Sei sulla pagina 1di 804

G·RAND~E I~ESS ICO

DEL
NUOVO TE S'f AMENTO
- - - - -- -··--·
Fondato da GERHARD KITTEL

Continuato da GE RIIARD FRIEDRICH

Edizione italiana a cura di


F. MONTAGNI N I - G. SCARPAT - O. SOFFRITTI

VOL. II

PAJDFTA
Tiwlo nriginale ùe!J 'openi

Theologisches W urtcrbuch :::.um Neuen T estament


in Verbindung mit ;;,ih lreichen Fachgenossen
begriindct von GERHARD K1TTEL
herausgegeben von C1-_Rl lARD FRIEDRlCH

,'l/l'eJiziom: italiani! di 11110!0 secondo uolrtme


hanno collaborato come traduttori:

CIOVANNl TORTI
'\L'\RIA JlELLINCIONf
OMERO SOFFRITTI
M . A. C0!.. 1\0 l'ELLI ZZ.\Rf

Tutti i diritti suno riJ ernati. f...· rigorosamente vietata, a termm1


d1 legge, la riproduzione anche parziale delle voci o il riassunto
delle stesse.

:X) \VI KOHI.llA,'\1MER VFRl.AC;, STUTTGART, 19 33 e 1935

(j'J PAlDLIA , BRESCIA, r966


PHEFAZIONE 1\L SECONDO VOU !1\lE TEDESCO

Giunti al termine di gucsto secondo volume ci accorgiamo che quan-


do ini ziammo l'opera non ne sapemmo calcolare esattamente l'ampiez-
za . Forse sarebbe stato possibile rispettare rigorosamente i limiti pre-
stabiliti, ma con probabile detrimento del valore scientifico dell'opera.
D'altronde il sottoscritto e la Casa Editrice non potevano trascurare le
necessi tà oggettive ripetutamente prospettate specialmente da parte dei
Collaboratori, e non convenire che quando l'opera sarà terminata risul-
terà sotto ogni riguardo così seria da costituire il fondamento reale e
stabile di ogni futura ricerca. Numerosi giudizi di critici benevoli e in-
coraggiamenti di lettori ci hanno confermato che siamo sulla strada
giusta.
Un cer to compenso all'aumentata ampiezza e alla conseguente mag-
gior pazienza richiesta al lettore sarà costituito , pensiamo, dall'uso,
assai più frequente, del carattere minuto: il contenuto dei presenti fa-
scicoli è notevolmente superiore a quello dei primi .
Siamo profondamente grati d 'aver potuto svolgere fìnora il nostro
lavoro senza scosse interne od esterne. Ci auguriamo che esso, unendo
i nostri Collaboratori nell'amore del Nuovo Testamento, contribuisca
a ridonare alle nostre Chiese quella sanità e quella genuina unità che
hanno la loro unica fonte nel messaggio del Nuovo Testa mento.
Ti.ibingcn, luglio 1935.
G. KITTEL

AVVE1\TENZA AL SECONDO VOLUME lTAUANO

ll ~cco ndo volume itali,1110 è costituito dall'ultima parre del primo volume tede-
sco (pp. 512 -793) e dalla prima pa r te dcl secondo volume tedesco (pp . 1-328 ).
AUTORI
DELLL VOCI CONTENUTE NEL SECONDO VOLUlVIE

Direttore
GERHARD KrTTFI ., professore ordin:niu di N. T. , Tii b ingen.

Collaboratori
]OllANNES BEIIM, professore ordinario di N. T. , Berl in.

GEORG BERTRAM, professore ordinario d i N. T ., Giessen .


HERJ\IANN WoLFANG BEYER, professore o rdinario di storia della Chi e5a, Greifawald.

FRIEDRICH Bi.iCHSEL, professore ordinario di N. T., Rostock.

RuooLF BULTMANN, professore ordin<Hio di N. T., M<1rburg.

GERllARD DELLTNG, parroco, Glaucluu

WERNER FoER STER, professore strn c> rdin ario d i N. T., Miinster.

HEI NRICII GREEVEN, libero doce nte di N . T. , Creifsw,dd.

\Y/ ALTER GRU NDMANN , Obcrkirche nrat, Drcsden.


FRIEDRICH HAllCK, professo re straordin ari o di N. T. , Erlangcn.
J oACIIIM }EREMlAS, professo re (ltdi 1urio di N. T., Cuttingen.

IIrnMANN KLEINKi\ ECHT, Tiibi ngen.

KARL GEORG KuHN , libero doccn1 c di li ngue orientali , T iibingcn.

AL.BRECHT 0 E PKE, professore strallrdin,irio di N. T , Leipzig.

G nTTFKIED Q un.L. professore ord ina rio di;\. T., R ostock.

GERHArrn VON RAD, professore ordinario di A. T., J ena.

KARL HEINRI CH RF.NGSTORF, li bero doct> ntc cli N. T. , Tiibingen .

lIERMANN SASS E, professore ordin,irio d i stnri ,1 della Chiesa, Erlangen.

HEINR!Cll SCllLIER , libero docen te di N. T. , Ma rburg.

KARL LUDWIG SCHMIDT, professore· ordin ario di N . T., R1sd.

JoHANNES Sc!INEJDER, libero doccn1 c di N. T., fl er lin.

GOTTLOH S c HKE NK, professore ord inario d i N. T., Ziirich.

ETHELBERT STAl.l FFER, professore mdinario cli N. T. , Bonn.

HANS WrNrn SCll nrnf1•-;srn·f· 'rrnc mlll1:1 r in cl i ì-: T .. H:il!e.


INDICE DEL SECONDO VOLUME

Bo.(3vÀt0v (Ku hn) .5


(36.iJoc; (Sch lier) lI

(3cdvc.ù, à.va(3ai'.V<JJ, xo:-ccx~cxi'.vuJ, p.cTa.0a.i'.vr.J (Schneidcr) . . . . . ... . .. . . . I)


HaÀ.aci1L (Kuhn) . . . . . . .. . .. .. . ....... . ..... . ...... . . .. . . . 27
(3cxÀ.À.civ·nov ( Rcngstorf ) . . .. . ... .. . . . . . . . . . . ... .. . ...... ... . 3r
(30.À.Àw, tx(3ciU.0J, Èmç)ci.À.À.w (Hauck) . ..... . ....... . . . .. ... . .. .. . 35
(3cin-rw, (3a.1nlsw, (k.l1t·ncr1t6ç, (3cin-rtqm, (1a-;:-iwré1ç ( Oepke ) . . .. ... . 4r
(36.p(3apoç ( \Vindisch) . . ... . .............. .... .. ..... .. .. ... . . 89
(3cipoç, (3apuç, (3apÈr,.1 (Schrcnk) .. . .. ........... . . ... .......... .. . 10.5
(3cicra.voc;, (3acra.vlsc.ù, (3a.crav tO"f.1.6ç, (3wmvtnYjç (Schneicler) . ....... . 127
(3w:nÀ.Euç, (3aO"LÀ.da, (3rwCÀ.LuO"a, (3wn)-.Eur.ù, O"v11(3aoùn'.iw, (3a.o-lÀ.aoc;,
(3wnÀ.Lx6c; (Kl cinknec ht , von Had, Kuhn, K. L. Schmidt) .. ... . ... .
(3acrxalvc.ù (D elling ) ........ . . .... . .. .. .. . . . . ... . . . .... . ... .. . 21[
(3acr-rcisw (Btichsel) ........ .. ......... ..... .. . .. ....... . ... . . 215
(3a.Ha.Àoytw (Delling) .... ..... . . ..... . ... . .. . ....... . .. . .... . 21 9
(38~). ucrcroµm, (380.vyfJ.('..t, f38t:ì.. ux-:éç (Foerstcr) .. . . .. . . . . , . .... .. . . 221
(3t(3 a.Loç, f3t:f3a.t6w, (3E(3al0Jnç (Schli cr) ... . .. . . .... .. . ...... ... ... . 22 7
(3É(3TJÀ.oç, (3t:(3Y)Àéw (I fouck) . .. ... . . .. ... . . . . .... . . .. . . .. . . . .. . . 235
BEESt:f3ouÀ (Focrster) .......... . .. . . ..... .. . . ... . ... ..... . . . . . . 239
BEÀlap ( Foerstc r) . . . . . . . ... . .. . .. .. . . .. .. . .. .. ... ...... .. ... . 243
(3tÀ.oc; (Hau ck) ....... . ...... .. ... . ... . ... .. ... .. . . ... ...... . 245
f3tci.sor..tcu, (3w.cr-.:Yjç (Schrenk) ..... ..... . . . . . ....... . . ..... .... . 247
(3l(3Àoç, f3tBÀ.lov ( Schrenk) ................ .. . .. . .. ............ . . 26r
Plo; -7 t;r,J"J'i
(3 ).a.crcpl]µÉc0, (3 ).ao-cp1iµi'.a., (3 ).ci.uqn1r.1.oç (Beye r) 279
P-ì-..b rw -7 òpci:r.u
(3oci.c.ù (Stauffer) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 r
(hrpJÈcJ), (3or1Mç, (30-fii}rnx ([hichscl) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
(3ouÀoµa.t, (3ouÀ.-iJ, (3ouÀ.TJ!w. (Schrenk) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
(3pa.(3Euw, (3pa(3Ei:ov (S tauffer) .. . . . ..... ..... .. . . . . . .. .... .. . ... 32 3
(3pa.xlwv (Sch licr) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
f3pov-r1) ( F oers te r) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 31
(3puxw, (3puy p.6c; ( Rengs torf) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 3r
BPW!.J..a, (3pr:.0<n c, (Bchm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 3.5
SI I.' J:\; TJ JCJ: D F L. SI-:CO N DO \'OLU 1\lE

yriÀa... (Schlier) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . :H5


/ LqLÉc..> , 1 rii rnc; ( Srnuffer) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 1
y if.vva (J. J eremias ) .. .. .... - - . . .. .... . . . . . .... . .. . .. . . - . - . . . . '> ì .5
y E).aw, xa:r a.yEÀciw, yÉÀ.wc; (R engs torf) ... . . _ _ .. . _ . . . . . . . . . . . . . . . ~ i'J
/ EVEcX, yt:vmÀoyi'.a., )'EVECX.Àoy Éw, a y EVECX.À6'( f)'tOç ( Blic h ~eJ) 3'J J
YEVVcXW, yÉvvru.ta., yEVVìj"t'Oç, ap-i: tyÉVV"f]"t'Cç, cXVCl."(EVVcXW (B ii ch sc:l, R e ng-
storf) .................................................. ~ 97
yEu o ~w t ( Behm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -P 3
ylj, b i:lyELoç (Sasse ) . . . . . . .. . . . ... .. .. . ... . .. . . .. . . _. . . . . . . . . . 42 9
ylvo1Lm, yÉvEcnc;, yÉvoç, yÉvìjµo:, Ò:7toylvoµ cu, m.x.ÀtyyEvEoÙx: (Bi.ich sel ) 44 r
v wwaxw, y vc'0atç, ÉmytvW<rxw, É7tlyvwatç, xa.•aytvwaxw, à.xa"t'ayvw-
a-coc;, 7tpoytvwaxw, 7tp6yvwa tc;, avyyvwµri , yvC.:Jµ-f] , yvr<lplsi.v, yvw-
o-,6ç (Bultmann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 461
yÀWo-(m, É-i:EpoyÀ.w<raoc; (Behm ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 543
y vr')<rtoç (Bi.ichsel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 5
yoy yusw, lìwyoyyusw, yoyyv<rp.6c;, yoyyva-i:i}c; (Rcn gs torf) . . . . . . . . . . 565
y611c; ( Delling ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59 r
y6vv , )'OVV'ltE"rÉW (Schlier) . ..... . .. . .. . ... . . - . . . . . . . . . . . . . . . . . 59 3
ypaµp.Cl. i:Evç (]. J eremias) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 599
y pacpw, y pacpi}, ypaµµa: , Émypchpw , npoypcicp0J, vr.6ypa.p.µo ç (Schrenk) . 603
YPTJYOPÉW _,. f yE lptù
yvµv6ç , y v~.1.v6,11c;, yvµ vasw, y v1.1.va.ala (Ocpkc) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68 5
yvvi} (Oepke) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 1
rwy xa./, Ma.ywy (Kuhn ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 I
ywvla, axpoywvta.i:oc;, XE<pa.Àlj ywv!'. a.c; (}. Jere mias) . . . . . . . . . . . . . . . . 735
lìa.lµw v, lìa.qL6vtov, lìmµo vlsoµa: t, lìruµovtc~lìri c;, lìEtatlìa.lµc<lv , lìno-tlìm-
1.1.ovla (Foerster) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 741
0(.bnv),oc; (Schlicr) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 791
OÉT]cn c; _,. Mop.cu
lìEi:, lìfov fo·ti. (Grun<lmann) . . .. . . . .. . . .. . . .. . ..... . ... . . . . . 793
oElxvvµt , ò:va.lìdxvvµL , rivaÒ EL ~tc;, lìE Ly~w'ti'.<:;w, r.apa.lìEL Yl.l.CX'tlsw, trn:6-
ÒEt y~m ( Schli er ) . .. . .. . .. . . . ... . .... . _ . _ . . . . . . . .. . . ... .
ÒEi:Tcvov, OE rnvÉw (Behm)
OEWL OCJ:q LOVLl.l, own orx l1twv __,. Oo:Lµ c0v
oÉxa. (Hauck)
oEx-c6ç ~ Mxown
lìEçL6c; (Grundmann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 33
ofoµm , OÉr]cnç, 7tpOO'ÒÉo(La.L (Greeven) - . .. . . .. . . . . ' .. . . . . ... . .. . . . 84r
oÉoç ~ cp6 ~ oc;
L<I!iU·: DFL SECON DO \101 . l!i\ II ·: V.V

forµ6 c:;, òfoµLOç ( Kitte l) . . . ... . . . . .. . ... . .. . .. . . .. . . ... ...... . 8.+7


Òccrn6-rl]c;, oi.xo8t:crn6•TJ:;, o~x:i owno'tÉW ( RengstorO . . . . . . . . . . . . . . . . 8-1- 9
òkxoµcu , òox-fi, cX.nooÉ xoµcu, cb:oòox-fi, be-, à1ct:x-, d.cr-, 1tpocr8Éxoµm,
ÒEx•oc;, rh:o-, Evnp6cròo:-roç (Grundmann ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86 5
ÒÉw (Àvw) (Bi.ichsel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 891
Òl)À.ot,; (Bultmann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 895
ÒT]µLovp y6c; (Foerster) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 899
ofjµo c;, ÈxÒT]p.Èw' ÈVÒTjµÉtiJ' rm.prnr;JÒl)µoc; ( G rundmann) . . . . . . . . . . . . . . 8 99
OLci (Oepke) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 907
ow.0ciÀ.À.w , OLci0obc; (von Rad, Foerster) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 I
oLayyÉÀ).w - à.yyÉÀÀ.w r, coll. 178 ss.
OLctyoyyuçw - yoyyvsw II, coll. 586 s.
oLa/}i}xl] - oLa-rlfrl]µL rr, coll. 1013 ss.
oLCHpÉw, 0LalpE1nc; - a[pfo1uu 1, coli. 4 85 ss .
OW.XOVÉ.W, ÒW.XOVLCX, ÒLCXxovoç (Beyer) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95 I
ow.xplvw, OLcXXpLcrtc; - xplvw
oLaÀ.À.cicrcrw - à.À.À.cio-o-w r, coll . 679 s.
OLCXÀ.ÉyoµcxL, OLc.tÀ.oylsoµm, ÒLcxÀ.oyLcrµ6 ç ( Schrenk)
OW.[.tctp-rvpoµaL - rmp-rupÉw
OLctVOl]µct, oL6.voLct - voÉw
OLc.tcrnopci (K. L. Schmidt) 995
ow.cr-roÀ +i - cr-rÉÀÀ.oµm
OW.CT-rpÉcpw - cr-rpÉq>W
ow.-rayi1, OLct-rci:cro-w - -rcicrcrw
OLa'tU)1uu, ÒLa~'i)xl) ( Que!I , Behm) 1013

otaq>Épw - q>Épw
lìw.cp/}Elpw, otacp/}opci - cp1'Elpw
OLÒcicr:x:w, ÒLOricrxaÀ.oç, voµ otÌLòci.o-:x:a).oç, xct.À.ooLMcrxct.À.oc;, tJ;rnòoòLM-
cr:x:aÀ.oç, ÒLÒacrxa..À.la.., È.'tEpooLòao-:wÌ.Éw, ÒLòa..x'i), oLÒax-r6ç, ÒLÒa..:x:•L-
x6c; (Rengs torf ) . .. . ........... ... .. . . . . . .... ..... . ......... 10 93

ÒLÒWµL, Òwpov, Òwpfoµ.a..L, Òr.0pl)µCt., OWpEci, ÒWpEaV, à1tO-, aV't'c.tT.OÒlÒWµL,


civ-.crn68ocrLç, civ-.cm68oµa. , na..pa..òlòwµL, r.a.pciòocrLç (Bi.ichsel). . . . . . i 171
OLEP!ll]Vrn-rl]c;, -vEvw, -vda - ÈpµEvEvw
OL:X:Tj, olxm.oc;, ÒLXCJ..LOO'VVT), ÒLXtXLOtù, OLXCX.LWj.W: , OLXCXLulcrLç, OLXCt.LOXpL-
IJLtl.. (Quell , Schrenk) .. .. . ........ . . . . ..... . . . . .. .. . . .. .... i191

oL6p/}wcrLc; - òpMc;
otxocr-rcx.crla ~ I, coll. 1365 ss.
OLXonµÉw ( Schlier ) ... .. . .. . .. . .. . ... .. . . . .... . .. . . . . ... . . . . .
8LljJciw, olljJoc; (Behm, Bertram )
olljiuxoç - ljiux+i
OLWXw ( Ocpke) . . . . . ... . . .. . . . . .. .... . . .... . . . . . .. . ... . . .... . 133 7
XV! Ti\DICF lll: L SECO,\DO VOLUi\ll-:

o6y[ttX, ooyrwc-~sr,j ( l<ittc:l) ............. .. ..... ....... - [) )')


OOXÉC•J, 061;0:, oo1;a~td, (J"'J\JOot;a~(i.), [voot;oc;, E:voot;asw. ;:apaòosoc; ( von
Rad, Kiw:!) ... - - - . . . . . . . . . . . . . ..... - . . . . rH 3
~ ~ "I ' "
I:• '"' ' I:' '
oOXLµoc;, o:ooxqwç, OOXL[lT), oOY.Lp.LOV , ÒOXLµo:...,1.i, ClTCOòOXLf. W"I I:'
.-,!JJ, oOXL[JCt-
da (Grundmann) ···-·····-· ·····-· -·-·········· · - L+'l)
000),oç, o-0voovì, oç, OOUÀY], oovÀEVvJ, oovÀdo:, Òou),60J, xa:taoovÀ6c1J ,
oovÀcxywyÉtd, òqifraJ.p.oéìouÀCa ( Rengstorf J i..p 7
òoxri--? i 1, coli. i:i;8
Òpchwv (Foerster) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . q(l)
op6[toç -7 -rpÉXW
OVVO:µa.L, OVVO:'tOç, OVVa'tÉW, cXOVVO:'tOç, cXÒVVO:'tÉW, OVVO:µLç, OVVaO"'tTJC:,
ovva.µ6w, Évouvo:116c.v (Grundmann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T473
ovw, Èxovw, cimxòvw, E:vòvw, E:mvòvw, iiTIExòvo-Lç (Oepke) . . . . . . . . . . 1555
owoExa. ( Éxa.,6v -rw1n:prhov.-o: -rfoo-a.pEç ), òwoÉxa.-roç, owÒExciq>vÀov
( Rengstorf) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . r 5 63
LESSI(:()
B

t Ba~vÀwv

Se si prescinde da 1Wt.1,rr.12 .17;


I. divina) è stato indicato il luogo in cm
Act. 7 A 3, dove si accenna alla cattività avverrà questo dramma apocalittico,
babilonese di Israele, e da I Pctr. 5,13 nel corso di sette visioni l'autore de~
(~ 2), Ba~vÀwv ricorre nel N.T. sol- scrive - in 17,1-19,10 2 - Ia città e la
tanto nell'Apocalisse, dove assume un sua caduta . Egli la vede nella figura
fortissimo rilievo tematico come desi- simbolica di una meretrice: la grande
gnazione simbolica di una potenza esca- meretrice (17,1; 19,2), la madre delle
tologica del male: Ba~vÀwv Ti ~tqaÀl} meretrici e delle abominazioni della ter-
(14,8; 16,9; 17,5; 18,2.10.21), la gran- ra ( 17 ,_5) 3 • Essa siede su una bestia con
de città 1 (17,18; 18,ro. 16.18.19.21). sette teste e dieci corna, sontuosamen-
Dopo che la distruzione di Babilonia è te vestita e ricolma di ornamenti 4 ; re-
stata annunziata - in 14,8 - da una vo- ca il suo nome scritto in fronte 5 ed è
ce angelica e - in r 6, r 9 - (quando il ebbra del sangue dei santi che in eS6a
settimo angelo riversa la coppa dell'ira (città) 6 furono uccisi (17,3-6) 7 . I con-

Bu)uì.wv Perciò rn1-r11~ 7-opvCN significa la più grande


Vedi i commenti ad Apoc. r7 e T8. Inoltre: meretrice della terra. Cfr. anche Io. 8,44: il
HASTINGS D. B. I 2r3 s.; A. ScHLATTER, Das diavolo 'padre di menzogna'. Il µvo--ri)pLOV a
A.T. in der Apk. (1912) 90 ss.; foEi\1, Ge- cui si accenna in Apoc. 17,5 non consiste per-
_<cb. rler ersten Christenheit (1926) 301 ss.; ciò, come interpreta il LoHMEYER (Apok. 139)
TH ZAllN, Einl. i. d. N.T. II' ( 1906 s.) l7ss. nel termine ' madre', ma nel nome Ba.BvÀ.wv.
(a I Pctr. 5,13); A. H. BLOl\,1, D e Onder- Esso è un rwo--rt]pwv, in quanto non va inte-
gang van Rome naar de Apk.: Th. T. 18 so letteralmente, bensì nvEvr1a.-rLxwç (Bous-
( 1884) pp . .541 ss.; J. SICKENBERGER, Die SET, Apok. 404), ossia come designazione sim-
Tohannesapk. und Rom: BZ 17 (1926)27oss. bolica.
Cfr. STRABO XVI l ,5 (a proposito della Ba- • Sono i tratti tipici della meretrice che adom-
bilonia storica': ÉpT]µlct r1EyaÀT] 'o--rLv i] µE- brano il fasto e la ricchezza della città.
"(UÌ.T] TIOÀtç, con le parole di Apoc. 18 ,19: Ti 5
L 'usanza di recare scritto il nome sulla ben-
n6Àtç i) µEyrD-TJ ... µLq wpq. "ÌJP1JiLWi}11. da frontale è attestata per Je meretrici roma-
' Cfr. LoHMEYER, Apok. l 3 5. ne: Sen., contr. I 2,7; Iuv. 6,122 s.
' Si tratta di un'espressione giudaica. Cfr. J'u- 6
L'autore sente a tal punto l'unità dell'imma-
'° Ji 'ab nei rabbini: 'iibut m•lii'k6t, Shab. 7, gine (meretrice, bestia) e della cosa significata
2 ss. «i (39) principali tipi di lavoro (proibiti (città, anticristo) che può passare senza diffi-
nl sabato)»; 'iibot nez/qin, B.Q. 1,1 «le (4) coltà dall'una all'altra. Cfr. 17,16; 17,6 con
principali categorie di oltraggi » ecc. ma so- 18 , 24; spec. I7 ,3: Xcti>T]J..lÉ'JT)V bd itl]plov ...
prattutto 5. Num. 1 H a 27, 12: Mosè, 'abl yɵov-ra!
bannebi"im =--= ' il profeta sommo, principale' . ' Nell'economia complessiva del dramma apo-
/ (I,)IJ) !Ja.0vÀil.lv (C. G. Kuhn) (I, 5 l 3) 8

torni precisi e statici di questa im- me cont inuasse ad essere us.no , nel tar-
magine svaniscono nell 'interpretazione do giudaismo e nel primo cristia nesimo
drammatica che di essa vien data subi- (col. 12 ), pt:r indicare simbolicamente
to dopo ( r 7 ,7 -18 ): la bestia sulla qua- la potenza del male dominatrice della
le la meretrice siede (la stessa del ca- terra ' variamente localizzata a seconda
pitolo 13 , ossia l'anticristo) alleata con delle situazioni storiche 9 • Anche la me-
d ieci re distruggerà fa città e la darà tafora del meretricio proviene dall' A.
alle fiamme (17,16), eseguendo in tal T., dove in Is. 23 15 è applicata a Ti-
1

modo la condanna pronunziata da Dio ro 10 , e in Nah. 3'4 a Ninive 11 ed è co-


contro di essa (17,17; 18,8; 19,2). La munissima per designare l'idolatria del
caduta di Babilonia provoca un gran popolo ebraico 12 • Il motivo della bestia
giubilo in cielo, mentre si levano i la- è ripreso, anche nei particolari, da Dan.
menti degli abitanti della terra (c. 18). 7. Complessivamente tutta la rappre-
Le ·linee fondamenta.Ii di questa vi- sentazione dell'Apocali sse - e special-
sione derivano dai profeti del!' A. T. mente il capitolo 18 - abbonda, anzi è
Anzitutto il nome di Babilonia. La rap- quasi un mosaico di espressioni e con-
presentazione, cara ai profeti, di Babi- cetti veterotestamentari u
lonia e del suo regno come potenza del Ma le visioni giovannee ri sentono
male fece sì che anche dopo la scom- anche delle parole di Gesti. Cosl il CO·
parsa della Babilonia storica il suo no- mando celeste ai cristiani di uscire da

calittico Ba.!3vì.,(0v è quindi la mas sima anti- Ez 27, dove però si parla di Tiro.
tes i della ' nuova Gerusalemme ' che scende 11
In entramb i i passi la metafora del mere-
dal cielo (Apoc. 21 , 2) come 'città santa'. Al- tricio non indica, come in genere nell'A.T.,
la TIOPVTJ Babilonia di questo mondo suben- l'idolatria ma l'intensa attività commerciale
trerà nel mondo avvenire la vuµcpT] (Apoc. 21, della città. Questo va ten ut o presente per la
2) Gerusalemme. 'meretrice Babilonia' di Apoc. 17. Cfr. i8,
• Cfr. ScHLATTER, Gcsch. d. erst. Chr. 3or. I l-19.
9
Non pi\1 di un valore simbolico hanno an- " Cfr. spec. Ez. r6. Non c'è quindi bisogno
che certi particolari d e lla città, come, in Apoc. di ricorrere a paralleli mandci (come fa il
17,r quello delle 'mol te acque', derivato da Lm!MEYER, Apok. 142); questo anche a pre-
l er. 51,3, che ben s i adatta alla llabilonia sto- scindere dalle gravi diffìcolt3 critiche di ordi-
rica, ma è pleonastico nell'economia <lell'Apo- ne generale che vi si frappongono.
calis se (e per questo dev'essere spiegato alle- " LJ forma delle citazioni dimos tra che il
goricamente in 17,15). veggente aveva letto la Bibbia non in tradu-
10
Avendo 'Babilonia' assunto qucstp valore 7.ione greca ma nell 'originale ebraico e ne pos-
tipico e simbolico, ad essa vengono rifer ite sedeva un'ampia conoscenza mnemonica, poi-
tutte le minacce e i giudizi pronunziati nel- ché non cita mai 'letteralmente', oss ia co n il
I'A .T. anche contro altre città nemiche <li testo sott'occhio, ma riproducc liht:ramcnte
Dio. Cosl p. es. anche in Apoc. r8,9-I9 il la -· locuzion i e parti di frasi dell'A. T. frammi·
mento dei re, dei m erca nti e dci marinai p e r sch iando spe,;so passi diversi.
la caduta di Babilonia deriva in gran parte dJ
(1.5q) IO

Babilonia (Apo c. 18 A ) ric:cheggi a m · lll mano dall a meretrice, risenta delle


duhbiamente Is. 48,20 ; 52,t 1; ler 50, rappresen tazioni di divinità femminili
15
8 ; 51,6 ecc. , ma direttamente deriva da con la cornucopia •

Mt . 24 ,15 ss . /Ipoc. i8 ,21 è una conta- Ora tutti questi vari elementi si
minazione di I er . .5 1 ,63 s. con Mt. i 8,6 compongono in unità nel gran.de qua-
par. mentre Apoc. I7A (la coppa d'oro dro della visione in cui viene adombra-
ripiena di abominaz ioni e di impurità) ta una fase del rivolgimento escatolo-
risente forse di Mt. 23,25 (cfr. 23,27). gico ' che presto avverrà ' (Apoc. r ,I).
È certo poi che il veggente ha tra- La città di cui si profetizza la distru-
sfuso nele sue rappresentazioni anche zio ne esiste già nel presente: Apoc. 17,
altri dati del suo patrimonio culturale, 1 8: Ti
yvvi] ... EO"'t'L v Ti (si noti 1'arti-
di cui però non è sempre possibile rin- colo determinati vo) n6À.tc; Ti µqci:ÀTJ i)
tracciare l'orig ine precisa. Così in Apoc. EXOVO'IX (al presente!) 0wnÀElav È1tt
I 7 ,3 il particolare della donna che sie- 'tt:<lv 0mnHwv -6jç yijç, e non può
de sulla bestia (particolare che n ell 'in- quindi essere che Romat 6 . Ciò è dimo-
terpretazione de ll 'immagine r 7 ,7ss. vie- strato soprattutto da due fatti: a) Apoc.
ne completamente trascurato, anzi con- r7, 9: la ci ttà siede su se tte monti -
traddice addirittura a 17,16 ~col. 6 s.) Roma ' città dei sette colli ' è ' una d e-
17
può essere una reminiscenza <li qualche fìnzione qua si proverbiale ' b) L'i- •

raffigurazione di divinità sedute su ani- dentificazion e, comune nel tardo giu-


mali 14 , mentre è probabile che l'altro daismo1 8, di Bahilonia, simbolica poten-
19
particolare, quello della coppa tenuta za dcl male (col. 7 ), con Roma •

" Cfr. p . es. la ranìg urazione di Arti seduto tamen te esse sono p er il veggente potenze de-
sul leone in IJAAS, Lfrg. 9-rr LEIPOLOT ( 19 26) moniache, ma è ap punto caratteri stico dell'A-
fig . 146; altri e~;empi in LoHMEYER, Apok. pocalisse il co ncepire qu es to mo nd o e le for-
1 36. Più comun e è la rappres entazion e della ze che lo dominano come rea ltà diaboliche.
17
divinità in piedi sull 'animale, come in HAAS- Cosl LoHMEYER 140, che riporta anche le
LEIPOLDT figg. n7, 119, 121, 122 (Zeus di testimonianze relati ve. Che si tratti di un ar-
Doli che e va ri e d ee ); così pure in HAAs , Lfrg. gomento proban te è dimostrato proprio dal
5 7.immern (1925) ngg. J e 2 (di provenienzà fattu ch e lo stesso l.o hm cye r non può negare
hittita) e Lfrg . 9 - 1 r, p . XV b f e XVII a. in questo caso i! r if.::rimcnto a Ro ma .
Inoltre H. GuNKH, Schop/un g und Cbaos " Va oss erv .ito che bahel n ei profeti (e in
(1895) 36 5. tut to il g iudai smo ) indica se mpre ta n to la
15
Pe r quanto ri gu,ir,Ja un possibil e influsso ci tt à quan to il reg no di Babi lo ni a (la città
d ella cred e nza pPpobrc del Nero redivivus ria ssu tll c la pot enza del regno ). E sa ttamente
sul!' int erpretaziorn: della besti a d i rì , S ss ., allo stesso modo vie ne intesa 'Bab ilon ia ' =
dr. BmJSSET 4rr ss . Hom a nel tardo giud aismo . Ne i rabbi ni rromj
" Cosl int~rpret anu tu! ti gli eseget i rccenii, == 'Pw1nJ indica spesso addirittura non la cit-
tra nne il Lohmeyer, secondo il qual e il r ife- tà, ma l'impero romano. Cfr. Apoc. Bar. 67,7;
rim ento a Roma sarebbe imposs ibile in quan- Sih . 5, 143.159.
to sin 'Babiloni a ' s in ' la bestia' sono eviden- " I pass i dei r,1hh in i citati in STRACK-Bil.LER-
temen te poten ze s:lt:m ic!ie, non politiche. Ccr- B!.O; lII 8 16 e in olt re Num . r. 7 (verso la fi-
I 1 (l ,5f4) 06-àoç ( [J Schlin1 ( 1,) [ 5) 1l

2. Anche in I }Jc lr. 5, r3 (sa luto del- Rorna non p uo ormai esser più mcs~::i
la comunità cristiana Èv Ba~v>.wvL al- in dubbio 21.
Je chiese d ell 'Asia Minore) Babiloni a Ma se si accetta questa interpreta-
può esse re soltanto una d<.:signazione zione di Ba0u),r.0v in r Petr. 5,13 ~
simbolica di Roma. Le prove fonda- giocoforza accettare anche la dcJuzìone
mentali (oltre a quelle citate sopra) so- che da essa h a tratto log icamente lo
no: a. « il riferimento pressoché co- Schlatter 22: « Se Ba.Bu).. C:N si ri fe ri sce
stante di r Petr. 5,13 a Roma» nell'e- a Ro ma, bi sogna ammettere che non
20
segesi della chiesa antica • b. Il fatto solo Pietro attendeva la fine di Roma
che, mentre non si trova mai un accen- basandosi sulle profezie riguardanti Ba-
no ad un soggiorno o addirittura ad una bilonia, ma che tutt a la Chiesa, quella
attività missionaria di Pietro in terra romana e quella dell'Asia Minore, con-
di Babilonia, Ja storicità invece della divideva con lui questa interpretazione
sua permanenza (e del suo martirio) in dei testi profetici ».
K.G . Kmm

In senso proprio, indica la profondi- 13 p. 294 a 26) quanto del mare ( Barn
tà esteriore, materiale e precisamente 10,10), della sfera ultima (Philo , som .
a. la profondità di uno strato (os sia una I 21 ), dello spazio cosmico (Preisen-
quantità , una grandezza ), Mt.I 3,5: ·rijc; dam, Zauh. IV 575; 662 s.), dell'c10vG-
-y-fiç, Ios. , ant. 8,63; oppure la direzio- croç (Sap. rn,r9; E cclus gr. 24,5 ).
ne (ve rso il basso o verso l'alto), Ez. In se nso metafori co 06.Doc, indica p er
32,24 : dc; -yfjç ~6.iJoc,, L e. 5,4: dc, -cò lo p iù non solo la grandezza, ma anche
~O:Doc,, senza riguardo alla misura di l'arcano sconfinato e impenetrabile di
questa profondità . In questo senso ~6.­ un oggetto. In Plat ., T heaet. I 8 3 e;
iJoc, è spesso associato a vlj;oç: I s. 7 ' II: Plut. , Fab. Max. r (I i74 c) la parola
dc, ~6.iJoc, i) dc, ulj;oç, Diogn. 7 ,2, Corp. caratterizza genericamente l'uomo, men-
Herm . XI 20 b. Profondità come di- e
tre in Philo, poster. I 30; som. II 27 I
mensione del crwµa. o dello cr-rEpEOV e è riferita alla Èmcr-rl}µl], in ebr. r I 2
in particolare la dim ension e "'t"Ò 7tp6crDEv alla crocpla, in Orig., in Io. XX ro ,74
xa.1. -rò civnxElµEvov, Aristot. , cael. II alla ypa.cpl}, in Philo, so m. I 200 e'Orig.,
I p . 284 b 25, com e contrario della in Io . VI 58 , 2 97 alla tJ;uxl}; in Iudith
Èm7toÀ:fj gen. corr. II 2 p. 330 a r8 . 8,14, Iust. , dial. r21, 2 alla xa.pola..
~6.Doc, può quindi significare la profon-
dità spa~iale tanto della t erra ( cael. II Nel N .T . BaDoç (: u sato metaforica-

ne) a ss .; Midr. Ps. 121 (BUBER 507).


5, 2 21
ZAllN, op. cit.; H . LIETZMANN, Petr. u. Pls.
20
Einl.' II 1 7 ss. In due cod ici minu-
ZAllN, in Rom' ( 1 9 27 ). Per una visio ne complessiva
scoli ques ta interpretazione è penet rata ad- dr. ancora WINDISCll, Kuth . Br.' 82.
dirittura come glossa nel tes to. " Gesch. d. erst. Chr. 'o'
1 ;1lice dato d i fatto, ma com c una po·
mente -soltanto in r1fer111 1L·nto a Dio o
2
al mondo. Così in l<o111 1 1, 33 l'Apo- tcnza min ,1cn usa perché imp ene trabile.
stolo esalta la 'pru fu11di1;ì' della ric- In J<om 8,39 il ~ci.ìh:; è unto xr~n:;
chezza, della saggc1.1.a e tlt: lla scienz a di quanto ovva.ft~ç ccc. Il -rér;;:Jç stesso 2'.
Dio , che è i mpl'nct rabil e al l' uomo e avvertiro come una pot enza, e inversa-
agisce attraverso ' giucl:zi' e 'vie ' ine- mente nella gnosi 5
la potenza (Dio) ~
6
splorabili', rnrnu·c in I Cor. 2 ,rn si concepita come un -r6noç, . In Eph. 3,
7
parla delle ' profondità ' dell 'az ione di- I8 r;),ci-roc;, µi'jxoç, vlJ;oç, 06.Doç defi-
vina che è per sua natura nascosta al ni sco no metaforicamente la perfezione
mondo cd accessi bi le soltanto al 1tVEv- della x:Ài'jcnç o XÀl)povop.la celeste 8 ,
µa. -roù i>Eov. A queste profondità di- indicando sia le tre dimensioni (la terza
vine si contrappongono -rei Ba.i>Éa. -rov distinta in vl);oç, e Bci.ltoc;) sia le quattro
aa.-ra.v&. (Apoc. 2,24), note ai seguaci direzioni fondamentali o le altrettante
del libertini smo 4 • Un uso analogo d ella ripartizioni dello spazio cosm!Co
parola si trova nel linguaggio gnostico:
Tert., Val. r, lrcn . I 21 , 2, Hipp ., r('f. Cfr. Iren. cpid. r ,34: (Cristo ) «ab-
V 6,4: È1tExci),Ei:nxv Éau-roùc; yvwcn~­
br,1cc ia rutto il mondo, la sua ampiezza
e la sua lunghezza, la sua altezza e la
xoùc; cpciaxov-rEç, µ6vo~ -rei Bciìhi yww- sua profondità ... illumina le altezze
axn v. Ma ndla gnosi Dio e il suo Bci.- (ossia il cielo) e scende sino alle fon-
i>oc; vengono concepiti come es istenze; damenta della terra , distende le super-
fici dall'oriente all'occidente e guida le
perciò non solo si parla del 0ciì1oc; ctel
estensioni dal settentrione al mezzogior-
1trt.TllP (Orig., in Io. II 2,18; Hipp., . no ... » . l 1·en. V Iì,4'. ÉmÒELXvvwv -rò
ref. V 9, I), ma Dio stesso può esse re v~oç xa.i. [J Tjxoc; xa.i. n).ci-roc; xa.i. ~O:itoc;
identificato col Bci.Doc; (act. Thom. 143, Èv Éa.v-rc~ ... ( = -rei nÉpa.-ra. -r·~c; yijç,).
Preisendan z, Zaub !V 965 ss.: l'o'Lxoç
Hipp., re/. VI 30,ì ). Anche la ' profon- -rov i>Eov (ossia il itE6c; stesso) in forma
dità' opposta a Dio, quella del mondo, di cubo che tutto abbraccia rappresenta
è presentata nel N .T. non come un sem- la salvezza. Pist. soph. r 3 3: « percor-

ç5ciòoc; 24 ( 25 ) la parola ha un significato etico; in


' Se si eccettua 2 Cor. 8,2, cfr. \VINOISCl!, a.l. Porphyc, vit. Plot. 16, speculativo; in Mac.,
' P er la forma ellenistica di qu esto passo cfr. bomil. 8,1 (MPG 34, 528 e), mistico.
7
E. NoRDEN, Agnostos Th cos (19r .3i 243,3. Cfr. per qucsr.o passo DrnELIUS , Gefbr.;
3
Cfr. Apoc. Bar 14,8 ( r Clem. 40,1 ). A . DIETERICH Jbcb. f. Pbil. Suppi. XV1 (1888)
' Cfr. il sacra mento della CÌ.TtOÀ.trtpw:nç Ti dç 766, 802; REITZENSTE!N, Poim. 25 s.; E. PE-
"t"Ò f5ciòoc; xcnayovua w'.rrouc;, Iren. I 2I,2. TERSON Eiç 0E6ç (1926) 250 ,3.
' Cfr. C. ScHMIIJT, Gnostische Schriften in ' La ' eredità ' celes te è immaginata in forma
Koptischer Sprachc: T.U. 8 ( 1892) 336, 358. cll cubo proprio co me Li Gerusalemme celeste
6
r\nche altrove si parla dell a ' profondità' in di Apoc 21,t6, b. B. B. 75 b e la ÈxxÌ-.TJ:TllX.
vario modo secondo le diverse concezioni del celeste di H erm., V. 3,2,5.
'mondo' e dell 'accesso ad esso: in lii i 29 ,1 ' J. HEllN. Siebenzahl und Sabbath ( r9 07 )
~d.fr-ri indica una situazione infelicissima ( = 13 s., 76 s.; J LrwY , OLZ 26 (r923) 538 s.
-i:à. ~ciihJ -rTjç ì}aÀaacnJç, ljJ 68.>i; in Ecc!. 7,
I5 (1,516) ~ai %.> ( I. Schneider)

rere le region i dell a luce ... dall'es terno profondità ... e dalla lunghezza all'esten-
all'interno e dall'interno all 'esterno e sion e ... » (ibidem I 30, 1 48) 10
dall'alto <ll basso .. . e d all 'altezza alla
I I. Scw.1ER

(Salvw) à.va0w'.v1JJ,
xrrco:$a LV!JJ, p.E'm.(3o:lvw

((3m'. vw) stato un uso analogo Ji 0alvnv; Anth.


p al. XVI 6: ii OÈ <l>LÀl 7tTCO U o6t,a 1tcX~
La parola manca nel N.T. e in Filo- ÀLV tJElwv ayxt (3ÉSaxi:' fi'p6vwv.
ne, men tre ricorre due volte in Giu-
seppe, ant . r , 20: •ove;
(t,w (3alvov•aç civa.Sa,vw
àpETTjç IJ.EyciÀrw; 7tEpL(3ciÀÀEL auµ<po-
pa.i:ç, e ant. 19 , 220 : où Ticivu 'toi:ç 7tOO"Ì. J. Il significato primo del verbo è
~alvn V ouvci~LEVOV (Claudio). Nei LXX quello spaziale di salire d al basso all' al-
si legge solran to in quattro passi : D eut. to . Si sale su un a nave, su un cavallo,
28,56; Sap. 4A ; 18,16; 3 Mach. 6,3 I. su una montagna . Com e termine tecni-
Molto rara è anche nelle iscrizioni (Ditt., co geografico Ja parola indica poi il sa-
Syll. 3 540, 163) e n ei papiri (BGU IV li re daJ.1a pianura alla città posta in al-
II92,IO ). to 1, dalla costa verso l 'entroterra , dalla
Nel greco classico predomina il signi- foce del fiume con trocorrente , dalla
fi cato intran sitivo <li andare, cammina- strada aolla casa elevata sulla soglia o
re, allargare le gambe (cavalcare); e an- sui gradini, dall 'interno della casa alle
che Jj partire e arrivare, precedere 1• stanze superiori . L'oratore sale sul po-
Diverso è il significato che Salvnv dio ( EÌ.ç 'tÒ (3fjµa) oppure su un altro
assume nei tes ti cultuali della lettera- luogo elevato davanti alla folla (EÌ.ç
tura misterica . Nella liturgia di Mitra [È7tL] 'tÒ TIÀijitoç) ; l'accusato si presen-
(2 ,7) il verho indi ca l'ascesa mistica ta di fronte al tribun ale (dc; 'tÒ otxa-
dell'anima al cielo: omJJç Èyw µ6voç O"'tTJpLov) 2 . Talvolta civa(3alvnv è usa-
a.b)•Òç oùpavòv (3alvcJJ 2 • In questo sen- to con l'accusa tivo semplice. Del tutto
so però è usato qua si sempre il compo- analogo è l'uso di à:vaSalvw in senso
sto à:va(3alvELv. spaziale nei LXX, dove corrisponde qua-
1\nche nel lingu agg io profano è atte- si sempre ad 'àla ·1 .

18
Senza la formula completa in POGNON, l nscr. ~a.lvw o' Éç "0).uµitOV. Vedi anche l'epigram-
Sém. 48. ma attribuito erroneamente a Platon e, anth.
~a.ivw pal. VII 6 2: AlE'tÈ 1'.Lit"tE ~ÉP11xa.ç uitÈp ni-
1
~a.ivEw è usato anche in senso trans1t1vo: <1>ov; (cfr. Mithr. Liturf.1.. 220).
a) far and are {soltan to al fut. P-ficrw e all 'ao·
risto f P11cra.) ; b) montare (un animale). Ma civcxf3alvw
l'accezione transitiva è assente dal N . T. ed ' Esempi in Lrno1-:1.-Scorr e Mou1.T.-MrLL.,
ha scarsa importanza an che altrove. s. v. civa.f3a.lVELV. Cfr. inol tre Class. Philol. 22
2
Cfr. A. DI ETERICH - O. WEINR EICH, Mithr- (1 927) 240.
Liturg. 220: « L 'iniziato ai misteri di Mitra ' Cfr. W . S CHMrn, P hilol. Wochenschr. 46
quando ha raggiunto il grado dell 'aquila' cam- ( r 926) I)7.
mina' verso il cielo» . 3
Per l'uso di 'iilJ in senso spaziale cfr . GE·
J Cfr. Luc., Peregr. mort. 39: EÀrnov yiiv, SENIUS -B1Jlll., s.v.
;1o_i1;c0 ( L Schneidt:r)

Nel N.T. questa accc:r: ìonc di a\1cr.pcxl- ' sale ' ( àvi[hì) dalle acque dopo il bat·
vw è presente soprattutto negli ev an- tesimo , perché allora scende su di lui
ge li . Gesù sale sul mont e per sottrarsi
alla moltitudine o p er pregare ( M t . 5,
lo Spiri to Ji D io (i\It. 3,16; Mc. 1,10).
r; 14 ,2 3; 15,29 par.); ordina ai disce- In Le. 18, T o s à.vrxf3o:lvnv El.e; -rò Ì.Ep6v
poli di salire sulla barca (Mt r 4 , 22 significa andare al tempio; in questo si-
par.) ; sale con essi a Gerusalemme (Mt .
gnificato tecnico il verbo può essere
20,17 s. par). In Lc.2A è eletto di Giu-
seppe: àvif311 à;rcÒ Ti'jç I'o:À.~À.IXLO'.ç ÈX usato senza altra deter_m inazione, con
7t6).Ewç Nrx~rxpÈiJ dc; -r-i}v 'Iovlìrxlo:v dc; valore assoluto (lo . 1 2 , 20 ). Questa ac-
-rroÀLV L':.avElò. Coloro che vogliono por- cezione cultuale è particolarmente fre-
tare lo storpio a Gesù vi riescono àwi;.-
f36.v-rEc; ÈTI~ -rò owp.rx (Le. 5,19 ). Zac- quente nell'evangelo di Giovanni : à.va.-
cheo sale su un sicomoro ( à.vtf311 Ènl f3a.lvrn1 dç 'IEpoo-6Àuµa ( 2, 13 ; 5, r;
o-vxop.opÉrxv) per vedere Gesù (Le. 1 9, rr,55) 9 ; dç 'tllV Èop-r-fiv (7,8.10) 10 ; dç
4). La meta dcli' à.vrxf3rxlvE LV , anche
-rò Ì.Ep6v (1,14; dr. Act. 3,1) 11 • Anche
quando non è precisata , è facilmente
ricavabile dal contesto 4 • quando si legge che Paolo e gli altri
Sempre nell'accezione spaziale àvrx- apostoli 'salgono a Gerusalemme' 12 non
f3rxlvnv è usato nel N .T . anche con va- si tra tta di una semplice indicazione
lore intransitivo . ll seme sale, si innal-
geografica, perché in questo caso Geru-
za dalla terra , sotto forma di pianta;
(à.vif3110-rxv cxi, axo:viJ(.n , lvtt. 13 ,7 ; Mc. salemme significa la chiesa-madre, come
4,7.32). risulta evidente soprattutto da A ct. 18,
2. Molto più importante è l 'uso di 22: xrxì. xrxuÀ.itwv dç KrxLo-6.paav,
àvo:.f3o:.l vn v in rapporto alla sfera e agli ò.vo:f3àc; xo:ì. Ò.<rnrxo-6.~iEvoc; -r-i}v ÈxxÀ:r1-
atti del culto, uso nel quale i] N.T. con- o-lav, xo:'tEf3TJ dç 'Av-ri6xna.v. Natu-
5 6
corda con l'A .T. , con i LXX , e con ralmente all'origine di quest'accezione
7
la letteratura rabbinica . 'ald=rivo:f3a.l- tecnico-cultuale - che si presenta più
vE~V è infatti ' il verbo tecnico per in- netta e decisa quando il verbo è usato
dicare l'andata a Gerusalemme ' (Schlat- con valore assoluto - sta sempre il da-
tcr) e al tempio. to spaziale : i templi infatti sorgevano
Nella vita di Gesù ha importanza generalmente suUe alture, e G e rusalem-
fondamentale il momento in cui egli me in particolare è città santa posta sul

• Mc. 15 ,8 ; Act . 8,ll: J\p oc . 8,4; 9 ,2 . ~l)O"ClV dç 'tT)V TCOJ.LV <l>ç 7tpOO--X\JVTJO"O\l'tEç
' Cfr. GESEN 1us-llum, s 11_ 'ald . -i:Òv ÒEOV .
• (Jr. lfATUI · REDP. , .LV_ à v aBaL'JHV , 10
Il Blass propone dì espungere dc; --r'Ì)v fop-
7
Per l'uso rJbbìnico cfr. Sc 11LATTER, I\.omm. -i:-~v in lo. 7 ,8, seguendo la lezione di Chry-
,\fr 594; SCIILHTEK, Komm. Joh. 74 s. sost., minusc. 6q_ Lit. q (Rr.Ass -DEHKUNNER §
' Cfr. l:lCH II ( r 887) 375,1,14: ·-roùc; rivw 323,3).
zop.Évovç dç --rÒ tEpov; 379,2,9 : 'COÙC, aVLOV- " Cfr. los., ani. 12,164.362; 13,304; bell. 2,
'70.ç Èç --rÒ tEpOV. 340405; 6,285.
' Cfr. anche Ios., ant. q ,2 70; hf'I!. 2.40: t:ivl'.l'.- "Act. 11,2; 15, 2; 21,12 .1 5; 24 ,II; 25,r.9;
BaLVELv dc, 'Jt poc;6ì.'JI W:; ani . 20 ,164: 1ivé· C:al. 2 ,1 s.
(1 a~vw : I. Scl11: , 1<L r)

monte. ah han duna il t c 111 più e d i n 10 L 1 <l '.-l !r J l • •·


L ' impi ego d i ci v a~ai'.vnv com e ter- ni cea , al tcm p11 dcJb ccl e brd1.io1 1L· pri11 -
c ij><il t· de l rnlw mi -; ter irn viene ripm -
m ine del li ng uaggio cultua le è co n fer-
L!l ;t n e l ti:m pio s itLUt ll s u un ' alturJ
ma to anche da testimonianze cxt rabi- presso St ra to n icea . In sen so mi st ico
13
bli ch e. L o Ste inleitnc r h a rilevato che à va0aLvnv è usilto in P . O xy . ..p , 5 .
la posizion e e le va ta d ei luoghi di culto dovl: s i par L1 dclLt saiu ta rc en ergi a d i-
v in a c he s i ri ve rsa nel !' UO rrJ (ì : La"Lì)V
ha dato o rig in e a ll'u so d el verbo nel
qnÀi: O"E xaL civa 0ai'.vL Et'.r tv xc7.>ç -rQ <;Jt -
sen so di ' and are al tempio ' e che que- ÀorcoÀl-rn .
sto significato assu m e p o i un preciso
valore tecnico-rituale. 3. Il s upre m o à.va0a.Lvuv 0, nelb
sfera r elig ios a , l' a va0a. LvELV d c; 't'Òv où-
Così n elle iscri zio ni di Cnido: civa.-
0ai: 'Av·ny6vri 14 e ci[v]a.(0)a.i: µE-rà pav6v, espressio ne corri s pond i:n te all 'e-
-rwv lòlwv rcciv-rwv 15 • In una iscrizio- bra ico 'iild haH iim ajim : D eut. 30 , 12;
ne di Creta si legge: civa.0civ-m; Èr-l A m. 9 ,2 ; 2 Reg . 2, Ir. Cfr . 1 Sam . 2 .rn
-rov 0w116v -rfjç 'Ap·riiuooç -rfjç Arnxo-
'ala baHiimajim (LXX : xv pLoç à.vtBr1
cppurivfiç 16 • P o iché anche le vicinanze
d el lu ogo di c ulto sono s acre, I 'es.pres- d ç oùpavoùc;) ".
sion e ava0alvnv bd -rò xwplov vie ne Il motivo dell 'à.vaf;alvELV dç •ouç
ad assum e re un sig nifica to cultu ale 17 •
oùpavouç ricorre g ià n el di scor so tenu-
Si posso no ri co rdare ino ltre alcune te-
stim o nianze dc i p apiri. In P. Par. 49, to da Pietro il giorno d ella Pentecoste
34 si legge: Èà.v àvaW0 xciyw rcpoo-xv- (A ct . 2,34 ), dove a con fer m a d ell a re-
vfjo-a.L e in P . Par. 47 ,19 s.: 6 <r't'pa:n1- sur rezione e d e lla g lorificazion e di G e-
y òç àva0a. LVEL aUpLOV dç cÒ I:ap a.m~
s ù veng o no cita te le p arole di Ps. r r o,
fi v 18 . Ancor più el oquenti son o le t e-
stimoni anze de l culto cario di Panama- i. che no n essendos i avverat e in David
ro n e ll e iscrizioni d i P anamara 10 • Nella - oÙ yà.p ~aud o avÉ0ìl dç 't'OÙç oÙpa-
fes ta de i misteri di Co mirio in o no re di
vouç - p o ssono esse rsi co mpiute solo
Zeus si parla di un a cerimo nia chi am a-
ta Civoooç o civci0arnç •ou ikou 20 • L 'ef- in Gesti. L 'a rgo me ntazio ne ha fo rse un
fi g ie d el d io che in d e te rminati p e riodi acce n to pole mi co co ntro un a cert a e ~ e -

" F. S. S TE INLE ITN E R, Die Beicht im 7.uram- C fr. ino lt re I I. O rPF.R M .-\NN , !.<'llS J>una m11ros ,
m enhang mit der sakralen Rech tspfl ege in der RVV 1 9 ( r 92 4) 73- ì5·
A ntik e (D iss . l\fon chen 19 r 3) 4 r . 2() BCI I 15, L85 , nr . qo n . 15 s.; rL ,38 3 n r.
" C. T . NEWTON , A history o/ di.1coverìes at 3, ro ; 15 ,2 0 3, n r. 1 4 4 , 10. O . WEJ NREI CH (M i ·
J-lalirarnassus , Cnidus and Branchùlae ( r 862s .) thr. Litttrg 225) riferi sce l'espressio ne civÉPTJ
II 2 ,7 1 9 nr. 8 1,r9 . ZEÙç dç opoç XPVO"OUV ( 1Vl ithr Lilu rg. 20,13
15
I hidem 735 n r. 85. s.) al cu lto d i Panamaro per via dell a p aro lJ
16
DITT., Syll.3 685 ,26. a. ~1a. p a. ( 20 , r4) . L'OPPERMA NN (o p . cit . 207)
17
Cfr. STE TNLE!TNE R 40 e 4 r , che r ipor ta an- res pin ge questa inte rpretazi o ne spec ifica e in-
che altri esempi . tende in senso generico il µa sso della /vfit hr.
" Mo u 1.T.-M1 1. L. I 29 s. s.v. ù.va.Palvw riman- Liturg. per il fa tto che molti sa ntuari di Zeu;
d ano a Le. 18 ,ro co me pa rallelo. sorgevano su lle alture .
21
" Le iscr izio ni si tro va no in BC[{ rr (r887 ) S c 111. ATT ER , Komm . ]uh. 9 .l·
37 3 ss.; 12 (1888) 82 ss. ; r 5 ( 189 1) r 69 ss .
ffo:.'.v<» ( f . Sci 1nudn I

ges i rabbinici ch i.: rilcr1\'.t il Salmo 1 ro oét;a., il C r isto è, anche sulla terra, in
12
solo a David Scn111do Lu ca soltanto
. co n t inuo co ntatto con il cielo attraverso
Gesù - che è l'unico rn c ~sia - è stato gli a11gcli che ' salgono e sccn<lon o'
innalzato alla tkstra dcl Padre quale (dr. Ci'en. 28,12) e «sorreggono l'ope-
partecipe della sua gloria sovrana . È an- ra del figlio dell' uom o in ques to mon-
26 27
che probabile che con qu este afferma- do » ( 1,5 r) • Lo stesso concetto ri-
zioni la cristianità primitiva abbia vo- torna in Eph. 4,8-1 0, dove l'autore, in-
luto distinguere nettament e l'ascensio- terpretando in senso cristologico le pa·
ne gloriosa di Gesù dalle varie ' asce- role di Ps. 68,r9 che la tradizione rab-
28
se al cielo' dei campioni della fede che binica -riferiva a Mosé , identifica ' CO·
costituivano un terna prediletto dell'a- lui che è salito in alto ' ( ò à.va.(3ciç dç
pocalittica tardo-giudaica (dr. r Hen. •ò u~oç) con il Cristo che è disceso sul-
70-7 1, 2Hen., test.L.2-5; 4Bar; vis. Is. ; la terra e, compiuta la sua missione, è
vit. Ad. 2 5 ss.; Apoc. Ahr. 21 ) e che si risalito alla patria celeste. Come ha giu-
trasformeranno poi nel motivo, diffu so stamente osservato lo Schlier 29 à.vcx-
soprattutto negli ambienti gnostici 24 , (3cxlve:Lv e xcx . w.(3cxlve:LV sono termini
della peregrinazione celeste dell 'anima. tecn ici indicanti la di scesa del redento-
Grande importa nza assumono à.va.- re sulla terra e la wa ascensione dalla
(3a.lvav e il suo contrario xa.·w.(3cxlvc:Lv terra al cielo.
nella cristo logia del quarto evangelo. Il Le interrogaz ioni di Rom. 10,6s .: -rlç
Cristo giovanneo è disceso d al cielo - à.vcx0YiormL dc; 'tÒ\I oùpa.v6v; e 'tLç xcx-
per questo egli conosce le cose celesti 'ta.(3Tjcrnm dç 't'TJV a(3VCTO'O\I; che rie-
(3 ,I2 s.) 25 - e ri salirà al cielo,« dove cheggiano Deut. 30,1 r-14 e alcuni pas·
era già prima » (6 ,62), al Padre (20, si J ei sa lmi(~ 70,20; 106,26 e passim),
17). Come esse re celeste che ha ass un- sono probabilmente soltanto la veste re-
to la carne umana nascondendo la sua tor ica di un'espress ione proverb iale in-

21
N egli scritti rabbinici il salmo r ro è stato " Cfr. ScHLATT F.R, Ko mm. Joh. 93 s. e H. ODE·
inteso in senso messianico e anche d iversa- Hl'RG, Fourth Gospel ( r929) 72 ss.
mente, cfr. STRACK - IlILLERBECK IV 452 ss. " H. WrNDISCH, Angelophanien um d en
Exkurs: Dcr IIO. Psalm in der altra bbini.rchen Mc11schensohn auf Erd en, ZNW 30 ( r93r) 2 r5.
Literatur. Le interpretazioni mess ianiche si Cfr. JoACI!. }EREMIAS, Angclos 3 ( r928f30)
appuntano su l Messia o su David come colui 2 ss .; OornERG, Fourth Gospel .B ss .; H. E.
che inaugu ra il period o fin ale dell a sto ria del- \XIEBER , ' Eschato/ogie' und 'Mystik ' im N.
la salvezza . oppure sul periodo messianico T. ( 1930 ) 169.
prescindendo affatto d;1lla perso na del Mes- " Una co ncezio ne analoga è attestata in Mithr .
sia (Act. 2 , 34). Ved i g li esempi i n STRACK - Liturg. 6, I [: ot)JEL i'}Ela.v i'}fow, -couç T:OÀE•J~V­
B1LLERBECK IV 457s. ·m ç CÌ.va.~ttLVOVWç ELC, oÙpa.vÒv i)E~VC,, aÀ·
" Cfr. B oussET-GRE SS rvt .297 s. À.ov:; òf: xa. -m0a.ivov-ra.:;
24
Ampia docu mentazione in H.S c 111.1FR , Chri· " STRACK -BILLERBECK III 596 ss.
stus und die K. ircl:•c im E ph.-B1ùf ( r <no) r ss . '' Christus umi dir: Kirch e im Ep/J . Briei 3.
23 (1, 51y) ~o:lvc.J (I. Schnc idcr,l

30
dirnnte qualcosa di impossibile • L 'a- ne che le sue preghiere e le sue buone
postolo vuol <lire che i cristiani non azioni sono sa li te a Dio in ricordanza
hann o bisogno, come i g iude i che non ( à.vt~T}O'O:V dç f.LVl]f.LOO'UVO\J ff17tpoo-lkv
credono in Cristo, di cercare il Messia -i:ou itrnu ). Singolare è l ' espressione
n egli inferi o nel cielo, poiché la fede , àvt0ri b rì, TrJV xapolav di A ct. 7 ,2 3 35 ,
li as-
dalla qu ale sono stati giustificati, ricalcata sull'ebraico 'ii.la 'al-leb e ana-
sicura che egli è già venuto. Ma le pa- loga a quella di Le. 24,38 OLCÌ -i:l Òt.aÀo-
role cli Paolo adombrano naturalmente "(LO'fLOÌ, civa0rxlvoucnv Év TD xapòlq..
la di scesa fra gli uomini del Verbo pre- ùµwv;
esistente e la sua ri surrezione dai
morti. xa-i:a0alvw
ln Apoc. 4 , r l'invito: 'Avci0a woE r. La parola cost ituisce l 'esa tta anti-
segna l 'inizio d el rapimento profetico, tes i di à.va.0alvu) t a nto n ell'accezione
in cui il veggente attraverso una porta spaziale -geog rafica qu ando nel w ; :1ilìca-
to cultuale. Cfr. l'altare di JJ emet.:-it~
ch e si apre nei cieli può contemplare
di scendente ( ~ Y)fl1Fpi'.ou xa-ra.0ci-i:c:.i)
la sa la del trono celeste. Piut., Dcmctr, TO (I 893 d) [Klein-
Un cospicuo parallelo è costituito knecht]. N ei LXX xa-i:a0alvnv è per lo
dalla Liturgia di M i tra (10,22), dove pii'1 traduzio ne di jarad 1. L'uso dd ver-
si prom ette all 'ini zia to che vedrà attra- bo è sosta nzialmente identico nell'An-
verso le porte (del cielo) aperte il mon- tico e n el N.T.
d o d egli d èi e che il s uo spirito verrà I I verbo - che spesso indica la par-
rapito e tratto in alto dal piacere e dnlla tenza da Gerusalemme e dalla Palesti-
gioia di questa contemplazione 31•
na, è di uso normale come termine geo-
Il motivo d ell ' ascesa dç -i:ov ovpcx-
'Yév 32, ÈrcL -i:ov "OÀufHrnv 33 rico rre an- grafico, con valore assoluto (ossia sen-
che altro ve nella grecità profana 34 • za l'indicazion e della località verso la
ln A ct. 10.4 Cornelio a Cesarea ap- quale o dalla quale si discende )2. Si tro-
prende da un angelo apparsogli in visio- va usato inoltre in riferimento ai feno-

35
··• ClHÌ h. R. M. 94a; b. Git. 84a . Cfr. STRACK· Cfr. R uss- DEnR UNNER § 130,r e p. 29r.
BiuERBECK III 281; L1Erz1v1ANN, Rom. ,1 io,6. xa't'et.~m'.vw
·; W'7't'E Ò.7tÒ 't'Tjc; -roù ih::riiw.-roc; 11oovi'jc; xai ' Per i va ri significati di jarad cfr. GESENIUS-
-:Tjç_ xo:.pàç -r6 1tVELlf.Hi O"OV <Tuv-rpÉXELV xo:t BuHL, s. v. Per xcx-ra:~a~v Ew nei LXX cfr.
ù.va0o:lvEtv. HAT C JT. -Hl ~ IJI' . , S.V.
'' D io C. 59 ,rr,..i : Alovt6c; -rÉ -rtc; I'qt~vtoc; 1
I I vcrse1 to inkrpolato d~ Io . .5 ..+ in luogo
~O'JÌ,E•r.l)c; è'c; 't'E -ròv oùpavòv a.ù-ri]v (Dru- della preposizione sol ita Elc; presenta Év: xo:-
silla l civo:~cx ( vcu crnv xa.t -rote; Drnt:.:; cruyyL- 't'ÉpO:WEV f.v -rfJ xoÀu11P, r11lpq.. Cfr. B. C. H. r 5.
ì'VOf11' v1jv ÉrJ.JpctXÉVClL <0 [l0C1EV. 1x 5. nr. 130 n . r5 s .: •Ti ci.v6 ocf) •Ti Év -r<{)
" Parodistico Luci ano, lcaro mc11. 11: è;;;t -ròv lEp<~ (= dc; -rò ÌEp6v). Cfr. 0PPERMANN, Zeus
" Q),urmcv ci.vo:~cic;. JJ an11111aroI !. c . (~co l. r9 n. 19 ). In P. P '.1 r.
' ' C:fr. Porrh y;· ., aJ M are 2r xo:-:a.v::HFÉoV .p .ro ~1 k,ugc: Éà.v ... x1n:o:P,t'0crt ÈX-rÒc; "t'.)::Ì
-:;ÌN -:t~ t-;j't'6v crct -ròv •Tic; cpùcrEr>Jc; v6pov, ci.rcò r/.ç-- U )~c v .
6È "7 0Lr:c J riva..~a-rÉov EnL "': ÒV frELov.
1
25 (r ,; 20) (3a[vw ( I. Srhncidt:r)

meni naturali come la p10ggia, la tem- riro di Dio scendere su cli lui in forma
pesta , la grandine, il fuoco , che ' scen- di colomba (lo. 1,3 2). Il rito stesso del
dono ' dal cielo. batt esimo viene presentato in A ct . 8 ,38
co m e u n xcna.Balvnv dc; ('!Ò) tlòwp 7 • Il
2. NelJ.a sfera religiosa xa t"a.Sa.lvnv cont atto fra Gesì.1 e il mondo ce les te ~i
è per Jo più st rt'. ttamente connesso con attua attraverso H xat"a.0a.lvnv e l'àva.-
---:)> à.vet.SalvELV. Il quarto vangelo sot- 0a.lvnv degli angeli: Io . 1 ,51 (---:> col.
tolinea in vari passi (lo. 3, 13; 6, 3 3 22) . In Eph-4,9s. (xa'!tBri dc; -cà xa-cw-
ss. ), e soprattutto nelle autodefìnizio- "'t'Epa µipri t"fjc; yfjc;) la discesa del Re-
ni di Gesù , che il Figlio dell' uomo d entore sulla terra 8 è presentata con
è ò Éx -rou oùpavou xa.-ra~cic;, disce- la terminologia tipica della ca tabasi 9
;

so d al cielo per fare la volontà del xa-rci0a.o-Lc; è infatti il vocabolo t ecnico


3 10
Padre che lo ha mandato (6,J8) . An- indicante la discesa agli inferi •

che i doni che egli reca vengono dal


cielo e sono quindi fonte <li vita eter- 3. xet.'!a.0alvnv è usato, soprattutto
na. Gesù stesso si definisce come ò ap- n ell 'Apocal isse giovannea, in rifer ime n -
-roc; ò xcno:0Cl.c; Éx t"ou oùpavou 4
(6,4I to agli eventi esca tologici c h e hanno
s.). Chi mangia ques to 'pane di Dio' origine in ciclo e ' sce ndono ' sulla ter-
(6 ,33) partecira della vita stessa divina ra tra gli uo mini . Così in particolare
e perciò « no n muore , ma vive in eter- la parusia del Signore è una discesa
n o» (6,50 s. 58). Due sono infatti le ( xa·m~ 'iJo-na L, r Th ess. 4 ,16 ) d al cie-
proprietà del'autentico pane celeste: il lo e la nuo va Gerusalemme ' scende '
xat"a.0alvELV Éx t"Ou oùpavou e lo t;,w- dal cielo, da Dio, sulla terra (Apoc. 3 ,
'i]v ÒLOOWu -r0 x60-1.t41 5• 12; 21,2.10),

Secondo I ac. I, r 7 ogni d ono eccel-


4 . xa'!a0alvnv è usato in senso filo-
lente e perfetto viene (fon xa:ra.~ai:­
sofico da Hcraclitus, Ho m. alle g. 3:
vov) da Dio , padre dei lumi 6 . Al bat- oùò' dc; -cà. f.lVXLCt. '!fjç ÈXELVOU o-ocplac;
tesim o di G esù Giovanni vede lo Spi- xa.-ra0EB'iJxao-Lv. Filone parla dello spi-

Cfr. MouLT.-M11.L. 1V .324 s.1 1. xa-ra pa.lvw. 9, 16,46.


' Per l'uso alterno delle preposizio ni à7t6 (che ' Cfr . ScHLIER l.c. 3. Altri come p. es. \Y/.
esprime ge nericamente l'id ea <li allontanamen- BoussET, Kyrios Ch ristos' ( 1926) _305, inte n-
to) e Èx (fuori da) con il verbo xa't"apalvEL\I dono invece la di scesa agli infer i.
nel quarto cva ngelo giovanneo dr. Sc HLATTER , ' Sc HLT ER. op. cit. 4 n. 2.
10
K.om m. Joh i 75 . r lnEM, Komm. Mt. 268 . PAUl.Y-W.X (t91 9) 2359ss. (GA NSCll! N!ETZL
• Cfr. ScHLATTER, Komm. Joh. 176. Cfr. a nche anth. Pal. XI 2 3: E~ç àlOT]\I fLla.
' Cfr. Scm .ATTER, K.omm. Joh. 17_3. micn xa't"al0wnç. Cfr. anth. Pal. XI 92: xa.L
' Cfr. pe r qu esto DIBELIUS, Jk a 1,r7 e A. 7t spaç dc; à.lo11v xa-ra0a:;, e XI 274: m'Dç
MEYER, Das R"itsel des Jak.-Brie/es ( r 9:;o) xa't"É0m\IEV A oÀÀLCX\IOU \);vxli owiw 't"Ò <l>Ep ..
184,205 e passi m. cncpovT]ç; Pseud -Plut., v. poes. H om . i 26: E~ç
'Cfr. Barn. n .X. u ; IIerrn.mand . 4. 3 ,r; sim. q.oov xà't"ELOW.
Baì.o.6.it (K . C . Kuhn )

3
rito d isceso dal cielo 11 e d ella gioia che nell'accezione spaziale e so lt<rnto nei
sce nde d a l cielo s ulla terra 12 • Anche le testi giovannei in senso metaforico.
an ime che si rivc:stono dei corpi umani
Acce ttando con fed e la parola divina
prove ngo no dal cielo n.
l'uomo si sottr<1 e già nella sua esisten-
5. Infìn e xa:ra~at'.vnv è, al di fuori za terren a al dominio della morte ed
del N .T., w1 termine commerciale indi-
entra nel reg no della vita in staurato
cante la diminuzion e del potere d'ac-
qui sto della moneta. P. O xy . 1223 ,33 : d al Cristo . È questo il s~n so dell 'espres-
b ò),oY.OHt vo; vuv µv( ptrXO!J.lV) 0° fo- sione 11ntx0E0TJxÉvcn €x -rou ila:vchov
'tLV • xo:·t°E~T] ycip.
dc; -cÌ]v swfiv 4, che ricorre ·Ìn Io . 5 ,24
e r Io. 3,14. La morte di Gesù è pre-
sentata in lo. 13,1 come un passaggio
Il significato co rrente di µnaBa.lvw da ' qu es to mondo' al mondo celeste
è passare da un luogo all'altro e in par- d el Padre, ossia come un ritorno a quel-
1
ticolare cambiare abitazione ; nel par- la o6t;a in cui il V erbo s i trovava pri-
lare o nello scrivere passare da un ar- ma dell'incarnazione .
.~omento all'altro , da una circostanza
2
Un parall elo è costituito da Ditt .
all'altra. O.G .I .S. 4 _5 8,7: dç à-ruxÈç 1u::-ra:Sc:-
Nel N.T. la parola è u sa ta per lo più B11xòs axiìi.w 5• s
.I . CHNEIDER

TBaÀac.Cµ
1. La figura di Balaam è presentata lo e l'interesse d ella vicenda converge
nelJ'A.T. secondo due versioni comple- appunto sul fatto d ella benedizione,
tamente diverse. a) In Num. 22-24 (J e mentre Balaam appare soltanto come
E); Ios . 24,9-IO; .Mich. 6,5; analoga- uno strum ento della volontà di Dio
mente anche Deut . 23 , 5 - 6 (citato da senza merito o responsabilità persona-
Neh. 13,2) il re d ei Moabiti Balaq in- le. b) Dcl tutto diversa è la versione
vita Baìaam a maledire Israele, ma Dio di Num.p,16 (P): per consiglio di
ingiunge a Balaam di benedire il popo- Balaarn le donne di Madian (in Num.

11
rer. dw. ber. 274: ètvwitEv <b:' ovpavou Xa- ùa.xhv 11s·rn.0a.lvw; .
·m0 ò:ç è vcuç. 3
Mt. 8,34; r 1,1; 12,9; 1 5,29; Le. ro,7; lo. 7,
" Abr. 205 : xa.pò:v cbt' cùpo:vou xai:a0al- 3; J\rt . 18 ,7 N e i LXX solo in Sap. 7,27; 19,
va v bd i:-Ì")v yYjv . 19 e 2 iHach. 6,r.9.24.
u gig 12 ; sacr. A. C. 48. ' Anal0ga è l'e!< prcssionc Ji Sap. 7,2T (a-o-
µna0a~vw cp[a ) xa~ xa.:rà yEvEàç dc; tjJvxàç òo-laç !tE-
' P. Tcbt. 316, 20. 92; cfr. I.e. IO, 7; inoltre -m 0o.lvovcra.
mart. Polyc. 6,r. ' Cfr. anche t.mth . Pal.IX 378: xat xocµw [tE-
' P. es. Plat., Phaedr . 265 e; Crat. 438 a. Cfr . ·m0riç ( = tra n sgrcss us) ciì.).a.x6ih.
anche Barn . I 8 ' I : bd Éi:Epa.v yvc;Jow xat o'-
29 (1, 522) Ba).a.cip. (K. G. Kuhn) (I,522) JO

25,1 sì parla invece ddle donne di Mo- (Tanh H. blq 68 b; Num. r. 20 4 ; Ah.
ab) inducono gli Israeliti alla dissolu- 5,19 ' ). Le parole da lu i rivolte all'an-
gelo (Num 22, 34) sono false e bu-
tezza e all'abbandono di Jahvé per Baal
giarde e confermano che egli era ' em-
1
Fegor • In conseguenza di ciò Balaam pio sotto ogni riguardo' (Tanh B. hlq
viene ucciso nella spedizione punitiva 70 a). In Sanh. 10,2 Balaam è menzio-
contro i Mad ianiti (Nurn. yr ,8 = los. nato esplicita~ente fra coloro che non
appartengono al mondo futuro 6 . Anche
13,22). Filon e presenta la figura e la vicenda
2. Il tardo giudaismo vede nella nar- di Balaam sulla falsariga dei rabbini
razione di Num. 31,16 il nocciolo della (vit. Mos. I 264-300 ; migr. Abr. lIJ·
storia di Balaam e in base ad essa inter- 115) 7 . Invece Giuseppe (ant. 4,100-
preta la più antica versione di Num. 158) è singolarmente r ise rvato nel suo
2 2-24: Balaam è colui che ha spinto giudizio e non ha per Rilaam nessuna
I srae-le alla dissolutezza e alla idolatria parola di biasimo nemmeno quando ri-
(5. Num. 157 a 31 ,8 e 16; S. Num.131 ferisce il suo perfido consiglio (Num.
a 25,r con paralleli, Tanb B. blq 74 a; 31,16). Egli mette accuratamente in ri-
b. Sanh . 106 a2 ); è l'empio (T anh B blq lievo gli elementi favorevoli a Balaam ,
69 a [2 volte]; 70 a [più volte]; Ab. mentre tace quelli negativi 8 o li sbriga
5,19; b. Zeh. I 16 a e passim). Egli era con poche e insignificanti parole. Evi-
invidioso, pieno di astio come è scritto dentemente Giuseppe doveva avere in-
in Num. 24,2; superbo secondo Num. teresse a presentare Balaam nella luce
22, 13 \ avido secondo Num. 22, 18 migliore 9 .

BaÀ.aci!.t
\Y/. SMITH e H. \VACJ:, Dict. o/ Christ. Biogr1· u sato come pseudonimo di Gesù. Ma la con-
phy (1877 ss} I 239 s.; DAC I 127; Jew. gettura non regge ( cfr. n. II). Gli unici due
Enc. Il 466 ss.; EJ IV 790 ss.; inoltre i passi dcl.18 letteratura rabbinica in cui sotto il
commenti a 2 Pctr. 2,15 s.; luda e II; Apoc. nome di Balaam viene indicato probabilmente
2,14. Gesù sono b. Sanh. rn6 a nell'interpretazione
' Poiché in J e E alla vicenda di Balaam fa di Num. 24,25 data da R. Levi (sec. III d.C.)
seguito immediatamente la narrazione della e b. Sanh. io6 b nella discussione fra R. Ha-
di ssolutezza e dell'idolatria di Israele (Num . ninà (sec. III ,I.C.) e un eretico circa l'età di
25,1 ss.), si volle stabilire un rapporto intrin- Balaam (33 anni).
seco tra i due faui. Così è sorta probabilmen- • Questo concetto si ritrova anche in altri
te la versione P. (Jr. l'affermazione di Akibà passi. Per le versioni della storia di Balaam
relaiiva a Num. 25, r tS. Num. 131 all'inizio): date successivamente dai Rabbini dr. E J e
«Qualunque per icope che faccia seguito im- Jew. Enc., I.e. (passi principali: b. Sanh . io5-
mediatamen1 e a un 'a ltra dev'essere interpre- 106; TI!,. ]. I a Num. 22-24).
!ata sulla b<l se di quella» . 7
Cfr. s pec. migr. Abr. 113 : ò p.chmoc, Bo:-
2
STRACK-B11.1.ENBECK III 793. Ào:ci11 ... ci (nPTic, xCT.Ì. lmipa'toc,; ibid. rr 4 'tote,
' In questo passo Balaam dice infatti agli in- ycì.p 7tOÀE!tlo~c, qnicrì.v aÙ'tÒ'J f7tÌ. iucrfrçi cruv-
viati d.i Balaq: « Dio non mi ha permesso di -ra.xfrÉv'ta. µcivnv yEvÉcrfrm xa.xòv xa.xwv.
andare con voi» , ossi;1 mi permc!te soltanto " Così è taciuto il fotto che gli Israeliti ucci-
di andare c<Ìn persone pili importanti di voi. sero Balaam per punirlo della sua opera ne·
• STRACK-HILLERBECK Ili 771. fasta, mentre invece vengono desunti da Num .
5
A. GEIGER (Jiid Zcitschr. Wiss. urid Leben 31 ,8 e riferiti i nomi dei cinque re dei Madia-
6 [1868] v-~ 7) ha formulato l'ipotesi (segui· niti uccisi (ant. 4,161)!
9
ta anche da SrnACK-BII.LEllBECK IV 1218 in- È da escludere infatti che egli non conosces-
dice s.v) che in ilb. 5,19 il nome Ralaam sia se la valutazione tardo-giudaica di Balaam at-
3r (1.5 2 3) P,aU.a:v-nov (K. H. RL·n1;s1or! J (r ,523) F·

12
3. Il cristianesimo ha accolto in pie- glianza consiste . secondo ludae r r (e
no l'interpretazione tardo-giudaica (fì- 2 Petr. 2 ,r 5), nel fatto che tanto Ba-
loniana e rabbinica) di Balaam. In 2 laam quanto gli gnostici svolgono la
Petr. 2,15; Iudae l r; Apoc. 2,14 Ba- loro nefasta attività per bramosia di
13
laam è visto come la prefigurazione ve- denaro e di ricompensa . 2 Petr. 2,r6

terotestamentaria degli gnostici liberti- vede nell'episodio di Num. 22,22-33 la


10
nisti - i Nicolaiti dell'Apocalisse - dimostrazione dell'empietà di Balaam
che minacciano l'unità delle chiese con (per dedurne implicitamente che anche
le loro false dottrine. Come Balaam tra- i maestri dell'errore somiglianti a lui
viò gli Israeliti con il suo consiglio, al- sono empi). Il fatto che in qualche ca-
lo stesso modo i Nicolaiti spingono le so (come in I udae II) l'esempio ammo-
comunità cristiane all'idolatria, incitan- nitore di Balaam sia semplicemente ac-
do a mangiare gli idolotiti e alla licen- cennato senza essere svolto dimostra
za u Così Apoc. 2, r 4 puntualizza la che esso era per la polemica cristiana
fondamentale affinità fra Balaam e gli un termine di confronto abituale e
gnostici. Un altro elemento di somi- scontato.
K. G. Ku11N

t ~a.À.À.av·nov (~ 7tTJpa)

La grafia è oscillante già nell'anti- ~o:À.avnov, ma l'uso preferisce ~cù­


1
chità Trattandosi di un deverbale di
• À.av·nov. È significativo che le due gra-
~cD.À.w, la forma più corretta sarebbe fie possano anche coesistere nella tra-

testata da Filone e dai Rabbini e sostanzial· oa.xli Ba.),a.ci.11 Apoc. 2,14 è da confrontare
mente presente già in P (Num. 31,16). Con con Ab. 5,19 talmidàw iel-bil'àm, 'i disce-
le parole singolari che concludono la storia poli di Balaam' = uomini che si comportano
di Balaam in ant. 4,158 (xaL -ra\i-ra µÈv wc, come Balaam, in contrasto con talmidiiw Je{.
élv a.u-roi:ç -rL<n òoxn ov-i:w crxo7tEl -rwcrcr.v) 'abrtlham = uomini dall'indole simile a quella
Giuseppe sembra quasi chiedere scusa a colo· di Abramo. È fuori luogo inferire da lìLlìa.xTi
ro che dissentissero dalla sua versione del- l'esistenza di una setta di 'balaamiti '.
l'antica vicenda. 12
La nÀavT] -rov Ba.Àaaµ in questo passo
'° Certamente il nome viene da un NLx6Àa.oc,, equivale naturalmente al O~Oacrxnv qJayEL\I
che essi consideravano il fondatore della loro dow).Mu-i:a xaL 7topvEiicrm di Apoc. 2,14.
setta. B da escludere che NLXOÀaoç possa es- Il Cfr. È7tl iLLCTì)l!), Philo, migr. Abr. rr4 (--'?

sere la traduzione di bala' 'iim secondo J'etim:}- n. ìl. Contrariamente a quanto afferma il
1ogia popolare che faceva derivare la parola \X'rNDISCH a Iudae rr, l'accenno a Balaam non
da baia' 'am ('divoratore del popolo', h. Sanh. è in rapporto col disprezzo degli angeli osten-
I05 a). Cfr. R. KNOPF, Das nachapostolischc tato dagli gnostici (Iudae 8).
Z eitalt er (ì905) , 293 n. 1 ; A. v. HARNACK:
Journal of Rcligion 3 (1923), 41 _3 ss. (fonti e 0a).ì.a V't~OV
bibliografia sui 'Nicolaiti '). ' Sul pro bl ema dcll'ortogralìa dr. Thes. Ste·
11
nopv EvcraL in Apoc. 2,14 va inteso letteral- ph. s.v.; BtA S S-DEBRUNNER § 11,2; HELBING
mente e non come allusione a ' tendenze sin· 15 s.; \X'1NER· SCHMIEDEL 55 n. 51; LrnDEL·
cretistiche' (così LOHMEYER, Apok. 20). OL· ScoTT 304 .
r~u.i. i.ti'.1-::~ ~-, (K . H. Rcn gs 1c>1 I 1 (r.<;q ) _H

di z ione testuale come p . es. in Telecli- la borsa dc:! d e naro ( blntj' ) ».


dc 4 r (C.A.F. I 2 r9) oppure anche in
!o h 14 , 17 LXX (B: iv i') a ì, a.v T l~; SA: Nel NT. P,a.(À)À.ci.vnov ri corre quat-
Èv 0 r.ù).a.v-c·lr:o> ) e ne i tre pa s5i neote- tro volte in L e. ( 10,4: r2 ,33 ; 22, 35 s.)
s tamentari (L e. J 0 ,4 ; 12.3 3; 22 , 35 s.), e se mpre nel significato pregnante, L.1 -
d ove però la lezione P,aìJ.ci.v-nov è so-
miliare an che all'ellenismo giudaico, di
stenuta <lai ma11o snitti più antichi èd
importanti (tra gli altr i SA B D). borsa dcl denaro 7 . Fra questi passi si
La parola , attes tata per la prim a vol- stacca I0,4, dove la raccomandazione di
ta in Epicarmu rn (scc . V a.C.) , indi-· Gesì_1 ai Settanta (~É0òoµ1)xov 7a) i:i
2

ca sempre 3 la tasca o la borsa e in par- proci n to di partire per la loro missio-


ticolare la borsa del denaro con (Ari-
ne (µ Ti (3a.O'-cci.l:;pE (3a).Àci.v-cLov) col! i·
stoph ., eq. T r 97: ripyuplou f3aì...ì...ci.v-
-cw.) o senza nggi unta espli cativa (così ma sostanzialmente con l'ammonimen·
Telecl . 4 r: Èx paÀÀa.v-clou ~e pasrim). to rivolto ai Dodi('i in occasione di una
La SuiJa infatti spiega f3aÀÀci.v-rwv analoga parten za mis sionaria, ch e in
con [trXpcnnG:;, e ciò trova conferma
nell e seguenti \':iriami di J:'cclus gr.
Mt . ro,9 suona: p.'ÌJ x71)o-ao-DE XPVO-G'J
18,3 3: Èv r:la.À), o:v-clr{l (S e "), Èv ~wp­ µT)ÒÈ apyvpoV !HJÒÈ XtXÀ:x.Òv dç -cÒ:.ç
C1ln7tw (J\C), Èv µa.pcn;i;rrlcp ( S1' R). Nei swvaç ùµwv, e in /\Ife. 6,8 : µi) ELç -ri)v
LXX f3cx.(), ) Ì. riv-c~ov ricorre sci volte (di swv11v xcxÀx6v, mentre Le. 9,3 ha sol-
cui Toh l, r 4 ; 8 , 2 solo in S ), e precisa-
mente in !oh 14, r 7 come traduzione di tanto p,TJ'tE àpyùptov 8 • In entrambi i
s"rrj r , e in fJrov. r,r4 di ki.r 5, parola casi viene imposta la totale rinuncia a
che nel tardo gi udai smo indica comu- quella somma pii'1 o meno cospicua dj
nemente la horsa d cl denaro 6 . In que-
denaro che ogni viaggintore suol por-
sta accezione r~a. ( À )ÀaV'tLOV si trova an-
che in Fi ìonc, l os. :i8o (f3cxÀci.vnov ù1t6- tare con sé per ogni evenienza 9 ; 111 :1
!1Eu,ov Ùpyvpi'.ov ); 207 ( TTJV -cq1i)v [il mentre Mt. e Mc. alludono all'usanz a
prezzo ] Èv BaÀav-ci'.oLç xa-caDEt:vcxL); comune di legare le monete nella cin-
man ca invece in Giuseppe. R icorre una
tura che se rve a fermare la sopra\' -
volt <! co me imprestito straniero in s.
10
l. cu . ro9c e, a 25 ,3 9 : « ... che egli non veste , Le. presuppone invece il pos-
ti segua (co n uno schiavo) portandoti sesso di una borsa apposita, forse per-

' cc r 1 r p. 9 2 K.~rnEL . cezione diversa e specifica, derivata d:i qu el Li


3
L'un ica eccezione è costituit a da un gioco fondame ntale di ' borsa '.
d i parole di Dion is io il Vecchio riferito da ; Il diretto accostamento di 0a:ÀÀriv't•.:iv e
i\thc·n . III 98 d ( f p. 226 KArn EL J, in cui ~ rti'Jpc.t in IOA esclude la sinonimia dei due
a
0 a. f. V 't LO \I v iene a significare gia11e!lot/O vocaboli ed è importante anche per de termi -
( rix 6v-rcov) iht Èvav"tlov 06..ÀÀna.L. nare il preciso significato di 7tYJpa .
' Cfr. per il rcs ro Ko cK al. ' KLO S TERMA1' N, Lk., a.!.
5
kìs , che in questo caso significa general- ' Cfr. p. es. l 'espress ione Éx0aÀwv &vo iì 11-
mente ho rsa, è reso dai LXX tal volta con iw:p- v<ipca:, che serondo Thes. Stt:ph. II n (DI N·
a~-;i:;i;iov, mmc in Is. 46,6, dove il significato noRF) presuppone il possesso e l'uso di uri
i: chiaramente 'borsa dcl denaro'. BaU.a nLov .
• No n so no da pre nd ere in considerazione pas- '° Cfr. i passi relati vi in STRACJ..:· B!LLrnHECK
si rnmc Bek. 6.6. d11\'e kìs è usa to in un'ac- f )!;.+ s. , do ve- il B ill L" rl H:rk fa an che osservare
35ri ,524) ~r.ùì.10 (F.11.llllk)

ché egli era abituato a portare som- ri sol utament e staccarsi (col. 33 s. ). Cer-
me più forti o for se perché la borsa t amente a questo principio è ispit·ato
del denaro faceva parte del corredo il passo di T2,33, mentre 22,35 si ri-
di ogni borghese benestante e ra ppre- chia ma alla situaz io ne di IOA pur pro-
sentava quindi gli agi fin anziari del- spettando il diverso at teggi am ento che
la vita borghese, dai quali - secondo l'imm inente mort e del Signore impone
un princip io più volte affermato negli ai discepoli.
11
scritti di Luca - i discepoli dovevano K. H . RENGSTORF

tarsi: dc, vnvov, cadere nel sonno,


Eur., Cyc. 574 .
a) In senso transiti vo indica il moto Nei LXX 0ciÀ).,nv t raduce npl nella
violento 1 d el gettare o dcl colpire; p. forma hif'il: xÀ.'i}povc;, r Bo:cr. 14,42; ~
es. 0D.oc;, H orn., Od. 9A95; cnt6pov, 21,19; Jlk anch'esso in forma hif'il:
Theocr. 25 ,r6; x6npw., P. Oxy. 934.9 ; Eccl.3 ,5; Is. 19 ,8; 2 Chr.26,15; fr37,
xÀ.l'Jpovc;, Ios., ant. 6 ,6r; òpyiìv E7tÌ. TfJ V 33; Ioh 38,6: ÀliTov ywwx~ov.
yfjv, Ios., ant. r, 98; ct.và f'çw yTic;,
Soph., O ed tyr. 622; dc; cpvÀo:x-i}v, Nel N.T. 06.À.À.nv è usato anzitutto
Epict. , diss. I r ,24. Nel linguaggio fa- nel significato transitivo di gettare. a)
miliare, scaraventare: dc; x6prxxac;, Ari-
stoph., vesp. 835; crcpci.c; o:Ùcoùc; ànò
P . es. Mt . 4, 18 3 : ci~rcpl~À.'f)O"-rpov dç
-rwv òwµ.a:rr...Jv =gettarsi giù, Ios., bel!. il&..Ào:rmo:v; Mt 17,27: ètyxtcri:pov; Mc.
4 ,28; dc; (-ròv ìh1cro:up6v), Ios., ant. 9, 4,26: cr11:6pov; Mc. 15,24: xÀ.fjpov; A-
163. Al pass ivo: 0E0Ànµtvoc; rcpò -rwv poc. 6, r 3: perdere i frutti. Sovente è
;roòwv, Ios. bell. 1,629 . b) PorfaYe, col-
usato in relazione all'idea del giudizio
locare, versare in un det erminato luo-
go: oì:vov ... dc; nUTov, Epict. diss IV per indicare la sorte dei reprobi che
13 ,12; ÈvÌ. 1Jvµr{J 0aÀÀELV, mettere un vengono ' gettati ' nel luogo di danna-
pensiero nel cuore (Horn., Od. I ,20 r ). zione (dç nvp, Mt. 3 , 10; I3,42; dc; yÉ-
Al medio: xpnnt:òo: (la pietra basale),
Pind., Pyth. 7 A (dr. fundamenta iace- f.VVr:J..V 5 , 2 9 par.~ ed ' esclusi ' dalla co-
4
re ). c) con signifìcato intransitivo i get- munità degli eletti • In Mt. 18,9 par.

che « la cinrurn mol to spesso cr:i chiamara 1


HADEKMACHER 23; H . LJUNGVJK, Studien z.
addirittura pumd', pwndh, oppu re 'pumdh, Sprache d. apokryphcn Apostelgeschichten
os!"ia f unda := horsa del denaro. (1926) 77 s.
" Cfr., oltre alle parole di esplicita conda nn a 3
Nel passo parall elo di Aie. 1 ,16 si legge
dell2 ri cchezza, soprattu tto 12,13 ss., cd an- à.fHPt0aÀÀELV sen za complemento oggetto.
che A ct. 2,4.5 s.; ,1,34 ss. ; 5,1 ss. • Mt. 5,13 par.; 13,48; Le. 14,35; Io. 15,6. In
06.D,w questi casi ~6:ÀÀnv è accompagnato dall'a v-
'L'appa ssionato libro dell'Apocalisse usa ~rD.,· \·erbio if~ w ed ha il significa to di ~ Èx-
ì.,nv ben 26 vo lte. ~ci.ì.ì,wJ .
~ciD.w (F. Ifouck )

f3ci.ÀE ànò aov indica il den so distacco (dove si allude al ripudio cli lll1 ragio-
da ciò che costituisce occasione di pec- namento precedente). b) Mandar fuo-
ri, senza l ' idea di violenza, P . Ryl.
cato .
80 , 1 (scc. I d .C.): ùopoq.ivÀaxcxç ; con·
Per l'uso del verbo al pass ivo nel si- dur fuori, liberare: Ex. "tijç q.iuÀrxxijc; 1 ;
gnificato di giacere ammalato (Mt. 8,6. acrantanare: -cò ci.va.yvr.0a-itÈv òcivnov
r4) dr. T.Ket.4 ,15: hjh hwlh mw!f Mittei s-Wilcken nr. 372 col. 6,23 (sec.
bmjth, ed altri passi 5 . II d.C.); lasciar pro ~ompere dall'inter-
no: òcixpua. , Horn., Od. 19 ,3 62.
Inoltre anche nel N .T. BaÀÀm1 può Nei LXX ÉxSciÀÀnv nel senso di scac-
avere il significato b ), ossia porre, met- ciare è qua si sempre traduzione di gr.f:
Gen.3,24; Ex.6,r; Lev.21,7 (yuvai:-
tere in un luogo : Mc. 2,22 par.: il vi-
:x.a.); Iud. 6,9; Prov. 22 , rn (Èx rruvt.opl-
no negli otri; Mc. 7,3y il dito negli ou); ma rende anche Hk nella forma
orecchi; Io. 20,25: il dito nella piaga; hif'il: Is. 2,20 (0oEÀVyµa-ca) e jrs, pu-
Io. 13,2: un pensiero nel cuore. Per re all 'hif'il, nel senso di privare del
possesso: Ex. 34,24 (-clX Ellvl)); Deut.
l'espressione EÌ.pYJVlJV oppure p.axcupa.v 11,23 ecc.
BciÀÀnv dç -cljv yfjv dr. il rabbinico
N el N.T. ÉxSciÀÀw; significa anzi-
htjl slwm (AI Ex. 20 ,25; 5. Num. 16 a
tutto l. scacciare, espellere, specialmen-
5,23; 42a 6,26).
te i demoni che si in sediano nell'uomo
Con valore intransitivo (cfr. e) Bci:À-
come in una 'casa ' (Mt. 12,44) che
Ànv indica lo scatenarsi della tempesta
non è loro (Mc. l,34-43; 3,15.22 s.; 9,
in Act. 27,14.
38 e passim). Per allontanare i demoni
hBciÀÀw si usava nell 'antichità invocare il nome
di uno spirito superiore oppure - spe-
a) Scacciare, espellere, escludere. P.
es . i nemici invasori (Demosth. 60,8 ), cialmente nel giudaismo dell'epoca di
gli occupanti di una città (Thuc. II 68, Gesù - si ricorreva ad un complesso
6 ), i demoni ( cfr. Preisendanz, Zaub. apparato di formule e azioni esorcisti-
IV r 2 2 7: npéi~LS yt.vva.fa txBaÀÀoucm
che 2 quando non bastava (come nel ca-
oa.lr1ova.ç). In P. Oxy. I 104,17 è det-
to dell'esclusione di qualcuno da casa; so di R. Shimeon) 3 una semplice inti-
À6youç è l'oggetto in Plat., Crito 46 b mazione. Gesì1 4 concepisce gl i ' spiriti

' ScHLATT E R, Komm. Mt . 274. :Hedi:àn im N.T . 1111d i111 Tal mud (1903),
txPciì..ì..!JJ 173 ss .; A. ]IRK U, Die Dlim o11en und ihre
I Map-ru pwv -i-'Ì)ç aylac; A[xa·nplvac; 18 p. A h 1cchr im A.T. (1912), .p ~s.; J. T.~MBOR·
17 VITEAU ; D. T.~B .~ c novn z, Sp,-achl. 1111d NINO , Dc an tiquorum 1lc1c111011isl?io R.V.V. VII
textkrit. S111dien w r Cbronik dcs Tbr>ophanes 3 (1909) 9 ss . 16 s.
3
Con/eJSor (Urpsala 1926) ,i; Wie n. Stud. Me' i/a 17 h: Egli disse: Ben Tdarnjon, esci
xx (1898) 159. (se'), Ben T elam jon' ( STRA CK-BI LLE NHECK IV
' Cfr. per es. Jos ., ani . 8,.t 5 ss. J\lrr c notizie 534 s ).
in STRACK ·BJl.l.ERBECK IV 50 1-5;5 sull 'antica • O. BAl'FP-NFEIND, Die :111rtreibu11g der Da-
demonologia giu dai ca, spcc 5l' ss .; RE 3 IV mo111·n in1 M!:. -E11. ( r926) ; \Y!. GRUNDMANN,
411 '-S. s. \'. TJ:il/lonischt•; \V . EB s TETN, Die Dcr /; c~ rilj d. Kraft i. d. nt. lichen Gedan"
(1,526) 40

impuri ' in manier;1 che non si disco sta 9A7 ), l' escfusirme da una comunità
dalle idee del suo tempo, ma respinge per t.'.S. ad opera dei G iudei che scaccia-
tutto l'apparato esorcistico giudaico ed no chi crede in Cristo (lo. 9 ,34s .) 6 , al
espelle i demoni con la sola sua parola contrario di Gesù, che non respinge
(Mt. 8,16), in virtt1 di un potere asso- invece nessuno che venga a lui man-
luto e divino (Le. l l ,20) 5, al quale es- dato dal Padre (Io. 6 ,3 7) 7 , È riferito
si non possono resistere (Mc. 1 ,27 ). inoltre al <pLÀo;i;pw-rEvt0v .6.w-rptcp11ç (J
L'impero sulle potenze demoniache ol- Io. ro), che scaccia i fratelli dalla chie-
tre a manifestare la trascendenza di Ge- sa, e ai persecutori che proscrivono il
sù acquista un significato tutto parti- nome cristiano (Le. 6,22) .
colare in quanto dimostra che il regno
3. Inviare 8, Mt. 9,}8 par.: Èpychaç
di Dio è cominciato (Mt. l 2 , 28 ) . Per dc; -rov i}EpLo-r..t6v; lo. l0,4; Iac. 2,25;
Gesù infatti la guarigione degli inde- Act. 16,3 7= far uscire; Mc. 1, 12: spin-
moniati è strettamente connessa con gere; Mt. 7A s. par. : cavare (xci.p<poç,
l'annunzio del regno; perciò è anche 8ox6v); Mt. 12,35; 13 ,52; Le. ro,35:
togliere; Mt. 12 ,20: dç vi:xoç, condur-
uno degli incarichi missionari che egli re alla vittoria; Apoc. II ,2: tralasciare,
affida agli apostoli (Mt. ro,1-8 ~ cbt6- lasciar da parte. AI passivo in Mt. lJ,
0""toÀoç). Nell'accusa mossagli dagli av- r; : esse re espulso dç à.<pEÒpwva.
versari, di scacciare i demoni in virtù
tm06.)J.w
di un potere anch'esso diabolico (Èv 't'(}l
a) Trans. : gettare addosso (x).., a~vav) ,
BEEÀ~ESovÀ, Mt. 12 ,24; 9,34), egli ve- Hom, Od r4,520; mettere addosso:
d e una distorsione blasfema della san- (X E~pcx), Aesch., Ca:ph. 395; (xEi:p6:ç
ta battaglia in cui si afferma il regno 't'LVL), Aristoph., Lys. 440; aggiungere:
di Dio (Mt. 12,22 ss. 31). Il potere vit· (yéJ),a tnl 'to v8wp), Theophr ., Ign-49·
h) In trans.: gettarsi su qualche cosa,
torioso di Gesù sui demoni si riflette Horn ., Od. 15 ,29 7 ; bd0aÀEv 't'EpnlsE-
negli esorcismi che vengono ben pre- Lv, Diog. L. VI 27; tm0aÀwv o-uvÉxw-
sto praticati nel suo ' nome ' (Mc. 9 , O"EV, P. Tcbt. 50 ,12 ; in senso ostile si-
gnifica penetrare, Diod. S. XVII 64,3.
38; 16,17 --+ ovop.a) .
Significa ancora dedicarsi a una causa ,
Nel N.T. hScDJ.. Eiv è usato inol-
2. D iod. S. XX 43 ,6; prendere la parola:
f:m1ja).c;;v EcpiJ, Polyb . I 80 ,1; ap par-
tre per indicare il ripudio della moglie
tenere: -rò Èm06..ÀÀov set. 1iEpoç, Hdt.
o della concubina (Gal. 4 ,30; cfr . Gen. IV i 15; i:ov Èm0ci.ÀÀ.ov'toç i:1~ ò:oEÀcp0
21, ro), l'atto di cavare un occhio (Mc. p,épouç ol,xlo:ç, P. Flor. 50, roo (sec.

krnwelt (1932) , spcc. 45 ss., 54 s., (,6 s. so in G iu\·ann i: dal luogo d cl giud iz io; dal-
5
Èv OGtX<uÀcp ilrnu, certamente più an ti co di la rnmun it à giudaica; dr. 9, 2 2.
lv!t. r 2,28, dove lo s tesso concetto è es pres- ; rn entramb i i passi lx~ riÀ),av è u sa to in
so, in form:i pi(1 spiritualizzarn, con Èv r:vsu- scmo assoluto e rafforzato con i:'!:,w.
!t Gt·n frEou. 8 C:fr. L Li iFS TFDT, Sv!/!/lu!,1e philog D a·
' Si può intendere in du e mod i . come spe s- niefJ .i O!i ( fC) )2 ) l/ 9 SS.
4' {l 526)

Il 1 d.C.). Esprcs~ionc giuridica corren- ostile e violento (Afr. 14 , ~6 par., Act.


te. e) Medio: des!(frrare ardentemente, 4,3; 5,18). Il quarto Vangelo fa vedere
Hom., Il. 6,68; Ìlllraprendere, Tbuc.
come la violenza dci Giudei contro Ge-
VJ 40,2.
Nei LXX Èr.L~aU.. rn.1 rende la forma sù non si traduce in atto finché la sua
hif'il di npl ( Gcn . 2,2 L) e di slk (\)J 107' ora non è venuta (/o. 7 ,30-44). Il ver-
IO , variante), CUl11C pure Ja radice sf~ bo designa anche l'atto di metter mano
(Deut 12,7.18; ls. i1,14), nS' (Gen.
all'opera (Le. 9,62), o di porre una
39,7), ntn (Ex. /A), prl (Num. 4,6 s.).
L11a-nov .l'wm (Lr:v. ro,r), Num. 16,18 pezza sull'abito (Mt. 9,16 par.) .
ùv~ti'.a.1.w.. ecc. Con valore intransitivo significa ab-
Nel N. T. la parola usata in senso battersi su qualche cosa (Mc . 4 ,37: xu-
transitivo (a) indica il moto vivace e 1ww.). Così anche Mc. 14,72 : Èm~a­
anche violento del gettare in alto e ad- Àw'V f:xÀcnEv, scoppiò a piangere ama-
dosso (.1 Cor. 7,35: 0p6xov), e special- ramente 1 • In Le. 15,12 è detto della
mente il gesto di chi afferra in modo porzione di eredità che spetta per legge.

F. HAUCK

o , B ')'
!JG<.TC1:t0, , O:TCl:Lc,(0, ,
BCXJ.'t'LO'{.tOc:;,
,
Bci.TI-ni7p.a, 0an-rw"t"/ic:;

lorata, ant. 3,129; P. Par. 52,ro; 53,5


(163/2 a.Cr.): Sarmi =
vestiti dico-
A. SIGNIFICATO LESSICALE DT 0cb::-rw lore.
E 0a.nTlsw La forma intensiva 0a.n-rlt;w appare
nel significato di immergere (transitivo)
0cbn w significa imme~gere, som- fin da Ippocrate, in Platone e soprat-
mergere (transitivo): Horn., Od 9,392; tutto negli autori seriori.
Aesch., Prom.863: Èv crcpa.yo:.~aw 0al)Ja.- a) I n s e n s o p r o p rio : tran-
c::a. ~i'.cpoc:;; tingere, in Flavio Giuseppe sitivo San-rli:;,nv -rò crx6.cpoc; = a/fonda-
soltanto in questo signilìcato, bel!. 4, re la nave, Flav. Ios., bel!. 3,368; ò
563; ant. _3,ICl2; 0a1.tJJ.O:. = stoffa co- xM8(0v ( 't'Ù.c:; vrxuc:;) ÈSarc·nì'.;Ev (i ma-

Èm~riì.J.. 1...i ~ri;c-rr...i x-rÀ


' Cir. Bi.Ass-D1-:BH. § 308. aggiunta a p. 308; RE' XIX 396 e ss. (bibliografìa meno recente);
Theophyl., MPG 123 p. 66r a. l.: È1c1..xaÀv- C1<E:--1rn-KiiGE1., 194 ss.;
'1;rirm1oç TÌ}v XEcpo.)~i}v fi cinì. -ro\i rlpS,6.µE- R.G.G.' V 1002 ss. ;
'1oç fu:-rà o-cpoop6-rr}"roç. Quest'ultimo partico- PAllLY-W ., seconda serie, IV 2 .5 0 1 ss. ;
lare è chiaramente sottolineato anche in Mc. Teologie dcl N.T.:
14,72; dr. le versioni siro-sinaitica e italica: H. \Xì1 '. INEL (1928) in particolare 6), 202 s.,
« incominciò » e il cod. D: fipt,a-ro x),a[nv. 24 7, ) 56. 467 s.;
1I. LJl!NGVJK, Studi1'11 ;: Sprache d. apocr. I-I. J. I !01.TztvL\NN 2 ( 19r 1) in part icolare I I 7 r :-s.
11 p. Gesch. ( 1 926) 77 s. 448 ss, 501, II 195 ss. ,244,268,3q,554 ss.;
P. FEINE' ( I<J22) sotto la voce 'Tauft.: ' ;
43 (1,25 7)

rosi affonJarnno le na vi); bel!. 3 ,42 3; li) In senso traslato: tran-


intransitivo: affondare: EV uÀ:n (nel si ti v o 0a1:-rU~ELV -rl}v n6À.w, portare
fango) Plot., enn. I 8,13 (I rr2, 6 Volk- La città sull 'urlo della rovina, Flav . Ios.,
mann) (~col.49); naufraf!..are, affogare, bel!. 4 ,r 37; ri ), vm1 Ba:n-rlsou<JIX -rl)v
morire ; Fbv. Ios., bell. _3,525; Epict., IJ;vx11v, Lib. or.18 ,286; detto di concu-
gnom. Stob., fr. 47, p. 489 Schenkel; piscenze, che guastano l'anima: Philo,
ciBc.in-rLnoç vcxuç, Schol. in Luc. Iup . leg . all. JII r8; det. pot. ins., 176; migr.
trag. 47 (p . 8 3 Rabe). Il verbo ha una Abr. 204 . In senso in t r ansi ti v o:
sua funzione nella magia: acqua cino sprofondare, nel doppio significato di
VE va va YTJXo-roc; nÀ.olou (da una nave sprofondare, nel sonno, nell'ubriachez-
che ha fatto naufragio ì oppure ò:no za, nella perJita dei sensi: Hippocr.,
7tlXX'tCNoc; 0EBan-rLcrp. Évou (da un bat- epid . 5,63 (oppure significato a?); Flav.
tello sommerso), Preisendanz , Zaub. V Ios., ant. ro ,169; essere sopraffatto dai
(Londra ) 69 (sec. IV d . C:r.) (con in- deb iti, dalla co~cupiscenza, dalle malat-
flusso cristiano: >fU· tie, da arti magiche: Plut., Galb. 21 (I

A.SCHLATTER, Gesch. d. Chr. 2 (1923) 69ss .; F. DiiLGER , Anti.f.::e u11d Christe11tum I, 1929,
Io., Theol. d. Ap.' 1922, 35 ss., 5r5 ss.; q3 ss., r50 ss., 156 ss., 174 ss.; 11, 1930,
P. ALTHAU S, Die H eilsbedeutunf!. da Tau/e 57 ss. , 63 ss., 1 17 ss ..
im NT., 1897; Giudaismo (so prattutto battesimo dei prose·
W. HETTMULLEP., lm Namen j esu, 1903; liti):
Ev. DollSCHUTZ, Sakrament u11d Symbol im W. BRANDT, V ie iudischen Baptismen, 1910;
Vrchristentu m: Th.St.Kr., 78 , 1905 , hJ O, ScHORER III 18 1 ss.;
dr. .+6rss. ; STRACK-BI!. LERBF.CK I 102 ss. ;
F. RENJJTORFF , Die Tau/e im Urchriste11tum ]. ]EREMIAS: Z.N.W. 28, 1929, 312 ss .;
im Lichte der neueren Forschun.~ e n ( r905 ); G. PoL STER, A11gefos 2, i926, 2 ss. ;
H. WINUJ SC H, Tau/e und Sundc im iiltesten Tiid. Lex. IV r77 ss., 1 q6 s s., V 876 s.
Christentum ( 1908); Giovanni il Battista :
W. Koc!l, Die Tau/e im N.T.' (r921 ). M. DIBEl.IUS, Die urchristliche Obcrlicferung
Dal punto di vista della storia delle religioni: von Jobann es dem Taufer, r9u ;
]. LEIPOLDT, Die urchrist. Tau/e im Lichte C. A. BERNOULLI, Iohann es der Tiiufer und
der R eligionsgesch. (r928); die Urgemeind e, 1918;
F. RoHuE, Psych e;·'" (1925) II 405 ss.; R. B ULTMANN: ZNW 24, 1925, 139 ss.; sui
F. CUMONT, Die Mysterien des Mithra 3 (19 23) framm enti slavi di Giuseppe editi in tede-
144; sco da A. BERENDTS e K. GRASS (Acta et
Iu., Vie orientalischen R eligionen im romi- cornm. Uni v. Dorpat I97-4 ss.);
schen lleidentum 3 (r931), indice, alla \·oce R. Ers LER, 'l l]crovç ~a.crLÀ.EÙç où ~a.oùEu·
'Taurobolium '; era.:; ( 1928) (fa ntast ico: ~ ~a.crLÀ.Euç n. 63).
M. Drn ELllJS , Die I sisweihe d es Apuleius und Inoltre: F. Bi.iorsEL, D er Geist Gottes im
verwandte lnitiationsriten: S.A.H cid. 19r7; NT, 1926, indice , alla voce 'Tau/e';
H. GRESSMANN , Tod 11nd Auferstehung des Ff. VON BAER, Der hl. G1·ist in den Lk. Scbri/-
Osiris nach Festbrauchen und U mziigen, ten ( 1926 ) r .53 ss. ;
A.O. 23, 1923, 3; E. SoMMERLATH, Dcr Urspmng des neuen
REITZENSTEIN , H ell. Myst., speciali_nente t6, L ebens nach Paul11s1 (1927) roo ss.;
20,4I,8r ,88 ,q) s., r65; A. ScHWE!TZER, Die Myçtik des Apostels Pau
Iu., D ie Vorgt'Schichte der christlichen Tau/e, lus ( 19~0 ), particolarmenre 222 ss.:
1929 (inol tre H. H. ScHAEDER, G nomon 5 H. VON SoDEN, Sakrament und Etbik bei Pau-
[1929 ] 353 ss.; RF.ITZENSTE!N: A .R.W. 2ì lus : Marb. Theol. Stud . Ru<lolf Otto-Fesr-
[1929 ] 24r ss.); gru ss ( 1931) 1-40, particolarmente 35. Sul-
H . LTETZMANN, Ein Beitrag ::.ur Mandiierf rd· le pi[1 rece nti trattazio ni relative alla ori·
ge: S.A.B ., r930 , 596 ss.; gine del battesimo d ci b111nbi11i--'> n. ì2.
r 265 e) ; Philo. rit. co11f .+<>; l\bx .Tyr. -ci'.:;1 .JV--c- rLL, Le. rr, 38), altrimcrni nd
XVI TI 44; Plot., c 1111 . I , -+·9 (l p. I 3,5 srnso ll'c llico cli battez::,,:1ri:. Ci:ì que-
Vo lk rnann) ; Lo·xuELv ljJ•;x1ìv }.uc.11 0E· sr ' t1~ u 1l imostra che il b ,1ttcs imo c r;1
ffo.-;t-rtcrµÉVTJV, Lib. or. 64, r r 5; anche sc 11tito co me qua lcosa di nu ovo, ,li sp e -
:;cnza significa ti speciali , in senso asso- ciale . Lo sresso si di ca dell\b1.\ di ----7
luto , (3a.:rnl~n: tu ti lasci soggiogare, 0ci. r:·rnrµa, 0a;rno-'ti)c;.
Lib. or. 45 ,24; opposto a.Xpe:crtra L, Lib.
or. r8, r~. B. Al3L UZ!ON I RELIGIOSE NE L L 'E LLE -
Il significato di /are un bagno oppu-
N ISMO
re lavarsi appare nell'ellenismo soltan
to in pochi casi (Menand., fr. 363, 4 r) Il fatto in generale
[C.A.F. III 105]), e per lo piL1 in con-
testi sacrali (-7 col. 4 ì s. ). In generale Bagni sac rali si ritrovano nei culti
la parola suggerisce piuttosto l 'imm a-
eleusini e in quelli affini 1, nelle consa-
gine di andare in rovina.
2
Il N.T. usa (3ci.-it-rw soltanto in sen- crazioni bacchiche , nella religione egi-
so proprio, Le. 16,24; Io . r3,26, intin- ziana e nel culto di Iside fuor i del-
3

gere; Apoc. 19 ,r 3 tingere. Invece Bcrn- l'Egitto 4, nei mi steri di Mitra ', nei
"t'Ll~w è usato soltanto in senso cultua-
le, raramente a proposito di abluzioni giochi Apollinari e nelle fes te P elus ie6.
giudaiche (Mc. ;A KD in luogo di pet..v- Il taurobolio ed il criobolio 7, di cui si

' Rilievo ele usin io (sec. V a. C.): Angelos I • Tertull., bapt. 5, p. I 2,4 ss. LUPTOi\, de-
(192 5), 46 , fi gura l; cfr. Annuario della Re· v'essere letto, contrariamente alla maggior
gia Scuola Archeologica di Atene e delle mis- parte delle edizio ni : ceterum u illas , domos,
sioni italiane in Oriente IV-V (1921 -22 ) Ber· tempia totasque urbes aspergine circumlatae
gamo ( i 92 4 ), tavola Il I. Per l'iscri zione mi- aq uae expiant. Passim certe ludis Apollinari·
sre rica di. An d ania, DIT'r. Syll. 3 736, rn7: · bus et P e lu s ii s tin guntur idque se in rege·
[BaÀ.CXVEVE]W Èv -r0 LEpi;). vopav6ç = ò nerat ionem et impunitatem periuriornm suo-
ayvicnTjç -rwv 'EArnow[wv, H esychiu s {1867), rum agere praesumunt. « Elcusiniis » è una
1486. In vece T ertulliano, bapt. 5, non ha correzio ne senza motivo. I giochi Apollinari
niente a che fare in questo contesto , v. n . 6 . sono una isti tuzione romana che risale al sec.
' Li v. XXXIX 9,r pure lautum. Rilievo in III a.C. (Hist. Aug. Alex. Sev. 37,6 ; Liv. XXV
stucco dalla casa romana nel giardino d ella 12; Macrobius, Sat. I r7 ,2 5 ss .; Pauli ex·
Villa farnese di Roma, Museo Nazionale: cerpta ex lih. Pomp. Fcsti, p. 2 r LI NOS AY );
Angelos l.c., fi gura 2. Come per il precedente i giochi Pclusii, una festa originariamente egi-
v. anch e HAA S, dispense 9- 1 r , Le ipoldt ( 1926) ziana , succcssivame111e collega ta col nome di
fìg ttre 169, 188 . Peleo e mol to popo lare all'epoca di Marco
3
H. BoNNET: An gelos l ( 19 25) , 10 _3 ss .; am- Aurelio, nel cui mito cultu ale :w evano una lo-
piamen te ne trntta anche LEIPOWT, T au/e ro fun zione lt1o;tra zioni nel Nilo o in un lago
45 ss. (ibid . s u!L1 maggior p arte dé'gli alt ri vicino (lo. Lyd . IV 57 ; Hist Aug M . An-
m iti }. t on. 2;,8; Amm . J\ forc. XXII i 6,~ ). Cfr.
' Apul., J\frt. Xr 23; Iu v., VI .522 ss .; T ih., inoltre Dor.GER, Antikc 11;1d Christcntum I
I 3,23 ss.; T ertulliano, bapt. 5. ( 19 2 9) r4 35s. , I) O ss., r 56 ss. Il bagnt) la
5
T ertullian o , Hapt. 5· Mitreo in Santa Maria matt ina dei Saturnali non aveva apparente-·
Capua Vet crc; su questo argomenw v. A. mente alc u1n import;1t1 ~;1 sac rale: . A l co mr.t-
MI N'J'O, Noti zi e degli Scavi di A n ti chi r;ì ( 192-1) rio il bagno ad O sti a ndLi festa di M ;tiumJ
~5 3 ss. Fo ntane nelle vicinan ze dèi mitrei a era ori ginari;1m c;1tc s.ic r:1k (Io. Lyd. I\' ih;,
Treviri, nel Saalhurg, ecc. A ltre not iLie rn DiiLGER, l. ( T -1 7 ì.
C urvlONT, M y.1 ·:airn des Mit hra, q-1. 7
F. C t l!\l l lNr. () m1 .' : . r:~,z. ; (!(H l) , indicè,
-!7 (r,528)

ha testimonianza per il rnlto di J\t- trov<1 questa 1urola in tale senso sono:
tis edi j\1litra, in quanto battesimo sa- a) P. LonJ . 121,441 (sec. lil d .C., a
crale di sangue è post-cristiano, forse quanto p :ire int eramente ]J<lgano): bi-
introdotto per far concorrenza al rito sogn<l fare una vita vcgeteriana, tacere ,
gettare qualch e cosa n e l fiume, xal Àov-
battesimale. f.: difficile far rientrare in
O"a}1Evoc:; xa/, 0rx11:"l'LcraµE'Joc:; à.wi0rx 7trx-
questa se ri e di abluzioni alcune abitu- pà urxv"l'ov . Segue lo scongiuro. Degno
dini di immersioni nell'acqua nell'alta di rilievo è il si nonimo. Similmente in
valle del Giordano 8
. In tutti i c1si esse Preise ndanz, Zaub. IV 44 (sec. IV d.
e): ÈvaÀ.),ou -r1{J TIO"l'Cl[ll;'). p.d'T]c:; EXEL<;
illustrano il fatto che nella religione
ÈO"ÌÌf}"l'oc; 0rxTI"l'LO'ap.Evoc; à.vanoolswv
antica, anche oltre l'ambito delle no- rXVEÌJÌE.
stre conoscenze dirette, si faceva gran- b) Clem. Al., strom. III 12, 82, 6:
de ricorso, particolarmente nell'oriente, où8è µi}v "l'Òv à.nò "l'f}ç xa:-rà o-vsvylrxv
XOl "l'l)<; Òf.tolwç W<; TiaÀCXL 0et7t'rl1~EO'fletL
a lustrazioni, con impiego di acqua.
xa:L vùv 7tpoo-"l'6:1Jo-EL Ti V-Ela OLÒ:. xvplov
Sul battesimo mandaico cfr. pit1 avanti TipovoLa. Cfr. inoltre Flav. Ios., ap. 2,
(col. 62 s.). Quanto alfa Babilonia Y' 203; xaL µE"l'Ò:. TYJV voµLiwv O'VVOVO'lav

alla Persia 10
, alJ'India 11
, cerimonie sa- àvopòc:; xal yvvrxLxòc:; à.noÀovo-aO"il'aL.
Anche qui troviamo Jo stesso sinonimo.
crali nell'acqua sono testimoniate ripe-
Quando Clemente non indica più come
tute volte già in un'epoca molto antica . necessaria l'abluzione dopo il rapporto
Accanto al Gange, l'Eufrate ebbe una matrimoniale, è da ritenersi che egli
importanza religiosa che è paragonabi- abbia ripreso l'espressione dal passato
pagano.
le a quella del Giordano per gli Ebrei
e) Plut., superst. 3 (II 166 a) cita
e i cristiani 12 . È impossibile però ri-
per biasimarla una ricetta superstizio-
condurre tutti questi usi ad un'unica sa contro la paura: aÀ.À,EL"l'' EVV7tVOV
radice. cpaV"l'aO"!la cpo0E~ xfrovlac:; o' 'Ex(ht)ç
XWµOV ÉOÉ~W, "l'i]V TIEpLp.. rXX"l'pLCXV xaÀ.EL
2) 0rx7i:"l'LSWJ in contesti sacrali e simili ypaùv xaL 0ci.7t"l'WOV O'Et'XV'tOV dc:; ilci-
Àrxr;rmv xaì. xrxfrlo-ac:; Év 'U yfl Ot.t]µÉ-
Questo uso si presenta relativamente pEvo-ov. Come esercizi paralleli egli in-
raro. I passi più importanti in cui si ri- dica: TIYJÀ.WO"ELç, xa"l'af3opf3opwr;nc:;, o-a0-

s. v.; Prnd., X 1011 ss.; C.I.L. VI 5 ro: in " Parole dei Naasseni in Hipp., Re/. V 9,21:
aeternum renatus. Grotte per taurobolii a TJ!lELç o'foµÉv, <pT]O'lV, ot nvwita."nxol, ot Èx-
Treviri (S. LoEsCllSKE, Die Erforschung dcs À.EyoµEVOL Ò:7tÒ "tOV swv-roç voa-roç "tOV pÉov-
Tempelbezirkes im Altbachtale zu Tricr, 1928, -roç Eùcppr.i:-rov OLà ·t'ijç BaSv:ì.wvoç 11Écn1ç
tìgura 9ì e Dicburg (F . BEllN, Das Alithrashci- -rò OÌXELOV, OLà -rYjç m)).T]ç ÒOEUOV"tEç aÀ.1]-
!igtum zu D1cburg, 192 8) . i'hvYjç, lJ"tLç Ècr-rtv 'lT]CJovç 6 imxr.i:pwç. Que-
' REITZENSTEIN, Tau/e 18 ss. sta è un 'eco di motivi più antichi nella gnosi .
9
CHANT. DE LA SAUSSAYE I 572. E degno di nota il fatto che il giudaismo tar-
" lbid. II 241. divo non considera il Giordano adatto per
11
Sulla dtksha vedica (consacrazione br3ma- certi bagni di immersione (STRACK - Bll.LER-
na) cfr. ibid. II 49.55 e REITZENS TEIN, Tau/e BECK I 109).
46,120,21 I SS.
~cx-;-v:1116vç 1, pCt!irn; ÈnL 7ì:pOCH.ùTIOV, cxi.-
1
to ,li un novizio di Scrapidc, che atten-
GXPÒ.C, -;:poxcxìllGELç, iiÀ.À.ox6-rovç 1tpo- deva rnn impazienza la ch i,unata all'im-
~xuvl1uc~ç. mersione (cioè alla cn11s.1cr <l7 io11c )16 che
d) corp. 1-lc rm_ IV -t: tutti gli u01ni- si verifica va in un sogno d el mi stagogo .
ni hanno il Logm, ma lo spirito (; un Apollonio avrehhe ricevuto da Tolomeo
a1lÀ.O'J, chl Dio ha dato soltanto acl al- la notiz ia che la consacrazione adesso
cuni, facendo scendere sulla terra un non è possibile, che gli dci lo hanno c> e t-
cratere pieno di spirito e fa cendo predi- taro in un m<lrc di ìD.TJ. Perciò egJi si
c::irc ai cuori degli uomini: « Ba7t·wrov lamenta di esse re stato ing;1nnato ed
GEwrrèJV ii ovva11ÉvT) dç -rovi:0v -ròv aCie rma: ora noi non poss i,1mo «mori -
xpai:Tjpa, ' yvwpCsovcro: É7tL -rt'. yÉ'(o- re », cioè esse re immersi; ma aggiun-
vw:, ' ( XCZ.L) 7tLCJ'tEVOVCJO: 01:L civc:).c:ucrn geva pieno di speranza: « ma se tu ve-
-;:pò::; -.òv xo:i:cx-;:[µlj;o:vi:a -.òv xpai:Tj- drai (ne I sogno) che noi dobbiamo es-
pa ». oc-0L p.Èv ouv crvvijxav -.ov XT)- sere salvati, allora facciamoci battezza-
puyµa:toç, xaL ÈSa11:-rt'.cravi:o -rov vo6c,, re ». Perciò le tre espressioni cinoìh-
oÙ"tOL µnfoxov -.-fiç yvwcrEtiJç. Di que- VE~V, cr1,;1}~va..t, Ba11:ct'.srn·ìJm (nel sen-
sti si dice anche, più avanti (IV 5 ): so sacrale) sar ebbero sostanzialmente
ààavo:•oL civ-tL iJvT)-cwv dcrL. sinonime, e già due secoli prima cli
Paolo sarebbe provata, come rappre-
e ) Invece P. Par. 47= Wilcken , Ptol. sentazione misterica, la concezione del
14
N. 70 (I 330 ss.) (152/r a.C.) non battesi mo com ~ una morte volontaria.
rientra in quest'ordine di idee. Il pa- Ma, come lo stesso Rcitzen stein ha am-
piro, in una lettera di Apollonia a suo messo in parte, questa interpretazione
fratello, il xa-roxoc; (~ xa·dxw) Tolo- è insostenibile. Bani:t'.sEo-i}a~ si trova
meo , dice: nel significato A a (dove è pure in con-
6
o-.t lj;EvOT)L ' 7tavi:a xai. oì. ·;m.pà crÈ ne ssione con vÀT)!) o nel significato A
8lJEOi. òµolwc,, o-et Èv- 9SÉBÀ T)X<XV ùµciç
b, ma ad ogni modo in un senso pura-
( =i}p.cic,) dc, uÀ.YJV 10 µi::yciÀTJv x.ai. où mente profano, come pure le parole
ùvvcifiE- 11 ìh ci noitavEi: v, xO.:v tùnc, 12 iht Ò.TIOÌJ<XVELV e C7WSEO-Ò<XL.
µÉÀ.Àof..tEV cr1JJìJTjvaL, 13 -.6-ci:: Ba7t"ttsw-
µEi}a ( = Ba.7t-cts6µEìJa ). Da ciò risulta che Ban-.t'.snv, Ba7t'tl-
t Giacché tu menti 7 su tutto e 8 gli swìJm appare nell'ellenismo qualche
dèi che sono presso di te ugualmente,
volta in contesti religiosi o simili, ma
perché 9 ci hanno gettato in un mare
di fango 10 e dove noi n possiamo mo- non assume mai un senso tecnico-sa-
rire, e se tu hai visto (nel sogno), 12 che crale.
noi (ne) dobbiamo essere salvati, 13 (pro-
prio) allora saremo sommersi. 3) Significato dei riti
Seguendo le lezioni del Brunet de
Presle 15 , il I\eitzenstein dapprima era Alla base di tre delle citazioni al nu-
incline a legge re nella lettera il ]amen- mero 2 (a - e) sta il motivo del bagnar-

'-' Ristab ilire que sta espressione contro la con· REIT ZENSTEJN, f-lel! . Myst . 206 s. ; Do1.r.ER ,
gettura dìd Bentley (paTI"t"LO"(touç). Di:iLGER, Antike und Chrillentum 1I -57 ss.
15
llntike und Christ entum I r54. Circa l'uso Riga 9: ùµri.ç (2 pers.); riga rn: où ouvri-
di o-a{3~a"t"LO"lt6ç da parte di scrittori pagnni: !.td}a; riga 1_3: ~a;i:·nt;;r..:.i1iEi)a (co ngiunti vo).
16
In., lchthys Il ( 1922) 94 n. 8, 288 s. Cfr. Apul., M et . XI 2 r.22.
" Alla h iblioµrafia di quest'opera aggiunge re:
pci.rc-rw (A. (kpkcJ

si, lavarsi, pulirsi. Questo motivo è da nell' altra te rr a, Habiklll ia, l'acq ua vale
co nsiderarsi fondamentale nell ' elleni- come mezzo principale per gli esorci-
smo, come si vede anche da alcuni riti smi , come acqua di vi ta 17, così in Egit-
menzion ati sopra ( co ll. 46 ss.) e daBe vo- to si può di stinguere una forma (forse
ci critiche che pure si posso no ci tare. Per più antica) dell'ablu zione dci re e dei
la comprensione di qu es to fatto bisogna mo rt i, in cui, come mostrnno i gero-
p artire d all'idea primitiva, e più tardi in glific i annessi oppure quelli usati per
parte spiritualizzata , che ciò che rende rappresentare le gocce d 'acq ua (' nf1 =
impuri davanti alla divinità (sia esso di vita e u.r; § = salute), si mira a una re-
tipo rituale o morale, senza una chiara v iviscenza 18• In queste manifes tazion i
distinzione tra i due aspetti) e lo stes- non si fa una distinzione net ta fra il
so assassinio si possa lavare come una fluido vitale scomparso, e perciò da so-
sporcizia fisica (cfr .H eracl. , fr. 5 Diels). stituirsi, del morto, l'acqua mi racolosa
Oltre ad altri mezzi (urina di bue, san- del Nilo e Io sperma divino. Anche il
gu e, crusca, fango, sterco) si usa a tale morto O si ride viene asperso e dalla sua
scopo anche acqua , in modo particola- sa lma escono arbusti 19 • Il dio si identifi-
re acqua di fiume o di mare. Invece il ca col Nilo e il morto (rettamente trat-
testo ricordato in 2 cl, in cui si potreb- tato) col dio (Osiride N . N! ). Il concet-
bero egualmente supporre dei fonda- to della revivi scenza si di ssolve nel con-
men ti rituali , conduce su un'altra linea cetto, diffuso in tutti i popoli, della
di pensiero . In questo caso si tratta di rinascita 20 • Ma qu es to concetto spesso
un'elevazione della vita, di immortali- ha come presupposto l'idea di una mor-
tà. Non è un caso che questo collega- te, il più delJe volte soltanto accenna-
mento concettuale appaia proprio nella ta simbolicamente. Tutte queste liaee
mistica ermetica, dunque in Egitto, confluiscono nella fede nell' apoteosi
una delJe due terre del mondo antico originata dall'annegamento nel Nilo 21 •
in cui scorrevano grandi fiumi. Come Erodoto (II 90 ) ci informa che « se un

17
C!!ANT . DE LA SAlJSSAYE I .5 ì2 . te I (1835) tavola 90; HAAs, d ispense 2-4,
8
' H. BoNNET: Angelos I ( r 925 ) 103 ss.; B ONNET (1924), figura 155.
L ErPO LDT, Tau/e 4 5 ss . Una concezio ne d el 20
- 7taÀ.~yyEvEula, yEwau>, ~vwVEv; Mit h r.-
battesimo ciel dio Sole , che porterebbe m o lto Liturg., Erlauterungen; J. G. fRA ZER, Th e
vicino al conct:tto d e ll a rina scita, è s tata sn- Golden Bough ( r911 ss.) in p art icola re IlI
stc nuta , nat uralmenrc non senza opposizione 422 ss.; edi zione tedesca (1928) 1005 ss.
d i altri critici, da A . M. RLACKMAN, Recucil " F. L. G RIFFIT!I, llerodotus II 90 . Apo-
d e Travau x relatifs à la Philologie et à l'Ar- theosis by drowning: Ztsc hr. f. agypt . Spra-
c héo logie égypt ie nnes 39 (1921) 44 ss. ; Proc. che und Alt t:rtu m sk. 4 6 ( 1909- 10) r )2-134;
Soc. Bibl. Arch . 40 ( r 918) 57 ss.; 86 ss.; in W. SPlEGEL!lERG, ib. 5' (19 17) 1 24 s. L'iscri-
Sib. 5, 478 si trova ~arc-rl1;Eufra.i per indica- zio ne nahatea (2 25 d . C.) , vedi nota 26, pub-
r e la scomparsa escatologica del sole. blicata in Acad. d es inscr. e t des belles !et·
" J. F. CHAMPOLL!ON, A1onuments de l'Egyp- tres, Com pres rendus ( t 931) r44 ss. concerne
53 (1,531 ) 1 1 ,)) l) .5-+

egizio o anche uno st r:rnicru i: stato at- onoLtl u. che è app rezzato » 2\ e potreb-
tratto (nell 'acqua) d,, un coccodrillo (e be corri~ponderc al greco t.t cxxap ~o~,
ucciso) o ha perd u to b vita ad opera (<il beato », sareb be intercs santè dal
del fiume stesso, e si ha notizia del fat- pun to di vista obiettivo, ma non si può
to, gli abitanti della ci tt à alla cui spon- gi ustificare dal punto di vista filologico.
da egli è stato portato dalla corrente Però la parola si può far risalire fino al
hanno lo stretto dovere di imbalsamar- demo tico. Essa ha un significato tecni-
lo, <li vestirlo nel modo p i21 sontuoso co . Ad esempio ser ve anche come apo-
e di dargli sepoltura in sacri feretri strote di Osirid e gettato nel Nilo 24 •
(sarcofaghi delle mummie). Nessuno Chi
Osiride viene identificato col fiume.
può toccarlo, né i parenti né gli amici, affoga nel Nilo entra in rapporto con il
ma soltanto i sacerdoti del Nilo si oc- dio , viene divinizzat o . Il favorito di
cupano con le proprie mani del morto, Adriano, Antinoo, affogato nel Nilo ,
e gli danno sepoltura come a un essere ebbe un culto, che si mantenne per se-
che è più che uomo (comune)». Un si- coli15. Da ciò appare come possibile che
mile annegato si chiama va il sommerso anche battesimi mi sterici siano stati in-
(in dialetto bohairico ECIE, in greco tesi come morte volontaria e divinizza-
22
'Eo-vi'jc;, in latino esietus ). La comb i- 7ione 26 • Tuttavia sarebbe avventato ge-
nazione di questa parola con il termine neralizzare qu es ta conclusione. In Apu-
hsjj, conosciuto dai testi delle piramidi, leio la vera 1111z1az10ne compiuta nel
che significa « colui che è amato, che è tempio, che rappresenta la morte e la

una apoteosi per mezzo di u n colpo di fulmi- griecb. Rei. (r9rr) 22. Un parallelo tratto
ne -7 N. 26. d alla vita semplice del popolo è costituito
1
' \Y/. SPIEGELBERG, Koptisches Lexikon ( 1921) dall'altare fun erario del cinquenne Asclepia-
146. PR EISENDA NZ , Zauh. II I r: À.a:~~JV atl de nel Serapeo d i Mcmphis con l'iscrizione
Àovpov [Èx'rtol] r 1o-ov 'fanijv É[µ~a:),wv "t'O (Louv re): 'crxì.T)TIL<iç L ( == È-rwv' E' ÈcrLijc;
O"]r:;Jp.[a: Éc; ] "t'Ò uor,;p . «Prendi un gat to e àTCijì.i'h.: Jahrb. d. Deutsch. Archiiol. In st.
fa ' di lui ' O siri s ' immergendo il suo corpo 32 ( 191 7) 2005 .
n ell'acqua ». La traduzi one di fo~·(jc; nei tes ti " L 'iscri zio ne di Ei Burdj , citata da REITZEN-
grec i è uTio(3 pùxLOç , in Tertull., Bapt. 5: S TE!N, Tau/e 18: ... Nc-rE(pov, "t'ou Ò:TiofrE<.ùitÉv-
esietos = quos aquae necaverunt. DbLGER, -roc; Èv '1'0 ÀÉ~TJ"t'L lìL' où aiop"t'at Ci.ywv"t'a:~
Antike und Christentum I ( 1929) 174 ss. veramente non ne è una prova, nonos tante
23
A. ER MAN-II. GRAPOW, Aiypt. w orterbucb ZNW 26 (1927) 61 n. 3, perché si riferisce a
III ( 1928) 156. Nell'egiziano dell'epoca tar- un avve nim ento eccezionale, verifìcatosi una
di va appare sotto le radici hsw ed hsj il con- volta solo, forse un affogamento vo lontario o
cetto di ' acque', in parte in col legament o involomario in una gara sul fium e org,1n izza-
con quello Ji 'magia '. ta a scop i rituali. C:rr. CLERM ONT -GA NNE AU,
24
Per il titolo d i 'Eo-~i]c; xa~ r:o-ra:1Locpop-r1"t'oc; Recueils d'Archéol. Or. II (1898) 6.ps. -J>
dato a Osiride cfr P«E I SEN DA NZ, Za11b. l V col. _52 s. Su P. Par 37 -+ col. 4 9 ss . Inol-
875 s.; V 2 7 0, L7 ' tre non è necessariamente una prova in que-
25
IIAAS, dispense ') · T r. fi gure ro, r r Lr-:1- sto senso il fatt<l che d ei bagni rituali vcn-
POJ.DT; cfr. \X'. \X'1 :BUl, Drei Unten . z. ii?,y{'t. - gcmo con siderat i dal punto di vista dell'ascesi
55ì1,532)

27
divinizzazione cultwde , è p re e e - eia un <lr.-;c·n,de straniero, Li sitw1zione
d u t a da u11 doppio lava cro , compiu- della prassi dominante diventava assai
to in tnme puhhliche, e che soltanto pericolosa. 11 giudeo Filone rinfacciava
nella seconda parte è sacrale "~- Perciò ai pagani: « E ssi allontanano la sporci-
per il « battesimo » traspare il concet- zi,1 dai loro corpi con bagni e con de-
31
to della purifìcazione. Ma nella misura tersivi \ ma lavare le passioni dell'a-
in cui la somiglianza dei riti non favo- nima, dalle quali la vita è rc:s,1 im -
risce una confluenza dei due concetti, pura , essi né lo vogliono né lo ricerca-
non es iste un collegamento molto stret- no » ( Cher. 95 ). Anche in Giuseppe
to fra purifìcazionc e reviviscenza. Am- traluce dalla scorza stoica illuministica
bedue i concetti, della purif:ìcazione e qualche cosa della serietà morale del
della reviviscenza, se si trascurano ac- profetismo israelitico, quando egli scri-
cenni del tutto insignificanti, non ven- ve di Giovanni il Battista (ant.18,117):
gono intesi in senso morale, ma sem- « Costui fu fatto uccidere da Erode,
29
plicemente in senso rituale e magico • qwrntunque egli fosse un uomo buono
Nello stesso paganesimo alcuni spi- ed invitasse i Giudei a presentarsi al
riti riJJessivi hanno sentito questa man- battesimo nel!' esercizio delle virtì'1 e
canza. Diogene dice sarcasticamente, in della giustizia ]'uno con l'altro e nella
Plutarco (aud. poet. 4, [II, 21 f]): «Il pietà verso Dio. La condizione, infatti,
ladro Patacione dopo la sua morte avrà alla quale il battesimo sarebbe apparso
un destino migliore di Epaminonda, . gradito a Dio, era questa, che non lo
perché egli ha ricevuto la consacrazio- usasseso per la remissione dei peccati,
ne ». Cfr. Plat., resp. II 364 s., e Ovi- bensì per la santificazione del corpo,
dio, fast. II 45 s.: giacché l 'anima era già stata santificata
prima per mezzo della giustizia » .
A 1 nimium faciles, qui tristia crimina caedis
f!u minea to!li passe putatis aqua 1 L'indagine condotta finora ha dimo-
Certo, la critica rezionalistica stessa strato quanto poco pregnante, sotto
talvolta non era meno superficiale, an- l'aspetto cultuale, fosse nell'ellenismo
che se da un punto di vista diverso, il verbo 0an'Tlsnv, ma nello stesso tem-
puramente moraleggiante. Ma dove es- po ha messo in evidenza vari rapporti,
sa si procurava armi più affilate tratte che avrebbero potuto diventare impor-

idr. oltre Plutarco ~ col. 48 s., Iuv. VI et priu s sue to la\·acro traditum, praefatus
520 ss.) . deum veniam, purissime circumrorans ahluit.
" M. DIBELIUS, Die lsisweihe bei Apuleius, " BoNNET, op. cii. II r. Sono significative an-
19 ss. che le iscrizioni lidie e frigie studiate da
" Aptù ., mcl. Xl 23: iamquc tcmpore, ut F.S.STFINLElT!\' ER ( ~ ò:~iap-r6.vw I, coll.8r6 s. ).
aiebat sacerdos, id postulante stipatum me }() In disegni egiziani di lustrazioni sacre si
religiosa cohorte deducit ad proximas balneas vedono va si con soda; BoNNET, op. cit. I I r.
57 (I,532)

tanti , sia rn sen so pll ~ ltl\' 11 , sia in senso Citi si trn va già m ludith 12 ,7 e nel
negativo, se paroLi e rL'<iltà avessero ri- te sto greco dell 'Ecclesiastico 3 r(34),30 .
cevuto un tono più ma rcato da una for- Quc:; ta interpretazione vale anche per
te spinta esrcnu. la t 'bild dei proseliti.
La sua origine è difficile da determi-
C. fii.ba! E 0cii;-rnv-0a.n-ri'.snv NELL'AN- nare, perché in un primo tempo essa
TICO TESTAJ'vlENTO E NEL GIUDAISMO non era considerata come qualcosa di
speciale accanto alle normali abluzioni,
Nei LXX 0cirn"Et.v (0a.1t-ri'.snv si ha e per ciò stesso da principio non era
solo in 4 Ba.cr. 5 ,14), come traduzione legata ancora ad un proprio rituale 31 •
della parola ebraica tabal, immergere, Che fosse già in uso all'epoca del N.T.
indica l'immersione di un boccone nel è tuttavia verosimile, prima per moti-
vino, Ruth 2,14, dei piedi in un corso vi interni, giacché la purezza che si esi-
d 'acqua los. 3,15, nella legge sacrifica- geva da ogni giudeo non avrebbe po-
le ]'immersione del dito nel sangue, tuto non essere richiesta da un pagano
L ev. 4 ,6 .17, ecc., nelle leggi di purifi- impuro. Inoltre non si può pensare che
cazione l' immersione di vasi immondi tale bagno venisse accolto nel rituale
nell'a cqua , l .1•v. 11,_32 (be>', in forma giudaico in un'epoca, in cui il battesi-
hif'il). Nell 'ultimo caso si hanno vera- mo era già praticato dai cristiani. Il
mene per lo p iù r.).0vw (kabas) e ),ovo- contrasto con i cristiani, almeno a par-
p.aL ( rr.l has ) Lev. r 5 , 1 r. 1 3, ecc. Le set re tire dal ìO d.C., era troppo aspro per-
immersioni di Naaman (2 Rcg . 5,14) ché un uso « cristiano » potesse affer-
forse accennano ad un concetto sacra- marsi tra i Giudei. Perciò il battesimo
mentale e illustrano l'importanza del dei proseliti dev'essere sorto prima del
Giordano. Nel tardo giudaismo tribal battesimo cristiano.
(b. Ber. 2 b , detto dci sacerdoti ch e pren-
dono il bagno; Jomà 3,2 ss. , ccc .) e an - Le più importanti testimonianze ester-
che 0a.1t-r0'.~ELV diventato un termine ne sono fornite: a) da Epitteto (diss.
II 9,r 9 ss.) il quale dice che, come una
t ecnico per indi care le immersioni per
semplice finzione non fa ancora di un
l'abluzione deHe impurità levitiche. uomo uno stoico , così una semplice af-

" Per l'addi e tro, per la preoccupaz ione di di- in luce sincretistica. Però le testimonianze di
fende re l'or ig inali tà ciel battesimo cri.stiano, cu i sopra (a e b) no n possono riferirsi a tipi
si nega va l'o rigi ne pre-cris tìana d cl battes imo strani come Bannu s (n o ta 40 ). R eitzenstei n
d ei proseliti. Uno sguardo d'in sieme a quelle h a co rnp:etament e t rn sc urato le tes timonian-
di scuss ioni , rn n una critica chiarame nte mo- ze rabbiniche. Contro le sue opinioni dr. o l-
tivata, si trov a in Sc 11uRER IIT 181 ss. REIT- t re a Sc HURER , l. c. : W. BRA NOT, Die iiidi-
ZEN S T ETN, T 1w/e 2 )I ss ., nega l'a nti chità del schen R 1ptiJmen, 57 ss.; LELPOLDT, Ta u/e,
battesimo dci p roseliti , per po te r prese ntare 2 ss. ; A. Ou•Kr. Ihmelsfest sc hrift ( r92 8 ), 96
il battesimo d i C it.J\•anni e quell l' cri st iano e ThLBI 51 ( 1 '1) 0L 35.
5:) ( r,5 3 3) ~O:TI·r10 (A . Oepke) ( l,5 )4)6o

fermazione non fa ancora un giudeo: già prima, ricev ette i l signifìca to di un


o-rav 8'àva.).ci0n -rò -rcciì)oc, (forse= vita rito autonomo di accettazione _;i.
disagiata , persecuz ione) --rò -rov 0E0a.1..t-
rdvov xa.l TlPiJµÉvov, -ré-rc: xa.l fo·n '1"0 Dal punto di v ista genealogico le
ov·n xa.i. xa.À.Ei:"ta.L 'Iovoa.i:oc,. OV"tW xa.t abluzioni giudaiche, compreso il batte-
fo.tEi:ç 7tapa.0an-rtu-ral, Àéy~ µÈv 'Iov- simo dei proseliti , facevano parte dci
òa.i:ot, Epy~ o'aU.o i:t . b) da Sih. 4,165
riti di purificazione presenti anche al.
(poco dopo il 79 d.C.) in un invito al-
la penitenza rivolto ai pagani in vista trave. Però, data la rigorosa conce·
della minaccia della fìne del mondo: zione trascendente d i Dio che aveva·
EV TIO"tap.oi:c, À.ovcrauì)E oÀ.ov oɵac, Ò".E- no i Giudei, queste abluzioni si sono
vciotCJLV. c) da disposizioni casistiche
sul battesimo dei proseliti su cui le sviluppate non in un senso sacrale.
scuole di Shammai e di HilleJ divergo- magico, ma esclusivamente in senso le-
8 ,8; Ed. 5,2 Strack-Billerbeck I 102 s.) galistico. Il loro uni co scopo è la pu-
risalgono certamente al sec. I d. C., se
rezza r i tu a I e 3~. Se il proselito è
non addirittura all'epoca pre-cristiana.
d) dalle discu ssioni che, secondo h. Jeb. de tto un « bambino appena nato » 35,
46 a (Strnck-Billerhcck I ro6), R . Elie- ciò va inteso soltanto per il giudizio da-
zer e H . Ioshua (ambedue tra il 90 ed to su di lui sotto il profìlo teocratico e
il I 30 d.C.) ebbero suila necessità della
casistico. In quanto pagano egli non
circoncisione e dcl battesimo per giun-
gere al pieno stato di proselito. In que- era sottoposto alla Torà . I dolori, che
sta discussione aveva parte anche la lo colpiscono dopo la sua conversione,
questione di un ipotetico bagno <li im- non sono perciò in punizione di prece-
mersione dei padri prima dell'alleanza
dcl Sinai. L'argomentazione di Paolo in denti peccati. Solo dal momento in cui
I Cor. 10,1 ss. si spiega nel modo più diventa proselito egli ha il dovere di
semplice, se si ammette che tradizioni osservare i comandamenti. Con ciò non
simili fossero conosciute 12 • Probab il-
si pensa affatto a una rinascita natura-
m ente prima d ella metà del scc. I d.C.,
forse anche so tto l'influenza delle mo1- le, per non dire morale , e tanto meno
ie donne proselite, che non erano so tto- a una morte .
poste alL:i circonci sione , il bagno di im-
mersione dei proseliti, che era in uso Pare che i significarì di « affogare »,

" }lAC!l. JEREMIAS: ZNW 28 ( 192 9), 312 ss. no dell'espiazione, specia lmente a quella del
'; STRACK-Bri.LERilECK I, 102-108. Nelle pa- Sommo Sacerdote (\Xi. BAr.JIER. Agada dc:r
gine successivL: sono raccolte le di sposizioni Ta!1c1ite11 I. 190), 280 s.). Il gi udaismo rab-
dettagl iate per il bagno di imme rs ione , che hini co conosce il hagno so ltanto come puri-
valgono anche per il battesimo dei r.ros eliti. fì c izion e di im p m it:ì cult trnl i (dr. L ev. q,8 ;
G. PoLSTER , Der k!c111e T almudtraktat iiber 15 ,5 ss. ; r5 ,u; Num . ) T ,2), e l'intero trnt·
die Prcl!"elyten: Angdos 2 ( 1926) 2 ss . richi a· uro Aliqwar) t de!Li Mishn:ì ). 11 perdono, CO··
ma l'attenzione su lla diffe renza tra il batt es i- me pure fa puri t ~ moral e, può essere parago-
mo dei proseli ti sem;1 e con rituale_ nato con tale bagno, ma non v ien d ato per
" Da }omà 8 ,9, sia pure in collegame nt0 con me77.o di esso.
~ , 6, non si può d edurre che si sia a ttr ihuito " Esemp i in STHM~ K n11.l.FRllF l. K II 423; K.
un yaJ o re espiatori<> ,11l'immersione il gior- l I. R1N CST<JR F, 1Wishn.ì J r' ihw1ol ( 1927) I 38 s.
(11 (1,5)4) 'kù: l!ù (A. Ocpkc)

(in trans .), « andare a fondo >,, « aff on- vie, e finché si ;1dducono motivi validi
darc » siano del tutto estranei a tiibal per il ricorso ad analogie più lontane.
ebraico ed aramaico, e pertanto anche
al BanTlsnv del greco usato dai Giu- Si è voluto ravvisare la forma origi-
naria dcl battesimo di Giovanni nel
dei. Ora, anche se non si può a priori
battesimo dci Mandei 36 , i cui scritti sa-
negare la possibilità <li rapporti spon- cri , grazie a M . Lidzbarski, sono stati
tanei di questo genere, .finora è poco messi a disposizione di tutti 37 • Il ritua-
verosimile che su tali relazioni si sia le battesimale mandaico mette in se-
condo piano il concetto della purifìca-
formato un linguaggio figurato nella zionc e insiste fortemente sulla forza
sfera linguistica puramente semitica. vitale sacramentale o magica. Ogni fiu-
L'uso di Giuseppe [ {~ col. 42 s.)] me, ripieno di fuoco celeste grazie ad
esorcismi, è come il Giordano. I Man-
non è specifìcamente greco-giudaico.
dei, nonostante la loro venerazione per
il Battista e il Giordano, probabilmen-
D. IL BATTESIMO DI GIOVANNI te non hanno niente a che fare con i
vecchi discepoli di Giovanni, e piutto-
Cfr. Mc. I,4-II par.; rr,27 ss. par.; sto sono una setta gnostica sorta a di-
lo. 1,25-33; 3,23 ss.; I0,40; Act. 1,5; stanza di secoli dall'epoca del Battista.
11,16; 13,24; 18,25; I9A· I1 battesi- Il loro rituale battesimale dipende fin
mo di Giovanni ha aperto Ia strada al nei particolari da quello dei nestoria-
ni - anche nel dare all'acqua battesi-
possente risveglio messianico su cui si male il nome di Giordano - e dalla
innestò il cristianes imo. In tal modo il Peshitta. Il culto per il Battista è entra-
suo ambiente nella storia della religio- to nei loro scritti soltanto nell'epoca
islamica 38 . Anche a prendere le mosse
ne si trova nel giudaismo palestinese .
dagli usi battesimali, notevolmente più
Nei Vangeli non si ha il minimo accen- antichi, dell'alta valle del Giordano,
no che il battesimo di Giovanni derivi [(~ col. 47)] nessuna strada sicura
dal sincretismo orientale. La questione può portarci fino al Battista . Piuttosto
si potrebbe pensare a influenze sincre-
resta però dubbia finché non si siano ti stiche sul Battista attraverso gli Es-
esaminate a fondo tutte le analogie ov- seni 39 o a singoli tipi strani, come Ban-

30
REITZENSTEIN, Ta u/e. Per la critica H. H. id . ThBI 7 (1928), .F 7 ss.;
27 ( 1928 ), 5.5 ss.;
ScHAEDER: Gnomon 5 (1929), 353 ss.; inol· e II. KRAEL!Nc; , The Origin t1nd Alltiquity
tre la replica di REITZENSTEIN: ARW 27 of the ALmd1•a11s : Journal of thc Arnerican
(r929), 241 ss.; 1\. UFl'KE: ThLBI 51 (r930) Orient Soc. 49 (1929), 195 ss .; H. OnEBERG,
.33 ss; j. _TLREMI AS : l'.N\'(f 28 (TL)29), )12 ss. Die 111.md Rt·ligim1.1r111 sch11111111g, Up;1sala Uni-
.i; loha11nesbuch ( I<)D) · l 5 ); ,{-fancliiiscbe Li- \'trsitets Aarsskrift ( 19 30) ; II. LTETZrvtANN:
turgien (1920); Gim.11 ( 19 25). SAB i TLno l, 596 ;;s . In P•Hti colarc Pc1crson
'' Per l'ampia bihliografì:i sulla controversia e Li e1zma11 11 h:rnno dimostrato in modo de-
mandaica v. RGG ' lll 1956 s. Tnoltre F. C. cisivo il carnttere post-cristiano dci relativi
RLTRKITT, JThSt 2 <) ( r C)28 J. 22 5 ss.; ìv1. J. LA- pa ssi 1rnmd:1 ici.
(,JL\NCE: RE . NS )6 ( !<>-' /), VI ss; 37 ( 1928) ,., Su cli ess i v. Sc 11(: 1< u~ lI 651 ss .; RE 1 V,
1 °'·; F. Pnt:R .'.; ON: li'\\\' 25 ( 1926), 236 ss.; 52 1 ss; Ree · n .; 7 .J ''·
Bri1'1"(ù rA. O cp ke ) (l,555) 6+

nus w. Ma la posrz10ne completamente ni il collegamento è piL1 essenziale e at-


diversa in confronto al ritualismo, che ttiale , roiché non si tratta cli rinviare
appare già nella ripetizione quotidiana
delle abluzioni presso gli Esseni, da un la fine dcl mondo, ma di preparare il
lato, e dall'altro nel fatto che il batte- popolo alla prossima venuta di Jahvé .
simo di Giovanni è amministrato una Il battesimo di Giovanni vuol essere
volta per tutte, costituisce una difieren-
un rito di iniziazione della comunità
za insormontabile.
messianica che si va radunando . Ricol-
Il punto di riferimento più vicino legandosi a passi profetici come I s. 1,
per il battesimo di Giovanni è costi- 15 s.; Ezech_ 36,25 (cfr. ls. 4,4; I& . 2,
tuito piuttosto dai battesimi del giudai- 22; 4,14; Zach. 13,1; Ps. 51,9) il bat-
smo legale, e specialmente dal battesi- tesimo di Giovanni dev'essere perciò
mo dei proseliti. Il battesimo di Gio- considerato come qualcosa di sostan-
vanni è, come quello dei proseliti, am- zialmente nuovo. Già colpiva il fatto
ministrato una volta per tutte. Questo che Giovanni amministrasse agli altri il
appare ai membri del popolo « elet- battesimo in forza di un potere profe-
to» come una dura pretesa, perché po- tico. D'ora in avanti il verbo 0ixnTLSE~V
ne al loro stesso livello questi « spor- si trova usato nella forma attiva e in
chi » pagani, e, a quanto pare, li am- quella passiva, quest'ultima prevalente
mette alle stesse condizioni (Le. 3,14). nel cristianesimo, mentre invece, sia
Ma, a confronto del battesimo dei pro- presso i Giudei che presso i pagani, si
seliti, il battesimo di Giovanni ha ha per lo più la forma media o riflessi-
una caratteristica speciale, rappresen- va (tuttavia ---? col. 59 (3E0aµp.ivoç,
tata d,11 suo indirizzo nettamente mo- sec. II d . C.) (----? (3ar.·nrr"'C'-~ç). Anche
rale, del tutto estraneo alla politica qui l' idea fondamentale è quella del
e al ritualismo, e inoltre dalla sua bagno purificatore. Collegato a una con-
stretta relazione con l'escatologi<l. È fessione, il battesimo prima di tutto è
vero che in un passo dei libri Sibilli- espressione della penitenza, vale a dire
ni anche il battesimo dei proseliti è ba- della contrizione, del desiderio di esser
sato su di un fondamento escatologico libero dai peccati (06'.T:"'C'~O'p.a µE"'C'avol -
ed è coJlegato con un appello alla peni- aç, Mc.I,4; Lc.3,3; dc, µEi:civow.v, Mt.
tenza rivolto ai politeisti (Sib_ 4,165, 3, r 1 ) . Però vien e per lo meno accenna-
-?col. 59); e in sé questo indirizzo non to il concetto di una purificazione s a -
è estraneo al giudaismo . Ma in Giovan- cramentale perl'eonefuturo(dç
40
Flav. Ios .. Vit. r r: "Quando io appresi e giorno spesso s i lavava nell'acqua fredde!
çhe un uomo di nome Bannus viv eva n el de - per otte nere purezz a cultuale {).cv6i1EvQv -::p6ç
serto, s i vcsti,·a di abbigliamenti rratti dagli à.yvcl'.lv}. io d iventai suo ent usiasta adepto» .
alberi (coton e?) e us;1va per nutrimento sol- Questo esempio i.· veramente d i un 'e poc:1 ;1]-
tanto cièi che l'.l'C\ cresc iu in da solo , e notte qtunw pi[i re ci:-;11,·
65 (1, 535)

aq:>Ecn V tX(HXp-ç1/,),,, 1\ J1 l ,..+; /, e_ ), ) ). L. 11 . l ~,\ TT FS IMO CRlSTIANO

Certo, in confrunto ,ti bat tes im o cri-


1. G esù si fa hatt czzar c: da C3iov anni ,
stiano quello <li ( ; io,·anni Z: sempiice-
ma non ba ttezza lui stesso ( Afr r ,9 ss.
mente un battesimo Ji acqua . 11 batte-
par.; Io. 3 ,22 è Jubbio, cfr. an che 4 ,2 ).
simo dello sp irito di cui spesso si parla
Sorge <li qui anzitutto il problema -
(Mc. r,8 par.; cfr. Io. r ,26; Act. r ,5 ;
fortement e sentito dalla chiesa antica
rr,r6; cfr. !lct . 19 ,1 ss.; per il bat tesi·
come traspare da Mt. 3 ,14ss.; E v. Hebr.
mo del fuoco di Mt. 3,II; Le. 3,16, cfr .
5 4" - se il battesimo di Gesù avesse
Act. 2 ,3) sarebbe espressione nata, se-
comportato anche una confessione dei
condo alcuni, fuori dell 'ambiente pale-
peccati. Questo quesito si risolve da
stinese e messa in bocca al Battista sol-
alcuni dicendo che l'assenza di peccato
tanto più tardi 41 • Ma essa mostra piut-
in Gesù non era qualcosa di effettivo
tosto come nel battesimo di Giovanni,
e perfetto a priori, o che non poteva
sia pure soltanto come immagine del
esser proprio lui quello che si teneva
futuro , fosse presente l 'idea, a noi fa-
ai margini del meraviglioso risveglio
miliare attraverso l'ellenismo, della im-
operato dal Battista o, ancora, che il
mersione vivificante. Questa idea del
battesimo fu per lui l'investitura mes-
resto non è affatto assente dal giudai-
sianica. Inoltre ricevendo il battesimo
smo vetero-testamentario ( cfr. I oel 3,
Gesù inaugurava sin da principio quel-
r ss.; ls. 44 ,3 32,1 5; Ezech. 47,7 ss.).
la solidarietà con i peccatori che si ispi-
Il rapporto escatologico inoltre rende
rava agli ideali messianici del Deutero-
improbabile che il concetto individua-
isaia 43 • La stessa personalità messianica
listico di rinascita, proprio del sincre-
di Gesù, tutta protesa verso il sacrificio
tismo, sia en trato nella mente del Bat-
espiatore - e non una sua presunta ri-
tista, o addirittura abbia dato forma al
serva di principio nei confronti del bat-
battesimo . Ad ogni modo, dal fatto
tesimo come azione esteriore 44 - spie·
delle immersioni , generalmente usate
ga perché Egli non abbia battezzato 45 •
nel giudaismo, non si può dedurre che
Giovanni abbia concepito il suo batte- Secondo Mc. 10,38 s.; Le. 12,50 Ge-
simo come un volontario morire. sù avrebbe definito la sua morte con

41
Cfr. MEYER, Ursprung I 39; BuLTMA~N , esattamente il significato del battesimo di
Trad. 26r s.; \YJ . MICHAELIS, 'fau fer, ]esus, Gcs [1.
Urf.. emeindt• (r928) 19 ss. " Come potrcbhe far pen sare Mt. ì ,I4 ss.
42
Secondo Hier. , Pelag. III 2 ( HENNECKE 44) " Cfr. Mc. rr ,30 e A1t. 11 ,ì ss. par. Questa
" Perciò Mt . .P4 s. e Io. 1, 29 (~ ci.1.tv6ç), interpretaziorn.: è stata svolta assai bene (sep-
siano o non siano tesri storici nel senso ]et- pure d,1 un punto di vista unilaterale) dal
tenùe della parob, interpretano comunque Mr c HAELI S. 011. cit.
l'enigmatica perifrasi 0rht"t"LGfW. 0o::rt"t"t- intcrprctnta rn senso battt.:sirnale. In
(Ji}fivcu. È difficile ammettere ch e que- tal caso av rem mo qui l'addentellato di
sta espressione possa adombrare l'idea, una interpretaz ione mi stnica dcl bat-
43
sorra più tardi, cld martirio come 'bat- tesimo •

46
iesi mo di sangue ' • D'altra parte, trat- :z . La pratica dcl battesimo l: norma-
uindosi di una locuz ione isolata , è ugual- le n e lla CC'munit~ cristiana lìn dalle ori-
mente ~irrischiato vedervi un'aliusione gini (Act . 2, ) 8 -4r ; 8,12 e passim. Rom .
al battesimo di Giovanni o al futuro 6 ,3; J Co r r 2, f3 : È0a7t"t"lcr1hHLEV, in-
battesimo cristiano concepiti come una tes o co me dato biograhco, ci porta ver-
morte volontaria 47 (tenendo anche con- so l'anno 3.3 d.C.) 49 ed è as surdo vo-
to cli quanto si è detto alla col. 61 s.). lerla spiega re esclusivamente con una
Certo non si può escludere che Gesù ma ssiccia penetrazione nelle file cristia-
abbia anticipato con una metafora au- ne dei discepoli di Giovanni, perché la
dace e pregnante, ma difficilmente ac- comunità era consapevole di compiere,
cessibile ai suoi discepoli, il risultato battezzando, un'azione voluta dal Si-
di una evoluzione storico-religiosa che gnore 50 • Si sapeva infatti che dopo la
si compirà nei decenni successivi; ma risurrezione Gesù aveva conferito
la spiegazione più verosimile è che egli probabilmente in più d'un'occasione -
abbia usato un' espressione popolare un mandato missionario 51 che nella
presente con significato metaforico già nuova situazione fu interpretato anche
nell'A.T. (dr. Ps. 42,8; 69,2; Is. 43,2; come un ordine di battezzare. La pecu-
Cant.8 ,7; nei LXX però 0cx7t't"LSELV non liarità del battesimo cristiano consiste
compare in nessuno di questi luoghi) e nell' essere amministrato dç XpLO-'t"OV,
che questa in area eJlenistica (vedi sopra oppure dç ovoµcx XpLO-'tOV.
col. 4 3) sia stata attratta nella sfera 3. I costrutti sintattici di 0o:,7t't"LSEL\I
semantica descritta {~ col. 61 s.) e nel N .T. sono i seguenti. Con l'ogget-

•• Non è attestato prima di Ireneo. Di:iLGER, non si può inferire con piena certezza che il
Antike und Christentum II l 17 ss. HAUCK, battes imo cristiano non fosse riten uto neces-
:\fk., a.I., così commenta sulle orme del Well- sario per chi fosse stato battezza to da Giovan-
luusen: come il battesimo d'acqua conferì ni e avesse ricevuto lo Spirito Santo. Cfr. H.
a Gesù Li dignità interiore e occulta di Mes- PREISKER ZNW 23 (1924) 298 ss.; 30 (1931)
!'ia, così il battesimo di sangue gli died e la 301 ss.
gloria manifesta della risurrezione. " Come sos tengono REITZEN S TET N, Jr. Erl.
' ' REITZENSTEIN, H i!ll. 1\fyst. 229 s. J 2 4 s.; Tau/e 266; C. BERNOUL LI , ]oh. d . T.
" Il fatto che in Mc. 10,3 8 s. accanto al bat- umi dic Urgr:m. (1918) 153 ss.
tesimo sia men zio nato .j) calice difficilmente 51
Ciò è dimostrato dall 'esistenza e dall' impor-
può essere casuale, ma con ogni probabilità tan za dell'apostolato (~ r.X:rc611-r0Àoç), a pre-
riflette un a preci sa concezione dell'evangelista. scindere dalla completa soluzione delle diffi·
•• I Cor. 1,17 non autorizza a pensare che la coltà critiche poste da Mt. 28, 18-20 e Mc.
pratica del battesimo non fosse generale, in 16 ,16.
o~ne , nelle chiese paoline, e da Act. 18,24ss .
(I ,537 ) (O

to inrnrw (1r::o,-ci.(nv oppure 0rxn-ri'.sE- pl.'r particolari rnnt1v1, qtta si mai n ei


Cfi1 et L 0&.Tc Tw·ita si trova in l 1.ct Tl),.+; N .T. i:.· csprc ;s:1 d,tl la pr q io sizionc d c;.
,\fr. io , 38s. ; L :.;, 29 ; 12.) .J . L1 ma I..: parole di C !1! ) . 2 7 Xp1,o-"7èv Èw.ot1-
teri<i dcl hattl'sirno è espressa col dati - uaui7t: ripre ndono , ;1cccntuandolo, il
vo s trnm c ntalc (ìjoa:n, Mc. r ,8; Le. 3, con ce tto di EÌ.ç XpLu-ròv f.0a.-;i:-rt'.vVYJ 'tE .
16; Aci 1,5 ; 11,16 ; TCVEU[.Let'n ayi'.c~, È e vidente ch e sarebbe assnrdo intende-
Mc. i,KJ, piri spesso con Èv (Év uoa·n, re rCor ro,2 (dc; Mr»ucrijv È0a.-rr...-i'.va.'V-
A1t . 3, 11; Ai e. J,8 var.; Io. 1 ,2 6.3L33 ; -ro) come ' si immersero in M os <~ ', cosa
Èv .1;-i 'Topocivn, Mt. 3 , 6 ; Mc. r, 5; ch e urte rebbe contro la ~ u cct·ssiv a de-
Èv TI'JE0p.a·n àyi'.t~ [xaì, Tivpi'.], J\fr 3, terminazione spaziale ( Èv -r·n VEcpÉÀ'fl
11.; Le. 3,16; Io 3,33; Act. 1,5; 1r,r6. xa:ì, f.v -rii Va.Àcivo-TJ). Che nella formu-
In I Cor. r 2, 13 l' espressione Èv ÉvÌ, la battesimale di Mt. 28,T9 sia contenu-
TIVEuim-rL significa « uniti cfo un so1o ta una mistica trinitaria del nome, este-
~pirito » ) 52 . Soltanto in Mc. r ,9 la ma- sa ipoteticamente a Paolo in I Cor. I,
teria del battesimo è espressa con ~ 13 I 5, è del tutto incredibile . Nell'el-
dç: dç -ròv 'Iopoavl)v (cfr. Plut., su- lenismo infatti EÌ.ç -rò ovo1.La: è un'e-
perst. 3 [II r66 a] ~col. 48 s. corp. spressione tecnica delle girate commer-
Jicrm . IV 4 ~ col. 49). La preposi- ciali ellenistiche 54 (='sul conto') e la
zione dç con ]' accusativo indica per sua applicazione al battesimo si sriega
lo più j.] fine che il battesimo si pro- facilmente, poiché il conto reca il no-
pone e realizza: dç l-lE'TcXVOLav, Mt. 3, me dell'intestatario e nel battesimo il
l I; dc; acpEO"L'J 'T<7Jv cX[.LClp'tLWV Act. 2, nome di Cristo è pronun ziato , invoca-
38; dc; Ev o-r7>i..w, rCor. 12,13. L'uso to e confcssilto dal battezzatore o dal
di dc; con l'accusativo per indicare i'e- batt ezzando (A ct. 22 ,16) oppure da en-
lemento costitutivo di un particolare trambi. Anch e la domanda e la risposta
tipo di battesimo r isente di un'origi- di A ct. 19,3 recano l'impronta di una
naria rappresentaz ione spaziale: dç XpL- concezione non mistica, ma giuridica,
(J'tOV, Gal 3,2 7 ; in Rom 6, _ 3 l'espres- quella che si esprime anche nella for-
sione si accompagna all'altra di dç -ròv mula -+ TILO'-CEUELV dc; 55 • Che nel bat-
iMva:-rov mhov; dc, -ròv M<0vcrT]v si tesimo si attui l'incorporazione nel Cri-
legge in I Cor. ro ,2; e in Act. 19,3: dc; sto crocifisso e risorto è innegabile, ma
, ,D , S\. , , 'I ,
-a E}JClit'tLO"Ul}'tE; .•. nç 'tO (J.JCJ.VVOV non è questo il significato fondamenta-
0aTI'tLOl.Let. f~ assolutamente errato ve- le di Brxn-rlsnv dc; e nemmeno il fine
dere in questi accusativi lo strumento, immediato e primario del sacramento
misti camente inteso, del battesimo («es- (~ dç-+ ovoµa.) .
se re immersi in Cristo ecc. » ) 51 . 0rx1t-rt'.-
snv infatti in senso tecnico significa 4) Il valore soteriologico del ba ttesimo
già immergere nell'acqua ed è quindi 'in Cristo '
superflua l'indicazione di uno strumen-
to . Quando questa si rende necessaria Anche il battesimo cristiano, che pu-

·' ' ]oll. WE1ss, 1 Kor., a.l. DEI SS MA NN L.0.' 97. Cfr. In, B. 143 ss. ; N .
'-' E. \x.'1SSMANN, Das Verhiiltnis von 1tlcr·nç B. 25; ThLZ 25 (1900) 73s.; inoltre W. HmT-
und Christusfrommip,keit bei Paulus (1926) MÙLLER, Im Namen Jesu (19 30) mo ss.; F_
ior: « Noi siamo battezzati in Christum, os- PREI S H;KE, Girowesen im griech . Agypten
sia s1 :mm immersi nella sua essenza pneu- (1910) 149ss.
manca ». " ]. B<.iHMER , Das biblische 'Im N rtmen'
" C o ~ì su tm n~ trakon proveniente da Tebe. (1898) T5.
re in ultima analisi mira a suscitare un a cs ~cnz i al rnent e un lavacro purificatore
vita nuova ed eterna, non è in rappor- (1 Cor. 6 , IT ; Eph 5 ,26 ; llebr rn ,22;
to precipuo e diretto con le idee e i r i· cfr. 11ct 2,31':: 22,16) in cui agisce Dio
ti della vivifìcazione e della rinascita . stesso .
Inconsistenti sono le prove testuali che Per va lutare esattamente l'efficacia
vengono addotte per dimostrare il con- attribuita al battesimo nel N. T. occo r-
trario I Mc. 10, 38 s. (~ col!. 66 s~.) re ten er presenti qu es ti dati di fatto.
va inteso infatti in tutt'altro modo; I a) D ai profeti in poi il ripudio di ogni
Petr. 3,20 s. non esprime la visione ori- va iutazione puramente esteriore, fetici-
ginaria del battes imo cristiano , ma è stico- magica degli oggetti e d elle azioni
soltanto un ' theol ogum enon ' isolato e s;icre è un elemento costitutivo della re-
56
relativamente tardivo, anche ammetten- iigiosità biblica • Tras curando questa
do che la lettera sia stata scritta da Sil- concezione di fondo - che non elimina
vano per diretto incarico cli Pietro. An- dcl tutto certe forme real is tiche nel pre-
che Io . 3 ,5 s. e Tit. 3,5 appartengono sentare l' efficacÌ<l sa lvifìca del battesimo
allo strato più recente ciel N.T., dove e nemmeno esclude a pr iori la possibi-
maggiormente si avverte l'influsso elle- lit à di qualche incongruenza - si rischia
nistico. Inoltre in qu es ti stessi testi l'u- di falsare la visione del battes imo cri-
so correlativo di determinate espressio- stiano.
ni ( Àov't'po\I, où i:rrxpxòç àTiéfrEO"Lç pvTiov, b) li battesimo no n è un semplice
TILO"'t'EUELV) illumina chiaramente il rap- rito , un simbolo realisticamente accen-
porto di causalità che intercorre fra la tuato . Ciò traspare già dallo sca rso ri-
remissione d ei peccati e la nuova vita lievo che vien dato all'azione battesi.·
57
del battezzato. Questo nesso causale ri- male in sé ed è inoltre ripetutamente
58
sulta particolarmente chiaro - sebbene ed esplicitamente affermato •

venga spesso misconosciuto - in Paolo. c) L'efficacia incomparabile del bat·


Poiché la vita nuova del battezzato è t esimo consiste nel fatto che esso, seb-
vita divin a, incompatibile col peccato, bene somministrato dagli uomini, è in
il battesimo, nel pensiero di Paolo e realtà un'azione di Dio e del Cristo
in genere del N.T., non è una pratica (Eph. 5,26). Per questo nes suno può
superstiziosa o un mero simbolo, ma battezzare se stesso e per lo stesso mo-

s6 Deut. ro ,r6; 30,6; r Sam. 15,22 s.; Am. 5, r6 b .


58
.21ss.; Hos. 6,6; Is. r,ro ss.; Ier. 2,ii.; 4,4; 7, Hebr. 9,9 s.; 1 Petr. 3,2<; I Io. 5.6: o.Jx f. v
3 ss.; 9,25 ; 3r,3r ss. ; Ez r8,31 ; 36,26; Ioel uéia:n µ6vov. llehr. ro,22 ricorda Ios., ant.
2,13; Ps. 5I,12.18.r9; Mc. 7,14 ss. par.; Rom. r 8, rr7 ~ col. 56 s. ma probabilmente la
2,17-29; r Co r. rn,r -rr. som igl iama è dovuta soltanto ad un paralle-
51
Cfr. per questo anche r Cor. r,17 ; Mc. r6, fomo formale.
t ivo l'azi on e l · ~n t (.::,i male è indicata qu a- secon da e a risolver si in essa e non vi·
si semp re CC• n forlllc verba li passive 59 . u : versa63 • L a OLxo:l!>..) vLç con ferita all 'uo-
d) Il batt e•; Ìrno è u n fatto storica·· m o è OLxalw(nç s1,Jij(; (R om. 5,1 8), ma
mente d ercnni nato e cond izi onato in q uesta nuova s r>..)ii implica una purità
quanto trae la s ua efficacia dai sacrificio morale p erché è la stessa vita di Dio e
e spiatorio e.Ii Gc s[1 , che ha ri conciliato del Cristo.
l'u o mo co n Di o "°. Esso so ttrae obbi et- f) Il battesimo rende l'uomo parte-
tivamen te l'uo mo alla 'morte ', retaggio cipe della m orte e d ell a risurrezione del
del prim o Adam o, e Jo inne sta nel se- Cris to 64
e con ciò lo sradica dal pecca-
condo Adam o , Cri sto , conferendogli la to e lo inn es ta nella ' vita ', ossia in un
o~xalwcnç ~(>..)ijç e la figliolanza adotti- modo totalmente nuovo di essere che
61
va di Dio • vi ene da Dio, ma che nell 'eone presente
e) La giu stizi a e la sant ità che l'uo mo d ev' essere empiri cament e attu ato d ai
ha dal batt esimo d evono tradursi in pra- battezzati. Quest'affermazione paolin a
tica co stante , in una vita nuova effetti- n on va asso lutam ente intesa in senso
vamente pura e sa nta 62 . Secondo Paolo idealis tico-simbolico (questo fu l'errore
infatti - il quale è lontanis simo da una comune a quasi tutti i teologi del seco-
distinzione astratta fra la componente lo scorso, superato d alle successive ri-
giuridica e quella mistica della salvez- cerch e di storia delle religioni ma non
za, fra la ' giustificazione ' e la comu- 65
solo da esse ), bensl nel suo significa-
nione soprannaturale col Cristo - non to letterale e concreto: la ' nuova crea-
esiste un o stacco fra la iustitia Christi tura ', infatti, non è un modo di essere
extra nos posita e la iustitita Christi soggettivo, ma una realtà oggettiva che
intra nos posita, ma soltanto un trapas- è sca turita dal fatto storico dell a morte
so e una netta di stinzione concettuale e della risurrezione di Cristo e nella
in guanto è la prima a condizionare la quale l 'uo mo è chi am ato ad inserirsi

59
Il medio è u sat o ne l N .T. per indicare il ci pale ' dell'interp retazio ne mistico- naturalisti·
b at tesimo cri stian o soltanto in A ct. 22 ,16 (dr. ca della salvezza, non regge se si considera
I Cor. 6 ,II : < b tE),o{Hro:<rfrE ) mentre n on si tro- l'importanza dell a co ncezione giu ridica nelJa
va m ai il ri lless ivo ( 4> col. 48 s.) . le tt era ai Rom an i e se si interpreta ret tamen-
"° r Cor .6 ,lI ; E pb.5 ,2 5 s.; T it.3 ,4 s. ; 1Io. te )'epistola ai Calati .
5 ,6 (-7 òt6:, -7 a.r1w. voi. I, col. 410 , ~ uow p) ; 64
R om. 6,1-14 ; Col. 2,rr -15 ; 3,r ss.; lo stesso
d r . lo. 1:),34 ; r Pcl r. I ,2; llebr. io ,22 ). co nce tt o è es presso an che in Gal. 2,19 s .; 5,
•• Gal. 3 ,26 s. -7 l:vli0c0 , dr. Rom . 5, 18 s . .z4 ; 6, q e passim , dove p erò signifìcativamen-
" Cfr. r Cor. 6 ,rr, dove qu esto conce tto è in- . te n on si fa men zione espl icita del ba t tes imo .
trodo tto a scopo pa renet ico , e l :p 1J . 5,26 ss. P er l'i nterpretazione d i questi pa ssi --"'Èy dpw
" Il tent ati vo com piu to ult imamc m e d a A . e la b ibliogra fi a ivi citata .
S c H WEITZEJ: , Af ystik (spec. 20 1 ss.) di spiegare ·~ La p rim a notevole opposizion e venne d a
il concetto giurid ico d ell a 'giustificazione' co- P . i\J.TJI AU S senior , Die H eilsbdtg. d . T au/ e
m e un ' cra r..: re Sl'cond ario ' n el ' crater e p rin· im S.T. ( T 89ì ).
75 (1.539)

con un attu di libera scelta e co n Li sua fì c:v.ion c '. nrnJCli é l ' importanza dcrer-
volontà morale. min:1111c di qu e~t a a1 fini dcl battesi-
g) Con questo' 1heologurnenon' Pao- mo '' 1. È perciò er rata ogni mterpret,1-
lo se mbra avvicinarsi ai misteri elleni- z1onc della teolog ia paolina del batte-
stici . imperniati anch'essi sulb parteci- si mo che si fondi esclus ivamente su
pazione alla morte e alla rinascirn del- una ' esperierua battesimale ' soggetti··
la divinità. In realtà, se è probabile che va e natura!i st ica , presci nd c ndo dal da-
Paolo risenta nella terminologia un cer- to obbiettÌ\'O e storico della redenzio-
to influsso dei mis teri e che alla base n e. Mentre la morte e la rinascita della
della sua dottrina stia una preesistente divinità naturali st ica si ripetono costan-
interpretazione misterica del r ito della temente nel corso dell'anno e l'inizia-
immersione 66 , fra la sua concezione e zione ai misteri viene rinnovata dopo
qu ella dei misteri sussiste innegabil- un ventennio, il battesimo , come la mor-
mente una differenza fondamentale: nei te del Signore, è un fatto rigorosamen-
misteri abbiamo una rinascita indivi- te irrepetihile (Ècpchm~ Rom. 6,10 ~
dualistica e naturalistica, sciolta da ogni I, col. 102 5 ). P erciò rI carattere esisten-
legame e prospettiva storica; in Paolo ziale delle affermazioni paoline si defi-
invece la rinascita del singolo è spiri- nisce meglio con l'es pressione ' metafi-
tualmente connessa con il fatto storico sica del Cristo ' 70 , anziché con quella
della risurrezione di Cristo ed è inse- solita di 'mistica del Cristo'. D'altra
rita nella rigenerazione escatologica del parte non bisogna sottovalutare o tra-
tutto 67 . Il battesimo è infatti ' il pro- scurare tutti quei rapporti pneumatici
dromo della prossima fine del mondo ', fra il battezzato e Cristo che le parole
è un' 'ascesa', non una 's ca la' 6 ~. di Paolo sot tintendono e che sono av-
h) in Col. 2 ,1 2 ss. Paolo fissa l'inti- vertibili anche psicologicamente ed em-
mo rapporto fra la componente mistica piricamente 71• È certo comunque che la
e quella giuridica della salvezza, ossia conu:zione paolina non comporta una
fra la rinascita battesimale e la ' giusti- scomparsu improvvisa e in certo modo

o. DIBELIU S, l sisweihe 4 .5 s.
68
!\ . Sc11wEITZl .R, GeJcb. d. pl. Forseh. ( r9 r r)
" Que~;ra <lificTL' nza è s tata chiaramente indi· 169 ,1 7 5.
viduata da A. Scl!WEITZER op. cit. 12 s~., ;<2 " Gli ao ri sti xrxp~a-6.J.tE voc; , E~IXÀ.Elljlixc;, 7tpo-
ss., 27 ss. Secondo v. SooEN, op. cit. 35, in uìJÌ,r.:iuixc; secondo l' uso greco non indicano
Rom. 6 « la meta fi sica ilozoistica dell'epoca una ci rco stanza co ncomitan te o un 'azione pre·
viene assunta unicamen te come forma di un cedente, bensì il modo in cui si è compiuu
contenuto che è invece storico, cristologico ed l'azione espressa dal verbo reggente.
escatologico. La morte di Cristo è il sacra- 70
E. LOllME\'ER , Grundlagen pau/. Tbeol.
mento; il bat tes imo è l'adesione sacramentale (1929) 145 .
71
ad esso e di conseguenza l'incorporazione al La teologia dial ettica misconosce questo d;i-
Signori!» . to di fatto . Un'interpretazione complessi va·
(l i'l.>: 7(•) I 1\ . ( \ ;>1-.• · 1

prudi g il>S•l ,k ] 11c·,·,·. 111> d<1 ::a natura um :t· {( l lll ' (rc .> p. l r ) 64 b e e; ·i, (i 5 a ì parh
1ia , ui mc: 11 0 11 t·un1purt;1 un 'e lim inazio - di l·, p 1.u:'. cui ;i la vo rc dc i d c·!1 111ti ; pro ..
hahi l11wntc: ;mchc Orph . /r. 2;,2 p . 24 5
ne impr,1\·1· i,:i l kl d1 ;:o rc· e d elb rno ne.
K crn I ~p yw: 1:'ÈìnEÀÉa'oun , ), ,.J'.it V r.p:'J-
i ) Jn 1 Cur. 1-'aulo com b:1tte
1 ". 1 - 1 $ '(~ v r0 v éd q LL'.T1:1ùV !..L CHO!lEVOl) all ude a
energican1e n te Li co11cc/i,1ne superst izi o- in iz iazi oni \' icari e ' 5• In un ordine di
sa (ben divt:rS<l da q11clb obbiet t iva e id ee ;rna logo r ie ntra anche la seg uente
iscr iz ion e orien tale : Mty!:D.ri M-fi-rnp
ge nuinam en te saL-rarnc ntal c)" di colo- 'A va.éùv;. 'A:rroÀÀ.wv~oc; 'tvinvoowpou
ro che co nsi de rava no il baLL e~ irno e l'a- t'.mÈp ~tovu<rlou -roù à.oEÀ.cpov, b cd xa.-
gape come una salvaguardia da ogni ca- -::E).ovO'E-ro xa~ oùx È't"~PYJO'E Ti]V 1tp0·
Dw1..L i'.a v T?jç lkov, à. rcnEÀ.Éarrn a. i.rc6v
stigo d ivino. Non può certo esservi con-
( r63 d.C. ) ;o_ Dopo la morte di Scillo,
traddi zione fra qu es to passo e le parole punito se veramente dagli dèi per il suo
di Cor. 1 5.2 9 ( d r . Ro m . 2 , 28) , anche
1 spergiuro, la fìglia Taziate adempie i
nel c1so che qu estl' al ludano ;1d un ten- giuramenti 77 • Si può p ensare che que-
st e ini z iazioni fossero accompagnate
tativo, <ippro vM o da P:1olo , di applica- da qualche sorta di 'battesimo '. In
re il batl e~irn o a coloro eh~ fo ssero Ckm ente Al. (exc. Theod. 22) si trova-
morti se nza rice\'e rl o 7 ' . ì\Li probabil- no el ucubrazi oni arbitrarie sul battesi-
mo v icario deg li ange li a favore degli
mente i Cor . 15 .29 è soltanto un'argo-
uommL
mentazion e tattica , intesa ad ironizzare
le incoerenze dei Corinti ; o forse allu- [) Non sappiamo fino a che punto il
de ad una pratica non cri stiana , ma dei 'thcologumenon' dell ' innesto battesima-
mis teri. le n ella morte e nella risurr ezione dcl
Si gno re possa dirsi opera di Paolo e fì-
Il batLes imo vicario è attestato in va-
n u a ch e punw esso rifletta una conce-
rie sette gnostiche.:: ·; i_ Già questo apre
uno sp iragli o sulle usanze pagane ( cf r. zio ne com une e pacifi ca della comunità.
ci el res Lo an che 2 Atach.12 ,39 -45 ). Pla- Sappi a mo im ·ece ch e è mo.Jto antica e

lllt' Tll t: c~-: 1 r t a in K. f\l1 TTRI Nc;, H eilsu:irklich- R e\'. de Phìl. 23 ( r 899) 126ss. pensa invece
.le,,1! bn Pls ( r929) 4 3,7 1 ss ., r 20. Per infor- all' es pia zione dei peccati commessi n elle vite
mazi oni pi ù precise cfr. ZN\'V' 29( r 9 30) ro4 ss . preced enti. L 'i nterpreta zione da noi seguita
" i\'lol ro bene su qu esto punto v. SonEN, op. rrm·a conferma in Plat. , resp. II 364 be ...
cii. 2 3 ss. 3r. Ci si po trebbe perii ch iede re se O Ùv a~ uç ... Òvo-la:tç -CE xcx.t É 7t~oa.i:ç, Et -rE 't'i.
non sia p ropr io Paolo a p ensare in rnodo 'ge- Ò.OLX1][tcX -rou y ÉyovEv av-roÙ 'ÌÌ -rtpoyovwv ,
n u i!lamc n re ' s acLi mcnrale, 1ixEi:viJai. (cfr. 364 e 365 a).
"' _) 0 11. WEI SS, I Kor., a.i. Tut te le interp re-
76
Jahres h . d . Os r, Arch. Inst. Wien 2 3 (1 9 26 )
ta zio n i che es cl udono il bat tesimo vicario per Bei hl. 23s. Cfr. REITZENS TEIN, Tau/e 4 3. È
i mo rt i (ultima in ordine di tempo quella dcl contro1·e.rso se xa-ra).ovEaì}a.ò indichi un 'ba t-
B M :1IMA NN. r !\or.) so no in con sistenti, Cf r. H . tesimo' oppure se mpli ce mente un ' bagno '
FR ETSKEH , ZN \\! 2 3 ( r 9 24 ) 298 ss. proib ito in qu :1nto profanazi one d el!' acqu a
" La d ou 1ml' I1 Ltz io ne in LIETi' i\I ANi\' , I Kor,, sac ra.
a. I. " F. S. STn;-.;r.ETT NEK, Die Beicht 28 num. 6.
'' Cfr. F. l{ <H ll> J' , l'svche TI 12 8. P. T.·\N N U \Y:
79(J.541) ( r ,> 41) 80

comune a tutt a la cristianità l'idea <li ta escato]ogictl e c ri stologica si anneb-.


un intimo rapporto fra il battesimo e bia per lascia r eme rgere la sua funzio-
il dono dello Spirito. Il battesimo cri- ne di strumento naturale e sopranna-
stiano si presenta quindi come il com- turale della gra1.i a.
plemento di quello di Giovanni. Solo m) Alla luce delle considerazioni svol-
eccezionalmente infatti il 7tVEVp.a &ywv te dev'essere valutata la poss ibilità di
viene ricevuto prima del battesimo (Act. un battesimo dci fanciulli nel cristiailc-
78
I0.44 ss.; 18 ,25)
per Jo più è dato
; simo apostolico. A rigor di termini non
durante o subito dopo il battesimo i 9 e si può né dimostrare né contestare che
spesso tramite la imposizione delle ma- i bambini fossero battezzati insieme al-
ni (~ nvi::vµa ~ XELP ). La spiritualità le famiglie che si convertivano 81 ; lo si
ellenistica ha indubbiamente influito, può tuttavia ritener probabile per ana-
soprattutto in Luca 80 , sulla interpreta- logia con la prassi seguita in altre cir-
zione pneumatica del battesimo, ma costanze analogh e . Una cosa è comun-
non l'ha determinata ·sostanzialmente e que il battesimo dei fanciulli, un 'altra
nemmeno ha oscurato l'idea della re- quello dei neonati. In ogni caso il bat-
missione dei peccati e la concezione eti- tesimo dei bambini rappresenta una de-
ca di fondo . Mentre Paolo è nei riguar- viazione rispetto al cristianesimo apo-
di dell'ellenismo in poslZJone sostan- stolico solo quando appare legato ad
zialmente critica, i tardi scritti paolini una concez1one superstiziosa del sacra·
(Tit. 3,5) e la teologia giovannea (Io. mento 82 .
3,5) inclinano sempre più verso l'idea
ellenistica della rinascita, pur tenendo F. IL BATTESIMO COME MISTERO SIN-
ferma la necessità della fede e la pro- CRETISTICO
spettiva storica della salvezza . Ivla è
soltanto nell'antica Chiesa cattolica - L'atteggiamento di apertura all'elle-
almeno per quanto concerne le gerar- nismo che si annuncia negli strati più
chie dirigenti - che l'originaria impron- recenti del N .T. diventa una realtà di

0
'SE(ùV ~(!J T: VEÙ [W.~•. all ud e ad un possesso ~,2 ; 4.6; Rom. 8 .r5.
soprnnnaturale 111a prccri s1iano dello Spirito, ;nH . '" BilEH. Dcr hl. Gcist in den Lukas-
come Le. 2.25; -rò. rcé p\ -rov 'lnc;ov è eviden· rchnften ( 1926).
tem ente un fraintendimento. Parz:almente di- " 1 Cor. 7 ,14 all ude Ji fig li d ei nutrimoni mi-
versa è l'interpretazione di A. v. STROl\1BERG, st i e perciò nun è da prendere in considera-·
Studicn zur Theorie und Praxis rler Tau/e in zione a que s to riguardo.
der altr:hristl. Kirche ( I <)l)) 141 ;;s .. q8ss . " LEIPOLDT, Taufc 73 - 78; H. \VINDISCII:
., Act. 2,38; 8 .r 6 s.; 9.17 s .; 19.r ss.; inoltre ZN\X' 28 IJ929) r18·r42; 0EPKE, Ihm elsfest·
Mc. 1,1\ par.; il e!. 1 -4 s.; 11 .16. P er P aolo dr. schrift 84 -rnrJ ; Tu!..\t: /'.]\'\\! 29 (r 930) 8 1 ·1 11.
J Cor J 2 , J l ~·.1 7:'Jé::i1 w. È;:-:;-;-~crih1r 1 c·;, e Gal.
'ÌI ( l ,5.p) (r,542) 82

fat to nel periodo successivo a quello di Dio alla creazione!


apostolico. Mentre la prospettiva esca- Ass um e impor tanza inoltre il rito co-
tolog.ica, che o riginariament e era il da- me tale. Prima del battesimo si richie-
to fondamentale e il fermento animato- de ora un digiuno di vari giorni, sia da
re del battes imo come di tutta la vita parte del mini stro che da parte del bat-
cristiana, si riduce ad essere semplice- tezzando ( did. 7 A), proprio come per
mente un'appendice, dall 'a mbiente elle- l'iniziazione ai misteri di I side. L'esor-
ni stico-orient ale penetra nel mondo cri- cismo, l'unzione, la prima comunione,
stiano, attraverso il canale della somi- usanze svariatissime dei riti iniziatici,
glianza es teriore, tutta una congerie di di investitura e illuminazione, remini-
elementi estranei faticosamente tratte- scenze dei misteri e dell'A.T . vengono
nuti in precedenza dal filtro della reli- a complicare l'azione battesimale, in
gione profetica e neotestamentaria. Il origine così semplice, alla quale si attri-
battesimo diventa allora un ' mistero ' buisce ora un effetto magico s.i _ Se già
sincretistico. in precedenza l'acqua battesimale po-
Elemento essenziale di questo miste- teva essere considerata come l' antitipo
ro battesimale è anzitutto la materia . del diluvio (1 Petr. 3, 21) e del Mar
Già Ignazio (Eph.18,2) afferma che Ge- Rosso ( 1 Cor. 10,1 s.), ora l'acqua co-
sù 'ha purificato l 'acqua' con il suo lante nelle vasche battesimali è ' il
battesimo nel Giordano e con le sue Giordano ' 84 • La stessa acqua battesima
sofferenze, mentre Barnaba (Barn. r r) le viene poi in certo qual modo trasfJ.
riferisce indiscriminatamente al batte- gurata dalla concezione del martirio co-
simo tutti i passi dell'A.T. in cui si fa me ' battesimo di sangue ' 85 • L'idea del-
menzione dell 'acqua. Questo materiali- la remissione dei peccati non è dimenti-
smo sacramentale raggiunge uno d ei cata (Herm. mand. 4 ,3,r ), ma è presso-
suoi vertici già in Tertulliano che in ché sopraffatta da quella della vivifica-
bapt. 4 e 9 con un'argomentazion e del zione e della rinascita. Sorgono in tal
tutto pleonastica e barocca attribuisce modo cerimonie e riti quanto mai com ..
all'acqua una virtù soprannaturale per plessi, come il battesimo dei mandei,
il fatto che su di essa si posò lo spirito che per un singolare equivoco storico

'-' Bar11.
n , ri: « Scendiamo nell'acqua ca rich i wr Thcoric nnd Praxis der Tau/ e ( 19 I 3) 89
di peccato e d i impmirà e ne risali amo frut- ss.; F. D 0.1.GFR , Sphragis ( 1911) 5r ss .; W.
tificando ». ì\nalogo è il pensiero <li Herm., l·ÌE1TJ\1li ur R in: Stndien G. H einrici dargc-
rim. 9,16 ,4 : TJ ~ o-cppayìc, "tÒ uowp
ÈO"i:LV • brnch t ( JcJI4) 4 0 ss.; P1ffliSCl!EN-BAuER, s.v.
dc, i:Ò vowp xa-r rx~a.(vovO'L WXfl OL, x:aì t±va- " F D i'iLGEH, Antike und Christentum II
0a(vovcn çwvnç. La definizione dcl battesi· {r930J 63 ss., 70 ss.; H. LIETZl'v!ANN, SAB
mo come crcpprxylç prov iene dalla terminolo· 19)0 . 599 .
51
gia dei mi steri , d r. :\. v. SrnOiVIBERC , Studicn lJiiLGEH , O/J . O !. J l / SS .
06."-1"C.J (A. O cpkc )

fu scarnbiato per la forma originaria del to affe rm arsi superando vittoriosamente


86
battesimo cristiano ostacoli e remore in virtù dell'antica
Infine secondo questa nuova conce- conceziune cattolica dci sacramenti.
zione il battesimo inserisce chi lo rice- 11 famo so interrogativo di Tertullia-
ve nella chiesa organizzata, la quale con- no: quid festi nat innocens aetas ad re-
sidera sua prerogativa la somministra- missioncm pcccatorum? (bapt. r8), che
zione del sacramento. Già Ignazio vie- tiene in certo se nso ìl mezzo fra le due
ta di battezzare senza il vescovo (Sm . tendenze, non può esser con siderato co-
8,2) e Tertulliano nega alle donne ogni me una testimonianza della più antica
capacità di somministrare il battesimo prassi battesimale cristiana, e questo
(hapt. 17). sia per la sua intonazione pratica che
Il problema dell'età richiesta per il per il carattere sporadico che ha anche
battesimo dà luogo a due soluzioni dia- in Tertulliano.
metralmente opposte. Coloro che vedo- Circa la possibilità di una ' seconda
no nel battesimo il sacramento che con- penitenza ' per coloro che ricadono in
ferisce infallibilmente, ma una sola vol- peccato dopo aver ricevuto il battesi-
ta, la beatitudine della grazia tendono mo8ì - problema che ha scosso in vari
a procrastinarlo fìno alla più tarda età momenti tutta la chiesa - già nel N.T.
o addirittura fino al letto di morte (si si annunciano voci negative (Hehr. 6,4
ricordi l'imperatore Costantino!), pur ss.; 10,26; affermativo è, invece, 2 Cor.
essendo in pectore cristiani anzi in qual- 12,21 ), che si moltiplicano poi con l' af-
che caso proprio perché persuasi della fermarsi d ella concezione a sfondo ma-
serietà della vita cristiana. Chi pensa, gico del battesimo. Io seguito tuttavia
invece, che non sia mai troppo presto preval e un atteggiamento piuttosto blan-
per ricevere la grazia sacramentale ri- do o addirittura quasi lassista.
tiene doveroso battezzare i bambini nel-
la più tenera età, anzi se possibile il
giorno stesso della nascita. Non ci sono
Identica è l'accezione fondamentale
prove che il battesimo dei fanciulli sia dei due vocaboli, ma mentre 0a1i:TV7[.dç
sorto verso Ja metà del secolo II dalla indica semplicemente l'atto dell'immer-
interpretazione superstiziosa dei sacra- sione, 0rX7r-rv:rp,a des igna anche il suo
effetto, ossia esprime l'istituzione bat -
menti e per influsso di pratiche non cri-
tcsimale . Di 0ci.1c-r~O"p,a non si hanno
stiane; è certo però che esso ha po tu- esempi finora al di fuori della grecità

8
' Per la storia del rito battesimale nei parti- " Ad un ,1 ripeti7ione del battesimo non pare
colari cf r. RGG' V ror6 ss. e REITZENSTEIN, si sia mai pensato.
i'orgeschichte, passim.
( l .).+) l ~<i

neotestarnentari~1 cd c·L·,_ k~i :1 st i c a. 1\n- 1.a to ,tlh morte cli Cristo per L1rlo poi
che 0a:i';-rv:rrt6::; i: s t:1 Lu Jinura conside- ri sorgL·rc insi 12me a lui a nuova vita
rato un neolog is mo giudco-·cristia no 1 ;
cfr. tuttavia Antillo :Vkdico (sec. II cl. ( R 1 11.11tl 6-4; dr. Col.2,12: crvv-mcpÉv-
C.), presso Oriliasio X 3 ,9 , Archigenc "tE:; mJ-rr~ Èv -r0 Bcrn-clcrµcx-rL, Èv <~ (se.
Medico (scc. II d .C.) e P osi doniu Me- Bcx1nlO"µo:-rL) xcx~ cruv'f}yÈpihrn: ~Bcx 1.­
dico (scc. III -IV J. C.) presso Aeziu -clL;11) coll. 74ss.) . r Petr . .3,2I riconn~t­
6,3 (ed. Aldina [1534] p. roo b rr) ,
dove indica i] sonno letargico, e Giam- tc chiaramente il lavacro battesimale
blico, theol. arithm. 30 , dove designa e la rinascita nello Spirito all'espiazio-
l'ebbrezza della malvagità; ~ Ba.n-rl- ne e alla iniziazione cruenta del Cristo
sw coll. 44 ss. Con significato tecnico
(cfr. r,2). Secondo Eph. 4,5 EV Bci:rt"t'L-
si legge soltanto in Ios. , ant. 18,117,
dove insieme a 0ci.n-rLcnç indica il bat- crp.cx. è uno dei sette fattori che deter-
tesimo di Giovanni 2 • Tanto 0cx.r.-rLcrµ6c:; minano l'unità della chiesa. In Mc. ro,
quanto 0cin-rLCT[.tCX. mancano nei LXX. 38 s.; L e. 12 ,50 4 la parola designa la
Per Plut., superst. 3 (II 166 a)~ 0cin-
morte di Gesù (~ Bcx. n-rlsv)).
-rc0, n. 13 .
Il fatto che il N.T. per indicare il
In Mc. 7,4 (8 v. !.), Hebr. 9,ro (3aT>- battesimo dei cristiani (e quello di Gio-
-wrµol sono le purificazioni levitiche de- vanni che ne costituisce il preludio) usi
gli oggetti o dcl corpo. In Hebr. 6,2 costantemente e sempre al singolare una
Bcx.n'ncrµwv ÒL8a.x-fi è l'insegnamento parola o coniata espressamente o riser-
delle differenze esis tenti fra il battesi- vata a questo scopo, comunque non at-
mo cristiano e le abluzioni giudaiche 3 te stata altrove e scevra di ogni risona.1-
e forse anche pagane (cfr. Act. r9,> ss .). za cultuale, dimostra che erano chiara-
0ci.n-rw·µcx. è nel N.T . il termine speci- mente avvertite la novità e l'originalità
flco per indicare il battesimo, sia quel- del hattcsimo cristiano, nonostante la
lo di Giovanni (Mt. 3,7; Afc. r r ,>o par.; sua evidente affinità con riti analoghi .
Le. 7,29; Act. 1,22;10,37; r8,25; r9,
3; Bcin-cLCTl~ta. [tncx.voi'.a.ç, M c. r A; Act.
13,24; 19,4; in Le. 3.3 Bcinw:rp.o: µE-
-co:volo:c:; dç acpEO'LV 0:.µap"t'LWV = bat- Bo: nncr-c-fiç, battezzatore, battista.
tesimo di penitenza che opera la remis- appellativo di Giovanni, è attestato nel
sione dei peccati), sia di quello cristia- N .T. esclusivamente nei sinottici : Aft.
no, che è 06.TC't'L:Y!.tCX dç ·i:òv iJci.vtt.-rov 3,r; lI,II s.; q,2; l7 , r3; Mc. 6, 25
(Xpw·-cov) in quanto associa il battez- par. ( 6 ,14 .2-i: 'Iwavv11c:; o Ban't lswv);

~ciTC'tLO"µrx x-r ì .. ' Compreso probabi lmente il battes imo di


I CREMER -KiiGEI. ; PREUSCllEN-J3AUER_. S. I'. Giovanni.
~ col. 56 s. S11 ll'au ten ticità della tes ti mo·
2
• In lvft. 20 .22 s. il tes to secondario è sta to
n ianza di Giu seppe cfr. Sc1liiRFR I 4 >,(, ss. p01 conguag li ato a i paralleli s ino ttic i.
µtic:"Ctv (i\. Orpke)

8 ,28 par.; Le. 7, 20 .3 3. L'usanza di di- che Le. ev iti ogni appt'llativo. quando
stingu ere pe rsone aventi lo stesso nome non riferisce di scorsi altrui , denota la
più sp iccat a impronta ellenizzante dei
con un appellativo particolare era co-
du e evangeli st i.
mun e nel giudaismo (cfr. Ll[.l.W\I ò ÀE- Anche nei mi steri il battesimo è
"'(O~lE\IOç IIh-poç, Mt. ro ,2 par .; Llµwv ammini st rato talv olta d agli dèi o dai
2
ò xavav cx ~oç, Mc . 3,18 par.; Llµw\I ò sacerdoti . Nel battesimo giudaico dei
proseliti i di scepo li dei dottori scendo-
Àrnp6ç, Aic. r4,3 par.; Llµwv 0vp<rEÙç, no nelJ ' acqua assieme· al battezzando
A ct. ro ,6.32). Il fatto però che l'epiteto per recitargl i e fargli ripetere i principi
di 0a;: ·no--r·~ç sia stato, a guanto ci norm ati vi del giudaismo, ma essi non
sono tanto bat tezzatori, quanto testimo-
consta , coniato ed usato esclusivamen-
ni del battesi mo. In epoca seriore si
te per Giovanni dimostra che quest'uo- tro va usato un participio di forma hif'il
mo er,1 considerato assolutamente ec- con valore pred icativo: h'js mtbjl 't h'j'f
cezionale, anche perché, contro tutta Ja wh' jsh mthlt 't h'jsh 3 e col significato
di ' colui che fa sì che un altro si bat-
tradi zione gi udaica , non battezzava se tezzi ', mentre 0a.•nta--r'i)ç vale ' colui
stesso ma gli altri. In realtà il conte- che battezza un altro'. In Epiph., haer.
nuto stesso del battesimo di Gio vanni 17 si trov;1 un TJIJ.Epo0a.7t-rLtr-rcxl, che
- oss ia l 'invito alla penitenza - richie- non corrispond e prop riamente al piura-
le del rabbinico tebul jòm (vedi l'omo-
deva un battezzatore 1• nimo trattato della Mi shnà) , ma va piut-
to sto confrontato con toblé seharin (T.
Secondo Ios., a11t. i8 ,r r6 (~ 0ci.n-rL- ]ad. 2 ,20). Che si tratti della· designa-
cva, n. 2) la des ignazio ne di Giovanni zione originaria di una se tta è improba-
come 0aTI-rw-r'i)c; era comune anche fra bile ; la parola defini sce comunque esat-
i giudei di lingua greca ed aveva quindi tam ente l'atteggiamento dei giudei di
carattere popolare. La parola, non atte- stretta osservanza (cfr . Nc.7 ,3 s.) 4. 0a7t-
stata altrove (cfr. però TCapcx0cxn-rLa--raL, -rm 5 erano chiamati in Atene gli effe-
col. 59), è conforme aU'uso atti vo (e minati seguaci del culto misterico della
pass ivo ) di 0an-ra~nv, che comincia t racia Co ti (ti tolo di 1111a commedia di
~on il Batti sta e diventa particolarmen- Eupoli, 4 r6 / r5 a C.; Luc., i11doct. 27 ;
te frcguen te nel cristianesimo (~ col. schol. in Iuv . II 9 2 ; Plin., hist. nat.
7 2 s.). 11 fatto che Mc. u si pi\:1 spesso XXXVII ro ,5 5 ); non perché battezzas-
:) ~a.;:-r''.SvJV in luogo di 0aTI-rLcr-r ·~ç, e se ro, ma perché u sava no imbellettarsi.

A . 0EPKE

~0'.7:"C LG1:'fjç font i sulle quali è compi!Jto il t r;tti <Ho sud ..


' Sc:llL\TH. K. ,ift. 5 l s .
l:\0 11m1 . J"t t o npp;lftengono al scc. I e TI d. C., fino
: Cìèi (· ;Ht c s tato d;dle rn lfigur azioni citate ~ ,i) qu,tle per iodo an d rà fatta risa li re l'usanza
{3 6.-;:-: 1>J n. 1 e 2; (dr. anc he ibid. n. 2 8) . degli a>sistrn t i al ba n esimo.
' C (·rim i ,8. L -; cos rruzi onc col d <i ti vo intro- ' Si pensi agli b ;sen i o a Ba nnu s (-+ ~cbt 'tW
d t' t ta d.1 G PoLSTEH, Angel os 2 (19 26 .l 4 non n. 40). Srni':KJR, Il 67 2' .
io· att est ;Ha nell 'u nico ma nos cri tto r imasto. Le 5 Non ~ry:-;; -:v; -;-x ~ . Jfr tT7rNST FIN, Ta u/e 2 3 '\.
(l.).f5) ~)O

f 06:p0ap oc;

A. L' uso c; kECo ;:(,.JVò-~ -r1.0v iTC<. XV 'r'tO! LOuv-rwv ou-:c.ù


0a:p~rl.p1,Jv L :yop.Évc..ùv, ÉcpavYJ -rà. -rwv
r. L'accez ione or ig inaria e fonda men- aÀÀodvw'J O"tO[W.'t'C(. ;:ow:v-ra. . À.Éyw
tale di que sta parola così importante oÈ -rà -r r7JV rnì 'EÀÀ i')vwv. E ancora :
nella stcwia della civiltà è quella di bal- dapprima i Greci chiamarono gli stra-
nieri 0ap0apouç xcnà "tÒ À.oloopov , wç
buzien t e, che emette suoni incompren-
Clv no:xuO""tO[LO'Jç -~ "tpo:xuO"·dµouç EL-rcx.
sibili. Xrl.'t'EXPIJG"aµElJO: w ç ÈiJVLXQ )(.O L'J[7..) òv6-
[W "tL av"tLOLO:Lpovv-rEç npòç "toùç "EÀ-
Etimologicamente è una ripetrztone
ÀT]vo:ç (28 ). Un altro sinonimo, à.ypLo-
onomatopeica; cf r. il sanscrito barbara
cpwvoç, è attestato anch'esso per la pri -
= ' balbuzi ente ', usato al plurale per
ma volta in Hom., Od. 8,294. Ciò che
design are i popoli non ad, e lo sloveno
Erodoto dice degli Egiziani (II 15 8):
brbrati, ' cicalare ' 1.
0ap0<ipouç oE: 7ta';'aç ot ALyum:Lot
0cip0o:poç (come il denomina ti vo ()ap-
xaÀÉoVO'L -roùc; µii O'CflLO'L Ò[LOY ÀtJO'O'Ouç,
f)o:plsn v) è pe rci ò usato per indicare il
illumina di riflesso anche il significato
cinguettio degli uccelli : Aesch., Ag.
greco della parola. Nella stessa accezio-
1003 s.; Aristoph., av. 199. Erodoto(II
ne usano barbarus i Romani 2 ; esem pio
5 4-5 8) racconta delle sace rdotesse di
class ico (e in siem e il miglior parallelo
Dodona ch e erano chiamate m:Àc:uioEc;
di 1 Cor. 14,r l) è Ov!d ., tristia V ro ,
(colombe) OL6-n 0<ip0o:po ~ Tjcmv, ÈbO-
3 7: barbarus hic ego sum qui non in-
XEOV Ot 0-Cj)L ÒµOLWç opwri, cpiJ'È yyWlJO'.L
te!ligor ulli; et rident stolidi verba La-
(57 ).
tina -Getae In Plat ., Crat. 421 cd il pre-
2. In questo passo di Erodoto 06:p- . dicato 0a.p~a.pLx6v è riferito ad antiche
f)apoç ha già assunto il suo significato parole greche divenute incomprensibili
(cfr. il paolino Àa.ÀELV ~ yÀwo-o-o:~ç).
più impo rtante, quello di alloglotto, co-
lui che parla una linF,ua straniera in- 3. Il signifìcato di alloglotto trapas-
com prensihile ai Greci. sa facilmente in quello di allogeno, non
La testimonianza più antica è in Horn., greco; così nell'antit esi Ti 'EÀÀaç / Ti
Il. 2,867 : Ka.p<7N ... 0a.p0et.PO(pWVWV, 0cip0o:poc; (yij), l'estero 3 , e soprattutto
dove 11 composto attesta implicitamen- nell'associazione "EÀÀT]VEc; x.a.L BcipBa-
te l'esisten za d el semplice 0ci.p0apoç;
vedi il commento al passo in Strab.XIV poL, che non solo designa perifrastica-
2,28 ss. e sop rattutto le parole: miv- m ente l'umanità, ma esprime il contra-

f36.p f3apoç
1
A. ErcHllORN, Bcip~apoç q uid rignificaverit Cfr. A. WALDE·J. PoKORNY, Vergl . Wiirterb.
(Diss. Leipzig r904) ; H . WERNER, Barba- d. indogcrm . Spr. II ro6 [rima ndo <le! De-
rus; N.]hch Kl. Alt. 2r (1918) 389-408; J. brunner].
2
JiiTllNER, H ellenen und Barbaren (r923); Thes . Ling. Lat. s.v. barbarus.
ibidem, r22 s., altre indicazioni bibliografi- 3
Aesch. , Pcrs. 186 s.; in Soph., Trach. ro6o b
che: J. Vovr, Herodot in A.gypten, in: Ge- formula. è modificata in ovit' 'E).J,ci:;, o(h ' fi..-
nethliakon fiir \Yl . Schmid (1929) 136 s.; y À.wo-o-a:; ( = pcipf3a.paç y lj ).
PAULY · W . ( r896) 2858.
i I ,54<1) 92

sto -- che è poi il senso di tutta la sto- Ìcàòu.. cp ~Éyywi)cn, e inoltre ntl ringra-
ria greca ... fra i Greci e i non greci. os- ziamrnto di Talete (Diog . L f 7,n):
E<pCl.CiXE yrip , cpTJGl. "t'pv:;iv -ro1.'.rnvv EVE-
s:a i ' barbari '. oì, Bci.p(3a.poL sono i po-
XIX xr/.pw fxWJ TD Tuxn . i::p<7,)-rov
p.Èv
poli stranieri, costi tuzionalrnente estra- C'CL avi?pr,rncç ÈyEVO!lTJV, cù i}ì]pi'.ov .
XCXL
nei alla grecità perché poveri o privi af- EL'rn o-rL àv-iJp, xcxì, où yuv'fi · "t'pi'.cov OTL
fatto di cultura, i popoli dai quali i "ED.TJ'J, xat où 0ap0apoç 6 • Secondo
Isoc. 4, 157 i 0cip(3a.poL come gli àvopo-
Grt::ci si difendono e sui quali d evo no (pévcL 7 erano esclu si con un annuncio
per principio dominare, i nemici nazio- solenne dalla partecipazione ai misteri .
nali, soprattutto i Persiani, e poi gii
4
Egizi e così via • L ' impero universale ellenistico fon-
Per l'opposizione politica e naziona- dato da Alessandro, se da un lato attuò
le che si esprime nella parola (3cip(3a.poç l'a ntico ideale greco del dominio sui
cfr. Plat., Menex. 242 d 5; Liv. XXXI 0cip0a.poL, dall'altro portò ad un supe-
29,r5: A etolos Acarnanas Macedonas,
ramento del dualismo tradizionale, in-
eiusdcm linguae homines, leves 'ad tem-
pus ortae causae disiungunt coniun- troduce ndo i barbari nd mondo elleni-
11,untque: cum alienigenis, cum barbaris co . Questo rivolgimento era stato pre-
aeternum omnibus Graecis bellum est parato dalla sofistica con la sua intui-
eritque (parla un macedone); dr. inol-
tre l:,x. 17,r6. Eur., Iph. Aul. 1379 s. zione d ella sostanziale uguaglianza di
1400 s.: (3a.p(3ci.pwv o' "EÀÀTJva.ç &.p- tutti gli uomini chiaramente formulata
xnv Elx6ç, à.).J ,' o0 (3a.p(3ci.pouç, µij"t'Ep, da Antifonte (Diels II' Nachtriige XXXVI
'EÀÀ1)vwv · "t'Ò µÈv yàp oovÀov, o[ o'È- 8
coi. 2,ro : ÉmÌ. cpuan T:av"t'a. miv-
ss.)
ÀEvlJEpoL, approvato da Aristot., pol.
I 2 p. 1252 b 8. In Plat., polit. 262 de, "t'Eç o[wi'.wç T:Ecpuxa.µEv xaì. (36:p0a.poL
la distinzione dell'umanità in Greci e xaì. "EÀÀ J)VEç dva.L. Espressione clas-
barbari è giudicata assurda in conside- sirn del concetto egualitario maturato
razione della diseguaglianza numerica
delle due parti. nella nuova realtà storica è il cosmopo-
La componente civile e culturale d el li t isrno della Stoa, i cui primi rappre-
concetto di (3cip(3apoç si esprime soprat- sentanti in parte non erano Greci ma
tutto in Dion. Hal., ant. Rom. I 89,4:
' barbari ', che non solo assimilarono
molti Greci che dimoravano Èv (3a.p(3ci-
poLç hanno disimparato in breve tempo la cultura greca ma divennero maestri
9
"t'Ò 'E),ÀTJVLXOV wç p.1)"t'E <pWVlJV 'EÀ- dei Greci .

' Per i Persiani dr . Acsch. , Pers. passim; Lact ., inst. TH 19 ,17.


7
Hclt. VIII 142 e passim; Tuci<lide: E!Cll· Cfr . ancora Luc., Dcmon. 34, pseudolog. 5.
HORN, op. cit. 41; Senofonte : ErcHHORN, op. ' Cfr. H DIEl.s in SAB 1916, 931 ss.; \Y/ .
cit. p. 45. Per gli Egiziani vt..Ji gli esempi NE STLE, Po!itik und Mora! im Altertum: N.
in PAPE, PAssow, ]UTHNER 13 ss. ]beh . Kl. Alt. 21 (1918) 228 s.
' Cfr. WERNER 395. ' Cfr. M. PoHLENZ, Stoa und Semitismus: N.
• Un ringraziamento analogo, attribuito a Pla- Jbch . Wiss. und Jugendbiidung 2 ( 1926) 257
tone, si legge in Plut., Marius 46 (I 433 a), ss. Finora non ho trovato nella letteratura
'.là p ~cwiç (H. Windisr!tì

Una testirnonia111;1 complessiva al ri- gralico In. ) ) per indicare i popoli stra-
guardo si trov;1 in Plut.. lllcx. fort. virt. nieri che non possiedono la cultura e
6 (Il 329 b-d). d(ivc ;\lessandro è visto
le virtìi greche fece assum ere b e n p re-
come l ' inviato dal ciclo a pacifìcare il
mondo, ossia ad eliminare la tradizio- sto alla parola un generico significato
nale inimicizia tra Ellcni e barbari (cfr. morale, quello cioè di seluag,~io, rozzo ,
Eph. 2,11 ss.); in conseguenza dell'ope- fcroa , inciuile.
ra di Aless,rndrn sovente l'appellativo
di 0cip0cxpoç l'. ristretto alle popola?.io- Aristoph., nu. 492: èJ_vi)p(1JTioc; àiux-
ni selvagge che vivevano ai margini clel- 7hìç ... xa.L 0ap0apoç; Polyb. I 65,r
J' area culturale ellenistico - romana 10 • npòç oÈ .-ov.-oLç .-l oLmpÉpn xcxL xcx.-à.
Non tutti i barbari, del resto, erano 1t00'0\I fiì}TJ O"vµµLX'"l"r.t. Xr.t.L 0cip0a.pcx 1:(:0V
nmsidcrati allo stesso modo; cfr. Plut., Èv muodruç XCJ.L v6p.oLç XCXL Tl:O ÀL -nxoi:ç
cons. ad /lpoll. 22 (n I 13 a). EiTEO"L \I Èx.-EÌ}pcxfq.J.É\IWV ( cf r. P. Oxy.
Come è naturale, i Romani erano ori- 1681,5). Per l'uso latino cfr. p. es. :
ginariamente annoverati fra i 0cip0cx- Cic., Mi!. 30, dove i docti son contrap-
poL 11 ; ellenizzandosi acquistarono il di- posti ai barbari: sin hoc et ratio doctis
ritto ad esser distinti dai 'barbari ' e et necessitas harbaris et mos gentibus
considerati alla stregua degli "EÀÀ:ri- et fcris etiam beluis natura ipsa prac-
w:ç. Ma la loro posizione non fu mai scrfpsit. Cic., Verr. IV I r 2. Sen., Mare.
defìnita in modo chiaro e stabile. In 7, 3: magis barbaros quam placidae eru-
qualche caso i Romani vengono inseri- ditaeque gentis homines, magis indoc-
ti come un tertium gcnus nella formula tos quam doctos eadem orbitas volne-
tradizionale ' Greci e barbari '; ma que- rat. 0rip0rxpoç in questi casi è sinonimo
sta nuova tripartizione in Greci, Roma- di IJXÀ T]poç, Wp.oç, aypLOç, [.WVLXOç,
ni e barbari non si è mai affermata com- èimnoc;, àvoT]1:oç, IJXCJ.Loç, àµa. ih'Jç,
pletamente 12 (proprio scrivendo ai 'Ro- àna.low-roc;, àvw'.crlJi]coc; 14 • Su questa
mani' Paolo usa la formula tradizionale evoluzione semantica della parola (dal
"EÀ.Ài]VE<; xaL 0cip0cxpoL ). Oppure alla significato 3 al 4) ha certamente influito
divisione dell'umanità in Greci e bar- la grande azione storica di Alessandro;
bari si sostituisce quella in Roma:-ii e cfr. spec. Plut., Alex. fort. virt. 6 (II
non Romani 13 • 329 ed): 't'Ò ò' 'EÀ.À.i]VLXÒ\I XQL 0a.p0rx-
4 . L'uso di 0cip0apoL in senso ctno- pLXÒV µ'JÌ xÀcxp.vot ... OLOPLSELV, àÀÀ.Ù.

stoica un 'atiermazione analoga a quella di An- guis, non Gra:cos minus barharos quam Ro-
lifont e. N ell'fndex di v. Arnim manca la pa- manos puto.
rola ~cipf1rxpoç e così pure in Epitteto. " Cic., fin. Il 49: non solum Grax ia C'l Italia
"' Cfr. PRFIS!CKI:, \J;'liJrt. 255. sed etiam omnis barbaria; divin . I 84; cfr.
" .f lìTHNER 60 ss ., WERNER 397 ss. Catone in anche Philo, vit. cont. 48. J\ltre testimonianze
Plin., hnt. ni11. XXIX 7,14: nos quoque dic· in JuTHNER 140 n. 2 0 2.
t1tant barbaros (se. Grnxi) et spurcius nos "Così Ad. Arist. XIV p. 347,r5ss. D1 NDORF;
quam alius 'Omxwv appellatione fa'dant; Liv. JuTHNER 85 S.
XXXI 29,30: qu i Romanos alienigenas et " Cfr. gli esempi in EicHHORN 62ss. Per civ6··
barbarm voce!; Cic, resp. I 58: Sì, ut Gril'ci rii:oç vedi, oltre a Rom. 1,14, anche Dion .
dicunl, omnis aut C:raios esse aut barbaros, llal., ant. Rom. V 4 ,3. Cfr. ancora Plut. , Pe-
1;ereor ne ( Romulus) barbarorum rex /ueril; lop. 21 (I 289 e); apophthegm. (Caesar) II
sin id nomen moribu s dandum est, non lin- 205 s.
95 (I,5 47 ) Pcip~a: po c; (H. \Vi ndi'ic h i (l .'q 71 <) 6

't"Ò !LÈV ' ED.11vLXOV apn"fj, 't"O ÒÈ Sa.p- [3a.poc; ri corre ~ olo due volt e: L ::.. 2 r ,
0o:pLXOV xa.xlq. '"t'EXµa.t'.pEvlJa.L; cfr. an- 31 (3 6) e tJ,- t r 3, 1. In qu est' ultimo
che Cic ., rcsp. I, 37,58 ( ~ n . rr) . passo : f.v Èt,6òc~ 'lo"paTjÀ. ÈE, ALy uTi:-ro u,
oì'.iwv 'lixx0J(1 Èx À.aoù 0a:p0à.;::ou, il
5. Nella tempe rie del nuovo cosmo- À.a.oç 0cipf;cx.po; (' am ù? cz) 17 è un po-
po li ti smo nasce e si diffonde in deter- polo dalla lingua halbettantc , oppure
minati ambienti del mondo greco una un popolo a!to.~lotto (significato i e 2) :
maggiore stima dei barbari in genere o si tratta in questo caso di una contrap·
posizione fra il popolo 'santo' di Jahvé
di qualche fìgura eminente del mondo (~ 113,2) e l'Egitto 'barbaro'. Invece
barbarico. Si ama idealizzare certi po· in Ez. 2 r, 3 r (_36) (da una profezia diret-
poli barbari, celebrare la grandezza di ta contro gli Ammoni ti): xd ÈXXEt:0 È1tÌ.
O'È Òpyi)v [!OU . .. xa.ì. rta.po:O<~CTW (jf. Elc,
sovrani e sapienti non greci, come il
XEi:pac, àvopr-:Jv 0a.p0ripwv x'"t'À.., è pro-
Ciro di Senofonte (an.) e lo scita Ana- babile che 0cip(3a:poç vada inteso nel
carsi, mentre si impara anche ad ap- senso di / croce ( sign. 4 ), in quanto I 'ori-
prezzare la ' fìlosofìa ' dei barbari, p. es. ginale 'èfnàsim bo'arim vale' uomini ot-
tusi , bestiali'! ~.
dei Caldei e dei Giudei 15 •
In questo movimento si inserisce poi In questa accezion e \)ci.p(3apoc; è usa·
to quasi sempre anch e nei deuterocano-
il cristianesimo . Ma è soltanto con gli nici e negli apocrifi: 2 Mach. 4,25: ~·J­
apologisti che l'ori gine ' barbara ' della ~wùç oÈ <~µoù '"tvpcivvou xaì. lJT)pÒç (3o:.p-
nuova religione o ' filosofìa ' e del suo (3cipov òpyàç Exwv; 5 ,22: non perché
fondatore viene assunta come prova frigio, ma per il suo carattere ( '"tpÒ7toç)
Filippo è (3ap(3o:pwnpoç del suo re; co-
della sua superiorità. sì pure in 10,4: µTj (3À.a.c;q.ii)µoLc, xa.l
f;a.pScipoLç ElJvwL 11:a.pcx.olooc;iJm (dr.
Cfr. Iust., dia!. 119,4; apol. I JA;
Ez.2r,36!), in r5,2 e 3 Mach. 3,24: gli
7,3; 46,3; 60,11, dove la nuova conce-
Egiz iani non vogliono avere alle spal-
zione del ' barbaro ' è s-intetizzata nelle
le gli Ebrei come 11:po06't'aç xa~ 0a.p-
parole LOLW'"t'WV µÈv xa.~ Sa.pScipwv 't'Ò
S6.pouç TCoÀ.q.llovç, dove l'espressione
cp~Éyµa., c;ocpwv ÒÈ xa.~ mCT'twv 't'Òv
vale 'nemici feroci', ma si può anche in-
voùv ov'twv; e soprattutto Tatian. l ,1 e
tendere come nemici stranieri. Quest'ul-
passim 16•
timo significato è preferibile in 2 Mach .
2 ,2 r, dove 'trX 0<ip0cx.pcx. rcÀ ii~TJ sono le
B. S<ip0cx.poç NEI LXX, NELL'ELLENISMO truppe siriaco-ellenistiche. Si tenga pre-
GIUDAICO E NEI RABBINI sente che per l'autore giudeo la guerra
contro i Siri - da lui considerati come
Nei testi protocanonici dei LXX Srip- i Greci considerano i Persiani - è un a

" Così Celso in Orig. , Cels. I 2 ammette <laica) non è comunque spregiativo.
LXr.tvoùc; EÙPELV o6yµr.t'"W. '"t"OÙç pa:ppci.pouc;, " Cfr. R. C. KVKIJLA, W as bedeuten die Na"
ma sostiene che xpi:va:L xixl PE~mwcrixcr~m men "EÀÀTJVEc; tmd Bci.pBixpoL in der altchri-
xa:l ci.crxljcrr.tL 7tpòc; ci.pE't"TJV '"t"rÌ Ù7tÒ ~a:ppci.pwv stl. Apolo?.etik .~ : Festschrift f. Th. Gomperz
EÙpEi}Éna: à.µElvovÉc; dcrvv "EÀ).:rivEc;. Il giu- (1902) 359-363.
17
dizio di Celso sul cristianesimo: Bci.ppa:pov GESENIUS-BUHL S.V. l'z.
avw~EV EÌVa:t 't"Ò OOj'µr.t (ossia di origine giu· " GESENIUs-Bum• .r.v. b'r III.
'! ? I i , 5-t?)

guerra santa con trn b,irha ri ; impli- 'Ì) 'EÀ.À.àç xw, Y} f3ci.pf3apoc;, la G recia
citamente almeno k sue: parole conten- con i suoi ·;erte sapienti, i barbari con
gono la formula 'JovòaCoL xo::ì. ~cipf3a.­ i loro ma gi e gimnosofisti 21 • È incerto
poL, antitesi ddl'aitLi "EÀ.À.l)vEç xaì. se Ti llaÀ.cwr'tLVY} Ivpla con i suoi E s-
~cip0apoL IJ _ seni, citata in seguito ailo stesso pro-
Del tutto greca è invece in cp. Ar. posito, rientri nella categoria (3ci.p(3a.-
r 22 la caratterizzazione dci ' settanta ' poç, oppure sia concepita come un ter-
scelti dal sommo sacerdote: ci.Tio-rdJnµÉ- tium genus. Quest'ultimo è evidente-
voL -rò -rpaxù xa.ì. 0ci.p0a.pov -rijç OLa- mente il caso di spec. leg. II r65 s.:
volaç; ossia essi, in quanto uomini di "EÀÀY}vc:ç òµou xa.ì. f3ci.pf3apoL hanno
educazione giudaica e greca ( 12 r ), han- associato a'ltre divinità all'unico 'JtCX.TlÌP
no deposto l'asp rezza e ila rozzezza dei irc:wv xa.ì. ci.vlJpwTiwv; quest'errore è
Giudei (o degli uomini in generale) pri- stato riparato dal 'Iovòa.lwv i:lJvoc;, che
v i di cultura. possiede la conoscenza del vero Dio e
Filone ha assimilato completamente per questo si distingue tanto dai Greci
l'uso greco della parola 20 . 'Ef...À.à.ç e (i)) quanto dai barbari, fra i quali, oltre ai
f3cipf3a.poç ( yYj) indica per lui il mondo Persiani e agli Indiani , Filone annove-
e in leg . Gai. in particolare l'impero ro- ra anche gli Egizi e soprattutto gli ~
mano (cfr. qi.145.147). in cui Cesare IxvDcn (vit Mos. II 19) 22 • Così pure,
Augusto e Tiberio hanno svolto la loro .s econdo vit . Mos. II 19 s., le leggi giu-
opera benefica. Nell'inno al Ka.l:cra.p 1:c:- daiche si dist·i nguono perché hanno la
f3acr-r6ç (ibid. 145 ss.) Filone prorompe capacità di unire fra loro i vari popoli :
in queste parol e di sapore schiettamente (3apf36:pouç, "EÀÀ Y)va.c;, i)Tinpw-rac;, vT)-
'ellenistico': ò -r-r'Jv ~LÈv 'EÀ.À.ciòa. 'EÀ.À.ci- O'LW'ta.ç X'tÀ., mentre le altre leggi li se-
O'L noÀÀ.ai:ç 'ltapavt;,-f]craç, 't1ÌV ÒÈ f3cip- parano . La religione giudaica è destina-
f3a.pov Év -roi:ç ci.va.yxaw-ra-roLç 'tµ-f]µa- ta a superare l'opposizione fra Greci e
cnv ci.cpc:À.À.l)vlcraç, cioè che, estenden- barbari e a diventare così religione del-
do la civiltà ellenistica, Augusto (un l'ecumene. (3cipf3apoc; in Filone ha quin-
principe romano!) ha ·i ngrandito la Gre- di prevalentemente il significato di 'non
cia ed ha ellenizzato le più importanti greco ' . Con valore di caratterizzazione
aree barbare . Ma Augusto è anche cele- etica la parola si trova in spec. leg. III
brato co me ò 'tàç xoLvàç v60'ovc; 'EÀ.À.-fi- r 6 .3: f36.p(3apoL 'tàç <pvCTnç, 1]µÉpov mn-
vwv xa"ì. (3a.p(3cipwv laCTci.µc:voç ( r 4 5 ), òda..c; ayEVO'"t'OL (significato 4 ).
ossia si potrebbe dire come il salvatore All'uso greco di f3cipf3apoç si adegua
di tutto il genere umano. In questo ca- pienamente anche Giuseppe 23 • Per lui
so l'antitesi di civiltà e cultura fra Greci infatti (3apf3a.poL sono i Madianiti (ant.
e barbari risulta già in certo senso su- 2,263), i Parti (bel!. r,264.268; ant .r8,
perata, e ancor più in omn. prob. t;b. 72 328), i Sarmati appartenenti alla fami-
ss ., dove a conferma che i sapienti, seb- glia scitica (bel!. 7,94 ), gli abitanti non
bene rari , pure es istono vengono citate gi udei dell a Giorda nia orientale (ant.

" C. L. W. GRtM rvr, H.in dbuch w dcn Apo- legislatore degli Ebrei, è contrapposto ai µa.·
kryphen d. A. T 4 (1857) 6r. l111µanxol degli "EÀ.À.T)\JEç xa.ì ~cip~a.poL .
"' H. LElSEGANG, lndex, s.v. '' La maggior parte dei passi qui citati è trat·
" Cfr. anche Abr. 1 8 1 ss . ta dal materiale messo cortesemente a dispo-
" Analngamentl'. in op. mund. 128 Mosè, il sizione da A. Sc H L:\TTER.
3tipf,a.poç (H . Windisch) (1,548 ) 1 00

12 ,222), gli A rabi (ant. 15,130) 24 , men- Gli scritti ra bbinici :o u sano l'impre-
tre non sono ' barbari ' i Giudei, tanto stito greco barbizr, harhariz'd, al plu r.
è vero che in be.fl. 5 ,34 5 s·i rimprovera harbarim , harbilrajja' a) nei ri ferimenti
agli Zeloti di essersi rallegrati per l'an- ai G iudei fatti dai loro dominatori Ba-
nientamento dei Giudei che non stava- bilonesi, Med i e Rom ani 27 ; b ) per in-
no con loro, come se si trattasse di bar- dica re i popoli strani eri , oppure singoli
bari , e agli Idumei si rinfaccia di aver individui spiritualmente incolti 28 .
sostenuto gli Zeloti contro gli altri Giu- Ma il genuino corrispondente rabbi-
dei con uno zelo maggiore che se la nico della formula greca "EÀ.À. ì]VE<; xa.ì.
metropoli li avesse chiamati É7tt (3a.p- ScipSa.poL è jifra'el e 'umm ot ha' oliùn,
=
(3ci.pouç ( contro dei non giudei): 4, oppure jifra'N e haggojim ot 'Iou- =
239. Ma anche quando Giuseppe ado- òa.i:ot xa.ì. ElJvì]. Come ri sulta da que-
pera la formula "EÀ.ÀYjVE<; xa.L (3ci.p(3a.- ste espressioni , molto simile era nei
pot, i Giudei ne restano esclusi 25 , e so- Grec i e nei Giudei il senso di superio-
no quindi considerati come un tertium rità e distinzione rispetto agli altri po-
genus. Per Giuseppe gli "EÀ.À.YjVEç xa.L poli, e ciò trova una conferma tipica
ScipSa.pot rappresentano l'umanità non nel ringraziamento rabbinico , che fa
giudaica. riscontro a qu ello di Talete (-7 col.
Sorprende perciò come in bel!. r ,3 92) , in T. Ber. 7,18 (autore R. Jehu-
si usi l'espressione -roi:ç &vw (3a.p(3ci.potç dà) : lodato sii tu, che non mi hai fatto
per i Giudei residenti nel territorio dei pagano ... non donna ... non incolto! Cfr.
Parti, per i quali Giuseppe aveva dap- la variante in b. Men. 4 3 b : le tre bene-
prima scritto la storia della guerra nella dizioni di R . Meir a Dio: per avermi
loro lingua (ossia in siriaco-aramaico). fatto israelita (e non pagan o )... non una
Si tratta evidentemente di una conces- donna ... e non un ignorante (bor) 29•
sione all'uso romano-greco, come dimo- La differenza fra (3ci.p(3a.poc; e goj
stra il fatto che l'autore contrappone consiste nel fatto che, mentre il primo
questi &vw (3ci.p(3a.pot -c-oi:ç xa.-c-à -c-Tiv è un concetto etnologico, linguistico e
'Pwµa.lwv -i}yEµovla.v, ai quali presen- culturale, goj ( =
-7 ElJVYJ, -7 à.µa.p-
ta ora la sua storia 'EÀÀci.ot y Àwcra-11. -rwÀ.6ç I , col. 88 t s., cfr. anche -7 àxpo-
Non diverso è il caso di ant. 14,187 s., 0vcr-rla., I , coll. 60 5 s. ), è invece un ter-
dove a!Je testimonianze (sui Giudei) mine fondam entalm ente cultuale - reli-
7ta.p' D!..tL\I 't"E mhoi:ç xa.l -C-LO"L\I aÀÀotç gioso e tutt'al più in via secondaria
-c-wv (3ap(3ci.pwv (Persi e Macedoni) ven- può indicare una distinzione etnico-
gono contrappòste -c-à. Ù7tÒ 'Pwµa.i'.wv culturale. L 'imperfetta corrispondenza
ooyµa.-c-a. Il giudizio calunnioso di ap. fra (3ci.p(3a.poc; e goj spiega perché l'e-
2,148 : àqiuEa--c-ci.-c-ouç dva.t -rwv (3a.p- braico e l'aramaico siano ricorsi ad un
(3ci.pwv ( -roùç 'Iovòa.louç) è citazione di imprestito greco per esprimere il con-
Apollonio Molane . cetto di 'barbaro' . L'abisso fra Giudei

" La na.pa: vo11la: di q ues ti è tan to grande 1:.iç " S n t ACK·B rL LERB f·:CK Ill 2 7 ss .
27
dxòc, EXEW i:ò (3cip(3a pov xaì rivEvv6l)i:ov P. es . nell'accla mazione r ivolta a Nabuco-
itEO\i. d onoso r e a Ti to : n"qéta ' barbiiraiia' = vtxl]-
" P er lo pit1 "Eì,). l)VEC, xa.ì (3ci pf,apot si ri- i:i]ç 0ap0&.pwv ( S T RAC K-BILL ERBECK III 28).
feri sce a scrit tori greci e orientali : an i. r ,93. " S T RAC K-BILI.E RHECK III 28 s.
i o7; ap . 1,58. 161; diversa mente in ani. 4 ,12 ; 29
B o cssET-GRE SS 1\l. 4 26 s.; J. LEIPOLDT , }c-
i 5,136; ap . i ,2 0 1 (in una citazione di E ca teo) . sus u111l die f raurn ( 1921) 3s., 1 r5 s.
~Jap~o: p oc; (Il. \Vrndi sch ì

e non Giudei , (1;1 i circoncisi e gli in- rcapEL'xov où ·t -i}v '!vxoi)o·uv qnÀctvitpw-
circonsi è molto più p rofondo che non 7tLa.v l)µ~v si può intendere : ricevem-
gudlo fra Greci e barbari , anche per- mo un trattamento umano che non ci
ché va al di là di questo mondo, proiet- saremmo aspettati, come naufraghi, dai
tandosi escatologicamentc nell'eone fu- ' barbari ', oppure: ricevemmo un trat-
turo e ndl' eternità 30 • tamento tale, che non potevamo aspet-
tarci di meglio. Insomma o vi è una
c. f3cipf3ap oç NEL NUOVO TESTAl'v!ENTO contrapposizione fra f36:pSa:poc:; e q>tÀo:v-
iJpw7tla., oppure una protesta contro il
f3cipf3apo c; ricorre nel N. T. solo in concetto in cui eran tenuti comunemen-
quattro passi 31 : Act. 28,2-4; I Cor . 14, te i f3cipSa:pot.
n; Rom. 1,14 ; Col. 3,ri. In Rom. l,r4 s. Paolo afferma di es-
Nell'osservazione di carattere gene- ser disposto a predicare anche ai ' Ro-
rale che Paolo in I Cor. 14,11 inseri- mani', perché "EÀÀrjubV "t"E xaì Sa:p-
sce nella diatriba sul dono delle lingue Sci:potç, crocpoi:c; .:E xaì civoirtotç ÒcpEt-
(Eàv OVV µ·fi dòw "t"lJV OVVO'.µtV "t"fjc; ÀÉTr)c; d1..tl. Come dimostra il parallelo
cpwvfjc;, foor..tcu "t"cfl ÀaÀouv-n f3cipf3apoc; con l, 5 s., "EÀÀ'l')VEç xaì. ScipSa:poL
xa.t ò ÀaÀwv (Èv) Èf.tot f3apf3apoc;), ab- equivale a 7trXV"ret. "t"à. Eitv'f] 33 , ossia ri-
biamo un esempio classico del signifi- produce la tradizionale classificazione
cato orìginario di f3<ipf3apoc; che ne pun- greca dei popoli, specificata sotto il pro-
tualizza anche la relatività: il greco filo intellettuale e culturale dalla suc-
stesso è un ' barbaro', ossia parla una cessiva apposizione: a-ocpoi:ç 't'E xa.ì à.-
lingua incomprensibile per i non greci, voi)"t"otc;. Di fronte all'evangelo i ~ci.p­
proprio come Ovidio era considerato Sapot (ossia gli estranei alla stirpe e al-
' barbaro ' dai ' barbari ' Geti (~ col. la civiltà greca) 34 , sono uguali agli "El-
90). À'f]VEç, così come per Filone sono ugua-
Analogamente in Act. 28,2-4 cl. Scip- li di fronte alla legge ebraica alla quale
Sa.pot designa gli ' indigeni ' 32 dell'iso- devono sottomettersi (col. 98 ).
la di Malta, che essendo certamente di
Allo stesso modo di Filone, Paolo
stirpe fenicia non parlano naturalmen-
comprende fra gli "EÀÀ'l'}vEc; anche i
te il greco, ma il punico.
'Romani'35 , come si deduce dal fatto che
Quando Luca narra: ol'. "rE Sci.pf3apoY. egli scrive in greco .: o~c; É\I 'Pt:.lµn . Fra

'° Act. 1 5.2; .'ìrR.KK -Bru .ERBE CK IV 1 ,37 ss . dere É~p a.to~ oLa),b:-:cp (cioè in aramaico).
31
~cip~o:poç manc:1 ne i pad r i apostolici e n- ZAH N , Ag. a. l.
compare soltanto neg li apologisti. " Cfr. p. es . Clem. Al., prot. 12, 120,2.
31
È qu es ta la mig lio re traduzione di o[ (36.p- " Cfr. anche Z1111N, R om., a. l.
5
(3apoL nel nostro passo . Alcuni di questi ' bar- ' Cfr. Ps.-Clem., recogn. I 7: audite me, o
bari ' dov evano conosce re anche il greco, se civey Romani (si tratta dell'apostrofe) ... ; e poi
Luca ha potut o intendere due loro afferma- 9: vos o 011111ir turba Graecorum (cosl ven-
zio ni (28 ,-t h e (; b) . P :ìOlo si sarà fatto inren· gono design;H i pn k loro pre tese filosofiche).
~cl:p~a.poç (H . \X'i ndi sd 1i i I , ,111 I O.+

i Ptip0a.poL ai quali s1 sentiva ugual- e " Eìc.f.TJV) . SLToncb iorrnula


NeiLi
mente debitore del suo ministero 1' A- l' "EAÀ.l]\i comprende evid entem ente i
postolo comprendeva con ogni verosi- (3apBa.poL , os sia equivale a Ei}v·11, e in
miglianza gli abitanti della Spagna , do- conclusione gli elementi delle <lue for-
ve intendeva recarsi movendo da Roma mule si potrebbero raccogliere nella tri-
(Rom. 15,24), i Celti, le popolazioni partizione: 'Jouoa.i:oL, "EÀÀ TJVEç, 0ci:p-
affini ai suoi 6.v6ryto~ f'a.À.a·rnL elleniz- (3ixpoL, accennata in Col. 3, 1 r.
zati (Gal. 3, r ), i Germani, gli Sci ti, tut-
In Col. 3 , 11 Paolo raccoglie le prin-
ti insomma i popoli non ellenizzati vi- cipaii <lifferenze fra gli uomini che si
venti entro e fuori dei confini dell'im- annullano nella nuova realtà del corpo
pero romano 36 , che per Paolo coinci- mistico (dr . Gal. 3,28) in quattro ac-
coppiamenti antitetici: "EÀ.À.Y)V xa.l 'Iov-
deva grosso modo con l'area di lingua oa.i:oç, 1tEPV'°O~LYJ X<XL rixpo0uo--ci'.a. (di-
e civiltà greca. visione secondo il punto di vista nazio-
nale e religioso- soteriologico), 0ci.p~r.x,­
Secondo Rom.r,r4 dunque la voca- poç/LxviÌl]ç, ooùÀoç/ÈÀEviÌEpoç. La di-
stinzione sociologica ( apO"EV I iÌfjÀ.u) è
zione apostolica di Paolo è rivolta agli
interpolata 38 • L'antitesi 0apBa.poç/fa:v-
Elleni e ai barbari, ossia a tutta l'uma- iJ11c; 39 presenta qualche difficoltà. Si è
nità non israelitica 37 ( -cà. Eilvl]; i Giudei pensato che essa rifletta la tendenza,
stanno a sé come un tertium genus). Per attestata nella Germania di Tacito, ad
idealizzare i popoli nordici 40 , ma sta il
puro caso segue subito dopo (r,r6) l'al-
fatto che le testimonianze antiche sono
tra formula analoga: 'Iouoa.foç xa.~ "EÀ.- concordi nel presentare lo ---+ LxviJriç
À'l')V, che abbraccia anch'essa tutta l'u- come un barbaro particolarmente inci-
manità, questa volta dal punto di vista vile 41 . Altri la spiegano come una con-
trapposizione fra i popoli meridionali
giudaico, ma partendo sempre dal me- e quelli settentrionali, o addirittura fra
desimo presupposto, quello cioè dell'e- bianchi e negri, richiamandosi ai nomi
sistenza di un popolo privilegiato (nel di (3a.p0api'.a e oL (3ap0a.poL, con i quali,
soprattutto nelle descrizioni più recen-
primo caso gli "EAÀ.'l')VEç, in questo il
ti di viaggi sono indicate la costa so-
'Iouoa.i:oç) rispetto a tutti gli altri (de- mala insieme ad una parte dell'Etiopia
signati rispettivamente come 0ap0a.poL e i rispettivi abitanti 4 ~. Considerando

36
Il licaonico (Act. q,n) doveva essere per .., Come tale va evidentemente considerata per
Paolo una lingua ' barbara ' come il celtico e 3nalogi a con le altre.
il punico-maltese. 40
)i.iTHNER 5 5 , I4 3.
·
17
Gal. 2,7 s.; Rom. 3 ,29 ; 9 ,24; I Tim. 2,7. 41
Oltre agii esempi citati ~ col. 98 s. ~ f:: .
" Un parallelo formale di questo passo è co- ancora Cic., V err. V r50; per il verbo 'TtE!Z ·
stituito da Plat., Theaet. r75 a: r.6:rrnwv xrxi crxufrlsEw dr. 2 Mach. 7, 4. W1·:TTSTEIN t
7tpoy6vwv µupt6:1frç .. ., Èv a.Iç nÀovcnot Y.at LOHMEYER a Col. 3,r r.
7t"tWXo(, :mt ~a.cnÀEi:ç xo:t oou).ot, ~cipf3apol " T11. HERMANN, Th. BI. 9 (I~)30) ro6 s. con
-rE xa.t "EÀÀ. llvEç 7toD.cixtç µvpw~ yEy6va.· esempi; cfr. anche PAULY-W . II 2855 s . s. v.
aw Ò"t(iJOUV. Barbaria.
p1: r (i i'uso corrcnll' ,. il :,1: 11 ,,u uvv io del- candog li il !L' r rn i11e ant itetico r ichi es to
Lt for mul a "EÀ.À.11vr:, xu.i. (1cip0a.poL, dalla strntt 111;1 de l passo , ripicgè.i su
;1ppare dubbio che !';11 ,J , ' i 11 qu esto pas- un'antitesi apparente , facendo seguire
so (sub ito dopo aver menzionato gli a ll 'indi cazio ne genera le il nom e di u n
"EÀÀ.TJVEç) possa avn attribuito a (3cip- popolo part icolarmente famoso per la
(3a.poL un ristre tt o signiliciro geografico , su<1 ' harbarie ' 43 •
che d 'altronde è atte stato e probabil-
In co mplesso, quindi, Paolo usa ~ap-
mente è anche so rto solo in un periodo
successivo. Non res ta quindi che spie- 0a.poç allo stesso modo d i Filo:1c e Giu-
gare l 'antitesi (3cip(3apoc;/ Lxufr11c; come seppe, ossia contrapponendolo a "EÀ.-
un riflesso, suggerito per analogia, del-
À. YJV e distinguendolo consapevolmente
la formula (3cip(3a.poc;/"EÀ.À.11v . Avendo
cominciato con l'antitesi giudaica, nel- da 'Iovoa.~oç. Del tutto nuovo è però
la g"uale "EÀ.À. l)v indica .in senso rigo- il suo proposito di condurre anche i
roso i non Giudei di stirpe e civiltà BlipSa.poL all'EvctyyÉÀ.LOv ì>EOv, e sen-
greca (esattamente come nella formula
za precedenti è l'affermaz-ione che Gre-
"EÀ.À. T)V xa.ì. (3cip(3a.poc;), per completa-
re il quadro dell 'umanità Paolo dove- ci, Giudei, Sciti e barbari costituiscono
va ancora menzionare i (3cip(3apoL; man- ' una sola cosa in Cristo Gesù '.

H. WINDIS CH

(3cipoc;, (3a.puc;, (3a.pÉw

t (3cipoç questa accezione metaforica che permet-


La parola, che nella su a accez10ne te un confronto fra l'uso comune e
fondamentale designa la gravità fisica , quello neotestamentario di Scipoc;.
è ampiamente usata in senso traslato
per indicare il peso del dolore e il peso A. NELL A GRECITÀ E NELL'ELLENISMO

della potenza, fatti caratteristici e ineli- r . Il significato originario, quello


minabili dell'esistenza . Ed è proprio cioè di peso, gravità, anzitutto in sen-

1
' .Si pot rebbe anche pensare che pcippcxp:ic; A. BEYER, Was sagen Jesus und Pls uber das
indithi i barbari soggetti all'impero di Roma Leid?: Pr. M. 20 (r9r6) 321 ss., 371 ss.
e L:xuìh]c; quelli viventi ai margini di esso; R. LI ECHTENHAN, Die Uberwindung des Lei-
~ppurc intendere ~<ipBcxpoc; come ' berbero ', des bei Pls und in der zeitgenossischen Stoa:
ammettendo che questa designa zione, presen- ZThK N .F. 3 ( 1922) 368 ss.
te già nei più antichi scrittori arabi , abbia O. SrnMITZ, Das Lebensgefiihl des Pls ( 19 22)
un 'origine prearaba , il che, a quanto mi co- 105 ss .
munica G . Jacob, non sembra imposs ibile. H. WEINEL, Bibl. 1'b. d. N.T (1928) 266 ss .
]. ScllNEIVER, Die Passionsmystik des Pls
B<ipoc;
(1929) 17 ss ., 73 ss.
Bibliografia sul problema del dolore:
O. K1ETZIG, Die Bekebrung des Pls (1932)
E. BALLA, Das Problem des Leides in der
193 ss.
Gesch. der isr. -iiid. Religion, in Euchariste-
RGG2 III 1565.
rion I (1 923) 2r4 ss.
r3&.;;o; (G Sclm:nkì ( 1.5 52) rn8

so fì sico, non comrorra per princ1p10 to di ahhrmd,m ::a, pienezza, uolumtno-


nessuna intonazione negativa . Così 0ci- sità, ricchezza di tonare. In questo ca·
poç può essere usato in senso cosmolo- so la connotazione semantica della pa--
gico per indicare la gravità degli ele- rola non è data soltanto dal concetto di
menti (Di od . S. I 7 ,1; Philo, rer. div . peso; ma anche e soprattutto da quelli
her. r46), il peso del corpo dell'uomo <li contenuto e pienezza, da cui si pas-
e degli animali (Polyb. XVIII 30,4) e sa facilmente all 'idea di potenza. 0apoç
per conseguenza anche la gravidanza: per indicare labbondanza della ricchez-
Preisigke, Sammelbuch 5718. La bilan- za è usato in Eur., El. 1287= xa.L OO"t'W
cia oscilla 0cipe:o-w à.vr'.o-o~ç: Philo, Ios. 7tÀ01hou f3cipoc;, e così pure in Plut.,
140. Anche il carico della nave (Polyb. Alex. 48 (I 692 b). La pienezza del be-
I 39A) e le salmerie dell'esercito (lud. nessere è indicata in Eur., Iph. Taur.
18,21 B; T.M. kiibod) possono essere 416: oÀ.f3ou 0cipoç. Filone (rer. div. her.
defìniti 0apoç 1• 46 ), nella metafora della bilancia indi-
L'uso metaforico di 0cipoç per indi- ca con axfroç il peso e con f3cipoc; la
care la sonorità delle parole enclitiche massa, mentre Giuseppe (beli. r,507)
(minore di quella delle parole toniche )2 assume la ricchezza d'umore dei corpi
e la profondità tonale -1, si spiega col come immagine degli stati.
fatto che l'accento è in certo modo un
' peso ' che abbassa la sillaba e l'into- Con questo sia mo alle soglie del
naz10ne.
principale uso metaforico di (3ci.poç, in
Un primo accenno alla fenomenolo-
5ia dcl dolore e della potenza si può cui si possono distinguere due filoni .
ilota re in due casi: 2 . quando il feno- 4 . Il primo abbraccia la f e n o m e ·
m~no della ' gravità ' fìsica viene colto n o 1 o g i a d e l d o 1 o r e , tanto a)
sotto l'aspetto dinamico, ossia come
atto di pesare, e nei suoi riflessi emo- fisico (p. es. Ari stot.. hist. an. VIII
zionali: la parola 0ci.poç assume allora 2 l p. 603 b 8: XE<pet.À. ii<; 7t0VO<; xa.i f3ci-
il significato di impeto, pressione vio- poç; Hippocr., acut. 4; Plut., Alex. fort.
lenta, violenza. La ' violenza ' della virt. II 13 [II 345 a]: il dolore cau-
grandine che provoca danni (Diod. S.
XIX 45,2; Philo, vit. Mos. I lr9), l'im- sato da ferite ; Diod. S. XVI 12 ,4; 2
peto violento delle truppe, delle navi, Mach. 9,10: il fastidio causato da un
degli elefanti (ludith 7,4; Polyb. X 12, odore graveolente) quanto b) morale:
8; Diod. S. XX 52,3; Polyb. I 74 ,5 ),
oppressione, preoccupazione, gravezza,
la violenza dell'abbaiare del cane: (Al-
ciphr. ep. 3,18). miseria. Soph., Oed. Col. 409: fo"t'a.L
1to"t''apa. 'tou'to Ka.oµElotç 0cipoç; P.
3. Quando 0cipoç, pur rimanendo
nell'ambito dell'accezione originaria, as- Oxy. VII ro62,14: d oÈ 'tOU'tO O"OL
sume il significato particolare e distin- Scipoç <pÉpe:t. Cfr. Ditt., Syll'. 888 ,67

2
' Nei LXX Bcipoç, che ricorre molto rara- Apol!on. Dyscol. synt. 98, r. Cfr. P. HANSCJ! -
mente, è sempre traduzione di kiibòd. Sor- KE, De accentuum graecorum nominibus (Diss.
prende come invece maffJ, sebel (r Reg. II, Bonn 1914), dove tratta in particolare: De
28) mz'i'iiqa (Ps. 66,rr) e termini affini non vocibus ò!;ui; et r-ia.pui;.
siano nui tradotti con Bcipo;. ' Aristidcs Quinti!. Musicus r,rr.
i1rl.po; (C . Scl11 , 11' . 1

(238 d. C.): Èr:EL cvv :;Ù xÉ , , Ò1JVU!LEfla nci : c<hI m Polyb. I 16,4; II 60 ,9 ;
cpÉpELV -cà: Sci:pT), detto dì un fardello V rn4.2.
opprirrn.:nte.

La costruzione di [:lripoc; col genitivo, B. USO NEOTESTAME NTARW

che troveremo nel N .T. in Mt. 20,12


L'uso neotestamentario di (36:.poç n -
( "CÒ Sci.poç '"ri\ç Ylftzpa:c;), è ampiamente
attestata; dr. p . es. il peso della sven- {]ette il capovolgimento dei valori de-
tura: Soph., Trach.325: à).).'al~v wol- terminato dalla fede in Cristo ed è si-
vourra. rruµcpopti.c; Sci:poc;; il peso degli gnificativo perché ci permette di co-
affari di governo: Ios., bel!. 4,616: Bci-
gliere l'atteggiamento della cristianità
poç 'tTjç 'iJyEµovla.c;, beLl. I ' 46 I: 'tWV
7tpayµci:-.wv, Philo spec. leg. II ro2: primitiva <li fronte al problema non
7tpa.yµcnnwv; il peso delle preoccupa- tanto della potenza e del prestigio, quan-
zioni: Phìlo, vit. Mos. I 14: Scipoç 'tWV to del dolore e del ' giogo ' della legge.
cppov,lowv. A questi esempi si può ag-
giungere ancora Philo, vit. Mos. I 39: Sostanzialmente nel concetto neote-
àvci.yxl]ç 0ci:poc;. stamentario di Scipoç si rispecchia:
c) Soprattutto nei papiri è frequen -
r. la condizione tempo --
te l'uso di 0cipoç nel senso particolare
di p,ravame fìnanziario e fiscale. Così in r a n e a d e i e r i s t i a n i che, seb-
P. Giess. I 7,13 s. (117 d.C.) la parola bene sottratti all'eone presente in virtù
allude a condizioni di affitto particolar- della grazia, partecipano alle tribola-
mente onerose. BGU I 159,3 ss. (216
d.C.): Sci:poç "Cl)ç ÀEL'toupyla.ç=il pe- zioni terrene (~ A 4) sino alla defin i-
so delle prestazioni pubbliche; Polyb. ti va redenzione del corpo, per dirla in
I 67, r: -rò Sci:poç -rwv cp6pwv = il gra- termini paolini. Mentre Mt.20,12 ('toi:'ç
vame delle imposte .
(3acncirra.tn "CÒ (3ci:poç 'tl)ç -TJµÉpa.ç) al-
5. Non meno frequente è l ' uso di lude senza darvi particolare rilievo al
Scipoç per indicare la f e n o m e n o - peso della fatica quotidiana, 2 Cor. 4,
I o g i a d e I 1a p o t e n z a : a) il r 7 coglie invece il signifìcato profondo
prestigio per:wnale, la dignità, il con- del dolore non solo in riferimento al-
tegno autoritario: Plut., Pericl. 37 (I l'esperienza personale dell'Apostolo, ma
172 c); Plut. , Cat. l (I 336 <l), 20 (I alla vita cristiana in genere, come di-
347 s.); Demetr. 2 (I 889 e); Diod. S. mostra il confronto con Rom.8,18. Pao-
XIX 70,8; oppure b) la potenza di uno lo non nega né sminuisce il (3cipoç del -
stato: Diod. S. XVI 8,5 e passim, e le tribolazioni, ma lo considera un ÈÀa-
4
infine e) la forza del!' esercito e il peso <ppòv (3cipoç , perché produce (xcnEp-
dell'armamento -- soprattutto negli sto- yéd'.~E"tCXL) escatologicamente l' a.twvLOv

4
Come sostiene P. W. SCHM I EDEL, a.i. (dr. che i due ptipoç vadano tradotti ugualmente
Zurcher 13ibel 10 p ), pripoç va integrato an- con ' peso ' e venga meno la variatio seman-
che dopo ÉÌ.mpp év . Ciò non implica tuttavia tica fra ' peso, cari co ' (nella protasi) e • ~lh ·
~cipoc, 06i;·qç ;. Si potre bbe ;1o tare un te ndt:: J si; pe r:m: la condi ziont:: uman a
para ilcl o fra qu cs u co ncezione paolina attra ve rso la liberciz ione estati ca e asce-
e g li sc ritti mand a ici , do ve s i parla del- t ica del l' anima sen?<l cbre un a spiega-
l'anima che ascende con un ' carico p u- zio ne n un st:: nso a ll a perdurante real-
ro '; ma nella teologia mandaica , come tà J e l dolore è lontana dalla concezio-
anche nel libro d ell a Sapienza, nei libri ne di Pao lo.
dei Maccabei e nell 'a pocalittica postpao-
lina, la sofferenza è considerata come 2 . I l dover e della carità imposto dal-

fonte di m erito in vista di una ricompen- La sofjcrenza (~A 4). Secondo Gal. 6,
sa ultraterrena 6 , mentre invece in 2 Cor. 2 la vita dei cris tiani d eve consistere in
4 ,17 il cristiano possiede già in questo un ' portare i pesi gli uni degli altri '.
mondo di dolore la 'gloria', ossi a ]a Tra t tandosi di un'affermazione di prin·
vita soprannaturale, ma gratuitame::ite cipio che investe tutto il problema del-
e per m e rito di Cristo. Tanto meno si la carità, come dimostra la motivazio-
può fare un confronto fra il passo pao- n e xa~ ou-rwç à.vcrnÀ.TjpWO'ETE -rÒV vé-
lino e la comune concezione elleni stica µov -rou XpLcr-rou 7
, la parola ~cipTJ va
8
affiorante in Ios ., beli. 7 ,346 (discorso intesa qui nel senso più vasto , e non
di Eleazaro ), concezione che toglie ogni solo in quello suggerito direttamente
valore alla vita, collocando oltre la mor- dal contesto, ossia in quello di cadute
te la vera patria dell 'anima à.7toÀ.u1ÌELCTrt. morali, tentazioni, stati di colpa 9 . La
-rou xa1ÌÉÀ.xov-roç mh'i)v (3cipouç È7tÌ. novità e l'originalità di ques ta conce·
yf\v, sgravata dal peso della materia e zione balza evidente dal confronto con
in grado perciò di esercitare liberamen- la Stoa, dove le postulazioni altruisti-
te le sue facoltà. Anche la mistica che che e i richiami umanitari al xoLvw-

bonda nza' (n ell 'apodosi ). da ll a pena e terna.


5
L'es pressio ne a[wv tov papoç 661;T]c; richia- ' Pur con la sos tituzione di v6µ oç -rov Xpt-
ma per as sociazione d'idee l'ebraico kbd, che <r-i:o0 al sempli ce v6µo ç, questa fra se è l'e-
può indicare anch'esso sia il 'peso ', sia la satto parallelo di Rom. 13,10.
'gloria'. ' Paralleli rabb inici: Ab. 6 ,5 s .: 'portare il
• LrnzBARSKI, ]oh. 204,24 ss.; RE!TZENSTEIN, giogo insieme al prossimo ', STRA CK-Bru.ER-
l-Jell. M yst. 355; In, Jr. Erl. 54. Concetti BECK II I 577. Gen. r. 1 (2 b) : i grand i del
analoghi son o espressi n el I'ihrist : G. FLi.iGH, paese aiutano il re a portare il peso (del
Mani ( 1862) J0_5. P er l'idea del m erito dr. gov erno); ampia documentazione in STRACK-
LIDZBARSKr , ]oh . 204 ,28: gl i ' u omini Ji pro- RIJ .L EKBECK I 7.31.
vata pietà ' hanno battuto ' l a via della ricom- ' (,'a l. 6 , 1: 7tO:p!XTi:1:<.:i1w-rt µ-f1 TIHpaai}flc;. Il.
pensa e d elle elemosine ' 2 3 s. Sap . 3 s ÒÀl- peso che , secondo 6,5, ognuno deve portare
ya 7tatlìevi}Évnc; µEy6.Àa EUEPY E'tTJMJ<ronm è anzitu tto la responsabilità personale, la lo t-
O"tL Ò i}EÒC, ÉTtE(pa<rEV !XV't"OÙc; X!XL fi'ipEV !XU- ta contro Je ten tazioni , dal cui esito di pende
't"OÙC, à.!;louc; Éav'tov. 4 Mach. 18,3: Je soffe- il nostro destino . Anche Diogn. 10,6 (oanc;
renze vicarie acqui st ano al martire la frtla -rò -rov 7tÀTJ<Tlou ÈvoÉx<-raL [36.poç) intende
µEpl ç. Secondo s. Bar. 78 ,6 il dolore preserva la parola in senso lato.
J i 3 i l. 5 5 j )

Vt,XO'J , ;tl l' EV'J01,r1. L' :il i' EJ f1É VE 1.<X non
1 ri o Lkl lll ;lllt cnim cnto 1 ~ , hl.'. 11 sì al fa tto
van no ,d di Lì dt·l p ia;10 int ell ettua] i- che gli apos toli , pur co nsa pevo li d ella
sti co, l.'. q uc;;t() soprattt1tto perché man - lo ro autorità, non hanno voluto fa rla
13
ca la ÈxxÀ. rio-lo: che li trasformi in ahi- pcs;trc sui fedeli .

to costant e di vi ta.

3. La lihatà dal giogo della legge


(~ A 4 ). Il rifiuto di imporre ' pe si ' N ella grecità comune l' uso cli Bapvç
alla comun ità , espresso in Act . r>,2 8 10 è esattamente parallelo a quello di ~a­
poç. Perciò, attenendoci alla distinzio-
e Apoc. 2,24 , allude al giogo pesante
ne colà fissat a al punto A., ci limitere-
della legge, a cui Gesì:1 contrappone il mo ad esaminare i passi del N.T. citan-
gwgo ' leggero ' della devota sottomis- do a riscontro le testimonianze bibli-
sione alla sua persona (Mt. 1 r ,29 s.). che o extra bibliche 1 .
11 giogo d ell a Torà o dei precetti ap- r . Non si trova nel N.T. l'uso, così
partiene a quel 0apoç terreno da cui la comune altrove, di Sapuç nel senso fi ..
11 sico di pesante, gravido, gravato dalla
comunità cristiana è stata sgravata •
ubriachezza (il contrario di xovcpoç) e
nel senso metaforico di profondo, rife-
4 . Non è certo casuale e privo di si- rito all'intonazione della voce (contra-
gnificato che mentre nel N .T. l'uso di rio di ò!;vc; ) o all'accento e precisamen-
Bapoc; in riferimento al dolore è ripre- te: né a) al cosiddetto accento sillabi-
co , nel senso di musicalmente profon-
so e allargato dal denominativo 0aps~­
do, né b) alla posa dell'accento su una
crì1m, una sol a volta, invece, e in un sillaba diversa dall'ukima. Indiretta-
contesto negativo, si accenna a Bcipoc; mente rientra però in questa ;>fera se-
mantica il 'tO~ç WO'L 0apÉwç 'f1xouo-av di
inteso come potenza e prestigio. Si trat-
Mt. 13,r5; Act.28,27. La citazione pro-
ta di I Th ess. 2,7: éìuvaµEvot Èv 0apEL viene da I s. 6 ,rn (T.M .: w' oznii.w hak-
dvat, che non allude al peso finanzia- bed): appesantisci le loro orecchie. Al-

10
hvrllh:o-Ò(U ùµi:v ~ci.po<; ri chiama diretta- devono essere soddisfatti dagli scrupolosi os-
mente Aci. 15,10: €mìtEi:vai svy6v (espressio- se rvanti della Torà); STRACK-BILLERBECK III
ne anal oga , fr equente nei LXX, è (3apvvnv 577 e inoltre I 608.912 ; 11 728.
-ròv çuy6v, oppure -ròv xÀoi6v, 3 Ba.o-. 12,4; s
" Le parole precedenti ( ou-rE TJ'!OVV-rEç È!;
12 ,14 ; Ha h. 2,6 ; 1 Afach. 8,31) E7tL -ròv -rpci.- àvìtpc,'.mwv o61;cx.v) fanno pensare che qui non
XTJÌ.ov -rwv ~WìtT)-r(7iv. La comunità cristiana si alluda ad una qu estione finan ziaria, com'è
è quindi sgn11«11>1 da ogni l;vy6v e (3ci.poc;, ché il caso invece (secondo T eodorero) di Èv 7tpo..
mli non posso no essere considerate le poche cpci.cm 7tÀ.EOVE1;lcx.c; ( 2 ,5 ) e d i €mPcx.pTjo-cxl 'H VO!.
dispos izioni fissate thl concilio apos tolico. Lo (2,9 ).
13
ZAH N, E inl. l l 44 5 n. ro vede anche in Apoc. Così interpretano, con il Crisos tomo, D oB-
2,24 un a r emini scenza dcl decreto apostoli co; Drn., a.!. P1a::usc 11 EN-BA U ER, s.v .
SC!li.iTZ,
ma può trattarsi di un 'analogia casuale; dr. (3apvç
LOHM EYER, Jl pok., 11./. 1
Cfr. HANS CHKE , D e accentuum nomin ibus
". Per il 'giogo dd ia Torà' ('al torri oppure (~ (36:poç n . 2).
'6! misw r)t) d r. Ab. 6,5 s. (i 48 imperativi che
(3r.l. poç (C;. Sci in:nk l (L5) 5 i 1 11)

trove Ba.pÉwc; -~xouov, senza la specifi- rimento a mal attie (Soph., Phil. 133 0 ;
cazione di -coic; wcrl, significa: essi udi- Philo, op. munJ. r25; P. Lond. 1676,
vano malvolentieri: Polyb. XV III 39,
2 r 5, sec. V I d.C. ), preoccupazioni, noti-
I ; Xcnoph., an. II I ,9 .
zie , schiavitù, gu erra, noia, dolore, rnJ. -
2. All'uso di Bapoc; per indicare l'im-
lasorte , disgrazie ecc. P. es . in Act . 25,
pero e la pressione violenta co rrispon-
de l'uso analogo di Ba.pvc; nel senso di 7 i Giudei presentano a Pes to BapÈa
violento, forte, impetuoso, come in 2 a:l -rn0rw:-;;a, ' accuse molto pesanti '.
Cor. 10, rn: Èmcr-roÀa:Ì. Ba:pe:i:a.~ xaì. Cfr. Ba.pv·dpa "nµwpla., Diod. S. XIII
tcrxvpa..l (cosl suona il rimprovero fat-
to a Paolo). In quest'accezione la pa- 30,7.
rola è usata per indicare tanto le forze Dal punto di vista teologico impor-
scatenate della natura, come il vento tanti anche in questo caso sono soprat-
( v6-roc; Ba..pvc;: Paus. X r 7, 11 }, il tuono tutto i passi che trattano della libera-
(BapEi:a.. Spov-r1}: Poll., onom. I II8)
Ja tempesta {0a..pùc; xnµwv: Philo, gig. zione dal ' giogo' della legge . a) In Aft.
51 ), Ja grandine (xciÀa.sa.. Bape:i:a: Phi- 2 3 A Gesù rimprovera ai farisei di le-
lo. vit. Mos. I I 18 ) , il latrato dei cani gare cpop·tla Ba:pÉa:, fardelli pesanti, e
(Alciphr., ep. 3,II ), quanto la violenza
d i imporli su lle spalle degli uomi ni.
dell e passioni, come l 'ira ( Soph ., Phil.
368; 3 Mach. 5,1: òpy'JÌ SapE°ìa) , l 'ini- Ad illustrare l'espressio ne cpopi:la Ba.-
mi cizia (Plat., ap. 23 a). pÉa.. valga no i seguenti para lleli : cpopi:l-
3. Assente dal N.T. è anche l' uso di ov: Diod. S. XIII 20 , 1: -r"i'Jv e:ùi:vxla..v
~apvc; nell'accezione di vecchio, grava- wcrmp Bapù cpopi:lov où cptpov-re:c;. In
t o dal!' età (corrispondente in certo mo- ~ 37 ,5 è eletto dei mi sfa tti : wtrd cpop-
1

do a B<ipoc; nel senso di gravosa pie- -rlov Bapù (A om .) EBapvvihicrcx.v E7t È-


nezza e in quella, così comune invece p.É. cpop-roc;: Philo, poster. C. r48: Bcx.-
n ei LXX, di numeroso, massiccio (detto pv-rcrcov cp6pi:ov (si parla dell 'animale
di un esercito, di un popolo, di un da soma) . Il sinonimo più frequente è
seguito). è:ixltoc;, mato in senso anzitutto fisico
(Philo, vit. Mos. I 231: Sapv-ra:-rov
Prevale invece negli scritti neotesta- è:ixfroc;, detto dei frutti della terra pro-
mentari l'impiego di ~a..pvc; in relazione messa portati dagli esploratori; agric.
20: la lavorazione della terra) eppoi
a quella che sopra abbiamo definito
spirituale: ( Deus imm. l 5; agric. 49 :
+ la fenomenologia del 7taÀ.Àai:c; u7taxovnv à.pxai:c; à.vayxrise:-
trìla ~ pa.pvi:ai:ov èixìloc;). Detto delle
do 1or e. Quest'accezione di ~cx.pvç
preoccupazioni di governo ricorre in
(fastidioso, grave, molesto, opprimente) plant. 5 6. In migr. Abr. r 4 è 0apv-ra:t·ov
è diffu sissima in tutt a la grecità in rife- axitoc; I' intorbidamento dell' intelletto

2
Per l'interpretazione di Is. 6,9 s. nella let- 7,9; I 38,5 e passim), ~ap€wc; EXELV (P. Lond .
teratura rabbinica cfr. STRACK-BILL ERBECK I 42 ,29, 168 a. C.), ~apù 1]yE~O'itcn (Ph ilo, leg.
662 s. Molro comuni sono le espressioni ~a­ al!. III 90) ccc.
pÉ<.ùc; cpÉpELV (Aristoph., vesp. 1 r4; Polyb. I
;;: 17 (1 ,555)

contemplante a<l opc r<t dci piac::ri dei ro. e richiama ndosi all'esempio dci pa-
sensi . 0ricr'ta:nw. l os. , ant. r9,362: triarchi, espressione della moralità ra-
xo:.l c EÀEL(~ o'OU\I EÌ,\J(ft, rfo.p ù 0ricr-rrxy ·
ziona le, per dimostrare che non può es-
rm Bmn),Ei'.o:.v. Bapùç ~uy6ç si ha in 2
Chr. I o A ( ci.nò "COU suyov t:tÙ"t'OU "t'OV ser difficile p er l'uomo di buona volontà
Ba.pÉoc; OV EOCJJXEV É<p ' n 11iiç (kàbeà, det- osservare la legge scritta. Come il Deu-
to di Salomoncl. in Fcclus 40,r: suyòç teronomio così anche I Io 3, 5 fonda
Ba.pùc; b:L uì.où c; (S: uLoi:c;) 'Aorip. (si
l'osservanza dei comandamenti sull'a-
tratta dcl dolore umano). V. anche Ios.,
ant. 8 , 2 r 3. Ordini e richieste tassative more verso Dio; ma se la definisce fa"
(7tpo,rrriyp.a:i:a, Èm-rriyr.w."t'a) vengono cile, non è per un'ottimistica e raziona-
definiti 'pesanti' in Polyb. I 31,7; XV listica fiducia nelle possibilità umane,
8,r r; Philo, vit. Mos . I 37; con/. ling.
92. Cfr. BGU 159,4 (sec. III d. C.): bensì per la convinzione che il credente
À.EL'"t'oupylrx (prestazione pubblica) Brx- partecipa alla vittoria di Cristo sul x6-
P\HU"t1J. crp.oc;, ossia sul complesso cli forze che
s1 oppongono alla pratica dei coman-
b) Lo stesso tema della liberazione
dam enti.
dal giogo della legge è alLi base di 1 Io.
5 ,3, dove ÈnoÀ.a.~ a.ùi:ov Ba.pEi:cn oùx
5. a) Le parole di Mt. 23, 23: xa.l
dcrlv allude all'abrogazione dei precet-
à.q.Ji)xa."t'E "t'a Brxpu'"t'Epa. '"t'ou v6µou , non
ti difiìcilmcntc osservabili e ritenuti su-
alludono invece ai comandamenti più
periori alle normali forze umane 3• Il
gravosi, bensì a quelli più importanti,
concetto e la forma di questo passo si
in antitesi con le bagattelle come il p a-
illuminano certamente con Mt . I I ,30
gamento delle decime sugli ortaggi. Si
(dove alla vecchia legge - ' giogo pe-
confronti la domanda sulla Év.-oÀ.'JÌ 7tpW-
sante ' - Gesù sostituisce il suo ' giogo
"tl) mivi:wv (Mc. 12,28) e si ricordi
leggero') 4 ma trovano un riscontro
l'uso di 0ripoc; per des ignare la fenome-
più precis o in Dcut. 30,r r ss. A questo
nologia della potenza (~ A 5) 6

passo si rifà spesso anche Filone 5 , in-
terpretandolo nel senso che l'amore di Importante, significativo è spesso il
significato di Ba.puç, 7 non solo in rife-
Dio, fondamento ed essenza dei coman-
rimento ad entità concrete come i prin-
damenti, non può essere qualcosa di cipi (Polyb. V 5 5 ,2 ), città (Polyb. I r 7,
gravoso, complicato, intricato , esagera- 5; I 38,7), ma anche agli astratti : Po··

' Per la distinzione rabbinica fra miswJ ha- ' WIND!SCH, r Johbr. a. l.
mura e miswa qal/a = ÉV'tOÀ.'Ì] ~apE~ct, ÉV't'O- 6
Per i rabbini cfr. la documentazione citata
À.TJ D.. a.q:>q:>ci, cfr. STRACK-BILLERBECK I 901ss. da STRACK-BILLERBECK I 901 s. (nr. 2 sotto d
I Io. 5,3 si potrebbe forse citare j. K id. 6r b, ed e) e soprattutto S. Deut. 79 a 12 , 28. Altre
58 (STRACK-BILLERBECK I 902) . testimonianze in SCHLATTER, Komm. l\ift. 679.
7
• Questo concetto è adombrato anche r lo. La linguistica comparata fornisce significa-
5-4SS. (--7 ~cip oç B3). tivi paralleli di pa.puç in questa accezione;
( l,j jf') 120

lyb. V q .3: !.u:plç detto della p~irte più dì esser!' grauato, ap pesantito, sciolto
imporunt e ( praecipua ). Herodian., hist . da og ni considera zione generaic sul do-
II 14,y ~~a.puccX'tì)V t:vocutiovla.v.
lo re umano, si t ro va n e l N.T . in A1t .26 ,
b) 0a.p0ç indica la violenza aggressi - 4 3 : fia-a.v yàp a.ìrcwv oL 6c:pDa.f..1 wi, 0E-
va in Act. 20,29: dcrEÀEvo-ovccn Àv:xoL 0a. pYJ[.LÉv o ~;
Mc. 14,4 0 CE F G H (dr.
0a.pEi:ç ELC:, uµéiç, 'Jupi voraci, perico- n. r) e Le. 9,32 0E0a..pYJ[.tÉvo~ unvl_J .
losi'. Cfr. Poll., onom. V 164. In 2 Chr.
25 , r9: "h xa.pola. o-ou "h 0a.pt:i:a., l 'ag-
Cfr . anth . Pal. VII 290: nu1.tacct.i
0E0apì)[LÉvou unvl_J. HelioJor., Aeth. I
gettivo significa superbo. In 3 ]\if.ach. 6, r xa.r1acti-J cE cfiç òoornopla.c; 0a.pov-
5 è detto di un discorso sfrontato: 0a.- µEvoc; .
pfo. Àa.Àoùvca.. x6µm.p xa..~ i}pcicrn.
Più profondo è il significato del ver-
t 0a.pÉw bo in Le. 2 r ,34, dove Gesù mette in
1
r . 0a..pt:i:cri}a.L usato nel senso fisico guardia i discepoli dai piaceri del corpo

per es. il sanscr. guru, che oltre a pesante si- attici stico si legge in Luc., soloec. 7. Cfr. inol- .
gnifica an che important e, co.rpicuo ed è usa- tre Schol. a Thuc. II 16. Thom. Mag. p. 62,
to soprattutto come designazione onorifica dei 15 RITS CHL e il lessico della Suida . Mentre
maes tri. Etimologicamente connesso è anche i LXX , eccezion fatta per Ex. 7,14 e 2 Mach.
il latino gravis, 'pesante, grave, dignitoso '. i 3,9, adoperano soltanto il più antico [3apv·
f3apÉw vw e limitano l'uso di f3apÉw quasi esclusi·
ANz, Subsidia ro s.; MouLT.-M1u .. 103 s. varn ent e al participio [3E[3apri;.1.Évoç ( evitando
- Su 2 Cor. 5,4: (3E~apvu1.iÉvoç) - cfr. BLASS -DEBR UNNER §
E. TEICHMANN, Die paulin. Vorst etlungen van r o r s . v. , THACKERAY I 26r - il N.T. usa in-
Auferstehung u . Gericht (r896) ; vece soltanto f3apÉw, se si prcsc-i nda da Mc.r4,
E. HAUPT, Einfùhrung in das Verstiindnis der 40 Se ABKLN ecc. e da alcune tard ive correzio-
Briefe d es Pls an die Kor. Dtsch. Ev. Blatt. ni di sapore classicistico, come in Lc.21 ,_34 DH
( 1903) 107 ss. M e thod ., Bas., Cyr. ( f3apvvfrwcnv in luogo di
E. KùHL, Ober 2 Kor 5,I·IO (r904) ; f3apriftwnv S ABCL ecc.) e in A ct . 3 ,14 la
F. TILLMANN, Die Wiederkun f t Christi nach sostitu zione di -fipvrwaufrE con Éf3apuva·n in
d en parilin. Briefen (1909); D d lr. Aug. In Filone [3apÉw è rari,, simo, .:o·
K. DEISSNER, Auferstehungsho/}nung un d me nei LXX. [3apÉw si è comunque conserva-
Pn eumagedanke bei Pls (r912) ; to , in sie me a ~D'.pvvw, nel n eogreco: G. N.
J. 'X'EISS, Das Urchristentum (1917) 418 s.; HATZIDAKI S, Einleitung in dic neugriech.
REITZENSTEIN, Hetl . Myst. 356; C'ramm atik ( 1892) 396 (riguarda le isole e
'X'. MuNDLE, Das Problem des Zwischenzu- ìl P eloponn eso ): A. T11UMB, Handbuch d er
stan4e:r in d em Abschn. 2 Kor 5,1-ro, in : 111·ugriech. Volkssprache (r9ro) 3ro. Due so·
Festg f. A. Jlilicher (1927) 93 ss. (riport a no le accezioni fondam e ntali di f3apÉw n el
la bibliografia precedente ). neogreco: r attivo [3apw, 'batto, colpisco' ;
Cfr. inoltre i commenti ai passi in quest io- 2 medio f3u.pnov1.1.a L, ' m i annoio '. [3u.pvvw
ne di HEINRICI, ScHMIEDEL, BoussET, BACH- è proprio del linguaggio ele vato ed ha all 'at-
MANN, WINDISCll, LIETZMANN. t ivo il significato transitivo di 'gravare, op·
1
[3apÉw (specialmente il participio (3E[3apTJ- pnme re ', mentre al medio equivale a f3a·
µÉvoç, attestato già in Omero) in luogo di PELOVJJ.ClL . Per la forma f3a.pÉE-caL, attestata
f3apvvw si trova in autori come Platone, Dio- dapprima in Hippocr., morb. 4A9 (VII 578
nigi d'Alicarnasso, Luciano, Erodoto. Una cri- LITTRÉ) e per (3E[3apric.0ç in luogo di (3E[3a.-
tica all'uso di [3apÉw ispirata a un purismo PlJf.tÉvoç (Horn ., Od. 3,139) dr. ANz 10.
( 1, 557ì i 22

e dalle p1-eou.up;1/'.Ìoni Jclla vita che È(fo:.puvih1 ·h XELp È-rtl: lus. l 9 A 7 a; h-d.
gravano sul cuore: TcpocrÉXE'tE oÈ f.cw- 1, 35; I Bwr. 5,3.6; t); 31,4 (sempre co-
nw traduzione di kabed in forma q al ).
't'OLç µ·rpi:on 0ap11i}wow ùµwv a.L xa.p-
8lm. ÈV Jq;ai, TtaÀ:!J XIXL p.tì)n XIX~ (_LE- 2. a) È opportuno soffermarsi sull ' u -
pLµVa.Lç ~Ltù'l: LXai:ç 2
• so di 0apE~cri}aL in 2 Cor., giacché esso
presenta nuovi e significativi aspetti
Per quest'u so cfr. Horn., Od. 3 ,T39 :
ol'.v4J 0E0apTJ6-rEç; r9,122: 0E0ap1JOW. della concezione neotestamentaria del
µg qipÉvaç orv4J; Plut. , Mar. r9 (I 416 dolore che si aggiungono, integrandoli,
e): -rà. cn.0µa.-ra nÀ.11crµovi) 0E0ap11µt- a quelli forniti da 0cipoc; e 0cx.puç. In
voL . In Plat. , symp. 203 b detto della
2 Cor. r ,8 l'Apostolo ammette aperta-
ubriachezza di II6poc;: 0E0apl)µÉvoç 'Y)V-
OEV . Philo , ebr. 104: (1E0a.p11rdvwv xaì. mente che le tribolazioni sopportate in
7tEmEcrµtvwv oLV4J. Asia erano superiori alle sue forze:
I LXX usano 0apuvEcri}aL in varie xa.11' V7tEp0oÀ.Tjv V7tÈp ouvaµLv t0ap'iJ-
accezioni che non trovano riscontro nel 3
N .T , Molestare : 2 Mach. 9,9; tormen- lJT]µEve quindi tali da condurre, uma-
tare: Nah. 3 ,r5 {0a.puvi)'iJcrn = kabed namente parlando, alla disperazione;
in forma hitpa'el); scoppiare, detto del- ma egli ha avuto .fiducia nel Dio che
la guerra nella frequente espressione
risuscita i morti (cfr. Rom. 4, 17 s.).
È0apuvi}11 ò rc6À.q1oc;: Iud. 20,34 A; 1
Bacr. 31,3; I Chr. 10,3; I Mach. 9,17 Mentre per Epitteto (~ col. 125 s. ) il
(sempre come traduzione di kabed in rimedio contro il 0apEi:crlJaL consiste
forma gal); adirarsi, esser severo: Zach. nel negarlo, o meglio nel convincersi
rr,8: 0a.pvvM1crnaL (qaser); Mal .3, 13:
1 attraverso un procedimento ipotetico
È0apuVCX.'rE ÈTI ÈµÈ 'tOÙç Àoyovç uµwV
(hazaq), 'voi avete fatto discorsi oltrag· della sua assurdità logica, per Paolo la
giosi contro di me'; 2 Mach. 13,9 A: prova del dolore può esser superata in
-roi:ç ÒÈ <ppov'iJ~ia.crL v ò BacrLÀEÙç 0E0a- ogni caso ( xcx.ì. puO'E'tCX.L conferisce un
piJµÉvoç fiPXE'rO (detto di un odio fe-
roce) . Soprattutto è assente dal N. T. valore paradigmatico all'esperienza per-
l' espressione, comunissima nei LXX, sonale dell'Apostolo) dalla fede e con

2
Questa ebbrezza dei sensi, che opprime e cra.xovELV (kabèd, forma hif'il). Ecclus 21 ,24 :
ottunde le facoltà più elevate dell 'uomo, è ò oè: cpp6vLµoç f3apvvlhiO'E1:0'.L CÌ'tLµlq. (sA C:
diversa dall'indurimento o inaridime nro del - lav).
cuo re, es presso dal LXX con f3apÉw in Ex. 7, 3
Cfr. Plut., Aem. Paul. 34 (I 273 d): (3Ef3a.-
14 e con pa:pvvw altrove, specialmente in ri- PTJ~lÉvwv -rà 7tp60"w7ta. 7tÉvi>n. P. Tebt. I 23,
ferimento al Faraone - Ex. 7,14 BA; 8,I5 5 (circa n9 a. C.): xai'J' U7tEpf3oÀÌ]v ~Ef3ct­
(u); 9,7; 8,32 (28); 9,34; rn , r A; i Bacr. 6, pvµ p.ÉVOL. P. Oxy III 525,3 (inizio del sec.
6 - sempre conte traduzione di kabcd in for- Il d. C.): xai)' éxci.cr-rriv i}µépcxv f3o:po1Jµ m
ma qal o hif'il. L'idea dell'indurimento o in- OL' a.v-r6v . Altri esempi in Mouu.-MrLL. 10 3.
torpidimento è applicata anche alla vis ta in L'uso di f3o:pEicri>aL nel senso di essere carico
I Bao-. 3,2 : ~ apvv Ecri>aL (keheh) e all'udito di peccati (\)I 37,5; Simm. in Gen. r8,20 ; I s.
in Is. 59,1; 33 , r5 : f3apuvwv ('iita m); 'Lach. r ,4) è assente dal N.T.
7,II: "t"cX w·nx m'.rtwv Ef36.pvvav "t"OU 1d1 d-
123 (1, 558 ) ~<ipo:; (G . Sdm· nk)

il concorso Jella preghiera comunita- la p aru si a 7


• Riferire invece o..•e:v6:~0-
ria, di modo che la grazia ottenuta dal f1Ev r3apOtJftE:'VOt. a] timore per la priva-
e per il singolo div enta moti vo di un z ione del corpo dalla morte alla paru-
corale rendimento cli grazie a Dio. sia ~ significa trasformare l' affermazio-
9
Sotto il profilo teologico e psicolo- n e teologi ca di Paolo in una penosa
gico ancor più significative sono le pa- rifl ess ione , singolarissima dal punto cli
role di 2 Cor . 5,4, dove la sofferenza è vista escatologico, sulla base di un pre-
vista come un segno voluto da Dio del- supposto esegeticamente tutt'altro che
la nostra esistenza ancora imperfetta e sicuro. È assai probabile infatti che E~
perciò agitata dalla tensione della spe- yE xal f.vèìvcrciµEvoL ov
yvµvoì. EÙpe:ìh1-
ranza: xa~ yà.p ot O'J<Ec; Év -rQ crx-fivn cr6µda alluda non alla privazione del
:?"<EvasoµEv So:.pouµEvoi 4 • Non ci sem- corpo, ma al giudizio di Dio che accer-
bra davvero il caso di vedere in questo ta la realtà o meno della nostra vita
passo - a prescindere da tutti i proble- pn eumati ca e della nostra incorporazio-
mi escatol ogici ch e esso indubbiamente ne al Cristo 10 • In realtà u'tEVa~oµEv
comporta - un radicale cambiamento 0apouµEVOL esprime il timore non della
ncll' attesa della parusia ri spetto alla privazione del corpo, ma dcl suo disfa-
prima lettera ai Corinzi -', perché il mo- cim ento, timore dal quale non va esen-
tivo che fa soffrire e gemere i cristiani te il cristiano nella sua esistenza ancora
risulta evidente da 2 Cor. 5 A; di esso imperfetta, nonostante la sua fede nel-
Paolo non si vergogna (dr. v. 5 ), come la resurrezione gloriosa garantita dal
non si vergogna in Rom. 8. E il motivo poss esso dello . Spirito; questo spiega
non è il terrore della q:iiJopa 6 , che è in- come Paolo in questa seconda lettera ai
compatibile con la certezza cristiana del- Corinzi possa attestare trionfalmente
la crw-rT]pLa, bensì la ripugnanza per la l'en ergia infinita del Cristo ed esprime-
realtà imminente della marre fi sica che re in sieme , senza attenuazioni o eufe-
contrasta con quella perfezione glorio- mismi , il ribrezzo della morte.
sa della persona alla quale il cristiano
agogna e che è destinata ad attuarsi a1- b) La novità di questo atteggiamen-

' i\pp11nto perché la sofferen za è un sin tomo te ne l dol o re e nella mort e, tra sc urando la
della presenza dell o Spirito in no i, Paolo , l11 n· p rPspe n iva esca tol og ica .
11i dal ve rgognarsi di essa, la proclama alta· ' Com e fanno il KDHL, il LIETZMA NN e la
m ente , qui come in Rom. 8. magg io ranza degli esegeti.
' Così ha sostenuto ultima mente il \X1IND! SC!!, 9
W1 NmscH, 2 K or. r6r.
2 Kor . '° Cos ì int erpre ta REITZENSTEIN, H ell. My st.
• MuNDI.F. , op. cit. 104. :.; 56 . L ~ vari ante EÌ'.7tEp del tes to alessa ndrin o
' Ina deguarn è l 'i nt erp re ta zi on e dello H~ Ul' T, è se masio logica men te indiffe rente, perché la
che vc: de b cau sa d ell o C7E'J'7.1;w.1 un icamc:n· frase ha co munque u n valore condizionale .
to risulta da un confronto con afferma- stanze, con un atteggiament o di lib era
zioni analoghe J ell 'ell enismo o del giu- riserva e di paziente perseveranza al
daismo ellenistico . Per esempio Sap.9, proprio posto di dovere (I 9 ,14 s.) e
I 5: <jH,a.p·co\/ y,X.p crwµa. 0a.pu\IE~ t);u- soprattutto abituandosi ad applicare al-
XlÌ\I xai. 0pi.iìn -rò yEwoEç crxfjvoç vouv le decisioni pratiche il criterio ipoteti-
7toÀu<jlpov·n8a, presenta, anche nel pa- co in modo da convincersi , quasi per
rallelismo di 0a.puvnv e crxfjvoç, una forza di suggestione (I 2 5, l 7 ), che il
precisa somiglianza formale con 2 Cor. male non esiste nelle cose ma soltanto
5, I ss. 11 ; ma concettualmente non si nel nostro modo errato di vederle (II
stacca dal tipico dualismo greco di crw- 16,24). Ma ad Epitteto il 0apEi:<riìm.
µcx e t);uxii o vouç, mentre invece per appare soltanto come un fenomeno psi-
l'Apostolo è soprattutto la presenza del- cologico indegno de'l saggio , ed egli ri-
lo Spirito che fa avvertire tormentosa- getterebbe qualunque O"nvci(,E vv co-me
mente all'uomo il peso del corpo mor- sintomo di una schiavitù interiore.
tale, ma insieme gli alimenta la gagliar- L'interesse di Paolo è rivolto invece
da e infallibile speranza di una com- alla nuova vita dei battezza ti, tempo-
pleta spiritualizzazione di tutto il suo raneamente legata aJ corpo mortale e
essere. Allo stesso modo di Sap. 9,15 perciò soggetta al 0apEi:O"àa.L. La fed e
va giudicato Philo migr. Abr. 204: il in Cristo e ]'attesa della paru sia deter-
vouç è gravato (0a.puvou<ra.) e sommer- minano la tensione dolorosa ddl' dvcu
so da ciò che mira a soddisfare i sensi 12 • Èv -r1~ CTXTJ\IEL, ma ne costituiscono an-
Un cenno particolare merita la con- che il superamento. Paolo non ha qu in-
cezione del 0apE~criìc:u in Epitteto. Es- di bisogno di negare il Sa.pEi:cri}m, per-
so indica, secondo diss. I 1,15, le gra- ché egli possiede, nella fed e e neila
vose Wa.pcuv-rwv, I 9, r 4 s.) pastoie co- speranza, la certezza vittoriosa di un a
stituite da ciò che, essendo esteriore, nu ova vi ta .
non ci appartiene veramente , ma è so-
3. In r Tim. 5,16 l'espressione [.nì
lo come un'argilla bene impastata (il
SapELO"lJw fi ÈxxÀ:ricrla allude all'aggra-
corpo, la proprietà , i luoghi , la fami- vio finanziario della comunità. Si trat-
glia, gli amici, la società ecc.). L'uomo ta di un u so di 0a:pÉrJJ ampiamente
può infrangere qu esti vincoli , tanto più attestato: Ditt ., or. 595,16 (174 d.C. ):
~va. p:rì -r-i}v 1t6).Lv Sa.pwµEv . Polyb . V
oppressivi quanto più sono stretti , con- 94 ,9: u-;:Èp '!OU r•-ii f>a.p•JViÌYJ O'EO"ila.l •tc:.dç
un 'abilc rnpacità di adattarsi alle circo- dv<jlopa.i:ç. Jos., bell. 2 ,273: (Albi no)

" E. GRAFE. Das Vcrhalt11is der paulin. Schrif- proposito d i Tos., bé:ll. 7 ,346 (--7 06: pc.ç B r ).
t en zur Sap. Sai. in: Theol. Ahh. f_ C. v. f ra le tes tinK>n ianze tardi ,·e cfr. P o rph yr.,
\Vei<:sacker ( 189 2) 25 r ss . ahst . T 54 (il re <>o tk1!'inuti le ri cchezza) .
" La stessa m\l·1v;11ionc :ibbiamo 12i ~ fatt o a
06.Q"WJoç (J . Schn ri cl t' r )

-rà 1càv Eftvoc; tBripn -rat:c; Ei.o-cpopai:c;. a.vi:ol 0Ef3aprip.ÈvoL 7toÀ.À.(<lL xp6vwr.
'i:E
Dio C, 46,32: ·mt:c; dcrcpopai:c; 0a.pou- OTJp.oo-lo~c; (prest azioni pubbliche). P .
~tEvo1.. Ditt. , or. 669 ,5 (sec. I d.C.): p."i) 0:-.:y. I 126,8 ( 5ì2 J . C.): Sa.pfocn -rò
Bapuvordvriv xcuvai:c; xa.l. liolxoLc; dcr- E}LOV ovoµ et. , ,e.r11uare sul mio conto u
r.pcil;EcrL. P. Gicss. I 4, rr (118 d . C.):
G. SCHRENK

Sci.r;a.voc;, Sa.cra.vlsw
Sa.o-avLcrµ6c;, SacravLcr-ri}c;

I . La parola Scicra.voc;, che nella sua melico (P. Oxy. 58,25 , del 288 d. C.).
accezione originaria designa lo strumen- Metaforico, ma ancora abbastanza vici-
to di prova delle monete, vien messa no a quello concreto e originario, è il
in rapporto con la radice ebraica bbn signifìcato di 0cio-a.voc; nell'ambito spi-
(saggiare) e con l'egiziano bbn (basal- rituale, dove indica strumento , criterio
to). K. Sethe 1 pensa che da bbn siano di valutazione: anth. Pal. VII 54: civ-
derivati tanto l'ebraico bhn 2 quanto il opwv xpLVor.lÉvwv Èv Sa.crci.v4) crocpl l)ç.
greco Sci.era.voc;, generalmente conside-
rato parola di origine straniera e stret- Oscuratasi in seguito l'accezione ori-
tamente connesso con Sm:ra.vl-rl)c; {Ba.- ginaria, Sci.cra.voç passa a indicare sc-
ua:vl-rou Àlfrou opoc; =montagna di pie- prattutto la tortura praticata nei con-
trn bbn ). R. Herzog 3 pensa di poter fronti degli schiavi (P. Lill. I 2q,22;
dedurre dalla storia semantica dei ter- Ditt. , 5yll1. 356 ,12). Nel significato di
mini che l'ars spectandi, la prova delle tormento 0ci:o-avoc; è usato in arg. in
monete d'oro e d'argento effettuata con Theocr. idyll. 13 p. 13,5 Meineke; da
una pietra di paragone, sorta fra i Babi- Thom Mag. p. 94.4 Ritschl; Demetr.,
lonesi, sia passata poi agli Aramei e eloc. 201,4 . Un'iscrizione di Salamina
agli Ebrei e giunta infine ai Greci per di Cipro, BCH 51 (192ì) 148,r8, con-
il tramite della Lidia (Auola. Àlitoc; tiene l'imprecaz ione: Èv SaercivoLc; ci7t6-
[Bacchyl. fr. 14,r Blass]; Scio-avoc;, Bac- ÀoL-ro. Vett. Val. IV 13 p. 182 ,19 Kroll
chyl. 8,58 ). Nella grecità extrabiblica parla di tormenti spirituali (~uxLxà.c;
Sci.eravoc; è anche un termine della vita Ba.crei. vouc; ) 5 .
commerciale e della prassi giudizaria , Per renders i conto di questa evolu-
mentre è facile capire come dal signi- ~1one basta pensare che, sostituendo al
ficato fondamentale di Srieravoc;, Sacra.- metallo trattato col 0ci.o-avoc; l'uomo,
vlsnv sia sorto quello di controllo ari!- abbiamo al posto della prova la tortu-

" Altre testimonianze in PREISI GKE, \Vijrt. e Hochschu lgesellsch. 1 ( 1919) 29 s.


Mou1.T.-M1LL. ,s.v. ' Secondo lo Herzog le radicali bhn e srp so-
PciG"a.voc; no sinonime e le formazioni da srp derive-
I Pauly-W. III 39 S.V . pa.r;a.vl·rov ÀlVov opoc;. rebbero dall 'accadico. Ma srp non significa
' bhn è usato specialmente in riferimento al- 'saggiare', bensì ' purgare col fuoco' . La tesi
Li prova de i metalli. Cfr. lcr. 6,27 ss., dove dello IIerzog non ha un fondamento abba-
bahOn ha il significato di ' saggiatore' (di me- stanza sicuro. Cfr . per srp FR. DELITZSCH,
talli) (biihOn = lìoxLµa.G"'ti]ç nei LXX). Assyr. Handworterb. ( 1896) 5ì4 s.v.
' H. HERZOG, Aus der Gerchfrhte des Bank- ; Cfr. anche Vett. Val. IV 2 .5 p. 201,32; V 2
u;escns im Altert11m , Abh. der Giessener p. 2r r ,28 KROLL .
ra.: la situazione: Jd nH: t:d lo che deve originario dcl tes to usa nd o (36:0-0:.voc;
resistere al la prova effettua ta con la nel significato di punizione. Un 'altera-
pietra di paragon e è in certo modo la z ione an aloga si ri scontra in 1 Bcw.(1_ 3-4.
stessa di chi su bi sce una tortura . Il fì- 8. r7 , dove il tes to ebraico porta 'asiim
ne che la prova del metal lo si propone e intende la colpa che deve essere espia-
- ossia l'accertamento della sua auten- ta , mentre i LXX parlano d el flagello
ticità - -può aver contribuito alla tra - ch e dev'e ssere allontanato con un'offer-
sformazione semantica di 0ci:o-avcç. La ta . Allo stesso modo vann.0 probabil-
tortura infatti prima di essere uno stru- mente considerati Ez. 16,52.54 ; 32,24 .
mento di punizione è un mezzo per ac- 30 ( =k"limma), dove i LXX anziché di
certare la verità, ossia uno strumento ' onta, ignominia ' p arlano di un flagel-
di prova 6 • Ma anche quest 'accezione lo punitore. In E cclus 30,35 (33,27)
precisa e concreta di Bcio-Clvoç finisce (3ria-avoc; è associato a O"'t'p2(3À. l] ( O"'t'pÉ-
con l'oscurarsi e cedere il posto al ge- (3À.l] xai. (3.±o-avoc;) per indicare la pu-
nerico significato di tormento. nizione di uno schiavo malvagio. In un
altro passo (Sap. 2,19) Scfoavoç è ac-
2. I LXX 7 usano S<ia-avoç e derivati costato invece a u0pLç (sch erno) .
quasi esclusivamente in quei libri del- In (3ao-avlsEw traspare talvolta {co-
1' A. T. di cui possediamo soltanto il te- me p. es. in E cclus 4,7) il significato
sto greco, originale o tradotto, e quasi originario di saggiare l'autenticità; ma
sempre senza appoggiarsi ad un corri- l'accezione prevalente del verbo è tor-
spondente uso ebraico. La famiglia di mentare, affliggere, torturare. In Sap .
Srio-Clvoc; è particolarmente frequente in l r ,9 ( rn) SacmvlsHv è contrapposto a
4 Mach . , dove oltre a Bcio-avoc; e Sa- 1tELPrXSHV.
aavl~wJ ricorrono anche 0acravicrµ6c;, Fra gli altri traduttori dell' A. T.
f3m;avLcr't'1)pLov ( tormentum) e 1tpoSa- Aquila in Ecc!. l, I 8 e 2 ,2 3 traduce con
cravl~EL v. Complessivamente si posso- (3ci:cravoc; l'ebraico mak'6b 8, in luogo di
no distinguere due filoni semantici: a) aÀ.yl)~m dei LXX. In 'lEp.20 ,2, secondo
la prava della sofferenza che il giusto Girolamo, Simmaco reca ' Sao-avvn1]-
d eve subire ad opera dell'empio; b) la pt.ov sive O''t'ESÀ.1JJ't'1)pLov ', che nei LXX
pena che l'empio deve scontare nel tem- ricorre solo in 4 Mach .; i LXX e Teodo-
po e nell'eternità per il suo contegno zione usano in questo passo :xa't'apci:x-
verso il giu sto. Il m artirio destinato al 't'lJ<;. In Pro v.rn ,8 (LXX: vnoo-xEÀ.lsnv)
giusto può consistere nei tormenti sia Simmaco ha (3acravlsELv, con l'evidente
morali che fi sici (cfr. St11p. 2 ,19 ). In al- significato di punire con un flagello(cfr .
cuni passi (p. es. Sap. 3 ,1) (3rio-avoc; va ÒÉpw in Aquila : ÒClp1]o-E-rClL, m entre il
inteso in senso escatologico . In Ez. l 2, liibat (jillàbét) ciel testo ebraico signi-
l 8 06.o-avoç è in parallelo con ÒÒVVlJ e fica invece' far cadere'. In r Bcxcr. 15,
llÀ'i:ljJLc; e significa tormento escatologi- 3 3 Teo<lozione porta È0acrci.vLO"EV nel
co, mentre in Ez . 32,24.30 allude alle senso <li tormentare a scopo di puni-
pene del!' al di là. In Ez. 3,20; 7 ,19 ( = zione; Aquila e Simmaco hanno Òt.É-
mikS6l) i L XX hanno alterato il senso o-rm.crEv, i LXX foq)al;E, il T.M . sasaf.

6
Cfr. il co ncetto espresso più volte anche nel se da G. lkRTRAM .
N.T. che le punizioni e i dolori servono a ' In 2 Chr. 6,29 :rnch e il cod. 93 1rndu ce
provare la fc<le. mak'ob con ~cicra::voç .
7
Le indicazioni ri guardanti i LXX sono pre-
lJI (1 ,56 1) [36-uavoç (J. Schnt:ider)

3. Bcicrnvoc; ncorre nel N .T. solo in alle dog li e dell a p;fftorientc 1\ ml'.lltrc ìn
Matteo e Lu ca . Mt. 4,24 mette in pa- 2Petr.2,8 - un ico caso nel N.T. -- indica
rallelo v6cro ~ e (3cicravoL9 , mentre in Le. invece il tormento interiore del giusto
16,23.28 il plurale (3cio-avoL allude ai alla vista dell 'empietà esemplificato con
tormenti del! 'inferno 10 , defìni to ò "t6- Lot che so!f re per la scos tumatezza <li
1toç i:ljç (3acrcivou. Sodoma 14 . Nell'Apocalisse 0a.o-avlsnv
Il denominativo (3acmvlsnv, propria- designa i tormenti dell'epoca finale. In
mente trattare con la pietra di parago- Mt. 14,24; Mc. 6,48 il verbo dipinge
ne (ossi a sfregare contro di essa), sag- ìa difficile situazione dci discepoli che
giare l'autenticità, mettere alla prova, si trovano sulla barca sbattuta violen-
15
analizzare e secon<lariamente usare stru- temente dalle onde •

menti di tortura per appurare la veri- (3acra.vLo-µ6c; ricorre soltanto nell' A-


tà nell'interrogatorio e nel giudizio Il, pocalisse, e precisamente in 9,5 con si -
ricorre nel N.T. soltanto col significato gnificato attivo per indicare il primo
generico di tormentare, opprimere. Il flagello che si abbatte sulla terra dopo
servo paralitico del centurione di Ca- il suono della quinta tromba, e in 18 ,7
farnao è 'terribilmente tormentato' dal- ss. con significato passivo per designa-
12
la sua malattia (Mt. 8,6) • L'incontro re il tormento di Babilonia punita del-
con Gesù ' tormenta ' gli indemoniati le sue colpe con l'umiliazione.
(Mt. 8,29; Mc . 5,7; Le. 8,28). In Apoc. ~ao-avLO""t'TJc; ricorre nel N.T. unica-
r 2 ,2 (3amxvlsn v - allo stesso modo di mente in Mt. 18 ,34 col significato non
(3ci:cravoc; in anth. Pal. IX 311 - allude di ' inquisitore, analizzatore ', ma sol-
16
tanto di carnefice •

J. SCHNEIDER

• Cfr. P. Lei d . 7,26 ss. (PREISENDANZ , Zaub . 11


Pe r ~w:ra.vtço[lÉVTJ -rE XE LV ( Apoc. r2 ,2) dr.
JI 102; XIII 2 90), dove Év BmrtivoLç è coor· T. ] eb. 9 '4: h'sh Jmqsh /w wld (così pure S.
dinar o con Èv civtiyxa.v:; e Év wprw;. Num. 76 a 10 ,9) e Gen. 35,17.
'
0
An alogo è l'a cco srarnento di x6Àacnç e ~ti ­ 14
Cfr. anch e H e rm ., mand. 4 ,2.2 .
uavoç (puni zione t ramite tortura) in P. O xy. 1
' Per Paua.vlsErritat de tto di una nave cfr.
840 ,6. S. Nu m. 7 6 a H.L9: « qu ando una nave viene
" Thu c VIII 92 ,2. Thom . Mag. p . 62 , 12 ss.; sb at tuta qua e là ('dilaniata') nel mare»
93,17; 9 4 ,2 RIT SCHL. Cfr. anche PR EI SlGK E, (mi ttar efct=-~ ParrnvtsoftEVT] ) . Artifìciosa è fa
U'1 ort. 2 57. Altri esempi tratti da i papiri in interpretazione sos ten ut a d a ZA HN, Mt. a 14,
MouLT.-MJLL. I I 104 s.v. pa.cra.vlçw. 2-i e B. Wr.rss. Mk. a 6,48, di ~acra.vlsEcr~r:u
" OELVwc; pa.cra.vLso[LEvoç. Cfr. Pseud.- Lu c., nel senso di 'affaticarsi duram en te' sui remi.
asin. 25: -.Tjc; Pa.crtivou -.ò onv6v. Cfr. anche: Tn e ncramhi i casi il verbo ha signifìcato pas-
Luc., soloec. 6; Thom .Mag. p . 62,r 3 RITs cm . sivo, cfr. KtEIN , Mk. a 6,48.
1
los., ant. 2 ,q ; 9,101; 12,41 _3· ' Cfr . Thom . Mag. p. C)), 1 7 ; 9 4.4 RrTSCBL.
~~vLÀEvç, f3cwÙEl.a., [3cw(.\wrrn:. , f3o:cn-
ÀEuw, crvµ~aoùE0t_,_> , B,wi'.À.noç, ~a­
c-t ÀL:x.6ç

n ella teoria politica della t;mla grecità


Nella sua acn:z1 one comune Bwn- il 0o:(n)1.Evç così concepito 2: contrap-
ÀEvç 1 indica co lui che esercita nella posto al -rvpo:"Vvoç, l'usurpatore 2
. Ome-
vita associata una sovranità 1egittim<l, ro traccia nei noti ver ~i di Od. 19,
qua si sempre ereditaria e connessa ad 1 08 ss. un quadro mitico e un bto:~voç
una funzione sacrale. Nella prassi e del buon re e dei benefìci di cui egli è

[jaoù.n)ç x-r À. trascegliamo le pubblicazioni più recenti, elen-


Per il punto A. cando anche le ope re di carattere generale sul
PAULY-W. III (1899) s.v. BasileuJ. primitivo cristianesimo che fanno gran parte,
E. LoHMEYER, Christuskult und Kaiserk11lt com'è naturale, al concetto di 'regno di Dio' _
(1919) 11 ss. e n. Cfr. P. FEINE, Theol. d. N.T. 5 (1931) 73 ss.
DEISSMANN, LO.' 3rn s. (con ampia bibliografia); K. L. SCHMIDT, ]esus
Un'analisi storica e sistematica delle (5) diver- Christus: R.G.G.' III r10-15I. Altra bibliogra-
se interpretazioni Jel concetto di 0cx.cnÀ.Euç, fia specifica: \Y/. MuNDLE, Reich Gottes: ibid.
oppure di 0acn).Ela nel periodo classico della JV 1817-1822. Per le discussioni orali dr. la
grecità, si legge in Aristot., poi. III 14 p. 1284 relazione sulla prima conferenza teologica an-
b 35 ss. glo-tedesca tenutasi a Canterbury: Das W esen
Per il punto B. des Reiches Gottes und seine Beziehung zur
H . GRESSMANN, Der Messias (1929). menschlichen Gesellschaft: Th. BI. 6 ( 1927)
E. SELLIN, Die isr.-jud. Heilandserwartung I I 3 ss. (contributi neotestamentari di C. H.

(1909). Dono, E. C. HosKYNS, G. KITTEL, A. E. f.


IDEM, Der at.liche Prophetismus (19u). RAWLINSON, K. L. SCl-IMIDT). Monografie r~­
L. DDRR, Vrsprung und Ausbau der isr.-iiid. centi: G. Ror.STEIN, Die Grundlagen des
Heilandserwartung (1925). ev. Kirchenrechts (1928) 5ss.; W. .MICHAELIS,
S. MowINCKEL, Psalmenstudien 11: Das Thron- Taiifer, Jesus, Urgemeinde, die Predigt ]esu
besteigungsfest Jahwes u. der Ursprung der vom Reiche Gottes vor und nach Pfingsten
Eschatologie ( 1922). (1928); ]. KosTER, Die Idee der Kirche beim
O. ErssFELDT, ]ahwe als Konig: Z.A.W. 50 Ap. Pls (1928); G. GLOEGE, Reich Gottes und
(1928) 81 ss . Kirche im N.T. (1929); H. E. \Y/EBER, 'Escha·
A. v. GALL, Bcx.cnÀE~a -rov ~Eov ( 1926). tologie' und 'Mystik' im N.T. (1930); H. D.
M . BuBER, Kunigtum Gottes=Das Kommen- WENDLAND, Die Eschatologie des Reiches Got-
de, U ntersuchungen zur Entstehungsgeschich- tes bei ]esus (1931).
1
te des messianischen Glaubens I (1932). Si ammette ora generalmente che 0wnÀ.Euç
R. KITTEL, Die hellenist. Mysterienreligion sia un imprestito da una lingua ' egea ' e 'pre-
und das A.T. ( 1924). ellenica ': dr. DEBRUNNER, Reallex. fiir Vor-
no u ssr:T -GRE~SM. 222 ss. P,esch. IV 2 ( 1926) 526. Per le varie etimolo-
Per il punro C gie proposte in precedenza dr. PAULY - W.
2
DALMANN, W.f. 1 7 5-09 (dr. [1930] 375ss.). J. C. 55 SS.
STRACK-B1u.ERBECK r 172-184 e passim. ' Cfr. ARISTOT , eth. Nic. Vili 12 p. rr6o b 3
MoORF. I 401; 4 p ss .. li 346s., 371·37 5. e le p<1role della Suida s.v.: fjacnÀ.EÙ<; µÈv yap
Per il punto E , vedi sopra. Dalia sterminata ÈX 7tpoy6vwv xor.-rà. owùoxiJv EXEL "CTJV 6.pxiJv
bibliografia su Ila ~o:(H À.Elor. neotestamentaria, btl PTJ'tOL<; ), a~wv 7tÉpacn . ":Upavvoc; oÉ, oc;
0a:::1ÙEvç (H. K leink nec ht )

apport<Hnre. La giu sti zia o l'ingiustizia 292 e ; cfr. la L11nosa asserzione di Plat.,
del 0a.o-LÀ.c:uc; si ripercuotono nel suo resp . V 47' d : Èèw p.i} ... 1ì oi, (PLÀO··
popolo, facendolo rispettivamente pro- o-ocpor. ~a.rn ì.t:vo·0JCJ L v Èv -ra.Lç né À.Eo-L v
sperare o soffrire . La sovranità regale 1ìot ~a.O"Ù. E~ç "C"E vvv À.Ey6µEVOL x rx L
h a il suo fondamento in Zeus ( ·nµl) ouvaai: ru qn).oc;o<piJo·wcn yvriat'.wc; .. .
É.x. Ai6c; fo··nv, Il. 2,r97) secondo un où x fo-rL xcxx&:iv Tia.u À.a. ... -rrx.Lç n6À.t:aL,
rapporto che si esprime n ell 'epiteto ca- oox1"0 o'oùoÈ -C!{j civi}pwm'.vr.p yÉvn .. . ).
r atteristico &o-rpE<pi)ç, 'nutrito da Zeus' In tal modo Platone, mentre respinge
(Il. 2,196 e passim). In Esiodo , che tutra un 'evol uz ione secolare del potere
attribuisce al ~mnÀ.Evç una funzione so- politico, si fa precursore dell'ellenismo
stanzialm ente arbitrale, troviamo tut- e de l suo nuovo concetto della regalità.
ta una teoria circa la sapienza de i re, « Sorge la figura ideale di un ' re be-
alla quale si riconosce un valore nor- nefattore ' 4 che, al pari di un dio, ve-
mativo: non solo i vati, ma anche i re glia sugli uomini e Ii nutre, come un
sono ispirati dalla divinità: Calliope 0a- pasta"r e nutre le s ue pecore. Egli non
cnÀ.Evaw &µ' Cl.LOOLOLCHV ÒTIT)OE~ (theog. conosce altra legge che non sia quella
80). La LEpl) 06cnç, il sacro dono fatto della sua volo nt;\ personale, che non è
dalle muse ai sovrani , consiste nel ' par- soggetta ad alcun ordinamento comu-
lare senza menzogna ' ( à.cnpa.À.twç à.yo- nita rio e non è ristretta a nessun ter-
pEunv, 86). A questo antico ideale gre- ritorio o stato particolare, ma possied e
co della regalità si riallaccia la defini- una validità universale. Nella definizio-
zione filosofica del 0a.<nÀ.Evç 3 svolta ne di ' benefattore del mondo ' si sin-
nel Politico di Platone. La conoscenza tetizzano la n atura e la funzione del
d elle idee è l 'a rte dei re e perciò chi re » 5 • Da queste idee filosofiche dcl
la possiede è atto a regnare (polit. IV secolo sorge rà poi, so tto l'impres-

i:Tjv cipxl]v ~ ~a:lwc; <rcpE-i:Epls E-i: a~. La disrin· G. HElNTZELER. IJas Bild des Tyrannen bei
zione non è però valida per la grecità primi- Platon: Ti.ib. Bei tr. z. Altertumswisscnsch. 3
tiva, in quanto la parol a i:upa:vvoc;, usa ta spes- (1927) 8 1 ss. e passim.
so come sinonimo di ~a<r~À.Evc;, ha assunto il • EÙEpyÉ-i:T)ç è un appellativo particolarmente
significato nega ti vo che ancor oggi conserva comu ne e significativo dei re ellenis tici ; Anti-
parallelamente al sorgere della democrazia gre- gono e Demetri o furono celebrati come i}rnì,
ca con la sua t ipica contrapposizione fra il crwi:r1pEc; :>w.t EUEPYÉ""t·a,.
v6µoc; e il -i:upawoc;. Pindaro, per esempio, si 5
E. LmlMEYER, op. cit. 12. Cfr. ancora Plat.,
rivolge a Ger~ne come ~rxO"LÀ.Euç, Olymp. 1,23 ; po!it. 267 d e 275 b ; inoltre in Aristotele l'iin·
Pyth. 3,70 e come i:upawoç, Pyth. 3,85. Cfr. magine del sovran o ideale che non può essere
K . STEGMANN v. PRITZWALD, Zur Geschichte sottoposto ai v6µoL perché è egli stesso v6µoc;
der H errscherbezeichnungen van Homer bis ( pol. m r .3 p. I284 a I 3) e quella della 7tfl[!·
Plat o ( 1930) 9p 36 (Erodoto), 156 s. {Iso- PacrLÀ.Ela ideale (ibid. III 10 p. 1225b 32ss.).
crate) . Inoltre Eo. MEYER, KI. Schr. r' (1924) 289s.;
3
Per il concetto platonico della regalità dr. inoltre Xenoph ., Cyrop. vm 2,14 ( parngone
sione <lestata dalla Jìgma g1ga!l tesca di zion c fondan-1 cntale della radice è dub-
Al essa ndro , la tradizion e ell eni stica del- bia (po ssessore oppure arbitro) . L'uso
di essa con valore puramente metafo..
:ta regalità divina , in cui ;,\ sa ldano l'an- rico è rarissimo nell'A .T. (Iob r 8 ,x4) ,
tica persuasione greG• di una energia
sovrumana possedu ta d ai ca pi politici 1. Monarchia na zi onal e e
e il concetto del redio , proprio delle e i t t a d i n a . In Israele la monarchia
varie civiltà orientali . è sorta sotto l'urgenza delle aggressio-
Bm:nÀEvc; può quindi indicare il re ni filistee. Saul che, come altri prima d i
di vino ellenistico (che, sull'esempio del lui, era soltanto un capo carismatico,
gran re persiano, poteva anche esser fu scelto come re d'Israele. Dopo la
chiamato 0a:cnÀEÙç µzya:ç oppure, con sua morte il capo dei suoi mercenari,
una definizione più tardiva, f3o:cnÀEÙç David, ebbe dapprima la corona di Giu-
!3o:cnÀÉwv) come per es. Antioco I di da e poi anche di Israele nella forma
Comrnagene: f3acnÀEvc; r1Éya.ç 'Anlo- di una unione personale con Giuda.
xoc; i}E6c; ... (Ditt., O.G.I.S. 383,1) e così Sovrano anche della città di Gerusa-
pure gli imperatori romani 6 • La f3o:cn- lemme conquistata nel frattempo , Da-
ÀEla di questi sovrani è una cX.vvmv- vid riesce a tenere insieme il comples-
i}uvoç àpxr1 (Suida, s. v.) . so edificio dei due regni grazie al vin-
Oltre che ai re terreni o divinizzati colo dinastico (sostituitosi alla designa-
[3w:nÀEvç può esser riferito anche agli zione del capo fatta di volta in volta
antichi dèi, soprattutto a Zeus come da Jahvé secondo la tradizione di Israe-
i}Ewv ~acnÀEvç o f3wnÀEvc; per antono-
masia; cfr. Hes., theog. 886; op. 688 le) e forte della promessa di Jahvé
con valore o di semplice epiteto o di (2 Sam. 7 e 23,r-7) in cui egli vedeva
appellativo cultuale: I.G.VII 3073,90 la legittimazione trascendente e perpe-
(Lebadea; Ditt ., Sill. 3 1014,110 (Eri-
tua del regno suo e dei suoi discenden-
tre). Per le altre divinità definite f3a.-
cnÀEvc; (per es. Ade in Aesch. Pers .627; ti. Scioltasi l'unione personale con la
IG I 872; Posidone, Apollo, Dioniso, morte di Salomone, il regno del nord
Eracle) cfr. Pauly, o.e. 82. conobbe solo raramente la successione
H . KLEINKNECHT dinastica ; vi prevalse invece la desi-
B. melek E malki'ì.t NELL'A.T .
gnazione del sovrano da parte di Jahvé,
mentre nel regno di Giuda la casa di
melck è parola comune a tutte le
lingue semitiche. di cui il verbo miiiak David si mantenne sul trono per altri
1apprescnta un denominati vo . L'acce- quattro secoli e la sua linea genealogica

tra l'ufficio d el re e q uello dcl pastore). Altri 6


Per l 'uso di ~a.cnÀEvç come titolo onorifico
cscmpì riguardanti anche l'ideale stoico e ci- dei sovrani ellenistici divinizzati intorno al
nico della regalità ispirato ai concetti platoni· principio dell'era cristiana dr. DEISSMANN,
cr e aristotelici in Lo11MEYER, op. cit. 48 s. L.O. 310 s.
n. 28.29 .
(Ì t:!.'.JtÀ.EÙç (G. VO!l R:tJ)

teoricamente fu seg uita anche gran tem- r 3 2 ), in cm s1 ass icura al re un<1 pro-
7
po dopo • genie divina e il dominio sulle estrem i-
Per valutare il rappotto fra la mo- tà della terra, e il sovrano stesso è cele-
narchia e il mondo religioso di I sraele brato come apportatore di una nuov a
occorre anzitutto tener presente che, a era di pace e giustizia, è evidente la
differenza di quasi tutte le civ il tà orien- ripresa di motivi e for me orientali e
tali, in I srae le l'istituto monarch ico , in sieme il loro ada ttamento al mono-
lungi dall 'essere un elemento origina- tei smo jahvistico. Si ca pi sce co me in
rio e cos titutivo del culto nazionale, si Israele sopra ttut to al re, il quale agli
è inserito tardivamente in una tradi- occh i degli antichi addirittura imperso-
zi one religiosa già fissata . I sraele op- nava il popolo, dovessero esser rivolte
pose all 'istituto monarchico il peso del la benevolenza e le promesse divine.
proprio rigido monoteismo ma , seppu- Ma è importante consta tare come la
re faticosamente e a precise condizioni, tradizione religiosa ebraica sia stata più
lo accolse facendone un elemento del- forte di tutte le bardat ure formali d 'im-
la propria religiosità e soprattutto un a portazione: non v'è traccia infatti nel-
speranza per l'avven ire. l'A.T. di quella divini zzazione del so-
vrano che cos titu iva invece il fulcro
Lo stile cortigiano, ossia quel parti-
dello st ile cortigia no d 'Egi tto e di Ba-
colare modo, fi ssa to da un'etichetta e
bilonia 9 .
da una tradizione, di rivolgersi al so-
vrano, di salutarlo all'atto dell'inco ro- 2. I 1 re sa 1 va tor e. Non biso-

nazione , di rendergli omaggio con for - gna tuttavia confondere il linguaggio


mule augurali e inni ampollosi, non cortigiano, anche nelle sue espressioni
poteva sorgere che nelle corti orientali piti accese e ampollose, con le afferma-
raccolte intorno a una persona uman a zioni messia niche vere e proprie. A ri-
divinizzata. E qui appunto si è forma- gore nessuno dei salmi regali si può
to un repertorio ben definit o di titoli , dire messianico, poiché in essi t an to il
similitudini, epiteti , formule di cu i an- sovrano quanto i suoi nemici sono con-
che Israele ha risentito fortemente l 'in- cepiti come att uali e presenti e nulla
flusso, come possiamo ben vedere og- acce nna all'attesa di un futuro salva-
gi 8 • Specialmente nei cosiddetti sa lmi tore . Oggi tuttavia possiamo affermare
regali (Ps. 2; 20 s.; 45; 72; ror; IIo ; che proprio l'atteggiamento cortigiano

' Cfr. A. ALT, Die Staatenbild11 ng d!'r !m1C- '' L 'unica traccia sfu ggita a!Lt censura di u n
liten in Paldstina, Lcipziger R eforrnatìonspro- rigoroso mono teismo si tro va in Ps. 45 ,7. L e
gramm (1930 ). formule che attri bui scono al re un rapporto
' Forse per il tram ite di antiche tradizi on i ir· di fi~liolanza con Dio vanno intese in senso
radianti da Gerusal emm e già can:rnea; dr. P.1 adottil"ll.
r ro.
Ju m certo modo d pon tt'. di trapa sso ( /1 w _9, I r ì esprime la sp e ranza di una
verso il m essianismo . li comple sso di salu lare ricostruzio ne J e lht 'capanna
idee poli t in>·Jc ligiosc co nnesse con la vaci llante di Davi d ' si rico llega impl i-
rega lità emp ir ica ·-- k aspettati ve che ci ta mcnte ,dla prom essa di N arhan non
si appuntavano su! sovrano, le formule an cora realizzata ( 2 Sa m ì ).
consuete usate nei suoi riguardi , le ope- Tuttavia, se la speranz a messianica
re prodigiose a lui attribuite - tutto trova il suo terminus a quo nella perso-
questo fu in la rga misura l'humu s da na di David, essa contiene però elemeD-
cui germogl iò l'idea messianica. Ciò si ti che non possono ess:ere in nessun mo-
comprende ancor meglio se si tien pre- do derivati daila regalità empirica. Già
sente che anche il re messianico è pre- nell 'ardua profezia di Gen. 49,8 ss. ri-
senta to co me un discendente di David. suonano motivi paradisiaci (e così pu-
H.cs ta comunque problematica la mi- re in Am_ 9,rr-15), che non vanno giu-
steriosa proiezione nell ' foxa:tov della dicati come puri espedienti formali, per-
regalità , cosa che non ha precedenti ché accenni del gene re sono frequenti
né in Egitto né in Babilonia, terre soprattutto nel profeta messianico per
10
ch1 ssic he d e llo stile di corte • eccellenza, Isaia. Il germoglio atteso dal
Sotto l 'aspetto formale l'idea messia- tronco di lesse (Is. 9 e II) introduce
nica si richiama quindi alle concezioni ]'avvento del nuovo eonell, quello della
cortigiane d'oriente; il suo contenuto è giustizia e della pace paradisiaca. Pre-
imperniat o invece sulla figura di Davi<l ceduto dall'annientamento dei suoi ne-
e in partico h!re sull'alleanza fra Davide mici , egli sarà dispensatore di beni so-
Jahvé (2 Smn . 7) in base alla quale prannaturali. Anche Michea adombra
Jahvé av rebbe cre tto una casa a David l'avvento di un salvatore appartenente
e il suo regno non avrebbe mai avuto alla progenie di David (5 ,1ss.) 12 • In
fìne. Poiché di questa grande promessa termini meno incisivi , ma sempre chia-
no n si vedev a un'attuazione piena e d e- ri , Geremia esprime la speran za nel vir-
gm di Jah vé nel presente e p o iché, g ulto ( Ier. 2 3 ,5 s.) ed E zechiele nel ' ra-
cL1l rra parte, essa non poteva cadert::, moscello di cedro ' (Ez. 17 ,22 ss.; 34,
si pen sò che fosse destinata ad avve- 23 s.; 37 ,24s.) . Quando poi i] Deutero-
rars i nel futuro . Così quando Amos isaia o Zaccari,1 rivo lgon o l'attesa mes-

'" L1 mig.lio rc spiegaz ione è pur se mpre quel- rienrel_ 7 3 ss.


la dd Du1rn, 52 s. , che vede l'origi ne d ell'at- " E vi dente è tutt avia in lu i l'o pposizione con-
tesa Illl'ss iani rn nella singolare co ncez ione tro G erus alemme, che non solo non viene
chra ica d i un Di o meritevolè in so mmo gra - menzionata, ma alla cui catastrofe vien con-
do di lìdu cia perché capace, con la sua po ten· trapposta una rinascita da Betlemme della di-
za, di aiut<1re Israele. na sti;i dav id ici.
" 'aJ i: l \·1111-: . d r. n _ KITTEL , I fr!!_ ,H_rs/I'-
~ cw- t huc; (G. von Rad)

13
sianica sui protagoni s1 i dell a storia con- co ' Urmensch ' e le solenni promes-
temporanea, come Ciro il persiano (Is. se dell 'alleanza fra David e Jahvé . Al
45,r ss.) o il discendente di David, Zo- di là comunque dei molteplici aspetti
robabele (Zach. 6 ,9 ss.l, ciò è sintomo dell 'attesa messianica le testimonianze
di tutto un nuovo orientamento dell 'e- sono però concordi nel presentare il
scatologia, crollato il quale, le voci au- Messia come apportatore di pace per il
tenticamente messianiche si diradano e suo popolo e nel porre anzi uno stacco
tacciono affatto negli scritti deutcroca- netto fra la sua comparsa e il preceden-
nonici 13 per riaffiorare soltanto alle so · te periodo di lotte culminanti nella sot-
glie dell'epoca neotestamentaria. tomissione dei suoi nemici. Il Messia
Prescindendo ora dai due tratti tipi- non instaura combattendo un nuovo or-
16
ci del messianismo israelitico - la ter- dine delle cose ; egli viene dopo l'ul-
minologia enfatica di stampo cortigia- tima battaglia come sovrano di un re-
no e la prospettiva escatologica - ci si gno paradisiaco. Un'altra peculiarità di
trova di fronte a tutto un complesso di quasi tutti i passi messianici in cui si
elementi mitologici, che certamente non riflette l'avversione per la monarchia
furono escogitati dai profeti e d'altra empirica è ]'assenza del termine melek,
parte difficilmente possono esser germo- che « comporta qualcosa di empio e di
gliati sul ceppo dell'autentica religione troppo umano, la violenza e la pressio-
17
israelitica. Soprattutto gli accenni all'e- ne coercitiva » •

sistenza pretemporale del re messiani-


co 14 e il suo legame inscindibile con 3. La regalità di Jahvé.
un'epoca di felicità paradisiaca fanno È facile comunque rendersi conto che
pensare ad un incrocio fra qualche mi- nel complesso degli scritti veterotesta-
to non ebraico (imperniato sul ritorno mentari il messianismo, lungi dal costi-
di un re primordiale o su un paradisia- tuire il tema dominante, riveste un'im-

13
Semhra che la speran za messianica fosse (1928) i 56ss.; 51 (1929) 225ss. Del resto nd-
particolarmente viva nei circoli levitici da l'A.T. masiìih non è mat appellativo del re
cui provengono i libri delle Cronache, cfr. G. messianICo.
v. RA o, Geschìchtsbild des chronist. W erkes " Specialmente Afich. 5 ,1; cfr. SELLTN, Pro-
(1930) u9 ss. Di difficile datazione è lach. 9, phetismus 178 s.
9 s. In Dan. 7,13 l'autore ha attinto, trasfor- 15
R. KrTTH , op. cit. 64 ss., ricerca le origini
mandone i dati, a una font e mitologica che della concezione messianica cli Isaia nel mito
parlava probabilmente di un Messia . Le pagi - egiziano di Osiride.
ne de! Deuteroisaia dedicate al 'servo di Jah- 16
Non fa eccezione Is. IIA: senza toccare ar-
vé ' non alludono in nessun modo a una figu- mi, col soffio della sua bocca egli abbatte
ra messianica. Le recenti disrnssioni in pro- prodigiosamente i suoi avversari.
posito si leggono in ]. F1SCI1ER, W cr ist der 17
W. CASPAR1, Echtheit, Hauptbegriff und
Ebed in den Perikopen ]es. 42 ... ? (1922); G edankengang der messianischen ìVeissagung
ZAW 47 (1925) 9oss. ; 48 (1926) 2.pss.; 50 ] es. 9 l r9ci8) 14 .
~mn).Evc; (C. \'on i\:1< IJ ! I 511/ ) 146

portanza dcci sa n1c ntc su:ondaria . Un o~~ia in un periodo che ò.J p ttt• fissare
rilievo assai magg iore ha in vece la fed <.: con ::t1ffìci cntc prec isione. Cronologica-
in un 'a ltra regal iti'I ~ovrurnana, che ha mcnt t: le prim e test irn on i;rnze sono
in suo pote re il presente e il futuro, os- Nu m . 23,21; Deut . 33,5; 1 Re.~ . 2 2 ,19;
sia nella regalità di Jahvé. 11 rapporto ls . 6,>.
fra questa concezione e l'idea mes siani- Il motivo della regalit iì di Jahvé si
ca non si può racchiudere nel breve gi- presenta però nell 'A .T. con llna ricca
ro di una formul a 18 • Non sembra possi- varietà di modulazio ni. Vi sono passi
bile soprattutto individuare due tradi- che sottolinc:ano il carattere aternpornle
zioni indipendenti, poiché proprio Isaia , dcl regno di Jahvé che abbraccia ugual-
il massimo profeta messianico, applica mente il passa to e: il futuro (Ex. r5,18;
a Jahvé il ,titolo di re, e lo stesso fanno I Sam . 12 , 12; Ps. 14 _5 ,r r ss.;. 146,ro);
Michca e Geremia. D'altra parte le te- altri invece ch e pongono l'acce nto piut-
stimonianze più numerose e importanti tosto sul momento dell'att eS<l. (Is. 24,
relative alla regalità di Jahvé (Is. 6,5) si 23; 33,22; Soph . 3,r5; Ahd. 21; Zach.
trovano proprio nel salterio, che invece i4,16 s.). Poiché il presente non sod-
ignora la figura del re messianico 19 • disfaceva ai requisi ti del 'regno di Jah-
L'attribuzione del titolo di melek al- vé ', questo concetto fu trasfc.rito nel-
la divinità è propria di tutto l'antico ]' ambito del!' escatologia, svil,uppando
oriente (vedi, nelle immediate vicinan- una potenzialità irnplici ta nella sua stes-
ze di Israele, Melkart, Milkom, Kamo- sa natura 21.• ; sorse cioè la sperjlnza che
shmelek) e l'uso di melek come epiteto un giorno Jahvé avrebbe dimostrato la
di Dio è probabilmente protosemitico. sua regalità. Va detto però che anche
Esso defini sce benissimo i rapporti fra le testimonianze più spiccatamente esca-
la divinità e l'uomo: Dio è il sovrano tologiche sono ben lungi dall'insinuare
che esige obbeddienza e in cambio di che il regno di Dio non sia già una real-
essa concede ai suoi fedeli aiuto e pro- tà presente ; soltanto prospe ttano nel
tezione. In Israele l'uso di questo epite- futuro la piena manifestazione della sua
to è attestato ovviamente soltanto do- potenza . Un terzo gruppo di testimo-
po il sorgere della monarchia empirica , nianze si trova infine' nei Salmi 47,93,

" Purtroppo questo problema non è st<Ho af- (ed Ezechieleì ii Mc s~ ia è melek (cfr. I er.23 ,
frontato nelle di scussioni, cosl vive oggigior- 5; Ez. >7,2 4).
no, sull'escatologia anticotestamentaria. Il Ca- " ·Anche in questo caso una posizione tutta
spari (op. cit. 12 ss.) osserva giustamente che ·particolare ass ume la teologia del Deuterono-
la figura messianica di Is. 9 non è un sovrano mio , che ignora sia il concetto del regno di
indipendente , ma una specie di visir legato da Jah vé sia l'attesa messianica .
0
una responsa bilità verso l'alto alla quale allu· ' ErsSFELDT , op . c1t. 96.
dono i term ini far e joser; invece in Geremia
96,9 7 ,99 (con ogni probabilità il nume- Da v id regnerà nel reg no di Jah vé (I
ro potrebbe es se re <tumentato) . ed è ca- Chr. 17, q.: 28, 5 ; 29 .2 3; 2 Chr. 9.8 :
ratteri zzato rial!' uso dcl Vl'r bo malak ( ri- I L 8)
ferito a Di o : 'J<th vé è re'). Sono i sal- Non t: po ss ibi le t u ttavia ricost r ui re
mi dell'intronizzazione di .Jahvé, che co- cblla :naggioran za dei pa ss i citati la pre-
stitui vano con ogni evidcrva il perno di cisa natura del regno d i Jahv c.'. . l ,n ,J:-
una celebrn zione cultuale (e forse anche tepl ici predicati dai quali il reg no cli
dramrnati ca) 21• Questi salmi non prean- Jahvé si presenta accompagnato nello
nunziano un evento csc1tologico , ma stile poetico non la sc iano nemmeno in-
cantano un'esperienza cultuale vissuta tendere se Jahvé vada considerato co-
nel rresen te. me il sovrano del solo Israele oppure
22
Soltanto in ques ti ultimi passi il ' re- Ji tutto il mondo • Prevalgono tutta-
gno' di Jahvé assu me una fi sionomia via nel periodo preesilico le testimo-
veramente concreta, e forse i partecipan- nianze che defini scono Jahvé re di Israe-
ti alle ce rimoni e suddette avrebbero ri- le, ripromettendosi da lui aiuto, soc-
ge ttato la fede in un Messia av venire corso, giustizia p er il popolo eletto -'',
come contraria alla loro convinzione. mentre durante e dopo l'esilio non man-
2
Le altre testimonianze invece apparten- cano accenni ad un regno universale •.

gono al linguaggio poetico tradi zionale, In tutti i casi comunque l'appellativo


che all'occasione poteva piegarsi senza cli re vale ad esprimere incisivamente
sforzo ad esprimere anche la fede in la potenza, grandezza. e m isericordia di-
un futuro Messia. Le due concezioni - vina. Ma questi concetti assai generici
quella cultuale e quella escatologica - non sono affatto legati ail'idea specilìca
in origine dis tinte e indipendenti fra della regalità, tant 'è vero che in qual-
loro, in seg uito si compenetrarono pa- che caso si trovano anche associati ad
cificamente, com e ri s ulta soprattutto altre metafore, come quella del pastore
dai libri delle Cronach e, dov e la pro- in lvfich. 5 ,3 , o come nel parallelismo
messa fatta da Jahv é a David e non an- istituito in Is. 43 ,14 s . fra i predicati
cora compiuta viene nuo vam ente sbal- di creatore, redentore. In genere l'A_
zata in primo p iano e interpretata co- T _ non definisce più precisamente l'es-
me un'assicurazione che la progenie di senza della malkut divina ; risulta chia-

" Cfr. M o wr NCKE L, PJalmcnstudJen Jl . li Mo- /)an. 4 ,q.


winckel esage ra pe rò il significato di questa " Num . 2 _LH ; ler. 8. r 9; Sopb. 3,r5; M ich . 2 ,
festa e .i.I suo ingegnoso tentativo di far deri - r 2s.; 4,6 ss.; ma anche l s. 4 1,2r; 43,15 ; 44 ,6.
vare da essa l'escatologia ebraica è caduto con " l cr. i o ,7 .r o ss. ( lcr. 1 0, 1 - 1 6 non sembra >I LI ·
la dat:i zio ne più bassa da lui stesso rece nte- tentico ); Zach. q,9 .r 6 s .: Mal. r ,q ; Ps. 22.2 9;
mente pro posta (7. t\ W 52 [ 1930] 267 n. 3) . -l ì .3,8.
" l er. 46, 18: .Jiì ,15; 5 1,57; Ps. 5. ); 24,7 ss.:
ro comunque che essa fu sempre con- 1111 11 c·1 1u \'<llìlras to fra il mafh, la di vi-
ce pita come una rca lt à immanente. An- 11i1;'1 ' cl1 l' L éh guid<1 ',e Baal. Se in vc-
cc· di iìli! I .( ave>.se d etto se m plicemente
che secondo le tes timonianze tardive
hln·l-, ! 'ani tlcsi sar eb be .- ;tata inccccp i-
{come Is. 24 ,23 e Zach. 14 ,9.16) Jah- hi lc. 1\.b quando ma i n e lla secolare lo r-
vé regnerà su tutta la terra , avrà il Ll c•rntru il cu lt o di 13a,d - si pe nsi ad
O sl·,1 e al Dc:.ur<:ronomio .... J,1hvé t'. ch ia-
s uo trono in Gerusalemme e sarà ado-
mato in causa c01 nc 're '?. I mo lti pa s-
rato da tutti i popoli (a nalog <Hnente s i c itati cl.i l Hu bL'l· in cu i si esprime va-
Abd. 2I). riamente l' icb1 che Ja hvé 'ha guidato'
lsr;iele no n d i1nos trano affatto che ma!/..:
In m e rito a questo problema si e cost itu isce un tb to rco logico n el sen<;o
pronunciato recente mente Martin B u- anz ide tto; s min uisco no se mm ai il va-
ber nella sua grandiosa opera sul re- lore s p ecifico di quegli altri pa ss i in cui
g no di Dio 20 • Ma perché le tesi del Bu- ma!k è us<lto in senso cultuale o esck
be r siano cos truttive bi sogna t ene r con- to lng ico, u-.sia è ve:·arncnte un ' t heo-
ro che il con cetto veterotestamentario log u.m e11011 '.
d i Tah vé melek non rives te un valt>re
gcn.era le e teo logico , come eg li invece
4. ma!ktlt è u n o d e i poch i sos t ami._,;
sos ti ene . An che a non vol e r segu ire
! 'E iss fcldt 21> , che cu nsi der,1 co m e prirn <l astra t ti d c ll 'an t irn ebra ico su i qual i poi
tes timonianza Is. 6 ,5 basandos i pe rò su ne sono stati modella ti molt iss imi al -
un criterio tro p po lessicog rafico , sta i I tri 27
L'a ccezio ne basila re è que lla di
fatto che l'uso di melek in riferimento
a Jah vé non compare prima del sorge-
'" egir!ità; l'u so Jel la parola nel senso di
re della m o narchia sto rica. È comunque dominio regio, ossia per designare l'e-
priva di ogn i ba se tes tu ale , epperciò sercizio concreto d el potere rappresen-
csege ticam e n te arbitraria, l'interpreta -
ta già un.i legge ra tra sfo rmazione d el
:.c:ione in senso monarchico dell'a.Jleanz<l 28
elci Sinai. Inoltre le tes tim onia n ze d e l- significato fondamentale •

la rega lità di Jahvé r ecano troppo ev i- La parola malkut è qua si sempre u sa -


d e nte l 'impronta dell'acceso linguaggio ta n e ll 'A.T in :;cnso profano, o ssia p e r
poetico p erché le si possa considerare
come il portato cli una convinzione r e-
de signa re u n reg no pol itico {I Sam. 2 0 ,
ligio sa di principio. Il Bube r istitui sce 3r; I Rcg. 2,1 2 ). Prim a di Daniele jO-

25
M. BuRER, K onigtum Gottes (1932). so ricorre sopra ttutto in Ex. r9 ,16, dove si im-
,. Op. cit. IO~. pone a tutto il popolo di I sraele di essere u:1
27
I.. GULKOWITSCH, Die Bildung von Abstrakt- ' regno di s;1ccrd oti ', sen za cbre però un par·
hegri/fen in dt'r hehrJischen S prach!!.eschichtc riculare r iìievo al co ncett o di mamlaki.i come
(1 9 31) , passim ll G u lkowitsch pensa che il tale (d r. un 'atfcrrn;1zione parallela in Nuw .
sosta ntivo po,sa derivare dalla lingua uffi ciale II ,29 : « possa t utto il popolo di ve nt3re pro ·
accadici ( qo s ). fecal » ). ma!letìt . che signifi ca ugu:1\me nt e 'rc'-
28
mamlaka se mant icamen te diffe risce poco d a ga litò ', ricorre in un'accezione propriamcllle
malkiit, so ltan to dà maggior risal to all'aspetto religiosa soltanto in P.1. 22,29 e ltbd. 2 1, dove
istituzionale dell a regalità ('ir hamnu1nzliikti. des ig n a b sovran ir '1 di Jah\·~ nel prese nte e
hét mamliika, cirtà regale, tempio dd reg no, alìa fi ne d ci tempi .
1 Sam. 27 '.5 ; Am. 7. i ·;). Cc111 significa tu rcli t?io-
0cxcnÌ.Ev<; (K. e;. Ku hn)

lo raramentè essa vie ne assunta nel lin- concc tro d i regno di Dio, Sebbene in
guaggio reli gioso per indicare la sfera Dan . 7 la parola malkut indi chi tutti e
in cui si esercita b potenza del rnelek qu att ro i regni che per disegno divino
29
Jahvé • Un primo barlume della con- si susseg uon o sulla terra, essa acquista
cezione esca tologirn del 'regno', che wtt avia il suo colorito partico lare sol-
tanto doveva poi diffondersi negli scrit- tanto in riferimento all'ultimo di essi ,
ti deuterocanonic i, si può ravvisare in al ' regno dei santi '. Dio può conferire
alcune piccole correzioni apportate ai la malkut a chi vuol e (Dan . 2,.H; 4 ,22) .
tes ti tradizionali nei libri delle Crona- Al suo popolo egli concederà un regno
che. La mamlaka in cui Da vid, secondo ererno (Dan . 7,27). Si badi che non si
2 Sam. 7,16, doveva essere confermato tratta qui della malkut di Jahvé, bensì
è una r ea ltà sos tanzialmente più laica dei vari regni umani destinati a succe-
della malkut di }1hvé in cui, secondo dersi fino alla malkut dei santi - in cui
I Chr. 17,14, David è destinato a regna- è adombrato il figlio dell 'uomo, ossia
re . Anche secondo z Chr.28,5 Salomone il futuro Messia 31 (Dan . 7 ,16 ss.; cfr.
risiede sul ' trono della malkùt di Jah- Hen. aeth. 84,2; 90,30; 92,4; 103,1;
vé ' . L 'espressione non va intesa in sen- A ss. Afos. 10,1 ss. e passim) 32 .
so escatologico - la malkut di Jahvé
G. VON RAD
non è altro infatti che il regno di Da-
vid 30 - ma è comunque significativa
C. mafkut siimaiim NELLA LETTERATU-
perché denota n el cronista, che viveva
RA RABBINICA 33
in un'epoca in cu i il regno di David era
solo un lontano ricordo, un interesse l. La formula malkut siimajim deve
non propriamente escatologico, ma non la sua origine alla tendenza comune nel
per questo meno attuale per l'avvento tardo giudaismo ad evitare ogni espres-
del regno di Jahvé. sion e verbale nei confronti di Dio e a
La netta distinzione apocalittica, at- sos tituirla con locuzioni astratte. mal-
testata dapprima in Daniele, fra l'eone kut samajim è perciò strettamente affi-
presente e quello futuro comporta una ne a s'kzna. Come quest'ultimo termine
det erminazio ne molto più precisa del sostituisce semplicemente la frase vete-

" Ps. 1 0 :; ,19; L p , 11. 1 :;; J),111. 3·B · Analoga- non rich iede un particolare commen to poiché
mente Ps. 2 2 ,2 q ( m"/1/k!i) . - a differenza dell'A.T. - il termine più im-
-''' Sul ' trono di Jahv é ' ( 1 Chr. 29, 2 3; 2 Chr. porrante di questa famiglia è per i rabbini
9,8) siedono infatti i discendenti di Da·vid. malkr1t. Perciò gli usi più significativi di me·
; i Per l'uso di ma/k1it nd giudaismo rabbinico lek nel tardo giudaismo (in riferimento a Dio
~ 570,26 n. e al Messia) verranno elencati in questa se-
-'' Cfr. Bot.'SSET·GRESSMAN N 2 I4 ss . zione, se già non sono stati trattati nella par-
'-' L 'uso di meleJ: nella lette ratura rabbinica te relat iva all 'A .T.
rotes rarn enta ria .\1i,l.:an ih zoh, ' D io abi- cic' > n el la lette ratu ra r;1bbinica, ecce-
ta .. . ', ' Dio è prese nte ' 3·\ così m aik ut zion fatta per i l<ltgurnim , si trova
se mpre Li formu la maU;ut .'frimaiim,
sizmajim subentra in luogo dcll'antico -
la cu i tradu zione letterale in greco è
testamentar io m iilak jhwh, 'Dio è re' Bao1.À.da 1:WV oùpavt0v (Mt. ), mentre
(v. avanti coli. 166 s.ì ·15 • pe r il senso vi corri sponde precisa-
rnenre 0a.cnÀ.Ei'.et. ·cou ùrnv (Afc , Le. ).
Così i rargurnim sostituiscono spes- Successivamente - gro sso modo verso
so la fra se verbale dell'A.T. con mlkwt ' la lìne del I o l'ini zio del II secolo d.
djj, ' il regno di Dio '; p. es. T g. O. t:x. c. - anche siimajim fu sostituito dal
15,18: m lk wtjh q 'jm, 'il regno di Dio termine vaghissimo ham maq6m, 'il luo-
sta saldo ', in luogo del masoretico jhwh go'(~ ay~oç, I, col. 294s.). Solo in al-
jm lk; Tg. ls. 24,2y ttglj mlkwt' djh w h, cune espressioni e formule fis se - tra
' il regno di Dio si mani·festerà ', men- cui appunto malkut sàmaiim - si con-
tre il T.M. porta mlk jhwh. Analoga- tinuò ad usare .\-amajim come ,designa-
mente Is . 31,4; 40,9; 52,7; Mich. 4,7; zione di Dio 38 •
Zach. 14 ,9 36 • L'espressione verbale del-
!' A.T . è mantenuto invece in Ez . 20 , Questa genesi dell'espressione malkut
33; Ps. 47 ,9 ; 93 , r; 96,rn ; 97;1; 99, 1; _famajim spiega perché essa non indichi
146,IO. mai il ' regno ' inteso come la sfera in
In pieno accordo con la tendenza tar- cui si esercita la potenza Jivina, bensì
dogiudaica ad evitare il nome di jh w h
nel culto (ossia nella lettura sinagogale il fatto che Dio è re, ossia la sua rega-
dei testi sacri) sostituendo con 'adonaj, lità i». malktlt Jamajim è quindi esclusi-
anche i targumim usano l'espressione vamente un dato teologico elaborato
mlkwt' djhwh 37 che veniva letta mlkwt' dal tardo giudaismo e non una tra:>po-
d' dwnj. Nell 'uso comune invece si evi-
tava il nome di Dio pronunciando in sizione nella sfera religiosa <le! concet-
luogo di esso samajim, ' il cielo'. Per- to profano della malkut4'J. Usato in scn-

34
r 77 ( « Konigsregiment, nicht Konigreich »)
Vedi su questo STRACK-BILJ.ERBECK II 314;
che ne dà però una motiva zione soltanto em·
S. Num . I a 5 ,3 (K. G. KuHN S Num. [1933]
pirica: « Un ' regno' orien rale non è uno sta-
12 s. )= 5. Num. 161 verso la fine a 35 ,34.
35
to nel senso nos tro, ossia un'istituzione poli-
Un'altra analog<l locuzione astratta in uso
tica a base nazionale o territoriale, ma pro-
nel periodo tardo - giudaico è il targumico
prio una 'sov ranità' che abbraccia una de-
memra' dii (che è una semplice parafrasi di
terminata a rca », mentre invece tale senso è
'àmar jhwh e nie nt'affatto una 'ipostasi').
fondat o sull 'essen za stessa del concetto. Da
Cfr. STRACK-BILl.EKBECK II 302 ss.
e>cludere la distinzione quantitati va (non tan-
"' Cft. DALMA N, \\/.]. I 79 e 83.
to - quan to i pos ta dal Mu NoLE in RGG' IV
37
Oppure malk tìt djj , d ove jj rappresenta l\1b-
18 17 : « (mafkùt) indica non tanto ii regno
breviazione di jhwb (propriamente j, che per
come ente sp.1zi,1l c e geografico, quanto il fat-
h piccolezza Jdla lettera viene di solito am -
to d ella sovranitù di un re ».
pliato in ii e , per gusto calligrafico, scritto iii 0
' La misposizio nc era avvenuta già molto
oppure j i j ).
I tempo prima e in tutt 'altre circostanze, ossia
38
Elencate in STHA CK BLLLERBFCK I 172 sot to all'ep(X<J della monarchia israelitica (t erminus
A e I 862 ss. a quo: David) e limit.1rnmente a melek ; ~
39
Ci.ò è sottolin c:1w an che dal DALMAN , ix:.]. 56 7,1 2 ss.
;1a_cn),Evc, (K. G. Kuhn)

so assoluto nhdk 1ù nel lin gua gg io rab- cuzio ne malkùt sàmaJlltl e relativamen-
binico dnign;1 st·mpre il ' regno ' mon- te spora dica e anche dal punt o di vi-
(Ltno per eccel lenza , o ssia l'impero di sta teo logico è ben lun gi dall ' a vere
Horn a 4 1, non tan to come istituzione q uell ' impo rtanza che assume in vece nel-
qu anto come la sovra nità romana vista la predicazione di Gesi.1. ll sign ificato
42
da chi è ad essa soggetto . A questa te ol og ico d ella formula ' regno dci cie-
malktlt p rofana viene poi contrapposto li ' si esaur isce sos tanzialmente in d ue
il concetto affatto e terogeneo della mal- espression i consacrate dall 'uso. La pri-
l:ut samajim, ma solta nto in epoca tar- ma è q jbl ' wl mlkwt fo1jm, prend ere
45
rliva ossi a qu an do esso si era già da su cli sé il giogo del rl' [!,tz O di Dio ,
43
gran tempo fi ssa to . Tuttavia il signi- ossia - secondo la d efiniz ione del con-
ficato proprio e originario di malkut ce tto dau sopra - 'riconoscere Dio co-
o'ilmajim (che è, come abbiamo visto, me re e signore ', ' con fessa re l'unico
J corrispondente astratto della formu- Dio come re ' (e rigettare quindi tutti
la 'Dio è re ' ) non si è mai oscurato gli altri dèi) . Si tratta, insomma , di una
nell a m ente dei rabbini; lo dimostra il profess ione di fede monot eistica, an a-
fatt o che gli scritti rabbinici definisco- loga a quella che ogni giudeo o sservan-
no malk'ìJi6t, ossia 'versi della malkut', te formulava più volte al giorno n ella
dell a regalità, quei passi biblici in cui preghiera d ello ' Shema' ' (D eut. 6+
Di o è presentato come ' re ' 44
• « Ascolta, Israele, il Signore, nostro
Dio, è uno solo » ). Perciò qjbl 'wl ml-
2. Non è qui il caso di ricostruire
kwt smjm spesso significa semplicemen-
nei particolari tutta la storia semanti- 46
te ' recitare lo Shema' ' •
ca d ell'e spressione malkut Jàmajim, in
quanto il materiale relativo ad essa è Come risulta da queste formule, la
già stato varie volte integralmente rac- malkut siimajim è qualcosa per cui o
colto . In questa sede dobbiamo piutto- contro di cui l'uomo deve d ecidersi con
sto fissare nelle sue linee essenziali la un atto di libera scelta . L'uomo infat-
portata teologica d el concetto. ti ha pm sempre la possibilità di riget-
Premettiamo anzitutto che nel com- tare la regalità e la sovranità di Dio (di
plesso della letteratura rabbinica la lo- « respingere da sé il giogo del regno di

"'' Molte testimonianze a questo p ropos ito s1 5r a (e paraUcli) ; b . Ber. 58 a (STRACK - B1 L-


leggo no in STRACK-BILLERBECK I 183. LERBECK I 175 s. sotto h) .
'' In questo caso è perciò valida la distinzio- " Così p. es. R.H. 4,5; S. Nu m. 77 a ro,10;
ne q uantitativa a cui si accennava alla n. 39. vedi inoltre MoORE II 210,373.
43
Soltanto in tre passi che, a giudicare dagli ' ' Testimonianze in STRACK-BILL ERBECK I 173
a utori menzionati , non possono essere anterio- ss. passim.
ri al sec. III d . C. la mlkwt smim è contrap- " Vedi i passi in STRA CK-BJL LERBECK I r77s.
posta alla mlku.:t h'rs: Gen. r. 9 (7 b); Pesikt. sotto n .
;fo:cnÀn)ç (K. G. Kulrn )

Dio»; e ciò significa che il regno di alcun modo condizionato dall 'apparte-
Dio n o n è a n c o r a p a I e s e nel nenza al ' popolo eletto '. ln tal modo
mondo, poiché in caso contrario esso la teologia rabbinica porta alla sua lo-
non potrebbe non essere riconosciuto gica conclu!jione un a lin ea cli pensiero
- spontaneamente o forzatament e - da presente in nuce già nei profeti . Ciò
tutti gli uomini. D 'altra parte una ve- non significa tuttavia che la teologia
ra decisione (tale cioè da vincolare tut- rabbinica abbia superato l'altro filone
ti indistintamente gli uomini) si ha sol- della pietà veterotestamentaria, ossia
tanto se la possibilità di decidere è li- l'idea, viva soprattutto nel culto e nel-
mitata nel tempo. Ecco allora la secon- la legge, di una religione legata al san-
da applicazione del concetto di malf.c'? ut gue ebraico e alla circoncisione. Pro-
Jamajim. La facoltà di accettare o re- prio i rabbini, infatti, ribadiscono con-
spingere liberamente il regno di Dio tinuamente la prerogativa religiosa di
avrà termine (qe~ --.,)> "'t'EÀ.oç) infatti co:i Israele, ossia il principio che la posizio-
la manifestazione visibile del regno st es- ne dell'uomo di fronte a Dio è deter-
so. Questa prospettiva escatologica co- minata dalla sua appartenenza o meno
stituisce un motivo sempre ritornante al popolo ebraico 4Y. Non solo, ma l'idea
nelle preghiere del giudaismo47 , mentre stessa della malkut Jam ajim viene at-
i targumim parlano spesso della fine dei tratta , in certa mi sura, nell'ambito del-
tempi (--7 "'t'EÀ.oç) quando si manifeste- 1' esclusivismo religioso tradizionale.
rà il regno di Dio ('jtglj't mlkwt' djh- Spesso infatti nelle preghiere giudaiche
wh) 48 • malkut Jiimajim è quindi nella Dio è invocato come r e d i I s r a e -
teologia del tardo giudaismo un coa- 1e 50 e negli scritti esegetici si legge
cetto prettamente e rigorosamente esca- che i! capostipite di Israele, Abramo,
tologico. eresse un trono a Dio su questa terra 51,
essendo stato _il primo a riconoscerlo
3. Si osservi ora come secondo que- come re e Signore, oppure che Israele
sta concezione tardogiudaica il rappor- - ossia il popolo collettivamente con-
to fra l'uomo e Dio si ponga in termini siderato - avendo Ticonosciuto il vero
di libera scelta individuale e non sia in Dio nel passaggio del mar Rosso e ac-

9
'' Cfr. le due in voca:i:ioni dal trattato So ferim ' Sanh. 10, 1: tut to I srnele p a rt ecip a al mon-
in STRACK-Bil.LERBECK I 179 verso la fine. AJ. do futuro.
tri esempi ibidem passim. '
0
STRACK-BILLERBECK I 175 sotto e. Analogo
" Cfr. i p assi citati sopra (in massima par te è il pensiero di Ps. Sal. 5 ,18 s.; 1/,3, dove è
tradotti in STRACK-BILLERBECK I I 7 9 sotto e, par ticola rmente evident e l'aggancio con la te-
e Le. 19, II (µÉÀÀE' Ti ~cz.cnÀda. -rov i>Eov mati ca cultuale dei salmi regali.
ci.va:cpa.lvECTth:t,); inoltre MoORE II 374, n. 3 ; '
1
S. Deut. 313 a 32,10 ( STRACK-BILLERBECK I
Sib. 3..p s. (cpa.vfrmc ). 1 /.3 so tto e).
159 (1.5 73 ) ~et.7LÀE1'.iç (K. G. Kuhn)

cettato Ja sua Torà sul Sinai - ' prese delle poche , se non l'unica concezione
su <li sé il giogo del regno di Dio ' 52• veramente sald a e limpida dcl ta rdo
La coesistenza parnllela di questi giudaismo.
due filoni di pensiero in tutto il tardo
gi udaismo si spi ega con il valore cano- 4. Da quanto si è detto ri sulta evi-
nico as sunto dall'A .T. , per cui le testi- dente anche la netta distinzione fra la
monianze veterotestamentarie ispirate malkut samajim e l'a"ttesa di un re mes-
all 'una o all'altra delle due concezioni sianico. Mentre infatti il 'regno di Dio '
furono considerate alio stesso modo è un concetto prettamente escatologico
' parola di Dio ' e quindi assolutamen- che non è sorto da un'evoluzione stori-
te valide. Ma il fatto veramente singo- ca, l'idea di un re messianico avvenire,
lare è che negli scritti rabbinici non si sorta dall'attesa tutta profana di un so-
trovi neppure l'accenno a una sistema- vrano nazionale che avrebbe riportato
zio ne teologica delle due concezioni, I sraele alla grandezza e allo splendore
corroborate entrambe dall'autorità del- del regno di David , pur proiettandosi
la Scrittura - segno eviden te che i rab- nell 'epoca finale non ha mai assunto
bini non avvertivano come un 'aporia una fisionomia veramente esca tologica .
imbarazzate la disc repanza fra i due (la venuta del Messia secondo il pen-
modi di concepire il rapporto religioso. siero giudaico prece de se mpre l' foxa-
Concludendo possiamo dire che la -rov 53 ) . Ridotta all'essenziale 1a diffe-
nozione della malkut samaiim deriva renza fra i due concetti si può formu -
la sua vitalità e la sua importanza sol- lare in questi termini : l'idea messianica
tanto da quell'o rdine di idee pretta- dcl tardo giudaismo reca un'impronta
mente religioso che è stato esposto so- eminentemente nazionale, ossia vede in
pra, mentre la connessione saltuaria- Dio soprattutto il re di I sraele e iden-
mente istituita fra essa e l'idea del pri- tifica la salvezza escatologica con la ri-
vilegio relig ~osa ebraico è nulla più che ' surrezione del regno di Israele e la sua
un aggancio tradizionale con determi- affermazione su tutti gli altri popoli
nate afferm azioni dell'A.T. La ' mani- ad opera del Messia ; invece nella mal-
festazione della malkut samaiim ', - in- kut siimaiim si esprime il concetto pret-
t es a corne l' foxa-rov che impone ineso- tamente religioso d ell' foxa-rov in tut-
rabilmente ad ogni uomo la scelta fra ta la sua pregnanza (' Dio è tutto in
il ' prendere su di sé ' e il ' rigettare il tutto') incompatibile con la nozione di
giogo del regno di Dio ' - è quindi un a un privilegio nazionale.

52
STRACK-BILLERBECK r 172 son o d e 174: S. SJ Cfr. STRACK-BILLERBECK IV 968 s.
Lev. 18,6 (Shim'on ben Joh:ii ).
J (>1 ( I ,) I ))

/Jllllk1ìt siimajjrn e regno messianico OLÀ.c:i'.o:. 1:GV Ùc:ov (in 6A re della temi
so1H> qu indi concetti affatto eterogenei, vengu1m apnstrofo ti come ùn11ph'a.L 'tijç
e se tal volta si tro va no ;1ssucia ti p er si- m'.no0 [ cio(: di Dio] 0cxcn),Ei'.ac;, men -
g ll ifìcare le due spera111.c che animano tr e in lO, 1 o è de tto della sapienza che
ogni giudeo osservante , quella naziona- ess.1 ha mos t rato ,i] g iu sto il ' reg no di
4
le- e quella schiettamente religiosa ' , Dio ') , l'uso di 0a.cnÀ.da in senso as-
nell a sosunza ve ngono tenuti ben di- soluto in 6 , 20 (d r. ;mchc 10,14) fa pen-
stinti. No n è mai affe rmato , p. es., che sa re piuttosto alla regalità del saggio .
il segno dcl M essia consista nella mal- TI pensiero richiama quello di 4 Mach .
ktit sàmajim o che il Messia stesso con 2 .2 3: D io ha dato all ' uomo una legge
la sua opera dia vita al' regno di Dio'. segue ndo la quale egl i 0a.crLÀ.EVO"EL 0a.-
Una connessimw d el genere con l'idea O"LÀEla.v O"W(ppcwi "t'E xa.~ Òtxalav XClL

messianica r is ulta impossibile già a àyaò-i]v xa.~ àv8pElav, dove la 0a.o-L-


pnon, se si considera l'esatto signifì- À.da. è icl entifìrnta con le quattro \'irtti
c ito della formula malkut Scimaiim. cardinali.
Questa eu uaaz 1one popolare-fìloso-
K. G. KmIN
fìca de l concerto di 0acrtÀEla risulta
chiara e compiuta sopra ttutto in Filo-
D. 0wnÀ.n'.a ( "t'OV ìJEOV ) NEL GIUDAISMO
ne. Il signifì cato prevalente di 0acrLÀEi'.a.
ELLENI STICO
negli seri tti filoni ani è quello di regno,
La Bibbia dei LXX nei pochi passi in regalità, e poi di dominio in senso lato .
cui si fa menzione del ' regno di Dio ' L 'a ttore assume i Tia.pacrY}µa (insegne)
concorda sostanzialmente con l 'origina- •Tic; BacrLÀElac; (Flacc. 38). In questa
le ebraico o (in Daniele) aramaico. Vi accezione la parola è usa ta anche al plu-
so no tuttavia nei LXX alcuni passi spe- rale: accanto a coloro ch e sono rivesti-
cificamente greco - ellenistici che non ti della dignità reg ia stanno i detentori
hanno un corrispondente nell' A. T. del potere mili tare: ot 'tàc; ~a.crLÀ.Elcxç
ebraico. Uno di questi è Sap. 6,20 : xcxl. 'tàc; TJYEp.ovla.ç cX.vmJia~tEVOL, plant.
Èm1'tvµla crocplac; 6.vayn bt~ 0acrL- 67 . Nirnrod aveva Babilonia come
À.Ela.v (l'amore della sapienza solleva àpx-i] •Tic; ~a.oÙEla.ç, gig. 66. Più vol-
al regno), che sinteti zza l'alto valore e te Filone prec isa i I co ncetto di 0a.crL-
l'accessibilità d~lla sapienza. Sebbene À.da o associa ndolo per endiadi ad à.p-
m qu esto s tesso capitolo dcl libro del- XYJ (rnut nom. 1 5; vit. l\iios. I 148; omn.
la Sapienza si trovino accenni alla 0a- proh. lih. n7) o accostandolo a 'itOÀ.L-

" P. es. ali 'ini zio dell a preghiera del Qaddish: s tare il suo 1\k s:;iJ "· Cfr. per qu es ti co ncetti
« Possa egli insLll!Ltrc il suo regno e m;rni fe. sopra tllltl l> :\.!on ru-:. u )71 -37;.
f3ai:n).E0ç (K _L. Schm iJt) (1,) ì 5l 164

-r Ela ( plant. 5 6) o collocandolo al di òi'. xaLa (m ig r. Ahr. 196) . L 'attribuzione


sopra della òxÀoxpcxi:i'.a (j ug_ 10) o as- del nome agli animali ad opera del pri-
segnando alla Ba(nÀEi'.a terrestre due mo uomo è giudicata crocplcx.ç xaì. Bcx.cn-
compi ti: T:OLµEVLXTJ µEÀÉ 't'f} xa_ Ì, 'itp O.. ),daç -rò Epyov, opera d i saggezza ed
yv1J.vaut'.a_ ( vit_ J\1os. I 60 )_ Ma al di là esercizio di un potere (op. mund. 148).
di queste definizioni la 0aaLÀ.ELet. è co- L'essenza della f3a(J'LÀdex, è la pura so-
stantemente associata, an zi idenrifìcata vranità quale si manifesta soprattutto
con l'apx1}. La f3aaLÀ.Et'.a Ji Mosé, in nel saggio, che è il vero re (sacr. A.C.
tesa come la sua funz ione di capo , è 4 9 ). In riferimento al saggio re Abra-
messa in parallelo con la sua vorJ.oòrn-i'.a , mo la à.pETi] è definita come 6-.pxl] e
npocprrcda e Ù.PXLEplJ)O"VVIJ (praem.poen 0aaùda (som. II 244). Negli stessi
5 3 ), con la sua voµolknxTi E~Lç, lEp<iJ- termini Filone si esprime a proposito
GVVIJ e Ttpow·rrtda (vit_Mo .L II r87 ). dcl vovç. Coloro che esercitano il vovç
Lo stesso concetto è adombrato in uno ne f anno •YJV ' l}yEµovt.av
( , xG.L' flf-'O'..Cl"L-
sguardo retrospettivo sul primo libro ÀEi.av -cwv <iv17pwndwv 'hpo:yµci:twv
della vita cli Mosè, dove si afferma, (spec. leg . I 3 _34). Al polo opposto sta
a mo' di conclusione, che esso è stato s
't Ò r10Éwç ljv' illusoriamente scambia-
tutto dedicato alla f3acnÀEi'.a di Mos ~ to per fiyEµovi'.a e f3acnÀda (ebr.216).
(vit . Mos_ I 333s .; cfr. II 66). La diffe- Alcuni dei passi citati alludono in-
renza sostanziale e di va lore fra la 0mn- dubbiamente al regno di Dio, ma non
ÀEla. ( = regno umano) e l'à.pXLEPvJO"VVIJ tutti si possono interpretare in questo
( =sommo sacerdozio) consiste nel loro senso. La specificazione -cov 11Eoù ricor- .
oggetto; la prima, in quanto ÈmµEÀ.ELa re una sola volta con valore attributivo,
à.vi)pw7twv, è inferiore e subordinata in un confronto tra la sovranità terre-
alla seconda, che è 11rnv l}Epam:i'.a_ (le g. na e la 0a(J'LÀ.da 'tOÙ ih:ov (spec. leg.IV
Gai 278; dr. virt_ 54). La lEpWO'VVIJ è 164 ) e una volta in senso predicativo:
degna di un EÙO"Ef3l)ç à.v-ijp e va nnte- Ti 0ao'LÀ.da -clvoç; éip' oùxì. µ6vou 1Jrnv;
postn alla libertà, anzi alla stessa 0acn- (mut. nom. 135). Anche quando defini-
),Ela (spec. leg. I 57). In una defini- sce la costruzione della torre di Babel.-
zione de lla f3aaLÀEla, di cui si dice che com e xa1JalpEO"Lç 'tljç atwvlou f3acrLÀEl-
ne vanno osservati i 06y11a'ta e i v6µ oL, a.ç (som_ TI 285) Filone pensa proba-
si legge : f3aaLÀElav ... crocpi'.av dva.L À.É- hilmente al regno di Dio , ossia all' &vav-
YO!tEv, ÉTCd xaì. 'tOV (J'ocpov 0acnÀ.Éa. -.ayc:.Mo--roç (invincibile) xaì. 6:vacpcd-·
(migr. Abr. 197). Analoga è l'espressio- pE-roç (indistruttibile) f3aot.ÀEla ( spec.
ne +i 'tOV (J'O<pOV 0cwLÀEla (Abr. 26 r ; leg . I 207 ). Abramo in quanto vero re ,
cfr. som . II 243 s.). Perciò Saul deve ossia re della sapienza, viene da Dio .
imparare da Samuele -rei ·djç ~a_cn ),t:i'.o:c; perché Dio 'tTJV -ccv uo<pov 0w:nÀtlav
opÉyu. (1ihr . 261 ) . Mosè si r:ippresenta interpreta conferendole un nuovo signi-
un cs~, e i-c che è superiore al rapporto ficato come è avvenu to in alcuni passi
di c1usalit à dci fenomeni e guida il dci LXX citati sopra . Accenni a una vi -
mondo X Pt0[LEVOV O:V'tEt;OtJUL([-1 ?<.a:L CXV- sione etica e umanistica del ' regno di
"t'OX (.ìrl TOp l 0wnÀ.Elq. ( rcr. div hcr. 3or ). Dio' non mancano in verità nel tardo
Ad una 0o:cnÀ.Elo: avvenire Filone ac- giudaismo; ma nonostante qualche in-
cc-nna solo in una citazione di Num.24 , dubbia venatura sincrgctica l'idea del
7 (predizione messianica di Balaam) fat- ' regno ' come libera affermazione della
ta secondo il testo dei LXX: 1Ì -rovÒE sovranità divina è rimasta salda nei
57
BwnÀElcx xcdY i]xacrTriv i]p.tpa.v TCpòc; rabbini e nell 'apocalittica • Filone in-
v~cç à.pu'i}crE'tClt, ( vit. Jvios. I 2 90 ), do- vece ha completamente trasformato l'o-
ve il regno è concepito, al solito, in ngmario concetto della ~rx!:nÀ.Ela an-
senso etico. che se, a differcnz,1 di Giuseppe, come
Questa rassegna panoramica dell'uso esegeta non si perita di usare l'espres-
filoniano di 0wnÀEla 55
basta ad assicu- sione ~o:crLÀEla -i:ou VEou 58 ,
rarci che il ' regno ' non costituisce per Giuseppe non adopera mai l'espres-
Filone un dato escatologico, bcmì •J'l sione ~o:crLÀdcx -roli ìYEov e solo una
56
capitolo della filosofia morale • Vero volta, in ant. 6,60, mette in rapporto
re è il saggio - dice Filone associando- la 0cxcrLÀElo: con Dio. Mentre il giudai-
si alla laudatio sapicntis cosi comune smo palestinese, da cui Giuseppe pro-
nella filosofia antica. Appunto perché viene, parla di malkut H1majim in rife.
vero Bo:aÙE\)ç (~coli. r 36 s.) il sag- rimento al presente e in senso escato-
gio si stacca dai comuni re della terra, logico, Giuseppe usa invece Ja parola
collocandosi in una sfera sovrumana . i1rnxpo:-rla per designare lo status con-
Non diversa (ossia greca e filosofica) è temporaneo della società giudaica (ap.
1' impronta dell'espressione BacnÀ.Elo: 2, r 6 5) e alle parole ~a.rn).Euç e 0a.(n-
-rov crocpov, che però è derivata formal- ÀEla sostituisce i]yqtl;N e 'Ì]yEµovla,
mente dalla Bibbia greca, che Filone attribuendo all'imperatore romano non

55
Cfr. gJ; indici di. H. LETS EGANG. Anziché
V 142,1 va letto: V 14 ,21. Nel passo V 230 , MANN, Phzlons griechische lii/{! jiidirche Bil-
8 -rt0v 0cxcr1À.ELùN non deril'a da Ti ~cxO' t.f.<tO: , d1111 g (1932).
ma da c Ò: 0a.oD.rnx. _, Bene fa G. GLOE<;E, l~<:ic/1 Cottcs und
" È signilic itiv< ; d1c f:. BRÉllIER , Les Idées Kirche im Neuen Tcstamc11 t ( ì929) 19 ss. ,
philosophiques et rd1 .~ieu st:.1 de Philon d'A- che non prende in consi<lernzione Filune nel-
lexandrìe ( 1908) , riporti nell'indice tutta una la parte dedicata al tardo giudaismo.
serie di passi riguardanti la ' vertu ' e nessu- " Cfr. A. ScmATTER , Die Thcolugie des Ju-
no concernente il ' royaume (de Dieu) '. Una dcnlums nach dem Bericht dcs Josepbus (1932)
impressione analuga si ricava da I. HEINE- -t<) Il . .I.
r1a. o ~À.EÙ<; (K. L. Scl11nid1 I

la 0c:x.1nÀ.slcx, ma I' ·hyq.1.ovla 59 • Ciò si Antipa , sc h hc1 1e qu es ti non sia mai sra-
spiega co n la ripugnanza solita di Giu- Lo re in se nso ~ trctto (Mt. 14 ,9; Mc . 6,
seppe a parlare delle aspettative esca- 14.22.25. 26 . 27), a Erode Agrippa I
tologiche e messianiche del suo popolo. (A ct.12 ,r.20), a Erode Agrippa II (Act.
che si riassumevano nel concetto di 0a- 25 ,r3 .14.24 . 26; 26,2.7.r3.r9.26.27.
cnÀ.dc:x., e col fatto che egli, vivendo e 30); inoltre al re clegl i Nahatei, Areta
scrivendo a Roma , aderi va all' elleni- (2 Cor. I r ,v ). Seco ndo l'uso oricntale61
smo e si staccava completamente dal- è chiamato re ;mche l'imperatore roma-
le sue fonti 60 . no (1 Tim. 2,2; 2 Petr. 2,1 3. r7; Apoc.
r7 ,9 s., cfr. r Clcm. 37 ,3 ). Tutti ques ti
E. LA FAMIGLIA DI 0wnÀEvç NEL N.T. sono re della terra, dei popoli ( -cflç
yijç: Mt. 17,25 ; A ct. 4 ,26; Apoc. 1,5;
6,r5 ; r7 , 2.r8 ; 18,9; r9 , r9; 21,24;
L 'appella tivo di 0acn),Evç, re, è rife- -cwv tlJvwv: /,c. 22,25; -cflç oLxoup.zvT)ç
rito nel N.T. alla divinità, a uomini e a oÀ.nç: Apoc. i6,q). La definizione' re
esseri intermedi. Dal punto di vista teo- della terra' - e l'apprezza mento che vi
logico importante è soprattutto l'attri- è implicito - derivano da passi come
buzione - stre ttamente collegata all'u- Ps. 2 ,2; tjJ 88 ,2 8 , ecc.
so veterotestamentario e giudaico - del Le prerogative divine che lo stile cu-
titolo di re a Dio e al Cristo e la corri- riale d 'oriente at tribuiva ai re della ter-
spettiva tendenza a svalutare la regali- ra vengono r igorosamente riservate -
tà degli uomini. proprio come nell'A.T. - a Jahvé o al
I. a) Comune a tutto il N.T. è l'idea re messianico . Questo atteggiamento
di una contrapposizione, o comunque assume un particolare contenuto pol e-
subordinazione, dei sovrani terreni, col- mi co nell'Apocalisse, dove la d efinizio-
lettivamente e individualmente presi, al ne del!' uni co Dio onnipotente come
Re divino e al Re messianico. Come Sc:x.aùsùç 'tWV rnvt<lv (Apoc. I 5 ,3) e del
nell ' uso extrabiblico il titolo di re è re messianico come Ba.o-L),sùç Ba.(nÀ.É-
attribuito nel N.T. al faraone (Act. 7, lJV XC:X.L xvpwç XUpLCJJV (Apo c. 19, r6;
ro ), al quale succede poi un altro re cfr. r 7, r4) sono evidentemente dirette
(Act 7,18; Hebr . rr ,23.27), a Erode il contro gli appellati vi usuali degli impe-
Grande (Mt . 2.I.3.9; Le. 1,5), a Erode rat ori ronrnni e dei loro modelli orien-

59
Così A. SctlLATTER, Wie sprach Jose ph m ad ngni utili uazio ne autonoma dd tes to gre·
11011 G'ott? (1910) II S. co n ebraico d e ll a Bibbia c d ha ;.!! tinto il suo
00
Cfr. G. HòLSCHEK nell'articolo Jost' phm in mate r iale, nell e linee fomLuncntali e in quas i
PAULY-\X'. I X 1955: «Per la s ua narrazion e tutti i p;irticola ri, da fonti lette rari e».
<lclJe \'icendc bihlichc Giuseppe h a rinun ziat o ''' Cfr . f)E! SSl'v1ANN. LO.'; 10 s.
tal i ,;1 1"" . NclL: nuo v,1 /.', c rnrd-1i,1 dci valo - come~ 'Af3a.òo r.0v , J' 'an gelo (Icll'abis-
ri in staurata dall 'opLT;t s;tlvifìca di Dio i ,;o ', il principe degli spiriti infernali
re della terra con l.llf Ll la lo ro poten za ! A poc. 9,11 ).
so no inferiori <li ' fi g li dc l regno ', ch e e) Un signifi cato tutto p anicolate ha
si servono frat ernam ente l'un J'altro, nel N.T. la reg alità di David e M elchi-
svincolati da og ni potestà terrena e sedcc. li primo infatti è con sid erato un
umana UVJt. i 7 ,25; Le. 22 , 25 ). All 'av- re eletto da Dio in quanto progenitore
vi cinarsi dcl r eg no di Dio i cristiani, a di (;cs l'1 62 ( Mt. i6; A ct. 13, 22 ) 6', men-
causa di G es ù , ven gono condotti din- tre Mclchi sedec, il re di Salem, della
nanzi agli 1nqto'JEç xa.L 0acn),E~ç per pace e della giustizia, secondo l'inter-
essere giudicati (/Wt. rn,r8; Jvic. 13,9; pretazione allegorica della scrittura è
Le. 21 , 1 2 ) . 'Ev -ro~ç oì'.xw; -rwv Bet.o'LÀ.t- figura del Cristo (H ebr. 7,r .2) .
(,J\I ( var.: BmnÀ.ci'.1,Jv ) stanno i raffinati 2 . a) Dopo quanto si è dett o la rega-
dai molli abiti , m a non può stare un lità di Ge sl'1 Cri sto è per il N.T. un da-
profeta com e Giovanni Battista (lvi t . to ovvio e naturale. Nella sua qualità
r r ,8). Ai re de lla terra com e agli stessi cli M essia G esù è anzitutto f;mnÀEÙç
profe ti riman e na scos ro ciò che è stato -rr7iv 'Icv&cxlwv (Mt. 2,2; 27,1 r .29.37;
invece rivelato ai fi gli del r egno. (Le. Mc. 15 .2.9.r 2. I 8.26; Le. 23 ,3 .37 s.; Io .
io,24). Come ai Giudei e ai pagani, co- r8 ,33.37.39; 19,3.r4s.; 19,21), defini-
sì anche ai re (h cui occupazione è la zione che si trova usata con dive rsi si-
guerra, Le. 14,3 r) dev 'essere annunzia- gnifi cati e int enti. Mentre un con tem-
to il regno di Dio (Act. 9,1 5 ; cfr. ro, poraneo neutrale come Pilato si limita
r 1 ). Alla fine dei tempi i re dell'orie11te a ripeterla come un capo d'accusa pre-
(-7 ci.vet.-roÀ:r]) saranno dapprima lo stru- sentato dai Giudei, per i farisei e i sad-
mento della punizione divina e poi ver- ducei, uniti nell'ostinata avversione a
ranno annientati (Apoc. 16,12; cfr. r6, G es ù , essa costituisce la pretesa blasfe-
i4; 17,2.9.12.18; 18,3 .9; r9 , r8s.); ma ma di un falso messia 63 bis . La massa flut-
non è esclusa la possibilità che alcuni tuante, alla quale appartengono anche
di essi si sottomettano umilm ente al i discepoli accolti da Gesù alla sua se-
'regno' (Apoc . 21 ,24) . quela , che avverte ma non comprende
b) Sullo stesso piano dei re terreni la messianicità di Gesti, vorrebbe fare
è collocato anche un essere intermedio cli lui un 're dei Giudei' temporale e po-

" b i , I hidcm. ''' Ques ta pr c rog:11 iv<1 di DwiJ sos tan zialmen-
" Questo indipl' nlknt cmentc dal mndo in cui te non è inlìrm ;lla dalla diflìcil e pericope Ji
è sorta e s i (· niante nuta la mnn:1r.-!1i ;1 in M c. r 2 , ~ 5 - 3 7·
0
Israel e ( dr. ilr-t . 1 ).2 1 : gli Isra eliti d1iL" ~ no ' bi s Secondo i Ci11tki infatti Ges ù è un uo-
a Dio un re «d ebbe ro Saul). mo che si fo re , l o. t <J . 12 .
0o: ~nì.E •)::; (K L. Schmidt)

litico, fra intendendo il vero senso delì a oltre che nei va 11 gd1 non si trovi negli
sua regalità (Io . 6,15). In breve : la re- altri scr itti 11l'\Heslamcntari come gli
galità <li GesL1 si r iallaccia al problema Atti degli Apostoli (espress ion e dcl pit'1
messianico, oss ia all 'essenza stessa de l- ant ico kc ry gma) e le lettere paoline, è
la messianicità di Gesù. Per esprimere certo sorprendente, ma non autori zza
adeguatamente il carattere messianico a pensare che essa fo sse sconosci uta o
d ella regal ità di Cristo n ella formula non fosse in uso presso la cristianità
' re dei gi udei ' il genitivo doveva es- dell e origini, all a quale appartengono
sere sostituito da ( -roù) ~ 'Icrpcx.11À, che, anche gli evangelisti. Un sicuro indizio
sebbene rarament e (Mt. 27,42; Mc. 1 5, che il concetto della regalità di Gesù
32 ; Io . I,49; 12, 13 ), pure è attestato. non doveva essere estraneo al kerygma
La definizione di 're d'Israele' doveva apostolico si trova infatti in Act . 17 ,7,
essere normale per il giudeo che cono- dove si legge che i g iudei di Tessalo-
sceva le pro messe fatte al suo popolo. nica accusarono i crist iani di alto tradi-
Alla figlia di Sion, ossia al vero Israele, m ento perché rico noscevano un altro
è rivolta infatti la promessa di Zach. 9, re, ossia Gesù. La riluttanza a presen-
9: «ecco il tuo re viene a te» (Mt.21, tare Gesù come re è co munque sinto-
5; lo. r2 ,15). Questo re messianico al- mo di una d iffu sa incertezza derivante
la fine dei tempi giudicherà tutti gli dall'arduo proble ma de lla messianicità
uomini per incarico di Dio (Mt. 2 5 ,34 . di Gesù e dimostra che il miste ro mes-
40 ). Gesù che entra in G e ru salemme sianico, di cui la cristianità primitiva non
è ra ppresentato, con una reminiscenza aveva una chi ara coscienza, è una com-
di ~ r 17 ,26, come il re benedetto che ponente vitale del Cristo storico, ossia
viene nel nome del Signore (Le. 19, che Gesù stesso in qu anto re dei Giu-
38 ). Solo in questo senso Gesù è il re dei e d'Israele si considerava il Messia
messianico ( XPLO'-ròc; ~cx.crLÀEuç) che si del suo popolo. Nei riguardi della re-
contrappone all'imperatore romano , ma galità mess ianica di G esù il quart o evan-
non nei termini di una competizione gelista concorda pi enamente con gli al-
politica, come fraintendono giudei e tri ; solo che a differenza dei sinottici
64
pagani (Le. 23 ,2) • Il fatto che la de- amplia la risposta a Pilato in una de-
finizione ' re dei giudei ' o ' d 'Israele ' fìnizione cristologica de lla 0cx.cnÀEla di

'' Di qucsw· particolare aspetlO del mistero Sull'opera d i E isler in complesso ved i le re-
messian ico discorre ampiamente la vas ta ope- cens ioni di H. W 1NDI SCH: G nomon 7 I 193 r )
ra di R. Ersl.ER, 'I11croùç ~ctcr•Àf:>)ç où ~a.cr•­ 289-307, H. L EWY: DLZ 5r (r950) 48 1-494,
),Eva-aç I ( 1929) , II (1930) e soprattutto H W. WINnFUHR: Philol Wochenschr. 5) ( 1913)
374 e 688, con le sue tesi apparentemente 9 ss ., co ncord i nel resp inge re il metodo del-
acute ma spesso oscure e poco attendibili. l'Eisle r come non scientifico.
Gesti (lo. iii,37). L ' A!)( 11.·ai1 :;sc attri- P~idrc '~ il re cferno, com e viene e~ pll­
buisce i11vccc alla regaJi tl d i Ges ù un ci tam c11 tc ddinito in I Tim. i.1 7: Prx·
sig nifìctto cosmologico, quando affer- O"LÀc.Ùç ·n;,v aLwvwv (cfr. 'fo h.13,6 .1 0).
ma che all a fine <lei temp i il Re me s- Un 'espressione analoga W>a'YLÀE.Jç 1..ti ·
sianico avrà in suo potere tut to il mon - yac;) di sapore veterotestamen ta rio ..;i
do . .l'vla non è diverso, in fondo , il mo- trov a signifìcativamentc solo nel primo
tivo ispira tore della cos idde t ta A poca- evangelista (Mt. 5 ,35 ), che oltre ad es-
li sse sinotti ca, né di verso è il pensiero se re il più legato all'A.T . ri porta anche
di Paolo quando scrive ( r Cor. I 5 ,24) il m aggior numero di parabole dcl re-
che Cristo alla fine dei tempi ' resti- gno, nelle quali Dio è sovente presen··
tuirà il regno al Padre ', quando in r tato come un re nello svolg imento del-
T im . 6, r 5 presenta Gesù, con lo stile le sue varie fun zion i (cfr . Mt. 14 ,9; 18 ,
trionfale del!' Apocalisse, come (3acn- 23 ; 22 , 2. 7 . I 1.13 ).
ÀEÙç "CWV BaaLÀEVOV'tWV xocì. xvp~oç
L'uso di epiteti in riferimento a Di o
-rwv xvpLEv6v•wv .
molto più che n el N.T. si presenta ric-
co e vario negli scritti giudaici delL1
Presso i padri apostolici in did. 14 ,3 diaspora largan:Ì enre aperti agli influ ssi
Cristo è presentato, con una rem ini- fìlosofici, nonché nei padri apostolici
scenz a di Mal. r,14 , come un (3acnÀEÙç conforme alla loro ispirazion e religiosa
1.1Éyaç; il quale alla fine dei tempi sarà e al loro indirizzo teologico. I Clem.6r,
preceduto da un nemico apocalittico, 2 ripete da r Tim. l,17 (che è già mol-
d efini to BixaLÀEÙç 1nxp6ç (Barn. 4 , 4; to vicino al periodo post -apostolico l
cfr. Dan. 7 ,24). L'appellativo è inteso la· defi nizione di Dio come (3aaLÀEÙç
a suggellare la sublime dignità dcl Ver- 't<::Jv a.l.wvwv e vi associa quella di OE-
b o, che il Padre wç (3aaLÀ.Evç TIɵnwv O-TIO'tl)<; Ènoupci.vLoç. P er H erm. vis. 3 ,
vtòv (3aaLÀÉcx E1tEµ4iEv, (Dio gn. 7,4). 9 ,8 Dio è ò (3a.aLÀEÙç ò p.Éya.ç; dr. ~
L'appellativo di BacnÀEuç viene inte- 47,3; Tob . 13,15. L'appellativo di ~a.­
grato in mart. Po!_ 9,3 e 17,3 con ar;;- aLÀEuç è riferito a Dio anche in Diogn.
aa.ç e 81.86.axaÀoç, che richi,1mano l'o- 7.4 -
pera salvifica del Cristo e il suo valore
paradigmatico. e) Secondo alcune lezioni non molto
sicure di Apoc. l ,6; 5, 10 sa rebbero d efi-
b) Se alla fine dei tempi il regno ver- niti r~a.O-LÀE~ç anche i cristiani, ai quali
rà 'restituito ' al Padre d al suo Cristo, d 'alt ronde certamente sono riferiti i ver-
è evi dente che anche per P.wlu Dio bi ~Ba.cYLÀEuw e ~crv11 (3cx.cnÀEvw' 6-l b i -.

64
bi s Q ucsi 'uso metaforico di ~aoù.E 0ç per 10 ,2 , dove Erode Attico è definito 6 f}wn-
indicare colui che emerge sugli alt.ri trova un À.EÙç ":WV ì.6ywv [ Kl cinkncchtl
riscontro formal e in P hilostr., vit. soph. II
1o.'.7·.ì.c:.Js I K. J.. Schmidt)

O sserv iam o in gcn cr,i!c che f,a.o-L- gn i t ;'t. BacnJ..Ela. al con tra rio riunisce
/,d a.."1, che di solito noi traduc iamo con chi a r,1rne11tl.'. i du e signifi cu i, come il
' reg no ' , in dici anzitutto ia condl:.àont: nostro' regno '. l n Apoc. J 7 .12 e 17 ,17
,/, re. la re,ga!ità. A un re si a trri h ui sce le du e accez ioni sono qu asi immediata-
soprattutto una dignihì e un potere cd mente giustapposte 67 .
è qu c.-; to appunto il s ignificato <lelJa Dall 'anali si dei libri canonici d elJ'A.
paro la nel contesto più antico in c ui T. (negli originali ebrai ci ed aramai ci
si tro va: . .nìv (3wnÀ.·fJLY}V ( ionico p er e nel Li vers io ne dei LXX ~ coli . r 3 8 s.)
Ba..a-LÀEla..v) EXE -r-riv Avowv (Hdt. I r 1 ; delìa letteratura apocrifa (compresi g li
e così pure Xenoph. , rnem. IV 6, r 2: scritti dei R a bbini~ coli. i52 s .) e de-
~wnÀ.Ela..v ... xa.ì. 'vpa.vvloa. à.pxà..ç µ Èv gli altri scri ttori ellenistici (soprat tutto
à.µ. q.>o,Épa.ç ·hyEi:'o dva.L, OLwpÉpELV ÒÈ cli fil one ~coli. 162 s .) si ri cava che
à..À.À. -fi)·.tùV ÈVOJ.HSE - per la diffe re nza il signifìcato preval ente è quello astrat-
fra 0o:o-LÌ,Evç e -rvpa..vvoç cfr. guanto s i to di sovra nità regia. Anche nel N .T.
è d e tt o ~ sopra n . 2 ). Da qu es ta pri- pred omina l 'accezi one p r ima e fonda -
ma accezion e si passa facilm e nt e all a m en tale 1ix .
seconda, ch e è comunissima: la dignità
d el re s i manifes ta n el territorio da lui 1. I.a ~wn}.Ela terrestre.
gove rnato, ne l suo regno 66 . Questo tra -
passo se manti co è particolarmente evi - a) Al ~ f3a.cnÀEvç terrestre corri-
dente in parole come ducato (H erzu?, -
tum), impero (Kaisertum) e nel termine sponde Ja 0a.o-LÀEla. mondana come re-
generico di dominio (Herrschaft) . Il te- gno o reame degli uomini. Le due ac-
desco Konigtum (fr. royauté = regalità) cezioni della parola che abbiamo pun-
invece non ha mai assunto il secondo
tualizza to n ell 'introduzione si confon-
significato ed ha conservato il va lore
o riginario d el suffisso -tum che indica dono , ma in alcuni passi del N.T . si
fondam entalmente un ran go e una di- possono distingu e re con certezza in ba-

" Osse rviamo che, di fronte alle espnsizion i '


6
Ottima la spiegazione della Suida, s. v. : 'tÒ
di IIollste n e G loege, uno studio condono rit,l(JJi..lCX XCXL -rò rnvoç ~M' LÀ.EVOµEVOV .
con metodo lessicografico e con fed eltù ai " Nel greco moderno ~mnÀ.da significa ' re-
tes ti - qual è il prese nte che riprend e e ap· galità ', ' d ominio regio ' e anche 'dura ta dcl
profondi sce l'articolo pubblicato in CREMER - regno ', mentre a ' reame ' corrisponde ~a­
KoGEL - reca un notevole contribu to alla GLÀ.Hov.
problematica biblico-teologica, tanto più che '' Vedi su questo alcu ne affermazioni di stu-
evita di ricorrere - come fa specialmente il diosi inglesi: A. E . .f. RAWLINSON, T he Gospel
G loege - a discutibili categorie m()(krn c rn· c1ccordig lo St. lvlar!? ( r 925) p . r 11 interpreta
me 'dinam ica ', ' extratemporalità ', 'anti sec1l- « (;,)(J's Rul e or Sovcreignt y, thc: Reign of
larisrno '. L 'eseges i deve prescinde re da que· God »; A. D1-:1SSMANN, T be R eligion of Jc-
sta termi nol ogia attuale in sé for se migliore sus und the Faith o/ Paul ( r 923) p. rn8 ss.:
di qu ell a antica , soprattutto per no n rima- « Kingdom or So ve reignty, kingly mie of
nere impigliata nella secolare controversia sul - God »; J. WAR SC ll AUE~. Th c historical Li/e
la trascenden za o immanenza d el Regno, con· o/ Christ ( 1927): « What w e transiate th e
troversia che doveva rimane re ed è rimasta Kingdom of God means thu s rather His king-
sterile. , hip , Ilis reign rather than His realm ».
se al contesto. ()11 ;uhlu ndla parabola re iI signi li caro di r cil!iie Non d iversa
delle mine si di ce di lll1 illustre perso- è l'accezione della paruL1 nciLi prorn ~ s­
naggio che andò in un paese lontano sa dcl tetrarca Erode nlla figl i ~1: [1.0c,
Àrx0Ei:v ÈIXU'tt~ !3rxoùda.v e ritornò Àa- 'fJp.lo-0uc; 't·ijç 0amÀEla.c; f..tou (liii" 6,25)
06nrx TÌ"JV 0a.oùEla.v (Le. r 9, 12 .1 5 ), e in Apoc. 16,ro: ÈyÉVE,.ro Tì Bo:vLÀELct.
si tratta evidentemente in entrambi i cx.Ù'tcv (se. coli tll]plov ) È~rxcnwiiivq.
casi della dignità o investitura reale 69 • La caratteristica continu;1mente ri ba -
La stess;1 espressione si trova in Apoc. dita di questa Ba.o-LÀ-Ela. tc rn:stre è di
r 7, 12: òE.xa f;acnÀEi:c, ... 0mnÀEla.v cv- essere in contras to con la 0rwt).Et'.a. di
70
7tW (f..a.0ov e vi corrisponde subi to Dio o almeno so ttomessa a quelhi , al lo
dopo Apoc. 17,17: òouva.L 't'i}v 0wYL- stesso modo che il x60-1roç ()V! t. 4,8) o
ÀEla.v '<0 lJl]pl~ e Apoc.17,18: Ti n6À.tç la olxoup.Évl] (Le . 4,5) come 0a.vtÀ.da
·h µEyci.À. l] +i (xouo-a. 0r.rnùda.v bd. 'tWV 'tOÙ x6o-µou (Apoc . 11 ,15) è con t ro Di o
0,., : LÀÉc,.iv 'tfjç yf}c; 71 • In altri passi neo- perché si è vo tata a Satana. Un pa rti -
testamentari, in vece, 0w:nÀe:la. significa colare adombramento di ques ta antite-
inequivocabilmente reame . Così in lvit. si è la concezione apocal ittirn dell'im-
4 ,8 = Le. 4 ,5 quando Satana, tentan- pero romano, come potenza di abolica
do Gesù, gli mostra ·mxo-ac, 'tÒ.C, 0ao-L- simboleggia ta dal i711plov che vuol co-
À.da.c, 'tau x6o-µ ou o 'tfjc, olxouµtvric, st ituire la Pa.o-tÀ.Ela e diffondere la lu-
l'uso del plurale e i.I riferimento a qual- ce, mentre invece giace nell a des0la-
cosa di visibile assicurano che il signi- 210ne e nella tenebra ( foxc'twµÉVlJ,
ficato è quello di reame n. Quando Ge- Apoc. 16 ,10).
sù nel di scorso apologe tico contro i Fa-
La pretesa del di avolo di avere una
risei dice : mio-a. Pao-LÀ.ELa. µe:pto-i}Ei:o-a.
(ja.o-tÀ.E la è implicita nel fatto che egli
xa.0 ' Èa.U'tfjç Épl]µOÙ'tct.L ( Jvit. I2, 25,
presenta a Gesù, per tentarlo , le ScwL-
passi paralleli lviç. 3 ,2 4 e Le. II ,r 7) i
À.ELa.L del m ondo e che Gesù stesso
verbi e il parallelismo con la 7toÀ.tç
quando, polemizzando con i Farisei,
e la olxla (o[xoc,) implicano ancora una
parl a di una Bao-tÀEla terrena, si rife-
volta il significato di reame. Così pure
risce in particolare all a Ba.o-tÀ.da pro-
nelle parole del <liscoso escatologico
pri a di Satana .
ÈyEplJTJO"E'tct.L rnv oc, bt' rnvoc, xa.l Ba.o-L-
f..Ela. btl Ba.o-tÀElav (Mt. 24,7 e par.) b) Nel corso di qu esto discorso apo-
basta il riferimento ad rnvoc; a garan ti- logetico si parla esplicitamente della

'' Così per esempio KLOSTERMA NN, Lk. a. l. d e città che è regina d ei de della terra » .
0
' LOHMEYER, Apok. a. l.; « Kéinig tum ». " KLOSTERMANN, l'vft. e Lk., 11. l. interp reta :
" Liberament e tradotto in op. cit.: « la gran· « Rcichc der Welt ».
0cuJÙEvç (K. L. Sdnnid1 ì

0a.cnÀ.Ei'.o: dcl diavolo: ·"wc; oùv r:rca-· sto re annuncia : berrete e mangerete f\I
iJ·ME -rm -h 0a'.7LÀ.Ei'.a w'.rr:oiJ (se. '"t'OV cm- Tfl 0o:.cnL:lq, rwu (Le. 22,30). Al re e
1."avii) intesa tanto come reame che co- Messia che soffre e muore il ladrone
me potere regale (Mt. r 2,26 = l,c. crocifisso con lui chiede: ricordati di me
I I, 18 ). quando entrerai dc; 1:lJV (3a.o-LÀElrxv o·o·J
(altra lezi one: quando verrai Èv -cfl 0a.-
e) Al di fuori di que sta (3a.crùda.
(JLÀ.ELq. o-ou: Le. 23,42). Del suo regno
della terra e dell'uomo e, in ultima ana-
Gesù dice: Ti Bcxo-LÀEla ii Èp.'i} non è
lisi, di Satana sta la (3wnÀdu. degli
di questo mondo (Io. 18,36). L'Apo-
uomini e del popolo eletti da Dio. Le-
stolo di Cristo attesta 't"YJV Èrw:pcivnav
gittimo detentore, anzi addirittura rap-
aù'tou xo:.l 't'YJV (3wnÀ.Ela.v m'.rrou ( 2
presentante di questa (3mnÀEla. è il re
Tim . 4,1). Egli sa che il suo Signore
David: EÙ ÀoyT)[tÉVT) ii ÈpxoµÉvT) (3a.cn-
lo salverà dc; "t"YJV (3u.CIÙELO:.V rxÙ'tOV 't"Ì]V
ÀEla. 'tov Tm... p6ç l]µwv Aa.ulo, Mc. r r,
Ènoupd:.vLOv (2 Tim . 4 ,18). A noi Cri-
10. Soltanto a Israele, come popolo elet-
stiani sarà concessa la grazia di entrare
to dell 'Antico e del Nuovo Testamento
dc; -ri}v cdwvLov 0cwLÀEla.v 'tau xvplov
('IapafjÀ xa-ra TivEuµa) appartiene di
+Jr_1.Gw xa1. ac,..i't"Tjpoc; 'hwov Xpt.1nov ( 2
diritto questa (3aaLÀda. nella quale spe-
Pct I, r r ).
rano i discepoli di Cristo quando chie-
Questa 0a:aLÀELa. di Gesù Cristo è
dono: xupt.E' d Èv 't"Q XPOVC{J 't"OV't!p
anche la f3ao-LÀdo:. di Dio. Parecchi so-
a:ri:oxa.Ìha-raVEL<; 't"YJV (3a.CILÀELtXV 'te{)
no i pass i in cui si parla del regno di
'fopa'i}À; (Act. 1,6).
Dio e di Cristo. L'infedele non ha ere-
dità Èv -rfi 0w:nÀElq. -rov Xpwrov xa.1.
2. La (3aaL),da. di Cristo.
ih:ov (Eph. 5,5). Alla fine dei tempi la
Essendo Gesù Cristo nell 'Antico e (3acnÀEi'.a. -rov xéaµou è diventata 't"Ou
Nuovo Testamento re del vero Israele, xuplov 11p.wv xa1. 't"OV Xpt.tr'tov aÙ'tou
è naturale che si parli anche della Sua (del nostro Signore e del suo Unto:
(3rx<nÀEltx. Il « Figlio dell'uomo » man- Apoc. lr,15) . Cristo e Dio sono ugual-
derà i suoi angeli a cacà1re tutti i mente sovrani del regno e perciò tal-
corruttori e i malvagi Èx -rijç (3a.aLÀda.ç volta ricorre per primo il nome di Cri-
a.Ù 'tov (Aft. I3,4I ). Gesù dice : alcuni sto , talvolta invece quello di Dio. Di
dci presenti non gusteranno la morte consegu enza non si può parlare di un a
prima d'aver veduto il «Figlio dell'uo- f3acnÀEi'.a di Cristo separata da quell a
mo » venire Èv 't"D (3cwt.ÀElq. txÙ'tov di Dio. Gesù stesso afferma : il Padre
(Mt. 16,28) . Del re Gesù Cristo vien mi ha preparato una 0a.at.À.da (Le. 22 ,
detto: 1:fjç (30:.aLÀdaç a.Ù'tou non ci sa- 29) . È Dio che ci ha salvati dç 't"Ì]\I Bo:-·
rà fine (Lc.r,33). Ai suoi discepoli que- O"LÀE LO..\I -rov ui.ov 't''fJt; a:yaTIT]ç CXV't"OU
(Col. r,r,, ). J\JL1 l111c dci tempi Cr i:·.t o, icr mi11olog i:1. T:>0 1lrn •} aveva fu r,;c per
che ha ricc v11to il regno dal Padre, lo il p rim o cva11gdisrn un sign ilicaw in
restituisce a lu i i I Cor . T5 ,24); il reg no qllalchc modo dive rso cbl so! itll "C"l<l 'J

quindi , HppJrticnc ,d Padre . oùpa.vr"0v? U fatto che ne i 111;lt1oscritti


Con qu es ti testi si amo di fronte al- e ne i hrani paralleli d ei Sinottici le du e
1' espres sione (3acn),dtX ('tov) VEOu con- espres sioni si altern in o nel medesÌlll L)
tinuame nte ricorrente nel N .T ., de lla pa sso induce a pensa re c he fossero u sa-
qu ale abbi amo im plicitame nte parlato in te promiscuamente e avessero pe rciò lo
queste ultime pagine , mentre ora trat- stesso signilicato. Non sappi amo se Ge-
teremo di proposito ed esplicitamente sù in aramaico si esprimesse nell 'uno
anche della 0a.cnÀEltX (-coli ) XpL(}'tOÙ. o nell'altro modo. Forse regno de i cie-
li ha una sfumatura particolare , in quan-
3. La 0a.c:nÀ.Ei.a. di Dio. to indica la potenza sovra na che scende
d al cielo ; 3 e si manifesta in questo
a) La ter minolo g ia. Dobbiamo sof- mondo. In tal caso avremmo anzitutto
fermarci su quattro punti: l 'alternanza la co nferma che il regno dei cie li 2011
tra (3tX(}LÀt:i'.a. -roù ih:où e f3mnÀEi.a 'tWV è un regmt in senso es teriore e spazia -
ovpavr°<lv; f3acnÀEla in sen so assoluto; le, ma una regalità , una sovranità che
i predicati e gli attributi di 0tX(}LÀ.Ela; viene dall'alto per volontà di Dio e
i sinonimi. qu indi non può assolutament e identifi-
L 'espressione f3a.(}LÀ.da ·n'<lv oùpa.vwv ca rsi con un dominio ch e si reali zza per
nel N.T ., a prescindere d a u na lezio ne l.111 conco rso di cause naturali e terre-
molto ince rt<I di I o. 3 ,5 , s i trova sol- stri o per opera umana. Se si considera
tanto in lv1t . e, mo lto sig nificativame n- inoltre che nel linguaggio del tardo giu-
te, nel Vangelo secondo gli E brei (fr. daismo il nome di Dio poteva esser so-
x r : regnum coelorum ). Lo stesso van- stituito da quello di Cielo, bisogna con-
gelo di Matteo usa l'espressione Ba.cn- cludere che il significato di (3tX(}LÀEla
ÀEltX -rov ~Eov, u sua le in Marco, Luca -rov ilEou è lo stesso di f3a(}LÀEla -rwv
e altrove, sicuramente tre volte: 12,28 ; ovpavwv. Non diverso, del resto , è il
2 I ,3 I; 2 r >4 3, probabilmente anche una senso dell'espressione StXcnÀda. -roù na.-
quarta volta in 6,33 (dove non tutti i --cp6ç , regno del Padre, che si legge in
manoso·itti hanno -rou ~EOv) e forse una Att. 1343; 26 , 29 ai quali si possono
quinta se in I9 ,2 4 -rwv oùpavD'.iv non aggiungere Mt. 6,ro ( « Padre nostro ...
è la lezione autentica. È naturale èhie- ve nga il tu o r egno ») ; 25 ,34 e Le r2,
clersi perché Matteo u si una dupli ce 32 ( « è piaciuto al P adre vostro di dar<:

13
Il plurale è un scmitismo ; non però in 2 Cor. 12 , 2.
;1 vo i il r egn o » ). :" \ //. 5,) ! . c. 6,20) e di qu elli che
--·

In molti pa ss i del N.T. si parla di s,1!i'rl1 110 pe rscCllz ioni per la gi usti ;;,i a
r~a7LÌ.E •'.r1.. se nz'al t ra determinazione , in i 1l/ / . 5, I O) .
s enso assoluto: Mt.4,23; 9,35; Vi (: poi nel N.T . una ricca gamma d i
13,19; 24,14 (EùayyO.wv ossia À6y oc; s i n o n i m i in forma di endiadi (col
, ·?1c; ~wnÀEla.c;); 8,12; r 3,38 (vlol. 'tijc; xr.(L) o di p redicati che. illuminano i
0aoùElac;) H ebr. 1 r ,33 ( ÒLrì. TIL()'tE- v;iri aspett i de lla grand iosa realtà dcl
'JJç X!X-CTJYWVLO'UV"t'O 0wnÀEt'.m;); 12 ,28 regno. L 'ord in e in cui ne parliamo e in
( ~acnÀElav à.u6.Àrn'tov 1mpa.Àaµ~ti­ cui si trovano nei testi no n ha n essuna
'Jov-rc:c;); I ac. 2 ,5 ( l~À·f)pov6p.ovc; 'ti\c; importanza, p er ché tutti esprimono la
0wnÀEt'.a.c; ) e forse anche Act. 20,25 stessa realtà estremamente complessa,
( x·f)pvuuwv "t'Ì)v ~a.O'LÀ.Ei'.av) 74 • Non c'è eppure semplicissima : Di o manifesta la
bisog no di d imostrare che si tratta sem - sua regalità e chiama gli uomini alla sal-
pre d el regno di Dio, come assicura- vezza. Gli uomini devono cercare il re-
no il contesto e i particolari attributi gno di Dio e la sua OLXCX. LOO'VVT] (Mt.
75
e predicati • 6,33 ). ln qu esta ÒLXCX.LOuVVT], nella dp{)-
P oich é la qu a lifi ca sos tanziale del re- v·ri e nella xaprì. Év 7tVEV[LCX.'tL à:yt'.1o>
gno, non importa se specificata (-rov cons iste il regno di Dio (Rom. 14,r7)
DEov, -r1:0v oùpavGJv) o meno (Ba.uLÀEla e qu este non sono qualità innate o che
in senso assoluto), è data dalla sua di· si possono acqui sire, ma aspetti di quel-
vinità , molto rari sono altri attributi la 7t<XÀLYYEVEO'lcx. di cui si parla in Mt .
diretti. Oltre ad à.uciÀEV'toc; di H eh. r9,28 (cfr. Io. 3,3 ss.), m entre il passo
12 ,28, va ricordato ÈnovpavLoc; di 2 parallelo di Le. 22,30 ha 0et.()LÀElcx..
Tim. 4,r8, a.lwvwc; di 2 Pet. r ,r 1. Nei L'au tore dell'Apocalisse si rivolge ai
ri guardi di altri aspetti del regno di C ri sti@i come fratelli e compagni Èv
Dio attributi del genere non hanno un "t'TI iJ Àll/ia xcx.l PacnÀ.El~ xa.l Ù7toµovfl
valore obbiettivo e teologico , ma piut- Èv 'IT)rrou (Apoc. r,9). P er foi sono
tosto formale, retorico. Molto parco è co mpiute TJ O'v)"t'TjpLet. Xet.Ì. 'Ì'j ÒVVCX.µLç
il N.T. anche di predicati diretti . Di xal TJ 01WLÀELct "t'OV i)Eou 'Ì'jµwv xa.l 'Ì'J
chi è la 0a.cnÀ.Ei'.a. "t'OV ilEov? Di Dio, Èçouula: -rou XpLu-rou mhov (Apoc. 12,

anzitutto, e poi degli uomini, ma solo r o). Di questa òuvcx.µLc; divin a si parla
di quelli che sono poveri (in spirito : anche altrove quando si vuole in qu al-

74
Molti manoscritti aggiungono -rou [xuplou] profano, laico e pseudotcologico. Si pensi al
'I ncrou, oppure -rov i}rnv. socialismo religioso e al « terzo Reich » na·
15
Quest'uso assoluto nel corso dei secoli ha zionalsocialista (connesso con l'idea dell'a n-
finito col dare alla parola regno (Reich) un tico « Sacro Romano Impero » che a sua vol·
timbro religioso o semireligioso, ma in effetti ta si rifà all 'uso assoluto di BiwtÀ.da ).
clic modo definirL: il rq~tHJ di Dio. Lsso prvd1 t«1i:ionc di Gesù e ti,·gl i i\postoli.
viene ÈV OUVaflEL [,\/ .-. <),I); non C011- /;) !':: chiaro che nel] ' :1 n n un ci o
siste Èv ì..6·yr.,; (degli uomini) , ma Èv del re g no di Dio c onsiste
O'JVcifH'.L (di Dio: I Cor. 4,20) 76 • Op- tutto il messaggio di Ge -
pure al regno si attribu i'~e la ò6ça, os- sù e cl e g l i Ap os t o 1 i . L' Evay-
sia la gloria di Dio ( 1 Th. 2,12); anzi yD.Lov non è altro che la « buona no-
(3acnì..Ela e o6E;cx sono interscambiabi- vella » del regno di Dio. In Mc. r ,14
li, come dimostra l'espressione Èv •Ti anziché -'? c:ùayyÉÀ.Lov T ::; v itEov molti
ò61;n O'Ou di M c. 10,37 , che ha come manoscritti leggono EÙayyÉÌ.Lov Ti'jç
parallelo, in Alt 20,21, Èv •n 0wnÀEllf 0a.O'L).Elaç TOv i7rnv. L'espressione ha
O"Ou . Il regno di Cristo, in quanto invia- il suo riscontro in altri passi, come lvft.
to di Dio, coincide con la sua Èmq>civrnx 4,23; 9,35; cfr. anche 24,r4 . Come
(2Ti m _ 4,1). Questa 0aO'LÌ.c:La &.o-6:- Eva.yyÉÀLov, così anche il verbo deno-
ÀE1Yroç per il creJente è xapLç (J-leb. minativo medio EÙayyEÀ.t è;,EcriÌm si dice
i2 ,28); è Èr;a.yyEÀla, come leggono in in riferimento al regno di D io: lI4A 3;
1ac. 2 ,5 i manoscritti S e A al posto 8 ,1; i6,6; Acl. 8,r2. Non diverso è il
di ~a.O'LÀEla; è 1;,0J·/1, n ella quale il fe- significato dei verbi affini com e Xl]pvO'-
dele entra come nel regno di Dio (Ml. O'ELV (Mt 4,23; 9,35: IL 9 ,2; Act . 20,

r8,9; il parallelo Afc. 9, 47 ha 0aO'L- 25; 28,3.r), oLafLap•vpwilaL (A ct. 28,


ÀEla.). Gli Scribi e i Farisei hanno pre- 23), OLayytÀ.ÀELV (Le. 9 ,60), TIEWnv
cluso il regno agli uomini che vi erano (Act. 19,8), ÀaÀE~v (Le 9 ,11) e infine
stati chiamati da Dio (Mt. 23,13). Lo ÀÉyav (Act. 1,3). Oltre che di EÙayyÉ-
stesso concetto nel passo parallelo di ÀLov si parla anche cli --+ [lUO"'t"{jpLov
Le. l l ,5 2 è espresso con xÀ.c:t:ç TYjç oppure µuo--rT]pLa (nel senso di rivela-
yvwo-Et.Jç; quindi il regno di Dio è ad - zion e ) del regno di Dio (Mt.13,rr par.),
dirittura yvt~cnç ( l}Eov ). oppure, in Mt. 13 ,19, del À.6yoç del re-
Tutti questi sinonimi confermano che gno, mentre nei luoghi paralleli cli
la 0ao-LÀEla. di Dio è una realtà emi- Aic. 14,r5 e Le. 8,12 si legge À.6yoç
nentemente soteriologica, per intende- senz'altra specilìcazione, nel senso di
re la quale bisogna approfondire ap- parola di Dio. La buona novella del
punto il senso della soteriologia nella regno si osserva , com 'è rilevato espres-

''· Si fraintenlkrd1be questo P<tsso paolino se: l'affe rm azion e di Paolo rnn qu es ta parafrasi :
vi si leggesse solo la nota antitesi fra 1><1rola il regno di Dio non consiste n e ll"c t H.: q~ia uma-
e azion e . L ' Apo stolo non vuol dire che gli na, ma nella parola di Dio. L'accento è po
uo mini devo no ag ire e non parlare, be nsì che s to unicamente s ul regn o di Dio, che e.un ·
l'azione umana non ha valore di fronte alla p egg1a come soggetto logico e gr:1mrnati cak.
potenza d il'ina. Si può cogliere il sen so del-
f,IX7 '.Ì-.EÙ c; r K . L. Sc hmidt)

samcnte, con l'unione d elle p aro 1e starrn:ntari che .,;crivo no in greco la fon-·
e dei f a t ti . Gesì1 manda i suoi di - te è naturalm ente la traduzione greca
scepoli non soltanto a predicare il r e- della Bibbia . L'espressione p6.0òoc; -.fjç
gno, ma anche a guarire gli ammalati : (3wn).. Elcxç a.t'.rcov (LX X: O"OV) che si
xcd iaO"iJa.L (Le. 9,2; cfr. lvit. 10,7; Mc . legge in l-I ebr. J ,8 nel corso di una lun-
3,13 s.). Egli considera la guarigione ga citazione dell'A.T. deriva dal testo
degli indemoniati come un segno del- dei LXX di ~ 4 . i.,7 77
. Nei LXX si tro-
l'avvento del regno (Mt. 12 ,28 = Le. vano poi, come abbiam visto , alcuni
II ,20 ). Parole e fatti, quindi , neìla passi specificamente elleni stici: a que-
predicazione del regno sono indissolu- st i non può certo risalire la «buona
bilmente connessi . Ciò è esplicitamente n ovella » neotestamentaria, e nemme-
attestato nelle sintesi degli evangeli n o a Filon e e a Giuseppe.
{sulla base del piLt antico kerygma); d) Il regn o di Dio è, per definizione,
dr. Mt. 4,23. la regalità, la sovranità di Dio, e quin-
e) A che cosa si r i c o 11 e g a la di i particolari che lo precisano e Jo d e-
« buona novella » del N.T.? Gesù di scr ivono sono intonati a questa sua ca-
Nazareth non è il primo che abbia par- ratteristica essenziale. C:iò che più di
lato del regno di Dio, e nemmeno il Bat- frequente si dice riguardo al regno è che
tista. Entrambi non dicono: vi annun- esso è vicino, che si approssima, che è
cio che esiste un regno di Dio e che giunto, che viene, che si manifesterà,
esso è così e così; ma affermano ch e che deve venire: fiyyLXEV (Mt . 3,2; 4,
il regno di Dio è vicino; parlano quin- r7 = j\fr.r,15; Mt.10,7; Lc.ro,9.II),
di di qualcosa che era già noto ai loro Éyyvç fo·n v (Le 2 r, 31 ), Èpxoµtvri (Mc.
uditori, ai Giudei contemporanei . Co- lI,IO),Epxna.L (Le. 17,20), Ecpl}m;e:v
noscere ciò a cui tale pred icaz ione si ri- (Aft. 12 ,28 = Le. n,20), µEÀ.À.n Ò.1to-
collega è di importanza fondamentale . cpa.lvEcri)m ( Lr·. 19, r r ), D..iJ6.-rw (Mt.
Il Battista e Gesù si riallacciano - di - 6,10 = Le. lr,2).
vergendone in parte - alle concezioni Nella predicazione di Gesù di Na-
apocalittiche e al rabbinismo , movimen- zareth e dei suoi Apostoli , strettamen-
ti che , pur con differenze tra loro, si te connessa con guelfa del Battista, il
rifacevano al profetismo d ell'A .T. li regno è presentato con definizioni so··
problema è stato ampiamente trattato prattuto negative che ne implicano al-
nei due articoli precedenti sull'1\ .T. e t re posihve n_
sul rabbinismo. P er gli autori n eote- Preso negativarnente il regno di Dio

" L'Autore della lett era agli Ebrei è un teo· scri ve il 'miglior' greco de! N.T.
' Per tutta (1uc sta parte cfr. R . BuLTl\.I/\NN,
7
!ngo che si fonda esclusiv;1mcnte sui LXX e
l l'opposto della realtà ;ttt ualc e terre- sa m mc >) (.Mc . ..i- ,26- 29 ). L un vero mi-
stre , di tutto ciò che è hic et nunc ed racolo quclio per cui il piccolo seme si
e quindi un fatto .1opran11a!urale e mi- tra sform a in spiga ben gua rni ta d avan-
racoloso. Non è perciò il regno ua ti ai nost ri occhi , senz,1 la nostra coo-
summum bunum che si possa conqui- perazione , anzi senza ch e nemmeno pos-
sta re gradualmente con le proprie for- siamo rendercene rngionc. 11 fa tto che
ze . Di front e alle grand i p arole ch e il miracolo non appaia pit1 · t ale all'uo-
com pendiano il Vangelo: ~inrxvoEi>t E· mo moderno non infirma mi n imamente
·f)yyLxEv yà.p -~ ~mnÀEGa. -rwv oùpcx- il t ertium comparationis, che è quello
'Jc7Jv (Mt. 4 ,17) non dobbiamo chieder- che conta . Non diverso è il significato
CI se e come po ssiamo avere il regno de lle parabole del granello di senape
ll1 noi, nei nostri pensieri e nei nostri (Mt. 13 ,3 1 s. par.) c d el li ev ito (lvf t.
se ntim enti, e nemm eno se la disposi - 1 .L B = Le. r ) ,20 s. ). Più recondito,
zi one e l'attegg iamento de1l 'umanità in ma identico , è il se nso di ,dtn.: parabo-
ge nerale possono ' rappresentare ' il re- le , che però racchiudono anche un al-
gno di Dio - poiché il regno giunge a tro signilìcato del quale dovremo par-
noi se nza di noi , senza il nostro con- lare in seg uito : quella dell a zizzania
corso - ma soltanto se apparteniamo o (Mt. 13 ,24-30), del tesoro n el campo
no ad esso. Voler attirare a sé il regno (Mt. 13,44), della perla preziosa (Mt.
di Dio e appropriarselo è stoìtezza uma- r3,.+5 s.), della rete (M t 1.3 .4 /· 50), dcl
na, è presunzione farisaica, è zelotismo servo spietato (Mt . 18,23-35), d egli ope-
raffinato. Soltanto la dura pazienza di- rai della vigna (Mt. 20 , r-r 6), del ban-
spone l'uomo ad accogliere l'opera di- chetto di nozze (Mt. 22 ,2-14), delle
vina del regno - si ricordi che per l'apo- dieci vergini (Mt. 25 ,1-13 ). Tutte que-
stolo Paolo v-i)<j)ELV significa µl) crBEvvv- s te parabol e vogliono spiegare che il
va.L -rò nvEvp.a. (1 Thess. 5,8.r9 ). Le regno ha una logica di ve rsa e superiore
p a r a b o l e d el regno ribadiscono e a quella umana e ch e esso si manifesta
martellano questo principio. Chi non è in modo imprevedibile e inesorabile,
paz ien temente ' aperto ' a Dio rassomi- accompagnato dai segni, oss ia dalle ope-
glia all'uomo che semina e poi , come re del Cristo.
un b ambino impaziente e curioso, non Preso positivamen te il regno di Dio
lasc ia ge rmogliare e crescere tran quilla- è una catastrofe cosmica che si realizza
mente il seme - che cresce « egli non attraverso determin at i avveniment i che

]erns ( 1926) pp. 28-54 ; K . L. SCHMIDT, ]esus n8-120; K. L ScHMJDT, Die Verkiindig ung
Christus, in J\G G' rn. pp. r29 · 1_p ; K. L. des Ncuen Testamen ts in ihrer finheit und
ScllMIDT , Das iiherwt!ltliche R eich Gotte.1 · in Besonderheìt: Th. Hl. io ( 1931) pp. r1 3ss .
) er V e rkiiniliJ!.llll.~ Jcsu, Th. BI. 6 ( 1927 ) pp .
~a '.7 :.ì .r ù ç ( K . I. . ~ d1111id t1

costituiscono anche il dramma escliolo- Lut ero qui traduce erro ncamcn l<.'. Èv i:-b:;
gico delle apocali ssi giudai ch e. C es ù è VJ u0v co n « dc mro d i vo i "·
d 'accordo con quei suoi contemporanei
Ques u fr; 1sc cu>Ì di scussa e hi,;1r;1 <-
che non sogn<lV<ll10 un l\fessia politico , L.11 a cli G t>s Ì1 h :1 se nso solo co me h<1t·
ma aspettavano la venuta de l « Fi glio t u!n f!1Jlem i ca contro i'osse r\' azi one de i
dell'uomo» ( D an . 7,13) sulle nubi dcl ';;·g ni. È cL1 escludere che possa voler
d in· ;·hc il regno di D iL> nel ninm enw
cielo. Pw~i essere ch e, specialmenre la
:n uri se: nt prorn111 ~: ia il n o me e siste
cosiddetta Apoc,disse sinottica ( Alc. r 3 gi;Ì in chi parla (come re:.iltà immane n-
par.) sia stata ak1uanto ampliata dalla te} , rnnto pili che nell'originale aramai -
cristianità primitiva , che si compiace- co non po tev a esse rci una copula com . ::
' è ', 'sarà'. Si rico rdi inoltre ch e Li
va di visioni apocalittiche. È certo in-
tradu zione siriaca ri chiede una retro-
vece che GesL1 ha parlato di mangiare ve rsione dcl greco Èv't6c::. nella corri -
e bere nel regno di Dio (Mc. 14 ,25 spondente p;n·:iLi arama :~,1 , affine allà
par.). Ma l'importante non è ch e egli sir iarn , che s uo n~1: « in men o a voi " ·
Intesa così la fr as e l' conform e all'af-
condivida - e superi - le concezioni fer maz ion e di Gesù circa il tempo del-
dei suoi contemporanei, bensì il fatto la ve nuta del « F iglio de ll ' uomo» (Mt .
che egli è deliberatamente molto più 24,26 s.; cfr . Le. 1 7 ,23 s.). 1 seguaci
di G esù spesso con ce pivano i segni e
parco di quelli. A differen za delle apo-
il regno in modo assai di verso dal Mae-
calissi giudaiche e protocri stiane, Gesù stro. Si ricordino i fi g li di Zebcdeo o
non si sofferma a descrive re le ultime la loro madr e, che chiedono i posti m i-
cose e a scrutarn e i segni. L'irri sione gliori nel regno . e la risposta di Gesù
che qu esta decision e spetta soltanto al
dei Sadducc i che, per metterlo in im- Padre (l\.fr. I0,40 =- Mt. 20,23). In
barazzo, gli pongono un problema ri- vece la predicazion e di Paolo collima
g uardante !a palingenes i apoc<ilittica e perfettam ente con quella del Signore;
la resurrezione dei morti che essi, a
cfr. Rorn . 14.r 7 : il regno di Dio non
con siste nel mangiare , nel bere ecc.
differenza dei fari sei. negavano , non
può toccarlo (M c. 12 ,25 s. ). O gni ten - An che per un altro aspetto Gesù s;
tativo di indagare i segni premo nitori distacca dai suoi contemporanei. Que-
è vano; questo è chiaramente afierma- sti, infatti. anche quando non proi et-
to nella pericope propria di Luca ( I ì , tano nel fururo i loro 5ogni di rinasci-
20 s.): « li regno di Dio non viene in ta politica e nazional e del giudaismo ,
modo che poss a essere osservato - Lu- ma prospettano nel per ;odo final e .la sal -
tero, traducendo liberamente ma appro- v<:zza di tutta I ' umanit~ , non abbando-
priatamente où flE'tà. ·itapa'tTJPYJO"EWS, nano mai l'idea della posizione privi -
rende « non con gesti esteriori » - e leg iata dcl po po lo giuda ico: Israele
non si può dire: è qua o là, perché , ec- deve ritornare all 'antico splendore ; gli
co , il regno di Dio è in mezzo a voi » - Ebr ei dispersi rifluiranno nella nuO\'<l
( ;c:rusalernme, e ms1c mc ad essi I pa- pensi ero greco, che~ an c.1) i"ii fondamen -
g ~mì. An che Gesù condivide questa spe- talment e il nostrn pensiero e che vede
ranza e conferisce ai suoi discepoli , ai l\1manit à in con tinua evolu1ionc verso
dodici, mmc rappresentant i delle dodi- form e di vita sempre più spirit ual i e
ci tribl.1 del popolo eletto, il potere <li razionali, in cu i il corpo e i sensi muoio-
giudicare e di comandare nel regno (Alt . no . E nemmeno si può ricondurre l'op-
19,28 = Le. 22,29 s.); ma, come il posizione suddetta a quella tra indivi-
Battista, nega che il giudeo in quanto dualismo e universali smo. L'ideale um a-
tale abbia particolari prerogative davan- nitario quale è inteso dalla tarda filo-
ti a Dio, ché anzi il giorno del giudizio sofia greca è estraneo a Gesù e agli
dovrà vergognarsi persino di fronte ai Apostoli. Chi vede la predicazione del
pagani; egli vede insomma il destino regno di Dio alla luce di queste conce-
di Israele quale più tardi lo descriverà zioni fìlosofiche la travisa, sostituendo
Paolo (Rom. 2: condanna di Israele; alle fantasie apocalittiche e alle aspi-
Rom. 9-r 1: salvezza di Israele). Que- razioni politiche un ra{fìnato umanesi-
sto interesse preferenziale per Israele mo. Ma nessuna disciplina de ll 'anim ,1,
non è in alcun modo diretto contro nessun rapimento mistico, nessuna esta-
Roma: la preghiera eletta semoneh si possono far enmne nd regno in cui
'efreh ), col suo spirito giudaico, nazio- Dio parla all'uomo e lo chiama. Baste-
nale e patriottico, non va disgiunta dal rebbero le semplici concezioni giudai-
Padre nostro, che è soprannazionale e che del cielo e dell'in fe rno ad esclude-
universale. Perciò nella predicazione del re ogni rapporto con la divinità nel raf-
regno l'aspetto immanente non è mai finato senso greco. L'idea antropomor-
sottolineato a spese di quello trascen- fica di Dio e ciel suo regno è assai più
dente. Il regno di Dio è oltre il campo adatta di una scaltrita lìlosofìa a pre-
dell'etica. Questa, infatti, è impernia- sentarlo come il Signore nella sua mae-
ta sull'individuo, mentre invece, secon- stà irraggiungibile. Infine anche i con-
do Gesù e gli Apostoli, la salvezza è cetti di soprannaturalitù, trasceudenza,
promessa prima di tutto alla comunità, catastrofe cosmica , miracol o diventano
poi all 'individuo, ma solo in quanto automaticamente inadeguati al regno se
membro di essa. vengono intesi come espressioni e in-
La buona novella del regno non può terpretazioni umane Ji un a realtà su"
essere compresa da chi non tiene con- periore. Non dimentichiamo che il pre"
to dell 'opposizione che abbiamo deli- dicato fomL1m enta le del regno è quello
neato fra essa e il giudaismo. M a la neces sari.unent e e rigorosamente nega-
fraintenderebbe anche chi giudicasse tivo - che è poi anc he sommam en te po-
tale contrasto dal punto di vista dcl sitivo - della sua suvL1-eminenza rispet-
:fo.cHÌ.EÙç (K. L. Schmidt)

w all ' um ano e d e ìl :1 ~ua c) pp(lslZlonc -:tl]ç a.Ù't" OÙ (( .'oL. 1 ,1 .3 ). I creder.ti so -


cost ituzionale con la realtà mond ana e no rite nuti degni del regno di Dio :
ierrestre - ossia della SWl rrocJi g Ìos ità . xai:a.1;twlJ·i'jvc:n \;µéic; "t'ljc; (3aaLÀ.dac;
La realizzazione dcl regno di Dio rtp- -rov 1Jrn0 ( 2 T hr:s s r. 5 ). Il Signore sal -
partiene al futuro, ma condiziona al ve rà il credente ne-I suo regno celeste:
presente l'uomo. Se questi accoglie con ... pUO"EW.l p.E 6 xuptoç ... O"WO'EL dç i:'iJv
fede - oss ia con umiltà e obbe Jien z~1 -- (3a.::rrJ.d o:v w'ri:ov i:'iJv b:o•JpcivLcv ( 2
l'invito alla [lE'tr.bow, entra nell'orbi- Ti m. 4, 18 J. Dio ha promesso il suo re-
ta cli quel regno che è giunto senza la gno: ETCìlJyEO.cno (i ac. 2 ,5 ). Dio no n
sua cooperazione , e l'Eùayy~Àtev i: ve- fo come i Fari se i, che si arrogano d i
ramente per lui una « buona novella ». precludere il regno agli uomini: oùaL ..
o-rL xì,dnE "t'l)v (3aaLÀ.Elav i:wv oùpa.-
e) Una complessa terminologia indi- 'Jr;;v E!mpoavEv i:c;;v rivi'.>pwm,w (i\Jt.
ca e precisa i rapporti tra l' u o m o e 23.13; cfr. Le. u ,52).
il regno cli Dio. H concetto fondam en- Con pari varietà cii espressioni vien
tale è che i l r e g n o è u n d o n o descritto il contegno del credente di
di Di o . Egli 'dà ' il suo regno : fronte al regno . Egli accoglie, innanzi
o
EÙÒOX"llO"E'J na-r'iJp \;µ{.:Jv oovvm \;µi,v tutto, il regno come un fanciullo: o::-
f3aaLÀELCIV (Le. I 2 ,32 ). Gesì.1 Cristo 0.. V [1 Ìj OÉt;"ll1:ClL i:Ìjv (3CIO"LÀELCIV 't'OÙ
promette a Pietro che ha fatto la sua flEOv t;Jc; Timòlov (Mc. 10,15 = Le.
professione di fede in lui: òc00'0J O"OL 18,1 7 ). Giuseppe d'Arimatea è npo<1Ò E-
i:àc; XÀEi:'Òa.ç i:ljç (3CIO"LÀEla.ç i:r;;v oùpa.- x6µE'JOç "t''~V (3acnÀda.v "t'OU i>Eou (Mc.
vwv (Mt. 16,19). Il regno sarà tolto ai i 5 A 3 = Le. 2 3 ,5 1 ) . Analogo è il si-

Giudei induriti e sarà dato ai credenti: gnificato di 7tClpCIÀ.CI~1(3civELV (Heb. I2,


àpi'.>i)aEi:m àc:p'uµwv +i BaaLÀ.Ela i:ov 28 ). Conforme alla concezione del re-
i>EOV xa.i Òoi'.>i)O"E1:CIL E1}vn 'ltOLOVV't'L gno come ÒLa.i>i)xT), testamen to , è mol-
't'OÙç xapnoùc; m'.rtTjc; (Mt.21,43). Cristo to frequente il verbo xÀ. T)povoµi::~v (Mt .
trasmette per testamento il regno come 25 ,34; r Cor.6,9 .10; 15,50; Gal.5,21 );
il Padre lo ha trasmesso a lui: ÒLai:rnE- affini sono le espressioni EXEL xÀ.T)povo-
µat uµ~v xa.lJwc; òillJE't'é µoL ò '1tO."t'TJP f.tla.v ÉV i:n (3aO"LÀE Lq. .. . (Eph. 5 ,5) e
µou BaaLÀ.Elrxv (Lc.22 ,29) . Dio chiama xÀ.11pov6r.touc; 't'Tjc; (3a.O"LÀEl1Xc; (lac. 2 ,5 ).
i Cristiani al suo regno e alla sua gloria: Così significa essere privilegiati da Dio
"t'OU i>Eov "t'ov xrùouvi:oç ur.téic; dc; i:Ì]v il vedere il suo regno, e alcuni avranno
Éau-rov (3datÀElav xa.1. &6t;av ( 1 Thess. il privilegio particolare di vederlo pri-
2.12) . Dio ci ha trasferito nel regno ma di morire (Mc.9 , r par.). Degnato di
del Figlio del suo amore: ~1nfoi:T)O"Ev aver questa visione è solo chi rinasce
dç i:Ìjv 0aatÀ.Ela.v 't'ou utou "t'Tjç à y ri- ( lo. 3,3). Molto comune è la idea del ..
!3cx a~ÀEvç (K. L. Schm idt )

l'ingresso «nel regno» : d.CJÉfJXEOiJ(U op- breve , noi dobbiamo ce rc.nc il regno di
pure da-nopEuEcri)a.L (Mt 5,20 ; 7,21; Dio : ~T] -r Ei:-r E ... npt7Yrov -r ·i-Jv 0ao-i.Àr:.cav
18 ,3 par.; 19,23 s. par .; 23,1 3 [dr. Le. (Mt_ 6 ,3 3 = Le. i2 '3 1 ) . Questo sn-
1 1,52; Mc. 9A7; Io 3 ,5; Act. 14,22; -rEi:v è evidentemente diverso dal -+
Ei'.o-o&oc,: 2 Petr. l ,11]). A questi vanno Btcisca-ÌÌaL e dal!' ~àpnci ~nv di Mt . l l ,
aggiunti i passi in cui si legge Èv -rfj 12 = Lc.16,16 . A chi appartiene, a
01:xo-L), Ei'.~ ... (M t. 5 , 19 ; 8 ,r1 = Le. 13, chi è promesso il regno <li Dio? Ai po-
28 ss.; Aft. rr,11 = Le. 7,28; Aft _ 13, veri (in spirito: lvft . 5 ,3 = L e. 6,20);
4 3 ; 18,1-4; 20 ,21 ; 26,29 par.; Le. 14, a coloro che soffrono persecuzioni a
I 5; 22.16.30; 2JA2 [variante dc;]; causa della giustizia (lvft . 5 ,10); ai fan-
h-ph_ ),5 ; Apoc. r ,9 ). I pubblicani e le ciulli (Mt. 19 ,14 par.). Proprio questi
meretrici precederanno i superbi Fari- ultimi due pass i ci fanno capire l'inef-
sei nel regno di Dio: npoci. youa-L v ùµ<i.c, fabile grandezza della d e c i s i o ne
dc; -r-iiv 01wLÀ.Elav TOÙ lJECti (Mt . 21, e h e s p e t t a a 11 ' u o m o : quella
~ 1 ). I Giudei dovrebbero essere utoì. <li accogl iere in µnavoLa il regno di
TY)ç 0aa-tÀ.Elac, (Mt _ 8,12), ma non lo Dio, abbandonando per esso tutte le
sono per la loro durezza di cuore (dr. cose di qu esto mondo, anzitutto la ric-
Mt_ 1 3,38). Lo scriba che ha Dio in chezza e la gloria, senza fare come gli
cima ai suoi pensi eri è cv µaxpà.v ò:nò invitati al banchetto nuziale che accam-
Tijc, Baa-tÀ.Elac, -rov lJECu (Mc . 12,34). pano pretes ti di ogni genere (Mt. 22,
Il vero scriba, come D io lo vuole, è 1-14 = Le_ q ,16-24). Ancora una vol-
r1aìlT]TEvìldc, TTJ 0aa-tÀ.d~ TWV cùpa- ta le p a r a b o l e ribadiscono varia-
vwv (Mt. 13,52). Chi si vota incondi- mente questa necessità di una scelta in-
zionatamente a Dio è EVl~ETOC, -rii 0a<n- condizionata . Per entrare nel regno , che
À.El~ -rati lJECu (Le_ 9,62). A coloro che è simile a un tesoro nascosto in un
sono idonei al regno vien lanciato campo, oppure alla perla preziosa in
l' a p p e 11 o a lavorare per esso, ad cambio della quale un mercante dà tut-
essere, come i cooperatori di Paolo, a-u- ti i suoi averi (Mt_ 13,44-46), l'uomo
'IEpyoì. dc, -r-iiv Baa-LÀ.Ei'.av -.~ij iJECv non deve esitare a cavarsi l'occhio e a
(Col _ 4 ,1 i) non - si badi - a-vvEpyoì. tagliarsi la mano che gli sono motivi
-rfic; 0mnÀ.Elaç, secondo una concez10- di scandalo (Mt. 5 ,29 s. ). Addirittura
ne sinergetica. per il rl'gno di Dio - e questa è la dc-
Ma l'uomo , qu ando con la fede ha m onstratio piL1 crud ame nt e realistica -
obbedito al comando divino , deve im- molti si sono fa tti eunuchi (Mt. 19,12).
p egnarsi a lottare per il regno come gli
La frase , più che un imperativo mo-
ele ni de1l'A.T.: éìtà n lo-nwc; xa-rl]yw- rale (come tale fu intesa e praticata
vlcnxv-ro Bacnhlaç (Hebr. u,33) . In sporadicamente n ell a Chiesa primitiva ,
~o:o'LÌ- E Ù<; (K. L. Schmidt) ( l .'jl)fl) 200

si pensi ad Origene) è una dura e sfor- 27 = L c.6,47-49 ). !'\un chi dice « Signo-
zante ammonizione: pensate che certi re, Signore » entr erà nel regno dei cie-
uomini si sono votati al regno con un
li, ma d1i fa L1 volontà di Dio (Mt. 7,
tale spirito di rinuncia da evirarsi - atto
che in sé non è né lodato né biasimato , 2 r ). Per entrare nel regno si impone

certamente non lodato. Questa interpre- un 'ab negazione illimitata, fino al sacri-
tazione del difficile logion mi sembra fìcio della vita, fino all' « odio » per la
migliore di quella, meno letterale e rea-
listica ma anch'essa possibile, che lo propria famiglia (Mt.ro,37=Lc.14,26).
considera come un'allusione alla casti- Ma chi può far ques to davvero? Chi
tà praticata da alcuni credenti nel re- può desiderare di obbedire in tail modo
gno, a cominciare dal Battista e da Ge- a Dio? Gesù Cristo, e soltanto lui.
sù stesso.
Comunque la decisione categorica im- /) Si pone quindi il problema - che
posta dal regno di Dio comporta una ora tratteremo - del rapporto intimo e
inesorabile selezione di pochi « eletti » particolarissimo fra il regno di Dio e
dalla massa dei « molti chiamati » (Mt. Gesù stesso. Non solo infatti nel N .T.
79
22,14) . Di fronte aU'aut-aut l'uomo si parla indifferentemente del regno di
deve fare una scelta irrevocabile : «Chi, Cristo e del reg no di Dio (-7 5 8 r ss. ),
dopo aver posto mano all'aratro, si vol- ma alcuni passi pres uppongono l'iden-
ge a guardare indietro non è adatto al tità fra il regno di Dio e il Cristo. Co-
regno di Dio» (Le. 9 ,62). Ma la deci- sì mentre in J\fr. r r , I o si esalta « il re-
sione non dev'essere entusiastica o sen- gno che viene de l padre nos tro David »,
timentale, non dev'essere presa in un nei passi paralleli lvft. 2 r ,9 e L e. 19,38
momento di trasporto, ma dopo una si parla invece della persona di Gesù
precisa e sobria riflessione: come un Cristo. Ancor più significativo è il con-
architetto, prima di costruire u n edifi- fronto sinottico fra EVEXEV ȵov xcd
cio fa un progetto adeguato, come un EVEXEV 'tOV EÙtxyyEÀlou (Mc. IO , 29),
re non intraprende una gu erra senza EVEXtx 'tOU È[.LOÙ òv6µtx'toç (Mt. 19,29)
prima aver calcolato le proprie forze e dvEXEV 'tTjç 0cxd1.hlcxç 'tOV frEOv (L e.
(Le 14,28-32), così chi è chiamato da 18,29): il nome e il Vangelo di Cristo
Dio nel suo regno deve accogliere pon- e la sua stessa persona vengono equipa-
deratamente I' invito. Chi lo accoglie ra ti al regno di Dio. Questa identifica-
senza rendersi conto di tutto ciò che zione è già implici to nell'idea stessa del
esso comporta, chi ascolta, ma non ob·· « Figlio del! ' uomo » come rappresen-
bedisce è simile allo stolto che costru i- tante del « popolo di Dio »: mentre in
sce la sua casa sulla sabbia (Mt. i· ,:q- M c. 9 , r (= L e. 9, 27) si parla della ve -

" Cfr . le parole sulla porta stretta e sulla via


larga (Mt. 7,13 ss. = L e 13 ,23 ss.).
20 ! ( J,591)

nuta in forza del Regno di Dio, nel pas- o Écpano:!;,, ossia un fatto irreperibile e
so parallelo di Mt. 16 ,28 è il «Figlio definitivo (~l , coll . 1019ss). Cristo èmÉ-
dell'uomo » che viene col suo Regno. àa.vEV E<pci7'aç, (Rom. 6 ,10 ; lo stesso
Questo « Figlio dell'uomo » e Signore concetto ritorna in H ebr. 6 ss. ; I Pet.
è atteso dai Cristiani proprio come il 3,18) . Volendo sintetizzare in una for-
Regno di Dio (dr. p. es. Aft. 25,1 e Le. mula l'identità fra Cristo e il regno, si
12,35 s.). Significativo è il parallelismus può ricorrere al t erm ine aÙ 'to0wnÀE1'.a.
mcmbrorum in espressioni come EÙrxy- di Origene (in Mt. tom. xiv 7 ad Mt .
yE), d~op.ÉV<{l TCEpl 'tijç SrxcnÀElcxc; 'tOV 18,23 III p. 283 Lommatzsch81 ), non pe-
1}Ecv xa.1. 'tov òv6µ1noc; Tricrov XpLo-'tou rò nel senso attribuitogli dal pensatore
(A ct. 8,12) e Xl]pvo-o-wv 'tYJV Sa.o"LÀ.Elrxv alessandrino 82 • Prima di Origene, Mar-
-.ov flEov xal ÒLOcicrxwv -rà. m:pl xuplov ciane con il suo pancristismo 83 aveva
'h10-ou XpLO"'tcu (A et. 2 8. 3 1 ) , e così pu- affermato: in evangelio est Dei regnum
r e in +i ~a.cnÀElcx 'tov ilrnv i]p.wv xal Ti Christus ipse (Tert., adv. Mare. IV 33
84
tl;ouO'ta i:ov XPLu'tov a.Ù'tou (Apoc. 12, III p. 5 3 2 ,6 s.) • Gesù Cristo solo ha

ro ). I te sti confermano quindi una re- obbedito e creduto alla Legge ( cf r .Phil.
a'ltà già di per sé evident e, questa: che 2 ,5 ss.) e in sieme ha annunciato il re-

GesLI è consapevole che nella sua per- gno e operato i prodigi che sono i se-
sona il regno di Dio si è manifestato gni del medesi mo (Mt. 11 ,2 ss.=Le. 7,
nel mondo e nel tempo, ossia secondo 18 ss.).
l'espressione giovannea: ò Àoyoç crà.pç
ÈyEvEi:o (Io. I, 14 ). Quello che i Cristia- Quindi la Chiesa apostolica e subapo-
ni attendono nel futuro, per Cristo so- stolica se non fa spesso menzione della
lo è cr1]µEpov (Le. 4 , 21; dr. Mt . 11,5s. ~acrLÀ.Ela -rov 1}Eov, implicitamente pe-
= Le. 7 ,22) 80
. Su questa identificazio- rò la comprende nel continuo richiamo
ne del Cristo incarnato, glorificato e al xupLOç 'll]O"OVç XpLO''tOç. La Chiesa
presente nella Chiesa , con il futuro re- (~ Èxxhwi'.a) che è la continuazione
gno di Dio è fondato il xi}puyµa cri- postpasquale di Cristo, non si sostitui-
stologico, che vede ncHa venuta del sce al regno di Dio , predicato da lui ,
Messia un fatto che si verifica ~ fi.na.ç ma crede ferm amente in esso.

'°Cfr. G. KTTTEL , Das i1111cr11•1•ltliche Reicb Origenes und Augustin (19 2.8), p. ror, n. 2.
Gottc_1· in der V erkiindigung Jesu : Th . BI. 6 13
Cfr. A. v. lIARNACK, Marcion (1924), pp.
(1927), PP - 1 22 ss.
223 ss.
" Cosl P. FEINE, Th eol. d_ N.T.' (1910 ) p.
mo (S[193r) p. 80); KITTFL, Probleme, pp. s• Giust:lmente R. FRICK (op. cit., p. 52, n. 1)
130 s. rileva che non c'è un motivo fondato di
" Cfr. R. FRI CK, Die Gcschichte des Rf'ich- espungere « Christus ipse » come errore di
Cot1es-Ced,111kc·ns i11 der Alten Kircbe bis zu scrittura.
~a:rtÀEÙç ( K. L. Schm idt ì

4 . Mentre il N.T. afferma chiaramen- OEL m'.rd v (se. Xp•.O"·ròv) (3a."'LÀe:ve:r.v


te e univocam ente la rx{rto(3rxo-LÀ.Elrx di UXPL ou iln r.ci.v-rrxç -roù:; Èxfrpoùç vnò
Cristo, non identificata mai - ed è com- -co{iç n6orxç rxùi:ou . Secondo Apoc r r,
prensibile - la (3mnÀ.drx -rov i}e:ov con r 5 Dio e il suo Cristo regneranno in
i credenti nel Signore. Un accenno in eterno ; sempre in Apoc. rr,r7 ; r9,6
ta'.l senso si trova solo in Apoc. 1 ,6: si accenna al regno di Dio nel pass ato
Cristo È7tOLl)(;EV i)µiiç (3mnÀ.e:lCl.v 55 • Non e nel futuro. Gli e 1e t t i regneraano
c'è bisogno di dimostrare che i cristia- insieme al Cristo, Apoc. 5 ,ro ; nel re-
ni possono essere considerati nel loro gno millenario, Apoc. 20,4. 6: per tutta
insieme (3acnÀ.drx solo indirettamente, l'eternità Apoc. 22,5 . Lo stesso concet-
ossia in quanto uniti a Cristo. to e cioè che il Cristiano può regnare
soltanto in unione al Cristo è proba-
bilmente adombrato anche in I Cor. 4,
8 dove Paolo afferma ironicamente:
La regina pagana del mezzogiorno, xwpLç i)p. <7iv È(3 rx cn À EvO" a.' E (dietro
di Saba, che venne dall'estremità della -i1r.1.c:0v sta l'apostolo nella sua ves te di
terra per ascoltare la sapienza di Salo- ambasciatore di Cristo); le parole che
mone, nel giorno del giudizio condan- seguono: xrxl ocpe:Àév YE É0a.O"LÀE:UO"(X't<'.
nerà i giudei pervicaci (Mt . I2,42; Le. t'.vrx xrxì. 1ÌfJ.e:i:ç r:rùv iJr1~v crui10a.O"LÀ.e:v-
II ,31 ). Questa regina di Saba è ri- O"CJ)p.e:v alludono infatti alla suprema
vendicata dagli Etiopi come loro sovra- speranza cristiana che i Corinzi hanno
na 86 . Cfr. anche Act. 8,27 87 . All'oppo- stoltam ente creduto di poter attuare
sto di essa sta la grande meretrice, Ba- svincolandosi dall'autorità apostolica e
bilonia, che si asside sovrana e come quindi dal Cristo. L'idea del regnare
tale sarà giudicata (Apoc. 18 ,7). ' con ' Cristo è assai vicina a quella
del regnare ' tramite ' Cristo Rom. 5,
Il·
t (3acnÀ.Evw
Tnfìne ' regna ' come legittima sov ra-
Essere re, regnare detto del (3wnÀEvç na Ia grazi a del Cristo Rom. 5,2r
Gesù Cristo ·e del (3wnÀEvç Dio (v. dopo che la morte e il pecca to sovra:-ti
sopra coli. I 70 s.) nella particolare ac- illegittimi sono stati debellati Rom. 5,
cezione lumeggiata nell' articolo (3rxO"t - q.17 . 21 ; G, r 2 .
À.e:vç. C risto (3rx1nÀEvCTEL Én:ì. -ròv orxo-..1
'Iaxw(3 dc; -roùç alwvrxç Le. 1, 3 3. L1 Oltre che in questo se nso specifico
0rxO"~Àc:vav vi ene anche impiegato per
I Cor. 15,25 si dà un'interpretazione
indicare il regno di Archelao Mt . 2 ,22;
restrittiva del (3wnÀe:vELV di Cri sto in dei sovra ni in genere L Tim. 6, t 5; di
quanto subordinato al regn o del Padre : un uomo sugli altri Le. r9,r4.27.
205 ( 1,5 9 l) r 1.')') 5 J 1 06

Cristo. Perciò il soggetto IPgico eh È/:·


r:).-ricrlrx in quanto BO'.(rLJ.Ewv i.i:-pà."'C·é:v-
Come abbiamo µ.ià visto il cristiano
fta è Dio al qude spetta l'in ìziat iv-t
può regnare sPl ta nto utlv ( Xpt'.Y"t"r{J), in
della chiamata e Cristo , nel qu ale e at·
unione al Cri•;to: 1 Co r. 4 ,8. È un re-
tra verso il quale siamo sldti chiamati.
gno che siglìiiica serviz io, obbedienza,
sopportazione: e[ v"l':OflÉvop.Ev, xal. crvr1-
(3wnÌ.. Ev'.7'.:l!J.:: 'J ( 2 'f 'im. 2, 1 2 L t 0a.i:JLÀ.!.Xoç

Significa regale, proprio come Brx'.7~­


T 1QJO'.(n/.goc
I ' '·
),aos (cfr. Act. 12 , 20 s.), cli cui però è
Regale è lezione malcerta di Mt. II, meno usato tranne nel N .T.
K ( v. sopra col. 169) e sicura invece nel Dal punto di vista teologico impor-
passo parnllclo di l.c.ì ,25; ,a_ (3a..o-0,Ew. tante è lac. 2,8: v6p.ov "t"EÀ.E~'E Bo: rn), ~­
:::: il palazzo o i palazzi dcl re. Nella x6v. L'espressione v6µoç ~acn). Lx6~.
definizione della ÈxxÀ.riala così ricca di comune soprattutto nell'anti ca fìlosofìa
sostanza teologica che si legge in r Petr. ( p. es. in Fifone), indica una legge che
2, 9 l'csprcssiorn: 0a..cn'.À.nov LEpa"t"EUp.a viene promulgata dal re stesso per re-
è ripre sa dai LXX dove traduce mam- golare l'accesso alla sua persona , una
leket kòhanim di Ex. r 9 ,6, cf r. Ex. 2 3, legge quindi che conferisce una digni.
22. La formula greca farebbe pensare tà regale in quanto p. es. supera e an-
a un sacerdozio dotato di poteri regali; nulla le differenze sociali esteriori (si
il testo ebraico allude invece ad Israe- pensi ail'impostazione complessiva del-
le come popolo di cui è sovrano Dio la lettera di Giacomo). Più in genera-
stesso. lvfa forse in r Petr. (3ai:JtÀ.Ewç le si potrebbe pensare al valore emi-
\'a inteso in un significato più generico nente della legge. Sarà bene tuttavic.
e stinto: sacerdozio regale come si di- intendere l'espressione in un senso piì1
ce p . es. servizio regale. Bisogna co- specifico, ossia in riferimento al fatto
munque tener presente che (3a..i:JtÀ.Éa.. che la legge proviene da Dio, che è il
83
dvcu oppure (3mnÀ.EvEtv detto dell'uo sommo 0wnÀ.n)ç •

mo non esprime una qualità intrinseca L'accezione precisa di ~cw~À.Lx6ç in


dell'uomo stesso, ma sempre una sua Io. 4,46.49 è controversa 89 • Probabil-
partecipazione al regno di Dio e dei mente si tratta di un funzionario regio .

" Si puù riten ere sicura questa leziom.: che è gin Kandakc: (Apg . 8,27): Theol. Quart. m
una citazione dd l'A.T. 1'\ltre lezioni snno 0rx· (1930) 4ì7· 5l9-
u0. ELO\I l ' 00.0"LÌ.E~ç..
" DrnEuus. ja f..:. a. l.; WINOISCH, Tal:.. a. l.
' '· KLElN , Alt.(/. /.
<' Cfr. Sr . l.t) ;,c 11. Der Kammerer der Kii11i- '" B.'\ UER, 3
Joh. a. l.
~wn). z 0ç (K. L. Schmid t )

La var ianr e ~a.11:,). !'.crì<o c; D it.""r. accen- pub 7taYtac, ·fi r.tiiç dr:rnya yt:i: v dc; i:r)v
nerebbe invece ad un regolo. aìrrou 0mnÀ.dav (mart. Poi. 20, 2 ). A
Dio si innalza la preghiera: cruvaxiH1-rw
O"OV Ti ÈxXÀl)O'"LO'. ànò 'tW\I 7tEpci.-rwv ·cijç
F. Ba11LÀE!'.a (-rou il<: ov) N EL LA C HI ESA yfj::; dc; -r-fiv c -fiv 0aoùt:lav (did. 9,4 ;
:\NT!CA 9tJ
cfr. 10,5 ); oppure a Cristo si può chie-
dere: tva xà.~.iÈ crvvayci.yn d c; -r-fiv Sa-
Basta ad esprimere iI rappo rto tra i O"LÀ.da.v av-rou ( mart_ Pol. 2 2 ,3 ). A que-
r iferimen ti al regno di Dio nel N.T. e ste espressioni fanno riscontro, come
queili dei Padri Apostolici, l' esiguo nu- nel N.T., altre riguardanti il credente.
mero di citazioni neotestamentarie che
Egli riceve, tocca, vede , eredita il re-
gno ; ivi abita, v i si trova , vi è glorifi-
si ri scon tra in quest i ultimi: Mt. 5,3.
cato. vi entra: ÈXBÉXEO"Òm (2 Cl. 12,r ),
rn e Le. 6 ,20 in P ol. 2,J; J\t1t. 6,ro in
&;;-:EO"ita.L (Bam. 7,11), òpEi.v (Herm.,s.
did. 8 ,2; I Cor. 6,9 s. lcfr. Eph. 5,5) in
9,r5 ,3), XÀìJPO\IOl.LEL\I (I gn., Eph. 16,r;
Ign., Eph. 16,1 I gn ., Phld. 3,3; Pol.
Ph!d. 3,3) , xa.-ro LXEL\I (Herm. s. 9, 29,2),
5,3.
EVpEi1Tj va.L (H crm ., s. 9, I 3 ,2 ), oot;acrltl)-
L'uso di regno e di regno di Di o ne i
Va.L (JJarn.2 1 ,1), EPXEcri}a.L (2Cl.9,6),
Padri Apostolici coincide in complesso
ElcrÉPXECTl}IXL (Herm. s_ 9,12,3+5 .8; 15,
con quello del N.T . Oltre a 0wnÀ.Ela.
2.3 ; 16,2.3-4; 20 ,2 .3; Dìogn.9, 1 ), dcri]-
ÒEov si trova spesso 0o:.v:.fsla -rou XpL-
xnv (2 Cl. I I ,ì) .
::1-rou: 1Cl. 50 ,3; 2Cl.12,2; B arn.4,
13; ì,II; 8,5.6; m ari. Po!. 22,r.3 . Ba.-
GLÀda senz' altra specificazione, in sen- Qu es ta terminologia dei padri apo-
so assoluto, si legge in 1Cl.61 ,r; 2Cl. ~tolici 91
collima chiaramente con quel-
),5. Fra gli attributi diretti ricordiamo la d el N.T. Il regno di Dio è promesso
a.LW\ILOc; (m art . Pol. 20 , 2 ), ovpci.vLoc; dagl i Apostoli ( 1 Cl. 42 ,3 ). La sua at-
(mart. Po!. 22 ,3), È7tovpci.vLoc; (mart. Poi . . tuazione dcfini ti va coincide con il ri-
epilo,g. 4). Circa i si nonimi ricordiamo torno di Cris to ( 1 Cl. 50,3 ). L'ingresso
che in 2 Cl. 5 ,5 la ÈTia.yyEÀ.la. -rou XpL- del cri stiano nel regno dipende dal sa-
cnou è interpretata come Ò.\IÒ.7tll.UO'Lç cramento (H erm . s. 9, 16,2) e dalle buo-
Tf)c; 1.1.EÀÀ.ovcr11c; 0a cr LÀ El a e; xaì. 1;,wl)c; ne opere ( 2 Cl. 6 ,9 ). L'imperativo etico
a tc.Jvlov. L 'espressi one ~iO.J,Et.\I EPXE- è fortemente accentuato: Èà.v oùv 7tOL i]-
c ilm , detto del regno di Dio, ri corre utdfl.E\I -r-fiv OLxmocrv\lì)\I Èva v-clov -rou
an co ra in 1 Cl. 42,3. V'Eov dc:r1)!;oµEv dç -r-iiv SacrLÀ.da.v o:.ù-
-rov (2 Cl 11 , ì); 6 yà.p -ro:u-ra (ossia
Variamente esp ressi sono i rapporti -rà 0L'XIXLt0rw -r a. 'tOV xvplou) 7t0LW\I È\I
fra l'uomo e il regno cli Dio. H concet- -rfj Sa.crLÀELq. "tOU iJt:ou ooço:crlh)crt:"tlXL
to fondamenta le, nei padri apostolici (Banz. 2J , 1 ) . P er questo la speranza
come. nel N.T., è che ì'uo mo rioeve il del regno è connessa strettamente coa
regno come un dono di Dio. Di lui si l'idea del giud izio (c fr. 2 Cl. 17 ,5) . Ma
può scrivere Eowxa.ç -c-l1v Èt;ouo-lav -rijç import an te è soprattutt o il fatto che
(3<XCTLÀEL<Xç (I Cf. 6 I , I); "tTJV È\I OVpa.vQ Dio stesso pone in atto il suo regno e
SacrLÀELIX\I È7tTJYYELÀa.·rn xaL owcrEL -roi:c; vi chi ama i crede nti in C rist o: Etc; "t"lJV
àyani]11aow mh6v ( Diogn . rn, 2 ); egli Ba.crLÀELIXV 'tOU iJt:ou aÀÀwç dcrt:ÀitEL\I

"' (3o:cnì,rvc; nei pad ri apo> to lici - > col. 17 3. " Cfr. }{ . FRICK, op . cit., pp . 27-35.
( l , )<J)l 2JO

cv ovvccwL i.ivilp«Jii:oç d ! d1 OLCÌ. 'tou na.pal, Èv a[<~ -hi tEi:ç a-c,)DY]éTOI td}a. Men-
ÒVO!tl'.X'"toç '!O•J 1JLOV m'.nov lJYIX1t'l)p.É- tre le preghiere cucari ,; tichc della Dida-
vov {m' m:rrou (Hcf'm . s. (), 12 ,5; analo- ché di st inguono chiaramente il regno di
go è il pensic:ro di 9,r2,8). Din dalla C hiesa e parb no ddl 'b1.xÀ.Y]-
Sono concetti cd espressioni dcl N . a~a. che Cristo raccoglie nel suo regno ,
T.; diverge in vece dalla predicazione di la 2 Cl. 14 ,3 anrrn lb tale distinzione af-
Gesù e degli Apostoli l'idea che l 'av- f crmando che la Chiesa dev'essere ac-
vento del regno dipenda dal comporta- colta immediatamcnté· e sen za riserve
mento d ella comunità dei credenti; in propr io come la 0wn),Ela -rov ilEOv .
2 Cl. 12,2 ss. si ch iede al Signore n6-re Anche in Erma il rc:gno di Di o e la
ii1;n aù-rov t, 0acnhla, e la risposta è: C hies a sono mo lto vié: inì .
O'!Cl'IJ fo-rcu -rà. ovo EV' XClL '!Ò E!;w wç
-rò fow, xal -rò &pG'EV µnà -rfjç ilriÀdaç L'idea dcl regno di Dio si trova ra-
OV'!E apG'EV OV'!E itfjÀ.v. Una frase dcl ram e nte negli Apologjsti91 , imbevuti d:
genere è posta in bocca al Signore nel metafìsica platonica e di e tica stoic::i.
vangelo apocrifo secondo gli Egizia,1i, 1n quanto e per qu :rnt o esis te , la lo-
ed è un sintomo del rivestimento mora- ro escatologia è tutt 'uno col probl e-
listico dell 'i dea del regno nel segno di ma d ella pe rfezione individuale del cri-
una p erfezione asce tico - dualistica. In stiano, l'i d ea di una 0a.aLÀ.Ei'.a:, intesa
Erma la venuta del regno non dipende come affermazione d el la sovra;1ità di
dall'uomo , ma per entrarvi è necessario Dio sugli uomini , è ad essi es tranea. Il
un certo grado di perfezione morale. b . cristiano ha il compito di imitare Dio
ml modo la fede e la moralità ve ngo- e di avvicinarsi a Jui ; egli spera nella
no, se non completamente scisse, certo SwnÀ.Ela (J.E-rà ikov (T us t. , apol. I 11,
separa te. Nel catalogo delle virtù di r). Atenagora (suppl . r8.I. 2) concepi-
Herm. s. 9,15,2 ss. dopo la 7tLG''!Lç ven- sce la Ènovpà:vtoç 0aG'tÀda come il so-
gono fa Éyxpchna e le altre qualità vrano potere del Creatore su tutto ciò
morali 92 . che accade nel mondo . Ma questa affer-
Non molto chiara è nei padri aposto- mazione rimane isolata fra gli Apologi-
lici la di stinzion e, così sintomatica in- st i e nello stesso Atenagora . In senso
vece nel N .T. , fra il regno di Dio e la chiliastico Giustino r ife;iscc la parola
Chiesa. P e r la le tt era di Barnaba il re- 0aG'tÀ.da al regn o mill ena rio , senza di-
gno di Dio è forse una realtà puramen- sti nguer lo chi aramen te dal regno eter-
te escatologica e quindi non identifi ca- no . Il regno è promesso come ricom-
bile con la Chiesa. È singolare in Bar- pen sa eterna ai gius ti ed è l'antitesi del-
naba ( 8 ,5 s.) l'idea che il regno di Cristo le pene dell 'inferno (lu st., dia!. 117,3 );
sia in co minciato con la crocifissione -1} ~a..!nÀ.Ela:v XÀ.Y]povop.Ei:v signifìca -rà
0a.(nÀEla 'JY]aov Ènl ~vÀ.ov - e l'accen- a..t(:Nw.. xa..ì. &cpilcxp-rcx xÀYjpovop.Ei:v (Iu-
no , ch e s i potrebbe quasi dire chiliasti- s t. , dia!. 139 . 5 ). Mentre affermazioni di
co. a giorni di lotta e di dolo re anche questo gen ere in G iu st·ino sono isolate
nel regno di Cristu: É'J -ri'j 0cxmÀEL(f e sporadiche , molto spesso l'e spress io-
aù-rov YJ! .tEpa.L focv'ta~ rcovripal xal, pv- ne 0a:aL).EL(X cov i}E o•:i ricorre nelle cita-

., Vedi su questo E. FucHs, Glaube und Tat MMburg 193 1 ) .


in dt'n Mandata der Tlirten des H ernwJ (Diss . ;; Cfr_ R. F1m:" . of>. cit., pp. 35-45.
2 I( ( l , )lJ5) f)o.o-xn[vr,) (G. Dcl li ng)

zioni che egli fa. tanto nel D ia·logo che cklg rna ''4 . Alla u nilat erale etJC1zzazione
nell'Apologia, di passi dell' A .T. e <li si accompagna, a partire dal scc. lJ, un
ÀoyLa. 'I11a-ov pe r dimostrare l 'adem pi- r ilie vo egualm ente unilaterale dcl m o-
mento delle promesse e chiarire ciò che me nto esnno log ico che si esprime: p(JÌ,
l'uomo de ve fare per merita re il pre- co m e religiosità popolare, nelle prime
mio divino. Ma il richiamo alL1 predi- apocalisst crist iane di inton az io ne gno-
cazion e di Gesì1 e d egli Apostoli è piì1 stic a (dr. asc. fs; 4 r~ sd.; Sih j, negli
formale che reale, poiché il regno è vi- 11/ti dei Afartiri e sopratt utto nelk iscri-
sto in fun zio ne non della grazia divina zioni funerarie e nelle /i.guraziuni delle
efficace e salvatrice, ma dd li bero eser- catacombe. Invece Cl em ente Alessan-
cizio della virtù, che ha come corrispet· drino vede la 0aa-L),t:la attraverso le
ti vo il premio. ca tegorie del pl atonismo e dello stoici-
smo e ricorre significativamente a defi-
Quindi in complesso l'opera filosofi- nizioni stoiche di 0a.a-LÀEla (stru m . II
co- teologica degli Apologisti presenta 4 ,19,3 s. ). All 'i dea b iblica d el giudizio
u n duplice aspetto : da una p arte su l- finale subentra la fede in un graduale
l'idea bibhca della 0aaùEla -rov ih:oiJ progresso ( npoxoTI'i) ). Anche in Origene
prevalgono i con ce tti greci di immorta- - ch e pure escogit a il concetto di m'rro-
lità , di vita (eterna), di conuscenza; f3wnÀE i'.a (-7 col. 2 02 ), ecce ll ente dal
dall 'altra le parole di Gesù e degli Apo- punto d i v ista es p ress ivo e formale
stoli , a nche quando vengono so lo cita- - l'idea del r eg no (: perlomeno mutila.
te senza essere comprese in tu tta la lo- ln antitesi con queste concezioni g reco-
ro portata, impediscono alla dottrina orientali sta il filone di pen siero latino-
cristiana di trasformarsi in un a filoso- o ccidentale, per cui il regno di Dio va
fia della religion e. realizzato attivamente s ulla te rra, e che
Sono questi gli addentellati delta suc- culmi na nell'id c ntifì.cazione agost iniana
cessi va evo Iuzione del!' idea dcl regno dcl reg no con la Ch iesa.
di D io n ella storia della Chi esa e del
K. L. ScHMmT

t 0a.a-xalvw

Denominativo di Bcfoxavo:; 1, calunnio- lega to , seppure in modo poco chiaro,


so, iettatore, connesso con (Bcia-xrJ.) 2 e ) con [3aaxm'.vw) è dan neggiare qualcuno
0cisw ·1. Il significato originari o ( vedi con parole ostili . Datu il va1ore che l 'uo -
;inc he fa scinare dalla radice fa[ ril col- mo antico attribuiva alla parob pronun-

"' Op. cit., pp. 7.'> ss .


B01 sA<.Q, s. v., lo fo derivare d a ~ci?"xi;tvo::;
(3ixcrxixlvw ( non arres tato ).
E. K ml NF. ~T in PAU!.Y ·\Xl vi ( 1909 ). col. ' Così il Debrunn cr. Secondo PAs sow, s. u. ,
2009 ss.; O . JAHN, Ber. Siichs. c,·sellsch. d. r3a7xw = « io parlo » si trova «solo nei
\Xli ss. 1855, pp. 28 ss., i: molto ri crn di noti· 12.ra mmarici per farne deriva re ~ixcrxcxlvr,) >•.
zie , ma ques te ri guardano prevakntcme nt e Li ·, TI te ma è in gu tturale cfr. il fut . (3ti!;r,), il
difes a dal mal occ hio. pcrf. pass . ~É(3ixx -c ix L - da ~axcrxnv (non ;1r·
' D E HR ., Griffh . W'iirth., p. TOCJ fr,ir 2 19 ) rest;ito) Ro rsAcQ. s. 11. ~0.sw.
~iata (~ ovoiw:J po s~nno essere parnlc rì.:~w:rxci.v"tovc,. Vedi ;111ch c P. Oxy lll
' • 7' • ' ' ' () •
o stili tanto u11 ;1 lode invidiosa che un '> ~ 0, 2 3: a.O"na..,ov·rcn O"E • .. x rn -ra. a~a-
insulto vero e proprio, e il loro effetto crna.v·m rca.coi'.a.; . .. ). Si dovrebbe per-
è k• stesso de ll'incantes imo diretto . Si ciò tradurre con: no n chiamati 9 • Na-
co mpre nde così la rdazione fra i t re si- tu ra lm ente in tutti qu es ti casi non si
:; nificati dcl verbo registrati <lai vocabo- tratta solo di incantesi m i prodotti d,1
lari: a) amma!wre, b ) insultare, calun - malocchio , bè nsì in genere di malie
4
niare . e) i11L'idia re • dannose esercitate da ess eri umani o
Al primo significato s i associò ben da forze extrnumane. È ch iaro quindi
presto quello di influire dannosamente che il verbo 0wnm'.VEL'J , quando il con-
con uno sguardo (ostitc), sicché a) si- t esto non gli attribuisce questo signi-
gn ifica « in particolare l'inca nt esim o na- fi ca to parti co lare , n o n ind ica necessa -
turale, e perciò tanto più pericoloso , riame nte il malocc hio, ma altre forme
che chiunque può produrre anche invo- affini di rna]i ,1.
lontariamenre, senza espedienti tecnici,
Tale è il caso p. es. della singo la re
con uno sguardo o una parola ostile »5.
affe rmazione aristotelica (fr. n . 27 1 p.
Ossia una iettatura indipendente pe rfi-
1527 a 29) che il co lombo sputa tre
no dalla volontà e non ottenuta con
volte sui picco li appena nati 1;.;ç 11-ii f3a.-
una prassi tecn ica e con particolari stru-
O"xavlJ(°<lO"L (si tra tta di un es pedient e
menti.
pro tettivo anche d ell ' uomo contro il
L'uomo antico , prima di essere illu- (3aO"xa.ivwÌÌaL, cfr. T!ieocr .. idylt.6,39).
minato dalla filosofia 6 , pen sa va di es- L'influ sso dannoso pu ò partire .an ch~ ,dct
se re circondato d a ogni parte da esse- cibi sospe tti (A ri stot., prohl. xx 34 p.
ri invis ibili e ost ih. ch e cercavano di 926 b 2oss. ), dal res piro (Plut., 1/Uaest_
dominarlo e vi riu sciva no soprattutto rnnv . v I: JI 680 e f ), dalla parola, d al
quando veniva m enz ionat o il suo nom c.:7 cont at to ecc.; ma in ogni caso ~mrxa.i'.­
( ~ ovoµa.) P e rciò nelle lett e re lo scri- vnv non indica l'inca ntesimo comune
vente fa seguire al nome di coloro che che si serve di strumenti es teriori trat-
egli saluta o di cui trasmette i sa luti tati in modo da conferire lo ro una for-
un à.(3a.O"xciv-rouc, (-oL), oppure accom- za magica, perché il (3ciO"xcxvoç ha già
pagna l' augurio co n un à.0a.o-xciv-i:(.ùC, qu esta forz a magica nel suo sg uardo,
(p. es. P. Oxy. II 300,9 [ sec. I d.C.]: nel suo contatto, ecc. È que sto eviden-
à:.o--;:cisou [seguono cinque nclln i] -roùc, te me nte il pen sie ro anche di Plutarco

• Cfr . i less ici . 0cicrxavoç è au esta to dal sec. fa11 ciulli sono particolarment e minacc iati cb
v a. C. in poi , Bixcrxixvlix comincia ad essere quest a malia ( Plut. , quaest. conu. v r [ u p.
usato con Platone, Brxcrxixlvt..i co n Aris totele. 680 de]). Cfr. in o ltre P. O xy. rx 1218,u;
' KuHNERT, op. cit. , col. 2009 a proposito di Vili 1159.27; P. Giess. 23 ,ro; 25 , >; BGU
f asci11are 7q,1 t ; 811+ L'appell<1ti vo é'ra t<ilmentc li-
0
Della .s upe rio rit<ì de! dotto ris pet to alla cre- mitato ai fanciull i che d.Pci-:Yxrxv•ix, anche a1
denza nella Bmntixviix parl;i - se n za aderirvi ge niti vo, senz'altra specitìcvione (senza 'tÉX·
- Plutarco in quaest. co nu. v 1 ( 11 p. 680 e). vix o 7tmo~ix) sig nifica appunto 'fanciulli' .
' Questa spieg,1 zionc molto semplice e ovv1 <1 Forse alludc a un fanciullo anche P. Gie ss.
s i trova anc he in PREIStCKE. \\7 iirt. s. v. 76,8? A ltrimen ti , pcrché at solo Eraclide è
aBci.crxixv-roç. ri vo lta l'es pre ss ion e augura-le di sco ngi uro)
• Quando fr c1 i salutanti o i sal utari sono • Qu t's ta tr:1du z i<1llt" è c1dotrnra dal f>REISIGf;f.,
m enzionati an che nomi di fanciulli, ci,~ricrxixv­ op. cit
-roç è riferiw qua s i semp re solo ad c-;si. I
(op. cit. v _3: II 681 d) quando delìni- senso di incantare (con parole). Da quan-
sce il Gwrxalvnv come fotto soprat- to si è detto è chiaro che non si tratta
tutto psichico, sebbene anche materia-
le. Naturalmente, secondo la concezio- di un'espressione sol tanto figurata (an-
ne popolare, l'incantes im o non deriva che se indubbiamente metaforica), poi-
da un 'e nergia psichica individuale . ma ché ]' «incantesimo » è effet to della po-
da una forza magica , spesso demoniaca, tenza della menzogna ( ~ y6ric; IP, con
superiore all'uomo 10 •
la quale il ·dc; (o il gruppo indicato
L'idea di una 0acnmvi'.a non inten- col "t'lc;) ha dannosamente influito sul
zionale si riflette , p. es .. nella credenza
che i bambini possano essere stregati vovc; dci Gala ti ( cXVOJJ"!OL ) 12 • Non biso-
dal padre 0ckxavoc; (Plut., op. cit . v 4: gna pensare a una magia intesa in sen-
II 682 a), o che gli amici possano stre- so ingenuamente meccanico e detenni-
garsi tra loro (Heliod., Aeth. III 8 ), o
nistico, poiché il fatto più grave è che
che si possa addirittura aìr:òv 0acnml-
VELV (Plut., op. cit 682 bJ. i Galati hanno volontariamente ceduto a
questi incantatori e alle loro malie, ren-
Nei LXX ha solt an to il signifìcito di dendosi così inconsapevolmente schiavi
essere sfavor evole (anche in Dcut.28,54. della menzogna_ Si ricordi che la carat-
56; si trova poi solo in Ecclus 14,6.8). teristica della 0acrxavla è di agire sen-
Nel N .T. si legge salo in Gal. 3, 1 nel za st rumenti particolari ed eccezionali.

G. DELLING

Nel N.T. ricorre 27 volte, di cui 8 in ro e rende naHi'. come 0ci.o-"t'ayµa ren-
Le., spesso in parallelismo con cùpw e de massa'. Lo Schlatter cita come cor-
<pÉpc0. Nei LXX è relativamente pili ra- ri spondenti ebraici sabal e téi.' an 1 . Il

'" Razionalistica e lontana da!L1 concezione TER, Spracbe u. Hcimat des 4 Evglst.(1902)
popolare dell'incantesimo è la spiegazione di p . 132 .
Plutarco (op. cit. II 681 s.), che cioè il fatto ' Op. cit. pp. rIT,132,139; ScHLATTER, lob
tì sico del ~acrxczlvnv (nel passo ci tam Plu- p. 313. siibal significa origi nariamente portare,
tarco si riferisce soprnnutt.o al malocchio ) pro- nei rabbini per lo più nel senso traslato di
mana da un 'energia d ell 'an ima. sopportare, tollerare (dr. Bczcr-.6:sELV in Io.
" Ved i i passi di Filone ivi citati (praem. 16 ,12); riferito a Dio indica la conservazione
poen. 25; spec. lt:g. I 315; praem. pnen. 8; del mondo (dr. STRACK -BILLERBECK III p .673,
Of'. mund. 16 5.2; mm. II 40). su Heb. 1,3). tii'an significa 1) trans. caricare
" Forse però à.v61yrnL significa che i destin a- qualcuno di qualcosa, in senso metaforico ac-
rnri della lettera s i sono dimostra ti spro vve- cusare, incaricare qualcuno; 2) intrans. essere
duti come fanciulli di fronte al ~ao-xrxvoc; . carico di qualcosa, portare, dr. Bacr-.6:sELV
lo. 19,17 (non in senso traslato).
~ClCT"tÒ.~W 2
L'etimologia non ci soccorre. La prima ac-
PAssow s.v., PREISJGKE Wort. s.v.; A. Sun.AT- cezione attestata è « so11evarc », da cui può
( r,597) 218

significato orignuriu di ~a.cr.-cisHv è mctaforicarncn te la norma d i vi ta dei


incerto 2 . Nel N.T . si presenta in que- suoi discepoli (Le. q,27) 4
• A nalogo è
ste accezioni : ;1) prnuler su: lo. IO ,J t;
s vyòv ~et.cr'tacrrn di !l ct. 15 ,ro 5 . Più
b) portar uia. lo . 20,1 5 ; c) rubare: lo.
12 ,6 (cfr. Ios., ant., I, 316: Labano a volte si trova Bo:.a--rcX:sw nel s'Ìgnifìcato
Giacobbe: LEpci 'tE n<hpw. ~cw.-cicra.c; di sopportare (Io . 16 ,12; Rom. 15,r;
1
OLXTJ) .
Gal. 5,ro; 6 ,2 .5) 6 . Nell'espressione~
a'"tlyµa:w. Ba.cr'tciS<JJ, di Gal. 6,17, il
Poiché il portare è sempre una ma- verbo è sinonimo di f xw =avere in sé
nifestazione di forza che implica una (dr. Apoc. 7, 2; 9,14; 13,17; 14,r; 16,
concentrazione della volontà e un im- 2 dove signifìca portare il sigillo, o

pegno, ~a.cr.-cisw può assumere anche il nome, di Dio (Cristo) o dell'anticri-


un significato etico e di conseguenza re- sto). In Act. 9,15 ~a.CT"t'cXO"Ct.L "t'Ò ovoµci
ligioso. Tale è il caso di Epitteto (diss. p.ov esprime la dedizi one a Gesù in
III r 5 ,9: !Xvi}pw1tE ... -cl ouva.cret.L ~et.­ quanto Signore, che dev'essere la nor-
cr'tcicret.L; ). L ' espressione ~ cr'tet.vpòv ma costante di condotta deU' apostolo.
~et.cr-rcicra.L che in origine indica il 'porta- Bacr't'acrcu anche in questo caso equiva-
re' materialmente la croce da parte di le a EXéLV e nonostante il v. 16 non ha
7
Gesù (Io.19 ,17), passa poi a significare affatto il senso di sopportare •

F.BUCHSEL

derivare quella di « portare» per un traspo rto me l'intenzione di sottomettersi alla volontà
semantico analogo a quello di tollere . Il sen- divina ; il suo contrario è piiraq 'ol, respingere
so di « asportare » è ellenistico e dovuto for- il giogo (DALMAN, op. cit .). Ba.cr"t"ci.SELV invece
se all'influsso del latino tollere. è la sottomissione continua e abituale a Dio.
J Anche nei papiri. dr. PREISIGKE. w art. s.v. • Cfr. già Is 53 ,II (A) e I s. 53,4 in Mt. 8,17 .
' In ZAUBER , lvfithr. L iturg. r8,rr: [1a.cr"t'ci.ça.ç
' ovoµ.o.: [1acr-cricrm si legge anche in Herm. s.
XEV"t'PL"t'W; R EITZENS TEIN, Poim. p. 227: crov
8 ,10,3 (dove indica il fedele servizio di Dio,
lii: "t'Ò 7tvEÙJ.W. [1a.cr"t"ci.ça.ç Etc; Ò:Épa.; DEiss- contrapposto all'apostasia); 9,28,5; analoga è
MANN, B. p . 270: Ba.n6:~w -ci)v -w.cpi)v 'TOv
l' espress ione rpopEi:v -rò ovo1.tcx. s. 9,13,2.3;
'OcrlpEwç.
q ,5.6 ; r5,2 (= professars i cristiano). Cfr. an-
5
L 'esp ress ione çuyov [1a:cri:6:cro.:~ era trad iz io- che XEXÀTJ!.lÉvoL -rc{l òv6µa."t'L xuplou: s. 8,r,r.
nale; cfr. did. 62 : ~o.:cr"t"ricrm oÀov "tÒv su- Poiché nel battesi mo il nome dcl Sig nore vie-
y òv "t'OV xupl:i•J e çvyòv ... V'ltEvEyxEi:v ; Ios., ne invocato per la prima volta sull 'uomo (Iac.
ant. VIII, 213 e Sc11LATTER , Mt. a n ,29; inol- 2. 7), i [1arnrisovn:ç "t'Ò ovoµo.: xuplou so-
tre Lam .3,27 e passim. Il qiibal 'ol dei rabbini no i battezza ti (cfr. V . HEITMULLER, Im Na-
(Sc m .ATTER , op. cit.; D ALMAN, W.f. 1 p. 80) men Jesu (19 03 ) p . 9 2,297 ), ma il riferimen-
signilìca OÉXEO'Òa:L çvy6v e va perciò distinto to al hattesimo non è necessa ri ame nte impli-
da [1cx.nriçELV s •Jy6v. qabal = OÉXErJfJa:L espri- cito n eJ!J formula .
{l ,598) 220

Ba.'"t-coÀ.oycç nei cnst1ani e nel corp.


gloss . Lat. lll 334 , i3. Sommamente
Nel N.T. si trova solo in Mt . 6,7: improbabili sono Je spiegazioni del
Blass (che si rifà ad al tre precedenti) 2
chiacchierare, ciarlare. I non cristiani
secondo cui si tratterebbe di una for -
- in questo caso possiamo dire anche mazione ibrida con Àoyo- e il siria-
i non giudei - credono ' di giungere fi- co btl (aramaico = da nulla, ozioso;
no alla divinità competente ad accoglie- quindi rja.T-ret.ÀoyÉW = dir COSe da
nulla, oziose ), e quelle affini dello Zahn
re la loro preghiera enumerando i vari
e dello Schlatter 3 : « raccogliere i ra-
nomi degli dèi (fra i guaii non cono· mi del cespuglio di batta », quindi
scono quello giusto e appropriato), e « afTaticarsi per null a ». Infatti a que-
soprattutto - e questo vale anche per i ste interpretazioni è legittimo obietta-
re: poteva una parola cosiffatta trovar-
giudei - credono di farsi esaudire stan· si già nel vangelo palestinese? E pote-
cando Dio con continue richieste. Gesù va il redattore del Vangelo di Matteo
invece esorta i suoi discepoli alla tran- pensare che i Greci indovinassero il
senso dell'ibrido vocabolo mezzo greco
quilla fiducia nel « Padre » ( ~ aBBa ),
e mezzo semitico?
al quale bisogna rivolgersi con questo Anche dal lessico greco non si ricava
solo appellativo; Padre che ai suoi figli, nessuna soluzione soddisfacente. Esi-
purché si professino tali chiedendogli chio (s .v . ) afferma , è vero, di convscere
la parola Ba"C"Coç 4 , che egli interpreta
il suo regno, concede ogni altra cosa
come « balbuziente »; ma se effettiva-
(6,33). mente (3a.ccoÀoyÉw fosse stato compo-
sto con il tema Bet.'C'tO- e con la srnaba
I termini della famiglia di Ba:na.Ào- radicale Àoy- non si capirebbe :la va-
yzw, anche i sostantivi, sono di uso co- riante dei codici S B, (3a.-r-ca.Àoy-, che,
sì raro che una soluzione esatta del pro- stando alle nostre attuali conoscenze, è
blema dell'etimologia non è possibile . la forma più antica 5 . L 'ipotesi più ve-
Bet.'t'tet.ÀoyÉw ricoi;re iri Simplicio (in rosimile è pur sempre che (3a:'t'tet.Àoyzw
Epict. ench.37 a E (p. 340 Schweighau- sia ~n composto formato liberamente,
ser), nella vita.Aesopi (46,21 Wester- e senza riguardo alle regole grammati-
mann) 1 e negli scrittori crisstiani; Ba.'t- cali, sull'analogia del più usato (3a't'tet.-
'tOÀoyla: in Esichio 1 e nei cristiani; plsw e con la radice comunissima Àoy-6 •

f3a:r-ra.ÀoyÉw
Bibliografia in PREUSCHEN·BAUER s. v.; DAusc11 ta nel lessico di Liddell-Scott (togliamo la no-
Synopt. p . 122. ti zia e.la! Debrunner). Bci-r-roç è altrimenti no-
' Dobbiamo la notizia di questi p<1ssi al Dc· me propno.
5
brunner. P erciò an che nt>I corp. !!,loss. Lat. llI 73s5 :
1
Fu enunciata per la prima volta nella secon- battala?.,o (sic 1 ) de/ero (da intendere: f3a.-r-ra-
da edizione della grammatica e si trova ancora ì.oyt;i, deliro) (Debrunner ).
in BLASS·DEBRUNNER 6, par. 40. Il Dcbrunncr • Anche il lessico <li Liddell-Scott ammette
l'ha poi abbandonata. impliciramente un ' etimologia del genere in
' Entrambi a Mt. 6,7. quanto associa il verbo a f3a-r-rapll'.;w e tra-
' Sulla fede di Esichio la parola è stata accol- duce balbettare, ripetere: le stesse cose.
~OE ), u0"0'01w.L (\Xl . foe rsrer) ( 1,599) 222

Si tenga prese nt e che entrambi i verbi no ad un'esatta anali si storico-lingui-


so no indubhi <imcnrc voci onomatopei- stica .
che / e che qu es te talvolt a si sottraggo-
G. DELLING

t 0òE).vc;o-owx r., t 0òD.uyµcx ,


t 0òEÀ.vx-r6s
D ;1 un tema che indica qualcosa che µcxi . Si trova inoltre la for ma attiva
suscita ripugnanza 1 si trovano di fre- 0òEÀ.uO'crw co l significato di ' rendere
quente negli ~crit ti profani 0òd"vp6ç abominevol e ' in Ex. 5,2r; Lev. II 43 ;
e i suoi deriva ti 0òEÀ.vpEvoµm e 0òEÀu- 1 Mach. I,48; vi è pure il significato
plcx, che esprimono un :ontegno scon- classico del medio e quello più largo e
veniente e sono affini ai vocaboli, che più comune di ' aver ripugnanza ', ' re-
spesso lì accompagnano, à.vcxlo-xvv-ros , spinge re ' , oltre alla form a propriamen-
~ncxp6s, -i}pao-uc;. In particolare questa te passiva nel senso di ' essere detesta-
famiglia di parole indica azioni turpi e to': Is. 49 ,7; 2 Mach. 5 ,8; Ecclus 20,8.
vergognose 2. Invece del gruppo di pa- Il perfetto passivo ha il significato di
role 0òùvo-o-oµcxL, 0òùvyµlcx, 0òD"uy- 'essere abominevole, impuro ' : Hos. 9,
µcx, 0òEÀ.ux-r6ç, 0òEÀ.uyµ6ç, che fanno ro , Lev. r8 ,30; Iob 15 ,16 (giustappo-
capo al tema 0òEÀvx-, le tre ultime non s to a chci:i}cxp-roç) , Prov. 8,7; 28,9; Is.
si trovano al di fuori della letteratura 14,19; 3 Mach . 6,9. È attestato anche
gi udaico-cristiana 3 . 0òEÀvo-croµcxL è at- un passivo col significato di ' agire in
testato come medio passivo con l'accu- modo abominevole' in ) Bcxcr. 20,26;
sativo, per lo più nel significato di ~ 13,1; 52,r. Conforme. al significato
' esser disgustato ', ' aver ripugnanza '. di ' aver ripugnanza ' abbiamo 0o~À.uy­
Questa accezione nel greco più tardo µcx, ' oggetto di disgusto ', 0oEÀVX"t'6ç,
si tra sforma talvolta in quella di ' bia- aggettivo verbale=' detestato, impuro',
simare ', ' detestare ' 4 • 0òEÀuyµ6ç : Nah. 3 ,6 = BòEÀux-ròç voµl-
Nel lessico biblico mancano 0òùu- SEcri}cxL.
p6ç e i suoi derivati 5, mentre invece è
largamente attestato nei LXX il gruppo
di parole che fanno capo a 08EÀuO"cro- I derivati dalla radice ~ÒEÀvp- man-

' Così PAssow, BmsACQ s.v. ~a. ·t"t a.pi~w e PoEÀVtrcroimL x-r À.
già il lessicografo Esichio, s.v. ~a.Tta.plsw . 1
Cfr. E. KIECKERS, Indogerm. Forsch . 30
Perciò non va data nessuna importanza al- (1912), pp. 190-192 .
la varian te ~a.nì,oyla. di Esichio. Che il 2
Esempi in LIDDELL-SCOTT J.v., speciaLnente
verbo sia connesso con ~a:i:( -r )a.Àoç è da esclu- Aristoph., ra. 465, nu. 446; Demosth. 25,27:
dere , poiché quest'ultimo è in terpreta to dai PoEÀupòç ita.t à.va.Lo-fiç e l'espressione analo-
gramma rici in tutt 'altro senso (dr. i lessici). ga di Aeschin . I,4I.
Una conferma (togliamo anche q uesto dal De- 3
Si tr0va però ~OEÀv x -r6ç nel composto ~oE­
hrunner) si ha in Eschine 2 ,99: D emostene Àvx-rponoç.
EV nm rrL. wvÈx°f.11i}TJ fh ' a.ì.rrxpovpyla.v ·i:wà • Polyb. xxxiv 14 , 1: yEyovwç Èv -rn 1'tOÀEL
xa.l xLvmola.v Bch·o:).cç; dove la parola in<li- ~oEÀv-r-rncu -rr1v ·ço-rE xo::-rcicr-ra.crw.
ca il pederasta. ' Si trova però in Filone (det. pot. ins. 95 : ò
-rov ~OEÀupwç xa.ì. rXO"E),ywç sliv a.hLoç).
cano nella Bibbi a poiché qu esta non divie to di mangiare J e termiru ti cibi
mira a definire l'intrinseco ca ra tter e ri- quanto ' far qu alcosa di detestabil e',
h. AL'. 6 6 a = h fl u!. r r4 b ; h. Shllb.
pugnante di determinate cose, m a a 145 b : '1oklim fqwsjm . La stessa rad i-
rappresentare con espression i pla stich e ce t' b può indicare anch e la proibi z[,)-
e antropomorfiche il giudizio e l'att eg- ne tempo ranea o permanente di con-
trarre matrim o nio, b. Nidcl. 7oa ; j. Jeb .
giamento di Dio verso di esse. Perciò
4.6 b e h ]eh. rr h ; in 44 b mtw'b lpnj
(3ÒÉÀ.vyµa e (3oEÀV-nwi}aL nei LXX in- hmqwm significa ' respinto' , 'detesta-
dicano fondamentalmente l'avversione to da Dio'.
e la ripugnanza divina verso ciò che è Specialmente in molti passi della To-
oggetto di attenzione da parte di Israe- rà ci si può chiedere se lavversione
le. Nelle parti giuridiche dell'A.T. si espressa dalla radice ~OEÀux- sia solo
tratta anzitutto di oggetti che, dal pun- religiosa, oppure anche naturale ed este-
to di vista rituale (e forse anche esteti- tica 7, come quando , per es., si defini-
co), sono impuri, abominevoli, detesta- sce un ' orrore ' mangiare determinati
bili e in secondo luogo di oggetti pro- animali , oppure l'incesto e il mondo
priamente pagani che l'A.T. considera pagano vengono qualificati come ' abo-
sommamente spiacenti a Dio. P erciò si minevoli'. Probabilmente un'approfon-
chiamano (3oEÀ.Uyµrna gli ste ~s i idoli dita analisi teologica accerterà che le
( = fiqqiìsim ). I profeti biblici usano due componenti sono inscindibili negli
la parola in questa accezione ( 'IEp . r 3, autori dell'A.T ., poiché qu esti non pos-
27 ; 39 ,35; 51,22; Ez. 5 ,9.rr; 6 ,9 , ecc.) sono veder nulla cli esteticamente e na-
e in un'altra più ampia che si avvicina turalmente ripugnante nel mondo che
ad civoµla ('IEp.4,1; Ez. 11,18; 20,30; è creato da Dio e quindi buono, e ciò
Am. 6,8; tV 5 ,7; 13,1; 52,1; u8, 163; che essi considerano e defìn iscono 'abo-
I ob r 5 ,r 6). A conclusione di questa evo- minevole' lo è soltanto in rapporto al-
luzione semantica nella lettera tura sa- la volontà e alla legge divina.
pienziale la radice (3od.. vx- non indica
La radice 0oEÀ.ux- nei LXX 8 è a) tra-
più la ripugnanza per il mondo pagano, duzione costante della radice ebraica
ma soltanto l'avversione di Dio per il t'b (92 volte). Eccezioni: 6 passi di Ge-
male (Prov. 8,7; 11,1.20; 12,22; 15,8 remia, Esdra, Cronache, e inoltre Eze-
chiele e Proverbi . In Ezechiele la radice
s. 26; 20,17; 21,27).
t' b ricorre in tutto 44 volte, e in 30 non
Questa accezione si riscont ra ;rnche è tradotta con BoE).ux- e in 24 di que-
nei rabbini M. Ex. 20,21 : kl gbhj lbb sti casi è resa con civoµtw e derivati ;
qr wjm tw' bh 6 , insieme però a que ll a nei Proverbi t' h in 8 casi su 2 l n o n
più antica che può significare tanto il è tradotta con (3òE ).ux- e in 5 di que ·

• SCHLATTER, Lk. [l . .ò79· idol i in 2 Chr. 29 ,5.


1
Tale sarebbe il riferiment o di niddà agli ' In qu es ta p l rt e segu icirno il BERTRA!\1.
U 'j (1 ,6 00)

qi con axci.Vap i:Dç , 1bwi\apo·la . Inol- quando in r 7 A ss . dcfìn iscc 0òEÀ.,jy-


f re b) 0òEÀ.ux-· ( rarame:r1te attestato)
[ UJ.cCt le abominazion i dd P <igane ~ imo,
traduce alcuni term in i ch raici indican-
e così pure in 2I ,8: T OÌ:C; OÈ oa). o~::; XIXI~
ti gli idoli insi eml' a EÌ'.O<dÀ.ov , yÀ.un-
·cév, XELPOTCOLr)l:ov, 116:-rmo v, Òaq .toVLOV, Ò'.7CL'.T'toLç, xaì. ÈBo::: ì.vy1tÉ'JO L(,; x a. L q>~­
i:'vìJvrw., Ènvr1JÒEV[W. . l nfìn e e) traduce VEVULV xrxì. n6pv ~nç xrxi. rpa.ppax:ai:ç xa..ì.
spesso, insieme a npcucx iÌl~uv , Ti poo-6-
EtOWÀOÀ.a"t'piXLç X.CXL ii:tXCrt.V 'COL::, tVS 'J-
xìJwrux, la radi ce sqs (9 volte in Lev. ,
20 nei Profeti compreso Daniele e in J'LV 't'Ò [dpoc, ... ÈV
ÒÉ:C "'t"fl ).i'.[t'rO, e in
tre altri casi). u,27: ;;;(iv xoLvÒv xcd, ò ;;:olc'Dv Bòi-·
I LXX riprendono quell'ampliamen- À.vyp.a xaì, tVEÙooc, .. . La frase di Tit.
to del significato di P,oEÀ.vx- che era l 6; 0òEÀ.VX't'OL OV't'EC, XC!..Ì. cX'Tt E~flEi:ç ,
'i
stato iniziato dai profeti e staccano il
co nce tto dalla sua base istinti va ed este- invece, ha senso pii:1 generico . L 'acce-
tica, sia traducendo to'èhd con termini zione profetica e sapienziale è ripresa
etico - giuridici quali àv or tlo: (----0> col. da Gesù in Le. r 6, e 5: 't'Ò È\) à1n)9<,J-
222 s . l, sia dando a 0oÉÀ.vyrux il signi-
Tr.OLC, ùtJ.iTJÀ.Òv 0oÉÀ.vyp.a. Èvc0m:iv "t'O'J
fìcato prett<imente etico che tt/èha ave-
v~1 assunto specialmente nei Proverbi. i}Eoù , dove 0òtÀ.vyria, inteso nel suo
La trasformazione è particolarmente senso affatto concreto come l'ogge tto
evidente in Ecclus i5,r3, dove i LXX della pii:1 forte , perché più naturale , ri-
rendono l'endiadi r ' h wt' bh con -rr.av
pugnanza dell'uomo, serve ad indicare.
0oÉÀ.vyp.a. Come espressione del con-
trasto fra Dio e la volontà dell'uomo, completamente al di fuori dell 'accezio-
0oÉÀ.vyrm può signiflcare anche la re- ne naturalistico-estetica e di quella ri-
sistenza dell'empio ~l'lla volontà divina tuale, la santa avversione di Dio verso
(Proz; 29,27; Ecclus r,25; 13,20).
tutto ciò che gli uomm1 considerano
L'A.T. esprime con BoE).vx- un aspet-
grande.
to della missione del popolo ebraico:
In Mc. 13 ,14 par.: ého:v oÈ LOT)'t'c
ossia il d is tacco assoluto dal pagane-
't'Ò 0òÉÀ.vy1.m -rl]c, Èp1Jp.wo-zwc; ÈO'"t'T)x. 6-
simo nella vita esteriore e materiale.
"t'a. onov ou ÒEi: 9, l 'espressione 0ozÀ.u y-
Il N.T. svincola l'opposizione al paga-
µa. ÈpT)p.<;)O'Ewc;, che in Dan. r2 ,1r in-
nesimo dal piano nazionalistico e natu-
dica la sconsacrazione del tempio fatta
fa ter-
ralistico e perciò usa raramente
con un'immagine o un ahare cli Zeu s,
rninologia connessa con BoEÀ.vx-. La
si riferisce all'Anticristo ; ciò è prova-
es pressione di Rom. 2 , 22: 6 0òEÀ.vo--
to dalla concordanza ad sensum (0òÉ-
o-6r tEvoc, ,a, Ei'.orJJÀrx lEpocrvÀ.Etç, ha ca-
Àunw:, neutro , fo"t'TJXO"ta , masch .), e
ratt ere profano , ma si rifer isce eviden-
il confronto con 2 T hcss. 2, ) s.
temente a qualcosa di pagano. L'Apo-
calissi s i attien e all 'A.T. e ai rahbini \Y/. Fo E RSTER

' Per 0oÉÀ.uyrLa Èp1uu:..rrn0ç vedi E. Ni:sTLE 70 2 s.; STRACK ·Br1.1.rn13ECK I pp . 9-l5 , 95r;
in ZA\Y/ 4 ( 11<K.+ l p . 2..)8 ; ScHI.ATTEH, Mt. p. tv1ooRc 1 p. ;ri 7. <i ; Elì n 2148 -50.
22ì( l.60 1) l J.IHI !) 2.~8

;:i,ç a.ù-ra o.tC:iva c'/J'J' ;-(EP 6.Mva.1:a.. Nel-


l'uso pratico, se non nell'accezione ori-
BÉ0a.coc, 2 che sta saldo sui pil'ili, sta- ginaria , 0ÉBaLoç si a vv!ciJhl quindi a ..._,.
.bile, che offre stabilità e fondamento;
;,1c1tro per ... ; Thuc. JV 67 : ;w.i. "'C'oi:ç
-:Civ 'A lh1val1<lv ÒTIÀ.i'. -ra.t.ç EitLifJE po1.1É·· ~Éf; a toc; è usato sovente riferito a
'JCLC, 0E0a.louç -rù.c, 7t:vÀ.a.ç -;;;a.ptGXO'J. ),6yoc;. Un 0É0moc, À6yoc; è un À.6yoc.
Di qui ' stabile' nel senso di: ciò che consistente, sicuro, fondato e compro-
ha in sé la stabilità 3 . Riferito a con- vato, ossia un Àoyoç che poggia su una
cetti astratti o a persone 0E:0moç signi- conoscenza obbiettiva e fornisce esso
fica duraturo, sicuro, fidato, stabile, stesso dati obbiettivi. Perciò Plat., Tim.
certo. Xenoph., Hz er. 3,7: 0E0a t6-ro:-.cn .+ 9 b: mo--r0 xa.ì. 0E0al~ XPrJGCX:aita.L
c,n),lo:c, Stob. ecl. IV 625,2: 0E0cuo-rÉ- ).6y~, Pha cd. 9oc: À.oyoç 0t0a.LOç xai
r;a.'J EX.E 'tY]V cpLÀlO:'J rcpbc, -ro vc, YOVELC,, 6.ì,YJlÌT]ç xa.~ 8uva-ròc, xcx:-ravoijacxL (i:-i
Plut., Anton. 3 (I 9r7 a): eX[W. xa.1. 'tYJV prece d enza si legge: ov-rt: -rwv npa.yµa-
~òòv àcrcpa.Àfi ·n{) G'tpCX'tEV[ta'"CL ìW.L ' TJV 1:0Jv oÙOEVÒç ovÒÈ.v ùytÈC, ovoÈ SÉ0mov
0.:rcl8a. '1'1jc, vlxnç '1'0 o-'tpa.'tìJY0 Si- ov-rE '"t'WV ).6y(vV ). Il con trasto risulta
~a.wv, Pseud-Isoc. r,36: TTJV na.p' ÈXEL- evidente da Tim . 37 b: 861;,a.t xai nl-
'J(JJV t:vvot.a.v 0E0mo~Épav EXELV, Philo, G-rnc, rl yvoV'tCXL StSaLOL xaì. à.ÀT)tk'Cç.
quacst. in Ex. 2,45 : wc, +lxov-roc, Elç 0E- Le stesse accezioni sono proprie anche
~a.Lo'tci 'tl]V ìtLG''tl V 'tWV µEÀÀéV'tWV \10- di 0E0c:uovv e 0c0a.lwGLc;. 0E0aLOvv (at-
[tclJE":ELG"itG.L, plant. 82: 8Là -rovit' opxoç tivo e medio) stahilire, consolidare:
1llvor..tciaitri npoacpufo'tcx:rn -rò nla-rEwç Thuc. vr ro: w(] ... à.pxfiç aÀÀl]ç òpt-
(3E0etLO'ta'tl]ç avµ0oÀOV µa.p'tUpLCl.V iJEo\j r rn·bm T.:pÌ.v fiv EXOl..lEV 0E0CXLWO'WµEita.,
7tEptEXOUG'l]ç, Epict., diss. n r r ,20: &0E- Plut. Sulla 22 (I 466 e), Plat. Crito 53 b:
$a.lc!,> ovv -rtvL ilcxppEi:v O.i;t.ov ; Ov. r1Yi 0E0G.LWO"El.C, 'tOLC, 8LXC1.0''tai:ç 'tYJV 861;,cxv
" ovv SÉSmov -ii i]òovr]; 1 v I3 , 1 5: 8ci:- (rafforzare), Polyb. m Jr r ,rn : SESm.1.0-
ç6v l..lOL amu-ròv mcr-r6v, a.l8r]µ ova., aHv -~µi:v TIÉTIELG"~La.L -rac, Ena.yyEÀla.ç
$É0mov, 8Ei:!;ov on ò6nm-rcx EXW:; qJL- (adempie re) . Anche in senso assoluto
ÀLxci. 4 • Il significato di St0cxt.oç si illu- Xenoph., Cyrop. vr11 8,2 (mantenere la
mina assai bene con il seguente passo parola), Thuc. r 2 3: 'ta 'tE 1tpé't'Epov
di Filone, vit. J\.1os . II 14: -ra ùf. 'tOV- ò:xon i1E:v ÀEy6µrnx, Ep y 1~ òÈ ancxvLt0-
'ou l..lOVOU (VO!LOU) 0É0aLa., ò:.aaÀc:u•a. , 'tEpov 0E0awvp.Eva. (confermare), Thuc.
àxpa8a.v-ra, xaitci7t:Ep o-cppa.jLÒL (jlVCTEWc; II 42: ÒOXEL 8É µoL bì]ÀOVV àv8pòc; &pt:-
a. ù-rl]c, GEGYJ~wo11Éva., J lÉVE!. TCay lr,,)(;, -r·~v 1tpu'.nl] 'tE p.l]VV OUO"a. xa.l 'tEÀEU-
&.cp' Tjç Ì)[.lÉpa.c; Éypcicp·11 [..lÉXPL vuv xa.ì. -r a.l cx ~E0et LO VO'CX Ti vvv -rwv8e: XIX't'Cl-
-::pòc, 't'ÒV Emt-rcx nci.v't'a. òiap.EvEi:v D.- VipO(PrJ (sigillare), Epict., diss. II 18,32;

;3É~CJ.LCc; X"t" À. .
1 ~ ma confronta anche pi\1 av. col. 2 32. 1 Di s tinto &i -:;"tEpE6ç = « duro ».
' ~<Bo:vi:o:: ~r0a.v'.l'Loc; dr. E. Sc11wYZER, ln- 1 Non si potrebbe invece parhire di una H.n~:;
dog. Forsch. 45 ( 1927) 252 s. '.l''HPEii.
n9( 1,601j ( l , (1 0 1) 230

P lat. Gorg. 489 a : 'C vrx ... (lEficrn.0crwµ cn s t c nz ~1. y 118 ,2 8 : (3E(3at'.wa6v J..tE Èv
i]ò'r, mxpà croù (mc lo Jorfi.t rn11fermare ), 't'ci:ç À6yc 1.c; o·cu dammi un fo ndamento
Philo , somn. I I 2: -crx É vÒow.~6µi:va. nella t lia f1i1rola (equivalente ebraico:
't'WV n:payp.a <vJV opxrti Òuxxpt'.VE"t'IXL xal qzim ncll:t fo rma pi'el). 3 Mach. 5,4 2:
·rà à0É0aw. 0E0moù-rm ;w.1. ·rcx an:w<a Q't' E).ÉG-W."CO \J (3E(3C<hvç opXOV opLo·a p,E-
Àcqiç3ci.vn n:t'.cr<LV (convalidare). U sa to VOç, secondo R cX1: . È[3E~G.LWCTEV opxov,
in se n so generale 0E0r:u6c.J può equiva- 6pwaµEvoc; ...
le re a un itOLE Ì:v rafforza ro: Xenoph.,
an VJT 6, ' T Èàv µ ·ii 0E0cnw "t'i}v Tipii- L'es pre ss ione [3E(3mouv 't'ÒV À6yov è
!;Lv a.{rn:;J (compiere, eseguire). Esempi sconosci u ta ai LXX m en tre si trova
di accez ione chiaramente mediale: as- ò:.va<r't'i'jcrcu Àoyov Az. r 3 ,6 = con fer-
sicurarsi, Thuc. vr 78: -nìv ÈxEt'.vov <pL- mare adempiendo (q1.lm forma 71i'el) . È
Àt'.rJ. v oùx -ficrcrov 0E0<XL!.0cra.crila.L Sov ÀE- interessante come Simmaco in Gen. 4r ,
cri}m , Polyb. n 2r,5 : 't'à n:Epl Sonildaç 3 2 anziché à.), l]il'Èc; EG't'CX.L 't'Ò pi'jµcx. -rò
0E0a.Lwcrw,-ilm. Per 0E0a.lwcrLç cfr. Vett. ~ apà <o0 il'rnv traduca 0É(3cx.LOv ... La
Val. I 1 (p. 2,28 Kroll): 6 oÈ "t'OV ÀLÒç parola cli Dio è (3é0a wç nel senso che
O"'YJ!.WLVE~ .. . XOLVfJJVLIXV, EÌ.uTColT]uLV, aya.- ci si può fidar e di essa, ch e ' coglie il
i}r7.Jv 0E0cx.lwuLV, xa.x!7.lv ànaÀ.À.ayfiv. segno ', ossia è vera . Analogam ente in
In rife rimento al Àoyoç 0E0cuouv (e ljJ 88 , 2 5 in luogo di x cx.L 1i Ò:.À:r'iltrni
0E0a.t'.10crcç) valgono fondar e, motiva- p.cu xa.l 'tÒ E),E6ç J.Lcu 1..lE't'' m'.nou la
re : Plat. , rcsp. V 46r e: OEÌ: ol) "t'Ò l..lE't'cX ve rsione di Simmaco p o rta xcx.i. 1J 0E-
't"OU't'O [3E0a.Lt0ua.crila.L mx.pà 'tOU ).6yov, n.pa.Ll.ùO"Lç
' ' [..lO\J Xct.L' 't'O "' ' !lO U.. . Il.. t er-
' E/\.EOç
Lach. 200 b: xcx.1. Èn:nMv 0Eç3aLwcrw- mine originario è 'emimd e perciò la
J..taL cx.ù"t'a, 0Loa1;!0 xcx.l d .. ., Epict.,diss. traduzione esatta (~ ç3Eç3a.lwcrLç che non
n r r ,24: xo.l "t'Ò qnÀo<rocpEi:-11 't'oih6 fo- va inteso tanto come ' assicurazione ',
't'LV, Èm<rxÉr."t'wita.L xcx.ì, [3Eç3movv -roùç ' garanzia ' quanto come ' rafforzamen-
xa.v6vcx.ç. to ', 'consolidamento' o ppure anclie co-
me ' assi curazione ' ma sul p iano vitale
Nei LXX 0Éç3a.Loç X't'À. compaiono
ed esistenziale ( ~ à.À·r'j1'rn~).
rarame nte : 3 Mach. 5, 31: à.TIOOEOELy-
µÉvov . . . (3E0cx.lcx.v ni'.u"t'LV ... 'Iouocx.l-
t.N,una fedeltà sicura, incrollabile; 3
Mach. 7 ,7: [3Eç3cx.lcx. EUVOLe<; Sap. 7,23:
nvEvµcx. (3t(3a.Lov. Ricompare in (3Eç3cx.L-
ovv l 'accezion e originaria: tjl40,13: ȵov Nel N.T. si trovano a) anzitutto le
oÈ OLrX -ri}v àxaxla.v à.v-rEÀrif3ou xa.t accezioni correnti di (3r(3a.Loç x-rÀ. ma
Èç3E0cx.lwcrci.ç µE Èvwm6v crov dç "t'Òv
nella loro espres sione originaria. H ehr.
a[r0vcx.. R traduce Ècr't'EpÉwcraç µE. L'e-
quivalcnre ehraico è nsb nella forma 6,19: &yxvpav ... lXGcpcùi'j 't'E xcx.t ç3E-
=
hi/'il ( collocare), che . in altri casi è (3a.la.v fidata , sicura. stabile . 2 Petr. i,
tradorto p.es. con fo··n1o·Ev (Gen .21 ,28 , ro: ... 0'7tovM<ra't'E 0E0cx.la.v ùp.wv "t'TJV
Deut. 32,8), ÈG't'YJPLO"EV (Prov. 15 ,25),
ÈO"'t'YJ f.WCTE V (Lam 3.12). TI pe nsiero di xÀ fl<rLv xa.i. ÈxÀoy1ìv noLEi:<rila.L = ren-
4' 40 .13 è che l 'uom o trova in Dio il dete sicure e valide la chiamata e la
fondarncnto eterno d ella propria esi - elezione (s'i nt ende at traverso l 'eserci-

° Cfr. anche i\. Selli ATTFR, Der Glaube jm


231 (1, 602) ~~~a. ~o ç (H. Schl ierJ ( i .(HJl) lp

zio della-? cir;t:r~ ) . l febr. ), f4 (3, 6) : Signore » . C leci to però supporre che
lchrm:p -ci}v cipxYiv -rijç v-rtoncicn:r,Jç in questi scritti gnostici fosse usa to
µÉXPL -cÉÀous (3E(3a.i'.av XCX"t:ciCTXWIJ.EV. L! quasi sempre non 0t:f3a.wvv ma O"-ri]pl.-
partecipazione al Cristo è concreta ed sn v, anch'esso termine tecnico. Ua con-
efficace nella misura in cui noi mante· front o fra 2 Th ess. 2 , 17 e Hebr. 13 ,9
niamo saldo e valido il principio sul dimostra comunque che non era inusi-
quale è stata 'fondata' 5 la nostra pe t· tata l'alternanza dei due verbi . In R.om.
sana. In 2 Cor. l ,7 la O.;ci'.c:; è definita r 5 ,8 il verbo f3t:Ba.LO(<J ricorre in una
(3E(3ala nel senso di stabile (che non accez io ne piuttosto lontana da quell'l
vacilla) mentre invece in riferimento a origina ma in significativa connessio ·
imx:yyEÀla in Rom. 4,16 (3E(3ai'.a signi- ne con la à.À Tifrna ikou. La verità di
fica stabile nel senso di valida, che vie- Dio si manifesta nel ' compimento ' os-
ne mantenuta. In complesso quindi nel sia nell 'opera ciel Cristo che assolve ora
N.T. prevale l'accezione originaria di le promesse del Padre; allo stesso mo-
f3i(3aLOS ossia stabile, poggiante su un do il 1tpO(j)Tj'':LXÒS À.Oyos è (3t0a.LOS, si-
fondam ento sicuro; in riferimento però curo, fidato ma anche e soprattutto va-
a determinati sostantivi l'aggettivo as- lido in guanto esso ha avuto per il cre-
sume il significato di valido . dente la conferma dell ' esperienza, 2
Petr_ 1,r9. In questo caso quindi il À.6-
Lo stesso vale anche per (3E(3cuouv; yos è (3i(3aLOS non perché, secondo la
così in Col. 2,6 s. dove ÈppL~w1..lÉvoLxaì. concezione greca, forni sca una cono-
btoLxoooµovµEvoL Év atrt0 (ossia XpL- scenza obbiettiva ma perché fondato su
cn<';l) viene ripreso e illustrato con xaì. un avvenimento. Ciò risulta ancor più
(3E(3cuouµEVOL 't'TJ 1tLCT'tEL xa.frwç ÈOLOciX- evidente da H ebr. 2,2 che va così tra-
i}i]"'CE ... = attraverso la catechesi apo- dotto : «poiché se la parola pronunciata
stolica la fede ha reso stabili i credenti dagli angeli divenne (volta per volta)
radicandoli ed ' edificandoli ' in Cristo. valida e ogni trasg ressione e di sobbe-
Lo stesso concetto di una stabil ità che dienza ricevette 1a punizione adegua-
si acqui sisce attraverso il Cristo ritorn.1 t<L.. ». La ' stabilità ' e la ' fondatezza '
in rCor. 1,8 : oc:; xaì. (3E(3cuwcrn ùµac:; ... dcl Àéyoc:; si manifes tano quindi nella
Un uso analogo si riscontra nella gnosi sua efficacia . Il Àoyac:; insomma è (3É0aL-
orientale: p. es. O. Sai. 38 ,16 : «Io fui oc; non perché colga con sicurezza il ve-
reso stabile e ottenni vita e redenzione, ro ma perché si manifesta, agisce, si
il mio fondamento era posto allato del afferma.

6 DEISSMANN, B. 100- 105 ; N.B. 56 ; CREMF.I\· 269; O . Ecrn. J<cchtsgeJCbichtlichcs z. N.T.


KijGEL 2r8; M1TTE IS - \'\I Jr . CKE ~ 11 r,c8 8 s s., (r9r8) )8 s .
2 33 ( 1,60))

Q ucst ,uso e' ~trcttamcnte connesso g,iuridicamentc valido) 6 Qpxcç. Phil. r,


con una partirnlarl' accezione di 0t0cn·· 7: EV 't"E -i:oi:ç owr.wt:c; [.l0lJ xcd Év 'tU
oc;, 0E00'.LOVV, l::IErfo.Lr.JO'Lç, presente an-
a:rroÀoylq.. XCl.Ì. ~E0ai.t:)(rEt 'tOV EÙayyE-
che nella lingua classica ed ellenistica e
sorta nell'am hito ,giuridico . Quando il ÀLOV ... (anche CÌ7toÀoyla ha un signifi-
6

cedente garantiva all'acquirente la com- cato giuridico-tecnico) 7 • Per l'Aposto-


pera contro eventuali pretese di terzi lo il suo EuayyEÀlsEaitaL nella prigio-
si diceva che effettuava una 0Er::lo:lc00'Lt;
ossia una conferma giuridicamente va- nia equivale a un'apologia e a rendere
lida dell'acquisto e in tal modo ne as- una testimonianza valida attrnverso la
sumeva la garanzia ( auctoritas, evictio ). quale il Vangelo stesso si afferma nella
L'acquirente poteva in ogni caso esige-
sua validità ed efficacia giuridica. È
re dal cedente il 0E0mw0-o:L e, se la ri-
chiesta non veniva soddisfatta, poteva questo un dato generale che trascende
accusarlo 'di mancata 0E0o:lwcnc;'. Que- la situazione contingente d1 Paolo come
sta terminologia tecnica del diritto con- risulta da Hebr. 2,2. Se già il v6µoc; è
trattuale è presente anche nei LXX; cfr.
0t0aLoç (giuridicamente fondato direm-
Lev 2 5 ,2 3: xo:ì, +i yTj ou 7tpo:ltT)o-E-ro:L
dç 0E0aLfJ)O'LV . ɵÌj ycip ÈO'"tLV TJ yi'j, mo noi) , tanto più lo sarà la O'fal'tì]plct.
ÒLO'"t'L 7tpoai'JÀu't"OL XO'.L 7tcipoLXOL vµEi:ç che fu annunziata per la prima volta
ÈO''"t'E ÈVCXV't"LOV ~LOU dove dc; 0E(3o:lwcrL\I dal xupwc; e poi V1tÒ 'tWV àxovariV'tWV
traduce liscmitut, completamente, per
sempre. Il senso del testo tanto ebraico dc; 1}µ5.c; f.0E0aL1.0ìJn ci fu giuridicamen-
quanto greco è il seguente: la terra non te confermata e convalidata dagli Apo-
può essere venduta definitivamente, os- stoli . La terminologia giuridica conti-
sia con ogni garanzia giuridica. Inoltre
nua nel v. 4: avvEmµo:p'tupovv'toç -rov
Lev. 2 5 ,_30: xvpr;.Jit1]0'E't"CXL +i oi.xla Ti
oùcro: ÈV 7tOÀEL 'TI Èxoucrn '"t'ELXOC, 0E- 1}Eov O'ìJ[.tELoLc; ... Nell'atto giuridico del-
0alwc; '1'0 X'"t'TJCTO:[LÉV{{l <XU'tTJV dove (3E- l'EùayyEÀll'.;EcrìJm si inserisce la testi-
ç3alwc; vale definitivamente, con garan- monianza resa da Dio con i segni e i
zia giuridica (ossia con esclusione del
diritto di riscatto e della decadenza del- miracoli e nel Àéyoc; degli Apostoli la
la proprietà nell'anno giubilare). Ma O'W'tl]pla assume validità ed efficacia
anche al di fuori dello stretto ambito giuridiche in forza di quei segni e pro-
contrattuale 0E0o:lw<nc; può sigaificare digi. Lo stesso vale di Mc. 16,20, dove
garanzia giuridica, così in Sap. 6,18 e
forse anche 3 Mach. 5,42. però l'espressione è ancora più preg:rnn-
te: il XTJPUTt'ELV si compie sotto l'azio-
Pure nel N.T. si è mantenuto questo ne ciel Signore che convalida i·l Àoyoç
significa to tecnico della parola ; cfr. mediante i O'ìJ[.tEi:cx . I O'T]ftEL'a non sono
IIebr_ 6,16: xal micrl)c; o:Ù'toi:ç CÌV'tLÀo- una prova della validità del Àéyoc; ma
ylac; nÉpa.c; · d c; (3E0alwcnv (garantito, uno dei modi in cui À.6ycç già valido

7 LOHMEY E R, Phil. 24 n. 2.
235 (l,<io:;) ~É0r~ wç (H . Sch iic r l

in sé si afferma nella sua validità. In in luogo di :r-n1pl(,,av, 0E0awi.Jv ripor-


questo modo va inteso r Cor. r ,6 : il t ando così nel testo una nota gi uridica
µap"tupwv -rov XpLcr-tov è stato vali- per via indi rett<I e proprio in riferi-
damente reso alla comunità di Corin- m en to <il sacramento. Cfr. Ig n. Phld.
to dall' Aposto lo e ha elargito copio- int r.: oOç (i diaconi) xa-rcì "tÒ LOLOV
samente i xa.plCTp.a.-ra.. È dubbio inv e- 1}0.TJ[La. Èa"r1)pLi;Ev È'J B<:Sa. Lw'.ruvn 't'Q
ce se si possa interpretare allo stesso rlyl41 aù-rov 7'VEV[lCX.•L.
modo 2 Cor. r ,2 r. I lessicografi citati
dal Deissmann confermano, è ve ro, che
Nella lett eratura postapostolica l'uso
~ cippaBwv è anch' esso un termine
di BE0ruoùv ecc. si mantiene nell'am-
giuridico obbiettivamente collegato con bito delle accezioni correnti . Sicuro, sta-
BE~a.lWCTL<;3 , ma
il riferimento di ~E~a.L­ bile ccc. I Clem. 6,2: St~aLOç op6µoç,
oùv a persone ( i]p.ELS) e la sua connes - I' 2 : 0E0a.la Ti:LCT'tLç, Iust. ' dia!. 69' I:
0ESala: yvwCTLç ecc., sicuro, fondato :
sione con xplELV e CTcppa.yls<:CTi)a.L sem-
rClem.47,6: 0E0a.Lo't'ci't'l) ... ÈxXÀ.TJCTla,
brano piuttosto accennare a una tenni- I gn. Mg. q, I: 0E0mwlJijva:L Èv "to~ç
nologia battesimale quale abbiamo ri- ooyp.a.nv ~où xvplov xa..l "tWV cbtoCT-r6-
scontrato sopra in r Cor. r ,8. È proba- À.wv ... , valido: r Clem. 22 ,r e special-
mente presso I gnazio dove ricompare
bile comunque che il termine giuridico il significato di .~iu ridicamente valido:
à.ppa~wv abbia indotto Paolo a usare, Mg. 4 ,r; 11 , 1 ; Sm. 8,r.2.
H. S CH LI E R

sitabile; corrisponde al latino profa-


nus. Soph ., fr. ro9: ES -rE "taBa.-ra. xa:l
BtB11À.os significa a) il luogo che npòç 0t0TJÀa. 2 • Poi indica per esteasio-
chiunque può calpestare, in contrasto ne ciò che può esser detto pubblicamente
con liBcnov I e aou-rov: calcabile, tran- in antitesi con ciò che è vincolato dal se-

8 Un parallelo formale è offerto da Athenag. ' E timologicamente può significare tanto' tra n-
suppi. 22 dove à:itoÀ.oyE~0'1tctL e (3E(3m:'lvv so- sitabile ', da f3TJ- (EPYJv ), quanto « che si tro-
no accostati. ma senza un preciso signifi ca to va al di fuori dell a sogli a» (PriMc;); cfr. E.
tecnico. ScHWYZER, Indog. Forsch. 45 (1927) 252 ss.
In entra mbi casi = profanur = qui pro fan o
(}É flTJ À.oc; est .
TRENCH, 350 s.; Glotta 18 (1930) 2 35; A .
M ERX, Die 4 kanon. Ev. II 2.1 ( 1905) 67 s.; ' Eustath. Thessal. , comm . in H om. n p. 1003,
MEINE«TZ. Past.' 79.107 . 40 s.: ò ~YJÀ6 ç, È~ ou
xc:d P€PTJÀoc; xup[wc;
(i.60+) 238

g reto religio so : Eur ., Heracl-4b4: fJÀEy- ~t0·fJÀ.o ç manca in t utt o i! N .T . al di


i;a: xa.l [3Éfhi),.o:. xal xExpuµµÉva À.oyw.; fuori delle lettere pastorali e di quella
P hilostr., hcroic. p. 26 6 Boissonadc :
agli Ebrei, dov e ricorre rispettivamen-
(3E01)Àr{) <E xal ti1topp111:cp ... À.Oy({,l. ·-·
b) de tto di persone, non consacrato, te quattro e una volta . Questo perché
profanur ~..:: Ò:µVT}'t'Oc;: Soph., fr. r54 ; lo stadio religioso del N.T. ha supe-
anth. pa l. IX 298: 0Éf3YJÀoc; 't'EÀnijc;; rato la di stinzio ne fra cose sacre e pro-
Plut., dcf. orac. 16 (II 712 d): acca n-
to ad Ò:!tVYJ-coç; Orfeo in Tat., or. fane e quella fra persone consacrate e
Craec. 8 A : Mpw; È7tli1EcriJE 0E01)À.oLc;. non consacrate tipica dei culti esoteri-
Nei LXX f3É0YJÀ.oc;, detto di cose, ci ellenistici. È significativo che soltan-
traduce quasi sempre h6l e designa tut- to le lettere pastorali e quella agli
to ciò che non è legato da alcun vin-
colo e può essere adibito liberamente Ebrei, dove più forte si avverte l'in-
a qualunque uso ; tali sono certi cibi flusso del linguaggio religioso elleni-
(1 Ba:cr. 2rA s. [tip-roL], Ez. 4,14, var.), stico, usino la parola BÉBTJÀ.oç e pro-
certi oggetti ecc. 0É0YJÀ.oc; insieme al
prio nel significato che essa aveva as·
SUO opposto ayLOc; forma il parallelo
dell 'antitesi puro/impuro 3• In questi sunto nel mondo ellenistico-giudaico.
casi l'uso del termine rimane nell'am-
bito di una concezione impersonale del I. In riferimento ad oggetti la pa-
sac ro. Si trova poi usato in riferimento
a persone ( ~ b) nell'accezione di pro·
rola è usata nelle lettere pastorali per
/ ano, empio in passi come Ez. 21,25 qualificare come p.ui}oL (1 Tim . 4,7) e
(accanto ad &vo110c;) ; 3 Mach. 2,2 {in xEvo<pwvlctL (1 Tim . 6,20; 2 Tim . 2,16)
parallelo con civ6o-wc;) ; 2,14 (associato profani - ossia estranei alla santità di
a i}pa.o-vc;); 4 ' I 6 0E01i À.({.l CT't'Oµct't'L (in
paraJlelo con 7trnÀ.a.vY)µÉvn q>pEvl) che Dio e del suo evangelo - le dottrine
stigmatizzano la nullità etico-religiosa degli gnostici, che presumevano invece
dell'avversione a Dio. di conoscere essi soli le più profonde
Filone usa 0Éf3YJÀ.oc; in senso meta-
verità religiose inaccessibili agli altri 6 •
forico per designare una disposizione
profana dell'anim o e in particolare la
2 . In riferimento a persone ~É~YJÀ.o ç
concupiscenza disordinata contrapposta
all' Èyxpchwx 4, nonché in riferimento in Hebr. 12,16 (insieme a -rt6pvoc;) e
a persone, come per es . (in parallelo 1 Tim. 1,9 (in parallelo con ètv6cnoç)
con 7t6pvri) alla vergine sconsacrata da
significa profano, empio, associandovi
una violenza carnale e perciò incapa-
ce di contrarre matrimonio con la sa· l'idea dì un'abbiezione morale. Esaù,
5
era persona del sommo sace rdote . al quale in H ehr r2,r6 viene raffron·

-r67toc; ò xet.l -rr'[i -çu x6v·n ~6: (n [t o ç xet.l Ò: ~ É · • spec. leg r 150: Émfrv!..tLa ftÈv ovv [i~0 ·iJ),o ;
r3T] Àoç ò J .lY) 't''.ltOU't'Oç' xet.l àx6:1)a:pi:oç xa:l ò:v\Epoç olio-a.; sacr. A.C.
3
Secondo Ez. 44,23 questo è il compito dei q8: -rò yap et.to-xpov 0t0TJÀov, ·co òÈ Pt0ri·
sacerdoti: &òò:C,ovow àvà [LÉa'ov iiy(ou xet.l ì.ov 7t6:vi:còç à vlEpov
P E~Tj),ou xal ò:và µÉcrov ò:im-fr6:pi: :lu xet.l xet.- 5
f ug. r q . c:fr. Lei·. 2 r.;: 0E0'iJÌ. vJ~tÉ\!ll (bi! I.
-frapov, dr. Lev. 10 , 10; Ez. 22 .26. • Or. >Mach. 4 ,16.
239 (r,605)

tato il 0É0riAcç, er<l con siderato nel l'alleanza(~ 54,21; 88,3 5 ), al nome del
giudaismo il prototipo dell'uomo spia - sacerdo te (Lev 21,9). Nell ' ultimo pas-
7 so (che si legge soltanto nel testo dei
cente a Dio •
LXX ) 0E0YJÀ.6w è usato anche per indi-
care la violema fatta ad una vergine (e
così pure in Ecclus 42,10 --+ sopra, He-
liodor. Aeth. II 25) 1.
Sconsacrare, profanare: Heliodor.:
Aeth. 25 (p. 64,25 Bekker): up.É\IYJ
II Nel N.T. 0e0YJA6w si trova solo i:1
l}Ewv; ibidem x 36 (p. 308,22 Bekker):
Mt. 12,5 e Act 24,6, dove indica la
·dp.Evoc;.
Il verbo è di uso frequente nei LXX profanazione rispettivamente del saba-
- quasi sempre come traduzione di hll to e del tempio, secondo una superstite
in forma pi'el - in riferimento a Dio concezione veterotestamentaria del sa-
stesso (Ez. 13,19), al suo nome (Lev.
18,21; 19,12 ), al suo tempio (Ez. 23, cro che nel N.T. appare completamen-
2
39), al giorno consacrato a lui (Neh. te superata •

13,17 s.), alla sua terra (Ier. 16,18), al- F. HAUCK

t Be:d~e:0ouÀ. (-7 oalµwv)

Sulla bocca dei farisei (Mc.3,22 par.; !Vft. 10, 25, riferendosi all'accusa degli
Mt. 12,27 è il nome di
par.; Le. 11,18) avversari, Gesù usa il nome BEd;,e:0ouÀ..
un principe dei demoni, lo stesso al
La grafìa 1 e il significato del nome
quale Gesù allude in Mt. ro,2 5. Secon-
sono controversi . Le forme più attesta-
do i farisei è ml suo aiuto che Gesù te sono Be:e:À.sE0ouÀ., Bee:sE0ouÀ., BEEÀ-
scaccerebbe i demoni . Gesù risponde ~e0ou0, di cui l'ultima è stata congua-
richiamandosi ad un 'regno' dei demo- gliata a 2 Reg. l,2.3 .6, mentre BEE~E-
0ovÀ. rispecchia probabilmente una pro-
ni soggetto a un unico sovrano, e nel-
nuncia popolare palestinese 2 e va per-
le sue parole .Satana prende implicita- ciò conservata come forma locale (ve-
mente il posto di Belzebù. Soltanto in di B e quasi sempre anche S) da pre-

1
Gen. r. 63a 25 ,29; h. B. B. r6b m STRACK- BAUER cfr. GESENIUS - Btlf!L s. V. zebuh;
BILLERBECK III 749. Mt. e S cHLA TTER , Mt. a 10,25; Kw-
ZA l lN,
STERMANN, Mk. a 3,22; HARNACK, Alk. 48;
~E~T]ÀOW
' In un'accezione pii1 spiccatamente etica il STRACK-B lr.L ERBECK 1aAft.12.24; DAuSCH ,
verbo è usato in tJ! 9,26 in riferimento alle STllfll. 195.
'vie ' del peccatore e in ~ 88,32 per indicare ' Non prendiamo in considerazione la form a
la profanazione delle norme divine. BE)J'.:,E~ou), come semplice variante di BEE),-
' In Herm . sim. 8,6,2 ~E{)T]ÀOW è riferito al Ì'.,E~ovÀ e nemmeno qu elle forme che sono
nome di Dio. chi ara mente peculiari di singoli manoscritti.
BEEsE!)ovÀ Cfr. l'assimilazione del l'articolo arabo ai suo-
Oltre alla bibliografia riportata in PR EUSCHEN- ni sibilanti.
( 1,606) .z-12

ferir si alfa lezione BHJ.çE{3où).. di al- principe dci demoni non sem pre iden-
tri man osc rirti . Q uest'ultima va consi- ri!ìcato con Satana . Soltan to in Apoc.
derat a come la forma regolare ; essa è r2,9 la traduzione armen a ha sos titu ito
l'unica attes tata al cli fuori del N .T . 3 s~a.{3 o Àoç con BEEÀsEBovÀ. Si trova inol-
e ri sale ad un~1 tradizione autonoma, tre in una preghiera giudaica ai pian e-
dalla quale è poi penetrata nella mag- ti, fortemente intrisa di elementi sin -
gior parte dci manoscritti neotestamen- cretistici 9 . Nel N .T. BEESE{3ouÀ viene
tari, posto che la lezione originaria fos- introdotto come il nome giudaico di un
se in tutti i passi del N.T. BffsE{3oùÀ.. principe dei demoni 10 in M t I 2,24 ( O.p-
Il significato dcl nome 4 non ha alcuna xwv "CWV Ò(J.Lµovlwv, senza articolo) e
importanza nei passi del N.T., tanto in Mc.3,30 (l 'affermazione 1tVEvµcx: àxci.-
più che la denominazione veterotesta- Dcx:p-rov exn corrisponde sostanzialmen-
mentaria del dio di Accaron, ba' al z'· te all'accusa di alleanza coi demoni) in
bUb, da cui deriva probabilmente {3EEÀ- significativo accordo con l'uso descrit-
sE{3oùÀ, riusciva incomprensibile già a to e per la ragione specifica che il giu-
Giuseppe 5 . Nell'epoca successiva a quel- daismo del tempo dist·i ngueva ancora
la neotes tamentaria BEEÀsE{3ovÀ si in- Satana, l'accusatore, dagli esseri e daBe
contra in Origene 6 , in Ippolito come potestà demoniache (~ o~ci.{3oÀoç, oa..l-
termine dei Valentiniani7 e inoltre mol- p.wv ).
to spesso in Test . Sa!. 8 come nome del
W.FOERSTER

5
~ n. 6-9. I LXX hanno in 4 Bcx.cr. 1 ,2,3 Év -r0 Bticx.')..
' Le soluzioni proposte sono: a) BEEÀSE~ouÀ µvi:a.v ~EÒv 'Axxci.pc.ùv; al v. 6 invece hanno
rappresenterebbe una pronuncia semplificata o Év -rii Bi±a.)., per suggerire la pronuncia at-
una deformazione spregiativa di BEEÀSE~ov~, CTXVVTJ in luogo di Bci.a.À, conforme all'uso
il dio di Accaron; nel secondo caso il significa- veterotestamentario di boiet per ba'al (dr. an-
to sarebbe ·signore del letame' = del sacrificio che Rom. 10,4 e i commenti al passo). Ciò è
idolatrico; b) BEEÀSE~ovÀ =' il 5ignore della stato frainteso da Giu seppe, ant. 9 ,19: 1tpÒç
dimora ', ossia colui che dimora nell'ossesso,, -r+iv 'Axi±pwv 1'Eòv Mvi:av, -rou-ro yàp Tjv
oppure il signore della dimora celeste; e infine ovoµa -rii ~e:0.
e) BEEÀSE~ov~=b e 'el debab = 'signore dell'i- 6
Orig., Cels. VIII 25 : ov yàp apxwv mhwv
nim icizia ' = ÈX~poç. Si può ricordare inoltre (se. -rwv OaLµovwv) ò ~EÒç ri)..)..', wc; cpacrw
che recente mente la designazione Zbl ( = Ze- oì. ~E~OL ÀoyoL, ò « BEEÀSE~ov).. ».
buP) è stata ritrovata in alcuni testi religiosi :
in un componimento poetico di Ras Shamra
7
Hipp ., ref. VI 34,1: xa.ÀEi:-rm ...ootti(3oÀoç
OÈ o d.pxwv -rou x6crµou , Be:EÀSE~où). (o') o
il dio Alejn che muore e risorge è chiamato
-rwv omµ6vwv, dove è notevole la distinzio-
Zbl h'I ars (Sy ri a 12, r93r, 195 =Col. I riga
ne fra il diavolo e il principe dei demoni
r4 s.; 2r3 =C:ol. rn/rv r. 3.9.21.29-40) . Men-
B<e:ì.1;<f3ovÀ..
tre l'editore Ch. ViroJ!eaud considera Zbl un
participio della forma qal e traduce quindi • C11. CH. Mc. CowN, The T est. of Salomon :
« celui qui habite le zbl du Baal de la terre » UNT 9 (1922), Index IL Anche nel Test. Sal.
e inte nd e in modo analogo le espression i BEEf.è;E~ov). è iJ principe dei demoni. Alcuni
ugualmente oscu rt Zbl b'l sdmt, Zhl b'l snt, manoscritti, sempre del T est . Sa!., presentano
Zbl h'l im (Syria i2 , 1931 , 350), W . F. Al- forme secondarie del nome terminanti in -el
bright in Bulletin of the American Schools of per analogia coi nomi giudaici degli angeli .
9
Orientai Research 46 (Apr. 1932) i7 vede in- REITZENSTEIN, Poim. 75 s .
vece in Zbl = Zcbzil il nome proprio del di o. 10
ZAHN, Komm. Mt. a 12, 24 .
243 ir.<ioG J ! 1,(> u(>1 2 .i-f

È un nome del diavolo , che nel NT in qtrnlcli c caso la forma originale; ni;l
ricorre solo in Cor.6,15: -rlc; ÒÈ cru1i-
2 in !ud. r9,22 Theod .; 20 , 13 a (;\ G
hann o BEÀLaf1); in Prov. 16,2.2 'cwtl ~
<pWVTJcnc; XpLO"'tov rtpòc; Bùlap; Non si
reso da E0p. con BÉÀLaÀ. L 'espressione
può stabilire con certezza se Paolo sia 'torrenti di Belial' (2 Sam. 22 ,5; Ps.
stato indotto da un motivo particolare I 8,5) è tradotta COn xflµappOl cXVO!.LLa.ç.

a scegliere questa denominazione sin- In qualche parte de1l'asc. I es.1, in ! uh.


l , 20 ( r 5 .3 3?) e sempre in Test. XII
golare e sorprendente; l"ipotesi che egli Bd.lap è il nome del diavolo, e così
abbia voluto designare con Bi).,lap l'an- pure in Damasc. 4, 13. 15; 5,18; 8,2,
ticristo, plausibile in astratto, non sem- dove comunque non è mai il nome del-
l'anticristo, come si deduce da 5, l 8.
bra appoggiata dal contesto,
L'uso di BEÀlap come denominazione
dell'anticri sto è attestato dapprima in
Secondo l'interpretazione più diffu- Sih.2,r6ì; 3,63.73 e nelle 'vite dei pro-
sa Bùla p deriverebbe dal nome di una feti' 17 (non in 21) 2• Gli scritti rabbi-
divinità degli inferi (cfr. 2 Sam. 22 ,5 e nici adoperano l'espressione (bené) be-
Ps. 18,5 ). Nell'A.T. le espressioni b'lij- lijja'al allo stesso modo d el!' A. T. (b.
ja'al o, più spesso, 'H habb"lijja'al e Sanh. 11 r b ; b. Qid. 66 a) 3 , ma biso-
b"né b'lijja' al designano i peccatori e gna tener presente che i rabbini inter-
gli empi. I LXX traducono con ( à.vl}p pretavano belijjrlal come b"li 'o!~ e che
ecc.) ÀoLµ6c; (1 Bacr. r , r6; 2,12; lo,27; fra i traduttori tardivi dell'A.T. Aquila
2 5, r 7 ,2 5 ; 30,22 ), 'ltaprivoµoc; ( Deut. l 3, rende quasi sempre la parola con àTCo-
13; !ud. 19,22; 20,q; 2 Ba.cr. 16,7; cr-racrla mentre Simmaco e T eodozione
20 ,1; 23 ,6; 3 Bacr. 20 ,rn; 2 Chr. 13,7 ; traducono variamente con àvuTCO'tO'.X-
~ 40,9 ); oppure mipa.voµE~v (I ob 34, -roc;, à.vuTI6cr-ra-roç, à.nalot:1;-roc;, &vo-
18), èi.cppwv (Prov.6 ,12; 16,27; 19,28), µoc; ecc. 5 • Ciò tuttavia non autorizza a
à.crE~l]c; (!ud. 20, 13 A), àµap-.wÀéc; parlare di una specifica dottrina rabbi-
(Ecclusrr,32), à.v6µT)µa, àvoi.tla (Deut. nica dell'anticristo Beliar, in quanto la
15,9; 2 Sam. 22,5; Ps. 18 ,5) e in 3Ba.cr. stessa concezione rabbinica dell'anticri-
2 o, l 3 secondo A con &. vÒpEc; •Tic; à 'TtO- sto si presenta assai frammentaria e ne-
cnacrlac; . Taluni mano scritti conservano bulosa 6 • ~ XpLcr-c6c;/à.v-.lxpw-.oc;.
W.FOERSTER

Be:)..(ap
Commenti al passo di WrN01scrr, I3ACHMANN, ' Cfr. i passi in FRIEDL;\NDER r22 n. 2. 3.
STRACK-BILLERBECK. RoussET-GKESSMANN ' S. Deut. II7 a 13,14 ; altri passi in A. Buc11-
225 n. 1,334 s., 341; M. FRIEDLANDER, Der LER, Studies in Sin and Atonement (1928) 83
Antichrist (r901) II8 ss.; W. BoussET, n. 2.3; dr. MoORE Il 166 n. z.
5
E.R.E.: I 578 ss.; SrCKENIIERGER, Kor.' rr8 s. DoBSCHih'z, Th. 1 270,3 (2).
Altra bibliografia in PREUSCHEN-BAUER s.v. 6
Di opinione diversa è il Friedliinder. L'e-
' Cfr. J. KROLL, Gott und Hme= Stud . d .Bibl. spressione 'is habbefiiia' al si incontra anche in
\X'arburg 20 (1932) 105. Ecclus. hebr. rr,32 e 11 Friedli:inder pensa si
2
Tradotte da P. R r Es s LE R , Altiudisches trovasse nell'originale ebraico di r Mach. r ,r r;
Schrifttum ausserhalb der Bibcl ( r928) 871 ss. 10,61; r1,2r; 2 Mach. 4,11, p. r2 r ,1-4.
~iì.:i; rF. I l.1 i:c k I

Arma appuntita. dardo in particola- co n le sue 'frec.:cc ' letali provoca l'in-
re la freccza 1 ; Pscud.i\pollod., bibl. u ~oh1:ione e ia peste (tj; 90,5 ). Dio col-
4: 00,wt mr.up<.vp.~votç (frecce infuo- pisce con le sue frecce gli empi (Deut.
cate). Nei LXX traduce hes; p. es. Is . 5, p,23 42; ti; 63,8) . Il paziente si lamen-
28; 7,24; 37,33; Ecclus r9,12 ; in sen- ta di essere il bersaglio dei dardi divini
so traslato Ecclus 26,12. (Lam 3.12; !oh 6,-J.; 34;6). Gioas sca-
Nel mito BO.oc, designa metaforica- glia una freccia di vittoria di Jahvé
mente la fo]gorc (Hdt. IV 79; Pind., (001.oc; !J'(.>JTY]pla:ç 'rt-;i Kvpl~) contro
Nem. ro,15), i raggi del sole (Aesch., Aram (4 Ba.o-. 13,17). Il Servo di Dio
choeph. 286 ), della luna, del fuoco si paragona ad . una freccia eletta di
(Eur., Hipp. 531; El. r 159). Analoga- Jahvé (ls.49,2). L'immagine dell'arma-
mente la mitologia greca rappresenta tura di Dio è trasferita sul piano etico-
molti dèi armati di 00..oç, soprattut- spiritua·le in Is. 59,17. Nel tardo giu-
to Zeus, Apollo, Artemide, Afrodite, daismo Hen. 17,3 parla del luogo dove
Eros 2 • La freccia del dio è apporta- si conservano le armi di Dio (arco, frec-
trice di morte o di infermità morta- ce, spada infiammata, folgori), mentre
le (Horn., Il. l,45 ss.; 24,?58). An- Filone interpreta l'antica immagine al-
che gli sconvolgimenti dell'anima ven- la sua so1ita rnaniera. ossia in senso
gono considerati come l'effetto di una psicologico '.
freccia scagliata dal Dio (Eur., Mcd.
628; i.µtpov 00.oç, in Aesch ., Prom.
Nel N .T. 00coç ricorre soltanto in
649, è detto di una passione torme;1to-
sa). La rappresentazione della divinità Eph. 6,I 6, nella esortazione rivolta ai
con l'arco e la freccia è comune anche cristiani in quanto soldati di Dio. Co-
nell'ambito della religiosità semitica 3• me nell'antico mito la divinità combat-
Pure nell'A.T. è presente l'idea del-
te contro le potenze avverse, così il
l'armatura divina. Da Gen. 9,r 3 traspa-
re l'originaria concezione mitica dell'ar- giusto è chiamato a combattere una bat-
cobaleno come di un arco col quale Dio taglia interiore, ma reale, contro le in-
colpisce nelle bufere e che appende poi sidie di Satana. La descrizione delle ar-
alle nuvole 4 • La folgore è il dardo ar- 6
dente di Dio (Ps_ 7,14; ~ 143,6; Hab. mi del giusto si richiama a Is. 59,17 ;

.3 ,9 ss.). Il cocente sole di mezzogiorno cfr. anche 4 Bao-. 13,17: 00..oç crc..rcri-

BÉÀ.oç 3
A. JEREMIAS, Dar A.T. im Lichte des A.O.'
H. W . s. v. 'Bogen' I 197; E. KALT, Bibf. (1916) 42r s.; così p. es. Ramman-Adad è
Reallcx. (1931) n 350; MErNERTZ, Gcfbr. rappresentato col fascio delle folgori o la dop-
ro3. pia ascia, cir . A . f EREMTAS, Handbuch der
1
Esempi in LIDDELL-SCOTT s.v.; per l'etimolo- altoriental. C:ei.rteskultur (1929) 370 s., figg _
gia V. WALDE-POKORNY, V crgl. w art. I 689s. - 200.202. J. LnPOLDT, Die Religionen in der
si tratta dì un corra<licale a grado normale di Umwelt d. Urchristent. (1926) fìgg. II6 ss.
p&À.À.w ( BEÀ.- BaÀ.- B).11-). • Cfr. O. PROCKSCH, Genesis a.l.
2
Esempi in O. GRUPPE , Griech ..?o.,fythologie ' det. pot. im. 99: xaÀ.À.oç t5wv EP(.ò't"Dç È7pw-
u. Rclgesch . ( r9u6), indice s.u. • Pfeil ', p. es. ìhJ onvoù -rtcifrovç ~ÉÀ.EOW.
107r,1; 1226 , 1 ; 1309,17. ' Cfr. DrnEL!US, Gc/hr. a.I. (Excursus: Das
~ui1;01ta. L (G . Schr<:> n k ) 11/ H)?-\ ) :q 8

p!'.m; ( -~ vedi sopr<1) e l' attributo 7tE- cer. io ne neo testament aria il cre<lente,
m 1pr....i1 t E\111 a llud e alla terribil e potenza nell a sw1 lo tt a cont ro Sa ta na , si fa 'scu-
del le arm i di Satana 7 • Ma mentre nel- <lo ' (~ 1};pE6ç v. r 6) della sua u ni one
l'A .T . l'uom o è di sarm ato cli fro nte alle con Dio (----3' r. i'. 0-.:1,ç ) .
' frecce ' cli Dio, secondo in vece la con-
F. HA UCK

la violenza ad agire contro volontà . L a


vi olenza non si concre ta necessariamen-
A . Btci}~o i.tcn N E T.LA GRE C ITÀ P ROFANA te in un <Hto , ma può anche consistere
p . es. in un parl are ost inato (Dem os th .
~tci.sor.tru , come Bla. e i termini con- 21 , 2 0 5) oppure n el sostenere concezio-
ness i 1 delle altre lingue indeuropee, in- ni e retiche (G elas ., hist. t?Ccl. II 17, 1 ;
dica l'azione violenta in contrasto con 2 0,1 ). N ell'u so corrente, però , queste
qu ell a libera. Perciò viene esplicitamen- raffinate sfum atu re del conce tto si pre-
te contrappo sto al nd-!}ew (Dio. C. 36, sentano piuttosto com e eccezioni. L 'a t-
3: 7tEUkmt mie; fiòtov i] Btci.~E-rcn) . Il tivo è raramente usa to ; il medi o, di
Bta.~ é µEvoç è colui che è costretto dal- gran lunga più frequent e del passivo ,

Bild 11. d er W a//en riistung d. Frommen ); A. DAI.MAN , \V .]. I 11 ) ss .


H ARNACK, Militia Christi ( 1905) REITZEN STElN, ]. WEi ss, Die Pred igt Jcsu v_ Reiche Gottes'
H d l . M yst. 2 14 s. ; H. JUNKER, Ober iran. ( 1900) 19 2 ss.
Quellcn d er h ell. A io nvorst ellung = Vortr . A . MER X, E vgl. M t _ ( T902 ) 189 s.
BibJ. W arburg I (1 923 ) 125 ss. , sp ec. 140 (te- IDEM: E 11gl Lk . (1 905 ) 331.
stim o niam:c iraniche sul motivo d ell 'armatu- A. HARNACK, SAB 1907 , 947 ss.
ra spirituale p er la lotta co nt ro il mal e); H . WINDI SC!l , D. mess. Krie!!, und das Urchri-
R n SCfiEK r 1770,4. stent. ( 19 0 9) 35 s.
7
Tn rerp re tazione allego rica : Orig., hom _in Ex. IDEM : ZNW 27 ( 1928) 166 .
I 5 (p . 153 ,5 ): cogitatio nes iniicit malas et M . DIB ELIUS , Die urcbristl. Oberlie/erung v .
concu piscentias pessimas ; orat . 30,3 : le ten- Job. d. T aii/ er ( r9 r1) 2 _3 ss.
t az ion i; Eus. , hist . ecci. x 4 ,58 : 'ltciihJ. H . SCHOLA NDER : ZNW . 13 ( 1912) 172 ss.
PLciçoµm X'tÀ. . M . G OGU EL, ]i'an Baptiste (1 928) 6oss.
Oltre ai commenti dr. : 1\ . PALLI S, Notes on St . L uke and the Act s
Ki.il-INER - BLA SS - GE RTll I 2
3
(1 892) 582 s.; u ( 19 28) .
J
3
(1898 ) 120 s., 293, 3 25 . W. B uSS MA NN, S ynpt . Stud . II (1 9 29 ) 170 ss.
C KEME R-KòGEL, 21 9 s. ] n un lavoro che sar à pubblicato quanto pri-
D EI SSMANN, N.B ., 85 s. ma, e di cui il prese nt e articolo ant icipa som-
Mour.T.-Mru._ s.11. m ariam ent e i risultati , esporrò diffusamente
PREU SCll EN-BAUER s.v. i parall eli li ngu istici e la sto ria esegetica del
STR ACK-BILI.ERBECK I 598 s.; 601 ss. voca bo lo. - Dd .: IIcsych.: (3Lci.l;r'taL = (3Lalwç
M. S c tJN ECKENBU RGEI<, Beitrag z. Einl . i. N.T. xpet:Hi:'tm. Thomas M ag . p. 35. q s . RrT SCli L:
(I 832) 48 SS .
civcxyxci.snv É'ltÌ. ɵljiuxov r1évov · (3 Lci.s Hv
A LEX. S CHWEIZER,Th . St. Kr. 9 (1836 ) 90-122. oÈ xcxì. bd ci.lJivxov, ofov È(3Lci:a a'to '"t'Ò r'irviux.
A. M E YER, Jesu Muttersprache (1896) 88 s, "tOV 7tO'taµo\i [ 'tTJv vcx\iv ] .
1
157 s. WALDE-POKORNY, Vergl. Wlirt . I 666 ss.
{ 1,609) 25 0

s1 presenta anzitutto 11 e1 s 1~nì fica ti Ji lo stl'sso tono di un in vito penitenziale


c ostringere, violentare ( pc-r io p iL1 in rivoi to al popolo , che in tutta questa
senso militare o sessualc) , i! pa;;sivo an-
serie di apoftegmi è presentato come
c he in quello di essere 1:cssL1/ o, oppres-
so. L 'idea è sempre quella di un atto di avido di novità drammatiche, capriccio-
violenza, compiuto o anche solo tent.1- so e impe niten te. Del Battista viene sot-
to, sia che si tratti delLi costri 1.ione ese r- rnlineara dapprima Li ' grandezza ': egli è
citata da potenze superiori ( il fato , Li
natura ), sia dell 'uomo che im b rig liJ se pii:1 che un profeta , è l'ayyEÀ.oç (v. 10)
stesso o le forze nat urali. Questa acce- ch e precede il ivlessia secondo la profe-
zione fondJmentale traspare da tutto zia di Afal. 3.r e L x. 23 ,20; è Elia (v.
l'uso vas tissimo del verbo in rifcri1m:n-
14), è il pili grande fra tutti i nati di
to ad azioni militari, maltrattamenti ,
misure coercitive di ogni gcnerc , vio- do1111 ;1 ( v. 11 ). Ma il limite della sua
lenze religiose e così via. grandezza consiste nel fatto che egli ap-
partiene al periodo antecedente la ma-
B. 0La\'.;,op.(XL NEL NUOVO TE STA ME NTO nifes tazione del regno di Dio , al perio-
I due passi del N. T. in cu i ricorre do della legge e dei profeti, cli cui se-
('3La\'.;,qHu (Mt. rr ,12 e Le. r6,r6J ri - gna la conclus ione. L e difficili parole
chiedono una trattazione se panita per ci el v. 13: àT.:ò oE -c(:;)v YJ!tEpt0v 'lvJav-
la loro differente struttura formale e
per il di ver so contesto in cu i sono in -
vou -cou 0mnvno0 E(JJC; ap-cL Ti 0a:o-L-
seriti. ÀELO: -cwv oùpavwv BLasE-ra:L xa:l 0La:-
rna.l à.pTCascuo-tv w'.rniv, alludono evi-
r. Al/. i r , 1 2 appartien e :id una sette d entemente alla rivelazione della Swn-
omogenea e compatta di pe r icopi ch e À.Ei'.a., ossia alla nuova e definitiva tas e
ha come filo conduttore la figurn d i Gio- della storia della salvezza cominciata
vanni Battista: il suo attegg iament o dopo Giovanni.
verso la mi ser icordia benefic i in m i si
manifesta la messianicità di Gesti (11 . 1-
0LasE-rm si potrebbe intende re anzi-
tutto a) n el sig nificato intransitivo-me-
6), la sua umanità (vv. 7-8), il suo po- dio: il reJ!.n O d j Dio si /a strada con vio-
sto nella storia della rivelazione divina len za 2 1. È facile obbiettare che questa
(vv. 9-r5), il trattamento ri se rvatogli interpretaz ion e riduce la fondamental e
dim ensione esca tologica del concetto di
d al popolo (vv . 16-19). La pe r icope sue-
0a:o-LÀ.Ela.. Senonché lo stesso Mt. poco
cessiva, ossia J>i1nprecaz ion e contro le dopo scr ive: ii.po: lt<pltarnv (come Le.
città d el lago (vv. 20- 24) continua sul- 11 ,20) e i sinottici sono concordi nel

2
Così fra gli altri Mclantone , F. C:hr Ibur, re di un fiotto d 'acqu;1 ; fr eq uente è poi l'u so
Zahn, flarna ck. d e l verbo per indica re la cos tri zione del!' d:-
3
In qucsro st:nso e proprio al prc'se n te il vriyxY]: Dind . S. rv rr ,3; los., a111. 2 ,1q;
verbo è usato i11 At:sch ., Ag. r 5 ro: 0viçr-:a.t 3,5. Joh. M.tfala s (Corp. Script. Ry z. [Din-
µ0,a.c; "ApY]c; (111/uria); inoltre Jkrrnisth . 55, dorfl 686): dç jtE (31.ci.t;na.L oùp<iv~o'.I q>f:;-; :; .
a
1 7 : X V ~LriCTT]TO:t 7tO'tE, detrO l kl i' I 1' 1'< 'lll ['e·
251 ( l />0<)) ~'O:s()1w:' (G. Sc hrc nk)

p re se nt are il trio nfo sui d emoni come mo g iù ossnv;Ho -- come l\1pposto d i


il segno decisivo d ell'a vven to d e l regno un .i p ia violenza. Jv1a sop rattutto quc-
di Di o. C:om1111que per questa via n on st ' int erpre ta zion e ris11lt a inso stenibile
~ i spiega la fra se ~ u cc css i v a: 1w.t 0w·· se si considc rn che i rcqu i:; iti per l ' in-
c-.d àpn6:çouovJ a&-r:-fiv, che costitu i- gresso nel r egno indi ca ti d ,1 Gcsli in
~ce con ogni veros imi gli an za un 'espli- Mr. 10 , 17 ss.; Mt. 5,3 ss.; 7,2 r e spe-
cazione dcl precedente 0L6.snm e con- cialmente n el nostro capitolo 11,27-29
1 iene ce rtamente ridea d i una v iolenz a sono lont <rniss imi da qualsiasi forma di
ostile. È quindi g iocoforza intendere violenz;i. La possibil itù, affe rmata dalla
BL6:snm in mod o che le due frasi si sinagoga, di for zare l 'avven to dell'epoca
accordino. messianic i con la pen ite nz a, J'osser van-
h) Non è ce rto idonea a que sto sco- Z<l dei comandamenti e so prattutto con
po l'interpretazion e di f;L6:SE'WL in se:l- lo studio d ella Torà e le ope re di bene 6
so m ediale: il regno dei cieli costringe, è in n e tto contra sto con l'ingresso nel
!/Sa la vzolenza. che oltretutto è in fla- regno com e viene presentato nei sinot-
gra nte contrnsro con Li concezione si- 1ici (-7 0wn).Et'.a ml i. r 96 s.) Anche

;~o tti ca della 0acn),Ei'.a. ì'àyf.ùv t'.swiJE ELO"sÀ.i}Ei:v OLÒ: ·rfjç <T'tEVTJ<;
1})paç è tutt ';iltra cosa dal 0 t6.~Eo-fra:i
e) Del pari inadeguata è l'interp re-
tazion e in se nso pa ss ivo, sostenuta per inteso com e una pia violenZ<L L'intrin-
la prima volta da Clemente Al essa;1dri- seca difficoltà di qu es ta int erpre tazione
no e divenuta popolare ad opera di Lu- è p oi accresciuta dalia fra se che segue;
te ro , che intende (3Lci.snm in bonam ripnasELv infatti può significare soltan-
to ' afferrare con piglio deciso ' e usato
partem , come la santa violenza bramosa
,li sal vezza con rni gli uomini d al Bat- in correlazione con 0La~E·rn.t e 0Lwnal
tista in poi cercano di appropriarsi il conferma che l'idea fondamentale del
4
regno come una preda • Ma sta il fat- no stro passo è qu ella di una violenza
t o anzitutto che 0taswiJaL normalmen- ostile e rapina trice 7 •
te non indi ca un atteggiamento po- d) Da un punto di vista strettamen-
sitivo , ma se mpre una violenza ostile 5 . te lingui st ico sarebbe p ossibile anche
Inoltre in tutto qu est o squarcio di Mt . un'altra inte rpretaz ion e, sos tanzialmen -
1 I , r - 24 la di sposizione dell e masse ver- te identica ad a): il r e,gno viene attua-
so la 0mnÀEla: è presentata - l' abb ia- lo con violenza da Dio s Ma la seguen-

' Cl em. Al., strom. IV 2,;; v 3,x6; VI q9,5; :1ttes ta p eral tro che i:<i ikCa: Pcciao.!Tllo.t, oss ia
n 17,q9; quis div . .1alv. 21 ,3; Iren. I V 37,7 il prevaricare le leggi d i natura fissa te dalla
( ~l.P.G. 7, 1103 e); Orig .. in Io. vr 19,105; divinit à , era avvert ito mmc u na stolta presun-
frn smo, Lutero e molti mod erni. zion e anche dalla coscicn z:i g reca .
'• Un usu analogo si potrebbe tu tt 'al piì.1 ri· • H . Somr.ANOER r 72 ss.; Sn11cK -B tLLERll ECK
~ c nn!rar e in Th e(1cr .. id.~.//. 22 ,c1: 0visE!Ti}m 1 .5 99 s.
cicr.:;;a; Hd t. 1x ..p: i:à. cr<pci y w., d r. Max. 7
Quando apitci C,uv è ::issoci:tto 3 P tcir,E'7ìla: ~
Tvr. v r g; dove per<'> la diat e~i dcl \'C rb o è s ignifica di regola rapire con intento ostile :
st mprc media , non pass iva . Questi cas i s i Plut., apophth . ( Pom pet>) rr 20> e; Luc., H er··
~ piegano comunqu e co n l'id ea paga na, secon- mo/. 22; Luc., nec. 20 ; Hcrodian ., bist. II 3,
do cui l'uomo pot rebbe esercitare una pres- 23. Singolare è il parallelo fra 'ns e hzz in
sio ne sull a divinità attraverso la preghie ra e Tg . I s. 2 r ,2: gli oppressori vengono oppressi
i sacrifici. Allo stesso modo va g iudicata an- e i lad ron i derubati.
che l' auda ce espressione di Clem. AL, quis ' A1agna vi praedicat11r: C. i\. F. FRI TS CHE,
Jw salz:. 21 ,_3: ÒE6'J ~cci!To.'7frcu. Paus. II r ,5 Mt. a. I.
25) (I.610 ) { 1/i 10 ) 2)-j.

te frase espliclt iv.1 u riporta alle me· vantaggio. Anzitutto ~ corroborata dal-
desimc di ffìcolt <Ì . l'uso prevalente del verbo e in secon-
e) Rimane da :-.agg i;1 rc In possibilità do luogo giustifica la frase successiva
di un'int erpretazione dcl verbo se mpre
come una esplicazione coerente del SLci-
in se nso pas si vo , rna in malam partem,
interpretazione ché , se non altro, avreb- se-rcu: i violenti rapiscono il regno, si
be in vantaggio di concordare con l 'u- intende agli uomini 12
• Il significato di
so comune dcl verbo. Secondo alcuni cipr:cisnv si illumina soprattutto con
esegeti 0Lcisnm sone rebbe come un
rimbrotto allo 7.c lotisrno 9 : il regno di l'a ltro pa sso di Matteo in cui ricorre
Dio viene conquistato con un atto di questo verbo ( r 3 ,r 9; ò ;:ovl]pòc, àpnci-
violenza da uomini dotati di spregiudi- SEL -rò Èa'TCcx.pidvov Èv -rfi xcx.polq. au-
cato zelo. Ma un acce nno così partico-
lare a un atteggiamento errato n e i con- 't'OV ). Richiamandoci anche ad altre
fronti del regno se mbra fuori luogo in espressioni analoghe di i\fatteo potre-
qu es to panorama sintetico della storia mo <lire che il senso del no stro passo
della salvezza colta nei suoi mom enti
è questo: i violenti con il loro ò:pnci-
essenziali - i profeti , il Battista, Ges1~1
e la SmnÀdo: - che dovrebbe piuttosto i;;nv precludono la Scx.où.Er'.cx. agli uo-
c~rncludersi con un a ddìnizione com- mini e impediscono loro di entrarvi
plessiva del momento presente. Inoltre (M t. 23,13) 13 • La situazione storica suc-
il movim ento degli zelo ti era sorto pri-
ma della comparsa di Gi ova nni . L'ipo- ceduta al Battista è quindi caratteriz-
tesi, comunque. che un accenno del ge- zata da una violenta opposizione al Re-
nere potesse trovarsi almeno nella fon- gno, che fa poi tutt'uno con l'ostilità
te originaria non trova conferma suffi-
alla persona e all'opera di Gesù. La
ciente n el passo di T,uca che risale con
ogni evidenza alla stessa origine (--'> drast ica severità di ques to giudizio è
qui sotto). certo sorprendente, ma si spiega con il
Non resta quindi /) che intendere dato iniziale e ispiratore del passo di
0Lcisncu come passivo e riferirlo in Aft. r 1,r-24 (Giovanni, il f3Lcx.s6µi::voc,,
malam partem ai nemici del regno di è nella prigione d el f3Lcx.o--r'i) c,) e con
Dio: il regno viene combattuto, intral- il motivo della penitenza che circola
ciato10 dai suoi riottosi avversari 11 . Que- in tutti questi apoftegmi, compresa la
sta interpretazione presenta un duplice similitudin e dei fanciulli imbronciati.

' Alex. Schw eizer; ll. Weiss; Ioh. Weiss; il Dalman, lo Schlatter; M. Dibelius pensa
\X' ell hau sen; Winclisch . che la fras e alluda ai principi delle potenze
''' Esempi di ~Lci<'.;Ecn)m nel senso di 'intral- demonin chc.
ciare': lud. 13,15 Theod.; 13 ,r6 A; Ios., ant. " Per iip71:a<'.;ELV ~ r. coll. 1255 >S.
J .26L " Anche i rabbini insegnano che l'uomo con
" Così intend ono sopra twtro le ve rsioni sy' il suo peccato può arrestare o ritardare l'av-
sy<, l'et iopica e le an1iche latine; lt: vim pa- vento dci tempi m ess ianici : h. Kct. rn a;
tit11r; Wulfila. fra i mod erni il Bretschneider, Mid r. Cant. 2-,7; cfr. H. ScHOLANDFR: ZNW
lo Sdrncckcnburger, lo I lilgc·nfeld, il Merx , 13 i1912) 172ss.; SrnAcK-BIT.LERnEc K 1 599ss.
f3visorw:L (G Schrenk)

Inoltre tutte le affermazioni in qualche tandosi di una contrappo s izion e ad EÙa.y -


mo<lo analoghe di Matteo confermano yEÀ.lsc:-ra.L, ci aspe tte remmo nnn xrxi ,
h en sÌ un a)J.ci avv c r~ativo. lVb <UìCh <.:
il riferimento agli uomini e alle poten-
a prescindere da questo una traduzione
ze a vverse a GesLl. dc:! gen e re è inamrni ssihil e, perché Bv1.-
SEO"flm dc; in greco non si g nilìca /dr
2. Le. i 6 , r 6: 6 v6~wç xaì. 01, 11,:;oqr~­ uiolen za a qualcuno (in que sto ._·,1 <' ., :
-rc:u plxpL 'lwcivvou · ar.ò -r6-rc: ii 0mn- usa il 0Lai:;,wilaL se mplice op p ure se-
Àdo: 1:0U itEOU EÙo:yyEÀ.l1;,c:-rcu xo:l miç guìto da np6ç od È7'L 1' \ h cnsì (l enctru-
rc con violenza. b) Da un punto di vi-
dc; a.ù-r-fiv ~Lcil;,naL. Questo testo si sta puramente filologico si potrebbe
stacca inaspettatamente da una serie di anche interpretare in senso passivo :
apoftegmi che, pur non costituendo un ognuno viene fo rzato ad entrare 11', pre s-
sappoco come in Le 14 ,2y avciyxa.a-ov
tutto organico e compiuto come ivf t. rr,
dcrEÀitc:L"v. Ma sarebbe una traduzione
sono però tematicamente collegati dal arti!ìciosa, non confermata d all'u so !!,!'e-
motivo <lei <I>o:pLCTIX~OL e del v6p.oc;, os- co general e . ,
s ia della giustizia farisaica e della va-
lidità della legge. Come nel passo di In questo caso (3Lci1;,ncn. va perciò si-
Mt ., dov e costituisce il tema principa- curamente interpretato e ) in sen so me-
le, così anche in Le. la figura del Bat- diale-attivo: ognuno si sforza di pene-
tista è inquadrata nello stesso ciclo sto- trarvi 17
_ L 'immagine - che ricorda l'à-
rico, quello cioè della legge e dei pro- ywvi'.1;,witc: dO""c:ÀikL"v di r3,24 , ma a dif-
fe ti, a cui fa seguito la nuova epoca ca- ferenza di quella esprime piuttosto il
ra tterizzata dall'c:ùo:yyEÀi'.1;,c:crit<XL - con- mov imento d eci so di ma sse irrompenti
cetto, questo, tipico di Luca . Diversa- - corrispon<le perfettamente all'indole
mente dal passo di Matteo , soggetto di missionaria degli scritti di Luca , che as-
0Lcisna.L non è la 0a.crLÀEL<X, bensì l'ag- sume l'EùayyEÀll;,c:critm rivolto alla con-
gettivo sostantivo mie; . versione dei pagani quale segno della
nuova epoca storica inaug urata da Ge-
Volendo applicare anche in questo SLL Nelle g iubilanti parole mxç B~cisE­
caso l'interpretazione /) di Ivlatteo si
'tO:L si può ravvisare un'iperbole sol-
dovrebbe a) intendere 0Lci1;,c:-r<X~ in sen-
so mediale: ognuno esercita violenza tanto rispetto al successo es teriore e
contro di esso 1 ~ . In tal caso p erò , trat- visibile , ma non all'uni versalità intrin -

1< Hiero n: omnis in illud vim facit. R ecente- Éd: Polyh. rr 6 7 .2: 1r1 -1 ),6 ; D iod . S. Il r (j ,/ .
mente SuH.ATTFR , Lk. 549.
" Peshitta; ~\11fiL1. Fra i rnodc:rni: Schn ec kcn-
'' Un'ampia documentazione si troverà nel
hurgc r . Crerner-Kiigel , Wellhaust:n.
mio la v~Jro . Qui baste rà citare: Thuc. l 63,4 ;
Demosth. 7, 32; Polyb. r 74 ,5; Diod. S. XL 50, n Ephr.: cfr. MERX, Lk . 33t ; ed altri eseget i
4; los., bel!. 2 ,262 ; Philo , vit. Mos. 1 108 ; siriaci e i Ialini antichi . Fra i moderni Ifar-
Plut. , Otho u ( r 107 2 e ). ~La}~E0"1ÌCLL con l'ac- nack, Dalman. i'ahn , Windisch, Preusclie11 -
cusati vo: [os. , an t. 4,121 ; q,r 7 >; con 'ltpéç o Rau er.
257( !/ >11) [Là <~:J fW:L (G. Schrenk J (1, 612 ) 258

scca dell'E:ùayyzÀ.LOV, che è veramente mini la [:Ìo:O"LÀda. Secondo la conce-


rivolto a ' tutti ' gli uomini senza limi- zione sinottica , infatti , Gesù come di-
tazioni o eccezioni. spensatore della salvezza impersona il
È evidente che Matteo t: Luca risal- regno nella sua dimensione stOl'ÌCa e
gono a una fonte comune, che presen- nella sua fondamentale prospettiva esca·
tava la fìgura e l'opera del Battista co- tologica. Annunziando e attuando la (3a-
me l'epilogo del ciclo storico antece- CiLÀ.da Gesù inaugura un periodo del-
dente la (3a.cnÀ.Ela. inaugurata da Ge- la storia della salvezza immensamente
sù. Ma per quanto riguarda il (3ui(,E-r:CXL superiore a quello, ormai concluso, dei
il difficile testo di Matteo dà innegabil- profeti, della legge, del Battista. Per-
mente l'impressione di essere il più an- ciò il À.oyiov di Matteo e Luca prean-
tico; rispetto ad esso la versione di nunzia in certo modo la definizione pao-
Luca si presenta semplificata, ridotta Jina del Cristo come -rzÀ.oç della legge
(manca la frase esplicativa xcd (3tcw-ral (Ro m. IO,{ ; cfr. Io . r,17). Pur essen-
ecc.) e soprattutto intonata alla conce- do, come il credente riconosce, un'e-
zione missionaria dello scrittore 18 • La splicazione dell'incontrastabile sovrani-
priorità del testo di Matteo si illumina tà di Dio, la f3ixaùda non si afferma
ancor meglio con l'esplorazione del fon- nel modo che sembrerebbe ovvio, ossia
do aramaico, dalla quale risulta che ~Lci­ travolgendo trionfalmente ogni resisten-
SECii}cu corrisponde probabilmente ad za, bensì attraverso le sofferenze e le
'anas nel suo dup·1ice significato di 'eser- persecuzioni : manifestandosi nella per-
d tare una pressione' e 'rubare' 19 , m en- sona del Gesù storico il regno parteci-
tre né il passivo EÙa.yyEÀ.lsE'tcu né l'dç pa al destino di lui - al (3Lci~Eo-i}aL . An-
aù-r'l'Jv (3Lcisncu di Luca si possono ri·· che il testo secondario di Luca inserisce
condurre ad un originale aramaico, e nella stessa prospe ttiva, ossia alla svol-
meno che mai ad ,anas. ta decisiva della storia umana, la figura
messianica di G es ù che manifesta e im-
3. Dal punto di vista teologico i due persona il regno. Lo stesso aspetto più
passi di Matteo e Luca hanno impor- distintivo e caratteristico della situa-
tanza soprattutto perché vedono nel zione presente rilevato gioiosamente da
Battista l'immediato antecedente crono- Luca con le parole nt'i.ç (3LrXSE"t'CH -
logico e idea·le dell 'opera di Gesù, at- ossia la chiamar.i di tutti indistinta--
traverso la quale si è rivelata ag)i uo- mente gli uomin i :illa salvezza - è in

18
Cfr. HAR NACK, l.c. 949. h:'isan 'appropria rsi'. T.n Sc HLATTFH , Mt. 368
19
Cosl sostiene il DALMAN, W.]. r r r 3 ss., rimanda invece . come il Da lm an, a 'anas, c i·
dopo aver scartato 'a(Jscn e t;eqaf (che no~ ha tando Tan~. (Buher ) ki ts' (6,ro8 ), a cui si
passivo), mentre A. MEYER 88 s. pens;1va a può aggi ungere 'rn1.ir11rrr> Tg,. ls. 2r ,2 (~n . 7).
259(1 ,612) f3v:i(orwt (G . Schrenk)

certo modo complementare di yuello seppe, nei principali autori ellenistici e


fissato da Matt eo. In effetti tanto la nei papiri. Solt an to h lone ci offre un
riscontro, ma assai Ju hbio. Si tratta d i
persecuzione violenta degli avversari llJ!,ric . 89, J ove si parla delle tempeste
contro il regno quanto L1pertura d el rl~Jle passioni che infuriano contro ]a
medesimo a tutti gli uomini sono due 'nave' dell'anima e che secondo i codd.
poli, negativo e positivo, di una sola M H suona: Tf]c; tl;vx'il:; ù1tò 0La.cr't"c7JV
xa. 't"a. TIVEOV't"(JJV Elc; a. ÙTYJV Tia.i}1:0v 't" E
realtà: quella del Cristo, che per il suo xa.~ à.ÒLXT)~.tch0.iv a \rnpprnoucrYJc; xa.t
carattere assolutamente decisivo e d efi- XÀLVO!lÉVT]c; É!;,cup6p.EVOV Ém0a.lvn -rò
nitivo è anche segno di contraddizione xvµa. La lezione esatta è però quella
d i G (adottata da cohn- Wcndl.): ùnò
e di lotta . Ed è proprio questa realtà
0la.c; 't"WV 2• Oltre al pa sso di Matteo
che domina il pensiero dei due evan- Bwcr-rfiç si trova p. es. in Aretaeus IV
gelisti. r 2,12 come termine clinico relativo al-
la gotta e nell 'esegesi patri stica di Ml.
r 1,r2 3 ; oppure in epoca successiva in
Eustathius Macrcmbolit es ( sec. xn d.
C.), de I smeniae et I smenes amoribus
Bwcr't" ·~c; è vocabolo rarissimo che, per 5, in un'enumerazion e di attributi ne-
quanto finora ci consta, non è attestato gativi: ~10Lx6c;, O:x6Àa.cr"t"oc;, 0La.cni}c;.
con un valore di sostantivo e nell 'acce- Come suggeriscono anch e gli ultimi
zione pregnante di violento prima di pa ssi citati, per un'esatta interpretazio-
Mt. 11 , 12. In Pindaro si trova più vol- ne di (3La.cr't"i}c; è opportuno seguire le
te (3w. "t"ci.c; nel senso di forte, coraggio- tracce degli altri deri va ti di (3la. anzi-
so, valoroso 1 ; così in Pyth. r ,10, dove ché affidarsi all ' uso pindarico di (3wcr-
si canta (3Lcnà.c; "Apnc;, il feroce dio 't"fjc; liricamente modt;lato e molto me-
della guerra (cfr. anth. pal. VII 492,3 no incisivo. I vocaboli a cui bisogna ri-
Anite); oppure, sempre con funzione chiamarsi sono: r) 0wcr"t"fov. Una mas-
di attributo , Pyth. 4AI9 s.: (3Lcnàc; 0:- sima di Epicuro suona 4 : où (3La.cr"t"fov
'Jfip; 6,28: 'Av"t"lÀoxoc; (3un6.c;; Olymp. -ri}v q>UO"LV Ò.ÀÀà. 7'ELC"'tZoV. 2) 0Lct.O"'t"Oc;:
9,7 5: µa.l}E~v Ifa"t"poxÀou (3La."t"à.v v6ov; Choricius, in lib. or. (Iv p. 79 3,r3 Rei-
Nem . 9,51 (detto del vino): (3w."t"à.v ske ): 0La.cr't"Ò'.. 1tpci.yµa. "t"a.. 3) 0La.cr·n-
1ta.~òrx. Ma, all' infuori di Pyth. 1 ,42 x6ç: Philo, sp ec. leg. III 35: crvvYJi}da.c;,
( crocpol xa.l XEpcrl (3La.'t"a.l), la parola ha (3La.O"'rLXW't"lX't"OV npci.yµa."t"oc;, detto del-
sdnpre valore di aggettivo e reca una l'abitudine tiran!'lica. 4) 0La.crµ6c;. Plut.,
impronta assai diversa da quella del vo- amat. r 1 (u 755 d): àpna.yi] xa.ì (3w,-
cabolo neotestamentario, che non ha crµ6c;. L'accento di questi vocaboli bat-
paralleli , non diciamo negli autori clas- te chiaramente sulla viol enza in atto.
;ici, ma nemm eno nei LXX e in Giu- Assai frequ en te (: sopratt utt o ij parti-

Bw:a-r-i]ç
' f3w.-rriç (-'i]ç) ;: 110111cn agr:ntis di f3tiicri}cx. ~, -' S11ic. , thes. s.v. cita Basilio, Crisostomo, I si-
come Ptcx.cr-r-i]ç di f3tciçoµcu. do ro d i Pclusio , che soste ngono tutti quanti
' A rigore qu este n on sono variami , ma ten- l'esegesi d i Clem. Al. (~ ~ L iiso1 1cu n . 4).
:ativi di interpre1azione del testo tradi zionale ' C. WoTKE , E pikur Spruchsammlung n. 2r:
compiuti dagli amanuensi Wicner Studien ro (r888) 193 ).
(1,613) ~6z.

c1p10 sostantivato ò r3 w ~6p.E voç. Diod. biamo dimostr;lto , allude all'atteggia-


S. rv r 2 ,y ·roi:ç f3 La.~oi LÉvotç, detto dei mento di coloro che perseguitano e in-
centauri ; xvr, 27, i : ·h vrcc:poxYi 'tOU (3La.-
tralciano il regno di Dio . È significati-
sop.Évov, la prepotenza del viole nto.
Con valore qua si sempre aggettivo, ma vo che Origene, hom. in Lev. IV 4 (p.
con Jo stesso significato, si trova usato 320,7 ss.) guidato dall'accezione nor-
(3lmoç: Horn. , Od. 2 ,236 : i:'ponv i:'pya male di f3taaTiJç dia un'interpretazione
(3la.w, detto di azioni violente ; Soph .,
Ant. r 140: 0wt'.a.c; v6crov ; Thuc. Ill 36 , piuttosto incerta di Mt . I1,r26, com-
6: Bta.t6'ta.'toç 'tc::Jv r.oÀ.t'twv; l-ldt. v11 prendendo fra i raptores tanto i boni
i 70: à.rcofra.vc:i:v 0ta.t'.({) fra.vci-cc1J; dr. (coloro che si appropriano avidamente
Plat ., resp. VIII 566 b; Tim. 64 cl: 'tÒ
del regno), quanto i mali (ossia coloro
mxpà cpucnv xa.t Bla.tov ytv6µEvcv ·mi-
i}oç; in resp. II! 399 a f:v 7tcXO"D !3ta.t'.i.p che lo ' rapiscono ' indebitamente agli
Épya.rnq è messo in parallelo con Èv uomini). Ma è quest'ultima e non quel-
rcoÀqJ.txfl 7tpci1;Et, mentre in resp. x 603 la in monam partem 6 l'unica interpreta-
c si distingue fra 0lmot ed Éxoucna.i
zione valida di 0tacri;ai à.pmxsovcrtv,
7tpcil;Etç. Anche presso Giuseppe ç3lmoç
accentua soprattutto l'idea della viole;1- condivisa anche dalla versione di Mem-
za ostile in atto ·' . fì. (3wo--rl)c; è, in somma, colui che si op-
pone con la violenza alla propagazione
Il 0ta.cr't'i)ç è quindi il violator, colui
del re,~no di Dio e in tal modo sottrae
che si impone con la violenza rapina-
agli uomini la possibilità di salvarsi.
trice. In Mt. rr,12 la parola richiama
il precedente (3tcisEcrlJa.t che, come ab- G. SCHRENK

t (3lf3À.oç

1. Uso generale
assunto dalla lingua egJZJana, e signifì-
0t'.f3À.oç è un termine che .il greco ha ca innanzitutto il fusto del papiro, quin-

' Cfr. ScHLATTER, Mt. 368. TH. BrnT, Das antike Buchwesen (1882) l2ss.
6
Clem. At., Bengel, Zahn, Harnack intendo- Io., Handbuch der klass. Altertumswissen-
no ~[a. . nel senso che • i figli della sapienza ' sc haft' 1. 3 (1913) 247-382..
(Bengel) usano la violenza per entrare nel re- K. DzIATZKO, in Pauly - Wissowa 111 ( r899)
gno di Dio. 939 ss., alla voce Buch.
(3!'.~Àoç, (3L~Àlov Io., Untersuchungen uber ausgewahlte Kapitel
L. Li:iw. Graph. Requisiten tt . Eri.eugnisse des antiken Buchwesens ( 1900 ).
bei d. ]uden, in : Beitr. zur jud. Altertums- W. SCHUBART, Das Buch bei den Griechen
kunde I ( 1870 ). und Romern (1921) 32 s.
S. KRAUSs, Talmud. Archaologie III (1912) Sulle forme ~vPÀ-, ~L~À-:
J 32 ss. Morn1s , Lex. Atticum (1830) p. 88 PIERSON·
RE' XVII, 766 ss. KocH.
f>l(3),oç (G. Schrenk)

di la sua corteccia 1 ; ciò che si appresta modo per il rotolo di papiro. Però (3l-
con questo fusto è detto f3lBÀLV oç 2 • La 0Àoç può esser detto anche di qualsiasi
forma originaria è f3vf3Àoç, BvB:ì-.lov. materiale scritrorio (tavoletta di terra-
Dal secondo vocabolo viene, per assi- cotta, cuoio, pelle d'animale, pergame 0

milazione, f)Lf)Àlov, e in seguito si pas- na) e di ciò che vi sta scritto 6 •


sa anche alla forma f3lBÀoç. A partire f3l(3À oc; designa, inoltre, 1'opera let-
dal sec. I a. C., f3r.f3À- cede il posto a teraria, ed anche la lettera, 11 documen-
f3vf3À-, che, a giudizio degli atticisti, sa- to e l'ordinanza 7 • Nei LXX è molto più
rebbe la forma ordinaria; f)Lf)À- torna frequente (3i(3À.lov. Alla pari di f3lf3À.oç,
ad affermarsi per il fenomeno dell'ita- il termine rende quasi sempre l'ebraico
cismo. Col sec. I d. C. si hanno forti sefer. Tra i due termini non si osser-
oscillazioni. Giuseppe, per es., che di va una reale differenza di significato,
regola usa f3l[3Àoç, impiega occasional- ma solo si ha una preferenza dell'uno
mente anche la forma più antica 3 • o dell' altro in determinate formule.
In Grecia, il noto materiale scritto- Quando uno scrittore accenna a un vo-
rio ricavato dal papiro sostituisce la ta- lume precedente della sua opera o cita
voletta di legno fin dal sec. vr a. C. 4 • il volume di un altro autore, può ser-
Così il termine viene applicato al papi- virsi di entrambi i termini 8 • Anche nei
ro scritto 5• Il nome è usato in special LXX f3L(3Àl ov non ha un significato spe-

K. MusTERHANs-E. ScHWYZER, Grammatik ZNW 21 ( r9 22) 43 ss.


dcr attischen Inschriften' (1900) 28. W.BRUCKNER, Die grosse und die kleine Buch-
KuHNER-BLAss-GERTH 1, ìo. rolle in der O/fenb. Kp . 5 und IO (1923).
A. MA!DHOF, Zur Begrilf sbestimmung der I. Ro11R, Die gebeime Olfcnbarung des hl.
Koine ( 1912) 303 ss. ]ohannes '(r932) 129.
1
Ios. Fl., ant. 2,246.
Su (3L(3),a.plawv, (3L(3),LOcipLov: 2
Ios. Fl., ant. 2,220: 7tÀ.ÉyiLa. (3l(3Àwov.
BZ 6 (1908) 17!.
3 LXX : 1 bdr. I , 3f B; Ios. Fl., ant. 12, u3;
]. Hi\NEL, Der Schrif tbegriff J esu , BFTh 24 vita 365; Polib. III, 34 ,3; Diod . Sic. XVI, 3,8.
( 1919). Invece, Aristea ha assiduamente (3l~Àoç, ~~­
~Àla.
Sul libro della vita, ecc.: 4
La tavoletta di legno 11:v!;lov (luìifl), Is. 30,
WEBER 242 ,282 s. 8, distinta da ~L~),lov.
DALMAN, Worte Jesu r, l ì I . ' Is. 18,2: tma"roÀaL ~l(3ÀLVCXL.
P. VoLz, ]ud. Eschatologie (1903) 93 s. (ed. 6
La Torà veniva scritta di preferenza su ro-
2: Die Eschatologie der judischen Gemein- toli di cuoio. Nella Mishnà sefer è detto abi·
de im ntl. Zeitalter, 1934, 290.352) . tualmente di pelli d'animale (Low rr5 ). Cfr.
BoussET-GRESSMANN 258. anche 5. Num . 16 (commento a 5,23). In Ier.
H. ZIMMERN, in E.SCHRADER, KAT' II (1903) 43(36),20ss., invece, quello che Joaqim strap-
400 ss. pa è chiaramente carta, e non cuoio (LXX
B. MEISSNER, Babylonien und Assyrien II XCJ.P""CLOV ).
7
( 1925) iz4 ss. Documentazione in PREJSIGKE, Fachworter
L. Ru11L, De mortuorum iudicio, RVV II , 2 40 e lVort. s. v. ; Mn rEi s -WrLCKEN 1, r , p .
(1903) 68; ro1 ss. XXXI, n. 2 .
J. W EI s s , Die O/jenbarung des ]ohannes ' Pl~),oç : Ios . Fl .. ant. r , 94; 4, ì4, ecc.;
(1904) 5ì ss. Phil. ebr. r. 0LPÀlov: Ios. FL, ant. 20,26ì;
ZAHN, Einleitung II, 600.608 s. bell. I ,30; Phil. , sacr. A.C. 51. I due scrit-
A. ScmATTER, Das A. T. in der joh. Apo- tori spesso scambiano semplicemente un ter-
kalypse (1912) 61 s. mine con l'altro ; fos. Fl., ant. 8,{4; ro ,93-95 ;
W. SATTLEl(, Das Buch mit ì S iegeln II, in : Phil. , lcg. allcg. I , r9.2r.
265 (I,6q ) 0l~:lì- <x; (G. Schrcnk)

cìale, che non srn reso anche con ~l­ un'applicazione all ' A .T. di un'espres-
~À.oç, almeno (_! uakhc volta in singoli sione corrente; questi due scrittori se
codici .
ne servono per indicare tanto i libri di
2. (3t'.(3À.OL Ì:tpo;l Mosè, guanto l'intera collezione degli
scritti canonici 10 • Filone, quando si li-
Secondo Giuseppe (bcll. 2, 159) gli mita alla Torà, usa l' espressione di
indovini esseni sono (3t'.(3À.oLç LEpi:x.t:ç È{..t- Pentateuco 11 • Il nome di a:.t BlBÀ.oL,
muÒo't'pL(3ou1.tEVOLXO:.L ÒLat'.popoLç àyvEi.- usato semplicemente per designare l'A .
m,ç xa:.L rcpo qnrrwv à.rcocpMyr.w.cnv. Ciò
T., si trova già in Daniele 12 •
si riferisce all 'A.T ., ma forse non ab-
braccia solo il canone; infatti, stando a
3. L'uso di (3l(3Àoç per designare
2 ,1 42, gli Esseni devono fare il giura-
i singoli scritti del canone
mento di O-VV't'TJp'fia-n v 't'CÌ. i:fiç a:.[pfoE-
wç m'.rrwv (3L(3À.Lcx. Quc:st' uso dell'e- Per quanto riguarda l'uso successivo
spressione (3!'.(3À.oL 1..Epa:.~ è in accordo dell' espressione « la Bibbia » nel lin-
con l'osservazione che questa formula guaggio ecclesiastico, va osservato che
gode di speciale favore, nell'età impe- questo termine, usato al singolare, pren-
riale, per designare il libro ieratico 9 • de lo sp unto, nello sviluppo storico, dal-
Con questo si può comprendere che in l'impiego del termine (3l(3À.oç in riferi-
Act. 19,19 i libri magici efesini vengan mento alla Torà. Manifestamente, esso
detti (3l(3ÀoL. si fonda nel costume di scrivere la To-
La formula i:x.1, LEpa:.i (3l(3ÀoL, che si rà sopra un rotolo speciale 13 . Ma (3l-
trova innumerevoli volte in Giuseppe 0Àoc; è usato pure per designare qual-
e in Filone, non è altro, dunque, che siasi altro scritto del canone, o lihri re-

• Diod. Sic. I, 44,4; 73.4 ; 82,3; Phil., con/. Pl~Àotç, espressione' che si riferisce a Gere-
ling. 3 ; 8° libro di Mosè in A. DIETERICH, mia. Cfr. -rcì f3LPÀla.: ep. Ar. 46.
Abraxas ( 1891) 169. Altra documentazione, 13
II singolare in riferimento al rotolo della
presa da Luciano e dai papiri, in NAGELI 19. Legge: Targ. Il Esth. 4,2: b•sifrii' d'moJeh (nel
10
Ios. Fl.: lEpa.l PlPÀoL nel senso di Legge : libro di Mosè); j. Taan. Ier., Taanit 66 d:
ant. I ,26; 1,82; 2,347; 3,8r.105; 4 ,326; 10, haden se/ar 'ora;ta'; Sotà 7, 9 e frequente-
58 . Riferito all 'intera collezione: ant. 1,139 ; mente neila letteratura rabbin ica : se/er tfm1.
9 ,28-46; 16,164; 20,261.; Ap. l,I.91; 2,45· 2 F..sdr. 5,48; 7,6.9: Ti Mwvo-É<...iç f3lf3Àoç. 2
Raramente ha PL~Àla tEptl. : vita 418. Altre M.ach. 8,2 3: Ti lEpCÌ f3lPÀ.oç; cosl pure Ios.
es press ioni designanti il canone sono : ai. 'E- ant. 4 ,,03 (altrove il singolare non ricorre
f3po:i:xaL ~ lf3).oc : an i. 9 ,208; similmente ro, più in Giuseppe); Bar.4,1: Plf3Àoç -rwv npoo--
218; Ap. l, r54 . P er altre notizie ~ Ptf3Àlov -rayµch<...iv 'toù -àEov: Philo, det. post. ins.
fl . 8.9.1 l . . 139: Ti -àrnù f3lf3Àoç. Invece in Ios. FI. (ant .
11
decal. 15 4; special. [ef!.. n . 150 ; Abr. 157; r2,256) Plf3).oç tEpa significa , oltre a v6µo ç,
vit. Mos. TT , r o; Jr 45 (a.i iEpt0"La.-ra.i Plflì-.oL ); i rotoli dei singoli libri . Sorprende in ep. ÀJ'.
ebr. 208; rn. div. her. 2 58. 316 l'espression e Év -c:0 f3lf3Àl;l , che sembra
12
ib. 9 ,2 (nei I.XX e in Teodozione): Év -ra.!:ç detta dell'intero A.T. Ma si dovrebbe sapere
f3~f3i.oç (C. Sdn enk) ( 1,!>15Jz 68

ligiosi ad esso simili; non , però , ne i a 2 .2,;. Solo così non s1 rec<l \'i()lem:a
LXX (.-~ 0iB)clov n . 8) 14
• All 'uso gene- alb formu la tradiziona le.
rale corrispondono, nel N.T., i casi di
Mc. 12,26 : Èv "TI Bl(.n.~ Mr,.iuo-Éwc:;; Le.
20,42 , Act. r ,20: Èv 0l0À~ ~cxÀµwv 1 5 ;
Lc.3A: Èv 0i'.~À~ Àoywv 'ffocxtou ; Act. 1. Uso generale
7 >42 : ÈV 0i'.0Àlp 't"WV 7tpO<plJ't"WV 16• È
(3LBf.lov è prèso comu nemente come
significativo che quello che qui in pre-
un diminutivo di 0LBÀoç; ma ben pre-
valenza si attiene alla formula dei LXX
sto n on venne inteso in qu es to modo .
sia Luca, quello, tra gli evangelisti,
Per esprimere questo senso sorsero al-
che ha la miglior formazione ellenisti-
tre forme, come, per es., ~LBHoL o v e
ca ( cfr. p erò Le. 4, r 7, ~ 0L(3À.fov qui
BL~).cxplowv (Apoc . 10,2.8 [SP] 9 s.) 1•
sotto).
BLBÀ.lov è la fo rma pi ù usata nella koi-
né per indicare un rotolo, un libro, uno
scritto. Nei LXX (~ (3i'.(3À.oç n. 13.14)
Questa espressione in Mt . r ,r è pre- si tro va, per es., quando si rimanda a
sa da G en. 5 ,r (e corrisponde a sefer fonti scritte e xtra - bibliche 2 • Oppure
17
t oldot) • In ogni caso, essa si riferi- viene usato altrimenti quando si tratta
sce solo alla genealogia che segue, e di biblioteche, archivi, cronache 3 • L ' o-
non 18 a tutto il vangelo o ai racconti pera storica di Giuseppe ha il nome di
dell'infanzia, che in Mt. giungono fin o BL~L'.a. ~. Il termine però può , come

se Teodette attingesse soltanto dalla Legge . C"• e molti minuscoli han no ~L(3ì.Lociptov
" T ob. r ,r: f3lf3Àoc; À.6ywv Twf3l-r; T est. L (cf rA ri stoph., fr. 490 (C AF I , 5r8), H . C.
10,5: li (3lf3ì.oc; 'Evwx -rou otxa.lov ; los. F!., Ho SK I ER, Con ceming the text o/ tbe Apk. rr
ant. rr ,337: ·h Àa.vtfiÀov f3lf3ì.. oc;; Phil., m gr. ( 1929) 275. I vi anche altra docu mentazione.
Abr. r4: LEpà. f3lf3Àoc; 'El;a.ywyfi; plant. 26: Su ~ t~ì.!'.owv = lihetlm-, che non ri corre nel
Èv Asvcr-rtxfi f3lf3ì..<p; con/. ting . r 28: Év -rfi N.T., cfr. PREIS I GKE, Fachworter 40; Wort.
-rwv xptµchwv f3lf3Àr~, r49 Év f3aoùtxa.i:ç s. v. ; M1TTEIS · \X/ILCKEN I, I p. xxx i ; APF 5
f3l(3ÀoLc;. ( r 909) 262 s. 44r. Sull 'uso del termine nei pa-
" Cfr. sefer t2llim, Tanh . (BuBER) mswr' 5, dri apostolici V. P REUSCHEN -BA UER, s. V.
46, e j. Meg. 72 a. Nei LXX (B) come sottoti- ' Num. 2 r ,q ; 2 Ba.cr. r.18; 3 Bacr. 8,53; II,
tolo dei Salmi: (3lf3Àoç lj;aì..1twv . .p ; 2 Chron . r3 . 22 (do\'e tradu ce m idraJ) ;
16
L'idea che f3lf3Àoç, a differenza di f3 tf3ì..lov , F 1·1h. 1 0 ,2; loh ,p, 1 8 1\ - f3 ~~ ),oc; solo in al·
abbracc i pan:cchi scritti singoli (CREMER-Ki.i- cu11 i rndi ci.
<;EL ) non si può sos tenere (~ f3t~).lo v n. 8.
' 8ibl iotcche. ep .Ar. 9 ,10.29; Jos., ant. r ,ro;
9.11).
r2. 12 . A rchi vi: ant.8,55.r59. Genealogie: 2
;, Cfr. Philo, Abr. II.
E:ro ~ . T /,'): f3tf3ì.lov 't'Tj<.; cruvoola.ç . Cronache
18
ZAH N, Mt. a. l.
f3t~Ì..lo'J
dei padr i: 2 Esdr. 4,r5 AB; cfr. Mal. 3,16;
1
f3t(3 À.a.pllìwv secondo RZ 6 ( 1908) 17 r fin o· hth . t0 , 2.
ra si è trovato solo in U erm. z• . 2,r,3 e 4 .s. ' rn,., vita 36r.364
269 (1 ,6 1(,1

BL[3Àoç, indicare la frttcra ' o il docu- Quindi anche Gal. 3, ro: TW.ç oç ov:x:
1ncnlo . Così, in Toh ì.13, designa il È[1µtva TClXCJLV -roi:c; yEypa.[l[LÈVoLç Èv
documento di matrimonio, in Deut. 24 , 1:CÌJ 0LBÀ.lw 'tou v6itou (i LXX in Deut.
r.3 0L0Àt'.ov à.noo-rrxcr[cv (sefcr keritut), 27,26 leggono, conforme al T.M.: Èv
e così in Mc . 1 OA; Mt 19,7, indica il T>àcnv -roi:c; ÀoyoLc; 1."0Ù vép. ou) si tiene
documento di divorzio , che doveva es- completamente nella linea di quest'uso.
ser messo 111 mano alla donna quando Così pure in Hehr. 9,19 (Ex. 24,7) si
veniva rimandata 6
. intende designare la Torà, sebbene vi
venga omessa la specificazione 't'i'jc; ÒLa·
iti]xric;, che nei LXX caratterizza il ter-
mine 0L0Ài'.:w.
Ne1I' A.T. ricorre più volte l'ordine
7
di seri vere hassefer (nel libro) ciò che È degno di nota che Giuseppe , come
è detto ; « lihro » in questa espressione parla quasi esclusivamente di LEpo:.~ 0r.-
può indicare ogni superficie adatta a 0À.oL (~ Bt'.0).oc; qui sopra) , così, pe r
scrivervi, anche una foglia; però i tra- dire la Torà e il canone, usa solo 0c-
9
duttori, che hanno scritto 0LB).lov, de- f3À.t'.cx:, e non BiBÀt'.ov Conforme a que-

vono av er pensato al rotolo di papiro. st'uso, 2 Tim . 4,13 potrebbe riferirsi


Effettivamente, è a dei rotoli che si pen- assai bene a dei rotoli contenenti scritti
sa in Ps. 3 9 .8: Èv xc:cpcx:À.i'.oL 0i0À.lou dell 'A.T. A questo modo di esprimersi
(bim egillat-sè/er), citato in Hebr. ro,7; si ricollega anche l'uso, invalso a parti-
10
lo stesso si dica di Ez. 2,9; cfr. l'imma- re dal Crisostomo , di chiamare la rac-
gine in Is. 34'4· colta canonica dell'A.T. e del N.T . col
Nei LXX. detto in riferimento alla semplice nome di -rà ~L0Àt'.rx; quest'u-
Scrittura dcll'A.T., 0L0Hoy è in primo so raccoglie in questa designazione, ol-
luogo l'espressione più o meno solen- tre all'A.T., come si osserva già in Giu-
ne che designa il libro della Legge 8 • seppe, anche il N.T.

5
2 Ba.o-. u ,q; 3 Bmr. 20,8; 4 Ba.a-. rn ,r ; 6. (3L(3ì.lov v61wv "t"ov ~rnù: 2 Ecro~. la,8 .
h:p. i6.1. f3cf3À.lov v611ov xvplov : 2 Chron . 34 , q. f3 L-
6
Per l'uso del termine nei papiri, dove in- f3ì-..lov Èv-roì..wv xvplou : 2 Fsdr. 7,rr. f3Lrn.(av
dica vari documen ti ufficiali, commerciali e Ti)ç ÙLaITTixnr;: Ex. 24 ,7 ; 4 Ba.cr. 23,2.21; 2
giuridici, dr. PREISIGKE, o. c. (~ n. r ). Chron. 34,30; Ecclus 24 ,23.
9
' f:x . 17,q; Num. 5,23; Deut. 17,18; Tob. Per designare la Legge: lor. ant. 3,7 4; 4,304;
J 2,20; I s. io.8, ecc. i2,36.89.r 14· Per designare l 'intero canone :
' Il libro dell a Legge semplicemente -cò pL· cmt . 1,15; 8,159. Anche la ep. Ar. r8,30, praia
/3),lov : Der1t . 28,58; 29,20 (19); 4 Ba:cr. 22 ,8 dei (3L(3ì..la giudaici . AI contrario cfr. il Pro!.
R; 1!3l!3ì..oç 4 Bacr. 22,16) . !3L!3ì..lov "t"OÙ v6- Ecclus: -rl]v nu v611ov xa.i "t"WV 7tpoqin-rwv
ftav : Deut 28,61: 29,2r(20).27(26); ,0,10; 31, xa:~ "CWV èiXJ...r;)v na.i:plwv !3Lf3À.lwv civciyvw-
26; 4 Bcw. 22 .il. 1 1: 2 Ecrlìp. r8 ,3; !3l!3ì..oç 't'au O'LV. 2 Ctem. 14,2: -rà pLfD..la: 'CWV TI: pOtpl)"tWV
v6rwu Ios. r .8. j3LpÀ.lov Mr..iua-ij: 2 Chron . XO'.~ot cÌ7tOIT'tOÀOL.
35,12. (3r,pì..lov ·co1) v6rwu Mwua-ij: Ios. 23, '" hom. in Col. 9.1 (MPG6z,~6r). Altri rife -
(3l~}. oç (G. Schrenk)

Inoltre, principalmente nei LXX, si a 0l~Àoç. Questo signifìcato è Jetermi-


dà il nome di pLfif,lcv anche ai singoli nato molto pitt dalla lingua dell'A.T.
scritti dell' A. T ., prese i mkndo d alla To- che non da quella dell'epoca imperiale.
rà 11 • A ques ta designazione corri spon Prescindendo dalla citazione in 6,14 :
d e LcA,I7. Nella sinagoga di Naza reth 0L[3Àfov ÉÀLO"O"OµEVOV (Is. _34, 4), che
vien porto a Gesù 0L0À.lov -i:où TCpoqd1- rafforza solo l'impressione che si par-
-i:cv 'Hcrafov. Che si trattasse di un ro- li chiaramente di un rotolo, si hanno
tolo , è quanto most ra , nel v. 20, la vo- cinque usi del termine 'libro':
ce 7'-i:v1;aç 12 • In vece iì terrnirn: f3tf3Àlov, a ) Il 0L0À.lov della stessa Apoca·
col quale I' autore, in 1o. 2 0 , 30 13 , desi- calisse di Giovanni, che secondo l' in-
gna i[ suo van gelo, non vuole certa- dicazione di r ,r r , dev'essere inviato
mente essere l'espressione so lenne di alle comu nità dell'Asia, contiene À.oyo ~
una pretesa di essere creduto (cfr. 21 , npoqnrrÉw:ç, i quali vanno osservati
25 ). (22,7.9 s. r 8 s.) . A differenza di Dan.
r 2 ,4. 9, esso non è sigillato (22,10),
3. Il libro della vita ncll' uso ap oca- perch é il tempo è vicino, cioè il mes-
littico e negli altri passi del N.T. sagg io deve effettuarsi completamente
Il termine « libro » riceve un suo nella comunità di Gesù Cristo, e non
proprio significato nell'apocalittica, in venir messo da parte, come un segre-
gu anto diviene una metafora del miste- to sigillato (come in I0,4). Il veggente

ro divino, che viene notificato ed ese- deve comunicare un avviso, una con-
guito come qualcosa di ben definito 14, solazione, una istruzione efficace.
e inoltre in quanto è espressione del- b) Il 0L0Àr'.ov coi sette siy,illi (5,I-5,
}'inviolabile ferm ezza del consiglio del- 7 s.) . Ha la forma , probabilmente, di
la grazia. L'autore dell 'Apocalisse pre- rotolo, e precisamen te di un òmo-i16-
1
feri sce f3tf3Àlov, che ricorre 23 volte, rpacpov ', non di un codice. Decisivo

rim enti in Suic., Thes., s_v. È~rnhao-a v 't'O f3~f3ì,l:;v 't'ou v6µou.
11
Così nei numerosi rin vii a Cron. e Re: ~~- lJ Per a oùx: Err"t LV yEypaµµÉva. ÉV -re{) f3~­
0Htvv PTJl.tci:'t'wv -rr~v TlllEpwv -r:wv ~1w~­ (3 ÀL~ 't' O V"t~: m. Ex. r 7, r4; Lev. r. 35.
Mwv 'Io-pa:fiì., ~ Bao-. l.f ,19 J\, e al tre esprcs- 14
Per Erma cfr. PREUSCHEN-BAUER, ·s.v.
siòn i simili; J Chron. 27 ,14 ( traducendo mi- 15
V. documentazione in BossET, A pok. 254.
spar); Nah. r ,1 : BL0),1ov òpcicnwç Na.ov1.t; Specialmente Luciano, uit. auct. 9. GROTIUS,
cfr. 2 Ma ch. 6,r2. Così dice anche Ios., ant. ZA H N, NES TI.E : si t rat ta cli un codice. ]oH.
rn ,210 : 't'Ò BLBì..lov "t'Ò 2.rxwr)ì..ou; TI s BL- \Xlnss , Offb. Joh. 57ss.: si tratta di tavolette
~Àlov éì "rTiç m'.i-rov npocplJ't' ELet.ç o ' Jfa-a.fo.ç tenut e insieme con cordicelle. L'obbiezione
xcnÉÀmEv . Secondo Ap. I ,>8, egli annovera dello Zahn, il quale osserva che un rotol o
nel canone òvo 7tpÒç "to~ç E~Y.:Orn BLBì.. la . scritto sul verso potrc-bbe esser letto, al meno
'' A propos ito d i cl.voi.1;o:c; del v. 17, cfr. 2 in parte, è frutto di una riflessi one che va ol-
Eo-op. 18, 5. Al contrar io r Afach. 3,48 ha : tre ciò che è ammiss ib ile ndl 'a pocalittirn. Un
27 3 (I ,018) tJ,(1 18) 274

risuìta, p er l 'adozione cli questo signi- rnn ~ig li santamente fissat i, riguard anti
ficato, lo stre tto rapporto del tes to con l'a vvenire del mondo e della comuni-
Ez. 2,9 s., dove si h ,1 pu re un rotol o tà. La traduzione « libro del destino »
scritto al di dentro e al di fuori, a in- è errata, poiché il fondamen to eterno
dicare la sco nfin ata abbondanza degli del consiglio sovrano di Dio, che do-
eventi. Sulla me tafora , però, può aver mina la storia, è qualcosa di radical-
influito anche l 'u so testamentario ram a.. mente di ve rso dalla d1w:pµÉvì]. Come
no, che esigeva l'apposizione di set te il rotolo cli E zechiele con teneva lamen-
sigilli • Il contenuto del ~t~Àlov de-
16
ti , grida di dolore e di minaccia, così
v 'essere messo in rapporto con tutta la il libro d ei sette sigilli fa conoscere il
catena dei giuclizi, che si svolgono a modo con cui Dio giudica la storia, or-
partire dal cap. 6, e dai quali si svi- dinat a com'è dal suo d ominio sovra-
17
luppano organicamente le visioni delle no • Dapprima ess i sono sigi llati, il che
trombe e delle coppe. Non si tratta, signifi ca ch e sono so ttra tti alla conoscen-
dunque , soltanto dei sei, o sette sigil- za umana , segreti, m a anche che sono
li , ma di tutto l'insieme degli avveni- immutabilm ente stabiliti, come un te-
menti finali fino al compimento, come stamento. Aprirli significa fa r conosce-
pure della gu ida al conseguimento del re la volontà dcl test atore e dar corso
fi ne , che vien data alla comunità. Il al verificarsi degli eventi. Il fatto che
0t~À.lov, dunqu e, è il libro dei divini nessuno, nel creato, sia idoneo a svol-

tale rotolo è proprio legato e sigillato in modo far e attenzione in nanz itu t to che l'immagine
che non può esser letto. Che l'espressione bd del libro sigillato proviene da Is. 29,II; Dan.
-:i]v od;tàv esiga che si tratti di un codice , t2,4 (cfr. 8,26: xixi CTÙ O'Cppaytcrov "t'i]V opa-
non si può sos tenere, se si considera l'uso della CT~V ). Vedi H en. at·th. 89,7r. Il numero se tte-
preposi zio ne (20, 1). An che civoi:l;cu del v. 4 nari o dci sigilli, inolt re, corrisponde pure al
non d ecide la qu es tione, come mos tra Le. 4, si mboli smo dei numeri dell'apocalit tica. Per
17. Cfr. ( HARLES, Apk. J, 136 ss. l'apposizione di sigilli tra i Giudei,cfr. STRACK-
16
11 più a ntico testo di 5,1 A, Cypr. , Orig.: R1u.rnBECK nr , 800. Si veda T anh. (BUBER)
~t~Hov YEYPO'.JJ.µÉvov fow1'EV xa~ omcr1'EV wajehi 1,211: il libro sigillato da Dio . An-
XO."t'EcnppaytcrµÉv ov crq>payi:r:nv É7t"t'a (Hos- che nella gnosi ha u na grande importanza la
K IER II , r4r s., ZAHN, Apk. 328 n . 19) consen- letteratura s igilla ta che vie n recata, quale m es-
te sia di ri ferire fow1'EV xat omcri)Ev a yE- saggio di Dio , dal fi glio d ella verità (Od. Sa!.
ì'PO.f..lJJ.fVOV IOrig. , come in Ez. 2,ro ), sia d i 23). Cfr. H. GRESSMANN, SAB 37 (1921) 616
leggere omcr1'EV XIX "t' EO"(flpll'.ytcrfLÉVOV ecc. come ss. D ella krtera sigillata tratta pure LIDZBAR-
indipendente (G roriu s : intus scrip tum , ex tra SKI, Ginza 55 2, 31, Man d. Liturg. ur. n8;
signatum ; Z ahn , Ioli . Weiss). ln questo se- d ell a lc11 cra si trovano notizie ancora in Lrnz ..
condo cnso - ma anche nel pr imo - s i può l\ARSK I. /o h. 241 ,20 ; <)4 ,19; G'inza ',39 ,16 ecc.,
ricorrere all 'immagine del testame nto preto- in REJT Z ~ NST E N, Iran. Erlosungsmyst. 66 ss.;
rio, che ve niva esternamente sigillato da se tte LOllMEYE R, Apt:. 49 .
tes timoni (J. MARQUA RDT, Dar Privatleben der
R6mei-1 , rS86 , 805 s .; E. Huso1K E, Das Buch 17
Per par:i lleli apoca littici di qnes to « lib ro
mit 7 Si{'!!,e/11, r 86o). Altra bihliografìa in del gove rno divino del m ondo » cfr. STRACK-
ZAllN, Eii!l1'il1111g 11, 609, n. 8. Bi sllgn<1 pert'i RILLERHFCK Il , 174 SS.
275 ( 1,GrK)

gere qw.'. sto compito , richiama tut ta in ge nere nell 'Apocali sse quando si par-
l'atte nzione su quello ch e può dirsi il la dei libri di Dio, il libro rias sume in
principale motivo cristologico de lla sé Ja volont:ì efficace di Dio . .Esso viea
concezione della storia presente nell'A- ' letto ' solo nel senso che, subito tra-
10
pocalisse : degno di aprire i sigilli è dotto in atto , schiude agli sguardi del-
solo l'à.pvlov sul trono (5,6 ), il Cristo la comunità l'opera divina.
crocifisso intronizzato , che, so tto le spo- d) -.ò 0L0), lov TYjc; ~cJJijc;.
glie dell'agnello e anche ha conseguito L'esp res sione ricorre in Apoc. r3 ,8;
la vittoria dcl leone. Cristo è capace di 17,8; 20,12; 2r ,27. Solo nei passi 3,5;
eseguire fino al compimento finale il con- 13 ,8 (S ;' ); 20,15 il libro della vita è
siglio di Dio, in qu anto è vittorioso detto i} SlSÀ.oc; -rijc; 1;,wfjc; (come in
nella morte. Pertanto, la sua croce è Phil. 4 ,3, dove , però, non vi è l'arti-
il fondamento del suo potere sovrano, colo). L 'idea si ricoll ega a q uelle pa-
19
che reca a termine il dominio di vino •
role dell 'A.T. , nell e qu ali si di ce che
e\ ì l 0L0Àaptéì Lov, che il veggente tutti i santi e i fedeli, coloro che tem o-
d e ve in ghiottire (Apoc. ro ,9 s.) per assi- no Dio, oppure tutti qu elli che hanno
milare appieno e intimamente la cono- diritto alla salute, stann0 segnati nel li-
scenza degli ultimi eventi (Ez.2,8-3,3), bro di Dio 21. Da questo va distinto,
contiene manifes tamente la vi sione di nell'A.f., il libro nel quale Dio ha sta-
I r,1-14 , che ha per oggetto il tempio e bilito in precedenza tutti i destini degli
i due testimoni: contiene , quindi, la uomini , le pene e le gioi e: Ps. 56,9;
visione dell'agire di Dio con I sraele 139,16 22 _
20
negli ultimi tempi • Anche qui , come La stessa espressione, che parla del

" Cfr. J. l3EHM, Joh .-Apk . und Ceschichts- ih'p:wO"cxv Èx ~ l~ì.o v 1;wv-rwv; \); 86,6 (l' e-
philosophic : ZSTh 2 (.c 9 25) .3 23 ss . lenco de i proseliti giudei fatti ci tt adin i d el
"' Il libro contiene i des tini ciel mondo; que- cielo): cfr. r Bw:r. 25,29: ÉvoEtiEµÉvTJ f. v lì E-
s to \'a ritenuto, co ntro Orig. e Vittorino (se- O"µi;J -rljc; 1::,wljc;; Dan. i2,1: mie; ò yq·pa 11-
condo cui il .libro conterrebbe il compimento µlvoç Èv -rii ~LPÀl[); 1uh. r 9,9: reg imato co-
Jell'A.T. in Cristo). come pure contro \Y/ . me amico di Dio nelle tavole celesti; Hen.
SATTLEK: ZNW 2r (r922) 43 ss. (che idenri- aetb. 47, ) : libri d ei viventi; 104, r. L'es pres-
lica il lib ro sigi ll ato col libro ddla vita). En- sio ne ricorre anche , a·lyuanto alterata in sen-
trambe queste in te rprcrnzioni di struggo no la so filosofico. in Phi.lo , giJ!,. 6 e Per É~a),Elcp w in
conc"ezione della storia propria d el!"/\ poc., che Apoc. 3,5, cfr. Neb . i 3, 14 ; I s. 48.r 9; Ios.,
è tutta protesa verso .l'avvenirt:. Per l' insieme Ant. 6, 13 1 (conforme a Ex. r7 ,q); ilen. aeth .
della qu es tion e cfr. A . Sun.ATTEK , Das A. T. ro8 , ~. Targ. jer. di Fx. F,)2 s.: s"/ar saddi-
in dP• }ob. -Apk, 62. qajjd' dikPtahti/' r"mt bcgawweh . P er l' impie-
10
\V. B1ùic:KNER pensa che esso co nt enga an- go dell'es pressione nei padr i apostolici cfr.
che r 2 ,l-9; ll , 1-7 . 11 - r 8. PREUSCHEN-BAUER SJ'.
21
Ex. 3 2 , 32 s ., su cui si mod ella Apoc. ) ,5;
I s. 4,3: «Tutti quelli che in Gerusalemme ,. Per i paralleli giudaici \' . STRACK -BILLEK·
<ono iscr itti per la vita »; lji 68,29: ÈsaÀw:p- BECK li, If.3S .
277 (1,(i1 q J [Efiì.~; (G . Sc hrcnk I

nome scritw nel cielo, s1 trova in Le. la crncc .~. rnmiJera ta come il fonda-
rn,20 (i discepoli di Gesi:1 J; Phil. 4,3 m ento dcl compimento del mondo, così
(coloro che sono al servizio dell'e va n- qui essa è vis ta come il fondamento
gclo); Jlebr. r2,23 (la comunità dei della salvezza dell'indovino. Opposta
primoge niti, cioè quella del N.T. ). L'im - acJ essa è la dannazione eterna (20,14).
m;1gin e può essere stata favorita dall 'i- Questa destinazione alla vita eterna, al
stitu zione dell'albero genealogico israe- di là dell'opera della croce, risale alla
litico , degli elenchi dei membri della xa:m~oÀ:ri x60-110v 24
(13,8; 17,8); solo
famiglia e del popolo (Neh. 7,5 s. 64; il vittori oso, però, non avrà il suo no-
12,22 s .; Ez. 13 ,9 ) a cui accenna pii:1 di me cancellato dal libro (3,5). Qui , per-
tutto il Ps. 87,6; ma può aver influito tanto, predestinazione divina e buona
su di essa anche il « libro di memorie » volontà umana si dànno la mano per
reale (cfr. --? e). Tuttavia 1a fede in combattere fino a conseguir la vittoria.
tavole celes ti, sulle quali si trovano Il pensiero della predestinazione non
i destini dci mortali, che su di esse appare senza che venga posto in pari
vengono r·iportati o cancellati, viene tempo l'accento sul motivo doll 'esorta-
23
da un'antica tradizione orientale • Li- zione all'obbed ienza volonterosa; anche
lx:rata dalle tracce di fatalismo, que- i passi di r3 ,8; 17,8, infatti, che in-
sta metafora , neHa concezione neotesta- vitano a non adorare la bestia, e di
mentaria , se rve ad esprimere la certez- r, 2 7, che dissuade dal commettere
2

za d ella salute della comunità di Cristo, menzogne ed abominazioni, vanno letti


che ha coscienza di essere stata eletta alla luce di 3,5.
alla vita perché è ancorata per sempre e) -rà. ()L0À.i'.a, i libri del giudizio, ìn
e infrangibilmente nel consiglio di gra- Apoc. 20 , r 2 vengono espressamente di-
zia divino (2 r;m. 2,19). In L1poc. I3 _, st inti dal libro della vita. L' espress ione
8 questo ~~0).i'.ov è detto il libro della ri sale a Dan. 7 ,10: 0i:çno~ 1)vE~xih1-
vita dell'agnello -immolato; se n e rica- aav ed ha , inoltre, il suo modello in
va, perciò, che, come nel caso del li - I s. 65,6; l er. 22, 30 e Mal. 3,16: f3L-
bro sigillato la redenzione operat;l sul- f3H::iv [lVT][J.0 :7 VVO'J ( = sefer zikkéir6n:

21
KAT' rr , 4 00 ss . Nel giudaismo que sta co11- .11 a. Nell'ill11 sira zione di tale idea si fa am-
cez i,1n e vit: n pcrfc1.io nata, e n e risulu la dot· pio u su d ell' imm.ig in c del compu to e dd nu-
trina che 1111 t c le p,trolc e n i,rn i ve ngono m erare: Sap . ,1. 20 : Ht·11. aC'lh. 63,9; Ecc!. r
scr itte in l· icl<'. su due libr i : uno dei g iu sti e /7 e; L Ll'I" ;(i,<). A scrivere sul libro so no g li
,1111 ici di D io, J';dtrn d eg li empi e nemici di ange li, g li arcangel i, i\lichele o Lli a o Enoc.
Dio. C:fr. l.ev. r. 2(i, co mm ento di 21 , r; Cen. STRACK-I311.1rnu r:u; !I, 169 ss.; ur , 840 ; Il',
r. 8r (co mmento di 35, r) ; lub. 30,20 ss.; _3 6, 1037.
r o. Seco nd" 11 11 "idcl strettamente sin :igog.d.e , '' L 'espressio1il'-. pi i1 d1 e «seminagione dell 'u-
su un lib ro ligm: mo le obbedicmL· pre -; uc e manità » ( A. Su1 1.Arrt: K. Das N.T. ùberretzt,
alla legge, ,; ull'.tltru le trasgressioni: /, T.u•:. 19>1), signitic1 "ion d n ione del mondo "·
279(1 ,620) Bì..a.o-<pl]f.LÉW (IL \Y/ . Beyer)

25
libro <li me morie, cfr. l:,' st. 6,r) • Ca· il motivo del computo e dell'enumera·
ratteristito per la concezione del N.T, zione , quanto il limitarsi all'aspetto pu-
a confronto della forma sinagogale, è ramente negativo delle trasgressioni. Si
il fatto che in questi libri è segnato solo tratta , invece, di un giudizio sull'insie-
il complesso delle opere . Manca tanto me delle opere degli uomini.

G. ScHRENK

t 0Àa.cr(prudw, t 0),a.o-<pl)p.la,
t 0Àaurp1Jµ oç
Mentre 0Àacrcpl)p.Ùx come nomen ac- c0v "t'lJV ri.vow.v, ti;' wv t0Àao-cpi}[.tl]O'av
tionis indica sempre l'atto del 0ÀmrqnJ- mpl, ÉXELVOU, pqÒLO'J artaO"L Xct."t'aµa-
µEi:v, 0Àao-rpri~ioç può designare invece iÌELV. Quasi sempre però il significato
tanto un modo <li essere quanto un atto. di 0Àaucpr]~LELV è più forte di À.OLÒOpEi:v
e òvnolsnv; p. es. Demosth.r8 ,ro ; 19,
A. 0Àao-qn')~LLéX NELLA LET TERATURA
2 IO. Si possono insultare i vivi e i mor-
GRECA
ti: Demosth. 18,95: -raç 0Àao-cp1]µlaç,
Nella grecità profana 0Àao-qn1µi'.a aç XCl'"C"Ò'. 'tWV Eù0oÉwv xa.~ 'tWV Bvsav-
indica : 'tLWV ÈTCoLi}cra-ro; Luc., Alex . 4: -rò:
a) il discorso calunnioso, ossia l'uso zElpLo-"t'a xaì, 0Àa.o-rp1]µÒ'ta.'to. 'tWV ÈTCL
della parola a fin di male, in contrasto n
ÒLa0oÀ TCEpl 't"OV IIvDay6pou Ài::yoµÉ-
vwv; Herodian., hist. vn. 8,9: 0Àacrq>l]~
con la EÙq>l]p.la: Demosth. 25,26: 0Àa-
o-rp1Jp.la v civ'tl "t'ijç vuv EÙq>l]µlaç; De- µa rtoÀÀà. Eì.TCwv dç 'tYJV 'PwfJ.lJV xa.L
'tTJV cruyxÀ.l]'tOV; Demosth. 40 , 17: 7tEpi
mocr., /r.177 (II 97,3 ss. , Diels): ov-rE
Àéyoç foD Àoc; cpm'.iÀ l)v TCpfjt,w cirmvpl- -rdvi::w'twv mhwv 0Àao-cpl}µouv ·m :;.
o-xEL ov-rE TCpfjt,iç ciyaDT] Àoyov 0Àa- e) Infìne 0).o.o-cpl]p.la designa l' ol-
O"q>l]µl n Àup.alvnm. InEur., !on rr89: traggio che si reca alla divinità, travi-
1
EV XEPOLV EXOV'tL ÒÈ crnovòàç (J.E't aÀ- sando il suo vero essere e intaccando
Àwv 7tmol -r0 m:q>TJVO"t'L 0Àcx.uq>l)µlav o recando in dubbio la sua potenza.
"t'Lç oÌ.xE't(:0V ÈrpDÉyt,a'to, ]. \'7ackerna- Pseud. Plat., Ate. II, 149 e: 0Àacrq>l]·
gel traduce 0Àaucpl]p.la con ' parola [LOUV'tWV ovv ClU'tWV cixo•JOV"t'Eç ot ikoi
dal suono cattivo ' 1• OVX ciTCOÒÉXOV"t"IXL -ràç 7tOÀ.V"t'EÀELç "t'CX.U-
b) La parola indica poi l'espressio- 'tWTÌ. Tto~tmxc; 'tE xa1. Dvcrlac;. Plat. , leg.
ne più virulenta dello scherno e del- VII 800 e: (d "t'Lç) 0Àacrcpl)[J.oi: -rcfio-a-v
1' oltraggio personale , benché talvolta 0ÀaO-q:>l](J.lav. I miti ispirati a una con-
coincida quasi con ÀoLOOpEi:v: Isocr. cezione antropomorfica della divinit à si
I0,45: 118·11 'tI.vÈç ÉÀoLÒopl)cr<Xv m'.rr6v, risolvono in un BAwnpl)p.EL'J d:; ~rnvc;:

" Cfr. A poc. Bar. syr. 24, I. Con par ticolare Violet) si tratta dei libri del disegno cosmico
frequenza i libri del giudizio sono ricordati _,, n. 17. Altra documen taz ione per e m
in Hen. aeth.: 8r,4; 89,61-64.68.70 s . 76; 90, STK\CK-BH.IFRilECK II, 171 ss.
17.20; 97,6; 98,7 s.; 104,7; rn8,7 . In essi so-
no regi strate soprattutto le trasgress ioni, ~ ~Ì, a7 (P '1J ft É (,J x-rÀ.
n. 23. In 4 Esdr. 6,.20 (visio II § ro p. rn2 s. ' ZeiN·h r. f. vergl. Sprachforsc h . ')l (189 5)42 .
281 (1.620) ( l /12 J.) 282

Plat., resp. II 381 c. Vett. Val. I 22 (p. d1swrso o azione empia, soprattutto dei
44, 4 Kroll); ibidem II 2 (p. 58,12 pagani (Is . 66,3; 1 M ach. r,6; .2 Mach.
Kroll) : dç Tà iMu SÀo:crcprn.1.oi:hm:c:; ;
8A : ro,34 ss.; 12,14; Tob. l,18 S), la
ihidcm II r 3 {p. 67,20 Kroll): 7toÀÀÒ:.
BÀwrcpl]{J.i)crn ltEovc; EVOGEv -r:wv crv1.t· superbia .umana che è sempre in qual-
Scuv6v-cwv mhQ 7tpayµci. , wv. che modo un attentato alle prerogative
divine (Lev.24,rr, dove in marg. ai codd.
B. 0Àa.crqn1µlcx NEI LXX E NEL GIU·
58,85,130 si ha 0Àacrcpl]µELV, mentre il
DAISMO
cod. X porta in margine evu0plsELv, tra-
Alla famiglia di 0Àacrcpl]µ- nei LXX 2 duzione di qll, reso con v0pli'.;cw anche
non si dà un corrispondente preciso e in 2 Bao-. 19'43 LXX ; 4 Bmr. r9, 22:
stabile nell'originale ebraico. Il verbo E0Àacrcpfiµ1]0'txç ... -~paç ·EL<; i.J._J;oç "t'OÙç
è usato per tradurre la forma pi'el di òcpfraÀ.µovç crou, cfr. anche Ecclus 48,
gdf e n'~, nonché la radice slh; SÀrx- r8, dove gdf è reso con µEya.À.WJXELV
crqn1µlrx rende i sostantivi derivati V1tEPTJcpavi'.q: ). Il fatto stesso di non
da queste radici, mentre 0Àacrqn1~wç credere in Jahvé vale ai pagani l' ap-
traduce in un caso me bar é k aw e n .J
pellativo di SÀa:o-cp-fip.oLç xcd 0apSà:-
Nelle versioni esapiari 0Àai:rcpl][.L- cor- poLç Efrvww (2 Mach. I0,4). Quest'ac-
risponde anche alle radici hrf, t g, brk cezione di SÀacrcpY]µ- riferita diretta-
e qll, che nelle traduzioni greche ven- mente o indirettamente a Dio è pre-
gono rese in modi assai disparati e con sente anche in altre versioni dell'A.T .:
significati alquanto oscillanti. I termini Simmaco in 2 Ba:cr. r 2,14 (Field I 563 );
più frequentemente usati come sinoni- Aquila e Simmaco in ._J; 4 3, r 7 ( Field II
mi di 0Àacrcpl]µE~v sono ÒVELolçELV e 159); Aquila, Simmaco e Teodozione
7tapol:,vvn v, che sovente traducono gdf, in Is. 37,6.23 {Field II 502 s.); 43,28
hrf, l1g e n's. (Field II 5r9).
Ma, a differenza di questi sinonimi, I vari significati della parola in Fi-
0Àa:O-cpT]µ- indica sempre un'oflesa reca- lone risultano chiari soprattutto dai ter-
ta direttamente o indirettamente a Dio , mini ai quali essa è associata: cruxocpcx.v-
't E~V, leg . Gai 169; XCX.Tl]yopELV, migr.
come può essere la negazione della sua
Abr. II 5; spec. leg. IV l 97; uSpLç, de-
potenza salvifica ( 4 Bacr. r 9,4.6. 22 ), l'of- cal. 86, Ios. 74; OLcx.SoÀ:ii, Flacc. 33;
fesa fatta :i.I suo nome conducendo schia .. àcr€Swx , decal. 63 . L'accezione più for-
vo il suo popolo (Is. 52 ,5 ), pronunciando te di 0ÀtxGcp11rt- si ha quando essa vie-
ne associa ta a xct:t'ci:pa e contrapposta
parole di di spregio contro le montagne
ad svÀ.oyi'.a. ed cvxfi : migr. Abr. r 17.
di Israele (Ez.35,12 ) e il suo popolo ( 2 In questi casi infatti essa indica il peg-
Mach. 15 , 24) , e in generale qualunque gior uso che si possa fare della parolà,

2
Q uesta sezione dell'articolo è svolta in par- te su indicazioni dcl Bertram.
28~ (1 , 621) ~ ÌJJ:O"(j)TJI AÉW (H . \'(,/. lkyl'.r ) l l ,62 1) 2X4

ossia la bestemmia . Co mplessivam ente alla lap ida zione del beste m miatore or-
prevaìc in filone - pe r e vident e influs- dinata d a Dio in L ev. 24,10-16 e a1l'a·
so dei LXX -- l'uso della parola in sen- naloga presc ri zione di Nu m. 15 ,30 :-.;.
so religio so . Del tutto profano e gene- Sotto queste prescrizioni viene a cade-
rico è p. es. il significat o di una fras e re , secondo i rabbini , « colui che pari a
come om0c; r1YJodc; riYJÒÉ\la ~ÀaacpYJµfJ sfront a tamente dell a Torà » (s . Num .
(spcc. leg. iv 197) , ma nella maggioran- I I 2 a 15,3 0), l'idolatra (s . Num. a i5,
za d ei casi è present e un riferimento al 3 r ), colui che « oltraggia il nome di
divino : "t"W\I dc; -rò flE~O\I 0Àa.O'q>T)~HWV .Jahvé » (b . Pes. 93 b ). Non era ancora
{lef.. Gai 368; d eeal. 6' ; f ug 84 ). Il inva lso ai tempi di Gesù 6 qu el formali-
giudeo, secondo i LXX Ex. 22, 28, non smo giuridico, tipico dci rabbini poste-
deve bestemmi are nemm eno gli idoli riori , per cui il reato sp cc ifìco sussiste
pagani p erché la divinità non corra il solo a particolari e precise condizioni,
rischio di essere oltraggiata: spec. leg. com e ad esempio che si pronunci chia-
i 53: npoa-rti-r-cEL oÈ. µTi .. . a-roµapylq. ramente il nome di Dio (Sanh. 7, 5 ).
XP'iJcra.afla.L xcd ci xcùl \ltp y Àr~aan ~), a­ ~Àa.O'cpl)µÉw ricorre come termine stra-
crcpl)[touv-rac; ove:; E't'EPOL VO!LlsoVO'L l}E- ni ero anche nell 'ebrai co d ei rabbini 7 .
ouc;. Non diverso è il concetto di Ios.,
ant. 4 ,207 e Ap. 2 ,237 .i. Ma la vera e c. 0Àa.crqniµla. NEL N.T.
propria bestemmia consiste nel -còv -cwv Il N.T. concepisce la bestemmia so ·
o),wv na.-cÉpa. xa.L 7tOLY]"t"TJ\I 0Àa.acpri-
stanziaimente come un oltraggio alla
µfrv (Philo, fu g. 84; vit. Mos. II 206).
Giu seppe usa 0Àa.acpT)µ- oltre che in potenza e all a sovranità divina. La be-
senso profano anche per indicare l'ol- stemmia può esser rivolta direttamen-
traggio recato ai Giudei come popolo te contro Dio (Apoc. 13,6; r6,1r.21;
di Dio (Ap. 1,59 ; l ,223), a Mosè (ant . 8
3,307; Ap. l,279) e alla legge dei pa- A ct.6 ,1 l ) , contro il nome di Dio (Rom.
dri (Ap. 2 ,1 43). 2 ,24 , dov'è citato Is.52 ,5 LXX; ~ qui
Nello scritto di Damasco 5 ,1 I ss. q si sopra); I Tim. 6,1; Apoc. 16 ,9), con-
legge in riferimento agli avversari del-
tro la parola di Dio (Tit. 2,5 ); «contro
]a nuova alleanza : « èssi profanano il
loro spirito santo in quanto bestem- Mosè e Dio », ossia contro colui che è
miando aprono la loro bocca contro le stato intermediario della rivelazione di-
leggi dell 'aJ.leanza di Dio ». Sorpren- vina contenuta nella .legge (Act. 6,II ).
dente è l'affinità fra ì1 concetto qui
espresso della bestemmia come colpa Singolare è il concetto espresso in
verso lo spirito santo e le parole di Mc . I udae 8-10, che cioè i falsi maestri del-
3,28 s. e par. la gnosi bestemmiano gli àngeli: oµolw~
I rabbini 5 quando parlano della be- µév-coL xaì, ov-coL Èvu1tvLa.s6µEv or. crci.pxa.
stemmia si richiamano costantemente µÈ.v µLa.lvou cn, xupLO"t"l)"ta. OÈ à.lkroucn ,

3
Cfr. anche STRACK-BILLERBECK I 1009 s. BE CK I 1009 ss.
' Cfr. W. Die ii.idische G emeinde des
STAERK, 6
W. ]. 1 258. Cfr. anche G. DAL-
D AI.MAN,
N euen Bundes in Damaskus (1 922) 23; L. MAN, Der Gottesname Adonaj ( 1889) 44 ss.
7
G JNZBERG, Eine unbekannte iiidische Sekte LEVY, W6rt. I 2 35 .
( 1922) 33 ss . ' Ma anche contro la dea Artemide : Act. 19,
5
P er tutta questa part e cfr. STRACK-B ILLER· 37.
21l5 (1,622) I l ,62 2) 286

oò!;aç oÈ 0Àao-cpTJ r1.0 vcnv . ò oÈ lVttxrnYì, trova co nlcrrna nei LXX , in Filone e
ò àpxciyyEÀo ç, O'tE <0 ow06ì...t~ OUXXPL in C i1 1:,eppe (~ qui sopra). Si spie-
v6µEv oç ÒLEH yno 7tEpt i:ov M1.Ji.ìc1i;..ic;
ga così come Gesù stes so possa esse re
GWP,.CXTOç, OVX Èc OÀ!--tlJtn:V XpLO-LV È'rt E-
VEYXELV (3Àarrq:>T]p.t'.aç, rlÀÀà dr.Ev· bn- accusato di bestemmia perché si pre-
TL[.t'fio-aL G OL xvpLoç. OU1:0L ÒÈ ocra [J.ÈV se nta - Lilsamente secondo i giudei -
ovx otòarrLv 0Àauq:>1'J[.t0v1nv. Lo ~tesso
come il Messia arrogandosi prerogative
pensiero ritorna in form a leggermente
diversa in 2 Pctr. 2,10-12 9. L'idea di divjne . Quando Gesù rimette i peccati
una bestemmia contro gli esseri celesti al paralitico - ciò che soltanto Dio può
(b tL Tàç Èv oùpavQ 1'7Eluc; q:>vo-nc; ) si fare - i dottori della legge su bito p en-
trova anche in Pilon e : con/. ling. 154;
sano: egli bestemmia (Afc. 2,7 par.). Il
som. n q fjÀwv xuL uE).-i1vl]v xa.L
I:
TOÙç aÀÀovç rXGTÉpaç 0Àa.Gq:>l]µELV. motivo clell' animosità giudaica verso
Nella lettera di Giuda e nella 2 di Pie- Gesù è chiaramente indicato in 1o. J o,
tro si tratta indubbiamente di potenze 33-36: ).dM:~oµÉv crE. .. mpì. ~ÀacrcpTJ­
angeliche 10 . L'oltraggio contro di esse
è messo in rapporto (I udac 8 e 2 Pe tr. i_tlaç, xaL cTt. rrù èi.vi)pwTioç wv TIOLE~ç
2,10) con il trattamento riservato dai O'E<Xv-ròv lJEov. Che Gesù si proclami
Sodomiti ai messaggeri di Dio e con Messia e atlermi che lo si vedrà venire
la dissolutezza morale dei falsi ma e-
alla destra della Potenza sulle nuvole
stri. Costoro insozzando la propria
carne si ribellano contro le preroga- del cielo senza dare nella sua apparente
tive sovrane del XVpLoç e oltraggiano impotenza alcuna prova delle sue affer-
le ooçaL, che in questo caso vanno in- mazioni: questa è la ' bestemmia ' che
tese - in stretto rapporto con la xvpL6-
determina la sua condanna a morte (Mc.
"t"T]ç 11 - come potenze del bene. Di que-
ste oét;aL gli gnostici ignorano eviden- . 14,64; Mt. 26,65) 12 •
temente la vera essenza. Il fatto che
2. Al contrario per i cristiani è ' be-
nemmeno l'arcangelo Michele abbia osa-
to pronunciare un ' giudizio oltraggio- stemmia' mettere in dubbio l'autenti-
so ' contro Satana è un richiamo al do- ca e legittima messianicità di Gesù o
vere di astenersi da qualunque ingiu- recare oltraggio alla persona di lui che,
ria verbale (~ sopra i luoghi citati da
Filone e Giuseppe). essendo una sola cosa col Padre, è egli
stesso Dio . Per gli ev~ngelisti sono per-
Il N.T. presuppone che questo rigo- ciò bl asfemi sia la soldataglia quando
roso concetto della bestemmia fosse schernisce la virtù profetica di Gesù
normale nel giudaismo del tempo, e ciò (Le . 22,64 s.), sia gli spettatori d ella

9
.J. SrcKENBl·.RGER, /_-, ngel- oder Tcufclsli:i- 11
Schri/ten d. N.T.1 Il (1917) 248, 3ro.
sterer im Ju das- und im 2 Petrusbrief (Mit- 12
Gli sc ritti rabbinici sembrano insinuare che
teilungen d. Schlesischen Gesellschaft f. Volks- la semplice pretesa messianica non sarebbe
kunde 13/14 [1911]) 621 ss. stata un motivo sufficiente per condannare a
~lì6!;r.u = angdi LXX Ex. 15 ,1r. Cfr. Wm-
10
morte Gesù: DALMANN, W.J, I 257.
DISCH, f d, a.f.
~Ì. et.O" rp TJ [!Éw (IL W. Ht: !'t:r )

crocifiss ione (Afr. r 5,29 e Mt . 27, 39) tra parte chi nunca di carità verso que-
o il ladrone impenitente (Le. 23 ,39) sti fratell i debolì nella fede espone
quando sfidano beffardamente Gesù a up.wv -rò ciy cd}6v (Rom . 14,16) alla be-
mostra re la propria natura di figlio di stemmia . L 'errore stesso è una bestem-
Dio. mia quando di storce ' la via della veri··
Per Ja sua intima unione col Signore tà' (2 Petr. 2 ,2 ; Rom . J,8), La bestem-
la comunità partecipa al destino di lui, mia non consiste necessariamente in pa-
quello cioè di essere incompresa e ol- role; qualunque azione malvagia e non
traggiata nella propria convinzione più ispirata dalla carità è bestemmia in
profonda 13 • Perciò Paolo come perse- quanto contrasta con la santa volontà
cutore dei cristiani è un lD-.cicrcpl)µoç di Dio e offre motivo di calunnia ai n e-
(1 Tim . l,13). La sopportazione della mici del cristianesimo (1 Tim . 6 ,1 ; Iac.
bestemmia è una delle tribolazioni ri- 2,7 ; Rom. 2,24; Tit. 2,5 ). La motivazio-
servate alla comunità: Apoc.2,9; 1 Cor. ne di ciò è espressa chiaramente in 2
4,13 14 ; 1 Petr. 4'4 · 'Blasfemi' sono di Clem. 13 ,2-4 .
necessità i Giudei, quando contraddi- Il logion di Mc. 3, 28.29 p ar., secon-
cendo la predicazione di Paolo ne at- do cui ogni bestemmia, anche (Mt. 12,
taccano il nucleo essenziale, ossia l'an- 32) contro il Figlio dell'uomo, può es-
nunzio messianico (Act . 13,45; 18,6). sere perdonata tranne quella contro lo
Spirito Santo non allude certamente a
3. Ma dal pericolo di bestemmiare un oltraggio verbale al 7tVEuµa, bensì al
o di fornire occasione alla bestemmia cosciente e quindi colpevole rigetto del-
non va esente il cristiano stesso. Be- la grazia. Soltanto chi respinge il per-
stemmia anzitutto chi nella persecuzio- dono non può esser perdonato e in tal
ne rinnega il Cristo. Perciò Paolo (Act. caso non resta che « abbandonarlo a
26,II) parlando della sua attività di Satana perché disimpari a bestemmia-
persecutore può dire: aùi:oùç i}vciyxa- re » ( 1 Tim . l ,20) 15 • f3Àacr<pT)µEi:v è ri-
~ov ~Àacrcpl)µ.ei:v. In pieno contrasto ferito allo Spirito Santo anche nell'ag-
con Paolo i cristiani ancora legati alla giunta di alcuni manoscritti a 1 Petr.
legge mosaica vedono una bestemmia 4,14 16.
anche nella commestione delle carni [3)d~X.O"q>l}µla infine nell' Apocalisse
consacrate agli idoli (1 Cor.10 ,30 ). D'al- (13 , r.5 .6) è l'ampietà della' bestia ' e

13
Questo concetto è fo rmulato con chiarez- altr i codici.
za in Mt. 5,II, dove non si trova però il
verbo !3ì..a.crcpT]µEi:v .
" DrnF.uus, Past., a.I. ; LIETZMANN , exc. :I
i Cor. 5S·
·" ~ Àa.crcpT] µou µ Evo L è varian te di Se BDEFGL
it. vulg., di contro a OUCTq>T]µouµtVOL degl i 16
KLP sah.
( 1.62..1-) l<)O

della simbolica BahiJ,rni~,, ìrnpersonata xa.i. cò rcvEv{W •:ov i)rni) 61wlc,x; :;ci:v.r·
dall a meretrice (1.7.)J . ·dv XEXTJPlJXC:Jc; .. . ; n 20 ,6: -rà 'Api::lO\J
La famiglia di r·:lìJx::rq:n1~i- conserva fD,cicnpY)µa i'.n'1µrrm, ?ctù.rrw: xa.ì. Èpya..·
un accento religioso, seppure larvato, ),Ei:ov 'tÒV vtòv -rou i)rnù Ò'..mixa.)'-r7JV .
anche quando è usata negli elenchi dei L'.jnterpretazione di Mt.12,32 si pre·
vizi (Afc. 7,22 ; i\11 . 15,19; }~ph 4 , 31; senta difficiie già ai Padri della Chiesa ,
Col. 3,8; 7 Tim . 6,4; 2 Tim. 3 ,2 , inol- i quali si chiedevano come potessero
tre lierrn ., m . K,3; DiJ. 3,6) o nei co- essere perdonate le bestemmie contro
mandamento ,iffa tto generico di Tit. 3, il Cristo e non invece quelle contro fo
2: f.t'Y}OÉ\ltX 0)-et..O"cplJ IJ.ELV. Spirito Santo. Chrys., hom. in Aft. 4r ,3
(MPG 57'449) mette in bocca al Cri-
sto questa risposta: ocra p.Èv oùv E:0À.mr-
D . 0AtXC7tj)"l}!l~tX NELLA CHIESA ANTICA
(jH]µ1}crr.crE xa.'t' ȵoù npò -ro•:J cr-rwJ -
Le varie accezioni neotestamentarie pou ricplTJ!H" ... a. oÈ 1tEpì. 'tov T:vEvrw-
della parola ritornano nei Padri della 'toç EÌ.pYJXIX'tE, 'ttXv'ta ovx iil;a O"'J'(yvc:J··
Chiesa . Una interiorizzazione dcl con- [HJV . ,,. O'tf. 'tOU'tO yvwp Lf,1,0V vp.i:v È•n!.
XClL 1tpÒç -rà oi)Àa àva.LO"XVV'tcÙE . EL
cetto si nota in Origene, in Io . xxvnr
r 5:0À<xrn:n1wi: yàp EpyoLç xai M- yàp XtXL ÈµÈ ÀÉynE Ò'..yVOELV, ov oi}nov
yoLç Ò:fw.p-rlm; dc; -rò na.pòv 'ltVEÙµa xà.XELVO à:yvofrrE, O'tL 'tÒ oalrwvm;
ayLov é xaì, rmpov'toç aÙ'toÙ Èv 'tTI Èxç36:.ÀÀELV xaì. tci.crc.Lç È1tvtEÀE~v 't'Ou
l);uxii à:1mp-cavr.Jv. Convertitosi al mon- à:ylov 1t\JEVµa.'toç rpyov ÈO"'ttV. A que-
tanismo, Tertulliano appunta il suo ri- sta soluzione ricercata nel d ato acciden -
gore contro la bestemmia, pud. 13,r7: tale della consapevolezza o meno del
Tnn:.1tum vero atque blasphemia to- bestemmiatore si contrappone 16 pro -
tos homines in possessionem ipsi Sata- fonda disamina agostiniana della be-
nac , non angelo cius trtulidisse merue- stemmia contro lo Spirito, ep. r85A9
runt. Perciò secondo lui anche Imeneo Goldbacher: hoc est autem duritia cor -
e Alessandro (1 Tim. 1,19 s.) sono per- dis usque ad fi.ncm huius vitae, qua ho-
duti per sempre (pud. 13 ,19 ss.). Una mo rccusat in unitale corporis Christi,
configurazione diversa, ma ugualmente quod vivifica! spiritus sanctus, remis-
rigorosa, assume poi il concetto di be- sionem accipere peccatorum .. . huic ergo
stemmia nelle controversie dogmatiche dono gratiae dei quicumque restiterit et
del scc. 1v.. quando ogni posizione teo- repugnaverit uel quoquo modo ah eo
logica eterodossa è considerata blasfe- fuerit alienus usque in finem huius tem·
ma . Gelas., hirt . cccl. II 22,4: 6 àcrio- poralis 11itac. non 1·emittetur ei neque
0Tic; Èç3À.o.:crqn'Hu1cn:v "Apnoc; Eva. itEÒV in hoc saeculo neque in futuro .
aX'tLéi"rOV X(J.L a.ÀÀ.ov X"t'LCJ'"tÒV ElpTJXl<lC, H . W.BEYER
~ociw (E. Stauffcr)

esclanuzionc, di in vocazione. Le. ~»3 8:


LOOV Ò:Vl]p à.d 't" OV ox),ov È06ria·Ev À,É-
Gridare, chiamare . .t: di uso comune Y(;JV 3
• Cfr. Is. 36 ,13 : wajjiqra' h'qol-
<la Omero in poi ed attestato .mclw gadol waijòmer, tradotto nei codd. A
nelle iscrizioni e nei papiri. Spesso si e S con Èr1éricl""E o:p0Jvfj p.EyaÀ:ri xa./, Er-
presenta nei composti à.vrx~o&:c,J (pro- 7tEv, mentre B legge à.vE0611a-Ev.
rompere in un grido), ÈmSoa(v (grida- fn r iifarh. q , 45 : ÈS6-r1irrxv cpwvfi
re a qualcuno, invocare), xa:i:aSoaw fJ..E y cù-n; 4lvfach.6 ,r6; ro,2: à.vo:0oci.w
(levare un' accusa). Il sostantivo ~o·fi (rispondere a voce alta).
significa grido 1• I LXX usano spesso
questa famiglia di parole in corrispon- d) Levare un grido, quasi sempre
denza di qr', s' q , z' q, come traduzio;-Jc per accmare, così {n Gen. 39,14 la mo-
del sostantivo s"'iiqa e di numerose al- gli e di PutiLir dice: t06YJO-O: (qr') <:puJ-
tre espressioni, spesso con l'aggiunta vn i.J. Eya. À.TJ. f~ anche il rumoreggiate
raffomitiva di cpwvn p. EycD:ri. di un tu11111lto: A ct . 1 7, 6; 25,24. Con
questo significato i codici siriaci, bi-
a) Prorornpere in grida di giubilo; zantini e altri leggono in Afc. 15 , 8
G al. 4 ,27 reminiscenza di ls. 54 , r: plj- à.va0'.)·~rrrxç in luogo di &_,mSciç 4 • In
è;ov xcd. SoYJuov ( shl, giubilare) 2• La A ct. r 8 . 13 il testo occidentale fra xo:-
stessa citazione ritorna in 2 Clem. 2,i. -i;rnfo-i;TJGa.v ò1totl"u1;..a06v e ÀÉyov-i;t:c;
b) Annunziare la parola di Dio, qr'. int e rpola xrx-i;rxS017.>v-i;Eç xcxL. .. In mart.
Così nei due passi di I s. 40,6: o:pwv·~ Pol. 12,2 ss. ricorre tre volte Ém0o6:w
ÀEyo,;-i;oç· Soriuov. xa./, dmx· -i;l So-fiirw; col significato di lanciare un grido con-
e Is. 40 ,3: <:puJV"JÌ Sowv-i;oç. Nella cita- tro qualcuno.
zione di Mc. 1,3 (Mt. 3,3; Le. 3A) que- e I On::i sola volta nel N.T. Soaw de-
ste parole vengono impropriamente col- signa il grido con cui i demoni escono
legate con l'espressione Èv -i;fi E:p-fi~iu.,i dagli ossessi (Act. 8,7), mentre di so-
e quindi riferite a Giovanni che predi- lito in questi casi è usato xpci.sw (p. es.
c,1 nel deserto, mentre in lo. r,23 so- Mc 0.26) 5

no messe in bocca allo stesso Battista,
che così definisce la propria missione :
Èyr.0 rpwvTj Soc-;:Jv-i;oç ... xcdJwç E[7tEV 0oar.v CO!\lE Gl<IDO DI DOLORE A DIO
'lfoa·i:a.ç. La stessa espressione in Barn.
9,3 è assunta con valore tipico in un Dal punto di vista teologico impor-
invito pastorale all'as~olto della paro- tante è soprattutto l'uso di 0oauJ e cor-
la di Dio : 'Axouira.-i;E, -i;hva, o:pwv'ijç raclicali per indicare il grido di dolore
0oc"0v-roç Èv -rfi E:piJµu.,i. levato a Dio dall'oppresso e dal tormen-
e) Mandare grida dì richiamo, di tnto ". Nei LXX sono frequentissime

0ociw it'q) e Ivlt. r7 ,q (npocrl)).JJEV ... f..f:ywv) .


1
Cfr. PREISIGKE, Wort. s.v. • Cfr. 1Vlc. 1 ;,q: m .pLcrcrwc:; Expix~Ev .
5
' Cfr. anche apoc. Mos. 37. Al polo opposto Cfr . H. LEISEGANG, Pneuma H agion (1922)
sta il grido di terrore di I Bixcr. 28 ,12:aVE· 2 .~ s. n . +
~6l]CTE ( z' q) q:H0V"0 ~tEyaf..n. ' Or. ~OYJ · ltooc;, 'che si affretta ad una richie-
3 Diversa è la situazione di Mc. 9,1 7 (a7tExp[- sta d i sucrn rso ', ~OIJl'roi:v : W. ScHUI.ZE, SAB
293 (I,62 ) ) ;k:'Zt•> (E. Stauffer) (I,(>25) 294

espressioni ninH:: ÈpoY)cra.v ( z lj ) vt.oi vostre mogli diventeranno vedove e i


'Jcrpa:i}À npò(; xùptov (I ud. IO, 1 o), rivE- vostri figli orfani». A proposito di q ue-
~01}11aim1 (,\'"q) ·n:pÒç xupLOV (Num . 20, sto passo l'antico midra sh ddl 'Esodo
r6). Analogo i:· l'uso del sostantivo ~01) (/H. E x . 1 8 a 22,22) si chied e : «Dio
in 1 Brxo-.9, 16 (sc aqa), Ex. 2,23 (fow'a, punisce sokmto quando vienc invoca-
invocazione d ' aiuto) . Gcn . 4 ,10 parla to? ,> - e risponde : «Io mi affretto a
del sangu e innocente che grida vendet- punire il colpevole se quello (l 'oppres-
ta <11 cielo ( s' q, (3oci.t.J) e così pure so) mi invoca pili che se no n 1ni ·invoca
2 Mach. 8,3: ·ri0v xcnrx(3owv-i;wv 1tpòç ( s' q) ,> s.
aù-i;òv rx!.µci1:wv 7 drrrxxovircn. Sempre
nel]' A. T. Deut. 24 ,r 5 ricorda a tito- La z"' aqa, I' incomprimibile g rido di
vendetta del sangue innocente penetra
lo di minaccia che gli operai defrau-
nel cielo e vi trova il suo testimone
dati della gillsta mercede possono ap- (Iob r6,r8 ss.) e vendicatore: Dio stes-
pellarsi a Dio. Il campo stesso grida so « esce dalla sua dimora » il giorno
( Èir-i;Évrx!;Ev) contro i saccheggiatori , e della vendetta per compiere il giudizio
(ls. 26,21; cfr. r Reg. 21,19 ss.) 9 . Nel
i sokhi piangono (Jub 31, 38) . Iahvé libro etiopico di Enoc la terra inzup-
non farà tardare la sua testimonianza pata di sangue alza un grido per il mi-
e il suo giudizio contro coloro che de- sfatto compiuto ( 7 ,_5 s. Évhuxc:v; cfr.
87,r) w_ Il grido degli innocenti assas-
fraudano della mercede i lavoratori e
sinati riecheggia sulla terra e giunge
opprimono le vedove e gli stranieri fino alla porta del cielo, dove gli arcan-
(Mal. 3,5 ). Il codice dell'Alleanza (Ex. geli lo raccolgono e lo presentano al
22,20 ss .) ordina : «non opprimere uno trono dell'Altissimo 11 • Il lamento de-
_
gli oppressi non cessa finché Dio non
straniero ... (non opprimete mai una ve-
sommerge gli oppressori nel diluvio
dova o un orfano). Se tu lo opprimi (8,4 BoiJ; 9,r2ss .). Le anime di Abele
egli griderà a me e io ascolterò il suo e dci chiedenti giustizia attendono in
grido e divamperà la mia jra e vi uc- particolari sedi a loro riservate il gior;io
del giudizio (22,7.12). Anche le anime
ciderò con la spada, in modo che le degli animali accu sano, secondo H cn.

1918, 550 S.-'> 001JÒÉW ll. I. T est. Ios. r9,3 s.: &11vol ... É~6ì]GWI -n:pòç Ku·
7
Lo stesso plurale si ritrova in A . Di.JRFR, pwv. La terra è presentata come accusatnce
T agebuch der R we in dn n Niederlandc ( r 52 r) al giudi zio finale nell'apocalisse ebraica di
Bergemann, pp. 5X ss.: « die unschuldigen Elia, ed . Buttcnwiescr (1897j p. 65 .
Rii.iter, di c (die Pfaffen) vergossen ... haben ». " 9,2 .ro ( cpwvTi Powv't'wv, Év'tuyxcivnv , Q'.-c-E-
vcx.:yp.6:;). La stessa terminologia ricorre in
' Cfr. anche swh in Li-:vY , W'iirt. rv 177.
Sincello, dr. J. FLEMMlNG-L. RAIJERMACHER ,
' Cfr. ass. Mos. 9,7; 4 f; sdr. r>,8: sanguis in-- Das Buch Hen. (1901) 27 s. Cfr. il grido d'ac-
noxius et i11st11s clamat ad me, et animac iu- cusa del perora tore in 89,>7.69; Hen. hebr.
storum d ama11t perseveranter. 44 ,ro (s6wi:ah ); apoc. Eliae i6,15 ss. SrEIN-
0
' Hen. aeth. 88, r 5: quelle pecore cominciaro- DORFF (TU 17 [1899]) 62s.; 154; Syr. Schatz-
no a gridare ... e ad ,d zare lamenti al Signore. hoh!e (BEZOI.D) p. 2I.
~oaw (E. Stauffer)

s!av.58,6, l'uomo , loro padrone , <li aver- À:ii).vilav ... x:o:n:5t.xci.'.7a.-rz, È<povEvcra:n:
le sottoposte a violenza abusando del -r;ov OL'X.O'..t.OV · oÙX rXV'CL"tcicrcrE-r:C.n vp.~V
suo potere. Nel Bundehesh (rv 12, JustiJ,
(Iac. 5'4 ss .; dr. Sap. 2,20). Nella pa-
il libro sacro dcl parsismo, l'anima del
giovenco primigenio ucciso esce dal rabola della vedova oppressa l'accento
corpo e con un grido di forza pari a è posto, proprio come in .M. Ex. 22,22 ,
quello levato da mille uomini insieme sull'insistenza della preghiera. La vedo-
si lamenta con Ahura Mazda, con il
cielo delle stelle e con quelli della lu- va non cessa di importunare il giudice
na e del sole e invoca il salvatore dei- iniquo finché questi, stanco delle conti-
la creazione. Lo stesso motivo , con nue richieste, si decide a renderle giu-
molteplici variazioni, ritorna in Apoc. stizia sul suo avversario. Tanto più,
6,9 ss.; 8,3 ss e passim.
dunque, Dio ascolterà il lamento inces-
sante degli eletti: -rwv 0owv-rwv whQ
Nell'ambito della stessa concezione
·hµtpa.ç xa.L vvx-r:6c;. Il grido di dolore
rientra il grido di minaccia rivolto con-
dei perseguita ti accelera 1' avvento del
tro i ricchi sfruttatori in Iac. 5 e la para-
giorno della vendetta 12 : ÀÉyw uµLV ihL
boia della vedova che chiede giustizia
7t0LYJO"'EL Tf]V ÈJtÒLXYJCHV cxù-rwv Èv -r:cixEL
in Le. r 8. L'ingiustizia commessa ai dan-
(Le. 18,8) 13 .
ni dei lavoratori grida vendetta al cielo
e le accuse degli oppressi giungono fino Diverso significato ha, invece, il gri-
a Dio come testimonianza per i•I giudizio do di Gesù sulla croce in .Mc. r 5 ,34:
delle foxci·n:n fjµÉpm. 'Iòoù 6 µLcrltòç xrxì, -rn Èvchn wpq. È~o'l")(1CV 14 Ò '!110-oi.iç
-rwv Èpya.-rwv ... ò àq>u<r-rEpYJµÉvoç àcp'v- cpwvn µ<:yciÀ 11 · ÈÀwt ÈÀ.wt Àcxµà o-a-
µ.wv xpci~a xal. a.t 0oa.l. -rwv ih:ptcrciv- ~cxxiM.vL 15 • Ancora una volta è l'eletto
-rwv dç -rà w-ra xuplou cra0a.wìJ do-E- di Dio che geme abbandonato. al foro-

12
Cfr. M. Ex., l. c. e l'accenno a Dio che ab- LO.' 352 ss., 5.59: É7i:LxaÀ.ouµaL xca at;LW
brevia i giorni IÌLà -roùc; ÈlcÀ.Ex-rovc; in Mc. i:òv frE6v ... ì'.vrx ÉyoLx!ÌcrYJc; -rò airm -cò lival-
I 3,20; cfr. I-Jen. aeth. 80,2; Bar ..\'. 20,1; Barn. 't"LOV sri-r-i1crnç xal -rh:v -caxlcr't"l]V.
o
4,3: Elc; -rov-ro yàp orn"ltOnJc; cruv··di:1.n1xi::v " In Mt. 27,46 i codd. SA D leggono Ò:VE~6-
-coùc; X(npoùç ... ~va -caxvvn 6 IÌY!X7tYJ!LÉvoç 1]0"EV. Luca (2:;,46) introduce invece con un
cx.ù-rou ... (dr. Le. 18,8 b). Dio esaudisce il verbo più blando la preghiera più sommessa-
grido degli eletti anticipando l'avvento del mente rassegnata di GesL1: <pwvrwaç cpwvn
Figlio dell'uomo. Probabilmente è questo il fLEyÒ:)~TJ ... dmv· 7trXTEP, Elç XELpcic; crou ... Il
significato anche delle controverse parole di grido lanciato da c; esÌ:l in punto di morte è
Le. 18.7: xrxi. µa:xpofrv[LEL É7t' aù-roi:ç. così espresso d;1 Mc. 15,>7: a <pEÌ.c; <pWVl)V
13
Or. Deut. 32'4) e il grido dei martiri in fJ.Eyci:hiv ÉSÉT.VEVO'EV, Mt. 27 ,50: xpc:it;aç CfH.AJ-
Apoc. 6,10: xai. ì:'xpat;av cpwv·[i riryti), YI À.É· vfi [LE'(tXÌ·-11 u.r;rijxEv 1:'0 T.VEUµa., mcnm· Luca
yovnç· E(..iç rc6-rE 6 oECT7to'tY]ç ... ov xplvw; dà anch e in questo caso una versione più mi-
xal ÉXOcXEi:c; "t"Ò alrta YJ!U~V ÉX 'tWV XG!'tOc- tigata (23-4(,· -roui:o lìE dm0v tt;É7tvrncrEv) .
iCOVV't"WV É7tl ·tl'jç yTjç ... xal ÉppÉVY] aù-coi:c;,
tvrx d:va7t!XUO'W(HV E"C~ xp6vov !''xp6v. Ana- " L 'evangelista non vuol dire naturalmente
loga è. nel giudaismo, l'invocazione di ven- che Gesù abbia recitato tutto il Salmo 22
detta di Renea ript1rtata in DEISSMANN , (cfr. Mc. 15.35).
f3t: cicJJ (E. Stauffn)

re dcgl i empi; ma la sua preghi era non l'anima rrna nella mia mano (lo b 13 ,
riguarda i nemici, bensì soltanto e uni- r4) rs.

camente Dio. Il Figlio dell ' uomo ha 2) 11 0ocxv dell'uomo non è un grido
inutile che si perde nel vu oto sordo e
toccato il fondo del dolore umano, si impassibile, bensì il richiamo ad un in-
sente abbandonato da Dio 1é , e questo terlocutore che ci ascolta. L'uomo che
eccesso di sofferenza gli strappa il gri- ripone ogni fìducia in se stesso « ammu-
do umanissimo in cui si concentrano toli sce nel suo dolore ». L'uomo invece
tutte Je superstiti energie del morente.
che sa di esser di fronte a
un interlo-
cutore divino può aprirsi con lui nel
Ma questo t06YJO"EV non è più l'invoca- suo tormento, mentre chi ignora questa
zione di aiuto o di vendetta, bensl apertura e questa preghiera viene in-
ghiottito dalla solitudine. Anche l'uo-
l'anelito alla presenza stessa di Dio. Se
mo biblico conosce la desolazione di chi
il ~otl.v biblico acquista il suo pieno si s~nte abbandonato da Dio. Ma dal
significato nella preghiern, questa a sua fondo di questa solitudine disperata e
volta raggiunge la sua espressione più mortale sgorga il grido che esprime la
totale remissione al Dio che gli sta di
alta nel grido levato da Cristo al suo fronte: m im ma'amaqqim qerii' tikii jhwh
Dio, un grido in cui già si annunzia un ' dal profondo a te grido, o Signore '
nuovo rapporto fra l'uomo e Dio, os- (Ps . 130,r) .
sia una nuova impostazione dell' esi- 3) Secondo la concezione protocri-
stenza umana. stiana questo grido di morte del vec-
chio uomo è anche il primo grido del-
Possiamo quindi fìssare, a mo' di con- l'uomo nuovo , che nasce appunto nel-
clusione, tre concetti fondamentali. l'ora del sacrificio del Figlio di Dio
1) Secondo la religiosità biblica, so- (cfr.: 2 Cor. 13,4; Gal. 4.4 ss.). È il
prattutto neotestamentaria, la preghie- 1tvE\1µa: vì.oilEcrla:ç, Èv <{> xpcisop.Ev· 'AS-
ra è un grido elementare in cui l'uomo 06: ... wcra.v-;;wc; OÈ xa:ì. "ò 7tVEUp.a: crvv-
raccogliendo le sue estreme energie vi- a:v"~Àa:µ06:vE"O:~ "TI àcrikvd~ iJJ.LWV .
tali esprime tutta la prostrazione e la "ò yàp "l 1tpo crw~wµEila. xa.ilò OEi: ovx
impotenza del suo essere 17 ; ossia è, in oroa:µEv' Ò.À.Àà a:u"ò "ò 1tVEÙµa: V1CEp-
certo modo, sempre il grido di un mo- EV'tV"(Xcivg O"'tEVet.yµoi:c; à.Àa.ÀÉ'toLç
rente : nafJì 'aHm bekappi, ho posto (Rom. 8,16 .26) .

E.STAUFFER

lo Cfr. Ilebr. 5,7 s.: oc; Èv ..mù; Yjp.Épmç Tfjç ~oi]a rJJ[lE V 7tpoç ff.V'tÒV l:x-rEVWç dc; -rò [LE1.'0·
cmpxcç a\rrov 8Ei]aELç ... [LE-r ii xpauyTjç lcrxv- XOVç iJµfo; yEVEcritrJ.L 1.'WV ... ÈT<;a yy E),oWV, e
pò.ç, xaL 8axpuwv 7tpO(TEVÉyxixç ... fria.i)Ev àcp' in Barn . 3, 5 che riecheggia Is. 58 , 9: 'c O°t"E'.
wv È'Tto:i)Ev TfJV i'.nto:x oi]v. Phil. 2 ,8: v7ti]xooç Bo-fio-Eiç xcd ò i)Eòç bi:axouanal o-ou .
µÉXPL i)avci:-rou . 2 Cor. 13,4: fo ..mupwihi t!;
àafrEVElaç. 16
Cfr . anche Ps. u9,109. Inoltre per es. b.
17 Molto nKno inci sivo è l'uso di Bociw per
Taan . 8 a: la preghiera viene esaudita soltan-
indicare la preghiera escatologica della Chie- to quando egli prende in mano la sua anima
sa in 1 C/<'111 .; i, 7: 1;.iç f'. l; Évòç a "tò11o:·roç (npsw bkpw) ; cfr. Lam. 3AI.
f}:iT]ltéw (F. Bi.icfocl)

t ~oriìJÉw gettivale da Bo,qiJÉw, usata anche con


valore sostantivale: colui che aiuta. È
Come il parallelo Bori-òpoµÉw, anche attestato a partire da Erodoto, è anche
Bori-Mw signifì.ca accorrere ad una ri- nei papiri e nelle epigrafi, è frequente
chiesta di aiuto, affrettarsi a soccorrere ne i LXX (spesso in riferimento a Dio,
i bisognosi, e poi semplicemente aiuta· soprattutto nel Salterio) e non manca
re 1• Attestato già in Erodoto si trova in Giuseppe e Filone (per es. som. II
anche nei papiri e nelle iscrizioni, è fre- 26 5 ). Non si trova invece nei padri
quente nei LXX e in Giuseppe 2, meno apostolici.
in Filone (per es. som. II 265 ); è raro
invece nei padri apostolici. Nel N .T. ncorre solo una volta in
Hebr. 13,6 , nella citazione di ~ n7 ,6
Il significato fondamentale traspare
relativa a Dio che aiuta il giusto.
ancora da Act. 21,28: c'X.vòpec; 'fopa:ì)-
À.i:-rm ~oriìYEL'tE (cfr. Aristoph., vesp.
433: wMloa: xa:ì. <l>pu!;, BonfrEL'tE OEU-
po ). Più volte il verbo è usato in rife-
Aiuto; deriva to da 0on17Éw come Ò:O"t-
rimento al medico (Plut., Alex. l 9 [I
0ELa: da Ò:O"E0Éw. È attestato a partire
674 e]; Epict. , diss. II 15, 15; vo<Jw, da Tucidide e si trova anche nei papiri
xup~E, BoiJ17rio-6v µo~) e analogamente e nelle iscrizioni. È frequente nei LXX
nei racconti delle guarigioni operate da e così pure in Giuseppe, più raro in
Filone (per es . rer. div. her. 58,60 in
Gesù (Mc. 9,22.24; Mt. 15,25). Si ve- riferimento all'aiuto divino); manca nei
da anche Act. 16,9; Apoc. 12,16. In padri apostolici . Nel N.T. si legge sol-
Tiferimento all'aiuto divino il verbo si tanto in Hebr. 4,16 (riferito a Dio),
A ct. 2 7 ,17. Nella lettera agli Ebrei,
legge solo in 2 Cor. 6,2 (dt. da I s. 49,
conforme al carattere letterario della
8), all'aiuto nella necessità religiosa in sua lingua, So11ìJEi:v e corradicali sono
Mc. 9,24; Hebr. 2,18. L'espressione ov relati vamente frequenti. Per l'espressio-
BorilJEi:v (r Clem.39,5; 2 Clem.8,2; Ign. ne El.e; EVxtupov Bol)ÌÌELa:v (Hebr. 4 ,16)
dr. Ditt., O .G.I.S . 76 2,4: 6 oljµoc; -rwv
Rom. 7) manca nel N.T. KL0'Jpa:-rwv -rc{J 8T]µcv -rwv 'P<...iµo:lwv
0o1JlJEi:-ro xa:-rà. -rò Euxa:Lpov, Ditt., Syll. 3
693,12 . In Act. 27 ,17 Bol]ltELa: è un
termine tecnico marinaresco, come ri-
Si tratta di una retroformazione ag·· sulta chiaramente <la Philo, Ios. 33:

PoTJDÉW D a esso d eriva (}01)fr::>ÉcJJ, che si conserva n e!


1
Il termine più antico di quesra famiglia è les b ico ~o:MTJ1 .Lr. , 111crnre negli altri dialet ti è
Po'l'iltooç (in Horn., Il. 13,477; I7,48r): 'che dive nrn to f}oT]frÉw.
si affretta ad una richiesta di aiuto' (da frfw ' Cfr. A. Sr.1-1LATTER; \Vie sprach .foseplms
correre). Cfr. \Y./ . SCHU L ZE : Si\B r9r8 , 550 s. 1·011 G ottJ ( r 9 10) 66.
xvSEpv·fp:Y]ç i:cx~c; 't(DV T;;VfV [.tei'C'WV µE- nel N .T. « distingue il linguaggio della
-w.SoÀat:c; O'V[.l.p.E-ca.BaÀ.ÀH 'tàç "t'fjç e:ù- Chiesa primitiva dal sinergismo di cer-
1tÀola.c; 001Jltdttç 1 •
ta religiosi tà razionale , che insisteva sul
Secondo lo Schlatter 2 l'uso piutto- motivo dell'aiuto divino » .
sto limitato dì Soriihi"v e termini affini F. BucH SEL

~ouÀO(.l.O'..L desiderio, mentre Bov).Eo-ìJo:L designe-


rebbe il volere per deliberazione riflessa,
A. SovÀ.oµo:L AL Dr FUORI DEL N.T.
il consilium secundum deliherationem 2•
L'originaria distinzione semantica fra b) Secondo altri invece È.ÌÌÉÀrn1 indi-
0ovÀ.oµo:L e (È)ÙÉÀ.w è sempre oggetto cherebbe la decisione pratica dell'intel-
di accesa controversia tra i filologi. letto, mentre BovÀ.wìJm significherebbe
Due tesi contrapposte si contendono il aver voglia, ossia un'inclinazione o un
campo: desiderio dell'anima 3 _
a) la prima vede in ilÉÀ.EW l'appeti- La prima tesi è corroborata dall'in-
zione istintiva e irriflessa e in SovÀEO'- negabile connessione etimologica . esi-
-frm invece quella razionale e cosciente'. stente fra Sov À.wìJo:~ e 0ov À. 'ii, Sov À.e:v-
Secondo questa tesi È'ÒÉÀw.1 indichereb- Et.V, 0ovÀEvEcrìJo:~ 4 , mentre a favore del-
be perciò il volere per inclinazione, per la seconda sta il frequente uso di 0ov-
istinto naturale, la proclivitas animi e ÀEO'ÌÌ(XL come sinonimo di f.mfrvµe:~v 5•

ffor)1'kw. Cfr. W. Fax, l.c.


' L'int erpretazione , proposta da E. NESTLE ' Questa interpretazion e, immessa n eJJa filo-
(ZNW 8 (1 907 ] 75 s.), di 'sostegni' non si logia moderna dal Dindorf. è stata poi soste-
adatta al tono v[vo e plas tico della descrizio- nuta fra gli altri da G. HERMANN, ELI.ENDT ,
JJe marinaresca. PAP E, REHDANTZ-BLA SS , SANDYS, ADAM, Ri:i-
2 Mt. 490.
DlGE R. Cfr. Demost h . 2,20: ilv ot -CE 1'EOt frÉ-
{3ov'ì..oµc.u Àwcn (se sono propensi) xat vµEi:ç BouÀ TJ0"1'E
R. RomGER, Glotta 8 (1917 l ss.; W. Fox, (se voi Ateni es i siete risoluDi); Plat., resp. IV
Ber!. Phil. Wochenschr. 37 ( r 917) 597 ss.; 437 b c, e RiiDIGER 2 .
3
633 ss.; P. KRETSCHMER, Glotta 3 ( r9ro) BuTTMANN (L exilugus), PAssow, BENSELER-
r6oss .; cfr. 8 (1917) 5 n. 2; BLASS-DE- KXGr, FRANKE; J. H . H. ScHMIDT, Synon . der
BRUNNER § IO ! s .v. 1'D.Ew; 392, l a; 359, griech. Spr. (1879) 3, 602 ss. Cfr. Fox l. c.
2 ; 366,3. ' Così anche P se ud-Plat ., def. 4l3 e d efini-
1
L'al~ssandrino A mmonio nel IIEpi Òµolwv sce la BouÌ.lJO"Lç come Eqmnç [lE-ca Myou 6p-
xo:L oLo:cp6pwv ÀÉE,Ewv (VALCKENAER' (1822)) iJoù, come opEE,Lç EVÀo yoç , opEE,Lç rlE't'Ò'. Myou
31,70, dà la seg uente defin izione : (3ouÀEO"ì1a:L xa-rà, cpu o-~v . Aristot e le non si pronuncia su l-
pÈv E'Jl;L 116vo'J ).rx-cfov -coli Ào yLxov, -cò oÈ la differenza fra B:iuÌ..Eo-Òm e (È)itO.ELv, ma
iJc'Ànv xo:L bd. à.Myou t;<}iou. Ana logamente d e finisc e la BouÀ l)cnç com e u na ì. oyLO"'tLXlJ
anche Jvfas simo Confessore, Giova nni Dama- OpEt,Lç, d is tingu end ola daJIJ Èmì}upÙt inter-
sceno e gli scolastici d efiniscono la M.ÀTJO"Lç pretata come opEE,Lç èi.VEU Àoyou : rh et_ I IO
come una oprE,Lç rpvcnx-fi e la BouÀ'T]cnç inve- p. 1369 a 2 ss.
ce come una opd;Lç ÀoyLXYJ. Ques t 'ultima sor- ' Xenoph, an 11 (1,21; Lys. 13 , 16; Demosth.
ge dalla riJlc:s> ione comparativa,da l ),oy1.uµ6::;. 5.21.23 ; q,2(1; 2; ,. 11; 29,45 - Cfr. Plat. , Prot.
303 (1 ,628) 0 o0).op.aé(G. Sch re nk )

La possibilità di una soluzione sicu ra e completamente a M.À.w .


defìnitiva si presenta oltremodo ardu a 11 fatto che l 'uso omerico cd t:rodo-
anche a causa dell 'interferenza semanti - teo presupponga come significato prin-
ca dei due verbi verificatasi già in epo cipale di BovÀ.op.a.L quello di voler piut-
ca antica. Non resta perciò altra via che tosto, pre/erire, decidere', scegliere (so-
studiarne l'uso nelle diver se epoche (·. vente con la congiunzione 'il) è una
In Omero, che usa BovÀ.orw. ~ in tren- chiara conferma della tesi , sostenuta
totto casi ed rnD.w in duecentonovan- per primo da Ammonio, che attribuisce
taquattro 7 , il primo verbo significa a ~o t'iÀ.oµa.L il significato fondamentale
sempre volere piuttosto, scegliere, pre- di volere in base a una scelta, preferi-
ferire, mentre Éil É À. w esprime tutti re, d ecidere 10 . Da questo primitivo si-
gli altri aspetti e sfumature del con- gnificato è sorto poi quello generico di
cetto di ' volere '. ÉltÉÀ.w è quindi con bramare, dt:Siderare 11 , mirare 12 , in cui
ogni verosimiglianza il termine più an- acquista un particolare risalto il mo-
tico e semanticamente pili complesso ; mento pratico e di cui è un 'eco nella
esso è u;;ato soprattutto dai poeti 8 , sbiadita accezione di voler dire, inten-
mentre 0ovÀ.op.rn è prediletto dai pro- dere1 1, sporadicamente attestata. La sot-
satori, a cominciare da Erodoto. Col tili distinzioni semantiche fondate sui
tempo 0ovÀ.oµm soppianta a tal punto documenti più antichi non sono comu;i-
rnD.w che questo in Tucidide, Isocrate, que applicabili ai testi neotestamentari,
Licurgo, Platone, Lisia, Andocide , E- composti quando ÈÌÌÉÀ.av aveva già in-
schine e Demostene è pressocché limi - vaso quasi tutta l'area <li 0ovÀ.wi)a.L e
tato a quella che fondatamente si può quando ormai da gran tempo 14 BouÀ.o-
considerare la sua accezione originaria, p.a.L poteva indicare, come Él1ÉÀ.w, la
ossia esser disposto, incline 9 , e soltanto volontà decisa e consapevole. Bisogna
in Polibio e Diodoro abbiamo un sor- tener presente inoltre che molto spesso
prendente ritorno di rnÉÀ.ELV. Tuttavia i due verbi si alternano nel medesimo
nel N.T., come in Epitteto, la situazio- contesto per variazione stilistica 15 •
ne si presenta già invertita a favore di L'esegeta neote stamentario deve quin-
É1'ÉÀ.nv. Nel neogreco BovÀ.op,a.~ cede di rifarsi soprattutto all'uso di BouÀ.o-

10
340 a b. Invece nel già citato passo di Plat ., Questo significato bene si accorda con l'eti-
resp. IV 4 37 b C tanto J'Èitfì..EW quanto il mologia proposta dal Kretschmer, che ricon-
~ovÀEO'i'}m vengono contrapposti a1l 'bni'}v1..tEÌ.V, nette PovÀ.oµcu a ~Ù:ÀÀoµm. La stessa eti-
inteso come appeti zione dei sensi. mologia è formulata , ma con intento ironico,
• A quest 'ardua impresa si è accinto per pri- in Plar., Crat. 420 c (Paì...Àw).
mo il ROdiger. Per conto mio ho condotto 11
Ques to gi à in Il. 2 3 , 682; Hes., op. 647; in
una ricerca comparativa nei LXX, in Filone, epoca successiva : P olyb. I 1,5; Epict., diss.
Giuseppe, Polihio, Diodoro Siculo, Epitteto, TI I,2 3 S.
giungendo sostanzialmente alle stesse conclu- " Sopii., A i. 681 ; Trach. 486; Polyb. I 7, 12;
sioni de] Rodiger. Arri an. , praef. in Epici. diss . -; .
7
Secondo RiJDIGER, 3; ~ouÀ.o µcu Ti Il. r, u 7; n Pl at., Parm. 128 a ; Aristor., eth. Nic. !li 2

u,319; 17,_Bl ; 23 ,594; Od. 3 ,232 ; u ,489 . p . IT IO b .3 0 .


Altri esempi ir. RòDTCER , 5. Hclt. 11 1 4 0,8 ; i24 , " r n qualche caso ~ ou). op.m può significare
10. Raro è l'uso senza i): Il. l ,II2 ; Od. 15,88 . addirittura 'decid ere ': Eur. Iph. Taur. 61 ;
8
RòDIGER, 4 ha dimostrato che Aristofane, Ari stor ., poi. v 9 p . 1 309 b 17: co rp. Herm .
fa cendo più largo uso di ~oùAor1 a.i. , s1 av vi- 1v 6 b (Pov).cµcu, 'sono deciso ').
cina alla lingua prosastica . " Agli esempi riferiti d al RiiDIGER , 24 che
' RonIGER, 3.14. mostrano l'alternanza dei due verbi sorto un
µai nd giuda ismo ellenistico contem- risolu:..wm: e la volontà dz iJio 19 , dimo-
porall(:o al N .T. stra che la ~fera semantica dcl verbo non
era ristrettJ all 'impul so dd cuore e al
N ei LXX i casi di 0ovÀo ~Hu e di tM- desideri o dell 'anima 20 • Numerosi sono
À1JJ numericamente pressappoco si equi- tuttavia i G•si in cui SovÀ.i::cri}cu è usato
valgono, con una leggera prevalenza di nell 'accezione corrente, condivisa anche
0ovÀO[WL . Ciò si spiega anzitutto ia da b'lÉÀ.rJJ, di avere inclinazione, voglia,
quanto l'epoca dei LXX segna il mo- piacere 21 , a!!,ognare a qualcosa 22 , desi-
mento culminante e discriminante del- d erare 23 , mirare a qualcosa 2\ che talo-
la gara fra i due verbi, e poi perché il ra sconfina in quella di esser pronto,
canone veterotesta,mentario risulta com- essere incline 25 •
posto di scritti in prosa e in verso, per
cui accanto al termine preferito dai pro- Negli scritti di Giuseppe traspare
satori figura il vocabolo poetico ( stu- qua e là l'antica accezione originaria di
pisce quindi l'uso particolarmente fre- preferire (quasi sempre però senza f}) 26,
quente di iMÀEW nei salmi). 0ovÀEO""frcn ma prevalenti sono pur sempre i signi-
corrisponde quasi sempre a hiife~ e a ficati di aver piacere, inclinazione, bra-
'ii.ba, mentre nell'accezione di negare, ma, covare la segreta in tenzione 27 , d e-
rifiutarsi traduce di regola mii' en nella siderare 28 • Per quanto riguarda il signi-
forma pi' el e come aggettivo. L' im- ficato di proporsi 29 è significativo che
piego eccezionalmente frequ ente di 0ov- SovÀ.wìYru possa indicare talvolta espli-
ÀEO""frm in sen so negativo per indicare citamente il proponimento che non vie-
un preciso rifiuto 16 nonché per espri- ne attuato 30 • Freguente è poi l 'uso del
mere la volontà sovrana 17 , o comunque verbo per design are un intento 1ette-
assoluta e arbitraria 18 e soprattutto la rario 31• Conforme ai LXX è l'espressio-

altro profilo aggiungiamo i seguenti casi di va- " Ex. 36,2; lob 9,3; lcr. 49(42)22; Van.LXX
riazione esclusivamente stilistica: Plat., Gorg. I I,_3.
522 e; Polyb. x 40,5; Plut., tranq. an. 13 (ir " 3 Ba:O". 20 ,6. ~ouÀ.oµm Èv: l Ba:cr. 18,25;
472e); Epid ., diss. I 2,12s.; 12,13; III 22,roo; 2 Ba:cr. 24,3. Più frequente è /}ÉÀ.WJ Èv.
23
24,54; IV r ,89s. ; los., ant. r,233; 3,67; 6,22 6; l Ba:O". 2,25; Sap. 16.2r; i Mach . 4, 6; ep.
9,240; i o,29.156 s.; rr ,242 s.; Phi.J., rer. div. Ar. 5; 40 ; 207.
her. 158 ; corp. Herm. I 3; XIII r5 ; XVIII 7 b. 24
I Mach. 3,34; II,45; I5A- Con un comple·
1
• Com'è il caso p. es. del Faraone: Ex. 4,23; mento oggetto ljJ 69 (70), 3; cfr. Prov. 12,20;
8,21 e passim; o di I sraele che rifiuta di ob- ep. Ar. 38; 53; 18 0 .
bed~re a Dio: Ex. 16,28; l Bmr. 8,19, ludith " I Ba:O". 24,II; spec. \)i 39,9. Cfr. invece per
5,7; \)i 77,rn; l s. 30,9 e passim. il periodo classico R6DIGER 1 3, a cui si po-
n 2 BaO". 6,rn; I Mach. 15,3 S; 2 Mach. II,23. trebbero però contrapporre Plat., Crat. 384 a,
18
I Jrfach. 8,13; IIA9· Gorg. 448 d. Per Filone anticipiamo qui il ri·
19
Tob. 4,19; t); II3 ,II (II5,3); Sap. 12,6; Is. mando ad Abr. ro2; Ios. 55; rer. div. ber. 44.
53 ,10; D an. LXX 4,28 e passim; 1:p . A r. 269. " ant. 2,272; I 2,16i.
L'uso è molto antico: Horn ., Od. 4,353; Eur,. 27 ant. r,102: ~ouÀ.ECTfrE accanto a "Ca<; opÉ!;,EL<;
lph. Aul. 33; tes tim on ianze più recenti : corp. EXE'<E; I ,260; 266.
Herm. r )r; B.G.U. 248 ,ri. " a11t. r ,9r; 2,99; 4,167; 6,226 e passim.
10
La volon-tà religiosa risult a particolarmen. 29
ant. i ,165; 4,96; 7,208 e passim.
te evidente in \)i 39,9: -rou 1to6icrm -rò frD..1)- 10
ant. 1 2.~58. Cfr. Aristot., poi I 6 p . 1255
µci O"ou, ò !}dc; µou, È~ouM11tr1v ; in ep. Ar. b 3: la natura tende solirnmente a questo, ma
250 il verbo indica il risoluto persegu imento non semp re può attuarlo.
di un fin e. 31
ant. J,r; 4,196; r 8,ro; vit. 27; 345 .
307 (1 .6 iol ~:iv).op.m (G. Scl1rv11 k l

n e où Sou).t:O"iTw,, rifiut arsi 32 • In senso piano il significato di desiderare, pro ·


positivo i 1 verbo può indicare la preci- porsi 12• Ma sovente anche Fiione u sa
sa v olontà rL'lip,iosa 33 • Così Giuseppe 0ou).EulJa. L per indicare la volontà riso-
può usare tS01;Àr)ih1v per indicare la luta e zelante e particolarmente la 110 ··
decisione da lui presa a sedici anni di lontà re li.~ iosa 41 . Innumerevoli sono i
vagliare le a.lpfonç giudaiche 14• Nello luogh i filoniani in cui 0ouÀEa-lÌa.L all u-
stesso ambito rientra l'impiego, molto de alla volontà divina, al fine da ess a
più ampio in Giuseppe cbe nei LXX, propostosi nella creazione41 e nella Scrit-
di 0ouÀoµm per indicare la volontà so- tura 45, alla sua provvidenza 46 e guida
vrana, soprattutto la volontà espressa interiore delle anime 47 • Ma lo stesso
in un editto , in un pro v vedimento di può esser detto anche di "ò ov 48 , oppu -
autorità 35 , nonché la volontà, in qual- re di i} q>UO"L<; 49 • Eccezionalmente am -
che caso solennemente espressa, dei pa- pio è l'uso di BouÀ.or.ta.L per designar e
triarchi , di Mosè, di Neemia 36 • Molto l'intendimento della Scrittura, del legi -
vasto è in Giuseppe l'uso di BouÀoµa.L slatore o della legge 50 • L'espressione d
in riferimento alla volontà divina 37 , ma SouÀ.n negli scritti di Filone è assai me-
non mancano in lui esempi di Bou).o- no significativa e incisiva che in L e.
51
!.la.L nell'accezione alquanto stemperata 22,42 .
di intendere, voler dire 38 e del partici-
o
pio sostantivato BouÀéµEvoç nel sen- B. BouÀ.of.t(n NEL Nuovo TESTAMENT O
so di chiunque voglia, abbia piacere 39 •
Anche Filone usa talvolta BouÀ.EO"~a.L Nel N.T. 1'uso di BouÀoµa.L è per
fi nell'accezione originaria di preferire4-0. così dire allo stato di residuo, mentrè
In numerosi passi delle sue opere Bou-
À.EO"~a.L indica l'aspirazione intima e se- domina rntÀw. II fatto che BouÀoµa. t
greta 41 e soprattutto ritorna in primo ricorra soprattutto negli Atti, mentre

32
ant. 2,197; 12,181; bell. 7,5r. " spec. leg. r 36; leg. all. m 134; Deus imm.
" ant. 3,203 in parallelo con 7W:T1"EVELV. T44·
34
vit. 10; dr. an t . rr ,63. " op.mund. 16; 44; 77; 138; 149; plant q;
35
ant. 2,80; 11 ,17 ; 12 ,150; l3 ,5r; 14,230.315 con/. ling. r66; 196.
e passim; l6 ,16n.; 19,291; belt. 2,184. Anche " Abr. 5; 9; decal. 9; 81 ; leg. ali. III 2ro ; che-
itf.À.w però si trova usato in riferimento a rub. 60; gig . 60; D eu.r imm. 2I; ehr. 85 .
provvedimenri d'autorità : ant. q,233 . ., Ios. 99; 165; poster. e 145 .
3
• ant. l ,268; 2,163; 4 ,57; II ,170. " vit. Mos. r 164; r98; migr. Abr. 2.
-'' ant. 1,192; 2 .145 ; ~A5; 4,119; 5,218 ; 7,294 '' det. pot. ins. 154·
9
e passim . ' s pec. leg. II 48.
38 0
ant. 2,14; 3,152; cfr. Philo, leg. alt. II 36. ' Della scrittura: leg. alt. I 4; 35; 63; 90; m
" Jos .. Ap. r,18 2 ; dr. Hdt. I 54. 45-55; cber. 14; det. pot. ins. 168; plant. 94 ;
•• rer. div. her. 290; nel senso di preferire sen- m ip.,r. A br. 46. Del legislatore: vit. Mos . r 220 ;
za 'i):Jl br. 216 . spec. lcg. I 96. Della legge: spec. leg. I rr6 ;
41
lcg . alt. II 32; ~ouÀov't"m accanto ad È"itt't"l)- 20> e passim.
oEuoucn : c/Jeruh . 95 . 11
Abr. 25r; leg. al!. III 69; decal. 86. L 'espres·
42
Desid etare: migr. Abr. 99; Abr. r29; vit. sione è di uso frequente per mit ig;1re l'im·
Mo .L r r6; insieme ad EVXO[tm in Deus imm. perativo: 'se tu vuoi, se ti fa piacere', oppu-
164. Per Iac. 3A dr. leg. alt. lll 22 3. Mirare re semplicemente nel senso di ' sia che - op-
a: vit. hfos. I 144 ; los. 181; det. pot. ins. r; pure': Soph ., Ant. rr68; Xenoph. , an. III 4,4;
D eus im m. I5 .3 e passim. Plat. G'org. 448 d; Symp. 201 a ; Phaed. 95 e .
3CHJ ( I.!• )'' I ( ! .0) r ) -~ 1 o

scarseggia il l" J Vangeli e ancor pìu nel iiÌ di J)io , dcl hg/io e dello Spirito.
le lettere, ~i spiega con l 'affinità d i gc-· Jn Hchr.6, 17 si legge che Dio , ncll 'am-
nere letterario esistente fra gli Atti e liiro dell'economia della sa lvezza_, ha
la prosa narrativa, p . es . di Polibio, voluto dimost rare con maggiore evi-
Diodoro Siculo, Giuseppe, che usano Jenza l'immutabilità del suo proposito
largamente 0ovÀ.ofWL pur appartenendo agli credi della salvezza. In qu esto caso
al periodo che segna il passaggio al pre- (fo0ì. op.. a. ~ indica I'e terno e inalterabile
dominio di ÈlÌÉÀ.w. co nsi glio di Dio, allo stesso modo che
a) Nella maggioranza dei passi neo- in 2 Petr_ 3,9 esprime la volontà divi-
testamentari 0ov).oµrn presenta, come na di condurre tutti gli uomini alla
nei LXX, in Aristea, Giuseppe, Filone, salvezza. In Iac. r.r8: SouÀ.11iJdç cbts-
il significato di desiderare, bramare 52 , xuTJO"EV TJp.tiç Àoy~ a): r]Ìh:la_ç (dove
proporsi 53 , spesso confusi fra loro (ven- BovÀo~taL è usato con valore assoluto),
tisette passi su trentasette complessivi) . la decisa volontà di Dio è presentata
b) Invece in tre passi delle lettere come il princìpio che ' genera ' i re-
pastorali indica una disposizio ne impar- denti , ossia che dona loro la vita so-
tita dall'autorità apostoli<:a Yl. prannaturale attraverso la parola della
e) Più importanti dal punto di vista verità 55 . In Le. 22,42 con le parole El
teologico sono n aturalmente i pass i (set- 0ovÀa 56 Gesù si appella alla volontà
te) in cui BovÀ01 . w.L esprime la volon- di\'ina e si rim ette ad essa proprio nel-

" Desiderare : lo. I8,39: ~o•'.iÀ.ECYVE ècr.oì.vo-vJ, 1 ,17. Per i passi paralleli dei padri apostolici
seguito da una inter rogazione dubitativa , dr. dr. PREUSCHEN-BAUER 229_
BLA SS- DEllRUNNER § 366,~ . Negli a:ltri casi " Sempre con l'accusativo e l'in finito: r Tim.
quasi se mpre con l'i nfinito: Act. r5,37; 17,20; 2 ,8; 5.r4; Tit. 3 ,8 . Cfr. Plat., Symp . 184 a (la
18 , 15 (no n ho voglia); 22,)0; 23 ,28 ; 25,20; 22 legge esige); stre tt amen re imparentati con que-
(ÉPovÀ.of1TJV, per l'aumento dr. BLA SS - D1-:- st'uso sono i passi succitati dei LXX e di Giu-
BRUNNER § 66,3); 1 Tim_ 6,9; Philem. r3 (su sepre, dove f3ouÀ.o~lCH indica la volontà del
questo 81.Ass -D EBRUNNER § 359 ,2); Iac. 4,4; re e del legislatore.
2 Io. 12. Con l'accu sativo e l'infinito in Phil. -" Cfr. ScHLATTER, Jak. 136_ A_ MEYER. Ratsel
I,T2; Iudae 5. des _Tak. (1930) 76 n . 4; 268 vi trova, alla
" Mt. l,19: Giuseppe intendeva rimandarla maniera dell'onomastica antica , Ruben. Sul
segre tamente; Mc_ r5,1 _5; Act_ 5,28; 33; 12,4 ; fatto che in Filone f3ovhiaElc;, riferita a Dio,
19,,0; 2 Cor. r,15. In tutti questi casi si ha al.l'iniz io di una fras e, è sempre seguito
il semplice infinito. Con l'accusativo e l'infi- da ll'i nlinito, cfr. HARNACK, Jak. 70 n. 17. Ve-
nito: A ct_ r2,4; 27,43; 28,18 (dove il signifi- di inoltre i seguenti ese m pi: up. mund. r6;
cato può anche essere ' desiderare ')_ In I ac. n; i:ber. 60 ; plant . 14; miv. Ahr. 2 ; rer. dii-·.
3.4· dove indica una volontà decisa, 0ovÀ.nc.u l•cr. r r 2; 225 ; 2--f3 (de tlo di Abramo). Analo-
va int eg rnto con f1E-rciynv o xv0Epviiv. In 3 g;t è L1 cos truzione in los., ant . r.21.260; 12,
Io. IO -roùc; 0ou).op.Évo1Jç sottintende Èw.ÒÉ - n<) ; />ell . T ,pI- /\ltre t c-s rim oni~ n ze in I-L1R-
XEcrfra~ à.oEÀ.(povc; . P erciò anche questi p;1ssi NAC: J..: e Scm.ATTER a_ !.
si possono catalogare soJ:ro l'accusativo con ., Per L1 forma f3ovÀ.Et in luogo dc!LHt ica
l'inlinit(l. Con il complementll ogge rro: 2 Cur. (1~uì, n d r. BLASS-DEBRUNNER § 2/ , 1 \'L1 YSER
[3cvì,0111u (G. Schrenk)

lo stesso momento m cui gli sgorga dove è particolarmente evidL:nte l'in-


dalle lahbra l'umanissima invocazione trinseco rapporto col pro<:t'sso interiore
del 0ouÀ.Euwi>aL. Ios., ant. 1 . -n8: 'Ia.-
Ji salvezza.
xw0 r#WO"EV Èm-rpÉ~txL av·r!"!J 0oVÀTJV
Le parole di Mt. 11,27 (Le. rn,22): àyayt:i:v. Epict.. diss JI r6,15: -rlç0ov-
<~ f.à..v 0ouÀYJ-rcu 6 vLòç à7toxaÀ.u~cn, ÀEV0[1Evoç a.ù-rTjç -rTjç 0ovÀ. Tjç. - Inol-
proclamano solennemente la piena po- tre 0:ivÀ-i] può indicare la riflessione at-
tenta e saggia, non solo come singolo
testà del Figlio, il cui 0ouÀ.wi'}a.L con- atto spirituale ma anche come attitudi-
siste nel compiere la missione affida- ne e qualità della persona: D eut . 32,28;
tagli dal PaJre . 4Bau.18,20; Ecclus2r,23; 25,4 . In
Anche in riferimento allo Spirito I s. 1 r ,2 lo Spirito è presentato come
un dono della 0ovÀ Ti (cfr. ep. Ar. 2 70 ).
Santo Paolo può dire in I Cor. 12,1 r: Ma soprattutto la 0ouÀ'fi è un dono del-
ÒLa.Lpovv lòlq.. Éxau-rltJ xa.i}wç ~ouÀE-ra1. l'età: Philo, migr. Abr. 201: npEa0u-
(usato ancora una volta in senso asso- •EPOL 0ovÀ.ai:ç; plant. 168. In test. L.
4,5 0ovÀ.1} è associato a uUVEcnç, men-
luto). L'attribuzione dei carismi ad ope-
tre in vit. Mos. I 242 BovÀal è acco-
ra del TIVEvp.a avviene, come tutte le stato a TCpat,ELç. -- L'uso di BovÀTj ri-
opere divine, attraverso una libera de- sente, oltre che di 0ovÀEuo~un, anche
cisione guidata da una scelta sovrana. di 0ouÀ.oµaL e perciò in molti passi la
parola va tradotta semplicemente con
uolontà manifestazione di volontà, de-
t 0ovÀi)
1

siderio; Philo, poster. C. 11 ,36; Ios.,


ant. I 9,3 I 4.
A. 0ovÀi) AL DI FUORI DEL N. T.
2. Secondariamente BovÀ. Ti indica il
0ovÀ ii indica la rifiessione e la con- risultato conclusivo della riflessione in-
teriore.
sultazione nei loro vari stadi ed effetti
a) deliberazione: Tob. 4 ,19 AB, Ec-
fino alla deliberazione. Nei LXX la pa-
clus 22,16; ep. Ar. 42; Ios ., ant. 2,18;
rola è quasi sempre traduzione di e~a, f
9,76; Philo, spec. leg. III 29 accanto a
ma anche di mahasaba, da' at, sod, ecc. npa!;Hç; Abr. rn1.
b) intenzione; 2 Mach. 14,5: Èv ""Clvi
r. \)ovÀ Ti intesa come lo stadio ri- òwi>foEL xaì, 0ovÀ.fj; proposito, divisa-
fiessivo che precede la decisione pra- mento: 3 Mach. 3,II; Philo, con/. ling.
tica. Ecclus 37,16: 7tpÒ nau"fjç npa!;Ewç 1)3; 198.
~ovÀ -i]. Per~iò spesso la parola significa c) progetto, disegno, piano: il piano
semplicemente pensiero, idea, come in contenuto nel messaggio divino, Is. 44,
Is.55,7 ; I Mach-4,45, ma sottolineando 26; il progetto d'alleanza con i popoli
di· preferenza la cauta e vigile ponde- pagani, I s. 30,1; i piani dei popoli,
razione : Prov 2,1 r; 8,12; 11,14 e pas- ~ 32,rn (codd . ABS' ), Is. 8 ,rn; dei re,
sim; Ecclus 35 (32),19; I Mach. 8,4, Sap. 6,3; il piano di guerra , JMach. 9,

328 per i papiri. Tutti i paralleli che si pos- della manifestazione dell'ineluttabile volontà
sono addurre di d ~ovÀn (v. n. 51) non val- divina.
gono a spiegare il nostro passo, dove si tratta
( 1.632) ,;q

60.68 . StrctL1111L·nte aifìne è l' u ~o di 1-.1sse mblea ropolarc di Aten e ; XVI 15,
[3ovÀi} per ind icare un proge tto ast11t o X: ·h 0ouÀ·i1 xal oL 1-cpv·uivaç. Il sena-
e impud e nt ~» !o h 5,12; r8.7; Nc/ -f. 1
. iu romano: Jos. , ant. 13,r64 s.; 18,1 e
i5 (r9) -= 2 EO'opq ,15 ; 1 AL1ch ;- . -,, 1; passim; bell. r ,2 84 s.; 2 ,209; il consi-
3 Mach . 5 .~~; Ios., ant. 2,23. glio di Samaria: los ., ant. II ,1l7; di
cl) consiglio , inteso com e sug,:;;crimc11 - Tibc riade: vii 64; 284. L'editto di Clau-
to che si dà a qualcuno: Gen . 49 ,6 ; il dio (ant 20, r r) è indiri1.zato '!EpoJo-
consiglio Ji Achirofel, 2 Bwr. r 5,31; Àvp.L'tlJV èX.pzovO'L, 0ovÀ fl, òi}p,<.;J. In se-
degli <inziani, 3 Bw:r.12,8; Jo stolto sug- gui to. a partire eia Settimio Severo (202
gerimento dei consiglieri del Faraone, d. C.), 0ou).i} indica il con siglio di una
Js. 19,rr; secondoPs.1 ,1 il giusto è città con amministrazione autonoma 1 .
colui che non segue i consigli degli em- e) lnfine 0ovÀ-fi può designare una
pi, dr. Ioh 22,18; secondo Ecclus 37, del iberazione pubblica: Polyb, xxr 32,
I 3 è la coscienza a suggerire la ~ovÀi}, y ÒlH.LOCILl;t SovÀfl; dr. 3 Mach. 7,I/:
mentre in 39,7 si legge che il sapiente XOLVTJ ~ovÀ'ij, de tto della risoluzione co-
scriba comunica agli altri la ~ovÀi} e mune del popolo ebraico.
la ÈmC1-:·i'1p.T]. In I s. 9,6, dov e si predi-
ce un fonciullo che annun zie rà il con- 4 . BovÀ-fi nel senso di consiglio di-
siglio divino , i LXX hanno: ~u::y<iÀTJ S vino ricorre in lob 38 ,2; 42 ,3; t); 32
~ovÀijc; ayyE).oç. Cfr. ancora in test. (3)), n; 72(73), 24 ; Prov.19,18(21) ;
Iud. 9,7 il consiglio paterno ; in test. Sap 9,17; Mich, 4,12; Ts. 5,r9 ; 14,26;
Ios. I 7,7 i[ consigl io cli Giu seppe, in
Ios. ant. 7 ,4 4 i I cons iglio di g uerra ; in 25 ,1; 46,ro; Ier 29,21 (49,20); dd
Fi:lone, vit. Afos r 294 i nostri consigli consiglio della Sapienza si parla in Pro v.
e i Àor-u. cli Dio. 1 ,25 ; 8,q; Giuse ppe preferisce BouÀTJ-

3. ~ovÀ-fi indica inoltre il consiglio cnc; --:> BouÀT]µa) tranne in ant. 4,42 ,
inteso come istituzione politica e le sue dove però il concetto <li 0ovÀ i} ri sulta
deliherazioni. caratteristicamente stemperato dalla no-
a) Anzitutto qualunque consultazio- zio ne di ' virti'.1 '.
ne. Chr. r2 ,19 : i capi dei Filistei ten-
I
gono consiglio; Iudith 2,2: Nabucodo- Il rilievo dato alla 0ov).i} di Dio nel -
nosor tiene un consigli o S' ~ reto , dr. la mistica dell'ell enis mo. pur essendo
Ios. , vit. 204. In r M ach. 14.22 la pa-
inferiore a qu ello cli 7tp6voLct, civ<iyxT],
rola indi ca l'assemblea popolare: Èv
·rni:ç SovÀai:ç -roù OYJ(.tov . Per consul- d~iapp,ÈVT], comporta pur sempre una
t arsi si trova SovÀi]v 7tpo-rU7EJÒaL, Di1)d. fort e incrinatura della trascendenza di-
S. rr 24,4; oppure 0ovÀi]v èl.yEtv, Ios., vina. In corp. Herm. I 8 si legge Cl"'C'OL-
an i. 14, ;61; oppure ancnr"1 0ovÀi]v
7tOLEfoilcu, Polyb. x1v6,9 ; lo s., ant . 1 5 ,
XEi:a , -~ç cpuJEf,Jç Èx 0ov Àfiç itEoÙ. Se-
98. condo 3 r Dio esegue Li sua 0ovÀ-i)
I

b) 0ovÀr'ì indica inoltre )'assemblea con le sue forze. In vero la volontà di


consultiva della città. Diod . S. xm 2,4 , Dio è in sieme atto: in I T 4 (parlando

0ou).lj
1
PREISI Gl-d :. h1chwiirt er 41: \F'ii l'/. 111 r no; IV!JTT J:1s W11 .CK EN r I,4 1 .
_1I _5f 1,6 ) ) ) ;b)Àoiu.u (G. Schrenk) ( r,633) 316

dvi Dio 1\111hropos ) si dice ét.µa ÒÈ -rii non va tradotto con 'deliberazione, ri-
f~ov),.fl ((1pp 11 1-e 0(iv).11on) ÈyÉvno ÈvÉp- soluzione ', bensì con ' clesiderio, vo-
[EW . Sc·nq 1rL· p e r \ 'ulo1it ;'1 di Dio ( 1 18) lontà' . Al concetto di 'consiglio divi-
alla fin e della mpi'.ooac; vcrr ;Ì meno l'e- no ' si avvicinano piuttosto la Èm0"-cr1--
nergia coesiva dcl tutto. [\'la questa 0ov- p:ri e la croqJla di Dio ( ebr. 30) 6 •
).•-!1 ··· ch e può essere chiamata anche DÉ-
ì,·qrw: : XIII 1 9 ; 20 dr. 2 - è separata
B. ~ouÀ ·ii NEL NUOVO TE STAM E NTO
dall:t persona di Dio e concepita essa
stessa come una dea2 • È controverso 3 se Nella sfen1 semantica descritta in r
in I 8 si debba intendere che la (3cvÀ-f} e 2 rientra I Cor. 4 ,5 (-ràç 0ovÀàç "t'WV

fecondata dal seme divino del À6yoç xapolwv), tenendo pr esente che il 'cuo-
4
i}rnv genera il x60"µoç atuitYJ-roç , o non re' allude alla segreta interiorità delle
piuttos to che la (3ovh], servendosi del 0cvÀm'. . Si potrebbe tradurre semplice-
Àoycç ch e le rivela il mondo delle idee, mente con 'pensieri ', ma in tal caso va
crea il mondo sensibile attraverso la perduta la nota tensionale e appetitiva
l..lLµYJ<nç . t certo comunque che (3ovÀiJ presente nel vocabolo. ' Inclinazioni ',
i}Ecu, ), 6yoç, xfoµoç vanno intesi come 'moti dell'animo ' 7 sono termini troppo
5
una triade divina nell 'ambito di un deboli, mentre non è proprio necessario
determini smo panteistico. interpretare 0ovÀa.l in senso troppo
. • ' • • • 1 8
A fa vore della prima interpretazione prcCJso, ossia come piarn, progetti .
si potrebbe addurre che anche filone In realtà l'Apos tolo allude agli aneliti
(post er. C. I 7 5) accenna alla gravidan- dcl cuore, ossia alle aspirazioni più re-
za della (3ovÀ1J. Le due figlie di Lot - condite della vita interiore (2 b) . Nel
~cvÀ·~ xal o-vyxa'taih:O"Lç - Èx. 'tOV v:::v significato di 2 b rientra anche Act. 5,
7W.-cpèç m'.rrwv ÈfrÉ).ouO"L 'lt<XlOOTIOLELO"itaL 38 (o·n Mv civiJp1.:im,N ii 0ovÀÌ]
ti Èt;
(cfr . cbr. iG5; 203, dove la figlia mino- a.ih··ri), dove 0ovÀ.r'J vale 'proposito ',
re si chiama crvva.lvwLc; che significa Si possono invece catalogare sotto
ugualmente assenso). Filone pe rò non 3 a i passi di A ct. 27,12 e 42, dove la
ipostatizza affatto la 0ovÀ·~ , ma la as- 0ovÀ'i) dei marinai è ,il ri_stilt~to di un
sume, in sieme con la o-vyxa-ralJEO"Lç, accordo e di una consultazione .
com e espressione di una facoltà e di un Quasi sempre però nel N .T . 0ouÀ1}
processo p sichico. In questo caso 0ouÀ +i indica il consiglio di vwo. Questa acce-

'J KROLL , Die Lehren deJ Hermes Trisme- 6


E. BRÉHIER, Les I dées philosoph. et relig.
gistos ( r 9 14) 27 ss . de Philon d'1llex.2 (1925) II7,4 ; r i 9 .
' REITZF NSTEIN, Poim. 45 . 7
Toll. \\h:1ss, r Kor., a.l.
• KR ll U ., 28 . ' C~os ì LIET Zl\1ANN, I Kor., a.l .
1
· Krw u ., 7 r .
~ov).01Lcu1(, .·"1,, . ,.i1

z10ne è prc ~ L'lltL' ~ 1•1ll·;1 ttutto in molti I 11 J:ph . i dove si celeora l 'economia
luoghi degli ~nit ti di Luca, dai quali si tl1 vi11:i dell a salvezza con frequenti ac-
può ricostrniri: una vi ~ ione complessiva n: nn i:l!b ' volontà ' di Dio (più volte
del1a 0ovh'i di Diu. Il disegno divino rrwrr ono le parole 1}ÉÀ riµ a e EÙooxla),
ha regolato la vicende ve terotestamen-· i concetti di predestinazione e di scel-
tarie (secondo Act. 13,36 la morte di ta della comunità sono inseriti in una
David è avvenuta per volontà di Dio) 9
visione cris tocentrica dcl cosmo e tro-
e si è manifes tato nella missione del vano il loro coronamento trionfale nel-
Battista. Secondo Le. 7 ,30 infatti i fa- Je parole del v. I I : Év <11 xa.L Èx),,T}PW-
risei e i maestri della legge hanno re- ihntEV npocptcrMv·m; xa.-ca 7tp6ilE<rLV
spinto la volontà di Dio 10 non facen - 't"OV -ra m:i.v-ta. ÈvEpy ov\li:oç xcna 't"Ìj\I
dosi battezzare da Giovanni. Anche il 0ovÀr]v -rov frEÀ'i]µa.-roç whov . L' 'ere-
sacrificio di Gesù è avvenuto 't"TI wptO'- dità' dci cristiani , che consistse nell a
~tzvn 0ovÀ n xa.ì.
7tpoy\lwoH 'tov ilrnv redenzione finale e ha ne I 'ltVEvp,a. (dr.
(Act. 2,23), ossia secondo la volontà la p arte che segue) il suo provvisorio
im mutabile e la predestinazione di Dio . sigillo, è radi cata nel 7tpoopLO'Òljvm xa.-
Analogamente in 4 ,28 si accenna al fat- 't"CÌ. np6òww. Cristo è mediatore di ogni
to che Erode, Pilato, i gentili e I sraele cosa e ogni cosa è presente in lui ( Év
si sono alleati contro Gesù per compie- a.0-rc{)) e tutto risale in ultima analisi
re oca. o-ou xa.ì, Ti 0ovÀli 7tpow-
Ti xElp alla 0ovÀ'Ì] 'tov i}EÀ.'i]p,a."ro<; whov che
G·tcn:v yEvfoi}a.t. I due termini òpl~n\i attu a l'evento cosmico della salvezza.
e 7tpoy\IWO'tç, separa ti m 2, 2 3, sono
qui fusi a formare un unico concetto, Questa 0ovÀ'i} 't"OV flEÀ Tjµa.'t"O<; a.u'tov
e ciò dimostra che a Luca preme sot- non solo comprende in sé l' Éì;EÀÉi;a.'to
tolineare tanto la decisione incrollabile (V' 4 ), il 'ltpooplu-a.ç ( vv. 5- I I), la 7tp6i}E-
q uanto la predestinazione di Dio. Il O'Lç (v. n ), ma è anche l'origine prima
para ll elo XE~p accentua l'idea di una e il principio motore di quel rinnova-
po tenza che governa e dirige . Addirit- ment o cosmico che attraverso Cristo,
n
tura n ella 0ouÀ si esprime tutto il con- medi atore universale, raggiunge la co-
tenuto del messaggio apostolico; in Act. munit à degli eletti come dono di salvez-
20 , 2 7 P.rnlo afferma di fronte agli an- 1<1. Q uesto spiega perché l'idea dell 'in-

zrnnt d i Efeso di aver loro annunziato crul labile J etcrminazione divi11<1 venga
tu tta la ' volontà ' di Dio. espressa in forma così enfatica e ri don-

9
IJ CO!ltt'S IO esige che -::-fj 't00 frEOV ~OUÀ TI tre il primo dativo Uilq. '(EVEé!- di l'cnta più
\'t:ng8 ri fe rito a Éx0q.t'l'1i}TJ perché, a differen- c n mp .-.~ n si bi·l e.
;- ,l di D avi d. Gesù per vo lon tà di Dio non '" dc; fo.v-:ovç è un a ppicco es pli rntivo di
i1<l v i,10 L: curuz iu nc . In qu cs :o modo inol- ~:)lJ)., i1 .
[3où).o[HH (G . Schrcnk)

dante co n le parol e 0ouÀ Ti 1:0Ù flE), 111m- giudaica nonché di Polihio e di Ep it te-
-roç txÙ-roù ·-- unico pas so in cui Paolo to. Così per e sempio in Phi lo , le.'!, alt.
l! 62 il xax.òv 0ouÀYJJW , il pe nsie ro ckl
usa la parola 0ouÀ:~ 11 , m entre di ~;o!ito
male , defìni to com e una -rpo;:;rì '1:TJ:'.
la sostituis ce con lJD.ì]µa e una volta ~ux-Ylç, viene contr.ippo sto :1 -r ò xa.xò~
rnn 0ov): rnw (Rom. 9,19). Gli è ch e in àTio1:ZÀEcrµa ò~ò: 1:t°0v EpyroJv . Ma ~en­
questo ca so 0ouÀl], o ltre a essere un raf- pure in questi casi l'impronta tcu rc ti .~ ,1
sopravan za il mom e nto atti vo. f3ovÀri-
forzativo di -ITÉÀ YJ!.LIX, si riallaccia a un i1a contiene pur sempre l'idea di ' in-
ampio uso dc i LXX (-Holl. 309s.) 12• Il tento' . In vit. Mos. e 59 si narra che
tratto caratteristico, che rende ii nostro Raguel fu preso da mCJ«tviglic1 per Li
comparsa di Mo sè e per il suo [3ou\·ri-
passo strettamente affine a Act. 20,27,
[..La, che poco dopo viene anno vera to
è la connessione posta fra la SouÀ-i) di fra le !.LEya),(n cpua-n:;. In questo ca so
Dio e il complesso della sua olxovo~tlcc la parola indica la volontà e il propo -
Infine Hebr.6,17, accennando al giu- sito d'azione cli Mosè.
ramento con cui Dio garantisce agli ere- A prescindere comunque da ques te
di della promessa -rò ciµE1:al>E1:ov -rijç generalizzazioni, facilment e comp re n~ i ­
bili nei derivati dalla radice f3ou),-, il
0ouÀ ijç mhoù, sottolinea ancora una significato corrente della parola è pur
volta soprnttutto l'immutabilità e l'in- sempre quello che abbiamo sopra d efi-
crollabilità del consiglio divino. n ito. In 2 Mach. r5,5 -i:ò crxÉ-i:ÀLov 0o.J-
ÀT]µa indica il proposito scandaloso .
In Polyb. x r 8 , r 3 l'espressione ).a0c;Jv
Év v0 1:Ò 0ou).riµa -<:ijç yuvmx6ç allu-
r. Vocabolo di uso relativamente ra- de alle aspirazioni de lla donna, ment re
ro, 0ouÀYJJ.J..a. ricorre p. es. nei LXX in in ep. Ar. 322 la parola designa una
soli 3 o 4 passi come traduzione di aspirazione particolarmente attiva e ze-
da'at. La varia nte testuale di Prov.9 ,10 lante. In molti passi di Filone l'unic a
nel cod. s,·,
WovÀriµa per SouÀTi, cod. traduzione possibi le di SovÀ. TJJlCX. è ' in-
s e• ) basta già a dimostrare l'affinità t enzione '; così in spec. leg . r 12 3; II
fra SouÀriµa. e 0ouÀl], ma il significa- 132; rn 85; vii Mos. rr 3r ; d et. pot .
to fondamentale e tipico della parola è ins. 72. In spec. leg. !TI I 21 i f; ov)_1·1-
quello cli volontà, intesa come diseg no, p,a.1:tx sono le tendenze interiori che
proponimen to, fine, piano, tendenza In vengono messe a nudo. Si spiega perciò
questa sfera semantica rientra pure l'u- come SouÀ ì]µa possa signifìcarc anche
so, attestato specialmente nei papiri, di 'piano' (cfr. Ios., ant. 1,27 8 ). L 'acce-
SouÀì]µa. per indicare l'ultima volont à zione fondamental e d c l vocahol o sopra
del testatore , il testamento 1 . L 'accezio- delineata trova una si gnifìcativ;1 confer -
n e fondamentale della parola che ab- ma nell 'espressione , rrcdilett;I da Filo -
biamo fi ssato sembra men o marcata in n e ed Epitteto. 0ovÀtJ[UX 'i:'ii c q·:'.i<:n:1,J:; ,
certi pa ssi della lett e ratura ell enistico - che d es igna la iìnalit à imm anen te a!Li

11
I r. J. l-fo1: rz ,v1ANN , K. rìtik dcr Fr1h. 11111/ " Cfr. ]. Sc u Mill . Ocr F rfo. des Ap. P/.r ! 1•.1 28;
Kol.-brie/e ( 18 7 2) 257 ; 1\. Kr.iiPPFH. Ep h. 20 3.
( 18 90 ) 4 7 n. 2 si basarono ;1nche su qL1 esLo [3oùì~ 11µa:
fatw per n eg <ire l 'a u1 en1icitòi. ' ( J r. PREI S I GKL . \i 'iir!. s.r
natura_ moltl'.plici test imonianze . In Ios., ant.
Ancl1t~ in riferimento a1 capi e ai so- r ,2 3 2 Isacco si sottomette volentieri
vrani f:lovÀ:qria è u sato spe:; so neli a
-co~ç à.wpo-cipwv BovÀi)µcwtv (di Dio
particolare sfumatura semanti ca di in-
tenzione. piano, progetto. Così per es . e del padre che vogliono il suo sacrifi-
in ep. Ar 283 SouÀY)fW designa l'inten- cio), dove 0ovÀ.-ruta indica il disegno
to dei re, mentre in Tos. , ani . 16 ,r73 di vino che riesce dapprima incompren-
con coi:ç cov l:E0a.cr--rov xa~ 'Ayp( Tt7tct.
sibile alla vittima designata . Secondo
0ouÀ. Tii-~a.crtv si definisce chiaramente b
intenzione di p e rmettere ai Giud e i di ant _ 2, 3 04 il faraone disobbedisce "t'O~C,
vivere secondo le loro costumanze pa- ·.:-ou frEou BovÀ i)p.ao-L v, cioè alla vera
terne. Più generico è Ios., ant. 13-42 5; intenzione di Dio , trattenendo i figli de-
invece in bell. 1,178: (Gabinio) 7tpÒç
cÒ 'Av-n7tacpov Bou).Y)µa xa.cEO-'tTJ0-1'.l- gli Ebrei. In Philo, leg. alt. III 239 si
'o "tl)v Jto).tnlav, il significato può afferma che le opere dell'uomo conti-
bene essere quello di ' progetto ' . Poi- nente sono guidate flEov BovÀ.i}µa"t'L (da
ché le ' intenzioni ' sono spesso impe-
un disegno divino), mentre secondo vit.
netrabili , Sov).Y)ria può assumere il si-
gnificato di volontà arbitraria o addi- Mos. r 95 Dio rivela il suo BovÀ.11µa,
rittura di capriccio. Così in 4 Mach_ 8 , il suo disegno arcano, attraverso i mi-
r 8 i 0ov À. lJi--'-1'.l c<X xEvà sono i vuoti ca- racoli e i prodigi. Ancora in rer. div.
pricci , mentre in Epict., diss. II r , 2 5 si
parla di chi è cacciato qua e là JtpÒç "t'Ò
her. 272 il BouÀ.YJ!.LIX di Dio è chiara-
ç3ovÀ. Y)fJ.l'.l "t'ov xvplov (arbitrio, facoltà mente la sua intenzione di alleviare i
discrezionale). - In Polyb. vr r5,{ ; 17, mali congeniti degli uomini. Ma la te-
8 ( "t'Ò TYjc, crvyxÀ. lj"tov SouÀ. Y)~w. sena- stimonianza più convincente è vit. Mos_
tusconsultum) Sou).Y)µa costituisce il
risultato della SovÀ.-i], mentre in xxm I 287, dove nell'oracolo di Balaam il
2, r o ( xacà ci}v "tijc, crvyxÀ. TJ"t'Ov Bov- (3ouÀ.1]µa di Dio è definito contrario
À. YJcrt v) si tratta della volontà del senato. all'intento del re ( JtpoalpEO-LC,) 2 •
2. Si pone ora il problema se BovÀ.YJ-
µa in riferimento a Dio vada tradotto 3. L'uso neotestamentario di BouÀ.1)-
con ' deliberazione ' o debba invece es- µa conferma pienamente il panorama
sere inteso nel senso di ' intenzione ', semantico che abbiamo tracciato . In
' piano ', conforme all'uso generale. La Act. 2 7 A 3 il centurione impedisce ai
seconda interpretazione è suffragata da soldati di mettere in atto il loro ' pro-

2
Giuseppe {dr_ A. S c HLATTER , W'ie sp;-arh XELIX, ant_ ),1 79; 6,14 3; inoltre: 3: F9; r34r)
Jo s_ von Gott [1910] 26 s.) fa un u.'< l cccc: - an che per indicare un parere ostinato nonché
zionalmente ampio di PouÀT)<nc; per d es ig nare l'arbitrio del sovrano, ant_ 6 ,61 (dr. per ~ou­
la volontà divina intesa soprattutto come la À.T]<JLç = hene p]acito Po!yb. iv 825; v 26,q;
guida provvidenziale di Israele n elle vicende Diod. S_ m 16,3) è chiaro che la parola, rife-
grandi e piccole della sua storia. In a 111. 6,147 rita a Dio, implica l'idea dell'aucodetermi.na-
PouÀ.1)1n ç è associato a Év-roÀ.a.l, dr. 7 ,39. zione libera e sul'l'nna.
Poiché Giu seppe usa ~o!D,T)a-1.4 (co n Ui i.a , o ~-
posi to ' quello cioè di uccidere i prigio- iJfo·-:·rptE'J; ,![ ]ude ~il disegno di Dio, che
nieri . Le p<Hole di I Pctr. 4,3: -rò 0ov- nel ve r:>e tto precedente (v. 1X) era stato
ÀT)p.!X -rc7Jv Èi)vwv X<XcELpyao-iJ"u.L - a defìnito come il duplice òD.Hv rivolto
cui fa seguito un elenco di vizi e pas- alla mi se rico rdia e all 'i nduri!ll cnw degli
sioni colpevoli - ricordano ai cristiani uomini. L ' uso della parola in questo
che essi hanno seguito per l 'add ietro le pas so si illumina ancor m eg lio con gli
inclinazioni dei pagani. Infine Rom. 9, esempi succitati di 0ov),T)!W nel senso
19: -r0 yàp f3ovÀin.1.rx-cL a{rrov -rlc; àv- Ji 'arbitrio ', 'volontà discrezionale'.
G. S CfIRENK

Sprxf3Evw e soprattutto f3pa0Ei:ov rien- lore assoluto e in riferimento a Dio


trano nel novero d elle espressioni tec- stesso si legge in Philo, vit. Mos. I i 6:
niche del linguaggio agonistico intro- 7tap' b:6v-rwv EÀa0E -rTjv à.pxi]v, f3pa.-
[3Evov-roc; xaL ÉmvEuov-roç i}EOv. Col si-
dotte da Paolo ( ~ ciywvli:;:Ecri}aL, 1rn- gnificato di regnare in Ezechiele, 'E!;a-
ÀEi:v) nel vocabolario teologico del pri- ywyi) 86 ( ~n.1 )è detto di Mosè: aù-
mo cristianesimo. -ròç 0pet.f3EVCTELS XO:L xaì1T)yi]o"'n 0po-rwv.
Pa olo usa il verbo in riferimento al-
la pace, che deve appianare ogni dis-
se nso e regnare sovrana nella comuni-
Usato a partire da Euripide 1 il ver- tà: l) dpi)v11 -rov Xptcr-rov f3pa0rnh-c.ù
bo designa fondamentalm en te l'opera-
zione propria del giudice di gara Wpa-
ÉV -ret.i:c; xo:polmc; vµwv' Col. 3 'I 5. È
[3Euc;, f3paf3EV-ri)c;), ossia quella di gui- questo l'unico esempio neotestamenta-
dare, moderare e definire la gara. In rio del semplice 0paf3Evw 2
• Nell'espres-
senso lato il verbo significa poi deci- sione analoga di Phil. 4,7 Paolo usa un
dere , guidare, governare. I LXX usano
il verbo una sola volta in uno scritto altro verbo: l) dpi)v11 -rov ìJEOu ... <ppov-
tardivo che risente dell'influsso elleni- pi)crn -rà.c; Xet.pola.c; vµwv ... ÉV XpLCT-r0
stico, Sap. 10 , 12: la sapienza è il giu- 'Ipo-ov . Evidentemente tanto f3pci0EVCJ.)
dice che ha assegnato a Giacobbe la
che <ppovpÉw si avvicinano qui all'acce-
vittoria nella difficile contesa con l' an-
gelo (Gen. 32,24 ss.): à:ywvet. Lcrxvpòv zione generica di regg,cre, [!.Overnare, di
Èf3p6.f3EVcrEv aù-ri;>. Bpaf3EuELv con va· cui abbiamo un'eccellente tes timonian-

ppaffo)w xù.
1
Gli esempì classici di ppapEuEw, ppaPE·'.ic; ' Una volta Paolo usa xa:rC1.PPC1.~EuELv, ' de-
ecc. si trovano in J. \XIIENEKE , Ezechielis J11· cidere contro qualcuno ' e anc-he questa nella
daei poeta e Alexandrini f abulae quae inscri- kttcra ai Colossesi, 2,1 8 : rn1odç v[tciç XCl.'tCX ·
buntur 'E!;aywy-fi (Diss Phil. Mi.inster 1931) BPCl.~rnh-w (dr. 2,16 : xptvh'w).
pag. 68.
_32.5 11,6i ; )

za, relativa a [:lp o (lc:·jr0 e cpvÀrL'"C"tt>J, in oO:ìtnE o-rt o~ È'J u1:et.Òtr:J -cpÉxo\1-rEç miv-
un papiro cristi<HH1 dcl scc. VI : otxala:. ·n c; µÈv -rp~xouo-L v, dc; oÈ À.0:110avn -i;ò
ii OLai}-iJxri ... 01~0 XpLo-i:ov ... 0pcx0rno- ppo:0Ei:ov ( u-rÉcpo:vov èi.cpi7et.p1:0\I ); o1hwc:;
iti'Jl] xo:.ì, [ cpvÀccnc1 .tÉvY) J 3 • -r pÉxE-rE i'. va. xa-raÀa0ri-rE ... Éyw i:olwv
OVTwc; 1:PÉXl0 wc; ovx cXOr]ÀAJJç (' senza
meta'), e Phil. 3,13 s. : 1:CÌ. ftÈv ÒTilo-w
ÈmÀ.a.v1~av6µEvoç 1:oi:ç oÈ Ei1Tip oo-ihv
Il so stantivo OpaBEi:O'J , premio della
ÉìtEX'tEL\IO~tE\IOç :XC\'.1:cX O'XOT':Ò\I OLWXtd
gara. interpretato da Esich io (s. u_) con
Ém vlxLo\1, ETil'llJ Ào\I, VLXTJ1:-fipto\I, à.1.toL- dç 1:0 f3pa0Ei:ov Tijç Q'JW XÀ.TJO'Ewc:;.
0-iJ 4 , è raro nella grecità profana 5. Già Bpa.Bsi:o'J indica qui il premio massimo
in Menandro si trova usato con valore
che richiede, per essere conquistato, l'im-
metaforico : 0pa0Ei:o'J cipETfjç Èo-1:L\I <:v-
TimÒrnui'.a: (Menand ., mon. 653 [Iv p . pegno di tutta la vita e la concentra-
359 Meineke] ). Nella tarda grecità la zione di tutte le energie - ossia la ri-
parola viene associata al concetto della surrezione alla vita eterna (Phil. 3 ,II).
vita come lotta: òtjJÈ f3po1:oi:ow ì!ÒtùXEV
f3pa0-fii:a. mina. ft6i}oLO 6 , o come ope- Beninteso questo non significa che l'uo-
ra che raggiunge il suo compimento e mo possa determinare con la sua volon-
coronamento: 1:Ò f3pet.0Ei:o'J --rov ciTI01:E- tà e il suo 'correre' (Rom .9,16) il pro-
Àfo1tet.1:oç 7 • I LXX usano in casi ana- prio destino. L'iniziativa infatti compe-
loghi ]'immagine dell ' àiJÀo\I (-? à.iJ-
ÀEi:'J ), mentre ignorano 0Pct0Ei:o'J. In- te esclusivamente a Dio: otwxw oÈ d
1
vece Bar_ gr_ I 2 - parla dei f3pet.f3Ei:cx che xet.L xa.-ra.Àa0w, Écp <!> xaL xa-rEÀ1)µcp-
coronano la lotta del giusto. Infine f3pa- i}lJ'J (Phil. 3,12; cfr. 1 Cor. 83; Gal. 4,
f3Ei:ov si alterna con àiJÀo'J ne1lo scritto
fÌJoniano 1tEpÌ. aiJÀW'J XC\'.t Èm1:LµlW'J , 9, 1 Cor_ 13 ,12); e a Dio spetta la deci-
dove è svolta nel modo più organico e sione final e (1 Cor. 3,15). Chiamando
compiuto l'immagine della vita come l'uomo alla salvezza Dio gli pone un
lotta da cui il giusto esce coronato di
traguardo che dà un senso al suo agire
vittoria: oL. àiJÀ.riwi.... à.pETfjç ... 0pa.-
0Elc0'J xai. Xl]puy1ta'tt•JV xai. 1:1-;J\I èi)c- e una destinazione alla sua vita. Ma la
ÀtùV ocra. \ILXl7iO-L OL001:0'.L itnEÀa1tOa- chiamata alla salvezza è anche una chia-
vov, praem. et poen. 5 s. mata alla suprema libertà d'azione. L'uo-
Nel N.T. ancora una volta è soltanto mo quindi deve rompere con tutto ciò
Paolo ad usare f3pcx0Ei:ov in due passi che sta' dietro di lui' (Phil.3,7ss. 13),
strettamente affini : 1Cor_9 ,24ss.: Ovx indirizzare tutto il suo pensiero e tutto

' P. Masp. II n. 67 151, 221 ss . MILL. s.u.; N.~GE LI 3ì ; REI SC!I in PAULY-W
' Come (3pa(3EU<<l può assumere il significato v 8or; identico è il s-ignificato di pp<i(3EVµa,
di 'governare, dominare' ((3pa(3Evç principe), cfr. WrENEKE, o.e.
così (3pa(3Ei:ov può designare anche lo scettro, 0
P se ud.-Oppian. , cyn. 4,I9ì·
dr. Mithr_Liturg 12,19: oùpavoù TvxaL xpa·
-rovo-a• xpvum (3pa(3i:a.. 7
Vett. Val. VJJ 5 (p. 288,8 ), cfr. rv 9 (p. 174,
5
Inscr. Priene i18,3; cfr. inoltre Moun_ - 21 KROLt): -i·ò ~pcx~E~ov cX7tOVEµnv.
(3pa.z~wv (H . Schlicr)

il s uo ag ire a!la m e t a fi ssa ta d a Di o ( 1 Con un ' int ui z i\rn e esa tti ss im a la pri-
Cor. ss. [dove ri corre dieci volte
l) , 1 6 ma lettera di Ciemcntc colloca sotto il
seg no del 0Pa0ùov t utta la vita e la mor-
i[ ness o di fì ne ' affin ché ' ! ], cf r. 1
te di Pao lo: ll rJ.vÀ.oç unorwvTjç 0pa-
Cor. l),27 e Gal. 2 ,2 : ~i-i) nwc;), metter- 0c:i:ov E OEL ~Ev ... ·tò yEvvai:ov -rijç n lrnE-
si al pa sso con la rivela zione d iv in a (JJc; a.0-roli xÀ.foç Oca.0Ev ... a nT))),a:yri
(Phil. 3, r5 ; Gal. 5, ì s.). Soprattutto -rov x6o-p,ov xa.L dc; 't'Òv ay~ov ·dnov
ÈnopEvi}T) ( 5 ..5 ss. ). In mart . Po!. r 7 , 1
l'uomo deve s ubordinare incondiziona- il concetto di 0Pa:0Ei:ov è associato a
tamente la propria volontà a quella di qu ello della ' corona' del martire: fo-re:-
Dio : d yàp Éx(;JV -rov-ro 7tp<icrr.n.0, µ i.- <pavt~1p.Évo v .. . i:Òv -rijç acp1'apcrlac; o-·d-
(j)CX'JO\I xal 0Pct0Ei:ov avav-rt'.ppT)": OV
crvov EXW (1 Cur. 9, 1 7 ). La volontà in -
à.mvrivqp.tvov. In ques to significato
fatti è veramente libe ra e produttrice 0Pa0Ei:ov pas sa, in sie m e a tutta la t er-
di risultati non effimeri solo quando si minolog ia sport iva greca, nel vocabo-
uniform a al volere di vino , ossia qu an do lario di T er tulliano : Bonum agonem
subituri estis, in quo agon uthett:s deus
Dio attua i suoi fini attrave rso l'azione vivus est, xystarches spiritus sanctus,
d ell 'uomo (Phil 2 , 12 s.). Il 0Prx0Efov è corona aeternitatis, brahium angclicae
il punto ndl ' infìnito in cui si interseca- substantiae, politia in rnrlù, .RÙ~ ria in
saecula saeculorum ... (ad mart. 3) 8 . Ac-
no le due paralle le divina e umana ; è il
ca nto a questo si 1rn1ntie ne nella le tte-
traguardo collocato al di là dell 'eone ra tura cristiana anche lo sci albo uso m e-
presente e de lle sue possibilità, al qua- taforico di 0w0Ei:ov per indi ca r e i ri-
le tendono, p e r unirsi sopranna tural- sul ta ti positivi o negativi de l nostro
agire, va lutati co n il metro de ll a filo so-
mente, l 'o pera di Dio e que lla d e ll' uo-
fia spiccioL1 e ll en ist ica; p. es . Tatian .,
mo. or_ G raec. n A: !lO~xEt'.w:; xal. àxpmrl-
aç 0pa.0Etov à:r:·qvÉyxa-ro.
E. STAUFFER

t Spcqt'.wv ( ~ xElp)

La parola è u sata nel N .T . soltanto N e l! ' A.T . e ne i LXX zcroa' = r:1pa.xl-


nella locuzione ' braccio di Dio', e sem-
wv u sa to i