr. \V/. MtCHAE LI S, Das hodneitli-
zione cli discepolo o come inizio di questa, qui die Kleid. Eine Ein/iirung in die Gleichnisse
è espresso con µ1µt]'Tal. "tov xvplov. Forse è ]cSll iiber die rechte fiingersrba/t (1939) 166.
questo anche il vero motivo della necessità di 282. n. 2i.
aggiungere xctl 'tou xvplov. 27 Cfr. EwALn, Ge/br., t1d I.
J<4doµoo. X'tÀ. ( \'(/ . Mid1~disl ( !V,675 ) 290

che se µLµrrro:t 'TOV ileoii, non cessano p:1rc 'imitato', ma non in maniera dcli·
di essere i suoi ligli, ;mzi proprio in benna): è il caso di 1 Thess.2,1 4 e, for·
quanto imitatori si mantengono suoi •É- se, anche di r Tbess. 1 ,6. In secondo
xvo:. In 5,1 la distanza esi•tente tra Dio luogo può trauarsi di seguire un mo-
e l'uomo è manrenuta, e perciò non si dello 2a; è il caso di 2 Thcss.3,7.9 e
può assolutamente trattare di im itazio- Pbit.3,17, dove il modello da imitare
ne con la quale si cerchi di diventare è Paolo 29 • In questi passi si pone chia-
simili o eguali al modello. Prendere Dio ramente anche il riconoscimento del-
a modello significa, in questo conie- ('autorità dell'Apostolo, per cui segui-
sro, ricordarsi sempre che in quanto re il suo esempio comporta anche l'ob-
figli suoi si vive interamente del suo bedienza ai suoi comandi. In un teno
amore e del suo perdono. Il passo, in gruppo di passi l'obbedienza è addirit-
ml modo, non va oltre ciò che l'Aposto- tura mess1 in primo piano: in I Cor.
lo dice altrove, e perciò non fa l'im- 4,16, in modo così esclusivo, che l'i-
pressione di non essere paolino. dea del modeJlo scompare del tutto, ma
Se riconsideriamo i passi delle lette- anche in ICor.n,1; 1Thess.r,6 e Eph.
re di Paolo cli cui abbiam discorso fin 5, r il motivo dell'obbedienza appare
qua, vediamo che si devono distingue- prevalente. Soltanto in questo terzo
re tre tipi nell'uso di p.LµfoµaL e µL· gruppo vengono nominati come autori-
µl)TrJc;. Talora può trattarsi di un sem- tà, oltre a Paolo, 3nche Cristo e Dio,
plice paragone (l'esempio più antico ap- dei quali il fedele deve farsi µLµ1")'"riiç ».

2t Si può Ji~~·uLerc: io 4uide 1nlsura qui sia forme più serie, intendiamo sempre un brsi
consigliabile parlare di imitazione di un mo- dipendenti, con l'in1itatorc che rinuncia a dc·
dello. 'È vero che, con A. fisorna, Nacb- 1em1in•rsi da se stesso. Nei passi paolini non
ahmttn?. und Nacbfolge: ARPs 1( 1 9 1~ )68· •i ha certamenre uno terminologia di imitazio·
J 16, si può distinguere tra imitazione esterio- ne csleriore, OHl nt.-ppure di imitw.ione intc·
re, che consiste: nell'assumere un romportn· riore (i termini indicano piu11os10 la s~uela
mento esterno d'nlrri (78 ss.) e imitazione in· -+ n. >J). Perciò la miglior wsa sarebbe lor·
tcriore che può <fare origine alla condizioll\! se di evitare di tradurre con "imitare', 'imita·
spiriruale cbe è alla base dcl t-ompornunento tnre'. ~ EIDD..1, 8 3 s., fa conrusionc: tra se-
(83 ss.). Ma proprio il confronto fatto da F1- 4ucla e imita,Jone, qunndo riferisce b prima
SCHER 89 ss. tra questi due tipi di imitazione all'esemplarità in generale, menrre l'imitazio.
e I~ sequela (nella quale si cerca di vivere la 11e sarebbe il seguire un esempio spcçiale.
propria vita in modo autonomo, conforme ai ?·J Si noti che il p:t~so di Cal.~, 11: -yiv~~E t:i~
principi che si sono resi visibili nel modello, i:yW, che !ipcs~ viene citato \.:Ulne un)auestn·
perché si spera di giungere rosl ad essere se zione ulteriore di questa idea, non costituisce
stessi) mostra che anche la rosiddeita imita- u n parallelo; infoui Paolo continuo: c'T• xà:yw
zio11e interiore, qu:innmque sia a un livello wc; ùµ;:iç.-+ EIDEM, 77, vuole souintendere yt-
più alto di quella esteriore, è ancora una •di· yoV<1. o Èytv6µ11v; dr. A. 01w1rn, Gol. (1937)
pendenza', una specie di copio . A ciò corri· ad!.
sponde anche il nostro uso linguistico, secon- 10 L'uso paolino dci vocaboli non è senza rop-
do il quale per 'imitazione', sia pure nelle sue porti con l'u:;o linguistico al di fuori del N.T .
291 (1v,6n) µ1.µfoµo.L xi:À. ( W Michaelis) (J\',676) 292

Quanto al significato neotestamenta- condo le sue istruzioni 32 • Quando Pao-


rio dell'idea di modello, i passi con µ~­ lo delìnisce se stesso come µ~rrn'lc;
µioµc:u ecc. sono particolarmente im- X pun·ou o conferma ai T essalonicesi
portanti perché proprio in essi - se si che essi hanno dato prova di essere µ~­
parte dall'accezione di base dei nostri wrrrcxt -rov xvplov, vuol dire che sia lui
vocaboli - l'accento sembra cadere sul- che i suoi desti natari sono seguaci del
l'imitazione di un modello; in partico- loro Signore celesce. Va quindi esclusa
lare le affermazioni paoline sono state l'idea di un'imitnzione della vita terre·
interpretare in questo senso 31 . Ma dal- 113 di Gesù nei singoli tratti o nella sua

l'esame di esse è risultato che questa in- espressione globale, e non ha importan-
terpretazione dev'essere, a dir poco, ri- za chiedersi se una tale imitazione vada
gorosamente limitata. Quando le comu- intesa in senso esteriore o interiore".
nità vengono definite ~µT)·w.l dell' Apo- La richiesta di una imitatio Christi non
stolo, ciò significa che esse gli devono es- ha 'alcun sos tegno nelle affermazioni
sere obbedienti e son tenute ad agire se- paoline. Ma è da escludere anche l' i-

(cfr. -+ i punti 1-4); mo C11EMER·KOGEL, s.v., J1 Perciò qui non può volersi dire che Poolo,
hanno ragione di sottolineare che qui il grup· magari in quanto apostolo (o martire), sia mo-
po semantico «ha ricevuto il suo significato dello, cioè oggeno d'imicazione.
più profondo•. " Ciò vale anche per un giudizio come quello
Jt Merita d1 esser rilevata la giusra ddini.tione che si trova in M. DlBELIVS, llJ"t. 'N3chfolgc
di Cu:MER-KÒGEL, s.v.: «seguire, unirsi a Chrisù 1: Im N.T.', in RGG' 1v 395: «L'Apo-
qualcuno, entrare con qualcuno in unn comu- scolo dunque ha dllvanti agli occhi non l'uomo
nione che si manifesta nell'eguaglianza di sen- ma il Figlio di Dio venuto dal ciclo, non il
cimenti e di modi d i agire•. -+ O F.PKt è dcl corso della storia ma il mito, <.li ,-,,i la vita sto-
parere che l'idea di modello, «l'acquisizione rica di Gesù cos1i1uisce solc2n10 un periodo;
della figura del maestro da parte dei discepo- le qualità raccomandate alla ' imituione' non
li• (853), non è trascurata neppure nei passi sono le vinì1 di una persona umana, ma le
che parlano di sequela; anzi, egli trova nelle quali tà d i una perwna divina». Cfr. invece H.
espressioni paoline che usano µLµÉoJ.l«• ecc. B uLTMA1'N, Die Bedeu1ung des geschichllìchen
l'idea dell'esemplarità. Ocpkc sotrolinea che, Jnus /iir die Theologie dn Paulus: ThBl 8
nella misura io cui Cristo è indicato come ( 1929) 147: «Cri.sto non è un lllOdello. Nacu·
modello, qucsce espressionj avrebbero un ca- rnlmcnte può diventare modello del mutuo ser-
rattere cristologico, dato che le argomentazio- vizio, della i:cutswo<ppoO-VVYJ... Ma modello è
ni di P aolo prendono sempre le mosse dalla soprauuuo il preesis1en1e; ma ciò equivale
comunione di vita con il Signore glorioso a dire che soltanto rolui che è già stato ri·
(868). «Imitare Cri sto, perciò, signilicu sem- conosciuto come Signore può essere mode l·
pre tendere !Unto nl Crisco terreno qu•nlo al lo, e non che l'eventuale esemplarità del Ge-
Cristo celeste, ln indissolubile unione. Una mi- sù sté!'rico fa di lui il Signore•. H. J. EBI!·
cologizzazionc cd una storicizzazione del mo- LING, Das Messiasgebeimnis und die Bom·hafl
dello sono in pari modo, anche se in d iverse dn Marcus-Evangelislm ( = ZNW Beiheft r9)
direzioni, non paoline• (869). Ma rome si e.le- ( 1939) 166: cnon imilatio, ma con/ormilas».
ve 'tendere' al Cristo celeste? Oepke non trat· «Cristo non è puramente un modello, ma fon·
10 dell' importanza dell'obbedienza, che pure <lamento della possibilità e nello stesso temi><>
qui andrebbe menzionala. del dovere di condu1..-e tal<' vita».
1111.ioµao, x'tÀ. (W. Midm:lis) (JV,677) 294

dea di una imitazione come relazione vocppoO'vVTJ di Cristo (16,17; &noypaµ·


mistica con il Signore gloriosoJt. An- 116i; - n, coli. 685 s.}. dice: µtµl)·
-ca.l ytvwµd)u. xètxdvwv oti:wtc; ...
che se la comunione con Cristo com- 7tEpLE'lltX'tl)O'O.\I Xl)pUO'O'OV-CE<; 'tfJ\I ~À.EU·
porta che si assuma la «stessa sua for- ow 'tOii Xpwi:oii, «facciamoci imitatori
ma» e- rir,coll.18rss.}, i passi qui con- anche di coloro che... camminarono pre-
dicando la venuta del Cristo»; anche qui
siderati mostrano chiarumente che µiµT]·
si tratta del modello offerto da una con-
-ri}ç Xpw"Toii si diventa nella concreta dotta umile e modesta ( i:ò 'TO:'ltnvbq>;:>ov
osservanza dell'obbedienza alla parolu xal "TÒ intooEÉ<;, 19,1 ); ma va rilevato
che, secondo 19,r, l'imitazione (d'ac-
ed alla volontà del Signore. llisulca cosl
cordo con le affermazioni paoline) avvie-
che, Paolo non conosce i,ma vera e pro- ne nell'obbedienza (oià. 'tijc; ÌJTta.xofjç)
pria imitazione di Cristo (e di Dio}, ma e cotre parallela all' accoglimento (xa.-
solo una sequela 'obbediente, espressio- 'ta.oÉxtwa.i} dei À.by1.« di Dio 36 • Diogn.
l0,4-6 dice che l'uomo dev'essere un
ne della comunione di vita e di volon- µLµT]'ti}ç della bontà ( XPTIO''tO'tl]<;) di
tà: il - µa.~'tl)ç (questa parola man- Dio; è degna di nota la riflessione di
ca in Paolo) e il µiµl)'tlJ<; sono una co- 10,4: µfi Ì)a.vµcXcilc;, d OVVGt'tcn µLµT]·
-ri}c; dvì)pW'ltoç yEvÉaìtat Ì)toii· ovva.'ta.L
sa sola 11•
Ì}ÉÀ.ov'to<; a.Ò'toii, «non ti meravigliare
Quanto.abbiam detto finora, anche se che l'uomo possa farsi imitatore di Dio;
si limita a quei passi in cui appaiono lo può, se Dio lo vuole».
µiµioµa.i ccc., coincide però con osser-
fo Ignazio µiµl)'t'l)c; e µiµÉoµa.i so-
no abbastanza frequenti, ma l'uso lin-
vazioni che si possono fare su altri pas- guistico non è fisso, ami mostra una cer-
si, e si inserisce così in un quadro uni- ta mobilità. In Sm. r 2,1 alla menzione di
tario. Cfr. 1, coli . .578 ; 1180; 11, coli. Burro, latore della lettera, si aggiunge:
xczt (XpEÀ.ov Ttci.V'ttc; a.u'tòv t1.u.1.10W.o.
685 ; 824; IV, eoJ. 12}). ma. El;EµTtÀ.apLO\I 1'toii òw.xovla.c;, «e
volesse il cielo che tutti lo imitassero,
6. Nei Padri apostolici lo stesso ac- modello qual è del servizio di Dio». In
centuarsi dcli' uso dei nostri vocaboli Mg. xo, r si legge: tàv yàp 1)µ~ µLµ Ti·
mostra come questi acquistino un' im- O'E'ta.L, xa.i}à 7tprurtToµtv, ouxÉ'tL ÉcrµÉv,
portanza maggiore che non nel N. T., «Se egli (Gesù Cristo) volesse agire co-
Paolo compreso. r C/em.17,1 , dopo a- me noi D17 (cioè, in base al contesro: se
ver descritto l'esemplarità de.Ila 'ta.1m- non fosse cosl buono com'è, e come,
3' Di parere coacrario sono J. ScHNEll>ER, Dic senza grandi risulinri).
Passionsmyslik Jes Paultts (UNT 15 [ 1929]} 1' Il passo non può essere riferito all'esempio
130 e H. W1NlllSCH, Paulus umJ Chrùlm <l<"i martiri (diversamente da Lor1MEYRR, Phi/.
(UNT 24 [ 1934)) 251 ss. 151, n. 2); infaui Elia ed Eliseo, che 4ui scmo
11 Ncll'anicolo di ~ NlELCN si sente 1:1 man- nominati, non sono morti martiri, e la loro
canza di uria acura formulu.ione dei concetti di umiltà è: fondala sul fatto che, nonostante la
sequela e di imiiazionc; manca anche una più loro nhn missione, essi si sono presemnri tv
precisa ricerca sui 1>assi del N.T. con µiµloµaL 1ìt14uxaw cx(yEloL<; xat !J.TJÀW'tat<;.
ecc., che non può essere soo1 iruira dal rico= n Questa tntduùonc di Pll!U SCHEN-BAUF.R',
a numerosi termini cuhuoli (l'A. si sofferma s.v., è mii:liore di queUa di BAtrER, lg11 .. ad/.:
un po' pitta !unito rohanto su r Cor.n,1, ma «SC q.tli d irniterù nel nostro operato1>.
29s (1v,677) IA4-•fo1u:u Y.'tÀ. (W. Midrnelis) (1v,677) 2~6

purtroppo, non siamo noi). In Eph.r ,r preso anche il martirio; però questo a-
e Tr. 1 ,2 ( nelle frasi inuo<lutcive e dun- spetto non è messo in particolare rilie-
que con un significato generico) Ignazio vo e l'esortazione finale dice generica-
chiama le comunità µtµT)'tat Ì}Eoii 3.5, mente: (tva) Év micr11 à:yvdq. xa.t crw-
espressione in cu i sarà d a vedere un ri- cppouvvn µtvni:t l v ' Ina-oii Xplcr"tQ a-ap·
Aesso del p asso paoli no Eph.5,i. Co- xtxwc; xat 1tvEuµa."tlXWc,, «(affi nché ) in
sl pure in Phld. 7 ,2 (1..1.qt1)"tat ylvEirì}E tutta purità e sobrietà rimani:lte in Ge-
'11")croii Xpw-.oii wc,
xat a\nòc, 'toii 'lttt· sù Cristo, in carne e spirito». L'unico
"t:poc, a:ò-.oii) dovrà scorgersi I'influen- passo in cui il concetto di µ~J.lT)'t'i)C,
za degli enunciati paolini (dr. il cre- è chiaramente cd esclusivamente rife-
scendo di r Cor.II, r ), quantunque sia rito al martirio è Rom .6,3, dove I gna-
nuova l'idea cbe Gesù a sua volta era zio cosl p rega la comunità: Èm'tpÉ-
un µ tµ1l't1ÌC, DEoii; m a si direbbe che I - \jla:-cÉ µot µt1111 -riJv tlva~ -coii 'ltaÌ)ovc,
gnazio abbia voluto spiegare che l'idea 't'oii i}Eoii µov, «consentitemi di essere
dclJ' obbedie nza non p uò mancare nel imitatore della passione del mio Dio»,
concetto d i µtµl) 't'1)c, 19• In Eph.10,2 i cioè di Cristo. Non si sopravnluterà
lettori vengono messi in guardia dal ri- mai I'. importnnza che ha per l i:nazio
pagare gli avversari dell'evangelo con la l'idea della comunione nel dolore, per-
stessa moneta (µi) crnovlìO:tov"ttC, Ò'.v'tt- ché nelle sue lettere se ne trovano atte-
µtµTjururi)cu a:ò"ovc,) '°. Subito dopo stazioni ad ogni piè sospinto. Ma ci si
( ro,3) si dice che noi piunosto dobbia- può domandare se non si sopravvaluti
mo tendere a d essere µ tµT)'tat "toii l'idea d i µtµ1) -ti}c;, quando la si utilizza
xvplov: -tlc, 1tÀÉov dlìtxni)Elc,, -rlc, U.- anche come chiave per l'interpretazione
'ltOO'TEP1latlc,, 'tlC, à DE't't")DElc,, «chi più di altre csptessioni, come crv11r.a.llEi:v
di l ui ha patito ingiustizia, è sta to spo- a.ò-ci;> (Sm. 4,2 ), a11oltavE~v dc, 'tÒ a.u·
g liato, ripudiato?» . Quello che il Signo- -tov 'ltdi}oc; (Mg. 5,2) " . Il solo passo di
re dovene sopportare è certamente ed Rom.6,3 è una base troppo fragile, e
emineniemente la sua passione; quindi inoltre non è sicuro che 4ui sia presen-
nei dolori che i suoi discePOli e l.llµT)- te l'idea di una imita/io in senso stret-
'ta.l devono prendere su di s6 va com- to 42.

38 In Eph.1,1, nel caso che b locuzione non .00tÌVTllJ4JiOIJC1L, a v-rt!J.4Jf1(1t<; e J'agceuivo


abbia un cai:-J11ere convenzionale, si dovrebbe &.v-r(µLµoc; sono molto rari; cfr. JIASSOW e
vedere se il contesto non richiedo che «t'On LJDJJl!LL-SCOTT, s.v.
btoc; si designi Gesù Cristo• (BAunR, lgn., ad • 1 Quts10 <lubbio pem1ane anche nei confron-
/.); dr. subito dopo, &:11ct.t;wnvpi)O'C1.\ITE<; tv etL- ti di H. SCHLil!R, Jl..e/igionsgeschitliche Vnter-
µa·n, e Ro111.6,3. m chun1.en ZII den Ignatùubrit:ft:n (ZNW Bci-
l9 Perciò è dubbio se proprio in qut>Sti passi he(t 8 [1929] ) specialm. 158 ss. Cfr. anche l'in·
sia dctctminnntc \!Ila concezione prevalente- terrogativo posto da A. VOl'I CAMPF..NHAUSEN,
mente eOenistica di imita-•ionc (-+ G u L IN, Die Idee da M.arlyriums m der altm Klrchc
Nachfolge 47, n. 5; 49, n. 2). Quanto a ciò (1936) 76 ss. .
che scrive Guli n su Phld.7,1: «Da qui si dc· •2 -> G~t..tN, Frcude 241, n. t; 2J7, n. 3, con·
ve spiegare anche il t irolo del famoso libro d i sidera ellenistici i passi ign~ziani; egli distin-
Tomaso da Kempis De imitalione Chrisli, gue(-+ Gu11N, Nachfolge) il tiJX> dello seque-
quantunque In Vulgata usi sempre e soltanto la semitica nell'obbedienza e il tipo dell'imita·
il verbo sequi•, v'è da osservare che la Vul- zione ellcnistiat, che cha un'impronta mimi·
gata nel N.T. rende sempre µtµt:\ulla.• e µ<µ1)· ca• (-+ n . ;). In Ignazio si può ccriomcntc ri-
-o'lc; con imitari e irnitator (anche in Phil.3,17 levare una cena enfasi nelle alfermazioni rela-
non usa il «imposto). tive alla sequela nella passione, ma non è ne-
297 (1v,677) l "t 'fo~1a.1 X'tÀ. (\'il. Michadisl

Un po' diverso è pernltro il quadro Xpw,;où yev6µevov, «un testimone emi-


nel Marcirio di Polic:1rpo, in quanto tutti nente, la cui testimonianza rutti bramano
e tre i passi da considcr:ire si riferiscono imitare, essendo essa stata data confor-
al martirio. In r 7 ,3 la posizione verso i me al vangelo di Cristo». Qui non sem-
martiri (evidentemente per far fronte bra da escludere un'imitazione esterio-
alla tendenza a farli oggetto di adora- re, tanto più che la descrizione del mar-
zione come Cris to) è fissata come se- tirio di Policarpo è fortemente model·
gue: 'l:OÙç ot µap,;vpa.ç W<; µcdh]'tètç lata sul racconto della passione di Gesù.
xa.t µtµYJ'tàç "TOÙ xupiov 6:yo:itwp.Ev, <d Infine, in Polyc.8,2 si trova l'esortazio-
martiri poi li amiamo come discepoli e ne: µLµTj'l:o:t ovv yevw1.1.e~<X. ,;ijç v7toµo -
imitatori del Signore» (cfr. la definizione vl)ç ( a.u,-où). «facciamoci dunque imita-
dei martiri nel racconto delle comunità tori della pazienza di lui»; cfr. la motiva-
di Vienne e Lione in Eus., bist.eccl.5,2, 7.ione susseguente: ,;ou,;ov yà.p i)µ~v
2: srtM.v,-at xo:t µiµri,-at Xpt<T'l:où); >tòv v7toypaµµòv E~YJXE liL' fo.v-co\i,
l'esposizione conclude: i;iv yÉvot'l:o xo:t «questo è infatti il modello che egli
iìµfu; xowwvouç "TE xo:t <TVµµo:~"tàç stesso ci ha dato», e Ign., Epb.ro,3. In
yevfoì)m, «e voglia il cielo che pure Polyc.1 ,r i fratelli di" fede imprigionati,
noi diveniamo loro compagni e condi- di cu i la comunità si era presa cura, so-
scepoli». Se qui non è ripetuto il ter- no definiti µiµi'jµo:'l:et ,;ljç cl:"ì.rt~ovç a-
mine µ1µTj1"TJ(,, esso però in 1 ,2 è ap- ycimiç (l'espressione non è chiara: Cri-
plicato a «tutti i fratelli»: tvo: l..lt!J.YJTo:t sto dev'essere definito il vero amore,
xa.t iiµetç a.U..oii yevwµd}a.. In 19,1 si ma essi hanno imitato Cristo, o piutto-
dice che Policarpo è diventato µcip,;vç sto non sono essi diventati dei modelli
i'}~oxoç, OU 'TÒ µapTVptOV '!t&\J"t'~c:; titd}v- da imitare? )13.
µoùow µiµetO"ìla.t xo:•à. •Ò w11yyÉÀtov \Y/. MICHAELIS

cessario trovare per questo la presenZ<t di una <7'tcl<Òc; ... -ti)v {leln.v itpoa.(peow µ•~vµsvoc;
imitatio che oltrepassi la lincn rao.lino·biblica. cl 7to•tt 'toù.; Mf>.ov-ta.c; ,;wv iiWlpwm.iv xa.-
4J Va ancora ricordato che in Clemente Aless. ..11 ovva.µw. Qui sono evidentemente ripro·
lo gnostico è spesso designato quale flcµov~­ docce idee stoiche, come anche, ad es., prot.
VO<; -.òv &t:6v. Cfr., ad es., strom.2,97,1: oihoc; II 7, 1: OV yà.p ILtJ,1<:~!1.l -.1ç ovvi)<rtW.• 'tbv
È<T"Tl.V O 'xa."t'' e:lxbvet xo:t 0110!<.ùai..v', b yvw· ih;òv ii s.- wv o.-Lwç &spa.1ttvc1 oòli' ao f>epu.-
q-nxòc; oµ11.1.ovµevoç TÒV Dtòv xa.i)' oqov orov nEvtw xu.t qi~nv il µcµov~voç, ricorda mol·
'<E, µT)Ol:v ita.pa.À•1'Wv 'twv elç "TJ" l:voexo- to Sen., ep.95,50 (-+col. 262). Anche l'iofluen-
µév11v Oµo(wow, tyxpa.'tEVOµEVOç, Ù1tOjJ.EVW'I, za di P latone si fa sentire; cfr. in prof. 122,4 la
ocxo:lwç s~ouc;. BMcÀtUW'I -.wv mdlG°N ... OV· citazione di Theaet.l76b e THBILllR (-+ n. 5)
'toc; 'µlyw'toc; ~v '<TI {3a.<nÀ.e(q;' ...µ..µcvµevoc; 106. Però la locuzione (: chiaramence usata in
-.òv &t6v; 4,171,3: l)eòv xP'lt µ4-1dCT1~(1.c tic; senso etico. Cfr. anche WErTl!R (-+ n. 5) su
&rov ovva.µi.ç 't<jl yvwa't•X<ÌJ; 7,16,3: ò yvw- pro/. r I l ss.
µi~wricrxoµcx.i, µvElcx., µvi}vT),
p.vfjµcx., µvT)µEfov, µvT)µOVEVW

µtµviJcrxoµat Deut.9,27). Per converso, uno dei fon-


damenti della pietà veterotestamentaria
µtµviJcrxoµ«t (con i frequenti com-
è che l'uomo si ricordi degli atri passati
posti &vaµtµvncrxw e Ù7toµtµvncrxw) a
partire da Omero è attestato spesso nel- di Dio, dei suoi comandamenti e delle
la grecità classica e nell'ellenismo 1, e sue inesauste virtualità ( N11m. 15 ,J9·
appare anche sovente in iscrizioni e pa· 40; De11t. 8,2; 18). È specialmente il
piri 2• Il deponente significa ricordarsi
di,. pensare a. Deuterono!"llio ~he sviluppa una vera
teologia . del ricordo ( Deut. 5, x5 ; 7, i 8;
1. Ques to concetto è diventato, so- 8,2.18; 9,7; 15,15; 16,3.12; 24,18.20.
prattutto nei LXX, c~nttale per l'idea 22; 32,7). Proprio le gravi tribolazioni
biblica di Dio, ma corrisponde quasi e· sofferte in Egitto devono restare nella
sclusivamente a zakar del T.M. Dio pen- memoria d'Israele (µv'r)crili)CT'[J ($-et olxÉ-
sa a determinate persone, e accorda lo- -rriç r\cr~«, «ricordati che fosti servo»,
ro la sua grazia e misericordia (Gen.8, De ut. 15,15; ·16,12; 24,18.20.22) e ser-
1; 19,29; 30,22; Ex. 32,13; r Sam. 1, virgli a rinnovare obbedienza e fiducia e
lI.19; 2_5,31). Per a
fatto che Dio si ad evitare la disobbedienza e l'arroganza.
ricorda degli uomini sorge u1ia situazio· L'insieme dei ricordi serve a mantenere
ne nuova, e l'uomo riceve un aiuto effi- pura la fede. Certamente esiste anche un
cace nel bisogno. Il ricordarsi da parte ricordo carnale, che si contrappone al
d i Dio è, così, un evento attivo I'. r.rPJl- µ..µvil<rxoµet.• voluto da Dio (Nllm . J. ' ,
tore. Soprattutto, Dio pensa alla allean- 5 ); questo ricordarsi carnale non fa la
za che ha stretto con i padri, con Noè, volontà di D io, anzi si rivolta contro
Abramo, I sacco e Giacobbe, e si impe- di lui. Perciò per una salutare educa·
gna nuovamente a donare la grazia pro· zione nella fede occorre anche che l'uo·
messa in quell'alleanza (Gen. 9,15-16; mo si ricordi pure delle colpe commes·
Ex. 2,24; 6,5; Lev. 16, 42; lj, 104,8; se contro Dio (Deut.9,7). Poiché il ri-
105 ,45; uo,5; Ez.16,60; 2Macb.1,2) 3• cordo di Dio è un avvenimento, invisi-
Dio si ricorda dei patriarchi, e allora bile sl ma concreto e reale, la fede può
usa misericordia a Israele (Ex. 3 2, r 3; rivolgers.i a lui pregandolo di ricordar-
'(

µiµvtl~oµo:•
t LmoELL • ScOTT r l 35; PREUSCHEN • BAUER • 3 Cfr. anche l'uso linguistico affine di µew-
865 s., dr. 96 s. ~ 1402 s. µÉ),.oµ(I.•. ln lji 105,45 è detto: xo.t lµv i)atr)
-rTjç o•ethl'pt1)ç aù-rov xo.ì µtnµùi)Dl) xo:-cà
2 PREISl<)KE, wori. 11 106 s . -rò 1tkij~oç -roii fMovç o:v-roii.
101 (rv,679) 1u;ivflO'xoµru. (0 . Michcll (rv,680) 302

si: µvi')O"~TJ"t~ (Iud.16,28; 2 Reg. 20,3; richiam~rc assiduamente il suo popolo


2 Chron.6,42; lob7,7; ro,9; -li 73,2; 18, alla pcnicenw con l'ammonimento a
22; 88,51; 102,14; io5,4; n8 ,49; 13r, rammentarsi {µvi}O"l>1)-tL, Mich.6,5; ls.
1; 137,7; ls.38,3). Anzi è proprio dello 43,26; 44,H; 48,8-9; Ecclus 7,16.28;
stile della preghiera veterotestamenta- 14,12; 18,24- 25; 23,14; 28,6-7; 38,22;
ria in momenti di grave tentazione e 'I' ,3 ) 5• Anche nel rapporto tra uomo e
bisogno dire a Dio: µvY)aihrn e confi- uomo ricorre la preghiera: µvitai}TJ-tl
dare nella parola di Dio. Se Dio s i ri- llOV (Ge11-40,x4), quando quakuno de-

corda del suo servo, si verifica una svol- sidci.-a un determinato favore e cerca di
ta nella siruazione e ln preghiera è esau- forlo ricordare.
dita ('1i 77,35.39). Non sempre il ricor-
do di Dio arreca grazia e misericordia. 2.Nella tradizione neotestamentaria
Dio può ricordarsi anche degli atti mal- si trovano l'una accanto all'altra le lo-
vagi dei nemici d 'Israele e farne ven- cuzioni (à.va.)µ11.Lv'!icrxe;oih11, µvTtU.O'VEV·
detta ('1i 24,61; 136 17; r Mach. 7,38). EIV e µvda.v ~XEL'V o 7tOLEtcri)a.~. che SÌ·
Questa domanda di un:t rappresaglia è gni6cano ricordarsi, pensare a, ma non
rivolta concro il nemico del popolo, per- in un senso esclusivamence spirituale;
ché esso è in pari 1.empo nemico di anche una parola o un'azione può ser-
Dio. Perciò è possibile, ad es. nella cra- vire alla memoria e divencare un ricor-
dizione di Neernia, che nel µvfiai}TJ"tL do (dc, à. và.µ VTJCTIV. Ei.c, l.LVT)µOOWO'V) 6 .
rivolto a Dio si trovino insieme la co- Il ricordo può 'venire' improvvisamen-
scienza della propria colpa e la speran- te agli uomini (Mt.5,23) oppure accom-
za nella divina misericorcli~, l'attesa del pngnorli di continuo ( .r Cor. n , 2 ). Nei
riconoscimento della propria giustizia e salmi, a forte coloritura veterotesta-
della punizione degli avversari di Dio mentaria, della storia lucana della na-
(Neem. 1 1 8; 5,19; 6,14; x3,14.22.29. tività ricorre più volte il collegamento
3 r }. In questo confuso intreccio sta il tra l'opera salvifica di Dio e il ricordo
limite del µvii,,.ih;n dell'A.T.' Non è efficace: x,54: à.v.EÀ.i~E-ro 'Jqpa.l}À. 7tCJ.i·
in contraddizione con la dignità di Dio Sòç a.u•oii µvT}O"~va.~ tÀ.Éouc,, «accol-

' Anche Neemia, nel suo operare giusto e in- dati' fa parte anche dello stile rabbinico.
giusto, ha coscienza d i trovarsi sotto il giudi- 6 'ì..cx>..11&i}uno:• El<; µVT)µ60"Vvov (zikkàr6n}
zi<> e la misericordia divina;. però non sa Jj. o:ini'jç (.Mc.t4,9; 1\.11.26,13); cxl r.pOUEllX<1L C"OV
berarsl da un certo 'riguardo' umano (Neem. xo:L o:l lÀ.ET]µooVVO:L O"OV tivt(31)0'tl\I E~ µv111J.6-
13,22). 0'WO\I fµ'ltpo<Tlttv "tOV ~oii (Act.10.4); 'tOV'tO
S Lo metto legame dell'intimazione divina µv1J- noLEi:-ct E(,; -n')v tµfiv civaµVT)a\v (r Cor .n,
cr0lt'L con l'appello alla pcnitcma è particolar- 24); &:>..)..' tv O:Ù'\"o:Lc; avaµVT)~ '1tJ.o:p-ti,W•;
mente chiaro in I s.46,8: ll\l'ficraii'tt '\"ClV'\"Cl xal. xcn'ivto:v"tov (Ilebr.10,3). Il ricordo ha luogo
O'"ttvat,Cl"tf, µE"tCl\IOTJ0<1"tE, ol 1tE1tÀ(lV'IJl ltvOL, nella parola e nell'opera.
lmu'tpil!ian 'tj\ xa.pli(<J. L'esortazione 'ricor-
(IV ,680) W4
303 ( tv,680)

se I sraele, suo servo, ricordandosi del- i'µnpouÌ)Ev -roii Ì)eoii, «le tue preghiere
la misericordia»; 1,72: 11otijuat EÀ.Eoç e le rue elemosine sono salice in ricor-
µ&'tà 'tWV Tta-ripwv i)µw'I xat µ.v11<riH)- danza innanzi a Dio» (Act.ro,4); at t-
vat lìto.lìiixTJ<; ci-ylaç aù-ro\i, «per usar }.ETJIJ.OO'Ù'lat <TOV t µ vi}cri>1)<TIXV ÈVW1tt0\I
misericorJia ai nost ri padri e rammen- -ro\i i>Eo\i, «le tue elemosine han trova-
tarsi dcl patto suo santo». In ambedue to ricordo davanti a Dio» ( 10,3 r ). Pre-
questi aisi ~LVTJ~i)vat, messo in secon- ghiere ed elemosine salgono nl cospet-
da posizione, appare come una spiega- to di Dio e preparano il suo intervento.
zione teologica dell'evento messianico: Forse nnche qui con.lluiscono il ricorda-
ora diventa riconoscibile l'intenzione re e il far ricordare 9 . Ma il 'ricordo' di
clemente di Dio 7. Anche nella Lettera Dio porta anche alla condanna di Ba-
agli Ebrei è viva la memoria di Dio, bilonia (Apoc.16,x9: xcxt Bcx~vÀ.wv -fi
che può ricordarsi deU'uomo, ma può µEyci.À.TJ ȵv'l)<rì)TJ Èvwmov •ou ì)eo\i; 18,
anche sottrarsi a lui (2,5 -8=Ps.8,5?), 5: xat È! lVT)µéuEVUEV ò i>Eòç "tcX ci.lìLXTt-
che nella nuova alleanza non vuol più µCt"tCX. o.v·dic;). Ogni avvenimento sulla
ricordare i peccati del suo popolo (8, terra ha dunque il suo 'effetto' su Dio,
n; 10,c7 = Ier. 31,31-34); in Hcbr. come anche nell'azione di clemenza o
come in Le. quest'uso linguistico appa- di punizione di Dio si nascondono il
re attraverso le citazioni dell' A.T. 8. Di suo pensare e ricordarsi. Che Dio si sia
stampo antico sono le espressioni che ricordato, è quanto rivelan le pnrole dei
si leggono nella conversione di Corne- suoi messaggeri. Come nell'A.T. si chie-
lio: cxt 1tpouevxal uov xo.t o.l EMTJµo- de riflessione, ricordo, così Lc.16,25 di-
u\Na~ <TOU avÉ(31}UttV tÌ<; µVY)l~é<:ruvov ce: -rhvov, ~cvwlt11-n iYT1. h-nf).n.(1Eç

1 1.~ costruzione di Lc. I,.H consente varie in- rò il contesto esegetico non è dcl tuuo chiarito,
terpretazioni: si può collcg;irc ILVTJO'lh'\Va• ÈÀÉ- e accanto u XWP~ ~Eou merita d'essere conside-
ov<; a i:iji 'Af3pa.Xµ xat i:i;'i crnép11ai:• mhoù rato X<ip!.-ri 1'Eoii. Cfr. A. v. HARNACK, Zwei
tt<; -ròv aLwva? Oppure bisogna nssociare i alle 1/ogmatiscbc Korrekt11ren im 1-lebr.: SAil
cnstruni (in conformità all'ebraico lizkor): in {1929).
quanto C3li si ricorda? 5" Dio si interessa nd 9 Tg. 11 Esth.: «ln questa notte {dal 14 a.I t,5
pf($1!ntC dd suo popolo, si hn una nuova pro- di Nisan) ti ricordo di Abramo, bacco e: Gia-
''" di gr01.i1 per l'antenato. Nd seme è incluso cobbe si aff acriò al loro Padre nel ciclo, per
dunque anche il patriarca (1..c.<,54.72), e vice- rni dall'alto fu mandato un angelo, Michele,
vcr~11 nel patriarca è contenuto la sua poste- il principe degli ~serciti d 'Israe le•. Si pensi
rità {Hebr.7,9-10). anche ol oulto angelico descritto in Apoc.8,3-5 .
s t; 1>0ssibi le che in Hebr.2,6 si faccia già pa- L' esprcssfone tvwmov -rou DEou descrive In
rolo dcll'nbbandono del!' «uomo• e •Figlio del- presenza di Dio e la sua corre celeste (Apoc.
l'uomo• Gesù Cristo da parte di Dio (in 2,9, 8,3-4). Dcl tutto corrispondente è lo formula
allo.,., si dovrebbe adottare la lc:r.ione xwpl.c, ÉttL),rÀ1)11}Jlvov blwme>v i:où VEov {Lc.u,16).
~eoii> ); per il fatto che Dio non si ricord4 dci In cerri C11Si questo ÉvW1!\.0v ~i semplifica in
suoi e non se ne interessa, anche sulla morte \nt6 ( Pll8 USCHEN-BAUER', s.t• ll'llVTIO'Xoµot~}.
di Gcsì1 incom~ una particolare oscurità. Pc-
l llll-r/!'7Xoµru. (0. Miche!) (1v,681 ) 300

-rà à.ycr.M a-ov Év 'tTI swfi a-ov, xcr.t zione si ricordano delle parole di Ge-
Aasapoc; 011olwc; -.ò: xcr.xa, «fig lio, ri- sù e soltanto allora le comprendono.
cordati d1e in vita hai ricevuto il tuo Già Luca sottolinea esplicitamen te que-
bene, cosl come Lazwro il male». Il sto tratto, quando parla delle donne a l
buon laclwne sulfa croce intuisce il fu- sepolcro (µvfia-1'T}i:t, Wc; EÀci.À1')0"tv v-
turo regno di Gesù Cristo e mette il µ~v. «ricordate quel che vi ha detto»,
suo destino nelle sue mani: ' IT)a-ov, 24,6; JGat (µv1)<T i>Y)!7av 'tWV pT)µ1hwv
p.vficri>T)-tl µov o-tcr.v !:Ài>nc, dc; -.Ì"jv B11.- ctv't"oii, «si ricordarono delle sue parole»
cnÀdcr.v a-ov, «Gesù, ricordati di me 24 18 }. Il ricordo della parola di Gesù
quando verrai nd tuo regno» (Lc.23, fa dunque pane del messaggio pasqua-
4 2 ) . Anche lo stile della preghiera del- le, e la risurrezione dà alla sua parola
1'antica alleanza continua nella Chiesa una nuova potenza. Anche il quarto
antica, nella preghiera di Did. 1o,5: Vangelo dice che parole e avvenimenti
µvfic;i)1'J't~, XUp~E, -riiç txXÀT)O'l<X<; O"OV precedenti la risurrezione non furono
't"OV pucra.O"i>a.~ Cl.V'tTJ'V Ò'.1tÒ 1tO:'V'tÒc; 1t0- capiti (·miha ovx tyvwua.v m'.i"tov ot
Vl)poii xaL '<tÀEiW<To:1 avi:Ì"JV iv 'tft ò:- µa.i>lrmt -rò 1tpw-rov, «ques te cose dap-
ya:r.n <Tov, «O Signore, rammentati del- prima i suoi discepoli non le capirono•,
la tua Chiesa, di strapparla da ogni male 12,16); soltanto dopo essi 'si ricordano',
e renderla perfetta nel tuo amore». Co- riconoscono e credono alla Scrittura e
me pedino la parola di Dio possa di- al le parole che Gesù ha decro (2,22;
ventare una specie di 'ricordo', si vede i 2,i 6). Quesco ricordo giovanneo è ad-

in Bam.1 3,7: tl ow ~'t~ xc;d Olà, -rov did1tura una nuova e vera conosce11zt1 ,
'A(3pa.à.µ iµvi)<Ti)YJ , &.11:tXO!J-EV -tÒ -tH.c~ fa parte dunque dell'imcgnamemo Jdlu
ov -rii<; yvw<Ttwc; iiµwv, «se dunque es- Spirito di Dio (14,26: EXEL\10(, vµà.ç
so è ricordato persino per mezzo di A- s~M!;n mi.v-ta xat imo11vn<m vµfu;
bramo, abbiamo conseguito la perfezio - 7t<i.V't0C 8. vµi:v ÈyW, «quello vi
Et7tO'V
ne della nostra conoscenza». insegnerà ogni cosa e vi farà ric()rdare
La parola di Gesù dimoscra la sua cutr? quello che io vi ho detco») 11 • Lo
forza in quanto è viva nel discepolo con Spirito Santo conserva, rafforza e chia-
il ricordo (.Mc.1 4 ,7 2 ; Mt. 26,75; u :.22, risce l'opera di Gesù e porta in tal mo-
61) 10• In una tradizione evangelica si do un ricordo definicivo, conclusivo.
racconta che i discepoli dopo la risurre- Che il rapporto continuo con Gesù in-

IO Nella scena dcl rinnegamento è detto espli- 1ia. e:..; dntv etÒ"t<Ìl é 'I"l}uoiic; (Mt.r4.72 }; xal
citamente: XC7.l lµvi)a-itr) O fif'tpoc; 'tOU {ri)µa- V;;q.i•ri)o-&n ò Ilhpa<; -.oii Myou "toU xuptou
"tO<; 'l"l}<TOV &!p"l)XO"toç •.• (Mt.26,75); enologo si- (Lc.2i,61). L 'espressione è premessa alla µt-
i;nificato hanno i compo"i usati d;igli altri e- "tcbow..
v;ingelisti: xa.t 6.vt1N/i11iln b Ilhçoç "tÒ ~ " Cfr. lo.t6, t 2-15.
307 (1v,681) µ14lvfl<rxo1l11~ (0. Midx:I) (iv,682) 308

segna ai discepoli a capire l'A.T., è <lerc n ell'equivoco. Non si tratta né Ji


quanco dice anche la perico pe della cac- richiamare in vita una tradizione pas-
ciata dei venditori dal tempio (lo.2,17 sata, né di conservare mnemonicamen-
= Ps. 69,ro); anche qui il ricordo te le verità religiose, ma di compren-
(É!Nr'l~TJO"c:tv )
è un'espressione che sin- dere la parob di Dio in un modo de-
tetizza la nuova comprensione della terminato, che appare specialmente in
Scrittura, la conoscenza dcl suo com- epoca successiva. Chi ravviva una me-
pimento messianico. · moria alla comunità attesta l'evangelo,
La predicazione apostolica non sol- chi la richiama a se stesso si pone sot·
tanto è ricordo, ma esige anche il ri- to la parola di Gesù. Anche qui si trat-
cordo. Timoteo riceve l'isrruzione, se- ta di cogliere l'uomo neJ la sua integra-
condo I Cor. 4,r7, di rammentare le lità.
' vie' che Paolo insegna in ogni chiesa 11 ; Il ricordo della parola di Gesù è sta·
la comunità deve ricordarsi dell'Apo- to alla base di ogni autentica deéisione
stolo e delle sue 'tradizioni' (I Cor.J 1, della Chiesa ( Act. u, 16 : ltJ.vi}cri>TJv È o
2 ) . Una tradizione ben stabilita è tra- -tov pi'}µcx-.oç -tov xvplov) ed ha avuto
smessa, conservata e richiamata alla me- anche una parte non trascurabile nella
moria. Uno stile preciso si forma special- formazione di quella particolare testi·
mente in tempi seriori; cfr. ad es. 2 Petr. monianza che sono gli scritti neotcsta·
I ' l2 ; I ' I 3 ( 01.EyELpt:W è:v ùnoµvi)uE,, « ri- mentari ( 2Petr.3,x) u. In nessun modo
svegliare neJla memoria»); 3,2; Judoe il biblico µ'µvflo-xoµcx~ può essere in-
,,17; 2 Tim. 2,14 ; Tit. _3,1 (vnoµl1..\vn- terpretato erroneamente in senso stori-
uxE ). Da ciò deriva un 'imerprctaziune cistico o iotellettunlistico; esso i~fatti
fissa, antieretica, della tradizione apo- comprende la dedizione totale a Dio,
stolica e di solito nel ricordo è trasmes- l'assistenza ai fratelli e un retto giudi-
so uh anrico materiale kerygmatico. Co- zio su se scessi ( Hebr. 13,3): si tratta
me pocrebbe mostrare l'esegesi di 2 di una conoscenza storico-sa!vifica e co-
Petr.3,1-3, il µtt.LvtJ<rx,Ec;i}cu non va in- munir.aria, . richiesta da rutta la Sacra
teso né storicisticarnente né intellet tua- Scrinura.
listicamente, quantunque sia facile ca-

12 òO<>Vç non significa il modo di vivcn: elci. pure a riprodurre l'ebraico biiliileot (Boussl!T),
l'Apostolo, ricordato nei w. 1r.n, perché in dr. anche' u,31 (LIET2MANN, Kor. '[1 923)
tal caso xa&wc; ccc. non avrebbe alcun rap· 22).
porto con esso; significa invece più generica· 13 WJNDtSCH, Kaeb. Br.99: il redattore ha sol·
mente 'princlpi', un signiJic.uo di per sé ovvio tanto il compito d i tenere desti i ricordi dcl·
e che pot.r cbbe ampliarsi fino a riferirsi all'im· le antiche tradizioni (le profC?.ic veterotestA·
magine delle due vie(Did. r,r; cfr.W.BousSE'I', mentarie e l'~mmacstramento di Ges\1 (/\11.>8,
Religio11 des fude11/ums' [1906) }17), come 19b; Jo.13,34] trasmesso <lagli apostoli).
11vc'4.1•vlJl.l.T) (0. Michel) (1v,683) 3"'

µvEla ghiere; questa 'menzione' rientra nel


suo ministero apostolico e pone tutte
µvEla. è anesta1.o abbas 11111za spesso
nell'uso linguistico greco (dr. Soph., le relazioni umane sotto . la grazia di
El. ) ed eUenis_tico (iscrizioni, papiri, Dio. Secondo Thess.3,6 la sua comu·
1
LXX): ricordo, menzione. 17reqnenli so· nità ha un buon ricordo di lui (o't~ EXE·
no le varie locuzioni, preferite anche dal
N.T., come µvtlav nou:i:i:rihL (in Paolo 'tE µvda.v 1)µ.Wv à:ya.lll)v 'ltav'to<t ), e
'menzione' nella preghiera: Rom.1,9; ci\> lascin intendere che i loro rapporti
Eph . r ,r6; r Thess . 1 ,2; Philm-4; Phil. non sono minimamente turbati 1

1,3 ); µvtla.v E)(ELV (r Thess.3,6; 2 Tim .
1 ,3 ). I LXX hanno anche µvdq. µLµvù - In 1 Clcm.56,1 si pregn per i fratelli
crxtcrl}aL (Dc11t.7,18; Jer.38,20); tu.. t macchiatisi di colpe e si augura che
µ.vda. {Zach.13,2); tJ.vtla ylvE'taL (ls. questa menzione (µ.vEltt) fatta davanti
23,16; Ez.2r ,37; 25,10). µvtla.v ncLti:- a Dio e ai santi sia frurtuosa. Qui non
uaa.L significa ricordarsi di qt1a/c11110, si ha più la purezza dell'intercessione
menzionare qualcuno (dr. .jJ .110,4: p:iolina. fnvece Barn.21,7 non esprime
(J.Vda.v btOLTJCTa;;o "t'Wv aa.vµa.CTLWV a.iJ.. la speranza che ci si ricordi ' in bene'
'tOii),· µVEla.v EXEW, avere ili mente ('tL· dell'autore , ma che ci sia 1111 ricordo del
'JO<;). Sempre si avverte l'eco dcl verero- bene {d ot
'tlc; tu.. ~v ciycx.aov µ.vtla.,
testnmentario zàkar o zéker. µvT)µOVEVE'tÉ µov µEÌ.E'tWV'ttc; 'tll.V'ta.,
Come la 'comprensione neotestamen- « ...prendendovi cura di ciò,.}. I n Herm.,
vis. 3,7 1 3 appare la locuzione ei.c; µ.vd·
taria della 0.v<iµVT)CTL.; è collegata a una o.v ipxnal 'l'Wt ::: in mentem veni/
data predicazione e azione {Lc.22, 19; alicui): «se ad essi viene in mente che
1 Cor.rr,24.25; Hebr.10,3), cosl anche la verità esige castità, allora muteran-
no i loro propositi... ».
in Ps. r IIA («egli ha stabilito 1111 memo-
riale dei suoi prodigi») si pensa a una
J IVTjl.L'Y)
determinata predicazione e celebrazio-
ne della comunità alla festa di Pasqua. Nella grecità µ\11)µ.T), µvEla e µVT)·
Questa memoria (zeker) è un preciso
tJ.ouUVTJ hanno uno speciale ruolo antro-
pologico, filosofico e 111itologico, men-
riconoscimento de ll'opera salvifica di tre µvr)IJ.Tl nel N.T. si trova una sola
Dio. Quando P aolo pensa e intercede volta (2 Petr.1 ,15), nella locuzione µvi)-
per la sua comunità e i suoi fratelli, µT)v 1tOtdcr1'aL ( cfr. l.LVElav 'ltOLEi:CTilaL).
Specialmente la filosolia platonica dà
n e fa il nome al cospetto di Dio e fa una grande imporranza alla capacità u -
1
del loro bene l'intenzione delle sue pre- mana e poetica della µviJ1>TJ , che ap-

J,L'll!i.a do si sarebbe introdotta di soppiatto la venera·


I !> degna di nota la lezione 'tO\i:c; µ.vtunc; >.ione dei martiri (Weiss); infatti di per sé
<WV a:ylwv XOl.VWVOYV'tE<; (Rom.12,IJ, codd . non è necessario spiel!>'.r e lo parola nel senso
o• G it vg""'IChr ). Scrive in proposito Kw- di celebraziol)i commemonuive dei martiri•.
srE1t.MANN, Rom.427: .:µvi:lai.ç è una lezion~
occidentale degna di considerazione(dr.l'abilc ~1vi)µT)
difesa ~ ne fa Zahn ) per Xpti.au;. la cui ori· I Cfr. Cra1.437b: hmw. ot ti llVÌlJ.T) 'jt(l.V't'
gine non si può spiegare dicendo che in tal mo- 11ov µT)WEL, o'tL 1.1ov-i} t<T'tLV Év i:ii <Jivxii,
311 ( JV,683) 11vfiµa (0. Michcl) (1v,683) 31 2

pare come la madre delle muse (secon- ~1viJµ'IJv xcx.t -cwv µEÀ.À0v-cwv èiax11alv
do Plat., Euthyd. 275d } o come musa 'tE x.at 1.-ro~µa.vlav, «in memoria di
essa stessa, che sarebbe perfino stara sa- qunnti hanno combattuto prima di noi e
crificata in Beo:zi:1 (Paus. 9,29,2 ). µvTi- per la preparazione e formazione di quel-
µT), µvtla e µVT)µouWTs hanno il loro li che combatteranno in avvenire,. 5 •
culto 2 : «come la µv~µT) conserva in
modo speciale nel ricordo dei viventi i l.lVijµa
cari defunti, cosl la µvr1µ0G\Jv11 nell'e-
popea tratteneva i grandi del passato e i µvijµcx significa letteralmente segno
loro moni dal cadere nell'oblio» 3• Men- del ricordo ( riferito in particolare alla
tre .2 Petr. 1, l 5 usa soltanto una locuzio- memori:i dci morti, fin da Omero), e
ne ellenistica comune ( cfr. P. Fay. l 9, anche la tomba (Erodoto e Plato ne,
IO: -rwv 'ltpa YIJ<i-.wv µ vTip:riv 'ltOLEi· Ditt., Syll.' e BGU, spesso nei LXX co-
<Ti>«L). Herm., sùn.6 15,3 ha un legame me equivalente di qeber e tfbura); µvij -
più profondo con il pensiero greco (Ti ~La e µvT)µ.Eiov possono essere usaù in-
yèxp -rpvq>TJ xat cimhT) µvTiµac; ovx. clilferememente (dr. le locuzioni [ xa-
EXEL &Là: -;i}v Ò:q>poG\ivriv, fiv ÉvOÉ&u- -ca] n~ivetL Év ~LvTiµwn, E~ 1.1vijµa, Év
-.cu... ; µvTiµac; yàp µEycH.ac; EXEL Ti ·n- µVT]µÉl~, dc; µvT}µE~ov ). La comba nel-
µwpla, « il piacere e l'errore non hanno l'antichità è un luogo solitario nel quale
memoria, a motivo della stoltezza di cui ci si può ritirare e che in certo qual mo-
si sono rivestiti ... ; ln punizione ha me- do può servire anche da dimora (Luc.,
moria lunga») •. Cfr. anche mart.Polyc. vit.auct.9). Ciò vale particolarmente del-
I 8 1 3: Etc; 'tE '\''Ì']V '\'WV 7tpOT)ì}À.T)X.O'tWV le tombe della Palestina scavate nella

ci),,),,' oii q>opci; Pbocdr.2na: xal Èq>a'lt'tOJU- soprmtJtto nella formulazione di Aquila, in
"°' etÒ'to;; (scil. 'toV bro\i) "TI 1.<VD!<'l}; resp. iscri1ioni sepolcrali (dr . A. DEISSMANN, in
5.490C.: lhi ~VVÉ~l] ;tpooijxO\I 'tOli°tOL<; civ· N.MOLLBR-N. BEEs, Die Inschri/ten der ilidi-
SpEla, µEya).01tpé1ma, EÒµcii')na, µvf)µ1). schen Katakombe am Afonteverde ·i:u Rom
Cfr. inoltre A~T, Lexicon Platcnicum. [1919) n r. ir8). Similmente Sap..p: ci&o.va -
2 ROSCli.ER 3on-3080; PAVLY-W. xv
cri.a ylip ta--cLv tv µVl')µn airtijç (dpt~iiç).
2 ( 1932)
Donde 1..1 congettura: x a.i. µvi)µ1) tv etÒ'tlj,
2257-22,8; 226,-2269. perché l'autore pensa sicummeote, sea>ndo
J PAULY-W., 1bid. 226,. quanto dice altrove e secondo lo s~s..o con-
testo, all'immortalità e non soltanto alla me-
4 L'uutorc di 2 P~tr.1, 12ss. pone il suo com·
moria che si conserva nei posteri (cfr. K .
pito speciale nel tener desto nella comunitii Slf.GP'RIED in KAUTZSCH, ad l.). In Sap.8,13 si
il ricordo d ell'evento di Cristo anche dopo la
legge: µv'i)µ11v a!WvLov -coiç µt't' t1.lt ciito>.tl-
propria morte. Accanto a ù1t0µtµvfl<7Jmv e >fic.i; in 2 Macb.7,20 la madre dei fratelli mar·
òn61wl]a-v; (-+ &.vci1.•'ll1l<7~) nel v. 15 usa µvfr tiri è µv'i)µl]ç ciyo.&ijç ci!;kt. In Prov.1,12 si
1•TJ (&.mx.l;l..ty6p.evov nel N.T.). Forse l'autore 1iarla del vano tentativo degli empi di cancel-
è stato influc:nzato dal 'testamento di Mosè' in lare In memoria dci loro par.i (divtrsnmcnte
l'lav. Jos., ant.4,177 ss. (cfr. WrnntSOI, Katb. il T.M .). L'Ecdesiaste in I ,II (bis); 2,16; 9,,
IJr. 87 s.). porla dello sparire della memoria di iurri gli
5 Nei LXX µ'i1')µT] rende regolarmente la ro· uomini. 'In Sap-4,l'J, d r. anche Simmaco l s.
dice ~kar. f! uS4tO per parlare del ricordo 26,14, ciò è detto degli empi. Come ricordo
delle azioni di Dio (o/ 29,,; 14.i,7; .V 6,6 [A- storico µvfiµ11 è usato in Sap.10,8 (-rii; ciq>po-
quila) ). Tn particolare sta per LI memoria di crWl)c; cinthnov -c.-;-, f3l<i> µvi]µ11v, elasciaro-
uomini pii oltre la morte: Prov. 10,7: µvi)- no ai vivi una memoria della loro stohe:>.za•)
µ11 OLxalwv µt't' tyxwµlwv (Aquila: W; EÙ· e in 2 ll!ar:h.z,2,. Cfr. anche Simmaco 2 Oac.
>..oy/.Q.v). Questo detto è stato usato spesso, 8,16.
l•; (1v ,683) µvljµci°ov (0. Miche!)

roccia, che effettivamente a\·rebbero po- principio inteso come attestazione e con
tuto servi re da rifugio. Ma scconrh una ferma del mci;saggio pasquale (i'JyÉpih))
diffma credenza popobrc un sepolcreto
è un luogo sinistro perché vi errano le T r:idizioni sepolcrali del genere si forma-
anime dei morti (vulg11s cxistimat mor- no ben presto e restano a lungo come
IUOrum animas circa tumulos oberrare, concreto ricordo. Secondo Act. i,29 nei
Lact., ins/.2,2,6). Proprio nel giudai-
smo, per il quale l'impurità e gli spiri- primi temp i della Chiesa si mostrava nn·
ti immondi regnano sulla morte, è proi- cora il sepolcro di David, e Acl.7 ,16 no-
bito abitare nei sepolcri. Può essere un ta che anche i sepolcri degli alrri patriar-
segno di pazzia passarvi la notte (Ter. chi avevano una loro ben precisa storia
;.1,4ob, 23; Hag.b.3b, Bar.); si teme
anche che chi lo fa sacrifichi ai demoni (Gen.23,16 ss.; ,50,13; Jos.24 ,32). I se-
oppure vo2lia attirare su d i sé lo spiri- polcri sono proprio 'segni di ricordo'
to d ell'impuri tà (Samh.b.65b, Bar.; Nid- (µvij1~a) per i posteri . I due grandi 'te-
dà b. r7). In ques to caso «eg li si rende
colpevole verso la sua anima, e il suo stimoni' di Dio sono odiati e disonora-
sangue è sul suo capo» (cioè ne è re- ti fin oltre In morte, per ques to sono
sponsabile ). lasciati insepolti (Apoc.11,9; Ps.79,3) 2•
Secondo Mc.5,3 (Lc.8,27) l'indemo- I tre giorni e mezzo corrispondono a1
niato nella regione dei Geraseni abita tre anni e mezzo della loro attività.
fra le tombe e di là viene incontro a
Gesù. Gli evan geli riferiscono che il
sepolcro di Gesù era scavato nella roc- µvru.u;i:ov, analogamente a µvfiµa, o-
cia (Mc.15,46; dr. Is.22,16), che una riginariamente è segno di ricordo, mo-
pietra venne rotolata davanti all'ingres- numento in memoria (a panire da P in-
daro), spesso viene anche riferiro 11i
so (Mc.11,46; M1 . .l ;,6u) e c.:hi: non era morti (Eur., Iph. Taur.702.821; Thuc.
mai s t~to usat0 prima (Aft.27,60; Le. r,r38,5; Xenoph., hist.GraeC.2,4,17; 3,
2 3,5 3; Io. 19.41 ) ; secondo la tradizione 2,15; Plat., resp.3,414a). Assai dì fre-
q uenie, po i, con questo vocabolo s' in-
giovannea esso era situato in un giardi-
tende lo stesso sepolcro, come conferma·
no (xi'j7toç, lo. 19,41; ev.Petr. xfj"Jtoç no le iscrizioni e i papiri ( Ditt., .Syll.'
'lwcri)q>) 1• Una tradizione pasquale è 1229,4; 12J2; l2J4; u42; P. Fior. 9,
imperniata attorno a qucsro sepolcro i o) e l'uso linguistico dei LXX (µVT)µt~­
ov = qeber e q•bfirii); tuttavia si avverte
(µvijµ.a, Mc. 16,2; Lc.24,t ); anche il anche, ad es. in Sap.ro,7, il sign ificato
racconto d el sepolcro vuoto fu sin "dal originario della parola ( am.cr-.ovcrriç tj;u-

11vijµo;
1 Cfr. jOACH. ]Et<EMIAS, Golgo1lx1 ( 1926) 3. to di buLtare da un laco i corpi inanimati
Anche questa indicazione loculc dcl~1 tradì· senza d.tr loro sepoltura; eppure i G iudei si
zione giovannea risulta per s~ dcl tutto atten- preoccupano tanto di seppellire ì loro morti,
dibile. che essi ritirnno p~rlino le salme d ci conda.n·
nati alfa c:rocc prima dd tramonto e le sep-
2 cNclla loro inalvagità, essi giunsero al pun· pclliswno• (Flav.lus., bel/4,317; Soph., A111.).
xiiç µ11111Ufov tcr't'11xvi:a 1n1J)..ll a>..oç, nello stesso significato, così la stessa tra-
«a ricordo d'un'anima incredula sta una dizione (cfr. Mt.23,:q e Lc.n,44; Mt.
statua di sale»). La tradizione sinotci· 23,29 e Lc.u,47) 2 sottostà a -rciq>oç,
ca attesta che si adornavano le tombe che è termine piuttosto raro (al contra-
(µ\ll}µEi:cx) dei giusti (Mt.23,29) e che rio dei LXX, dove rende qeber e q•bfira) .
su di essi si elevavano dei monumenti
(Mt.23,29; Le. n,4 7) 1• Gesi1 rinfaccia fn un'invettiva, Gesù paragona i
agli scribi e ai farisei di onorare nelle lo-
ro tombe i profeti e i giusti (/\ft.10,4 I; suoi .:ivversari a sepolcri invisibili (se-
13,17; ;13,29) e di professar fede in loro, condo Lc. II,44) o imbiancati (secondo
ma di fare poi come i loro p adri, sOt· Mt.23,27); in ambedue i casi si rimpro-
traendosi alla parola che giunge loro a1-
verso i messaggeri di Dio. Come nei vera :1d essi di nascondere il loro vero
vangeli µvijµcx e µ vr)l.letov sono usa ti essere, che è morte e impurità 3• Secon-

µvru~Ei:ov
1
Della C'O$truzionc <li un grandioso monu· 2 Il racconto di Mc.5,r ss. aherna µV'f')µtÙl\I
menio seJX>krale con piramidi e colonne (O'"<V· (v . 2) e µvijp.a (vv. 3.5); il racconto del se-
ì.o~) riferisce I Mac/J. 13,27 ss. Erode il Gran· polcro vuoto in Mt.27,6o ss. parla di µ\l'r)µ•~ov
~e fece erigere all'ingresso dei sepolcri di Ds· (v. 6o) e "tciq>oç ( vv. 6r.64 .66). Anche Ge11.
vide e di Salomone un monumento (µviif•"'), 23 usa ftvr}µnov (vv. 6.9) accanto a "<ii<t>oç
ma dopo averli sacch"88Ùtt.i (Flav.los.. ant.r6, (vv. 4.20). "<cicpoç è prim:r di ruuo il luogo
182).. Giuseppe inolrre ci!A le tombe ( "<Ò'. µ"1}- della sepoltura, µvTJiuiov e µvijµa, invece,
µEi:tt) dei padri in Hebron, costruite in marmi lo tomba, il segno del ricordo e il monumen-
pregiati, che si po1cvano ancor~ vedere ai to. Si amava costruire tombe di famiglia, fuo-
suoi tempi (bell.4,n2>. la tomba di Aronne ri di Gerusalemme, in avità o in spacrarure
(ant.4,83 s.), del sommo sacerdote Eleazaro della roccia, pen:hé l'uomo potesse «ripooare
(an1.,,u9), di Erode Agrippa (bell.5,ro8). accanto ai suoi padri» (STRACK·BILLERBllCK I
NeUa forma queste rosrru7ioni sepolcrali po- 1049 s .). La Mishn• descrive il 1ipo normale
tevano essere anche molto differenti (blocchi di una tomba in caverna, con le misure e il
di pietra massicci, colonne, piramidi); ma di numero delle nicchie (.ll.Jl .6,~ ); perb, ohre al-
farro esse servono sempre o ricordare i mor· le 1ombe • nicchie, si avewno anche sepol-
ti e i loro nomi (r Mach. i3,i9: E!~ ovoµa. cri a banchi o a strati. La 1omba veniva chiu-
11.iWv1ov). Proprio quest~ lmmca dcll'archi1cr· sa con una grossa pietra (g6lel}, a cui ne ve-
rur11 dev'estett Sl31a molto cara ofia pietà niva applicara un' alrra (J6féq) più piccola
tardo-giudaica. Tanio più, perciò, colpisce il ($TRAC K·BILLERBECK I 105 t ).
distacco del detto rabbinico (Gen.r .8>, a 35,
2 0) da ques1a picca P.Opol:ue : Rabban Shi- 3 Si tratta dunque, in Lc.11M e Jlfr.23,>7, di

mon b. Gamliel (c. 149) diceva : Ai giusti non due diverse cspcessioni della stessa idea: Le.
si erigono monumenii (n'fà16t), le loro parole u,44 sonolinca di pitr la pericolosi1ù, Af1.23,
(detti) sono il loro ricordo (zikroniim). Cfr. 27 l'abbiez.iooe della f=ione religiosa (\11to·
STRACK·BILl.ERllECK 1 938. SCHLATTER, Komm. X!)'.'ti)ç! ). KLOSTRllMANN, Mt . • 2J,27 s., pefl·
Mt. 684-68': • L'erezione d ei sepolcri dei pro· sn che si tratti di due spiegazioni di un'origi 4

feti e i pellegrinaggi che oc conSCBuivano, naria parola di Gesù: « Il vostro vero esse.r e
costi1uivM10 un fotto pericoloso, non solo è poco' riconoscibile, come quello delle 1om.
perché faccvan si che ccrlc leggende si svi- be•; in ogni caso si tratta di una immagine
luppassero incoorrolla1amcn1c, ma :mch~ per· de1crminata della predicazione di Gesù. An·
ché erano un tentativo di d.r for7.a alla prc· chç qui S3pere che Gesù è e dona la vita
ghiera con mezzi errati, quasicché s i porcssc (l;wo/i, l;wi) 11.iWv10~. ii&wp r;wv) è il necessa·
giungere per vie proprie alla gr:17ja e all'aiu- rio complemento e il risconll'O dell'immagine
to divino». sinottica della tomba (sinottici e Giovanni!).
~lvt111ov1u~i (0. Michel) (1v,686) 318

do fo.5 ,28 tutti coloro che ripos,ino µVT)j.l.OVEVw


nelle tombe udiranno la voce del Fi-
glio dell'uomo e risorgeranno per la µvT)µO\miw è, fin da Erodoto, una
parola usata spesso e attestata in iscri-
vita o per il giudizio. La storia di Laz- zioni, papiri e nei LXX, e significa ri-
zaro, io lo.11, r-44 è una provvisoria
1 cordarsi di, pensare a, menzionare; nei
conferma e realizzazione di questa pro- LXX corrisponde pure al masoretico za-
kar (zéker ). Per la fede, è un dovere di
messa escatologica; anche questo rac- riconoscenza pensare alla passata opera
conto parla di una grotta chiusa con sulvifica di Dio, alle sue opere e ai suoi
una pietra ( II,38) 4 • Anche secondo Mt. miracoli; in questo senso ricorre più
la risurrezione futura proietta la sua om- volte l'esortazione µVT)µbvEvE, «ricorda-
ti» (Tob.4,5.19) e µvT)µO\IEUE'TE, «ri-
bra sul presente; alla morte di Gesù si cordatevi» (Ex. 13,3; J' Chron. 16,12).
aprono le tombe, i morti ne escono, Questo ricordare è ad un tempo lode
vanno nella città sanra e appaiono n e confessione; perciò ricorrono uniti ,
ad es., µVTJµovtunv e l~oµo)-.oycwila~
molti (27,,p-53). Anche questi faui ser- (lji 6,6; 1 Chron.16,8}. Anche le feste
vono a testimoniare ciò che è accaduto. d'Israele, in special modo quelle dello
L'apertura (àvolynv) di ciò che è chiu- Pasqua e dei Tabernacoli, sono desti-
nate alla commemorazione del passato
so e il risveglio di ciò che era mono è (µVT)µovW t"rE, Ex. 13,3; µvT)µbO'vvov,
soprattutto opera di Dio (cfr. la pro- Ex.12,4; 13 9). Soprattutto in questo
1

messa di Ez.3 7,13 e l'immagine dcl 'po- contesto va inseti to il concetto di (-rò)
tere delle chiavi' di Dio: T g.]. 1 Deut. µVTJµ60'uvov, che è divenuto centrale nei
LXX ( =zèker, zikkaron, 'azkara) t. Dio
28,12; Tg.J. II Ge11. 30,22; Taan. 2 a; stesso promette, e la fede proclama, che
Sanh.u3 a; Apoc.1,18)~. la sua memoria sarà tramandata di ge-
nerazione in generazione (Ex.3,15; "1
Menue Mc. e Le. usa no promiscua- 101,12; 134,13). I comandamenti cli Dio
mente µvi'jµa e µVTJµEÌ:Ov (Mc.5 ,2 e 3; e i sacrifici, le sue feste e gli utensili del
Lc.23,53 e 55), Mt. e Io. preferiscono culto servono a Lencr desta questa me-
µvT)µei:ov. A volte Mt. alcema µVTJlltfov moria; si narra anche come a parole e
a -ra<poç, I o. invece usa esclusivamente a racconti fu data forma scritta per servi-
µ VTJµELo\I. re :illa memoria della comunità (Ex. r 7,

4 Secondo BAuER, ]0/1. 1 a tr,38, la tomba loro risurrezione». L' 'apertura' delle tombe,
può essere o una grotta nclfo roccia o una come in generale I' 'aprire' e il 'chiudere' (dr.
fossa nella terra . Può darsi che dietro al rac- lo concordanza), è opera cli Dio. Si uatta di
conto di Lav.aro stia uno ben precisi tracli- una tradizione speciale (forse gerosolimitana )
zionc sepolcrale. del primo Vangelo, e non di un ampliamco10
5 Mt.27 ,52·53 collega questa risurrezione dei lelllJcndario de.Ila storia della passione. Che
Dio apra le tombe, è promesso cspliciromen·
sa.n ti tan10 alla morte quanto alla risurre-
te in fa.37,r3 .
zione di Gesù (lu-rà i:Tiv lyEpcnv ctirroii).
La qutstionc è se si debba vedere in que- µvriµovclw
s1e parole una correzione successiva, in con- t Su 'm.kJra si noti che ques10 concetto per i
formità a r Cor. l,,20 e Col. 1,18, oppure rabbini significa nominare Dio, e poi il nome
se originariamente si sia inteso dire ~dopo la s1esso, il 'tetragramma' (-. v, coll. u87 ss.).
319 (IV,686) µv11µovclw (0. Miche!)

i4; Esth.9,:p). La memoria (µvT)µoo-v- lui che non è attestaca in nessun altro
vov) dell'uomo pio è sotto la protezio- scritto (ibid.). 2 Tim.2,8 espressamente
ne divina (o/ 111,6), mentre Dio can-
cella la memoria dei peccatori (!JJ 9,6 s.; ingiunge a Timoteo di trasmenere la
33,17). memori:i di Gesù come Paolo gliel'ha
predicata. Ma l'esortazione µvT)µ.oVEU·
Sulla base di questi precedenti vete- i:e si estende anche alle parole e ope·
rotestamentari del gruppo di vocaboli re, all:i vita e alle sofferenze dello
µVT)µovEvw / µvT)µ.60-vvov, si riconosce stesso Apostolo (r Thess.2,9; 2 Thess.
facilmente il loro senso storico-salvifico 2,5; Col. 4,18), come in generale è
nella tradizione evangelica. Gesti esor- dovere delle comunità ricordare i lo-
ta in forza di uno speciale potere; non ro predicat0ri, i loro capi e maestri
si limita a rievocare importanti avve- (Hebr. 1 3 ,7 ). Perché il Cristo resta nella
nimenti dd passato (Le. 17,32), ma memoria della comunità, per questo de-
richiama l'attenzione sulle sue parole e ve resrarvi anche il suo apostolo e mes·
i suoi miracoli (lo. 15,20; 16,4; Mt.16, saggero. Del resto vale il principio ge-
9; Mc.8,19). Ciò che Gesù ha <letto nerale che ci si deve r.icordare di coloro
e fatto è avvenuto dunque per servi- dai quali si è ricevuta la P'Jrola. Perciò
re da memoria per la comunità; così Paolo parla (Ga/.i,xo) dell'obbligo di
pure è in forz:a d'uno speciale potere ricordarsi ([va µvTJ1.1òv~liwµc11) dei po-
che egli ha benedetto l'unzione di Be- veri di Gerusalemme. Ancbe la collet-
tania a memoria della donna che l'a- ta per Gerusalemme vale dunque come
veva compiurn (À.a.À.T)ì)i)o-ETCU elç µvri· ricordo e riconoscimento. Se di uno ci
µbavvov a;\i-:~, Mc.x4,9; J\.ft.26,x3 = si rirorda, allora lo si riconosce. ci si
zikkar611 ). Souo questo aspetto anche pone al suo fianco. L'esortazione µVT)·
le parole dell'ultima cena: •oiho 7tOIA!L· J.lOVEVE (µv11µovEvETE) inoltre richiama
'TE E/.ç 'TT)v tµi)v 6.vciµ.VT)oW, «fate que- a pensare a se stessi : una volta si era
sto in mia memoria» (r Cor.n,24.25; come inc irconcisi fuori d cl Cristo (Eph.
l.c.22,19), sono t•m conferma della tra- 2,u-u); anche la comunità era parti-
dizione, ma dicono anche che una nuo· colarmente benedetta (Apoc.2,5; 3,3).
va azione cultuale deve servire alla com· Anche questo ricordo deve portare al
memorazione (zikkar611) di Gesù. Paro- riconoscimento della çerità, alla profes-
le e :1tt i della comunic?1 servono a ti· sione di fede, alla penitenza; cosl il co-
cordare Gesù (Q:vciµ.VT)o-Lç, µvT)µbcnr mandabento µVT)J.lOVEVE ( i.1V"r)µ1>VEUE'TE)
vov ). Cosl Pnolo sa che è <love roso ri- obblign alla riconoscenza verso Dio, ma
cordare le parole di Gesù (Ac1.20,35 : esprime anche la seriettl cieli' esigenza
o·n... lit~... µvriµcvEvEw 'TE 'TWV Mywv della penitenza ( = µE-tav6T)o-ov ). Che
'TOV xvplov 'IT)<Tov) e cita una parola di tutto il ricordo dell'opera salvifica di

.,
Ili ( 1v,"87 ) lll:ltW (0 . Miche! ) (1v,68;) 322

Dio sia riconoscimento, confessione e 3; mart.Polyc.8,1; 2 Clem. t7 ,3; Herm.,


dedizione a lui, app3re :111dK: cl:ill'uso vis. L,J,3 e 2, 1,3 [=.memoria tenere] ;
vis.4,3,6; sim.1,7; 6,5 ,4; mand.4,1 ,x).
lingu istico d i Hebr.r1 ,15.22. Con la fe- Ci si ricorda dei comandamenti di Dio
de è dato anche il ricordo e il memo- e delle parole di Gesù Cris to; lo scrit-
riale. Cosl anche il N.T . è un tentativo tore della lcuern doma11da che ci si ri -
cordi di lui; ma è importante anche la
di servire n ella comu ni tà alla 'memo tia' intercessione nel la preghiera ( particolar-
di Gesù Cristo e dei suoi apostoli. men te in lg11azio) 2• Per µ.VT}µéf11.lvov si
noti r Clem. 2 2, 6; 45, 8; la locuzione
Anche nel periodo postapos tolico 1tpòç &.vtiµvTJOW yp6:cpoµ.tv (r Clenr.53,
µ.V1)µoVEVW abbraccia tuiti i più diver- 1) ricnm1 del resto in egual contes to.
si significati di ricordarsi (lgn., Eph. I 2, Cristo e i suoi invia ti si ricordano
2; 21,1; Mg. 14,1; Sm. 5,3; Tr. 13,1; della comunità; perciò la co munità de-
Rom.9,x; inoltre Bam.2r,7; Polyc . 2 , ve ricordarsi di loro (lgn., Eph.21,1).
O . M I CHEL

SoMMARIO :

r. L'uso nel greco profano; 1. L'uso nel greco profano


2. A.T. e J.XX:
a) avversione e inimicizia degli uomini Il verbo p.Lcrlw nel greco profano ri-
fl'll di loro. corre a partile da Omo::l'U, 111a ~olo in lt.
b) l'odio di Dio ,
e ) l'odio verso Dio e gli uomini pii , 17,27 2, riferito a Zeus: µ'°'TJ1n v lipa: s·
d) l'odio verso i fratelli; µ.Lv STJtwv xoot xupµa ')"EVÉO'i}a.L T~i'i­
3. giudaismo polcstincse; aw. Zeus aborrl (dunque µr.crt~v senza
4. Filone; oggetto di persona) che Patroclo divenis-
5. odio e od iore nel N .T. : se p reda dei cani dei nemici. Pind., Pyth.
a) l'avversione reciproea degli uomin i, 4 ,284 (Schroedcr, p. I2J ): eµa:~E S' Ò-
h) l'odio verso la comunità di D io , f3plsov"ta. µLCTELV, «apprese a odiare o -
e) l'odio qu11le condizione per la sequela di gni tracotante ». Il gruppo di vocaboli
Gesù, µLO'Etv-µi:croç si trova anche altrove nei
d) l'odio riprovante di Dio,
e ) a=re e odiare in Giov:lllni, classici. In Menand., epit. 216: ~tfov
f ) Rom.7,15, St J.W1EL µLaoç Civi}pw'lt[o]ç µÉ 'tL è
g) fa muhilateralità d el concello, in contrapposizione al precedente lpii-
h) l'originalità dcl conçctto; O''t<lL ~1Èv tSOxouv. L'arpista Habroton
6. L'età pos tapostolica. J it:e: «Sembrnvu che mi amasse: ma

l Sull'intercessione e sul ricordo (µvn11ovtV. Hdde/berger Pap.-Sammlung r (190,) 6,1,:


w >) nella preghiera si veda A. DlllSSMANN, 1t0tp0tXO:ÀWOW oé<11tO'tOt, [\IO. µVT)µOVEVTic;
/)ie I.XX Pap.-Veroffrntlichzmgen ttur der µo~ [ µou? ] El<; 'ttÌ<; aylo:c; ao\J EVXcl<;.
323 (1v,687) 1i.oiw (0. Michel ) (1v,6l!8) 324

mi odiava di un odio divinoi> 1• Il ver· l'C per te! Zeus odiò te più di tutti gli
bo µwEi:v si incontra qualche volta an· uomini; eppure avevi 1111 cuore rispetto·
che in iscri7.ioni (Diti., Sylt.'1268, 2,2 ) e so degli dèi» ( 19,363 s. ). L'idea che Zeus
papiri (Soc.41,22 ; P.Oxy. vr 902,17; dona felicità al giusto e castigo all'ingiu-
vm 1151,2). Troviamo il composto iu· sto (Esiodo) è generale, ma ha in Eschilo
CTO~Eo<; in Aesch., Ag.1090: µiO'Mtov un'impronta particolarmente severa. L~
µÈv oùv, 110À.),ò: O'uvlu-ropa. a.v-.6q>ova esecrazione, il rifiuto, l'odio da parte
xaxò: xapa:t6µa, «invisa agli dci, con· della divinità sono da lui descritte in
scia di stragi domestiche» (parole di Cas- numerose espressioni ( &toO'•VYTJ•oc;,
sandrn sul In casa degli Arridi ); µw6ilioc; Cocph.6,35; Dt6n-rvO'•o<;, Sept . c. Theb.
anche in Luc., Tim.35: xat µ'l)v dxòc; 604; ~Ewv 11't1iyoç, Sept. c. Theb.653 ;
Yjv µtO'a'lt&pw11ov µtv dval O'E "toO'o.ii-.a µlO'Tjµa l>Ewv, Eum.73). All'odio divi -
v11' o.V-.wv lìE~vèt. otE7to'V&b-ra, µtO'bDEov no si contrappone la l>toq>LÀ.lo. e l'agget·
lit µT]ÒaµWc;, oihwc; tmµEÀov1.ltvwv uov tivo i1tocpLÀ.1)c; (Eum. 869; fr. J.50, 3).
"twv Ì}Ewv, «che tu aborrissi gli uomini, Prometeo è iJEoi:c; txiho-roç (Prom.37),
era giusto, avendo sofferro per colpa lo· ÀtO<; txi>pOc, ( Prom . 120, il suo contra-
ro cose tanto rremende; mn che aborrissi rio è &lqnÀoc;), Clitemnescra è i}Ewv O'-t\r
gli dèi, no, dal momento che essi si yoç (Coeph. 1028). La schiatta di Laio
prendono in ral modo cura di te» 2 • Nu- è <.l>oi{3wL O''tVYTJDÉv (Sept. c. Theb.
merosi sono i compos ti con L1 radice 691 ). «Nella severa religione di Eschilo
l.1LO'· 3 : J.11.0'éxaÀ.o<; è ellenisrico (Filone), Jomina la òlxTJ (anche 'Zeus', potrem-
µt<70116vT]poç si trova a partire d,1 De- mo dire) e, sullo sfondo di questa OLJ(TJ
mostene e poi è arrestato spesso. Molto che signoreggja su rutto, spiccano i fatti
amica è l'idc.:a che si è odiati da Dio. oscu ri dei tempi remoti, tramandati dal -
Eolo respinge Ulisse dalla sun isob per- la storia sacra: sono uno O'-rvyoç, e le
ché è un uomo Bç Y.E ì}eoicrtv Ò:1tÉXDTJ- persone che li compiono sono nemici
-raL µaJ(apEO'O't\I. ~pp', lttEÌ. ailavaì}OtO't\I di Dio» '.
1i1tEXil6µtvoç •bo' txò:vEtç, «che gli dei In Sofocle il fondamento religioso
beati odiano. Vauene, poiché qui per- della dike dominatrice non è cosl accen-
venisti odiato dagli immortali» (Horn., luato come in Eschilo, tuttavia, non è
Od.10,74 s.). SimiJmente wf.10~ lyw ufo, assente l'idea dell'essere odiati da Dio
i:favov, liµ'l)xo.voc;· ii 11E 'ltEpt Ztùc; ò:v- (Oed. Tyr.1345s.: t'\L oÈ xat i1Eoi:<; i:x·
ì)pw11wv lxi}a~pE l>tovÒÉ<t WµÒv EXO\I· ì}p6i:et•ov f)po"twv, «dei mortali il più
•a, «ahimé, figlio, nulla io ho poturo fo. i11viso agli dei»; 1519: à.U.à Dtoi:c; y'

µt<TÉ W
1 La traduzione: «Credevo che fosse innnmo. 1iwÒ;~pwr.o~ o 1ua6lk~
rato di me . Ma egli mi odia, come se fosse J Cfr. PAssow, s.v. I composti coli µ .vH>· sono
un ordine divino» (C. RoBERT, Sunen tws formaci in nnti1e1ic1 analogfo ai composti con
Menanders Komiidie11 [1908] 13} non rende q>tÀo-; Cfr. DEBR., Griech. Wortb. S 77.
csatcamcnte 1·e.~pressione i>rU,v 1.U::aoç.
• F. DiaLMml!ll, bEo<pc).i.a-cp1.).o&t"2.: Philol.
2 Hcrmcs dice a Timone Se<'Ondo Luc., 'fim., 90 N.F. M (1935)57 ss.; t ì6 Ss.; cfr. spccialm.
3J: «Posso capire che w sia un nemico degli 184-185. Affine, ma distinto, il morivo dcl ne-
uomini (11Lir<iv~p!;.l1toç), dopo aver subito da mico degli dèi, dcl i)[oµttxoç, dr. W. NE.STLF.,
essi 111.nte e sì cnorcni ingiustizie, ma non con. Lrgendr vom '/'od der Go11eweriìchter; Ar-
cepisco come tu possa essere un nemico de~li chiv fiir Rcligfonswisse11schaft 33 ( r936) 246-
dèi (i,uné&Eoç) che rosl benevolmente hanno 269; anche H . W1NotSCH : ZNW 3 1 (1932)
cura di re• . Si ooti la contrap1>0Sizione d i 10 ss.
\l5 (1v,1>88) 1uaÉw (0. Michel) (1v,688) 3l

ii;.:i)L~-coc, i')x.w, «ea:omi : il piì1 inviso scia ciò che ti pomi all'offesa e aU 'odio»
agli .lèi»; Phil.1031 : w
ileoi:ç EXillP-re). din.2,22,34: xai vp.Wv ocrnç tcr'!tovlia
Euripide riprende b rkd1cz.zn lessicale xtV ij avi:cic, '1:WL ELV<lL q>O.oc, ii &ÀÀo
di Eschilo, ma non b stia severa religio· X'TYJCTMDCXL (1)0...ov. -ccx.ii-. a -cè.l lioyµa
sit!i (El. l9. 130. 619. 708; Hel. 74. 903. -ca. Éxxo'lt'tÉ-rw, i:cxii-.a. µLCTT)O'd:-cw, -caii
i678; Heracl.722; Cyc.396 .602; Tro. -ra. É~EÀMO:'tw tx -riic; ~vxiic. 'tf\c; fo.v
1213; Med. 468.1323; lph. Taur. 948; -roii, «chi di voi ha sinceramente u cuo
Suppl.494). Qui si apre già la strada re o di esse re amico di qualcuno o di
all'uso linguistico delb commedia, nel· guadagnarsi l'amicizia di un altro, di
la quale l' inimicizia punitrice degli dèi strugga mli giudizi, li odi, li strappi dal
non è più resa sul serio. Tunavia resta l'anima sua• (trad. R. Laurenti); diss
l'idea, orientata più in senso etico, che 3 ,.t ,6 : -r( oùv CTE tÀoLoépovv; Cl-cL 7tiic,
gli <lèi sono contrari a passioni riprove- <ivDpw7to<; µi.aEi: 'tÒ tµnolii!;ov, «perch
voli (Eur., Or. 708 s.: µurei: yàp o ikòc, dunque ti schernivano? Perché ognun
-ràç (iycxv 7tpoi)vµlcxç, µLCTOVO'L o' M-col, odia ciò che gli è d'ostacolo»; diss.3,24
«il dio odia gli istinti troppo veementi I I 3: OV µLCTWV' µTj yÉVOL'1:0' 'tlç liÈ µL
e li odiano anche i cittadini»). Corri- O'E~ TÒV apLCT'TOV 'tW'I VnT)pETWV 'tWV
spondentemente si ha anche nella gre· icxv>ov; «non perché mi od1: - non si
cirà l'imperativo etico, l'invito all'o- mai! - e chi odia il migliore dei suoi ser
dio l'Ome rifiuto: iij3pLµ µclcrn, «abbi vi?»; diss.4,1,60: 3-ta.v -rcxii'tCX q>L>..Wµ.t
in odio l'olrracoranza», si uova già nei xal µLcrw1u:v x.a.t qio~wµdla., àvayxri
praecepta Delphica 5• lleowExi>plcx ricor- •ove, tt;ovc;Lcxv a.il'twv t:xov-ccxç xvpfov
re in Aristoph., vesp-4 r 8; Archippo i)µwv dva.L, «quando amiamo, odiamo
completa; 'ltCXVovpyLu. 'tf XClt il€OICJEX• o temiamo rali cose, è inevitabile che di-
ilpla (/r.35 K). In Difìlo, contemporaneo veng~no nostri padroni coloro che ne di -
<li Menandro, lo stomaco è iJEoiç txì}pti spongono». L'odio è semplicemente un
(/r.60,9 K ). Per Xenarco i gamberi di sentimento umano che può e deve esse-
mare sono ìlto°Cç txDpoL (/r. 8 K). Nel lin- re superato e dominato. È rimasto 11nche
guaggio retorico il positivo Deoi:c; txDpOç l'imperativo etico -ccxin« µl.O"T)ua-rw.
viene clcvalO spe:;~u e volentieri al SU· Nt:i papiri ricorre µunlv: Soc.4 t ,22;
perfotivo (sovente in Demostcne). C'..o- P.OxY. vr 902,t7; vu 1151,2 (q>EiiyE
munemente µw61)toc; si <leve inren<lere 7tV[Eiiµ]a µEflLCTLµÉvov, X[pur't6)ç CTE
c<>me attivo: «odiatore degli dèi», iko- OLWXEL).
a-rvy11c. come passivo: «o<liino da Dio»
(lkocr-.vyljç, Rom.r,30). Il termine µi:- Anche negli scritti ermetici troviamo
croc, manca del tutto nel N.T., come pro- abbastanza spesso µ1cre~v; ad es. VI 6:
priamente l'idea <li timore dell'odio del- 'tOLCXV'Ta. -cà &.v~pW'itELCX &:ya.M x.cxt
la divinità. Per Epitteto, dr. diss. 1 ,18, [ -cà] xa.Àa, w 'Acrx),rir.tl, li ovu cpv-
9: <ivitpw7tE, tl c;È oEi: 'lt<Xp<Ì. q>VoW É'ltÌ yEi:v owci.µdcx OV'TE µtni\C1a.L, «tali so-
'<oi<; &À.Ào-rpLoL<; x.axoi:c, OLa-rlittcrDaL, È· no, o Asclepio, le cose che gli uomini
Àin CXV'tÒV µ<iU.ov i) !-tlocL. aq>Ec; -.oV. giudicano buone e beUe, e noi non pos-
-ro -rÒ 7tpo:rx.07t'rLXO\I XCX.L µLCTT)-.LXOV, «O siamo né fu11girlc né odiarle»; 1x 4 b:
Lll>tno, se il tuo atteggiamento per gli nl - (detto di coloro che sono nella cono-
trui mali dev'essere contrario a natura, scenza [ ol ~I/ yvWcrEL ov-rt<; J): µLcro&-
abbine compassione più che odio, ma la- ~vol -rE xcxt xa.'t1Xq>povovµEvo1 x.at 'ta-

5 Oiu., Sy/I.' trI r 268; 1 22.


327 (1v,688) µwiw(O.M ichel)

XCI. 1tOV x11.t cpovEv6µevoL, «odiati, di- 8 ( = 2 Chron. r 8 ,7 ). In un processo giu-


sprezzati ed anche messi a marre». lm· di;r,iario si osserva se )'uccisore ha odia-
portante è ancbe I V 6 b: iàv µi) 7tflW'tO" to oppure se il fatto è avvenuto prete-
'l'Ò O'Wµll µt.<riJO'"flc;, W 'l'ÉXVOV, O'ErLV'l'ÒV rin tenzionalmente (Deut. 4,42; 19,4.6.
<pLÀ.f)O'Ctt ov ow11.crm, «se tu , o figlio, u; Ior.20,5). Spesso, parLmdo di un
non odi anzitutto il tuo corpo, non puoi uomo che ha vissuto insieme con una
amare te s tesso». Espliciti precerri d'a· donna, si dkc che la odia, vale n dire
more e proibizioni dell'odio, come pu· che è s tanco di lei (Gen. 211,3r.33; Dcut.
re la regola aurea, si trovano in alcuni n ,15; 22,t3.16; 24,3; Iud.14 ,16; 1_,,2;
scritti mandaici, dove indicano un umlo 2 Sam.1 3,1 5; f!.cclus 42,9; ls.54,6; 60,
sincretismo e l'influenza cristiana. «0 15). È ovvio che di ques10 odio che di-
voi credenti e perfetti! Tutto ciò che è vide gli uomini è oggetto anche il ne-
odioso a voi s tessi, non fatelo neppure mico politico (ad es. Da11.4,16; I Mach.
al vostro prossimo» (Ginza R. r ,r ,o). 7,26; 11,21; 4Mach.9,3)'. L'opposto
«Tra voi non ci sin odio, invidi:i e di- di 'odiare' anche netl'A.T. è sempre 'a·
scordia» (Ginza R. 2,1,61 )6 . ma re': può essere che cli d ue donne l 'u·
na ami l'altra odi (De11/.21,15; ~ n.
2. Antico Testame1110 e LXX 23 s.)' oppure che l'amore si muti in
odio (Iud.14,r 6; 2 Sam. 13,15). Allora
a) Avversione e inimicizia degli uo- odiare equivale a provare antipatia ( =
mini fra di loro. Anche nei LXX com· non desiderare, Det1t.22,13; 24,3; lud.
pare spesso il gmppo di vocaboli J•.uoi- 14, 16; 15, 2), oppure a trattar male
w, µW'oc;, µwT)-.6c; e la locuzione µ!.0'1)· (Deut. 21,15 ss.; l r.60,15), essere dis:i-
'tÒV 'ltOLEtV, pet fo pÌLl pel' Siltie' (S0St30 - morato o non amare (Ex.20,5; Deut.7,
9
tiVO Hn'a) 7 . Questo odiare e aborrire 10) . Tipico al riguardo è 2 BaO'. t 3,
può essere di vario genere ed esprimer- I 5: XC!.L ȵlaiio'EV aù'tTJV 'Aµvwv µi:.
si in molteplici capponi. In primo luo· aoc; µÉ y11. aq>Oopa, (),.~ 11Éya "ò µi:aoc;,
go la paralo è usat:i per uomini che so· B tµlo-rJcrsv 11.v'!i)v ù1t€p i:nv ciyocitT)v
no nemici l'uno dell'altro (a), nd es. ijv 'Ì)y<btT)O'cv 11.V'ti)v, «e Amnon la o-
Gr.:11. 26,27; lud. II,7; 2Sa111. 5,8; 13, diò d'un odio grnnde assai, e l'odio con
22; r8,28 (cod. B); 22,18.4 1; / Reg.22 , cui l'odiò fu piìt grande dell'amore con

• Sulla rc1-1ol.1 <1urca d r.: Tob.4,15; teJ·/. N . ss.; 24,3. Cfr. J. Zrnc1.ER, U111ersurh1111ge11 wr
(ehr.) 1,6 (Charlcs. p . 159); l"g.}. I Lev. 19,18; Stptuaginta dc• D11d;cr l saius ( 1934) T?8 s.
H<n. slau. G1 ,1,
.16o).
=- ($TRACK-BlLLl!RDHCt.: 1 s 2 B=. 18,28 kod. B): EùloyT}'tÒt; xvptoç
ò Ot6~ O'O'J, &; cbfxltW<V 'tOÌ>c; 8.vlipa>; 'toÙ~
7 Nei LXX, e in quanto açcerrnhile anche nei i><C10UV-taç -div Xf~Pet O'.Ù'T WV tV 'T~ xup(lfl
1~ou 'tcii {3<x11i),EL (meglio <iv't6.p0<v-:o.o; del cod.
traduttori esaplarici, la rndice sn' è resa t'On
µLO'(LV e derivati. Cosl è cquipararo il conte-
A, o htapa11ivovç di LtK:Ìlno). 1 Brx.O'. 2z,r8.
nuto concetruale dei \'OC:lboli ebraico e greco. -I' ( = J>1.18): ringr.:>:iamento per la sal\lezza
Soltanto negli scritti sopicnziali, e preci•amen- <l.3i nemki, çhc: 'odiano· J'avvcrs:irio. H. B1R
te in Prov., appare pili volte ax&p6c; e lxllpo: KEl.ANll" Der Fei11de <ies Jndiviclumm i11 der
per il participio e il sostantivo. Tre volte ism~fitUthcn Ps11/mendicb1tmR ( 19 33) 29.30:
(Prov.16.} [1,,32) ; Is.33,15; 54,6) µiO'E'" s to «Per il suo gcnrr..- appartiene (Ps.18 = 2 Bacr.
per m's. A questa scelta di vocaboli potrebbe 22,2.,1) ai salmi in1fa•i<lu~li ili ringr:vjamen·
ovcr conrribuito l'u1,>Uoglianu delle consonan- 1u,1l(r il suo runrcnnto concreto è canr:ito du
ti, di cui tnlvolta si è ten uto conto. Cosl in I s. un re dopo una bmta~liii fonunaca~.
)4,6 (cfr. 60,1.5) si parie della donnn 111c111> 9 Cfr. E. KèiN1G, l kbr.-<11'<1111 W'iirtcrbuch wm
amata: qui è usato 1u.cn~v con1e in Dtu/ 21, ' 5 A.T.4•5 ( 1931) 467.
}29 (1v,689) 1uaiw (0 . Miche!)

cui l'aveva amata». Anche altrove la pa- giusto (34,22; 36,2.3; 86,17; Pro11. 29,
rola 'amare' appare in opposizione a ro), anche senza morivo (3),r9; 69,5);
'odiare' (ò:qm.r.civ/µt<TEtv); 2 Ba.<T.19,7; ma anche qui si fa strada la certezza
Prov.13,2 4; Eccl.3 ,8; Mich.3,2; Mal.i, (cfr. la dottrina sapienziale) che «la di-
2. 3. D i fronte alle passioni che irrom- sgrazi a ucciderci l'empio, ma coloro che
pono improvvisamente in questo mon- odiano il giusto ne pagano il fio,. (Ps.
do, s i erge il comandamento di Dio di 34,22). Dalla fede nell'elezione conse-
vincere l'odio: Lev.15>.17: où J.ttcri]<T€Lç gue l'unione tra l'azione di Dio e il de-
-.òv 6:oEÀ<pov <Tov -.f) S·.a.volq. crov, f>..Ey- stino d'Israele, come pure la convinzio-
1.L<ii 0..Éyl;EL<; -.òv r.À.ricrlov <rov xa.t ov ne che i nemici d'Israele sono anche
ÀdHAo/n OL' a.irr:òv à.1~cwrW.v, «non o- nemici di Dio (Nu11t.ro ,35; De11t.7, r5;
diare il tuo fratello col pensiero tuo; 30,7; 33,rr; Ps.89,24; 105,25; u9,_5;
riprendi, riprendi il tuo prossimo e non Tob.13,14 = LXX: Èmxa-tapa-tot ota:v-
caricnrti di peccato per cagion sua». -.tc; ot µi.uovv-.tc; <TE, «malederri runi
L'ammonizione (0..Eyµ6c;) deve sostitui- c1ueUi che 1i odiano».
re l'odio e le sue cattive conseguenze.
Orientata nelb stessa direzion e è la snc- b) L'odio di Dio. Nel pensiero vete-
ccss iva regola s~picnziale di Tob.4,15 a: rotestamentario ricorre l'idea che Dio
xat o µtcrEi:c;, µ1]0Evt 1'tOLTJ<Tnc;. «quel può odiare, e che odia effenivamente.
che hai in odio, non farlo a nessuno».
Che Dio odi il culto straniero e la fal-
I n entrambi i casi si tratta di istruzio-
ni circa il rapporto personale tra uomo sa religione, è un principio fondamen-
e uomo, limitate originariamente all'am- rale della predicazione biblica (Deut.12,
bite della propria comunità nazionale 3r; r.6,22; ler. 44,4; Ez. 23,28, LXX
(Lev.19,17).
cod. A). I profeti mettono il culto sen-
Più spesso che altrove il verbo si tro-
va nei Salmi e nella letteratura sapien- za l'obbedienza del cuore sullo stesso
ziale (soprattutto nei Proverbi e nell'Ec- piano del culto degli idoli: Dio lo odia
clesiastico!). Nei Salmi si parla spesso (Am.5,21; Os.9,15; Js.1,14; G1,8; Zach.
di nemici che odiano l'orante. Dio può
salva re dallo strapo rerc dei nem ici; per 8 , r7; Mal.2,13). Perciò sono particolar-
questo lo si prega (Ps.2),r9; 69,r5) e mente odios i R Dio l'idolatria e il falso
ringr112ia (Ps.18,18; io6,10). Lo stesso culto. Nella dottrina sapienzale soprat-
Jahvé aiuta chi lo prega, annientando il
tutto !i<TÉ{3Et.a, à.S~x(a e IÌ1tEp1Jcpavla
nemico (Ps.18'41 ; 21,10) . Forse qui si
tratta ùi 'salmi regali', rivolti contro ne- sono oggeuo dell'odio di Dio. Sap. 14,
mici esterni, che considerano il contrn- 9 s., riferendosi al culto degli · idoli,
SlO tra nazioni anche come un contra-
dice che Dio è nemico tanto dell'em
sto di fede 10 • In un gruppo di salmj del
tutto differenti appare la distinzione trn pio quanto della sua empietà e che l'o-
malvagi e giusti. li malvagio odia il pera sarà punita insieme a colui che

10 Cosl i:iustmncnte .rrcmia H. B tkKELhND, /.<· WINKEL, Psolmmstudicn 1 ( 192 1 ) . Lo streno


l S•lmi si dividC>llO in vnri gruppi, che non legm11e rra pensiero nazionale e rdigioso appa-
debbono essere imcr1>rer:1t i suUa base di ugu•- re specialmente nel lji 44 ; dr. v. 2 3: «per te
li presupposti . Cfr. anche H. GuNKEL, Aust•" siam messi n morte ogni giorno, ~i:uno consi-
wilhltc l's. ( 1<11 ;11 .. l'<.·knmm. (1926); S. Mo· ckrati pecore da mactllo10 (età dei Maccabei? ).
liliTiw (0 . Mid1cl)

l'ha compiuta. Lapidario è l'enunciato d i tut10 ciò che il Signore odia» ( xal-
ludith 5,17: ilEòç µ.wwv cili~xlav. Se· pn r.<i01.v olc; µenti: ò xvpLoç, 6, 16).
condo Ecclus 10,7 la superbia ( vm:p'l']<pa· Un 'clenrnzionc analoga di cattive qua-
vla) è odiata da Dio e dagli uomini. La lità e opere, odiate da Jahvé, si trova
doccrina sapienz:1le si attiene all'afferm:i· in Prov.8,13 (<pòeoc; xvp(ov µuni: ciliL-
zione che Dio o<lia il peccatore e lo ripa· xlav) 0 . Eccl11s i5,tr :1mmonisce: «Ciò
ga dei ~uoi peccati (Ecclus 12,6; z7,24 che Dio odia, tu non farlo» (i LXX leg-
LXX). L'odio di Dio è ripudio e lotta gono 'ltOLl}ot~ e 7toLl)crn).
contro il peccaco, giudizio e rappresaglia Come D io, così anche i giusti odia-
per il peccatore. A volte appare l'idea no il male. L'esortazione a odiare il ma-
dell'amore: Dio ama cune le sue creatll· le ( Ps.97,10; Ecclus 17,26) e la natu·
re e ha riguardo per tutte , perché è il Si· ralczza con cui si piula di quest'odio
gnon? della vita (Sap. u ,24·26) 11 • Que· dcl !(iusto sono car.i tteristìci de l pen·
sta idea dell'amore ha forma e basi elle- siero biblico (Ex. 18,21; lob 34,17;
nistiche (dr. 12, r ), perciò richiama alla Am.J ,• .1 ; Is.33,15; Ps.97,10; II9,104;
mente la filosofia greca; ma d'a ltra parte 128; 163; P rov.8,13 ; 13,5; 28,16; Ec-
è in chiaro rapporro di dipendenza con clus 17, 26; 19,6; 25,2; z7,24 LXX). Se
la predicazione biblica della 'conversio- il giusto deU'antica alleanza odia il male,
ne' (µE'tcivo~a. u ,2 3 l 12• Prov.6,16-19 e- quest'odio non è un sentimento natu-
numera le membra dell'uomo che diven- rale del cuore umano, ma l'appassiona-
tano abominevoli per Jahvé, iJ quale de- to rifiuto del male o del malvagio, che
ve odiarle. I LXX dicono - differenzian- Dio stesso ha respinto. Il saggi<' st:t,
dosi <lai T.M. - che lo stolto (cX,cppwv} con il suo odio, dalla partr ctPI giuciizio
e l'empio ( ncxp&.vo1.loc;} .-sì rallegra di divino 14. In questo rifiuto santo e ap-

11 tv Cu<i1 rcìp µwTITCÌ: »E<i> xal o Ò.iTEj3wv xat liistinischen ]11dentum ( 1938) 204.
Yi cicrÉj3ncx aù'toii. xa.1. yàp -tò 11pttx!lèv W.
'<<i\ òpacra.v-c• xo>..etcr6'1iO'E'<et• (Sap. i4,9 s.); n Prov.8, t 3, LXX: qio~oç xuplou µi.ai < ò.o~­
l.t.Cl''IJTTJ lvav't1 xvplov xat ò.v&i;WTtWv Ù7tEPT}· xlav, ii(lpw '<t xett ùmPT}<41etvla.v xett oSoùc,
cpcxvicx,"°'' li; liµ<poTtpwv ">..nµµEÀ:ìic; i) cio1.- otov'l)..Wv. µfµiO'l')xci oÈ lyw o•tlT'fpaµµé"cx<;
òò~ xaxG>v. Cft. anche Ex.18,21: èivopa.ç
o
xicx (Ecc/us 10,7); ~\ xaì. Utjlta-<oc; 4iiai-i·
livvcxTOÙ<; &€00'E~EÌ<; avopa<; O•Xet(ovc; µi.uoW.
<7EV tiµap'tWÀ.OÙç xa( 'tOiç ME(ltcn.v ano&:>.
O'n lxòlxncn.v (Ecclu.r 12.6); O:ranq.~ ràp '<à 'tctç Ù7ttfl'Tlq>a.vla.v, e Ecclus 10,7: J1'0'T}'t'ii
ovTci 110:\l'tci xaì. ovoÈv flòEÀVUO'TI W., tnolri·
~va.V'n xuplou xet\ 6.vOpr;,,nwv Ò7tEPT}Ql«vla.
a.u; oùol yàp ilv µ1awv "' xa-rtcrx~ùaO'tv, (dr.-+ n. 7).
(Sap.u,24). 14 frcquehte è nei Salmi l'odio che separa
12 Sulle cnrotteristiche storico.religiose di Sap. dagl i empi: \]I 25 ,5: t11(0'T10'ct txxÀT)O'(civ 110·
11,2.4-16 dr. C.L.W. Gl\IMM, Ex. Handbuch ''l'J~tvoµtvwv xal µt'<Ò. CÌO't~wv où µ1) xail'-
l11 den Apokr. des A .T. VI ( r86o) 217-218; crw; 100,5: ltotoUV'Tctç itapo.~<Ì.ITE~<; tµWriaa;
E.K. Dn~nlCH, Die Umkebr ( Belubmng tmd u8,11 1: 'ltapav611oui; QJ!<niua xat 'tÒV vO.
Busse) im A.T. und im Jude11t11m (1936) 242· JlOV O'OV i))'6:1<'l}O'et; 138,2 1 >.: OV;(L 'tOÙ<; µ"'
269; E. SJOBERG, Go11 1111d die Siinder im pa. ooiìvi:ciç O'E, xupu, lj!l<nJO'a. xetl É11< 'to<ç tx-
µini<.i (0. Michel ) (1v,691) 334

passionato consiste la peculiarità stori- lo ama si premura di correggerlo»; 14,


co-religiosa dell'e thos biblico, anche se 20 : qil)..ot µ tO"i)<rovow cpO..ovç iti:w-
ancora ristretto entro limiti e barriere xovi;, qiD..oLSt itÀ,ov<rlwv 'ltOÀ.Àol, «(per-
veterotestamentarie; nell'A .T. la vera sino) gli amici hanno in uggia gli amici
inclinazione al peccato non è vista in poveri, ma gli amici dei ricchi sono nu-
modo radicale, né si fa una separazione merosi» ; i9,7: 7téi<; O<; àoÙcpÒv 'lt'tW-
sufficientemen te netta tra il male come XÒV Jlt<IEL, xat <:ptÀlaç µ axpàv foi:at,
forza e come agente umano. Il rifiuto se- «chiunque ha in uggin il fratello pove-
para, sì, da chi fo il male, ma non dà ro è ben lon tnno dall'amicizia»; cfr. an-
forza per supera1fo. Quindi µ t<nrv e à- che 2 9 ,2 4 : 1.1.icEt i:-i)v Èavi:oii tjlvxTiv.
yamiv nella letteratura sapienziale so- Odiare qui significa respingere, ri fiuta·
no due poli in costante contrapposizio- re, e indica l'atto di chi si allontana
ne. L'uomo pio ama il bene e odia il da un(l cosa che gli appare mesch ina
male; l'empio invece ama il male e odia e falsa.
il bene (Mich .3,2 ). Così nello s tile sa- e) L'odio verso Dio e gli 11omini pii.
pienzale oggetto di 1w;Erv è la 1tUk Come Dio odia il male, come il giusto
oda. (tj, 4 9,1 7; Prov . 5,12 ), la at<1ilTJ- odia l'empio, così dall 'altra parte si ha
o-t<; ( Prov. x,22), la <ro.:pla (Prov.r,29), l'od io dell'uomo co ntro Dio, degli em-
l'tÀEYXO<; (Prov. 12, I ), l'H.Eyµo<; (Ec- pi contro i giusti. Dio colpisce i mi-
clus 21,6), la &.)..T]i!Et<X (Prov. 26,28). sfatti d ci padri nei figli fino alla terza
S'intende non tanto un se ntimento, e q uarta generazione, quando si tratta
quanto piu ttosto il rifiuto da parte del- d i coloro che lo odiano ( i:o~ç µ•<roiiO"lv
In volontà e de ll 'azione 15 • È proprio di fJ.E, Ex. 20,5 ; Deut.5,9; 7,10; 3 2,4r..o ).
questo stile sapienziale che amare e Si può amare .Jahvé, ma lo si può anche
odiare, come poli contrapposti, ricorra- od iare . Si odi a Dio passando sopra deli-
no in un senso improprio e non psico- bera tamente ai suoi comandamenti e
logim , come rinvio a ciò che sta d ie- non tenendo con to d elfa sua volontà,
tro ai due vocaboli ; ad es. Prov. 15. schernendo e persegu itando i giusti. L'o-
24: oç qidOE-rm -rfjç ~<XX'tT)plu.ç, µt - d io co ntrn D io è così u n segno di ri fiuto
<TE~ i:òv vlòv avi:où, o ot
àya.m7>v btt- e d i ostinazione. La preghicrn Jcl salmi·
1.u:)..Giç 1t<XtÒtvEt, <(chi risparmia il ba- s1:1 (; rivolta contro i nemici di Dio, che

stone odia il pn >prio figlio; chi invece lo od i:1110 (/>s.68,2; 74'4· 23i 83 ,3 ). li l's.

l)poLç <TOU Él;E't1]XÒJll)V; 'tÉÀ.E•O'J µ\<roç iµ(qovv À.EU'tt;JO'LV a (.,.xpr;;ç; 1 5,i7b: Ò oÈ fJ!.a'WV &Jr
11.ò'tovç, cl<; txilpovs f:révov"'b µo« pwv ).iJl"VEL<; <r<._ot;E-roo.; l7,9b: 8ç Sè flL<TEt
lS Parimenti rifiut o t· th'\p n:z.1,0 , non ranto xpvlt'tn v. r,,(<r-r11<r.v q>iÀouç x11.t olxciovç. Si.
odio nel signific::uc.• p~i~:oll)Jti(o n1o<lcrno, si ha gnilìcnti\'O ~ nnd 1t• Prov.29,i4: oç µ<p!l;E'<CU
in Prov.15,10b: oi &t lll<TO~V'tEç tHyxovç 'tE- l!Ài )Tt'tj}. ILV7fl 't'ÌJ" (r,tV'tOV t)Jvxi)v.
µLatw (O. Michd)

z 39,11 dice: «Non dovrei io odiare, rz ( M) (a proposito dd detto di I li Ilei


non dovrei aborrire coloro che ti odia· in Ab.1,12 : «nma gli uomini•): «Ciò
no, che ~i oppongono a te?». Prov. insegm che gli uomini si debbono nmn
9,8, LXX, roccomanda: µi) WYXE XIX· re, e non odiore, perché questo trovia-
xcùç !va µi} llLO'WO'(v at: ÉÀ.EYXE croipbv mo negli uomini della generazione delfo
X(}.\ ay(}.m')O'EL O'E, «non riprendere i dispersione: dato cl1e si amavano l'un
malvagi, perché non ti odino; ripren· l'altro, Dio non volle annienrarli, ma li
di il saggio, e ti amer~». II Salterio e disperse ni quatrro venti nel mondo.
i Proverbi descrivono i nemici dei pii Mn la gente di Sodoma, poiché si odin-
presentandone In potenza e il grande vano l'un l'altro, Dio li cancellò da que-
numero, l'irragionevolezza dei misfat· sto mondo e da quello futuro» . Derek
ci e i malvagi sentimenti, per i quali ren· Ere! 11 : «R. Eliezcr ha detto: Chi
dono mnle per bene (Ps.34,2 2; 35,19; odia il suo prossimo va annoverato rra
38,2os.; 6!>.,5, 86,1ì; Prov.29,10). gli ~p:irgirori di sangue (Deut. 19,11)» 11

d) L'odw verso i /rate/li. In generale 3. Il gmdacsmo· palestinese


l'odio per i frAtelli è proibito tanto nel·
l'A.T. (lev.19,r7; Deut.r9,II) quanto
Ma come nell'A.T., cosl anche nella
tradizione rnbbinica vi è un odio che è
nella tradizione rabbinica. S. Lev.19,17 permesso, am~i ingiunto 18• Ab. R. Na·
(J.52 o) ingiunge espressamente: «Ltl thn1J i6 (verso In fine) elenca, come per-
Scrittura ammaestrando dice: 'nel tuo sone da odia re, gli epicurei (liberi pen·
satori), i seduttori, gli istigatori e i de-
cuore'; io parlo soltanto dell'odio che è latori (trnditori). Ci si richiama al ri-
nel cuore» 16 • In S. Deul .186 s. a 19,t r, guardo esplicitamente alle parole di Da.
19
si esprime il timore che la rrasgressionc vid in Ps.1 39,21s. • L'opposto coman-
damento cldl'arnore, in Lev. 19,18, vie-
dcl comandamenco ddl':imore porti con ne limitato: se uno agisce come agrscc
sé In trosgrcssionc della proibizione di 11 suo popolo, de\•i amarlo; se no, oon
odiare; ne conseguono vendetta cd ira, e devi om:irlo. Jomà b. 22 b-23 a ripor-
ta come detto di R. Johanan (t 279)
infine spargimenro di sangue. Nello stile
in nome di R. Shimeon b. Josadnk
della predicauone sapienziale Ab. 2, 16 (225) quanto segue: l'allievo di uno
afferma: «R. J ehoshua (c. 90) ha detto: ~cribn che non si vendica come un ser-
Un occhio invidioso e l'istinto malvagio pente e non serba odio (per un'offe.
sa ricevuta) non è un (vero) allievo di
e l'odio per gli uomini rovinano l'uo- uno scribn. Lev.19,18 in questo caso è
mo (cfr. Ecclus 30,2.5)». Ab.R.Natha11 espres51tmente attenuato («non per una

I<> STRACIC·BILr.UBtcK I 364. 11 STuCK-Bu.r.uor.cx 1 364-366.


l7 Cfr. ( /o 3, I,: 1'<i<; 0 JuaWv "tÒV cllit).<;)ÒV 19 In T. Sbab 1 J.J si discute se ~i debbano
a.1ho\i civflpW110X"tovo<; brt(v, xa.l oWci~. &-n salwrc dal rogo i libri degli cutici. dato che
M.ç civ&pwicox"t~ oùx fxn se-liv ati:Mov In essi vi era il nome di Dio. Anche qui si ri-
tv a.Ù"Cèjl µtvo11C1a.v. corre a Ps.139,ir s. Or. anche Shah.b 116 n.
1110'iw (0. Miche!) ( rv,(\\13) 3J

olk~.r 1~r-;on:1 le1t ). S Lev. r 9,1 K ( 352:i) re . E se u110 1~-cca contro di te, diglic
f:r .mdi.: Jr>linziom: fra l:i vendetta e lo con cal111.1. 'fo)!li via in tal modo i
l"irn. prnibi1e verso i figli ,Id popolo, veleno Jcll'odio. Non serbare l'in1.,'3n
rm> pcm1csse verso izli nitri. no nella tU•I .1nima. Se egli confes.~a
Seconòo Jom1ì b yb. il S\."condo san· sì pcmc, perdonalo. E se nega, non li
111.1rio (il tempio dr Erode) è stato <l1- cigare tun lur. Altrimemi egli giur.1 an
stru110 perché c'era in e.so un im1gi<>: che, e tu :.ei doppiamente colpevole•
ncvolc o<lio, che pesa rnmo quanto 1 (6,3·4 ) 21 J\nnlogo è il tenore apocalit·
peccati dcl culto idol:t1rico, della lussu- ri m di Od.Sal.7,20: «L'odio sarà spn
ria e dello sparflimcnto d i sangue (sc- 7~10 vi:t dalla tena e sa rà sotterrato in·
c,1ndo T.Mc11. r 3,22, invece, il secondo sieme all'invidia» .
tempio è srn 10 dis1rut10 perché si ama-
va mammona e perché uno odiava l'al -
4. filo11r
1ro). Al riguardo si è accennato al fot-
to~ che lo ~•esso giudaismo hn consi- L'u~o linguinico Ji Filone s i avvici-
derato 1rn i peggiori peccmi Jel popolo na nl pensu:ro greco. In l ui suno nu mc-
nei decenni precedenti la distruzione Jcl ro~i i compo~ri con la rnJice µw· : flt·
tempio l'astio furuvomeme scrpcuian- ~aoc>.r:i~. 1u.acH.l11tCK;. µUTavilp-..>r.i a,
te. Si veda a.nche Ps. S11l7,1: µ1) <ine- ll~O'avi)pwr.e<;, µl.O'ripE'TGç, µtO'OyWCllO<;,
111<T]v1:ia-n<; <i<l ijp.W'I, ò DEéç, tva µi) ~~UT6xa.À.o<;, µUT01tOÀ.!.ç, µUTe>nOVTJp(a,
tmilwv<ta~ Yiµiv ot tµiUTy1av i'}µ<l4 Ow- flLC1 or.()VT) péc;' Ii ~O"01"..0'V la , µLO'O'tE XVla:
p~ci.v, «non allontanarti<la noi, o Dio, Spesso usa 1w1t~v e µinoc;. De tto dr
perché non ci assalgano coloro che ci o- Dio, leg.all.3,77 : !Mmp oùv 'i)oovn'1
diano senza mo1ivo»; oppu re 12,6: <pu· xat uwµtt è!..vev µtµw rp:ev a.li:1wv o
À.a.l;C1~ xupi.oc; l!Jvxi'}v Tjuux~ov µ~110\krav iltoc;, «Dio ha dichiar:110 che il pinccre e
&.oixovc;, «il Signore custodisca l'anima il COl'f>O ~ono da odia rsi, anche senta
tranquilla che h" in odio gli ingiusti». un esplici to motivo» (dr. Corp H erm-4,
È importante ricordare la lotta comro 6h ); rer.div. her.~ 63: ovx.ciiv ò q>1À.oo l·
l'odio ncll'npoc:1li11icn Il Te~tamenro xar.oc; iltòc; à.oixiav ~oEÀ.U<tU<ta1 xaì µ.t·
di Gad è pieoo di ammommenri dcl ge· lllO'T)xE O'<tcilTEWç xat xaxwv ò:pxi'Jv.
nere: «Non lnscintcvi sedurre mai dallo «Dio detesrn e odia l'ingius tizia, che è
spirito dell'odio. lo rntte le parole u - principio di turbolenza e di mali»; spec.
mane e~so è cn11h·o» ( 3,1 ). <<Gua rdate· /eg. 1,26, : Dio odia l'arrognnza (µ~·
vi dall 'odio, figli mil"i! Perché esso com- ITOÙV'tO<; cH.a !;,ovElav ). Dell'odio dete·
melle peccato anche vcr.;0 il Signore. ~tahile in De11s.im111. r43 si dice: <tCl:V.
Non :1scolrn il com~n<lamcmo dell 'umore 'tl)V "ti')v <i<tpa.r.òv µ~11Ei: xat r.po~tf!l'l'l·
dcl pross imo e pecca contro Dio» (4,1 ). 't(U xat <pilElpEW ÈmX:ELPE~ itt7.c; ò 11ap·
«Ma lvagio è l'odio, è sempre in~iemc xwv t<ta~poc;. «questo cammino insolito
alla menzoµn a, combatté contro la ve ri - Ì! 11ggc110 d'odio, d 'artacchi e di .tcntn·
tà» (s ,l). «Orn , figli miei, ognu no ami il 1ivi di sovversione d a parte d'ogni com·
suo fratel lo e<l es tirpi l'odio d al suo pagno deUa tarne». 11"ttpynv e J-~~adv
cuore. Amatev i nei fatti, nelle parole e ~ono contr:1pposti nel raccon to di Giu-
nel sentimento» (6, r ). P roprio questo ~cppc e dci fr:uelli: Ios. 5: µLaoiiV'T E<;
superamcnro dcli 'odio e questa e<lucn· aa-ov lO"'tÉp"(t'tO ' 'tÒ ot IMO<; oùx il;E·
2ionc nll'amore fraterno hanno un'1m- ).a>..ovv, ò;}.,),,' t-1 tmn:otc; ha11tEVOv,
portan7.:1 p:1r1ic.:olare. «Am.itevi di cuo .. oclinndolo quanto era amato; il loro o·

!r Ctr. G.F. l\1ooal'., Jutl.usm n tH-


dio però non lo espdmevano ma lo Soph., Ant.52 3: oihoi auvtxaELv, ciÀ.À.a
conservavano in se stessi». In spec.leg. cru1,1cptÀdv ~<Jluv, «sono nata non per
3,101: xal cnépyovraç µè.v Eiç chir odiare, ma per nmare». 1n ep.Ar.225 si
:<Eo";;ov i:xilpav p.iaouv-ra<; ÒÈ di; Ò'ltEp- domanda: nWç iì.v xcx:tacppovolri i:w•1
(3cH.ì..ovcrav EVVOtCl.V èi.!;tw umcrxvov· txi}pG>v; «come può d isprezzare i nemi -
µeva. Unn spiegazione della fra~e vete- ci?», e la risposta è la seguente: TJO'XT]·
rotestamen1 aria sulla donna 'amata' e xwç 7tpÒc; 7t0CV'TO.<; dvt'lpw1touç EV\10~()(\I
'odiata', in rer. div. ber. 4,7; lcg. ali. 2 , xat xcx•EP-fctaiiµcvoc; cp~À.la.i; À.6-yov où-
47 s.; sacr. A.C. 2 0; poster. C. 63; mu/. llEvòç liv EXOt<;, 'TÒ OÈ uxapL'T~O.L
nom.254. In leg.all.2 ,47 s, i passi di npòc; 7tav'Tac; à.vilpw7touç lV.lt xa.Àòv ow-
Gen. 29,31 e Deut. 2r, 15 s. sono ù1- pov d )..T]qJÉvm na.pci. il€oii 'Toii•' ~o--rt
terprera1i nel senso che 1:1 virtù (Ò:pe-r1'J ) xpa'tld'Tov. Tanto la grecità quanto il
è naturalmen te odiata nella generazio- cardo giudaismo conoscono in parte le
ne monale, ma Dio la onora e :ill'odia· conseguenze dannose dell'odio, dell 'ini-
ra concede il primogeni to. «Giacché que- micizia e dell'invidia; si esige il supera-
s to primo e perfettissimo prodotto è mento d i queste passioni mediante In
quello della virtù o<liaia; invece il pro- à-ya1tT}, la cptUa. e la tiivota.; si conosce
dotto d el piacere amato è l'ultimo». O- ancl1e 'l'odio e1ico come distacco cleU'uo-
dio, paura e vergogna (µi:'o-o<;, cp6(3oi;, at- mo dal male. L'ellenismo parla anche
Owç) insieme sono indic:iti, in f 11g. 3 e c.le lla virtù o<liaLa, ha quindi l'in tuizione
23, come motivi d ella fuga. Del coman· di una dissonan7.a tra il comandamento
do di odiare parla congr. 85: 1tapayy0.- divino e l'essere umano, ma rompe (con
À.wv µwci:'v -rà. E~l) xcxt -rà. v6µ~µa xat l'ermetica e con Filone che si pongono
'Tct Ém'T"l)OEÙ!l et-rct o.ù-ewv, «ingiu11gen- in antitesi col corpo: µi.<rniv -rò crwµa. ),
do di odiarne i costumi, le leggi, le con- l'unità esistenziale dell'uomo in quanto
suetudini». L'uomo deve odiare le pas- creatura. La novità che viene a noi nel
sioni della fanciullezza e i vizi dell'età a· N .T. è il Cristo come concreta realt/ì
dulta. rcr.div.her.43 : tlpwvda.v yap µ~­ de ll'amore divino e reale superamen to
crdv à.xa-rclÀ.À!ix'Twç Èitatòtvl>TJµEv, de ll 'odio. Qui l'odio è vinto dal dono
«fummo educati ad odiare irremissibil- e dall'esigenza esclusiva della ciycim1
mente la dissimulazione». spec. leg. 4, (EV\IOLO., Eph.6,7 ).
I 70: xa.t µLO'EL\I W<; tXllpòv xat µ.ÉyL·
u-rov xaxòv iiì..al;ovElav, «e odiare la iat- 5. Odio e odiare nel N.T.
tanza come nemico e massimo male». La
conversione dal! 'odio ali 'amore è ricor- a) L'avversio11e reciproca degli uomi-
data in Jom.2,107-108: «se t0rnando a ni. Nel N .T . ricorre soltanto µwÉt..i
poco a poco n diveninre migliore ... an- (non r~~aoc; né µ1ari-.6<; né µwT]-rÒv 7tOt·
nuncia ciò che ha compreso esattamen·
le attraverso la sua sofferenza, che cioè Etv), e anche qui (come nei LXX) in va-
appartiene n Dio (Gcn. 50, 19) e non rie gradazioni. Prima di tutto la parola
più ad alcun<1 creatura riconoscibile con significa avversione personale di uomo
i sensi, i suoi fratelli stringeranno con
11 uo11uJ (senza sfondo religioso). Quan-
lu i patci di riconciliazione, muteranno
l'odio in amore e la malevolenza in be· do Gesù, in Mt.5,43, si richiama alle
nevolenza ... ». Si deve tener conto anche parolt: «amerai il tuo prossimo e odie-
del gruppo seman tico affine, formato rni il 1uo nemico», vuol ricordare nel-
con Exllpa, che si differenzia da µt11oç
come la parola i11i111ici:z:ia da odio; 1;1 prima par te il comanc.lamcnto dell'n·
I«'>thl ( 0 . l\.lichel)

more dcl prossimo ( l ev.19,18), a cui il spom: (disprezzare}". Qui si tratta di


giudaismo avevn posto moire limitazio- un preciso ebraismo, che ritorna anche
n i; ma della seconda pane non abbia- nella condizione posta per seguire Ge-
mo alcuna attestazione. «Nell'insieme Sll (Mt . ro,37: ocp~À.wv ... u1tÈP ti.ti. «co-
dovn.:bbe trattarsi di una massima po· lui che :ima ... più di me», Lc.14,26:
polare, sulla quale l'israel ita medio ai xa.~ ou µ~cni, «e non odia»)".
cempi di Gesù doveva basare il suo b ) L'odio verso la comunità di Dio.
comportamento verso amici e nemici.,n I vangeli parlano dell 'odio presente
Gesi1, dunque, cira una dctennin:na in· (Le., lo.) e di quello futuro (special-
cerpretazionc dell'A.T., non l'A.T. stes- mente Mt. e Mc.) che perseguita la co-
so. Egli proibisce assolutamente ai suoi munità di Dio. Già nella storia lucana
discepoli di rendere odio per odio: «A- <lell' infanzia i giusti sono combattuti
mate i vostri nemici, fotc del bene a co- dall'ostilità e dall'odio ( l,71) e nel d i-
loro che vi hanno in odio» (Lc.6,27}; scorso, parimenti lucano, della monta-
fa obbligo ai discepoli di ama1·c ogni gna l'essere odiaci appare come il de-
uomo, anche il nemico; non conosce un stino dei dis<:epoli (6,22.27). Nella pro-
odio sncro concro determinati uomini. fezia di Gesù il µicrEtv acquista anche
In tal modo Gesù pone allo scoperto un significato teologico, divenendo si-
una funesta spaccatu ra dcll 'A.T. e so- nonimo della persecuzione e segno del
prattutto del giudaismo. Un'altra colo- fururoapocalittico(Mt.10,n; 24,9; Mc.
razione riceve la coppia di opposti à:ycx- 13 ,13;Lc.21,17 ). La venuta di Gesù si-
7tiiv / µ~uEi.v in Mt.6,24; Lc.16,13, do- gnifica dunque , secondo la tradizione si-
ve in corrispondenza all'uso linguistico nottica, •alvel':za dall'odio (Le. I ,71 ), vit·
di Deut.21,15-17 e Ex.r.5r (104} signi- toria su di esso (Lc.6,22.27), ma anche
fica preferire (essere a/Jei.ionalo) e po- crescita dell'odio (Mt.10,22; 24,9 s. )zs.

1? STRACK·B!Ll.ERllECK I 3'3· scnschafilichen Pred igervercin dcr Rhcinpro·


Z3 Gi~ l'A .T.fa distinzione ira 'ahtibfi e i•mi'J. vinz, NF 20(1926) , , .35; sul confron10 di Le.
ramato e l'odiato, cioè l'amato ed il meno • · 14,26 con Ml. 10,j7 dr. anche ZAl!N, f.k.554,
mato (Dmt.21,1,. 17). Lo s1csso fa pure la tra· n. 50; /\.. v. HARNACK, Spriichc und Rederz
dizione in Ex.r.,1,6 a 38,zr: «Perché si chiama )esu (1907) 12. Giustamente KtTTEt., P10bfe·
Sinai il monte clove è stata data la leAAc? Per- mc 54 s .. Jice: •li giudeo<ristiano della tradì.
c hé Dio 1roscurii quelli che stanno in oho (in') zione di Manco ancor~ una volta ha re.<0 l'o-
cd amò gli umili ('hb)». C(r. STRACK· BtLLER· riginaria parola arainaica di Gcs<1 più libera·
BECK I H4; J. L AGRANGF., P.11r111gilr se/011 L11c 1ncnte, n'\n esattamente: ò qnJ..Wv n~'t'ipa. ii
( r921) 408·40<). l•Tj>ipct ùrrip tµt, mentre nella form:i lucana
l~ R. 13ULTMANN, T1od. 17 2 s .; KtTTEL, Pro- anche questa volta si sente lo scrittore non pa·
lestinese, che si auienc scrupolosamcn1c, pe-
bletne '4·,i; ID.. Das Urici/ des N .T. iìber
den Staat; ZsystTh (1937) 67t·672: }. DEN· <lamemcnlC, alla forma originale <lelh1 sua tra·
llEY, Tbc 1'10fd .Hate. in l.k.1,ptS: ExpT dizione ..
( 1909) 41 s.; \YJ. IILF. IBT•i-.u, Pnradoxc A us- zs Si noti la crescila dell'o<lj,, nd f111uro; i
spriicbe )rrn: Thcol. Arlxi1en aus dem wis- disccpo.li sa ranllQ odiati da 1utti (M1.io,22:
1twéco (0. Michd)

e) L'odio q11ale cond11.io11e per la se· testo della dottrina dell'elezione, è ci-
quela di Gesù. Non si può peraltro tato Mal. r ,2 s.: «H o amato Giacobbe
non essere colpiti daUa condizione ri- e odiato EsaL1». M!t le parole dcl pro-
chiesta per seguire Gesù in Le. r4,26 feta non servono alla presu nzione parri-
(Mt. 10,3 7); lo. 1 2, 25. «L'odio con· coloristica della propria elezione, ben~J
tro m tti coloro che ahbiamo il dove· esprimono la libera d ecisio ne di Dio, che
re di amare, compresa la nos ira ani- si attua indipendentemente dagli uomi-
ma, è la condizione di quell a comunio- ni. L'amore di Dio è il mi stero della sua
ne con GesL1 che è cooperazione con scelta, l'odio di Dio l'enigma dell'indu-
lui» 16• Non si tratta di odio nel senso rimento da lui operato. Il µLO"ti:v d i
psicologico della parola, ma di coscien- Dio rientra nell'ambito delle sue prero-
te rifiuto, distacco e rinu ncia ( xcxL -rl}v gative di signore e di giudice. Apoc.
<Vvx-ì)v t a v-rov}, come ne ll 'uso linguisti· 2,6 parla dell'odio di Gesù e della co-
co delfo letteratura sapienziale dell ' A. munità" di Efeso pel' le op.;:re dei Nico-
T. 17 • Chi si mette al seguito di G esù lai ti. Odio è qui separazione e rifiuto,
non dev'essere legato ad altri o ad altra punizione e condanna. Nello Spirito d i
cosn, ma esclusivamente a luL Con la Dio la comunità si accinge :t rifiutare la
parola odio s i esige la separazione; seduzione 21 . Perciò è comprensibi le an-
con l'ammo nimento a non 'amare Ji che che Rebr.1,9 applichi la patola dcl
più' qunlclino o qualcosa si esige la sa lmista allo sovmnità di Gesti Cristo:
prova dcl discepolo. Questa rinuncia i'rrcimio-cxç s~xcx~o<TW-riv xal (µi117iuaç
non può essere intesa in se nso ps icolo- civo1i,av, «hai amnto fa gius tizia e odiato
gico o ianatico. ma dev'essere presa in l'iniq u itÀ» (Pq 5 ,8 ). G esù Cristo ha
senso pneumatico e cris tocentrico. professato la giustizia, ha respinto l'ini-
d) L'odio riprova11te di Dio. Anche quità. In tal modo è descritto il mini-
l'immagine dell'odio voluto da Dio fa stero di Cristo in quanto giudice e si-
pensare all'A.T. In Rom.9,13, nel con- gnore 29 •

intò nav-rwv; 24,9: imò miv-rwv -twv t&vwv; lii L'odio, come contrapposizione all 'amore tla
24,10: xa( µicri)aouow Q.)..).;1')>.ou~; Mc.r 3,1 3; praticarsi tra i fedeli , signi6c• la netta separa·
Lc.2r , 17: V7CÒ rca\/'tW\/). zione dal mondo; in esso vengono in cerro
lb S CHLAT"rF.R, f\.omm .Lk. 243. modo compresi anche i Nicolaiti, doto che 1:1
11 Si pu<'> du11Que mettere insieme µ\<1ttv 'tftV comunità si scpnra da essi ncll"odio' ( L,o11.
Ml?YER, A/>Ok.i1 ). J. fili.HM: N.T. Dcursch 111
o/uxitv fo:1r<ov (Lc.14,26) e (an]cxpvt\ai)111 8, parla di rilìutn .per sanrn intolleranza.
to:v-t6v (I..c.9.2 3). li rinnegamento di se stes-
s i divenra un rinnegamcnro della propria vi· N Anche se llebr.1,9 non esclude il Gesù SIO·
ui. A St. Lukc: ICC 1922 ( 1928 )
PLUMMllR, rico, gli aoristi P•rlano però del regno c1c rn<1
364; buona la perifrasi di J. LAGMllGE, Evan. del Cristo glorio><>. Cfr. O . .MtCHEL, Komm.
gi/e se/on Lttc ( 1921) 408-409: ' odiare' vuol z.Hcbr. (19;6) ad I.; Il. WtND1sc11, Hhr.1
dire apparire nemico della causa di Dio. ( 1931 ) ad l.
11u:riw (0 . Miche!)

e) Amare e odiare in Giovanni. La mente O!?getto dell'odio delle tenebre;


contrapposizione àya11:av/ 1.ucni:v tocca c hi invece non vive nella sfera della
il vertice nel pensiero giovanneo. li mo· luce non può essere odiato ( 7 ,7 ). Co·
ro d'amore divino (iiyà1")) tocca qui sì l'ammon izione ripetuta della I Io . a
anche il moto cosmico dell'odio (IJ.~cro~). non odiare il fra tello acquista un p3r-
Ambedue sono pensati in modo così ricolarc peso teologico: chi odia il fra.
esclusivo e comprensivo, da scoprire la tello non è ndhi sfern della luce, ma in
essenza di Dio e del mo ndo. In questo quella delle tenebre (I Io.2,9.11; 3,15 ;
odio del mondo verso Dio, verso il Cri- .f,20 ). Come si manifesti quest'odio dei
sto e verso i discepoli e la comunità con- fratelli, la letrern non dice; ma inten-
siste il vero peçato di omicidio, la sepa· de dire che vi è una porenza delle tene-
razio ne tra lt1 luce e le tenebre 30 • Ch i fa bre che determina il rapporro con il fra-
il male odia la luce e non viene alla luce, tello. L'odio diventa una potenza de-
perché non siano riprov:ue le sue opere monico·metafisica.
(3,20). Odiare la luce significa essere Non va dimenticato però che accan·
accecato e traviato dalla forza delle re- to a q uesto profondo concetto di µwt~v
nebrc. Non si odia, dunque, di propria i: presente in G iovanni la tradizione an-
iniziativa. Odiare significa vivere nella tica; cosi in Jo.19,25 si avverte l'esigen·
inimicizia e nel rifiuto dello luce ed evi- za sinottica riguardante la sequela, in Io.
ta re la sfera della luce. Se comprendia- 1:;,25 un lamento del salmista (Ps.3:;,
mo re ttamente Giovanni, quest'odio a- 19; 69,J, salmo di lamentazione), in A·
biss~ le è l'opposto del fotto che Dio è poc.2,6 il collegamento con l 'odio sacro
luce e amore; proprio petr h,l Cristo è dell'A.T.
la luce del mondo e l'evento dell'amore f) Ro111.7,r5. Nel conresto della de-
di Dio, cresce anche l'odio e la resisren- scrizione della servitù dell'uomo sono
za dcl mondo. Nella parola 'odiare' si la legge cadono le parole di Rom. 7,15:
cela il mistero <lei male: il mondo odia «Quello che io opero non lo so; infat-
Gesù (7,7; x5,18); odi1tndo Gesù, odia ti non ciò che voglio io faccio, ma ciò
anche Dio ( r J, 2 3 s.) e i discepoli ( r:; , che odio, questo faccio». llÉÀ.Ew e µ~­
r8 ; 17,r4 ; I Io.3,13). Colui che vive CTE~v qui si corrispondono: la volon tà
nella sfera della luce sarà necessaria- positiva e negativa del!' tyw non bast:1

.;aJ": significutivo che 1 lu.2, 1' nt•n csorli al· nosrnncc l'n!linità, tra Vangelo e Apornlis>c
l'odio (magari usando µLafrtE), rn:1 che con la esistono anche certe differenze nell'uso lingui-
pcrifr.,j 1<ii 6.y«ita't( 'TbV Y.O"JlO'I µT)St 'TtX stico, come mostra od es. l'uso di µt.!l"tLv (Apoc.
tv '<i;J x6VJ.U!J venga a porre ai di't'~poli una 2,6). Inoltre la trad izione sinottica si riflette
nuova esigenza, riferitn al concc1to di cosmo. chiaramente nel 1v Vangelo (cfr. lo. u,25;
Un confronto tra l.c.14,26 e 1 lo 2,15-17 illu- i5,>5).
mina il rapp<1r10 tra i sinorrici e Giovanni. No-
1uqfo1 (0. Midiel)

all'azione, ma è son o la costriziMe del gola la vita, e un'esperienza unrnna,


peccato (7,17) e della carne (7,i8}, che che però hanno il loro limite nella se-
si dimostrano più forti. Forse non a ca· quela di Gesù (cfr. anche Rom .13,14);
so qui µwEi:v indica il rifiuto da pane vuol presentare un agire, la cui omissio-
dell'èyw, diversamente da Epict. 2,26, ne sarebbe 1tapà <pvow» i~. Secondo Tit.
4: OllfaEL OÌJ 1tOLEL XCX.l 8 ~Li} ilÉÀ.H 7tOL· 3,3 è nell a natura del vecchio eone e del-
Et, «quel che vuole non lo fa, e fa quel 1?. vita che anche i cristiani hanno con-
che non vuole>'>. La legge non solo edu· dotto in esso, di essere odiosi e di odiar-
ca l'uomo a non volere, ma anche a o- si a vicenda ( CT"tVY1)"tOl, µLCTOVV"ttç .n..
diare e a respingere (µLcrti:v) 31 • À.ljkouc; ). Questa conclusione dell'elenco
g) La multilateralità del concel/o. Più di vizi, che corrisponde al giudizio del
profano è l'uso di µwEi:v in Lc.19,q e giudaismo su se stesso, mostra il totale
A poc.17,16, dove µwÉ<ù indica l'i nimi· Mravolgi mento dci rapport i degli uomi-
cizia politica; in Apoc.18,2 si parla di ni fra di loro. Ciò rammento il concetto
OpVEO\I a xò:lla.p-tOV xcx.t µ.Eµ1.aTJµtvov per giovanneo di µL<TE~v. che però in Gio·
dire un uccello in odio presso Dio e vanni ha un'importanza assoluta e non
gli uomini 32 • Un raffronto di Apoc. ì: semplicemente un elemento tra molti.
2,6; 17,16; 18,2 mostra che la plurali· Strana suona la conclusione dell'avvi·
tà di significati del concetto di µL<rEi:v è so di !udae 2 3: «Abbiate misericordia
stata manrenuta nella tradizione apoca- nel timore, odiando anche la tunica
littica . La fine esortazi one di Epb.5,28 macchiata dalla carne». L'eretico con·
ss. inculca all'uomo il dovere di amare tro cui si lotta sperimenti la misericor-
l a donna che gli è affi<latu: «01i ~ma la dia dello Chiesa; egli però è t nnto rwri-
sua sposa 'ama se stesso', perché essa è coloso che nessun contatto, né spirituale
come la sua carne, non un'altra che non né fisico, si deve avere con lui. La mac-
gli appartiene, ma il suo alter ego»". chia è da intendersi o alla lettera, nel
«Infatti nessuno ha mai odiato la sua se nso di dissolntezz.a libertina, oppure
carne , ma la nutre e la cura, come anche conforme all'antica credenza popolare,
Cristo la Chiesa (5, 29°). La Lettern vuo· secondo cui il carat tere e la forza spiri-
le richiamare una norma divina, che re- tuale di un uomo (sia pneuma tico che

'
l i Olrr~ ni commentari di T11 ZAllN. E. KUHL, Lulber 111ber den Me11scbt11 (1938).
K. BARTH, Ao. Su·t LATTn e P. ALTHAUs, cfr. 3l A. CAu, The 111~011i11g o/ «HatreJ. in the
R. B ULTMANN, Rom.7 1111d die A111hropologie N.T. : Exp 6 Ser. 12 (1905) 153-160.
dcs Paul11s (Imago Dei) (1932) .53 ss.; W.G.
lJ ÒiR. v. HARLESS, Commmtor iìbt·r den
KiiMMl!L, Rom1 u11d die Behhrung des Pau-
lus (1929); W. GUTBROD, Die p<1ulinische A11- Brie/ Pault nn die Epherier '( 1858) ad I.
1hropo/ogie ( 1934); P. ALTHAUS, Pnulus tJml }I HARLESS, o.e. 505.
µ•CJtw (0. Miche!) (1v.69S) 350

demonico ) si comuntc:ino alle sue ve- za colpirl' l'uomo. Non si attenr:t alla
sti (Mt.5,27 s.; Act. 1•1,11 s.) 15 • In Iudae sovrani1ì1 Jcl comandamento dell\uno·
23 si avverte in ultima analisi l'idea ve- re. È significativo che in Apoc.2,6 si par·
terotestamentaria dcli' odio voluto da li di od io contro le opere, non contro
Dio, ripresa ançhc nd N.T. (dr. Apoc. le persone dci Nicolaiti . t vero che Ge-
2 ,6 ); ma rimo ne aperto il problema se ~tt, ne.Ila condizione che pone per la sun
quest 'odio che si deve sene ire per il ma- sequela, parla di rifiuto, dn pane del di -
le vada esteso ançhc a persone ed og- scepolo, dei vincoli, sanci1i dalb natura
getti. Se sl, 111lora anche qui va so11oli- e Jalla legge, che lo legano ai suoi pa-
neuto che questo µurEi:v t(o logicamen- renci (Lc.14,26; Mt. ro,37) e alla pro-
te significa che la causa di Gesù Cristo pria vita (Jo.12,2 5); ma ~nche qui non
è separata dalla malvagità di questo eo- si tratta di una difesa p:;icologicamente
ne e di questo cosmo, e dal pw1to di condizionata o comprensibile umana-
vista della comunità significa l'espulsio- mente, bensì del carattere assoluto ed
ne d el seduttore. esclusivo della condizione post:i da Ge·
h) L'originalità del concetto. Gesù ha sù, la quale non si nrresta né di fronte ai
proibito ai suoi discepoli di portare o- più importami legami terren i, né di
dio a chicchessia (Lc.6,27) e la predica- fronte alla legge. Anche nel N.T. c'è
zione apostolica ha definito l'odio <lei un rifiuto e una rinuncia sacr:i (1.t~CTEiv);
fratello {1 lo.2,9.u; 3,14; 4,20) e l'o- ma essi vengono compresi e spiegati con
dio reciproco degli uomini (Tiq,3) co- l'amore, che è fa forza e il contenuto
me schiavitù delle tenebre e del vecchio d el nuovo mondo di Dio. Un snmo o-
eone. La passionalità con cui gli uomi- div si impone pe rché l'amore dì Dio
ni, in base a criteri nazionali e anche re- in Cristo santifico e purifica. Un rifiuto
ligios i, impos iano i propri rapporti vi- che non derivi dall'amore e non voglia
cendevoli, t: colpita alla radice. Ma an- po rtare :td esso, non può richiamarsi al
che l'idea dcll 'odio sac ro, del rifiuto e N.T. Il N.T. supera ogni forma urna·
della rinuncia per amore di Dio, che namcnre possibile di odio trn uomo e
nell'A.T. toccano tanto la cosa quanto uomo; mn insegna un santo distacco
la persona, nel N.T. è purificata: anche dalla malv:1gi1~ e un legame a Cristo
qui si conosce un sacro rifiuto e distacco che scavalca i rispetti e i legami umaoi.
dal male, ma rivolto solo alla cosa, sen-

l 5 W1NO!SCH , K<1th.Br. 4 7 ; KNOPI', Petr. 2.;>: miv-w: iivllpw7tOV, dU.à ove; 11l:v t),/.yi;nc;,
«Anche qui, dun4ue si esige ri!\oros~ sep:iro· oOc; ol: 6),c'/iaEi,;, 1tfpl OÈ wv 1tpOO'Ev!;n. oOç
zione e isolamento; se ci si deve guardare <lai lit d. ya:•<Tiunc; u1tÈP -çi)v .Vvxnv uou. Non si
toccare la tunic-J, tanto più occorre evitare chi rinuncia 3} comand2mento dell'amore.
ci sta sono•. Affine è Vid. >,7 : ov µ~<ri)an;
1•wÉw (O. Miche!)

6. L'età post-apostolica l'altro e si perseguiteranno e si tr:1dir:m·


no» ( 16,4). Molto diffuso è il comanda·
Nell'età subapostolica si man~e_ne men10 di odiare rurto ciò che non pi:i-
l'originalità del comandamento cnsua- cc a Dio, in special modo l'ipocrisia
no dell'mnore e la proibizione dell'odio. (Did.4,12; Bam.19,2). Spesso si avverte
Did. 1 ,3 cita il comandamento dell'amo- l'eco dell'uso linguistico e di formule
re di Lc.6,27 s~.: «Ma voi am:ue co- dell'A.T. quando la comunità è csortatn
loro che vi odiano, così non :ivrete ne- 11 odiare l:t malvagità, la concupiscenw,
mici». Anche 2 Clem.13,4 si richiama 11 il vizio. Barn.4,r ammonisce: «E odia·
Lc.6,32 e 3.5. Did.2,7 ordina espressa- mo l'errore di questo tempo, per poter
mente: «Non odiare nlcu n uomo ... ». avere l'amore in q uello futuro». Simil·
Cfr. anche lgn., Eph.14,1 2 («nessuno ment e i Cle111. 6,6: «Riteniamo meglio
che professa fo fede pecca, e chi possie- odiare ciò che è di qui, perché è picco·
de l'amore non odia») e l'elenco di vizi lo e di breve durata e caduco, e amare
in Herm., sim.9,15,r3. Il comandamen- ciò che è di là, i beni che sono imperi-
to dell'amore e la proibizione dell'odio turi». Ma anche questa affermazione
sono diventati una cosrante dcli' inse- conferma la distanza dal N.T. e daU'uso
gnamento della Chiesa. Però a volte_ che esso fo di µW'dv. Nel N.T. non si
sembra che il precetto tenga conto dt rifiuta nessun bene della terra adducen-
una regola di saggezza e che perciò (a do a motivo che esso «è p iccolo e di
differenza del N.T. che signilicativamen· breve durata e caduco». Accanto a que·
te non pensa in questo modo} si abbi1.1 sta tendenza quasi a fuggire dal mondo
presente l'effetto dell'amore sugli uom~­ troviamo espressioni d rnstiche: «Odia
36
ni; dr. Did.1 ,3 : «cosl non avrele nem1· il male fino nll'ulcimo! » (Bam. 19, rr) •
ci», e .2 Cle111.J.3,4: «quando odono ciò, Forse la similitlldine di Diogn.6,5 s. è
ammirano la sovrabbondanza della bon· particolarmente atta a chiarire la posi-
tà». Qui si trascura <li nomre che l'eflica- z.ionc e il servizio della comunità sub-
cia dell 'amore umano è affare di Dio sol- apostolica: «La carne odia l'anima, che
tanto. Jgn., Eph. c4,2 si avvicina alle af- non le h~ fatto nulla, e lotta contro di
fermazioni assolute del pensiero i:iuvan· essn perché le impedisce di darsi ai
neo: «Chi possiede l'amore non odia ... piaceri; anche il mondo odia i cristia-
Anche in età subapost0lica si sopporta ni, che non gli han fatto nulla, perché
l'odio del mondo senza lllrbamento, ma si oppongono ai piaceri. L'anima ama
non ci si n:iscondc la serietà delle situa- lo cnrnc e il sangue nonostante il loro
zioni in cui la comunità si troV<L In i odio; cosl anche i cristiani amano colo-
C/em . 60, J si legge qut:stu preghiera : ro che li odi1100». Quest0 grandioso p:1-
«Salvaci dA coloro che ci odiano ingiu- ragone antropologico <li origine elleni·
stamente» (cfr. Diog11.2,6; ,5,17; 6,5-6). sti ca traccia il rapporto dei cristiani con
Did. 16,3 s., richiamandosi all'apocalitti· il mondo, ma lascia vedere anche l'ori·
ca sinottica, minaccia che «I' 1.10101·e si ginalità e l'autocoscienza della giovane
muterà in odio» (16,3), «giacché con il cristiani i~ .
crescere dcll'~mpictiì si odieranno l'un O. MIC:tiEL

36 Bam.19,11 : dç i:fÀo<; µini}aeo.c; '<~ noVl}- VT)pév, prcferi1a anche da lltmNECKH 517 nel-
p6v; dr. -!i 96,10: ot ayoc'ltWV'tEç 'tO'J xvpLov, la tmdu~ione di Dam.19,II, forse è suggerita
litmt-re 'ltOVTfp611. Lu lezione µ!.<l"i)O'<c<; i:òv 'ltO· dal pcn•icro <li Satana.
~1L"1}0~ xù. (H . Preisker)

µL<r~O<;. µ1.<rMw, µlcrihoc;,


p.L<ri}w-.6c;, µL<ri}cxnei&6-.l) e;,
µLai}cx7tOOOO'LCX., &:v nµL<ri}i'.cx

SOMMARIO:

A. l.'1110 del iruppo µIO'Mç X-rÀ. : 3. la fede nella rimunerazione nei


1. fuori del N.T.:
profeti;
r. nel mondo grc~o-romano; +l'idea deUa duplice rimunerazione;
2 . nei LXX;
5. Li letteratura sapienziale.
111. L'ideo di rimunerazione nd tordo
). in Filone e Flavio Giuseppe.
giuùaismo.
11 . Il gruppo di voa1boli ael N:f.:
iv. L'idea di rimunerazione nel N.T.:
t.µurb~;
1. i sinottici;
2. le parole derivaie.
2.Puolo;
B. L'itfra di ricompet1s11: 3. gli scritti giovannei;
1 nel monJo greco romano: +gli scritti pos!paolini ;
' . l'idea di fondo dell'etica greca; 5. ìl senso della rimunerazione in Gesù
2. l'assenza dell'idea bibli"'1 di ricompen- e nel cristianesimo primitivo.
sa nello filosofia greca;
A. L 'uso DEL GllUPPO µ~cri)oc; X't )...
3. i misteri;
4. i culti ellenistici;
'. la religione romana. Linguaggio
I . L'uso fuori del N.T.
sacrificale; 1. li gruppo di vocaboli
6. la morte come premio. nel mondo greco-rom11110
11. Lt fede nella rimunerazione neU'A .T .:
t. origine; µLcri)6c;: a) salario (giornaliero, mm·
2. senso e importan1.a; si/e, a1111110), Horn., Il.2r>445 (µ~cllòc;

µiot~ )('tÀ.

Olu:e ai vocabolari d1 LIODELL·SCOTT, PAPll, We1ss, Dic Frobbotschaft fesu iiber Lob11
PASSOW, PREUSCHEN-BAUER' e la bibliografia u. Vollkommenheil = Ntl.Abh. 12.41'(1927);
di xp(vw -+ v, coli. 1021 ss., cft. specialm . le H. G<lMPEilZ, Die Lebensau/J4Ssungen der grie-
storie dell'etica antico: TH. ZtEGLEK, Die Ethik chisclm1 Philosophie und das I dea/ der in·
àcr Criecbcn 11nd Romcr (t881); F. JODL, Ge· r1eren Freibeit (1927); F.K. lURNER, Die Be·
rcbicble der Etbik in Jcr neueun Pbilo1ophie deutung des V ergr/111ngsgedonke11s f11r dle
I ( 1882); I. Sa1MJDT, Dic Ethilr. der alltn Grie· E1bik Juu (Diss., Lcipzig l !l27l; H. Biv.UN,
cbe11 1 (1882); lC. KosTl.IN, Die E1hik der clas- Gerich1sgodo11ke und Rech1fer1igu11gs/ch(e bei
sischen Al1er111111s (188;); C.E. LU'rHARDT, Die Pa11/us = UNT 19 (t930); M. WAGNU, Der
anliJ:e Etbilr. in ibru gescbichtlicher. Enlwik· Lohngeda11ke im Evangeli111n: NkZ 43 ( 1932)
klung ( 1887 ); M. WUNDT, Gescbicbte der grie- io6-112; 129·139; O. MtCllEL, Der Lohnge-
chischen E1hik 1 (1908) ; L. IILMi>LS, Der Lohn. t/011ke in der Verkundigung Jesu: ZsystTh 9
gedanke in der Etbik ]esu (1908); V. KIRCJJ· ( 1932) 47ss.; U. v. Wu.AMOwt~MOELLEN·
NER, Der «Lohn• in du alten Philosophie, im OORF, Der Glaube tler J-Iellenen 1.11 (1931-
biirgelichen Rccht, bcso11fiers im N.T. (1908); 1932); F.V. FlLSON, SI. Pau/'s Conceplion o/
O. Drr1'RICH, Die Systeme der Mora/ 1 ( 1923}; Recompenu (1932}; H.\Y/. HtlDLAND, Dìe M ·
E. HOWALD, Eth1k des Allertums = Handbuch rechnung des Glaubens tt1r Gerechligluit
der Philosophic m (19%7); F. WAGNEN, Ge- ( 1936). Clr. inoltre le teologie ncotestamentA·
schichle des Srttlichkeilsbegri/fes I : Der Sill· rie diFEINE, HoLTZMANN, WerNEL, BiicttSEL;
lichkeitsbegrifi ;,, der antiketJ Ethik = MUn· e ancbe OScttuLTHESS, art. µi.crO~. in PAULY·
stcrische Bcitriige zur 'll1cologic 14 (1928); K. \V. X\'(19p)2078 SS.
355 ( IV,699) µw bòç x., ).. (Il. Preisk<r)

PTJ't<i<;, salario convenuto); Hdr. 8, 4, 2 Eleusi, che ricevono uno stipendio dai
(1ttlDovcn 0E(ALO''toxÀ.fo: litt µini)<'i>); misti). () Indennità per partecipazione
Eur., lph.Aul.1169; Plat., Prot.328 b; alle assemblee popolari (µicrDòç hxÀ-1)·
Xenoph., ap.16; oec.1,4; D emosth , or. <1~'1<1't~X6<;) 1. g) Spese: P. Fay.1 03,3;
r8,51; r9,94; P. Fay.9r,4I (i)~pTJO'LOC, Ditt., Syll.' 24,, I 33 (µwDòç opa.xµat
µwl>6c,); P. Tebt. li 384,20 (di tessi to· lìéxa. i'~). h) Ricompensa come mezzo
re in una fabbrica ); BGU I V no6,r4 di corruiione: Soph., A11t.294 (1tap1)y·
(di una nutrice); Ditt., Syll.' 244, I µlvouç µLcrDoww dpyci.<l'Dc.tt 'taOE ). Sulln
J8-6o; 252,36; 244,56 (di sacrificatori precarietà di stipendi 'aurei' cfr. Pind.,
e macellai nel cul10); donde P. Oxy. iv Pytb.3,55.
p4,5 (µwDov 'tov o-uµ1mpwvr1µ Évou, i) Ricompensa ( in senso traslato) da
salario concordato); P. Gen. 34,5 (iivcu pllrte di 11omini o di Dio. Si deve prc·
µuroov, gratis ); BGU rv 1067,1 5 (ii· mettere che i G reci in complesso rilìu-
vw µLirilwv, gratuitamente} 1• b) Retta o rano ogni idea di ricompensa, all'infuo-
i11den11ità scolastica: per scuola di arti ri del campo artigianale e degli affari in
e scienze, ad es. di oratori, poeti, artisti genere; essi preferiscono pensare in ter·
teatrali, medici: Xenoph., mem. 1, 2, 6 mini di giustizia ( lìlx1), OLX'1LOO'UVT), ~
( -rovç oÈ lcx.µ(3&.vov-co:c, 'ti)ç òµLÀlo:c; 11. coli. x227 ss.). Solo occasionalmente
µuroòv àvopa1to0~àc, tao'tG>v àmxa· i poeti parlano di ricompensa nel loro
ln, OLà 'tÒ àvayxai:ov av-coi:<; dva1 linguaggio figurato. Cosl Isoc., or. r 5,220
ÒLaÀty~cri)o:L no:p' wv l<i(lou:v 'tÒV µLcr· (3·n CTWq>Lcr'tfl µLCT1'Ò<; xalÀW'tOt; ÈO''tL
i)bv, «coloro che accettano un compen· xaì µiyv:rtoç, i)v 'tWV µo.i)-ri-.wv -.w~ç
so per il loro insegnamento sono, a suo xa.).ot x<iya1'oì xo.t q>povLµoL yÉ\IWV'tm,
dire, persone che riducono se stesse «la ricompensa più bella e più grande
in schiavitù, perché, diceva, sono obbli· per un sofista è vedere alcuni degli a-
gate a intrattenersi con coloro da cui lunni farsi vi rtuosi e saggi»). Ifigenia
hanno ricevuto il compenso»); Plat., (lph.Taur.,93) offre ad Oreste la vi -
Prot.3IIb; 349a; /cg.r,65oa; Aristoph., ta salva come ricompensa (µwl}òv ovx
r11n. 367; P. Oxy. Vll 1025,19 s. (di at· ato-xP6v) se porterà in patria il suo mes·
tori); P. Grenf. II 67 (di una danzatri- saggio. Pindaro (Nem. 7,63) non conosce
ce); Dict., Si/I.' 671,10.20 (di un mae· premio migliore della gloria, dell'elogio,
stro ); Arisrot., poi. 3, 16, p. 1278 a, 30 che i 'grondi' possono ricevere dagli uo-
(di un medico). c) Paga del soldato: mini. Si noti la consonanza puramenrc
Thuc.r,1 43,2; 4,Il4,4; 6,8,t (di rnari· verbale (non di pensiero), con Rom-4 ,
nai); Xenoph., an.7,3,13; 7,6,1; Demo- 4, di Pyth.1,75 ss.: àptoµa~ 1tàp µlv
sth.,or.14,3 t (µwl}oq>opEi:v); Ditt., Syll.' Ialaµ!voç 'Aitava(wv xapLV i.lLCT1)6v.
192,10; 193,9; 502,u. d ) Pigione, a/· Plut., cons. ad Apoll. 14 (Il i o9 a):
fitto di te"mi e case'; Ditt., Or. 595, Apollo manda una morte tranquilla e
ro.26. Risarcimento per uso provviso- beata a Trofonio e Agamede come µLO'-
rio, BGU T 2I; m 20 (xaµi)),ou) . e) ilbç per la costruzione di un tempio.
Onorario di sacerdoti: . Eur., Ba. 2.51; Sulla ricompensa da parte degli dèi cfr.
Ditt., Syll.' 42 ,9 1.1 30 (di sacerdoti <li flnche ~ k)==cartigo, detto eufemisti·

1 Cfr. DUlllllACH, lllJCription1 tle DNos, 1" GuTH, &itriige zur W irtschoftskùnde von
fase. (1926) e 2• fase. (1929); f. HE1etrnL· Delos (Diss. Hamburg 1922, non stampata ).
HEIM, Wirtscha/tlicbe Schwankungen der Zeit
11on AJext111der bis Augustus ( 1930). l Cfr. A. lloECKH·M. FMENKU, Die Staats-
2 Per ceni portiC<Jlari al riguordo cfr. K. hausba/tung der Atbtner ( r886) 148 ss.
1~moç x'<À. (11. l'rciskcr)

camente: H dt.: 8,116 s. (si fa menzio- pc:ndiaù»); P. Amh. 92,19 (ovx f~w ot
ne di un padre che cava gli occhi ai figli xowwvòv cillit µw1'1ov yEvoµEVov -tijç
in punizione della loro d isobbedienza); wvijç VTtO'tEÀii. «non mi prenderò un
Aesch., Ag. 1261 ; Callim., Dian. 263 ; socio in affari né 11n aiutante da rimune·
Dion. Hai., ant. Rom. 10,51,2. E ur. , rare, che sia stato al servizio degli ap-
Hipf>. ro50: il malfo rt ore ha il suo com· palti pubblici»); P. Flor.9 B IO (µw·
penso punitivo in u na v ita miserabile i)(o1ç Épychatc;); P . Masp.9 5 ,7 ( ytwp-
da mendicante, !ontano dalla patria. yòç µlai)Loç , bracciante agricolo); P.
Oxy. I 138,45 .
µLcro6w (-601.1.cu ): assumere a merce·
de, affettare, oppure prendere a pigione, i.ii.croarcooÒ'tT}c;, colui che dà la meri·
in a/fitto; Plat., leg.7 ,800 e (cori e can - tata ricompensa, che rem11nera: P. Gen.
tori funebri assunti a prez20); Plat., 14,27 (del periodo bizantino: ò 1.L1crl}oc-
resp. 9,58ob (x1)puxa); P lat., Prol.347 1tooh11ç Ì}toç). li vocabolo è auesta10
d (qMvi)v '"l'WV 1.d1Àwv); Dcmosth., or. solo in scrittori ecclesioscici.
23,150 (ail-:civ = mettersi a servizio);
27,15 (oìxov µwi)oiiv, lat. locare); H<lt. Anche µ14i}a.1to o0<1{a. non si trova
2,180 ('"t'ÒV VT}ÒV 'TPLT}XOlflwv '"l'CxÀ!X.v- che in ~crittori ecclesiastici, co me pure
'tWV); r,24; 9,34; Lys., or.17,8; Epict., O:v-rLµ1ai)la. (da av-:(µLcrooç, dr. Aesch.,
dirs. 3,9, 14 ( -tò 1tÀo~ µL11i)ovµraa. ); Suppt.270 : «che serve da ricompensa,.,
BGU n 606,16 (granaio); P. Lyps. 11 1, remunerativo).
11 (µtcr~wc;cn tpychcxç ); P. Oxy. VH
1031, 1 (utensili); P . Lille 3,75 (al me- 2. Il gruppo di vocaboli nei LXX
dio: affittare 11n campo); BGU n _:i9 r, 8
( 'tOÙ<; tx1tE7t'tWXO'tlL<; q>OLVLXlvovç Xdp·
µ1<ri)&;: a) salario ( = sakiir, masko-
ret, p"11lla), generalmenre del lavorato-
itouç, appaltare la raccolta delle olive
re manunle: Gen.29,15; 30,28; 30,32
cadute); P . Masp.240,8 (terreno da pa-
s.; 31,7 s.; Ex.2,9; 22,14; Lev.19,13 ;
scolo); quindi 6 µEµl11~xwç è il loca- Deut.1, ,18; 3 Ba.cr. 5,20; Tob.2,12; 2 ,
tore , BGU n 538,20; ò µEµi.oì}wµlvoç, 14; 4,14; _5 ,3; 12.1; 12.2 (cod . S.); 12,3
invP.rP, il locatario (BGU I r97,12).
(cod. S.); lob 7,1 (cod. A); 7,2; Ecct.4,
µtc;ì}W't6c; (aggettivo e sostantivo) = 9; Ecclus 34,22; Zach .8,10; Ag.1,6. In
cbi è asrunto a salario, il salariato gior- ls. 2 3, r 8 µl.01)6ç è il compenso d ella pro-
naliero: Plat., polit.2 9oa (accanto a i}ij. s1i tuzione. Si biasima in particolare che
-raç ); leg.u,91 8b; P . Soc. 359,6; Plat., il salario sia decurtato (ci1t'ao~xi;i:v, De11t.
resp.4,419 (tmxovpo1 µwi)w'Tol, trnppa 24, r 4 ), o addirittura non pagato ai lavo·
ausiliaria reclutata a pagamento); De. rntori (Jer.22,13), che sia ridotto (Mal.
mosth., ouS,38 (traditori prcuolali ). 3 ,5) o dato troppo tardi (Deut.24 ,15 ).
La sottrazione del salario ( à1tOO"ttpEi:v)
µlcro1oç (a partire dal m sec. a .C. ), è equiparata all'omicidio in Ecclus 34,
affiltato, preso in affitto; sostantivo, il 2 2. Le locuzioni n ormali sono µLcrl}òv
salarialo. Anth. Pal. v1,283,3 (µ/ni)l.lL... o~o6va~ o àml8~o6vat, in Zach.II,12 si
1tT}vwµa.-ta. xpovE1, tessere per danaro); dice plastica mente 1.u11Dòv l11-r<ivo.1. Si
Plut., Lyc. 16,6 (I _50a) (accllllto a WVT}· 1rova anche µtc;i>oùc; crwtiyEtv (Ag.1,6 ),
-toç = comprato: -toùc; OÈ :Eitct{rt~cnwv µi.oì}òv <lvaµivEw (lob 7 ,2 ). b) Risarcì·
m:r.i:Oa.ç ovx l1tt WVYJ'l'Oi:ç ovot µ LcroloL<;, mento, compenso, pagamento: Ez.27,15
È7to11}cro.'To rcoc1ocxywyoi:c; ò Avxovpyoc;, (T.M.: héitbtl 'efkiirék, «ti pagavano il
«Licurgo non sottopuse i figli degli tributo» ). e) Proprietà di valore, bene
Spartiati a pedagoghi prezzolati o sti- commerciale ('itt.iib6n , Ez. 27,27 ). d)Pa-
llLv&éç xù. (11. l'rdskcr) (1v,701) 300

ga per· presla:r.ione in guerra, soldo dei razione punitiva (E:r.. 27,33 2 Mach. 8,
militari (fàkàr, E:r..29,18 s.). e) Stipe11- 33) •.
dio per servili levitici nel santuario (µL-
1.wrDéw (-ooµa.L = sàkar). a) Assol-
~òc; à.vi:t i:Qv ÀEL"l:OUpyLWV, Num. 18,
dare: truppe (lud.9,4; 2 Baa.10,6; 4
3 I ). f) Stipendio dei sacerdoti (Mich. 3,
Brur. 7,6; I Chron. r9,6s.; Is. ì.20
11, m'hir). g) Affitto per uso tempora-
[vnr.]; I Mach.:j,39)1 lavoratori mamrn-
neo di animali da soma (Ex.22,14).
li (2Chron.24,12), profeti (Deut.23,5;
h) In senso trnslato: ricompensa da- Ncem.13 1 2: ambedue le volte si parln
ta da Dio (generalmente con otoovaL di Balaam), sacerdoti (Tud. T8,4); pro-
o à.'ltOOLOÒvaL), i11 Prov. u ,2 I (µt<r-Oòv cacciarsi il diritto di dormire con una
mai:òv À.«µ~civEw); Gen.15,1; 30,18; persona (Gen. J0,16). b) corromper<'
Ecclus 51,30; 2Chro11.15,7; ljl "126a; (iàkar, 2 Eaop. 23,2; 16,12 ). e) Acqui-
Sap.:).15 (tv xupl(i)); Ecclus 2,8; II,22; stare, comprare (kàrd, Os. 3,2 ).
51,22; 51,30; fs.40,ro; 62,II; ltp.38, µt<rDwi:oc;. a) Aggettivo: affittato (Ex.
16. Anche la sapienza rimunera (Sap. 22,14). Sostantivo: b) lavoratore sala-
ro,17). Questa ricompensa namr.ilmen- riato, a giornata (ftikir): Ex.12,45; Lev.
te spetta solunto al giusto (Sap.5,15; 19 1 13 ;' 22,10; 25,6; 25,40; 25,53;
Eccl11s 2 ,8; 11 ,22 ), mentre gli empi re- Deut.15,18; iudith 4,10; 6,2; 6,5; lob
stano senza speranza di ricompensa 7,2; 14,6; Mal. 3,5; Is. 16,14; :u,16;
(Sap.2,22; j,r5). In Prov.n,rs• dap- 28,3. e) Mercenario: hp.2 6,21; r Mach.
prima un traduttore ha dato al te- 6,29.
sto un diverso significato: O''ltÉpµa.
s~~C4lwv µ~O'\lòs à.À:r1btla.i;, «la di- µl<Tbtoc;, lavoratore salariato (Lev .19,
scendenza dei giusti è la loro vera ri- x3 [cod. AJ; 25,50; Tob.5,12; lob 7,
compensa»; la traduzione letterale del 1; Ecc!lls 7,20; 34,22; 37,u).
T.M. si ha poi in u,2L Non si tratta
µ~ll'lt006'tl)c;, µwDa'ltOOO<Tla, à.vi:L-
di un compenso vero e proprio, quasi
a norma di un contratto, ma di qual- µLcrmo: non ricorrono nei LXX.
cosa di piì:l di un compenso, cioè di un 3. li gmppo d1 vocaboli in Filone e
segno della grazia e della benedizione Flavio Gi11seppe
di Dio (ls.40,10; Ecclus 2,7s.; n,22).
La ricompensa di Dio è data agli uo- Filone ha µ~Oc; per salario del la-
mini pii fin da quaggiù (ad es. Gcn. 15, voratore manuale (agric. 5 e vit.Mos.1,
1; 30,18; IEp.38 116; ljJ 126,3; Eccl11s 2, 24: i:oi:c; trct µ.LabQ O'\IV<X.yopEVOUO'L),
8; 11,22; 51,30; Eccl.9 15), oppure è fat - per compenso al sacerdote per il servi-
ta consistere, più tardi, nella vita eterna zio sacro (spec. leg. 4 1 98). In viri. 88,
(Sap.5,15: obtatOL oÈ dc; i:Òv alwva ad es., si trovano le locuzioni µtal}òv
~w<rw, xal iv xupl~ ò µ~aMc; aui:wv, (compenso per lavoro) 6:7tooL56vaL, à.-
«i giusti vivono in eterno e la loro ri- itoÀ.cxµ~6:vrn1, >tOµlsEcruat. Pagare al
compensa è nel Signore»). b) Rimune- povero il salario ancora in giornara, è

• Oppure è deuo che gli empi r<.'Stano senza -e~ )(pwµtv~. «l'educazione è una rioom-
speranu di ricompensa (54/u,22). A volte i pensa di grazia per chi ne fa uso• [ BP.RTllAM].
LXX hanno introdotto il concc110 di µicr&O;. Cfr. G. BEllTllAM, Der Begri!J der Erziehung
Cosl in Prov.17,8 (dove il TM. ha «una pie- in dtr qiechischt:n Bibel, in: Ima~o Dei, KrU-
tra magico ~ la corruzione negli occ:hi di chi ger-Festschrift (1932) 43 s.
)a dà., leggono: ~uO'D6ç XCl.pi'fWV ij 'ltO.~t(a.
\(>1 j( V,701)

un atto di amore per il pro~simo (ibid. ministrntore di ~hiamarc gli operai e


88 ). Filone ha ancor;i 111.01')<1J'r<l<;, sala· di d:11· loro b paga ( xO:À.EO'OV 'tOÙ<; èp-
riato (spec.leg .2,82 .8 >), ma non gli al-
y1ho.<; xo.t ànò&oc; 'tÒv µi.uì)ov ); secon·
tri vocaboli.
do Le v.19,13; Deut.24,15 e la Mishna
Anche Flavio Giuseppe parla di ~lt­
aMç nella vita quotidiana (anq,206; il pagamento del salario può essere ri-
vit.78: soldo ai militari ). Per esprimere chies to la sera stessa della giornata di
la ricompensa da parre di Dio per lo fovoro 3 •
più usa altri termini, ad es. owptci (ani.
b) Un'espressione chiaramen te stereo·
8,22), Èm'tlµtov (bell. 1,596); in qual-
che caso anche µt<T1)6ç per indicare la tipata è µt<Ti}òç (-i-Tic;)-+ àotxlac;, Aci.
mercede di Dio (ani . 1,183; 18,309 ). 1,18 ; 2 Petr.2,13.15; dr. Iudae n: tjj
Per lui ricompensa e punizione (a11t.3, r:M.vn -toù Bo.À.o.ൠµt(1i)où. In Act . r ,
321; 18,268, ecc.) discendono dalla ol-
XY} divina.
r 8 µLaMç -i-Tjc; àotxlac; è chiaramente il
d enaro del tradimento di Giuda. Ancora
più :iccemuata è negli altri passi la po-
II. Il gruppo di vocaboli nel N.T.
tenza demonico-seduttrice del danaro;
r. µta D6c;
µLai)òc; àotxla<; è anche qui la mercede
a) Nel significato di salario che spel· dell 'ingiustizia. In 2 Petr. 2,15 senza
ta al lavoratore per il lavoro compiuto, dubbio con l..l~Ò<; àoLxla<; si intende
in Lc.ro,7 e rTim.,,rs è citata
la re· il for denari avidamente, disonestamen-
gola generale s che l'operaio merita il te ''; quindi µ~ai)òc; à.oLxlo.c; oel prc·
suo salario 6 . In lac.5 ,4, come spesso cedente v. 13 non designa il giudi·
nell'A.T. 7 , si rinfaccia ai ricchi il pecca- zio escatologico ao, ma va spiegato come
to di defraudare l'opernio, per cui il sa- in 'PPtr.2 , 1': coloro che insegnano
lario grida da accusat ore al cielo, cioè l'errore vogliono con la loro vita disso·
i lavorato ri portano al cospetto di Dio Iuta assicurarsi una 'mercede', vale a di-
la loro accus~ contro i ricchi. In Mt.20, re denaro ed influenza, che proprio per·
8 il padro ne della vigna ordina all'am- ciò è chiamato l.LL<'11)òç &.otxlac; 11 • Natu·

s Non si può affermare con sicurezu1 ~e qu i te'-'"• la ricche-.tia, la proprietà, nia la sempli·
si tratti d i un proverbio profano (Bu•.TMANN, ce sussistenza. ·
Trad.) oppure di un «apocrifo sacro» (DIBE· i -+ col. 3 ,s.
LIUS, P•sl., a 1 Tim., ,18); incerto è pure se
8 S TlACK·BtLLllRBE.CK l 832.
1 Tim.5,18 si richiami al passo lucano oppure
se ambedue i passi, indipendentemente l'uno 9 F. Sr1TIA, Dcr 2. Brief des Pelrus 1111d der

dnll'2luo, citino un detto corren te. Brief dei Judas ( r&85) 196; ZAHN, Jd., ad I .
Non bisogna dunque considerare <i&xla<; gc·
6 M1. 10,10 presenta in luogo di µl.O'Doc; hl ""·
nitivo soggettivo, o di auto re, ma genitivo og·
riante -.~, originata o dal contesto o da er· i:;et1ivo.
rori (KwsTEMANN, J\11., ad I.). Se la forma
di Ml. fosse oriHinaria, starebbe a indicare che '° Cosl \XIJNDISCH, Kath.Br., ad I.
cosa Gcsì1 h.1 inteso per 'mercede': non J'agia· 11 Cfr. SPtTIA, o.e., r86; KNOPP, Pelr., ad I.
tli-7-téç X'tÀ. (H. Prrisker)

talmente il redattore della Lettera li davanti a Dio, è uno sd)iavo senza di-
ammonisce che incombe su di essi il ritti, che non deve aspettarsi alcuna
giudizio finale, cosl che verranno a per- mercede particolare 13• Eppure Paolo
dere la mercede sperata 12 • non vuol fosciarsi p rivare del suo van-
c) µw1'6c; è inteso in senso traslato to. P erciò deve portare la sua speciale
in Io.4,36. Gli abitanti della città di offerta, fare qualcosa di straordinario; e
Sichar in Samaria vengono numerosi da lo fa predicando l'evangelo senza farsi
Gesù, e in questo successo egli ravvisa mantenere dalla comunità, cioè portan-
la mercede del suo lavoro di seminato- do l'evangelo gratuitamente. Su questo
re e mietitore ad un tempo. Analogo disinteresse si basa la mercede che egli
uso traslato si incontra in I Cor.9,18. si è procurata da sé (v. l8). Il µ~oi)6c;
Paolo vuole spiegare ai Corinti che per consiste dunque nel genere particolare
amore dei 'deboli' debbono essere capa- dell'attività dell'Apostolo, nella disposi-
ci di rinunce, e lo fa ricordando il zione e neJJa capacità di rinunciare vo-
s uo compor tamento. In che cosa con- lontariamente all'usuale compenso. li
siste la sua rinuncia, della quale egli concetto di µ~era&~ è contenutisticamen-
mena vanto ( xavx11µ0., V. 15 )? Ver- te più vicino a quello di xavx11µ0. : il
rebbe da pensare che consista nella pre- comportamento eccellente, preferito, de-
dicazione d ell'evangelo. Ma, egli af- gno di ricompensa, il comportamento di
ferma, soltanto chi vi arrivasse per li- disinteressata rinuncia che riceve la mer-
bera decisione avrebbe vanto o, come cede 14.
dice al v. 17, la prospet riva di ricevere d ) Premio dato da Dio per l'adempi-
una mercede; e questo non può essere mento della sua volontà. L'ide:i vetero-
il caso suo, dat0 che egli è s tato co- restamentario-giudaica di una ricompen-
stretto da Dio ad essere Rpostolo ( 1 sa sulla terra è alx>lita. µinl>6c; appartie-
Cor. 1· 5,5 ss.; Gal. r,ll ss.), così che, ne interamente al mondo di Dio ed è

Il Nel 1cs10 si do,•rebbc leggere (si noti il gin· della mia speranza nella mercede», cioè deve
ro di parole) àOLXo\iimlo~. che è la /~elio diffi- aggiungere i concetti di fondamento e di spe-
citior, con i codd. BSP sy"".
invece di xo~u.oV. ram.a, il che non è giustificabile linguistica·
~1€VO< (rodd. ACK 33 vg syh): cdanneggiati, men1e. Ma poi passa nello stesso contesto a
quale premio per la loro ingiustizia•. dire che Paolo offre nel suo comportamento
un esempio di rinuncia volontaria, e non che
Il LIETZMANN, Kor., ad I. nella sua. argomenmione fonda la speranza
11 Soltanto cosl si può afferrare giustamente il nella me1tede; si tratta dunque di un 1~wbéç
~nso di i:iç oìiv µoV io-'tl.v b tll.O'boç. t im- implicito nel comportamento, non di un m<r
possibile acc"ttarc la spkgazionc cbc ne dà tivo di sperare nella mercede. In tnl modo
G. P. WETTER, Der Vergeltungsgedanke bei Paolo si SC'OSterebbe totalmente dal fine a cuì
P11u1"s (1912) 131 s. Questi infatti nella tradu· tende. u conclusione a cui giunge Wcuer è
zionc non si limita a parlare di speranza nella tamo più strana, in quanto anch'egli vede che
mercede, m• t raduce µ~'1i)ò.; con «fondamento esiste un rapporto con X<7.UX1')1.LIX.
:1fiarc di Dio: perciò è abbondnmc ( ito- Naturalmente l'uomo riceve la ricom-
Àv~, Mt.5,12 = Lc.6,23). Con dò è ca· pensa soltanto quando spinge al massi·
ratterizzata l'inc<•lmabile differenza che mo la sua obbedienza. Può sperare nel-
corre tra il comportamento di Dio e b mercede di Dio chi fa qualcosa di
quello dcl ' mondo' d i fronte ai figli di non comune, di straordinario nell'amo-
Dio: i discepoli di Gesù sono persegui- re: l<Xv y<Xp à.ya.1ti)<11)•E -.oùc; cl.ya.1tWV·
tati nel mondo; Dio agisce nel senso •CX<; ùµ<ic;, -.lvcz. IJLCTMv ÈXE•E; «se ama-
del tutto contrario, ba per essi non il te q uelli che vi amano, quale mercede
'no' e l'odio del mondo, ma il 'sl' del avete ?» 17 (Mt.5 ,46); solo un amore il-
suo amore, il «premio nel cielo», per limitato riceverà la grande ricompensa
cui ci può essere soltanto «gioia ed e· nel cielo ( Lc .6,35 ). Q uesto premio non
suhanza» (Mt.:;,1 r s. = Lc.6,22 s.). Ma è un focuro destino individuale. Come
la unicità della ricompensa divina è con· la &.y6.1tTJ è legame con il pross imo, CO·
cepita cosl radicalmente, che chiunque sì il premio che gliene deriva sarà da·
aspiri al riconoscimento umano e a un to soltanto con il destino finale, nel re-
guadagno terreno, con il suo agire si è gno di Dio, di coloro che sono s tati a-
già sottratto a questo 'sl' che Dio gli mati. Chi dunque accoglie un profeta in
vuol dire nel µurMç. Chi cerca un com· quanto mie, o u n giusto per la gran·
penso umano è con esso liquidato ( &.1ti- cle-aa della sua provata ob bedienza ( M t.
1
XEW \ Mt.6,2.5.16). Chi eleva ad esem· Jo,41) 18 , o chi dà a un piccolo, perché
pio il suo giusto comportamento con è piccolo, un bicchiere d 'acqua fresca
gli uomini si è messo fuori della sfera da bere nel caldo torrido d'Oriente (Mt.
divina, e per lui vale l'nfCcrmazione x0,42 ), farà parie con lui dcl regno d i
«non avrete mercede presso il Padre Dio (µLcrDòv À,a.tl~civnv ).
vostro che è nei cieli» (Mt.6,1) 16, per· Ovviamente anche Paolo parla della
ché la ricompensa d i Dio è dara solo mercede data da Dio. Per lui è chiaro
alla pura obbedierrta, esente eia ogni (1 Cor.3,8) che chiunque si adopera a
calcolo egoistico od esibizionismo e· lavorare nella comunità cristiana 19 rice·
steriore (Mt.6,2.5 .16). Così l'uomo ob- verà la ricompensa che gli spetta ( diver·
bedisce soltanto se la sua obbedienza samente dagli altri), una ricompensa cor-
corrisponde all'assolutezza di Dio; allo· rispondente alla sua disposizione intc·
ra Dio premia come lui solo può fare. rio re 20 e a li'efficacia della sua opera.

15 àltiXEW = qu ietanzare: dr. OP.ISSMANN, 18 ED. MEY ER, Ursprung 1 143, n. 1; $Cl-ILAT-
L.O. 88 s. TER, Komm. Mt., ad I.
16 Altre osservazioni ~ coll. 409 s. 19 -> V, coli. 774 SS .
l7 Lc.6,p ha xàçu;; l ust., apo/.J,l},9, ha la 20 tlì1.0ç va inteso p iù qualitativamenrc che
bella \'ariante -rl X.(u.vòv 1tOLtÌ:"tE; quamitarivamcme; J. \VEISS, 1 Kor., ad /.;
1Milbi; xù. (I-!. Pr<'iskct} (JV ,705) 368

Che qui fa ricompensa non abbia nien- ciyioL<;, «di dare la mercede ai profeti
te a che vedere con riconoscimenti e tuoi servi e ai santi» (u,18).
21 Il giudizio di Dio corrisponde intera-
successi, con godimento di prosperità ,
ma che si atn1i nel giudizio finale, risul- mente al comportamenco degli uomini,
ta chiaro da quel che segue. In 3,14 perciò dev'essere di premio ai giusti,
Paolo fa sicuro assegnamento che il co· particolarmente ai martiri, con la gloria
struttore della comunità la cui opera ri· <lei regno, e <li punizione e di annienta-
mane, dunque anche lui in quanto apo- mento per i malv~gi e i nemici di Dio.
stolo e 'padre' della comunità, riceverà Di qui un altro significato di 1.uai)6ç:
un giorno la sua speciale mercede da e) l.tL<Tlloç in quanto punizione: i0où
Dio, a differenza del missionario la cui tpxoµaL i:axv, xat ò 1.u.a~&; µov µEi:'
opera è andata in rovina, e che sarà egli tp.o\i, &.noooiivm h6.cr-r41 wç -rò lipyov
stesso salvato a stento, come uno che È<ri:i.v ~vi:ou, «ecco, vengo presto, e la
era sull'orlo dell'abisso. mia mercede è 01cco, per dare a ciascuno
La peculiarità dell'idea paolina di ri· in rispondenza all'operare suo}} (Apoc.
compensa appare in Rom.4,4, dove si 22,I 2 ).
trova la strana formula ò µw-bòç ... xa·
i:ò. xcipw, «la mercede ... a norma della 2. Le parole derivate
grazia», esempio tipico della pregnan-
za quasi equivoca delle formule polemi- a) Sono usati solo in senso profano i
che dell'Apostolo. Ci sarebbe un con- termini:
trasto col suo atteggiamento di fede nel 1.un&6w ( -601AaL). Nel N. T. si trova
caso che si trattasse di opere e la ricom. solrnnto due volte, udla 1101a parabola
pensa fosse data non per grazia, rna se· di Mt.20,r ss. con il significato di pre1i-
condo i meriti- eventualità , questa, che dere a giornata (come salariati nella vi-
Paolo non può che respingere radical- gna): 20, 1.7 .
mente, come un'aberrazione giudaizzan·
te 22 • Anche in 2 lo.8 si attende con tut- ~t10-àw-r6ç. Nel N. T. soltanto come
ta naturalezza la «piena mercede>> 23 per sostantivo: il salariato, il giornaliero. In
le proprie opere. Il classico libro dei Mc. r ,20 indica il servo di un barcaiolo;
martiri, l'Apocalisse di Giovanni, vede in lo.ro,1.2 ba il significato p iù preciso
venire il tempo xaL 0o\ivaL i:bv µLcrbòv di servo di pastore = n6se' sakàr (guar-
-roi:ç oovÀ.oL<; o-ov i:o~<; npoqni i:aL<; xat diano sdlariato ).

WETTER 122. lJ Cfr . Tg.Ruth 2,12: «La tua ricompensa sa-


rà complern ('agrika J<lémii') nel mondo futu-
21 C.osì ZAHN, r Kor., ai l. ro»; Tg.Qob.1,3: ~per ricevere... un pieno
22 ..... coli . •p8 ss. compenso nel mondo futuro».
3(><1 rr v.; vs) 1•.aMç xù. (H. Preiskcr) (IV ,706) 370

11wilLo<; nel N.T. è usato solo come «) In Hcbr. 10,35 lautore ammoni -
so~1an1 i vo : salariato, gionwliero (Le. sce i le11ori a non scoraggiarsi, n ono-
15 ,r 7.19 )". s1an1e le pc~ccuzioni, e a non perd e-
bl Le ahrc parole hanno un contem1- re In fiducia in Dio, dono della fede, e
to e1ico-rcligioso: ques10 perché ad essi soltanto è pro-
µ Ltroct7tOOO'tr)<; è p resent<:- nel N.T., messa la grande rimunerazione, la sal-
come il successivo µLO'llcrnoooo-lcr., solo vezza piena in futuro (v. 25 ): il terrni-
in Hebr. ( 11 ,6 ); Dio si fa rimuneratore nc l..IL0'3cr.nooo11lcx è dunque usato nel
di coloro rhe lo cercano . Anche in que- ~cnso di ricompensa consistente 11ell11

sto concetto, e in quello successivo, ap- / utura salvezza. Qui non si applica pu-
pare ch iaramente che la fede in D io del- ramente lo schema contrattuale lavoro-
la Lettern ha un fondamento giudeo-a- compenso, e nemmeno si tratta della ri-
less>1ndrino, e che in es~a l'idea della ri- vendicazione di un diritto poggian1e
munera1ione ha un' influenza d ecisiva. sulla sola fiducia di Dio. Questa n cxp-
Ma va farta anche un'a ltra considera- PlJU(ct è piuttosto l'obbedienza richiesta
z ione ~s. Ln Fede è l'nnica condizione per da Dio e da lui compensata con la sua
avvicinarsi a Dio. Tale fede ora viene promessa. Come «Senza la fede è impos-
precisala come In certezza che Dio non sibile piacere a Dio» ( 11,6), appunto

è soltanto un conccno, n1a è realtà. E perch é la fede è l'obbedienza che Dio s i


questa realtà è qualificata nel senso che aspetta dagli uomini, cosl la serenità di
non soltanto essa è superiore agli uo- fron 1c a Dio è il presupposto della divi-
mini , ma che l'operato dell'uomo deve na volontà salvifica rimunera trice (II,
provare davanti a Dio Ja sua purezza -fO). L'idea di ricompensa qui è jmt:rita
(vv. 4 .6). Perciò Hl'br. parla di Dio co- nel piano della promessa di Dio • Que-
26

me 1uallctitooo-.lJc;, ccr1amenre alla sua su1 µ!.<TÌ)ct1106ooùt a indirizw esca tolo-


maniera giudaizzante. Chi vuole avvici- gico ì:: un forte motivo nella lotta e1 ica
n:1rsi a Dio deve poter tremare davanti Jclla vit~. Quando la comunità è poslrt
alla sua grandezza e sanra superiorità; nell'ahernmiva di prender su di sé tut·
a ltrimenti :ill 'inc0111ro con Dio manca ti i dolori e 'lo scandalo di Cristo'
proprio la certczzn che si tratta di un o Ji vivere nel godimento indistur'.
presentarsi a nessun altro che a Dio. b!llo delle proprietà terrene, fa luce le
viene dal ciclo in tutto lo splendore
µLcrlli:t'ltoooaia: (solo ndla Lettera a- de!Ja gloria escatologica, ed è la rimu -
gli Ebrei ): la ri1111111erazione. nerazione di Dio (II,2 6 ), come già av-

u Anche ,. l • nei rodd. BSD. 26 Cfr. anche BoRNHAU SER, Die B ergprethgl,
15 H .]. l lot.i-.lMANN, U:hrbuch der 11t.liche11 ( •91}) n 8; R•GGENBACI!, Komm. Hbr., ad /.
J'heologie li '( 1911) 3 3 1.
371 (1v,706) µwil6~ x,,),. (H. Preisker)

\'enne a Mosè. Questi prderl «l'onta daismo e si muove nelle idee di questo,
di Crisco» 27 , stimnndola maggiore dei ma in più manifesta una certCZ't <i di fe.
tesori d'Egitto che aveva perduto. Inol- de appassionatamente escatolos ica.
tre lui solo fu in grado di vedere la
àv·nµrn~icx. cx) Rimunerazione (in
mercede promessa. Anche qui il modo
di esprimersi è improntato al rapporto senso buono). 2 Cor.6,13 vuol dire che
fra datore di lavoro e prestatore d 'ope· i Corinti in coni raccambio della venuta
ra; ma non si tratta solianto del moti· cordiale, clemente, dcli' Apostolo (1)
vo eudemonistico, poiché il guardare al- xcxp/)la i)µGiv TtrnÀ<i"tVV'ta~ «il nostro
la ricompensa (Ò'.7to~Àl7t.Ew dc; Ti)v µ~cr­ cuore è dilatato») devono fargli dono
l>a.7tolìoola.v) comprende anche un at· di un cuore pieno di confidenza ; quc·
tegitiamento di fede, che significa no- sra sia la loro risposta, la filiale ricom·
stalgia appassionata, un volgersi :irden· pensa riconoscenre ( àvnµ~cr~icx). Si sor-
te alla luminosa promessa di Dio al tolinea.cosl la contropartita (à.v"tl) del·
mondo, e al suo adempimento. l'amore ricevuto, che si schiude gioiosa-
~) Finora il termine µ~ui}a.7toowla. è mente e deve consistere in ahrettalllo
stato sempre usato in senso buono; ma amore.
la parola può anche assumere il signifi- 6> Pu11ii.io11e. In Rom. i ,27 la per·
cato opposto, cioè quello di punizione versione sessuale è vista come castigo,
data come mercede. In questo senso ri- per non aver gli uomini reso a Dio l'o·
corre ancorn in Hebr.2,2 dove, come nore dovuto. Dove essi adorano idoli in·
mostra l'attributo lv&xov, risente ap· vece di Dio, ne viene come conseguen-
pieno <ldk iùee giuridiche. Per mette· za la distruzione della comunione urna·
re in guardia i lettorì dal disprezzare la na ( 1,28 ss.) e l'abuso di quei corpi che
parola di salvezza del N.T., il redattore pure altrove sono loda ti. È questo il
della Lettera ricorda come la semplice castigo contro coloro che si sono allon·
trasgressione dei precetti veterotesta- tanati dalla vera conoscenza e adorazio-
mentari abbi11 avuto una giusta, le.gaie ne di Dio.
punizione (lvlìtxov µ1AT~o:7tolìOO"la.v ).
La parola manca nella letteratura gre-
Cosl µ~O"i>aTtolìoulo:, che nel N .T. si ca e anche in papiri e iscrizioni. Appa·
trova solo nella Lettera a_gli Ebrei, è re soltanto ancora nella 2 Clem.: in 1 ,
un chiaro indirizzo del peculiare mon· 3.52'; 9,7; r5,2 ricorre in senso ana-
logo a j2 Cor. 6,r 3, come ricompensa
do del redattore, che proviene dal giu- e ttconoscente contraccambio. Ma quc-

27 Ciò va intero, per il redauore di Hebr., nel sto preesistente.


senso che o 1. Mosè dovette sopportare la
stessa onta di Cristo, o 2. l'onta di Cristo pe· 2' Qui abbiamo addirittura la locuzione ar·
savo giiì su di lui, o ~ · Mosè er• legato al Cri· tificiosa, retoric-J, fltu&òv civ't1µ1<rDia.c;.
µt.aM<; x-tÀ. 111 Prcisker ) (lV,707) 374

sto contraccambi(> nella 2 Clem. è ditte 19,xo9-r14) con la fertilità della terra
a Cristo o a Dio per l'opera salvifica. e la prosperità del popolo; l'u omo fede-
Quindi è particolarmente chiaro che le al suo giuramento ha una buona di-
civnµwi)(a suggerisce anche l'idea di scendenza (Hes., op.219-227). Gli dèi
un qualche merito umano. Un altro si· aiutano la causa giusta (Xenoph., hist.
gnifica to ha invece in 2 Ctenz.rr ,6, dove Graec.2,4,14; dr. Isoc. l5,228; Soph.,
indica il premio che Dio dà per le buone Ot!d.Tyr.863-872). Una retta conoscen-
opere dei giusti. La parola, cioè, torna za conduce, al di là dell 'azione, alla fe·
a esprimere la fede nella rimunerazione licità ((VOcxiµovlcx), secondo una conce-
escatologica, che alla fine del 1 scc. è zione della vita autenticnmente greca.
pi(1 vigorosamente penetra ta dal giudai- (.orrispondcntemente si parla anche del-
smo nel protocristianesimo 29 • la punizione del malvagio, che può con-
sistere nella cecità (Hom ., I/.2,5 99 s.),
B. L'IDEA DI RICOMPENSA
nella pazzia (Hdt.6,ìJ·84), in un ful-
mine (Eur., Phoc11. 1172-u86), in una
grave malattia (Ael., var.hisq,28 ). Na-
f. L'idea di ricompensa turalmente, il castigo viene spesso con
nel mondo greco-romn110 molto ritardo (Horn., Il. 4, r60; Soph.,
1. L'idea di fondo dell'etica greca è Oed. Col. 1536 ), anzi a volte colpisce
soltanto la discendenza (Hdt. r ,9 1; 6,
che moralità e felicità necessariamente 86; Plat., resp. 2, 363d; lsoc. 8,120).
coincidono 30 , che l'azione morale aiu- Particolarmente colorite sono le descri-
ta l'uomo a raggiungere una condizione zioni delle pene, ad es. in Aristoph.,
ç:enerale di felicità. La felicità è il bene .r1m.t.p; 181 s. (i violatori del diritto
d'asilo, gl i spergiuri, i parricidi giaccio-
più alto: «vivono nel miglior modo, no nd fango), Plat., resp.2 ,363d (i mal-
cioè nel più felice, coloro che più si ap· vagi portano acqua in recipienti forati ).
plicano a diventare sempre migliori» JI. La certezza della fede greca nella giu·
stizin distributiva sulla terra fa appari -
T.n felicità socratica consiscc ncU'c3"Cre re superflua la fede in un premio nel-
d'accordo con se stessi, neUa sanità ed )'al di là. Anche Platone fa consistere il
armonia dell 'anima. Qucsco concetto è supremo fine morale e il massimo bene
degli uomini nel giusto ordinamento
nello spirito dell'etica greca, secondo la delle forze dell'anima, per cui quelle
yuale ogni moralità trova compenso su superiori dominano le inferiori. Felice
questa terra; la ricompensa della retti· è dunque colui che su questa via della
tudine è data ai buoni nell'al di qua: giustizia possiede tale virtù 32 • Perciò la
grandezza dell'uomo consiste nella ten-
nnche Omero e i tragici pensano in que- sione verso l'idea del bene e nella rea·
sto modo. lizzazione di quest 'idea nella vica pra-
tica. Quindi per Platone buono non è
Il re giusro è re~o {dice (Horn., Od. chi soddisfa l'esigenza mo mie per go-
29 Cfr. H. PutSKER, Geist tmd Leben. Das giusto è anche il più felice), Phit. , resp.9,,Sob;
Telos-Ethos des Urchris1tnt11ms ( 1933) 179 ss. cfr. Aristotele (OIEHl.. u6,.. ). a r. F. }ODI..,
2 0 1 ss. Geschicbte der Erhik (1882) , .
.~) on... 'tÒV i1.(i'.l1'tOV 'tt xat 0Ll<O:L6'ttt't0V tV• 31 Xcnoph., mem.4,8.6; dr. J,!),4 s.
00:•1iovÉ11'<c:t'tov ifxpwt (che il migliore e il pi<1 ;~ F. \X/AGNER, o.e., 39 ss.
37' (1v,707) flL<T&é<, xi:À. (Il. Prci<ker)

dcrc di una buona foma o per una ri- Er {re1p.10,614b ss.) Platone riprende
compensa ultraterrena", per evitare ma- evidentemente le idee orfiche del pre-
li maggiori ;.i o per non sembrare cat- mio per i giusti e del castigo per i malva-
tivo " , ma colui che mene in pratica gi. Nel complesso delle idee platoniche,
l' idea <lei bene, la giustizia, perché è ciò è più che un'occasionale e formale ac-
saggio e comprende la verità supre ma. cosrnmenro agli orfici; turtavia Platone
In ques ta pratica della vinù consiste la non sviluppa una sua idea di ricompen-
felicitiì. sa 17• Perciò, anche se parla di ricompen-
sa - per lo più senza usare il termine µi-
2. Sulla base di queste considerazio- ir1'0c; - è chiaro che egli, come genera l-
ni è chiaro che la grecità ignora del tut- mente nella grecità, intende riferirsi, per
to un'idea di ricompensa, quale si trova
così dire, a una norma ontologica imma-
nente Js. Ma soprattutto va notato che
nell'A .T. e nel N.T. Platone non considera affatto la ricom-
pensa come motivo dell'azione ; egli se-
Significativa è al rigua rdo la discus- para de liberata mente qualsiasi discussio-
sione di Socrate con i sofisti 36 , nelh ne sul genere e il valore dell'azione mo-
quale viene decisamen te respinto il mo- rale dall'idea di premio 39 • Ogni azione
do in cui Omero e Esiodo parlano di morale va compiuta per se stessa, non
ricompensa. Platone ironizza sul tende- per la r icompensa 40 • Così in Platone è
re verso la giustizia non per cercarla in mantenuta la purezza dell'etica, e la co-
sé m11 per assicurarsi 'buona fama', uf- noscenza del bene è, come in Socrate, la
fici ecc., addirittura l'approvazione de- fom1 che porta ad ogni morali tà. Ded i-
gli dei. Egli respinge dec isamente ogni
carsi all'idea del bene non è un coman-
spernnza di ricompensa, quali quelle de- damento o una costrizione divin a, ma
scritte dt1 Museo: 'eterna cbrietà' e 'e- un atto li bero e proprio dell 'uomo.
terna discendenia ', o le auese popolari
di premi e castighi; perciò rifiuta la pre-
dicazione orfica del premio e del casti- Che in Aristotde la ragione sia la
go. Se dunque in r l'Sf> r o ,6r 1 n p~tlA rii «guida dell'anima alla moralità», appog-
~u0'1>6c; dci giusti, intende la parola, co- giata dalla propensione alla felicità insi-
me mostra l'immagine della gara su cui ta nell'uomo, e che, contrariamente a
si diffonde ampiamente ( 10,6I2d. 613c. Platone, egli prescinda da ogni idea di
614a), piuttosto nel significato di rico- ricompe nsa nell'al di là, risulta dall'in-
noscimento, distinzione ( 1 o, 612 d : Ot- d irizzo esclusivamente terreno della sua
x.o.tocn'.iv'T]c;, ~Ep EXH OO~TJc; x.o.ì. 110.· etica, da cui è assente ogni riferimen-
pà ltEwv xo.ì. nap' «v1'pwitwv, «la stima to a Dio. Agire sempre in modo virtuo-
di cui la giustizia gode da parte degli so, possedere sufficienti beni esteriori
dèi e degli uomini»); decisivo per lui è per turra la vita: questo è per lui la feli-
rilevare che la giusti~ia porca già in sé ci tÌi, il bene e lo scopo supremo che
la sua ricompensa ( ro,6141.1). Nel mito di possA darsi all'uomo sulla terra 41 •

.lJ resp.2,362 cf. H Phaed.68d . 4-0 rcsp.2,366e; 367a.


JJ Theae1.176b. 36 r~1p.2,36J a/b. •• cth.Nic.1 , 1 o, p. 1099b,9-11ooa,9. La parola
µ~cr06e, in Aristotele compare 6 volte (BoN1TZ,
n Cfr. anche Gorg.,26c.
Jnd