Sei sulla pagina 1di 582

G R A N D E LESSICO

DELL’
A N TIC O TESTAMENTO

A cura di
G. Jo h a n n e s B o tte r w e c k f
H e lm e r R in g g r e n e H e in z -J o s e f F a b r y

In collaborazione con
G eo r g e W . A n d er so n , H enri C a z e l l e s,
D a v id N . F r e e d m a n ,
S h e m a jr ja h u T a l m o n e G e r h a r d W a l l i s

Edizion e italiana a cura di


P ie r G i o r g i o B o r b o n e

Volum e I V

r r - ib o

tra *

PAI DEIA
Titolo originale dell’opera
Theologisches W òrterbucb zu m A lteri Testam ent
In Vcrbindung mit
G eo rge W. A n d er so n , H enri C a zelles, D a v id N. F reedm an,
S h e m a r ja h u T und G e r h a r d
alm o n W a l l is
herausgegeben von
G. J o h annes B o tterw eck f
H e l m e r R in g g r e n
H en z-J o sef F a br y

A ll’edizione italiana del quarto volume


hanno collaborato come traduttori:

DAVIDE ASTORI
FRANCO RONCHI

ISDN 88.394.0697.2

Tutti i diritti sono riservati


© Verlag W. Kohlhammer, Stuttgart 1982, 1984
© Paideia Editrice, Brescia 2004
PREMESSA AL VOLUME IV

Quando s’iniziò a lavorare al programma del Grande Lessico dell’Antico


Testamento, nel 1969, si era previsto che la pubblicazione di quest’opera
in molti volumi avrebbe richiesto una decina d’anni. Ben presto una rea­
lizzazione in tempi tanto ravvicinati si dimostrò utopistica. La gran quan­
tità di nuove conoscenze fornite dall’esegesi (si pensi per esempio alle at­
tuali discussioni sul Pentateuco, sull’opera storica deuteronomistica, sulla
letteratura profetica e così via), dalla lessicografia e dalla semantica, dalla
linguistica comparata e dall’orientalistica, e non ultimo anche dall’archeo­
logia con la scoperta di nuove culture (emblematico è il caso di Teli Mar-
dikh - Ebla) ha ripetutamente costretto a interrompere il flusso continuo
del lavoro al lessico. Parecchie voci già completate hanno dovuto essere
interamente rielaborate. Molti collaboratori e sottoscrittori hanno mani­
festato a ragione il proprio malumore.
In questi momenti di lotta ostinata la nostra impresa ha subito un gra­
ve colpo: il 15 aprile 1981 il prof. Gerhard Johannes Botterweck è morto.
La sua profonda conoscenza dell’Antico Testamento e del Vicino Orien­
te antico, la sua grande esperienza in tutti gli aspetti pratici connessi con
l’editoria libraria, le sue attitudini organizzative, ma soprattutto la lungi­
miranza teologica che lo distingueva sono state per l’impresa di valore ine­
stimabile. In futuro tutto ciò mancherà. Tutti i collaboratori esprimono
gratitudine per il suo contributo. R.I.P.
Il prof. dr. Heinz-Josef Fabry, allievo del prof. Botterweck e membro
della redazione dal 19 71, subentra come nuovo editore. Vorremmo così
garantire una qualche continuità nel lavoro redazionale, sulla base di prin­
cipi collaudati.
Non sono quindi necessarie considerazioni di principio. Intento prin­
cipale dell’opera resta sempre (si veda la premessa al volume 1) l’analisi
semantica dei lemmi. L ’approfondimento del significato, con i nessi tra­
dizionali e gli slittamenti semantici che questo comporta, stanno al cen­
tro del lavoro analitico, così che sia infine possibile accumulare i mattoni
di una teologia dell’Antico Testamento.
H e l m e r R in g g r e n - H e in z - J o se f F a b r y
G iugno 1984.
AVVERTEN ZA
A L L ’E D IZ I O N E IT A L IA N A

Il quarto volume del Grande Lessico dell’Antico Testamento è la traduzio­


ne integrale delle colonne 954-1090 del voi. ili e delle colonne 1-842 del
volume iv dell’edizione originale in lingua tedesca.
AUTORI
D E L L E V O C I C O N T E N U T E N E L V O L . IV

Direttori
Botterweck, G.J., prof. dr. dr. f Fabry, H.-J., prof, dr.,
Ringgren, H., prof, dr., Turmfalkenweg i j , 5300 Bonn
Teologiska Institutionen, Box 1604,
75146 Uppsala, Svezia

Collaboratori
Alonso Schòkel, L., prof., Gambcroni, J., prof, dr.,
Pontificio Istituto Biblico Kamp 6, 4790 Paderborn
Via della Pilotta, 25,00187 R-orna, Italia Gòrg, M., prof. dr. dr.,
André, G., dr., Scbònbornstrasse io, 8600 Bamberg
Cellovàgen 22, 75250 Uppsala, Svezia Gross, H,, prof, dr.,
Barth, Ch., prof, dr., Agnesstrasse 13, 8400 Regensburg
Unterer Batterieweg 168, Haag, H., prof, dr.,
4059 Basel, Svizzera Guggistrasse I2a, 6005 Luzern, Svizzera
Baumann, A., pastore, Hasel, G. F., prof, dr.,
Diakonisches Werk Wolfsburg Andrews University,
Postfach 170, 3180 Wolfsburg Bcrrien Springs, Mich. 49104, u sa
Bergman, J., prof., dr., Hausmann, J.,
Pumpgatan 2, 58252 Linkoping, Svezia Finkenstrasse 6a, 8806 Neucndettelsau
Beyse, K.-M., dr., Helfmeyer, F.J., dr.,
Wielandstrasse 9, 402 Halle/Saale, d d r Venloer Strasse 601-603, A 1604,
Clements, R.E., rev., 5000 Kòln 30
Fitzwilliam College, Cambridge CB3 7PT, Illman, K.-J., prof.,
Gran Bretagna Sirkkaealagatan 6 C 42,
Conrad, J., dr., 20520 Àbo 52, Finlandia
Menckestrasse 26, 7022 Leipzig, d d r Kapelrud, A.S., prof, dr.,
Dohmen, Ch., Rektorhaugen 15, Oslo 8, Norvegia
Burbacher Strasse 53, 5300 Bonn 1 Kedar-Kopfstein, B., prof, dr.,
Dommershausen, W., prof, dr., Oren Street 23/81,
Sanatorium Albula, Haifa (Romema), Israele
7260 Davos-Dorf, Svizzera Kellermann, D., dr.,
Eising, H., prof. dr. f Melanchthonstrassc 33, 74c>oTùbingen
Besselweg 12, 4400 Mùnster Koch, K., prof, dr.,
Freedman, D.N., prof, dr., Diekbarg 130, 2000 Hamburg 66
1520 Broadway, Kronholm, T., prof, dr.,
Ann Arbor, Mich. 48104, u s a Madlalia 29, 4040 Madia, Norvegia
X AUTO RI D E LLE VOCI

Lang, B., prof, dr., Reindl, J., prof, dr.,


Alte Mainzer Strasse 117 , 6500 Mainz 42 An derThùringenhalle 2,
Lipinski, E., prof, dr., 5080 Erfurt, d d r
Departement Oriéntalistiek, Sawyer, J.F.
Blijde Inkomstraat 21, Department of Religious Studies,
3000 Leuven, Belgio University of Newcastle,
Lohfink S.J., N., prof, dr., Newcastle- upon-Tyne, n e i 7RU,
Offenbacher Landstrasse 224, Gran Bretagna
6000 Frankfurt/Main 70 Schupphaus, J., dr.,
Mayer, G., prof, dr., Freie Bitze 3, 5330 Kònigswinter 51
Rulànderstrasse 10, 6501 Zornheim Schunck, K.-D., prof, dr.,
Mayer, W. Kòsterbecker Weg 5, 25 Rostock, d d r
Pontificio Istituto Biblico Seebass, H., prof, dr.,
Via della Pilotta, 25, 00187 Roma, Italia Am Hasenkamp 1 6, 4544 Ladbergen
Milgrom, J., prof, dr., Seybold, K., prof, dr.,
1042 Sierra St., Berkeley, Cai. 94707, u s a Bruderholzrain 62,
Mosis, B., prof, dr., 4102 Binningen-Basel, Svizzera
Heidingfelderweg 42, 8078 Eichstàtt Simian-Yofre, H., prof.,
Mùller, H.-P., prof, dr., Pontificio Istituto Biblico,
Hagentwiete 35, 2083 Halstenbek Via della Pilotta 25,00187 Roma, Italia
Muldcr, M.J., prof, dr., Stenmans, P.,
Ampèrestraat 48, Erthalstrasse 33, 8700 Wiirzburg
1178 BV Badhoevedorp, Paesi Bassi Stiglmair, A., prof, dr.,
North, R., S.J., prof, dr., Hartwiggasse 8, 39042 Brixen, Italia
Pontificio Istituto Biblico, Talmon, Sh., prof, dr.,
Via della Pilotta 25,00187 Roma, Italia Hebrew University, Jerusalem, Israele
O ’Connor, P., Wagner, S., prof, dr.,
Program on Studies in Religion, Meusdorfer Strasse 5, 703 Leipzig, d d r
University of Michigan, Warmuth, G., Akad. Rat, dr.,
Ann Arbor, Mich. 48109, u sa Olshausenstrasse 1, 2300 Kiel
Oikonomou, E.B., prof, dr., Weinfeld, M., prof.,
Leoph. Agias Philotheis 23, Hebrew University, Jerusalem, Israele
Philothei, Atene, Grecia Zobel, H.-J., prof, dr.,
Preuss, H.D., prof, dr., W.-Pieck-Allee 95, 22 Greifswald, d d r
Finkenstrasse 3, 8806 Neuendettelsau
INDICE DEL VOLUME IV

P r e m e s s a ................................................................................................................................ VII

A vverten za all’edizione it a lia n a ..................................................................................... v ili


A u to ri delle vo ci contenute nel voi. i v ......................................................................... IX

jd ra s, j erésdyj crussd, m órds, m órdsd (L o h fin k )......................................... i

jUra'èl(Zobel).................................................................................. 40

jà sa b , m òsàb ( G o r g ) ......................................................................................... 72

| t ^ jd sé n ,jà sa n , s è n d \ sèna (S c h u p p h a u s)........................................................ 94

j s \ h ò s ià \ j es u (d, jè s a ‘jje s a \ m ó sa 'ó t, t es u d ( S a w y e r ) ........................ 98


• —V •—V "V A AVA AV— A
ja sa r, joser, jisra, m isor, m esanm
(W . M a y er, A lo n so Schòkel, R in ggren ) ................................................... 125

j esurun ( M u ld e r ) ................................................................................................. 137

D in ; jà tò m (R in g g re n )................................................................................................. 143

i n ; jd ta r i, je te r i, jó tèr/jd tèr, jó teret, jitrd fjitra t, jitró n , m ótdr,


ja ttiri)a ttira ^ ) (K ro n h o lm )............................................................................. 148

3 &e ( S e y b o ld ) .......................................................................................................... 160

DhO k ’ b, k e’ èb, m a k 'd b (M o sis)............................................................................. 168

I"Q 3 k à b è d i, k d b é d n , k o b e d , k 'b tìd d à , k eb èd u t (D oh m en, Stenm ans) . 174

k à b ó d (W einfeld) .............................................................................................. 186

H ID k d b à ( B a u m a n n ) ................................................................................................. 205

DD2) kdbas ( A n d r é ) ...................................................................................................... 207

k e b e s k e s e b , kibsà, k isb d , seh (D o h m e n )................................................... 210


XII IN D IC E D E L VO L. IV

k abas, kebes, kibsan (W a g n e r )...................................................................... 221

HH 3 k d b à , k éh eh , ( S c h u n c k ) ......................................................................... 228

i n a k o h en (Bergm an, R in ggren , D o m m e rsh a u se n )....................................... 230

D D u k ò k d b (C le m e n ts ) .............................................................................................. 250

t e &w/ (B a u m a n n )................................................................................................... 263

I» k u n , k e n , m a k ó n , m ek ó n à , tek u n à (K o ch ) ............................... .............. 267

D ia & Ó s(G .M ay er) ................................................................................................... 281

k z b , k d zd b , ya k z d b , k id b d y k o z b i, ’a k z ib , k 'z ìb , k ó z é b d ’ (M osis) . . 285

nS) (R inggren) ................................................................................................. 307

* T D k b d ( E is 'm g ) .......................................................................................................... 3 15

kabas, kabas, kebds ( S c h u n c k )...................................................................... 320

&ó/ (R in g g r e n )...................................................................................................... 324

k a ld \ k e le \ k el ì \ m ik ld (H ausm ann) ........................................................ 334

k eleb ( B o t t e r w e c k ) ............................................................................................ 336

PI/O kdlà (H e lfm e y e r)................................................................................................. 349

k a llà (C o n rad ) ................................................................................................... 358

^ Ip &e/£(Beyse) .......................................................................................................... 363

rri ,' ^ 3 k eidjot ( d . Kellerm ann) .................................................................................. 370

k a lil (K a p e lru d )................................................................................................... 379

k lm , k elim m à, k elim m u t (W agner) ............................................................. 382

k n b ( R in g g r e n ) ................................................................................................... 397

*Y);D k in n ó r (G ò rg ) ...................................................................................................... 398

JMD kn* (W a g n e r)........................................................................................................ 406

k en a lan, k en a*àn ì (Zobel) .............................................................................. 4 15


IN D IC E D EL VO L. rv XIII

k à n d f (D o m m e rsh a u s e n )...................................................................... 437

kissé’ ( F a b r y ) .............................................................................................. 44 1

kdsà, kdsujy k 's ù t, miksehy m 'k a sseh (R in g g re n )........................... 47 2

ksl, k esil, k 'silu t, kesel, kislà (Schupphaus) .................................... 477

k e s e f (G . M a y e r ) ....................................................................................... 484

k à ‘as, k a 'a s ( L o h fin k ) ............................................................................. 500

k ip p er, kapp ò ret, k ó fe r, k ip p u rìm ( L a n g ) ......................................... 508

k d rd , &en£, m ik reh (S c h u n c k ) .................................................... 526

(Freedm an, O ’ C o n n o r ) ............................................................. 53 i

k erem , k d rém , k a rm e l (H .-P . M i i l le r ) .............................................. 544

k a rm e l ( M u ld e r ) ....................................................................................... 5 52

k d ra (E isin g) ............................................................................................ 564

kdrat, k 'riitó t, k 'r itu t (H asel) ............................................................. 568

kdsal, miksóly kissdlón, m aksélà ( B a r t h ) ............................................ 583

kàsaf, k esef, kassdf ’ ’assdf, j i d d e<óm , Idhas, lahas, ndhas, nahas,


(ànan 11, salpar 1 ( A n d r é ) ........................................................................ 592

k àsèr, kisrón (D . K ellerm ann) ............................................................. 599

k d ta b , k 't d b , m ik td b , k 'tó b e t (H . H a a g ) ......................................... 604

ku ttó n et (Freedm an, O ’ C o n n o r ) ........................................................ 617

k d t é f ( Z o b e l ) .............................................................................................. 623

k tt, kdtit (W a rm u th )................................................................................ 628

l à ’a ( R in g g r e n ) .......................................................................................... 632

l e’ dm ( P r e u s s ) ............................................................................................ 634

lé b , lé b d b ( F a b r y ) ..................................................................................... 636

Ibn, l eb è n à , làbari, l'b d n a (R inggren) .............................................. 682


IN D IC E D EL VO L. IV

l ebón à (D . Kellerm ann) ..................................... 686

l'b d n ó n (M ulder) ................................................. 693

làbés (G a m b e ro n i)................................................. 70 5

la b a b , leh d b à , salhebet ( H a u s m a n n ) ............ 720

Idbat„ luhdt (H a u sm a n n )..................................... 72 5

Idw a 1 (D . K e lle rm a n n )....................................... 7 27

Idw à ti (D . K e lle r m a n n ) .................................... 73 °

/«z, Idzùt (R in g g re n )............................................ 73 2

lùàh (B a u m an n )..................................................... 734

lèw i, l'w ijim (D . K ellerm ann) ........................ 738

liw jdtdn (Lipiriski) .............................................. 764

lù n , telu nn ót (Schunck) .................................... 771

lab, léah ( F a b r y ) ................................................... 775

l eh i (R inggren) ..................................................... 779

Idhak (R in g g re n )................................................... 782

lehem (D o m m e rsh a u se n ).................................. 783

Idbas, labas ( R e i n d l) ............................................ 794

lajil/lajild (S tig lm a ir)............................................ 799

lin, m alòn , m 'iù n à (O ik o n o m o u ) ................. 812

*//>, lis, lèSj lasón, m élìs ( B a r t h )........................ 817

la k a d , lek ed , m a lk ó d et (H . G ro ss) ............... 824

Idmady lim m u d , m a lm d d , ta lm ìd (K apelru d) 828

là ‘ag, la 'a g , Id 'è g (B a r t h ) .................................. 835

la ‘anà ( S e y b o ld ) ................................................... 840


IN D IC E D EL VO L. IV XV

Idqab, leqah (Seebass)....................................................................... 842

laqat (Ringgren).............................................................................. 849

|Ìt^? làsòn (Kedar-Kopfstein)................................................................... 851

rratfi6 liskà (D. Kellermann)....................................................................... 862

"INQ m '' d d ( K e d a r - K o p fs te in )................................................................................, 869

D'jrtto mo’z'najim (North)........................................................................ 871

fKtt m'n (Ringgren)................................................................................ 874

DND md’as (Wagner)................................................................................ 877

mabbùl (Stenmans)........................................................................... 894

“IVDp mibsdr (H. Haag).............................................................................. 900

migdàl (D. Kellermann)................................................................... 903

màgèn, gànan, sinnd, selet(Freedman, O’Connor)........................... 909

“ÌSHD midbàr, *araba (Talmon)................................................................. 925

"1*112 mddad, middà, mad, mèmad (F ab ry )............................................. 965

PinD mhh, ’hr (Fabry).............................................................................. 983

mbr, mebérà, mdhir (Ringgren)....................................................... 987

1 Ì1 D mòhar (Lipinski).............................................................................. 991

itìD mug (Baumann)................................................................................ 1000

mwt, mot, mota (Baumann)............................................................. 1003


mul, mula (G . Mayer) ..................................................................... 10 11

rn ^ to mòledet (H. Haag) .......................................................................... 1016

mó ‘ed (Koch) .................................................................................. 1022


mófet (Wagner)................................................................................ 1029
*YID mwr (Ringgren)................................................................................ 1040
XVI IN D IC E D E L VO L. IV

musjmis (R in g g re n )............................................................................................ 10 4 2

mtìt, mawet, t'mùtà, mcmótim (R in ggren , Illm an, F a b r y ) ................. 1044

P Q tp m izbédh (D o h m e n ).......................................................................................... 10 7 2

ntND mezù,zà(M ilg ro m )............................................................................................. 1089

nilD màhà (A lo n so Schòkel) ................................................................................. 10 9 1

TnD mehir (Lipin ski) ............................................................................................... 1096

m ahas (A lo n so S c h ò k e l) .................................................................................. 1099

"1HD mdhdr, mohòrdt (A ndré) .............................................................................. 1 1 0 2

HDD m atteh (Sim ian -Y o fre, F a b r y ) ..................................................................... 1 1 0 7

HDD màtàr, gesem, zerem ( Z o b e l ) ....................................................................... n 17


i (iii,9 J 4 ) jaras (N. Lohfink) (m >95j) 2

M. Delcor, De l’origine de quelques termes relatifs au


jaras vin en hébreu biblique et dans les langues voisines (A.
Caquot e D. Cohen, Actes du premier congrès Interna­
n a h ; frèsa, H B h ) frussà, B h i» mòràs,
tional de linguistique sémitique et chamito-sémitique,
Paris 1969. The Hague ecc. 1974, 228-230). - P. Die-
n ti/“IÌD
T T
mórasà pold, Israels Land (BWANT 95, 1972). - F. Drcyfus,
Le thème de Vhéritage dans l'A.T.: RSPhTh 42 (1958)
i. Il termine. - i. Distribuzione nell’A.T. - a) ;Vs qal. - 3-49, spec. 5-8. - K. Elliger, Sinn und Ursprung der
b) jrs nif. - c) jrs pi. - d) jrs hif. - e) I sostantivi. - f) priestlichen Geschichtserzàhlung: ZThK 49 (1952) 12 1­
Nomi, reset, tiròs. - 2. Significato di <74/. - a) Con 143. - W. Foerster - J. Herrmann, xXfjpoc; xtX. (GLNT
oggetto delia persona. —b) Con oggetto della cosa. —3. v 583-664). - V. Fritz, Israel in der Wuste (Marburger
Significato di jrs nif. —4. Significato di jrs pi. - 5. Signi­ ThSt 7, 1970). - G. Gerleman, Nutzrecht und Wohn-
ficato di jrs hif. - a) ‘Impoverire’. - b) ‘Annientare’. - recht. Zur Bedeutung von ’hzh und nhlh: ZAW 89
c) Significati più tardi. - 6. Significato dei sostantivi de­ (1:977) 313-325. - J. Halbe, Das Privilegrecht Jahwes
rivati. - 7. La radice nelle lingue affini. - a) Lingue ara- Ex j 4,10-26 (FRLANT 114, 1975). - P. Haupt, Criticai
maiche e semitiche meridionali. - b) Ugaritico. - c) Moa­ Notes on Micah: AJSL 26 (1909-10) 201-252, spec. 215.
bitico. - d) Fenicio-punico. —8. Il problema dell’eti­ 223. - F. Horst, Das Eigentum nach dem A.T. (ThB 12,
mologia. - 11. Uso teologico. - 1. L’uso profano come Miinchen 1961, 203-221). - Id., Zwei Begriffe fiir Ei­
sfondo. - 2. La valutazione morale degli atti espressi gentum (Besitz): nhlh und ’hzh (Fs. W. Rudolph, 1961,
con jrs. - }.jrs negli enunciati teologici su Dio autore 135-156). - E. Jenni, Das hebràische Pi'el, Ziirich 1968,
di ogni cosa e negli oracoli profetici di condanna. - 4. 212 s. - R. Kilian, Die vorpriestlichen Abrahamsuber-
L’assenza di jrs qal nella teologia pre-deuteronomistica lieferungen (BBB 24, 1966). - L. Koehlcr, Eine archai-
della promessa e del paese del Pentateuco. - 5. L’uso stische Wortgruppe: ZAW 46 (1928) 218 s. - F. Lang-
teologico di jrs hif. negli stadi antecedenti Giosuè e lamet, Gilgal et les récits de la traversée du Jourdain (Jos.,
Giudici. - 6) jrs nella teologia deuteronomistica. - a) jrs IITIV ) (CRB ri, Paris 1969). - N. Lohfink, Darstel-
qal e j'russà nello scheletro narrativo di Deut. 1 - Ios. lungskunst und Theologie inDtn 1,6-3,29: Bibl 41 (i960)
a . - b) Uso stereotipato di jrs. - c) jrs in enunciati sul­ 105-134. - Id., Die deuteronomistische Darstellung des
l’ambito e il periodo di validità della legge. - d) jrs in Ubergangs der Fuhrung Israels von Moses auf Josue:
enunciati sulla reciproca correlazione tra conquista del Scholastik 37 (1962) 32-44. - Id., Das Hauptgebot (An
paese e osservanza della legge. - 7. jrs in Ier. 30 s. - 8. Bibl 20, Roma 1963). - Id., Die Sicherung der Wirk-
jrs e mórasà in Ezechiele. - 9. PE, H e strati tardi del samkeit des Gotteswortes durch das Prinzip der Ge-
Pentateuco. —10. Speranze di riconquista dei territori waltenteilung nach den Àmtergesetzen des Buches Deu­
del regno davidico nelle redazioni dei libri profetici. — teronomium (Dt 16,18-18,22) (H. Wolter, Testimonium
11. Possesso del paese come speranza dei «poveri» nel­ Ventati, Fs. W. Kempf, 1971). - Id., Die Priesterschrift
l’età postesilica. - 12. jrs nel Deutero e Tritoisaia. und die Geschichte (VTS 29, 1978, 189-225). - Id., Der
Schòpfergott und der Bestand von Himmel und Erde
Bibl.: F.I. Andersen, The Socio-juridical Background of (G. Altner et al., Sind wir noch zu r e t t e n 1978, 15­
thè Naboth Incidenf. JBL 85 (1966) 46-57. - M.C. As- 39). - Id., Textkritisches zu jrs im A. T. (Fs. J.D. Barthé-
tour, Some New Divine Names from Ugant: JAOS 86 lemy, OBO 38, 1981, 273-288). - Id., Kerygmata des
(1966) 277-284, qui 284. - W. Bacher, 2 u Zephanja 2,4: Deuteronomistischen Geschichtswerks (Die Botschaft
ZAW 11 (1891) 185-187. - O. Bacilli, Israel und die und die Boten, Fs. H.W. Wolff, 1982, 87-100). - Id.,
Vòlker. Eine Studie zum Deuteronomium (AThANT Die Bedeutungen von hebr. jrs qal und hif.: BZ N.F.
41, Ziirich 1962, 159-161). - P. Bird, YRS and thè Deu- 26 (1982). - O. Loretz, Ilebrdisch tjrws und jrs in Mi
teronomic Theology of thè Conquest (diss. Harvard 6,if und Hi 20,1 y. U F 9 (1977) 353 s. - G.Ch. Ma-
I971)- ~ R- Bohlen, Der Fall Nabot (TrThSt 35, 1978). cholz, Israel und das Land (abilit., Heidelberg 1969). —
- S. Bòhmer, Heimkehr und neuer Bund (Gòttinger T . Mettinger, The Nominai Pattern q'tulla in Biblical
ThArb 5, 1976). - P.-E. Bonnard, Le second Isaìe, son Hebrew: JSS 16 (1971) 2-14. - S. Mittmann, Deutero­
disciple et les éditeurs (ÉtBibl, 1972). - G. Braulik, Die nomium 1,1 -6,3 literarkritisch und traditionsgeschicht-
Mittel deuteronomischer Rhetorik (AnBibl 68, 1978). - lich untersucht (BZAW 139, 1975). - P.A. Munch, Das
Id., Literarkritik und archdologische Stratigraphie: Bibl Problem des Reichtums in den Psalmen 37. 49. 73:
59 (1978) 351-383. - A.M. Brown, The Concept of In- ZAW 55 (1937) 36-46, spec. 38-40. - R .D . Nelson, The
heritance in thè O.T. (diss. Columbia Univ., 1965). - Redactional Duality of thè Deuteronomistic History
A. Cholewiriski, Heiligkeitsgesetz und Deuteronomium (diss. Union Theol. Seminary in Virginia 1973)- —J.G .
(AnBibl 66, 1976). - W.M. Clark, The Origin and De- Plòger, Literarkritische, formgeschichtliche und stilkri-
velopment of thè Land Promise Theme in thè O.T. tische Untersuchungen zum Deuteronomium (BBB 26,
(diss. Yale Univ., 1964). - E. Cortese, La terra di Ca­ 1967, 61-87).—G. von Rad, Verheissenes Land und Jah­
naan nella storia Sacerdotale del Pentateuco (Suppl. wes Land im Hexateuch: ZDPV 66 (1943) 191-204. -
RivBibl 5,1972). - M. Dahood, Ugaritic-Hebrew Philo- W. Richter, Die Uberlieferungen um Jephtah Ri 10,17­
logy: BietOr 17 (1965) 25. - Id., Hebrew-Ugaritic 12,6: Bibl 47 (1966) 485-556, spec. 543-546. - H.H.
Lexicography IV: Bibl 47 (1966) 403-419, spec. 404 s. - Schmid, jrs, beerben (THAT 1, 1971, 778-781). - G.
3 ( ih>956) jaras (N. Lohfìnk) (ni,957)4

Schmitt, Du sollst keinen Frieden schliessen mit den Be- Soph. 2,4 jgrswh. 62 attestazioni toccano al Deu­
wohnem des Lati des (BWANT 91,1970). —M. Schwan- teronomio, 28 ai libri da Giosuè fino a 2 Re,
tes, Das Recht der Armen: BET 4 (1977) 16-20. - S.M. quindi 90 all’opera storiografica deuteronomisti-
Schwertner, Das verheissenes Land (diss. Heidelberg
ca. Altre 32 attestazioni nei restanti libri sono
1966, 169-177). - G. Seitz, Redaktionsgeschichtliche
protodeuteronomiche, deuteronomistiche o pro­
Studien zum Deuteronomium (BWANT 93,1971). - R.
Smend, Das Gesetz und die Vòlker (Fs. G. von Rad, seguono l’uso linguistico deuteronomistico. I re­
1971, 494-509). - L.A. Snijders, Genesis XV. The Cov- stanti 39 esempi sono distribuiti in maniera non
enant with Abraham: OTS 12 (1958) 261-279, spec. omogenea. Si ammassano in Gen. r 5; Ier. 49; A b ­
267-271. - W. von Soden, Aramàische Worter in nA, dia; cfr. anche Ezech. 33; Ps. 37; Nehem. 9. I Pro­
nB und spB Texten: OrNS 35 (1966) 1-20: 12. —J.J. verbi hanno un solo esempio, Giobbe e i Rotoli
Stamm, Hebrdische Frauennamen (Fs. W. Baumgart- (Megillot) nessuno. Per quanto riguarda lo stile,
ner, VTS 16, Leiden 1967, 301-339, qui 327). - N.-H. prevale decisamente la prosa: soprattutto quella
Tur-Sinai, The Book of Job (Jerusalem 1957, 314). - P. dei testi giuridici, i discorsi con argomentazioni
Weimar, Untersuchungen zur priesterschriftlichen Exo-
giuridiche, i testi narrativi e parenetici. L ’uso in
dusgeschichte: FzB 9 (1973) 150-153. - M. Weinfeld,
The Period of thè Conquest and of thè Judges as Seen oracoli di benedizione (Gen. 24,60; Deut. 33,23) e
by thè Earlier and thè Later Sources: VT 17 (1967) 93­ profetici sembra essere antico. L ’uso in salmi sa­
1 13. - Id., Deuteronomy and thè Deuteronomio School pienziali, in salmi orientati in senso storico-salvi­
(Oxford 1972, 313-3x5). - J.N.M. Wijngaards, The fico, in preghiere in prosa e in strati tardi di libri
Dramatization of Salvific History in thè Deuteronomic profetici presuppone l’uso deuteronomistico. In
Schools (OTS 16, Leiden 1969, 84-90). - H.W. Wolff, una prospettiva diacronica ci sono attestazioni da­
Das Kerygma des Deuteronomistischen Geschichtswer- tabili di tutte le epoche comprese tra la storia del­
kes: ZAW 73 (1961) 171-186 = ThB 22, '1973, 308-324).
la successione al trono (2 Sam. 14,7) e l’opera sto­
- H. Zimmern, Akkadische Fremdwórter als Beweisfiir
riografica cronistica. Variazioni semantiche serio­
babylonischen Kultureinfluss (Leipzig 21917, 17).
ri indicano che il qal continuò a essere regolar­
1. La famiglia di parole che ruota attorno a jrs mente usato nella lingua viva.
fu tradotta nelle versioni antiche, nella misura del b) jrs nif. ricorre solo 3 volte nei Proverbi e 1
possibile, con termini che indicavano il passaggio volta nella storia genesiaca di Giuseppe dove sem­
ereditario della proprietà privata (ad es. i L X X : bra evidente il linguaggio sapienziale. Esso è dun­
con la famiglia attorno a xÀr|povo(j.éco che però ren­ que individuabile solo nella sfera linguistica sa­
de ugualmente -» nhl e i termini della sua fami­ pienziale. - Sarebbe sbagliato correggere tutti o
glia). È evidente da molto tempo come tale inter­ anche alcuni singoli esempi in forme di un h o f di
pretazione debba essere analizzata con occhio cri­ rws: cfr. Lohfìnk, Fs. Barthélemy.
tico. Tuttavia non c’è unanimità di vedute. c) Per jrs pi. c’è un unico esempio: Deut. 28,42
—a meno che non si debba leggere il pi. anche in
La letteratura esegetica più recente si esprime fre­ lud. 14,15.
quentemente riguardo a jrs solo in altri contesti e
d) Per jrs hif. si hanno 64 attestazioni, inclusi
anche qui spesso molto unilateralmente. L ’unico stu­
dio approfondito (Bird, purtroppo inedito) è più uti­ Num. 21,32 Q; 33,533; Ios. 8,7; 1 Sam. 2,7; esclusi
lizzabile nella sua parte comparativa che in quella Num. 14,24; lud. 1,18 ; Abd. 17 mòrisèhem. 7
dedicata all’A.T., che è incompleta perché l’autrice esempi toccano al Deuteronomio, 39 ai libri da
voleva limitarsi all’uso deuteronomico. I lessici più Giosuè a 2 Re; quindi 46 esempi toccano all’ope­
recenti sono spesso meno accurati di quelli prece­ ra storiografica deuteronomistica. Altre 11 attesta­
denti per quanto riguarda le differenziazioni, ad es. zioni continuano l’uso linguistico deuteronomisti­
K B L 2'3 e THAT. L ’articolo che segue è un tentativo co. I restanti 7 esempi sono distribuiti piuttosto
nuovo e originale che parte dall’esame delle fonti. -
a caso. A ll’ interno dell’ opera storiografica deute­
Per singole questioni di critica testuale si rimanda,
ronomistica 1 1 attestazioni sono concentrate in
una volta per tutte, al saggio di Lohfìnk, Fs. Barthé­
lemy. Ios. 13 -17 , 12 in lud. 1. Altri accumuli si trovano
in Num. 33; Deut. 9; Ios. 23; lud. 1 1 . In questi pas­
i.a) N ell’A.T. ebraico jrs qal è attestalo 161 si si trovano al contempo attestazioni di jrs qal.
volte. In questa cifra sono inclusi alcuni dei passi jrs hif. si trova solitamente nelle parti in prosa,
controversi e precisamente: Lev. 25,46; Num. 14, soprattutto nei riepiloghi narrativi o in elenchi.
24; Ios. 1 , 1 1 Irsth'y i , i 5 wjrstm; lud. 14 ,15; Am. 9, Esempi in brani poetici: Ex. 15,9; 2 Sam. 2,9; Zach.
12; Abd. 2oa cong. (risanamento di un omoiote- 9,4; Ps. 44,3; Iob 13,26; 20,15. Diacronicamente si
leuto); Prov. 30,23. N on sono compresi, invece, risale alle soglie della letteratura deuteronomica/
Num. 21,32 K; Deut. 2,31 rs\ Mich. 6,15 cong.; deuteronomistica, ma senza che si possa fissare da­
5 (ni,95 8) jdras (N. Lohfink) (111,958)6

te precise: 2 attestazioni poetiche (Ex. 15,9; / Sam. quando in primo piano sembra esserci un bene
2,7), alcuni esempi narrativi (Num . 14 ,12; 21,32; concreto. E sem pio Sam. 14,7; Gen. 15,3 s.; 2 1,10 ;
32,39; Ios. 14,12) e alcuni elenchi in Iud. 1 e Ios. Prov. 30,23; Num. 2 7 ,11. Gen. 2 1,12 contiene qua­
13 -17 possono essere considerati, con maggiore o si una definizione: «Mediante Isacco avverrà che le
minore probabilità, predeuteronomici. Nelle at­ future generazioni potranno parlare di una conti­
testazioni più tarde si manifestano ancora nuovi nuazione di Abramo». Di norma è il primo figlio
significati (Iob 13,26; Esdr. 9,12\2 Chron. 20,11), che succede giuridicamente al padre, tuttavia in
il che fa capire che jrs hif. venne usato fino alla sua mancanza ci sono soluzioni alternative (Gen.
fine nella lingua parlata. i$,y,N um . 27,8-11).
e) j'rèsà (2 volte) e mòràs (2 volte, non contan­ Negli oracoli profetici questo significato viene
do Iob 17 ,11) sembrano parole rare, arcaizzanti poi applicato metaforicamente al popolo: cfr. Hos.
oppure ricercati termini poetici, j crussa (14 volte) 9,6; Is. 54, 3;/er. 49 ,is .
e morósa (9 volte) sono invece attestate attorno Da qui dovrebbe essersi sviluppata una termino­
all’età dell’esilio come parte del linguaggio co­ logia specifica deuteronomistica (Deut. 2,12.21.
mune cui si fa ricorso parlando di problemi rela­ 22; 9,1; 11,2 3 ; 12.2-29; i8>x4; 19»1 » 3 J »3i lud.
tivi alla proprietà (Ier. 32,8; Ezech. 1 1 ,1 5 ; 33,24). 11,23.24). Qui un popolo succede a un altro nel
Questi termini devono la loro relativa frequenza dominio di un territorio sulla base del diritto del
solo al fatto che un determinato gruppo di autori vincitore. Il diritto del vincitore è fondato sulla di
ha introdotto ora l’uno ora l’altro di essi nel pro­ sposizione e sull’azione di Dio. Quest’aspetto può
prio gergo come espressione tecnica: gli autori essere espresso con un gioco di parole basato su jrs
deuteronomistici j'russà, Ezechiele e P6 móràsà. hif. (Deut. 9,1; 11,2 3 ; 18,14; Iud. 11,2 3 s-)- H terri­
torio ha una posizione più decisamente centrale
móràsà si trova anche nel salmo che fa da cornice
rispetto al bene di cui si parlava nel precedente
alla benedizione di Mosè, una sezione antica nella
sua forma originaria; tuttavia il nostro termine è pre­ gruppo di attestazioni. In Deut. 11,2 3 s- Sl una
sente in uno strato più recente di difficile colloca­ quasi definizione: «Ogni posto su cui metterete
zione diacronica (Deul. 33,4). piede vi apparterrà». Per l’uso post-deuteronomi-
f) La radice jrs e contenuta anche nel nome proprio stico cfr. Am. 9,12.
di donna j'russà (j'russà’) e nel toponimo móreset b) Tra le attestazioni di jrs qal con una cosa per
gat (gentilizio hammòrasti). È controverso e piutto­ oggetto rientrano anche i testi senza oggetto di
sto dubbio se anche le parole reset ‘rete’ e tiròs ‘vi­ Deut. 1,2 1; 2,24; Iud. 14 ,15; Ier. 8,10; Mich. 1,15 .
no’ e/o ‘ mosto’ appartengano alla nostra radice.
Ciò porta le attestazioni di questo gruppo a un
2. Solo 8 volte jrs qal non ha un complemento. totale di 133 (di cui circa 100 dt./dtr.).
25 volte l’oggetto è una persona (persone o po­ Si può tradurre quasi ovunque con «imposses­
poli), 128 volte una cosa (per lo più il possesso sarsi della cosa indicata come oggetto». Solo in
del paese o il territorio nazionale). Solo in Hos. attestazioni molto tarde si passerà a indicare l’as­
9,6 si hanno insieme come oggetto una persona e sunzione dell’eredità familiare da parte di colui
una cosa. C ’è una differenza semantica tra jrs qal che dopo la morte del padre prende la guida della
con la persona per oggetto e jrs qal con una cosa famiglia. Prima di questa fase si tratta sempre di
per oggetto. un’ «acquisizione» per la quale sono previste di­
verse modalità, tra le quali prevale l’acquisto.
Per ragioni di spazio qui possiamo esporre solo i In Iud. 14,15 jrs indica il ricevimento dei doni
risultati finali dell’analisi semantica di jrs qal. Per un dello sposo da parte degli amici della sposa o an­
saggio che prende in esame le attestazioni rilevanti
che il ricevimento dell’oggetto di una scommessa
cfr. Lohfink, BZ N.F. 25.
(tuniche e abiti da festa), in / Reg. 2 1,15 .16 .18 .19
a) Tra le attestazioni di jrs qal con una persona la presa di possesso della vigna di Nabot, il cui
per oggetto rientrano anche gli esempi privi di titolo giuridico è controverso. Probabilmente si
oggetto di Gen. 2 1,10 ,2 Sam. 14,7, Ier. 49,ia. C ro ­ compì l’atto di camminare sul perimetro della
nologicamente le attestazioni vanno dalla storia proprietà o di entrarvi (cfr. la presenza di jrd). Il
della successione al trono (2 Sam. 14,7) fino alla tipo di acquisizione più ampiamente attestato,
tarda legislazione del Pentateuco {Num. 27,11). pre-deuteronomico e indipendente dall’uso deu-
L ’elemento semantico centrale è la «successione teronomistico, è quello basato sul diritto del vin­
giuridica». citore dopo una battaglia o una guerra. Deut. 33,
L ’ambito giuridico in questione è la famiglia: il 23; Gen. 24,60 (da cui dipende Gen. 22,17) hanno
passaggio riguarda la guida della famiglia, anche per oggetto la «porta della città», che sicuramente
7 0 " , 959) jàras (N. Lohfink) (111,960) 8

indica la signoria sulla città; Ps. 83,13 «i pascoli di cupazione, jrs poteva denotare la presa di posses­
Dio»; Mich. i,6 una città; Ier. 8,10 i campi; Abac. so sulla base di un’assegnazione di terre fatta dal
i,6 «dimore»; Is. 14,21 eA bd. 19 s. i territori. Qui sovrano o di una ridistribuzione della terra in un
dunque gli oggetti variano ancora: jrs è spesso anno giubilare, di fatto paragonabile alla prima
usato come pars prò toto e quasi ovunque si può circostanza (cfr. anche Is. 34,17). In questo caso
tradurre con «conquistare». la tipica associazione deuteronomistica di jrs uma­
Le cose stanno diversamente per le attestazioni no e nln divino si è sviluppata non solo a partire
contenute negli antichi racconti di guerra (Num. da antichi racconti di guerra, ma anche in base
13,30; 14,24; 21,24; T9>47i Iud. 3,13; rientra in alla terminologia usata per il riassetto della pro­
questa tipologia Mesha K A I 181,7). Q ui si hanno prietà effettuato dal re o dalla comunità (cfr. sot­
altri verbi che precedono e seguono jrs nella suc­ to, n.6.a).
cessione narrativa, così che jrs non può essere tra­ Un significato di jrs qal con il paese per ogget­
dotto «conquistare» in senso ampio. Resta incer­ to che compare solo a partire dall’esilio è ‘posse­
to se si tratti di un atto giuridicamente rilevante dere, godere del possesso’, che con maggiore o
(cfr. la storia di Nabot) oppure ci si limiti sempli­ minore probabilità è presente in Ios. 1 , 1 5b; Is.
cemente a constatare il risultato degli eventi belli­ 3 4 ,11.17 ; 57,13; 60,21; 63,18; 65,9b; Ezech. 33,25.
ci che hanno preceduto l’acquisizione. N on s’in­ 26; 35,10; Ps. 25,13; 37,9.11.22.29.34; 69,36; 1
tende comunque la colonizzazione. Chron. 28,8. Tale significato non va però suppo­
A questi testi si collega direttamente l’uso deu- sto in quei passi deuteronomistici nei quali l’en­
teronomistico. Qui il soggetto di jrs è costante­ trata in possesso del paese sotto Giosuè o al tem­
mente l’intero Israele, al massimo un gruppo par­ po dei giudici viene fatta dipendere dalla previa
ziale di tribù, mentre l’oggetto è il territorio pro­ osservanza della legge (un’eccezione è forse Deut.
messo da Jhwh. L ’elemento di novità è costituito 16,20). Invece di ’eres per oggetto si può anche
dal «dono» del paese da parte di Jhwh (cfr. sotto, avere un suffisso femminile più o meno senza re­
n.6.a). La distribuzione del paese alle tribù e fami­ ferente (cfr. Is. 34,17; 65,9b; Ezech. 35,10; Ps. 69,
glie segue in un secondo tempo. 36). Forse questo significato di jrs + ’eres è il frut­
A questi racconti deuteronomistici della con­ to di una contaminazione dell’espressione deute­
quista si riferiscono poi frequentemente, nella let­ ronomistica con quella sapienziale skn + ’eres
teratura deuteronomistica e in quella che ne di­ (cfr. gli esempi in Ps. 37).
pende, formulazioni stereotipate e frasi fatte con In testi postesilici appaiono tracce di influenza
jrs. Da un punto di vista semantico non cambia aramaica sullo sviluppo semantico, jrs qal con una
nulla. Quando nel contesto si ricorda il giuramen­ cosa come oggetto assume il significato di ‘eredi­
to di «dare» loro il paese fatto da Jhwh ai patriar­ tare qualcosa’, entra quindi nella sfera della fami­
chi, il testo classico cui si fa riferimento è Gen. glia diventando un verbo parallelo a nhl. In que­
15,7-21. Il frequente legame con uno spostamen­ st’accezione può riferirsi anche a singoli oggetti e
to precedente (‘dia, ‘àbar, b ó ’ ) richiama alla men­ anche a schiavi; cfr. gli esempi in Lev. 2 5,46; Num.
te lo jrd che è unito a jrs nella storia di Nabot. Ci 36,8; Is. 57,13 (?); 65,93; Ps. 25,13 (?); Nehem.
si può domandare se traspaia in questo nesso la 9 ,2 5­
consapevolezza che, almeno in origine, jrs consi­ 3. Come suggerisce soprattutto Prov. 30,7-9,
stesse in un concreto atto simbolico di presa di jrs nif. sembra appartenere dal punto di vista se­
possesso direttamente sul posto (cfr. anche Deut. mantico più al gruppo lessicale di -» rws ‘essere
11,24; Ios. 1,3), ma non è possibile trarre conclu­ povero’ che a jrs qal. La cosa non suscitava alcu­
sioni sicure. na difficoltà quando non esistevano ancora teo­
In Deut. 30,5; Ier. 30,3; Esdr. 9,10 la formula­ rizzazioni del triconsonantismo con ripercussio­
zione deuteronomistica viene impiegata per indi­ ni sulla sensibilità linguistica. Ai tempi di David
care il pacifico reinsediamento sul suolo dell’an­ il gruppo lessicale incentrato su rws faceva anco­
tica patria dopo l’esilio, ma contemporaneamente ra parte del linguaggio comune. In seguito ritor­
si affaccia qui anche un uso di jrs chiaramente di­ nò, evidentemente, nell’alveo del gergo sapienzia­
verso. Tutta una serie di passi (Ezech. 36,12; Abd. le - diversamente da quelle altre parole per ‘po­
17; Lev. 20,24; 2 Reg. 17,24; Is. 61,7) sembra sug­ vero’ che più tardi divennero produttive anche in
gerire che, anche indipendentemente dall’uso che ambito teologico. Alla distribuzione di rws fa ri­
se ne fa all’interno della letteratura deuterono­ scontro la distribuzione di jrs nif. In Gen. 4 5,11
mistica per indicare il rientro pacifico in patria do­ sono soggetto del verbo, oltre che Giacobbe e la
po l’esilio e anche precedentemente a questa rioc­ sua famiglia, anche kol-àser-làk. Indubbiamente
9(111,961) jaras (N. Lohfink) (111,961) 10

quest’ultima espressione sottintende anche il be­ di un testo antico o di una formulazione abilmen­
stiame grande e minuto, come si ricava dal lungo te arcaizzante di un autore, redattore o glossatore
elenco parallelo del v. 10. N on c’è quindi affatto deuteronomistico./rs hif. significa qui ‘annientare
l’idea che gli uomini siano diventati ‘poveri5 per qualcuno così che la sua proprietà possa essere
la perdita del bestiame e di altri beni; jrs nif. espri­ rilevata', ‘eliminare qualcuno (come proprieta­
me invece l’effetto di una perdita, una diminuzio­ rio)’, un significato collegato semanticamente con
ne di sostanza, che si fa sentire su tutto il com­ jrs qal. In Ios. 14,12 (un passo comunque relati­
plesso unitario composto da uomini, bestie e altri vamente tardo) si trova un rimando formale a una
beni. A quest’accezione corrisponde in Prov. 20, precedente parola di Jhwh. Deve trattarsi di Num.
13; 30,9 il contrario «avere da mangiare a sazie­ 14,24, dove nel Samaritano, che è da preferirsi dal
tà». Quando in Prov. 23,21 si ha nel parallelismo punto di vista della critica del testo, si ha jrs qal
vestire di stracci, non si tratta di un esempio del con una cosa come oggetto. Evidentemente jrs hif.
contrario - quest’effetto può infatti valere solo venne quindi sentito come variante del qal riferen-
per gli uomini. In tutti gli esempi ricorre un nes­ tesi a persone, mentre nei racconti pre-deutero-
so con il mangiare, il bere e il dormire, dunque nomistici della conquista il qal si riferiva a cose.
con i momenti fondamentali dei processi di rige­ Il qal in riferimento a persone rientrava certo, se­
nerazione umani e con le forme della loro dege­ manticamente, nell’ambito della normale succes­
nerazione. sione all’interno della famiglia e non poteva per­
4. Deut. 28,42, l’unico esempio di jrs p i., a ciò tanto essere utilizzato in altro senso, avendo già
che il qal denota come atto unico aggiunge, se­ una sua precisa collocazione funzionale. Entran­
condo l’illuminante spiegazione di Jenni (2x2 s.), do nei particolari, in questo corpus si tratta di no­
l’elemento del regolare ritorno: gli insetti nocivi tizie o di elenchi che registrano conquiste riuscite
si impossesseranno nuovamente, anno per anno, e fallite. Jhwh non è mai il soggetto. In due casi
dei tuoi alberi e dei frutti della terra. L ’uso meta­ soltanto si tratta di Israele intero, altrimenti i sog­
forico del verbo per animali ha nel qal un riscon­ getti attivi sono Mosè, Caleb, una famiglia, una
tro in Is. 3 4 ,11. Cfr. anche Is. 14,23; Hos. 9,6. tribù. I popoli di Canaan nel loro complesso non
5.a) Dall’epoca più antica in avanti, in testi non sono mai l’oggetto, che è invece costituito da ben
toccati dalPinfluenza deuteronomistica, per jrs determinati popoli, gruppi di popolazione, re,
hif. si riscontra soprattutto il significato di ‘ren­ territori o città. Quando vengono nominati terri­
dere povero’ (sicuramente in 1 Sam. 2,7; proba­ tori o città si intendono, in realtà, la loro popo­
bilmente in Ex. 15,9; Zach. 9,4; lo b 20,15). Per lazione o i loro abitanti (cfr. Iud. 1,27 s. con Ios.
quanto riguarda il significato il hif. va accostato 17,12).
qui più a rws che a jrs. Tranne che in Ex. 15,19 il In questi passi si traduce solitamente (con la tra­
soggetto è sempre Dio. dizione targumica) ‘cacciar via’, a differenza della
tradizione dei LX X e della Vg. che preferisce ‘an­
Per un esame più approfondito di questi passi cfr. nientare’ e simili. Ora, ‘cacciare’ non significa sem­
Lohfink, BZ N.F. 25. Ciò vale per tutta l’analisi se­ plicemente allontanare con la forza altre persone da
mantica di jrs hif. Per ragioni di spazio nella parte un luogo, ma esclude anche positivamente l’annien­
che segue potranno essere presentati soltanto le con­ tamento e sottintende che chi è stato cacciato via
clusioni e i riferimenti più importanti. può continuare a vivere altrove. In questi testi non è
dato scorgere allusione alcuna a questo secondo ele­
b)N um . 14 ,12 ha ottime possibilità di essere mento. Nella rielaborazione deuteronomistica di
pre-deuteronomistico. La traduzione plausibile è: questo gruppo di testi si deve comunque tener con­
«Li colpirò con la peste e li annienterò». Perciò to del significato di ‘annientare’. Così sembra molto
già in età pre-deuteronomistica si deve tener con­ più naturale che si abbia anche nel corpus in questio­
to oltre che del significato di ‘rendere povero’ an­ ne tale significato, che grazie a Num. 14,12 appare
che di quello di ‘ annientare’ . È possibile che il se­ verosimilmente pre-deuteronomistico. Un ulteriore
condo significato si sia sviluppato dal primo, così esame degli argomenti prò e contro una simile con­
chc si resta ancora nell’ambito semantico di rws. clusione si ha in Lohfink, BZ N.F. 25.
Ios. 13 ,12 .13 ; 14 ,12; 15,14.63; 16,10; 17 ,12 .13 Nelle attestazioni di jrs hif. propriamente deu-
{bis). 18; lud. i,i9a.b.2o.2i.27.28.29.3o.3T.32.33; teronomistiche è ancora più chiaro che si tratta
forse anche Num. 21,32; 32,39 costituiscono un del significato di ‘annientare qualcuno così che se
corpus testuale relativamente omogeneo. Riguar­ ne possa rilevare la proprietà’ . Oltre a un oggetto
do alle attestazioni in questo contenute, risulta umano (generalmente i popoli di Canaan) si ha
spesso difficile nei singoli casi decidere se si tratti ancora, nella maggior parte dei casi, la determina­
1I (111,962) jaras (N. Lohfink) (111,963) 12

zione m ipp'nè N N (costantemente Israeliti): Ex. Iob 13,26 si ha comunque come base l’antico si­
34,24; Num. 32,21; 33,52. (s3)-55; Deut. 4,38; 9, gnificato di jrs qal ‘ impossessarsi di qualcosa’,
4.5; 18,12; Ios. 3,10; 13,6; 23,9: Iud. 2,21; 11,2 3. anche se in senso metaforico. Nel contesto della
24b; / Reg. 14,24; 21,26; 2 Reg. 16,3 = 2 Chron. contabilizzazione celeste Dio fa sì che Giobbe
28,3; 2 Reg. 17,8; 21,2 = 2 Chron. 33,2. Senza al­ prenda possesso dei peccati della sua giovinezza,
cuna distinzione semantica si ha altrove millifnè cioè essi gli vengono messi in conto. Esdr. 9,12
(Deut. n ,2 3;/o 5 . 23,5.1352 Chron. 20,7; Iud. n , utilizza il tardo significato di jrs qal ‘ereditare
243 ha un suffisso equivalente). Nel gruppo van­ qualcosa’: i Giudei dovrebbero poter «lasciare in
no inclusi inoltre Deut. 7,17] 9,3; /os. 8,7; Iud. 2, eredità» ai discendenti i beni del paese. 2 Chron.
23; Ps. 44,3. N on c’è alcuna attestazione sicura­ 20 ,11 opera con il medesimo significato del qal,
mente deuteronomica. Tranne poche eccezioni, riformulando però al contempo la teologia deute­
Jhwh è il soggetto dell’enunciato. A differenza ronomistica: Jhw h ha lasciato in eredità a Israele
del precedente gruppo di esempi, qui l’azione per la propria j'russà. Anche in Ecclus 15,6 si riscon­
lo più è coronata dal successo. Ci sono 17 enun­ tra la funzione causativa del h if : la Sapienza, vi­
ciati orientati verso il futuro, mentre le attesta­ sta come una madre, fa in modo che il timorato
zioni di confronto erano tutte, tranne 2 eccezio­ di Dio entri in possesso di un nome eterno (la
ni, orientate verso il passato. Si tratta evidente­ madre come capofamiglia che trasmette il patri­
mente di un’importante formulazione di diversi monio e l’onore della famiglia?).
strati deuteronomistici, secondo la quale Jhwh, in 6. j'résà, attestato solo nel quarto oracolo di Ba­
occasione della penetrazione militare di Israele laam (Num. 24,18), denota, stando al contesto, un
nel paese («davanti al volto d’Israele» -» pàneh) territorio che è passato in possesso di un’altra
privò (per la precisione sterminandoli) dei loro nazione in virtù del diritto del vincitore.
diritti di proprietà sulla terra i popoli di Canaan j'russà non ne può essere considerato semplice­
(essi possono essere elencati, definiti grandi e po­ mente una variante tarda di pari significato. N el­
tenti, venire caratterizzati mediante i loro costu­ l’episodio dell’acquisto di un campo, secondo Ier.
mi e le loro «abominazioni»). Allo sterminio del­ 32,8 il profeta non ha soltanto la g e>ullà (-» g ’I)
la popolazione precedente segue la presa di pos­ ma anche il mispat haj'russà, che significa all’in-
sesso del paese da parte di Israele, poi la suddivi­ circa un «diritto alla successione nella proprietà
sione del territorio come proprietà ereditaria. In fondiaria della famiglia». Egli deve comprare il
tale contesto, in Num. 33,53; Deut. 9,34.5; 11,2 3; campo chc gli spetta in virtù di tale diritto; co­
18,12; Ios. 23,5; Iud. 11,23.24; Ps. 44,3 s. emerge munque, a quanto si capisce, ha l’opzione sul cam­
un gioco di parole tra jrs hif. e jrs qal. Sempre po, che non può essere offerto a nessun altro ac­
parlando di conquista, il gioco di parole compare quirente prima di lui. N on si tratta quindi di
anche al qal con oggetto personale. Jhwh «an­ «ereditare» nel senso comune del termine. Dato
nienta» i popoli in occasione dell’attacco di Israe­ che g e’ullà e j'russà vengono menzionate conti­
le (jrs hif.) ma non è Jhwh, bensì Israele, a inse­ guamente non si tratta di sinonimi, ma nel caso
rirsi nell’asse ereditario dei popoli (jrs qal). In concreto Geremia possiede entrambi i titoli e i
questa visione l’ attenzione è tuttavia incentrata relativi obblighi. - In Deut. 3,20 e Ps. 61,6 j'russà
soprattutto sulla piena disponibilità del territorio. è sinonimo di nahàlà (-» nhl) e lo è forse anche in
Ios. 1,15 . Così è anche in senso teologico in 2
Che in questo tipo di discorso si pensi concreta­
mente allo sterminio e non alla cacciata risulta chia­ Chron. 2 0 ,11. Anche in Deut. 2,5.9 (bis). 12.19
ramente da Deut. 7,17 (che si riaggancia a 7,1 s. [nsl, (bis)1, Ios. 12,6.7 la rispettiva j'russà sembra esser
nkh, hrm] e prosegue con 7,20-24 ['bd, nsl, klh, vista più alla stregua di una nahàlà familiare che
smd]); Deut. 9,3-5 (smd, kn', 'bd nel parallelismo) e come una porzione tra molte altre simili. Secon­
2 Reg. 21,2.9 (jrs hif. e smd in corrispondenza anti­ do Deut. 2 ogni popolo ha ricevuto da Jhw h la
tetica nella cornice di un testo). In Num. 33,55 s. se­ propria j'russà. - j'russat p'iètà (Iud. 2 1,17 ) po­
gue l’idea del «resto» (-» jtr [jtr hif.)) che rientra pa­ trebbe essere un termine tecnico giuridico il cui
rimenti nel contesto della guerra di sterminio. Ulte­ significato preciso ormai ci sfugge. Può essere
riori argomenti in Lohfink, BZ N.F. 25.
che Abd. 17 aiuti a ritrovarlo. - Mettinger fa no­
c) Solo in 3 attestazioni tarde il hif. di jrs com­ tare che j'russà è un termine formato sullo sche­
pare nella sua regolare funzione grammaticale di ma q'tullà, molto diffuso intorno all’epoca esilica
causativo del significato del qal. In quest’uso ha e usato soprattutto per la formazione di termini
quindi anche il doppio accusativo (o accusativo giuridici astratti (n -14 ).
della cosa + l e + persona) come complemento. In móràsà è attestato nell’A.T. 9 volte: 6 volte nel
i 3 (111,964) jàras (N. Lohfink) (111,965) r4

costrutto ntn + l e + N P + móràsà; 2 volte nel co­ b) In ugaritico, dove esiste, come in ebraico, ol­
strutto analogo, ma relativo a un altro aspetto, hjh tre *wrt anche nhl, si trova un sostantivo verbale
+ l e + N P + móràsà. Il costrutto swh + l e {Deut. jrt ‘erede, successore’ (K TU 1,14,25; probabil­
33,4) dovrebbe equivalere a ntn + l e. Il termine mente come N P in K T U 4,154,6; 4.188,15 e nel
indica un territorio di cui vogliono o debbono testo in cuneiforme R§ 8,213 nella forma ia-ri-su-
impadronirsi un singolo, un gruppo o un popolo nu), che va probabilmente vocalizzato jàritu. Le
e si riallaccia quindi all’uso deuteronomistico di 2 attestazioni di forme verbali finite, ’rtm (K T U
jrs qal con oggetto della cosa. Rientra qui anche 1.2, i 19), forma G , e Jtrt (K T U 1.3, in 47), forma
Deut. 33,4; ma che non si deve, come di solito av­ Gt, si trovano in contesti enunciativi tra loro pa­
viene, considerare la legge di Mosè metaforica­ ragonabili: si tratta di lotte mitiche degli dèi. O g­
mente un «patrimonio* o una «eredità» dei figli getto del verbo sembra, in entrambi i casi, l’oro.
di Giacobbe. Si deve piuttosto fare attenzione alle Questo «oro» è forse un simbolo di dominio. Il
funzioni double-duty nel parallelismo poetico e significato migliore da supporre è ‘impadronirsi di
tradurre quindi: «Una sola legge ci ha dato Mosè, qualcosa, prendere possesso di qualcosa’. A que­
(e inoltre egli ha dato a noi,) comunità di Giacob­ sti esempi si aggiunge un N P mrtd che potrebbe
be, un paese da prendere / preso in possesso». interpretarsi (tra altre possibilità) come «eredità
Nelle due attestazioni di móràs si ha lo stesso di Adad» (K T U 4.63,1 13; cfr. P N U 160).
significato, ma è possibile anche quello di «pos­ c) L ’attestazione moabitica del verbo nella ste­
sesso ereditario». le di M esha(KAI 181,7) è vicinissima all’uso ebrai­
7. Prescindendo dall’ebraico, si trovano atte­ co del qal nelle antiche narrazioni della conqui­
stazioni della radice *wrt solo nell’ambito semiti­ sta: wjrs ‘mrj ’t k[l ’r]s m hdb* wjsb bh jm h whsj
co nord-occidentale e meridionale. Infatti l’acc. jm j bhn «e Omri si era impadronito di tutto il
jàritu ‘l’erede’ e jàritùtu ‘ l’eredità’ sono forestie­ territorio di Mahdeba e vi abitò durante i suoi
rismi aramaici (L. Oppenheim, W ZKM 44 [1937] giorni e la metà dei giorni dei suoi figli». Prima
140) e un nesso di *wrt con l’acc. rasu ‘ricevere, c’è una guerra; oggetto del verbo è un territorio;
acquistare (il possesso)’ e mursitu ‘bene (mobile), segue poi jsb ‘abitare’ .
preda’ (per primo Zimmern 17) si può ammettere d) A i contrario, l’unica attestazione fenicio-pu­
soltanto passando per una radice primitiva E ra ­ nica della radice *wrt, cioè mqnj htrsm bm jp'l ’dn
dicale *rt. - Per un approfondito studio linguisti­ (Février, Semitica 4 [19 51-52] 15 )0 m qnj htrs mb-
co comparativo cfr. Bird 32-202. mjp‘l ’dn (DISO 335 s.) sembra appartenere al
a) Nelle lingue aramaiche e semitiche meridio­ campo lessicale del dare e del ricevere in eredità.
nali il significato di tutte le forme verbali deriva­ Viceversa l’unica attestazione fenicio-punica di
bili da è limitato al trasferimento di proprie­ nhl (W.F. Albright, JA O S 67 [1947] 158) richiede
tà per via ereditaria, in tutte le sue diverse fasi e evidentemente il significato ‘prendere possesso di
nei suoi vari aspetti. In queste lingue ci sono talo­ qualcosa’ (per la problematica cfr. D ISO 176). A
ra, all’interno di tale sfera semantica, numerosi de­ causa della scarsità e difficoltà delle attestazioni si
rivati nominali denotanti i diversi soggetti, ogget­ dovrebbe andare qui molto cauti nel trarre con­
ti e atti relativi al trasferimento di proprietà per clusioni.
via ereditaria. La chiara correlazione tra il grup­ 8. La questione di un significato radicale origi­
po lessicale e la via ereditaria va in parallelo con nario di *wrt resta senza risposta. Nelle più anti­
un altro fatto: la radice nhl, che in ebraico (nono­ che attestazioni, in ebraico come in altre lingue,
stante Gerleman) denota principalmente il pas­ ci si trova davanti a una varietà di significati diffi­
saggio ereditario della proprietà fondiaria, in al­ cilmente riducibili all’unità e a un incrocio se­
cune lingue manca del tutto (ad es. in aramaico) o mantico con altre radici della base biradicale *rt.
non appartiene (ad es. in arabo) alla terminologia N on è possibile costruire uno schema genetico
della trasmissione ereditaria di una proprietà. degli sviluppi semantici; tale impossibilità è do­
vuta anche, tra l’altro, alla necessità di tener con­
Probabilmente la più antica attestazione aramaica to delle influenze secondarie incrociate e recipro­
di jrt (Sefire 1 C 24 = KAI 222 C 24) offre ancora la che delle varie lingue. Ad es., per le attestazioni
testimonianza di una situazione semantica più anti­
ebraiche tarde di jrs è evidente l’influenza del-
ca: w 'I jrt sf[s]h 'sm «possa la sua radice (= resto del­
la famiglia distrutta?) non possedere/acquistare un l’aramaico. La situazione apparentemente così
nome!». Lezione e interpretazione di questa maledi­ chiara nelle lingue aramaiche e semitiche meridio­
zione sono tuttavia condizionate da numerose in­ nali, dove le attestazioni sono più recenti rispetto
certezze. Approfondita analisi in Bird 72-77. alle altre lingue, sembra invece rappresentare una
i j (111 ,966 ) jàras (N. Lohfink) (111,966) 16

specializzazione secondaria del termine. Che que­ non semitica e al collegamento con il nome di una di­
sta specializzazione abbia poi ricondotto, attra­ vinità. Maggiori particolari in Bird 33-39 (tirós) e
verso i sentieri casuali della storia linguistica, alla 64-66 (reset).
condizione primitiva non può essere escluso, ma Indipendentemente da una teoria circa tirós si può
comunque argomentare per un originario significato
neanche provato.
base ‘calpestare’. Nei casi in cui l’enr.jrs qal signifi­
Antica e ora tornata di moda è l’ipotesi di un si­ ca ‘prendere possesso’ vi è una serie di passi che sug­
gnificato radicale «originario» ‘ereditare*. Così, da geriscono l’esistenza di un atto concreto di presa di
ultimo, Schmid 780: «Non solo perché le in verità possesso di un nuovo terreno consistente nel mette­
scarse attestazioni di questo significato nell’A.T. ap­ re i piedi su di esso, nel camminarvi sopra o attorno
partengono al novero delle più antiche, ma anche (il gesto simbolico della consegna dei sandali al nuo­
perché è partendo da esse che risulta più facile spie­ vo proprietario potrebbe essere derivato da que-
gare anche quanto si trova nelle altre lingue semiti­ st’acto). Considerazioni relative alla possibilità che
che». Nessuno dei due argomenti addotti può essere all’inizio dello sviluppo semantico ci sia stato que­
ritenuto esatto. sto gesto, giuridicamente rilevante, di mettere piede
Errata è sicuramente anche l’ipotesi, in auge negli o di calpestare si trovano in Horst, ThB 12, 210; Snij­
ultimi decenni, che jrs sia un verbo denotante in ders 268; Schwertner 171-177. Nel caso del termine
origine «l’appropriazione militare di territorio al­ ebraico -» khs, salvo alcune riserve paragonabile a jrs,
trui» (Mettinger 8), abbia rappresentato precisamen­ sembra che ci sia effettivamente un simile significato
te «un termine tecnico bellico» (Plògcr 83) o sia sta­ base. Ma per quanto riguarda jrs si deve obiettare
to «un’espressione del linguaggio bellico» contenen­ che anche in questo caso un unico fenomeno, che
te intrinsecamente «l’aspetto dell’uso della violen­ inoltre non è comprensibile con certezza ed è atte­
za» (Bachli 159). Il legame della radice con la lotta e stato relativamente tardi (la data più antica è costi­
la guerra può certamente essere seguito a ritroso fi­ tuita dall’episodio di Nabot), dovrebbe spiegare una
no ai miti di Ugarit, ma neppure in ugaritico è que­ varietà semantica già evidente in un periodo molto
sto l’unico ambito nel quale la radice sia presente. più antico. Come si spiega con tale ipotesi, ad es., che
Inoltre non si tratta lì di territori ma di oro, e in ogni a Ugarit non un terreno ma l’oro appaia come l’og­
caso non è affatto dimostrabile che l’aspetto dell’uso getto del verbo? Come si spiegano le antiche attesta­
della forza costituisca un elemento intrinseco essen­ zioni in ebraico con oggetto personale? È peraltro
ziale del significato del termine. In ebraico, nei rac­ altrettanto plausibile che un significato cui si giunse
conti che parlano di guerre di conquista i termini tec­ a un certo punto nel corso dell’evoluzione del lin­
nici del linguaggio militare precedono, mentre jrs qal guaggio, del tipo «mettere formalmente piede su un
indica in seguito più che altro solo l’aspetto giuridi­ terreno acquisito sulla base di determinati titoli», si
co dell’appropriazione del territorio nemico, una vol­ sia unito secondariamente con l’atto simbolico del
ta finita la battaglia. È in egual misura arbitrario ri­ mettere piede o camminare sulla nuova proprietà,
tenere che «conquistare» o «ereditare» riflettano il abituale in circostanze del genere. Scegliendo di usa­
significato «originario». re jrs gli autori deuteronomistici potrebbero benis­
Altre etimologie si rifanno alle parole reset e tirós, simo aver voluto alludere a tale usanza.
ritenute sostantivi derivati. Gesenius propone un si­ Tur-Sinai 314 propone accanto a jrs 1 = ‘eredita­
gnificato originario ‘impadronirsi’ (Thesaurus 11 re’, partendo da tirós, l’esistenza di una radice jrs n
632). Il termine reset ‘rete’ sarebbe allora a capiendo = ‘spremere’ indipendente dalla prima, alla quale egli
dictum (n 633). Kòhler (219 s.), che segue Haupt collegherebbe poi le attestazioni verbali col signi­
(215. 223), considerando tirós ‘ bevanda del tino’, ficato ‘cacciare’ (che egli suppone). Questa appare
>resume che il significato base di jrs sia ‘calpestare’:
{o proverebbe, a sentir lui, un w'tiras congetturato
come una teoria costruita ad hoc per Iob 20,15.

in Mich. 6,15. Per Snijdcrs (267) il significato di ‘cal­


pestare’ sarebbe presente addirittura nel T.M., pre­ il. 1 .jrs qal ha sempre soggetti umani. L ’ecce­
cisamente in Deut. 28,42; Is. 63,18 (il che è proba­ zione è ler. 49,1, dove però Milkom non appare
bilmente errato). Ai restanti significati di jrs si arri­ veramente in primo piano come soggetto agente.
verebbe passando per significati intermedi, che sono In quanto termine soprattutto giuridico, jrs qal
precisamente: per Haupt ‘opprimere’ e ‘derubare’; denota fatti profani. Evidentemente Israele non
er Snijders ‘calpestare’, che sarebbe stato l’atto sim- volle mai coinvolgere direttamente in questi even­
olico con cui si prendeva possesso di un terreno. ti il suo Dio Jhwh come diretto sostenitore. Così
Ma prima di tutte le altre obiezioni rimane la que­ jrs qal rimase, in un certo senso, un termine non
stione di fondo, se effettivamente reset c tirós possa­
teologico. Ciò vale ugualmente per i sostantivi de­
no ricondotte a *"wrt. Per reset ‘rete’, già attestato in
ugaritico come rtt, si può anche prendere in consi­ rivati, sebbene termini paragonabili come nahàlà
derazione come base la radice ugaritica rtj, parimen­ abbiano senz’altro permesso di parlare frequen­
ti attestata e facilmente associabile (cfr. l’acc. rasu). temente di una «nahàlà di Jhwh». Soltanto ai mar­
Per tirós ci sono indizi che puntano verso un’origine gini estremi dell’A.T. (2 Chron. 20 ,11) si arriva a
17 (111,967) jaras (N. Lohfink) (111,968) 18

parlare di una j'russà di Jhwh, che Jhwh avrebbe es. quando il figlio succede al padre, è cosa buona
poi lasciato in eredità a Israele. e normale. Ma si affacciano ai margini possibilità
Nel caso di jrs hif. la situazione è diversa. Qui, nelle quali il terreno si comincia a tremare perché
fin dalle attestazioni più antiche, Jhwh è spesso il non le può sopportare: quando una schiava su­
soggetto dell’enunciato. La funzione causativa del bentra nei diritti della padrona (Prov. 30,23). An­
h if , che in origine era apparentemente più orien­ cora più frequente è il caso di chi prende posses­
tata su rws che su jrs, si prestava evidentemente so ingiustamente di un bene acquisito: ciò provo­
molto più direttamente al discorso teologico. ca la reazione di Jhwh (/ Reg. 21). L ’ingiustizia
Ciò non significa comunque che il qal non si consiste qui da un lato nella mancata osservanza
trovi in contesti enunciativi teologici. A ll’interno del sistema di nahàlà vigente nell’Israele antico
di questi il qal è divenuto persino un termine chia­ (cfr. 1 Reg. 21,3.4), dall’altro nei modi delittuosi
ve; ma in tali situazioni le strutture semantiche so­ in cui avvenne l’acquisizione (cfr. v. 19). Il primo
no più complesse e Dio non appare come sogget­ torto è messo in evidenza con la narrazione, il se­
to grammaticale dell’azione espressa dal qal. condo anche con le parole. Jhwh reagisce soprat­
Il carattere fondamentalmente profano di jrs qal tutto quando gruppi o popoli sottraggono ingiu­
non va mai perso di vista quando si discute del­ stamente ad altri il loro territorio, più specifica­
l’uso teologico della forma verbale. Si tratta della mente quando il paese d’ Israele cade nelle mani
successione del capofamiglia (2 Sam. 14,7; Gen. sbagliate (cfr. Iud. 3,13; Ps. 83,13; Is. 14 ,2 1; Ezech.
15,3 s.; 2 1.10 ; Prov. 30,23), del ricevimento di do­ 1 1 ,1 $ ; 33,24-26; 35,10; 36 ,1-15). Iud. 1 1 ,1 5 - 1 7
ni (Iud. 14,15), dell’entrata in possesso di un cam­ contiene un’argomentazione sulla legittimità e l’ il­
po in virtù di un titolo giuridico dubbio (/ Reg. legittimità di un’appropriazione di territori. Jhwh
21), della ricolonizzazione di un territorio sulla può rispondere con uno jrs attuato secondo la
base di un decreto reale (2 Reg. 17,24), ma so­ legge del taglione a uno jrs illegittimo (Ier. 49,1;
prattutto della conquista del dominio e della terra cfr. anche la figura etimologica in Mich. 1,15). Il
in virtù del diritto del vincitore (nel contesto salmista di Ps. 83,13 spera nell’aiuto di Jhwh per­
originario delle attestazioni in Num. 13,30; 21,24; ché i nemici, desiderando la terra d’Israele, vo­
Ios. 19,47; I U(i- 3,13)- In tutti i passi suddetti si gliono prendere possesso addirittura dei «campi
parla di un atto umano senza considerare affatto di Dio» - e ciò non può essere giusto. La conqui­
Dio. Neanche gli oracoli di benedizione che au­ sta bellica di un territorio non è detto che sia ne­
gurano la conquista del dominio di città (Gen. 24, cessariamente in sé un’ingiustizia, almeno nei tem­
60) o di fasce di territorio (Deut. 33,23) sono an­ pi più antichi. Ma la teologia deuteronomistica
cora enunciati teologici. La speranza di potersi non sembra più tanto sicura di una visione del ge­
ora sistemare nel paese nutrita da coloro che so­ nere, dato che si sente spinta a legittimare esau­
no sfuggiti all’esilio, quale si riflette in Ezech. 33, rientemente la legalità della presa di possesso di
23 ss., anche se si richiama al patriarca Abramo sfi­ Canaan da parte di Israele (v. sotto, n.6.a). Rica­
da il destino fidando piuttosto nella propria forza. pitolando, jrs può denotare, a seconda del conte­
Persino il hif. nei suoi significati principali di sto, azioni moralmente ineccepibili o moralmente
‘rendere povero’ e ‘annientare’ può servire per­ riprovevoli. A seconda dei casi, il verbo può an­
fettamente a denotare l’azione umana (Ex. 15,9; che apparire in un diverso rapporto con l’azione
N um . 21,32; 32,39; attestazioni pre-deuteronomi- divina nella storia.
stiche di notizie sull’annientamento riuscito o 3. La competenza di Jhwh non si limita ad al­
fallito dell'avversario in Ios. e Iud. 1). cuni aspetti della realtà, ma si estende a tutti. Egli
In epoca più tarda, quando qal e h if comincia­ crea tanto il ricco quanto il povero (Prov. 22,9;
no a specializzarsi come termini del linguaggio cfr. 29,13). Una realtà di questo tipo può essere
dei processi ereditari nell’ambito della famiglia, si espressa con predicati antitetici di Jhwh (cfr.
ampliano ancor più, dopo l’evidente comparsa, Deut. 32,39; Is. 45,7; Hos. 6,1; Iob 5,9-18; Ps. 75,
nel frattempo, di un impiego teologico della radi­ 8; 147,6). In quello che è la summa di tali predica­
ce, le possibilità dell’uso profano: in questa fase ti antitetici, il cantico di Anna (1 Sam. 2,6-10),
la radice si espande al linguaggio legislativo (Lev. compare anche jrs hif. (v. 7): «Jhwh rende poveri
25,46; Num. 2 7 ,11; 36,8; Esdr. 9,12). e rende ricchi». Nel versetto precedente (v. 6) è
Non sembra che jrs n if sia mai diventato teo­ detto che Jhw h fa morire e fa vivere - un’antitesi
logicamente produttivo, rimanendo confinato nel relativa a Jhwh frequentemente attestata, che mo­
linguaggio sapienziale. stra in quale prospettiva estrema e radicale venga
2. La successione aU’interno della famiglia, ad a collocarsi l’enunciato su Jhwh che rende poveri
19(111,969) jàras (N. Lohfink) (111,970) 20

e rende ricchi. Nel contesto Jhwh è descritto co­ conto risulta palese da Num. 13,30, dove l’argo­
me giudice (v. 10; cfr. Ps. 75,8). A tale descrizione mento con cui Caleb spiega perché si potrebbe
corrisponde esattamente l’uso di jrs hif. in Num. prendere possesso del paese suona così: kt jàkòl
14 ,12 (Jhwh vuole «colpire e annientare con la pe­ nukal là «poiché siamo abbastanza forti per diven­
ste» questo popolo e rendere poi Mosè un popo­ tarne padroni». Probabilmente in origine, dette
lo); Zach. 9,4 (cfr. 1,5 a) e Iob 20,15 (cfr. ivi). Q ue­ queste parole, Caleb mosse immediatamente alla
st’originario nesso teologico che collega gli enun­ conquista del paese. J è interessato a spiegare
ciati è probabilmente presente anche sullo sfondo perché Israele dovesse restare ancora nel deserto
di molte attestazioni di jrs qal che compaiono e iniziare poi la conquista del paese entrandovi da
nelle predizioni profetiche di sventura (Ier. 8,10; est. Neanche Caleb può essere escluso da questa
49,1 s.; Ezech. 7,24; Am. 9,12; Mich. 1,15 ; Abac. via; perciò ora egli riceve un oracolo che promet­
i,6; con móràsà: Ezech. 25,4.10). Ciò è partico­ te a lui l’entrata nel territorio di Hebron e ai suoi
larmente evidente quando non altri uomini, bensì figli il possesso di quella regione (Num. 14,24). Se
erbacce, rovi o animali selvatici sono indicati co­ si considera come prossima fase della teologia del
me coloro che rileveranno la proprietà dei ricchi Pentateuco a monte dell’edizione proto-dt. di JE
possidenti che Dio ha resi poveri (Ier. 3 4 ,11.17 ; la redazione della legge pre-deuteronomistica del
Hos. 9,6; Is. 14,23 con móràs; Deut. 28,42pi.). Ta­ Deuteronomio, si deve constatare che non sem­
le nesso legittima anche lo specifico uso deutero- bra possibile assegnare con sicurezza a tale fase
nomistico di jrs h if In Iob 13,26 si ha un collega­ neanche una sola delle attestazioni di jrs qal o hif.
mento con il tema dell’annotazione celeste del de­ nel libro del Deuteronomio. Con quale eleganza
stino. si potesse parlare dell’occupazione del paese an­
4. Nelle antiche fonti del Pentateuco, anzi nella che senza utilizzare jrs si può leggere in Deut. i6 y
loro edizione a opera del redattore proto-deute- 9, nel «credo storico minore». Più tardi, al con­
ronomico,/Vs ha un ruolo teologico del tutto mar­ trario di Deut. 26,9, «articoli» del credo non riu­
ginale. In Gen. 21 (e Gen. 15) jrs qal viene a tro­ sciranno più, per l’influenza deuteronomistica, a
varsi nelle narrazioni sulla promessa di una pro­ essere formulati senza jrs (cfr. Ier. 32,23; Am. 2,
genie senza diventarvi, comunque, un termine 10; Ps. 44,3 s.; 105,44). Evidentemente jrs c dun­
centrale. L ’obiettivo della promessa è infatti il po­ que penetrato nella teologia del Pentateuco non
polo numeroso e non la successione dei singoli prima della fase deuteronomistica.
capifamiglia (Gen. 2 1,10 ; 15,3 s.). L ’inclusione
della benedizione di Gen. 24,60 nella promessa Altre osservazioni circa la mano all’opera in Gen.
del paese mediante Gen. 22,17 è probabilmente 22,17 *n Kilian 318 ss. - Per la conclusione che il te­
un’ interpretazione come minimo post-deutero- sto J in Num. 14 non è probabilmente un documen­
to scritto preesistente, bensì una formulazione ori­
nomistica. Infatti in Gen. 22,16 come condizione
ginale di J, cfr. Fritz 83 s. - Se si considerano le pa­
soddisfatta si menziona l’ubbidienza di Abramo. role di Balaam come oracoli, allora si dovrebbe in­
Anche per questo la teologia deuteronomistica cludere anche Num. 24,18 tra le promesse del paese
della promessa del paese non ha sfruttato l’espres­ delle antiche fonti: una promessa della conquista di
sione «prendere possesso della porta della città dei Seir (riferita forse a David) formulata con l’aiuto di
nemici». Se Gen. 15,7-21 è antico, si tratta del pas­ j'résà. La teologia deuteronomistica non l’ha ripre­
so nel quale jrs integra per la prima (e nei testi an­ sa. - Per l’assenza di jrs in stadi pre-deuteronomisti-
tichi unica) volta la più antica promessa del paese ci del libro dcuteronomico della legge cfr. Lohfink,
Fs. Wolff. Nel linguaggio dt. più antico bastava evi­
(la cui formula viene ancora usata fedelmente al
dentemente il verbo ntn per richiamare l’antica pro­
v. 18), stabilendovi già quel nesso con ntn chc più
messa del paese fatta ai padri. Su 21 passi del Deute­
tardi diventerà tipico. Tuttavia la datazione del ronomio chc si riferiscono al giuramento di Jhwh ai
testo è controversa. Se è di epoca recente, allora padri di dare loro il paese, soltanto 7 contengono il
jrs come termine tipico della promessa del paese verbo jrs.
manca del tutto fino alla prima rielaborazione deu­
teronomistica del complesso JE , risultando pre­ 5. Ios. 13 -17 si richiama solo sporadicamente a
sente, al massimo e in maniera del tutto margina­ una tradizione che è contenuta in un unico com­
le, in Num. 14,24 J (una promessa del paese fatta plesso in Iud. 1. Questa tradizione elenca i popo­
a Caleb). Il racconto jahvista degli esploratori di li che le singole tribù non poterono annientare
Num. 13 s. riprende una tradizione che esponeva (jrs hif.) al tempo della conquista del paese e che
i motivi per cui Caleb conquistò Hebron. Quan­ Israele non sterminò neanche più tardi, quando
to fosse profana l’ottica in cui si sviluppò il rac­ divenne potente, limitandosi invece a sottoporli a
2i (iii,97°) jaras (N. Lohfìnk) (lll,97l) Z2

un regime di lavori forzati. Tale tradizione non 6.a) jrs qal con oggetto del paese conquistato
contiene soltanto informazioni profane, in quan­ divenne un termine teologico chiave in una strut­
to sembra presupporre come sfondo della narra­ tura narrativa deuteronomistica che può essere os­
zione un divieto di alleanza e una promessa rela­ servata tra Deut. 1 e Ios. 22, e la cui origine si col­
tiva alla cacciata degli abitanti del paese (Schmitt loca probabilmente all’epoca dell’espansione po­
46-80). Se è giusta l’ipotesi di Halbe (385-389), litica di Giosia (per la relativa analisi di critica let­
che lud. 1 esisteva unito con lud. 2,1-5 gì* molto teraria cfr. Lohfink, Fs. Wolff; per altre strutture
prima del suo inserimento (molto tardo) nell’ope­ di questi testi cfr. anche Lohfink i960 e 1962).
ra storiografica deuteronomistica, questo nesso Tema dei testi è l’occupazione del paese da parte
teologico è stato reso esplicito anche là, precisa­ d’Israele. Essi furono sviluppati come cornice nar­
mente mediante il verbo grs e il frequente riferi­ rativa della legge deuteronomica oppure vennero
mento all’antico diritto di privilegio che è alla ba­ impiegati a questo fine in un secondo momento.
se di Ex. 34,10-26. Se Israele avesse sterminato gli Nel capitolo iniziale (Deut. 1) si ripete con al­
antichi abitanti del paese o se essi vivessero anco­ tre parole il racconto di Num. 13 s. JE . La pro­
ra in mezzo a esso (alPinterno dello stato davidi­ messa ai discendenti di Caleb formulata con jrs in
co organizzato territorialmente e degli organismi Num. 14,24 viene formulata in Deut. 1,36 con ntn.
che ne discesero) non era una questione indiffe­ Invece si usa jrs in Deut. 1,39, dove non si parla
rente per l’esistenza di Israele nel paese datogli di un gruppo parziale bensì di tutti gli Israeliti
dal suo Dio, in considerazione dcH’antica promes­ della generazione futura. Evidentemente qui vie­
sa della loro cacciata e del divieto di far lega con ne sviluppato un termine panisraelitico relativo al­
loro. Quella presenza poteva corrompere total­ l’occupazione del paese partendo dall’unica, mol­
mente l’esistenza di Israele (lud. 2,3). to particolaristica tradizione della promessa con­
Probabilmente già in un’ultima fase pre-deute- tenente jrs presente nelle antiche fonti, jrs è adat­
ronomistica, o altrimenti in uno stadio deutero­ to a tale operazione perche in Deut. 1 - Ios. 22 la
nomistico precoce della rielaborazione delle fonti conquista del paese dovrà essere presentata come
di Giosuè e Giudici, jrs hif. + mippenè N N con una successione di conquiste militari e jrs appar­
soggetto divino sostituì il grs della promessa della teneva alla terminologia tecnica dei racconti pro­
cacciata (Ios. 3,10; lud. 11,2 1-2 4 ; per l’assegna­ fani di conquiste. Il termine assumerà veste teo­
zione degli strati v. sopra, i.5.b). Il risultato, nel logica non solo venendo impiegato in un oracolo
quadro della sistematizzazione narrativa deutero­ rivolto a Mosè redatto sul modello di JE , ma ol­
nomistica, è un adattamento dell’idea di «caccia­ tre a ciò venendo unito al giuramento ai padri con
ta» alP«annientamento» di cui si riferisce in altre il quale Jhw h prometteva loro il paese: in occasio­
tradizioni (cfr. -» hrm, 111.3). jrs hif. si affianca agli ne dell’ordine di mettersi in marcia impartito da
altri verbi deuteronomistici per ‘ annientare’ con Dio al Horeb (Deut. 1,8) e alludendovi («Jhwh, il
Jhwh come soggetto. In lud. 11,2 1-2 4 vengono Dio dei tuoi padri») quando Mosè lo ripetè a Qa-
usati uno accanto all’altro e studiatamente uniti tra desh-Barnea (Deut. 1,2 1). A causa dell’incredu­
di loro jrs qal con oggetto del territorio conqui­ lità di Israele Jhwh ritira il proprio appoggio alla
stato, jrs hif. con oggetto della nazione stermina­ generazione dell’esodo (Deut. 1,35) e così jrs di­
ta, jrs qal con oggetto della nazione «ereditata». venta (Deut. 1,39) un termine chiave per indicare
Il fatto concreto della presa di possesso del terri­ la conquista del paese portata felicemente a termi­
torio del popolo A da parte del popolo B (jrs qal) ne dalla generazione successiva, sotto la guida di
viene legittimato così: il Dio del popolo B ha an­ Mosè (Deut. 2,24.31; 3,12) per quanto riguarda la
nientato (jrs hif.) il popolo A così che il popolo B Transgiordania e sotto quella di Giosuè per la
può diventare il successore di diritto del popolo Cisgiordania (Ios. 1 , 1 1 [bis\\ [18,3?]; 21,43). Ì r*
A (jrs qal). N on si potrà dire che qui la presa di viene ancora usato in maniera specifica quando si
possesso di territori sulla base del diritto del vin­ discute della collaborazione che le tribù transgior­
citore sia stata considerata dubbia, così da dover dane devono dare alle tribù cisgiordane per la con­
ricorrere alla risorsa di nuovi motivi di legittima­ quista del loro territorio (Deut. 3,18.20; Ios. 1 , 1 5a)
zione. Piuttosto non si fa altro che rendere teolo­ e in Ios. 12 ,1, all’inizio dell’elenco dei re sconfitti.
gicamente esplicito quanto era sempre stato con­ In questi due contesti ricorre anche il sost. j e~
cettualmente implicito nell’uso di jrs qal nelle an­ russà (Deut. 3,20; Ios. 12,6.7; in origine proba­
tiche storie della conquista. In Deut. 1 - Ios. 22 si bilmente anche Ios. i,i5 b ). In questi casi j erussà
ha invece un diverso tentativo di legittimazione non è tuttavia riferito a tutto il paese, bensì indica
proveniente da un’altra parte. il possesso di gruppi parziali di Israeliti, assegna­
23 (III,97*) jaras (N. Lohfink) (111,973) 24

to loro da Mosè (e da Giosuè). Sempre a questo te di Israele (Ios. i,i 1). Sinteticamente si può an­
proposito, in tale strato tradizionale si usa altrove che parlare semplicemente di dono in vista della
per Giosuè anche nhl hif. o hlq pi. + b'nahàlà conquista di Israele (Deut. 1,18). A ciò fa riscon­
(Deut. 1,38; 3,28; 31,7; Ios. i,6; 13,7; cfr. Lohfink tro la formulazione del dono come j erussà (Deut.
1962). Si fa dunque una distinzione terminologica 2,5.9 O/i]. 19).
tra la distribuzione del paese fatta da Mosè e quel­ Ma che cosa significa qui dire che Jhw h «dà»?
la fatta da Giosuè: il termine usato quando si trat­ Se in JE la promessa ai padri avrebbe potuto ispi­
ta di Giosuè si orienta sulla terminologia delle fon­ rarsi al modello di una donazione, qui (contro
ti rielaborate in Ios. 13-19 ; quello usato per M o­ Lohfink i960, 124-127) il modello sembra piut­
sè, invece, si orienta sul termine jrs scelto per in­ tosto un altro. Quando Jhwh, il Dio unico, «dà»
dicare il dono di tutto quanto il paese fatto da Jhwh a ciascuno di diversi popoli confinanti il suo ter­
a Israele. Anche lo stesso termine j erussà viene im­ ritorio, tale «assegnazione» va vista in analogia con
piegato a livello dei popoli e in prospettiva teolo­ l’assegnazione di terre fatta da un re. Ci sono due
gica (Deut. 2,5.9 [^w].i9 [bis]; anche 2,12 [secon­ possibilità: il conferimento è basato sul diritto di
dario]). Jhwh non diede soltanto a Israele ma an­ privilegio (assegnazione di un feudo: cfr. 1 Sam.
che a ciascuno dei suoi confinanti (popoli parenti 8,14; 22,7; 27,6) o si presuppone un sistema nel
per via dei patriarchi) il rispettivo paese come j e- quale tutto il suolo è considerato proprietà del re.
russà (la base nella tradizione potrebbe essere sta­ Allora tutte le transazioni relative a proprietà fon­
to Deut. 32,8 nhl\). In tale uso j erussa non trova diarie (sebbene di fatto si presentino come un’ope­
accesso nel successivo linguaggio deuteronomisti- razione di acquisto tra privati) dovrebbero essere
co standardizzato, nel quale nahàlà riprende in­ strutturate giuridicamente come (custodia e) nuo­
vece evidentemente la propria funzione, oppure vo «dono» del re. Questo sistema è attestato nel­
si ricorre all’uso di verbi sfruttando, come già av­ l’ambito del diritto documentato in cuneiforme e
venuto nell’aggiunta di Deut. 2,20-22, le possibi­ soprattutto anche a Ugarit. Dai nostri testi non è
lità linguistiche offerte da Iud. 11,2 3 s< Se per un possibile evincere di quale delle due possibili ana­
attimo j erussà potè apparire nel nostro strato al logie si tratti. Forse l’incertezza non è del tutto
posto di nahàlà ciò fu possibile, evidentemente, casuale, così da poter lasciare aperta la strada ad
perché qui non si trattava di caratterizzare il pae­ antiche concezioni del privilegio giuridico come
se di Israele nel suo aspetto di eredità da trasmet­ modello del rapporto tra Jhwh e Israele, ma an­
tere di generazione in generazione, ma piuttosto che a riferimenti alle concezioni orientali antiche
come territorio di cui si prese possesso legittima­ del diritto fondiario che nel frattempo si erano
mente e al contempo con la forza. diffuse anche in Giuda. In ogni caso qui si ha, ac­
L ’associazione di jrs con la promessa del paese canto all’idea «storica» e all’idea «cultuale» del
fatta ai padri si ripete dopo Deut. 1,8 in Deut. io, paese che G. von Rad ha distinto, anche una terza
1 1 , alla fine del racconto della rottura del patto e concezione: quella del «diritto regale». Per quel
del suo rinnovo al Horeb, cioè là dove la narra­ che riguarda il territorio terreno Jhwh si compor­
zione del corso degli eventi raggiunge il punto ta nei confronti dei popoli del mondo come un re
dove aveva preso le mosse Deut. 1,6-8. L ’associa­ si comporta verso i propri sudditi in merito alle
zione /«/promessa ritorna poi in Ios. 21,43 s-> terre utilizzabili. In quanto re, Jhw h è signore di
racchiudendo tutto il testo come una cornice. Nei ogni territorio. Il cambio di proprietario acquista
passi che riguardano Giosuè (Deut. 31,7; Ios. 1,6) validità legale solo in virtù del suo atto giuridico
il giuramento fatto ai padri è associato con nhl. che è detto «dono». Nel caso di Israele Jhwh si è
In questo strato è teologicamente determinante impegnato anticipatamente con un giuramento a
che lo jrs di Israele venga correlato con il ntn di compiere tale atto. Nel quadro di questa struttu­
Jhwh. Se non si dovesse avere già in Gen. 15,7 la ra giuridica l’atto di Israele indicato con jrs qal va
base della tradizione, la correlazione sarebbe al­ inteso nel senso della distinzione che, ad es., è già
lora frutto della creatività di questo strato. La tracciata nettamente nel diritto babilonese per i
forma più elementare di unione è la giustapposi­ contratti di acquisto, tra trasferimento di pro­
zione narrativa: Jhwh dà a Israele il paese, Israele prietà e presa di possesso: la conquista d’Israele
prende possesso del paese (Deut. 1,39; 3,20; Ios. rappresenta la presa di possesso del territorio «da­
1 , 1 5a; 21,43). Il dono di Jhwh può essere caratte­ to» da parte del nuovo proprietario nazionale, sus­
rizzato, ampliandolo, come dono che Dio ha giu­ seguente al trasferimento di proprietà deciso dal
rato ai padri (Deut. 1,8; 10 ,t i; Ios. 21,43) oppure re Jhwh. jrs non esprime questo preciso concetto
come dono di Dio in vista della conquista da par­ esclusivamente in virtù del valore semantico, ben­
25 (in,974) jàras (N. Lohfink) (111,974) 26

sì solo congiuntamente alla sua posizione nel siste­ A questo proposito, nell’ambito della legge deu­
ma complessivo degli enunciati. C ’è tuttavia un teronomica spesso con jrs non si fa che riattivare
aspetto che jrs precisa già solo con il proprio va­ la situazione narrativa nella coscienza dell’ascol­
lore terminologico: nel caso concreto, si tratta di tatore (jrs qal combinato con b w ’ o con fbr, so­
una determinata modalità di presa di possesso, prattutto nelle parti parenetiche di collegamento;
quella in virtù di conquista, jrs comporta tale pre­ in strati più tardi anche jrs h if e jrs qal con popo­
cisazione perché ha un ruolo fisso nel topos dei li per oggetto), oppure si richiamano alla memo­
racconti della conquista. Nel complesso, dunque, ria le ragioni di diritto teologico del possesso del
la natura di conquista militare dell’occupazione paese (jrs qal con ntn, soprattutto nelle leggi in
di Canaan da parte di Israele, alla quale il com­ senso proprio; jrs h if con jrs qal in Deut. 9,1-6;
plesso di testi in questione dà ampio e sonoro ri­ 11,2 3 ; 18 ,12 .14 ; Ios. 23,5 riprendendo la teologia
salto, viene inserita mediante jrs in un ampio con­ di Iud. 11,21-24 ). Spesso una parola che significa
testo di legittimazione teologica e giuridica. «paese» o «popolo» viene semplicemente amplia­
Sembra quindi che nella situazione redazionale ta, a fini estetici, con una frase contenente jrs. Tut­
di Deut. 1 - Ios. 22 l'antica teoria del diritto del tavia lo stereotipo jrs compare soprattutto in al­
vincitore, persino quando fu esplicata teologica­ cuni tipici enunciati che saranno caratterizzati nel
mente alla maniera di Iud. 11,2 1-2 4 , non f ° sse seguito.
più sufficiente. Ciò potrebbe valere per gli sforzi
Per i costrutti e i modelli sintattici con jrs del lin-
compiuti da Giosia nella riconquista dell’antico
uaggio deuteronomistico e le sue regolarità cfr. Loh-
territorio d’Israele. Il diritto del vincitore stava nk 1963, 81-5; Plòger 61-87; Weinfeld 1972, 341-3.
dalla parte di Assur. Assur avrebbe potuto argo­
mentare contro Giosia, come Iefte contro il re di c) La legge deuteronomica contiene in passi ini­
Ammon. Ciò che Giosia strappò ad Assur in un ziali e conclusivi clausole relative all’ambito e alla
suo momento di debolezza poteva essergli ritol­ durata della sua validità. Esse appartengono a di­
to, non appena Assur avesse ripreso le forze, col versi strati, ma coincidono nel contenuto. La leg­
medesimo argomento delle armi e del dio nazio­ ge è valida nel paese che Israele prende in posses­
nale che dietro a esse operava. Con la nuova con­ so (jrs) e resta in vigore finché Israele vi dimora:
cezione qui enunciata, la propaganda di Giosia che Deut. 4,5 (cfr. v. 14); 5,31; 6,1; 12,1 (cfr. 1 1 ,3 1 s.
spingeva per la restaurazione nazionale poteva in­ inizio dell’entrata in vigore); 3 1,13 . N on si può
vece mettere di fronte, almeno alla propria popo­ escludere che, almeno negli strati esilici, dietro a
lazione, una struttura giuridica più ampia all’inter­ tali clausole si celino dibattiti su se e fino a che
no della quale l’uso bellico della forza rappresen­ punto la legge resti vincolante per i deportati in
tava solo la via della (prima o rinnovata) presa di altri paesi.
possesso di un territorio che apparteneva a Israe­ Oltre al problema della validità della legge nel
le già prima, a causa del trasferimento di proprie­ suo complesso, si pone anche quello della validità
tà regale e divino. Nello stesso tempo, sempre gra­ delle singole norme in essa contenute. C i sono leg­
zie alla medesima struttura giuridica, anche i po­ gi che solo a partire da un determinato momento
poli confinanti a oriente con Israele non avrebbe­ storico diventano impellenti o prescrivono atti ec­
ro avuto niente da temere dalla sua rinascita. cezionali. Quest’aspetto viene per lo più chiarito
Materiale comparativo orientale antico relativo al nelle «introduzioni storicizzanti alla legge», dove
«dono» regale di proprietà fondiarie è raccolto in si menzionano spesso anche la presa di possesso
Schwertner 165-169. In Num. 27,8-11 la «comuni­ del paese e l’annientamento della popolazione pri­
tà» d’Israele esercita in forma «democratica» questo mitiva o la sostituzione di questa come punto di
diritto regale; nel racconto vengono usati i verbi ntn partenza del corso della storia. In alcuni casi que­
e ’br hif. sti testi non sono «leggi» in senso stretto, ben­
b) Nella legge deuteronomica inserita in Deut. sì anticipazioni dell’opera storiografica alle quali
1 - Ios. 22 e nei più vari strati e rielaborazioni corrispondono poi, nel seguito dell’opera, testi
dell’intera opera storiografica deuteronomistica che narrano ciò che è staio compiuto o quel che
jrs h if e jrs qal (con oggetto del paese o dei popo­ non lo è stato. Qui jrs risulta quindi utile a sotto­
li del paese) diventano, basandosi sui testi fin qui lineare l’appropriata accentuazione teologica e
trattati, un elemento costitutivo del linguaggio ste­ storica. Le introduzioni storicizzanti alla legge si
reotipato deuteronomistico. Questo linguaggio trovavano già nell’edizione rielaborata da mano
eserciterà poi la sua influenza su Geremia e su proto-deuteronomica di J E che il Deuteronomi-
gran parte di tutta la letteratura postesilica. sta aveva a disposizione, e in essa potevano essere
*7 (iii,975) jaras (N. Lohfink) (111,976) 28

formulate tanto partendo dal paese (Ex. 13 ,5 .11) «maestosa dossologia del castigo» mediante l’opera
quanto dagli abitanti del paese (Ex. 23,3 ib, cfr. storiografica deuteronomistica. Per più ampi com­
23,23). Vi mancavano tuttavia jrs qal o jrs hif. menti al riguardo cfr. Lohfink, Fs. Wolff. Nei passi
(così è ancora in Deut. 6,10, da cui dipende Deut. citati dei libri dei Re ricorre jrs hif. con Jhwh per
soggetto. Probabilmente con la redazione finale di
8,7; inoltre Deut. 27,2.4). Solo a questo punto
tutte le leggi riguardanti gli uffici va associato a que­
entrano in strati deuteronomistici formulazioni sto strato anche Deut. 17,14 (cfr. Lohfink 1971). I
stereotipate con jrs nel contesto. In questa fase jrs passi nel Deuteronomio devono essere stati formu­
hif. sostituisce il grs di Ex. 23,31. Così avviene in lati tenendo volutamente conto della rielaborazione
Deut. 7,1 (ripreso in 7,17), dove viene regolato il dei libri dei Re, perciò condividendo decisamente il
comportamento da tenere verso gli abitanti del kerygma di questa edizione dell’opera storiografica
paese durante e dopo la conquista del paese (ver­ deuteronomistica che risale probabilmente all’inizio
sione ampliata e commentata di Ex. 23,20-33). dell'epoca esilica. Secondo Deut. 26,2 l'offerta delle
primizie dovrà avvenire al luogo scelto da Jhwh, dun­
Poi in Deut. 11,29 (prescrizione di benedizioni e
que probabilmente presso un tempio centrale. Que-
maledizioni da pronunciarsi nel momento imme­ st’obbligo viene fissato (naturalmente senza fare no­
diatamente successivo alla conquista del paese; mi, ma con un’eloquente parafrasi che non lascia adi­
cfr. Deut. 27; los. 8,30-35); in Deut. 12,29 (divie­ to a dubbi) solo a partire dall’età davidico-salomo-
to di continuare le usanze religiose degli abitanti nica, in una introduzione storicizzante alla legge che
del paese; cfr. la relativa legge di Deut. 12,2 s. non usa jrs (Deut. 12,10). Deut. 26,1 evita una tale
formulata ugualmente con jrs, ma senza una for­ precisazione e parla solo dell’insediamento nel paese
male introduzione storicizzante, e le attestazioni come inizio dell’obbligo di osservare la legge. Evi­
di jrs hif. contenute in / Reg. 14,24; 21,26; 2 Reg. dentemente si accetta l’incertezza che ne consegue, a
meno che le introduzioni alla legge che si trovano in
16,3; 17,8; 21,2 le quali appartengono a uno strato
Deut. 25,19 e 26,1 non debbano integrarsi reciproca­
della rielaborazione esilica delPopera storiografi­ mente in una sorta di parallelismo, data la loro strut­
ca deuteronomistica; in tutti quei passi si narrano tura decisamente parallela e la loro contiguità. Infat­
azioni contrarie alle leggi di Deut. 12, che nel com­ ti Deut. 25,19 si riferisce al tempo in cuijhwh ha dato
plesso dello strato vengono considerate la vera a Israele tregua da tutti i nemici circostanti, una si­
causa dell’esilio); in Deut. 17,14 (nomina di un re: tuazione che può essere interpretata come un’allu­
cfr. 1 Sam. 8-12); in Deut. 18 ,12.14 (qui in enun­ sione all’età dei primi re (cfr. 2 Sam. 7 ,1.11; los. 23,1
ciati che completano successivamente il contenu­ è di mano probabilmente più tarda). - Ai testi qui
to dell’introduzione storicizzante di Deut. i8,9a: trattati va affiancata anche l’aggiunta di Ex. 34,243
(cfr. Halbe 161-170).
abbandono del sacrificio di bambini [2 Reg. 16,3;
17,17 ; 21,6; 23,10], abbandono della mantica paga­ d) Il Deuteronomio assicura che l’osservanza
na [2 Reg. 17 ,17 ; 21,6], ascolto dei profeti di Jhwh della legge sarà benedetta, e comunemente si pre­
[2 Reg. 17 ,13 s.], tutto ciò nello strato di rielabo­ suppone che l’osservanza della legge e la benedi­
razione esilica dell’opera storiografica deuterono­ zione abbiano la loro collocazione nel paese
mistica menzionata a proposito di Deut. 12,29); d’ Israele. Talvolta questo viene affermato esplici­
in Deut. 19,1 s. (istituzione delle città di rifugio; tamente. Inoltre il paese viene definito più volte
cfr. Ios. 20); in Deut. 25,19 (sterminio di Amalek; «il paese di cui andrete a prendere possesso con­
cfr. 1 Sam. 15). Solo Deut. 26,1 introduce una leg­ quistandolo» (Deut. 4,26; 5,33; 15,4; 23,21; 30,16;
ge che - almeno nell’interpretazione comune - 32,47). jrs è dunque funzionale alla definizione del
non deve essere osservata in un determinato mo­ contenuto concreto della benedizione. In Deut.
mento storico, ma ogni anno a partire dal momen­ 5,33; 32,47 la benedizione consiste proprio in una
to in cui Israele dimora nel paese: la legge sul­ lunga vita vissuta nel paese. A ciò fanno riscontro
l’offerta delle primizie. le maledizioni di Deut. 28,61.63; 30,18 che preve­
dono per il caso di inosservanza della legge la cac­
Per il genere letterario e la storia dei modelli let­ ciata dal paese di cui una volta si era preso pos­
terari delle introduzioni storicizzanti alle leggi cfr. sesso. In ogni caso si ha la successione j r s - osser­
Lohfink 1963, 113 s.; Seitz 95-101. - Le introduzio­ vanza/inosservanza della legge —benedizione/ma­
ni storicizzanti appartengono a diversi strati deute­ ledizione.
ronomistici. Importante sembra il nesso di Deut. 12,
La struttura degli enunciati è del tutto diversa
2 s.29-31; 18,9-22 con lo strato di rielaborazione pre­
sente nei libri dei Re di cui si è parlato a proposito quando il contenuto della benedizione è diretta­
di Deut. 12,29. Secondo una formulazione di G. von mente l’entrata nel paese la sua presa di possesso,
Rad, scopo di tale rielaborazione era evidentemen­ quando, dunque, questi due momenti dipendono
te rendere comprensibile l’esilio nel quadro di una dalla precedente ubbidienza alla legge. La finzio­
19 (in,977) jàras (N. Lohfink) (111,978) 30

ne storica della proclamazione della legge imme­ legge, una volta che Jhwh l’avrà condotto nuova­
diatamente prima della conquista del paese, anzi mente nel paese e in esso sarà divenuto ricco Israe­
addirittura nel pieno svolgimento degli eventi a le non dovrà attribuire ai propri meriti quanto
essa legati, viene portata in questo modo veramen­ avrà raggiunto e dimenticare allora che nonostan­
te ad absurdum. Eppure questa struttura logica si te la precedente propria fedeltà alla legge la bene­
trova, sempre utilizzando proprio jrs, in Deut. dizione era venuta unicamente per opera di Jhwh.
17-19 ; 8,1; 11,8.22-25; forse anche in 16,20. Ios. In una seconda fase viene addirittura messo in
23,12 s. minaccia in caso di connubio con i popoli questione che esista un qualsiasi nesso causale tra
non sterminati chc anche Jhwh non li annienterà il ritorno nel paese e un precedente merito legato
più; Iud. 2,20-3,6 presenta poi la relativa decisio­ all’osservanza della legge, una «giustizia d’Israe­
ne definitiva di Dio e le notizie che ne riguardano le» (Deut. 9,4.5.6). Una simile giustizia non esiste
il compimento. Tutti i testi, a eccezione di Deut. affatto, perché Israele si «oppone» fondamental­
8,1 e 16,20, dovrebbero appartenere a quello stra­ mente e sempre a Jhwh (Deut. 9,7.23.24). Anche
to della rielaborazione deuteronomistica di G io ­ quest’aspetto è detto in cifra, col riferimento re­
suè e Giudici che Smend 1971 ha enucleato e de­ trospettivo all’epoca del deserto e alla situazione
finito DtrN . In tale strato jrs è presente altrove di Moab, precisamente in Deut. 9,1-8 che viene
ancora in Ios. 13,1.6; 23,5 (bis).9; Iud. 2,6. Cfr. posto, come chiave interpretativa, prima del rac­
anche Lohfink, Fs. Wolff. Un ulteriore enunciato conto della violazione del patto compiuta da Israe­
che va considerato tra i precedenti, anche se non le al Horeb, un racconto che appartiene probabil­
contiene jrs, si trova nel medesimo strato in Ios. mente al più antico strato dell’opera storiografica
1,7 s. Lo strato non sembra estendersi - nono­ deuteronomistica. In Deut. 9,22-24 la medesima
stante quanto sostengono autori più recenti - ol­ mano aggiunge nel bel mezzo della narrazione
tre Ìl libro dei Giudici. Si tratta di uno strato «no­ della rottura del patto altre prove della ribellione
mistico» in senso strettamente paolino, giacché il di Israele. Deut. 9,1-8 allude a 6 ,17-19 D trN (9,4
vero dono salvifico di Jhwh in esso sembra che hdp, cfr. 6,19; 9,5 jóser, cfr. 6,18) e opera con jrs
dipenda dalla precedente fedeltà alla legge. Que­ qal e jrs hif. come termini guida (9 ,1.34 [bis].5
sta teologia non compare più nei libri dei Re nc [bis].6). Così proprio il topos dello sterminio dei
vi ha più alcuno spazio - se il dono della salvezza popoli di Canaan e della presa di possesso del
è l’introduzione nel paese. Il Sitz im Leben più paese promesso ai padri (9,5) serve a sviluppare il
probabile sembra che sia la situazione verso la fi­ primo stadio veterotestamentario della teologia
ne dell’esilio, quando un redattore avrebbe impie­ paolina della «giustizia» di Dio, davanti alla quale
gato la situazione di Moab per parlare di una nuo­ non esiste alcuna «giustizia propria» (sedàqà, ->
va fedeltà alla legge e di una nuova presa di pos­ sdq) degli uomini.
sesso del paese, resa possibile da essa. Tale con­ La sconfessione del nomismo da parte di D trN
creto nesso storico smusserebbe addirittura il ta­ in quello strato di rielaborazione che è forse il
glio «nomistico» del kerygma, trasformandolo più tardo, ma appartiene comunque alla fine del­
piuttosto in una parenesi. Per un’opinione del tut­ l’esilio e al quale vanno assegnati Deut. 4,1-40 e
to diversa riguardo a tutto l’impianto del testo cfr. 30 ,1-10, non avviene tanto teologicamente quan­
Weinfeld 1967; 1972. to piuttosto concretamente in riferimento al ri­
Le attestazioni di jrs in Deut. 8,1 e 9,1-6 do­ torno dall’esilio. In Deut. 4,1 Mosè non si limita
vrebbero appartenere a uno strato della rielabo­ a promettere l’invasione e la presa di possesso del
razione deuteronomistica ancora più tardo, che si paese come facevano i più antichi strati deutero­
distacca criticamente dalla tesi centrale di DtrN. nomistici, ma pone prima di tutto come condi­
In Deut. 8,1 questa tesi viene dapprima ripresa zione non già, di nuovo, l’osservanza della legge
(con jrs) in forma di parenesi, nella quale era evi­ come D trN , ma soltanto l’ ascolto, il venire a co­
dentemente di facile ricezione. N eIl’«argomenta- noscenza della volontà di Dio. Ciò corrisponde a
zione» di Deut. 8,2-6 viene addirittura sottoli­ Deut. 4,30, dove si prospetta per gli esiliati la pos­
neata la necessità dell’osservanza della legge allu­ sibilità della conversione e dell’ascolto della voce
dendo, con il ricordo della permanenza di Israele di Jhwh. Allora Jhwh non dimenticherà il patto
nel deserto, all’esilio e alla possibilità, anche lì, stretto con i padri. In Deut. 4 non si dice niente
apprendere. Ma subito dopo segue, come primo di più di questo, ma in Deut. 30 ,1-10 sì. Qui fin
rilievo critico nel commento redatto a imitazione dall’inizio si ha presente la situazione dell’ esilio.
di Deut. 6,10-16, un avvertimento: poiché prima Tanto la benedizione quanto la maledizione della
si è data tanta importanza all’osservanza della legge si sono avverate. Israele si trova in esilio, ma
3i ( iii,978) jaras (N. Lohfink) (HI>979) 32

può ravvedersi e dare ascolto alla voce di Jhwh di uomini e animali (ler. 31,27 s.) e la fondazione
k 'k ó l ’àser-’anóki m esawwckà hajjóm (v. 2). La di un nuovo patto che renderà possibile, da allora
formulazione è qui volutamente vaga, perché se­ in poi, osservare la legge di Jhwh in un modo nuo­
condo la visione del Deuteronomio la legge non e vo, partendo dall’interiorità (Ier. 31,31-343).
vincolante fuori del paese. Jhwh radunerà quindi
Per Ier. 30-31 cfr. Bòhmcr (v. bibl.). Lutero e la
Israele da tutti i popoli, lo riporterà nel paese del traduzione interconfessionale tedesca (Deutsche Ein-
quale la generazione di Mosè e quella di Giosuè heitsiibersetzung) hanno riferito wirèsùhà a 'àhótàm
hanno preso una volta possesso (jrs); Israele ne come soggetto, considerandolo una frase finale intro­
riprenderà possesso (jrs) e avrà una fortuna anco­ dotta da waw. Per quanto riguarda il contenuto que­
ra maggiore di quella antica (v. 5). Qui, nel paese sta lettura comporta ciò che il linguaggio deutero­
di cui Israele ha ripreso possesso, Jhwh circonci­ nomistico standard esprime sì frequentemente ma in
derà i cuori così che l’amore per Dio sarà possi­ modo più elegante, con un costrutto con l’infinito.
bile in una maniera nuova. Dopo la trasformazio­ Si perde così il punto centrale, cioè che finito l’esilio
non solo si concluderà un nuovo patto, ma prima si
ne Israele potrà quindi osservare tutta quanta la
avrà una nuova presa di possesso del paese.
legge (v. 8, ribadito poi al v. io). Allora la terra
sarà fertile (antico contenuto della benedizione). 8. Analogamente in Ezech. 36,12 c’è un annun­
Qui si è davanti a una teologia simile a quella del­ cio (formulato con jrs) della presa di possesso del
le promesse di salvezza delle redazioni dei libri di paese dopo l ’esilio, annuncio che precede un pas­
Geremia ed Ezechiele: radunamento, riconduzio­ so sul nuovo cuore e il nuovo spirito che rendo­
ne in patria, poi un nuovo cuore, un nuovo patto no possibile vivere secondo la legge (Ezech. 36,
ecc., e in seguito a tutto ciò una nuova possibilità 16-32). Tuttavia la parte del versetto con jrs po­
di vivere secondo la legge di Jhwh. È possibile trebbe appartenere a un’interpretazione successi­
che ci sia una correlazione tra questo strato del va, che impiega un vocabolo insolito in Ezechiele
Deuteronomio e la prosa «deuteronomistica» di nel contesto del ritorno in patria dall’esilio.
Geremia. Come nella concezione deuteronomisti­ Più importante in Ezechiele è l’uso di jrs e mó­
ca originaria, dunque, la presa di possesso del pae­ ràsà nel contesto della questione di a chi apparten­
se è il presupposto dell’osservanza della legge e ga ora, agli occhi di Jhwh, il paese spopolato dalla
non viceversa. Tuttavia questa concezione non è deportazione. Tale problema si presenta, cronolo­
più sufficiente come definizione dell’opera salvi­ gicamente, in tre se non in quattro fasi. Ogni vol­
fica di Jhwh: a essa si deve aggiungere la trasfor­ ta la formulazione di un preteso diritto al paese
mazione dei cuori, che è opera esclusiva di Jhwh. avanzato da un gruppo di persone costituisce il
Inoltre non si ha né rientro in patria né presa di punto di partenza dell’oracolo profetico. Dopo la
possesso se non sono preceduti dal ravvedimento prima deportazione del 598/597 a.C. coloro che
e dall’ascolto della voce di Jhwh. abitano ancora in Gerusalemme pretendono per
sé il paese (lànù... nittenà h à ’àres l emóràsà). 1 de­
Per lo strato in Deut. 8,1-9.22-24 cfr. Lohfink
1963,189-206. Il concetto della giustizia in virtù del­ portati sarebbero infatti lontani da Jhwh (Ezech.
l’osservanza della legge si riallaccia a Deut. 6,25. Lo 11,15 ) . Ezechiele contesta la motivazione: Jhwh
spostamento dell’idea di patto dal Horeb ai patriar­ non è lontano dai deportati. Poi promette proprio
chi, tipico di questo strato (Deut. 8,18; 9,5; cfr. 7,8. agli esiliati il ritorno in patria, un nuovo cuore e
12), fa pensare a contatti con l’ambiente spirituale di un nuovo spirito. La promessa del ritorno in pa­
P. - Per lo strato in De ut. 4,1 -40; 30,1 -10 e i suoi rap­ tria (Ezech. 1 1 ,1 7 s-) potrebbe tuttavia essere an-
porti con Geremia cfr. Wolff 1961,180-183. Su Deut. ch’essa un’interpretazione a posteriori. Tuttavia
4,1-40 come unità (contro Mittmann e altri) cfr. la pretesa di possedere tutto il paese, avanzata da
Braulik, Bibl 59; per jrs in Deut. 4,1-40 cfr. Braulik,
AnBibl 68, 83 s. e 92-95.
coloro che erano stati risparmiati dalla deporta­
zione, viene comunque respinta. Dopo la distru­
7. Nel Geremia «deuteronomistico» la parte che zione di Gerusalemme nel 586 a.C. coloro che vi­
più è vicina a Deut. 3 0 ,1-10 è la cornice «deutero­ vono ancora tra le rovine del paese d’Israele avan­
nomistica» di ler. 30-31. Il perdono di Jhw h (Ier. zano per sé la medesima pretesa, basandosi su un
31,34) è il fondamento dell’opera salvifica di Jhwh paragone con Abramo. Per la prima volta s’in­
dopo l’esilio. Il primo atto consiste nel riportare contra nell’A.T. l’affermazione che Abramo ab­
Israele e Giuda (dunque i discendenti dei due re­ bia preso lui stesso il paese in possesso (afferma­
gni) nel paese che Dio aveva dato (ntn) ai padri e zione che suona simile in Gen. 1 5,7 s. viene inter­
nella loro nuova presa di possesso (jrs, Ier. 30,3) pretata in 15,18 con riferimento alla discendenza
del paese stesso. Lì segue poi la moltiplicazione di Abramo). Essi dicono: «Abramo era uno solo,
33 (ni, 980 ) jàras (N. Lohfink) (111,981) 34

eppure egli prese possesso del paese (wajjìras); ma conto, vari vocaboli di diverse tradizioni: costan­
noi siamo molti - così il paese ci viene dato giusta­ temente ntn dalle antiche fonti (Gen. 17,8; 28,4;
mente in possesso (lànu nittenà haàres l emórd- 32,12; 48,4; Ex. 6,4.8; Num. 13 ,1; 20,12; Deut. 32,
sà)» (Ezech. 33,24). L ' argumentum a fortiori tra­ 49.52); poi ’àhuzzà (Gen. 17,8; 48,4; Deut. 32,49)
sforma l’affermazione su Abramo nel suo contra­ e nahàla (Num. 34,2.14.15; Ios. 14,2; cfr. Num.
rio. Infatti l’affermazione vuole dire che Abramo 34,13; Ios. 14 ,1; 19,51). La radice kbs, che viene
non avrebbe preso il paese con le proprie forze, usata in Ios. 18,1 in un passo conclusivo di spic­
ma l’avrebbe ricevuto da Jhwh - dato che era uno co, fa capire che l’occupazione del paese da parte
solo. Ma qui gli abitanti delle rovine si vantano di Israele è il compimento della benedizione della
del proprio numero e quindi della propria forza. creazione che fu data a tutti i popoli dell’umanità:
La risposta del profeta mette a nudo proprio que­ kbs si trova anche in Gen. 1,28. La salvezza è dun­
st’aspetto, e così distrugge qualsiasi pretesa di que la creazione riuscita (cfr. Lohfink, Schòpfer-
uno jrs: l’idolatria c l’omicidio tolgono il diritto gott, 1978, 27-31). Entro tale sistema di enunciati,
al paese, jrs dovrebbe essere tradotto qui ‘godere vario eppure unitario, jrs si trova ora, facendo ri­
del possesso’. Qui si pensa alle maledizioni della cordare il linguaggio deuteronomistico, in Gen.
legge per coloro che sono nel paese e non osserva­ 28,4 mentre in Ex. 6,8 si ha mórdsà che si riallac­
no la legge. Perciò subito dopo si predice (Ezech. cia probabilmente soprattutto a Ezech. 36 (il pae­
33,27-29) che gli abitanti delle rovine moriranno se visto come una «divoratrice di uomini», Num.
e che il paese diventerà un deserto desolato. In 13,32), un capitolo che sta sullo sfondo anche di
una fase ulteriore si presuppone che ciò sia vera­ Num. 13 s. P8 (cfr. Weimar 150-152). Probabil­
mente avvenuto. Adesso sono altri popoli - Edom mente questa radice, che almeno nell’ambito deu­
teronomistico ricorre in contesti bellici, a ragion
(Ezech. 3 J , 10. t 2) e il resto dei popoli circonvicini
insieme con Edom (Ezech. 36,2.5) - che preten­ veduta più tardi non è stata più impiegata per i
dono i «monti d’Israele» come loro possesso. E s­ racconti della conquista perché sembra che P8 ab­
si fanno ciò «sebbene Jhwh sia stato là» (Ezech. bia eliminato dalla sua presentazione della conqui­
35,10). Perciò Jhw h decreta che ora il paese di sta del paese ogni aspetto militare (cfr. Lohfink,
Edom divenga un deserto, mentre le brulle mon­ VTS 29,19 9 n. 30).
tagne d’Israele ritorneranno a essere popolate e In una fase decisiva della redazione (cfr. da ul­
fertili con il ritorno in patria d’Israele (Ezech. 35, timo Cholewinski 60-63. I 36)> H usa il verbo jrs
1-36,13). Jhwh appare qui, come nello strato deu­ riferito alla presa di possesso del paese nell’impor­
teronomistico di Deut. 1 - Ios. 22, come il re divi­ tante inciso parenetico di Lev. 20,22-26, la finzio­
no che governa i popoli, che «dà» a tutti i popoli ne narrativa che vien dopo quella successiva agli
il loro rispettivo territorio. L ’ordine di ripartizio­avvenimenti del Sinai. Il contesto esclude chiara­
ne dei territori dati loro in possesso tra Israele e i mente qualsiasi carattere bellico. L ’azione di Jhwh
suoi confinanti orientali, qui descritto, non è re­ non è indicata (nonostante l’allettante gioco di
vocato. Tuttavia sono possibili la cacciata e il ri­ parole con jrs qal) con uno jrs hif. o un altro ver­
torno della popolazione, come pure la devastazio­ bo denotante strage e violenza, bensì con slh pi. +
ne e la ricostruzione del paese. Tutto dipende dal­ mippenè N N (Lev. 20,23; cfr. 18,24 e l’ immagine
la disposizione regale di Jhwh. Si respinge l’idea del paese che vomita i suoi abitanti: 18,25.28; 20,
mitica di determinati territori che «divorano uo­ 22). In Lev. 20,24 Jhw h richiama la sua preceden­
mini» di propria iniziativa (Ezech. 36,13-15). te promessa fatta agli Israeliti, che avrebbe dato
loro il paese così che essi ne avrebbero potuto
Per Ezech. 11,17 ss. c 36,12 come possibili inter­ prendere possesso. Se questo strato di H rientra
pretazioni a posteriori cfr. Zimmerli, BK xm. Per
nel contesto letterario di P8, l’allusione riguarda
Ezech. 35,10 cfr. anche Ps. 83,13, dove nel contesto
si tratta ugualmente di Edom e di altri popoli vicini. Gen. 28,4; in caso contrario il richiamo si riferi­
sce genericamente alla letteratura deuteronomisti­
9. P8 è molto interessato al tema «paese» e «con­ ca. La definizione retorica di «paese in cui scorre
quista del paese», per quanto lo si possa conside­ latte e miele» appare qui per la prima volta nel-
rare concluso con la morte di Mosè (così giusta­ l’A.T. direttamente unita allo stereotipo con jrs (il
mente Elliger e Cortese contro Noth, UPt); lo sa­ passo più vicino sotto tale rispetto sarebbe Deut.
rebbe più che mai se il documento continuava fi­ 11,8-10). La preoccupazione di tutto quanto il te­
no a raccontare anche l’entrata nel paese (così da sto - totalmente conforme alla situazione della pri­
ultimo Lohfink, VTS 29, 198). Sembra quindi che ma età postesilica - è che il popolo tornato a di­
riprenda volutamente, per questa parte del rac­ morare nel paese potrebbe ancora una volta esser­
35 (iii»982) jàras (N. Lohfink) (m . 983 ) 36

ne vomitato fuori, se non si considera «separato» mano di Abdia, si dice pensando a Gerusalemme
(-» bdl), «santo» (-» qds) nel suo comportamento che la casa di Giacobbe (= i deportati) riprenderà
verso gli altri popoli. Israele ha infatti ricevuto il il possesso dei suoi terreni. Tuttavia un’interpre­
paese solo perché Jhwh provava ribrezzo per la tazione successiva in due fasi specifica tale affer­
condotta del popolo (si noti il singolare) che abi­ mazione, ripetendo più volte il termine chiave jrs,
tava il paese. Si indica dunque una ragione per la una prima volta nel senso che Giuda si impadro­
quale Jhwh rese possibile a Israele il suo jrs (cfr. nirà dei monti di Esaù, del territorio dei Filistei,
Deut. 9,5: b cris'at haggòjim h à’élleb-, inoltre di Efraim-Samaria e di Galaad (v. 19), e subito do­
Gen. 15,16) e la si colloca saldamente all’interno po nel senso che i deportati del regno del nord
della correlazione «osservanza della legge - pos­ avrebbero preso possesso della regione fenicia fi­
sesso del paese». no a Sarepta e i deportati di Gerusalemme a Sefa
A differenza di P8 e H, in due passi della riela­ rad (= Sardi, in Asia Minore) si sarebbero impa­
borazione postsacerdotale del Pentateuco jrs hif. droniti delle città del Negev (v. 20). Qui si deve
e l'annientamento violento della popolazione del piuttosto immaginare che guarda al regno unito
paese ritornano in primo piano. In questa fase degli inizi, come dice chiaramente la conclusione
non è più Jhwh il soggetto di jrs hif. + mippenè di Amos (Am. 9,12), che nella migliore delle ipo­
N N , bensì Israele o persino il singolo guerriero tesi non risale a prima dell’esilio. Jhwh riedifica la
israelita. Così avviene nell’ampliamento, coinvol­ capanna crollata di David e rimette tutto a posto
gente tutti i passi paralleli, dell’antica narrazione come in antico, cioè come ai giorni di David. A l­
delle fonti sulle trattative delle tribù transgiorda­ lora gli Israeliti si inseriranno (jrs con oggetto del­
ne con Mosè in Num. 32 (in particolare 32,21) do­ la persona) nell’asse ereditario degli scampati al
ve, del resto, il tradizionale gioco di parole con castigo in Edom (cfr. Am. 1 ,1 1 s.) e di tutti gli al­
jrs qal (+ il paese per oggetto) manca perché ora tri popoli sui quali (alla fondazione del regno da­
jrs qal è sostituito dal verbo kbs introdotto da PR vidico) fu invocato il nome di Jhwh.
(Num. 32,22.29; cfr. Deut. 3,20 e Ios. i , i j a , due Per la traduzione di Abd. 19 s. cfr. Rudolph (KAT
testi presenti al redattore); inoltre questo accade xin/2); per la datazione di entrambi i testi cfr. Wolff
anche nell'ordine di conquistare il paese (Num. (BK xiv/3). L ’ultimo sostenitore di Amos come au­
33,50-55), che riprende l’antica tradizione del di­ tore di Am. 9,12 è Rudolph. Ribadendo il suo argo­
ritto di privilegio di Ex. 23 e 34 ed è l’unico co­ mento principale (un «territorio residuo» di Edom
mandamento formale riguardante lo sterminio di sarebbe esistito soltanto ai tempi di Amos) egli tra­
tutti gli abitanti del paese per mano degli Israeliti scura che in Am. 9, i2yrs è costruito con l’oggetto del­
la persona.
che nell’ A.T. si serva del verbo jrs. Data la nostra
scarsissima conoscenza dei secoli successivi al­ 11. Ps. 37, un salmo sapienziale acrostico, pre­
l’esilio, non si può dire se quest’impostazione ri­ senta l’espressione jrs ’eres «godere il possesso
fletta l’acuirsi di una nuova situazione dell’epoca della terra (promessa)» come una sorta di motivo
tarda. Forse i temi militareschi vengono rispolve­ tematico (w . 9.11.22.29.34; sinonimi ai w . 18.27.
rati solo per esprimere un interesse del tutto nuo­ 29). Diversamente da quanto si legge in ambito
vo in un quadro dai toni più arcaici possibile: la deuteronomistico, qui jrs *eres non viene promes­
giusta distribuzione del possesso del paese in ba­ so a tutto Israele; si presuppone invece che Israe­
se alla consistenza numerica dei singoli gruppi (cfr. le viva nel paese, dono salvifico di Jhwh, e sia
Num. 33,54)- messo alla prova il suo comportamento. Ci sono
L ’ultima analisi letteraria di Num. 32 è quella di persone cattive e ci sono persone buone, fedeli a
Mittmann 95-104. Il tentativo di Cortese 147-150 di Jhwh. Queste, che sono al contempo i poveri e
attribuire Num. 33,50-55 a P6 non è convincente. In gli oppressi nel paese, vengono ammoniti a non
base alla sintassi anche Jhwh potrebbe essere il sog­ agitarsi, a restare fedeli a Jhwh e a sperare in lui.
getto di jrs hif. in Num. 32,21; ma si tratterebbe del­ Si promette loro che godranno del possesso del
l’unico esempio di Jhwh che stermina direttamente i paese, mentre alla fine i malvagi verranno stermi­
popoli. nati. Potrebbe essere benissimo che si intenda
10. In due passi contenuti in brani, in parte parlare concretamente dei piccoli agricoltori che
correlati tra di loro, appartenenti all’elaborazione corrono il pericolo, allargandosi la forbice tra le
finale dei libri profetici a jrs si unisce l’idea della classi, di perdere i loro terreni a vantaggio dei la­
riconquista del regno di David. In entrambe que­ tifondisti. Qui non si parla di veri nullatenenti,
ste occasioni si pone un accento particolare su cui si prometterebbero le proprietà dei loro op­
Edom. In Abd. 17, che potrebbe essere ancora di pressori (cfr. il v. 3: «Continua ad abitare nel pae­
37(ni,5>83) jàras (N. Lohfink) (111,984) 38

se»). Inoltre sembra che jrs ’eres, nonostante tut­ Essi possederanno l’alto monte d’Israele. Essi avran­
to il significato concreto dell’espressione, sia al no il loro diletto sul suo santo monte (in 10 s.). La
contempo una sorta dì formula abbreviata per in­ espressione «monte santo» mostra l’influenza del li­
bro di Isaia.
dicare la «salvezza» in tutte le sue dimensioni.
L ’espressione rievoca tradizioni sapienziali e deu- 12. Nel suo messaggio di salvezza il Deutero-
teronomistiche (cfr. sopra, 1.2.b). Come espres­ isaia evita l’idea deuteronomistica che Jhw h ridia
sione parallela si può avere w ehit,annegu ‘al-rób ai reduci dall’esilio il paese e che questi ne pren­
sàlòm (v. 11). Il rapporto tra giusto comportamen­ dano nuovamente possesso. Il profeta conosce un
to dei poveri e possesso promesso del paese non secondo esodo ma non conosce una seconda con­
può neppure essere ridotto alla formula «causa- quista del paese, che non è necessaria. Certo gli
effetto» o addirittura «opera-premio»; il rappor­ es uli escono da Babilonia e lo stesso Jhw h li ac­
to tra atto c promessa è sfumato. Il giusto deve compagna. Ma al contempo Sion è già colei che
«trovare il suo diletto in Jhwh», c poi troverà il attende nel paese, piena di nostalgia, colei che vi­
suo diletto «nell’abbondanza di pace» (w . 4 .11). ve l’arrivo. Le nehàlót devastate devono certo es­
Egli possiede il paese c abiterà nel paese in eterno sere di nuovo distribuite (Is. 49,8), ma l’idea di
(v. 29) se confida soltanto in Jhwh, se si compor­ una presa di possesso appare soltanto in un con­
ta bene e «continua a dimorare nel paese» (v. 3). testo aggiuntivo. Sion, la madre orfana dei figli, è
Il salutare ordine della società è già presente: può improvvisamente benedetta con abbondanza di
essere in bilico, ma in futuro si affermerà total­ figli poiché essi fluiscono da ogni popolo. L o spa­
mente per opera di Jhwh. Si tratta indubbiamente zio diventa troppo stretto per lei (Is. 49,18-23).
di una riflessione postesilica sulla salvezza spera­ Perciò viene esortata a espandere ancor più la pro­
ta, che non diventa ancora realmente visibile nel pria tenda, a estendersi da tutti i lati (Is. 54,1-3).
paese dopo il ritorno in patria. Allora «il tuo seme entrerà nell’eredità legale dei
Ciò che viene sviluppato ampiamente in Ps. 37 popoli (jrs qal), popolerà città devastate». Resta
è riassunto in forma concentrata nelle preghiere incerto se qui - come in strati tardi di altri libri
di Ps. 25,13; 61,6; 69,36 s. In Ps. 25,13 ss. j r s ’eres profetici - si stia pensando soltanto a un’espan­
è circondato da diversi termini tipici deuterono- sione entro i limiti dell’antico regno di David op­
mistici. In Ps. 69,35-37 una preghiera individuale pure a una più ampia. Non si pensa a guerre. Le
d’impetrazione, che prende le mosse dai termini città in rovina sono lì pronte, in attesa che se ne
chiave ’ebjónim (-» ’bjw n) e ’àsirìm, viene allarga­ prenda possesso. Neanche qui manca quell’aura
ta alla fine a tutto Israele (cfr. Ps. 102,29, simile di miracolo che è sospesa su tutto il Deuteroisaia.
ma con skrì). Se i «servi» «che amano il suo no­ Il Tritoisaia si riaggancerà a questo testo, ma con
me» siano tutti i rimpatriati o solo quelli che tra toni più concreti.
di loro sono fedeli a Jhwh è un interrogativo per
cui, alla luce dei paralleli nel Tritoisaia, vale la se­ Bonnard 291 traduce Is. 54,3: «La tua progenie
conda risposta. Infatti jrs yeres è usato in maniera eredita popoli (= uomini di altri popoli, cfr. Is. 55,5)
e questi popoleranno le città devastate (di Giuda)».
simile anche in Is. 57,13 (posizione finale); 60,21;
Questa lettura cozza contro il contesto immediato.
65,9. Matteo formula la terza beatitudine del di­ Si opera, inoltre, col significato di ‘ereditare’ che na­
scorso della montagna (Mt. 5,5) attenendosi stret­ sce probabilmente solo più tardi e, inoltre, si pre­
tamente a Ps. 37,1 t - non sarebbe quindi affatto suppone che venga usato in senso traslato.
esatto tradurre il testo evangelico «poiché essi
prenderanno possesso del paese» o «poiché essi A differenza del Protoisaia e quasi anche del
erediteranno il paese». Deuteroisaia, nel Tritoisaia jrs assume un certo
ruolo come termine specifico per denotare la sal­
In 4QpPsa [4Q 171], un peser a testi scelti dei Sal­ vezza d ’Israele. Tuttavia non tutte le attestazioni
mi i cui frammenti rimasti commentano principal­ possono essere riferite a una sola mano o a un so­
mente Ps. 37, la comunità di Qumran ha identificato lo sistema di pensiero. N el lamento del popolo
se stessa con 1 giusti e 1 poveri di questo salmo. L ’an­ che viene dall’epoca in cui Gerusalemme giaceva
nientamento dei malvagi avverrà dopo 40 anni, cioè in rovine (Is. 63,7-64,11) si guarda retrospettiva­
alla fine della guerra santa escatologica (11 8). Colo­
mente all'età monarchica come al tempo in cui
ro che si convertirono (?) nel deserto vivranno (?)
mille generazioni nella salvezza e tutta l’eredità di Israele «possedeva» il tempio di Jhwh, come a un
Adamo / dell’umanità apparterrà per sempre a loro tempo di salvezza, ahimè, così breve: «Ritorna per
e alla loro progenie (in 1 s.; cfr. iv 3). Alla comunità amore dei tuoi servi, per amore delle tribù che
dei poveri apparterrà l’eredità di tutti i grandi (?). sono la tua nahàlà". solo per breve tempo il tuo
39 ( ih,98 j ) jisra'él (H.-J. Zobel) (111,986) 40

santo popolo ha posseduto (il tuo tempio); (ora) i separazione nel paese. Nel quadro di enunciati
nostri nemici hanno calpestato il tuo tempio» (Is. che vi si riferiscono, e cioè evidentemente all’in­
63,17 s.). Queste parole costituiscono lo sfondo terno di Is. 56-66 in posizione simmetrica e di
per la ripetuta associazione, in altri testi (Is. 57, reciproco rapporto, in 57,13 e 65,9 si parla di
1 3; 65,9; cfr. 6 5,11), della rinnovata promessa del «possedere» il paese o il santo monte di Jhwh. Al
possesso del paese con la radice -» qds. Is. 60, un contrario di quanto si prevede per i malvagi, dei
capitolo caratterizzato soprattutto dal motivo del quali il contesto parla ogni volta, esso viene pro­
pellegrinaggio dei popoli a Sion, percorre nel suo messo al hóseh b ì (57,13), allo jórès hdràj che
complesso i diversi temi delle promesse ai padri: Jhwh fa uscire nuovamente da Giacobbe, ai behi-
la benedizione dei popoli (vv. 1-18), il «Dio di raj e ‘abàdaj (65,9). A differenza di Ps. 37, qui
Israele» (w . 19 s.), il paese (v. 21), la moltiplica­ non è però del tutto certo che si tratti semplice­
zione (v. 22). Il paese è stato già dato da lungo tem­ mente di una parte del popolo giudaico. Negli ul­
po. Ma nell’età della salvezza la popolazione di timi strati redazionali del Tritoisaia, ai quali que­
Sion - al contrario di quanto è vero adesso - sarà sti due passi evidentemente appartengono, si po­
formata soltanto da saddiqìm. Perciò essi «posse­ trebbe trattare benissimo anche degli «stranieri»
deranno per sempre il paese». Qui, dunque, usan­ dei quali parla Is. 56 (il termine bar qodsi unisce i
do la fraseologia che ricorre soprattutto in Ps. 37, due passi - per Is. 65,9 cfr. 6 5,11.25 - con i passi
jrs è diventato un termine escatologico della pro­ 56,7 e 66,20 della cornice esterna). Se nel Deute-
messa del paese. - Is. 61,4-7 si collega, con una roisaia Israele era il «servo eletto» di Jhwh, qui
corrispondenza chiastica, a Is. 54,3. NelPanno di gli «eletti» e i «servi» sono un elemento molto
grazia di Jhwh, di cui tratta il cap. 6 1, gli «afflitti più sottile e molto più difficile da afferrare, un
di Sion» ricostruiranno le città devastate (61,4 cfr. elemento che trasforma nel modo più profondo il
54,3b(3). In 61,5-7 viene sviluppata in un compli­ concetto di popolo di Dio. Proprio a costoro vie­
cato midrash l’idea che essi rileveranno i possedi­ ne promesso che godranno del possesso del santo
menti dei popoli (54,3ba). Il lavoro profano a G e­ monte di Jhwh.
rusalemme verrà fatto dagli stranieri. Gli abitanti
di Sion sono i sacerdoti e vivono delle ricchezze
dei popoli. Si gioca poi con diversi significati di
misneh. «La vostra (= degli afflitti di Sion) onta
sarà sostituita da due cose». La prima è: «(Invece •• T ! • J
jis r a ’ è l
delle) offese: essi (= i popoli) giubilano per la vo­
stra parte». Non è chiaro se «parte» significhi qui 1.1. Ricorrenze. - 2. Etimologia. - 3. Significati e loro
il possesso della terra degli abitanti di Sion nel pro­ frequenza. - II. La storia del nome Israele. - 1. Dopo la
separazione dei regni. - 2. Nell’età di David e Salomo­
prio paese oppure - come suggerisce 61,6 - Jhwh
ne. - 3. Nell’età di Saul. - 4. Nell’età premonarchica. -
come «parte» che in Israele è data ai sacerdoti. In 5. L’origine di «Israele». - HI. Il significato religioso del
ogni caso le altre nazioni si rallegrano per il de­ nome Israele. - 1. El, il Dio d’Israele. - 2. Jhwh, il Dio
stino di Sion, e ciò ha come concreta conseguen­ d’Israele. - 3. La componente nazionale nel nome Israele
za che pongono a disposizione di Sion il proprio al tempo della prima monarchia. —4. Israele come po­
paese: «Perciò nel loro (= dei popoli) paese pren­ polo di Dio nei profeti preesilici. - 5. Israele nel Deute­
derete inoltre possesso (jrs) di una seconda cosa ronomio. - 6. Israele nei profeti esilici e postesilici. - 7.
(= una seconda parte, un secondo possesso), avre­ Israele nell’opera storiografica del Cronista. - 8. Israele
te allegrezza eterna». Può essere che qui si enfa­ nei Salmi. - iv. Israele nella letteratura giudaica antica.
- 1. Apocrifi e pseudepigrafi. - 2. La letteratura di Qum-
tizzi l’esistenza, accanto al popolo che vive nel
ran.
paese, di una diaspora già numerosa; oppure è
piuttosto l’idea del pellegrinaggio escatologico Bibl.: P.R. Ackroyd, Hosea und Jakob: VT 13 (1963)
dei popoli a Gerusalemme (così Is. 60) che viene 245-259. - W.F. Albright, The Names «Israel» and
ulteriormente sviluppata, trasformandosi in una «Judah» wilh an Excursus on thè Etymology of Tódàh
sorta di reciproca penetrazione di Israele e dei and Toni/;: JBL 46 (1927) 151-18 5.- I d .,Syrien, Phóni-
popoli. Forse entrambe le ipotesi sono vere. C o ­ zien und Palàstina vom Heginn der Sesshaftigkeit bis
zur Eroberung durch die Achàmeniden (Hist. Mundi
munque l’enunciato di 60,21 subisce qui un’in­
il, 1953, 331-376). - A. Alt, Israel 1. Geschichte (RGGJ
tensificazione: nel tempo della salvezza gli abi­ m, 1959, 936-942). - E. Auerbach, Wiiste und Gelobtes
tanti di Gerusalemme avranno anche un secondo Land 1, 1932. - O. Bachli, Amphiktyonie im A.T. (ThZ
possesso fuori del proprio paese, tra i popoli. - suppl. vi), 1977. - H. Bauer, Die Gottheiten von Ras
Questo possesso del paese presuppone la grande Schamra: ZAW 51 (1933) 81-101. - Id., Al-Mustarì:
41 (111,986) jisra'el (H.-J. Zobel) (111,987) 42

OLZ 38 (1935) 477. - A. Besters, «Israel» et «Fils d'Is- Mihalik, Some Thoughts on thè Name Israel (Theolo-
raèU dans les livres historiques: RB 74 (1967) j-23. - gical Soundings, New Orleans 1973, n-19). - P.D.
Id., L'expression «Fils d'Israel» en Ex I-XIV: RB 74 Miller, El thè Warrior: HThR 60 (1967) 411-431. - S.
(T9Ó7) 321-355. - J. Bright, A History of Israel, trad. Mowinckel, «Rahelstdmme» und «Leastdmme» (BZ­
tcd. Geschichle Israels, 1966. - W. Caspari, Sprachliche AW 1977, 1958, *1961, 129-150). - M. Naor, ja'aqòb
und religionsgeschichtliche Bedeutung des Namens Is­ und jis'rà’èl: ZAW 49 (1931) 317-321. - E. Nielsen, She-
rael: ZS 3 (1924) 194-211. - N.P. Chajes, Der Name chem, Kebenhavn *1959. - M. Noth, Das System der
ys'r’l: JQR 13 (1901) 344. - R. Coote, The Meaning of zwólf Stàmme Israels, 1930. - Id., Die Welt des A.T.,
thè Name Israel: HThR 65 (1972) 137-146). - F. Crii- *1962. - Id., Geschichte Israels, 71969. - Id., Mari und
semann, Der Widerstand gegen das Kònigtnm (WMA Israel. Eine Personennamenstudie (Fs. A. All, 1953,
NT 49), 1978, 95-111. - M. Dahood, Is ’Ebeti Yisrà’él 127-153 = ABLAK 11 213-233). - D.H. Odendaal,
a Divine Tillef: Bibl 40 (1959) 1002-1007. - G.A. Da- Israel, die Volk van God, in Bybelse Perspektief: Ned
nell, Studies in thè Name Israel in thè O.T., Uppsala GTT 12 ( 1971 ) 153-170. - E. Otto, Jakob in Sichem
1946. - W. Eichrodt, Israel in der Weissagung des A.T., (BWANT 10), 1979. - G. von Rad, K.G. Kuhn, W.
1951. - Id., Religionsgeschichte Israels (Hist. Mundi 11, Gutbrod, ’lcrpa-rjX (GLNT iv iio i-i 198). - W. Richter,
1953, 377-448) (= Dalp-Taschenbiicher 394 D, 1969). - Zu den «Richtern Israels»'. ZAW 77 (1965) 40-72, 50­
O. Eissfeldt, Ein gescheiterter Versuch der Wiederver- 56: «Israel». - L. Rost, Israel bei den Propheten (BW
einigung Israels (2. Sam. 2,i2-j,r) (Nouv. Clio 3, 1951, ANT iv, 19), 1937. - E. Sachsse, Die Bedeutung des
110-127 = ^ ScAr. in, 1966, 132-146). - Id., Non di- Namens Israel, eine quellenkritische Untersuchung,
mittam te, nisi benedixeris mihi (Mèi. Bibl. A. Robert, 1910. - Id., Die Etymologie und alteste Aussprache des
1957, 77-81 = Kl. Schr. 111, 1966, 412-416). - Id., Jakobs Namens js'r’ l: ZAW 34 (1914) 1-15. - Id., Die Bedeu­
Begegnung mit El und Moses Begegnung mit Jabwe tung des namens Israel, eine geographisch-geschichtli-
(OLZ 58, 1963, 325-331 = Kl. Schr. iv, 1968, 92-98). - che Untersuchung, 1922. - Id., Der Ursprung des Na­
Id., Palestine in thè Time of thè Nineteenth Dynasty mens Israel: ZS 4 (1926) 63-69. - G. Sauer, Bemerkun-
(a) The Exodus and thè Wanderings (CAH 11/2, *1975, gen zu 196$ edierten ugaritischen Texten: ZDMG 116
307-3}°). - Id., Neue keilalphabetische Texte aus Ras (1966) 235-241. - J. Scharbert, Patriarchentradition
Schamra - Ugarit (SAB 1965-66, 1965). - Id., Renam- und Patriarchenreligion (Verk. und Forsch., BEvTh 19,
ing in thè O.T. (Fs. D. Winton Thomas, Cambridge 1974, 2-22). - H.H. Schmid, Ich will euer Gott sein,
1968, 69-79 = tr- tcd- Umnennungen im A.T., Kl. Schr. und ihr sollt mein Volk sein (Fs. G. Bornkamm, 1980,
v, 68-76). - S. Fcist, Die Etymologie des Namens jis- 1-25). - H. Seebass, Der Erzvater Israel (BZAW 98),
rà’èl (MGWJ 73, 1929, 317-320). - J.W. Flanagan, The 1966. - R. Smcn<\, Jahwekrieg und Stàmmebund (FRL
Deuteronomic Meaning of thè Phrase kol yisra’el ANT 84), i i966. - Id., Die Bundesformel (ThSt 68),
(Studies in Religion 6, 1976-77, 159-168). - G. Gerle- 1963. - Id., Zur Frage der altisraelitischen Amphiktyo-
man, Israel (TH AT1,1971, 782-785). - C.H.J. de Geus, nie: EvTh 31 (1971) 623-630. - W. Staerk, Studien zur
The Tribes of Israel, 1976, 187-192. - J. Heller, Ur- Religions- und Sprachgescbicbte des A.T., fase. 2, 1899,
sprung des Namens Israel (ComViat 7, 1964, 263-264). 50-73: 1. Jisrael. - C. Steuernagel, Jahwe, der Gott Is­
- J. Hempel, Israel 1. (BHHW il, 1964, 782-786). - S. raels (BZAW 27, 1914, 329-349). - E. Taubler, The First
Herrmann, Das Werden Israels (ThLZ 87, 1962, 561­ Mention of Israel (PAAJR 12, 1942, 115-120). - R. de
574). - Id., Autonome Entwicklungen in den Kónigrei- Vaux, Israel (DBS iv, 1949, 730 s.). - Id., Les Institu-
chen Israel und Juda (VTS 17, 1969, 139-158). - Id., tions de l’A.T. 1, 1958; tr. ted. Das A.T. und seine Le-
Geschichle Israels in alttestamentlicher Zeit, 1973. - bensordnungen 1, i960. - Id., Histoire ancienne d'Israel
H.W. Hertzberg, Jerernia und das Nordreich Israel: 1, 1971; 11, 1973. - K. Vollers, Die solare Seite des altte-
ThLZ 77 (1952) 595-602 - Beitrdge zur Traditionsge- stamentlichen Gottesbegriffes: ARW 9 (1906) 176-184.
schichte und Theologie des A.T., 1962, 91-100. - A.R. - L. Wàchtcr, Israel und Jeschurun (Fs. A. Jepsen,
Hulst, Der Name «Israel» im Deuteronomium (OTS 9, 1971, 58-64). - N. Walker, «Israel»: VT 4 (1954) 434. -
1951, 65-106). - A. Jepsen, Zur Uberlieferungsgeschich- G. Wallis, Zur Geschichte der Jakob-Tradition (WZ
te der Vàtergestalten (WZ Leipzig 3, 1953-54, 265-281 Halle 13, 1964, 427-440) = Die Jakobtradition und Ge­
= Der Herr ist Gott, 1978, 46-75). - Id., Notes de lexi- schichte (Geschichte und Uberlieferung, 1968, 13-44). -
cographie hébraique (MUSJ 10, 1925, 1-47), 42-43: srh. Id., Die Tradition von den drei Ahnvdtem: ZAW 81
- Z. Kallai,Judah and Israel. A Study in Israelile His- (1969) 18-40. - G. Wanke, Die Zionstheologie der Ko-
toriography: IEJ 28 (1978) 251-261. - R. Kittei, Ge­ rachiten (BZAW 97), 1966, 54-58: Der Gott Jakobs. - J.
schichte des Volkes Israel 1, 7i932, 11, <l’7i925. - A. Le- Weingrcen, The Theory of thè Amphictyony in Pre-
maire, Asriel, sr'l, Israel et l’origine de la conféderation Monarchical Israel (JANES Columbia Univ. 5, 1973,
israélite: VT 23 (1973) 239-243. - V. Maag, Der Hirte 427-433). - J. Wellhausen, Israelitischc und judische
Israels: SchThU 28 (1958) 2-28. - R. Marcus, The Heb- Geschichte, 91958. - H.G.M. Williamson, Israel in thè
rew Sibilant Éin and thè Name Yisrà’él: JBL 60 (1941) Book of Chronicles, Cambridge 1977. - G.E. Wright,
141-150. - A.D.H. Mayes, Israel in thè Pre-Monarchy Israel in thè Promised Land: Encounter 35 (1974) 318­
Period: VT 23 (1973) 151-170. - Id., Israel in thè Period 334. - S. Yeivin, The Age of thè Patriarchs (RivStudOr
o f thè Judges (SBT 11/29, 1974, 55-67). - E. Meyer, Die 38, 1961, 301). - W. Zimmerli, Israel im Buche Eze-
Israeliten und ihre Nachbarstdmme, 1906, 1967. - 1. chiel: VT 8 (1958) 75-90. - Id., «Israel» im Buche Eze-
43 (xii.988) jisrà'èl (H.-J. Zobel) (111,989) 44

chiel(BK xin/2, *1979, 1258-1261). - H.-J. Zobel, Stam-non danno senso. Se non si vuole supporre che il
messpruch und Gescbichte (BZAW 95), 1965. - Id., D/e testo di Hos. 1 2,5 sia corrotto (cfr. le opinioni di­
Stammesspriiche des Mosc-Segens (Din 33,6-2}). Ibr vergenti di Rudolph, KAT xm /i 222 e Wolff, BK
«Sitz im Leben»: Klio 46 (1965) 83-92. - Id., Das Selbst-
xiv/i 267), non resta che l’altra possibilità, cioè
verstàndnis Israels nach dem Alten Testament: ZAW
postulare per wajjàsar il significato «e lottò» in
85(>973)281-294.
analogia col v. 4.
1.1. Israele è un nome proprio semitico occi­ In ogni caso entrambe le etimologie popolari
dentale. N ell’A.T. ricorre 2514 volte (Lisowski ne considerano il nome Israele un nome composto
conta 2 5 1 t cui vanno aggiunte, come rileva con da un elemento verbale e un elemento teoforo. Il
precisione Gerleman, Gen. 47,31 e le seconde at­ collegamento dell’appellativo divino al predicato
testazioni in 1 Reg. 9,7 e 16,29). Inoltre è attesta­ verbale come suo oggetto deriva certo solo dal­
to 5 volte il nome gentilizio. A queste cifre si ag­ l’etimologia popolare. Infatti nel caso di questo
giungono i 144 esempi nella letteratura di Qum- nome si tratta in realtà di un esempio del tipo di
ran e i 6 della stele di Mesha. Nell'iscrizione di nome semitico occidentale molto diffuso, costrui­
Salmanassar ili sul monolito ritrovato a Kurkh si to con l’imperfetto di un verbo e l’elemento teo­
ha 1 volta il gentilizio maschile: Acab, l’israelita foro (cfr. Noth, IP N 208; ABLAK 11 228; G e-
(§ir-' i-la-ai; 11 92). I L X X trascrivono costante­ schichte 12). In tale forma onomastica la compo­
mente Tapar)X. Il nostro nome ricorre inoltre con nente teofora non è oggetto ma soggetto del no­
straordinaria frequenza nella letteratura giudaica me composto (così già Nestle in Sachsse, ZAW
e, infine, anche nel N.T. 34 [1914] 4). E poiché ’él probabilmente non è un
appellativo bensì il nome proprio del dio El (così
Il nome Israele è attestato inoltre come nome di
da ultimo Mihalik 13-14), Israele dovrebbe essere
un auriga di un carro da guerra (mrjnm) in un testo
ugaritico (KTU 4,623.3: jsrJl, per il passaggio da / a tradotto con «El litiga», «El lotta» ecc. Stamm
s cfr. Marcus; sull’argomento cfr. Sauer) e come de­ cambia questa traduzione interpretando l’imper­
nominazione di un gruppo appartenente a un popo­ fetto come tempo narrativo e rendendo anche il
lo nell’iscrizione di Merneptah (r. 27: j-si-r-i’-r). nostro nome al passato (Beitràge zur altorientali-
Nel primo caso non c’è alcun rapporto con l’Israele schen Namenkunde, 1980, 62 s.).
dell’A.T. e nel secondo la cosa è controversa. È in­ La traduzione appena data della componente
certo se il nome sr'l sugli ostraca nn. 42 e 48 di Sa­ verbale si basa unicamente sulle suddette etimo­
maria vada letto Asriel (cfr. Num. 26,31; Ios. 17,2; /
logie popolari e quindi non è affatto stringente.
Chron. 7,14) e messo in relazione con Israele (Le-
maire). Queste considerazioni perfettamente legittime
hanno condotto in passato a una quantità di diver­
2. Fino a oggi l’etimologia del nome d’ Israele genti proposte di interpretazione (cfr. i prospetti in
non è stata ancora chiarita del tutto. N ell’A.T. si Sachsse, ZAW 1914, 1-5 che elenca in totale 9 diver­
allude due volte a questo nome. In Gen. 32,29 (L: se varianti, e in Danell 22-28, che offre ugualmente
Eissfeldt; J: Noth) la spiegazione del nome suona: la panoramica di Sachsse ampliandola con nuove
«Poiché tu hai litigato (sàrìtà) con Dio e con uo­ proposte; di recente, ancora Wachtcr che pensa di
mini e hai vinto». In questa spiegazione il nome nuovo a una derivazione da jàsar e traduce «El è
Israele viene ricondotto alla radice srh, che in ba­ grande»; così già Sachsse). In realtà vanno prese se­
riamente in considerazione solo quelle proposte che
se al contesto deve significare quindi qualcosa
non partono dalla radice jsr (oltre Wàchter anche
come ‘ lottare’, ‘contendere’, ‘litigare’ (Danell 17
W.F. Albright, JB L 1927; Sachsse; Danell) o 'sr (di
s.; Wàchter 58 s.; Sachsse, ZAW 1914, 1. 5; Heller recente Naor) o persino da un termine egeo iser ‘san­
263; cfr. anche Coote). Hos. 12,4-5 allude a Gen. to’ (Feist), per non parlare poi della spiegazione di
32,23-33 o ancora ad altre tradizioni (cfr. L. Rup- Steuernagel: Israele significherebbe 'is Ràhèl «l’uo­
pcrt, H erkunft und Bedeutung der Jakob-Tradi- mo della tribù di Rachele» (in Sachsse, ZAW 1914,
tionen bei Hosea: Bibl 52 [19 71] 488-504) quando 4), o di Walker (434): Israele sarebbe una specie di
di Giacobbe si dice tra l’altro, a dire il vero con abbreviazione e significherebbe «Jah di Seir è El»,
tono accusatorio: «Nella sua forza contese (sarà) ma quelle che presumono, come i testi delPA.T., la
radice srh. Per quanto riguarda il significato di que­
con Dio e lottò (?) (wajjàsar) con un angelo e vin­
sta radice si deve subito scartare, in quanto inverosi­
se» (-> jkl, jàkól). Mentre in Hos. 12,4 s’incontra mile, la proposta di Voller e di Bauer (ZAW 1933,
di nuovo la radice srh come in Gen. 32,29, la de­ 83; O LZ 1935, 477) che facendo riferimento all’ar.
rivazione del verbo all’inizio del v. 5 non è chia­ sarija traducono il nome «El risplende», postulando
ra: potrebbe essere una forma di srr (Wàchter 62 il significato base ‘brillare’, ‘«splendere’. Anche la
n. 14). Tuttavia i significati ‘dominare’ o ‘cedere’ traduzione di srh con ‘perseverare, persistere’, quin­
45 (m»99o) jisra’é l (H.-J. Zobcl) (111,991) 46

di «El persevera», sostenuta da S.R. Driver, non ha Infine vengono usate le denominazioni divine
avuto, giustamente, molta fortuna. Alla fine dei con­ «El, il Dio d’Israele» (Gen. 33,20) e «il custode
ti resta da decidere tra ‘litigare’, ‘lottare’ (Wellhau-
della pietra d’ Israele» (Gen. 49,24).
sen 23: «El litiga»; Meyer 252: «‘Egli litiga’ è El»;
Questa prevalenza delle attestazioni dell’uso
Kittei 1 274 n. 1: «Dio contende o simili»; Auerbach
individuale rispetto all’uso collettivo del nome
72: «Dio litiga»; Eissfeldt, Kl. Schr. rv 98: «El lotta»;
Hempel 782: «‘El litiga’ o ‘ El guarisce’ ?»; Heller Israele si nota soltanto nella Genesi. N ell’Esodo
263: «che Dio contenda»; cfr. Miller) e ‘dominare’ il patriarca è nominato solo 2 volte: Ex. 6,14 (P) e
(Joiion 42-43: «essere forte»; Noth, IPN 207: «che 32,13 (aggiunta redazionale). Per contro, a partire
Dio si dimostri Signore, dominatore»; von Rad 357 da Ex. 4,22 Israele denota per ben 41 volte il po­
n. 1: «Dio domina» (?); Eissfeldt, KL Schr. v 74: «El polo che è stato reso schiavo in Egitto, liberato
è signore»; Sauer 240: «che El si dimostri signore», rial faraone, ha vissuto il miracolo dell’esodo ed è
con riferimento all’ugaritico sr «principe»; Eichrodt, stato accolto nel patto con Dio; analogamente a
1969, 21: «Dio domina»). È singolare che un’altra
partire da Ex. 5,1 s ’incontra per 4 volte la deno­
spiegazione etimologica popolare di un nome pro­
prio, cioè quella del nome lerubbaal, come «che Ba- minazione «(Jhwh) il Dio d’Israele» (Ex. 24,10;
‘al litighi contro di lui» (lud. 6,32) è analoga alla 32,27; 34,23; cfr. 32,4.8). L ’espressione «figli di
nostra spiegazione in quanto anche lì l’elemento Israele» è attestata 123 volte.
verbale viene inteso ugualmente come ‘litigare’, ‘lot­ Il medesimo quadro si presenta anche nei se­
tare’. Ora, in quest’ultimo caso è indubbio che alla guenti libri biblici: Levitico - 1 1 volte Israele co­
base dell’elemento verbale non ci sia la radice rìh ‘li­
me nome collettivo, 54 volte «figli d’Israele»;
tigare’ bensì rbb ‘essere sublime’, ‘dominare’ (Eiss­ Numeri - 2 volte Israele come padre di Ruben
feldt, Kl. Schr. v 74 n. 2). Da qui prende forza l’ipo­(Num. 1,20 P; 26,5 P), 63 come nome collettivo,
tesi che anche l’ interpretazione di srh come ‘lottare’
17 1 volte «figli d’Israele», 1 volta «il Dio d’Israe­
vada attribuita alla fantasia dell’etimologia popolare,
mentre il significato base della radice sarebbe ‘domi­ le» (Num. 16,9); Deuteronomio - 51 volte nome
nare’, ‘essere sublime’. Di conseguenza il nostro no­ collettivo, 21 volte «figli d’Israele»; Giosuè - 76
me significherebbe in origine «El domina», «El è il volte nome collettivo (si noti l’espressione «mon­
signore», «El è supremo» (cfr. Yeivin 301; de Geus ti d’Israele» in Ios. 11,16 .2 1, che nel parallelismo
192). Come insegna l’esempio ugaritico, questo no­ con «monti di Giuda» del v. 21 indica soltanto la
me è propriamente un NP maschile. regione montuosa di Efraim), 69 volte «figli di
Israele», 14 volte «Jhwh, il Dio d’Israele» c in
3. Se per quanto riguarda il problema del signi­ Ios. 22,16 semplicemente «il Dio d’Israele»; G iu ­
ficato del nome Israele si segue la successione dei dici - 1 volta Israele come padre di Dan (lud. 18,
libri della Bibbia, cominciando quindi dalla G e­ 29), 115 volte nome collettivo, 61 volte «figli di
nesi, quest’impressione sembra confermata. La Israele», 7 volte «Jhwh, il Dio d’Israele».
prima testimonianza si trova in Gen. 32,29, dove Un po’ più complesso si presenta il quadro in
viene narrato il solenne cambio di nome di G ia­ 1 Samuele: 12 volte «figli d’Israele», 9 volte «il
cobbe in Israele e Giacobbe viene presentato co­ Dio d’Israele» (/ Sam. 1,17 ; 5,7.8 [ter]. 10 .11; 6,3.
me un individuo. Collima con tale descrizione chc 5), 8 volte «Jhwh, il Dio d’Israele» c 1 volta «Jhwh
si parli della sua mano destra e della sua sinistra, è la gloria d’Israele» (/ Sam. 15,29). Per la prima
del suo occhio o della durata della sua vita. Su un volta s’incontra tuttavia (2 volte) Israele come in­
totale di 43 attestazioni di Israele nella Genesi, dicazione di una realtà distinta da Giuda (/ Sam.
ben 29 si riferiscono chiaramente al patriarca, 17,52; 18,16). Ciò fa nascere il sospetto che anche
mentre altre 7 volte s’incontra l’espressione «i fi­ negli altri 119 esempi Israele non denoti sempre
gli d’Israele». A questo proposito è singolare che tutto quanto il popolo, ma indichi anche un grup­
di 29 esempi in cui si tratta del semplice Israele, po di tribù della Palestina centrale e settentriona­
ben 22 siano contenuti in un’unica versione della le che va distinto da Giuda. Mentre con «tutte le
storia di Giuseppe; parimenti si trovano in questa tribù d’Israele» (1 Sam. 2,28; 10,20; cfr. 9,21; 15,
versione 5 dei 7 esempi dell’espressione «i figli 17) e con «tutto Israele, da Dan fino a Bcrsabea»
d’Israele». Prescindendo da ciò, 5 volte Israele (3,20) si ha indubbiamente la denominazione col­
viene usato chiaramente nel senso di un gruppo lettiva, tanto più che la minaccia del castigo di Eli
abbastanza numeroso: Gen. 34,7 - commettere (2,32) e il discorso di commiato di Samuele (12 ,1)
un’infamia in Israele (Deut. 22,21; Ios. 7,1 5; lud. mostrano i tipici segni di una rielaborazione deu­
20,6.10.13 ecc.); Gen. 48,20 - desiderare una be­ teronomistica, già per 1 Sam. 2,14 ss. ci si può
nedizione in Israele; Gen. 49,7 - disperdere in chiedere se nell’Israele che viene a Silo sia inclu­
Israele/Giacobbe; Gen. 49,16.28 - tribù d’Israele. so anche Giuda; se quando la sovranità di Saul si
47 (ni>99*) jisra él (H.-J. Zobel) (h i ,993) 48

estende su Israele (/ Sam. 9,16.20; 11,2 .13 ; I 3>Ii 20 volte una denominazione divina ( 1 1 volte «il
14,2 ss.; anche 14,47.48) si debba pensare a un Santo d’Israele», 6 volte «il Dio d ’Israele», 1 vol­
Israele senza Giuda. Infine l’espressione «il re di ta «il creatore d’Israele», 1 volta «il redentore di
Israele», che va distinta dalla denominazione fun­ Israele» e 1 volta «il re d’Israele»). Nel Tritoisaia:
zionale «re su ('al) Israele» (/ Sam. 15,17 ecc.) e 1 volta il patriarca (Is. 63,16), 1 volta «figli d’ Israe­
viene riferita a Saul per primo (24,15; 26,20; 29,3), le», 2 volte l’Israele del suo tempo, 2 volte «il San­
dà l’impressione di essere un titolo che verrà pro­ to d’ Israele».
nunciato solo un’altra volta da Mikal con riferi­ N el libro di Geremia (cfr. Hertzberg 92-99) ci
mento a David (2 Sam. 6,20). sono 125 attestazioni delle quali 9 riguardano i
In 2 Samuele una rapida panoramica porta a «figli d’ Israele», 28 chiaramente l’ex regno del
questi risultati: 5 volte «figli d’Israele», 61 volte il nord, 53 diverse denominazioni divine (35 volte
nome collettivo per indicare il regno di David (2 «Jhwh Sabaot, il Dio d ’Israele», 14 volte «Jhwh,
Sam. 5,17; 6 ,1.21 ecc.), 48 volte per designare il il Dio d’Israele», 2 volte «il Santo d’Israele», 2
territorio distinto da quello di Giuda, o una sua volte «la Speranza d’Israele»); quanto alle restanti
parte, in larga misura coincidente col successivo 35 attestazioni si ha di nuovo l’impressione che
regno del nord (2 Sam. 2,9; 5,i.2j .32.5; 1 1 , 1 1 ; 20,1 riguardino una realtà più ampia.
ecc.), 1 volta «Jhwh Sabaot, il Dio d’ Israele» In Ezechiele si ha 11 volte «figli d’Israele», 6
(7,27), 1 volta «Jhwh, il Dio d’Israele» (12,7), 1 volte «il Dio d’Israele», 1 volta «Jhwh, il Dio
volta «il Dio d’Israele» (23,3; ma cfr. BHS) e 1 d’ Israele», 1 volta «il Santo in Israele», mentre le
volta «la roccia d’Israele» (23,3). 1 Re presenta il restanti 167 attestazioni si riferiscono prevalente­
quadro seguente: 2 volte il patriarca (/ Reg. 18, mente a un Israele che non presenta variazioni so­
31.36), 21 volte «figli d’Israele», 52 volte il nome stanziali, quanto a estensione, tra passato, pre­
collettivo (di cui ben 5 volte «il trono d’Israele» sente e futura era escatologica. Il dubbio se Israe­
per indicare il regno dei discendenti di David: 1 le denoti una realtà distinta da Giuda riguarda
Reg. 2,4; 8,20.25; 9 >5! *n 2 R eg-: 10,30; 15 ,12 ma solo alcuni passi: Ezech. 9,9 («casa d’Israele e di
limitatamente al regno del nord), 108 volte il re­ Giuda»); 25,3 («paese d’Israele e casa di Giuda»);
gno del nord (di cui 38 volte «il re d’Israele» e 8 27,17 («Giuda e il paese d’Israele»); 37,16 («Giu­
volte il plurale), 20 volte «Jhwh, il Dio d’Israele». da e i figli / la casa d’Israele») e 37,19 («le tribù
A proposito di questa formula si deve notare un d’Israele»). Tuttavia queste formulazioni sono ri­
particolare singolare: fino a 1 Reg. 1 1 ,3 1 viene elaborazioni di mano estranea (così Ezech. 9,9) o
pronunciata anche da Giudaiti; da 11,3 1 in poi è vanno interpretate in maniera diversa in base al
invece collegata, unicamente e senza eccezioni, 11 contesto (così 25,3; 27,17; 37,16.19; al riguardo
volte con re del regno del nord. La situazione ri­ cfr. Zimmerli, B K xiii ad l. e 1259).
mane così fino a 2 Reg. 18,5 (2 Reg. 9,6; 10 ,31; 14, In Osea, il profeta del regno del nord, Israele
25), dove la formula torna a essere usata da G iu­ denota per lo più il regno del nord (33 volte; 6
daiti (18,5; 19,15.20; 2 1,12 ; 22,15.18). Per il resto volte «figli d’Israele»). Solo in 4 casi si ha il nome
s’incontra un’allusione a Gen. 32 (2 Reg. 17,34), collettivo (Hos. 9,10; 1 1 , 1 ; 12,14; 13 ,1; dubbi 7,1 e
11 volte «figli d’Israele», 10 volte il nome colletti­ 10,9); Hos. 12 ,13 si riferisce al patriarca. Le atte­
vo, 132 volte il riferimento al regno del nord e 1 stazioni del libro di Gioele si riferiscono all’Israe­
volta «il Santo d’Israele» (19,22; cfr. Isaia). le postesilico (di cui 1 volta «figli d’Israele»). Il
Nella letteratura profetica un’articolazione di profeta Amos usa Israele 23 volte per il regno del
questo genere non è possibile o lo è solo con ri­ nord, 5 volte dice «figli d’Israele» e in Am. 5,25;
serva, riguardo al fatto che alcuni passi indicano 9,7, dove si volge lo sguardo al passato, si ha nuo­
sì chiaramente il regno del nord o quello del sud, vamente una sorta di nome collettivo (cfr. 3,1).
ma per la maggior parte le attestazioni fanno tra­ Per Abd. 20 i «figli d’Israele» sono i deportati. In
sparire un contenuto più ampio del termine Israe­ Michea si può osservare nuovamente il valore
le. Nel Protoisaia il quadro è questo: 4 volte «fi­ oscillante di Israele, il cui significato risulta così
gli d’ Israele», 13 volte tutto quanto Israele, 6 vol­ di difficile individuazione. Infatti «figli d'Israele»
te il regno del nord, 21 volte diverse denomina­ (Mich. 5,2) indica l’Israele escatologico, in analo­
zioni divine (12 volte «il Santo d’Israele», 4 volte gia con il «dominatore in Israele» che verrà da Be-
«Jhwh, il Dio d’Israele», 2 volte «Jhwh Sabaot, il tlemme-Efrata di cui si parla in 5,1. In Mich. 3,1.9
Dio d’Israele», 1 volta «il Forte d’Israele», 1 volta i regnanti in Sion//Gerusalemme sono detti «prin­
«la Luce d’Israele», 1 volta «il Dio d’Israele»). cipi della casa d’Israele» (espressioni simili in 4,
Per il Deuteroisaia: 22 volte il popolo dell’esilio; 14 o 1,14). Per contro in 1,5 la contrapposizione
49 (iu.994) jisrd'él (H.-J. Zobel) (111,994) 5°

tra «casa d’Israele» e «casa di Giuda», parallela a 13 volte Israele nel senso del popolo dei suoi
quella tra le città di Samaria e Gerusalemme, dà giorni che affonda le radici nella storia.
l’impressione chc Israele indichi il regno del nord. In i Cronache (per 1 e 2 Cronache cfr. William-
Le cose stanno probabilmente così anche in 1,13 ; son) si parla 9 volte di Israele e 4 volte dei «figli
3,8, mentre in 1,15 e 6,2 si coglie nuovamente una d’ Israele» in senso genealogico. Si ha io volte
nota di maggiore ampiezza e 2,12 parla del «resto «Jhwh, il Dio d’Israele», 2 volte «il Dio d’Israe­
d’ Israele». Quanto a Naum, in 2,3 s’intende pro­ le» e 1 volta «Jhwh Sabaot, il Dio d’Israele». Solo
babilmente il regno del nord (Robinson-Horst, in 1 Chron. 5,17 Israele denota il regno del nord,
H A T 1/14, ad /.), mentre Soph. 3 ,13.14 .15 si rivol­ ma ben 87 volte il nostro nome si riferisce a tutto
ge a Giuda c 2,9 ha l’espressione «Jhwh Sabaot, il quanto il popolo. In 2 Cronache si trova (2 Chron.
Dio d’Israele». Nel Protozaccaria «casa di G iu­ 30,6) l’espressione «il Dio di Abramo, di Isacco e
da» e «casa d’Israele» stanno a fianco a fianco d’Israele», mentre la locuzione «figli d’Israele» è
(Zach. 8,13) e in Zacb. 2,2 s’incontra la successio­ usata 23 volte. La formulazione «il Dio d’Israele»
ne «Giuda, Israele e Gerusalemme». Nel Dcute- è attestata 22 volte e 1 volta quella «Jhwh, il Dio
rozaccaria le espressioni «tutte le tribù d’ Israele» d’ Israele». Israele ha 75 volte valore collettivo; 6 1
(Zach. 9,1), «Giuda e Israele» (11,14 ) e «Israele» volte si riferisce al regno del nord, 4 volte a Giuda.
(12 ,1) denotano Gerusalemme e il Sud. Infine in Questa panoramica a grandi linee della fre­
Malachia è attestata l’espressione «Jhwh, il Dio quenza dei significati del nome Israele ncll’A.T.
d’Israele» (Mal. 2 ,16); in 2 ,11 si ha l’accostamen­ fa capire che, prescindendo da un totale di 241 at­
to di Giuda, Israele e Gerusalemme, così che Israe­ testazioni di denominazioni divine e dai 637 esem­
le potrebbe indicare il regno del nord; in 3,22 la pi della locuzione «figli d’Israele» (cfr. Besters),
legge di Mosè è data a «tutto Israele» e anche in si parla solo 49 volte, concentrate per la maggior
1,1.5 Israele suona con un significato più ampio. parte nella Genesi, del patriarca Israele. Nella
N ei Salmi Israele denota prevalentemente (46 stragrande maggioranza delle attestazioni Israele
volte), insieme con «figli d’Israele» (2 volte), una indica una realtà collettiva; già la semplice stati­
comunità più ampia alla quale si adattano poi le stica fa notare come il termine collettivo Israele
varie denominazioni divine ( 1 2 volte, v. sotto, i t i . venga usato più del doppio delle volte del termi­
8). Inoltre tanto il titolo «pastore d’Israele» (Ps. ne individualizzante «figli d’Israele» (Staerk 50­
80,2) chc è correlato alla comunità di «Efraim, Be­ 59). Anche se risulta difficile e spesso incerto fare
niamino e Manasse» nominata al v. 3, quanto la un’ulteriore differenziazione, pure il regno del
contiguità parallela di Giuda e Israele in Ps. 76, 2; nord e la sua popolazione vengono chiamati Israe­
114,2 potrebbero indicare che Israele sia una re­ le circa 564 volte, mentre solo raramente (circa 17
altà distinta da Giuda. volte) viene chiamato così il regno del sud. Nella
Nel libro di Rut è attestata la denominazione stragrande maggioranza delle attestazioni (1006
«Jhwh, il Dio d’Israele» e Israele significa (4 vol­ volte) Israele rappresenta in primo luogo una de­
te) l’intero popolo. In Eccl. 1,12 l’espressione «il nominazione sintetica per indicare il popolo di
re su Israele» si riferisce a Salomone. Le Lamen­ Jhwh esistente sin dai tempi della permanenza in
tazioni hanno a cuore il destino di Giuda, Geru­ Egitto; ma a partire dal crollo del regno del nord
salemme e Sion; tuttavia Israele ricorre soltanto Israele è principalmente un’entità ideale che si
in 2,1.3.5. Cani. 3,7 parla degli «eroi d’Israele» manifesta in Giuda, nei deportati, nella comuni­
che circondano la portantina di Salomone. La so­ tà postesilica e, non da ultimo, ripetutamente nel
prascritta redazionale dei Proverbi parla di Saio- popolo dell’era della salvezza (cfr. in particolare
mone il «re d’Israele» (Prov. 1,1). Anche Daniele Danell 9).
usa Israele in senso ampio (Dan. 1,3; 9,7.11.20; di
cui 1 volta «figli d’Israele»). 11.1. Con la divisione dei regni dopo la morte
In Esdra, Levi viene detto «il figlio d’Israele» di Salomone in 1 Reg. 12 ci s’imbatte in un uso
(Esdr. 8,18); 4 volte si ha «figli d’Israele» in senso del nome di Israele che è chiaro perché denota una
affatto generale; 13 volte Israele è usato in una realtà autonoma distinta da Giuda: «Tutto Israe­
denominazione divina (6 volte «Jhwh, il Dio di le» si recò a Sichem (v. 1), «tutta la comunità di
Israele»; 4 volte «il Dio d’Israele»; 3 volte «l’Elah Israele» trattò con Roboamo l’alleggerimento dei
d’Israele»); nelle restanti 22 attestazioni Israele è lavori forzati (v. 3), «tutto Israele» reagì negati­
l’Israele postesilico in quanto popolo e comunità; vamente alla dura decisione del re (v. 16); diede
sporadicamente anche l’Israele del passato (Esdr. poi ascolto al grido «su, alle tue tende, Israele!»
5 ,11; 3,10). Neemia usa 9 volte «figli d’Israele» e (v. 16), seguì l’invito (v. 16), giacché «tutto Israe­
51 (ni>99 S) jisrà’él (H.-J. Zobei) (111,996) 52

le» lapidò Adoniram (v. 18) ed elesse Geroboamo che anche per l’epoca del regno del nord Israele
«re su tutto Israele» (v. 20): «Così Israele si stac­ sia idealmente un tutto unico formato da 12 tri­
cò dalla casa di David» (v. 19). Secondo il raccon­ bù. N é si può trascurare che Isaia usa sì 6 volte il
to, questo «tutto Israele» è una realtà compatta nome Israele per indicare il regno del nord, ma
sotto ogni punto di vista che agisce in autonomia. molto più frequentemente riferisce il nome all’in­
Secondo / Reg. 1 1 ,3 1 a questo Israele appartengo­ tero popolo di Dio, parlando addirittura (Is. 8,14)
no 10 tribù: il loro territorio è chiaramente deli­ delle «due case d’ Israele» (così anche C D 7 ,12 ­
mitato rispetto a quello dei vicini ed esse dispon­ 13) e inserendo il nome di Israele nella sua prefe­
gono di un autonomo potere politico. Poiché se­ rita denominazione divina, «il Santo d’Israele».
condo 1 Reg. 12,20 questo potere viene chiamato Quando poi Amos chiama «Israele» (Am. 5,25) il
«il re su tutto Israele», dove con Israele s’intende popolo fatto uscire dall’Egitto (9,7; 3,1) e guidato
l’ambito di sovranità come popolo d’Israele, evi­ attraverso il deserto, intende parlare di tutto il
dentemente il titolo politico di uso corrente suo­ popolo di Dio e non solo gli abitanti del regno
na «il re d’Israele» (così per Geroboamo per pri­ del nord ai quali si rivolge. Da tutto ciò risulta
mo in 1 Reg. 15,9; poi in totale 79 volte in r e 2 che anche durante l’esistenza del regno del nord è
Re per i sovrani del regno del nord, fino al loro attestato l’uso in senso ampio del nome Israele.
ultimo rappresentante Osea in 2 Reg. 18,1.9.10; Evidentemente tale valore del nome Israele si è
21,3 chiama così ancora Acab; inoltre si ha 28 potuto conservare e imporre, nonostante l’acce­
volte il pi. «i re d’Israele»; cfr. anche mlk jsr’l nella zione politica che lo limitava al regno del nord.
stele di Mesha (K A I 18 1,5 .10 -11.18 ). Durante il 2. Se si compie un passo indietro nella storia, il
periodo del regno del nord l’espressione «sedere risultato fin qui raggiunto trova conferma. Israele
sul trono d ’Israele» è attestata soltanto in 2 Reg. è di nuovo, in primo luogo, un termine esclusivo
10,30; 15 ,12 e si riferisce a Iehu e alla sua dinastia. denotante una realtà autonoma rispetto alla «casa
Quindi Israele è chiaramente il nome del regno di Giuda». Questo è illustrato dalla breve narra­
del nord, e si tratta di un termine del diritto poli­ zione dell’elezione avvenuta a Hebron del re di
tico statuale il quale, sottolineato da kól «tutto» Giuda David come re anche su Israele (2 Sam. 5,
che proprio in 1 Reg. 12 compare con sorpren­ 1-5). «Tutte le tribù d’Israele» si recano a Hebron
dente frequenza, viene usato esclusivamente in (v. 1); già prima David era il condottiero di «Israe­
opposizione al regno del sud. le» (v. 2), pascolava il popolo di Jhw h «Israele»
Uno sguardo all’impiego della formula «Jhwh, (v. 2), dovrà diventare ora il «nàgid su Israele» (v.
il Dio d’Israele» in 1 e 2 Re conferma la suddetta 2), «tutti gli anziani d’Israele» stringono il patto
affermazione. Infatti fino a 1 Reg. 1 1 ,3 1 questa monarchico con David (v. 3) e lo ungono «re su
formula viene pronunciata anche da Giudaiti; ma tutto Israele» (v. 3). Una nota conclusiva ricorda
da / Reg. 1 1 ,3 1 in poi si trova 14 volte sempre e come David abbia regnato 33 anni in Gerusalem­
solo in relazione a re del regno del nord; da 2 me «su tutto Israele e Giuda» (v. 5). Quest’uso
Reg. 18,5 in poi, invece, è collegata di nuovo solo linguistico, che distingue Israele da Giuda, s’in­
con Giudaiti. Infine anche le parole con cui G e­ contra nelle fonti relative all’epoca davidico-salo-
roboamo presenta al popolo le due immagini tau­ monica ancora così frequentemente da non lascia­
rine d ’oro: «Ecco, questo è il tuo dio, o Israele, re spazio al minimo dubbio (basti leggere 2 Sam.
che ti ha condotto fuori dal paese di Egitto», mo­ 3,19 .2 1; 1 1 , n ; 19,41-44; 20,1.2; 24,1.9; 1 Reg. 4,
strano che Israele indica qui il popolo del regno 20; 5,5) che il nome Israele denoti, nel complesso,
del nord con l’esclusione della popolazione del quel gruppo di tribù che formerà il futuro regno
regno del sud, sebbene proprio questa formula del nord.
dell’uscita dall’Egitto sotto la guida divina abbia Ma in aggiunta «Israele» è attestato sempre an­
solitamente un orientamento panisraelitico. Fin che come termine ampio, che abbraccia in sé tut­
qui la situazione è chiara: per tutta la durata della to il popolo di Giuda e d ’Israele. È così nella for­
sua esistenza, il nome Israele è riservato al regno mula pronunciata da Tamar: «Una cosa così non
del nord. si fa in Israele» (2 Sam. 13,12), perché qui a Israe­
In 1 Reg. 12 ,17 s* trova però l’affermazione che le appartiene appunto anche Giuda (Noth, Sy­
Roboamo divenne re sugli Israeliti nelle città di stem 104-106). Ugualmente il «tutto Israele» di 2
Giuda. Ma non si può dare eccessivo peso a que­ Sam. 16 ,21-22 include anche Giuda, come mostra
sto singolo passo, e altri passi (ad es. / Reg. 14,24; l’aggiunta «tutto Israele, da Dan fino a Bersabea»
21,2 6,2 Reg. 1 6 , 3 0 / Reg. 14,21) sembrano deute­ (2 Sam. 1 7 ,1 1 ; similmente in 24,2; ma cfr. 2 Sam.
ronomistici. Ad ogni modo non si può escludere 3,10: «Israele e Giuda, da Dan fino a Bersabea»),
53 (ni,997) jìsra èl (H.-J. Zobel) (1^998) 54

Infine anche la locuzione «tutta la casa dTsraele» giore evidenza. Lo mostra 2 Sam. 6,21 con l’auspi­
(.2 Sam. 6,5.15) designa questa totalità includente cata chiarezza. Replicando al commento sprez­
anche Giuda. Soprattutto gli ultimi passi citati zante di Mikal circa il comportamento del «re di
danno l’impressione che Israele significhi qui, al- Israele», David non riprende tale termine del di­
Pincirea, la comunità di Jhwh, che sia quindi prin­ ritto pubblico ma formula la propria risposta vo­
cipalmente una denominazione religiosa che si di­ lutamente con una terminologia religiosa e teolo­
stingue da quella molto più strettamente delimi­ gica, ricordando di essere l’eletto di Jhwh che lo
tata, cioè dalla successiva accezione politica e di aveva stabilito «come nàgìd sul popolo di Jhwh,
diritto pubblico rifercntesi al regno del nord. Que­ su Israele». «Il re su Israele» è dunque «il re sul
st’impressione viene confermata dall’accostamen­ popolo di Dio Israele».
to delle espressioni «il re su (‘al) (tutto) Israele» e Anche l’espressione «il trono dTsraele» ha lo
«il re dTsraele». La prima s’incontra con riferi­ stesso contenuto (/ Reg. 2,4; 8,20.25; 9»5i i°>95 an­
mento a David in 2 Sam. 5,12.17; 12,7 (cfr. 7,8) e che 2 Chron. 6,10.16). Per il suo contenuto essa
a Salomone in 1 Reg. 1,34; 4,1; 11,3 7 M r- E cct T> risulta legata intimamente con la promessa di N a ­
12). Se in 2 Sam. 5,17 si potrebbe essere ancora tan (2 Sam. 7), quando si garantisce a David che
incerti circa la possibile presenza di un riferimen­ non mancherà mai un suo discendente sul trono
to all’ indietro a 2 Sam. 5,3 («il re su Israele», cioè d’Israele (1 Reg. 2,4), oppure quando Salomone
sul Nord), in 2 Sam. 5,12 il dubbio non sussiste interpreta la sua ascesa al «trono d’Israele» e la
in quanto il sostegno fornito da Hiram di Tiro al­ costruzione del tempio come compimento delle
la costruzione della reggia di Gerusalemme fu ad­ promesse fatte a David (/ Reg. 8,20 ecc.). Proprio
dotto da David proprio come dimostrazione che perché anche in questi casi si tratta di idee reli­
Jhwh lo aveva confermato come «re su Israele» e giose, sarà lecito riferire ugualmente il termine
aveva reso il suo regno sublime «per amore di Israele usato in quest’espressione al popolo di Dio
Israele, suo popolo». Qui Israele indica l’intero nel suo insieme. Si è già visto come questo valga
popolo, Giuda incluso. Anche 2 Sam. 12,7 è ine­ anche per la formula «Jhwh (Sabaot), il Dio di
quivocabile, in quanto l’affermazione «io ti ho un­ Israele» (2 Sam. 7,27; 12,7; cfr. anche 2 Sam. 7,26;
to re su Israele» messa in bocca a Jhw h riguarda 23,3; 1 Reg. 1,30.48; 8,15.17.20.23.25.26; 11,9 .3 1);
l’intero popolo di Dio ed è così anche nel caso di a questa formula corrisponde infatti l’altra relati­
Salomone. va a Israele, il popolo di Jhw h (2 Sam. 5,2.12; 6,
Ma inoltre David viene chiamato da Mikal «il 2 1; 7,8.10.11.23.24 ecc.). Infine si potrà fare rife­
re dTsraele» (2 Sam. 6,20; cfr. Esdr. 3,10; 2 Chron. rimento a quel parallelismo tra Giacobbe e Israe­
8 ,11; 29,27; 3 5 ,4 ). Sembra che anche Salomone sia le così caro alla poesia, finché si tratta di poemi
stato definito così (2 Chron. 30,26; 35,3; cfr. an­ che, come nel caso dei due canti di Balaam in Num.
che Prov. 1,1). Quando nel caso di altri sovrani si 24, risalgono all’epoca degli inizi della monarchia
dice Talmai, il re di Geshur (2 Sam. 3,3); Hiram, (Num. 24,5.17).
il re di Tiro (2 Sam. 5 , 1 1 ); Hadadezer, re di Soba Anche qui il risultato è chiaro: Israele può es­
(2 Sam. 8,3.5); Mesha, il re di Moab (stele di M c- sere usato in senso stretto o in senso lato. N el suo
sha, K A I 18 1,1) o il faraone, il re di Egitto (1 Reg. uso può essere tanto un termine di diritto pubbli­
3,1; 9,16 ecc.), il genitivo indica il territorio della co quanto un nome carico di dignità religiosa.
rispettiva sovranità, lo stato o il paese. Perciò nel­ 3. In 1 Sam. 9,16 si parla con rilievo dell’unzio­
la locuzione analogamente costruita, «il re dTsrae­ ne di Saul a «nàgìd sul mio popolo Israele»; la
le», il nome proprio andrà inteso come termine di formula in 1 Sam. 14,47 parla della sua «sovranità
diritto pubblico, appunto come denominazione regale su Israele» (cfr. 1 Sam. 13,1), mentre tanto
dello stato di Israele e del suo territorio. David David quanto Achis si riferiscono a Saul col tito­
viene infatti presentato al re di Gat, Akis, con le lo «il re dTsraele» (7 Sam. 24,15; 26,20; 29,3). O l­
parole «il re del paese» (melek h à’àres, 1 Sam. 21, tre a ciò il nome Israele è attestato ancora fre­
12): il genitivo che segue melek è, o può essere, quentemente (cfr. 1 Sam. 11,2 .13 ; I 4>21 ss 0 >natu~
quindi il genitivo dello stato o del paese. ralmente anche nell’espressione «(Jhwh,) il Dio
Sullo sfondo di tale osservazione si staglia an­ dTsraele». Il quadro che ci si presenta è chiaro: il
cora più chiaramente l’espressione «il re su ('al) regno di Saul si chiama Israele; egli regna sul po­
Israele», perche essa designa il popolo sul quale polo di Dio Israele come un monarca. Dunque
regna un re. E se il regno viene inteso come un David può lodarlo come «ornamento di Israele»
feudo di Jhwh (basti cfr. 1 Reg. 10,9), il rapporto (2 Sam. 1,19). A questo proposito Punico aspetto
del popolo verso Jhwh risalta con ancora mag­ controverso è se Giuda e il Sud appartenessero al
55 (ni,999) jis'rà’él (H.-J. Zobel) (111,1000) 56

regno di Saul (precisamente Eissfeldt, Kl. Schr. in tuale) è diventata di nuovo più aperta e più inte­
135 ss.; Schunck, Benjamin, 1963, 124-127; Ma- ressante» (EvTh 34 [1974] 312).
yers, V T 23 [1973] 15 1-17 0 ) o no (Rost 1; Herr- La fonte più preziosa per la nostra ricerca è il
mann, T h L Z [1962] 570; Geschichte 189; de Vaux, canto di Debora (lud. 5) poiché contiene ben 8
Histoire il 65). 2 Sam. 2,9 elenca i territori sui qua­ volte il nome Israele: 2 attestazioni riguardano la
li regnava Is-baal, figlio di Saul: «Galaad, ‘Ashur’, denominazione divina «Jhwh, il Dio d’Israele»
Izreel, Efraim e Beniamino». Le parole che se­ (w . 3.5), 1 volta il nostro nome si trova in un
guono «e Israele nella sua totalità» possono signi­ nesso genitivale «i condottieri (hòqeqè) d’Israele»
ficare che i suddetti territori abbracciano «tutto (v. 9), ma tutte le altre testimonianze sono co­
Israele» - allora Giuda sarebbe sicuramente esclu­ struite con b e «in»: «Condottieri si misero a capo
so - oppure chc Is-baal era de facto re solo su tali in Israele» (v. 2); « celebrarono i contadini in
regioni, ma il suo regno comprendeva de iure il Israele» e Debora come «madre in Israele» (v. 7);
territorio più ampio di tutto Israele, Giuda inclu­ le armi mancavano «per 40000 in Israele» (v. 8) e
so. Il v. 10 parla di nuovo del regno di Is-baal «su gli atti di salvezza di Jhwh «in Israele» (v. 11). Va
Israele» e prosegue: «Solo la casa di Giuda seguì notato che qui si ha il medesimo uso linguistico
David». È incontestabile che la casa di Giuda non che si è visto nel rimprovero di Tamar: «Una co­
apparteneva al regno di Is-baal. Sulla base di con­ sa così non si fa in Israele» (2 Sam. 13,12). In sen­
siderazioni storiche territoriali è anche probabile so del tutto generale, da ciò risulta chiaro il carat­
che la casa di Giuda non appartenesse al regno di tere ampiamente comprensivo dell’entità Israele.
Saul (cfr. anche 1 Sam. 18,16). Nella misura in cui E quando, inoltre, Jhwh è accompagnato dall’ap­
è la denominazione giuridica statuale di questo re­ posizione «il Dio d’Israele», questo vasto Israele
gno, va da sé che Israele non include Giuda. Ma viene così qualificato come comunità di Jhwh; al­
le cose stanno così anche per ciò che riguarda l’uso l’inverso, le opere salvifiche di Jhwh tornano a
religioso del termine Israele al tempo di Saul? vantaggio di questo Israele (v. 1 1; cfr. v. 7).
Si è detto del culto di Jhwh, che certamente va­ Alla questione dell’estensione di questa entità
leva tanto per Giuda quanto per Israele e rappre­ Israele si risponde comunemente col riferimento
sentava un elemento comune a entrambi (ad es. alle tribù elencate ai vv. 14 -17, quelle pronte a
Herrmann, T h L Z [1962] 573; de Vaux, Histoire 11 combattere e quelle rimaste lontano dalla batta­
65). Ma col nome di Jhwh va attribuito, per così glia, cioè alle tribù di Efraim, Beniamino, Makir
dire, automaticamente anche il nome di Israele, (Manasse?), Zàbulon, Issacar, (Neftali) da un lato
così che chi adora Jhwh appartiene o dovrebbe e, dall’altro, Ruben, Galaad (Gad?), Dan, Asher,
appartenere a Israele? Si vedrà che quest’ipotesi constatando che mancherebbero Giuda e il Sud
regge. Inoltre si può ancora argomentare che giudaita, che quindi non sarebbero appartenute a
Israele non sarebbe mai potuto essere la denomi­ Israele (da ultimo de Vaux, Histoire 11 64 s.; Herr­
nazione politica del regno di David, se anche G iu­ mann, Geschichte 158-160. 189). Tuttavia si deve
da non avesse fatto parte di Israele (Danell 287 s.). considerare, per la precisione, che questo schiera­
4. Con l’ipotesi di Noth relativa a un’anfizio- mento combattente non si chiama affatto Israele,
nia israelitica antica il problema che sta per esse­ ma è chiamato «il popolo di Jhwh» (vv. 1 1 .1 3 ; cfr.
re affrontato qui sembrava che fosse risolto: «La anche il semplice ‘am ai vv. 2 e 9) che viene «in
tradizione veterotestamentaria conosce il nome aiuto di Jhwh» (v. 23, come sottolinea Smend, Ja h -
‘Israele’... solo come denominazione complessiva wekrieg 1 1 ; Bundesformel 11-12 ). N on si deve
di un gruppo di dodici tribù» (Noth, Geschichte trascurare che i termini «Israele» e «popolo di
11). Il parere di Alt non è molto diverso: «Questa Jhwh» non coincidono minimamente; sembra co­
unione di tribù fu la prima a portare il nome Israe­ sì che l’ambito di Israele sia maggiore, più ampio
le» (R G G in 938). Se in un primo momento si fu e più esteso di quello del popolo di Jhwh e, di con­
pronti ad accettare questa tesi, sia pure modifi­ seguenza, anche di quello delle tribù elencate. È
candola (così, ad es., ancora Danell 287; Hempel ozioso domandarsi se questo gruppo di tribù sa­
782), da un po’ di tempo si sono fatte sentire così rebbe stato chiamato già allora Israele se anche le
numerose voci caute, scettiche e contrarie che og­ tribù rimaste passive avessero partecipato alla bat­
gi si è piuttosto propensi a rinunciarvi compieta- taglia (così Smend, Bundesformel 12). Quindi non
mente. Smend formula in questo modo le conse­ può essere verosimile neanche la conseguenza che
guenze di questa nuova temperie per l’interpreta­ l’Israele di lud. 5 sarebbe potuto consistere ideal­
zione del termine Israele: «Così la questione di mente di dieci tribù (così Noth, System 5 s.).
che cosa - e di chi - fosse questo Israele (presta­ Gli oracoli relativi alle tribù portano un po’
57 (m.iooo) jisra'el (H.-J. Zobel) (111,1001) 58

più in là. Quelli della benedizione di Mosè {Deut. Jhwh il presupposto per l’assunzione del nome
33) presuppongono in larga misura un’unica e Israele da parte di tutte le tribù). Tuttavia ciò non
medesima situazione, cioè una riunione liturgica è più dimostrabile, a meno chc non si dia peso al­
(vv. 18-19) convocata da Zàbulon e Issacar sul lo­ la considerazione chc sarebbe del tutto improba­
ro monte Tabor allo scopo di adorare Jhwh, il lo­ bile che la schiera di Mosè, unita a Jhwh in manie­
ro Dio. Si deve immaginare che a quest’assemblea ra particolarmente stretta, avesse assunto un no­
abbiano partecipato, oltre alle due tribù già men­ me composto con El. Comunque chc la schiera di
zionate, anche Ruben (v. 6), Beniamino (v. 12), Mosè custode delle tradizioni di Jhwh, la futura
Efraim e Manasse (w . 13-16), Gad (vv. 20-21), casa di Giuseppe, si chiamasse già da lungo tem­
Neftali (v. 23), Asher (vv. 24-25), Levi (vv. 8 -11) po Israele risulta più facilmente comprensibile
e probabilmente anche Dan (v. 22) che viveva già dell’idea che abbia assunto questo nome compo­
nelle sue residenze settentrionali. L ’elemento de­ sto con El solo dopo aver conquistato Canaan, il
cisivo è che Giuda vorrebbe appartenere a questa che sarebbe stato, per così dire, un notevole ana­
cerchia di tribù (v. 7; Schunck, Benjamin, 1963, cronismo. Ma allora la formula dell’arca (Num.
72 parla addirittura di un’«adesione di Giuda»); 10,36), «ritorna, Jhwh, alle miriadi delle migliaia
si arriva così al numero di 12 tribù e questa co­ di Israele», che oggi è largamente sospetta, po­
munione di tribù porta il nome «Israele» (cfr. vv. trebbe avere ragione a menzionare Israele.
10.21). Cronologicamente si deve pensare al x i i Ad ogni modo resta singolare anche un altro
secolo o alla fine dell’xi sec. a.C. (Zobel, K.lio). fatto, cioè che la formula «Jhwh, il Dio d’ Israele»
Gen. 49,10 offre la seconda testimonianza del­ venga usata per la prima volta nell’A.T. in Ex. 5,1
l’appartenenza di Giuda a Israele nella prima età e poi non la s’incontri di nuovo prima di Ex. 24,
dei giudici. Se qui silóh è, come sembra sempre la 10; 32,27; 34,23 (cfr. anche Auerbach 72; Eich-
cosa più naturale, il nome della località di Silo, rodt 384 = 21). Si tratta di una concezione molto
allora l’oracolo che esprime la speranza di una vicina ad alcune idee profetiche (basti cfr. Am. 9,
gloriosa entrata di Giuda a Silo e l’ubbidienza del­ 7; Hos. 9,10; 1 1 , 1 ; 12,14 ; I er- 2>3i 3 1 ,*; Ezech. 20,
le altre tribù - appunto quelle che ritenevano Silo 5.13); allora, come ha detto giustamente Wellhau-
il loro centro - testimonia l’aspirazione di Giuda sen (24), «i profeti hanno ragione a dire che sa­
a entrare a far parte di questa cerchia, più preci­ rebbe stato Jhw h a generare e partorire Israele».
samente di Israele, ed esprime addirittura la sua In queste considerazioni si deve includere an­
pretesa di supremazia su di essa (Zobel, Stammes- che la denominazione divina «il Custode della pie­
spruch 12 -15 . 75-76). Che qui come nella benedi­ tra Israele» (to'eh ’eben jisr a é l) di Gen. 49,24; il
zione di Mosè Giuda sembri significare la comu­ nome è chiaramente legato a un luogo dal prece­
nità della «Grande Giuda» viene suggerito da al­ dente missàm ‘da lì’. Anche se non è più possibile
tri testi. stabilire se si debba pensare a Betel (così da ulti­
In ogni caso è chiaro che già nella prima età dei mo Zobel, Stammesspruch 23) o a Sichem, che se­
giudici il termine Israele era evidentemente aper­ condo Gen. 33,20 è legata al nome Israele (così
to a una totalità chc teneva conto anche di Giuda Otto 132; de Vaux, Histoire 1 167-168 indica en­
e dei territori meridionali, ma che al contempo il trambe le località), pure dal contesto della sen­
nucleo di questo Israele non viveva nel sud, ma al tenza si evince chiaramente che si tratta del terri­
centro della Palestina. torio della casa di Giuseppe, e infatti ancora Ps.
5. Il fatto che il canto di Debora, che dovrebbe 80,2 collega il rò'éh jisrà'él con Efraim, Beniami­
risalire agli inizi del x i i sec. a.C., conosca una tra­ no e Manasse (v. 3). Come mostra anche il nome
dizione degli «atti salvifici di Jhwh per Israele», Reuel «pastore è El» (Gen. 36 ,4 .10.13.17 ecc.), e
presupponendo quindi che tali opere siano avve­ fa supporre il legame con un luogo della nostra
nute nel passato, e al contempo chiami Jhwh «il espressione, si tratta qui in origine di El o co­
Dio d’Israele» e «il Signore del Sinai» (Iud. 5,5), munque di una ipostasi di El. Che questa ipostasi
ci indirizza chiaramente agli antecedenti di que­ sia legata particolarmente alla casa di Giuseppe e,
sto «Israele» risalenti a molto prima della con­ come suggerisce il contesto della formula, sia già
quista del paese. Con la rilevante conseguenza che identificata con Jhwh, getta una luce significativa
il nome Israele non è stato assunto dalla schiera sul processo che soggiace a tutto ciò. Da quanto
di Mosè solo dopo la conquista di Canaan ma era si è detto consegue che la casa di Giuseppe, o co­
loro familiare già da prima (cfr. Herrmann, T h L Z munque i gruppi che andavano costituendosi in
[1962] 572; Smenò,Jahw ekrieg 17. 58; ma soprat­ essa, adorava El prima di conoscere Jhwh. N on
tutto Rost 105 n. 4 che ritiene la comune fede in fa alcuna differenza che si creda o no alle formule
59 (ut,ioo2) jisra'èl (H.-J. Zobel) (111,1003) 60

di Ex. 3,6.15.16; 6,2.3, che collegano il nuovo Dio con Israele. Sicuramente tale nome è legato a Si-
Jhwh alPantico Dio dei padri, o anche agli dei dei chcm, ma di fatto non è vincolato a questo luogo,
padri: il processo di fusione della fede in Jhwh bensì a un gruppo umano per il quale l’entrata nel
con il più antico culto di El è di per sé incontesta­ culto di El rappresentava l’evento più importante
bile. Ma ciò significherebbe che le schiere di M o­ e decisivo. A questo punto i fatti necessitano an­
sè, o almeno alcune loro parti, conoscevano già il cora in certa misura di un chiarimento.
nome Israele. Totalmente aperta resta la questione di chi ab­
Ciò porta all’ultima menzione del nome Israe­ bia partecipato a quell’evento e di quando sia av­
le che resta da considerare, cioè a quella in Gen. venuto. Candidati sono i gruppi di Giacobbe R a­
32,29 (L o J) e 35, to (P) e Gen. 33,20 (J): dopo chele e di Giacobbe-Lea (altre possibilità vede
aver lottato con Dio allo Jabboq, Giacobbe si ve­ Mihalik 15-17). Infatti è chiaro a priori che que­
de cambiato il nome in Israele; si reca poi a Si- sto processo, al centro del quale c’è il nome Israe­
chem e innalza su un terreno situato davanti alla le, è più antico di Mosè e dell’introduzione della
città, dopo averlo comprato dai Sichemiti, un al­ fede in Jhwh (così già Albright, JB L [1927] 168).
tare o una masseba a cui dà nome ’è/ ’élòhè jis- A favore del gruppo di Rachele c’è il fatto che il
rà ’él. Oggi non si contesta più (diversamente luogo in cui si svolge l’azione, Betel o Sichem, si
Danell 287; cfr. Mowinckel 13 0 -13 1) che alla ba­ trova al centro della Cisgiordania. Qui visse in
se di questo cambiamento di nome ci sia un fatto tempi storici la casa di Giuseppe, che appare in­
storico. N on pochi hanno sostenuto che dietro a fatti anche particolarmente legata al nome Israele,
esso si nasconda la fusione di un gruppo Giacob­ come indica la storia di Giuseppe con la sua pre­
be con un gruppo Israele (Kittei 1 272. 298; Hem- dilezione per il nome Israele (de Vaux, Histoire 1
pel 782; Seebass; Wàchter 60; similmente anche 595; cfr. Steuernagel 331. 345-346). Contro tale
Mowinckel 130 -132 ; de Vaux, Histoire 1 167-168. scelta si deve obiettare che questi eventi apparten­
595) e tale opinione è degna di scria considera­ gono all’epoca successiva alla conquista del paese
zione. Tuttavia sembra più naturale supporre che da parte della casa di Giuseppe, e che l’assunzio­
il cambio di nome vada ricondotto, come altrove ne del nome Israele da parte di fedeli di Jhwh è
nell’A.T. (cfr. Eissfeldt, Kl. Schr. v 71-74), a un improbabile. Per contro è a favore del gruppo di
cambio di sovranità. Nel nostro caso potrebbe Giacobbe-Lea (cfr. Smend, [EvTh 19 71] 626 s.) la
trattarsi di un cambiamento di religione proprio circostanza che, almeno secondo Gen. 34, è atte­
perché il nuovo nome è teoforo e l’elemento co­ stata la presenza, in epoca antica, di una parte di
stitutivo contiene El (così ripetutamente Eissfeldt, questo gruppo nelle vicinanze di Sichem; median­
Kl. Schr. in 414-416; Kl. Schr. iv 96-99; Kl. Schr. te l’inserimento di Gen. 34 nella tradizione dei pa­
v 74; C A H 11 318). Il posto della divinità adorata triarchi si allude a una tale datazione; a differenza
fino a quel momento da Giacobbe, vale a dire dal della tomba di Giacobbe, ubicata in Transgiorda-
gruppo Giacobbe, viene preso da El, il nuovo Dio nia, la tomba di Israele viene cercata a Hebron,
d’Israele. Il nome Giacobbe (-» j 'q b [ja'àqdb]), dunque nel territorio di Giuda o meglio di Caleb
evidentemente sentito da lungo tempo come pri­ (cfr. Jepsen 48-50). Tuttavia in Gen. 34 la figura
vo di significato, viene sostituito col nome Israe­ di Giacobbe-Israele è palesemente redazionale e
le, epiteto teoforo carico di maestà religiosa. Ma il fatto che Simeone e Levi combattano aspramen­
allora, cosa che è comunque la più verosimile, il te contro Sichem non si adatta certo al prudente
nome dato all’altare o alla masseba di Sichem va comportamento dei patriarchi, che mirava a un ac­
interpretato come una professione di fede e tra­ comodamento pacifico con i Cananei (cfr. Eiss­
dotto «El è il Dio d’Israele» (Smend, Bundesfor- feldt, C A H n 315). Hebron poi, come luogo di
mel 15; si noti anche Ios. 8,30, dove il nome di un sepoltura di Israele, significa soltanto che Israele
altare presso Sichem mostra l’apposizione «il Dio veniva onorato anche al centro della Grande Giu­
d ’Israele»). da e quindi che anche questo gruppo apparteneva
A questo proposito è singolare la differenza a Israele.
con le denominazioni delle altre ipostasi di El Non si potrà quindi evitare di concludere che
nominate nella Genesi: El Olam, El Shaddai, El questa gente di Giacobbe che assunse solenne­
Eljon o El Roi, El Betel. Mentre in questi nomi il mente il nome Israele vada distinta dai gruppi
secondo elemento riguarda una qualità o un luo­ noti più tardi e identificati in base al nome delle
go, nell’espressione «El è il Dio d’Israele» si ha rispettive madri, Lea e Rachele, e che si debba ve­
invece un nesso genitivale che associa il dio a un dere in essa i loro antenati, i quali nel corso degli
gruppo di adoratori identificato più precisamente spostamenti per la transumanza vennero in con­
6i (111,1004) jisrd’él (H.-J. Zobel) (111,1005) 62

tatto con la regione della Palestina centrale attor­ proprio religioso di tanto peso. Tuttavia median­
no a Sichem: dei Proto-Israeliti, quindi, i cui di­ te tale processo quel gruppo sarà diventato con­
scendenti furono i gruppi sia di Giacobbe-Lea sia sapevole «della propria unità e solidarietà» (Eich-
di Giacobbe-Rachele (cfr. N .K . Gottwald, The rodt 2 1, ma con riferimento all’evento del Sinai).
Tribes o f Yahweh, London 1980,494 s.). Al nome Israele, quindi, nell’A.T. non solo è ine­
rente fin dal principio una «dignità religiosa», ma
Non si può accertare a quale cerchia dei diversi
è insita in esso anche l’idea di una totalità coesa
gruppi si riferisca la menzione di Israele nelPiscri-
zionc di Merneptah (r. 27). Premesso che l’egiziano all’interno da speranze e convinzioni comuni e
j-si-r-i'-r va letto «Israele» e non «Jesreel» o altro; delimitata verso l’esterno dalla comune profes­
che la successione della menzione dei nomi è inter­ sione di fede in «El, il Dio d’Israele».
pretabile geograficamente e chc il testo con il segno 2. La formulazione «Jhwh, il Dio d’Israele» è,
per «popolo» è giusto (cfr. J.A. Wilson, A N E T 378 dal punto di vista storico-religioso, il riscontro
n. 18; anche Eissfeldt, CAH 11 317 s. ed E. Otto, adeguato al divenire storico di Israele della prece­
Erwàgungen zum Paldstinaabschnitt der «Israel- dente espressione «El, il Dio d’ Israele», dato che
Stele» des Merenpta [ZDMG S. iv, 1979, 131-133]),
rispecchia l’identificazione di El e Jhwh. Ci si
si dovrebbe pensare alla zona della Palestina centra­
può pertanto aspettare giustamente di incontrare
le e a una data intorno al 1230 a.C. Allora si tratte­
rebbe non delle tribù israelitiche che giunsero nel di nuovo i due aspetti appena enucleati della tota­
paese soltanto dopo l’esodo e le peregrinazioni nel lità e della corrispondente autocoscienza. Ora,
deserto, cioè attorno al 1200 a.C., dunque il gruppo per prima cosa, è chiaro che la formula «Jhwh, il
di Giacobbe-Rachele (de Vaux, Histoire 1 366 s. 456 Dio d’Israele» non può essere più antica della ri­
s.), bensì dei gruppi di immigrati più antichi, cioè dei velazione del nome di Jhwh a Mosè. E se si ritie­
gruppi di Giacobbe-Lea (cfr. ultimamente Smend, ne che il nome Israele è legato a un luogo in C a­
Bundesformel 14-15). Ma tutto ciò c ipotetico. naan in o presso Sichem, e che il gruppo così chia­
mato è ugualmente insediato esclusivamente in
111. Eissfeldt (Kl. Schr. iv 98) ha giustamente Canaan, allora la formula «Jhwh, il Dio d’Israele»
espresso «la sensazione che al nome Israele sia sarebbe immaginabile soltanto dopo la conquista
inerente, fin dall’origine, una particolare dignità del paese da parte dei gruppi provenienti dal­
religiosa», ribadendo una constatazione general­ l’Egitto. La formula presupporrebbe, dunque, la
mente condivisa. L ’interrogativo è uno solo: su crescita di questi gruppi insieme con un’altra co­
che si basi tale particolare dignità religiosa e qua­ munità rimasta in Canaan, che si chiamava Israele
le ne sia il contenuto, di volta in volta condizio­ (così Smend, Bundesformel 14-18). Per quanto
nato dalla storia. tale tesi vada presa in seria considerazione, pure
1. Finché si tratta del dio El, si potrà trasferire, ci è parsa non priva di ottime ragioni l’argomen­
in senso generico, il contenuto della promessa fat­ tazione che sarebbe più difficile spiegare perché
ta ai patriarchi anche al culto di El osservato da un gruppo di adoratori di Jhwh decida di assu­
Israele e parlare della promessa di El riguardante mere un nome contenente El che spiegare il pro­
una numerosa discendenza e il possesso del paese cesso opposto, per il quale la comunità che si chia­
(cfr. Eissfeldt, Der kanaanàische E l als G eber der mava già Israele o la schiera di Mosè che apparte­
den israelitischen Erzvdtern geltenden Nachkom- neva a questo Israele venne a conoscenza di Jhwh
menschaft- und Landbesitzverheissung [Kl. Schr. come nuovo Dio e nella sua opera vide realizzate
v 50-62]). In questo caso il nome «El regna» o si­ più chiaramente di prima le idee implicite nel no­
mili garantisce a Israele la giustificata speranza di me Israele. L ’accostamento parallelo tra «Jhwh,
un compimento di tali promesse. E poiché G ia­ quello del Sinai» e «Jhwh, il Dio d’Israele» nel
cobbe, il padre del futuro popolo d ’Israele, viene canto di Debora (lud. 5,5) intende comunicare
chiamato con quel nome gravido di promesse, l’identità delle due apposizioni.
l’attesa della nascita di un popolo e del possesso Le nostre fonti permettono ancora di vedere
del paese era, in un certo senso, già in via di com­ che Jhwh divenne il Dio d’ Israele nel corso del­
pimento. Il fatto che il dio El di Sichem riceva l’evento globale esodo-Sinai. Dopo Gen. 33,20
l’epiteto «il Dio d’Israele», chc si riferisce a que­ con il suo «El, il Dio d’Israele» c’è il primo «Jhwh,
sto gruppo di persone, è un indizio dello stretto, il Dio d’Israele» nella formula profetica d ’intro­
per così dire personale contatto tra El e Israele. È duzione del discorso di Mosè-Aronne al faraone:
molto difficile valutare quali possano essere le «Così dice Jhwh, il Dio d’ Israele: Lascia libero il
conseguenze per la comunità che si professa se­ mio popolo!» (Ex. 5,1), mentre in Ex. 4,22-23 (J
guace di El, suo dio, dell’assunzione di un nome o L) si legge: «Così dice Jhwh: Israele è il mio pri­
6y (111,1005) jisra'el (H.-J. Zobel) (111,1006) 64

mogenito... Lascia libero mio figlio!». In seguito articolo su Giacobbe (-» j'q b ) in questo lessico, il
si trova di nuovo la formula riferita a Jhwh nel nome di Giacobbe sottolinea di più la coesione
brano arcaico del pasto comune di Mosè e dei 70 della totalità del popolo, mette maggiormente in
anziani con il «Dio d’Israele» (Ex. 24,10: J o L ) e evidenza l’aspetto nazionale ed è quindi il termi­
nel racconto, parimenti antico, dell’elezione dei ne preferito quando si tratta della forza e della
Leviti al servizio sacerdotale (Ex. 32,27: J o L); grandezza visibile della nazione, dell’unità popo­
inoltre ancora nel decalogo liturgico di J (Ex. 34, lare. Mettere in parallelo i due nomi Giacobbe e
23; cfr. anche Ex. 20,2). Israele, entrambi con la medesima tendenza a una
Questo legame del nome Israele con gli eventi totalità, scatena un processo di reciproca influen­
fondamentali della storia più antica di Israele spie­ za sul contenuto di ciascuno: sul nome Giacobbe
ga, da un lato, la p a rtic o lare dignità che portò an­ si irradia un po’ dello splendore religioso del ter­
che all’uso privilegiato del titolo di Jhwh «il Dio mine Israele e, viceversa, nel nome Israele si co­
d’Israele» nel linguaggio solenne (cfr. il prospet­ glie più forte la nota della compattezza nazionale.
to, basato su Steuernagel, in Smend, Bundesfor- Questa nota nazionalistica si coglie soprattutto
mel 20); dall’altro, mette in evidenza la stretta dove Israele viene presentato come realtà formata
unione di Jhwh con questo Israele. Quando Jhwh da 12 tribù, così che «nessuna tribù può essere
rivolge le sue cure a questa comunità, le dischiu­ recisa da Israele» (Iud. 21,3.6.17), nessuna «città
de un nuovo futuro e le dà al contempo il diritto e madre in Israele deve perire» (2 Sam. 20,19 s-) e
custodito dai Leviti (cfr. Deut. 33,10), la schiera dove la forma originaria della tradizione del Pen­
di Mosè si trasforma in una comunità di Jhwh tateuco viene indirizzata in questo senso panisrae­
che d’ora innanzi sta sotto la sua particolare pro­ litico, come avvenne probabilmente per la prima
tezione e, al contempo, è sottoposta al suo co­ volta a opera di J, ma in ogni caso nell’epoca da-
mandamento che vale per essa in maniera specifi­ vidico-salomonica.
ca. Così «Jhwh litiga per Israele», come sta scrit­ 4. Questo contenuto del nome Israele non fu
to in los. 10,14.42; ma può anche divampare d’ira messo mai seriamente in discussione neanche alla
contro Israele, come effettivamente accade quan­ separazione dei regni, con l’assunzione del nome
do questo Israele lo abbandona per Ba'al-Peor Israele da parte del regno del nord e l’uso di tale
(Num. 25,3.4). N on fa alcuna differenza che la de­ nome come termine di diritto pubblico limitato a
nominazione «il popolo di Jhwh» sia attestata o questo regno. Infatti Israele continua a indicare la
meno per questa prima fase storica; nella sostan­ totalità del popolo di Dio. Tuttavia sotto certi
za tale realtà è già presente: la comunità di Jhwh aspetti si delinea un cambiamento. A differenza
«Israele», determinata religiosamente, orientata dei canti jahvistici di Balaam, i componimenti
verso il suo Dio, chiaramente delimitata nel suo poetici elohistici (Num. 23,7-10.18-24) rivelano
perimetro (cfr. Smend, Bundesformel 21). uno spostamento di accentuazione dall’atteggia­
3. Nella prima età di David sembra compiersi mento fondamentalmente nazional-religioso a
una trasformazione. In ogni caso da qui in poi il quello religioso-nazionale. «Israele» non può es­
cambiamento diviene rilevabile nelle fonti. Da un sere né esecrato né maledetto perché è stato be­
lato ci s’imbatte in canti entusiastici che celebra­ nedetto da Dio una volta per sempre (vv, 7-8); es­
no la potenza e la gloria esteriore di Israele come sendo il popolo della benedizione non può pro­
Num. 24,3-9 e Deut. 33,26-29, quest’ultimo con vare né avversità né sventura (vv. 20-21); nel po­
la significativa esclamazione finale: «Viva, Israe­ polo di D io non c'è ne magia né incantesimo; Dio
le! Chi è pari a te?»; dall’altro s’incontra in que­ ha fatto certo grandi cose per Giacobbe, per Israe­
st’epoca, con straordinaria frequenza, la denomi­ le fin dall’Egitto (vv. 22-23).
nazione parallela «Giacobbe» per indicare Israe­ Quest’idea dell’unità del popolo di Dio deter­
le, e nella maggior parte degli esempi di quest’uso mina anche l’attività dei profeti. È il presupposto
Giacobbe precede Israele. Si possono indicare, ad per il quale un profeta meridionale come Amos
es., ancora una volta i canti di Balaam, soprattut­ svolge il proprio ministero nel regno del nord, si
to Num. 24,17. Infatti se, come appare probabile rivolge al popolo di questo regno con «Israele»
a causa del suo colorito soltanto allusivo, questo (Am. 4,12) e per mandato di Jhwh con «mio po­
canto non va interpretato come vaticinium ex polo Israele» (Am. 7,8.15; 8,2; cfr. 9,14 R), ma al
eventu ma come poema genuinamente profetico contempo usa il termine «Israele» nel contesto
che predice l’imminente ascesa di David, lo si de­ dell’uscita dall’Egitto (Am. 3,1; 9,7), della perma­
ve datare - come anche il terzo canto in Num. 24, nenza di 40 anni nel deserto (Am. 5,25) e dello
3-9 - all’epoca di Saul. Come si è visto nel nostro sterminio degli Amorrci (cfr. Am. 2,6-11), predi-
6j (111,1007) jisrd’èl (H.-J. Zobel) (in, 1008) 66

cencio poi anche la fine di Israele (Am. 3,14; 4,12; tro alla predizione del castigo (Hos. 1,9) e anche
7,9 .11.16 .17 ). Come Wolff deduce giustamente, alla promessa della salvezza (2,25; Smend, Bun-
Israele significa qui chiaramente il popolo di Dio desformel 24 s.). Mediante questo legame perso­
(BK xiv/2 200). Lo stesso vale per Isaia: il paral­ nale che associa Dio e popolo di Dio si ha quindi
lelismo di «Israele» e «mio popolo» (Is. 1,3); la ora anche la piena integrazione nel nome Israele
presentazione dei figli del profeta quali «segni e di quell’aspetto di rapporto interpersonale che
presagi in Israele» (Is. 8,18) o la certezza relativa caratterizza la fede in Jhwh.
al ritorno del «resto d’Israele», «degli scampati Così si può dire che sia completato, nelle gran­
della casa di Giacobbe» a «Jhwh, il Santo d’ Israe­ di linee, il processo di riempimento di contenuto
le» (Is. 10,20-22; si noti che qui Israele precede del nome Israele. I restanti profeti preesilici non
Giacobbe) e, non da ultimo, i titoli di Jhwh «’dbir aggiungono nulla di sostanzialmente nuovo: Israe­
d’Israele» (Is. 1,24), «la luce d’Israele» (Is. 10,17) le è il popolo di Dio che «era consacrato» a Jhwh
e «il Santo d ’Israele» (12 volte) intendono tutti (ler. 2,3; cfr. Ier. 10,16) e che Dio ha guidato (Ier.
«Israele» come popolo di Dio. Tuttavia, poiché il 31,2; 32,21), ma col quale egli deve ora presentar­
popolo cui si rivolge Isaia non ha praticamente si in giudizio (Mich. 6,2; cfr. Mich. 3,1.8.9; anche
niente in comune con tale popolo di Jhwh —il pro­ Lam. 2,1.3.5), il cui resto dovrà essere nuovamen­
feta parla quasi con disprezzo di «questo popo­ te raccolto e riunito (Mich. 2,12; 5,2; cfr. Soph. 3,
lo» (ad es. in Is. 6,9.10; 8 ,6 .11.12; 9,15) - anzi, 13; ler. 31,7; ancora più netto Ier. 6,9) e apparte­
poiché in quanto popolo di Dio dovrebbe cono­ nere al «dominatore in Israele» che uscirà da Bc-
scere Jhwh, non potrà sottrarsi al giudizio che tlemme-Efrata (Mich. 5,1; cfr. Soph. 3,15: Jhwh, il
Jhwh tiene nella sua sovranità in quanto «Santo re d’Israele); infine l’invito a Israele (in parallelo
d’ Israele». Ma al castigo sfuggirà un «resto di «figlia di Sion», «figlia di Gerusalemme», Soph.
Israele», che si volgerà con fiducia al suo Dio. 3,14) a giubilare e rallegrarsi annuncia la svolta
Anche l’unico profeta del regno del nord che si escatologica del tempo della salvezza. Tutti questi
conosca, Osea, fa intravedere le stesse idee o idee concetti si riflettono nelle denominazioni di Dio:
simili riguardo al contenuto del nome Israele. Jhwh Sabaot, il Dio d’Israele (35 volte in Gere­
Israele è il popolo di Dio della storia: «Trovai mia), Jhwh il Dio d’ Israele (14 volte in Geremia),
Israele come uva nel deserto» (Hos. 9,10), «quan­ il Santo d’Israele (Ier. 50,29; 51,5), la speranza di
do Israele era giovane gli si affezionò» (Hos. 1 1 , Israele (Ier. 14,8; 17,13).
1) e «Jhwh ha condotto Israele su dall’Egitto» 5. Il Deuteronomio presenta, per così dire, la
(Hos. 12,14); forse anche Hos. 10,9: «Israele pec­ cristallizzazione meditata ed elaborata teologica­
ca sin dai giorni di Gabaa». Israele è il popolo mente di tutte queste affermazioni. Enfaticamen­
amato da Dio, suo padre, come un figlio. La for­ te si parla ripetutamente di «tutto Israele» (ad es.
mula breve «Jhwh, tuo Dio fin dall’Egitto» (Hos. Deut. 1,1; 11,6 ; 13 ,12 ; 18,6; 3 1 , 1 . 1 1 [bis]; 34,12).
12,10; 13,4) fa capire chiaramente che l’Israele cui Instancabilmente si ripete l’esortazione a dare
il profeta si rivolge invitandolo a ritornare a ascolto agli statuti e alle leggi per agire nella loro
«Jhwh, tuo Dio» (Hos. 14,2) indica il medesimo osservanza (Deut. 4,1; 5,1; 6,3.4; 9»1 ! 13,12 ; 20,3;
Israele. E quando si dice che Efraim «si è innal­ 2 1,2 1; 27,9), e a sradicare il male di mezzo a esso
zato in Israele» (Hos. 13 ,1) si coglie ancora una (Deut. 17 ,12 ; 22,21.22): infatti «oggi sei diventato
volta la differenza tra Efraim e Israele. Così po­ il popolo di Jhwh, tuo Dio» (27,9). Si parla così
trebbe essere giusto intendere con W olff (BK del «tuo popolo, Israele» (Deut. 21,8 [bis]; 26,15)
x i v / i 212; diversamente interpreta Rost 105-107) che Jhwh ha «amato» (Deut. 7,8; cfr. anche 2 Reg.
nel senso di popolo di Dio P«Israelc» che sta in 10,9), «redento» (21,8), «eletto» (7,6) e reso «il
parallelo con «Efraim» come espressione politica popolo di sua proprietà personale» (26,18). A n­
(Hos. 4,15; 5,9; 8,2.3.6.14; 9,1; 10 ,1; 13,9; 14,2.6): che se per lo stile adottato dal Deuteronomio, che
questo «Israele» sarebbe quindi meglio individua­ predilige il discorso diretto, il nome Israele appa­
to e delimitato in base a quella sua parte cui, di re raramente tanto qui quanto negli ultimi passi
volta in volta, è rivolta, precisandone il nome, la citati, si devono tuttavia contare tra i passi rile­
parola del profeta: Efraim, Giuda, Samaria e così vanti ai nostri fini anche gli enunciati relativi al
via. Siccome è simbolo dell’opera di elezione di «popolo santo» (Deut. 7,8; 14,2.21; 26,19; 2^,9)-
Jhwh, ora in Osea il nome Israele diventa anche Israele, questo è il nome «della comunità per la
segno della volontà divina espressa nel patto, quale il legame con Jhwh è la cosa più importan­
giacché la cosiddetta formula del patto, «Jhwh il te» (Hulst 103).
Dio dTsraele e Israele il popolo di Dio», sta die­ 6. Quest’uso linguistico tutto concentrato sul­
67 (111,1009) jisra él (H.-J. Zobel) (111,1010) 68

l’aspetto religioso fa sì che all’epoca dell’esilio gne e le montagne» sono «il paese d’Israele». A
Israele divenga il nome degli esuli. Lo si trova in ciò si aggiunge inoltre l’espressione attestata solo
tale significato già in Geremia (ad es. Ier. 50,17. in Ezechiele nebVè jisrà'él (13,2.16 ; 38,17) che
19), mentre nel Deuteroisaia «Israele» viene am­ «associa il fenomeno del profetismo... al popolo
piamente usato per indicare il popolo dell’esilio, di Dio» (Zimmerli 1261). Come «i monti d’Israe­
ma al contempo con il nome Israele si sottolinea le» porteranno frutti al popolo di Jhwh Israele
il legame col passato. Jhwh ha «plasmato» (jsr, Is. (36,8), come esso camminerà su di essi (36,12) co­
43,1) Giacobbe//Israelc; egli è «il creatore (bòre’ ) me un sol popolo (37,22), come nel paese d’Israe­
d’ Israele» (Is. 43,15); fu per le sue mancanze che le non ritorneranno più falsi profeti (13,9) e «sul
Jhwh venne costretto ad abbandonare Giacobbe// mio santo monte, sull’altura d’Israele, tutta quan­
Israele (Is. 42,24; 43,22.28). Ma ora egli ha riscat­ ta la casa d’Israele servirà Jhwh nel paese» (20,40;
tato Giacobbe//Isràele (Is. 44,23), lo ha chiamato cfr. 34,14), così tutto ciò avviene per un unico sco­
col suo nome (Is. 45,4; cfr. 48,12) e prepara per po, affinché «la casa d’Israele conosca che io so­
Israele la salvezza sul Sion (Is. 46,13; cfr. 45,17). no il suo Dio» (39,22), «che io sono Jhwh, colui
Così Israele viene chiamato «l’eletto» di Jhwh (Is. che santifica Israele» (37,28), «che io faccio cono­
44,1; 45,4), il «servo» di Jhwh (Is. 44,21; 49,3) e il scere il mio nome in mezzo a Israele» (39,7), «che
suo «ornamento» (Is. 46,13), come, all’inverso, essi sono il mio popolo e io sono il loro Dio»
Jhw h riceve i titoli «il Dio d’Israele» (Is. 4 1,17 ; (14 ,11), che lui è «il Santo in Israele» (39,7) della
45,3.15; 48,1.2; 52,12), il «creatore» (Is. 43,15), cui gloria, in quanto Dio d’Israele, si tratta (8,4;
«redentore» (Is. 49,7), «re» (Is. 44,6) e «il Santo 9,3; 10,19; 43>2)- *Ea maestà del nome divi­
d’ Israele» (Is. 41,14). Secondo la felice concisione no che sta sopra Israele, il popolo di sua proprie­
di Is. 44,5 «Israele» è «un nome onorifico» con il tà... è il mistero nascosto di Israele (Zimmerli, V T
quale ci si chiama (Is. 48,1) o si viene chiamati (Is. [ 1958190 ). . . .
44,5), un nome che esprime l’appartenenza alla Quando si passa alla profezia postesilica non è
comunità di Jhwh, rappresentando così una sorta possibile cogliere niente di veramente chiaro. Le
di confessione di fede. due attestazioni nel Protozaccaria (Zach. 2,2;
Da tutto ciò si differenzia per certi versi l’uso 8,13) si riferiscono al passato; Aggeo non usa af­
linguistico del profeta Ezechiele (per quanto se­ fatto «Israele». La conclusione di Rost è inecce­
gue cfr. Zimmerli, V T [1958] 78-90 e B K xm/2 pibile: «La Golà ha rinunciato spontaneamente a
1258-1261), «Israele» denota qui sia il popolo di ‘Israele’ per salvaguardare la propria natura pe­
Dio del passato (Ezech. 20,5.13), un passato che, culiare» ( 113 s.); ugualmente pertinente è il suo
a differenza, ad es., di Geremia, resta unitario si­ giudizio sul Deuterozaccaria (Zach. 9,1; 11,14 ;
no alla fine dell’indipendenza politica dello stato 12 ,1) col suo uso linguistico arcaizzante (Rost
di Giuda (cfr. 13,2.9; 18,6; 38,17) con Gerusalem­ 115 ) e sul Tritoisaia (Is. 56,8 = 1 1 ,1 2 ; 63,7.16), i
me considerata sempre il centro del paese d’Israe­ cui testi in cui si parla di Israele non sono affatto
le (cfr. 12,19 ; 21,7; cap. 48), sia la comunità degli chiari (Rost 114).
esuli alla quale il profeta è inviato e che egli chia­ Per contro è interessante che Malachia abbia in
ma «la casa d’Israele» (3 ,14 .5.7 \bis\. 17 ecc.) o totale 5 volte il nome di Israele. Si chiama così il
«figli d’Israele» (2,3; 4,13; 6,5 ecc.), mentre i suoi popolo di Mosè (Mal. 3,22); oltre a Giuda e G e­
«anziani d’Israele» lo visitano e consultano (14 ,1; rusalemme c’era anche un infedele Israele (2,11).
20,1.3). Che questo Israele sia il popolo di Jhwh Tuttavia anche la comunità postesilica cui si ri­
risulta chiaramente tanto dall’espressione «il mio volge il profeta si chiama Israele (1,1.5 ) e d suo
popolo Israele» (14,9; 25,14; 36,8.12; 38,14.16; 39, Dio ha l’antico nome di «Thwh, il Dio d’Israele»
7) quanto dal parlare della sua elezione (20,5) o (2,16).
della sua santificazione (37,28), ma anche della 7. Questa «predilezione per Israele» (Rost 114 )
sua apostasia (44,10), della sua colpa (4,4-5; 9 ,9 ), cresce notevolmente in 1 e 2 Cronache. Essa fa sì
delle sue abominazioni (6 ,11) e dei suoi idoli (8, che il patriarca e fratello di Esaù non si chiami
io; 18,6.15). Non da ultimo, quest’unità del po­ Giacobbe, bensì Israele (1 Chron. 1,34; cfr. anche
polo di Dio, che somiglia quasi alla compattezza 1 Chron. 2,1; 5,1.3; 6,23; 7,29; 16,13), c^e Sl Par^
di una famiglia, viene sottolineata da espressioni di «nostro padre Israele» (/ Chron. 29,10) e del
originali coniate dal profeta, ad es. ’admat jisrà'él «Dio dei nostri padri, Abramo, Isacco e Israele»
(solo in Ezechiele 17 volte) e hàrè jisrà’él (solo in (1 Chron. 29,18; 2 Chron. 30,6), che Israele indi­
Ezechiele 16 volte). A ll’unico popolo di Dio cor­ chi tanto lo scomparso regno del nord (1 Chron.
risponde la totalità del paese di Dio: «Le campa­ 5,17; 2 Chron. 16,1 ecc.) quanto Giuda (1 Chron.
69 (illjioio) jisra èl (H.-J. Zobel) (111,1011) 70

9,1; 2 Chron. 21,2.4 ecc*) e s'a> nello stesso tem­ liamson). Anche nel libro di Daniele, che chiama
po, il nome dell’Israele premonarchico (/ Chron. la Golà Israele (Dan. 1,3; cfr. 9,7.11.20), manca il
2>7J 17,5; 2 Chron. 24,6.9). Se già quest’uso rivela titolo «Jhwh, il Dio d’Israele».
chiaramente che il Cronista è interessato a sotto­ 8. Poiché i Salmi contengono composizioni ap­
lineare la continuità e l’ integrità di Israele, tale in­ partenenti a tutta l’epoca dell’A .T., il nome Israe­
teresse viene ribadito costantemente con l’espres­ le vi si riflette in tutte le sue sfaccettature. Con i
sione «tutto Israele» che s’incontra a ogni pie’ so­ loro enunciati seguono le linee fin qui delineate,
spinto in 1 Cronache (21 volte) e 2 Cronache (25 non solo mostrando con il parallelo di Efraim,
volte): / Chron. 9,1; 11,1.4 .10 ; 12,39 (bis); 13,5.6. Beniamino, Manasse (Ps. 80,2-3) c^e Israele è un
8; 14,8; 15,3.28; 18,14; 19»17; 2i,4-5; 28,4; 29,21. gruppo di tribù della Palestina centrale; con le
23.25.26; 2 Chron. 1,2 (bis); 6,29; 7,6.8; 9,30; 10, parole circa il ripudio della «tenda di Giuseppe»
1.3.16 (bis); 11,3 .13 ; 12 ,1; 13,4.15; 18,16; 24,5; 28, (Ps. 78,67), parallelo al ripudio di Israele (Ps. 78,
23; 29,24 (bis); 30,1.5.6; 3 1 ,1; 35,3. Tanto le frasi 59), che è certo l’Israele del tempo di Saul; con la
«tutta quanta la comunità (-» qhl [qàhàl]) d’Israe­ frequente associazione di Giacobbe e Israele che
le» (1 Chron. 13,252 Chron. 6,3 [fosj.12.13) e «tut­ Israele è l’intero popolo di Dio (Ps. 1 ^ 7 = 53,7;
to Israele, cioè la comunità (qehal) di Jhwh» (1 78,5.21.71; 81,5; 98,3; 105,10.23; 11 4 ,1 ; 135,4; 147,
Chron. 28,8), quanto l’identità tra «tutto Israele» 19; cfr. 22,24); né solo esprimendo l’intimo lega­
e «(tutta) la comunità», che si dimostra con un me di questo popolo con il suo Dio Jhw h, e quin­
confronto tra 1 Chron. 29,1.10.20 e / Chron. 29, di menzionando anche l’opera fondamentale di
21.23.25.26, vanno intese nel senso che la comu­ Jhwh nella storia (Ps. 78,31; 103,7; io 5>235 H4»1 »
nità religiosa postesilica è questo Israele (cfr. qà­ 136 ,11.14 .2 2 ; 147,19) con espressioni forti riguar­
hàl ancora in 2 Chron. 1,3.5; 7*8; 20,5.14; 23,3; 24, danti Israele: «(il tuo) il mio popolo» (Ps. 50,7;
6; 28,14; 29,23.28.31.32; 30,2.4.13.17.23.24 [bis], 81,9 .12.14; 135 ,12 ; cfr. 148,14), «la sua proprietà»
25; 31,18 ). L ’identificazione è sottolineata anche (Ps. 78,71; 135,4), «il suo regno» (Ps. 114 ,2) e «il
da una formula del tipo «Jhwh Sabaot, il Dio di suo servo» (Ps. 136,22); le seguono anche facendo
Israele, è Dio su Israele» (/ Chron. 17,24), giac­ apparire che Israele è la comunità di Dio, invitata
ché nei passo cui si riferisce il testo in questione a cantare la lode del suo Signore e la gratitudine
si legge solo «Jhwh Sabaot è Dio su Israele» (2 per lui (Ps. 22,24; 68,27; 118 ,2; 124 ,1; 129 ,1; 135,
Sam. 7,26). Mediante l’aggiunta «il Dio d’Israele» 19.20; 149,2; cfr. 122,4), £be spera e ripone la sua
il Cronista crea una continuità storica tra le due fiducia in Dio (Ps. 14,7 = 53,7; 25,22; 115,9 ; 130,7;
menzioni di Israele nella formula stessa: l’Israele 13 1,3 ; 147,2) e ascolta il grido «pace su Israele!»
di una volta è incarnato nella comunità di Jhwh (Ps. 125,5; 128,6). Concludendo, vanno ancora ri­
del suo presente. cordati brevemente gli epiteti divini: «Lo El di
Per i libri di Esdra c Nccmia si presenta questo Israele» (Ps. 68,36), «Jhwh, il Dio d’Israele» (Ps.
quadro: i reduci che dall’esilio ritornano in G iu­ 4 1,14 ; 72,18; 106,48; cfr. 68,9), «il Santo d’Israe­
da si chiamano «Israele» (Esdr. 2,70) o «popolo le» (Ps. 71,22; 78,41; 89,19), «Jhwh Sabaot, il Dio
d’Israele» (Esdr. 2,2; persino 7,13). Essi discen­ d’Israele» (Ps. 59,6), «il Dio d’ Israele» (Ps. 69,7),
dono «da Israele» (Esdr. 2,59; Nehem. 7,61) e so­ «il Pastore d’Israele» (Ps. 80,2), «Jhwh, il Custo­
no di nuovo «Israele» (Esdr. 6,17; 7,10; Nehem. de d’Israele» (Ps. 121,4), «il suo creatore» (Ps. 149,
10,34; 11,3 ; 13 ,18 ) 0 «tutto Israele» (Nehem. 7,72; 2). Questi titoli esprimono l’unione tra Israele e
12,47) che ascolta la legge del suo Dio e deve com­ Jhwh com’è formulata in modo quasi classico in
portarsi secondo essa. Partendo da qui, è istrutti­ Ps. 22,4: «Tu sei il Santo, colui che siede in trono
vo che anche Jhwh sia chiamato «il Dio d’Israe­ sulle lodi di Israele».
le» (Esdr. 1,3; 4,1.3; 6,21; 7,6; 9,15; anche 3,2; 5,1;
6,22; 7,15; 8,35; 9,4). Israele è dunque inteso sia IV. 1. La tendenza che si è notata nelle Crona­
nel senso di appartenenza al popolo, sia di appar­ che continua nella letteratura post-biblica e giu­
tenenza alla comunità: popolo e comunità sono daica. «Israele» è il «tipico nome con cui il popo­
un’identica cosa, così che gli stranieri «vengono lo giudaico designa se stesso» (Strobcl, B IIIIW 11
separati da Israele» (Nehem. 13,3) e anche altri 786), mentre il mondo non giudaico parla di «giu­
non possono avanzare la pretesa di appartenere a dei» (cfr., ad es., 1 Mach. 11,20.30.33.49-51; 12,3;
Israele, giacché questa comunità religiosa è, ap­ Kuhn, G L N T iv i n o ss.). In questa letteratura si
punto, tutto Israele. Risulta inoltre singolare che parla dunque estesamente di «Israele», di «popo­
a differenza di Esdra nel libro di Neemia non si lo d’Israele», di «tutta la casa d’Israele» (Judith
trovi il titolo di Jhwh «il Dio d’Israele» (cfr. Wil- 4 ,1.8 .9 .11.15 ; 5,1 ; Ps. Sai. 8,26.28; / Mach. 13,26.
71 (lII,IOI2) jàsab (M. Gòrg) (111,1013) 72

41.42 ecc.) e analogamente si parla del «Dio di casa della perfezione e della verità in Israele» (iQ S
Israele» (Iudith 4,12; 6,21; 10 ,1; 12,8; 13,7; 14.ro 8,9), alle quali Dio costruì «una casa solida in
ecc.; Ps. Sai. 4,1; 9,8; 16,3 ecc.). «Israele» indica la Israele» (iQ M 10,9). A questo «Israele» «si uni­
comunità religiosa unita nel culto (così anche Bar. ranno i semplici di Efraim» (4QpNah 3,5). Que­
3,9.10.24.37; 4,4.5; 5,7.8.9) che sta sotto la miseri­ sto Israele esclusivo è la comunità di Qumran,
cordia del suo Dio (Iudith 13,14 ; Ps. S a i 9 ,11; che in quanto «nucleo d’Israele» deve svolgere la
11,1.9 ) e lo serve (Ps. Sai. 7,21). In essa può essere sua missione nei confronti della totalità d’ Israele.
ammesso, dopo essersi sottoposto alla circonci­
H .-J. Zobel
sione, uno straniero come Achior (Iudith 14,10).
«Israele» è il suo nome onorifico (Ecclus 44,23;
cfr. Ps. Sai. 14,5). Essa, in quanto la parte miglio­
re dell’umanità, sta sotto la protezione dell’ange­ jàsab
lo Michele (H en. aeth. 20,5 cong.). Alla fine dei
tempi «Israele» vedrà la punizione dei pagani a
m ósàb
opera di Dio, si innalzerà felice e guarderà dal­ t

l’alto i suoi nemici giù in basso, giustificato dal


1. La gamma delle attestazioni. - 1. Morfologia; diffu­
suo Dio (Ass. Mos. 10,8-10). Ps. Sai. 11,7 parla nel sione al di fuori della Bibbia. - 2. Statistica delle atte­
modo più efficace di questo Israele presente e in­ stazioni in ebraico. - 3. Traduzioni in greco. - 11. Lo
sieme sovratemporale come di una comunità cul­ jsb dell’uomo. - 1. Osservazioni semiologiche. - 2. ‘Se-
tuale religiosa: «Indossa, Israele, i tuoi abiti da dersi’/'sedere’. - 3. 'Stabilirsi’/‘abitare’. - 4. ‘Salire al
cerimonia... poiché Dio ha decretato la salvezza trono’ / ‘risiedere’. - 5. Uno jsb liturgico? - in. Lo jsb
di Israele per ogni eternità» e Ps. Sai. 17,44 ag" divino. - 1 . 1 sintagmi. - 2. La formula mkwn e allusio­
giunge: «Beato chi vivrà in quei giorni e potrà ni. - 3. L’epiteto jósèb k'rubim e allusioni. - 4. Forme
contemplare la salvezza di Israele nell’unione finite e la loro semantica. - 5. ‘Arca’ e ‘angelo’ come sog­
getto.
delle tribù» (trad. secondo Kittei in Kautzsch 11).
2. Per quel che riguarda la letteratura di Qum- Bibl.: L.H. Brockington, The Use of thè Hebrew Verb
ran in particolare, il nome Israele ricorre con par­ jsb to Describe an Act in Religious Observance (Essays
ticolare frequenza nel Documento di Damasco in Honor of W. Tatcher, 1967, 119-125). - A. Feuillet,
«S’asseoir a Vombre» de l ’Epoux: RB 78 (1971) 391­
(CD , 43 volte), nella Regola della Guerra (iQ M ,
405. - M. Haran, The Ark and thè Cherubim: Their
28 volte) e nella Regola della Comunità (iQ S, 16
Symbolic Significarle in Biblical Ritual: IEJ 9 (1959)
volte). Quando non si tratta di citazioni dell’A.T. 30-38. 89-94. ~ A.S. Lawhead, A Study of thè Theolo-
o di allusioni, come, ad es., in iQ M 11,6 -7 e CE* gical Significance of yàsab in thè Masoretic Text, with
7,19-20, Israele è «il popolo di Dio» (iQ M 3,13) Attention to its Translation in thè Septuagint (1977). -
e il suo Dio si chiama «El d’Israele» (iQ S 3,24; M. Metzger, Himmlische und irdische Wohnstatt
iQ M 1,9-10; 6,6; 10,8; 13,1 ecc.). A questo popo­ Jahwes: UF 2 (1970) 139-158. - R. de Vaux, Les chéru-
lo di Dio appartiene la comunità di Qumran ( tQS bins et Tarche d ’alliance, les sphinx gardiens et les tró-
5,5.22; 6,13; 9,6; C D 3,19). Al contempo si ha l’im­ nes divins dans 1’Ancient Orient: MUSJ 37 (1960-61)
91-124. - A. Wuckelt, Die Basis Y§B in Gotlespràdika-
pressione che l’ «Israele» in quanto comunità di
tionen des A.T., 1978.
Dio venga ritagliato da un più ampio Israele. Il
elenchi come quello di C D 14,4-6 s’incontra la 1.1. La base w tb (P. Marrassini, QuadSem 19 71,
serie «sacerdoti, leviti, Israele e proseliti» (cfr. C D 16-18) soggiacente alla radice semitica occidenta­
10.5). Più volte sono accostati tra di loro Aronne le jsb va considerata morfologicamente un am­
e Israele (iQ S 5,6; cfr. C D 1,7; 10,5; iQ M 5,1) pliamento della coppia consonantica tb con l’au­
come del resto vengono attesi due Messia, uno di mento radicale w come prefisso. Il nucleo semico
Aronne e uno d ’Israele (iQ S 9 ,11; C D 13 ,1; 14,10; della base primaria biradicale (secondo R.L. Cate,
19 ,11; 20,1 ecc.). Gli empi verranno sradicati da The Theory o f Bilateral Roots, Southern Baptist
Israele all’apparire della gloria di Dio (C D 20,6); Theological Seminary, Louisville 1959, 152: «gi­
altri sopravvivono «come resto per Israele» (CD rarsi», «spostarsi», similmente G. Robinson, ZAW
1.5) e con essi Dio «stabilirà il suo patto in eterno 92 [1980] 41) non può essere dimostrato con to­
(cfr. iQ S 5,5) per rivelare loro le cose nascoste, tale certezza, ma andrà cercato nell’ambito della
nelle quali aveva errato tutto Israele» (C D 3 ,13 ­ variazione dello stato locale preferibilmente di
14). Stando a questi testi dalla grande, intera «to­ una persona. In tale spostamento sembra tuttavia
talità d’Israele» verrà separato un «Israele esclu­ che in primo piano ci sia il trasferimento in una
sivo» (iQ S 6,13-14). Questo è il vero Israele, «la condizione durevole o addirittura permanente.
73 (in,1014) jasab (M. Gòrg) (111,1015)74

In accadico wasabu appartiene, in quanto ver­ permettono di cogliere analogie parziali, mentre
bo fientivo di prima w a-, ai «verbi di movimento l’ebraico dell’A.T. presenta una piena corrispon­
con un determinato punto di uscita o di arrivo» denza. Tenendo conto di possibili analogie nel-
(G A G § i03b); esiste inoltre una rara forma se­ l’A .T., M. Dahood registra una serie di coppie
condaria tasabu (G A G § 103d.l1). A proposito lessicali del tipo jtb//zìi, nhl, nh, r ‘;', tpt (RSP 1 .1 1
dell’assenza in epoca più recente (dal punto di vi­ 270-275); jtbl/stj (RSP u. 1 25) e anche jtb//jtb
sta dell’evoluzione fonetica) delPaumento radica­ (RSP 1. 11 271; cfr. anche P.C. Craigie, U F 1 1
le (wasàbu > asdbu) nel medio e tardo babilonese [ 1 979J 138). Analogamente all’accadico, il campo
cfr. G A G § 103Ì. Secondo C A D 1/2 387 ss. lo spet­ semantico (descritto provvisoriamente da Law ­
tro semantico si differenzia in più sezioni, che in head 60-62 basandosi sulla concordanza di R.E.
questo caso si possono classificare al meglio in Whitaker) mostra, nel quadro dei significati cen­
contenuti abituali e causativo-abituali. Oltre agli trali citati, anche il significato specifico «troneg­
ambiti semantici centrali «mettersi a sedere», «ri­ giare», riferito a un re o a un dio (cfr. Lawhead
siedere o vivere in qualche posto», «essere stabi­ 60-62; cfr., tra gli altri, anche W. Schmidt, BZAW
lito, insediato», appaiono forme causative (sùsu- 80, 1961, 65 n. 9). Il troneggiare divino può esse­
bu) relative a tutte le classi semantiche, con l’aspet­ re predicato in particolare per Ba‘al (per la pre­
to comune della presenza costante. Di particolare sunta residenza di El nelle località di Astaroth e
interesse risulta la sfumatura semantica del «tro­ di Edrei; così B. Margulis, JB L 89 [1970] 292 ss.
neggiare», predicato di preferenza in relazione a interpreta K T U 1.108 recto 3; cfr. le annotazioni
re e divinità (C A D 1/2 396 s.). A parziale spiega­ critiche, ad es., di M. Gòrg, U F 6 [1974] 474 s.
zione delle argomentazioni di C A D cfr. da ulti­ [con bibl.] e di M .C. Astour, RSP n. vm 36).
mo Lawhead 51-55. L ’acc. usbu ‘sedile’, ‘trono’ è Ba‘al può anche fare uno jtb IksJ «sedersi sul tro­
attestato anche in egiziano come forestierismo no» (cfr. P.J. van Zijl, A O A T 10 [1972] 218 s.).
con l’equivalente fonetico isb.t / isp.t che significa I dialetti semitici occidentali più recenti che ri­
«un genere di riparo» (W. Ward, O r 32 [ 1 963J cadono nella sfera dell’ebraico biblico non sem­
418); la versione egiziana, provvista dell’art. fem., brano aggiungere niente di sostanziale ai dati se­
ritorna poi nella trascrizione cuneiforme ta-as-bu mantici fin qui registrati (cfr. D 1SO i n s. con i
del vocabolario EA 368 (cfr. A.F. Rainey, A O A T significati ivi indicati: «sedersi, dimorare, abitare,
8 [1978] 38 s.) col significato di «la sedia». I due risiedere» e i corrispondenti causativi; una parte
tipi di trascrizione dell’epoca di Amarna, tra loro delle attestazioni è commentata anche in Law ­
discordanti, vanno considerati un fenomeno ec­ head 55-60 con riferimento a KAI). Persino in fe­
cezionale. nicio-punico si può osservare ancora, oltre al­
Mentre la letteratura di Amarna in cuneiforme l’uso verbale e nominale della base, una distinzio­
mostra soltanto nella forma verbale nisab (EA ne tra gli aspetti del «dimorare» abituale e causa-
363.21) una forma semitica occidentale a prefissi tivo-abituale ecc. (cfr. le attestazioni in R.S. Tom-
(cfr. anche la traduzione «possiamo risiedere» in back, A Comparative Semitic Lexicon o f thè Phoe-
Rainey, A O A T 8 [1978! 65), l’ugaritico mostra nician and Punic Languages, SB L diss. Series 32,
da un lato una gamma di varianti sintagmatiche 1978, 130).
rilevante per il confronto con l’ebraico e dall’al­ Per completezza vanno ricordate anche le testi­
tro correlazioni di coppie di parole semantica­ monianze di nomi propri formati con jtb in am­
mente rilevanti. La radice jtb con gli ambiti se­ bito semitico occidentale. Già nell’onomastica di
mantici centrali «sedere», «troneggiare» si con­ Mari si registrano forme come ja-aw -si-bu (cfr.
cretizza non solo in forme verbali ma anche in H.B. Huffmon, A P N 68. 185) o (al genitivo) wa-
derivati nominali, come tbt «(l’atto di) sedere (o si-bi-im (A P N 185; ma cfr. anche A. Goetze, BA
lo stato di) stare seduto» e mtb «una dimora» (U T SO R 15 1 [1958] 31 s.). Va giudicato con riserve il
Glossary n. 1177). (Per Gordon il problema di presunto toponimo ugaritico jtbm lk, che certo
distinguere forme di jtb- da forme di tw b- «è do­ non va tradotto «residenza del re» (con Astour.
vuto soprattutto all’ortografia»). Si può arricchi­ RSP u. 11 293) e che potrebbe al massimo rappre­
re l’elencazione lessicale analizzando i costrutti sentare un nome composto contenente un verbo
preposizionali. Per D .G. Pardee (U F 9 [1977] («possa un re/mlk sedere in trono», vale a dire
216) sono dimostrabili le combinazioni jtb bfbtk nel luogo sottinteso, o qualcosa di simile). Nomi
«sedere/vivere in»; jtb l «sedere per (temporale)», propri indubbi costruiti con jsb sembrano comun­
«sedere per (finale)»; jtb l «sedere su» e jtb t\jt que difficilmente dimostrabili per l’ambito semi­
«sedere ai piedi di». I dialetti affini più recenti tico occidentale recente.
75 (»“ ,i o i 5) jasab (M. Gòrg) (111,1016) 76

Una breve menzione va comunque riservata a sto caso appare rilevante la differenza statistica
due tipi di significato nel semitico meridionale rispetto all’uso della base -> skn. La maggior par­
che restano chiaramente fuori dei riferimenti se­ te delle attestazioni si ha in testi che presentano
mantici fin qui accennati: l’et. ’awsaba ‘sposare’ e un soggetto umano (circa 1030 volte). Un totale
l’ar. wataba ‘saltare su dalla sedia’ (cfr. K B L } di 45 passi (50 se si includono quelli con l’arca
4 2 3 ^ . È comunque possibile individuare anche per soggetto) presenta un soggetto divino; per
in questi casi un riferimento utile al nucleo semi­ Lawhead unicamente tali testi mostrano «un uso
co sopra indicato, se si pensa che entrambi i sud­ teologicamente significativo del verbo», un giudi­
detti significati comportano l’ idea di un trasferi­ zio evidentemente riduttivo che non sembra
mento di luogo dei soggetti coinvolti; nel caso giustificato dai risultati dell’indagine esegetica sui
dell’etiopico questo potrebbe consistere nel tra- restanti testi (v. sotto).
slerimento in un altro clan, famiglia o simili (per 3. Le traduzioni di jsb nei L X X presentano un
la prova della presenza del significato «sposare» ampio spettro di verbi greci. Il grado di frequen­
nell’ A.T. v. sotto). za di determinati corrispondenti permette di sti­
2. Secondo quanto mostra la tabella in Law- lare la seguente classifica (basata su Lawhead 78
head 63, la base e attestata con la massima fre­ s.): xaToixéo) (515 volte), xà'&Yji-iai (183), xa#i£a)
quenza (i dati sono derivati dagli indici di Law- (177), oixéfo (93), (jlgv6) (10) più altri equivalenti
head) in Geremia (149 volte), la metà in meno in isolati. Si può notare che per quel che riguarda
Genesi (71), Giudici (71), Isaia (71), Ezechiele l’equivalente più frequente, xaioixEto, è dimostra­
(62), Salmi (60), per un totale nell’ A.T. di 1090 bile che è visibilmente preferito nei libri da G e­
volte. Ancora più istruttiva risulta la statistica nesi a Giudici (escluso l’Esodo), nella letteratura
delle applicazioni verbali della radice, finite e in­ profetica (tranne Isaia, Giona e Malachia) e nei
finite (Lawhead 64), chc documentano un’assolu­ Ketubim (tranne Salmi, 1 e 2 Cronache) (Law ­
ta prevalenza delle forme base, circa metà delle head 96). Lawhead non nota alcuna chiara conti­
quali (545) è costituita dalle forme participiali nuità nella traduzione di determinate forme del
(496) (altre notizie statistiche in Lawhead 65 s.). verbo jsb, perché i traduttori «non fecero alcuno
Il ruolo dominante delle forme participiali po­ sforzo, né conscio né concertato, per riprodurre
trebbe confermare la prospettiva del trasferimen­ fedelmente ogni particolare forma grammaticale
to in uno stato duraturo, indicata nel nucleo Se­ di jasab con una diversa traduzione greca» (103).
mico. Tuttavia è molto dubbio che i dati rilevati Per la traduzione dei derivati nominali cfr. Law ­
da Lawhead con metodi puramente statistici giu­ head 100 s. con appendici D ed E.
stifichino, sulla scorta di passi dei testi che si pre­
sumono paralleli, la conclusione che «esiste una 11.1. Anche nel nucleo semantico dell’ebr. jsb
continuità nel significato di varie forme gramma­ c’è soggiacente un contenuto differenziabile. Se­
ticali di yasab attraverso tutta la storia letteraria condo H. Schweizer, StA N T 37, 1974, 188 n. 401
dell’A.T.» (68). Così si è indotti a essere piuttosto «due sèmi sembrano caratterizzare il nucleo Se­
scettici anche quando Lawhead (68) conclude che mico», cioè il legame con un luogo (sema «mansi-
Geremia e Sofonia siano contemporanei, o addi­ vo») e lo stato di quiete (sema «quietivo»); l’even­
rittura che il secondo sia un discepolo del primo, tuale eliminazione del sema «mansivo» sarebbe
solo perché l’espressione m é'èn joséb «senza abi­ «possibile solo al prezzo di estinguere il signifi­
tanti» compare soltanto in Geremia (cap. 9) e in cato base del verbo». Tuttavia in questo caso i da­
Sofonia (cap. 2). ti lessicali permettono, senza alcun pregiudizio
La derivazione nominale mósàb ricorre (secon­ per la rilevanza dell’interpretazione orientata ver­
do Lawhead) 44 volte nell’ A.T. e si distribuisce so l’idea di permanenza e in analogia con l’uso ex­
senza particolari punti di concentrazione; 10 vol­ trabiblico, di individuare una combinazione se-
te si tratta di stato costrutto. Il secondo derivato mica «sedativo»/«mansivo» con la quale non s’in­
nominale, tósàb (-» twsb), s’incontra 14 volte sen­ tende soltanto un cambio di aspetto («ingressivo»/
za correlazioni particolari (Lawhead 70). «durativo») ma anche un’ampiezza, già radicata
Per contro è possibile classificare provvisoria­ nel nucleo semico, che va dalla genesi alla costi­
mente le frasi verbali in base ai soggetti (cfr. la ta­ tuzione dell’atto di «sedere», «abitare», «troneg­
bella in Lawhead 70 s.). Solo 8 volte si hanno co­ giare» ecc.; con quest’ipotesi si attribuisce anche
se come soggetto, e 5 volte si tratta dell’arca di alla fase dell’attuazione dello stato un proprio va­
Dio (per ulteriori commenti v. sotto). Solo in Iob lore pieno. Qui non è il caso di affrontare la que­
38,40 il soggetto sono animali (leoncelli): in que­ stione se in ebraico l’enfasi che va oltre l’inter­
77 (ni,1017) jàsab (M. Gòrg) (111,1018) 78

pretazione del «sedativo», che fuori dell’A.T. è stato. Nonostante tutta la partecipazione degli
sottolineata con minore chiarezza ma è indubbia­ amici, in questo modo si documenta la disparità
mente presente, vada messa in relazione con le dei destini.
esperienze della non sedentarietà e della fase se­ jsb acquisisce una nota positiva nel quadro del­
dentaria dell’Israele delle origini. la concreta interpretazione in conseguenza della
Il verbo ha come minimo due attanti obbliga­ particolare qualificazione del luogo. Se accade co­
tori, il soggetto e la determinazione preposizio­ sì in occasione del pasto (cfr. già Gen. 27,19), a
nale, con quest’ultima valenza, la quale sovente tavola (/ Reg. 13,20; per la prep. 'el cfr. M. Noth,
specifica la componente semantica «mansiva», che B K i x / i , 1968, 291), tanto più è vero nel caso in
può essere sostituita in casi eccezionali con una cui si parla dello «stare seduti» alla porta della
continuazione «produttiva» sotto forma di una città (Gen. 19,1) o di «stare in riunione», «tenere
diversa forma verbale. Si veda, ad es., Gen. 27,19: una seduta» (ler. 39,3; cfr. O. Eissfeldt, Kl. Schr.
la possibile specificazione del «mansivo» qui vie­ iv, 1968, 187) alla (be) porta della città. Lo «stare
ne soltanto «sospesa» (per questo processo cfr. seduti» alla porta della città ha qualità giuridica
Schweizer, loc. cit.), tralasciando completamente quando si tratta della concessione del diritto di
il significato dominante del «sedativo». Pertanto ospitalità da parte dell’ospitante (Gen. 19 ,1; cfr.
l’uso assoluto di jsb notato da GesB 3233 in Gen. anche Gen. 18,1) o di una formale udienza di tri­
27,19 esiste solo apparentemente. bunale (ad es. in Geremia si tratta evidentemen­
Nella seguente trattazione dei classemi di jsb (i te di una «regolare ripresa della procedura», così
significati contestuali che si aggiungono alla strut­ Eissfeldt, op. cit. 187 n. 2). U n ’analisi del rappor­
tura nucleare) si dedicherà una particolare atten­ to di Gen. 18,1 con Gen. 13,18 dimostra che an­
zione al ruolo degli attanti. Al contempo si consi­ che questi passi non sono immaginabili senza che
dererà con speciale interesse la realizzazione nei si pensi al contempo dell’aspetto semantico seda­
vari sintagmi della combinazione semica «sedati- tivo. Mentre Gen. 13,18 (secondo Kilian pre-J, per
va»/«mansiva». P. Weimar, BZAW 146, 1977, 50 è invece J) parla
2. La duplice struttura del significato trova una di A bramo che «si stabilisce» (jsb al narrativo)
espressione significativa in Gen. 2 1 , 1 6, dove il presso (b e) il terebinto di Mamre, nell’attuale ver­
comportamento dell’egiziana Agar, che disperata sione col participio (per Kilian 97 è possibile ri­
espone il proprio bambino, viene descritto dap­ costruire una forma primitiva con jsb nella coniu­
prima con wattéseb là minneged (v. i6a) e poi (v. gazione a suffissi come preludio della «versione al
i6b) con wattèìfeb minneged. L ’apparente dupli­ plurale»), Gen. 18,1 dice che Abramo «stava se­
cazione ha offerto lo spunto per operazioni di duto», alla calura di mezzogiorno, (nell’/all’) «in­
critica letteraria (cfr. R. Kilian, B B B 24,1966, 246 gresso della tenda». Sebbene questo possa appari­
e 249); tuttavia nel primo caso con l’aggiunta di là re come un particolare ridondante (per Kilian e
(cfr. anche l’imp. sebù làkem «sedetevi!», in Gen. Weimar Gen. 13,18 e 18,1 a sono letterariamente
22,5) si mette in evidenza l’elemento semantico sul medesimo piano e uno segue l’altro), si deve
«sedativo», mentre la seconda ricorrenza mostra tuttavia notare una ripresa del termine jsb con l’ar­
l’aspetto semantico «mansivo». Va notato che in co semantico «sedativo»-«mansivo», dove l’ele­
entrambi i sintagmi la funzione verbale (narrati­ mento «sedativo» viene evidenziato formalmente
va) e la struttura della valenza sono omogenee. con il narrativo nel contesto di una terna (trasfe­
Entrambe le frasi verbali, inoltre, si riferiscono a rirsi, stabilirsi, costruire) e una nuova determina­
un fatto che semanticamente può essere qualifica­ zione di luogo (con b e), mentre l’aspetto «mansi­
to come espressione del lamento (cfr. anche M. vo» viene espresso con la forma participiale senza
Dahood, C B Q 22 [1960] 401 ss.). Nella letteratu­ nesso preposizionale con petah hà'óhel (che pro­
ra più recente questa prospettiva viene esplicitata babilmente accentua il legame con il luogo) e la
con un’espressa menzione del terreno. Così gli specificazione di luogo e tempo.
amici di Giobbe si siedono 7 dì e 7 notti vicino a Ancora improntato all’idea del «mettersi a se­
lui in terra (Iub 2,13: jsb là'àres\ cfr. anche Lam. dere» / «sedere» è il discorso relativo allo jsb del
2,10), mentre Giobbe stesso «sta seduto» (lo b 2, singolo in un determinato gruppo (in questo caso
8) tra (b 'tòk ) la cenere. Anche qui nel medesimo l’ultima determinazione sostituisce l’ indicazione
contesto si fanno valere entrambe le componenti di luogo altrimenti usuale). Così Efron siede (ptc.)
semiche, ma in questo caso, con un cambio di at­ «in mezzo» (b'tòk) agli Ittiti (Gen. 23,10); il giu­
tanti 1/3, il «mettersi a sedere» appare nel narra­ sto non siede «nel» (b e) «luogo di sessione» (mó-
tivo, lo «stare seduto» nel participio indicante lo sàb\) degli schernitori (Ps. i,i), vicino a ('im) «truf­
79 (ih ,1019) jasab (M. Gòrg) (111,1020) 80

fatori» (Ps. 26,4) e a «empi» (Ps. 26,5); in questi ca­ re una costruzione di jsb con un dativus commodi.
si la vistosa variazione delle coniugazioni potreb­ 3. In quanto ulteriore grado di astrazione la
be rappresentare «la validità in ogni tempo delle coppia di significati «stabilirsi»/«dimorare» o «re­
affermazioni» (H.-J. Kraus, B K x v / i,51978, 360). stare» conduce oltre la coppia semantica «seder-
N ell’ambito giuridico profano (H. Gunkel, G e- si»/«sedere». N on essendoci più al centro dell’at­
nesis, *1964, 276 a Gen. 23,10: «Tutte le questioni tenzione la postura del corpo intesa in origine, la
giudiziarie vengono sbrigate stando seduti»; cfr. combinazione semica può manifestarsi in manie­
Ruth 4,1 s.4) il mettersi seduti in terra alla porta ra più ampia. Al primo sguardo l’aspetto «mansi­
della città (v. sopra) tra i b à'è sa'ar (Gunkel: «Cit­ vo» sembra il sema dominante di questo livello.
tadini con diritto di voto»), in certo senso come La puerpera resterà a casa per un periodo di 33
testimoni, segnala l’inizio di un’udienza pubblica; giorni dopo l’awenuta circoncisione rituale del
così nella sfera del diritto sacro, come si ricava neonato (Lev. 12,4); a chi è stato costretto a re­
dal giuramento di purificazione di Ps. 26,4 ss., già stare a casa per le ferite riportate spetta un risar­
il mettersi a sedere nella cerchia degli empi signi­ cimento (Ex. 21,19). Il desiderio che qualcuno
fica escludersi dal novero dei giusti. Del resto la «rimanga» viene ripetutamente espresso. Così i
correlazione del verbo jsb tanto con i verbi hlk, parenti di Rebecca desiderano che lei resti «per
'm d (‘fermarsi’) in Ps. 1,1 quanto con b w ’ (Ps. 26, un po’ di tempo o almeno 10 giorni» (Gen. 24,
4b) mostra a sufficienza che il contesto mette in 55): l’indicazione di tempo specifica la durata de­
rilievo l’elemento motorio, anche se finalizzato a siderata (iussivo) della permanenza in famiglia.
una situazione statica, dell’aspetto semantico. Mosè esige (imp.) che gli anziani restino ad aspet­
Mentre lo «stare seduti con» rivela una presa di tarlo (Ex. 24,14): il lànù aggiunto dovrà essere
posizione, «stare seduti davanti» può esprimere probabilmente inteso come dativus commodi. Jo -
rispetto per il superiore, come lo esige il rapporto as, re d’Israele, si aspetta (imp.) che Amasia, re di
tra discepolo e maestro (cfr., ad es., 2 Reg. 4,38). Giuda, se ne resti a casa (2 Reg. 14,10). Osea
La posizione accovacciata, nel caso di uomini e pretende chc la sua prostituta sacra tèseb i li, resti
animali, può anche essere un segno di pericolosi­ in casa e lo faccia «per molti giorni» (Hos. 3.3).
tà di questi o di quelli nei confronti di altri quan­ Considerato questo apprezzamento della perma­
do si sta acquattati in modo da non risultare visi­ nenza per amore dello stare insieme come viene
bili. Così è un segno caratteristico del malvagio il espresso già nella richiesta di Labano a Giacobbe,
mettersi in agguato (Ps. 10,8) alla maniera del leo­ «Resta da me!» (Gen. 29,19; cfr. anche il possibile
ne (Ps. 17 ,12 ; Iob 38,40). In questi casi lo sguardo riscontro «sedativo» in Gen. 27,44, ancora senza
non è diretto sull’aspetto aggressivo di uomo e alcun riferimento esplicito ai legami familiari con
animale che può essere continuamente riscontra­ la casa di Labano), non desta alcuna meraviglia
to quando assumono tale posizione, bensì sulla che il causativo di jsb possa essere usato per de­
permanenza della minaccia che si ripresenta con­ notare il metter su famiglia (Ps. 68,7; 113,9); anzi
tinuamente. In questo modo si mette a nudo un in testi molto recenti questa forma del verbo de­
aspetto costitutivo del male: è un pericolo perma­ scrive addirittura il matrimonio stesso (Esdr. io,
nente, anche se non si manifesta ovunque. Al con­ 2 .10 .14 .17 s.; Nehem. 13,23.27), com’è dimostra­
tenuto semantico «sedativo»/«mansivo» non si bile per l’uso della radice in etiopico (v. sopra; cfr.
può quindi imputare l’inattività ne in senso posi­ anche K B L 3 424^.
tivo né in senso negativo. Ciò vale certamente an­ La fondamentale combinazione semica «seda-
che per la funzione della spia di professione, che tivo»/«mansivo» appare poi soprattutto dove ven­
secondo Iud. 16,9.12 assiste all’incontro di San­ gono rilevate le fasi dello «stabilirsi» e «dimora­
sone e Dalila. Forse è possibile tracciare anche qui re» in un luogo. Naturalmente per tale aspetto le
una differenziazione paragonabile alla situazione fonti più ricche di attestazioni sono proprio le tra­
in Gen. 2T,i6 (v. sopra), se alla determinazione là dizioni dei padri. Così Gen. 19,30 presenta prima
nella prima delle due proposizioni participiali il narrativo w ajja'al cui segue il narrativo wajjè-
(per il resto di tenore identico) spetta un ruolo di seb con valenza «sedativa». Nel testo attuale la
conferma del possibile significato «sedativo» di funzione verbale e la determinazione semica fan­
jòséb al v. 9, mentre il v. 12 riprende in senso no da riscontro a una interpretazione «mansiva»
«mansivo» lo stato in questione. Poiché là al v. 9 di jsb al v. 29 (stativo) e ai v. 3ob (inf.), per poi cor­
non va tuttavia inteso, rispetto a Gen. 2 1,16 , co­ rispondere di nuovo, infine, a un narrativo «seda­
me riflessivo e la forma participiale è solitamente tivo», «allora egli si stabilì in una caverna», al v.
espressione del «mansivo», si può anche suppor­ 3ob. Probabilmente qui Kilian (128) è nel giusto
8 r (111,1021) jdsab (M. Gòrg) (111,1022) 82

quando individua nel v. 30 dei doppioni e seziona minazione semica «morativa»: cfr. per ora ancora
il testo col bisturi della critica letteraria: la semio­ M. Gòrg, BB B 27, 1967, 97 ss.), bensì alla caratte­
logia potrebbe sostenere tale tentativo. Per la que­ ristica qualitativa della presenza in sé, del genere
stione del significato è inoltre decisivo il rapporto di vita che si svolge permanentemente in tende.
del narrativo wajjéseb con il successivo narrativo Giacobbe viene poi descritto nello stesso tempo
wajjdgor di Gen. 20,1 . 1 dati geografici nel conte­ come «uomo di campagna, un uomo per bene»,
sto sono incongruenti; l’intervento di separazio­ mentre il fratello e antagonista Esaù viene presen­
ne che viene perciò eseguito sul testo con gli stru­ tato come decisamente aggressivo («esperto cac­
menti della critica letteraria (cfr. Kilian 190; di ciatore»).
parere diverso è Weimar 56 n. 164) può quindi es­ La terminologia di lud. 5,17 chiarisce in ma­
sere corroborato con il riferimento alla coppia di niera originale le differenze semantiche tra i verbi
oggetti jsb («sedativo») - gw r (determinazione se- jsb (v. i7b), skn (v. i7ab), gw r (iya). Secondo W.
mica provvisoria: «Essere ospite di passaggio», Richter (BBB 18, 1963, 90) si tratta di «tre termi­
ovvero «morativo»). Un rapporto opposto si pre­ ni dell’abitare: come cittadino con pieni diritti, co­
senta invece in Gen. 26,3.6 con la successione gw r me nomade e come straniero». Già E. Tàubler
- jsb (imp. e narrativo): qui jsb va inteso nel senso (Biblische Studien, 1958, 91) ritiene che jsb denoti
che «Isacco dimorò in Gerar» (Weimar 84). Men­ «una residenza stabile con una propria attività
tre l’imp. gùr corrisponde evidentemente al sema economica» e insieme anche «il vincolo costituito
esclusivamente «morativo», nel caso di jsb è ora dal diritto di proprietà, che rende la permanenza
nuovamente predominante la determinazione se- volutamente continuativa», mentre, ad es., H.J.
mica «mansiva» (cfr. anche il v. 17). Zobel (BZAW 95 [1965] 49) vede in jsb un termi­
Oltre il rispettivo contesto immediato dei vari ne usato «per l’insediamento di una tribù». E v i­
passi è possibile osservare, ferma restando la me­ dentemente nessuno dei due riscontra una distin­
desima forma sintattica (il narrativo), un dominio zione rispetto a skn, la quale è però necessaria per
del sema «sedativo» (come in Gen. 4,16; 11,2 .3 1 la determinazione semica «morativa» di questo
ecc.) e una prevalenza del significato «mansivo» verbo. Per jsb (qui come in 5,i6a in x-qatal) vale
(così in Gen. 21,20; 2 1,2 1; 22,19 ecc.). Non sem­ tuttavia l’osservazione che in lud. 5,17 viene con­
bra individuabile una chiara preferenza da parte di statato il fatto che la tribù (di Asher) «si è acco­
un determinato strato letterario, sebbene l’espres­ modata, sistemata» («mansivo») «sulla riva del
sione wajjéseb sdm {Gen. 11,3 1 ecc.) sia stata con­ mare», comunque si voglia poi intendere il se­
siderata un elemento schematico di una «storia di guente skn presso (‘al) le sue «insenature» (al ri­
migrazione» caratteristico di P (P. Weimar, ZAW guardo cfr. i cenni di Gòrg, BBB 27,100).
86 [1974] 189 s. e n. 68). Come mostra chiaramen­ Infine l’aspetto «mansivo» del significato ac­
te Gen. 13,6, l’infinito tende a un’interpretazione quista una particolare dimensione quando si par­
«mansiva»: una «coabitazione» di Abramo e Lot la di «abitare» / «essere abitato» e di «non abita­
si dimostra ormai insostenibile. Anche in Ps. 133, re» / «essere disabitato» nel futuro. Quando si
1 si parla di una «coabitazione» di fratelli, per la predica uno jsb di là da venire l’aspetto «sedati­
verità qui in funzione eulogica. vo», talvolta ancora percepibile, sta totalmente al
L ’uso del participio può esprimere in modo servizio di quello «mansivo», come testimonia,
particolare, per sua natura, il prolungarsi della ad es., l’ annuncio (di mano del redattore deutero­
permanenza e la qualità del dimorare. Così la nomistico) che Israele «si stabilirà» nella futura
combinazione jóséb b d ’dres esprime una perma­ eredità e «abiterà» in «sicurezza» (Deut. 12,10);
nenza stabile, attribuita all’antica popolazione di un aspetto, quest’ultimo, che diventerà reale quan­
Canaan (Gen. 13,7), ma anche alla presenza dei do vi sarà «requie» dai nemici tutt’intorno, per
padri (Gen. 24,62) e di altri, con le varianti del ca­ garanzia divina. Quest’elemento della «procurata
so. A tal proposito meritano un interesse specifi­ requie» che funge da «segnale letterario struttu­
co i due semi-epiteti ’dbt jóséb ’óhel «padre degli rale» (R.P. Merendino, BBB 3 1, 1969, 322) chia­
abitatori di tende» (per Iabal: Gen. 4,20) e jóséb risce, da un lato, che nello jsb può celarsi Vopti­
'òbdlim «abitante nelle tende» (per Giacobbe: mum della presenza umana sulla terra ma, dal­
Gen. 25,27). In queste espressioni l’attenzione l’altro, che un siffatto «abitare in sicurezza» di­
non è diretta minimamente al fattore dell’instabi­ pende da Jhwh la cui presenza, a dire il vero, se­
lità e periodicità della permanenza legato alla di­ condo la concezione deuteronomistica segue altri
mora mobile (per esprimerlo ci si aspetterebbe parametri (cfr. Deut. 1 2 ,11 e v. sotto, ni). Del re­
piuttosto l’uso di skn con la sua dominante deter­ sto la categoria della promessa comporta che la
83 (in,1022) jàsab (M. Gòrg) (111,1023) 84

prospettiva futura avvicini la presenza «mansiva» la sciagura si concretizza nella predizione della
anche alla permanenza «morativa» (sempre ripe­ mancanza di abitanti (cfr. l’espressione ’èn jóséb in
tibile), così che a questo livello jsb e skn possono Ier. 4,29 ecc.).
essere considerati addirittura sinonimi (cfr., ad Ai gradi di significato fin qui presentati corri­
es., Is. 32,16), ma appunto solo se Dio fornisce la sponde, a quanto sembra, anche il significato di
garanzia per «abitare» in questo modo. È per quei nomi propri per i quali è possibile sostenere
questo che Geremia si richiama all’ iniziativa divi­ con buone ragioni che sono composti con jsb, an­
na quando scrive agli esuli invitandoli a costruire che se non sono escluse altre derivazioni. Così è
case e ad abitarle (jsb imp.) (Ier. 29,5.28; al ri­ per jeseb’ab di 1 Chron. 24,13 («che il padre resti
guardo cfr. Th. Seidl, A TS 5 [1978] 289 il quale in vita»; Noth, IP N 247), josbeqàsà di 1 Chron.
sostiene che qui, nonostante bàtim, il discorso sia 25,4.24 («colui che siede nella sfortuna»: cfr. W.
monovalente), un invito che è al contempo una Rudolph, H A T 1/2 1,19 5 5 , 167) e jàsub di Ios. 17,
provocazione per quanti ritengono che uno jsb in 7 (un toponimo che potrebbe significare «abita­
terra straniera sia la massima sventura. Poiché in to»; al riguardo cfr. K B L 3 425). La forma combi­
patria i Recabiti si oppongono totalmente a uno nata jóséb bassebet (2 Sam. 23,8) rappresenterà
jsb in fabbricati, e piuttosto si attengono e voglio­ una deformazione di un nome non derivabile da
no attenersi a uno jsb in tende (Ier. 35,7.9 s.), il jsb (cfr. K B L 3 4253). Una qualità teologica rivela
loro jsb in Gerusalemme (v. 11 ) è un abitare «co­ il nome di persona jósibjà di 1 Chron. 4,35 («che
me se non avessero dimora» e nello stesso tempo Jhw h faccia abitare»: Noth, IP N 202 s.; K B L 3
anche un segno per gli altri. Soltanto un futuro 386b).
ristabilimento di Giuda renderà possibile uno jsb 4. La duplice struttura semiologica di jsb si fa
che lasci dietro le spalle lo sfinimento e rappre­ inoltre notare nella terminologia dell’ascesa al tro­
senti il nuovo inizio della creazione di un’altra no e della residenza reale. L ’intronizzazione e la
era (Ier. 31,24). Per quanto riguarda Gerusalem­ reggenza sono certo qualcosa di più di semplici
me, la redazione può dichiarare che «resterà abita­ «aspetti» della sovranità regale. Se il re ha indub­
ta in eterno», una promessa il cui contesto annun­ biamente diritto a un «posto» a sedere (mósàb)
cia nello stesso tempo a Giudaiti e «ad abitanti di privilegiato, che regolarmente occupa (jsb) a pran­
Gerusalemme» (= cittadini della città) l’ingresso zo, precisamente «un posto presso la parete» (/
solenne di re e principi «che siedono sul trono di Sam. 20,25), tanto più questo varrà quando egli
David» (ptc.) (Ier. 17,25). Come qui alla santifi­ segue i suoi obblighi di governo. Qui il «trono» è
cazione del sabato, così all’osservanza della legge indubbiamente «il simbolo più importante del­
spetta, conformemente all’orientamento postesi- l’autorità regale» (T. Ishida, BZAW 14 2 ,19 7 7 ,10 4
lico in genere, il rango di una condizione qualita­ con riferimento a 1 Reg. 10,18-20), tanto che
tiva dell’ «abitare in sicurezza» (cfr. Lev. 25,18 s.; «l’espressione ‘sedere sul trono’ significa ‘diven­
26,5). L ’espressione «sedersi all’ombra di Jhwh» tare re’». Così una formulazione in ogni caso pre-
(«sedativo») in Hos. 18,4 testimonia di una parti­ deutcronomistica, che sembra quasi un giuramen­
colare intimità con Jhwh (cfr. Feuillet 391 ss.). to, suona: «Tuo figlio Salomone sarà re dopo di
«Abitare in sicurezza» necessita della garanzia me e siederà sul mio trono (w eh u ' jéséb 'al kis’i)»
di Jhwh. Tanto più, quindi, è condannato neces­ (1 Reg. 1,13 .17 ; al riguardo cfr. T. Veijola, Die
sariamente al fallimento uno jsb che si basa su un ewige Dynastie, Helsinki 1975, 17 s.). La situa­
torto fatto (cfr. Is. 5,8 con la forma bof. husablem zione dopo la morte di David, che qui si ha evi­
e il significato «essere proprietario fondiario»; per dentemente in mente, viene trasformata, a quanto
la questione cfr. A. Alt, Z À S 75 [1940] 19; K B L 3 sembra in sede redazionale (secondo Veijola dal
4253; H. Wildberger, B K x/i, *1980, 183) oppure Deuteronomista), in una intronizzazione di Saio-
è in contrasto con una specifica direttiva di Jhwh, mone proprio lo stesso giorno (/ Reg. 1,30.35.46.
come avviene nel caso della «golà egiziana» che 48). La serie dei «petitivi» (per il termine cfr. M.
vuole stabilirsi permanentemente in Egitto (cfr. Gòrg, T hR 73 [1977] 19) Hbà' w ejàsab (v. 35)
Ier. 42,10.1 2 ss.). Infine l’«inabitabilità» di un ter­ sostiene la funzione semantica «sedativa» di jsb,
ritorio è la caratteristica delParida zona desertica, mentre la determinazione 'al k is'i insiste inoltre
e in assoluto di tutto ciò che è legato al Caos (cfr., sull’aspetto «mansivo» (W. Richter, ATS 13 [1980]
ad es., Ier. 51,43; O. Keel, F R L A N T 12 1, 1978, 96 nota qui una funzione «locativa/direttiva»). I
57 s.) così che, in ultima analisi, uno jsb umano due contenuti vengono inoltre realizzati nel ri-
fuori della garanzia di Jhwh equivale a un «non­ sultativo («egli si è seduto», v. 46: «sedativo») e
abitare», cioè all’inesistenza futura: la profezia del­ nel ptc. perfettivo (v. 48: «mansivo»), e qui ogni
85 (111,1024) jasab (M. Gòrg) (111,1025) 86

volta si aggiunge ‘al con il nome kissé'. Non sem­ causativo della radice in / Reg. 2,24 che serve, a
bra che si possa cogliere una differenza qualita­ modo suo, all’affermazione deuteronomistica di
tiva tra queste formulazioni e altre frasi extrabi­ legittimazione (cfr. Veijola 133). Secondo Is. 28,6
bliche analoghe (cfr. Ishida 104 s.). La determina­ (cfr. anche Ps. 122,5) sul futuro sovrano «che sie­
zione del trono come «trono del padre* è un se­ de sul trono del giudizio (jòséb 'a l hammispàt)»
gnale della «successione legittima» (Ishida 105). (cfr. W.H. Irwin, BietOr 30 [1977] 1 1 - 1 3 ) posa lo
L ’intronizzazione, che vuole essere durevole, vie­ spirito del diritto divino. U n ’eccezionale esalta­
ne chiaramente descritta in 1 Reg. 2,12. Il «trono zione di quest’aspetto dell’insediamento di un re
di David» in quanto «simbolo dinastico della casa legato alla grazia divina si ha nelle parole di Ps.
di David» (Ishida 105) può allora essere la deno­ 110 ,1, con il discorso imperativo di Jhw h «al mio
minazione del seggio dei successivi re di Giuda signore»: «Siediti alla mia destra (séb lìm ìni)\»,
(cfr., ad es., Ier. 17,25; 22,2.30). Per questo non una formulazione che, non da ultimo per la pro­
sorprende che già di per sé jsb abbia il significato messa seguente («Finché non ti abbia messo ai
di «essere re», «regnare» (cfr. Ex. 15,14; per que­ piedi i tuoi nemici come uno sgabello»), ha spin­
sto passo cfr. F. Cross - D .N . Friedman, JN E S to a cercare analogie nella storia delle religioni
x4 [^955] 24& ss.; 2 Sam. 5,6 e W .G.E. Watson, (cfr. H.J. Kraus, B K x v /2 ,51978, 932; -> hdm [hd-
V T 20 [1970I 501 s,; l’attestazione probabilmente dòm]). Gli esempi più illuminanti a questo pro­
più recente in Zach. 9,5 s.). posito vengono dall’Egitto (cfr. O. Keel, Die Welt
Il «risiedere» e il «sedere sul trono» è, con tut­ der altorientalischen Bildsymbolik und das A .T .,
to ciò, così poco specificamente israelitico che può I 977> 2 33i Per quanto riguarda lo specifico posto
essere predicato senza problemi, ad es., del farao­ a sedere offerto si può, ad es., ricordare la cella
ne (Ex. 11,5 ; 12,29) 0 dell’amorreo Sihon (Deut. del tempio di Ramses 11 ad Abu Simbel, dove il
1,4 ecc.). L ’enunciato relativo allo jsb di Geroboa­ faraone viene raffigurato seduto a destra del «dio-
mo in Egitto potrebbe far pensare a una sorta di padre» Ra-Harakhte) e vanno confrontati testi
governo in esilio (1 Reg. 12,2; da ultimo sulla que­ provenienti dalla medesima area (cfr. U. Luft, Stu­
stione J. Trebolle Barrera, EstBibl 38 [1979-80] dia Aegyptica iv, 1978, 50 ss.). Giustamente Kraus
189 ss.). Tuttavia lo jsb di un re acquista una par­ fa osservare che il «sedersi» che Ps. 110 ,1 intende
ticolare dimensione quando viene posto in rap­ «non è limitato soltanto al tempio terreno» (*1972,
porto con la presenza di Jhwh, oppure viene in­ 759); il «luogo di culto è al contempo copia, ri­
quadrato nella sua totale dipendenza da Jhwh. flesso, anzi addirittura presenza della sala celeste
Dopo che in 2 Sam. 7,1 viene dapprima ricordato del trono. Anche il re di Gerusalemme troneggia
lo jsb di David «nella sua casa» (jsb qui è certa­ in questa sfera celeste». Non ci sono dubbi che la
mente «sedativo»), il re prende la parola (v. 2) prospettiva israelitica faccia cadere un particolare
menzionando con accenno critico la sproporzio­ accento sulla immeritata elezione del re.
ne tra il suo «abitare» (ptc.) nella «casa di cedro» 5. Davanti all’idea di un rinvio a Jhwh dello jsb
e l’«abitare» (ptc.) dell’arca di Elohim sotto il telo regale sorge anche la domanda circa una rilevan­
di una tenda. N on fa alcuna differenza per la let­ za cultuale di jsb (al riguardo cfr. Brockington
tura «mansiva» del doppio jòséb che si tratti qui 119 ss.), alla quale andrebbe associata la radice in
della citazione di un antico detto provocatorio quanto impiegata per la descrizione di un «atto di
(così M. Gòrg, BBB 27, 1967, 94 e 96) o di una osservanza religiosa». Secondo 1 Sam. 1,9 Eli sta
formulazione deuteronomistica (così «probabil­ seduto (ptc.: «mansivo») accanto a uno stipite
mente» K. Rupprecht, BZAW 144, 1976, 75). Se della porta del bèt jhw h 'a l h a k k is s é qui natural­
si presuppone che in entrambi i casi il significato mente non può trattarsi di un trono, ma forse di
sia «troneggiare», come suggeriscono i rispettivi un seggio che abilita chi vi siede a esercitare più o
soggetti, la prospettiva valutativa appare in tutta meno la funzione di custode sacro. Qui non sem­
la sua incisività. Secondo il contesto attuale (vv. 5 bra che vi siano indizi certi che suggeriscano un
s.) uno jsb «mansivo» sembra scontrarsi con un servizio legato al culto in senso stretto, mentre il
rifiuto di principio di Jhwh (v. sotto), così che la comportamento di David citato sopra (2 Sam. 7,
tendenza di 7,1-7 reclama uno jsb solo per il re; si 18) serve indubbiamente al culto di Jhw h, nono­
ha comunque per via dell’espressione wajjèseb lif- stante l’ insolito atto di adorazione (ma cfr. H.P.
nè jhw h (v. 18), un’elaborata associazione dei ter­ Smith, IC C 1969, 302). Secondo H.W. Hertz-
mini chiave (v. sotto), una certa quale riduzione. berg, A T D 10, 1956, 230 «il re si mette a sedere o
Che Jhwh sia il vero iniziatore e garante dell’ in­ si accovaccia in terra». Il narrativo con la formula
tronizzazione è attestato espressamente dall’uso lifnè jhw h non dice invece nulla circa il modo
87 (ni,1026) jdsab (M. Gòrg) (111,1027) 88

concreto in cui è avvenuto lo jsb, anche se si può 12) / l esebet (v. 13). Quest’ ultima forma può ri­
pensare che David abbia preso posto davanti al­ mandare a una terminologia che stabilisce diffe­
l’arca. La ripresa del termine jsb dominante nei renze riguardo alle modalità della presenza divi­
vv. 1-7 potrebbe invece rivelare uno spostamento na, mentre allo jsb nell’espressione bèt z ebul («ca­
semantico in opposizione al v. 2: lo jsb di David sa sublime e principesca») spetta una funzione
nella casa di cedro («mansivo») ha necessariamen­ indubbiamente «mansiva» (al riguardo cfr. Gòrg
te bisogno dello jsb davanti a Jhwh («sedativo»), 56), che qui viene confermata con forza mediante
che invece tende a una permanenza più lunga (al l’ aggiunta ‘òIdmim. Rimane invece del tutto ipo­
riguardo cfr. M. Gòrg, BW AN T 105, 1975, 202). tetico che il cambio di terminologia relativa alla
Del resto non sembra chc altrove vi siano indizi presenza divina dal v. 12 al v. 13 rifletta una con­
sicuri per classificare jsb nella terminologia tecni­ troversia (protodinastica) nell’ambito della teolo­
ca cultuale, come indicazione di uno specifico at­ gia del tempio di Gerusalemme, anche se tale ipo­
to liturgico. Questo vale in special modo per tesi può valersi dell’appoggio di osservazioni più
P«abÌtare» nella «casa» di Dio (Ps. 84,5): qui la recenti (v. sotto).
presenza costante (ptc.) presso Dio è vista nell’ot­ La redazione deuteronomistica sposta lo jsb di
tica di una dossologia metaforica. Jhwh dal tempio al cielo (r Reg. 8,30.39.43.49; 2
Chron. 6,21.30.33.39) per offrire una propria ter­
n i.1. L ’analisi morfologico-sintattica delle ri­ minologia per la presenza del «nome di Jhwh»,
correnze col «primo sintagma» (cfr. Richter, A TS compiendo così indubbiamente «una consapevo­
13 [1980] 17) Jhwh mostra, in primo luogo, l’uso le distinzione fra il troneggiare di Jhwh in ciclo e
di tre parti del discorso (verbo: 5 casi di coniuga­ la presenza del suo nome nell’edificio terreno»
zione a suffissi, t i di coniugazione a prefissi; 17 (Metzger 158). La concezione di 1 Reg. 8,12 s.
casi di infinito e 17 di participio). 1 sintagmi (ob­ subisce in questo modo una correzione: «Jhwh
bligatori) del verbo si presentano in prevalenza viene spostato in una trascendenza e in una indi­
come nessi preposizionali con funzione «locati­ sponibilità maggiore» (Metzger 150); al contem­
va/direttiva» (al riguardo cfr. Richter 96 s.). Gli po si è ovviato al pericolo di un’idea di «dimora­
infiniti si trovano sempre in costrutti «locativi», re» concreta e intesa staticamente (per l’intenzio­
che in due casi sono ampliati da indicazioni no­ ne del Deuteronomista cfr. Metzger 149 ss.).
minali di tempo; si ha 1 volta la posizione reg­ Il cielo è «il luogo della sua dimora», dall’alto
gente, 9 la retta. Il nesso con l e è attestato 7 volte. del quale Jhwh guarda e vede gli uomini (cfr. F.
L ’uso participiale mostra il legame con sostantivi Stolz, BZAW 118 ,19 7 0 ,16 4 ) che «abitano» la ter­
con preposizione (3 volte b e, 4 volte 'al) e senza ra (Ps. 33,14): qui c’c una corrispondenza tra jsb
preposizione (10 volte). Cfr. la tabella in Wuckelt divino e jsb umano, sebbene gli spazi siano sepa­
8 ss. rati. Lo jsb sulla terra si compie dunque sotto la
2. Nelle frasi spiccano due locuzioni formula­ sfera protettiva dello jsb di Jhwh in cielo (cfr. an­
ri che mostrano jsb in un uso non esclusivamente che Ps. 113,5.8). Tuttavia la locuzione che più si
verbale: m ckònsibtek d (1 Reg. 8,39.43.49;2 Chron. avvicina all’ipotetica forma di partenza, semanti­
6,30.33.39) con le varianti m ekón sibtò (Ps. 33,14), camente il «gradino di passaggio» tra P«abitare»
mdkòn l esibteka (Ex. 15 ,17 ; / Reg. 8,13; 2 Chron. nel tempio e il «troneggiare» in cielo, va conside­
6,21) e anche jóséb hakk'rubim (1 Sam. 4,4; 2 Sam. rata l’espressione mdkòn l'sib t'k d col successivo
6,2; 2 Reg. 19,15; / Chron. 13,6; Is. 37,16; Ps. 80, pd'altd jhw h (Ex. 15,17): qui il «luogo del tuo
2) con la variante jóséb k erubim (Ps. 99,1). troneggiare» viene identificato con «il monte del­
La forma piena della prima formula citata è pre­ la tua eredità (har nahdldtekd)» (cfr. Metzger 147
sente, a quanto sembra, in mdkòn l esibtekd 'old- e 156). È degno di nota che qui ci si riferisca espli­
mìm (/ Reg. 8,13 e 2 Chron. 6,2); essa compare, citamente all’iniziativa di Jhwh, un’accentuazione
ed è anche l’attestazione più antica, nel quadro che fa porre prudentemente la domanda se non si
della cosiddetta «formula di consacrazione del faccia per caso già sentire qui una posizione alter­
tempio» (/ Reg. 8,12 s.) che in forma di «inno di nativa alla glorificazione dell’attività edilizia re­
lode», analogamente a quanto si trova in testi egi­ gale (come risposta a / Reg. 8,13?). Sul piano di
ziani, mostra una «combinazione di presentazio­ una sostituibilità tra mdkòn e har va discussa, a
ne ‘cosmica’ della divinità e una dedica con pre­ questo punto, anche la formulazione hdhdr hd-
sentazione di sé di un edificio dedicato al culto, mad ’èlóhim l esibtò (Ps. 68,17) che appare isolata;
entrambe pronunciate dal re» (M. Gòrg, U F 6 forse un tempo si riferiva a un altro monte (cfr.
[1974] 63) e un’opposizione semantica liskón (v. per la questione H.J. Kraus, BK xiv/i, 1962, 470
89 (in,1028) jasab (M. Gòrg) (111,1028) 90

ss.) ma fu sicuramente applicata al tempio di G e­ l’idea legata al titolo dovrà quindi orientarsi ne-
rusalemme mediante la spiegazione 'a f jhw h jis- cessarismente sulla sitm zione nel tempio di Ge­
kón lànesah (cfr. M. Gòrg, B B B 27, 1967, 115 ). rusalemme.
Non è possibile stabilire se si pensi, al tempo stes­ Sebbene 1 Reg. 6,23-28 non fornisca alcuna de­
so, a una sostituzione dell’idea di jsb con l’idea di scrizione di un «trono» (in de Vaux 93 s. si ha un
skn. tentativo per spiegare la cosa sul piano teologi­
Il contesto dell’espressione bajit l'sibti (2 Sam. co), la particolareggiats descrizione della forma
7,5) porta invece nel bel mezzo della controversia delle ali dei cherubini nel d 'b ir (v. 27) può spin­
circa lo jsb di Jhwh in una casa o tempio stabile. gere a immaginare che il seggio del trono di Jhwh
Anche questa formulazione è a sua volta isolata e sia stato creato con le ali distese che si toccavano
non può essere considerata una mera variante del­ al centro del d 'b ir (Haran 35 s.; O. Keel, SBS 84­
la formula sopra esaminata. Il suo campo di rife­ 85 [1977J 24). Sulla base di analogie extrabibliche
rimento è il rimprovero dell’intenzione di David (per un gruppo di figure cipriota del v i i sec. a.C.
di costruire il tempio, alla quale Jhwh si oppone con una divinità che troneggia su un seggio for­
spiegando di non aver mai «abitato» in una casa mato dalle ali interne di una coppia di sfingi cfr.
(v. 6). L ’espressione conservata nella domanda di Keel 25) e dei dati biblici si può tentare una rico­
Jhwh (v. 5) non dovrà, tuttavia, essere interpreta­ struzione (disegno in Keel 26) in cui, tuttavia, re­
ta soltanto nel suo attuale rapporto con lo jsb del sta ancora incerta la posizione delle ali esterne.
v. 2, bensì anche come «allusione» alla formula Un problema più importante della ricostruzio­
più antica. Inoltre anche la dichiarazione definiti­ ne del d ebir, per quanto essa sia, dopo quel che si
va ló' jdsabti b*bajit (v. 6) può essere vista in con­ è detto, solo indirettamente rilevante per l’idea del
sapevole contrasto con / Reg. 8,13; ma questo seggio regale, è la questione della posizione del­
non è probabilmente un motivo convincente per l’arca. Secondo Schmitt ( 13 1) si deve immaginare
attribuire (Rupprecht 70 s.) il testo dell’intero v. che l’arca sia messa «per lungo» sotto i cherubini,
6 alla convenzione linguistica deuteronomistica «invece che di traverso davanti alle statue»; un al­
(cfr. W. Gross, ZAW 86 [1974J 440). A quanto tro elemento che andrebbe a opporsi alls tesi del-
sembra, si tratta invece di una testimonianza pre- I’arc3 come poggiapiedi del trono dei cherubini.
esilica, se non addirittura protodinastica, in ogni L ’informazione data originariamente in 1 Reg.
caso certamente di un’opposizione pre-deutero- 8,6-9 circa la posizione reciproca di cherubini e
nomistica all’idea di un «troneggiare» di Jhwh nel arca avrebbe subito al v. 7, secondo Keel (29),
tempio, della quale poi la redazione deuterono­ l’aggiunts di un’indicazione per la funzione pro­
mistica si occupò abbondantemente. tettiva che i cherubini avrebbero riguardo all’ar­
3. Il titolo costruito col participio jóséb (hak-) ca, dedotta secondariamente a partire dalla posi­
k'rubìm si dimostra un tipico epiteto di Jhwh che zione dell’area sotto le ali delle sfingi. Si può pen­
molto probabilmente va considerato, dal punto sare che I'arca, che certo in origine nulla aveva
di vista grammaticale, un nesso genitivale (ma cfr. che fare col trono dei cherubini, dopo la combi­
anche GesB 32 3a). Mentre la ricerca meno recen­ nazione con questo sia stata immaginata come
te ha interpretato il titolo nell’ottica di P (per la «base del trono» (cfr. M. Gòrg, B N 1 [1976] 29
questione cfr. R. Schmitt, Zelt und Lade als The- s.); il rapporto con i cherubini che il documento
ma alttestamentlicher Wissenschaft, 1972, 128 s.), sacerdotale (Ex. 25,17-22) riserva all’srca si basa
nel dibattito più moderno si distingue una scuola probabilmente sulla rielaborazione di un docu­
che considera un anscronismo qualsiasi citazione mento precedente, che potrebbe aver presentato
dei cherubini prima dell’edificazione del tempio l’immagine, forse autonoma, della funzione pro­
di Salomone (così in 1 Sam. 4,4; 2 Sam. 6,2), men­ tettiva dei cherubini per allontanare l’ idea di un
tre un’altra chc, soprattutto seguendo la posizio­ dimorare che interpretavs l’epiteto jóséb hakke-
ne di O. Eissfeldt, M A B 11/2, 1950, 146, sostiene rubim nel senso di uns presenza stativa, quindi
l’esistenza di un trono di cherubini e di un titolo esclusivamente «mansivo» (ulteriori osservazioni
corrispondcntc già nel santuario di Silo (Schmitt in M. Gòrg, BN 4 [1977] 15 ss.). Anche se si può
130). Poiché, tuttavia, non si hanno a disposizio­ dimostrare la verosimiglianza dell’ idea che l’ori­
ne sufficienti informazioni particolareggiate sullo gine del trono dei cherubini vads cercsta nell’am­
spazio interno del tempio di Silo, si dovrà ritene­ bito culturale cananaico-fenicio (con antecedenti
re che il titolo provenga ds Gerusslemme e la sua egiziani; Keel 29 s. con bibl.), nonostante manchi
citazione nella «storia dell’arca» possa derivare da qualsiasi «distanza dal simbolismo del culto ca-
una tendenza legittimante. Una spiegazione del­ nsneo» (Rupprecht 70) resta dubbio che il titolo
9i (111,1029) jasab (M. Gòrg) (111,1030) 92

di colui che troneggia sui cherubini mostri «una perta della presenza di Jhw h nel tempio, significa
fusione già avvenuta con il pensiero israelitico» incontro e insieme distanza.
(Rupprecht 70). L ’opposizione sicuramente pre­ Mentre Ps. 2,4 e Ps. 123,1 con le espressioni jò ­
sente a una concretizzazione figurativa esasperata séb bassàmajim e bajjòV bì bassàmajim testimo­
dell’idea di dimora contenuta in jsb per quanto niano la sovranità di Jhwh e la sua potente prote­
riguardava Jhwh trae il suo nutrimento dal più zione (cfr. anche Mctzger 140), soprattutto nelle
profondo del «pensiero israelitico», che per tro­ espressioni attestate ciascuna una sola volta nel-
vare espressione non deve certo aspettare l’arrivo l’A .T., qàdòs jòséb tehillòt jis r a é l (Ps. 22,4) e ’él
della riflessione deuteronomistica. Non sembra jòséb qedem (Ps. 55,20), si enuncia una disparità
che ci sia una possibilità di confronto o un’analo­ che permette di distinguere il troneggiare di Jhwh
gia, quanto a contenuto, con l’espressione stereo­ dal troneggiare di El, sebbene entrambe le locu­
tipa chiaramente preisraelitica ròkéb bà'àràbòt zioni siano attribuite, nel contesto attuale, a Jhwh.
(Ps. 68,5) (Keel 23 s. contro H.J. Stoebe, K A T In Ps. 55,20 si conserva la dizione cananaica («il
viii/i, 19 73,158 ), anche se abbiamo in essa un epi­ Primigenio», M. Dahood, A B 17, 1973, 36; cfr.
teto formalmente simile proveniente parimenti per contro Kraus [563 s.J che pensa, ma a torto, a
dall’ideologia cananaica. Con la connotazione «abitanti dell’est» umani), mentre Ps. 22,4 («San­
della «invisibilità», della non esistenza di un’im­ to, troneggiante [sulle] lodi di Israele»; cfr. H.
magine di Dio, alla concezione di «colui che tro­ Schmidt, H A T 1/15, 1934, 35 e altri; diversamen­
neggia sui cherubini» nel contesto israelitico spet­ te, ma non in modo convincente, Kraus 326 e Da­
ta una dimensione chc potrebbe far nascere da hood 138), lontano da qualsiasi accostamento
parte sua l’idea, nonostante tutti i possibili peri­ mitico, associa lo jsb di Jhw h alla sfera sacra del
coli, di un «seggio del trono» smisurato, immen­ culto di Israele e, nello stesso tempo, rende attua­
so, che arriva fino al cielo. Così il titolo appare le l’esperienza del «Santo» (cfr. Is. 6,1 ss.). Ma
insieme con due altri predicati participiali del quanto anche la presentazione dello jsb cosmico
«Pastore» d’ Israele (Ps. 80,2) e persino in rappor­ di Jhwh possa andare d ’accordo con la concessio­
to con il «re» che domina dall’alto i popoli (Ps. ne di uno jsb umano e con il rendere questo pos­
99,1). Nella preghiera di Ezechia «colui che tro­ sibile è testimoniato nel Deuteroisaia (Is. 40,22)
neggia sui cherubini» non è soltanto l’unico Dio con l’espressione, anch’essa unica ncll’A .T., baj-
«per tutti i regni della terra», bensì anche il crea­ jóséb ‘al bug b à ’àres («colui che troneggia sulla
tore del cielo e della terra (2 Reg. 19 ,15; Is. 37,16). rotondità della terra»); con il paragone, che sot­
I restanti predicati participiali costruiti con jsb tolinea l’assoluta distanza, degli abitanti della ter­
presentano Jhwh prevalentemente nella sua fun­ ra (jsb\) con cavallette, ma poi anche con il «rife­
zione di signore del cosmo. L ’epiteto jòséb sijjón rimento alla finalità della tenda del cielo sotto la
(Ps. 9,12) s’intende certamente sullo sfondo del- quale non Jhwh, bensì gli uomini devono abita­
P«intronizzazione» del «giusto giudice» (v. 5: re» (K. Elliger, B K xi/i, 1978, 84), con l’espres­
«sedativo») e delPeterno «troneggiante» sul «seg­ sione k à ’òbel làsabet che intende comunicare la
gio del giudice» (v. 8: «mansivo»). Qui come la permanenza sicura nella zona di protezione di
competenza di Jhwh va oltre il domicilio «con­ Jhw h, il signore della natura.
sueto» di Gerusalemme, anche il «trono» stesso La dimensione di un’analogia offerta da Jhwh
diventa così sublime da poter essere contemplato tra l’abitare umano e il troneggiare divino trova
solo in visione. Le apposizioni, dal tenore quasi espressione nelle parole di Ps. 113,5.8 , dove per
identico, di Jhwh in 1 Reg. 22,19 e di ’àdónàj in prima cosa mediante la formulazione caratteristi­
Is. 6,1 qualificano la maestà regale di Dio (cfr. J. ca bammagblhi làsàbet (v. 5) si sottolinea, me­
Schreiner, StA N T 7, 1963, 89 s.): qui Isaia prova diante una combinazione di ptc. e inf., la fase del­
personalmente «la presenza, solitamente celata, l’innalzamento per «troneggiare» («sedativo»),
di Jhwh nel tempio di Gerusalemme come una ma subito dopo viene indicato l’ulteriore scopo
presenza della medesima potente intensità... che è di una visione nelle profondità, un aspetto che al
propria della santità celeste di Jhwh priva di veli» v. 8 riceve una concretezza significativa con la
(Keel 54), mentre la visione di Michea figlio di manifestazione della volontà di Jhwh di far «tro­
Iimla non comunica più nulla riguardo al tempio neggiare» i poveri insieme con i principi. A l­
e conosce Jhwh esclusivamente in comunione con l’espressione del v. 5 spetta una posizione parti­
l’ «esercito celeste» (cfr. anche Keel 48 s.). Il «se­ colare proprio perché essa, pur movendosi a una
dere su ('al) l’alto e sublime trono» attestato in certa distanza dalle citate formulazioni di base, è
Isaia si presenta al profeta come una nuova sco­ adatta a esprimere in parole la concezione genui­
93 (111,1031) jasèn (J. Schùpphaus) (111,1032) 94

namente israelitica dell’innalzamento divino per razione posta in bocca di Jhwh pòh ’éséb (v. 14).
amore dell’elevazione umana. Il contesto documenta del resto anche l’assicura­
zione giurata che in futuro la discendenza di D a­
Evidentemente si muove ancora nell’anticamera vid «siederà sul trono» (v. 12).
della genesi di una formula una possibile ulteriore
Ps. 47,9a esprime un «fatto perfettivo» (nel
attestazione dello jsb divino che diventa comprensi­
bile grazie all’interpretazione fornita da M. Weip­ senso di A. Denz, A K M 40,1, 19 71, 48-50): «Dio
pert di un frammento (Num. 21,14 s.) del Libro del­ è diventato re sui popoli», e probabilmente anche
le guerre di Jh w h , probabilmente premonarchico, al v. 9b: «Dio si è seduto sul trono della sua santi­
ricostruito da D.L. Christensen, CBQ 36 (1974) 359 tà». In entrambi i casi si esprime il significato «se­
s. (cfr. M. Weippert, Symposia ASOR, 1979, 17 s.). dativo»: l’inizio della signoria regale di Dio viene
Secondo questa lettura la teofania di Jhwh si mani­ illustrato come intronizzazione. Lam. 5,19 offre,
festa in un’apparizione che coinvolge le forze della per contro, «l’aspetto imperfettivo» (al riguardo
natura nell’attraversamento dell’Arnon con lo scopo
cfr. W. Gross, B N 4 [1977] 29) con il lato «man­
di «soggiornare in Ar» (l sbt V) e restare in Moab.
sivo» del significato: «Tu troneggi in eterno!».
L ’ambivalenza, riconoscibile anche qui, della qualità
semica potrebbe far pensare a un’antica articolazio­ Qui tale dimorare eterno viene visto in contrasto
ne dell’idea di una maestosa presa di possesso del con il monte di Sion desolato (v. 18). Una strut­
paese straniero da parte di Jhwh. tura simile si rileva in Ps. 10 2,13, con differen­
za che qui il contrasto riguarda l’impotenza uma­
4. Le restanti frasi verbali finite con l’espres­ na (v. 14). Infine il linguaggio critico del Deute-
sione di uno jsb di Jhwh che ricorrono fuori di ronomista, che si domanda se Dio realmente «abi­
un contesto che presenta attestazioni di jsb al ptc. ti (jóséb) sulla terra» (1 Reg. 8,27; 2 Chron. 6,18),
e all’inf. possono essere analizzate particolarmen­ rivela il problema che il Deuteronomista tenta di
te sotto l’aspetto del mutuo rapporto tra il lato risolvere ricorrendo a una terminologia differen­
«sedativo» e il lato «mansivo» del significato, poi­ ziata (v. sopra, in .2). Per il Deuteronomista una
ché nelle formule citate, nelle loro varianti e nelle interpretazione «mansiva» della presenza divina
loro «allusioni» domina la funzione «mansiva». sulla terra non è praticabile.
Le parole di Ps. 29,10 (jhw h lammabbul jdsab 5. Quando l’arca è soggetto di jsb non è possi­
wajjéseb jhw h melek l e,òldm) manifestano chia­ bile, se non in senso limitato, collegare Jhwh a jsb .
ramente una duplice struttura semiologica anche Qui domina il contenuto «mansivo»: nel proibiti­
dello jsb di Jhwh, la quale viene inoltre confer­ vo «l’arca non resterà presso di noi (lóyjéséb)» (1
mata con la funzione verbale e sintatticamente: Sam. 5,7), nell’ infinito (/ Sam. 7,2) e nel ptc. (2
«Jhwh si è seduto sull’Oceano e troneggia (perciò Sam. 7,2) si esprime la permanenza proprio come
ora) come re in eterno» (trad. di W. Gross, ATS nel narrativo (2 Sam. 6 ,11; 1 Chron. 13,14), con i
1, 1976, 97). Il v. ioa documenta l’aspetto «seda­ sintagmi che improntano la semantica. N on si può
tivo» del significato, il v. iob quello «mansivo». parlare di un’influenza delle «formule con jsb».
A ciò corrisponde l’idea che anche Jhwh, come il Ciò vale tanto più, naturalmente, per lo jsb del
re terreno, compie un’intronizzazione, per il vero m al'ak jhw h che si accomoda sotto la quercia
al fine di esercitare poi una residenza permanen­ (wajjéseb: lud. 6 ,11). La mancanza della formale
te. A ll’ascesa di Jhwh a re spetta qui un’impor­ identificazione con Jhwh esclude anche qui parti­
tanza tanto maggiore in quanto viene presentata colari conseguenze per il contenuto semantico
come vittoria sul -> m abbùl «la parte superiore del dimorare divino.
dell’Oceano primordiale la quale si estende sopra M. Gòrg
la volta del cielo» (F. Stolz, BZAW 118 , 1970,
165) e quindi come sconfitta del Caos (la trad. di
lammabbul proposta da M. Dahood, BibOrPont
ft£^ jasen
17 [1965] 25, «sin dal diluvio», non coglie nel giu­
sto). L ’ assenza di una definizione del luogo di di­
mora non deve quindi meravigliare (di parere di­ jasan, H ip s e n a \ H I# sèna
verso è apparentemente W. Schmidt, BZAW 80,
1961, 48 che inoltre cita paralleli ugaritici). 1. Etimologia, significato. — 2. L ’uso linguistico del-
La terminologia relativa all’ «abitare» di Ps. 132 l’A.T. - 3. Il contesto teologico.
opera con l’aspetto «mansivo» nella definizione Bibl.: G. Dalman, AuS I 634 ss. - E.L. Ehrlich, Der
di Sion come mòsàb di Jhwh (v. 13) e con l’aspet­ Traum im A.T. (BZAW 73, 1953). - O. Michel, Zur
to semantico «sedativo» della radice nella dichia­ Lehre vom Todesschlaf. ZNW 35 (1936) 285-290. - A.
9 5 (ln «I 0 33 ) jasèn (J. Schùpphaus) (111,1034) 96

Resch, Der Traum im Heilsplan Gottes. Deutung und La componente semantica ‘ vecchio’ viene tra­
Bedeutung des Traumes im A.T., 1964. - J. Thomson, dotta dai L X X con TtaXaiós;, àp^aioq, nakaioOv
Sleep: An Aspect of Jewish Anthropology. VT 5 (1955) ecc. È degno di nota che nei L X X unvo^ venga
421-433. - G. Widengren, Sakrales Kónigtum im A.T.
usato in larga misura per l’ebr. -» hlwm (hàlóm).
und im Judentum, 195 5, 67 ss.
A Qumran si ha un unico esempio di jsn (iQ S
1. Davanti alle singole attestazioni di fin nel­ 7,10), nella minaccia di punizione per chi si ad­
l’area linguistica semitica è dubbio (v. K B L 2) se si dormenti durante le sedute dell’assemblea plena­
debba pensare a una (Driver) o due radici (K B L }). ria.
Da un lato, se si propende per un’unica radice con 2. La forma base del verbo jsn denota un ‘esse­
il significato base di ‘essere tranquillo, dormire’ si re inerte, tranquillo, addormentarsi’ e ‘dormire’
devono far derivare da questa anche le attestazio­ (Ezech. 34,25; Eccl. 5 ,11; 1 Reg. 18,27) in deter­
ni che s’incontrano nell’A.T. al nif. e nella forma minati momenti di riposo (di notte, a mezzogior­
derivata jàsàn col significato di ‘ invecchiare’, ben no o in caso di stanchezza), quindi il processo
comprensibili come ulteriore sviluppo del signifi­ che intercorre tra lo sdraiarsi o il mettersi a letto
cato base ‘essere calmo, tranquillo’ — analoga­ (sàkab: 1 Reg. 19,5; Ps. 4,9) e lo svegliarsi (jqs:
mente a quanto si ha in attestazioni arabe ed etio­ Gen. 41,5; 1 Sam. 26,12; 1 Reg. 18,27; I er■
piche con il significato (relativo all’acqua) ‘marci­ Ps. 3,6; 44,24; 78,65; Dan. 12,2) o l’alzarsi (qum : 1
re, puzzare’ e ‘venire rovinati, distrutti’ (v. K B L 3). Reg. 3,20 s.; 19,5). Inoltre jsn può anche significa­
D ’altra parte la presenza di jtn ‘vecchio’ in ugari­ re un sonno particolarmente profondo (tardémà:
tico rende naturale l’ipotesi di una seconda radi­ 1 Sam. 26,12; Ps. 76,6 s.) o il sonno della morte
ce, che sembra confermata etimologicamente pro­ (Ier. 51,57; Ps. 13,4). jsn è usato pertanto in paral­
prio dal significato di ‘invecchiare’ e ‘vecchio’ del­ lelo con sàkab ‘giacere tranquillo ed essere silen­
le forme nif. e del derivato jàsdn, anche se in que­ zioso’ (/ Sam. 26,7; Ps. 3,6; 4,9; cfr. lob 3,13),
sto modo niente cambia quanto al significato di ‘à l a f ‘essere privo di sensi, stordito’ (Ier. 51,39;
tali forme. cfr. Ps. 78,65), ràdam (e tardémà) ‘dormire pro­
Così tutte le attestazioni di jsn nell’A.T. vanno fondamente, essere stordito’ (/ Sam. 26,12; Prov.
viste in un unico contesto che ne illustra il signi­ 10,5; cfr. lob 33,15) e hàlam ‘sognare’ (Gen. 41,
ficato: per quest’operazione si può partire dal si­ 5). La radice usata in parallelo, -> nwm (num)
gnificato base ‘essere tranquillo, dormire’, jàsèn ‘sonnecchiare, essere insonnolito’, che con i suoi
‘dormire’ s’incontra nell’A.T. 16 volte (15 volte al derivati nùmà e t'nùm à compare solo in testi pro­
qal, 1 al pi.: Iud. 16,19); di queste 5 sono nei Sal­ fetici (Is. 5,27; 56,10; Nah. 3,18), nei Salmi (Ps.
mi, 2 nella Genesi e 2 in Geremia, 1 volta ciascu­ 76,6; 12 1,3 S-J J 32»4)» in Giobbe (lob 33,15) e nei
no in Isaia, Ezechiele, Giobbe, Proverbi, Eccle­ Proverbi (Prov. 6,4-10; 23,21; 24,33), va conside­
siaste. rata il sinonimo poetico di jsn.
L ’aggettivo jàsèn ‘addormentato* (9 volte) si Nel pi. di jsn (con acc.) è attestato il significa­
trova 4 volte nell’opera storiografica deuterono­ to 'far addormentare qualcuno’ o ‘addormentare’
mistica, 2 nel Cantico e 1 volta ciascuno in Osea, (Iud. 16,19).
Daniele e Salmi. Analogamente l’agg. verbale jàsèn caratterizza
sènà ‘sonno’ ricorre 22 volte: 7 nei Proverbi, 3 determinate persone o il loro stato come addor­
volte ciascuno in Salmi e Geremia, 2 ciascuno in mentato (/ Sam. 26,7.12; / Reg. 3,20; 18,27; Ps-
Genesi, Giudici ed Ecclesiastico, 1 volta ciascuno 78,65; 22,30 cong.; Cant. 5,2; Dan. 12,2) oppure,
in Zaccaria, Giobbe, Ester e Daniele, sènà* è usa­ in senso metaforico, un determinato sentimento
to solo in Ps. 127,2 e sénat solo in Ps. 132,4. come inefficace (Hos. 7,6: l’ira). I sostantivi sènà’
N el significato ‘vecchio, essere vecchio’ la ra­ e sèna indicano il sonno dal quale ci si sveglia, si
dice s’incontra solo 1 1 volte, di cui 6 nel Levitico, viene svegliati o ci si alza (Gen. 28,16; Iud. 16,14.
2 in Neemia, 1 volta ciascuno in Deuteronomio, 20; Zach. 4,1; Ps. 127,2; lo b 14 ,12; Prov. 6,9), il
Isaia e Cantico. dolce sonno ristoratore (Ier. 31,26; Prov. 3,24;
N ei L X X la radice jsn viene coperta quasi com­ Eccl. 5,11), il sonno che non si prende perché fug-
pletamente dal gruppo lessicale greco o t z v o i ^ x tA . ge dagli occhi (Gen. 31,40; Esth. 6,1; Prov. 4,16;
(H. Balz, G L N T xiv 645 ss.). Il verbo jàsèn (Sira­ Eccl. 8,16; Dan. 2,1), che per qualche ragione non
cide incluso) viene reso 13 volte con òttvoùv, 5 con si concede agli occhi (Ps. 132,4), che è pericoloso
xa^eùSeiv, 1 volta ciascuno con xoi(j.àv e xotfju- (Prov. 6,4.10; 20,13; 24,33), che stordisce (Ps. 76,
£eiv. Il sostantivo sènà viene reso 18 volte con U7t- 6), dal quale non ci si sveglia più (Ier. 51,39.57; cfr.
vo<; e 2 volte ciascuno con ùtivoùv e vuaTa^eiv. lo b 14,12).
9 7 (111 , 1035 ) jV (J.F. Sawyer) (111,1036) 98

Le attestazioni di jsn (jsn 11?) al n if e il corri­ e il sogno di Balaam (Num. 22,8-13). Sull’argo­
spondente derivato jàsàn col significato di ‘essere mento -» hlm (hdlam) (voi. 11 1051 ss.).
vecchio’, ‘vecchio’ descrivono, quando riferiti a Come nell’ambiente storico-religioso di Israe­
uomini, un essersi ambientati, un aver trovato pa­ le, e perciò sicuramente in rapporto con la reli­
ce in un paese (Deut. 4,25; cfr. anche Ecclus 9,10); gione cananaica della vegetazione con la sua con­
riferiti allo stato di alimenti, il grano immagazzi­ cezione dell’annuale morte e ritorno in vita della
nato l’anno prima (Lev. 25,22; 26,10) o un frutto divinità (v. Thomson), nell’A.T. il sonno viene
vecchio, di un anno (Cant. 7,14); riferiti a sintomi usato anche come un’illustrazione figurata dello
di malattie, la lebbra vecchia, cronica (Lev. 13, stato di morte, nella quale è già insita la conce­
11); come caratterizzazione di costruzioni la por­ zione del ritorno alla vita. Così si parla del sonno
ta vecchia, appartenente alla città vecchia (Ne- da un lato come sonno eterno, come sonno mor­
hem. 3,6; 12,39) o il serbatoio vecchio (rispetto a tale nel silenzio della tomba, dove hanno fine tut­
un altro), che esiste già da tempo (Is. 22,11). Di te le inquietudini e la fretta della vita (Iob 3,13; 14,
conseguenza jsn compare in tale contesto come il 12; Ps. 13,4; Ier. 51,39.57). Ma dall’altro, nel qua­
contrario di -> hds (Lev. 26,10; Cant. 7,14; cfr. dro dell’attesa escatologica, si sottolinea anche il
anche Ecclus 9,10: vecchio/nuovo amico). risveglio da un siffatto sonno mortale (Is. 26,19) e
3. N ell’A .T. il fenomeno del sonno non viene tale risveglio dalla morte viene interpretato in
visto in un contesto teologico omogeneo. Il son­ prospettiva dualistica come risurrezione per la vi­
no può essere inteso come sonno nella sicurezza ta eterna per gli uni e, per gli altri, per la vergo­
e nella pace sotto la protezione di Jhwh, all’op­ gna eterna (Dan. 12,2).
posto di un’ inquietudine insonne piena di preoc­ Infine si parla anche del sonno di Jhw h e di
cupazioni (Ps. 4,9; 3,6). Un sonno buono, ristora­ Ba'al: qui ci sono evidentemente sullo sfondo le
tore c considerato conseguenza del giusto com­ concezioni mitiche cananaiche del sonno della di­
portamento agli occhi di Jhwh e della vita con­ vinità (v. Widengren). Se per spiegare la presenza
dotta in modo probo al suo cospetto (Prov. 3,24; inefficace e inavvertibile di Ba'al si prospetta, con
Eccl. 5,11); analogamente, una condotta empia è ironia, la possibilità che il dio stia schiacciando il
causa dell’insonnia (Prov. 4,16; Eccl. 5,11). pisolino pomeridiano (1 Reg. 18,27), in maniera
Il sonno può anche esser visto negativamente, analoga l’esperienza del nascondimento del Dio
come sintomo di ozio e di vizio; ne viene fatto d’Israele trova espressione nel lamento per il gra­
carico al pigro, al beone e al crapulone (Is. 56,10; ve stato di pericolo e di afflizione con l’idea del
Nah. 3,18; Prov. 6,4.10; 20,13; 2 4 >33)- sonno di Jhw h (Ps. 44,24) oppure il suo nuovo
Dal sonno normale viene distinto il sonno par­ intervento viene descritto con l’immagine del ri­
ticolarmente pesante (Iud. 4,21; Ion. 1,5 s.; Prov. sveglio dal sonno (Ps. 78,65). D ’altra parte c’è pe­
10,5; *5M5) che, nella forma di sonno profondo rò l’energica affermazione che Jhw h non dorme,
simile allo stordimento, viene al contempo fatto con la quale si nega l’inoperosità di Jhwh e si met­
risalire all’intervento diretto, miracoloso di Jhwh te in evidenza la sua vitalità attenta c vigilante,
(Gen. 2,21; 15 ,12 ; 1 Sam. 26,12; Is. 29,10; Ps. 76,7', continua, che non si ferma mai (Ps. 12 1,3 s*)-
Iob 4,13; 33,15; Dan. 8,18; 10,9). Jhwh fa piom­
J . Schiippbaus
bare un sonno profondo sull’uomo per staccarlo
dalla sua attività, dalla sua partecipazione, dalla
sua riluttanza così da poter compiere la propria
jV
opera indisturbato e senza ostacoli (Gen. 2,21; 1
Sam. 26,12; Is. 29,10; Ps. 76,7) ovvero da poter ri­
velare la parola divina in maniera particolarmente y ^ i n h ó s ia , n y w f; j 's u à ,
incisiva ed efficace (Gen. 15 ,12 ; Iob 4,13; 33, 15; W 'jy u }) jè s a / je s a , ntyttfiD m ó s a ó t,
Dan. 8,18; 10,9). Molto frequentemente il sonno è
n y ìt fn t 's u à
inteso come luogo della rivelazione e forse, a
questo punto, si ricorre in ultima analisi alla con­
1.1. Etimologia. - a) La radice jt'fjV in nomi propri in
cezione cananaica di incubazione che fa capolino
iscrizioni semitiche occ. e sudarab. —b) Storia della ra­
dietro a Gen. 28,10-22 (Balz, G L N T xiv 47; Ehr- dice js ‘ in ebraico. —2. Significato base di hóstà■' nel suo
lich 13-55). esempi più noti del sonno come ambito semantico. —n. Distribuzione. —1. L ’A.T. —a)
momento di rivelazione sono il sonno profondo La radice js ‘. - b) Il verbo. - c) Il sostantivo. - 2. Qum-
di Abramo (Gen. 15 ,12 -2 1), di Giacobbe (Gen. ran. - in. Termini corrispondenti nelle versioni antiche
28,10-22), di Salomone nel tempio (/ Reg. 3,4-15) e nel N.T. - 1. I LXX. - 2. Il N.T. - 3. Il Targum. - 4.
99 (111,1036) js ' (J.F. Sawyer) (111,1037) 100

La Vulgata. - IV. L’uso nell’A.T. - 1, Testi narrativi in 1.1. La radice jt ', attestata nel tema semplice e
prosa (spec. Giosuè-Re). - a) Uso «storico-salvifico», in quello causativo, si trova in un gran numero di
intervento divino nella storia d’Israele. - a) La vittoria nomi propri in amorreo, ugaritico, nabateo e in
al Mar Rosso (Ex. 14). - p) Altre vittorie ottenute me­
sudarabico che sono molto simili ai nomi propri
diante Dio. —7) L’uso tendenzioso deuteronomistico
di hósid' con soggetti umani. - b) L’uso legale, inter­ in ebraico contenenti js ' in forme qal (ad es. Isaia)
vento umano in situazioni di ingiustizia. - a) mòlla e in forme hif. (ad es. Osea). È pertanto probabile
nella legge contro lo stupro. - P) Richiesta della vedova che questi nomi propri, insieme con i termini
danneggiata al re. - y) hósia' in alleanze militari. - 8) ebraici comuni hósid', j's ù 'à ecc., risalgano tutti
«Prendere la legge nelle proprie mani». - 2. La lettera­ al protosemitico *jt‘ (Sawyer, A Historical D e­
tura sapienziale. - a) t'sU'à in massime sapienziali jah- scription o f thè H ebrew Root y s ‘, 75-84; T H A T 1
vistiche. - b) jésa', j'sù'à in Giobbe. - 3. La letteratura 786) e nulla abbiano che fare con Par. w asi'a ‘es­
profetica (spec. Deuteroisaia). - a) Jhwh l’unico vero sere ampio’ (iv >awsa<a ‘dare spazio a qualcuno*)
soggetto di hósid': portare qualcosa a una persona in
come si presume al giorno d’oggi (cfr. K B L J 427;
difficoltà, non allontanarla da quella situazione (‘salva­
re’). - c) Rapporti giuridici tra i termini. - d) j'sù'à co­ G L N T x i i i 467 ss.; H.J. Kraus, B K xv/i, *1978,
me stato duraturo o universale e come singolo evento. 160; W.W. Mùller, ZAW 75 [1963] 310 ignora le
- e) In associazione con fiducioso, gioioso ecc. - f) In testimonianze sem. occ.). Un nesso con wasi'a è
associazione con sedeq/s'dàqa. - 4. I Salmi. - a) Jhwh fonologicamente diffìcile, comportando un inso­
come unico soggetto di hósid'. - b) In associazione con lito legame tra la t sem. occ. e la s ar. (Brockel-
fiducia e trionfo. - c) Associazione giuridica dei termi­ mann, V G 128; B D B 446), tra la j sem. mer. e la
ni. —d) L ’interpretazione escatologica. w ar. (R N P 1 232), e semanticamente insostenibi­
le, tanto più che altri termini ricorrono con al­
Bibl.: F. Asensio, La salvación en el A.T.: Studia mis- trettanta frequenza nel contesto di sarà, sdròt ‘ im­
sionalia 29 (1980) i - j 6. - C. Barth, Die Errettung vom
barazzo, irritazione’ ecc. i quali comunque non
Tode in den individuelien Klage- und Dankliedern des
A.T., 1947, 127. - M.A. Beek, Josua und Retterideal mantengono sempre il loro senso concreto origi­
(Fs. W.F. Albright, Baltimore-London 1971, 35-42). - nario di ‘stretto, limitato’: ad es. hissil ‘salvare’ (Ps.
H.J. Boecker, Redeformen des Rechtslebens im A.T. 34,18); 'dzar ‘aiutare’ (Ps. 46,2); 'dna ‘rispondere’
(WMANT 14, 1964, 61-66). - M. Dahood, Hebrew- (Ps. 86,7); pàda ‘ redimere, liberare’ (Ps. 25,22);
Ugaritic Lexicography, in. jsw'wt «Saviour»: Bibl 46 sdmar ‘custodire’ (Prov. 21,23). H concetto della
(1965) 324. - G. Fohrer, eroico xtX., B.2. Der Stamm redenzione come «spaziosità» o liberazione da li­
js'im A.T. (GLNT xiii 467-480). - H. Goeke, Das mitazioni o esperienze opprimenti, tanto fisiche
Menschenbild der individuelien Klagelieder. Ein Bei- quanto psichiche, si trova frequentemente nel-
trag zur alttestamentlichen Anthropologie (diss. datt.
PA.T., ad es. in Ps. 4,2; 25,27; 31,9; 118,5; «8.I7-
Bonn 1971), 168-180. - D. Gonzalo Maeso, Conceptn
de la Y'su'ah («Salud» o «Salvación») biblica (26. Se­ 20 (Kraus 169 s.); Esth. 4,14 (cfr. Sawyer, A STI 6
mana Biblica Espanola 1, Madrid 1969, 5-19). - Klaus [1968] 20-34); tale aspetto viene però espresso con
Goudcrs, In Jahwe i$t Israels Heil. Exodus, Erlósung hirhib ‘dare spazio a qualcuno’, merhdb ‘ampiez­
und Heil (Fs. G.J. Botterweck 1977, 303-318). - H. za liberatoria’ (Kraus 291) e simili, mai con hósia'.
Gross, Die Entwicklung der atl. Heilshoffnung: TrThZ L ’ipotesi della «spaziosità» non è attestata pri­
70 (1961) 15-28. —A.S. Kapelrud, Frelse i Det gamie le­ ma di A. Schultens (Origines Hebraeae sive H e-
stamente: NoTT 90 (1979) 139-159. - A.H. Leon, The braicae Linguae antiquissima natura et indoles ex
Meaning of thè Verb Hosia' in thè O.T. (Ph.D. diss. Arabiae penetralibus revocata, Leiden 176 1, 81) e
Claremont 1980). - J.S. Licht, jsw'h (EMiqr in, 1958,
ha avuto un ruolo insignificante in tutta la discus­
897 s.). - P.V.P. Sagar, «Salvation» in thè O.T.: IndjT
18 (1969) 197-205. - J.F.A. Sawyer, Wbat was a mo- sione circa il significato di h ó s ia ',jesu'a ecc., pre­
sia'f*: VT 15 (1965) 476-486. - Id., Semantics in Biblical scindendo da brevi sezioni sull’etimologia (cfr.
Research (SBT 11/24, London 1972). - Id., A Historical G L N T x i i i 459-480).
Description of thè Hebrew Root ys‘ (Hamito-Semitica. L ’altra forma della radice, sud' (cfr. tób accan­
Den Haag 1975, 75-84). —J. Scharbert, Heilsmittler im to a jdtab, sùq accanto a jdsaq ecc.: cfr. Brockel-
A.T. und im A.O. (Quaestiones Disputatae 23-24, mann, V G 1 604; BLe 496; K B L } 427), è parimen­
1964). —I.L. Seeligmann, Zur Terminologie fiir das Ge- ti un elemento frequente in N P (ad es. Giosuè,
richtsverfahren im Wortschatz des biblischen Hebrdisch
Eliseo): K B L 3 55. 379 s.). sw Kpi. ‘gridare chie­
(Fs. W. Baumgartner, VTS 16, 1967, 251-278, spec. 274
ss.). - N.H. Snaith, The Distinctive Ideas of thè O.T., dendo aiuto’ «è probabilmente da intendersi, al
London 1957. - J.J. Stamm, Erlòsen und Vergeben im pari di s'q pi. (solo in 2 Reg. 2,12), come emissio­
A.T,, Bern 1940. -J.H . Steck, Salvation, Just ice and Lib­ ne di urla in successione» (E. Jenni, Das hebrdi-
eration in thè 0 . 7!: Calvin Theol. Journal 13(1978) 133­ sche P i'el, Zurich 1968, 248) e potrebbe essere
165. - F. Stolz,js ' jdsa' (TH AT1, 1971, 786-790). derivata dal grido sa' ‘aiuto!’, imperativo qal di
ioi (111,1038) js ‘ (J.F. Sawyer) (111,1039) 102

*jàsa' (cfr. W.T. Gerber, Verba denominativa, 50), js ' si trova al di fuori di N P solo in ebraico.
Leipzig 1896, 33). Nella Bibbia ebraica js ' è una delle radici più dif­
a) La più antica ricorrenza attestata della radi­ fuse sia nei N P sia anche in verbi e sostantivi.
ce si trova nel N P amorreo la -su -il di U r del 2048 Tuttavia js ' è quasi esclusivamente riservato al­
a.C. circa (G. Buccellati, The Amorites o f thè Ur l’uso teologico con Jhwh per soggetto e il suo
I I I Period, Napoli 1966, 165) che va analizzato popolo per oggetto (v. sotto). La storia postbibli­
come la -ja s u -il. Questo nome contiene un ele­ ca di questi termini conferma il loro riferimento
mento che corrisponde allo jasuh-j-esuh in 8 no­ esclusivamente religioso.
mi amorrei di Mari, ad es. ia-su-ìpu-ùm e i-li-e- Già nei libri più recenti dell’A.T. (Cantico dei
su-uh (A PN M 215 s.), e a j t ‘ nel N P ugaritico Cantici, Rut, Ecclesiaste, Ester, Daniele, Esdra,
jt'd , che viene trascritto in cuneiforme accadico Neemia, Cronache) la radice si trova raramente e
come ja-as-ad-du «Haddad salva» (UT n. 1179 ; solo in citazioni dirette dei libri più antichi e in
P N U 147). L ’ugaritico j u l (U T n. 1176) potrebbe ricercati arcaismi (ad es. Nehem. 9,27).
essere una forma breve di jt '- 'il (PN U 200); e ja- Lo stesso vale per la letteratura rabbinica e per
su-ia, il nome di un capo nella Palestina meridio­ l’ebraico moderno. N ell’ebraico quotidiano il suo
nale, si riferisce a una lettera di Amarna e potreb­ posto è stato preso normalmente da 'àzar ‘aiuta­
be fornire un altro esempio del xiv sec. a.C. (EA re’, hissil ‘salvare’, nissdhón ‘vittoria’ o termini si­
256,18). La presenza di un verbo sem. occ. jasa', mili (E. ben Jehuda, Thesaurus totius hebraitatis
impf. jasu (I.J. Gelb, La lingua degli Amoriti, ..., 1908-1959, ìv 2182 s. L ’autore non cita esempi
A A N L R 13, 1958, 160) si limita, pur risalendo al moderni, cfr. 2189 ss.; cfr. J.S. Licht 897 s.). La
11 millennio a.C., a nomi propri dove è di regola differenza tra l’uso religioso della Bibbia e l’uso
congiunto con un elemento teoforo. profano più tardo diventa lampante nella storia di
un maestro pedante, che annegò in un lago per­
In sudarabico oltre 30 NP contengono l’elemento ché nessuno lo capì quando gridava hòsì'énì ‘sal­
jt ' (RNP 1 112). Tra questi si possono distinguere il vami!’ (Sawyer, Semantics 95 s.). L ’unico uso pro­
nome di una divinità sabea jati‘ (ad es. 'abd-jati') da fano di questi termini che si può trovare nel­
un lato e, dall’altro, un verbo causativo hajta' (ad es.
l’ebraico postbiblico si limita a tre termini legali:
baita'-il) (Conti Rossini 165). Il nome del sovrano
sabeo it’amra (jiti'-’amara) si trova soltanto negli mósià' ‘difensore, liberatore’ viene preferito al
annali di Sargon 11 (D.D. Luckenbill, Ancient Rec- termine corrente massil solo nel contesto della le­
ords of Assyria and Babylonia 11, Chicago T927, 7 s.; gislazione talmudica relativa allo stupro (Sanh.
cfr. G.W. van Beek, Fs. W.F. Albright, London 1961, 73a; cfr. Deut. 22,27; Dict. Talm. 11 751); l’espres­
229). sione hósìa' jd d i U «ho aiutato me stesso a far va­
lere i miei diritti» (cfr. 1 Sam. 25,33-35; v< sotto,
N ell’A.T. 14 N P hanno l’elemento js'/sù d': iv.i.b.8), che si trova 3 volte nei testi di Qumran
’abisùà', ’elisùà', ’elisa‘, bat-suà*, h o s e à h o s a 'jà , (iQ S 6,27; C D 9,9-10), e infine l’enigmatica locu­
josuà'y jésua', jis 'l, j esd'd, malkisùd', mésa', sù- zione j esu'à habbén «riscatto del primogenito»
'ah. jesua‘ è una forma tarda di jòsuà' prodottasi (bBaba Qamma 8oa, in basso) che potrebbe esse­
per dissimilazione (cfr. jèhu\ IPN 244 s.; Brok- re una parola convenzionale che veniva usata in
kelmann, V G 1 255). Il nome j esa'jà si trova a Ele­ tempo di persecuzione invece di pidjón habbén
fantina (AP, indice), mentre la forma piena js'jh w (Dict. Talm. 1 600). È stato suggerito che come
è attestata oltre a js ', js 0 e j s " l su impronte di nei casi di -» g ’I, -» pdh e -» sdq l’uso religioso e
sigilli di data imprecisata e di origine incerta (D. soteriologico sarebbe derivato dall’originario uso
Diringer, Le iscrizioni antico-ebraiche palestinesi, giuridico (Sawyer, V T 15 [1965] 483-486). Ma il
Firenze 1934,52. 63. 85. 86). Il nome ’ljs' «Eliseo» significato delle più antiche attestazioni sem. occ.
si trova su cocci di Samaria (Diringer 42) c Nim - non è dimostrabile in maniera stringente e si po­
rud (Diringer 200), Il nome «Mesha» (forse in ori­ trebbe argomentare che l’uso in questo piccolo
gine mdsa': cfr. i L X X : MUocra; KBL-5 548; S. Se- gruppo di contesti giuridici, biblici e postbiblici,
gert, A rO r 29 [1961] 246) si trova nell’iscrizione è in fondo anche teologico in quanto le istituzio­
moabitica della «stele di Mesha» (cfr. 2 Reg. 3,4). ni giuridiche erano considerate nell’Israele antico
b) Oltre all’iscrizione di Mesha, dove il verbo come costituite da Dio giudice supremo, che po­
hósìd1 è attestato e ha per soggetto Kamosh, il dio teva delegare la propria autorità a un re (cfr. 2
di Moab, e alla sua presenza come prestito ara- Sam. 14,4; 2 Reg. 6,26 s.) o a una comunità (Deut.
maico (J.T. Milik, R B 63 [1956] 4 13; J.H . Peter- 22,23 s-5 v- sotto, iv.i.b.a), proprio come all’epo­
mann, Linguae Samaritanae grammatica, 1873, ca dei giudici chiamò mòsVim per il suo popolo
103 (tu, 1040) jV (J.F. Sawyer) (111,1041) 104

quando esso si rivolse a lui implorando protezio­ tare riposo a qualcuno») e hirhib l e («dare spazio
ne dagli avversari (ad es. Iud. 3,9.15; Abd. 21; N e- a qualcuno»), ma è costruito con min ‘da’ meno
hem. 9,27; cfr. Seeligmann 272-278). Tuttavia è frequentemente di hissìl ‘salvare’; g d ’al ‘ riscatta­
chiaro che il riferimento religioso che la radice ; s ‘ re’ e simili (cfr. Sawyer, Semantics 1 0 3 - m ) . hó­
ha in quasi tutti i contesti ne costituisce la vera lid ' non fa parte dei termini impiegati regolar­
caratteristica. mente nell’Esodo (hissìl, he'éld, hósi e g d ’al sono
2. Il significato base del verbo hólìd‘ può esse­ i più usati: cfr. Ex. 3,7-8; 6,6-8), ma viene usato 3
re definito al meglio mettendo in evidenza le dif­ volte nel racconto della vittoria sugli Egiziani al
ferenze con gli altri termini del medesimo campo Mar Rosso (Ex. 14,13.30; i5 ,2 ;T H A T 1 789).
lessicale (Sawyer, Semantici 10 2 - m ) . Tra questi d) hólid' è strettamente unito con i termini giu­
i verbi più frequenti sono hissìl (203 volte) e ‘a la r ridici -> g ’I (gd’a l) ‘riscattare’, -» pdh (pdda) ‘re­
(137 volte). Ad essi strettamente legati sono an­ dimere, affrancare, Ipt (Idpat) ‘giudicare’, -> sdq
che termini che in origine possono esser derivati (sedeq) ‘ rendere giustizia’ ecc., tutti verbi attestati
dal linguaggio giuridico, ma altrettanto spesso an­ in contesti soteriologici generici e, altrettanto be­
che da contesti soteriologici: -» g ’I (gei’al, 1 13 ne, in passi giuridici tecnici. Questo c l’unico uso
volte) ‘riscattare’; -» pdh (pàdà) ‘redimere’ ; -» Ipt di hólìd' - oltre il suo uso esclusivamente religio­
(Idfat) ‘giudicare’; -» rjb (rib) ‘lite’; sdq (sedeq) so - presente in tutti gli strati dell’ebraico e po­
‘rettitudine*. A hósid‘ sono connesse anche nu­ trebbe dipendere da un originario significato teo­
merose parole e frasi applicate dagli autori biblici logico (v. sotto, iv.l.b).
metaforicamente (come i termini forensi) a una e) I sostantivi imparentati j elu 'à, jè la ', móld'ót
varietà di atti di salvezza: ad es. -> smr (Idmar) e telu 'a non si differenziano dal verbo hólìd' an­
‘vegliare su qualcosa’; -» gnn (gdnan) ‘difendere’; che se nella traduzione, in alcuni contesti, vengo­
-» smk (sdmak) ‘sostenere’; -» rp’ (rdfd’ ) ‘guarire’; no resi in maniera diversa (ad es. ‘soccorrere, li­
-» rmm (rdmam) ‘ emergere’; -» sgb (sàgàb) ‘alza­ berare’ per il verbo, ‘vittoria’ per il sostantivo).
re’ ; -» mlh (masa) ‘estrarre’; -> zkr (zdkar) ‘ricor­ Espressioni nominali come sur j elu ‘dti «la roccia
dare’; -> hif. ‘dare spazio a qualcuno’; -» ‘nh della mia salvezza» (Ps. 89,27) e costrutti come nd-
(‘and) ‘rispondere’ (Sawyer, Semantics 29-48). tattd ’et-hattelù 'd haggedòld hazzó’t «hai conces­
Sullo sfondo di questo campo semantico sono im­ so questa grande vittoria» (Iud. 15,18 ) o q eróbd
portanti le seguenti caratteristiche che contraddi­ j elù 'd ti Idbó’ «la mia salvezza è vicina» (Is. 56,1)
stinguono hólìa'\ sono analizzabili come costrutti nominali prodot­
a) hólìd‘ è il termine soteriologico più frequen­ ti dalla medesima proposizione principale come,
te nei contesti religiosi, per contro il più raro nel ad es., hólìd' jhw h m elìhó «il Signore ha aiutato il
linguaggio corrente di ogni giorno (Licht 897). re, suo unto, a conseguire la vittoria» (Sawyer,
Soggetto di hólid' è, quasi senza eccezioni, Jhwh Semantics 61-67). Ciò che è stato detto di hólìd'
o il suo rappresentante nominato e ci sono indizi vale perciò ugualmente per j elu 'a ,jè la ' ecc, j elu 'à
di una omissione intenzionale del verbo quando giunge a una persona in difficoltà come una luce
chi parla non è un israelita, ad es. Ex. 2,19 (cfr. v. (Is. 49,6) o come mura e argini attorno a una città
17); 1 Sam. 4,8 (cfr. v. 3)52 Reg. 19 ,11 (cfr. vv. 19. assediata (Is. 26,1), e non significa eliminare la dif­
34); v. sotto, iv. 1.a. ficoltà o salvare la persona che vi si trova (v. sot­
b) hólid' presenta un numero relativamente al­ to, IV.3.C). j elù 'd è strettamente connesso con se-
to di forme nominali (Sawyer, Semantics 68 s.) e ddqd ‘ rettitudine’, milpat ‘giudizio’, hdmds ‘delit­
forma frasi in st. cs. come m im m a'ajenè hajelu 'd to, violenza’ e simili. Come seddqd, anche j elù 'd
«fonte della salvezza» (Is. 12,3); sur jil'è n ù «la può denotare un singolo atto o un unico avveni­
roccia della nostra salvezza» (Ps. 95,1); mdgén mento, oppure uno stato continuo (ad es. Is. 51,
jil'e k d «lo scudo della tua salvezza» (Ps. 18,36) e 6.8) (v. sotto, iv.3.e).
sesón jil'e k d «la gioia della tua salvezza» (Ps. 51,
14). Frasi così colorate sono ignote agli altri ter­
ir.i.a) La radice j l ‘ ricorre 354 volte nell’A.T.
mini di questo campo lessicale.
La maggiore concentrazione si trova nei Salmi
c) hólid' contiene più l’idea di soccorrere una
(136 volte) e nei libri profetici (100 volte), spe­
persona in difficoltà che quella di liberarla o sal­
cialmente nel Deuteroisaia (56 volte).
varla da quella situazione. In più di 20 passi il
verbo è seguito dalla preposizione l e ‘a, in’ (ad es. Oltre alle attestazioni poetiche di Gen. 49; Ex. 15,
Ios. 10,6; Iud. 10,14; P s- 7M 5 86,16), come 'dzar 1-18; Deut. 32,1-43; 33,2-29; 1 Sam. 2,1-10; 2 Sam.
l e («portare aiuto a qualcuno»), hénìdh l e («por­ 22 (Ps. 18); 23,2-7; 1 Chron. 16,8-36 (Ps. 105,1-15;
io j (111,1042) js ' (J.F. Sawyer) (111,1043) t°6

96,1-13; 106,1.47 s.); 2 Chron. 6,41 s. (Ps. 132,8-10), -à (Ps. 3,3; 80,3; lo el 2, io), oltre a ‘ezràtà (Ps. 63,
js ' compare solo 8 volte nel Pentateuco (3 volte nel­ 8; 94,17), potrebbe aver avuto in origine una fun­
l’Esodo; i volta nei Numeri; 4 volte nel Deuterono­ zione semiverbale («Aiuto!», cfr. BLe 528t.u)./e-
mio) e 7J volte nei libri storici, con la massima fre­
sa' compare 35 volte, sempre in testi poetici, e 5
quenza in Giudici (22 volte) e 1-2 Samuele (40 vol­
te). Le restanti attestazioni si trovano in Giobbe (8 volte nello st. cs. jésa' (con séré: K B L J 428). La
volte), Proverbi (5 volte) e Lamentazioni (2 volte). forma jósa' compare nella tradizione babilonese
js ' è raro nella profezia delFvm secolo: 4 volte in in Iob 5,4.11 e probabilmente anche in Is. 35,4
Osea, 1 in Michea, mai in Amos e Is. 1- 1 1. Se consi­ T.M . (K B L } 428; P. Wernbcrg-Moller, ZAW 69
deriamo l’ «opera storiografica deuteronomistica» [ 1 957J 73). t'sù'à compare 33 volte, che ricorro­
(Giosuè-Re) una composizione esilica (M. Noth, no in testi prosastici in percentuale maggiore ri­
USt 1 3-110 ; P.R. Ackroyd, Exile and Restoration, spetto agli altri sostantivi (11 volte; Driver 118).
London 1968, 62-83), allora si ha una concentrazio­ Si tratta probabilmente di una derivazione dalla
ne significativa di attestazioni (44%) nel periodo del­ forma secondaria sùà‘y ma potrebbe venire anche
la cattività babilonese: Deuteroisaia (56 volte, cfr.
direttamente da hósià' per analogia con j's ù 'à (cfr.
P.E. Bonnard, Le Second Isaie, Paris 1972, 535), Ge­
remia (20 volte), Ezechiele (3 volte), opera storio­ t'qùfà da hiqqif. BLe 496S: Brockelmann, V G 1
grafica deuteronomistica (88 volte). I Salmi e le com­ 3 g 3>-
posizioni csiliche contengono oltre l’8 5% di tutte le
attestazioni, js * è raro nei libri più recenti dell’A.T.: * 2. Nei testi di Qumran la radice js ' è attestata
Neemia (2 volte) e Cronache (14 volte) si trova solo in abbondanza: non solo in numerose citazioni
in citazioni letterali dei libri più antichi o in arcaismi bibliche (ad cs. iQ M clch 16,19 come citazione di
di maniera (ad es. Nehem. 9,27), mentre è totalmen­ Is. 52,7; cfr. A.S. van der Woude, O TS 14 [1965]
te assente in Gioele, Aggeo, Malachia, Rut, Cantico 358; cfr. anche il rifiuto a farsi giustizia da soli,
dei Cantici, Ecclesiaste, Ester, Daniele ed Esdra.
hósid' jàdó lóy in iQ S 6,27; C D 9,9.10 come re­
Nel Siracide si hanno gli unici due esempi nella lin­
gua volutamente arcaica del salmo in appendice al­ miniscenza di / Sam. 25 [v. sotto, iv.a.b.S] e an­
l’opera (Ecclus 51,1.10). che circa 100 attestazioni in iQIsa*), ma inoltre
anche 15 volte come verbo, 18 volte il sostantivo
b) Il verbo hósià' hif. è il termine più frequente jsw 'h , 5 il sost. js ' e 9 volte in N P . N ell’uso di
in tutti i testi: più della metà di tutte le (184) ri­ Qumran salta all’occhio che praticamente in tutti
correnze della radice nell’uso biblico sono forme i casi Dio è il soggetto e colui che prende l’inizia­
del verbo hósià' e il tema hif. è ugualmente atte­ tiva della redenzione. Nella storia della salvezza
stato nei N P hóséà', hósa'jà e mésa‘ (IPN 176), Dio ha dato innumerevoli prove della sua jsw 'h
oltre che nel sostantivo mósà'ót, attestato 1 volta (iQ S 1,19 ; iQ M 10,4; 11,3 ; 14,5; 18,7; C D 5,19;
nell’A.T. (Ps. 68,21). Il ptc. att. hif. mósià' è atte­ 6Q D 3,2; 4Q 183 1,2,3), che ora vengono trasfor­
stato 33 volte nell’ A.T., e in senso tecnico anche mate in motivazioni per la fede nel quadro del­
nella letteratura rabbinica (v. sotto, iv.i.b), funge l’escatologia attuata: il presente in cui vive la co­
solitamente da sostantivo agente (Boecker 65 s.; munità è inteso come «tempo di salvezza» (iQ M
K B L 3 532; Sawyer, VT 25 [1965] 476 n. 1). La 1,5; 10,8; 13 ,13 ) e considerato l’occasione per ce­
forma tarda o insolita j'h ó s ìà ' è un aramaismo in lebrare la salvezza (iQ S 10 ,17 ; iQ H 19,23; 20,3;
Ps. 116,6 (cfr. lim 'n ù h a j'k i [v. 7]; ‘à là j'k i [v. 7]; iQPs*Sion 22,3.4.8), anzi la formazione stessa
tagm ùlóhi[v. 12], Kraus, B K xv/2, *1978,970 s.). della comunità avviene allo scopo di proclamare
10 jésa' di Dio (iiQ P s* 154,4 [= iiQ P s 18,2]);
Non è stato però ancora spiegato come mai appa­ cfr. anche la scritta sugli stendardi della comunità
ia in 1 Sam. 17,47 (probabilmente il testo è corrotto: nella guerra escatologica decisiva, jsw 't 7 «gesta
BH K; S.R. Driver, Notes on thè Hebrew Text o f thè
salvifiche di Dio» (1Q M 4,13).
Books o f Samuel, Oxford *1913, 147). Il nif. è atte­
stato 21 volte nell’A.T. e il qal solo in NP (IPN 36). Dio aiuta i suoi fedeli a raggiungere la salvezza
sw‘ pi. è presente 21 volte, il sostantivo affine saw'à donando loro la sua torà (iQ H 13,5 s.), dimo­
1 1 volte. strando il suo hesed (iQ S 1 1 ,1 2 ; iQ H 10,23;
19,18; 4Q 185 1-2,2,13) e intervenendo personal­
c) Se non si conta Yhap. leg. mósà'ót si hanno 3 mente contro gli empi (4QPPS37 4,21; cfr. anche
forme sostantivali: j's ù 'à , jesa' e t'sùà. j's ù 'à c W. Foerster, G L N T x i i i 491 ss.). Tutta la sua
presente nell’A.T. più del doppio delle volte degli creazione è orientata verso la salvezza (iQ H 7,16)
altri (78 volte), pur essendo raro nei testi in prosa che verrà concessa in eterno al vero credente.
(4 volte), ed è l’unico sostantivo attestato anche al L ’esseno di Qumran può aspettarsi anche per
pi. (12 volte). La forma j'sù 'àtà col suffisso atono 11 futuro la redenzione divina, se è veramente ti­
io 7 (in,ro 44) js ' (J.F. Sawyer) (111,1044) iq8

morato di Dio (CD 20,20), cerca rifugio nel no­ mósia* (BH K). La distinzione tra hósid* l e «por­
me di Dio (C D 20,34) e tiene sempre d’ occhio la tare aiuto (a una persona in difficoltà)» e hissìl
propria salvezza (iQ H fr. 26,5). Per quanto ri­ «salvare, cioè allontanare (una persona dalle diffi­
guarda l’era escatologica futura gli esseni presen­ coltà)» (v. sopra, i.2.c) fu sentita dai traduttori
tano una serie di descrizioni particolareggiate dei L X X se usarono puofjiai ‘salvare’ (W. Bauer,
(cfr. H.W. Kuhn, Enderwartung und gegenwàr- Wórterbuch, 1958, 1462) 7 volte per hósid* e 84
tiges Heily StU N T 4 ,19 6 6 ,17 6 ss.) nelle quali, tut­ volte per hissìl (cfr. G L N T xi 1003 ss. dove però
tavia, il termine js* non ha alcun ruolo primario. da questo dato statistico vengono tratte conclu­
Se si cerca nel rotolo di iQIsa* una lezione che sioni diverse).
si stacchi in maniera significativa da quella del 2. Nel N .T. greco i termini ebraici sono alla ba­
T.M. presentandone una diversa interpretazione, se della spiegazione del nome «Gesù» in Mt. 1,2 1
per quel che riguarda la radice js* saltano agli oc­ (cfr. Le. 2,30) e del prestito óxravvà in Mt. 21,9;
chi solo 2 attestazioni. In Is. 26,18 iQIsa* legge Me. 1 1 ,1 0 ;/o. 12 ,13 (cfr. Ps. ii8 ,2 5 ;v . sotto, iv.4).
wsw*tk invece di jsw*t (cfr. E.J. Kutscher, The «Nel resto della tradizione sinottica fondamenta­
Language and Linguistic Background o f thè Isai­ le £hÓ£<i> e CTajTrjpia hanno assai poca importanza»
ah Scroti [iQ Isa a], STD J vi, 1974, 559), rendendo (G L N T xm 515), mentre ricorrono frequente­
così Dio soggetto anche della j esu*a che, secondo mente nel linguaggio escatologico di Paolo tanto
il T.M., gli uomini cercarono (invano) di portare nei riferimenti all’A.T. (ad es. 2 Cor. 6,2 [cfr. Is.
essi stessi alla terra. Questa lettura si inquadra 49,8]; v. anche i passi dell’A.T. che Paolo cita nei
perfettamente nella programmatica svalutazione discorsi del libro degli Atti: Ps. 107,19 s. in Act.
totale dell’uomo, tipica dell’antropologia essenica 13,26; Is. 49,6 in Act. 13,47 e Ps- ^7>3 in Act. 28,
di Qumran. 28) quanto nel suo greco, dove in diversi passi
In Is. 51,5 iQ Isa1 legge, contro l’intera tradi­ moTTjpia viene contrapposta alla morte (ad es. 1
zione testuale, invece di jdsd' jis*i uzerò*aj il suf­ Cor. 5,5; 2 Cor. 7,10; Phil. 1,28; 1 Thess. 5,8 ss.; 2
fisso di 2a sing. w z rw 'w (Kutscher 561). Ma in tal Thess. 2,10) o viene usata, altrove, come sinoni­
modo jèsa* in quanto funzione di Dio (T.M.) di­ mo dell’espressione sinottica «raggiungere il re­
venta un’ipostasi di questa funzione divina per­ gno di Dio» (cfr. spec. Rom. 13 ,11).
sonalizzata e viene quindi, al contempo, interpre­ 3 .1 Targum aramaici rendono normalmente
tata messianicamente (Foerster, G L N T xm 580 questi termini con p 'r a q , pariq, purqdn ecc., che
n. 59 [Bertram]), giacché qui si parla del «suo (= vanno distinti parimenti da sezib ‘salvare’ come
del salvatore) forte braccio». hósid* è distinto da hissìl (cfr. 1 Sam. 4,3.8; 2 Reg.
Le attestazioni del Rotolo del Tempio (59,8.11. 19 ,11.34 ; v. sotto, ìv.i.a). La loro influenza sul­
18; 66,8) riflettono chiaramente l’uso linguistico l’ebraico si può notare dall’aramaismo pdraq ‘sal­
delPA.T. (cfr. Deut. 28,29; Iud- 2>i8 Ex. 22,15 vare’ in Ps. 7,3; 136,24; Lam. 5,8 (BD B 830; Kraus
s.; Deut. 22,28). 19 1; Sawyer, Semantics 100. 109).
(H.-J. Fabry)
4. La Vg. usa di regola servare, salvus, salus, sal­
iii.i.I L X X traducono i termini di radice js* vator, salvare ecc., ma talvolta anche defendere (Ex.
quasi costantemente con aa)TT)pta, ckoty)- 2,17), adiuvare (Deut. 28,31), liberare (Deut. 22,27;
piov, aomrjp, à votatolo, Siaaió^ù) (cfr. Ecclus 51,1). 28,29; Prov. 20,22), magnalia Dei (Ex. 14,13), pro-
tector salvationum (Ps. 28,8) e simili. Nella patristi­
ctcotyjp non è la traduzione esatta di mósia*, che
ca il nome «Gesù» viene tradotto salvator, ad es.
viene reso sia con acó^tov (ad es. / Sam. 11,3 ; Is. Christus lesus, id est Cbristus Salvator... salvare et
4 3,11), acoTTQpt'a (ad es.2 Sam. 13,5; Is. 47,15), àva- salvator non fuerunt haec Latina, antequam veniret
crcpCoj (Zach. 8,7) sia anche con ctojtyjp (ad es. Iud. Salvator (Aug., Serm. 299,6). L ’uso particolarmente
3,9.15; Nehem. 9,27); è usato comunque anche per produttivo di queste parole indicanti «redenzione,
rendere jèsa* (12 volte) e j esu*à (4 volte) (G L N T sicurezza, protezione, salute» ecc. nel latino cristia­
xin 459 ss.). D ’altra parte i L X X presentano an­ no —coscientemente derivato dall’ebraico biblico - è
che 3or)#£aj, Potj^Óc» 0OT)$eia (10 volte), puo(j.ai (7 un’ulteriore illustrazione del ricco valore soteriolo-
volte) e diversi altri termini, inclusi é^aipco (Is. 49, gico di hósid*, j'sù 'à ecc. (per contro ‘dzar viene re­
so con adiuvare ecc. e hissìl con liberare) come della
n ) e à(xuvw (Is. 59,16). In 2 Sam. 22,42 la scelta
differenza tra «portare aiuto, protezione, salute a
di Potj&x; nei L X X è probabilmente stata influ­ una persona» (hósid* le, salvare) e «proteggere da un
enzata dalla somiglianza tra le parole «gridare pericolo» (hissil, liberare)» (cfr. A. Ernout e A. Meil-
chiedendo aiuto» e «aiuto» in greco e in ebraico: let, Dictionnaire étymologique de la langue latine,
PoTjO'OVTai xai oùx ecmv fiorfiòc,, j esawwe *u w e’èn Paris 1932, 851).
1 0 9 (111 , 1045 ) js ' (J.F. Sawyer) (111,1046) n o

IV. 1. Per quanto riguarda lo stile narrativo dei (2 Chron. 32,22). Negli altri passi Dio è il sogget­
libri storici, tra i quali si possono anche includere to implicito, giacché è lui che manda i mòsì'im
le 8 attestazioni nelle sezioni in prosa del Penta­ «liberatori» (Iud. 2,16.18; 3,9.15; 13,5; r Sam. 9,
teuco (Ex. 2,17; 14,13.30; Num. 10,9; Deut. 20,4; 16; 2 Reg. 13,5; Nehem. 9,27; cfr. anche Abd. 21)
22,27; *8,29,31), è possibile notare due tipi di e aiuta Sansone (Iud. 15,18) e la Siria, «per mano
uso: uno legato alla storia della salvezza, nel qua­ di Naaman» (2 Reg. 5,1), a ottenere la vittoria. I
le i termini sono riferiti ad atti che descrivono giudici minori Shamgar (Iud. 3,31) c Tola (Iud.
l’intervento divino nella storia d’Israele (65 vol­ 10,1) rientrano nella stessa categoria, sebbene non
te), e uno più propriamente profano, nel quale si parli esplicitamente dell’intervento divino.
l’uomo è il soggetto e il contesto è giuridico o Y) La maggior parte di questi esempi si trova
politico (23 volte). nel commento dell’opera storiografica deuterono­
a.a) Il locus classicus dell’uso «storico-salvifi­ mistica relativamente ad avvenimenti della storia
co» è Ex. 14, dove la straordinaria vittoria d’Israe­ di Israele. Queste spiegazioni si incontrano nel­
le sugli Egiziani al Mar Rosso viene detta j esù'at la «cornice deuteronomistica» (W. Beyerlin, Fs.
jhw h (v. 13; cfr. 15,2): wajjósa jhw h hajjóm ha- Weiser, 1963, 1-29) oppure nei discorsi di perso­
h ù ’ 'et-jisrd'èl mijjad misrdjim «in quel giorno naggi particolari, come angeli (Iud. 13,5) o profe­
Jhwh salvò Israele dagli Egiziani» (v. 30). Il sog­ ti (1 Sam. 9,16), che - come ulteriore sussidio alla
getto è il Dio d’ Israele, un fatto che viene sotto­ spiegazione del narratore - vengono introdotti
lineato in tutto il capitolo, per es. dicendo: «Dio nella narrazione (H.W. Wolff, Das Kerygma des
combatterà per voi, ma voi resterete tranquilli» deuteronomistischen Geschichtswerks: ZAW 73
(v. 14; cfr. w . 18.25.27.31). La successione degli [1961] 17 1-18 6 [= ThB 22, *1973, 308-324]; W.
eventi è altrettanto tipica: Israele grida chiedendo Brueggemann, The Kerygma o f thè Deutero-
aiuto quando si vede incalzato dalle truppe del nomistic Historian: Int 1 1 [1968] 387-402). Ci so­
faraone che s’avvicinano (w . 10-12), poi viene no discorsi nell’opera storica deuteronomistica in
ammonito a stare saldo e a guardare l’aiuto del cui l’uso di hósia' illumina il contrasto tra la po­
Signore (v. 13), il quale viene in soccorso sotto tenza di Jhwh e il fascino ingannevole degli dei
forma dell’ «angelo di Dio», cioè della «colonna stranieri o della potenza umana: così, ad es., nelle
di nuvole» che protegge il popolo dagli Egiziani parole di scherno rivolte dal Signore al popolo in
all’inseguimento (w . 19 s.), della «colonna di fuo­ Iud. 10,14: hemmd jósi'u làkem «che vi salvino
co e di nuvole» (v. 24) e con il comportamento loro (= gli dei stranieri)!» e nell’orgogliosa prete­
innaturale del Mar Rosso (w . 21-29). bósid' non sa di Israele in Iud. 7,2: jà d i hósì'à li «la mia ma­
è impiegato per denotare l’esodo (Ex. 3,7-10; 6,6­ no mi ha salvato»; cfr. la confessione di fede lo '
8) - che consiste nella fuga dTsraele dalla sua op­ b ehereb ubahdnit j ehósia' jh w h (v. sopra, n .i.b):
pressione - bensì per la venuta dell’aiuto divino «per salvare, Jhwh non ha bisogno né di spada né
per gli Israeliti, ovunque si trovino (si veda sopra, di lancia» (/ Sam. 17,47). La fiducia degli anziani
i.2.a). d’Israele (in 1 Sam. 4) nella potenza dell’arca del
Lo stile di questa pericope presenta infine chia­ patto è chiaramente espressa con l’uso di hósia'
re indicazioni che l’evento descritto ha un signifi­ (v. 3), in contrasto con il termine scarsamente
cato particolare per la storia d ’Israele: esso avvie­ teologico hissil usato nel medesimo contesto dai
ne hajjóm hahu' «in quel giorno» (v. 20); Israe­ Filistei atterriti (v. 8; cfr. 2 Reg. 19 più sotto). In
le «vide il grande atto (’et-hajjàd hagg'dóla) che due casi interessanti in cui usa hósia' l’autore sot­
Jhwh aveva compiuto sugli Egiziani» (v. 31); infi­ tintende che il popolo dia all’opera di un uomo
ne esso portò a glorificare Jhwh (vv. 17 s.) e fece una credibilità maggiore del dovuto. Nel primo,
sì che il popolo si impegnasse ad avere fiducia «in Gedeone respinge la proposta del popolo di inco­
Jhwh e nel suo servo Mosè» (v. 31). ronarlo re perché (usando le parole del popolo)
p) Questo tipico uso «storico-salvifico» di hó- «ci hai salvato» (hósa'tdnu) dai Madianiti (Iud.
sta'yj'su 'à ecc. si può trovare anche nel contesto 8,22 s.). Il secondo caso è un’opera di fiorita reto­
dei successi militari di Gedeone (Iud. 6,37; 7,7; rica escogitata per salvare la vita di Gionata: «Do­
cfr. W. Beyerlin, V T 13 [1963] 1-25), di Samuele vrà morire Gionata che ha ottenuto questa fulgi­
(1 Sam. 7,8), Saul e Gionata (/ Sam. 1 1 ,1 3 ; T4 >2 3- da vittoria ('as'à hajesù'à haggedóla hazzó’t)?» (/
39), David (/ Sam. 19,5; 2 Sam. 3,18; 8,6.14); dei Sam. 14,45). L ’uso di j esu‘a in questo passo al po­
guerrieri scelti di David (2 Sam. 23,10 .12; cfr. / sto del più prosaico tesu'à (cfr. 1 Sam. 1 1 ,1 3 ; 19,
Chron. 11,14 ), di Joas (2 Reg. 1 3,17), Geroboamo yy2 Sam. 23,10, u ; 2 Reg. 5,1 ecc.; Driver 118 ) po­
(2 Reg. 14,27), Josafat (2 Chron. 20,17), Ezechia trebbe essere un segno dato dall’autore per sugge­
I l i (111,1047) js ' (J.F. Sawyer) (111,1048) 112

rire che il popolo, prendendo le difese di Giona- 1 1 (héniàh); 1 Sam. 24,16; 2 Sam. 18 ,19 .31 (sàfat).
ta, paragoni le sue eccezionali gesta eroiche a un sóf'tim «giudici» e mosi'im sono parzialmente
atto dell’intervento divino (cfr. Ex. 14,1352 Chron. sinonimi in taluni contesti: ad es. in lud. 2,16.18
20,17). La stessa vittoria viene fatta risalire al v. accanto a 3,9.15 (cfr. M. Weinfcld, Deuteronomy
23 e al v. 39 (nelle parole di Saul) a Dio. and thè Deuteronomic School, Oxford 1972, 120
Il peculiare significato soteriologico di questi n. 1; Z. Weismann, Charismatic Leadership and
termini risalta con altrettanta chiarezza in una se­ thè Era o f thè Judges [in ebr. + riassunto in ingle­
rie di dialoghi, dove la capacità di Dio di «salva­ se]: Tarbiz 45 [1975 s.] 1-14). Il verbo sàfat può
re» viene inizialmente messa in dubbio ma poi mostrare un colorito soteriologico (ad es. in lud.
dimostrata in maniera drammaticamente efficace: 3,9 s.; / Sam. 8,20; cfr. G .F. Moore, Judges, IC C
ad es. bammà 'òsia' *et-jisrà'èl «come posso sal­ 1895, 7 1. 88). hòsia' è di gran lunga più frequente
vare Israele?» (lud. 6,14 s.36 s.; cfr. Ex. 14 ,13; 1 in queste frasi e può essere considerato il termine
Sam. 10,27; 2 Chron. 20,17). Le confessioni di fe­ soteriologico deuteronomistico per antonomasia.
de deuteronomistiche generiche a proposito della b) Nelle restanti 23 ricorrenze il soggetto di
potenza salvifica di Dio, nelle quali dominano hó- hòsìa' è un uomo e non Dio, ma il contesto è in
sìa\ t'sù'à ecc., possono essere seguite dall’esor­ ogni caso giuridico o politico e si può supporre
tazione dei sacerdoti alle truppe d’Israele alla vi­ che questi soggetti agiscano quali rappresentanti
gilia di una battaglia (Deut. 20,4; cfr. Num. 10, di Dio, alla stregua dei mosi'im nel libro dei G iu­
19), attraverso i libri storici (ad es. / Sam. 10.19; dici, i quali portano la giustizia di Dio in situa­
14,6.39; 17,4 7 ;2 Chron. 20,9) via via fino al Roto­ zioni di ingiustizia (cfr. sopra, i.i.b ; cfr. Boecker
lo della Guerra di Qumran (iQ M 10,4 s. [si rife­ 61-66; Seeligmann 274 ss.; T H A T 1 786).
risce a Deut. 20,41.7 s. [si riferisce a Num. 10,9]; a) Il termine mòsid‘ viene usato nella legge deu-
ii,2 s. [si riferisce a 1 Sam. 17,45]). totale bò­ teronomica contro lo stupro (Deut. 22,25-29), do­
ria' e t'sù'à (raramente j'sù 'à : v. sopra, ii.i.c) so­ ve è probabilmente il termine tecnico per indicare
no usati nell’opera storiografica deuteronomisti­ la protezione giuridica che una fanciulla fidanza­
ca 37 volte nel senso specifico dell’intervento di­ ta può aspettarsi dalla società. In questi casi la di­
vino a favore di Israele. A queste vanno aggiunti stinzione tra un adulterio e uno stupro dipende
8 passi in Cronache e Neemia (tutti dipendenti dalla questione se le grida di aiuto della ragazza
dalla tradizione deuteronomistica) e 3 passi nel possono essere udite dalla gente o meno: la ra­
Deuteronomio stesso. Questi contrasti si manife­ gazza viene ritenuta innocente se la violenza è av­
stano anche nella presenza relativamente rara dei venuta in campagna, fuori della portata dell’udito
due stretti sinonimi: 'àzar ‘soccorrere’ si trova della famiglia e degli amici (cfr. G. von Rad,
solo 1 volta in tal senso, nell’etimologia popolare A T D 8, 31978, 102 s.; Sawyer, V T 25 [1965] 478
«Eben ha-Ezer» (1 Sam. 7,12), e hissil, che si tro­ s.). La scelta di hòsià‘ in Ex. 2,17 - caso unico nel
va 46 volte nell’ opera storiografica deuteronomi­ Pentateuco escluso il Deuteronomio (prescinden­
stica, è usato in questo senso solo 14 volte. Esso do da passi soteriologici che sono trattati più so­
viene riferito alla liberazione da stranieri (Ios. 9, pra) - per indicare la salvezza delle sette figlie di
26) o da fiere (1 Sam. 17,35), oppure messo in boc­ Ietro a opera di Mosè, che le toglie dalla situazio­
ca a stranieri, Filistei (1 Sam. 4,8) e Assiri (2 Reg. ne difficile in cui si erano venute a trovare, è pro­
18,29-35; 9,10-13). Come in / Sam. 4 (v. sopra), babilmente dovuta a quest’uso giuridico. Con
l’autore contrappone l’uso assiro di hissil - in ri­ ogni probabilità il termine non è usato dai Ma­
ferimento alle scarse possibilità di salvezza di G e­ dianiti, che nel loro resoconto dell’episodio (v.
rusalemme (2 Reg. 19 ,11) - alla preghiera di Eze­ 19) ricorrono al più generico hissil (cfr. sopra,
chia hósi'ènù n à’ «salvaci dunque!» (v. 19) e alla IV. 1.a). L ’espressione w e’èn mòsid‘ «e non c’è chi
risposta di Dio (riferita dal profeta Isaia): «Difen­ aiuti» compare due volte nel Deuteronomio in un
derò e salverò (hòsia') questa città» (v. 34). I due contesto dove l’accento cade sull’impotenza degli
termini affini all’uso deuteronomistico di hòsia' Israeliti, vessati dai nemici che s’ impadroniscono
sono hénidh ‘dare riposo a qualcuno’ e sàfat ‘giu­ delle loro donne, dei beni e delle case (Deut. z8,
dicare’ . Tutte e tre le espressioni implicano l’idea 29-31); una situazione che non è molto dissimile
di recare soccorso a qualcuno in una data situa­ da quella della fanciulla violentata presa in consi­
zione, una non meglio precisata «salvezza», pa­ derazione nel codice legale.
ce e giustizia. In alcuni contesti i suddetti termi­ (3) La posizione della vedova in 2 Sam. 14 è ana­
ni possono essere seguiti dalla preposizione min- loga: implora il re di aiutarla contro i suoi nemici
‘da’: cfr. Deut. 12,10; 25,19; Ios. 23,1; 2 Sam. 7,1. usando «l’usuale formula legale» (cfr. J.A . Mont-
i i 3 (in »I 0 4 9 ) js ' (J.F. Sawyer) (111,1050) 114

gomery - H.S. Gehmann, Kings, IC C 19 51, 385; Israele e Iabesh-Galaad (1 Sam. 11,3.9) e tra D a­
Boecker 61 ss.) hósia' hammelek. È sintomatico vid e Keila (/ Sam. 23,2.5).
che la situazione sia fittizia e la donna di Teqoa, La campagna militare da condursi in collabo­
agendo secondo gli ordini di Joab, debba usare i razione col fratello progettata da Joab contro le
modi di dire convenzionali per risultare convin­ forze unite di Ammon e della Siria (2 Sam. 10 ,11
cente. La stessa formula compare in un contesto ss.; cfr. 1 Chron. 19,12 s.) può costituire un ulte­
simile in 2 Reg. 6,26 s. In entrambi i casi si pre­ riore esempio con il quale va confrontato l’uso
suppone che il re sia il mósià' ufficiale, chiamato sorprendente di hósia‘ nel patto siro-ammonita
da Dio come i giudici (v. sopra, i.i.b), e che una cui si riferisce la fine del medesimo capitolo (2
donna indifesa abbia il diritto di «esigere» (sà'aq, Sam. 10,19; cfr- 1 Chron. 19,19). Nel primo caso
cfr. Deut. 22,27; 3>9«I 5i 10*12; 12,2 ecc.) da ìl piano riesce con l’aiuto di Dio (2 Sam. 10 ,12 s.),
lui protezione legale o aiuto. Può darsi che essa, mentre nel secondo la paura dei Siri porta alla
facendo così, si rivolgesse indirettamente a Dio, il rottura della loro alleanza con Ammon. Infine si
vero soggetto di hósia‘ (v. sopra, iv.i.a). In Ios. trova un ultimo esempio dell’uso di hósia' nel lin­
22,22 hósia' è usato nel senso della difesa di una guaggio diplomatico-politico in 2 Reg. 16,7; qui è
giusta causa. I Rubeniti e gli altri, accusati di in­ sicuramente sottinteso dall’autore il non gradi­
fedeltà (w . 16-20), iniziano la loro difesa chia­ mento del soggetto umano, vale a dire dell’Assi-
mando Dio a testimone; poi continuano dicendo: ria (cfr. Hos. 14,4), nella quale l’empio Acaz ha ri­
«Se siamo colpevoli, non difenderci» ('al tósi'énu: posto la sua fiducia. Il testo descrive Acaz in mo­
2® pers. sing., riferita forse a Fineas, il capo della do tale da dare l’impressione che egli si fosse ri­
missione. Altri correggono con la 3a pers. sing., volto a Tiglat-pileser come a un dio, dicendo che
riferendola a Dio: cfr. L X X , S, Vg., BH S; cfr. M. per rafforzare tale sciagurata alleanza «egli (= il
Noth, H A T 1/7, 3i9 7 i, 130). Un altro esempio di re di Giuda) prese l’argento e l’oro che si trovava
quest’uso è dato da hósia' unito con rìh ‘lottare’ nel tempio e li mandò in dono al re di Assiria» (v.
(Iud. 6,31), per indicare la difesa nei confronti di 8; cfr. w . 10-18).
Joas che spinge i suoi seguaci ad abbandonare 8) L ’ultima locuzione con un soggetto umano
Ba‘ al: «Volete difendere la sua causa (tósi'un)?». e riferentesi all’ «esercizio della giustizia» è hósia'
La questione è se la comunità si assuma la respon­ jà d i li. Il locus classicus relativo è 1 Sam. 25,23-35,
sabilità legale per B a‘al, il cui altare è stato abbat­ dove la questione è se David sia disposto ad ac­
tuto (Moore 195). cettare l’offerta di risarcimento di Abigail o se in­
y) Un terzo tipo di protezione legale per la qua­ vece voglia «prendere la legge nelle proprie ma­
le viene usato il termine hósia' riguarda l’impe­ ni» (w . 25.33; la stessa espressione è probabil­
gno ad aiutare un alleato ufficializzato in forma mente usata, in origine, anche al v. 3 1: cfr. L X X ,
di contratto. Qualunque sia stato il contesto ori­ B H K 3, Driver 202) punendo con la spada il di lei
ginario del patto tra Giosuè e i Gabaoniti (cfr. marito, Nabal. L ’uso del termine jà d ‘mano’ non
Noth 53-59; J.M . Grintz, JA O S 86 [1966] 1 1 3 ­ implica in questa frase soltanto l’uso della forza
126), secondo l’opinione del redattore deutero- (Driver 201 s.), bensì anche che il soggetto com­
nomistico (Ios. io ,i; cfr. 9,15) l’accordo fornisce pie un’azione che spetterebbe piuttosto a qualcun
lo sfondo per l’attacco degli Amorrei contro i G a­ altro. Questo è il significato del vanto di Israele
baoniti e la richiesta di aiuto inviata da costoro a in Iud. 7,2 (v. sopra) e del sarcasmo di Jhw h in lo b
Giosuè, nella quale compare il termine hósia': 40,14 (cfr. Prov. 20,22: W. McKane, Proverbs,
«Affrettati a venire a proteggerci (hósi'à lànu) e London 1970, 548).
ad aiutarci (‘àzar)» (Ios. 10,6). Quando il re di G e­ Nei testi di Qumran l’espressione «farsi giusti­
rusalemme rivolge una simile richiesta all’alleato zia di propria mano» viene usata per denotare il
amorreo il nostro termine non viene usato (v. 4). reato consistente nell’obbligare qualcuno a fare
È anche degno di nota che alla pressante richiesta un giuramento, per quanto solo i giudici possano
dei Gabaoniti risponda Dio e non Giosuè (v. 8), e farlo legalmente (CD 9,9 s.; cfr. Rabin, Zadokite
che il soccorso invocalo avvenga sotto forma di Documenti, Oxford 21958, 45 s.). La frase com­
spettacolari dimostrazioni dell’intervento divino pare anche in iQ S 6,27 a proposito della ribellio­
(w . 10-14). Esattamente la medesima situazione ne (P. Wernberg-M0ller, Manual o f Discipline,
si trova dietro all’uso di hósia' in discussioni in Leiden 19 5 7 ,112 ).
cui si mettono a confronto l’intervento divino e 2.a) In Proverbi il verbo hósià' compare 2 vol­
l’ insufficienza umana, come avviene nella disputa te e la forma prosaica del sost. tesù'à 3 volte. La
tra Iefte c gli uomini di Efraim (Iud. 12,2.3), tra tesù'à ‘salvezza’ (meglio di ‘vittoria’: McKane
i i 5 (iii, io jo ) js * (J.F. Sawyer) (111,1051) 116

429) viene da Jhwh, non dai cavalli da guerra nella società prima della sua umiliazione, in parti­
(Prov. 2 1,31), e quindi in una situazione di ingiu­ colare a come partecipasse con successo all’am­
stizia non è necessario «prendere il diritto nelle ministrazione della giustizia alla porta della città
proprie mani» (McKanc 548): «Aspettate Jhwh, (cfr. Iob 29,7-25), e in 13 ,16 spera di avere suc­
egli vi soccorrerà (hósid*)\» (Prov. 20,22; cfr. 1 cesso presentando il suo caso a Dio. Quest’ulti­
Sam. 25,23 ecc., v. sopra; B. Gemser, H A T 1/16, mo uso in Giobbe è palesemente forense: più pre­
T937, 63): la «salvezza» è il premio riservato al­ cisamente si tratta di una variante della locuzione
l’onestà (Prov. 28,18), la fede in Jhwh presuppo­ hósid* jà d i li «prendere il diritto nelle proprie ma­
ne questa protezione divina per l'innocente (Me ni», «farsi giustizia da solo» (v. sopra, iv.i.b . 5 ),
Kane 622), protezione che si ottiene più con il sag­ applicata ironicamente al presuntuoso tentativo
gio consiglio che con la forza fisica (Prov. 11,14 ; di Giobbe di assumere, nel corso del dialogo, il
24,5 s.). Se il proverbio appena ricordato, citato ruolo che è riservato a Dio. Ciò suggerisce che en­
due volte nel libro dei Proverbi (una volta come trambi i suddetti usi di j's ù 'd siano oculatamente
proverbio in senso stretto e un’altra con una for­ usati dall’autore per sottolineare la piena dipen­
mulazione più articolata, come motivazione al­ denza di Giobbe da Dio (cfr. G. von Rad, Weis-
l’interno del complesso di istruzioni di Prov. 22, heit in Israel, 1970, 289 s.).
17-24,22), provenisse dal vocabolario della sa­ 3.a) Nella letteratura profetica il soggetto pro­
pienza antica (McKane 429. 397 s.), si avrebbe al­ fondo di hósid* è sempre Dio, oppure lo sono i
lora un raro esempio nell'A.T. dell’uso neutro di mósVim ‘salvatori’ che stanno sotto la sua regale
tesu'à nel senso di una sicurezza che può essere autorità (Is. 19,20; Abd. 21), a differenza di hissìl
raggiunta dall’uomo con le sue sole forze. La pre­ che nel Deuteroisaia ha Dio per soggetto solo
senza di t's u à in un siffatto contesto potrebbe al­ una volta, mentre 5 volte è usato senza soggetto
lora segnalare l’avvenuto inizio di quel processo (Bonnard 536). N on esistono eccezioni al riguar­
che McKane definisce (17-2 1) una «reinterpreta­ do: lo confermano tutti i passi in cui si ribadisce
zione jahvistica di una più antica sapienza empi­ che nessun altro dio (Is. 45,20; Ier. 11,12 ) , nessun
rica, profana». idolo (Is. 46,7; Ier. 2,27.28), nessun astrologo (Is.
Il termine non appartiene al vocabolario della 47,13), nessun re (Hos. 13,10) né alcuna altra po­
sapienza antica (McKane 17), è relativamente ra­ tenza divina o umana è in grado di salvare (hó-
ro nei Proverbi e in Giobbe (v. sotto) e la sua man­ sìd*: Is. 26,18; Hos. 14,4). Si evita il termine hósid*
canza in altre massime con la medesima tematica quando si tratta di isoli (Is. 44,17; Sawyer, Se­
nella sapienza antica è vistosa: ad es. Prov. 16,32; mantics 71. 81). Al di fuori di Dio non c’è alcun
21,22 (McKane 551); Eccl. 7,19; 10,14-16. In ogni altro mósia* (Is. 4 3 ,11; 45,21; Hos. 13,4; H.W.
caso le attestazioni presenti nella letteratura sa­ Wolff, B K xiv/i, *1965, 293). La medesima esclu­
pienziale e nel resto dell’A.T. confermano a stra­ sività viene espressa ripetutamente con il costrut­
grande maggioranza che hósìa\ tesu*d ecc. sono to Jh w h mósVèk «Jhwh, il tuo salvatore» (Is. 49,
in primo luogo termini teologici. 26; 60,16 [il suffisso fem. sing. si riferisce a G eru­
b) La forma più poetica jèsa* (v. sopra, n .i.c) salemme]; cfr. 43,3; 45,15; Ier. 14,8), con la for­
viene usata in Giobbe per indicare l’aiuto di cui mulazione genitivale ’élóhè jis*i (Is. 17,10 ; Mich.
hanno bisogno, ora che sono soli e abbandonati, 7,7; cfr. T H A T 1 788) o yèl j esu*dti «Dio della mia
l’orfana portata in giudizio (Iob 5,4) e colui che salvezza» (Is. 12,2) e con la domanda «perché sei
ha subito un lutto: w eqòderìm sagebu jèsa* «e gli come un forte guerriero che non può aiutare (hó­
afflitti saranno protetti in sicurezza» (Iob 5,11). sid*)}» (ler. 14,9; cfr. Is. 59,1).
In entrambi i casi il soggetto sottinteso è Dio, che b) In alcuni passi la situazione nella quale Dio
nega aiuto allo stolto e alla sua famiglia (vv. 2-7) interviene (hósid*) o per la quale viene invocata la
ma solleva gli indifesi sopra le loro preoccupazio­ sua j esu*a (più raramente tes u d o jèsa*) viene spe­
ni (v. n ). Dio aiuta (hósid*) i deboli (26,2; cfr. 5, cificata: un’invasione assira (Is. 37,20; cfr. 2 Reg.
15 leggendo [con Ewald] mohòrdb «bisognoso» 19,19.34), l’oppressione egiziana (Is. 19,20), la mi­
o méharbdm jdtóm «l’orfano dalle loro spade» naccia babilonese del 597 a.C. (Is. 4 2 ,11; Soph.
[Budde]; S.R. Driver - G .B. G ray j o b , IC C , 1921, 3,17), l’esilio (Ier. 30,10 s.; 31,7; 46,27; Zach. 8,7;
ri 32) e gli umili (Iob 22,9; cfr. 5,11). In due casi 10,6), il peccato (Is. 64,4), impurità rituale (Ezech.
j esu*d, l’altra forma nominale usata prevalente­ 36,29; 37,23) e la malattia (Ier. 8,20 s.; 17,14). An­
mente in poesia, si riferisce alla vittoria in un di­ che qui bósìa* significa portare qualcosa a una
battito: in Iob 30,15, guardando al passato, G iob­ persona in una situazione di difficoltà più che li­
be pensa alla posizione prestigiosa che occupava berarla, toglierla da essa. Tale redenzione tocche­
117(111,1052) js * (J.F. Sawyer) (111,1053)

rà a Sion (Is. 6 2 ,11; cfr. 56,1) e giungerà come una probabilmente una variante poetica della formula
luce fino agli estremi confini della terra (Is. 49,6; giuridica hòsià‘ jà d i li ‘farsi giustizia da soli, con
cfr. 62,1). Dio la dà a Sion (Is. 46,13; cfr. 26,1) e le proprie mani’ (v. sopra, rv.i.b. 5), particolar­
ne rivestirà una persona (Is. 61,10). La j's ù 'à è po­ mente in considerazione del fatto che in entrambi
sta come cinta di mura e terrapieni attorno a una i casi Dio viene rappresentato con l’antropomor­
città assediata (Is. 26,1; cfr. 60,18) ed è come ac­ fismo tipico del Deuteroisaia: dapprima si esami­
qua per l’assetato (Is. 12,2). na la causa per vedere se qualcuno interviene, poi
Solo in 7 casi (su 66) il verbo è seguito dalla «egli prende il diritto nelle proprie mani» (cfr. an­
prep. min- ‘da': 2 di questi (Ezech. 36,29; 37,23) che Is. 50,2; 59,1). Così Dio viene presentato più
riguardano una purificazione dalFimpurità ritua­ nelle vesti del guerriero che in quelle di giudice,
le; hósia‘+ min diventa un’espressione pregnante un guerriero armato allegoricamente (Wester­
che include l’aspersione con acqua (v. 25) e sot­ mann 279) di s'dàqà, j's ù 'à , nàqàm, qin'à (Is.
tintende più il dono di «un nuovo cuore e di un 59,17; cfr. 42,13; 63,1-6; Ier. 14,9). Negli oracoli
nuovo spirito» (v. 26; G .A . Cooke, Ezekiel, IC C , di salvezza (Westermann 13 -15 ) l’argomentazio­
1936, 392) che un qualunque tipo di liberazione. ne poggia sulla giustizia di Dio e anche sulla sua
Un testo riguarda la salvezza da un nemico (Is. fedeltà e sul suo amore. Così egli intende tener
37,20 = 2 Reg. 19,19; v. sopra, iv.i.a). In 4 esempi fede all’obbligo, cui è tenuto per legge, di prov­
si narra il ritorno dall’esilio (Is. 30,7.10; 46,27; vedere alla protezione del popolo cui è legato dal
Zach. 8,7), un’espressione che in tale contesto può patto (Is. 4 1,14 ; 44,6; 49,7 -» g'I, Bonnard 1 13 s.)
avere più una valenza escatologica che un signifi­ oppure pagare il prezzo della sua pace (Is. 43,3
cato letterale (F. Horst, H A T 1/14, 31964, 2 4 1­ s.). Israele è il suo popolo ed egli è il suo mosià‘
243; T H A T 1 787). Da questo punto di vista la di­ (Is. 63,8), legato a esso da un giuramento (Is. 45,
stinzione tra hòsia ‘ e hissil è formulata in maniera 22 s.), da un patto eterno (Is. 61,8-10), dal pro­
visibile in Is. 1 5,20 s.: «Poiché io sono con te per prio costante amore (Is. 63,7) o dalla propria fe­
aiutarti (hòsià') e per liberarti (hissil)... io ti libe­ deltà (Is. 33,6; cfr. Zach. 8,7 s.). La diffusione del­
rerò dalla (hissil min-) mano degli empi e affran­ la radice js ' nel Deuteroisaia dipende sicuramente
cherò (pàdà min-) dal pugno del violento» (v. da questo aspetto della concezione che il profeta
sopra, i.2.c). hòsià' non appartiene al vocabolario ha della natura di Dio.
consueto della riunione degli esuli o dei popoli A) j's ù 'à (2 volte t'sù'à: Is. 45,17; 46,13) può
(cfr. Is. 43,5-7; 49,22-26; 56,6-8; 60,8 s.; 66,18­ riferirsi non soltanto a un singolo evento visibile
21). L ’ inno (Is. 52,7-10) descrive l’istante dell’an­ (ad es. Is. 52,10; cfr. Ex. 14 ,13.31), a un ben preci­
nuncio dell’intervento divino (j'sù 'à 2 volte), ma so luogo (ad es. Sion: Is. 46,13; cfr. 26,1), a un
evita la descrizione del ritorno in patria (C. We- giorno (Is. 49,8), bensì anche a una situazione du­
stermann, A T D 1 9 ,31966, 251 s.). ratura (Is. 45,17; 51,6.8; cfr. 45,22; 60,18), a un
c) Il connubio di hòsià', j's ù 'à ecc. con il lin­ fatto o a una circostanza universale (Is. 49,6; cfr.
guaggio del tribunale e con l’ idea dell’assistenza 62,1). Nella lode della regalità di Dio che viene
giuridica è rilevante. I nostri termini appaiono celebrata nel culto, quando si giunge all’annuncio
prevalentemente in due delle «requisitorie» del dell’intervento di Dio (j's ù 'à , Is. 52,7-10) l’ac­
Deuteroisaia (Is. 43,8-15; 45,20-25; Westermann cento viene posto sull’aspetto perfetto e definiti­
98-103. 14 1-14 3 ), dove sono uniti a higgid ‘espor­ vo di tale atto. Lo stesso avviene in Ier. 31,7, do­
re la causa di qualcuno’ (Is. 4 3 ,11 s.; 45,21 s.). E s­ ve la lezione originaria dovrebbe essere: «Annun­
si sono comunemente associati anche a rib ‘ impu­ ciate, celebrate e dite: il Signore ha soccorso il
gnare la causa di qualcuno’ (Is. 49,25 s.; cfr. Ind. proprio popolo (hòsià' jhw h ’et-'ammò)» (W. R u­
6,31 [v. sopra, iv.i.b.p]), e inoltre con sòfet ‘giu­ dolph, H A T 1 / 1 2 ,3196 8 ,19 4 s.; BHS).
dice’ (Is. 33,22; cfr. Ezech. 34,2) e mispàt ‘giudi­ hòsià', j's ù 'à ecc. vengono usati, come s'dàqà,
zio’ (Is. 33,6; 51,6; 5 9 ,11; Ier. 23,6; 33,16; Abac. nelle descrizioni dell’intervento divino «(in) quel
1,2). Per il particolare rapporto tra j's ù 'à e s'da- giorno», un’espressione che in molti passi ha un
qà nel Deuteroisaia, v. sotto, hòsià* viene collega­ significato escatologico (ad es. Is. 12,2.3; 1 9>I9 5->
to in diverse maniere soprattutto con la procedu­ 25,9; 26,1; O. Kaiser, A T D 17, *1978, 134 s.; A T D
ra di amministrazione della giustizia: salvezza (-> 1 8 , 2i 976, 80. 163. 165; Zach. 9,16; 12,7 s.; Licht
g ’I [gà*at\: Is. 49,26; 60,16; 63,5.8.9), redenzione 897; G L N T x i i i 478 ss.; T H A T 1 788 s.; Y . H off-
(-> pdh [pàdà]: Is. 43,3), rivalsa (g'mùl, -> gml: Is. mann, ZAW 93 [1981] 37-50). L ’invito rivolto nel
35,4; cfr. 59,16-18) e possesso legittimo (Abd. Deuteroisaia a tutti gli uomini perché partecipino
21). La frase wattòsa‘ lo ’ z 'rò 'ò (Is. 59,16; 63,5) è della redenzione divina (Is. 45,22 ss.) è l’anticipa­
1 1 9 (111 , 1054 ) js ' (J.F. Sawyer) (111,1055) 120

zione di una concezione cristiana fondamentale f) L ’uso soteriologico di sedeq e sedàqd nel
(ad es. Rom. 14 ,11; Phil. 2,10; Westermann 143). Deuteroisaia (N .H . Snaith, Distinctive Ideas o f
Geremia sottolinea la dimensione permanente, thè O .T., London 1957, 87-93; T H A T I 788) ren­
pacifica della redenzione mediata da un germo­ de, in tale contesto, tanto questi termini quanto
glio di David (Ier. 23,6; 33,16). Qui il verbo pas­ j esù'à, jésa' e tesu'd veri e propri sinonimi (G.
sivo nòia viene collegato con giustizia, pace e si­ von Rad, T h A T 1 1 , 51968, 372 s.; Eichrodt, ThA T
curezza (ad es. Ier. 46,27). 11 246 s.; C .R . North, The Second Isaiah, Oxford
e) Tra hósia', j csu'a ecc. e termini indicanti fe­ 1964, 208 s.), ad es. «la mia giustizia (sidqàti) è
deltà, fiducia e gioia esiste uno stretto legame (cfr. per sempre e la mia redenzione (j esu'dti) per tut­
T H A T 1 788). Il locus classicus nella letteratura te le generazioni» (Is. 51,8; cfr. 45,8; 46,13; 51,6).
profetica dell’A.T. (cfr. sotto iv.4.b) è Is. 30,15, Tale uso, che può essere seguito a ritroso fino
l’unica attestazione della radice j s ' nelle profezie alle formulazioni degli inni più antichi (G. von
di Isaia dell’v u i secolo (Bonnard 535): «Con la Rad; cfr. Iud. 5 ,11; Deut. 33,21; Ps. 103,6), è un
conversione e il riposo sarete salvati (tiwwdsé- esempio dell’applicazione della terminologia fo­
'un), la vostra forza starà nella calma e nella fidu­ rense al rapporto di protezione che lega Dio e il
cia» (cfr. Is. 12,2; 25,9; 33,2; 51,5; 59 ,11; Mich. suo popolo (v. sopra, i.2.d). Molto di ciò che è
7,7; Ahac. 3,18). Nella professione di fede hejhw h stato scritto sulla sedàqà può quindi essere riferi­
'élóhènu tesù'at jisrd'él «nel Signore nostro Dio è to alla j esu'a; ad es. «Questa giustizia può essere
la salvezza d’Israele» (Ier. 3,23; cfr. Ps. 3,3) la co­ presentata come base per la remissione di pecca­
struzione con la prep. b e ‘in’ invece della consue­ ti» (Eichrodt 11 247). Si può spiegare al meglio la
ta l e ‘per, a’ (ad es. Ps. 3,9; Ion. 2,10), oppure min differenza tra questi due termini strettamente
‘ da’ (ad es. Ps. 37,39; Prov. 29,26), va spiegata col affini osservando che nelle espressioni al normale
riferimento a queste o ad altre espressioni deno­ uso profano di sedeq, saddiq con soggetto umano
tanti fiducia, ricerca di asilo, gioia, consiglio, or­ si contrappone l’uso esclusivamente teologico di
goglio, giuramento e simili che di regola sono tut­ j esù'd, al quale manca un esplicito sfondo foren­
te costruite con b c: cfr. lihjót b'jh w h mibtahekd se. Nella locuzione 'él-saddiq umósid' (Is. 45,21)
«che la tua fiducia sia in Dio» (Prov. 22,19); cfr- il primo epiteto sottolinea l’attendibilità e fedeltà
Ps. 1 1 , 1 (hdsa)\ Iud. 1,1 (sd’al)-, Is. 4 1,16 (gii)-, 2 del Dio giusto che resta fedele alla propria parola
Sam. 19,8 (nisba'). In tale ottica il b'jh w h in Ier. e alle proprie promesse; il secondo epiteto aggiun­
3,23, che viene contrapposto a lasseqer ‘illusione’, ge la dimensione del suo intervento attivo, unico,
designa tanto la fonte della redenzione (solita­ vittorioso nella storia del suo popolo, ma ciascun
mente espressa con l e o min-) quanto anche l’og­ termine ha in se un elemento del significato del­
getto della speranza e della fiducia (come in più l’altro (Westermann 142; Bonnard 178).
di 80 altri passi; Sawyer, Semantics 66 s.). Is. 45, Zach. 9,9 proclama l’arrivo del regale liberato­
24 s. contiene un parallelo interessante: nell’affer­ re di Sion (cfr. Is. 52,7-10; 6 2 ,11) descrivendolo
mazione «solo in Jhwh sono giustizia (seddqót) e come saddiq w 'n ósd', una singolare coordinazio­
forza», b ejhw h vuole significare la fonte di «giu­ ne che richiama fortemente l’espressione saddiq
stizia, redenzione» (Westermann 143) e anche i umósid' (L X X , S, Tg., Vg. non fanno distinzione
motivi dell’orgoglio d’Israele (cfr. v. 25). tra le due frasi: i L X X hanno ató^cov per il primo,
In tali espressioni è pensabile che be abbia va­ cxanr,p per l’ultimo) di Is. 6 2 ,11, ma con la grande
lore locativo (cfr. Ios. 22,25.27) o di bet essentiae differenza che in Zach. 9 entrambi i termini han­
(cfr. Ex. 6,3; G K a § 119Ì). Ma il ricco sfondo, no un significato passivo. Così il re messianico è
specialmente dal punto di vista teologico, di tesù- preso sotto la protezione (saddiq) divina e viene -
'd e l’associazione sempre ricorrente di hósia' con come David (2 Sam. 8,6.14) “ reso vincitore da
verbi esprimenti fiducia, allegria ecc. rendono più D io (nósd'; cfr. Deut. 33,29), il quale è l’unica
probabile che in Ier. 3,23 (come in Ps. 3,3; v. so­ fonte di sedeq e j esu'a (Snaith 88; H .G . Mitchell,
pra, ii.i.c) le due idee, distinte ma correlate, di re­ Zechariah, IC C , 19 12, 273; diversamente I.L. See-
denzione e fiducia si sovrappongano nell’espres­ ligmann, V T 14 [1964] 77).
sione b cjhw h 'élóhènu t'su'àt jisrd’él. Cfr. la co­ 4. In quasi la metà dei Salmi js ' compare una
struzione passiva noia' b ejhw h «salvato dal Si­ volta o anche più frequentemente. Si possono ag­
gnore» (Is. 45,17; Deut. 33,29) accanto a Is. 30,15; giungere i 13 passi dello stesso genere in altri libri
Ps. 33,16 ecc. In maniera simile può essere spiega­ dell’A.T. nei quali ricorre js ': Gen. 49,2-27; Deut.
to il «goffo» w ehósa'tim b ejhw h in Hos. 1,7 (cfr. 32,1-43; 33,2-29; / Sam. 2 ,1-10 ; 2 Sam. 22,2-51
W olff 22 s.). (cfr. Ps. 18); 23,2-7;Is. 38,10-20;Ion. 2,3-10; Abac.
121 (111,1056) js* (J.F. Sawyer) (111,1057) 122

3,2-19; Lam. 3; 4; 1 Chron. 16,8-36 (cfr. Ps. 105, un’espressione di trionfo (Kraus 984). La transi­
1- 15 ; 9 6 ,1-13; 106,1.47 s.); 2 Chron. 6,41 s. (cfr. zione da grido di aiuto diretto a qualcuno che si è
Ps. 132,8-10). In confronto al resto delPA.T. i so­ certi risponderà a espressione di fiducia e di rin­
stantivi jèsa‘ (27 su 35 attestazioni), j esu*à (53 su graziamento perché il grido ha ricevuto una ri­
78); pi. j's u 'ó t (10 su 12), tesu*d (15 su 33) e mó- sposta è forse così ricostruibile (cfr. J.J. Petu-
sd*ót (solo Ps. 68,21) nei Salmi sono proporzio­ chowski, Hoshi*ah na’ in Psalm 118 ,2 j . A Prayer
nalmente più frequenti del verbo (70 su 105). fo r Rain: V T 5 [1955] 266-271) (cfr. sopra, iv.3.f).
Nei Salmi le forme verbali più usate sono gli Nel caso della rara forma j esu*dta in Ps. 3,3 po­
imperativi, di solito con il suffisso di i a pers., ma trebbe trattarsi di un ulteriore esempio della co­
parimenti con il suffisso modale -a (hósVà), una incidenza tra un ordine e un’espressione di fede
forma che è presente soltanto in questo libro (Ps. (v. sopra, ii.i.c).
12,2; 20,10; 28,9; 60,7; 86,16; 108,7; 118,25) e ne‘ c) Il nesso con l’ambito giuridico di questi ter­
tre contesti forensi trattati in precedenza (v. so­ mini, che forse può essere considerato il motivo
pra, iv.i.b). La forma postbiblica hósa'na («osan­ della loro frequenza nel linguaggio religioso (v.
na») è derivata da Ps. 118,25 e ha probabilmente sopra, i.i.b), diventa evidente in molti salmi: i
influenzato Ier. 3 1,7 T.M. (Rudolph 179). nostri termini vengono associati a -» g ’I, gà*al (Ps.
a) Il soggetto è sempre Dio, tranne che nei casi 106,10), -> spt, sdfat (Ps. 7,1 r s.; 72,4; 76,10), din
in cui si abbia una contrapposizione tra Dio e la (Ps. 54,3) e s eddqd(Ps. 24,5; 25,5; 37,39; 4 0 ,11; 51,
vanità dclPaiuto umano (Ps. 60,13; 108,13; c^r* 16; 65,6; 118 ,15 ; 132,9.16). L ’ idea della giusta re­
146,3; Lam. 4,17) o l’insufficienza della potenza tribuzione (ad es. Ps. 50,23) trova espressione nel­
militare (Ps. 33,16 s.; 44,4-6). L ’unicità della po­ la locuzione hòsi'd j eminekà «amministrare giu­
tenza salvifica di Dio è espressa in diversi passi (/ stizia» (v. sopra, iv.i.b.S), ad es. Ps. 44,4; 60,7; 98,
Sam. 2,1 s.; cfr. Deut. 33,29) e la stessa esclusività 1; 108,7; 1 38,7; cfr. 20,7b). Molto significativo è
è implicita nelle espressioni 'èlóhé jis*i «Dio della lo stretto rapporto tra js ‘ e hsd, hesed ‘lealtà’,
mia salvezza» (Ps. 18,47; 2 5>5J 2 7»95 c^r- 88,2) e in che presenta l’ intervento divino in favore del pro­
metafore del tipo sur j esù‘dti «roccia della mia prio popolo in termini di una promessa giuridica­
salvezza» (Deut. 32,15; Ps. 89,27; cfr. 95,1; 31,3; mente vincolante (cfr. Kraus 434), che proprio
62,3), mdgén jis*ekd «lo scudo della tua salvezza» per tale ragione non può essere elusa da un Dio
(Ps. 18,36; cfr. v. 3; 47,10) e qeren jis 'i «corno giusto: «La tua bontà (hesed) arriva fino al cielo...
della mia salvezza» (Ps. 18,3; cfr. 1 Sam. 2,10; Ps. la tua giustizia (scdàqd) è pari ai monti di Dio...
132 ,17; Le. 1,69; il corno simboleggia la forza di Tu salvi (hósid‘) uomini e animali» (Ps. 36,6 s.; cfr.
Dio, in origine forse in confronto con un grande 6,5; T3>6; !7>7; 3 M 7 J 57»45 ^9,t6; 85,8; 98,3; 109,
toro: cfr. C .A .-E . G. Briggs, Psalms, IC C , 19 0 7,1 26; iQ H 10,23; i 9>i 8). Si trova anche una note­
14 1; A. Weiser, A T D 1 4 - 1 5 ,81973, 127- 540). vole correlazione tra lo stato di povertà e impo­
b) Particolarmente degno di nota è il frequente tenza del bisognoso e la sicurezza che Dio ascol­
uso di hósid*, j esù*d ecc. nei Salmi nell’ambito di terà la sua richiesta di aiuto (hósid*), ad es.: «Di­
espressioni relative alla fiducia e alla fede (cfr. so­ fenda egli la causa (sdfat) della povera gente e dia
pra, iv.3.f), ad es. w ejósi*ém ki-hdsù-bó «egli li salvezza (hósid*) al bisognoso» (Ps. 72,4; cfr. 34,7;
salva perché cercano rifugio presso di lui» (Ps. 37, 69,30; 76,10; 86,2; 109,31; 116,6; 149,4). La situa­
40; cfr. 13,6; 17,7; 20,7; 25,5; 27,1; 4 0 ,11; 42,6; 43, zione della vedova indifesa (v. sopra, ìv.i.b.p) è
5; 62,2 s.; 65,6; 78,22; 86,2; Lam. 3,26). Alcune di chiaramente un altro esempio (in prosa) del me­
queste composizioni terminano con brevi confes­ desimo caso. Infine js* s’incontra in scene di am­
sioni di fede del tipo b'jh w h hajjesù*d (Ps. 3,9; bientazione giudiziaria (Ps. 17,7; 76,10; 109,31; R.
cfr. 18,51; 38,23; Gen. 49,16-18; Is. 38,20; Ion. 2, de Vaux, Ancient Israel, London 19 6 1, 155-157).
10). La gioia di colui che sa che la sua preghiera Vanno viste in correlazione con una siffatta situa­
verrà esaudita si trova in diversi contesti, ad es. zione le due espressioni w e'èn mósia* (Ps. 18,42;
‘dlas lihbi b'jhwh... k i sdmahti bisu*dtekd «il mio cfr. 2 Sam. 22,42) e «nella loro distretta essi im­
cuore giubila nel Signore... poiché io mi rallegro plorarono (z d 'a q) il Signore ed egli li salvò (hó­
per la tua salvezza» (/ Sam. 2,1; cfr. Ps. 13,6; 35,9; sid*) dalle loro angosce» (Ps. 107,13.19 ), la cui ori­
40,17; Abac. 3,18). Qui va probabilmente indivi­ gine è nella tradizione deuteronomistica (v. so­
duata la spiegazione per il cambiamento di signi­ pra, iv. 1.a). L ’autore di Ps. 119 sembra partico­
ficato della parola hósa'nd «osanna», che in origi­ larmente consapevole dei nessi giuridici dei ter­
ne era un grido di aiuto (Ps. 118,25) ma g’à ai tem­ mini del gruppo js* che usa frequentemente. Il sal­
pi del N .T. (Me. 11,9 s.; Mt. 21,9) era divenuta mista sottolinea di aver tenuto fede alla sua parte
123 (111,1058) js ' (J.F. Sawyer) (111,1058) 124

dell’accordo (vv. 94.166), diversamente da quan­ Abac. 3,8 (cfr. vv. 13.18 ) significa evidentemente
to hanno fatto gli empi (v. 155), e aspetta con fi­ «i tuoi carri sono salvezza» (il T.M . è influenzato
ducia che Dio mantenga la sua parola (v. 4 1; cfr. probabilmente da sviluppi mistici più tardi: Ezech.
Briggs 11 4 17 s.; Weiser 509 s.). 1; 1 Chron. 28,18; Ecclus 49,8; G. Scholcm, Die
La benedizione di Dan in Gen. 49,16-18 fu pro­ jiidische Mystik in ihren Hauptstròmungen, 1957,
babilmente ampliata con la breve confessione li- 47 ss.). Si dovrebbe forse emendare il testo in mar-
su'at'kà qiw w iti jh w h , che tra l’altro venne forse kabtekd j's ù 'à «la tua cavalcata porta alla vitto­
inserita perché adatta a un contesto legale (Saw­ ria» (L.H . Brockington, H ebrew T e x to f thè O .T.,
yer, Semantics 95). Si tratta dell’unico esempio di Oxford-Cambridge 1973, 261; cfr. BHS). Il lin­
js" nella Genesi e il suo legame con questa tribù guaggio militare figurato si trova anche in altri
che venne definita, con etimologia popolare, quel­ salmi: «Egli gli risponderà dal cielo santo con po­
la che «giudica il proprio popolo», dàn jàdin 'ani­ tenti vittorie (big'bùròt jésa') dovute alla sua ma­
mò (Gen. 49,16), probabilmente non è del tutto no destra» (Ps. 20,7 s.; cfr. 18,4.35 s-> 3 5>3» 4,4-8;
casuale. Skinner (Genesis, IC C , 21930, 527) e G. 106,6-12; 140,8; 144,10). In alcuni passi di questo
von Rad (ATD 2-4, ‘''1972, 350 s.) non spiegano genere (ad es. Ps. 20,7-9) c tuttavia sottinteso che
in maniera soddisfacente tale inserimento nella la vittoria di Dio non viene conseguita con la for­
benedizione di Giacobbe (J.A. Emerton, Fs. D.W. za delle armi, giacché questa è inefficace rispetto
Thomas, Cambridge 1968, 88-91 rimuove questo all’intervento divino (Ps. 20,7 s.; cfr. Hos. 1,7; lud.
termine giuridico facendo riferimento all’accadi- 7,2 ecc.; cfr. sopra, iv.i.a).
co danànu ‘essere forte’ e ignora l’aggiunta tar­ I termini ricorrono anche in contesti che parla­
da). «Il calice della salvezza» (kòs j'sù 'ò t, Ps. 116 , no di riedificazione (Ps. 69,36), delle vittorie del
13) potrebbe derivare, in ultima analisi, dall’anti­ re (Ps. 21,62; 28,8; 33,16; 144,10; cfr. lud. 2,16.18;
ca procedura giuridica dell’ordalia con la quale si 2 Sam. 8,6.14) e del perdono dei peccati (Ps. 51,
stabiliva se l’accusato fosse colpevole o innocente 14.16). Nella maggior parte dei casi la salvezza
in base agli effetti di una bevanda (cfr. Num. 5,26 implica che il soccorso in una situazione di peri­
ss.). In questa prassi quel calice diventava per il colo o di difficoltà verrà portato al popolo là do­
colpevole «calice dell’ira» (Is. 51,17.22; Ier. 25,15; ve si trova e quando serve, senza che esso venga
Lam. 4,21; Abac. 2,15 s.) o «calice delle vertigini» tuttavia tolto da quella situazione (v. sopra, i.2.c).
(Is. 51,17), mentre all’innocente - come in Ps. 116 3. La difficoltà di individuare la situazione che
- veniva porto (v. 13) come «calice della salvez­ si nasconde dietro i passi dei Salmi è particolar­
za» (Weiser 496; Kraus 972). In questo tipo di mente grande quando si tratta di rispondere alla
procedimento giudiziario la giustizia dipende dal­ questione dell’uso escatologico di j's ù 'à e degli al­
la forma dell’intervento divino, indipendentemen­ tri termini del gruppo in questo libro (cfr. T H A T
te da argomentazioni, prove o testimonianze uma­ 1 790). In epoca neotestamentaria il termine j's ù ­
ne, c ciò potrebbe spiegare la scelta dei termini, 'à venne talora interpretato escatologicamente, ad
giacché tanto «ira» quanto «salvezza» (j'sù'òt) es. Ps. 67,3 in Act. 28,28; Ps. 107,19 s. in Act. 13,
hanno un chiaro tono teologico. Altri studiosi so­ 26. Identificando l’ «Unto del Signore» con il C ri­
stengono che l’origine di quest’espressione vada sto, e probabilmente anche stabilendo un rappor­
cercata nella cerimonia del rendimento di grazie to tra j's ù 'à ‘redenzione’ e jèsùd‘ ‘Gesù’ (v. so­
(cfr. Ps. 116 ,17 ; H. Ringgren, SE À 1952, 19 ss.; pra, in .2), molti salmi entrarono nella predicazio­
Briggs 11 400; Kraus 972). ne escatologica del primo cristianesimo (cfr. G.
d) Il tradizionale linguaggio figurato e metafo­ von Rad, T hA T n, 51968, 343 s.; T H A T 1 790).
rico usato nei salmi per descrivere le circostanze Significato simile ha l’uso escatologico nei testi di
critiche rende generalmente difficile stabilire con Qumran, ad es. iQ H 1 3 ,1 1 s.; 19,23 s.; 20,3; 7,16;
esattezza ogni situazione (G. von Rad, T h A T 1, iQ H fr. 18,5; iQ S 1 1 , 1 1 (S. Holm-Nielsen, H o-
S969, 4 11 s.; Weiser, A T D 14 -15, *1973, 45 s.), dajot, Aarhus i960, 296 s. n. 4 1; G L N T x i i i 491
ma i termini del gruppo js ' hanno una parte im­ ss.; T H A T 1 790). Sembra tuttavia probabile che
portante in molte di queste descrizioni. Alcuni in­ tale sviluppo sia iniziato molto tempo prima, cau­
ni in cui ricorre js ' celebrano Jhwh dopo che è sato almeno in parte dall’influenza di antichi for­
intervenuto come un forte guerriero: «Chi è pari mulari liturgici (cfr. J. Begrich, Studien zu Deu-
a te, un popolo vittorioso (nòsà '), Jhwh è lo scu­ terojesaja: ThB 20 [1963] 14 ss.; ZAW 52 [1934]
do che ti soccorre ('ezrekà)}» (Deut. 33,29; cfr. 81 ss.), e che pertanto in alcuni contesti j's ù 'à pos­
Ex. 15,2; Ps. 33,16 s.; 95,1; 96,2; 98,1-3). sa indicare un evento escatologico o una situazio­
La difficile espressione m ark'bòtèkd j's ù 'à in ne affine (v. sopra, iv.3.e).
i 2 j (m ,io59) jàsar (W. Mayer) (in, 1060) 126

Il significato di questo termine si presta in ogni 1. L ’ebr. jsr corrisponde etimologicamente al-
caso molto bene a un simile uso escatologico: uni­ l’ug. jsr (v. sotto), al fen. e aram. jsr ‘essere dirit­
ca fonte di redenzione è Dio; il gruppo delle tipi­ to, giusto’ (DISO 112 ), all’acc. esèru (v. sotto) e
che locuzioni allo st. cs. che vengono in modo na­ probabilmente anche all’ar. jasira ‘essere leggero’;
turale unite con sàlóm, m 'nùhà, betah ecc., costi­ il sudarab. w tr (K B L 2) invece darebbe in aramai-
tuisce un modello base comune con un determina­ co jtr ed è quindi dubbio; per contro è giusto jsr
to valore semantico (v. sopra, i.2.b) e corrisponde (Conti Rossini 163) e il caus. hjsr ‘ mandare’ (ZAW
all’ampio ventaglio di idee e immagini legate al­ 75>3 IO>-
l’attesa escatologica; è un termine che esprime il
drammatico mutamento nello status quo che solo i l i . * In accadico per la radice jsr, rappresenta­

Dio è in grado di compiere (v. sopra, l.2.a); il suo ta soprattutto dal verbo esèru ‘csscre/andarc a po­
sfondo giuridico coincide molto bene con il con­ sto, avvicinarsi a’ (AH w 254 ss.; C A D 4,352-363),
cetto del giorno del giudizio, che era probabil­ dall’agg. isaru ‘normale, a posto, giusto’ (A H w
mente un elemento centrale dell’escatologia giu­ 392; C A D 7,224 ss.) e dal sost. misaru ‘giustizia’
daica (cfr. Dan. 12 ,1-3 ; L c• I 9 >44 ! *QS 4>T8 s.; M. (A H w 659 s.) si possono distinguere diversi cam­
Black, The Scrolls and Christian Origins [Studies pi semantici:
in thè Jew ish Background o f thè N.T.], London A. In senso locale: a) oltre al raro ‘(essere/ren­
1961, 135 s.); infine hósia' esprime l’idea di por­ dere) diritto, eretto’ (esèru G , S; isaru e musàru
tare in una situazione umana qualcosa che non vi ‘pene’) si trova molto spesso il significato ‘andare
è ancora, più che di «salvare qualcuno, cioè libe­ o far andare diritto o direttamente (cioè senza de­
rarlo da una determinata situazione» (v. sopra, 1.2. viazioni od ostacoli)’ (esèru G., $, §t, N ; isaru) con
c). In questo senso il termine denota la potenza frequente riferimento a un percorso (strada, cor­
salvifica di Dio che porta al nostro mondo una so d’acqua), un uso nel quale resta aperta la tran­
sorta di «liberazione» (che include pace, sicurez­ sizione al «cammino» (di una persona) = condot­
za, salute, perdono, gioia, vita e vittoria) ma che ta, vita. Si hanno accentuazioni particolari in ‘ par­
appartiene propriamente alla sfera divina. torire facilmente (= senza complicazioni)’ (esèru
St) e (riferito all’intestino) ‘svuotarsi, andare di
J.F . Sawyer
corpo’ (esèru G, §; isaru).
b) Con riferimento a un terreno o a un pavi­
mento *jsr significa ‘piano, perfettamente spazza­
to’ (esèru § ‘spazzare, scopare’; musèsertu ‘ramaz­
jasar za di foglie di palma’; sùsurtu ‘spazzatura’); con
riferimento all’acqua di un fiume, ‘scorrere liscia,
calma (senza turbolenze)’ (cfr. W. Lambert, JN E S
jó ser, r n t f' jisrà , m isór,
33 [1:974] 2&7~322; 1 58-60 con commento).
• T ••
m èsarim B. In senso traslato: ‘a posto, giusto’, a) ‘Essere/
andare e mettere/tenere a posto, in regola’ (esèru
i. Etimologia. - il. Il Vicino Oriente antico. - 1. L’ac- G , §, §t; mustèsertu, più o meno ‘manutenzione,
cadico. - 2. L’ugaritico e altri dialetti semitici occ. - III. riparazione’); con riferimento ad attrezzi, merci
L’A.T. —1 .1 testi. - 2. Senso proprio: dritto, piano. - 3. ecc.: ‘preparare, approntare, lavorare’ (esèru §, St);
Senso traslato: rettitudine, successo; ambiguità. - 4. Di­ con riferimento a oggetti mentali ‘chiarire (ciò che
stinzioni. - a) In base alle azioni. - b) Enunciati circa è oscuro)’ (esèru §t). ‘In regola’ può anche signi­
l’uomo. - 5. a) L ’espressione jsr be'énè. - b) Casi parti­
ficare ‘normale’ nel senso di ‘ineccepibile’ o ‘usua­
colari. - iv. Qumran.
le’ (isarui, esèru G ecc.). Quando forme di */’ìr so­
Bibl.: Y. Avishur, Word Pairs Common to Phoenician no unite con espressioni del tipo ‘camminare,
and Biblical Hebrew, Nr. 28 sdq/ysr: UF 7 (1975) 28 s. cammino’ in senso traslato (= «comportarsi, vive­
- H. Cazelles, De l ’idéologie royale (Fs. Gaster: JANES re») spesso è il contesto che permette di decidere
5 [I973] 59-73)* ~ G. Liedke, jsr, gerade, recht sein se con *jsr si vuole intendere ‘ normale’, ‘efficace’
(THAT 1, 1971, 790-794). - F. Nòtscher, Gotteswege o ‘retto, giusto’ oppure persino ‘giustificato in tri­
und Menschenwege in der Bibel und in Qumran (BBB
bunale’ (isaris aldku, (m)isarùtu alàku: «via» + isa­
15, 195S, spec. j 1 s. 83 s.). - H. Prcisker, òp'Só:; (GLNT
vili 1259-1266). - R. Richards, What is Right?: The ru, esèru §).
Bible Translator 27 (1976) 220-224. “ R- von Ungern- b) ‘Essere favorevole’ (detto di un momento, di
Sternberg, Redeweisen der Bibel: BSt 54 (1968) spec. un segno, di un vento); ‘avere, far avere successo’
62-82. (detto di persone e di attività); ‘crescere’ (detto di
127 (m ,io6i) jdsar (L. Alonso Schòkcl) (111,1062) 128

piante, animali, persone): esèru G , S, St, N ; isaru; in . 1. N ell’A .T. (Siracide incluso) si trovano il
isartu ‘crescita’. verbo jsr, l’agg. jàsàr, i sost. jòser, jisrà, misòr e
c) In senso etico generale: ‘(essere) retto, (esse­ mèsàrim e i nomi propri j esurùn, ’àhisar (e forse
re) giusto’ (isaru; esèru G); ‘(eseguire, trattare) in sàrón). I significati che esporremo sono rappre­
maniera giusta, appropriata, debita’ (avverbio isa- sentati in tutte queste forme, sia pure con alterna
ris, esèru §t). distribuzione.
d) In senso politico forense: sutésuru (§t) può Il verbo è presente 14 volte al qal, quasi sem­
denotare l’attività del giudice: ‘aiutare a far valere pre insieme con b e‘èné («essere giusto agli occhi
i propri diritti’ (lett. «ristabilire la condizione di qualcuno»); le eccezioni sono 1 Sam. 6,12;
‘normale’ turbata dall’altrui sopruso»; cfr. F.R. Ahac. 2,4; Ecclus 39,24. Si hanno 9 esempi di pi.,
Kraus, Vom mesopotamischen Menschen, Amster- per lo più nel significato di ‘spianare’ (il significa­
dam-London 1973, 143); ma nella maggior parte to specifico di ‘ritenere giusto’ ricorre in Ps. 119 ,
dei casi ha il significato più generico di ‘guidare/ 128); si ha inoltre 1 volta il pu. e 2 volte il hif.
governare bene, con giustizia’ (sottinteso i sotto­ L ’aggettivo è frequente (120 volte). Viene usa­
posti, particolarmente quelli giuridicamente de­ to come predicato o come attributo, spesso insie­
boli); perciò lo scettro (jpattu) del re è detto ‘giu­ me con derek o un suo sinonimo; come agg. so­
sto’ (isaru). La ‘rettitudine’ dei potenti (terreni e stantivato compare spesso al pi., come oggetto di
celesti) nell’amministrazione della giustizia e nel solito nell’espressione 'àsà hajjàsàr b e<ènè «fare
governo si dice misaru; il termine sta spesso in­ ciò che è giusto agli occhi di qualcuno». Il sost.
sieme con kittu: ‘ciò che ha stabilità: verità e di­ jòser ricorre 17 volte; viene usato anche con b e-
ritto’ e viene spesso personificata al pari di que­ in funzione aggettivale e avverbiale. Il sost. jisrà
st’ultimo concetto (H. Ringgren, Word and Wis- compare solo 1 volta, mentre 24 sono le attesta­
dom, Lund 1947, 53 ss.). zioni di misòr, spesso nell’accezione geografica di
È difficile decidere se effettivamente i termini ‘pianura’; mèsàrim s’incontra 19 volte e viene usa­
ebr. mèsàrim e misòr risalgano all’acc. misarum to come astratto con funzione avverbiale, più vol­
come sostiene Lemche, JN E S 38 (1979) n n. 2 e te insieme con din o spt.
22 (in alto). In parallelismo si hanno tuttavia se­ 2. Il significato proprio di jsr si trova nella sfe­
deq e mèsàrim/mìsór (Ps. 9,9; 58,2; 98,9; Is. [33, ra fisica e si riferisce alla forma di un oggetto o di
15]; 45,19; 11,4 ) come in acc. ricorrono kittum e un movimento in rapporto con un modello geo­
misarum. Attestazioni per l’accadico: C A D K metrico: jsr denota ciò che è diritto, piano o piat­
kittu A i.b) 2’ e 4’; C A D M misaru A 2.b) 1 ’ e d). to. Quando si tratta del senso lineare, l’oggetto è
Cfr. M. Liverani, EuSux e Miacóp in Studi E. Vol­ ‘diritto’, in orizzontale o verticale; quando è una
terra vi (Milano 1971) 55-74 (in fenicio auSóx e superficie, questa è ‘piatta’ o ‘ piana’. ‘Diritto’ o
[uatóp, più anticamente sdq e jsrUkittu e misaru). ‘giusto’ è il contrario di ‘curvo’, ‘falso’; ‘piano’ si­
-» sdq. gnifica ‘non ondulato’, ‘ non accidentato, disu­
W. M ayer guale’. Quando il riferimento è a un movimento
prevale l’aspetto lineare.
* 2. In ugaritico la radice jsr è attestata con si­ a) Mancando nell’A.T. l’astrazione geometrica,
curezza solo una volta (WXJS n. 1252), precisa­ la dirittura viene giudicata secondo la coinciden­
mente in K T U 1.14 , 1 13, dove si legge mtrht jsrh za con il suo concreto termine di paragone: l’og­
«la sua legittima consorte», in parallelo sinonimi­ getto è ‘giusto’ nel suo rapporto con quest’ulti­
co con 'tt sdqh. mo. Così le zampe di un animale sono ‘dritte’,
N ell’ iscrizione fenicia di Iehimilk (K A I 4,6 s.) ‘giuste’, non curve in rapporto alla perpendicola­
si ha l’espressione mlk jsr «re probo»; in iscrizio­ re (Ezech. 1,7); le ali sono stese orizzontalmente
ni puniche s’incontra il verbo in espressioni del (Ezech. 1,23). Il caso più chiaro riguarda il movi­
tipo mjsr (ptc. D) ’rst «guida (cioè principe) dei mento: «Le vacche procedettero diritto..., senza
paesi» (K A I 161,2) e p 'k m ‘srt (= mjsr) «un’azio­ piegare né a destra né a sinistra» (/ Sam. 6,12), il
ne giusta» (K A I 123,5). che non significa che la strada fosse perfettamen­
In aramaico, nella forma causativa il verbo si­ te dritta; analogamente uno va dritto per la sua
gnifica ‘raddrizzare, spedire/inviare direttamente’ strada (Prov. 9,15). L ’acqua scorre senza piegare
(K A I 233,6.14; anche in aramaico egiziano D ISO attraverso la galleria di Ezechia (2 Chron. 32,30),
112 ); il testo di K A I 214,33 (iscrizione di Pana- il vino scorre «direttamente» giù per la gola (Prov.
muwa), 't p ' jsrh, è incerto.
2), 3 1 )- . . . . . .
(H. Ringgren) b) Il piano si riferisce a un territorio geografi­
129 O11»10^) jasar (L. Alonso Schòkel) (111,1064) I 3 °

co: sdrón, misór sono nomi di pianure. Il termine darkó. Se si considera che i predicati precedono i
viene riferito di frequente a strade, con chiaro ri­ soggetti in base allo schema predicato-soggetto =
ferimento al movimento umano: sono le strade predicato-soggetto, intendendo j esdrim come ag­
sulle quali è agevole camminare senza inciampare gettivo è possibile stabilire i seguenti rapporti: ‘de­
(-» ksl) o cadere (-» npl)\ è l’opposto del cammino viare dal male’ = ‘seguire la propria strada’ - ‘stra­
accidentato o scabroso ('aqób, rekdsim, Is. 40,4). da piana’ = ‘serbare la propria vita’ . Si arriva così
La via piana viene preparata allontanando gli osta­ alla seguente traduzione: «Evitare il male è una
coli, e ne risulta così una strada spianata (m esilld, strada in piano, chi segue la propria strada serba
Is. 40,3; cfr. anche Is. 26,7 col verbo pls). In casi la vita». L ’aspetto etico viene espresso nei sogget­
estremi l’ostacolo che sbarra la via è un monte o ti, il risultato nei predicati, ma il termine j esàrim
una collina (Zach. 4,7; cfr. Is. 45,2 leggendo hard- sembra aver assunto valore etico.
rim invece di hàdùrim). jsr viene usato anche per N el suo discorso di addio Samuele dice di vo­
la lamina d’oro che si stende col martello per ri­ ler guidare i connazionali b* derek hattòbà w cba-
coprire figure in rilievo (/ Reg. 6,35). j esdrà (1 Sam. 12,23). Si tratta forse di un’endiadi.
3. Mediante il ben noto simbolismo della via e Entrambi gli aggettivi denotano soltanto la giu­
del camminare, e forse anche mediante il simboli­ stezza del comportamento o indicano la corret­
smo delle semplici forme geometriche, jsr passa tezza e il risultato? L ’incertezza si dilegua al v.
facilmente a significati traslati relativi alla sfera 25, che stabilisce i seguenti rapporti: tòbà-ra' : j e-
dei valori umani, etici e religiosi. Questi possono sàrà-tissdfù, cioè la via buona porta al successo, la
essere classificati in due gruppi, partendo dai con­ condotta cattiva porta alla rovina. Ciò non toglie
cetti di diritto e di piano. che alla fine del v. 23 il senso rimanga indetermi­
a) jsr può essere riferito al comportamento (= nato e ambiguo.
la «via») dell’ uomo denotando, in questo caso, il jdsdr ricorre anche nell’ambito semantico reli­
comportamento retto, giusto, onesto, non furbo gioso: l’uomo afferma che Dio è jdsdr (Deut. 32,
né sbagliato né errante: è questo il significato mo­ 4; Ps. 92,16), vale a dire che Dio dà all’uomo nor­
rale frequente, anzi dominante nell’A.T. Qui ap­ me «diritte», giuste, e concede che le sue imprese
pare l’aspetto dinamico del movimento che l’uo­ abbiano successo.
mo compie, anche se si può parlare di una linea Ma questa semplice constatazione va ulterior­
di condotta: «La via del disonesto è contorta, ma mente elaborata. I significati traslati influenzano
il puro, la sua azione è ‘ retta’» (Prov. 21,8). le diverse attualizzazioni del lessema jsr. Il signi­
b) In quanto chiara conseguenza del compor­ ficato traslato segue le normali leggi della lessica-
tamento, ma senza farvi espresso riferimento, jsr lizzazione e dell’attualizzazione; ha effetto attua­
può denotare la pienezza, l’uniformità che espri­ lizzante l’uso di derek e suoi sinonimi, o di altri
mono in senso figurato un aspetto che nella vita elementi del contesto, ad es. il verbo 'dwà ‘ trasfor­
umana rappresenta un valore, la chiarezza, la faci­ mare’ (lob 33,27).
lità o il pieno successo di un’impresa o di un’azio­ 4. L ’ordinamento morale e religioso può speci­
ne: quando, davanti alla comunità, Esdra prega ficare le proprie attività e di conseguenza precisa­
Dio chiedendogli un buon viaggio (Esdr. 8,21), re o sfumare il significato di jsr ‘dirittura’ . Il cam­
l’espressione ebraica derek j'sdrd trasmette effi­ biamento di soggetto non muta il senso del predi­
cacemente l’incrocio dei significati: il viaggio è cato jsr, ma talora la traduzione va differenziata.
una via vera, un percorso concreto; che essa si a) A rigor di termini, in Israele il potere legi­
snodi in piano e non sia scabrosa allude al succes­ slativo compete a Dio. Leggi, decreti, prescrizio­
so dell’impresa; il contesto conferisce alla frase ni ecc. sono espressione e comunicazione della vo­
un riferimento storico-religioso. lontà divina per guidare il comportamento uma­
c) Dato il duplice valore del termine jsr, alcune no. Esse possono così attrarre a sé jsr come pre­
espressioni ebraiche possono apparire imprecise dicato verbale o nominale: gli ordini di Jhwh (piq-
o essere volutamente ambigue per il doppio senso qùdè jhw h, Ps. 19,9 con i paralleli «legge perfet­
di cui sono caricate, come se esse volessero sot­ ta» torà temimà; «testimonianza attendibile» 'édftt
tintendere che il comportamento morale non solo ne'èmànà', «schietto comandamento» miswà bd-
sia giusto, ma porti anche a un risultato positivo. rà), norme giuridiche (mispdtìm, Nehem. 9 J 3 e
Lo stile sintetico ed ellittico dei proverbi e degli in par. «istruzioni valide» tòròt ’émet; «statuti e
aforismi collima con questa vibrante indetermi­ comandamenti buoni» huqqim umiswòt tóbim),
natezza del significato. Il testo di Prov. 16 ,17 suo_ la parola (dabar) di Jhwh (Ps. 33,4 e in par. «il suo
na: m'sillat j esdrim sur m èra' sómèr nafsò nósér operare con fedeltà» ma'dséhù be'èm unà) «i tuoi
13 1 (111,1065) jasar (L. Alonso Schòkel) (111,1066) 132

giudizi» (mispatèkd, Ps. 119 ,13 7 e in par. «tu sei zione nel deserto. I testi più significativi si trova­
giusto [saddiq]»), le vie (darkè) di Jhwh (Hos. 14, no in contesti relativi al ristabilimento: affinché i
to). L ’ultimo esempio è particolarmente interes­ deportati possano ritornare in patria Dio trasfor­
sante: Dio offre o mostra all’uomo vie diritte; an­ merà persino he'dqob in misór (Is. 40,4) e renderà
che se i giusti (saddìqìm) cammineranno su esse, i il terreno scabroso un campo pianeggiante (ma-
ribelli (póse,im) vi inciamperanno. Trovano così *àqassim l e-misór, Is. 42,16); toglierà via gli osta­
espressione l’illimitata bontà di Dio e la responsa­ coli e appianerà la via (bàdurìm ’àjassèr, Is. 45,2
bilità umana, che distorce ciò che Dio ha fatto di­ Q; cfr. BHS); egli li condurrà b ederek jdsdr dove
ritto. N on dissimile è Ecclus 39,24: «I sentieri dei non inciamperanno (Ier. 31,9) e per Zorobabele
probi (tàmim) sono piani (jis eru), ma sono ugual­ egli spianerà la «grande montagna» (har-lemisór,
mente impervi per gli empi» (cfr. Ecclus 11,15 ) . Zach. 4,7).
Poiché la Sapienza svolge una funzione simile b) Quando riguarda l’uomo, jsr può riferirsi a
o equivalente guidando il comportamento uma­ tutta quanta la persona o soltanto a una sua parte.
no, anch’essa può chiamare jdsdr la propria paro­ Prov. 29,27 intende l’intero comportamento, co­
la (Prov. 8,9). me fa intendere il complemento derek e mostra­
Il linguaggio giuridico usa jsr a proposito della no il sinonimo saddiqim e l’opposto 'is'dw el: «Per
lite, del giudizio e del giudice (umano o divino). i giusti un uomo ingiusto è un abominio, per l’ini­
Questa sfera forense mostra una certa predilezio­ quo è un abominio l’uomo della via diritta». Me­
ne per il sost. mèsdrim. Negli esempi che seguo­ diante il verbo dbr e il parallelismo siftè-sedeq
no si può notare la frequenza della radice spt e dei Prov. 16 ,13 riferisce jsr alla sincerità nel parlare,
suoi sinonimi: Dio sentenzia (jàdin) con mèsdrim mentre Prov. 23,16 illustra la franchezza mediante
(Ps. 9,9 e in par. «giudica con giustizia» jispót l’espressione b edabber sefatekd mèsdrim. In Prov.
b esedeq; cfr. Ps. 96,10); Dio ama il diritto (mispdt) 4,25 si tratta della lealtà degli sguardi: «I tuoi oc­
e ha creato (kónén) mèsdrim (Ps. 99,4); il diritto chi devono guardare diritto e i tuoi sguardi devo­
(mispdt) dell’uomo procede da Dio e i suoi occhi no vedere dritto davanti a te». Prov. 8,6-9 ® un
guardano mèsdrim (Ps. 17,2); Dio giudica il mon­ contesto nel quale si tratta evidentemente della
do con sedeq e i popoli con mèsdrim (Ps. 98,9). sincerità nel parlare: la Sapienza parla senza giri
Riguardo all’uomo si dice: «Applicate veramen­ di parole (negidim ), con franchezza (mèsdrim); es­
te il diritto (sedeq tedabbérun), giudicate davvero sa dice parole giuste (b esedeq), fedeli (n'kóhim ),
con mèsdrim?» (Ps. 58,2). Anche misór compare opportune ( jcsdrim) che non sono né contorte né
in contesto forense (Is. 1 1,4; Ps. 67,5). false (niftal w e<iqqés). Si riferiscono alla sincerità
Quantunque non si differenzi chiaramente dal­ dell’atteggiamento interiore tanto Deut. 9,5 (bep -
l’aspetto precedente, è opportuno menzionare a sidqàtekd ubejóser l ebdb0kd), 1 Reg. 9,4 e Ps. 119 ,
parte l’attività esecutiva o amministrativa. Lo scet­ 7 quanto 1 Chron. 29,17 dove la sincerità nel dare
tro di un re è lo scettro del diritto (sébet misór, è motivata con la generosità (bejóser l ebdbihitnad-
Ps. 45,7) che si fonda sull’ «amore della giustizia e dabti). Per contro lo b 6,25 parla di parole adatte,
l’odio dell’iniquità» (v. 8). Mich. 3,9 -11 descrive abili. lo b 33,3 è un caso difficile (v. BHS). Nella
l’attività opposta dei governanti che detestano la sua prolissa introduzione Elihu mette in rilievo il
giustizia e stravolgono tutto ciò che è diritto (ha- valore delle proprie parole, l’abilità della sua espo­
màta'àbìm mispdt w eiét kol-hajesdra j e<aqqésu). sizione, la purezza delle sue labbra che corrispon­
Se lo b 33,27 si riferisce all’attività di Giobbe nella de alla sua onesta intenzione (jóser libbi).
sua qualità di sceicco, si tratta allora delle sue fun­ Partendo dalla sua funzione di predicato jsr di­
zioni di capo e di giudice. In questo gruppo si venta una connotazione tipologica della persona
possono anche far rientrare i casi in cui jdsdr è eticamente orientata, in quanto soggetto di diver­
usato come attributo di Dio (si notino i paralleli): si enunciati o in quanto oggetto delle azioni di al­
«Egli è giusto (saddiq) e jdsdr» e in par. «un Dio tre persone. S’incontra così il plurale tantum j esd-
di fedeltà (’èmùnà), senza falsità (’dwel)» (Deut. rim, il sing. collettivo o tipico jdsdr e l’espressio­
32,4); «buono e jdsdr è Jhwh» (+ 3 volte la radice ne jisrè lèb. Per delineare il contenuto di queste
drkf Ps. 25,8); «Jhwh è jdsdr» e in par. «in lui non connotazioni è bene considerare i loro sinonimi e
c’è torto ('awlà, Ps. 92,16). contrari (in senso lato) nel parallelismo, nelle en­
Nella sua azione storico-salvifica Dio spiana la diadi e nelle associazioni. Così jsr sta in parallelo
via del popolo, cioè gli fa avere successo. Il pas­ con saddiq in Ps. 140,14; Prov. 2 1,18 ; con tdmim
saggio semantico può essere condizionato o favo­ in Prov. 2,z i e con hdlak tòm in Prov. 2,7; con nd-
rito dall’esperienza tradizionale della peregrina­ q i in lo b 4,7; con hdsid in Mich. 7,2. Si ha un’as-
133 (n i,io 66) jasar (L. Alonso Schòkel) (111,1067) 134

sociazionc con tdm in Iob 1,1.8; 2,3; con zak (-> 5.a) L ’espressione jsr b e,èné deve essere tratta­
zkk) in Iob 8,6; Prov. 2 0 ,11. In parallelismo anti­ ta a parte. Essa ricorre in forma verbale e in for­
tetico con jsr sono usati ndlóz ‘perverso’ (Prov. ma aggettivale (con la variante formale jsr lifnè in
3,32; 14,2), 'dsél‘pigro’ (Prov. 1 5,19); bógedim ‘sle­ Prov. 14,2; 16,25). Premesso che per gli Ebrei gli
ali’ (Prov. 11,3.6); r'sà'im ‘empi, malvagi’ (Prov. occhi sono la sede della facoltà valutativa, l’espres­
1 1 , 1 1 ; 12,6; 14 ,11; 15,8; 21,29) e ’ewitìrn ‘stolti’ sione può abbracciare un ampio spettro di giudizi
(Prov. 14,9). jisrè léb sta in parallelismo con sad- e valutazioni: dal semplice compiacimento all’ap­
diq (Ps. 7 ,11; 3 2 ,11; 33,1; 5 4 ,11; 9 7,11), jó d e,èkd provazione formale e definitiva.
(Ps. 36,11); j esdrim b elibbòtàm sta in parallelismo A Sansone ‘piace’ una filistea (lud. 14,3.7); a^*
con tóbim(Ps. 125,4). cune città non ‘ piacciono’ al re di Tiro (/ Reg. 9,
È normale che i contrari siano più vari e speci­ 12). Il re, il popolo approvano una proposta: sem­
fici, perché ci si può allontanare dalla rettitudine bra loro buona, la trovano giusta (1 Sam. 18,
in diverse maniere. I bógedim ‘ traditori’ o ‘sleali’ 20.26; 2 Sam. 17,4; / Chron. 13,452 Chron. 30,4).
confermano la sfumatura della fedeltà e sincerità L ’uomo, ad es. il vasaio (Ier. 18,4), agisce in base
che jsr può avere. A questo proposito è interes­ a precedenti giudizi e valutazioni.
sante la specificazione quasi dogmatica offerta da Un simile giudizio può essere sbagliato, come si
Prov. 2 1,18 : saddiq-rdsà' //jesdrim-bògéd. può capire facilmente per contrasto: quando l’ar­
Gli uomini ‘ onesti’ sono invitati a lodare Dio bitrio individuale non è sottoposto a un ordina­
(Ps. 3 2 ,11; 33,1), a pregare (Prov. 15,8), a contem­ mento monarchico (lud. 17,6; 21,25), quando uno
plare il volto di Dio (Ps. 11,7), a gioire per l’inter­ disprezza il consiglio di un altro come fa lo stolto
vento di Dio (Ps. 6 4 ,11; 107,42). A loro si promet­ (Prov. 12,15), quando si decide di non tener con­
te successo (Prov. 2,7), stabilità (Prov. 2,21) e cre­ to della scelta divina del luogo di culto (Deut. 12,
scita (Prov. 14 ,11) (in forma negativa in Iob 4,7). 8) e ancor più quando la si contrasta.
Gli ultimi esempi ci riportano nel campo del Al contrario il giudizio di Dio non è soltanto
risultato, che è la scorrevolezza della via e la sua sovrano (Ier. 27,5) ma anche giusto e definitivo,
fine fortunata. Negli esempi del significato etico tanto da poter servire come misura per valutare
di jsr che sono stati citati il risultato viene espres­ un governo (2 Reg. 12,3; 14,3; 15,3; 16,2 ecc.). An­
so con altre parole, mentre in quelli che seguono cor di più, ciò che piace a Dio, ciò che Dio ap­
il termine jsr include già in sé l’esito: ’orhót jòser prova coincide con ciò che egli sceglie o ordina,
H darkè-hósek (Prov. 2,13); derek jdsdr // darkè- oppure si tramuta in un esplicito comandamento.
mdwet (Prov. 14,12). Nel primo esempio la «te­ Così nei commenti storici dei deuteronomisti si
nebra» può riferirsi all’occultamento malvagio, incontra una formula col verbo ‘fare’ : ‘ds'd/la'dsot
ma anche alla tenebra che porta alla rovina (cfr. hajjdsdr b e,ènè jhw h. Quest’espressione ritorna
Ps. 23,4): la prima oscurità appartiene alla malva­ come un modo di dire costante in elenchi retori­
gità, la seconda all’insuccesso. Analogamente jsr ci, in diverse posizioni e con diversi componenti.
sarebbe la via diritta come opposto di quella buia, Indicando la formula con M, se ne può constatare
o il successo come opposto del fallimento. Nel se­ la presenza in diverse serie:
condo esempio si parla esplicitamente della dis­
soluzione o della fine ('ahdrit): essendo la morte Deut. 6,17 s.: smr miswót jhwh w e‘èddtàjw w e-
l’estremo fallimento, il suo contrario significa o huqqàjw ’dser siwwà M
implica il successo. Chiarissimo è Prov. 11,5 (col Deut. 12,28: s'mòr w 'sàm atà ’et kol-haddebàrìm
verbo al pi.): la dirittura = rettitudine è contenuta hd'élleh ’àser ’àndki mesawwekd M
nel soggetto sidqat tàmim e nel suo contrario rs‘; Deut. 13,19: ki tisma‘ beqòl jhwh ’élóhèkd lismòr
’et-kol-miswòtdjw... M
il successo c il fallimento sono espressi dai predi­
1 Reg. 11,38: >im-tismai ’et-kol-’àser ’dsawwekd
cati t'jassér e jippòl. La probità spiana la via, l’em­
w'halakta bidràkaj M lismòr huqqótaj
pietà porta alla rovina (cfr. Is. 26,7; Ier. 31,9; Prov.
1 Reg. 14,8: 'dser sdmar miswótaj w a’avser-hdlak
1 5>I 9)- . . . ’ahdraj bekol-lebdbò M.
L ’antitesi di Prov. 15,19 ‘asel-jesarim conferi­
sce alla pigrizia un carattere etico ed esprime il Questi esempi, e altri che si potrebbero citare,
successo o il fallimento. Due volte jsr ricorre in spostano la formula nel campo dell’ubbidienza
parallelismo con sapienza, saggezza, abilità: Prov. alle norme del patto considerandola equivalente
4 ,11 paragona la via della sapienza alla via dirit­ ad ‘ubbidire’ (sàma‘ b eqò l), ‘camminare sulla via’
ta, giusta; Prov. 23,15 s. stabilisce un nesso tra un (hdlak b ederek), ‘osservare i comandamenti’ (sd­
cuore savio e parole giuste o sincere. mar miswót), senza distinguere formalmente in
I3 J (n i,io 68) jasar (H. Ringgren) (111,1069) *36

Dio un aspetto psicologico precedente al coman­ In Eccl. 7,29 si legge: ‘às'à h d ’èlóbim ’et-hà’d-
damento. Trattandosi di un'espressione fissa o di ddm jàsàr w ehémmà biqesu hissebonòt rabbim.
una formula idiomatica e non avendo P‘occhio’ il Le antitesi ‘às'd/biq'sù, 'èlóbim/'ddàm, jàsàr/his-
medesimo valore che ha nelle nostre lingue, la tra­ s ebònót sono chiare. Si è quasi davanti a un com­
duzione appropriata dovrebbe essere: «Ciò che pendio delle riflessioni dell’autore: l’uomo si af­
piace a Dio», «ciò che Dio approva» o «disappro­ fatica eccessivamente, rovina il senso e il piacere
va». della vita; la colpa non è di Dio, che ha creato «in
L'uso linguistico del Deuteronomista appena maniera equilibrata». A tale equilibrio si contrap­
descritto non può essere sfruttato in una discus­ pone ciò che l’uomo fa storto (mK\uwwàt ló y-ju-
sione circa il positivismo legalistico. Nonostante kal litqón, Eccl. 1,15 ), ma anche ciò che Dio stes­
tutto, sebbene l’autore non si ponga i nostri pro­ so ha fatto storto (7,13: mt jù kal l etaqqèn ’ét ’àser
blemi speculativi, si può stabilire che ciò che Dio <iw w etd).
trova giusto egli lo impone come comandamento, j esurùn (-» jsrwn) s'incontra in Deut. 32,15; 33,
e il suo giudizio non può esser messo in questio­ 5.26; Is. 44,2; Ecclus 37,25 come vezzeggiativo af­
ne; ciò che Dio comanda gli piace, e perciò si me­ fettuoso e titolo di onore d’Israele. Forse il signi­
rita una ricompensa chi lo esegue (Deut. 12,25; ficato etimologico è ‘retto, onesto, sincero’ come
21,9). contrario dell’imbroglione ja 'à q ò b , forse è soste­
Ps. 119 ,12 8 (cfr. BHS) usa la forma pi. del ver­ nuto dall’allitterazione con jisrd’él. Ma in Deut.
bo col significato di ‘approvare’ in opposizione 32,15 il comportamento di j esurun è sbagliato e in
con sane' ‘odiare’. Is. 44,2 il contesto tratta dell’elezione. Le versio­
b) Un caso particolare è Abac. 2,4: hinnèh Kup- ni antiche non sono interessanti: i L X X hanno ó
p elà ló ’-jàserd nafsó bó w esaddiq be’émùnàtó jih - •r)Ya7irKJ-évo<;; Aquila, Simmaco, Teodozione eù-
jeh. Si accetta qui la lezione masoretica. C i si at­ Suq; la Vg. dilectus.
tende un’antitesi cercandone le correlazioni, che Ios. 10 ,13 e 2 Sam. 1,18 citano un sèfer hajjàsàr
possono essere schematizzate come segue: «Libro dell’Onesto»; alcuni correggono in sèfer
<uppeld - lò yjàsera hassir sulla scorta di 1 Reg. 8,53 L X X .
‘uppeld * saddìq be'émundtò Dan. 1 1 ,17 : wisàrim ‘immó (v. i commentari)
•-VP A J /A IV A A
jas ra - saadiq - emuna sembra voler indicare una pace, un trattato o una
lò ’ jds'rd / jihjeh. conciliazione, più o meno nel senso di «appianare
L ’opposizione pianura/collina, che corrisponde il contenzioso». In Prov. 10,18 e 17,7 alcuni vo­
alla coppia piatto/rigonfio, si trova nel campo dei gliono leggere jsr invece di sqr e jtr, seguendo i
termini geografici. In senso concreto e in senso L X X con Stxaia e 7U<TTa. Per contro in Prov. 29,
figurato vanno interpretate la gola o le fauci, ne- 10 si è soliti correggere j esàrim in resà'im. In Prov.
fes: egli ha una gola gonfia, tesa, non per sua na­ 17,26 il parallelismo con ló > tób sembra confer­
tura ma perché ha voluto ingoiare troppo (come mare la lettura di una negazione ’al/lò ’ jdsdr (v, i
spiega il v. 5b: ’àser hirhib kis’ól nafsó); a costui commentari, spec. McKane). . . .
si contrappongono l’onestà e la fiducia del giusto. L. Alonso Schókel
Considerato che jsr si riferisce anche al risultato,
nel nostro caso la sua gola, il suo appetito o la sua iv. A Qumran jsr compare un paio di volte in
brama non avranno successo (come dice il v. 5a); senso proprio, cioè di ‘diritto’ in iQ M 5,12, dove
a quel fallimento si contrappone la vita promessa si parla di scanalature dritte sulle spade, e di 'piat­
al giusto. In altre parole, l’ingordo si soffoca con to’ in iQ pH ab 3,1, dove si dice che i nemici si
la sua crapula (si ricordi il vino che scivola giù li­ avvicinano su un campo piano (misòr).
scio, senza ostacoli, b cmèsàrim, in Prov. 23,31). Negli altri casi la radice viene usata sempre in
L ’ autore ha voluto probabilmente giocare con il senso etico o religioso. Privo della guida divina
doppio senso della parola per ottenere un signifi­ l’uomo non è in grado di camminare per la retta
cato fine e concentrato, concludendo col canto di via (iQ H 20,34); ma Dio ‘dirige’ (jsr pi.) i suoi
scherno del coro (v. 6: mdsdl lim'lìsa hidót). Si po­ passi sul sentiero della giustizia (sedàqà, iQ H
trebbe parafrasare il testo così: una bramosia esa­ 15,14). In iQ H 14,23 s. il Maestro di Giustizia la­
gerata non è opportuna (è ovvio), non è giusta menta di essere come un marinaio in mare aper­
(giudizio morale), non ha successo (risultato). Il to, dove non sa come ‘aprirsi’ (jsr pi.) una via sul­
resto del capitolo conferma quest'interpretazione la superficie del mare. Quando i suoi nemici han­
letteraria (per l’uso di Abac. 2,4 in Rom. 1,17 ; no posto trappole contro di lui, con l’aiuto di Dio
Gal. 3 ,11 e Hebr. 10,38 v. i commentari). 11 suo piede si è posato su un terreno piano (mi-
l 37 (IH>I 0 7 0) j'surun (M.J. Mulder) (111,1071) 138

sór, iQ H 10,29) e continuerà per sempre a cam­ 1. Ieshurun compare solo 4 volte nell’A.T.:
minare su una strada pianeggiante (misór). La stra­ Deut. 32,15; 33,5.26 e Is. 44,2; inoltre in due mss.
da piana è agevole da percorrere e nello stesso ebr. di Ecclus (v. sotto, 3). Nei testi rabbini­
tempo è felice e porta al successo. Probabilmente ci più antichi Ieshurun s’incontra abbastanza fre­
simile è il significato in iQ H 12,25, dove a pro­ quentemente quando i suddetti passi dell’A.T.
posito della comunità della salvezza si dice: «Tu vengono citati nei Talmud e nei Midrash; per il
(= Dio) condurrai il suo diritto (mispdt) alla vit­ resto l’uso di questo termine nella letteratura giu­
toria (nsh) e la sua fedeltà a mèsdrim» (cfr. Bek- daica antica si è limitato soltanto a questi passi bi­
ker, Das H eil Gottes, 1964, 73); il parallelo con blici.
nsh mostra che mèsdrim comprende il significato In genere si conviene che Ieshurun dipenda
secondario di «successo». dalla radice jsr (v. sotto, 2), ma si è invece divisi
Chi non entra nel «patto» non sarà annoverato sulla questione se -un sia o meno una desinenza
tra i probi ( j esàrim) (iQ S 3,1). I membri della co­ diminutiva formata all’incirca come simsón e ze-
munità devono però «fare ciò che è buono e giu­ bulón (così, per es., Gesenius, Thesaurus 642;
sto al suo (= di Dio) cospetto» (tób w ejàsàr l cfa - Ewald, Ausfiihrl. Lehrbuch der hebr. Sprache,
nàjw, iQ S 1,2). Dio istruirà gli ‘onesti1 nella co­ 81870, § i67a; G. Kampffmeyer, Z D M G 54 [1900]
noscenza dell’Altissimo e della verità dei figli del 660; R. Meycr, Hebr. Grammatik, 31969, § 41
cielo (iQ S 4,22). Mediante lo spirito di rettitudi­ ic), oppure una desinenza denominativa (così, ad
ne (jóser) il peccato delPuomo verrà espiato (iQ S es., G K a § 86g; BD B s.v. e altri lessici; cfr. Wàch­
3,8). Secondo la rettitudine della verità di Dio ter 58). È difficile stabilire se in questa desinenza
(jóser yàmittekd) l’uomo pentito verrà «collocato -un si debba effettivamente scorgere un suffisso
nel suo consiglio» (iQ H 14,10). Tali uomini ven­ particolare, oppure se tale suffisso sia diverso da
gono detti «coloro che camminano rettamente», -ón solo per un fenomeno dialettale (cfr. BLe § 61
jisrè derek. v$). Se si trattasse veramente solo di una diffe­
La preparazione della via (jsrpi.) di Is. 40,3 vie­ renza dialettale nulla impedirebbe, per quel che
ne interpretata in iQ S 8,4 nel senso dello studio riguarda l’etimologia, di considerare Ieshurun (ma
della legge. In C D 8,7 si ha un puro uso biblico: v. sotto, 2) un diminutivo (cfr. J. Barth, Die Nomi-
jsr b e<ènè («ognuno faceva quel che era giusto ai nalbildung in den semit. Sprachen, 1 1894, § 212).
suoi occhi»). „ In ogni caso è importante che jsr sia attestato in
H. Ringgren accadico e soprattutto in nomi di persona amor­
rei come componente di N P, ad es. nei nomi i-
sar-ra-ma-as, i-sar-ra-ma-su ecc. (A N 21968,
122); i-sar-li-im, jpa-mu-ji-sar ecc. (A PN M 216;
j'surun cfr. C .J. Gadd, Iraq 7 [1940] 38 s.; Ch.-F. Jean in
A. Parrot, Studia Mariana, 1950, 83; C A D 7,225).
1. Attestazioni e significato. - 2. Il rapporto Ieshurun - In molti di questi nomi jsr (la cui \s\ può variare
Israele - Giacobbe. - 3. I singoli passi nei quali si trova in amorreo diventando /s/; cfr. Mendenhall, B A
Ieshurun. SO R 133 [1954] 29 e n. 14; A PN M 212. 216) è un
elemento in nomi teofori (cfr. per l’ipocoristico
Bibl.: W. Bacher,jsrwn: ZAW 5 (1885) 161 ss. - W. Ca- yasarum come forma del perfetto e l’elemento isar
spari, Sprachliche und religionsgeschichtliche Bedeutung
come possibile forma di imperfetto Noth, A B L
des Namens Israel: ZS 3 (1924) 194-211. - G.A. Danell,
Studies in thè Name Israel in thè O.T., Uppsala 1946. - A K 11 222 e n. 45). I paralleli del nome Ieshurun
J.S. Licht,//mn (EMiqr in, 937 s.). - G.E. Mendenhall, in accadico e amorreo mostrano che il nome in sé
Ieshurun (IDB 11 868). - M. Naor, j‘qb und jsr’l: ZAW non deve essere per forza un neologismo. D ’altra
49 (1931) 317 s. [per l’etimologia più antica e la pro­ parte non si può neanche concludere che si tratti
nuncia] - E. Sachsse, Die Etymologie und alteste Aus- necessariamente di un antico nome ipocoristico:
sprache des Namens jsr’ l: ZAW 34 (1914) 1-15. - Id., l’uso e le ricorrenze di Ieshurun sono troppo spo­
Der Ursprung des Namens Israel: ZS 4 (1926) 63-69. - radici e singolari per giustificare una simile con­
E. Seebass, Die Stdmmeliste von Dtn. X X X III: VT 27 clusione.
(1977) 158-169. - M.Z. Segai, sfr bn sjr’hslm, Jerusalem
Già nella traduzione dei L X X Ieshurun viene
*1972. - F. Vattioni, Ecclesiastico. Testo ebraico con ap­
parato critico e versioni greca, latina e siriaca, Napoli reso con YjYaTnrjpévoc;, che in Is. 44,2 viene com­
1968. - L. Wàchter, Israel und Jeschurun (Schalom. Stu- pletato con l’aggiunta di «Israele» (nei L X X Ec­
dien zu Glaube und Geschicbte Israels, Fs. A. Jepsen, clus 37,25 legge soltanto «Israele»). Evidentemen­
1971, 58-64). te già i L X X hanno supposto un nesso con -» jsr
139(111,1072) j'surùn (M.J. Mulder) (111,1073) 140

‘essere giusto’ ecc. Questa lettura si incontra di Ieshurun è importante per stabilire la più antica
nuovo qua e là anche nella letteratura giudaica po­ etimologia e pronuncia del nome «Israele»: js r l
steriore (ad es. nella preghiera mattutina: «Gia­ significherebbe «Dio è coerente», «retto», «fida­
cobbe... che tu hai chiamato Israele e Ieshurun») to». Anche per altri autori la grafìa Ieshurun con
sebbene qui, come si sa, si giochi spesso con le s è importante per l’etimologia e il significato del
parole (cfr. Gen. R. 77,1 con le parole sòr e sir). termine «Israele» (ad es. per F. Bóhl, Kanaanàer
La Vg. segue i L X X traducendo Ieshurun con und H ebràer, 19 1 1 , 80; Licht 938; Wàchter 58
dilectus (Deut. 32,15) e rectissimus (Israhel in Ec­ ss.). Accanto a quanti negano categoricamente la
clus 37,25). Le altre traduzioni greche antiche presenza di una \s\ originaria nel nome «Israele»
(Aquila, Simmaco, Teodozione) hanno, per es., (ad es. Caspari), ci sono altri (ad es. Naor) che
eù-Su^ o elcSuTaxoQ in Is. 44,2 (v. Hier., M PL 24, cercano di sostenere tale possibilità sulla base, ad
450 s.). In tutti i passi (tranne che in Ecclus 37,25 es., della variazione presente nello stesso ebraico
che S non traduce affatto; v. sotto, 3) S insiste nella di \s\ e \s\ (citando quali esempi Iud. T2,6 e 1
traduzione «Israele», preferendo anche i Targum, Chron. 25,14; per un quadro dei derivati del no­
per lo più, la traduzione (bèt) jisrà1él (diversamen­ me «Israele» cfr. Danell 22-28). Se Ieshurun sia
te, ad es., T Ncof a Deut. }z,y. bèt ja'àqòb; alcuni effettivamente legato a «Israele» e se, di conse­
mss. leggono in Is. 44,2 oltre jisrà’él anche j esu- guenza, «Israele» fosse scritto in origine con /s/
rùn: J.F . Stenning, The Targum o f Isaiah, Oxford invece che con Js) va discusso trattando quest’ul­
1949, ad /.). timo nome (-» js r’l). Qui basti ribadire che se­
2. La maggior parte degli studiosi (Bertholet, condo noi Ieshurun è legato alla radice jsr. Così
K H C 9, 97; Liedke, T H A T 1 791; Mendenhall indicano le antiche tradizioni, così confermano i
868; von Rad, A T D 8, 14 1; Wàchter 58; Wallis, N P accadici e amorrei (v. sopra, 1) e, infine, tale
BH H W it 858; Westermann, A T D 19, it o s.; opinione è favorita anche dal contesto nel quale
Zorell, Wb. s.v. ecc.) considera Ieshurun nell’A.T. compare di volta in volta il nostro termine. D ub­
un nome onorifico di Israele e/o Giacobbe deri­ bia resta la tesi di Bacher, che Ieshurun sarebbe
vante dalla radice jsr (cfr. Calvino che nel com­ un neologismo formato in opposizione a «Gia­
mento a Is. 44,2 predilige già jsr: «Alii enim a jsr cobbe». Sebbene i pareri circa la datazione e il Sitz
deduci volunt, quod est Rectum esse, vel Piacere: im Leben di De ut. 32 e 33 non siano a tutt’oggi
alii a swr. alii ab ’/r»). ancora univoci, è certamente chiaro che non solo
Ieshurun sta quasi sempre in parallelo con i due in questi capitoli, ma anche in Is. 44 l’autore dia
nomi o nel contesto di entrambi. Bacher (162) ha per scontato che Ieshurun sia generalmente noto
a suo tempo suggerito di considerare Ieshurun un e venga usato, con un gioco di parole, per alter­
eufemismo per Giacobbe o un neologismo rife­ narlo con «Giacobbe» e/o «Israele», o in alterna­
rito al patriarca, c in questo non pochi studiosi tiva a tali nomi. Comunque sia, non c’è la minima
lo hanno seguito (cfr. anche Seeligmann, V T 14 traccia di una voluta contrapposizione (Wàchter).
[1964] 89 n. 3). Secondo Bacher il nome Giacob­ Irrisolto resta anche il problema di perché mai
be sarebbe legato al campo lessicale di ‘truffato­ nell’A.T. e fuori di esso s’incontri il nome così ra­
re’, ‘perfido’ o ‘disonestà’ (cfr. Gen. 25,26; 27,36; ramente. Bacher ha cercato di rispondere con l’os­
Hos. 12,24), c^e è l’opposto del campo lessicale servazione che come nome «Giacobbe» era salda­
della ‘probità’, ‘rettitudine’ (cfr. Is. 40,4; 42,16; mente radicato e accanto a «Giacobbe» funziona­
Mich. 3,9). A tale proposta Bacher ha aggiunto poi va già, come nome più significativo e onorevole
altre due ipotesi: 1. in Num. 23,10 si dovrebbe leg­ nel contenuto, «Israele». Ma ciò sarebbe vero sol­
gere Ieshurun invece di j esàrìm (si spiegherebbe tanto se in ogni caso Ieshurun avesse una funzio­
così il sing. kàmòhu); 2. nel titolo del libro di inni ne antitetica rispetto a «Giacobbe». In Deut. 33,
{sèfer hajjàsàr, Ios. 10 ,13; 2 $am- 1,18 ) si dovreb­ 26 le cose non stanno affatto così. Anzi, se si se­
be considerare hajjàsàr una denominazione di gue il T.M ., si deve leggere k à ’èl invece di k e,él
Israele «costruita per ragioni analoghe a quelle ( jesurùn) (cioè «il Dio Ieshurun» come, ad es., «il
che stanno a monte di Ieshurun». Obiettando alla Dio Betel»; cfr. Danell 26 s. e per Ieshurun come
tesi di Bacher, N aor (318) ha cercato di dimostra­ vocativo cfr. Driver, IC C 415). È naturale allora
re che il termine Ieshurun altro non sarebbe, in­ concludere che Ieshurun è un nome, scarsamente
vece, che il residuo di un’antica forma prodotta usato, che si affianca ai nomi Giacobbe c Israele;
in un’epoca in cui *qb non aveva ancora assunto il esso rappresenta o un prodotto «di una costru­
significato secondario di ‘truffare, ingannare’ . Egli zione artificiale o di un’invenzione letteraria»,
è d’accordo con Sachsse che proprio il termine non appartenendo «quindi alla reale onomastica
i 4 i (in, 1074) j'surùn (M.J. Mulder) (111,1074) x42

usata in Israele» (IPN 9 s.), oppure è un ipocori- le delizie del cielo e della terra, l’epilogo si apre
stico del nome «Israele» (così Mendenhall e altri) con queste parole: «Non c ’è nessuno come il Dio
che fu usato come vezzeggiativo o nome onorifi­ di Ieshurun che scende giù dal cielo per correre
co per Israele/Giacobbe. in tuo aiuto (be,ezrekd) ecc.» (Deut. 33,26). Ci al­
3. In Deut. 32 (il canto di Mosè) e in Deut. 33 lontaniamo dalla puntazione masoretica (kà’él
(la benedizione mosaica delle tribù d’Israele) G ia­ invece di k e,è l) menzionata precedentemente (v.
cobbe ricorre in parallelo con Israele 4 volte sopra, 2) perché, da un lato, anche in altri passi
(Deut. 32,9; 33,4.10.28 e soltanto qui in tutto il li­ Ieshurun è un altro nome per indicare Israele/
bro, cfr. Danell 64) e Icshurun è presente 3 volte. Giacobbe e inoltre perché nelle lingue in cui jsr
Il dato è già sorprendente, ma a esso si va ad ag­ costituisce un componente in nomi teofori que­
giungere che in Deut. 32,15, dopo che si è detto st’ultimo non è mai l’elemento teoforo, bensì
come Jhwh abbia nutrito Israele in maniera mi­ quello verbale (v. sopra, 1). Anche qui Israele vie­
racolosa con, tra l’altro, «burro delle mucche e ne raffigurato nella sua «rettitudine» dovuta alla
latte delle pecore insieme col grasso degli agnelli» grazia di Dio. Ancora una volta Ieshurun è mes­
ecc., il Pentateuco samaritano e i L X X continua­ so in risalto e solo più tardi (v. 28) lo seguono
no alla maniera seguente, nel perfetto stile del pa- Israele e Giacobbe. N ell’inno di Deut. 33,2-5.26­
rallelismus membrorum: w ajjd'kal j a ‘àqdb waj- 29, quanto a genere letterario «una lode narrati­
jisba‘ wajjisman f i r n un w ajjib'dt ecc. Qui, dun­ va» (von Rad, A T D 8, 147), non solo i suddetti
que, Giacobbe viene messo in parallelo con Ie- versi ma anche il nome Ieshurun inquadrano - co­
shurun. Per quanto numerose possano essere le me sorta di forza centripeta - gli oracoli della be­
difficoltà relative alla traduzione del v. 15 («egli nedizione di Mosè relativi a ogni tribù (Deut. 33,
divenne arrogante, grasso, grosso e pingue e ha 6-25). Gli ideali allettanti e fantastici che in questi
rifiutato Dio, suo creatore») è chiaro che Ieshu- oracoli vengono promessi alle tribù sono, per co­
run fu oggetto della cura divina e divenne perciò sì dire, garantiti da un nome ideale e carico di pro­
«grasso e pingue» (cfr. anche E. Baumann, V T 6 messe indicante Israele e Giacobbe: Ieshurun.
[1956] 417 s.). La parola Ieshurun allude eviden­ Il termine s’incontra ancora una volta nell’A.T.,
temente a Israele in una situazione ideale (così nel Deuteroisaia (Is. 44,2). Questo versetto appar­
Driver, IC C 361; cfr. BD B 449), in cui la sua «ret­ tiene alla pericope di Is. 43,22-44,5 (Elliger, B K
titudine» non va tanto attribuita al suo compor­ xi 360-395), in cui Dio promette a Israele di can­
tamento, quanto piuttosto alla disponibilità divi­ cellare le sue trasgressioni, esortandolo poi a non
na ad aiutarlo. temere perché egli verserà la sua benedizione sul­
In Deut. 33,5 si parla della comunità di G ia­ la progenie d’Israele. Dopo che il v. 2a ha defini­
cobbe (v. 4) e delle tribù d’Israele dicendo, nel to Jhwh colui «che ti ha creato, che ti ha formato
medesimo contesto, w a jeh i bisurun melek. Non fin dal grembo materno, che ti soccorre», il v. 2b
si dice chi sia stato re in o di Ieshurun (il Midrash prosegue così: «Non temere, o Giacobbe, servo
fa qui addirittura il nome dello stesso Mosè). mio c tu, Ieshurun, che io ho eletto». Nel Deute­
Molti traducono: «C ’era un re in Ieshurun» (v. roisaia Israele si trova quasi costantemente in pa­
Driver, IC C 394); altri sottintendono Jhwh: «E rallelo con Giacobbe (Danell 261 n. 44). In pro­
Jhwh divenne re di Ieshurun» (cfr. anche Num. posito nella nostra pericope vanno sottolineati i
23,21; lud. 8,23; Is. 33,22), una lettura che ha mol­ vv. 43,22.28; 44,1.5. Solo nel nostro versetto G ia­
ti punti a suo favore. È tuttavia chiaro che anche cobbe sta in parallelo con Ieshurun: forse che il
ora Israele viene messo in risalto come comunità Deuteroisaia ha usato qui un mero gioco di paro­
dai contorni ideali, mentre con i nomi «Giacob­ le, un vezzeggiativo tanto per cambiare. Infatti
be», «Ieshurun» e «Israele» l’autore intende fare che un diminutivo «di senso caritatevole» sareb­
un determinato gioco di parole. be poco confacente al linguaggio divino (F. De-
litzsch, Das Buch Jesaja, 4i889, 449) viene smen­
Seebass (161) ritiene che Ieshurun (in Deut. 33,5) tito, ad es., già da Is. 4 1,14 («verme di Giacob­
indicasse in origine i confinanti non israeliti (Caleb, be»). Ma perché il Deuteroisaia usa il termine
Qain, Otniel, Ierahmeel) che vivevano associati o fe­
soltanto qui? Prescindendo dalla questione se il
derati con Giuda, i quali vennero inseriti nel sistema
delle dodici tribù d’Israele per sostituire la scompar­ v. 1 sia un versetto di transizione inserito solo più
sa tribù di Simeone. tardi (Elliger, B K xi 368 s.) nel quale Israele, in
quanto eletto, viene chiaramente messo in paral­
Immediatamente dopo la benedizione delle tri­ lelo con Ieshurun, dà nell’occhio che in Is. 43,23
bù, nella quale furono promesse a molte di loro ss. Dio rimproveri di avergli negato le pecore, il
r43 (111,1075) jatóm (H. Ringgren) (111,1076) 144

grasso e le prelibatezze. Nonostante ciò Dio be­ M. Hòfner, Wb. Tigrè 508). La radice manca in­
nedirà in futuro il popolo con il proprio spirito vece in accadico, dove si usa ekù (v. sotto, 11.2).
sui figli e i discendenti d’Israele (44,3). Si creerà
così una situazione ideale nella quale nasceranno ii.i. L ’egiziano ha due parole per ‘orfano’, pre­
nuovi nomi (44,5). In questa descrizione c’è un cisamente tfn(.t), attestato già in Pyr. 3 17 («N N
chiaro parallelismo con il cantico di Mosè (Deut. ha giudicato tfn e tfn.t») e nmhw, che è attestato
32) e con la benedizione di Mosè (Deut. 33), un fin dal M .R. e significa al contempo ‘povero, umi­
parallelismo documentabile fin nella terminologia le’ . Da quest’ultimo fatto risulta che l’orfano ve­
usata (cfr., ad es., ‘àia [Deut. 32,15 e Is. 44,2] e niva considerato soprattutto un essere inerme e
‘dzar [Deut. 33,26 e Is. 44,2]). Quest’affinità e bisognoso. Era dovere del re e del governatore di­
questa conoscenza rappresentano la migliore spie­ strettuale provvedere a tali persone. Nel lamento
gazione dell’uso del termine in questo passo. del contadino egli si rivolge così al sovrintenden­
Infine in Ecclus 37,25 la situazione si presenta te superiore ai beni, Rensi: «Giacché tu sei il pa­
difficile. Qui Ieshurun si trova soltanto nel MS. dre dei ragazzi orfani (nmhw), lo sposo della ve­
D e in margine al MS. B (Vattioni 197). Lo stesso dova, il fratello dei ripudiati...» (B I 62; A N E T J
MS. B legge ‘am jisrà’èl dato che i L X X e la Vg. 408). È sintomatico che orfano e vedova appaia­
sostengono tale lezione. S salta totalmente il v. 25 no insieme quali persone prive di protezione. N el-
(cfr. D. Barthélemy - O. Rickenbacher, Konkor- VInsegnamento per M eri-ka-Ra si legge (47 s.):
danz zum hebr. Sirach, 19 7 3,17 2 ). Segai è del pa­ «Calma coloro che piangono, non tormentare le
rere che ciò avviene a causa dell’avversione cri­ vedove, non scacciare alcun uomo dagli averi del
stiana verso il popolo d’ Israele (Segai 242). La po­ padre» - in quest’ultimo caso ci si riferisce eviden­
sizione variabile e la redazione di questo versetto temente all’orfano. Parimenti il re Amenemhat si
nei mss. ebraici e greci suggeriscono che si tratti vanta di «aver dato ai poveri e mantenuto l’orfa­
probabilmente di un’antica aggiunta al testo del no» (1 6 s.). Fensham (132 s.) fa notare che tutte
Siracide, come suppongono a ragione molti stu­ queste attestazioni si riferiscono ai disordini soc­
diosi. Ciò rende però difficile un’adeguata spie­ iali del primo periodo interdinastico.
gazione della parola proprio in questo passo. È Testi più recenti mostrano Amon in veste di
tuttavia chiaro che Ieshurun porta qui un senso protettore dei poveri e degli orfani (Anastasi 11
positivo e costituisce un equivalente della deno­ 6,5 s.; Fensham 133). Ramses ili si vanta di aver
minazione «(popolo di) Israele». protetto vedove e orfani (Pap. Harris 1, Fensham
M.J. M ulder 133)-
2. Nella Mesopotamia antica l’interesse per le
vedove e gli orfani comincia con la riforma di
Urukagina (verso il 2400 a.C.). Questi stipulò un
D in ; jatóm patto con Ningirsu dove, tra l’altro, si stabilisce il
principio che «il potente non deve fare torto al­
1. Etimologia. - II. Il Vicino Oriente antico. - 1. L ’Egit­ cuno alla vedova e all’orfano». Il medesimo prin­
to. - 2. La Mesopotamia. - 3 . 1 semiti occidentali. - in . cipio ricompare nel prologo alla legge di Urnam-
Nell’A.T. - 1. Attestazioni, significato. - 2. 1 LXX. - 3.
mu (verso il 2050 a.C.) dove il re dice (162-168,
Dio e re quali soccorritori degli orfani. - 4. Gli orfani
nelle leggi. - 5. Nella letteratura sapienziale. - 6. Nei A N E T J 524): «L’orfano non fu lasciato in balia
profeti. - 7. La condizione di orfano come punizione. del ricco, l’uomo di un siclo non fu consegnato
all’uomo di una mina». Questa tradizione viene
Bibl.: F.M.Th. de Liagre Bòhl, De 2.onnegod als de Be- continuata da Hammurabi. N ell’ epilogo della sua
schermer der Nooddruftigen (Opera minora, Gronin- legge egli ribadisce come scopo del proprio go­
gen-Djakarta 1953, 188-206). - F.C. Fensham, Widow,
verno «che il forte non opprima il debole, che or­
Orphan, and thè Poor in Ancient Near Eastern Legai
and Wisdom Literature: JNES 21 (1962) 129-139. fani e vedove ottengano giustizia» (C H X X IV 59­
62; A O T 407; A N E T 3 178).
I. L ’ebr. jàtóm ‘senza padre1, ‘orfano’ ha paren­ Dato che Hammurabi appare notoriamente
ti in ugaritico (jtm, fem. jtmt, W US n. 1254, U T n. come rappresentante del dio Sole, gli enunciati ri­
1168), fenicio (jtm, D ISO 113 ), aramaico (jat- guardanti Shamash come protettore dei bisognosi
m à\ attestato in aram. egiziano, aram. giudaico, assumono un interesse particolare (Bòhl), sebbe­
siriaco e mandaico), arabo (jatim , anche ‘unico, ne gli orfani non vengano menzionati in partico­
singolare’) e in etiopico (jàtim, Leslau, Contribu- lare (Fensham 13 1; v., ad es., il grande inno al So­
tions 26; cfr. il verbo tigrè jattam, E. Littmann - le in Lambert, BW L 132 s., 11. 99 s. e 134 ss.;
i4 j ( » M ° 77) jàtòm (H. Ringgren) (111,1078) 146

SA H G 243 ss.)- Si attribuisce tale attività anche a {gérim)'». Da questo deriva il dovere di amare gli
Ninurta: «Tu giudichi gli uomini, aiuti colui che stranieri, mentre non si fa più parola degli orfani
è stato messo fuori strada a ottenere il suo, (come e delle vedove.
aiuti anche) l’ orfano e l’orfana. Afferri la mano In Ps. 68,6 il trionfante Jhwh viene celebrato
del debole...» (SA H G 315). come «padre degli orfani e giudice (dajjàn) delle
vedove». Nel versetto seguente egli aiuta gli ab­
La parola per ‘orfano’ è controversa. C A D 4,72 s.
bandonati ( j ehidim) e i prigionieri, mentre il v. 2 5
menziona solo la forma fem. ekùtu ‘ragazza senza­
tetto, indigente’ e nota che non c’è alcuna forma 10 definisce re. Jhwh viene celebrato come re an­
masch. ekù ‘ragazzo orfano’; ikù significherebbe che in Ps. 10,16; nel medesimo salmo (v. 14) egli è
semplicemente ‘debole’. CA D 7,69 cita però il sum­ 11 soccorritore (‘ ózér) degli orfani e «giudica» (sà-
menzionato inno per Ninurta dove si trovano insie­ fa ts v. 18) gli orfani, cioè li aiuta a far valere i loro
me ekù ed ekùtu, traducendo come riportato sopra. diritti. Quando poi in Ps. 146,9 egli tutela (sàmar)
Si ha inoltre un akù ‘ impoverito, debole, umile’ i gérim e aiuta ( j c,ódéd) vedove e orfani a rialzar­
(CAD 1/1 283 s.). Von Soden (AHw 1,195) c'ta Per° si, mentre fuorvia (‘iwwèt derek) gli empi, si dice
ekù, ikù nel senso di ‘diventato povero, rimasto or­ nuovamente (v. 10) che egli è re e regnerà in eter­
fano’, notando che molto spesso il termine si trova
no (màlak qal). La premura di Jhwh per gli orfa­
insieme con almattu ‘vedova’, «altrimenti denota
l’orfano di padre». Per akù egli registra solo il signi­ ni è dunque quasi costantemente associata alla sua
ficato ‘storpio’ (AHw 1,30). regalità.
In un salmo non esente da influenze cananaiche
3. Quanto all’ugaritico, in K T U 1 .17 v 8 jtm (Ps. 82) «Dio» (’élóhim, in origine probabilmente
compare insieme con ’lmnt\ si dice che il re Dan- ’él) parla agli «dei» (’élóhim) intimando loro di
’ il giudica la causa della vedova (jd n dn ’lmnt) e smettere di giudicare ingiustamente, di rendere
decide il diritto dell’orfano (jtpt tpt jtm). Qui giustizia (sàfat) ai poveri (dal) e agli orfani, di am­
spetta quindi al re aiutare queste persone a otte­ ministrare la giustizia (sdq bif.) per i poveri (‘ani
nere giustizia (Fensham 134). Qualcosa di simile e ràs) (v. 3). Ma gli dei non si adeguano e vengo­
doveva probabilmente leggersi nel passo rovinato no condannati a morte da Dio. È significativo che
di KTU 1.19 1 23 ss. La medesima cosa si ricava il Dio d’Israele appaia qui come sovrano e giudi­
da K T U 1.16 vi 4j ss., dove si incolpa Keret di ce (v. 8). Gli *élóhim sono probabilmente nello
non essere in grado di «giudicare» le vedove e i stesso tempo le divinità pagane e i sovrani che le
bisognosi (qsr) o di dare da mangiare (slbm) alle rappresentano. Jhwh garantisce dunque il diritto
vedove e agli orfani. dei bisognosi, in particolare degli orfani e delle
N ell’iscrizione fenicia di Eshmunazar ( K A I 14) vedove.
il re si definisce «jtm , figlio di una vedova» (rr. Così anche Osea esprime la speranza che Israe­
3.13) e nell’iscrizione di Kilamuwa (K A I 24) il re le non avrà più bisogno di cercare aiuto presso
dice che i muskabìm si sentivano nei suoi riguar­ Assur e gli idoli, ma che Jhwh avrà pietà degli o r­
di come l’orfano verso la madre, giacché egli la fani (Hos. 14,4). Stranamente gli orfani e le vedo­
tiene per mano (r. 13). ve non vengono invece specificamente menziona­
ti quando in Ps. 72 si parla della cura che il re ha
III. 1 . N ell’A .T. jàtòm è attestato 42 volte. Il si­ dei poveri e dei bisognosi (w . 2.4.12 s.). N on si va
gnificato risulta da Lam. 5,3: «Siamo j'tóm im sen­ molto lontano dal vero supponendo che tale omis­
za padre (’èn ’àb)». Iob 29,12 precisa ancor me­ sione sia del tutto casuale e che anche in Israele
glio: l’orfano non ha chi l’aiuti (‘ózér); cfr. Ps. 10, gli orfani venissero inclusi tra i deboli che erano
14, dove Dio si presenta come il soccorritore de­ oggetto di una particolare protezione del re.
gli orfani. 4. Già nel libro del patto si trova la norma (Ex.
2. 1 L X X traducono costantemente jàtòm con 22,l ì ) che non si deve opprimere la vedova e l’or­
òpqxxvói;. fano ('ària pi.)', in caso di trasgressione la puni­
3. Nella società israelitica gli orfani appaiono, zione corrisponderà al reato: «Le vostre mogli di­
in siem e con le v e d o v e , p e rso n e p artico larm en te venteranno vedove e i vostri figli resteranno orfa­
deboli e bisognose di aiuto. A costoro si aggiun­ ni». Soprattutto il Deuteronomio è interessato a
gono nel Deuteronomio i gérim. questi gruppi deboli. Vale la regola generale che
In primo luogo colui che aiuta gli orfani è Dio. non è lecito travisare il diritto dello straniero (gér)
Secondo D e ut. 10 ,17 s. egl* è il Dio potente e ter­ o degli orfani (oppure prendere in pegno la veste
ribile, il giusto giudice «che rende giustizia (‘òs'éh della vedova) (Deut. 24,17). Nelle formule ese­
mispàt) agli orfani e alle vedove e ama i forestieri cratorie del cap. 27 si maledice anche la violazio­
1 4 7 (1 1 1 , 1 0 7 9 ) jatar 1 (T. Kronholm) (iii,to 8o ) 148

ne dei diritti del gér, degli orfani e della vedova derà agli orfani e alle vedove del suo popolo, così
{Deut. 27,19). Ciò che resta dopo la mietitura, la che non c’è bisogno che ci si preoccupi di loro. In
raccolta delle olive e la vendemmia appartiene ai Ezechiele si trova una volta l’accusa che a Geru­
gèrim, agli orfani e alle vedove (Deut. 24,19-21). I salemme gli orfani e le vedove vengono oppressi;
gérim, gli orfani e le vedove devono partecipare in quest’occasione si menzionano anche le violen­
con pari diritti alla gioia delle feste (Deut. \ 6 ,n . ze cui i gérim sono sottoposti (Ezech. 22,7). - In­
14). Il gér, l’orfano e la vedova ricevono insieme fine Zach. 7,10 ammonisce a giudicare con giusti­
con i leviti una quota della decima (Deut. 14,29; zia, ad amare e usare misericordia, mettendo in
26,12 s.). guardia daH’opprimere la vedova, l’orfano, il fo­
5. Anche la letteratura sapienziale parla del par­ restiero e il povero.
ticolare bisogno di protezione dei poveri e di co­ 7. Infine l’abbandono degli orfani compare co­
loro che sono rimasti soli (ad es. Prov. 14 ,31; 15, me punizione. Ps. 109 pronuncia contro un nemi­
35; 19,17; 22,9.22). Soltanto una volta lo jdtóm vie­ co la maledizione che i figli possano diventare or­
ne menzionato in maniera particolare, precisa­ fani e la moglie vedova (v. 9), rafforzandola al v.
mente in un proverbio di forte colorito egiziano 12 con l’augurio che nessuno abbia pietà dei suoi
(Prov. 23,10) che mette in guardia dal recare pre­ orfani. In Is. 9,10 si minaccia come punizione che
giudizio alla proprietà degli orfani; in parallelo si Jhwh non avrà pietà degli orfani e delle vedove
ha il divieto di spostare i confini della vedova. del popolo. Si è già parlato di Ex. 22,23 (v. sopra,
Nel libro di Giobbe si parla molto più frequen­ n i.4). In Lam. 5,3 la comunità lamenta: «Siamo
temente di orfani. Da un lato si bolla come carat­ diventati orfani, senza padre, e nostra madre una
teristica degli empi l’oppressione degli orfani: si vedova», dunque siamo privi di protezione e sen­
tira a sorte persino l’orfano (Iob 6,27), si fanno za aiuto. Nel contesto del lamento si implica, più
andar via a mani vuote le vedove e si stritolano o meno, l’interpretazione della sofferenza come
gli orfani (22,9), si prende l’asino degli orfani e la punizione (cfr. v. 7). .
mucca della vedova (24,3), si strappa l’orfano dal H. Ringgren
petto della madre (24,9) - del resto Ps. 94,6 è si­
mile: essi uccidono vedove e gérim, assassinano
gli orfani.
jatar 1
D ’altra parte, in un discorso conclusivo (Iob
29-31) Giobbe descrive la propria giustizia met­
tendo in risalto, tra l’altro, l’aiuto prestato ai po­ “in i je te r 1, i n i '/“IH' jò tér/jó tér, H IH' jó te ret,
veri e agli orfani (29,12; 3 1 , 1 6 s.) e la sua imparzia­ n n rr /r n rv jitrà/jitrat, fi-in' jitró n ,
lità verso gli orfani in ambito giudiziario (31,21).
"iniD m ótar, T JV /(N )n T JV ja ttir/ja ttirà (’ )
6. N ell’annuncio dei profeti compare talora an­
che la richiesta di avere riguardo per gli orfani.
1. Etimologia, semantica, ricorrenze nell’A.T. - n. L’uso
Isaia sollecita i suoi ascoltatori a lasciare il male e nell’A.T. - 1. Il verbo jatar 1. - a) qal. - b) nif. - c) hif.
a fare il bene, spiegando tale concetto con le pa­ - 2. jeter i. - 3. jòtèrjjóter. - 4. jóteret. - 5. jitrà/jitrat. -
role siftu jdtóm rihii ’dlmdnà (Is. 1,17), e descrive 6. jitrón. - 7. mótdr. - 8. jattir\jattìrà('). - ni. I LXX. -
la decadenza morale di Gerusalemme facendo iv. Qumran.
notare, tra l’altro, come si trascurino proprio tali
Bibl.: R. Braun, Kohelet und die fruhhellenistische Po-
doveri (Is. 1,23). In 10,2 Isaia critica l’addomesti­
pularphilosophie (BZAW 130, 1973,47 s.). -J.C . Camp­
camento del diritto denunciando la spoliazione di bell, God’s People and thè Remnant: Scottish Journal
vedove e orfani. of Theology 3 (1950) 78-85. - G.F. Hasel, The Origin
Geremia parla ugualmente di violazione del di­ and Early History of thè Remnant Motif in Ancient Is­
ritto, perché gli orfani e i poveri si trovano a su­ rael (diss. datt. Vanderbilt Univ., 1970, 171-203). - Id.,
bire torti e ingiustizie (Ier. 5,28), e nel discorso The Remnant (Andrews Univ. Monographs 5, *1974;
del tempio (Ier. 7) esorta a migliorare la condot­ storia della ricerca e ulteriore bibl. 1-44). - Id., S e -
ta, a celebrare processi giusti e a smetterla di op­ mantic Values of Derivatives of thè Hebrew Root §’R:
primere stranieri, orfani e vedove (gér come nel Andrews Univ. Seminary Studies 11 (1973) 152-169. -
S. Garofalo, La nozione profetica del «Resto d'Israele»
Deuteronomio!) perché il tempio in sé non costi­
(Roma 1942, spec. 197-202). - W. Giinther - H. Krien-
tuisce alcuna sicurezza (v. 6). Un ammonimento ke, «Resty iibrig» (ThBNT 11/2 1042-1046). - E.W. Hea-
simile risuona anche in Ier. 22,3. ton, The Root s’r and thè Doctrine of thè Remnant:
N ell’oracolo contro Edom (Ier. 49,7-23) si tro­ JThS 3 (1952) 27-39. - V . Herntrich - G. Schrenk, Àei|A-
va invece l’assicurazione che Jhwh stesso prow e- pa xtA. (GLNT vi 535-588). -J.Jeremias, Der Gedan-
149 ( i n , i o 8 i ) jatar i (T. Kronholm) (111,1082) 150

ke des «Heiligen Restes» im Spatjudentum und in der tolineare il carattere unico, eccezionale del portatore
Verkiindigung Jesu: ZNW 42 (1949) 184-194 = Abba, del nome (così, ad es., C.H. Gordon suggerisce per
1966, 121-132. —P, Joùon, Notes de lexicographie hé- jtrhd il significato «Hadd è unico», UT n. 117 1).
braique, III. Deux racines jtr: MUSJ 6 (1913) 174. - J. Analogamente, in una serie di N P amorrei sembra
Meinhold, Sludien zur Uraelitischen Religionsgeschich- che jtr presenti il significato di ‘eccedere’ (APNM
te (1/1, Bonn 1903). - W.E. Miiller - H.D. Preuss, Die 217 s.). La radice è inoltre documentata in yaudico,
Vorstellung vom Rest im A.T., 1973. - L. Rost, Der Le- palmireno e aramaico d’impero, forse anche in ma­
berlappen: ZAW 79 (1967) 35-41. - O. Schilling, «Rest» teriale epigrafico punico (J. Cantineau, Grammaire
in der Prophetie des A.T. (diss. datt. Univ. Miinster diipalm. épigraphique, 1935, 136; K AI nn. 2 14 ,11 s.;
1942, spec. 7-16). —R. de Vaux, Le «Reste d ’Israel» 215,4; DISO 113). Così, ad es., Panamuwa 1, signore
d'apres les prophètes: RB 42 (1933) 526-539 = Bible et di Yaudi, dichiara, a quanto si legge sulla statua di
Orient, 1967, 25-39 = The Bible and thè Ancient Near Hadad a Zincirli (metà dell’vin sec. a.C., KAI n.
East, 1971, 15-30. - P. Wechter, Ibn Bariin’s Arabie 214), che Hadad e altri dei gli hanno «dato sovrab­
Works on Hebrew Grammar and Lexicography, Phil- bondanza» (wjtr va probabilmente considerato un
adelphia 1964, 98 s.). - H. Wildbergcr, s ’r, Ubrig sein qal perf. 3a pers. masch. sing. preceduto da w copu-
(TH AT11, 1976, 844-855). lativum, K A I 11 218), anzi che essi gli hanno «dato
in eccesso» tutto ciò che egli ha chiesto loro in pre­
1. La radice jtr 1, abbondantemente attestata nel ghiera (jtr, qal perf. o imperf., KAI 11 219), Nel te­
testo attuale dell’A.T., va molto probabilmente sto simile della statua dedicata a Panammuwa 11, an-
distinta dalla radice jtr 11 (così già, ad es., Ibn Ba- ch’essa a Zincirli (seconda metà dell’vin sec. a.C.,
run verso il 110 0 d.C. nel suo Kitàb al-Muivaza- K A I n. 215), si trova probabilmente la forma nomi­
na\ cfr. Wechter 98 s.; P. Wernberg-Mtaller, JSS nale di jtr ‘resto’ (KAI 11 225). In arabo non è possi­
1 1 [1966] 125. Ibn Barun collega jtr 1 con l’ar. bile addurre per jtr 1 in primo luogo il verbo watara
e derivati, soprattutto nelle forme 1 e vi (contro
’atira e jtr 11 con Par. iva tara; v. inoltre Jouon
K B L 3 431): alla 1 forma il verbo non significa tanto
174) di cui si ha traccia solo nei sostantivi jeter 11 ‘fare una cosa eccezionale’, come si legge in K B L 3,
(‘tèndine’: Ind. 16,7-9; ‘corda dell’arco’: Ps. 11,2 ; quanto ‘rendere una cosa singola, spaiata’, ‘rendere
Iob 30 ,11; Abac. 3,9 cong.; ‘ tirante della tenda’: una cosa (numericamente) dispari’; ‘tendere (l’arco)’;
Iob 4,21; K B L 3 421) e mètdr (‘corda dell’arco’: Ps. ‘danneggiare’ ecc. (Lane 8,2917-2919; Wehr 929). Si
2 1,13 ; ‘ tirante della tenda’: Ex. 35,18; 39,40; Num. deve piuttosto pensare, ad es., con Ibn Barun, a ’tr
3,26.37; 4,26.32; Is. 54,2; Ier. 10,20; Iob 17 ,1 1 (ad es. ’atdra ‘resto, avanzo, rimasuglio’; ’itàr ‘pre­
cong.; K B L 3 548). dilezione’, Lane 1,18-20; Wehr 4), oppure con Jo ­
ùon (174) a trw (1 ‘diventare molto per numero o
La radice jtr 1 (o l’affine 'tr/wtr) è attestata in tut­ quantità’; ‘essere o diventare ricco’, Lane 1,335 s.;
te le lingue semitiche e non è difficile riconoscere un Wehr 90). In etiopico il verbo tarafa, che «vicina vi-
significato primario ‘essere in eccesso’. L ’acc. wtr - dentur jàtar», significa «reliquum esse vel fieri, su­
usato di frequente principalmente in testi di natura peresse, residuum esse, restare»; «remanere» ecc.
economica, ma talora ancne in documenti matemati­ (C.F.A. Dillmann, Lexicon, 1965, 557 s.). Mentre,
ci e astronomici e in alcuni testi mantici - è rappre­ come si è detto, le attestazioni delia radic e jtr 1 in ara­
sentato soprattutto dal verbo atdru (watdru) che nel­ maico antico non sono naturalmente molto numero­
la forma base significa ‘superare di numero o di di­ se (come verbo al p e'al ‘essere disponibile in abbon­
mensione’, ‘superare per importanza o qualità’; nel­ danza’; al pa‘el ‘fare molto’; al haf'el ‘moltiplicare,
la forma intensiva raddoppiata ‘diventare più im­ rendere utile’ e come nome in jtr ‘resto’. Segert, Alt-
portante o ricco’, ‘crescere di numero o di dimen­ aram. Gramm. 537), nell’aramaico postbiblico la
sione’; nella forma § (sùturu) causativa ‘far aumen­ radice compare abbondantemente (pe‘al ‘restare, ri­
tare o superare’ (CAD 1/11 487-492). Col suddetto manere, avanzare’; pa'el ‘far rimanere, lasciare (co­
verbo sono connessi, tra l’altro, il sost. atartu ‘ecce­ me avanzo, resto)’, ‘aggiungere’, ‘fare qualcosa in ec­
denza’ (usato soprattutto nei bilanci economici, ma cesso’; a f e l ‘lasciare, far avanzare’, ‘far avere ab­
poi anche per le superfici, le aree ecc.), anche ‘esage­ bondanza’; h/itpa'al ‘essere lasciato (fuori, come re­
razione’, cioè ‘menzogna’ (cfr. sa atrdti ‘colui che sto, in vita)’, ‘aggiungere’, ‘essere aggiunto’ ; istaf'al
mente’, ‘bugiardo’, CA D 1/11 485 s.); inoltre l’agg. ‘essere lasciato, rimasto’; con i derivati j&trdn, jattir,
atru ‘eccessivo’, ‘sovrabbondante’, ‘ulteriore’, persi­ jitrà' ecc.: Levy, WTM 11 279; Dici. Palm. 604 s.;
no ‘straordinario’ ma poi anche ‘esagerato’, ‘menzo­ Dalman, Aram.-Neuhebr. Hw., 1967 = 1938, 190).
gnero’ (CAD 1/11 499-501); infine il sost. atru ‘ag­ Situazione analoga si ha in mandaico (pe‘al ‘essere
giunta’, ‘pagamento aggiuntivo’, anche in generale moltiplicato o ingrandito’; pa'el ‘moltiplicare’, ‘di­
‘prezzo’, ‘costi’ ecc. (CAD t/ri 50T s.). In alcune at­ ventare ricco’; etpa‘al ‘diventare ricco’; con i deriva­
testazioni ugaritiche, particolarmente in N P come ti iatir, iatarta, iutrana, iatruta, tia.truta\ MdD 194;
(bn) jtr, jtrhd e jtr‘m (UT nn. 1170, 117 1,117 3 ; cfr. cfr. R. Macuch, Handbook, Oxford 1965, 309. 419
anche nn. 1172, 1174, x175; WUS nn. 1258-1262), s. 437). Stessa situazione nel siriaco (dove il verbo
l’elemento jtr ha probabilmente la funzione di sot­ itar ha al p e'al il significato base ‘restare, essere su­
151 (111,1082) jàtar 1 (T. Kronholm) (111,1083) 152

perfluo’; al pa'el ha senso causativo; nella forma primario, ‘essere eccessivo, eccedente’ ecc. si può
a f'e l ‘avere più che a sufficienza’, ‘essere eccedente’, scorgere facilmente in / Sam. 15 ,15 , dove si dice
ma anche ‘essere utile’; nella forma etpa'el ‘essere che gli Israeliti risparmiarono il meglio delle pe­
diventato eccessivo’, ‘essere superiore’ ecc. I derivati core e dei buoi del bottino preso agli Amaleciti e
sono jutràn/d', jatt/utd\ mawtrànùtà\ mejatter&td\
«applicarono l’interdetto a ciò che ancora ne re­
tawtdr ecc.: Thes. Syr. 1 1648-1654; Brockelmann,
Lex. Syr. 312-314). Nell’ebraico postbiblico la radi­ stava» (H.J. Stoebe, K A T vm /i 288).
ce è documentata con pari abbondanza (come verbo b) Nelle 81 ricorrenze del verbo jtr 1 al nif.
con i derivati jàtér, jeter, jitròn ecc.: Levy, WTM 11 dell’A.T. (incluso 2 Sam. 17 ,12 , dove si deve forse
278 s.; D ia. Taltn. 604 s.; Dalman, AuS 190). interpretare nwtr [T.M. notar] come hif. [LX X :
•j7roXen|'ó(Ac$a|; cfr. K. Budde, K H C ad /.; v. an­
In ebraico biblico la radice jtr 1 è attestata sia che G K a § io9d) si può facilmente rilevare un si­
nella forma verbale (ni/. 81 volte [Tl IA T u 846: gnificato base riflessivo o passivo ‘dimostrarsi ec­
82 volte, ma cfr. K B L 3 431]; hif. 24 volte) sia in cedente, eccessivo’, ‘esser fatto avanzare’ ecc. C o ­
quella nominale (jeter 95 volte, di cui 44 nella lo­ sì, ad es., in Ex. 10,15 si ricorda che dopo l’aggres­
cuzione jeter dibrè nei libri dei Re e nelle Crona­ sione delle cavallette agli alberi e ai campi «non
che; jotèr/jotèr 9 volte, di cui 7 volte nell’Eccle- era rimasto niente di verde» (fa'-notar kol-jerek).
siaste; jàteret 11 volte, di cui 9 nel Levitico; jit- Nella maggior parte dei casi si tratta di cose per­
rà/jitrat 1 volta ciascuno; jitròn 10 volte, tutte nel- fettamente normali appartenenti alla vita di ogni
l’Ecclesiaste; mòtàr 3 volte). In aramaico biblico giorno:
s’incontra soltanto l’ aggettivo/avverbio jatt/jatti-
Giacobbe rimase da solo allo Jabboq (Gen. 32,25);
rd(’ ). I nomi propri formati con elementi apparte­
Jotam fu l’unico dei figli di lerubbal a restare in vita
nenti al campo lessicale di ‘eccedente, eccessivo’
(Iud. 9,5); David chiede se sia rimasto in vita ancora
(cfr. K B L 3 430 ss.) sono derivati da jtr e non da qualcuno della casa di Saul, al quale poter dimostra­
s 'r (v. sotto). Alcuni N P risalgono alla radice jtr re la propria misericordia (2 Sam. 9,1); Asa prese tut­
(cfr. IP N nn. 31.193.783.784): 'ebjdtdr(i Sam. 22, to l’argento e l’oro rimasto nella stanza del tesoro
20-23,9; 30,7; 1 Reg. x,7 ss.; / Chron. 15 ,11 ecc.); del tempio e in quella della reggia dandolo in dono
hòtir (/ Chron. 25,4.28; cfr. ZAW 75 [1963] 308); al re degli Aramei (/ Reg. 15,18); Elia crede di essere
jeter (Ex. 4,18 = jitró Ex. 3,1 ecc.; Ind. 8,10; 1 Reg. rimasto l’unico profeta di Jhwh (/ Reg. 18,22; 19,10.
2,5.32; / Chron. 2,17 = jitrà \ 2 Sam. 17,25; 1 14).
Chron. 7,38 = jitran 1 ecc.);jitrdn 11 (Gen. 36,26; Quando si applica l’interdetto non viene lascia­
1 Chron. 1,41); jitre,am (2 Sam. 3,5; 1 Chron. 3, to in vita nessuno: nessun superstite tra gli Ana-
3); parimenti alcuni toponimi: jattir/jattir (Ios. 15, kiti (Ios. 11,2 2 ; cfr. v. 1 1 : «nessuna nesàmà»), nes­
48; 1 Sam. 30,27 ecc.) e il nome gentilizio jitrì o sun sopravvissuto tra gli Amorrei (7 Reg. 9,20 s.).
hajjitri (2 Sam. 23,38; 1 Chron. 11,40; 2,53, cfr. Dopo la caduta di Samaria Gerusalemme è rima­
K B L 3 432a). sta «come un capanno nella vigna e come una ca­
Nelle attestazioni bibliche della radice jtr 1 in panna per la notte in un campo di cetrioli» (Is. 1,
generale si può registrare come significato prima­ 8; si noti il seguito: «Jhwh ci ha lasciato in vita
rio ‘essere eccedente, esuberante, restante’, men­ [hif.] un piccolo resto [sarid]»). Isaia dice a Eze­
tre la radice -» s ’r che funge in alcuni casi da pa­ chia: «Tutto ciò che è in casa tua... sarà portato
rallelo ha il significato base ‘restare, essere rima­ via a Babilonia: non resterà nulla» (2 Reg. 20,17 =
sto’ ed è, con le sue 226 ricorrenze nell’A.T., quel­ Is. 39,6).
la più ampiamente diffusa del campo lessicale (cfr. Is. 1,8 s. tocca il concetto di resto (cfr. W.E.
Hasel, *1974; T H A T ii 844-855). A questo cam­ Miiller - H .D . Preuss 44-46), come avviene anche
po lessicale appartiene inoltre -» plt ‘essere scam­ in Is. 4,3: «Allora verrà chiamato santo chi anco­
pato, salvato’ e anche ‘essere/diventare restante’ ra è rimasto in vita (nis'àr -» s ’r) in Sion e chi è
(80 volte nell’A .T., cfr. T H A T 11 420-427) e -» srd sopravvissuto (notar) in Gerusalemme»; cfr. an­
‘sottrarsi (con la fuga)’ (29 volte nell’A .T., cfr. che Ezech. 14,22: «Vi resterà in vita un resto (pe-
G L N T vi 538-574). Come contrario di jtr 1 viene lèta)». A l contrario, per Amos i dieci sopravvis­
usato soprattutto -» hdsèr ‘mancare di’, ‘sentire la suti di Samaria dovranno morire (Am. 6,9). Il
mancanza di’. Deuterozaccaria prevede che i due terzi della po­
polazione verranno sterminati e ne resterà in vita
11.1.a) Nella forma base (q a l) il verbo jtr 1 com­ soltanto un terzo (Zach. 13,8); ma alla fine dei
pare in ebraico biblico solo al ptc. attivo sostanti­ tempi tutti quelli che tra i popoli della terra sa­
vato jotèr/jotèr e jàteret (v. sotto). Il significato ranno sopravvissuti si recheranno a Gerusalemme
1 53 (111,1084) jàtar i (T. Kronholm) (111,1085) M4

per celebrare la festa delle capanne (Zach. 14,16). Spciser, A B 1, 364; E.A. Speiser, Orientai and
Alcune norme rituali contengono il verbo jtr. Biblical Studies, Philadelphia 1967, 476 n. 26;
Così niente dell’agnello pasquale deve essere fat­ K B L J 431).
to avanzare (hif.) fino al mattino seguente; ma se 2. Il sost. masch./e/er 1 collegato con jtr 1 (in to­
avanza (nif.) qualcosa, si dovrà bruciarlo (Ex. 12, tale 95 volte nell’A.T.) denota in generale P'ecce-
10). Ugualmente si dovranno bruciare gli avanzi denza’, il ‘sovrappiù’, dunque il ‘resto’. In tale ac­
dei sacrifici offerti alla consacrazione dei sacer­ cezione il sost. è considerato soprattutto in una
doti (Ex. 29,34; Lev. 8,32); lo stesso vale per i sa­ prospettiva negativa, implicando l’idea di una
crifici pacifici (sclàmim, Lev. 7,17; 19,6). N el ca­ quantità o di una qualità residua e quindi mini­
so degli altri sacrifici ciò che ne resta viene man­ ma. Così, ad es., in Ex. 2 3 ,11 si dice a proposito
giato dai sacerdoti (Lev. 2,3.10; 6.9; 10,12). del prodotto della terra nell’anno sabbatico che i
poveri ne mangeranno «e il loro resto (ciò che
Dan. 10,13 è problematico. Il T.M. legge iva’dni essi avranno lasciato) lo mangeranno gli animali
notartisàm, che non va affatto corretto in w e’òtó bo­
selvatici della campagna». Si ha un concetto ana­
tarti sàm come fa, ad es., R.H. Charles, Comment­
logo in Ex. 10,5: le cavallette divoreranno «ciò
ary, 1929, 262 con riferimento ai L X X e a Teodo-
zione. La cosa migliore è mantenere il T.M. e inten­ che è rimasto e che vi è stato risparmiato ancora
dere la frase nel senso «e io divenni lì superfluo / non dalla grandine»; la stessa idea è variata ancor più
più necessario» (così Bentzen, H AT 1/192, 72; Plò- chiaramente in Ioel 1,4: «Ciò che il bruco lasciò
ger, K A T xvm 145). Difficile è anche 2 Chron. 31, 10 divorò la locusta. L ’avanzo della locusta lo di­
10, dove il T.M. (wehannótàr 'et-hehdmón hazzeh) vorò il grillo. I resti del grillo li divorò la caval­
può forse venire tradotto liberamente «e così abbia­ letta» (H.W. Wolff, BK xiv/22 19). Così anche a
mo questa grande quantità» (J.M. Myers, AB 13, proposito «del vasellame ancora residuo» rimasto
181); spesso si ricorre all’espediente di correggere
a Gerusalemme e appartenente al tempio (Ier. 27,
hannòtàr in wannótér o wannótar con i LX X , op­
19); così anche del legno da ardere rimasto («il
pure di emendarlo in w'hinnèh notar con W. Ru­
dolph (HAT 1/21, 305). - Tutte quante le 51 ricor­ suo resto», Is. 44,19 jitró = se,èrìtó al v. 17). Rien­
renze del ptc. nif. sono determinate. trano probabilmente in quest’ambito anche Ps. 17 ,
14 e Iob 22,20, dove non si tratta certo di «ab­
c) N elPA.T. le attestazioni di jtr 1 h if sono 24. bondanza, ricchezza» (BD B 452: così anche E.
La maggior parte di queste può essere letta in Dhorme, Jo b , ad /.), bensì di beni rimasti, «un re­
senso fattitivo, ‘far restare’. Così in Ex. 12 ,10 a sto per i loro figli» (H.-J. Kraus, B K x v /15 272;
proposito dell’ agnello pasquale si dice w 'ió'-tt 5- Ps. 17,14). Secondo Iob 22,20 il fuoco ha divorato
tiru mimmennu 'ad-bòqer «non dovrete farne 11 resto (il lascito). Nel caso di jitrdm in Iob 4,21
avanzare niente fino al mattino»; similmente si non si tratta evidentemente di jeter 1 (cfr. E. Dhor­
dice della manna (Ex. 16,19 s*)» del sacrificio di me ad /.), bensì di jeter 11 ‘ tirante della tenda’ . A l­
ringraziamento (Lev. 22,30), dei nemici (Num. trove il sost. jeter, che deriva da jtr 1, viene talora
33,5 5; 2 Sam. 17 ,12 ; anche in Is. 1,9 [v. sopra]; Ier. usato a proposito di persone sopravvissute, indi­
44,7 [«nessuna s e’érit*)\ Ezech. 6,8; 12,16; 39,28). vidualmente (Deut. 3 ,1 1 ; 28,54; Ios. 12,4; 13,12 ) o
Alcuni esempi hanno forse il senso causativo di collettivamente (Ios. 23,12; 2 Sam. 21,2; 2 Reg.
‘produrre qualcosa’, cioè ‘donare sovrabbondan­ 2 5 ,11; Ier. 52,15; Ezech. 34,18; Mich. 5,2; Soph.
za’ (Deut. 2 8 ,11; 30,9; così evidentemente anche 2,9 );
Ps. 79 ,11 T.M .; cfr. H .-J. Kraus, B K xv/2J 714; la Si ha un uso semanticamente sbiadito della ri­
migliore traduzione dell’imperativo hòtér è pro­ manenza in una serie di passi dove la concezione
babilmente «da’ un esubero [di vita]», «dona so­ di resto viene subordinata al punto di vista del
pravvivenza» oppure più semplicemente, con racconto o del narratore. Ciò vale particolarmen­
Kraus 713 , «conserva»); altri significano ‘avere te per l’espressione, in realtà quasi una formu­
(ricevuto) qualcosa’, cioè ‘avere sovrabbondanza’ la, ricorrente con notevole frequenza soprattutto
(Ex. 36,7), ma abbastanza spesso in senso atte­ nelle opere storiografiche deuteronomistiche e
nuato, ‘ rimanere / avere ancora’ (Deut. 28,54; 2 cronistiche, jeter dibre... (cfr. M. Noth, B K ix/i
Sam. 8,4; 1 Chron. 18,4; anche Ecclus 10,27; va 241), «il resto delle cose di...», cioè «ciò che resta
notata particolarmente l’associazione «mangiare ancora da dire di...», «tutto il resto che riguar­
- [saziarsi] - far avanzare» in 2 Reg. 4,43 s.; 2 da...» (M. Noth 241; così in / Reg. 11,4 1 e altre
Chron. 31,10 ; Ruth 2,14.18). Infine in Gen. 49,4 41 volte nei libri dei Re e delle Cronache; inoltre
si ha probabilmente un hif. elativo, ‘avere la pre­ le forme più ampie jeter kol-dibrè... in 1 Reg. 15,
minenza’, ‘essere primo’ (cfr. l’acc. sùturu, E.A. 23 e jeter d ebàrdjw in 2 Chron. 28,26). Una fun­
ij5 (iii , io 86) jàtar I (T. Kronholm) (ni,1086) 156

zione affine del termine jeter ricorre in alcuni pas­ tér/jótèr si può individuare una funzione avver­
si, nei quali denota quanto avanza o resta di un biale, come si rileva, ad es., da Eccl. 7,16 dove jò-
gruppo di persone già descritto o menzionato, tèrUharbeh ha il senso, ampiamente attestato nel­
dunque il resto = l’altro, gli altri, i restanti ecc. (2 l’ebraico postbiblico, di ‘ eccessivo’, ‘ molto’ (cfr.
Sam. 10,10; 12,28; 1 Reg. 12,23; ^er- 29>I ! Ezech. Dict. Talm.): «Non esser troppo giusto e non cer­
48,23; Nehem. 6,1; 1 Chron. 19 ,11); così pure per care di apparire eccessivamente saggio». Anche in
denotare un resto imprecisato, una maggioranza Eccl. 2,15 c possibile cogliere la funzione avver­
(Ind. 7,6; 1 Sam. 13,2) oppure il popolo comune biale ‘eccessivamente’, ‘ troppo’. Come spesso nel­
in antitesi alle classi dirigenti (Nehem. 2,16; 4,8. l’ebraico postbiblico, jótèr seguito da min signifi­
13). Così jeter può indicare anche il resto, cioè le ca ‘più di’ (Eccl. 12,12; Esth. 6,6). In un caso jótér
altre, le rimanenti parti di un paese, di un territo­ è unito a se: l’espressione w ejótér sehdjà qóhelet
rio ecc. fino a quel momento non ancora menzio­ hàkàm (Eccl. 12,9) può significare «non solo Q o-
nate (Deut. 3,13; Ios. 13,27), o anche il resto di al­ helet fu lui stesso un sapiente...» (R. Gordis 200,
tre cose descritte (Lev. 14,17: dell’olio; Num. 31, con riferimento a bPes. ii2 a ; bjeb. ii3 a ) oppure
32: del bottino) o di anni (Is. 38,10). «a ciò si deve aggiungere: Qohclct fu un ‘sa­
In Prov. 1 7,7 s’incontra un significato eviden­ piente’» (H.W. Hertzberg 215 s.).
temente diverso di jeter connesso col concetto di
fondo di qualcosa di eccessivo, di traboccante, di 4. Il termine jóteret che compare 11 volte in Eso-
fuori misura: s efat-jeter (a meno che il T.M . non do-Levitico denota il ‘lobo (epatico)’, lett. augmen-
vada emendato con i L X X in sefat-jòser, cfr. tum, redundans, così come in Saadia: zijàda (cfr. W.
Gesenius, Thesaurus, 1853, 645 s.). Il termine non
BH S), il «labbro della smodatezza» non significa
compare mai isolato, ma solo insieme con kàbéd 11
probabilmente tanto il «parlare arrogante» (BDB ‘fegato’, al quale è unito con un nesso genitivale (st.
452) quanto piuttosto le parole esagerate e quindi cs.), jóteret hakkàbèd (Ex. 29,22; Lev. 8,16.25; 9,19)
il «discorso bugiardo» (H. Ringgren, A T D 16/1, o preposizionale, bajjóteret min-hakkàbéd (Lev.
71). U n’accezione simile del termine sta verosi­ 9,10) e bajjóteret 'al-hakkàbèd (Ex. 29,13; Lev. 3,4.
milmente alla base di alcune locuzioni avverbiali: i o . i j ; 4,9; 7,4). Negli 11 testi si considera il fegato
gàdól jeter m e,5d «anzi enormemente grande» di tre diversi animali: della pecora, della capra e del
(Is. 56,12); ‘al-jeter «smisurato» (Ps. 31,24; non bue. In 6 di questi passi il lobo epatico è menziona­
solo «con piena misura», H.-J. Kraus, B K x v /i} to in un’enumerazione delle parti che vanno offerte
nei sacrifici pacifici (s'iàmim); il lobo appare talora
393) e wattigdal-jeter «e (il corno) divenne smi­
prima talora dopo i reni. Nei restanti 5 passi (Lev.
suratamente grande/grandissimo» (Dan. 8,9). 3,4.10.15; 4,9; 7,4) la menzione del lobo epatico vie­
3. Fatta eccezione per 1 Sam. 15,15 (v. sopra), ne seguita da una precisazione supplementare dal te­
il ptc. qal jótèr/jótèr compare solo in testi relati­ nore sempre uguale: «Lo si asporta insieme con i re­
vamente recenti (9 volte in Ecclesiaste ed Ester). ni» (meglio che «lo si stacca dai reni», K. Elliger,
Al pari di jitròn (che s’incontra unicamente nel- H AT 1/4, 47; cfr. Rost 35-41). Grazie allo studio
l’Ecclesiaste) e di màtàr (usato solo in contesti sa­ specifico di L. Rost è stato possibile dimostrare che
pienziali, precisamente in Proverbi ed Ecclesia­ in tutte le attestazioni dell’A.T. jóteret denota il lo-
ste, v. sotto), jótèr/jótér ha primariamente un con­ bus caudatus (cfr. anche mTam. 4,3). Poiché nel fe­
gato del bestiame minuto il lobus caudatus è diverso
notato economico: ‘avanzo’, ‘profitto’ o anche,
da quello del fegato dei bovini e, inoltre, venendo
più genericamente, ‘vantaggio’. Tale accezione ri­ evidentemente nell’antichità preso in considerazio­
sulta evidente in Eccl. 7,n dove la sapienza, para­ ne solo il fegato degli ovini per la ben nota prassi
gonata a un’eredità (per 'im cfr. R. Gordis, Kohe- mantica, diffusa soprattutto in Mesopotamia, del-
lethy 31973, 273), viene definita «un profitto / un l’epatoscopia (cfr., ad es., S.R. Driver, The Book o f
vantaggio per coloro che vedono il sole» (il ter­ Exodus, 1 9 11,3 17 ; Meissner, BuA 2, 267 ss.; BHHW
mine parallelo è tóbà). Il medesimo significato di 1061), mentre il fegato bovino non veniva usato per
‘vantaggio’ soggiace a jòter in Eccl. 6,8: «Che van­ l’epatomanzia, non si può escludere che L. Rost (37)
taggio ha il saggio rispetto allo stolto?», che si­ abbia ragione quando osserva che «se le norme sa­
crificali prestano comunque attenzione anche al fe­
gnifica di fatto «in che cosa il saggio è su p erio re
gato bovino, si tratta di un ampliamento secondario
allo stolto?», giacché «nell’Ecclesiaste mh-jtwn o di una regola canonica richiesta in origine solo per il
m h-jwtr rappresenta sempre una domanda reto­ fegato del bestiame minuto» (cfr. inoltre K. Elliger
rica» (H.W. Hertzberg, K A T xvil/4-5 130); ana­ 52; G.F. Moore, Fs. Th. Nòldeke, 1906, 761 ss.).
logamente in Eccl. 6 ,11 si legge: «Che prò ne vie­
ne all’uomo?». 5. Il termine jitrà (Is. 15,7) o jitrat (mss.: jitrdty
Come già per jeter (v. sopra), anche per jo - Ier. 48,36; cfr. BLe 6z\) che compare solo 1 volta
1 5 7 ( 111 , 1087 ) jatar 1 (T. K ro n ho lm ) ( i t i , 1088 ) 158

in Isaia e 1 in Geremia può essere spiegato come considerato un rapporto tra guadagni e perdite:
derivato di jtr 1 e significare ‘ciò che è avanzato’ «La sapienza ha un guadagno rispetto alla stol­
(K B L 5 4 3 1). Così, ad es., in Is. 15,7: «Perciò quan­ tezza, così come la luce ha un’eccedenza rispetto
to è ancora rimasto e ciò che è stato tenuto in alle tenebre» (2,13; cfr. G K a § 24e). Questo van­
serbo essi lo portano via oltre il Fiume de’ Salici» taggio della sapienza può essere definito sotto
(H. Wildberger, B K x/2 588), ma non si può esclu­ l’aspetto della sopravvivenza: «La sapienza man­
dere del tutto il significato di «abbondanza* (O. tiene in vita chi la possiede» (7,12 T.M .; per il te­
Kaiser, O T L 58). sto v. H.W. Hertzberg, K A T xvn/4-5 130).
6. La forma nominale jitròn compare solo nel-
l’Ecclesiaste (cfr. BLe 6in'S; S.J. du Plessis, Fs. A. In relazione a questo rimane incerto il significato
v. Selms, 19 71, 164-167). Essa ha, come si può ri­ di w ejitròn haksèr hokmà in Eccl. io, 10 (breve pa­
noramica delle varie interpretazioni proposte in R.
levare facilmente, una forte connotazione econo­
Gordis, Kohelet,51973, 321 s.). Si dovrà forse emen­
mica che le deriva da jtr 1. Sebbene non manchino
dare il testo in hàkisrón w ejitròn hokmà con H.W.
le ragioni per ritenere «che le forme con jtrwn in Hertzberg: «C’è un guadagno e un vantaggio della
Qohelet risentono dell’influenza dell’uso lingui­ sapienza» (182; simile la proposta di K. Galling,
stico della retorica antica» (Braun 48), il significa­ H A T 1/181, 116) o cambiare soltanto haksèr (inf.
to di jitròn è condizionato da jtr 1 nel senso di ass. hif.) in haksir (inf. cs.) con L. di Fonzo: «Giova
«‘ciò che rimane’, - il saldo positivo, se c’è, nel dunque ‘tenere in efficienza’ la sapienza» (Ecclesia­
bilancio di una vita» (E.H. Plumtree, Ecclesiastes, ste, 1967, 294), oppure mantenere il T.M. (ad es. con
Cambridge 1881, 104), cioè l’insieme di quanto R. Gordis; BHS) e con riferimento a materiale com­
parativo ebraico postbiblico interpretare «ma è un
nella vita di un uomo positivamente rimane come
vantaggio preparare in anticipo la propria abilità»
«risultato» e di ciò che ne resta come «profitto»,
(R. Gordis 192. 321 s.)? Sono probfematiche anche
o «beneficio» in eccedenza (K B L } 432), senza che le altre due ricorrenze del termine jitròn in Eccl. 10,
sia sempre possibile mantenere una chiara distin­ 1 1 dove, facendo seguito alla frase precedente, il ter­
zione tra i due punti di vista. Il significato del ter­ mine significa con una certa probabilità «se il ser-
mine jitròn può essere determinato anche per via entc morde senza essere incantato l’incantatore non
negativa mediante il suo contrario hesròn usato in a alcun vantaggio» (H.W. Hertzberg 182; simil­
Eccl. 1,15 (hap. leg.), che nell’accezione economi­ mente A. Lauha 186), e il testo estremamente diffi­
ca significa «deficit» (M. Dahood, Bibl 47 [1966] cile di 5,8: w rjitròn 'eres hakkol hV melek l esàdeh
ne'èbàd (per la discussione v. spec. H. Odebcrg, Qo-
266; Bibl 33 [1952] 221; voi. in 10 3 -115 ; ma cfr.
hteloet, 1929, 47 s.; L. di Fonzo 204 s.; R. Gordis 250;
Braun 47 s.). N el caso di jitròn si tratta dunque A.T. Varcla, The Bible Translator 27/2 [1976] 240
dell’ «eccedenza», del «provento» che denota «nel s.), la cui migliore traduzione è forse, confrontando
linguaggio commerciale il ‘guadagno’, il ‘profit­ Targum e Ibn Ezra, «il vantaggio del paese è supre­
to’, la ‘somma finale’» (A. Lauha, B K xix 33; cfr. mo; persino un re è soggetto al suolo» (R. Gordis
Ch.F. Withley, BZAW 148, 7). L ’interrogativo 166; cfr. 250).
fondamentale, esistenziale, certamente retorico di
EccL 1,3 recita: «Qual è il profitto dell’uomo con 7. Come si può precisare il senso del termine
tutta la fatica di una vita?» (il tentativo di M. D a­ jitròn negativamente mediante il contrario hesròn,
hood, Bibl 47 [1966] 265 di interpretare b'kol- così il significato del termine parallelo mòtar vie­
‘àmdlò come «da tutta la sua pena» non convin­ ne determinato dall’espressione opposta mahsòr
ce). Una domanda retorica di eguale natura com­ ‘ mancanza’ ecc. (-> hsr) in Prov. 14,23 e 21,5 co­
pare in 3,9, evidentemente come conclusione del­ me ‘vantaggio’, ‘guadagno’, ‘preferenza’ ecc. (cfr.
le 28 sentenze del periodo di 3,2-8 concentrate K B L 3 534). Ciò vale anche per l’ultima attesta­
attorno al termine ‘et: «Qual è (allora) il profitto zione dell’A.T. (Eccl. 3,19), dove si tratta della
della persona attiva se si affatica?» (cfr. J.A . L ea­ «superiorità degli uomini sugli animali» (H.W.
der, BZAW 152, 32). Così anche dell’uomo cadu­ Hertzberg, K A T xvn/4-5 97).
co, sottomesso al destino divino: «Qual è per lui 8. Nel suo collegamento con jtr I l’aramaico bi­
il profitto se si affatica (soltanto) per il vento?» blico jattir va inteso primariamente come aggetti­
(5,15). La risposta a domande di questo genere vo: ‘eccessivo’, ‘eccezionale’ ecc. (cfr. W. Vogt,
viene data in 2 ,11: «Sotto il sole non c’è alcun Lex. Ling. Aram. Vet. Test., 19 71, 78; TH AT 11
(reale) guadagno/profitto», perché anche «lo jit­ 846; Segert 537; v. anche 4.3.3.6.5). In Dan. 2,31 a
ròn del hdkdm non ammonta a niente e tutto ciò proposito della grande statua nella visione onirica
che ha è dolore e pene» (J.A. Loader 41). Paralle­ del re Nabucodonosor si dice che «il suo splen­
lamente il rapporto tra sapienza e stoltezza viene dore era straordinario» (ziwéh jattir); lo stesso si
1 59 (m.io^o) k e (K. Seybold) (rv,i) 160

dice in 5,12 dello «spirito eccezionale» di Daniele iQ pH ab 7,7 s. su Abac. 2,3a si legge: «La sua in­
(rùàh jattira); così anche in 6,4 (jattira’ ); in 5,14 terpretazione è che si procrastinerà l’estrema fine
si parla della sua «straordinaria sapienza» (hokmà dei tempi e (cioè) oltrepasserà di molto (w ejótèr
jattirà); infine nel racconto della propria espe­ *al) tutto ciò che i profeti hanno detto». In iQ M
rienza Nabucodonosor dice che quando fu rista­ 2,6 s’incontra il ptc. n if hannótàrót nel significa­
bilito nel regno «mi fu dato un potere eccedente to solito di «i restanti», poiché si parla semplice­
(= ancor più grande)» (O. Plòger, K A T xvm 70; mente dei 33 «restanti anni di guerra; hannótàrót
rebù jattirà husefat li, Dan. 4,33). Inoltre anche ricompare nella medesima funzione in iQ M 2,10.
per jattirà (cfr. sopra a proposito dell’ebr. jeter 1 14. In C D 2 ,11 si ha un htjr che potrebbe esser
e di jótèrjjàtèr) si ha una funzione avverbiale (cfr. letto hòtèr (inf. cs. h if di jtr 1) nel senso di ‘la­
Segert 5.5.8.5.2) col significato di ‘straordinaria­ sciare’, ma va probabilmente piuttosto interpre­
mente’, ‘tanto’, ‘molto’ ecc. (cfr. E. Vogt 78; Se­ tato riferendolo alla radice ntr (così, ad es., K.G.
gert 537; anche 7.2.4.1.2). Così a proposito della Kuhn, Konkordanz, i960, 95; cfr. anche jtrh in
fornace si dice che era «straordinariamente surri­ iQIsa* 1,8; P. Wernberg-Moller, JSS 3 [1958]
scaldata» (O. Plòger, K A T xviii 58: ’ézéh jattirà, 250). In C D 3,13 un nwtrw non ambiguo va letto
Dan. 3,22) e nella prima grande visione di Danie­ come perf. nif. (nóteru) e tradotto «essere restan­
le si dice chc la prima bestia era «fortissima» (taq- te, rimanere»: si tratta degli Israeliti fedeli al pat­
qifà ' jattirà', Dan. 7,7) e inoltre «eccezionalmen­ to, precisamente di quelli «di loro che erano ri­
te crudele» (d'hilà jattirà, Dan. 7,19). masti».
T. Kronholm

ili. La radice jtr 1 viene tradotta nei L X X in ma­


niera molto varia, ma nella maggior parte dei casi in
una qualche relazione con Xeitceiv e TxepicKJEUEiv (con
ampliamenti preposizionali). Il verbo jtr 1 al qal vie­ l *a k e
ne reso con Xoira)<; (di fatto solo in 1 Sam. 15,15; v.
inoltre in relazione a jótér/jòtér e jòteret)\ al nif. con 1. Derivazione e funzione. - u. Impieghi. - ni. Uso teo­
à7toXei7ictv, cyx.a'zoLXeinciv, EÙptaxsiv, xa- logico. —1. Contesti fissi. - 2. Casi particolari.
TaXeiTietv, xatàXoiTio^, Xot7tó<;, TiepLCTdEuetv, 7TEptcr-
<50$, Ttept-cTo^, ÙTtoXajApàvetv, ù^oàeitteiv, u7raXot-oc;; Bibl.: K. Aartun, Einige besondere Wortstrukturen im
al h if àra)XEt7rEiv, èyxaTaÀEtTìEiv, èx^eÌv, eùXoyeìv, Judisch-Aramàiscben:7D M G 130(1980) 1-14 .- E . Jen­
XaTaÀEtTIEtV, TtEplTKHEÌV, TlXr^UVElV (-UElv), TIoXlJOJ- ni, dmh, gleieben (THAT 1 451-456, spec. 453). - G.
p£tv, TtpoaxaTaXEtKEiv e ùtcoXeitteiv. Il sost. jeter 1 Johannes, Unvergleichlichkeitsformulierungen im A.T.,
viene reso generalmente con Xoittoc, (44 volte) o xa- diss. Mainz 1966. - E. Kònig, Historisch-kritisches Lehr-
TaXoiTioc; (17 volte); inoltre anche con eXX£i|j.p.a, lizi- gebàude der bebràiseben Sprache 11.1, Leipzig 1895,
Xoitco<;, xaTaXEip.(j.a (-Xi(j.(j.a), xataXeinciv, TiEpta- spec. 279-287. - C.J. Labuschagne, The Incomparatib-
csoc,, TTEpLTTO^, TiEptcTtià)^, tucttoq (?), 7tXeóva<7|/.a, imo- ility of Yahweh in thè O.T., Pretoria Orientai Series 5,
Xec7ieiv e 6koàoit:oc;. jótèrJjótér è reso con nepiaaeia Leiden 1966. - C.H. Scheele, Commentatio grammati-
(-ia), TOpiadEUEiv, 7reptcTao^ e -Epixxóc (jótèr min in ca-exegelica de hebr. particula ke, diss. Halle 1832. - E.
Esth. 6,6 con zi |J-y]); jòteret con Xo(3ó<;; jitrat con tte- Schwabe, k' nach seinem Wesen und Gebraucbe im alt-
piTiotEÌv (Ier. 48,36; nei LX X : 31,36; ‘al-kèn jitrà 'àsà testamentlichen Kanon gewiirdigt, diss. Halle 1883, 1 ­
in Is. 15,7 con |at) xaì ouxajt; (xeXXei <7io#r)vai); jitrón 44. dama.
con TtEpicrcTEia (-ia); mótàr con TiEpiaaeuetv e TtEptu-
aó<;; jattir/jattirà('), infine, è reso in maniera molto 1. La particella proclitica k e è nata probabilmen­
varia: con ayioc, (Dan. 5,12.14; 6,4; Teodozione: 7te- te dal morfema semitico comune ka (K BL), con­
piaaóq), Ù7rep<pepT)<; (Dan. 2,31), iraep<pép€iv (Dan. 7,7;
siderato generalmente un’espressione linguistica
Teodozione: KEpiaaci)!;) e Ó7i£p(<po|3oi;) (Dan. 7,19; originaria, un «suono dimostrativo elementare» e
Teodozione: Tceptcrtrotliq).
una «formazione linguistica primaria» (Kònig,
Schwabe) nel senso di «interiezione deittica»
iv. Nei testi di Qumran è possibile individuare (Brockelmann, Synt. § 1093). N on è probabile che
solo un numero limitato di esempi di un uso della derivi da un nome originario con il significato di
radice jtr 1. In iQ pH ab 7,7 s’incontra l’ espressio­ ‘somma, grandezza, uguaglianza’ ecc. (cfr. GesB).
ne avverbiale jtr 7 che va letta jeter ‘al (così E. Isolato è il parere di Kònig, secondo cui k e, come
Lohse, Die Texte aus Qumran, 19 7 1, 234; cfr. vi­ «espressione originaria dell’impulso al paralleli­
ceversa ‘al-jeter in Ps. 31,24) oppure meglio, con smo», avrebbe assunto poi gradualmente, «nella
il passo parallelo di 1Q 22 3,2 (jw tr 7 'rb 't; cfr. vita della lingua», funzioni più strutturate come
1Q 30 1,5: jw 'sr jw jtr //?/) come jótèr ‘al. In avverbio, preposizione e congiunzione (cfr. le for­
161 (iv,2) k' (K. Seybold) (IV,3) 162

mazioni con suffissi, da cui kemó [< kama] e ka- ne inserisce una nuova. Il parallelo tra frasi, con
'àser). intento dichiarativo, è ottenuto con k a ’àser, ad es.
In quanto particella funzionale k e rappresenta in Gen. 7,5: «E Noè fece tutto come Jhwh gli ave­
ogni tipo di parallelismo, rimandando per cosi di­ va comandato (kekól 'àser siwwàhu) (v. sotto, 111.
re a uno «sguardo laterale» (Kònig) verso ciò che i.f), mentre un parallelo di modi di agire, affer­
è uguale, simile, paragonabile, in riferimento a mati o pretesi, è espresso dall’avverbiale k c\ «Può
persone, grandezze, apparizioni (davanti a nomi), trattare nostra sorella come una prostituta (kezo-
ma anche ad azioni e avvenimenti (davanti a ver­ nà)ì» (Gen. 34,31, cfr. Iud. 9,16).
bi; spesso come espressione di simultaneità, k e 4. Frequentissima è la relazione con sostantivi,
con inf. o k a ’àser). k e collega perciò un elemento dove la posizione del nome nella frase è l’elemen­
dimostrativo (indicazione di ciò che è paragona­ to decisivo per il significato. Qui si può esprimere
bile) con un elemento associativo (nesso con gran­ concordanza, similitudine, corrispondenza, cioè
dezze paragonabili) e media così il processo di ogni forma di parallelismo, in modo tale che il più
pensiero elementare del comparare l’aspetto, per delle volte è possibile attribuire forza normati­
mezzo del confronto delPimmagine, fino alla di­ va al fenomeno conosciuto portato a paragone
chiarazione di concordanza e analogia nel giudi­ (Schwabe). La relativa chiarezza della correlazio­
zio concettuale. Questo processo viene espresso ne dipende dal tipo e dalla posizione del sostanti­
in ebraico, con o senza k e, soprattutto dai verbi -» vo. In massima parte il peso del paragone è natu­
dama ‘essere simile, paragonare’, -» màsal nif. ‘di­ ralmente nella frase nominale, ad esempio «Il pri­
ventare simile’, 'amarri ‘equivalere’, -» 'àrak ‘equi­ mo (bambino) venne fuori, rossiccio, proprio co­
parare’, -> sàwà ‘essere uguale, simile’ (Jenni, me un mantello peloso» (Gen. 25,25); «Come un
Preuss). bambino sopra di me, (così) è l’anima mia» (Ps.
La funzione sintattica del parallelismo caratte­ 131,2). Il confine rispetto all’affermazione meta­
rizza tutti gli usi di k c come preposizione, avver­ forica (senza k e) è incerto. L ’apparizione del co­
bio e congiunzione. siddetto k e veritatis degli antichi grammatici se­
gna il passaggio: «Egli era k e’is yèmet ( - un po’ co­
II. Per quanto riguarda la statistica delle più di me... oppure: come uno... solo può essere) - un
3000 (circa 3030) attestazioni nell’A.T. cfr. Jenni uomo di fede» (Nehem. 7,2); «È solo un passo (ke-
452 ss. L ’insieme delle attestazioni può essere ri­ fesa* = qualcosa come un passo) fra me e la morte»
partito secondo i due punti di vista sintattico e (1 Sam. 20,3). Va considerata la sequenza di pa­
contestuale, facendo emergere gli usi caratteristici. ragoni di immagini con k e in Cant. 4,1 ss., aperta
1. La costruzione del doppio k e... k e (anche da una frase nominale con valore metaforico: «I
ken) col senso di ‘come... così’ nel discorso diret­ tuoi occhi sono colombe» (T.M.); «I tuoi capelli
to («come il faraone, così sei tu», Gen. 44,18 - in sono come un gregge di capre..., i tuoi denti come
ebr. l’ordine delle parole è inverso) permette an­ un gregge di (pecore) appena tosate...; come un
cora di percepire parte della forza deittica e del nastro purpureo sono le tue labbra...» (cfr. 7,2 s.).
carattere gestuale (accennare col capo, guardare di 5. Jenni ha messo in luce che la relazione con
lato) che sono proprie della particella per sua na­ sostantivi di significato generale e astratto ricorre
tura (cfr. 1 Reg. 22,14). più frequentemente di quella con sostantivi di va­
2. La forma ampliata k emò (circa 120 volte) si lenza concreta. Ciò significherebbe che l’impiego
incontra, con l’eccezione di alcune costruzioni di k e serve più spesso al proposito razionale di ag­
con suffissi, solo in testi poetici (Salmi, Giobbe), giunta e integrazione del caso singolo, piuttosto
a quanto pare perché appariva originaria e rispon­ che al paragone illustrato.
deva meglio, anche nel ritmo della poesia, alla 6. La relazione generale di parallelismo tipica di
deissi di cui si è detto (ad es. Iob 19,22: «Perché k e comporta per sua natura una certa indetermi­
mi perseguitate allo stesso modo di Dio?» - k e- nazione, dato che permette di asserire nel miglio­
m ó-’él). re dei casi un’identità approssimativa, per lo più
3. Frequente è la relazione con infinitive (circa solo una corrispondenza parziale, dipendente dal
250 volte), soprattutto in caso di indicazione del­ giudizio soggettivo del parlante. Riflesso di un
la contemporaneità di azioni e corsi di eventi. Qui parallelismo generico e vago è il modo in cui, con
emerge pienamente la funzione di parallelismo l’uso di k e, restano implicite le relative preposizio­
della particella. «E accadde, quando Abramo ven­ ni, ad es. kahàlóm «come (in) sogno» (Is. 29,7).
ne in Egitto, che gli Egiziani videro...» (Gen. 12, Una stima comparativa, con riferimento a una da­
14). In un determinato momento dell’azione se ta scala di grandezze, quantità e misure sta anche
i <>3 (iv,4) k ' (K. Seybold) (iv,5) 164

alla base delle molte indicazioni generali e appros­ i paragoni di immagini introdotti per lo più da k e
simative: k ederek jòm «un viaggio di circa un gior­ servono a equiparare la figura dell’amata/o con
no» (N um . 1 1 , 31); k e,eser sdnim «circa dieci an­ l’ideale di bellezza dell’arte figurativa, in partico­
ni» (Ruth 1,4); k e>èfà «circa un’efa» (Ruth 2,17). lare di origine egiziana. La frase nominale di iden­
7. Certi usi e consuetudini, sulla via del modo tificazione, così come la frase nominale con il pre­
di dire e della formula, indicano più spesso l’esi­ dicato di paragone caratterizzato dal k e, sono
stenza di relazioni, come il paragone attestato 8 strumenti stilistici prediletti di questo tipo di poe­
volte nell’A.T. e assunto a proverbio relativo al- sia (cfr. 5,10 ss. con 4,1 ss.).
l’«empio»: k emos «come pula», oppure il topos at­
testato 3 volte in riferimento alla sàra'at (la cosid­ in. 1. Nel discorso religioso il k e rinviante a pa­
detta lebbra): «(fioccoso) come n eve» e anche il rallelismi non svolge altro ru o lo , ma ciò n o n o ­
paragone con la cera presente 4 volte (Mich. 1,4; stante, secondo il contesto e specialmente in re­
Ps. 22,r 5; 68,3; 97,5), il paragone relativamente lazione diretta con le caratterizzazioni di Dio, se­
frequente con animali (ad es. Ps. 1 1 , 1 ; 42,1; 59,7. gna un accento teologico particolare. L ’espressio­
15; 102,8; 124,7; V- sotto, 11.8) e con persone («co­ ne introdotta da k e, che paragona in modo con­
me David, come Daniele») o luoghi («come il L i­ trappuntistico, si sviluppa nella linea del paralleli­
bano» ecc.; Jenni 453, per riferimenti al nome di smo e la segue temporaneamente, entra precisa­
Dio v. sotto, in .i). mente nell’ambito della questione teologica fon­
8. Per quanto riguarda le forme espressive bi­ damentale dell’incomparabilità o meno della divi­
bliche, k e è connesso in modo particolare con il nità.
lamento della preghiera individuale, soprattutto a) Formulazioni fisse dell’incomparabilità di
nelle parti dedicate alla cosiddetta descrizione del Jhw h formano nomi propri che si riconducono a
misero. La loro funzione, ulteriormente sottoli­ una domanda («chi è come Jhwh, El, Dio?»), del
neata dalla particella, consiste nella rappresenta­ tipo mikdjdhù o mikd'èl. La domanda, che impli­
zione di sé e nell’identificazione di ruoli (cfr. Ps. ca una risposta negativa, presuppone un’espe­
38,14 s.; 88,6; 102,4 SS-J Nutrì. 12,9.12; Iob 6,1 5; rienza individuale del fatto che quello «sguardo
10,19.22; 19,22; 30,19; anche Is. 53,3.7). Il parlan­ laterale» verso qualcosa di comparabile, che di so­
te cerca attraverso il paragone (ad es. Ps. i i , i ) un lito è sempre possibile, qui diviene impossibile.
orientamento di massima, spesso anche la corri­ Come riconoscimento che cerca consenso, questa
spondenza con il rispettivo paradigma di compor­ affermazione si radica dunque non tanto nella po­
tamento. Un caso particolare di costrizione di lemica religiosa (Labuschagne 21 s. 126-128; cfr.
ruoli e immagini quasi magica è mostrato dall’ana­ Johannes 92 ss.) quanto in un’esperienza sconvol­
logia e maledizione di Ps. 58 (5 volte k emó, cfr. gente di Dio, unita alla nascita del figlio.
K. Seybold, Psalm L V III. Ein Lòsungsversuch: b) A questo corrisponde l’esistenza di esplicite
V T 30 [1980] 53-66; per formulazioni affini nelle formulazioni di incomparabilità, la stilizzazione
cosiddette preghiere di scongiuro, tutt’uno con la come domanda m i k e come l’affermazione nella
magia analogica, cfr. W. Mayer, Untersuchungen forma di ’èn k e. La maggioranza delle attestazioni
zur Formensprache der babylonischen fGebets- si trova in inni di glorificazione (ad es. Ex. 15 ,1 1;
beschwórungeriy Studia Pohl, Series maior 5, xvi, Ps. 89,7 ss.; 35,10; 7 1,19 ; 77,14; 113 ,5 ; Mich. 7,18;
Roma 1976, 362-373). e rispettivamente Deut. 33,26; 1 Sam. 2,2; Ps. 86,
9. Un ulteriore ambito di attestazione ricorren­ 8). I motivi di volta in volta addotti mettono in lu­
te è il discorso sapienziale, nella forma della sen­ ce che la dichiarazione di incomparabilità si basa
tenza (ad es. Ps. 32,9; 90,9; Prov. 23,7), del salmo su particolari esperienze di salvezza, che il pro­
di insegnamento sapienziale (ad es. Ps. 1,3.4; 49> fessante ha fatto o spera di fare. Così nel canto di
13 .2 1; 133,2 s.) o in altre forme letterarie sapien­ Anna: «Il mio cuore giubila Jhwh... Sì, mi ralle­
ziali (Iob 28,5; 38,14; 40,17 ss.; 41,16). Il maestro gro del tuo aiuto. Nessuno è santo come Jhwh,
tende all’illustrazione e all’ordinamento didasca­ (perché non vi è nessuno al di fuori di te) e non vi
lico di ciò che si va imparando attraverso ciò che è roccia come il nostro Dio» (1 Sam. 2,2). U n’ul­
già si conosce, e in questo k e si dimostra più volte teriore variazione ricorre nel discorso di Elihu:
utile come elemento di raccordo (cfr. Is. 55, 10 s.). «Guarda, Dio raggiunge la grandezza con la sua
10. L ’uso di k e è particolarmente rilevante e forza (elaborato nell’inno della creazione di 36,23
consolidato nel poema descrittivo, genere lettera­ ss.)! Chi è un maestro (móreh) come lui?» (Iob
rio (ar. wasf) testimoniato in Cant. 4,1-7; 5,10­ 36,22) (cfr. Labuschagne 22. 11 2 s., Jenni 455). Il
16; 7,2-10 (G. Gerleman, B K xviii/2, 58 ss.). Qui modo di dire è anche entrato come topos ricor­
i6s (rv.j) ke (K. Seybold) (iv,6) 1 66

rente nel repertorio del linguaggio liturgico uffi­ presentata con paragoni e —in questo caso —pre­
ciale (cfr. 2 Sam. 7,22; Ps. 89,7 ss.; 1 Reg. 8,23). sentata come non evidente e non comparabile. Il
c) Solo 4 volte k e e legato direttamente al nome locus classicus nasce dalla tradizione sinaitica:
di Jhwh (Ex. 8,6; Deut. 4,7; 1 Sam. 2,2; Ps. 113,5) «Hanno guardato il Dio d ’Israele, e sotto i suoi
- un segno di quanto fosse preso sul serio il rico­ piedi c’era (qualcosa) come formato (kem a‘àseh)
noscimento della sua incomparabilità. In questi di lastre di sappir e puro come il cielo stesso (ke-
passi, il paragone avvertito come impossibile si 'esem hassàmajim)» (Ex. 24,10). L ’espressione
ricollega anche alle divinità nell’ambito della vita ellittica - manca un soggetto esplicito - mostra
d’Israele (cfr. Deut. 4,32 ss.). D ’altro canto si di­ che si tratta di un’espressione già consolidata dal­
mostra anche impossibile se non il paragone l’uso. Cfr. inoltre ad es. Is. 30,27 ss.; Ps. 29,6; 18,
astratto (Ps. 8,6) almeno la pretesa dell’uomo, se­ 43; anche Ezech. 1 ss.; 8 ss.; 40 ss., così pure il to-
condo la formulazione del serpente in Gen. 3,5: pos «come cera» che compare 3 volte (Mich. 1,4;
«Essere come Dio (kè’lòhim), conoscendo il bene Ps. 68,3; 97,5).
e il male»; e nell’espressione in rapporto con la e) Vistoso è l’impiego piuttosto frequente nei
precedente di Ezech. 28,2.6: «... hai detto: io sono testi profetici, dove si presentano analogie relati­
un dio (’él) ... hai fatto il tuo cuore come il cuore ve alla storia della salvezza. k e vi compare come
di un dio (’élóhim)»: il tentativo naufraga con il no l’espressione più stretta e diretta della corrispon­
divino. Il paragone o la pretesa di esistenza nel denza, in particolare di future situazioni di sal­
senso delPidentificazione (ke) si imbatte nell’as­ vezza divina con avvenimenti trascorsi della sto­
sioma antropologico: «Sei polvere...» (Gen. 3,19), ria di salvezza d’ Israele. Ad es. Is. 28,21: «Sì, Jhwh
così come «Tu sei uomo, non Dio (’ é/)» (Ezech. si eleverà come il monte Pcrazim, fremerà come
28,2.6); cfr. però anche il capovolgimento teolo­ la valle di Gabaon»; Hos. 12,10: «Io sono Jhwh
gico: «Diventano simili (alle statue senza vita del­ tuo Dio dalla terra d’Egitto; ti farò vivere di nuo­
le divinità) coloro che le fanno» (Ps. 135,18). La vo nelle tende come nei tempi passati». Ancora
particella comparativa interviene al centro di una Is. 1,9.26;9,3; 23,5; Am. 9 ,11 \Hos. 2,5.17; Abd. 16;
esposizione teologica con l’immagine mitica reli­ Ier. 31,4; Ag. 2,3 ecc. Sorprendente è l’uso fre­
giosa dell’uomo (cfr. il rimbombo in lo b 40,9). A quente di k e in Hos. 14,5 ss. Jhwh si paragona, in
questo proposito è pertinente anche la similitudi­ prima persona nel discorso divino, alla «rugiada»
ne k e'àdàm - «come uomini dovete morire» nel­ (v. 6) e al «cipresso sempreverde» (v. 9), e para­
l’invettiva contro gli dei (Ps. 82,7; cfr. Hos. 6,7; gona Israele a diversi alberi, fiori e prodotti natu­
lob 31,33). rali, cosicché il mondo bello e sano della natura
d)Se è naturalmente obbligatorio l’uso della diventa immagine e similitudine della salvezza fu­
particella nella terminologia del confronto dei rac­ tura.
conti di visioni, la resa e l’adeguata descrizione di f) Come espressione di corrispondenza norma­
ciò che viene visto è ottenuta più facilmente con tiva k e viene impiegato nel linguaggio teologico,
un’espressione che pone il paragone, anticipata riferendosi alla concordanza di un modo di agire
dal segno indicatore k e. L ’oracolo in Num. 24,3 ss. con autorità o istanze superiori: l’autorità divina
raggiunge attraverso tale anticipazione una di­ (Ex. 7,20; 29,35), ^ legge (Deut. 4,8; cfr. 2 Reg. 17,
mensione teologica: «Come sono belle le tue ten­ 13; Num. 9,3.12), la prescrizione legale (2 Chron.
de, Giacobbe, le tue dimore, Israele! Come valli, 30,18), o citando i fattori ai quali Jhwh stesso de­
distese, come giardini presso il torrente, come ve adeguare il proprio agire: la sua grande mise­
querce che pianta Jhwh, come cedri presso l’ac­ ricordia (Ps. 106,45; io 9>26), la sua giustizia (Ps.
qua...!». Molto simile / Reg. 22,17: «Io (Michea) 35,24), la sua collera (Ezech. 25,14), la sua saggez­
ho visto l’intero Israele disperso sulle montagne, za (Esdr. 7,25). Quest’uso normativo denomina
come pecore che non hanno pastore». Fortemen­ «ciò che è determinante e autorevole di un’azio­
te caratterizzata poi, nella visione di Gioele, è la ne» («Massgebende einer Handlung», Schwabe
piaga delle cavallette nel giorno di Jhwh in Ioel 33) e diventa così un teologumeno etico (v. sopra,
2 ,1 - n ( 1 1 volte k e, cfr. anche Zach. 4,1; 5,9 ecc.). 11.8).
La particella diventa infine elemento stilistico co­ 2. Ad alcuni passi dove k e contribuisce a una
stitutivo delle visioni in Ezechiele e Daniele, ad specifica concettualizzazione teologica va dato
es. nella visione del Figlio dell’uomo in Dan. 7,4 particolare risalto. - Nella seconda definizione
ss. (v. sotto, 2). del locus della imago dei in Gen. 1,26 (P) k e entra
Una linea parallela emerge nelle teofanie, dove in relazione con l’astratto d emùt (-> dmh) per
l’apparizione di Jhwh di necessità dev’essere rap­ definire con maggior precisione il primo più am­
1*7 (iv>7) k ’b (R. Mosis) (iv,8) 168

pio concetto di brsalménù (-» slm): «Facciamo elementi linguistici somigliano a quelli di Gen.
l’uomo a nostra immagine, uguale a noi». Qui 1,26 ed Ex. 24,10. La descrizione è qui riservata
l’avverbiale kid'm utènu sottolinea, precisandolo, esteriormente in ogni originalità a ciò che è tema­
l’aspetto già implicato nella presentazione del­ tizzato. Una doppia frattura prende alla rappre­
l’immagine dell’uguaglianza fra uomo e Dio co­ sentazione tutto ciò che è direttamente evidente.
me idea conduttrice della creazione (1,27) e re­ La d emùtt in sé vaga, viene ulteriormente relati­
spinge una comprensione impropria del concetto. vizzata dal cauto k em ar’éb «sembra così come».
Più volte si parla esplicitamente di una analogia Si sottolinea così nettamente l’inadeguatezza del­
pianificata, voluta, in forma e funzione (i,26b), la descrizione. - L ’ uso frequente in Dan. mostra
persino di uguaglianza; alla particella k e tocca per che k e nella sua funzione comparativa e interpre­
così dire il compito di esprimere, in sostegno di tativa è diventato un elemento stilistico della de­
entrambi i concetti (immagine, uguaglianza), l’an­ scrizione di visioni, che allo stesso tempo vuole
dare e venire dello sguardo comparativo. esprimere e nascondere quel che è stato visto e
Gerì. 5,3 - se il T.M. va emendato in questo sen­ mantiene così continuamente l’ascoltatore e il let­
so - afferma che Adamo generò un figlio «uguale tore nell’ambito immaginario irreale della visione
alla sua immagine (k esalmó)», dunque k e viene apocalittica. Culmine della visione di Dan. 7 è il
nuovamente in aiuto per definire l’uguaglianza paragone: «Giunse qualcuno con le nuvole del cie­
con la forza di rinvio che gli è propria (cfr. T .N .D . lo, (che) aveva sembianza come di uomo» (k cbar-
Mettinger, A bbild oder U rbild?: ZAW 86 [1974] ’énds - nel significato di un solo uomo) che, con
403-424). - Anche Gen. 2,18.20 (J), la decisione lo sguardo agli animali fantastici descritti prece­
di Jhwh Elohim, creatore, di creare un aiuto per dentemente (cfr. 7,4 k e 'enàs\ presenta una figura
l’uomo affinché non fosse solo, descrive più pre­ contrastiva nella tematica e nella visione.
cisamente il progetto con il k e comparativo: «Un
K. Seybold
aiuto, (proprio) come uno che gli stia di fronte
(kenegdò ngd)». k e rinvia ancora una volta al
modello e all’esempio della creazione, qui nel sen­ i t o k 'b
so di un’idea conduttrice e di un quadro di riferi­
mento, che giunge, con una certa tensione, al con­
cetto astratto di «aiuto» e lo profila in modo per­ lH3 k‘ ’éb, 3 *9 Omak'db
sonale, persino nel senso della comparabilità e
della partecipazione (il dirimpettaio, colui che sta I. Aspetti generali. - 1. Lingue affini. - 2. Statistica. - 3.
di fronte). 11 paragone introdotto da k e pone con Significato di base. - n. L ’A.T. - 1. Il verbo. - a) qal. -
b) bif. - 2. Il sostantivo. - a) k*’èb. - b) mak'ób. - ili.
ciò misura e norma per l’opera pianificata di crea­
Uso teologico. - 1. Sofferenza ed educazione. - 2. Soffe­
zione. renza e peccato. —3. Sofferenza inspiegata. —4. L’«uo­
Il comandamento dell’amore nel codice di san­ mo del dolore». - rv. I LXX.
tità (Lev. 19,18: «Devi amare il tuo vicino come
te stesso» [-> ’àhabj) formula un parallelo tra Bibl.: J. Scharbert, Der Schmerz im A.T. (BBB 8, 1955,
l’amore per il prossimo e l’amore verso se stessi 41-47. 55-58). - K. Seybold, Das Gebet des Kranken im
A.T. (BWANT 99, 1973, 24 s.). - Per ulteriore biblio­
(come 1 Sam. 18 ,1, conformemente, fra amore
grafia -» hlb.
per l’amico e l’amore verso se stessi: ’hb k'nafsó)
e postula un equilibrio. L ’amore verso se stessi i.i. La radice k ’b/kjb ricorre al di fuori del­
fattivamente presente viene preso come misura e l’ebraico anche in arabo (W KAS 1 1 1 s.), ncl-
nello stesso tempo inteso come contrappeso, che l’aramaico dei papiri di Elefantina (cfr. DISO
necessita del bilanciamento continuo con l’amore 118), in aramaico giudaico (cfr. Levi, WTM s.v.
per il prossimo nel senso della legge santa. Di k ’b e k 'b ’ ), siriaco e mandaico (cfr. M dD s.v. kib
nuovo k e pone misura e norma (m .i.f). e kiba). Il Targum rende più volte con l’aram. k 'b
Nella successione di paralleli con k e nella de­ l’ebr. hlb, ad es. 1 Sam. 22,8; Ezech. 34,4; Am. 6,6
scrizione della visione di Ezecb. 1 il v. 26 s. rag­ ecc. La radice non c finora attestata in ugaritico e
giunge l’apice, perché la vista non si eleva oltre manca in accadico (cfr. A H w e C A D ; diversa­
verso la divinità: una volta di cristallo (1,22) e al mente Scharbert 42). k ’b/kjb è dunque una radice
di sopra «ciò che sembrava come una pietra di sap- limitata alle lingue semitiche occidentali. Come
pir - qualcosa come un trono; e sopra ciò che si in ebraico, si trova nelle altre lingue della famiglia
mostrava come trono d emut k 'm a r’èb ’àddm - semitica come verbo e anche in diversi derivati
qualcosa che sembrava come un uomo» (1,26). Gli nominali.
1 69 (iv,9) k ’b (R. Mosis) (tv, io) 170

2. N ell’A.T. la radice k ’b ricorre in formazioni umano a quello extraumano, che spesso si osser­
sostantivali e come verbo. Mancano forme agget­ va in termini simili (cfr. E. Kònig, Stilistik, Rhe-
tivali. - 11 verbo è attestato 8 volte nel T.M ., oltre torik, Poetik..., 1900, 105-107).
a due volte nel Siracide (4,3; 13,5). In più si con­ Il verbo k ’b compare nell’A .T. solo come qal e
gettura, molto probabilmente a ragione, in Ezech. hif., e ciò dimostra che la radice non descrive
i3,22aa un hak'ib per un errato hak’ót (così ad mai, in ambito verbale, una condizione concepita
es. Zimmerli, B K xiii , 285; cfr. Ezech. 28,24) e in in modo statico, isolata e fissata senza tempo, ma
Prov. 3,12 un (w e)jak’ib da un errato k e,db (cfr. mostra sempre un processo o un’azione nel tem­
L X X = Hebr. 12,6; diversamente Vg.). Di contro po (cfr. E. Jenni, Das hebràische P i'e l, Zurich
il T.M. in Ps. 41,4 è probabilmente corrotto (cfr. 1968, 59. 87 s. ecc.). Dal punto di vista dell’uso
ad es. Kraus, B K x v /i5, 465; altrimenti K B L s.v. nominale della radice, a questa situazione corri­
mak'ób). Delle 12 attestazioni totali abbiamo 5 sponde l’assenza di formazioni aggettivali, che de­
qal (con Ecclus 13,5) e 7 hif. (con Ecclus 4,3; cong. scriverebbero una condizione concepita come sta­
Ezech. i3,22aa e Prov. 3,12). Pi, pu, hof. e hitp. tica. k ’b indica inoltre un danno o una limitazio­
mancano; v. sotto, 3. - Il sost. k e’èb è attestato nel ne della forza vitale che colpisce in modo obietti­
T.M . 6 volte, oltre le 4 nel Siracide (4,6; 30 ,17a.b; vo un essere capace di sensazioni e al quale, con­
34,29, non citato in K BL), e sempre al sing. - Il temporaneamente, crea sofferenza sul piano sog­
sost. m ak'ób ricorre nel T.M . 16 volte, più 3 gettivo.
volte nel Siracide (3,27; 34,20; 38,7; K B L cita solo
3,27), di cui 6 volte al plurale, soprattutto in -im, n .i.a) In Gen. 34,25 si parla con k ’b part. qal
solo una volta in -òt (Is. 53,3; ’tf m ak’òbót). - di una debolezza dolorosa che ha sopraffatto i Si-
Notevole è la ricorrenza delle attestazioni verbali chcmiti tre giorni dopo la circoncisione, renden­
e nominali nella letteratura sapienziale (Proverbi, doli incapaci di difendersi contro Simeone e Levi.
Giobbe, Siracide) e nel contesto delle lamentazio­ In Ps. 69,30 k ’b part. qal si trova accanto a ‘òrti
ni (Salmi, Lamentazioni, Geremia); v. sotto, in. (-» ‘nj) (cfr. Ex. 3,7) e caratterizza la situazione di
3 .1 lessici rendono in generale k ’b con ‘soffri­ essere indifeso e senza protezione che l'orante
re’, ‘provare dolore’ e le forme nominali con ‘sof­ esprime, nel lamento, davanti a Dio. Secondo
ferenza’, ‘dolore’ ecc. (cfr. ad es. GesB; K B L s.v.). Prov. 14 ,13 anche nel ridere e nello scherzare il
La discussione sul significato principale della ra­ cuore può essere afflitto e soffrire (k ’b qal; paral­
dice è caratterizzata fino ad oggi dalla questione, lelo a tuga ‘tormento’ -> jgh).
posta alternativamente, se con k ’b si debba inten­ Mentre nei passi fin qui citati k ’b qal è utiliz­
dere primariamente o esclusivamente la menoma­ zato in forma assoluta, Iob 14,22 presuppone che
zione o il danno oggettivo, oppure la percezione qualcuno provi dolore ('al con suffisso pronomi­
soggettiva del male (cfr. Scharbert, passim). Ma nale in senso riflessivo; k ’b qal con ‘al ricorre
l’idea che si faccia distinzione tra la circostanza solo qui). Perciò l’uomo, il cui viso Dio altera e
obiettiva e l’esperienza soggettiva in questo caso che egli ha «cacciato via», non può più prendere
e chiaramente errata. Nei casi in cui sta in primo parte al destino buono o cattivo dei propri figli,
piano la componente oggettiva del «dolore», co­ perché è già rassegnato alla morte e dunque la sua
me in quelli in cui lo è quella soggettiva, k ’b indi­ «carne» e la sua «anima», ossia egli stesso nel
ca sempre in maniera inseparabile e non scissa il corso della sua vita fisica (-» bàsàr\ -> nefes), è già
danno che si da in modo obiettivo e concreto, e del tutto ed esclusivamente (’ak) pieno del suo
viene nello stesso tempo sofferto e provato come dolore su di sé ('dldjw j i k ’ab parallelo a ’b l *àlàjw .
tale. Infatti in quasi tutte le lingue e le forme Similmente Fohrer, KAT x v i / i , 260 s.; diversa­
espressive la radice viene quasi esclusivamente im­ mente Scharbert, 55-58; diversamente ancora
piegata per l’uomo, e ha dunque qui il suo ambito Horst, B K x v i / i , 179. 2 13 s.; Weiser, ATD 13, 89.
d’uso originario. Ciò vieta l’assunto che k ’b indi­ 109 ecc.). k ’b qal è qui la percezione del dolore
chi di per sé solo la sofferenza obiettiva, e l’aspet­ riguardo al proprio declino, imminente e certo,
to del dolore provato soggettivamente si sia svi­ accanto alla quale nell’uomo non vi è più alcun
luppato poi secondariamente, in modo da giun­ posto per qualsiasi altro sentimento. In Ecclus 13,
gere a un uso di k ’b connesso con l’essere in gra­ 5 k ’b qal è usato in senso impersonale (k’b l e so­
do di provare sensazioni. Il raro impiego di k ’b lo qui) e ha il senso piano: un comportamento con
per oggetti inanimati, e dunque senza sensibilità il quale si causa danno a un altro «crea una soffe­
(ad es. i campi in 2 Reg. 3,19), è una trasposizio­ renza».
ne metaforica della rappresentazione dall’ambito In tutti i cinque passi k ’b qal indica anche il
i 7 i ( iv, i i ) k 'b (R. Mosis) (iv ,i 2) 172

dolore che diminuisce o rallenta la forza vitale di sanabile k e>éb 'dnus (k e'èb 'dnùs anche iQ H
un uomo e gli procura sofferenza. 5,28; 8,28; cfr. Ier. 30,15; *dnus m ak'obek, v. sot­
b) In Ezech. I3,22aa (testo emendato) k 'b qal to, b). In Ecclus 30 ,17a.b il dolore può essere così
si trova in opposizione a «rafforzare le mani» (-» «immodificabile» ne'emdn -» ’mn) e «continuo»
hzq; -> jàd) e descrive l’attività delle false profe­ (‘óm éd) che la vita diventa un fastidioso nulla a
tesse. A loro viene rimproverato che con il pro­ cui è da preferire la morte. - Anche in Ecclus 34,
prio agire rafforzano l’empio e così gli impedisco­ 29 k e>èb ró's dovrebbe indicare, accanto a qdlón
no di pentirsi, mentre rendono insicuro e ferisco­ ‘disprezzo’ e al contrario del parallelo simhat léb
no (k 'b hif.) con l’inganno (-» seker) il cuore del («gioia del cuore», v. 28), un dolore più profondo
giusto, sconvolgendo i valori stabiliti da Jhw h del semplice mal di testa che segue a una smodata
(cfr. Lam. 2,14; Is. 5,20). In E c c I h s 4,3 il saggio bevuta di vino.
ammonisce a fare del bene in particolare al mise­ k e'éb è dunque quasi sempre (Ecclus 34,29 è
ro e a non ferire (k 'b hif.) l’«interiorità» dell’afflit­ un caso dubbio) un dolore che ha colpito il nucleo
to (‘ani). Nella metafora di Ezech. 28,24 i vicini più profondo della vita e perciò avvicina il soffe­
ostili della casa d’Israele vengono descritti come rente al tramonto definitivo e nello stesso tempo
un pungiglione malvagio (sillòn mam'ir) e come perturba fortemente, o rompe del tutto, il suo le­
una spina che causa ferita e dolore (qòs mak'ib). game con la comunità dei viventi.
In 2 Reg. 3,19 k 'b h if indica metaforicamente la b) In Ier. 45,3 il dolore accumulato (m ak'ób ac­
riduzione a deserto delle terre migliori (helqà tó- canto a jdgòn) sta all’origine di un «grido di dolo­
bà) di una regione conquistata con l’uso di pietre re» (’ój-nd' li; -» hój): il «dolore» colpisce l’ inti­
(cfr. v. 25). mo del profeta, tanto che non gli sembra più pos­
Infine è caratteristico, secondo Iob 5,17 s., del­ sibile continuare a vivere (cfr. v. 5b). Nella lamen­
l’educazione che viene da Dio (-» jkh) e del rim­ tazione di Ps. 38,18 m ak'ób indica chiaramente
provero che viene dall’Onnipotente (musar sad- una malattia (cfr. vv. 4.6.8 s.) che porta l’ orante vi­
dajy -» jsr), che egli da un lato ferisca (k 'b hif.) e cino alla morte e lo allontana dai suoi amici più
colpisca (-> mhs) e dall’altro curi (-> hbs) e risani cari (cfr. v. 12). Anche nella lamentazione di Ps.
(-» rp'). Proprio colui verso cui Dio nutre il suo 69,27 la sofferenza (m ak'ób) caratterizza un uo­
particolare favore (-> rsh, par. ’hb) come per un fi­ mo chc è deperito sino alla morte ed è isolato
glio egli prepara, secondo Prov. 3,12 (testo emen­ dall’ambiente circostante. In Is. 53,3 s. m ak'ób si­
dato), al dolore (k 'b h if, par. jkh), v. sotto, m .i. gnifica una sofferenza così coinvolgente e radica­
2.a) Secondo Pi. 39,3 la dolorosa sofferenza del­ tasi tanto in profondità (accanto a bòli).
l’orante resta k e'èb di fronte all’empio che gli sta In Iob 3 3 , 1 9 m ak'ób è una pena mandata da
di fronte (cfr. v. 2), inaccessibile e «tabù» (’kr nif., Jhwh, che costringe l’uomo al letto del dolore:
cfr. K B L s.v.; diversamente GesB s.v.\ K B L s.v. dunque una malattia fisica. In 2 Chron. 6,29 mak­
k e'éb\ Gunkel, Psalmen, G H K , 166 e la maggior 'ób ricorre in un elenco insieme con -» rd'db ‘fa­
parte delle traduzioni e dei commentari), fintanto me’ , -» deber ‘peste’, mahàlà (-> hlh) ecc. e indica
che egli tace della punizione (nega‘ -» ng') divina un danno per l’uomo nella sua esistenza fisica,
che lo ha colpito (cfr. v. 11). Iob 16,6 definisce corporale. In Ecclus 34,20 m ak'ób designa una
k e'éb il dolore di Giobbe, che non può essere mi­ sofferenza del corpo che nasce da un mangiare e
tigato nemmeno dandogli espressione. In Iob un bere smodati, in Ecclus 38,7 una malattia per
2,13 la sua infelicità (k e’èb) si mostra così grande la quale è competente il medico.
(gdl qal) che i suoi amici di fronte ad essa sulle In alcuni passi la «sofferenza dolorosa» {mak­
prime non trovano parole. In Js. 65,14 l’espres­ 'ób), che può colpire in prima istanza solo il sin­
sione per il dolore del cuore k e'èb léb è parallela golo individuo, viene trasferita metaforicamente
a «stroncamento (seber) dello spirito» e opposta a sul popolo nel suo insieme e su città distrutte. Se­
«bene (tub) del cuore» (-» voi. ili 380 s.), simil­ condo Ier. 51,8 non si trova alcun balsamo che
mente in Ecclus 4,6 accanto a «amarezza dello possa sanare la malattia (m ak'ób) con cui è stata
spirito» (mar riiah\ cfr. anche iQ H 8,28: k e>èb ac­ colpita Babilonia. Secondo Lam. 1,12 .18 la pena
canto a mcrórim) si parla della sofferenza piena di di Gerusalemme, che Jhwh ha lasciato venire sul­
dolore dell’anima (k e'éb nefes[^> nfs]). In Ier. 15, la città, è pesante quanto mai, e secondo Ier. 30,
18 il dolore del profeta piangente è una sofferen­ 15 è insanabile ('dnus accanto a seber). In Ex. 3,7
za di cui non si riesce a vedere la fine (k e'éb ne- vengono dette m ak'ób le sofferenze del popolo
sah par. a colpo insanabile, makkà 'dnùsà). A n­ di Jhwh in Egitto.
che in Is. 17 ,1 1 la sofferenza dolorosa è detta in­ Secondo la massima sapienziale di Ps. 32,10 le
173 (iv, i i ) kàbèd (Ch. Dohmen) (iv,13) 174

pene (m ak’ób) delPempio sono numerose, men­ ra la conseguenza della propria mancanza (Ps. 38,
tre Jhwh circonda di benevolenza chi crede in lui. lg ; 39,3J 69,30).
Similmente, in Ecclus 3,27 mate’db indica le soffe­ 3. In diversi contesti dolore e malattia vengono
renze che un «cuore caparbio e superbo» si pro­ trattati come una cosa sola, senza che si tenti di
cura da sé. A l contrario in Eccl. 1,18 ; 2,23 la sof­ farli derivare da qualsivoglia circostanza prece­
ferenza (m ak’ob) non è cosa che sopraggiunga in dente o di subordinarli a un fine a cui tendere. Il
situazioni contingenti ma appartiene in modo so­ dolore resta un dato grezzo, non interpretabile.
stanziale e inevitabile all'esistenza umana, è «par­ Questo vale per i guai che, secondo quanto rico­
te» (‘injàn) di essa come un guasto che neppure la nosce il sapiente, ogni uomo deve sopportare
saggezza è in grado di sanare. (Prov. 14 ,13; Eccl. 1,18 ; 2,23; Ecclus 30,i7a.b).
m ak'ób indica anche uno scadimento della vi­ Ciò vale anche per il dolore e la malattia che toc­
ta, per lo più grave, che consegna o avvicina un ca ogni singolo uomo. Non si accetta che la sof­
uomo - ma anche una città o un intero popolo - ferenza di Giobbe, come vogliono Elifaz ed Eli-
alla sfera della morte; a volte indica anche tutti hu, sia uno strumento del rimprovero divino (v.
quei guai che caratterizzano per natura l’esisten­ sopra, 111.1): il suo dolore e la sua malattia resta­
za umana in modo non eludibile. no inspiegabili, nonostante o meglio proprio per­
ché sono incontestabilmente provocati da Dio
r a .i. La sofferenza indicata da k ’b è gravemen­ (Iob 2,13; 14,22; 16,6). Inspicgabile appare so­
te minacciosa, e l’uomo che la prova su di sé o la prattutto ogni sofferenza che colpisce colui cui
riconosce in altri non può scoprirvi, sulle prime, Jhwh affida un particolare compito (Ier. 15,18;
alcun senso positivo. Ma poi, in quanto dolore e 45 >3>-
malattia, può diventare, secondo la visione della 4 .1 diversi elementi semantici che si rifanno
«più antica sapienza» d ’Israele, uno strumento alla radice k ’b e i vari contesti tradizionali nei
con il quale Dio educa l'uomo, lo promuove e lo quali essa si inserisce si trovano riuniti in Is. 52,
risana. E perfino un tratto eccellente dell’affetto e 13-53,12. Le sofferenze che colpiscono l’«uomo
della cura di Dio: «Proprio colui che Jhwh ama» dei dolori» sono sofferenze mortali, che lo colpi­
(inversione!) e che per lui è come un figlio predi­ scono a morte (v. 8) e lo isolano da ogni comuni­
letto, quello punisce in tal modo, facendolo par­ tà umana (vv. 3.12) persino dopo la sua morte
tecipe del dolore» (Prov. 3,12). Questo vale in (vv. 8 s.12). N ello stesso tempo egli, in un senso
particolar modo quando il difetto che deve essere più profondo, è legato agli altri proprio attraver­
sanato attraverso la sofferenza si basa sullo smar­ so la sofferenza: non è la «sua» malattia quella di
rimento e sulla mancanza dell’uomo causati dal cui soffre e di cui giunge a morire, ma quella de­
peccato. L ’uomo che Dio punisce è reso felice e gli altri (vv. 4.10-12). La malattia mortale degli al­
beato, poiché la malattia e la sofferenza che Dio tri, che egli porta, è conseguenza del loro peccato
gli manda porta alla guarigione, ed è sempre Dio (v. 5) e ha come suo seguito il superamento e l’eli­
a fasciare le ferite che egli stesso cagiona (Iob 5, minazione del peccato e della morte (v. 5). — »
17 ss.; cfr. 1 Sam. 2,6 s.; Deut. 32,39). Dio avvici­ d k ’ m .3.f (bibl.); -» hlh 111.3 (bibl.).
na l’uomo con la malattia e la morte per toglierlo
dal male, così da «preservarlo dalla fossa» e ga­ iv. Nei L X X k ’b è tradotto con «Ayeiv (3 vol­
rantirgli al contrario la vita piena (Iob 33,i9 [“3o]). te), àyjpv.oùv e 5 iaCTTpé<J/eiv, come con tiovo^ (3
Cfr. G. von Rad, Weisheit in Israel, 258-261. volte) e Xu7rrj (1 volta). k e’éb e m ak’ob sono resi
2. Spesso nella malattia e nel dolore fino alla di­ con aXyoq, aKyr\[ia, [xa)\ay.ia, 7ióvo<; e
struzione e allo scadimento della vita si riconosce
una conseguenza del peccato o della punizione di R. Mosis
Dio. Il dolore è il destino dell’empio (Ps. 32,10).
Il giorno in cui Damasco e il regno d’Israele sa­
1 ^" 3T kàbéd
ranno giudicati, sarà per loro un giorno di infer­
mità e di malattia incurabile (Is. 1 7 ,1 1 ; cfr. Ier. 51,
8, dove viene affermato lo stesso per Babilonia). " 0 3 1/11 k à b è d , 1 23 k ó b e d , r T O S k eb u d d à ,
Anche il peccato d’Israele e di Gerusalemme por­ m n s k 'b è d u t
ta malattia e dolore (Lam. 1,12 .18 ; Ier. 30,15; cfr.
anche Ezech. 28,24). La sofferenza che l’orante 1.1. Etimologia. - 2. Significati extrabiblici. - 3. Nomi
palesa di fronte a Dio è nella preghiera il dato di propri. - 4. Attestazioni e significati neH’A.T. - 5. I
partenza per la richiesta di aiuto, ma prima anco­ LXX. - 11.1. kbd come designazione di - a) pressione
175 (iv»i 3 ) kabed (Ch. Dohmen) (iv , i 4 ) 176

fisica. - b) grandezza, quantità e moltitudine. - c) fasti­ kbd ‘essere pesante’, dal momento che kbd è un ver­
dio e difficoltà. - d) azioni di guerra. - e) incapacità fi­ bo stativo, non denominale.
sica e spirituale. - 2. kbd come espressione del ricono­ Rimane controverso il tentativo di ricondurre la
scimento di - a) ordini sociali e politici. - b) uomini. - radice kbd, con le sue diverse derivazioni verbali e
3. Aspetti teologici. - a) Atteggiamento di risposta del­ nominali, a una base biradicale protosem. *kb con il
l’uomo nei confronti di Jhwh. - b) Benevolenza di valore semantico di ‘abbassare, premere, gravare, es­
Jhwh. - c) Dimostrazione della potenza di Jhwh. - d) sere pesante’ (cfr. ar. kabba e kabà e forse anche
Espressioni di insensibilità. - 4. kbd nella letteratura sa­ acc. kàpu o kepù); in realtà nei verbi stativi non si
pienziale. - ni. kàbed il. - ìv. kóbed, k'bùddd, k'bédut. hanno mai basi biradicali.
- v. Qumran.
2. Sul piano semantico la radice sem. kbd/t non
Bibl.: W. Caspari, Studien zur Lehre von der Herrlich-
keit Gottes im A.T., diss. Leipzig 1907. —M. Daliood, può essere considerata unitariamente, poiché in
Hebrew-Ugaritic Lexicograpby in: Bibl 46 (1965) 326. alcuni casi si perviene a sovrapposizioni di signi­
- E. Dhorme, L ’emploi métaphorique des noms de par- ficato con il semitico comune kbr: così, ad esem­
ties du corps en bébreu et en akkadien, Paris 1963, 128­pio, da un punto di vista semasiologico l’ar. ka-
133. - F. Hesse, Das Verstockungsproblem im A.T. bura ‘essere/diventare grande’ (W KAS 1 2 1 ; Lane
(BZAW 74, 1955). - E. Jenni, Das bebràisebe Pi'el, Zii- 2585) è talvolta più vicino alle altre attestazioni
rich 1968. —J.S. Kselman, RB//KBD: A New Hebrew- semitiche di kbd/t che l’ar. kabada; e ancora, il
Akkadian Formulaic Pair: VT 29 (1979) 110-114. - M. significato dell’ebr. kbb ‘spegnere, cancellare’
Liverani, kbd nei testi amministrativi ugaritici\ UF 2 (K B L } 435 s.) si trova in accadico in una radice
(1970) 89-108. - L. Rost, Der Leberlappen: ZAW 79
fondamentale o derivata di kabàtu (A H w 1 416;
(1967) 35-41. - C. Westermann, kbd, sebwer sein
(THAT 1, 794-812). C A D K 18). In tutte le lingue compare tuttavia
come aspetto semantico più usuale ‘essere pesan­
1.1. La radice k b d (sem. occ.) o kbt (sem. or.; te’, da cui è tratto quello di ‘onorare, rispettare’ .
per lo scambio d/t cfr. Brockelmann, V G 1, 152;
G A G Ergànzungsbeft 8**) è attestata nell’intera L ’ambito d’uso - specialmente ampio in accadico
area linguista semitica, dove abbraccia l’ambito e in ebraico - che definisce i differenti significati del­
la radice si ritrova nello stesso modo in egiziano, do­
semantico ‘essere pesante/importante’ e, in senso
ve wdn (WbÀS 1 390; cfr. ar. wadana) e dns, deriva­
traslato, ‘essere notevole’ : acc. kabàtu (A H w 14 16 to dal primo (WbÀS v 468, cfr. Edel, AnOr 34, § 444),
s.; C A D K 14-18), amor, kbd (I.J. Gelb, C A A ‘essere pesante, pesare, opprimere’ si possono usare
1980, 22), ug. kb d i/m (WUS n. 1274), ar. kabada non solo nell’ambito del peso e della pressione ma,
(Lane 2584; W KAS 1 18), et. kabda (Dillmann, in senso traslato, anche relativamente a parti del cor­
Lex. Ling. Àth. 849), sudarab. kbd (Conti Rossi­ po in relazione a uno stato di malattia, al potere gra­
ni 166), tigrè kebde (Littmann-Hòfner, Wb. Tigre voso e opprimente del re, a indicare qualità positive
4 11 s.), amar, kebbede (Leslau, Concise Amharic o negative e anche nel senso di ‘importante, rilevan­
Dictionary 1976, 161), fen./pun. kbd (DISO 114). te’ per nome, fama e considerazione. Anche la radi­
ce omonima wdn ‘offrire, sacrificare’ (WbÀS I 391)
In aramaico al posto di kb d si incontra prevalen­
potrebbe essere in relazione con wdn ‘essere pesan­
temente -> jàqàr ‘essere pesante, prezioso’ (DISO te’ nel senso di ‘rendere significativo, ritenere impor­
110), che è probabilmente entrato in ebraico co­ tante, onorare (con offerte), venerare’, come è atte­
me prestito aramaico (cfr. Wagner, Aramaismen stato anche nel sem. kbd/t (cfr. AH w 1 416 s.; Da-
62 s.). hood, Bibl 46 [1965] 326).
Inoltre è attestato in ambito semitico comune,
con il medesimo schema consonantico, anche un Questo duplice elemento del ‘pesante’ come
sostantivo con il significato di ‘fegato, interno, ‘ciò che preme e opprime’ e ‘ciò che ha importan­
animo’ ecc. (cfr. P. Fronzaroli, A A N L R vm /19, za’ non si ritrova però per kbd/t in tutte le lingue
1964, 257 s., 272 e 279, così come W. Leslau, Lex. semitiche: così l’ar. kabada resta limitato all’am­
Soq. 410; Id., Contributions 25). bito negativo di ‘assediare, assillare, costringere’,
in ‘sopportare/soffrire, reggere/mantenere/resi­
Non si può stabilire con sicurezza se fra le due stere’ (W KAS I 18); di contro l’ugaritico conosce
radici vi sia un legame etimologico perché il fegato k bd 1 solo nella forma D ‘onorare’ e in quella N
può essere considerato «il più importante c signifi­
‘essere di grande importanza, onorato’ (WUS n.
cativo organo (emuntore)» (GesB, K B L }, Wester­
mann, THAT) o perché i differenti significati dei de­ 1274; U T n. 1187).
rivati della radice kbd siano da ricondurre a quello In alcuni testi amministrativi di Ugarit l’agg.
di ‘fegato’ (Vollers, ARW 9 [1906] 176-184). Se vi è kbd in ricorre (WUS n. 1274) come definizione
un rapporto, è kàbed ‘fegato’ che può derivare da precisa del peso del siclo per i metalli, la lana e i
i 77 (iv ,ij) kàbèd (Ch. Dohmen) (iv,i6) 178

tessuti (tql), per la misura di capacità dd e k d ecc. cato di ‘onorare, riconoscere’ che rimandano a
(cfr. spec. M. Liverani, U F 2 [1970] 89-108) e in­ rapporti e relazioni fra esseri umani: kab-ta-at a-
dica un peso più grave in contrapposizione a uno na-jpa-wi-ri-sa ‘ella è stimata da suo marito’. Pa­
più leggero, normale, ciò che testimonierebbe rallelamente a questo, la radice ricorre molto spes­
l’uso, nello stesso periodo, di diversi sistemi di so come epiteto di divinità: ka-bit avalli ‘principe
misura e di peso (cfr. Dietrich-Loretz, W O 3, 3, del mondo infero’, kab-tu kat-tu ‘potente di sta­
1966, 219-223). tura’ ecc. (cfr. Tallqvist, Akkadische Gòtterepi-
Anche il sostantivo creato dalle radicali kbd/t theta 107).
(v. sopra, 1.1) comprende in semitico un ambito Si trovano nomi corrispondenti con k bd come
semantico ampio. Da un lato definisce il fegato elemento formativo a Ugarit (cfr. P N U 148), in
come organo; del suo significato nelPambito della ambito cananaico (Benz, PN P P I 330), nel semiti­
lettura divinatoria delle viscere danno testimo­ co meridionale (R N P 1, 112).
nianza i ritrovamenti archeologici di modelli di Anche nell’A.T. si incontra in / Sam. 4,21 *i-kà-
fegato (cfr. A. Jeremias, H b der altorientalischen bòd (lett. ‘disonesto’) spiegato con un’etimologia
G e istesk ult ur, *1929, 259 s.) provenienti dalla Me- popolare (‘senza gloria’) (cfr. Stamm, Fs. Lands-
sopotamia (A N E P 594. 595) e dall’ambito siro- berger 1965, 416); Ex. 6,20; Num. 26,59 presenta­
palestincse (per le particolarità dei modelli di fe­ no la forma controversa jókebed (cfr. Stamm, Fs.
gato con iscrizioni di Ugarit cfr. Dietrich-Loretz, Baumgartner 1967, 315 ; M. Noth, IP N 1 1 1 ) .
Ugaritica 6 [1969] 172-179) e numerosi testi (cfr. 4. N ell’A.T. la radice k bd abbraccia un vasto
Jastrow, Die Religion Babyloniens und Assyriens campo di significati, che possono essere fonda­
11/1, 2 13 -4 15 ; Meissner, BuA n 267-275); in se­ mentalmente ricondotti al significato di base ‘es­
conda istanza il sostantivo indica l’interno del sere pesante’. Pesante va dunque inteso come ciò
corpo (-» qereb) e in questo senso si pone accanto che esercita peso, che opprime (cfr. Westermann
al cuore (-> léb; per il rapporto fra cuore e fegato 795), perciò è appropriato rendere spesso k b d con
in ambito sacrificale cfr. F. Blome, Die Opferma- 1 corrispondenti verbi transitivi ‘opprimere, ap­
terie in Babylonien und Israel, Roma 1934, nn. pesantire, caricare, gravare’. Un altro gruppo di
174-180) e agli altri organi interni, i quali hanno significati di kbd può essere poi interpretato alla
un’importanza fondamentale per la psicologia se­ luce del significato di base con una sfumatura
mitica (cfr. Dhorme 109), dato che erano consi­ comparativa, ‘più pesante’ (cfr. Caspari 14), e de­
derati la residenza dell’aspetto volitivo ed emoti­ nota, senza indicare un termine di paragone, un
vo dell’essere umano (per un approfondimento di più, un eccesso (immagine della bilancia?), che
generale, Dhorme 109-137). Parallelamente a lib- viene spesso reso con ‘troppo pesante, pesantis­
bu, kabattu caratterizza in accadico il settore del­ simo’; questo significato di kbd emerge in parti­
le «émotions violentes» e delle «passions aveu- colare nelle proposizioni enunciative. Fra tutte le
glcs» in opposizione all’altro dei «sentiments» e 114 attestazioni veterotestamentarie del verbo (+
delle «manifestations de la vie morale et intellec- 26 nel Siracide), con l’eccezione del bof. sono ri­
tuelle» (cfr. Labat, R L A iv 1972-1975, 367). A n­ scontrabili tutte le modificazioni della radice. Il
che in ug. kbd indica - spesso parallelamente a Ib qal ricorre 23 volte e rientra strettamente nel si­
- la sede dell’animo e delle emozioni: 'il suo fega­ gnificato di base sopra citato. Anche se non è at­
to’ si gonfia di riso, il suo cuore trabocca di gioia, testato un ‘essere pesante* relativo al peso in sen­
il ‘fegato’ di Anat è pieno di vittoria (K T U 1.3 ,11, so fisico concreto, è tuttavia possibile intendere a
25 s.; per il testo cfr. Dahood, U F 1 [1969] 23). partire da esso i significati ‘appesantire, opprime­
Lo sviluppo del significato ha portato ancora più re, essere pesante’. La forma qal è anche attestata
in là direttamente verso l’ interno, il mezzo (della 2 volte (Ex. 9,7; Is. 59,1) per descrivere l’ insensi­
terra o del cielo ecc., specialmente in arabo). bilità, la sordità del cuore e dell’orecchio (v. sot­
3. In numerose lingue semitiche la radice kbd/t to, m.3.d). In prevalenza con significato causati­
ricorre come componente di nomi propri. Con il vo al qal si affianca il h i f , il cui valore risulta di
significato concreto di ‘pesante’ in nomi che indi­ conseguenza sireuamenle legato a quello del qal:
cano proprietà fisiche: kabittu, kabbutum, kub- ‘rendere pesante qualcosa a qualcuno, far pesare
butum 'il/la pesante’ (A N 267), così come in no­ qualcosa su qualcuno’ ecc., e nelle espressioni
mi ‘occasionali’ (A N 237), nomi come Is-su-ka- ‘rendere pesante il cuore/orecchio a qualcuno’ .
bi-it ‘ la sua forza è significativa’ (A N 17 s.) che Nel significato di ‘rispettare, venerare’ il h if ha
danno voce ed espressione al lamento verso una attestazioni puramente causative: ‘rendere glorio­
divinità. Si possono trovare nomi legati al signifi­ so’ Is. 8,23; ler. 30,19 (cfr. Jenni 105). Il pi- (38
'79 (iv, 17) kàbed (P. Stcnmans) (iv ,i8 ) 180

volte + 6 in Siracide) nella maggior parte delle at­ l’essere umano in senso traslato, ciò che lo oppri­
testazioni ha valore dichiarativo estimativo: ‘rico­ me, lo schiaccia; la prep. ‘al, spesso utilizzata in
noscere, rispettare’ (Jenni 40 s.). Il significato de­ simili casi, rende particolarmente chiaro il con­
rivato da quello primario di ‘essere pesante’ ab­ cetto concreto del peso che dev’essere portato. Un
braccia in ebraico un altro ambito semantico. C o ­ gran numero di attestazioni di questo tipo appar­
si come l’astratto tedesco ehren, va dal più sem­ tiene al detto sul pesante giogo (-» €òl\ 1 Reg. 12,
plice ‘riconoscere, rispettare’ a ‘stimare, conside­ 1 1 - 2 Chron. 10 ,11; / Reg. 12,4 - 2 Chron. 10,4;
rare competente/di valore’ (di cose), fino a ‘ono­ Ecclus 40,1 ccc.) che i governanti fanno gravare
rare, tenere nella massima considerazione’ e com­ sui popoli (/ Reg. 12 ,10 = 2 Chron. 10,10; 1 Reg.
prende, con il significato di ‘venerare’ relativo a 12,14 - 2 Chron. 10,14;/$. 4 7,6; Nehem. 5,15 può
Jhwh, un concreto atteggiamento religioso (spes­ essere completato con BH S ricostruendo un ‘ól
so in parallelo con -» jàre'). Con il significato di caduto per aplografia o leggendo ‘di al posto di
‘ rendere insensibile, irrigidire, chiudere’ il pi. (in ‘al). Allo stesso modo possono essere sentiti co­
opposizione al hif.) caratterizza un’azione acci­ me fortemente pesanti anche i lavori forzati (Ex.
dentale (Jenni 105). Il nif. (30 volte + 11 in Siraci­ 5,9; Nehem. 5,18 qal) e condizioni di prigionia
de) si presenta molto spesso come passivo del pi.: estremamente dure possono essere descritte par­
‘essere/venire riconosciuto/stimato/onorato’ (di lando delle catene rese pesanti (h if, Lam. 3,7).
uomini); con Jhwh come soggetto acquista invece Accanto ai passi in cui la pesantezza è riscon­
il significato riflessivo ‘dimostrarsi significativo, trabile anche sul piano fisico, ve ne sono alcuni in
di peso’ (cfr. G K a § 5 ic; per un possibile valore cui l’essere umano è costretto mentalmente, ad cs.
tollerativo di k b d nif. cfr. J.H . Eaton, Some Mis- attraverso la manipolazione del discorso (Iob 33,
understood H ebrew Words fo r God's Self-R ev- 7), oppure nei quali k bd caratterizza ciò chc op­
elation: Bib Trans 25 [1974] 337 s.). Ilp «. (3 vol­ prime l’essere umano nella sua esistenza, ossia so­
te) indica (come il nif.) il passivo del p i : ‘essere prattutto colpa e peccato, infelicità e ira che in­
onorato’, più precisamente dal significato pi. ‘ri­ combono pesantemente sull’uomo e possono
compensare’, poi ‘diventare ricco’ (cfr. Gevirtz, schiacciarlo (Ps. 38,5; Iob 6,3; Gen. 18,20; Is. 24,
V T 1 1 [1961] 141 s.). La forma hitp. (3 volte + 3 in 20; Prov. 27,3). Quando nel linguaggio teologico
Siracide) si ricollega genericamente come riflessi­ si parla della mano -» jà d che pesa sugli uomini
vo ovvero passivo (BLe 191)) ai significati del pi. (Iob 23,2; Ps. 32,4; / Sam. 5,6.11), ne emergono il
L ’aggettivo (40 volte + 5 in Siracide) corri­ bisogno e il lamento dell’oppresso.
sponde nei sui significati a quelli del qal: ‘pesan­ b) L ’ interrelazione e la compenetrazione dei
te, opprimente, lento, testardo’ e anche ‘ numero­ concetti di grandezza, quantità e peso si mostra
so, molto’. in particolare quando kbd viene a esprimere la fa­
5. La grande estensione semantica del verbo me (rà'ab); la formula spesso incontrata ki-kàbèd
kbd compare anche nei 23 equivalenti dei L X X . hàrà‘àb b à ’àres indica la serietà della carestia che
Il qal viene reso con |3apuveiv (11), (Sapu^ (5), xa- pesa gravemente sulla terra (Gen. 12,10 ; 47,4.13
Tafiapóveiv (2) e [Caputorceiv, 5o£à^eiv, xaTia^uciv, ecc.). La quantità come fattore opprimente risalta
IJ-éyac,, ra>Xu<; (ognuno 1 volta), il nif. con evSoì-oc; particolarmente quando nel racconto dell’Esodo
(13), So^à^etv (7), èv&oljà&a'&xt (6), evxijAOi; (2), il vengono qualificate con kbd le varie piaghe, co­
pi. con So£àì£eiv (21), Ttp.àv (io), e^ oyeiv (2), me i mosconi (Ex. 8,20), le cavallette (Ex. 10,14),
(fopóveiv, èvTijJKot;, 8ó£a (ognuno 1 volta), il pu. 1 la grandine (Ex. 9,18.24) e la peste (Ex. 9,3), op­
volta con Papuveiv, §o£à^eiv e xip.àv, il hif. con (3a- pure in occasione di un compito eccessivamente
P'jveiv (13), (3apu^, àxoóeiv papéa*;, 7rXeovà£eiv, gravoso (Ex. 18,18; Num. 11,14 ). Quantità e for­
ctxXtjp'jveiv (ognuno 1 volta) e il hitp. ciascuno 1 za si affiancano nelle espressioni in cui si indica­
volta con (3apuveiv e 7tepiTi$Évai. no con kbd gli eserciti (Gen. 50,9; Num. 20,20; 2
L ’agg. kàbèd nei L X X è reso per lo più con |3a- Reg. 6,14; 18 ,17; ^5- 36,2,2 Chron. 9,1). Dal passo
pu^ (16), 7toÀuq (5) e eùtaxuctv. Per il sost. kàbèd i che descrive l’arrivo della regina di Saba a Geru­
L X X presentano 9 volte r)roxp, 3 volte ctxX tqpó<; e, salemme (/ Reg. 10,2) emerge che hajil kàbèd 11011
ognuno una volta, ■rjraxxoo'xoTteia'Sau e Ti^fj-Soc;. indica solo un esercito forte ma anche un corteo
pomposo, kbd può inoltre significare anche folla
Ch. Dohmen
- come sinonimo di rab - in senso proprio, come
11.1.a) Verso il significato principale di ‘essere ad es. in Prov. 8,24 (per il testo cfr. G.M . Landes,
pesante’ convergono in massima parte le attesta­ B A SO R 144, 32 s.), Ecclus 16 ,17 0 Nah. 3,15, do­
zioni nelle quali si indica con kbd ciò che pesa sul­ ve si trova precisamente in parallelo diretto con -»
t8i (iv,i9) kàbéd (P. Stenmans) (rv,2o) 182

rab (cfr. Kselman, passim). L ’aspetto della ric­ razioni di sovranità (2 Sam. 10,3 = 1 Chron. 19,
chezza si ritrova non solo nei passi in cui kbd pi. 3); cfr. anche la richiesta di Saul a Samuele di ri­
significa ‘arricchire, ricompensare1 (Num. 1 1 ,1 7 . conoscerlo come re di fronte al popolo (1 Sam. 15,
37; 24,11), ma anche in A b ac. 2,6, dove l’avido si 30). Al contrario, Eli tributa maggiore onore ai
arricchisce di un fardello (kbd hif.). propri figli rispetto a Jhwh (/ Sam. 2,29).
c) Ciò che è pesante può essere per l’uomo an­ b) Con kbd nif. viene espressa la considerazio­
che molesto, faticoso e difficile: così per Assalon­ ne per una persona in base a particolari capacità
ne il peso dei capelli (200 sicli) crea fastidio, co­ che ha dimostrato di fronte ad altri. Il primato si
sicché se li fa tagliare (2 Sam. 14,26); allo stesso fonda sull’attitudine messa alla prova: Benaia e
modo un grande numero di invitati non vuole es­ Abisai sono stimati perché - come emerge dal
sere di peso all’ospite (2 Sam. 13,25). Quando si contesto - si sono dimostrati più forti e più co­
dice che le mani di Mosè gli divennero pesanti (Ex. raggiosi di altri (2 Sam. 23,19.23 = / Chron. n ,
17,12), s’intende a causa della stanchezza conse­ 21.25). David è onorato, e non solo per la sua fe­
guente alla posizione della preghiera, che fa senti­ deltà (/ Sam. 22,14). Il riconoscimento di cui go­
re le mani pesanti come il piombo. Il significato de Sichem si mostra nell’accettazione della sua de­
di ‘difficile, complicato’ si cela dietro / Reg. 3,9: cisione ampiamente riconosciuta (Gen. 14,19).
«Chi può dunque governare questo tuo difficile L ’uomo di Dio, infine, era stimato perché la sua
popolo?»; qui viene alla luce la concezione di parola si era realizzata molto spesso (1 Sam. 9,6).
Israele come popolo eletto e insieme difficile In confronto a questo vi è il comportamento di
(Deut. 9,6.13; cfr. Wurthwein, ATD u f i , 35). Amasia che, raggiunto il successo, anela a un ri­
d) Un aspetto particolarmente interessante del­ conoscimento ancora maggiore (2 Reg. 14 ,10 = 2
le espressioni di kbd si mostra in quattro passi, Chron. 25,19 l ehikkàbéd). L ’aspetto soggettivo
dove un’azione di guerra è qualificata con k b d qal. del riconoscimento emerge con particolare chia­
Quando una guerra (milhdmà in Iud. 1,35 si rife­ rezza in 2 Sam. 6,20.22, dove si contrappongono
risce a ja d bèt-jóséf) è descritta come difficile e due diversi punti di vista: Mikal ritiene riprove­
dura, questo indica una svolta determinante immi­ vole la stima di cui David gode e che egli ricerca.
nente (in Iud. 20,34 non ancora prevista dai Be- Il part. nif. in forma nominale caratterizza, con­
niaminiti), la sconfitta di colui sul quale la guerra formemente a quest’uso, le persone stimate e te­
pesa (1 Sam. 31,3 'el-sà'ùl = 1 Chron. 10,3 ‘al-sd- nute in considerazione da altri; il suo accostamen­
’«/; cfr. anche kóbèd milhdmà in Is. 2 1,15). to a re (melek), principi (s'ar) ecc. testimonia che
e) Se un organo del corpo viene qualificato con in questi casi si deve pensare alla classe sociale più
kbd, si vuole indicarne l’incapacità di assolvere elevata(/s. 23,8;/^. 149,8;N um . n ,iy ,N a h . 3,10).
alla sua normale funzione. Perciò l’uomo irragio­ 3.a) Come espressione di riconoscimento reli­
nevole può essere detto léb kàbéd (Ecclus 3,26. gioso kbd ricorre in forma pi. In contrapposizio­
27), e la poca scioltezza di parola di Mosè descrit­ ne all’ambito meramente profano, tale aspetto è
ta come k ebad-peh ùk'bad-ldsón (Ex. 4,10; cfr. espresso in modo molto più vasto e rappresenta
J.H . Tigay, B A SO R 231 [1978] 57-64). Di conse­ la varietà dell’atteggiamento di risposta dell’uo­
guenza in Ezech. 3,5.6 dovrebbe essere individua­ mo verso la benevolenza di Jhwh, che si estende
ta con sicurezza una glossa, con Zimmerli (cfr. B K dall’ambito religioso personale della preghiera
x i i i / i , 11 s.). Dalle espressioni di insensibilità (v. (Ps. 86,9; Ier. 25,3), attraverso l’osservazione di
sotto, n.3.d) si discosta Gen. 48,10, perché la cau­ leggi e norme (Deut. 28,58; Is. 58,13), fino al cul­
sa (mizzóqen) della debolezza visiva di Israele è to con le sue offerte (Ps. 50,23; Prov. 3,9). Tale
espressa. Come k bd può indicare lo stato di ma­ comportamento dell’uomo, che si attua nella vita
lattia di alcuni organi, così tale qualifica può esse­ e nel modo d’agire concreti, ha la sua origine nel­
re in generale anche attribuita alla lentezza di un la dimostrazione del hesed di Jhw h (-» hesed); Ps.
vecchio malato (‘ènàjw qdmu: 1 Sam. 4,15; 4,18). 50,15 mostra quanto questo nesso sia stretto: «Nel
2.a) In una serie di passi kbd pi. ha il significa­ giorno dell’angustia chiamami e io ti libererò, ma
to di ‘ ritenere qualcuno importante’ nel senso di tu poi dovrai onorarmi». Il riconoscimento della
stima, rispetto o riconoscimento di determinate benevolenza divina si mostra non solo in una me­
entità sociali o politiche. In ambito familiare kbd ra professione formale con le labbra (Is. 23,13; 43,
pi. può esprimere il rispetto dell’autorità paterna 23), ma si concretizza nella realtà del mondo: chi
(Ex. io ,iz = D e u t. $,i6 ’, M al. 1,6); in ambito diplo­ disprezza colui che è senza Dio ma onora i timo­
matico può essere definito così il riconoscimento rati del Signore (Ps. 14,4) e chi rinfranca il pove­
di una successione dinastica per mezzo di dichia­ ro (Prov. 14,31), questi onora Jhwh. Dagli esseri
18) (iv,2i) kabed (P. Stenmans) (iv,2z) 184

umani (Ps. 22,24; 86,12), dagli animali (Is. 43,20) d) In riferimento all’uso linguistico di k b d per
c infine dalla terra tutta (Ps. 86,9; Is. 24,15) ci si definire l’incapacità fisica o spirituale (v. sopra, 11.
aspetta che dimostrino di fronte a Jhwh il com­ i.e), nell’uso espressivo teologico vengono defi­
portamento dovuto (Ps. 86,12). niti ‘pesanti’, ossia insensibili, anche il cuore e
Solo in Dan. 11,38 kb d si trova nel contesto l’orecchio, e ciò «rappresenta un’azione nella sfe­
della venerazione per la divinità in generale; si ra religiosa» (Hesse 7). kbd è tuttavia uno solo dei
tratta di un passo tardo - non è Jhwh l’ oggetto di termini che definisce l’azione o lo stato dell’insen­
kbd, ma gli dei - che s’intende appieno sullo sfon­ sibilità (più in generale cfr. Hesse, passim). Men­
do e sotto l’ influsso del pensiero ellenistico (cfr. tre E e P rendono tale azione con -» hàzaq, J pre­
Plòger, KA T xvm , ad L). ferisce k b d (Ex. 7,14; 8,11.28; 9,7.34) con léb co­
b) Quando si dice in / Sam. 2,30: «Io (Jhwh) me oggetto. Mentre l’agg. verbale in Ex. 7,14 e
do significato ('àkabbéd) a quelli che mi onorano k b d qal (Ex. 9,7) descrivono le cause dell’insensi­
(mekabbed aj)», si riafferma il rapporto fra il com­ bilità, kbd hif. (Ex. 8,11.28; 9,34) esprime la posi­
portamento umano e l’azione divina - come è già zione volontaria di chiusura e di rigidità del fa­
stato osservato in 11.2.a in senso opposto, e con­ raone. In Ex. 10,1 invece è Jhwh che ha appesan­
cetti opposti quali -> bàzà ‘valutare nulla, disprez­ tito il cuore del faraone, e in Is. 6,10 (cfr. Chung
zare’ e -» qalal ‘essere disprezzabile, da nulla’ del Hsin Chi, The Concept o f 'Hardening thè H e art’
secondo membro del parallelismo antitetico sug­ in thè O.T. with Special Reference to Is 6, diss.
geriscono quanto concreto e ampio possa essere South East Asia Graduate School of Theology,
questo atto di Jhwh. Jhwh prende le parti dell’uo­ Singapore 1974; R. Kilian, Fs. Botterweck 1977,
mo (Is. 43,4). N el bisogno lo salva e lo rende im­ 209-225) il profeta riceve il comando di ‘appesan­
portante (Ps. 91,15); si evince dal contesto che gli tire’ (L X X lascia che sia il popolo stesso a ‘diven­
aspetti della protezione e della capacità si armo­ tare sordo’, cfr. Wildbcrgcr, B K x/i, *1980, v. in
nizzano. Quando Jhwh «rende gli uomini signifi­ riferimento al passo). / Sam. 6,6 (2 volte) mostra
cativi e importanti» (kbd bif.) si può in effetti in­ la particolarità che l’intestardimento (kibbéd) dei
tendere - come mostra il parallelo rbb // kbd (cfr. Filistei è considerato nella domanda degli Israeliti
Kselman, passim) - che li rende numerosi (ler. 30, come una possibilità; k b d pi. rimanderebbe dun­
19), ossia felici. Quando il servo di Dio è onorato que qui (secondo Jenni 105) al carattere acciden­
(’àkkàbéd) agli occhi di Jhwh, allora Jhwh è la sua tale dell’azione.
forza (Is. 49,5). La sua benevolenza si mostra inol­ 4. In testi d’impronta sapienziale si incontra
tre nel rendere gloriosa la sua terra (Is. 8,23 n if.\ kbd in particolar modo nel significato di ‘onora­
così come il posto dove poggia i piedi (m'qóm re, rispettare, riconoscere, stimare’ (pi., nif., hitp.).
raglaj, -» voi. 11 378) e il tempio (Is. 60,13). Qui, in opposizione a termini appartenenti al­
c) Semanticamente le attestazioni di forma nif. l’ambito semantico del piccolo, dell’ insignificante
con Jhwh come soggetto occupano una posizione (-» qalal, cfr. T H A T 11 641-647) in rapporto al-
particolare. Jhwh si mostra nella propria maestà l’agire e alle conseguenze (Prov. 4,8; 13,18 ; 27,18;
quando si presenta potente (nella storia). Quando Ecclus 3,6.8 ecc.), vengono sottolineati e messi in
Jhw h agisce contro (be) il faraone e il suo seguito risalto l’onore e la stima che seguono l’azione del
(Ex. 14,4.18), contro quanti gli stavano vicini giusto e del pio; ma gli uomini onorevoli (molto
(Lev. 10,3) oppure contro Sidone (Ezech. 28,22), spesso spec. n if nikbàdim) vengono mostrati nel­
allora sullo sfondo si trova l’azione di Jhwh (cfr. la loro modestia (Ecclus 10,26.27; 1 1 >6; 48,6; Prov.
Zimmerli, B K xin/2, 692) che si propone di otte­ 12,9; per la connotazione di k b d ‘festeggiare, ono­
nere il suo riconoscimento come Dio. L ’espres­ rare con un banchetto’ cfr. Dahood, Bibl 46 [1965]
sione di riconoscimento citata in quest’ambito, j d ‘ 326) e confrontati con coloro che temono il Si­
k i 'ani jh w h , e la radice ad essa comune nelle tra­ gnore (Ecclus 10,19.20.24).
dizioni dell’Esodo (Ex. 14,4.17.18 P) e della guer­
ra di Jhwh (Ezech. 39,13; Is. 36,15; -» voi. in 583) 111. In contrapposizione al grande significato
mostrano forse piuttosto che l’uso di k b d nif. in del fegato in relazione all’arte divinatoria eserci­
dica una «dimostrazione della potenza» di Jhwh, tata per mezzo di esso nel Vicino Oriente antico
una dimostrazione del proprio potere, e non «che (v. sopra, 1.2), con la rara menzione del sost. kà­
Dio stesso si crea l’onore a lui conveniente» (We- bèd (14 volte) l’A .T. mostra una posizione parti­
stermann 801). Quando Jhwh mostra la sua po­ colare a riguardo. Viene citato 13 volte il fegato
tenza, ciò provoca la gioia di chi ha fede in lui (Is. di un animale: il manzo (Ex. 29,13; Lev. 3,4; 4,9; 8,
66,5 cong.). 16; 9,10.19) la pecora (Ex. 29,22; Lev. 3,10; 8,25;
185 (iv,23) kabód (M. Weinfeld) (iv, 24 ) 1 86

9,19), la capra (Lev. 3,15), il cervo (Prov. 7,23) e


in generale (Lev. 7,4; Ezech. 21,26). Solo n volte
TÙ3 kàbód
T

kàbèd compare in rapporto con joteret (lobi del


fegato) come offerta, dove i vari nessi sintattici 1.1. Etimologia e significato. - 2. Distribuzione nel­
fanno ritenere che si tratti di una parte che si tro­ l’A.T. - 3 . I LXX. - 1 1 .1. kàbód come sostanza, quanti­
tà, potere, forza. - 2. Come onore e dignità. - 111.1. kd-
va in stretto rapporto con il fegato: joteret hak-
bód come magnificenza e gloria. - 2. Sinonimi. - iv. Og­
kàbèd (Ex. 29,22; Lev. 8,16.25; 9,19), joteret ‘al- getti circondati da splendore. - v. Magnificenza divina
hakkàbèd (Ex. 29,13; Lev. 3,4.10.15; 4,9; 7,4), jó- sullo sfondo orientale antico. - vi. kebód jhwh in P ed
teret m in-hakkàbèd (Lev. 9,10) (cfr. Rost, ZAW Ezechiele. - vii. Ricorrenza di k'bód jhwh alla rivela­
79» *967» passim; -» jàtàr). 2 volte (Lam. 2 ,11; zione di un messaggio. - vili. Rivelazione futura del k '­
Prov. 7,23) kàbèd viene inteso come parte interna bód jhwh —aspetto escatologico. - ix. k'bód jhwh e no­
del corpo (= vita). In quest’ambito si trova anche me di Jhwh. - x. Qumran.
l’unica attestazione riferentesi al fegato umano
Bibl.: G.J. Bottcrweck, Klage and Zuversicht der Be-
(Lam. 2,11). Ezech. 21,26 si rivolge expressis ver-
drdngten: BiLc 3 (1962) 184-193, spec. 187. - W. Ca-
bis contro la divinazione del fegato in uso presso spari, Die Bedeutung der Wortsippe kbd im Hebrdi-
i Babilonesi, e tale pratica è ricordata e proibita schen, 1908.- E . Cassin, La splendeur divine, Paris 1968.
anche in Deut. 18,9-12. Forse la rarità delle men­ - H. Frankfort, Kingship and thè Gods, Chicago 1948.
zioni del fegato nell’A.T. sono dovute anche alla - A. von Gali, Die Herrlichkeit Gottes, 1900. - H.L.
volontà di prendere le distanze da simili pratiche. Ginsbcrg, The Arm of YHWH in Isaiah j i -6j and thè
In 6 passi (Gen. 49,6; Ps. 7,6; 16,9; 30,13; 57,9; Text of Isa f j , 10-11: JBL 77 (1958) 152-156. - Id.,
108,2) kabód non può essere tradotto con ‘anima’ Gleanings in First Isaiah (M. Kaplan Jubilee Volume,
ma va emendato in kàbèd e interpretato, come in New York 1953, 245-260). - M. Haran, The Nature of
thè «’ohelmo'edh» in PentateuchalSources: JSS 5 (i960)
accadico, nel significato di ‘ animo’ (cfr. Nòtscher, 50-65. - H. Hegermann,£ó!;a (EW NT1, 1980, 832-841).
VT 2 [1957J 358-362; -» kàbód i.j). - H. Kittel, Die Herrlichkeit Gottes (BZNW 16, 1934).
- H. Kittei - G. v. Rad, Soxeoj (GLNT 11, 1344-1403). -
iv. N on rivestono grande importanza le tre ra­ S.E. Loewenstamm, h'rwt Itwldwt hmlysh (Fs. M.H.
re forme nominali kóbed (4 volte), k ebùdda (3 Segai, Jerusalem 1964,182-183).-T .A . Mcyer, The No-
volte) e k ebèdut (1 volta). Controverso è Is. 30,27 tion for Divine Glory in thè Hebrew Bible (diss. Lou­
dove, con Wildberger (BK x/3, ad /.), Kaiser (ATD vain 1965). - F. Nòtscher, Heisst KÀBÓD auch «See-
18, ad l.) e altri, sarebbe meglio leggere invece di le»?: VT 2 (1952) 358-362 (cfr. J. van der Ploeg, VT 3
kóbed l’ agg. kàbèd. Anche relativamente a k ebùd- l r953] *92)' “ A.L. Oppenheim, Akkadian pul(u)fp(t)u
and melammu: JAOS 63 (1943) 31-34. - Id., The Gol­
dà in Ezech. 23,41 Zimmerli (BK xu i/t, 535) ac­
den Garments of thè Gods: JNES 8 (1949) 172-193. -
coglie la possibilità di una confusione di scrittura W.H.Ph. Ròmer, Beitrdge zum Lexikon des Sumeri-
tra “1 e 3 , traducendo quindi ‘uno spazio ampio’ schen: BibOr 32 (1975) 145-162. 296-308. - B. Stein,
(cfr. Prov. 7,16). Der Begriff K'bod Jahweh und seine Bedeutung fiir die
Mentre k°bùddà (Ps. 45,14; lud. 18,21), simil­ alttestamentliche Gotteserkenntnis, 1939. - M. Wein­
mente a -» kàbód, significa ‘ ricchezza, valore’, kó­ feld, 'Presence, Divine’ (EJ 13, Jerusalem 1971, 1015­
bed si mantiene più vicino al significato principa­ 1020). - Idem, Deuteronomy and thè Deuteronomic
le e indica, ad es., il peso della pietra (Prov. 27,3) School, Oxford 1972, 191-209. - Id., El 14, 1978, 23-30.
- C. Westermann, Die Herrlichkeit Gottes in der Prie-
o della guerra (Is. 2 1,15 ) e *n parallelo a rób una
sterschrift (Fs. Eichrodt, Ziirich 1970, 227-249). - Id.,
moltitudine (cfr. Kselman, passim). Dietro zìì'hap. kbd, schwer sein (THAT 1 794-812). - W. Zimmerli,
leg. k ebèdut (Ex. 14, 25), detto di ruote del carro, Ezechiel, BK xiii/i, 1 1979,57 s.; xm/2, '1979,1077 s.
si ritrova l’idea della lentezza.
1.1. kàbód deriva da k bd che indica da un lato
v. L ’uso linguistico di kbd negli scritti di Qum ­ ‘peso’ in senso fisico, dall’altro ‘importanza’ e ‘si­
ran si accorda strettamente con quello biblico; gnificato’, vale a dire ‘onorato’ e ‘ rispettato’ in
delle 30 attestazioni, la parte maggiore (13) con­ senso spirituale, qll in opposizione a k bd rende di
cerne la forma participiale nif. ‘ i venerati, gli elet­ conseguenza ‘leggerezza’ in senso fisico e ‘futili­
ti’ e la parte restante si colloca nell’ambito se­ tà’, cioè ‘non onorato’, in quello figurato. Per l’op­
mantico di ‘onorare, rispettare’ ecc. (10). In 1 iQ T posizione kbd-qll cfr. 1 Sam. 2,30; 2 Sam. 6,22;
49,11 si può tuttavia riscontrare per k b d il signi­ Is. 23,9; cfr. anche l’antinomia kàbód-qàlón in Is.
ficato di ‘ripulire’ attestato in periodo postbiblico 22,18; Hos. 4,7; Abac. 2,16 e Prov. 3,35. -» j rqàr,
(Levy, WTM 2, 284 s.). il termine aramaico per kàbód, ha la medesima
P. Stenmans doppia connotazione: ‘pesante’ e ‘rispettato’. Per
i 8 7 (iv, 2 j) kàbód (M. Weinfeld) (iv.zj) 1 88

questo m illetà jaqqirà (Dan. 2 ,11) significa «que­ 199 volte (Westermann 200 volte); 24 nel Penta­
stione difficile», cioè difficile da gestire, come dà- teuco (P 13 volte), 7 nel D trG, 18 nell’opera sto­
bàr kàbéd (Ex. 18,18), mentre j eqàr malkut (Dan. riografica del Cronista, molto spesso nei profeti
4,33), come l’ebr. k cbód malkut, significa «di­ Isaia (38 volte) ed Ezechiele (19 volte), raramente
gnità della regalità» (cfr. sotto, l’acc. melam sar- in Geremia e nei Profeti minori. 51 attestazioni
rùtija). nei Salmi e 16 nei Proverbi mostrano una chiara
Dalla radice k b d ‘pesantezza’ (in senso fisico e predilezione di questi libri per questo concetto,
spirituale) deriva -» kàbéd ‘fegato’. Il fegato, con il ma mentre nei Salmi ci si rivolge più spesso al
cuore (-> léb), era considerato l’organo più impor­ k ebód jhw h, nei Proverbi ricorre maggiormente il
tante del corpo; cfr. l’intercambiabilità di libbu kàbód dell’uomo.
(cuore) e kabattu (fegato) in accadico, ugaritico e 3. La resa dei L X X è coerente: si incontrano
forse in ebraico. Da questo punto di vista, locu­ Sófyx (177 volte), con i termini affini évàoljoi; (3
zioni accadiche e ugaritiche quali «gioia del cuore volte), SoJjà^eiv (2 volte) e (1 volta). Si in­
e divertimento del fegato (= senso)» sono parti­ contra inoltre (7 volte); rese orientate a un
colarmente istruttive. Cfr. acc. hud libbi, num- contesto specifico sono 7tXoùto<; (2 volte), xaXó^
mur kabatti (Borger, Asarbaddon 64, vi, 5 5), ug. e Stivarle; (ciascuno 1 volta). Probabilmente an­
tgdd kbdb bshq, jm Ù Ibb bsmbt (K T U 1 .3 ,11, 25 che yX(ùcr<Ta (Ps. 16,9) è da considerare in questo
ss.; cfr. K T U 1 . 1 2 , 1 , 1 2 s.). ambito. H. Hcgermann 834 ha sottolineato che
tutta l’ampiezza semantica veterotestamentaria
Sulla base delle citate attestazioni accadiche e uga­ di kàbód è confluita nell’equivalente greco Só£a.
ritiche si è proposto di leggere kàbéd invece di kà­ Il significato extrabiblico di Só^a ‘veduta, opinio­
bód in Ps. 16,9: s'àmab libbi wajjàgel k ebèdi «il mio ne’ manca nell’Antico Testamento così come nel
cuore gioiva, il mio fegato (= senso) giubilava» (cfr.
N uovo Testamento.
F. Nòtscher, VT 2 [1952] 358 s., S.E. Loewenstamm
182 s.; M. Dahood, AB, ad /.). Ma è richiesta pru­
denza: kàbód stesso ha il significato di ‘sostanza’, ‘es­ i l i . kàbód s’incontra di frequente nel signifi­
sere’ e poiché bàsàr ‘corpo’, come vocabolo paralle­ cato di ‘corpo’, ‘sostanza’, ‘massa’ (cfr. H .L. Gins-
lo, compare in Ps. 16,9 ’ap b'sari jiskón làbetah «il berg 246 s.), poi anche di ‘potere’. Perciò in Is.
mio corpo riposa nella sicurezza», il significato di 5,13 k ebódó è in parallelo con hamónó ‘massa’ e
kàbód emerge qui molto plausibilmente come so­ significa ‘grande quantità’ (cfr. JP S, 1978); cfr. Is.
stanza o «whole being» (cfr. JPS, Psalms, 1972), così 16,14. Una connotazione simile mostra Is. 8,7,
che si può evitare la correzione del T.M. Un simile dove il kàbód della Siria, che si muove oltre le sue
parallelo tra kàbód e bàs'àr (e nefes) si ha in Is. io,8
rive, viene nominato in relazione con le acque po­
(cfr. sotto). Inoltre l’acc. kabattu significa ‘l’interno’
del corpo: pensiero, emozioni e spirito, e la traduzio­ tenti dell’Eufrate e implica dunque l’aspetto con­
ne «fegato» perciò non è sempre adeguata (cfr. CA D creto della «potenza». In Is. 10,16; 17,4 kàbód è
v. voce kabattu). sinonimo di «grassezza» e lo stesso avviene in Is.
Gli altri casi di lettura di kàbéd per kàbód sono 10,18 il kàbód del bosco, che sarà distrutto, è in
Gen. 49,6; Ps. 108,2, cfr. 57,8 s. e 7,6. In Gen. 49,6 parallelo ad anima e corpo (minnefes w e 'ad bàsàr).
kebòdì è difettivo e i L X X traducono «il mio fega­ Hos. 9 ,11: «Efraim, il suo kàbód volerà via come
to» (irà r,TO2Ta jxou), mentre in Ps. 108,2 k ebódi è pa­ un uccello», ricorre in relazione alla moltitudine
rallelo a libbi, cfr. Ps. 16,9. Qui k ebódi significa ‘cor­ dei bambini sottratti ai genitori. Un significato
po’ o ‘ intelletto’. In Gen. 49,6 nefes und kàbód sono
quasi identico ha k ebuddà in Iud. 18 ,21, dove è
in parallelo ed entrambi potrebbero indicare «l’esse­
re interiore». Del tutto incerto è kàbéd in Ps. 7,6: legato a ta f ‘bambini’ e miqneh ‘bestiame’ (per la
qui k ’ bódi è parallelo a bajjim ‘vita’, parallelismo at­ metafora del «volare via» in relazione allo svanire
testato anche altrove; cfr. Prov. 21,21; 22,4. - Cfr. J. del potere cfr. Prov. 23, 5); per altri spetti cfr. C.
Pedersen, Israel, its Life and Culture 1-11, Kaben- Westermann, T H A T 1 798 s.
havn 1926 (1954) 239. Come si già accennato, il concetto di «quanti­
tà» abbraccia anche quelli di «forza» e «potere» e
Vi è senza dubbio un collegamento tra kabed e infatti kàbód è citato in Ps. 14 5 ,11 s. e a Qum
kàbód, poiché entrambi significano ‘peso’ e ‘si­ ran (iQ H 5,20; 10 ,11) insieme con g eburà ‘for­
gnificato’, cosa che potrebbe aver causato confu­ za’ . kàbód nel significato di ‘forza’ è documenta­
sione tra i due termini. Nonostante ciò in tutte le to in Iob 29,20: «Il mio kàbód è nuovo in me, il
attestazioni indicate si dovrebbe mantenere il te­ mio arco è stabile nella mia mano» e in Ps. 3,4:
sto masoretico. «Tu sei... uno scudo sopra di me, il mio kàbód,
2. N ell’Antico Testamento si incontra kàbód che tiene alto il mio capo»; arco e scudo indica­
189 (IV.2Ó) kàbód (M. Weinfeld) (iv,27) 190

no forza e potere, kàbód nel senso di ‘forza’ è non cedo a nessuno il mio kàbód, né la mia fama
collegato ad arco e guerrieri in Is. 2 1,16 : «Ancora (tehillàtì) agli idoli!» (Is. 42,8, cfr. 48,11). Di qui
un anno, (sicuramente) come l’anno degli affit­ si può comprendere l’accusa di Geremia: «Ha mai
tuari, e tutto il kàbód di Kedar scomparirà; ri­ un popolo cambiato i suoi dei..., ma il mio popo­
marranno solo pochi archi dei guerrieri del K e­ lo ha scambiato il suo kàbód» (ler. 2, n ; cfr. Ps.
dar» (cfr. Ehrlich, Randglossen, ad «.kbwd non 106,20); cfr. Mal. i,6: «Se sono un padre, dov’è il
indica qui magnificenza, ma quantità, forte pote­ kàbód che mi deve essere attribuito?».
re militare»); cfr. anche Is. 16,14: «Fra tre anni, A Dio si deve il massimo rispetto, e questo gli
(sicuramente) come gli anni degli affittuari, il kà­ viene tributato con canti e lodi: il kàbód gli è do­
bód (= potere) di Moab, con tutta la sua grande vuto, anche da parte degli esseri divini (Ps. 29, 1
quantità (bàmón), diminuirà. N e rimarrà solo uno s.). In Ps. 96,7 s. (cfr. 1 Chron. 16,28 s.) sono le
scampolo». «famiglie dei popoli» a portargli kàbód. Secondo
È stato proposto (R. Wciss, mswt bm qr\ 1976, Ps. 66,r s. tutta la terra deve cantare il kàbód del
299) di interpretare kàbód nel senso di ‘forza’ suo nome ed esaltarlo tributandogli kàbód (sìm
(g'bùrà) anche in conseguenza di tutti gli epiteti kàbód); cfr. similmente Is. 42,12: «Essi (gli abi­
paralleli di Dio in Ps. 24,8: melek hakkàbód «re tanti di tutta la terra) devono tributare kàbód, de­
di gloria» («King of glory») da una parte e ' ì z z h z vono raccontare la sua magnificenza nei paesi
w 'gibbór «potente e coraggioso» dall’altra parte delle coste!».
(per ‘oz e kàbód come sinonimi cfr. sotto). «Tributare kàbód» ha spesso il carattere di una
kàbód significa anche ‘possesso’ e ‘ricchezza’, confessione. Per questo Giosuè dice ad Akan, ac­
ad es. in Gen. 3 1,1: «E da ciò che fu di nostro pa­ cusato di avere infranto il herem e sollecitato a
dre egli costruì tutto il suo kàbód (= ricchezza)»; confessare i propri peccati: «Figlio mio, da’ kà­
similmente in Is. 10,3: «Dove volete nascondere il bód a Jhwh, Dio d’Israele, e rendigli grazie!» (Ios.
vostro kàbód?», riferendosi al bottino che i capi 7,19). Quando i Filistei si accingono a restituire
hanno accumulato con il saccheggio, mentre Is. l’arca dell’alleanza devono pagare un indennizzo
22,24: «Ogni kàbód della sua casa paterna» si ri­ al Dio d’Israele, che è definito come «dare kàbód»
ferisce a «bestiame, stoviglie e brocche». In Nah. (/ Sam. 6,5). Siffatto tributo di onore attraverso
2,10 kàbód comprende provviste e tesori, che de­ la confessione si trova anche in ler. 13 ,1: «Da’ kà­
vono essere predati agli Assiri a Ninive: «Rapina­ bód a Jhwh, tuo Dio, prima che egli porti il buio,
te argento, rapinate oro, tesori senza fine, kàbód prima che i tuoi piedi inciampino!» (cfr. Ehrlich,
(un tesoro) di tutti gli oggetti preziosi» (cfr. Mikra ki-pheshuto, ad /.).
T H A T 1 798 s.). Nelle preghiere bibliche si trova spesso la sup­
Si incontra spesso kàbód in relazione e in pa­ plica rivolta a Dio per la salvezza d’Israele in gra­
rallelo a ‘ ricchezza’ (‘óser), cfr. / Reg. 3,13; Prov. zia del kàbód divino, ossia della sua reputazione
3,16; 8,18; 22,4 ecc.; cfr. in particolare Ps. 49,17: tra le nazioni: «Aiutaci, Dio, nostro salvatore, per
«Non lasciarti confondere se un uomo diventa il kàbód del tuo nome... Perché le nazioni devono
ricco e il kàbód della sua casa (cioè tutti i beni del­ dire: D o v’è il loro Dio?» (Ps. 79,9 s.) - «Non a
la sua casa) si accresce». In Is. 61,6 kàbód sta in noi, o Jhwh, non a noi, ma al tuo nome, da’
parallelo a hajil ‘ricchezza’, e s’incontra in Is. 66, kàbód... Perché le nazioni devono dire: D o v’è il
12 k ebód gójim nel significato di «ricchezza dei loro Dio?» (Ps. 115 ,1 s.). L ’immagine dell’onore
popoli». di Dio tra le nazioni è attestata in forma positiva
2. kàbód ‘onore’ è da attribuire a Dio, al re e a in Is. 66,19 s>: «Esse (le nazioni) verranno e ve­
persone di elevata autorità e stato. Il più onorato dranno il mio kàbód. Io metterò fra loro un se­
è Dio. Egli è il «Dio del kàbód» (’e/ hakkàbód, gno e le invierò... ed esse dovranno annunciare il
Ps. 29,3), «re del kàbód» (melek hakkàbód, Ps. mio kàbód tra le nazioni».
24,7.9.10). (Per melek hakkàbód come allusione Anche ai re è dovuto kàbód (Is. 14,18; Ps. 21,
al culto del tempio di Gerusalemme cfr. J. Maier, 6; Prov. 25,2), e così pure ai sacerdoti (Ex. 28,2.
Das altisraelitische Ladeheiligtum, BZAW 93, 40) e ai saggi (Prov. 3,35); mai però agli stolti
1965, 77; per una possibile radice cananaica cfr. (Prov. 26,1.8).
Westermann, T H A T 1 804 s.) Il suo è un regno di Anche ai genitori si deve kàbód, come ai pa­
kàbód e hàdàr ‘splendore’ (k ebód malkùt / k ebód droni degli schiavi, cfr. Mal. 1,6: «Un figlio deve
hàdar malkùt, Ps. 14 5 ,11 s.; cfr. accadico melam onorare suo padre e uno schiavo il suo padrone.
sarrùti «splendore del reame», cfr. sotto), che Ora io sono il padre, dove è l’onore che mi è do­
non è superato dal kàbód di nessun altro: «Io vuto (k 'b ó d i)? E se ora sono il padrone, dove è il
l 9l ( i v , 28 ) kabòd (M. Weinfeld) (r/,29) 192

timore nei miei confronti (m òrà'i)?». (Per il pa­ (1,4; 8,2). Il Deuteroisaia e il Tritoisaia descri­
rallelismo tra kàbòd e m òra’ cfr. sotto). vono il ritorno di Dio a Sion come manifestazio­
kàbòd è riferito anche alla propria dignità, che ne (gàia) del suo kàbòd (40,5; cfr. Ps. 97,6; 102,
può essere conseguita grazie a un comportamen­ 17) e del suo risplendere su Gerusalemme (Is. 60,
to misurato, con decenza, magnanimità e umiltà: 1; cfr. sotto).
«Restare da parte in occasione di una lite torna a 2. kàbòd nel significato di ‘ magnificenza, glo­
kàbòd per un uomo, ma uno stolto scoppia subi­ ria, bellezza’ ecc. va di pari passo con tutta una
to!» (Prov. 20,3); «Una donna elegante acquista serie di espressioni come ‘óz (Ps. 29,1; 63,3), che
kàbòd» (Prov. 11,16 ); «Chi dà generosamente ai può avere, come kàbòd, il significato di ‘poten­
poveri..., il suo potere è elevato a kàbòd» (Ps. za’; hàdàr, hòd ‘magnificenza, maestà’ (Ps. 8,6; 25,
112,9); *La modestia precede il kàbòdl» (Prov. 6 ecc.), t if’eret ‘ornamento’ (Ex. 28,2.40); sebi ‘bel­
1 5>33>- lezza’ e g è ’ùt/gà’òn ‘altezza’ (Is. 4,2). Come l’acc.
melammu e i suoi derivati (v. sotto), tutti questi
n i.i. kàbòd nel significato di ‘magnificenza’, termini possono essere intesi nel senso di corona
‘splendore’ si trova soprattutto in riferimento a (v. sopra) o di veste magnifica, in particolar mo­
Dio, al suo tempio, alla sua città e ad altre qualità do se sono applicati a Dio o al re. Perciò leg­
divine (cfr. sotto, iv). In P il termine ricorre in giamo, in Ps. 104,1 s., che «Dio è rivestito di ma­
relazione all’apparizione di Dio nella tenda (Ex. gnificenza e gran pompa (hòd w ehàdàr), avvolto
29,43; 4°>34 s-; Lev. 9,6.23; Num. 14,10; 16,19; l 7> in un vestito di luce». Del re si dice: «Il suo kà­
7; 20, 6). Il kàbòd compare qui come un fuoco bòd è grande... Tu lo circondi con magnificenza e
che consuma, circondato da una nube (Ex. 24,16 gran pompa (hòd w ehàdàr)» (Ps. 21,6). In Ps. 8,
ss.; cfr. anche 16,10; Num. 17,7). Soltanto Mosè, dove è considerato di poco inferiore alla divinità,
al quale è concesso di trattare faccia a faccia con l’uomo è coronato di kàbòd e hàdàr (v. 6). Le
Dio (Ex. 3 3 ,11; Num. 12,8; Deut. 34,10), può en­ espressioni gà'òn, seb ì e tif'eret, che si incontra­
trare in questa nube (Ex. 24,18). Il contatto con i no in Is. 4,2 in relazione a kàbòd, sono unite, in
raggi della divinità conferisce splendore al suo vi­ Is. 28,1-5, a una corona superba: «Guai alla co­
so, e per questo Mosè prende una maschera per rona di superbia (gè'ùt) degli ubriachi di Efraim,
nascondersi la faccia e impedire al popolo di av- al fiore appassito (sw) del suo grandioso ornamen­
vicinarglisi (Ex. 34,29 s.). Al riguardo cfr. J. Mor- to (seb ì tif'artò) ... In quel giorno Jhwh Sebaot
genstern, Moses with thè Shining Face: H U C A 2 stesso sarà, per il resto del suo popolo, una coro­
(1925) 1-27; A. Jirku, Die Gesichtsmaske des Mo­ na di bellezza (seb i) e un diadema della pompa/
se: Z D P V 67 (1944/45) 43 ss.; F. Dumermuth, Mo­ ornamento (tif’eret)». Similmente ge'ut, ‘óz e hà­
ses strahlendes Gesicht: ThZ 17 (1961) 241-248; -» dàr, hòd sono da intendere come abiti, cfr. ad es.
qàran. Ps. 93,1: «Il Signore è re, egli è vestito di nobiltà
Come in seguito si potrà constatare, la magni­ (gè'ut) ... Egli è cinto di potenza (‘oz)»; Is. 52,1:
ficenza divina nell’Oriente antico era rappresen­ «O Sion, vestiti tu stessa di potenza (’oz), indossa
tata dalla corona della divinità o dell’eroe, e lo stes­ il tuo abito di pompa (tif'eret)»; lo b 40,10: «Co­
so vale per il kàbòd ebraico. In lo b 19,9 si legge: priti tu stesso di nobiltà e pompa (gà'òn w egd-
«Mi ha spogliato del mio kàbòd, ha tolto la coro­ bah) e indossa hòd w ehàdàr».
na dal mio capo»; cfr. similmente Ps. 8,5: «Lo hai L ’acc. melammu ‘splendore terribile’ ha una quan­
fatto di poco inferiore alla divinità, lo hai incoro­ tità paragonabile di sinonimi: namrirru ‘splendore’,
nato con kàbòd e magnificenza». Nella liturgia salummatu ‘abbondanza di luce’, sarùru ‘splendore
giudaica (amidah al mattino del sabato) i raggi di di raggi’, bastu/baltu ‘dignità’ ecc. (cfr. E. Cassin; L.
Mosè sono infatti descritti come una corona di Oppenheim, JA O S 63, 31 s.; Ròmer 145 ss.). Come
gloria (kelìl t if’eret) datagli da Dio (S. Singer, SPB nella Bibbia ci si veste, cinge e incorona con essi, cfr.
1943, 200). ad es. l’iscrizione di Asarhaddon: «Questa corona
vestiva di splendore terribile (melammu), abbraccia­
Col suo linguaggio figurato strettamente lega­
va di dignità (bantu), riempiva di abbondanza di lu­
to a P, Ezechiele trasferisce il suo concetto di kà- ce (salummatu), ricopriva di splendore (namrirru)»
bòd al tempio di Gerusalemme. Il kàbòd è qui (Borger, Asarhaddon 83, 34). Re e dei sono vestiti e
descritto come un complesso splendente e lumi­ cinti con melammu, namrirru, salummatu ecc. (cfr.
noso (10,4; 43,2), che si muove, si alza e si avvici­ Cassin, Ròmer 307; qui anche attestazioni).
na (9,3; 10,18; 11,2 3 ; 43 >4)- Come P anche Eze­
chiele descrive il kàbòd come un fuoco che av­ iv. N on solo la divinità, ma anche tutti gli spe­
vampa, circondato da raggi e da una grande nube cifici oggetti relativi alla divinità sono da conside­
193 (IV>3°) kabòd (M. Weinfeld) (iv,3 i) 194

rare come avvolti da kàbód, per es. il trono (-» e i boschi di cedro sono considerati sacri e pieni
kissè\ 1 Sam. 2,8; Is. 22,23; ^er■ x4>2 I i I 7>12 )> di magnificenza (cfr. Cassin 62 ss.).
tempio (A g. 2,9; cfr. Ps. 29,7), le vesti divine (Ex.
28,2.40) e in particolare la corona (Iob 19,9; Ps. v. N ell’Oriente antico dèi e re sono descritti
8,6). Lo stesso si può notare nel mcsopotamico come circondati di splendore, e proprio il loro
melammu e nei suoi sinonimi, melammu circon­ copricapo o la loro corona ad essere dotati di
da il tempio (cfr. C A D s.v. melammu id), coro­ splendore e maestà. La corona egiziana era carica
ne, armi sacre e vestiario (L. Oppenheim, JN E S 8 di potenza e appariva simile a un diadema splen­
[1949J 172 ss.). Inoltre, si descrive l’altezza della dente come il fuoco (nsr.t [cfr. ebr. nezar\ jfpt).
città e del tempio allo stesso modo dell’A.T.; così Riconosciuta come dea (cfr. Frankfort 107 s.), era
si legge nell’iscrizione di Nabucodonosor sul pa­ considerata la fonte del timore reverenziale e del
lazzo di Babilonia: «Questo palazzo... io l’ho ri­ terrore che sottomette i nemici (cfr. sotto).
empito con abbondanza (/«/«), cosicché tutto il Allo stesso modo l’assiro ‘paura, splendore ter­
popolo lo potesse vedere, i suoi lati sono stati cir­ ribile’ (pulhu melammu [sum. nim elam ]) è legato
condati da dignità (baltu)... con la maestà che sol­ alla tiara (cfr. En. El. 1, 68; Oppenheim, JA O S
lecitava riverenza (puluhti melammi, cfr. sotto) 63, 31 ss.; Cassin, 9 ss.; Ròmer, 308 s.). Come si è
per il mio reame. N é persone cattive né persone detto precedentemente (v. sopra, iv), anche i ter­
ingiuste vi possono entrare* (S. Langdon, Die neu- mini ebraici kàbód e hód w chàdàr rimandano alla
babylonischen Kònigsinschriften, VAB lv, 1912, corona.
118 , 52 s.; 138, 29 s.). In modo simile è descritta
Anche nella poesia greca lo splendore divino è col­
la Gerusalemme ricostruita: «Svegliati, svegliati,
legato con il capo del dio. Così si legge in Iliade 18,
Sion! Vestiti di potenza (‘óz), indossa le vesti del­ 20 che Atena ha incoronato la testa di Achille con
la maestà (tif eret), Gerusalemme, città santa, poi­ una nuvola di potenza splendente di fuoco, cosa che
ché i non circoncisi e gli impuri non entreranno ha spaventato i Troiani. Lo stesso Giove era avvolto
mai in te» (Is. 52,1). in una nuvola di incenso (Iliade 15,153) che ricorda
Lo splendore si diffonde e copre o riempie in­ il Dio d’Israele, egli stesso frequentemente visto in
tere regioni. Così il kàbód di Dio riempie tutta la una nuvola di fumo ('ànan haqq‘ tóret) sopra l’arca
terra (Num. 14 ,21; Is. 6,3; Ps. 72,19), il suo splen­ dell’alleanza (Lev. 16,2.13). Nei racconti del Sinai an­
che il k rbód jhwh è rappresentato come una nuvola
dore ricopre il cielo e colma la terra (Abac. 3,3).
(Ex. \6,io\Num. 17,7).
Anche in Mesopotamia il melammu ‘splendore’
di dei c re copre (katàmu, safoàpu) cielo e terra o La maestosa signoria divina impone da un lato
riempie (malti) la terra intera (attestazioni C A D venerazione e dall’altro timore, come emerge in
M 11/10 s.). Quest’immagine è particolarmente modo particolare nella terminologia accadica: pul-
diffusa nei racconti della consacrazione di tende e fpu melammu (sum. nimelam). Questa coppia di
templi. L ’entrata del Signore nella sua residenza termini è un’endiadi, che significa letteralmente
divina è descritta con l’immagine del suo kàbód «timore, magnificenza» ma in realtà indica «mae­
che riempie (m àlé\ / Reg. 8 ,11; Ezech. 10,4; 43,5; stà». L ’espressione si riferisce a divinità, re e altri
44,4) la tenda (Ex. 40,34 s.) o il tempio. Lo splen­ elementi sacri oggetto di venerazione (cfr. L. O p­
dore divino (kàbód) raggiunge il cielo: «Il suo penheim, JA O S 63, 61 ss.; Cassin). pulhu melam­
kàbód è alto (ràm) sopra i cieli» (Ps. 113,4); cfr. mu è nel medesimo tempo oggetto di venerazio­
Ps. 57,6.12 (= 108,6): «Elevati (ruma) sopra i cieli, ne e di timore, pulhu (timore) e melammu (glo­
o Dio, eleva su tutta la terra il tuo kàbód». Simil­ ria) del dio o del re assiri sottomettono (pulhi me-
mente nella letteratura mesopotamica si dice che lamme [di dio o di re] ishupsunùti) i nemici in
il timore reverenziale e lo splendore (ni-melam) battaglia (attestazioni C A D v. voce melammu).
degli dèi hanno raggiunto il cielo (cfr. Ròmer 149, Anche il diadema di fuoco (Jfpt, nsr.t) degli dèi e
nr. 16). dei re egiziani (v. sopra) diffonde il timore (nrw)
Lo splendore copre anche i boschi del Libano e il terrore (snd) che sottomettono i nemici in
e del Carmelo: «Fiorirà abbondantemente... deve guerra (cfr. Weinfeld, EI 14, 1978, 25). Da questo
raggiungere il kàbód del Libano, la bellezza (hà- punto di vista l’aspetto terrificante delJ’appari-
dàr) del Carmelo e di Saron» (cfr. Is. 35,2; 60,13). zione divina della dea Inanna, nella letteratura me­
Gli alberi dell’Eden, giardino di Dio, erano rive­ sopotamica, impressiona fortemente. Cfr. l’inno
stiti di magnificenza nello stesso modo: «Chi è sumerico di Enheduanna (figlia di Sargon 1) a
paragonabile a te in kàbód e grandezza?» (Ezech. Inanna (cfr. W.W. Hallo - J.J.A . van Dijk, The
31,18 ; cfr. vv. 8 s.). Anche in Mesopotamia i cedri Exaltation o f Inanna, N ew Haven 1968, r8. 34
195 (iv.Ji) kabód (M. Weinfeld) (iv,33) 196

s.): «Oh signora, gli Anunna, i grandi dei, svolaz­ doni sacrificali, il popolo cadde sul volto e gridò:
zano come pipistrelli, volano da te alle spaccature «Jhwh solo è Dio...» (v. 38).
delle rocce, non si azzardano a passare (?) nel tuo Il fuoco del kàbód può anche essere pericolo­
splendore terribile (igi-hus), ad avvicinarsi al tuo so: non consuma solo i doni sacrificali, ma anche
terribile volto (sag-ki-frus)» (cfr. A N E T 3 579 ss.). Nadab e Abihu, i figli di Aronne, che sacrificava­
Il «volto terribile» indica qui il volto della dea no al fuoco estraneo infrangendo il comandamento
che diffonde raggi e splendore come quello del di Dio (Lev. 10,1 s.).
dio Nanna, «il cui volto è riempito di raggi» (sag- I raggi del fuoco divino colpiscono i nemici,
ki-bi me-ldm-gdl-la-gim, cfr. S.N. Kramer, En- così che «il fuoco brucia i nemici davanti al Si­
merkar and thè Lord o f Aratta, Philadelphia 1952, gnore da tutti i lati» e tutti vedono il suo kàbód
22. 273), paragonabile al capo di Achille circon­ (Ps. 97,3 s.). . . .
dato di fuoco (v. sopra) e al volto splendente di L ’aspetto pericoloso del kabód di Jhwh diven­
Mosè (Ex. 34,29 s.). ta particolarmente evidente nei racconti del pas­
La terribile magnificenza di Inanna, davanti al­ saggio nel deserto. Qui il kàbód di Jhwh viene a
la quale gli dei Anunna fuggono come pipistrelli minacciare gli Israeliti quando mormorano con­
nelle spaccature delle rocce, ricorda la profezia di tro di lui (Ex. 16,7.10; Num. 14,10; 16,19; l 7> 7>
Isaia sul «terrore e splendore» (pahad w'hàdàr) 20,6). In un caso il «fuoco di Jhwh» - inteso co­
del Signore, davanti al quale i popoli fuggono co­ me un elemento della manifestazione del kàbód -
me pipistrelli nelle spaccature delle rocce: «Quel si infiamma contro gli Israeliti e le loro rivolte
giorno l’uomo getta via le sue immagini idolatri­ (Num. ii ,i) .
che d’argento... ai pipistrelli, per salvarsi, nelle La manifestazione del kàbód di Jhwh era ac­
grotte fra le rocce e nelle spaccature degli scogli a compagnata da dimostrazioni di timore reveren­
picco sul mare, dal terrore (pahad) di Jhwh e dal­ ziale come prostrazioni, lodi e acclamazioni. Se­
lo splendore della sua maestà (badar g e’ónó), condo Lev. 9,24 «tutti i popoli vedevano (il kà­
quando si eleva per distruggere la terra» (Is. 2,20­ bód e il fuoco), gridavano e cadevano sul loro vi­
21). so». Anche Ezechiele vide il kàbód e cadde sul
L ’atto di cercare riparo nelle fenditure delle roc­ suo volto (1,28; 3,23); cfr. anche la cerimonia del­
ce di fronte al kabód di Jhwh si trova in Ex. 34,21 la consacrazione del tempio in 2 Chron. 7: «Tutti
s. (cfr. 1 Reg. 19 ,11 ss.). In Iob 40,10 ss. l’uomo è gli Israeliti videro il fuoco che scendeva dal kà­
invitato a ricoprire se stesso di magnificenza e bód di Jhwh sul tempio e si inchinarono sul loro
maestà, gloria e splendore (hód w 'hàdàr) come volto... e ringraziarono...» (v. 3; cfr. anche 1 Reg.
Dio - naturalmente egli non è in grado di farlo - 18,38). _
e a tormentare i cattivi affinché si nascondano La polarità fra paura e timore reverenziale è
nella polvere. espressa (accanto a pahad w 'h àdàr in Is. 2,10.19.
L ’aspetto terribile del kàbód di Jhwh si mani­ 21) dalle coppie lessicali góbah w 'jir ’à «altezza e
festa in modo particolare nella rivelazione sul Si­ timore» (Ezech. 1,18 , cfr. sopra, per góbah e gà-
nai. Il popolo viene dissuaso dal guardare il kà­ ’ón), nórà’ t'hillót «terrificante nella fama» (Ex.
bód del Signore (Deut. 5,21; cfr. Ex. 20,18), e te­ 1 5 ,1 1) e nórà' hód «splendore terribile» (Iob 37,
me di essere consumato dal grande fuoco che dal 22); cfr. anche m órà’ // kàbód in nesso con il ti­
kàbód promana (Deut. 5,22). Secondo il parallelo more reverenziale davanti al padre e al signore
Ex. 20,18 il popolo, che era presente alla teofania, (Mal. i,6).
si ritirò e si fermò in lontananza. Il fuoco che
emana dal kàbód è poi citato ancora in relazione vi. In P e in Ezechiele il kàbód di Jhw h è inte­
alla consacrazione della tenda sacra (Lev. 9,23 s.) so come un fuoco ardente avvolto da una nube
e del tempio di Salomone (2 Chron. 7,1 ss.), du­ (Ex. 24,i6s.;cfr. 16 ,10 ;4 0 ,34 s.;N«m . 17,7; Ezech.
rante la quale il popolo vide scendere sul tempio 1,4; 10,4), che è qui parte irrinunciabile della
il fuoco e il kàbód di Jhwh. Il fuoco che consu­ teofania. Serve da involucro protettivo contro la
mava i doni sacrificali serviva da testimonianza vista pericolosa della divinità. Solo Mosè, poten­
dell’accettazione da parte di Dio della consacra­ do guardare Dio faccia a faccia (cfr. Num. 12,8;
zione, e il popolo lo festeggiava con obbedienza e Deut. 34,10), può entrare nella nube (Ex. 24, 18).
lode (Lev. 8,24; 2 Chron. 7,3). Lo stesso fenome­ Agli Israeliti, invece, Dio si manifesta solo nasco­
no è riferito, in 1 Reg. 18, in occasione della con­ sto da nuvole. Diversamente da Mosè essi vedo­
sacrazione dell’altare sul Carmelo per mano di no solo fiamme che avvampano nella nuvola (Ex.
Elia. Quando il fuoco di Jhwh scese e consumò i 24,17). Una sola volta Dio si manifesta a Israele
197 (rv>33) kabód (M. Weinfeld) (iv,34) i9 8
senza protezione, alla consacrazione della tenda cfr. Ps. 105,39), come strumenti divini per la di­
sacra (Lev. 9,23), un avvenimento il cui significa­ struzione del nemico (Ex. 14,24; Ps. 97,2 s.; Abac.
to in altre fonti del Pentateuco viene posto in pa­ 3,5) o come veicolo con il quale Dio scende sulla
rallelo alla rivelazione di Sinai. terra (Ex. 34,5; Num. 11,2 5 ; 12 ,5J Deut. 31,15 ). In
Quando il kàbòd appare nella tenda, la nuvola P, invece, Dio non scende da una nuvola (jàrad);
avvolge il santissimo e Mosè non può entrare nel­ il suo kàbòd continua a rimanere nella tenda del­
la tenda durante la presenza del kàbòd di Jhwh l’incontro ed è mostrato agli Israeliti dalla nuvola
(Ex. 40,34 s.; per la differenziazione letteraria dei che copre la tenda (Num. 17,7). Benché il kàbòd
singoli elementi dell’apparizione relativamente al di Jhwh abbia in P il proprio specifico modello di
k ebòd jhw h cfr. M. Gorg, Das Zelt der Begegnung, rappresentazione, l’immagine del kàbòd della di­
BBB 27, 1967, 59-66). In modo simile il kàbòd di vinità è molto antica ed è collegata al luogo della
Jhwh riempie il tempio di Gerusalemme, così che permanenza del dio. (Per le differenze nelle im­
i sacerdoti non possono esercitare il proprio ser­ magini e rappresentazioni della teofania cfr. J. Je-
vizio (1 Reg. 8,10 s.). Sulla presenza di Jhwh nel remias, Theophanie. D ie Geschichte einer at.li­
tempio e sui relativi segni cfr. in modo particola­ chen Gattung, W MA N T 10, 21977, 100 -112).
re R.E. Clements, G od and Tempie. The Idea o f Perciò il Ps. 29, che tratta del kàbòd attribuito a
thè D ivine Presence in Ancient Israel, Oxford Dio (w . 1-3), raggiunge il suo apice nella procla­
1965, passim. Secondo Ezechiele durante l’esilio mazione: «Nel suo tempio tutti esclamano: kà­
il kàbòd abbandona il tempio: «Il kàbòd di Jhwh bòd/» (v. 9). Anchc in altri salmi il tempio viene
si era levato dai cherubini... il tempio si riempì nominato esplicitamente: «La residenza del tuo
con una nuvola e il cortile antistante fu invaso dai kàbòd» (Ps. 26,8).
raggi (nògah) del kàbòd di Jhwh» (Ezech. 10,4).
Anche Isaia vede, nella sua visione del kàbòd di Nella letteratura giudaica tarda il kàbòd è sosti­
Jhwh (6,3), il tempio riempito di fumo (v. 4). N o ­ tuito dalla s'kinà (-> skn ‘abitare’)-In conseguenza
nostante che la divinità rimanga nella nebbia e nel delle visioni di Ezechiele, l’immagine del carro del
trono (merkàbà) giunge ad avere un significato simi­
buio del santissimo (/ Reg. 8,12), ciò non è suffi­
le, Cfr. J. Maier, Vom Kultus zur Gnosis. Bundes-
ciente a nasconderla agli sguardi fissi degli uomi­ lade, Gottesthron und Màrkàbà, Kairos 1, Salzburg
ni. Quando il sommo sacerdote Aronne, una vol­ 1964, spec. 119 s. e 144 ss.; J. Neusner, JStJ 2 (1971)
ta l’anno, entra nel santissimo, deve prima riem­ 149-160; Id., EJ 11,19 7 1,13 8 6 s.; ora J. Marbòck, BZ
pirne l’interno con una nuvola d’incenso (Lev. 16, 25 (1981) 10 3 - m .
13), «perché io apparirò in una nuvola sopra la
kappòret» (Lev. 16, 2). Questa nuvola d’incenso kàbòd in quanto «aspetto riconoscibile da par­
di Aronne non è quindi la medesima di quella te dell’uomo dell’ agire di Jhwh, agire nel quale
nella quale si manifesta il kàbòd. Se una nuvola Egli stesso diventa palese nella sua potenza» (R.
proteggesse senza interruzione la sede della divi­ Rendtorff, K uD Beih. 1, *1965, 31) rappresenta la
nità tra i cherubini, Aronne non avrebbe bisogno maestà divina in senso ampio ed è spesso inter­
di crearne una artificiale. La frase «affinché egli cambiabile con il volto di Dio (pànim), la bontà
non debba morire» (vv. 2.13) mostra che il fumo (tùb), la forza (*òz), la bellezza (no'am), la grazia
dell’incenso ha la funzione di nascondere l’imma­ (hesed), la salvezza (jèsa‘) ecc., come risulta par­
gine di Dio, per proteggere il sommo sacerdote ticolarmente evidente in Ex. 33,18 ss. Alla richie­
dal pericolo di morte, nel caso che egli dovesse ve­ sta di Mosè a Dio di mostrargli il suo kàbòd, Dio
dere la divinità. rispose: «Io voglio far passare davanti a te tutta la
Questa immagine del kàbòd collegato alla ten­ mia bontà» (v. 19; cfr. anche v. 22). I versetti che
da e al tempio è stata sviluppata apertamente dal­ seguono narrano poi della rivelazione del pànim
la casta sacerdotale di Gerusalemme. Le altre fon­ ‘volto* di Dio. Secondo G. v. Rad (Fs. A. Bertho-
ti del Pentateuco vedono la manifestazione della let, 1950, 239), alla base di questo punto sta una
divinità sotto un altro aspetto: qui nuvola e fuoco eziologia liturgica, le cui tracce possono essere in­
non sono una conseguenza duratura della pre­ dividuate anche nei salmi, dove l’abitare nella ca­
senza divina, ma sono considerati fenomeni che sa di Dio allude a un’esperienza di teofania.
accompagnano efficacemente Dio (Ps. 97,2 s.; cfr. Il salmista cerca spesso con sguardo nostalgico
Ex. 19,16 ss.; Deut. 4 ,11; 5,19) e strumenti della l’ambiente di Dio nel suo tempio: «Dio... io ti cer­
sua protezione e della sua potenza. Nuvola e fuo­ co, la mia anima ha sete di te... Cerco con lo sguar­
co servono da guida (Ex. 13,2 1;^ # » ?. 10, 24\Deut. do te nel santuario per vedere la tua potenza (*óz)
1,3 1), da protezione per il popolo (Ex. 14,19 ss.; e magnificenza (kàbòd), ché la tua grazia (hesed)
kàbód (M. Weinfeld) ( r v , 36 ) 200
199 (IV>3 ?)

è meglio del vivere» (Ps. 63,2 ss.). Si riscontra un tro» e gli consegna le leggi dei sacrifici. Per P la
simile entusiasmo in Ps. 65,5, dove il salmista ha tenda, santificata dal kàbód di Dio (Ex. 29,4), è il
nostalgia della bontà della casa di Dio (tub bè- luogo dove egli incontra Mosè per parlare con lui
tekà); cfr. anche Ps. 73,16 ss., dove il kàbód di Dio e per consegnargli la legge per gli Israeliti (Ex. 25,
implica maestà nella vita futura; qui l’espressione 22; 29,42-45; Num. 7,89).
«andare dietro al kàbód», cioè portare l’anima a La tenda dell’incontro come luogo in cui Dio
Dio nel senso di una assumptio; v. Gen. 5,24; 2 fa conoscere le proprie decisioni non è un’inven­
Reg. 2,3.5.9 (v. anche Ps. 49,16: «Dio mi toglierà, zione dell’autore sacerdotale. Nella fonte antica
mi riscatterà dalla se’ó/»). di Ex. 3 3 ,7 -n troviamo anche la tenda come luo­
go oracolare, nel quale Mosè entra per incontrare
I tentativi di interpretare w e,abar kàbód tiqqàbè-
Dio che scende in una colonna di nuvole e sta al­
m (Ps. 73,24^ divergono assai fra di loro: la mag­
gior parte degli esegeti concorda nel considerare il v. l’entrata della tenda. Senza dubbio c’è una grande
24b riferito a una vita nell’aldilà (Rowley, Maag, differenza tra la rappresentazione della tenda del­
Nòtscher, Weiser e altri). Altri lo vedono specificato l’incontro di quest’antica tradizione (JE) e quella
parallelamente al rapimento di Enoc (Buber, Kraus, della fonte sacerdotale. Nelle tradizioni di J E la
v. Rad ecc.). Altri ancora non sono del parere che si tenda dell’incontro si trova all’esterno dell’accam­
tratti dell’aldilà, e vi vedono una promessa ai devoti pamento (Ex. 33,7; Num. 1 1 , 26; 12,5) e Dio sta
di godere fortuna e successo in questa vita (Rissane, all’esterno della tenda e non in essa (cfr. M. Ha-
Mowinckel, Gunkel, Tournay ecc.). Jellicoe vede ran 50 ss.), mentre secondo P la tenda dell’ incon­
qui l’accettazione dell’uomo a Jhwh a seguito di una
tro sta in mezzo all’accampamento e Dio parla da
teofania (ExpT 67 [195 5/56] 210), C.B. Hansen pen­
sa a un’esperienza di estasi (DTT 13 [1950] 84 s.), dentro di essa. Secondo P, inoltre, Dio non scen­
mentre H. Ringgren presume qui un accadimento de in una nuvola per parlare con Mosè all’entrata
che in qualche modo ha delle relazioni «con l’appa­ della tenda, come invece prevede JE . La tenda è,
rizione cultuale del kbw d nella festa di Capodanno» secondo il documento sacerdotale, il suo domici­
(VT 3 [* 953] 270 s.). Infine A. Schmitt (Entruckung- lio duraturo (Ex. 25,8; 29,45), dal quale egli co­
Aufnabme-Himmelfahrt. Untersucbungen 2u einem munica la sua volontà. Così la tenda serve in re­
Vorstellungsbereicb im A.T.: FzB 10 [1973] 302) pro­ altà come santuario centrale nel centro dell’accam­
pone di pensare di nuovo, come per Elia ed Enoc, a
pamento.
un rapimento che, dopo la morte, porta l’orante a
Se si parte invece dalla funzione profetica della
Dio e non permette che sia consegnato alla sr 'ól.
tenda, entrambe le tradizioni hanno una base co­
Congiungersi al kàbód significa dunque entra­ mune. Come in P, anche nelle antiche fonti laiche
re nell’ambito di Dio nella vita dopo la morte, (JE) si incontra Dio nella tenda, per ammonire e
nella liberazione dalla se’ól e nel godimento della parlare a Mosè. In Num. 12,5 s. a causa della ca­
gioia del volto (di Dio) (cfr. Ps. 16 ,10 s.; 17, 15). lunnia di Aronne e Miriam Dio scese nella nu­
kàbód in parallelo con «salvezza» (jésa‘) e ‘óz si vola per rimproverarli. In Num. 11,2 5 D i° scese
può incontrare in Ps. 62,7 s.: «Egli è la mia roccia nella nuvola per parlare a Mosè relativamente al­
e la mia salvezza... ho fiducia in Dio, la mia sal­ l’ istituzione degli anziani e in Deut. 3 1, 15 (= E)
vezza (jésa') e il mio kàbód, roccia della mia for­ Dio si manifesta nella colonna di nuvole presso la
za (‘óz)». tenda dell’incontro per investire Giosuè del suo
nuovo incarico.
vii. Durante l’attraversamento del deserto, il Secondo il documento sacerdotale, come anche
kàbód si rivela per comunicare la volontà di Dio secondo JE , l’annuncio della presenza di Dio è
agli Israeliti (cfr. C . Westermann, Fs. W. Eich- indicato da segni di stima e di rispetto (Ex. 33,
rodt 227 ss.), per lo più immediatamente dopo 10). L ’apparizione del kàbód di Jhwh è accompa­
una richiesta o una ribellione degli Israeliti con­ gnata anche in Ezechiele dalla trasmissione di un
tro chi li guida (Ex. 16,10; Num. 14,10; 16,19; x7> messaggio: in Ezech. 1,28; 3,12.23 indica l’inizio
7; 20,6; cfr. sopra). Dio interviene attraverso la ma­ della missione del profeta, mentre le attestazioni
nifestazione del suo kàbód, cui segue un messag­ di kàbód in 8,2 s.; 10,4.18; 11,2 3 trattano del bia
gio divino a Mosè nella tenda dell’incontro ('óhel simo nei confronti di Gerusalemme, a causa del
m ó'éd)y qui intesa come il santuario centrale dal quale il kàbód abbandona ora la città.
quale Dio parla a Mosè (cfr. Ex. 40, 34 - Lev. 1,
1). Dopo la sua consacrazione, la tenda si riempie vm . La salvezza a venire del popolo in Sion è
del kàbód di Jhwh e viene coperta dalla nuvola. rappresentata nella letteratura profetica e dei Sal­
Dio chiama Mosè fuori dalla «tenda dell’incon­ mi come una nuova rivelazione del kàbód. Nel
201 (iv, 37) kàbód (M. Wcinfeld) (rv,38) 202

futuro il Signore rivelerà di nuovo la propria ma­ letteratura israelitica antica (v. Deut. 33,2 [bà\
gnificenza come nei giorni passati, quando con­ zàrajp, hófìd‘]; cfr. anche Abac. 3,3 s. [jà b ó \ ba­
dusse Israele fuori dalPEgitto. In Is. 4,5 il Signore dò, nógah, k à'ór, 'óz]). Il cliché nir'à kàbód (Is.
stenderà su Sion «una nuvola di giorno e fumo 60,1) si trova già nel racconto del libro dell’Eso­
con un fuoco guizzante di notte» e «sopra il kà­ do (v. sopra). Vi è però una differenza sostanziale
bód ci sarà un padiglione», reminiscenze della co­ tra la funzione del kàbód nella descrizione della
lonna di nuvole e di fuoco nel racconto del libro teofania di Deuteronomio e Abacuc, e in quella
dell’ Esodo. di Is. 40-66. Secondo Deut. 33,2 e Abac. 3,3-4 la
Is. 24,23 parla del futuro regno di Dio su Sion, «magnificenza» costituisce la gloria del Dio di
nel quale «il kàbód (sarà rivelato) davanti agli Israele, che appare al proprio popolo per conse­
anziani». Si tratta di un concetto da leggere alla gnargli la legge (v. 4) o per salvarlo dai suoi ne­
luce di Ex. 24,9 s., dove Dio «si rivelava agli an­ mici (Abac. 3,6 s.). In Is. 40-66 il kàbód di Jhwh è
ziani d’Israele». Come Dio, il sovrano, si rivelò invece indirizzato al popolo e a Gerusalemme,
sul Sinai agli anziani del popolo, così si rivelerà di con lo scopo di attirare altri popoli e guidarli nel
nuovo agli anziani, quando assumerà la propria buio. N ei salmi postesilici il kàbód ha una fun­
autorità regale su Sion. Is. 25,6 ss. (cfr. H. Wild- zione universale simile. La ricostruzione di Sion
berger, B K x/2, 1978, 899 s. 960) descrive il ban­ e la rifondazione del kàbód di Jhwh su di esso
chetto su Sion in diretta continuità con la rivela­ forniscono la ragione affinché i popoli e i loro re
zione del kàbód agli anziani; anche il nesso tra ri­ vengano a riverire il Dio d’Israele: «I popoli te­
velazione e banchetto ricorda Ex. 2 4 ,11. meranno il nome di Jhwh, tutti i re della terra il
Nella letteratura postesilica la rivelazione nel tuo kàbód, poiché il Signore ha ricostruito Sion, è
futuro del kàbód assume dimensioni universali: apparso nel suo kàbód (nir'à bikbódó)» (Ps. 102,
non saranno solo gli Israeliti a vedere la magnifi­ 16 s.; cfr. 97,6 s.). Quest’immagine si può incon­
cenza e lo splendore di Dio, ma tutto il mondo trare anche in Is. 2, dove i servi idolatri gettano i
guarderà: «Il kàbód di Jhwh diventa palese (w c- loro idoli e si nascondono in grotte per il terrore
nigld) e tutta la carne la vedrà nello stesso momen­ della maestà divina (2,10.18.20 s., v. sopra).
to!» (Is. 40,5). I L X X leggono nel secondo emi­ Questo allargamento universale del kàbód di
stichio «e tutta la carne vedrà la salvezza di Dio!»; Jhwh è sottinteso anche nell’immagine che il kà­
cfr. al riguardo Is. 52,10, dove tutti i confini del bód «riempie tutta la terra» (Is. 6,3; Num. 14,21;
mondo vedranno la salvezza (j'su 'à ) recata dal Abac. 2,14; Ps. 72,19). Dietro vi è l’idea della sot­
braccio di Jhwh. Secondo H .L. Ginsberg (JB L 77, tomissione di tutta l’umanità alla regalità di Dio,
152-156) il termine zeróà' ‘braccio’ serve nel Deu- che si mostra già nella profezia di Isaia sul giorno
teroisaia come metafora di rivelazione e salvezza di Jhwh (Is. 2). Qui l’intera umanità si sottomette
(cfr. 51,5; 52,10; 53,1), ciò che potrebbe spiegare a Jhwh seguendo il suo splendore e la sua magni­
l’immagine del «braccio della sua magnificenza» ficenza (v. sopra), che si diffondono in tutto
(z'róà' t if ’artó, Is. 63, 12). È interessante che il l’universo. La funzione escatologica del «riempi­
Deutcroisaia parli nello stesso modo della rivela­ re la terra con la magnificenza di Jhwh» emerge
zione del kàbód di Jhwh (40,5) e del braccio di confrontando Is. 11,9 con Abac. 2,14. La rappre­
Jhwh (53,1). Infatti in Is. 40-66 e nella letteratura sentazione di Isaia della scienza di Jhw h che ri­
dei salmi kàbód, giustizia di Dio e salvezza sono empie la terra (11,9 ) è collegata in Abac. 2, 14 con
considerati sinonimi (cfr. Is. 58,8; 62,1 s.). kàbód, l’immagine che il kàbód di Jhwh riempie la terra:
giustizia (sedeq) e salvezza ( jesù‘d) si sovrappon­ «La terra sarà riempita con la scienza del kàbód
gono (Is. 62,1 s.: «Per volontà di Sion non voglio di Jhwh, come l’acqua copre il mare». Il kàbód
tacere... fino a quando come splendore di luce [no- riempie la terra come salvezza universale (v. Num.
gab] risplende la loro giustizia e la loro salvezza 14 ,21; Ps. 72,19). L ’ultimo passo crea una dosso­
[ j esù<à] come fiaccola fiammeggiante. I popoli de­ logia che conclude il secondo libro dei Salmi. Il
vono vedere la tua giustizia [sedeq] e tutti i re il riempire la terra con kàbód ha qui una funzione
tuo kàbód»). Questo kàbód di Gerusalemme non escatologica, co m e i versi sulla raccolta degli esi­
è altro che il kàbód di Jhwh che sta sulla città liati alla fine del quarto libro (Ps. 106,47).
(cfr. Is. 60,1-3) e l’apparizione di questo kàbód di
La funzione escatologica del kàbód di Jhwh appa­
Jhwh (k ebódó jé rà ’eh) si verifica con la sua luce re particolarmente nitida nella preghiera della ami-
(’ór), la sua venuta (b à ’ ), lo splendore di luce (zà- dah della liturgia del Capodanno giudaico: «Dio no­
rah) e i suoi raggi (nógah). Viene qui reimpiegata stro e Dio dei nostri padri, regna su tutto l’universo
la terminologia convenzionale della teofania della nel tuo kàbód, innalzati sopra tutta la terra nella tua
203 (rv>39) kàbòd (M. Weinfeld) (iv,4o) 204

magnificenza (j'q à r) e mostrati nello splendore del­ kàbòd di Dio tra i popoli (Is. 66,19). In Ps. 102,22
la tua maestosa grandezza (bahàdar g e’òn ’uzz'kà) troviamo l’annuncio del nome di Dio su Sion pa­
su tutti gli abitanti del mondo e del paese cosicché rallelamente all’annuncio della sua lode (tehillà) a
ogni creatura riconosca che l’hai fatta tu... e che chi­ Gerusalemme, sém e kàbòd sono attestati in pa­
unque ha respiro nel naso dirà: ‘ Il Signore, Dio di
rallelismi, come pure lém e hòd ‘ magnificenza’
Israele, è re e il suo regno regna su tutto’».
(cfr. Ps. 8,2; 148,13). Ciò potrebbe anche chiarire
il costrutto k ebòd l cmò (cfr. Ps. 29,2; 66,2; 79,9;
IX. Il kàbòd di Jhwh ha dunque un significato 96,9; coppie di termini sono spesso correlate nel­
concreto, un’apparizione infuocata da cui fuorie­ l’A .T. con forme in stato costrutto; cfr. Avishur,
scono raggi e splendore, e uno astratto: onore, sm jkwjwt hnrdpjm bmljsh hm qr’jt, tsljjn, 49). Il
dignità e maestà. N ell’ultimo significato kàbòd nesso inverso lém k ebòdò ricorre in testi più re­
ricorda -» sém, che presenta connotazioni simili. centi (Ps. 72,19; Nehem. 9, 5) e potrebbe rispec­
lém sta in parallelo con t'hillà e tif'eret (Deut. 26, chiare l’uso liturgico nel periodo del secondo
19; Ier. 1 3 ,1 1 ; Is. 63,14; / Chron. 29, 13), sinoni­ tempio (cfr. mjoma 6,2 bàruk lém k ebòd malkutò
mi di kàbòd (v. sopra). Ma sém è anche in paral­ l e‘òlàm w à'ed).
lelo con kàbòd (cfr. Is. 59,19; Ps. 102, 16; cfr. an­
che Is. 42,8; 43,7; Ier. 14 ,21; Ps. 113 ,3 s.); p eri pa­ x. kàbòd si incontra a Qumran, secondo Kuhn
ralleli sém // tebilia cfr. Is. 58,9; Ps. 102,22; 106, (Konkordanz 96 s.; Nachtràge 200), 11 2 volte (+
47; 145,21. Come kàbòd, anche sém è stato colle­ 2 volte kjbwd). Quasi la metà delle attestazioni (51
gato alla residenza di Jhwh (v. sopra). In partico­ volte) è in jQ H , seguono iQ M (16 volte), iQ S
lare il Deuteronomio e la letteratura deuterono- (10 volte; iQ Sa, 1 QSb [ognuno 4 volte]; C D [3
mica usano spesso lém per esprimere la presenza volte]). Un significato particolare hanno le 6 atte­
divina nel tempio: «Il luogo che Jhwh si è scelto stazioni in 4Q Serek liròt ‘òlat hallabbat, perché
per farvi abitare il suo nome (lilkon/làsum l emò)» qui si approfondisce ulteriormente la compren­
(Deut. 12 ,5 .11 ecc.; a questo proposito cfr. spec. sione del kàbòd di Jhwh (cfr. A. Dupont-Som-
A.S. van der Woudc, sem, nume, T H A T 11 935­ mer, Die essenischen Schriften vom Toten Meer,
963, spec. 955). Perciò il tempio è stato innalzato 1959, 361 ss.). La letteratura delle regole usa solo
per il nome di Jhwh (2 Sam. 7,13; 1 Reg. 5,19; raramente kàbòd in scritti disciplinari (cfr. iQ Sa
8,18 ecc.) o gli è stato consacrato (qds hif.\ 1 Reg. 2 ,14 -21: l’ordine dei posti a sedere si regola attra­
9,7). La scuola sacerdotale e quella deuteronomi- verso il kàbòd del singolo), per lo più invece nelle
ca impiegano dunque una terminologia differente parti inniche, nelle quali Dio è lodato per l’altez­
per esprimere la presenza divina nel tempio. P za del suo kàbòd (iQ S 10 ,12; cfr. C D 3,20; 20,26).
usa kàbòd, Deut/ Dtr invece lém. Ma la differen­ Questo k ebòd ’él si manifesterà nella sua pienez­
za terminologica mostra anche un diversa con­ za solo alla fine dei tempi (iQ M 1,9; 12,7). La
cezione. P concepiva Dio in un senso più fisico: pienezza di significati di kàbòd nei salmi vetero­
Dio abita nella tenda, essa è il suo milkàn (Ex. 25, testamentari continua nelle Hodajot. I presunti
8; 29,45; 40,30 s.; Lev. 26,11 s.). Il Deuteronomio calchi semantici postulati da M. Mansoor, The
invece concepisce Dio in modo più astratto: Dio Thanksgiving Hymns and thè Masoretic Text 11:
abita in cielo (Deut. 4,36), solo il suo nome viene RQ u 3 (1961) 387-394, spec. 387 ss., «victory»,
acclamato nel suo tempio. L ’autore del Deutero­ «strength» e «army» sono purtroppo discutibili,
nomio è molto coscienzioso a questo riguardo. poiché sono stati ricavati dal parallelo, attestato
Al contrario delle fonti antiche, che parlano an­ nell’A.T., con hajil e g'bùrà. Dio è il melek kà­
cora della costruzione di una casa per la dimora bòd (iQ M 12,8; 19,1), l” zs kàbòd (1 Q M 12,10;
di Jhwh (l esibtò, 2 Sam. 7,5.7) o per Dio stesso (1 19,3), sua è la 'émet kàbòd (iQ H 3,34 s.), il suo
Reg. 6,1 s.; 8,13), Dtr. parla in modo estrema­ kàbòd è smisurato (5,20; 9,17) e dato ai suoi fe­
mente consequenziale dell’abitare del nome di deli di Qumran (6,12 s. ecc.). La loro comunità è
Dio o della costruzione di una casa per il suo no­ costruita /*kàbòd di Dio (8, 5.20), così come in
me (v. M. Weinfeld, Deuteronomy, 191-209). ultima analisi il senso di qualsiasi esistenza è l*-
Si deve poi ammettere che sém, come kàbòd, kàbòd di Dio (iQ H 1,10 ; 10 ,11 s.).
esprime semanticamente la maiestas di una po­ M. Weinfeld
tenza divina e sovrana. La «costruzione del no­
me» indica gloria e stima (Gen. 11,4 ; 2 Sam. 7,9.
23; 8,13; Is. 63,12) e l’annuncio del nome di Dio
nel mondo (Ex. 9,16) è identico all’annuncio del
20J (iv,4T) kàbà (A. Baumann) (iv,4i) 206

in tutta evidenza una vicinanza all’uso linguistico


)" Q 3
T T
kabà deuteronomico e profetico.
I L X X rendono kbh 22 volte con afjévv'jp.1 e de­
I. Significato, attestazioni. - il. Uso originario. - tu. rivati, solo in due passi con altri vocaboli.
Uso traslato, profetico. - 1. Esaurimento della forza vi­
tale. - 2. Annuncio del giudizio. - 3. Fuoco eterno.
11. U n uso originario in realtà non esiste nell’A n­
Bibl.: F. Lang, <j(3évvt4U (G L N T xi, 1433-1440). tico Testamento. Invero si sottolinea in Prov. 31,
18, in riferimento alla lode della donna di casa di­
I. La radice kbh si incontra soltanto nell’ambi­ ligente, che la sua lampada non si spegne durante
to immediato dell’ebraico; in medio ebraico e in tutta la notte, cioè che la conserva accesa. In Lev.
aramaico giudaico (e forse egiziano) ha lo stesso 6,5 s. si tratta del fuoco sull’altare dei sacrifici da­
significato. Può essere altrimenti avvicinato an­ vanti al tempio, in / Sam. 3,3; 2 Chron. 29,7 del
che l’ar. kabà ‘ardere’ e ‘nascondere il fuoco sot­ lume nel tempio. In Ier. 17 ,17 ; Ezech. 21,3 s. si
to la cenere’. parla di incendi. Ma in tutti questi passi lo spe­
Come significato di base si ha senza dubbio lo gnersi o meno del fuoco ha un significato traslato.
spegnersi ovvero l’esaurirsi di fiamme. In questo In Prov. 26,20 T'estinguersi’ del fuoco a causa del­
senso argomentano i sostantivi del campo seman­ la mancanza di combustibile serve a dar veste al­
tico, come -» ’« (Lev. 6,5.6; Is. 66,24; l er• 4>4> x7> l’esperienza che l’assenza del calunniatore porte­
27; 2 1,12 ; Ezech. i\,y ,A m . 5,6; Prov. 26,20; Cant. rà alla fine della lite.
8,6 s.), -> nér (/ Sam. 3,3; Prov. 31,18 ; 2 Chron.
29,7), gahelet (2 Sam. 14,7), zepet (Is. 34, 9 s.), la- u n . Per il suo significato di base kbh si adatta
hebet salhebet (Ezech. 21,3; cfr. Cant. 8,6 s.), ma particolarmente alla descrizione della fine della
anche -» hèmà (2 Reg. 22,17; I er■ 4>45 7> 20; 2 1,12 ; forza vitale, dunque alla morte. Lo ‘stoppino fu­
2 Chron. 34,25). Corrispondentemente si trovano migante’ (Is. 42,3; 43,17) di una lanterna che non
nel campo semantico, accanto al sinonimo d ‘k (Is. ha più olio e si spegnerà completamente, se non
43,17), soprattutto verbi che indicano l’accensio­ si aggiunge altro combustibile, descrive una si­
ne di fuochi - b 'r (Is. 1,3 1; 34,9 s.; Ier. 4,4; 7,20; tuazione all’estremo limite con la morte. In modo
Ezech. 21,4), jst (2 Reg. 22,17; ^er■ l 7*z7i Ezech. analogo funziona lo spegnersi della brace di car­
2 1,3 \ jq d (Lev. 6,5.6), jsh (Ier. 4,4; 2 1,12 ) - o il bone (2 Sam. 14,7), la minaccia estrema alla con­
bruciare col fuoco - srb (Ezech. 21,3), -> ’àkal tinuazione di una famiglia. Lo spegnersi della lu­
(Ier. 17,27; Ezech. 21,3; Am. 5,6). Non si dovreb­ ce del cielo e delle stelle (Ezech. 32,7) è espres­
be qui pensare propriamente a uno spegnimento sione della forza vitale, ridotta al minimo, del fa­
attivo: soltanto in Cant. 8,7 - in un’immagine chia­ raone o dell’Egitto. D ’altra parte il fuoco sull’al­
ramente eccessiva - si tratta dell’atto di spegnere tare (Lev. 6,5 s.) e David come ‘lume di Israele’
mediante l’acqua. In ciò si potrebbero vedere le (2 Sam. 2 1,17 ) sono - fino a quando non si spen­
conseguenze delle condizioni climatiche, nelle gono - segno di forza vitale e solidità come, al
quali di regola non si può fare affidamento sul­ contrario, lo spegnersi dei candelabri nel tempio
l’acqua. Si tratta così dello ‘spegnersi, morire’ di (1 Sam. 3,3; 2 Chron. 29,7) segna il declino. La
un fuoco per mancanza di combustibile (cfr. Prov. forza irrefrenabile dell’amore può essere ricono­
26,20: se non c’è più legna, il fuoco si spegne) o sciuta dal fatto che non possono spegnerla nep­
dello ‘spegnersi’ della fiamma di una lampada (cfr. pure i fiotti d’acqua (Cant. 8, 7).
Mt. 25,8). 2. Per l’annuncio profetico di giudizio rivolto
N ell’Antico Testamento si incontra la radice al proprio popolo e ad altri popoli s’incontra di
24 volte, delle quali 14 qal c 10 pi. (Ezech. 32,7 è frequente l’asserzione che un fuoco (Is. 1,3 1; 34,
da leggere preferibilmente come forma qal). In 10; Ier. 17,27; Ezech. 21,3 s.; Am. 5,6) o l’ira in­
ogni modo la differenza di significato non è gran­ fuocata di Dio (2 Reg. 22,17; Ier. 4,4; 7,20; 2 1,12 ;
de: qal ‘spegnere, spegnersi’, pi. ‘spegnere, lasciar­ 2 Chron. 34,25) vengono accesi senza che nessu­
si spegnere’. Tra le attestazioni 2 Reg. 22,17 // 2 no li spenga. Questa espressione ricorre col qal
Chron. 34,25 e Ier. 4,4 // 2 1,12 sono ripetizioni. (lo' tikbeh) e col pi. (’én m ekabbeh). Qui non sta
Si incontra la radice solo come verbo ed esclusi­ alla radice l’idea di tentativi attivi di spegnimento,
vamente in Levitico, Samuele, 2 Re, 2 Cronache, ma quella della forza e della durata inestinguibili
Isaia, Geremia, Ezechiele, Amos, Proverbi e C an­ del giudizio divino: la forma qal lo proclama co­
tico; non ricorre invece nei Salmi e Giobbe (che me ineludibile nel suo arrivare, mentre la forma
usa al suo posto la radice sinonimica d'k). Risulta pi. ne minaccia soltanto l’arrivo (costruzione con
2 0 7 (iv, 4 *) kàbas (G. André) (iv ,4 3 ) 208

pen in Ier. 4,4; 2 1,12 ; Am. 5,6; senza pen in Is. Num. 19,7 s. 10.21), con la lebbra (Lev. 14,8 s.47
i »3 0 ­ [2 volte]; anche con sospetta lebbra Lev. 13,6.
3. Nell'ultimo versetto del libro di Isaia (Is. 66, 34), con un’emissione maschile o con un flusso di
24), di epoca postesilica, l'idea della forza e della sangue femminile (Lev. 15,5-8.10 s.13 .2 1 s. 27),
durata inestinguibili del giudizio divino servono con un morto (Num. 19,19), in guerra (Num. 31,
per parlare della sorte dei singoli apostati e delle 24; cfr. iQ M 14,2). Riguardo alla purificazione in
loro ossa. Questo passo è diventato un punto di occasione della consacrazione dei leviti (Num. 8,
partenza per la rappresentazione del fuoco del­ 7) non è specificato il tipo di impurità.
l’inferno; l’impressione e l’impatto da esso susci­ L ’espressione j'kabbés (rispettivamente w ekib-
tato risaltano in Ecclus 7,17; ludae 6.7; Me. 9,44. bes) b egdddjw w etdmé’ (jitm à’ ) *ad-hà‘àreb (Lev.
11,25.28.40 [2 volte]; Num. 19,10 .21) indica chc
A. Baumann kbs introduce un processo di purificazione di una
certa durata. I vestiti sono lavati con acqua (Lev.
15 ,17 ; Num. 19,8; per Lev. 14,47 v> 46). Inol­
DD3 kabas
~ T
tre l’impuro deve lavare il proprio corpo, atto de­
scritto con rdhas (Lev. 15,5-8,10 s. 21 s.27; 17,15 ;
I. Etimologia, campo semantico, ricorrenze. — 11. La­
b esdró Num. 19,8). Dopo sette giorni, per diven­
vaggio di vestiti. - 1. Concretezza relativa alla pulizia tare puro deve lavare un’altra volta i propri vesti­
dell’impurità. - 2. In senso iraslato. - ni. Il campo dei ti (w ekibbes begàddjw w etdher, Lev. 13,6.34.58;
gualchierai. - rv. I L X X . - v. Qumran. Num. 8,7; 31,24). Anche questa volta deve lavarsi
con acqua (rdhas Lev. 14,8 s.; 15 ,13 ; Num. 19,19).
Bibl.: G . Brunet, Le terrain aux fotilons: RB 71 (1964)
Inoltre chiunque sia stato liberato dalla lebbra de­
230-239. - M. Burrows, The Conduit of thè Upper Pool:
ZAW 70 (1958) 2 2 1-2 2 7 .- G. Dalman, AuS v 145-159. ve farsi tagliare i capelli (Lev. 14,8 s. -» glh, gil-
lah). I termini thr e tm’ non sono sempre citati
I. La radice kbs ‘gualcare’, ‘lavare’ si trova con espressamente (Lev. 6,20; 16,26.28; 17,16; Num.
lo stesso significato nell’ug. kbs/s'm ‘gilda dei gual­ 8,21; 19,7). Chi non lava i propri vestiti e se stes­
chierai’ (WUS n. 128 1) e con un significato simile so è colpevole, continua a portare il proprio pec­
in acc. kabdsu ‘calpestare’, ‘pestare’ (A H w I 415 cato (ndsa ’ ‘dwón, Lev. 17,16).
s.) e ar. kabasa ‘pigiare, premere’ (W KAS 1 28 s.). Trascurare di lavarsi gli abiti, insieme ad altri
AJ campo semantico appartengono -» rdhas ‘la­ esempi di cura trasandata del corpo, è considera­
varsi’, -» thr ‘essere pulito’, -> tm ’ ‘essere sporco’, to in 2 Sam. 19,25 un segno di afflizione.
-> qds pi. ‘santificare’. C i si lava all’esterno dell’accampamento (Lev.
kbs qal s’incontra 3 volte nell’Antico Testamen­ 14,8 s.; 16,26.28; Num. 19,7; 31,24), in un luogo
to, pi. 44 volte ( 1 Genesi, 2 Esodo, 27 Levitico, 8 sacro (Lev. 6,20), in un posto dove c’è acqua fre­
Numeri, 1 2 Samuele, 2 Geremia, 1 Malachia, 2 sca (majim hajjim) (Lev. 15,13). In preparazione
Salmi), pu. 2 volte (Levitico) e hotp. 2 volte (Levi­ della teofania sul Sinai Mosè consacrò (qdspi.) il
tico). popolo per due giorni, la gente lavò i propri
abiti e fu invitata a tenersi pronta (ndkón) per il
II.1. N ell’A.T. si indica con kbs pi., nella mag­ terzo giorno (Ex. 19,10.14).
gior parte dei casi, un lavaggio concreto di vestiti, Il detto poetico di Giuda in Gen. 4 9 ,11, relati­
ossia un procedimento per toglierne lo sporco. In vo al lavarsi l’abito nel vino e il mantello nel san­
senso traslato il termine rimanda alla purificazio­ gue dell’uva, è solitamente inteso come un’allu­
ne dal peccato (Ier. 2,22; 4,14; Ps. 51,4.9) e al la­ sione all’abbondanza paradisiaca e alle abitudini
vaggio di abiti in espressioni metaforiche (Gen. grandiose nell’era messianica futura, ma se si con­
4 9 ,11; Mal. 3,2). sidera il v. 12, dove si parla di colori, può essere
Lavare le vesti ha la funzione di eliminare a) che il colore rosso del vino abbia un qualche signi­
l’impurità primaria: spruzzi di sangue delle vitti­ ficato simbolico.
me sacrificali sui vestiti (Lev. 6,20), un a m acchia 2. kbs pi. è usato m senso traslato con oggetto
di lebbra su un vestito (Lev. 13,54-56.58), ogni personale. Gerusalemme deve lavare il suo cuore
veste e ogni pelliccia macchiata da liquido semi­ dalla cattiveria per essere salvata (Ier. 4,14), ma
nale (Lev. 15,17); b) e l’impurità secondaria: i ve­ Geremia dice anche che il lavaggio concreto con
stiti di colui che in qualche modo sia venuto a con­ liscivia e sapone non toglie l’impurità della colpa
tatto con un animale impuro o con la vacca rossa davanti a Dio (2,22). D ’altro canto l’apparizione
(Lev. 11,25.28.40 [2 volte]; 16,26.28; 17 ,15 .16 ; di Jhwh può essere paragonata alla purificazione
209 (IV>44) kebes (Ch. Dohmen) (iv,45) * 1 °
e alla pulitura dei leviti con il fuoco di un fondi­ La localizzazione dello stagno superiore e del
tore e con la liscivia dei lavatori (m ekabbés) (M ai campo dei gualchierai è controversa. Dalman (152)
3,2). Il salmista prega Jhwh di lavarlo accurata­ e Kosmala (BH H W 826 s.) la ricercano ad occi­
mente dalla sua colpa e di pulirlo dal suo peccato dente dell’angolo nordoccidentale dell’odierna cit­
(thr pi., Ps. 51,4); inoltre di togliere i peccati con tà vecchia (nei pressi dello stagno di Mamilla),
l’issopo (ht’ pi.), affinché egli diventi puro, e di all’inizio dello scoscendimento della valle che pro­
lavarlo, perché diventi più bianco della neve (v. segue nella valle di Hinnom. Simons (Jerusalem
9). Abbiamo in questo caso una spiritualizzazio­ in thè O ld Testament, Leiden 1952, 334 ss.) pre­
ne del concetto cultuale originario della purifica­ suppone il campo dei gualchierai a nord di G eru­
zione: il peccato è impurità e il perdono dei pec­ salemme e Burrows pensa alla bassa valle del Qi-
cati è purificazione (-> tdm é\ -» tahar). Probabil­ dron, dove c’è abbastanza acqua per i gualchierai
mente si allude qui alle cerimonie di purificazio­ e dove si trovava anche la «fonte dei gualchierai»
ne (H. Ringgren, Die Psalmen, Urban Tb. 120, ('èn rógét).
i9 7 r, 81).
iv. I L X X traducono kbs solitamente con 7tXu-
111. Le tre attestazioni di kbs qal compaiono veiv, che rende anche dwh hif. (Ezech. 40,38) e a
tutte nella rigida combinazione te,alat habb'rèkà volte ràhas (Ex. 29,17; Lev. 1,9.13; 8,19 [21]; 9,
h à’eljónà b e / 'el m'sillat s'déh kòbés (2 Reg. 18, 14; 2 Chron. 4,6). In senso traslato Ier. 2,22; 4,14
17; Is. 7,3; 36,2). L ’espressione viene solitamente kbs è tradotto con àTioTtXùveiv. s'dèh kóbès è ó
tradotta con «l’acquedotto dello stagno superiore àypo<; xoù yve^éa)^.
che si trova presso la strada del campo dei gual­
chierai*. v. Negli scritti di Qumran kbs ricorre 3 volte.
«Gualcare» è il procedimento attraverso il qua­ Prima che i guerrieri tornino dopo la battaglia al­
le si impasta una stoffa già pronta, tessuta e di la­ l’accampamento devono pulire al mattino i loro
na, con acqua di sapone per farla diventare panno vestiti e lavarli dal sangue dei cadaveri carichi di
di feltro. Ma Dalman racconta di non aver mai colpe (iQ M 14,2; cfr. Num. 31,24: il settimo gior­
visto in Oriente un’operazione simile. Al contra­ no). Di sabato non è permesso a nessuno di por­
rio stoffe di seta pure e miste sono trattate con un tare abiti sporchi (só'ìm) o conservati nella stanza
liquido che rende il tessuto liscio, lucidate e in senza che siano stati lavati con acqua (kbs pu.) o
seguito pressate (ar. kabas) in un torchio a vite di strofinati con incenso (C D 11,4). Nessuno che si
legno (makbas), la cui vite girata con una mano­ trovi in uno stato di impurità che richiede un la­
vella preme l’asse superiore sulla stoffa che giace vaggio (tem è’ kibbùs) può entrare in una casa di
sotto di essa (Dalman 145 s.). Per questo il campo preghiera (CD 11,22).
dei gualchierai sarebbe un campo dove erano
stesi i panni gualcati per asciugarli e candeggiarli G. André
(F. Nòtscher, Bibl. Altertumskunde, 1940, 213;
V. Maag, Kulturgeschichte des Alteri Orients, ed.
H. Schmòkel, 1961, 692). Eissfeldt (JSS 5 [i960] kebes
•••

• •
37 = Kl. Schr. il 405) suppone che sedeh kóbès sia
invece un campo appartenente alla corporazione
dei gualchierai. Sfco
V V
k eseb,J T I *
kibsa,1 rDfctt
T I *
ktsbà,1 HV seh
In proposito è importante capire la differenza tra
1. Etimologia e significato. - 1. kebes. - 2. seh. - 3. N o ­
kbs qal e kbs pi. Secondo Jenni (Das hebr. P i'el, Zu-
mi propri. - 11. Attestazioni extrabibliche. - 1. Animale
rich 1968, 163), con kóbès ‘gualchieraio’ è espressa
domestico e d ’uso. - 2. Culto e sacrificio. - 3. Mitolo­
l’attività regolare del calpestare e dell'impastare,
gia. - 111. Attestazioni dell’A.T. - 1. Distribuzione. -
mentre con mekabbés ‘lavatore’ si pensa al prodotto
Collegamenti. - 3. I LXX. - iv. A.T. - 1. Animale do­
finito del lavoro, come anche in un altro caso kbs pi.
mestico e d’uso. - 2. Ambito giuridico. - 3. Usi metafo­
‘lavare’ indica il risultato per l’oggetto («rendere la­
rici. —4. Sacrificio. —j. Qumran
vato»). In alternativa kóbès potrebbe avere più o
meno lo stesso significato di mekabbés, e il «campo Bibl.: F. Blome, Die Opfermaterie in Babylonien und
dei lavatori» sarebbe così un luogo per il lavaggio ri­ Israel, Roma 1934. - F.S. Bodenheimer, Animai Life in
tuale dei vestiti, dunque il posto sacro all’esterno del­ Palestine, Jerusalem 1935. - E.D. van Buren, The Fauna
l’accampamento (v. sopra), dove l’acqua arriva dal­ of Ancient Mesopotamia (AnOr 18, Roma 1939). - G.
l’acquedotto dello stagno superiore e porta via lo Dalman, AuS vi, 1939, 180-287. ~ Kccs, Der Gòt-
sporco eliminato dal lavaggio. terglaube im Alten Agypten,1 1977. - W. Nagel, Frtihe
2i i (iv ,46) kebes (Ch. Dohmen) (iv,47) 212

Tierwelt in Siidwestasien: Z A N .F. 21 (1962) 169-222. Nel nesso s ’h wswrh, s ’h ricorre in aramaico e
- R. Rendtorff, Studien zur Geschichte des Opfers im nell’A.T. (v. sotto, ili.2) come termine collettivo
Alten Israel (W M ANT 24, 1967). - I. Seibert, Hirt - per indicare il bestiame costituito da animali di
Herde - Kònig. Zur Herausbildung des Kònigtums in piccole dimensioni (cfr. R. A. Brauner, A Compar­
Mesopotamien, 1969. - E. Wcrth, Die afrikanischen
ative Lexicon o f O ld Aramaic, Philadelphia 1974,
Schafrassen und die Herkunft des Ammonkultes: Zeit-
schr. f. Ethnologie 73 (1944) 307-321.
562). Accanto al termine indicante la specie ->
so ’n si aggiunge seh come nomen unitatis per
1.1. La grafia keseb, differente solo per la for­ definire, senza considerare il sesso e l’età, il sin­
ma, deriva dall’ebr. kebes (cfr. le varianti del BH S golo capo del gregge di bestie di piccole dimen­
in Ex. 12,5; Lev. 3,7; 4,32; Num. 15 ,11) in seguito sioni (Joùon § 13 jb4), come ovini e capridi; tra
a una metatesi consonantica (GKa § i9n). Nelle questi si annoverano il montone (’ajil), la pecora
rispettive forme femminili si trova in Lev. 14 ,10 e madre (ràhèl, Gen. 31,38; 32,15; Is. 53,7; Cant. 6,
Num. 6,14, accanto a kibsa c all'hap. leg. kisbà 6), l’agnellino appena nato (tdleh, Is. 4 0 ,11; 65,25;
(Lev. 5,6), la forma più antica kabsa (BLe § 7jg). t léh hàlàb, 1 Sam. 7,9; Ecclus 46,16), l’animale
kbs/s' con il significato di ‘pecora, agnello’ è atte­ giovane (kebes/kibsa) e l’agnello ingrassato (kàr).
stato nelle lingue semitiche orientali e sudorien­ In N P il nome dell’animale (kbs/s ecc.) ricorre
tali: acc. kabsu ‘montone giovane’ (AH w I 418; nell’ambito linguistico semitico come nomignolo
C A D K 23), amorreo kabs(àn)um\ kasb(àn)un
o vezzeggiativo: kabsat (R N P 1 1 2 s.), kabsatum
(I.J. Gelb, C A A , 1980, 22), ar. k a b s(W KAS 1 30).
(fcm.), ‘ agnello’ (A PN M 152), immerum ‘ pecora’
Nel semitico nordoccidentale l’ebraico occupa
(A N § 35-5); in particolar modo troviamo dimi­
una posizione particolare, poiché kabs/s, nel sen­
nutivi come espressione di tenerezza: immeriia
so di ‘pecora’ non è attestato nelle altre lingue, ‘ mia pecorella’ (A N § 3 .11) e hurdpum ‘agnelli­
per il quale si trova quello di 'immer il (cfr. KBL*
no’ (A N § 35.5). Nomi propri si trovano in pa­
s.v.) derivante dall’acc. immeru (A H w 1 378), che,
rallelo ai nomi màru, immerilì ‘pecora degli dèi’
al di fuori dell’ambito aramaico (Esdr. 6,9.17; 7,
(? «Il mio dio è Immer»? A N § 37.2), e indicano
17), nell’A.T. è attestato solo in nomi propri (Ier.
la particolare attenzione e la protezione del dio
20,1; Nehem. 3,29; 7,40; 1 1 ,1 3 ; 1 Chron. 9,12; 24,
per coloro che portano il suo nome. W.F. Alb-
14; Esdr. 2,59; Nehem. 7,61). Inoltre più tardi si
right (BA SO R 149 [1958] 34 n. 13) spiega il no­
trova raramente il sir. kebsà’ (Lex. Syr. 317); so-
me ‘ Ben-Kosbah’ come «Son of a Ewe Lamb».
qotri kobs (Leslau 214). L ’ebr. kebes e connesso
con il verbo semitico comune kbs ‘sottomettere’
o kbs ‘andare in giro, in viaggio’, che va riferito al- 11.1. La pecora domestica (ovis aries), che tro­
l’acc. kabdsu ‘calpestare, pestare con i piedi’ viamo documentata dal v i i secolo nell’icono­
(A H w I 415 s.). Forse kabsu si spiega perché an­ grafia, in modo particolare in pitture e sigilli, e da
ticamente si usavano pecore per calpestare i semi ritrovamenti di ossa (R. Berger - R. Protsch, The
o il grano sull’aia (v. sotto, 11.1); a favore di que­ Domestication o f Plants and Animals in Europe
sta derivazione testimonia il parallelo eg. sh e sh.t and thè N ear East: O r 42 [1973I 214-227), si tro­
(WbAS 111 464). Accanto all’ebr. kebes, come in va, con il cane e la capra, tra gli animali addo­
accadico originariamente una denominazione per mesticati dalle epoche più remote. Le razze pre­
‘giovane montone’, si trova nell’A.T. kebes anche senti nell’Oriente antico derivano fondamental­
nel significato di specie (ovis) (Deut. 14,4 ecc.). mente dalla pecora Argali (ovis ammon) e dal mu­
2. A ll’ebr. seh si trovano equivalenti nelle prin­ flone (ovis musimon).
cipali lingue semitiche:
Contrariamente alla Mesopotamia, dove rappre­
Acc. sùm 111, su’u 1, ass. subu (AHw in 1255); ar. sentati di entrambe le razze sono testimoniati come
sàt (Wehr 409, Lane 1/4, 204 s.); ug. s (WUS n. 2561); presenti già nei tempi dei primi sumeri e dei proto­
aram. s ’h 11 (DISO 286); il collegamento con copto elamiti (Nagel 184), si trova in Egitto in A.R. sol­
esou (W. Spiegelberg, Kopt. Hw 1921, 29) e l’eg. sJ tanto la pecora Dinka, caratterizzata (anche come
‘figlio’ (K BL2, GesB s.v.) è da respingere. Schulthess geroglifico) dalla forma delle corna che si estendono
(ZS 1 [1922] 15) ha tentato senza successo di ricon­ quasi orizzontali; la pecora simile al muflone, con le
nettere seh, sulla base del rapporto con t ’t ’ (cfr. D I­ corna a cerchio, compare soltanto con la xn dinastia
SO 286 s.v. s’h 11 e anche H.Y. Priebatsch, U F 7 (Werth 317). Nel corso degli anni, la pecora con la
rr975] 389-394) dal verso di un animale. L ’ebr. seh coda di grasso (ovis laticaudata), derivante forse dal­
viene ricondotto a una radice base *ùù (Joùon § 98e, la pecora delle steppe (ovis vignei, Bodenheimer
BLe § 6iu), una forma base *si’ia o anche *wisaj 122), assume un ruolo predominante (raffigurazioni
(cfr. GKa § 96). di epoca assira: A N EP 366.367; van Buren, fig. 62).
213 (rv, 48 ) kebes (Ch. Dohmen) (i v ,48) 2 1 4

Grazie alla sua coda grassa derivata da mutazione e contro a questi simboli divini, in Egitto certi dèi
pesante 5-10 kg a seconda del sesso, paragonabile al­ sono rappresentati con la testa d’ariete e il corpo
la gobba del cammello, questa pecora ha potuto adat­ d’uomo. Dei molti culti egiziani dell’ariete (Kees
tarsi particolarmente bene alle condizioni climatiche 7 8 - 8 1 ) quello di Chnum (e di Ammon dal M.R.
dell’Asia anteriore (Bodenheimer 123). Che si tratti
in avanti) dal punto di vista iconografico e di sto­
(Kees 80) delle pecore con la coda di grasso come
delle pecore con le corna a cerchio testimoniate dal ria della cultura mostra una particolarità, poiché
M.R. in Egitto nel culto di Amon (Chnum), è dub­ esso è raffigurato nell’A.R. con corna a forma di
bio per Werth (311-317), che vorrebbe piuttosto ri­ ghirlanda, nel M .R., al contrario, con corna arro­
conoscere in questa la famosa pecora del Fezzan, raf­ tondate e nel N .R . compaiono nello stesso tempo
figurata in disegni rupestri del neolitico in Africa rappresentazioni con entrambe le forme di corna,
nordoccidentale. Le rappresentazioni più antiche di mentre sorprende il disco solare tra le corna pre­
pecore in Mcsopotamia (E. Strommenger - M. Hir- sente nei già citati graffiti su roccia dell’Africa
mer, Fiinf Jahrtansende Mesopotamien 1962, nn. 19. nordorientale (cfr. Werth 317 s.). In tutti i culti
23) come in Egitto (K. Lange - M. Hirmer, Agypten,
dell’ariete in Egitto compare l’elemento basilare
j 978, nn. 3.68) raffigurano tutte pecore da lana, e ciò
testimonia che il folto vello è una connotazione del- della fertilità dell’animale procreatore (Kees 81).
l’awenuta domesticazione. La differenza tra i due grandi ambiti culturali del­
l’Egitto e della Mcsopotamia si riflette anche nei
N ei tempi più antichi le pecore erano utilizzate loro sacrifici: se la pecora era in Mesopotamia la
per far penetrare il grano seminato nel terreno vittima sacrificale preferita, essa manca compieta-
(cfr. L. Stòrck, Aussaat, Lex. Àg. I 576) e poi per mente in Egitto, fatta salva qualche eccezione, for­
far uscire il grano dalle spighe sull’aia (Meissner, se perché l’animale che rappresentava un dio non
BuA I 196; cfr. C H §§ 268-270); in special modo era certo adatto al sacrificio. Tale visione è con­
naturalmente servivano come produttori di carne fermata dal fatto che a Mendes, dopo l’estinzione
e di latte. Come animale da soma e atto ad essere della pecora Dinka, fu venerata una capra dalle
impiegato nell’aratura (B. Brcntjes, D ie Haustier- corna ritorte e furono sacrificate delle pecore
wendung im Orient, 1965, 31) la pecora dovette (Kees 8 0 s.). In Mesopotamia la vittima variava
esser presto sostituita dai bovini. Dal vello della molto a seconda dei diversi tipi di sacrificio, e non
pecora macellata (descrizione in Meissner, BuA I ogni animale poteva essere adoperato per ogni sa­
fig. 63) si produceva forse la cosiddetta «gonna di crificio (cfr. Blome 15 1 s.). Pecore e capre rappre­
vello», ma anche i tendini e le pelli venivano la­ sentavano, accanto ai bovini più rari, la materia
vorati. Dalle pecore da lana, prima che fossero prima per i sacrifici. Il sesso, l’età, il numero e la
inventate le forbici, la lana veniva strappata e poi qualità davano ad ogni sacrificio il suo valore spe­
filata, tessuta e anche colorata (Meissner, BuA I cifico. Agli animali maschi giovani veniva data la
217. 254 s.). Accanto alla distinzione tra pecore da precedenza: secondo Erodoto ( 1 , 1 8 3 ) c’era, da­
lana e pecore da carne, il sumerico e l’accadico vanti al tempio di Babilonia, uno speciale altare
conoscevano ancora una serie di termini diffe­ d’oro per gli animali giovani. Il valore degli ani­
renti che indicavano la razza, il sesso e l’età degli mali da sacrificare era comparabile al valore d’uso
animali (cfr. Landsberger, A fO 10 [1935-36] 152­ corrente, e del pari in alcuni sacrifici venivano of­
157). Nel sistema orientale antico di affitto e nolo ferte le parti preferite dall’uomo, ad esempio la
del bestiame, del quale danno testimonianza i te­ zampa posteriore dell’animale e la coda grassa
sti giuridici (cfr. R. Haase, Die keilschriftlichen (Blome 1 3 7 . 161).
Rechtssammlungen in deutscher Fassung, 21979), Presso le popolazioni vicine che godono delle
si affidavano anche le pecore a un pastore affin­ stesse condizioni economiche e culturali si trova­
ché le portasse al pascolo (C H §§ 265-267); l’atti­ no gli stessi sacrifici (A N E T 3 5 0 ; Gurney 2 7 ; H.
vità di questo pastore si trasformò in seguito, in Gese, Die Religionen Altsyriens, RdM 1 0 / 2 , 1 9 7 0 ,
senso mitologico (Tammuz), anche in epiteto re­ 1 7 4 s.); in tutto il territorio della Mezzaluna ferti­
gale. le vengono sacrificati animali di piccole dimen­
2. In tutto l’Oriente antico si trovano pecore sioni (A N E P 600. 6x2-618; M. R iem schneider,
nelle rappresentazioni e nei simboli divini. Fin D ie Welt der Hethiter, T 9 5 4 , tav. 7 9 ) . Ad ecce­
dal periodo babilonese antico il bastone dell’arie­ zione delle libagioni agli dei, fondate sulla rap­
te è il simbolo del dio Ea (R L A 111 488 s.; A O B presentazione antropomorfica della divinità, il si­
329) e presso gli Ittiti il dio sole veniva rappre­ gnificato del sacrificio di un animale sta per lo
sentato con un gregge (O.R. Gurney, Some As- più nella venerazione e nell’adorazione, che si
pects o f Hittite Religion, Oxford 1977, 13). Di manifesta nel fatto che la vittima è presa dal prò­
5 (rv>49 ) kebes (Ch. Dohmen) (iv ,jo ) 216

prio patrimonio. Una menzione particolare meri­ carne e vello, spesso rappresentata presso dell’al­
ta la concezione molto diffusa nell’Oriente antico bero della vita (cfr. H . Schmòkel, Ziegen am Le-
della sostituzione (cfr. Gurney 52 s.), secondo la bensbaum, A fO 18 [1957-58] 373-378, tra le cui
quale l’animale sacrificato muore al posto del­ immagini Nagel 170 ne ha identificate alcune co­
l’uomo. Vi sono testi accadici che la descrivono me di capre).
in modo forte e coinvolgente: «Deve offrire il ca­
po dell’agnello per il suo capo, deve offrire il col­ 111.1. Di tutte le circa 130 attestazioni del ter­
lo dell’agnello per il suo collo...» (cfr. Blome 49). mine kebes (di cui 8 volte ki/absa; 13 volte kes'eb;
Gese intende il termine m lk, noto dall’A.T., sulla 1 volta kisbà), 112 si trovano nella terminologia
base delle rappresentazioni di Ba'al Hammon del sacrificio. Di queste 6 ricorrono in Ex. 6, Lev.
con una pecora su stele votive puniche, come la 22, Num. 70, Ezech. 7, 2 Chron. 4 e 1 volta cia­
definizione della sostituzione di un sacrificio scuno di 1 Cronache, Esdra e Isaia. Delle 18 at­
umano con quello di un agnello (Gese 176 s.). testazioni relative all’ambito profano se ne trova­
Inoltre la pecora era usata in Mesopotamia per la no 7 in Genesi, 3 in 2 Samuele, 2 in Isaia e 1 cia­
divinazione con animali (M. Jastrow, Die Reli scuno in Deuteronomio, Giobbe, Proverbi, E c­
gion Babyloniens und Assyriens 11, 19 12, 813-884) clesiastico, Geremia e Osea. Delle ricorrenze di
e nei riti di esorcismo. seh 18 su 43 ricadono nell’ambito profano; delle
3. Nelle cosmogonie sumeriche il mondo viene 25 di ambito cultuale 19 sono usate nella termino­
descritto dalla sua fondazione in modo negativo, logia del sacrificio, e tutte - ad eccezione di un
attraverso l’enumerazione del non esistente (cfr. passo di Ezechiele che si riconduce a P - si tro­
M. Lambert, Sum. Schòpfungsmythen, in E. Klein vano nel Pentateuco.
[a c. di], Schòpfungsmythen, 1964, 108 ss.); il be­ 2. Nel loro uso come pars prò toto, seh e sòr (cfr.
stiame descritto nell’occasione, pecore e capre R. Péter, VT 25 [1975] 486-496) si trovano 12
che non hanno ancora un nome e che ancora non volte in relazione stabile, come sinonimo della
si moltiplicano, rimanda insieme con i prodotti coppia lessicale sò’n ùbdkdr (-» voi. 1 1503) che
dei campi a un primo periodo di addomestica­ così designa l’intera consistenza della mandria; la
mento. Vi sono invece miti come Enki e Ninhur- quale poi, ad es. quando si narra l’esecuzione del­
sag (A N E T 37-41) che descrivono lo stato pri­ l’anatema, può esser integrata con la menzione del
mordiale del creato come un mondo paradisiaco, cammello (gàmàl) o dell’asino (hàmór) (Ios. 6,21;
in cui sono ancora uniti tutti i contrari: «Il lupo 1 Sam. 15,3; 22,19). Punto di vista del conte­
non rapina l’agnello». La compresenza di agricol­ nuto viene specificato il collegamento con sòr w e-
tura e allevamento è rappresentata anche nel mito seh (Ex. 34,19; Lev. 22,23.28; Deut. 17,1 ecc.),
di Lahar, il dio del bestiame, e di sua sorella Ash- mentre il secondo membro è suddiviso in kebes e
nan, la dea del grano (S.N. Kramer, Sumerian ‘éz. In Lev. 17,3; 22,27; Num. 18 ,17 questo nesso
Mythology, Philadelphia 1947, 53 s.), e in molti serve a designare tutti gli animali sacrificabili. In
miti di questo genere sono descritte le innova­ Levitico i suddetti animali sacrificali sono nomi­
zioni culturali. Nelle cerimonie funebri per la nati in modo indifferenziato: così de seh in Lev.
morte di Ba‘al Anat offre un impotente sacrificio 5,7 vale per la vittima espiatoria, femmina di pe­
di 70 animali selvatici, bovini, pecore, ecc. (KTU cora o capra; in Lev. 12,8 per l’agnello maschio
1.6 ,1, 18 ss.). Un tema mitologico molto diffuso è per l’olocausto (cfr. Elliger, H A T 1/4, ad /.). An­
quello del dio della fertilità Tammuz (Dumuzi) che Lev. 22,28 (indicato da Elliger [H AT 1/4, 295]
che muore e risorge, e che solitamente viene rap­ Ph4), a causa di queste locuzioni riassuntive si ri­
presentato come pastore con gregge (cfr. A. Mo- vela un’aggiunta; la variante w e>seh (sam., L X X )
ortgat, Tammuz, 1949). Questo motivo, che si ri­ in questo versetto produce un parallelo esatto al­
trova su numerosi sigilli cilindrici e nella lettera­ l’aggiunta in 22,23. Accanto alla sostituzione di
tura (W. Heimpel, Tierbilder in der sumerischen seh con kebes e ‘éz compaiono nessi in cui seh ri­
Literatur, Studia Pohl 2, 1968, 214-226), è diffuso corre con uno o entrambi i termini, con kebes e
anche in Egitto (cfr. D. Miiller, Z À S 86 [1961] ‘éz sono collegati in stato costrutto (Deut. 14,4) o
126-144). In Mesopotamia si è sviluppato in un con b e (Gen. 30,32; Num. 15 ,11) o min (Ex. 12,5)
titolo regale specifico (cfr. I. Seibert). Accanto a come epesegesi di seh; il nesso significa «un capo
queste rappresentazioni di greggi, che simboleg­ di piccole dimensioni, precisamente piccoli di pe­
giano protezione e guida, è possibile vedere la cora o capra». Questi nessi si trovano anche ri­
pecora accanto alla capra, dall’epoca di òemdet guardo alla coppia lessicale sò’n ùbdqdr (ad es. 2
Nasr, come dispensatrice di vita attraverso latte, Chron. 35,7; Lev. 22,19), che rimanda all’uso si­
2 I 7 ( 1 V>51) kebes (Ch. Dohmen) ( l V , J 2) 2l 8

nonimico di questa espressione e sór w eseh. Alla 2. Nei testi profani e nella legislazione religiosa
sequenza sòr, kebes e ‘èz rispetto a s'eh, che si tro­ il bestiame di piccole dimensioni compare princi­
va principalmente in Levitico nelle prescrizioni palmente in tre contesti: la destinazione al sacrifi­
dei sacrifici, si contrappone in Numeri (in parti­ cio del primogenito, relativa non solo alla primo­
colare 7,15-88; 28,11-30) la sequenza dominante genitura del bestiame minuto (Ex. 34,19) ma an­
par (ben-bdqdr), ’ajil e kebes (‘èz). Nella costru­ che al riscatto del primogenito non sacrificabile
zione con l e gli animali vittime sacrificali sono di dell’uomo e dell’asino (£x. 34,20), nelle disposi­
nuovo nominati insieme con i relativi sacrifici. zioni dell’anatema nella guerra santa (-> hrm> hd-
Nella caratterizzazione della vittima sacrificale ram) e infine nelle leggi che regolano la sostituzio­
viene aggiunto a kebes ecc. (v. sotto, iv.4) ben- ne di bestiame rubato (Ex. 21,37; 22»3)0 di cui ci si
sendtó; in questo caso all’uso del singolare ben- è appropriati indebitamente (Ex. 22,8 s.).
sendtó con suffisso (Lev. 23,12; Num. 6,12.14; 7, 3. Espressioni metaforiche riprendono spesso
ij.2 1.2 7 ; Ezech. 46,13 ecc.) si affianca quello del il motivo pastore-gregge; in esse, accanto al tema
plurale b enè-sdnà senza suffisso (Ex. 29,38; Lev. della confidenza tra uomo e animale (2 Sam. 12,3),
9,3; 23,18; Num. 7,17.23.35 ecc.). N on si può si ritrovano il coraggio e la forza del pastore (un
pensare qui con Blome (147 s.) che si tratti di una motivo diffuso nelle rappresentazioni orientali),
distinzione oggettiva; Tunica eccezione - ben-sd- ai quali David si richiama prima della lotta con­
nà in Ex. 12,5 —manifesta il carattere particolare tro Golia (/ Sam. 17,34). 34>I " 3 I riprende
dell’uso al singolare di s'eh inteso collettivamente, questo motivo; nell’antica tradizione oratoria del
che solo qui è collegato alla richiesta di un anima­ Vicino Oriente («alte, vorderorientalische Rede-
le di un anno. tradition», Zimmerli, B K xm /2, *1979, 834) il ti­
3 . 1 L X X rendono kebes' 82 volte con dt(xvó<;, 18 tolo di pastore (ro'eh -» r ‘h) era un epiteto predi­
con à(xvà<;, 9 con ccpvóc;, 4 con 7;pó(3aTov e una vol­ letto di Dio e del re, che aveva di fronte il popolo
ta con àpviov; la forma femminile ki/abs'à è tra­ come un gregge (cfr. Seibert 7-22). All'immagine
dotta 6 volte con àp-vav e una con 7ipó(3aTOV. Ben­ di Jhwh pastore del suo popolo (Ps. 23) che porta
ché i L X X rendano keseb 8 volte con 7ipó(3aTov e al pascolo Israele rappresentato come un gregge
solo 4 con àpvóc; e una con à(xvó<;, e il corrispon­ di agnelli (Is. 40,11) si contrappone Hos. 4,16: ac­
dente femminile kis'bà con àp.vàc;, la frequente re­ cettando il culto di B a‘ al Israele dimostra di esse­
sa di kebes con à[xvó<; non lascia intravedere nei re una «mucca cocciuta», e anche in Ier. 50,17
passi indicati alcuna differenza di significato. Per Israele viene paragonato a un capo di bestiame mi­
s'eh si utilizza 36 volte npó(3a~ov, 3 volte àjxvóc;, 2 nuto (seh) che, cacciato dai leoni, è senza pastore
volte xptói; e una volta 7tot(Aviov e ^ifxapoc;. Allo e gregge. Non soltanto Israele nella sua globalità
stesso modo i L X X usano cqjivóc; per tradurre l’an­ viene descritto metaforicamente come agnello, an­
tica e sconosciuta unità monetaria q csità (solo Gen. che il singolo individuo può di paragonare la pro­
33,19; Iob 42,11). pria sorte a quella di un agnello smarrito (Ps. 119 ,
76) oppure condotto al macello senza chc lo so­
iv .i.C o m e presso i popoli vicini, la pecora è spetti (Ier. 11,19 ). In particolar modo il servo di
sempre stata in Israele il più importante e comu­ Dio che sopporta in silenzio (Is. 53,7) trova la sua
ne animale domestico; ma diversamente da loro, rappresentazione appropriata nell’agnello che re­
in Israele era proibito castrare animali per ingras­ sta muto alla tosatura e al macello (per l’impiego
sarli o per altri motivi, e anche l’acquisto di bestie nel N .T . relativamente a Gesù cfr. J. Jeremias, àp.-
castrate da altri popoli (Lev. 22,41 s., Elliger, H AT vó^ xtX ., G L N T 1 918-924, che alla ripresa del
1/4, 300). Molti racconti e immagini dell’A.T. non motivo aggiunge anche il doppio significato del
si limitano a rispecchiare l’uso così vario della pe­ termine aram. taljd' ‘agnello, servo’ = ‘ebed; cfr.
cora (cfr. B R L 2 351 s.): nella storia di Giacobbe e B. Gàrtner, SE A 1 8 - 19 11 95 3-54] 98-108; G. Daut-
Labano (Gen. 30,25-43) ha un ruolo centrale il co­ zenberg, àp-vó;; x t A., E W N T i 168-172). Nella sua
lore degli animali, ovviamente presupposto natu­ testimonianza davanti al tribunale Isaia minaccia
rale, e forse vi compaiono, nel tema dell’influenza che i luoghi abitati diventeranno pascolo per le
sulla progenie, antiche concezioni magiche (We­ pecore (7,25; 5,17; cfr. H . Wildberger, B K x/i,
stermann, B K 1/2, 1981, 589) che rimandano an­ *1980, ad /.); nel futuro regno della pace invece
che a sigilli cilindrici assiri (Seibert 59). Abramo agnelli e lupi pascoleranno gli uni accanto agli al­
offre in dono ad Abimelek sette agnelle del suo tri (Is. 11,6 ). Per il dibattito sul testo (kebes al tro­
gregge e questi accettando il dono gli concede il no del re) di 2 Chron. 9, 18; 1 Reg. 10,19 ** kisse’
diritto di accesso ai pozzi (Gen. 21,27-30). 111.3.
kebes (Ch. Dohmen) (rv,53) 220
219 (IV,53)

4. In Israele e in Mesopotamia la pecora (spe­ ge era valutata in un decimo di animali maschi


cialmente l’agnello maschio) rappresenta la vitti­ (AuS 6, 192 s.), gli agnelli maschi sono i primi ad
ma sacrificale di gran lunga più frequente. Accan­ essere consumati e perciò rappresentano anche
to all’agnello (kebes) compaiono in questa veste una vittima sacrificale particolarmente adatta. Per
tra gli ovini anche montoni ('ajil) e più raramente tutti gli animali da sacrificio vale che debbano es­
agnelli femmina (kibsà). Per essere destinato al sere puri (Lev. 11,1-3 0 ), cioè sacrificabili e tà-
sacrificio, l’animale doveva possedere determina­ mim; ciò è detto esplicitamente in relazione a sa­
te qualità, descritte con gli attributi zàkàr, tàmim crifici privati in Lev. 22,17-25 e sicuramente è la
e ben-senàtó (Ex. 12,5; Lev. 1,10 ; 9,3; Num. 28,3; premessa per quelli pubblici. Il termine contra­
Ezech. 46,13 ecc.); queste indicazioni possono in­ rio, 'àser-bó mum (22,20), si riferisce ai difetti fi­
fine essere omesse, dato che nei testi di tradizione sici citati in 22,22-24, c^e escludono l’animale dal
P kebes indica semplicemente un animale sacrifi­ sacrificio (v. Mal. 1,14). Contrariamente all’uso
cale maschio e perfetto di un anno; la traduzione cananaico, in Israele è severamente proibito sacri­
usuale di kebes con pecora adulta sacrificabile ficare un animale castrato (cfr. Elliger, H A T 1/4,
('ajil) non può essere soddisfacente in quanto im­ 299 s.). L ’animale deve essere tàmìm non solo per
precisa. Dalla mancanza di zàkàr oppure dall’as­ il sacrificio ma anche per i sacrificanti (Ex. 12,5;
senza del termine plurale maschile che racchiude Num. 28,19 .31; cfr. Koch, T H A T 11 1048).
i due generi non è possibile dedurre che animali N ei sacrifici di più vittime l’agnello è nomina­
maschi e femmine potessero essere destinati ai sa­ to solitamente per ultimo, in particolare nell’elen­
crifici (Blome 156), perché il sacrificio di un ani­ co di Num. 2 8 ,11-30 (par ben-bàqàr, 'ajil, k ebà-
male femmina viene sempre menzionato esplici­ sim). Una tale sequenza non rappresenta in pri­
tamente, come dimostra che in Lev. 14 ,10 e Num. mo luogo una scala di valore degli animali da sa­
6,14 animali sacrificali maschi e femmine siano ci­ crificare; aggiungendo alcuni animali che non si
tati uno accanto all’altro. Solo in 4 passi, dove si trovano così frequentemente negli allevamenti, si
tratta di uno speciale sacrificio espiatorio, si ri­ sottolinea piuttosto il carattere particolare di un
chiede esplicitamente un’agnella (kisbà, Lev. 5,6; sacrificio o di una festa, mentre l’animale da sa­
14,10; Num. 6,14 e una volta kebes n'qébà, Lev. crificio più ricorrente (kebes) viene offerto in nu­
4,32). Al motivo per cui si debba sacrificare spe­ mero più consistente (Num. 29,2.20).
cificamente una femmina non è possibile risalire, La principale importanza dell’agnello si ha per
dato che in Israele - a differenza del pantheon del la -> ‘olà; accanto al sacrificio quotidiano tàmid di
Vicino Oriente e dell’Egitto - era esclusa l’even­ due agnelli esso viene citato in tutti gli olocausti,
tualità che animali di sesso diverso potessero es­ nell’elenco con torelli e montoni. Rendtorff cerca
sere offerti a divinità di sesso diverso. La prefe­ di trarre da questo uno «schema sacerdotale» (115
renza generale del sesso maschile per le vittime s.) che vedrebbe l’agnello destinato alla 'olà offer­
sacrificali è basata fra l’altro sull’idea che gli am­ ta da individui; tuttavia si oppone a questa inter­
mali maschi fossero particolarmente carichi di pretazione Lev. 9,3, dove per la 'olà degli Israeliti
energia procreativa. Per tutti le vittime sacrificali si richiedono ‘egei e kebes. Nei testi indipendenti
kebes'\i è inoltre l’esigenza che abbiano un anno da P la scelta degli animali da sacrificare appare
di vita (ben-senàtó), da interpretare come termi- come libera; per questo sono prese in considera­
nus ad quem, perché altrimenti una figliatura che zione per la ‘olà pecore e capre (seh\ Gen. 22,7.8;
cadeva due volte l’anno (AuS 6, 192) avrebbe reso Ier. 43,23), e Samuele offre addirittura un «agnel­
impossibile il sacrificio tàmid quotidiano (Ex. 29, lo da latte» (/ Sam. 7,9; Ecclus 46,16); occorre co­
38; Num. 28,4; Ezech. 46,13 ecc. - cfr. la richiesta munque tenere conto dal genere letterario, diver­
di Lev. 22, 27 che prescriveva di sacrificare un so dai testi P (Rendtorff 1 1 7 s.). Contrariamente
animale giovane soltanto dopo il suo ottavo gior­ alla rara menzione dell’animale da sacrificare in
no di vita). La supposizione di Blome, che «l’in­ caso di zebah, per una zebah-selàmim gli animali
tegrità sessuale e la purità» (150) fossero determi­ domestici sono detti generalmente só'n ùbàqàr,
nanti per imporre la scelta dei giovani animali, è dove só'n è esplicitato (kebes, ‘éz) «per ragioni
insoddisfacente, poiché l’apprezzamento per il tecniche sacrificali» (Rendtorff 161), poiché la co­
montone adulto ('ajil) depone a sfavore. La pre­ da grassa degli agnelli andava trattata come parte
ferenza accordata alle bestie giovani deriva dal specificamente riservata a Jhw h (Lev. 3 ,6 -11; -»
normale valore d’uso degli animali, anche quando heleb). Nella hattà't, dove è riconoscibile una dif­
erano stati sottratti a un uso profano (cfr. Deut. ferenziazione della vittima a seconda della perso­
15,19). Poiché la consistenza normale di un greg­ na (Rendtorff 228), per l’offerta individuale veni­
2 2 i (rv, 5 4 ) kabas (S. Wagner) (iv,5j) 222

vano tenute in considerazione un’agnella oppure 11. N on è facile distinguere nell’A .T. le attesta­
una capra a scelta. Come sacrificio di purificazio­ zioni più antiche da quelle più recenti e dichiara­
ne viene richiesto per il rituale di -> ’dsàm, origi­ re come più consono all’A.T. un determinato uso
nariamente indipendente, un agnello maschio (ke- di kàbas. Così le notizie sulla sottomissione della
bes h à ’àsàm Lev. 14,24; Num. 6,17 add.ì). Nella terra in Num. 32 si lasciano ordinare con difficol­
festa di Pasqua vengono macellati, secondo le fon­ tà (v. M. Noth, ÙPt; ATD 7, ad /.). Le tribù a
ti, piccoli di pecora o di capra (Ex. 12,5) oppure oriente del Giordano devono (oppure vogliono;
anche bovini (Deut. 16,3; 2 Chron. 35,7). vi è in Num. 32 una certa tensione fra i due aspet­
La critica profetica contro il culto (Is. 1 , 1 1 ; 43, ti) aiutare le tribù a occidente del Giordano a
23; 66,3) respinge decisamente forme decadenti conquistare gli insediamenti, per poi ritornare ai
dei sacrifici e li mette addirittura sullo stesso pia­ loro stanziamenti (oppure per ottenerne l’asse­
no degli impropri usi sacrificali pagani (-> voi. ti gnazione). Num. 32,22: w enikb‘ sd h à ’àres lipnè
894 s.). jhw h (nel v. 29 lipnèkem) «il paese sarà soggioga­
to davanti a Jhwh (davanti a voi)», dopo di che i
v. Negli scritti di Qumran non si trovano ke- figli di Ruben e i figli di Gad saranno liberi di or­
bes né s'eh, eccetto che nelle citazioni del Penta­ ganizzare la propria vita, ovvero esentati. Si tro­
teuco in 1 1 QT. ., vano forse in questo capitolo, di tradizione molto
C h. Dobmen complessa, le più antiche attestazioni di kàbas. Le
frasi sono formulate al passivo (nif.) ma il vero
oggetto logico di kàbas è h à ’ares (in questa sede
la terra coltivata del Giordano occidentale) e il ve­
~T
kabas ro soggetto logico le rimanenti tribù israelitiche
rafforzate dalle tribù transgiordane. Al termine
kebes, kibsàn kàbas + h à’ares (oppure altro oggetto) sembra
appartenere ancora lipnè + proposizione (oppure
1. Radice, significato e attestazioni. - n. L ’uso nell’A.T. suffisso). Il paese è sottomesso ‘da qualcuno’ (lo­
- n i. Riepilogo. - iv. Derivazioni. - V. Qumran e i L X X . calmente; a volte nell’esegesi viene preferita la tra­
duzione ‘per qualcuno’) così che i conquistatori
Bibl.: P. Gòssmann, Scabellum Pedum Tuorum: Divi- lo possono invadere e conquistare. Ciò può esse­
nitas 11 (1967) 31-53. - L. Kopf, Arabiscbe Etymolo- re detto di Jhwh oppure del popolo di Jhwh. Qui
gien und Parallelen zum Bibelworterbuch: VT 8 (1958)
traspare la teologia del dono della terra (ovvero
161-215, spec. 174 s.
della conquista della terra), come si vede chiara­
1. kbs è una radice semitica comune, che com­ mente anche nel v. 29. Siccome in Ios. 18 ,1 un’os­
pare in quasi tutte le lingue semitiche: accadico servazione sacerdotale riassuntiva molto tarda -
(kabdsu), cananaico (testi di Amarna), arabo, sa­ immediatamente prima del rapporto sull’ulterio­
maritano, aramaico giudaico, aramaico cristiano re «distribuzione di terra» fatta da Giosuè, ordi­
palestinese, egiziano, siriaco, mandaico, medio nata prima della descrizione dei confini di Benia­
ebraico. Il suo significato corrisponde quasi sem­ mino (v. 1 1 ss.) - impiega la stessa formula w ehà­
pre a quello ebraico. N ell’A.T. incontriamo 14 at­ ’àres nikbesà lipnèhem («e il paese era loro sotto­
testazioni nelle diverse forme della radice (qal, messo»), non sarebbe opportuno credere del tut­
nif., pi. [1 volta], un’attestazione di qal è tale solo to all’antichità dei passi di Numeri citati. La «for­
come Q , K rimanda al h if). Il significato può es­ mula» ricompare nell’opera storica del Cronista
sere reso senza problemi con ‘sottomettere’ (cfr. (r Chron. 22,18), nell’appendice alla narrazione
K B L 3). Anche le modificazioni verbali della radi­ dell’impegno di David per la costruzione del tem­
ce non alterano il significato. Inoltre si trova nel pio, che serva a interpretare in senso teologico la
A.T. un passo con il derivato kebes (‘sgabello per conduzione della guerra di David (w . 17 -19 ; cfr.
i piedi’) e 4 attestazioni del nome kibsàn (forse in K. Galling, ATD 12, ad /.; W. Rudolph, H A T 1/21,
generale ‘forno’) che si ritiene sia un derivato di 1 5 1 s.). Qui si afferma che è stato Jhw h a conse­
kàbas, il cui nesso con la radice di partenza non è gnare gli abitanti del paese nelle mani di David,
chiaramente individuabile. N ell’esegesi antica kà­ w enikbesd hà'dres lipnè jhw h w ° lipnè ‘ammó «co­
bas è stato congetturato in Am. 8,4 (cfr. B H K 3, ri­ sì che il paese è stato sottomesso davanti a Jhwh e
preso nuovamente in BHS); lo stesso vale per kib­ al suo popolo». L ’ interpretazione teologica delle
sàn in Ps. 68, 23 (v. B H K 3 app., non riprodotto in guerre di David si manifesta nel senso della teo­
BHS). logia del dono e della conquista della terra (v. il
2 2 ) ( IV ,5 j ) kdbas (S. Wagner) (i v ,56) 2 2 4

contesto). L ’iniziativa della costruzione del tem­ della violenza su una donna è testimoniato in Esth.
pio di Salomone che, secondo il racconto del C ro ­ 7,8, dove la preghiera di Aman a Ester di poter
nista, proviene da David, viene in questo modo vivere ancora viene fraintesa come invadenza o
fondata nella prospettiva della storia della salvez­ molestia. Aman si getta in ginocchio in atteggia­
za. Il termine ‘paese’ in questi passi non deve na­ mento di preghiera davanti al divano della regina
turalmente esser inteso in senso concreto (qual­ (nófél ‘al hammittà ’dser ’estér ‘dlèhd; H. Bardtke
cosa come un possesso agrario), ma come l’essen­ vorrebbe correggere ‘al in ’el, K A T XVIl/5 ad /.).
za di un territorio abitato e coltivato dall’uomo, Il re, che si accorge di questo, esclama: hàgdm lik-
come grandezza storica. La sua sottomissione in­ bós ’et-hammalkà ‘immi babbajit «siamo già al
dica in prima istanza la vittoria e la sottomissione punto che lui vuole usare violenza alla regina qui
dei suoi padroni c abitanti fino a quel momento, da me nel palazzo?». Lo stesso valore ha kdbas
includendo naturalmente anche l’uso di tutte le {nif.) in Nehem. 5,5. Cittadini economicamente
potenzialità e le possibilità che sono collegate, sul indeboliti a causa delle tasse gravose si lamentano
piano economico e culturale, al concetto di ‘pae­ presso Neemia perché sono costretti a dare in pe­
se’. Il termine h d ’dres riceve la sua massima am­ gno i propri figli e figlie, e ad alcune delle loro fi­
piezza di significato da Gen. 1,28 nel racconto del­ glie è già stata usata violenza (w ehinnéh ’ànahnu
la creazione di P, dove la benedizione della crea­ kdbesim ’et-bdnènu w e'et-benòtènù la‘àbddim
zione ordina all’uomo di soggiogare hd’dres, do­ w ejés m ibhenàtènù nikbdsót «ed ecco, stiamo fa­
po che (oppure mentre) h d’dres, grazie alla fecon­ cendo schiavi i nostri figli e le nostre figlie, e suc­
dità umana, è riempita dall’umanità (p erù iìrebu cede già che alcune delle nostre figlie sono violen­
u m il’ù ’et-hd’dres w ekibsuhd). Se l’imperativo che tate»; ‘dare come schiavi’ vuol dire letteralmente:
segue (redu = calpestate) deve rendere concreto il ‘noi li sottomettiamo perché siano schiavi’; cfr.
kibsuhd, si intende che l’uomo deve regnare sul K. Galling, ATD 12, ad /.). Mentre in Esth. 7,8 la
mondo degli animali (cfr. v. 26b), ma verosimil­ forma qal ha già questo significato, in Nehem. 5,5
mente il tutto va considerato in senso più fonda­ ciò avviene soltanto per la forma nif', la forma
mentale e comprensivo: h d ’dres come lo spazio vi­ qal viene usata per la descrizione dell’intenzione
tale non delimitato territorialmente né geografica­ e dell’azione già avvenuta, relativamente al fatto
mente, il suo intero mondo (cfr. C. Westermann, che uomini devono essere fatti schiavi da altri uo­
B K 1/1 ad /.). Questa interpretazione non dovreb­ mini o che ciò è già avvenuto. Questo uso speci­
be quanto meno contraddire le norme sacerdota­ fico del qal è documentato anche in ler. 3 4 ,11.16
li. In termini specifici sono dunque concentrati e 2 Chron. 28,10 e si può trovare in Geremia, nel­
principi generali. Alla questione di come in que­ la motivazione di un vaticinio negativo ai tempi
sto significato di hd’dres sìa compresa l’idea del di Sedecia, mentre i Babilonesi assediano Geru­
dominio dell’uomo sull’uomo si può solo rispon­ salemme e altre città giudaiche. In tale frangente
dere che in Gen. 1,28 (come del resto in tutto il di difficoltà era stata concordata solennemente
passo, w . 26-28) non emerge visibilmente il do­ l’emancipazione degli schiavi per debiti, ma que­
minio dell’uomo sull’uomo: si sostiene propria­ sta decisione fu revocata in seguito, quando il
mente l’idea antropologica utopica che ogni uomo pericolo diminuì. Ciò apparve come una frode
è «signore del mondo». agli occhi di Jhw h (wajjakbìsum [K; Q w ajjikbe-
La maggior parte delle attestazioni ancora pre­ sùm\ la'dbadim w clispdhòt «e li sottomisero co­
senti nell’A.T. dimostra che kdbas può avere l’uo­ me schiavi e schiave»; lo stesso nel v. 16, ma nel
mo anche direttamente come oggetto (e non sol­ discorso diretto: wattikbesù ’òtdm Idkem... «e voi
tanto indirettamente in tutte le attestazioni kdbas li avete resi per voi schiavi e schiave, li avete sot­
- h d’dres citate [eccetto Gen. 1,28]); è interpretata tomessi»). Il testo non è uniforme, ma vi si tro­
ancora in modo sommario la notizia (probabil­ vano detti autentici di Geremia (per la discussio­
mente attribuibile al Dtr [cfr. M. Noth, USt 65] ne cfr. G. Fohrer, Einl. 432 s.; W. Rudolph, HAT
in 2 Sam. 8 ,11 sui tributi e le prede che David ha 1/12, ad i). Se i passi che usano kdbas siano au­
ricevuto dai paesi sottomessi e che consacra al tem­ tenticam ente di G erem ia è difficile a dirsi. In que­
pio (mikkól-haggójim ’dser kibbes, l’unico passo sto senso l’allusione diretta a Ex. 21,2 ss.; Deut.
in cui ricorra il pi.: «Di tutti i popoli, che aveva 15 ,12 ; Lev. 25,39 s. non deve necessariamente de­
sottomesso»). Qui gój e ’eres possono essere usati porre a favore dell’inautenticità. La struttura uti­
indifferentemente. In due ambiti il riferimento lizzata da Geremia, kdbas + oggetto + la‘àbàdim
diretto all’uomo è significativo, nella sfera sessua­ non compare in questi testi. Può essere perciò che
le del violentare e nel campo della schiavitù. L ’uso questa formulazione di Geremia sia una delle at-
2 2 j O v, 5 8 ) kabas (S. Wagner) (iv,59) 226

testaziom più antiche per tale uso di kàbas. La struttiva e di guerra santa, in aiuto al suo popolo.
stessa modalità espressiva ricorre ancora una vol­ Fulmine e tempesta, e anche pioggia di sassi (si­
ta in 2 Chron. 28,10, nella versione del Cronista curamente in seguito allo scoppio di un’eruzione)
della cosiddetta guerra siro-efraimita che, secon­ eseguono la loro distruzione. In questo contesto
do il testo, sortì un esito infelice per Acaz, a se­ sono citati gli ’abnè qela\ ai quali, accanto a kà-
guito del quale vi furono Giudaiti e Giudaite che b esu, viene riferita una serie di altri verbi ('àk'lu,
dovettero subire, in quanto schiavi, la prigionia sàtU, m àle,ù) come predicati. Letteralmente si do­
in Samaria. A questo si oppone in Samaria un pro­ vrebbe tradurre: «Divoreranno e calpesteranno
feta (di nome Oded, cfr. vv. 9-15) che minaccia (sottometteranno) sassi scagliati e berranno (la pa­
gli Israeliti per aver reso schiavi «dei loro fratelli» rola che segue è ancora un verbo, hàmu da hàmà,
(v. 11) ed esige la libertà per i Giudaiti (2 Reg. 15 che qui p erò probabilm ente è errato; l’ esegesi se­
non accenna a nulla di tutto questo). A sostegno gue oggi la lezione di alcune versioni dei L X X e
della minaccia di Oded viene citato il v. t o : «E legge, invece di hàmu, dàmàm - «il loro sangue»,
ora, per quello che riguarda i Giudaiti e Gerusa­ v. BH S, app.) il loro sangue come vino...». Dagli
lemme, pensate dunque di sottometterli come elementi dell’immagine emerge chiaramente la
schiavi e schiave? N on pesano su di voi colpe funzione distruttiva dei sassi scagliati, anche se i
contro il Signore, vostro Dio?» (trad. di K. Gal- particolari non sono più intuibili senza congettu­
ling, ATD 12, 150 s.; ’attem ’òmerìm likbós la'à- re. Se kabas fosse davvero originario, questa atte­
bàdìm w elispàhòt làkem...). stazione del Deuterozaccaria sarebbe di nuovo
Se Ier. 34,16 fosse attribuibile al profeta in per­ molto tarda (v., al v. 13, la menzione dei Greci,
sona, questa formulazione tipica di 2 Chron. 28, forse non casuale) e non più chiaramente com­
10 (come anche di Nehem. 5,5) dipenderebbe da prensibile nel suo uso.
Geremia e poi Ier. 3 4 ,11, il racconto in prosa del­
la liberazione, l’avrebbe già ripresa. Si può però ni. kàbas fa parte di quei verbi ebraici che in­
argomentare in senso contrario, affermando che tendono esprimere l’uso della forza. In questo
l’uso linguistico dei testi più recenti si è fatto stra­ senso, quello che kàbas sottintende può presen­
da nel passo del libro di Geremia. Purtroppo an­ tarsi in modo diverso: nella guerra come sottomis­
che gli ultimi due brani attestati non aiutano in sione di interi territori e delle loro popolazioni o
questa questione: Mich. 7,19 fa parte certamente come vittoria su regni consolidati, e in ambito
di un brano di carattere innico posteriore, che personale come sottomissione di individui resi
canta la disposizione al perdono di Jhwh (diversa schiavi o in ambito sessuale come molestia e vio­
la delimitazione: T.H . Robinson, H A T 1/14, 15 1 lenza su una donna o una ragazza.
s.: w . 14-20, preghiera per il perdono e il ripristi­ kàbas presuppone sempre un soggetto più for­
no; A. Weiser, ATD 24, 187. 289: vv. 18-20, in­ te e un oggetto più debole. In pochi casi l’imma­
no). Degno di nota è l’uso astratto di kabas: jik - gine si libera della relazione concreta personale
bós ‘àwónótènù (sogg. ’e/, v. 18) «Dio sottomet­ del verbo, cosicché dall’oggetto si passa all’astrat­
terà i nostri peccati» (calpesterà; Robinson modi­ to, come per esempio nella dichiarazione di prin­
fica in questo passo a torto; Weiser: «Lui calpe­ cipio dell’antropologia di P, in cui ogni uomo è
sterà il nostro debito»); cioè Dio stesso domina, «signore del mondo», oppure nell’inno di lode
sottomette, schiaccia il peccato umano (più preci­ perché Dio «sottomette» (calpesta) il peccato uma­
samente: il peccato del popolo eletto) e crea attra­ no di Mich. 7,19 (diversamente Rudolph, K A T
verso così la salvezza (cfr. il contesto). L ’attesta­ xm/3 ad /., che modifica in kbs pi. ‘ lavare’). Ogni
zione di kabas in Zach. 9,15 viene respinta dal­ violenza descritta con kàbas viene vista in fin dei
l’esegesi, che considera il testo corrotto e inoltre conti come derivata da Dio oppure almeno da lui
(o proprio per questo) glossato: a w ekàbesu si so­ permessa, occasionalmente addirittura eseguita da
stituisce il sostantivo basar. Il v. 15 è in relazione Dio stesso attraverso l’opera dell’uomo, tollerata
con i vv. 1 1 - 1 7 , un periodo che K. Elliger intende - in certi limiti e regole - da Dio (diritto di schia­
riconoscere come una «promessa profetica» (ATD vitù) ma punita se questi limiti sono trasgrediti e
25, 152, v. anche 15 1) e dove F. Horst individua le regole violate. L ’uso «profano» pare comparire
nei vv. 14 -16 un breve «inno escatologico» sulla solo in Esth. 7,8, probabilmente soltanto a causa
battaglia vittoriosa di Jhwh contro i nemici del di tutta la vicenda «profana» di Ester. Nehem. 5
suo popolo, in favore della sua ricostruzione e vede la violenza sessuale non soltanto come pro­
della sua salvezza finali (HAT 1/14, 248, v. anche blema interpersonale, ma come questione molto
246). Jhwh irrompe, in una sorta di teofania di­ seria in relazione al giusto comportamento di tut­
227 (rv>6o) kahà (K.-D. Schunck) (iv ,6 i) 228

ti gli appartenenti alla comunità di Dio verso Dio v. N ei testi di Qumran kibsdn si incontra solo
stesso. La maggior parte delle attestazioni com­ in iQ H 9,5 in una metafora: l’orante che si lamen­
pare nei testi più tardi dell’A.T., cosicché in quei ta paragona i suoi occhi a una tignola nel forno e
pochi casi che parrebbero antichi (Numeri e G e ­ le sue lacrime a torrenti d’acqua.
remia) si sospetta che almeno le frasi formulate La versione dei L X X traduce kdbas in maniera
con kàbas siano più recenti. tutt’altro che univoca: xaxaxupieuetv (3 volte), xa-
TaSuvaarTcuEtv (3 volte), xpataioOv e xpaxeiv, {3ià-
iv. Il derivato kebes si trova nell’A.T. in un so­ ^eatta 1 e èx(3ià£etv (ciascuno 1 volta) ecc.
lo passo, quando il Cronista descrive il prezioso Per kebes (2 Chron. 9,18) i L X X traducono ?rpo-
trono che Salomone aveva fatto con ebano coper­ ~o|xaì leggendo dunque kebes. kibsdn
to d'oro (2 Chron. 9,18, cfr. w . 17-19). Questo viene reso unicamente con xàjjuvoq e xa|MvaIo^.
trono aveva anche uno sgabello per i piedi ‘in oro’
(w'kebes bazzàhàb lakissè’; v. B H K 3; la differen­ S. Wagner
za rispetto a / Reg. 10, 18-20 e i corrispondenti
tentativi di ricostruzione in W. Rudolph, H AT
1/21, 224: «Sei gradini aveva il trono, e uno sga­
bello aveva il trono (ambedue) d’oro»; K. Gal- PITE)
T T
kahà
ling, ATD 12, 96: «Sei gradini aveva il trono, e die­
tro al trono c’erano teste di toro in oro»). Il senso nro kèheh, nro kèhà
V T *•
generale si lascia facilmente desumere dal signifi­
cato base della radice, certamente con l’immagine 1.1. Etimologia, attestazioni. - 2. Significato. - li. Il cor­
concreta sullo sfondo del concreto calpestare (-> pus testuale dell’ A.T. - 1. Indebolimento fisico. - 2. In­
kissè' e cfr. F. Canciano - G. Pettinato, Salomos debolimento psichico. - in. 11 riferimento cultuale e teo­
Thron, philologische u. archdologische Erwàgun- logico. - 1. Nelle leggi di purità. - 2. Nei Profeti. - 3. In
gen: Z D P V 81 [1965] 88-108; -» kebes). Giobbe.
L ’altro derivato kibsdn ‘forno, forno per fusio­ Bibl.: E. Jenni, Das hebràisebe Pi'el, Zùrich 1968. - P.
ne’ (v. anche K B L 3) non trova spiegazione imme­ Joiion, Racines: M USJ j (19 12) 432-436.
diata partendo da kdbas se non, al massimo, im­
maginando la lavorazione del metallo in cui esso 1.1. La radice khh compare nell’A.T. con due si­
viene ‘sottomesso’, ‘calpestato’. N ell’A.T. il for­ gnificati fondamentali: ‘ indebolirsi, diventare de­
no fumante viene adottato due volte come para­ bole’ e ‘ rimproverare, sgridare’ . Nel primo signi­
gone per altre realtà, ad es. per l’apparizione di ficato si incontra, oltre che in ebraico biblico an­
Jhwh nel Sinai fumante nel fuoco (Ex. 19,18 J) e che in testi in medio ebraico, aramaico giudaico e
nella striscia di terra fumante a causa del giudizio mandaico e ha paralleli lessicali semitici nell’ar.
di Jhwh su Sodoma e Gomorra, a cui volge il suo kahija iv ‘scoraggiarsi, disperare’, et. hakaja ‘es­
sguardo Abramo (Gen. 19,28 J), e due volte nel sere fiacco’ e nel tigrè hakka ‘stancarsi’. L ’uso nel
grande racconto delle «piaghe d’Egitto», in un ca­ senso di ‘ rimproverare’ (solo in 1 Sam. 3,13) è in­
pitolo di tradizione P, Ex. 9,8.10. Mosè e Aronne vece in relazione con il sir. k '\ ar. k ’j e k w j e con
ricevono da Jhwh l’ordine di riempirsi le mani con il mand. k h ’ (con il medesimo significato) - cfr.
la fuliggine di un forno e di lanciarla di fronte al K B L 3 440; khh in questo senso potrebbe perciò
faraone verso il cielo cosicché si diffonda per essere solo una forma collaterale a k 'h (H.J. Stoe-
tutto il paese, si posi su uomini e bestie e provo­ be, K A T vm /i, 122). Accanto all’uso come verbo
chi infiammazioni (cfr. G. von Rad, ATD, 2-4; M. (al qal e al pi.) la radice trova impiego, nel deriva­
Noth, ATD 5, ad /.; per l’archeologia cfr. B R L 1 to kèhehy anche come aggettivo (e forse con l’al­
240 s.; G. Dalman, AuS 7, 26. 209; R.J. Forbes, tro derivato kéhà anche come sostantivo; cfr. sot­
Metallurgy in Antiquity, Leiden 1950; Id., Studies to, 1.2).
in Ancient Technology vi, Leiden 1958; C . Bal- 2. Partendo dal significato principale di ‘ inde­
dauf, Ldutern und Priifen im Alten Testament, bolirsi’ (Is. 42,4), l’ambito lessicale ha sviluppato
diss. Greifswald 1969, con ulteriore bibliografia). nell’A.T. quattro significati ulteriori: 1. ‘impalli­
Per la prima volta abbiamo almeno due attesta­ dire’, ‘pallido’ (Lev. 13,6.21), 2. ‘ardente’ (Is. 42,
zioni di un derivato della radice analizzata che so­ 3), 3. ‘diventare cieco’, ‘cieco’ (Gen. 27,1; 1 Sam.
no antiche (J), ma soltanto con un significato mol­ 3,2; Zach. 11,17 ), 4- ‘scoraggiarsi’, ‘scoraggiato’
to specifico. (Ezech. 2 1,12 ; Is. 61,3). Un ulteriore significato di
‘lenimento’, ‘spegnimento, scaricamento’, colle­
229 (IV,62) kóhén (]. Bergman) (iv,63) 230

gato solo con Yhap. leg. kehà (W. Rudolph, KAT nimo di Is. 61, in quel caso proprio per caratte­
xm /3, 18 1; GesB 335; K B L 3 440), è incerto, poi­ rizzare la situazione che sarà superata attraverso
ché per esso in Nah. 3,19 si può ben leggere, con l’annuncio del profeta (Is. 61,3). Di contro il pro­
i L X X , gèhà. feta ancora preesilico, anch’egli anonimo, di Zach.
1 1 (B. Otzen, Studien Uher Deuterosacharja, K0-
11. Tutti i 15 passi in cui è attestato il gruppo benhavn 1964, 162) rimanda, con il suo uso del
lessicale rimandano ad un uso profano, indipen­ nostro gruppo lessicale, a passi che si riferiscono
dentemente dalla diversità di significato. Soprat­ agli occhi per descrivere l’avvento della cecità, co­
tutto dal contesto - nella maggior parte dei casi - me Gen. 27,1; Deut. 34,7; 1 Sam. 3,2); minaccian­
emerge il nesso con pratiche cultuali o afferma­ do al cattivo pastore (forse il re Sedecia; cfr. O t­
zioni teologiche. zen 16 1) la completa cecità del suo occhio destro
1. Prevalentemente il gruppo lessicale esprime vuole mettere in evidenza che il suo potere e la
un indebolimento fisico. Si può riferire alle ca­ sua esistenza sono sottomessi al giudizio di Jhwh
pacità fisiche in generale (Is. 42,4) così come solo (Zach. 11,17 ).
a quelle degli occhi (Gen. 27,1; Deut. 34,7; / Sam.
Se la lettura kèhà in Nah. 3,19 fosse originaria, al­
3,2; Zach. 1 1 ,1 7 ; r7>7)» ° essere riferito a se­ lora anche in Naum avremmo un annuncio di casti­
gni esterni di malattia cutanea (Lev. 13,6.21.26. go connesso con la radice kdhà: la rovina del regno
28.39). Questo vale ugualmente per le cose, ad es. del re assiro non si affievolirà di fronte a lui.
le macchie su vestiti (Lev. 13,56) o lo stoppino di
una lampada (Is. 42,3). 3. Come Zach. 1 1 ,1 7 anche Iob 17,7 riprende il
2. Inoltre kàhà e kéheh descrivono un indebo­ nesso di kàhà con ‘ajin. Dire che l’occhio di G iob­
limento mentale, come risulta dalla relazione con be si offusca vale come affermazione simbolica
il sostantivo rùàh (Ezech. 2 1,12 ; Is. 61,3), benché della gravità delle sfortune che lo hanno colpito.
non sia attestata nelPA.T. un’analoga relazione
K.-D. Schunck
con léb e nefes.

in. 1. Nelle norme delle leggi di purità relative


alla lebbra kàhà e kéheh indicano il ‘diventare in a kohen
pallido’ e T'aspetto pallido’ delle macchie sospet­
te di lebbra sulla pelle dell’uomo (Lev. 13,6.21. 1. Il Vicino Oriente antico. - 1. Egitto. - 2. Mesopota-
26.28.39) oppure a contatto con parti di abiti (Lev. mia. - 3. I semiti occidentali. - n .i. Etimologia. - 2. I
13,56). Il diventare o l’essere pallido di queste L X X . - ih . Compiti. - 1. Custode del luogo santo. - 2.
macchie segnala che un caso di lebbra non è pro­ Dispensatore di oracoli. —3. Attività d’insegnamento. —
babile (Lev. 13,21.26) o è certo che lebbra non è, 4. Funzioni cultuali. - iv. Santità, istituzione ed entra­
te. - v. Il sommo sacerdote. - vi. I sacerdoti a Qumran.
perciò significa purità (Lev. 13,6.28.39).
- v i i . Il rapporto con re e profeta. —vili. Significato e
2. Fra i profeti solo il Deuteroisaia, Ezechiele e valore.
gli autori di Zach. ir e Is. 60-62 (e forse anche
Naum; cfr. sopra, 1.2) utilizzano questo gruppo Bibl.: S. Amsler, Les ministères de l’ancienne alliance:
lessicale, che inoltre è inserito in situazioni teo­ rois, prètres et prophètes: Verbum Caro 18 (1964) 29­
41. - E. Auerbach, Der Aufstieg der Priesterscbaft zur
logicamente molto diverse e talvolta addirittura
Macht im Alteri Testament (VTS 9, 1963, 236-249). - J.
in espressioni contraddittorie. Nel Deuteroisaia
W. Bailey, The Usage in thè Post Restoration Period of
esprime in primo luogo l’immagine dello stoppi­ Therms Descriptive o f thè Priest and High Priest: JB L
no fumigante che il servo di Jhwh non spegnerà, 70 (19 51) 217-225. - W. Baudissin, Die Geschichte des
per descrivere la promessa che la sua azione non alttestamentlichen Priesterthums, Leipzig 1889, rist. Os-
porterà alla distruzione degli oppressi, di quelli nabriick 1967. - R. Beaudet, Le sacerdoce et les prophè­
che sono vicino al tramonto; esprime inoltre la tes: Lavai Théologique et Philosophique 15 (1959) 127­
promessa relativa proprio al servo stesso, che egli 138. - J. Bcgrich, Die priesterliche Torà: ThB 21 (1964)
non soccomberà sotto il peso del fardello del suo 232-260. —A. Bentzen, Znr Geschichte der Sadokiden:
ZAW 51 (1933) 173-176. - O. Betz, Le minist'ere cul-
compito (Is. 42,3.4). Ezechiele invece usa il verbo
tuel dans le sede de Qumran et dans le christianisme
kàhà, collegato al sostantivo rùàh, per esprimere
primitif: Recherches Bibliques 4 (1959) 162-202. - H.
lo scoraggiamento che colpirà gli uomini che Cazelles, Sainteté et pureté du sacerdoce (Populus Dei,
ascoltano gli annunci di disgrazie comunicate dai Studi in onore del Card. A. Ottaviani i, Communio 10,
profeti (Ezech. 21,12). Lo stesso nesso (tra l’ag­ Roma 1969, 169-174). - A. Cody, A History o f Old
gettivo kéheh e rùàh) è ripreso dal profeta ano­ Testament Priesthood (AnBibl 35, Roma 1969). - M.A.
231 ( i v , 63) kohen (J. Bergman) ( tv,64) 232

Cohen, The Role of Shilonite Priesthood in thè United Per l i . A.M. Blackman, On thè Position of Women
Monarchy of Ancient Israel: H U C A 36 (1965) 59-98. - in thè Ancient Egyptian Hierarchy: JE A 7 (1921) 8-30.
J. Coppens, Le sacerdoce vétérotestamentaire: Bibl - H. Gauthier, Le personnel du dieu Min, Il Cairo
EThL 28 (19 71) 5-21. - A. Deissler et al., Der priester- 19 31. - H. Kees, Das Priestertum im àgyptiscben Staat
liche Diensl: Q Disp 46 (1970) 9-80, - M. Delcor, Le vom N. R. bis zur Spatzeit (Probleme der Agyptologie
sacerdoce, les lieux de culte, les rites et les fètes dans les 1), Leiden 1953; Indices und Nachtràge, Leiden 1958. -
documents de Khirbet Qumràn: R H R 144 (1953) j-4i. G . Lefèbvre, Histoire des grands-prètres d’Amon de
- W. Eichrodt, Theologie des Alien Testaments 1 (Gòt- Kamak jusqu’à la X X I' dyn., Paris 1929. - M.I. Mou-
tingen *1968, 264-294). - J.A. Emerton, Priests and rsi, Die Hohenpriester des Sonnengottes von der Friih-
Levites in Deuteronomy; VT 12 (1962) 129-138. —G. zeit Àgyptens bis zum Ende des N.R. (MÀS 26), 1972.
Fohrer, Priester und Prophet - Amt und Charismaf: - S. Sauneron, Les prètres de ÌAncienne Égypte (Le
KuD 17 (1971) 15-27. - J. de Fraine, Peut-on parler temps qui court 6), Paris 1962.
d ’un vérilable sacerdoce du roi en Israel? (Sacra Pagina Per 1.2. E. Dhorme, Quelques prètres assyriens
1, Paris-Gembloux 1959, 537'547Ì- “ J* Gabriel, Unter- d ’apres leur correspondance: R H R 113 (1936) 125-148;
sucbungen iiber das alttestamentliche Hohepriestertum, 116 (1937) 5-25. - Id., Les religions de Babylonie et
Wien 1933. - A. Gelin, Le sacerdoce de l ’ancienne al- d ’Assyrie (Mana 1/2), Paris 1945, 198-219. - C . Frank,
liance (in R. Fourrey et al., La tradition sacerdotale, Le Studien zur babylonischen Religion, 19 11, 1-37. - C.F.
Puy 1959, 27-60). - A. Gonzales, Profetismo y sacerdo- Jean, La religion sumérienne d’après les documents su-
cio. Profetas, sacerdoles y reyes en el antiguo Israel, mériens antérieurs à la dynastie d’Isin, Paris 19 31, 197­
Madrid 1969. - G.B. Gray, Sacrifice in thè Old Testa- 212. - B. Meissner, BuA 11 52-72. - J. Rengcr, Untersu-
ment - Its Theory and Practice, Oxford 1925 = New chungen zum Priestertum in der altbabylonischen Zeit:
York 1971, 179-270. - A.H.J. Gunneweg, Leviten und Z A 58 (1967) 110-188; 59 (1969) 104-230. - H.W.F.
Priester (FRLANT 89, 1965). - E. Haag, Priestertum Saggs, The Greatness that was Babylon, London 1962,
und Altes Testament - Ezechiel als Prophet und Prie­ 345- 351*
ster: TrThZ 80 (1971) 20-42. - Id., Das liturgische Le-
ben der Qumrangemeinde: AfLiturgiewissenschaft 1.1.a) Il termine base per ‘sacerdote’ in egizia­
10/1 (1967) 78-109. - C. Hauret, Moise était-il prètre?: no è w ’b «il puro» (WbÀS 1 282 s.). Inoltre tro­
Bibl 40 (1959) 509-521. - Id., khn et Iwy: RScR 44 viamo spesso hm-ntr «servo di Dio» (WbÀS ili
(1970) 85-100. - H.J. Katzenstcin, Some Remarks of 88), di solito reso con «profeta», inteso come tito­
thè Lists of thè Chief Priests of thè Tempie of Solomon: lo più elevato. Per definire collettivamente il cle­
JBL 81 (1962) 377-384. - J.H. Kraus, Gottesdienst in ro ci si serve dell’espressione «wniv.t della casa di
Israel, Grundriss einer Geschichte des alttestamentli- Dio» (WbÀS 1 317), che può indicare anche una
chen Gottesdienstes, ‘ 1962. - L. Leloir, Valeur perma­ istituzione speciale, come ad es. i sacerdoti delle
nente du sacerdoce lévitique: NRTh 92 (1970) 246-266.
ore. Le formazioni femminili w ’b.t e hm.t-ntr so­
- M. Noth, Amt und Berufung im A.T. (Ges. St. 1,
M960, 309-333). - J. Pedersen, Israel, Its Life and Cul­
no di uso corrente. Per gli incarichi più elevati del
ture iii-iv, Kebenhavn 1940, 150-198. - A. Penna, grande tempio esistevano in una prima fase titoli
Riflessioni sul sacerdozio dell’A.T.: Rivista Biblica Ita­ speciali, più tardi usati anche come titoli onorifi­
liana 18 (1970) 105-129. - O. Plòger, Priester und Pro­ ci, ad es. «il più grande degli artisti» per il sommo
phet: ZAW 63 (19 51) 157-192. - R. Rendtorff, Die sacerdote di Ptah a Menfi, «il più grande degli os­
Gesetze in der Priesterschrift (F R L A N T 62, 1 1 963). - servatori» (in origine forse «colui che osserva il
L. Rost, Der Status des Priesters in der Kònigszeit (Fs. Grande») per il sommo sacerdote di Ra a Eliopo-
K. Elliger 1973, 151-156 ). - L. Sabourin, Priesthood. A li ecc. Il «sacerdote lettore» (hrj-hb) rappresenta
Comparative Study (Numen Suppl. xxv, Leiden 1973).
l’addetto ai riti. Specialmente nelle epoche suc­
- J. Salguero, Sacerdocio levitico y sacerdocio reai en el
A.T.: La Ciencia Tomista 93 (1966) 341-366. - J. Schar- cessive si impiegano numerosi titoli particolari,
bert, Heilsmittler im A.T. und im Alten Orient: QD spesso di uso locale, il cui preciso significato non
23/24 (1964). - O. Schilling, «Nicht schwindet vom è del tutto chiaro (v. W bÀS vi 119 s.v. «Priester»).
Priester die Weisung» (Fs. Fr. Hengsbach, 1970, 11-38). b) Per quanto attiene all’organizzazione del
- W.H. Schmidt, Prophetisches Zukunftswort undprie- clero locale, si può osservare che il basso clero,
sterliche Weisung: Kairos 12 (1970) 289-308. - R.J. cioè «i puri», i sacerdoti lettori, assistenti di tutti i
Sklba, The Teaching Function of thè Pre-exilic Israelite tipi e aiutanti del culto per lo più di sesso femmi­
Priesthood, Roma 1965. - I..A. Snìjders, Knechten en nile, era suddiviso in quattro classi sacerdotali, le
bedienten: NedThT 16 (1961/62) 344-360. - R. de Vaux,
cosiddette tribù sacerdotali (WbÀS vi 120). Ogni
Das A.T. und seine Lebensordnungen u, Freiburg
*1966, 177-247. - Id., Le sacerdoce en Israel (Populus tribù serviva con cambio regolare per la durata di
Dei, Studi in onore del Card. A. Ottaviani I, Commu­ un mese e i membri erano chiamati imj ib d .f «co­
nio 10, Roma 1969, 113-168 ). - P.P. Zerafa, Il sacerdo­ loro che prestano servizio un mese». Quest’orga­
zio nell’antico Testamento: Sacra Doctrina 15 (1970) nizzazione è da considerare in primo luogo come
621-658. un’istituzione laica.
233 (IV>6*) kòhen (H. Ringgren) (iv,66) 234

w ’b era originariamente una carica laica, aperta famiglie più nobili. Così si formò nel tempio un
a tutti i residenti nel territorio che fossero senza «harem del dio» Qjnr) e la somma sacerdotessa
macchia e in possesso dei pieni diritti. N ell’A .R . del tempio era la «grande dell’harem». A partire
e nel M.R. domina tale servizio laico. Il signore dalla xviii dinastia la regina a Tebe veniva detta
del territorio poteva essere considerato «capo dei «consorte del dio» (Amun), ciò che doveva far ri­
profeti» e molte prebende sacerdotali venivano saltare la discendenza divina del re.
gradualmente concesse dal re come onorificenze e) Nel culto dei morti erano attivi sacerdoti
ai membri della famiglia reale e ad altri signori. particolari: «colui che cerca Yach» (oppure «ab­
Dunque non è possibile distinguere tra cariche braccia» ? s\}nw sfa) è il più antico titolo attestato,
religiose e cultuali e funzioni politiche. presto sostituito con quello di servo di Ka (hm
c) Teoricamente il re era l’unico sacerdote le­ kj). A partire dal N .R . venivano spesso ingaggiati
gittimo, che potesse avere relazioni con gli dei nei con contratti sacerdoti del tempio per essere sa­
riti. Nelle scene di culto sulle pareti del tempio cerdoti dei morti. Nel N .R . ricompare, con i «do­
egli solo è rappresentato mentre presta servizio natori d’acqua» (w jh m w , in greco Choachiti),
divino. In verità i sacerdoti venivano nominati dal un sacerdozio funerario professionale come quel­
re e servivano come suoi delegati. «È il re colui che lo di curatore delle mummie e dei luoghi di se­
mi manda per guardare Dio» (Rituale di Amon poltura. L ’attività dei sacerdoti mortuari veniva
4,2,5 s.). Per questo il sacerdote porta anche tito­ fondata mitologicamente richiamandosi al mito
latura regale. di Osiride.
Le cariche sacerdotali non dovevano essere ere­ J. Bergman
ditarie - «Le cariche non hanno figli», dice Yln-
segnamento di Ani. Molto spesso però le si tra­ 2. Nei templi sumerici erano impegnati addetti
mandava di padre in figlio, come tra l’altro testi­ al culto con varie competenze specifiche, ma sui
monia la formula d ’uso «un puro, figlio di un pu­ loro compiti sappiamo molto poco. Individuare
ro». La tendenza all’ereditarietà si rafforza con il un termine generale per sacerdote è difficile e co­
tempo, ed Erodoto (2,37) trova normale che un nosciamo solo i nomi delle diverse classi sacerdo­
sacerdote disponga che suo figlio gli succeda tali. N on vi è distinzione netta tra cariche statali e
nella carica. Lunghi elenchi di antenati di famiglie sacerdotali. I re si vantano di essere sacerdoti di
sacerdotali lo confermano. L ’esame dell’essere varie divinità. Un en godeva della più alta dignità,
senza macchia, del lignaggio e della conoscenza mentre un sanga aveva nelle sue mani l’ammini­
dei riti insegnati nella «casa della vita» (l’archivio strazione. U isib sembra si occupasse delle bevan­
del tempio) dovevano precedere la consacrazione de da sacrificare e delle purificazioni; il gala pare
a un ufficio sacerdotale superiore, al quale era fosse cantore e poeta. Altre classi sacerdotali ave­
correlata anche la circoncisione, documentata nel­ vano il nome di guda, mafp e nin-dingir, ma è dif­
le scene tombali a partire dalla iv dinastia. La ter­ ficile identificare i loro compiti.
minologia dell’ordinazione sacerdotale corrispon­ N ei templi di Inanna c’erano eunuchi e prosti­
de in parte a quella dell’intronizzazione regale. tute sacre per il culto alla dea dell’amore. Antiche
Per svolgere il servizio occorreva osservare seve­ immagini mostrano che i sacerdoti esercitavano
re prescrizioni di purità e di astinenza. UInsegna­ spesso il loro servizio nudi.
mento per Merikare 33 s. offre uno sguardo nella Anche in accadico manca una parola specifica
vita di un sacerdote: «Presta il servizio sacerdota­ generale per sacerdote. Il termine che si avvicina
le mensile, porta sandali bianchi. Recati al tem­ maggiormente è sangu ‘sacerdote, amministratore
pio, scopri il segreto, entra nella parte più interna del tempio’ (AH w 1163). Il termine èrib biti, pro­
del tempio e mangia pane nella casa di Dio». Due priamente «colui che entra nel tempio», indica la
lunghe iscrizioni all’entrata principale del tempio persona che aveva accesso in ogni occasione a
di Edfu illustrano le richieste rivolte ai sacerdoti ogni parte del tempio; dall’epoca babilonese anti­
e le aspettative legate al giusto esercizio della ca­ ca era usato per indicare gli esecutori di compiti
rica (citazioni in H. Ringgren, R A O 36 s.). inferiori di culto, ma connota più tardi occasio­
d) Sacerdoti di sesso femminile hanno in Egit­ nalmente l’intero personale di culto (C A D E 290
to un ruolo estremamente significativo. Sono pre­ ss.; A H w 1 240). Il prestito aramaico kinistu, so­
sto nominate non solo «pure», sacerdotesse di vente tradotto con «collegio sacerdotale» (così
rango inferiore, ma anche «serve di Dio» o «pro­ AH w ), è testimoniato solo più tardi e pare indi­
fetesse», specialmente nel culto delle dee. Cantan­ chi piuttosto un gruppo di addetti al culto infe­
ti, danzatrici e musiciste venivano reclutate nelle riori (C A D K 386).
* 3 5 (iv ,67) kohen (H. Ringgren) (iv,68) 236

In teoria il re era il conduttore del culto e ave­ affini. Accanto ad essi sono nominati nqdm (‘pa­
va anche titoli sacerdotali; nella pratica natural­ stori’ ? -> nqd [noqèd]) e qdsm (ierodule qds)
mente delegava queste sue funzioni ai sacerdoti. così come commercianti, fabbri ecc. (K T U 4.29;
I sacerdoti erano specializzati, e diversi gruppi 4.38; 4.68, 71-75; 4.126, 5-9). Una lettera danneg­
particolari formavano una specie di corporazione giata diretta a un rb khnm (‘sommo sacerdote’)
0 collegio. T ali gruppi facevano talvolta risalire la (K T U 2.4) non aggiunge nulla di concreto alla
p ropria discendenza a un antenato m itico, ma fi­ comprensione del khn. Dal colofone di K T U 1.6
no a che punto l ’ereditarietà della dignità sacer­ apprendiamo che ’tn prln, che ha dettato il testo,
dotale fosse la regola non è chiaro. Sappiam o che è stato rb nqdm e rb khnm, ma ciò contribuisce
1 padri trasmettevano la loro sapienza sacerdotale più alla discussione sul termine nóqed che alla
ai figli e che esistevano famiglie che per più gene­ comprensione del sacerdozio.
razioni furono di sacerdoti; ma in altri casi pare Le iscrizioni fenicio-puniche e aramaiche dan­
che fossero determinanti la capacità e la compe­ no purtroppo notizie molto scarse sul sacerdo­
tenza. Dei sacerdoti kalu sappiamo che pretende­ zio. Quasi sempre si tratta dell’indicazione di un
vano di possedere un sapere segreto che non po­ titolo. Così apprendiamo per esempio, da una
teva essere comunicato a chi non fosse iniziato. I iscrizione di Kition (K A I 32), che un certo b d ’ è
gruppi specializzati non costituivano comunque sacerdote di Reshef e in un’iscrizione di Lape-
una gerarchia organizzata. thos jtn -b 'l vien detto «sacerdote del signore dei
La nostra conoscenza dei diversi uffici sacer­ re», ossia di Tolemeo 1 Sotere (K A I 43, 5). Una
dotali è purtroppo incompleta (la ricerca di Ren- iscrizione bilingue (greco-fenicia) cita un sommo
ger vale solo per i tempi l’epoca antico babilone­ sacerdote (rb khnm) di Nergal. Spesso sono attri­
se). Gli uffici più elevati, ènu (sum. en) e sangù buiti ai re dei titoli sacerdotali: ‘z -b 'l è sacerdote
(sum. sanga), spettavano originariamente al prin­ di Ba'alat (K A I 11), Tabnit e suo padre sono stati
cipe dei sacerdoti o al re, ma vennero assunti in sacerdoti di Astarte (K A I 13, 1 s.).
tempi successivi anche da altri sacerdoti di altro Nei tariffari dei sacrifici sono indicate con pre­
grado. L ’enu era evidentemente il sommo sacer­ cisione le parti delle varie vittime che andavano ai
dote di un tempio, mentre al sangu spettava la più sacerdoti (Marsiglia, K A I 69, 9; K A I 74, 6; K A I
alta dignità amministrativa. 75). Da ciò si deduce che il compimento del sa­
Gli àsipu e i masmasu compivano cerimonie di crificio faceva parte dei doveri dei sacerdoti e che
esorcismo c di purificazione. La divinazione spet­ essi ricevevano da questo parte delle loro entrate.
tava ai baru e agli sa'ilti («veggente», «interroga­ Una volta si parla di un suffeta sacerdote (K A I
tore»); vi era poi il «posseduto dalla divi­ 93> 3 s>)> P'ù volte sono nominati sacerdoti capi
nità». L ’ultima categoria ci è nota specialmente (rb khnm) (K A I 65, 10 s.; 81, 8 s.; 95, 1; 96, 8; cfr.
dalle profezie estatiche di Mari (-> nàbV). Vi era­ a riguardo W. Huss, Z D M G 120 [1979] 217-232).
no poi musicisti (nàru) e cantori (zammeru), così U n’iscrizione neopunica di Altiburus (K A I 159)
come funzionari di sesso femminile: qadistu (cfr. cita il kmr (v. oltre) di una dea (Neith?) e un khn
ebr. q edèsà), nadttu ecc. di Ba'al Hammon.
I sacerdoti portavano certamente abiti legati al­ Di frequente si nominano sacerdotesse (khnt),
la loro funzione. Si usavano vesti di lino di diver­ con il solo titolo (K A I 93, 1; 140, 2; 145, 45) o
si colori. menzionandone la dea (Astarte, la «signora», K A I
Un rituale per la consacrazione di un sacerdote J 4> *)•
di Enlil ci fornisce un quadro interessante di quel In iscrizioni aramaiche compare il titolo sacer­
che si richiedeva a un sacerdote (R. Borger, BiO r dotale km r, una parola che quasi sempre viene
3 ° t r973] 163-176; 172): riferita alla radice kmr ‘essere agitato, eccitato’ (S.
Quando il suo corpo è pulito come una statua Mowinckel, ZAW 36 [1916] 231 s.); nei testi di
d’oro e timore di dio e umiltà sono presenti nel suo Mari, infatti, si hanno indizi che kumrum fosse
corpo, egli può entrare nel tempio di Enlil e di Nin- un estatico. Un kdmiru è nominato in una lettera
lil... Un uomo sporco di sangue, chi è scoperto du­ di Amarna (EA 1 ,1 5 .3 3 ) . Albright (Von derStein-
rante un furto oppure una rapina? un condannato zeit bis zum Christentum 235. 431 s.) propende
che ha ricevuto Bastonate oppure frustate... chi ha per kumru come «eunuco» nella Siria settentrio­
un neo?... quello non può entrare nel tempio di En­ nale.
lil e di Ninlil.
Anche le iscrizioni aramaiche si rivelano poco
3. Le menzioni di khnm ‘sacerdoti’ in ugaritico informative. Siamo a conoscenza di un sacerdote
si trovano quasi esclusivamente in elenchi e liste di shr (K A I 225, 1; 226, 1), di sacerdoti in un tem­
2 3 7 ( IV>6 ? ) kóbèn (W. Dommcrshausen) (iv,69) 238

pio (228 A , 23; B 2), di sacerdoti di Atargatis (22 volte), IcpaTeufi-a (Ex. 1 9 , 6 ) , leptuauvr) e icpa-
(239, 3) e del «Grande», cioè Baalshamin (246, 1), -ceta. I L X X manifestano di avere inteso un’at­
ma non si rivela nulla di più preciso sulle loro at­ tività cultuale particolare con le traduzioni àp^ie-
tività e funzioni. pvj^ (L ev. 4 , 3 ; Ios. 2 2 , 1 3 ; 1 R e& r>2 5i 1 Chron. 1 5 ,
L ’A .T. usa talvolta la parola kómér per ‘sacer­ 1 4 ) e aùXàpx?)<; (2 Sam. 8 , 1 7 ) , che si distanziano
dote di idoli*. In questo senso sono nominati in 2 in modo significativo dall’idea originale di sacer­
Reg. 23,5 quei sacerdoti che fanno sacrifici sulle dote (cfr. G. Schrenk, G L N T iv 8 4 4 s.); anche Xei-
bàmòt e servono Ba‘ al, il sole, la luna e le costel­ Toupyeìv (2 Chron. 1 1 , 1 4 ) richiama l’aspetto prin­
lazioni. In Hos. 10,5 i sacerdoti del re sono ripre­ cipale sull’attività di culto. In Is. 6 1 , 1 0 7iepiTt$é-
si alludendo a) grido di lamento per il Ba'al mor­ vai manifesta l’ incertezza del T.M.
to e in Soph. 1,4 viene annunciato il tramonto dei
k'm àrim e dei sacerdoti (kòhàriìm), evidentemen­ in. 1. Riguardo ai compiti del sacerdote si in­
te in relazione al servizio di Ba'al. travede un’evoluzione abbastanza chiara. Al tem­
po dei patriarchi non esiste ancora un sacerdozio
H. Ringgren
vero e proprio. Come presso tutti i nomadi o se­
minomadi, i capifamiglia o gli anziani della tribù
i n . Il nome kóbèn si trova 740 volte nell’A.T.; esercitano funzioni rituali (sacrifici di animali, of­
indica sempre i sacerdoti di Jhwh, ma viene usato ferta della primogenitura).
anche per i sacerdoti di altri dei, per quelli del Con l’insediamento