Sei sulla pagina 1di 12

1

Eraclito, Frammenti. Suddivisione tematica

n. Temi Numeri dei frammenti, edizione Diels-Kranz (DK) 1. Ricostruzione del pensiero. Introduzione 1, 18 2.
n.
Temi
Numeri dei frammenti, edizione Diels-Kranz (DK)
1.
Ricostruzione del pensiero. Introduzione
1, 18
2.
L’opposizione tra uomini e logos
46
3.
L’accessibilità del logos
4.
Logos è ciò che è comune
5.
Sapere molto e sapere l’uno
6.
In che cosa consiste il logos
7.
Nomos e Dike
8.
Il fuoco e l’ordine cosmico. Il flusso universale
9.
Fuoco cosmico e fuoco ultracosmico
10.
I frammenti del flusso e del fiume
11.
Bene e male
12.
Aion, il gioco e il regno
13.
L’anima
14.
La religione e il rito
15.
La politica
16.
Il linguaggio
50, 113, 114, 116
2, 16, 34, 70, 89, 94, 113, 114
28, 35, 40, 41, 42[119], 50, 56 [47 n.], 57, 81, 112
8, 10, 48, 51, 54, 62, 67, 80, 90, 93, 103
16, 23, 28, 80, 94
67, 90
30, 63, 66=26, 76
49, 51, 59, 60, 88, 91
5, 13, 20, 37, 49, 61, 82, 83, 85, 102, 104, 125
20, 30, 36, 52, 62, 76, 79, 94, 117
12, 26, 36, 45, 63, 64=28, 66=26, 67, 77, 85, 98, 115, 117, 118, 126
14, 15, 32, 67, 92, 93, 106
29, 33, 114, 121, 125
48, 51
17.
Analisi della struttura logica ed espositiva
93

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

2 Eraclito, Frammenti . 01. Ricostruzione del pensiero. Introduzione Frammenti 1, 18 Fr.1 “Di questo logos

2

Eraclito, Frammenti.

01. Ricostruzione del pensiero. Introduzione Frammenti 1, 18

Fr.1 “Di questo logos che è sempre gli uomini non hanno intelligenza, sia prima di averlo ascoltato sia subito dopo averlo ascoltato; benché infatti tutte le cose accadano secondo questo logos, essi assomigliano a persone inesperte, pur provandosi in parole e in opere tali quali sono quelle che io spiego, distinguendo secondo natura ciascuna cosa e dicendo com’è. Ma agli altri uomini rimane celato ciò che fanno da svegli, allo stesso modo che non sono coscienti di ciò che fanno dormendo”.

Fr.18 “Se non spera, non troverà l’insperabile , perché è introvabile e inaccessibile.”

02. L’opposizione tra uomini e logos Frammento 46

Fr.46 “l’opinione è un male caduco e che la vista inganna.”

03. L’accessibilità del logos Frammenti 50, 113, 114, 116

Fr.50 “Ascoltando non me, ma il logos, è saggio convenire che tutto è uno.”

Fr.113 “Il pensare è a tutti comune.”

Fr. 114 “È necessario che coloro che parlano adoperando la mente si basino su ciò che è comune a tutti, come la città sulla legge, ed in modo ancora più saldo. Tutte le leggi umane infatti traggono alimento dall’unica legge divina: giacché essa domina tanto quanto vuole e basta per tutte le cose e ne avanza per di più.”

Fr.116 “Ad ogni uomo è concesso conoscere se stesso ed esser saggio”.

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

3 Eraclito, Frammenti . 04. Logos è ciò che è comune Frammenti 2, 16, 34, 70,

3

Eraclito, Frammenti.

04. Logos è ciò che è comune Frammenti 2, 16, 34, 70, 89, 94, 113, 114

Fr.2 “Bisogna dunque seguire ciò che è comune. Ma pur essendo questo logos comune, la maggior parte degli uomini vivono come se avessero una loro propria e particolare saggezza”.

Fr.16 “Come potrebbe uno nascondersi a ciò che non tramonta mai?”

Fr.34 “Assomigliano a sordi coloro che, anche dopo aver ascoltato, non comprendono; di loro il proverbio testimonia: ‘«Presenti, essi sono assenti»”.

Fr.70: “Da questo logos, con il quale soprattutto continuamente sono in rapporto e che governa tutte le cose, essi discordano e le cose in cui ogni giorno si imbattono essi le considerano estranee”.

Fr.89: “unico e comune è il mondo per coloro che sono desti, mentre nel sonno ciascuno si rinchiude in un mondo suo proprio e particolare”.

Fr.94 “Elios [il sole] infatti non oltrepasserà le sue misure; ché, altrimenti, le Erinni, al servizio di Dike, lo troverebbero”.

Fr.113 “Il pensare è a tutti comune.”

Fr. 114 “È necessario che coloro che parlano adoperando la mente si basino su ciò che è comune a tutti, come la città sulla legge, ed in modo ancora più saldo. Tutte le leggi umane infatti traggono alimento dall’unica legge divina: giacché essa domina tanto quanto vuole e basta per tutte le cose e ne avanza per di più.”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

Eraclito, Frammenti . 05. Sapere molto e sapere l’uno Frammenti 28, 35, 40, 41, 42[119], 50,

Eraclito, Frammenti.

05. Sapere molto e sapere l’uno Frammenti 28, 35, 40, 41, 42[119], 50, 56[47 n.], 57, 81, 112

4

Fr.28 “Anche colui che alla prova è il più stimato conosce e conserva solo opinioni; ma invero Dike coglierà sul fatto gli artefici e i testimoni di menzogne”.

Fr.35: “è necessario infatti, che coloro che amano la sapienza [i filosofi] siano certamente esperti di molte cose”.

Fr.40: “Sapere molte cose non insegna ad avere intelligenza: l’avrebbe altrimenti insegnato ad Esiodo, a Pitagora e poi a Senofane e ad Ecateo”.

Fr.41 “Un’unica cosa è la saggezza, comprendere la ragione per la quale tutto è governato attraverso tutto”.

Fr.42 [119] “Omero è degno di essere scacciato dagli agoni e di essere frustato, ed egualmente Archiloco” [cfr. A 22. B 56].

Fr. 50: “Ascoltando non me, ma il logos, è saggio convenire che tutto è uno.”

Fr.56 [47 n.] “Gli uomini - dice Eraclito - si lasciano ingannare rispetto alla conoscenza delle cose visibili, come capitò ad Omero, che pure fu più sapiente di tutti i Greci. Fu infatti tratto in inganno con queste parole da alcuni fanciulli che uccidevano dei pidocchi: tutto quello che abbiamo visto e abbiamo preso, lo abbiamo perduto; tutto quello invece che ne abbiamo visto ne abbiamo preso, lo portiamo con noi”.

Fr.57 “Maestro dei più è Esiodo: credono infatti che questi conoscesse moltissime cose, lui che non sapeva neppure cosa fossero il giorno e la notte; sono infatti un’unica cosa”.

Fr.81 “Pitagora è l’iniziatore della schiera di coloro che ingannano con le loro chiacchiere (i retori)”.

Fr.112 “Massima virtù è esser saggi, e la sapienza consiste nel dire e fare cose vere, comprendendole secondo la loro natura”.

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

Eraclito, Frammenti . 06. In che cosa consiste il logos Frammenti 8, 10, 48, 51, 54,

Eraclito, Frammenti.

06. In che cosa consiste il logos Frammenti 8, 10, 48, 51, 54, 62, 67, 80, 90, 93, 103

5

Fr.8 “L’opposto concorde e dai discordi bellissima armonia [e tutto accade secondo contesa B 80]”

Fr.10 “Congiungimenti sono intero non intero, concorde discorde, armonico disarmonico, e da tutte le cose l’uno e dall’uno tutte le cose.”

Fr.48 “L’arco ha dunque per nome vita e per opera morte.”

Fr.51 “Non comprendono come, pur discordando in se stesso, è concorde: armonia contrastante, come quella dell’arco e della lira.”

Fr.54 “L’armonia nascosta vale più di quella che appare.”

Fr.62 “Immortali mortali, mortali immortali, viventi la loro morte e morienti la loro vita.”

Fr.67: “Il dio è giorno notte, inverno estate, guerra pace, sazietà fame, e muta come <il fuoco>, quando si mescola ai profumi e prende nome dall’aroma di ognuno di essi.”

Fr.80 “Bisogna pero sapere che la guerra è comune (a tutte le cose), che la giustizia è contesa e che tutto accade secondo contesa e necessità”

Fr.90 “Mutamento scambievole di tutte le cose col fuoco e del fuoco con tutte le cose, allo stesso modo dell’oro con tutte le cose e di tutte le cose con l’oro.”

Fr. 93 “Il signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice né nasconde, ma indica”

Fr.103 “Comune infatti e il principio e la fine nella circonferenza del cerchio.”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

6 Eraclito, Frammenti . 07. Nomos e Dike Frammenti 16, 23, 28, 80, 94 Fr.16 “Come

6

Eraclito, Frammenti.

07. Nomos e Dike Frammenti 16, 23, 28, 80, 94

Fr.16 “Come potrebbe uno nascondersi a ciò che non tramonta mai?”

Fr.23 “Non conoscerebbero neppure il nome di Dike, se non esistessero queste cose”.

Fr.28 “Anche colui che alla prova è il più stimato conosce e conserva solo opinioni; ma invero Dike coglierà sul fatto gli artefici e i testimoni di menzogne”.

Fr.80 “Bisogna pero sapere che la guerra è comune (a tutte le cose), che la giustizia è contesa e che tutto accade secondo contesa è necessità.”

Fr.94 “Elios [il sole] infatti non oltrepasserà le sue misure; che, altrimenti, le Erinni, al servizio di Dike, lo troverebbero”.

08. Il fuoco e l’ordine cosmico. Il flusso universale Frammenti 67, 90

Fr.67: “Il dio è giorno notte, inverno estate, guerra pace, sazietà fame, e muta come <il fuoco>, quando si mescola ai profumi e prende nome dall’aroma di ognuno di essi.”

Fr.90 “Mutamento scambievole di tutte le cose col fuoco e del fuoco con tutte le cose, allo stesso modo dell’oro con tutte le cose e di tutte le cose con l’oro”.

09. Fuoco cosmico e fuoco ultracosmico Frammenti 30, 63, 66=26, 76

Fr.30 “Quest’ordine universale, che è lo stesso per tutti, non lo fece alcuno tra gli dei o tra gli uomini, ma sempre era è e sarà fuoco sempre vivente, che si accende e si spegne secondo giusta misura.”

Fr.63 “Si levano davanti a lui che è lì, e desti diventano custodi dei viventi e dei morti.”

Fr. 66=26 “Giacché il fuoco - egli dice - sopraggiungendo, giudicherà e condannerà tutte le cose.”

Fr.76: “Il fuoco vive la morte della terra e l’aria vive la morte del fuoco; l’acqua vive la morte dell’aria e la terra la morte dell’acqua. La morte del fuoco è nascita per l’aria e la morte dell’aria è nascita per l’acqua. La morte della terra è acqua, la morte dell’acqua è aria e quella dell’aria è fuoco, e così di nuovo”.

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

7 Eraclito, Frammenti . 10. I frammenti del flusso e del fiume Frammenti 49, 51, 59,

7

Eraclito, Frammenti.

10. I frammenti del flusso e del fiume Frammenti 49, 51, 59, 60, 88, 91

Fr.49 “Negli stessi fiumi scendiamo e non scendiamo, siamo e non siamo [cfr. B 12].”

Fr.51 “Non comprendono come, pur discordando in se stesso, è concorde: armonia contrastante, come quella dell’arco e della lira.”

Fr.59 “Una e la stessa è la via dritta e quella curva per la vite nella gualchiera (il girare dello strumento della cosiddetta coclea nella gualchiera e dritto e curvo: esso avanza, infatti, in basso e, nello stesso tempo, in cerchio).”

Fr.60 “Una e la stessa è la via all’in su e la via all’in giù.”

Fr.88 “La stessa cosa sono il vivente e il morto, lo sveglio e il dormiente, il giovane e il vecchio: questi infatti mutando sono quelli e quelli di nuovo mutando sono questi”.

Fr.91 “Nello stesso fiume non è possibile scendere due volte.”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

Eraclito, Frammenti . 11. Bene e male Frammenti 5, 13, 20, 37, 49, 61, 82, 83,

Eraclito, Frammenti.

11. Bene e male Frammenti 5, 13, 20, 37, 49, 61, 82, 83, 85, 102, 104, 125

8

Fr.5 “Si purificano contaminandosi con altro sangue, come se uno, immersosi nel fango, si lavasse con il fango. Chi osservasse un tale uomo far questo, lo riterrebbe pazzo. E si mettono a pregare siffatte immagini, come se uno si mettesse a chiacchierare con le mura delle case, ignorando chi sono gli dei e gli eroi.”

Fr.13 “È necessario che l’uomo raffinato non s’insudici né si copra di lerciume né ‘sguazzi nel fango’, come dice Eraclito.” [cfr. B 9].

Fr.20 “Una volta nati desiderano vivere e avere il loro destino di morte - o piuttosto riposare - e lasciano figli, in modo che altri destini di morte si compiano.”

Fr.37 “i porci si lavano nel fango [cfr. B 13] e i polli si lavano nella polvere e nella cenere.”

Fr.49 “Negli stessi fiumi scendiamo e non scendiamo, siamo e non siamo [cfr. B 12].”

Fr.61 “Il mare è l’acqua più pura e più impura: per i pesci essa è potabile e conserva loro la vita, per gli uomini essa è imbevibile e esiziale.”

Fr.82 “La scimmia più bella è turpe a paragone della stirpe umana.”

Fr.83 “L’uomo più sapiente apparirà come una scimmia di fronte alla divinità, per sapienza, per bellezza e per ogni altro rispetto.”

Fr.85 “difficile combattere contro il desiderio: ciò che vuole, infatti, lo compra pagandolo con l’anima.”

Fr.102 “Per la divinità tutte le cose sono belle, buone e giuste; gli uomini invece alcune cose ritengono ingiuste ed altre giuste.”

Fr.104 “Qual è infatti la loro mente e la loro intelligenza? danno retta agli aedi popolari e si valgono della folla come maestra, senza sapere che «i molti non valgono nulla e solo i pochi sono buoni».”

Fr.125 “Che la ricchezza possa non abbandonarvi mai, o Efesi, affinché possiate dar prova di quale infelice condizione è la vostra.”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

9 Eraclito, Frammenti . 12. Aion, il gioco e il regno Frammenti 20, 30, 36, 52,

9

Eraclito, Frammenti.

12. Aion, il gioco e il regno Frammenti 20, 30, 36, 52, 62, 76, 79, 94, 117

Fr.20 “Una volta nati desiderano vivere e avere il loro destino di morte - o piuttosto riposare - e lasciano figli, in modo che altri destini di morte si compiano.”

Fr.30 “Quest’ordine universale, che è lo stesso per tutti, non lo fece alcuno tra gli dei o tra gli uomini, ma sempre era è e sarà fuoco sempre vivente, che si accende e si spegne secondo giusta misura.”

Fr.36 “Per le anime è morte diventare acqua, e per l’acqua è morte diventare terra, ma dalla terra nasce l’acqua e dall’acqua nasce l’anima”

Fr.52 “Il tempo è un fanciullo che gioca spostando i dadi: il regno di un fanciullo.”

Fr.62 “Immortali mortali, mortali immortali, viventi la loro morte e morienti la loro vita.”

Fr.76: “Il fuoco vive la morte della terra e l’aria vive la morte del fuoco; l’acqua vive la morte dell’aria e la terra la morte dell’acqua. La morte del fuoco è nascita per l’aria e la morte dell’aria è nascita per l’acqua. La morte della terra è acqua, la morte dell’acqua è aria e quella dell’aria è fuoco, e così di nuovo”.

Fr. 79 “L'uomo ha fama di fanciullo di fronte alla divinità, così il bambino di fronte all'uomo.”

Fr.94 “Elios [il sole] infatti non oltrepasserà le sue misure; ché, altrimenti, le Erinni, al servizio di Dike, lo troverebbero”.

Fr.117 “L’uomo, quando è ebbro, è condotto barcollante da un fanciullo imberbe, senza comprendere dove va, dal momento che la sua anima e umida.”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

10 Eraclito, Frammenti . 13. L’anima (1) Frammenti 12, 26, 36, 45, 63, 64=28, 66=26, 67,

10

Eraclito, Frammenti.

13. L’anima (1) Frammenti 12, 26, 36, 45, 63, 64=28, 66=26, 67, 77, 85, 98, 115, 117, 118, 126

Fr.12 “le anime sempre diventano capaci di comprendere evaporando, le paragono ai fiumi, dicendo così: Acque sempre diverse scorrono per coloro che s’immergono negli stessi fiumi; ma anche le anime evaporano dall’umido.”

Fr.26 “L’uomo nella notte accende una luce per sé quando la sua vista è spenta; da vivo però tocca il morto dormendo e il dormiente stando sveglio.”

Fr.36 “Per le anime è morte diventare acqua, e per l’acqua è morte diventare terra, ma dalla terra nasce l’acqua e dall’acqua nasce l’anima”

Fr.45 “Per quanto tu possa camminare, e neppure percorrendo - mai trovare i confini dell’anima: così profondo è il suo logos.”

Fr.63 “Si levano davanti a lui che è lì, e desti diventano custodi dei viventi e dei morti.”

Fr. 64=28 “Dice anche che vi è un giudizio dell’universo e di tutto quanto vi è in esso ad opera del fuoco, quando dice: «Il fulmine governa ogni cosa» , cioè dirige, chiamando fulmine il fuoco eterno. Dice altresì che questo fuoco è sapiente e causa del governo di tutte le cose; e lo chiama [fr. 65 = 24] : «indigenza e sazietà» ; indigenza è secondo lui l’ordinamento del mondo, sazietà l’incendio universale.”

Fr. 66=26 “Giacché il fuoco - egli dice - sopraggiungendo, giudicherà e condannerà tutte le cose.”

Fr.67: “Il dio è giorno notte, inverno estate, guerra pace, sazietà fame, e muta come <il fuoco>, quando si mescola ai profumi e prende nome dall’aroma di ognuno di essi.”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

11 Eraclito, Frammenti . 13. L’anima (2) Frammenti 12, 26, 36, 45, 63, 64=28, 66=26, 67,

11

Eraclito, Frammenti.

13. L’anima (2) Frammenti 12, 26, 36, 45, 63, 64=28, 66=26, 67, 77, 85, 98, 115, 117, 118, 126

Fr.77 “Per le anime è piacere o morte diventare umide; e il piacere è per esse il cadere nella nascita. Ed altrove egli dice: «Viviamo la loro morte e vivono la nostra morte».”

Fr.85 “difficile combattere contro il desiderio: ciò che vuole, infatti, lo compra pagandolo con l’anima.”

Fr.98 “Le anime aspirano profumi nell’Ade.”

Fr.115: “È proprio dell’anima un logos che accresce se stesso.”

Fr.117 “L’uomo, quando è ebbro, è condotto barcollante da un fanciullo imberbe, senza comprendere dove va, dal momento che la sua anima e umida.”

Fr.118: “Secco splendore è l’anima più saggia e migliore, o piuttosto: l’anima secca è la più saggia e la migliore.”

Fr.126 “Le cose fredde si scaldano, il caldo si fredda, l’umido si secca, ciò che e arido s’inumidisce.”

14. La religione e il rito Frammenti 14, 15, 32, 67, 92, 93, 106

Fr.14 “Infatti le iniziazioni ai misteri che sono in uso tra gli uomini sono empie.”

Fr.15 “Se non fosse per Dioniso che fanno la processione ed intonano il canto del fallo, essi compirebbero le cose più indecenti; ma identici sono Ade e Dioniso, per il quale delirano e celebrano le Lenee.”

Fr.32 “L’unico, il solo saggio, vuole e non vuole essere chiamato con il nome di Zeus.”

Fr.67: “Il dio è giorno notte, inverno estate, guerra pace, sazietà fame, e muta come <il fuoco>, quando si mescola ai profumi e prende nome dall’aroma di ognuno di essi.”

Fr.92 “La Sibilla che con bocca delirante”, secondo l’espressione di Eraclito, “pronuncia cose di cui non si ride, senza eleganze né profumi, con la sua voce supera i millenni ad opera del dio.”

Fr. 93 “Il signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice né nasconde, ma indica”

Fr.106 “Riguardo ai giorni nefasti

Eraclito rimproverò Esiodo, che considerava alcuni

... giorni buoni e altri cattivi [Opere e Giorni, 765 sgg.], di «ignorare che unica è la natura di ogni giorno» [cfr. B 40. 57]. SENEC. Ep. 12,7. Ogni giorno è eguale a tutti gli altri.”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005

12 Eraclito, Frammenti . La politica Frammenti 29, 33, 114, 121, 125 Fr.29: “Rispetto a tutte

12

Eraclito, Frammenti.

La politica Frammenti 29, 33, 114, 121, 125

Fr.29: “Rispetto a tutte le altre una sola cosa preferiscono i migliori: la gloria eterna rispetto alle cose caduche; i più invece pensano solo a saziarsi come bestie.”

Fr.33 “Legge è anche ubbidire alla volontà di uno solo.”

Fr. 114 “È necessario che coloro che parlano adoperando la mente si basino su ciò che è comune a tutti, come la città sulla legge, ed in modo ancora più saldo. Tutte le leggi umane infatti traggono alimento dall’unica legge divina: giacché essa domina tanto quanto vuole e basta per tutte le cose e ne avanza per di più.”

Fr.121 “Bene farebbero gli Efesi ad impiccarsi tutti, quanti sono nell’età adulta, e a consegnare la città ai fanciulli imberbi, essi che hanno esiliato Ermodoro, il più capace di tutti loro, con queste parole: tra noi nessuno sia eccellente per capacità, ma se vi è, vada altrove in mezzo ad altri.”

Fr.125 “Che la ricchezza possa non abbandonarvi mai, o Efesi, affinché possiate dar prova di quale infelice condizione e la vostra.”

Il linguaggio Frammenti 48, 51

Fr.48 “L’arco ha dunque per nome vita e per opera morte.”

Fr.51 “Non comprendono come, pur discordando in se stesso, è concorde: armonia contrastante, come quella dell’arco e della lira.”

Analisi della struttura logica ed espositiva Frammento 93

Fr. 93 “Il signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice né nasconde, ma indica”

Prof. Dario Schioppetto - © 2005