Sei sulla pagina 1di 820

GRANDE LESSICO

DEL
NUOVO TESTAMENTO

Fondato da GERHARD KITTF.L

Continuato da GERHARD FRIEDRICH

Edizione italiana a cura di


F. MONTAGNINI - G. SCARPAT - O. SOFFRITTI

VOL.IX

PAIDEIA
Titolo originale dell'opera

T heologisches 1'(1orterbuch zum Neuen T estament


in Vcrbindung mit zahlreichen Fachgenossen
begriindet von GERH/\RD KITTEL
herausgegeben von GERH/\RD FRIEDRIC!I

All'edizione italiana di questo 110110 volume


hanno collaborato come traduttori:
BENEDETTINE DEL MONASTERO DI S. SCOLASTICA
GIOVANNI CASANOVA
FRANCO RONCHI

Tutti i diritti sono riservati. È rigorosamente vietaia, cl termi11i


di legge, la riprod11zio11e anche parziale delle voci o il riassunto
delle stesse.

© W . KOHLHAMMER VERLAG, STUTTGART 1954, 1959

© PAIDE.IA, BRESCIA 1974


AVVERTENZA AL NONO VOLUME ITALIANO

Il nono volume italiano è costituito dell'ultima parte del quinto volu-


me tedesco (pp. 55 9- I o 3 2) e delle prime voci del sesto volume tedesco
(pp. 1-58).
Per desiderio dell 'au tare, l'articolo 'ltcxi:c; i}EoG (di J. Jeremias) per la
parte riguardante il N.T. (coll. 393-440), è tradotto dall'ultima rielabo-
razione pubblicata in: J. Jeremias, Abba. Studien zur neutestamentli-
chen Theologie und Zeitgeschichte, Gottingen 1966, pp. 191-216.
AUTORI
DELLE VOCI CONTENUTE NEL NONO VOLUME

Direttore
GF.RHARD FRIEDRlCH, professore or<linario di N.T., Erlangcn.·

Collaboratori
OTTO BAUERNFEIND, professore ordinario di N.T ., emerito, Ttibingen.
t JoHANNES BEl·IM, professore ordinario di N.T., Berlin.
GEORG BERTRAM, professore ordinario di N.T., Gicssen.
RunOLF BuLTMANN, professore ordinario di N.T., emerito, Marburg.
GERHARD DELLJNG, professore con cattedra di N.T ., Balle .
.foHANNES FICHTNER, docente di A.T., Bethcl.
WERNER FoERSTER, professore straordinario di N.T., Mtinster.
LEONII/\RD GoPPELT, professore ordinario di N.T., Hamburg.
HEINRICH GREl!VEN, professore ordinario di N.T., Kiel.
t 0SKAR GRETHER, professore di A.T., Erlangen.
t FRJEDRICH HAUCK, professore straordinario di N.T., Erlangen.
HANS WOLFGANG HEIDLAND, Oberkirchenrat, Karlsruhe.
JoACHIM JEREMIAS, professore ordinario di N .T., Gottingcn.
PETER KATZ, Lecturer on Septuagintel Studics, Cambridge.
EDUARD LoHsE, professore straordinario di N.T., Kiel.
RUDOLF MEYER, professore con cattedra di A.T., Jena.
WILHELM MrcHAELIS, professore ordinario di N.T., Bern.
ALBRECHT 0EPKE, professore con incarico di N.T., Leipzig.
'i' HERDERT PREISKER, professore con cattedra di N.T., Jena.
GoTTFRlED QuELL, professore con cattedra di A.T., Rostock.
Bo REICKE, professore ordinario di N.T., Basel.
EnNST HARALD RrnsENFELD, professore ordinario di N.T., Uppsala.
HEINRICH ScHLIER, professore ordinario di N.T., emerito, Bonn.
KARL Lunw1G ScHMlDT, professore ordinario di N.T., emerito, Base!.
MARTIN ANTON SCHMIDT, docente di storia della chiesa, Base!.
OTTO ScHMITZ, professore ordinario di N.T., emerito, Miinstcr.
)OHANNES SCHNEIDER, professore con cattedra di N.T., Berlin.
GoTTLOB ScHRENK, professore ordinario di N .T., emerito, Ziirich.
HEINRICII SEESEMANN, decano e incaricato di N.T., Frankfurt a.M.
GusTAV STAHLJN, professore ordinario di N.T., Mainz.
WALTHER ZIMMERLI, professore ordinario di A.T., Gottingen.
INDICE DELLE VOCI

bcpElÀ.w, bcpttÀ.'li, bcpElÀ.·l)µa, òqmÀE't'llc:; (Hauck) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5


6rp&a.)..µoSovÀla.-+ II, coll. 1465 s.
òq>l>a.Àµ6ç-+ vm, coll. 1055 ss.
o<pL<; (Foerster, Grether, Fichtner) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
oxÀ.oc; (Meyer, Katz) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
òxvpwµa. (Heidland) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9x
òlfJw\M\I (Heidland) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
1taylc;, 1tfl.yLÒEuw (Schneider) .... . .. . .. . . .. .. .. . .. ... . . . - . . . . . . . . 97
1ta!hiµa., 'ltct.~'tòc;, mli'>oc; -+ mX:uxw
1tO:LOEVW, 1tO:LOELO:, 1tfl.LOEU'tlJc:;, a1ta.lOEU'tOç, 1tO:LOa.ywy6c:; (Bertram) . . . . . . IO 5
Ttl'.t.LSlov -+ Ttatc; coli. 2 23 ss.
1talsw. ɵ1talsw, ɵmnyµo\11], ȵ1ta.Lyµ6c; , ȵna.lX"tTJc; (Bertram) . . . . . . . . 189
m~.Lc;, 1ta.Lolo\I, 1tfl.LOapLOV, "tÉX\10\1, 'CEX\lto\I, ~pEcpoc:; (Oepke) . . . . . . . . . . . . 22 3
7ta.i:c; l)Eov (Zimmerli, J eremias) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
miÀ.a.1, 7ta.À.a.Loc;, mxÀa.LO"tT}c;, 1ta.À.a.16w (Seesemann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
1taÀ.T} (Greeven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
'ltct.ÀLYYEVEcrla.-+ II, coli. 453 ss.
1ta.\li)yvpLc; (Seesemann) . . .... . ..... . .. . .. . .. . . .. . . - . . . . . . . . . . . . 453
1tetVOTtÌl.la.-+ VIII, coli. 828 ss.
1ta\loupyla, 1ta.\lovpyoc:; (Bauernfeind) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
1tct.V'tOXpa'twp-+ v, coli. IOOI ss.
mipa (Riesenfeld) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
7ta.paf3alvw, 1tap6:.Bmnc:;, 1Capaf31hric;, tif3apaf3a.'toc;, unEp{3a.lvw (Schneider) 49 5
7tapa.{3o)..1} (Hauck) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 519
napa.yyÉÀ.Àw, 1ta.pa:yyEÀ.la (Schmitz) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 567
'ltap&:yw-+ I, coll. 348 ss.
7tctpa.SEL"(µct.'tl!;w-+ II, coli. 820 s.
mxpaorn;oc; (Jeremias) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 577
7tct.pa.lì~wµL-+ n, coll. 1180 ss.
1tap&.Sol;oc;-+ n, coli. 1403 s.
1tapaoocnc;-+ 11, coli. i 187 ss.
'ltl'.t.pa~'l)ÀÒW-+ III, coll. r 485 ss.
7tctpl'.t.~X'l) -+ 'tlih}µL
'ltapm•loµa L-+ r, coli. 524 ss.
T.a.paxaÀ.Éw, na.paxÀ.ricnc; (Schmitz, Stahlin) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 599
'lt<XjltlXELµctL-+ V. coli. 317
XII INDICE DELLE VOCI

1ta.paxÀ.11-toc; (Behm) .. ... . .


1u1paxon ~ 1, coli. 601 s.
11o:paxo).ovl>tw ~ 1, col!. 580 ss.
mt.paxovw -7 I; coli. 601 s.
1tet.paxi'.nt-tw (Michaelis) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 r 5
7tapa).aµ~étvw -7 VI, coli. 37 ss.
7tetpo:µÉvw ~ vn, roll. 34 ss.
1tapa1..t.vi>éoµm, 1tCt.paµul>la, 1ta.paµufltov (Stahlin) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 723
m:i:pavoµÉw -7 vn, col. 1418
7tapavoµ(a ~ vn, coli. 1416 s.
napamxpo:Cvw, 1tapamxpaaµ6c; -7 7tLXp6c;
mz.po:7tl7t-rw, 'ltcr.pém-rwµa -7 1tl'lt-rw
7tapGt-r1JpÉw, napa-.i)p·rvnc; -7 't'1JpÉw
7tC1.pO:.'t'rn1')µL -i> -rlDl]µL
mipELµL -7 napovulo:.
7'<1.pEtcrayw, 7tapdcrax-roc; (MichaelisJ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 743
napELcrépxoµaL -7 m, col. 958
naptrclo11µoc; -7 II, coJI. 904 ss.
7tCt.pÉxoµa.L -7 m, coll. 954 ss.
'ltétpEcnc; -i> I, coll. 1353 ss.
'RapfiÉvoc; (Delling) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 749
rca.pll)µL -7 1, coli. 1354 s.
mxplCT-tl)µt, 7t<J.ptcr-.clvw (Reicke, Bertram) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 781
mipotxoc;, 7t<J.potxla, mxpotxÉw (K.L./M.A. Schmidt, Meyer) . . . . . . . . . . . . 793
;.a.potµla (Hauck) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 829
7tt:tpoµoLat;w -7 vm, col. 558
mxp6µoLoc;-7 vm, coli. 556 s.
Jta.poçuvw, 7ta.poçua-µ6c; (Seesemann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 837
napopylt;w, 'ltcr.popyLo-µ6c; -7 VIII, coli. 1073 ss.
1tapouafa, mipnµ~ (Oepke) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 839
7tappl)O"la, 7tappTjO"tci~oµru (Schlier) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 877
1tii.ç, &mxc; (Rekke, Bertram) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 931
1tciO"xa (Jeremias) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 963
1tci11xw, 1tCt.thyt6c;, 1tpomicr)Gw, crvµmicrxw, 7tcii}oc;, 7tcil>riµa, truµ7tcx.thic;,
crvµ1ta.iMw, xa.XO'itl'.'l.i>Écll, cruyxaxomdUw, xa.xo1tcii>Eta, µE-.pto1tai}Éw,
òµo~o7tcx.M1c;, 7tprx.umil>rnx (Michaelis) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98 5
1tCt.'t'cicr11w (Seesemann) .. . . .. ... .. . ... .. . ......... . .. . ... . . . ... . 1091
'R<J.'t'Éw, xa't'a.na-tÉw, 7tEpLmnÉw, tµm:pm(X.-tÉw (Seeseinann, Bertrarrt) .. . . 1095
1trx.-ti)p, 1tct'tpi;Joc;, 1t(X.'tpta, &.7t1i'C'wp, 1ta.'t'ptx6ç (Schrenk, Quell) .. . . .. . . . . rr r 1
'RCJ.Y.V\IW, 'ltWpéw (7t'l1POW ), 7tWpw:nç (1tTJpWO'tc;), O'XÀ.1)péc;, crxÀ.ripé'tT]c;, crxÀ:r1-
po'tpcix'r)À.oc;, uxÀ.'r)puvw (K.L. e M.A. Schmidt) . . . . . . . . .. .. .. . . . . . . 1327
-;i;dl>w, 1tE1tomn11tc,, 1tnll6c,, 7tni}w, 7tncrµovi}, 'ltELt)apxÉw, &.m:it)i)c,, à:1miMw,
&.1tdi>mx. (Bultmann) . . . .. .. . . . .. . ... . ... .. . . . .. .. . . .. . .. .. .. 1351
1mvaw (À.Lµ6c;) (Goppelt) .. ...... . ...... . . . . .. . . . . .. .. .. . . ...... I381
7tE~pa, 7tEtptiw, 'ltEtpcil;,w, 7tEtpacrµ6c,, &.7tElpacr-roç, ÉX7tEtpcisw (Seesemann) r4r3
'ltELCTµOVTJ-7 coli. 1375 s.
TCéµnw -7 1, coli. 1063 ss.
INDICE DELLE VOCI XIII

'ltÉV"l)c;, TIE\ILXp6c; (Hauck) ..... ... .. .. .. .. - .. ...... . .... ...... . ... 1453
TCÉ\l~oc;, 'ltEViJÉw ( Bultmann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . r 46 3
1CEYLXp6ç ~ coli. 1462 ss.
m:v·t"11xoir-.l] (Lohse) ... . . . ... .. ..... . . .. . . . ... . .. . .. . .. ....... . 1471
7tE7tOlilT)cnç ~ coli. l 3 71 ss.
TCEpl (Riesenfeld) .... ... ......... .. .. . . .. . .. . . , . ... ....... . . . .. 1497
mpLÉpxoµa:L ~ m, col. 958
7tEpt!;wvvuµt~ vtn, coll. 848 ss.
1tEPLXtt~a:pµa. ~IV, coli. 1300 ss.
7tEplxuµa:L ~ v, coli. 317 s.
7tEptxEcpa:Àa:{a. ~ vur, coli. 881 ss.
1tEpLÀrXµnw ~ v1, coli. 75 s.
nEp0..v1toç ~ vr, col. 87.2
TCEpLµÉvw ~ vn, coli. 37 ss.
7tEPLOUO't0c; (Preisker) .... .. . . ...... . .... . .. .. . ....... .. ....... .. I 507
1tEpma:"t'ÉW ~coli. 1095 ss.
1tEpL1tl1t"t'W ~ 1tl1t"\'W
ltEprnoLfoµin ~ 1tOLÉW
7tEpmolT)O'Lç ~ 1tOLÉW
ABBREVIAZIONI DEI LIBRI BIBLICI

ANTICO TESTAMENTO

Gen. Genesis Sap. Sapientia Salomonis


Ex. Exodus Ecdus Ecclesiasticus (LXX Sir.)
Lev. Leviticus Is. Isaias
Num. Numeri Icr. Ieremias
Deut. Deuteronomium Bar. Baruch
Ios. Io sue Lam. Larnentationes
Iud. Iudiccs Ep. Ier. Epistula Icremiae (Vg. Bar. c.6)
Ruth Ruth Danicl (Vg. c. 13 = Susanna; 14
r-2 Sam. ( = LXX 1-2 Regnorurn; Vg.1-2 =Bel et Draco)
Regum) Ezech. Ezechiel
1-2 Reg. (= LXX 3-4 Regnorum; Vg . .3-4 Dan. Danicl
Regum) Mal. Malachias
1-2 Chron. Vulg. 1-2 Parai. Os. Oseas
r-2 Par. r-2 Paralipomenon Am. Amos
1·3 Esdr. 1-3 Esdrae(= Vulg. 3 Esdr. Mich . Michaeas
[apocr.J. Esdr.r+n [= T. Mas. Ioel Ioel
Esdr., c.r-rn; Neem. c.n -23]) Abd. Abdias
Tob. Tobias Ion. Ionas
Iudith ludith Nah. Nahum
Esth. Esther Abac. Abacuc
lob lob Soph. Sophonias
Ps. Psalrni Ag. Aggaeus
Pr. Proverbia Zach. Zacharias
Ecci. Ecclesiastes (hebr. Qohelet) r -4Mach. 1-4 MachAbaeorum ( ~-4 apocr.l
Cant. Canticum Canticorum

NUOVO TESTAMENTO

Mt. Evangelium Matthaci l,2 Thess. Epist. ad Thessalonicenses 1,2


Mc. Evangelium Marci 1,2Tim. Epistulae ad Thimotcum r ,2
Le. Evangelium Lucae Tit. Epistula ad Titum
Io. Evangelium Ioannis Philm. Epistula ad Philemoncm
Act. Actus Apostolorum Hebr. Epìstula ad Hebraeos
Rom. Epistula ad Romanos Iac. Epistula Iacobi
1,2 Cor. Epistulae ad Corinthios l,2 1-3 lo. Epistulae Ioannis 1-3
Gal. Epistula ad Galatas r,2 Petr. Epistulae Petri 1,2
Eph. Epistula ad Ephesios ludae Epistula Iudae
Phil. Epistula ad Philipperises Apoc. Apocalypsis Ioannis
Col. Epistula ad Colosscn~es
ABBREVIAZIONI IN CARATTERI GRECI

Quando un libro biblico è citato con abbreviazioni greche, il rimando è fatto alla
versione dei LXX in quanto si distacchi dal T.M. Per es .:
ljJ Psolmi, nel testo dei LXX AEU-r. Deuteronomio, nel testo dei LXX
x Ba.cr. I Reg., nel testo dei LXX ·ncr. Osea, nel testo dei LXX

TRASCRIZIONE DELLE PAROLE SEMITICHE

Le parole ebraiche sono trascritte in caratteri latini nel sistema semitico corrente,
indicln_o dalla seguente tabella:

a potoh
b (con e senza doges lene; e così con à qame!
tulle le begadke/at, eccello p, f) ìi /.Jofe/ - polo/.J
bb (doge$ /or/e: e così itl ogni coso di -ù qame! con -h finale
doge! forte) -àh qames con -h e mapplk
g (vedi b) e segol
d (vedib) e sere
h e !;ate/ - sego!
w è !eré e sego/ con j
7. i !Jireq
~ !Jlreq CO/I j
o hiilem
J o qame1 IJatu/
k (vedi b) èi !;ate/ qame!
l o O C01l W
m li qibbu!
n ti uconw
s s'tlJli' pro11t1nciolo

p.f U110 parola ebraica tra i due apiçi ' ' è le-
$ ziotte delle versioni antiche.
q
r
s Le parole non vocalizzate nel Jesto tedesco
s ( specia/111e1Jle radici verbo.li) sono riferite
(vedi b) di norma senza vocali
LESSICO
o
(continuazione)

Òq:iElÀ.w, O<pEt.À.1), Òcpé:lÀ.1)µa,


Ò<pELÀ.É't"Y} ç

«che l'uomo giusto debba rendere ai ne-


mici il male e agli amici il bene» (-roL'ç
A. ÒcpElÀw FUORI DEL N.T. µÈ\I Éxil'poi:c; f3À.af3nv oq>ElÀE<li)m 1tapà
I. Oq>ELÀW, di origine etimologica in- nu oLxalov àvop6c;, 'tò oÈ cplÀoLc, wcpE-
certa 1, significa anzitutto dovere qual- À.la.v ).
cosa a qualcuno; Horn., Il. rr,688: c) Coll'infinito, il termine significa
XPEi:oç 'tt\IL, «un risarcimento a qualcu- dovere, esser debitore, obbligato, tenu-
no». È usato: a) parlando di cose, spe- to, costretto; Polyb. 6,37 s -.ò aÙ'tÒ
cialmente di denaro; Plat., resp. i,332 1tri.<1XELV; P. Oxy. vn 1021,14 ss. (54
a.e.cl; di un ò~oÀÒv in BGU m 846,16 d.C.): il'Eoi:c, EÌOÉ\letL xriPL't"ac;; Plat., leg.
(sec. II a.C.); ò ocpElÀwv è il debitore: 4,717 b: otc;, il'ɵic; ÒcpElÀ.o'IJ·m cX.ninl·
BGU II 486,10; 'toùqmÀOµEvov è la 'VEL\I -cà npGha 'tE xal µÉyLCT'ta. ÒcpE~À.1)­
somma dovuta, il debito: Xenoph ., an. µa.'tGC, «verso i guaii è giusto che l'uo·
7,7,34; specialmente al plurale indica il mo sia obbligato ad assolvere i primi e
prestito da restituire: BGU IV u49,35 più grandi doveri» ; Lettera di Sempro·
(sec. I a.C.), o il fitto da pagare: P . Oxy. nio (Deissmann, L.O.' 160, r. 27 s.):
VI 910,25 (sec. II d.C.); oq>dÀw 'tt\IL si- òcplÀ.oµE'V <1É(3E<1i1E ( = <1É(3E<1DaL) 'tlJV 'tE·
gnifica ho dei debiti con qualcuno: BGU XOU<la.v wç i)E( OV], «dobbiamo venera-
1 36,6 (sec. n d.C.). re la madre come una dea». oùx Òq>El-
b) Parlando di altre prestazioni do- ÀELV = non doversi, non esser lecito.
vute, anche di natura spirituale: -.i}v
Òq>ELÀEW, nel senso di dovere = es-
tlJvxi}v 1tliaw (Ael. Var., hist. 10,5);
'tOi:ç iJEoi:ç xripw (Soph., Ant. 331); P . ser debitore di, è usato specialmente
Giess. 2 7 ,9 ( sec. II d.C. ): 'tOi:ç iJEoi:ç parlando di vendetta e diritto 2 • Nelle
-tàc; òqmÀoµÉwxc; crTiovoàc; a1tooLo6vcu,
offese personali l'offensore diventa un
«tender agli dèi le libagioni dovute».
Indicativo della mentalità greca è il debitore nei confronti dell'offeso. Solo
principio morale di Plat., resp. 1,335 e l'offeso ha il diritto di condonare la ven-

ocpd}..w unser' in RE' xx 441-443; E. LoHMEYER, Dt1s


Beilriige zur ku11de der i11dogerma11iscbe11 V111errmser' (1947) 112-134.
Sprache11, Gesarntregist (1907) 186. Class Rev 1 BoISACQ 731 s.; WALDE-POKORNY I 15.
i5 (1901) 147; 24 (1910) 218a; 25 (1911)
94 b; MouLTON-MtLL. 468 s.; DALMAN, \'Vortc ~ Cfr. R. H1RZEL, Themis, Dike 11. V crwam/-
Jew I 334-344; J. HAUSSLE!Tllll , :irt. 'Vatcr- les (1907) 191.200, n. 2.
òcpzl:kw A I-:! (F. Hauck) (v,560) 8

detta, in quanto è un debito che lo ri- d'un debito da pagare trapassa in quel-
guarda personalmente. Nel trapasso dal- lo positivo del debito etico, dell'obbli-
la vendetta personale al sistema giuridi- gazione morale: dal debito si passa al
co statale l'offensore diventa un debito- dovere. L'idea d'un indebitamento epi-
re verso la legge 1 . Il trasgressore si sen- sodico sorto in circostanze spedali, si
te obbligato e tenuto a subire la pena 4 • amplifica in quella dell'obbligazione
Nell'antichità le pene consistevano spe- permanente. Il personale òq>ElÀw si di-
cialmente in ammende di varia entità 5• stingue dal neutrale xai>i'jxo\I - che di-
Il malfattore era tenuto ( ocpElÀ.EL) a pa- viene il concetto etico centrale della fi.
gare l'ammenda all'offeso. Oltre alle losofia stoica - in quanto quest'ultimo
ammende profane c'erano le ammende indica ciò che è conveniente all'uomo,
sacrali. Molte volte queste, provviste ciò che gli si addice secondo la sua na-
di un potere assai più vincolante, erano tura e le circostanze (~ IV, coli. 131 9
comminate anche per reati puramente s.), mentre, conforme al suo significato
profani e allora il delinquente ne dove- fondamentale, òcpEllw implica l'obbliga-
va l'espiazione alla divinità~. Anche un zione verso un altro. Per 1a differenza
beneficio concesso da un dio ne rendeva rispetto a lM vedi ~ II, coli. 793 ss.
l'uomo debitore e comportava un risar-
2. In confronto alla frequenza del
cimento cultuale. Ecco perché, moren-
termine nella letteratura greca in gene-
do, Socrate raccomanda agli amici: -.@
rale, sorprende la rarità di ocpElÀEW nei
'AcrxÀ:qrcl41 6cpE0..oµEv 6J..Ex-.pu6va.,
LXX. Esso ricorre solo cinque volte nel-
«siamo debitori d'un gallo a<l Ascle-
1'A.T. vero e proprio e dieci negli apo-
pio» (Plat., Phaed. I I 8 ). 6q>ElÀw si e-
crifi.
stende quindi dalla sfera giuridica a
a) Nel senso proprio di debito d'una
quella · etica e da questa giunge fino al- somma di denaro si trova in Deut. 15,2
fa sfera religiosa. Il concetto negativo (XpÉoç), dove sta per l'ebraico nJh 7•

1 Aesch., Choeph. 310 s.: "tOÙ<pELÀ6µ€VOV 1tlV'tE 11'tCX"t1jpac; oqmÀ.l"'t°W (sci/. il colpevole)
'ltpttcrcrovcra AlXTJi Plat., ieg. 10,909 a : ol- ù.yvwc; 7tpl>c; "tl> ~l>; Hdt. 3,52: lrrl!v !;T)µlTJ"
XTJV; Flav. los., ani. 7,121. "tOV'tO\I (il trasgressore) "t~ 'AnOÀÀwv~ Òq>E(-
4 Eur., Andr. 360: ~Àtt~TJV ocpElÀw; Lys. 1, ÀE~v; Demosth. 24,22; Plat., leg. 6,774 a. In
32: OL?tÀijv -rl)v ~Àtt~TJV; Plat., Crat. 400 e: un'iscrizione dell'Asia Minore, con dizione un
EW~ liv lx·nC011 "tà 6cpELÀ6µtvcx; Lys. 9,10: po' diversa, dovuta forse all'influsso di una
çTJµlav. mentalità orientale, la mancanza verso una di-
vinità è designata come debito da rimborsare,
s K. LATTE, Heiliges Rechi (1920) 48-61. D1TT., Syll.1 1042,15: li:µap-rlav Oq>LÀl"tw MTJ·
6 Per aver violato la pace s11cra di Olimpia, fu vl Tvptivvwt, LATTE, o.e. (~ n. 5) 77; Dmss-
imposta agli Spartani un'ammenda che venne MANN, N.B. 52; STEtNLEITNER 83.
pagata in parte a Zeus, in parte alla comunità 7 Donde il sostantivo maHii'd in Deul. 24,10
di Elide, Thuc. 5,49,5; D1TT., Syfl.J 986,10 ss.: (~ OcpElÀTJµ«) e maffii' in Neh. 10,32 (2
9 (v,,60) ocpi•'.À.w A :q (F. lfouck)

una forma secondaria di nà1ii', che si che alla diversa mentalità che domina
legge in Is. 24,2 (con òixvd~wv)8 . Cer- nel!'A.T. Qui la chiave del concetto di
tamente è un errore testuale l'aramaiz-
zante bob (LXX: Òq>EtÀ.OV'tO<;) di Ez. 18, dovere non è l'obbligazione interiore,
7 (cfr. Dan. 1,ro) 9. In 1 Ma::h. I0,43 ma la legge e la volontà imperativa di
ÒcpElÀw ha per oggetto ~aoùtxa, cioè Dio, gli statuti regali di Dio, a cui l'uo-
i tributi da pagarsi allo stato (cfr. Flav.
mo deve obbedienza (Mich.6,8; E x .20;
Ios., ant. 13,56: ~cr.oùtx<X xp-fiµ1.nix);
in r Mach. 13,39 O''tEqi~vov, il tributo Deut. 4,1 s.). Sotto l'influsso sia del cul-
delta Corona IO ; in I 3, I 5 apyVpLOV. Jn to sia della ptcdicazione profetica, nel-
senso traslato ricorre in Prov. 14,9, a l'A.T. cresce sempre più la convinzio-
proposito del sacrificio purificatorio
( xixi}aptcrµ.6v ), a cui gli stolti (empi) so- ne che il p:xcato rende debitori verso
no tenuti 11 • Dio 13 , senza che si giunga, peraltro, al
b) Coll'accusativo della pena - con- calcolo delle azioni umane in rapporto
siderata come la prestazione richiesta
al trasgressore - il termine ricorre in a Dio come avviene i:el tardo giudai-
Tob. 6,13 : bqmÀi}O'EL Mvtx"'Cov, ·4 Mach . smo, e senza la corrispondente conce-
I 1,3 : 1tEpt 1tÀ.ELOVW'\I àÒLXt)µri:tW\I Òq>EL- zione di un debito che l'uomo deve pa-
À.YJO'TI<; -rn oùpo.vl<.p òlx11 ·nµ.wplav, lob gare a Dio come controparte.
6,20 : o.luxuv11v 12. La costruzione passi-
va s'inco.ntra in Sap. 12,20 : Òq>ELÀ.oµt- 3. A differenza dei LXX e seguendo
vouc; i}o.va"t~. l'uso greco generale, Filone parla spes-
c) Coll'infinito, nel senso di essere de- so di Òq>EtÀ.ELV nel senso d'un dovere
bitori di, meritare, dovere, il vocabolo
è usato in Sap. 12,15: -ròv µ.i} Òq>EtÀ.ov· positivo, d'una positiva obbligazione
-rtx xoÀ.@MivaL, «chi non merita d'es- dell'uomo. È un obbligo che deriva e
sere punito», e in 4Mach. 11,15: àito- risulta in patte dal suo rapporto con
i}vtJuxEW.
Dio, in parte da ciò che gli fu dato col-
Questo esame sommario dimostra che la creazione, in parte dalla legge divina
nei LXX òcpdÀ.w ha un corrispondente o dalla sacra consuetudine.
ebraico soltanto nel suo significato fon- Cosl il sacerdote è obbligato dalla
sua appartenenza a Dio a staccarsi da
damentale di dovere 1111a somma. La ra- tutto ciò che è creato (òcpElÀ.EL itav"t'wv
rità degli altri significati è dovuta an- àÀ.À.o-rpLovui}m "tW\I tv yEvÉo'Et : spec.

E~6p. 20,32 : Ù.7taL'tY)~nç) . 11 Il testo ebraico corrispondente è quasi cer-

s Cft. E. LIEDMANN, Dcr Text in ls. 24-27: tamente scompaginato.


ZAW22 (1 902} 27s. : come in Is.15,10, il 12 6q>EtÀ'iJcroucr~v non ha corrispondente nel
traduttore scambia 6cpElÀ.w con wq>EÀ.Éw, ciò testo ebraico (bcHu) ; Bibl. Hebr. KitteJl con-
che in greco capovolge il senso. gettura: liib'J11 boJet.
Il Qui ricompare ripetutamente la radice 'fot,
9 Qui JOb dev'essere cambiato o cancellato;
in parte nel sostantivo corrispondente (Ge11.
cfr. v. n .
26,10; Lev. 6,10; Num . 5,7.B ; ler. 51,J), in
10 S. KRAUSS, T alm11dische Archiiologie II parte nel verbo (Lev. 4,13 .22; Num. :J,6.7; Is.
(1911) 374. 24,6; Ps. 34,22 s.; Prov. 30,10).
II (V,561) Òq>EO..w A 3-4 (f. Hauck)

leg. r ,r 14). L'adorazione cultuale del Il termine aramaico che corrisponde


Dio unico è un dovere a cui i pagani si a questo concetto è il verbo plìb (bjb },
sono sottratti ingiustamente ( ""t"èt.ç Òcpei- che, come ÒcpElÀ.w, contiene i significati
À.oµÉvaç À.a""t"pElaç àno8Eopaxa~n: ibid. cli dovere, esser debitore, imputato, pu-
2,r67; dr. r,209); i genitori sono ob- nibile, obbligato e, in forma pi'el, di-
bligati in primo luogo a mantenere i fi- chiarare uno debitore, colpevole (il con-
gli (cr<iJ!'.,EL'J òcpElÀ.oV"t"Eç: ibid. 3,x15); i trapposto è zikka). 1f.iijub è l'indebi-
figli non devono solo ricevere denaro e tamento, l'obbligazione e l'imputazione.
beni dai genitori, ma soprattutto sono bajjab è il debitore, obbligato, imputa·
tenuti a xÀ:rlPovoµE~v iti}l) n&."t"pLa, «ere- to. Il sostantivo bob, boba, debito, di-
ditare i costumi paterni»: ibid. 4,r 50. A venta nel tardo giudaismo un termine
differenza dell'adultera, la donna inno- corrente per peccato (~ col. 21) ed è
cente deve restare in vita (sfjv òcpeO..EL: significativo che ai molti termini esi-
ibid. 3,59); Ja pulizia del corpo è un do- stenti per indicare il peccato si aggiun-
vere in quanto simbolo della purezza ga anche questo vocabolo desunto dalla
morale (ibid. r ,5 }. Conforme all'influs- vita giuridica ed economica. Nei riguar-
so stoico da lui subito, Filone deriva di di Dio l'uomo si trova come un de-
talvolta gli obblighi dalla natura: come bitore verso il creditore 15 • Ogni tra-
il fuoco dev'essere caldo per poter ri- sgressione della legge produce un inde-
scaldare, cosl il giudice dev'essere vera- bitamento verso quel Dio che ha dato
mente e pienamente giusto per poter fa- la legge. Le azioni di ciascuno sono re-
re giustizia (ibid. 4,56). L'impiego del gistrate in cielo nel suo libro dei debiti
vocabolo in Filone, che non subisce u•1ar bob) e alla resa dei conti decide
l'influsso del termine rabbinico-aramai- il numero delle trasgressioni o delle os-
co pwb, segna il trapasso dall'uso greco servanze dei comandamenti. «Poiché
profano a quello neotestamentario apo- l'individuo è giudicato secondo la sua
stolico. 'maggioranza' (cioè secondo il numero
maggiore delle sue opere), ... l'uomo si
4. Per il tardo giudaismo, il quale consideri sempre per metà giusto (zak-
concepisce il rapporto con Dio come un kaj) e per metà debitore ( paijab ). Se
rapporto giuridico e contrattuale, è na- osserva un comandamento, è bene per
lui, perché... ha fatto piegare la bilancia
turale applicare l'immagine del debito dalla parte del merito ... » 16• Talvolta si
pecuniario al rapporto etico-religioso paragona il popolo a una città che deve
fra l'uomo e Dio 14 • L'uomo che resta ancora al re una parte dei tributi. Dio
rimette infine un terzo del debito te-
in arretrato colle sue opere pie viene a nendo conto del digiuno dei cittadini
trovarsi debitore verso Dio. più in vista 17 • R. Akiba prega: «Padre

14 Forse si possono considerare agganci a quc· halachica il contrapposto di r·s1/t, che indica
sta concezione certi passi dell'A.T., come Ps. un'azione di libcrn scelta.
50,14: «sciogli (paga) all'Eccelso i tuoi voti»
16 r_ Qid. 1,14 (§ 336) in STRACK-BILLERBECK
[L. RosT).
1v n; W!EBER 281 s.; STRACK-BJLLERBECK m
Vi BACHER, Temi. 1 58 s.; DALMAN, \Vort.
628; IV 14.
138.144; LEVY, Chald. \Vari. 1 253; T. a Mal.
1,14; Tg. O. a Gcn. 18,23 s.; Ex. 5,16; ~ 11 Ta11h. 1mwr 178 a in STRACK-BILLERBECK I
LoHMEYER IIJ. fJobO,
dovere, è nell'esegesi 798 s,
13 (v,561 J 6q>E 1,À1» Il 1 l l'. l"13UCK)

nostro, Dio nostro, cancella nella tua nella parabola del servo spietato (Mt.
misericordia tutte le nostre obbligazioni i8,23 ss.) e della grande peccatrice (Le.
(kol- sitré h6b6ténu)» 18• Certo, l'idea di
un Dio misericordioso che perdona è 7,41), nel logion sui servi inutili (Le.
17,10) e in quello sull'obbligo contrat-
qui presente, ma nel tardo giudaismo
essa non riesce mai a svilupparsi nella to con Dio per mezzo del giuramento
sua purezza, perché troppo vicina al
(Mt. 23,16.18). Però solo in Mt. 6,12
pensiero delle opere e dei meriti. C'è i-
noltre il pericolo che l'idea del peccato il peccato si chiama òqiElÀ.11µa. (debito),
scenda al livello del calcolo. In quanto come nel tardo giudaismo (~ col.
è pob, il peccato non è più una ribel- 2 r ). Con l'immagine del debitore Gesù
lione contro Dio (peJa'), né un errore
(Pa!!ii't), né un traviamento colpevole spiega In situazion~ dell'uomo di fron-
( 'iiw611), né una disobbedienza ai co- te a Dio 21 • La parabola dei diecimila
mandamenti di Dio, ma un semplice talenti indica l'enormità insolvibile del
:unmanco, una remora nei pagamenti,
che può essere riparata versando quan- debito umano (Mt. 18 24). Anche la
1

to è dovuto 19 • preghiera del Paternvster, che chiede la


remissione dei debiti, riconosce questa
B. ÒqiElÀ.w NEL N.T. situazione ( Mt. 6 ,12 ). Insegnando ai di-
sc;cpoli a chiedere il condono dei debiti
Il gruppo lessicale ÒqiEtÀ.- ricorre mediante la preghiera, Gesù considera
spesso nel N.T. 20 L'uso fattone da Mat- impossibile il comp::nso delle opere cat-
teo è quello che si avvicina di più al tive per mezzo di quelle buone, soste-
tardo giudaismo; vi traspare molto nuto dal pensiero farisaico . Pur usando
chiaramente l'aramaico pa;;t1b; manca formalmente la stessa immagine, egli si
invece in Mt. la costruzione di òqiElÀ.w eleva, nella sostanza, al di sopra del
coJl'infìnito, così frequente in greco, pensiero giudaico, basando il perdono
mentre negli altri libri del N.T. è qua- delle colpe da Dio concesso unicamente
si solo questa che ricorre. sulla sua misericordia . Non parla mai di
prestazioni umane (opere, meriti, sacri-
r. In modo assai simile al tardo giu- fici, digiuni ecc.} che siano cause di
daismo Gesù parla formalmente del- quel perdono. Mentre nell'A.T. il sacri-
l'uomo come debitore verso Dio; così ficio espiatorio serve, per così dire, ad
nel Paternoster (Mt . 6,12; Le. II,4). acquistare da Dio la remissione delle

1s 1'aa11. b. 25 b; cfr. STRACK-BIJ.LERBECK 1 Iudae, AtJoc.


.p 1 ; altri passi in I 800. 21 ~ LoHMEYER r 18 inserisce qui, ma senza
19 Cfr. EicHRODT, Tbeologie des A.T. m 81-
suflicientc giustificazione, l'idea che, avendo
Dio dato all'uomo tutto ciò che ha, questi è
89.
indebitato verso di lui con tutto ciò chl! pos-
?O Manca soltanto in Mc. e in / e 2 Petr., lac., siede e che è.
òcpe(Àw n I (F. Hauck)

colpe, il procedimento <lei perdono è l'accostarsi alla santità di Dio con la


ora completamente sganciato dalla sfera grave richiesta del perdono delle colpe.
cultuale e giuridica. L'aq>LÉ\17..L, il «ti- Questa aggiunta vuol ricordare a chi
mettere», si trasform:i in «perdonare». prega che la sua domanda di perdono
Il perdono proviene dall'animo miseri- sarebbe, a priori, condannata all'insuc-
cordioso 22 • È da questo perdono divino cesso, se in lui mancasse la prontezza
già ricevuto che Gesù deriva poi l'ob- n perdonare. L'aoristo di Matteo (àqri}-
bligo di trattare allo stesso modo i fra- xcxµEv) denota l'esistenza d'un vero spi-
telli (Le. II,4; Mt . 6,14s.; 18,23 ss.)n. rito di riconciliazione che si manifesta
IÌ termine o-uvoouÀ.oc;, «compagno di nell'atto del perdono già compiuto,
servitù» (Mt. 18,28 s.) ricorda l'obbli- mentre il presente di Luca ( àqiloµE\I)
gazione che vincola gli uomini tra di intende dire lo stesso colla permanente
loro e il fatto che essi sono soggetti prontezza a perdonare.
tutti, e nel modo più serio, al medesi- Anche in Mt. 23,16.18, dove Gesù
mo signore e giudice. Se viene a man- parla delle formule di giuramento - che
care la remissione del debito verso il secondo i Farisei creano o non creano
fratello, allora Dio farà subentrare nlla un obbligo - traspare in Òq:>dÀ.ew l'uso
grazia l'inesorabile diritto che riporrà di ~ajjtib: pronunciando la formula del
l'uomo nella situazione disperata di non giuramento l'uomo contrae verso Dio
poter pagare il suo debito verso di lui. l'obbligo (il debito) di mantenerlo 24 •
L'obbligo implicito nella quinta peti- L'altra dizione, cos1 frequente in greco:
zione del Paternoster: wc; xcxi 'Ì'JµEi:c; essere obbligati a fare ( Òq:>ElÀ.w coll'infi-
àqn)xaµtv, <icome anche noi abbiamo nito) è posta in bocca a Gesù, una vol-
rimesso» (Mt. 6,12), non vuol essere in- ta sola, nel Vangelo di Luca (17,rn), a
teso nel se11so di un appello alla nostra proposito delle opere che il servo deve
azione che rivendichi il perdono da par- al padrone (Dio), e in quello di Giovan-
te di Dio, ma vuol dire soltanto che la ni ( 13,14), a proposito del servizio che
preghiera rivolta a Dio non dev'essere il discepolo deve rendere ai condisce-
ostacolata dall'irriconciliabilità col frn- poli. In generale Gesù non parla di ob-
tello. Analogamente anche il xat yètp bligazioni umane, ma, come un signore
cxÒ't'oL tiqiloµev, «come anche noi rimet- che detiene il comando, si serve di im-
tiamo», di Le. 1 1 .4 vuol esprimere il perativi, e cos} le sue esigenze appaiono
motivo che dà coraggio all'orante nel- ancor più incondizionate.

22 -+ LoHMEYER J19.123. 24 Cfr. Ned. i.,3 in S T RACK·BILLERBECK I 932 ;


2l Luca trasforma il 1"0L<; 6cpE~M,-cuç TiµWv sostanzialmente corrisponde qui a ~voxoç (-+
di Matteo (6,12) 1 troppo legato al senso pro- m, coli. 13,n s.), il quale pure si tiallacdn a
prio, in 7tc.t\11"l òcpEl>..ov·n T)µ~v. {Jajjàb.
òcpd)..w B 2 tF. Hauck)

2. Nelle altre parti del N.T. ÒcpElÀ.EW di non restare in debito con nessuno;
ricorre in senso prnprio in Philm. 18 . essi si debbono a vicenda solo l'amore,
L'òcpElÀ.Et &.1toiJ<XVE~V, «deve morire», ma in una misura così alta, . ampia e
di Io . 19,7 ha lo stesso senso di Evoxoç profonda che non potranno mai soddi-
iJ<XVOC'tOV, «reo di morte», di Mt. 26, sfare totalmente questo obbligo 28 • Se-
66 25• In Hebr. 5,3 écpdÀ.Et si riferisce condo Rom. 15,r è un dovere cristiano
all'obbligo imposto dalla legge, a cui il sostenere con indulgenza i deboli; se-
sommo sacerdote non può sottrarsi a condo Rom. 15,27 altro dovere è con·
causa della sua debolezzn umana 2~. Di traccambiare beni spirituali con beni
un'obbligazione e necessità più interio- materiali; secondo 2 Thess. 1 ,3; 2 ,13 è
re, derivante al sommo sacerdot~ Cri- . doveroso ringraziare Dio per la crescita
sto, parla invece Hebr. 2,17 (cfr. E1tp~­ della comunità. In 2 Cor. 12,14 Paolo
'Ti:EV, «conveniva», al v. ro). Nell'òcpEl- ricorda il dovere verso i genitori; in
À.n di r Cor. l 1 ,7. I o c'è ancora qualco- Eph. 5,28 esorta al dovere coniugale
sa che ricorda il tempo passato da Pao- dell'amore. In r lo. 2,6 si menziona
lo sotto la Legge. La copertura del ca- l'obbligo di santificarsi; in 3,16 il do-
po, esprimente la sottomissione della vere di dare la propria vita per i frn.-
moglie verso il marito, era nel giudai- telli; in 4,1 I il dovere dell'amore .fra.
smo, secondo b halacha, un dovere del- terno e in } lo. 8 quello dell'ospitalità.
la donna. Paolo ravvisa in questa legge Questi passi denotano chiaramente
il riconoscimento di un costume basa· un certo spostamento di tono in con-
to sull'ordine fondato nella cteazionc e fronto ai discorsi di Gesù : il 'Signore'
perciò pensa che lo si debba rispettare parla all'imperativo, mentre il kerygma
anche nella comunità cristiana 27 • apostolico - pur usando anche l'impe·
Quasi tutti i passi apostolici - dove rativo - parla dei doveri partendo dagli
òcpElÀ.rn1 stn quasi sempre coll'infinito eventi centrali del cristianesimo e dal
- superano il piano del dovere legale. pensiero cristiano complessivo. Nei pas-
In Rom. 13,8 - con un gioco di parole si apostolici si tratta in prevalenza di
che si basa sul duplice significato di un obbligo verso gli uomini dedotto e
ÒcpELÀ.EW (essere debitori ed essere ob: risultante da un atto salvifico di Dio o
bligati) - Paolo ammonisce i cristiani del Saivatore, atto sperimentato o pre-

25 Ambedue le dizioni corrispondono all'c!:irai- Kor.314; ST. LOsc11, Chr. Frr111e11 in Kori11th:
co ~aij{1b mita; cfr. ScHI.ATTER, Mt. 762. Theol. Quart. 127 ( 1947) 216-26x.
26 RIGGENDACH, Hebr. 127; MICHEL, Hebr. • 28 Cfr. su questo passo A. FRlDRICHSEN, Exe-
a 5,3; dr. test. Ios . 14,6. getisches zu den Pa11iusbriefe11: ThStKr J02
27 STRACK-BILLERUECK m 435 ss.; SCHLATTER, (1930) 29q-297.
O(j)HÀ.TJ, O(j)dÀ.111..ux (f. Hauck)

cedentemente avvenuto . Sovente è la gunrdi altrui (<po~ov, 'tLl..tiJv). In I Cor.


stessa costruzione sintattica a far capi- 7 ,3 il termine si riferisce velatamente
re il rapporto fra l'obbligo umano e al dovere dei rapporti coniugali: 't'TI yu-
l'atto salvifico già sperimentato 29 • Ciò vcmd ò à.vi)p 'ti)v Òq>ELÀ.i}v cbtoÒLOo-çw 3 ,
dimostra, fra l'altro, che l'òcpElÀELV del «il marito renda alla moglie quel che le
N.T. non conduce n una legalità impo- deve». In questo caso l'òq>ELÀlJ coniu-
stA dall'esterno, ma che l'obbligo cri- gale corrisponde al rabbinico l;obii (~
stiano, il dovere neotestamentario, t: col. 12), che a sua volta è distinto da
una conseguenza della salvezza già av- mi~wd 4 . Questo significa un comanda-
venuta . mento esplicito di Dio, mentre f16biì
3. In alcuni passi òcpElÀEW ha il signi- indica un'obbligazione risultante dal di-
ficato meno intenso d'una semplice ne- ritto consuetudinario della halaka . Poi-
cessità, per es. in Act. 17,29; I Cor. 5, ché per Paolo non vige più, evidente-
lO; 9,10; 2 Cor. 12,n; Hebr. 5,12 . mente, codesta distinzione rabbinica,
egli in I Cor. 7,3 concepisce J'oqmÀ:~
i· Òq>ELAlJ come un obbligo reciproco dei coniugi
risultante dall'ordine fondato sulla crea-
Termine raro nella letteratura greca
profana 1, frequente nei papiri, dove si- zione.
gnifica il debito, specialmente il debi-
to pecuniario, come neHa formula: xa-
l>apà lm6 'tE òq.nÀ"ijç xat Ù1to~i}x1)ç xaì.
t òcpElÀ:i1µa
1taV•Ò<; O~Eyyuljµa:•oç, BGU 1 I r 2, 1 r ; a) Debito, somma dovuta, lat . debi-
dr. BGU IV u58,18; P. Masp. 95,22 tum, prestito (ricevuto), non però cul-
(sec. vr d.C.); manca nei LXX. pa, Plat., leg.4,717b; Phryn.463: Ò<pEl-
Nel N.T. è usato in senso proprio À.1)µa OÈ o ÈOavdO"a'tÒ 'tL<;; Pollux 3,
84; Ditt., Or. 90,13 (sec. II a.C .): ~a­
per indicare un debito pecuniario in cnÀ.txà. Òq>ELÀ:fiµa:-i-a, prestazioni obbli-
Mt. 18,32 2; in Rom. 13,7 ha il senso gatorie fiscali. b) Nel senso più ampio
proprio di prestazioni e tributi obbliga- di prestazione dovuta, servizio obbliga-
1
torio, vedi Ditt., Syll. uo8,n; òqm-
tori in generale ( cp6pov, •lÀoç) e quello À.1}µa-ç[o]ç à.,.;o)..u~Elc; (così più volte);
traslato di contegno da tenere nei ri- Thuc. 2,40,4: oùx te; x<ipw, &.U.'tc;

29 Rom. 15,3 : xo:t yàp ò Xp~<r-.6c; ... ; 15 ,27: 2 DEISSMANN, B. 221; Io., N.B. 4l:I.
El yà.p ... xaL; Eph. 5,28: oihwc; ...; I lo. 3,
l Cfr. STRACK·BILLERBECK m 368 s.; Er.
16: ÉXELvoc;... xat TiµEi:c; ... ; 4, 11 : Et oihwc; ò
xoo b (debito coniugale); il testo della Koiné
&Eòc; ... xat iiµEi:c; ...; cosi pure Io. 13,14: d
presenta in I Cor. 7 ,3 : -ri)v òqm)-oµlvriv EU·
OVV lyw ... xo.t ÙµEi:ç.
vo~Ct.v, un eufemismo con lo stesso senso.
Ò<pEL)..l} ~ Hul. 105 a: l'abluzione delle mani che pre·
I JoHANNES ZONARAS, Lexico:1 p. 1489 in STE- cede il pasto è detta mifwa, quella che segue
PHANUS, Thesaurus Linguae Graecae, s.v. !1oba.
o<pE~ÀÉTrJ<; (F. Hauck)

ÒcpElÀ.r}µtx. -ti)v &.pE-ti)V a1tOOW~WV, «ri- àµap-.la, che ha sostanzialmente lo


cambiando il bel gesto per dovere e non stesso significato. In Rom . 4.4 nel con-
per piacere» (cfr. Rom. 4'4 ~ col. 22);
testo della dottrina sulla giustificazione,
Aristot., eth. Nic. 9,2, p. u65 a 3.
Paolo impiega ÒcpELÀ.'l'}µa. nel senso di
Nei LXX il termine ricorre due volte
prestazione obbligatoria: per una vera
in Deut. 24,10 col senso di somma do-
vuta rendendo niisa e maHii'ii; nel prestazione ( Èpylii'.;Ea~a.L) In mercede è
passo di I Mach. 15,8 òcpElÀ.riµo: ~a<n­ dovuta a titolo di contraccambio obbli-
À.Lxov è il debito verso il fìsco ( ~ col. gatorio e non semplicemente gratuito
9); cfr. l Ea'op. 3,20 (dimenticare tutti
i debiti). ÒcpElÀ.riµa. manca in Filone e (vedi la stessa contrapposizione in
in Flavio Giuseppe. Thuc. 2,40,4 ~ coll. 20 s. ).
Nel tardo giudaismo l}ob diventa ter-
mine corrente nel senso di peccato 1 . Co- t O<j>ELÀÉ"t7')c;
sì viene a cambiare il punto di vista ( ~ Nell'uso greco profano significa: r. il
col. 12). l}ob è il debito che resta da debitore, Plat., leg. 5,736d; insieme con
pagare al creditore e, in quanto tale, XPEWCT"tT)c; in BGU 954,22 (sec. vr d.C.);
può sempre essere liquidato mediante 2. chi è tenuto a una prestazione, anche
versamenti. Anche Dio è come un cre- in senso traslato riferito al campo mo-
ditore e quindi può condonare un debi- rale, Soph., Ai. 590: ovoÈv à.pxEtv Et-
to. à.<pLÉVaL è il corrispondente termine µ.'o<pELÀ.É'tr}<; E"tL, <<non son più tenuto
greco che indica questo condono (per a venerare (gli dèi)». Il termine manca
es. in Deut. 15,2). Però è sintomatico nei LXX, in Fluvio Giuseppe e Filone;
che questo termine - di per sé non at- in Hen. 6,3 òcpELÀfrnc; àµo:p-tlo:ç µEyci-
to ad indicare il 'peccato' - ricorra piut- À.71ç è il debitore che deve espiare un
tosto raramente neU'A.T. per indicare grave peccato.
il perdono divino 2 • Il tardo giudaismo
dimostra invece in testi innumerevoli Nel N.T.: r. in senso proprio, è indi-
quanto forte fosse allora il senso di es- cato così il debitore in Mt. 18,24 (µu-
sere debitori a Dio.
plwv -ta.À.civ-twv, «(debitore) di diecimi-
Nel N.T. si trova ò<pdÀ.71µa. solo due la talenti». Corrispondentemente all'u-
volte. In Matteo (6,12), e tipicamente so dei vocaboli di radice ~wb nel tar-
soltanto in lui, esso rende il rabbinico do giudaismo ( ~ col. 2 I}, OcpELÀ.É-t7')c;
pob, debito 3. Luca (II A) sostituisce serve a designare anche chi è debitore
qui 6cpdÀ.riw:1. - il cui senso religioso o colpevole per una mancanza compiu-
traslato era estraneo ai Greci - con ta. Parlando del contegno verso gli al-

6rpd)..TJµCt .
I Testi in DALMAN, Worte ]esu I 336 s.; il slh ~ 1, coli. 1355 s.
termine è molto frequente nel Targum, ad es. 3 E.
LoHMEYER, Das V11ter-1111ser' (1947) III-
in Tg. O., a Num. 14,19; Ex. 34,7; Is. 53,4. 123; SCHLATTER, Mt. 213 S. j STRACK-BILLER-
12. BECK 1 421; Did. 8,2 offre il testo: 'tTJV o<pE~­
2 I termini corrispondenti aramaici sono 111' e ÀYJV iJµwv.
~rptç ( W. Foerster)

tri uomini questo senso è applicato nel- f3apf3apoLc;... ocpELÀÉ't'TJc; dµl}. Egli ri-
la quinta petizione del Paternoster se- tiene inoltre che i cristiani venuti dal
condo Mt.6,12 1 (~col. 21); se riferito paganesimo, che hanno ricevuto dalla
a ùio, ocpELÀÉ't'T]c; è sinonimo di pecca- comunità-madre l'eredità spirituale del-
tore, come in Le. 13,4, in alternanza l'cvangelo, sono obbligati a sostenerla
con O:µap'tW À.éç ( 13 ,2) 2• materialmente (Rom. 15,27); in Gal. 5,
2 . In senso traslato esprime diversi 3 sottolinea l'obbligo di osservare l'in-
rapporti implicanti debiti e doveri . C"- tera legge che deriva a quelli che accet-
sl Paolo, che una volta aveva persegui- tano il segno dell'alleanza nella circon-
tato l'evangelo, dopo aver ricevuto da cisione; in Rom. 8,12 esprime invece la
Cristo la grazia e la vocazione si sa ob- certezza che il legame con Cristo ba eli-
bligato a recarne il messaggio a tutta minato l'antico rapporto d'obbligazione
l'umanità (Rom.1,14: "EÀÀT)1'1lv 'tE xaL verso la uap~.
F.HAUCK
6cpi}aì..µ6ç ~ vrn, coli. i o 5 5 ss .

. "
T oqn.c;
+Un simbolo di vita.
5. Ri_epilogo.
B. li serpente nell'A.T.:
SOMMARIO:
r. Terminologia.
A. li serpente nell'anlichità: 2. La natura del serpente.

1. L'animale. 3. Gen. 3; 4; Num. 21 .


2. Nella storia delle religioni: un simbolo C. Il serpente nel tardo giudaismo:
di morte. r. Nella traduzione dei LXX:
3. Natura terrestre del serpente. a) terminologia;

Òq>EL'}..t-Cr)ç ler/umsktmde l i , ( 1929) 319 s.; \Y/.W. GRiii'


I Le. u,4 sostituisce questa dizione, insolitll v . ;BAUDISSIN, Drachc z11 !Jabel, in RE 1 v 3·
per la sensibilità linguistica greca, con 'lta.v-ct 12; Io., Eherne Schlange, ibid. xvn 580-586;
CHANT. DE LA SAUSSAYE, indice s.v. 'Schlan·
oqitlÀov-cL 1Jµiv.
2 A quanto pare, Luca riproduce qui una fon-
gc'; E. ULBECK,. T!Je serpent in myth and
scripture: Bibliotheca sacra 90 ( 1933) 449-
te giudeo-cristiana; dr. P. FEINE, Eine vorkt1-
455; O. KELLER, Die antike Tierwelt 11
11011ische Vberlicfenmg des Lk. ( l 891) 93-96. (1913) 284-305; w.w. GRAF V. BAUDISSIN,
Die Symbolik der Schlange im Semilismus,
OrpLç
in: Studien zur semitischen Religionsgc-
\Y/, WuNDT, Volkerpsychologie 11 ( 1909), spe- schichte 1 (1876) 2_58-292; In., Ado11is und
cialmente parte 3,172-180; ].G. FRAZER, Tbc Esmtm ( 19II) 325-339; A. ] EREMIAS, Das
Golde11 Bot1gh' IV 1 ( 1922) 80-88; O. ScHRA· A.T. im Lìchte dcs Alte// Orie11ts' ( 1930),
DER, Real/exikon der lndogermauischen lii- registro tematico tedesco s.v. 'Schlange'; ID.,
25 (v,566~ èSqnç A 1 (\Xl. Foerster)

b) significato. A. IL. SERPENTE NELL'ANTICHITÀ


2. Negli apocrifi, pseudoepigralì e nella Jet·
teratura rabbinica: r. L'animale
a) il serpente come simbolo;
b) riflessi di concezioni mitologiche; Benché questi rettili siano così diffe-
c) il serpente dell'Eden; renti per forma, grandezza e velenosi-
d) N11m. 21; tà, il termine serpente, oqnç, serpens,
e) il serpente e i demoni.
nilpiis ecc. evoca una serie di rappresen-
D. Il serpente nel N.T.: tazioni sostanzialmente identiche nella
1. Nelle similitudini.
mente dei popoli pit1 diversi. In quan-
2. Il serpente dell'Eden.
3. Il serpente di bronzo. to rettile privo di arti, questo animale
sembra particolarmente estraneo e di-
E. TI serpente nella gnosi.
stante dall'uomo. È un «figlio della
terra» 2 : esce dai buchi e dalle grotte
ocpic; è un termine che indica il ser- strisciando nel fogliame e scompare di
pente come genere, mentre le specie nuovo come se rientrasse nella terra.
sono designate da op6:xwv (pitone), Colpisce la mente degli antichi il suo
iix~ova (vipera, serpe velenoso), àcr1tl<; sguardo fisso e quasi ipnotico; cur in a-
(cobra) e altri termini particolari : yÉ- micorum vitiis tam cernis acutum quam
voc; µtv yàp ò ocpiç, dooc; oÈ ò op6:xwv aut aquila aut serpens Epidaurius? chie-
xat "t'Cx Àovltl~. 'tW\I ocpEw\I 1• de Orazio 3 • Desta un interesse speciale

Handbuch der altorie11talische11 Geislesk11/- Chaos (1921) 29-114.315-323.


t11r ' (1929), indice s.v. 'Schlange'; B. MEISS- I Scolio n Eur., Or. 479 (ed. E . SCHWAR'f7.
NER, Babylonie11 ·1md Assyrien n (19:z5), in- 1 [ 1887] ); per la letteratur:i latiria cfr. Ser-
dice s.v. 'Schlange'; M. ]ASTROW, Die Reli- vius, in V ergi/ii Ae11eidem 2,204: angues an·
gio11 Bab3•lo11ie11s und Assyriem I ( 1905 ), li gues aquarum sunl, serpentes terrarum, drt1-
(1912), indice s.v. 'Schlange'; A. ERMAN, Die co11es templomm ... sed haec sig,11ificatio ple-
Religion der A.gypler ( 1934), indice s.v. rumqtte con/undiftlr.
'Schlange'; H. KEES , Der Go1tergla11be des
2 Artemid., oneirocr. 2,13 (p . 106,15): yft~
alten Agypten ( 1940), indice s.v. 'Schlangc';
A. WrnDEMANN, Das alte1Agyple11 (1920), in- -ycip ~<1't~ xat aÒ"t'Òc; [ò Spcixwv] 7to:~c;. Ael. A-
dice s.v. 'Schlange'; G. RoEDER, Urktmde11 rist., or: 37,9. L'uccisione del pitone esige l'c·
wr Religion der allen Agypler = Religii.ise spiazione verso la madre Ge: quesla era una
Stimmen der Volker 4 (1915), indice s.v. parte del contenuto dei giochi pitici, -+ Kii-
'Schlange'; C. FRANK, Studien zur babylo11i- STER 123. Secondo la concezione egiziana il
sche11 Religion I ( 1911) 249-256; ST. A. CooH:, serpente è il «figlio della terra», -+ n. 4.
The religion o/ Ancient Palestine i11 the light J sai. 1,3,26 s. Gli antichi derivavano ocptc; da
o/ archaeology (1930 ), indice s.v. 'serpent'; Ò7t- e Sp&.xw'I da lìtpxoµat, -+ GossEN-STEI-
L.M. HARTMANN, J. GossEN, A. STEIER, art. ER 495- Cornur., theol Graec. 20: crµEplìa-
'Schlange' in PAULY-W., :z• serie II 494-557; }.fo..,, (orribilmente) yàp Ò op&.xw\I otSopxE;
RoHDE, indice s.v. 'Schlange'; M.P. NILSSON, ibid. 33 : 7tpocroxiic; b Sp&.xwv O"l')µE~ov. Cfr.
Gesch. der griech. Religion I (1941 ), Il Horn., Il. 22,9:;; Diod. S. 3,36,6 e A. OTTO, Die
( 1950), indice s.v. 'Schlange(nkult)'; E. KO- Sprichworter rmd sprichworJlichen Redensar-
STER, Die Schla11ge i11 der griech. Kunst rmd ten der Romer (1890) 319. L'etimologia mo·
Religion = RVV xm 2 (1913); ]. KROLL, derna ha ormai abbandonato la derivazione
Gol/ und Holle (1932) 185-190.317 n. 3; A. del termine dall:i radice egh = pungere. È
DIETERICH, Abraxas {1891) u s. 111-126; R. probabile invece un rapporto ' di ocp~c; con
EtSLER, 1'(1elte1111111ntel 1111d Himmelsze/1 n EXL<;/~XtSva, ed anche col latino anguis, col
( 1910) 380-383; H. GuNKEt, Schop/1111g 11nrl sanscrito ahi, coll'avestico aii, serpente, e col-
ilq>Lç A I (W. Foerster)

il fatto che il serpente cambia la pelle non è un animale da affrontarsi aperta-


e cosl in certo modo si rinnova 4 • An- mente come il leone, perché lotta col
che il suo strano movimento, assai ra- \·eleno e stando nascosto; il suo std-
pido per un animale sprovvisto di gam- :;ciare silenzioso e insidioso accresce il
be, colpisce spesso la fantasia cd è og- senso della perfidia e della scaltrezza w.
getto di similitudini 5• Benché non tut- Tutti questi aspetti convergono produ-
ti questi rettili siano velenosi, il con- cendo nell'uomo un sentimento primor-
cetto di 'serpente' vien associato all'i- diale: «il serpente è l'animale strano e
dea d'un essere letale 6 , accentuata coi minacciosamente misterioso per eccel-
nomi delle specie più velenose 7 , Molto lenza» 11 • Ma questo sénso di pericolo
diffusa è la credenza nella sua astuzia e e d'insidia non esiste quando si tratta
insidiosità, a cui accenna il detto <mu- del «serpente di casa», che non è ve-
trire una serpe in seno», come altri lenoso ed è quasi un animale domesti-
proverbi 8 e modi di dire 9 analoghi : co 12.

l'armeno iJ., serpente, vipera. WALDE·POKOR· yt ci1tò ò.µap-rlaç.


NV, lndogermanisches etymologisches Wor- 7 Per indicare la perfidia di uomm1 catt1v1
terbuch ( l 948) 44 s.; A. WALDE-I.B. HoF- Epitteto non usa OCj)Lç, ma EXLç = vipern,
MANN, Latei11isches etymo/ogisches W orter- serpente velenoso, diss. 1,28,9; 4,1,127.
bucb J r ( l938) 48-414. [DEBRUNNER].
8 T11 viperam sub ala nulricas (Petronius 77)
4 Artemid., 011eirocr. 2,l3 (p. 106'4 ss.): op6.- è un proverbio latino, vedi Ono, o.e. (-4 n.
xwv ... CTT)µalvEL ... xpovov oLà TÒ µljxoc; xcd 3) 372, in basso.
ÒLIÌ. -rò <btoÒLÒVCTXEO'i)aL 'tÒ yijpac; xat 1t6.-
9 Soph., Ani. 53l s.: wç EXLO\l'uqmµÉ\l'f) ÀlJ·
ÀLV vEa!;ELV; Cornut., theo/. Graec. 33 : OLÒ.
't'OV'tO yà.p òpaxona au-ri;J (scii. 'AcrxÀ'f)· Dovcr6. µ'l!;ÉmvEç. Aesch., Choeph. 928.249;
mi;>) rcapLcr-cwcrw, i\µqialvov't'Eç ~-rL oµoL6v 't'L Menand., monostichi 201 e A. MEINECKE,
1'0V1'~ mxoxovcrw OL xpwµEVOL -cii ta-cpLxii Menandri et Philemonis reliquiae (l823) 361,
xa-cà -cò otovEt ciwxvE6.~ELv èx -cwv v6r1wv vedi PAULY-W, x 529 ; Plutarco, presso Apo·
xat lxMEui)m -cò yfjpaç. Vedi anche l'egi- stolius 13,79 a, vedi OrTO, o.e. (-4 n. 3) 373:
zi:mo Libro dei Morti {-4 ROEDER 266, in !ScpLv "tpÉq>ELV xat 1tO\l'flpÒv EÒEpyE-rei:v "tau-
basso): «lo (il morto) sono il 'figlio della ter- -c6v fo·-cw· ou/5Edpou yàp Ti XcXPLç EV\IOLlt\I
ra'; i miei anni sono lunghi perché rinasco YEVVij..
ogni notte. Sono il 'figlio della terra' che vi- 10 In un testo egiziano: «Gli spiriti dei mor-
ve dentro di essa; ogni notte rinasco, mi rin- ti s'insinuano come serpenti», vedi CHANT.
novo e ringiovanisco». Vedi inoltre WIN- DE LA SAUSSAYE I 575; -4 WUNDT III i74;
DISCH, 2 Kor. 153, in basso. T. CANAAN, Diimone11gla11be im Lande der
s Filone di Byblos in Eus., praep. ev. I,10, Bibe/; Morgenland 21 (1929) 13: «perfido»
46 {ed. W . DrnooRF [1867)): -r<Xxoç civum!p- o anche «Scaltro come il serpente». Plut.,
(3À.TJ't'O\I... xwplc; 1toBwv xat XELPWV... xat Pylh. or. 27 (II 408 a): opaxwv 06)...Loc;; in
TCOLXlÀW\I O'XTJµ6.'tWV 'tVotovc; à.TCO'tEÀ.Et (ò Plut., Them. 29 (1_126 b) un persiano dice a
8pkxwv). Nella Ietteruturn rabbinica dr. Ex. Temistocle: oqiLc; "E)..)...riv ò 'itOLxl)..oç.
r. 9 a 7,9, in STRACK-BILLERBECK 1 n5, in 11 G. VAN DER LEEUW, Pbii11ome11ologie der
alto: «Come il serpente che s'avvolge, cosl Religion ( l933) 59.
contorce le sue vie il governo». Il -4 N1LSSON 1 183: «Il 'serpente di casa',
6 Artemid., oneirocr. 2,13: !ScpLc; v6crov CTTJ· a quanto risulta dal folclore, è un fenomeno
µa:lvEt xal ~xDp6v . OTTo (-4 n, 3) 25: odis- generale, forse più generale del 'serpente del
sc alque ang11is e altri modi di dire; Aesch., morto'». -4 HARTMANN, presso P,1ULY-\V. x
Choeph. 544 ss.; Horn., li. 22,93 ss.; 3,33-37; 518 ricorda che certi se rpenti vivono spesso
Ecdt1s 2 I ,2: wc; a1tÒ 1tpOO'WTCOV !Sq>Ewc; q>Eii- in simbiosi coli 'uomo.
oqitç A 2 (\'il. Foerster) (v,568) 30

2. Il serpente in quanto simbolo di poste accanto 17 • L'animale terribile po-


morte sto sul diademA del faraone, che «spu-
ta fuoco sul cranio» dei colpevoli e «an-
Questi caratteri peculiari del serpen- nienta e divora i loro corpi» 18, è un co-
te sono il motivo per cui esso ha una brn 19 ; il sacerdote lo precede incensan-
parte così straordinaria nelle religioni dolo, affinché «il suo bel volto sia oggi
dei diversi popoli 13 • Qui sat·à possibile benevolo verso il re» 20 • Partendo di qui
solo un accenno scmmario allo svilup- non è difficile capire perché s'immagi-
po çli questo simbolo, in senso spazifl- nasse il Caos, il ribelle alle potenze del-
le, temporale e oggettivo, specialmente 1'ordine, come un s~rpente (in gr.:!co:
nell'antichità. òpchwv). Al materiale già citato a que-
Il serpente compare come animale sto proposito (-7 li, coll. 1467-1469)
funesto dovunque si voglia evocare l'i- bisogna aggiungere per la civiltà sume-
dea della paura e del terrore, special- rica la figura di Kur 21 , per quella ittita
mente nelle formule apotropaiche 14, nel- il serpente Illujankas 22 e per Ras Sham-
le descrizioni degli inferi 15 e nella figu- ra il mito di Anat, in cui si trova un pa-
razione delle Eumenidi 16• Che in questi rallelo esatto al detto di Is. 27,r: liw-
casi si voglia mettere in evidenza pro- jàtii11 niipas bariab w"liwjiitiin niipiis
prio la nocività del serpente è dimostra- 'iiqallaton 23, «il Leviatan, serpente a-
to dal tipo delle bestie che gli vengono gile e il Leviatan serpente tortuoso».

13 Un altro motivo è la grande diffusione di 19 ~ KEES 53 s.


questi animali sulla terra. n H. KEES, Agypte11 = Kulturgeschichle des
H Le filze apotropaiche di animali presso i Alte11 Orienls I (Handbuch A.\Y/. m 1 13)
Babilonesi omettono di rado il serpente. ~ ( 1933) 177· Cfr. anche il simbolo del serpen·
MEISSNER :w4 ss. 50 s. 72 <~ ]EREMIAS, te nella processione di Iside, Apul., mcl. II,
Handbucb 285). Sui serpenti posti a guardia ..p-1 e J. LEIPOLDT, Die Religionen in dcr
delle porte dei templi in Egitto vedi ~ KEES Umwelt des Urchrislent111ns (HAAs, fase. 9-
57. Cfr. i serpenti che i Greci scolpivano su- 11) nr. 56 s.
gli scudi, ~ KiisTER 49. 21S.N. KRAMER, S11meria11 111ythology (1944)
l5 Per l'Egitto vedi ~ ROEDER XXIX . 256, in 78. Secondo Kramer non è del tutto certo
alto e passim. Per la Grecia: CHANT. DE LA che Kur abbi11 effet1ivamente forma di ser-
SAUSSAYE II 372; Aristoph., ra11. 143 s.: ne- pente.
gli inferi ci sono lfrprn; xcd fi'l)pl'lh)m µvplct 21
lìnv6-.a-cct. La chimera era in parte leonessa Traduzione di ambedue le forme dcl mito
e in parte serpente, Horn., Il. 6,181; da ser- in L. DELAPORTE, Les Hittites (1936) 250 s.
penti era protetta la testa di Cerbero: Horat., Sul rapporto di questo mito con la leggenda
greca di Tifone cfr. \'il. PoRZrG, Il/11ja11kus
carmina 3,n, 17 s.
u11d Typho11 in: Kleinasiatische Forschungen,
16 A. RAPP, art. 'Erinys' in: RoscHER I 1330- cd. da F. SOMMER e H. Ef.IELOLF I (1930)
1336; Aesch., Eum. u8; Horat., carmina 2, 379-386. Appartengono a questo gruppo an-
I 3.35 S . che i miti sui serpenti sepolti sotto vulcani,
11 È senz'altro chiaro che per i Babilonesi l'a- per es. quello di Tifone, Pind., Pyth. l ,15-28;
spetto più importante della cattura dei ser- ] . W1NKLER 1 Dìe Toba-Batak a11/ Sumatra
penti era la loro pcricolositil. In Egitto ac- (1925) 8.
canto al serpente si trova specialmente lo 2J C.H. GoRDON, Ugaritic literalt1re = Scrip-
scorpione, ma anche altri animali, come il ta pontificii instituti biblici 98 (1949) 67 I 1
coccodrillo e il Icone, -+ K1rns 58 s. (p. 38): «poiché colpisti Léitiìn, il serpente
·-~ ~ ROEDER r75, in hi1sso. che si contorce, distruggesti il serpente av-
lScpLç A 3 (W. Foerster)

Può darsi che in questi miti abbia in- Ningizzida - un parallelo di Asclepio -
fluito la credenza che l'oceano primor- e di Ereshkigal 28 ; anche il dio della
diale avvolgesse il mondo come un ser- profondità delle acque, Ea, è collegato
pente, ma vi ha parte anche la nocività :il serpente 29• L'uso seriore egiziano di
dell'animale. Specialmente il serpente assegnare come simbolo agli dèi il fal-
egiziano Apofìs, come i suoi sopranno- co e alle dèe il serpente 30, è sorto pro-
mi dimostrano, è simbolo di malvagità babilmente dall'idea che la terra e la
e danno u. Nelle religioni dualistiche il femminilità fossero strettamente con-
serpente diventa l'animale demoniaco giunte 31 •
nel senso più rigoroso del termine. I In Grecia il serpente non è origina-
Persiani lo collocavano fra gli animali damente collegato agli dèi olimpici J 2 ,
di Ahriman 25 • In Palestina si può so- ma alle divinità della terra, come Eca-
spettare in ogni serpente la presenza di te, Demetra e Core. Anche il serpente
un ginn, uno spirito maligno 26• posto accanto ad Atena nella sua città
rinvia al dio ctonio Eretteo 33 , e il dio
3. Natt4ra terrestre del serpente della salute, Asclepio, che è sempre ac-
compagnato dal serpente, fu all'inizio
Queste ultime immagini del serpen- un dio della terra di origine tessalica 34 •
te non sono comprensibili se si trascu- Cicreo 35 , Sosipoli 36, Cecrope 37 e molte
ra il carattere terrestre che costituisce nitre figure mitiche, che facevano par-
l'aspetto più importante di tutto que- te originariamente di «una fede preo-
sto simbolismo. Il serpente è l'animale merica e forse in parte preellenica» M,
ctonico per eccellenza; per questo è a- c'introducono nel rapporto, cosl svilup-
scritto di solito alle divinità infernali. pato nella mitologia greca, del serpente
In Babilonia esso è figlio della dea del- col mondo dei morti39 • Ne fa fede, ad es.,
la terra Ka-di n ed è l'animale sacrn cli Artemidoro, che fra gli dèi a cui è sacro

vinghiato, il maledetto dalle sette teste»; ve- SAGLIO Il 404.


di inoltre .i\nat: 111 34-42 (p. 19 s.). Cfr. l'in- lJ -+ KOSTER 99 s.; -+ HARTMANN JII .
tegrazione di NocK in Corp. Herm. I 4: O'XO·
34 -+ Ki.lsTER 133 s.; ROHDE 1 141 s.; -+
'tOç... ij'ol ... wc; ( lScptL) Elx6:cnn µE (A.D. NocK
HARTMANN 511, in basso.
e A.J. FEsTUGIÈRE, Corp. Herm. 1 [1945]);
REITZENSTEIN, Poim.329, aveva integrato: wc; 35 RoHDE I 196; -+ HARTMANN 511; Paus.
Elx6:traL µE ( lìp6:xoV'tL). 1,36,1.
36 Paus. 6,20,4 s.
2' Apofis è chiamato, fra l'altro, «avversario»,
«malfattore», «colui che si deve cacciare o 37 Aristoph., vesp. 438.
distruggere, -+ KEES 55, in alto. 38 -+ HARTMANN ,12.
25 CHANT. DE LA SAUSSAYE Il 241.
J9 Theophr., char. 16,4: tà.v tori (scii. i> lìn-
2
~ CANAAN,
o.e. (-+ n. ro) 13; H. DuHM, Die cnlìalµwv) lScpw tv 'tTI olxlq., ..Jà.v lìÈ /.ipov,
bosen Geister im A.T. (1904) 5 s. tv't'aiiDa i'J~ov cvDùc; llìpvaacrDm. Artemi<l.,
27 -+ FRANK 250. oneirocr. 4,79: Spaxov'tcc; oi. µ~v dc; livlìpac;
2s -+ }ERBMIAS, Handbuch 233; -+ "MEISS· µE't'a~o;).>..ov't'tc; "Hpwac; O'ljµa(vouow, ol lit
NER 34·
dc; yu'ola~xac;, 'Hpwllìac;. Plut., Cleom. 39 (1
29 -+ FRANK 250. 824 a): ol 1taÀ.c.not µaÀ~O''t'a 'tW\I ~~v "tl>v
opaXO\l't'a 't'Oiç -t\puiO'L O'U\ll()XE(WO'av. --+
Jn -+ KEES 57, in basso. WuNDT li 2,269, chiama il serpente «l'ani-
31 Peraltro in Egitto la terra è di genere ma- male delle anime dominante in ogni luogo».
~chile. CHANT. DE LA SAUSSAYll. .• 137; Il 298; -+
n E. POTTJER, art. 'D;aco' in DAREMBERG· HARTMANN 514- p7; - KilSTl!R 62-72; RHO·
oq>iç A 4 (W. Foersterl

il opcixwv, nomina: ZEÙç EaBci~toi; ~. 4. Il serpente in quanto simbolo della


"HÀ.toc;, .6.1}µTJ't"rJP xa.t K6p1}, 'Exa"\1}, vita ·
1
AO"xÀ.rim6c;, "Hpwsc; 41 • Questo rap-
porto è attestato anche in Egitto 42 e si Se già in questi ultimi contesti il ser-
riscontra pure nel paganesimo animi- pente non è più un simbolo di morte,
stico 43 • ma soltanto un animale della terra, es-
Grazie a questo legame colla terra 44 so acquista un carattere interamente
il serpente è nell'Oriente antico 43 e so- positivo quando è collegato alle fonti
prattutto in Grecia 46 l'animale mantico della terra, così necessarie alla vita 51 ,
per eccellenza: i:otov oÈ Tiv lipa. "t"W\I e ai tesori sotterranei 52 • Di qui è facile
opa.XO\l"\W\I xat 1) µa\l"t"LXTJ 47 , «propria il passaggio che fa del serpente un sim-
dei serpenti era anche la mantica». Al- bolo di fertilità 53. Nei misteri greci es-
la comparsa d'un serpente nel sogno o so diventa perfino un simbolo fallico .~~.
nella realtà si attribuiva un significato Così esso entra anche nelle leggende di
speciale 48 • Certi serpenti pronunciava- nascite 55 e acquista un rapporto col
no addirittura oracoli; sono noti so- mondo della vita . Il suo cambiamento
prattutto il serp~nte Glicone di Ales- di pelle diventa simbolo di ringiovani-
sandro di Abonuteico 49 , Trofonio 50 e mento e di rinnovamento 56• In Orien-
la parte svolta dal op&.xwv pitico a Del- te 57 e in Egitto 53 giunge ad essere con-
fì, ~ IIvi}wv. siderato il signore della vita. In Grecia

DE I 244, n. 4 ; ~ fRAZER 80-88. che al mostro che proteggeva il \'elio d'oro e


ID Theophr., char. 16.4: f.à.v n>n ocpLv É'J 'tTI al custode delle auree mele delle Esperidi,
otxlq., f.à.v m1.pEla.v, t«~a~LOV XCt.À.E~V. ~ KOSTEk 120; J.H. BREASTED-H. RANKE,
Geschichle Agypte11s ( 1936, ed. Phaidonl
41 oneirocr. 2,13 (p. 106,9 s.).
i 39; ~ KEES 56.
42 ~ KEES 32r.
51 ~ KùSTER 140-153.
43 E. )OHANSSEN, Geisteslebe11 a/rika11ischer
Viilker im Lichte des Ev. ( 1931 l 33 s. ~ ~ Ki.isTER i49-153 . Cfr. i passi ci triti da
A. DIETERICH, Ei11e Mitbrasliturgic> ( 1903)
.i.1 ro:~« appare come 7tpW't6µav·nç in Aesch .,
123. II serpente nei misteri di Sabazio: ~
Eum. 2 .
NILSSON li 633 s. e il serpente come mezzo
41 ~ ME!SSNER 261; -> JEREMIAS, Ha11d-
rerapeutico contro l'impotenza, ~ MEISSNER
b11ch 258. :;i7. Sul serpente in quanto simbolo della li-
46 ~ Ki.iSTER 121-137.
bido vedi C.G. JuNG, \Vand/1111ge11 tmd Sym-
47 Ael., 11at. a11. u,16. Pitone è il «demone bole der Libido' ( 1938) indice s.v. 'Schlan-
mantico dell'oracolo ctonio preapollinico di ge'; S. STRAUSS, Z ur Symbolik der Scbla11ge ,
Delfì», ~ HARTMANN 510. Altri dati in RoHOE in Psyche 1 (1947/48} HO·Jn.
I 132-134; ~ Ki.iSTEK 121- 124. 5> Suet., Aug. 94; \YI.. DEONNA, L!I Uge11de
4~ Liv. i,56,4 s.; 21,22,8 s.; Horn., Il. 2,308- d'Oclave-Augusle, RHR 42, voi. 83 (1921)
330; Aesch., Choepb. 527 ss.; ~ HARTMANN 167; ~ HARTMANN 518; -> KELLER 286 s.
518, in alto. :..~ Filone di Biblos in Eus., praep. ev. 1,10A7
49 Luc., Alex. 12-16 e passim. (~ n. 5 ): x«t 'TIOÀ.VXPO\ILW'i({"tOV lJÉ fo"t~V
50 ROHDF. I 120, n. 2 a p. 121 . (scii. !;Qov oq>~c;) où µ6vov 'tE hov6µEvov -rò
SI Per l'Oriente: ~ FRANK 253; per l'Egitto: yijpctc; VEa!;Ew, &:À.À.à Xct~ «Vl;TJO'W Èmof-
-> KEES 56; per fo Grecia: 4 KOSTER 153· XEO'l>({~ llEl!;ova 7téq>VXE.
51 Su Sahan quale signore della vica e divi-
157.
52 Artemid., oneirocr. 2,13 (p. 106,7 s .J: (opO.- nitiì autonoma in Dcr, ~ l\!F.tSSNF.R 284.36;
xwv CTT]µalve~) x«t 7tÀ.Ou"tov xat xp'iJµa:rn - > FRANK 253-
o~à 't6 btt l>Ecret.vpovc; lopVEO'i}cu. Si pensi flll· ;;~ ~ ROEDER 266, in basso.
35 (v,570) o<;nc; A 4 (W. Foerster)

in certi sogni d'incubazione compare il talità degli Egiziani che solevano par-
serpente risanatore quale rappresentan- lare dell'alito infuocato e annientatore
te del dio 59 e anche altrove la sua com- del serpente -7 col. 30; era sorta di
parsa è indizio d'intervento divino 60 • qui l'idea dell' «occhio fiameggiante di
Infine il serpente stesso è ritenuto un Horus»M.
dio e adorato come tale. In Babilonia e- In molti luoghi si venerava un ser-
sisteva la divinità-serpente Sahan, og- pente domestico: in Babilonia ed in E-
getto di culto in Der e menzionata nei gitto si mantenevanò serpenti nei tem-
giuramenti 61 ; la fede popolare egiziana pli 65 e più tatdi sul Nilo ogni casa e
conosceva una dea-serpente 62 ; prima ogni luogo sano aveva il suo serpen-
dell'unione del regno il serpente Buto te 66• In Roma valeva la massima: nul-
era la divinità principale dell'Egitto in- lus ... locus sine genio, qui per anguem
feriore 63 • Filone di Biblos cita Sanchu- plerumque ostenditur 67 • In Grecia il
niathon: "t"i]\I µÈ.v oùv -cou opcixov""toç culto di ZEùc; K..1)a-Loc; e di ZEùc; MEt-
q>UO"LV xaì. -rwv Oq>EW\I a\hòc; È~EilEla­ )..l:xLoc; in forma di serpente e quello
O"E\I ò Tav-c6c;, xaì. µE'r' a\hÒ\I a.ùihc; analogo dei figli di Giove (Atòc; xou-
<I>olvtxÉc; -CE xaì. Alyu'Tt-ctot. II\IEVµa"t"t- pot) si riallaccia al culto del dio dome-
xw-ca"t"o\I yà.p -cò sl;Jov 1ta\l"t"WV "t"WV stico e risale forse fino all'epoca minoi-
Ép7tE-cwv xa.ì. 7tupwoEc; v7t'm'.rtou 1tC1.pE- ca 68 • Bisogna ricordare infine il primor-
o61lri, «lo stesso Tauto divinizzò la na- diale serpente egizio Knef 69 e la parte
tura del drago e dei serpenti e, dopo di analoga che ha il serpente nella cosmo-
lui, i Fenici e gli Egiziani. Da lui in- gonia orfica 70 • Gli echi di questa conce-
fatti fu tramandato che questo animale zione giungono fino alla letteratura ma-
è il più alitoso e igneo di tutti i retti- gica 71 •
li». In questa citazione trnspare la men-

59 DlTTENBERGER, Sy/1.3 II68,II5 ss. k1111de 1 (1917-21) 23; G. W1ssowA, Relighm


60 Plut., Cleom. 39 (1 823 e) = - n, coli. tmd K11lt11s der Romer (1912) 176 s.; -
1469 S., n. I I .
HARTMANN 518 s.; ~ NILSSON I 325.387 s.
Sull'ciyaì>òc; oalµwv in forma di serpente ve-
61 - FRANK 250 s. di - NILSSON li 205 s,
62 KEES, o.e. <-
n. 20) 333, in basso.
6J BREASTED, o.e. (- n. 52) 37; ~ Km~s 53.
68 - NlLSSON I 267 s. 378-388; CHANT. DE
I.A SAUSSAYE 308.322.
61 - K1rns 54. Vedi anche il passo di Filone
in Eus., pracp ev. 1,10,46 <- n. 5). Il mis- 69KEES, o.e. (- n. 20) 330; ~ KEES 347.
sionario Unger (]. SPIETH, Dic Rcligion dcr 349.
Eweer in Siid-Togo [ 1911] r43) racconta che n Damascius, de principiis 123 bis (presso
gli Evei considerano sacri certi serpenti an- M.P. NILSSON, Die Religion dcr Grieche11 =
cor vivi, e qunndo vedono un pitone s'ingi- Religionsgcschichtliehes Lesebuch, cd. A. Ber-
nocchiano davanti ad esso e baciano la terra tholet' [ 1927] 51, nr. 104; H. LEISEGANG,
rnsente la sua testa. Das Myslerium der Schlange : Eranos-Jahr-
65 - MEISSNER 66, in alto; 71, in basso; - buch. 8 (1940) 151-250.
FnANK 251 s.; ~ RoEoER 154 (un serpente 71 aù Et ò µÉ;etc; "OcpLc; i)youµE\IOç "tOU"t'WV
velenoso "è 'mantenuto nel tempio). "tWV i>Ewv, Ò "tTJV cXPXTJ\I "tijc; Aiyun"tov
t.t ~ Km::s 57.216.301; - CHANT. DE LA ~xwv xat -rnv nÀ.EU'tTJV "tijc; 1Skr1c; olxouµÉ-
SAUSSl\YE 1 463. VTJc;, PREISENDANZ, Zaub. IV 1637·1642. Sul
67 Scrvius, i11 Vergilii Aeneidem 5,85; A. serpente che si morde la cado i!1 quanto sim-
NEHRING, art. 'Ahnenkultus' in O. SCHRADER, bolo dell'Alwv e dell'universo vedi ~ N1Ls-
Reallexiko11 der indogerinanischen Alterl111JJs- SON Il 479, n. t.481.
37 (v,570) oc,~ç I3 r !O. Grethcr/J. Fichtncr)

5. Riepilogo B. IL SERPENTE NELL'A.T.

Così si chiude il cerchio di questo Il vicino Oriente è ricco cli serpen-


ti, come tutti i paesi dell'Asia meri-
simbolismo, che va dal serpente del
dionale. In Palestina se ne sono osser-
caos primordiale al serpente primor- vate finora trentatré specie 73 , fra cui ta-
diale e ci mostrn l'ambivalenza· di un lune velenose. Anche l'A.T. pe menzio-
simbolo 72 che è in fondo l'ambivalenza na alcune con nomi speciali, che però
non è sempre possibile identificare zoo-
della natura stessa, simboleggiata da logicamente 74 .
quella terra che produce la vita e poi
la divora. Infatti il duplice aspetto del I. Terminologia
serpente - potenza del caos primordia- Più frequentemente ricorre il nome
le e potenza primordiale - non è ricon- specifico peten 15 (per es. in Deut. 32 1

ducibile alla differenza fra il serpente 33; Is. 11,8; Ps. 91,13), a cui fanno da
parallelo ~i/'oni (Js. 11,8) 76 e 'e/'eh
velenoso e il serp::ntc innocuo. Ciò che (lob 20,16), che sono pure paralleli
invece ha procurato al serpente un ruo- d'altri termini (Ier. 8,17; Prov. 23,32 e
lo così importante nel mondo delle re- Is. 30,6; 59,5). Sono hapax leg6mena:
s<ft/on (Gen. 49,17), 'ak'Sub (Ps. 140,
ligioni è stato il su::> potere di uccidere 4) e qippoz (Is. 34,15). Di tutti questi
congiunto alln sua estraneità, all' «alte- nomi, che designano specie cli serpenti
rità totale» della sua comparsa, alla sua velenosi (eccetto qippoz) iLXX traduco-
no con oqnç solo 'ef'eh in lob 29,16 77 •
«misteriosità». Però alla luce dell'Anti-
Va oltre il campo zoologico h desi-
co e del Nuovo Testamento l'elevazio- gnazione d'una specie di serpel"\ti con
ne di questo animale scaltro, legato al- siiriif. Nel racconto del serpente di
ln terra, nocivo e così distante dall'uo- bronzo, in Num. 21,6, sono chiamati
hanncpiis1m hafS<rii/lm (Deut. 8,15 : nii-
mo, a cangiante simbolo dell'essere di- hiis siirii/), e in Num. 2 I ,7 .9 semplice-
vino è il segno inquietante d'una con- mente niipiis, gli aspidi letali che mor-
fusione tenebrosa .fra Dio e il demonio. devano gl'Israeliti.
Con esatta corrispondenza è chiama-
W. FomtsTER to Sara/ al V. 8 (invece n"has n•boJet
al v. 9) l'immagine di bronzo fotta· scol-
pire da Mosè. Il termine siirii/ di Num .

72 --+ WUNDT II 3,174, parla d'un «ondeg- 75 Tralasciamo qui una possibile identifica-
giamento dcl sentimento, che si riscontra do- zione di certi nomi" ebrair.i con specie di ser-
vunque si tratti dcl demonico». penti conosciute.
73 H.B. TRISTRAM, Tbe Fauna amJ Flora o/
i.I ls. 14,29: !efa'.
Pa/estinc = The S11ruey o/ Y(f es/cm Palesi i·
!IC 4 ( 1884) 140. 71 I LXX traducono talvolta tutti 1 nomi e-
7~ --+ BAUDISSIN, Symbolik 281 ss.; A: Soc1N, braici citati con àcntlc; e usano inoltre ~c.t.<T~ ·
art. 'Schlange' in B.\V.; P. T1-10MSEN, art. >..laxoç, opàxw\I, XEpàa-n1c;. ÈX~\loc;. Lo l 'fl-
'Schlange' in M . EBERT, Reallcxiko11 der Vor· /011 di Ge11. 49 1 17 non ha un equivalente
geuhichle x1 ( 1927-28) 264 s. greco.
ocpL<; B I -2 (0. Grcther/J. Fichtner) (v,572) 40

2 I A ss., dove non v'è cenno che faccia tica (~II, coli. 1465-1472)ro.
pensare a un carattere soprannaturale niipiis è il nome che corrisponde al
di questi serpenti, indica quindi una genere 'serpente'. Però talvolta è usato
specie velenosa non meglio determinatn come parallelo a nomi di specie (per
di ofidi del deserto o la loro immagine. es. in Gen. 49,17; Ps. 58,5; 140,4;
Invece siirii/ me•ojèf (ls. 14,29; 30, Prov. 23,32) e il suo collegamento con
6) si riferisce a un serpente zoologica- concetti parzialmente mitologici fa ca-
mente inconcepibile, a un prodotto del- pire che esso è un termine insieme zoo-
là fantasia popolare che s'incontra an- logico e religioso. Essendo considerato
che fuori d'Israele; non esistono infat- impuro e non venendo mai tenuto co-
ti dei serpenti volanti 73 • me animale domestico dagli Israeliti la
Totalmente ibridi sono i scriz/lm, es- differenza dei pagani, ~ n. 1 2 e col.
seri provvisti di sei ali, che circondano 36), il serpente non poteva far par-
il trono di Jahvé in Is. 6,2 .6 . Anche i te degli animali da sacrificio. Era con-
tannin congiungono nature diverse; siderato impuro perché fra i popoli con-
questo termine è posto in Deut. 32,33 finanti con Israele era oggetto di culto.
e Ps. 91,13 accanto a peten e in Is. 27, Il termine oq>~c;, usato 29 volte dai
l e Ps. 74,13 s. accanto a liwjiitiin e LXX per tradurre nii/Jiis (~ col. 49 ),
designa in Gen. 1,21 (e in Ps. 148,7?) ne è un equivalente quasi del tutto cor-
un grande pesce di mare, in Ex. 7 ,9 s. rispondente, ma designa soltanto i ser-
x2 e passim un grande serpente vele- penti di terra . In Am. 9.3 e Iob 26,13,
noso, in lob 7, I 2 un mitico mostro ma- dove, secondo il contesto o perlomeno
rino, un drago nemico di Dio; in I s. secondo l'opinione del traduttore gre-
51,9 (par. di rahab) e passim significa co, si tratta d'un serpente di mare,
l'Egitto e il suo sovrano. Anche con LXX rendono niil;iis con op<bcwv.
liwjiitiin (in Is. 2 7 ,1, posto accanto a
tannln e designato come serpente) s'in- 2. Natura del serpente
tende indicare un essere mitico e ne-
mico di Dio; cfr. Ps. 74,13 s.; lob 3, A differenza delle concezioni spesso
8 79 • In Ps. 104,26 e lob 40,25 liwjiz- molto fantastiche dei Greci e dei Ro-
tiin designa un grande animale acquati- mani, l'A.T. dimostra una conoscenza
co (il coccodrillo?), ma anche in questi zoologica quasi sempre oggettiva di
passi non smentisce la sua origine mi- questo animale 31 • Ne mette in rilievo

73 Gli Arabi, per esempio, credevano che e- ten?), br!J e bJn 'kl!n. I LXX traducono liw-
sistessero nel deserto dei serpenti volanti e iiitim e la1111l11 per lo più con òpaxwv e una
li consideravano esseri demonici. volta con xi)-roc;, mentre in Aquila, Simmaco e
79 Cfr. G. HoLSCHl!R, Hiob = Handbuch Teodozione si trova spesso la trascrizione
zum A.T. I 17 (1937) 1:;. AEuLai}av.
80 Particolarmente chiara è l'origine del Le· BI Se nell'A.T. si supponga veramente che il
viatan dalla mitologia non israelitica in Is. serpente mangi polvere è una domanda a cui
27,1, dove, per descrivere il trionfo escatolo· si risponde secondo che si prendono in sen-
gico di Dio sugli imperi del mondo sono u- so letterale o figurato i passi di Ge11. 3,14 e
sati termini mitologici che si ritrovano - col- Mich. 7,17 (cfr. Is. 65,25); forse si tratta di
lo stesso ordine - nel mito ugaritico sulla un'immaginazione derivata dal fatto che certe
morte di Baal: liwiiil1m, nii!JiiJ bariah e specie di ofidi sputano saliva sulle vittime
nii~iiJ 'ìiqalliito11 (dr. Syria 15 [ 1934) 305 prima di divorarle, per cui la polvere si ap-
=
ss.): ltn (forse :::: /OJan, da /wJn), bJn f pe- piccica alla loro bocc:i [comunicazione orale
ocp~ç B 3 (). FichtnerJ

speciale la pericolosità, ne osserva con 3 . Ge11. 3


ribrezzo e terrore il modo incompren-
sibile di muoversi sul ventre (Gen. 3, Come abbiamo visto(~ n. 80), i mi-
14; Lev. II,42), il sibilo agghiacciante ti esistenti nelle religioni e nei culti
(Ier. 46,22; cfr. Sap. r7,9) e la mossa
repentina con cui attacca gli uomini e dei popoli contigui a Israele lasciarono
gli animali (Gen. 3,15; 49,17). Si teme alcune tracce - ora peraltro in parte
il suo morso pericoloso e il suo veleno assai bene coperte - nell'A.T. 83 Nel
mortale (Ge;1. 3,15; Num. 21,6; Deut.
32,24.33; Am. 5,19; lob 20,14 e pas-
racconto di Gen . 3 {~ 1, coll. 755 ss.)
sim). Perciò per il Salmista la difesa è assegnata al serpente (hanniifJiiS) una
del giusto contro il serpente è un e- funzione important~, ma secondaria,
sempio tipico della protezione divina
per cui non è lecito definire questa nar-
(Ps. 91,13). La sua natura misteriosa e
astuta lo fa apparire come l'animale più razione un mito ofidico. Lo Jahvista ci
scaltro 82 e nello stesso tempo come un tiene che nel serpente si ravvisi un a-
maledetto da Dio e un nemico insidio- nimale84 e lo chiama espressamente una
so e irriducibile dell'uomo ( Gen. 3, l.
14 s.). Per questo si descrive la mali- creatura di Dio 85 • Anche dopo la male-
gnità degli empi paragonandoli al ser- dizione, che lo costringe a vivere spre-
pente (Deut. 32,33; Is. 59,5; Ps. 140, gevolmente e in lotta continua coll'uo-
4 e passim) e si ammoniscono i disce-
poli della sapienza a fuggire il peccato mo, ·esso resta per lui una bestia, ben-
come si fugge alla vista d'un serpente ché esclusa, in ceno modo, dalla comu-
(Ecclus 21 ,2 ). I serpeqti servono a Dio nità degli «animali onesti» : 'iirur 'at-
come strumenti per castigare il suo po-
tiih... mikkol... hajjat haSiiideh, «male-
polo (Num . 21,6; Deut. 32,24; Ier. 8,
17; cfr. Ecclus 39,30), e, d'altrn parte, detto tu... fra tutti gli animali della
la pace fra l'uomo e il serpente segna campagna» (Gen . 3,14) 86• Peraltro, il
l'apice nella descrizione profetica del narratore sviluppa questa immagine na-
tegno pacifico dell'era messianica ( Is.
I I ,8 ), turale del serpente dipingendola con
O. GRETHER/J. FICHTNER colori che esulano dal regno animale.

di L. RosT]. 81 «Per lo Jahvistn il serpente che parla non


81 È indicativo che il serpente non sia defini- è altro che l'animale stesso nella sua animali·
to f1iika11, ma 'arlim (astuto, scaltro). t?i, cioè il progenitore di tutti i serpenti, co·
me Eva-è la progenitrice di tutti gli uomini»
&J Non è il caso di dedurre da nomi di per- (.f. HEMPEL, Gott, Mensch 1111d Tier im A.T.:
sona quali 11ii/_JiH (1 Sam. 11,1 e passim},
ZSTh 9 [ 1932] 229).
11a/JJ611 (Rulh 4,20 e passim) e iiiriif (1 Chro11.
4,22) l'esistenza di un culto del serpente o 85 Ge11. 3,1: mikkol hajjat haJSiideh 'iiier 'iisa
un totemismo (M. Noni, lsr. Perso11e1mame11 jhwh 'Clohim, «di tutti gli animali della cam-
[ 1929) 230); mentre invece si riferiscono a pagna che il Signore Jahvé aveva formati».
un preisraelitico e cananaico culto del serpen-
8
t: certi nomi di luoghi com 'ir 11iihii'f (1 ~ 'iiriir con mili significa via da, separato d;1;
Chro:1. 4,12), 'é!z hat1a1111ill (Ncem. 2,13) e dr. anche Ge11. 4 1 1 1 (L. KOHLER, Lexicon in
'cbc11 hazzobclet (i Reg. 1,9 ). Veleris Testam enti /ibros [1948 ss.] s.v. 'rr) .
43 (V,573) o<piç B 3 (J. Pichtncr) (v,573) 44

La sua arte così raffinata ('satanica') di mente ambigua: esso è un animale, ma


sedurre, la sua conoscenza di cose igno- è pure un essere speciale, la cui ostilità
a Dio è evidente.
te all'uomo e soprattutto l'intenzione
- che traspare in tutto il suo interven- Il motivo per cui lo Jahvista colloca
to - di distruggere l'armonia fra la il serpente nel regno animale in un
creatura e il Creatore e di sottrarre al- punto rilevante del suo racconto - cioè
l'uomo il bene altissimo della vita, so- nell'introduzione (Ge11. 3,1) - e ne pre-
no tutti tratti che sorpassano Ja natura suppone poi fo natura animale anche
animale. nella scena finale della ~laledizione
Nelle mitologie dei popoli confinan- ( Gen. J, I 4 s.) può ricercarsi soltanto
ti con Israele al serpente è attribuito, nella sua intenzione di promulgare la
da una parte, il potere mantico che lo verità che Jahvé è l'unico Dio e di trac-
suppone iniziato alla conoscenza di mi-
steri speciali (~ col. 33) e, dall'al- ciare un limite contro le concezioni mi-
tra e spesso, un carattere demoniaco tiche straniere, in cui le divinità del
avverso a Dio (~ col. 31). Però nel· caos, in forma di serpenti e draghi, lot-
l'antico Oriente non si trova alcun pa- tavano contro le divinità creatrici e ne
rallelo letterario del racconto biblico
della caduta originale, e Ja raffigurazio- minacciavano la creazione. Per lo Jah-
ne che compare sul cosiddetto «cilin- vista esiste un solo Dio, ('elohim) ihwh,
dro babilonese del peccato» 87 non ha l'unico creatore e signore; tutto il re-
nulla a che fare con Gen. 3 88 • Non è
neppure certo che esista un rapporto sto è creatura. Però nella mente del-
fra il nome della progenitrice Eva (paw- 1'autore biblico esiste anche un'altra
wa) e Ja dea-serpente fenicia Havva 89• convinzione che non si armonizza logi-
Tuttavia in molti miti orientali antichi
il serpente dimostra di avere, come in camente colla sua fede nell'onnipoten-
Gen. 3, una natura ostile a Dio, perché za di Dio e produce quindi quell'ambi-
distrugge l'armonia della creazione .di- guità che caratterizza tutto il racconto
vina (o cerca d'impedire ch'essa venga e soprattutto la figura del serpente. Lo
stabilita) 90 • E, come nel nostro raccon-
to sul paradiso terrestre, anche nell'e- Jahvista è conscio che nella sua esisten-
popea di Gilgamesh il serpente cau- za e in quella del mondo non c'è più
sa la perdita della vita degli uomini 91 • l'armonia voluta da Dio fra il creatore
Perciò Gen. 3 lascia trasparire qua e là
un'antica tradizione mitologica che col- e la creatura, é che l'uomo vive lonta-
loca il serpente in una luce pat·ticolar- no e separato dal suo Creatore. In Gen.

87 A.O.B., fig. 603 e p. 168. Noldeke (1916} 90 s.


8S Cfr. B. BoNKAMP,Die Bibel im Lichle dcr 9:1Apofis presso gli Egiziani, Tiamat e Lab-
Keilschriftforscht1ng ( 1939} rn2. bu presso i Babilonesi, Illujankas presso gli
8·1 Di opinione diversa è L. KOHLER, Theolo-
Ittiti, LOtan presso i Fenici e Azi Dahiika pres-
gie des A.T. (1936} 239, .n. 97; dr. M . Lrnz. so gli Iraniani: - col. 30.
BARSKI, Ne11e Giitter, in: Pestgabc fiir Th. 91 Tnvola xr, A.O.T. 182 s.
4.5 (v,573) ocpLç B 3 (J. Fichtner)

3 egli vuole raccontare come è avvenu- 111~ mai il male sia potuto entrare nel
ta questa rottura. Questo capitolo del- mondo creato da Dio 95 •
la Bibbia non è una raccolta di eziolo- In questo contesto va detta una pa-
gie particolari, ma tratta dell'esistenza rola sul cosiddetto protoevangelo di
presente dell'uomo, che ha origine nel- G~·il. 3,15. L'alterazione dell'essere del
la perdita del paradiso dovuta all'al- s~rpcntc prodottn dalla maledizione ri-
lontanamento da Dio. Quello che qui guarda da una parte la sua natura ani-
importa è «l'uomo e la sua colpa» 92, e ma le, la sua costituzione (il modo di
la circostanza che la tentazione provie- muoversi e di nutrirsi) e dall'altra il
ne dall'esterno è ben più d'un detta- suo rapporto coll'uomo, che da una
glio dovuto a «un'esigenza descrittiva» C;)Csistenza apparentemente pacifica
indicante un processo interiore dell'uo- (nei riguardi di Dio!) si trasforma nel
mo 93 • Coi tratti del serpente che sm- coatrasto perpetuo cl'un'inimicizia mor-
passano la natura animale lo Jahvista tale. La decisione divina è una condan-
accenna in modo enigmatico e velato a na che colpisce il genere dei serpenti;
una potenza nemica di Dio, che ha con- ma non si deve dimenticare che la ma-
tribuito ad allontanare l'uomo da lui e ledizione di qu:':sti tcttili cambia anche
resta una minaccia mortale per la vita la situazione dell'uomo e annuncia per
degli uomini di tutti i tempi. Egli non lui una minaccia m:>rtale e permanen-
identifica il serpente con un demone o te. Questa minaccin mortale non. com-
un anti-Dio 91 - e come poteva farlo prende soltanto il pericolo d'essere
nella sua posizione di difesa contro le morso dal serpent~, a cui è esposto
religioni contigue? - ma accenna al mi- I 'uomo singolo 96 - ciò non corrisponde-
stero di questo insolubile problema: co- rebbe al carattere teologicamente cosl

91 G. v. RAD, Das ersle B11cb Mose, cnp. c- 11aissa11ce d11 Bie11 e d11 Mal e le Péché d11
12,9, A.T. Dcutsch ( 1949) 70. Paradis, Analecta Lovanicnsia Biblica et. Q .
riei1talia H 3 [ 1948]).
93 Così pensn v. RAD, l.c. (~ 92), che però
subito dopo parla dell'«avversario dell'uomo», 9
1
Per tacere di 'Satan~', a cui l'A.T. attri·
che resta «per tutto il racconto ... un incognito buisce Ja. funzione di nnti-Dio solo nell'età più
difficilmente definibile, un enigm~ mai de:i- tarda. L. Ko1uER, o.e. (~ n. 89) 164 s.
fratO>>. Simile è l'opinione di G. QUEL!. ~
r, coli. 764 ss., il quale tuttavia soggiunge che
9-' Cfr. HEMPEL, o.e. (~ n. 84) 228 e E1cu-
lo Jahvist~ avrebbe introdotto il serpente per RODT, Theol. A.T. Ili 96, n. r.

far capire «che l'uom:> peccatore cade in pre- 90 E neppure l'ostilità fra l'uomo e l'animale
da a una potenza estranea». J. COPPENS rav- in genere. Nella storia delle origini la posi-
visa nel serpente di Gen. 3 il simbolo delle zione creaturalc dcl genere umano verso le
deità cananee della vegetazione e interpreta specie animali subisce un 'alterazione fonda-
il suo intervento come un tentativo dì assog· mentale soltanto al cap. 9 <lei G::nesi (fonte
gettare l'uomo agli dèi della terra (La Con- P!).
ocp~ç B 4 (j. Fichtner l

significativo di Gen. 3, dove si pensa a tibile, nella forma attuale, d'una inter-
tutta l'esistenza umana, con le sue sof- pretazione teologica ben definita 99 • È
ferenze, le sue fatiche e la sua mortali- uno dei vari racconti della tradizione
tà dovute alla colpa dell'uomo - ma si sull'esodo e sulla traversata del deser-
tratta inoltre e soprattutto di quella to che narrano le proteste del popolo
più profonda minaccia che proviene da contro il piano salvifico di Dio, il suo
una potenza insidiosa e nemica di Dio castigo contro i rinnegati e il suo soc-
che cerca continuam-:nte di indurre corso misericordioso. Racconti di que-
l'uomo alla disobbedienza e di espor- sto genere si trovano in tutte le fonti
lo così alla morte 97 • Secondo Gen. 3 del Pentateuco, nelle più varie for-
non c'è scampo da questa minaccia nel- me 100, e ogni volta la parte decisiva è
la presente creazione decaduta. In assegnata a un atto miracoloso del Dio
quanto Gen. 3,15 non parla di una fine dell'alleanza in favore del suo popolo.
del contrasto fra il 'serpente' e l'uo- La storia del serpente di bronzo costi·
mo 98 , non si può considerare questo tuisce forse un caso speciale in quanto
verso un protoevangelo. Ma in quanto qui non si tratta d'un aiuto che Dio of-
nella nuova creazione - iniziata da Dio fre incondizionatamente a tutto il po-
coll'inviare nel mondo il Figlio suo - polo - come per es. nell'invio della
le potenze antidivinc sono sottomesse manna (Ex. 16,1-21) o nel dono dell'ac-
per mezzo di Cristo, il messaggio cri- qua fatta scaturire dalla rupe (Ex. 17,
stiano può celebrare in Cristo il vinci- I·7; Num. 20,2-13) - ma d'un aiuto
tore del serpente. concesso all'individuo a condizione che
guardi al simbolo elevato in mezzo al
campo. Non deve però passare inosser-
4. Num. 2I
vato che il nostro racconto, nella for-
La storia del serpente di bronzo ma attuale, non intende rilevare un ef-
(Num. 21,4-9; cfr. Deut.8,15) è suscet- fetto magico dello sguardo rivolto al

97 Cfr. Gen. 6,i-.~ e 6,5 ss. e i molti passi zioni religiose che potrebbero fare da sub-
dell'A.T. che rilevano l'intimo rapporto esi- s!rato a Num. 21,4 ss. Vengono addotte co·
stente fra la morte e il peccato. me parallele certe· operazioni di magia simpa-
98 Non ha fondamento sufficiente l'opinione tetica (dr. H. GRESSMANN in: Die Schriflm
che nella condanna alla lotta interminabile des A .T . ili Auswabl t 2 ( 1922] 99) e come
frn il serpente e l'uomo sia implicita nella termini <li confronto le verghe-scrpenci asso-
mentalità degli antichi orientali anche la spc· ciate agli dè1 guaritori {A .0.B., fig. 367 ), ol-
ranza di un salvatore, di un vincitore del tre a molte altre analogie.
serpente; se fosse cosl, il testo dovrebbe al· IOO Cfr. Ex. 14,9 ss. ; 15,22 ss.; 16,1 ss.; 17,1
meno accennarvi. ss. (par.N11111. :rn,2 ss.); Num. 11,1 ss. 31 -34;
99 Qui non è possibile ·trattare delle conce· i7,6 ss.
5qn<; ( I (\V/. foerster)

serpente di bronzo, ma vuol far capire ltlowv, Pr1.<n)..lcrxoc;, XEpa<r'tTJ<;) e così


che questo mezzo misericordioso di pure siiriif -7 III, col. I 318 (Oq>Lç C aCT-
1tL<;). Singolare è Éxt:voç, che traduce il
salute, ordinato e, si potrebb::: quasi di- qippoz di Is. 34,15. Molto varia è la tra-
re, 'istituito' <la Dio, è «ttn segno di duzione di rahiib : è reso due volte con
salvezza raggiungibile da ogni parte col- xfj-.oç, una volta è trascritto con Pa.aB,
altrove è tradotto liberamente. xij"t"oc;
lo sguardo ed è quindi un aiuto offer-
compare anche in Gen. 1 ,21, dove stil
to a tutti» 101 • per tannln, e in lob 3,8 per liwjiitiin.
L'identificazione del serpente di bron- Agli abbinamenti con niil;iis (11iibiis si-
zo colla verga-serpente di Mosè (Ex. 4, f'oni, Ier. 8,r7 e nal;iis siirii/) corri-
sponde nei LXX Oq>Lç con un participio
2 ss.; 7,8 ss.; r7,8 ss.) non è dimostra-
( ìlet.Vct'tWV o òa.xvwv ). Non è chiaro il
ta 102 ; ancor meno convincente è un rap- motivo per cui i LXX, in I er. 50 ( 2 7 ),8,
porto col ncbuitan che Ezechia fece to- trasformano in serpenti ( opcixov·'t'Eç) i
montoni ( 'attiJdlm) che precedono il
gliere dal tempio di Gerusalemme 103 • gregge. Talvolta oqnç è nei LXX un ter-
J. fJCllTNER mine pleonastico senza equivalente e-
braico (Gen. 3,r; Num. 21,8).
C. IL SERPENTE NEL TARDO GIUDAISMO b) Quanto al significato, bisogna
chiedersi se la traduzione dci' LXX im-
1. Il serpente nella traduzione dei LXX plichi una presa di posizione contro la
a) Terminologia. 11abai è tradotto con mitologia dei serpenti del caos . In Is.
ocp~c; in 29 passi su 32 (in Am. 9,3 e 51 ,9 essi tralasciano l'allusione alla lot-
lob 26,13 con Òpaxwv); ta1111i11 invece ta di Dio contro Rahab 101 ; in Ps. 74
è reso con òpcbtwv in r 4 passi su r6 e :13),143 il cod. B non ha l'emistichio
liwiiitiin è tradotto con opcixwv 5 vol- che si riferisce al Leviatan, il che, date
te su 7; a peten invece corrisponde, 4 le molte varianti degli altri codici, po-
volte su 6, a<T1tlc;; a 'ef'eh due volte trebbe corrispondere al testo origina-
aa7tlc; e una volta oqnc;; fe/a' o #/'oni le. In lob 9,13 gli «aiutanti di Ra-
hanno diversi equivalenti (Exyova: aCT- hab» vengono tradotti con x1}'t'r] 'tà

IUI L. GOPPELl', Typos ( 1939) .v.o. 4uesto passo), sarebbe possibile una quanuta
IOl Questa identità è sostenuta da ElcHRODT, d'intcrpretazioni che vanno dalla divinità cto·
Theol. A.T. 49 s., il quale poi è costretto a nica al serpente celeste fino al totem; se in-
concedere che nel racconto elohistico di Nr1111 . vece era un oggetto-<lei culto jahvistko, non
2 r «il significato della verga quale simbolo
era sicuramente un'immagine di Jahvé (per
di comando viene soppresso o è andato per- quesfo mancherebbe ogni aggancio), ma un
simbolo dell'aiuto misericordioso di quel Dio
duto» (ibid. 49, n. 9).
dell'alleanza, la cui potenza salvatrice era sta-
101 È vero che in 2 Reg. 18,4 il n' huitiin è
ta ripe tutamente dimostrata al popolo d'Israe-
chiamato espressamente 11'J?ai hann'ljoiet 'a- le dall'esodo in 1>oi. Non è escluso che N11m.
ier 'Ma moieb, «il serpente di bronzo fatto 21 ,4 ss. inccnda provare proprio la legittimità
da Mosè», ma non è certo che questa di quel simbolo cultuale.
interpretazione corrisponda al significato o·
riginario del Nehustan. Ammesso che fos- 101 Teodozione ha Ti À.a:-coµi]O"a:O"et. 1tÀ.a-co:;
se un simbolo cultuale derivato dai pagani (= rabab ), oiaÀ...Jcret.O'a op&.xov-co: ( = /tlll-
(come gli altri oggetti di culto menzionati in 11in ).
ocp~<; C 2 (W. Foerster)

ù1t'oùpavov. Questo è un modo <li simbolo dell'astuzia per eccellenza (co-


prendere posizione contro il mito: O· me è la volpe 105 ), ma c'è un detto rab-
mettendolo, oppure sbiadendolo. Il se- binico che accosta la prudenza del ser-
condo modo è di trascrivere i nomi mi- pente all'innocenza della colomba 107 •
tologici tali e quali, come si fa per es. Talvolta si confrontano alle distorte vie
in Ps. 87 (86),4: PaaB. Il terzo modo del serpente i modi di agire delle au-
consiste nel volgere il mito a signifi- torità ws, e anche altrimenti si fa risal-
cato etico-religioso. Cosl niipas biiriaf.i tare la sua scaltrezza: il demonio non
( ~ col. 30) è tradotto ocpt<; cpe:vywv avrebbe trovato nessun animale abile
«serpente fuggiasco», in Is. 27,1, men- come il serpente a fare il male 109• Esso
tre in I oh 2 6, 1 3 è reso con o pcixwv è un simbolo di astuzia anche in 4
a7tOO''tG.'t'flt;. Ancor più oltre si va in Mach. 18,8 e in Ps. Sai. 4,9 110 . In Dam.
Ps.89(88),11, dove rahab diventa in 8,9 la «bava del dragone» e il «veleno
greco Ù7tEp1)cpavo<; 105 • Seguono questa della vipera» di Deut. 32,33 sono rife-
linea anche i traduttori posteriori; Sim- riti ai re pagani e greci.
maco traduce sempre rahab con aÀa- b) Rifiessi di concezioni mitologiche.
sovdcx. (lob 9,13; 26,12; Is. 51,9) e A- Da11. 14 (Bel e il dragone) si tiallaccia
quila, in Is. 51,9, con opµ11µa. In Ps. ai serpenti babilonesi dei templi (~
Sal. 2,25, dove il contegno di Pompeo col. 36). Come nel paganesimo, il ser-
è detto V7tEp11cpa:vla -i:ov opcixov,;oç, pente non manca nelle descrizioni de-
l'antico mito naturalistico del serpente gli inferi (~col. 29). In Hen. slav. 42,
del caos è congiunto a motivi riguardan- 42,r i custodi delle porte deJJ'Ade han-
ti Lucifero o l'Anticristo. no la forma di grossi s-:!rpenti e l'Ade
stesso, in Bar. gr. 4 111 e apoc. Abr. 31,
2. Il serpente negli apocrifi, pseudoepi- 7, è descritto come un drago (verme)
grafi e nella letteratura rabbinica che divora i malvagi. Qualcosa di simi-
le si legge in Giuseppe e Aseneth 12,II
a) Il
serpente come simbolo. In 'Ecri). ( Riessler 5 11 s. ). Dove si fa comparire
l,Ic; ro,3d, dove Mardocheo e Aman la morte nel suo vero aspetto non
son paragonati a due opcbco\ln<; pronti mancano tratti serpentini: test. Abr. A
all'attacco, non si hanno riferimenti a 17112.
miti o a proprietà straordinarie del ser- Nel tardo giudaismo non si afferra-
pente. In Sib. 5,29 appare un oq>tç come no più gli echi dell'A.T. alla lotta col
animale funesto per indicare Nerone. serpente del caos 113 ; Rahab non è men-
Secondo i rabbini il serpente non è il zionato e il Leviatan non ha più la

10:; Èsorprendente anche In traduzione di Ps. 110 Sul problema se in questi passi si pen-
104 ( 103),26, dove il Lcviatan, «Creato per si a una seduzione sessuale di Eva da par-
divertirsi nel diventa il Sp&:xwv, 8v
m'ltC» , te del serpente, vedi A. DE1SSMANN presso
~'TtÀtt<T«<;, tµ'ltal>;t~v
aò-rr{l, che probabilmen- KAUTZSCH, Apkr. 1111d Pseudepigr. a 4 Macb.
te significa: «per farsi beffe di lui». Secondo 18,8; LIETZMANN e \VJNDISCH, 2 Kor. a u,3.
i rabbini Dio si diverte con lui ogni giorno 111 Qui il serpente è descritto coi tratti del-
(STRACK-BILLERBECK Ili 160; IV u59).
l'egiziano «divoratore infernale».
106 STRACK-BILLERBECK li 200 s. 112 Edito da M.R. }AMES in TSt 11 2 (1892)
107 STRACK-BILLERDECK I J74 s. 99,17.
IOJ:I STRACK-BILLERBECK I 115, in alto. llJ BousSET-GRESSMANN 499: «Peraltro, il
lt>'J STRACK·BILLERDECK rv 1128, in alto. significato originario è completamente dimen-
53 (v •.:m> O(j)L<; e 2 (W. Foerstcr) (V,577) 54

forma di serpente iu. Ciò che resta del invidia del diavolo la morte entrò nel
mito è il rapporto del Leviatan col- mondo». Più tardi il serpente è defini-
l'abisso primordiale 115 e il suo alito in- to uno O"XEvoç o un Mvouµa. di Satana
fuocato 116 • Gli pseudoepigrafi e i rab- (apoc. Mos. 16 119 ; Bar. gr. 9 120); infine
bini parlano del Behe1r.ot e del Levia- si perviene ali 'identificazione completa
tan soltanto quando trattano del tem- dei due esseri 121 • Nella letteratura rab·
po messianico, quando questi mostri binica, in Lev. r. 26 a 2 l ,4, è conserva-
saranno dati in pasto ai giusti 117• ta una tradizione di Simon b. Johaj
c) Il serpente dell'Eden. Una volta (verso il lJO d.C.) che identifica il ser-
formato il concetto di Satana, era na- pente coll'angelo della morte, cioè con
turale spiegare l'ambiguità misteriosa Satana 122 ; in Ab.R.N. 1 (a metà) il ser-
del serpente di Gen. 3 ( 0 coll. 44 s.) pente è chiamato «il malvagio», che è
collegandolo alla potenza avversa a Dio. uno dei nomi di Satana (~ II , col. 941
Negli pseudoepigrafì più antichi (I uh. n . 42). Qui basti accennare di passaggio
3,17 ss.; Bar. syr. 48,42), in Giuseppe alle speculazioni rabbiniche su una for-
(ant. I,4I) e nei rabbini 118 il serpente -ma originariamente diversa e più gran-
dell'Eden non è messo ancora in rap- de del serpente 123 •
porto col diavolo, però in questi scrit- Modificano più radicalmente il _rac-
ti si comincia già a cercare il significa- conto biblico le speculazioni sui moti-
to del serpente. Fa pensare invece a vi che avrebbero spinto ad agire il ser-
considerazioni più elaborate sul rap- pente dell'Eden. Si indica cosl l'invi-
porto del serpente col diavolo il detto dia, di cui parla Sap. 2,24 e anche la
di Sap. 2,24: <pi>ov~ oÈ oiet.~6)..ou M- letteratura rabbinica m, la gelosia per
va...-oç ElufjÀi}Ev EÌç -ròv x6uµov, «per Ia felicità di Adamo 125 e soprattutto per

ticato». Abac. 14 (C1·r. C. ToRREY, The lives o/ the


114 II Leviatan è immaginato come un pesce Prophets = JBL Monograph series I [ i946]
fornito di pinne, Lev. r. 13 ( II4 b)=STRACK- 29 ): Év cxù-roi:ç (i pezzi del tempio) rvwcrl}Ti-
BILLERBECK IV 3, a metà. CTE"TCXL E1tl 'tÉÀ.Ei xvp~oç, O't~ (j)W'tlcrou:n 'tOÙç
oiwxoµÉvovc; l'.mò "tOU ocpEwç tv crxo·m tiic;
rn Pesikt. r., appendice 1, in STRACK-BILLEM-
BECK. IV u6o, in basso.
l!; U.px-\lc;.
116B.B. 75 a in STRACK-BILLERBECK 1128, in m «Il serpente ha oltrepassato il recinto del
basso. Cfr. DAICHES, T al11111dische 1111d mi- mondo (la legge) e per questo è divenuto il
draschische Parallelen :mm babylonischc11 carnefice di tutti quelli che lo infrangono» .
\"(!eltschop/1mgsmyth11s, in Zschr. fiir Assytio- 123 Il serpente sarebbe stato all'inizio un
logie 17 (1903) 394-399. quadrupede grande. come un cammello: Ge11.
117 STRACK-BILLERDECK, indice s.v. ' Livja- r. 19 a 3,1 (R. Simcon b. E lcazar, verso il 150
than'; BouSSET·GRESSMllNN, indice s.v. 'Pa- d.C:), cfr. STRACK-BILLERBECK 1 137 s.; esso
radies'; VoLz, Esch. 389; MooRE 363 s. stava eretto come una verga: ibid. (R. Hoshaja
118 ScHLATTER, Theol. des ]11dc11t11ms 36,2. senior, prima generazione degli Amorrei); do·
vcva essere il re di tutti gli animali: Sola b.
119 C. T1scHENDORF, Apocalypses apocryphac
2 dal basso).
( 1866) 8 (riga
9 b.
m Edito da M.R. ]AMES in TSt v I (1897) 124 Tanh. BueER m~wr' § 7 (24 a) =
STRACK-
91. Analogamente P.R.El. 13 a, STRACK-BIL· BILLERBECK · ,v 747, in basso ; Num. r. 19 a 19,
LERBECK I 137 S. 2; dr. A. RAPPAPORT, Agada 1111d Exegese bei
121Vit. Ad 16 (KAUTZSCH, Apkr. und Pscud- flavi11s ]oseph11s (1930) 8i.
epigr. II 513 s.) e nelle Vite dci Profeti, 12; los., ani. 1 ,41.
ocp~c; e ]. (w. Foerster l

il cibo a lui imbandito dagli angeli del 11.ÙTÒc; H.i>wv (wc; èivì)pw1toc; µE"t'à ù.v-
servizio 126, il desiderio di dominare il l>pw1tW\I foi>lwv xa.t 1tlvwv) xa.t auv-
mondo 127 , il rifiuto di sottostare ad A- -r plfjwv "t'i]\I xapa\I TOU opci.XO\l'C oç, È1tt
damo 128, o la libidine sessuale 129, con- "t'ou voa.'(oç,, oÙ"t'oç crwcrEL TÒv 'Iapa'Ì]À.
fondendo sempre la radice del male, xa.t mi-.i-ra ·dx. EWTJ (i>Eòç, Elç, avì)pw-
che è d'una profondità insondabile, con 'ltov Ù1toxpwéµEvoç,), <cfinché l'Altissimo
uno dei suoi virgulti. Ancor meno pro- non visiterà la terra e, venendo lui
fonda è l'interpretazione sessuale della stesso (come uomo fra gli uomini, man-
tentazione di Eva, che ricorda un aspet- giando e bevendo con loro) e, schiac-
to del simbolismo ofìdico più antico ciando la testa del dragone nell'acqua,
(~ coJL 34 s.), cfr. Gen. r. 22 a 41,1 e salverà Israele e tutti i popoli (come
ibid. 18 a 3,r e forse anche Hen. slau. Dio nascosto sotto torma di uomo)})
31,6 uo; questa concezione, secondo cui (le parole fra parentesi sono un'inter-
il serpente avrebbe indotto (hi{!il) in E- polazione cristiana). Poiché xa.t mhòc;
va un elemento impuro (zuhiimà') 131 , ÈÀ.Ì)wv xa.t cruv'tplBwv è una costruzio-
ebbe poi dei riflessi in certi ambienti ne ebraica, è probabile che anche il re-
nistiani e gnostici 132 . Infine si appiat- sto appartenesse al testo originale. Il
tisce essenzialmente il racconto biblico nome del Messia: «figlio della discen-
dove si suppone che Eva sia stata in- denza della madre dei · viventil>, che si
dotta a bere del vino JJJ, quasi che l'al- trova in Hen. aeth. 62,7 e passim, è una
bero della conoscenza fosse una vite, sintesi di Dan. 7,13 e Gen. 3,15 .
oppure dove ci si limita a parlare del-
la seduzione di Adamo e di Eva Ili o d)Num. 2I. Riguardo al serpente di
si dice che Adamo avrebbe arbitraria- bronzo di Num. 21 il commentario tar-
mente dato un'interpretazione troppo divo di Num. r. 19 a 21,6 rn contiene
lata al precetto di non mangiare del- tutte le artificiosità dell'esegesi rabbi-
l'albero 135 • nica senza offrire nulla di sostanziale.
Generalmente i rabbini designano il È importante solo R.H. 3,8 138 : <cAveva
serpente dell'Eden con napiif o ha11- forse il serpente il potere di togliere o
11iipàs haqqadmon'i 136 . Nella letteratu- mantenere la vita? Anzi, Israele guari-
ra del tàrdo giudaismo si trova anche sce quando guarda in alto ed essi as-
un'allusione al 'protoevangelò' di Gen. soggettano il loro cuore al padre ce-
3,15, ma solo in test. A. 7,3: ~wç ov
ò leste; altrimenti deperiscono e muoio-
u\jJLC1'"r0<; Èm<TXÉo/TJWL '('Ìj\I yi)v, XCX.Ì no». Qui infatti il miracolo e la fedl"

126 St111h. b. 59 b, verso h1 fine. Sl!tpcntc come Maria quella dell'angelo. Wrn-
127 Hen. slav. i.9,4 s. Num. r. 8 a 5 16. DISCH, 2 Kor. 323 s.
12s Vit. Ad. 14 ss. 13.' Num. r. lo a 6,3, STRACK-BtLLliRBECK l1l
250, a metà e ibid. n. 2 .
127 Gen. r. 18 a i.,25 {R. Josua b. Qorha, tan-
131 S. De111. § 323 a 32,32 s., STRACK-Bll.-
naita).
LERBECK I 11,5.
l.JO BoussET-GRESSMANN 408 s.
131 Shab. b. 145 b -146 a par.; WEBER _219. m Ab. R. Nat. 1, a metà, dr. Gen. r. 19 a 3,2,
STl\ACK-BILJ,ERBECK I 694 s.
132 Proloevang. lacobi 13. Hipp., re/. 5,i.6,22 136 S. De11I. § 323 :i 32,32 s. e passim.
s.; Epiph., hacr. 40,5,3. Non è chiaro se que-
sta concezione si rifletta anche in lust., dia/. 137 STRACK-BILLERBECK Il 425 s .
100,4 s.; qui si spiega soltanto che Eva accol- 138 Pnr. M. Ex. a 17,11 (62 a), STRACK-Bu.-
se (uvÀ.À.a~ovaa := concepire) la parola del Lt:RBECK lii 192; II 426, n metà.
57 (v,578) li<;nç Dr (W. Focrster)

sono collocati suilo stesso piano. An- animale pericoloso e insidioso che si e-
che le parole di Sap. 16,6 s.: cruµ~OAO'' vita e si caccia via: OcpEt<;, ")'EW1)µa-ra.
c;w-rnplaç Elç à.vaµv11crw Èv-roM'jç 'VO·
µov uou, «segno dì salvezza a richiamc ÉXtO'Vwv, nwç cpurTJ•E &.nò -rijç xpl-
del precetto della tua legge», sì riferi- <lEwç -rfj<; yEÉWT}ç;, «serpenti, proge-
scono al serpente di bronzo. Non esso nie di vipere. Come scamperet~ alla
ma Dio, ha salvato il popolo: b yò:r, condanna della geenna?» (Mt. 23,33,
È'lt~O""TpacpEL<; OÙ O~Ò: .-? th:wpouµE\10\"
ÉCi~SE"TO I (J.),J..ò: OtÒ: <lÈ \Ò\I 1tcl\l"TW\I CTW- ---,) rn, coli. 1328 ss.). Nella finale spu-
•fipa, «chi si volgeva a quel segno era ria di Mc. 16,17.18 i segni che 'seguo-
salvo, non in virrì:1 di ciò che vedeva, no' quelli che credono consistono nel
ma per merito tuo, che sei il salvatore
di tutti». cacciare i demoni, parlare lingue nuo-
ve, prendere in mano i serpenti e bere
e) Il serpente e i demoni. Per i rab-
veleno senza danno, guarire gli amma-
bini il serpente è affine alla natura
diabolica e ai demoni in quanto es- lati. Il contesto esclude che il terzo e
sere namrale (non in quanto immagine il quarto segno si riferiscano a forme
o simbolo): secondo Tg . ]. r a Deut. di persecuzione. L'esorcismo dei demo-
32 _.10 139 , nel deserto ululano demoni e
draghi; secondo B.Q. 16 a 140, dalla iena, ni e il miracolo delle lingue sono segn:
passando per le form~ di vari animali e della venuta del regno di Dio. Anche
da ultimo per quella del serpente, ha l'innocuità .d ei serpenti e dei veleni
avuto origine uno sed; in Qid. b. 29 b
si parla di un 'drago' con sette teste rende visibile parte di quella nuova
(tannina') in cui compare uno spirito creazione a cui allude I s. r 1 ,8 e nella
maligno (mazziq }, al quale cade una te- quale è eliminata l'avversità mortale
sto ad ogni preghiera del rabbino 141 . che esiste nella natura.
Però si tratta solo di leggende e detti
occasionali. L'importanza che il serpen- Affine a questo è il passo di Le. 1 o,
cc aveva nel paganesimo spiega il ri- 19 143 . Secondo i rabbini tu possibile
brezzo ..che suscita nei rabbini la sua calpestare senza pericolo scorpioni e
immagine 1 ~2 • 144
serpenti nell'arca di Noè,.-- _ • Di R. Ha.

0. IL SERPENTE NEL N.T.


nina b. Dosa si racèOnta che una serpe
lo morse durante la preghiera senza che
r . Nelle similitudini egli se ne accorgesse o ne soffrisse dan-
Nel N .T. il serpente è anzitutto un no, e che i suoi discepoli trovarono poi

139 STRACK-BILLERBECK IV 516. (Beilage zum Jahrcsberichte des Koniglichen


14~ STRAC:K-BILLEKBECK IV 507, in alto Neuen Gymnasiums in Niirnberg fiir da~
141 !)TRACK-BJLLERBECK IV 5}.5· Schuljahr 1909/10) (1910) 4oss.; In., Aboda
i42 A. ScHLATTER , Das A.T. in der joh. A- ::ara (ibid. 1915h6) (1916) 67.
pok. in BFI'h 16 (r91 2 ) 68 (600), n . r. Sul
precetto di gettare un'immagine del dragone IH HAUCK, Lk. e K.H. RF.NGSTORF, Lk. (N.T.
nell'acqua salata dcl mare, in A.Z. 3,3, dr. Deu1sch) nd I.
H. BLAUFUSS, Giitter, Bilder rmd Sy111bolc IH Midr. Ps. 91 § 8, ST RACK-BILLF.RBECK 11
nnch de11 Trnktnten iibcr 1/e11 fremde11 Dieml 168 s.
59 (v,579) ~Qtç D 1 (W. Foerster) (V ,579) 60

l'animale morto davanti al suo buco 145• le differenzia: la pietra è inutile, men-
Però si tratta di detti isolati. Forse il tre il serpente è nocivo; il secondo
logion di Gesù allude al Ps. 9I,1 3 146 • membro connota quindi un certo cre-
Secondo il contesto, il potere di calpe- scendo. In Luca invece manca questa
stare incolumi i serpenti e gli scorpio- sfumatura e il secondo membro com-
ni è una conseguenza della caduta di porta un certo calo d'intensità (lo scor-
Satana, ma ciò non vuol dire che que- pione è meno pericoloso del serpente).
sti animali siano «semidiabolici» 147 • Poiché le altre similitudini doppie di
Come nelle parti proprie del vangelo Gesù denotano una leggera mutazione
di Luca - a cui appartiene anche Le. di pensiero nel secondo membro, si può
IO, I 9 - si fa risalire a Satana la ma- concludere che la formulazione di Mat-
lattia (Le. 13,16), così qui si fa dipen- teo sia più originale. Lo conferma il
dere da Satana tutto ciò che è nocivo fatto che il pane ed il pesce erano il
in natura. Questa nocività mediata del cibo principale del popolo semplice che
'nemico' è distinta anche linguistica- abitava intorno al lago di Genezareth
mente (cambiando la costruzione di (Mc. 6a8). Quindi il serpente è qui l'a-
Èl;ovcrlet.) dall'azione immediata della nimale nocivo che non differisce molto
sua ouvcxµLç. Però, sia la minaccia alla dal pesce nell'aspetto, ma è ben diver-
vita naturale sia la volontà di distrug- so nella realtà. Scopo del logion non è
gere l'esistenza personale (~ II, col. semplicemente di sollecitare la fede nel-
788) sono del pari considerate come l'esaudimento della preghiera, ma di
appartenenti al regno di colui che è «o· assicurare che Dio risponde ad essa do-
micida fin dall'inizio». nando cose veramente 'buone'. Nella
Nella similitudine sull'esaudimento vita di fede non è sempre facile rico-
della preghiera abbiamo in Mt. 7,10 e noscere subito queste cose buone, co-
Le. 1 1, 1 1 due formulazioni diverse che me da lontano non è sempre facile di-
hanno in comune il tratto pesce/ser- stinguere i pani dai sassi e i. pesci dai
pente l4S. È proprio della forma di Mat- serpenti.
teo che le due parti della similitudine Ml. IO' I 6 : 'Y l vEcri}E OV\I q>p6vLµ~L wç
dimostrino, nella loro identità fonda- ol OqJEtç xat axÉpaLOL wç a.t 7tEpicr·n:-
mentale, un'innegabile sfumatura che pcxl, «siate dunque scalti-i com~ i ser-

145 Ber. b. 33 a (tannaitico); T. Ber. 3,20; 147 KLOSTERMANN, Lk., ad I.


STRACK·BILLERBECK I 399 s. I codd. KD0pm rendono il testo di Le.
14;\
II,II con un certo allineamento a quello di
146 ZAHN, Lk. e RENGSTORF, o.e. (--+ n. 143) Matteo, in modo che ne risuhl un detto tri-
gd /. È tuttavia un'ipotesi non sicurn, perché membre, il cui carattere secondario è pcrnl-
H salmo non meniiona gli s::orpioni. tro già dimostrnto dnlln forma.
6r (v,579} ~cp'.ç D 1-2 (\V/. Foerster)

penti e semplici come le colombe», è 0..V'tW\I oµoLct..L O<pEOW' EXOUO'CXL XE<pCX-


un detto che non ricorda solo i paral- À.ac;, xcxt ÈV cdrrn~<; aOLXOVO'LV, «il po-
leli della letteratura rabbinica già men- tere dei cavalli sta nelle loro bocche e
zionati (~ col. 52), ma anche un mo- nelle loro code; le loro code sono in-
do di dire ancor oggi usato in Palesti- fatti simili ai serpenti e hanno teste
na: «insidioso (scaltro) come un ser- con le quali fanno del male». La sesta
pente» 149• È possibile, ma non certo, tromba vuol intensificare l'effetto della
che il concetto rabbinico e anche quel- quinta prima di giungere alla fase fi-
lo palestinese-maomettano dell'astuzia nale 151 • Mentre la quinta tromba chiama
del serpente risalga a Gen. 3. Il codice dall'abisso le potenze demoniache che
S'~ ed Origene (ma solo questi) in Mt. in forma di cavallette tormentano gl'in-
10,16 leggono: W<; ò ocpL<;, «Come il ser- creduli, la sesta evoca le potenze infer-
pente» . In questo caso Gesù pensereb- nali che li uccidono. All'aspetto infer-
be al serpente dell'Eden e il suo detto nale accennano «fuoco, fumo e zolfo»
avrebbe un significato più intenso; lo dei vv. I 7. 18 e la morte è indicata dai
confermerebbe anche il fatto che l'ag- serpenti che fanno da coda ai destrieri,
gettivo cppovLµo<; è usato in Gen. 3,1; mentre le cavallette avevano per code
ma fa contrasto il brusco passaggio dal degli scorpioni. La puntura di questi
singolare (oqnc;) al plurale (1tEpLo-·npcxl). non è letale, mentre mortale è il morso
Anche Ign., Poi. 2,2 (cppÒVLµoc; yi.vou dei serpenti. Questi animali sòno affi-
W<; ocpL<;... xcxt cbcÉpcxtoc;... wc; Ti 1tEPL- ni in quanto insidiosamente nocivi, ma
o--.e:pa) s'oppone a un riferimento al si distinguono perché producono il ma-
peccato originale. Comunque, ciò che le in misura diversa. Nella loro somi-
rende singolare ed anche difficile que- glianza e differenza si distinguono gli a-
sto ammonimento è l'accostamento del- spetti essenziali delle due piaghe.
l'astuzia del serpente alla semplicità
della colomba 150• Un certo parallelo 2. Il serpente dell'Eden
può venire dall'esempio dell'ammini- In Apoc. 12,9 e 20,2 è usata la di-
stratore infedele. zione rabbinica «il. serpente antico»(~
In Apoc. 9,19, parlando dei «caval- col. 55) e in questo contesto è afferma-
li» dell'esercito «parto», è detto: !i ta l'identità del serpente dell'Eden con
yà.p Èt,ouo-la -.wv tmtwv. .. Èo-·dv · xcxt Satana, die nei rabbini è rara ed atte-
Èv 'tCXL<; oupai:ç cxu-r:wv· at yà.p oùpcxt stata solo dopo il N .T. ( ~ coll. 5 3 s. ).

149 CANAAN, o.e. (~ n. ro} 14. (1945) 76 ss., è linguiscicarnente forzata e


150Ln traduzione di cppovLµOL con «timido», smussa un detto volutamente incisivo.
propostn dn L. Kò11LER, K/eine Lichter 151 LoHMEYER, Apok. Il 9,r7 .
~CjlL<; D 2-3 {W. Foerster)

I termini affini -> opaxwv e oqnc; ( que- certamente inaspettato partendo da


~ <pl>ElpEw nel senso di ' oltraggiare';
sto ricorre in Apoc. 12,14 s.) vengono
ma il soggetto di qil}apjj è costituito qui
scambiati nell'Apocalisse senza appa- dai vo1)µa"t'a e quindi Paolo non può
rente diversità di significato. Il serpen- alludere alla seduzione sessuale di Evn
te dell'Eden è menzionato anche du neppure nella frase che precede. Anche
l'aggiunta Év -cii 1tavoupylq. mhou re-
Paolo in 2 Cor. 11 ,3: cpo~ouµcu oÈ µ1)
sta nel quadro del racconto biblico.
7tW<;, wç ò oq>L<; Él;T)7t6:"n)~EV Evav ÉV
"tTI 7tavoupylq. aù-roii, cpl}apft -cà voT)- Dunque Paolo intende dire che Eva
µa-ra ùµwv cbtò "t"ijç a1tM"t'TJ"t'O<; "t'"ijç prestò orecchio agli scaltri ragionamen-
i::lç XptCT"toV, «io temo però che, come ti del serpente invece di perseverare
il serpente ingannò Eva colla sua scal- nella semplicità dell'obbedienza e vuol
trezza, anche i vostri pensieri vengano mettere in guardia la comunità dallo
distolti dalla loro semplicità verso Cri- stesso errore.
sto». Il v. 2 è dominato dall'immagine In Rom. 16 ,20: ò OÈ 1)Eòc; "t'fjc; Elp1)-
della comunità in quanto sposa di Cri- VTJ<; <ruv..pltliEt -.òv O"a"t'avéiv u1tÒ "tOUç
sto, immagine che si riflette anche nel 1t6oac; uµwv ÉV 'tciXEL, «il Dio della pa-
v. 3 . Perciò è lecito chiedersi se Paolo, ce schiaccerà ben presto Satana sotto i
colla sua allusione alla storia del pec- vostri piedi», Paolo allude certamente
cato originale, non pensi a quella con- a Gen. 3,15 152 e quindi identifica il ser-
cezione del tardo giudaismo che attri- pente dell'Eden con Satana.
buiva un carattere sessuale alla sedu-
zione di Eva (-> col. 5 5 ). 3. Il serpente di bronzo

Questa esegesi non può appellarsi a In 1 Cor. 10,9 Paolo allude all'intro-
I Tim.2,14 s . , perché qui Paolo vuole duzione dell'episodio del serpente di
accennare alla facilità con cui Eva fu bronzo; forse si appoggia anche alla
sedotta da un'abile argomentazione -
Él;amnT)iki:<Ta è infatti posto prima di formulazione ed interpre tazione di 4i
Év 7tapa~a<TEL yÉyovev, «si rese colpe- 77,18 . In Io . .3,14 s. Gesù stesso si ser-
vole di trasgressione» - il che rende la ve di questo racconto per ricordare il
donna inadatta all'insegnainento e quin-
significato salvifico della sua elevazione
di le suggerisce di restare nel suo cam-
po naturale. <~Compiendo i suoi doveri (-> ù4i6w): come era risanato soltanto
di madre» essa sarà salva restando nel- chi guardava il serpente, così ottiene
la fede e non occupandosi di cose a lei salvezza solamente lo sguardo credente
estranee, come è l'insegnamento nella
comunità. In 2 Cor. 11 ,3 si potrebbe rivolto a Cristo 153 • Questo riferimento
spiegare la scelta di <pì)apft - termine :i Cristo inaugura un'applicazione del

1s2 Z AHN, Rom. e ScHLATT ER , Rom., ntl l. J;3 GOPPELT, o.e. 1~ n . JOJ J 220.
<l<pL<; E (W. Foerster)

passo biblico diversa da quella 1·abbi- va, Caino, Faraone, Erode e Caifa, co-
nica (~ coll. 53 s.). me consanguineo del drago che sta ol-
tre l 'oceano e si morde la coda e come
Il N.T. si differenzia dai miti pagani figlio del demiurgo 158 • I vi Oq>Lç è an-
anche in Apoc. r 2 m. Il serpente, che che un nome del diavolo 159; nell'inno
in quei miti aveva un ruolo così splen- della perla e nell'affine preghiera di Ci-
riaco 160 è detta opaxwv la materia che
dido, diviene nell'immagine apocalitti-
attira l'uomo verso il basso. Questa be-
ca la minaccia estrema della 'vita', sen- stia sta in rapporto col male anche in
za che questa insidiosa potenza dell'a- altri passi di questi scritti 161 , nella let·
bisso acquisti un'aureola divina. La fe- teratura mandaica 162 e in Od. Sai. 22,5
(il serpente dalle sette teste ).
de cristiana è contrnria all'adorazione Nelle sette gnostiche il serpente rico·
del serpente. pre un ruolo difforme: in quanto incar-
aazione del principio cattivo (la mate-
ria) e in quanto simbolo del bene. In
E . LA GNOSI
Iren., epid. 1,30,5, il vouç, avvolto in·
Nella gnosi il serpente ha un rnolo torno a se stesso come un serpente, è
il capo del principio cattivo, ma il ser-
molteplice e disparato, per lo pit1 come pente dell'Eden è inclinato al bene dal-
simbolo del male. la Sofia (ibid. 1 ,30 ,7 ). Secondo alcuni
Negli Atti di Filippo si allude al gnostici la Sofia stessa si sarebbe incar-
culto dell'EXLOVO: nell'Asia Minore 155, nata nel serpente dell'Eden e così si sa-
ma presentando il op&.xwv come forma rebbe ribellata al demiurgo (ibid. 1 ,30,
epifanica di Satana: ò ocptc; ò 1tOVi)pÒc; I 5 ). Questa ambivalenza del serpente

Òpaxwv Ò CÌ.pXÉXa:xoc;, e: <pEUYE'tE a7tÒ ricorre negli gnostici anche in altre


-cou opaxovToc; -cou LO:'t'cxvé'i., «il ser- forme, come ibid. 1 ,30,9, dove i;:sso è
pente, il dragone malvagio, primo au- chiamato Michele e Sammaele (che è
tore del male... fuggite il dragone di un nome di Satana [ ~ II, coli. 943 s.] );
Satana» 156 • In un altro passo 157 sono altrove invece, e soprattutto presso i
menzionati insieme tutti i xo<rµoxpri- naasseni, il serpente è il principio su-
'tOpEc; e fra essi il 7tOViJpÒc; òpaxwv 6 premo, il mediatore fra il mondo su-
à.v·nxdµEvoc; 1}µiv, «il dragone malva- periore e quello inferiore, mentre inve-
gio che è il nostro avversario». Nella ce nella gnosi di Baruch il N&.a.ç è di
terza 7tpéiçtc; degli Atti di Tommaso il nuovo l'avversario del profeta 163
oprixw\I compare come seduttore di E- W.FOERSTER

m W. FoERSTER, Die Bilder in Apk. I 2 f IS9 52 (p. 168,12).


11nd 17 /, in ThStKr ro4 (1932) 280-288. 160 R EITZENSTEJN, Jr. Eri. 78.
155 ~ .HARTMANN 510. 161 ln flCI . lo. 94 (p. 197,11 s. ) l'&voµoç ocp~c;
156 III (p.43,13.25 s. L/B). è il suggeritore della legislazione giudaica.
t62 Vedi LmznA°RsK1, Ginw, indice.
157 144 (p. 86,8).
•~3 Sul simbolo dcl serpente presso gli Ofiti
1ss Cap. 32. Cfr. su ciò G . BoRNKAMM, My- cfr. H . L m sEGANG, Die Gnosis (1924) 11 r ss.
tho.r rmd Legende ( 1931) 28-33. 167-180; ~ NILSSON li 594 s .
oxÀoç A I (R. Meycr}

A. USO LINGUISTICO EXTRABIBLICO ibid. 1,7,13 e Plat., Phaedr. 229 d, do-


ve si parla d'un ox'ì..oç ropyovwv xat
OXÀ.Oç I è attestato nella letteratura IlT]yacrwv. L'assembramento di molta
greca, da Pindaro in poi, coi seguenti gente è chiamato in Polyb. 4,7 ,6 una
significati: CTU\laywylj 'çWV OXÀ.WV; cfr. O'VVayw-
I. turba, moltitudine, folta. a) ox'ì..oc; ya.L ox'ì..wv in Ditt., Or.383,150 s. (sec.
designa in primo luogo un gruppo di I a.C.); O'V\IEÀ.l}OV'tWV "t'WV OXÀ.WV ÈV
persone che si muove disordinatamente ÈXXÀ.T]O'L~, in Ditt., Syll.~ 814,5 (67
o sta addensato in qualche luogo. Cosl, d.C.).
per es., in Pind., Pyth. 4,85: Év à:yopq. b) òxÀ.o<; sta inoltre per publico, gen-
1tÀ.1Jl}ov"t'oc; ox'ì..ou; cfr. Soph., Thrach. te, popolo, in contrapposizione alla per-
423 s.; Aristoph., Eccl. 383. In Philo, sona singola o alla conventicola; cfr.
leg. alt. 2,85 ox'ì..oc; ha un senso allego- Aristot., pol. 3,15, p. 1286 a 31: xpl-
rico: "t'ÒV \jJUXLXÒV oxÀ.ov O'XEOacraV'tOç VEL &µ.EWOV oxÀoç 1tOÀ.À.à. iì EL<; OCT"t'L-
l}Eou, «disperdendo Dio il tumulto del- crovv, «la moltitudine giudica molte co-
l'anima». Eschilo fa osservare la varia se meglio di uno solo». Il termine ser-
composizione dell'ox'ì..oc; in Pers. 53: ve a distinguere l'intervento pubblico
1taµµELX'tOc; oxÀ.oç. Cfr. Athenag. 7 ,2 da un discorso tenuto in un circolo ri-
(p. 276 c): 7taµp..Ly1}c; CSx'ì..oc;. Xenoph., stretto di persone in Eur., Hipp. 986;
hist. Graec. 2,2,21 fa pensare alla folla in Xenoph., mem. 3,7,5 i colloqui pri-
che confluisce: El<nov"taç o'mhoùc; o- vati (i:StaL oµLÀ.lat) sono contrapposti
XÀ.oc; 1tEpLEXEi:"to 1tOÀ.uc;, «una grande fol- all'assemblea popolare (ox'ì..oç). Non
la li circondò mentre entravano»; dr. conviene che le vergini si facciano ve-

oxÀoç
LIDDELL-SCOTT, MOULTON-MILL., PAPE, PAS- Eire. I 484 s.; R. MEYER, Der 'Am hii-'aref:
sow, PREUSCHEN-BAUER '. STEPHANUS, Tht•- Juclaica 3 (1947) 169-199; C.G. MONTEFIORE,
saurus linguae Graecae, s.v. Per il punto C: The Hibbert Leetures (1892} 497-502; Moo-
S. KRAUSS, Grieeh. 11nrl lai. Lehnwortcr Il RE 1 60.321; II 72s. 157-161; ScHiiRER' u
( 1899} 18 s. Per il punto D : P . JouoN, 5x)..oç 4.54-468-475 (qui bibliografia meno recente};
ou sens dc «pe11ple, population» dam le grec STRACK-BILLERBECK Il 494-519; E. WURTll-
d11 N.T. et da11s la lei/re d'Arislée: Rechcr- WEIN, Der 'am ha-arez im A.T. = BWANT
ches des Sciences Religicuses 27 { 1937} 618 4 F. 17 H. ( 1936 }; ibid. 1 n. 1 altra biblio-
s.; J. AnRAHAMS, 'Am ha-'Areç, in C. G. grafia .
MoNTEFIORE, The Synaptic Gospels 11 (1927} 1 L'etimologia del termine è molto incerta;
647-669; BousSET-GRESSMANN 165.187 s. vedi WALDE-POKORNY r 41.147. È probabile,
391; A . BiicHLER, Der galiliiische 'Am ll<l- ma oscura, l'appartenenza ad oxÀoç cli ÒXÀl-
Ares des 2. ]ahrhunderts ( 1906}; S. BIALO- l'.,w, allo11ta11are con fatica (Omero) e ÒXÀÉw,
BLOTZKY, art. 'Am ha-Arez' in EJ li 535- far rotolare via (Omero). Vi appartengono
541; L. fJNKELSTEIN, The Pharisees (1938) invece certamente ÒXÀÉW nel senso di dìst11r-
passim; A. GEIGER, Ursehri/1 u11d Oberset- bare, molestare (class.) cd 6voxMw (usato da
;u111ge11 der Bibel' (1928} rp; S. HAMBUR- Aristofane in poi e ricorrente anche nelle i-
GER, Reale11cyclopiidie f iir Bibel und Talmud scrizioni, nei papiri e nei LXX, in Le. 6,18
II (1896) )4-56; J .A. SELil!E, art. 'People' in ed Hebr. 12,1.5}. Il senso fondamentale sem-
HASTINGS, D.B. m (1900} 742 s.; D. EATON, bra essere ressa, turba disordina/a [DEBRUN-
art. 'Pharisees', ibid. 826 s.; K. KoHLER, Jew. NF.R].
ox>.oc; A I-2 (R. Meyer)

dere in pubblico, Eur., Or. 108; dr. mica». In praem. poen. 20 anche Filo-
Eur., Heracl. 43 s. Sulla comparsa di ne esprime sul volgo un giudizio etica-
fronte al grande pubblico ( oxÀoç) per mente spregiativo: o 'ti yà.p c/.'taX'tOV,
ottenerne il favore si parla in Plat., axoaµov, TI:ÀT]µµEÀÉç, Ù1t()'.l'ttOV, 'tOVTO
Gorg. 458 e; cfr. ibid. 502 c: TI:oÀÙc, o- OXÀ.OC, Éa'tl, «Se c'è una COSa disordina-
XÀ.oc, xat ofjµoc,; Xenoph., sym. 2,18: ta, caotica, malfatta, riprovevole, que-
Èv oxÀ.cp, davanti a tutta la gente. A sta è la folla» 4 • Secondo vii. Mos. 1,
quanto sembra, Èv OXÀ.!{J ha lo stessq si- 197 la grande massa è instab.ile; in Ios.
gnificato in una lettera egiziana (P. 58 ss. Filone fa vedere come la plebaglia
Petr. n 4 16,16): oEwòv yap Ècrnv Èv che si appropria l'uomo politico (wvou-
OXÀWL CÌ:nµaSEO'~CU, «è terribile esser µEvoc, 't'ÒV 1\0ÀLTLXÒV OXÀOC,) Ìn realtà è
disonorati davanti al pubblico» ( 2 55 ! politicamente impotente (EÙvouxoc,) e
54 a.C.); così pure in un testo magico, corre dietro alle sue brame ciecamente
dove si chiede il successo in una corsa come un uomo dietro una donna: µvci-
ippica (P. Oxy. XIJ 1478,4): Oòc, vEl- 't<H yàp OXÀOC, Èmi}uµLO:V WO'TI:Ep ClVTJp
XTJV ÒÀ.oxÀT)plav a [-r] a.olov xat oxÀou, yuvai:xa (ibid. 60). Da parte sua il vol-
«dammi una vittoria completa davanti go spregiato è indifferente, o meglio o-
allo stadio e al pubblico» (sec. m/1v stile, al destino delle cbssi dirigenti
d.C.). (I-Ierodian. 7 ,3 ,5 ).
e) Alla moltitudine del volgo vengo-
no inoltre contrapposti il singolo ari- 2. Schiera, truppa, esercito_ In senso
stocratico e la class~ dirigente politica militare oxÀoc, è usato parlando: a) del-
o culturale. Allora oxÀoç serve a defi- le truppe leggere, Thuc. 4,56,1 : oxÀoç
nire la gente anonima, la plebe, di fron- 'tWV ljJLÀwv; cfr. ibid. 7,84,2: &U.oç
te alle classi superiori e alle varie auto- oxÀ.oc,, l '«altra truppa», oltre la . caval-
rità, come avviene per es. in un rap- leria; b) nel senso di massa sbandata si
porto militare d'età tolemaica: aÀÀ.oç legge in Thuc. 6,64,1; 7 ,78,2 e in Xe-
ox[Àoc, fo·mp]avwµÉvoc, (264 a.C_f. noph., Cyrop . 4,2,6; c)significa invece
Un resoconto giudiziario nana come un la massa dei soldati semplici, la trup-
certo Ficione fu consegnato al popolo pa, in Xenoph., Cyrop. 6,1,26: oxÀ.oç
dal governatore Settimio Vegeto: a!;ioc, 'tWV O''t'pa'ttW'twv; <l) insieme con µta-
µ[È]v Tic, µacr·nyw~fjvm ... xapl1;oµm l>ocp6poc,, oxÀoc, designa la truppa mer-
ÒÉ O'E 'tote, oxÀ.oLc, (85 _d.C.) 3 • Perciò cenaria in Thuc. 3,109,2. Per oxÀ.oc, nel
oxÀ.oç significa spesso la massa priva senso di forza militare vedi Ditt., Syll.'
di scopo e· direzione, la plebe senza im- 700,2 2 ss.: <rVVE'TtEÀMV'tOC, ... Tlna \Ou
portanza politica e culturale. In leg. 2, 'tWV Mo:lowv ouvaa'tOU µE't'oxÀ.[ ou
670 b Platone nega alla massa la capa- 1t ]Àdovoç, «essendo sopravvenuto Ti-
o
cità di giudicare; yEÀoi:oç yà.p yE no- pa, signore dei Medi, con una maggiore
Àùc, OXÀ.OC, 'Ì)youµEVOC, txa.vwç "'(t'YVW· forza militare» (117 a.C.); ibid.709,8
vxELV 'tO 't'Eùapµoa'tov xat Eupul>µov s.: Ilo:À.chov oÈ 'tou .LxuMv (3acnÀE~oc,
xal µ1], «è ridicola infatti la grande alqwLolwc, Em(3aÀ.6v't'OC, µE'tà oxÀ.ou
moltitudine se pretende di conoscere 1.oÀÀov, «avendo Palaco, il satrapo del-
bene ciò che è o non è armonioso e rit- la Scizia, fatto un assalto improvviso

2 MrTTEis-\XlrLCKEN 1 2,1, col. IIl 22 s. ~ Cfr. anche pumxpw-.cx:toç oxÀoc;, (jla teppa
3 P. Fior. 1 61,61; DEISSMANN, LO. n 9. piì1 sporca», Dion. Hft l., ani. Rom. 9·H·
oxÀoç A 2-5 (R. Meyer)

con un grande esercito» (Chersoneso, fatti»; Luc., nec.4,46I: oxÀoç òvoµa-


circa ro7 a .C. )5; e) col senso di accoz- "tWV, «una moltitudine di nomi», e
zaglia o banda armata oxÀ.oc; è usato in Phil., Piace. 3, dove il grande numero
Thuc. 4,126,6: ot TOLOV"t"OL oxÀ.ot; cfr. degli scribi è indicato con 7tEpt"t't'Òç
Herodian., hist. 6,7,1: oxÀoc; µaÀÀov ·~ oxÀ.oc;. Filone designa spesso con oxÀ.oc;
CT'tpa-.6c;, «piuttosto una banda di ar- lo stormo delle sensazioni inferiori; co-
mati che un esercito». sì in spec. leg. 4,188 il voOç dell'uomo
3 . Popolo, popolazione, gente. Per è «legato a sl gran numero di sensa-
gente è usato il plurale oxÀ.ot, per es. zioni» (ÈVOEOEµÉvoc; atCTf}1}aEWV OXÀ.4>
in Ditt., Syll. ! 700,26 (~ col. 70): 'tOCTOUT<iJ); in det. pot. ins. 71 si parla
1tpOEÀ.6µEvoc; OÈ µ~VEtV 'toùc; oxÀouc; del µ6."tCltoc; oxÀ.oc;, «la vana moltitu-
È'ltt 'tWV Epywv, «preferendo che la gen- dine» delle opinioni contrarie.
te restasse a lavorare». Un egiziano ri- 5. Tumulto, turbamento, molestia. Si
corda in una lettera gli oxÀot, cioè la confronti in questo senso Eur., Ion.
popolazione di Ermontide 6 : 1tpÒc; -rò 6 3 5. Filone dice che la OLtXVOLet. ( ~ vn,
xa'tacr-.Ei:crat 1 -roùc; Èv 'Epµwvllat o- coli. 1073 s.) OLÒ. -rò 1tÀfji>oc; 'tWV 1tEpt
:xÀ.ouc; ( 13 r Ix 3 o a.C. ). Il termine ha f1.V"t''Ì}V OXÀWV xa.t i>opu~wv àvl')XÉCT"t'a-
questo senso anche in un documento 't'Cl xaxà 'tlx-.EL, «a causa del tumulto e
egiziano di compravendita: À.tf3òc; yij dei rumori che la circondano genera
\WV o:xÀ.wv iì OL <lv wcrt j'El't [OVE<;) mali incurabili» (mut. nom.144). La di-
(P. Lond. III 1208,12) (97 a.C.)8. zione oxÀ.ov 1taPÉXELV ricorre in Eur.,
4. Quantità, grande numero. Per es. Or. 282; Hdt. 1,86,5; Xenoph., an. 3,2,
in Eur., lph. Aut. 191: ~1t1tWV oxÀoc; ~ ; 27. Su ot'ox.Àov EtVCt.L (yLj'\IEO'i>a.t), es-
cosl pure in un frammento di Crizia: sere di disturbo, cfr. Thuc. 1,73,2; A-
&xpt-roc; ll.cr-rpwv oxÀoc;, «l'innumerevo- ristoph., ecci. 888; Pseud.-Plut., Alc. I,
le moltitudine degli astri» 10• Lu frase 103 a; los., beli. 4,496.
di Plat,, Tim. 75 e: ò -.wv crapxwv o- R. MEYER
XÀoc; è ripresa da Filone in rer. div. her.
5 6: EÙ yE -rò 1tpocrvE~µat -r<7> cra.pxwv B. L'uso LINGUISTICO DELL'A.T.
oxÀ.~ 't'Ì}V a.tµa'toc; È1ttppo1)v. Ricordia-
mo inoltre Isoc., Panathenaieus 273 b: oxÀ.oç è praticamente assente nelle
OXÀ.Oc; ~paxi>ÉV't'WV, «UO:l quantità c.Jj parti più antiche della Bibbia 11 • Ricor·

5 Vedi inoltre PREISJGKE, Sammelbuch 6949, proprietà fondiarie in Egitto da Tolomeo in


18 ss., dove, nel rapporto sulla vittoria di poi vedi C.H. B ECKER, ls/a111st11die11 1 (1 924)
Aksum sono menzionati sei re co11 le loro :?20 s.
truppe, <I'ÙV .,q, OXÀ.~ a~nwv (sec. 1v d.C.). 9 Anche qui è sottinteso il senso di assem-
6 MITTElS-WILCKEN I 2,10,8 ss. bramento, ressa; vedi per es. OXÀ.oc; -rwv
1 Forse è un errore di trascrizione, per xa- \IEwv, «assembramento di navi», in Thuc. 1.
'taCT'tE~a~ (per abbattere); cfr. MITTE!S- 49,3; 7,62,1.
W1LCKEN, o.e., n . 10. IO Fr. 19.4 s. {DIEts' 11 385,2 s.).
8 PREISIGKE, Wfort. 11, I .V . OXÀ.Oc;, propone 11 Ricorre, solo una volta, nel Pentateuco
con riserva di tradurre questo oscuro yfj (N11111. 20,20); in los. 6,13, dove la prima pre-
-rwv oxÀ.wv con «terreno della comunità». For- senza è secondaria e la seconda va letta coi
se yfj 'tW\I OXÀW'I era un terreno del popolo, o
codici bx, S: xal Àomòç llxXoç <i'lta.l; (in-
in contrapposto a y1j ~acr~À~xi}, terra del re vece di &:m:t.ç); in Is. 43,17; non ricorre mai
[KLmNKNECHT] . Sul problema relativo alle in lud., Sam., ncl1:1 pnrte antica di Reg. ,.
oxÀoç B I (P. Katz)

re tre volte o più soltanto in e e 2 ti 14:

Ecrop., 1 e 2 Mach., Sap., Ier., Ez., Dan. I. nei libri canonici vuol dire: a) tur-
(LXX e Theod.). Corrisponde ai termi- ba di popolo, folla. In Dan. 3A (LXX):
ni ebraici ham6n, /Jatl, {a/, 'am, qahal, EXT)pvt;E 'tOtC, ox}.o~c, corrisponde a qii-
rabbim, m"'asséf, q"hilla. Dove il te- re' "b<(1ail, «diceva con voce forte, gri-
sto non è corrotto 1 ~ o non è impossibi- dava», equivocando sul senso di hai!
le decidere quale fosse il senso inte30 che qui significa forza e non esercito 1s'.
dai traduttori u, ha i seguenti significa- Significa anche : turba rumoreggiante:

nel Salterio. Aquila, che offre un solo corrispondente an·


12 Nella ricostruzione cnttca del testo oxÀ.oc; che per radici omonime del testo originale
scompare nei passi seguenti: !Ep. 31 (48),42, (vedine le prove in P. KATZ, Philo's Bible
dove per me'àm \'a letto a7tÒ Àao\i invece di [1950), specialmente 64 s. 148 s.). Quindi in
tÌ.7tÒ ox>-.ov, come pure in IEp. 45 (38),1, dove Aquila è del tutto possibile determinare il
l'ox)..ov dcl cod. S*+ è una trascrizione erro- punto di partenza della sua scelta lessicale.
nea di Àaov. In 2 E:rop. 14.4 Rahlfs scrive giu- Poiché questa scelta non tiene mai conto dcl
stamente xat ò x::it}c; 7toMc; per uthe'à/àr contesto, non ha senso porsi problemi di si-
barbch (Neem. 4,41 c considera ox)..oç una gnificato nei casi singoli. Egli infatti non in-
variante erronea dei codd. BSV (per l'e- tende tradnrre, ma offrire un mezzo per risa-
sattezza, BS*VkJ. Nello stesso codice V è lire al testo originale agli iniziati, cioè a
corrotta anche la lezione -.wv (xl>pwv; for- quelli che partecipano al culto giudaico e
se si deve leggere, con 2 Chron. 2,17; 34,13: quindi conoscono l'ebraico. Qui basti dunque
>W\I (vw>}orp6pwv. Con lo stesso diritto F. constatare che per Aquila ox)..oc; è un equi-
WuTZ, Die Transkriptia11e11 van der Septua- valente di hàmo11. Lo si può controllare sulle
f.ÙJ/a bis w Hieronimus == BWAT N.F. 9
edfaioni esaplari. Per es. in lEp. 48 (41 ),16,
(1925/J3) H. e \Y.'. RuooLPH (BHK') pro- dove i codici 86 e 88 hanno per Aquila e
pongono in lEp.39 (32),24, per hassol'lol, mu- Simmaco xat -.òv oxì..ov, la lezione di Aqui-
ra (Aquila: 7tpo:rxwµa-.a), ò xovc; invece di la è erronea, perché il testo originale ha
oxì..oc;. Infine in 2 Mach. 13,15 ox)..cp, che si w'(a/. Questo testo di Aquila è penetrato più
trovava soltrmto nell'edizione sistina, ha ce- volte anche nei manoscritti dei LXX, come ha
duto il rosto alla giusta variante OV>L (su dimostrato, per 3 Br.1.11. 21 (20),13, F.C. BuR-
ciò vedi A. KAMPHAUSEN in KATZSCH, A- KITT, Fragmenls o/ /be Books o/ Kings ac-
pokr. m1d Pseudep., ad. l.); in 2 Mach. 6,3 cording lo lhe Translation o/ Aquila (1897)
Rahlfs, co:1 la maggioranza dei manoscritti, 26 s. Qui la lezione di Aquila è 1t1xv-.a 'tÒ\I
legge >o~c; oì..otc;, «pienamente». =
ox)..ov { bàmon), mentre il testo antico è
riscontrabile quasi unicamente nel 'tÒ\I -1Jxov
l3 Mentre i primi traduttori volevano rende-
dei codici lucianei.
r: il senso dcl testo - anche se talvolta in-
11 Qui e nella sezione sugli apocrifi si segue
troducevano delle modifich:: che fanno pensa-
re ni targumim - e sceglievano per un voca· l'enum~razione dci significati nell'ordine dato
holo ebraico i corrispo:identi greci più diver- sotto if punto A. Così si capisce quali siano
si, nei traduttori successivi si nota l'inclinn- i sensi che mancano nella Bibbia greca. Da-
zione a tradurre sempre con lo stesso termi- niele in Teodozionc viene considerato insie-
ne greco un determinato vocabolo per per- me con Daniele nei LXX perché ne sia pos-
m~tterc di risalire al testo ebrnico, ormai nor- sibile il confronto.
mativo, senza badare se la loro traduzione n In Da11. 5,7 i LXX traducono correttamen-
abbia un senso o no. Cosl anche le modifiche te tcpwv"C]O"E qiwvii µEyttÀ:n; in 4,II scmpli·
accennate - risultanti per lo più dal rispetto cemente EqJWViJ:iE. In Da11. (Theod.) 3,4; 4,
religioso - diventano superflue, perché la re- 11; 5,7 trovasi lv i:rxvi. Lo stesso scambio
sponsabilità è rimandata ora ngli esegeti del di Da11. 3,4 (LXX), almeno rispetto ai testi
testo originale. Que>ta evoluzione culmina in biblici aramaici orn esistenti, si trova in Esdr.
oxÀoç B 1-2 (P. Katz)

Dan. 10,6 (Theod.): wc:; q>wv-fi ox>..ou rab. In Dan.11 ,10-13.25, dove hiim611 e
( = k"qol hamon; LXX: wcnt qiwvi] i}o- baU, sia da soli çbe insieme (II, ro), si-
pvBou). Assemblea popolare, grande gnificano esercito, forza armata, le due
massa di pubblico: !Ep. 38 ( 31 ),8, in traduzioni adottano versioni fisse diver-
Una profezia: 'tEìW01tOL1)crn OXÀOV 1t0- genti: hiimon è reso con o-vvaywy1) dai
À.Vv ( = qiihiil giidol, «una grande mol- LXX e <>xÀoc; da Tcodozione; per f;aU
titudine»). In due passi affini di Eze- i LXX banno oxÀoc; e T eodozione ha
chiele, oxÀoL (16,40; 23,47) e ·ox>..oc:; ouvaµ~c:; 18 • Il termine ba pure il sen-
(23,46) rendono, meno felicemente, so di accozzaglia, turba, banda armata.
qahiil: la solenne adunanza alla qua- È il senso più probabile di 2 Eo-op. 16,
le, secondo Lev. 24,16 (o-uvaywy-f]), 12 s., dove, invece di tradurre «lo ave-
spetta la lapidazione delle adultere, è vano comprato» (Neem. 6,12), i LXX
trasformata in una turba di gente tu- amplificano erroneamente scrivendo: È-
multuosa. In Ecclus 7 ,7 µi) xa-raBci.- µ~o-~wcrav-.o É7t'f.µt oxÀ.ov.
ÀTJ<; cmw-còv Èv oxÀ({l ( = biq"hilta) c) Come termine quantitativo oxÀoc;
significa: «non abbassarti davanti al può essere usato quando da esso di-
grande pubblico». Massa, folla: in 2 pende un altro nome; così pet· es . in
Ecrop. 3,12 oxÀoc:; è detto d'una gtande Ez. 23,24: µE-r'oxÀ.ou Àa.wv = biq"hal
folla presente alla consacrazione del 'amm'ìm, «con una moltitudine di po-
tempio (rabblm; 1 E:rop. 5,61: 7toÀÀ~l). poli». È simile il caso di Dan. 11,ro
b) Salmerie, turba. Traduce: f af, bam- (Theod.): OXÀO'V ovvaµEWV noÀÀwv =
bini, donne e bimbi, famiglie, cioè bamon f;ajiilim (LXX: O'UVC.C)"WYlJ'V o-
quelli che non possono marciare ordi- xÀ.ou noÀÀoi:i).
nati 16, in 2 Bao-. 15,22; m"'assé/, retro- 2. oxÀoc, negli apocrifi. a) Folla, mol-
guardia, in Jos. 6,13: Ò ÀOt'ltÒC, OXÀoc:;, titudine, popolo: 1 Ecròp. 5,62; 8,88;
<dl resto della schiera». Sta pure per ep. ler. 5; Sus . 48 (LXX); Bel 31 s.
truppe mercenarie, esercito, forze ar- (LXX); 2 Mach. 4,40; xr,6; 3 Mach. 1,
mate in Num. 20,20: Év OXÀ({l Bapt~ 28. Popolo, grande pubblico: Sap. 8,
(b"'am kiibéd) 11 ; h 43,17: oxÀov lo-xu- ro; Ecclus 26,5: ExXÀ1]<Tla. oxÀou. b)
pov (pail w"izzuz, «l'esercito e i for- Esercito, truppa: 1 Mach . 1,17.20.29;
ti»); in Ez. 17,17 truppa, schiera: (xc.et 2 Mach. 14,23-43 ·45 s.; 3 Mach. 2,7.
oùx Év ovvaµEt µEyakn) ovo'Év OXÀ({l Salmerie, turba: Iudith 7,18; r Mach.
'ltOÀÀ@ ( w•/o' b"pail giido/) ubqahiil 9,35. c) Popolazione del paese: oxÀoc;

4,23. La dizione b"edra' w'{Jail, «col braccio ritinte oxÀoc;, invece di 7tmolcx., in 2 Chron.
e colla forza», è resa già in 1 Eaop. 2,25 con 20,1 3, deriva da Luciano, che più avanti, e
llEl>'(TC7tOU xa.l OXÀOU 1ta.pcx-ta~EWç (doppio- in passo errato, aggiunge: xa.t (ol) vtot a.u-
ne?), e, corrispondentemente, con É'J tmtoL<; 'TW\>.
xa.l ou\>aµt~ in 2 Ecrlìp. 4,23. 11 In questa locuzione fissa oxÀoc; non può
16 Vedi L. KtiHLER, Tapp = Nicht oder we- essere contestato come nei casi di IEp. men-
11ig Marsch/iihige: Theologische Zeitschrift 6 zionati nlla ~ n. 12.
(r950) 387 s. In Gen., Ex. e Num. !«f è reso 18 É" 'ttij !SXÀ.((.l a.u'tov in Dan. u,43 (LXX) è
con à1tOO'XEUYJ, l:n termine che non sembra traduzione erronea di b'mìf'iidaw, «al suo
usato altrove per indicare gruppi costituiti da seguito». Invece È" "t'Otc; òxvpwµcx.ow cx.u'twv
membri di famiglie diverse. Simmaco e Teo· in Teodozione deriva forse da n,39 ( == mi-
<lozione rendono (a/ con . ox).oc;, e così pure b'farlm, che Teod. in 11,24 legge erroneamen-
un traduttore anonimo di De111. 1,39. La va- te mifraim, Al:yuTCi:o\>).
oxÀ.oç C-D 1,1 (R. MeyerJ

•Tic; xwpo:c; (Bel 30 [LXX]), contrappo- schiera, squadra, per es. in S. Deut. 2 5
sta alla comunità giudaica; cfr. v . 28: n l,28; cfr. anche B.M.h. 108 a, dove
oi. Cl7tÒ -tfjc; xwpo:c;, «quelli del paese». si parla della truppa ('wklws') di cor-
d) Quantità: È7tt oxÀ.oic; Éwwv (Sap. 6, vée. Infine, in una similitudine di R.
2, in parallelo a 7tÀ:i'ji}oc;). Aha, le stelle fanno da corteggio ( =
P. KATZ 'wklwsj') alla luna (Gen. r . 6 a r ,16).
3. Come termine di quantità oxÀ.oc;
C. OXÀ.OçCOME JMPRESTITO NELLA
è usato per es. in Sanh. j. 29 b, 8:
LETTERATURA RABBINICA
'wklwsj' dtlmdj', grandi schiere di sco-
Nella letteratura rabbinica oxÀ.oc; è lari; cfr. inoltre le iperboli quantitati-
usato come imprestito in ebraico ed a- ve in Ber. b. 58 a, dove un 'wklws'
ramaico col senso di: 1. massa di po- comprenderebbe non meno di sessanta
polo, gente, folla, T . Ber. 7,2: «chi ve- miriadi.
de una folla (giudaica) - 'wklwsjn =
oxÀ.oL - dica: Lodato sia il Sapiente che
conosce i misteri! Infatti le loro facce D. USO LINGUISTICO NEL N.T.
non sono uguali e neppure il loro sa-
pere è il medesimo». In Ber. b. 58 a, I. I significati 19
Rabbi Hamnuna contrappone il popolo
r. Massa di genie, folla. a) Se si ec-
giudaico, 'wklwsj j.fr'l, alla massa paga-
na, 'wklwsj 'wmwl h'wlm. Anche qui cettua Apoc. 7,9 e 19 , r.6, oxÀ.oc; (oxÀ.oL)
resta implicito in oxÀ.oç il senso di ressa è usato solo nei vangeli e negli At-
confusa, come dimostra un detto di ti . Nei vangeli l'ox"ì.oc; costituisce lo
R. Eleazar b. Pedath (verso il 270):
«Dove si trova molta gente, 'wklwsjn, sfondo anonimo dell'azione di Gesù: è
c'è sempre parapiglia» (Pesikt. 108 a). l'oxÀ.oc; che accorre per vederlo o ascol-
2. 'wklwlsjn = OXÀ.OL significa anche
tarlo (Mt. 13,2; Mc. 3,20; 9,25; Le. 5,
esercito, truppa, schiera, seguito e sta
insieme con {;ajiilot in Gen. r. 39 a 12, 1; lo. lI,42), lo accoglie, gli va incon-
r; per 'wklwsjn nel senso d i turba arma- tro o lo cerca (Le. 8,40; Io. 12,9), o
ta cfr. ibid.44 a l :;,r. In Pesikt. l 86 a il 11ccompagna il Maestr:i (Mc. 5,27; Le.
termine serve a indicare le truppe farao-
7,9; Mt. 21,9; Io. 12,17). I sinottici ri-
niche ('wklwlsjn sl pr'h) e in Ex. r. 15
11 n,1 (h'wlelwsjn SI jw11) l'esercito gre- levano alcuni motivi di questo atteggia-
co. In T g. a I Chron. I I ,6 il condottie- mento del popolo: uno di questi è che
ro è chiamato rjs 'wklwsj e per esercito Gesù stesso lo chi.mna a sé per istruirlo
di soldati di professione, tbii' haggib-
borim, in Tg. a 1Chron. 19,8 sta 'wklw- (Mc.1,14; 8,34; Mt. 15,10). Spesso è
sj gbrj'. L'imprestito significa inoltre ricordata la compassione di Gesù verso

17 Manca il significato <li 11trbame11to, 1110- to come il verbo semplice, mentre in Hebr.
lestia <~ col. 72); ricorre soltanto bXÀ.Éw 12,15, dove è usato in assoluto, significa crea-
al passivo nel senso di essere tor111e11/ato da re disordi11e (citazione da Deut. 29,17, LXX,
spiriti impuri (Aci. 5,16; dr. Tob. 6,8: M:v codd. BA); vedi a questo proposito anche ~
-.wa ÒXÀ.TI oaLµÒv~ov ii 1tVEiiµa noV1JpÒv), n. l. Secondo P. KATZ: ThLZ 75 {1951) 537,
oltre nel lvoxHw, che in Le. 6,18 è impiega· ÈvoxÀ.fi sta erroneamente per Èv xo).:fj.
ox)..oc; D 1,1 IR. McycrJ

l'oxÀoc;, specialmente m Mc. 6,34: d- '\Ò'V ik6v, «avendo visto questo, le tur-
OEv 1tOÀ.ÙV oxÀov xa.t È0"1tÀa.yxvlO"ih1 be furono prese dal timore e resero glo-
È'Jt'a.u'toÙc; O'tL ijcra.v wc; 'ltpo~a.'ta. µii ria a Dio»; oppure in Mt. 7,28: È!;E·
EXOV'ta. 1tOLµÉva., «vide una gran folla 1tÀ.lJO"O"O\l'tO ol oxÀ.oL Èrd 't'TI Òiòa.xii
e ne ebbe compassione, perché erano aÙ"'t'ou, «le folle stupivano della sua
come pecore senza pastore». La gente dottrina».
cerca in Gesù le guarigioni miracolose b) Dopo aver compiuto un atto o un
(Le. 6,19 ); talvolta lo assiepa e infasti- discorso, Gesì:1 si ritrae dal pubblico.
disce, ed egli si fo preparare una barca Cosl, dopo aver pronunciato la parabo-
per andarsene (Mc. 3,9); cfr. Mc. 5,30 la sulla zizzania e il buon grano, egli
s.: ~ÀÉ1mc; 'tOV oxÀov O"uvi))..i~OV\a <re., rimanda la gente (oxÀ.oi, Mt. 13,36) e
xa.t À.Éync; · "'t'LC, l..lOV ·~: lm.'to -r:w·; Lµa.- si reca «nella casa'> (dc; "'t'TJV olxla.v)
"'t'lwv;, «vedi che la folla ti preme e di- per proseguire l'istruzione dei discepo-
ci: chi mi ha toccato la veste?» 20 ; qui li. In Mt. 14,22 s. il congedo degli
sembra quasi che i cercatori di salute oxÀ.oL (Mc. 6,45: oxÀ.oc;) dopo il pasto
e gli assetati di sapere vengano allon- loro offerto introduce il cammino di
tanati da Gesù; e in tal modo si sotto- Gesù sul lago, che è messa così in rilie-
linea la tensione e la fede di quelli eh~ vo come un'esperienza peculiare dei di-
lo cercano; si veda per es. il ruolo <lel- scepoli 22 • Lontano dall'oxÀ.oc; Gesù
l'oxÀ.oc; nel racconto del paralitico gua- guarisce anche il sordomuto della De-
rito in Mc. 2,4 s. ed anche in Mt. 20, capoli in Mc. 7,J3 : xat à.itoÀa~oµEvoc;
3 I e Le. x9,3 s. Altrove è detto che il aÙ"'t'ÒV Ò.'ltÒ 'tOU oxÀov, «e trattolo in
popolo sta più vicino a Gesù dei suoi disparte dalla folla», evidentemente
stessi congiunti (Mc. 3a1-35 par.). La per escludere «i non chiamati dal mi-
folla svolge nei sinottici un ruolo es- stero della guarigione» 23 • Il tema dello
senziale, quasi di coro eh~ conferma le scostamento dalla folla subisce una mo·
gesta e le parole di Gesù con la gioia, difica in lo. 5,13, dove Gesù si allon-
l'ammirazione, lo stupore e il timor~ 21 , tana 'dopo' la guarigione.
come per es. alla fine del racconto d~l Quale pubblico in senso ampio, la
paralitico guarito, in Mt. 9,8: lò6v"'t'EC, gente parla e discute sulla persona di
oÈ ot OXÀOL É<pO~TJi}riO"<l.'J xa.t ÈOO!;,OCO'a'J Gesù. Egli si riferisce a questo in Le.

20 Cfr. Le. 8,45: ol Bx>..oL çuvtxou,-lv <iE xal M. DIBl'.LtuS, for111geschfrhle ' ( i933) 50. j-J
a1tol>Àl{3ouow. Matteo non dice che Gesù non s. 64.72.
va e che s'infastidisce, ovviamente per cor-
llCfr. anche Mc. 4,36, dove i discepoli con-
reggere in senso dogmatico il vecchio racconto
gedano l'oxÀ.oç.
popolare.
21 Sul problema storico.formale relativo cfr. 2~ KLOSTERMllNN, Mk ... , c1d / . ; dr. Mc. 8,23.
81 (v,586) oxÀ.oc; D 1,1 (R. Meyerl

9,18: 'tLV<J. µi: oi oxÀ.oL À.Éyouaw Et- lo circonda (Io. II,42).


24
vcu;, «le turbe, chi dicono che io c) La grande massa del popolo è con-
sia?». Nella pericope di Mt. 2r,1-11 trapposta talvolta alla classe dirigente
sull'ingresso di Gesti :.t Gerusalemme e ne determina l'azione incutendole ti-
una «folla grandissima», ttÀ.EtO"'tOç o- more col suo modo di comportarsi. Se-
XÀ.oc; (v. 8) 1·' , oppure OXÀ.OL (v. 9) 26 , ren- condo Mt. 14,5 Erode Antipa non osa
de omaggio a Gesù, che entra nella cit- uccidere il Battista, perché Ècpof>li~ll
tà come Messia. Secondo il v. IO Geru- 'tO\I oxÀ.ov, O'tL wc; 7tpOqlTJ'tl}V CJ.ÌJ'tÒv
salemme non era preparata per questo dxov, «temeva il popolo, che lo ritene-
ingresso e quando i Gerosolimitani s'in- va un profeta» 23 • Secondo Mc. 15,15
formano sulla persona di Gesù, gli Pilato si trova sotto la pressione della
OXÀ.OL che lo accompagnano t·ispondono piazza: ~OUÀ.OµEVO<; 't{j) OXÀ.~ 'tÒ tx.et.-
(v. II): ov"toc; Èa·tw ò 11:poqil}'tiJS 'l'l"J- vÒv 'ltOLijO"o.t, <<Volendo dare soddisfa-
aoùc; ò à'ltò Nasaptl) 'tijç I'aÀ.LÀ.o.lo.c;, zione al popolo» 29 • Anche la classe di-
«questi è il profeta Gesù, di Nazareth rigente giudaica dipende dagli umori
della Galilea». In questo caso l'incolo- della folla nelle misure contro Gesù,
re oxÀ.oc; acquist:.t il significato più pre- come in occasione della cacciata dei
ciso d'una schiera di Galilei venuta in profanatori del tempio (Mc . 11,18) 30 e
pellegrinaggio alla festa(~ col. 86) 27 • nella questione del battesimo di Gio-
Gesù compare come oggetto di discus- vanni (Mt. 21,26 11 ); dr. inoltre Mc.
sione anche in lo. 7,12 .43 (~col. 85). 12,12). Gesù è considerato un sedutto-

È caratteristico di Giovanni che Gesù re delle masse in lo . 7 ,12: 1tÀ.avij. 'tÒv


preghi il Padre a motivo della turba che ox"X.ov. Sulla stessa accusa rivolta :.t

24 Mc. 8,27; Ml. 16,1 y ol èl\li>pt.mOL. si può supporre che Ml. in io"-11 sia legato
2.\ Mc. 11,8: 1tOÀ.À.ol. Le. 19,36: terza perso- a una tradizione fissa affine a Io. 1 r ,12.18.
na plurale. Conseguentemente l'acclamazione fu opera e-
sclusiva di pellegrini galilei, a cui Gerusa-
21• Solo Matteo va oltre Marco aggiungendo
lemme non partecipò; cfr. W/. BoussET, K.1..
ol ox.ÀoL.
rior Christos' {1921) 35 s.; R. MEYER, Der
21 Parlando del tratto peculiare di Ml. 21, Propbet a11s Galiliia (1940) ;8 s.
10b- 1 1e appoggiandosi a K .L. ScHMJDT ( Der
Rabme11 der Gcschichle ]cm (1919) 284)". 28 La motivazione di Mc. 6,20 ~ diversa e::,
KLOSTERMANN, Ml.l, ad I., afferma: «Per sot- col suo carattere non messianico, corrisponde
tolineare l'importanza della compars:i di Ge- a qucll:i di Ios., ani. 18,117; sul problema ve-
sti in Gerusalemme Matteo aggiunge una de- di R. MEYER, o.e. e~ n. 27) 90 s .
scrizione dell'effetto del s\10 ingresso messia- 29 Il testo è tralasciato in Ml. 27,25 e mitiga·
nico sulla ciuà, effetto che viene messo in ri- to nella forma e nel contenuto in Le. 23,24.
lievo ancor maggiore in lo. 12,12.18». Però,
l~Le. 19,48: ò Àa.Òç éi1ta.ç. In questo passo
tenendo conto che il termine 7tpoqrlrn1c; esce
Matteo omette In motivazione.
dal quadro (dr. v. 11 con vv. 8 s.) come la
domanda stupita dci gero~o!imitani al v. 10•, 31 Mc. 11,32. Le. w,6: À.a.6ç.
cxì.oç D i,1-11,1 {R. Mcyer)

Paolo vedi Act. 24,12 .18. <rt\I xat Et>vn xa.t y Àwa-crm, «le acque
Io.7 A9 rileva il disprezzo che i circo- (che hai vedute), su cui 1a meretrice
si asside, sono popoli e moltitudini e
li dirigenti giudaici nutrono per l'oxÀoc, nazioni e lingue»33 •
(--7 coli. 87 ss.). Volubile e indifeso
4. Termine quantitativo. È un uso li-
contro un'abile propaganda, J'é\x)..oç si mitato agli scritti di Luca; cfr. Le. 5,
lascia trascinare alla condanna di Gesù 29: OXÀOC, 7tOÀ.ÙC, "'t"EÀW\IWV xa.t aÀ.-
(Mc. 15,n; Mt. 27,20). Sulla presenza ÀW'll, «un grande numero di pubblica-
ni e d'altra gente»; cfr. inoltre Le. 6,17
della folla al processo dr. Mc. 15,8
e Act. 1,15; 6,7; 11,24.26.
par.; sul pentimento succes~ivo al mal-
fatto dr. Le. 23,48.
II. oxÀ.oc, e 'am hii-iire~
IJ contegno della folla verso gli a-
postoli corrisponde essenzialmente a 1. L'oxÀoc, di Giovanni. Il nostro ter-
quanto è stato detto; ma i testi sono mine ha nel vangelo di Giovanni un si-
molto più scarsi . Gli oxÀot ascoltano gnificato particolare 3~.
volentieri (Act. 8,6; 13.45 32 ); quelli In tale senso il termine compare in
pagani tendono alla venerazione super- Io. 5,13, parlando d'una festa giudai-
stiziosa (Act. 14,1I.13s. 18). Anche qui ca; cfr. Io. 5,1. Secondo Io. 6,2.5 .22.24
oxÀ.oç è la turba dei Galilei che assiste
è facile approfittare della volubilità del- alla moltiplicazione dei pani sul lago
la folla (Act.14,19; 17 18.13; 19,26; 21, di Tiberiade e che viene più avanti u
27) e provocare tumulti (Ac/.16,22; 19, sapere che Gesù ha passato il lago 35 •
Il termine ricorre con particolare fre-
33.35; 21,34s.). quenza in lo. 7 e 12. In Io. 7,II è det-
to che i Giudei cercavano Gesù duran-
2. Schiera, truppa. Nella frase di Mc.
te la festa dei tabernacoli, mentre al v.
14 A 3 : oxÀoc, µE"'t"b.. µa.xa.tpw'll xa.t ~u­ 12 subentrano al loro posto gli oxÀo~;
Àwv, «una turba con spade e bastoni»,
qui il termine significa probabilmente
oxÀoc, significa turba armata.
il grande pubblico giudaico, il popolo
3. Popolo. In Apoc. 17,15 il plurale giudaico 36 • I Giudei, quali interlocuto-
oxÀot, come risulta dal contesto, signi- ri in disputa con Gesù, sono menziona-
fica popoli, moltitudini: -cà uoa.w....
où ti anche nei vv. 15-19, e anche in
1J 1top'llYJ x&Jhrra.t, Àa.ot xa.t oxÀot El- questo caso corrisponde ad essi, al v.

32 Codd. D sa : -rò 7tÀTjl)oç. re che doveva venire nel mondo. Giovanni


33 Cfr. Dan. 3:4 (LXX): ElhiTJ xc.t.t xwpm, dimostra qui di conoscere bene la dogmatica
>..aot xat yÀwcrcraL; però qui manca il termi· giudaica, infatti il miracolo del nutrimento
ne gXÀOL; cfr. PREUSCHEN-BAUER '. s.v. della folla e della manna è un segno dell'era
finale. -> VI, col. 1245.
34 Per quanto segue dr. ZAHN, ]oh. a 7,14 ss.

33 Qui l'oxì..oc; dci Galilei sembra stare con- 3~ Invece il senso è diverso al v. 13; cfr. 5,
tinuamente al seguito di Gesù; cfr. Bt.UER, 15-18; 9,22; 18,12. Qui il termine 'Iouoa~oL
]oh:' a 6,2. È questo ISx>..oç (detto &vDpw- è ristretto al «popolo giudaico in quanto rap-
noL ai vv. 14 s.) quello che, dopo aver rico· presentato dalle sue autoritlì», BAUER, Joh.'
nosciuto in Gesù il profeta, vorrebbe forne il a 1,19 cd excursus.
8.5 (V,588) llx).oç D n,1 (R. Mcyer) (v,588) 86

20, oxÀ.oc,, nel senso di folla giudaica. riftu tano Gesti radicalmente 38 , dalla
Invece in I o. 7 ,3 r s. i Farisei sono folla disgraziata che non conosce la
contrapposti alla massa del popolo: legge. Secondo il contesto questa folla
molti del popolo credono in Gesù, per è costituita sia da pellegrini che parte-
cui i capi dei sacerdoti e gli scribi si cipano alla festa sia dalla plebe di Ge-
sentono spinti a procedere contro di rusalemme. Dei pellegrini Giovanni
lui. Dello stesso oxÀ.oc, popolare ripar- parla specialmente in r r ,5 5, chiaman-
lano i vv. 40-49, collegandosi al discor- doli «i molti (venuti) dal paese» (-rçoÀ.-
so tenuto da Gesù nell'ultimo giorno À.ot Èx 'tiic; xwpac,), inoltre in 12,I2:
della festa dei tabernacoli. Alcuni del- o
ò oxÀoc; 1toÀ.Ùç ÈMwv dç -ci]v Éop-
la folla ritengono che Gesù sia il pro- -.iiv, «la grande folla che era venuta
feta, altri che sia il Messia, mentre al- alla festa». Sono questi pellegrini ve-
tri ne dubitano, perciò il v. 4 3 osserva: nuti a celebrare la solennità che vanno
crxlcrµa OV\I ÈyÉVE'tO Èv 'te{) oxÀ.cp ot'aù- incontro a Gesti e gli rendono omaggio
-r6v, «e a causa sua vi era dissenso tra come a re messianico (vv. 12-19). Di
la folla» 37 • Io. 7.45 s. riprende il tema ciò parlano già i sinottici, ma colla dif-
dell'arresto di Gesù dai vv. 31 s., rac- ferenza che per loro i pellegrini co-
contando che i servi dei gran sacerdoti stituiscono il seguito di Gesù quando
e dei Farisei ritornarono da loro senza egli entra in Gerusalemme (--)> col.
averne eseguito gli ordini, per il moti- 81) 39 • Infine in Io. 12,9 è chiamata
vo che ouoÉTco'tE E.À.aÀ.T]CTEv oihwc, &v- oxÀ.oc; 1toÀ.Ùc; Ex -cwv 'Iouòa.lw\I, «la
i1pw1toç, wc, oihoc, À.aÀ.Ei: ò èi:11t1ptimoç, grande schiera dei Giudei», quella fol-
«mai uomo ha parlato come parla que- la che sei giorni prima della Pasqua
st'uomo»; cioè i servi prendono la stes- viene a Betania per vedere Gesù e Laz-
sa posizione di una gran parte de'l- zaro. Secondo il v. 11 si tratta ·dei 1tOÀ.-
1'oxÀ.oç. Perciò un fariseo dice ( vv. À.ot -rwv 'louoa.lwv, dei «molti Giudei»,
48 s.): µ1J ·ne, f.x -cw\I à.pxo\1-rW\I E.nl- che la resurrezione di Lazzaro indusse
cr-.wcrEv dc; ctÙ'tÒ\I fi Éx -rw\I <I>cx.pL- a credere in Gesù e quindi a staccarsi
cralwv; Ò..ÀÀ.èt.. O OXÀ.OC, oihoc, O µ-i] "(L- dai sommi sacerdoti (cfr. v. 10) 40. In
\IWCTXWV -còv \IOµov hcapa.-col EtCTLV, Giovanni non risulta quindi un uso lin-
«c'è forse uno solo dei capi o dei Fari- guistico chiaramente definito e ciò non
sei che abbia creduto in lui? Ma que- sorprende, se si tien conto dei molti si
sta gentaglia che non conosce la legge gnificati di oxÀ.oc; e dello stile peculia-
è maledetta». Giovanni dunque distin- re di questo vangelo 41 • Come il termi-
gue qui gli apXO\l'tE<; e i <l>a.pLCTCJ.i:OL, che ne 'Iouo a.i:o~ (-o) 1v, col I. l r 5 7 ss.) non

37 Per ciò che riguarda questa diversità di o- ta dell'oxÀ.oc:; che ne hn solo sentito parlare.
pinioni intorno a Gesù negli scritti sinottici, Si hà qui una oscurità composizionale do-
dr. 1 R. MEYER, o.e. (~ n. 27) 10-40. vuta ad una sfasatura; dr. DAUER, ]oh.' a u,
3~ Cfr. d'altra parte Io. 3,1-21. 17 s. In Io. 12,29, come anche in n ,42 e
spesso nei sinottici, l'oxÀ.oc; fa da coro (~
39 Forse la formulazione giovannea della pe- coli. 79 s.), mentre in 12,34 compare come
ricope sull'ingresso di Gesù a Gerusalemme antagonista di Gesù.
riflette l'antico uso liturgico cristiano; cfr.
BAUER, ]oh.' a 12, 13. 41 Non corrisponde all'uso linguistico così
40 In lo. I 2,27 ox).oc; è equivalente alla folla complesso l'affermazione troppo sommaria di
che, secondo II,42, era stata presente alla ri- TH. ZMIN (~ n. 34): «Oltre agli abitanti del-
surrezione di Laiz:iro, mentre al v. 18 si trat- la capitale (7,25) c'è l'ox).oç molto più spesso
ox).oç D 11,1-2 (R. MeycrJ

si rife1"isce sempre alle classi superiori, sce la legge». Queste pawle qualificano
così neppure oxÀ.oc; designa sempre un come massa perditionis senza legge i
determinato gruppo sociale.
pellegrini delle feste e i plebei di Ge-
Benché questo uso linguistico non rusalemme eh~ si lasciano impressiona-
sia ben definito, l'impiego insolito di re da!ln personalità messianica di Gesù.
OXÀ.O<; in Jo. 7 e I 2 permette d'inten- Citando qucst'.l frase Giovanni dimo-
dere certe intenzioni dello scrittore: stra di conoscere bene certe tensioni
oxÀ.oc; si riferisce in prima linea ai pel- sedali del giudaismo a lui contempo-
legrini venuti alla festa, anzi sembra raneo che risultano chiaramente dalle
che riguardi soprattutto i Galilei, cioè fonti rabbiniche e sono intimamente
quelli che, secondo Giovanni, volevano legate nlla dizione 'am hii-iire~, «popolo
fare di Gesù un re, cfr. Io. 6,14 s. Ol- della terra» 42 •
tre ai Galilei, oxÀ.o; comprende in La dizione non è stata coniata dai
Giovanni la plebe di Gerusalemme che rabbini, ma si trova già nell'A.T. Pri-
in gran parte - forse ancor più che nei ma dell'esilio indicava la nobiltà terrie-
ra giudaica come classe dirigente del
sinottici - è ostile alln classe dirigente.
regno meridionale; dopo l'esilio desi-
L'eco che Gesù trova nella folla non è gnava i possessori di terre non appar-
affatto uniforme. Accanto a quelli che tenenti alla comunità giudaica 43 • Già
vedono in lui il profeta o il Messia, negli scritti post-esilici dell'A .T. il con-
cetto di 'am hii-iire! comporta una de-
stanno coloro che lo rifiutano total- limitazione spregiativa politico-religiosa
mente. Anche in questo non mancano che da parte della comunità del tempio
paralleli nei sinottici. E come in que- -- costituita essenzialmente dai gruppi
degli esuli - è diretta specialmeme
sti, anche in Giovanni, quelli della fol- contro i Samaritani 44 • Ma nella lettera-
la che credono in Ges~1 e gli rendono tura rabbinica il termine perde com-
omaggio alla fine lo abbandonano. pletamente l'originario senso sociologi-
co per ridursi a una connotazione in-
2. Lo 'am ha-are!. Ciò che conferisce terna del giudaismo in senso religioso-
nll'oxÀ.oc; di Giovanni un carattere spe- poli tico 45 . In bocca ai Farisei questa
è la qualificazione caratteristica della
ciale è la sentenza farisaica di lo. 7.49: grande massa e degli individui che nel-
«Maledetta la plebaglia che noa cono- la loro vita non applicavano il concet-

menzionato (12.20.3i.40.43.49), vale a dire i 4J ~ WORTHWEIN 70.


gruppi di pellegrini provenienti da tutte le
41Sul problema dello sviluppo semantico, che
parti del paese, che scompaiono quando la
festa è finita (8,12-10,21) e, prescindendo da non può più essere seguito nei dettagli cfr.
11 ,42, sono ricordati di nuovo solo in occa-
WURTHWEIN 70 s. n. 30.
sione della Pasqua ( 12,9 ss. )·>. 43 Soltanto verso il 200 d.C. lo 'am ha-are~
42 Per quanto s~gue dr. STRACK-BILLERBECK dei rabbini assume una connotazione sociolo-
11 494-519 e~ R. MEYER 169-199. gica scco:idaria; ~ R. MEYER 194.
6x)..o:; D 11,2 IR. Meyerl

to legalistico della sant1t11 farisaica; si ta anche quella sociale. Questa tensio-


confronti per esempio il detto di Hillel ne nell'uso linguistico del termine si
(20 a.C.) in Ab. 2,5: «Un ignorante
non teme il peccato e un 'am ha-iiref spiega partendo dalla situazione socia-
non è pio» 46 . Così è fissata una delimi- le del primo cristianesimo e dalla pro-
tazione netta, quasi programmatica, ~pettiva che ne risulta. Entro l'ambito
contro lo 'am hii-iires, senza tener con-
dello 'am hii-aref, che abbracciava tut-
to della posizione s~ciale di chi ne è
colpito 47 • Ad essa corrisponde la lotta te le classi, era soprattutto la povera
che i Farisei (~ <l>J.pLO"ai:oç) - inizial- gente a sentirsi attratta dal messaggio
mente un partito politico-religioso ac- di Cristo. Ma, quando questa gente,
canto ad altri - c:mdussero coerente-
mente al loro ideale nomistico, il quale che proveniva in gran parte dalla Gali-
infine - dopo il tramonto dell'a·ntica lea - animata da un'intensa aspettati-
teocrazia giudaica - fu realizzato nel va escatologica 50 e da una forte antipa-
patriarcato e nella sinagoga accentratri-
ce. Durante questa lotta tenace - non tia contro il nomismo farisaico 51 - si
senza il concorso degli avvenimenti po- metteva al seguito di Gesù, lo faceva
li t.ici degli anni 70-135 d.C. - venne- con speranze diverse da quelle che egli
ro meno a poco a poco tutti gli altri
poteva soddisfare secondo la sua mis-
gruppi, e i Farisei, gl'azie alla loro su-
periorità ideologica e organizzativa più sione. Basta uno sguardo alle immagi-
che al loro numero 48 , riuscirono ad as- ni di Gesù quali si sono mantenute nei
soggettare la grande massa del popolo singoli passi dei vangeli per capire che
giudaico, cioè lo 'am ha-iire~, per cui
nlla fine del sec. II d.C. il dominio as- quelle speranze restavano nel quadro
soluto del fariseismo era già stabilito 49 • dell'escatologia nazionale 52 • Poiché Ge-
Il contesto narra rivo di lo. 7 49 di-
1 sù disilludeva questo tipo di attesa -
mostra che qui oxÀoç non coincide espressa in rinnovate sollevazioni po-
completamente con lo 'am hii-are! del- polari piccole e grandi, fino alla cata-
ln letteratura rabbinica, perché, oltre strofe del tempo di Adriano - fu ine-
alla svalutazione religiosa, esso conno· vitabile giungere al bivio in cui le vie

4C• Questo è in realtà il tesw più antico; su 70-82.


Sola b. 48 a, nmibuiro già al tempo di lrrnno 51 È indicativo per l'atteggiamento dei Giu-
I da STRACK-BILLERBECK Il 500; IV 659.664,
dei nel sec. 1 d .C. un <letto di Johannn b.
dr. R. MEYER, Das angebliche Demai-Gesetz.
Zakkai; che prima della distruzione del tem-
Hyrka11s I.: ZNW 38 (1939) 124-131. pio lavorò per diciotto anni in 'Ariib, locali·
47 ~ R. MEYER 177. tiì della Galilea superiore presso Sclforis (og·
43 Secondo los., <1111 . 17,42, il numero dei Fa- gi 'Arriibet Banof) e in tutto questo lungo
risei organizzati superava appenn i seimila. periodo ebbe occasione di compiere solo due
4'1 Sul contrasto tr:t fariseismo e 'am bii-iire~, delle perizie religioso-legali, Shab. ;. 15 d, 6r:
durato due secoli, v;.-di R. MEY.ER 185-r95. «Galilea, Galilea, tu hai in odio In legge e srn-
rai infine con quelli che impongono i tributi »;
so ~ m , coli. 1506 ss.; cfr. G. B.ERTRAM, Der
- > R. MEYER 180.
I-Ie/le11ism11s in der Urheimot des E!J.: ARW
p (1935) 265-28 1: R. MF.YRR , n.i:. (~ n . 271 ~l Cfr. R. MEYER, tJ.t'. e~ Il. 27) 18- ~1.
òxupwµa {H.W. Heidlandl

divergevano, e così l'influsso che Gesù Gesù verso lo 'am ha-are~ si veda an-
esercitò sulla massa dello 'am ha-are~ che l'articolo --» <I>aptCTo:~oç.
rimase episodico. Sull'atteggiamento di R. MEYER

> I
.,. oxupwµa..
I

In 2 Cor. I0,4 Paolo indica come da; in lob 19,6 per ma~od, e in Prov.
scopo della sua lotta l'abbattimento de- ro,29, traducendo ma'oz, benché qui il
testo masoretico non lo richieda. Vedi
gli oxupwµa-i-a. inoltre 't07tOç oxupoç in ~ 70,3, dove iJ
oxupwµoc è un termine tecnico mili- testo ebraico è incerto.
tare che significa luogo fortificato; di In tutti i casi la metafora si riferisce
solito non assume senso metaforico nel- a Dio e non agli uomini, come avviene
1:. letteratura classica e nei papiri 1• invece in 2 Reg. I0,4 e in Philo, con/.
L'A.T. invece usa concetti simili, par- ling. 129 s. Qui, con sorprendente pa-
lando di Dio. I LXX preferiscono usa- rallelismo linguistico e affinità di con-
re l'analogo concetto teologico: xo:•a- tenuto con Paolo, oxupwµa significa la
<puyl) per mc~uda in \jJ 30,4; 70.3 torre di Babele (Gen. 11,3) 3 o di Fa-
(mentre Aquila usa ogni volta ( ! ) 6xu- nuelc (I ud. 8 ,9 ), una fortezza a cui è
pwµa); per miSgiib in Ps. 9,10 (Simma- paragonata la ragione che si gloria di
co: òxupwµa) ; lCTxuç per 'oz in Is. 49, se stessa: 'tÒ yà.p xa'tECTxEucwµÉvov
5; Ier. 16,19; ~ol}iM<; per 'oz in \jJ 27, oxupwµa otà. -tiic; 'tw\I Mywv mi1av6-
7 e 58,8. Queste traduzioni sono do- 't'TJ'toç oUOEvòç EVEXO:. È'tÉpou xa-i-E-
vute certamente al rispetto per la men- CTXEuasE>O fi -tou µE>cnpa7Cf\vm xat
talità greca, per cui quelle metafore e- ~lE>axÀ.tlJi)vaL OLtX\lotav &.7tò -tfjc; 'tOU
rano insolite 2 • Ma anche i LXX offrono lJEOU 'ttµi'jç" OÙ -tl 8.v yÉ\IOt'tO CÌOLXW>E-
tre volte il senso traslato (mentre quel- po\I; à}J..à. 7tp6c; ye: •liv •ou òxvpwµa-
lo proprio ricorre 70 volte): in 2. BaCT. o
'toc; 'tOV'tOu xai}alpe:CTt\I 1tnpa-i-'Ì]ç 'tljç
2 2,2, in aderenza al masoretico m"fu- àotxlaç xat c:povwv atd xa't'aù•lic;

oxupwµa I LXX seguono invece l'uso linguistico teolo.


I MouLTON·MILL., s.v.; txupòc; ricorre invece gico della liturgia sinagogale. Cfr. G. BER-
più volte in senso traslato, per es.: i.v -rii> 1'RAM, Der Sprachschatz der Sepluaginla umi

èxupi;J Elvat, «stare al sicuro», Thuc. 7,77,6 der des hebr. A.T.: -zAW N.F. 16 (1939) 85·
IOI (BERTRAM] .
(parlando d 'un esercito che non si trovn però
in una fortezza); rxupti 1tC1PÉXE<Tl>at, «offrire 3 Vedi Gen. II,4: 'ir tlmigdill, LXX: 7tÒÀW
motivi solidi», ibid. 1,32,2 [DEDRUNNER]. xat 7tupyov. oxupwµa non serve a rende-
2 I tradu1tori offrono interpretazioni concet- re questi concetti ebraici neppure altrove,
tualistichc anche per altri termini metaforici ma Filone comincia a parafrasare giò. citando
indicanti Dio quale sicuro luogo di rifugio. Gen. IIA: òxupwuwµd)a. -rb. otxeto: (con/.
Solo nei traduttori seriori la resa dei termini ling. 111) e ~aul)..nov òxupw-ra-rov (ibid.
corrisponde :ill'idc~le dell'esattezza filologica. I I 3).
93!v,591) 6\jlwvtov (H.W. Heidland 1

EÙ't'pÉmcr't'aL, «infatti la fortezza co- [C.A.F. m 259]); prn tardi soltanto


struita con la persuasione dei discorsi la paga, a cui venivano aggiunti il o-i:-
non è stata apprestata per altro scopo •OC, e altre provvigioni (vedi per es. P.
se non quello di deviare e deflettere la Strassb. 103,7.16). Questo senso pit1 ri-
mente dal rispetto verso Dio. E che co- stretto è quello che ricorre nei tre pas-
sa può essere più ingiusto di questo? si dei LXX, dove il vocabolo è usato,
Ma contro la demolizione di questa for- ( 1Eo-op.4,56; I Mach. 3,28; 14,32) e
tezza si adopera continuamente il pira- nell'imprestito 'ofsonzm della letteratu-
ta dell'ingiustizia che ne brama la mor- ra rabbinica 2 • Talvolta questa parola è
te». usata fuori del campo militare per in-
dicare lo stipendio degli impiegati sta-
È possibile che in questo passo an- tali o il salario in generale. In ogni ca-
che Paolo alluda alla torre di Babele. so, chi lo riceve ha un diritto vero e
proprio all'òt}iwvLov, che spesso è fissa-
In ogni caso il suo linguaggio è affine to con tariffe e può essere rivendicato
a quello dei LXX. Con la sua metafora anche in tribunale, per es. quando si
egli vuole illustrare la potenza delle sue tratta del mantenimento d'un figlio (P.
Lond. III 8 98 ,3 1 ). Di regola non si
armi spirituali, ma anche la forza ap-
tratta di una prestazione unica o di un
parente delle costruzioni dottrinali dei premio 3 , ma d'un pagamento periodico
filosofi (vv. 4 ss.) e dell'importanza che a termine: il soldo giornaliero 4, mensi-
si danno i suoi presuntuosi avversari di le 5 ecc. In quanto stipendio base ac-
compagnato da aggiunte in materiale e
Corinto. denaro, esso non è un compenso che
H.W. HEIDLAND corrisponde alla prestazione offerta (-'>
VII, coll. 354 ss.), ma costituisce il mi-
t Ò\jJWVLOV nimo necessario per sussistere.

Significa propriamente: quanto ser- 1. Nella sua predica particolare per


ve all'acquisto del companatico, cioè i soldati in Le. 3,14 (~I, col. 1239), il
denaro 1; poi è per lo più termine tecni- Battista non pensa soltanto all'abuso
co militare indicante il soldo, che com-
della posizione e delle armi, ma anche
prendeva in origine anche il denaro per
il vitto e l'alloggio (cioè ò\jlwvtov = al pericolo che la pochezza del soldo
l..lL<rt>Oç + CTL't'"f)pÉCTLOv) Menand .. f r. IO 5 1 possa indurre a procurarsi di mano pro·

o\jJWVLO\I :1 2 Cor. 11,8, «Trinkgeld» (mancia), mentre

PREISIGKE, F11chwi)rti:r, s.v.; MITTEIS- WlLK- iJotrcbbe stare benissimo «Zehrgcld» [denaro
KEN 1,357 ..j11; J. KROMAYER-G. VEITH,
1 per il vitto). Anche ibid. 744,7 (dove GREN-
l'ELL ha «present;>) è possibile il senso di
Heerwcse11 11111/ Kriegs/iibrrm?, dcr G-ricchc11
umi Roml!r = l-landhuch A. \V/. 3,2 ( 1 928 l «paga». In P . Herm. 54,7 non si parla di un
I JI,
«premio per la vittoria», ma di una pensione
( «Ehrensold = pensione per benemerenza»;
I (DEBllUNNER] . cfr. PREISIGKE, \ffiirl., s.v.).
2 STRACK-BILLERBECK Ili 2}3 .
~ DnrnNDERGER, Syll:' 581,3+
J Vedi P . Oxy. 1v 731 ,10, dove GREN FE1. 1.
tr:iducc «present» (regalo) e BACHMANN, Kar. P. Fay. 302 .
95 (v,59r l ò~wvtov (H.W. Heidland)

pria le <caggiunte» necessarie. Accon- di sostentamento, anche la prima parte


tentarsi del soldo significa quindi con- del versetto contiene una forte antite-
tenere le proprie · pretese entro i co- si: «Il mantenimento della vita, che il
mandamenti di Dio e adattarsi a una peccato paga e offre, è la morte» . Il
vita modesta. peccato è un bugiardo: promette la vi-
Quando Paolo chiama ò"'wvLov (2
2.
ta e dà la morte. b) Poiché l'òtjiwvLov
Cor. 1 I ,8; cfr. r Cor. 9 ,7) il sostenta- non è un contributo unico, ma uno sti-
mento che gli spetta da parte della co- pendio corrente, ~civa-.oç non significa
munità, non lo fa soltanto pensando al- soltanto la fine della vita o la pena del
la militia Christi, la cui immagine è giudizio finale, ma anche quell'ombra
qui presente, ma anche per sottolinea- funesta che la morte proietta sulla vi-
re quel diritto che è implicito nel con- ta 8 . Come la vita eterna è già ora of-
cetto. La rinuncia all'òtJiwvLov è insie- ferta in dono al giustificato mediante
me un Jtto di libertà dell'Apostolo di l'ci:ppaBwv dello Spirito, così il peccato
fronte alla comunità 6 e un rischio del- versa, già adesso, ai suoi schiavi il ve-
la icde, che rinuncia alla sicurezza del leno letale dal calice della morte. c)
so~tentamento sicuro 7 • Forse nell'uso Poiché il nostro termine, a differenw
9
del termine è implicito anche il pensie- del xcipLO'µrx., che è un dono speciale
r;:i che il sostentamento offerto dalla
appartiene al campo del diritto, le due
c~munitì't non può mai compensare il parti del versetto contrappongono UP
~~ì·1oro del!'Apostolo, che esso è solo rapporto giuridico rn a un rappcrto di
grazia . L'uomo possiede un diritto sol-
'·'·'
PO O'l'WVLOV.
tanto nei confronti del peccato e que-
3. In Rom. 6,23 (~ r, coli. 840 s.;
ìV, coli. I 8 5 ss.) vengono messi in risal- sto diritto si trasforma in co.1danna.
•o per mezzo del contesto tre aspetti Quando invece egli si consegna a Dio
del significato: a) tenendo conto che gli senza pretese., gli viene incontro la sai-
61.jJwvw. servono ad affrontare le spese vezza 11 . H .W. HElDLAND

0 Nell'iscrizione di Prienc 109,94 si mette in più lato, che include ogni sussidio di natura
nsalto che uno u-rpa·n1y6c; provvedeva alle finanziaria e materiale.
:;pese di servizio ihep bljlwvlov xal. ÉÀ.alov. 8 Si badi che M.va-roc; è senza articolo!

9 Zr\HN, Rom., ad I.
1 Quando i cittadini, prestrmdo il servizio mi-
:itare a titolo onorifico, rinunciavano all'otjit:J- ia P . ALTHAUS , Rom. (N.T. Deutsch), ad /.
v~ov, ricevevano un ui:-.oc; ancora maggiore:: IlIgnazio usa ol!iwv~O\I anche per indicare il
:--> KROMAYP. R-VEITH 78). Naturalmente la ri- premio che Dio paga ai soldati di Cristo,
nuncia di Paolo non dev'essere intesa così. Poi. 6,2: àpfoxE-rE t{J cr-rpa-rEvEcrDE, O:cp'ov
Egli impiegn il termine òljlwv~ov in un senso xat 'tà ol!iWWX XOµl~EO'lk
Il

7ta:ylc;, ita.y~ÒEUW

t 7ta.ylç landa delle etere che «avviluppano


Il termine 1taylç significa originaria- l'uomo dopo averlo attratto nelle loro
mente tutto ciò che stringe, piglia e reti». In Athen. 13 (p. 567 s.) Amfide
tien fermo (da 7triyvuµL) e specialmen- chiama le etere 1.ayloec; -rou ~lov,
te il laccio, la trappola, la rete. Nell'e- « trappole della vita», e Ilayl<; è il so·
poca ellenistica ricorre anche il senso prannome d'una cortigiana in Luc., dia-
di trappola per topi 1• In Anth. Pal. 6, logi meretricii 1 1; in Anth. Pal. 5,56,4
I 09 si menzicnano delle VE.upo"t'E.VEi:ç
sono ito:yloeç gli occhi d 'una ragazza,
mxyloEç, lacci costruiti con tendini . Il mentre in Aristoph., fr. 666 (C.A.F. 1
carattere insidioso e pericoloso della 556) anche gli ornamenti delle donne
mxylç è messo in luce da una frase di sono detti a.t yuva.~xwv '!tayloEç. Il ca-
Menandro (/ab. inc. 67 ): XExpuµµÉVTJ vallo di Troia, la 'trappola' che portò
xEt"t'a.L 7to:ytç "t'oi:ç 7tÀ:ncrlov, «trappo- la rovina della cittJ, è detto ooupcx"tfo
la nascosta in agguato contro quelli che (di legno) naylç in An th. Pal.9 ,t52 .
vi stanno vicino». Significativa è la di- Accanto a no.ylç è usato talvolta il
zione m:xyl.Saç la"t'avm, «tendere insi- sinonimo olx"tuov, rete da pesca o da
die» in Aristoph., av.527s.: ~O""t'TJO"L 0p6- caccia, laccio da presa ; v. per es. Epigr.
xouç, na.yloa.ç, /iciBoovç, EpXTJ, vE<pÉ- Graec. 42 1 : olx"t'ua. À.uyp<l. xo.t yoepèt.~
Ào:ç, olx-çua., 7t"r)X"t'c1..ç, «tende insidie itpovcpuyov &µ7tÀa.xlT1c;; Anth. Pal. 5,
con lacci, trappole, bastoni, recinti, fu- 56 A : olx"tua xa.t nayloEç; Aristoph.,
mate, reti e filamenti ». av. 194.527 (~col. 97). Nelln letteratu-
Il termine ha un senso traslato nella ra greca esiste anche l'immagine d'un in-
frase 7tayloa.ç l.cr-rcivaL "t'oi:ç èip"toLç, trappolamento religioso, come nella di-
Alexis, Jr. 66 ( C.A.F. II 3 19) in Athen. zione «finire nella rete di Ate» (cioè nel-
3 (p. 109 b), la quale esprime molto vi- ln rete dell'accecamento e della perdi-
vacemente l'idea di «procacciarsi il pa- zione); però questa metafora così dif-
ne». Il senso metaforico è usato soprat- fusa non è legata al termine 'TI:a.ylç,
tutto per indicare il pericolo della se- ma a olX"tVO\I; V. per es. Aesch., Prom.
duzione femminile, specialmente par- 1078 2.

1tct.YL<;
' Così nell'opera ellenistica Batrachomyoma- tizzanti per Prometeo, che quando sopravver-
chia J 17; 1'v 11;ayl6a xa.),.fovcn, µvwv oÀÉ- rà la catastrofe no:1 potranno scusarsi col ·di-
•npa.v foùO'av (ed. TH. W . ALLEN, Homeri r.: dì non aver saputo nulla, essendo cadute
Opera v [1912) 173). all'improvviso e inconsciamente nella rete di
2 Ermete avverte le figlie di Oceano, simpa· tue. dA cui nessuno riesce a liberarsi: d6vtaL
99!v,593l mq(ç {]oh. Schneider) (v,594) 100

Nei LXX 3 abbonda l'uso metaforico luce chiaramente nelle locuzioni Ota.cp-
del termine con riferimento d laccio i)opà (perdizione) na.ylooc; (\jJ 34 ,7) e
dell'uccellatore o alla trappola d~l caç. rcctytç 1>o:va:rou, «trappola di morte»
ciatore. Oltre a 1tet:ylc,, sono impiegate (Tob. r4,10; \jJ 17,6; Prov. 14,27; 21,
anche le immagini affini della fossa e 6) 4 . Molto spesso, specialmente nei Sal-
della rete. In ~ 68,23 e 139,6 st'.lnn'.l mi, si vuol mettere in rilievo la subi-
insieme il laccio, la rete e la trappola; taneità del malanno di cui l'uomo è vit-
in Os. 5,r s. il laccio, la rete e la fossa. tima 5• Però il termine perde un po'
In lob 18,8 fa da parallelo a mx.yi.oL il alla volta la sua plasticità, divenendo
plastico &x:tu<.p, nell'esprimere l'idea di piatto e inespressivo.
mettere il piede nella trappola. In ls. Due sono i temi principali a cui es-
24,17 s. il testo greco non riesce - o so viene applicato: l'idolatria e, soprat-
non tende - a rendere l'effetto della pa- tutto, le insidie tramate dagli incredu-
ronomasia ebraica papad wa/af.Jad wa- li, «le trappole degli empi». Quest'ul-
/ab, «orrore, fossa, laccio»; i LXX tra- timo impiego della metafora «porta nel-
ducono: cp6Boc; xa.t Bot>uvoc; xa.t 'lta.ytc, la sfera del contrasto secolare e insupe-
Ècp'ùµ!Xc, 1."0ÙC, ÈVOLXOV\l't'a.C, È'ltt "t'i)c; y'i'}C,, rabile fra i 'pii' e gli 'empi'» 6 • La di-
«spavento e fossa e laccio contro di voi, zione trovasi già in Geremia (5,26; 18,
abitanti della terra». 22 ), ma ricorre soprattutto nei Salmi e
Nell'uso traslato del termine, deri- poi nei Proverbi e nell'Ecclesiastico 7 ,
,·ato da qu::llo metaforico, predomina dove l'immagine viene estesa analoga-
l'idea dell'insidia e del pericolo . Il sen- mente alle trappole tes" dalle meretri-
so principale è quello di causa di per- ci (Ecclus 9,3).
dizione. C'è una qua::itità di dizioni de- Un gruppo speciale è costituito dai
rivate in parte da que3t:> uso m~tafori­ casi in cui rcayi.c; è usato in assoluto
co di rca.yi.c;, che so~1::i c.natteristiche per indicare la perdizione stessa «in un
dei LXX o coincido;io col linguaggio senso ·peculiarmente ampio e minaccio-
greco extrabiblico: ;i;a.yloa.c, ( cruv )tcri.-ét.- so» 8 (cosl per es. in Is. 24,17; IEp. 31
vu.~ (Jer. 5,26; l{i 140,9; Ecclus 27,26), [48],43 s.). Un altro senso assoluto,
't'ti>Éva.t (tlJ u8,no), xpu'lt't'ELV (Ier. 18, benché razionalizzato ed eticizzato, si
22; ~ 9,16; 30,5; 63,6; 139,6; 141,4), trova nella letteratura sapienziale, nei
«tramare, tender.::, nascond~re insidie» . Proverbi e nell'Ecclesiastico, per es. in
L'idea del pericolo mortale è messa in Prov. 13,14; 29,6 e in Ecclus 9,13; 2ì,

yà.p xovx él;a{,qiv'l')ç oòlìÈ ÀaDpalw; etç ttnÉ· anche se va completamente perso il suo signi-
pa:tov (anÉpo:v-.ov) lìlnvov ll:t'!]<; lµnÀ.EX-lhi- ficato». Di opinione diversa è STXHL!N, o.e.
O'EO'D'vn'&.vola; [ K LEINKNECHT). ("' n. 3) 99. Su tutta questa concezione biso·
3 G. STAHLIN, Ska:rdalon ( 1930) 98-104 ha gna però ricordare le interessantissime conside-
già compiuto su nay1ç nei LXX una ricerc:i razioni della seconda parte in SCHEFTELOWITZ
accurnta, e i suoi risultati costituiscono nel 3-r:z ( «Schlinge und Netz als Gé:itterwaffe» ).
complesso ln base di questo articolo. Si veda- 5 Per es. ljJ 17,6; 34,8; 63,6; cfr. \)i 56,7; ve-
no in Stiih!in anche i singoli passi probativi. di anche lob 22,10. Molto plastica è la dizio-
4 Però non c'è più traccia del senso mitologi- ne lµnln-.Ew dç 1tayllìcx, «finire in trappo·
co originario. J. SCHEFTELOWITZ, Das Sehlin- la», in Tob. 14,rnb; Prov. 12,13; Eccl11s9, 3.
=
gcn- u. Netzmotiv ( RVV xn 2 ( 1912] 10) 6 STAHLIN, o.e. (-,) n. 3) IOI.
riscontra nelle metafore 'lacci di morte' e
7 STAHLIN, o.e., ibid.
'trappole letali' «la risonanza intramontabile di
una mentalità mitica che persiste nelln lingua, s STAHLIN, o.e. ro2.
101 (v,594) ;.:xyl; (}oh. Sclmeidcr) (v,595) 10i

29. Qui 'ltaylc; è addirittura il castigo cade facilmente preda di Satana, il qua-
divino. In 4' xo,6
gli empi sono puniti le, divenutone padrone, gl'impedisce di
dalle 'ltayloE<; di Dio.
In Giuseppe non si trova itaylc;, ma servire alla comunità 11 •
TI&.yt] (ant. 16,239) 9, termine usato nel Anche in 2 Tim . 2,25 s. quelli che si
greco profano da Eschilo in poi e man- oppongono al messaggio cristiano sono
cante nel N.T. In Filone il termine mx.-
preda del laccio diabolico. La loro op-
ylc; non ricorre.
posizione all'evangelo ba origine in ulti-
Nel N.T. 1taylc; è alquanto raro. In ma analisi da questa insidia del demo-
Le. 21,34 s., nel discorso escatologico, nio, che li ha storditi e asserviti al suo
Gesù ammonisce i discepoli a stare in volere.
guardia, perché l'ultimo giorno non li
L'immagine della 'ltaytc; -.oi.i OLcx.~é­
sorprenda come un laccio 10 : chi è oc- Àou risale a una mitologia antichissima.
cupato dalle cose di questo mondo non In quasi tutte le religioni, non solo tra i
potrà sfuggire a quella catastrofe fi- popoli primitivi ma anche presso i Su-
meri, i Babilonesi, i Persiani, in India,
nale. Grecia e Roma, s'incontra ln credenza
Le lettere a Timoteo sono quelle che che dèi e dèmoni siano forniti di lac-
usano naylç con pit1 frequenza. In I ci e reti per prevalere sui loro avver-
sari 12 • È in questo contesto eh~ .biso-
Tim. 3,7 e 2 Tim. 2,25 s. è menzionata
gna considerare il detto neotestamenta-
la 7tay1.c; -rov OLa~6À.ou. Secondo I Tim . rio sulla 7ta:yt<; -roi.i ow.~6Àov. Il dia-
3,7 la cattiva condotta di un vescovo volo non è solo l'accusatore degli uo-
ha due effetti: che l'btlcrxo1toc; viene mini, ma è anche un dèmone nemico di
Dio che, fornito di armi letali, si aggi-
giustamente disprezzato dal popolo (~ ra nel mondo cercando di pigliare e ro-
ÒVELOLcrµ6c;, VIII, coll. 678 s.) e che poi vinare gli esseri umani.

9 Cfr. SCllLATTER, Lk. 420. fede». La pensa diversamente anche DIBELIUS,


u L'appartenenza delle parole w; mx.ylc, è di- Past., ad I., che commenta: «Il laccio del d ia-
scussa. Alcuni, cioè la maggioranza degli ese- volo è facile a capirsi dopo la menzione del-
geti, seguendo i codd. S,B,D,it. attraggono wc, l'ovE~l>Luµ6ç: non si deve offrire all'antico ac-
itaylc, al v.34: Èm<r-rii ii 'l'JµÉpcx ÉXEl\ll] wc, rca- cusatore neppure l'apparenza d'un motivo di
ylc,. Altri, come Blass, Merx, Zahn, coi codd. accusa (sotto forma di calunnia da parte degli
A, it., syr., lo riportano al v. 35: wc, ~cxylç avversari)» . H .J. HOLTZMANN, Hand-Commen-
ÉTCELO'EÌ..EVO'E-ra.L. Cfr. KLOSTERMANN, Lk., ad f. tar z. N.T. m 324, riferisce -ro\i oLa.~oÀ.ou an-
11 Di parere diverso è \XIOHLENBERG, Pasl.,
che a Elc, O\IELl>Laµov e interpreta il passo a
questo modo: «Qui si vuol dire che un cri-
ad /., secondo il quale il vescovo perseguitato
stiano potrebbe cadere prima nel disprezzo,
dalle calunnfose maldicenze degli estranei «sba-
poi nell'asservimento e infine sotto il giudizio
glia facilmence nella fede e nell'esercizio del
del demonio». L'idea in sé è giusta, ma non
suo ufficio»; in questa situazione Satana «po-
si trova in questo passo!
trebbe collocare sul suo cammino una trappo-
la, con probabilità che egli vi cada e finisca in 11 Vedi i dettagli in Sc11EFTELOWI1'z, o.e. (-+
suo potere, cioè nella piena apostasia della n. 4) 3-12.
103 (v,595J mt.yLSEuw (Joh. Schncider)

In r Tim. 6,9 s1 parla dei pericoli a sicale degli stessi LXX. 1tet.yLOEUEL\I 1 è
cui vanno incontro gli amanti delle ric- propriamente un termine venatorio e
significa collocare un laccio, tendere
chezze: essi cadono in una trappola.
una trappola, attirare nella rete, cattu-
L'accostamento dei termini 7tELpao-µ6c:;, rare, impigliare.
itaylc:; e brn'}uµlaL fa pensare che an- I LXX 2 usano rcayLOEVEtv in due
che qui si tratti della 1ta:ytc:; 'tov oLa- passi soltanto: 1 Bixcr. 28,9 e Ecci. 9,
12. In l Ba.cr. 28,9 esso ha il senso di
~6À.ou : la tentazione, il laccio e le pas- tendere una trappola. Quando Saul
sioni hanno per autore il demonio. chiede alla negromante di Endor che
Nelle lettere maggiori Paolo usa il gli evochi lo spirito di Samuele dal re-
gno dei morti, essa teme che egli le
termine 'ltaylç solo una volta, in Rom. tenda un'insidia pericolosa, perché pro-
11,9, citando il Ps. 69,23: gran parte prio lui aveva comminato la pena di
del popolo d'Israele subisce la condan- morte contro la stregoneria. In Ecci.
9,12 l'essere presi in trappola indica il
na divina all'indurimento; Dio ha tra-
sopravvento d 'una disgrazia fatale .
sformato «la loro mensa», cioè «tutto Solo Aquila, tra le altre traduzioni
ciò di cui vivono o che fanno» JJ, in greche dell'A.T., ha itcxytoEvEtv in Ez.
trappola, inciampo e vendetta (El<; mx- 13,20.21: le false profetesse avvilup-
pano molti nei loro lacci magici, come
yloa xaì. dc; 1li)pav xat dc; crx&.voaÀ.ov glì uccelli; cioè seducono e rovinano le
xat dc; av'tait6ooµa). loro anime.
In Is. 8,15 Simmaco ha 1t<XyloEuE-
I Padri Apostolici riprendono la lo- crltctL (1tllYLOEui)1}uo\l"t'tt~ xat auÀ.À.1)-
cuzione dei LXX 7taytc:; 'tou i)ava'tou. cpi)Tjcro\l"t'llL, «saranno presi nella trap·
In Did. 2A essa vien usata parlando del- pala e catturati»): Israele e gli abitan-
la lingtta doppia (falsa): mx:yì.c:; yàp i>a- ti di Gerusalemme s'impiglieranno nel
vti'tou Ti OLyÀ.wcrcrla.. In Barn. 19,8 ser- laccio o nella trappola loro tesa e sa-
ve a qualificare la bocca in genere: 1ta- ranno catturati. Questa immagine cosl
yì.c; yàp 'tÒ <noµa. t>avcl.'tou (dr. Prov. plastica si riferisce all'incombente cata-
lr,9; 18,7). strofe che Dio sta preparando. In Prov.
6,2 Simmaco usa mxyLOEUEcri>aL parlan- -
t 1tllytOEVW do dei danni prodotti coJla lingua: foct-
ytÒEvitric; f.v ~ijµa.<n n6µa-t6c; crou, «ti
Il termine ricorre soltanto nei LXX, sei intrappolato colle parole della tua
nei Testamenti dei XII Patriarchi e nel bocca». Teodozione usa lo stesso termi-
N.T. È da considerare un neologismo ne in un simile contesto in Prov. 11,15:
della koiné. Non essendo però attesta- µLO'WV itayt8wM1va~ 1tE1tOti}i)O"EL, cioè:
to fuori dei LXX e neppure nei papiri, non verrebbe esser preso nella trappa·
è probabile che sia una formazione !es· la di un'eccessiva fiducia in se stesso.

Il P. ALTHAUS, Der Brief an die Romer (N.T. videntemente dal gruppo àyp(UW, l>l)pEUW,
Deutsch) ad l. è·maov)..Evw, lvESpEvw, ecc. Cfr. E . FRAENKEL,
Griech. Denominativa (1906) 174-224 (DE·
nay~Stuw BRUNNER) .

• Ln desinenza -Euw di 7tflYLOEUl>J proviene e- 2 Cfr. G. STAHLIN, Skandalo11 ( 1930) 129 s.


105 (v,595) ;-;m8Evw (G. Bcrtram)

Nei Testamenti <lei XII Patriarchi lo in fallo e prenderlo nel laccio delle
cfr. test. Ios. 7 ,I: E'tL OÈ +i xapola au- sue stesse parole circa il dovere di pa-
't'ijc;. EXEL'tO Etc; 't'Ò xaxÒ\I xat 7tEpLE(3À.É-
gare i tributi allo stato romano. Egli
1tE'to 7tOL~ -cp61ttp µE 7tU)'LOEUCi!U, «il
cuore di lei tendeva ancora al male e avrebbe dovuto inciampare nella trap-
cercava il modo d'intrappolarmi». pola di questo conflitto con Roma. La
Nel N.T. 7tU)'LOEUEW ricorre solo m frase oTtwc;. aÙ'tÒV mqtoEucrwow E.v M-
YltJ mette bene in evidenza la malizia
Mt. 22,15. Per avere Gesù nelle loro
mani, i Farisei s'erano riuniti a consi- insidiosa e letale di qu~sto stratagemma.
glio cercando una frase con cui coglier- ]OH. SCHNEIDER

t t
1ta.t.OEUW, 1ta.t.0Elcx.,
t 7ta.t.OEU"t"r}c;, t CÌ.7ta.locu'toç,
t 1tcx.~8a.)'wy6c;

SOMMARIO:
3. La correzione per mezzo del dolore nella
teologia del tardo giudaismo.
A. Determinnzio11e del concetto nel mondo
greco. D. li co11cetto di poideia nel N.T.
1. L'educazione domestica dei Greci:
1. Educazione greca e giudaica nel N.T.
2. La legge come pedagogo.
a) prima dei Sofisti,
b) l'idea pedagogica nell'epoca classica e 3. Educazione da parte di Dio.
il suo sviluppo posteriore. 4. Disciplina cristiana nel N.T.
2. Il legislatore e la paideia.
3. ÌmÒ àtÒç 7tC1.LliEVE<T1>t.tL. I termini 1ta.toda e o;:aLÒEuEw desi-
B. L'educa1.ione nell'A.T. gnano l'educazione e Jn cura del fan-
1.La disciplina di Dio mediante la legge e ciullo che crescendo entrerà a far parte
la sapienza. del mondo degli adulti ed ha quindi bi-
z. La disciplina di Dio nella rivelazione pro- sogno di guida, insegnamento, istruzio-
fetica . ne e insieme di un'a certa costrizione,
3. Trasformazione dcl concetto nella tradu-·
cioè della disciplina e anche del casti-
zione greca dell'A.T.:
a) nella letteratura sapienziale, go. La 7ta.LoEla è. il cammino che l'edu-
b) nei Salmi, cazione e la formazione devono percor-
e) nelle scritture profetiche, rere ed è pure la meta da raggiungere.
d) nella storiografia. Oltre ai vocaboli citati nel titolo, ap-
C. Il conce/lo di paideia nel giudaismo elleni- partengono a questo gruppo anche 7trt.L-
stico e rabbinico. OEVµa e 11:a.loEUrnc;. e i vari composti.
J. 7tm8Ela.. e vbµoç in Filone. Questi termini sono il risultato d'una
2 . L'educazione giudaico-ellenistica m Giu- formazione lessicale piuttosto tardiva
seppe. basata s~1 7taLO- (7tai:<;l- Evidentemente
7C<1.~8Evw A (G. Bcrtram) (v,597) 108

non si distingueva all'inizio fra il signi- mento utile, indicando in tal modo le
ficato di allevamento (cfr. per es. Soph., due concezioni i cui rapporti vicende-
fr. 433 [T.G.F. 235 )) e quello di edu-
cazione, come accadeva anche per -.pÉ- voli costituiscono la storia di questa
cpEw 1. terminologia 2 ; in tal modo la guida e
l'insegnamento possono esplicarsi in
A. DETERMINAZIONE DEL CONCETTO 'ltEtpa. e voui>Eo-la., cioè in esperienza e
NEL MONDO GRECO ammonimento, correzione. Con tale
doppio senso 'TtmoEla. e i termini affini,
Questo gruppo lessicale è caratteri- prima nei tragici, poi nei Sofisti e nella
stico della civiltà greca. Nel sec. v d.C. filosofia classica, servono a designare
Esichio spiega retrospettivamente 'lt!U- l'educazione dell'uomo in generale. Il
oEla come una aywyl} e una wqiH..i.µoc; concetto di 7-a.~ÒEla rimane essenziale
otòa.xli. cioè una guida e un insegna- per capire il ricco sviluppo e anche cer-

m.z.~liEVW X'tÀ.. senso di -rpocpf), allevamento dei figli. Cfr. ~


LrnDELL-ScoTT II n86 ss.; STEPHANUS, The- ]AEGER l 25; li 367, n. 82. Per i Greci di ogni
saurus linguae Graecae VI, 28 ss.; PREISIG- epoca TCmoEla designa un processo di crescita
KE, Wort. II no s.; MouLTON-MILLIGAN 473 e i termini indicanti l'educazione e il nutri-
s.; CREMER-KOGEL, PREUSCHEN·BAUER, s.v.; mento, che all'inizio avevano un significato
W. ]AEGER, Paideia Mli (1934.1944.1947); quasi identico, restano sempre apparentati (i-
J. STENZEL, P/a/011, der Er:àeher (1928); C.N. bid. II 303; di opinione diversa, espressa per
CocHRANE, Christia11ity and Classica/ Culture lettera, ~ DEBRUNNER); cfr. lll 67.389, n. 313,
( 1940); W.]ENTSCH, Urchristliches Erz.ieh1mgs- a Plat., resp. 8,560 a-b. Il significato di c11lt11ra,
denken, die Paideia Kyrit1 im RAhmen der specialmente nel senso di formazione degli a-
hellenistisch-jiidfrche11 Umwelt, BFTh 45,3 dulti, istruzione intellettuale, comincia a svi-
(1951); R. MARcus, Law i11 the Apocrypha lupparsi a partire dalla seconda metà del v
(1927) 29-31; T.J. HAARHOFF, art. 'Educa· secolo. Allora nmliEla viene a significare «la
tiori' in Oxford Classica! Dictionary (1949) meta ideale della xaÀ.oxaya1'la fisica e psichi-
3o:s-307. H.v. CAMPENHAUSEN, Glaube rmd ca, che comincia ad includere coscientemente
Bildung nach dem N.T.: Studium Generale anche un'autentica formazione dello spirito.
2 (1949) 182-194; L. DORR, Das Erz.iehungs-
Per Isocrate, Platone e la loro epoca questo
wesen im A.T. tmd a111iken Orient (1932); nuovo significato cosl comprensivo è ormai
G. BERTRAM, Der Degriff der Erzieh1111g in fisso» (ibid. I 364). In panegyric11s 5 Isocrate
der griech. Bibel, in Imago Dei, Festschr. Gu- sostiene che non l'eredità, ma l'educazione fa
stav Kriiger (1932) 33-51; TRENCH 66-69; H. del greco un vero greco. F. BOGNER, Die Ju-
KRAUS, Paedagogia Dei als theologischer den/rage in der griech.·romische11 ·\Veli. FJFr
Geschichtsbegrifl: Evangelische Theologie 8 184(1937).
(1948/49) 515-597. 2 Confronta anche il grammatico romano Gel-
I mull-Evw significa: occuparsi inte11samente lio (c. 175 d .C.), 11octes Atticae 13,17 : h11ma11i-
o professio11alme11te d'1111 bambino. Cfr. E. tatem appellarrmt id propemodttm, quod Grae-
fRAENKEL, Griecb. Denominativa (1906) 176. ci 1t{uoslav vocant, 11os ert1ditio11cm i11stitt1·
194, il quale ricorda anche 6pcpavEVEW e 7tap- tionemque i11 bonas artes dicimus. Quas qui
1'EVEVEW. Il passo più antico in cui ricorre sinceriter perc11piu11t appettmtque bi sunt ve/
7tf7.LOEla (che derivn da 7tf7.LOEVEL\I) è Aes~h., maxime humanissimi. ~ µ<1-v1'avw v1, coli.
sept. c. Theb. 18, dove il termine ha ancora il 1053 ss, e~ 6Loa<rxw u, coli. rn93 ss.
109 (V, 597) 7ta.tlkvw A 1 a-b (G. Bcrtram) (V,597) IIO

ti limiti del sistema educativo occiden- b!cma dell'cducabilità dell'uomo, e i


tale. Sofisti cominciano a coniare il concetto
gr~co di paideia, come è dato leggere,
per es., in Euripide, il poeta tragico che
r. L'educazione domestica dei Greci ne aveva sublto l'influsso: Ti ò'Eùa.v-
&pla. oioar.-t6c;, d1CEp xa.t (3pÉq>oc; òiM-
a) Prima dei Sofisti uXE'ta.t ÀÉyELV CtXOVEt\I i}'wv µci.i}T}OW
Il concetto di paideia non è così ra- oùx EXEt• il o'&v µci.1}11 -rie;, 'ta.iha. crti>-
si::cri>'a.t cpiÀEi: 1tpòc; yfipa.c;· o\hw 1tai:-
dicato nel mondo greco come sembre-
rebbe. Gli Elleni del mondo omerico òa.c; di 1ca.iÒEUE't'E, «il coraggio si può
non ne hanno cognizione né in teoria né insegnare, se è vero che il bambino ap-
in atto. Per essi valgono i principi della prende a dire e udire cose che non sa;
nobiltà e dell'origine (Horn., Il. 6,208. ciò che, invece, si apprende suol esser
211; 9.443). La areté è un dono degli conservato sino alla vecchiaia; cosl dun-
dèi (Il. 20,242). Per indicare l'alleva- que educate bene i figli» (Suppl. 913-
mento e l'educazione è usato -rpÉcpEW, 917; cfr.891). Almeno fino a un certo
nutrire, che ha un senso più vegetativo punto l'educazione può essere appresa
che etico. Del resto anche Pindaro, rea- (Eur., lph. Aul. 558-562). Sofocle usa
r.a.iOEVEt\I per indicare in genere l'influs-
gendo alla sopravvalutazione della ÒL-
òax-fi. contrappone già il valore delle so sul pensiero e la condotta (Ai. 595;
qualità ereditarie al non valore di quel- Oed. Col.562.919; Trach.451); in Phil.
le acquisite (Nem. 3,40 ss.) 3 e Teogni- r 36 r il termine si riferisce al potere di-
de, altro sostenitore dell'ideale aristo- seducativo degli influssi cattivi.
cratico, pensa che nessun insegnamento
b) L'idea pedagogica 11ell'epoca clas-
possa rendere buono un uomo cattivo
sica e il suo sviluppo posteriore
(437 S. (Diehl I 139)).
Naturalmente esistette sempre l'edu- Già nell'epoca pilt antica erano col-
cazione in quanto trasmissione di usan- legate nell'educazhne la µovcrix-fi e la
ze, costumi e leggi da parte della gcn~­ yuµva.?"-rixi) 1.ai&.l~ 4• Platone 5 adot-
razione adulta a quella giovane, diver- ta quest'idea (p:!t es. in resp. 2,376 e;
sificandosi secondo l'origin~, lo stato leg. 7,795 d) e vi aggiunge l'educazione
sociale e la professione. Ma, a diffe;:en- nelle singole discipline, cioè la 1taioEla
zo della concezione aristocratica, i So- µ.a.lh1µét:i:wv (leg. 7 ,822 d), mentre l'ap-
fisti insegnano l'uguaglianza di tutti gli pre:idimento dei mestieri non dovreb-
uomini (cos) Ippia di Elide in Plat., b~ far parte della na.ioEla. (leg. 1 ,644 a).
Prot. 337 c). Di qui sorge poi il pro- Per essere in grado di educare - fin do-

3 ~ )AEGER I 287.366·377.388-390. «L'uomo è l'unica creatura che dev'essere e-


4 Su Socrate vedi \V/_. KAMLAH, Sokrotes tmd ducata. Per educazione noi intendiamo !'assi·
die Poideia: Archiv flir Philosophie 3 (1949) stenza (cura e mantenimento), la disciplina e
l'ammaestramento oltre alla formazione», Ober
277-315; \'</. NESTLE, Vom Mythos wm Logos
(1940), indiè:e s.v. 'Paideia'. Piidagogik, Ei11ieit1mg (ed. Philosophische Bi-
bliothek vm 193). 'Bildung' (formazione) è un
5 R.G. BURY, Theory oj Ed11colion in Plotos cJncett::i di origine mistico-pietistica, usato per
Laws: Revue des Études Grecques 50 ( r938) indicare la formazione della vita intellettuale
304-317. Anche Kant si riconnette al concetto d'un uomo a p:ir~irc dalla seconda metà del
ereco, specialmente platonico, dell'educazione: se:. XVIII,
r.w.oEvw /\ 1 b (G. BenrnmJ (V.598) ll2

ve l'educazione compete alla famiglia - Nic. 5,5 [p. Jl}Ob 26s.J). perché è
i genitori devono esservi preparnti da indifferente (di per sé) che per mezzo
un'apposita istruzione (leg. 7 ,788 a). delle leggi, scritte o non scritte, siano
Scopo della paideia è fin dall'inizio di educati molti o uno solo. L'autorità del
far odiare ciò che è detestabile e amare padre è perftno superiore a quella del
ciò che è amabile ( µta-dv - cr-cÉpyELV ), legislatore, perché è basata sul vincolo
mentre la l]oovl], il piacere, e la M1tl], dcl sangue e su!Ja cura doverosa della
il dolore, sono soltanto mezzi educativi prole (ibid. 10 [p. u8o b 1-7]). La re-
(ibid. 2,653 c) 6• sponsabilità del "'tpÉq>ELV è privata, quel·
Aristotele 7 distingue due età peda- In dcl muOEUEt\I è pubblica 8 (oec. I,3
gogiche: dai 7 ai 14 anni e dai 14 ai [ p . 1344 a 8] ). Com~ il bambino deve
21 (pol. 7,17 [p. 1336 b 38]). L'edu- obbedire alle direttive del pedagogo,
cazione intende integrare le predisposi- così la concupiscenza è sottoposta alfa
zioni naturali, la q>vcrtc; (ibid. [p. 1337 a ragione. L'anima che possiede l'educa-
2] ). Essa deve congiungere armoniosa- zione rende felice se stessa e l'uomo n
mente l'esortazione e l'assuefazione (i- cui nppartiene (dialogi 89 [p. 1491 b
bid. 7,15 [p.1334b 8]; 8,3 [p. 1338b-t 42 J).
ss.]) e mettere in guardia contro j tra- I secoli seguenti vivono delle idee
viamenti sessuali, la ghiottoneria e le pedagogiche del sec. IV, che è il secolo
loro conseguenze (ibid. [p. 1336b23]). classico della paideia 9 • L'ideale educa-
Oltre alla ginnastica e alla musica, an- tivo intellettualistico si trasforma in
che l'arte di parlare e di scrivere sono quello della filosofia stoica, non senza
necessarie alla vita (ibid. 8,3 [p. 1337b l'influsso autocritico della tragedia.
2 3] ). L'educazione musicale è libern, Prendendo a guida il motto apollineo
nobile e fonte di letizia (ibid. 8 ,5 [ p. I'vwth CHW'tO\I, «conosci te stesso» 10 ,
II38 a 30]), ma non è un gioco, per l'ideale .di cui anche ora si tratta è quel-
ché <<non s'impara senza soffrire» (µ:· lo dell'uomo filosofico, inteso come il
..-à. M'ltl]c; yà.p 1) µ<ii}wnc;); essa forme\ 'cittadino del mondo' dell'epoca elle-
l'ethos dell'anima (ibid. [p.134ob6s.]) nistica. Che su questo ideale abbia in-
e conferisce moderazione, prestigio e di- fluito anche la mentalità giuridica ro·
gnità (ibid. [p. r 342 b 3 3] ). L'educazio- mana, è dimostrato dai compiti pratici
ne personale, che ha per meta l'uomo dell'educazic3C nell'epoca imperiale 11 •
buono, rientra in quella universale ( eth. Allora s'insedia al posto del pensiero

6 Aristotele si riferisce· a questo in eth. Nic. 1296 b 17 ): fo•~ oÈ micro. ito>.Lç Ex 'tE 'tOV
2,2 (p. 1104b 11 s.): ~M oE~ TixDal 1tWt; Eòltùi; 1tOLov xat r.o,-ou. ì..tyw oÈ 1toibv µÈv i>.EullE-
~Y. VÉW'll, Wt; 6 fi).tti:WV Cj>l]UlV, &J,-'tE xalpEW plav 1t).oihov 'ittl.LoECav EvyÉVELa.v, 1tOCJbv lii:
'tE xat ">.V7tEtaDaL otç OEt" n yà,p op»i) 1tet.L· 't'TJ'll 't'OÙ 1t">.1]Douc; Ù1tEpoxnv. Però lo stato
oEla a.ikr1 ltn(v. Cfr. anche 10,1 (p. 1172 a non è definibile mediante un certo numero di
io s.): oL6 1tULoEvOVO"L i:oùç vfovi; ota.xl~ov­ clementi conccuuali, perché è un tutto orga·
't'Et; (guidare) Tiliov(j xat M1tTI. nico. Cfr. W. DILTHEY, Einleitu11g in die
7 O. WILLMANN, Aristate/es als Piidagòg 11nd Geisteswisscnscha/Je11 I ( 1922) 229.
Didaktikcr ( r909). 9 ~ }ENTSCH 25·85.

8 Da Aristotele in poi la 1t<XL6Elo. è una par· l'JCfr. anche Pseud.-Plat., Aie. 1,124 a·c.
te: essenziale della 1tO">.L'tEl~. Il concetto neo- 11 Cfr. O. W1LLMANN, art. 'Griechische Er-
greco di 1to">.hw1la implica anche oggi l'istru- ziehung' in W. RE1N, Em;yklopiidisches Hand-
zione. ~ JAEGER 1 511 s. Cfr. poi. 4,12 (p. buch dcr Piidagogik ( 1909). L:i snpienzn pe<la·
'iW.~OEvw J\ 1 b (G. Bcrtram)

speculativo platonico l'ideale pedagogi- Epitteto, vede nell'atarassia del saggio


co volontaristico della fermezza di ca- l'ideale dell'educazione. L'atarassia de-
rattere. La famiglia è riconosciuta, spe- ve esprimersi nel 7tp6o-w7toV del 1tE7tct.L-
cialmente da Musonio, come un fatto- ÒEUµÉ\loç (diss. 4,3,3), perché essa corri-
re decisivo dell'educazione, e al m:itri- sponde alla parte che l'uomo colto, edu-
monio si dà il valore d'una comunità cato (xa.ÀÒç xo:t 6:.yo:1}6ç, cptÀ.6<rocpoç,
di vita (II,3 s.; 67-75). Musonio si 7tE7tatoi::uµÉvo<;: diss. 3,22,69; 1,29,57;
riallaccia pure alla pedagogia spartana, 4,3 ,3) deve rappresentare in questo
mettendo in guardia contro il rammol- mondo 14 •
limento del carattere 12 • Le vittL1 della D'importanza speciale, ma più per il
persona ben educata sono la <TW<jl,"J07U- contenuto che per il concetto dell'edu-
\11) (equilibrio) e la <ppoV'!)<TLç ( saggez- cazione umanistica, fu Plutarco, soprat-
za) - nel senso austero degli Stoici - tutto con le Vite Parallele. Il suo in-
oltre all'cb.16pi::la. (fortezza d'animo) e flusso s'è mantenuto fìno al sec. xxx.
alln giustizia (OLX<l.LOO"U\11): 3,1 I ss.; 50, Va sotto il suo nome l'opuscolo de li-
9 ss.). L'atteggiamento eroico verso il beris educandis, il quale, partendo dal-
destino dona all'uomo filosofico quella l'educazione familiare, sintetizza ancora
libertà che lo rende indipendente an- una volta le conclusioni del pensiero
che dallo stato 13 , in quanto egli di- pedagogico greco. Come sempre nell'an-
sprezza tutti i beni temporali ed è pron- tichità, l'educazione è ristretta ai soli
to a rinunciare senza ambagi alla vita uomini liberi (lib. educ. 1 (n I a]; 10
stessa (Sen., dia/. 6,20, specialmente 2; [II 7e]) 15; i poveri, gli schiavi, la gran-
12,4). Anche il discepolo di Musonio, de massa del popolo e per lo più_ an-

gogica dell'antichità è sintedzzata dal retore forma lo s tato. DrLTHEY, o.e. (--+ n . 8) 231.
Quintiliano (35-96 d.C.) nella sua Inslitutio
14 «Idea della vita uman11 propria della men·
Oratoria. «La pedagogia e la psicologia dell'in·
talità greca primitiva» è che la vita sia un tea-
fanzia raggiungono (in questo periodo) un li-
tro di marionette r:he gli dèi dirigono dal loro
vello che forse resta insuperato». C. Sc11NEl-
palcoscenico in un modo che è riconoscibile
DER, Die gricchischen Gr1mdlage11 der helle11i-
soltanto dai poeti. --+ ]AEGER m 278 ecc.;
stische11 Religionsgeschichte: J\RW 36 (1939)
Plat., leg. 1,644 d-e; 7,803 c --+ 1tal~w .
319.
i; Il liberto Epiueto ebbe il coraggio d'op-
11 Nel sec. IV l'educazione spartana era dive·
porsi a questa ccncezione; diss. 2,1,22 ss.: o~
nuta l'ideale pedagogico del movimento filo·
yèl.p "toi:c; noÀÀoi:c; TCEpt "tOV"tW'V 'ltLO'"tEU"tio'V.
laconico. --+ ]AEGER I 120-139. Anche Socrate ot ÀÉyoucn µ6vou; H;Etva.L 'lt<J.LOEVEO"l)a.L "tote;
aveva celebrato l'ampiezza e il grado d'edu· H.rnlMpoic;, aJ..).èl. "tote; qnÀo:r6<poic; µci).).ov ,
cnzione dei Lacedemoni, aggiungendo che i
ot Hyouu~ µ6vouc; "toùc; na~owl)Év"ta.~ ÈÀEU-
sette sapienti erano stati lcro discepoli (Plat.,
i>Épouc; EL'V«L. Parlando dei misteri (diss. 3,21,
Prot. 342 d - 343 a). 15) egli dice: Ér.:t ita.~oElq. xa.t È1ta.vopllwcm
n Aristotele s'è ~~so responsabile dello stra· "tov ~lov xa"tEO'"tatJ] 'lta\l"ta. "tav"Ta. ùnò "twv
potere dello stato sull'individuo e dell'asscr· 1w.À.mwv. Cosl si appiana il contrasto fra lo
vimento violento cd esclusivo dell'educazione sforzo che Platone fa nella Repubblica per se·
allo stato, sostene ndo l'infausta idea che lo parare per quanto è possibile la 7tmoE(a., in
stato consista nella sua costituzione, cioè nel- quanto è cultura intellettuale, dal 'lta.tc;, e il
la sua forma (po!. 4,15 [p. 1299 b 25)); la tentativo, che egli compie nelle Leggi, di fon-
massa costituisce il 'materiale' con cui lo statll dare la stessa 7ta.tOEla. nell'educazione del bam-
è costruito (7,4 [p. 1325 b 40)), mentre l'uo- bino (per es. /eg. 2,653 a-b). Quello di cui ve·
mo politico è l'artc!ice che da questa materia ramcnte si tratta è la 'ltf/.~OEU:TL<; lfiuxl}:;
115 (v,599) r.m8Euw A i l> (G. Bcrtmm) (Y,599) ll6

che le donne ne sono esclusi. La 1tlX.L- so sull'educazione e la cultura e quin-


ÒEla. vien paragonata al lavoro dell'a- di esige da lui, oltre all'esperienza, una
gricoltore. La predisposizione naturale condotta irreprensibile e maniere incen-
del bambino è simile alla terra pronta surabili: 1tT}YTJ yàp xcxt pC(,a xa.À.oxci-
n ricevere il seme; il pedagogo è l'a- ycci}lcxc; i:ò 'Yoµlµou -tUXEtV 1tm8Elac;,
gricoltore e le sue parole di ammoni- <(la fonte e la radice di un bel caratte-
mento e insegnamento sono il seme re sta infatti nell'aver ricevuto una buo·
(/ib. educ. 4 [ n 2 b] ). L'acquisto della na educazione» (lib. educ. 7 [II 4 b] ).
virtù dipende dai «costumi, dall'educa- Anch'egli cita l'autorità di Lacone, il
zione, dall'insegnamento e dalla condot- protctipo dell'educatore spartano: l'e·
ta della vita», t1i)T} xat ltlX.LOdrtt xat ducatore dev'essere colui che può dire:
otòacrxa.À.lrtt, xcd (3lw\I iiywyal: ibid. i:à xa)..à..... -tote; muutv #ifa ltotw,
4 [II 3 ab]). La prima parte della peda- <(•·endo gradite ... ai fanciulli le cose bel-
gogia tratta della i:pocpl), che è la cura le» e che not'fJO'Et -.ov 1i:atbcx -.oi:c; xa-
e il sostentamento del bambino. I ragaz- À.oi:c; fi8Ecri}at xcxt &:x;i>Ecri>a.t -.oi:c; ai.u-
zi passano poi nelle mani dei pedagoghi, xpotc;, «farà in modo che il fanciullo si
i quali devono essere scelti accuratamen- diletti delle cose belle e si senta respin-
te. Essi infatti, pur venendo a coman- to da quelle brutte» (Plut., an virtus
dare ai liberi, sono schiavi (Plat., Lys. doceri possit 2 [ 11 4 3 9 s.]; de virtute
208 b; dr. 223 a) e lo scopo dell'edu- morali 12 [n 452 d]). Anche i padri di
cazione è messo in pericolo se, trascu- famiglia devono aver sempre più cura
rando consigli migliori, si scelgono co- d'una buona educazione dei figli, per-
me pedagoghi gli schiavi lascivi e ubria- ché un'educazione cattiva porta alla vi-
coni, che sono i più inadatti. Già Pla- ta disordinata e ai divertimenti volgari
tone (resp. 3 390, ecc.) aveva additato
1 (lib. educ. 7 [II 4 d-5 b] [ cfr. Socrate
come modello Fenice, l'educatore di A- in Plat., Clit. 407 a]; 13 [II 9 c]). La
chille 16 • Il pedagogo è comparabile al nobiltà, la ricchezza, la bellezza, la sa-
maggiordomo di tempi più recenti. In lute e la forza (Evyi'YmJ., ltÀ.oui:oc;, xtiÀ.-
Pseud-Plat., Aie. 1,121 e; 122 a, Socra- Àoç, vylw:x., i.crxuc;) non sono beni sicu-
te descrive l'educazione del principe al- ri dell'uomo; invece la condotta seria
la corte persiana. Venivano scelti quat- ( à.ywyiì O'ltouocxla) e Ja 'ltCX.tÒEla. v6µt-
tro dei migliori educatori: il più sapien- µoc;, la buona educazione, sono il prin-
te educava al timor di Dio e alla digni- cipio, il mezze e il fine d'una vita ben
tà regale; il più giusto alla sincerità; vissuta. Solo la vera educazione è im-
il più prudente alla libertà interiore e mortale e divina; neppure il torrente
all'autocontrollo; il più virile -alla for- impetuoso della guerra può trascinarla
tezza d'animo. Plato;1e _stesso esigeva nei suoi gorghi; cfr. ibid. 8 (n 5 cef); 9
che si scegliessero i pedagoghi secondo (II 6 a) : è à8tacpi}opoç e uyta.L\/OVCTa.,
l'età e l'esperienza (resp. 5,467 d; cfr. «incorruttibile e salutare»; 7 (n 5 a):
anche polit. 308 d-e). Anche Plutarco V"'(tlX.LVWV xa.t n·myµ€\IO<; ~(oç, «UOa
ticonosce al pedagogo un ampio influs- vita salutare e ordinata». Tutti gli ty-

(Phaedr. 241 e), l'autoeducazione, lo tau-ròv III 87.301.304.


1tÀ.6.-r-rELV (resp. 6,500 d; cfr. anche resp. 2, H Erodoto (8,75) raccoatn dell'incarico di fi-
377 b; leg. 671 c), il dominio dell'uomo nel- ducia che un certo Sikinnos, schiavo e pedago-
l'uomo, cioè il Myoç 1tlXLocqwy6ç di cui par- go dei figli di Temistocle, esegue per conto di
la Epitteto. ~ )AEGER u 268.359.418, n. 389; questi.
1ttxtSEùw A r b-2 (G. Bertrarn) (v,600 ) u8

xvxÀLa 1tCX.LOEvµa.'ta, c1oe l'intero cur- sato col senso di educazione scolasti-
riculum delle discipline educative, de- ca 20 • La posizione relativamente impor-
vono essere percorsi almeno yEuµr.noc; tante e apprezzata del pedagogo è atte-
E\IEXE\I, «tanto da assaggiarli»; però la stata nella lettera d'una madre al figlio
materia principale dell'educazione è la (P. Oxy. VI 930, n/m sec. d.C.) 21 •
filosofia (ibid. ro [II 7d]) 11 , L'amore Spesso 7tatOEUEL\I ha anche il senso
spiritualizzato per gli adolescenti favo- generico di educare o istruire. Impor-
risce la formazione, sviluppa doti diret- tante è l'attestazione del senso di casti-
tive e promuove virtù fondamentali gare in BGU III 846,xr s. (sec. II d.C.),
(ibid. 15 [u ne]). Ma soprattutto è dove un figlio scrive a sua madre : 1tE-
necessario il buon esempio, affinché i 1taLOwµetL xcdVilv OE~ 'tp07tO\I, «sono sta-
padri non diventino maestri d'ingiusti- to castigato nel modo dovuto» 22 . Il ca-
zia per i loro figli 18 • Cfr. apophth. Lac. stigo inflitto con i colpi del destino è la
(n 2I6 d): il figlio si rifiuta di cedere 1tctLoEla. Èv À.U7tTJ, che non era ignota
alla seduzione ad opera dei suoi stessi ai filosofi 23• Ma 7t<XtOEUELV nel senso
genitori appellandosi all'educazione ri- d'un castigo corporale che potesse es-
cevuta. sere inflitto ad es. dall'educatore stesso
Tuttavia la buona educazione rimane non risulta ancora attestato nel greco
sempre un privilegio dei benestanti. Lo extrabiblico; può essere tuttavia sup-
dimostra anche la tradizione non lette- posto senz'altro neJla parlata popolare
raria delle iscrizioni e dei papiri. Per ellenistica, dopo quanto s'è detto.
es. in P. Oxy. II 265,24 (81-95 d.C.) si
legge: 'tTJ\I 7tpÉ7tOUCJ"a\I É)..,wi)ÉpOLç 7tCXk 2. Il legislatore e la paideia
crt 7tatodav, «l'educazione convenien-
te ai figli liberi». Un'iscrizione (Dit- Nel periodo classico le idee sull'edu-
tenberger, Syll.' 578,61 [sec. II a.C.]) cazione domestica sono presentate ge-
parla di 'to &.pyupLov 'to Èmooi)h1 ... dc;
neralmente come volontà del legislato-
't'Ì)V 7tctL0Etll.\I 'tW\I ÈÀ.EIJi>Épwv 7tClLOW\I,
«il denaro destinato all'educazione dei re. Infatti ogni tipo d'educazione è pro-
figli liberi» 19 • In altri casi 7tctLÒEla è u- priamente una cosa pubblica 24 • È ap-

11 La memoria è il deposito a cui attinge la dci .6.EÀ.Cj)txà 7ta.pa.yyÉÀµu.-ro:, nell'iscrizione


cultura raggiunta coll'educazione (ibid. 13 [ 11 ripor tata in DITTENBERGER, Syll.1 1268 J ro :
9 d-e]). ltmlMaç EXOV (KLElNKNECHT).

J'\ Plutarco usa spesso 7tmoa.ywy6c:; in senso 21 Un'altra madre chiede per lettera che suo
più ampio: lttxt!ìcxywyòv ·djç -.vpo;vvl6oç, figlio cerchi un insegnante assieme al suo pe-
Galb. l 7 {1 1060 c); où 116vov oljµoxpa.-rlo:ç dagogo e invia quèsto saluto: &uTCa<Ta.L -.òv
6.)..)..à, X<Xl ~(XCrtÀEl<Xç mxtoe.tywy6c:;. Aral11s 48 utµtw-rcx-rov ita.L!ìa.ywy6v crov "Epw'tet..
( 1 1049 e); in senso analogo 7te.tL!ìEVTÌ)ç tÀ.Ev- MouLTON-MILL. 474, s.v. Altro materiale in
1>Epfo.c:;, Lycurg. 12 ( 1 46 d); 1te.tt!ìa.ywyla. ~ }ENTSCH 171-174.
7tpÒc:; 'tÒ bEfov, Nomas. 15,1 {I 70 b). Nel pro- 27 DEISSMANN, L.O. 154 s.: «Vengo castigato

blema &v xaÀwc:; ÙltÒ -.ov ).6you lta.Loaywyn- come conviene». Questa lettera attesta la con-
ftii -rò 7t6:.Doc;, è il logos stesso che fa da peda- versione d'un 'figliol prodigo'.
gogo, ~ n. 15. 21 Sul rapporto fra TCmoda. e Mm1 in Plut.,
t9 MouLTON-MlLL. 474, s.v.; ivi altro mate· ser. 11um. pun. 3 (n 549 c-d) dr. ~ vr, coli.
riale. 853 s., n . 20.
2~ Si noti però il detto sapienziale apollineo 21 Cfr. P. NATORP, art. 'Erzichung' in W~
119 (v,600) rtm6~uw A 2 (G. Bcrtrnm J {V,601) 120

punto per la paideia che Platone scri- ducatrice (leg. 7 ,809 a; 5 ,730 b ). Le leg·
ve la Repubblica e le Leggi; anzi, lo gi regolano fin dalla nascita l'educa-
zione dei bambini e poi quella degli a-
stato stesso esiste per essa. Il proble- dulti, sia nel corpo che nello spirito
ma centrale della paideia è il rapporto (Cristo 50 d; 51 c), perciò la paideia è
fra l'uomo e la polis, e il fallimento di completamente affidata allo stato (Me-
Socrate fa pensare alla tensione insupe-
nex. 248 d). I Greci, in quanto uomini
È\I \IOµoic; X('J.L tX\11>pw1toic; 'tEìJpctµµÉ\IOL'
rabile fra la libertà dell'individuo e le «allevati nelle leggi e fra gli uomini»,
esigenze della società 25 • si distinguono per questa loro educa-
zione e cultura dai barbari, ai quali
L'uomo è destinato alla paideia (cul- manca la 1tctiodct e ogni salutare co-
tura) 20 dalla sua stessa natura, e la re- strizione alla virtù (Prot_ 327 c.d). I
gola del suo divenire non è il suo desi- bambini non devono crescere senza oi-
derio ( 4iux1i ), ma la legge ( Xenoph., 0&.axaÀ.oi e 'Tt<J.toa.:ywyol, come le pe-
Cyrop. r,3,18). La 7tcttÒEl('J. è una òu- core non devono stare senza pastori e
\lctµtc; 1kpct7tEV'tLX'Ì) ~uxf\c;, «forza cu- gli schiavi senza padroni; ò oÈ 'ltai:c;
rativa delJ'anima» (Pseud.-Plat., de/. 1ta\l't'W\I ìJTJplw\I oucrµE't<J.XELpicr'to't'a-
416) 27 , ed è perciò impostata anche in 'tO\I, «ma il bambino è il più indomabile
senso individuale; ciononostante essa è degli animali» (leg. 7 ,808 d).
fondamentale per lo stato ideale di Pla- Anche in resp. r1335 b-c si fa il con-
tone 28 e la sua sicurezza (leg. 6,7')2 c). fronto fra l'uomo e l'animale (dr. 3,
Scopo e fine dell'educazione è l'inseri- 416 a-c). Se l'àpE't1} e l'Tji)oc; fossero
mento del giovane nell'ambiente già for- parte della cput7ic;, vel'rebbe a cadere la
mato dalla legge e dall'esperienza (leg. sicura differenza fra l'uomo e l'anima-
2,659 d). Il \loµocpuÀ.a!; 29 , cioè il custo- le 3~. Però il gmppo lessicale incentrato
de della legge, e il 1tcttOEv't1)c;, l'educa- su muoEla. è usato quasi esclusivamen-
tore, s'integrano a vicenda (leg. 7,8n te parlando dell'uomo; nelle eccezio-
d; 8,835 a) e la stessa legge diventa e- ni 31 si tratta d'un'umanizzazione degli

RE1N, Enzyklopiidisches Handbuch der Piida- [p. 1428 a 18)).


gogik (1909): «L'educazione è una funzione 23 La teoria platonica della giustizia e della
sodale e insieme con gli altri ordinamenti della sua funzione nel migliore degli stati riflette la
società serve all'autoconservazione della comu- dottrina platonica dell'anima e delle sue patti.
nità)}_ Cfr. la definizione in Plat., leg. 2,659 d: -+ ]AEGER Il 280 s.
muoEla µÉ-v bll'i} 1ta~6:.>v ÒÀ.x-fi 'tE xat àyw- H L'ordine dei sorveglianti o custodi è basato
YÌJ 1tPÒ<; -.òv U1tÒ -.ou v6µov ì..6yo-v òpi)òv sulla scelta e l'educazione separata d'una spe-
EtPTJµÉvo-v. Qui il logo> è la legge formulata. ciale casta di guerrieri. Esso ha assunto nella
Si riallaccia a questo concetto anche l'etica a- storia un'importanz11 assai grande, perché «è a
ristotelica . ~ ]AEGER III 443, Il. 103. quesr'ordine che in ultima analisi risale la pre-
n ~ ]AEGER Il 138.224. tesa dello stato moderno di regolare d'autorità
26 ibid. = cultura.
111 300, 11aLliEla l'educazione dei cittadini». -+ )AEGER 11 282-
i~ Come questa, cosl anche la definizione di 285 .
1w.LliElanello Pseudo-Aristotele non si riferi- J:IEsiste una &pE'tTJ dci cani e dei destrieri,
sce più all'educazione dell'uomo intero, corpo mentre l'uomo comune non ne ha alcuna.
e anima, ma all'anima sola: zcd)a1tEp yap lu·n li Cfr. però Xeno;Jh., eq. io,6. Sul rapporto
<pUÀIXX'tLXÒV awµa-ro; VYtELC7., oiJ..w IJiuxij; dell'addestramento e dell'allevamento con la
cpvÀ.ax-.LxÒv xaDt<r-rl)XE l.et.LOEla. (rhet. Al. 1 1t(1.',lid?. cfr. -+ )AEGE R lll 21.j .
l2I (V,601) 1tet.~lìEuw A 2 (G . Ilertram} {V,601)122

animali. Una buona educazione è di 606 e). Risulta invece necessario per lo
grande utilità per lo stato: -ito:~oEl<.c .. stato che gli spettacoli pubblici e il pa-
o
q:>ÉpE~ xa.t vlxYJv, vlxTJ 'f.vlo'tE &.ito:~­ trimonio culturale destinato alla gioven·
OEucrla.v, «l'educuzione... porta anche al- tù siano sottoposti a un severo control-
la vittoria; ma la vittoria può riporta- lo eticopedagogico.
re talvolta la barbarie» (leg. I ,641 e; I due elementi essenziali dell'educa-
cfr, 7 ,803 d; 8 ,8 32 d ). Pensando a que- zione sono la µabl)CTL<; e 1''1.ITxT]crtç
sta utilità si proponeva ripetutamente (resp. 7,536 b). Per il Socrate di Plato-
ai Greci l'esempio dei Lacedemoni e ne la virtù si identifica con la formazio-
anche quello dei Persiani (cfr. Xenoph., ne culturale e la felicità dell'uomo di-
Cyrop. ). Così Platone spiega il destino pende dalla 'lta.~oEla e dalla otxa.~ocruvn
mutevole degli imperatori della Persia, (Gorg. 470 e). La predisposizione natu-
in cui la virtù e la saggezza (&.pEi:1}, rrw- · rale e l'esercizio producono la morige-
cppccruvYJ) furono soffocate dalla ric- ratezza e il controllo delle passioni nel
chezza e dalla tirannia (leg. 3,694-696). piacere e nel dolore (resp. 4A3I c). L'e-
Per gli Ateniesi invece egli deriva da ducazione esige anche l'impegno perso-
questo confronto l'ideale pedagogico nale: i filosofi devono dedicarsi al go-
democratico definito alla fine delle Leg- verno, sacrificando per la comunità la
gi ( I2 ,969 b-c): lo stato ideale divente- loro vita contemplativa (resp. 7,540 b).
rà reale f.à.v &pa. 1)µt'v ol: -rE '1.vopEç Per Aristotele è sicuro che l'educa-
&.xp~Bwc; ÈXÀEX~G°)Cl~, 'Jt<XLOEUDW'.il -r:: zione è un problema politico. Essa si
1tpOO"'l}X6v-rwç, 'ltO:LOEU~ÉV-rEç. .. cpuÀ.a- estende a tutti i bambini e dev'essere
x~ç à'lto't"EÀ.Ecrllwow, ol:ouç oùx EtooµEv regolata dai legislatori. Si discute inve-
f.v -rQ 1tp6o-i)Ev Blcv 1tpòç à.pE-riiv o-w-rY]- ce quale sia il suo contenuto e il suo
pla.ç yEvoµÉvouç, «se ci vengono eletti scopo: si tratta solo delle «cose utili
accuratamente quegli uomini e vengo- per la vita e tendenti alla virtù» ( -.à
no educati e, una volta conveniente- XP'i)CTtµa 1tpÒç 'tÒV ~LOV fi 't cX 'tEL\IOV't et:
mente formati ... , vengono perfezionati a r.pòc, à.pE't"i)v ), o anche di qualcosa di
fare i custodi, quali non ne abbiamo vi- più alto? (pol. 8,I.2 [p. 1337a I I ss.] ).
sti altri in tutta la vita precedente tan- Ccmunque sia, l'educazione comune de·
to dediti alla virtù della salvezza (dello v'essue il fondamento dell'unità politi-
stato)» ( cfr. ibid. 964 c-e) 32 • ca; è megliG rendere uguali i desideri
Partendo dalfo sua concezione filoso- degli uomini che i loro possessi (poi.
fica, Platcne attacca aspramente il me- 2,7 [p. 1266b 3oss.]; cfr. 2,5 [p.
todo educativo tradizionale che si basa 1263 b 37 e 1264 a 30]). Un governo
sulle 'menzogne' dei miti (resp.2,377a), veramente buono non dev'esser soltan-
dispregia gli dèi e corrompe i bambini to in possesso d'una cultura adatta al-
(ib;d. 381 e). Si oppone così al rispetto l'umanità, ma la deve confermare nella
che tutti nutrono per Omero: À.Éyouow pratica (poi. 2,9 [p. r270 b 37 e 1271 a
wc; -.riv 'EÀ.À.aoa. nE'lta.l&wxEv ov-.oç ò i]; èfr. 3,16 [p. 1287 a 25. b 25]).
'ltOLi)'tlJ(,;, «dicono che questo poeta a- Con questa educazione ed assuefazio-
vrebbe educato la Grecia» (resp. ro, ne al bene si diventa efficienti e bravi

J! Nella struttura dello stato ide:ile Platone e· direttamente politica: è la legge che 'educa' il
sige il dominio dei migliori, e quindi l'educa- detentore del potere (poi. 3,16 [p. 1287 a 25
zione dci capi divent':i per lui un problema de- b}): xplvE~ yàp iixa<T-roç Cipxwv mm:HlìEv-
cisivo. Per Aristotele invece l'educazione è piì1 ('.Évoç v1tÒ •ov v6µov xaÀwç.
123 (v,6or) 7tctLOEVW A 3 (G. Bertram) (v,602) 124

uomini di stato e di governo (poi. 3 1 18 gogia greca, anche quando essa è con-
[p. 1288 b r], cfr. 3,13 [p. 1283 a cepita come un compito e un fine dello
25]; 4,11 [p. 1295 a 27 e 1296]). Sia
nella democrazia che nell'aristocrazia, i stato. Ma Platone arriva a una formu-
migliori si distinguono per ricchezza, lazione nuova e coscientemente antite-
nascita, capacità o cultura (poi. 4.4 [p. tica: ò 01) ikòc; 1}µ~\I '!t_cb.1-.w\I XPYJµti-
191 b 29]; 8 [p. 1293 b 37]). L'acqui- 'tW\I µÉ'tpo\I 8.v EL'!) µciÀ.~cna, xa.L rcoÀ.ù
sto di buone abitudini e l'educazione
non si prefiggono l'adempimento dei µciÀ.À.o\I i] Ttov -.~ç. . . &vi)pw'ltoç, «ma
desideri d'un partito, ma di quelli del- per noi è soprattutto Dio la misura di
lo stato secondo la sua costituzione tutte le cose, e molto più che ... un qual-
(pol.4,9 [p.1310a l4ss .J). Alla clas-
se: dirigente è contrapposto il popolo, siasi uomo» (leg_ 4,7r6 c). Questa for-
che è ignobile, povero e incolto (poi. mula non elimina definitivamente né
6,2 [p. 1317 b 39]). Ancor più di Pla- l'individualismo né l'antropocentrismo,
tone, Aristotele ritiene che la legge sia
il vero pedagogo. L'educazione civile ma colloca in luogo della relatività un'e-
ha per scopo d'introdurre nella situa- sigenza assoluta e definitiva. In tal mo-
zione politica creata dal legislatore. Co- do la paideia trova il suo necessario o-
sì lo stato ottiene un predominio fon-
rientamento trascendente. Tuttavia con
damentale sull'individuo. Perfino l'edu-
cazione nella musica vien subordinata questa introduzione della 'teologia' 34,
:illa dottrina sociale 31 • mediante la quale i discepoli di Platone
cercarono di spiegare la legge fonda-
3. u7tÒ ALÒç 7t~LOEuEcl}ru
mentale del suo stato, non si riuscl a li-
11 carattere antropocentrico e indivi- berare . realmente il pensiero pedagogi-
dualistico del pensiero greco illuminato co dei Greci dai suoi vincoli umani, ter-
trova la sua sintesi nel principio di Pro- reni e fisico-materialistici 35.
tagora: «Di tutte le cose è misura l'uo- Educazione al bene presuppone co-
mo: di quelle che sono, in quanto sono; noscenza del bene, cioè è teologin
di quelle che non sono, in quanto non (resp. 2,379 a-c). Questa è una conse-
guenza chiara e propriamente ovvia del-
sono» (Plat., Theaet.152 a). Quest'idea l'identificazione socratica di virtù e
sottende in ultima analisi tutta la peda- cultura 36• La teologia degli dèi visibili

.n Nella 7ta.LòEl11. dei Greci rimangono insolu- gia. ~ )AEGER Ill 21.
bili tre problemi principali: quello etico-socia- 3~ La 1t11.LliEla. di Dio abbraccia l'universo. L'a-
le- della schiavitù, quello etico-biologico della nima del mondo - cioè la realtà divina, secon-
famiglia (cioè della posizio11e della donna e do leg. IO - è, col suo ordine, il principio do-
del bambino) e quello etico-teologico della li- minatore del mondo. Cfr. leg_ 10,897 b: ljlu-
bertà o della morte. Ciononostante l'impero xi}... \IOV\I µ~v 1tpocrÀ.a.~ovcr11. 11.iet DE6v 6pDwc;
remano, quale erede e portatore delle cultum i>Eotc;, op&à xat Evlìrxlµova 7tmlìaywyEL mi.v-
greca, divenne l'educatore degli uomini coi -ra. Cfr. ~ }AEGER lll 321.
suoi ordinamenti e colle sue leggi.
3~ L'orientamento verso il bene, che è la real-
JI Platone è il creatore del concetto di teolo- tà divina, crea fra gli uomini una comunitiì
l25 (v,6oi) nO.toeùw A 3 (G. Bertram) \ V,OU..l.J .1..L:U

(Tim-40 d) si ricollega alla credenza po- µ~vot... elo-tv uµw, à.À.À.à. -.ò Àomòv
polare, la quale traspare anche in Tim . 't'Oi:c, 1>e:oi:ç EVXEO"ì}ai, «se vi manca qual-
23 d, dove è detto che la divinità EÀ.a- cuno per educare, non avete né chi edu-
XE xat [t}pE4iE xat bca.lot.ucrE, «ebbe in chi né chi possa venir educato ... e non
sorte, nutrì ed educò» la città di Ate- resta altro che pregare gli dèi» (ep. n ,
ne. Ciononostante per Platone tutta l'e- 359 b). È sintomatico in questo svilup-
ducazione specializzata, politica e spiri- po anche il coordinamento di rtaiòda.,
tuale, ha un carattere completamente µa.V'tEia. e ì}Epa.Ttela (Pseud.-Plat., E-
razionale. E tuttavia, al di sopra di ògni pin. 988 a). Per l'uomo non c'è nulla di
crwqipocruvri umana si trova la µavla. più divino che provvedere alla paideia
prodotta da Dio, la quale µupla -.wv (Pseud.-Plat., Theag. 122 b); in questa
r.a.À.cttwv [pya. xocrµoiiuo:. -toùç ÈmyL- si possono presupporre come prepara-
yvoµÉvouç 1tl1.t0EUEL, «abbellendo le mil- zione le lettere, la cetra, la lotta e ogni
le gesta degli antenati, educa i loro po- altro esercizio ( ypaµµa.-ra., xtì}apl?;Etv,
steri» (Phaedr. 245 a). 'lt<X.À.atEW xat 't"TJV rD..À.T}V àywviav,
Nello Pseudo-Platone è Dio stesso, ibid. i22 e), ma in ultima analisi, e già
inteso all'incirca come il dèmone socra- in Platone stesso, quello che veramente
tico, che educa alla conoscenza di se imjJOtta è l'essenza dell'anima e la cura
stessi. Così il mito di Minosse raccon- di questa, anzi la sua salvezza eterna.
ta che questi q>ovtav TCO'.LOe:uih1cr6µevov Perciò in Phaed. rn7 d è detto: oÙÒÈv
wç V7tÒ CTOqJLO"'t"OU O\l't"Oç 't"OU ALO<;, «fre- yà.p /J:.ÀÀ.o (xoucra Elc; "Atoou ii \jiux·h
quentava (Giove) per riceverne istruzio- iipxE-rcu 1tÀT)v 'tijç 'lta.tÒElaç 'TE xat
ne, quasi come se Giove fosse un so- •poqrijç, «l'anima va nell'Ade senza por-
fista» (Pseud.-Plat., Min. 319 c); cfr. tare con sé nulla, eccetto l'educazione
d: U7tÒ .6.LÒç 'ltE1tct.LOEiio-l>m, e 320 b : e la formazione». Però questa concezio-
ljv a.ihT} i} cruvouo-la ... 8tà. À.éywv È'ltL ne fa risorgere il problema se la virtù si
r.at8e:lq. dc; à.pE•l)v, «era quella una possa insegnare, problema che · nel Me-
comunione <li vita ... diretta alla virtù none aveva condotto a rispondere che
mediante parole riguardanti l'educazio- quello che decide non sono né le rego-
ne». Anche il mito secondo cui gli dèi le pedagogiche né i maestri e neppure
·c€xvaç 1tpw-rouc; 1tat8e:uu6.µEvot, «in- i padri, perché anche i migliori posso-
segnando per primi le arti», avrebbero no fallire nello sforzo di educare i loro
organizzato la vita umana si trova en- figli (Men. 93 d-e. 94 a. 96 d. 99 e); e si
tro la tradizione platonica (Menex. conclude «che a noi sembra che per sor-
2 38 b). Infine, superando in certo mo- te divina la virtù tocca a chi tocca»,
do il razionalismo pedagogico, è det- ì}Elq. µolpq. i]µi:v <flCXL'VE'tcu 7tapayiyvo-
to : El o'btt •Ò 'ltct.tOEUO"at OEL 'tLVOC,, µÉvri ii à.pE'tlJ OL<; 0.v 1t<X.paylj'V'fj't"CX.L,
OU'tE ò 'ltatÒEuuwv oihE oì 'ltatòw1>11cr6- Men. IOO b).

piì1 forte e gcnuillll di tutti i legami umani. alla storia d'un concetto cristiano. Però il con-
Plat. , t:p. 7,334 b: ov yò.p lìtà (3a.va.u:rov q>tÀ.6· tenuto è diverso. -> µE-ravo~o. vn, coli. 1 u8-
'tTj'tO<; (ytyOVEL q>O...oc;, OtCÌ OÈ ÈÀ.EVfilpac; 1t0.L- u 20; cfr. anche il passo di Ceb., tab. n,1 ci-
OEtO.c; xowwvlav; cfr. ibid. 345 b. Questo o- tato ibid., col. u17. Nel p:isso platonico men-
rienrnmento verso il bene e il divino è la con· zionato compare pure la prima radice di quel-
versione nel senso platonico. È in tal senso che 1?. tecnica pedagogica che poi, nell'epoca elle·
in n:sp. 7,518 d si parl:i della 'tÉXVTj... -rijc; 1tE· nistico-romana, dovevn pass:irc sempre più in
pLo.ywyijc;. Così anche qui Plawnc dà inizio primo piano.
127 (v,602) na~oEuw Il 1 (G. Bertmm)

Per Aristotele la teologia ha il suo B. L'EDUCAZIONE 1


NELL A.T.
posto fisso nel sistema delle scienze e
l. La disciplina di Dio mediante la
quindi anche nella paideia (metaph. 5,
l [p. 1026 a 19]). Nella sua gerarchia
legge e la sapienza
l'educazione è un valore che rende si- Nella tradizione biblica non trovasi
mili agli dèi. Infatti il frutto della pai- all'inizio l'idea dell'educazione, cioè
deia è la pianificazione razionale: 'tÒ della formazione religiosa e morale del-
BovÀEVECT-&aL 't"WV 1tEpt 'tÒ\I a\l-&pW1tOV l'uomo 38• Il popolo d'Israele è stato e-
1)EL0'1"a-r6\I Eo°'tLV, «il deliberare è, tra le letto da Dio, e chi non si adatta all'e-
cose umane, la più divina» (Pseud.-Ari- sigenza divina che ne consegue ha rovi-
stot., rhet. Al. I [p. 1420 b 19 s.]). nato la sua vita (Gen. 17,14; Ex. 12,
L'esperienza di Siracusa - dove il ti- 15.19; 31,14; Lev. 7,20.21.25.27; cfr.
ranno avrebbe dovuto essere educato 10,2). Invece i peccati veniali e le sem-
cd essere un filosofo - dimostra invece plici mancanze si possono riparare con
a Platone, e più che a sufficienza, che sacrifici espiatori (Lev. 4-7 ~ IV, coli.
solo coll'aiuto d'una disposizione divina 967; 97 5 s. ). Si potrebbe tuttavia par-
il signore può diventare filosofo o il lare di assuefazione e educazione pe1·
filosofo signore (ep. 7,326 b. 327 e. 336 ciò che riguarda le prescrizioni per la
e; resp. 6,492 a.e; 9,592 a). purità, in quanto si tratta di determina-
La naLOda dei Greci completa la te disposizioni. Dio è il Santo, e l'israe-
natura umana (Aristot., pol. 7,16 [p. lita, cioè il membro del popolo eletto,
1337 a 2]), fonda ogni 1tOÀ.L'tEla (ibid. dev'essere santo per lui (Lev. 20,26) 39•
1 l -17) e realizza il vero destino del! 'uo- Cos} esiste in certo modo nell'A.T. la
mo, indirizzandone le aspirazioni verso realtà dell"educazione'. Vi manca però
quel paradigma e misura del bene che è ogni sviluppo psicologico, e perciò an-
Dio (Plat., resp. 7,540 a; leg. 4,716c) 37 . che lo sviluppo di una terminologia pe-
Se Socrate e Platone fallirono nei loro dagogica.
tentativi pedagogici in Atene e a Siracu- Tuttavia, fin dove la santità non fu
sa, ciò non significò che la loro paideia concepita in senso cultuale ma etico 40 ,
avesse delle lacune, ma piuttosto che la l'adempimento dei precetti morali di-
loro filosofia si compiva necessariamen- venne dovere o compito dei membri
te nel dolore, di fronte all'incompren- dell'alleanza . Nell'esecuzione di que-
sione del mondo circostante (Plat., ep. sto dovere l'uomo non sta solo, ma lo
7 ,350-352; cfr. Pseud.-Plat., Epin. assiste Dio. È lui che gli dà i coman-
973 d). damenti, punisce le sue trasgressioni e
premia la sua obbedienza. Dio conduce
il popolo alla meta da lui stesso asse-
gnata. I canti e i racconti esaltanti l'a·
zione divina, le leggi e le parole dei

l7 ~ }AEGER II! J20 S. 333 S. giudaismo secolarizzato del periodo ellenistico


che li rese tali. Cfr. G. BERTRAM, Das antike
J~L. CORDIER, Evangelische Piidagogik Il l . }t1de11tum als Missionsreligion, in G . e F. Ro·
Die Jugenderziehung vor der Christusfrage SEN·G. BERTRAM, Jude11 11nd PhOnizier ( 1929)
( 1938) 28 s. 68 s. 61.
J? I personaggi dell'A.T., specialmente i pa- 411 B. STADE·A. BERTHOLET, Biblische Theolo-
triarchi, no:1 sono modelli pedagogici. Ft1 il gie des A.T. I (190,) 3oos.
n9 (v,603) 7tmlìEuw B t (G. Bertram)

profeti educarono il popolo dell'antica ne, nella fede e nella fiducia. Tuttavia
alleanza come mai altrove è accaduto non esiste una terminologia comprensi-
nella storia. Unn funzione educativa va per significare l'educazione. Benché
spetta soprattutto alla legge 41 • Alcuni nell'A.T. ebraico si trovi una serie
brevi riassunti di questa, come certi de- di termini indicanti l'insegnamerrto · e
caloghi (Ex. 20.24) e liturgie della torà la direzione, il rimprovero e la corre-
(Ps. 15; 24,3-6; Mich. 6,6-8), e anche zione, c'è una sola parola, jiisar, col suo
lo sviluppo sempre maggiore della ca- derivato miìsiir, che potrebbe avere il
suistica legale, regolano la condotta del- senso di educare e di educazione 43 • Que-
1'israelita fin nei dettagli della vita quo- sto termine si riferisce certamente al
tidiana e lo circondano colla potenza medesimo campo concettuale e può si-
dei loro ordini, con proibizioni o per- gnificare tanto allevamento (ma in
suasioni (Ps. u9). Nel campo della vita senso morale, non in senso biologi-
quotidiana custode della legge è il pa- co) quanto castigo; però può assu-
dre. Egli è il portatore responsabile mere anche un significato più intellet-
della tradizione e quindi dell'educazio- tuale, e allora ha il senso di cultura
ne dei giovani (Gen. 18,19; Ex. 12,26; in quanto possesso della sapienza, co-
13,14; Deut. 4,32; 6 ,7.20) 42 • Cosl - noscenza e capacità di giudizio 44 • Il ter-
nelle sue formulazioni continuamente mine si riferisce all'agire da persona a
rinnovate, come attestano gli strati cor- persona: o di Dio che agisce sugli uo-
rispondenti alle diverse fonti - la legge mini, o dell'uomo che agisce sui suoi
sopravvive alla fine del regno e del tem- simili. Non è usato per gli animali. Nel-
pio e rimane nel popolo l'unica forza l'impiego particolare del vocabolo biso-
sostentatrice ed educatrice. gna distinguere diversi campi, rap:!Jorti
Per il popolo eletto da Dio, che ha e significati, che però si implicano fre-
concluso con lui la sua alleanza, 1a leg- quentemente fra di loro: l'educazione
ge è la norma rivelata del divenire e dei figli, che è disciplinare e compr.en-
del crescere nella disciplina e nell'ardi- de anche i castighi, ma può includere

41 A. ALT, Die Ursprii11ge dcs israelitischc11 isr.-iiidische11 \\7eisheitslitcratur; ThLZ 76


Rechts (1934) 59-71; G.v. RAD, Das /orm- (1951) 149.
geschicbtliche Problcm des Hexaic11chs (1938) 41 ~ KRAUS 520; L. KéiHLER, Lexico11 i11 ve-
22 s.; M. Noni, Die Gesetzc im Pe11tale11ch leris teslame11ti libros (1950), evita anche per
( 1940). La legge esprime ciò che Dio vuole dal isr il senso di educare e lo sostituisce con rad-
popolo di sua proprietiì, con cui egli ha con· drizzare, guidare, castigare, correggere, ecc. A-
duso la sua alleanza. Ma nello stesso tempo nalogamente m1isar viene a significare castigo,
diventa la regola dell'azione e dà il diritto al discipli11a, ammo11ime'!lo.
premio di fronte a Dio. Così l'idea della du- ~! Sono affini in senso biologico i termini gdl,
plice retribuzione, dcl premio e del castigo, ac- al pi'el, e 'mn; in senso etico: irh all'hif'il
quista un'importanza decisiva per il giusto; si (sign. intelleuunlistico) e ik~ all'hif' il (voliti·
congiunge all'esperienza d'una disciplina subi- vo). Per gdl al pi'el (e rbh al pi'el) dr. 2 R eg.
ta per opera di Dio. In tal modo sorge il con· 10,6; Is. 1,2; 23,4; 49,21 ; 51,18; Ez. 19,2 ; 01,
cetto giudaico dell'educazione quale si trova 9,12; Lam. 2,22, Don. 1,5. 'òmé11 significa Cli·
espresso specialmente nei LXX. stode, /ti/ore in Num. u,12; 2 Reg. io,1.5; Is.
42Cfr. J. HEMPEL, Das Ethos des A.T., ZAW, 49,23; 2 Sam. 4,4; Ruth 4,16; Esth. 2,7. I
Beihcft 67 (1938) 19; ]. BENZINGl.lR, Hcbr. LXX usano di solito Éxi:p€q>w per giddel (men-
Archiiologie' ( 1927) 25 s. ii9 ; J. FICHTNER, tre 'òmén è reso con 'tLftT)v6c;) e una volta so·
Zmn Problem Glat1be tmd Gcschichte i11 der 1:1 bt?tmlìEuw (Dan. 1,5 }.
'itrLLOEUW BI (G. Bertram)

anche l'apprendimento, c10e la forma- stoltezza ( 22,15) ed è causa di gioia e


zione intellettuale; la formazione mora- sollievo per l'educatore ( 29,17 ), men-
le e religiosa della persona pia, che ab- tre dona la vita a chi lo accetta (4 13). 1

braccia anche la dottrina sapienziale, Queste parole attestano la responsabi-


ma raggiunge la sua perfezione più alta lità del padre e della madre verso i fi-
nella sofferenza correttrice; finalmente gli, come risulta anche dall'ammoni-
anche l'educazione e la disciplina del mento iniziale di Prov. 1 ,8: «Ascolta, o
popolo, che ha il suo fondamento e con- figlio mio, l'insegnamento di tuo padre
tenuto nell'ascolto, nell'apprendimento e non rigettare i dettami di tua ma-
e nell'obbedienza ai comandamenti divi- dre» 48 . Anche le parole di Lemuel ( 3 1,
ni, ma dev'essere spesso ottenuta a forza 1) vengono fatte risalire alla dottrina
da Dio coi duri mezzi del castigo. A que- (o alla disciplina) materna, alla quale
sti tipi di educazione si aggiungono il ca- serve pure quel vademecum sull'educa-
stigo del trasgressore in quanto punizio- zione del principe che vi è aggiunto.
ne legale 45, le misure costrittive contro Alla dottrina sapienziale israelitico-
gli schiavi e i sudditi 46 e l'istruzione nel giudaica non importa soltanto l'educa-
senso di comunicazione di determinate zione dei figli (cfr. Prov. 4,1), ma an·
conoscenze. Infine hanno un ruolo im- che la formazione dell'adulto e della
portante nell'educazione il biasimo 47 , sua personalità secondo l'ideale, deriva-
l'ammonimento e l'avvertimento, e an- to da questa stessa dottrina, d'una sa·
che in questi sensi può essere impiega- piens et eloquens pietas. Il timore di
ta la radice di cui si parla. Dio è l'inizio della conoscenza, mentre
Secondo la dottrina sapienziale, qua· gli stolti disprezzano la sapienza e la
le per es. è conservata nei Proverbi, cultura (Prov. l,7; cfr. 15,33). L'istru-
l'educazione non può prescindere dal zione è data per «imparare. la sapienza
castigo corporale: «Chi risparmia la e la disciplina, comprendere i discorsi
verga odia suo figlio, mentre chi lo sensati, acquistare un'educazione sana,
ama pensa a correggerlo» (Prov. 13,24; la giustizia, la probità e la rettitudine,
cfr. Prov. 29,15; Ecclus 22,3). Il casti- per poter consigliare la prudenza agli
go può salvare da cose peggiori e per- inesperti, la scienza e la circospezione
fino dalla morte ( 2 3, l 3) e dà speranza alla gioventù. Che il saggio ascolti e ac-
di miglioramento, se è inflitto per amo· cresca il suo sapere, e l'intelligente si
re e non per rabbia. Esso elimina la acquisti una guida» (Prov. 1,2 ss.) 49 •

45 Cfr. De11t. 21,18; 22,18. timo semiverso cfr. i LXX: xu~~PV1JCTLv x-rii·
• 1 Cfr. 1 Reg. 12,11.14; 2 Chron. ro,n.1+ È CTE-rctL. Il termine tahbulOt dovrebbe essere
forse pensando alla costrizione a cui sottostan- derivato da ~ebel, /1111.e memoria, e inteso nel
no i sudditi che in lob 12,18 si dice che Dio senso di ca11one, norma, 'gt1ida'. Si tratta non
«apre (scioglie) la disciplina dei te», a meno d'una direzione fissata dall'uomo esperto, ma
che non Si debba leggere morer (da 'sr), VÙI· derivata dalla parola di Dio, a cui egli si affì·
colo, ceppo; dr. Or. 5,2. da: è una religione della grazia non della leg·
ge. Suo contrapposto sarebbe la 7tpoalpECTL<;
47 Il termine ;im5r (da jsr), biasimatore, è im-
1t\1Euµct-roc;, cioè la volontà autonoma dello
piegato, insieme a mokla~, accusatore, nella
spirito umano, di cui parla Ecci. 1,14.17; 2,11 .
risposta di Dio a Giobbe in lob 40,2.
22.26; 4,4.6.16; 6,9. Cfr. G. BERTRAM, Hebr.
43 Cfr. B. GnMSER, Spriiche Salomos = Hand- 11. griech. Qohclet_ Eit1 Beilrag wr Theologie
buch z. A.T. I 16 (1937), a Prov. 1,8. der hell. Bibel: ZAW NF 2 (1951), special-
4J Traduzione secondo GEMSER, ad /_ Sull'ul- mente gli ultimi capoversi. Nella dottrina sa-
ltctioevw B 1 {G. Bemam) (v,6o5) 134

È chiaro che qui si tratta di una for- la teologia giudaica e cristiana del do-
mazione che è molto più etico-pratica lore, ne è soltanto uno degli esempi
che intellettuale («il comandamento è più chiari 51 • In accordo col carattere
una lampada e l'insegnamento è una religioso della sapienza pratica israeli-
luce e la disciplina indica la via della tica, questo tratto dei Proverbi pone in
vita», Prov. 6,23; cfr. 16,22; 10,17) ed rilievo il timore e la fiducia verso Jah-
è in gioco certamente quell'educazione vé come fondamento e contenuto d'o-
e disciplina che sono apprese volonta- gni educazione, e mette in guardia e-
riamente e per iniziativa propria ( 12,1; splicitamente contro la ragione e la sa-
13,1; 19,20.27; 23,I2; 15,32.33). So- pienza personale (3,5 ss.; cfr. Is. 5,21).
lo uno stolto può rifiutare gli ammoni- Della disciplina e del castigo per o-
menti di suo padre ( 1 5 ,5 ), perché la pera di Jahvé stesso si parla poi spes-
miseria e l'onta sono la conseguenza del so nei Salmi. È Jahvé che ammonisce
rifiuto della disciplina ( 13,l8) ed è co- dentro la coscienza (Ps. 16,7). Un casti-
s1 che il podere del pigro diventa un go proporzionato al peccato porterebbe
esempio da cui gli altri devono rifug- alla perdizione dell'uomo (Ps. 39,12); è
gire (24,32). In queste seatenze musar questo il motivo della preghiera: «Non
sta spesso accanto ad altri termini pa- castigarmi nella tua ira» (Ps. 6,2; 38,
ralleli, specialmente a tokal;at, che ha 2; ~VIII, coll. n39 s.). E l'uomo pio
il senso di correzione o rimprovero. La confessa: «Jahvé mi ha castigato senza
cultura e la conoscenza sono più pre- darmi in mano alla morte» (Ps. 118,18)
ziose dell'argento e dell'oro ( 8 ,xo; cfr. e infine non esita a dire: «Beato l'uomo
8,33). Però non ha senso sprecare il la- che tu, o Jahvé, prendi sotto la tua di-
voro educativo con gli schernitori e gli sciplina ed educhi colla tua legge» (Ps.
empi ( 9,7 ), perché essi si rifiutano di 94,12).
accettare la disciplina di Dio. Anche Elifaz, il Temanìta, la- pensa
Ogni forma di disciplina vien fatta in questo modo: «Beato l'uomo che Dio
risalire a Dio. È in lui che si fonda castiga (iakab ); perciò non disprezzare
l'autorità. Se questo carattere teonomi- la correzione dell'Onnipotente» (Iob 5,
co dell'educazione non risalta in tutti i I 7 ). A Giobbe queste disquisizioni .de-
particolari nei Proverbi, ciò è dovuto gli amici fanno l'impressione di rim-
alla storia di questi detti sapienziali 50 • proveri pieni di scherno, perché pre-
La comunità dell'antica alleanza inten- suppongono la sua colpa (lob 20,3; cfr.
de sempre più l'educazione partendo 36,10) 52 ; ma ciò non toglie che in que-
dall'azione salvifica del suo Dio. II pas- sto libro e nei Salmi si trovino le stes-
so di Prov. 3 ,r 1, così importante per se idee della sapienza proverbiale sui

pienziale l'educazione dei giovani e la forma· NF lO (1933) 177-204; J. F1cHTNER, Die alto-
zione degli adulti s'intersecano a vicenda. rientalische W eisheil in ihrer israe/i1isch·iii-
50 W. BAUMGARTNER, Isr. tmd altorientalische dische11 At1spriig11ng (1933) 79-97.
51 L'accettazione umile e la sottomissione alla
\'(!eisheit ( 1933); ID., Die isr. Weisheitslitera-
lt1r: ThR NF 5 (1933) 259-288. La sapienza, disciplina del dolore sono caratteristiche della
la disciplina e la pietà sono contrapposte alla persona pia; dr. Ps. n8,21 ; l 19,71 ecc. Su
sfrenatezza e all'empietà. L'autorità divina so- Ps. n9,75 dr. B. HEYNE, Zt1 Ps. u9,75 11. 67:
stiene colla sua autorità tutti gli ammonimen- ZAW NF IO (1933) 312.
ti e le diffide in Prov.6,16 ss. dr. W. ZIMMER· 51 Cfr. G. HOLSCHER, Das Buch Hiob =
LI, Zt1r Slrt1klt1r der alt.lichen \'(!eisheit: ZAW Handbuch z. A.T. I 17 (1937) a 33,16.
135 (v,605) itatOEUW B 2 (G. Bertram) (v,606) 136

castighi divini. Dio è un giudice severo polo da parte di Dio (10,ro; cfr. 7,12 .
che punisce e castiga, ma lo fa come 15) 54, e Os. lo,12 - secondo un'inter-
un padre che impone ai figli una disci- pretazione possibile - dice: «Arate una
plina severa. Anzi, la sua potenza esi- terra nuova (cioè straniera) ... finché egli
gente e punitrice oltrepassa i confini del verrà a insegnarvi la giustizia». Qui
popolo dell'alleanza e abbraccia anche sembra che il castigo della deportazio-
il mondo pagano: «Colui che ha disci- ne del popolo debba precedere l'inse·
plinato i popoli non dovrebbe castiga- gnamento di Jahvé. Ma l'annunzio pro-
re? egli che ha insegnato agli uomini fetico poggia sulle istruzioni di Jahvé,
la sapienza?» (Ps. 94,10) 53• La stessa che conferiscono all'uomo di Dio la giu-
esigenza viene espressa in Ps. 2,10: sta visione degli avvenimenti storici,
«Lasciatevi correggere voi, o giudici contraria a tutte le opinioni e a tutti i
della terra! ». desideri popolari. Tale fu, per es., l'e·
sperienza di Isaia ( 8,n ). Alla sua teolo-
2 . La disciplina di Dio nella rivelazio-
gia della storia introduce meglio di altre
ne profetica la similitudine dell'agricoltore istruito
direttamente da Jahvé (Is. 28,26) 55 • Co-
Negli scritti sapienziali la disciplina me l'agricoltore non fa sempre lo stes-
e il castigo restano collegati alla dot- so lavoro, cosl l'attività educatrice di
trina e all'insegnamento, come convie- Jahvé verso il popolo non è uniforme 56 •
ne allo spirito di questi testi; diverso è In età pre-esilica troviamo ancora Sofo-
invece il tema nei profeti, i quali trat- nia e il suo lamento contro Gerusalem-
tano dell'azione divina nella storia del me che non vuole accettare correzioni
popolo e dei popoli. Non solo l'indivi- (3,2 .7) 57 • Le parole profetiche sui casti-
duo, ma tutto il popolo eletto, nelle sue ghi di Dio acquistano il loro impressio·
vicende e nel suo comportamento, si nante effetto ammonitorio soprattutto
trova sotto 1a disciplina di Dio. Disci- per gli- avvenimenti politici a cui si ri-
plina è il senso della legge. A partire di feriscono, come la distruzione di Geru-
qui si deve intendere in sostanza il mes- salemme e le deportazioni.
saggio profetico. Simile a questa è la visione della sto-
Già Osea annunzia il castigo del po- ria in Geremia. La cattiveria del popo-

53 H. GuNKEL, Die Psalme11' ( 1926) a 94,rn WORTHWEIN, Amos-Studien: ZAW NF 21


(415) : «Qui però non si deve pensare a (I949/Jo) 40-49.
un' 'educazione' vera e propria. Non si deve 53 Per le cosiddette 'leggende dell'inventore'
esagerare l'universalismo di questo detto, e dr.~ ~pyov m, col. 865.
tanto meno paragonarlo a quello di Paolo»
(Rom. 1,20; 2,14 s.). D 'opinione diversa è H. s·; A un'interpolazione seriore è dovuto il det·
ScHMIDT, Die Psalmen == Handbuch z. A.T. I to di ls. 26,16, inserito nella cosiddetta Apo-
15 (1934), ad I. Sulla sapienza nei Salmi cfr. calisse d'Isaia (capitoli 24-27): <<0 Jahvé, nella
H.L. }ANSEN, Die spiitjiidische Psalmendich- tribolazione della tua visita eravamo angosciati
tung ( 1937 ). dall'oppressione del tuo castigo che ci colpiva»
(secondo la trad. di H . GUTHE, in KAUTZSCH}.
51 Os.5,2 (v. sopra). H. GuTHE, in KAUTZSCH,
legge mosér, ceppo, invece di mt1s1Jr. TH. H. 57 Benché la compilazione delle varie profezie
RomNSON corregge il testo ebraico seguendo i di condanna e di salvezza raccolte sotto 3,1-20
LXX e ottiene m'jassèr, Tu. H. Ro:atNSON-F. sia attribuita a una redazione, cfr. F. HORST,
HoRsT, Die 12 kleinen Prophete11 == Hand- o.e. (--+ n. 54), ad l., le parole del testo risal-
buch z. A.T. 1 14 ( 1938). Per Amos cfr. E. gono al profeta. Cfr. anche Ier. 7,28.
137 (v,606) m.HOEVW B 2 (G. Bertram) (v,606) 138

lo e la sua apostasia da Dio attirano i pesò su di lui, e colle sue piagh~ diven-
castighi e le punizioni (2,19), che però ne la nostra guarigione». Qui si tratta
rimangono senza effetto, perché i col- del castigo vicario, di quell'enunciazio-
piti li rifiutano (2,30; 5,3; 7,28; 17, ne prcfeticn eh-:: entrò a far parte della
23 ). Jahvé ha cercato instancabilmente t::ologia giudaica del dolore, che nell'e-
di far capire la retta via al suo popolo, s;)::tienza credente dei molti periodi di
ma questo non ha voluto accettarne né pcr;;ecuzionc s'impose alla pietà giudai-
l'ammonimento, né la disciplina, né il cn e trovò il suo compimento storico-
castigo (32,33). Quindi anche gli av- salvifico in Gesù Cristo.
vertimenti del profeta sono inutili (6, Un e!Iett'.'.> d~gli ammc:-iimenti e av-
8; 35,13) e troppo tardi egli prega co- vertimenti profetici riguardanti i casti-
sì: «Castigami pure, o Jahvé, ma con ghi inflitti al popolo di Dio mediante
giusta misura, e non con tutta la tua gli avvenimenti storici si ritrova nella
collera, per non annie:itarmi» ( 10,24); storicgrafia dell'A.T. Essa colloca tut-
troppo tardi, perché in 30,14 Dio dice: ta la storia del popolo nella visuale pe-
«Ti ho colpito come si percuote un ne- dagogica: come un p:idre educa il fi-
mico, con una punizion~ tremenda». glio, così Jahvé educa il popolo (Deut.
Qui certo non si tratta di un éastigo e- 8,5 ; cfr. Is. 1,2). A questa educazione
ducativo e di un rapporto fra p:idre e servirono soprattutto gli episodi avve-
fìglio! Ciononostante, la promessa rima- nuti durante la traver:;ata del deserto
ne: «Sono con te per salvarti, dice Jah- (Deut. 11,2) 61 • Jahvé stesso ha guidato
vé, e manderò in rovina tutti i popoli dal cielo il popolo e lo ha educato (Deul .
fra cui ti ho disperso, mentre non vo- 4,36); l'ha punito ripetutamente a cau-
glio distruggere te, ma castigarti secon- sa dei suoi peccati (Lev. 26,18-28). In
do giustizia, non potendo lasciarti im- questo passo del Levitico il contesto fa
punito» (30,u; cfr. 46,28) 53 • E ora pensare solo al castigo, mentre le mera-
Efraim (Israele) si pente amaramente vigliose gesta salvifiche di cui. si parla
e rinnova la sua professione di fede nel in Deut. 1 l ,2 devono essere ritenute
Dio che l'ha colpito (31,18). un'educazione positiva. Ma questa in-
In Ezechiele il nostro gruppo di vo- terpretazione non deve far dimenticare
caboli ricorre solo due volte (in 5 ,15 59 eh~ nel testo originale si usa in entram·
e 23,48) col senso di avvertimento e di bi i casi il medesimo termine musar,
lasciarsi avvertire. Importante è il pas- come si fa anche altrove, per cui è diffi-
so di Is. 53,5 60 , nei canti del servo di cile una precisa distinzione concettuale
Jahvé: «Il castigo che ci porta la pace dei significati. È chiare dunque che nel-

5S F. G1ESEllRECHT, Dns Buch ]eremia', Hand- 61 Cfr. K. MART!, in KAL•TZSCH: «L'educazio-


komm. z. A.T. m 2,1 (1907), ad i.; cfr. \VI. ne di Jahvé si spiega coi fatti che qui seguo·
FuoOLPH, ]crcmia, Handbuch z. A .T. I 12 no : essa consistette negli episodi vissuti da
( 1947), ad l. Israele nell'uscita ·dall'Egitto e nel deserto,
59 In Ez.. 5,15 il destino di Gerusalemme de- _ma specialmente nelle punizioni subìte per le
ve servire quale ar:1monimento ai pagani; in disobbedienze contro Dio; si veda un concetto
23,48 il monito è diretto alle donne del pae- a:1alogo sul significato della traversate del de-
se; cfr. A. BERTHOLl!T, Hesekiel = Handb. serto in Deut. 8,2-6». Però fanno parte dell'e-
z. A.T . r 13 (1936), ad l. ducazione divina non solo le punizioni, ma an-
:.aCfr. K.F. EuLER, Di:: Verkii11dig1111g vom che i miracoli salvifici vissuti dal popolo. Si
leide11de11 Gottesknecht aus Is. 5J i11 der tratta dunque di educazione e non solo di pu-
griech. Bibel: BW ANT 4 F 14 ( 1934) 63-65 . nizione; ~ KRAUS 521.
139 (v,606) m.ti8Evw B 3 (G. Bertram)

l'A.T. si pensa sostanzialmente all'a- figli d'Israele la santità di Dio come i·


spetto negativo dell'educazione e che la deale di vita (Lev. 19,2).
subordinazione complessiva di tutta la
storia della salvezza al concetto di edu- 3. Trasformazione del concetto nella
cazione si trova, allo stadio iniziale, so-
versione greca dell'A.T.
lo nel Deuteronomio.
Coll'esperienza della disciplina e del
Essendo Israele considerato spesso castigo dell'individuo e del popolo ad
opera di Dio stesso non vien meno cer-
come un individuo - conforme alla tamente il carattere teocentrico della
mentalità orientale - non si trova dif- rivelazione dell'A.T.; però in quanto
ficoltà ad applicare al popolo ìl concet- Jahvé si presenta ora come educatore
del suo popolo, insegnando, ammonen-
to, di per sé individualistico, dell'edu-
do e minacciando per mezzo dei suoi
cazione. Dio tratta ed educa il suo po- profeti, il messaggio dell'A.T. acquista
polo con severità e indulgenza, come fa un carattere più antropocentrico 63 • Ciò
un padre con suo figlio. Per le perso- avviene nell'A.T. ogniqualvolta sorgo-
no problemi morali, sociali e pedagogi-
ne pie in quanto individui valgono i- ci. I molteplici tentativi di soluzione del
noltre anche le correlative idee peda- problema della teodicea, con cui il do-
gogiche dell'antica dottrina sapienziale, lore è spiegato come punizione o tenta-
zione o come mezzo disciplinare e pe-
che fin dall'età salomonica è viva tra dagogico, sembrano allontanarsi, colla
gl'Israeliti e dopo l'esilio diventa sem- loro problematica antropologica, dal ca-
pre più una chiara caratteristica della rattere teocentrico dell'antica pietà. Co-
munque, fra questi tentativi tien più
cultura etico-religiosa dei Giudei 62 • Pe-
conto del mistero della provvidenza di-
rò si resta sempre sul terreno della ri- vina l'idea irrazionale della tentazio-
velazione veterotestamentaria, non di- ne 64, mentre quelle della disciplina, del-
menticando mai che quello di cui si l'educazione e della formazione uma-
nizzano troppo facilmente il concetto di
tratta non è l'uomo nella sua autoaffer- Dio 65 • Cosl queste concezioni stanno in
mazione autonoma, ma l'uomo in quan- realtà ai margini della pietà biblica. An-
to membro del popolo eletto; è a que- che il numero e il tipo delle enunciazio-
ni corrispondenti fanno capire il valore
st'uomo che sono rivolte le promesse secondario di tali pensamenti, che poi _
ed esigenze divine, che propongono ai tanta importanza avranno per il cristia-

62 L. CoRDIER, o.e. (-+ n. 38) 58.67. SENZAHL, Die Goltverlassenheit des Christus
nach dem Kreuzeswort bei Mt. u. Mk. u. das
6lG. BERTRAM, Der anthropozentrische Cha- christologische V erstiindnis des griechischet1
rakter der Septuagilltafrommigkeit: Forschun- Psalters ( 1937) 102-148.
gen und Fortschritte 8 (1932) 219.
M G. BERTRAM, Religion in der Bibel. Zur
6-1 A. SoMMER, Der Begrilf der Versuchung im V ermenschlichung der bibl. Offenbarung : Kir-
A.T. u. im ft1de11tum (1935); ].H. KoRN, Pei- che im Angriff 12 ( 1936) 89-xo3; In., Die Auf-
rasmos. Die Versuchung des Gliiubigen in der gabe ei11er bibl. Theologie beider Teslamenle:
r,riechiscben Bibel (1937) 13.48-88; W. HA- ibid. 416-427.
1.p (v,6071 'lta..LoEvW B 3 a (G. Bertrnm) (v,608) 142

nesimo 66 • Proprio essi tuttavia sono po- yoLc; ov 1tatOEui}1}crE't<.t.t olxÉ't"rv; crxÀT)-
sti in rilievo nella traduzione greca del- p6c;, <<non si potrà correggere con le (so-
1'A.T ., e::! è precisamente il concetto le) parole lo schiavo testardo». Anche
greco di 1ta.Loda. che offre ai tradutto- altrove 1ta.~OEUEW ha il senso di punire,
ri il mezzo linguistico adatto per inter- correggere, oltrepassando in parte il T.
pretare pedagogicamente la storia della M. Cosl avviene probabilmente in Deut.
salvezza. 22,18; 2 Esdr. 7,26 e, con un altro ter-
Nella maggior parte dei casi m1..toda mine, nel corrispondente I Esdr. 8,24,
e 'lt<.t.LOEUEW rendono musar e jasar. Co- dove i LXX aggiungono al testo ebraico
sì i due vocaboli greci acquistano un si- la punizione disciplinare. Invece nelle
gnificato nuovo e originariamente ad es- regole pet i prfncipi di Ecclus rn,r 68 e
si quasi estraneo. Il termine m1..10Elr1. 37,23 1t!l.LOEUEt\I va forse inteso nel
assume anche il senso di disciplina e senso di educazione. Ciò vale special-
castigo 61 , mentre, d'altra parte, gli a- mente per il secondo passo; tanto più
spetti intellettuali della cultura, dell'e- che qui ne/,Jkam è reso con 'lta.tOEVEtV.
ducazione e dell'istruzione penetrano L'impiego religioso del termine 1t<.t.L-
nei testi veterotestamentari molto al di ÒEla. nel senso di correzione o punizione
là dei limiti entro cui si trovavano nel divina corrisponde pienamente all'uso
testo originale. profano. Ciò che il testo base di Deut.
a) Per la letteratura sapienziale l'in- 8,5 afferma sul Dio educatore è svilup-
serimento esistenziale del pensiero pe- pato più ampiamente in Prov. 3,1 r s. 6'J
dagogico ha luogo nella disciplina che I LXX presuppongono qui la pedagogia
il padre di famiglia esercita verso i figli del dolore. Infatti invece del masoreti-
e la servitù. In questo punto i LXX pre- co uk<'ab, «e come un padre», leggono
sentano nei dettagli alcune varianti ri- una forma hif' il della radice k' b (causar
. spetto al testo originale. Per es., in dolore) 10, e traducono con µacr~Lyou\I,
Prov.17,2r la traduzione aggiunge un'e- flagellare. Grazie al parallelismo esisten-
nunciazione positiva alle formulazioni te fra 1t<.t.tOEVEL e µa.cr'ttyo~, anche la
negativa del T .M. Comunque qui, co- 1ta.LOEla. xuplou del v. r x è intesa chiara-
me in Ecclus 42 ,5, 1t<.t.LOEla ha sempre mente come una disciplina dolorosa.
il senso di punizione, correzione: il ter- Qui dunque i LXX fanno valere, con-
mine greco s'è adattato completamente tro il T.M., una delle idee fondamen-
allo spirito del testo originale. In Prov. tali della pietà giudaica sulla sofferen-
29,19 i LXX restringono il detto (la cor- za; però altrove i traduttori si atten-
rezione verbale non basta per uno schia- gono per lo più al testo ebraico, met-
vo) al caso dello schiavo caparbio: À.6- tendo in luce la disciplina e il castigo

6(;La radice jsr ricorre circa 8 5 volte nel testo 6'SR. SMEND, Die ìV eisheil des ]esus Sirach
ebraico. Nel Pentateuco il verbo si trova 8 vol- erkliirt ( r906) 89, ritiene il testo greco origina-
te e una il sostantivo. Nei Profeti il verbo ri- le e corregge su di esso quello masoretico.
corre 1 2 volte e il sostantivo 14. Negli Agio- 6Q Il passo di Prov . 3,12 è citato insieme a \ji
grafi il verbo è usato 15 volte e il sostantivo u7,18 e 140,5 , in I Clem. 56,3.4: «Cosl dice
36. la parola sacra...». Cfr. HATCH, Essays in Bi-
67 La possibilità di questa mutazione semanti- blical Greck (1889) 2 0 7 .
ca nel greco di traduzione dell'A.T. era prepa· 73 Cosl già Gnonus, A11110/aliones in N.T.
rata del resto dall'uso linguistico volgare del (e::I. Ctt. Ev. \VINDHEJM n [ 1757]), a Hebr.
periodo ellenistico. Cfr. ~ col. u8. 12,6; dr. lob 5,18.
143 (v,608) o.:a~ÒEVW I3 3 a (G. Bertrnm)

dell'individuo o del popolo da parte di detto in Prov. 30,3 74 secondo i LXX, i


Dio, sia in Giobbe sia nei Salmi e nei quali presuppongono l'ebraico w"'él tim-
pochi passi profetici relativi 71 • danl, «e Dio mi ammaestrò». La cultu-
Nello stesso tempo, sotto un più e- ra e la rivelazione stanno dunque insie-
nergico influsso ellenistico, penetrano me; perciò Ecclus l,27 può addirittura
nei LXX, per mezzo del termine Tia~­ dire: O'o<pla ... xa.t 1tetLOElet cp6~oç xu-
oda., alcune idee pedagogiche illumi- plou, «sapienza ... e educazione è il timor
nistiche proprie del giudaismo ellenisti- di Dio», dove 'timor di Dio' significa
co quasi completamente secolarizzato 72 . religione 75 , mentre la 1tetLOElet è il do-
Così il giudaismo riconosce valida la cul- no di Dio consistente nella dottrina del-
tura straniera o pagana quando l'attri- la legge e nell'educazione della vita. In
buisce a Daniele (Dan. l,20) o a Mosè tal modo anche la disciplina e il castigo
(Act. 7,22). Essere ben educati nel sen- si orientano e si subordinano al concet-
so profano, cioè essere colti, è l'ideale to veterotestamentario di paideia e di-
di molti detti sapienziali. I Proverbi e venta possibile parlare d'un castigo per
l'Ecclesiastico sono pieni di lodi per la mezzo della sapienza 76 (Ecclus 4,17 ). In
cultura. I Proverbi introducono la 1tat- quest'ultimo passo si manifesti! l'ele-
oEla. mt-.poç e ammoniscono il 'figlio' mento irrazionale, numinoso, che nel-
ad accettarla (r,8; 4,r.13; 15,5; 19,20. 1'A.T. è congiunto alla sophla e ora an-
27; 28,7). Per i traduttori greci qui non che alla paideia. Secondo il T.M . la pri-
si tratta della disciplina o della corre- ma parte del versetto si riferisce al mo-
zione, ma dell'insegnamento intellettua- do di fare della sapienza, la quale si
le 73 • Ma il 'padre' è considerato soltan- nasconde (nkr, all'hitpa'el} per non es-
to il portatore della tradizione; dietro sere subito riconosciuta. Secondo i LXX
di lui sta la vera autorità, che è costi- invece è il cammino dei discepoli della
tuita dalla figura quasi mitica della sa- sapienza che è 'tortuoso'. Comunque, il
pienza. modo in cui la sapienza educa gli uomi-
Questa non s'identifica con la ratio, ni corrisponde all'azione 'sorprendente-
cioè colla ragione umana, ma è basata mente mirabile' di Dio verso di loro,
sulla rivelazione: «Dio mi ha insegna- che rende vana la sapienza umana (dr.
to la sapienza, e io sono cosl pervenuto Is. 29,14) 77 •
alla conoscenza delle cose sante»; così è In Ecclus 23,2 78 i LXX introducono

11 MooRE II 248-256. è il maestro.


72 A. WENDEL, Siiku/arisierzmg iJJ 1srae/s Kul- 15 Cosl in Gen. 20,II ir'at 'elohi111 è tradotto
tur (1934) 330 ss. 387. con ~EocrÉPE~a:. --+ ilEOO'EPi]c; 1v, col. 478.
7l Insieme all'intellettualizzazione si può osser- 1° Sul rapporto fra crocpla e -na:~liEla dr. --+
vate un'accentuazione sempre maggiore del le- coli. 160 s.
galismo. Cfr. C.H. Douo, The Dible rmd the 11 Cfr. anche ls. ·28,21 e inoltre --+ ~pyo"V ur,
Greeks (1935) 79 s. col. 843. Nel termine qui usato (~ ~acra:vl~w
74 GEMSER, I.e. (--+ n. 48) trasforma il T.M. n, coli. 129 s.) si sente il significato fondamen·
secondo i LXX, ma senza un vero motivo. Non tale di 'esaminare la genuinità'. Ciononostan-
è neppure necessario introdurre il v. 3 •con un te, non si può dimenticare che qui -naioEla.
interrogativo (come fa C. STEUERNAGEL, pres- significa tristezza; dr. --) n. 51, la Vulgata e
so KAUTZSCH, ad /.). Il senso è che l'intelletto l'excursus 'Leiden als Zilchtigung Gottes' in
umano non può penetrare nell'essere di Dio. MICHEL, Hebr. 1 297 s.
Però qui i LXX si riferiscono :\ Dio in quanto 1s Così SMllND, I.e. (--) n . 68), ad I. Il testo
'itcnòeuw B 3 a·b (G. Bertram)

la 'it<X.tÒEla come soggetto logico al qua- pia comprensione del dolore. Perciò va-
le sono attribuite sferza e punizione. le quanto si legge in quel climax di af-
L'uomo pio supplica Dio che gli doni fermazioni che è il passo di Sap.6,17-19:
1a mnoElcx. crocplaç; però non è chiaro àpx.l} yà.p mhl)ç Ti àÀTJilEcr"ta:tTJ mu-
se chieda d'esser tenuto lontano dai pec- oElac; Èmi}vµlcx., cppov·dç O~ 1tCXLOf:ltl<;
cati o di esserne punito tempestivamen- ày(btrj, O:y0:1t'r) OÈ "t1}pT)CTL<; voµwv CX.V·
te. Nel primo caso chiederebbe una di- ·d'jc;, TCpocroxiJ OÈ v6µwv ~E~alwcrLç a<p-
rezione e nel secondo un castigo per ila.pcrlac;, àcpilapcri.a oÈ Èyyùc; dvaL
mezzo della sapienza. 'itOtEi: ilEou, «principio di essa (scil. della
Della disciplina dolorosa, cioè dell'in- sapienza) è desiderio sincerissimo di i-
terpretazione del dolore come castigo struzione; la premura per l'istruzione è
pedagogico, si pada specialmente a par- amore; l'amore è osservanza delle leggi
tire dall'età maccabaica (cfr. per es. di essa; l'osservanza delle leggi è una
2 Mach. 6,12.16; 7,33; I0,4; 4 Mach. garanzia d'incorruzione; l'incorruzione
ro,10). Anche il Libro d~lla Sapienza e poi avvicina a Dio» 00 . Il desiderio che
i Salmi di Salomone n~ offrono esem- Salomone ha della sapienza vien premia-
pi 79 • La misericordia del padre e l'ira to colla retta educazione (Sap. 6,r 1 ). È
del giudice e re formano insieme il con- in questo senso che in Sap. 1,5 si parla
cetto di Dio. Per quelli che sono pii le di &ytov 1t\IEUµ(1,, 'lta.todac;, «santo spi-
sofferenze sono un castigo che educa e rito dell'educazione». Il Libro accetta
una pena che purifica. Il primo serve a dunque in compleso l'ideale pedagogico
migliorare, la seconda anticipa la puni- del mondo ellenistico, ma v'inserisce ri-
zione escatologica. Ma non è facile di- petutamente l'esperienza del castigo di-
stinguere il castigo delle perscne pie, vino, e partendo da questa esperienza
nella realtà della vita, dal giudizio d'i· giunge alla sua soluzione del problema
ra contro gli empi. Su questo punto le della teodicea: Dio, il misericordioso,
anime non illuminate ( &.7taloEV"tOL) ca- diventa l'educatore della persona pia.
dono in errore (Sap. 17 ,r ). Per la giu-
sta comprensione sono necessarie la cro- b) Nei Salmi si tratta quasi sempre
cpl(1.. e la -rtcx.toEla. Così nel Libro del- di correzione o educazione ad opera di
la Sapienza anche 7tll.LOEla. ha talvolta Dio, oppure dell'insegnamento sulla sua
un significato intellettualistico ( 7,14; 3, volontà. I LXX aggiungono il termine
l 1 ), e comunque non indica mai il solo 11:morux.col senso di castigo nel celebre
castigo, perché include sempre anche 1a passo di Ps. 2,12: op&.çacrilE 'lt(XLOElaç,

ebraico, come risulta dalla traduzione siriaca, molti e diversi discorsi e riconoscimenti della
aveva sebet musilr; tra:lucendo con n:a.~òEla. grazia) proprio 1a quantità clei termini usati e
a'ocplcu:, i LXX sembrano già presupporre l'in- l'enfasi delle enunciazioni tradiscono l'insicu-
terpretazione allegorica che poi trovasi tanto rezza, così questa si manifesta qui nei molti e
sviluppata in Filone (~ col. 159). Allora la diversi tentativi di creare un rapporto fra la
1ttJ.LÒEla. uoqilw; potrebbe essere intesa nel scn.· misericordia benevola e la giustizia onnipo-
so di 'castigo', come in 4,17 (contro V. RYS- tente».
SEL, in KAUTZSCH, Apokr. tmd Psc11depigr., 80 Su questo sorite dr. J. FrcHTNER, Weisheit
ad /.). Cfr. Prov. 22,15 (ebr.; LXX: pafllìo; Salomos = Handbuch z.A.T . Il 6 (1938), ad l.
OÈ xa.t 1ta.tÒE(a.). (17). La Sapienza è un libro sapienziale apo-
71Cfr. MooRE 11, specialmente 225; inoltre calittico, in cui finalità apocalittica e finalità
STRACK·BILLER.BECK III 445 (con altri passi) e sapienziale si compenetrano: coll'istruzione
BousSET·GRESSMANN .385 s.: «Come là (nei (1ta.tòi::la.) sulla sapienza si vuol mettere il
r.aLl>Euw Il 3 b-c (G. Bertrnm) (v,610) 148

«accettate la correzione» 81 • Solo un tra- blema della paideia, questo concetto vie-
duttore ignoto presenta un'interpreta- ne introdotto nel testo appunto dai
zione .analoga, ma più intellettualistica: LXX.
i:m)..ciBEutTE Èmcr-tliµ71c;, «apprendete la Nel testo greco di Geremia muOEUEW
scienza». La tradizione latina segue evi- e na..LoEla. hanno sempre il significato
dentemente quella dei LXX. Tutte le al- di castigare e disciplina. I LXX, ancor
tre traduzioni si basano sul testo ebrai- più chiaramente del testo ebraico, col-
co. È chiaro che anche in Ps. 2,10 i ver- locano l'azione di Dio verso il suo po-
bi uuvE'tE e 7trt.LOEMl]'t'E (Aquila: Èm- polo nella visuale della punizione disci-
CT-tl]µWtT"t]-cE), che esortano alla saggez- plinare. La dizione ebraica liiqalJ mu-
za e alla disciplina, sono messi insieme sar (apprendere la disciplina), subisce
intenzionalmente. In 4' 17 (18),36 (cfr. più volte una leggera alterazione nel
2 Ba.cr. 22 ,J 6) i traduttori greci hanno greco (Prov. 16,17; Ecclus 32,14; 51,
sostituito variamente l'enunciazione teo- 26; cfr. Prov. 24,32 ). Nella prima par-
logica con un'altra più antropologica. te di Geremia (2,30; 5,J; 7,28; 17,23;
Per Teodozione muoEla ha in questo dr. Soph. 3,2.7) essa è tradotta con
caso un carattere più intellettualistico. oé!;a<rtTcu m.uoElav e nella seconda par-
Questa interpretazione intellettualistica te (39 [32),33; 42 (35],13) con À.a.fki:v
risulta dal verbo o dai termini paralleli 'ltG..toEla.v. In Js. 53,5 i LXX traducono
di 7ta.LOELa anche in Ps.94(93),10.12 letteralmente: muOEla. dp-f)vl]c; 1Jµwv
(cfr. Iob 5,17); Ps. u9(118),66 82 ; Ps. f:rc'a.ù-.6v, «su di lui (pesa) il castigo
50 (49),16.1 7 . Dunque, anche nei Salmi della nostra pace» 83 • Ciò sembra aver
i! sostantivo muoda inclina piuttosto influito sulla traduzione di Is. 9,6.7 in
verso il senso ellenistico d'istruzione e Simmaco e Teodozione. Qui 'lt!l.toEla si-
educazione, mentre il verbo na~ÒEvnv gnifica il castigo e si riferisce alla sop-
è usato piuttosto nel senso biblico di portazione vicaria d'una punizione;
disciplina e correzione. Questi passi fan- quindi non può trattarsi di educazione.
no parte in complesso della sapienza Così in Is. 53,5 (LXX) e 9,6.7 (Simm. e
gnomica dell'A.T. Teodoz.) il termine greco ha ricevuto un
senso estraneo allo ~pirito della lingua
c) Di maggiore portata e più frequen- greca, ed è divenuto il termine tecnico
te è la differenza fra i LXX e il testo della passione (come sofferenza vicaria).
ebraico nella letteratura profetica, do- In Ezechiele 7tcttoda sta solo una
ve, proprio nei passi decisivi per il pro- volta per musar (5,15, Teodoz.); in 13,

lettore in guardia dal giudizio finale . J. F1cHT- Umschri/t 11. die religiomgeschichtliche Erfor-
NER, Die Stellung der Sap. Salomo11is in der sch11ng der LXX, ZAW, Beih. 66 (I936) ror.
Lit.- u. Geislesgeschichte ihrer Zeit: ZNW 36 Ma anche se ci si attiene, con A. BERTHOLE.T
(1937) 127. (in KAUTZSCH) e H. SCHMIDT, I.e. (4 n. 53),
81 F. WuTZ, Die Psal111e11 texlkritisch u111cr- nlle consonanti presenti nell'ebraico, il testo
J11chl (1925) 4, suppone nel testo ebraico 11sw
dei LXX resta ugualmente oscuro.
dwbr. Il vocabolo dwbr, disciplina, ree/io, 1110- 81 Qui mulìda. stn per ta'am, 'gusto', 'sensa-
rcs, ratio age11di, è dedotto dal siriaco. Però zione', 'intelletto', che Aquila e Simmaco ren-
il metodo di ipotizzare vo::aboli ebraici par- dono con yEvµa, mentre la Volgata, seguendo
tendo da supposte trascrizioni testuali non al- ovviamente i LXX, traduce con disciplina.
trimenti dimostrabili è contestato in linea di
principio; cfr. G. BERTRAM, Das Problem der 8l Cfr. EuLE.R, o.e. (4 n . 60) 24.63 s. 116.
149 (v,610) 1w.ioevw J3 3 c-d (G. Bertram) (v,610) 150

9 (LXX) il termine sta invece per sod, profeti (per es. O.r. 7,12.14; ro,10) 86 ,
'comunità', 'consiglio segreto' 84 • I LXX dimostra che la concezione storica dei
presuppongono qui che il compito del traduttori è appoggiata intimamente al-
vero profeta sia di educare il popolo per l'idea dell'educazione. Anche dove è at-
mezzo della sapienza in lui rivelata. Co- tribuito a Dio jilsar ha vari sensi: met-
sì i profeti vengono a trovarsi sulla tere in guardia, correggere, castigare, e-
stessa linea dei maestri di sapienza (dr. ducare; invece il greco 1tet.LOEUEW con-
Mt. 23,34; Le. II,49). Secondo Ez. 13 , tiene sempre l'immagine dell'educazio-
9 (LXX) i profeti non hanno assolto ne dei bambini, anche se i mezzi di
questo compito: «Non prendono parte questa educazione sono diversi e van-
all'educazione del mio popolo». Anche no dall'insegnamento al castigo. In que-
in Am. 3,7 sod è sostituito da mx.iOEtCt.. sto senso 1tctiOEUEW s'incontra ripetuta-
Il T.M . dice: «Poiché il Signore Jahvé mente nei testi giuridici (Lev. 26,18.23.
non fa alcuna cosa senza aver prima ri- 28; Deut. 4,36; 8,5) e serve a tradurre
velato il suo piano (sod) ai suoi servi, anche altri vocaboli ebraici oltre a jasar.
i profeti» 85 • Per i LXX si tratta qui del In tal modo i LXX non fanno altro che
piano pedagogico di Dio, di cui i pro- eseguire quanto era già proposto nel
feti ricevono notizia. Il contenuto della passo fondamentale di Deut. l l ,2 ( ~
rivelazione riguarda quindi l'educazio- n. 6r ). Cosl tutte le esperienze fatte da
ne del popolo. Ma in questo contesto Israele a partire dalla liberazione dal-
non compare l'idea dell'educazione di 1'Egitto entrano un po' alla volta nella
tutta l'umanità. Anche se si parla della prospettiva della 1tctLÒElct. Questo pen-
correzione e del castigo di popoli stra- siero è infine dai LXX formulato chiara-
nieri ad opera di Dio (Ps. 2,12; dr. mente in Os. 5,2: Èyw oÈ 7tet.~8w·t"rJc;
anche Ez. 28,3, dove i LXX interpola- ùµwv, «io sono il vostro educatore».
no il concetto di 7taioda, benché non in Nel T.M. qui trovasi musar, perciò, con-
senso attinente aUa rivelazione), il con- tro il contesto e forse anche contro il te-
cetto di educazione dell'A.T. presup- sto ebraico originale 87 , i LXX hanno e-
pone fondamentalmente la fede nell'e- spresso qui un'idea della pietà giudaica
lezione: l'educazione da parte di Dio è carica di futuro: Dio è l'educatore dd
un dono di grazia, a cui egli fa parteci- suo popolo.
pare soltanto il suo popolo.
L'uso di jilsar, che si ha talvolta nei d) Nella storiografia dell'A.T. que-

81 La radice swd ricorre 21 volte nel testo e- così. Ma diversamente traduce H.W. Roe1N-
braico e vien tradotta dai LXX con 1 z termini SON, Inspiratio11 and Revelation in the Old
diversi. In Aquila e Simmaco In traduzione è Teslament (1946) 164-169. Forse i LXX non
più uniforme, benché accetti anche altri vo- hanno letto swdw, ma un'altra parola, per es.
caboli. Il T .M. di fa:. 13,9 sarebbe, secondo mwsr; dr. ScHLEUSNER, s.v. [T.W. MANSON],
H. ScHMrnT, Die grossc11 Propheten, Die 8
~ In quest'ultimo passo e in Ps. 105 (104),22
Schriflen des A.T. II 2 1 (1923): «Stendo la i termini 'sr e jsr vengono scambiati.
mia mano contro i profeti che vedono illusio-
81 Ro111NSON, o.e. (~ n. 54), ad l., corregge il
ni e pronunciano menzogne. Essi non devono
T.M. secondo i LXX. Invece O. PROCKSCH, in
entrare nel consiglio del mio popolo...».
BHK 3, e parimenti H. GuTHE, in KAUTZSCH,
85 Così secondo H . GuTHF. (in KAuTzscu). propongono di leggere moser invece di miisiir,
Prescindendo dai tempi O-ci verbi ('farà', 'rive- per ottenere una migliore corrispondenza col
la'), anche ROBINSON, I .e. ( ~ n. 54) traduce contesto.
i51 (v,610) itatS~uw B 3 d (G. Bcrtram) (V,611) 152

st'idea si riferisce ovviamente all'azio- strofe diretta alla legge come educa-
ne di Dio sul suo popolo, doè a tutte trice, e precisamente in una tradizio-
le vicende del popolo eletto e dei sin- ne, nella quale il giudaismo si giustifi-
goli credenti. Ma per questo popolo ca, davanti a se stesso e davanti al mon-
della tradizione dottrinale 88, della leg- do, di dover adattarsi alle forme di
ge e della sapienza proverbiale sarebbe quest'ultimo, cioè in 4 Mach.5,34: TCa.L-
stato difficile fare a meno di ravvisare OEU'Tà voµ.E, «o legge educatrice!».
proprio in Dio il maestro, l'autore e il
comunicatore di tutte quelle tradizioni
dottrinali; nel giudaismo ellenistico, La legge è divenuta così il fondamen-
poi, già il significato o contenuto del
to dell'educazione giudaica, in senso
termine greco indicante ]'educazione in-
clinava a divenire un concetto più intel- sia religioso sia profano. Inoltre nel
lettualistico dell'educazione del popolo tardo giudaismo l'esigenza educativa è
giudaico per mano di Dio. Furono cer- universalistica: la legge diviene il ma-
tamente le dure vicende del tempo del-
le lotte religiose a favorire l'inter- nuale pedagogico dell'umanità. Tenen-
pretazione della storia sotto l'aspetto do l'c::chio fisso alla legge, il giudaismo
della paideia; ma dal giudaismo la sto- si presenta al mondo con un'esigenza e-
ria dei padri, mantenuta viva nella tra-
dizione, e poi la legge stessa con tutti ducativa suprema (Ecclus, prolog.3; 39,
i comandamenti che essa conteneva o 8; 4 Mach. 5,24; 13,22.24). Nella di-
che ad essa si ricollegavano, erano già sciplina della legge esso trova la vita e
considerati mezzi educativi ricevuti dal-
la felicità (Ecclus 24,27: ò [v6µoç] Èx-
le mani di Dio. La legge è l'educazio-
ne dei Giudei e della comunità giudaica. cpa.lvwv Wç cpwc; 1tCX.L0ELCJ.\I, «la legge,
Eppure solo una volta s1 trova un'apo- che emana come luce la paideia» 89 .

3.1 Nell'introduzione alla sezione che tratta del- terna, quella della legge e quella divina non
la sinagoga MooRE I 281-289 fa osservare il possono essere distinte, perché il divino non
carattere dottrinale sempre più pronunciato è altro che la sublimazione dell'umano. Qui
della religiOne giudaica. l'educazione è un autosviluppo dell'individuo,
3J Nella nostra ripartizione degli aspetti dcl e anche la polis è posta al suo servizio. Ma
problema pedagogico dell'A.T. non si tratta il fatto che lo stato esiste per l'educazione
d'una successione o d'una concomitanza tem- conferisce allo stato stesso quel potere che ab-
porale, ma di una compenetrazione o imma- bassa l'individuo al livello di massa. Nell'A.T.
nenza mutua dei contenuti. Né nell'A.T. né invece il solo educatore è Dio. 11 padre di fa-
nei LXX esiste una disciplina paterna senza la miglia e la legge sono soltanto strumenti. L'e-
legge, o una legge senza Dio. Manca invece ducazione è la disciplina sotto il comando di
completamente il potere dello stato, cosl deci- Dio. Solo nel N.T. si giunge alla tensione ge-
sivo nella itrullEla dei Greci. La cultura scrit- nuina fra la capacità umanamente limitata del
turale e quindi la 7ta.toEla. giudaica rimane in- padre terreno e la sfera della legge, da una
dipendente anche dalla gerarchia postesilica. Il parte, e il compimento della cre11zione operato
' mediatore' di Dio non è il sacerdote, ma il pa- da Dio mediante la rivelazione dello spiri-
dre di famiglia, che deve diventare esperto to della figliolanza divina, dall'altra. Invece ìl
.aelle Scritture per adempiere il suo compito e- ponte fra l'A.T. e la paideia filosofica fu getta-
ducativo. Dal padre e dal suo obbligo d'inse- to dal giudaismo ellenistico (v. Filone): l'idc:a
gnare (--" col. 129) si passa al maestro, al greca dell'educazione dell'uomo come educa-
rabbi . Presso i Greci invece l'educazione pa- zione dell'anima fu applicata all'A.T.; i pa-
153 (v,6n) '::C.UOEVW e I (G. Bertram) (v,612) 154

C. IL CONCETTO DI PAIDEIA carattere e nella perfezione dell'essere


NEL G1UDAISMO ELLEN1STICO
umano intesa come humanitas. Inol-
tre per lui rccttÒElct è quella forma-
E RABBINICO
zione filosofica che congiunge le cono-
scenze fondamentali alla capacità di. giu·
r. muòi::lrx. e 'Voµoç in Filone dizic e la ricerca d'una visione chiara
del mondo e di Dio alla saggezza pra-
Il concetto di paideia e quelli che ne tica che ne risulta. Nello sviluppare
dipendono compenetrano tutti gli scrit- questo concetto Filone fa uno sforzo
ti di Filone. Questo gruppo lessicale particolare per dimostrare che esso fu
realizzato dalle persone pie dell'A.T. Jn.
rientra nell'ambito dei numerosi con- fine, quello che a lui importa non è solo
cetti che nel giudaismo ellenistico fan- la formazione culturale, ma quella spi-
no da ponte fra la rivelazione dell'A.T. rituale o religiosa. La rca.LÒEla. diventa
un'ipostasi 91 , e così opera da se stessa
e la cultura greca. Filone si sforza spe- lo sviluppo dello spirito umano, sia dei
cialmente di raccogliere sotto il concet- singoli che dei popoli. Essa è una gra-
to di paideia il contenuto della tradizio· zia e un dono dì Dio e manifesta il suo
segreto soltanto allo spirito pio e puri-
ne veterotestamentaria per renderla ficato. Anche se in tutto questo sembra
comprensibile ed accessibile all'uomo prevalere il carattere intellettualistico
colto del suo tempo. Nello stesso tem- del concetto greco, in realtà qui lo spi-
rito veterotestamentario del Dio che
po egli cerca con questa terminologia
chiama e rinnova l'uomo colla sua vo-
di dimostrare la superiorità assoluta lontà concretizzata nella legge e nella
della rivelazione veterotestamentaria e promessa si riversa nella forma concet-
della legislazione di Mosè, e quindi an· tuale coniata dai Greci. Così la paideia
di Filone diventa portatrice e mediatri-
che del giudaismo. Cosl egli giunge, sia ce della rivelazione dell'A.T. nel mondo
pure per motivi di propaganda, a una greco. Questa sintesi di contenuto vete-
formulazione speculativa teologico-filo· rotestamentario e di forma greca rivelò
la sua portata storica soltanto col cristia-
sofica del concetto di paideia che si po- nesimo, e anche in questo solo col pas-
trebbe definire anche storico-salvifica ro. sare dei secoli. Cos} l'applicazione filo-
niana del concetto di paideia alla storia
Per Filone rcaLòda. è innanzitutto l'e· della salvezza costitul l'ultimo grado
ducazione e formazione sia del singolo preparatorio dì idee pedagogiche cri-
sia del popolo. Egli intende con ciò la stiane, se non proprio di quelle del N.
formazione generale dell'uomo che su- T. Il giudaismo invece rifiutò e rinne-
pera e riassum:: in sé le spedalizzazio· gò l'opera di Filone fino alla soglia del-
ni e consiste nella solidità morale del l'epoca moderna.

triarchi dell'A.T. divennero tipi d 'un determi· 91 Nell'ellenismo giudaico e specialmente in


nato atteggiamento spiritunle. Filone esiste - come osserva DoDD, I.e. (~ n.
9~ Filone è un uomo politico, ma lo è in quan· 73) - la tendenza a ondeggiare fra l'idea astrat·
to è un giudeo che crede nel Me~sia . Cfr. ta e la raffigurazione concreta d'ipostasi perso-
G. BERTRAM, Zur Philoforsch1mg: ThLZ 64 nali, quando si tratta di entità celesti. Ciò vn·
( r939) r93-197. le anche per la paideia.
i55 (v,6n) T.U.lOEVW e I (G. Bertram) (v,612) 156

Nel determinare la forma concreta per es. quella che si acquista osservan-
dell'educazione Filone si riallaccia alle do i paesi stranieri (Abr. 6 5) o eserci-
tradizioni pedagogiche del mondo cir- tando l'attività pastorale 93 , che prepara
costante. I genitori sono i benefattori quella regale (vit. Mos. r,62). Il pos-
d~i figli, perché hanno loro donato la sesso dell'educazione è il bagaglio di
vita, pensano al loro mantenimento e viaggio dell'uomo nella vita (rer. div.
hanno cura della loro 't'pOq>lJ e 'JtatoEla ber. 274). L'educazione e la formazione
ii xa-ta 't'E a-wµa xat t!Juxl)v, «dell'e- culturale sono anche per Filone desti-
ducazione del corpo e dell'anima» (spec. nate agli uomini; ma talvolta egli ricor-
leg. 2 ,229) 92 • Per il fatto che i figli so- da che l'autorità deve aver cura che
no nati nella casa dei genitori e questi un'educazione conveniente sia imparti-
si curano di mantenerli e educarli, li ta anche alle fanciulle (spec. leg. 2,125).
provvedono di nutrici e pedagoghi e Accanto all'educazione ellenistica e
così via, essi sono proprietà dei geni- al di sopra di questa sta per Filone
tori, come gli schiavi. Questa consta- quella della sinagoga 9~. Malgrado tutti
tazione (ibid. 2 3 3) congiunge in mo· i tentativi di livellamento e di adatta-
do inorganico la situazione familiare mento, quest'ultima occupa un posto
patriarcale dell'A.T. colle idee giuridi- differente. Nell'educazione sinagogale
che ellenistiche ed è una delle afferma- importa soprattutto la pietà e la santi-
zioni che rivelano dove stesse il perico- tà ( ÈvcrÉ(3mx, ÒO"LO"t'TJ<;). La otxovoµla e
lo ellenistico per il giudaismo. Il pote- la 7tOÀ.L'\dct stanno fra la OLX<XLOCTU\l'rJ e
re del padre di disporre dei suoi figli, l €'1ttCT"t'i)µTJ. Si deve scegliere il giusto
1

che nell'A.T. era fondato nell'ordine e fuggire ciò che è erroneo per tre
divino della creazione e veniva da que- motivi: l'amor di Dio, della virtù e
sto limitato (Deut. 2r,r8-21), è qui degli altri uomini (omn. prob. lib. 83).
compreso nella forma di un diritto di È questo che Filone intende quando
proprietà umano ed autonomo. E allo- parla dell'insegnamento della filosofia
ra la 'ltatoEla non è più un dono divi- nelle sinagoghe giudaiche di Roma (leg.
no, ma un'opera umana. Gai. r 5 6 ). Egli si rivolge di per sé sol-
L'educazione si chiude propriamente tanto alle persone colte ( ot à-rtò 'ltat-
coll'inizio dell'età virile: yÉ\IEO"tç, "t'po- odaç, op. mund. i7), alle quali sono
cpl), 'JtaLOEla, apx1), «(prima) la nasci- contrapposti, per es. in det. pot. ins.
ta, poi la nutrizione, poi l'educazione e 77, ot 7trx.toElaç iiµu1)'tOt, cioè gl'incol-
infine il principio (della vita adulta)» ti; cfr. 1t(xt0Elrx.ç ayE\lCT't'OL, «digiuni di
(vit. Mos. 2,1; cfr. Flacc. 158). Ma educazione» (spec. leg. i63; viri. 39;
natodrx. comprende anche la formazio- omn. prob. lib . 4) 95•
ne e l'autoeducazione dell'adulto, come La formazione della personalità si

92Il dualismo antropologico è tipico degli e- W. BousSET, ]iidisch-chr. Schulbetrieb i11 A-


nunciati filoniani; cfr. E. HATCH, o.e. <~ n. lcxandria und Rom (r9l5); dr. specialmente
69) 109-130. 43-83.x49·r73.
91 W. JosT, 1totµi]v. Dar Bild vom Hirten in 9:;La sete insaziabile di conoscenza fa parte
der hiblischen Oberlie/errmg rmd rei11e christo- indubbiamente dell'eredità greca, e non è un
/ogische Bede11t1mg (1939) 21 s. caso che in Filone risuoni continuamente l'eco
di Platone, come avviene, per es. in questo
94 La compenetrazione del contenuto giudaico, contesto; cfr. \V/. V6LKER, Fortscbritt und
più antico e tradizionale, con quello profano Vollend1111g bei Pbilo von Alcxa11drien ( 1938)
dell'ellenismo in Filone è stata dimostrata da 170.
;ro:LSEuw (C 1 (G. Bertram) (v,613) 158

attua sotto la disciplina ( ÈÀ.Éyxm1) pura (agr.158), 4'vxijç v6µtaµa, moneto


della à.pE'tTJ e dell'istruzione (rw.t- preziosa dell'anima (som. 2,90). Essa è
OEUELV ), per mezzo della q.ipovn(nç \lll(j)O\l'tW\I i}yEµoviç, 'la guida dei so-
(congr. 179). Essa segue la regola del . brii ', mentre l'ineducazione è la tiran-
l'6pt)òç À.6yoç e della 1tatfala 96 (mut. na degli ebbri (µEi)u6v•wv è:~apxoç à-
nom. 206; cfr. 2II) e corrisponde al- 1taLoEValcx., ebr. r 5 3 ). Col suo aiuto di-
la natura razionale (À.oytx'Ì'} q.iucnç). Chi ventiamo re di noi stessi e ci assogget-
volesse detronizzare la mx.toda danneg- tiamo le cose 97 • Il yl\IW<TXE o-au'tov,
gerebbe la parte più nobile di se stes- «conosci te stesso», il motto filosofico
so (ebr. 23). La paideia è il nostro be- dell'autoeducazione, s'identifica in Fi-
ne più prezioso ed è di natura paci- lone coll'ammonimento biblico: 1tp6o-E-
fica, a differenza di tutti gli altri beni XE aEocu-.<lJ, «bada a te stesso» (Gen.
terreni, per cui spesso si fonno le guer- 24,6; Ex. 34,12, ecc.); così da una par-
re (poster. C. II 8 ). L'individuo raggiun- te è soddisfatta l'esigenza apologetica 98
ge coll'educazione (1tE1tct.LOEGO"i}a.L) la se- e dall'altra ogni tipo di autoeducazione
renità del riposo, che è la cosa più bella è ricondotto al comandamento di Dio,
della vita (-rò Év xatpQ x6.À.Àto--.ov, colla restrizione e il freno che esso com-
1)0-uxl<x.v, Abr. 20 ), e acquista la letizia porta (migr. Abr. 8).
dell'anima (leg. alt. 3,r 28 ). Cosl la 1tCX.L- La superiorità dell'educazione giudai-
oElt:t. è un gioiello divino dell'anima, ca 99 si vede dal suo contenuto 100 • Esso
che è essa pure divina (cher. 9 3 ), o in molte formulazioni riceve una deter-
anche, come si dice in leg. alt. 3,167, minazione stoica e dualistica (spec. l eg.
ne è luce ( <pwc; oÈ l}luxflc; É<r'tt 7ta.LoElcx.); r,176; 2,46); ma in ultima analisi quel-
cfr. inoltre gli appellativi o~oouxouo-a, lo che importa è il Dio unico e creato-
'portatrice di fiaccola', 'illuminatrice' re 101 • È questo che insegnano ai giova-
(ebr. 168), xcd)a.pà. 7tt:t.pi1Svoç, vergine ni, fin dall'infanzia, i genitori, i peda-

% Il compito della legge è la 1ta.LlÌElcx. (ehr. E.R. GooDENOUGH, By Light, Lighl. The My-
143). Sia in questa che in altre forme analo- stic Gospel o/ Heltenirtic Judairm (1935).
ghe affiora l'influsso platonico, VOLKER, o.e.
(-> n. 95) 65 s. Con òpllò.; Myoç si indica 1a J(1) I Giudei sono i sacerdoti del mondo inte-
legge giudaica; cfr. E.R. GooDENOUGH, The Po- ro e la legge è una scuola per i sacerdoti ;
lilics o/ Philo Judaeus (1938) 30 s. H. WENSCHKEWITZ, Die Spiritualisierrmg der
97 L'essenza del regno spirituale è radicata nel Kultusbegrif/e: Angelos 4 ( 1932) 13 H 34.
fatto che esso esercita il suo dominio in mo- 138 s.
do conforme alla legge naturale. Cfr. Gooo.
IOJ Filone è il primo pensatore che può esser
ENOUGH, o.e. (-? n. 96) 86-9r. definito un vero teologo. Esteriormente può
9J Riferendosi ai traduttori dei LXX, Filone fa sembrare che non sia così, ma è questione di
notare espressamente che i Giudei «erano i- stile. Goodenough ha scoperto che dovunque,
struiti anche nella cultura ellenica» (vit. Mos. sotto il luccichio della paideia ellenistico·giu-
2,32). daica, sta la fede messianica del giudaismo,
99 Vedi il materiale relativo in ScHtiRER m che è la vera essenza del pensiero di Filone.
698 s. Recentemente fu studiato soprattutto 11 Perciò gli influssi ellenistici non devono esse-
rapporto di Filone colla pietà misterica; dr. re sopravvalutati. Anche la cosmologia e la
]. PASCHER, 'H f3o:o-tÀ.tx1] 61ì6.;. Der Konigs- cosmogonia del suo ambiente sono per lui un
weg 1.11 \'Viedergeburt 1111d Vergolttmg bei Phi- patrimonio culturale meramente esteriore. Cfr.
/o11 von Alexandrien = Studien zur Geschich- BousSET, o.e. (-~ n. 94) 14-43; Doon, o.e. (->
tc c!er Kultur des Altertums 17,3/4 ( 1931 ). n. 73) III·I44 ·
i59 (v,613) 'itrLLlìEUW e I (G. Bertram)

goghi, i maestri, le leggi e i costumi buona predisposizione naturale e di


non scritti (leg. Gai. 115.210; cfr. virt. una corrispondente formazione cultura-
220; praem. poen. 162). Cosl per i Giu- le, si esercita continuamente negli inse-
dei la paideia è un bastone che serve in- gnamenti della virtù (praem. poen. 64).
sieme a sostenere e a correggere. Il ba- Mentre la sfrenatezza produce la mor-
stone menzionato nella legislazione pa- te, la disciplina rende imperituri {ebr.
squale (Ex. 12,11) significa, nell'inter- 140). È dote esclusiva della legge e del-
pretazione allegorica, la paideia 102, che l'educazione - la quale costituisce la
cosl vien collegata ancor più chiara- legge non scritta della coscienza - po-
mente alla disciplina e al castigo (leg. ter distinguere fra il profano e il sacro,
alt. 2,89.90; sacr. A.C. 63; congr. 94; l'impuro e il puro, mentre l'anarchia e
fug. l 50 ). Senza questa paideia che usa l'ineducazione {&.1taLOEUcrla) confondo-
la verga, per molti è impossibile vov- no tutto (ebr. 143).
1}EO"lav ÉvoÉl;aO"t>aL xaì O"wcppovL<rµov, Un altro simbolo della paideia è la
«accettare la correzione e l'ammonimen- sorgente o il pozzo (fug . 177.183; ebr.
to» (post. C. 97 ). Il bastone diventa I I 3) e precisamente un pozzo che non
pertanto il simbolo della vout>wla, del tutti i mortali, ma solo i re possono
O"W<ppov~<rµÒç e della 7ta.Lod-.x 103• In scavare. Anche questa immagine fa pen-
quanto scettro, esso è simbolo del do- sare al valore salvifico della paideia. Ma
minio regale e quindi di Dio, l'unico in ultima an:Jisi questa si basa sulla
vero re, che sostiene ogni paideia (mut . bontà e misericordia di Dio e sulle sue
nom. 135). Esso è pure quello che ha promesse per quelli che amano la sua
creato, nel segreto, i prototipi dell'edu- disciplina. La disciplina è il vincolo a
cazione umana (som. 1,173). cui e con cui Dio lega l'anima, mante-
In tal modo la paideia è salutare nendola ferma e pura {cfr. Num . 19,
(crw-t1]pLoc;, plani. 144) o è insieme sa- 15) ws. L'israelita viene educato a guar-
na e salutare (ebr. 141) 104 • L'anima può dare in alto, alla manna, cioè al logos di-
acquistare la salute, la forza e altre buo- vino, il cibo incomparabile dell'anima
ne doti soltanto se, sulla base di una che aspira alla visione 106 (rer. div. ber.

IO~ L'interpretazione allegorica della verga è 7tctLlìEunv intenzionalmente, perché in questo


passata anche nell'esegesi cristiana. Vedi ad es. senso esso era estraneo alla lingua letteraria
la Catena a Hebr. r,8, che riporta un testo di dell'ellenismo.
Basilio: "Eu·n oÈ xaL 7tctLow.-Lxi) ·rn; Ti pa~· •Gol Filone dà due spiegazioni parallele della
lìoc; .-ou DEOU. 'ltlXLOEUOVO'!l. lìÈ eMElac; xat ou norm·a di Lev. 10,8-10, la quale proibisce :ii
'ltctpa.-t-.paµµÉvac; (n6:yn .-ci.e; xplcrnç. lìLCÌ. Leviti le bevande inebrianti. Quella citala qui
.-ou-.o pa~ooc; eulhi-.l}"l'oc; it pa~ooc; "l'fic; ~a.­ sembra sia stata inventata da lui. Cfr. Bous-
u~)..Elac; aunv 'ltpocrayopEUE'trLL. Cfr. anche SET, o.e. (-4 n. 94) 93.
Greg. Naz., or. theol. 45,19 (MPG 36,649 b.c). ios Il compito finale di ogni etica è Dt~ µ6vl(.l
101 Il rapporto fra i due concetti di 7tmlìela e t:ijcraL (mut. nom. 213). L'etica di Filone è
vovDEO'la è stato studiato da TRENCH 66-69; teocentrica. VoLKER, o.e. (-4 n. 95) 206 s.
però vovDEcrla ricorre anche col senso di ca- lt>~ Qui non si tratta dunque della paideia in-
stigo. Giuseppe giunge a sostituire il 7taioEu- termedia, da attuarsi progressivamente, ma
ELV dei LXX con ~~O:u-.Lt;LV vovDE"l'ELV (ani. 8·, della sapienza donata da Dio, che si attua so·
217). In questo può appellarsi a Plutarco, che lo nei momenti beati, nella visione. Cfr. Vo1.-
in Sertoriris 19 (r 578 d) dice 7tÀ.'l'}ycti:c; vovDt- KER, o.e. (-4 n. 95) 281-289; BousSET, o.e
"l'Etv. Può darsì che qui Giuseppe sostituisca (~ n. 94) 134.
7tmoEvw C 1-z (G. Bertrnm)

79). Soltanto l'occhio dell'anima è for- (leg. all. 3,244; cher. 3,6; poster. C.
mato (1trnalÒEV"tr.u) per vedere Dio 130.137; som. r,239; mut. nom. 25.5).
(mut. nom.203; cfr. leg. Gai.5; Pseud.- Tuttavia la paideia media è la cosa più
Philo, vit. cont. 66) 101 • alta che gli uomini possono raggiungere
La 1t<xti5da., dunque, è un'ipostasi en- normalmente. Il suo -frutto è e rimane
tro il mondo metafisico di Filone. Non sano sotto ogni aspetto, perché la natu-
è possibile ovviamente ridurre a un si- ra del bene è imperitura ('plani. u4;
stema unico le sue affermazioni in que- dr. II6 ). La paideia non va soggetta a
sta materia ics. Secondo fug. 52 la sophia, invecchiamento. Mentre il resto scom-
'figlia' di Dio 109, in quanto principio ma- pare col tempo, essa diventa sempre più
schile e 'padre', ha g~nerato nell'anima giovane e fiorisce di fioritura eterna, si
«l'apprendimento, l'educazione, la scien- rinfresca e si rinnova con sforzo conti-
za, il senno, le azioni belle e lode- nuo (agric. 17r ). Con tutto questo la
voli») µa~'l')CTL<;, m'.ZLOEla, È1tLO'"tTJµ'l'), paideia, nel suo significato pratico, re-
<pp6'Vricnç, xaÀ.at xa.t È'ltm'VE-.at 1tpa- sta per Filone in una luce ellenistica 111 •
~w:;. La retta cura delle anime ha per Essa è per lui la condotta della vita sot-
padre la retta ragione e per madre la to In direzione della parola di Dio, cioè
cultura media o generale. La paideia as- del logos divino, da cui emanano peren-
soggetta gli uomini al diritto positivo nemente tutte le possibilità pedagogi-
degli stati, dei paesi e dei popoli (ebr. che e tutte le sapienze: pijµa ~Eou xat
33.34; dr. som. 2,r39 ; fug . 188). Ma Myoç ildoç, cX<p'ov 'ltiicraL 'ltaLÒElaL xat
questa paideia media è solo una serva pfovaw aÉwaoi (fug. 137) 112 •
cro<plai
di quella che è cittadina per nascita,
cioè della É'ltLCT"tTJµ'l) xat <ro<pla. XC1.L apE- 2. L'educazione giudaico-ellenistica in
-.1), mentre le altre 'discipline' si trova- Flavio Giuseppe
no a mezzo fra straniere e cittadine
(congr. 22). La paideia media 110 è rap- Come il suo contemporaneo Filone,
presentata da Agar (congr.12.14.20.23. Giuseppe condivide ampiamente la cul-
28.145.156), mentre Sara simboleggia tura veterotestamentaria e quella pro-
la àpE"ti} -.EÀ.Ela, «la virtù perfetta» fana del giudaismo ellenistico 113 • Edu-

io? F.C. CoNYBEARE, Philo abo11t the Co11te1n- rivestimento mitico è una forma che si può
plative Li/e or the fourth Book o/ the Treatise facilmente togliere e sostituire. Cfr. VOLKER,
eoneerning Virltles (1895) z58-358, che ne di- o.e. <~ n. 95) 164, n. 4.
fende l'autenticità, cerca anche per questo pas- 110 Tutto il trattato de eongressu eruditionis
so il contesto col Filone genuino. Però non gratia è uno studio dcl rapporto tra filosofia e
tien conto delle idee pedagogiche di Filone. paideia. Esse sono simboleggiate da Sara ed
Secondo vit. eont. 2, l'educazione che porta al Agar; Abramo, l'amico dell'educazione, deve
culto di ciò che è (neutro!) si basa sulla natura passare dall'una all'altra per giungere alla per·
e sulle leggi sacre (dr. som. I,35). fezione . Cfr. VOLKER, o.e. (~ n. 95) 17z-I75.
IO.i Come qui, cosl anche altrove la dottrina fi- 111 La 1tct~oElet. è il v611oç. Cosl in Filone i
loniana delle entità medie è in sé contraddito· concetti greci e quelli biblici si compenetrano,
ria. Essa non è fondata in un sistema ben me- VOLKER, o.e. (~ n. 95) no s. z34.
ditato e ben strutturato, ma serve solo da i- lll La sapienza di cui si parla qui è quella che
strumento esegetico. Cfr. VOLKER, o.e. (~ n . viene dal cielo, con la mediazione del logos;
95) l93· VOLKER, o.e. <~ n. 95) 164.281 .
109Anche qui sarebbe fuori ·di luogo una spie- m Egli stesso afferma d'aver ricevuto un'ac-
gazione basata sulla storia delle religioni. 11 curata educazione rabbinica e d'essere passato
7tt1.t0Euw C 2 (G. Bertram)

cato insieme col fratello ( uup:1ta.tòrn6- 257) 116 • Però Mosè, il legislatore giu-
µEvoc;), dc; ~y6:.À:qv 7ta.i8da.c; 7tpOUX07t- daico, ci ha educati interamente alla mi-
'tOV É7tlòocnv, «facevo grandi progressi tezza e all'umanità: 1)µEp6-r'l")'t<X. xal. <pt-
nell'istruzione», come racconta di se À.avÌÌpw7tlav 1]µac; è.l;ma.loEuO"E\I 117 (i-
stesso (vit. 2,8), egli si sente competen- bid. 2,2 r 3; cfr. ant. r,6). Tuttavia come
te nella cultura del suo tempo, di cui la paideia giudaica sia, secondo Giusep-
conosce bene le idee pedagogiche. Co- pe, improntata d'influssi stoici è dimo-
nosce e sostiene la bilateralità dell'edu- strato dalle parole che sarebbero state
cazione, teoria e pratica, e ne indica lo pronunciate dal capo dei difensori di
scopo nella religione, nella pietas, in cui Masada, Eleazaro, per motivare e giu-
tutte le virtù particolari si ritrovano co- stificare il suicidio: EOEt µÈv ouv i)µiiç
me in un tutto (Ap. 2,qr ). I Greci in- oi'.xol>Ev itma.iowµÉvouc; èH.À.otç d\la.L
vece dimenticano o la teoria o la prati- 7tapaoEiyµa. -.fjc; 7tpòc; l>6:va.'to\I hot-
ca: i Lacedemoni e i Cretesi 114 hanno µ6"TJ"oc;, «sarebbe opportuno, dunque,
scelto la pratica, mentre gli Ateniesi e che noi, che siamo stati educati in casa
la gran parte degli altri si sono decisi nostra, fossimo per gli altri un esempio
per la dottrina. Mosè invece le possie- di prontezza a morire« (beli. 7,351).
de entrambi ns. Infatti la sua legge che Che il fondamento dell'educazione
è 'tÒ x6:À.À.t<r'tov xa.t &.vayxa.io'ta.,..ov giudaica sia l'obbedienza verso le istitu-
7ta.lòwµa., «la disciplina più bella e ne- zioni e Je leggi, è noto anche agli e-
cessaria», congiunge insieme ambedue stranei; perciò chi manca di questo fon-
le cose: la pratica continua, come quel- damento è accusato di à1ta.tOEUcrla. (ant.
la richiesta dai comandamenti riguar- 17,J16). Giuseppe può quindi usare il
danti i cibi, e l'ascolto e l'Èxµa.vMvEw, termine 7ta.ioda anche nel senso volon-
l'apprendimento, nei giorni di sabato. Il taristico, oltre che in quello intellettua-
ypaµµa. .. a. 1t<X.tOEVEt\I (Ap. 2,204) ne è listico 118• Mette in evidenza la superio-
il presupposto indispensabile. Quando rità dell'educazione giudaica su quella
Platone propone regole pedagogiche greca anche la notizia, attribuita a
corrispondenti a queste, segue eviden- Clearco 119, dell'incontro di Aristotele
temente l'esempio di Mosè (Ap. 2, con un giudeo (Ap. 1,176-181). Ma in

attraverso le varie correnti del giudaismo, che filosofo neoplatonico Numenio che Platone
ora, nella visuale della cultura ellenistica, de- non sarebbe stato altro che un Mosè in stile
finisce scuole filosofiche. Cfr. ScHORER I 74- attico. Cfr. ScHORER m 512.627.
106. m Si confronti soprattutto il celebre passo di
m Con questi accenni Giuseppe s'inserisce Platone in Cri/o 51 c.
nella storia della pedagogia greca; cfr. ~ n. 12. IJ3 D'altra parte egli trasforma il detto finale
115 Per Filone la dottrina, l'esercizio e la na- della storia di Giuseppe in Gen. 50,20 - che
tura stanno insieme, in linea di principio, co- contiene in nuce il concetto biblico della sto·
me vie alla virtù. Cosl avviene che, per es. ria della salvezza - nell'osservazione superfi-
nel de Abrahamo, Abramo rappresenti la dot- ciale che i fratelli non erano stati cattivi con
trina, Isacco 1a natura e Giacobbe l'esercizio. Giuseppe per natura loro, ma che il decorso
Però queste sono idee platoniche. Cfr. Plat., delle vicende aveva corrisposto alla volontà di
/eg. 536 b e inoltre~ col. 122. Dio.
116 Già verso la metn del u sec. a.C. il filosofo 119 Cfr. H. GuTHE, art. 'Judaea', in RE' 9,
giudaico Aristobulo sostiene che i filosofi greci 558,53 e ScttORER m 12.156, n. 24. Qui i Giu-
dipendono da Mosè. Poi verso la fine del n dei sono chiamati «i filosofi tra i Siri» (Ap. r,
sec. d.C. si giunse a far dire al pitagorizzante 179). Giuseppe era greco non solo di lingua,
1tmlìEvwC 2·3 (G. Ilertram) (v,616) 166

fondo per Giuseppe vale la norma peda- mente punizione. In questo essi si rial-
gogica dell'ellenismo. Lo dimostrano le lacciavano alle esperienze del periodo
sue osservazioni sul riconoscimento del- maccabaico e alla terminologia della
la cultura degli orientali Maneto (Ap. pietà passionistica giudaica di quel pe-
r,73) e Beroso (ibid. 1,129) e il fatto riodo e di quello seguente 123• Dio è il
che egli non teme di attaccare Apione padre che per sua bontà invia ai figli,
per la sua mancanza di cultura (2,3; cioè al popolo eletto, i suoi castighi,
cfr. 37.38.130) 120• mentre i senza Dio, cioè gli altri popo-
In ant. 4,260.ss. Giuseppe prende in li, vivono senza grazia in una felicità
considerazione la norma di Deut. 2r,18 terrena superficiale e, malgrado i suc-
riguardante il figlio mal cresciuto 121 : la cessi e le vittorie, vanno incontro a si-
disciplina dei genitori deve consistere cura rovina.· Letterariamente questa
innanzitutto nell'ammonimento, la vov- concezione è già attestata ai margini
ik<rlcx., colla quale ricordano al figlio la dell'A.T., negli apocrifi e soprattutto
1ta.t6dcx. che essi gli hanno impartito. Se nei libri sapienziali 124 , ma guadagna ter-
l'ammonimento è seguito, ogni altra cor- reno nelle apocalissi del tardo giudai-
rezione è superflua. Solo quando ogni smo, esprimendo un'aspettazione esca-
sforzo rimane infruttuoso si deve appli- tologica molto viva e in parte fanatica,
care la pena di morte 122 • per poi svilupparsi in forma più dot-
Dunque Giuseppe usa 'lt<J.tOEVH\I e trinale nella teologia rabbinica. Pro-
1w.tOElcx. nel senso di educazione e di viene da quei circoli apocalittici il Ba-
cultura. Egli non crede di rischiare, per ruc siriaco, uno scritto redatto in Pa-
i suoi lettori, l'uso del termine nel si- lestina o comunque in ambienti or-
gnificato tipico dell'A.T., che è quello di todossi 125 • In 13,10 vi si legge: «Allo-
disciplina e castigo. ra (i Giudei) furono puniti perché fos-
sero liberi dal peccato» 126• Ma in 4,13
3. L'educazione per mezzo del dolore si trova un'altra concezione: la paideia
nella teologia del tardo giudaismo non è un castigo, ma una disciplina o
educazione; Gerusalemme deve espiare
I rabbini, in quanto rappresentanti per i peccati dei suoi figli, che non han-
della teologia giudaica sulla base della no seguito la via della 'disciplina' nella
tradizione dell' A.T ., svilupparono una giustizia cli Dio.
teoria pedagogica, in cui l'educazione In 4 Esdr. 8,11 s. l'idea di educazio-
ad opera di Dio significava essenzial- ne è applicata alla persona singola: «Tu

ma anche di anima (ibid. 180). Cosl è Aristo· sentazione apologetica della storia.
tele che deve comprovare la cultura greca agli 121 H.W. SuRKAU, Martyrie11 i11 jiidischer und
occhi del giudeo. /riihchristlicher Zeit ( 1938) 57·65.74-82.
120 Tolomeo n Filadelfo dimostra la sua cul- 124 ~ col. 145 e la bibliografia citata alla n.
tura interessandosi all'A.T., ani. 1,10 ~ n. 98. 79·
121 Cfr. Philo, spec. leg. 2,233; ebr. 15 ss., e i- 125 VoLz, Die Eschatologie der jiid. Gemein-
noltre BoussET, o.e. (~ n. 94) 85-98. de im nt.lichen Zeitalter 40-48.
122 ~ n. 103. Parlando della disciplina pater- 1 2~ Il castigo temporaneo dei Giudei qui è con-

na, Giuseppe usa vovl>ecrlo: in alll. 3,311. An- trapposto alla punizione permanente dei po-
che qui non si riferisce all'ammonimento ver- poli. Cfr. H. GRESSMANN, in B. VIOLET, Die
bale, ma al castigo dei quarant'anni passati nel Apokalypsen des Esra 11nd des Baruch = GCS
deserto. Cosl il typus teologico serve alla pre- 32 (1924), ad/., 345.
7.et.Llldiw C 3 (G. Bcrtram) (V,617) r68

trai (dal seno ma terno) lei (la tua crea- mia opera e la creatura delle mie mani,
tura) colla tua misericordia, e la nutri e io lo educo come mi piace». Sedrac
colla tua giustizia; la istruisci colla tua risponde (4,r ): «La tua è una discipli-
legge e la educhi colla tua conoscen- na di fuoco e dì tormenti! » mi.
za». Però qui l'autore presuppone che Nella teologia rabbinica non si tro-
Dio non avrebbe dovuto permettere vano proteste dì questo tipo. La tradi-
che il suo popolo fosse calpestato dai zione scolastica vi ha coniato una solu-
suoi nemici, ma avrebbe dovuto casti- zione fissa del problema della teodi-
garlo colle sue proprie mani per placa- cea 129 • Un detto di R. Aqiba, traman-
re il suo odio (4 Esdr. 5 ,30 ). In que- dato in S. Deut. 73 b, a 6,2, attesta
sta tensione fra la misericordia e l'o- la chiarezza definitiva di questa dottri-
dio di Dio si rivela tutta l'incertezza na: «Amabili sono i tuoi castighi» 130•
interiore di questa teologia del dolo- Così la teoria giudaica del rimerito
re 127, la quale, in quanto è pia specu- subisce una nuova svolta, che la ren-
lazione, non è in grado di risolvere il de ancor più dura. Ogni sanzione di-
problema della teodicea. Non può illu- sciplinare presuppone la colpa; Ber.
dere, su questo punto, neppure il mes- 5 b 131 : «È forse il Santo ... sospetto di
saggio finale del libro, che invita al- imporre una pena ingiustamente?». Dal
l'autodisciplina: «Se fortificate il vo- tipo di castigo si può dedurre il tipo
stro animo e disciplinate il vostro cuo- della colpa umana (Shab. 33 a, bar.).
re, sarete confermati nella vita e ot- Non c'è morte senza peccato (Ez. r8,
terrete grazia dopo la morte» (4 Esdr. 20) e non esistono castighi senza colpa
q,34). II libro di Tobia, che per vari (Ps. 89,33); cosl insegnava R. Ammi
aspetti è affine al IV di Esdra e al testo (c. 300), secondo Shab. 55 a. La regola
di Baruc, proclam'.l nel suo cantico: fondamentale è questa: misura contro
«Egli ci castigherà (p,rt<T't'LYWO'Ei) per la misura; dr. T. Sota 3,r (295), secondo
nostra ingiustizia, e poi avrà di nuovo R. Meir (e;. 150), e Mt. 7,2 132 • Il tratta-
pietà di noi» (Tob. 13,2.5.rn.16). to talmudico Berakot si occupa diffusa-
II nostro gruppo lessicale non trova mente dei castighi di Dio e interpreta
quindi impiego in questi testi. Anche coerentemente Is.53,ro: «Quegli in cui
l'Apocalisse di Sedrac, eh:! è lette~aria­ il Santo ... ha trovato il suo compiaci-
mente affine, svolge idee analoghe. An- mento, è quello che egli prostra con i
che qui si pone il problema della teo- suoi castighi» 133 • Nello stesso contesto
dicea. In 3,7 Dio dice: «L'uomo è la è tramandato, in Ber. 5 a, un detto di

m W. Wicr-rMANN, Die Leidemtheologie, rimerito in quanto dogma fondamentale del


BWANT 4F 2 (1930) 43-50, pensa che il testo tardo giudaismo. Cfr. E. BALLA, Das Pro-
di Baruc siriaco sia un tentativo di superare blem des Leides i11 der isr.-jiidischen Relìgion,
il radicalismo negativo di 4 Esdr. in Eucharisterion fiir H. Gunkel (1923) 255.
128 Per il tardo giudaismo il dolore non è più 129 Cfr. BoussET·GRESSMANN 386; MooRE n
un problema. Dove no:i bastavano le soluzioni 248-256.
date - il dolore punitivo, il dolore come prova 130 STRACK-BILLERDECK I 484; II 274 s.; cfr.
e il dolore vicario - si pensava che fosse l'ira Ber. 5 a-b; L. GOLDSCHMIDT, Der babylonische
incomprensibile e tremenda di Dio a far sof- Talmud I (1929) 15.
frire gli uomini, oppure i dèmoni e il diavolo,
131 GoLDSCHMIDT, o.e. 16.
sempre intenti a tormentare e molestare gli uo-
mini e a corrompere la terra. Però anche que- ll1 STRACK-BILLERBECK I 92 .495; cft. 444-446.
sto rientra, in ultima analisi, nella fede del m Ber. 5 a, GoLDSCHMIDT, o.e. (-7 n. 130) 13.
7.:Cdì:uw C 3-D 1 (G. Bcrtram)

R. Shimon b. Johaj: «Tre sono i doni allo stesso modo è determinato antro-
migliori del Santo ... a Israele, ma tutti pologicamente, se non antropocentrica-
e tre furono acquistati coi castighi. Es- mente, il concetto di paideia 138• Dun-
si sono: la torà, la terra d'Israele e il que, anche partendo dai presupposti del-
mondo futuro» •M. A chi si occupa del- l'apocalittica giudaica e della teologia
la torà sono risparmiati i castighi (dr. rabbinica, non è possibile accordare que-
Ex. 15,26). Se uno si sente minacciato sto concetto colla concezione teocentri-
dai castighi, esamini le sue azioni ( cfr. ca, cioè coll'esigenza assoluta della rive-
Lam. 3 ,40 ). Se ha cercato e non ha tro- lazione divina dell'A.T. 139
vato nulla, li attribuisca alla sua negli-
genza per la torà (cfr. Ps. 94,12). Se
anche allora non ha motivo di rimpro- D . IL CONCETTO DI PAIDEIA NEL N.T.
verarsi, allora si tratta certamente di ca-
stighi inflitti per amore 135• Ci si appella 1. Educazione greca e giudaica nel
anche a Ex.21,26: il dente e l'occhio so- N.T.
no solo due membri del corpo; ma se
a causa di essi uno schiavo può ottene- Di carattere puramente storico e sen-
re la libertà, quanto più la si può t>ttene- za significato teologico sono i due pas-
re coi castighi che prostrano il corpo
si degli Atti (?,22 e 22,3) che usano i
intero! Essi liberano l'uomo da ogni
debito sorto dal peccato; sono quindi nostri termini secondo lo stile biografi-
più efficaci dello stesso sacrificio 136 • È e::> creato dall'ellenism::> e impiegato dal
stato Abramo a ottenere che i peccati giudaismo ellenistico parlando delle
possano essere pagati coi castighi 137 •
Però l'abbondanza delle argomenta- personalità più importanti.
zioni non riesce ad illudere: la contrad- In Act. 7 ,22 si legge: Mwu~fjc; È1ta.t-
dizione fra la giustizia e la miserkordhl OEVi}TJ mia"n O'oq>lq. Alyu1t't'lw-v, «Mosè
di Dio rimane. Anche l'idea dei castighi fu educato in tutta la sapienza degli E-
inflitti per amore non risolve il proble- giziani». L'educazione nella sapienza e-
ma. La risposta basata sull'educazione giziana fa parte cvideatemente della
e sul castigo è condizionata dall'uomo; leggenda di Mosè, come in Luc., phi-

134 STRACK-BILLERDECK 11 274. Altro materia- sueta... è riconosciuta insufficiente. Proprio


le ibid. 193. questa critica avrebbe potuto dimostrare che
m Ber. 5 a, GoLDSCHMlDT, o.e. (~ n ._130) la fede nella retribuzione non è che un tenta-
l3 s. tivo di ridurre l'azione divina al modo di pen-
sare terreno e profano dell'uomm>. Ciò che
JJ~ STRACK-BILLERBECK n 194; BaussET-
vale per la teoria del rimerito vale anche per
GRESSMANN 386.
!:: sofferenze intese come castighi e per tutti
rn E. SJOBERG, Gott und der Sii11der im pa- gli altri tentativi di risolvere il problema del
liistillischen ]11dentt1111 (1939) 67 s. 73. In dolore.
quanto dovute a un castigo, le sofferenze so- 139 Nella letteratura rabbinica ' pedagogo' è di-
no una difesa contro la tentazione, servono a venuto un imprestito tutt'altro che raro. Spes-
espiare i peccati, portano alla conversione e so ha il significato largo di ispettore, provvedi-
mediante questa al perdono (ibid. 170-183). tore, tutore. Una parabola in Gen. r. 31 (18 d)
m WENDEL, o.e. (~ n. 72) 339 s.: «La rifles- parla del 'pedagogo' d'un figlio d'un re. Anche
sione critica sulla retribuzione divina si risve- l'equazione pedagogo = schiavo, ovvia nel
glia dunque quando la teoria retributiva con- mondo ellenistico, s:ompare nel giudaismo.
171 (v,617} 1tct.~8Evw D 1 (G. Bcrtrnm) (v,618) 172

lops. 34 140, dove si racconta che un tEpo- quaranta giorni sulla montagna, ȵu -
ypaµµa:m'.ic; della città di Memfì iJcw- CT't'Ct.YWYE~-to 1tCX.LOEU6µE\IOc; -r:à xa:tà
µcicnoc; -r:Ì)v <rocplr.x.v xet.ì -rÌ)v 1tet.LoElav -r:i)v Ì.EpwauvT]v 7tav'ta., «fu introdotto
7tii.<ra:v dowc; -r:wv Alyu7t-r:lwv, «cono· nei misteri e istruito in tutte le cose
sceva meravigliosamente tutta la sapien- sacre» (ibid. 2 ,7 1 ) . Dove si parla, al mo-
za e la cultura degli Egiziani». Anche do solito, della yÉVEO'L<;, -tpoq>l} e 'lt«L-
in Ezechiele il Tragico si trova un'af- oda di Mosè (ibid. 2,1 ), la cultura egi-
fermazione analoga su Mosè (37 s.): ziana non fa parte della 1tCXLOEio:, e spe-
-rpocpai:<rL ~a<nÀ.Lxet.i:cn xat 7tet.LOEuµa- cialmente l'educazione all'ufficio di le-
<rw éi.1tet.\ID'ùitLCfX.W:'Li)'wc; à.1tò 0'1tÀ.<iy- gislatore è compito della tradizione (i-
X\IW\I Éwv, «ebbe in retaggio quasi fin bid. I,32). Ma la credenza più ingenua
dal seno materno un'educazione re- che Mosè fosse stato iniziato nella fa-
gale e ogni sorta d'insegnamenti» 141 • In mosa e antichissima cultura egizia s'è
tal modo la posizione preminente di conservata accanto a questo giudizio
Mosè v<!niva assicurata anche dal lato critico della teologia giudaica e trova
secolare. Nel passo decisivo di Flavio spontanea espressione in Act. 7,22 143 •
Giuseppe, in ant. 2,2 38, manca invece
il termine 1tet.i5wDdc;, che ci si aspette- Anche nell'autopresentazione di Pao-
rebbe per motivi formali accanto a yEv- lo, messagli in bocca dagli Atti, incon-
VTJDElc; 'tE xaì -tpet.cpdc; 142 • Qui dunque
la cipE'tlJ di Mosè non viene fondata triamo i tre elementi consueti nelle
sull'educazione egiziana. Filone accen- menzioni della giovinezza: YEYEWllµÉ-
tua espressamente questo fatto in vit. voc; (nato) f.v Tapa@... &.vcnEi)paµµÉ-
Mos. r,32: benché, secondo il suo rac-
conto leggendario, avesse la possibilità voc; (cresciuto ed educato) È\I -ti\ 1t6À.EL
di salire sul trono egiziano, Mosè -r:Ì)v -r:a.u't'n, 1tet.pà -roùc; rc6oac; I'et.µc.tÀ.LÌ)À.
auyyE\ILXlJ\I xat 7tpoyovLxÌ)v ~1;1))..waE 7tE7taL5wJi.Évoc; (istruito, formato cultu-
1tet.LoElav, «apprese con zelo l'educazio-
ralmente ai piedi di Gamaliele; secon-
ne del suo popolo e dei suoi antenati».
Anzi il suo educatore fu Dio stesso: V7tÒ do il cod. D: 7tc.tLOEv6µEvoc; 144, forman-
µ6vov µ6voc; ~1tCt.LOEUE'tO (ibid. 1,80 ). È domi) xc.t-r:à cixpl~ELc.t\I 't'OV 1ttnp$ov
inoltre tipico il tratto che comincia par- v6µov, s'rlÀ.W't1}c; Ù7tapxwv 't'OU llEov,
lando dell'iniziazione di Mosè alle ope-
re miracolose: quando ricevette i dieci «secondo l'esatta conoscenza della leg-
comandamenti durante il soggiorno di ge paterna, essendo pieno di zelo per

Questo basta a conferire una diversa posi- 14J H. GR!!SSMANN, Mose 1111d seine Zeil
zione sociale ai pedagoghi del giudaismo. Cfr. (1913) 6-16; S c HUR!!R n 405; BoussET-GRESS-
STRACK-BILLERBl!CK lii 339 s. 557. MANN 74, n. 4.
140 Cfr. ZAHN, Ag.' 252, n. 58.
141 A.C. CLARK, The Acts o/ the Apostles, a
141 Citato da GROTIUS, o.e. e~ n. 70), ad l.; criticai edition (1933), ad l., non tien conto di
traduzione secondo RIESSLER 338. questa lezione. ZAHN, Ag.1 751: «li terzo e-
142 Anche in ant.2,232.236.237 si parla soltan- nunciato non si riferisce a ciò che noi usia-
to del mantenimento, cioè della nutrizione e mo chiamare educazione, ma al periodo di stu-
dell'allevamento, ma non della formazione cul- di superiori dell'adolescente destinato a diven-
turale e dell'educazione. tare rabbino».
173 (v,618} 1tcu8Euw D 1-2 (G. Bertram) (v,619) 174

Dio» 145 (Act.22,3). Cioè Paolo s'è dedi- necessariamente e quasi involontaria·
cato allo studio della legge paterna se.- mente dalla severità e coerenza del vi-
condo l'esatta esegesi rabbinico-farisai- vere giudaico sul mondo circostante, il
ca e così è divenuto zelante di Dio, quale era eticamente insicuro e religio-
cioè della legge. Dalla giovinezza egli samente in stato di ricerca 147 • Poiché in
vive nell'ambito pedagogico della legge. questo influsso è necessario l'esempio,
Perciò conosce l'importanza che l'edu- 7tatOEV'tlJ<;, posto com'è accanto al com-
cazione neUa legge ha per il mondo pa- pito più teorico del otMcrxaÀ.oç, do-
gano. vrebbe riferirsi, come altrove 1tettort.yw-
Anche dopo, quando è già cristiano y6c;, alla condotta e alla guida prati-
ed apostolo, egli è costretto ad occu- ca 148 • AHora ~ vi}moc; sarebbe usato
parsi della pretesa del giudeo di esse- col senso di soggetto educabile e aq>pwv
re 1tltLOEV'tTJ<; àcpp6vwv, «educatore de- (~ crwcppwv) indicherebb~ la persona
gli stolti». Essendo la sua vita e il bisognosa di guida perché sprovvista di
suo stesso essere basati sulla legge, sor- criteri chiari e sicuri.
ge per il giudeo l'obbligo mai dimenti-
cato di presentarsi come òo11yòc; 'tVq>· 2. La legge come pedagogo
À.W\I, q>W<; 'tW\I Èv crxo·m, 1tCXLOEU'tTJc; Gesù annulla la pretesa dei Giudei
&.<pp6vwv, otMuxaÀ.oc; Vl}7tlwv, «guida d'essere i maestri della legge e gli edu-
dei ciechi, luce di coloro che sono nel- catori del mondo (Mt. 23,15) e Paolo
le tenebre, educatore degli stolti, mae- lo segue riferendosi a Is. 52 ,5 ed Ez.
stro degli infanti» (Rom. 2,19 s.) 146 ; 36,20 (Rom. 2,24) 149 • Per lui la legge
egli infatti possiede la conoscenza e la stessa ha perduto il suo valore domi-
verità nella forma concreta della legge. nante e incondizionato. Essa è venu-
Le parole citate non si riferiscono tut- ta solo nel 'frattempo', come un inter-
tavia, o perlomeno non in primo luogo, vallo (Rom. 5,20; Gal. 3,19) e quindi
a una superiorità intellettuale e quindi ebbe una validità limitata, cioè «fino a
alla trasmissione d'una dottrina, ma a Cristo» (Gal. 3,24). Per la storia della
quelJ'influsso pratico sulla vita e sul salvezza il tempo della legge finisce con
contegno morale che doveva emanare Cristo 150• Il suo significato storico è d'a-

145 Secondo ZAHN, Ag.l 752, n. 31, Girolamo 147 Cfr. Sib.3,r95: oC 7t&.v-r~o-ut ~po-ro~O"t ~lov
ha fatto prevalere in Occidente la lezione me- xcd}o5rrrot foov"tat, dr. 1,384 s.
no attendibile, scrivendo: 11utritus a11tem in l.,.i STRACK·BILLERBECK 1 924ss.; m 105 ss.
irta civitate secus pedes Gamaliei, er11dit11s
i11xta veriJaJem patemae l.e.gis, aemulator legis. m STRACK-BILLERBECK n1 u8; RosEN-BER-
TRAM, o.e. <~ n. 39) 62-68.132 s.
M~ Cfr. BoussET·GRESSMANN 74 s. 159 Cfr. ~ ]ENTSCH 175 .179.
175 (V,619) 11m8Euw D 2 (G. Bemam)

ver svolto fa parte del pedagogo. Per il Dio ci rende adulti o 'maggiorenni'
contenuto di Gal. 3,34 non importa (questo potrebbe essere il senso di
molto il carattere particolare che vi as- t.À.'~pwp.a -rou xpovou, «pienezza del
sume il concetto di m~toda mediante tempo», che in Gal. 4.4 è applicato a
la legge. È certo comunque che il ter- tutta l'umanità) inviando il suo Figlio.
mine 'pedagogo' non implica alcuna sva- Essete figli, cioè stare in rapporto im-
lutazione. Si sarebbe potuto usare collo mediato col padre, è ben altro che di-
stesso effetto voµoc, 1tatow-.1]ç o otò&.- pendere da un p::dagogo, fosse anche il
151
<rxaÀoç oppure ÙCf>'l'Jì'Tl'tlJ<; (come in migliore. Qu::llo che decide è l'inferio-
Philo, spec. leg. 3,182), o anche È1tl't'po- rità di questi di fronte al padre, e non
noc;, che ricorre in leg. Gai. 27 insieme le sue qualità speciali. Ai tempi di Pao-
con muoaywyoc; e lìLMaxaÀ.oç, rife- lo esisteva l'ideale dell'educatore giu·
rendosi ~ll'erede (v1]moç), o infine mit- sto 153 accanto alla tealtà scandalosa di
oEia. voµov . L'educazione mediante la pedagoghi che erano spesso dei corrut-
legge finisce con la maggiore età (solo tori; se egli parla qui del pedagogo al
questo intende dire l'immagine di Gal. singolare, vuol dire quindi che non si
3,24 s.); fino a quel punto il minorenne tratta delle sue qualità 154, ma della
ha bisogno di pedagoghi. Pur essendo chiusura sotto il peccato e la legge e
il figlio di famiglia, egli non si distin- dell'asservimento dell'uomo sotto la
gue dagli schiavi; nnzi sta sotto ad es- legge e gli elementi. Tuttavia, benché
si, perché i pedagoghi, i maestri, i tu- coordini qui la legge agli elementi, e al
tori e anche gli 'economi' menzionati in peccato e ne affermi i limiti segnati da
Gal. 4,2 erano normalmente schiavi do- Cristo, Paolo non è antinomista. Trat-
mestici. La sorveglianza, la chiusura e tando di problemi comunitari si appel-
l'asservimento (Gal. 3,22.23; 4,3) si- la alla legge 155• Nel testo della Lettera
gnificano che quelli che sono sottopo- ai Gala ti Marciane 156 tralascia 3 ,15-2 5,
sti al peccato, alla legge e agli elemen- e così xa-.apa 'tOV voµov («maledizione
ti del mondo non sono ancora figli 152 • della legge»} e O"'totxdo: 't'Oli xéaµov
Solo la fede cambia questa situazione; («elementi del mondo») vengono a tra-

151 Secondo il Crisostomo (CRAMER, Cat. a 151 0EPKE, Gal., n 3,34, riporta testimonianze
Gal. 3,;z4) pedagogo e maestro no:1 sono in molto contrastanti sui pedagoghi antichi. -+
contrasto, ma operano in collaborazione; dr. ] ENTSGH, 174-179, è incline a ravvisare una
4 Mach . 5,34 e ~col. 15;z. valutazionr negativa del pedagogo in Gal. 3,
l5.' Allora 'fino a Cristo' sarebbe inteso in sen- 24.
so temporale. Altrimenti equivarrebbe a 'ver- 15;; -+ v6µo.; yu, col. 138I.
so Cristo' e indicherebbe lo scopo. 156 A.v. HARNACK, Marcio11 (1921), Beilage III
153 -+col. u5 e-+ nn. 21.22.139.154. 70 s.
-;:m8Euw D 21J (G. Bcmam) (v,620) 178

varsi immediatamente accostati. Perciò so concreto di percuotere o flagellare.


vien meno in Marciane la tesi che ravvi- Però anche nel mondo greco il tratta-
sa nella legge un ·pedagogo e rende pos- mento del bambino - e na.tOEVEtV signi-
sibile un'attenuazione, anzi un supera- fica in fin dei conti trattare come un
mento, della posizione puramente ne- bambino - contemplava, oltre all'istru-
gativa verso di essa. Paolo invece - e zione, anche il frequente ricorso alla
con lui e dopo di Jui la chiesa - adotta verga (---7 col. II8). Quindi anche qui
l'idea dell'educazione 157 come strumen- non si tratta d'uno speciale uso lingui-
to per interpretare l'A.T. partendo da stico della Bibbia, ma di una dizione del
Cristo e l'applica ripetutamente in tut- greco popolare, che finora non è attesta-
ta la sua relatività e con tutti i rischi ta solo perché assente dal greco lettera-
connessi. rio. In Le. 23,16.22 il termine designa
quella punizione a sé stante che Pilato
3. L'educazione per opera di Dio voleva infliggere a Gesù prima di la-
Nel racconto della passione (Le. 23, sciarlo libero e che, secondo il racconto
r 6 .2 2) 1tatOEUELV è usato due volte nel degli altri sinottici, non fu eseguita co-
senso del latino castigare. La ÀV1tl] 158 e me tale ' 00 •
la oouÀ.Elrx. 159 furono da sempre associa- Anche in Hebr. n si parla dell'imi-
te alla na.i.oda, ma fuori della Bibbia tazione di Cristo nella sofferenza. Il si-
questo termine non ricorre mai col sen- gnificato del dolore è trattato partendo

157 CoRDIER, o.e. (-) n . 38) 115-370. Fu spe- µa<T'tLyoùv, -) v1, coli. 1398 s.). In lo. 19,1
cialmente l'età dell'idealismo tedesco a svi- la flagellazione non sembra essere la pena pre-
luppare dall'idea dell'educazione una filosofia paratoria della crocifissione, ma il castigo a sé
della storia. Nella sua Erziehung des Men- stante del µa<T'tLyovv, cioè l'esecuzione del-
sche11geschlechts (1780) G .E. LESSING formu- l'ordine di Pilato di cui si parla in Le. ·23,16.
lò la tesi che «la rivelazione è per il genere 22. Essa viene eseguita dai soldati coll'aggiun-
umano quello che l'educazione è per l'indivi- ta dello scherno (-) ~µttall;EL\I) e, secondo
duo. L'educazione è una rivelazione che ha l'intenzione di Pilato, dovrebbe destare com-
luogo nell'individuo e la rivelazione è un'edu- passione. Cosl il µa<ri:Lyouv di Giovanni cor-
cazione che avvenne e ancora avviene nel ge- risponderebbe al 7t<XL8EUEL\I di Luca. Poiché
nere umano» (§§ l e 2). µrx<ri:Lyouv si trova anche nella profezia della
passione in Le. 18,3J, bisogna concludere che
158 -> .597 '42 s.; 598,8 s.; n. 6.23.51;77. anche per Luca questa flagellazione è stata e-
159 -> col. u5: Plat., Lys. 208 b. Pseud.-Plat., seguita. In ogni caso la flagellazione fa parte
Ax. 366 d. 367. della più antica professione di fede comunita-
ria sulla passione e soprattutto guida i disce-
ISO G. BERTRAM, Dic Leidensgeschichte Jesu poli sulla via dell'imitazione; dr. Mt. 101 17;
und der Chris1t1sk11/t = FRL NF 15 (1922) 69. 23,J4.-) }ENTSCH 143 s. Secondo HAUCK, Lk.,
L:1 punizione preparntmia della crocifissione, ad I., qui Luca intende evitare un termine la·
che fu veramente eseguita, cioè la flagellazio- tineggiante come Pagrare, {lagrum, pagellum,
ne, è designata col verbo q>payEÀ.Àovv (e flagrio (schiavo).
179 (v,620) 'ittt~SEuw D 3 (G. Bcrtram) (V,621) 180

dal concetto veterotestamentario della di Prov. 3,1r.r2; non parla cioè del su-
TI aio El a xuplou, che è nello stesso tem- peramento di quell'effetto del dolore
po una m:i;~òda 1tCJ/tp6c;. Il detto: Eµa- che distrugge la fede e provoca la di-
i>E\I &.cp'wv E1tct~EV, («Cristo) apprese sperazione o l'incertezza, ma tratta del-
(l'obbedienza) dai patimenti sofferti» la correzione in quanto garantisce la fi-
(H ebr. 5 ,8 ), vale malgrado la figliolan- gliolanza e in tal modo la grazia e il
za, anzi, proprio come è detto qui, gra- perdono di Dio 162 • Non basta quindi
zie ad essa. Il rapporto fra padre e fi- constatare che la 'lta.LOELO: è un eserci-
glio, in quanto etico, è determinato dal- zio che rende il lottatore più robusto e
l'educazione, dalla disciplina e dal ca- invincibile nelle gare 16l. L'esperienza
stigo che il padre impartisce al figlio della correzione dolorosa subita per o-
nella responsabilità del suo amore e, pera del Padre colloca invece il cristia-
poiché gli uomini di cui si parla in no accanto a Cristo, gli rende eviden-
Hebr. 12 sono peccatori incapaci di ri- te che proprio lui è quello che Dio e-
conoscere da se stessi il loro peccato, duca, ama e adotta come figlio (Hebr.
qui si aggiunge alla 'itmbi::la la funzio- 12,7s.)164.
ne più giudiziaria della convictio e del- L'esortazione: Etc; ~O:LOElo:v U7toµÉ·
la punizione (--7 0..Éyxw III, col. 393 ). \IE"tE, «per vostra correzione soffrite»
Per il giudaismo questo rapporto fra (ibid. 12 ,7}, sembrerebbe assegnare co-
padre e figlio è innanzitutto un para- me scopo della correzione la 'formazio-
gone e pur in tale aspetto tende a rece- ne' cristiana 165, cioè lo stadio spirituale
dere nei LXX 161 • Ma questi sviluppano della personalità cristiana purificata. Ma
l'idea dell'educazione mediante la soffe- nella muoElo: del N.T. è difficile far en-
renza servendosi dei concetti greci (-> trare questo senso specifico, e una si-
coll.140 ss.) e creano cos} i termini della mile formazion~ cristiana completa non
teologia del dolore, nel cui contesto col- esiste sulla terra (cfr. Phil. 3,12; --7
locano la 7tctiSEla. Il N.T. collega inve- 1tÀT)p6w, "tEÀn6w). La perfezione del
ce la sofferenza del cristiano con quella cristiano è un dono escatologico a cui
di Cristo. La Lettera agli Ebrei non porta l'educazione operata da Dio; per-
vuole offrire una teodicea come quella ciò la 7taLOEla non può essere meta, ma

161 ~ coli. 134.142 s.


Su Prov. 3,II s. cfr. (1929), glossa a Hehr. 12,6 (p. 84).
161 M1cHEL, H ebr.' 299; dr. Hebr.' 201. 163 In H ebr. 12,7 r.ttLIÌEl« è «sia la correzione
161 Cosl la Catena, ad I. sia ... lo scopo dell'educazione da raggiungersi
161 Ideo ecclesia /empore martyrmn era/ fio· colla correzione. La Lettera agli Ebrei presup·
rentissima, quia dileclissima, hoc es/ discipli- pone questo duplice significato per poter pre-
nis Domi11i exercilatissima: Luthers Vorlesung sentare la correzione divina come voluta e ne-
uber den Hehracrbrief, 11ach der V atikanische11 cessaria nello stesso tempo» (MICHEL, Hcbr. 1
Handschri/t, cd. da E . HIRSCH e H. RucKERT 197).
181 (v,621) mx.tlieuw D 3 (G. BertramJ (V,622) 182

solo via. Essa è ciò che Dio opera in padre terreno il suo educatore; ma
noi 166, 'se' siamo pazienti (con molti ma- mentre nell'educazione paterna di que-
noscritti in Hebr. 12,7 forse si deve leg- sta terra importano gl'ideali umani, nel-
gere El, invece di i::lc,) 167 • La pazienza l'obbedienza verso il Padre degli spi-
ci colloca accanto a Cristo ( 12, 2 . 3). riti si pensa alla vita eterna (I2,9).m.
Qui dunque si tratta veramente d'una Dio poi esercita la sua disciplina in mo·
correzione paterna, non di una punizio· do a noi confacente, cioè in modo che
ne (~ xoÀ.a;o-~ç ~ v, coll. 742 ss.) possiamo partecipare alla sua santità
o d'una vendetta (·nµwpl~) 168 • Così (Hebr. r 2,10; Mt. 5,48; Lev. r9,2).
anche la lezione Elc, potrebbe offri- Certo, anche nel cristianesimo la 'ltaL-
re un buon significato: «Sopportate oda. e la À.U1t'l') stanno insieme; la 7taL-
al fine dell'educazione» 169 • Quello che 0Ela dapprincipio non comporta gioia,
dovrebbe valere già in campo umano ma sforzo nelI'esercizio; però il frutto
secondo la volontà di Dio (cioè il quar- - d'ogni fatica è la giustizia nella pace
to comandamento, la norma della vita (Hebr. 12,rr ).
domestica), diventa nel rapporto del- L'idea dell'educazione che deriva
l'uomo con Dio la buona novella del- dalla sapienza gnomica dell'A.T. e che
l'educazione operata da Dio, la EUcty· fu riplasmata dalla pietà passionistica
yEÀ.Lx1} 7tctloi::v<nç, come dice Cirillo rro, giudaica si adatta anche al contesto del-
un'educazione che è migliore e più ef- la cristologia escatologica: il Figlio vie-
ficace della 'lt~LOEl~ v6µov dell'A.T. 171 ne educato per l'eternità, il cristiano
L'uomo riconosce in fin dei conti nel dev'essere in grado di prender parte al

' 60 Si tratta dunque d'un fatto, come dice an- derare questa 1t«t8ela! MrcHEL, Hebr., ad l.
che GROTIUS, o.e. (~ n. 70), ad l.: quo verbo 110 Cfr. CRAMER, Cat., a Hebr. 2,4 .
significari so/et institutìo, quae /actis fit, pula
171 Dio ha donato la legge per aiutare quest'e-
vit1c11lis, legibus, poe11is.
ducazione; ma la legge serve solo ai bisogni
167 MICHEL, Hebr., ad l., si attiene alla lezio- dell'infanzia. 11 resto è compiuto dal myste-
ne tradizionale e ritiene la variante un acco- ri11m Christi (Glaphyron, in CRAMER, Cat.,
modamento alla costruzione seguente, per fa- ad l.).
cilitare la lettura, ~ }ENTSCH 163; RIGGEN-
172 Cfr. WETTSTBJN, a 12,10: Patres castigant,
DACH, Hebr. 1 395, ravvisa invece nel testo
tràdito un antichissimo errore di trascrizione. donec p11er ex ephebis excesserit; Deus per to-
tam vilam. Al tempus castigatiom1111 Dei, ad
16:\ Cosl la tradizione delle Catene, ad I. Cfr.
vitam aeternam collalllm, multo brevius est
anche GROTIUS (~ n. 70). ad I.: Nom si vere tempore castigatiom1m poter11orum cum vita
s1mt Christiani, adversa /olia illis non eve- hominis comparato. Cfr. anche Ecumenio
11ie11t, nisi ex decreto q11odam Dei, et quidem di Tricca in K. STAAB, Pa11luskomme11tare
in ipsos benevoli, 11empe 111 si q11id sordis ad- aus der griech. Kirche (1933) 468: olhe yàp
baeret, excoquatur, aut ut ipsi per patiellliae to-xuou(JL 8L 'IS).ou 'lt«LliEvEw 1J:_.1,àc;, tva -ceÀ.el-
exercitia reddantur meliores. ouç tpya<TWV°\'C<L, O 8È ~Eoc; aet TCat8EUWV 'tE-
169 Forse la comunità dovrebbe persino desi- ÀElouç 'ltOLE~.
183 (v,622) 1t<X.~oeuw D 3 (G. Bertram)

culto eterno di Dio nel cielo 173• Inten- Come l'amore paterno di Dio sostie-
dono servire a questa finalità special- ne, nella Lettera agli Ebrei e nell'Apo-
mente le lettere di ammonimento del- calisse, questo uso di paideia derivato
l'Apocalisse. In Apoc. 3,19 è accolto il dall'antica sapienza provel'biale, cosl si
principio della 1tatÒElo: xuplou: o<Tov<; riferisce ad esso anche il termine che fa
f.à.v q>~À.w, 0.Éyx.w xo:l 'lto:~oEuw, «ri- da soggetto nella proposizione di Tit.
prendo e castigo quelli che amo». Dio 2,12. È la grazia di Dio rivelata salu-

stesso interviene con pene disciplinari tarmente a tutti gli uomini quella che
nella vita degli uomini perché li ama e ora sottomette la comunità cristiana al-
vuol destare in essi il desiderio di pen- la propria disciplina e educazione. Qui
tirsi. I verbi EÀ.ÉyX.EW e 1to:tOEUEW so- non vengono descritti i mezzi impiega-
no due diverse maniere di rendere ja- ti; ma è certo che nelle lettere pasto-
kalJ e ne assumono il molteplice con- rali la paideia è intesa come ùyLo:lvou-
tenuto concettuale, acquistando a loro arx. Òtoo:crxo:À.lo:, insegnamento saluta-
volta un significato poliedrico che offre re 175, cioè come parola di Dio che in-
diverse possibilità di traduzione. Qui il fluisce pedagogicamente ammonendo,
contesto suggerisce di mettere in rilie- nvvertendo, riprendendo e insegnando.
vo l'intenzione di scuotere. Nonostan- Il fine è duplice: rifiuto dell'empietà e
te la loro severità - manca infatti l'im- attesa lieta e fiduciosa dell'apparizione
magine del padre e del figlio - queste della gloria del nostro grande Dio e sal-
parole vogliono essere intese come vatore Gesù Cristo; la 'ltCl~OElo: xuplou
quelle di un amico (Io. 15,14) che ri- si riferisce ad ambedue questi scopi.
volge un ammonimento serio. I due Parlando dell'esame di coscienza che
vocaboli vogliono esprimere l'intenzio- deve precedere la cena eucaristica, Pao-
ne di biasimare e colpire, castigare ed lo riprende l'idea della teologia giu-
educare, che è implicita nell'azione di- daica del dolore, affermando che il giu-
vina sull'uomo e la distingue da ogni dizio del Signore ha per i cristiani il
moralismo, tipico delle religioni legali- significato di correzione e non quello di
stiche e della mediocrità etica borghe- condanna, come Io ha invece per il
se 174• mondo ( 1 Cor. r 1 ,32) m. Le malattie e

17J T. ARVEDSON, Das Mysteritm1 Christi 175 Cfr. Plut., lib. ed11c. 7 (u :; b).
(1937) t;;o. .MICHEL, Hebr.•, a 12,u . 116 GROTIUS, o.e. (~ n . 70), ad l.: xpl\IEul>o.~
dixit de malis h11irls vitae et morte immatura;
171 Cfr. HADORN, Apok., ad l. Sulle idee molto xa:;a;xpivEO·l}m de poenis aetemir. Omnia ma-
diffuse nel tardo giudaismo riguardo alla giu· la, quae i11 hac vita eveniunt, firmi \IOV&EO'l<X.~
stizia educatrice di Dio cfr. BouSSET-GRESS- sive muSEuO'Et<;, mwsrim si sequatur seria poe-
MANN 384. nitentia et emenda/io.
18,5 (v,622) ita.LOEVW D 3-4 (G. Bertram) (v,623) 186

altri castighi divini ricordando ai cri- sto è rivelazione della grazia che ci ca-
stiani i loro peccati 177 • Essi sono una stiga e corregge (2 Cor. 12,9; Tit. 2,12).
1ta.Loda. xuplou, un'emanazione del-
l'amore paterno del Signore. Paolo 4. Disciplina cristiana nel N .T.
ne parla per esperienza anche nell'e-
lenco delle sue traversie in 2 Cor. 6,9. Nell'elenco di virtù domestiche di
Trova che esiste una tensione fra le Eph. 6,4 trovasi la formula (che manca
prove esteriori della sua esistenza - nel parallelo Col. 3,21 ): oL mx."t'ÉpEc; •..
che a lui e ad altri non possono sem- ÈX't'pÉ<pE'tE a.ircà. Èv 7ta.tòdQ. xa.ì. vou-
brare che morte, castigo e lutto - e i>EO"lQ. x.uplou, «voi padri... allevateli
la certezza interiore della vita, del su- (sci!. i vostri figli) nella disciplina e am-
peramento della morte e della gioia. La monizione del Signore» 180 • Questa for-
seconda coppia di contrapposti di que- mula contiene la regola fondamentale di
sto testo: 7ta.tow6µEvot xa.t µli i}a.vi:i- tutta l'educazione cristiana. Il genitivo
-tou(A.é\IOL, «castigati, ma non messi a x.uplov è soggettivo; cioè l'educazione
morte» IJ8, dipende letteralmente da è quella che il Signore opera per mez-
Ps. 118,18. Paolo ha fatto una chiara e- zo del padre, il quale deve far ricorso a
sperienza personale del 7tatOeu6µE'VOL - tutti i mezzi educativi a sua disposizio-
2 Cor. 11,23: Év 7tÀ1}ya.i:c; V7tEp~a.À.À.6'V· ne, compresi quelli profani: exemplo,
"t'W<; , «più che mai sotto le battiture» beneficiis, admonitionibus, verberibus
- ma quello che importa non sono i denique 181 • Si tratta dunque di un'en-
colpi inflitti dagli uomini o dalla na- diadi. Soltanto supponendo un genitivo
tura, bensì la 7ta.toi:la. xvplou. Perfino di limitazione o di qualità 182 si potreb-
Satana è costretto a collaborare per be distinguere fra l'educazione e l'esor-
mezzo del suo pungolo nella carne 179 a tazione cristiana: la prima educherebbe
che l'Apostolo non si esalti. Anche que- coi fatti, la seconda colle parole 183 •

177 CALVINO dice al v. 30: significat, morhis /i11111. La variante 7tEtp11.l;6µEvot, attestata nel-
et reliq11is Dei f/age/lis nos admoneri, 111 de In tradizione occidentale, probabilmente nofl
peccalis noslris cogilemus. Neque enim nos può esser presa sul serio. Essa documenta sol
/mstra alfligit Deus, quia malis noslris non tanto l'affinità fra rmpaaµ6ç e 1tlXiSEla xv
delectalur. plou nella teologia giudaica del dolore. -7 n.
m Questa coppia di vocaboli vuol indicare il 64.
contrasto fra ciò che Paolo vale ed appare da- 179 -)o ]ENTSCH 179, a I Tim. 1,20, chiama Sa-
vanti agli uomini e ciò che egli è veramente, tana un 'funzionario di Dio'.
ciò che costituisce il destino della sua vita in 18? -7 n. 103.
un senso superiore e la riempie del contenuto
18i WETTSTEIN, ad/.
più alto. BACHMANN, Kor. 281 ; dr. anche
GROTIUS, o.e. (-7 n. 70), ad l.: Viri summe 182 Cosl -7 ]ENTSCH 144.

pii, q11i per ista t estamento semper meliores 183 1-IAUPT, G efhr., ad l.
'!tC>:LSEuW D 4 (G. Bertram)

Nelle lettere pastorali questo princi- a lui importa sono i cristiani e la loro
pio della paideia evangelica, proposto educazione 184 : quelli tra essi che hanno
da Paolo per la famiglia cristiana, viene superato il primo insegnamento posso-
applicato alla comunità. Così viene trat- no proseguire per la via retta solo sotto
teggiata anche la funzione educativa l'influsso delle Scritture sacre 185• «L'e-
della Scrittura rivelata: essa serve al- ducazione in rettitudine deve produrre
l'insegnamento, alla correzione, alla un atteggiamento che realizzi la oixcuo-
conversione e all'educazione nella giu- O'U\11) come sfera di vita» 186• Il compi-
stizia (2 Tim. 3,16). Qui si tratta del- to concreto dell'educazione cristiana sta
l'interpretazione e dell'uso dell'A.T. nelle mani di chi dirige la comunità 187 •
nella comunità cristiana. Sembrerebbe Con tutto ciò la terminologia della 1tet.i-
quasi che si tenti di ripristinare una oEla. non fu sviluppata nel periodo neo-
1tet.~OEla. 'J6µov dopo Cristo, in contra- testamentario né, più tardi, in quello a-
sto con quanto è detto in Gal.3,24. Ma pologetico - ricollegandola per es. a r
l'autore non ha affatto la coscienza e Cor. 4,r 5 -, anzi non fu usata più spes·
tanto meno l'intenzione di contraddire so neppure quella esistente 183 .
Gal. 3,24 o Paolo in generale. Ciò che Secondo 2 Tim. 2,25 Timoteo deve e-

184 In 2 Tim. 3,16 mx.tSEla è l'azione educatri- timor di Dio. Ciononostante si sviluppano in
ce che una vita sana esige per il suo sviluppo. questo tempo i germi della paideia evangelica,
Il termine indica realmente l'educazione (non cioè la prassi dell'educazione cristiana dome-
h1 disciplina) che si svolge nella sfera delle stica e comunitaria. Quando poi Clemente A-
qualità normali gradite a Dio. B. W1nss, Die lessandrino scrive il Pedagogo, è già in pie-
Briefe Pauli an Tim. u11d Tit. 1 (1902), ad I. Il no corso il confronto colle idee pedagogi-
concetto antropologico della personalità, che che antiche e con quelle giudeo-ellenistiche,
viene spesso frainteso in senso idealistico, fu sta sorgendo e raggiunge già la sua prima fio .
coniato da Tertulliano e da Boezio come con- ritura un'educazione cristiana vera e propria.
cetto teologico nel quadro della dottrina trini- ~ ]ENTSCH 26,-:285. Come già nei secoli pre-
taria. cedenti Cristo, «i Giudei ellenisticamente colti
185 GROTIUS, o.e. (~ n . 70), ad l. avevano esposto ai Greci la religione di Jah-
vé in quella forma eminentemente sintetica e
m WoHLENBERG, Past., ad l. spiritualizzatal>, così gli apologeti cristiani, se-
187 Ma nella comunità neotestamentaria non e- guendo specialmente l'esempio di Filone di
siste ancora l'ufficio riconosciuto, bensl la sola Alessandria, presentano ora il cristianesimo co-
funzione del pedagogo. Anche mul>w"ti]ç non me una filosofia assoluta e suprema (HAR-
indica nel N.T. una persona incaricata d'una Nl\CK, Dogmengeschichte I 502). Riallaccian-
funzione, ma la funzione educativa, che può dosi all'uso del concetto di pedagogia in CAL·
venir esercitata dagli apostoli, dagli episcopi, VlNO, I11stit11tio II 11,2, ~ KRAUS tenta di
dai presbiteri e da altri ancora. ~ JENTSCll spiegare con esso l'unicità della rivelazione nel-
223, n. 3. !'A. e nel N.T.; però dimentica che 'Tt<X~lMa.
18d Il nostro gruppo lessicale recede fortemen - nel senso di educazione non è un concetto che
t:: all'epoca degli apocrifi neotestamentari e dei abbia radici autentiche nell'A.T. (~ col. 128)
Padri Apostolici. Cfr. però Polyc. 4,2, dove si e che in Gal. 4,1-7 gli elementi (o la legge,
parla dell'educazione materna dei bambini nel ibid. 3,24) sono contrapposti esplicitamente -
1.al!:,w (G. Bertram)

seguire con mitezza il suo compito edu- Infine, in I Tim . 1,20 1tC1.LOEÙEW non
cativo verso gli antagonisti. Il passo dipende da alcun soggetto umano. La
allude probabilmente ai sostenitori di consegna nelle m~ini di Satana (~ n.
un'eresia determinata, colla quale però r 79) non avviene per distruggere defi-
non si cerca una reale discussione. Infat- nitivamente, ma per correggere. Può
ti la si svaluta e rifiuta a priori come consistere in una malattia o in una di-
~ µ.wp6<; e &nalow-.o<;, cioè inadatta sgrazia e deve impedire la bestemmia
alla formazione spirituale (2,23). Ma e riportare alla fede (cfr. I Cor. 5,5; 2
non si tratta nemmeno d'una correzio- Cor. 12,7 ). Qui muOEuELv ba più il ca-
ne punitiva eseguita a parole - nel qual rattere di punizione che di formazione,
caso sarebbe usato ÉÀÉ"YXEW - bensì di e solo perché anche cosl serve al mi-
un mX.LOEUELV, cioè dell'esercizio di un glioramento è una 1taLÒEla. in senso cri-
influsso educativo che, Dio volendo, do- stiano. Ma alla comunità cristiana è da-
vrebbe convertire alla conoscenza della ta nnche la facoltà di castigare (disci-
verità e quindi salvare dai lacci del de- plina ecclesiale) per la sua edificazione
monio. (Act. 5,1-II; 13,6-12).

muolov ~ 1ta.t<; coli. 22 3 ss. G.BERTRAM

nalsw, ȵ mxll;,w, ȵ7tat.yµovi},


'
Eµ7tat. , qmm.X'rflç
yµoc;, ' '

1taicrµaL - coincidenti foneticamente


con quelle del verbo TCalELV, percuote-
Di nal~w si hanno nel periodo clas- re - e più tardi fom~a, 7tÉ7taLxa, 1tÉ-
sico le forme i:nmua, 1CÉ7taLxa. e 1CÉ- nmyµaL, É7talxih1v 1• Significa, confor-

in quanto sorveglianti (pedagoghi) - a Dio, che /ige Spiel (1925); K. GRoss, Die Spiele der
è padre. Perciò non la concezione pedagogica Tiere (1908); In., Die Spie/e der Mensche11
della storia, ma la teonomia incondizionata è ( 1899); In., Der Lebe11swert des Spie/es
quella che unisce intimamente entrambi i Te- ( 1910); In., Das Spie/ als Katbarsis: Zeitschr.
stamenti. G. BERTRAM, Die At1/gabe11 ei11er fiir padagogische Psychologie und experimen-
Biblischen Theologie beider Testamente : Kir- tclle Padagogik 12 ( 19u) 353-367; R. GuAK-
che im Angriff 12 ( 1936) 425. DINI, Vom Geisl der Liturgie 12 ( 1922) 56·70;
]. HuIZINGA, Homo /11de11s (1939).
nall;w 1 Nel greco ellenistico, a differenza di quello
HuG, art. 'Spiele', in PAULY-W1ssowA, 2' :mico, 1tall;Hv ha un suono gutturale. Cosi
Serie m 1762-1774; R. FREIJ.ING, Das hei· nelle formazioni posteriori, come lµmxlX"l"TJç,
-;;al~w 1 (G. Bertram)

me alla sua derivazione da 1uLi:c;, com- Invece in mem. 4,1,1 Senofonte trova
portarsi fanciullescamente o puerilmen- che le spiegazioni scherzose di Socrate
te, giocare, scherzare, farsi gioco, scher- non erano per i suoi amici meno giove-
nire. Legati al termine sono i sostanti- voli di quelle intese sul serio (cfr. an-
vi 7ta.LOla e 7tr:t.tOLa 2, che possono ve- che Plat., Phileb. 30 e; leg. I,647 d; 2,
nir personificati come simboli del gio- 656 e). Un'idea simile si trova anche in
co erotico, come è attestato da iscrizio- Plut., sept. sap. conv. IJ (u 156 d): ~
ni e immagini; per es. in un vaso che 7'ÀEi:cr-tov i)owrjç &µa xat 'ltatòtiic; xat
trovasi a Monaco di Baviera si vede CT1touofjc; EVEcr-.w, ÉyElpoucrL -to1h~ .•.
Paidia come amorino alato che sta don- -.1jv <j)LÀO<ppOO'UV'l)V, «con ciò a cui va
dolandosi 3 • natòtci significa gioco e congiunto moltissimo diletto e gioco e
scherzo; similmente 7tai:yµa e ti:aiy- serietà (le Muse) ... risvegliano l'amore
vla: gioco, spasso, scherno, e ti:aly- della saggezza»; cfr. Xenoph., sym. 1,1:
vtov: giocattolo, trastullo, burlone. -.à µE-tà <r'ltouofjç 7tpa-t-t6µe:va.... :x:at
-.à Év 't'ai:c; 'lt!XtOtai:ç, «le cose fatte sul
r. L'uso del termine presso i Greci serio ... e quelle per gioco».
L'uso di rtCX.LOLci in Plat., resp. 10,
In Omero 7talsw serve a indicare il 602 b denota una svalutazione del suo
gioco (della palla) delle fanciulle o del- contenuto e dà al termine il senso di
le ninfe {Od.6,100-106; 7,291); in Od. cosa di poco conto, che non dovrebbe
8,251 e 23,147 ha il senso di danzare. esser presa sul serio, alla quale non si
Nel greco profano questo gruppo lessi- dovrebbe dare importanza (dr. Aesch.,
cale indica spesso il carattere poco se- Prom. 314). Come la nave è un trastul-
rio d'una situazione, di un modo di lo dei venti (Secundus, sententiae 17 ),
comportarsi o di agire; cfr. per es. Hdt. cosl l'uomo è un giocattolo del destino
4,77 : ò À.Oyoc; 1tÉ7taLO''tat (var.: 7tÉ- (ibid. 7; dr. Luc., Nigrinus 20; Anth.
7tÀ1w-tat), «la leggenda è stata usata (o Pal. 10,64,6); già in Platone l'uomo ap-
inventata) per scherzo» . pare comé un giocattolo degli dèi (leg.
Nei dialoghi platonici ci si chiede 7,803 c): èivl}pw'ltov ... l}e:ov 'tL ?talyvtov
spesso se le spiegazioni di Socrate deb- e:i'.va.L µe:µ'r)xav'l)µÉvov ... · -cou-t<t> 01) oe:i:v
bano esser prese sul serio ( <r?touòét.sEtV, -tQ 'tp01t!t> O'U\IE'ltOµEVOV xa.t ?talsov'ta
<r7touo1]) o per scherzo (1talsrn1, mxt- O'tL xcù,'ì,,la-'t'ac; 'ltatOLÒ:ç 'lta'\l't 'avopa
ota; cfr. Gorg. 481 b; Phaedr. 234 d). xa.t yuvai::x:a. OV"t"W otaBLwVaL, «(pen-

lµ'1tmyµ6ç e t~•.'ltctLYl.lOvi), emerge il dorici- greci non riesce a staccarsi dall'idea del bam-
smo della koiné, che viene rafforzato dalla bino, e quindi i termini relativi sono più o
preoccupazione di distinguere le forme di 'ltctl- meno inadatti a significare le forme superiori
~EW da quelle di mt.lnv. BLASS-DEBRUNNER 1 , del gioco umano. Poiché anche nella cultura
§ 71, Anhang; E. SCHWYZER, Griech. Gram- greca il gioco è un elemento fondamentale e
matik (Handbuch A.W. II 1) I (1939) 738. sia Platone che Aristotele si sforzano di spie-
2 mn8la. significa fanciullaggine, 'lta:~s~a. ciò garlo corrispondentemente (cfr. i passi citati
che è proprio del bambino, ma i due significa- nel testo), la lingua greca è costretta a servirsi
ti possono intersecarsi; cfr. Luc., Toxaris 36. di una serie di altri termini oltre a '1ta.~8t&.:
Benché il senso di questo gruppo lessicale gre- &.ywv, gara, agone ; Staywyi), divertimento,
co non si limiti a indicare i trastulli infantili, distrazione, o <1Xo).+,, ot.io, tempo libero. Cfr.
tuttavia non arriva all'ampio contenuto che il ~ HUINZINGA 30-32.48-50.241-244.256-259.
concetto di gioco abbraccia nel tedesco 'Spiel' .l Riproduzione in RoscHER, s.v. 'Paidia' 111
e in altre lingue. La formazione dei derivati 1251 s.
7tal<:'.,w 1 (G. Bertram) (v,626) 194

so) che l'essere umano è costruito come riposo» (ibid. b 15); cfr. eth. Nic. ro,6
un giocattolo di Dio ... e che adattando- (p. 1176 b 27-35): oux Èv 7tat.OL~ &pa +i
si a questo modo (di essere) ogni uomo EÙOCX.Ì.µovla.. XCX.t -yàp G.'t01t0\I "t'Ò "tÉÀO<;
e donna debba trascorrere la vita così, dvcu 7tC1.LOLaV, xaì. 7tpa.yµa.'tEUEO"lta.t
giocando ai giochi più belli possibili» xcx.t xa.xo7ta.i}et:v 't'ÒV Blov C1.1tav.-a -çov
(cfr. ibid. 797 b). L'elemento semantico 1ta..l~ELV xapW. a1taV't<J.. yÙ.p wc; El1tELV
dell'ironia emerge pit1 chiaramente in E'tÉpou EvExa. cx.i.povµEi}a. 7t'ì,:i]v "t'fi<; Eu-
BGU IV 1024 VII 26 (sec. IV d.C.): E1tE- oa.i.µovla.ç· "t'É).oc; yà.p ClV't'TJ. 1rnou06.-
SEV (per E7t<J.LSEV) a.ù-.-i)v +i 7tEV[E)la., snv OÈ xat 1t0\IELV m~LOt.iiç x&.pw -/i}..l-
«la miseria si scherniva di lei». Si giunge i}LOV cpcx.lVE"t'at xat Àlav 1tatStx6v. 7tal-
in fìne a prendere per scherzo la vita stes- SELV o'o1twç cr1tou8&.s·o, xcx."t'"Avt.ixap-
sa e a scrivere sui sepolcri la massima: <rtv, òpi>wç EXELV òoxet:· &.va7tav<rEt yàp
7ta.foov, 'tpVcp'T]CiOV, si)<rov, &.7toi)avEi:v Eot.XEV 1) mt.LOLa, &.ouva-çOU\l"t'Eç ÒÈ cru-
<TE ÒEi:, «divertiti e goditi la vita, per- VEXWç 1tOVELV cX\ICX.1ta.UCIEWc; ofov·ca.~.
ché devi morire» (sec. u/m d.C.) 4 • Co- <<non dunque nel gioco sta la felicità.
sì lo scherzo e lo scherno coincidono. Sarebbe infatti strano che il fine (della
Questo atteggiamento, poco serio se nostra vita) fosse il divertimento; che
giudicato dal punto di vista d'una vera noi dovessimo lavorare e tormentarci
cultura, implica quel deprezzamento di tutta la vita per poterci divertire. Noi
valori che è messo in rilievo special- infatti scegliamo ogni cosa per amore
mente da Platone (Prot. 347 d): O'TCOU d'un'altra, eccetto la felicità: questa è
ÒÈ xa.Àol x&.ya.i}ol cruµ7t6't'a.L xal 7tE- il fine (ultimo). Perciò sembra sciocco
1'CX.towµÉvoL do-lv, oùx liv i'.ooLç ou·t"a.ù- e molto puerile sforzarsi e affaticarsi
À:TJ-.plom; ou-.e òpxTJcr'tplo!'lç ov'tE .Va.À- per il divertimento. Il detto di Anacar-
-.pla.ç, &,).J..'a.u-çoÙc; av'to~c; txavoùc; 0\1- si 'divertiti per poter lavorare', sembra
'taç <TUVELVCX.L &vEU 'tWV ).1)pwv 'tE xa.t essere giusto. Infatti il gioco è una spe-
7tai.oi.wv 'tOV't'WV ... , « ... ma dove i com- cie di riposo: no:i potendo sempre la-
mensali sono gente per b~ne e ben edu- vorare, si ha bisogno di riposo»i Dun-
cati, non vedi né flautiste, né danzatri- que l'idea decisiva in queste considera-
ci, né liutiste, ma (vedi) che essi basta- zioni di Aristotele è che il gioco è un
no a se stessi e sanno stare insieme sen- mezzo di distensione e di ristoro (cfr.
za questi sciocchi trastulli ... ». Nei papi- anche poi. 8,3 [p. 1337 b 33-42]; cfr.
ri 1tCX.Lot.6. ha il senso di capriccio, in- anche eth. Nic. 4,14 [p. u27 b 33 s.
sensatezza o schiocchezza 5 • 1128 a 2os.]; 7,8 [p. 115ob 17]). In
Nella filosofìa e nella pedagogia l'i- rhet. 1,11[p.1370 a 14ss.] si contrap-
dea del gioco occupa da Platone in poi pone alla serietà il gioco, in quanto a-
un posto fisso. Decisivo è il pensiero spetto più gradevole della vita: otò al
di Aristotele. Esaminando la posizione pq:i>uµla.t xat ai. <Ì.7tovla.t xcd al à.µÉ-
della musica nell'arte, egli si chiede se Àei.at xcx.t a.i. 1tClLOLa.t xcx.t a.i ava.1tav-
essa appartenga all'educazione, al gio- <TEt.ç xa.t ò U1t\IOç 't'WV 1)of.wv· ouÒÈv "(àp
co, o al passatempo e conclude asse- 1tpÒç avt.iyx'l'}V 't'OU'tWV. xat oiJ &v TJ
gnandola a tutt'e tre queste categorie buiNµla ivfi, &7tav 1Jou, «perciò l'agio
(pol.8,5 [p.1339auss.,b9ss.]), poi e l'ozio e la spensieratezza e il gioco e
dice: i') "t'E "(àp mnotà xapw àva:rt<J..V- il riposo e il sonno sono cose piacevo-
<JEWç Ècr"tL, «il gioco info tti esiste per iJ li; infatti non sono fatte per fo:'.;:a. E

4 Epigr. Graec. 362,5. ;; PRms1GKE, \Y/or1. 11 221.


195 (v,6:i6) Tir.dsw :i (G. Bertram)

dove c'è il desiderio (soddisfatto), tut- 7,815d; cfr. 796b: Koup1ytwv Èv(mÀ.ta.
to è piacevole». Resta però valido, in 1ta.lyvta, «le danze guerresche dei Cu-
fin dei conti, il giudizio espresso in pol. reti» ). Così nel mondo che circonda
8,3 (p. I337 b 33 ss.): il gioco è bensl l'Antico e il N.T. esistono molti giochi
un mezzo di distensione e di sollievo, e danze che esprimono la pietà religio-
ma non è un modo dignitoso di occu- sa, ed è quindi naturalissimo che anche
pare il tempo libero. Naturalmente es- nel popolo d'Israele si riscontri questo
so mantiene la sua importanza univer- fenomeno che è comune a tutte le reli-
sale nell'educazione dei bambini; ma gioni. Nell'A.T. si trovano effettiva-
anche in essa si deve tener conto di al- mente molti testi che vi si riferiscono.
cune esigenze riguardanti il tipo dei gio· In Ex. 15,20 e Iud. rr,34 (cfr. Iudith
chi. Di questo Aristotele parla in pol. l 5 ,12) si parla di danze religiose ese-
7,I7 (p. 1336 a 33 s.): « .. .i giochi de- guite per celebrare una vittoria 8 • In 1
vono consistere nelle molteplici imita- Reg. 18,26 è menzionata una danza fat-
zioni di quello per cui ci si affaticherà ta saltellando intorno aJl'altare di Baal.
in seguito» ( otò -cch; 7tat&èt.c; dvm od Per il culto di Jahvé sono attestate cer-
-rèt.c; 7toÀ.À.ac; µtµ1}cmc; -cwv vcr-cEpov te danze che venivano eseguite durante
o-nouoa.~oµÉvwv, cfr. pol.8,5 [p. I339a una delle feste autunnali (la festa del
31 ss.]) 6 • raccolto?) in Iud. 2I,2z. Un carattere
più orgiastico dovette avere la danza
2. mx.liµ nell'A.T. e nei LXX davanti all'arca di cui parla 2 Sam. 6,
14-r6. I salmi cultuali (per es. 26,6;
Il carattere religioso e cultuale dei 42,5; I49,3; 150,4) fanno invece pen-
giochi e delle danze nel mondo primi- sare a un passo di danza solenne e con-
tivo, come pure in quello antico-orien- trollato come quello delle processioni.
tale e classico, mette in evidenza che il Se ci si limita al verbo 1tCtL~ELV, biso·
gioco ii anche un modo per esprimere gna ricordare innanzitutto 2 Bao-.6,5.21
la propria dedizione 7• Coi giochi e col- e I Chron: 13,8; 15,29 9, dove 1ta.l~nv
le danze si onorano gli dèi (Plat., leg. traduce fi~eq. Come integrazione di

6 Cfr. W. ]AEGER, Paideia, 3 (1947) 43 s. Arì- DUSCH, Die deutsche evangelische Theo/ogie
stotele ha un'importanza fondamentale per ciò seit Schleiermacher ( 1924) 2 3.
che riguarda il gioco nella storia generale del- B Cfr. W .O.E. O llSTE RLEY, The Sacred Dance
la cultura e nell'educazione. Cfr. inoltre eth. (r9:i3); E. Ki:'iNIG, art. 'Spiele bei den He-
Nic. 10,6 (p. 1176 b 9). Su Aristotele dr. ~ braern, in RE' 18,633-636; A. BE RTHOLET, art.
HUG 1763. Riferendosi specialmente ai Sofisti 'Spie!' 1, in RGG' v 691 s.; A. ]EREMIAS, Das
~ HmzINGA studia forme ludiche della filoso- A.T. im Lichte dcs Alte11 Orients • (1930) 521;
fia. In ogni caso per Aristotele rtmoi.6: resta ] . PEDERSEN, Israel, Its Li/e and Culture
2

un gioco infantile o un divertimento (ibid.257- (1947), indice s.v. 'dance'. Sul rapporto fra il
259). culto e il gioco dalla tragedia nntica fino ni
7 F. SCHILLER, Vber die iisthetische Er:dehung, misteri medioevali, vedi ancora G. BERTRAM,
Brief 15 (1794), scrive: «L'uomo gioca soltan- Die Leidensgeschichte Jem 1111d der Christus-
to quando è uomo nel senso pieno della paro- ku/t (19n) 81, e~ HmzrNGA 3i.
la, ed è completamente uomo solamente quan- 9 Lutero si riferisce a questo passo e a 2 Sam.
do gioca». F. FRANK, professore ad Erlangen, 6,14 nella nota lettera del 4 dicembre 1539 al
cercò, sulle orme di Schleiermacher, di spiega- prevosto berlinese Georg Iluchholzer. Cfr.
re l'essenza di Dio come un gioco perfetto. Cfr. Weimarer Ausg., Briefwechsel, Bd. vm (1938)
J. KAFTAN, Dogmatik (1909) 176; F. KATTEN- 625, nr. 3421. Sui passi dei Salmi cultuali dr.
197 (v,627) 1tal?;w 2-3 (G. Bertram)

10
1talsew trovasi òpxEi:crfraL (danzare in TW\1 Ha carattere escatologico an-

cerchio) in 2 Bacr .6 ,2 r, senza corrispon- che Zach. 8,5: le strade di Gerusalem-
dente ebraico, e lo stesso in I Chron. me si riempiranno di nuovo di bam-
r 5 ,2 9, col corrispondente ebraico (riq- bini intenti a giocare. Anche il ritor-
qed). Che però 1tcttsEw non debba ne- no dei deportati a Gerusalemme al
cessariamente contenere il concetto di tempo di Dario è descritto in r Ecrop.
danza, lo dimostrano i passi paralleli di 5 ,3 con i colori surreali d'una proces-
Giuseppe, il quale cosi completa il te- sione giubilante di tipo escatologico.
sto originale: Èv xwupq. 1toclsov-roç xat Nella storia di Sansone mxl~ELV si-
xpo-rouv'toç, «mentre egli stesso suona- gnifica suonare uno strumento musicale
va l'arpa facendone vibrare le corde» (Iud. 16,25.27). In Ex. 32,6 il verbo è
(ant. 7,85), o anche cosi: 1'alsEw -rE usato per indicare il culto del vitello
xat 1tOÀÀ.6:XLC, XOPEUO"OCL, «divertirsi e d'oro (~ col. 203). In Gen . 21,9 si
danzare in tutti i modi», oppure non tratta invece di giochi o scherzi inno-
menziona affatto la danza, come nel pa- centi: Ismaele gioca con Isacco 11 • In
rallelo a 1 Bcx.cr. l 8,7, dove, invece di Is. 3,16 1toclsEw dev'essere inteso nel
1tet.lsoua-cx.L, del resto male attestato, dei senso di camminare ballonzolando; tra-
LXX (Lucian. : XOPEUOUO"CX.L) e di xopEU- duce infatti l'ebraico f pp, che significa
OUO'Ct.L '1toclC::oua-a.L dell'Esapla, Giusep- fare piccoli passi (come i bambini), sal-
pe ha soltanto: µE-cà. xuµf3tiÀ.wv xoct tellare. Non è chiaro se il traduttore
'tUµ1tliVWV Xet.L 1tet.\l'r0Let.ç X<Xpiiç, «COn greco intenda rendere l'ebraico in modo
cimbali, timpani e ogni dimostrazione etimologicamente corretto o se concepi-
di giubilo» (ant. 6,193). sca già il termine come espressione tipi-
Ai passi menzionati si aggiungono i ca di un atteggiamento profano. G iusti-
detti escatologici di Ier. 31'4: «Ti co- no cita questo passo in dial. 27,3, in un
struisco di nuovo ... o vergine d'Israele; contesto di ammonimenti ed esortazio-
adornati di nuovo dei tuoi tamburelli e ni morali.
va' pure tra coloro che danzano alle-
gramente in cerchio» (µE-cà. cruva-yw- 3. Il gruppo lessicale significante gioco,
-yfjç 1t<XL1;6'11-rwv ), e di I er. 30,19: «E scherno, arroganza
da essi dovrà risuonare di nuovo il can-
to di lode e il giubilo di gente allegra» Secondo Sap. 15,12 i pagani pensano
(testo ebraico). I LXX hanno per que- che la vita sia un gioco, e in Ecclus 32,
st'ultimo passo (37,19): È~EÀEVO'O\l'tCt.L 12 (LXX) con la modifica del testo e-
an'mhwv lf.Oov-tEç xa.t cpwv'l) 'lt<XLS6V- braico si ottiene un ammonimento che

H. SCHMIDT, Die P.roltnen = Handbuch z.A.T . di solito si manifesta con suoni e movimenti.
I lJ (1934). In un solo caso nell'A.T. (2 Bau. 2,14) si ha
Il Anche qui i~q è reso con 1talt,ew. Così i TCall;ew = i!Jq nel senso di un agone, che può
LXX mettono in rilievo unilateralmente il fat- essere una cosa molto seria, fino all'ultimo san-
tore movimento nel gioco o nella danza. È ve- gue; cfr. Aristot., rhet. 1,n (p. l37ob 35 ss.).
ro che il vocabolario ebraico coincide in gran ~ HUIZINGA 67.79 s. 144-170 ravvisa in que-
parte con quello greco, ma esso include anche sto passo una prova che un collegamento fra
il semplice ridere ed è in origine un vocabolo gioco e guerra si ha anche nella civiltà se-
onomatopeico, come il tedesco 'kichern' (ridac- mitica.
chiare) e il greco yE)..iiv (ridere) o anche il te- Il Gen. 2x,9 è citato anche in luSl., dial. 56,7.
desco 'lachen' (ridere). Invece-mxlt,ew esprime Nel contegno d 'Ismaele si potrebbe favvisare
il rnratterc allegro e vivace del bambino, che ~nche un'irrisione contro Isacco, ~ 11, coli.
1ta.a.;w 3 (G. Bertram) (v,628) 200

corrisponde al senso ellenistico della vi- ro 1ta.lsov"CE<; non si riferisce più allo
ta 12 : hd 1tr.t.~~E xat 1tOLEt 'tÒ. Èvi)vµ1)- scherzo innocente, ma all'arroganza su-
1..1.a'ta crov xa.t µ1J àµap·q1c; ÀOyctJ Ù1tEp- perba che irride alla rivelazione e a cui
lJ<pavctJ, «là (in casa tua) scherza e fa' nessuna persona pia potrebbe associar-
quello che ti viene in mente, ma non si 14• Specialmente significativo è dive-
peccare con parole arroganti»; l'ebraico nuto in seguito il passo di Prov.8,3os.,
invece dice : «E là di' ciò che ti viene dove il testo ebraico dice: «Allora io
in mente, ma nel timor di Dio e non gli stavo accanto come un pargoletto
nella stoltezza» 13 . In Ier. 15,17 si par- ('iimun); ero tutta grazia, giocando gior-
la, secondo il T.M., dell'allegria di gen- no per giorno davanti a lui per tutto il
te scherzosa, alla quale il profeta non tempo, giocando sul suo orbe terrestre,
può partecipare, perché è oppresso dal- mentre trovavo il mio diletto nei .figli
la rivelazione che lo riempie di corruc- degli uomini (giocando= m"sabeqet )» 15 .
cio per i peccati del suo popolo (~ Mentre al passo citato si riannodano
col. 1r10 ). I LXX invece non intendo- speculazioni sapienziali e argomentazio-
no più l'allegria in questo senso; il lo- ni cristologiche, in Ps. ro4,26 si offre

381 s., n . 4. Cfr. Gen. 26,8, dove una lezione, SEIFF, Das Bucb Prediger: ZDMG NF 14
dovuta forse a uno scoliaste, rende l'ebraico (1935) 243-249; cfr. anche G. KITTEL, Die
con crvvoucna!;Ew, nel senso di avere rapporto Religionsgeschicbte tmd das Urchristenlmn
sessuale. Secondo Procopio il termine 'giocare' (1931) u6 s. In Hdt. 2,78 è descritto il CO·
sarebbe stato un eufemismo giudaico per indi- stume conviviale egiziano dcl mementa mori.
care questo rapporto (cfr. FlELD, ad l., dove A questo corrisponde forse la notizia che si
Procopio è citato nella Catena di Niceforo). Fi- legge in Plut., scpt. sap. co11v. 2 (n 148 a-b)
lone spiega il passo allegoricamente: i:i. yàp sull'rixapLc; xa.t liwpcç E1tlxwµoc;. Mentre in
ff.).).o ɵ1tpE1t€ç t'pyov i:roq>!{) ii -.ò 7ta.(l;i:w xa.i, Erodoto c'è l'esortazione: i:lvE xat i:Ép1tEU,
"(~.VOVO'~CJ.L xai crvvw9po:lVEO"i>a.L -ri) 'tWV X«· Plutarco cerca di spiritualizzarla: non si tr:it·
>.wv ùn~µovij (plani. 170). Isacco è, tra i pa- terebbc solo ·di esortare 1tpòc; -tò 1tlVELV Y.«t
•riarchi, quello che simboleggia la q>UO'L:d1 ò:p:;. i)liu1taltE~V à.).M. 7tpòç !j)LMa.v xcxt ò:yrbtTJ.1LV
-ri} (Abr. 52); in lui è nato i:ò Ev8r.<LµovEtv. à.)..)..fi).wv. Del resto questa deipnosofia, J sa-
Questo è pure il significato del suo nome, che pienza conviviale, compare già nel cosiddetto
Filone tr:iducc anche con yÉÀwc; e xap&., ri- canto dell'arpa, all'epoca dcl nuovo regno egi-
çollegandosì a Ge11. 21,6 (LXX): «Dio mi ha ziano, verso il 1450 a.C.: «Festeggia il giorno
dato il ridere, e chi lo se'.lte gioirà con me» nuovo e non stancarti; ecco, a nessuno è con-
({eg. ali. 3,218.219, ecc.). cesso di prendere con sé i suoi beni ...» (A.0.T.
19); cfr. Is. 22,13.
11 Cfr. gli epitaffi ellenistici -> n. 4, oppure:
«Mangia, bevi, scherza, vieni!»; cfr. G. BER· Il R. SMEND, Vie 1Veisheit des Jesus Sirach
TRAM, Thc Problem o/ Death in Pop11lar Ju· erkliirt ( 1906), ad I.
daeo-Hellenistic Piety: Crozer Quarterly 10 11 Cfr. Prov. 26,19: 7tcxl!;wv E7tpal;a, <il'ho
( 1933) 267; In., Hebr. tmd griech. Qohelet: fatto per ridere» : una scusa stolta per una
ZAW NF 22 (1951), specialmente ai nn. n,10; condotta riprovevole.
12,1; inoltre l'epitaffio dì Crisogono di Kos, 13 Sui difficili problemi esegetici di questo
dell'epo:a imperiale, in R. HERZOG, Koischc passo cfr. B. GEMSER, Spriiche Salomos =
Forsch1111gen u11d Ftmde ( 1899) 103 ss., nr. Handbuch z.A.T. I 16 (1937), ad l.; L. KoH-
163; dr. DmssMANN, L.O. ' 251: «Bevi, ché LER, Lexicon i11 V cteris Testamenli libros
ormai vedi la morte!». LmTZMANN, Kor., a I (1948 ss.) 59, s.v. 'iivdn. I Masoreti invece di
Cor. 15,32, cita altre iscrizioni; vedi inoltre 'àmtm, pargolo, hanno letto 'àmfm, capoma-
gli accenni alla tradizione letteraria in WET'l'· stro. I LXX, traducendo con àpµo!;oucra, sop-
STEIN, ad /. Un tentativo di sistemazione sto- primono l'idea del gioco, mentre le traduzioni
rico-culturale delln mnteria è fatto da F. DoRN· esnplari le restano fedeli .
201 (v,628) 'itttlt;w 3 (G. Bertram) (v,628) zo2

invece l'occasione d'introdurre il con- suoi derivati hanno il senso di scherni-


cetto del gioco nella dottrina su Dio, re, farsi gioco. Cos1 in Sap.12,26 si par-
cioè nella teologia vera e propria. Se- la di «punizioni per gioco» ('T'>a.LyVt(J.
condo il T .M. questo passo afferma che ÈTtvnµ1jcrEw<;). All'atteggiamento inte-
Dio ha creato il Leviatan per giocare riore degli ucmini dominati dalla hy-
con lui W5a{Jeq-bo), oppure: «affinché bris si riferisce 1ta.Lyvla. in 'IEp. 30,10
esso (scii. il Leviatan) giochi in quello (T.M. 49,16), dove traduce tifle-Fet (ti-
(cioè nel mare)» . Che Dio abbia creato more, spavento) 19 ; invece Aquila e Sim-
il Leviatan per farne il suo trastullo, è maco rendono questo vocabolo con
il concetto della tradizione rabbinica e àÀa~ocrvvri o à)..u~ovda.. Infine il no-
dei LXX, i quali traducono: op&.xwv ... stro termine fa da parallelo a l-ta.µla.
ov l!TtÀ.a<Ta<; ȵ1te<tSEW m'rçi{'.> 16 . L'in- (sfacciataggine) la quale a sua volta ren-
terpretazione dei rabbini e dei LXX cor- de l'ebraico ziidon. Come Dio affronta
risponde probabilmente al senso pri- l'uomo altezzoso dall'alto dello scherno,
mitivo del testo. Anche la domanda ri- così anche quelli che stanno dalla parte
volta a Giobbe in lob 40,29, la quale di Dio possono schernire i nemici, le
sottolinea l'impossibilità per l'uomo di tentazioni, i pericoli e il mondo ( cfr. 4
giocare (S{Jq) col Leviatan, presuppone Ba.r;. i9,21). Va notato specialmente
che almeno il Creatore abbia questo po- Ecclus 47,3, dove si dice che David Èv
tere. In questo passo il cod. B ha mil- ÀÉoV<TtV focu!;,EV (ipq) W<; ÈV Èpiq>OL<;,
17
SELV • «giocava fra i leoni come se fossero ca-
Il gruppo lessicale di cui parliamo ha pretti».
un significato più ironico in alcune af- Cosl il termine mxl~EW nell'uso dei
fermazioni sul contegno di Dio verso traduttori greci dell'A.T. copre tutto
l'arroganza miserevole e ridicola degli questo campo lessicale, che comprende
uomini. Per es. in Abac. 1 ,ro: -tvpa.v- il gioco e lo schern:l, l'arroganza e la
voL m:x.lyvia. a.Ò"t'ou (miSpàq lo), «i ti- sfacciataggine.
ranni sono il suo trastullo (oggetto di
scherno)» 18 • Anche altrove 1ta.l~ELV e

•~ Così pensano anche F. BAETHGEN, Die Psal- 18 Peraltro in Abac. 1,10 il soggetto gramma-
men (1904), ad I.; H. ScHMIDT, o.e. (~
n. 9), ticnlc è il popolo che esegue il piano di Dio;
ad l.; A. BERTHOLET, in KAUTZSCH, ad l. (que- Dio invece è il soggetto logico, e il popolo di-
sti però rimanda all'identificazione di tale es- venta allora lo strumento della sua potenza e
sere mitico col coccodrillo in lob 40,25 ss.) e dclln sua superiorità schernitrice (Ps. 2,4), la
HELBlNG 271 (s.v. lµmilt;Ew) . Invece Aquila quale perciò non è l'arroganza umana di cui
e Simmaco scrivono o.ù-.fi, riferendolo ;il ma- parla !s. 10,8-16. Pensano similmente anche
re, come Girolamo (ut illuderei ei) e Lutero. F. HoRST e TH. RoBtNSON, Die I2 klei11en
In tal modo un pesce comune viene a prende- Prophelen = Handbuch z.A.T. I 14 (1938),
re il posto del mitico Leviatan. L'esegesi rab- ad I. (172): «Infatti questo popolo, chiamato
binica trovasi in A.Z.b. 3 b: R. Jehuda in no- d:t Jahvé a far parte del suo piano, è il porta-
me di Rn'.> (morto nel ~47 d.C.). tore della sua volontà, l'esecutore del suo giu-
dizio e perciò l'incarnazione d'una paurn che
11 Simmaco in lob 40,29 ha ɵmilt;.Ew, e cosl :i:mienta e d'una potenza punitiva che provoca
pure Aquila e Simmaco in Ps. 104,26. Così lo terrore».
sfondo mitologico diventa ancor più chiaro: N Come risultn dalla vnrietà delle traduzioni
come vincitore del dragone del mondo primi- e dai termini paralleli, il significato di tpl~I è
genio, Jahvé è in gmdo di giocare con lui per dubbia. Cfr. \VI. RunOLP, }eremia = Hand-
scherno, cioè di farsi gioco di lui. buch z.A.T. I 12 (194.7), ad I.
203 (v,628)

4. 1to:.lsw nel N.T. tria? 21 Cosl anche per l'esegesi cristia-


na, specialmente nell'interpretazione di
Nel N.T. 'lto:.l~E\I ricorre una volta r.o:.lsEw ( 1 Cor. 10,7 ), risulta una con-
sola, nella citazione di Ex. 32,6 in r cordanza essenziale: tudere aliquando
Cor. 10,7. Il passo veterotestamentario lasciviam significat, aliquando saltatio-
qui è già oberato, naturalmente, dal ri- nes impudicas, Iudaeis idololatriam 22 .
fiuto giudaico di tutte le forme cultua-
li pagane. R. Aqiba (morto intorno al
135 d.C.) attribuisce al corrispondente
verbo masoretico !iipaq il senso di pra- 1. La terminologia della derisione nel-
ticare /'idolatria 20 • Secondo Ex. 32,19 si l'A. T. greco
tratta certamente di danze cultuali. Co- Originariamente €µ1to:.lSEL\I significa
me !ilpaq in Gen. 26,8 (dr. 39,14.17) giocare o salterellare sopra; di qui deri-
ha un senso erotico, così anche 'lto:.l~H\I va il senso di farsi gioco di qualcuno , de-
ridere, irridere, :schernire, farsi beffe o
viene riferito, oltre che al culto idola-
anche illudere e ingannare qualcuno;
trico, pure alle pratiche sessuali che vedi per es. Hdq,134: òpwv o:.u"toùc;
spesso vi erano associate. Già Tertullia- ȵ'lto:.lsov"to:.c; -hµi:v, «vedendo che essi
no, riferendosi a questo passo, parla di si prendono gioco di noi»; Soph., Ant.
799: aµo:.xoc; yàp ȵmdSEL ~Eoc; ,Acppo-
lu:su:s impudicu:s (de ieiunio 6). Qui egli ol-ta., «invincibile gioca la dea Afrodi-
non si limita al concetto di idolatria, ma te)); Anth. Pal. rn,56,2; "toi:c; Eµ'lta.LSO-
segue probabilmente anche un'altra tra- µÉvo~c; &.vopain -ça.\i"ta. }..Éyw, «ai mari-
ti beffati dico questo». Il termine si tro-
dizione rabbinica, secondo la quale va anche nei papiri: EVÉ'l'tE~Év ( ÈVÉ'l'ta.~­
1
!iipaq - conforme al suo significato se- !;Év) i-u:, «mi ha beffato» •
condario di contenuto erotico - nel pas- Esso fa parte di un gruppo assai nu-
meroso di termini 2 che esprimono il di-
so dell'Esodo indicherebbe le danze spregio e la disistima degli uomini e,
impudiche: T. Sota 6,6 (R. Eliezer b. secondo i casi, anche del mondo, delle
}osé di Galilea [c. l 50 d.C.] ). Non è creature e perfino di Dio: parlare con
ironia o disprezzo, dileggiare, offende-
forse vero che per ì cristiani dì Corinto
re, mettere in cattiva luce, arricciare il
l'allegria sfrenata dei pasti sacrificali po- naso (~ Èx-µuX"tTJPlSEW vn, coli. 629-
teva essere una tentazione ali 'idola- 637 ), scuotere il capo (~ x~vdv ·drv

29 Per altro materiale e sull'attribuzione della ~µm.d~w


stessa interpretazione a R. Ishmacl, contempo- I PREISIGKE, Griechische Urku11den des agyp-
raneo di Aqiba, dr. STRACK-BILLERBECK m tische11 Muse11ms :w Cairo (19u) 3,xo (362
410,2. d.C.). Sulla costruzione cfr. HELBING, Kasus-
syntax 271 s.
21 BACHMANN, Kor.', ad I. 2 Cfr. F. DORNSEIFF, Der deutsche \11 orl-
schat7. nach Sachgruppen' (1940), s.v. 'Spott',
2~ WETTSTEIN, ad l, ecc.
lp.1ttxl~w i (G. BertramJ (v,630) 206

XEq>aÀ:i}v v, col. 482), batter le mani in gruppo di concetti, coi quali si entra
segno di scherno ( àva-xpo"t'E.i:v ), fischia- nel vasto campo dei peccati di lingua,
re (crvplsELv, crvptuµ6ç), sputare in fac- sono straordinariamente numerosi, ma
cia ( ȵ7t'tVEtv ), biasimare ( <pavÀlsEw ), non si corrispondono sempre nei parti-
sparlare e spettegolare ( xa.:rn.-cpÀva- colari. Spesso i LXX parlano di dileggi
pELV ), strapazzare, tartassare e gettare e scherni anche quando nel testo ebrai-
nel fango (a parole) (ota-m.(prt.o-vpEtv), co è assente il vocabolo e anche l'idea
schernire ( XÀEVliSELV ), sussurrare con- corrispondente; in questi casi essi in-
tro, calunniare di nascosto (!fitl)vplsrn1), tendono soltanto adattare un fatto con-
deridere (xa"t'a..-xalpnv, ÉxyEÀa.v), di- creto alla loro concezione giudaica della
sprezzare ( È~oVOEVELV ), punzecchiare pietà.
( i:wMsnv ), divertirsi alle spalle di Fra i vocaboli ebraici bisogna men-
qualcuno ( &.MpEW ), dileggiare ( xwm- zionare specialmente:
µwxiicrbm, Xt:X."t'EtpWVEVE<TDm ), beffeg- a) ta'a' e il participio ta'tu'im. Ricor-
giare (yEÀ.otliSELV ). A questi vocaboli si l'e innanzitutto in quel passo così im-
aggiunge inoltre il nostro verbo 1ta.LSELv portante per la pietà passionistica giu-
e i suoi composti, di cui, oltre a ȵmi.l- deo-cristiana che è 2 Chron. 36,16 ( =
4
SELV, si hanno Éx-, xa:ta.-, 7tpo0'- e <Jvµ- 1 Eì.rop. I,49) • Nel testo corrisponden-
7tù:tSELV. te di Giuseppe (ani. rn,rn3) si ha ù~pl­
Lo scherno può essere motivato o SELV. Simmaco rende anche in Gen. 27,
no; può esercitare una critica giustifica- I2 la forma hitpa'el di ta'a' con xa"t'a-
ta e perfino educativa ed esprimere una 'll:a.l~Ew; mentre i LXX usano xa"t'aq>po-
superiorità autentica, oppure può na- vEtv e Aquila xa-caµwx!lo-l)a~. Oggetti-
scere da una stolta(~ µwp6ç) arrogan- vamente il termine viene a dire che Gia-
za (~ v0ptç) o da un'ostilità e ripulsa cobbe inganna suo padre «come uno che
radicale, diventando un'espressione tipi- se ne fa beffe». Il sostantivo corrispon-
ca della lotta del male contro il bene. dente è usato in Ier. 51,18 per designa-
Questa ostilità radicale si rivela spesso r.:: gli idoli come oggetto di scherno; i
nel fatto che gli empi non prendono sul LXX (28,18) traducono con Epya µE-
scrio le affermazioni dei pii. Così avvie- f.twxriµÉva e Simmaco rende lo stesso
ne nel caso di Noè 3 e di Lot (Gen . 19, contenuto con 'll:atyvla. Nel passo di
x4: i due generi di Lot credono che egli Ier. 10,15, da cui è stato preso questo
scherzi, yEÀot&.sELv ); cosl capita anche testo, i LXX avevano tradotto il voca-
ai profeti, per es. in Is. 28,7 ss . bolo con ȵ7tE7t<XLyµf.va, Aquila con
Sia nel testo greco che in quello e- µEµwxriµÉva e Simmaco con XÀEUa-
braico i termini che esprimono questo uµou.

3 Anche Utnapistim deve ascoltare le doman- rivelazione; dr. ibid.11,4: «Ma allora si adem-
de beffarde della gente, mentre si sta costruen- pirà ciò di cui ora essi si fanno beffe» (cioè la
do l'arca; dr. A. ]EREMIAS, Das A.T. im Licb- rivelazione).
tc des Alten Oricnts' (1930) 151. Cfr. anche
il Corano (Sura n,3): «Noè stava costruendo 4I LXX rendono t" con Eµm1.lsEW oppure con
l'arca, e ogni volta che passava un gruppo di Èx1talsew. Cfr. Le. 20,11 : a:nµ6.sm1, che Lu-
gente del suo popolo lo deridevano. Ma egli tero rende con 'hohnen' (schernire). Il verbo
diceva: 'Ora vi fate beffe di noi, ma in futuro Gc'ttµ~sew s'incontra spesso nel nostro grup-
noi ci faremo beffe di voi e proprio allo stesso po. È l'unico termine di questo tipo in Is. 53,
modo in cui ora voi ci deridete'». A:ichc al dove Lutero traduce con 'verachten' (disprez-
Corano è noto lo scherno radicale opposto alla zare).
207 (v,630) è1.r;:a.~1;w 1 (G. Bcrtrnm) (v,630) 208

b) II verbo qiilas nelle forme pi'el e corre, con Ép.-;-;aLX't<XL (Js. 3.4> Aquila :
hitpa'el significa schemire, ed è tradot- Èva.À.À.ax-.a.t) e t'.µrtmyµa. (Js. 66,4). In
to in greco regolarmente con questo quest'ultimo il T.M. suona: «E cosl an-
senso, ma con diversi vocaboli: in 2 ch'io sceglierò un destino che fa loro
Reg. 2,23 con xa'taitalsEw, in Abac. r, un cattivo gioco e manderò su di essi
10 con È'll'tpucpiiv (Simmaco: ȵ1tal- cose di cui avranno orrore» . Dunque
SELv), Ez. 22,5: ɵ7tal1:;,Ew. In Ez. 22, Eµ.7tatyµa, come ta'a/Ultm, non è una
4.5 si parla dello scherno e dell'obbro- cosa che gli uomini fanno, ma che su-
brio che Jahvé farù scendere su Getu- biscono. È il castigo che Dio loro man-
salemme. In Ecclus 1 I,4 il termine è re- da, anche se si può trattare d'una 'puni-
so con ÉitalpEcrl}aL, dando a qiilas il sen- zione derisoria', come in Sap. 12,26 (--?
so neo-ebraico di vantare e sostituendo col. 202 ). In ogni caso lo scherno non
COSÌ la uf3pL<; al motivo dello scherno. consiste in parole, ma in un'azione. Nel-
I sostantivi qeles e qallasa son tradotti la seconda parte del verso di ls. 66,4 si
in Ier. 20,8 con XÀEuc<.o-µ6ç; in ili 43,14 parla invece dell'azione peccaminosa
con lo stesso termine o con xa'tayEÀ.wç, che provoca il castigo(--? 1, col. 777).
in "'78,4 con XÀEWM1µ6ç e in Ez. 22,4 e) lii' ag e lii' ég è tradotto otto volte
con ɵnaiyµ6ç. con --? (Èx- )µuX'tT)pl!'.,Ew, inoltre con
c) Più spesso si hanno siipaq e ~iipaq, Éx- e xa.·tayEÀ.tiv ( 6 volte), e con ·xa.·
ridere, al pi'el scherzare, e i loro deri- 'taµwxéfoi}at, q>auÀl!'.,Ew e q>auÀ.tcrµ6c;
vati. Vengono tradotti con (Èm-, Èy-, (una volta ciascuno). La libera traduzio-
ÈX-, XCl'tO:·) yEÀ.av, yEÀ'JL6.i;Ew, (Év-) EÙ- ne di lob u,3 sembra trascurare til'ag,
q>palvEt\I, 01JyxalpEW > OPXEtcr»cn, xap- e Ecclus 4,r rende il verbo con artocr•E-
µovi)v 7tOLE~V, inoltre con 1tal1:;,Ew e pEL\I. Per il sostantivo la' ag si ha tre
ɵ7tal!'.,Ew, usati in 26 su 56 passi per volte µux't1)ptuµ6c; (~ 43,14; 78,4; lob
lo più a rendere la forma pi'el 5• 34,7); in Os. 7,16 cpa.uÀLcrµ6ç, in ili 122,
d) II verbo 'ii/al, fare qualcosa a qual- 4 ovEtÒoç e in Ez. 36,4 xa-ca7tan1µa..
cuno; in forma hitpa'el scherzare, è Per Ez. 23,32 manca il corrispondente
tradotto con ɵ7tal~ELV in sei passi, nei LXX. Solo nella tradizione seconda-
dove è usato all'hitpa'el, cioè in Ex. ria è aggiunta la parte del verso che
10,2; Num. 22,29; !ud. 19,25 (in que- manca (Teod.: fo-raL Et<; yÉÀw'ta. xat
sto racconto, in ant. 5,145-148, Giu- dç µuX't'r)pi.uµ6v, «sarà oggetto di riso
seppe usa u~pl~EL\I, uf3pL<; xai}v~plsEw ); e di scherno»).
I Sam. 6,6; 31,4; I Chron. 10,4. In un f) la' ab, deridere, nel T .M. è un ha-
settimo passo, cioè in IEp. 45 (38),19, si pax legomenon ricorrente in 2 Chron.
ha xa'taµwxcicrl>at. Il sostantivo deri- 36,16; i LXX lo traducono con µux't1)·
vato ta' alUlim' capricci, monelli 6 , il de- plsm1 (in r E<rSp. I.49 hµux't'r)pl~eL'll) .
stino che si fa gioco di qualcuno, è tra- Vien letto in Ecclus 3o,1 3 come corre-
dotto dai LXX, nei due passi in cui ri- zione 1 •

5 Nella storia di Sansone, in Iud. 16,25 il T. se-ta.L b11)..cH~ov (LXX : 'ita.~o(ov


vnmov); cfr.
M. e i LXX (cod. B) hanno: «Egli li divertiva J. ZIEGLER, Sept11agi11ta XIV, lsaias ( 1939),
(suonando uno strumento)». Aquila ha: . «essi ad l.
lo deridevano» a\lt'it<X~~O\I Gu'.rl'<'i)), benché tut-
te le tradizioni abbiano, nel verso precedente, 6È un astratto per il concreto, come nelle tra-
mxt~a:tw Èvwmov 'l'JµWv. Nel passo corrispon- duzioni; ma l'interpretazione è discussa.
dente (011/. 5.314 s.) Giuseppe usa (Èv-)ù~pl­
~Ew. Teodozionc aveva nn.chc per Is. n,8 'lta.l- 7 Cfr. GllSENJUS-BUHL, s.v.
Èl..t1talsw r (G. Ilenram) (v,631) Ho

g) buz e bazi1 (schernire) significano giare: Ps. 73,8) è trasferito dai LXX nl
per i LXX più il disprezzo e la disisti- sentimento e quindi è tradotto con OtE-
ma d'una persona che la derisione; per- vo1]ih1<rav.
ciò sono tradotti per lo più con l!'.,ou- n) Anche miira~, derider.:? (1 Reg.2,8 ;
i>EVE~V, xa:tacppovEi:v, cpau}.l~EW, e so- Mich. 2,10; Iob6,25; 16,3) non è stato
lo qualche volta (Prov.11 ,12; r2,8; 15, riconosciuto in questo senso dai LXX,
20) con µux-cT)pL~ELV (~ vu, coll. 629 che lo traducono in modo assai diverso.
s.), oppure (Gen. 38,23; Ecclus7,n) o) La duplice traduzione di 'iiniì al
con xa-ca;yEÀ.civ; cfr. anche µux-c11pL- pi'el (maltrattare, abusare) data dal cod.
crµ6ç in 2 Ecròp. 13,36. A in Iud. 20,5 (È'ta.1tELVW<Tet.V xaì
h) A questi vocaboli se ne aggiungo- ÈvÉnm!;a;v o:ù-cfj; cod. B: solo ham:l-
no numerosi altri, usati col senso di de- vwcra.v ), è una dizione pleonastica ispi-
risione e scherno solo in certi casi; tali rata da 19,25.
sono per es. bos, che in Prov. 2 7 ,7 è p) Come 'and, così anche perek, mal-
tradotto con E:µnaa;,ELV nel senso di di- trattamento, abuso, violenza, è reso in
sprezzare. Ex. 1,13 da Teodozione 9, e in Lev. 25,
i) giidaf, beffeggiare, dileggiare, è 4 3 .46 da un traduttore ignoto, con ȵ-
stato inteso dai LXX piuttosto nel se- 1tatyµ6ç. Simmaco nel primo passo
condo senso; perciò vien tradotto con ha Èv-cpvcpwv-cEç, mentre i LXX tradu-
~À.a;crcpl}µE°ì:v, ovELÒlsELV e simili. cono il vocabolo, che ricorre solo 6 vol-
k) Per hiilam, percuotere, in Prov. te, con Pla in Ex. 1,13.14 e con µ6x»oc:;
23,35 si ha ɵmx.lsELV, con il quale i in Lev. 25A3.46.53; fa:. 34'4· Anche
LXX fanno giustamente risaltare l'aspet- Zach. l2,3 (LXX) iu fa pensare alle idee
to reale dello scherno subito dall'ubria- che si accompagnano a questi passi. Ma
co, come à.vaxpo-cE~V, scelto da Teodo- il T .M. suona diversamente: «E in quel
zione, si riferisce al batter le mani in se- giorno io farò di Gerusalemme una pie-
gno di scherno. Il traduttore dei LXX tta di sollevamento per tutti i popoli, e
ha forse scelto intenzionalmente ÈvÉ- chiunque la voglia alzat·c si riempirà di
mxd;cx.v, invece di tradurre letteralmen- scalfitture 11 e tutte le nazioni della terra
te con ÈvÉmxLcro:v, per descrivere anche si riuniranno contro di essa» . I LXX han-
sotto questo aspetto la condizione del- no invece: «E avverrà in quel giorno:
l'ubriaco 8 • forò di Gerusalemme una pietra, che sa-
l) biiraf e berpa, kiilam e k"limmiì non rà calpestata, per tutti i popoli. Chiun-
sono resi dai LXX col senso di deridere que la calpesterà per scherno troverà
e derisione, ma con quello di oltraggio, scherno ( ɵnalsw\I ȵT-al!;Ei:o:L) e su di
ingiuria, ecc. essa verranno riuniti tutti i popoli del-
m) L'hapax legomenon muq (beffeg- la terra». Anche in Is. 33>4 il tradut-

8 In questo caso, come fanno frequentemente, JO In 2 Chron. 29,8 I'reqa è tradotto con au-
i LXX abbandonano il parallelismo del testo PL~µ6c;. Jahvé abbandona Gerusalemme dc;
ebraico in favore d'una descrizione progressi- i'xu'taow xa.L Etc; &:cpav~crµòv xaL dc, uvp~u­
vn. Comunque ȵ.7tULEW non ricorre mai nel µ6v. Una traduzione analoga si ha in Mich. 6,
greco dcll'A.T., mentre 7ta.lnv o i suoi com- 16 (dove il parallelo ovElOTJ )..awv corrisponde
posti non servono mai a render hàlam. all'ebraico: tll'!Jerpal 'ammi), e in Ier. 18,16;
9 Giuseppe (ant.2,202) hn Èw(3pl~EW; egli pre-
19,B; 25,9.18. Inoltre uupl1:,EW rende tre volte
ferisce anche nltrove il concetto della hybris in Jiiraq in Geremia e in Lam. 2,15.
quanto capriccio o tracotanza; cfr. anche ani. 11 T.M.: Jiirat. Corrispondenza letterale in
2,54, a Ge11.39,17 (snf?aq = È!.l1to.l~Ew LXX). T eodozione.
211 {v,631) ÈIJ'ltttlSw l (G. Bertram) (v,632) 212

tore dei LXX deve aver avuto in mente baie da talal, ricorre solo in lob 17,2,
un concetto analogo a quello ora cita- dove i LXX seguono un altro testo, men-
to, se rende con ȵTICX.LSEL\I il verbo Sa- tre Simmaco traduce con rcapaÀ.oylì;E-
qaq, precipitarsi su qualcosa (questo <Ti>a.i, venire illusi, per cui anche qui ha
termine, ttadotto molto diversamente luogo la stessa congiunzione d'inganno
dai LXX, ricorre solo 6 volte nel T. e di scherno.
M.)•2. r) In Ecclus 8,4 riigal è tradotto con
q) In Ecclus 13,6.7 - dove è detto 7tpO<T1ta.lì;Ew. L'ebraico ba: «Non anda-
che i contatti amichevoli con gente re in giro (rgl) con lo stolto, perché egli
troppo diversa portano a illusioni; adu- non disprezzi le persone di nobili senti-
lazioni, brutti scherzi (Spq}, false spe- menti». I LXX hanno invece: «Non ab-
ranze, belle parole vuote, e rendono og- bandonarti agli scherzi con il maleduca-
getto di derisioni chi ci casca - nel to, perché i tuoi antenati non vengano
testo ebraico si hanno parecchi verbi offesi». L'uso del vocabolo risulta quin-
del nostro gruppo: hiital (tradotto dai di sbiadito in queste regole di vita, che
LXX con µuX"t'l]pll;nv [~VII, col.803] vengono proposte in testi parzialmente
in I Reg. 18,27 e con xauxfuri}a.i [ ~ malsicuri e che di volta in volta hanno
v, col. 294] in Ecclus II,4, e inteso di- in ebraico un senso diverso dal testo
versamente in Ecclus r 3 ,6 s. e reso con greco.
arcoxEvouv); 'aras, abbindolare, gabba- s) Fra le dizioni figurate bisogne-
re (?) 13 con Xa.'taµwxfuri}ai 14 , nua' rebbe menzionare anche a/filare la lin-
bero's con XtvEiv "t'TJV XE<pa.À.T)v. hiital è gua (Ps. 64,4; 140,4); ma in questi pas-
forse una derivazione secondaria dalla si si pensa più alla calunnia, o anche
forma hif'il del verbo tiilal, illudere, in- al sortilegio 15 e alla maledizione, che
gannare, il quale in I er. 9 ,4 è reso con non allo scherno. Difficile a capirsi, sia
xa."t'a.mciì;Ew, mentre Aquila ha rcapa.- nel T.M. che nei LXX 16, è Nah. 2,4.
À.oyiì;Ecri}m. La traduzione dei LXX fa t) In Ier. 2,16 il traduttore ha tenta-
capire che l'inganno del prossimo com- to di trasporre in greco la dizione ebrai-
porta sempre il disprezzo della persona. ca brucare il capo con xa."t'a.rca.lì;Ew. Il
Il sostantivo hatulim, beffeggi, devér- passo vuol dire che la popolazione è i-

I.? Ecclus 27,28 contiene una regola sapienzia- lo Cfr. H . SCHMIDT, Die Psalmen = Hand-
le che rientra in questo contesto: ɵ'ltat)'µÒ'- buch z.A.T. I 15 ( 1934), ad I. , e specialmente
xat bvELlituµòç v7tEpYJcpav~>, a meno che non S. MowINCKEL, Psalmenst11dien 1: Awiin und
si debba tradurre vrcEpl)cp&.vwv, «da parte die individ11ellen Klagepsalmen ( 1921 ), ad /.,
dei superbi». Però il dativo è reso più pro- per il quale i peccati di lingua consistono sem-
babile dal contesto: «Lo scherno e l'obbro- plicemente nell'uso delle formule magiche.
brio toccano {in sorte) al superbo». Cfr. R. t• Vedi H . GuTHE, in KAUTZSCH, ad I.; con
SMEND, Die W eisheit des ] erns Sirach erkliirt correzioni, F. HoRST-TH. H . RoBJNSON, Die
(1906), ad l.; preferisce la seconda lezione V. 12 klei11en Propheten = Handbuch z.A.T. I
RYSSEL, in KAUTZSCH, Apokr. u. Pseudepigr., 14 ( x938), ad l. Sulla costruzione dr. HELBING
ad I. 271 . Il traduttore dei LXX, invece del partici-
JJ Secondo SMEND, I.e. pio pu'al di ti' ( = vestito di scarlatto, hapax
legomenon), suppone probabilmente nel testo
11 Forse anche xa."t'a.µwxa'J'i>at intende rende- ebraico una forma di 11/, il cui hitpa'el è reso
re l'ebraico biital ed è integrato poi con &.1to· normalmente con ɵ'ltCtl!;Ew. Anche qui il con-
XE\IOVV, preso dal v. 5, dove sta per rfS, impo- cetto di scherno si avvicina a quello dell'orgo-
verire. Glio e della tracotanza (~ il~pLç) .
.213 (v,632) È!J.'ltal~w 1 -2 (G. Bemnm) (v,632) 214

nerme e abbandonata alla violenza e al- mxvyµ6c; in questo contesto è dimostra-


lo scherno dei nemici. La doppia tradu- to colla massima chiarezza dall'afferma-
zione con EY\IWO'a\I o-E x.a.ì x.a.-i:É7tm~6v zione: «coi loro stessi orrori li hai tor-
O'OV è forse dovuta a uno scambio fra rnen tati» 18. Lo scherno qui è una puni-
jed'uka e iir'uka. Il secondo verbo indi- zione per i peccati applicata a coloro
ca probabilmente il pericolo della vio- che ne sono colpiti.
lenza carnale a cui era esposta la gente Esso è invece da intendere come una
sottomessa, e allora anche il concetto di sofferenza imposta quale prova quando
scherno acquista un significato radicale sono gli empi che sottopongono i pii
consono al contesto. alla derisione e ai tormenti. È in que-
sto senso che il nostro gruppo lessicale
2. Il motivo dello scherno nella pietà ricorre nei libri dei Maccabei. In I
martirologica giudaica Mach. 9,26 è detto che Bacchide si ven-
dicò dei seguaci di Giuda Maccabeo e
Il nostro gruppo di vocaboli ricorre diede sfogo al suo scherno con grande
spesso nelle parti dell'A.T. scritte in tribolazione d'Israele. Nel passo cor-
greco o conservate solo nella traduzio- rispondente di Giuseppe (ant. r 3,4) si
ne greca. Anzi sembra che in questi li- trova significativamente: ò OÈ Bacravl-
bri si abbia una terminologia: speciale ~wv 7tpw-i-ov mhoùc; xat 'ltpòc; 1)80\llJV
sviluppatasi per opera della pietà pas- a.lxts6µa\loç. Questo corrisponde esat-
sionistica giudaica. Comunque i sostan- tamente al concetto di persecuzione del-
tivi Eµ7ta.Lyµa., ȵ1tmyµ6c;, ȵ'lta.tyµo- la pietà passionistica giudaica. In 2
vi), ȵ7ta.lx-i:l]c;, sono attestati soltanto Mach. 7,7.ro il vocabolo serve perfino
nei LXX e nel N.T. Unicamente o-uµ- a designare direttamente il martirio dei
1ta.Lyµ.6c; ricorre anche nel greco profa- sette fratelli. In 2 Mach. 8,17 si tratta
no, in un papiro precristiano 17 • invece della hybris contro il tempio, del
In Bar. 3,17 si vuol mettere in evi- ludibrio e del maltrattamento della cit-
denza la bybris del prepotenti, dicen- tà e infine dell'abolizione dei suoi isti-
do che questi dominatori della terra tuti: tutte azioni obbrobriose e umilian-
«schernivano gli uccelli sotto il cielo». ti per quelli che ne erano colpiti. Pari-
Diverso è l'uso linguistico di Sap. 17, mente in 3 Mach. 5,22 i ludibri di cui
7. Qui lo scherno consiste nell'ingan- si parla sono evidentemente torture cru-
no operato colle arti magiche. Inve- deli.
ce nel passo già citato (~ col. 208) di Qui dunque si trova un preciso uso
Sap. 12,25 s. l'autore dello scherno è linguistico dei nostri vocaboli, che ven-
Dio. Secondo l'autore le sue punizioni gono ad avere una loro funzione nella
hanno dapprima lo scopo di rendere ri- descrizione delle crudeltà pagane con-
dicoli gli uomini per far loro capire che tro i Giudei. Questo uso linguistico era
sono come bambini senza ragione. Se- stato preparato già dall'intera traduzio-
condo Sap. I 2 ,2 3 .24.2 7 è chiaro che an- ne dei LXX. Infatti il testo ebraico del-
che le piaghe con cui furono colpiti gli 1'A .T. non offre una base lessicale per
Egiziani avevano lo scopo di irriderli . il nostro gruppo di termini. È stato
(cfr. 11,15-12,2). Il significato di ȵ.- proprio il traduttore, spinto dalle sue

17 MouLTON-MILL. , s.v. È1..1.m.1.~yµ6ç: P. Tor. 1 11 ~ paa-avll;Ew u, col.I29 s.: p&.uavoc; ricor-


: VI 15 (117/II6 a.C.). ri! anche in Sap. 2,19 (in parallelo con vPptc;)
nel senso di derisione.
2.15 ( v,632) lµ1talçw 2-3 (G. Bertram) (v,633) 216

idee, a raccogliere sotto il concetto- ta se per la sua sconsideratezza o per la


chiave di scherno certi dati di fatto of· sua avventata presunzione o anche sol-
ferti dalla storia veterotestamentaria 20
della pietà giudaica. Però gli scherni e i tanto per lo scacco subito .
ludibri di cui qui si tratta non consisto· Tutti gli altri passi riguardano Gesù
no soltanto in parole, ma sono spesso a- stesso, in primo luogo nelle profezie
zioni, cioè torture umilianti che possono
della passione 21 . La terza e più estesa
arrivare al martirio. Con ciò il gruppo
lessicale di cui si parla si distingue spe- - Mt. 20,19 = Mc. I0,3~ = Le. 18,32
cialmente da µux~11pli'.;,Et'V e derivati e - contiene È(.'.7ta.lsEtV in tutti e tre i si-
anche da ùBpli'.;,~w; infatti questi si rife- nottici. In Matteo quest~ è posto sullo
riscono piuttosto a quell'atteggiamento
soggettivo degli schernitori verso le per- stesso piano di µ<lcr'l;t yovv e o"ta.upouv.
sone schernite, che si manifesta soprat- Marco ha ~µTCa.lsrn1, -tµ1.-tunv, µacr~L­
tutto nelle parole. youv e Ò:7tOX"tEt'VEL'V, ma in modo che
ÈfJ.7t~UEL'V e t..La.cr·nyouv possono essere
3. ȵmxlsw nel N.T.
intesi come una spiegazione di ɵ1ta.l-
Il gruppo lessicale di È(J.TCa.lsEtv non SELV. Luca invece h'.l il passivo di ȵ1tal-
è molto rappresentato nel N.T. Il ver- ~ELV, Ù~pli'.;,EL'V e ȵ"tùew; ma Ù~PLSEL'V
bo ricorre solo nei sinottici: in Mt. 2, va probabilmente inteso come sinonimo
i 6 si dice che Erode si vide beffato di ȵ1ta.lsEtv, di modo che gli sputi re-
( È'VETCG.l x»ri) dai Magi. Quindi il termi- stano l'unico tratto concreto dello scher-
ne è usato con un senso che corrisponde no; la flagellazione, espressa con un
all'incirca a quello di Sap. I 7 ,7 19• Se- participio aoristo, è accostata all'ucci-
condo Le. i4,29 chi s'impegna in una sione e con essa collegata. In tutti que-
costruzione e non fa bene i suoi calcoli sti passi gli autori dello scherno sono i
provoca lo scherno della gente, che ne pagani, a cui Gesù è stato consegnato.
mette in ridicolo l'incapacità di finire Anche nel racconto della passione
l'opera iniziata e la stessa persona che trc·,rasi una descrizione speciale della
presta il fianco alle critiche non impor- derisione di G~sù in Mc. r 5 ,16-20 =

19 Cfr. J. FICHTNER, W eisheil Salomos = posti è soggetlo allo scherno degli uomm1 e
Handbuch z.A.T. II 6 (1938), ad/., il quale in dei dèmoni. Cfr. CRAMER, Cat., a Le. 14,28.
Sap. 17,7 traduce con 'abbindolamenti' e si ri-
chiama a Mt. 2,16. B. W1nss, Mt.9 (1898), ad 21 Sulln derisione di Gesù dr. J.G. FRAZER,
I., cita Soph., Am. 799 (-> col. 204). ZAHN, The Go/den Bough' m (1923) 226·229 (con
Mt.' 108, ravvisa uno scherno subito dal re paralleli storico-religiosi e folkloristici) ; H .
Ero::le nella finta promessa di ritornare e nel REICH, Dcr Konig mii der Domenkrone: N.
rdativo inganno. Jahrbuch. dc5 Klass. Alt. 7 ( 1904) 704-732;
2.1 Uno scolio di Hagios Maximos applica que- G. BERTRAM, Die Leidensgeschichte Jern 11.
sta similitudine alla torre costruita dalla gnosi der Christ11skul1 ( 1922) 72 s. 79-85; R. DEI.-
cristiana. Per compirla occorre acquistare umi BRUCK, Antiquarisches w den Verspo/fu11gen
certa sapienza. Chi non ne possiede i prcsup- ]em: ZNW 41 (1942) 124-145.
217 (v,633) É1..m(J_l1'.,w 3 (G. Bcrtram)

Mt.27,27-31 ad opera dei soldati, che lo non farebbero che precisare la flagella-
rivestono del manto purpureo, gli im- ;.:ione ivi mcnzio:1ata, dc;;crivendo la de-
pongono la corona di spine, lanciano gri- risione e le successive percosse. Non si
da di evviva, lo percuotono colla canna, può decidere con certezza se i soldati se-
lo sputacchiano e gli tributano la pro- guissero in questi scherni un'usanza (re-
skynesis (adorazione) 22 • Solo Matteo ligiosa) determinata, per esempio l'uso
aggiunge che la canna con cui Gesù ve- persiano del sacrificio dei Saccei, oppure
niva percosso teneva il posto d'uno se si limitassero a dileggiare a piacimen-
scettro. Nei racconti evangelici non è to il supposto re dei Giudei. Il frainten-
detto esplicitamente che la corona di dimento della pretesa messianica di Ge-
spine costituisse una tortura speciale, sù sarebbe in ogni caso sufficiente per
come più tardi è supposto dalla tradi- spiegare questa scena.
zione artistica cristiana. Matteo e Mat·- Una scena simile era già avvenuta,
co non dicono espressamente neppure secondo Mt. 26,67 s.; Mc. r4,65; Le.
quale fosse la successione e il rapporto 22,63-65, durante l'interrogatorio da·
tra la flagellazione e l'irrisione di Gesù. vanti al sinedrio. Anche lì sono men-
Più chiaro su questo punto è il passo di zionati alcuni particolari : Eµ'lt-CUEW 25 ,
Io. 19,r-3 23 , dove appare che il µa<r-c~­ xoÀaqil~Ew (ry v, coll. 749), paTClsEw
youv (~ VI, coll. 1398 s.) prese forma ( paTCl<rµaow Àa~Ei:v ). Solo Luca us11
di un tµ1ml~E~\I, che cioè i soldati non Eµ'ltalsELV per riassumere tutta la sce-
si limitarono ad eseguire la condanna na, e cosl ne sottolinea la somiglianza
alla flagellazione, ma schernirono e sot- evidente coll'irrisione dei soldati, ben-
toposero a ludibrio il prigioniero, men- ché qui, più che il re, s'intenda offende-
tre lo colpivano. Probabilmente questo re il profeta 26 •
è anche il presupposto dei sinottici 24 • Secondo Luca - la cui descrizione è
Così le parole che seguono a Io. 19,r diversa da quella di Matteo e Marco

2l In Philo, Flacc. 33-34, si ha il racconto de· 'lt(l_LOEVW (~ coli. 177 s., n. 160).
gli scherni subiii dal re Agrippa I in Alessan- 2
~ Anche nel ca:Jto del Servo di Jahvé in Is.
dria, che viene spesso addotto come parallelo.
50,6 si distingue fra i colpi dei flagelli e delle
Però in quel caso si trattava d'una dimostra· fruste e gli schiaffi.
zione antisemitica della popolazione di quella
metropoli, senza degenerazioni violente. 2s Gli sputi si -trovano anche in l_s_ 50,6.
21 Così pure il Vangelo apocrifo di Pietro . Pe- i :; Cfr. la variante del cod. D a Mc. 14,65 e
rò il ten)'linc ɵmi.il'.,ELv manca sia in Giovan· WELLHAUSEN, Mk., ad l . , il quale sostiene eh::
ni sia nel Vangelo di Pietro. µacr·nyovv ri- il significato originario di questa scena sta nel·
corre nelle profezie della passione e nella pre- l'intenzio11e degli sgherri di far passare a Ge·
dizione dcl destino dei discepoli in Mt. 20,19; sù la voglia di profetare; 3li sgherri avrebbero
10,17 ccc. In Mt. 27,26 e Mc. 15,15 si ha cpp11.- dunque chiesto ironicamente che Gesì1 profe-
yEÀ.Àovv; dr. CjlpayÉÀÀ.Lov in lo. 2,15. Vedi tasse.
ȵnail;w 3, ȵna~yµov1) (G. Bcrtram} (v,635) 220

anche per altri aspetti - questa deri- 41 ). Parlando dei dileggi del popolo,
sione ebbe luogo come passatempo del- Luca ( 2 3 ,3 5) usa il termine Èxµux·nwl-
le guardie durante la notte, prima della çEL\/ (~ vn, coll.637s.), mentre Mar-

decisiva sessione mattutina del sinedrio. co e Matteo descrivono con ȵmxl~ELV


Invece in Matteo e Marco l'interroga- il contegno dei sommi sacerdoti e degli
torio e la condanna precedono la deri- scribi 30 • Per essi è uno scherno la croci-
sione e sembra che i giudici stessi ab- fissione dell'innocente fra i malfattori,
biano espresso il loro disprezzo con l'iscrizione posta sulla croce e il com-
scherni e dileggi 27 • In questi passi non portamento della gente sotto di questa.
è usato ȵ1tcxlse:~v, tuttavia vi si trova- Comunque, così si compie in Cristo
no i termini che attribuiscono al mar- quello che già la storia giudaica dei
tirio dell'uomo pio il carattere della de- martiri insegnava (~ coll. 213 ss.): il
risione: Gesù viene sputacchiato, mal- martirio è un ȵnavyµ6ç, in quanto è
menato, dileggiato in quanto profeta e un atto brutale di violenza che esprime
percosso 2B. l'atteggiamento peccaminoso e il senti-
Infine ȵ1talse:w compare ancora una mento colpevole con cui Io schernitore
volta, accanto a è!;ouaE\/E~\I (disprezza- reagisce contro chi gli porta la rivela-
re), in una narrazione che trovasi sol- zione. L'uso di ȵ7taisEtV nel racconto
tanto in Luca (23,n). Erode scherni- della passione del Signore si spiega con
sce Gesù insieme coi suoi soldati. An- questo concetto, che già era stato svi-
che la veste che gli vien fatta indossa- luppato. e improntato dalla pietà passio-
re deve servire allo scherno, e così tut- nistica giudaica.
ta la scena sembra «un preludio della
derisione e del travestimento di Gesù t ȵnatyµovf], t Èp.natyµ6ç,
da parte dei soldati di Pilato, che Lu- t Eµ·mtlx·n1ç
ca non racconta» 29 • L'importanza di ȵna.lsEtv per il N.
Il tema della derisione ricompare una T. è provata dal fatto che da questo
terza volta in tutti i sinottici nella scena termine si formano dei neologismi. Dal-
della crocifissione (Mc. 15,31; Mt. 27 1 l'A.T. vengono presi ȵmxtyµ6ç (per

27 In Mc. 14,65 i 'servi' sono menzionati e- 36 s., dove trasforma in derisione il racconto
spressamente accanto all'indeterminato 'essi' della bevanda offerta a Gesù. In Ml. 27,34
( 'T~VE<;). questo costume umanitario, riferito forse retta-
28 Cfr. anche Is. 50,6. Anche ~Àa!lq>TJµEtv (~ mente da Mc. 15,23, diventa dileggio sotto
Il, coll.279ss.) e BÉpew ricorrono comé termini
l'influsso della profezia veterotestamentaria
tecnici della passione di Gesù e dei discepoli. (Ps. 69,22). Sullo svolgimento successivo del
motivo della derisione dr. anche W. BAUER,
i·i ZAHN, Lk., ad l. Das Leben ]e111 irn ZeiJa/ter der nt.lichen A-
:io Luca usa ancorn una volta il termine in 23, pokryphen (1909) 199-207.
221 (v,635) ɵmnyµovn (G. Bertrnm) (V,635) 222

es. ljJ 37,8; Ez. 22,4) e ȵ7ta.lx-tt)c; (Is. tologia della chiesa 2• In ogni caso l'au-
3,4). ȵ·mxlsEL\I è complessivamente ri- tore della 2 Petr. ba inteso Iudae 18 in
servato alla descrizione della passione questo senso. Però in origine il concet-
di Cristo e non è usato, all'inizio, né per to di schernitore deve aver avuto un
i discepoli e seguaci del Signore, né per senso più generale. Schernitore è l'av-
i cristiani in generale. Comunque Hebr. versario dell'uomo pio, e se è vero che
r r ,J 6, alla luce sia del contesto genera- per ogni tempo e ogni tendenza della
le sia del contenuto concreto, è da rite- chiesa ci sono degli oppositori partico-
nersi l'espressione d'una religiosità mar- lari che essa condanna, la qualifica di
tirologica cristologicamente impronta- schernitori non signiflca che questi av-
ta. Qui si parla del martirio delle perso- versari abbiano schernito determinate
ne pie dell'A .T., che nella visuale di dottrine e opinioni della chiesa, ma in-
Cristo può essere definito un ɵmt.Ly- tende dire che l'atteggiamento di que-
µwv xcct µa.-:r-tlywv 1tEi:pa., «una prova sti uomini è ostile alla rivelazione, come
di scherni e flagelli». La dizione fa da i casi citati in Iudae 4 ss. dimostrano.
parallelo all'ovELOL<rµòc; -tou XpLcr-roG, Nel N.T. gli schernitori sono i nemici
«obbrobrio del Cristo», di Hebr.11,26. della croce di Cristo (Phil. 3,18; cfr.
Anche i termini ȵ7trLLyµov1) (dileg- Gal. 5,u; 6,12 e anche r Cor. r,23).
gio, scherno) ed ȵrw."Lx-raL {schernito- Come tali dovranno essere considerati
ri) ricorrono soltanto una o due volte gli avversari di cui si parla nella Lette-
nel N.T.: in Iudae r8 e in 2 Petr. 3,3 ra di Giuda, e anche l'impiego. speciale
(ɵita.Lyµov1) manca nei codd. K e al- del termine nella 2 Petr. non dev'essere
tri, ma la cosa non ha importanza). Gli isolato da questo concetto fondamenta-
schernitori di cui parlano I uda e r 8 e il le del N.T. Infatti è in questo senso
passo parallelo di 2 Petr. 3,3 erano pro- che nella storia della passione il con-
babilmente dei libertini gnostici 1• Il lo- cetto di scherno ha ricevuto la sua de-
ro scherno riguardava forse il ritardo terminazione biblica defìnitiva.
della parusia e così colpiva tutta l'esca- G.BERTRAM

lµna~yµovn nÀ.
1 WINDISC:H, Petr., n 2 Petr. 3,3. 2 \VJNDISCH, Kalh. Br., :i ltufae 18.
223 (v,636) "ai:ç (A. Oepkel (v,636) 224

mx.i:ç, t 7trLtÒlov, t 7tatocip1.ov,


"t'Éxvov, 1· "t'Exvlov, t (3pÉcpoç

-7 uL6ç 3, la riscoperta del bambino nell'ellenismo;


4. giudizio etico-religioso;
SOMMARIO : 5. il bambino nel culto.
Il. Il bambino nell'A.T. e nel giudaismo:
A. Questioni lessicali. la considerazione religiosa della prole;
I.
B. Il bambino nella società, nella religione, la valutazione del bambino;
2.
11cll'etica: 3. la partecipazione dei bambini alla vita re-
L Il bambino nell'antichità: ligiosa.
1. originaria stima positiva; III. Il bambino nel N.T.:
2. decadenza e reazioni dal tempo dell'età 1. l'accettazione del bambino come creatura
classica; di Dio;

7trlt<; X't' À.. 324-352; fo., Mutter Erde, ARW 8 Beih.


(1905); A. 0EPKE, 'AµcptitaÀEi'ç im griech.
Per A: und beli. K11lt: ARW 31 (1934} 42-56; E.
LIDDELL-SCOTT, WALDE-POKORNY, PREUSCHE~­ GROAG, art. 'Camillus': PAULY-W. III 1431 s.;
BAUER, s.v. C.G. JuNG-K. KERÉNYI, Einfiihru11g i11 das
Per BI: \Vesen der Mythologie. Gottki11dmythos. E-
H. PREISKt:R, Nt.liche Zeitgeschichte ( 1938) lcusitJische Mysterie11 ( 1941) 41-102 (4' ed.
22; ]. LEIPOLDT, Das Kind in der alte11 lVelt [ 1951] non accessibile); E. NoRDEN, Die Ge-
(senza data); P. STENGEL, Die griech. Kultus- burt des Kindes = Studien der Bibliothek
altertiimer' (1920) 38.w9.215.228; I.v. MOL· Warburg 3 ( 1924).
LER-A. BAuER, Die griech. Privai- 1111d Kriegs- Per B 11 :
altertumer 1 (1893) 147.154-184; H. BLUM· ]. BENZINGER, Hebriiische Archiiologie' (1927}
NER, Die romische11 Privataltertumer ( 19n) 121-130; · J. HEMPEL, Golf und Mensch im
304; O. SEECK, Geschichte des Untergangs A.T. ', BWANT 3 F 2 (1936) 193 s. 197 s.
der antike11 \Veli 1' (19ro} 337-390; O. V. 234.275; R. MBYER, He/lenistisches in der
ALLMEN, Das Kind in der epischen Dich· rabb. A11thropologie ( r937) spec. 87 .88.103-
tung der Grieche11, Diss. Bern (1923) J. OvER· 114; STRACK-BILLERDECK, indice s.v. 'Kind'.
BECK, Die Entdeckung des Kindes im I. ]hdt Per B III:
n. Chr. : NJbchKIAlt 27 Bd 54 ( 1924) 1-8; A. 0EPK.E, Jesus und das Kind: AELKZ 65
]. XIROTYRIS, Die AuOasstmg vo11 Kind u11d (1932) 33-36.55-59.74-78; }OACH. }EREMIAS,
Ki11derleben bei de11 griech. Romanschrifstel- Hat die Urkirche die Kinderlaufe geiibt? 2
lern der Spiitantike, Diss. Miinchen (1936); D. (1949) (con bibliografia completa).
HEUDACH, Das Kind in der griech. K1msf,
Diss. Hcidelberg (1903); M. QuATEMBER, Die Per B rv:
Darste/Jung von Mutter umi Kind in der An- R. B. ToLLINGTON, C/ement o/ Atexa11dria
tiken Ku11st, Diss. Wien (1948); H. DEVRIENT, (1914) 270-302; J. BINGHAM, Origines sive
Das Kind 011/ der antiken Buh11e: Jahresbe- Antiquitates ecclesiasticae, trad. lat. di J.H.
richt Weimar (1904); O. KoHLBR, Dc Haulon- GRISCHOVIUS, spec, II (1725) 8.34-35; lii
timorume11i Tere11tia11ae composi/ione, Diss. (1727) 48; IV (1727) 349-350; VI (1728) 391;
Leipzig (1908) 21; K. LATTE, Schuld und F .J . D5LGER, Sol salutis 2 (1925) 124 .86-97;
Siinde in der griechischen Religio11 : ARW 20 J. QuASTEN, Musik tmd Gesa11g i11 de11 Kul-
(1920) 254.282; G. VAN DER L1rnuw, Virgi· len der heidnische11 Antike u11d chr. Friih-
11ibus puerisque ( r939) 13-24.33; L. DEun- 1.eit (1930) spec. 133-141.
N.ER, Attische Feste (1932) 142.199; A. DIE· Per C:
TERTCJI, Snmmertag: Kleim: Schrifte11 ( 191 J) J.GoTTSCHICK, nrt. 'Kindschnft Gottcs' : RP
1tO:L<; A 1-2 (A. Ocpkc)

2. accettazione dell'indole infantile? pusus, pusillus, puella 1• 7tcx.'Lç è general-


3. il bambino nell'economia salvifica di Dio. mente maschile: ragazzo; in una legge
IV. La chiesa antica e i bambini: coloniale della Locride è opposto a x6-
1. il bambino come creatura di Dio; pa. 2 • In Horn., Il. l,20.443 e passim:
2. il rapporto con il bambino; ragazza, figlia; in Gen. 34,4, cod. B
3. il bambino nel culto; funzioni clericali; (cod. A: 7tctiolo-x-ri) rende jalda, in
battesimo e comunione dci fanciulli .
Deut. 22,28 na'ara: giovinetta, ragazza;
C. La figliolan:ca di Dio: in Le. 8,5i.54 si tratta di una dodicen-
L I nessi storico-religiosi. ne. Significati di mx.~ç: a) rispetto all'e-
II. La figliolanza di Dio nel N.T. tà: fanciullo (iscrizioni, papiri); usato in
III. La figliolanza di Dio nella chiesa. senso ironico (Horn., Od. 4,665) o non
ironico (Prov. I,4}. Può indicare il ra-
gazzo dai 7 ai 14 anni, distinto da
A. QUESTIONI LESSICALI quello sotto i 7 (m.<iolov) e dal giova-
r. 0pÉ<poç: il termine ricorre già in
ne di 14-21 anni (µELpchLov): Hip-
Omero e Pindaro ed è attestato anche pocr., de hebdomadibus 5 3 ; dr. Xe-
nei papiri; significa piccolo, feto, di a- noph., Cyrop. 8,7,6; LXX: Prov. IA
nimali (Horn., Il. 23,266) o di uomini (che altrimenti distingue con maggior
(Ecclus 19,11; Le. 1,4r.44), fanciullino, esattezza tra 7tctLolov, Tia.LÒapLov, vm-
lattante, neonato (1 Mach.1,61; 2Mach. vlaxoç). Nel N.T. è usato per indicare
6,ro; 4 Mach. 4,25; Ios., bell. 6,205; neonati (Mt. 2,16), adolescenti (Mt. 17,
Le. 2,12.16; 18,15; Act. 7,19); &:1tò 18; 21,15; Le. 9,42), Gesù dodicenne
~pÉ<pouç, fin dalla più tenera età (2 Tim. (Lc. 2,43: 'I11a-ouç ò 7trtt<;), il giovinet-
3, 15); come metafora: Wç ap·nyÉWT)- to Eutico (Act. 20,12; cfr. v. 9: · vw.-
"t'CX. ~pÉq>T),
«come bambini appena na- vlaç). h) Rispetto all'origine: figlio
ti» ( 1 Petr. 2,2 ). (Horn., Il. 2,205; Thuc. l,4; in iscrizio-
ni e papiri); nei LXX traduce ben solo
2. 7tcx.t<;: forma primitiva 1w.f~ç; su in Prov. 4,r; 20,7; na'ar in Prov. 29,
vasi abbiamo la forma 7tctu<;; da una 15; Iob 29,5; = vl6c; in Io. 4,51 (dr.
radice pou, pau, pu (piccolo, poco): dr. vv. 46 s. 50); potrebbe essere questa
pauper, paucus, parvus, paulus, puer, l'accezione anche in Mt. 8,6.8.13, ma

x 291-304; E. W1SSMANN e S. EcK, art. schaft'; In., art. 'Adoption' : RAC I 103-112,
Goueskindschaft': RGG' n 1394-1401; J. spec. 106-109; In., Jesus tmd der Gottesvolk-
HEMPEL, Goti und Mensch im AT', B\Xf ANT gedanke: Luthcrtum (NkZ N.F.) 53 ( 1942) 33-
3 F 2 (1936) 55.170-178; BouSSET-GRESSM. 6.z.
377 s. ; STRACK-BILLERBECK r 219 s. 371. 392- H. KLEINKNECHT e altri ci hanno offerto indi-
396; li 49 S. 360 s.; Ill 15-22 ; R. GYLLENBERG, cazioni e suggerimenti preziosi per la biblio-
Gott der Vater im A.T. tmd in der Predigl grafia e per l'articolo. Non abbiamo potuto in-
]esu: Studia Orientalia I (r9.z5) 51-60; J. LEI- dicare ogni volta il nostro debito.
POLDT, Das Gotteserlebnis ]esu im Lichte der
vergleichenden Religionsgeschichte, Angeles· l WAI.DE-PoK. 11 l5s.; A. WALDE-] .B. Hor-
Beih . 2 (1927) spec. 5.15.22.28-32; A. HAR- MANN, Lat. ctymologisches worferbuch J Il
NACK, Die .Terminologie der \Viedergeburt ( 1950) 382 s. 392 s.
1md verwa11dter Erlebnisse in der iilteste11 Kir- 2 U.v. WILAMOWITZ-MOELLENDORFF, Ei11 Sied-
che: TU 42,3 (1918); W. GRUNDMANN, Die ltmgsgesetz aus \Vest-Lokris: SAB ( 1927) 7 ( v
Go1teskindscha/t in der Geschichte ]em und scc. a.C.).
ihre religiv11sgeschichtliche11 Voraussetw11gen
(1938); 0EPKE, Gl., indice s.v. 'Goncskind- J Ed. E. LITTRÉ Vlll (1853 ) 636,20.
227 (v,637) r.a.~ç A 2-3 (A. Ocpke) {v,637) 228

probabilmente si tratta del significato òa.ç crw-ti]pa.c; ai «figli umani»: traspa-


seguente. c) Rispetto alla condizione so- re qui un mito del dio bambino (--)
ciale: garzone, servo, schiavo (cfr. il col!. 233 s.)?
tedesco Knappe o anche l'italiano 'ra-
gazzo', 'garzone'). Questa accezione non 3. mx.~olov: diminutivo del vocabo-
si riscontra in Omero, ma ricorre in lo precedente: bambino, fanciullino.
Aesch., Choeph. 653; Aristoph., Ach. a) Rispetto all'età: Hdt. 2,n9; Ari-
395; nub. 132 accanto a 1ta.Lolov; Plut., stoph., pax 50; nelle iscrizioni; neonato:
Alcibiades 4 (I 193 d); adulat. 24 (n Hdt. 1,no; Gen. 17,12; 21,8 (rende
1
65 c); 31 (II 70 e); Ditt., Syll. 96,26; jeled); lo. 16,21; Mt. 2,8.9.1r.13 s. 20
spesso nei papiri. Nei LXX è l'uso pre- s.; Lc.1,59.66.76.80; 2,17.27.40; Hebr.
dominante: rende generalmente 'ebed 11,23; anche un bambino già grande,
(aramaico 'abed), più volte anche na'ar; fino a 7 anni secondo lppocra te (--)
non è usato in 2-4 Mach. né in Sapien- sopra, mx.i'..; a; cfr. Philo, op. mund.
tia: in Sap. 2,13 potrebbe significare 105): Gen. 45,19 (!a/); Mt. 11,16 par.;
servo di Dio (~ col!. 268 ss.), come r4,21; 15,38; 18,2 ss. par.; 19,13 s.
in Bar. 2,28.20 sono chiamati Mosè e par.; Mc. 5,39 ss.; 7,28.30; 9,24. b)Ri-
i profeti, ma potrebbe anche voler di- guardo all'origine: Le. u,7; Io. 4.49·
re semplicemente figlio di Dio facendo Son chiamati cosl i figli di Dio o di
riscontro a Sap.2,16.18 secondo 9A; 12, Cristo: Hebr. 2,13 s. (interpretazione
7; 19,6. In Le. 7,7 = oouì..oc; (cfr. vv. neotestamentaria di Is. 8,18). c} Riguar-
2.3.8.10) e tale accezione è sicuramen- do alla posizione sociale: come 1ta.~c; e
te presente anche in Mt. 8,6.8.13; Le. {--) sopra): Aristoph., ran. 37; nub.
15,26; 12,45 (con 1tfX.LOloxr1). mitÒEc; 132. In quest'accezione il termine non
indica i cortigiani di un re: non è pro- ricorre nei LXX (lud. 19,9, var.) e nel
babile quest'accezione in Diod. S.17,36. N.T.
76, ove si tratta di schiavi, ma ricorre in In senso traslato: a) per indicare
Gen. 41,10.37 s.; l Bacr. 16,15.17; lEp. un'intelligenza ancora limitata, come
43 (36)a1; 44(37),2 (rende 'abadlm); vi}moc; (~ vm, coll. 947 ss.): I Cor.
I Mach. 1 ,6.8; Mt. 14,2. Il nostro vo- 14,20 (~ col. 261). b)Termine affet·
cabolo è usato anche per indicare l'ap- tivo con cui il padre spirituale si rivol-
partenenza ad una categoria (1tct.t8Ec; ge a coloro che gli sono affidati: il Cri-
pl')-copwv, oratori; 1ux.t8Ec; 'AcrxÀTJ1ttOU, sto risorto chiama cosl i discepoli (Io.
medici: non si tratta affatto di semi- 2 x,5 ), un catechista i suoi ascoltatori o
tismi) e, nella Bibbia, il rapporto di lettori (r Io. 2,18; 3,7 .[variante]).
uomini, angeli e anche dell'Eletto, del Questo significato è certamente presen-
Cristo, verso Dio: sembra prevalere te anche in I lo. 2,14; 2,12 (variante)
qui l'accezione e, ma non è sempre perché, se si fosse voluta indicare l'età,
possibile distinguere con sicurezza tra la sequenza 'ltmola, 1tct.-cÉpEç,, \IEa.vlrrxo~
e e b: --) 1tct.tç ikov. Il significato b è sarebbe piuttosto strana. In questi pas-
usato metaforicamei1te per indicare il si l'autore si rivolge prima a tutti i let-
prodotto intellettuale (opere letterarie tori presi insieme (figli miei) e poi di-
o leggi). Plat., symp. 209 d.e pensa che stingue i due gruppi di età (vecchi e
chiunque dovrebbe preferire tali 1tCl.L- giovani) 4 • Quest'uso nel N .T. è caratte-

4Cfr. Bi.icHSEL a I lo. 2,12.14; F. HAuCK, Die Deutsch) a I Io.2,u contro WrnruscH, Joh-br.
Briefe des Pt., Jak., ]ud. und ]oh. (N.T. a 2,12-14.
mii:c; A 3-5 (A. Oepke)

ristico ed esclusivo degli scritti giovan- testo il vocabolo può significare figlio
nei. in senso stretto (P. Gen. 74 ,1 ss.; P .
Amh. 136,1 s.; P. Oxy. VI 930,18). Nei
4. 1t(lLOapwv: un altro diminutivo di
LXX 'tÉXvov corrisponde a 1 l .diversi
mii:ç usato già in Aristofane e Platone;
vocaboli ebraici, ma rende prevalente-
ricorre anche nelle iscrizioni e nei pa-
mente ben.
piri ed è frequente nei LXX. Acce-
zioni: a) per indicare l'età: ragazzino,
Nel N.T. il vocabolo ricorre sia nel
bambinetto: Aristoph., av.494; Pl.536;
senso comune sia in sensi partico-
Ex. 1tmO(lplou, «fin eia bambino»: Plat.,
lari, con uguale frequenza. Mt. 7 ,1 l e
symp. 207 d; Mt. u,16 (lextus recep-
tus ); adolescente, giovinetto: Gen. 37,
Le. 11,r3: 'tà. 'tÉXV(l, Ùp.wv, «i vostri
figli»; Mc. 7,27: .ò &p-toç 't'WV i:Éxvwv,
30 (un diciassettenne: cfr. v. 2); Tob.
«il pane dei figli l>; Act. 21,5: crÙ\I yu-
6,2 s.; forse anche Io. 6,9 (se non si
vm~t X(l,t 't'ÉXVoLç, «con mogli e figli»;
tratta del significato seguente). b) Per
2 Cor. 12,14: (ih1craupl(,ew) ol yovEi:ç
indicare la posizione sociale: giovane
'to~ç 't'Éxvoiç, «sono i genitori che de-
schiavo, schiavetto: Aristoph., PI. 823.
vono mettere da parte per i figli». Ab-
843; Athen. 5,32 (pp. 200 s.); Xenoph.,
biamo l'accezione figlio in Mt. 2r,28 a;
Ag.1,21; I Bacr.25,5; Ruth2,5 .9; mart.
Apoc. 12,5; anche come appellativo af-
Polyc. 6,1; 7,I.
fettuoso (Mt. 21,28b; Le. 2,48; 15,31)
5. 't'ÉXVOV: dalla rndice 't'EX (cfr. 't'LY..- e come immagine (I Thess. 2,II; I Cor.
i:w, 'generare', 'partorire'): il bambino, 4,14; 2 Cor. 6,13; Phil. 2,22). In senso
con risalto dell'idea di origine (embrio- più lato, prole: 'Pa:;·çf)À ùai.oucra 'tÒ.
ne, feto: Barn. 19,5; Did. 2,2). Horn .. -rÉxva aÙ't'TJC,, «Rachele che piange le
Il. 2, l 36: &Àoxot xat vi}ma 't'Éxva., «le sue creature» (Mt. 2,18); 27,25; A ct.
mogli e i figlioletti balbettanti»; 't'Éxwx 2,39(?); 13,33. È in questo senso di
xa.ì. yvvaixEc,, «i figli e le mogli»: Hdt. prole, discendenti, che si parla di «figli
l ,164; 2,30; Ditt., Syll.' 569,ro (Cos, d'Abramo» sia in senso concreto (Rom .
III sec. a.C.); yuva.i:xEç xa.t 't'Éxva, «le 9,8: 'tà. -cÉ:x:va 'tfjç c;apx6ç, «i figli del-
donne e i figli» : Hdt. 6,19; BGU VIII la carne»), anche come apostrofe (Le.
181 l,5; Democr., Jr. 208 (Diels ' Il 187, 16,25), sia in senso spir ituale: Mt . 3,
l 6 s. ): 'Jt(l,'tpÒç crwcppOO'UVi') µÉyLO''t'OV 9 ; Le. 3,8 ; lo. 8,3 9; Rom. 9,7 ( = utot
't'ÉXVOLç 1tap6:-yyEÀµa, «l'assennatezza 'A~pa6:µ : Gal. 3,7; 'tou 'Afjpaaµ 0'1tÉp-
del padre è massimo comandamer:to p.a. : Gal. 3,29). Le cristiane giuste so-
per i figli» (cfr. Jr. 222 = Diels" u no figlie di Sara ( r Peti-. 3 ,6 ). 't'Éxvov ha
I 90,1 s. ). Nella prosa attica il nostro un senso più ampio della parentela di
termine è usato meno di 1tai:ç, ma pu- sangue quando è usato come appellati-
re è frequente in Senofonte (per es., vo confidenziale per estranei (Mc. 2,5;
resp. Lac. l,8); Lys. 2,74; Demosth., Mt. 9,2; cfr. i}uychi'JP: Mc. 5,34 par.)
or. 11,9; anche IG' IV (1) 122,82 (Epi- o indica, per estensione, il rapporto del
dauro, rv sec. a.C.); P . Petr. 3 p. 237 figlio spirituale verso il suo maes tro o
(III sec. a.C. ). In Omero il vocabolo è apostolo (Preisendanz, Zaub. IV 475;
usato soltanto come espressione gentile i:Éxvov Év xvplcp, «figlio nel Signore»: I
rivolta ad adulti e con un attributo al Cor. 4, l 7; Èv 1tlcr-.EL, «nella fede»: r
maschile: cplÀE 'tÉxvov, «figlio caro» Tim. 1,2; xai:à. xotvl}v 1tlcri:LV, «per la
(Il. 22,84; Od. 2 ,363 ecc .). Il pronome fede comunel>: Tit. I ,4; al plurale: 3 Io.
relativo che segue può essere maschile 4). È anche usato come forma allocuto-
o ;rnche femminile. A seconda del con- ria, al singolare (Ecclus 2,1; 4,r e pas·
231 (v,638) 7tet.~<; A 6-B 1,1 (A. Ocpke) (v,639) 232

sim; Corp. Herm.13,2 a.b; Preisendanz, 78; Heliodor., Aeth. 7,12; P. FJor. 365,
Zaub. xm 226.233.742.755; I Tim . 1, 15 (m sec. a.C.); P. Oxy. XIV 1766,14
r8; 2 Tim. 2,r; Did. 3,i.3-6; 4,1) o al (III sec. d.C.). Manca nei LXX e nella
plurale (Mc.10,24; Barn. 15,4). Si perpe- letteratura protocristiana fuori del N .T.
tuano qui l'idea di genealogia e l'analo- Nel N.T. ricorre soltanto al vocativo
gia con antichissime concezioni dell'ado- plurale come forma allocutoria confi-
zione in parte di tipo più orientale ed denziale di Gesù o di persone con auto-
anche ebraico, in parte di tipo più elle- rità e funzioni apostoliche ai loro figli
nico, che vengono però ad assumere un spirituali: 'tEX'Vla: Io . 13,33; r Io. 2,12
colorito cd un'impronta particolad per (variante: 1ta~&la, non 'figli' in senso
il contesto escatologico cristiano, come è proprio,~ coll. 228 s.; 2,28; 3,7.18; 4,
chiaramente rilevabile dalle locuzioni fi- 4; 5,21; "t'EX\llo. µou: Gal. 4,19 (varian-
gurate di Gal. 4,19 e Philm. ro (cfr. I te); I Jo. 2,I .
Cor. 4,15; I Thess. 2,7) 5• Nell'aUego-
ria di Gal.4,21-31 l'uso del termine (vv.
25 .27.28.31) è condizionato dal testo, B. IL BAMBINO NELLA SOCIETÀ, NELLA
ma è affine a quello comune, presente RELIGIONE, NELL'ETICA
anche altrove, per cui i membri di una
comunità ne sono considerati figli ( 2 I. Il bambino nell'antichità
Io. 1.4.13; Herm., vis. 3,9,1.9). Con la
medesima immagine e vivacità si espri- 1. Originaria stima positiva
me il rapporto con la sapienza (Le. 7,
35; Mt. II,19 [variante]), ma anche Nel mondo mediterraneo pre-elleni-
quello con un'eresia od una falsa pro- co, nella Grecia più antica ed anche, in
fetessa (Apoc. 2,23). Con espressione e- parte, nel periodo classico, i figli ed in
braicizzante gli abitanti di Gerusalem- particolare i figli maschi, sono desidera-
me vengono detti suoi "t'Éx'Va: Ioel 2 1 ti perché significano un aumento del-
23; Zach.9,13; Bar-4 19.21.25; I Mach.
1 le forze produttive, del potenziale bel-
1,38; Mt.23,37; Lc.13,34; 19,44; Gal. lico ed anche del nome e dell'onore
4 1 25 . Sono ebraismi anche le locuzio- di una famiglia (Horn., Il. 2,701; 6,
ni "t'É~'Va cpw'toc; (Eph. 5 ,8 ), òpyfic, 476 ss.; Aesch., Ag. 898; Eur., lph.
(Eph. 2,3), Ù7tu.xofic; (I Petr. l,14), xu.- Taur. 57; Ion. 475 s.). Ancora il dio di
'tapac; (2 Petr. 2,14), aya1t1}C, (Barn. 9, Epidauro dona i figli come il devoto li
7 ), ckya7t1)c; xat d.piJ'Vl'JC, (Bam. 21 ,9 ), desidera 6 • Persino nel romanzo elleni-
EÙcppoCTUVl)C, (Barn. 7,1), cpw'tÒC, 1H:r1- stico la nascita di un bambino di alti
1Mac; (lgn., Phld 2,r ). natali è salutata dalla città con una fe-
sta gioiosa e dal vicinato con delega-
6. "t'EX'Vlo'V: diminutivo tardo e raro zioni che si congratulano con la fami-
di "t'ÉX'VO'V, usato nel parlare ai bambi- glia 7 • Idee simili hanno pure i Roma-
ni: piccolino, figliolino. È usato da un ni, ma in forma meno personale; da
tragico o comico anonimo nel frammen- T ertius o da Quintus in poi il genitore
to letterario P. Lond. 1 84; Epict. 3,22, romano numera soltanto i maschi. A

s Più precise indicazioni in A. 0 EKPE, art. to il desiderio di avere figli maschi, nel mira-
'Adoption': RAC 1 109. colo 2 la richiesta di una bambina.
6 R. HERZOG, Dìe \'Vu11derheilu11ge11 0011 Epi- 1 Chariton 3,7,7 (Erotici Scriptores Graeci, ed.
dauros ( 193 I); nei miracoli 34.3 r.42 è esaudì- H llRCHER li f 1859]).
'itai:ç B 1,2 (A_ Ocpke) (v,639) 234

fatica si è giunti ad accertare in tutto r8 elisco, il 'piccolo Eracle') è ora supera-


praenomina romani 8 • ta in due sensi: da una parte diventa
un puro dato biografico, dall'altra il
2. Decadenza e reazioni dal tempo del- fanciullo è considerato un v1]mo<;, cioè
l'età classica un essere debole e senza importanza.
Il problema del senso ultimo della vi-
Nell'usanza antichissima dell'esposi- ta non riceve una risposta (T.G.F., a-
;;ione dei bambini 9 sono presenti ed o- despota I xr [p. 862]; un'iscrizione che
peranti motivi cultuali. Lo scopo di appare in molte variazioni: ovx iiµriv,
questa pratica è solitamente l'elimina- ye:v6µriv, ovx fooµ'où µ{À.e:L µoL· ò ~loç
zione di esseri deformi, 'indegni di vi- Taih·a, «non ero, divenni, non sarò:
vere', tra i quali vengono talora inclu- non m'importa, cosl è la vita» 13 ; Sen.,
se anche le bambine; la sua ragione ad Marciam 23a; Clem. Al., strom. 3,
principale va però vista nelle difficoltà 3,22,1 -24,3).
economiche e nell'inerzia della società. Non son certo mancate le reazioni a
Le pratiche antifecondative e l'aborto, questo stato di cose, e si è cercato di
la prole limitata ad uno o due bambi- ovviare a tale costume in parte con la
ni sono però sistemi che portano allo severità della legge, in parte con parti-
spopolamento (Hes., op. 376; Polyb. colari agevolazioni per le famiglie nu-
36,r7,5 ss., specialmente 7; Dio Chrys. merose: Liv. 39,24,3; Dio C. 43,25,2;
7,34ss.) 10• La quantità di grano neces- Horat., carmina 4,5,21-24; cannen sae-
saria all'approvvigionamento di Roma rnlare 1;-24 14 ; Suet., Aug. 46. Tutte
passa dai 14600 hl. al giorno sotto Au- queste misure rimangono però più o
gusto ai 6600 sotto Severo 11 • La ragio- meno infruttuose, come si dimostrano
ne ultima di questo fenomeno va vista inefficaci anche le reazioni private (Hip-
nella mancanza di comprensione per l'a- pocr., de iureiurando I,3). Tra i filoso-
nimo del bambino; l'esaltazione del fi soltanto Musonio si oppone decisa-
fanciullo o del giovinetto divino nella mente alla limitazione delle nascite (jr.
mitologia 12 che abbiamo conosciuta nel 12.15 [p. 64,1 s.; 77,9 s.-81: ed. Hen-
passato (Hes., theog. 472.478: Zeus; se] ). Per Epitteto il cinico non deve
Horn., hymn.4 : Ermete; Callim., hymn. sposarsi né avere figli (3,22,67-82; è
3: Artemide; Theocr., idyll. 24: Era- invece meglio disposto verso i bambini

8 E. BETHE, Ahnenbild tmd Familie11geschich- Grieche11 I (1926) 129 s. 134.241 . Questa non
le bei Griechen 1111d Romem (1935)41. rappresenta che una delle forme in cui appare
9 R. ToLLES, U111ers11ch11ngen zur Kindes11t1s- l'antica figura mediterranea del dio fanciullo
setzung bei de11 Grieche11, Diss. Breslau ( J941) che incarna mitologicamente l'universo che
78-91; B. NYBERG, Kind rmd Erde ( 193 r) 170-
comincia ad esistere: M.P. NILSSON, Gcschich-
te der griech. Religio11 = Handbuch A.W. v 2
194 (bibliografia). Per l'infanticidio magico-
rituale cfr. anche F.J. DoLGER, Sacrame11- I (1941) 293-302,--> JUNG-KERÉNYI 41-102; R.
l11m in/anticidii: In., Anlike 1111d Chrislentum
ENKING, Minerva Mater : Jbch dcs Archiiolo-
IV (1934) 2ll·217.
gischen Instituts 59/60 (per il 1944/5, pub-
blicato nel 1949) I I 1.nS.123.
rn ~ KoHLER 21 . 13 RoHDE n 395 n. 2; dr. L. FRIEDLANDER,
li ~ SEECK 345. Darstellrmgen a11s der Sillengeschichte Roms ••
12 La figura cultuale di un 'ltttt<; divino con un IV ( 1921) 396.
giocattolo appare tanto nei misteri delle Cabi- 11 P. J6Rs, Die Ehegesetze des · A11gus/us:
rie quanto nell'orfismo: O . KERN, Religio11 der Festschr. Th. Mommsen (1893) 1-65.
~35 (v,639J na~c; B 1,2-3 (i\. Oepke)

in 1,23; 2,24,18; 1,29,31 e passim). I ( CIL III 686, 1 s.) e guarda oltre questa
poeti, in parte per opposizione alle ri- alla beatitudine ultraterrena (CIL m
forme imperiali, esaltano iJ facile e 686,17-20: il pa~adiso dei bambini di
spensierato sfogo del libero amore per Octavia Paulina) 16, accetta che altri lo
il quale i figli sono al massimo unu con- consoli (Plut., consolatio ad uxorem [II
seguenza indesiderata dei rapporti ses- 608-612] ). L'ellenismo ha letteralmen-
suali (Prop. 2,7,7-14; Ovid., amores 3, te riscoperto il bambino: non soltanto
4,37; ars amatoria r,31 ss.; 2,157 s. 599 abbiamo nel n sec. d.C. il massimo
s.; 3,57 s.; Mart. 6,3; 9,rr; 5,75; 6,2 . sforzo dello stato per incrementare le
7.90; 8,Jl; 9,6.66). Oltre alla gelosia nascite che erano diminuite paurosa-
(Xenophon Ephesius 5,5) 15, all'adulte- mente (CIL v 5262; Plinio il Giovane,
rio (Heliodor., Aeth.7,9), all'uxoricidio ep. 7,18; CIL x 62::!8; n 1174; vm
(Xenophon Ephesim 3,12,5), al lenoci- 1641; Pseud.-Aurelius Vietar, epitome
nio (Heliodor. 7 ,20 ), alla tratta delle de Caesaribus I2,4; Dio C. 68,5,4;
ragazze (Xenophon Ephesius 5,5,4 s .) Script. Hist. Aug. 1 : Hadrian. 7 ,8; 3:
ed alla pederastia (ibidem 3 ;2,4) il ro- Antoninus Pius 8,1; 4: Marcus Anioni·
manzo eJlenistico de3crivc anche l'amo- nus 7,8; 18: Alexander Severus 57,7;
re casto, anche se non necessariamente CIL XI 1147; IX 1455), ma anche la
platonico (Heliodor. 10,40), con una poesia e l'arte giungono soltanto ora
forte colorazione sentimentale (Xeno- ad avere (in parte a riavere) un rappor-
phon Ephesius 5,8,4; 4.3.3 s.; Hclio- to più stretto col bambino. La poesia
dor. 8,12). Si sta facendo strada l'idea- l'ha certo già avuto prima: Horn., Il.
le della castità anche nel matrimonio 6,404.466 ss. 482 ss. 17 ; 22,484 ss.; 9,
(Plot., en11. 3,5,2: O'tt µ"l'jOÈ È\I oùpa\li;> 485 ss.; 16,7 ss. 260 ss.; Od.15,450 ss.;
yàµot, «non ci son::i nozze in cielo»; 19,399 ss. Nella quarta egloga di Vir-
l'affermazione ha un senso diverso da gilio riecheggiano antichissimi motivi
Mt. 22,30). mitologici centrati sul fanciullo divino
dell'eta dell'oro, sentiti ora in un mo-
3. La riscoperta del bambino do così nuovo che Ja chiesa, scorgen-
nell'ellenismo dovi una profezia della venuta del Cri-
sto, noverò il poeta tra i profeti 18 •
L'amore dei genitori è sempre esisti- L'uso del bambino nel dramma era li-
to ed esso, anche se non senza errori, mitato dalla stessa tecnica teatrale 19 ,
cerca il bene del bambino ( Plut., lib. ma la commedia presenta spesso le lo-
educ. 7 [II 4a ss.]; 1.3 [II 9a ss.}), ro moneJlerie (Aristoph., eq. 417-426;
implora di non perderlo (M. Ant . 9,40, vesp. 248-257; nub. 877-881; cfr. He-
9 critica chi prega per timore di per- rond., mim. 3 ). Le arti figurative sono
dere il figlioletto), ne piange In morte le ultime in questa rivalutazione del

1; Ed. R. HERCHER, f.rotici Scriptores Grt11:d 1g -) NoRDEN 1 s.; K .H. SCHELKLE, Virgil i11
I (l858) 327 SS. der De1111111g A11g11sti11s ( 1939) 16-22.
1 ~ -+ DEVRIENT passim; nei tragici si ebbero
16 G. BENDINELLI, Il co11cetto de/l'oltrelomb.r
11el mo1111me1110 di 'Octavia Pa11/i11a': Angeles grandi effetti mediante il fanciullo muto ed
l (1925) u2-125. anche mediante il coro di fanciulli (Eur., Aie.
189 ss. 269-392; Med. 894-rn80); la valutazio-
17 W. ScHADEWALDT, Homerische Sze11e11 1• ne è molto inferiore a quella di Omero: Soph.
Antike II ( 1935) 149. Ai. 529-595.
1taiç B 1,3-4 (A. Oepke)

bambino, ma poi approfondiscono tale so bambino, Iside con Oro o Arpocrate


motivo in modo particolare. L'arte ar- da solo, la nascita di Mitra dalla roc-
caica rappresenta i bambini fondamen- cia 29 : queste opere che hanno al centro
talmente come adulti rimpiccioliti 20 ; le una figura di fanciullo mostrano l'emu-
figure infantili di Cefisodoto e, nono- lazione di arte e religione e preparano
stante il progresso, di Prassitele, sem- la strada p~r l'arte cristiana. La predi-
brano più bambolotti che bambini 21 ; lezione diventa però sentimentale e
l'antica pittura vascolare lotta senza perversa. I ricchi si circondano di de-
speranza col problema del corotrofo 22 • liciae: questi fanciulli schiavi diverto-
È soltanto nell'ellenismo che la figura no con cattiverie e sconcezze gli ospiti
del bambino si concretizza in opere di che gozzovigliano 30, spianano e pulisco-
squisita fattura (il bambino con la vol- no il terreno sconvolto dell'arena e
pe; il fanciullo che strozza l'oca di Be- mentre fanno questo vengono persino
to; un bambino nelle vesti di Ermete, sbranati dalle fiere (Mart. 2,75; 5,31;
Eracle, Solone} 23 • Il classico personag- Iuv. 4,122; Dio C. 72,13). D'altra par-
gio che si toglie una spina 24 è travesti- te abbiamo anche il caso di fanciulli
to da monello 25 • Nella statua del Nilo fatti imperatori 31 .
circondato da 16 bambini 16 si annuncia
già il motivo dei putti. Innumerevoli 4. Giudizio etico-religioso
sono gli amorini raffigurati in piedi, se-
duti, a mezz'aria, i bambini su animali, L'antichità parla dell'innocenza in-
con fiaccole, lire o cornucopie 27 • Negli fantile meno di quanto ci potremmo a-
affreschi i bambini imitano le azioni de- spettare cd in un senso diverso dal no-
gli adulti con graziosa serietà 28 • Dionì- stro 32 : maxima debetur puero reveren-

la HAAS fascicolo 2/4 BoNNET (1924) lìg. 23; 2~ l·lAAS fascicolo i3/I4 RUMPF (1928) lìg.
fascicolo 13/14 RUMPF (1928) lìgg. 193.194 72; foto Giraudon 1840; HAAS fascicolo 9-11
(circa 400 a.C.) e persino ancora la lig. 25 (c. LEIPOLDT (1926) figg. 37-42; ~ MEYEll. 112;
300); fascicolo 7 KARO (1925) lìg. 72; diverso HAAs fascicolo 15 LEIPOLDT (1930) 29 s.
è invece il caso della fig. 79: il fanciullo tra le
3:l BIRT, op. cit. (~ n. 28). Le deliciac non
capre selvatiche.
sono però semplicemente i modelli degli amo-
21 H. LucKENDACH, Kumt rmd Gcschichtc rini deificati poi dall'arte; si tratta invece di
( 1913) ligg. 154.164. due fenomeni distinti che si sono favoriti : H.
12 ~ HEUBACH 6-16; ~ QUATEMBER. HERTER, Das Kind im Zeitalter des Helleni-

2J \V/. KI.ETN, Vom antikcn Rokoko ( 1921)


s11111s: Bonncr Jahrbiichcr des Vereins von
Altertumsfreunden im Rheinlande 132 ( 1927)
130.
256.
2
~ LUCKENllACH, op. cii. <~ n. 21) fig. 172.
2i \Y/ENDLANU, Hell. K11lt, tav. 3,6. 31W. HARTKE, Romische Ki11derkaiser (1951)
190-242 spec. 197.218.227. Va però ricordato
26 Vaticano. LuCKENBACH, op. cit. (~ n. 21) che 'il concetto di fanciullo era inteso in senso
lig. 169. molto lato: a 19 anni Ottaviano era conside-
27 F. \V/INTER, Die Type11 der figiirlichcn Tcr- rato ancora un ragazze; inoltre «nulla è stato
rnkotte11 Il ( 1903) 237-373. più alieno all'antica natura romana che vedere
2R Pompei, Casa dei Vezi; TH. BIRT, A11s dem
un ragazzo occupare la massima posizione del-
Lebe11 der Antike (1918) tav. ro (soprattutto l'impero» (219). Nella maggior parte dei casi
\voher stammen die Amoretten?' [donde pro- si trattava però di considerazioni dinastiche,
vengono gli amorini?] 134); J. LErPOLDT, Dio· non di una specifica concezione del fanciullo.
nysos (1931) tav.4. 31 Nell'originale di Acsch., E11111. 313-320 man-
ito:~ç B 1,4 !A. Oepke)

tia, siquid / turpe paras, nec tu pueri l'affermazione più verace? Questa: gli
contempseris annos, / sed peccaturo ob- uomini sono malvagi», "CL Ò:ÀT}tJfo°"Ca"CO\I
stet tibi filius infans (Iuv. 14.47 ss.). Il ÀÉyE"Ca.t; O"Ct 1tOVT}pot ol èi.vt7pw1tot.
fanciullo è 'innocente' sessualmente e L'universalità dell'errore è però messa
pertanto è usato nel culto e nella ma- in rapporto con la natura umana: Isocr.
gia (---?coli. 242-249); a Roma indossa 5,35: à.).J,à yàp &1tavnc; 1tÀ.dw 1tEcpu-
anch'egli la toga praetexta come le per- xcxµEv E~aµa;p-nivEtv t) xa"Copi>ouv, «ma
sone in autorità non perché abbia bi- infatti tutti siamo per natura piuttosto
sogno di una protezione particolare, ma disposti a peccare che a comportarci
quale simbolo di potere 31 • Il bambino bene»; Eur., fr. 8ro (T.G.F. 623): µÉ-
è felice perché non si pone il problema ytCT"tOV àp''i'jv 1) qi\ia'tc;· "CÒ yàp xaxòv I
della gioia e del dolore (Soph., Ai. 552 ouoEtc; -cpÉqiwv EU XPT}CT"CÒV &v i>El'll 1tO-
ss.) e, infine, non è capace d'inganna- -cÉ, «la natura fu quindi la più poten-
re (Artemid., oneirocr. 2,69). Questa te: infatti nessuno, se fosse bene edu-
qualità non è però dovuta tanto ad una cato, potrebbe mai ritenere bene il ma-
superiorità morale quanto ad una ca- le»; Muson., diss. 6 (p. 26,17 ss.): otà.
renza intellettiva (Xenoph., Ag. l,17; "C'Ì')\I ci1tÒ 1t(l.LOWV Eòt7ùc; yqowiav
Sen., de ira 2,26,6: gli errori dei bam- i)µt:v otacplJopàv xcxt 'tTJ\I Ù1tÒ "tfjc; ota-
bini hanno pro innocentia impruden- cpÌ)opiic; crvv1]lJnav rcov11pàv, ci sbaglia-
tiam ). mo nel giudicare i mali e i beni" «a mo-
In Egitto è particolarmente viva l'im- tivo della corruzione eh~ abbiamo su-
magine del bambino prodigio: il dodi- bito avuta in noi fìn dalla fanciullezza
cenne Si Usire non è superato da alcun e delle cattive abitudini che provengo-
mago di Memfi nella lettura dei libri no dalla corruzione» (cfr. anche Thuc.
magici 34 • Questa figura è però nota an- 3,82,2; 84,2). Cebete parla della sedu-
che in Occidente (Suet., Aug.94,6; Ver- cente bevanda dell"AmhT}, di cr~~EO'­
gil., ecl. 4,26 s.: il fanciullo divino che i>at e Ò.1toÀ.À.vcri>at in toni che si avvi-
legge) 35• Il fanciullo che impara e inse- cinano · a quelli cristiani, ma pure ne
gna appare sui sarcofaghi di bambini sono essenzialmente diversi (tab . 5 ,2;
come aspirante alla beatitudine e suo 6,2; 14,3; 19,5). Soprattutto l'orfismo
garante 36 • è consapevole di un generale stato di
Accanto a tali motivi si affacciano perdizione dal quale ci si deve liberare
anche quelli di una .sventura o di un mediante l'iniziazione ai misteri; il
peccato originali 37 e Ja generalità dello frammento orfico 232 (ed. Kern) parla
stato di colpa è messa spesi;o in eviden- di «espiazione delle colpe prenatali»,
za: nemo nostrum non peccai. homi- À.UO"Lç 7tpoyoVW\I &.t7EµlCT1"W\I (~ I. col.
nes sumus, non dei (Petronius, saturae 448 ). In quelle concezioni religiose in
75,1; cfr. Sen., de ira 2,28). A quanto cui si fa nascere l'umanità dalle ceneri
ci riferisce Giamblico (vit . Pyth. 18, dei titani distrutti dal fulmine di Zeus
82), Pitagora avrnbbe detto : «Qual è per avere sbranato Dioniso Zagreo o si

ca l"anima pura 'come un fanciullo' della ver- Memphis (1900) .p-66.


sione di SCHILLER. 35 -+ NORDEN 13+
JI ~ VAN DER LEEUW 13 citato da W. Fow- 36 F. CUMONT, Un Sarcopbage d'e11fa111 troll·
1.ER, The 'toga praetexta' of Roma11 Children: vé à Beyrouth: Syria 10 (1929) 217.
Roman Essays rmd Interprctations_ (1920) 42. 17 ~LATTE 254; K. DmSSNER, Das ldealbild
34F. GRIFFl1'H, Stories o/ tbc High Priests of des stoische11 W eisen ( 1930) 7.
pone l'eguaglianza awµa-crfjµa. non c'è losofo o un daziere o un impiegato im-
posto per l'innocenza infantile in senso periale, ma non c'è mai con tutto sé
stretto, ma piuttosto con esse «l'idea stesso (Epict., ench. 29,3.7 ); si diverte
del peccato originale è impiantata nel a costruire con la sabbia e la cenere per
mondo ellenistico» 38 • La colpa è tra- poi distruggere subito dopo (diss. 3 ,13,
smessa per eredità alle generazioni se- 18); in fondo non prende niente sul se-
guenti 39 • rio. M. Ant. r1,2y «Socrate diceva che
Questi pensieri sono però soltanto le credenze della gente sono come le
marginali perché l'antichità vede nel streghe, cose di cui solo i bimbi hanno
bambino soprattutto l'incompletezza, paura (1ta.tolwv OElµa.'t'a.)» . Il bambino
l'elemento infantile. Questo significato si lascia intimorire facilmente, ad es.
non è connesso coi termini ~pÉq>oc, e dalle maschere d'argilla (Epict., diss. 3,
TÉxvov, che indicano l'origine, ma e- 22,106). Chi ha paura della morte «è un
sclusivamente con v1puoc, (~ VII, coll. bambinetto», Jta.tol'.:v È<T'tlv (M. Ant. 2,
932 s.) 1ta.i:c; (~coli. 225 s.) e i loro di- 12,3). Epict., diss.2.1 ,16: .. c... ÈCTTL 1ta.L-
minutivi, nei quali predomina l'idea olov; &yvow.... f!µa.àla., «che cos'è un
di età. È di Eraclito questa profon- bambino? inconsape,·olezza... ignoran-
da sentenza: &.vi}p v-fimoc, iixoucrE 'ltpòç za». Quello che gli antichi pensavano
oa.lµovoc; OXW0'1tEp mx.i:c; 1tpÒc, &.vop6ç, del fanciullo è espresso con sintetica
«un uomo ha fama di fanciullo di fron- precisione dal verbo erudire. In tutto
te alla divinità proprio come un fan- il suo saggio de liberis educandis Plu-
ciullo di fronte a un uomo (fr. 79 tarco (II 1-I 4) presuppone che si possa
[Diels ' I 169,r s.J). Plat., Pro/ . 342 e: utilizzare la 'materia prima' soltanto
«il più inetto dei Lacedemoni» è ca- con un'intensa azione pedagogica, ma
pace di dare una risposta così profon- che il risultato sia assicurato se c'è la
da e abile «che il suo interlocutore fa- normale predisposizione e s'impiega la
rà la figura di non ess::re da più di un giusta tecnica. L 'ottimismo razionalista
bambino», WO'TE cpalvEuì}a.L TÒV 1tpocr- dà così la mano alla scarsa considera-
Òta.À.Ey6µEvov 'lta.toòc, µ110Èv ~EÀ.Tlw . zione in cui è tenuto il fanciullo. Non
Temere la morte significherebbe com- si è affatto consapevoli dei limiti del-
portarsi da ragazzo (oeotÉva.L TÒ 'tW\I l'educatore, manca il rispetto per la per-
7ta.lowv ), ma fors:! è proprio vero che sonalità in via di formazione, è assente
c'è dentro di noi un fanciullino (mxi:c,) l'amore più profondo per il fanciullo:
«ed è lui che ha simili timori» ( ocr·nc; e ciò vale non solo per l'epoca più an-
Tà. Tota.u't'a. cpo~ei:'ta.t: Plat., Phaed. tica, bensì anche per quella più tarda 41 •
77 d .e). Il fanciullo vive solo del mo-
mento: xÀ.a.lwµEV xa.l mD.. tv xpo't'w- 5. Il bambino nei culto
µev wc,
•tÌ 'lta.tola., «piangiamo e poi
di nuovo saltiamo di gioia come i bam- a) Nell'antichità il fanciullo parteci-
bini» (Epict., diss. 3,24,8). Il bambino pa .al culto comune in un modo quasi
ora gioca a palla (M. Ant. 6 1 57,1) ora incomprensibile per noi moderni. Nella
finge di essere un lottatore o un trom- società antica la famiglia e persino il
bettiere, un tragico o un retore, un fi - clan costituiscono una comunità cultua-

38 ~ LATTE 282. ke11. Die Paideia KJriu im Rabme11 der belle


J9 STE!NLEITNER nr. 6. 11istisch-iiidische11 Umwelt, BFTh 45,3 ( 1951)
43 W. ]ENTSCH, Urchristliches Erziehr111gsde11- 43-85.
mx~c; B 1,5 :1-b {A. OcpkcJ

le oggettiva nella quale il bambino vie- che nel culto pubblico, che altro non
ne ad inserirsi fin dai primi giorni di è che il culto familiare allargato; gli as-
vita. In Grecia ciò avveniva ponendo il sistenti per il sacrificio sono in primo
neonato nel Àlxvov (un largo cesto che luogo i figli del sacerdote ed accanto a
serviva da vaglio), un simbolo di puri- loro si pongono i fanciulli di altre fa-
ficazione e fertilità ben noto dai miste- miglie privilegiate. In origine tutti i
ri eleusini, oppure con le anfidromie bambini e le bambine liberi di nascita
(cerimonie di lustrazione che però sono sono chiamati camillus e camilla 45, più
provate soltanto per l'Atene dell'età tardi questo nome è riservato ai giova-
classica): la nutrice o una parente cor- ni che servono i sacerdoti nelle ceri-
reva col neonato tra le braccia intorno monie religiose, soprattutto agli assi-
al focolare domestico per porre il fan- stenti del flamen Dialis, della flaminica
ciullino sotto la protezione del dio fa- e dei curiones. Per il sacrificio celebra-
miliare 41 • A Roma avveniva la medesi- to dai Decèmvirl vengono designati de-
ma cosa con la celebrazione del dies cem ingenui, decem virgines (Liv. 37,
lustricus: in questa occasione si sacri- 3,6 ), per il sacrificio a Zeus Sosipolis
ficava e si dava al fanciullo il nome 42 • offerto a Magnesia sul Meandro no-
Fin dalla prima infanzia i bambini so- ve natOEc; e nove napiMvot (Ditt.,
no presenti al culto insieme con i gran- Syte 589,2oss. [196 a.C.]). Alle festi-
di : ciò accade sia in Egitto 43 sia in vità religiose abbiamo cori di bambi-
Grecia 44 e a Roma. Al bagno lustrale ni 46 ; presso il santuario di Delfi c'era
del Deisidaimon, celebrato ogni mese, un convitto per tEpot 7tatoEc; 47 : uno di
non devono mancare neanche i fanciul- questi erige al tempo di Traiano una
li più piccoli, come mostra il fatto che statua a L. Cassio Petreo, un amico del-
la nutrice deve accompagnare la fami- ] 'imperatore e di Plutarco (Ditt., Syll.'
glia (Theophr., char. 16). I piccoli ven- 825 e). Abbiamo però notizia che già
gono alzati per baciare come i grandi nel 227 a.C. un maestro del coro inse-
gli dèi domestici (Ambr., de Abraha111 gna il ·peann a questi fanciulli (Ditt.,
2,u,81; Prud., contra Symmachum 1, Syll., 450,5) e Alessandro di Abonutei-
208 ss.). chos sfrutta la pia usanza per scopi li-
cenziosi (Luc., Alex. 41 ). Consciamente
b) I bambini hanno il loro posto an- o inconsciamente si attribuiscono al

41 ~ VON Mi.iLLER 161. la Ioga prae/exla indossata dal camillus accen-


42 ~ BLi.iMNER 304. na all'Oriente, alla Fenicia, terra della por-
pora (cpoi:v~l;}. Questo colore rappresenta il
4l HAAS fascicolo 2-4 BoNNET ( 1924) fig. 23. sangue della vittima che d~ 'forza' a chi se ne
44Raffigurazioni al Louvre, foto Giraudon riveste: ~ VAN DER LEEUW 13-24 citato da
2040.2042, Alinari 22767. PH. BERGER, Camillm: Mémoires de la Socié-
té de Linguistique VI ( 1889) 140. L'usanza
45 Macrob., sai. 5,20,18; Festus, de significa-
giunse in Occidente tramite il culto delle Ca-
tio11e verbomm, s.v. 'Flaminius Camillus', 'Fla-
birie in Samotracia.
minia', cd. W.M. LINDSAY (1913) 82. L'etimo·
4 ~ Horat., carmina 3,1 ,4; carmen saecrilare 6;
logia sembra indicare una radice semitica : qad-
mi'él, ante de11m (Esdr. 2,40; 3,9; Neem. 7,43; cfr. CIL VI 32323,147 s.; Zosimus, historia no-
9A s.; lo,10; 12,8.24: nome di levita; altre va 2,5,12; Macrob., sai. 1,6,14; Dio C. 59,7,1;
etimologie: M. NoTH, Die isr. Perso11e11name11 Ael. Arist., or. 47,30 (ed. KEIL).
im Rahmen der gemeimemilischen Namenge- 4 7 Bulletin de Correspondancc Hellénique 20
bung = BWANT 3 F. 10 (1928] 256). Anche ( 1896) 719,6.
7\a.i:c; B t,5 b (A. OcpkeJ

fanciullo anche facoltà <livin11torie: gli il diritto «di occuparsi delle cose sa-
sciami di fanciulli che fanno ressa at- cre», È'V -rotç Ì.Epotc; Ota.'tpL~EW . Catullo
torno ad Api repente lymphati futura (34,1-4) ci descrive il culto reso dai
praecinunt (Plin., hist. nat. 8,46,185). bambini con alcuni versi deliziosi: Dia-
Antia che si reca al tempio di Api per nae sumus in fide / puellae et pueri in-
sapere che cosa sia successo al suo spo-·· tegri: / Dianam pueri integri / puel-
so scomparso viene informata dai bam- laeque canamus. Un dipinto di Ostia ci
bini che giocano davanti al santuario mostra una specie di coro di fanciulli
che ben presto lo ritroverà (Xenophon (biblioteca vaticana) 49 •
Ephesius [-> n. 15] 5,4,9-u). Plutar- Il passaggio a funzioni sacerdotali av-
co riferisce (ls. et Os. 14 (11 356e]) la viene quasi inossel'vato . In Epidauro
leggenda eziologica di Iside che viene un giovane 'ltvpcpopw'V aiuta coloro che
aiutata nella sua ricerca di Osiride dal- si recano al santuario per implorare la
le informazioni dei bambini. Tutte le guarigione ad espletare l'obbligo del
notizie che abbiamo puntano verso l'E- ringraziamento per l'aiuto divino (Ditt.,
gitto 48 • Le processioni propiziatorie di Syll.' II68,43 s.). Ai giochi olimpici e
bambini sono considerate particolar- pitici il rametto dell'olivo sacro destina-
mente efficaci (Liv. 27,37,7.12; 31,12, te al vincitore è tagliato con un coltel-
9 ). Per allontanare la peste da Mileto lo d'oro da un fanciullo 50 ; il giovane
l'indovino Branco fece cantare ai bam- dafneforo a Tebe ha per un anno ad-
bini una canzoncina particolare, incom- dirittura dignità sacerdotale (Paus. 9,
prensibile ai grandi, che conteneva due 10 4 ). A Roma i giochi non erano rite
1

volte tutte le lettere dell'alfabeto facti se il fanciullo che guidava la ten-


(Clem. Al., strom . 5,8,48,5). A Magne- sa con le immagini degli dèi perdeva
sia sul Meandro quando si svolge la le briglie (Arnobio, t!dversus nationes
processione per propiziare Zeus Sosipo- 6,31 [CSEL 4,166]). Ragazzi e ragazze
lis, tra quelli che implorano la CTW't1]- liberi di nascita assistono le vestali alla
pia. della città i fanciulli sono ricorda- lustrazicne del Campidoglio (Tac., hi-
ti subito dopo i sacerdoti ufficianti e storiae 4 ,5 3 ). La bambina che officia si
prima dei notabili cittadini (Ditt., Syll.' chiama sacerdotula 51 • Alcuni collegi di
589,21 -31). La ragione corrente di tuc- sacerdoti, come ad es. i Salii (Script.
to questo si può cogliere nelle parole Hist. Aug. IV: Marcus Antonius 4,2),
che Giamblico ( vit. Pyth. rn,51) pone accolgono fanciulli quali membri ordi-
in bocca al suo eroe: i bambini sono nari; le vestali dovevano esser scelte
particolarmen te cari agli dèi ( itEoqnÀE- tra fanciulle dai 6 ai 10 anni (Gellio,
cr-.chovç) e pertanto in tempo di sicci- noctes Atticae l,I2). Per garantire che
tà devono implorare la pioggia perché i ministri della divinità fossero casti 52
la divinità ascolta generalmente loro e alcuni culti greci facevano esercitare le
loro soli che, essendo pienamente inno- funzioni sacerdo tali esclusivamente a
centi e casti ( ayVEUOVCTW ), hanno tutto fanciulli (Paus . 10,34,8; 7,24,4; 8,47,

A.D. NocK, A VisiUll o/ Mamiulis Aio11:


4S MANN ( 1910).Cfr. Eustath. Thessal., comm. in
HThR 27 (1934) 69. Il 22,495; Proclo in Phot., bibliotheca 239
49 B. NoGARA, Le nozze aldobra11dì11c: ecc. (Mi- (MPG 103, 1205 a).
lano 1907) tav. 47; ~ DIETERICH, Sommertaz si Fes1us, de significationc verborum, s.v. 'Fla-
tav. I 344-352. minia', op. cii.(~ n. 45).
>1 Pind., Olymp. sebo/. a 3,60 ed. A.B. DRACH- 5 1 I fanciulli rappresentano anche la divinità :
'ltaù; Il 1,5 b-c (A. Oepke)

3; 2,33,2; 7,26,5; 7,19,1), facendo at- scita» (or. 23,7.8.18). Particolarmente


tenzione a che avessero entrambi i ge- significative sono alcune iscrizioni: CIG
nitori ( àµcpii)a.).E~ç, lat.: patrimi et ma- III 6238: insegne di Bacco, fanciullo di
trimi) 53. Il servizio dei bambini sacer- 7 anni e 2 mesi, miste da 3 (anni?);
doti era tenuto in grande onore~ . I Epigr. Graec. r 53: Atene, in epoca ro-
camilli erano vestiti in modo partico- mana, miste eleusino di 7 anni (dr. CIL
lare: corta tunica con maniche e cin- III 686; VI 751 b). La con/essio Cy-
tura, gambe nude, il ricinium (un man- priani esagera forse tendenziosamente
tellino con frange) su di una spalla, nel descrivere il periodo pagano della
l'acerra (una coppa usata nei sacrifici) vita del suo eroe antiocheno: consacra-
in mano 55 • to ad Apollo fin dalla prima giovinez-
za, accolto nella «drammaturgia del dra-
e) I bambini non sono esclusi nean- gone» già da vl]moç, iniziato ai miste-
che dalle cerimonie misteriche: parteci- ri di Mitra appena a 7 anni, a I o anni
pano alla processione delle divinità di E- daduco di Demetra, ecc. 60 Già il dipin-
leusi 56 ed a quella di Iside 57 (è forse da to di Polignoto a DeHì presuppone che
ricordare in questo contesto il bambino i fanciulli possano disprezzare i misteri
con il carrozzino dietro alla coppia di (Paus.10,31,II). Ci sono pervenute due
sposi che si vede sul vaso orfico di Ca- mummie di bambini con scene dei mi-
nosa con scene dell'oltretomba 58 ). I ge- steri di Iside 61 •
nitori promettono solennemente alle di- Anche nei misteri i fanciulli eserci-
vinità misteriche di fare iniziare più tano funzioni cultuali. In una iscrizio-
tardi i loro figli che sono ancora nella ne funeraria (CIG III 6206) un giovi-
prima adolescenza o giovinezza (Xeno- netto di 7 anni si vanta di essere sa-
phon Ephesius 3,1 l [ ~ n. 15] ; Liv. cerdote di tutti gli dèi, della Bona Dea,
39,9 ). In Samotracia l'iniziazione dei della Magna Mater, di Dioniso. Demo-
fanciulli era comune 59 • Imerio fece i- stene accusa il suo avversario Escbine
niziare suo figlio Rufo ai misteri bac- di aver da ragazzo letto il rituale quan-
chici ed eleusini «subito dopo la na- do sua madre, una donna di bassa ori-

un ragazzo alla testa della processione dello tuetta di fanciullo di Eleusi con mazzetto di
L-tm'Ti)ptov n Delfi rappresenta ApoJlo; due mirto: AthMitt :20 ( 189;j) 357.
fanciulli in antico abito ionico Dioniso ed A- 57 Apul., met.11,9; rilievo riprodotto in KLEIN-
riannc ad Atene nel coro delle Oscofotie: M. GLIENICKE: Angelos 2 (1926) tav. 4.
P. NILSSON, Griech. Feste (1906) 152; A. 5 ~ HAAS, fascicolo 9-u LEIPOLDT ( 1926) 1n.
MoMMSEN, Feste der Stadi Athen (1898) 283.
5? Aelius Donatus, commentarì11s in Tere11tii
51 ~ OEPKE: ARW 45. Phormio11em 1,1,13, ed. P. WESSNER li (1905).
5'I Iscrizioni di Tiatira: Ilulletin de Correspon- 60 Cyprian., op. ed. Sr. BALUZE (Venezia
dance Hellénique 10 (1886) 415; I I (1887) 1728), appendice CCLXXVII.
98.
~l e.e. EDGAR, Graeco-Roma11 Colf ins, Masks
.s.; PAULY-W. IU 1432; figura in DAREMBERG·
and Porlrails = Catalogue général des Anti-
SAGLIO, s.v. 'Camillus' I 859. quités Egyptiennes du Musée du Caire 19
~ K. KuRUNIOTES, 'E).wawtax&.: 'ApxmoÀo- (1905) nr. 33215.33216. Sembrano attestare
yLxòv AEÀ.'\"toV 8 (1923/1925) 164; per imma- l'appartenenza di bambini ai collegi ed alle as-
gini vascolari parallele: H.G. PRINGSHEIM, Ar- sociazioni di culto le Imcriptio11es regni Nea-
chiiologische Beitriige zur Geschichte des _elc11- politani /atitlae, cd. TH. MoMMSEN (185 i) nr .
si11ische11 K11lts, Diss. Bo:m (1905) 16. Sta- 6845; DITT., Syll.' 1109a9 ss. e IG IV 8i4.
7t1X~~ B n,r-2 a I A. Oepkc >

gine e di pessima fama , compiva le con- picciolisse l'immagine di Dio» (Jeb. b.


sacrazioni, e di essersi poi mescolato 6 3 b) 65• Lo Pseudo-Focilìde filosofeggia
agli ubriachi nella folla festiva (or. l 9, in modo più popolare 66 • Chi è morto
199). Ad Eleusi, invece, i µuouµE\IOL e senza figli può averne ancora col matri-
l{· µuouµEWLL &.cp'fo·-riac; vengono presi monio leviratico. Le pratiche anticonce-
dalle famiglie più ragguardevoli e si de- •donali sono considerate in questo caso
diqmo loro iscrizioni onorarie 61 . All'i- particolarmente empie (Gen. 38,8 ss.),
niziazione dionisiaca delle spose raffi- altrimenti sono ammesse soltanto per
gurata sul fregio della villa Item il ri- donne di minore età, gestanti e allattan-
tuale è letto da un fanciullo 63 . L'iscri- ti (Ned. b. 35 b; ]eb. b. 12 b; Ket . b.
zione dei misteri di Bacco trovata a Tor- 39 a). Si sottolinea (per influenza filoso-
re Nova reca due anfitali quasi al centro fica?) che il rapporto sessuale ha come
dell'elenco in cui i sacerdoti sono regi- fine non il piacere, ma la procreazione
strati in ordine d'importanza 64 • (Tob . 8,7; Philo, spec. leg . 1,1 12; viri.
207 e passim; Ios., Ap. 2,199). Le ten-
denze ascetiche sono state accolte soltan-
IL Il bambino nel!' A.T. e nel giudaismo
to dagli Esseni, dai Terapeuti e da indi-
vidui isolati. I Testamenti dei XII Pa-
r. La considerazione religiosa della prole triarchi mostrano solo a tratti una vena-
tura ascetica (test. R. 6; test. Ios. 9 ss. e
Nell'A.T. la prolificazione è conside- passim), altrimenti mettono soltanto in
rata un ordine della creazione (Gen. r, guardia dalla prostituzione e dagli ec-
2 8 ); la sterilità è fonte di dolore e di cessi nel matrimonio (test.Iss. 2). Un
crisi religiosa (Gen . 15,2; 1 Sam. l,2). I matrimonio puro è particolarmente gra-
figli sono un dono di Dio ed una bene- to a Dio, anche nel caso di sacerdoti
dizione (Ps. 127,3-5; 128,3 s.) perché (test. L. 9,10; 11 s.). L'aborto è consi-
in essi l'uomo continua a vivere ( -7 derato una pratica pagana (Nidda b. 30
VIII, col. 71 2 ). Dietro questa concezio- b; non se ne può dedurre la liceità
ne c'è una forte affermazione della vita neanche da B.Q. b. 41 b; Nidda b. 44 b;
ed una valutazione positiva della prole Ios., ani. 4,287 ). Sono attestati casi di
ancorata alla fede in Dio: «Guai a chi esposizione (Ez. 16,5; Qid. 4,1; B.M. b.
contende col suo plasmatore, ...guai a 87 a), ma anche questa pratica è bol-
chi dice al padre: 'Perché generi?' e alla lata come un vizio pagano (cfr. Act.
donna: 'Perché partorisci?'» (ls. 45,9 7,19). Tutti questi fattori spiegano l'in-
s.). consueta fecondità dei Giudei.
Il giudaismo ha sviluppato questa
concezione, affinandola ancor di più con 2. La valutazione del bambino
!'idea del popolo di Dio e tendendola in
parte unilaterale: «Se qualcuno non a) L'A.T. presenta casi innumerevo-
procrea è come se versasse sangue o rim- li di amore paterno (Gen. 22,2; 37,:u ;

61Documentazione in 4 0EPKE: ARW 51 s. 6l F. CuMONT, La grande inscription bachique


Per le funzioni sacrali cfr. Porphyr., absl. 4,5; d11 Metropolila11 Mme11111: American Journal
per gradi sacri inferiori forse Himerius, or. of Archaeology 37 (19,3 3) tav. 27,250.
22,7 .
6.) STRACK-BILLERBECK Il 373.
Foto. Anderson 26380; A. MAIURI, La Villa
6.t
1
dei Miri eri( 1931 ) lig. 47, tavv. I. li. 6.i IJIEHL 1 (1936) I.V_ 275-179.207-217.
1taic; B u,2a-b (A. Oepkc)

2 Sam . 12,15 ss. e passim; in senso tra- sa immaginare. Sono rarissimi gli aned-
slato: Ps.ro3,13; Jer.31,20 ecc.) e ma- doti del Talmud in cui un rabbino ab-
terno (I Reg. 3 ,26; 2 Reg. 4,18 ss.; in bia a che fare con un bambino o mo-
senso traslato: Is. 49,15; 66,13 ecc.), stri interesse per lui: una cosa simile
ma offre assai scarsa attenzione psico- è solo una perdita di tempo: «R. Do-
logica, e ancor minore attenzione fi- sa b. Archinos disse: 'Il sonno del mat-
losofica o estetica, all'individualità del tino, il vino di mezzogiorno, le chiac-
fanciullo oltre l'ovvio 9bbligo che que- chiere scambiate coi fanciulli e il sof-
sti ha di ubbidire e imparare (Ex. 20, fermarsi nei luoghi d'incontro del po-
12; Deut. 11,19; Prov. 4,1 ss., ecc.). Il polino fanno morire l'uomo'» (Ab. 3,
salmista sente nel balbettio dei bambi- 10); «R. Johanan ha detto: 'Dal gior-
ni e dei lattanti la lode e l'onore di no che fu distrutto il tempio la pro-
Jahvé (Ps. 8,3), un atteggiamento che fezia è stata tolta ai profeti e data agli
tradisce una comprensione, sia pure in- stolti ed ai bambini'» (B_B_ b. 12 b) 611 •
tesa in termini oggettivi, della religiosi- Per influenza ellenistica fa la sua appa-
tà infantile. Non il fanciullo in quanto rizione il fanciullo prodigio: a 14 anni
tale, ma qualche singolo bambino che Giuseppe Flavio avrebbe insegnato a1
l'abbia ricevuto da Dio, ha il dono del- sapienti (Ios., vit. 9).
la profezia (I Sam. 3,1-19). Non è in-
vece tipica dell'A.T. (cfr. Vergil., ecl. b) L'A.T. ignora l 'innocenza, la man-
4) l'esaltazione del fanciullo messiani- canza di colpa del fanciullo: giudizi ed
co (idea che fa da sfondo a Is. 7,14 atti di vendetta che non risparmiano
ss.; 9,5 s.; 11,1 ss. [?]). La valutazio- neanche i bambini non offrono spunto
ne generale del bambino è fondamen- per alcuna considerazione in merito (ls.
talmente negativa: i piccoli sono dis- 13,16; Ier. 6,II; 44,7; Ps. 137,9 ) per-
sennati e capricciosi (ls.3,4.12 (?]; ché l'idea della solidarietà collettiva di
Eccl. 10,16; Sap. 12,24; 15,14), inclini tutto il popolo è primaria e predomi-
a comportarsi male e pertanto bisogno- nante. Tuttavia, contro una dottrina
si di una più severa disciplina divina e della retribuzione puramente meccani-
umana (2 Reg. 2,23 s.; Ecclus 30,1-13). ca nel senso suddetto, viene suscitata
I pensieri dell'uomo sono malvagi fin la prospettiva della responsabilità per-
dalla giovinezza (Gen. 8,21 [J]: qua- sonale (Ier.31,29 s.; Ez.18,2 ss.). Nono-
si a scusa?; Ps. 5~,4). stante tutto ciò, l'uomo viene però vi-
Quando non è ammorbidito dal sen- sto esistere fin dalla nascita in uno sta-
timentalismo ellenistico, il giudaismo to di perdizione determinato dalla col-
ha una comprensione ancora minore pa che può essere infranto soltanto da
per la natura infantile: il qii/iin è anco- Dio (Ps. 51,7; Gen. 3; lob 25,4).
ra senza ragione come uno stupido e Senza mettere in discussione o anche
imbecille (B.M. 7,7; Ter. 1,1), Le nu- solo dimenticare il principio della re-
merose massime che esprimono apprez- sponsabilità personale, il giudaismo ha
zamento per i ragazzi, in particolare elaborato in tutta · la sua ampiezza la
per quelli che vanno a scuola 67 , in fon- dottrina del peccato, della colpa e della
do non riguardano tanto i fanciulli perdizione originali. Su ogni nato di
quanto la Torà. Il comporramento dei donna grava la maledizione dell'atto di
rabbini è il meno infantile che si pos- Adamo che ciascuno conferma di nuovo

67 STRACK-BILLF.RDECK I 780 s. 6~ STRACK-BILLERBF.CK I 607 .


r.:a~ç B 11,2 h (A. Oepke)

per se stesso (Bar. syr . 54,r5). La ten- sentimentalismo ellenistico: -twv àva-
sione tra queste due prospettive per- µap-tTJ'tW\I VTJ1tlwv 1t<.lpàvoµoç à1tw-
corre tutta la letteratura apocalittica, ÀE~a, «l'iniqua strage dei bambini in-
ma non pol"ta ad affermare l'innocen- nocenti» (2 Mach .8,4). Lo stesso Filone
za del bambino (~ 1, coli. 78 3 ss. ). Do- rimane però incerto: µ'Ì') italowv èlxa-
ve questa concezione sembra più tar- xov +JÀ.vx.lav oi.x·nu6:µE\IOL, «neppure
di venire superata si tratta o di un'af- risparmiando l'età innocente dei fan-
fermazione da intendere diversamente o ciulli» (Flacc. 68; cfr. leg. Gai. 234);
di una convinzione secondaria. L'espres- fino ai 7 anni ]'anima è aXpaLcpVl}C, {in-
sione che taluno sia come «un bambi- tegra), «non partecipando del bene e
no appena nato» può aver::! un senso del male», ò:.µhoxoç àyaì}ou -tE xa.t
puramente casistico (]eh. b. 62 a.97 b 69 ), xaxoG (leg. ali. 2,53). Ben presto l'ani-
ma anche nei casi in cui venga intesa ma accoglie però il male «che l'anima
in senso più propriamente morale (]eb . è solita generare da se stessa», ii TE Èt,
b. 48 b e passim 70 ) può significare sem- Èa.u-tflc, E~wì}E yEwfi.\I lJJuxn (rer. div.
plicemente l'idea di un nuovo inizio nel her.295 ), e comincia la malvagità (sacr.
senso della precedente assenza di re- A .C. 14). Il fanciullo è particolarmen-
sponsabilità. L'affermazione di R. Jeho- te sensibile al piacere dei sensi, anzi
shua {attorno al 90 d.C.) che i bambi- perfino al piacere sessuale (op. mund.
ni degli empi abitanti in Israele sareb- 161 ). L'unità psicosomatica dell'uomo
bero entrati nel mondo foturo 71 è con- com'è intesa dall'A.T. è sempre più mi-
testata da altri. Non è lecito ridurre a nacciata nel rabbinismo dal dualismo
sistema le singole affermazioni. Fino ad ?la tonico. In quanto à1t6um~rrµa ì}dov,
un anno o anche fino a 9 anni i bam- «particella divina» (Philo, leg. alt. 3,
bini sono irresponsabili e pertanto in- 161 ), l'anima è pura ; ma è incatenata
capaci di peccare (Pesik. 6r b; Pes. 1·. 16 alla materia o contro il suo volere o
[84 a] 72 ; Ket. 1,2-4; 3,1; Jeb. b. 60 b; proprio per propria colpa, in ogni caso
Tanh. br'sjt 4 b 73 ) . Il bambino viene i- a suo danno. L'haggada di Simlai {me-
struito nella Torà da un angelo o da tà del III sec.) che tratta dello svilup-
Dio stesso ancora nel grembo mater- po infantile (Nidda 30 b), unica nel suo
no 74 o nei primi 6 anni di vita 75 ; l'istin- genere, sembra dipendere da una par te
to malvagio è però presente in lui fin dal mito platonico dell'anima (resp. 10,
dal concepimento o dalla nascita e ha 614 b-621 d: assegnazione o scelta del
13 anni piì1 dell'istinto buono 76 • Si di- destino, libertà delle decisioni morali,
scute se i bambini pecchino già nel lamento dell'anima, dèmone compagno,
grembo materno 77 • In un contesto si- oblio e anamnesi), dall'altra dal mito
mile l'affermazione dell'innocenza dei di Horus (luce sul capo del bimbo, vi-
fanciulli 78 può avere al massimo un si- sione del mondo, colpo sulla bocca alla
gnificato relativo e viene ad assumere nascita) 79 • Anche qui non è certo che
un peso alquanto maggiore soltanto nel- si affermi l'innocenza del fanciullo, così
l'incontro del moralismo giudaico col che, anche passando per l'ellenismo, si

M STRACK-BILLERBECK li .p3. 7l -+ R. MEYER 87.


n STRACK-BII.LERBl'.CK 11 .p 3. 75 -+ R. M EYER 88.
l~ STRACK-BILLERBECK IV 468 s.
71 STRl\CK-J3ILJ.ERBl'.CK I 786.
n STRACK-BILLERBECK 11 528 s.
7l STRi\CK-131Ll.ERllECK I 773 s. 7~ STRACK-fill.LERBECK IV 469.
7.1 STRACK-Bll.l.ERilECK IV 469. n -+ R. M EYER 103-114.
-;ta.i:ç B 11,3 (A. Oepkc)

arriva ugualmente all'idea del male. Nel- lo è autorizzato ad apprendere la Torà


l'A.T. e nel giudaismo manca affatto il (Sot. 3,4; Sot. b. 21 b : questa posizione
mito del dio fanciullo. non è rimasta senza contraddizione ed
ha paralleli greco-romani: ~ 11, coli.
3. La partecipazione dei bambini 696 s. 703 s. 708 ss.). Con la pubertà il
alla vita religiosa ragazzo giudaico diventa un bar mi~wa,
come Gesù dodicenne. L'istruzione e la
È certo che la circoncisione ha in- pratica cominciano però molto prima:
serito, in epoca storica, il bambino nel Josua b. Gamia (sommo sacerdote ver-
popolo e quindi nella comunità cultua- so il 63-6 5) ordinò che in ogni provin-
le con esso coincidente. Il primogeni- cia e città si assumessero insegnanti per
to appartiene a Jahvé, a lui dev'essere i fanciulli e che venissero condotti lo-
~· --- presentato e va riscattato con un'of- ro i ragazzi di 6-7 anni (B.B. b. 21 a).
<:i'-'·' ferta . Nell' A.T. i bambini sono presen- Si tratta qui però di un provvedimento
ti al sacrificio della famiglia ( r Sam. I, eccezionale perché l'educazione religio-
4: solo dallo svezzamento in poi? cfr. sa impartita dal padre non era sempre
vv. 22 ss.) e così crescono nella pratica adeguata e sufficiente. Di regola tale
religiosa, alla quale si aggiunge poi l'i- educazione durava 13 anni (Gen. r . 63
struzione religiosa formale riguardante [ 40 a]) 80 , cominciava cioè nelJa primis-
le basi storiche della religione israelitica sima infanzia, anzi proprio con la na-
(Deut. 4,9), poi gli statuti, le leggi, gli scita. L'obbligo di agitare i mazzetti fe-
ordini di Jahvé connessi con quella sto- stivi, di indossare il mantello per la
ria (Deut . 11,19) ed infine, non senza preghiera e l'abito con le nappe e di
influenze estranee, le norme etico-reli- apprendere la lingua sacra ha inizio
giose sapienziali (Prov . 4,1 ss. e pas- non appena il fanciullo sviluppi la re-
sim). In questo modo il rapporto del lativa facoltà 81 • Il fanciullo gerosolimi-
bambino con la religione è in Israele tano che può salire al tempio tenendo-
particolarmente stretto. Esiste una con- si alla mano del padre (scuola di Hil-
sacrazione precoce al tempio ( 1 Sam. 1, lel) o sulle spalle del genitore (scuola
28) che porta poi ad un ministero se- di Shammai) è obbligato a partecipare
misacerdotale (1 Sam.2,18 ss.), ma que- alle festività maggiori 82 • «Un bambino
sta pratica rimane eccezionale ed Israe- che non ha più bisogno della madre è
le non conosce un vero sacerdozio in- obbligato a partecipare alla festa dei
fantile. tabernacoli. Quando una volta la figlia
Già prima della distruzione del tem- di Shammai il Vecchio partorl (proprio
pio avviene nel giudaismo lo sposta- durante la festa delle capanne) egli rup-
mento del centro di gravità dal culto pe la soffitta e stese a motivo del bam-
alla conoscenza ed all'esercizio della To- bino (giacché le donne, e anche i mi-
rà, uno spostamento che diventa com- norenni, sono esentati da questa festa)
pleto dopo tale evento. In questo pas- un tetto di frasche sul letto» (Sukk. 2,
saggio si viene a distinguere ancora più 8) 83 : questo antkhissimo esempio di
decisamente tra ragazzi e ragazze, poi- strettissima osservanza della legge ci fa
ché soltanto il giudeo maschio è tenuto capire chiaramente come il fanciullo
al pieno esercizio della legge ed egli so- giudaico faccia parte fin dalla nascita

81 STRACK-BILLERBECK II 147. u STRACK-BILLERBECK Il 146.


61 STRACK-BILLERBECK 11 145 s. SI STRACK-BILLERBECK l i 145.
1ta.i:c, B u,3-m,l a (A. Oepke)

della comunità religiosa. La circoncisio- personale seguirà poi. R. Josef (babi-


ne non è in senso stretto l'atto di am- lonese, t 333) ha detto: «Appena giun-
missione nella comunità, ma significa la gono alla maggiore età possono presen-
prima osservanza di un comandamento tare ricorso (e tornare al paganesimo
riguardante il n::onato ed un impegno. senza venire puniti dal tribunale o es-
Il rito di ammissione previsto già in e- sel' trattati come giudei apòstati : Ra-
poca precristiana per coloro che non e- shi)». Tale ricotso è comunque possibi-
rano 'nati in santità', cioè il battesimo le soltanto subito dopo raggiunta la
dei proseliti(~ II, coll.57 ss.), viene ri- mnggiore età. Il giudaismo nella sua at-
chiesto anche agli eventuali figlioletti tività missionaria ha dunque praticato
dei convertiti, com'è dimostrato già da il battesimo per immersione dei bam-
una espressione stereotipa «donne pro- bini s;. È vero che i testi che ci riferi-
seliti, convertitesi sotto i 3 anni e un scono queste notizie sono più recenti
giorno» (Ket. 1,2,2; I,4; 3,r; Ket. b. delle più antiche testimonianze di pe-
11 a; Jeb. b. 60 b). Ciò è lampante in dobattismo cristiano, ma è altamente
Jeb. b. 78 a: «Raba disse: se una paga- improbabile che tale pratica giudaica
na incinta si è convertita, suo figlio rappresenti una escrescenza cristiana o
non ha bisogno di battesimo». Infat- sincretistica. Il battesimo per immersio-
ti il feto è considerato parte del corpo ne dei giovanissimi proseliti è del tut-
materno cd è quindi, in certo senso, to coerente con In concezione generale
battezzato con questo. Se invece il fi- del battesimo dei proseliti.
glio fosse nato prima del battesimo del-
la madre, allora si sarebbe dovuto
battezzare anche lui. Ket. b. 11 a è un III. Il bambino nel N.T.
passo interessante 84 : i minorenni, ad
es. con meno di tre anni e un giorno, I. L'accettazione del bambino
vengono battezzati o, se anche il pa- come creatura di Dio
dre si sia convertito, insieme con lui
o, se non hanno padre, dopo parere fa- a) Anche se non con una linearità
vorevole del tribunale. Si vede qui co- senza dialettica, Gesù riprende la con-
me si sia sensibili al problema dell'auto· cezione di Dio dell'A.T. e con essa la
determinazione, eppure ci si attenga an-
cora alla prassi tradizionale. La motiva- fede nel Creatore. Tale presupposto im-
zione che ne viene data con riferimen- plica un'accettazione positiva dell'esi-
to ad una sentenza di R. Huna (babi- stenza umana. Egli lascia uno spazio
lonese, t 297) suona: «Bisogna fare l'in-
teresse di una persona anche senza che per le tendenze ascetiche che nell'elle-
lo sappia (lett.: anche in sua assenza)». nismo si facevano sempre più forti e
Si esamina quindi attentamente se, in nel giudaismo apparivano soltanto iso-
date circostanze attenuanti, non possa latamente, senza però identificarsi con
esser più conveniente per qualcuno re-
stare pagano e si afferma che ciò va- esse (Mt. r9,1r.12). Entro i limiti cosl
le soltanto per un adulto. La decisione fissati egli afferma e santifica l'amore

84 Questo passo è soggetto a traduzioni e spie· mente.


gazioni diverse, ma la formulazione da noi of- 85Gerim 2,1 non può essere addotto come
ferta dovrebbe renderne il senso corretl:I- controprova.
259 (v,647 l 'ltai:c; B m,1 u-2 a (A. Oepke)

parentale (Mc. 5,36 par.; 7,29 par.; 9, 2,15 non dovesse essere un'affermazio-
i9 b par.; Mt. 7,9 ss. par.). ne paolina, pure rimane notevole per
b) Non è sempre facile vedere la li- ciò che è stato possibile anche nel pri-
nea che separa Gesù dalla prima comu- mo cristianesimo. Secondo questo pas-
nità cristiana, ma non sembra azzarda- so la donna è salvata Stà. 't"ijç ·n:xvoyo-
to presumere che nei detti di Gesù con- vlc:x.ç: questa espressione non significa
servati dalla tradizione e in quelli at- certo che il partorire costituisca la ra-
tribuitigli si rifletta anche, in genera- gione vera e propria della beatitudine
le, la posizione della chiesa. Da Mt. (è piuttosto lo scotto che si deve pa-
24,r9 par. apprendiamo quindi chiara- gare per l'errore sessuale di Eva 8.1), ma
mente che la comunità ha considerato pure dovrebbe essere considerato (con
il parto e l'allattamento normali pro· l'educazione dei bambini inclusa?) co-
cessi vitali che continueranno fino ai me un'opera gradita a Dio che favori-
giorni della calamità finale. La chiesa sce la salvezza. Molto significativamen-
si prende cura del mantenimento degli te anche per il pensiero neotestamenta-
apostoli in missione, delle loro mogli c rio il mito del fanciullo divino non ha
quindi, certamente, anche dei loro e- alcuna importanza.
ventuali figli ( 1 Cor. 9 ,5 ). Paolo è fa-
vorevole in linea di principio a questa 2. Accettazione dell'indole infantile?
prassi, anche se non se ne giova perso-
nalmente. Inclinazioni ascetiche ed eti- a) Gesù 87 ha stimato molto i 'picco-
ca interinale non gl'impediscono di por- li', contrariamente alla scarsa conside-
re il matrimoni~, figli inclusi, tra gli razione di cui essi godevano comune-
ordinamenti divini della creazione ( 1 mente tra il suo popolo (ML.18,2 ss. ro;
Cor. 7, ~II, coli. 36os.). Anche l'Apo- 19,13-15; 21,15 s.). Questo atteggia-
stolo rompe sia lo schema giudaico mento non può certo essere spiegato co-
sia quello ellenistico e si mantiene es- me «la più nobile espressione della sen-
senzialmente, tranne per alcune devia- sibilità ellenistica» 88 , perché una dipen-
zioni minori, sulla linea di Gesù. An- denza così forte è difficilmente concepi-
che i codici domestici mostrano un at- bile nel caso di un galileo, soprattutto
teggiamento positivo nei riguardi della in un'epoca tanto remota. Gesù non
vita familiare e dell'educazione della pada mai dell'innocenza dei fanciulli né
prole(~ II, col. 365). Anche se 1 Tim. in senso relativo né, tanto meno, in sen-

85 DIDELIUS, Past., ad l.: lii&. strumentale. rn di più tale dipendem:a J. L EIPOLDT, Jern
87 ~ 0EPKll: AELKZ. V erhiilt11is zu Griechen 1111d Jude11 ( 1941 J
8., BIRT, op. cii. (~ n. 28) 140. Sostiene anco· 178 s.
'itCXÙ; B m,2 a-3 a (A. Oepke)

so assoluto; accenna invece alla mo- N.T. anche il bambino è compreso nel
destia ed alla ingenuità del fanciullo, piano salvifico di Dio e l'atteggiamen-
qualità che mancano agli adulti i quali to di Gesù verso l'infanzia è compren-

non vogliono farsi donare nulla (Mt. sibile soltanto partendo da tale pre-
18,2 ss.; 19,13 ss.). Non si tratta di qua- messa (-7 coll. 260 s.). Anche Paolo
lità inerenti al fanciullo che potrebbero intende l'opera salvifica dèll'iniziatore
essere scoperte: la piccolezza, l'incom- della nuova creazione in termini il più
pletezza, la debolezza del fanciullo, che possibile obiettivi e universali (Rom.
sono comunemente valutate in modo 5,18 s.; I Cor. 15,22). Persino l'elezio-
negativo, tengono aperta la strada per ne (Gal. 3,9; 6,16; I Thes:r. I,4; Rom.
l'amore paterno di Dio, strada che i 8,29 s., ecc.) persegue in definitiva fini
'grandi' così spesso gli sbarrano. universali (Rom. l r ,2 5: nÀ.'l)pwµa "t'W\I
b) Paolo è invece più vicin~ all'opi- Èftvwv; u,26: mie, 'fopm)À. crwi>'l)crE-
nione corrente. Una volta (I Cor. 14, "t'at; I I ,32: i:va "t'oùc, mivw.c, ÈÀ.d1crn).
20) fa un lieve accenno all'innocenza Non è neanche da pensare che il fan-
dei bambini (-7 coll. 238 s.; 252 ss.); al- ciullo, come tale, sia escluso dalla sal-
trove egli vede nel bambino l'essere in- vezza. Il rapporto tra salvezza e fede
completo (-7 coll. 241 s.; 251 s.), d'in- pone comunque dei problemi che sono
telligenza limitata (1 Cor. 3,1; 13,rx; particolarmente urgenti nel caso ·dei
l4,2oa; Gal.4,1.3; Eph.4,14). Una con- bambini. Va però detto che, fonda-
cezione simile è espressa da Hebr. 5,13 . mentalmente, la posizione paolina è
L'idea dell'innocenza infantile accompa- questa : la fede non opera Ja salvezza,
gna anche il concetto di rinascita, so- bensì la riceve. È improbabile che ab-
prattutto in I Petr. 2,r s. Data la con- bia sentito diversamente dall'Apostolo
cezione biblica del peccato e della per- delle genti una comunitfi Lhe trasmise
dizione, è ovvio che anche tale innocen- le storie della fanciullezza di Gesù e
za non vada intesa in senso assoluto della benedizione dei piccoli e che inol-
(cfr. anche Io. 3,6a). tre concepiva il legame tra le genera-
zioni in modo assolutamente organico
(Act. 2,39 ). Al massimo si potrebbero
3. Il bambino nell'economia salvifica di avere delle incertezze per quanto ri-
Dio guarda Giovanni, ma è proprio questo
evangelista a dare al pensiero espresso
a) Non c'è molto da dire per quanto in Mt. 18,2 ss. una formulazione squi-
riguarda l'essenziale: secondo tutto il sitamente oggettiva (Io. 3,1-2 r) 89 •

~q Per 1 lo. 2,12.14 ~ coli. 228 s. In 2 Io. 1, + 13 ·téxvo. è similmente usato in senso tra-
~a~<; B m,3 b-rv,x (A. Oepke)

b) Dopo tutto quanto abbiamo visto Ez. 9,4.6 . Tutti i membri del popolo di
al punto precedente, non ci stupisce Dio sono passati per il battesimo ( 1
più che i bambini siano stati general- Cor. 10,1 s.). Le obiezioni che vengono
mente considerati parte della comuni- mosse a tale posizione non sono deci-
tà. Essi partecipano ad eventi impor- sive. Il primo cristianesimo non conce-
tanti della vita comunitaria (Act. 21,5) pisce certamente il sacramento in ter-
ed anche al culto, almeno nell'età della mini magici, ma pur sempre in termi-
ragione (Act. 20,9.12; Col. 3,20; Eph. ni altamente obiettivi. I Cor. 7,r4c si
6,1-3). In un periodo più tardo si pre- riferisce probabilmente soltanto ai fì-
sta particolare attenzione alla fede ed gli di matrimoni misti che potevano
alla condotta dei figli di chi ha mansioni non essere battezzati. È improbabile
di guida nella comunità (I Tim. 3,4; 5, che non si siano battezzati all'inizio i
4; Tit. 1,6). Tenendo presenti le con- figli nati da genitori cristiani, seguen-
dizioni e le abitudini antiche, soprattut- do il diritto dei proseliti, perché il bat-
to in Oriente, è del tutto verosimile che tesimo ha un significato salvifico ben
al culto fossero presenti nelle assem- diverso dal battesimo dei proseliti e
blee anche i lattanti tra le braccia del- perché non siamo informati di un solo
le madri. caso di cristiani 'non battezzati' nell'e-
c) I cristiani primitivi usavano bat- tà apostolica della chiesa. In ogni caso
tezzare i fanciulli? Gli studi più recen- la pratica pedobattista doveva essersi
ti 90 stabiliscono con una certezza quasi affermata verso il 65 d.C. perché con o-
assoluta che quando si convertissero in- gni probabilità la pericope della benedi-
tere famiglie (Act. 16,15.33; 18,8; I zione dei fanciulli (Mc. ro,13-16 par.) si
Cor. l,16; implicitamente Act. 10,48; oppone già ai dubbi relativi al battesi·
n,14) anche gli eventuali minori ve- mo dei bambini.
nivano hattezzati insieme con gli altri.
Questa conclusione è suffragata da tut-
IV. La chiesa antica e i baQibini
te le analogie storico-religiose (~ coli.
242-249 ), soprattutto dall'amministra- I. Il bambino come creatura di Dio
zione del battesimo dei proseliti a bam-
Ben presto la valutazione positiva
bini (~ coll. 256 ss.), e dalla testimo- del bambino risultante dalla dottrina
nianza dei Padri dei primi tre seco!i biblica della creazione cede il passo nel-
(-7 col. 2 68 ). Il battesimo subentra la chiesa ad una visuale più negativa do-
vuta ad un'escatologia esagerata (Hipp.,
alla circoncisione (Col. 2,n) e costitui- in Danielem 4,19), all'ascesi (act. Petr.
sce il suggello escatologico di cui parla 34; act. Andr. 4 s.; act. Thom. u7 .124;

slato. 9'l Rassegna completa in - ]OACH . .fEREMIAS.


mxi:çB 1V,J-2 (i\. Oepke) (V,650) 266

act. PI. 5; act. Io. 63.113; Vangelo de- sono xaxo't"EXVO~ µrixaval (paed . 2,10,
gli Egiziani 91 ), all'autoevirazione, alla 96,1 ). L'esposizione è contro natura,
pratica delle virgines subintroductae, crudele ed empia (paed.3,4,30,2; strom.
all'eremitismo ed al monachesimQ. Pu- 2,1 8,92,3-93,r; ecl.proph. 41 ,1 s.).
re il cristianesimo ha dato un certo im-
pulso vitale all'antichità morent~ con
la protezione del matrimonio, la lotta 2. Il rapporto con il bambino
alla dissolutezza, il divieto della con-
traccezione, dell'abortQ e dell'esposi- La descrizione sobria di Gesù bam-
zione, sotto minaccia di tremende puni- bino offerta da Luca (2,40-52) non ba-
zioni ultraterrene (Did. 2,2; Barn. 19, sta più alla chiesa posteriore e nel Van-
5; apoc. Petr. 8,26 ), con la richiesta di gelo di Tommaso cede il passo ad un
semplicità e abnegazio:le. racconto estremamente barocco dell'in-
In Clemente Alessandrino conflui- fanzi!I del Signore 92 • Il Cristo docente
scono la parte migliore dell'antichità e del Museo delle Terme a Roma 93 ha for-
la nuova eredità cristiana. Clemente i- me giovenilmente androgine, che rispec-
gnora le affermazioni amare ed estre- chiano una concezione gnostica. La chie-
miste di un Tertulliano (exhortatio ai sa mette in primo piano soprattutto l'in-
castitatem 9; ad uxorem x,5 ), ma dice colpevolezza del fanciullo in genere
piuttosto che la mancanza o la perdita (Ign., Tr. 5,r ha sl vr1moç = rudis, ma
di fìgli sono un male ed i fìgli numerosi abbiamo d'altronde Herm., sim. 9,24,2
una fortuna (strom.3,9,67,1; 2,23,142, s .: &xaxoL; sim. 9 ,2 9, r -3 : v1}ma. BpÉq>TJ
1 ) . Per lui il pessimismo classico (~ s:::nza xaxla.; mand. 2,1; Barn. 6,iI ).
col. 234) è un peccato contro il crea- Di un bambin:) morto in tenera età A-
tore (3,3,22,1-25,4; 12,81,6); bisogne- ristide dice: sine peccato per mtmdum
rebbe assolutamente sposarsi proprio transivit (apol. 15,u). Lo 'statq di per-
per amore di tutto il popolo, dei bam- dizione' non è comunque dimenticato, e
bini e della O"vvnÀ.dwnç del mondo, lo stesso Tertulliano che si era oppo-
per quanto è in nostro potere. Nel ma- sto al battesimo della innocens aetas
trimonio i rapporti sessuali avvengono ( bapt. I 8) afferma poi, diventato mon-
«soltanto per la procreazione», btt µ6- tanista, la dotdna dcl peccato origina-
vu 7tCXL007tOLL~ (3,15,92,2; 98,4; r8, le (de anima 39-41). Ancora una volta
107 ,5 ); anche gli apostoli hanno pro- tipica è la confluem:a di elementi clas-
creato (3,7,52,5). La continenza è il sici e cristiani in Clemente Alessandri-
giusto metodo per limitare le nascite (3, no. Secondo l'uso linguistico classico
3,24,2); i mezzi per procurare l'aborto anche per lui vfimoç significa 'stolto'

91 lJENNECKE 58. narrati dal Vangelo di Tommaso vanno proba-


91 bilmente associati nnchc con la storia dell'in-
I vangeli canonici contengono al massimo fanzia di Krishna nei Vish'.lu-Purana: HEN-
debolissimi echi di motivi extrabiblici, ma piut-
NECKE 94 .
tosto offrono parnlleli sostanziali con impronta
propria. Cfr. G . VAN DEN BERG VAN EYSINGA, 9J O. THULJN, Die Christus-Statuel/e im Mu-
I 11dische Ei11{1iisse t1t1/ eva11gelische Erzahltm· seo Nazionale Romano: Rom Mitt 44 (1929)
ge11 ( 1909) 63.90 .91; H . GRESSMANN, Das 201 -259 ; F. GERKE, Christus in d er spiitanti-
\'(Ieilmachlsevangelium ( 1914); CLEMEN 209; ke11 Plastik' (1948} ligg.56·59. Per il motivo
HENNECKE 13*.1 r. Oltre che con motivi greci del Chrisllls puer va considerato particobr-
(-> coll. i.33 s.) i miracoli di Gesù bambino mc:itc il cap. 2 dell'opera summ::nzionata.
2<17 (v,650) 7t<lLç B 1v,2-C (A. Oepkc) (V,650) i68

(strom. 1,23,157,2; r 1,53,2; dr. 2,4, col. 26 l) è considerata particolarmen-


21,2; paed. 3,2,14,r; 2,12,118,2; l,5, te efficace (Ps.-Clem., recogn. 5,30;
16,2; strom. 7,n,66,3), ma pure cerca Greg. Naz., or. 16,13 [MPG 35,952
in ogni modo di allontanare qualsiasi B] ). Basilio loda lo zelo dei 1tett8~ç
idea deteriore dal concetto di bambino O"µLxp6"t'et."t"OL nel cantare, in contra-
(paed. 1,5 ,6 ). Il fonci~llo è vz--fimoc, sto con gli adulti che sbadigliano (in
(fresco-gentile), à.-ra.À.6c, e Ù7taÀ.6c, (te- famem et siccitatem bomilia 3 [MPG
nero), &.7tÀ.ovc,, &lìoÀ.oc,, à.vun6xpL-roc,, 31,309 CJ). A Gerusalemme c'erano
opMc, (paed. 1,5,19,1-3), l'opposto di cori antifona li di fanciulli (notizia tra-
O"XÀ.i]poxti.plìLOC, (3,12,94,1; I,4,12,4). mandataci da Eteria: CSEL 39,72).
I semplici lodano «il condottiero Cri- L'entusiasmo che regnava in questo
sto sinceramente con bocche pure di campo fuori della chiesa si trasmise alla
fanciulli», &.lì6À.wc, &.xb.xoLc, v"t"6µaow chiesa stessa: i Nestoriani avevano scuo-
nal&wv 'ÌJYlJ"t'Opa XpLO""t'OV ( 3 ,12' I o I ,3; le di canto persino nei villaggi; Giulia-
cfr. 5,10,31). Clemente concepisce pe- no mise in palio premi per le migliori
rò l'innocenza in termini non puramen- voci bianche; i ragazzi (da cinque anni
te morali, ma religiosi; egli pone in rap- in su? CIL vn 4 5 3; Victor Vitensis 2,
porto l'ùnoµov1] e il lieto riso da bam- 2 9 [ CSEL 7 ,34]) servono da lettori.
bino degli Év XpLv"t'c';> naLolwv (paed. Tutto questo talora fu però anche con·
1,5,21,4). Piì1 volte risuona la lode del siderato immorale 93 •
bambino divino Cristo (paed. 1 ,5 ,24,2 b) Battesimo e comunione dei fan-
s.; nai:c, xpa"t'Epoc,: 3,12,101,3 [inno, ciulli. Il battesim:> dei bambini è atte-
verso 61] 94 ; "t'OV v1]mov "t'OU 7tet"t"p6c,: stato fin dai primissimi tempi come tra-
1,5,24,4). La notizia di Rufino che il dizione apostolica (mart. Polyc. 9,J; Po-
vescovo aveva riconosciuto la validità licrate d'Efeso in Eus., bist. ecci. 5 ,24,
del battesimo amministrato per gioco 6; lust., apol. 15,G; Iren., haer. 2,33,2;
ad Atanasio bambino rappresenta una Hipp.; traditio apostolica 46 : ... qui ve-
distorsione ellenistica (bistoria ecclesia- ro loqui non possunt... 96 ; Orig., comm.
stica 1,14 [MPL 21,487 B] ). Agostino in epistulam ad Romanos 5,9) 91 • I! dif-
è più biblico; quando racconta la pro- ferimento del battesimo s'inizia soltanto
pria conversione si sente da lontano il nel IV sec. (l'inizio della motivazione ra-
motivo del fanciullo profetico (confes- zionale di questa prassi è attestato in
siones 8,12); . non conosce l'innocenza Greg. Naz., or. 40,28). Da Cipriano (de
del bambino (ibid. r ,7: l'avidità pec- lapsis 9) fino al xn sec. abbiamo un'in-
caminosa del lattante), ma nella sua o- terrotta attestazione della comunione
pera non mancano tratti infontili ge- dei fanciulli .
nuini (ibid. l,9.14).
C. LA FIGLIOLANZA DI DIO
3. Il bambino nel culto
Tra i vocaboli del nostro gruppo l'i-
a) Partecipazione al culto. Funzioni
clericali. La chiamata di Dio che giun- dea di figliolanza divina è connessa
ge attraverso i bambini innocenti ( ~ quasi esclusivamente ( ~ 7tet.~c, 1kou co-

94 Cfr. DOLGER, op. cii. (~ n. 9) 224. % HENNECKE 579.


9.i Concilium Toletanum 1v canone :io: J.D.

M.ms1, Sacromm conciliomm collectio x 97 Queste e altre indicazioni in ~ }EREMil\S


( 1764) 625. 29-37.
'itO.L<; C 1-u,1 !A. Oepkc) (v,651) 270

stituisce un'eccezione soltanto apparen- del giudaismo stesso, come dimostra il


te) col termine 'tÉxvov che è l'unico a costante riferimento all'idea di popolo
di Dio. Sottolineando l'idea di merito,
indicare uno stretto, intimo rapporto la sinagoga ha però trasformato la gra-
personale. Quest'uso è inoltre limitato zia preveniente di Dio in un titolo di
a Paolo e a Giovanni. Per l'indicazione diritto. La figliolanza di Dio rimane av-
viluppata nella casistica e nel dogma e
delle fonti ~ 1tCJ.'tYJP, uL6c;, utolti::<rla.. non costituisce certamente il centro del-
la religiosità giudaica.
I. I nessi storico-religiosi
Come la maggior parte delle religio- ll. La figliolanza di Dio nel N.T.
ni popolati, così anche quella greca con-
r. È Gesti che, per primo, dà all'i-
cepisce la fìgliolanza di Dio in senso
naturale (in senso mitologico nel caso dea di figliolanza di Dio una posizione
del ìli::i:oç èi.vìlpwnoc;). Dio e uomo sono centrale e ne porta a perfezione il ca-
affini per natura. Nei misteri, invece, la rattere individuale ed universale. Essa
figliolanza è stabilita soltanto mediante
l'iniziazione, intesa come rinascita o a- p::;ggia totalmente sulla grazia preve-
dozione: si esprime in questo modo, niente di Dio che bisogna accettare
probabilmente per influsso orientale, semplicemente, con Ja disposizione mo-
una più sentita distanza tra umano e
divino. Il fìne ultimo non è però la co- desta dei bambini (Mc. 10,15 par.: wc;
munione con la divinità, ma la deifica- -;;;a.~olov ). Così, sciolta da ogni restri-
zione. Nonostante le più sublimi pre- zione, la figliolanza sta infatti sotto il
ghiere, ad es. nella mistica ermetica, la
concezione dominante è panteistica. An- segno della libertà. Ora questa affer-
che 1a filosofia parte da premesse na- mazione non va certo intesa· in modo
turalistiche, ma sottolinea più decisa- aclialettico, nel senso di una teologia
mente l'aspetto imperativo della figlio-
naturale, venendo così indebitamente e
lanza divina.
Nell'A.T. l'idea di figliolanza di Dio falsamente semplificata, quasi che Ge-
è riferita in primo luogo, ed in senso sù avesse semplicemente 'annunciato' a
severamente antimitologico, al popolo 'tutti coloro che hanno un volto uma-
di Dio (Os. I I , I e passim) e poi solo
mediatamente ai singoli Israeliti (Deut. no' di essere figli di Dio. Certo, anche
14,r e passim). Il rapporto di figliolan- Gesù conosce il nesso originario tra fi-
za è condizionato dalla storia della sal.- gliolaqza di Dio e creazione, ma que-
vezza. Sul simbolo del padre prevale h
immagine del re, ma anche il primo è sto legame è or-a rotto nell'uomo. Oc-
inteso soprattutto e in primo luogo in corre che l'uomo sia riassunto nella
senso autoritario (cfr. Mal. r,6). Il pro- condizione di figlio; là dove ciò av-
cesso d'individualizzazione ed universa-
viene abbiamo un p:u:dosso assoluto:
lizzazione (da non confondere col co-
smopolitismo) è però in pieno svilup- il 'Santo d'Israele' si fa conoscere come
po. In parte queste linee proseguon:> padre. Davanti alla possibilità di deca-
accentuate nel giudaismo; ma qui non cl:::rc nu::wamente dallo stato di figlio di
sono condizionate da un cedimento sin-
cretista, bensì dallo sviluppo interno Dio rimane normativo il timore di Dio
2n (v,651) 1tai:ç C n,r-2 (A.Oepkc)

(Mt. 10,28b par.). Anche per Gesù l'i- Il vocabolo corrente è invece ~ ut6ç
dea di popolo di Dio conserva un'im- che nel nostro caso è usato sempre al
portanza fondamentale: vengono sol- plurale (Mt. 5,9.45 par.; Le. 20,36).
tanto esclusi la presunzione giudaica 2. Paolo parla partendo dal possesso

dell'elezione ed il mercanteggiare con dello figliolanza di Dio realizzata dalla


Dio. Gesù sa di essere l'adempimento vita, morte e risurrezione di Cristo, ma
dell'A.T., di essere colui che porta per- è solo apparentemente ch'egli ha cam-
sonalmente l'ultima, decisiva autocomu- biato il semplice sentimento religioso
nicazione di Dio e ciò non perché a- della paternità di Dio sentito e annun-
vesse in sé la figliolanza di Dio 'nella ciato da Gesù in un dogma complesso:
sua forza prototipica' e fosse così il pre- col concetto della ~ utoilE<rla. l'Aposto-
cursore, l'iniziatore per gli altri, bensì lo esclude da un lato qualsiasi idea mi-
in quanto messo escatologico. In quan- tologica e qualsiasi corto circuito tra .
to tale egli dà alla fin:: la propria vita creazione e figliolanza 93 e dall'altro sta-
come À.U'tpO\I &.v-.t r;.o)..J.,GJ\I. Già nei bilisce un collegamento con l'A.T. e con
sinottici è presente In distinzione so- l'idea di popolo di Dio (Rom. 9,4). La
stanziale tra la 'figliolanza di Dio' pro- figliolanza di Dio è mediata dalla figlio-
pria a Gesù (Gottessohnschaft), e la 'fì. lanza d'Abramo rettamente intesa (Gal.
gliolanza di Dio' dei credenti (Gottes- 3,6 ss.; Rom. 4; cfr. Gal. 6,16; r Cor.
kindschafI). Questa differenza è elabo- ro,r.r8 ecc.) ed è quindi collocata su
rata terminologicamente soltanto più basi storico-salvifiche. L'universalismo
tardi, ma anche nei sinottici Gesù non che è quindi affermato con estrema for-
è mai chiamato •Éx\lov i}Eov. 'tÉxvov è za e coerenza non ha a che fare col
usato unicamente per indicare la figlio- cosmopolitismo religioso. Lo stato di
lanza d'Abramo come premessa alla fi- figlio è contrapposto a quello di servo
gliolanza di Dio (Mt. 3,9 par.) o per ac- sotto la legge e alle limitazioni impo-
cennare a quest'ultima nelle parabole ste dalla legge e significa la piena li-
(Mc. 7,27 par.; Mt . 21,28; Le. 15,31). bertà ed il rnggiungimento della mag-

98 Non ci si può naturalmente appellare ad scorso dell'Areopago cada completamente fuo-


Act.17,28 per contraddire questa affermazione. ri dai limiti del kerygma paolino, anzi di quel-
Anche chi ritiene piuttosto spinta la tesi (a- lo del N.T. stesso, dovrà pure ammettere che il
vanzata ultimamente da M. DrnELIUS , Paulus discorso non è sicuramente autentico verb11-
auf dem Areopag: SAH r938/J9 [ 1939] 2. 1im. E se Paoh avesse effettivamente usato la
Heft e da M. Pom.ENZ, Paulus und di Stoa: citazione di Arato, pure sarebbe stato quanto
ZNW 42 [1949] 69-Jo4 in co!1trasto con la po- mai semplice dare alle parole un valore diver-
sizione di W. ScHMID, Die Rede des Apostels so: Dio Chrys., or. 12,27 ss. deduce dall'origi-
Pa11/11s vor de11 Philosopbe11 u11d Areop11gite:1 ne divina dell'uomo proprio la liceità del cul-
in Athen: Philol 95 [ 1943] 79-120) che il di- to delle immagini.
mx.i:c, C 11,2-3 {A. Oepke)

giare età, libertà anche da tutte le po- zazione, ma di comunione con Dio; non
tenze cosmiche (Gal. 3,25 ss.; 4,1 ss. 9; d'individualismo mistico, ma di reli-
Rom. 8.JI ss.). La cristologia di Paolo giosità comunitaria 99 • L'idea di popo-
è veramente ancora così poco rigida, lo di Dio che, ad un primo sguardo,
ch'egli può chiamare Cristo il 7tpW'tO- sembrava esclusa, traspare invece più
'toxoc; Èv 1toÀ.Àoiç à.oEÀ<poiç (Rom. 8, volte (associata alla figliolanza di Dio:
29). Il termine utoç non è ancora riser- Io. 1 l ,5 r s.) mo. Persino nel Vangelo di
vato esclusivamente a Cristo, ma accan- Giovanni non mancano del tutto ge-
to al plurale ufol ancora usato si fa stra- nuini riferimenti escatologici 101 e nel-
da l'altro vocabolo a sua volta non più la r I o. essi sono completamente sco-
usato per Cristo, cioè 'tEXvov ovvero perti ( 3,2 e passim). Lo stato di figli0
·dxva.. [-.ou] i>Eou (Rom.8,16.17.21; 9, è descritto come una condizione di bea-
8; Phil. 2,15). La piena, completa uto- to possesso e speranza, estranea all'e-
th'.<Tla.. rimane oggetto di speranza (Rom . steriorità ed al legalismo, come una vit-
8,23). toria sul mondo e sulla morte. Pure
3. In Giovanni la distinzione termi- l'allontanamento del timore rimane un
nologica tra i due tipi di figliolanza di paradosso (I Io. 4,18) ed il suo presup-
Dio (Gottessohnschaft e Gotteskind- posto, la presenza dell'amore perfetto,
schaft: ~ 1 sopra) è seguita con estre- non viene quasi mai raggiunto su que-
ma coerenza: solo Cristo è chiamato a- sta terra. La figliolanza di Di_o rappre-
desso uioç ed i credenti sono chiamati senta un fuggire costante e continuo
esclusivamente, a differenza di lui, 'tEX- dalle accuse del nostro cuore a colui
va.. ['tOV] i>EoU (lo. 1,12; II,52; I Io. che è più grande e sa tutto (I Io. 3,19
3,r.2.10; 5,2). Nel conflitto con lagno- s.) 102 ; essa implica una rottura assolu-
si la figliolanza viene espressa con ter- ta con il peccato e porta all'amore fra-
mini decisamente concreti, tipicamen- terno (I Io. 3,9-24 e passim). Il rap-
te mitologici: generazione o nascita porto è cosl stretto che i termini pos-
dall'alto, da Dio (Io. 1,12 s.; 3,3 ss.; I sono persino essere invertiti (I Io. 5 ,2 ).
Io. 2,29; 3,9 e passim). Questi termini Giovanni è l'autore del N.T. che pre-
subiscono però una modificazione · se- senta l'idea cristiana della figliolanza di
mantica: non si tratta più di diviniz- Dio con la maggior sinteticità e pre-

99 Cfr. E. GAVGLER, Dìe Bedeu/ung der Kir- \'(feltgestalt11ng ( 1950) 2 37.


che in de11 job. Schriften, Diss. Bern (r925); 101 G. STii.HLIN, Zt1111 Problem der joh. Escba·
D. FAULHABER, Das Joha11nesevangeli11111 tmd tologie : ZNW 33 (1934) 225-259. La contrad-
die Kirche (1938). dizione di Bultmann risulta dnlla sua concezio·
100 Cfr. A. 0EPKE, Das 11eue Gottesvolk in ne globale.
Schri/llum, Scbrmspiel, bildender Kunst rmd IO? Cfr. BiicHSEL, excursus 10 a 1 Io. 4,18.
1w.i:c; VEOV ( \Y/. Zimmerli)

gnanza. III. La figliolanza di Dio nella chiesa


4. La distinzione terminologica tra La storia della chiesa antica ci pre-
u1.6c; e -rÉxvov è rimasta caratteristica senta un quadro singolare: l'idea bibli-
degli scritti giovannei. Negli altri scrit- ca di figliolanza di Dio non è certamen-
te mai del tutto obliata, ma è molto
ti del N.T. -rÉxvov non è usato per in- presto e in notevole misura soffocata da
dicare la figliolanza divina dei credenti. pensieri estranei, in parte naturalistici
Anche in Iac. 1, r 8 e 1 Petr. r ,2 3 tro- in parte moralistici. La documentazione
di questo fenomeno richiederebbe una
viamo però la figliolanza di Dio asso- trattazione particolarmente dettaglia-
ciata all'idea di rinascita. ta 103.
A. 0EPKE

A. 'ebcd jhwh 11ell'A.T. + 'ebed come espressione dell'umile sentire


1. L'uso profano dell'appellativo 'ebed: cli sé;
I. 'ebed = schiavo; 5. i servi del santuario.
2. 'ebed nl servizio del re; Il. Uso religioso di 'ebed:
3. 'ebed come indicazione di sottomissione i.'ebed come umile autodefinizionc dell'uo-
politica; mo in presenza del suo Dio;

103 Alcune indicazioni sono offerte in 0EPKE, (1955); P.A.I-1. DE BoER, Second-lsaiab's Mes-
op. cit. e~ n. 5) 108 s.; trattazione esauriente sage, OTSt I I (1956), spec. 102-117; K. Buo-
in RE 3 x 297-304. DE, Die sogenanntc11 Ebed-Jahve-Lieder und
die Dedeut1111g des K11ecbtes Jahves in ]s 40-55
mii:c; i>EOU ( 1900); Io., Das D11ch Jesaja Kap. 40-66, in
Nota all'edizione i1aUa11a. L'articolo rca.i:c; i>Eov KAUTZSCH, Hl. Scbr. A.T.' (1922); E. Bun-
non è tradotto direttamente dal Tbeologiscbes Rows, Tbc Servant o/ Yahweh in lsaiah, in
\'Vorterbucb wm N.T. (~ v 653-713), ma dal The Gospel o/ tbc In/a11cy and other Biblica/
rifacimento del medesimo, comparso sotto il ti- Essays (1940); B. DuHM, Das Bucb ]esaja •
tolo Tbc Servanf of God, Studies in Biblica! (19n ); L. Di.iRR, Ursprung und Ausbau der
Theology, 20, S.C.M. Press, London (1957). Il isr.-judiscb. Heila11dserwarlu11g (1925) n5-
testo italiano segue in tutto questa edizione, 152; O . EISSI'ELDT, The Ebed-Yahweb in lsaiah
compresa l'omissione e l'aggiunta di alcune XL-LV in the Light o/ fh e Israelite concep-
note. lions o/ thc Co111m1111ity and the I ndividu11l,
Per A: W.W. Bt.untSSIN, Zur Entwicklrmg the Ideai and the Real: ExpT 44 (1932-33)
des Gebrauchs vo11 'ebed ili re/igiiisem Sinne, 261-268; K. ELLIGER, Deutero-}esa;a ili sei11em
in Festschr. K. Budde, ZA W Beih. 34 ( i920) Verbii!tnis :w Trito-Jesaja, BWANT 4.11
1-9 ; Io., Kyrios als Gollemamc m ( 1929) 176- (1933); I. ENGNELL, The 'Ebed-Yahweb Songs
242.524-555; J. BEGRICH, Das priesterliche ai1d tbe Suffering Messiab i11 'Deutero-lsaiah':
Heilsorakel: ZA\V/ 52 (1934) 81-92; In., Sfu. BJRL 31 (1948) 54-93; F. GrnsEBRECHT, Der
die11 w De11ferojesaja, BWANT 4.25 (1938) Knecbt Jahvcs des Deutero-Jesaja (1902); H.
spcc. 131-1p; A. BENTZEN, Ki11g 11nd Messiah GRESSM/\NN, Die literarische Analyse De11tero-
277 (v,653) 1tatc, ikov (\V. ZimrncrliJ

2. 'servi di Jahvé', al plurale, come designa- B. Le trac/11zio11i nei LXX:


zione degli uomini pii; x. le traduzioni di 'ebed nei LXX;
3. 'ebed ihroh usato al singolare per indicare 2. la traduzione dei lesti del Servo di Dio nel
Israele; Deutero-Isaia.
+ 'ebed ihwh detto di personaggi eminenti: C. mxi:c; l>eov nel lardo giudaismo, dopo i LXX.
a) i patriarchi,
b)Mosè, I. Il duplice significato di 7tatc; i>Eoii:
I. 7tai:ç i!Eoii = figlio di Dio;
e} il re,
d) il profeta, 2. 7tatc, f)Eov = servo di Dio.
e) Giobbe; II. Il persistere dell'uso religioso dello 'cbed
5. il Servo sofferente dcl Deutero-lsaia. jhwh veterotestamentario:

}esajas: ZA\YJ 34 (1914) 25..p97; Io., Der J.ZIEGLER, lsaias (Septuaginta, xlv) (1939).
Urspru11g der israel.-jiidische11 Eschatologie Per C: R.A . AYTOUN, The Servant o/ lhe Lord
(1905) 301-333; ID., Der Messias (1929) 287- in tbe Targ11111: JThSt 23 (1922) 172-180; P.
339; ind. s.u. 'Ebed-Jahveh; J. HEMPEL, Vom BILLHKllECK, Hat die alte Synagoge cil1e11
irrende11 Glaube11: ZsystTh 7 (1930) 631-660; praexistenten Messins geka1111t?: Nathanael 21
O. KAISER, Der ko11igliche Knecht FRL 70 (1905) 89-150; J . BoNSJRVEN, Le ]11daismc pa-
( 1959); L. Kom.ER, Deutero-]esaja slilkri- lestinien 011 tcmps de ]éms-Christ 1 (1934)
tisch unlersucht, ZAW Beih. 37 ( 1937 ); .T- 380-385; J .J. BRIERRE-NARDONNE, Le Messie
LINDBLOM, The Seru011/ So11gs in Deutero- so11/fra11t dans la li1tér11turc rabbi11iq11e (1940);
I saiah, Lunds Universitets J\rsskrift, N .r. M. BullER, ]erns 1111d der 'Knecht', in Pro re-
Avd. I -17,5 (1951); C. LINDHAGEN, The Scr- gno, pro sanctuario, Festschr. G. van. der
uant Moti/ in the O.T. (19_,-o); S. MowINCKEI., Lceuw (1950) 71-78; ristamp. in Two Types
Der K11echt ]abwas (1921); Io., Die Komposi- o/ Failh (19_,-1 } 102-u3; R . BuLTMANN; Reich
tion des de11tero-jesaja11ische11 Buches: ZAW Gottes llllli Mensche11soh11: ThRundschau 9
49 (1931) 87-112.242-260; lo., He Thai Co· (1937 ) 26-30; G. DALMAN, Der leidende und
meth (1956) spec. 187-2,,-7; C.R. NORTH, The dcr sterbende Mcssias der Synagoge ·im ersten
Su/jering Servant i11 Deutero-lsainh (1948); H. 11achchristlicbe11 ]abrta11se11d, Schriften des
\XTHEELER RoBINSON, The Hebrew Co11ceptio11 Institutum Judaicum, Berlin, 4 (1888), cit.:
o/ Corporale Personality, in \V/erden 1111d \\'t'e- DAI.MAN 1; ID., ]esa;a JJ, das Prophetemoorl
sw des A.T., ed. J. HEMPEL, ZAW Beih. 66 vcm Siilmleiden des Gotleskncchlcs', Sc:hrif-
(1936) 49·62. Vedi The Cross in tbe O.T. ten d. lnstitutum Judaicum, Berlin, 13 (1914),
(1955) 65-80; H.H. RowLEY, Tbe Servant o/ cir.: DALMllN 11; W.D. DAVIES, Pouf a11d Rab-
the Lord and Othcr Essays 011 lhe O.T. ( 1952); binic ]11daism (1948, '1955) 274-284; S.R. DRI-
\Y/. RuooLPt1, Der exìlìsche Mcssins: ZAW 43 VER-A. NEUBAUER, The Fifty-Third Chapter o/
(1925) 90-114; E. SELLIN, Serubbabel (1898); lsaiah accordi11g to tbe Jcwish I nterpreters 1,
In., Mose 1md seinc Bedeu/1111g /iir die isr.-iii- Il (1876-77); H .A. FISCHEL, Die deutero;esa-
dische Religio11sgescbichte ( 1922) 77-1 IJ; Io., ia11ischc11 Gottesk11echtlieder in der jìidische11
Die Losung dcs dc11terojesaia11ischc11 Gol~es­ A11sleg1111g: HUCA 18 (1943/44} 53-76; H.
knechtsriitsels: ZAW 55 (1937) 177-217; N. HEGERMANN, ]esaja 53 in Hexapla, Targum 11.
H. SNAITH, Tbe Servanl o/ the Lord in Peshilta, BFChTh, 2 F., 56 (1954); P. HUM·
Deutero-lsaiab, in Studies in O.T. Prophecy, RERT, · Le Messic dam le Targ11111 dcs prophè-
Festschr. T.H. Robinson (1950} 187-200; J .J. tes: RThPh 43 (1910) 420-447; 44 (19II) J-
STAMM, D11s Leitle11 dcs U11scbuldige11 in Ba- 46; S. HuRWITZ, Die Gestnlt des sterbenden
by/on 1md Israel (1946); P . VoLz, ]esait1 11, Me.uias. Religio11spsychologiscbe Aspekte der
Komm. z.A.T., IX 2 ( 1932}; H.\Y/. \Y/OLFF, }e- jiidische11 Apokalyplik, Studien aus dem C.G.
saja 53 im Urchris/e11/11111 ' ·1 ( 1950.1952 ); J. Jung-Institut, Ziirich, 8 (1958); G. ]EREMIAS,
ZIEGLER, U11ters11ch1111gc:1 wr LXX des B11- Der Lehrer der Gerechtigkeit, Studien zur Um-
ches Isoias (1934). welt des N.T., 2 (1963); J. JEREMIAS, Er/oscr
Per B: K.r. EuLER, Dic \I erkii11dig1111g vom u11d Erlorimg im Spiiti11de11lflm w1d Urchri-
lddende11 Gottesk11ech1, BWANT .~ .q ( 1934): stclllum: DTh 2 (1929) 106-119; lo., 'Aµvòc;
'itatç llEov («W. Zimmcrli) {v,6.H) 280

lltou come autodefinizione dell'oran-


r . 1tai:ç a) l'interpretazione collettiva;
te; b) l'applicazione al profeta Isaia;
2. il plurale 'servi di Dio'; c) l'esegesi messianica:
3. l'uso linguistico collettivo; a) l'Ecclestiastico,
4. 1tatç llEou come titolo d'onore di distinti ~) Enoc etiopico,
strumenti di Dio; y) la Peshìtta,
5. 'Servo di Dio' come indicazione del Mes· o) il Nuovo Testamento,
sia. E) Aquila,
III. Interpretazioni dei passi del Servo di 1;) Teodozione,
Dio nel Deutcro-Isaia : T)) il Targum di Isaia,
1. il giudaismo ellenistico; Il) i rabbini,
2 . il giudaismo palestinese: t) la polemica contro il cristianesimo;

i:ou lltou-mx'Lç lltov: ZNW 34 (1935) 115-123; 253-277; f. WEDER, ]udische Theologie auf
N. jOHANSSON, Parak/etoi ( 1940) 96-119; G. Grtmd des T al11111d tmd verwanàtcr Schiflen 1
1
K1TTEL, Memchensohn, in RGG Ili (1929) (1897); A. WONscHE, jimire hammiHiii/J oder
2u8·2121; I. [H.] LETSEGANG, lndices ad Phi- die Leiden des Messias ( 1870).
lonis Alexandrini opera (1. CoHN·P . WEND· Per D: O. BAUERNFEIND, Apostelg. (1939)
I.AND cdd., Philonis Alcxandrini opera vn, a 3,13.26 e 4,27; W. BousSET, Kyrios Chri-
i926·30); W. MANSON, ]cms the Messiah stos ', FRL 21 (1921) 56 s. 69-74 ; R. BuLT-
(1943) 99.171 ss.; G.F . MooRE, ]11dais111 I MANN, Theologie des N.T. (1958); F.C. BUR-
(1927) 229.549·551; m (1930) 63.166; H. o. KITT, Christian Begilmi11gs (1924) 35-41; C.F.
DEBERG, 3 Enoch or the Hebrew Book o/ E· BuRNEY, The Aramaic Origill of the Fourth
11och (1928); R. OTTO, The Kingdom o/ God Gospel (1922) 104-108; H.J. CADBURY, The
a11d the Son o/ Man' (1943); M. RESE, Vber- Titles o/ ]es11s in Acts, in F.J .F. ]ACKSON-K.
pru/11ng ciniger These11 vo11 ]oachim ]eremias LAKE, Beginnings o/ Christianily 1 5 ( 1933)
wm Thema des Gottesknechtes im ]udenlmn: 364-370; L.L. CARPENTER, Primìlive Christian
ZThK 60 ( 1963) 21-41; H. RIESENPELD, ]ésus Application o/ the Doclri11e o/ the Servant
lra11sfiguré, Acta Seminarli Neotestamentici ( 1929); L. CERFAUX, L'hymne a11 Christ-Servi-
Upsaliensis, 16 (1947) 81-96.307-317 ; H.H. teur de Dieu (Phil. 2,6·II = ls. 52,13-52,12),
RowLEY, The Suffering Servant a11d the Davi- in Miscellanea historica in honorem Alberti de
dic Messiah : OTSt 8 (1950) 100-136, ristamp. Meyer, Université de Louvain, Recueil de Tra-
in The Servanl o/ the Lord and other Essays vaux d'Histoire et de Philologie, 3. Série, 22
on the O.T. (1952) 59·88; A. SCHLATIER, Das (1946) n 7-130; O. CutLMANN, Die Tauf-
A.T. in der johanneischen Apokalypse, BFfh lehre des N.T ., AThANT (x953); In., Urchri-
16,6(1912) :;os.; lo., Theo/ogie des ]udentums; slentum rmd Gottesdiens/ 1, AThANT 3
ID., Markus. Der Evangclisl f iir die Grieche11 (1950) ; Io., Christologie des N .T . (1957) ,50·
(1935); H .J. ScHOEPS, Symmachusstudien III. 81; G. DALMAN, \Y/.]. ( 1902); F. fASCHER,
Symmachus 11nd der Midrasch : Biblica 29 ] esa;a .53 in christlicher und judischer Sicht,
(1948) 3x-,51, spec. 38 s. (V. Der aussiitzige Aufsatze u. Vortrage zur Theologie u. Rclì-
Messias); P. SEIDELIN, Dcr 'Ebed ]ahve t1nd gionswissenschaft 4 ( 1958); J. GEWIESS, Die
dic Messiasgestall im ]esa;atargum: ZNW .35 Uraposlolische Heilsverkiindigung nach dcr
( 1936) 194-231; E. SJOBERG, Der Menschen · Apostelgeschichte, Brcslauer Studien z. hist.
soh11 im iithiopischen H c11ochbuch, Acta Re· Thcol., NF 5 (1939) 38-57.75-81; L. GoPPELT,
giae Societatis Humaniorum Litterarum Lun- Typos, BFfh 2 F 43 (1939) u 3-II6.120-127;
densis 41 (1946) n6-139; W. STAERK, Soter, A.v. HARNACK, Die Bezeich1111ng ]esu als
BFfh, 2 F, 31 (1933) 72-84; In., Die Ei- 'Knechl Gottes' und ihrc Geschichte ili der al-
/Osercrwarlung in den ostliche11 Religionen l en Kirche, SAB 28 (1926) 212-238; M.D.
(1938) 406-408; J.F. STENNING, The Targum HooKER, ] esus and the Servant (1959); ] . JE-
o/ Isaiah ( 1949 ); H.L. STRACK, Einleitung in REMIAS, Das Losegeld /iìr Viete: Judnica 3
Talmud und Midrasch s (192x); C.C. TORREY, (1947·48) 249-264; Io., Zu Phil. 2,7: 'Euu-rÒ\I
Tbc Messiah Son o/ Ephraim: JBL 66 (1947) EXÉVWO'EV : NovTest 6 (1963) 182-188 = in
281 (v,654l ;m~c; i)eoii A I (W. Zimmerli)

D. 7taic; fmov) nel N.T .: A. 'ebed jhwh


I. 'ltaic; ( &Eov) come titolo di Gesù: NELL'ANTICO T E STAMENTO
r. origine del titolo;
2. significato del titolo; I. L'uso profano dell'appellativo 'ebed
IL Interpretazioni cristologiche neotesta- Il nome 'ebed non si deve probabil-
mentarie dei testi del Servo nel Deutero- mente far derivare dal verbo 'iibad, la-
Isaia:
vorare, contrariamente a ciò che si pen-
r. i testi: sa comunemente 1; piuttosto dev'essere
a) ceppo pre-paolino; considerato un nome primitivo da cui
b) ceppo pre-sinottico; secondariamente derivò il verbo. Quasi
e) tradizione e formule negli Atti;
mai il sostantivo connota il lavoro 2 • Il
d) 1 Petr. e Hebr.
e) scritti giovannei;
significato primario della parola si riferi-
f) Paolo e Matteo; sce a uno specifico rapporto personale.
2. l'ambiente storico della chiesa primitiva : Il corrispondente a cui si pensa, espres-
a) la prova scritturistica; samente o meno, quando si dice 'ebed
b) cristologia della chiesa primitiva; non è un qualcosa di 'ozioso', ma 'iidon,
e) liturgia; il padrone 3 • 'ebed è colui che appartie-
d) parenesi primitiva. ne ad un padrone. Tutto il ricco svilup-
III. È possibile che Gesù abbia applicato a po dell'idea di 'ebed s'inizia con questo
se stesso i passi del Servo? senso di appartenenza. Il suffisso o la
formazione in stato costrutto, come pu-
re il meno frequente e labile legame e-
spresso con la particella t•, mettono in

X6.p~c; xat :Eocpla, Festschr. K.H . Rengstorf an- maniorum Litterarum Lundensis 53 ( 1955),
11isslich seines 60. Geburtstags (1964) 182-188; spec. 247 ss.; V. TAYLOR, ]esm and bis Sacri-
In., Die Abe11dmahlsworte ]est1 2 (1949); G. /ice (1937) ; Io., The Alonement in N.T. T each-
KITTEL, ]esu ìVorte iibcr sei11 Sterben: DTh i11g 2 ( 1945); ID., The Li/e and Ministry o/
3 (1936) 166-189; E. LoHMEYER, Kyrios ]esus, ]esus ( 1954) 142-145; e.e. ToRREY, The ln-
SAH (1927-28) nr.4; ristampato a parte (1961) fl11e11ce o/ Second Isaiah in the Gospels a/lii
33-36.42.49 n. 4.69; ID., Gottesk11ecbt u11d Da- AclS: JBL 48 (1929) 24-36; G. WIENCKE, Pa11-
vidsohn, Symbolae Biblicae Upsalienses 5 /11s iiber ]estt Tod, BFfh, 2 F 42 ( 1939) 161-
(1945); E. LoHSE, Mortyrer 1111d Gottes- 164; I. ZoLLI, Il Nazareno (1938) 228-233.
k11echl ', FRLANT 64 (1963); C. MAUREK, 331-355.
Knecht Golles 1111d Sohn Gottes im Parsions- I Nell'edizione originaria del Theol. W orterb.
bericht des Markusevangeliums: ZThK 50 avevo espresso questa opinione, seguendo
(1953) 1-38; \V/. MrcHAELIS, Herkun/t :md TH. NoELDEKE, nella comunicazione di F. DE-
Bede11t1111g des A11sdr11cks 'Leide111md Sterbe11 LITZSCH, Prolegome11a·eiltes ne11e11 hebr.-aram.
]esu Christi' (1945); O. PROCKsc11, Jcsus der \Viirterbuchs z.A.T.: ZDMG 40 ( 1886) 741;
Gottesknechl, in : In piam memoriam Alexari- W .]. G ERBER, Die hcbr. V erba denominativa
dti von Bulmerincq, Abhandl. der Herder-Ge- (1896) 14-16; --) LINDHAGEN 41-42.
sellschaft zu Riga vr 3 (1938) 146-165 ; J.H.
RoPES, The lnfluence o/ Second Isaiah 011 the ·2 Cosl, per es., in lob 7,2 o in 1 Reg. 9,22, do-
Epistlcs: JBL 48 {I929) 37-39; G. SAss, Z11r ve il supplemento di Origcne traduce il niìtan
Bede11tu11g von 8ovÀoc; bei Pa11lus: ZNW 40 'ebeti dell'A.T. con ElìWXEV dc, irpéiyµa.
(1941) 24-33; K .H. ScHELKLE, Die Passi011 ]c- J Questo è ben chiaro in Lev. 25, dove il v. 39
Stl ili der Verkiindigrmg des N.T. ( 1949) 60- proibisce che a un fratello caduto in scbiavitt1
194; E. SJOBERG, Der verborgene Memche11 - sia accollato il lavoro dello 'ebed, mentre il v.
soh11 in den Evangclien , Acta Regiac Soc. Hu- 40 trova naturale che egli l~vori l'bd).
T.(l.~t; VEOV A I 1-2 (W. Zimmerli)

rilievo non l'oggetto prodotto da chi la- men te come da ciò provenga quel sen-
vora, ma il signore che comanda che so di appartenenza a Jahvé, che può as-
sia fatto il lavoro 4 • In particolare si sicurare agli schiavi d'Israele almeno il
possono distinguere i seguenti princi- diritto alla vita. Gen. 24 narra la più fi-
pali usi del termine 'ebed. ne storia di uno schiavo di tutto l'A.T.
I. 'ebed è lo schiavo, l'uomo caratte- Il suo nome non è mai indicato; egli
rizzato soprattutto dal fatto che appar- è denominato semplicemente 'schiavo
tiene a un altro 5 • Lo schiavo sembra di Abramo' ('ebed 'abriiham) o, più
essere colui che è ridotto interamente a brevemente, 'lo schiavo' (hii'ebed) io. La
proprietà. Ma la legge dell'A.T. pone sua azione è interamente determinata
precisi limiti a questa condizione di vit- dalla comunione cultuale con la casa
tima. Lo schiavo ha diritti come un es- del padrone. Dio è per lui «il Dio del
sere umano. Al contrario della legge mio padrone Abramo» (vv. 12.27.42.
babilonese, per es., un danno arrecato a 48 ). In questo clima è possibile un ti-
uno schiavo dev'essere riparato con la po di servizio completamente libero;
liberazione 6 • Nella legge veterotesta- lo 'ebed si impegna a cercare una sposa
mentaria sugli schiavi non si punisce per il figlio di Abramo come se Abra-
con la mutilazione 7• Lo schiavo che è mo stesso fosse presente. Egli è in tut-
fuggito presso un altro padrone non to il rappresentante del suo padrone, e
dev'essere consegnato 3 . Questa mag- tuttavia rimane il servo sottomesso a-
gior dignità e libertà dello schiavo si nonimo, che non si permette nemmeno
basava sul fatto che egli partecipava al- un momento di riposo, che pure sareb-
la vita cultuale comune nella fede del- be ben giustificato dopo Ja sua felice
!'A.T., poiché questa era data alla co- missione (vv. 54 ss.).
munità e al popolo di Dio 9 • Più avan-
ti, Israele stesso acquistò piena coscien- 2. Lo 'ebed al servizio del re. La ne-
za che doveva tutta la sua esistenza a cessità di respingere l'agguerrito eserci-
un atto di liberazione dall'Egitto, dalla to dei Filistei rese necessario, a partire
'casa di schiavitù' (Ex. 20,2; Deut. 5,6; da Saul, che il re - il quale normalmen-
6,12; ecc.). Lev. 25,42 mostra chiara- te aveva a sua disposizione solo un e-

4 Cosl si può verbalmente parlare di un 'òbed 21 (cfr. anche Lcv. 22,II). Vedi, per es., R. DE
'adiima (Gen. 4,2; Zach. 13,5; Prov. 12,11; 28, VAUX, Ancient Israel (1961) 80-90.
19), ma non di un 'ebed 'adiimii nel senso di 6 Ex. 21,26 s.; cfr. Codice di Hammurabi §§

'lavoratore della terra'. Il verbo 'bd nel senso 199.213.


di 'servire' andrà considerato un denominale 1 Codice di Hammurabi §§ 205.282.
secondario di 'ebed. Per la sua fraseologia cfr. 8 De11t. 23,16; dr. Codice di Hammurabi §§
GERBER, I.e. (~ 1 ). La incontrollata confusio· 15-20.
ne del sostantivo 'ebed e del verbo 'bd, la 9 Al sacrificio (Deut . 12,12.18), al sabato (Ex.
quale comporta di fatto un fraintendimento 20,10; De11t. 5,14), alln pasqua {Ex. 12,44), al·
degli enunciati con 'ebed ricorrenti nell'A.T., 111 circoncisione (Gen. 17,13.27). Il fatto è e-
costituisce il non trascurabile punto debole del spresso chiaramente anche in Lev. 22,11, seb-
lavoro di ~ LINDHAGEN, dr. specialmente ~ bene manchi il termine 'ebed.
n . 41. 1? 'ebed 'abriiham (vv. 34.52.59), ha'ebed (vv.
5 La cosa appare con la massima chiarezza nel- 5.9.10.17, ecc.); il v. 2 lo presenta come 'abdo
l'enumerazione dei beni; :id es. Ge11. 20,14; z'qan béto hammosel b'kol-'a1er lo. Chi legge
24,35; 30,43; 32,6 ecc.) o nell'espressione i racconti di Abramo come sono ora penserà a
nient'affatto sentimentale kaspo htl' di Ex. 21, Elie2er, che è menzionato in Gen. 15,2.
•w.i:ç l}Eov A 1 2-3 (\YI. Zimmerli)

sercito di volontari - si creasse un eser- cetto di 'ebed si estese. Tutti i funzio-


cito permanente e retribuito 11 • Chiun- nari dipendenti dal re potevano essere
que vi entrava cessava di appartenere chiamati 'servi del re' 14 • Infine, il tito-
alla tribù in cui era nato e diveniva lare di un importante ufficio di corte,
'servo del re' ('ebed hammelek) 12 • Non le cui funzioni sfortunatamente non so-
sarebbe appropriato in questo caso par- no descritte chiaramente nell'unico pas-
lare di schiavitù, dato che il servizio del so in cui si parla di lui (2 Reg. 22,12
re era probabilmente basato sopra un [par. 2 Par. 34,20] ), sembra aver por-
accordo incrollabile per cui anche il re tato il titolo di 'ebed hammelek in un
si sentiva a sua volta legato a precisi senso tutto particolare 15 •
doveri 13 • Si parlò di 'ebed in questo
senso, perché anche qui fu una chiara 3. 'ebed come indicazione di sotto-
relazione di appartenenza, sostitutiva di missione politica. In senso più largo e
tutti i precedenti rapporti di questo ge- indefinito 'ebed è usato per esprimere
nere, quella che determinò la condizio: in modo generico l'idea di sottomissio-
ne di questi servi del re. Con la cresci- ne politica 16 . In questo senso anche i re
ta della monarchia e con la creazione di possono ricevere la qualifica di 'ebed
altri gruppi di funzionari, l'uso del con- ( 2 Sam. ro,19; cfr. 2 Reg. 18,24). Ma

li / Sam . 14,52; cfr. specialmente A . ALT, Dit· ne degli 'ìibàdrm. I consiglieri di Saul sono chia-
S1aate11bildu11g der lsraelite11 i11 Paliistin11 mati così in I Sam. 16,15. La cerchia dei corti-
(1930) 33 s.; E. ]UNGE, Der \'Viederau/bau des giani non coinvolti nella guerra al tempo di
Heerwesens des Reiches }uda tmter Josia Davicl è chiamata 'ebed (i Sam. II,9.13); an-
(1937) 8 - 22. che il consigliere di David (1 Sam. 15,34) e gli
ambasciatori sono definiti cosl {2 Som. 10,2-4).
Il 'abdè Jii't/l {1 S11111. 18,5; 22,9, ccc.); 'abdé
Un raffronto dei testi paralleli di 2 R~g. 19,23
'i.i bofrt ben fil'ul (i 511111 . 2,12) ; 'abde diiwid
e ls. 37,24 mostra che 'ebed può essere addi·
(2 Sam. 2,13.15.17, ccc.).
rittura sostituito da mal'iik. In 1 Reg. u,26
11 1 Som. 22,7; il diritto del re - un titolo am· Geroboamo, sovrintendente dei lavori di Salo-
biguo - fa ombrn al c:arnttcre volontario del- mone, è chiamato 'ebed; cfr. 2 Chron. 13,6.
lo 'ebed ; ma in / Sam. 8,14 s. si parla di ricom· 15 Se il Geroboamo nominato nell'iscrizione
pensa. Qui e in quanto segue si può fare un del bel sigillo rinvenuto a Mcgiddo (Jm' 'bd
raffronto col patto ambo bai' (}. P1mERSF.N. jrb'm) fosse uno dci re di questo nome
Der Eid bei den Semilen [ 1914) 52-63). Tutta- (A.0.B. ', fig. 578, cfr. K. GALLING, Beschrij-
via è poco corretto caratterizzare completa· Me Bifdsiegel des J. ]ahrta11se11ds: ZDPV 64
mente le relazioni dello 'ebed, quindi ogni rap- (1941) 121-202, nr. 17), se 'ziw e '!Jz delle i-
pono di schiavitìt , come un rapporto regolato scrizioni del sigillo {GALLING nr. 85 e 125, 1:
dal b•"ril di tipo bai' (~ LINDHAGEN 53). Per specialmente nr. xa) significassero i re Ozia e
quanto in Israele il rapporto di tipo religioso Acaz, probabilmente avremmo qui ulteriori al-
dello 'ebed possa rientrare nel rapporto di b'rit lusioni a questo titolo curiale, che forse è di·
proprio di Israele dando alle affermazioni r.c- rcnamente citato sul sigillo (GALLING, nr. 43:
ligiose sullo 'ebed un carattere particolare, bi- lj'wjhÌu 'bd hmlk). Cfr. coli. 318 ss ., n. 92;
sogna riconoscere che i rapporti di b'ril e di D . DIRINGEK, L e iScrizio11i antico·ebraiche pa-
'ebed sono due cose originariamente diverse. lestinesi ( 1934) 229-231; ~ LINDBAGEN 36-39.
U Già al tempo di Saul uno 'ebed sembra cu- 1' Così i Gabaoniti si presentano pronuncian-
rasse in particolare il gregge ( 1 Sam. 21 ,7 ). Il do la formula di sottomissione 'obdékem 'a11a!J-
servitore Seba è denomina to '"bed in 2 Sam . 111i (los. 9,11); dr. / Reg. 20,32; 2 Reg. 10,5.
9,2 (cfr_ v. 9). Si tratta forse di una forma pri- Per la formula più piena di sottomissione e di
mitiva dell'ufficio fomiliare di 'al babbajit ( r domanda di aiuto cfr. i Reg. 16,7: 'abd'kii
Re}?. 4,6; 16,9 l? Egli stesso poi ha a disposi7.in- 1i/>i11kii 'ani(~ TI, col. 1432).
ita~c; ~Eou A Il (W. Z immerli)

'ebed denota sempre uno che è sogget- è che 'ebed propone chiaramente una
to ed appartiene al padrone. In esso è relazione personale. Passi paralleli alla
sempre latente il sentimento di umilia- formula, frequente in iscrizioni cartagi-
zione, che a volte sfocia all'improvviso nesi, «'ebed della casa di Dio)) 20, nel-
in vero lamento (Lam. 5,8). l'A.T. mancano del tutto 21 • Ciò è signi-
ficativo, non solo per una risposta alla
4. 'ebed come espressione dell'umile questione della comparsa di un ciipita-
sentire di sé. Dal linguaggio di corte lismo del tempio, ma anche per la va-
l'autodefìnizione di 'ebed, passò, come lutazione dei passi con 'ebed nell'A.T.
espressione di umiltà, nel corrente lin- Lo 'ebed è una persona che appartiene
guaggio di cortesia 17 , nel quale a volte a una persona.
si possono aggiungere parole che danno
enfasi eccessiva a questa sottomissio-
ne 18• II. Uso religioso di 'ebed

5. I servi del santuario. Forse i servi Nell'uso religioso di 'ebed si devono


del santuario devono essere menzionati considerare le stesse tre costruzioni che
come un gruppo speciale. Secondo I os. si hanno nell'uso profano: accanto al-
9,23, Giosuè condanna i Gabaoniti ad lo stato costrutto 'ebed jhwh 22 , l'uso del
essere «schiavi della casa del mio Dio» sostantivo con un suffisso di tutt'e tre
('ebed l"bét 'elohai) 19 • Ma, se conside- le persone, più raramente la costruzio-
riamo tutto l'A.T ., ciò che ci colpisce ne con la particella l" 23 •

17 L. Ki:iHLER, Archiiologisches: ZAW 40 l! Nella enumerazione dci servi del santuario


(1922) 43 s.; I . LANDE, Forme/ha/le \Vendtm- in Esdr. 2 e Neem. 7, dove ci si sarebbe aspet-
gen der Umgangssprache im A.T. ( 1949) 68- tata una menzione di tali persone, abbiamo un
71; per la cerimoniosità nei rapporti diploma- gruppo di b'né 'abdé f'lomoh (Esdr. 2,55.58 ;
tici -+ II, coli. 1431 s., nn. 40-42. Con espres· Neem. 7,57.60; II,3), che fin dal tempo di Sa-
sione cortigianesca il parlante può designare lomone dovevano essere destinati a un servizio
come 'ebed sia stesso sia una terza persona. specifico dcl tempio. -Ma è significativo che, in
ia Per es. Hazael in 2 Reg. 8,13: «il tuo servo, epoca recente, siano chiamati b'né 'abdé f'lo-
il cane», o in 2 Sam.9,8 Mefiboshet: «chi è mai moh, a ricordo di un rapporto che un tempo
il tuo servo, perché tu ti degni di prendere in era stato personale.
considerazione un cane morto come me?». Cfr. 22 Cosl 21 volte; plur. 'abdé jhwh. Solo in
J .A. KNuDTZON, Die E/-amarna-Ta/e/n (1915) tempi più recenti si trova pure, nella progres-
60,6 s.; 71,17 s.; 85,64. Per i tertnini ardu/ siva sostituzione del nome di Jahvé, 'ebed
am/11 delle lettere di El-Amama -+ LINDHAGEN hii'e/oh/111 (1 Chron.6,49; 2 Chron.24,9; Neem.
7-30. Anche LANDE, o.e. (-+ n. x7), 74-76. La 10,30; Dan. 9,II). Una sola volta in un testo
formula 'bdk klb si legge anche nelle lettere antico si può notare la presenza dell'appellati-
di Lakish 2.5.6, ed. H. ToRCZYNER, The La· vo di Dio-Padre; in Gen. 50,17 i fratelli di
chish LetJers (1938) 36 s. 92 s. 104 s. Giuseppe si definiscono 'abde 'e/ohe 'iib1kii; in
IJ L'espressione «spaccalegna e portatori di ac- Daniele aramaico Dario descrive Daniele come
qua» è una glossa o è originale? Probabilmen- 'abed 'eliibii' !Jajjii' (6,21); altrove i tre amici
te si parla del santuario di Gilgal, M. NORTH, sono descritti come 'abd6hi di 'eliihii' 'i/liii'il'
Das B11ch ]oma = Handbuch z.A.T . 2 1,7 (3,26). In Esdra aramaico (5,11) nel discorso
(1953) 53-59· al governatore persiano gli Ebrei si dicono 'ab-
2n 'bd bt !dlnt, Corpus fostription11111 SemiJi- d6h1 di 'elap J'majiii' w"ar'ii'.
carum I 1 (1881) nr. 247-249; 'bd bt '.fnin, 252; 2' 'abdi 62 volte; 'abiidi 17 volte; 'abd'kii 92
cft. 250 s. 253 s. volte; 'abiidekii 20 volte; 'abdo 23 volte; 'iibii-
na.i:ç bEov A II 1 ( \'(/. Zimmerli)

1. 'ebed come umile autodefinizione ·si traduceva nella richiesta: «Io sono
dell'uomo in presenza del suo Dio. La il tuo servo e figlio tuo: sorgi e salva-
connessione con l'uso profano appa- mi» (2Reg.16,7), così la medesima co-
re con la massima evidenza quando sa può verificarsi quando ci si rivolge
viene descritto l'uomo religioso che si a Dio. Colui che si dichiara legato a un
pone in atteggiamento umile alla pre- pa~lron~ si sottrae al dominio di qual-
senza del suo Dio. Come un inferiore, siasi altro; perciò ha un motivo di più
parlando al suo superiore, si definisce per esigere che il signore a cui si è vo-
umilmente 'tuo servo' in terza perso- t~\to
sia p1·emuroso verso di lui, salva-
na, così questo modo di esprimersi è guardi ciò che è suo e protegga il suo
senz'altro il più appropriato quando servo. In questa situazion~ è in gioco
l'uomo si trova alla presenza di Dio 24 • l'onere del Signore divino 2·;. Se in que-
In questo contesto l'espressione può ri- sto modo di accostarsi in preghiera al
cevere accentuazioni diverse. In molti Signore viene sottolineata l'opera del-
passi spicca la semplice e umile confes- l'uomo («io sono colui che ti adora!»),
sione della bassa condizione di colui che allora chi si autodefinisce 'ebed dà al
parla davanti al suo grande Signore 25 . termine una forte accentuazione attiva.
Ma in questa espressione di umile sot- Se, al contrario, si sottolinea che ~ià si
tomissione si può avvertire l'afferma- è sperimentato il favore di Dio, allora il
zione di una esigenza. Come sulla boc- termine 'ebed contrassegna l'a.tteggia-
rn di Acaz la formula di sottomissione mento di un abbandono riconoscente 27 •

diiw 16 volte. Combinazione con/': al sing. Is. H. ToRCZYNER vede bene quando propone di
+1.21; 49,5 s.; al plur. 56,6; Lev. 25,55. mutare il testo di 2 Sam. 7,n (ba'abiir '11bd'-
2• Cfr. in particolare IlAUDISSIN, Kyrios III kii w'kalb'kà ), dr. Dunk/e Bilbelstellen, in
524-555. La somiglianza tra questa forma au- Festschr. K. Marti = ZAW, Beiheft 41 [ 1925)
lico-cortese e la lingua religiosa cultuale emer- 275), avremmo, espressa nella lingua della pre-
ge con la massima chiarezza in quei passi in ghiera, la formula di umiltà corrente nel di-
cui ci si domanda se colui che parla è conscio scorso profano: «tuo servo e cane». Poiché
di stare alla presenza del Signore divino. In questo tipo di autodefinizione veramente sper-
Ge11. 18,3.5 il testo originale potrebbe benissi- sonalizzante non ricorre mai nel linguaggio re-
mo suggerire che Abramo non riconobbe Dio ligioso dell'A.T. (e forse non a caso), è lecito
fra i tre visitatori e perciò salutò nello stile dubitare dell'esattezza di una siffntta ricostru-
dcl discorso distinto. Ma il T.M., vocalizzan- zione del resto.
do nel v. 3 'iidoniij, vuol esprimere l'idea che 2
" Ps. 143,1 r s. «Fammi rivivere, Signore, per
Abramo è conscio dcl suo incontro con Dio. amor del tuo nome... disperdi tutti i miei ne-
Evidentemente non era ritenuta necessaria al- mici; perché io sono il tuo servo». Cfr. il ba-
cunn mutazione nel modo di rivolger la parola. bilonese «Fa' rivivere il tuo servo, che vuole e-
2; Mosè : Ex. 4,10; N11111 . 11,ll; De11t. 3,24. saltare la tua potenza e lodare Ja tua grandez-
Sorprende che l'appellativo 'ebed manchi nelle za fra tutte le genti», \'(/. ScHRANK, Babyloni-
forti espressioni con cui Abramo parla di se scbe Siibnriten ( 1908) 56.
~ tesso con nccenti di umilrà, in Ge11. 18,27. Se 21 Cosl, per es., l' iscrizione su una colonna vo·
n:ai:c; DEou A u 1 (W. Zimmerli)

Ciò che è stato detto fin qui non è più amara può reclamare la protezione
affatto esclusivo dell'A.T .; questo pre- per la sua obbedienza esclusiva.
sentarsi come 'ebed (in babilonese ar-
b) Nell'A.T. la fede è consapevole di
du) si riscontra infatti tale e quale nel
mondo che circonda Israele. Tuttavia una primaria disposizione di Jahvé ver-
sono da notare altri tre punti che ca- so Israele, che nasce dal libero dono di-
ratterizzano l'incontro con Dio nell'A. vino. Quanto all'evoluzione dell'espres-
T. e fanno capire come l'idea veterote-
stamentada di 'ebed poté avere uno svi- sione 'ebed jhwh, essa significa che
luppo suo proprio e ricco. questa predilezione non può realizzarsi
del tutto nella sfera della pietà indivi-
a) La fede dell'A.T. sgorga dall'in- duale o anche in quella di qualche cul-
contro con Jahvé, il Signore geloso (Ex. to locale, ma sta in rapporto con tutto
20,5; 34,14; Deut. 4,24; 5,9; 6,15; quanto l'evento di Israele. L'individuo
Ios. 24,19; Nah. l,2). Quando Assur- può diventare servo di Jahvé solo in
banipal si professa servo di Nebo 28 , ma quanto è membro di Israele, perché la
poi nella successiva festa di capodanno volontà di Jahvé si indirizza a Israele.
torna ad afferrare le mani di Assur, il Ciò si è visto chiaro nella liberazione
dio della sua terra, e di nuovo viene dall'Egitto e nella conclusione del pat-
da lui immesso nei diritti regali, è chia- to, di cui Israele parla fìn dai primi tem-
ro che non si è detto servo di Nebo in pi. La condizione di servo propria del-
senso esclusivo. In Israele, invece, l'uo- 1'uomo pio si deve comprendere a par-
mo pio che si dichiara 'ebed ;hwh usa tire dall'ambito di questa relazione, che
un'autodesignazione che comporta qual- non fo creata dall'uomo ma da Jahvé.
cosa di totale. L'idea che «nessuno può e) Il credente dell'A.T. sa che l'in-
servire a due padroni» non si riferisce contro con Jahvé ha luogo nel bel mez-
solo al momento in cui l'uomo si rivol- zo della storia e che mira a un fine sto-
ge a Dio per adorarlo, ma alla vita tut- rico. Cosl il carattere di servo non ri-
ta intera. Accanto a questa condizione mane entro la sfera atemporale della
di 'ebed non se ne può pensare un'al- pietà individuale, ma acquista speciale
tra. La serietà di questo atteggiamento importanza ll dove Jahvé, nell'incontro
appare da entrambi i lati: Jahvé reda- storico con il suo popolo, chiama gli in-
ma l'obbedienza totale del suo servo e dividui a qualche servizio speciale.
questi anche nell'ora della tribolazion~ Se lasciamo da parte queste condu-

tiva di Malta: «Al nostro signore Melkart, il 1881, nr. 122.


signore di Tiro, dai tuoi devoti, il tuo servo
('bdk) Abdosir e mio fratello Osirshamar, fi- 23 ]. PINCKERT, Hymnen tmd Gebelr: an Nebo
glio di Osirshamar, figlio di Abdosir, poiché ( 1920) 16 s. Il testo non ~ del tutto certo alla
egli ha ascoltato la loro voce. Possa egli bene- r . 5. Ma ciò non lede il fondamentale principio
dirli», Corpus Jnscription11m Semilicarum 1 1, qui asserito.
293 (v,659) Tto.~ç ilEoii A 111-2 (\VI. Zimmerli) (V,660) l94

sioni per considerare di nuovo l'umile ciata dal Dio del patto D. «Mi sono
autodefinizione dell'uomo pio che ricor- sviato come una pecora smarrita; ricer-
re nell'A.T., possiamo comprendere la ca il tuo servo, poiché non dimentico i
nota di ardente fiducia presente nell'e- tuoi comandamenti» (Ps . n9,176; cfr.
spressione. La condizione di 'ebed non vv. 17.23.135.140). Il servo è colui che
è quella che il pio ha conseguito con le è obbediente al comando di Dio. Ma
sue azioni, o che poggia sui soli sacri- lo 'ebed jhwh avrà anche nemici assai
fici e sulle buone opere. Il suo tono di minacciosi nella misuta in cui essi perso-
sicurezza che si avverte nell'autodefìni- nificano pure l'inimicizia contro Jahvé.
zione 'abdekii, servo tuo, viene dal fat- Di qui il titolo di 'abd•ka può, più o
to che essa è sentita come eco di una meno apertamente, essere messo in con-
chiamata che originariamente partì dal- trasto con la opposta espressione «i
la bocca stessa di Jahvé. Così in Num. miei nemici» (i nemici tuoi, di Jahvé).
i2,7 s. Jahvé designa Mosè, con un'e- «Lascia che maledicano, purché mi be-
spressione enfatica e ripetuta: «Il mio nedica tu; quando si 'levano, siano co-
servo Mosè» 29 • Ma lo stesso si intende perti di vituperio; ma il tuo servo si
anche sulla bocca dell'orante semplice allieti» ( Ps. ro9 ,2 8) 31 •
ed anonimo: «Che la tua pietosa bene-
volenza (/Jesed) mi sia di conforto, se- 'Servi di ]ahvé', al plurale, come
2.

condo la parola che hai rivolto al tuo designazione degli uomini pii. L'espres-
servo» (Ps. n9,76). L'orante osa avvi- sione 'ebed jhwh a motivo dell'intima
cinarsi a Jahvé come un servo, fidando sua profondità acquista grande forza
nella forza di una parola che J ahvé gli nell'A.T. Essa non è solo una mera for-
ha rivolto. La parola intesa dall'adora- mula convenzionale indicante il singolo
tore dell'A.T. diviene comunque sem- credente 32, ma può essere usata libera-
pre più una parola normativa pronun- mente al plurale per descrivere gli uo-

2J Detto anche di Caleb (Num. 14,24). oltre qualche idea della rigidità di questo tipo di
che di David, Isaia, Eliacim, Nabucodonosor, formula. Quantunque vi siano nominati due
ccc. È significativo che, contrariamente a 'ab- devoti, questi non osano usare il plurale, ma
d'kii che ricorre 92 volte sulla bocca dell'oran· dicono goffamente: ~<il tuo servo e mio frate!·
te, 'abdi ricorra sulla bocca di Jahvé 62 vòlte lo». Per il conferimento dci nomi cft. special-
(al plurale 20 volte 'abdekii, 17 'abiida;>. mente il ricco ma.teriale di ~ BAUDISSIN, Ky-
:i.i Cfr. per es. Ps. 50 o i salmi della torà ( 15 rios m _531-548. Per Rash Shamra ~ LINDHA·
e 24). GEN 30-31. Per la scelta dei nomi nell'A.T .
li Non occorre qui discutere il problema dei vedi M. NORTH, Die isr. Perso11em1ame11 im
'nemici' nei salmi. Rah111e11 der gemeinsemitischen Namengebrmg
32 Nel Medio Oriente antico il titolo di 'ebed (1928) 137-138. A Karatepe '1.twd è detto 'bd
sembra essere stato principalmente usato nel- b'I (A. ALT, Die phonikischen Inschriften von
l'autodesignazione umile e nei nomi. L'iscri- Karalepe, in Die ì\7ell des Oricnls [ i949l
zione di Malta (~ n. 27) ci può forse dare 272-87).
295 (v,660! ;:a.i:ç ileoù A 11 i-3 (W. Zimmerli)

mini pii nel loro insieme 33 • indicare Israele. Quest'umile autodefì-


La sinonimia delle espressioni pa- nizione del singolo santo conduce a de-
rallele può chiarirci il loro signi- signare Israele come 'ebed jhwh, co-
ficato profondo. Servi di Jahvé so-
no coloro che «cercano rifugio in lui» minciando probabilmente con il Deute-
35
(Ps. 34,23), che «amano il suo nome» rn-Isaia • Questi esprime la maggior
(Ps. 69,37). Qui il possesso della terra parte delle parnle di 'promessa nello sti-
dell'eredità di Jahvé è assegnato ai ser-
le degli oracoli sacerdotali di libera-
vi di Jahvé, ai suoi devoti, cioè a coloro 35
che sono strettamente collegati a lui zione • La promessa fatta dal sacerdo-
nella misericordia, /Jesed (Ps. 79,2). te all'orante corrisponde strettamente,
Nella forma più breve e completa, l'in- quanto a stile, al lamento con cui que-
sieme dei servi di Jahvé è «il suo popo- 37
lo» (Ps. 105,25; 135,14). Qui un'evi- st'ultimo si avvicina al suo Dio _ Co-
dente allusione all'elezione divina è sl l'oracolo raccoglie l'espressione litur-
congiunta con l'idea di 'ebed 34 • Nel Tri- gica 'io sono il tuo servo', comune in
to-Isaia la scissione della comunità in
servi e nemici di Jahvé è posta in for- queste lamentazioni individuali, e la in-
te rilievo (ls. 65,13 ss.). Inoltre, i due serisce nel contesto del tutto nuovo
poli dell'idea di 'ebed sono chiaramen- dell'assicurazione confortatrice di Dio:
te individuabili. ls. 56,6 dichiara che
«Ma tu, Israele, sei il mio servo, Gia-
l'obbedienza alle leggi del patto è come
la base della condizione di 'ebed, men- cobbe che io ho scelto, seme di Abra-
tre 65,9, equiparando i servi di Jahvé e mo mio amico; te ho radunato dai con-
gli 'eletti', pone tutta l'enfasi sull'ele- fini della terra e chiamato a preferenza
zione divina. Questi eletti sono la ga-
ranzia visibile del fovore e della grazi:• dei maggiori di essa; a te ho detto: Mio
di Jahvé. «Così forò per amore dei miei servo sei tu; ti ho eletto e non ti ho ri-
servi», è la promessa di grazia in Is. gettato» 38 _
65,8.
L'appellativo sulla bocca di Jahvé è
3. 'ebed jhwh usato al singolare per trasformato. Non spicca più la confes-

Jl In Ps. r 13,1 e r 35,r s. si menziona la comu- così poco attestata. Potrebbe darsi che Gere-
nità in preghiera nel tempio o la cerchia dci mia l'abbia trovata in una tradizione del lin-
sacerdoti; in Ps. I 34,1 si ricorda unn veglia. guaggio profetico a noi sconosciuta e che l'ab-
In Ps. 1n,1 (LXX: mx.i:òeç; Aquila, Simm., bia usata solo incidentalmente. La straordina-
Tcod.: 8ouÀ.oL) e Ps. 134,1 (LXX: oov)..o~) ria freschezza che la frase ha nel Deutero-Isaia
sembra usata la formula 'i tuoi servi' in as- sembra indicare che qui si ha un'innovazione.
soluto, fraintendendo lo stato costrutto 'abde
i~ BEGRICH, Heilsorakel 81-92; ID., S111die11 6-
jhwh (a.l\IE~'tE, 1t<X~OEç, xup~ov). Il testo ebrai-
co non ha mai l'uso assoluto. 19.137.140 s.

3J -+ LINDHAGEN I 53- I 55. 37 H. GuNKEL-J. BEGRICH, Einl. in die Ps.


(1933) § 6; cfr. anche§ 4.
15 Se consideriamo originale l'accenno in Ier.
3
30,10 (-+ n. 41), l'inizio di questa evoluzio- ~ ls. 41,8 s. Cfr. inoltre 44,1 s.; 45.4- Nella
ne va cercato in Geremia. In questo caso fo frase esortativa 44.21. In un breve. ordine 48,
meraviglia che questa novitÌl di Geremia sia 20.
297 (v,661) mx.i:c; l)Eou A 11 3-4 IW. ZimnY~rli l

sione umile del popolo schiacciato nel- che si limita a ncevere un dono. 'Ri-
l'esilio (concepito da questo profeta in tornare': questo è tutto ciò che il po-
termini pienamente personali come fi- polo è invitato a compiere (44,22); ri-
gura individuale), ma il potente, bene- t~rnarc, in vista dell'opera salvifica che
volo uso di essa da parte di Jahvé. In solo Jahvé ha compiuto 41 •
enunciati che vanno assai al di là del
concetto di padrone e servo e non .i. 'ebed jhwh detto di personaggi e-
sono livellati, l'idea di appartenenza 111i11e11ti. Jahvé ha preso contatto col po-
completa a Jahvé è presa come espre3- polo d'Isrncle nella storia, e nella storia
sione del favore divino. Israele, 'ebed lo ha mantenuto, poiché essa è il luogo
jhwh, è stato creato da Jahvé (44,2.21), in cui egli è vicino e in cui si prende la
scelto da lui (41,8 s.; 44,1; 45,4), cer- c.l'.:cisione 1·csponsabile. Perciò non sor-
cato fino ai confini della terra (41,9), prende che la fede veterotestamentaria
ed è il seme di Abramo, l'amico di Dio ripetutamente intraveda nella storia fi-
(41,8). Con la formula già trovat\l ne- gure che essa riconosce preminentemen-
gli oracoli babilonesi di esaudimento, t:: come servi di Jahvé. Dobbiamo ora

esso è invitato ad aver coraggio (44,2 ). considerare que:>ti preminenti rappre-


Jahvé infatti promette ad Israele l'aiuto sentanti della condizione di 'ebed ;hwh.
del riscatto, assicurato dall'affinità di È logico attendersi per principio che l'u-
sangue (48,20) 39• Non si parla mai di so profano aulico, in cui si espresse non
un'iniziativa che debba essere presa dal- soltanto la cortesia ma anche ~n tal ri-
lo stesso servo Israele. Se 42,19 si rife- lic. vo di figure di 'ebed, non sia rimasto,
risce ad Israele, allora questo è detto anche in questo caso, senza influssi.
addirittura cieco (cfr. 4 3,8 ), La testi- a) Israele trova gli inizi della sua sto-
ria confusamente condensati nelle figu-
monianza della forza di J ahvé che egli re dei patriarchi. In essi il carattere be-
è chiamato a dare 40 è quella di colui nevolo della rivelazion~ di J ahvé 42 , che

3~ J.J. STAMM, Erlose11 1111d Vergebe11 im A.T. poiché ciò è impedito dalla frequenza con cui
(1940) 27-45. I~ radice verbale 'bd è usatn in riferimento a I-
ll 43,10. È incerto se qui 'ebed indichi Israele sraele. Di conseguenza dall'insieme del suo stu-
o una singola persona oltre al popolo. . dio si ricava l'impressione che il Servo di Jah-
41 Lo stile dcl Dcutero-lsaia ha un'eco in frr. vé si.a innanzitutto Israele (la sezione princi-
_30,10 (par. 46,27 s.; ~ n . 35). In Ez. 28,25; pale ha come titolo 'Israele come Servo di Jah-
37,25 c'è da chiedersi se il 'servo' sia Giacob- vé', 82-233), e che solo secondariamente l'ap-
bC' oppure il popolo. Nell'espressione simile di rcllntivo di 'eb::d jhwh si applichi all'uomo
Ps. 136,22, che usa il nome lsraele, è chiaro pio (nelle pp. 233-262 'ebed ihwb è il gruppo
che si intende il popolo. Riguardo a questo il religioso e solo nelle J>P· 262-288 si parla del
Lindhagen commette l'errore più pericoloso. 'servo' riferendosi ai singoli israeliti). Per l'u-
Egli infatti no::i distingue tra nome e verbo, e so dcl sostantivo 'ebed le cose stanno esatta-
quindi non può vedere che 'ebed al sing. si ap- mente al contrario.
plica a Israele solo entro limiti ben definiti. 4? Così nlmeno secondo la tradi:donc popolate,
299 (v,662) ncx.i;ç i>EOu AH 4 (\Y/. Zimmcrli) (v,662) 300

ebbe inizio molto prima che Israele fos- Dio non è storia trascendente e cele-
se popolo, è espresso assai chiaramente. ste. Essa si adatta alla terra e pone gli
Cosi si deve intendere che ovunque i uomini, con i loro fatti e le loro parole,
padri sono detti servi di Jahvé, l'idea come suoi segni. Mosè, il servo di Jah-
di una condiscendente relazione con vé, incarna nella sua opera una tale par-
Jahvé sia chiaramente presupposta. I te della storia divina. Obbedire o di-
patriarchi sono garanzia della divina va-. sobbedire alla sua parola è decisivo per
lontà .di salvezza. Jahvé promette la be- l'atteggiamento dell'uomo di fronte a
nedizione a Isacco per amore di Abra- Jahvé. Mosè è, assai più che i patriar-
mo suo servo 43 • In un momento parti- chi, la figura del servo attivo. Egli pro-
colarmente nero per il popolo, Mosè im- mulga la legge (Ios. 1,21; 2 Reg. 18,12;
plora Jahvé ricordandogli il giuramento Mal. 3 ,2 2 ecc.), regola le questioni par-
da lui fatto ai tre padri espressamente ticolari circa il possesso della terra (los .
nominati (Ex. 32,13; Deut. 9,27). i,13.15; 8,31 ecc.), prescrive le forme
b) Mosè sta alla soglia della storia del culto ( 2 Par. I ,3; 24,6) e promette
nazionale. Quaranta volte nel T .M. il la pace fu tura nella terra promessa (I
nome di 'ebed è riferito a lui. Due pas- Reg. 8,53.56). Ma dietro a ciò sta l'ele-
si pre-deuteronomici riflettono ciò con zione di Jahvé, che fissa il servizio di
speciale enfasi. In Num. 12,7 s. (E) una lui e di Aronne 41 •
spiegazione divina distingue Mosé da c) La serie degli altri servi di Jahvé
quei profeti che conoscono Dio solo in si può facilmente dividere in due filoni.
sogno o in visione. «Non cosl è il mio Nel primo vi è il re, che deve compie-
servo Mosè, che mi è fedele in tutto. re un servizio preminente in Israele.
Con lui io parlo bocca a bocca... per- «Per mano del mio servo David io sal-
ché dunque non temeste di parlare con- verò il mio popolo Israele dalle mani
tro il mio servo Mosè?». Mosè è il mi- dei Filistei e di tutti i suoi nemici», dice
nistrq, il vero maggiordomo di Jahvé, l'oracolo di Jahvé nel testo, certamente
che ci fa ricordare il fedele servo di A- anteriore al Deuteronomio, di 2 Sam. 3,
bramo (~ col. 284). In Ex. 14,31 (J), 18. Il re è il servo di Jahvé che ha il
dopo che Israele, sotto la guida di Mosè compito speciale di salvare il popolo di
fu salvato al Mar delle canne, «essi cre- Dio dalle mani dei nemici. Ma ciò non
dettero a Jahvé e a Mosè suo servo». vale per ogni re. A partire dalla promes-
Mosè è solo servo di Jahvé, ma nelle sue sa di Natan si sviluppa una seconda li-
opere potenti Jahvé è stato cosi chiara- nea: David, in virtù di uno speciale rap-
mente presente, che la docile fede del porto di benevolenza, è il re per eccel-
popolo si sottomette a Mosè e, in lui, a lenza del popolo santo. Per questo nella
Jahvé. Qui risalta un tratto essenziale storia deuteronomistica, in cui la descri-
della rivelazione biblica. La storia di zione di David come 'ebed jhwh è as-

quale si rileva specialmente nel Genesi. Diver- Cfr. in I Chron. 16,13 la citazione storpiata di
so è il caso dei profeti: Os. 12,3 ss.; Ier. 9,4; Ps. 105,6.
ls. 43,27. 41 Cfr. l'enunciato parallelo in Ps. 10,,26. Fa-
43 Gen. 26,24, cfr. Ps. ro5,6.42. Solo nel di- cendo eco alla storia di Mosè, anche Giosuè è
scorso del servo di Abramo, Isacco è chiamato chiamato una volta (fos. 24,29 = !ud. 2,8)
'servo di Jahvé' (Gen. 24,14). Nella menzione 'servo di Jahvé', in quanto completa l'opera
del nome Giacobbe la difficoltà in particolare di Mosè. Nel caso di Caleb, l'esploratore fede-
sta nel decidere se si designi il patriarca o il le (Num. 14,24), è messo invece in rilievo il
popolo che da lui prende il nome e- n. 41). concetto di obbedienza.
301 (v,662) ;;atç D€ou A II 4 (W. Zlmmerli) (v,663) 302

sai frequente, l'irreprensibile obbedien- provviso. Il successore di David dopo


za di David è fortemente messa in rilie- l'esilio, Zorobabele, che in Zach . 3,8 è
vo sotto l'aspetto di un compito merito- designato col titolo messianico segreto
rio assolto dal servo. Ma questa è solo di ~emab, germoglio, qui e in Ag. 2,33
un'apparenza. La medesima storia deu- si arricchisce, per bocca di Jahvé, dèl ti-
teronomistica mette l'accento in modo tolo d'onore 'abdi, servo mio 47 • Ier.
singolare sul fatto basilare dell'elezione 25,9; 27,6; 43,rn mostrano 48 che la de-
divina 45 , alla cui luce la monarchia davi- scrizione di un re come 'ebed jhwh, an-
dica appare come un puro dono del fa- che nel contesto di una condanna profe-
vore divino. r Reg.n,34 combina i due tica, può avere un impiego particolare.
fattori in un rapporto di tensione: «Da- L'austera santità di Jahvé sceglie Na-
vide, il mio servo, che io scelsi, che bucodonosor, che non è israelita, co-
osservò i miei comandamenti e le mie me servo regale, affidandogli una mis-
leggi». Più la storia accumula disastri, sione limitata. Anche qui la divina vo-
e più intensamente la fede dell'A.T . si lontà esprime se stessa attraverso il ser-
rifà alla figura di David, servo di Dio, vo di forma umana. Chiunque resiste a
come al pegno di una promessa. Essa Nabucodonosor resiste a Jahvé (ler. 27-
attende il giorno in cui questo servo 29).
tornerà ad esser re (Ez. 34,23 s.; 37,24 d) Accanto a quella dei re sta la li-
s.). Essa rammenta a Jahvé la pro- nea dei profeti. Il profeta è il messag-
messa giurata fatta a David, il servo da gero della parola di Jahvé. L'ufficio di
lui scelto (Ps. 89,3; cfr. v. 21). Essa par- messaggero esisteva anche nel servizio
la del patto indissolubile che Jahvé sti- del re 49• La relazion'.! dell'ambasciata di
pulò con il suo servo David (1 er. 3 3, David a Hanun (2 Sam. rn,2 ss.) mo-
46
21 s. 26) • Subito dopo l'esilio vedia- stra in modo evidente come l'onore del
mo che la stessa promessa brilla all'im- messaggero sia strettamente . collegato

45 I Reg. u,13.32 nomina, in connessione, Da- cor. maggiore, anche senza usare il termine
vid e Gerusalemme, la città eletta, come pegno 'ebed, in r Chron. 28,5; 29,23; 2 Chro11. 13,
della fedeltà di Jahvé. H.]. KRAUS, Die Ko- 18). Nella vicenda di Ezechia è in gioco l'ono·
nigsherrschafl Gol/es im AT. (l951) .58 s., re di Jahvé; --> coll. 299 s., a proposito di Ex.
crede che questa doppia elezione abbia un suo 14,31.
sfondo cultuale in una 'festa regale di Sion'. 41 Un membro innominato della stirpe davidi-
Comunque, contro questa idea cfr. tra gli al- ca in Ps. 89,39.50. Cfr. anche 1 Reg. Bao.36
tri H. GEsE, Der Davidsbund tmd die Zions- (testo emendato) .52·59·
erwiihlung: ZTK 6I. ( 1964) l0-26. I Reg. II, 43 Ma i LXX nella recensione pre·esaplare leg-
36 e .2 Reg. 8,19 menzionano la volontà di Jah-
gono 'abd1 solo nel secondo passo (Òo\JÀEVEW
vé di dare a David una fiaccola. 2 Reg. 19,34 e
cxù't{i>, '/"iibdo). L'affermazione su Nabucodo-
20,6 insistono più fortemente sul significato di
nosor suona cosl singolare, che probabilmente
David come simbolo di salvezza stabilito da
non si tratta di una innovazione di tempi più
Dio: «Per me ... e per il mio servo David»: ec-
recenti. Poiché per il contenuto si adatta me-
co perché Dio vuol soccorrere.
glio agli oracoli di Geremia, l'ipotesi migliore
4~ Lo stretto legame che unisce fra di loro la è che sia stata coniata dal profeta.
causa di Jahvé e quella del suo servo regale 4~ Per l'alternanza di 'ebed e di mal'ak --> n.
del lignaggio di David appare là dove si dice 14. Is. 44,26 (testo emendato) presenta un cor-
che i messaggeri di Sennacherib parlano con- rispondente parallelo dell'ufficio di profetico
tro il Signore «e contro il suo servo Ezechia», messaggero di Dio, lob ,:,18 di -quello di mes-
r Chro11. 32,16 (l'idea è espressa con forza an- saggero celeste.
303 (v,663) ;w.t:c; DEoii A 11 4 { W. Zimmcrli I

a quello del suo re. In I Reg. 18,J6 ve- sti passi il servo assume um1 parte di-
diamo che lo stesso vale per il servo di rettiva, una missione attiva e b~n defi-
Dio. Sul Carmelo Elia prega così: «Jah- nita. Il parallelismo con la corte regale
vé, Dio di Abramo, di Isacco e di Gia- si può constatare particolarmente qui.
cobbe, fa' conoscere in questo giorno Alla corte celeste di Jahvé appartengo-
che tu sei Dio in Israele e che io sono no questi servi che adempiono la sua
il tuo servo e che ho fatto tutte queste missione sulla terra. lob 4,18 vi aggiun-
cose sulla tua parola». La storia di Jah- ge i messaggeri celesti esecutori della
vé si rifà presente in mezzo agli uomini sua parola 53 •
attraverso il suo messaggero plenipo- Nelle narrazioni antiche ( specialmen-
tenziario. La conoscenza di Dio dipen- te nella storia di Eliseo) al veggente e
de dalla conoscenza del suo servo. Ne- al profeta è dato il titolo 54 , probabil-
gli scritti storici deuteronomistici il pro- mente pre-csilico, di '/S hii'elohim, uo-
feta acquista un significato quasi stru- mo, di Dio 55 • La successiva sostituzione
mentale. Di volta in volta la sua parola di questo con 'ebed potrebbe esser dovu-
mostra il corso della storia come assol- ta al desiderio di sostituire al nome di-
vimento delle garanzie divine enunciate vino 'elohtm, più sbiadito, quello di
nelle profezie 50 . Cosl Ahia <li Silo ( 1 jhwh ~. e anche all'intenzione di intro-
Reg. 14,18; 15,29), Elia (2 Reg. 9,36; durre, al posto di 'H, che non è un ter-
10,10) e Giorni figlio di Amittai, profe- mine d'impegno, 'ebed che invece espri·
ta di lieti eventi ( 2 Reg. i 4 ,2 5 ), sono me al vivo la piena personale apparte-
chiamati servi di Jahvé 51 • Nel vasto in- nenza a Dio 57 • D'altra parte, i profe-
sieme della letteratura deutc:·oaomisti- ti scrittori evitano 58 chiaramente l'uso
ca la formula usuale «i miei (tuoi, suoi) di 'ebed per descrivere il loro ufficio.
servi, i profeti» si è cristallizzata fin:J Per spiegare ciò si è pensato che il
a formare un cliché e indica una realtà termine 'ebeti accenni alla «soggezione
ben definita, ricordata con valore teo- della volontà dell'uomo alla volontà di
logico in contesti determinati e uguali Dio», mentre, invece, i profeti «richie-
tra di loro. Questi messaggeri che am- dono una libera decisione d'obbedienza
moniscono il popolo 52 sono mandati da alla volontà di Jahvé» 59 • Ma questa
Jabvé senza interruzione. In tutti que- spiegazione non convince. Meglio è pen-

50 G. VON RAD, De111erono1:1i11111st11dit!11 ( 1947) tivo 'ebed jbwh, eletto di Mosè, con lfvl}pw-
55-~B. Il pensiero è fatto proprio dal Deutero· 1tO<; '\'OV l}Eoii.
Isaia ed è un elemento portante nella sua argo- 5>1Per l'evoluzione successiva -7 n. 22.
mentazione contro gli idoli (ls. 41,n s. 26 s.; 51'H può nnchc esprimere l'appartenenza 11
42,9, ecc.). una colleuività; per es., al plurale, gli uomini
5• In Is. 20,3 anche Isaia è chillmato da Jahvé di Kirjat-jearim (1 Sam. 7,1 ), di Jabesh ( 1 Sam.
'il mio servo'. u ,5.10). Tale uso è inconcepibile con 'ebed,
52 2 Reg. 9,7; 17,13.23; 21,10; 24,2; ler. 7,25; ~Il. 2 1.
25,4; 26,5; 29,19; 35,15; 4·M; fa:. 38,17; Am. s.• Am. 3,7 è probabilmente secondario; JJ. 20,
3,7 (probabilmente un'aggiunta postedore); 3 sembrn un'informazione di terza mano, dr.
Zach. 1,6; Da11. 9,6.10; Esdr. 9,11. O. PROCKsn1, lsaiah I {1930) 255. Is. 37,35
51 1 Reg. 22,19 ss. mostra entrambe le cerchie deriva dalla leggenda di Isaia; così rimane 21,
della corte divina in particolare connessione. 20, se è genuino (non al profeta stesso, comun·
Qui non si usa il sostantivo 'cbed. que, ma all'ufficiale di corte, Eliadm, è dato,
51 NoTH, o.e. (-7 n. 32). ccn un'espressione profetica, il titolo di 'cbcdl.
5.i In 2 Chro11. 24,6 i LXX traducono l'appe!J.i. s~ -7 Dt.uo1ss1N, Entwicklung 8.
7.a\ç i)Eov A Il -l·5 l W. ZimmcrliJ (v,66:;} 306

sare che la descrizione di sé o di altri sce Giobbe chiamandolo benevolmente


come 'ebed jhwh sia radicata nell'auli- suo proprio servo ('ebed), quasi per
co-cortigianesco stile cultuale dei san- contraddire il calunnioso discorso di Sa-
tuari (cfr. i salmi) e della pietà popola- tana ( r ,8; 2,3) e i discorsi, perfin trop-
re. Gli scritti profetici più antichi stan- po logici, degli amici (42,7 s.).
no in forte opposizione a questo tipo di
pietà, perciò ne evitano la terminolo- 5. Il servo sofferente del Deu/ero-1sa-
gia 60 • È significativo che la terminologia ia. L'uso veterotestamentario di 'ebed
nelle parti di stampo deuteronomistico
di Geremia e specialmente nel Deutero- jhwh giunse al suo compimento nei pas-
Isaia 61 , la cui stretta affinità con la pro- si del Deutero-Isaia riguardanti il Servo
fezia popolare e con la religiosità dei sal- sofferente.
mi diventa sempre più chiara, vada ac-
quistando terreno. Fin da quando nel l 892 B. Duhm
e) Nei brani che fan da cornice al Li- tolse dal loro contesto i passi di Is. 42,
bro di Giobbe, quest'ultimo è chiama- r-4; 49,1 -6; 50A-9 e 52,13-53,12, e li
to parecchie volte da Jahvé «il mio ser- attribuì a un'epoca posteriore intenden-
vo» ( 1,8; 2,3; 42,7 s.). Qui, nella cor- doli come canti che dipingono il desti-
nice della teologia della sapienza, Io no di uno sconosciuto maestro della
scrittore parla liberamente di un 'servo Torà, la questione della loro connessio-
di Jahvé' fuori dei confini di Israele. ne col Deutero-Isaia è stata assai di-
Ciò che peraltro è concretamente dimo- scussa 62 • Un esame pit1 accurato ha mo·
strato dalla fedeltà di Giobbe è, nono- strato come essi 63 siano intimamente
stante il fatto che nelle parole di Giob- affini al Deutero-Isaia per lessico,. stile
be sia evitato il nome di Jahvé, la mi- e struttura letteraria 64 . Ciò si addice
gliore conoscenza biblica della immuta- meno a 52,13-53,12, dove la pa.rte cen-
bile connessione di Jahvé con la sua trale (53,1-rra), in particolare, si quali-
creazione (cfr. per es. 14,13-15). Inol- fica, anche per il particolare uso lingui-
tre, la sottomissione attiva del servo di stico, come un canto di ringraziamento
Dio è qui vigorosamente sottolineata. Il della comunità 65 . Anche p:!r il contenu-
timore di Dio da parte di Giobbe, vi- to esso va oltre la prospettiva dei primi
vamente descritto nell'introduzione, è canti. Ma è impossibile toglierlo dalla
messo alla prova nella fedele obbedien- cornice della parola di Jahvé (52,13-15;
za da quando, nonostante tutte le ten- 53,11b-r2), che per parte sua è insepa-
tazioni di Satana, egli non rigetta Dio rabile da 49,7 . Ma 49,7 è piì1 chiara-
con la maledizione. Di qui Dio ricono- mente improntato allo stile del Deute-

bQ Cfr. i termini 'patto' e 'elezione', la teolo- ~.:Probabilmente vi si dovrebbe aggiungere .f2,


gia della storia dci patriarchi. 5-9; 49,7.8-13 . Cfr. ~ BEGRICH, S111die11, 74s.
6I Parimente i passi di Isaia che attestano l'u- 131- 151.

so religioso di 'ebed sembrano provenire cfo M Cfr. GRESSMlll•IN, Analyrc; ~ KéiHLER; ~


gruppi di discepoli. BEGR!CH, St11die11. ~ Mow1NCKEL, Komposi-
62 Una ricca rassegna dell'esegesi re~ence si tion, non presta sufficiente attenzione, nella
legge in ~ NORTH nella prima parte del suo sua contro-argomentazione, alle conclusioni ri-
libro, e anche in H.H. Rowu:v, The Scrva11t guardanti lo stile e il genere storico.
o/ lhc Lord in 1he Lighl o/ three Dl'Cades o/ bS Un'origine separata <li 52,13-53,12 è stata
Crilicin11, in Tbe Serva111 o/ Tbe Lord m1d sostenuta anche recentemente da :-+ ELLIGER,
Other Essays 011 tbc> O.T. (1952) M7· - > VoLz, ~ SELLIN.
1ta.tc; tkoù A 11 5 (W. Zimmcrli) (v,665) 308

ro-Isaia, e per il pensiero non è molto le 67 • La riflessione sull'uso religioso


lontano da 50,4-9. Cosl 52,13-53,12, il del concetto di 'ebed nell'A.T., dove
cui enigma non si è ancora chiarito del
tutto, appare fermamente. legato all'in- - se si eccettua la chiara applicazione
tero complesso di canti e deve, come gli collettiva nel Deutero-Isaia - predomi-
altri canti, essere interpretato alla luce na l'accettazione individuale (~ coll.
del messaggio del Deutero-Isaia.
2 88-2 98 ), non è decisiva di per se stessa.
a)Come spiegare la figura dello 'ebed? Ma un significato individuale potrebbe
Nella storia dell'esegesi si affrontano probabilmente esser proposto per 49,
principalmente da molto tempo due po- 5 s. Se le parole con cui Dio qui rispon-
sizioni. La considerazione del testo at- de a un lamento del Servo si riferisco-
tuale di 49,3 e dell'uso altrove predo- no a una missione dello 'ebed originaria-
minante dell'appellativo 'ebed nel Deu- mente limitata a Israele e poi estesa ai
tero-Isaia (~ coll. 295 ss.) indusse a in- gentili, allora vi sono difficoltà insupe-
tendere il vocabolo in senso collettivo rabili per la interpretazione collettiva&_
e a riferirlo a Israele 66 • A questa in- Il nome jifra'el di 49,3 va probabilmen-
terpretazione s'oppone quella che vede te inteso come un midrash, antico ma
indicata nei canti una figura individua- testualmente secondario 69, che accentua

66 Il testo era già modificato in questo senso nenza con il testo dcl Deutero-Isaia. Infine, as-
nei LXX in 42,1 (~ sotto B 2). Cfr. nel Me- serire che il problema non si pone come un'al-
dio Evo l'esegesi giudaica di Rashi, Ibn Ezra, ternativa rigida (ad es., A. BENTZEN, lntroduc-
Kimhi; inoltre J . WELLHAUSEN, lsraelitische 1i011 to the 0 .T .• n [1949] 113 : «'Ebed Jahvé
und ;udische Gesch. (1894) 117-118. ~ GIESE· è insieme e il Messia e Israele, il Deutero-lsaia
BRECHT, -+ BuooE, Ebed ]ahve-Lieder 34, ~ e il gruppo dei suoi discepoli», ecc.) mi sembra
EissFELDT 268, e altri. che non faccia altro che render nebuloso l'in-
tero problema. ~ J . LINDBLOM, The Servanl
67 La testimonianza più antica potrebbe esse- Songs, tenta per altra via di combinare insie-
re Is. 61,1 ss. Cfr. anche W. ZtMMERLJ, Ztlf me le due interpretazioni considerando i canti
Sprache Tritis's, in Festschr. L. Kéihler, 1950, come 'quadri allegorici'. 42,1-4; 49,1-6; 50,4·
69·71 (ripubblicato in \V/. ZIMMERLI, Gottes 9 e 53,2-13 presentano un individuo, ma si ri-
Offenbarung. Gesammelte Aufsatze [ 1963) feriscono a Israele, come è chiarito dalle inter-
226-228). Nei LXX ciò vale almeno per 52,13 pretazioni che seguono i canti (42,4-9; 49,7 ;
ss. (-7 sotto B 2). Cfr. inoltre la domanda del· 50,10 s.) o li precedono ( 52,13-53,1 ). Il Row-
l'eunuco in Aci. 8,34. Per la bibliografia degli ley trova che i canti passano gradualmente dal-
ultimi due secoli ~ n . 70. fa interpretazione collettiva a quella indivi-
63 L'avventato accomodamento del testo com- duale.
piuto da ~ .GIESEBRECHT 44 s. è poco convin- G9 Per la possibilità di tali interpretazioni dr.
cente, come l'interpretazione forzata di~ Buo- i LXX in 42,1. ].A. BEWER, The Text-crilical
DE (in KAUl'ZScH) ad l. Ancora, i recenti ten- Valtie o/ tbe hebrew MS Ken. 96 /or Isaiab
tativi di proporre un'interpretazione collettiva, 49.3 : Jewish Studies in Memory of G.A. Ko-
fatti da -+ EISSFELDT e da ~ H . WH. RonrN- hut (1935) 86-88; Io., Textkritische Bemer-
SON 58-62, sè ci forniscono importanti notizie kungen, in Festschrift fiir A. Bertholet ( 1950)
sulla concezione del popolo come personalità 67-68, dimostra che il ms. Kennicott 96, che in
collettiva, non hanno tuttavia una vera atti· 49,3 non ha jifra'el, non può essere addotto
309 (v,665) r.a~ç D~ov A 11 5 (W. Zimmerli) (v,666) 310

il senso collettivo, mentre il testo pri- l'ufficio del servo, i mezzi con cui egli
mitivo dovrà essere interpretato in sen- l'adempie secondo 50'4 s. (orecchio, lin-
so individuale. Ma in questo caso, che gua), e gli indubbi punti di contatto con
cosa si intende per individuale? L'uso la narrazione della vocazione di Gere-
del nome 'ebed nel resto delJ'A.T., a mia e di Ezechiele, sembrano accredita-
parte I.a sua applicazione alle grandi fi- re un riferimento alla linea profetica 71 •
gure dei primi tempi (patriarchi e Mo- Gli aspetti che fanno pensare a un'azio-
sè), accenna a due importanti linee di ne regale (promozione del diritto [42,
sviluppo: il Messia regale (~ coli. 300 1.3 s.], rilascio di prigionieri [42,7; 49,
ss.) e i profeti ( ~ coll. 302 ss.). Sono 9] e la spada affilata [ 49 ,2] ), possono
stati fatti tentativi in entrambe le dire- pure essere comprese da un punto di vi-
zioni per risolvere l'enigma delJo 'ebed 10 • sta profetico 72 •
Uno studio più attento del carattere del- b) Quale figura profetica individuale

come prova di una vera tradizione. Che si trat- 71 Abbiamo già accennato all'alta stima della
ti di una glossa, non può sostenersi, attesa la parola dei profeti che illumina la storia (il
documentazione testuale di cui disponiamo Dcutero-Isaia applica ad essi il termine 'ebed
(cfr. anche M. BuRRows, The Dead Sea Scrolls in 44 126, testo emendato), come a un aspetto
of St. Mark's Monastery, I: The lsaiah Manu- che richiama il documento Deuteronomista;
script and the Habakkuk Comme11tary [1950] -4 n. 50.
tav. 40, r. _30).
71 Per la linea regale pensano a Ozia: J.W.C. n Di recente si è discusso assai se i tratti della
AUGUSTI, Ober de11 Ko11ig Usia nebst einer sofferenza possano essere distintivi dei re, e se
Erliiuterzmg Jr. JJ: Magazin ftir Religionsphi- quindi siano giunti al Deutero-lsaia dal ritua-
losophie, Exegese und Kircbengeschichte 3 le del re che soffre cd espia, o se abbiano in-
(1795) 282-299; K. DIETZE, UJJia, der Knecht fluenzato tutto l'insieme dei canti individuali
Gottes ( 1929); a Ezechia L. lTKONEN, Dtjs. di lamentazione. Vedi ~ DiiRR, -4 ENGNELL,
metrisch untermcht, Annales Acadcmiae Fen- ..-.+ BENTZEN. ~ GRESSMANN, Ursprung (329-
nicae, r4 (1916); a Jojakin: E. SELLlN, Studien 333), discute il problema riferendosi. al ritua-
zur Entstehungsgeschichte der jiidischen Ge- le di Tammuz. Ma - è'è da chiedersi - è più
meinde I ( I901) 284-297; Iv., Das Riitsel d_es facile e più probabile che questi tratti atempo-
deuterojesajanischen Buches (1908) 144-150; a rali di una liturgia regale arrivino all'A.T . dal-
Zorobabele: ~E.SELLIN, Serubbabel 148-192; le pratiche cultuali di Babilonia (pratiche che
al Messia: ~ GRESSMANN, Messias 337 s.; il Deutero-Isaia respinge implacabilmente), op-
J. F1SCHER, Isaias 40-55 tmd die Perikopen pure dalle confessioni profetiche di Geremia
vom Gottesk11echt (1916) 165. Anche KAISER, e~ n. 75), che nascono dalle tribolazioni di
Der konig/iche K11ecbt, mette in rilievo i tratti una missione storica specifica? Con questo non
regali, ma nello 'ebed scorge Israele. Per la li- si vuol escludere .che in certi momenti le an-
nea profetica si è pensato a Mosè(---+ E . SEL- tiche formule cultuali possano aver esercitato
LIN, Mosè 108-u3), a Isaia (C.F. STAUDLIN, un'influenza e modellato un linguaggio attra-
Neue Beitrage wr Erliiuterung der bihl. Pro- verso il genere salmodico, che già esisteva in
pheten [ 1791] ), a Geremia (C.J . BuNSEN, Canaan al tempo dci re; ma è difficile che tali
Vo/lst. Bibelwerk fiir die Gemeinde, voi. 2 formule possano esser state il vero movente
[1860] 438), a Ezechiele (R. KRATZSCHMAR, che spinse il Deutero-Isaia a farsi l'immagine
Ezechiel [1900]) e ad altri ancora. Per l'intera del Servo, mosso com'è da una fede appassio-
storia dell'interpretazione ---+ NORTH. nata nella decisione storica.
_3II (V,666) 1t«~c; 0Eou A 11 5 (W. ZimmreliJ (v,667) 312

può aver suggerito la caratteristica del- chiaro che si tratta <li un vincolo che u-
lo 'ebed? Buone basi ha l'ipotesi che nisce non a una cosa, ma a una persona
qualcosa della missione del Deutero- (-> col. 288 ). Il titolo di 'servo' ricorre
lsaia si rispecchi nei canti 73 , vi riceva maggiormente in passi <love la parola di
un'interpretazione che trascende la cor- Jahvé opera una chiamata diretta e per-
nice della sua vita e, con la fede, si sonale (42,1; 49,J.6; 52,13; 53,11; so-
spinga a una visione definitiva 74 ( ~ lo in 49,5 è in terza persona). Il Ser-
75
VII, coll. 131-133) . La sorprendente vo è stato modellato da Jahvé (42,6;
carica di oggettivazione e di anoni- 49,5.8) fin dal seno materno (49,5; cfr.
mato che sta sotto il titolo di 'ebed v. l). Egli è l'eletto su cui si è posato il
jbwh può benissimo significare che favore di Jahvé (42,1 ); colui che Ja ma-
il profeta non volle essere frainte- no di Jahvé ha afferrato (42,1 ). Egli è
so come se stesse parlando in termini stato chiamato da Jahvé (42,6; 49,1) in
soggettivi e biografici 76 • La figura è verità (cioè validamente: 42,6), Il suo
chiamata 'ebed. Come nel racconto del nome è stato pronunciato da Jahvé con
servo in Gen. 24 {~ col. 284 ), an- l'importanza con cui s'impone una de-
che qui l'omissione di qualsiasi nome nominazione cultuale 78 • A questa ele-
proprio vuol sottolineare che la vera es- zione decisiva va aggiunto il dono di ciò
senza di questa figura misteriosa consi- che gli occorre per il suo ministero; Jah-
ste nella sua appartenenza ad un altro vé arricchisce del proprio Spirito 79 il
- in questo caso a Jahvé 77 • Pertanto l: suo Servo. Tocca e rende idonei alla

n - Mow1NCKEL dapprima la sostenne decisa· }eremias: Evangelische Theologic 3 (1936)


mente (in Knecht), poi la respinse (in Kompo- 265-276.
sition). n Non vi troviamo forse perfettamente espres-
1~Cfr. l'analogia della linea regale; vedi G. sa la situazione che Geremia aveva proposto,
voN RAD, Erwiigungen zu de11 Konigspsalmen: sia pure in maniera diversa, in una delle sue
ZAW 58 (1940·1941) 216-222. confessioni? «Quando trovai le tue parole, le
divorai. La tua parola fu per me gioia e alle-
n È quanto suggerisce anche il parallelismo grezza dcl cuore, poiché io son chiamato col
con le confessioni di Geremia. Anch'esse, si· tuo nome, o Jahvé» (15 ,16).
milmente sparse qua e là nella struttura lette·
71 49,1. Per hizkir iem dr. Ex. 20,24; 23,13;
raria del libro, rivelano l'intima visione su cui
si basa il dovere d'obbedienza, l'ineluttabilità los. z3,7 e - VIII, coli. 717 ss. Cfr. W. ScHOTT·
della missione profetica, e specialmente la via ROJ'f, 'Gedenken' im. Alte11 Orienl 1md im
della sofferenza connessa alla profezia. Ma ciò A.T., Wissenschaftliche Monographien zum
che in Geremia rimane avvolto nell'oscuri· Alten und Ncuen Testamcnt I 3 ( 1964).
tà del mistero (20,14 ss.) nel Deutero.Jsaia di- 7
~ 42,1. Qui ci si aggancia ad un enunciato
viene una risposta caratteristica e defìnitiv:1 dell'antico popolare tipo di profezia (dr. ad es.
che conclude il pensiero dcll'A.T. 2 Reg. 2,9), che era venuto meno con i grandi
1;,Anche le confessioni <li Geremia attestano profeti scrittori. Cfr. P. VoLz, Der Geist Gol-
la difficoltà di accettare il proprio compito: co· /es ( 1910) z4.62·69. Nella traduzione di Is. 61,
mc dimostrn G. VON RAD, Die Ko11/essione11 1 ( - n. 67) troviamo anche il pensiero dell'un-
mxi:ç ì)eoi.i A Il 5 (\V. Zimmerli) (v ,668) 314

missione quegli organi che sono di spe- lavoro che è difficile pensare che possa
ciale importanza per l'adempimento del- essere svolto da un singolo individuo e
la missione di profeta: l'orecchio ( 50 A contro il quale sono giustificate le obie-
s.), e la bocca (49,2; 5014) 80 • zioni addotte a favore dell'interpreta-
c) In che cosa consiste l'ufficio di zione collettiva. O non dovremmo piut-
m~ssaggern affidato a questo Servo? tosto vedere qui, in connessione storica
Nelle parole di presentazione di 42,1-4, serrata, la proposta di una instaurazio-
dove Jahvé prospetta al Servo una sfera ne del diritto ( 4 2 >4: il parallelismo di
piì1 ampia d'azione e la chiamata al pro- mispa! e torato) che ha il suo fondamen-
feta appare come un fatto in certo modo to nella concomitante creazione del di-
esteriore 81 , il termine mispaf ricorre ritto operata da Dio nella storia? Non
tre volte, in assoluto, ad indicare il si può negare che questa seconda in-
contenuto della predicazione del Servo terpretazione risulta assai pit'1 vicina a
(42,1.3.4). Tutta l'interpretazione del ciò che conosciamo della profezia in ge-
compito del Servo dipende dalla nostra nere che non la prima, la quale vorreb-
comprensione di questa parola . Vi si ac- be fare dcl Deutero-Isaia un 'maestro di
cenna forse che l'ufficio del Servo è di religione' in senso del tutto nuovo.
diffondere tutt'intorno 82 la verità 83, Qual è inoltre la storia a cui si ri-
«la sola religiosità valida giacché Jah- ferisce la proclamazione del mispiit (di-
vé è il solo Dio» 84 , «la vera legge in ritto) e nella quale è radicata la ragio-
cui lo Spirito di Jahvé ha trovato e- ne del suo contenuto? In Is. 42,2 s.
spressione perfetta»? 85 In questo caso il contenuto di questa proclamazione
il Servo potrebbe essere considerato del mifpii( è indicato con tre immagini
semplicemente come un missionario in- che forse provengono dall'ambiente del
caricato di convertire in ogni evenienza, simbolismo giuridico e non lasciano dub-
tra i popoli, gli uomini a questa retta bio sulla cornice storica in cui la pro-
intelligenza da acquisire in eterno; un clamazione è fatta: quella dell'araldo

zionc del profeta, che può similmente riscon- significativa Mt. 17,5 par. Mc. 9,7 e Le. 9,35}.
rr::irsi nel più antico tipo di profezia (dr. 1 8! Su mifpii! ~ v, coli. 1050-1052; J. P EDER-
Reg. 19,16). Cfr. E. KuTSCH, Salbrmg nls SEN, !Srne/, ;1s Li/e and Cull11re 1-11 { 1946)
Rechtsnkl im Alten T estament rmd im Alte11 348-352. È strano · che K. FAHLGRllN, f'dok.1,
Orie111, ZAW, Beiheft 87 (1963) 62. 11nheslebe11de rmd e11lgegengesett.le Begrilfe im
11.T. (l932) 120·138, trattando di miSpii[ non
&J Cfr. Ier. 1,9; Is. 6,7; Ez. 3,1 ss. parli di Ir. 42,1 -4.
83 VOLZ, ad f.
81 Una analogia nel N .T . si trova nelle parole
rivolte a Gesù in occasione del suo battesimo 8-! BUDDE, in KAUTZSCH, ad f.
(Mc. 1,II par. Le. 3.n) e nelle parole rivolte 8> W. HERTZBERG, Dìe E11twickf1111g des Be·
agli nstanti (Mt. 'P 7. e in maniera ancor pit1 ?.rifjes mipt im A.T.: ZAW 41 (1923) 41, n. 1.
315 (v,668) 7ttti:ç i>EoÙ A II 5 (W. Zimmerli) (V,668) 316

che, contro la consuetudine, non grida L~nde solo un ritorno storico, ma un'i-
ad alta voce; quella della canna piegata stituzione deHa giustizia che trasforme-
che simbolizza la sentenza di morte ma rà Israele sia esternamente che inter-
che, contro ogni previsione, non viene namente. Gli occhi del cieco saranno
del tutto spezzata; quella del lucignolo aperti (42,7; cfr. il popolo cieco in 43,
fumigante che non viene del tutto spen- 8), l'oscurità sarà rimossa (49,9), I-
to. Queste immagini vogliono esprimere sraele troverà nuovamente il suo Dfo e
il sorprendente atto di benevolenza con riconoscerà la sua fedeltà (di qui il ri-
cui Jahvé stabilisce la giustizia 86 • I s. 42, chiamo a tornare: 44,22). In questo
7 parla più esplicitamente del rilascio di modo Jahvé ristabilisce mirabilmente
prigionieri, e in 49,5 s. è del tutto cer- la sua giustizia per un popolo che, av-
to che in termini concreti si tratta di vilito, aveva lamentato la perdita dei
ricondurre gli scampati di Israele, cioè suoi diritti (40,27 ). Ma ciò non esauri-
gli esiliati, e del popolo che si raduna sce questo processo. Is. 49,5 s. parla di
(il v. 5 si potrebbe leggere ji.fra'el lo una straordinaria espansione della mis-
je'aséf, «per lui si radunerà Israele»). sione del Servo, che gli si rende chiara
Il passo 49,8 ss. descrive questa restau- proprio quando egli dispera del succes-
razione, talvolta in armonia con i toni so dei suoi sforzi 37 . Già in .p,1 ss.
gioiosi del messaggio del Deutero-Isaia, si puntualizza che il diritto (miJpii!),
come un viaggio di ritorno attraverso quantunque ovviamente riguardi innan-
un deserto appena trasformato e reso zitutto Israele, sarà proclamato a tutti
ricco d'acqua, e come una nuova presa i popoli, fino alle isole più remote 88 •
di possesso della terra promessa che In 49,5 s. si dice quasi fortuitamente,
era stata devastata. In pari tempo di- ma poi si afferma ben chiaro, che il Ser-
viene evidente che con ciò non si in- vo sarà una luce per tutta la terra 89 •

80 Le immagini della spada e della freccia (49, tuttavia non è sicura (~ ZIEGLER, Unterst1·
2) vogliono esprimere l'idea che la parola di chungen 54). Se l'espressione b'rit 'am, che è
Dio in bocca al profeta è penetrante (cfr. ler. unita ad essa in 42,6 e ricorre ancora solo in
23,29). Esse non devono essere contrapposte 49,8, si deve intendere come un sinonimo, al-
sentimentalmente a 42,2s. (contro VoLz, ad l.). lora lo scopo della missione del Servo risulta
37 In un importante parallelo (ler. 12,1·6) il ampliato, come pure la categoria di alleanza
profeta abbattuto è 'confortato' da Jahvé col che ha origine dalla -storia d'Israele: egli di-
richiamo a un peso maggiore. viene una b'ril per le genti. In questo concet-
to il 'patto appare come un dono di grazia;
ll3 A questo punto non si deve trascurare il ca-
cfr. J. BEGRICH, berith: ZA W 60 ( 1944) I-Il
so parallelo della vocazione di Geremia, desti- e ~ I, col. 91 1 n. 73. Qui l'idea di patto non
nato sin dall'inizio ad essere 'profeta per le na- può essere intesa in senso giuridico stretto.
zioni' (1,5 .10), sebbene la sua attività sia dap- Essa include due capisaldi: 1. che la salvezza
prima limitata a Giuda. di Jahvé si estende sino ai confini della terra
&~ Cfr. anche in 42,6 la lezione 'or g6fm, che (49,6); 2 . che di conseguenza ogni ginocchio
317 (v,668) 7tO.L<; bEOV A u 5 (W. Zimmerli)

La sua azione, che si svolge sullo sfon- il Deutero-Isaia parla invece con note-
do della parola liberatrice d'Israele 90 vole obiettività e distacco. In che cosa
che Jahvé pronuncerà ben presto, di- consiste la sofferenza del Servo? Fu
strugge quel mondo di idoli che ancor perseguitato dal suo stesso popolo? La
oggi sembra cantare vittoria 91 • Essa manifesta opposizione degli esiliati ( 4 5,
esalta l'esclusiva gloria di Jahvé e di:vie- 9s.) all'annuncio che Ciro era stato
ne così luce e salvezza del mondo inte- mandato da Jahvé come unto e salvato-
ro 92. re di Israele, sembrerebbe dar corpo a
questa ipotesi. Forse le autorità babilo-
d) I passi 49,7; 50,4-9 e 52,13-53,12 nesi si schierarono contro l'annunciato-
chiariscono che il Servo è passato attra- re della potenza di Jahvé? La formula
verso un mare di dolori. Il destino di 'servo dei tiranni', coniata in antitesi a
Geremia si ripete nell'esperienza del 'Servo di Jahvé' (49,7), e l'allusione
Servo di Jahvé. Ma, mentre pe:· Gere- (49,7; 52,15) alla futura meraviglia dei
mia le confessioni e il racconto della re potrebbero suggerire questa interpre-
passione, scritto forse da Baruc, ci dan- tazione.
no un quadro chiaramente biografico, Il Servo fu forse colpito da una ma-

dovrebbe piegarsi e ogni lingua confessare la 91 Le parole di rimprovero e di giudizio con-


potenza di Jahvé (45,23 s.). tro gli idoli (41,1-5.21-29; 43,8-13;_ 44,4-6,
ecc.) si devono comprendere sullo sfondo del-
9i:l A questo punto si dovrebbe ricordare la di-
l'imminente attuazione della giustizia nella sto-
chiarazione riguardante Ciro. Questa proclama-
ria ad opera di Dio. Esse non servono ad e-
zione è, in un certo senso, un ulteriore svilup·
sprimere <dntuiti monoteistici» - statici, inop-
po dell'annuncio del servo regale Nabucodo-
portuni e astorici - ma a glorificare il trionfo
nosor nei circoli geremiano-deuteronomistici.
della verità che dev'essere presto attualizzata
La sola differenza è che nel Deutero-Isaia il
storicamente in giudizi che assumeranno di-
nome di 'ebed è sostituito dall'appellativo chia-
mensioni escatologiche. Il discorso rivolto ai
ramente politico-militare di mafiìih. Da questo
superstiti dei popoli (45,20) dimostra che lii
punto di vista è improbabile che 'ebed fosse
guarigione delle nazioni sarà realizzata da un
inteso in senso regale-messianico. Le teorie del-
giudizio che infrange non solo gli idoli, bensì
la sostituzione(-+ HEMPEL), che vedono nella
proclamazione dello 'ebed un surrogato dell'at- anche i loro adoratori; - BEGRICH, St11die11
(spec. cap. 3: «Das Verhaltnis Dtjs's zur reli-
tesa centrata in Ciro, che era andata delus\I,
giosen Oberlieferung» ).
proprio in questo punto decisivo della prere·sa
disillusione si muovono su un terreno molto 9~ -BEGRICH, Stt1die11, suppi. 1 161-166, in 42,
incerto. Ma l'aspettativa di Ciro non può più r propone di tradurre hO!I' mispa! con «far
essere interpretata, come vorrebbe -+ BEGR!CH, conoscere il giudizio». Così il Servo sarebbe
Studien 144 s., come un misero avanzo di una -colui che proclama pubblicamente i giudizi be-
speranza escatologica delusa. Essa rappresen- nevoli di Jahvé su Israele; si domanda inoltre
ta - non come logica necessità, ma per se non dobbiamo riconoscere in 42,r-4 il libro
un'intrepida fede in Jahvé - In vera manifesta- dei doveri dello 'ebed hammelek menzionato
zione storica della vicinanza salvifica di J ahvé. sopra (- col. 285). Quest'ultimo sarebbe al-
Anche in Isaia e Geremia sono riconoscibili lora un araldo che ha il compito di far cono-
t31i interpretazioni di fenomeni storici. scere i retti giudizi del re attraverso il simbo·
mi:~ç DEov A n 5 (W. Zimmerli) (v,670) 320

lattia? 93 I canti non ci danno notizie ro Servo di Jahvé un'immagine che va


precise. Al modo dei salmi di lamenta- molto al di là dell'esperienza personale
zione, le allusioni vengono fornite da del profeta. Perciò non è un puro caso
immagini disparate e tra loro concor- né segno di lettura maldestra, se si è
renti. Anche a proposito di 53,8-10 non creduto sempre più che Is. 53 alludesse
si può dire con certezza se il brano an- alla figura di uno che deve venire%.
nunci la già avvenuta morte del Servo 9'1, A questo punto ciò che è detto del
o se ne prospetti solo la necessità che la Servo diverge dalle confessioni di Ge-
rende imminente e ineluttabile 95 • A ciò remia e le supera, per dire in due ma-
si aggiunge che 52,13-53,n, dopo che niere una parola conclusiva sull'ufficio
già nei canti precedenti se n'era avuto e sulla promessa del vero 'ebed jhwh.
qualche fugace cenno, indubbiamente Le confessioni di Geremia finivano con
abbandona il tono biografico, sulla cui una nota di impenetrabile oscurità 97 ;
base credevamo di poter comprendere invece il Servo di Jahvé si tranquillizza
qual era l'ufficio del Servo, e dà del ve- quando riconosce il profondo significa-

lismo che traspare in 42,2 s. In questo modo tienza della grazia (43,10; 44,8).
il Begrich afferma che la scelta del nome 'ebed
9J ~ DuttM, ad I., pensa che 11agiia' di 53,4
jhwh dev'essere compresa sulla base dell'ana-
indichi la lebbra.
logia con questo ufficio. Contro quest'ultima
ipotesi va notato che il Begrich non tiene 91 ~ ELLIGER ; ~ SELLIN, Losung. In questo
nel giusto contro il fatto che il Deutero-lsaia caso il testo dev'essere di mano più recente.
dipende da più antichi usi linguistici nel de-
9~ ~ BEGRICH, St11die11.
scrivere i profeti e non conia assolutamente
espressioni nuove. Anche se la proposta di tra- % H.W. WoLFF 36 pensa che quest'idea vo-
durre ho!i mifpa! nel modo suddetto può es- glia prefigurare colui che deve venire, per e-
ser presa in considerazione per 42,1, essa è sprimere il senso di trascendenza del profeta
del tutto insostenibile in 42 14, data la presen- sul suo ufficio specifico. G. VON RAD, 'Gerecb-
za del sinonimo Jtm mifpa! e a motivo del pa- tigkei/' 1111d 'Leben' i11 den Ps., in Festschr.
rallelismo di miJpa! e 16rfi. Qui deve trattar- A. Bertholet (1950) 424 s., afferma che il sal-
si delle instaurazione di un giudizio divino u- mista, parlando del 'giusto', usà delle immagi-
niversale che va oltre iJ caso individuale (cfr. ni che gli sono suggerite in fondo dal coraggio
il mi.fpaf hammelek di I Sam. 8, o, in 2 Reg. della fede e trascendono il dato empirico. Egli
17,27, la formula hOra 'et miJpaf 'elohé ha'a- parla del prototipo del giusto (!addik). In ana-
re!, affine a 42,4). Ma il Begrich può ritenersi logia con il Ps. 2 (~ o. 74), potremmo riferir-
nel giusto dove sostiene che questo annuncio ci alla linea messianico-regale.
d'instaurazione del diritto sta in strettissima
relazione con i giudizi benevoli di Jahvé che si 91 Alla fine delle sue confessioni il tormentato
concretizzano nella storia d'Israele; sono que· messaggero di Dio si lascia andare a maledire
sti che il Servo, come messaggero di gioia, de- la propria nascita (20,14 ss.). Il solo raggio di
ve annunciare, trovando in essi la sua sicurez- luce che lo illumina è il pensiero di non esser
za; di conseguenza la proclamazione della sal- solo a portare il suo dolore e di partecipare,
vezza alle genti si irradia dalla rivelazione del- nel suo dolore, al dolore di Jahvé. Ciò asseri-
la salvezza stessa nella storia, di cui Israele ri- sce direttamente parlando a Baruc (45,4 s.), e
mane il vero testimone avendo fatto l'espe- si può riconoscere indirettamente io 12,7 ss.
~ai:c; ilEou A 11 5 (\YI. Zimmerli)

to del proprio dolore. La sua soffe- sione? È essa il semplice risultato del-
renza è vicaria 98 . Nel contesto di que- la penetrazione nel segreto significato
sta profondissima intuizione (eh~ - e di una esperienza personale di dolore?
qui il riserbo del suo modo di espri- oppure è solamente obbedienza cieca?
mersi raggiunge l'apice - è proferita Ecco il secondo punto in cui il D eutc -
non dal Servo stesso ma da un grup- ro-Isaia va oltre Geremia: egli profes·
po di credenti tutti presi da questo sa la propria fede in Jahvé che farà
evento 99 ) la reazione propria del Servo giustizia al suo Servo oltre la morte e
a questi dolori è del tutto diversa da la sepoltura. A fianco della descrizione
quella di Geremia. Qui l'attitudine del- della totale sottomissio:1e al Signore,
lo 'ebed giunge a compimento. L::> 'ebed eh::: è propria della consapevolezza del-
;hwh sopporta in obbedienza e sotto- lo 'ebed dell'A.T., sta l'intuito liberato-
missione ciò che Jahvé decreta per lui re della fed:: nella fondament::ile fedel-
(53,6-10). In termini eh:: richiamano tà di Ja!wé al Servo che egli stesso ha
Ezechiele egli confessa la sua o'.:ibedien- chiamato. O, per dirla con i <lu ~ con-
za totale 100 • L'immagine di Geremia, cetti eh:: cm~rgono nella profe3sion{! di
della pecora condotta al macello, che fede del Se.-vo (49,4): il S'.!rv8 sa che
in I er. I I ,19 vuol espdmere la confiden- riceverà da Jahvé il suo diritto (miSpii!)
te innocenza del profeta fotto segno al- e la sua ricompensa (pe'ulla). Giustizia
le minacce 1°', orn è approfondita ad e- è la parola chiave che domina in 50,7
sprimere la silenziosa disposizione del ~3. Di fronte alle amare umiliazioni co-
Servo a portare il suo peso (ls. 53,7). nosciute, il Servo protesta qui la sua
ilCOncussa fiducia in Jahvé: «Il Signore
e) Qual è il motivo di tale sottomis· Jahvé mi aiuterà; perciò non sarò con-

98 ~ STAMM 68-75: sofferenza vicaria. L'uso invece sembra insinuata da Num. 20,12: Mosè
del termine sacrificale corrente 'iiiiim in 53,10 porta solo l'ira di Jahvé contro il suo popolo,
e dell'immagine degli animali uccisi (per quan- ma non si parla di colpa volontaria. Pe·r Ex.
to suggerita da Geremia) può indicare che il 32,30 ~ STAMM 71 .
pensiero del sacrificio non è del tutt:> assente.
Anche qui però tutto rimane ancora incerto. 9'J1J brano 53,T-ll a si trova nel COiltcStO di
Ci si potrebbe chiedere se, dati i chiari co11- due passi che danno luce all'insieme: 52,13-15;
tattì tra il Deutero-lsaia e il materiale dcutc- 53,11 b-12. Il secondo trntta il tema della so·
rcmomistico, non vi possa essere un riferimen- stituzione, in connessione con Is. 53,1-11 a.
to a Mosè, il grande servo di Jahvé, che fu 50,5. Si pensa qui a Geremia, il profeta che
i;ia
più che un profeta (~ BENTZEN 64-67, se- nella sua so.'.lerenza ebbe un momento di ri-
guendo H.S. NYDERG). Dcu/. 3,26, dopo che bellione (ler. 15,19)? Per mrh in connessione
Mosè ha pregato che gli sia concesso di entra- con la vocazione del profeta, vedi Ez. 2,8, ccc.
re nella terra di Canaan, gli fa dire: «ma Jah-
vé era adirato con m ~- per causa vostra». Qui 101 In Ier. 12,3 si parla di un amaro proposito
non si dice nulla di una colpa di Mosè, che dì vendetta contro i nemici (m'.lnca nei LXX).
-itai:ç l)eo\i A n 5 (W. Zimmerli)

fuso; per questo ho reso la mia faccia In ls. 53 è vano cercare una formula-
come un macigno, e so che non sarò zione didattica di ciò che significa la
confuso». Poi il discorso sfocia in un salvezza dalla morte icu, che pure è chia-
appello simile a quello che l'imputato ramente affermata. Dì ciò non si dice
rivolge al tribunale 102 , secondo lo sti- nulla. II pensiero sta nascosto sotto
le anche altrove preferito dal Deutero- l'immagine. D'altro canto, la promessa
Isaia: «Mi sta vicino chi mi giustifica: che Jahvé stesso sosterrà il suo Servo
chi potrà contendere con me? Misuria- contro la morte - così mos trando che
moci: chi è il mi0 avversario? Mi si av- il Servo gli appartiene inseparabilmente
vicini! Ecco, il Signore Jahvé mi soccor- - è inequivocabilmente confermata.
re; chi oserà condannarmi? Certamen- f) Un ultimo interrogativo. Tutto
te invecchieranno come un vestito; la questo è qualcosa di privato, che ri-
tignola li roderà» 103 . Come Giobbe, al- guarda solo il Servo e il suo Signore?
tro servo del Signore, in tutte le frustra- Fa impressione vedere come l'introdu-
zioni presenti sa che alla fine Jahvé gli zione alle parole finali di J ahvé ( 5 2 ,13
renderà giustizia, così fa qui il Servo di ss.) ponga in evidenza le conseguenze
Jahvé. In 52,13-53,12, d'altra parte, che l'incontro tra lui e il suo Servo pro-
questa certezza culmina nel pensiero del- ducono ìn una cerchia più vasta. I re e
la ricompensa che Jahvé tien pronta per i grandi della terra rimarranno sbalor-
il suo Servo. Queste idee ricevono un'en- diti (52,14 s.). Ciò che Jahvé intende
fasi stilistica ancor più alta dal fatto che parlando del carattere pubblico di que-
questo fastigio è espresso non solo con sto fatto può esser suggerito da Is . 49,
i termini della fede soggettiva del Ser- 7: «l re vedranno e si alzeranno, i prin-
vo, ma con Je parole di Jahvé stesso cipi si inchineranno a motivo del Signo-
che, dopo la comunità (53,1 -10a), par- re che è fedele, del Santo d'Israele che
la personalmente e offre al suo Servo ti ha eletto». Dunque, la giustizia resa
la garanzia finale. L'immagine della di- al Servo e la sua ricompensa torneranno
visione del bottino tGi vuol affermare a onore di Jahvé, e tutto il mondo rico-
che Jahvé renderà giustizia al suo ser- noscerà appieno la sua fedeltà. In que-
vo oltre la morte e la tomba ( 53,12) 105 • sto l'opera del Servo è compiuta.

rn2 ~ BEGRICH, St11dien 19-42-48-49. salvezza parlando della gioia di dividere le


spoglie.
ml In ls. _51,B abbiamo la stessa immagine dcl-
!05 In 10 b gli spettatori attoniti dicevano giii
ln rivendicazione escatologica del diritto fatta che a lui, per quanto fosse chiaramente consc-
da Jahvé contro i suoi nemici.
llnato alla morie, era garantita la posterità.
101 Anche 40,10 s. sembra connettere il botti- W.\ Per tutti questi problemi cfr. CH. BARTH,
no di guerra con fa ricompensa. Nuovamente Die Brrettung vom Tode in den i11divid11elle11
9,:? illustra la gioia del giorno escatologico di Klaf!.e- 11nd Dnnkliedem des A.T. ( 1947).
1Ca~c; ~Eov B T a (W. Zimmerli)

B. LE TRADUZIONI DEI LXX vece prevale i)Epanwv: di 4 3 testi con


'ebed, 23 sono tradotti con i)Epa:rcwv,
1. Le traduzioni di 'ebed nei LXX solo 8 con 'ltai:ç e 6 con olx.É-c1']c;. I cor-
tigiani egiziani son detti 'ltatOE<; nel Ge-
Nel T .M. 'ebed ricorre 807 volte 107 • nesi, nell'Esodo invece ikptl.noV"tE<; 111 •
Nei LXX si hanno i seguenti equivalen- Negli scritti successivi dell'Esateuco le
ti ioo: 7tG.L<; ( rm.tÒlov, 7ta.tÒaptov) 340 traduzioni, che nel Genesi e nell'Esodo
volte (~ col. 227); oouÀ.oç (ooÀ.Ell'l. 109, sono distribuite in modo così caratteri-
oouÀEuwv) 327 volte {---7 II, coll. 1427 stico, risultano mescolate. Nel Leviti-
ss. ); oi.xÉ'tl')<; { o!xoç) 6 3 volte; l)Epanwv co nai:c; 3 volte; olxÉ·n1ç 4 volte; nei
( i)Epa1tEltx, i)EpCX.1tEUW\I) 46 volte ( ~ IV.
Numeri i7Epci1tW\I 4 volte, 1ta'Lç 5 vol-
coll. 489 s.); vt6c; una volta; ~ V1t1']pÉ- te, olxh1']ç una sola volta; nel Deute-
"t'1']<; una volta. Inoltre in 56 passi o è ronomio 'lttXL<; 9 volte, otx.É·n1ç 8 volte,
senza corrispondenze o vi è un errore i)Epa:7twv 4 volte; solo in Giosuè torna
di traduzione o una traduzione libe- a predominare nai:ç ( 13 volte), sebbe-
ra. La traduzione con· questi vari equi- ne non manchino ì)Epa7twv ( 3 volte) e
valenti greci non segue gli stessi princi- olxÉ·n1ç (3 volte). Ciò che comunque,
pi in tutti i libri dell'A.T.; a seconda malgrado queste differenze, caratterizza
degli argomenti si adottano principi di- i libri dell'Esateuco e indubbiamente li
versi, e questo mostra chiaramente che differenzia dai cinque libri narrativi che
i traduttori furono parecchi. Giacché i seguono, è la quasi completa assenza di
272 passi dove 'ebed appare in relazio-
oouÀ.oç. Degli 88 testi con 'ebed del
ne a Jahvé non si distinguono tra di Genesi e degli l I dei Numeri, nessuno
loro per qualche speciale tipo di tradu- è tradotto con ooùÀoç; dei 15 esempi
zione, dobbiamo osservare unicamente di oouÀ.oc; nei rimanenti quattro libri
le traduzioni di tutti i passi con 'ebed. dell'Esateuco, 10 si riferiscono com-
a) Un primo importante sistema di prensibilmente all'Egitto, Ja casa della
traduzione si trova dal Genesi a Gio- schiavitù (o!x.oç òouÀElctc;). In Lev. 2 5,
suè. Non che questi libri mostrino uni- 44 lo schiavo straniero è detto oouÀ.oç.
formità nelle traduzioni che offrono. È Anche Ex.21,7 (frainteso nei LXX) sem-
ben chiaro che nel Genesi si ha una bra orientato in questo senso. Deut.32,6
mano diversa dall'Esodo no. Nel Genesi appartiene al canto di Mosé che anche
è normale l'uso di na.'Lç. Di 88 testi nel v. 43 (seconda occorrenza di ~ebed
con 'ebed, 79 sono tradotti con 1tai:ç; nel testo ebraico del cantico) dimostra
olxÉ"t1']<; ricorre 5 volte. Nell'Esodo in- una particolarità nella traduzione gre-

lU7 Esattamente, 800 volte nel testo ebraico e MANN e F. BAUMGA~TEL, Beitriige wr Entste-
J in quello aramaico. b1111gsgeschicbte der Septuaginta [ 1923] ,55),
lOl! Testo di Rahlfs. Per le statistiche si usano
secondo wi Gen., a differenza del restante Pen-
in ltid. il testo B, in Don. i LXX (non Teodo- tateuco, occupa una posizione speciale, trova
zione dei grandi codici). ·Per Is. ~ ZmGLER, così piena conferma in un esnme della tradu-
Isaias. zione di 'ebed.
111 Nel Genesi la corte del Faraone (par' ob
109I numerosi passi con oouÀlu.. che si trova· wa'abiidiiw) è dettn ct>apcxw xat Ti i}Ept1..1tdu..
no in Swetc dal Rahlfs sono generalmente con-
mhou solo in 45,16. In 50,17 nell'autodefini-
siderati come itacismi e scritti nella forma oou- zione il titolo DEpa:n:wv è usato unitamente nl
ÀELCI..
nome del Dio dei padri : -rwv Dt:pu'lt6VTWV -rov
110 La conclusione di F. BAUMGARTEL (J. HERR- l>EOV 'tOU 1CC1."tp6<; O"OU.
3:q (v,673) 1tO:i:<; ~Eoii BI a-b (W. Zimmcrli) (v,673) 328

ca(-+ qui sotto). Ios.24,29 (LXX v. 30) b) Accanto agli scrm1 dell'Esateuco
pare sia determinato dal parallelo !ud. in cui è chiara solo la caratteristica ne-
2,8. Rimane los. 9,23, dove ooGÀoc; ri- gativa, emerge il gruppo dei libri da
corre nella maledizione sui Gabaoniti. Iud. a 4 Baa-., che invece presenta li-
È dunque evidente che oouÀoc; ricor- neamenti positivi. Qui solo i due ter-
re assai di rado in connessione con la mini 'lto:tc; e SouÀoc; sono usati per tra-
speciale tribolazione. della schiavitù. In durre 'ebed. E, per la verità, qui si de-
tutta la legge della schiavitù (eccetto Ex. ve notare la netta distinzione con cui
21,7,-+ sopra) abbiamo 'lta.i:c; (Ex.21,2. viene usato 'lta.i:c; per indicare solo la
20.32) e oìxÉ-c11c; (Ex. 21,26 s.), e an- categoria dei servi del re, che si offro-
che in formule di sottomissione (los. 9, no al suo servizio per libera decisione
8 s. l l ). Per quanto riguarda lo stile au- (soldati, ministri, ufficiali, ~ coli. 284
lico dell'autode.finizione, troviamù m~i:c; ss.). Invece oouÀ.oc; denota il vero stato
in Gen. 18,3.5, e altrove, e olxÉ"t'l}c; in di schiavitù 112, quale si ha in uno che è
Ex_ 5,16 e nello stesso versetto anche costretto ad essere schiavo, anche nel ca-
'ltcti:c;. Di qui l'uso passa nella professio- so di vassallaggio di un re (2 Bct<T. ro,
ne di umiltà di fronte a Jahvé. Giacobbe r 9 ). Questo termine è adoperato con
può de.finirsi 'ltcti:c; ( Gen. 32, II) e Mosè tutta naturalezza nel discorso sprezzante
(Ex. 4,10) Ì}Epci'ltw\I di Dio. Anche do- di Saul (I Bo:o-. 22,8) o persino di Nabal
ve l'appellativo è usato da solo, Mosè, quando inveisce contro David ( 1 Ba.o-.
il servo di Jahvé, è designato come Ì}E- 2 5 ,IO), anche quando si riferisce a uno
pci'ltW\I (Ex. 14,31; Num. 12,7 s.), i pa- che, considerato oggettivamente, sareb-
triarchi come oÌxÉ·mt (Ex. 32,13) e Ca- be nella condizione di 7ta.i:c;. Queste con-
leb (Num. 14,24), ed anche Mosè (los. siderazioni ci inducono a concludere che
1,13; 12,6, ecc.), come 'lta.i:c; xuplou. SouÀ.oc; è usato in tutto il parlare ceri-
Anche qui ciò che veramente sorprende monioso, sia che uno parli di se stesso o
è l'assenza dcl nome oouÀ.oç, che invece di un ~ltro 113 • Se lo 'ebed hammelek di
è qm~si esclusivo nella terminologia re- 4 Bo:cr. 22,12 viene designato come oov-
ligiosa da I ud. fino a 4 Ba.cr. Àoç -cou {3ctcnÀ.Éwç, ciò avviene perché
Ancora una breve osservazione per il si valuta erroneamente il suo ufficio,
cantico di Mosè. È da notare che qui scambiandolo per un servizio umile. Di
il v. 36 costituisce il solo testo dell'E- regola Ja distinzione è mantenuta cosl
sateuco ove si incontra l'idea religiosa accuratamente in tutti e cinque i libri,
di ooGÀ.oc;. D'altronde il V. 4 3 è il solo che, dove sembra che ci si scosti da
passo in cui 'ebed sia tradotto con ut6i;. questa linea, ci si chiede seriamente se
Cosl, con enfasi insolita sono sottolinea- il traduttore non abbia desiderato e-
ti entrambi gli aspetti di 'ebed (cfr. an- spl'Ìmere una leggera sfumatura, non
che ~ n, coli. 1429 s.). Possiamo pen- contenuta nel testo ebraico (2 Bacr. 12,
sare che la traduzione di Deut. 32 abbia 18 s.; 15,34; dubbio 21,22). Confor-
la medesima storia del resto dell'Esa- me a quanto è stato già detto, rilevia-
teuco? mo che nell'aÙtodesignazione umile,

m Gli schiavi di Seb:i (2 Bau. 9,10.12; 19, 113 Ahimelec a proposito dei servi di Saul ( 1
18), il quale pure era 1ta~<; della casa di ·Saul, Dau. 22,14), chiamati 7ta~lìE<; in una narrazio-
(9,2); lo schiavo egiziano di un amalecita (1 ne oggettiva (vv. 6 s.), o Seba quando parla di
Bau. 30,13). se stesso in stile curiale, mentre ~ presentato
come 1ta~c; nello stesso versetto (;i. Ba'.T. 9,2 ).
~rx.~c; i}Eou B l b-d (W. Zimmerli) (v,674) 330

nella preghiera a Dio, il richiedente si per nulla materiale e sostanziale. Ma da


chiama costantemente ooGÀoç. Il fatto dove deriva l'uso di ikp6..'ltw\I nell'Eso-
che per le grandi figure della storia d'I- do? E per.ché l'indubbio sforzo di evita-
sraele, per Mosè e Giosuè com~ per i re la durezza di oouÀoc;, quando l'uso
re 114, il termine oouÀoç sia usato senza promiscuo di 1ttx.'Lç, otxÉ"t..rJc; e ilEpa7tW\I
eccezione, rivela chiaramente eh~ il tra- diviene la regola (Esodo-Giosuè)? Il fat-
duttore desiderò considerare· anch~ que- to che si eviti oouÀ.oc; anche nella tradu-
sti grandi uomini della storia non se- zione di 'ebed con senso religioso, per
condo il modello dell'ufficio di servo usare solo 'lta.i:c;, olxÉ"t..nc;, ed anche ~h:pa-
del re liberamente scelto, ma secondo 7tW\I 117 che è ben lontano dalla sensibili-
quello dell'umile schiavo. tà dell'A.T., indica chiaramente che nel-
la versione dell'Esateuco nel giudaismo
c) I due gruppi di scritti, dal Gene- ellenistico si ha una prima fase di tra-
si a Giosuè 115 e dai Giudici a 4 Ba.<r ., duzione biblica che rivela la libera in-
ci svelano due tappe nella storia della fluenza della sensibilità greca per la vi-
traduzione dei LXX. La seconda di que-
cinanza in cui stanno Dio e l'uomo 118•
ste è subito riconoscibile dalla deter- Invece la traduzione del gruppo che va
minazione di ottenere, con la traduzio-
da !ud. a 4Bacr.;compiuta alquanto più
ne di 'ebed, una più esatta compren- tardi, mostra la crescente consapevolez-
sione dei fatti. Ciò è espresso nella ac-
za della coscienza, tipica dell'A.T., della
curata distinzione tra 1tcti:ç e oouÀ.oç. Si distanza tra Dio e l'uomo, e dell'appar-
è supposto che la norma di traduzione
tenenza dell'uomo a Dio. L'uso esclusi-
sia basata sul fatto che, ambiguo com'è,
vo, nel linguaggio religioso, del più du-
7tcttc; corrisponda meglio ali' ambiguità
ro oouÀ.oç mostra che lo scandalo del-
di 'ebed 116• Questa spiegazione pura-
l'austera sovranità di Dio entra anche
mente linguistica può forse illuminare i
nell'immagine dell'uomo propria della
fatti per quanto riguarda il Genesi. Tut- Bibbia greca 119•
tavia dovrebbe essere chiaro che l'ambi-
guità di 7tcti:c; e 'ebed va in direzioni di- d) In generale i libri successivi non of-
verse, e che la loro equivalenza non è frono affatto la chiara visione presente

114 Il passo di 3 Ba<r. 8,59 LXX (B), in cui, 117 ~ IV, col. 498 . Come ikpaotda, cosl anche
contrariamente al T.M., Israele stesso pare es- l}Ep1btw\I e l}Epet1tEUEW sono condizionati dal-
sere il servo, potrebbe essere un errore di tra- l'uso cultuale pagano. Ciò mantiene il suo va-
scrizione causato da omeoteleuto; dr. Rahlfs. lore anche di fronte alle obiezioni di J. BARR,
115 Si può ritenere certo che Giosuè fu tra i Tbc Semantics o/ Biblica/ Language ( 1961}
primi scritti tradotti, e che l'Esateuco, che 254. Circa l}Epet'fl'EU!J.l cfr., in aggiunta ai passi
comincia a porre seri problemi alla critica co- citati ~ IV, coli. 488 s., w. DITTEMBERGER,
me complesso letterario (M. NoTH, Oberliefe- O.G.I.S. (1903-1905) 90,40, e Dion. Hai. 2,21.
m11gsgeschichtliche St11die11 I [ 1943 ] 253), per Per DEpa1tEL<X. cfr. 1 Brx.:r. l 5,2 3, cod. B.
il periodo della traduzione può essere conside-.
rato come una serie compatta di scritti. m Anche nrx.i:ç e oixÉ·n1:; esprimono una re-
lazione familiare del servo più forte che in
116 Cosl P. KATZ, il quale in Philo's Bible
oovÀoc;.
( 1950) 6, n. l e Appendice I 141-146, ha dimo-
strato, riferendosi alla traduzione di Jm;m, che 119 Le varianti posteriori mettono oouÀoc; an-
tali metodi di versione si riscontrano veramen- che nell'Esateuco; cfr. per es. il cod. Ambro-
te. Circa l'uso di 'Jt'a.i:c; e oovÀoc; in Filone, sianus per Jos. 1,1.15 e il '.:Od. Alexandrinus
vedi ibid. 83-87. per 14,7.
331 (v,674) 1tet~<; i!Eou B l d (W. Zimmerli) (v,675) 332

nei due grandi gruppi della prima par- designa il profeta stesso, Eliacim e Da-
te dei LXX . Le linee notate sopra in- vid; nel Deutero-Isaia Israele e il Ser-
cominciano a farsi confuse. Uno sguar- vo profetico 124 (~coli. 333 ss.). Possia-
do d'insieme rivela che la traduzione mo ricordare anche Daniele, dove i 12
di 'ebed con ~EpcbtW\I, che è la più au- casi (sette dei quali con senso religio-
dace e lontana dall'ebraico, va quasi so), sono tradotti tutti con 'lta.ic; 125•
completamente scomparendo. A patte In Geremia la confusione delle espres-
la menzione in Is. 54,17 120, essa appare sioni colpisce in modo particolare.
ora solo in Giobbe, ove torna a predo- Mentre la formula «i miei servi, i profe-
minare 121 . All'uso rigoroso di oou)..oc; ti» nella prima metà del libro (7,25;
s'attengono i Salmi, che, mentre hanno 25,4) è resa con lìouÀ.oc;, più avanti tro-
'lta.Lc; tre volte in tutto 122, impiegano in- viamo 'lta.ic; in 26,5 (IEp. 33,5); 35,15
vece oou)..oc; 53 volte. In Ezechiele tut- (42,15); 44.4 (5r,4). In 46,27 (26,27)
ti e cinque i passi in cui 'ebed ha valore Giacobbe è chiamato oouÀ.oc;, ma subi-
religioso recano In traduzione oovÀ.oc; to dopo è detto 'lta.i:c; (v. 28). Che il
(detto di Giacobbe, di David e dei pro- rapporto dei LXX con I er. nasconda un
feti); altrettanto avviene in tutti i cin- problema speciale 126, è suggerito dalla
que passi religiosi dei profeti minori (do- frequente omissione del termine corri-
ve il nome designa Mosè, David e i pro- spondente a 'ebed nei più antichi mano-
feti) e nei due di Esdra ( = i profeti e la scritti. I più recenti son soliti aggiunge-
comunità di Gerusalemme) 123 • Poi vi è re per lo più oou)..oc;. La confusione rag-
Isaia. Tutti e tre i testi con 'ebed in giunge il culmine in Neemia e nelle
senso religioso del Proto-Isaia e ·14 dei Cronache, dove non è possibile scopri-
20 testi religiosi del Deutero-Isaia re- re un qualsiasi principio che spieghi
cano la traduzione mx~c;, che in Isaia l'alternarsi di rta.i:c; e oouÀ.oc; 127 • In

120 Nella forma uEpaitEUO\l"t:E<; (xupiov), che sempi di lìouÀo<; (56,6; 63,17; 6;;,9) si trovi
può indicare che in 'bdj jhwh è stato avvertito sei volte la forma liouÀEuwv (65,8.13-15), che
un senso verbale. esprime ancor più l'obbedienza attiva dcl ser-
121 In 9 casi su 12 'ebed è tradotto con ilEpa- vo. Solo una volta 'ebed è tradotto con <TE~6-
m»v; in 5 di essi Giobbe è detto servo di Dio. µEVoc; (66,14; Origine e Luciano: q>o~ouµE­
Solo l,8 traduce con ita~<; in senso religioso. vo.;).
Anche qui i LXX (cod. A) assimilano, mentre 12; Teodozione traduce sei volte con lìovÀo;
in 42,8 il cod. A, assieme ai LXX (cod. V), nel (sempre intendendo 'ebed in senso religioso);
primo dei 3 casi rimpiazza ftEpibtwv con 1tet~c; . solo in 3,28 (.6.CY.v. 3,95) usa con valore religio·
12! 1Ji 85,16: l'orante che sente bassamente di so 1tC1.tc;.
sé; 112,1: designazione della comunità riunita 12h P. VOLZ, Der Propbe{ ]eremia = Komm.
per il culto; 17,1: attributo di David nella zum A.T. x (1928) L; W. RuoOLPH, }eremia
premessa al salmo. = Handbuch zum A.T. II 12' (1958) xix s.
m In entrambi i punti della trascrizione in l ni Il confronto còn i testi paralleli in l-4 BCY.':i.
Ecrlìp. il &ouÀoc; è sostituito da mx~.;. Cfr. 2 ci permette di riconoscere la tendenza genera-
Ecr!ìp. 5,u; 9,u con 1 Ecrlìp. 6,12; 8,79. le a introdurre i testi con mxi:c;. Ln distinzione
m È assai sorprendente che nella traduzione tra itCY.i:c; e liouÀo<;, che nei libri dn lud. a 4
del Trito-Isaia ci si acco3ti all'uso puro di lìov· Bacr. si può chiaramente constatare, qui vie-
Àoc;. Abbiamo visto(~ coli. 294 ss.) che in Is. ni! invece a scomparire del tutto, e non è pos-
56-66 la distinzione di uomo pio ed uomo em- sibile ravvisnre alcuna idea conduttrice. Cfr.,
pio era espressa decisamente. Cjò forse spie- per es., l'oracolo di Natan in .i Sam. 7 con I
ga come nella traduzione greca, contro tre e- Chron. 17. In sette dei dieci testi in cui si può
333 (v,675) 1tai:c; aEou Bi (W. Zimmerli) (v.6761334

Neem. 1,7 s. Mosè è detto mzi:c; (2 dilatazioni interpretative. Anche in 49 ,


Ecrop. rr,7 s.); in 9,r4 (2 E:rop. 19,14) 3 questo tipo di penetrazione pare pe·:
oouÀoc; di Dio. Nell'umile autodesigna- lo meno possibile (~ n. 69 ). In questo
zione di Neemia davanti a Dio trovia- senso allora dobbiamo prendere l'inter-
mo (1,11 [2 Enop. rr,u]) na.ic; e oou- prctnzionc dei LXX in 42,1-4 (simil-
À.oç. nello stesso versetto. La sensibili- mente 5,9) e 49,1-6 (compresi i connes-
tà per lo specifico contenuto del termi- si vv. 7.8-13). La versione di 50,4-9 non
ne sembra qui completamente svanita. dà alcuna chiara indicazione circa l'inter-
La traduzione di 'ebed jhwh con &v- pretazione del traduttote. La traduzio ·
ììpwr.oc; •ou ÌÌEou in 2 Cron.24,6 è stata ne di 52,ry53,r2 invece potrebbe be-
menzionata nella n. 55 . nissimo esser riferita a una figura indi-
vidunle 118 • La sorprendente traduzione,
2. La traduzione dei testi del Servo in 53,2, di joneq (lattante) con 1ta.L-
di Dio nel Deutero-Isaia (-7 coli. 306 olov (fanciullino), reso familiare dal-
ss.). l'asserzione messianica di 9,6 (cfr. il ter-
L'espressione di Jr. 42,1: Ia.xwS ò mine pil,u., radice, eh:: è una traduzione
na.i:c; µou, &.v•tÀ1}1jloµa.t a.ù-rou· fopa.TJÀ conettamente traslata, ma che richiam.i
ò ÈXÀEX't'O<; µou, 'ltpOO'EOÉ!;a.'TO Cl.U't'Ò\I 1i parimente il testo messianico di 1 I ,1 ),
t!Juxii µou, «Giacobbe è il mio servo, di induce a chiedersi se la versione dei LXX
lui mi prenderò cura; Israele è il mio e- non implichi un significato messianico.
letto, lui ha accolto l'anima mia», mostra A questa tesi può dar forza civÉ'THÀ.E 129
che i LXX intendono l'introduzione ai che si può ricostruire in 5 3 ,2 130. In tal
canti del Servo nel senso ristretto, eia~ caso, il traduttore greco deve aver nota-
in riferimento a Israele (-7 n. 66). L'eli- to in Is. 52,13-53,12 la descrizione di
minazione del triplice parallelismo, evi- una figura messianica di cui egli aspetta-
dente nel testo ebraico fino al v. 4, ri- va la venuta. Quest'idea è confermata
sultante dall'aggiunta dei nomi propri, daIIa traduzione di 52,14 s. al futuro rn,
sta centro l'originalità del testo dei che è una chiara deviazione dal testo
LXX. Quest'ultimo, comunque, non è ebraico.
importante solo perché mostra in mo - La sprezzante avversione di molti al
do evidentissim~ in quale senso si o - servo (v. 14), come pure lo stupore con
rientava l'esegesi, e perciò è una prima cui po!_)oli e re si volgono a lui ( v. I 5), è
testimonianzn dell'interpretazione col- un evento che avrà luogo solo nel fu-
lettiva, ma anche perché dimostra la tu~·o. I verbi al perfetto usati nella de-
successiva p~netrazione n-.:1 testo delle scrizione della sofferenza del Servo in

stabilire il confronto 'l'ta~c; ha sostituito oou- W àvriyyel)..aµEv., che ilppare nelle versioni,
)..oc;, che ricorre solo in 2 Sam. Così ancora nel dev'essere senza dubbio considerato, con ---+
dis~orso di Jahvé su David troviamo mescola- ZiliGLER, Isaias, ad/_ e 99, una corruzione te·
ti 1t<XLOrX µou (17,4) e "t4) oouÀtii µou (17,7); st:?alc; nel v. 2 si deve leggere àvÉ-tEt)..E µi:v
nelln formula umile pronunciata davanti a tvu.vi:lO') m'.rrou wc; TCa•.o~ov. Cfr. un tentativo
Dio, 'l"ou 7ta~o6ç uou (17,25) a fianco di i:èiv di interpretare il tes:o tr:ismesso in ~ EuLF.R
ooii)..ov 0-0U (17,26)_ Ancora, in 1 Chron. 18,6 22-23.
~ .. dove il parallelo 2 5am_8,6 s. mostra una
l3J àva'l"oÀ·~ è trnduzio:1c <lei messianico se-
notevole differenziazione tra >tate; e oouÀoc;, si
ma{1, ---+ r, coli. 949-952.
usa uniformemente 1.aì:ç.
u1 O'J i:p67tov lxu-ci]uovi:m ... o\hwç àoot:.n·
vEL ... oihwç Dau1.L6.o-ov-tat...
335 (v,61GJ ICUL<; :>Eou e (Joach. Jeremias)

5 3 ,r ss. - dove a differenza dell'ebrai- in 10,15; 33,10. Non è quindi il caso


co sono inseriti molti presenti 132 - di insistervi troppo. Ma la ripresa e la
dovranno quindi essere intesi come frequente ripetizione di un vocabolo
perfetti profetici. Inoltre ci dobbia- pronunciato una volta, fatte per rende-
mo chiedere se la parola-chiave oo;a. re altre espressioni ad esso simili, è un
solennemente ripetuta ( 5 2, r 3. I 4 b.c; 5 3, tratto stilistico che caratterizza il cap.
2) e che non ha un preciso equiva- 53 137 • Perciò alla frase con Oé~a. forse
lente nell'ebraico, non rechi l'impron- non dovrebbe esser dato spicco, come
ta decisiva dell'interpretazione m . Qui se contenesse lo speciale elemento in-
è menzionata una figura che per la sua terpretativo della traduzione. È comun-
-filiale vicinanza a Dio possiede una que evidente che anche i LXX pensanci
o6!;a. segreta. Naturalmente agli occhi a una sofferenza che porta il 7ta.i:c, alla
degli uomini il 7ta.i:c; appare come una morte 133• L'esaltazione susseguente a
persona umile e p;-iva di onore. Giudi- questa morte, la cui descrizione è le-
cato secondo le categorie umane egli gata alle numerose immagini del testo
non ha alcuno splendore 134 • Ma per ebraico 139, non è solo esaltazione, ma
una parola di Dio m il 7ta.i:c; acquista anche qualcosa di più, poiché si nota
coscienza del suo segreto valore, anzi, che gli empi, per aver assassinato il
ne è più che conscio. Attraverso l'u- 7ta.i:c;, sono sottoposti a giudizio 140• A
miliazione e la morte, conseguenza del- differenza del giudizio suggerito qui dai
l'ignoranza d~l genere umano, Dio lo targumim 141 , quello dei LXX è eseguito
conduce all'esaltazione e alla glorifica- non dal 1ta.l:c, ma da Dio stesso.
zione m. In quest::> modo è garantita W. ZIMMERLI
l'intelligenza a un certo numero di per-
sone, così che po3sano comprendere la
gloria del 7ta.i:ç e il significato della sua c. mx.i:ç l}Eou NEL TARDO GIUDAISMO,
passione. Costoro esprimono la loro DOPO I LXX 142
scoperta in 5 3 ,r ss. Naturalmente con-
tro una sopravvalutazione del concetto 1tai:ç ( -toii) l}Eou ricorre solo rara-
di o6l;a. si potrebbe obiettare che l'e- mente nella letteratura giudaica dopo
spressione di 5 2,I 3: vijJwt}l)crE'tlU xat il 1 oo a.C., vale a dire in Sap. 2,r 3; 9,
Ool:,acrl}l)crE'tlXL, «sarà esaltato e glorifi- 4; 12,7.20; 19,6; Bar. 1,20; 2,20.24.
cato», è conentc e eh~ si trova pure 28; 3,37; Ps. Sai. 12,6; 17,21; 1 Eaop.

132 v. 2: oux fo-m1 dlìoi;; v. 4: cpÉpE~... 61ìu- 139 Il vocabolo cpwç in 53,11 trova ora confer-
vCi'ta~; v. 8: u(pE'tct~. ma nella tradizione ebraica; dr. The Dcad Sea
BI Così specialmente -4 EuLER 101-107. Scrolls (-4 n. 69), tav. 44, r. 19.
J3I 52,14 •: oìi-fwç alìO~TJO'E~ Ct'ltÒ avf)pW1tWV
140 ,53,9: xat 8w:rw 'toùç 7tOvlJpoù; &:v'TL 'tijc;
'tÒ dlì6ç O'OU xat Ti lì6sa IJOV Ct'ltÒ 'tWV 6.vD,,W- 'tUqJijç IY.U'tOU xai 'tOÙc; 1tÀoucrlouc; Ct'J'tt 'COU
TCW\I .
Ùa\la'tOU ctV'tOV.
m L'intero passo di 52,14 nei LXX appare co·
;ne una parola di Dio al Servo. 141 -4 HEGERMANN I 37.
13:. 52,13: <1\Jvi}O'n .•. ùljiwl>1)0'E'tUt... lio!;uuDii- 14~ Verso la fine del 11 sec. a.C. quasi tutto
O'E'trlL. l'A.T. era già stato tradotto dai LXX. La testi-
m Cfr. -4 ZIEGLER, Untersuchungen 24-25. monianza del prologo dell'Ecclesiastico e quel-
llS ,53,8": lht ut9E'tct~ ti:1tò 'ti)ç yi)i; Ti l;w'JÌ la della Lettera di Aristea ce ne fanno convin-
mhou, d.TCb 'twv civoµiwv 'tou À.aov µou ti. Perciò la trattazione del susseguente uso di
ilxl>11 dc; Mva'tov. -p;a~c; ùEou parte circa dal xoo a.C.
mt.~c; !IEOU C 1,1 (J0:.1Ch. jcrcmias) (V,677) 338

( = 3 Esdr.) 6,12.26; 8,79; in Filone 143 13) 149 • Qui gli empi dicono che il giu-
e Giuseppe 141
solo una volta (Philo, sto 'lta~ba xuplov Èrxv-còv Èvoµ6:.t,EL. Da-
con/. ling. 147; Ios., ant. ro,215); final- to l'uso linguistico dei LXX(--? coll.325
mente nelle più recenti traduzioni gre- ss.), la traduzione 'servo di Dio' sem-
che dell'A.T. (Js.42,1 [Teodoz., var.--? brerebbe preferibile 150 • Ma nei versetti
col. 35r]; ler.30,ro [Teodoz.]; ~av.3, che seguono si rileva che il giusto si
95 [Teodoz.] ; Deut. 34,5 [AÀ.À..]). vanta cli Dio come di suo padre {2,16),
e in 2, x8 egli è designato come utoc;
Ì}EOu 151 • Dal momento poi che nella Sa-
I. Il duplice significato di 1taic, Ì}Eov
pienza troviamo che le forme al plurale
Per lo più il contesto e l'uso linguisti- nai:ÒEç Ì}EOu e vloì. i)EoiJ sono intercam-
co mostrano se il significato sia quello di biabili, la traduzione 'figlio di Dio' de-
'figlio di Dio' o di 'servo di Dio'. In- v'essere considerata quella giusta 152 •
certi sono 2 Mach. 7,34 (--?qui sotto) e Ora in Sap. 5,1 ss. si designa il giusto
Bar.J,37 (--? col.339). con termini derivati da Is. 52,13 ss. (~
coli. 352 s.). Ciò vuol dire che il servo
l. na..i:c, ~Eou = figlio di Dio sofferente del Deutero-lsaia, a causa
del duplice significato di 1tai:c,, nella
Il plurale mx.i:oEc, ikoG, nel senso di Sapienza è divenuto il figlio di Dio che,
'figli di Dio', ricòrre in quattro passi del- nonostante i patimenti e la miseria, sa
la Sapienza come designazione del po- di essere al sicuro col Padre suo e di
polo d'Israele (12,7.20; 19,16) o degli ciò si rallegra. Lo scarso numero di vol-
uomini pii {9,4) 145• Esso ha lo stesso si- te in cui nate, ì}EOG significa 'figlio di
gnificato nell'unico testo in cui lo usa Dio' si spiega solo parzialmente con l'u-
Filone (con/. ling. 147) 146• Anche in 2 so linguistico del giudaismo ellenistico,
Mach. 7 ,34, dove gli Israeliti sono chia- il quale preferisce vlòc, 'tOU i>Eou (tal-
mati oi oùp6:.'lno~ .,-çai:OEC,, è probabile che volta -cÉxvov -coli i}Eou) per dire 'figlio
si debba intendere 'figli di Dio' 147 piut- di Dio'. La vera causa del fenomeno v:i
tosto che 'servi di Dio' 148 • 1tai:c, Ì}Eou al cercata nel tardo giudaismo, che per in-
singolare con il significato di 'figlio di dicare la relazione dell'individuo o del
Dio' si trova una sola volta (Sap. 2, popolo rispetto a Dio si serve meno del·

141 LEISEGANG, I11dex 619. l~J Così K. SlEGFRIED in E . KAurzscH, A-


141 ScHLATTER, Theologie dcs ]11dc11tt1ms 50. pokryphe11 tmd Pse11depigraphen 1 483; ~
WOLFF 41 .
145 Il significato di ' figli di Dio' deriva dall'in-
terscambiabilità di itrx.~oÉç uov (9,4; 12,20) e 151 Cfr. 5,5: itwc; xauÀoyl'1llTJ (il giusto) Év
uto~c; llEOii; si chiedoµo i peccatori nel giudizio
vlol uov (9,7; 12,1 9.21). Questo è confermato
da ciò che è detto alla~ col. 338 su 2,13 . finale.
152 Còsl anche i commenti <li O.F. FRITZSCHE,
145 xttt yàp Et µi}itw bi.avot lleoii TICX.LoE<; vo-
µ0.'.,Eallcu yEy6vaµ~v, tuttavia lo siamo 'del Kur:r.gefasstes Ha11db11ch :r.11 den Apokrypheu
suo Logos'. li contesto mostra che il senso des A.T . 6 (1860), ad I.; P. HEINISCH, Das
è quello di 'figli di Dio'. B11ch dcr \'(/ eisheit ( r912) 51; F . F E LDMANN,
Das°Buch Jer \Veisheit (1926) ad l.; J. P1c11T-
141 Così anche O. MICIIEL, Der Brie/ on die
NER, \\7eisheit Salomos = Handbuch zum A.
Hebriier (1 960) 11 a 2,10. T., 11 6 (1938) ad I.; inoltre~ DALMAN 1 3 1
143 Così la var. oi lìoiiÀ.oL au"Toii; cfr. 7 ,33. n. 1 ; ~ BouSSE'l' 48.54; STRACK-BILLERI!EC K 1
149 Vi si potrebbe forse aggiungere Bar. 3,37; 219; DALMAN , W/.]. 1 278. Cfr. la versione si-
___,. col. 339· riaca di Sap.2,1 3.18: brh d'lh' = figlio di Dio.
339 (v,677) -itai:ç UEOU e 1,2 - 11,1 (Joach. Jercmias)
153
l'immagine dcl figlio che di quella se lo si confronta con 1,69.
del servo 154 • Questa rassegna mostra che nei pas-
si in cui -ite<.tc; llEou significa 'servo di
2. 'ltcxXc; t>EoiJ = servo di Dio Dio' si continua ad avere l'uso vete-
rotestamentario di 'ebed jhwh con le
Il senso di 'servo di Dio' è pit1 fre- sue diverse implicazioni.
quente dopo il 100 a.C., cioè nel pe-
riodo che interessa noi. Questo signi- II. Il persistere dell'uso religioso vete-
ficato è certo in Bar. r,20; 2,28; Deut. rotestamentario di 'ebed jhwh
34,5 (AÀ.À..), dove Mosè è chiamato
'ltai:c; di Dio, giacché la designazione di Lo 'ebed jhwh dell'A.T. sopravvive
Mosè quale servo di Dio è salda men te non solo nel greco m1i:c; DEou; il seguen-
acquisita (-7 n. 183). Lo stesso vale te esame non deve perciò essere limi-
per la designazione dci profeti (Bar. 2, tato a -itai:c; llEou, ma (specialmente in
20.24; rEcrop. (= 3Esdr.} 8,79 me- vista dell'importanza d~II'espressione
diante la formula stereotipa (-7 n. 167} ' ebed jhwh nel N .T.) deve estendersi
-cwv 'ltalowv crou -i:wv 'ltpOcpl]'tWV. Detto all'uso dei termini 'ebed (di Dio), talja'
dei tre giovinetti nella fornace ardente (di Dio) 1~6, m"saret (di Dio); lammàs
(.llav. 3,95, Teodoz. 155 ; 3,93 [Teod.: (di Dio) 157 ; ~ otaxo\loc; firnu 158, -7 òou-
oouÀ.oL di Dio]}, 'ltai:ÙEç va certamente À.oç llEou, ~ i)Epa1tWV i)EOu 159 , OÌXÉ"t"T)ç
inteso nel senso di 'servi'. Lo stesso si- l)EOU ll'il, -7 U7>YJPÉ'tl]<; tJEOU 161 ) Ù'JtOSLti.-
162
gnificato risulta dal contesto in x Ea-op. XO\/Oc; t>EOu . Dato che l'espressione
(= 3Esdr.) 6,12 (oouÀm, 2E1Jòp.5, 'mio servo', così frequente sulla bocca
II).26. Il senso di 'ltaic; (di Dio) può di Dio nell'A.T., appare ora solo rara-
ora essere dubbio solo nei testi citati al- mente 163 perché il tempo della rivela-
la --» n. r77, ove l'espressione è usata zione è finito con la morte dell'ultimo
collettivamente. Ma, se si pensa che profeta scrittore, possiamo capire per-
nel resto di Baruc 'ltaic; i>Eou significa ché 'ebed jhwh continui sostanzialmen-
sempre 'servo di Dio' (x,20; 2,20.24. te immutato, sia pure con caratteristici
28), ne viene che l'unico passo dello spostamenti di accento.
stesso libro in cui si può avere qualche 1. 1ta.tc; l)Eou come autodefinizione
dubbio (cioè 3,37: 'Iaxw~ 't@ mxLot dell'orante. L'antichissima e umile au-
mhou) è da intendere nello stesso sen- todelìnizione dell'adoratore che davan-
so; di conseguenza lo stesso vale anche ti al suo Dio si dice 'abd'ka (~ coll.
per Ps. Sai. 12,6; 17,21. La stessa con- 291 ss.) continua ad essere usata senza
clusione è resa possibile per Le. l ,54, modifica 164 • Ma non può essere un fat-

rn STRACK-BILumnECK 1 219 s. 371 s. 36,16 (22) codd. SA (-> n. 169).


151 Cfr. -> BousSET 54; SCHLATTER, Theol. 151 Solo in Filone (LEISEGANG, Index 802).
des Judent11ms 50. l~l Solo in Filone (LEISEGANG, Index 804).
155 Cosl anche Flav. los., ani. 10,215. 16.J 4 Esdr. 7,28 s.; 13,32.37.52; 14,9; Bar. syr.
m Gen. 18,3 syr•''; Is. 52,13 syr"''; ler. 30, 70,9 (°" col. 347). In ciascuno di questi passi
10 syr••' il Messia è detto «Servo mio (di Dio}».
m Per na'ar ~ n. 194. •~ 1 'abirdéka (di Dio): Ecclus 36,16 (22) e la
1ss Solo in Flnv. Ios., beli. 3,354. 16• delle xvm Benedizioni (recensione palesti-
IS·J Solo in Filone (LEISEGANG, lndex 384). nese); 5:fr:m:i di benedizione 'cmel w'ia!!ib 1
l!d Solo in 1 E,-lìp. ( "" J Esdr. J 4,59; Ecclus (\VI. STAERK, Altjiidìiche liturgìsche Gebele 2,
'ft!X~C:. &EOU C 11,2-J (joach. j eremias) (v,679) 342

to cnsuale che nelle traduzioni gteche gli Israeliti 100 e i profeti 167 • Di nuovo
successive al mo a.C. (diverse dai LXX, vi è che, in contrasto con l'uso vetero-
dove 7tai:ç si alterna con &oi.iÀoç) man- testamentario, dove è piuttosto rara e
chino esempi di 'ita~c; (di Dio), e siano qua~i sempre limitata agli scritti tl,lrdi-
attestati solo ùouÀoç e OLaxovoc; (di vi 168, l'espressione 'servi di Jahvé' ri-
Dio,~ alla fine delle nn. 166.183.184). corre con crescente frequenza 169 per in-
È chiaro che in tali versioni si intende e- dicare gli uomini pii. Anche i sacerdoti
sprimere la consapevolezza che l'orante sono chiamati così 170 a imitazione del-
ha della distanza da Dio. 1'A.T. 171 • Inoltre, talvolta sono chiama-
2. Il plurale 'servi di Dio'. Parimenti ti così i proseliti 172 , i genitori 173 e gli
il plurale 'servi di Dio', come nell'A.T. nngelì 174 •
(~ coll.294 s.) lbS, indica correntemente 3. L'uso linguistico collettivo. Il nuo-

Kleine Texte 58, ed. H. LIETZMANN [ 1930] 1taUiwv crou (scii. di Dio) -rwv >tpoqin-rwv ( u-
6). 'bdkh (di Dio): frequente nei testi di Qum- s:tto come una formula; dr. IEp. 33,5; 42,15;
rnn. laljilk nel discorso rivolto a Dio in umil- 51,4). oovÀo~ (di Dio): tJ.r1,v. 9 ,6.10, Teod.
tà, èe11. 18,3 syr••• (Targ. 011kelos and Jo11a- (LXX: 'fttX~lìEç llEoii), dr. Apoc.n ,8. VT-T]pÉ'ta.L
tha111: 'bdk [= ebr.]); nel Targum samarita- (di Dio): Philo, decal. 178. Ù1toot<XxovoL (di
no, pubbl. da A. BRULL [ 1879]: smskwn. OOV· Dio): ibid. 'bdj' (di Dio): Tg. ls. 50,10 . An-
to, (di Dio): Sap. 9,5; ti.a'' · ~.3'H4 (Teo::!.; che nei testi di Qumran i profc<i sono ripetu-
anche i LXX); 9,17, Teod. (LXX: 1ta.~c;); 2 tamente chiamati 'servi di Dio' (r QpHab. 2,
Mach. 8,29. olxÉ-rTJc; (di Dio): r E,-S?. ( J = 9; 7,5; I QS 1,3; 4 Qpl-los b. 2,5).
Esdr. ) 4,59. oLcl.xovoc; (di Dio): Flav. Ios., beli. 1:.s - > LINDHAGEN 233-262.
3,354. Conservato soltanto in traduzione lati-
169 7tG.tlìEc; (di Dio): Flav. Ios., ani. 10,215 (det-
na, siriaca, etiopica, amba e armena: 4 Esdr.
to dci tre giovanetti nella fornace, come ti.rxv.
5,45.56; 6,12; 7,75.102; 8,6.24; rn,37; 12,8;
3,93.95, LXX; 3.95 . Teod.). !ìouÀoi. (di Dio):
13,14; solo in siriaco Bar. syr. 14,15; 48,rr ;
54,6; solo in latino Pseud.-Philo, a11t. bibl. 18,
2 Mach. 7,6 ( = LXX Deut. 32,36).33; 8,29;
Ps. Sal. 2a7; 101 4; Philo, del . pot. i11s. 146;
4; 25,6; 27,7 (due volte); 42,7 ; 47,1 s.
rer. div. her. 7; Flav. Ios., aat. 11 ,90.101; ti.a.v.
155 Gli Israeliti: ~ LINDHAGEN 82 ss.; i pro-
3,85 (Te:>:!.). i>Epa7COV'tEc; (di Dio): Philo, det.
feti: ~ ibid. 277-280; ---> col. 304. pot. ins. 62. 'bdj' (di Dio): T g. Is. 42,19 (--,) n.
1
~ fob.23,30; Bar. syr. 14,15. 7CtXr5Ec; (di Dio): 219); 44,26 (~ n. 221). L:i presentazione dei
1 Ecrlìp. ( = 3 Esdr.) 6,12; Sib. 5,68 (per 2 pii come otxÉ-rm (di Dio) i:1 Ecclm 36,16 (22)
Mach. 7,34 ~ 677,5 ss.). lìoiiÀoL (di Dio): 2 (ccdd. AS) è originale, come dimostra il testo
Mach. 7,34 ~ [ var.); 8,29; Philo, migr. Abr. ebraico ('bdik) . La lezione lxE-rwv (supplici),
45. Secondo Flav. Ios, ani. II,101 , nell'editto invece di otxE-rwv, è dovuta a un errore di
di Ciro gli Ebrei son detti lìoiiÀoL -roii lleoii; scrittura.
ibid . 90 essi chiamano se stessi ooiiÀoL -rou µE - 110 i}Epa7tov-rEc; (di Dio): Philo, spcc. leg. 1 ,
yl<r-rou llEoii. L'espressione lìoiiÀoç llEoii, co- 242; nello stesso libro ( u 6) il sommo sacer-
munque, è rara in Giuseppe (cfr. ScHLATTER, dote è chiamato Ù'ltooLaxo·;oc; (di Dio). ÀE~­
T beo/. d. Jude11t11ms 49 s.). Sia nell'autodesi- -roupyol i>Eov (spcc. leg. 4,1?1 ).
gnazione dell'orante (--,) n. 164) sia nella desi-
lii ~ LINDHAGEN 107- 120.
gnazione degli Israeliti come servi di Dio è
notevole la prevalenza di /ìoiiÀoc;. 'bdjm (di m 'bdjm (di Dio): Mek. Ex. 22,:zo . mirtjm (di
Dio); dr. .M. Ex. 22,20; S. Num . 15.41 § II5, Dio): ibid. I LXX in Is. 66,q traducono 'ìib1/-
e anche certe preghiere (~ n. 164). ' bdj' (di dim (di Dio) con <1EP6µEVOL au-r6v (codd. SA)
Dio): Tg. Is. 48,20. mfrtjm (di Dio): M. Ex. o con qioPovµevoL o.ù-r6v (co:I. Bl. e pensano
22,20 . senza dubbio ai proseliti.
161 7ta.~oEc; (di Dio): 1 Ecrlìp. (J Esdr. ) 8,82 ; 17J U7tTJpÉ-rm (di Dio) : Philo, tlmd. l 19.
Bar. 2.20,24 (b tutti e tre i passi si ha -rwv m ooi:iÀo~ (di Dio): Ps. Sai. 18,22. llepa7to·;.
343 (v,679) 'ltl.tt<; l)eoù e 1113-4 (Joach. Jeremias)

vo uso collettivo di 'ebed jhwh al singo- importanza, sia pure indipendentemente


lare per indicare Israele, che si incontra dalle citazioni della Scrittura 179 , quasi e-
dapprima chiaramente nel Deutero-lsaia sclusivamente in formule antiche, specie
(-7 coll. 295 ss.) 175 , persiste anche dopo in preghiere. Gli esempi sono pochi. In
il roo a.C. sia nel giudaismo ellenistico Filone quest'uso manca del tutto 180• In
sia in quello palestinese. Comunque gli Giuseppe solo Mosè è detto oouÀ.oc;
esempi dell'uso dell'appellativo 'servo i}e:ov 181 ; e i tre giovani nella fornace son
di Dio' per indicare Israele, se escludia- chiamati 7ta~oe:c; -rou ~e:ou 182 • In tutta
mo le citazioni e le più recenti tradu- la Mishna il titolo di 'servo di Dio' ap-
zioni dell' A.TY6 , non sono numerosi 177 • pare solo tre volte e solo in tre formu-
4- mxi:c; itEou come titolo d'onore di le di confessione del sommo sacerdote
importanti strumenti di Dio. Infine nel giorno dell'espiazione; in questi tre
'ebed jhwh, secondo l'uso generale o- testi la formula è: kktwb btwrt mih
rientale e pre-esilico, seguita ad essere u- 'bdk, «come sta scritto nella torà del
sato come titolo di onore per strumen- tuo servo Mosè» (]oma 3,8 = [T. ]o-
ti 178 di Dio (-7 coll.298 ss.) di una certa ma 2,1]; 4,2; 6,2). Questo titolo di o-

'tE<; (di Dio): Philo, fug. 67. Ù11T)pÉ-l'a.~ (di elencati alla ~ n. 175 nel tardo giudaismo pa-
Dio): Philo, 111111. nom. 87; som. 1,143. ùno- lestinese, ""' coli. 354 s. Dobbiamo qui far nC>-
&axovo~ (di Dio): Philo;spec. leg. •,66; Abr. tare che Tg. Is. (che segue il testo ebraico) 41,
115. mfrtjm (di Dio): Hen. hebr. 1,8; 4,1; 6, 8.9; 44,1.2.21 (due volte); 45,4; 49,3 conserva
2 s.; 19,6; 40,1. smsjn (di Dio): M. Ex. 20,23 l'espressione 'servo di Dio' e la intende in ri-
par. R.H. b. 24 b; Tg. Is. 6,2 ecc. In Philo, ferimento alla collettività di Israele; solo in
spec. leg. l,31, i corpi celesti son detti ùn:oB~tl.­ 48,20 ha sostituito il singolare dell'ebraico con
xovo~ bEOV. In Hul. b. 60 a il sole è descritto il plurale.
come uno degli 1m1jn di Dio. JTI Bar. 3,37: Ia.xw(i -r[il n:mlìt o:.u-.ov xal
m Is. 41,8.9; 44,1.2.21 (due volte); 45,4; 48, lupan).. -t4l 1)ya'l1:T)µÉv~ ùn:'a.ò-i:ov (dr. LXX
:w; 49,3; a questi va aggiunto un decimo te- Is. 44,2: 1ta.t<; µou Io:.xw~ xo:.t -i}y0:.1tT)µÉvo<;
sto, quello di Is. 42,1 dei LXX: Iaxw~ ò n:ai:<; lupa.T)).. 8v Él;E)..E!:,ILµ'l)v); Ps. Sai .12 ,6: lo-pa.1)À.
µov (nel T.M. solo 'abdi), ~ col. 351. Oltre 1t1.ttlìa. «Ò-rov (scii. di Dio); 17,21: Iapanì.
che nel Deutero-Isaia, ricorre ancora nel testo 1ta.t06. o-ou (scii. di Dio); dr. Le. 1,54 (riferi-
ebraico di Ier.30,10 (che manca nei LXX, men- mento a Is. 41,8) 4 col. 393; testi rabbinici
tre Teodozione ha 1ta.t<;); 46,27 s. ( LXX = alla 4 n. 213.
IEp.26,27: Bou)..oc,; 28: mxi:<;); Ps. 136,22 (= 178 G. SASS, Zur Bedeutung von lìo\i)..o<; bei
LXX l}I 135,22: lìov)..oç); per Ez. 28,25 e 37,25 Paulus: ZNW 40 (1941) 24-32, nota giusta·
~ n. 4r. Inoltre senza equivalente ebraico:
mente che l'attributo di 'servo di Dio' nell'An-
LXX 3 BM. 8,34 (codd. BA); 16,2 (cod. A); tico e nel N.T. comporta l'idea di elezione di-
l}I 134,12 (codd. SA): (tutt'e tre le volte: ~}oij. vina. Il punto focale non è la prontezza a ser-
)..o<;). In questi casi 'Giacobbe' e 'Israele' han- vire da parte dell'uom:J interessato, ma la de-
r.o significato collettivo. Poiché l'applicazione cisione divina.
di questo titolo al popolo 'il mio servo Israe-
179 S. Deut. §§ 27 a. 3,24 reca una lunga lista
le', 'Giacobbe' [con valore collettivo]) non è
di personaggi presentati nell'A.T. come 'servi
attestata con certezza nell'A.T. prima del Deu-
tero-Isaia, in tutti i passi va presa in conside- di Dio'.
razione l'influenza di quest'ultimo. Cfr. ""' 13~ È significativo che Filone muti l'espressiC>-
BENTZEN 63, e ~ n. 3.5· ne APpaaµ -.ou n:o:.Llì6<; µou (LXX Gen. 18,
17) in A~po:.o:.µ -.ov q:il)..ou µou (sobr. 56). Cfr.
176 Per es. Ier. 30,10 (Teodoz.): c1'ÌJ lì~ µ-i) q:io-
KATZ, I.e. (~ n. n6).
~ov, 1t1.tt<; µou la.xw(3 (syr•• 1 : tal'jlj; T arg.:
'abdi). Per la traduzione e l'interpretazione l3I Flav. Ios., ani. 5,39.
collettiva dei testi del Deutero-lsaia sul Servo 1s2 Flav. Ios., ani. 10,215.
345 (v,679) (v,680) 346

nore è ben acquJS1to solo per Mosè 183 , 5. 'Servo di Dio' come indicazione
meno frequente per David l&-1 e solo oc- del Messia. Inoltre 'servo di Dio' indi-
casionale per Noè 185 , Abramo 186, Isac-
co 187 Giacobbe ma Giuseppe 187 b A- ca il Messia. Nello stesso A.T. il Mes-
ronn~ 188 , Elia 1s9 e i tre giovani ~ella
1

sia è chiamato cinque volte 'il mio ser-


fornace 190• Sulla bocca di non-ebrei il vo': Ez. 34,23 s. ; 37,24 s. (in tutti e
termine 'servo di Dio' è applicato a Zo-
quattro i testi, 'abdi dàwid) e Zach. 3,
robabele 191 e, seguendo il testo delJ'A.
T., a Daniele 192 e ai tre giovani 193 • In 8 ('abdi !emalp) 195 • Successivamente la
Henoc ebraico il Metatron, vice-reggen- designazione ricorre in 4 Esdr.7,28; 13,
te celeste, porta il titolo di 'ebed (di 32.37.52; 14,9 ('il mio servo'); 7,28
Dio) 194.

18> Di Dio egli è mxi:ç (Bar. 1,20; 2,28 [in en- 186 2 Mach . 1,2: APpaa1.1. xet.t foaax xat Ia-
trambi i testi in una medesima preghiera pe- xwf3 -rwv liouÀwv wh-oii (scii. di Dio) itL<T-rwv
nitenziale]), oovÀ.oç: (Flnv. Ios., ant. 5,39 [in (in una benedizione); Bar_ syr. 4,~ (discorso di
una preghiera), dr. Apoc.15,3), ilEpétitwv (Sap. Dio); Ps.-Philo, nJll. bibl. 6,n: serve Dei (A-
10,16 [lode poetica della sapienza divina], dr. bramo); 7,4: puerum me11111 Abraha111 (due
r Clem. 51,3.5; 53,5; Dnm. 14,4), servus (Ps.- volte; discorso di Dio).
Philo, ani. bibl. 20,2), 'ebed, 4 Esdr. 14,31, te- 187 ~n. 186; Au.v. 3,35 Teod . ( = LXX): liLà
sto siriac:o (ultime parole di Esdra al popolo); Icmax 'tÒV oouMv :rou (preghiera).
vedi c:ol. 344 (formula di confessione dei pec-
187• ~ n. 186; 4 Q tesi. Levib 2,10 (ed. J.T.
cati). Le successive traduzioni greche chiama-
MILIK: RB 62 [1955] 400).
no Mosè liouÀoç di Dio: Ex. 4,ro (Aquila),
187 • Ps.-Philo, a/li. bib/. 43,5 (puer meus [scii.
los. l,15 (Aquila, Simmaco, Teodoz.), Au.v. 9,
I I (Teod.); solo Deut. 34,5 (AÀÀ.) ha 'ltet.i:ç di Dio]J.
x.uplou. 188 Hen . hebr. 2,3: mfrt (di Dio).
ld4 Il titolo di 'servo di Dio' è dato a David lSJ La terza benedizione dopo la lettura dei
solo nelle preghiere (eccetto che nelle tradu- profeti nel servizio del culto: «Rallegraci, Jah-
zioni tardive dell'A.T .); I Mach. 4,30 (-roii vé, nostro Dio, b'/jhw h11bj' 'bdh (HrnscH,
liov)..ou crou Aet.uLli); r QM u,2 (dwjd 'bdkh); o.e. [ ~ n. 184] 342 ).
4 Esdr. 3,23; la xv delle 18 Benedizioni in una 19J Flav. Ios., ani. 10,215: -i:oùç mx~oac; 'tau
variante della recensione babilonese (dwd [ + ~EOu. ~ n. 169.
'bdk]; un'antica preghiera di Musaph per il 191 l Eulip. ( = 3 Esdr.) 6,26 : -ròv 7ttti:1ia -i:oii
novilunio, nella benedizione xvn (xvi), dice: xuplou Zopopape)..,--+ n. 195·
zkrwn msjl} bn dwd 'bdk (W. HEIDENHEIM,
192 Aav. 6,21 (Teodoz.): ò lioii)..oç -rou ~eoii
spi 'mt (1886] 21; S.R. HrnscH, sdwr tplwt
-roii !;wv-roc; (vocativo).
ifr't lsraels Gebete [ 1921] 146.274.624); la
193 Aav. 3,95 (Teodoz.): itai:liec; (di Dio); 3,93
haggada pasquale ubmaqhaliJt, che prec<:de la
benedizione del quarto calice, dice: dwd b11-jfj (Teodoz.): lìouÀoL (di Dio).
'bdk msjf1k. Cfr. Le. i,60; Aci. 4,2_5; Did. 9,2 19~ l ,oj.; rn,3; 48 e I. D l (il XVll dci 70 nomi).
(in tutt'e tre i testi: 'ltet.~ç); anche queste pri- D 9. Anche in tempi più recenri il Meratron è
mitive testimonianze cristiane sono in preghie- detto 'ehcd jbwh. (~ OoEBERG, 3 E11och Il
re. Le traduzioni greche posteriori dell:i Bib- 28). È chiamato anche 11a'nr (He11. hebr. 2,2 ;
bia chiamano sempre David liouÀoc; (di Dio): 3,2; 4,1), ma questo termine, qui come altrove
3 Ba<T. 11 ,36 (Aquila, Simm.); 14,8 (Aquila); (esempi in OoEllERG, 3 Enoch II 173), è equi-
q, 35,1 (Aquila, Sìmm.); ls. 37,35 (Aquila, valente di 'ebed nel senso di 'servo'. - n. 256.
Simmaco, Teodoz.). 195 Cfr. inoltre Ag. 2,23, dove Zorobabclc è
185 4Esdr. 3,u testo armeno (preghiera). 4 chiamato 'abdi (LXX: -i:òv /)oiiMv µou) e rice-
Esdr. 3,11 (preghiera), testo armeno. ve la promessa che sarà «come un sigillo».
347 (v,680) 7tci.i:c, lkou Cm (Joach. Jcrcmias) (v,681) 348

(var.).29; Bar. syr. 70,9 ('il mio servo', III. Interpretazioni dei passi del 'Servo
il Messia) 1%; Targ. Is. 42,1; 43,10; 52, di Dio' nel Deutero-1 saia
13; Targ. Zach. 3,8 ('bdj mijp'); Targ.
fa:. 34,23 s.; 37,24 s. ('bdj dwd). Gli e- In riferimento al N.T. è di partico-
sempi sono tutti qui. Del tutto sor- lare importanza notare come il tardo
prendente è l'assenza totale della pre- giudaismo interpretò i passi con 'ebed
sentazione del Messia come 'servo di del Deutero-Isaia. Se eccettuiamo tre
Dio' in tutto il resto della letteratura passi in cui personaggi storici sono
rabbinica, eccettuate le citazioni. (Per chiamati da Dio 'abdt, 'servo mio' (ls.
le ragioni di questo silenzio~ coll. 386 20,3 [Isaia]; 22,20 [Eliacim]; 37,35
ss.). Così in tutto l'A.T. e nella lette- [ David] ), in tutto il libro 'servo di
ratura ebraica recente la denominazio- Dio' al singolare ricorre solo nei capp.
ne del Messia come servo di Dio ricor- 41-53, per un totale di diciannove vol-
re sempre e solo nella forma J il mio ser- te: 41,8.9; 42,r.19 (due volte); 43,10;
vo', e solo in bocca a Dio. Abbiamo 44,1.2.21 (due volte) .26 (ma ~ n.
qui una frase biblìca che fu in uso si- 221); 45,4; 48,20; 49,3.5.6; 50,10;
no alla fine del l sec. d.C., e poi dispar- 52,13; 53,II. Per studiare l'interpreta-
ve, rimanendo solo nelle citazioni. 'Ser- zione di questi passi nel tardo giudai-
vo di Dio' come vero titolo del Messia smo è essenziale evitare tutte le varie
non esistette mai nel giudaismo, come e troppo comuni fonti di errore. Prima
dimostra il fatto che si trova solo in di tutto si tenga presente che, come la
bocca a Dio. distinzione tra Proto-, Deutem- e Trito-
Isaia, così anche la delimitazione mo-

1% Nei passi citati di 4 Esdr. la dcnominazio· ha incontrato un generale consenso. Cfr. -+


ne del Messia varia da una versione all'altra. HARNACK, Die Bezeicbmmg Jesu als 'Knecht
Le espressioni concorrenti sono 'figlio mio' Gottes' 212 s.; A.v. GALL, Ba:cnÀ.dtt 'tOV i>Eou
(costante nella versione latina e siriaca; nella (1926) 417; GRESSMANN, Messias 383 s.; -+
versione etiopica: I 3,52; 14,9; sahidica: 13, joACH. ]EREMIAS, Erloser und ErlOnmg uos.;
32), 'figlioletto mio' (versione araba, ed. In.. 'Aµvòc, 'tOU i>EOU 120 n. 29; -+ BUBER IIJ
G.H.A. EWALD [1863]: 7,28), 'mio giovane' -+ ToRREY, The Messiah 260. Già prima era
(ibid. 13,32.37.52; 14,9; araba, ed. J. GILDE- stnto formulato esattamente il giudizio da J.
MEISTER [1887]: 13,37; etiopica: 13,37) e DRUMMOND, The ]ewish Messiah (1877) 285-
'mio servo' (araba, ed. J. GILDEM EISTER : 13, 289; -+ BoussET 53 per parte sua nveva rico-
32.52; 14,9; etiopica: 7,29). Tutte queste tra- nosciuto la verità sulla base dell'edizione di 4
duzioni risalgono al 'ltCl.tC, della fonte greca che Esdr. o1erta dn B. VroLET, Die Esra-Apoka·
è alla base delle traduzioni di 4 Esdr. giunte lypse (4 Esra) = GCS 18 (1910). Bar. syr. 70,
a noi. Cfr. B. VIOLET, Die Apokalypsen des 9 chiama il Messia 'bdj, ed anche il testo gre-
Esr. und des Bar. in deutscher Gestalt ;;o GCS cc, da cui dipende il testo siriaco, probabil·
32 (1924) 74 s.: «Nessun cristiano avrebbe mente leggeva rcci.i:c,, come si può desumere da
mai cambiato ut6c, in 'lttttç; sarebbe stato fa- ciò che si rileva in 4 Esdr.
cile, invece, il contrario». Questa conclusione
349 (v,68l) lictLC, ftEOU ( lil,I a (Joach. Jeremias) (v,682) 350

dcrna dei canti del Servo è completa- stesso livello di quelle palestinesi.
mente sconosciuta in quel periodo. Per-
ciò lo studio non dev'essere limitato a
r . Il giudaismo ellenistico
questi ultimi o al solo Is. 53. Poi ci si
deve rendere conto che il carattere a- a) Mentre i LXX per lo pitt traduco-
tomistico dell'esegesi di quel tempo no lo 'ebed jhwh dei Deutero-lsaia con
non ci permette di presupporre una in- 1ta.i:c::; 199 , ma tre volte anche con oov-
À.oc; 200, in seguito oovÀ.oc; non designa
terpretazione uniforme dello 'ebed. Il più il Servo di Dio dcl Deutcro-Isaia, il
Targum di Isaia, per esempio, spiega quale nella lettetatura ellenistico-giudai-
certi passi sul Servo riferendoli al po- ca successiva ai LXX è sempre detto
1ta.i:c; 201 • Cosl fino al roo d.C. A causa
polo, altri ai profeti e altri ancora al
dell'ambiguità di -rta.i:c; l'espressione
Messia(~ coJl.373ss. e n.291). La ?ta.i:c::; ikou potrebbe avete il senso o di
concezione dello 'ebed come è negli stu- 'servo di Dio' (come nei LXX) o di 'fi-
di moderni «non esiste affatto in tutta glio di Dio' (come nella Sapienza, ~
coll. 337 s.). Quanto maggiore divenne
l'interpretazione giudaical> 197 • Non si nel tempo la distanza dal testo ebraico
devono perciò generalizzare le interpre, originale, tanto più decisainente preval-
razioni di singoli passi . Inoltre, biso- se la seconda concezioné ('figlio di Dio').
Solo dopo l'inizio del II sec. il qua-
gna distinguere accuratamente tra le dro muta rndicalmente. Aquila (ry n.
semplici allusioni o l'impiego di parole 2 6 3) chiama sempre oouÀoc::; m il Servo

isolate in vari contesti e l'esegesi co- del Deutero-Isaia. Che cosa abbia de-
terminato la scelta di questo termine,
sciente 19S. Quest'ultima sola ha un peso
si può capire osservando che egli tra-
determinante. Infine non si dimentichi duce 'ebed con oovÀoc::; anch~ fuori di
che la diaspora, anche a seguito di lezio- Is. 40 ss. 203 Aquila, dunque, nc;n fa che
ni divergenti dei LXX, sviluppò le sue seguire anche qui la tecnica, che egli
applica rigorosamente, di rendere le
speciali tradizioni di esegesi; le asserzio- radici ebraiche sempre con le stesse ra-
ni ellenistiche non si devono porre allo dici greche zl)j. Perciò la traduzione di

197 --) fISCHEL 54. che al plurale sr ha ot 7tfl~lìÉc, µov per l'ebrai-
198 Giustamente messo in rilievo da MoORE I co 'abdi (42,19°).
229.541; III i66 n. 255 (a I 551); cfr. --) no 48,20; 49,3,5; ancl;e nl plurale: ol llovÀ.oi
ScHLATTER, Das A.T. in der ioha11neischet1 A- 't"oii i>eov per l'ebraico 'ebed ihwh (42,19•) e
pokalypse 50; K.G. KUHN, Der tannailischt llouXEuov-ra per l'e.b rnico 'abdi (53,u).
Midrasch Sifre w Numeri, Rabbinische Texte 201 ~ ]EREMTAS, 'Aµvòc, "tOU fteov 118-121.
n 3 (1959) 527; --) SJOBERG, Der Menschen-
2'l2 Conservato in I s. 41 ,8.9; 42,1; 49,6; 52,13.
sohn im iithiopiscbc11 Henochbuch 119. --) F1-
SCHEL 59 n. 24 cerca di stabilire delle regole 203Sembra che questa regola ammetta quattro
per la distinzione tra la semplice allusione e eccezioni; ma cfr.--) HEGERMANN 29 s.
l'interpretazione cosciente. m Aquila applica questa norma con tnl rigore
19941,8.9; 42,1.23 (cod. SJ; 43,10; 44,1.2 .21 da far credere che, prima <li dar inizio alla
(due volte).26; 45,4; 49,6; 50,10; 52,13; an- sua traduzione, egli si sia preparaco un Ics·
351 (v,682) 'lt<Xtç brnu C IIl,l a-b (Joach. Jeremias) (v,682) 352

'ebed con oovÀ.oc; in ls. 40 ss. sembra cli Is. 42,1 ss. : seguendo i LXX, il giu-
suggerita unicamente dal desiderio di daismo ellenistico riferisce il testo al
dare una versione esatta del termine e- popolo d'Israele 209, mentre quello pa-
braico 205 • Il suo esempio ebbe seguito. lestinese lo intende comunemente in
Anche Teodozione traduce 'ebed con senso messianico(~ coll.361; 364ss.
oouÀ.oc;. Di conseguenza usa oouÀ.oc; in e n. 262; coli. 374 s.; 381 ss. e n. 306).
tutti i passi del Servo di Is. 40 ss. (41,8. Un'altra duplicità di interpretazione
9; 42,1; 49,6); solo in 42,1 una varian- è da notare per Is. 53. Il giudaismo el-
te al testo di Teodozione legge 'Jtai:c; (co- lenistico, per quanto ne sappiamo, in-
me i LXX) 206 • La traduzione del giudeo- terpreta il Servo sofferente in senso ge-
Cl'istiano Simmaco, segue essa pure il nerico o collettivo, diversificandosi dal-
modello di Aquila e rende 'ebed con l'interpretazione messianica del giudai-
oouÀ.oc; 207 • smo palestinese. L'interpretazione ge-
b) L'interpretazione del Servo di Dio nerica, che per prima troviamo nella
del Deutero-Isaia nel giudaismo elleni- Sapienza, quando descrive l'uomo giu-
stico fu determinata dal fatto che i LXX sto, considera il 7tai:c; xuplou, il 'figlio
avevano esteso ad altri passi (~ coli. di Dio' di 2,13 (~ coll. 337 s.) e il suo
333 s.) l'interpretazione collettiva che destino in stretta connessione con Is.52,
il testo ebraico presentava in nove passi l 3 ss. Ciò si addice soprattutto alla sce-
(4 n. 175). Così in Is. 42,19 i LXX na del giudizio finale dove (Sap. 4,20
tradussero il singolare del testo ebraico ss .) i pecca tori confessano, tremando.
due volte con un plurale ('abdi =
LXX di aver disprezzato e giudicato male il
ot net.i:oÉç µou; 'ebed jhwh = LXX ot giusto e di aver abbandonato la via del-
ooi>Ào~ -cou 1}i;:ou) 208 • Ricco di conse- la verità. Qui si allude passo passo a
guenze fu soprattutto il fatto che i LXX Is. 52,13 ss.; cfr. Sap. 4,18 con Is. 53,
intesero l'espressione 'il mio servo' in 3; Sap. 4,20 e 5,3 con Is. 52,15; Sap.
senso collettivo anche in Is. 42,1 1 ed 5,1 (7t6\lo~) con Is. 53,n; Sap. 5,2 (ÈX-
espressero questo significato con l'ag- o--r-ljcrov-rm) con Is. 52,14; Sap. 5,3 s.
giunta del nome fo.xw~: Iaxw~ ò con Is. 53 12-4; Sap. 5,5 (xÀt}poç) con
1tai:c; µou (mentre l'ebraico ba solo 'ab- Is. 53,12 (xÀ.l)pO\loµ1)uH); Sap. 5,6 s.
di). Di qui una duplice interpretazione con Is. 53,6; Sap. 5,15 s. con Is. 53,10-

sico ebraico-greco. Cfr. Septuaginla, ed. A. zione sembra tradurre sempre 'ebed con que-
RALPl-IS (1935) I X. sto termine e che 'ltatç (cfr. HATCH-REDPATH,
m L'ipotesi avanzata con riserva da ~ EuLER s.v.), se si eccettua la var. a Is. 42,1, non si
88 e poi da ~ ZoLLI 229 s. e da ~ ]OACH. ]E- legge nei frammenti di Teodozione giunti sino
REMIAS , Zt1m Problem der Deulung von ]es. a noi.
53 im palasli11ische11 Spiitjudent11m, in: Aux
207 Conservato in ls. 41,8.9; 42,i.19 (due vol-
sources de la tradition chrétienne = Mélanges
te); 49,6; 52,13.
offerts à M. Goguel (1950) II5 s., se::ondo cui
la riluttanza di Aquila a rendere 'ebed (di Dio) 2G3 Vedi inoltre Js.44,26, dove i LXX (cod. A)
con 'lt<.ttç si ricollega a tendenze anticristiane, traducono 'abdo (scii. di Dio) col plurale 1tal-
non va quindi accettata; -'>' HEGERMANN 29 s. owv cx.òi:ou, e Is. 48,20, dove i LXX (cod. A)
rendono 'abdo ja'aqob con i:òv )..a.bv aùi:ov
2'16 Cosl i testi di Qumra'.l e la versione Siro-
l<J.xw~.
Esaplare. Tuttavia, stando a Tcodoreto di Ci-
ro, in Is. 42,r Teodozionc avrebbe tradotto V<J lust., dia/. n3,8 s.; cfr. ~ DllLMAN I 32 e
'ebed con oou1'.o.;. A favore della correttezza ~ FtSCHEL 59. Questa interpretazione di Is.
della lezione oouÀoc; sta il fatto che Teodo- 42,1 ss. è presupposta anche in dia/. 121,.+.
353 (v,682) 7ttt.Lc; ~Eou C m,2 a (Joach. Jercmias)

12; inoltre Sap. 2,13 con ls. 52,13; 53, 2. Il giudaismo palestinese
11; Sap. 2,19 s. con Is. 53,7 s. iio Per-
ciò il 1tai:ç i>Eov di Is. 52,13 ss. per la Nél giudaismo palestinese del primo
Sapienza è il tipo del giusto. Va poi da millennio troviamo tre interpretazioni
sé che lo scrittore era ben al corrente distinte del Servo. È importante notare
dell'interpretazione generica di Is. 5 3 211 • che - con qualche eccezione - queste
Un esempio di interpretazione colletti- tre interpretazioni non si sovrappongo-
va si trova in Origene (Cels. 1,55 ), il no, ma si applicano ciascuna ad alcuni
quale dice che i rabbini ebrei con i dei diciannove passi (~ col. 348) che
quali venne a contatto interpretavano si riferiscono al Servo.
Is. 53 «in riferimento al popolo, consi- u) L'interpretazione collettiva (Is.41,
derato come una persona, che era stato 8 s.; 42,19 [due volte]; 44,r.2.21 [due
disperso e tormentato». Per il giudai- volte]; 45>4; 48,20; 49,3.5s. [?]; 50,
IO).
smo palestinese del primo millennio d.C.
l'applicazione collettiva del Servo di Is. Nel testo ebraico l'applicazione ad I-
53 a Israele è completamente scono- sraele dell'interpretazione collettiva del
sciuta (appare infatti per la prima vol- Servo era presente in nove passi (Is. 41,
ta in Rashi, t 1 lo 5) 212 • ~abbiamo per· Ss.;44,r.2.21 [due volte]; 45,4;48,20;
ciò ritenere che gli informatori di Ori- 49,3) su diciannove (~ col. 348 ). Co-
gene fossero Giudei ellenisti. sl 213 nei secoli seguenti si fissò l'appli-
cazione ad Israele di questi nove passi,
Riassumendo, il giudaismo ellenisti- come dimostra il Targum di Isaia (~
n. 176 ). Sotto l'influsso di I s. 49 ,3
co è incline a intendere come 'figlio di («servo mio sei tu, Israele»), pare inol-
Dio' il 'ltai:c; 1kov del Deutero-Isaia e tre che il Targum veda un'allusione a
preferisce l'interpretazione generica o Israele nei successivi versetti 5 ·e 6 214 .
Altri passi sul Servo nella più antica
collettiva.
tradizione rabbinica distinta da quella
ellenistica (~ coli. 3 5 1-35 2) non era-
no riferiti ad Tsraele 215 • In particolare,
nel giudaismo rabbinico palestinese del

210 -7 DALMAN I 32 n. 1. --+ SEIDELIN 202. Ma, dato il cambiamento di


211 W. STAERK, Zur Exegese vo11 ]es. 53 im numero, non si può dire con sicurezza a chi
Diaspora;uden/11111: ZNW 35 ( 1936) 308. pensi il Targum quando parla del 'servo che
ç.resta servizio' (Tg. ls. 49,5, quindi al sirig.) e
m -7 DALMAN 1 34 s.; STRACK-BILLERBECK r
dei 'servi' di Dio (Tg. ls-49,6 , quindi al plur.).
481. -> f7ISCllEL 60-74 ha J"agione di mettere un
2JJ Al di fuori del Targum, si possono trovare punto interrogativo all'applicazione di Tg. ls.
applicazioni cli questi testi ad Israele nei passi 49,5 s. n Israele. Per la costruzione e la tra-
seguenti: Is. 41,8 s.: Le. 1,54; Gen. r. 44,3 a duzione di Tg. Is. 49,5 s. ~ HUMBERT 25 n.
15,1; Is. 44,2: Bar. 3,36 (--+ n. 177); Midr. Ps. 5, dove si fanno annotazioni degne di attenzio-
II 1 § 1; ls. 49,3: S. De111. § 355 a 33,26 par. ne . Per l'interpretazione di Is. 49,6 nella lette·
M. Ex. 15,2; .Lev. r. 2 a 1,2; Ex. r. 21 a 14,15 rntura rabbinica --+ n . 305.
(per altre attestazioni relative n ls. 49,3 ~ m - > F1scHEL 76 afferma che nella letteratu-
DAI.MAN 1 97 n. 1 ). r::i rabbinica Is. 42,19 era riferito a Israele; ma
m Per lo piì1 Tg. ls. 49,5 s. viene inteso in non adduce esempi. Probabilmente, pensa 11
questa maniera; cfr. ~ DALMAN 1 97 n. 1; ~ Tg. ls. 42,19; ma qui si parla di peccatori pen·
HuMBERT 25 n . 5; STHACK-Brt1.ERBECK 11 330; titi (~ 11. 219).
355 (v,683) lt<l~ç ftEOU C Ill,2 a (Joach. Jcremias)

primo millennio I s. 53 non fu mai rife- peccatori pentiti 219 e in 50,ro, dove è ri-
rito ad Israele; piuttosto nella lettera- ferito 220 ai profeti 211 • In Ber. b. 5 a (Rab
tura rabbinica l'applicazione collettiva Huna, t 297) e in Seder Eliahu r. 7 222
a Israele (--? sopra) fu strettamente li- Is. 53,ro è applicato ai sofferenti che si
mitata a quei passi e contesti ove il te- pentono; ]oma b. 86 a applica Is. 49,3
sto ebraico lo richiedeva 216 • (Abbaje, t 338-339) e Seder Eliahu r.
Quando l'applicazione di singoli pas- I4 e 25 223 Is.53,II ai retti maestri del-
si ai giusti chiama in causa gli scribi e la torà. Ma in questi ultimi cinque casi
i profeti, si deve notare quanto segue. le parole sono isolate dal contesto, sic-
Quella di Ecclus rr,x3 211 , che in una ci- ché nulla si può dedurre circa l'interpre-
tazione libera applica Is. 52,15 al giu- tazione di quest'ultimo 224 • Dunque solo
sto che soffre (--? 1'a.vµa. x-rÀ. IV, col. in casi isolati il giudaismo palestinese
223, n. 17), è solo un'allusione; lo stes- ha applicato i passi del Servo ai giusti,
so dicasi di Dan. 12,3 218, dove una fra- ai profeti e agli scribi 225 .
se di I s. 5 3 ,II è applicata, al plurale, Nei testi di Qumran non vi è alcuna
ai maestri d'Israele. Un'esegesi si ha in- convincente dimostrazione di un'appli-
vece in Targ. Is. 42,19 (due volte), do- cazione collettiva del Servo alla comu-
ve il servo è messo in relazione con i nità degli Esseni ma.

21'.l La giusta osservazione di ~ FISCHER 65 s., !diqj'. Ma, in forza dcl parallelismo, è proba-
che «nei periodi rannaitico e amorreo, a pre- bile che la forma 'bdw sia stata intesa come
scindere da quanto dicono Giustino e Orige- un plurale ('abiidiiw) (v. Biblia Hebraica, Krr-
ne, i passi 42,1 ss.; JOA ss. e il cap. 53 non so- TEL u, ad I.) e, poiché i LXX hanno inteso in
no applicati a Israele», va estesa; essa infatti questo modo il testo ebraico (TCcx.lowv cx.u-c:ou),
dovrebbe includere tutti i passi del Deutero- è il coso di chiedersi se anche il Targum non
Isaia riguardanti il Servo, ad eccezione dei no· abbia letto il testo originale nella stessa ma-
ve menzionati sopra; inoltre per il giudaismo niera. In tal caso Tg. ls. 44,26 sarebbe un e-
rabbinko-palestinese va eliminata la riserva ri- sempio non dell'interpretazione collettiva del
guardante Giustino (~ n . 209) e Origene (~ Servo, ma dell'uso del plurale per denotare i
col. 353). devoti. ~ n . 169.
217 wjtinhw '/ajw rbjm, «e molti resteranno at· 222 STRACK-BILLERDl!CK 1 484. Da collocare al
toniti di fronte a lui», è il più antico riferi- più presto nella seconda metà del sec. v; se-
mento a Is. 52,13 ss. condo STRACK, Ei11leit1111g 220, nella seconda
m ma~diqe biirabbim, «che han portato molti metà del sec. x.
alla giustizia». Cfr. H .L. GINSllERG, The 01- 2?l STRACK-BILLERDECK I 484 s.
dest lltterprelalion of the S11ffering Servai/I: 224 Cfr. l'avvertimento di MooRE m 166 n.
Vetus Test11mentum 3 (19,53) 400-404. 255.
219 Tg. Is. 42,19: ~a malvagi, quando ritorni- 225 ~ F1sCHEL 6r.74-76: autori medievali che
no, non saranno chiamati 'servo mio'? (ebr., sostengono quest'idea.
'abdi, come anche alcuni codd. del Targum;
m• Sono stati addotti diversi passi che, per la
solo il cod. Orie11talis 1474, del British Mu-
terminologia o pèr la sostanza, sembrano ri-
scum, ha il plur. 'abdaj) ... se ritornano, saran-
chiamarsi ai canti del Servo (M. BLACK, Ser-
no chiamati 'servi di Dio' (ebr., 'ebed jhwh; il
Targum ha il plur.: 'bdj' djhwh).
va111 o/ lhe Lord and Son o/ Ma11: Scottish
Journal of Thcology 6 (1953) 4·8; W.H.
220 Nel Targum l'ebr. 'abdo è reso con 'bdwhi BROWNLl!E, The Serva11t o/ the Lord i11 lhe
11bji'. Q11mra11 Scrolls: BASOR 132 (Dic.1953) 8:15;
221D'altra parte, è incerto che Tg. Is. 44,26 135 (Ott. 1954) 33-38; F.F. BRutE, Biblica/
possa essere addotto a questo riguardo. In Exegesis in the Qumra11 Texts, Exegc1ica Ili
questo testo l'ebr. 'abdo è reso con 'bdwhj I ( 1959) 50-58; ma al più si tratta di allusio-
357 (v,684) 'itO:Ì:<; ~Eou CIII, 2 b (Joach. Jeremias)

b) L'applìcazione al profeta Isaia (I s. Is-43,10 a David (Midr. Ps. 51 § 3 a 51,


49,5; 50,xo). 6), di Is. 44,26 all'angelo con cui com-
L'interpretazione di alcuni passi CO· batté Giacobbe (Gen. r. 78,3 a 32,27 s.,
me autopresentazione del profeta do- R Levi, c. 300), di Is. 49,8 s. a Noè e
vette apparire ovvia. Questo vale spe- alla sua famiglia 230 che lasciò l'arca con
cialmente per la descrizione del Servo lui, e di Is.50,ro ad Abramo (Gen. r. 60
sofferente in prima persona in Is. 50,4 a 24, r 2) 231 , come pure nella connessio-
ss., che raggiunge il suo culmine nel ne di Is. 53,12 con la ricompensa esca-
passo che chiama ad ascoltare la voce tologica di Mosè (S_ Deut. § 355 a 33,
del Servo ( v. ro ). Infatti il commenta- 21), con il gesto di Finees (S. Num. §
rio di Girolamo ad Isaia attesta speci- 131 a 25,13) e con R. Akiba 232 o con
ficamente che i Giudei spiegavano il v. gli uomini della grande sinagoga (Sheq.
ro riferendolo allo stesso Isaia 226 . An- i- 5,1 [48 c 48] 233, si riprendono sem-
che in Is. 49,5 227 si usa il pronome 'io'; pre singoli versetti isolati, senza che sia
perciò anche questo passo talvolta è ri- possibile sapere come i rabbini sopra in-
ferito a Isaia m. L'estensione di questa dica ti interpretarono i rispettivi contesti
interpretazione a Is.53,7 s. che si riscon- nell'insieme m. La relazione di Is. 53,12
tra nella domanda dell'eunuco in Act. 8, con l'intercessione di Mosè (Sota b.
34 non ha invece alcun parallelo nella l4a) 235 ha le sue radici in R. Simlai (c.
storia del tempo 229 • 250 ), che ha una parte predominante
Le ricorrenti applicazioni di singoli nella tradizione palestinese specie per
passi del Servo a persone particolari le sue controversie coi cristiani 236 • Ap-
non hanno importanza. Nel singolare ri- plicando Is. 53,12 a Mosè egli proba-
ferimento di Is. 41,8 al patriarca Gia- bilmente si prefigge di impedire agli a-
cobbe (S. Deut. § 27 a 3,24), di 'abdi di pologisti cristiani di riferirlo a_Gesù 237 ,

ni. Inoltre in tutti i passi manca il termine 1 483 s .


.'ebed. m SCHLA'l'TER, MooRE, KUHN (-> n. 198). K.
226 MPL 24,496. In Lev. r. 10,2 a 8,1 par. e in
G. Kuhn, riferendosi a quanto Is. 53,u dice a
Pesikt. 125 b (cd. S. BUBER [1868)) R. Jehu- prnposito del gesto di zelo di Finees (S. Num.
dn bar Shimon (c. 330) spiega Is. 50,6 con un § 131 a 25,13), nota giustamente che «in tal
riferimento a Isaia. Quando Tg. Is. 50,io tra- modo questa spiegazione non suggerisce che la
duce l'ebr. 'abdo con 'servi di lui (scii. di Dio), profezia di ls. 53,12 si riferisca a Finees». Ma
i profeti'(~ n . 220), anche qui è implicito un ~ Frsc1mL 63 n. 51, avendo presente Eccl11s
riferimento a Isaia. Nel giudaismo I s. 50,4-10 48,10 (~ coll.359s.) e Mc.9,13, nel riferimen-
non ricevette mai un'interpretazione messiani- to di Is. 53,12 a Finees vede qualcosa di più
ca, ~ SEIDELIN 206 n. 28, e specialmente ~ di «un'allusione omiletica accidentale». Tutta-
FISCHEL 63.74 s., ~ col. 358. via l'equiparazione t;li Finees e Elia, che Fi-
m S. De11t. § 27 a 3,24. schel presuppone a proposito di S. Num. §
m Analogamente, Is. 49,1 è riferito a Isaia: 131, non va collocata nel periodo successivo al
Midr. Ps. 9 § 59 a 9,6.43 a; Pesikt. r. 129 a. N.T. (~ 'H)..[E]laç IV, col. 80), ed è incerto
229 In particolare, nessuna allusione allo 'ebed se sia già presente in S. N11111 . § 13i. Questo
si trova nei racconti dcl martirio di Isaia, co- <lubbio è segnalato in via privata anche da K.
me nota ~ F1sCHEL 63. G. Kuhn; di diverso avviso è STRACK-BILLER·
2.lll Aggadal Bereshit 7 (ed. A. ]ELUNEK, Bel- BECK IV 463.
ha-Midrash rv [ 1857] 12. 23S STRACK-Bll. LERHECK l 483.
rn STRACK-BILLERBECK n 608. 236 W. BACHER, Die Agada der Paliistinensi-
m L'autore è R. Jona (c. 350). schen Amoriier l (1892) ;;55 s.
m Gli ultimi tre testi in STRACK-BILLEKBECK m McoRE m l 66 n. 2 54.
359 (v,685) -;:a.~c; i>Eov C m,2 c a-P (Joach. Jeremias} (v,686) 360

tanto più che la stessa tendenza a pro- questi come il salvatore che deve veni-
posito di Is. 53,12 probabilmente era rem. Ma dacché il verso contiene nulla
già presente in Teodozione nel n sec. più che un'allusione vaga a ls. 49,6,
d.C. (~col. 376). le conclusioni circa un'interpretazione
messianica di ls. 49,6 tratte dal solo te-
e) L'esegesi messianica (ls. 42,1; 43, sto di Ecclus 48,10 non sono affatto si-
IO; 49,6; 52,13; 53,II). cure 239 (ma~ n. 305). Comunque è si-
L'interpretazione messianica di alcu- gnificativo che l'Ecclesiastico intenda il
Servo di ls. 49,6 in senso individua-
ni passi del Servo che si leggono nel lt: m .
Deutero-Isaia si può rintracciare con
maggior probabilità fìn nei tempi ante- ~)Un'altra fonte importante dal pun-
riori al cristianesimo (~ coll. 3 34 ss. ). to di vista del tempo è costituita dalle
a) In Ecclus 48,ro uno dei tre com- cosiddette parabole 244 di Henoc etiopico
piti di Elia che ritorna (~ 'HÀ.(E)laç,
( 3 7-7 r ), che sono certamente pre-cti-
IV, coli. 74 ss.) è quello di stabilire le
tribù d'Israele: thkjn sbti jisr'l, espres- stiane 245. Qui il Messia è presentato con
sione che viene da Is. 49,6, dove lo un'ampiezza assai sorprendente con li-
'ebed riceve la missione lehaqim 'et neamenti tratti dal Deutero-lsaia. Ol-
sibté ja'aqob. La restaurazione delle do-
dici tribù è un compito messianico e, tre ai titoli di figlio dell'uomo e mes-
assegnata com'è a Elia, caratterizza sia 246 , egli porta costantemente il nome

238 --+ 'H)..[E)fric; IV, col. 74 e n. 17; inoltre--+ e nel senso scontato con cui l'orante lo usa
DALMAN I 28; ST_RACK-BJLLERBECK IV 780. per de~ignare se stesso (--+ col. 289 ss.); non
m Parimenti --+ NORTH 7. Più fiducioso è il avviene mai che gli sia dato da altri, né che
giudiz'o di --+ DALMAN I 28. sia combinato con riferimenti ai canti del Ser-
24(1 Talvolta si ritiene che i testi di Qumran,
vo (--+ G. )EREMIAS, Der Lehrer der Gerech-
ligkeit 299-307 [con bibliogr.]).
posteriori all'Ecclesiastico, combinino insieme
244 Invece che 'parabole', molti dicono 'di-
i riferimenti al Messia e quelli al Servo e che
con questa figura del (Messia)-Servo identifi- scorsi in visio:te'; ma questa traduzione non è
chino il Maestro di giustizia (v. specialmente esatta. L'etiopico mèsàle ( = cbr. miHiil = gr.
A. DuPONT-SOMMER, Le livre des Hymnes dé- 7r!X.paf}oÀ.i]) si riferisce a tre visioni apocalitti-
couvert près de la Mer Morte: Semitica 7 che (Hen. aelh. 37,5; 38,r; 45,r; 57,3; 58,r;
(1957) 64 note 8.10; Lcs écrils esséniem dé- 68,1; 69,29), dove significa ' discorso di istru-
couverts près de la Mer Morte [!959] 377). zione dal significato segreto'.
245 La datazione delle parabole è fissata sulla
Ma né l'una né l'altra iporesi si può accettare,
per le ragioni seguenti: I . i passi messianici base di 56,5-7, dove si allude all'invasione del-
non contengono alcuna vera citazione dci te- la Palestina ad opera dei Parti, nel 40 a.C. Es-
sti del Servo, e nemmeno vi fanno allusione; se devono esser s.t ate composte poco dopo, e
2. tutto ciò che può essere addotto in favore un poco più tardi inserite nel Libro di Enoc.
dell'identificazione del Maestro di giustizia con --+ SJOBERG 3-24, basandosi principalmente sul·
il Servo si riduce ad nlcune incerte e remote la mancanza totale di elementi specificamente
reminiscenze del Deutero-lsaia, alla descrizio- cristiani, ha dimostrato che non si può soste-
ne generale <lei Maestro e a due citazioni di Is. nere che l'insiem:: delle parabole sia cristiano,
50A (1 QH 7,10; 8,35 s.). Ma di una passiohe o che vi siano state inserite interpolazioni cri-
vicaria del Maestro non si fa parola. Il titolo stiane.
<li 'ebed è usato per lui, ma solo da lui stesso, 21 s 'L'Unto': He11. 48,10; 52,4.
361 (v,686) 'ltct.~c; lh:ov e lll,2 c ~ (Joach. Jeremias)

di eletto 247 e talvolta anche quello di mo le parabole costantemente ritraggo-


giusto 248 • 'L'eletto' è comunque in Is. no i re e .i potenti che si umiliano da-
vanti a lui, con una reminiscenza di Is.
4 2, l il titolo del Servo di Dio 249 e lo 49,7; 52,15 253 . Si dice che essi lo ve-
stesso dicasi del 'giusto' di Is. 53,II 2.sa. dranno nella sua gloria (Hen. 55,4; 62,
Così siamo condotti direttamente a r.3), si alzeranno davanti a lui (Hen.
46,4; 62,3 ), e si inchineranno (48,10
quelle due sezioni del Deutero-Isaia
[var.]; 62,9; cfr. 48 ,5), con allusione
che anche nei periodi seguenti sono le a Is. 49,7 : «l principi e i re vedranno
sole interpretate messianicamente: Is. e si alzeraano e si prostreranno». Si di-
251 c~ ancora ·che staranno con volto dimes-
42,1 ss. e 52,13 ss.
sa (Hen. 46,6; 48,8), alludendo a ls.
In Hen. 48,4 il Figlio dell'uomo è 52,15 : «l re chiuderanno la bocca da-
chiamato 'la luce delle genti', un attri- vanti a Jui». In particolare in Hen . 62,
buto che è es<jlusivo del servo di Dio l ss. la condotta dei re, dei potenti e
(Is. 42,6; 49,61). Si dice inoltre che il di quelli che posseggono la terra è raf-
suo nome fu pronunciato prima della figurata in stretta connessione con Is .
creazione «alla presenza del Signore de- 52,13 ss.; così in He;1. 62,5 s. si legge:
gli Spiriti» (Hen.48,3 ); questa è un'am- «Essi avranmo paura (dr. Is.52,14), ab-
plificazione di Js.49,1: «il mio nome egli basseranno 'gli occhi (cfr. ls. 52,15), e
pronunciò quando ancora non ero na- la p~na li prenderà quando vedranno il
to». Vi si legge inoltre che egli fu «na- Figlio d~ll'uomo seduto sul trono del-
scosto davanti a lui (Dio)» ( H en. 48 ,6, la sua glbria; i re (dr. Is.52,15), i prin-
dr. 62,7), che è un riferimento a Is. tjipi e coloro che posseggono la terra
49,2 : «Egli mi nascose all'ombra della ~lorifìcheranno, pregheranno ed esalte-
sua mano» m. Ancora, nella descrizio- ranno colui che domina su tutto (dr.
ne della rivelazione del Figlio dell'uo- Is. 52,13), che fu nascosto (cfr. Is. 52,

217 He11.39,6; 40,5 ; 45,3 (var.).4; 49,2; 51,3.); 2so Il Messia è detto 'giusto' anche in Zach. 9,
52,6.9; 53,6; 55,4; 61,5.8.10; 62,1; dr. 46,3; 9 (dr. Ier. 23,5; 33,15: 'rampollo giusto'). Ma,
48,6; 49,4. date le numerose a!lusioni al Deutero-Isaia, il
218 Hen. 38,2 (var.: 'la giustizia', dr. -l> SJO- modello dell'Henoc etiopico può essere solo
BERG 96 n. 48); 47,i.4; 53,6 ('il giusto ed elet- Ir. 53,11. Cfr. STRACK-BILLERBECK I 481.
to'). Cfr. inoltre 39,6: 'l'eletto della giustizia e 251 STRACK-BILLERDECK 1 481: «L'interpreta-
fedele'; 46,3: 'il figlio dell'uomo che ha la giu- zione messianica (di Is. 53) si trova per la pri·
stizia e col quale la giustizia abita'; 71,14. ma volti\ (ma -+ coli. 334 s.; 359) nelle 'para-
219 In generale, e giustamente, si accetta l'allu- bole' di Henoch»; ~ \VOLFF 38 s.; -+ F1-
SCHEL 61; v. anche· H. KosMALA, ]om Kip-
sione a Is. 42,r. Cfr. specialmente Hen. 49.4
(«Egli è stato scelto davanti al Signore degli p11r: .Judaica 6 (1950) 16.
spiriti, come questi ha voluto» [per la tradu- 252 Cfr. Hen. 39,7 («Vidi la sua abitazione sot-
zione -l> SJtiDERG l 22 n. 33 J) con Is. 42,1: «Il to ie ali del Signore degli spiriti») con I s. 49,
mio eletto, nel quale si complace l'anima mia». 2 («All'ombra della sua mano»). L'idea del

Come modello veterotestamentario non si può nascondimento del Messia ha una parte impor-
addurre Ps. 89,4.20, dove David è chiamato tante nel periodo seguente, anche nel N.T. (per
'il mio eletto' (v. 4) e 'un eletto' (v. 20); que- es. Mt. 24,26; Io. 7,27; Apoc. 12,5; inoltre
sto perché il tardo giudaismo ha sempre riferi· Iust., dial. 8.110; -i- DALMAN 1 34 ; -i- SJ6-
to entrambi i versetti alla figura storica di Da- DERG 41-89).
vid, e non al Messia. 253 Cfr. BILLERDECK ro8; - > FISCHEL 6I.
'lta.~~ l>Eov C IIl,2 e '3-oI Joach. Jeremias)

l 5 )». Che questo passo riprenda I s. 5 2, ::isiva per la concezione che Gesù ebbe
l 3 ss. è confermato dal fatto che ciò è della propria missione 256 •
inteso, proprio come nell'esegesi con-
temporanea (Sap . 4,20 ss.; Aquila; Teo- y) La Peshitta spiega ls. 5 3 - com-
dozione; Targum), come una scena di presi i passi sulla sofferenza - in senso
giudizio finale. Vi sono poi i passi di messianico 253 • Ciò è chiaro dai versetti
Is. 42,r ss.; 52,13 ss. (~ col. 361) che in cui la Peshitta propone la sua inter-
sono essi pure interpretati messianica- pretazione di I s. 5 3 scostandosi dal te-
mente, insieme con 49,1-2 .6-7. Infine sto ebraico. Così questa versione vide
vanno considerati i seguenti enunciati nd Servo una figura attesa per l'avve·
-che accennano vagamente al Deutero- nire ( 52,14 a) che 'purificherà' molti po-
Isaia: l'eletto possiede lo spirito di poli (52,15); questo personaggio è ri-
giustizia (Hen. 62,r s.; cfr. [accanto a pudiato (53,2), disprezzato (53,3 ) e tru-
Is. rr,2.4] 42,1; «Il mio eletto ... ho cidato (53,5), ma esaltato da Dio, e (al-
posto il mio spirito su di lui»). Egli giu- l'ultimo giudizio) porterà perdono (53,
5: guarigione). Queste dichiarazioni pos-
dica (Hen. 41,9; 45,3; 49,4; 55,4; 6r,
9; 62,2 s.; 69,27; cfr. Is. 42,4; Aquila, sono solo riferirsi al Messia 259 • Comun-
Teodozione, Targum). Hen.48,4b: «Egli que è incerto se la Peshitta di Isaia sia
sarà la luce delle genti e la speranza di di origine giudaica ma o cristiana, op-
coloro che sono tristi» accorda ls_ 42,6 pure se risenta dell'una e dell'altra.
(«luce delle genti») con il suo conteste S) Anche un passo del N. T. documen-
( 42 ,7: salvezza dei ciechi e dei miseri).
Il Figlio dell'uomo delle parabole è ta l'esegesi messianica di un enunciato
dunque ampiamente descritto 255 con sul Servo da parte del tardo giudaismo.
tratti presi da passi del Servo del Deu - Secondo Le. 23,35 (fonte propria di
tero-lsaia ((4~,1-7; 49,1 s. 6 s.; 52,13· Le. 259 b) gli apxo\l'tEç scherniscono Ge-
IJj 53 ,II).
sù in croce con le parole: a). À.ouç fow-
Questa combinazione di tratti che c1E\I, awcnhw fo.u-cov, d ou•oç ÈO-'tW b
descrivono il Servo di Dio con quelli XPt<r-còç -cou i>Eoù, b ÈXÀ.Ex•oç, «ha sal-
del Figlio dell'uomo, accostati qui per cato gli altri, salvi se stesso, se <:ostui è
la prima volta, sebbene sia limitata a l'unto di Dio, l'eletto». Per noi il punto
quegli elementi che esaltano la gloria è questo: i capi ( ilpxov"t"Eç) giudei desi-
del Servo 2550 , ebbero un'importanza de- gnano il Messia còl titolo di ÈxÀ.Ex-toc;.

255 ~ BILLERBECK 107: «quasi esclusivamen- il quale ha molti attributi del Figlio dell'uo-
te».~ STAERK 72-77.82 s. mo <- 0DEBERG 14()), è chiamato 'ebed (di
255• L'ipotesi che questa combinnzione in He- Dio) o na'ar; ~ n_194. Cfr. J. BoWMAN, The
noch etiopico abbracci anche le asserzioni ri- Background of the Term 'Son o/ Mail' : Ex9T
guardanti l'umiliazione del Servo (STRACK-Bn.- 59 (1947-48) 288.
LERBECK II 282 n. I ; J. ]EREMIAS, Erloser ti. 2511 ~ HEGERMANN 127.
Erlosung 106 ss.; ~ STAERK 83.86) è insosteni· 259 - HEGERMANN, ibid.
bile. 259• P. KAHLE, The Kairo Genizah (1959)
1

25s -> BUBER u2 s. Un'eco di questa combina- 265-273; anche ~ HEGERMANN 22-27.
zione di Figlio dell'uomo e Servo in Henoch e- 2;9b ] • ]EREMIAS, Perikopet1tmrstellu11ge11 bei
tiopico si può vedere nel fotto che il Metatron, Lukas?: NTSt 4 (1957-58) n5-u9.
r.a.i:ç t>EOÙ e m,2 c O-E (Joach. Jeremias) (v,688) 366

Un'influenza cristiana su questa formu- do, che anche nel N.T. l'interpretazione
lazione non è probabile perché ò ÈxÀEX- messianica dei testi del Servo è limitata
't'OC, come formula cristologica nel N.T. a Is. 42,1-4.6; 49,6; 52,13 -53,12 (~
appare solo in un altro passo 2"°, cioè in_ col. 417).
Io. 1,34 261 • Ma questo appellativo l'ab-
e:) All'inizio del n sec. d.C. 253 Aquila
biamo già trovato in H enoc etiopico do- completò in Palestina una nuova tradu-
ve, come vedemmo, appare come un zione greca dell'A.T. con l'intento di
predicato messianico del giudaismo pre- sostituire i LXX, il cui testo offriva ai
cristiani un'eccessiva possibilità di pro-
cristiano, derivato da Is. 42,1 (-7 col. durre testimonianze cristologiche 264 • La
361) 262 • Perciò in Le. 23,35 abbiamo interpretazione del Servo di Is. 53 in
un'eco dell'esegesi messianica tardo-giu- Aquiia si può dedurre, tra l'altro, dalla
applicazione, che egli fa, d'accordo col
daica di Is. 42,i. Inoltre va notato, a Targum, di 53,8 s. al giudizio finale te-
conferma di ciò che siamo andati dicen- nuto dal Servo; a questo punto è impli-

2flJ In Le. 9,35 si ha la forma b ÈxJ.t:À.EyµÉvoç, slmm Aquilae proselyti a11/11ma11t; Qid. j . 1,1
che probabilmente è originale. N ei Padri apo- [59 a 9] sia di R. Eliezer b. Hyrkanos e di R.
stolici 6 ÈxÀ.ex-r6ç non è mai usato nel senso Joshua b. Hananja (Meg. ;. 1,1 [?1c9]). L'at-
di 'Cristo'. tività di questi ultimi toccò il culmine verso
261 A.v. HARNACK, Zur Textkritik t111d Chri- il 90 d.C. Ma R. Joshua aveva servito nel tem-
stologie der Schri/ten des ]ohannes, SAB pio in qualità di levita (Ar. b. 11 b; S. Num.
(1915) 552-556 (= Studien I: Arbeiten zur § u6 a 18,3; T. Sheq. 2,14); ciò significa che
Kirchengeschichte 19 [ 1931] 127-132) ha di- nveva raggiunto l'età canonica levitica dci 20
mostrato in maniern convincente che in lo. 1, anni già prima della dis :ruzione del tempio, e
34 la lezione o ÉXÀ.Ex-r6ç dei manoscritti più perciò dev'esser nato prima del 50. R. Elie?.er
antichi è da considerarsi come corretta, nono· b. Hyrkanos era ancor più anziano, non aven-
stante sia scarsamente attestata (codd. P5 S 77, do incominciato gli studi prima dci 20 o 28 an-
218 sy" abeff'). Infatti in tutt'e tre le aree ai (Pesiqta R. Eliezer 1; Gen. r. 42,3 a 14,1;
linguistiche della chiesa antica (greca, siria- Ab. R. Nat. 6) e essendosi dedicato ad essi per
ca e latina) la storia del testo incomincia con mc!ti anni prima del 70, sotto Rabban Joha-
questa lezione, la quale fu sostituita con o mm b. Z:ikkai. Pertanto la data della sua na-
ul6c; nel sec. IV, nella polemica antiadoziani- scita va collocata all'incirca fra il 30 e il 40
stica. (]. KLAUSNER, }erns von Nazareth [1930] 46;
cfr. R.T. HERFORD, Cbrislianity in Talmud
m Altrove appare ·chiaramente come tale solo md Midrash [ 1903] 142 n. 1 ); secondo KLAUS·
in Apoc. Abr.3,1 ,I. D'altra parte, test. Ben.II, NER, o.e. 65, verso 1'80 crn già in età avanzata.
4 ( xat fo~m ÉxÀ.Ex-ròc, ~Eov be; -coù a.lwvoc;, Quanto alla data dellA morte di R . Eliezer, sap·
- > hÀ.Ex-r6ç vr, col. 512) è certamente un'in· pinmò che morì prima di Akiba, quindi prima
tcrpolazione cristiana, come mostra il testo dcl 135 (Sa11h. b-. 68 a); per un certo tempo,
stesso (11,2b-5), e non si riferisce a Cristo, ma eei suoi ultimi anni, fu messo al bando e ven-
a Pao!o, che era beniaminita; R.H. CHARLl!S, ne schivato da colleghi e discepoli. La versio·
The Tesla111en/s of lhe Twelve Patriarchs ne di Aquila venne letta alla presenza sua e di
translated (190~) 215 s., nota al c. XI. R. Joshua (Meg. ;. 1 ,11 [71 c 9]); pertanto è
m La data della traduzione di Aquila si sta- probabile che sia stata terminata prima del
bilisce in base alla circostanza· che egli fu di- uo d.C., e non dopo.
scepolo sia di R. Akiba (Hieron., in ls. 8,
11 ss. [MPL :z4,119 A]: Akibas q11em magi- 2~t Sep111agi111a, ed. A. RALPHS (1935) I vn s.
367 (v,688) 1tai:ç i>EoV C 111,2 c E (Joach. Jeremias)

cito un messianismo 256 • Inoltre Aquila sta in Sanh. b. 98 b (c. 200 d.C.) 271 •
(secondo Girolamo) ·traduce in Is. 53.4 In un'enumerazione di titoli messiani-
nagua' (percosso) con &.qrriµÉ\10\1 267 (leb- ci vi si dice: «E i maestri dissero 'il
broso; cfr. Vulg.: quasi leprosum ). Que- lebbroso' ([Jiwwaril'), quelli della casa
sta traduzione si spiega in quanto il par- di Rabbi 272 dissero 'il malato' è il suo
ticipio passivo di naga' nell'.ebraico post- nome, perché sta scritto: 'sicuramente
biblico (pu'al) e nell'aramaico (pa'el) si- egli ha portato i nostri pesi e sopporta-
gnifica 'lebbroso'. Per 1a nostra questio- to i nostri dolori; ma noi lo credemmo
ne questa traduzione è assai illuminante castigato con la lebbra (nagu'a), percos-
perché l'idea di lebbra si trova, per ls. so e tormentato da Dio' (ls. 53,4)» m_
5 3 ,4, anche nella letteratura rabbinica, L'altro testo si legge in Sanh. b. 98 <l
dove è riferita al Messia 268 . (presunta esperienza di R. Jehoshua b.
Si tratta di due passi di Sanh. b. 98, Levi, c. 250 d.C.), in cui è descritto co-
i soli nel Talmud che, con un midrash me il Messia sieda alle porte di Ro-
posteriore 269, conservano la curiosa con- ma tra la gente miserabile che «porta
cezione di un Messia lebbroso 270 • Uno la sofferenza» (cfr. ls. 53A) 214 , e solo

le<. ~ HEGERMANN 12.u2; per altre osserva- Midrasch II [1853-54] _54,19 ss.; dr. STRACK-
:.doni, segnatamente per l'accordo ti;a Aquila e BILLERBF.CK 11 291 ). Il raffronto con Sa11h. b.
il Targum, vedi r22 ss. 98 a mostra che le 'ferite' dalle quali gli uomi-
2;;-1 Hier., in ls. _53,4 (MPL 24,507 A): pro eo ni storcono il volto sono quelle del lebbroso.
q11od Symmaclms tramtulit, ÈV à.cpi'i av-.a, hoc 2JQIl saggio di H. GRESSMANN, Der aussiitzi-
est in Jcpra, Aquila post1it ÙQIT]µÉvov, id est le- ge Messias: Die Christiche Welt 34 ( r920)
prosum; q11od multi 11on i11tellige11tes putant re- 663-668 non offre alcuna utilità al nostro stu-
lictum (àqmµÉvov), et alii legu/JI xaD1)µ.Evov, dio .
id est sedentem. Secondo Eusebio e~ ZIEGLER, 211 Questa data risulta dalla formula introdut·
Isaias, ad I.) Aquila llveva tradotto niigua' con
toria rbum 'mri, ~ DALMAN I 37; la stessa da·
'tE-rpu.uµa-rtuµÉvov. Ma non . c'è dubbio che
111 in STRACK-BILLERBECK n 286.
qui il testo esatto è quello di .Gerolamo (0.q>T)-
µÉvov); infatti il contesto riferito da Eusebio 272 Rabbi è R. Jehuda I ( r 3_5-c. 217 ).
esclude che la lezione sia derivata da Aquila m Così il testo letto da Raimondo Martini
(cfr. ]. ZIEGLER, Textkritische Notizen 1.11 den (Pugio fidei, dopo il 1278, cd. D.]. DE Vo1SIN
jiingeren griec.'Jist:hen Vbersetzu11ge11 des Bu- [1651] 672); dr. ~ DALMAN I 36 n . 2; giu-
ches Isazas = NGG, Fa::hgruppe v, N.F. 1 4 stamente(~ n. 309) seguito da E.B. PusEY, in
[ 1939] 97 s.). Inoltre Aquila è solito rendere -> DRIVER-NEUBAUER Il, XXXIV e da~ NORTH
fa radice ebraica 11g' con il gruppo greco à.qi-fi/ r4. Il testo attuale di Sanh. b. 98 b dice: «I
d1t-rE<il>aL. Il passivo O:.cpiiul>aL, che non è at- maestri dissero : 'il lebbroso della casa di Rab-
testato altrove, è stato derivato da Ò'..<pTJ, che bi', cosl egli è chiamato perché sta scritto:
nel greco dci Giudei designava specificamente 'Davvero egli .. .' (ls. 53,4)». In questa maniera
la piaga, la lebbra. Non v'è motivo per dubi- il testo è letto in luce messianica; ma si trat-
tare delJa dichiarazione di Gerolamo, quando ta chiaramente di una corruzione; il titolo
dice che il part. perfetto pass. àcp·f)µÉvoç signi- messianico ' lebbroso della casa di Rabbi', che
fica 'lebbroso'. non ha senso, viene dall'omissìone della pa-
26S L'ipotesi di ~ EuLER 3r s., che Aquila rola holjd, 'malato'.
pensi a un sacerdote 1ebbr03o, è erronea. Le 211 Rashi spiega queste parole nel modo se-
annotazioni di Euler su Aquila sono tutte in- guente: «Che sono stati colpiti dalla lebbra, e
ficiate dal fatto che egli non ha notato In tec- anche lui è lebbroso, vedi Is. _53,3.4» (testo in
nica seguita da questi nella traduzione (--+ ~ Wi.lNSCHE ,58 n. 2). Indizio di lebbra (v. an-
co1L 350 s.; ~ HEGERMANN 1.5 s. 28-45). che ~ DALMAN I 39) è pure il gran numero
267 Sefer Zeruhbahel (cd. A. ]El,UNEK, Bet ba- di ferite che devono esser fasciate, ma soprat-
'itO:~<; UEOÙ C 111,2 C E·S {joach. Jetemias)

tra essa scioglie e lega una ferita alla preta Is. 53 in senso messianico. Ciò
volta, così eh:: s-.!nza ritardo può adem- risulta assai chiaramente dal modo in
piere le predizioni della salvezza d'I- cui traduce la frase conclusiva del ca-
sraele. pitolo. Is. 53 (T.M.) conclude con le
La traduzione di Aquila in I s. 53 ci parole w"lappoS'im ia/gla' (53,12). Il
verbo hifgi'a (hif'il da paga') significa
permette di collocare questo riferimen- <rnver a che fare con una persona» - o
to di I s. 5 3 A al Messia lebbroso in torno in bonam partem (intercedere) o in ma-
al roo d.C. 275 Mn dobbiamo risalire d'un lam partem (assalire qualcuno) - . Il te-
sto ebraico senz'altro ha inteso espri-
altro passo; l'interprctnzione messianica
mere la prima idea, almeno a giudicare
cli I s. 53 A no;1 pu~ esser sorta solo verso dal contesto, e dire: «e intercedette per
il roo cl.C., perché è fuor di dubbio i trasgressori». I testi seguenti interpre-
tano correttamente: il N.T. (Rom.8,34;
che i Giudei av~vano cominciato a inter-
Hebr. 7,25; I Io. 2,r s.), Giustino 280, la
pretare me3sianicamente i testi della Vulgata 281 , il Targum 282 , il Talmud ba-
passione di Is. 53 solo quando i cristia- bilonese m; anche la libera traduzione
ni già usavano Is. 53 come prova cri- dei LXX (xrLt &ià. 't'àc; àµa.p't'la.c; m'.1-
-rwv 1tcxpdì6ihi, «e fu consegnato a mo ..
stologica decisiva m. tivo dei loro peccati»), che allude al
s)
La traduzione di Aquila fu segui- martirio, ha inteso hifgia' in bonam
ta da quella di Teodozione 277 , nel II partem. La prima a intendere il ver-
sec. d.C. m. Anch:: Teodozione inter- bo in malam partem è la Peshitta 284 ,

tutto il suo starsene seduto innanzi alle porte Jida, e sopratcutto ha usato le notizie riguar-
(J. ]EREMIAS, Jemsalem wr Zeit Jcsu 1 [1962] danti l'Esapla che si trovano r. nel commento
132 s., spec. 133); la legge che fa obbligo a Isaia di Tcodoreto di Ciro (ed. A. M6HLE
di chiudere ai lebbrosi le porte della città (1933)), 2.in un commento ad Is. giuntoci in
(STRACK-Bll.LERBECK TV 751-757) è applicata a armeno e attribuito al Crisostomo (ed. a Ve-
Roma. nezia, 1880), e 3. nel commento a Isaia di Eu-
sebio, inedito (conservato in margine al cod.
215 L'esegesi che in Is. 53,4 trova l'accenno al
fiorentino La11rcntfo1111s P11teus XI 4).
lebbroso ci fa certi che l'interpretazione mes-
sianica del Servo risale al periodo tannaitico, 278 Secondo Epiph., de mensuris et ponderi-
come ha mostrato H .J . ScHOEPS, Symmachus- bus 17 (sotto Commodo, 180-192).
studien m: Biblica 29 ( 1948) 38 s. ( = Aus 2~ lust., apol. 50,2: xa.t 't'OLç àv6µoi.ç H;tX<.1:-
fri.ihchristlicher Zeit [ 1950] 108 s.). 'farà espiazione', __,. IV, col. 990.
<l'E't'CXL,
2:~ FRANZ DELlTZSCH, Der Messias als Versoh- 231 Et pro tramgressoribus rogavit.
ner (1885) 21; -> ScHLATTER 50; __,. AYTOUN
23
176; __,. NORTH II; cfr. __,. RIESENFELD 84; ~ «Per motivo di lui ai ribelli sarà accordato
__,. TORREY, The Messiah Son o/ Ephraim 257. il perdono».

271 Fino al 1939 gli studiosi avevano a dispo· m Sotà b.'14 n: «'Ha interceduto per i tra-
sizionc soltanto il materiale esaplare raccolto sgressori' (ls. 53,I2): infatti ha implorato mi-
in F. FrnLD, Origenis Exaplomm q11ac super- sericordia per i trasgressori di Israele, affinché
sunt ( 1875 ). Ora, al posto di quest'opera, offre potessero tornare e far penitenza; questa 'in-
un eccellente apparato relativo all'Esapla __,. tercessione' non significa altro che la preghie-
ZIEGLER, I saias. Sulla base dei mss., lo Ziegler ra».
ha saputo migliorare in molti punti la colle- 2s~ ~ HEGERMANN co7 s., a Is. 53,12 (nella
zione del Field, che ai suoi giorni era assai va- Peshitta).
mx.i:~ f>Eou C m,2 c S (Joach. Jeremias)

e lo stesso fa Aquila che, secondo lo interpretazioni cristologiche che i LXX


Pseudo-Crisostomo (~ n. 277), tradu- rendevano possibili. Il testo già discus·
ce: occurret irridentibus eum, come pu· so di Is. 53,12 fa sorgere questo sospet-
re Simmaco: xat "t'oi:c; O:.l)E"t'OVcnv (con· to. Che Teodozione sostituisca le paro-
tradicentibus, Pseudo-Crisostomo) &.v- le: xat ota 'tàç ò:µap•tfaç av't'wv mx-
'tÉcr't"t] ( cod. 86 ), «e si oppose a quelli pEo6i)TJ, non sorprende, giacché qui i
che lo rigettavano». In Teodozione que- LXX traducono liberamente. Ma quan-
sta interpretazione in malam partem do, a proposito della sofferenza vicaria
prosegue con le parole: et impios tor- del Servo, sostituisce il testo dei LXX
quebit (Pseudo-Crisostomo). Il capito- con una frase dura e offensiva, che non
lo, come si vede, si chiude con l'imma- trova appoggio nel testo ebraico («e tor-
gine del tutto mostruosa del Servo che menterà gli empi»), può darsi benissi-
perseguita gli empi. A meno che non mo che sia mosso dall'avversione con-
vogliamo ammettere un errore grosso- tro . l'uso cristiano dei LXX (cfr. Rom.
lano nel testo dello Pseudo-Crisostomo, 4,2 5 ). Molto strana è pure la sua tra-
che sfortunatamente è conservato solo duzione di Is. 53,12d (w"'et pos'im
in armeno, dovremmo prendere come nimna, «e fu annoverato tra i malfat-
nostro punto di partenza per la com· tori»), uno dei pochi frammenti rima-
prensione di questa frase il fatto che i stici della sua versione di Is. 53 287 a. I
LXX, Aquila e il Targum sono d'accor· LXX traducono esattamente: xat tv
do nel considerare Is. 53,9 come una 'tOtç &.v6µotç H.oylcri)"t]. Invece Teodo-
descrizione del giudizio finale 285 , e çosl zione dice: xat 'tWV à.crEBwv <Ì.7tÉCTXE"t'O
anche Teodozione, parlando di 'tortu- (cod. 86), «e si tenne lontano dagli em-
ra', dovette probabilmente ·pensare alla pi». Ciò che sorprende è come Teo-
dannazione eterna 286• Il fatto che nel dozione rimpiazzi una traduzione cor-
Servo egli vide il giudice supremo dimo- retta con un'altra che afferma esatta-
stra che interpretò Is. 53 in senso mes- mente l'opposto: il Servo che è anno-
sianico 287 • verato tra i malvagi (T.M., LXX, Aqui-
Dal momento che, diversamente da la, Simmaco) diviene. il Servo che si tie-
Aquila e Simmaco, Teodozione non fe- ne lontano dai malvagi 288• Nella elimi-
ce una nuova traduzione ma prese co- nazione di questo riferimento alla sof-
me base i LXX, che erano usati anche ferenza del Servo può aver avuto gran-
dai cristiani, e li emendò assiduamente de importanza il pregiudizio anti-cristia-
riferendosi all'originale, ci si deve aspet- no. Infatti i LXX già mostrano una ten-
tare che in alcune delle sue correzioni denza a modificare o eliminare in Is. 53
sia mosso dall'intenzione di escludere i testi della sofferenza 2888 , ma si ferma-

285 ~ HEGERMANN 42.86 s. i23, a Js. 53,9 (nel fatto presente all'autore di questo articolo l'i-
'i'argum). potesi illuminante che Teodozione, invece di
285 ~ H EGERMANN 52 confronta tra loro ls.66, 11im1111 (venne annoverato) abbin letto 11im11a'
24; Mt. 25,4r.46; Apoc. 14,rn s. (si tenne indietro).
Altre osservazioni in ~ HEGERMANN 113 s.
2.1?
2a3• 53 15 b: in luogo di 'fu coperto di lividu-
Anche Simmaco dà l'interpre tazione messia- re', µEµctÀ.aXLO""tttL 'fu infermo'; 53,8•: in luo-
nica. go di 'fu reciso', a(pt"tCX.L '(la sua vita) fu tol-
tn', cioè 'innalzata' (~ FASCHER 8); _53,9•b:
2ll 1' In~ H EGERMANN 45-52 si trova un'accu- viene reinterpretato, cosl vi si trov11 indicato
rnta analisi dei frammenti giunti fino a noi. il verdetto che colpl i malvagi e i ricchi; 53 ,
m ~ H EGE RMANN 51. R. BRINKER-LONDON ha rn' : 'coprir di lividure' diviene 'purificare';
mx~ç Oroii C m,2 c ~-1J (Joach. JercmiasJ (v,691} 374

no davanti a 53,12. Non a caso Teodo- ve esser considerata cronologicamen-


zione va assai oltre. Il testo di Is. 53, te a questo punto, perché, sebbene il
12 d aveva per i cristiani un'importanza Targum di Isaia 289 nella forma presente
speciale (cfr. Le. 22a7) perché non si nari sia anteriore al v sec. d.C., tuttavia
riferiva genericamente alla sofferenza il testo fu fissato molto prima. La storia
del Servo~ ma asseriva che in qualità di della tradizione orale della traduzione,
vicario ( 53 ,12 e) egli fu annoverato tra di cui il Targum è il risultato, risale a
i malfattori. Più chiaramente che altrove tempi pre-cristiani 290 • In particolare si
in ls. 53, si potrebbe qui trovare una può mostrare che l'esegesi messianica
profezia dello scandalo della ·croce. Ro- dei testi di Is. 42,1 e Is. 52,13 nel Tar-
vesciando il significato del testo, Teo~o­ gum è antica. Dei diciannove passi del
zione volle probabilmente rendere im- Servo n~l testo ebraico ( ~ col. 348 ),
possibile l'interpretazione cristiana 238 b . solo tre sono interpretati in senso mes-
sianico: 42,1; 43,10 ; 52,13 291 • In tutti
TJ) La traduzione aramaica di Isaia de- e tre l'ebraico 'abdi è reso dal Targum

53,10•: il testo ebr. è corrotto, ma è chiaro che tando già presente nella versione siro-paiesti-
contiene un enunciato sul Servo, che i LXX nese (umitbq lh} e in Mc. 4,12 (xat 6:cpEft'[i
non rendono, portando il soggetto alla 2• pers. cxÙ"TOL<;), cfr. T .\Y/. MANSON, The Teaching o/
plur. ]ems ( r948) 77 e 4 VIII, coli. 1551 s. n. 116.
che Teodozione non elimina la pas-
28'!• Not:i. Quanto a Js_ 53 in particolare, l'età della . tra-
sione e la morte del Servo nel complesso, m.1 smissione di molti testi nella tradizione della
solo il particolare della morte ignominiosa (4 sinagoga, quale è cristallizzata nel Targum, si
HEGERMANN 114). può mostrare aiutandosi con i LXX, la Peshit-
ta, Aquila, Simmaco e Teodozione. Pochi e-
23? Edizioni: P. DE LAGARDE, Prophetae Chal- sempi possono bastare. r. Is. 52,13 : -per l'età
daice (1872), secondo il cod. Re11chlini; con dell'espressione 'bdj mlitJ'- col. 347. 2. Is. 53,
apparato: ~ STENNING ( 1949)_ La sezione di 3 ba: il Targum si stacca del t. ebr. e dai LXX,
Is. 52,13-53,12 è stata pubblicata da G. DAL- e lo riferisce alla shekinà che s'allontana (come
MAN, in Aramaiscbc Dialektproben' (1927) 10 fa anche Aquila). 3. Is.53,4: in luogo di f?olà-
s. Il lavoro, peraltro meritorio, di ~ SEIDELIN, jem1, 'le nostre infermità', il Targum dice f;ob11-
giunge a risultati discutibili perché non rico- 11ii', conforme ai LXX (d:µap'tlaç i)µ.Wv). 4. Is.
nosce la distinzione tra l'esegesi giudeo-elleni- 53,5: i LXX considerano m'l;olal come un po'al
stica e l'esegesi giudeo-palestinese di Is. 42 e di f;alal, 'trapassare' (è'tpauµa'tlO"il1')); il Tar-
53 e perché, nel valutare ìl materiale rabbini- gum ne fa invece un pu'al di f?alal, 'essere diso-
co, non djstingue tra semplici allusioni e vere norato' ( 'it111f?11l, 'fu profanato', come Aquila:
interpretazioni di Is. 53. Inoltre, non conside- ~E~l}À.wµÉvoç). 5. Is. 53,7: i LXX e l'Itala fan·
ra l'età delle interpretazioni rabbiniche di Is. no derivare ngs da niggaf, 'fu maltrattato'; il
53,4 e sottovaluta la portata della polemica Targum, invece, da niggas, 'si avvicinò', come
anti-cristiana. già Simmaco e la Vulg. 6 . Is. 53,9: il riferi-
?Y.IUn esempio particolnrmente chiaro dell'an- mento· del Targum al giudizio si trova già nei
tichità della tradizione fissata nelb versio- LXX, in Aquila e in Teodozione (~ col.
ne del Targum è offerto da Is. 6,10. Il te- 371)1. Js.53,10: i LXX traducono dakk"o con
sto ebraico dice: uhiifà' LO; I LXX: lm.i xai)aplrraL, analoga traduzione nel Targum:
la:roµm au..-ovç; Simmaco: xal tcdii. D~l mi~raf ,_ HEGERMANN 1zi-125).
tutto diversa è la traduzione del Targum: 291, I 16 testi rimanenti vengono dal Targum
w'jilt'béq L'bém, 'e snranno perdonati', dove applicati come segue: 1. a Israele 41,8.9; 44,
rà/à', 'guarire', è frainteso e preso per ràfa, 'ri- 1.2 . 21 (due volte}; 45A; 48,20; 49,3, probabil-
mettere' (v. ScHLATTER, Mk. a 4,12). Questo mente anche 49,5.6 (4 n. 214); 2. ai peccatori
modo di intendere il testo è assai antico, risul- pentiti(~ n. 219) 42,19 (due volte); 3. ai pro-
375 (v,691) 'Jtaìc; ikoù e Ill,2 c lJ (Joach. Jeremias)

con 'bdj msjl/, «il Messia mio servo»292 • apparire era offuscato tra i popoli e il
Le nostre conclusioni ci fanno pertanto suo splendore era meno di quello dei fi-
certi che l'interpretazione messianica di gli degli uomini, (v. 15) così egli disper-
ls. 42,r e 52,13 poggia su un'antica tra- derà molte genti; per causa sua i re ri-
dizione (--7 coli. 359 ss.) 293 • L'osserva- marranno silenziosi, si metteranno la
zione che Ja descrizione del Messia co- mano sulla bocca, perch~ vedranno ciò
me Servo di Dio si trova solo nello sta- che non fu mai detto loro e scopriran-
dio prerabbinico della tarda letteratur11 no ciò che mai udirono. (53,r) Chi
giudaica (4 Esdr., Baruc siriaco [ ~ col. ha creduto a questo nostro messaggio?
347]) e mai, all'infuori del Targum (--7 a chi è stata così 294 rivelata la forza del
col.34 7), porta alla medesima conclusio- potente braccio del Signore? (v. 2) E i
ne. Ma l'antichità di questa esegesi mes- giusti m saranno grandi davanti a lui;
sianica di Is. 52,r 3 nel Targum risulta anzi, come rami germoglianti e come un
chiara soprattutto in quanto il Targum albero che mette fuori le radici presso
di Isaia spiega l'intero contesto Is. 52, rivoli d'acqua, così cresceranno le gene-
13-:u,12 in senso uniformemente mes- razioni benedette nella terra che abbi-
sianico; infatti l'interpretazione messia- sognava di lui. Il suo aspetto non è co-
nica di 53,1-12 non può, come vedem- me quello delle cose del mondo e il ti-
mo (---7 col. 369 ), essere sorta in era more che incute non è una paura ordi-
cristiana. naria; ma il suo splendore sarà così per-
Tg. Is. 52,13-53,12 dice: «(52,13) fetto, che tutti quelli che lo vedranno
Ecco il mio servo, il Messia, prospere- volgeranno lo sguardo (affascinati) s::i-
rà, sarà esaltato, diverrà grande e po- pra di lui. ( v. 3) Allora (egli) sarà di-
tente. (v. 14) Come la casa d'Israele ha sprezzato e cesserà 296 (farà cessare) la
sperato in lui molti giorni quando il suo gloria di tutti i regni. Essi diverranno

feti (~ n. 220) 50,10; 4. in 44,26 il Targum prctavano la sezione de secundo Salvatoris ad-
forse ha letto il testo ebr. al plurale (~ n. ve11tu, quando post ple11itudi11em gentium om-
221); 5. in 53,11 l'ebraico 'abdi nel Targum ni!. salva11dus sit lsrael (~ SEIDELIN 222 n.
diventa un infinito: 'per far servitori della leg- 79),
ge'. 294 kdin; nell'ed . di Venezia del 1517: kdw11
292 Un'incertczrza testuale esiste solo per T g. (ora); ma probabilmente si tratta di un errore
Is. 42,J. 'bdj mIW si trova nel cod. Reuchlùri di trascrizione.
(~ n . 289), nel ms. di Norimberga(~ STEN- 295 !dìqi' (plur.); ma d'altra parte il cod. Reuch-
NING XXIX) e nell'edizione di Vilna dcl 1893. lmi ( ~ n. 289, Biblia Hebraica Rabbinica, ed.
Ma il ms. Or. 22n del British Museum insic· J. BuxTORF Senior [1618-19}) e la versione
me ad altri ha semplicemente 'bdì. Nondimen- araba del Talmµd di Gerusalemme ( [ 1.196];
to la lezione 'bdi mJj~' ha a suo favore l'inte- -+ DALMAN I 48 n. 1) leggono il singolare:
ra tradizione ralestinese che, a differenza di sdjq'. A favore dcl singolare sta l'altro sor-
quella ellenistica (~ coli. 351 ss.), fin da pri- prendente singolare del verbo usato appenn
ma dell'era cristiana interpreta Is. 42,1 ss. in prima: w' jilrabbii'. Potrebbe riferirsi al Messia
senso messianico (~ coli. 391 ss.). (cfr. la spiegazione messianica dcl nostro testo
m L'interpretazione messianica di Is . 43,10 in R. Berekja [c. 340), che sembra esser sta-
(occasionata forse dall'ebraico 'abdi posto in ta espunta dalla letteratura talmudica, ~ n.
bocca a Dio, come in 42,1; p.,13, ~ SEIDE- 328 a). Tuttavia è probabile che il singolare
LIN 228), non ha invece paralleli nelh lettera· fosse inteso in senso collettivo, cosl che tra il
tura tardo-giudaica; Midr. Ps. 51 § 3 a 51,6 ri- plurale (che è meglio attestato) e il singolare
ferisce ls. 43,10 a David. M:i S. Girolamo, a potrebbe non esserci differenza di significato.
proposito di Js.43,1-10, dice che i Giudei inter- 2% Il problema testuale da discutere qui pre-
377 (v,692) 1tGt~<; i>Eov C lll,2 Cl') (Joach. Jeremias)

deboli e miserabili - ecco: come un uo - serà aprire) bocca e intercedere. (v . 8)


mo di dolore e come uno destinato ai Egli condurrà· a casa i nostri esuli dalle
mali e come se la shekinà avesse voltato loro sofferenze e dalla loro punizione.
la faccia da noi (che siamo) disprezzati Chi può dire i prodigi che verranno su
e trascurati. ( v. 4) Allora egli interce- di noi nei suoi giorni? Poiché egli ri-
derà per le nostre mancanze e per lui muoverà il dominio 298 delle genti dalla
saranno perdonati i nostri peccati, ben- terra d'Israele; egli porrà a loro cari-
ché fossimo considerati distrutti, per- co 299 i peccati di cui il mio popolo si
CO$si da Jahvé e afflitti. (v. 5) Ma egli rese colpevole. (v. 9) E consegnerà al-
costruirà il santuario che fu profanato l'inferno gli empi, e alla morte della di-
dalle nostre trasgressioni e abbandona- struzione (eterna) coloro che si sono ar-
to a causa delle nostre iniquità, e col ricchiti con il furto, così che quelli che
suo insegnamento Ja sua pacem si river- commettono peccato non possano esse-
serà abbondantemente su di noi, e quan- re preservati e non possano (più oltre)
do ci raduneremo per ascoltarlo le no- parlare astutamente con la loro bocca.
stre colpe ci saranno perdonate. ( v. 6) (v. ro) E piacque a Jahvé di affinare e
Noi eravamo tutti dispersi come peco- purificare il resto del suo popolo al fine
re, ciascuno aveva preso la propria.stra- di liberare la loro anima dalle colpe. Es-
da per l'esilio; ma fu il volere di Jah7é si vedranno il regno del loro Messia; a-
a perdonare le mancanze di tutti noi per vranno molti figli e figlie J;XJ; vivranno
cagion sua. ( v. 7) Quando prega egli ri- a lungo, e quelli che eseguono la legge
ceve una risposta e non appena apre la di Jahvé avranno successo per il suo be-
bocca trova ascolto. I potenti di tra i neplacito. (v. Xl) Dal giogo dei popoli
popoli egli manderà al macello come un libererà la loro anima; essi vedranno
agnello, e come una pecora muta davan- lu punizione di quelli che li odiano; sa-
ti ai suoi tosatori, e nessuno aprirà (o- ranno saziati dal saccheggio dei loro re.

senta una grande importanza. Vi sono due pos- MAN, o.e. [ ~ n . 289] 10 n. 8; ~ SEIDELIN
sibili lezioni che, per quanco difficili a distin- 207.211 s.). Non c'è dubbio che prevalgono le
guersi nello scritto, sono in realtà assai diver- testimonianze della prima lezione Ua/séq); i-
se. I. Il ms. Or. 2211 del British Museum e noltre, la seconda lezione (ji/Stlq) lascia il so-
I:.> massa dei mano:;critti, come pure l'edizione spetto di esser dettata dal desiderio di tacere
di Vilna del i893, leggono iPsiq all'af'el: 'farà la passione del Messia. Così nella frase «allora
cessare'. 2. Ma il ms. Or. 1474 del British Mu- egli sarit disprezzato», di Tg. ls. 53,3, molto
seum legge ;pswq, al qal: 'cesserà'. La lezione probabilmente affiora una traccia dell'idea dei
jpsq del cod. Re11chlini è ambigua, data la patimenti messianici preseme nel testo del
mancanza della mater lectionis. Le due lezioni Targum.
presuppongono un soggetto diverso: nella pri- 297 ilmih; cod. Reuchlini (~ n. 289), il ms.
ma (che si legge iafséq) il soggetto è il Messia, di Norimberga \~ n. 292) e l'edizione veneta
e si deve tradurre : «Allora egli (il Messia) sarà del 15 I 7 leggono i/111', senza suffisso.
disprezzato e farii cessAre la gloria di tutti i re-
gni» (per questa lezione ~ WfiNSCHE 41; ~
:m swltn può significare anche 'signore'.
2>~ Con DALMAN, ~ o.e. (~ n. 289) Il n. 6,
HuMBERT 445; 38 n. 1; STRACK-BILLERBECK
I 482; li 284; ~ KITTEL 179; ~ BRIERRE- im!i può esser letto come una forma af'el =
NARBONNE 99; ~ NORTH n). Nel secondo ca- iamte (ms. Or. 2211 del British Museum:
so (pronuncia: ii/siiq) il soggetto è 'l'onore di jim!é).
tutti i regni' e la traduzione: «Ne verrà che JOO isgw11 vn letto, con DALMAN, o.e. (4 n.
l'onore di tutti i regni sarà volto in vergogna z89) 11n.9, come :if'el: jasg611 (ms. Or. 22u:
e cesserà» (a favore di questa lettura cfr. DAL- iisg6n}.
ltrlt<; ~EOU C 111,2 c '!] (Joach. Jeremias)

Per la sua saggezza assolverà gli inno- co. Già nei LXX abbiamo rilevato la
centi per prendere molti e farli servi tendenza ad attenuare i testi che in Is.
della legge. E intercederà per le loro
mancanze ..( v. x2 ) D'ora in poi assegne- 53 parlano della sofferenza; ma la vio-
rò a lui il saccheggio di molti popoli ed lenza fatta all'originale in questo capito-
egli distribuirà la proprietà di città po- lo del Targum, con una reinterpretazio-
tenti come bottino, poiché sottopose m
ne che ne capovolge del tutto il signifi-
la sua anima alla morte e condusse i ri-
belli sotto il vincolo della legge. E in- cato, non ha che una sola spiegazione:
tercederà per molte trasgressioni e per questo è un brano di polemica anticri-
lui i ribelli saranno perdonati» . stiana .l()l. A partire al più tardi dal II
Si può vedere come in Tg. Is. 52, sec., il giudaismo si preoccupò, in vari
13-53,12 sia descritto, passo per passo, modi, di strappare ai cristiani l'utilizza-
lo stabilirsi glorioso del regno messiani- zione di Is. 53 quale testo di prova cri-
co sopra Israele. Le asserzioni circa la stologica(~ coll.386s.). La curiosa for-
passione del Servo sono state radical- ma che Is. 53 assume nel Targum mo-
mente e sostanzialmente riadattate con stra a quali estremi fu portato questo
applicazioni artificiose a Israele e ai tentativo. L'intera sezione fu infatti
gentili, e questo in modo tale che de- spiegata messianicamente, perché l'in-
boli tracce d~l senso originario· riman- terpretazione messianica di Is.52,13-53,
gono solo in due luoghi 302 • Anche te- 12 era cosl radicata, che non era possi-
nendo conto della tecnica propria della bile sottrarvisi; ma i passi sulla sofferen-
traduzione del Targum, nel contesto di za, in stridente contraddizione con l'o-
Tg. Is. 40-66 la sezione di Tg. Is. 52, riginale, sono soppiantati dal modo cor-
13-53,12 spicca per la inconsueta liber- rente di considerare il Messia. E questo
tà della parafrasi 303, poiché nel rima- . vero e proprio procedimento di reinter-
nente il testo si attiene di più all'ebrai- pretazione è applicato a entrambi i te-

JOj Come ha mostrato -+ D .ALMAN 1 48 n. 3, anima alla morte' (msr lmwt' nps;h, ~ n. 301;
no:l si viene a dire necessariamente che la fra- ~ HuMBERT 5; ~ BoNSIRVEN 1 383; ~ F1-
se indichi un'uccisione già avvenuta; potreb· sCHEL 70).
be trattarsi anche del- pericolo di morte (v. an- 303 -) AYTOUN 172.
che STRACK-BILLERBECK I 482 s.; ~ SEIDELIN l04 La cosa è generalmente ammessa. Anche
215 n. 62), Il testo non dice in quale occasione ~ DALMAN, che aveva cercato di sfuggire a
egli 'consegnò se stesso alla morte'. Potrebbe questa conclusione (I 43-49), più tardi si vide
esservi un'allusione alla guerra che precede costretto ad accettarla (] esus-Jeshua [ 1929]
l'era messianica (cosl ~ WEBER 361; -) .SEJ- 172). La rielaborazione tendenziosa si può di-
DELIN 215) o piuttosto, conforme al testo ori- stinguere chiaramente da una forma più antica
ginale, alla morte (o al pericolo di morte) con- del testo (~ HEGERMANN 116-122). Nel pe-
seguente ai maltrattamenti (dr. Is. ,53,7 s.). riodo successivo l'esegesi giudaica di Is . .53 ri-
.l<ll Sono in questione due testi, cioè 1. Tg. Is. mane comprensibilmente condizionata dall'op-
53,3: 'sarà oggetto di disprezzo' (ihi lbsm, ~ posizione all'interpretazione cristiana (~ F1-
n. 296); 2. Tg. ls. ,53,12: 'ha consegnato la sua SCHEL 66 s . ).
;;:ai:ç. l}EOU C rn,2 c T}-l} (Joach. Jeremias)

sti di Is. 53, a quello greco (--7 coll. 371 quanto a quelli della sofferenza Jos.
ss.) e a quello aramaico. Ciò dimostra In particolare il riferimento di que-
quanto radicata fosse l'esegesi messia- sti ultimi al Messia, emerge presto
negli scritti dei rabbini. La prima pro-
nica nel giudaismo palestinese. va è testualmente incerta. Raimondo
Martini (dopo il I 2 78) 309, che solita~
il) Anche i rabbini, intendono in sen- mente appare attendibile 310 , legge in
so messianico soltanto due passi- del Sifra Lev. un'affermazione di R. José
Deutero-Isaia, cioè Is. 42,r ss. e 52,13 il Galileo (prima del 135 d.C.), che
spiegava Is. 53,5 s. come riferentesi al
ss . .10s, e sono gli stessi che finora abbia- Re-Messia sofferente e dolente che, at-
mo costantemente trovato interpretati traverso il suo patire, giustifica tutti i
in questo senso. Quanto a Is. 42,1 ss., è popoli. Questa asserzione, che vuol rag-
guagliare circa il «merito del Re-Mes-
essenziale notare che nella letteratura sia e la ricompensa del giusto», si apre
rabbinica troviamo solo l'interpretazio- con un riferimento al fatto che la so-
ne messianica 300 • Per Is. 52,13-53,12 la trasgressione di Adamo causò innu-
merevoli condanne a morte e, sfruttan-
questa interpretazione rabbinica.107 si ap- do l'assioma delle due differenti misu-
plica tanto ai passi della esaltazione re usate da Dio 311 , conclude: se il pec-

30; È quanto mai dubbio se si debba citare, BILLERDECK I 481-483; anche JO s .


come terzo testo, Js. 49,6. È un fatto che in 333 Applicazioni rabbiniche al Messia dei pas-
Gen. moior a 41,44 Raimondo Martini, o.e. (-'.>
si di Js.52 1 13 ss. che parlano d ell'esaltazione si
n. 273) 645 leggeva un'interpretazione messia-
hanno in Tg. Is., ad l. (~coli. 375 ss.); Tanh.
nica di Js. 49,6 ( ~ DALMllN I 97 n. 1); inoltre
twldwt § 20 (70 a, BuBER); Midr. Ps_ 2 § 9 a
nel periodo post-talmudico una volta si d à
2,7. Per altri esempi e paralleli ~ WiiNSCHE
un'interpretazione messianica di Is. 49,8, preci-
76; ~ DALMAN I 84 n . 3; STRllCK-BILLERBECK
samente in Pesikt_ r. 31 (~ SEIDELIN 218; ~
I 483; cfr. MOORE lii 166.
FISCHEL 62). Questa esegesi messianica occa-
sionale potrebbe esser l'eco di un'antica tradi- 300o.e. (~ n. 273) 675; ~ DALMAN I 79 s. 44
zione; cosl almeno si potrebbe pensare aven- n. 2; per il testo ~ WiiNSCHE 65 s.; DRIVER-
do presente Ecclus 48,10 (~ col. 359), le para- NEUBAUER Il IO s.
bole di Henoc etiopico(~ coli. 361 ss.) e il N. JW Per la credibilità di R. Martini dr. L.
T. (~ n. 403). Ma la cosa non è certa. Ad ogni ZuNz , Die gottcsdienstlichen V ortriige der Ju-
modo, l'interpretazione m essianica di Is. 49,6 den historisch etllwickelt' (1892) 30I; H.L.
non si trova nel Targum (~ n. 214) e l'inter- STRACK, 'Raimundus Martin', in RE 1 164~4 s.
pretazione rabbinica di questo testo non ci è Sul valore di queste tradizioni, confermate
attestata altrove, eccezion fatta per i due testi brillantemente da una scoperta testuale fatta
tardivi menzionati. a Praga (~ DALMAN II 6), ~ n . 273; ~ DRI-
VER-NEUDAUER xxv-xxxv; ZUNZ, ibid. 300-
Midr. Ps. 2 § 9 a 2,7 (STRACK-BILLERBECK
JQ..;
305; STRACK, Einleilung 223 s. (con bibliogr.).
I 483); 43 § I a 43,3 (STRACK-BILLERBECK I
87); Pesikt. r. 36 (STRACK-BILLERBECK II 288); 311 L'assioma dice che per la bontà Dio usa
]alq111 Shim'oni n 88 d . 104 d (~ DALMAN I una misur; più grande che per la giustizia pu·
97 n. 1); Seder Gan 'Eden (ed. A. }ELLINEK, nitiva, cio~ che punisce meno e premia più
Bel ha-Midrasch III [ 1885] 133,12). Anche Tg. che non spetti ai meriti (in aggiunta alla cita·
Is., ad l. (~ coli. 374 s.). zionc fotta sopra, vedi Joma b. 76 a; Sanh. b.
100 a; T . Sota 4,1; Midr. Qob. 4,1 e cfr. Sota
3i17 Una scelta di testi rabbinici si h a in STRACK· b. l 1 a; Mek_ Ex. 12,12 par. 14,4).
'!UJ.t<; DEOU e lll,2 e ì) (Joach. Jeremias)

cato di Adamo aveva di già fatto cade- contrappone Adamo e il giusto, colui
re tale punizione sopra di lui e i suoi di- che violò e colui che adempie i coman-
scendenti, benché Dio punisca meno di damenti. La seconda testimonianza, del-
quanto non si sia meritato, «quanto più la metà del n sec. d.C., si ha nel Dialogo
allora il Re, il Messia, che soffre e dolo- con Trifone, di Giustino. Giustino affer-
ra per gli empi, giustificherà tutto il ge- ma che più volte Trifone 314 ammette che
nere umano, come sta scritto: Fu tra- i[ Messia è 1tat)l]'\"6ç (36,1; 39,7; 49,2:
fitto per i nostri delitti (I s. 5 3 ,5 ). Lo 76,6-77,r; 89,r s., cfr. specialmente 90,
stesso intende dire Is. 53,6: Il Signo- I: 'Jtafre:i:v µÈV yàp xai W<; 1tp0~<4'"COV
re ha fatto ricadere su di lui l'iniquità àx1}1)11e:11?>at oUìaµsv, «sappiamo ... che
di tutti noi». Nei testi attuali di Si- è destinato a soffrire e ad esser condotto
fra Lev. il passo si presenta in forma come una pecora» [ :::: I s. 5 3 ,7] ), e che
differente (cfr. S. Lev. 12,10 a 5,17)m questa era anche l'opinione dei maestri
e si parla solo della 'ricompensa del ( òtòé<.11xaÀ.oL) giudaici in genere ( 68 ,9 ).
giusto', non del 'merito del Messia'; c~rtamente dobbiamo stare _in guardia
inoltre in contrasto con il peccato di contro le affermazioni di un apologista;
Adamo non sta la passione del Mes- ma d'altronde non le dobbiamo nemme-
sia, ma l'osservanza di certi coman- no respingere affrettatamente. La c