Sei sulla pagina 1di 801

GRANDE LESSICO

DEL
NUOVO TESTAMENTO

Fondato da GERHARD KITTEL


Continuato da GERHARD FRIEDRICH

Edizione italiana a cura di


F. MONTAGNI NI - G. SCARPAT - O. SOFFRITTI

VOL. 111

PAIDEIA
Titolo origi nale dell'opera
T heologisches \Vortcrbuch zum Neuen T estament
in Verbindung mit zahlrcichcn Fachgenossen
begriindct von GERJIARD KITTEL
bcrausgcgeben von GF.RHARD FRJEDRICH

All'edizione italiana di questo terzo volume


han110 collaborato come traduttori:
MAIUA ISELLINCIONI
GtOV ANNI TORTI
GINO CONTE
MARIO VERDESCA
TERl!SA DE CRADA

Tutti i diritti sono riservati. È rigorosamente vietata, a 1ermi11i


di legge, la riprod11zio11c anche /lllYZia/e delle voci o il riassunto
delle• stesse.

@ W. KOHLllAMMER VJ:o:RLAC, STUTT<;ART, 1933 C I9JJ

@ l'AIOEIA, BRESCIA, 1967


AVVERTENZA AL TERZO VOLUME ITALIANO

Giunti al termine di questo terzo volume, possiamo affermare c~e


la nostra fatica trova il miglior sostegno e il più ambito riconosci-
mento nell'unanime consenso al nostro lavoro e nella spirituale ricrea-
zione che la consuetudine quotidiana col Theologisches Wortr;rbuch
continua a fornirci.
Ad allargare la cerchia dei nostri Lettori, già dalla seconda'parte di
questo terzo volume, abbiamo tradotto i passi greci più impegnativi.
Col quarto volume la traduzione accompagnerà sistematicamente le cita-
zioni greche, riprodotte, tuttavia, nella loro integrità. Tale decisione
ha aggravato di non poco il nostro compito, ma ci è sembrato che
valesse la pena correre anche il rischio dì qualche critica, in un lavoro
così difficile e infido, pur di rendere accessibili i tesori del T heolo-
gisches W orterbuch anche a chi non avesse dimestichezza sufficiente
con la lingua greca per leggere nell'originale quei testi, del resto tut-
t'altro che semplici e spesso nemmeno pacifici.
Sui miei Colleghi (F. Montagnini e O. Soffritti) e su me cade la
responsabilità della traduzione sia del testo tedesco sia dei passi greci,
ma un particolare riconoscimento crediamo di dover tributare ai mi-
gliori e ai più fedeli dei nostri Traduttori.
G.S.
Brescia, febbraio r967
A UTORI
DELLE VOCI CONTENUTE NEL TERZO VOLUME

Direttore
GERHARD KITTH, professore ordinario di N. T., Tiibingen.

Collaboratori
JoHANNES BEH.M, professore ordinario di N. T., Berlin.
GEORG BERTRAM, professore ordinario di N. T., Giessen.
HERMANN WoLFANG BEYER, professore ordinario di storia della Chiesa, Greifswald.
FRIEDRICH Bi.icHSEL, professore ordinario di N. T., Rostock.
RuDOLF BuLTM .A NN, professore ordinario di N. T., Ma.-burg.

GERHARD DELLING, par roco, Glauchau.


WERNER FOERSTER, professore straordinario di N. T., Miinstcr.
GERHARI> FRIEDRICH, assistente, Tiibingen.
ERNST FucHS, parroco, Winzcrhausen (Wiirtternberg).
HEINRICH GREEVEN, libero docente di N. T., Greifswald.
WALTER GRm;DMANN, Oberkirchenrat, Dres<len.
HERMANN HA.'-:SE, parroco, Kuhlbausen (Elbe).
fRIEDRICH HAt;CK, professore straordinario di N. T., Erlangen.
jOHANNES HERRMANN, professore o rdjnario di A. T., Miinster.
HERMANN KLELNKNECHT, Tiibingcn.
Huco OoEBERG, professore ordinario di N. T ., Lund.
ALBRECHT 0LPKE, professore straordinario di N. T., Leipzig.
HERBERT PREISKER, professore straordinario di N. T., Breslau.
G ERHARD vo~ RAD, professore ordinario di A. T., Jena.
KARL HEINRTCH lù:.NGSTORF, libero docente di N. T., Tiibingen.
H1:11'\RICH SctrtrER, libero docente di N. T., Marburg.
KARL Luow1c ScHMIDT, professore ordinario ru N. T., Base!.
JOHANNES sc~Ell>ER, libero docente di N. T., Berlin.
X INDICE DEGLl AUTORI

Juuus ScHNIEWINO, professore ordinario di N. T., Kid.


GOTTLOB SCHRENK, professore ordinario di N. T., Ziirich.
EmELBERT StAUFl'ER, professore ordinario di N . T., Bonn.
A!.BRECllT STUMPFF, Repctent, Tiibingen.
HANs Wmo1SCH, professore ordinario di N. T., Hall,.
INDICE DEL TERZO VOLUME

t{3ooµi)xov-.a. - l1t't'ti coli. 807 ss.


'EPpa~oc; - 'fo'pa.i)).
tyylçw - Éyyuc; coli. I I ss.
€yyvoc; ( Preisker) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Éyyvc;, tyylsw, 1tpocnyyl~w (Prcisker) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . u
ÉyElpw, EyEpaLc;, È~EyElpw, ypT}yopÉw (à.ypv'Jt'JÉw) (Oepke ) .. . . ..... : . . r7
Éyxc.uvll;w-+ xa.w6c;
tyxa.xfoJ -+ xa.x6c;
Èyxoµ~6oµcu (Delling) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Èyxpcl.'t'EL<X. ( cixpacrla.), Èyxpa.'ti)ç ( &.xpcrci)c;), Éyxpa.'tEvoµa.L (Grundmann) 33
Éyxplvw - xplvw
lyw (Stauffe::r ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Èopa.i:oc;, Èopa.lwµa. (S tauffer). ... ... .. ........ . ...... .... . . . . . . . 93
Èi>EÀ.oi}pTJCTXELIX - i)pr1crx6c;
€woc;, ÈlNLx6c; (Bertram, K. L. Schmidt) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
€i}oc; (Preisker) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . n9
ElOoc;, Eloia. (loia.) ( Kittel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 ,
d'.owÀ.ov, ElowÀ.6i>v't'ov, ElowÀ.Ei:ov, xa.nlowÀ.oc;, ElowÀ.oÀ.chpTJc;, Elow).o-
À.a.-tpla. (Biichsel } ........................................ r27
dxii (Bi.ichsel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
EÌ.xwv (Kittcl, von Rad, Kleinknecht) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
ELÀ.Lxpwfic;, dÀ.LxplVELa. (Biichsel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
Elµl, ò wv (Biichsel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
Elpi)vT}, dpT)VEvw, dpT)VLxoc;, ElpTJV01tOLOç, dpTJV01tOLÉW ( von Rad, Foerster) r 91
Elc; (Oepke) . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
dc; (Staufler) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
e(cra.xovw - ò:xouw r, col. 599
Elaotxoµa.L - otxo~1a.L n, coll. 884 s.
EtatpxoµaL - EpxoµaL coll. 940 ss.
ElO"XaÀ.foµc.tL - Xc.tÀÉW
Elcroooc; - òooc;
ELacptpw - q>Épw
ÉXa.-còv -cE<TCTEptixov-tc.t 'tECTcra.pEc; - owoExc.t 11, coli. 1570 ss.
bPti).).w - {3ti).).w II, coli. 37 ss.
ÈxoÉxoµa.L - 0Éxo1.ta.L ir, coli. 88 r ss.
ÈXoT)µÉw - lii;µoc; 11, coli. 901 ss.
XII INDICE DEL TERZO VOLUME

ÉxÒLxÉw, EXOLxoc;, ÈXOLXTJO'L<; (Schrenk) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305


&xovw-+ ovw n, coll. 1555 ss.
lx~TJ'tÉW -+ STJ'tÉW
Éxxa.lla.lpW -+ xa.fta.lpW
ÈXXEV't'ÉW (Schlier) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3I 5
txxÀ.'T}oia.-+ xttÀlw
lxX67t'tW -+ x01t'tW
lx).tyw, lx)..oyii, lxÀ.Ex-t6ç-+ À.iyw
ÈXÀ.VW-+ À.VW
Éxvi)q>w -+ vi)cpw
lxovcnoc; -+ lxwv
Èx1tE~p6:sw -+ 1mpacrµ6c;
ÉXm1t-tW-+ m1t'tW
ÈX1tÀ.TJpOw, Èxr.Ài)pWO'I.<;-+ 1tÀ.TJPOw
ÈxltVtw -+ 1tVEvµa.
Èx.7t't'VW (Schlier) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . ..... 319
EXO''t'a<nc;, È!;lo-'t'T]µL ( Oepke). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 32 3
Éx't'Elvw, Èx't'EvTjc; (Éx't'EVÉO''t'Epov), Èx't'Évrn.t, Ù7tEpEx't'Elvw (Fuchsl ...... 353
Ex't'pwµa (Schncider) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 367
Èxxtw, txxvv(v)w (Behm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 373
txlJivxw -+ l!NxiJ
ÈxWv (éi.xwv), ÈxoVO'Loc; (Hauck) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 379
n.aLOV ( Schlier) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 X
ÈÀÉ.yxw, EÀEy!;Lc;, EÀ.Eyxoc;, ÉÀEyµ6c; (Bi.ichsel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389
n.Eoc;, ÈÀEÉW, ÈÀE1]µwv, H.ET]µOO"UVT], à.vÉÀEoc;, à.vEÀEi)µwv (Bultmann).. 399
ÈÀEvi>Epoc;, ÈÀEui>Epow, ÉÀEVi>Epla, CÌ.1tEÀEVi>Epoc; ( Schlier) . . . . . . . . . . . . . 42 3
(),,EV(7~-+ EflXOµct~ cotl. 938 S.
EÀxw (Ocpke) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
"EÀÀ'Y)v, 'EU..ac;, 'EÀ.À.'l'}vix6c;, 'E)..Àr1vlc;, 'EÀÀ.T)VLO""CTJ<;, 'EÀ.À.T]VLv"'Cl
(Windisch) ........................ ............. ....... 469
ÈÀÀ.oyÉw (Preiskcr) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
ÈÀ.r.lc;, ÈÀ.r.lsw, à.7tEÀ7tlsw, 7tpoEÀ7tlsw (Bultmann, Rcngstorf). . . . . . . . . . 507
ȵ~a'tEuw (Preiskcr) ........................................ 55 1
ɵµÉvw -+ µÉvw
ɵ<pa.vlsw -+ cpa.lvw
ȵq>vo-<iw ( Stauffcr) 555
rµq>v-toç -+ (t'UW
Èv (Oepke) ................... .. .. ..... .. .. . 557
ÈVOTJµÉW -+ oljµoç II, coJl. 901 ss.
tvoo!;cisoµm, ifvlìo!;oc; -+ 06!;.a. li, coli. qoo ss.
TNDTCE DEL TERZO VOLUME xm

Èvovvcxµ6ç -+ livvcxµi.ç n, coli. 1478 s.


Èvovw-+ liVw Il, colJ. r559 ss.
ÈvÉpytLa., ÈvEpyÉw, ÈvÉpY1Jµa., Èvtpyi)ç-+ !pyov coli. 876 ss.
ÈvevÀoyÉw-+ EÙÀoyÉw col. r180
Év&vµfoµcxL, tvWµ110-Lç -+ il>;µoç
É\ILO..'t"Y)µL (Ocpkc) ..................... . .............. . 577
Éyxawlçw -+ xawoç
ÈyxaXÉw -+ xax6ç
Èyxplvw - xplvw
!vvoLcx -+ voi:iç
evvoµoç -+ v6µoç
Èv61t't'l)ç - opaw
[voxoç- lxw
ÉV'tÉÀ.À.oµcxL, É\l'toÀ. 1i {Schrenk) 579
EV'tEv!;t.ç - 'tvyxcivw
Èv-toÀ.l) - coli. 583 ss.
Év'tvyxtivw - 'tvyxcivw
'E"wx (Odebcrg) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 615
t!;a.yyÉÀÀw - 1, coll. 182 ss.
Èl;ayoptiçw - 1, coll. 338 ss.
~E;OCl'tÉ(.) - I, colJ. 522 SS.
t!;cxxoÀ.ovl>lw - r, coli. 579 s.
É!;cxvtio-'ta.O'i.ç, Él;avl<T't'l)µi -+ I, coli. 987 ss.
É!;CX1tCX'tciw - I, coli. 1027 ss.
Él;a7tocrtÉÀÀ.w - 1, coll. 1086 ss.
t!;ap'tlçw -+ 1, coli. 1265 s.
Él;eyElpw - coli. 3r s.
t!;tpxoµcxL - coli. 947 ss.
el;EO""tW, Ésoua'la., ÉSOUO'Lasw, xa.-rEl;ou<na~w (Foerster)
€!;11yfoµcn - TjyfoµaL
Èl;icr't'!)µt, è!;t<T'tcivw - coli. 349 ss.
Èl;oµoÀoyÉw -+ òµoÀ.oyÉw
È!;opxlçw, É!;opxto-'tl}ç -+ òpxlçw
t!;oV<Tla, H;ovO'L6:çw -+ coll. 630 ss.
e!;w (Behm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667
È'lta.yyÉÀ.À.w, É7ta.yyEÀ.ia , É1tayyEÀµcx, 1tporncxyyÉÀ.À.oµaL (Schniewind -
Fricdrich) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 669
Ètta:ywvlçoµcxL - 1, coll. 361 ss.
ìtmuvoc; (Prcisker) . .... . .................... . ...... .
È1tcxlpw - 1,coli. 500 ss.
tmx~crxvvo1.La~ -+ I, col!. coli. 507 ss.
baxoÀovl>Éw - 1, col. 580
Émxxovw -+ 1, col!. 599 s.
È7t!J.Vll.1tCXVW - I, coli. 946 s.
È1tcxv6pi>wo-t.ç -+ òpl)éç
èttcirxna<; - 1, coli. 1205 s.
inevlivw-+ 11, col. r563
Xl V 1:-:0ICE DEL TL:RlO VOLUME

É'ltÉpXO~LCXL - coli. 95 I ss.


ÈitEpw-r6.w, t'lttpW"TT)µcx - Épw-rciw coll. 969 s>.
ÉmfMJ...À.w - n, coll. 40 ss.
È1tlyELOc; - Il, coll. 438 ss.
Émywwcrxw, É1tlyvwcrLc;-+ rr, coli. 461 ss.
ÈmELXELa., ÉmELXi]ç (Prcisker) . .............. . .
Éml;T}"TÉW -e> coli. r 5 37 ss.
ÈmwµÉ<.,, tmlhJµT}TiJc;, ÉnLlhJµt'.cx -+ i}vµ6c;
ilmxa.À.Éw - xaÀÉW
É7tixa.'tripcx."Toc;-+ J, coll. 1205 s.
ÈmÀ.cx.µ~iivoµci~ -+ À.cx.µ~civw
ÉmÀ.vw, È1tiÀVCTL<; -+ Mw
Ém1uz.p-rvpÉw -+ 11a.p"TvpÉw
ÉmopxÉw - òpxt'.l;w
Èmovcnoç ( Focrster ) . .. ............ .... ...... . ..... .. ... . .... .
ÈmO"XÉ1t'tOµcu, È1tWY.01tÉW, È<tLO'X07t'i),
(Bcycr) .............. . . .. .... . 73r
ÉmCTXTJVOW - > oxijvc~
ÈmvxLcil;w -+ aY.~a.
Èmu'!a'!'T)c; (Oepkc) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 795
tmcr'tpf.qiw, t-r.Lv'tpcqrf) -+ o •p{ç.u
ÉmcruvcxywyTj-+ CTvvaywyii
Ém-rcx.y1i -> 'tclO'O'W
Ém-:EÀÉW -> ·uì.Éw
È1tvnµa<.d, Èmi:L(..LLa (Stauffer ) 797
Émqia.lvw, È1tL(~6.vrnx, {,;·;~;?(J.'rnc, -e> cpcxlvtt1
Èmq><J.VO'XW -+ q>wc;
ÉTCOLXCOO!J..ÉW -+ o~xooo1 u: ù
1

E-r-oupcivLoc; -+ oùpavéc;
Èn-.a, É1t•CLxLc;, Éi.'T<XXLvXLÀLOL, E~oo11cç , ÉG&op.Tjr.:vw:. È(3ocp.1')xov'Taxtc;
(Rcngscorf) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 807
€pyov, Èpyciso~t<XL, Èpychr;ç, Èpyarrla., È'JE;;yi]c;, ÈvÉpyna., ÈvEpyÉci), ÈvÉpy"f}-
µa., EÙEpyEcrla. EIÌEpyEi:Éw, EÙE:;yfrr1c; (Bcrtram ) . . . . . . . . . . . . . . . . . 827
ÈpEVv6:w, È~EPEUIJ6:v) (Delling) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 885
EPTJl.Loç, Èpr1µla, tp·f)µ6w, &pi]µv)cnç ( Kittel l . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 889
Épd}Ei.a (Bi.ichsd) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 897
ÈpµT)vEuw, Èpp.T)vEla, Èpp.l)VW't'i]ç, OLEr;µl)vEuw, otEpµT)vda, otEpµT}vEU'tlJ ç
(Bchm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9or
Epxoµa.t, €À.wcnc;, à.TI-, OL-, EÌ.<T·, tç., i-::-. r.a.p-, na.pE~o-., 7:EpL· , npoO"-,
<rvvÉpxoµa1.. (Schncider) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91 3
Èpw-.6:w, Èmpw•O:w, È7tEpW'tl')IJ.et ( GrceYen) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96 3
Écri}i.w (l3cbm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 975
foon'tpov, xa.'ton'!pl?;oµa1.. (Kitrcl) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 993
it<rxa'toc; (Kittel ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 995
INDICE DEL TERZO VOLUME XV

fow (Behm) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 999


È'tr.x.i:poc; (Rengstorf) ........................................ i 003

È't'Ep6y).wcrcroç---+ 11, coli. 563 s.


h-EpoliLlia.<rxaÀÉw---+ n, coli. 1 r65 s.
È"tEpo?;uyÉw ---+ coli. 1554 ss.
hEpoc; (Bcyer ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1009
E'toLµoc;, È'toLµci.Z:,w, hoLµao-lr.x., 1tpOE'tOLµaX,w {Grundmann) . . . . . . . . . . 1 015

Evr.x.yyEÀlZ:,oµr.x.L, Evr.x.yyH.Lov, 1tpoEUayyEÀlZ:,oµa.1., EÙa.yyEÀ.t.<r-t1)c; (Fricdrich) 102 3


EvcxpECT'tÉW, EvcipEO''tO<;-+ J, coli. 1217 ss.
EUOoxÉw, EÙooxla. (Schrenk) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . t 1 07

EÒEpyEafa, EVEPYE•Éw, EÙEpye·d1ç ~ colJ. 88l ss.


evxaLpo<; -+ xaLp6ç
EÙÀ.aS1)c;, EÙÀ.etSEi:~a.t., EÙÀ.ti:SEt.r.x. (Bultmano) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1143
EÙÀoyÉw, EÙÀ.Oyrj'tOc;, EÙÀ.oyla, ÈVEVÀ.oyÉw (Beyer) ............... .'. . II 49
EVVOÉW, EUVOL<X ~ VOV<;
Euvovx.oc;, Eùvovx.lsw (Schncidcr) II79
Eu1tp6a'liEx-.oc; - 11, coli. 889
EV7tpOO'W1tÉW --) -r:p60'W7tOV
Evplo-xw ( Preisker)
EÙO'É~Eut, EÙCTE~Éw, evcre~irc; - O'É~oµa1
Evo-ri1ioc; (Gruodmann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1193
eilcritÀcxyxvoç ~ c;;c).cxyxvl?;oµa1
Eùo-x;r'1µwv (Greevcn) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tr 95
EÙq:>palvw, EÙcppoO'vvri ( Bultmann} . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 ~ ()<)

evxcxplCT•Éw, tvxcxpLO'-.lcx, cvxci;:;Lo--roc;---+ xapLc;


Ei.ixoµat., EÙX'fi, 1tpornuxc1.icn, 1tpocrrnxii (Hcrrmann, Greeven) . . . . . . . . T 209
EÙWOL<J. (Stumpff) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . r 299
icpa1tal;-+ r, coli. 1025-102'.:

tx-l}p6c;, E)(.l)pa. (Foerstcr ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . l 305


EXt.Ova. (Poerster) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . f3 17
EXW, C.Ì.v'tÉXoµa.t., à.nixw, bixw, ivoxoc;, X<J.'tÉX,w, µE-tÉxw, µE'tox.-i], µÉ'to-
xoc;, vovvExwç, cruµµÉToxoc; (Hanse) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . r 3r9
Z:,ci.w, Z:,wr1 (~LOW, ~loc;), àvcx.l,ciw, s~ov, Z:,woyovÉw, SW01tO~Éw (von Rad,
Bcrtram, Bultmann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . r365
sÉw, l,Ecr't'6c; (XÀ.Lcx.p6c;, ~uxp6ç) (O epke) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T 48 r
Z:,ijÀoc;, Si')À.OCJJ, sl'JÀ.W't1)c;, 1t<Xpet.l,T}À.6W (StumpIT) . . . . . . . . . . . . . . . . . . l485
Z:,riµla, s'Y)µLoW (Stumpff) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T5 t 7

STJ'tÉW, Z'.,1)'TTJ<rt.c;, ÉXSl'J't'ÉW, Èmsri-i-Éw (Greeven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . r 529


Z:,uy6c;, É'tEpol,vyÉw (Bertram, Rengstorf) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 39
Z:,vµTJ, l,vµéw, &sv1ioc; (Windisch ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . r 55 5
ABBREVIAZIONI DEI LIBRI BIBLICI

ANTICO TESTAMENTO

Gen. Genesis Sap. Sapientia Salomonis


Ex. Exodus Ecclus fa:clesiasticus (LXX Sir.)
Lev. Leviticus Is. Isaias
Num. Numeri Ier. Ieremias
Dt. Dcuteronomium Bar. Baruch
Ios. Iosue Lam. Lamentationes
Iud. Iudices Ep. I er. Epistola Ieremiae (Vg. Bar. c. 6)
Ruth Ruth Daniel (Vg. c. l 3 =
Susanna; I4
r-2 Sam. ( = LXX r-2 Rcgnorum; Vg. r-2 =Bel et Draco)
Regum) Ezech. Ezechiel
r-2 Reg. (= LXX .3·4 Regnorum; Vg. ,3-4 Dan . Daniel
Regum) Mal. Malachias
1-2 Chron. Vulg. 1-2 Parai. Os. Oseas
1-2 Par. r-2 Paralipomenon Am. Amos
1-3 Esdr. 1-.3 Esdrae ( = Vulg. 3 Esdr. Mich. Michaeas
[apocr.], Esdr. r+u [ = T. Mas. Ioel Ioel
Esdr., c. r ·ro; Nccm. <: . 11·23]) Abd. Abdias
Tob. Tobias Ion. Ionas
Iudith Iudith Nah. Nahum
Esth . Escher Abac. Abacuc
lob lob Soph. Sophonias
Ps. Psalmi Ag. Aggacus
Pr. Proverbi a Zach. Zacharias
Ecci. Ecclesiastes (hebr. Qohelet ) 1-4 Mach. 1-4 Machabaeorum (3·4 apocr.)
Cant. Canticum Canticorum

NUOVO TESTAMENTO

Mt. E vangclium Matthaei r,2 T hess. Epist. ad Thessaloniccnses 1 , 2


Mc. Evangelium Marci 1,2 Tim. Epistulae ad Thimoteum 1,2
Le. Evangelium Lucae Tic. Epistula ad Titum
Io. Evangelium Ioannis Philm. Epistula ad Philemonem
Act. Actus Apostolorum Hebr. Epistula ad Hebraeos
Rom. Epistula ad Romanos Iac. Epistula Iacobi
1 , 2 Cor. Epistulae ad Corinthios r ,2 1-3 Io. Epis1:ulae Ioannis r-3
Gal. Epistula ad Galatas r,2 Pctr. Epistulae Pct ri r ,2
Eph. Epistula ad Ephesios Iudae E pistula lu<lae
Phil. Epistula ad Phili ppenses Apoc. Apocalypsis Ioannis
Col. Epistula ad Colossenses
ABBREVIAZIONI IN CARATTERI GRECI

Quando un libro biblico è citato con abbreviazioni greche, il rimando è fat-


to alla versione dei LXX in quanto si distacchi dal T.M. Per es.:
lji Psalmi, nel testo dei LXX Deuteronomio, nel testo dei LXX
I BGtCT. r Reg., nel testo dei LXX Osea nel testo dei LXX

TRASCRIZIONE DELLE PAROLE SEMITICHE

Le parole ebraiche sono trascritte in caratteri latini nel sistema semitico


corrente, indicato dalla seguente tabella:
a jrttab
b (con e senza doge! lene; e così con a qiimes
tutte te begadkefat, eccetto p, f) a ha!ef · pataf.J
bb (dagei forte· e così in ogni caso di .. a qiime! con -h finale
dages forte) -ah fJ.;;.me! con -h e mappik
g (vedi b) e sego!
d (vedib) e seré
h e ht1tef · segol
\Il e ~eré e regi5l con i
z hlreq
h f.iireq con i
6 hOlem
i o qiime! l;atil f
k (n·di b) è'> batef qame~
I o oconw
m u qibbu!
n u UCOflW
s'wii' pronunciato

p.f Uno parola ebraica tra i due apici ' ' è le·
$ ::.ione delle versioni anticbe.
q

Le parole non vocalizzate nel testo tedesco


(specialmente radici verbal') sono riferite
(vedi b) di norma senza vocali
LESSICO
E

t~ooµi}xw•a. --+ bt-.ci 'Ef3pa.i:oc; ~ 'Icrpa.i)À.


Èyyl~w --+ Èyyvc; Èyypcicpw--+ n , coli. 675 ss.

t Eyyvoc;
Dalla composizione di È\J e di un so- del regno di Dio come un possesso già
stantivo non attestato *yv11 o *yvc; ( = attuale del credente ( 12,12 ss.) che avrà
mano vuota) risulta Éyyvciw, impegno,
fidanzo e di qui la retroformazione EY· però soltanto nel futuro il Suo definiti·
yuoc; ed Éyyli'J1. Perciò ityyvoc; come ag- vo compimento (4,1; 6,11 s.; 9,15, ro,
gettivo significa che offre garanzia e 36 ). La salvezza comporta quindi un
come sostantivo ò eyyuoc; il mallevado-
re, che in un patto di garanzia assu- atto di speranza; su questo la lettera in-
me gli impegni giuridici (pagamento siste particolarmente richiamandosi alle
ccc.). Xenoph., vect. 4,20; Aristot., oec. promesse di Dio. Ma le promesse ri-
TI p . l J 50 a J 9 ( "o:i>La..·tcivo:L 'tOV<; Èy-
chiedono garanzie e queste, sempre se-
yvouc; 'tW\J ri:xoo-t -.aÀ.civ-.wv ); Aeschin .,
ep. r r ,12; Plut., de amatorio libro 9 {II condo la nostra lettera (che in ciò ri-
753d): Eyyuov ÈmiyEo-~a.L. È molto fre- specchia il pensiero deJla cristianità pri-
quente nei papiri, p. es. P. Eleph. 8,19; mitiva, scostandosi invece dall' A. T.),
P. Hamb. 24,17 1 e si trova anche nei
LXX in 2Mach.10,28 e in Ecclus 29,15, non consistono nelle parole e nei giura-
dove si accenna all'ityyvoc; che si rende menti di Dio ( 6, 17 s.) ma neJla realtà
garante con la sua stessa vita: xapt'tctc; del Cristo che racchiude in sé il presen-
iyyvou µTi ÈmÀ.cii}n. eowxEv yà.p -.,;'IJ te e l'avvenire della storia della salvez-
l}luxTiv a.ù-.où v1tÉP crou.
za. Con la sua vita, morte e ascensio-
A questo uso si riconnette l'unico ne Gesù si è reso garante (dr. Ecclus
passo del N. T. in cui appare il con- 29,15) che Dio porterà al suo definitivo
cetto della malleveria: Hebr. 7,22. Co- compimento l 'avviata opera della sal-
me tutto il N.T., cos1 anche la lettera vezza.
agli E brei considera i doni e le 'forze' H. PR EISKER

hyvoc;
A. WALDE - J. P OKORNY, V ergleichendes W or- ) . BEHM, Der Begri/l OL<XD-i)XT} im N .T. (1912)
terb11ch d. indog. Sprachen 1 (1927) 636s. 77.
F. PARTSCH, Criech. Biirgscbaflsrecht J ( 1909) E. LoHM F.YER, Diatheke (1913) 145.
TTJ SS., 228 SS., 28T. MITTEIS-\Xf!LCKEN Il 1,264 ss.
W. PRELLWITZ, Homerisch ciµq>Lyvi)Ei.ç «Der C. SCHWEGLER, De Aeschinis quae fertmlur
Kiinstlen>: Zeitschr. flir vergl. Sprachforschun g epistufis (1913) 29 ss.
46 (1914) J69 ss. 1 PREISIGKE, Wort . 1 410; ScttwEGLER, op. cit.
II (II,329) Èyyvc; (H. Preiskcr) (H,330) I2

t lyyuc;, t lyylsw, t 1tpocn:yylsw


Éyyl~w, avvicinare: P olyb. 8,4,7: -ràç anche qui l'uso intransitivo prevale net-
vauç -rii YTI· Per lo più col significato tamente su quello transitivo (Gen. 48,
intransitivo di avvicinarsi: Polyb. 4,62,5 io.13; ls. 5,8 e passim). Mentre G iu-
col genitivo; Diod. S. 13,77,3; col dati· seppe usa Èyyl~Etv soltanto nelle de ter-
vo: Polyb.17,4,I; E pict., diss.3,10,r4: minazioni spaziali (belt. 5A08 ; 6,16; 1 ,
't0 OLCX.À.vfrl)vaL -.i)v ~vxiiv a'ltÒ 'tOU (]'Ù)- 6 l 7) qrb invece già nell'antico ebraico
µa • oç; Epìct., diss. 4, n ,3: 't'Otç lkoLç può indicare una vicinanza cronologica.
Meno frequente nei papiri : P. Oxy. IX In senso spaziale: 'Eyylsw con fwc; e
1202,8. Col genitivo, per es. Pap. de il genitivo (Iud. 9,52; r Mach. 3,26);
Theadelphie (Pierre Jouguet [r9n] 17, col dativo della persona o della cosa <Ex.
12; col dativo, P. Gen. 74,17. 19,22: xvpl~ "tQ ~Ew; Deut. 4,7: frEòç
Èyylswv aù"totç). Cfr. It::p. 23 ,23, che
Èyyuc;: a) nelle vicinanze, prossimo. pone in risalto la vicinanza dell'agire di-
Con valore assoluto: Thuc. 3,55,r (Èy- vino (in contrasto col T.M.). Con 1tp6ç
yùç OV'tt::ç) e passim; col verbo xwpi::t"v -.w a Gen. 27,22 e passim ; con dc; (cod.
Acsch., sept. c. Theb. 59s. ; con 'ltpocrÉp· B 7tp6c;) e l'accusativo: 2 Bacr. 11, 20;
XE(]'fraL Soph., Phil. 788; d i solito col r9,42; con È1tl 't'LV<X ~ 26,2. In qualche
genitivo (Horn., Il. ro,274: Éyyùç -.Tjç caso qrb e ngs son diventati termini tec-
ÈxxÀ:l')crlcxc;; P. Masp. 3l3 1 54) e quindi nici del culto: coloro che sono 'puri'
anche nel significato di in presenza di nel senso rituale (i sacerdoti) possono
qualcuno: Éyyùç -.wv itap&.pxwv: P. avvicinarsi a Dio; p. es. Ex. 3,5; Lev.
Lond. rv 1660, 2 r; BG U III 814 1 30 21,2L (1tpoa-i::yylsw); Ez.40,46 e passim.
(Éyyùç -roù àoEÀ.<poù). Più raramente Per il resto nei profeti e negli agiogra-
col dativo come in Horn., Il. 22, 453; fi Èyyl~w designa genericamente l'at-
Eur. Eracl.37. · b) In senso cronologico: teggiamento del giusto (con o senza -.Q
imminente. Epict., diss. 3,26 ,6: Éyyùc; ~EQ, oppu re r.pòc; 't'ÒV ~E6v): ls. 29,13;
'Ì)XOU(]'L\I 'tc'.;l µT]o'a~ofravt::t\I o{Na(]'frCXL. ljJ 31,6 ; Iudith 8,27 e passim . In senso
c) Con le indicazioni numeriche: all'in- temporale: Num. 24,17 1 ; Hab. 3,2; I s.
circa, P. Oxy. l!l 472 1 34: µi::-r 'ÈvLav-.òv 26, 17. Nel Deuteroisaia, tranne in 41,
Éyyvç; Xenoph., hist. Graec. 2,4,32 : Èy· 21 1 indica sempre l'approssimarsi del
yùc; 'tpL<iXOV'ta "tWV \jJLÀ.WV.·d ) analogo: tempo della salvezza: 50,8: Éyyi~EL ò
Plat., Phaed. 65 a: Éyyuc; ·n ulvEw -roù oLxcx.Lwow~ 11E; 5' .5: lyylsn -tax.ù Ti
-rEtNavaL; Plat., Gorg. 520 a; Epict., OLXaLOOUV'f} µcv; 56,6; ijyyLXE yà.p -tò
diss. 4,n ,36. · e) affine: Plat. , resp. 3 1 (]'W'tTJpL6v µov ;:apayi.vt::(]'i}aL. Ezechiele
391 e; Aesch., suppi. 388; Epict., diss. parla dell'Éyylsetv del giorno del giu-
3,1 ,20. · f) In senso traslato detto di un dizio: 7 ,7(=7,4l. Cfr. k"iettiqrah s'nat
atteggiame nto spirituale: Epict ., diss. 1, haggt'uta 'ani J?.6'el 'etkem = o-r:av È.yyl-
2,14; 2,17,40; 4,1,135. crn Ò ÉVLCXU-r:Ò:; -:ij:; À.U'tpwcn:wç, ÈyC.:}
À.u'tpov~1a~ ù11ciç, Tcmh. bhr 4,105 . An-
Nei LXX Èyyi.~w è molto frequente e che nei profeti i.·;·;·jç è termine tecnico

Eyyvç X'tÀ..
' È qm.-sco l'unico passo dci Numeri in cui dotto sem1Kc divcrsJPlent:: e 11g) ,,,:rnnt<> in
ricorre tyyll;w: in senso cultuale qrb ~ tr J · un C;lSO C<.'n -;:p,O'~;~·r·:~E'.'J.
13 (11,330) Èyyui; (H. Preisker) (11,331) 14

per indicare l'imminenza del giudizio: XE'll yàp TJ acx.cnÀ.Ela 'tW\I oÙpCX.'llW\I (dr.
Ioel r, 15: Éyyùc; Ti 1)µ.ipa. xvplov; 2, 1 : Mc. 1,15 par.; Mt. 10,7 ; Le. 10, 9. II;
Éyyùc; Ti T)µÉpa. O'x6-tovc;; 3(4),14; Abd.
2 r ,8 ). Oppure metaforicamente in Mt.
15; Soph. 1, 7; 1,14: Éyyùc; Ti 1}µ.ipa.
xuplov Ti (..LéyaÀ:r1; Is. 3,16; fa:. 30,3. 2 r ,34: i)yyWE'll ò xatpòç -.wv xap'ltW\I,
Nei LXX Éyyvc; conserva il significa- e così pure Éyyvc; in Mc. 13,28 t>ar.:
to di prossimo: Ex. 32,27 (-ròv ~yyt-
Èyyùc; 'tÒ i)Époç e Mc. l 3 ,2 9 par.: lht
0'-ta.); 4' r4,3 ( -roùc; ~yy~O'-ra.); nel T.M.
vi corrisponde quasi sempre qarob, ma Èyyvc; ÉO'-.w int Wpatc; 2• Ancora Éyyl-
anche 'al? (lob 6, 15) e ro'e pene (Est. r, è;ew è usato in connessione con la sorte
r 4). Spesso la parola allude al rapporto dcl figlio dell'uomo che è un segno del-
fra Dio e il giusto. Ps. 33,19: Éyyùc;
XVptoc; 'tOLc; O'V'll'tE'"tptµµiVOtc; TÌ)V XCXp- la fine dei tempi (Mt. 26,45; Mc. 14,42
Òtav; \fJ II8,r51: ÉyyÙç Et XVptE; \f; par.; il significato escatologico della
X44, I 8: ÉyyÙc; xvptoç '!tMW -roi:c; Ém- passione di Gesù traspare soprattutto
xaÀ.ovµivotc; mh6v.
da Mt. 26,18 ) e può design:fre l'incom-
Filone designa con Éyyll;Ew il con-
tatto diretto con Dio: leg. alt. 2,57 (ol bente distruzione di Gerusalemme (Le.
Éyyinav-tEc; ~E<~>, detto della morte fisica 21,20) o l'apparizione del Signore ri-
che porta alla contemplazione di Dio); sorto ai discepoli (Le. 24,15 ). In Lc.19,
Deus imm. r6r ('ABpaൠÉyyinac; -.Q
i}EQ ). Giuseppe adopera Éyyvc; senza r r èyyv.; esprime la convinzione dei di-
reggenza in ani. 14,345: Éyyùc; yàp nv scepoli che l'andata di Gesù a Gerusa-
Ti MÀ.aO'O'a; 7,284; 8,340; beli. 5,276; lemme dovesse coincidere con la mani-
col dativo in ant. r ,3 3 5: Éyyùc; mh@ festazione del regno di Dio. Anche Lu-
YE\16µEvov; bell. 2,138; ant. 7,218. Più
frequente è l'uso col genitivo: ant. 14, ca usa Éyylè;Ew in senso propriamente
8 5: Éyyùc; 'lEpoO'oÀ.Vµwv e passim. Con escatologico, alla stregua di un 'termi-
significato temporale ricorre soltanto ne sacro' del mistero del compimento
nell'editto di Cesare di ant. 14,193: Év
-r@ Eyyw-ra É'll 'AÀ.E~avòpEl~ itOÀ.É~. finale (ro,9.u ; 21 , 8 .20; 24,15 ).
r. Nel N .T. l'uso di Èyyuc; e Éyyls~w Paolo usa Éyyll;w.1 soltanto in riferì·
è strettamente connesso con quello del mento alla prospettiva escatologica e al-
Deuteroisaia ed esprime, almeno nello la milizia della vita cristiana: all'avven-
strato più antico, l'atteggiamento della to ormai in atto del regno di Dio (Rom .
primitiva comunità cristiana che consi- l 3 ,r 2) e al rischio del martirio cui si è

dera imminent e, anzi già in atto, il gran- esposto Epafrodito ( Phil. 2,30 ). 'Eyyu<;
de rivolgimento cosmico-storico costi- è usato soltanto nel breve annunzio
tuito dal promesso avvento del regno di escatologico ò xvptoç éyyvc; di Phil. 4,5
Dio. Leggiamo così in Mt. 3 ,2 : iirrt- e in Rom. 10,8 dove Paolo, richiaman-

2 In Le. 2 1,3 1 l'espressione è integrata col Mt., ad I., alla certezza «che tutte le promesse
soggetto Ti ~ao-~ÀEia "tov ik:>v; più semplice· di Gesù si compiono e comincia la vita
mente si può riferirla alla parusla del F iglio ercrn:1».
dell'uomo oppure con lo Sc11LATTER, K omm.
15 (n,33l) Èyyvç (H. Preiskcr) (11,332) 16

dosi alla venuta del Messia, applica le 'tWa. jn Le. 10,9 (dr. Le. I2,33); con
parole di Deut. 30,14 alla predicazione µÉXPt 'ttv6c, in Phil.2,30; senza una spe-
cifica determinazione di luogo con valo.
cristiana del regno. Secondo Eph. 2,r 3 re assoluto in Le. 18,40; 19,37 -41 ; Act.
e 2,17 la destinazione escatologica dei 21,33; 23,r5. Nell'evangelo di Luca
gentili, che un tempo erano «estranei Èyylsw è riferito una volta alla festa
della Pasqua (22 ,1 ), mentre in Act.7,17
alla comunità ... senza speranza e senza
designa il tempo della promessa fatta ad
Dio», è quella di essere 'vicini' in Cri- Abramo; b) in senso cronologico, detto
sto. Ancora le lettere cattoliche (Hebr. dell'ora, in Mt. 26,45 o del giorno in
l0,25; Iac. 5,8; I Petr. 4,7) mantengo- Rom. 13,12; flebr . ro,25, o di una sca-
denza determinata in Le. 21 ,20 ecc. Ne-
no l'uso tecnico di Èyylsuv, in cui si gli altri evangelisti Èyy~suv si trova
esprime la tensione escatologica della con significato spaziale una sola volta
cristianità primitiva. Sulle orme delle (Mc. TI,I par.), in riferimento alla cit-
tà santa. L'assenza di ÈyylsEtv daU'e-
profezie veterotestamentarie la Lettera
vangelo di Giovanni è sintomo di tut-
agli Ebrei usa Èyyvç in riferimento al ta una diversa impostazione dell'attesa
giudizio finale: secondo 6, 8 la defe- escatologica.
zione dal cristianesimo comporta la con- Neglì Atti Èyyuc, ha soltanto significa-
to spaziale: r ,12 ( ÈyyÙc, ' lEpouo-a.À.i)µ);
danna nel giudizio incombente, mentre 9,38; 27,8; è usato invece in senso cro-
in 8,13 si parla dell' 'annichilamento' nologico in tre passi di Giovanni ( 2, 13;
dell'antica legge per opera del Cristo. 7,2; 11,55), due dei quali si riferisco-
no però alla festa della Pasqua che, per
Invece in Hebr. 7,r9 e Tac. 4,8 la for-
essere ripetutamente menzionata nell'e-
mula ÈyylsEw 'tQ itEQ proviene dai LXX vangelo giovanneo (2,23; 4.45 ; 6,4; JI,
e da Filone; ma nel N.T. la certezza di 5 5 ), ha certo un particolare significato
potersi avvicinare a Dio è molto più escatologico come richiamo all'agnello
pasquale ( r ,29 ), ossia al sacrificio del
salda, garantita e integra che nell'A.T. Cristo. Anche in questo caso perciò Èy-
e nel tardo giudaismo. Allo stesso mo- yvc, mantiene un'ultima risonanza esca-
do dei Sinottici, anche l'Apocalisse usa tologica. Si trova invece Èyyuc, col va-
lore di una semplice indicazione spazia-
Èyyvc, soltanto come termine tecnico
le in altri passi: 3 ,2 3 ( ÈyyÙç 'tOV I:cx.-
per indicare l'imminente manifestazio- À.lµ); 6 , r9; 6, 23 (ÈyyÙc, 'tOV 't01tOU,
ne del regno di Dio: ò yàp xmpòc, Èy- 07t0\J ); I I ,18 (B11ì}avla. Èyyùc, -rwv 'IE-

yvc, ( r ,3 e 22,ro ). poo-oÀ.Uµwv); II,54 (Èyyùc, "t'fjc; Èpl)-


p,ov); 19 ,20-42.
2. Invece in Luca e Giovanni Èyyl-
Nel più antico uso cristiano Éyyvc, e
suv e Èyyvc, vengono usati quasi sem-
pre come semplici indicazioni spaziali e Éyyl~nv rientrano quindi nel novero
cronologiche. In particolare Èyylsw si di quelle parole in cui scorre il sacro
trova a) in senso spaziale e col dativo brivido del!' attesa escatologica. Esse
in Le. 7,12; 15,r.25; 22,47; Act. 9,3;
10,9; 22,6; con Elç in Mc.n,1; Mt.2r, esprimono la speranza nel prossimo av-
i; Le. 18,35; 15),29; 24 ,28; con Èrcl vento dell'eone futuro e in tal modo si
17 (11,332) Èytlpw (A. Ocpkc) (11,332) 18

configurano come le parole sacre <lei- va, i due vocaboli perdono la loro pre-
}'imminente rivolgimento cosmico. At- gn:mza e scadono a semplici indicazioni
tenuatesi poi la passione escatologica e di tempo e di luogo, come nella grecità
la fede vivente della comunità primi ti- profan<\ 1_
H. PREISKER

ÈyELpW

J. Èyt:lpw nell'uso extrabiblico. a) no. H()m., Il. 5,413; nell'ambito del


con valore transitivo: svegliare dal son- culto (egiziano): -.òv t}tòv. Porphyr.,

3 7tpocrtyyl!;t~v è transitivo in Luc., amores Per quanto concerne le divinit.'à che muoiono
53; e spesso nei LXX, p. es. Gen. 33,6 s.; los. e rinas<'llno e la risurrezione dei credenti in-
3,4; 1)1 IJ8,150. Nel N.T. la lezione di Mc. 2, sieme C()! Cristo vedi CHANTlll'IE DE LA SAUS-
4 è controversa. Mentre i codd. S B e con SAYE, Regist. s.v. «Auferstehung des Gottes»
essi, tra gli altri, Tischendorf e Nestle leggo- e i nomi delle singole divinità; queste ultime
no 7tpocrtvÉyxa.i, i resti A K D it. designano si lcggol'to anche in PAUl.Y·WtSSOWA. Trove·
invece con 7tpocreyylcra.L (acccllato dol von So r3i b bibliografia six."\:iCÌ<.:a ~uµrallullu iu F.
den) il trasporto del paralitico al cospetto di CUMON1', Die orientalischen Relig. im rom.
Gesù. Dopo quanto s'è detto circa l'uso di lleident1-1m '( 1931 ). Sintesi monografiche sono:
lyyl!;tw in Marco, è assai probabile che 'ltpc- J.G .FRA~ER, Tbc Golden Bough '(1920- 23,edi-
utvlyxcu sia originario e che 7tpouqylcro:i ri· zione rilJotta 1922, traduzione tedesca r928).
fletta un uso tardivo (dr. quamo abbiam det· O. P FL1i:10ERl'R, Das Cbristusbild d . urcbristl.
to a proposito di Luca). 1tpoutyyl!;nv è poi Glnubens ( 1 90 , l n-8 9.
debolmente anestato come variante in Aci. M. !3RUt;:1rnER, Dcr sterbe11dc 1111d (//l/erstehen-
27,27. de Goltbciland in den orientalischen Religio·
Èytlpw X't À.. nen (1%8).
Cfr. in generale la bibliografia riportata alla A. JAC<lnv, Die antiken Mysterienreligio11e11
voce -+ avl<T'tl'J(..t.L. 1md das Christenl11m (19ro).
E. f-ASCH ER, Die Au/erstelumg ]esu und ibr A. D1 El'i::R1c11, Eine Mithrasliturgie '(1923).
Verhiiltnis wr urchrisll. V crkii11digung: ZNW W. Bouss.ET, Kyrios Christos '(1926) t 'H ss.
26 ( 1927) I-26. K. DEISsNER Paulus und die Mystik seiner
A. D. NocK, A Note on tbe Resurrectio11, in . ?(
Z cri '
l!h I) 124 ss.
A. RAWLJ1'SON, Essays on the Trinity and Jn. A. 0EP[(E, Die Missiompredrgl d. Ap. Paulus
carnation ( 1928) 47-50., (1920) l38 ss.
S. V. McCASLAND, The Rcsurrection o/ ]esus A. KlRCJ.iNER Marduk von Babylo11 und ]esus
(i932). Christus ( r ~ 2 ).
9
M. Gocu1u., La Rérnrrection de ]ésus d1111s le H. Z 1M.MERN, Zum baby/. Neuiabrs/est, 2.
Christiani.rme primiti/ ( L93 3 ). Bcitrag ( r 9 r8).
Per le risurrezioni operate da Asclepio ~ r, J· LEtPoLDT, Stcrbende 1111d au/erstehende
col. 991. Giiller ( 1923 ).
PAULY· WISSOWA Il L653 s. Knn:L, Probleme 82 ss.
R. HERZOG, Dic \'V rmdcrheilrmgen von Epi· Io., Religionsgesch. 11. Urchrll . (19)2) 125,
dauros ( 1931) 142. 128.
Per le resurrC'.doni operate da uomini: FR.NOTscHER, Altorie11tal. rmd at.licher Aufcr·
O. WEINRF.1<:11, Antikc Heilu11gswunder ( 1909) rtebungsg[aube ( 1926).
I 7 I SS. J. Sc11Nt10F.R, Die P11ssùms111)'Slik des Pa11l11s
19 ( 11,332 J ÈyElpw (A. Oepke) (11,333) 20

abst. 4,9 1 ; intransitivo: (passivo) sve- testato soltanto l'imperativo intransltl-


gliarsi Horn., Il. 2,4I: i!ç Vitvou; Ios., vo attivo ityupE, su! (Aristoph., ra.340 ).
ant.2,82 e passim; detto deila condizio- d) trans.: risuscitare i morti: non atte-
ne delle anime 'risvegliate', Plot., enn. stato nella grecità profana. Un caso co-
4,8,r; 6,7,22. b) transitivo: eccitare, me Pseud.-Apollodorus, bibliotheca 4 2,
stimolare, Horn., Il. 5 ,208; con ogget- u4: ò 0€. (Eracle nell'Ade) E>TJO"Éa: ~\/
to di cosa: µ6:x'l'J, Horn., Tl. 13,778; À.a:BòµEvoc; -.fjc; xnpòc; 'DYELPE non rien-
µùi}ov, Plat., polit. 272 d; intransitivo: tra in quest'uso bensl in quello segna-
(passivo) eccitarsi, Demosth. r9,305. c) lato sotto c. Secondo il mito infatti
trans.: rizzare, raramente usato nella Tèseo e Piritoo sono scesi ancor vivi
grecità profana con un complemento nell'Ade ed ivi sono stati legati a un
oggetto personale (cfr. tuttavia il signi- crono. Intransitivo: (pass.) risorgere da
ficato d.); erigere edifici, posti di guar- morte; epigr. Graec. praefatio 646 a 5:
dia, statue; Luc., Alex. ro; Ditt., Or. ÈV't'Eùi}Ev (dalla tomba) oùi}tc:; à1toi}avwv
677,3 (sec. II d.C.); Bito Mechanicus 2 ÈylpE[ 't'aL. L'origine di quest'uso, seb-
p. 66,5; Ios., ant. 15, 391. 298. 328 e bene la designazione eufemistica della
passim; dr. anth. Pal. 9, 236; sollevare morce come sonno sia comunissima in
(Agraphon P . Oxy. I, r recto 6: EYEL- greco (~ xoLµ6:w ), non va ricercato nel
[p]ov -.òv )..li}o(v) X(hd' Eupi)CTnc; ~ 3 ); significato a., bensl in quello c. Preisen·
intransitivo: alzarsi, nell'uso attico è at- danz, Zaub. lv r95 (nel contesto di una

( r929). dubbio che ciò si riferisca alla risurrezione di


K. MITTR lNG, Heilswirklichkeit bei Paulus Bacco (F. ABEL: Rcv. Bibl. NS 5 (r908]577);
( r929} 32 ss. più probabile invece che vi sia un'allusione
E. LOHMEYER, Grundlagen paul. Theol. ( 1929) alJ'usanza di àvcx.xcx.ÀELO'l>m il dio al sacrificio
90 ss.; 139 ss. con la musica, dr. Plut., Is. et Os. 35 (II 365
E. SOMMERI.ATH, Der Ursprung des neuen Le- a), come sostiene J. QuASTEN, Musik und Ge-
bens nach Paulus '( 1927) 63 ss. sang i11 den Kulten der hcìdnische11 Antike
H. E. WEBER, «Eschatologie» zmd «Mystik» und christlichen Friihzeit ( 1930) 40. Arno-
im NT (1930) spec. 104 ss. bi us. adversos nationes 7 , 32 (A. REIFFEN-
A. SCHWETTZER, Geschichte der paul. For- SCHEID in CSEL rv} afferma ironicamenre:
schtm,~ 1(1933) qr ss. obdormiscunt superi. Cfr. I Reg. 18,27. Ad
In., Die Mystik des Apostels Paulus (r930) una ,·era e propria reviviscenza sì avvicina co-
spec. 102 ss. munque il risveglio di Dioniso Licnite, colui
KliHL e LtETZMA~:-: comm. a Rom. 6. che ricorna da Persefone; cfr. On·o ('"' n. 12)
Nt.liche Theol. di H. J. HoLTZMANN 'u (19u} 76 ss.
117 ss.; P. fEINE 5( 193!) 1<)3,199; II. WEINF..L 2 Ed. C. \X'EsCllER, Poliorcétiq11e dl·s Grecs
'(1928) 240 SS., 243 ,250,337 SS., 443· ( 1867) ( 111 o H sec. a.C.).
Per quanto concerne il modo dcIJ,1 risurrezio- 3 Vedi in proposito A. HARNACK, Ueber die
n e dei morti: SrRACK-BTLLERTlECK, spec. 1 887 iiin[!,St entdeckten Spriiche Jesu (r897); A.
ss., III 474 ss., IV 1017 ss.; WF.BER 368 ss.; i RESCH, Agrapba? TU, NF xv 3/4 (1906) 69.
commenti c.li jl)H. WE1ss, BACl!MANN, L1ETZ· 353; H. G. F. W1-11n;:, The Sayings of Jesus
MANN a t Cor. 15 ,35 ss.; Ho1,TZMAN:-.1, op. cit. from Oxyrhynchus { r92o)Lx1rr; REiiZENSTETN:
209ss.; \V'ciNF-L, op. cit. 32.1 s.; A. OCPKE. Die NZW 6 (1 905 ) 203; Io.: GGA 183 (1921)
Eschatologie des Paulus: Allg. Ev. Luth. Kir- t65 ss. Il logion non allude a una bcnedizio·
chcnz. 60 ( 1927) 458 ss. ne del lavoro quotidiano (HARNACK), ma ha
signifìcaw panteistico. Lo spunto può esser
1 U11a i~crizione <li Rodi (Oem. Jhfr 7 ( r904] 1·cnuto da Ecc!. ro,9.
93) parla dcl denaro che dev'essere versato l 11 scc. d.C.; in: Mythograpbi Graeci I, ed.

't'0 ùopCluÀn Èyti.r;w:-L ~bv iJe6v (Bacco). E, R. \\! ACN ER ( 1894 }.


2 l ( II.J.3 3) tydpw (A. O::pke) (u,334) 22

preghiera che dev'esscr recitata nella Alc. 13,22; in giudizio come accusato-
posizione supina dei morti): ey npov, ri: Mt. 12,42 par. Significato c. transi-
txt:-tw, -tòv a-6v, txvouµaL, cpO..ov. Segue tivo: Ecclus gr. 49,13; 1 Esdr. 5.44 ( =
poi l'atto di rialzarsi ( 2 l 2 s. ). 43); Io. 2,19 s.; inoltre con un com-
plemento oggetto animato, venire in
2. L'uso biblico aiuto rialzando, sollevare: un idolo, I
Sam. 5,3, un animale, Mt. 12,u; "t'ÒV
Tutte queste accezioni si ritrovano r->twxov, l Bacr. 2,8; ljJ lr2,7; coloro
nell'uso biblico, ma con una diversa in- che cadono a terra folgorati da una vi-
tonazione e in parte ampliate per effet- sione soprannaturale, Dan. 8,18; ro,ro
to e dell'archetipo ebraico ('ur, qum, cfr. 2 Bacr. 12,17; Act. ro,26; gli am-
'amad nelle forme kal e hif'il, ecc.) e malati, Mc. r,31; 9,27; Act. 3,7; equi-
della particolare fisionomia della reli- vale addirittura a risanare: Iac. 5, r5
gione biblica. Significato a. transitivo: (cfr. Ios., ant. 19,294: -.òv ~eòv Èyel-
Mc. 4,38; Act. 12,7; significato a. in- pnv -.à. 7tt.7t-rwx6i:a); significato c. in-
transitivo: Gen. 41,4.7; Mt. 1,24; 25, transitivo: rialzarsi rinfrancato: Mt. 17,
7; Mc. 4,27; in senso traslato detto di 7; Act. 9,8; rialzarsi risanato: Mt.8,15;
chi si scuote dal!'acquiescenza alla car- 9,6 s.; Mc. 2,12; in generale alzarsi É?'
ne, Rom. 13,u: wpa iJoll vµcic; Èç v1t- -tov od7tvou, Jo.13,4, cfr.Esth.7,7 ebrai-
vov Èyt:piHjvm; Eph. 5, t4: hnpt:, ò co, con intonazione solenne: Num. ro,
xai}t:uowv5 • Significato b. transitivo: con 35; Mt. 8,26 par. Sulla falsariga dell'e-
un complemento oggetto inanimato: braico può indicare semplicemente l'av-
i})..i:4;w, Phil. 1,17; con un complemen- vio di un'azione col significato generico
to oggetto di persona: far comparire di avviarsi (~ àvlo--rT}µL r col. 989):
nella storia, far sorgere (~ à.vlo--tT]~LL, Ex. 5,8: r Chr. 10, 12; 22, 19; 2 Chr.
1 col. 989): Iud.2,16.18; 3,9.15; 3 BM".
21,9; 2_2,TO; .fe!.t. 9,19; Jo~ lI,2~; fre-
rr,14.23 (cod. A); Act. 13,22 (David). quente m fras1 imperative: eye:pi}ELC, mx-
23 (var.); Èyt:i:pat i:ÉY..va -te{) 'A~pa.à.p.: pliÀ.a~E Mt. 2,13.20, oppure al modo
Mt. 3,9 par., cfr. Le. T ,69: ilYELPEV xÉ- imperativo: Mc. T4,42 par.; lo. 14,3 r:
pac; o-w-rripi'.a.c; 1}~1i:v. Cfr. Ekà r. 5.; a ÈyELpEO-i)E, aywµEv, orsÙ.1 andiamo; la
Lam. 5, 3: «Il redentore che io farò forma corrispondente di seconda perso-
sorgere in mezzo a voi(s'nj 'tjd lh'mj~~»; na EyELPE presenta in tutti i passi (Mc.
scmoneh 'e.freh (ree. bab.) l5a bened1Z10-
2,9.1 t par.; 3,3; Le. 6,8; Io. 5,8; Apoc.
ne: «Lodato sii tu, Jahvé, che fai ger-
IT,I) tranne Eph. 5,14 e ~ sopra e coli.
mogliare il corno dell'aiuto (ma~mta~
19 s.) varianti mediali (cfr. j. Bik 65 d
qeren j'suca)». Significato b. intransiti- : qum 'ithallek t•'ar'a d"jifra'él) 4 •
vo: muoversi, agitarsi, Ier. 6,22; Mc. 33
i3,8 par. cfr. Ts. 19,2; comparire, det-
to dci profeti: Ml. 11,rr; Le. 7,r6; Io. Significato d.: risuscitare i morti; al
7 ,5 2; degli l)Jwooxpto..i-oL: Mt.24,1r.24; passivo esJere svegliato, risorgere ( ~ r

s Circa la provenienza della ciwzione dr. Dr- 6 Altri esempi io DALMAN, Worte]. I 18s. L'u·
DELIUS, Cefbr., ad.I.; SCllliRER, lii 362, 365; so di qum col valore di 'su!', è frequente negli
CLF.MEN 307. Un bel riscontro si ha in Ari· seri tti rabbinici. EYELPE è probabilmente, co-
stoph., ra. J40 ss , che però difficilmente può me sostengono i tardi grammatici, la traspo~i·
essere la fonte diretta. L'impronta etica <ldla 7.ione itacistica di eyELpCX.L. REITZlCNSTEIN lll
frase è infatti prettamente cristiana. Per il GGA (cit.), 167.
concetto~ coli. r9 s.
tyEipw (A. Oepke)

col. 980 ). In ri/erimento a singole ri- 919 ss. 1324 s.J. 8; I Cor. T5). Il fatto
surrezioni, in senso negativo 4 Bacr. 4, che il N.T., a differenza dell'ellenismo
3 I : ovx iJyipìh, -rò 7tet.t0ciptov, in sen- (-+ r , coli . 987 ss. e qui sotto), preferi-
so affermativo Ecclus gr. 48,5; Mt. 9, sca ÉyElpnv e ÉyElpEal}a.t ad àvLcr'tcivaL
25; xo,8; II ,5 par.; Mc. 5.4I par.; 6, e àvlai:acrl}at (non però EyEpcrtc; ad
r4 par.; Le. 7,14; lo. 5,2r; 12,1.9.17; àvruri:acrt<;!) si deve, con ogni verosi-
llebr. 11,19. Queste risurrezioni, a mo- miglianza, a una concezione più concre-
tivo del loro rapporto con la persona di ta dell'agire divino. L 'idea che Gesù
Gesù, sono il ' segno' dell'èra messiani- è risorto per virtù propria rappresen-
ca e il preludio della futura risurrezione ta una novità della teologia giovannea
generale. Cfr. anche Mt. 27,52 ~ EYEP- (lo. 2,19.21; I 0,!7.18).
crt<; col i. 22 s. Designa la risurrezione di
Gesù, il cui valore determinante per il Anche per P aolo Gesù ha lasciato
kerygma si annuncia già nelle parole stes- material mente la tomba (hcicp'T), r Cor.
se di lui (Mt. r6,21; Lc.9,22; Mt.17,9. 1 5,4 8 ; hcicp'l')µ Ev, Rom. 6,4), ma il cor-
23; 20,19; Mc.14,28 par.; ÈyElpnvèun po del Risorto, secondo r Cor. 6, r 3
verbo predikllu Ùa Malleo) 7 , traspare ::..; 15,47.50; Phil. 2,6.9, non è quello
dal racconto evangelico della Pasqua fisico e terrestre bensì il crwµa 'TCVEVµa-
(Mc.16,6[ J 4]; Mt.28 ,7; Lc.24,34; Io. '!LXO\I 9 , la persona sconfinata e glorifi-
2 r , 14) e campeggia nella p redicazione cata che comprende in sé il cosmo e in
apostolica (Act.3,r5; 4,10; 5,30; 10,40; modo cutto particolare la Chiesa (Col.
13,30.37; Rom-4 ,24s.; 6,4.9; 7.4; 8,1 r. I ,18 ss. ). Invece la tradizione evange-

34; rn,9; I Cor. 6,14; l 5,4. T2 e pas- lica e postcanonica, per scopi apologeti-
sim; 2Cor.4,r4; 5,15; Gal. 1,1; Eph. ci, insiste sempre più sulla realtà fisica
1,20; Col. 2,12; 1 Thess. i , 1 0; 2 Tim. della risurrezione (Lc.24,39ss.; Act. 10,
2,8; r Petr. r , 21 ). Risuscitando Gesù 41 ; Io.20,25ss.; Ev. Naz. presso Hier.,
crocifisso Dio ha mostrato di essere con de viris illustribus r6; MPL 23,633 b,
lui e gli ha conferito la gloria messiani- dr. MPL 24, 628 a = Tgn., Sm. 3,2:
ca (oltre gli Atti cfr. anche R om. 7,4; À.ci~E'tE, lj/'l'}À.acp"iJcra'tÉ ~ xa.t Ì:OE•E, o-rL
Phil. 2,9-II; Eph. 1 , 20 ss.); la rjsurre- OÙX ELµL OCILµOVLOV àcrwµai:ov. X<XL EÙ·
zione garantisce e promuove l'efficacia Mc; av'tOV fitJ,iav-ro xat È7tlcr·mJcrav.
del riscatto (dr. spcc. Rom-4 [ ~H, coli. Iust., de resurrectione 9, la narrazione

7 Per il significato della risurre7.ione e della 75 s~ .• offre un esempio perfetto di ingegnoso


parusia nelle predizioni di GcsL1 cfr. \Y/. M i· tr:ivisamcnto.
Ct-JAF 1.1 s, Tau/er, jesus, Urgemei11de ( r928)
88 s.• 99ss. ~ 1 col. 995 n. n. 9 A. SCllWEITZER, Oie Mystik d. Ap. Paulus
~ K.811RTll, Dh• Au/entehrmJ!. der Tote11 ( 1926) ( 1~)30) 116 ss., 26ns.
25 (11,334) ÉyEipw (A. Oepke)

copta in Hcnnecke 67 ). Non mancano miti. In effetti questi non sono che fan-
peraJcro accenni a una visione spiritua- tasie intrise di erotismo in cui si rispec-
chia la potenza inesauribile della natu-
liscica (lo. 20,17.19.26) e forse occorre
ra. A parte va probabilmente conside-
distinguere tra la corporeità del Cristo rato il caso di Dioniso, che simboleggia
appena risorto e quella del Cristo glo- per il greco non la successione, ma la
rificato. identità della vita e della morte e rap-
presenta quindi una mistica assai pro-
Il concetto evangelico della risurre- gredita e speculativa dell'identità. Men-
zione non deriva in alcun modo 10 dal tre poi nei miti prettamente orientali
mito orientale della divinità salvatrice manca affatto ogni ispirazione etico-spi-
che muore e rinasce (Tammuz, Bel-Mar- rituale, nel mito di Dioniso essa è per-
duk, Adone, Sandan - Eracle di Tarso, lomeno diversa da quella del N.T. In
Atti, O siride, Zeus di Creta, Dioniso, entrambi i casi la risurrezione non è co-
e, in senso più lato, il sacrificio di Mi- munque un fatto unico e irripetibile in
tra, la doppia vita di Kore, ecc.) e nep- senso escatologico (Rom. 6,io) 12• Mal-
pure ha con esso un'affinità sostanziale. grado quindi gli innegabili contatti e i
Nel mito non si parla di i.yElpELV e ÈyEl- reciproci influssi fra il N.T. e il mondo
pE<ri>a.t (cfr . però ~ EyEpcnc:; col. 22); circostante, resLa pur sempre la dif'Ie-
si afferma invece che il dio viene 'salva- renza fondamentale, costituica dal facto
to' (Finu. Mal., err. prof. rel. 22), che che nel N.T . la risurrezione non è un
egli o la salvezza ' vengono dall 'Ade' mito naturalistico o speculativo, ma un
(Plut., Is. et Os. 19 [II 358 b]; Phot., evento storico che comporta un signiG-
bibliotheca 242 [MPG 103, 128r a] ), cato eminentemente etico-spirituale.
che egli 'vive' (Pseud. - Luc., Syr. dea
6 ), o si ammette una sopravvivenza 3. L'idea della risurrezione dei cre-
soltanto parziale (Arnobius, adv. natio- denti in unione col Cristo, sviluppata
nes 5, 7. 14 LA. Reiffcnscheid in CSEL
IV] ; Paus. 7, 1 7, I 2), oppure infine ci
soprattutto da Paolo ma forse già patri-
si restringe a espressioni simboliche: monio comune, almeno nelle sue linee
nei miei il mandorlo o l'abete che ger- essenziali, della cristianità primitiva
mogliano, nel culto il giubilo sfrenato, (Rom. 6,4-TT; Gal. 2,2 0; Col. 2,12 ss.;
la rappresentazione drammatica. Sem-
pre al mito non è estranea poi l'idea Eph. 2,1.5; 2 Cor. 4,ro ss.; 1 Petr. r a),
del dissolvimento fisico (Diod. S. 3,59, non può essere naturalisticamente distin-
7: 1ÌCJ>CX.VL<rµ.ÉVOV 'tOV <rwµa.'toc:; Otà. 'tÒV ta dalla ' giustifìcazione' (Rom. 5, 18) o
xpovov). Nel culto di Atti la risurre-
zione del dio non è un dato origina- postulando l'esistenza nel pensiero pao-
rio 11 . Plutarco, Is. et Os. II (n 3.55 b); lino di due filoni eterogenei 13 o insi-
58 (II 3 7 4 e) confuta la storicità dei stendo unilateralme nte su lla' mistica dcl

10 Su A. DK EWS, Dic Christusmythc ( r 9 24 ) P. 12 Per Dioniso dr. \VJ. F. OTTo, Dionysns:


J ensc n, W. B. S111 i1h, S. Lublinski ccc.: A. Frankfurter St11dicn wr Rdigion und K ultur
Sc11wi:n z1rn. Cc.rcb. d. Leben-Jesu-f orschu11g der An tikc 4 ( 19B) x75ss.
(1926) 444 ss. I J Così soprattutto I foLTZMi\NN , op. cit. li
11 F. Cut.10Nr, /)i<' nm·11t<11iJchen Rel111,io11en WF.INF: L, 236, parla adc..lirittm.t di tre vie del-
1
im rdmiscb1•11 llc1tlc11t11111 ( 19 3f) n 8 n. 46. la s:ilvez-.r.a.
27 (n,335) tydpt..> (A. Oepke) (n,336) 28

Crisro' 14 • La componente 'mistica' del- rà che queste idee sono state intese in
la salvezza poggia infatti su quella giu- senso ora etico ora cultuale ora escato-
ridica (Col.2,13-15; 2Cor.),I7-21; Gal. logico 17 • La stessa teologia giovannea,
2,20; Rom. 8,28-39; in questo senso va che pure dà un forte risalto al possesso
inteso il contesto di Rom. 5 e 6 ). Il cap. attuale della vita e della salvezza (lo.
6 della Lettera ai Romani non descrive ll,25; 5,24; 3,18; I Jo. 3,6.9.14; 5,
un'operazione magica 'per analogia', ma r 8 ), è ben lontana da una dissoluzione
definisce soprattutto il nuovo modo di spiritualistica dell'escatologia (To.21,22;
essere in cui i credenti sono entrati in- 5,28 S.; 6,39 S. 44; 17, 24; I Jo. 2,18.
sieme col Cristo (~ <J\N ). Questa nuo- 28; 3,2 s.; 4,17; dr. 1,8) ~ rr\N.
va vita è un dato e un possesso (prov-
4. La futura risurrezione dei morti
visoriamente occulto) della fede, non
(ls. 26,19; Dan. 12,2 A; Mc. 12,26; Le.
perché essa sfugga alla percezione empi-
20,37; Act. 26,8; r Cor. 15,15-52 pas-
rica e psicologica (cfr. anzi Rom. 8,16.
sim; 2 Cor. 1,9; 4,14 ~<Xvlo"tl)p.~ I, col.
23; Gal. 3,2; 4,6; 2 Cor. l, 22), bensl
996). A differenza del giudaismo il N.T.
nel senso che essa va intesa non come
iulc:nde la ri:;utn::liuuc iu :;c;n:;u m:lla-
una trasformazione magica ma come una
mente spiritualistico.
realtà che promana unicamente dalla vo-
lontà di Dio e si protende verso il suo L'idea giudaica della risurrezione è
compimento escatologico (Rom. 8,19ss.; affatto materialistica. L'uomo risorge
15 nel luogo stesso in cui è morto (Ecclus
2 Cor. 4,16-18; Phil. 3,II ss.) . Lo spic-
r. a 1,7, Strack - Billerbeck IV ro25 s.),
cato realismo di questa concezione non con le sue vesti (b. Ket. r I r b, Strack-
implica tuttavia che la risurrezione in Billerbeck m 4 7 5 ), al suono Jella trom-
senso proprio sia già avvenuta (questa ba lunga mille cubiti 18, con le qualità
che ebbe in vita (cieco, sordo, muto,
tesi è rigettata come eretica in 2 Tim . 2, Gen. r. 95,r a 46,28). I difetti vengo-
18; dr. invece Phil .3,10 s. Rom. 8,I e no però eliminati (ibid. ). La successiva
passim). Tardivi paralleli di Eph.5,14 si trasformazione, di cui parla Bar. syr. 50
s., rappresenta un compromesso tra la
trovano nella tradizione mandaica16 • Una
concezione materialistica e quella spiti-
attenta disamina delle testimonianze of- tuaJistica. La ricostituzione del corpo
ferte dalla storia delle religioni accerte- prende l'avvio da una spina dorsale in-

!4 E. WISSMANN, Das Vcrhaltnis von nu:ru: 10 ss.; )50,6 ss.; .576,33 ss.; 585,16 ss.
und Christus/ri:immigkeit bei Paulus (1926); 17 Accenni in tal senso si trovano in REITZEN-
A. ScHwrEITZER, Dic M)'stik des Apostels Pau- STEIN, Jr. Erl. 6,135 e passim. Cfr. anche le
lus (1930). tre varianti di I Cor. 6,14: È!;eyElr;H, El;EyEpE~,
t5 H . E. WEBt::R, op. cit. 76 n. 1, 92 ss. e pas- Es-i)YELPEV.
sim; R. M1TTRTNG, 64 ss.; A. O E PKE: ZNW 18 Midrash alfabetico di R. /\qibà 17 e, in
24 (x930) 104 ss. JE LLlN EK, Beth-ha-Midr. 3,31 ,28 ss.; STRACK-
16 LrnznAR SKT, Ginza 382,7 ss.; ~s;7.4 ss . ; 475, B1L1.F.1rnEC K 111 481.
~yEpcnç (A. Oepke)

corruttibile (così afferma Jehoshua ben sessuali, anche la nutrizione (r Cor. 6,


Hananja, Gen. r. 28 ,3 a 6,7) ed è con- r 3 ). La CTcip; viene distrutta e il CTwµa
troverso tra la scuola di Hillel e quella
di Shammai se si svolga nel modo de- trasformato (1 Cor. x5, 42 ss. 50 ss.; a
scritto in Ez. 3 7 o in ordine inverso l5AO ss. dr. Mt . 13'43 e qui sopra; per
(Gen. r. 14,5 a 2,7). Il pasto dei beati il v. 37 ~ yuµ-116c; H, col. 688; b. Ket.
è descritto con gran ricchezza di parti-
1 I r b, Strack-Billerbeck III 4 7 5 ). Anche
colari 19• La continuazione del matrimo-
nio, sebbene esplicitamente affermata la teologia giovannea, pur tenendo fer-
soltanto per i giorni del Messia (in Fl. ma la realtà obbiettiva e concreta della
G iuseppe, ant. I?, 45 a un eunuco), è risurrezione, evita in proposito qualsia-
ammessa però anche per i giorni della
risurrezione (cfr. b. Sanh. 92 b, Strack- si espressione di sapore materialistico.
Billerbeck I 888). Invece secondo Jalqut
r § rrr a Gen. 25,31; b. Ber. 17 a; Ab. t EyEpCìtc;
R. Nat. l ecc. (Strack-Billerbeck I 890 );
Midr. Ps. 146 § 4 (Strack-Billerbeck I Attestato a partire da Empedocle {fr.
889) tanto il mangiare e il bere quanto 123 (1 270,7 Diels] e Ippocrate (Coa-
l'agire e il camminare nonché i rapporti cae praenotiones 82) non però in Fi-
sessuali avranno fine. I giusti (ossia in lone. a) con valore transitivo: il risve-
ultima analisi i giudei) risplenderanno glio, l'eccitazione dell'animo (Plat., Tim.
come le stelle o addirittura sette volte 70 c; Atistot., eth. Nic. 3,n p. II16 b
di più, ossia come il sole (Dan . 12 ,3; 30 ), l'erezione di mura, edifici ecc. (He-
Hen. aeth. 39,7; 5I,4S.; ro4,2; 108,11- rodian. 8,5,4; I Esdr. 5,62 [ = 59]), la
14, 4 Esdr. 7,97.125; Bar. syr. 51,3 ). rianimazione di un defunto. Preisen-
In Mc. 12,23 par. la domanda posta danz, Zaub . XIII 277: EyEpcnc; CTwµa.-.oc;
'VExpov (segue uno scongiuro per la ria-
dai sadducei a Gesù risponde ad un in- nimazione di un cadavere). b) in~r.: il
tento maligno, ma è consona al mate- risveglio (LXX Iud. 7,1 9 cod. A), l'atto
rialismo che ancora dominava la teolo- di rialzarsi (4i 138, 2), la guarigione
gia rabbinica 20 e al quale si contrappone (Aret. 2,11,5), la risurrezione da morte
(Menander Ephesin. in Ios. , ant. 8,146
la visione spiritualistica <li G esù (Mc. [ =Ap. r,rr9]): TCpw-.oc; i;ov 'HpaxÀ.É·
12,25 par.). La 'mensa' dci risorti cui ove; liyEpow É7tOLlJCìO.:to Èv -.G IIE:pt-.t'.~
1
accenna talvolta G esù è un 'espressio- µ11vl •
ne puramente metaforica senza alcun Mt. 27,53 : -.-i]v EyEpCìw o..v-.ov
µE:-;à
riferimento concreto e materiale (Mc. = dopo il risveglio o la risurrezione di
14,25 par.; Mt. 8,II ; Le. 13,29; dr. an- Gesù(~ ÈyEt'.pw coli. 1 5 ss.): queste pa-
che le parabole del banchetto). Paolo role, trovandosi in un contesto che ac-
esclude recisamente, oltre ai rapporti cenna ai prodigi avvenuti alla morte di

19 STRACK-B rLLERBECK IV xq6 ss. -::pw-::c; e non si debba intendere la 'erezio-


20 Scm. ATTER, K.omm. Aft. 650 s~. ne' del tempio di Eracle, bensì la fes ta della
i::yEpcnç 'risurrezione' di Eracle-Adone è sostenuto da
1 Che anche in A p. r , u9 si debba legge re r. /\BEL: Rev. Bibl NS 5 ( 1908) )77 s.
Jl ( 11, 336) È~EyElpw, YPTJYOPÉW (A . Oepkc) (11, 337) 32

Gesù, sono forse da intendersi come intendere nel senso più ristretto e de-
un'integrazione correttiva suggerita da bole d i 'rialzato dal letto della malattia' 3
2
I Cor. r5 ,20; Col. r,r8 • come in Iac.5,15 (cfr.vv. 2oss.); è pos-
sibile invece (cfr. 2 Mach. 13,4), ma po-
co probabile, che il verbo rechi il signi-
ficato particolare di 'eccitato (alla resi-
Usato a cominciare dai trag1c1 e da
Erodoto fino a Plutarco e a Epitteto stenza)'. Cfr. crxÀT)pvvEL al v. 18 4 •
con quasi tutti i significati dcl semplice
tyElpw, non però in riferimento a og- 2. Significato b: 1Cor.6,14, dove l'al-
getti inanimati 1• Nel N.T. è attestato ternanza dcl semplice e del composto
soltanto in due accezioni: a) far compa-
rire nella storia, chiamare in vita: Zach. non comporta nessuna distinzione se-
rr ,16 ( =qum nella forma hif'il); Ios., mantica.
ant.8,27c f3acnÀEÙ<; ÈtpyElpEì}'ùn'lµou.
b. svegliare dalla morte, al passivo ri-
sorgere: Acsch., choeph. 495: ap' t!;E- t YPTJYOPÉW (i' à.ypU1tVÉW)
yElpEL -rowo' òvElOECTW, ita:tEp; dr. R.
Wiinsch, Antikc Fluchtafeln (r912) 5, Forma ellenistica tardiva di presente
2 r: OL oa.iµovEc; É!;EyEpì}waw =gli spiri- da typl)yopa (più precisamente dalla
ti dei morti vengono svegliati dall'in- terza persona del piuccheperfetto ÈyP1)-
cantesimo. Nei LXX ricorre soltanto in y6pEL equiparata a È1tolEL). Uso extrabi-
'fw~ 5,xr; Theod.: Dan. 12,2 (cod. A: blico: Achill. Tat. 4,17; Ios., ant. xr,
ÉyEpì}TjcroV'tt:U}. 17 v.l.; cfr. 7,48; bell. 4,3 06; vegliare,
nei LXX, si trova in senso proprio sol-
r. Significato a: Rom. 9,rr st'.c; -.ov- tanto in Neh. 7 ,3; I Mach. 12,27; Cani.
'tO Èé,TJYELpci. CfE, 01tW<; ÉVOEL~W!.W.L ÈV 5,2 (Aq., Symm.); con valore metafori-
crot i:i)v ouvaµlv µou (parole di Dio al co por mente, mirare a qualcosa detto
di uomini e di belve in agguato nonché
Faraone) è una citazione di Ex. 9,16. Il di Jahvé: Ier. 5,6; 'ùp. 38,28, Bar. 2,9;
testo ebraico porta veramente he'ema- Lam.r ,r4; Dan. (Theod.) 9 ,14; in senso
dtikà, 'ti ho risparmiato' 2, che i LXX etico-religioso si trova usato Ò.ypu1tvÉw
in Prov. 8,34 ; l1cclus gr. 36,r6.
traducono a senso con OLE't'l'}pl)t}1)c;,
mentre Paolo più vigorosamente inter- Nel N.T.: i . vegliare in senso pro-
preta: 'ti ho chiamato in vira'. È da prio: Mc. 14,34 par. 37 par.; nelle pa-
escludere infatti che Èt;i}yELpa. si possa rabole si coglie il trapasso dal significa-

2 Non è da prendere in çonsiderazi<1nc l:t le- 3 Così intende fra ~li altd lo Hofmann.
zione debolmente attestata p.E'T<Ì 'tYJV fyEpow 4Così alcuni esegeti, a cominciare da Agosti·
av-rwv o.m. syr•). Cfr. KLOSTERMANN J\ft • . ad.I. no, e anche S1CKENDERCER, Rom., ad. I. Cfr.
Kii111,, ZAHN, L!ETZMANN, Rom., ad. I.
i/;EyE~pW
I L1onEu-ScoTT e PKEIJSC11F.N ·Il11uEn, s.v. YPTlYOPÉh}
2 Così intendono anche i tradut1ori e gli ese· l { EJ 8 lNG 82,84; TllACKF.RAY 263 ; B1.ASS·DE-
ACI i giudaici; STKACK BJLl.F.RS F.CK m 268 s. Jll( UNNLK § 73; Ni\CELI 44·
33 (11,337) Èyxoµ{36owx~ (G. DeUing) (11,338) 34

to proprio a quello figurato : Mt. 24 ,43; preghiere Mc. r4,38; M t . 26,4r; Col. 4 ,
Mc. i 3,34 ; Le. 12,37.39. 2; riferito alla cura per la salvezza del-
la comunità Act. 20,31; Apoc. 3,2. In
2. In senso traslato, detto solo di
contesti analoghi è usato, sempre con
uomini: vigilare, I Cor. 16,13, soprat-
valore metaforico, &.ypu1tvÉw: Mc. 13,
tutto in r iferimento alla parusìa : Mt .
33; Le. 21,36; Eph. 6,18; Hebr. 13,17.
24,42; 25,13; Mc. 13,35.37 (Le. 12A o:
ylvE<Tl}E hoq.Lo~): T Thess. 5,6; Apoc. 3, 3. YPTJYOPÉW col senso di essere in
3; 16,15; in parallelo con~ vi)q>ELV I vita, contrapposto a xa.l}Evow, si trova
Thess. 5,6.8; I Petr. 5,8; connesso con solo in 1 Thess. 5,10.
A. 0 E PKE

Èyxa.wi.~w ~ xa.w6c;
Èyxa.xic...> ~ xaxoc;

t Èyxoµ06oµa.t.
All'attivo, avviluppare (da x6µ{3oc;, deLcrminante della ~ -ra.'itELVOq>poa-uvT]
nodo, legame), ùrdossare, rivestire con ..., per il comportamento etico e religioso
legare strettamente (Èyx6µf3wµcx. è il ca-
po di vestiario che si porta a dire tto dei cristiani.
contatto con il corpo) 1 • Manca nei tXX Se si fa cominciare la frase con mi v-
(Theod. Is. 3,20: Èyxoµ~wµa.). -rEç, allora 6:)..),T)À.oLç va inteso come un
dativus sociativus ( =nei vostri rappor-
Nel N .T. ricorre soltanto in r Petr.
ti reciproci) e sarebbe un costrutto al-
5 ,5: rivestirsi, assumere come nota di- quanto strano. Collocando invece un
stintiva 2 - detto o dei rapporti frater- segno d'interpunzione dopo aÀ.À.'Y)À.otc;,
ni (dci cristiani fra loro) o del compor- si potrebbe assegnare il v. 5b alla par-
te successiva e in particolare al v. 6
tamenlo verso Dio. In entrambi i casi (parola tematica: 'tG.1tELVWi>T]'tE).
Èyxoµf3wcraul>E sta ad indicare il valore
G. DEL LING

t ÉyxpcX.-rEt.a. ( à.x.pa.crla.), Éy:x.pcx:rT}ç ( &.xpa."t'T)ç), lyx.pa."t'Euoµcx.t.


r. La famiglia di Èyx.pcn- si ricollega sé ed esercita su se stessa o sulla realtà
al tema xpa.•-, esprimen te l'idea di for. esterna.
za e di dominio, e designa una forza e L'accezione fondamenrale traspare so-
un potere che la persona possiede in pralnitto dall'aggettivo Èyxpa.-r1)c;. Mor-

lyxoµf36oµm
1 Vedi gli esempi nei lessici e soprn11uno nel 2 ~ quin<li più forte di ~ Èvovo1w.L; cfr. pc·
Thes. Steph. rò Col. ), I 2: ivMa-a~e ... -ra;ncwocppoO'ÙV'IJV.
35 (n,338) Èyxpa·ma (\V/. Grundmann)

fologicameme Èy xp a.-c1}ç può risalire xat À.ay\IElaç (lussuria) xa.t V'lt"VOV xat
tanto a Év xpchoç ( (xwv), 'che ha in ciò plyovc, xa.t MÀ.7touç xcit 7t6\lov (Xe-
(ossia 'in se stesso') la forza e la poten- noph., mem. 2 , 1, 1). In qualche caso
za', quanto a Év xpa:m. (wv), 'che si tro- Éyxpchna può significare addirittura
va (in possesso della) potenza'. Èyxpcx- resistenza, costanza. Si veda la defini-
-c1)ç è comunque colui che esercita una zione dello Pseud-Plat., de/. 412 b: ov-
sovranità o un potere su qualcosa. Que- vaµiç v7toµEV'l'J'tLXi) Mitnç· &.xoÀ.ouf}TJ-
sto potere può essere di natura tanto <J'Lç "CC'i) 6pf} c:'i) ÀO'(L<J'[J. {i>.
esteriore e materiale, quanto spirituale. Per il significato di autodominio cfr.
Per il primo caso cfr. Hdt. 8,49: 'tW\I Plat., resp.3,39ob; il contrario è &.xpcx.-
a.ù'tot xwpiwv Èyxpa.-cÉEç Ei.<J'l; Plat., <J'la., intemperanza, incontinenza; p. es.
resp. 6,501 e: 7tptv 8.v 1tÒÀ.Ewç -cò <ptÀ.Ò- Xenoph., sym. 8,27; Jos., bell. 1,34.
ao<pov yÉvoç Èyxpa.-cÈç yivr}-ca.t; 2 Mach. Èyxpcx.-cEUE<J'f}at = Éyxpa.-c-fiv dvaL.
8,30: oxupwµchwv ùo/r}À.wv EV µciÀ.ct Nella grecità classica è attestato una so-
Éyxpa-cE~ç ÉyÉvov-.o; per il secondo dr. la volta in Aristotele 1 . È frequente in-
Plat., leg. ro,897 b: '1Jvxfiç yivoç Èy- vece nell'ellenismo. Nei LXX si legge in
xpa.'tÈç ovpa.vov xcit yi'jç xa.t 7tM1)ç Gen. 43, 31: É!;,EMwv ÈvExpa-i-Ev<J'a.-co,
'tfjç 1tEpLÒOOu•.. ; 8,839 b: Ei. "COV vòµou nel, ,senso dcl nostro 'si dominò, si cal-
-ctç -cov-cou ovvc:wto Éyxpa.'t-fiç dvat; mo.
cf r. anche: ò Éyxpa-c-f}ç 'tOV \IÒµou xcx-
'taÀ'l)µtlJE'ta.L o:ù"t'ij'V (scl. croqila.v) : E c- 2. 11 concetto di éyxpchna. ha gran-
clus 15,r. Ma Éyxpa'tT)ç significa pure
'esercitare un dominio su ogni cosa o de risalto nell'etica filosofica della gre-
su se stessi, essere padrone di sé'; cfr. cità classica e dell'ellenismo.
Plat., Phaedr. 256 b; Plat., ep. 7,331 d.
Queste varietà semantiche comprovano Socrate proclama la Èyxpa-i-Eta. quale
la derivazione dell 'aggettivo da Èv xpci- virtù cardinale: ... T}yncrciµEvov "Ti}v Èy-
'tEL wv, giacché nel nesso xpti-coç EXW\I xpci'tna.\I &.pE-ci'jç Etva.L xpT}1ti:ocx. (fon-
2
Év la preposizione È\I non può in alcun damento) ... ; Xcnoph., mem. r,5,4 •
modo significare 'su'. Un'ulteriore con- Aristotele ne discorre ampiamente in
ferma di yucsta origine ci viene da eth.Nic. 7,r-11 p. tr45ss.; analogamen-
Thuc. 2,29: Ba.cnÀ.Evç Èv xpa'tEL, un re te in eth. M. 2.4-6 p. IlOO ss. Al termi·
dotato di cliettivo potere. Il concetto ne delle sue disquisizioni così egli con-
opposto è espresso da à.xpa'tr]ç: sfrena- figura la ÈyxpCÌ.'tELa, distinguendola dal-
to, privo di autodominio. la O"W<ppoG'uv11 : o Éyxpa-cl)ç fo-i-w où
La Éyxpci.'tELa è perciò la condizione µÒ\10\/ ò É;nf}vµLW\I ÉVOU<J'W\I 't(XV'tClç xa.-
di chi ha potere su se stesso o su una -CÉXW\I ÒLà -còv À.Òyov, &.ÀÀcX xat ò "COL-
realtà esterna di cui può disporre a suo OV'tOç W\I ofoç xcit µ1} Èvov<J'WV Émi>v-
piacimento, a cui può tener testa e di µLwv 'toLoihoç dva.L ofoç Et ÈyyÉvotv-co
cui è quindi il padrone; p . es.: Éyxpci- XCl'tExEW. fo·n ot. <J'W<(>Ptù\I ò µT) EX<.ùV
'tELa itpòç t mf}vp.la\I ~ptù'tOV xa.t 1tO'tOV Émf>vrJ.la.ç cpauÀac, 't6v -cE Myov 'tÒ\I

€yxpa:tE~a X't À..


O. DrrrR1c11, Gcschichlc der Ethik ( r926) Existenz (r931) 70 s.
dr. ReAister. I Cf r. LtDDELL-SCOTT, s.v.
G. DELLING, Paulus' Stellung w Frau und 2 Cfr. Philo, som. 1,124: Éyxpa'tEi.av, ÒÀ.~yo­
Ehe ( 1931) 66,84. oEtav, X<XfnEplav WO"ltEP xpnn~ocu; oÀ.ov 'tOU
R. S1 P.IGF.R, Die Dialektik der pa11li11ischl!11 ~.:ov Xc.t't<X~E~), YJ! tÉVO~.
Èyxpii·mcx (W. Grundmann ) (n,339) 38

7tEpt 'taiha 6pi)6v ... , wcr't' &.xoÀ.ovl}-fio-n si Èx <pLÀ. l)OOVtac; Elc; Èyxpci.'tELCX.V (Abr.
"t'Q o-wcppovt ò Èyxpa•iic; xa.t fo•at o-w- 24 ); È!.; à.xpa-rElcx.c; Elc; iyxpa't'Etcx.v ( virt.
cppwv· ò µÈv yàp o-wcppwv,ò µiì 7tc:io-xwv, 1 8 o); È1;, à.xpao-lcx.c; Elç tyxp&.·mav
Ò O'Éyxpct"t'"Ì')c; Ò 'ltc:iO-XWV XctL 'tOV'tWV (praem.poen. 11 6). Essa gli appare come
xpct<twv iì o!6c; 'tE wv mi.o-xEw (eth. M . la Wq>EÀ.tµw'tci.i:'r) • wv à.pE'twv; collegate
2,6 p. i 203 b 13 ss.). In breve egli de- ad essa sono la Ev-tÉÀ.ncx., la EvxoÀ.la e
finisce la Èyxpc:i'trnl. come Ò.pETTJ 'tOV la ÒÀ.tyooEta, che si contrappongono al-
ÉmwµT]'tt:x.ov, xai}' fiv xai:Éxovo-w i:Q la &.xoÀ.acrla e alla 7tÀ.EovE1.;la (spec.leg.
À.oyto-µi!) -riìv Èmi)vµlav òpµ.Wo-av É1tL 1,173). Il suo alto concetto dell'hxpci.-
•àc; cpavÀ.a.ç T)oovc:ic; (de virtutibus et -tELa si esprime in questa frase: à:v'tl-
vitiis 2 p. 12 ,50 a 9 s.). Sulle sue orme 7taÀ.ov ÒÈ È1ttWµlac; Èyxpcii:ELa, iìv &.-
si muove la Stoa. La più ampia defini- CTXl)'t'ÉoV xat OLct'ltoV'r)"rÉov xaì. CTTtouoa-
zione stoica della ÈyxpchEtct ci viene da cr-rÉov µT]XctVTI 1taCT1) 7tEpL1tOLdo-i}aL Wç
Sesto Empirico: Éyxpà:-rna... ÉO-'t'Ì. otci- µÉyLO-"tOV &.ya.Mv xo.ì. "tEÀ.ELO"tCX.'tOV i.ol~
i}Ecrtc; (Ì.vu1tÉp~a.'toc; 'tWV XCX"t' ' opi}òv À.o- "rE xaì. xown o-uµcpÉpov (spec.leg. t, r 49 ).
yov yL')"VOµÉVWV, f) (Ì.pE't"Ì') V'ltE:pavw 1tOL- La Èyxpci.-rELct rientra ndl '11scesi (leg.
OVC1(l. Tjµéic; -rwv ooxovv'twv Elvat ov- all.3,18) ed è il presupposto della felici-
CTct'ltOO-XÉ'tWV (math. 9,153). Cfr. Stob. , tà umana: civ&.vi:ric; oÈ 1} 7tpòç Èyxpcl:-
ecl. 2,61,II s.; Diog. L. 7,92). Per gli i:Eta.v (scl. òoòc;), É7tl7tovoc; IJ.Év, Èv òè:
stoici la Èyxpc:i·ma. è subordinata alla 'tote; µ..ci.À.W'tCt wcpÉÀ.Lµoc; ... Ti o' EL<; oùpa.-
o-wq>poo-VvTJ (Stob., ecl. 2,60,70 s.; Diog. vòv iX.yn i:oùc; µi) 7tpoxaµ6v-raç &.i}a-
L.7,92) e rientra fra gli-+ciyaltci (Plut., vai:ll;oV<Ta (spec.leg. 4,122 ). Nell 'ambi-
stoic .rep. I 5 [ n 1040 s.] ). La nozione to dell'ascetismo filoniano, fondalo su
di ÉyxpchEtCX. in cui si esprime l'ideale un dualismo cosmologico che svaluta
dell'uomo che arrerma la propria liber- nettamente la materia, la Èyxpci.'tELCX. ha
tà spirituale di fronte ad ogni pressio- lo scopo di sopprimere i bisogni corpo-
ne o coercizione, soprattutto di fronte rali che non sono necessari alla vita. Si
alle cpaùÀ.cn Tioovai., deriva il suo valo- tratta perciò di un'impostazione che non
re etico dalla concezione umani stica del- coincide con quella dell'etica filosofica
la vita di cui la libertà rappresenta uno greca.
dei cardini. Un bell'esempio di Éyxp6:-
•EL« così concepita si può considerare Anche la seua giudaica degli esseni
l'episodio polibiano di Scipione al qua- 1cneva in gran conto la Éyxpci.'tELct. Cfr.
le viene recata in dono una 7tapi)Évoc;, Ios., beli. 2,120 : où-roL "tà.c; µÈv Tjoovà.c;
che però egli - xa'ta7tÀ.ayEtc; xaì. i}av- Wç XrJ.XLCIV à.1tOCT'tpÉ<pOV'tctL, 't"Ì')V ÒÈ: Èy-
JJ.ci.o-ac; 'tÒ xcH.Àoc;, 10,19'4 - restitui- xpci't'ELCIV xaì. 't'Ò p."Ì') 'tote; 1tci.lko-LV tl'ltO-
sce al padre. Significa1iva è soprattu1to 'ltt'lt'tEtV à.pE-r"Ì')v \moÀ.aµ~tl.vouO't. La Éy-
l'osservazione di Polibio: Òt' wv xaì. "rà. xpchELa si esplica nell'ambito della vita
-ri'jç Éyxpct-rElac; CXÙ't'OU xat "rà 'ti'jc; µE- fisica: nel mangiare, nel bere, nei rap-
'tPLO'tTJ"tOç ȵcpa.lvwv ... ( 10,19,7 ). porci sessuali ( ... yciµou µÈv 'lta.p'mhotc;
V1tEpo~lcx., ibid. 2 , 120 ). Tutta la vi ca
3. Filone apprezza particolarmente la degli esseni può esser definita &crx'l']crLc;
Èy:x.pchna, da lui configurata come il (op.cit.2,r50). Da chi vuole aderire alla
dominio su ogni concupiscenza, domi- loro setta si richiede una 'TtEtpct Éyxpa-
nio che si manifesta nella temperanza i:Elctc; (2,I38).
del mangiare e à el bere, della vita ses- La ÉyxpchELct assume infine un signi-
suale e della lingua (dep.pot.ins. 1 o e ss.; fì cato religioso nell'ermetica intrisa di
spa.leg. 2,1·95). L'uomo deve convertir- elementi gnostici. Essa ~ una <lellc djeci
39 (II,339) Èyxp<i-m.a (\Y/. Grundmann )

ouvaµw; che scendono nell 'iniziato al pensa certo all'tyxpoc"t'ELa intesa come
momento della rinascita. Ad essa è ri- ricerca ascetica della pcrfezione e della
volta l'invocazione : W OVVC'1.µLç TJOlO..'t1l"
1tpOCTÀ.aBwµEv' w 'tÉXVOV, C'1.V't'TJV ào-µE- salvc.-zza (--? cicrxÉw), ma vuole sohanto
VÉo""t'CX.'tCX.. 'ltW<; Cip.a 't@ 1tapayEvfoi}m esprimere la sua volontà di rinunziare
àm~CTC'1."t"O "t"TJV à.xpa.O"lav (Corp. Hcrm. a tutto ciò che può destare scandalo o
13,9).
nuocere in qualche modo al compimen-
4. La Éyxpci."t'ELa. ha invece scarsissi- to della sua missione. L'Apostolo insom-
mo rilievo nella religione biblica. ma non pratica l'Èyxpa"t'EuEcri}aL per sé
e per la sua salvezza, ma soltanto per i
Nei LXX la parola è sporadicamente
attestata nella letteratura sapienziale fratelli, ed è quindi ben !omano dal-
aperta ali 'influsso ellenistico 3 con rife- l'Éyxpa:t'E.La greco-ellenistica. Nell'elen-
rimento all'astinenza dalle dissolutezze co delle virtù in Gal. 5 ,2 3 5 la Éyxpci-
sessuali e di altro genere (Ecclus 18,30;
"t'ELCX. è contrapposta a 'ltopvEla, àxai>ap-
cfr. ep. Ar. 278), ma sempre nell'ambi-
to della concezione teistica: O"t'L ovx aÀ.- crlcx., <Ì<TÉÀ.)'E.La ... µÉÌ}aL, XWIJ.OL. Jn que-
À.wç fooµaL Éyxpa."t'i)ç Éàv µ-i) ò i}Eòç sto caso la parola è stata suggerita dal-
o@ (Sap. 8,21) 4 • In 4Mach. 5,34 - l'uso ellenistico e non è escluso che es-
ossia in un testo dalla spiccata impronta
ellenistica - leggiamo: cplÀ.11 ÉyxpcX.- sa rifleua una tendenza ascetica propria-
'tELa. mente intesa. Si pensi infatti a I Cor. 7,
Nel N.T. la famiglia di Éyxpcn- man- 9: El oÉ oùx Èyxpa-.Euov-.aL, yap.l')Cici'.-
ca affatto negli evangeli, e ciò è signi- 't'WO-av, dove Èyxpa"t'EVEcri>aL designa
ficativo soprattutto se si considera che l'astinenza sessuale, mentre nello stesso
in epoca successiva talune correnti cri· contesto al v. 5 àxpacrla indica espres-
stiane vollero vedere, p. es., nel Batti- samente l'istinto del sesso e il suo sod-
sta un campione dell 'tyxpa•E~a asceti- disfacimento. J,'Apostolo vuol preserva-
ca. Quando Paolo paragonandosi al lot- re I' 'uomo nuovo' da ogni contamina-
tatore scrive: 'lttiç ò àywvL~oµEvoç miv- zione sessuale, ivi compresi i rapporti
"t'CX. Èyxpa."t'EVE"t'aL (I Cor. 9, 2 5 ), non nuziali 6 ; perciò ammette il matrimonio

3 Certamente da una traduzione diversa da 4 èyxpa.-.i]c; designa quasi sempre colui che
quella dei LXX provengono le osservazioni ha in suo potere qualcosa. Ecclur 6,27; 15,r;
marginali del cod. M a Lev. 23,2r.28.29, dove Dan. r3,39.
€yxpa:rn.a. o Éyxpa:rw; corrispondono a 'p11, s cixpo:-.i)c; compare in 2 Tim. 3,1 in un ca-
frainteso evidentemente come s6m. Si tratta di talogo di vi:.:i, col significato di intemperante.
uno scambio che è forse an~r più facile nel Ai farisei Gesù rimprovera la ciY.po;.,.lo; (Mt.
caso cli trascrizioni (m;oµ in r Chr.4,29 e awµ 23 ,2 5), intesa non nella ristrcua acce7.ionc ses-
in ili 34,13). In Num. 6,5.18 sono attestati Èy- suale ma nel senso generico di intemperanza,
xp&.-.E~<X o Èyxpo:-.-i)c; come traduzione rispct· mancanza di freno. Cfr. SCl-11.ATT!iK, Komm.
tivameme di neder nizra e bannii:dr. Le parole Mt. 681, che ripnrta una serie di tcstimonian·
desi,gnano qui l'ascesi concepita come pio eser- ze tratte da Giuseppe.
cizio [BERTRAM]. 6 Cfr. DEU.ING spec. 66-74, 84-86.
.p ( 11,340) Èyw (E. StaulTcr) (11,341) 42

soltanto i'.vix µ'\Ì 1tnpèt.sn ùµti.c; ò crcx"t'a- i;fac; 7tovripti.c; (vis. 1 ,2,4). Èyxpa't'E~a:
vcic; Òt«X "t''Ì}v àxpMlm.i ùµwv. In com- H crm., vis. 2,3,2: crwr,n CTE ... fi 1tOÀ.À.'IÌ
Èyxpa't'Eta; 3,8,4: Ti oÈ ~"t'Épa (yvVÌ)),
plesso tuttavia è doveroso riconoscere
Ti 'ltEP~Er,wo-µÉvri xat ci.voptr_oµivlJ, 'Ey-
che l'astinenza in senso ascetico «è un xpci·ma xaÀ.Ei:'tat· a v't'l'} t>vyci't''l'}p É<T't'tv
concetto sostanzialmente estraneo a Pao- -.fjc; nlcrnwc;. Cfr. inoltre mand. 6,1,1;
lo» (Delling). Accenni all'ÉyxpchEta in- 8,1; sim.9,15,2. Èyxpa't'Etm1i}at : Herm.,
111a11d. 1,2; 8,II ss.; sim. 5,1,5.
tesa alla maniera greco-ellenistica come
una virtù si trovano in Aci. 24,25: Òta- Non è quindi senza significato che il
À.Eyoµivov OÈ av-roù 1tEpÌ. OLXCUOCTUV'l'}c; concetto di Èyxpci-.na, fondamentale
xaì. Éyxpa.-rElac;; inoltre 2 Petr. l ,6: Év per l'etica greca ed ellenistica, sia inve-
oÈ "t'U yvwcrEt TT}V Éyxp6.-.Eta.v, Év oÈ ve estraneo alla religione bi!;Jlica. In ef-
"tfj Èyxpanl~ -ri}v Ù1to1..1.ovi)v, e Tit . i , fetri l'ideale dell'autodominio, che ha
8: oEi:... "t'ÒV É7tlcrxo1tov dvat... Éyxpa- il suo posto in una morale autonoma, è
"''ii··· In questi scritti aperti all'innusso necessariamente lontano dall'uomo bi-
ellenistico comfacia ad affacciarsi quel- blico, per il quale la vita ha senso e va-
la teoria ellenistica delle virtù, che era lore soltanto in rapporto alla volontà e
destinata ad aliermarsi nel cristianesi- alla legge di Dio. Così ogni ricerca asce-
mo antico. tica e meritoria della perfezione e della
salvezza non ha ragion d'essere là dove
f: sintomatico a questo proposito si vede in ogni cosa un dono benigno
l'ampio uso della famiglia di Éyxpa't'- dcl Creatore e nella salvezza una grazia
ncl Pastore di Erma. Lo stesso Erma è
definito programmaticamente come ò Éy- di Cristo.
ypa"t'lÌc; ò èt.1tEPXéµEvoc; 1tacrric; È1ttl>v- w. GRUNDMANN
Éyxplvw ~ xplvw

t:yw
Il N.T. usa iyw in particolari formu- le costruite, alla maniera semitica, sen-

Éyw Per il pumo C:


Per i punti A e B: K. D1CK, Der scbrif tstellerische Plural bei
C. P. WETTER, «lch bi11 da.r J.icht der \Y/elt»: Pa11lus (1900).
Beitr. z. Rel.wiss. 1 (r913/J4 ) 166-2or. A.v. J IARNACK, Das « \\7in> in den Job. Schrif-
Jo., «lch bill es>>; ThStKr 88 (r9l5) 224·238. te11 (SAB) 192~, 96-113.
1D., Altchristliche Liturgie11, 1, Das chrisd. My- E.v. DonsCHOTZ, \Vir u. !eh bei Paulus:ZSTh
srerium (r92r ) u6ss., 145 ss. IO (1 932) 25r-277.
K. Z1cKE="DRA11T, 'Eyw d1.tL: ThStKr 94 ( 1922) W. G. Ki.iMMEL, l<éimer ì und die Bekehrung
162· J68. des Paulus ( 1929 ).
K ll'TE L, Probleme 6 2. R. BVLTMANN, Romer 7 und die Anthropolo·
E. L. D1CTR1C11, Das Selbstbew11sstsei11 der gie des Paulus, in I mago Dei, festschr. f. G.
T?.abbin <'ll ( Ì\fa noscri no). KROG rR ( 1932) 53-62.
43 (u,341) Èyw (E. Stauffer) (11,341) 44

za copula 1, ma soprattutto nel caso di chie dozzine di volte il pronome 'io' 6 •


affermazioni solenni 2 e tutte le volte Lo stesso insistente 'io' si trova pure
che il soggetto di prima persona deve nella rivelazione di Ahura Mazda riferi-
essere posto in speciale risalto per di- ta nell'Avesta: «lo sono il guardiano;
stinguerlo 3 da altri soggetti o contrap- io sono il creatore e il protettore ... io
porlo ad essi 4 • Sempre nel N.T. Eyw mi chiamo il salvatore ... » 7 • Attraverso
acquista poi un significato religioso in i secoli questo stile - nel quale vengo-
tre casi: anzitutto: a. quando vien po- no enumerate ora le qualità degli dèi,
sto in bocca a Dio stesso, come avviene ora le loro gesta, ora alternatamente en-
soprattutto nell'Apocalisse; b. nelle so- trambe le cose - si è imposto nell'uso
lenni testimonianze rese dal Cristo alla liturgico di tutto il medio ori.ente. Nel
propria missione, specialmente nell'e- mondo ellenistico è soprattutto Iside
vangelo di Giovanni; infine c. nelle af- che si attribuisce i predicati che ricorro-
fermazioni del cristiano circa la propria no di solito nell'innodia: «Io sono Isi-
persona (fra queste richiede una spie- de ... io sono la più anziana figlia di Cro-
gazione soprattutto l' hw di Rom. 7). no ... io separai la terra dal cielo...» 8•
Possiamo quindi parlare di un Èyw teo- L'inno cumano di Iside presenta nella
logico, cristologico e antropologico. sua sezione principale ventotto versi di
uguale lunghezza che cominciano con un
Èyw (Elµ~) 9 •
A. L'Eyw TEOLOGICO

1. L''io' delle divinità nell'antico orien- È evidente che con siffatte rivelazio-
te e nell'ellenismo ni in prima persona la divinità - una
delle tante - vuole anzitutto presen-
L'uso enfatico della prima persona tarsi a chi legge o ascolta. È inevitabile
contrassegna caratteristicamente le rive- d'altronde che la presentazione si tra-
lazioni delle divinità dell'antico oriente, sformi in autoglorifìcazione; la divinità
come quella di !Star che sta al centro di infatti si arroga particolari attributi con-
una liturgia babilonese 5• Jn un papiro testandoli ad altri dèi, ossia si presenta
incantatorio egiziano Ra, il signore del- come quella che più di ogni altra può
l'universo, così racconta la storia della esigere onori dall'uomo e promettergli
creazione e la distruzione del drago pri- aiuto. Perciò in uÌlirna analisi queste ri-
migenio: «Sono io che sorsi come He- velazioni divine, pur proiettandosi su
peri ... lo creai ... io annichilai .. .» e con- uno sfondo politeistico, sono tenden-
tinua su questo rono , ripetendo parec- zialmente monoteistiche o monolatriche.

U. HotZM EIST ER, De «plurali categoriae» in 5 Cfr. A. UNGNAD, Die Relip,ion d er Dabylonier
No1Jo T estamento et a Patribu.r adhibito: Bi- und Assyrer ( 19u) 200 ss.
blica I4 (1933) 68-95. 6 Cfr. AOT l ss ..
1 YaI:t r,12 ss. in H. LoMMEL, Die Yasts des
1 Apoc. 22,13: Éyw ò 1tpw-.oç xa~ ò ifoxcx-.oç, Avesta (1927) 15; cfr. anche Yast r ,7; 10,1.
cfr. Js. 44,6. 8 DE1SSMANN L.0.' ro8 ss., dove son riportati
2 Io. 8,12: f:yw Elµ~ -.ò q>Wç "TOV x6crµou. testi analoghi di Diodoro r ,27; PREISENDANZ,
3 Gal. 2, 20: r,w o€ oùxi-t~ trw; Le. 22,32: Zaub. v (London) 145 ss. ccc. ,
Èyw OÈ ÈoEfilhiv; Ml. 2 l ,27 : cuoÈ Èyw. 9 W.Pi;i::K, Der Jsishymnus 1JOn A11dros(1930)
4 Per quanto concerne l'uso linguistico e le 122 ss.; inoltre r5 ss. (v. 7.26.92.97.158). Vedi
caratteristiche morfologiche e sintattiche cfr. anche, dello stesso, Der Isishymn.us von An-
PREUSCIIF.N-BAUF.R . dros, Antike 6 (1930) 3i5 ss.
45 (n,34z) Éyw (E. Staufier)

2. L''io' delle rivelazioni divine nell'A. sto nel Deuteroisaia le parole di Dio
T. e nel giudaismo ellenistico hanno un carattere spiccatamente dina-
mico 14, ossia trat tano assai poco di ciò
L'affermazione solenne dell'io assu- che è e molto invece di ciò che accade15 •
me naturalmente un valore tutto parti- Ma anche nei confronti dell'uomo Dio
colare sulla bocca del vero e unico Dio è soggetto assoluto. Infatti ciò che l'uo-
che si rivela in Israele. Ciò che nell'am- mo è, lo è sempre in rapporto a Dio 16 •
bito del politeismo era soltanto una Egli è perduto se Dio lo condanna, ed
tendenza diventa qui realtà piena e
è puro se Dio lo monda: «sono io
assoluta. che cancello le tue colpe e non tengo
Cosl il senso ultimo del nome d i Dio
conto dei tuoi peccati» (ls.43,25). Nep-
jhwh viene definito con la monumenta- pure nell'atto di riconoscere Dio l'uo-
le perifrasi «lo sono colui che sono»
mo può dirsi sogget to attivo, giacché
(Ex. 3,1 4 ). I dieci comandamenti sono
Dio è conoscibile solo in quanto egli
introdotti da un 'iinoki che pretende per
stesso si rivela, ossia si dà a conoscere
sé ogni onore cd esclude qualsiasi altro
(Is. 41,21 ss.).
culto: «Poiché io Jahvé, tuo Dio, sono
un Dio geloso» 10• La stessa tendenza L'apocalittica giudaica continua per
esclusiva risulta ancor più netta dalla questo rispetto la tradizione dell 'A.T.:
grande rivelazione di Deut. 32, 39 ss.: «lo voglio recare in piena luce coloro
«Riconoscete che soltanto io sono e non che hanno amato il mio santo nome. lo
vi è nessun Dio accanto a me ... e nessu- colloco ognuno <li essi sul suo seggio
no che possa salvare dalla mia mano ... onorifico» 17 • I racconti delle teofanie
Io ... Io... lo ... lo ... Io ... ». Questo stile amano far parlare Dio in prima perso-
trova la più larga e matura applicazone na: «Io sono il Dio di tuo padre Abra-
nel Deuteroisaia, dove l'Èyw divino si mo... lo sono con te ... Io ti benedirò»
carica di un profondo significato teolo- (lub. 24,22). Ma più che altrove l'io del-
gico; indica cioè che Dio è il soggetto la divinità campeggia nell'Apocalisse di
assoluto, cli fronte al quale ogni altra Abramo: «Io sono prima degli eoni e
realtà costituisce l'oggetto e quindi in- sono un Dio potente ... lo sono il tuo
compatibile con un altro soggetto equi- scudo e il tuo aiuto» 18• Qui sono chia-
valente, con un altro Dio 11 • Il soggetto ramente riconoscibili i due elementi
assoluto ha posto a sé il mondo come che connotano l'apocalittica giudaica, os-
oggetto 12 ed ha quindi potere su di es- sia la tradizione israelitica e l'influsso
so. La sua volontà è illimitata e assolu- orientale.
tamente libera. A lui spettano la prima
e l' ultima parola 11 • Ma l'onnipotenza 3. L' tyw di Dio nel N.T.
dell'essere e della volontà di Dio si ma-
nifesta nel suo agire incessante. Per que- Come abbiamo visto, l' Èyt0 che fa

JO Ex. 20,2 ss. Cfr. il discorso in prima perso- accenna soltanto nel preambolo alla n:irura di
n a del re che apre il codi ce di l Iammurnbi ~ D io e prosegue poi cnumernndo le opere che
n. 26. egli ha compiute ru.:1 p:issaro e compirà nel
11 Is. 45,5.23; dr. 4 3,r1; 44,6. futu ro.
12 Is. 44,24; cfr. 43,13. l6 I s. -1 • ,+9 ss.; .p,6.
13 ls. 44,24; 4 8,12. 17 I L·.01. aeth. 108,~1. Cfr. il grande discorso in
14 Is. 41 ,25 .27; 43,t ss. 15 ss. prima persona Ji I lc11. l.·l'br. 48 C.
1s Anche la ~rande pc.:ricopc di Deut. p.\9 ss. 18 Apoc. Abmbam (BoNWIZTSCll [ 189ì)) 9.
47 (H,342) Èyw (E. Srauffer)

spicco nelle rivelazioni d ivine dell'A .T. esse confermano la predilezione comu-
e del giudaismo significa in ultima ana- ne a tutto lo stile apocalittico pet l'uso
lisi che Dio è il soggetto assoluto. Il enfatico e solenne dell''io'23 • Anche nel-
N.T . accoglie questa concezione, ma ra- l'Apocalisse però, come in tutto il N.T.,
ramente, e quasi sempre in citazio ni, dà le rivelazioni del Cristo prevalgono net-
la parola all' 'io' divino. In Rom.1 4,n tamente su quelle di D io; perciò soltan-
Paolo riprende da Is. 4 5, 23 il giura- to nelle prime I' hw acquista tt1tta la
mento di D io e ripete da Deut. 32 - pienezza del suo significato.
aggiungendovi un €-yw - l'affermazio-
ne che soltanto a D io compete il diritto B. L' ÈyW CRISTOLOGICO
alla vendetta 19• I passi dell' A. T. nei
quali Dio proclama il re figlio suo in 1. L' 'io' regale e soteriologico nell'anti·
co oriente e nell'ellenismo
senso adottivo vengono spesso citati e
riferiti alla figliolanza divina del Cri- Già nell'antico oriente l'uso enfati-
co dell' ' io' è comune in bocca nQo sol-
sto 20 • L ' Apocalisse, rifacendosi all'in- tanto degli dèi, ma anche dei te, dei
terpretazione del nome di D io data in pretesi salvatori e dei profeti. Cosl si
Ex. 3,14 ('Ey<;,,... ò wv), amplia il pre· esprime Echnaton nel suo inno ~l sole:
«Tu sei nel mio cuore. Nessun altro ti
sente atemporale della definizione ori-
conosce all'infuori di tuo figlio Echna-
ginaria con due altre indicazioni concer· ton. Tu lo hai iniziato ai tuoi disegni e
nenti il passato e il futuro, secondo la alla tua potenza» 24 • Mentre però nei do-
tripartizione tipica della cronologia ira- cumenti egiziani il Faraone parla o fa
25
parlare di sé in terza personil , nelle
nica: ò wv x.a.t 6 rjv x.at 6 ÈpxoµEvoç iscrizioni auliche dei paesi mesopotami·
(Apoc. x,8) 21 • Oltre a questa si trovano ci predomina invece, come nelle rivela-
poi formule bipartite in cui riecheggia- zioni degli dèi, l 'uso della prirna perso-
na. All'inizio del suo codice Haftlmura-
no testi, come I s. 44,6 e passim 21 : Èy<;.i
bi annunzia: «lo sono Hamrnutabi, il
ElµL ,..ò <D. cpa. xa.t -rò w,
ii à.pxi) xa.t "tÒ pastore, il chiamato da Enlil... il prin-
26
"tÉÀ.oç (~A n 1 coll. r ss.; ~ dµl); cipe dei sovrani che sottomisi ... ». Non

19 tµot hOlX'i'J(l'it;, Éyw cbrra-::oowcrw, Rom. si in cui campeggia l'Éyw di Dio è attestata
12,9, ricalcato su Deut.3:z,35 . Cfr. Hebr.10,30. daUa continuazione di 21 ,6: Èyw -r4> ~~\jlwv-.~
20 Ps. 2,7 è citato in Act. J 3,33 e Hebr. 5,5. ow<rw che trasferisce in prima person'l un di·
Insieme con .2 Sam. 7,14 in Hebr. 1,5. scorso di Dio riferito dal Deuterois;1ia; cfr.
21 La stessa formula, senza tyw, si trova in l, Is. 55,I.
4; 4,8; pii1 concisa in IJ ,17. Per lo sviluppo 24 AOT r8.
della cronologia tripartita cfr. Gatha (ed. OiR. 25 Cfr. AOT 80 ss. con .339 ss.
BARTHOLOMAE (1905)) 2,4; 6 ,10; ro,7. Yasna 26 AOT 38! ss. Altre testimonianze in S. Mo-
39,2 e pttssim; Yast 13,154 (F. WoLFF, Ave· WINCKllL, Die vorderasiatischen Konìgs- und
sta [1910 l). Fiirsteninscbriften, in: Eucharisterion fi.ir H.
22 La formula «ll primo e l'ultimo» ricorre Gunkel (1923) 1 278 ss. Inoltre W. BAUM-
anche nei Gatha; dr. 4 ,8, 9,3 ss. GARTNc R, Zur Form der assyr. Konigsinschrif-
~3 La predilezione dc!l 'Apoc,1lisse pl'r i discor· ten: OLZ 27 ( 1924) 313ss.
Èyw (E. Srauffer)

diverso è lo stile in cui s1 esprimono i ri e competitori affermanJo chiassosa-


re persiani e i loro successori: «lo, Ci- mente il proprjo io. Ad essi facevano
ro, il re dell'universo». lo questo caso eco i ciurmadori, e così uno stile antico
però la solenne affermazione dell'io non e consacrato scadeva a frasario di co-
è intonata a un proposito di autoglori- modo e a strumento indegno per acca-
ficazione, come accade invece costante- lappiare le anime in mezzo alla perples-
mente nelle iscrizioni assire, bensì alla sità del volgo e allo scherno dei dotti, co-
consapevolezza, umile e fiera insieme, me dice Celso quando accenna occasio-
dell~ propria missione che ricorda Ech- nalmente a forme siffatte di propaganda:
na ton. È stato l'unico Dio, Ahura Maz- 'Eyw olJEoc; E̵~ (tì i}Eov 7tCt~c; 1ì 'ltVEU-
da, che ha affidato a Dario il compito µa. iki:ov) .. . lyw oÈ crwcra.~ ih'. 4.> x.a.1.
di recare ordine e prosperità ai popoli. èhjJECTi)É µE a.ui}Lç µE't'' oùpa.vlou ovv&.-
Dario è consapevole di agire in nome µEwc; btetv~év•cx.32 • È evidente in queste
delllt divinità e può quindi usare il suo affermazioni l'influsso di motivi pecu-
stesso linguaggio 27 • liarmente cristiani; l'uso enfatico di Èyw
I ll epoca ellenistica i diadochi conti- è però antico e generale.
nuaJlO la tradizione stilistica delle iscri-
zioni regali 28 • Ma soprattutto Éyw (ElµL) 2. L'io degli inviati dalla divinità nel-
diventa la parola d'ordine degli scritti l'A.T. e nel giudaismo
e dei discorsi di propaganda religiosa,
il pretenzioso richiamo degli innumere- a) L'uso enfatico della prima persona,
voli 'salvatori' e incantatori. Rifacendo- che contraddistingue Je iscrizioni auli-
si allo stile delle rivelazioni divine il che dell'Asia anteriore, ha fatto scuola
Corpus Hermeticum scrive: -rò <pwc; anche nell'A.T. Esprimendosi in questo
ÉXE~vo, Eq>t], Éyw ElµL vovc; ò cròc; ltE6c;, stile Neemia enumera minutamente tut-
0 ~pò ~vcrEwc; Ùyp~c; •~e; Èx crx6-rovc; ti i benefici da lui arrecati al popolo
q>a.vElcrnc; 29• Con accenti più personali eletto ·13, e ciò in ultima analisi al fine di
si esprime il redentore dei Ivfandei: ricordare a Dio stesso le sue beneme-
«lo sono l'inviato della luce ... io so- renze e assicurarsi così la sua misericor-
no il vero inviato, l'inviato della vi- dia 34 • L'ebraismo non ammette però
ta ...» 30 • I riflessi di questo stile giun- che un uomo si proclami Di.o e Signo.
gono fino al Corano 31• Si badi che di- re: ciò costituisce infatti un oltraggio
scorsi di questo genere venivano non blasfemo all'unico Dio. Il re di Tiro,
soltanto scritti, ma spesso anche pro- dimenricando di essere soltanto uno
nunciati. Tutti i profeti da strapazzo e strumento di Dio, proclama orgogliosa-
i predicatori delle innumerevoli sette mente: «lo sono Dio e seggo sul trono
cercavano di oscurare i loro predecesso- di Dio in mezzo al mare» 35 ; Pompeo

21 F. II. WE1SS8AC..:H, Die Keilinschri/ten der ss.).


Achiimeniden (19n} 3,n ss., 89,125 ss. An- 31 E. NORDEN, Agnostos Theos (1913) r9r.
che il Mowinckcl sottolinea la fisionomia par- 32 Orig., Cels. 7,8 s .; cfr. NoRDFcN, Agnostos
ticolare delle iscrizioni degli Achcmenidi , op. Theos 188 ss. ~ n. 52.
cit. (~n.26) 281,32os.
33 Per Neh.13,8.35 cfr.Is.63,5s. e MowINCKEL
28 Cfr. l'iscrizione di Antioco in \'{fe1sssACH
op. cit.
op. cit. <-
n. 26) 297 ss.
29 poimandres (Parthey [ i854]) r ,6; cfr. 5;1 r. 34 Neh. 5,19; 13,14.2;z.3T.
30 LmrnARSKI, Ginza R. 64 s . ( p ..58 s.). 255 35 Ez. 28,2.9; Caverna del tesoro siriaca 35,
(p. z55 ) 275 ss. (p. 273 ss.); L. 38 ss. (p. 454 27; dr. Dan. 5,20 ; Is. 47,7 s. 10.
51 (11,344) lyw (E. Stauffer) (u,344) 52

cova quest0 pensiero: «Io sono il Si- rivelazioni della sapienza celeste. Prov.
gnore della terra e del mare» 36 • Dio 8; «Ascoltate che io voglio parlare ... chi
non fa tardare la sua risposta alla loro trova me trova la vita ... !». Ma come al
presunzione e dimostra con una terri- profeta succede lo pseudoprofeta e al
bile catastrofe che essi sono soltanto sovrano per grazia di Dio l'autocrate,
poveri uomini. Il giudaismo alessandri- cosl alla sapienza si oppone la stoltezza
no trasferisce compiutamente sul piano che ne imita lo stile e ne stravolge il
dell'etica anche la glorificazione orien- messaggio nel suo contrario (Prov. 9AS·
tale dei sovrani e dà quindi un conte- r6 s.). Lo stesso linguaggio della sa-
nuto nuovo alle forme tradizionali 37 . pienza ritorna nell'Ecclesiastico: Èyw
La consapevolezza di parlare e agire cbtò O""téµa.·m:; ù\j;la-..ou É~fjMov ... Éyw
in nome e per incarico della divinità ... Éyw ... (24,3 ss.) e nelle sincretistiche
trova la sua espressione più schietta e Odi di Salomone: «Voi, fìgli degli uo-
potente nei profeti e specialmente nelle mini, convertitevi e voi, figlie, venite ...
parole <lel Servo di Jahvé del Deutero- e rivolgetevi a me ... Io voglio rendervi
isaia. Allo stesso modo in cui Dio si ri- saggi sulle vie della verità», dove affio-
volge all'uomo dicendogli: «Ascoltami, rano però anche motivi gnostici: «lo
Giacobbe» (ls-48,12), così il Servo lan- sono diventato forte e potente e ho ri-
cia il suo richiamo: «Ascoltatemi, o iso- dotto il mondo in mio potere» 42 •
le, obbeditemi, o popoli» 38 • Qui l'io del Ma non soltanto la sapienza celeste
profeta esprime non la sua coscienza si rivolge in questo modo all'uomo. Lo
individuale, bensì la consapevolezza di stesso linguaggio parlano anche gli an-
parlare per diretta ispirazione di Dio: geli e gli altri messaggeri sovrumani
«lo spirito del Signore Jahvé riposa su della divinità. Cos1 in 4 Esdr. l'angelo
di mc» (ls. 61,1 s.). Tale consapevolezza non parla soltanto in nome di Dio, ma
diventa però sempre più rara in epoca talvolta impersonandosi addirittura in
successiva. Al posto del profeta investi- lui (7,6os.) . Nell'Apocalisse di Abramo,
to direttamente da Dio di un'autorità che anche in ciò conferma la sua predi-
assoluta, subentra allora l'apocalittico, lezione per l'uso enfatico della prima
il cui ufficio è soprattutto quello di an- persona, l'angelo si presenta con queste
nunziare le rivelazioni occulte di Dio 39 , parole: «lo sono Giaele ... io sono colui
mentre all'io profetico in cui si esprime che ha avuto l'ordine ... io ... io ... sono
l'io stesso di Jahvé succede l'autoritario stato mandato a te... » 43 • Dal canto suo
'Eyw 6.a.wi}À.40 che si irrigidisce poi in il Testamento di Abramo fa dire alla
una formula indeclinabile: opa.cnc; w<pih1 morte: Éyw Elµi. 't'Ò mxpòv ovoµa.· hw
1tpòc; µi , hw l:l.a.vvr1À. 41 • <:tµi. xÀ.a.ui>µ6c; ... 44

b) Frattanto però lo stile del Deute- e) L'uso solenne del pronome di pri-
roisaia viene ripreso e continuato nelle ma persona si mantiene ancora negli

3(i Ps. Sal. 2,33; cfr.


2 Macb. 9,8; Aci. '2 , 2 es. gnore».
37 Cfr. lo specchio dei prlncipi nella lettera di 40 Dan. (Theod.) 7,28; 7,15 8,5. Cfr. Bar. syr.
Arist<:::i, inoltre W. Wi;aER, Herm.: 50 Cr9r5} 13,r ecc.
47-92; Io. Der Prophet und sein Gott (19 25) 41 Da11. 8,r (Theod.).
42 O. Sai. 33,6 ss.; l0,4; cfr. Ode 8 s. e 42.
88, r55.
38 49,1 ss.; cfr. 50.4 ss. 43 Apoc. llbr. (BONWETSCI!) ro.
39 Hen . slav.39,2: «Ormai... non vi ammaestro 44 Test. Abr. q. M. R. ]AMeS, T exts and Stu-
più con la mia bocca, ma con quella del Si- dics u 2(1892) 118.
53 (11,344 ) lyw (E. Srauffer) (11,345) 54

scritti del tardo giudaismo e in bocca Èa.v•Òv µÉyav (Act. 8,9 s.). La stessa
non solo dei personaggi celesti ma an- forma schematica in cu i gli Atti degli
che dei vari capi religiosi che in terra e Apostoli accennano a fenomeni siffatti
sul suolo stesso della Palestina si senti- è un indice della lo ro frequenza. A ciò
vano o si spacciavano come inviati da fa riscontro l'uso frequente di formule
Dio. Certo qui non si dà mai il caso, come: <rÙ -.le; e:l; 47 da cui traspare lo
cosl frequente invece presso i pagani, smarrimento prodotto da lutto questo
di uomini che si autoproclamano ikoc; o pullulare di profeti e pseudoprofeti, in-
xupLO<; 45• Piuttosto si nota una ripresa viati messianici e falsi messia (cfr. Mc.
dello stile dci libri sapienziali, come 6,14 ss. e passim). Il popolo si accodava
quando il Maestro di Damasco si vol- ora a questo ora a quello, mentre le cer-
ge in questi termini ai suoi seguaci: chie apocalittiche passavano di speran-
«Ascoltatem i, o figli, io voglio aprirvi za in speranza e di delusione in delu-
gli occhi in modo che vediate»46 • Di Gio- sione.
vanni Battista, che per molti rispetti si
avvicina al Maestro di Damasco, i sinot- d) Estranea a tutto c10 ,si mantiene
tici riferiscono soltanto l'affermazione invece la sinagoga 48 • I rabbini infatti,
restrit tiva Éyw È(3lX:1t"tLO'IX VÒG."tL; non pur manifestando spesso un alto senso
diverso è peraltro il significato della di- dcl proprio ufficio 49, non ricorrono mai
chiarazione, sempre con Èyw ma in for- a quell'ostentazione verbale del!' 'io' che
ma negativa: Éyw oùx Elµt ò XpL<r<oç essi consideravano con sospetto sulla
(Io. r,20 s.; 3,28), che si presuppone bocca degli innumerevoli profetucoli e
nota anche in Act. r3 ,25 . L'Èyw di Io. pseudomessia 50 (significativo è in pro-
1,2 3 rappresenta evidentemente una sti- posito il tono distaccato e l'atteggia-
lizzazione 'giovannea', ma esprime in mento prudente di Gamaliele in Act .5 ,
ultima analisi lo stesso atteggiame nto 36 s.) 51 e nella cui presunzione vera o
che si riflette ne lle altre affermazioni in apparente essi ravvisavano in molti casi
prima persona del Battista, ossia è un un oltraggio hlasfcmo all 'unico Dio. La
invito a guardare oltre la sua persona. sressa cristologia degli evangeli era con-
Di Teuda invece la tradi7.ione riferisce siderata da quasi tutti i rabbini come
che magnificava la propria persona ÀÉ- una fra le tanre e resie pagane: «Se un
ywv dva.l "tLVa. Èa.v-.6v, e di Simon Ma- uomo dice: 'Io sono Dio' egli mente;
go che si faceva onorare come la ~ 'Io sono il figlio dell'uomo', egli se ne
OUVCXµLç "tOV i>EOV TJ xaÀovp.ÉVTJ 1) µE- pentirà; 'Io ascendo al ciclo', non potrà
y6.À:l') e annunziava anch'egli Elva.l ·nva. farlo» 52 •

4; Cfr. cz.28 ,2 e 2 Tbess. 2,4: 4ucs r:i blasfe- ;. Sa11h. r8 i1: «Tu sci di fro nte a Colui che
ma presunzione sarà propria dell'Anticristo. parlò, e il mondo fu». Il Dr ETR!CH, op. m.,
46 Damasc. 2,14 (STAEl!K). richiama la tradizione di Taan. 23 a, secondo
47
Io. r,r9 ss.; 8,25; Act. 2c,38; Mc.14,6r; in- la quale le parole di lob .22,28 ss. concernenti
direttamente traspare anche da Mc. 8,27 ss.; le opere dì Dio furono riferite al grande oran·
I J ,27 SS. te Honi, che definiva se stesso un 'familiare
48 Cfr. STRACK-B l LLt::RBECK Il 542 ; E. L. DtE· d i Dio' (Taan. 3,8 ).
TRICH, Das Sebstbewusstsein dcr Rahbi11cn so Così D1u111c11, op. cit.
(dissertazione manoscritta). 51 Lo stcsso atteggiamen to scettico nei con-

49 Apoftegmi come quello di Hen. slav. 39,2 fronti <ld Battista e di Gesù in Mc. n ,27 ss.
-+ n . 39 sono tramandati in forma analoga da 52 j . Taan. 2,t in H.L. STRACr.:, f esus, die Hii-
Simon b. Shatah e Rabhi Akibà, Sanh. 19 a, retiker 1111 dic Christen ( 19 10) 37* ; STRACK-
55 (11,3.ul iyw (E. S1auffc r)

3. L' Èyw di Gesù nei sinottici sione. GesL1 è il preconizzato e atteso


Messia, che in vìrtù del potere sovrano
Nei sinottici Gesù usa l'Èyw enfatico conferitogli da Dio 56, lancia al suo po-
piuttosto raramente e cioè quando pro- polo un messaggio di sa.lvezza. Perciò
ferisce in tono solenne promesse e co- soltanto l'tyw dà valore alla sua parola.
mandi con l'autorità incomparabìle che Nel ringraziamento al Padre Gesù
gli deriva dalla sua divina missione ·u. stesso definisce la divinità e l'universa-
Indirettamente l'Èyw si trova pure nel lità J ella sua missione, Le. 10,22: 7tciv-
'discorso di presentazione' di Le. 4,18, i:a µoL na..pEù6ì}'I') vnò i:ov m:x.i:poç µov 57.
che si riallaccia a ls. 6r, mentre è as- Egli è sulla terra come l'unico e le-
sente per es. dalla formula messiani- gittimo vicario di Dio, dal quale deriva
ca54 1]À1'ov n)..T)pwcrcu, ecc.55• L'uso del- ogni suo potere 58 ; come l'intermedia-
l' 'io' assume quindi un particolare ri- rio di ogni operazione divina e quindi
salto in tre casi: nel discorso del mon- anche della rivelazione; come il sogget-
te, nel ringraziamento gioioso di Le. 1 o, to che si presenta in uno specialissimo
22 e nel richiamo agli 'affaticati e stan- rapporto personale con il soggetto as-
(;hi'. Per ben cinque volce ritorna in :;uluto; come il Figlio che soltanto il
Mt. 5, 22 ss . il drastico Èyw ÒÈ À€yw Padre conosce e che solo è in grado di
vµi:v, che contrapponendosi a «ciò che conoscere il Padre. Non vi può quindi
fu detto agli antichi» e superandolo essere conoscenza di Dio se non attra-
inaugura un 'epoca nuova nella storia verso il Figlio.
della religone e dell'etica. Questo «ma A questa pericope, da cui risulta so-
io vi dico» non intende in alcun modo prattutto il rapporto che lega il Padre
riproporre antiche verità e neppure lo al Figlio, fa seguico direttamente nell'e·
si può considerare soltanto come un vangelo di Matteo un tichiamo, esem-
progresso nell'interminabile cammino plaro sul.lo stile dei libri sapienziali, ai
dell'umanità verso una mèta ideale di sofferenti e agli oppressi; richiamo che
perfezione. Il comandamento di Gesù delinea il rapporto rra i1 Figlio e gli uo-
è in timamente connesso con la sua per- mini: OEV'tE np6ç µE ... 59 . L'tyw che in
sona e con la legittimtà della sua rnis- questo mor,do rappresenta vicariamen-

BrLLERBECK 1 486. Cfr. STRACK-Br Lt.ERBECK n d iscorso dcl monte: Mt. 7,28 s.
465; J. KLAUSNER, Die mess. Vorstell. d. ji.id. 57 Cfr. ML. 28,18 b.
Vo/kes im Z eitalter d. Tannaiten ( 1904) ~ ss A risco ntro di Le. ro,n vedi l'in no al sole
n . 32. di Echnawn ~ n. 24. Altre attestazioni tro-
53 Aie. 9, 25 ; 14,58. I passi paralleli hanno verai in E. NORDEN, A gnostos Theos 277 ss.;
o gnuno una s tru ttura divcxsa. I I. S c Ji uM,\ CllER, Die Selbstoffenbarung ]esu
54 Or. Le. 7,20. bei Mt. Ir , 27 ( 1912) ~ vt6ç.
55 Mt. 5 ,17 ; 9 ,r3; ro,34 s. .;9 Alt. [) , 28 ~:;. Cfr. l s. 55,1 ss.; Ecclus :)C,I s.
~ Un 'eco di ciò è nei commenti del popolo al 2 ; ss. ; 1 s,.; ~- ! . ~1' :<s e i p~ss i pa r:1llcli J ei
Èyw (E. Stauffer) (11,347) .58

te Dio e dischiude l'accesso a lui diven- ÉÒE1}ih1v 1tEpÌ. <rov (Lc.22,32), e soprat-
ta naturalmente il polo d'attrazione dci tutto è lo stesso che può dire ai disce-
xomwv't'Eç xa.t 1tE<pop·rn:rp.ÉvoL. E come poli: Ò Ò:xouwv vµ.wv ɵov aXOVEL, xa.t
ncll'A.T. Dio stesso è il modello supre- Ò ò:i}E't'WV Ùp..<iç ÉµÈ ò:i}E'"tE~· Ò ÒÈ Èµ€
mo che l'uomo deve imitare, così ora in ò:l>e:-.c7>v ò:i}E't'E~ -.òv Ò:1tOO"'"tELÀa.v-tcX. µE60.
vece sua il Figlio può dire: p.ci.ih:n Gli apostoli (~ Ò:1tO(f't'OÀoç) sono quin-
à:.1t' ɵov. 11 Cristo del N.T. ha spode- di i vicari di Cdsto 61 , come Cristo è
stato non pure la (focpla., ma anche tut- vicario di Dio. In questo senso - ossia
te le potenze intermedie fra l'uomo e per il mondo - Cristo 'è' Dio e l'apo-
Dio ammesse dalla teologia giudaica, stolo 'è' Cristo. Negli stessi termini si
contraendo in sé le loro funzioni. Nel configura il rapporto fra Gesù e i 'mi-
suo Éyw si intersecano quindi tutte le nimi' 62 con la differenza però che esso
direttrici del cosmo e della storia. Egli non implica l'attuazione di un disegno
si colloca al centro dei tempi e al cen- divino, bensì l'iniziativa umana di soc-
tro della distanza che separa Dio e il correre altri uomini. Gesù si presenta a
mondo. noi nelle vesti del debole - la strada
Questa funzione mediatrice risulta di Dio che egli percorre e ci addita non
nettamente da quei passi dei sinottici conduce infatti all'affermazione dei po-
che inseriscono l'iyw di Cristo in un tenti, ma alla salvezza degli umili - e
rapporco reciproco e quasi commutati- invoca il nostro aiuto; perciò tutto quel-
vo, da una p:irtc con Dio e dall'altra lo che si fa ai reietti e :ii bisognosi è
con una particolare cerchia Ji uomini. fatto al Cristo e quindi a Dio. Al cen-
Nella sua direzione attiva questo rap- tro, comunque, sta sempre Cristo, il suo
porto parte da Dio e attraverso Gesù Èyw, il suo ovoµa. <•J. Egli è stato collo-
raggiunge i discepoli; nella direzione cato da Dio come il punto di riferimen-
passiva risale invece dai 'minimi' del to di tutti i tempi e di tutti gli itine-
mondo a Gesù e al Padre. Il Gesti che rari dell'umanità. In lui si dividono gli
invia con I' Éyw della sua onnipotenza spiriti e i destini degli uomini. Possia-
i discepoli (Mt.10,r6; dr. Lc.24,49) g:i- mo quindi concludere che nella pre-
rantendo loro la sua assistenza ( ~òoù gnanza del!' Éyw Gesù postula il rico-
hw p.d7'ùµwv , Mt. 28,20), è lo stesso noscimento dell:i sua missione incom-
che in terccde per loro presso Dio: Éyw parabile e della sua autorità assoluta.

Proverbi e ùclle Odi di Salomon'· citati ~opra 6l "tÒovoµci: µou si trova preceduto da rl; in
-+ col. 52. Mt. 18,20, da oui:. in Mc. 13,13, da EVEXEV in
60 Le. 1 o, r6 dr. J\lt. ro40. Le. 2r,n, da E1tl in Ml. 18,5, da tv in Mc. 9,
6! Cfr. 2 Cor. .5,20. .p: Év òvòµa:d 1iou, O't~ XptO"'tOV Eu'tE.
(>2 M c. ~),)l p:tr., cfr. /11/. rOri2 ; 25.,1 "· ,
.59 (11,347) Èyw (E. Stauffcr) (11,347) 6o

4. L' Èyw del Cristo giovanneo mula più concisa che esprime, in bocca
a Gesù, la consapevolezza della propria
Nell'evangelo di Giovanni, che acco-
missione. Èyw yàp Èx ~e:ov È~ijÀ.l>ov
glie e sviluppa in tutti i suoi aspetti la
xa.t fixw· ovoÈ yàp &.n'ɵa:v"tou ÈÀ.fiÀ.u-
cristologia dei sinottici 64, l'uso enfatico
i}a, &.).).' ÈXELVoç µE CÌ7tÉo''"tELÀEV 67 • Il
dcli' Éyw connota stilisticamente il filo-
Padre è 'con' me, O'"t~ Èyw "t<Ì cipe:cr-.à
ne maggiore del kcrygma di Gesù, quel-
a:Ù'"t@ no~w 7tci.V"tO-.E. Il Padre è 'in'
lo cioè in cui egli si rivela come Figlio
me xà.yw Év 7ta."tpl 68 • Tutta la sua ope-
di Dio. Spesso l' Èyw è necessario per
ra si risolve quindi nell'attuazione della
far risaltare un contrasto, talvolta inve-
volontà e dcl disegno di Dio nel mondo
ce è chiaramente supcrRuo; sempre, co-
degli uomini . Perciò egli può dire : «Chi
munque, dà alle parole di Gesù un lO-
vede me, vede il Padre» e, con una sin-
no solenne e liturgico 65• Così per es.
tesi suprema e conclusiva: Èyw xa.t ò
quando il Figlio dell'uomo afferma: EÌ.ç
na.'"tTJP EV ÈCTµEv ( 10,30 ). L'espressione
xplp.a Èyw Elç -.òv x6o-µov -.oihov i'jÀ.-
più densa e sublime di questa unione
i}ov 66 , ~va o~ µT) S).inov·m; SÀ.ÉTCWO'W
col Padre è però lo i)µe:i:ç della preghie-
xa.t ot ffabtov•Eç "tVq>À.ot yÉvwv-ra.L -
ra sacerdocale, che in bocca a chiunque
mentre il cieco divenrato ~À.Énwv sta
altro sarebbe stato una bestemmia.
prostrato in adorazione davanti a lui
(9,39). Nella stessa comunione col Padre Ge-
Anche teologicamente l'uso dell' E;t0 sù vuole attrarre i suoi discepoli. È que-
si presenta nel quarto evangelo assai sto il motivo che ritorna con sovrana
più ricco e significativo. Una lunga se- insistenza nel discorso di congedo: Èyw
rie di proposizioni con r Èyw concerne Èv "Q 7ta.'ti;l J.Lov VJ x&.yw Èv ùµi:v xa.t
.i rapporti tra il Padre e il Figlio, che V!..LEi:ç Èv ȵol 70 • Ma questa comunione
Giovanni si sforza di intendere in sen- con Gesù e col Padre che sola può da-
so rincor più rigoroso e stretto dei si- re efficacia ali ' agire umano - xwptç
nottici. Un rrentacinque volte ricorre Ép.ov où OVVClO'~E T:O~EL\I ovÒÉv (I 5' 5)
nel quarto evangelo la designazione - si fonda sull'à.ycbtl) e si concentra
esclusiva ò T>a:ti}p 1.tou e venticinque in quel circuito d'amore che r itorna so-
volte l'espressione ò 7tÉ(.L\)Ja:ç µ E, la for . ven te nei discorsi dcl Cristo giovanneo:

i-; Cfr. anche f. Ili.i<:HS!;J., j ob. und der belle· Eiç xpt[.Let ·l)Àibv El:;...
11ist. Sv11kretismus ( i928) 37 s. ~7 lo . 8,42 s.; cfr. 5,36; 6,57; 7,29.
f; Anche il morivo di 'colui che grid:i nel di.'~
ois lo. 10,38; dr. 17,21; I4,20. ,
serro' diventa in Giovanni un'autodefinizione
!>Il Si ponga mente a questo µov· la posiiionc
del l3.1rtisra. lo. r ,23: Éyw qiwvi) ~owv-:o::;!
Cfr. 3.28. Ciò è dovuto. con ogni C\·idcnza, particolare del Cristo è sempre netta.
:i un 'im periosa esigenza sti li~ticn. 70 q.20; cfr. 15,7ss.; 17, 22, inolrrc 17, 18:
6é- I ~ i :iou i ci avrt:bbcro scrittn qualcosa come: tyw ci'ltfo·mÀa..
61 ( n ,347) tyw (E. Stauffer)

i'.va. 1) à.y&:rtt) i')v 1Jycbt'l)<Tcic; µE f.v a.ÌJ- àÀ.1)tlna., 1i


àvà<r-ra.<rL<; xa.t 1i ~w'I) 73•
'toi:c; Ti xà.yw Év a.ÌJ"toi:c; ( r 7 ,26 ). La cer- Questa varietà ha una sua ragion
chia di coloro che appartengono al Fi- d'essere. O sserviamo anzitutto che l'uso
glio non è però ristretta ai dodici. An- dell'articolo determinativo implica una
che nel quarto evangelo infatti il Cristo categorica equiparazione dei vari predi-
chiama alla salvezza tutto il popolo: cati all'Èyw. Gesù è 'la luce', non solo,
Mv 'tL<; OL~i;. . f.pxfoi}w 7tp6c; µE xa.t m- ma è la luce vera e autentica, la sola
vhw 71 e la sua missione si configura che meriti questo nome: 'tÒ <pwc; 'tÒ
come un evento di portata universale. <iÀT)t>w6v 74; allo stesso modo egli è il
Questi elementi che connotano ]'even- pane, la vita, la verità. Egli solo è tut-
to del Cristo - ossia la sua dimensio- to questo nel senso più alto e assoluto.
ne cosmica e la sua efficacia risolutiva In altre parole, la luce, il pane, la vite,
del destino umano - sono espressi nel la verità, la vita ecc. sono ved e proprl
quarto evangelo da tutta una serie di nomi che Gesù rivendica a sé, conte-
proposizioni con nyw, che anche este- standoli implicitamente ad ogni altro es-
riormente si staccano dalle tradizionali sere od oggetto. Lungi quindi dal pre-
formule soteriologiche in prima perso- sentare la realtà del Cristo in una luce
na, anche da quelle dei sinottici, e si speculativa, Giovanni preferisce conno-
riconnettono piuttosto allo stile delle tare l'assoluta singolarità dell' Éyw di
rivelazioni divine, pur presentandosi co- Gesù con vari nomi desunti dalle cose
me sostanzialmente nuove e originali. più grandi , più alte e più salutari della
Si tratta delle formule in cui I' Èyw è vita e del mondo. Tutta la creazione vi-
soggetto e il predicato è costituiro da sibile adombra insomma la realt:ì del
un nome di cosa o anche da un astrat- C risto che .la sovrasta fisicame nte, spiri·
to, sempre comunque determinato da tualrnente ed et icamente. Nessun nome
un articolo 72 • Formule siffatte sono fre- particolare è quindi sufficiente a defini-
quenti soprattutto .in lo. io, ma si ri- re questa realtà e tutti in ultima analisi
trovano in tutto il quarto evangelo, nella sono infinitamente sproporzionati ad
gamma di predicati che G esù si attri - essa.
buisce: Éyw ElµL 'tò cpwc;, ò éip"toc; -.i'jç Ma l'unico motivo per cui il Cristo
swi'jc;, TJ aµ '!tEÀ.O<; TJ tiÀ.T}i}LV1), TJ i}\ipa. giovanneo afferma la natura divina e
'tWV 1tpo0chwv, Ti òooc;, e ancora: Ti un iversale della sua missione è quello

71 7 ,37; cfr. -P-1 = iyw OWO'W vowp e~ coli. i3 8,12; 6,35.48; 15 ,r.5; J0,7.9; 14,6; II , 2).
52 s.: Prov., pass., come pure l s. 55,1). Questo influsso sembra presente in R. C im:a
n Tn un stilo caso il predicato è costittiiro da 6.-15. (p. 58 s.).
un nome indicante una persona: ò 7tO~JlTJV ò 74 lo. 1,9; cfr. 1 Io. 2,8 <: cH:rih~voc; in 15 ,1 e
xaÀ.oc; ( 10.11) ~nota 26. 6,32.
lyw (E. St.au!fer)

di giustificare l'importanza decisiva del- véc; ( 22, r 6 ). A dillerenza delle episto-


la sua persona per il destino umano, le di Giovanni impostate, esattamente
nonché tutto l'indirzzo della sua volon- come le altre del N. T., sul continuo
tà e della sua azione 75 • Lo dimostra richiamo al Signore, alla sua parola,
chiaramente il contenuto stesso delle al suo Spirito, le lettere dcli' Apoca-
proposizioni con l'Eyw e il contesto in lisse sono invece messaggi celesti in cui
cui esse sono <li volta in vol ta inserite. lo stesso xpcx.-rwv 'toÙc; bt-rà à:cr-cÉpa.c;
Gesù crea effectivamente la luce, il pa- rivolge alle varie chiese ammonimenti,
ne, il vino, fo vita fisica ccc.; ma questi minacce, comandi. E mentre nelle for-
sono segni dai quali chi ha occhi per mule introduuive, ricche di predicati
vedere può riconoscere la sua gloria e liturgici, si parla del Cristo in terza per-
la sua potenza sovrumana. Proclaman- sona - >ci.OE À.ÉyEL ò àµi]v - nelle
do: 'Eyw EtµL TJ ÒOÒC, xat 1} à.À.i]-arnx. espressioni finali sovente è lo stesso Ge-
xat 7i swii, Gesù si impegna a sottrar- sù che promette •Q vLxwvn di asso-
re i suoi seguaci al mondo delle appa- ciarlo al suo stesso destino: OWO'W a.iJ-
renze follaci delle tenebre, <lella fame , -rQ t!;ovcriav, wc; xà.yw ELÀ.'l')q>a mxpà
della sete e della marre, e a trasferirli >ov ncn p0ç µov xat òwo-w ath(i'> 'tÒV
nel mondo dcl vero essere, nella comu- à:cr..Épa 'tÒV '!tpw'Cv6v ( 2 ,2 7 s. ). La pro-
nione di vita con lui e quindi col Pa- messa conclusiva al termine delle sette
d re. Possiamo quindi concludere che lettere suona: ò VLXWV, owcrw mhQ
nel quano evangelo l' Èyw crist0logico xcx.i>lO"cx.L µE-r'h1.où Èv •Q ì>p6v~ µov, wc;
si configura come la parola tematica di xà:yw f.vlx'l')cra. xat f.xciì>Lcra. µE-;à -.ou
una concezione crisLOccntrica dcl mondo. 7ta-rp6c; [.lO'J Èv •Q i}p6v~ mhoù ( 3 ,2 r ).
Ma l'Apocalisse non insisrc tanto sul-
5. L' Éyw di Cristo nell'Apocalisse
1'analogia fra il <lt:~lino di Cristo e quel-
Anche l 'Apocalisse predilige l'uso cri- lo <lei credenti - come fanno anche i
stologico dcli' Èyw, che sulla bocca del di sco r~ i di commiato nel 4° evangelo 76
Figlio dell'uomo disceso dal cielo ac- - quanto sulla perfetta analogia fra il
quista un tono doppiamenre solenne. Cristo e Dio. Nell'ultima delle sette let-
'Eyw ' fTJCTOUC, E1tEµ\jla 'tÒV ayyEÀ.6v µov tere Gesù applica solennemente al pro-
µcx.p"tupfjo-m ùµi:v 't"(Xu·rn. É7tL •ai:c; Èx- prio Èyw il tradizionale concetto bibli-
XÀ. T)crlaLc;. 'Eyw ELµL Ti pl~a xat ..ò yÉ- co di Jahvé che ama e castiga 77 • Addi-
voc; ~avi'.o, ò àcr•iJP 6 À.cx.µnpòc; ò 'Ttpwi:- rittura, nell 'Apocalisse, gli stessi predi-

75 Per 1:1 dcccrminatczza tclcoloitica di questo ),w {ì..inw; dr. Is. 55 ,1 con lo . •p .1: 7,37.
(yw dr. anche lo. r8,37. Secondo b. Taan . 2 ~ a, le parole di lob 22,
76 Cfr.wc; e xcx&wc; in Io. 17,t4 e passim. 28 ~s. conce rnenti l'asisstcnza divina al giu·
77 Pruv. 3,12 ; A poc. 3.19: tyw o~ovç ÈtXV qn· sto ~ono state riferite :ill'orantc H omi che,
Èyw (E. Stau1Ier) (n,350) 66

cari vengon messi in bocca a Dio e su- ha ricevuto dall'unico Dio ogni potere
bito dopo al Cristo. Cosl alle parole di nell'ambito di quesLo mondo e della
Dio nel proemio ( 1 ,8 ): Èyw Elµt "t'Ò èiÀ- storia umana.
qia xat -.òw, ò W\J xal ò 1)\1 xat ò Épx6-
µE\loc; fanno riscontro in r ,17 quelle del
Figlio dell'uomo: Éyw ElµL ò 1tpW'toc;
Un problema a parte è cosLituito dal-
xat ò foxa'toc; xat ò sw'll; in entrambi J' tyw dµL senza alcuna determinazio-
j casi i primi due predicati ripetono let- ne predicativa, che si riscontra qua e
teralmente la rivelazione divina di Is. là negli Evangeli. Con ogni probabilità
44,6, mentre nella sostanza richiamano quest'uso si richiama alla formula teo-
logica 'sono io' dell'A.T. e dell'apoca-
I'-+ A/il di l,8 78 e, per la loro strut- littica. Questa, a sua volta, è preparata,
tura complessiva, queste frasi si inseri- sempre nell' A. T., dall' «io ~ono colui
scono in quella tripartizione cronologi- che sono» di Ex. 3,14 80 e assume una
fisionomia più chiara in Deut. 32,39:
ca che è tipica dello stile apocalittico
«Riconoscete che io soltanto sono e non
quando riferisce le parole di Dio. La vi è alcun Dio all'infuori di me», per
testimonianza più netta e rigorosa si diventare poi, nel Deuteroisaia, una for-
trova alla conclusione dell'Apocalisse in mula stabile delle rivelazioni solenni di
Dio: «lo, io sono Jahvé, e al di fuori
due proposizioni solenni di ugual signi- di me non vi è alcun salvatore 81 • Chi è
ficato, ma dette la prima da Dio e Ja l'autore della creazione e della storia?
seconda dal Cristo 79 : 2r ,6: Éyw -.ò liÀ- Sono io, Jahvé, il primo e l'ultimo»
(4I,4). «Ascolta, Giacobbe: sono io,
q>et. xat "t'Ò w, iÌ &.pxiÌ xat -.ò "t'ÉÀoc;;
sono io, il primo e l'ultimo» (48,12).
2 2, t 3: Éyw <tò èiÀq>a xat <tÒ w, ò 'itpW- Quasi sempre, poi, in questi casi la fa-
'toc; xat ò foxa'toc;, -ii apxfi xat -rò -rÉ- tidica pregnanza del 'sono io' viene spe-
Àoc; . La concezione apocalittica cli Gesù cificata da una formula successiva so-
stanzialmente di ugual significato, nella
tocca qui il suo vertice più audace. Be- quale cioè parla sempre il vero e unico
ninteso, né gui né altrove nel N.T. il soggetto di ogni evento cosmico-storico,
Cristo si sostituisce a Dio o viene con- il vero e unico Dio 82 • Una spiccata pre-
fere nza per la formula pregnante 'sono
fuso con lui. Il Crisro non è 'anche'
io ' si nota pure nei LXX 83 e nell'apo-
Dio in senso politeis tico e neppure è caliuica ~. Così l'Apocalisse di Abramo,
misticamente 'in' Dio, bensl è colui che in cui abbondano i discorsi enfatici in

dal canto suo, si definiva un familiare di Dio; 82 Cfr. Deut. 4,35; lr. 43,12 s.; 45,5
cfr. Diern1c11, op. cit. nr. 15 e .zo. al Così parla Dio in Tob 33,21 : axovÉ !.10V,
78 La stessa tripartizione cronologica si trova lyw dµ~ À.1ùl)aw dove il T.M. ha w"'i111oki
in 1,18: ÈytvoµT}v, ~wv E/.ç atwva.ç e t<xw. '11d11bbèr. Or. /s. 48, 12.
79 2r,7 e 22,6.16. , 84 'Sono io' nel signilìcato corrente sì trova in
go Per la trasformazione subita da questa for- Apoc. Mos. 17 e test. H. 29.3t.36; cfr. C. Tr-
muhl nell'Apocalisse -+ n . 3. SCllF.NDORF, A pok. Apkr. ( 1866) e M. R .)A:\lt:.S,
81 ls. 43,11, dr. 59,r6; 63,5 s. e MOWTNCKEJ. , Te:<ts and Studù:s v r ( e897 ).
op. cii. (--. n. 26) 297 ss.
Èyw (E. Stauffer) (Ir,JJI) 68

prima persona, mette in bocca a Dio una certa enfatica solennità che si fa
queste parole: «Cerchi tu il Dio degli più distinta in ciò che segue (Mc. 6,5r
dèi? ... Sono io» 85 , e poco oltre : «Sono s.). La formula Èyw El11~ è usata poi
io, non temere, perché io sono prima nell'accezione quotidana anche in Mc.
degli eoni ... »86• Il Libro di Elia (cap. 8), 14,62, dove concerne però la professio-
infine, riprende la formula di Deut. 32, ne messianica di Gesù. Alla domanda:
interpretandola però in senso nettamen- o
<rÌJ d ò xpt<r•o<;, vtòç -.ov EÙÀ.oy11•ov;
te escatologico. Se il Dio creatore ha ri- Gesù risponde: Èyw Elµt, 'sono io' (il
velato il fine della sua opera storica , al- Cristo), senza dare tuttavia una prova
lora anche la conoscenza di Dio raggiun- diretta e immediata della sua affermazio-
gerà il suo fine e si compirà l'antica pa- ne, ma proiettando nel futuro la rivela-
rola della Seri ttura: «Riconoscete ora zione della sua gloria messianica: xat
che sono io» 87 • Nel solco di questa tra- o~ECT~E ... Anche qui, come nel Libro di
clizione si collocano le parole di Cristo Elia (8,3 = Dettt.32a9), l'affermazione
riferite dal N.T.; ma non sempre nel- solenne con l ' 'io' viene specificata in
l'Èyw dµL degli Evangeli si avverte una senso escatologico: la natura e la mis-
pregnanza enfatica come nei casi sur- sione di Gesù si manifesteranno soltan-
riferiti. to alla fìne dei tempi 91 •
In lo. 9 88 il BÀÉ1tWV di cui si discute
se sia il mendicante noto a tutto il vi- Ma alla fine dei tempi, dice Gesù in
cinato afferma (9,9): Èyw dµi, ' sono Mc. 13,6, molri verranno Ènt "t(i) òv6-
io'. Alla turba di armati venuti ad ar-
restarlo nel Getsemani Gesù ripete due µa."tl µov ÀÉyov-tE<; lht Éyw Elµt, xa.t
volte: ~yw dµi 89, sempre nel senso dcl 7toÀÀoùç 7tÀav1}C1ovaw. Perciò egli am-
nostro 'sono io'. 'Eyw Elp.L è usato qui monisce in 1 3 ,2 t ss.: xcx.t "to·n. Mv "ttç...
nell'accezione corrente e in entrambi i
casi concerne l'identità di una persona
EL7tff toE woE o xptcr•oç, toE ÈxEt:, µ!i
nota o ricercata. Allo stesso modo Ge- mO'"tEVE"tE. ÈyEp~l}crov-.a,t... ~rno6xpL­
sù, rivolgendosi nell'oscurità ai disce- <r"tot... uµdç oÈ ~À.É1tE:-cE:· 7tpodp11xa.
poli che non credono ai loro occhi, li ùµt:v miv-ca.. In questo caso nessun pre-
rassicura: «Sono io, non temete» !X>, do-
ve però si avverte, come nell'espressio- dicato di Èyw Elµt si può ricavare dal
ne analoga dell 'Apocalisse di Abramo, contenuto; si tratta perciò di una for-

&5 Apoc. Abr. 8 (BONWETSCIJ). Il nome dd doveroso quindi prendere le mosse dall'esegesi
predicato sì ricava da cìò che precede, ma il dei singoli esempi. ,
t0no enfatico è innegabile. 89 Così hanno il cod. B gli antichi manoscritti
86 Apoc. Abr. 9 (BoNWETSCH). Le formule latini e la versione sira sinaitica in Io. 18,5,
esplicative con l' 'io' corrispondono allo sche- e cosl pure in 18,6 dove la stessa affermazio-
ma dcl Deuteroisaia e mostrano che non si ne viene menzionala, e in 18,8, dove si trova
tratta di un semplice richiamo inteso a ras· ripetuta.
sicurare. 90 Mc. 6,50; Mt. 1.p7; Io. 6,20.
87 S.M. BuTTENWlESER, Die hebriiische Elias- 91 Mt.26,64 non sbaglia quando parafrasa lyw
apokalypse ( 1897). , tlµL con aÌJ tfaaç (cfr. Io. 18,37), ma con il
88 Stupisce la frequenza di Èyw dµ~ in Gio· successivo 1tÀT)v ÀÉyw spczz.a l'intima e so-
vanni (7 volte). Ma occorre tener presentc che stanziale connessione con l'annunzio esattolo-
l'uso della formula è molto diverso :i~: v:1ri gico. Meglio Le. 22 167 ss.
passi, e ~oprattutto non t' ri-:1re tro a Gcs1'1. È
Èyw (E. StaufTcr) (u,351)70

mula conclusa e pregnante, che com- il no, la fede e la miscredenza; è il pas-


pete soltanto al Cristo e della quale saggio obbligato in cui si incontrano
abusano i vari ciurmadori e falsi mes- tutti i filoni della storia. Ma l'Éyw EÌ.µt
sia 92 quando, nell' attesa dell 'imminen- si presenta come un enigma - cosi al-
te parusia, ad ogni uomo che faccia par- meno lo avvertono gli ascoltatori di Ge-
lare di sé vien posta la domanda: <rÙ sù quando gli chiedono di integrare l'af-
d ò Xpt<r'toç; Gesù predice ai discepoli fermazione con un predicato: <rÌJ i;lc; d;
queste cose (cfr. Mt. 24,26 s.) appunto - e tale deve per adesso rimanere; Ge-
perché non si lascino irretire dai fallaci sù infatti rifiuta, qui come in Le. 22,
'sono io' e sappiano attendere il supre- 67 s., di dare ulteriori chiarimenti: -.i}v
mo e risolutivo Èyw El~1t dalla bocca del àpx.'iJv O'tL xcx.t À.a.À.w ùµi:v. Tace la-
Cristo glorifìcato. 'Eyw dµt è quindi la sciando al futuro (e anche qui abbiamo
formula tecnica della manifestazione del un parallelo in Mc. 14,62) 'il compito di
Cristo che già ora è in atto sebbene rivelare il senso e la validità della sua
inavvertita, ma si compirà soltanto nel enigmatica affermazione; il Padre stesso
futuro 93 • Di qui il significato particola- gli renderà testimonianza: éha.v ùo/w-
re di éycfJ dp.~ in Mc. 13; di qui, anche, <Tl)'tE -.òv vtòv -.ov civi>pw'ltov, "to·n: yvw-
l'uso e il senso della stessa formula nel O'Ecri}e: O't'L Èyw ElµL. Sarà allora mani-
quarto evangelo. festa la perfetta corrispondenza fra
Il passo fondamentale in proposito è l'opera del Figlio e quella del Padre
Io. 8,24-29. Precede una serie di affer- ( xcx.t rvw<rEcri}i:: o't'L) &.re' ɵcx.u-.ov rcotw
mazioni contrassegnate dall'trw; v. 12: OVOÉV, à.À.À.Ò- xcx.l)wç Éoloa.çÉv µE 6 'ltCX.-
tyC.:J ElµL -rò <pwç; V. I 8: Éyw ElµL ò -.'l)p, 't'cx.v-.a À.a.Àw. La sinergia tra l'Éyw
µap'tupwv 1tEpt ȵcx.v'tov , xat µa.p·rnpEi: del Figlio e quello del Padre è perfet-
7tEpÌ. Èp.CX.V'tOÙ Ò ••• 7'CX'tl)P; V. 2 I: ÉyW ta: ò rcȵ~cx.ç µE µi::-r'ɵoù È::r't'Lv· ovx
v.i:ci.yw xat Sl)'U)C"E'tÈ µE, xcx.t ÈV 'tU à,cpfjXÉV µE µovov, o·n Éyw 'tà. à.pEO''tÒ-
à.µcx.p'tl~ ùp.wv àr-oiki.vEi:crik Accogliere cx.vi;Q rcotw Tici.v-.o-.i:: 94 • Gesù è quindi
o rige ttare la parola di Cristo significa il soggetto attivo dell'opera storica di
scegliere tra la v ita e la morte; v. 24: Dio fin dal principio; cfr. Io. 1 ,I ss. e
tà.v yà.p µi) 1wr·m'.icrl)-tE o-.L Èyw i::lµt, r Io. 1 ,1 ss.: 7tpÌ.v 'A~po:ൠye:vfoi}o:t
cX.1toi}cx.vEfoik .. L 'tyw di Gesù è insom- Èyw ElµL. Ma soltanto adesso la sua
ma il polo sul quale convergono il si e azione è entrata nella fase risolutiva ( 8,

Ql Anche qui Matteo parafrasa liberamente: 93 Diversa è l'interpret;1zione di E. NORDEN,


lyw ElµL ò XpLa"•oç (e ciò dimostra che in A ,gnostos T heos, T9-t ss.; G. KLEIN, Der (i/teste
Ate. 13 ,6 O"t'L va inteso come una congiunzione cbristliche Katechismus... ( 1909) 55 ss.
introduttiva). Ma l'aggiunta predicativa di s- 94 8,29. Cfr. l'esplicazione dcli' lyw Etµ~ in 13,
solve la pregnanza della formula. 19 s.: ~µi}v ... µz.
71 (u,35r) Éyw (E. Stau fft:r)

58) e d'ora in poi ogni passo della sto- lava in nome e per incarico di Dio; e
ria segnerà un progresso nella rivelazio- nell'evangelo giovanneo contrappone il
ne e nella glorificazione del Figlio e nel proprio Èyw soteriologico - l'unico va-
compimento del suo Èyw elµ~· cb:'&p-n lido - ali' 'io' delle false divinità e dei
ÀÉyw ùµt:v 1tpÒ 'tOU yevfoDcr.L, ~va m· bugiardi 'salvatori' del mondo politei-
<1•evT)•e <hcr.v yÉvTJ•cr.L o•L hw dµL (lo. stico. Al di sopra di ogni altro 'io' sta
13,19). È questo, in ultima analisi, il l'iyw dp. L, la formula che colloca Gesù
significato dell' Èyw dµL. Ma se l' Èyw nella sfera dell'assoluto come vicario
del Cristo è il soggetto dell'opera sto- onnipotente di Dio, ossia definisce ge-
rica di Dio, a sua volta questa consiste nuinamente il suo modo di essere unico
nei suoi momenti risolutivi e nei suoi e incomparabile, ma destinato a rima-
traguardi vittoriosi, in un unico e pos- nere occulto e imprevedibile sino alla
sente 'sono io', gridato dal Cristo alla fine dei tempi.
umanità. Si è voluto spiegare l 'Èyw de-
La natura esclusiva dell' Èyw di Ge-
gli evangeli, e in particolare di Giovan- sù spiega perché nella letteratura post-
ni, con l'uso ellenistico del tempo. Ma canonica l'uso enfatico dell'io esprima
si tratta di una conclusione affrettata di preferenza un atteggiamento di pre-
sunzione paracristiana o addirittura an-
e parziale. In realtà l'uso enfatico della ticristiana 95 . Le Apocalissi di Elia e di
prima persona risale, come abbiam vi- Esdra si richiamano alla predizione di
sto, in ultima analisi a una duplice ma- Mc. r3 quando fanno dire all'anticristo:
trice: a una tradizione stilistica dell'an- «lo sono l' unto», oppure: «lo sono il
Figlio di Dio» 96 . Invece nelle omelie
tico oriente che raggiunge il suo acme pseudoclemcntine Simone viene interro-
nel sincretismo, e a determinati modi gato nello stile di Mc. 14,61 par.: el O'Ù
espressivi dell'A.T. abbandonati poi dal- d 6 Éo'•w;, e risponde: Èyw dµL 97 .
la sinagoga. Le due tradizioni, quella
dell'antico oriente e quella veterotesta- C. L' ÈyW ANTROPOLOGICO

mentaria, confluiscono poi nell'apocalit- 1. 'Io' e 'noi' negli scritti di Luca


tica giudaica e tramite questa agiscono
sull'ambiente di Gesù e degli evangeli. Nel prologo del suo cvangelo, dopo
aver accennato ai molti che già hanno
Gesù nei sinottici rivendica per sé, co-
scri tto di Gesi:1 e alle fonti della sua
me suo esclusivo diritto, quell'uso enfa- narrazione, Luca p rosegue: €'.òoçé x&.-
tico dcll' 'io' che era proprio d i chi par- µot T.CX?TJXOÀOV~l)XO't~ èivwDev 7Cii<JW

95 Cfr. anche 2 Tbtss. 2,.f. cu rsus a 8,12, <love si trovano esempi che si
riferiscono ai demoni, ai folsi Mitra e ai falsi
96 Apoc. Eliae 31 ($TEJNDORff, TU, N.f. 2
messia}. La dom:mda (€I cru) e la risposta (El-
( 1899] ); A poc. Esdr. 4 (T1s<.111;:-;001H', Apoc. 1~l. lyw l:'lp.~} so no frequenti in test. Sal. (Mc
apocr. [r866 ] ). CowN p. es. 2 , 1 ss.; 25, r ss. (si riferisce al
~7 Ps. Clem., bom. 2,24 in BAUU~, Io.', ncll\:x- drn1o nc).
Éyw (E. Si:iulfcr) (u,353) 74

Ò:XpL~Wc; xaik~ijc; O"OL yp&.\fiaL' xp&.-rtO""tE deua fonte in prima plurale (Wir-Quel-
0Eoq>LÀE ( 1, 3 ). Queste parole recano lc ). Ma forse anche qui, come in analo-
un'impronta tipicamente greca 98 : per la ghi racconti di viaggi dell'età ellenistica,
prima volta l'autore di un evangelo ma- l'uso della prima persona plurale è sol-
nifesta la sua personalità presentandosi tanto un espediente letterario inteso a
come il biografo che vuol superare la rendere vivace e varia la narrazione 102_
impostazione tradizionale degli evange-
li 9'J raccogliendo con diligenza e con sen- 2. 'Noi' e 'io' negli scritti giovannei
so d'arte le molteplici testimonianze sul In significativo contrasto con l'evan-
Cristo in un ~loc; compatto e organico
gclo di Luca il prologo giovanneo inse-
di Gesù. Questo intendimento è pretta-
mente ellenico nella concezione e nell'e- risce nella sua orditura cosmico-storica
secuzione: ciò risulta soprattutto dal fat- incenrrat3 nel Àoyoç e nella sua incar-
to che l'autore ha colato nello swmpo nazione una frase in prima persona plu-
di un 'racconto di viaggio' 100 la gran
massa dci discorsi di Gesù riferiti dalla rale: (llfacraµd}a. 'ti}V OO~CX.\I mJ'tov, a
tradizione, che non potevano essere di- cui fa seguito immediatamente dopo un
sposti in un ordine cronologico-biografi- esplicito i)µEi:ç: Ex. 'tov 1tÀ.1Jpwµa.•o<;
co. Anche il OEU't"Epoc; Àoyoc;, gli Atti
degli Apostoli, comincia con una breve mhou i)µEi:ç 1t6:v-.Ec; ÈÀa~oµEv 103 • Que-
presentazione rivolta in tono personale ste parole costituiscono una professio-
allo stesso Teofilo (Act. 1,1) e anche ne- ne di fede , dietro la quale sta tutta una
gli Atti, soprattutto neJla seconda metà,
moltitudine di testimoni e di credenti,
i racconti di viaggio hanno una gran
parre. Così l'attività apostolica di Pao- come un atto di fede - secondo l'impo-
lo, svoltasi con ogni verosimiglianza in stazione di Marco ·- e non una biogra-
parecchi e grandi campi di missione, vie- fia vuol essere il vangelo così introdotto.
ne qui concentrata in tre o quattro viag-
gi . Nel racconto di questi viaggi l'auto- (cfr. 20, 31). Esso è la voce di uno tD4
re ricorre talvolta all'uso della prima che parla a nome di molti ai quali si
persona plurale: &.vaxi}Év-.Ec; OÈ a:r.ò sente unito nella fede e nella conoscen-
Tpwciooc; zùì>uòpoµl}craµEv EÌ.c; .Laµoì}p~­
xl)v, 16,rr ecc.) 101 • Di solito si spiega za - proprio come Pietro parlando a
quest'uso ammettendo che Luca o l'au- nome dci discepoli afferma: "J̵Ei:c; 1tE-
tore dal quale attinge abbiano parteci- mCT"tEUXetµEV xa.1. tyvwxa.µEv o-rL crv El
pato ai fatti narrati (dr. 20,5 s.: Oi'.i'toL 6 éiywc; •ou ikou (6,69). Questo 'noi'
OÈ 7tpOEÀMv•Ec; EµEvov i)µcic; ... 1}µEtc; ÒÈ
i!;E7tÀEvcrcxµEv) e si attribuisce quindi giovanneo si trova anche all'inizio della
una particolare attendibilità alla cosid- prima lettera di Giovanni, in esatta cor-

98 NORDEN, op cit., p. 316. e non rappresenta davvero il risultato di ricer-


che nuove e personali.
9'J M . DIBELI US, Formgeschichtc des Eu.mge·
io1 Cfr. 20.5 ss.; 21 ,1 ss.; 27, r ss.
liums 1( 1933) :i90 ss.; -4 EvetyyÉÀ.~ov.
1111 Cfr. N ORDEN, op. cit. 3 21 ss.
100 Il c:mmere storicamente fi11izio di qucs ro 103 lo. l ,14.16.
vi:iggio risulta dal confronto con Matteo. Del I (» Jo.21 , 24: oÙ-roc; È<T"tW Ò µa.i}Y)TT)<; Ò.•. r Fà-
resto l'impianto complessivo dcll'cvangelo di ljia.ç "tetÙ-ra. xa.L oroetµ' v O"tL (i),Tji}i1c; a.\i-:ov
Lucn è modellato sull'irnposr~:r.ionc di Marco Ti µa.p"tvpia. k-;lv (cfr. 19,35; 3Io. 12).
75 (11,353) tyw (E. Srauffer)

rispondenza con il proemio e la chiusa ma l'unità di spirito che accomuna


l' Èyw dello scrittore ai fratelli 106 ed
dell'evangclo: "tet.ihcr. ypa<poµ.tv 1}µ.ti:c;
esprime poi q uesta coscienza comuni·
tvcr. i) X<XPà 1)µwv ii 7tE1tÀ.'l')pWµiV'l') (I taria con l ' TUJ.Ei:ç. Del tutto personale
Jo . I ,4, cfr. 20,3 I). è infine l' Èyw che si trova nella prima
riga della terza lettera.
Lo stesso i)µEi:c; r itorna nelle svaria- Il rapporto fra il 'noi' e l' 'io' r isulta
te professioni di fede sparse per la let· nel modo più netto dall'Apocalisse:
tera (4,14.16 e passim) e acquista un 'Eyw 'Iwci.wnc; ò &.oEÀ.q>òc; ùµwv xa.t
risalto ancora più netto quando designa O"UYXOL\IWVÒc; Èv • fl i)À.l'1;EL xa.t ~CX.O'L·
i sinceri credenti in opposizione ai se- À.Elq. xa.t Ù1toµovii ( r ,9) 107 • Il G iovanni
guaci dell' errore: tç i)µ.Wv tçfj).i:>ov, che cosl si presenta è in tutto e per tut-
àÀ.À.' ovx T\<rav tç 1}µG>v (2, 19). Tra- to un fratello, un òovÀ.oc; davanti a Cri-
spare da queste parole la certezza degli sto, un uomo fragile e sprovveduto ( r,
eletti che hanno superato la prova cri- 17; JA; 7,14s.; 19,10: x<iyw 'Iwci.wnc;
tica. Ma nell'ora del cimento al di so- ...éhE i]xovcra., E1tEO"O: 7tpoo-xvvijao:L); ma
pra di questo T}µEi:c;, che esprime la pe~­ ha avuto la grazia di contemplare in vi-
suasione incrollabile della fede, sta 11 sione il mondo avvenire e ha quindi ri·
iìE6c; che ci ha destinati alla salvezza e cevuto da Dio una missione particolare,
ci conserva e che ci conosce come noi che svolge con l'autorità assoluta che è
stessi non ci conosciamo, per cui in ul - propria del profeta e con il tono di cer·
tima analisi la nostra elezione sussiste tezza incrollabile che è proprio dell 'apo-
soltanto di fronte a lui e per lui: ( p.· calittico. Il primo Èyw di r ,9 è incor-
1tpo<11'Ev <XÙ'tOV 1tEWOµ.tV 'tlJV xap~~<XV niciato fra le solenni affermazioni del-
Tjµwv, o·n ÈcXV Xet.'tet.')'LVWO'XTI T)µwv i) !' Éyw di Dio e del Crisco, e all'ulrimo
xapola, o-rL µEiswv tu-.ì.v ò ih:b; -.ijc; Èyw 'IT)uovc; fa seguito un definitivo
xo:polo:c; iiµwv xo:ì. ywwcnm miv-:a ( 3, Éyw d i Giovanni, accompagnato da una
19 s.). Ma dietro a questo 'noi' comu- maledizione in nome di Dio su coloro
nitario e vincolante si afferma, già in 2, che manomet tono il suo libro ( 22, I 8 s.).
r, l' 'io' dello sctivente , con un cono Il veggente esprime cosl nel modo più
spiccatamente autoritativo: nxvi'.a 1-~ou, alto la consapevolezza non dcl proprio
-.o.v-ro: ypaq>w uµi:v LVCt. µlj à.µafj't'T'}"CE. valore (perciò la sua non è un'autoglo-
La formula ypti<pw ùµi:v scgn.i CO· rificazione) bensì della propria missio·
stantemenre il trapasso dalle conside- ne - e quindi in ulcima analisi della
razioni teologiche ai loro corollari ecico- propria dipendenza da Dio 108•
pracici e con questa funzione ritorna al-
la fine della lettera, dove riprende il 3. 'Noi' e 'io' in Paolo
tema dcl ypticpoµEv di r A: -ro:v-.,.d:ypo:·
\);a vµi:v i:vo: doij-.E O'tL swliv EY.E'"rE L 'uso del plurale TjµEi:c; è dovuto in
cr.lwvtov (5 , r3). P aolo a ragioni eminentemente stilisti·
La seconda le ttera invece, dopo l'ini- che lo<>. Tutte le epistole paoline inco-
zio in prima persona singolare 10', nfièr· minciano invariabilmente con l'indica-

1os Con l' indicazione del rn ia enre: ·o ::;;t7~·j. se neotestam~ntari :1. a Jifferenza degli .1poc.1·
·npoc;... "'oi:c; -rÉx.vou;... ouc; Èyw cl:ycx::w. !ittici del giudai~mo, rinunci a na~condcre la
106 xo:I. ovx iyw µévoc; à.U.à. xa:. ::iiv-:t~ ... propria identità dit: tro u n grande nome dd
107 Cfr. i yw Ao:v~i]À. in Dan. 8 , 1 ( ~ n . .+O s.). passaro. 108 Cfr. I lt-•1 lltlv. ; 2 ,2.7 .: p.1ssù•1.
È signifìc:uivo però che l'amore dell'Ap<X'Jlis- 100 Cfr. IJ r.1bell:i in \' . Doosc11i.i11. 254.
77 (II,3) !) Èyw (E. Siau!Ter) (u,354ì 78

zione in prima persona del miuente e la usa il si ngolare premettendovi un espli-


più personale fra di esse, quella a File- dto Éyw . Cosl in I Cor. 15,9 l' Éyw ac-
mone, mantiene il singolare sino alla cenna alla posizione specialissima di
fine: Evxapta"'tW 'téi>ìk<;> µou (v. 4); Èyw Paolo rispetto ai dodici, adombrata poi
Ila.vÀ.oc; fypa4'a 'tll iµil XELpr'., Èyw nell' Ei:·n: oùv Éyw Ei:-.E ÉXELVOL di I 5,
ci"Tto-.lcrw ... Èyw crou ovalµriv ( 19 s.). Sul r I. Uno speciale valore paradigmatico
medesimo tono personale si mantengono assume l' Èyw in r Cor. 7, l' Éyw del
la Lettera ai Filippesi e la stessa Lettera cristiano rinato nello Spirito, sempre
ai Romani, che anche in questo si rivela comunque nettamente distinto dall'au-
come lo scritto non di un missionario torità del xupLoc; 114• Soprattutto nella
universalmente bene accetto e amato, Lettera ai Galati l' hw contrappone
bensl di un pensatore 110 e di un cam- drasticamente l'autorità dell'Apostolo a
pione solitario della fede 111 • Nelle altre quella di altri 11 s: Èyw yà.p -.CX. cr-.lyµa-.a
lettere prevale invece l'uso del 'noi' e -.ou 'Iricrov Év -.Q crwp.a.-.l µou Bacr-c<Xsw
ciò denota lo stile dell'uomo fine e di- (6,17).
screto che vuol lasciare il più possibile
in ombra la sua personalità e le sue fac- Grande importanza assume l'uso del-
cende private. Il pronome i)µELc;, quan-
la prima persona (singolare e plurale)
do è usato esplicitamente da Paolo, ha
quasi sempre un significato tutto parti· nelle parti etiche e parenetiche delle epi-
colare, ossia può indicare la cerchia di stole paoline116 . L'Apostolo ama ricorre-
fedeli che corrobora con il suo consen-
re al congiuntivo esortacivu 117 , 1m;110 Jra-
so l'autorità dell'Apostolo, oppure può
riferirsi alla persona singola di Paolo s tico e più discreto dell'imperativo, per
per distinguerla da coloro ai quali la richiamare i lettori ai loro doveri mo-
lettera è diretta (o anche per contrap· rali 118 • Per lo stesso motivo - ossia
porla ad essi). Così comincia la seconda
lettera ai Corinti: crvvv1toupyovv-.wv xat per non urtare la sensibilità dei suoi fi.
v1.i.wv vTtÈp i]µwv -.fj oei)a-n 112• Ma ben gli spirituali - egli alterna volentieri
presto Paolo continua con un ÉBovÀ.6- la seconda persona alla prima 119 • In r
µriv (r,15) e di qui in poi l''io' e il
'noi' si alternano rapidamente e indi- Thess. 5,5 ss. l'enunciativo È<TµÉ.v è se-
scriminatamente m fino aUe parole so- guito dall'esortazione: èi.pa oùv 'YPllYO·
lenni che costituiscono in qualche mo- pwµtv. Dopo una parentesi gnomica, al
do il secondo prologo della lettera: v. 8 l'Apostolo ritorna sui doveri etico-
Av-.òc; oÈ hw Ifo.vÀ.oc;, in ro,r. Quan-
do però si tracta di chiarire il suo atteg- pratici imposti dalla nostra chiamata al-
giamento personale, allora l'Apostolo la salvezza, cos1 ancora per la terza voi-

110 Cfr. 2 Petr. 3,lJ s. 11 5 2,6 ss.: ȵol yàp oL ooxouv'tEc;... ; 5,2 ss.:
111 1,8 ss.; 9,l ss.; 10, r; Il,l s.; 12,r ss.; x5, "IOE Èyw rrauÀ.oc; À.éyw ù~i;:v ... 'Eyw oÉ, tioEÀ.·
i .1 ~s. 30 s. 30 s. e passim. cpol; 6,ll ss.: "IOt"tE... "tU ɵij xnpl.
112 r ,u; cfr. r ,4 ss. 12 ss. 116 Cfr. v. Donscnihz 251 ss. e la pregevole
lll I,I8 SS.: noi; 1 , 2}: tyw OÈ {2,10: Xll.l yÒ:p raccolta di K i.iMMEL 121.
Èyw); 3,1 ss.: noi (.f,12: 6 M:va-.oc; Èv iJµ;:v, 11 1 Rom. 13,12 s.
i) l;wi) ÉV Ù~!lV); 6,tr: 'tÒ Ci'tOJHl. Y]µwv; 6.13: 118 Gal. 5,25 s.
Wc; 'tÉJtVOt<; À.Éyw. 119 2 Cor. ì ,t dr. r (()r. 10,8 ss.; Rom. q,13 .
114 7 ,7 s. ro.n.25.40.
Èyw (E. Stauffcr) (11,355) 80

ta nei vv. 9 s., dove però il motivo pa- valore esemplificativo 124 cd equivale se-
renetico è presentato nella forma non manticamente all'indeterminato "tL<; e al
tedesco 'man'. Caratteristica di queste
di una esortazione ma di una frase fi-
espressioni è poi l'uso dei verbi al pre-
nale (Ei)E-.o i}µà.i:; ò i)Eéç, i'.vcx.), mentre sente. Si veda 1 Cor. I 3: «Se io parlas-
un imperativo conclude poi la pericope. si le lingue degli uomini e degli angeli
Un parallelo, ma in senso negativo, di
e non avessi l'amore, sarei un bronzo
squillante»; x.cxt M.v 7tcx.pcx.ow -rò crwp.ci
quest'uso si ha in Rom. 6,r ss. Trovia- ~wv, &:y6.7t1)V oè. µ1) EXW, oùiUv dµt 125 •
mo qui all'inizio l'affermazione program- Si tratta <li espressioni con valore gno-
matica: 'EmµtvwµEv 'tfj àµcx.p-.l~, che mico, che intendono mostrare la xcx.i}' u-
m::pBo).i]v òoéi:; e sono quindi tutt'altro
Paolo riferisce soltanto in via ipotetica che una professione dcl proprio valore
per contrapporre ad essa il dato di fat- personale 126• Lo stesso significato gno-
to della nostra morte al peccato 120 : à.m- mico e quindi atemporale si mantie-
ne anche in quelle frasi che proiettano
iJO:voµEv 'tfj àµcx.p"'t"l~, oppure, con una
nel passato una verità di ordine gene-
variazione dello stesso concetto, CTVVE- rale: O't'E il! ll}V v-i}moi:;, ÈÀ.aÀ.ovv wç
't"a<pl)µEv, tvcx. 7tEpt1tcx."t1)crwµEv. Soltanto v'finwç ... O"t"E yÉyovcx. à:v'fip, xa.-.1)py11xcx.
dopo una lunga argomentazione l'Apo- 'tà "tOV VTJ7tlov 127 • Soltanto il v. 12, che
conclude la pericope, si stacca dal pia-
stolo passa alla seconda persona ( v. r r ). no gnomico portando il discorso sulla
Ma nei vv. r5 ss. riprende ancora una condizione attuale del credente e su
Yolta la stessa trafila stilistica e con- quella futura.
cettuale. Diverso è il caso di Gal. 2,r 5 ss., do-
ve il grande discorso polemico di Paolo
Obbediscono allo stesso fine parene- più che richiamarsi alla tradizione stili-
tico anche detetminate frasi in prima stica della diatriba si colloca nella tradi-
persona singolare o plurale che prospet- zione delle controversie e delle discus-
tano ipotesi 121 quasi sempre irreali 122 • sioni rabbiniche sulla Torà. Dopo un
Anche qui si nota la stessa compenetra- <ru introduttivo, che non è rivolto al-
zione di tono obbiettivo-enunciativo ed l'uomo in generale bensl in particolare
etico-pratico, la stessa alternanza fra la a Pietro, l'Apostolo prosegue in prima
prima persona singolare e plurale m. In persona plurale registrando un dato di
questi casi perciò ·r Éyw ha soltanto un folto obbiettivo: fiµEi:i:; cpucrn 'Iovoai:oL

120 Cfr. Rom. 3,8, anche 1 Cor. rn,22. 126 Per lo stile cfr. R. Bu1: r:viA:'>!!>I, D<' r Stil der
121 r Cor. 6,12 ss.; lI,31 s. paulinischen Precligt und die .rtoisch-kynische
122 Rom. 3,5 ss.; i Co;. 10,29 s. Diatribe ( 1910). E. LEHMANN e A. FRIDRICH-
12.l 1 Cor. q,u ss. SEN, 1 Kor. 13, ei11e stoisch- kynische Diatribe:
m Il Grorius chiama ciò 'mctaschcmacismo', ThStKr 94 (1922) 55-95 ~ aya;r11. KiiMMEL
rifacendosi a 1 Cor. 4,6: µEi:Ecrxriµa·rnra dç J26 ss.
tµa·J•~v;
cfr. Ki.iMMEL x20. 127 L' 'io' dell'immagine corrisponde al 'noi'
125 1
Cor. i3, r- 3; R. BuLTMANN ('Paulus' in del contesto (v. 9: yLvwo-xcµtv, v. 12: j3ÀÉ-
RGG' TV 1032 s.) cita a confronto 2 Cor. 12, TC01..tev). Ciò che nella metafora è presentato
15 (Éyw oÈ fJOLcr-ra ÉxoaTCavriM1croµ1u) per come il passato ('~µT)v vT]moç) è in realtà un
dimos1rare che in Paolo Èyw può equivalere a facto presente ( ètp-rL ywwcrxu> Èx µÉpovç). Per
cw1w.. l'uso dci tempi dr. anc!1c Ps. Sai. 3,5 ss.
8t (11,355) Èyw (E. S1auffcr) (II,356) 82

xaì. oùx È~ ÈlNwv ci.µap-.wÀol 12s. La fra- di adeguarsi in tutta la sua vita alla nuo-
se successiva accenna alla nuova possi- va realtà storico-soteriologica instaurata
bilità di salvezza recata dal Cristo e do- dal Cristo 130 e ha battuto una strada
po averne indirettamente definito la che anche Pietro e gli altri devono per-
portata con una citazione biblica ne correre. Rompendo totalmente e defini·
trac la conseguenza pratica: xa.ì. i]µEL<; tivamente con il passato, Paolo si pre-
È1tLO"'tEUO"aµev (v. r6). Seguono poi due senta come il "u1to<; che esige la µlµ'l'] -
fondamentali corollari etici, uno in pri- cnc; 131 • Il disegno storico - soteriologico
ma persona plurale (v. 17) e l'altro in della Lettera ai Galati è stato sviluppa-
prima singolare: El yàp (l xa..ÉÀIJO'a•.• to da Paolo nella Lettera ai Romani.
O"UVLO",..avw (v. r8). Ritorna in quest'ul- Una linea di progresso metodico unisce
tima frase la nota forma ipotetica con- quindi Gal. 2 a Rom. 7.
giunta a un significato gnomico e per-
ciò in essa l' Èyw corrisponde né più 4. L'io di Rom. 7 s.
né meno al tedesco 'man'. Ma ormai
l'Apostolo, abbandonando il terreno Per lungo tempo ha tenuto campo
delle considerazioni astratte e ipoteti- una interpretazione au tobiogra6ca del-
che, porta il discorso sull'unica realtà !' f.yw di Rom. 7 132 • Secondo questa ese-
concreta e risolutiva: Èyw yàp OLÒ'.. v6- gesi nei vv. 9a e 7b Paolo accennerebbe
µov véµl{.l a1tÉiJavov, !'.va ~E~ STJO"W 129, all'innocenza sperimentata durante la
dove lo stesso concetto sintetizzato da1- fanciullezza mentre nei vv. r 3 ss. descri-
1' É'ltt<T-.EVO"a(.LEV dcl v. r6 viene formu- verebbe il drammatico dissidio che IC)
lato in modo che la rottura con la leg- affliggeva prima della sua cosiddetta con-
ge appaia come un corollario imperioso versione al cristianesimo. Ma la debo-
e definitivo. In questo caso quindi lezza di questa interpretazione risulta
l'Apostolo non può usare la prima per- evidente se si considerano le parole con
sona plurale, perché è proprio lui e sol- le quali Paolo in Phil. 3,6 definisce il
tanto lui a vedere più chiaramente e ad suo passato precristiano: xa....èt. &xa.Lo-
agire più coerentemente di Pietro. Sem- O'UV'l'JV ••• aµe:µ1t"t'Oc; m. L'evento di Da-
pre per la stessa ragione Paolo usa la masco non rappresenta quindi la con-
prima persona singolare anche quando versione di un peccatore senza speran-
definisci:- il motivo della sua scelta: ovx za, bensì l'apertura alla grazia del fari-
à1Je,..w "TJV x,cipw -.ov 1Jeov. Ciò non si- seo orgogliosamente chiuso nel convin-
gnifica tuttavia che l'Apostolo riferisca cimento delJa sua purità morale.
qui un'esperienza privata o ricostrui- Alla spiegazione autobiografica si è
sca un itinerario spirituale che riguarda perciò sostituita un'interpretazione in
esc.lusivamente la sua persona. Piutto- senso 'retorico-generale' 134 secondo cui
sto, egli ha preso sul serio la necessi:à l' Èyw di Rom. 7 avrebbe lo stesso va-

J28 Lo stesso concetto trova una formulazio· ~Ll]-ci]c; e µiµE~<ii'tc:tL in r Cor. e r e 2 Thess.
ne più netta e valida specialmente per Paolo Cfr. anche Gal. 4,12: YLVEO'VE wc; lyw.
in Phil. 3,6; xoc-rù. oixaLOO'UV"t)V -ri)v Èv v6µtp l.l2 Cosl fra gli esegeti recenti A. DE1SSMANN,
YEVOµEvoc; aµEp.1t-rOç. Paulus (l9J.1) 64 s.
129 Per l'analisi di gucsta formula cfr.E. ST11UF- UJ - n. 128.
FER, V om À.oyoc; -rou v-raupou imd seiner Lo- JJ4 L'avvio a questa interpretazione è venuto
gik: 'll1StKr 103 (19p) 179 ss. soprattutto dal BuLTMANN, RGG1 1v 1022 ss.
130 STAUFFt::R, op. cit. 186 ss. rn32 s. e recentemente in Fcstschr. f. G. Grii-
131 Cfr. "tV-:toc; in 2 Tbess. 3,9; Phil. 3,17; [LL- ger 53 ss. Su posizioni più avanzate è KliMMr;L
(yw (E. Srnuffcr)

lore generico e fittizio dell''io' <li 1Cor. il trionfo definitivo - e superiore a


r 3 e adombrerebbe la condizione gene· tutti gli inizi - della volontà divina.
rale dell'uomo soggetto alla legge. Ma
anche questa esegesi non regge alla con- Ma questa svolta storica risolutiva è
siderazione che in Rom.7 l'uso della pri- testé cominciata col Cristo e deve con-
ma persona non ha l'intonazione ipote· centrarsi nel destino e nella volontà del
tico-fìttizia di I Cor. r3, bensì piuttosto
singolo 135 • Di questo rivolgimento sto-
quella storico-paradigmatica di Gal. 2.
Infine sia l'intetpretazione autobiografi- rico-soteriologico Paolo tratta in Rom.
ca sia quella retorico-impersonale cado· 7 ,5 s.: O't'E yèt.p 11µ.Ev Év 't'fj Cf<t..pxl, -cèt.
no di fronte al fatto che la Lettera ai 1t<t..i}1J1..r.<t..'t'<t.. -cwv àµap-ctwv 'tèt. otèt. 'tOU
Romani non è impostata sull'esperienza
o sulla confessione individuale di un'a- v6µov ÉVl)PYEL't'O È.V 't'OLC, (,.LÉÀEO'LV 1)-
nima, e nemmeno si propone come sco- µwv ... vuv1. of. 'X<t..'t'Tjpyr)i}l)µEV à'ltÒ 'tOU
po di analizzare la struttura e la feno· v6µou ... WCf'U 00\JÀ.EUELV 1}µcic, Èv XCUVO·
menologia dell'esistenza umana, bensl
't'Y)'t't 1t\IEUJJ.<X.'t'OC,. Lo stesso pensiero
mira soprattutto a ricostruire lo svolgi-
mento della storia della salvezza. Ciò concentrato qui in una breve sintesi in-
vale in particolare per Rom. 7. In Rom. troduttiva viene svolto diffusamente in
1 ss. Paolo vede l'umanità, nelle sue va-
rie articolazioni storiche, giunta ormai
Rom. 7, 7 -8,1ss. 136, dove, esattamente
alla fase estrema e mortale del disfaci· come in Gal. 2,17 s., l' f.yw tipico e pa-
mento morale. In Rom.8 inquadra l'ope- radigmatico si sostituisce al collettivo
ra salvatrice del Cristo. Prima però in TiµEi:c,. Se in 7 ,6 Paolo aveva annunzia·
Rom. 7 egli si sofferma sulla maturazio-
ne della crisi morale prodotta dalla Leg- to la fine della Torà, ora in 7,7-12 il
ge. È quindi compito nostro individua- discorso si sposta invece sui primordi
re il significato storico-soteriologico del- della legge: Éyw .•. (swv xwp1.ç v6µov
1' Èyw di Rom. 7.
1tO't'É. È questa l'epoca premosaica 137,
Il motivo che ritorna insistentemen· quando la &µa.p't'lct. era VExpci ( v. 8 ).
te nella Lettera ai Romani è quello della Con Mosè fa il suo ingresso nella storia
terza e risolutiva fase della storia. Le umana il v6µoc, 138, che è in sé buono e
prerogative e l'opera di Dio vengono santo (v. 12), ma, pur essendo dato El<;
stravolte nel loro contrario da una rea- sw-iiv' agisce EL<; i}cX.va.'tO\I secondo una
zione demoniaca. Ma ogni opera rivolta dinamica paradossale che presiede lo
contro Dio è destinata in ultima analisi svolgimento della storia in tre fasi ( v.
a distruggere se stessa dando inizio co- ro; cfr. 4,15; 1 Cor. 15,56). Il segno di
sì alla terza fase della storia, che segna Dio che richiede sottomissione urta con-

132 ss. Oltre ancora si spinge E. FuCHS, Chri- nt. Per r esegesi agosumana di Rom. 7 dr.
stus und der Ceist bei Pattltls (1932 ) 29 s., il adesso H. JONAS, Augustin tmd das Paulini-
quale giunge significativamente a parafrasare i sche Frciheitsproblem ( 19 .~o) 2 .p5.
passi decisivi con espressioni ipotetiche irreali. 1'7 Rom. 5,r2·14.
m Rom. 3,21 ss.; 5, l ss.; 6,r ss. 23. l.l~ Rom. 5,20; Gal. 3,19.23 s.; Rom. 3. 19 s.
ì:yt~ (E. Staufkr) ( 11,_357) 86

tro una resistenza (v. 8 3 • v. 1 13}; alla Tn questo senso è valida l'affermazione:
voloncà di Dio si oppone l'insubordina- Éyw <Tapxw6c; EtlJ.t, 1tE1tpixµlvoc; v1t6 -nìv
zione ispirata dal maligno, il peccato &.µapTlav v. 14b). È inutile che l'auten-
stravolge l'effetto deUa legge nel suo tico iyw non voglia riconoscere que-
contrario: ÈÀ.i>ouo-ric; ÒÈ "tt)c; Èv"toÀ.Tic; ii st'altro 'io' nefasto e rigetti da sé la re-
à.µap"tla &:vt~rio-Ev - Éyw òè CÌ.rtÉi>avov sponsabilità delle sue azioni: 5 yà.p xa-
(v. 9 s.; cfr. v. n•: CÌ.1tÉX."tEWEV). L'epo- 'tEpyasoµa1. où ywwo-xw (v. 15a). Il
ca dell'innocenza ignara mali è finita ed grido di protesta levato dall'intelletto e
ha inizio la crisi. Questo concetto del- dalla volontà dell'uomo contro la à.µap-
la crisi apportata dalla legge viene af - Tla intrusa e tirannica ( oùxh1. Éyw xa-
frontato e svolto da Paolo in una suc- 'tEpy&.~oµat aù-rò à.À.À.à. 1} ÉVOl.XOÙC'a ÈV
cessiva argomentazione che abbraccia i ȵoì. à:µap·t'La} è inesorabilmente vano.
vv. r3 - 20. La legge è un mezzo ra- E tuttavia per ben due v'olte risuona
dicale, il cui primo e immediato cffct- l'amara confessione: «Non sono io ad
tO è di recare in atto l'infermità so- agire così!» (vv . 17.20).
pita e latente. Portando a compimento I vv. 2 r-23 definiscono con un èipa
il peccato, la legge conduce l'umanità conclusivo il risultato di qu<'sta analisi
alla morte (v. 13) 139. La legge deter- dell'io: Evplo-xw ripa -.òv v61.lov 1:@ i>i-
mina una frattura dell' 'io', un dissidio À.ov"t1. ɵoì. itOLE~v TÒ xaÀ.6v, on ȵot TÒ
interiore che tormenta l'uomo - ed è xaxòv 1tapci:xEL't<lt. La vita dell'uomo
questo appunto l'elemento antropologi- è soggetta a una dinamica della distor-
co che contrassegna la nuova epoca del- sione, per cui la volontà buona sfocia
la storia. Cosl se da un lato Paolo può nell'azione peccaminosa. L'fow cl.vì}pw-
parlare di un Èyw (v. 17) che acconsen- 1tOC, (2 Cor-4,r6) acconsente gioiosamen-
te alla legge di Dio (v. .c6), che ha la te al v6r..1.oç di Dio 141, ma il voùc;, pur
volontà di compierla (v. r8; v. r9 s.) e riconoscendo il v6µoç come sua legge,
di odiare il peccato (v. r5), dall'altra è prigioniero impotente di un'altra leg-
invece confessa: olòa ... o-.~ oùx olxEi: iv ge, del v6µoç à:µapTlaç che domina nel-
ȵol, "tOVT foTw Èv TTI o-apxl µou, à.ya-
1
le sue membra.
Mv (v. r8). In lui anzi (vv. 17.20), o Da questa condizione drammatica che
per meglio dire nella sua carne 140, di- sfocia nella morte prorompe un'appas-
mora il peccato che governa prepoten- sionata invocazione di salvezza - quasi
temente tutto il suo agire (vv. 16.18ss.). un ringraziamento anticipato per l'ope·

tw Rom. 5,20 b; Gal. 3,19.24: Rom. ·pq ta allo a-xiiµa -.o;:i xéa-µou -.ov-.ov. Cfr. per
J.IOCfr. v. 23; Év -.o~; µÉÌ.tow. Tanto 'c.irnc' questo BULTMANN, Pa11l11r in RGGJ iv 10 32 s.
quanro ' membra' designano a potiori il com· KUMMEL 136; f uc11s 108 s.
plesso della persona umana in quanro ~"!!!!Cl· lii Cfr. \'. 16 CJ''j!l<;lT)µL.
lyw (E. StaurTer) (u,358) 88

ra redentrice di Dio 142 - che prean- condizione umana instaurata dal Cri-
nuncia il futuro svolgimento della lette- sto 145 • ò yàp v6µoc; i:ou 1t\1Euµa.i:oc; i:fic;
ra (vv. 24 .25"). La conclusione - sem- swf\c; Èv XpLCT'ti;> 'I'T)CIOV Tj)..wi}ÉpwcrÉv
pre con I' èipa - è tracciata dal v. 25b, O'E cbtò 'tOV voµov 'tfiç à.µa.p-tla.c; X<Xt
dove tutti i concetti fin qui svolti ven- 'tOV i}a.vchov ( 8 ,2 ). La prigionia ( 7 ,2 3)
gono ancora una volta associati e con- è finita, l'invocazione di libertà ( 7 ,24)
trapposti in una definizione complessiva è stata esaudita (8, ro). Siamo liberi
della tragica lacerazione dell'uomo: èipa (cfr. 6,22). Una nuova legge, più effi-
ovv mhèc; Èyw 'tQ µÈv vot oovÀ.Evw vb- cace del voµoc; 'tOV voo<; e infinitamente
p,Q i}Eov, "TI oÈ crapxt v6µ~ &.µap·tlac;, pili forte del v6p.oc; 'tf\<; àµcxp'tla.c;, si è
(v. 25b). L'epoca della legge è insomma instaurata nella nostra vita 146, ossia il
contrassegnata da un'insanabile frattura v6µoc; 'tOV nvEvµcx-roc; che è posto Èv
della personalità, per cui l'intelletto ri- XpLO''tQ e produce la swTi. Ora la nostra
conosce e ammeue la legge di Dio, men- volontà e la nostra azione obbediscono
tre il comportamento pratico soggiace a un nuovo soggetto che supera il vovç,
inesorabilmente alla legge del peccato 143• e dissolve la à.µ<Xp'tla, ossia al 7t'\/Evµa.
Ma ormai questo dissidio è superato Il concetto del - > 'ltVcvµa. rappresen-
e la disamina antropologica della dupli- ta l'elemento nuovo del cap. 8 rispetto
ce fallibilità umana non ha più alcun va- al 7. L' 'io' pneumatico è il dato antro-
lore per l'Èyw del cristiano. Infatti ogni pologico fondamentale della nuova con-
crisi dell'umanità non fa che aprire la dizione umana instaurata dal Cristo.
strada a una viteoria di Dio, e così la Questo soggetto pneumatico viene defi-
grande crisi apertasi con la promulga- nito da Paolo in tre rispetti: nel suo
zione della legge è soltanto il preludio rapporto con l'evento e l'opera di Cri-
della terza e definitiva fase della storia, sto, con Dio e con il nostro essere fisico.
contrassegnata dall'evento del Cristo.
Quando il \loµoc; ha manifestato tut·
ouoÈv èipa. \luv xa.'tcixp~µa 144 'to~c; Èv ta la sua impotenza e la storia umana
Xpta'tQ 'I"t)crou. ha toccato il fondo della sua crisi, Dio
Con 8,r Paolo riporta il discorso al- stesso interviene e attraverso il sacrifi-
cio del Cristo colpisce il peccato nel suo
la prospettiva storica di 7,6, che già po-
fomite principale , la cr!ip!;, determinan-
co dianzi aveva 11Jombrato col suo xa-
done l'autodistruzione. Ma ciò che nel
pLc; i}EQ. Tema del cap. 8 è la nuova 7tpw'té'to:xo<; 147 ha valore istitutivo e pa-

112Cfr. 6,17 (inoltre 6,23) e r Cor. T5,57. llell. Myst. 403 ss.; 408 s., 413 , cfr. 388.
Cfr. Rom. 5,18. 14s Conditio è chiamata
143 o:v~òç Èyw non va inrcso come in 2 Cor. 1+1
10,r, bensi nel significato enfatico di Rom. 9, da Aug., civ. D. J3, q ; .ir,q .
3. Vedi inoltre l'tXv-c6ç di I Cor. 3,15. Testi- 146 Cfr. adesso anche E. r:ucHs, Christus und
monilinze sincretis tiche di tXÙi;6c; e <ld suo uso der Geist bei Parilus (1932) .p .
nel sc.:n~o di vo:jç troverai in RE1TZE'\ STi.:1N, 147 Rom. 8,29: npo~ip~cnv ... <ioEÀ.<po~c;.
Èyw (E. Stauffcr)

radigmatico deve affermarsi e compiersi di impotenza disperata. E soltanto di


nel cristianesimo, i'.va. -.ò OLY.a.t'.wp.a. -.où fronte a Dio l'uomo è veramente se
véµou 1tÀ.l')pwi)fi Èv i}µi:v. Se dianzi abi· stesso. Il richiamo d'Iddio trova eco
rava in noi la àµo:p-.t'.a., ora Cristo stes- nell'interiorità più profonda dell'uomo
so vuole dimorare in noi e abita effetti· e l'invocazione a Dio è la prima espres-
vamente in coloro che sono Èv XpLcnQ. sione vitale del nuovo 'io' l'io pneuma-
Tanto qui quanto nella Lettera ai Galati tico 150• Lo Spirito infatti manifesta la
e in qualche altro passo di Paolo la for- sua vitalità e ci garantisce la sua pre-
mula reciproca «lo in Cristo e Cristo in senza proprio nel dialogo con Dio (8 ,
me» non allude a un rapporto mistica- r6; Gai. 4,6) 151 • E quando l'uomo non
mente inceso, bensì ad un legame stori- ha più parole, allora la sua spiritualità
camente determinato. Il cristiano sta Èv soprannaturale si esprime a~Eva.yµoi:ç
Xpw~Q come l'ancico uomo Èv 'Aociµ e à.À.aÀ.1)-.oL<;, che Dio solo comprende.
il giudeo Èv v6µw.. Egli è cioè inserito La vita pneumatica non è qualcosa che
nella realtà instaurata dal Cristo; tutta l'uomo possa afferrare sensibilmente e
la sua esistenza si colloca sotto un nuovo tanto meno di cui possa disporre, giac-
segno (8,xo cfr. 2Cor.5,17; Phil.1 ,21 ) ché essa non sussiste al di fuori di un
e nella misura in cui egli si adegua al rapporto personale con Dio, al quale so-
nuovo modo di essere attuandone le lo è accessibile e dal quale solo in ulti-
possibilità e assolvendone i compiti, ma analisi dipende: El Dtòç Ù1tÈp i}µwv,
Cristo stesso si afferma in lui e nel suo ~lç xa.i)'1)µwv (8,3 r; cfr. I Cor. 2,10
agire. È sempre l'azione quindi ad ave- ss.). L 'io pneumatiCo è soggetto unica-
re un valore risolutivo. Nell'azione l'uo- mente alla volontà e al giudizio 152 di
mo ha dianzi sperimentato il non posso Dio ed è trasparente soltanto all' ÈpEV-
non peccare 143 e soltanto nell'azione gli vwv -rà.ç xcr.pot'.cr.ç (8,27 s.). In conclu-
vien concesso ora il passe non peccare sione quindi la nuova realtà antropolo-
( 8,4 ss.). L'io pneumatico diventa quin- gica sussiste solo Èvwmov -roù i)rnv.
di per l'uomo una realtà solo in actu. Il rinnovamento promosso dal Cristo
Ma il soggetto supremo e assoluto non va comunque - ed è quesro il tcr.
è - nel Nuovo come nell'A.T. - sem- zo aspetto - al di là dell'io umano.
pre e soltanto Dio 149 • Ciò che si sta La creazione infatti è tuttora in preda
compiendo nell'attuale momento stori- alla crisi e lo stesso essere fisico dell'uo-
co è appunto la 1tp6l>t1nç di Dio. Egli mo, nel quale ha preso dimora il mJEÙ·
ha mandato il Cristo nel mondo e in µa., rimane soggetto aUa corruzione, re-
tal modo ha posto l'uomo di fronte a taggio del peccato (2 Cor.4,16). Il 1tvtv-
una scelta inesorabile e decisiva, che µa. è solamente una &.1tapx1J (~ 1, col.
può condurre alla liberazione della vo- 76 r; 2 Cor. r .22; 5 ,5) e perciò lo stes-
lontà e alla vira (8,2 ss.) oppure a una so uomo che ha invocato dal Cristo
tragica ( ro,2 ss.) distorsione della vo- la liberazione dal awp.cr. -roù i)cr.vchou
lontà stessa e alla morte, ma in ogni ca- adesso anela tormentosamente alla à.1to-
so pone fi ne alla precc<lenre condi;done À.vi:pc..Jcrtç -rou cr1.:,p.a.-roç 153 • Ma la à:1m.p-

148 Cfr. 8,7; OVOÈ yàp ovva:--:a:~. CIIER, Agada dcr Tam1aitt•11 11 (1903) 276.
149 ~ coli. 45 ss. (anche r Cor. 15.10). 1s2 Cfr. mh6c; in r Cor. ),l 5 con l'aù"t6c; di
150 8, 1 5; ~ ~oci:w 11 coli. 297-98. Rom. 9,3.
151 Divcrsame nre b. Ber. Hb e T .Ber. 3;3: «Co- 153 xa:t a.v-rot ·div Ò.7ta:pxi1v --:!:lu ::vtvµa.-r::ic;
lui la cui preghiera è comune sulle sue bbbra, i'.xov-rEc; i}µri:c; xa:ì. a.ù-.:oì. tv fano~; !1'7Ev<i-
ahhia in ciò un buon segno». Cfr. \VI. BA· 1;oµc.v, 8,23. Cfr. Gal. 5,17.
iyw (E. S1:1uffcr) (u,359) 92

XTJ del i'CVEVµ<X costituisce una garanzia la legge non esclude quindi, ma com-
indefettibile per il futuro: ò Èydpa.c; Èx prende, il riferimento all'io di Paolo.
vExpwv XpLcr-.òv 'I11crovv swo1.0Li)crEL
xa.t T!X W'Y)'t"èt crwµa.'tcx. ùµwv ÒLèt 'tOÙ In tal modo anche il problema del
ÈVOLXOV\l'tOc; cx.ù-.ov T.VEVµCX.'tOc; Èv Ùp.tv
contrasto fra Rom. 7 e il xaTà OLXa.Lo-
( 8,r 1 ). Perciò l'attuale condizione an-
tropologi.ca è il preludio a quella avve- crvv11v aµEµ1tTOç di Phil. 3,6 viene a
nire, in cui anche la parte fisica dell'uo- collocarsi in una nuova prospettiva. Non
mo sarà vivificata e trasformata dallo è ammissibile comunque aggirare il pro-
Spirito. Non solo, ma in tal modo si
prepara la via al riscatto di tutta la crea- blema con un'interpretazione retorico-
zione, che è stata coinvolta nella caduta generica, poiché un'esegesi siffatta ur-
deJl'uomo ed ora freme nell'attesa che terebbe a sua volta contro la chiara
Dio concluda il terzo ciclo della storia
equazione di Gal. 2 ,r 5: q>V<TEL 'Iouòa.foL
con la liberazione e la manifestazione
degli eletti. Soltanto in questa prospet- =oùx È~ lwwv aµap-.wÀ.ol. L'antitesi
tiva si può comprendere in tutta la sua sussiste quindi tanto in quest'ultimo
portata la nuova realtà antropologica passo quanto nel primo, e il problema
instaurata dal Cristo: l'io pneumatico è
la primizia di u na rigenerazione cosmi- dev'essere affrontato e risolto in tutta
ca, che sarà visibilmente manifesta sol- la sua estensione. Il Paolo precristiano
tanto al suo definitivo compimento. ci viene presentato in un caso come
Un unico e grandioso filone di pen- éi.µEµ1tToç e nell'altro come un uomo
siero scorre quindi da 7,7 a 8,1 i. Ma che lotta invano col peccato; parallela-
con 8,1 Paolo abbandona improvvisa- mente il popolo della Torà ci appare ora
mente l' Èyw collocando in 8,2 un ina- come una società di perfetti ora come
spettato a<., laddove il contesto sembre- una moltitudine di pcecat0ri senza spe-
rebbe richiedere p.E 154, e da 8>4 in poi al- ranza. Che le due proposizioni siano en-
terna i plurali iiµEi:c; e ÙµEi:ç per desi- trambe valide e tra loro in contrasto
gnare esplicitamente quella pluralità che non c'è dubbio: è evidente perciò che
era implicita nell' Èyw di Rom. 7, men- l'antitesi può essere spiegata solo am-
tre la prima persona i)µEi:ç ci assicura mettendo che Paolo usi nei due casi un
che Paolo stesso si considera apparte- diverso criterio di valutazione. I n Phil.
nente a questa pluralità. L'interpreta- 3,6 e Gal. 2,15 si colloca nella prospet-
zione che riferisce l' Èyw al popolo del- tiva limitata e provvisoria del giudeo,

JS4 Esteriormen1e si tratta di un'alternanza in nel testo occidentale e nel text11s receptus (Lu-
tutto simile a quella di I Cor. r4,15s. (10,9s.; tero!). Altri si sono spinti a sostituire il O"E
Rom. 6,8 ss. 15 s.; 14,13). Essa è documentata con il plurale (1Jµ«.;), che predomina in tutto
dai migliori testi egiziani (codd. B. S) e dagli il cap. 8. Per tutto questo già ai tempi di Ori-
antichi manoscritti latini. Ben presto però, CO· gcne l'incertezza era raie, che molti ometteva-
mc dimostra la versione sahidica, si è trovato no sem'altro il pronome controverso (vedi
imbarazzante il O"E e gli si è sostituito µE - l'apparato).
esempio tipico di lectio facilior penetrata poi
93 (Il ,359) kop~~oç (E. StaulTer) (n,360) 94

mentre in Rom. 7 giudica dall'osserva- pienamente solidale con il suo popolo156•


torio del cristiano. Solranto in questa Egli non è un giudeo qualsiasi bens)
seconda prospettiva si pu~> discernere 'il' giudeo. I n lui si è compiuto l 'evento
l'impotenza che contrassegna la vita del storico - soteriologico del passaggio di
giudeo non ancora toccato dalla grazia; Israele dall'impotenza della legge alla
non solo, ma si può cogliere, nella pre- grazia di Cristo. Paolo è insomma la
sunzione ebraica di poter giudicare se à.7tetpx11 del suo popolo 157 , ed è questo
stessi, il pericolo tremendo di glorifica- che conferisce tanta ricchezza di signi-
re se stessi, ed è questo appunto il pec- ficato al!' tyw di Rom. 7.
cato fondamentale e caratteristico del
giudeo, zelante solo per la legge155, il Che Paolo abbia descritto la condhio-
peccato più malizioso fomentato dalla ne dcl popolo giudaico sotto la legge
presentandosi come immagine tipica del
stessa Torà! P erciò anche Paolo riget- popolo stesso è dimostrato da un testo
ta in Gal. 2,19 la posizione di Gal. 2,r5 che si può considerare in qualche modo
e in Phil. 3 ,7 q uella di Phil. 3,6: &"tWa. come il contrappunto giudaico di Rom.
Tiv µo~ xÉ.po11, 'ta.v"ta. i)yT)µcx.~ ... sriµl- 7, ossia 4 Esdr. 7. Anche qui si parla del
dissidio interiore e della crisi acuita
a.v.. . xa.L crxu~a.Àa.. L ' autosufficienza dalla legge 158, e anche qui ci sorprende
morale rivendicata dal giudeo è appar- la solidarietà, presentata come un dato
sa come una tremenda illusione. Soltan- ovvio, dello scritto re-veggente con il suo
popolo 159• Inoltre anche in questo caso
to èv Xp~O''t<!) il giudeo può rendersi la rappresentazione de l! ' impotenza mo-
conto di questo errore e riconoscere la rale sfocia in un grido di dolo re 160•
drammatica impotenza della sua prece- Fra Rom. 7 e 4 Esdr. 7 non mancano
dente condizione. Ed è questo appunto però forti differenze, che si spiegano
con la diversità dei presupposti da cui
che Paolo fa in Rom. 7. muovono i due testi e confermano l'in-
N el far questo si sente e dichiara terpretazione che abbiam dato sopra.
E. STAUHER

ÈÒpcxfoç, ÈÒpcxlwµcx

topcx.~oç nella grecità profana signifi- detto di uomini o di rapporti umani 1 •


ca anzitutto: seduto, stabile, stabilito, Nei papiri un domestico stabilmente im-
1ss Rom. 10,3. Sedrah .5 verso la fine e specialmente 8 verso
156 Cfr. Rom. 9,r ss.; 10,r , -+ n. 143. la fine. OV XWPLt;oµ <.i.L à.1tÒ 't'Ò yÉvo<; i1µwv
1s1 Cfr. Rom. 11,r; 11,16; r Cor. 16, r 5; 15 ,20. (M.R. ]AMES, Texts and Studies n 3 [r893)
1ss 7,45-48.72.128 s.; dr. 3,19 ss. 133 ).
160 7,64 ss. n8 s. 132 ss.; dr. 8,35 s.
159 7,46ss.; cfr. 8,47ss.; 12,7. Esdrn non ap-
partiene ai peccatori, certamente non ai pec- éopai:oç x-r À..
catori senza speranza, e tuttavia egli si associa 1 Èopm6w, 'rendere srnbilc'; ÈÒp<.i.lwO'~<;, 'sta-
consapevolmente ad essi col 'noi'. Cfr. Apoc. bilizzazione'.
95 (u,360) éopet.i:oç (E. Staufkr}

piegato in una casa è chiamato Èopa.i:oc; raramente il verbo Èop<isnv e il sostan-


<pcx.µ~).~cipLoç 2 • Inoltre Èopcx.i:oc; designa tivo EOpr:wµcx.. L'uso si riferisce anzitut-
ciò che sta saldo come un dado ( xvf3oc,) to a Dio, o meglio al suo trono. Quan-
ossia fermo e incrollabile. Qual è - si do il salmista chiama il trono di Dio
chiedono i filosofi della natura - lo Eopm;p.a (Ps. 33, r4, Aquila), Èopo.fo:;
ÈopatO't'CX.'t'OV O''t'OLXELoV, il più stabile (qi 92 ,2 ), non si riferisce evidentemen-
dei quattro clementi? e rispondono: 'Ì) te alla saldezza costitutiva e, diciamo
yfi. Che cos'è 't'Ò 7tciv't'wv Èopcx.~6-.cx.-.ov? così, materiale del trono celeste, bensl
si chiede Plotino e risponde: -.ò ov 3 • In allude alla durata e alla incrollabilità del
entrambi i casi l'impostazione deila do- governo divino. Ma ciò implica una
manda è la stessa: ossia mira a definire chiara rinunzia a definire l'essenza di
ciò che è per sua natura ed essenza sta- Dio, il quale non è presentato - alla
bile ed immutabile. Ma in Plotino i ter- maniera greca - come l'essere immu-
mini del problema si spostano ulterior- tabile, ma come colui che mostra in ogni.
mente, in quanto egli ricerca al di là evento storico la fermezza della sua
del mondo sensibile e relativo l'assolu- mano.
to e immutabile e giunge ad esso me- Questo D io ha fondato le montagne,
diante un procedimento di astrazione perciò esse stanno salde 5 • Dio ha eret-
speculativa: al fondo della realtà mobi- to il trono di David e ha rivolto alla
le e diveniente deve trovarsi un ente la sua casa una solenne promessa, che è
cui essenza è appunto la stabilità e la l'unica e incrollabile garanzia della sua
immutabilità. durata e della sua stabilità 6 • Perché
Nell'A.T., invece, la stabilità di una l'opera dell'uomo sia salda, deve avere
persona o di un oggetto non riguarda l'assenso di Dio 7 . Perché l'uomo sia ga-
la loro essenza naturale, bensì la loro rantito da ogni assalto, bisogna che Dio
validità e durata storica. Stabile è ciò tenga ferma la sua mano sul suo cuore.
che si dimostra tale a dispetto di ogni Un 'cuore saldo' non è quindi una di-
cambiamento e contrasto. Dove si tro- sposizione naturale, una virtù o comun-
verebbe nell'ampio mondo qualcosa che que una qualità, bensì un modo di esse-
per sua natura possa esser definito sta- re determinato e stabilito. Non è insom-
bile e contenere in sé la garanzia della ma una realtà di fatto autonoma, bensì
sua durata? Vi è solo Uno che 'sta sal- una circostanza che ha la misura della
do', ossia Colui che 'è in cielo', e sol- propria possibilità e consistenza unica-
tanto una cosa che si mantiene ferma mente in Dio. Perciò può mantenersi
nel divenire, ed è la mano creatrice e Èopcx.~oc; sol tanto l'uomo che nell'afilizio-
provvidente d i D io . Perché una cosa sia ne e nelle calamità si r ivolge costante-
salda nel mondo umano, occorre quin- mente a Dio. È questo il pensiero di o/
di che sia 'stabilita' dalla mano di Dio 56,8 e r r x,7 8 . Lo stesso rapporto è col-
e che in Dio risieda la garanzia della to sotto un profilo meno immediato in
sua consistenza, durata e capacità di Ecclus 22,1 7, c1<,ve la :xcx.polcx. r1opaO'µÉ-
resistenza. vri è il cuore 'stabilito' nel timor di
In questo senso i traduttori greci del- Dio e nella saggezza pratica.
l'A.T. usano il termine Èopo.foc, 4 e più Al 'cuore' ossia all'azione umana che

\Vort., s.v.
2 PRT'IS IGKE, s ljJ 89 .2 kod . S}: "-Pò <tov l5pn Éopo:~vnvaL.
3 Hcrad., Ilom.All. .p e Plot. 6,2,8 ( LrnoELL- 6 topet.i.'~:;
in ~ 88,38.
Scon., s.v. ). 7 ÈÒpet.~o:; in ~ 89, r7.
4 Èopet.i:oç soltanto in Simm:Ko. 8 Cfr. l!t·br t),9 ~ ~t~Ct.LOW II cnll. 2 F ~$ .
97 (Il,~(, I) Èopaùiç (E. Stauffer)

ha in Dio la sua forza e il suo uhi con- zionc semantica che si svolge secondo
sistam si contrappone il 'cuore', vale a una linea caratteristica.
dire l 'opera umana, che cerca in se stes-
sa il suo fondamento cd è perciò desti- Èopa~oç, saldo, è definito in r Cor. 7,
nato a cadere nel momento della prova 13
risolutiva. Salomone definisce fiduciosa- 37 l'uomo che può impegnarsi in una
mente il suo tempio come un (opa.aµa vita ascetica in quanto sa dominare la
-rfic; xai>lopac; -roù alwvoc;; ma tanto sua volontà cd è intimamente corazzato
l'autore quanto il traduttore e il lettore contro gli impulsi dei sensi (dr. 7,9 .36.
di 3 Bac;. 8,r3 possono bene ricordare
come la storia abbia smentito l'orgoglio- 3 8 ). Ma questa saldezza interiore è un
sa pretesa del re. Gli avversari di Eze- xcipLCTµa Éx ikoù (dr. 7 ,7 ). Secondo
chiele costruiscono un muro e lo intona- I Cor. 15,58 i cristiani devono essere
cano con la calce. Ma Dio fa scendere
una tempesta che spaz7.a via la calce e ÈopafoL e à.µE-rcx.xlvl')-roL, e possono es-
sgretola il muro (Ez. 13,ross.). Per que- serlo, giacché Dio ha vinto la morte;
sto i falsi maestri e i falsi capi del popo- quindi la loro vita, il loro agire e il
lo in un testo giudaico tardivo vengono mondo stesso in cui si trovano hanno
chiamati semplicemente 'costruttori del
muro' 9 • Lo stesso Ecclesiastico, mentre ancora un futuro e ciò appunto confe-
paragona la x.apola. ijopa.c;(dvl] ad una risce loro un' importanza specialissima
casa ben costruita che regge a ogni tem- nel presente. La saldezza che il cristia-
pesta 10, rappresenta il cuore dello stolto
come un fragile steccato 11 • Nulla insom- no può e deve possedere presuppone
ma si può mantenere, che non sia for- quindi una conoscenza (Eloo-rEç) dell'uo-
tificato da Dio. mo nella sua condizione storica attuale
Il N.T. usa l'aggettivo Èopa.~oc; solo e nel suo avvenire (cfr. 15,19.57).
tre volte (nelle epistole paoline), men- Coloro che sono stati riconciliati con
tre ignora ÈopcH'.,EL\I e (opacrµ.a e cosl Dio debbono essere, secondo Col. r , 2 3.
pure H.>palwc;Lc:;. Si trova invece per la 't'Et)EµEÀ.LwµÉVOL xcx.t Èopa~OL xat µi)
prima volta il sostantivo Èopalwµa.'2 in µE't'CZXWOVµE\IOL tX7tÒ -ri)c:; D.:m'.ooç, per
una lettera paolina tardiva. Ritornano potersi presentare un giorno senza mac-
con queste parole concetti tradizionali chia al cospetto di lui. L 'opera della
dell' A.T. , applicati però all'evento del salvezza iniziata da Dio non sottrae in-
Cristo e alla nuova realtà soteriologica fatti i redenti al pericolo, tuttavia in-
da esso creata. I quattro passi in cui ri- combente, di una ricaduta nella loro
corrono Èopafoc:; e Èopalwp.a considerati precedente condizione 14 . La paura del
nel loro complesso mostrano un 'evolu- mondo si è diffusa tra i Colossesi e mi-

9 Dam., passim. PEOç·<T"t:EPÉWJ.UX.


10 Anche in Ecclus 22,18 abbiamo l'immagine l3 Cosl legge il resto Ji Esichio, mentre l'Ita-
<lei muro e ddl'inton:ico. la tralascia la parola.
11 Ecclus 22,17 ss.; dr. Mt. 7,24 s. 14 Cfr. Apoc. 2,5: µvri~~ovEvE ovv 7t6()tv 7tÉ-
12 iOpa~oç-Èopa~wµa per analogia con --'> v"t:E· 7t"t:WXIXç.
E&voc; (G. Bertram)

naccia di risospingerli nel gorgo delle La Chiesa che si sta formando ha il


superstizioni, delle sette cultuali e dei compito di proteggere l'unica verità dal-
falsi riti ( cfr. 2 ,7 s. ). È opportuno quin- la babele dei miri (~ p.uì}oç). Essa dà
di perseverare sulla strada su cui Dio alla fede e al pensiero del singolo un
ci ha posti, rimanere saldi (ÈmµÉVETE fondamento sicuro nella esplicita pro-
-rii 1tLCT'tEL ), nella certezza che solo di fessione della verità (cfr. 3, 16 e passim).
Dio è il potere e solo di Cristo l'avve- L' à:À-i)ì}net. non è più garantita diretta-
nire, a dispetto di tutte Je potenze co- mente da Dio, ma dalla sua Chiesa. L'at-
smiche. La potenza e la fedeltà di Dio teggiamento di salda perseveranza nella
si affermano nella misura in cui l'uomo fede si va quindi trasformando in fe-
resta saldo nella fede. deltà alJa Chiesa e alla professione re-
1nvÀoç xat Éopalwµet. ·d)ç à.À.l)i)Elet.ç ligiosa 15•
in 1 Tim. 3,i5 è definita la ÈxxÀl)crlet.. E.STAUFFF.R

A. POPOLO E POPOLI NEI LXX 'am per cui, attenuandosi vieppiù il si-
gnificato profano, g6iim al plurale assu-
1. Al concetto di 'popolo' fanno ri- me l'accezione tecnica di pagani , men-
scontro nel!' A. T. ebraico i sostantivi tre 'am al singolare si restringe ad indi-
'am e goj. Entrambi questi vocaboli de- care il popolo eletto.
signano un gruppo di uomini (o di ani-
mali) legati in qualche modo da w1 vin- Questa evoluzione storico-semantica
colo associativo, senza peraltro specifi- si riflette anche nelle traduzioni greche
care la natura di questo vincolo, se si <lcll'A.T. Il vocabolo oi'jµoç 2 , che desi-
tratti cioè di un'affinità etnico-razziale o gna il popolo nella sua dimensione po-
di una comunità culturale e politica, co- litica, è raramente attestato nei LXX
me invece accade, per es., coi sostantivi (manca alfarto nei traduttori tardivi) e
mi!ipa/;Jt11, lai611, 'ere~ (Gen. To,31), che precisamente fa la sua prima comparsa
possono designare la no7.ione di popolo in Num ., Ios., !ud. e una volta in Neh.,
nella sua componente razziale linguisti- sempre in corrispondenza di mispa~a,
ca o territoriale. Soltanto lo sviluppo per indicare le comunità minori, di ca-
storico della religione giudaica ha por- rattere gentilizio, comprese nelJ'ambito
tato a una netta distinzione fra goj e più vasto della tribù o del popolo. Sol-

is In r Tim. la Chiesa è il fondamento della ci corrispondono allo stesso vocabolo ebraico,


verit:t mentre nell:t Caverna del Tesoro siriaca è oppornmo trattare congiuntamente l'uso di
44 la vt:ra donrina è il fondamento della Ei>voc; e ).aéç nei LXX; il ncocestamentatio -
Chiesa. À.a6c; sarà invece esaminato al suo posto nel-
l'ordine alfabetico.
Eilvoc; 2 Per i sinonimi 8ij1,1.oç, El>voc;, À.a6c; dr.
t Poiché nei LXX spesso divers i termini gre- T 1u;:-:u 1 233 ss.
J OI (11,362) tlhioc; (G. Bcrtram)

tanto all'epoca dei Maccabei troviamo lo stesso modo di g6jtm e am, ma in


usato ofjp.oç - tre volte in Daniele co- misura ancor maggiore come dimostrano
me traduzione di 'am e spesso nel primo talune divergenze nella traduzione, an-
dei Maccabei - per indicare il 'popolo' che EWTJ e À.a6ç assumono il significato
inteso come entità politica. Nel N. T. tecnico di 'pagani' e 'popolo eletto'. Un
ofjµoç è usato quattro volte negli Atti campione significativo di questo rappor-
in riferimento all'assemblea popolare. to semantico si può cogliere passando
Questa regressione di ofjµ.oç è dovuta in rassegna l'uso di 'am nel Pentateuco
in parte alla tendenza imperiale tipica e dei corrispondenti greci nei LXX. Si
della civiltà ellenistico-romana che, in- impone anzitutto una distinzione fra
sieme con la 1tOÀLç, soffocava anche il l'uso del singolare e quello del plurale 5 _
ofjµoc; inteso nell'antico significato, ma Dal Genesi fino al Deuteronomio il sin-
dipende pure da quell'evoluzione sto- golare 'am ricorre 362 volte e il plura-
rico-religiosa cui abbiamo accennato. A le 'ammim 58. Di questi 420 passi, in
differenza infatti di Israele e di Giuda, 351 i LXX traducono col singolare Àa6c;,
il giudaismo, sebbene ancorato ai theo- che spesso corrisponde ans:he al plurale
logumena della discendenza da Abramo 'ammlm; À.aol = 'ammlm si trova inve-
e del popolo eletto, non è 'popolo', ben- ce solo due volte. Per il resto 'am è re-
sl - almeno nei riguardi dci proseliti so 48 volte con lf.ih>oç ('am =
t'.ih>oç r 3
e delle cerchie vicine ad essi - 'reli- volte; 'ammim = lf.ih>oç 2 volte; 'am =
gione' 3 e come tale modifica largamente EW'T) 3 volte ; 'ammlm=EWTJ 30 volte).
la terminologia ua:.duualisLica dcll'A.T., BaJza evidt:utt: la tendenza a far corri-
desunta dall'antico Israele. Questo sta- spondere EWTJ ad 'ammim quando si ri-
to di cose si rispecchia nei LXX, dove a ferisce a una pluralità di popoli non
tutta prima il panorama lessicale si pre- giudaici 6 • Non meno evidente è, per
senta, per questo rispetto, quanto mai converso, la cura posta nell'evitare il
chiaro e unitario: Eih>oç corrisponde plurale Àaol. Questo rapporto numerico
esattamente a g6j e 'am a Àaoc;. Questa e semantico fra i vari termini indicanti
corrispondenza, che è anzitutto mera- il popolo si mnntiene sostan,-:ialmente
mente filologica , impronta di sé la tra- inalterato anche negli altri libri dell'A.
duzione di interi passi, anzi di interi T. Su circa duemila passi soltanto in
libri 4 • r 35 si trova il plurale À.a.ol. Fra questi,
Alle corrispondenze filologiche si ag- 35 appartengono ai Salmi 7 , dove molto
giungono i motivi storici e religiosi. Al- spesso il plurale si giustifica con motivi

3 Per la tesi che considera il giudaismo non criteri più strettamente filologici . Così per es.
una r:t7..za ma una religione. dr. G. BERTRAM Aquila traduce il plurale 'ammim con Àa.ol
in G. Rose:-i, fude11 und Pbonizier, 11e 11 bear- anche quando significa inequivocabilmente i
beitet von F. Rosen und G. Bertram ( r929), pagani, ed è perciò reso con ~l)vri dai LXX:
soprattutto il cap. 2: Das antike Judentu111 Gen. 49,10; cosl pure Aq., Sirnm., Teod. in
als Missionm:ligion. Deut. 4,19; 7,19, e Simmaco in Ex. r9,5. An-
4 È interessante un confronto fra I e 2 °Eaop. c!ic al singolare la corrispondenza fra 'am e
}.lcntre r 'Eo-op. 1rnduce liberamente, 2 'Ecop. À.u.Oc; è applicata da Aquila più rigorosamente
è assai pii1 legato aU'originale ebraico. che dai LXX: Deut. 2,2 r.
s Seguiamo il calcolo del ManJelkcrn, che 7 Proprio nel salterio l'uso di i'l)vri nel senso
non distingue 'am = popolo da 'am -congiunto, di pagani è rigoroso e conseguente. Soltanto
come non li distinguono i LXX. in lii I0.5,,5 abbiamo (i)vos c;ou in paraJJelo
6 Le ahre \'ersioni csaplari seguono in genere con xÀ-rJPO'JOµla. cd Èx),Ex"tol crov; eppoi ~-
Eilvoç (G. Bertram)

puramente formali, quali per es. il pa- anche in 2 'Ecrop. 9,7 Envri andrà inteso
rallelo con EW'l"). nel senso di pagani. L'universalità che
contrassegna la concezi.one religiosa dei
2. Vi è poi tutta una serie di passi LXX trova un'espressione caratteristica
in cui 'am e go;/ goiim (e, rispettiva· in Dan. 9,6, dove il T.M. suona: han-
mente, Àahç e t'.woç / EWl]) sono esplici- n'bi'tm 'l.i'Ser dibberu b"simka 'el m"là-
tamente e consapevolmente distinti. Co. kenu sarénu wa-'aboténu w"el kol 'am
sl in Ex. 3 3, I 3 Ewoç significa po- ha'àref, mentre la versione porta: ...'tW\I
polo in generale, mentre À.a.6ç desi- 1tPOQ>l]'\WV, ii. ÉÀ.aÀ.i)O'<.X.\I btt -rQ 6v6µa-
gna tecnicamente il popolo eletto: À.a- 'tL O'OU É1tL "t'OÙç ~a<rtÀ.Ei:ç f}µwv xat ou-
6ç crou -.ò EWoç 'tÒ µÉya -.ou-ro. Quello va<r-ra.ç i}µwv xat 1t<X."t'Épaç i}p.wv xat
di À.a6ç t}rnu è un concetto così stabile 7tav-rt Etlvn É7tt -rijc; yijç. Secondo i
e definito che può essere applicato an- LXX quindi il messaggio profetico sa-
che a popoli pagani. Leggiamo così, per rebbe rivolto a tutti i popoli della terra.
es., in 2 Chr. 32,15: où µl) òuvl'}'tat o In realtà il T.M. allude alla popolazio-
t}Eòç 7tClV'tÒç Ei}vouç xa.1. ~mnÀELClç 'tOU ne giudaica che si trova nel paese di
crGxmL -ròv À.aòv aù-rou h XELpoç µou. Canaan e come tale è stato fedelmente
À.a6ç è il termine con cui la divinità in- tradotto da Teodozione: . .. xaì. 7tpÒç
dica il 'suo' popolo ed esprime quindi 7tav-ra 'tÒv À.aòv 'tijç yijc;. Cfr. inoltre,
l'intima connessione fra Dio e il popolo. per es., 2 Bacr. 7,23; r Chr. 17, 21; 2
t'.woç in questo caso designa l'ambito Chr. 36,14=1 'Ecrop. I,47. rnv"f} è usa-
della sovranità di cui si tratta. Analo- to nélla chiara accezione di 'pagani' an-
gamente Ewoç è usato nella seguente che in contesti etico-religiosi. Così so-
dedica ellenistica: 'toi:ç yfjç xaì. t}aM.cr- vente si parla delle $odhyµai:a -.wv
crl]ç xaì. 7t<XV"t'Òç avtlpw7twv f;1wouç xa1. ÉÌlvwv, cfr. 3 Ba<r. 14,24; 4 Bacr. 16,3;
yÉvouç ÒEcr7t6"t'a.Lç8 • Tn Deut. 7,6 i LXX 2r,2 ecc., inoltre anche 4 Bacr. 21 ,9 =
(il T. M. reca 'ammim, popoli) distin- 2 Chr. 33,9; 1 Chr. r6,26.
guono nettamente fra EÌN'l"}, i pagani, e Mentre goj, goiim solo raramente ven-
À.aéç, il popolo di Dio, mentre nel pas- gono resi con À.a6ç ( 7 volte al singola-
so parallelo di Ex. 19,5.6 ('am) scgulla re, 6 al plurale)9 o con altri vocaboli gre-
è À.a.òç 7tEpwucnoç e 'ammim corrispon- ci che non siano ìtìlvoç, la traduzione di
de a E:ìlvn; <lai canto suo g,6i qad6s è re- 'am presenta una varietà assai maggiore.
so in modo filologicamente esatto con Per avere un'idea dell'ampiezza seman-
rwoç &ywv (Deut. 7, 6: 'am qàdos = tica (e quindi dell'indeterminatezza so-
À.aòç &.ywç). ciologica) dei quatcro sostantivi go;, 'am,
Ancor meno legati al testo si mostra- f:woç, À.a6ç, è opportuno prospettare i
no i LXX quando, per es. in 2 'Eo-op. 9, vocaboli che nella versione greca cor-
I I, traducono 'amme ha'arilsot COO À.aoÌ. rispondono a goj e 'am o i termini
-rwv Éwwv, dando a À.o.ol un significato ebraici che vengono resi con ìtlìvoç e À.a.-
generico e a rnvl) quello specifico di pa- 6ç. Le concordanze risultano subito no-
gani. Il passo corrispondente di r 'Ecròp. tevolmente ampie e, per porle in risalro,
8 ,80 porta aÀ.À.oyEvE'i:c; -ri'jc; yi'jc;. Perciò sarà bene mettere in parallelo i vocaboli

i)voç in parallelo con ì..a.6ç in lj; 32, r 2: ~ihl:c, 8 Cfr. MtTTIZIS-WILCKEN r, 2 nr. 6,2.
ovx oO'Lov in ljJ 42,r. Fra gli altri libri della 9 Al sinAolare: los. 3,r7; 4,r; ls. 9 ,); 26,2;
Bibbia quello di Neernia si disringue per esat- 58,2; Ier. 9,9; 40 (-n), <). al plurqle: ~ 66.4
tezza filologica: in esso €1Nri corris ponde sem- (var. ì!i}•JEO'W); lach. q,q; ls. 55,5; 60,5; b..
pre a golm e Àa.6ç a 'am. 20.4 1; 28,25.
~Ovoç (G. Bcrtram)

del T.M. e quelli dei LXX: yl)-maqòm, intendono invece che la missione del
'I, 'ere!; cpvÀ.1), yEvEci, yÉvoc; - biijit, !ap, servo di Jahvé trascende il popolo elet-
!era'' mispiiba; crvvaywy"l) - qobal; oii- to e abbraccia i pagani 10• Non diversa-
µoç; 'umma, t•'om; oxÀ.oc;, 7tÀ.fji)oç - ha- mente sranno le cose in Ps. 47 ,10 dove,
mon; ovvap.tc; - mablmeh, ~·aba', pajil; anche accettando la lezione del T. M.
tX.v1)p, &v~pw7toc; - 'enos, 'adam; aù""t6- (nedlbé 'ammzm ne'•safu 'am 'elohe 'a-
xi)wv; pabbiir; Ttapotxo;-ziir, ben-nèkar; briihiim ), è difficile pensare che questi
7tOÀ.l"°t"T)ç; TtCl~ç, OOÙÀ.oç - •ebed; ll'YOU- principi siano rappresentanti di tutta
µEVOç - niifì'; Éxi}p6c;; (so'n). Anche se l'umanità li. Sarà bene quindi tradurre
queste corrispondenze possono sembra- semplicemente: «Prfncipi dei popoli si
re sporadiche rispetto al numero com- radunano come gente del Dio di Abra-
plessivo di passi con Ei>voç (circa J ooo) mo».
e À.a6ç (circa 2000 ), esse concorrono pe-
rò ad illustrare Ja latitudine semantica 3. Usando EWT) nel senso di pagani si
e il contenuto dcl concetto di popolo, può smarrire facilmente la consapevo-
che può abbracciare un numero indeter- lezza che si tratta di una piuralità di po-
minata di persone (Lutero traduce spes- poli e si può essere indotti a vedere nel
so con Leuten [persone, gente l l'ebraico termine, trascurando la sua natura so-
'ammtm ), sia che alluda alle cerchie di- ciologica, la designazione complessiva di
rigenti o di corte ( Esth. r, 3: itl}vT) = tutti gli individui che non appartengono
'abadim, cfr. I , 16: TJYOUl..lEVOL = 'am- al popolo eletto 12 . Ma I' A. T. afferma
mim ), ossia a un gruppo ristretto, sia che Dio è re dei popoli (ler. io,7; cfr.
che g iunga a significare addirittura il ge- Apoc. 1 5 ,3 ) e a questo principio corri-
nere umano, com'è certamente il caso sponde la tavola dei popoli di Gen. IO.
di 'am in Is. 42 ,5 (Jahvé, il Dio ... che Dai figli di Noè no n deriva una sola
dà respiro al popolo sulJa terra). Voler umanità, bensì una pluralità di popoli ,
ravvisare in quest'ultimo passo, dove distinti secondo le stirpi e contra:ssegna-
gli abitanti della terra, soltanto per que- ti da lingua, costumi e territori propri.
sta loro condizione naturale, son definiti Tl tentativo di conservare un principio
•am, un concct to universalistico dell 'u- di unità descritto in Gen. 1 I deriva in-
manità quale si troverebbe in Js. 42,6; vece non da Dio, ma dalla u~pLç dell'uo-
49,6 ( 0LalH1xTJ yÉvovç, <pwc, f.wGw-bcrit mo. Debellando questo orgoglioso cona-
'am, 'or goj'im) è evidentemente azzar- to. Dio restaura l'ord inamento dci po-
daco. In realtà bcrit 'am si riferisce al poli da lui stabili to. Anche in Deut. 32,
popolo eletto. I LXX (che anche in 49,6 8 la ripartizione dell 'umanità in vari po-
presuppongono nell'originale b~rit 'am) poli appare stabilita da Dio, non però

JO Cfr. ancora di recente \Yl. STAERIC ZA\YJ stata estesa ai pagani. Il T.M. suona: harnl-
NF 3 (r926) 2.;8 ss. e i commentì. mi grijlm 'amm6'. Di esso abbiamo ci nque tra-
11 Sembra co11111nq uc; che $imm.1co e Teodo· d uzioni greche. due delle quali nei LXX: x.
zione abbi~no inceso il passo in senso uni w r- cvq>pavi>T)"t€, ~i)vri, tXl.lC't. av"tQ; 2. EUq>p6:vih1·
salisrico. Simm .: c'ii:;xov·uç ).awv i}ilpot'.crih1· "tE, EihrrJ, µ<:rà "tov À.aov av"tov (Rom.r5,rn);
va.v, Àa.Òç "tov DEov 'A~pa.ci.µ. Teodoz.: lJ.p- 3 . Aquil:i: a.lvonoLljcro:"tE, t'ilvTJ, À.a.òç o:u-rou;
xov"tEç ),awv crvviixihJcrav, À.a.Òç "tov ilEov + Teoùozionc: 'Aya.).).~0.C"i>E, ~VvT), À.a.Òç av-
'ABpa1ip.. Invece i LXX: <i.pxcv-rEç Àawv crv- "tOv; 5. 'E~p.: aivfoa-rE, EWll, À.a.Òv mJ-rov.
vftxih}cra.v p.nà "tov i>Eov 'A(3pa.li{.L. Parimen- 12 Cfr. il probl1::ma dd ge'im nei salmi (dr.
ti per Aquila e Teodozione in Deu/. 32,4 3 la Gi;s.-BUllL., s.v. g6i. come pure ZAW1 NF 3
delìni7.ionc di pop<>lo di Dio sembra essere [ 1926 l 1 ~9). Comunque, b caratterizzazione
Eilvo<; (G. Bertram)

come punizione del peccato umano: piena luce né da Filone né da altri, ma


«Quan<lo l'Altissimo concesse ai popoli anzi si tende a considerare, sul fonda-
la loro eredità, quando separò i figli de- mento di Gen. rr, l'origine dei popoli
gli uomini e determinò i confini dei po- come una conseguenza del peccato uma-
poli secondo il numero (dei figli di no. Leggiamo cosl, per es. in Iub . 10,
Dio)... » 13 . Quest'ultima subordinata ap- 22: «Essi saranno dispersi in città e po-
pare nei LXX come la frase principale: poli e non vi sarà più concordia tra loro
lhE OLEµÉpLSE\I ò uljJLO"'toç ltìlvri, wc; OLÉ· sino al giorno del giudizio». Invece in
cnmpEV uì.oùç 'Aociµ, EO"'tl)O"E\I opLCJ. È- 4 Esdr. 3,7.12 la pluralità dci popoli,
tNwv xa.'tèx. àpd}µòv à.yyÉÀ.wv ~eou. lungi dall'essere considerata come un
Tanto quest'ultimo passo quanto Gen. effetto del peccato, è vista come la na-
r r sono stati interpretati allegoricamen- turale conseguenza dell'incremento del-
te da Filone. Secondo l'esegesi filoniana, l 'umanità, promosso e benedetto da Dio.
nel primo caso si tratterebbe di àpe'tfjç Del resto la benedizione di Dio è rivol-
fWT) xa.t tl'.011 (poster. C. 9 r ), mentre ta, secondo molteplici testimonianze, ai
Gen. 11 adombrerebbe la distruzione, il popoli 14 e non agli individui (cfr. Gen.
&a.Mew, q>~Elpe:w della c;uµq>W'Jla. xa.- !7 e soprattutto le benedizioni escato-
XLwv. Soltanto in questo senso negativo logiche di Gen. 18,18; 22,18; 26,4).
andrebbe inteso il oLa.0'1tElpEw, poiché Grande importanza hanno i popoli
"tÒ OÈ CT1tElpe:w à.ya.~w\I, xaxwv OÈ a.i:- nella visione storica dei profeti. Essi so-
'tLOV -cò OL<X0"1telpew (con/. ling. x96). no gli strumenti dell'ira di Dio nei con-
Come Filone, o almeno la tradizione da fronti di Israele peccatore (Os. 8,xo e
lui seguita, intendesse l'origine dei po- passim), ma soggiacciono essi stessi al
poli risulta significativamente dal modo castigo divino a cagione dell'oltracotan-
in cui egli sbriga la questione storica di za che ha offuscato in essi la coscienza
Deut. 32,8 nei limiti in cui essa poteva della loro missione (per es. Is. 8,9); in-
riguardare la sua esegesi allegorica: ti fine essi sono i beneficiari della salvezza,
OLÉvELµe:v ~WT) ò ~e:òç ti it0'1tELpEv ti è;>xL- che il Re dell'un iverso elargisce ai po-
O'Ev (poster. C. 90). Queste parole pre- poli. Ai regni della terra che già com-
suppongono l'esistenza dei popoli come prendono in sé una molteplicità di po·
una realtà positiva stabilita da Dio. Si poli, di lingue e di culture (dr. per es.
deve peraltro all'influsso, vivissimo nel- Dan.LXX 4,34b) si contrappone il regno
l 'ambito dell'impero romano, <lell'ecu- di Dio, che sarà instaurato da colui che
menismo e del pacifismo ellenistici se i popoli attendono come il re messiani-
queste idee non vengono mai sbalzate in co15. Così la Volgata e i LXX hanno inte-

dc:i pagani corrisponde qui al concetto in cui parte e il suo destino» (KAUTZSCH ). Il ~9 pre-
il giusto tiene i gé'im (sadducci?). Cfr. anche suppone gli eventi narrati in Ge11. II, solo
il passo succitato di 2 'EC1op. 9,n. che qui si tratta dci popoli stabiliti da Dio
13 K. MARTI in KAU'l'ZSCll. La stessa trudizionc che congiurano contro di lui.
si 1rova ancora in test. N. 8 ebraico a Ge11. t4 Per l'A.T. Jahvé è Dio e Signore dc.i po-
10,25: «Poiché allora (nei giorni di Pelag) poli . Cfr. W. CRAF BAUOISSLN, Kyrios III
il Santo scese dal suo alto cielo e fece scen- (1929) 656 ss.
dere (con sé) 70 angeli servitori ... Egli parlò ts Fra i re pagani nell'A.T. Ciro è presentato
e ordinò ad essi di insegnare 70 lingue alle 70 come il Messia (Ts. 45,r) e in Ios., belt. 6,313
stirpi di coloro che trassero origine cfal fianco lo è addirittura Vespasiano. Cfr. ROSEN-BER·
d i Noè ... »; 10: «Dopodiché l'Altissimo distin- TRAM, i.e. (~n.3) 33s., i36s.
se: i popoli e assegnò a ciascuna nazione la sua
i'i>voç (K.L. Schmidt) {II,366) I IO

so Gen. 49,ro: a.ù...òç 1tpoCTooxla. Èwwv. invalicabile e il cui atteggiamento è ca-


Il T. M. suona: w'lo i iqqehat 'am- ratteristicamente rappresentato nella pa-
m'im, che Lutero traduce a senso: «A rabola evangelica del fariseo e del pub-
lui aderiscono i popoli» 16 ( cfr. anche bi icano. Questa nozione del popolo si
Aquila: a.Ù"t'Q CTuCT"t'Y}µa. À.a.wv). Nume- trova espressa in greco con oxÀ.oç (lo.
17
rosi passi dci profeti accennano alla sal- 7, 49) • L'uso profano ammetterebbe
vezza escatologica che i popoli devono invero anche €woç o À.a.6ç, ma nella
ricevere: Is. 2,2-4, Mich . 4,1-3, ls. 25, Bibbia greca À.a.6ç ha quasi sempre il
6-8; JIA s.; Zach. 14,6; Ier. 16,19, ecc. significato tecnico di popolo eletto, men-
Da questi enunciati profetici risulta tre Eil'voç si trova usato - regolarmen-
chiaramente che la realtà delle nazioni te, per es., in 4 Mach. e occasionalmen-
e dei popoli avrà posto anche nel regno te altrove - all'incirca come il latino
escatologico di Dio ; data però l'ampia populus, in riferimento al popolo ro-
erosione dei concetti di popolo e nazio- mano. Il termine EWT] comporta comun-
ne compiuta dalla religiosità giudaica, que, a parte iudaeorum, un giudizio ne-
in moltissimi casi si dovrà intendere gativo; questa valutazioné non è però
non 'popoli', ma 'pagani'. Cos1 vanno definitiva neppure nell'A. T., attesa la
interpretati tutti i passi - tranne quel- promessa di una rivelazione a tutti i
li surriferiti - in cui si tratta dei po- popoli, e meno che mai nel N.T., dove
poli chiamati e mantenuti in vita da I' 'evangelo eterno' è destinato btt miv
Jahvé, o che si convertono a lui (Zach. €woc; (Apoc. 14,6) e dove risuona il co-
8,20-23; Is. 44,5, ecc.). Anche nei te- mando missionario µa.t}rJ't'EVCTCl't"E rcciv"ta
sti che accomunano i pagani ai Giudei, 't'à. EWTJ, «rendete discepoli tutti i po-
o che comunque alludono alla missione poli» (Mt. 28,19).
e al proselitismo religioso del giudaismo G. BERTRAM
- il che è naturalmente altra cosa dalla
rivelazione di Dio a tutti i popoli - il B. Eil'voç NEL NUOVO TESTAM ENTO
concetto di popolo rimane in ombra ri-
spetto a quello di pagani (per es. Is.66, r . Con ogni probabilità la parola, at-
17-2 r LXX). Per questa via il concetto testata in greco sin dalle origini, deriva
di popolo finisce con l'assumere una sfu- da rnoc; e significa fondamentalmente
matura negativa (cfr. plebs ). Il giudai- turba, folla, schiera contraddistinta da
smo rabbinico usa infatti in senso spre- comuni abitudini, costumi e da altre ca-
giativo la formula 'am-hiz'are~, che nel ratteristiche. L' til'voç può essere tanto
periodo postesilico è adoperata dappri- di uomini - e allora equivale a popolo
ma in riferimento ai pagani dimoranti - quanto di animali, nel qual caso cor-
in Palestina (Esdr. io,2.r r, Neh. 10,3r. risponde a gregge, sciame, ma talvolta
32), e quindi per designare la popola- anche a popolo (til'voç µe:À.iO"CTwv = po-
zione giudaico-pagana, ma in seguito di- polo di api). Il significato originario del-
venta espressione dell'orgoglio religioso la parola traspare ancora per es. dall'e-
e teologico dj quelle cerchie che pone- spressione di A ct. 17,26: rcéi.v ltil'voc; &.v-
vano fra sé e il 'popolo' una barriera ì}pwrcwv.
16 In Hag. 2,7 Lutero ha tradotto hemdat kol- LXX alludono ai tesori che devono adornare
haggojim con 'salvezza di pagani' (modificato il tempio di G eru salemme. Cfr. G. 13ERTRAM:
rcccntemenre in 'il meglio dei pagani'). Si trat- ThB! 4 {r925 ) 208 ss.
17
ta di un 'interpretazione cristologica alfauo in- Cfr. STRACK· B11. L1>RnECJ< a Io. 7,49: n 494-
dipendente dal testo. Infatti sia il T.f\l. sia i 5r9.
n1 (n,366) rnvoç (K.L. Sl:hmic.lt)

Di soliro comunque ìiitvoç significa volta dal contesto e da aggiunte specifi-


popolo o popolazione di uomini. Rispet- che (ìiwoç 't'Wv 'louoa.lwv, Act. ro,22;
to ai sinonimi ~ cpu'ì..1} (popolo come
nazione, ossia gruppo di individui le- ìiwoç ét.ywv, 1 Petr. 2,9). Allo stesso
gati da una comunione di stirpe), ~ modo va giudicato il frequente uso pro-
Àrx6c; (popolo nel senso di comunità po- miscuo di ìiwoç e Àa.éc; (lo. r1,50; Act.
litica plasmata da vicende storiche e da
4,25 .27; 15,14; Rom. lJ, n). L'attri-
una costituzione), ~ yÀWO'O'<X (popolo
come unità linguistica), ìiwoc; ha un si- buto 1tÙ:v-ca garantisce che il termine
gnificato meno definito, meramente et- ìiitvl) abbraccia effettivamente tutti j po-
nografico; indica cioè il popolo nella sua poli: così in Mt. 24,9.14; 25,32; 28,19;
coesione naturale e generica 18•
Dei circa r6o passi del N.T. in cui Mc. rx, i7; 13 , lo; Le. 21, 24; 24, 47;
ricorre Eitvoc;, una quarantina sono cita- Rom. 15,n; Gal. 3,8.
zioni dcll' A.T. e numerosi altri sono re-
miniscenze più o meno evidenti di testi 3. Malgrado l'attributo 1tav-ca. si ha
veterotestamentari. Questo richiamo al- però talvolta l'impressione - dapprima
1'A.T., mentre è insignificante quando almeno è soltanto un'impressione -
la parola è usata nell'accezione generica,
assume invece importanza religioso-teo- che ìiitvri non indichi tutti i popoli, com-
logica quando il contesto conferisce a preso Israele, bensl in contrasto con
EWTJ un significato particolare. Israele, esattamente come l'ebraico go-
2. Senza uno speciale rilievo seman- ìm. Così quando in Rom. lJ,II si in-
tico ìiwoc; o EWTJ si trovano usati in 64 vitano, con le parole di Ps. 1r7,r, tutti
passi del N.T., che si ripartiscono fra i i popoli a lodare Dio, il riferimento a
quattro cvangeli (Mt.9 volte; Mc.4 vol- Israele non è propriamente necessario,
te; Le. 9 volte; Io. 5 volte), gli Atti de- giacché è ovvio che Israele lodi il suo
gli Apostoli ( 16 volte), Paolo (comprese Dio. Analogamente quando in Gal. 3,8,
le Pastorali : 7 volte), I Petr. (r. volta), ancora una volta con le parole dell'A.
Apoc. (I 3 volte). Di questa sessantina T., si accenna alla benedizione di tutti
di ìiwoc; o EWTJ nel senso generico di i popoli in Abramo, sarà piuttosto il
popolo o popoli, le seguenti si riferisco- caso di pensare a tutti i popoli all'in-
no al popolo giudaico: Lc1,5; 23 ,2; Io. fuori degli Israeliti, ossia ai pagani,
II,48.50.5r.52; r8,35; Act. ro,22; 24 , poiché la benedizione di Israele in Abra-
2.10.17; 26,4; 28,19; I Petr. 2,9. Che mo era un fatto fuori discussione. Par-
in questi casi la parola ìiwoc; indichi il tendo da questo presupposto ci si può
popolo ebraico alla stregua di qualsiasi chiedere se anche altri passi fra quelli
altro popolo, prescindendo cioè dal suo sinora elencati siano da riferire non a
valore particolare, risulta di volta in tutti i popoli, bensì soltanto ai pagani:

18 In J1poc. 5,9; 7,9; n ,9 ; q,7; t4,6, i q 11a t- in ro,n; l7,r5.


tro vocaboli si trovano accostati e co.' ì pure
ÉÒvoç (K.L. Schmidt) (IJ,368) II4

così in Mt. 4,15 (faÀLÀ.a.!'.a. -.wv EÌ}vwv cante i pagani in contrasto con i Giudei
= g"lil haggojlm: Is. 8,23); 20,25 (ap- o anche con i cristiani: Mt. 6 volte; Mc.
xov"tEç -rwv iì}vwv, probabilmente «Ì ca- t volta; Le. 3 volte; Aci. 26 volte! (~
pi dei popoii pagani»); Le. 2 1 ,24 ( 'IE- col. 115}; Rom. 23 volte; r - 2Cor.
povcra.À.1]µ 7tCX.'tOVµÉVTJ U'ltÒ EWWV: Ja 5 volte; Gal.8 volte; Eph. - Col.6 vol-
città santa calpestata dai gentili); Act. te; r Thess. 2 volte; Pastorali 2 volte;
4,25 (citazione di Ps.2,1s.: i popoli pa- r Petr. 2 volte; 3 Io. T volta; Apoc. xo
gani infuriano contro il Signore e il suo vohe. Nell'cvangelo di Giovanni manca
Unto), 7,7 (analogo); 13,19 (sette po- l'espressione, ma non il concetto (~
poli della terra di Canaan, ossia paga- col.n6).
ni); Rom. l,5 (dove è probabile che ac-
Al fine di chiarire e comprovare il si-
cennando a 'tutti' i popoli Paolo inten-
gnificato di 'pagani' 19 in antitesi coi giu-
da anzitutto i pagani); Apoc. lo,rr; 14,
dei, sarà sufficiente trascegliere alcuni
8; 15,3-4 (dove, secondo il modo di
passi singolarmente indicativi. Quando
vedere giudaico o anche giudeo-cristiano
in Mt.6,22 Gesù ammonisce i suoi ascol-
del veggente, i popoli verosimilmente
tatori a pregare in modo diverso dagli
sono anzitutto i pagani). Resta beninte-
EW'T) ribadisce evidentemente l'antitesi
so che ciò non è sufficiente a dimostra-
etico-religiosa fra giudei e pagani deri-
re che nei passi riferiti vi sia effettiva-
vante dalla particolare posizione di I srae-
mente un uso tecnico di EWTJ nel senso
le nella storia della sahezza. I I paralle-
di pagani, anche se il contesto, sovente
lo sinottico di Le. 12.30 specifica tale
ricalcato sull'A.T., induce ad attribuire
opposizione con la formu la: -rà. EWI)
tale signjfìcaro alla parola.
-rou x611p.ov (nessun giudeo giusto, in
4. Vi è poi un cospicuo numero di quanta membro del popolo clettO, ap-
passi - complessivamente un centinaio, partiene a questo~ x6:rp.::ç). In Mt.Jo,
cancro i 60 circa già ricordati - in cui 5 questi EW'T) vengon posti sullo stesso
EW'TJ ha chiaramente, come l'ebraico piano degli spregiati samaritani 20• Così
gl}zm, il valore di termine tecnico indi- pure quando in l'vft. 20,r9 ( = Mc. ro,

19 È probabile che da EtNT) derivi il tedesw impresci to biblico analogo a chiesa ( = hxÀ.TJ·
Heiden. Cfr. per questo F. ZoRELL: Lexicon clo.) e Kirche, churcb (che derivano probabil-
Graeco-Latinum NT 2 (193r ) s.v.: Sic nomen mente da xvp~etx6v - hxì.T)~let) .
(cum spirit11 aspero koines} in alias tinguas 20 Bene W1.tKE-CRtMM, s.v.: «'tÒ. ~it-;TJ, ut in
transiit: copt. 11inethnos,arm. hethanosq, gm h. VT haggojìm, gentes exterae o veri dei cultu
fem. baith110 (Mc. 7,26), prob' ( = probabiliter} alienae, pagani, gentiles». Franz. Dclir ~sch nel -
angl. heathen, germ. Heiden. Se questa etirn ~1- la sua ve rsione chr:Jica del >:.T. traduce giu-
Jogia è esatta (dr. A. WALDE - J. POKORNY, sra mcme rnvT) con gojim e !'i>voç im cce ( =
V ergleich. w orterb. d. indOf!.Crm. Sprachen I popolo ebraico) con 'am.
L1927] 329}, allorn avrc::mmo in llc:idm un
115 (11,368) EÙvoc; (K.L. Schmidt)

33 = Le. 18,3 2) nella profezia della tecnico risulta dal fono che Paolo con-
passione si legge che il Messia verrà tinua a chiamare EWT) i cristiani con-
consegnato EWECTW, si tratta evidente- vertiti dal paganesimo: Rom.u,13 (non
mente dei pagani, ai quali il Messia dcl è però del tutto certo che €ww\I à.TI6-
popolo di Dio doveva essete effettiva- 0'"t"oÀ.oç vada inteso proprio in questo
mente almeno consegnato. senso!), Eph.3,x (dove è chiarissimo che
La stessa opposizione, fra pagani e rnvT) sono gli etnico-cristiani).
giudei, campeggia poi negli Atti degli L'uso, attestato in I Cor. 5,x; 12,2;
Apostoli e nelle lettere, ossia nelle r Thess. 4,5; r Petr. 2,12; ; Io. 7 (koi-
testimonianze missionarie del primiti- né, ecc.) e in vari luogh i dell'Apocalis-
vo cristianesimo. Gli tWlJ, ossia i se, di Elhn} per indicare i pagani in an-
pagani, percorrono le loro vie, abban- titesi con i cristiani, si spiega col fatto
donati a se stessi (Act. r4,r6); essi so- che, secondo la concezione del N.T., i
no à.nr)À.À.O"t'pLwµÉVOL "t'fjç 'TtOÀ.L"t'EL<Xç 'tOV cristiani sono i veri israeliti e la chiesa
'Icrpa'l)À. xcxt ;ivoL "t'WV &al>l}xwv -.t)ç è l'Israele xa."t'CÌ: 'ltVe:iiµcx.
Ènayye:À.laç (Eph. 2, 12); esclusi dalla Può stupire che il quarto evangelo
rivelazione, essi non son legati a Dio non usi mai 1:'.Dvl] in riferimento ai pa-
dal vincolo della legge e risultano quin- gani. Ma ciò si spiega tenendo presen-
di èli)e:oL Èv -.<{) x6crµ<t> (Eph. 2,12). Par- te che in Giovanni sono gli stessi giu-
ticolarmente chiara è la contrapposizio- dei che, per la loro cieca ostinazione,
ne fra ~ 'IouoafoL e EWlJ in r Cor. r, costituiscono il x6crµoç, il mondo sog-
23, dove alcuni manoscritti in luogo di getto al maligno e vanno perciò consi-
EWEOW leggono "EÀ.À.r]:nv (~"EÀ.À.lJv}. derati alla stregua di EWT). Questa con-
L'uso tecnico del termine è in ogni ca- cezione, pur essendo peculiare di Gio-
so evidente; talvolta però si è perduto vanni, sostanzialmente non si discosta
nella trasmissione del test0, come nel ca- però dalla persuasione generale della
so di Eph. 4,17, dove alcuni manoscrit- chiesa primitiva, se è vero che, per es.,
ti specificano EWlJ con À.om<i. L 'intima Paolo in Rom. l e 2 colloca giudei e pa-
connessione fra gli EWl), ossia i pagani, gani alla stessa distanza daU'evangelo.
e l'eone presente traspare in Apoc. T 5,
3 dalla variante alwvwv in luogo di 5. Tutto questo è ciò che si può dire
21 circa l'uso di €woç quale si presenta ef-
i1'vwv •
Un indice caratteristico della fre- fettivamente nel N.T. ln esso l'influsso
quenza e della stabilirà di quest'uso della terminologia veterotestamentaria

21 Una spia dell'uso tecnico può forse essere articolo; così in Act. 4,25; Rom. t5,18. Cfr.
anche il fatto che talvolta (ìhrT)= i pagani, BLASS-DEBRUNNER § 254,3.
analogamente all'ebraico goiim, è usato senza
EàvLx6<; (K.L. Schmidt)

si manifesta già nel fatto che la maggio- furono i greci a definire i popoli stra-
ranza dei passi con lmvoç sono citazioni nieri come itlhi11. ponendoli cosl in con-
trasto con gli ~ "EÀ.À.l)VE<; 22• Sovente
dell'A.T. La fondamentale connotazio- la parola ewri riferita a una popolazio-
ne della parola è data pur sempre dal- ne non ellenica reca una sfumatura ne-
l'antitesi religiosa e storico-soteriologica gativa che rasenta in certo modo il si-
fra Israele e i pagani. La definizione es- gnificato specifico di ~ f3<Zpf3a.poç. Nel
migliore dei casi itlhioç richiama ciò che
senziale e più comprensiva di questa per noi è la 'provincia', intesa come
opp06izione si ritrova pressoché identi- realtà geografica e soprattutto moralc23 •
ca nel Nuovo e nell'A.T.: '"t'CÌ. lmv'Y} -rà È quindi possibile che l'uso paralJelo
di itw11 = gojtm, attestato nei testi greci
µiJ do6-ra "t'Òv ìk6v ( r Thess-4,5 =E'.lhiri del Nuovo e dell'A.T., nonché nell'A.T.
-.à µ1J Ei.86-ra (ff., haggo;im 'aI:er lo-;eda- ebraico, rifletta quel medesiino senso
'uka, Ier. 10,25). di superiorità rispetto agli altri popoli
che è comune a Israele, al giudaismo e
Il diverso rapporto che lega l' A. T. alla grecità 24• Ma l'esclusivismo nazio-
al giudaismo rabbinico e a quello elle- nale greco può presentare al massimo
nistico spiega perché nei rabbini si man- un 'analogia con la posizione di Israele
tenga - esattamente come accade per nei confronti degli altri popoli - un'a-
~~<X(fLÀ.da (11, coll. x6x ss.) - la no- nalogia che però non riguarda la pecu-
zione e l'uso del concetto ~:fN'Y)/ g6ilm liarità e l'importanza speciale dell'uso
(ciò è talmente ovvio, che non è davve- di EWl) nell'Antico e nel N.T.
ro il caso di citare esempi), mentre non
ve n'è traccia nell 'ellenismo giudaico. 6. Negli scritti non canonici del pri-
Cosl nulla che interessi al nostro sco- mitivo cristianesimo, e così pure nei Pa-
po si può ricavare da Filone, che indi- dri apostolici, si mantiene il concetto e
ca con E'.ttvoç qualsiasi popolo, anche l'uso biblico di itw11. Altamente signi-
quello giudaico (itlhioç ~ 'louoalwv, ficativa è in proposito la definizione dei
spec. leg. 2,163 e passim). Anche Giu- pagani come &voµa. EWl) in mart. Pol.
seppe ignota l'antitesi tradizionale fra 9,2. Non diversamente stanno le cose
giudei e pagani; anzi in certi passi delle nella storia della Chiesa antica; cfr. ca-
sue opere i romani (per es. Tito in bel!. nones G raeci concilii Laodiceni 3 9: où
6,342) chiamano gli altri popoli E:swih:v OEÌ: '"C'oi:ç E:Dvf.(fL (fUVEop-rcH~ELV xat xoL-
itwTJ. vwvEi:v 'tTI ò:ì1EO'tij'tL <XU'tWV 25 •
Non potrebbe quest'ultimo impiego
profano della parola aver influito sul- °f" ÈDVLXOç
l'uso neotestamentarìo di itwri nel sen-
so di pagani? Prima ancora dci romani, Ricorre nel N.T. cinque volte: Mt .5,
22 Vedi gli esempi in MouLT·MILL., LrooELL- nella 1t6À.~<; e i barbari che vivevano XCJ.'"à.
ScoTT, PREUSCHEN·BAUER, s.v. xwµa.ç o in forme ancor meno organiche era-
23 Cfr. per questo ST. LOSCH, Die Dankesrede no eihrr1' e che analogamente nei LXX e nel
des 'fertullus (Act. 24,r-4): Thcol. Quart. II2 NT rnvo:; 'designa il mondo pagano esterno
( 1931) 302; inoltre MOULT.-MrLL., s.v. alla chiesa giudeo-cristiana', ma in qualche ca-
2~ In questo senso si esprime MoULT.-Mn.L., so può stare anche ptr À.CJ.6:;, come in Ac
s.11.: «Hicks in CR [=The classica! Review, [ =Act.] 10,22; 24,r7 ecc.».
London] 1 p. 42 s., ha mostrato che 'la v ira 2; Cfr. Thes. Steph., s.v.
ellenica trovava la sua espressione normale
Ei}oc; (H. Prciskcr) (n,370) 120

1
4 7; 6,7; 18,7; 3 lo. 7 ; Gal. 2,1 4 (l'av- tati morali di un qualsiasi rappresen-
verbio Hhnxwc;). tante degli EWYJ. Si spiega quindi come
Conforme alla gamma semantica di
rnvoc; che abbiamo descritto sopra, l'ag- nella tradizione testuale di Mt. 6,7 ~
gettivo Èwtx6c; significa popolare (an- Ù7toxpL-i:al abbia potuto sostituirsi a É-
che nel senso di nazionale), straniero, wLxcl 2 • Che anche la fisionomia seman-
pagano. Nelle due prime accezioni la pa-
tica di Èwtxéç sia determinata soprat-
rola è attestata soltanto nella tarda gre-
cità. Manca nei LXX. tutto dalla contrapposizione coi Giudei
risulta già dalla formula ÈwLxwc; xat
La prerogativa veterotestamentario-
ovx 'IovoaLxwc; di Gal. 2,14. Se Paolo,
giudaica si esprime chiaramente in Mt.
il giudeo, si fa sostenitore dell'Éwtxwc;
5 ,47, dove gli Èwtxol vengono contrap-
sii\J, si è perché agli occhi dell'Aposto-
posti a coloro che osservano la Legge.
lo gli 'Iovoo.i:oL, indipendentemente dal
L'esistenza di una variante ·n:Àwvcu
loro valore morale, non hanno alcun ti-
rende meno strano l'accostamento con
tolo di superiorità rispetto agli EWI). Lo
ò ÉwLxòc; xaì. ò ~ "tEÀ.WVYJ<; di Mt. i8,
stesso Gesù del resto aveva chiamato al-
r7, a cui fa riscontro in Le. r5,r la de-
la salvezza gli aµap"tWÀ.ol e i "t'EÀ.WV<IL,
finizione cl.i coloro che son fuori della
e quindi anche gli ÈWLxot'..
Legge come "tEÀ.wvcn xat~àµap"twÀ.ol.
Si badi che qui Èì}vLxoc; non designa Nei Padri apostolici Èfr\Jtxéc; si trova
propriamente le caratteristiche popolari una sola volta: Herm., mand. ro,r ,4;
più frequente è invece negli apologisti
comprese in certo modo nella sfera se- (Gius tino, Aristide).
mantica di ìiwoc;, bensì indica i conno- K.L. SCHMTDT

t Ei}oç
a) Abitudine, usanza: Soph ., Phil. à.aE~È<; Ei1oç, detto dell'idolatria) 1•
894; Thuc. 2,64,2 (w.uw.... È\I rnEL "tf,- b) Il costume, l'ordinamento cultuali!,
OE "tTI 'ltoÀEL 'ltpo"t'Epov "t'E i'jv); Plat., la norma: Ditt., Syll! 1 073,2 0 (xa"tèx. "t'Ò
Phaed. 82 b; Isoc. 8,9 1; Epict. diss. r, mi-i:pLO'J Eì}oc;); nei LXX designa le leggi
27,3; ,3,r2,6; P. Ox y. I 155,7; P. Fay. giudaiche: 2 Mach. II ,2 5 ( xa"tà. "tà. Èr.L
x 25,5 {wc; ìiì}oc; fo"t'l CToL); rMach. xo, -i:wv 'ltpoy6vwv ìiDri); 4 Mach. 18,5 ("twv
89 ( W<; rnoc; ÈCT'tÌ. Oloocrf1c.U 'tOL<; CTV"("(E- mnpl(iJV rnwv); Philo, leg. alt. 3, 30;
VÉCJL •WV 0<XCTLÀ.Éwv ); 2 Mach. r .3 A; Phi- virt. 65; spec. leg. 2, 149 (mhpwv Elìoc;);
lo ebr. 195.198; Ios. 83 (Sap. 14,16: 4 ,1 49 e passim. In Ios., ant.9,262 (·mi:c;
ÈòvLxoc; 'compagni', ossia farisei), è giustamente re·
spinta da CREMER-KOcEL.
I ~ EÒVoc; COI. l r(i : oltre aJla lezione ÉD',LX&'.l'J
mcc;
si trova ;mçhe la variante tòvwv.
Vedine la definizione in Scxt. E mp., Pyrrh.
2 La tesi di E. NESTLE (ThStKr 69 [1896 ) 102 hyp. x,146 [ Schlatter J.
ss.; cfr. la sua Philologia Sacra (1896 J 27 ss.) I Cfr. 2 Mach.{,TI (na.pcivoµoc; rn~aµ6ç), inol-
secondo cui in Mt. 6,7 l'originale aramaico o tre Ecclus 2 3,14 ( = abirudine); Gcn. 31,35 ( =
ebraico d i eòvLXO<; sarebbe /Jaber ( hèibcrim = t!erek =regola, mestruazione).
121 (11.~70) E~&oç(G. Kiud) ( 11,371) I 22

tervenire alle adunanze. In Io. 19, 40


i!; rnovç l>va-t'. cu ç); 9, 263 idem; 20,
100 ('toi:c:; yètp m1'tpl0Lc:;... EàE1nv); 15,
Eì>oc:; indica il modo di seppellire prati-
288 (v7tÈp -.wv xowwv él>wv) indica le
norme sacrificali giudaiche. ca to dai Giudei e con ciò siamo alle so-
glie dell'uso - attestato soltanto negli
Anche nel N.T. Ei}oç ricorre in que-
scritti di Luca - di t&oç per indicare le
sta duplice accezione. Unico fra gli evan-
norme cultuali giudaiche. Il culto ebrai-
gelisti, Luca accenna in 22,39 all'abitu-
co vuole essere l'espressione <lclla fe-
dine di Gesù di intrattenersi sul monte
deltà e della indefettibilità di Dio e
degli Olivi. Poiché è da escludere che
presentarsi con una dignità e una solen-
qui si alluda soltanto al riposo nouur-
nità che siano conformi alla maestà di-
no, bisognerà intendere che Gesù du-
vina. A tal fine esso richiede, come ogni
rante il soggiorno a Gerusalemme con-
culto, un ordine stabiJito e normativo
tinuava, sul monte degli Olivi, l 'abitu-
e questo si articola tanto nelle regole
dine sua di pregare, lontano da tutti,
del servizio sacerdotale (ciò spiega la
sulle alture. In gues10 caso iti)oç indica
espressione xa-rèx. •Ò rnoc:; -cijc; i.e:pa-.e:~a.c;,
una pratica religiosa che Gesù non ha
Le. i ,9), quanto nell'ordine immutabi-
desunto dal culto comunitario, ma ha
le delle feste, per cui la vita del giusto
liberamente adottato. In Aet. 25 ,16 il
si svolge xa'tà. -rò El>oç 'tijç Éop'tijc:; (Le.
termine indica la consuetudine giuridi-
2 >42 ). Perciò in ultima analisi Eìloç desi-
ca romana di mettere l'accusato davanti
gna il complesso delle norme cultuali
all'accusatore affinché possa difendersi.
che risalgono a Mosè (Act. 6,14; 15,r;
In Hebr. ro,25 \'iene biasi mata la cat-
16,2r; 21,21; 26,3; 28,17).
tiva abitudine che si sta diffondendo
nella comunità, quella cioè <li non in- H. P REISKER

t dooç, t EloÉa ( loÉa)


i. Ciò che (nell'uomo o in un ogget- Ione 4• t usato <lai LXX (specialmente
to) è visibile, la forma 1, l'aspetto. Le. 3, come traduzione <li mar'ch e to'ar) p~r
22: il 7tVEÙµa. si manifesta crwµa:nx~ es. e:tooc:; aù-.où wc:; dooc:; àyyÉÀ.ov ( Iud.
e:toe:L wç 7tEpLO"'tEp6:; 9,29: ÈyÈve:~o ... ~? 13,6), ma anche xaÀ.1] 't<{) ELOEL (Gen .
Elooç 2 'toù 'itp~awr:ou (di Gesù) he:p:;v. 29,17 e passim); Is. 52,1 4: àoo~'i)a-n
È di uso frequente già in Omero e in 'tÒ e:to6c:; aou xat 1] 06!;,a. a-ou (Aquila:
Erodoto ( pt:r es. -rò Ei'.ooc:; 'tijc:; Y'JVa.Lxòc:; opacnc:; cx.ù-.où xa.t IJ.OP<PTJ a.Ù'i:OÙ ); 5 3.2 :
V7tépE7ta.wÉwv, Hdr. 1 ,8 ); e così pure in oùx Ev'tL') a.ù"W. dooç (Simm.: ovx dooc:;
Giuseppe (ant. 6,296; 7,189)·1 e in fi- mhQ) ... oùx e:txe:v e:tooc; 5 (Simm .: où5t
dooc; dofa ( var. lofo., che è la grafia esatta) cxù:oii
1 Sui rapporti con µo(J<l>i) dr. CKEMER Ko·
wç àa-rpatj.
l Sn11.ATTER, Komm. Lk.. 44.
CEL 389; TRENCH 175.
4 11. l.r:tSE<iAN<., I 11d1ces ( 1926 ss.) 2:? 2.
' Cod. D, Or.: i.ofo, dr. Mt. 28,_3: Tjv oÈ Ti S Ci1:1 1n in 1 (!cm. 1 <>.~.
123 (11,371) ttoo.; (G. Kittcl)

10
t>Ewplcx.); 5 3,3: 'tÒ Etooc; CX.V't'OU a'tLµOV 2. 2 Cor.5 ,7. La traduzione corrente
6
(T.M. nibzeh; Sìmm.: É!;ouoEvwµÉvoc;) . di o~ò: 7tLO'"t'cWc; 1tEPL7t(l'tOUµEV' où OLà d-
In riferimento a Dio. I LXX tradu- oouc;, « ... non in visione>) difficilmente
cono il nome 'Pniel' di Gen.3 2,3os. ( = può essere esatta. Infatti la parola de-
3r s.) con l'espressione: dooc; 'tou t>Eou. signa sempre l'oggetto, mai l'atto del
Num. 12,8 (D io parla di Mosè): CT'toµcx. vedere, mentre questa interpretazione
xa.'tò: cr't6µcx. À.cx.ÀTicrw a:ù..<;>, Èv ELOEt 7 verrebbe ad attribuirle un significato at-
xcx.t où ot' a:twn1<hwv, xaì. 'ti)v ò6!;cx.v tivo che non è mai auestato 11 . Infatti
xvplou ELOEV (~ I, coll. 479.586 s.). Paolo quando vuole specificare l'aspetto
Tn quest'ambito si colloca il Àoytov essenziale e determinante del 7te:pmcx.-
di Io. 5,37, che associa la percezione vi· 't'ELV usa regolarmente o le preposizioni
si va a quella uditiva: OV'tE <pwvi)v cx.Ù'tou xcx.-rci (Rom. 8,4; q,15) ed Év ( 2 Cor.4,
7tW7tO'tE à.xT}xéa:'tE ov-rE dooc; a.ù'tov 2; Rom. 6,4) oppure il dativo (2 Cor.
Éwpcixa-rE. 12,18; Gal. 5,16) 12; qui siamo invece di
Cfr. F.x. r. 4I ,3 : «Due cose I sraele fronte a un otci che non indica la natu-
desidera da Dio: vedere il suo aspetto ra e la guisa del camminare 13, bcnsl sol-
(dmwtm) P uclire Il" parole dalla sua boc- tanto una circostanza con~omitante cs~a.
ca». L 'atteggiamento dell'esegeta rabbi-
3 b: ~ 11, coli. 909 s. ). Perciò il senso
nico si può cogliere significativamente
dal fatto che in 5. Num. 103 a 12, 8 della frase può essere sol tanto questo:
bemar'eh 8 viene spiegato senza riconnet· noi urmminiamo ora nella sfera in cui
terio al soggetto d ivino implicito in ha valore soltanto la fede e non vi è po-
'adabber, ma wmc \·isione del discor-
so': «Tu dici: !a visione del discorso. sto per alcuna 'forma i:isibile'.
Oppure forse la visione della Shckinà?9 • Resta da vedere <li qua.le 'forma' si
Vi è qui un insegnamento che suonn: tratti. Si è voluto ra\·,·isa~e nella parola
'Ed egli disse: Tu non puoi vedere il
un riferimento 3J XVr;Lc:; i !, al quale sia·
mio volto giacché nessun uomo vede me
e vive' (Ex. 33,20 }». mo ora legati dalla fe<lc (si tratterebbe

6 Per il testo dei \'ersi del Deuterois.1ia nei 269 O. 11.


LXX, in Aquila e i;i S;mmaco cfr. K. F. Eu- 10 \..osi anche \X71Nmsc11. L1ETZMANN a. l.; e
tER, Die \ 1 erl::iindig1111g i:om lcidende11 Got- così ancora G. K1TTF.L, Rc>ligionsgescbichle 11.
1,•sknecht aus }es. 5~ i11 dt•r griecb. Bibel = Urcbrll. ( 1932) 103.
B\XI ANT 4. F q ( r93-tl 12 ss. Il Cfr. LIDDELL-SCOTT 482; così interpretava
7 T.M.: rlmar'eh: rnme i LXX, anche ìl Sa.
già G. H ctt'\R! CI, Das zu:cite Sendschr. des Ap.
maritnno, il Targum <li Onkelos e vari mano· Pls. an die Korintbicr (r88;-) 261; Jo., Der
scritti lc~.(!Ono b<mt!r't•h. Così anche S. N11111. :.1cei1e Brief r111 die Kor. (I ClOO ).
IO) n./. (KUH~ 269 n.9) ~ n . 8. Cfr. A. D r LI,·
12 Così osserva giustamente lo I l1:1NRIC1, Der
MANI', Komm ::u 1 \ 'um. :e 1886) 66 s.
zweite Brief (ci t.) rll~.
~ Il Midra~h p:·:.'sL:p['<'"'tC qc:st:i le;-::'l:ic, ~
13 Così W1:-101scu. ad. I. 167.
n. 7.
9 TI m.moscritto del ~l!dr:i~h conservato a Ber· 14 Così H i::1~R1C:1; inoltre A. ScHLAHF.R, Pau·
lino legge 'lbim = la vi~ ionc di Dio! Cfr. Ku11N, lus, der l3ote ]em ( i934) 363, 519, 5 52.
12) (11,372) d5oç (G. Kittel) {u,373) 126

quindi dello stesso concetto espresso in so di prototipo, idea, essenza di una co-
I Cor. 13,12': 0ì.ércoµEV yèLp ap-CL OL'
sa (symp. 210 b; Hi. I, 289 d; Phaed.
102 b. 103 e; Theaet. 148 d; Philo, op.
foon•pov Èv aìvlyµa-cL) e del quale po- mund. 103; vit. Mos. 2,76), forse anche
tremo contemplare I' aspetto soltanto l'uso di dooç nel senso di forma con-
nell'eone futuro ( == -c6-ce oÈ 7tp6CTwrcov trapposta alla 'materia' (uÀ:r1): Aristot.,
phys. 1, 4 p. 187 a 18; metaph. 6,3 p.
7tpòc; 7tpOCTW7tOV, r Cor.13,121:>). Ma que-
1029 a 29. È logico e conseguente che
sta spiegazione, oltre a postulare un cam- questo concetto platonico dell'etooç sia
biamento troppo brusco fra il soggetto sconosciuto al N.T.
di 7tlcr-ctc; e quello di dooc;, non presen-
3. Conforme all'uso frequente 17 di
ta alcun vero e profondo legame con il
dooc; nel senso di 'genere' 18 è l'espres-
contesto logico del passo. Entrambe sione di r Thess. 5 ,22: à1tò mt.v-r:òc; e(-
queste difficoltà scompaiono se si accet- oovç 1tOV'J1POV à.7t~XECTi}€, astenetevi da
ta un'altra interpretazione ugualmente qualsiasi genere cattivo 19 • Da- escludere
senz'altro, in considerazione del v. 21,
possibile, se si intende cioè Etooc; come è la vecchia traduzione «evitate ogni
la conformazione dei cristiani 15 che, apparenza cattiva»w. Il contesto assume-
nel suo senso vero e pieno, coincide con rebbe poi contorni più netti e concreti
se si potesse dimostrare l'ipotesi che ve-
l'Èvonµl\crcu 'ltpòc, -còv xvptov ( v. 8 ). La
<le in e::;::;u la dta;-:ium: Ji uu Àhywv Ji
condizione terrena e provvisoria dei cri- Gesù variamente attestato nella chiesa
stiani sta all' etooç, che sarà possesso antica 21 ; il che non è impossibile se si
escatologico del credente, esattamente considera la risonanza del ).6yiov e
l'uso, attestato anche altrove, <li dooc;
come lo crxfjvoc; sta alla oìxla àXELpc1tot'.- nel significato di genere di monet;'l 22. In
1)•oc; (V. 1 ) , O come ÈV -ci;> CTWp,C!'tL e tal caso i vv. 21 be 22 rappresentereb-
à'ltò 'tOU xvplov (v. 6) stanno al itpÒç bero l'applicazione positiva e negativa
del principio esposto in 2 r 3 : «Esami-
'tÒV XVpLOV (V. 8 ), Il tenore insomma
nate tutto - come buoni cambiavalu-
del nostro passo coincide con quello di te - ; trattenete il buono e scartate
rfo.3,2: OVTIC.ù Èq>CX.\lepwlh) -r:l ÈcroµEita 16 • tutti i tipi scadenti!}>.

Cfr. l'uso platonico di dooc; nel sen- G. KrrTEL

19 Non è Possibile stabilire se r.ov'Y)r;ov sia


is Così CREMER-KOGf.L 390.
16 f:: pefciò errato cercare un termine di con- usato come aggenivo o sostanrivo ('<da ogni
fronto in r Cor. 13,12 o nell'Év ei:oEt di Num. genere di male»). Nel primo caso tfr. lob 1,
12,8 LXX; tanto pit1 che anche in r Cor. 13, I.8: (httx611tvoç Ù7tÒ ;.:a:v-ròç T:OVl'JPOV 1tp<iy-
12 difficilmente Paolo dipende dalla versione µa-roç, nell'altro I o~., ant. 10,37: r..fi.v Eiooç
greca della frase veterotestamentaria (~ I, nOV'Y)pla:ç.
col. 484. 20 Cosl Lutero, Calvino, Erasmo (apparentia);
11 Cfr. Mour,T-Mru. 182. Per Filone dr. LE1- invece la Vulgata: ab omni specie mala.
SEGANG, 222 SS. 21 "'(LVEO'~E OOY.LJlOL -rpa:.-;El;~-rm, -rà µÈv a7to-
JS In questo significato talora coincide con OOXLµ&.ço'J'!Eç, ;;Ò xa),ò'J za-:Éxov'ttç. Un'e-
"(Évoç, rnlora ne è una ripartizione; così Ari- sauriente disa mina del!~ tnidizionc in A .RESCH,
stot., rhct. 2,20 p. 1393 a 27. Awapha '( J906) rr2- I2 8 . ' ' l\Escu 125.
127 (11,373) E(otJJÀov (f. Biichscl)

dòwÀ.ov, ElowÀ.6i)v-cov c:lòwÀ.Ei:ov, xcx."t'ElÒwÀ.oç, ElowÀ.oÀ.(:hp'Y]ç,


ElòwÀ.oÀ.cx."t'plcx.
I. eto-wÀov da (F)i::Lo- 'vedere' (cfr.-7 le impressioni alle guaii la parola E~ow­
E~Òoç, figura) significa l'immagine, la raf- Àov si richiamava nella mente del greco,
figurazione, sia quella prodotta artificial- risulta caratteristicamente dall'uso di E~­
mente, sia quella che si forma da sé o owÀ.o'J per indicare i riflessi speculari
che semplicemente esiste. Così per es. dell'acqua: -rà. Év -roiç voctow i::towÀ.a.
El'.owÀov può indicare Ja raffigurazione (Aristot., de div. per somnum 2 p. 464
di un uomo, e in tal caso l'accento del- b 9.u) e di dowÀ.ov crx.L<iç per indicare
la parola batte sul fatto che I' ELOWÀ.ov l'ombra (Plat., resp. 7,532 c), gli aspetti,
riproduce l'immagine della persona ma le apparizioni ecc. 3 e dal fatto che Ei'.-
non è la persona stessa 1. EtowÀ.ov inol- owÀ.ov si trova in parallelo con cpci.crµct 4
tre può riferirsi anche ad immagini di e può designare le ombre dei trapassa-
divinità 2 , sebbene il termine comune- ti 5 ; queste infatti hanno soltanto la fi-
mente usato in questo caso sia éiyetÀ.µ~, gura della persona umana, e ad essa so-
mentre le rappresentazioni statuarie di no somiglianti ma anche distinti. L'ope-
figure umane vengon chiamate di solito ra d'arte è chiamata ErnwÀ.ov proprio in
àvopLciç ed dxwv. Si badi che il termi- quanto è priva di coscienza e di movi-
ne ELOwÀ.ov non designa l'oggetto di mento e si distingue da ciò che è vivo
culto in sé, ma specifica il suo rapporto e reale 6 • i::towÀ.ov è il para1lelo di 4ii::ù-
con la divinità. Quali fossero le idee e ooç e l'opposto di ~àì..t)f}Éç (J, coll.666

tlowÀ.ov
PAPE, PASSOW, CREMER-KOGEL, PREUSCllE:-1- rare la ripetizione di èi.yaÀµa.
BAUER, s.v. ErowÀov;
STRACK-Bru.e:RnECK nr, 3 Ios., beli. 7,452: ((36o; (3ì..l1mv ELOWÀ.a -cwv
51-60; SrcKENBERGER, r Kor. 38 s . Ù'lt' o;v't"ov 1tE<povrnµÉvwv (cp€cr-cr1x6"ta; Vett.
I Horn., Od. 4,796: ELOWÀOV 1tOlTJO'E, o€µo;ç Val. 2,n p. 67,5; V1tÒ oa.tµovlwv xo;ì, q>etv-ca.·
TjtX-CO yuvo;~xl; Hdr. 6,58,2: oç o'èiv Èv 1tOÀÉ- cri.a.e, dow'X.c,w XPTJ~La.-ct01'hicrov-caL; 2 36 p.113,
!.14> "twv po;O"~ÀÉwv ci1toìhivn, "t'ov"t'~ oÈ Etow- 17: i:ov OÈ Kp6vov €v -cQ vrtoyEl~ EÙpEitÉv-roç
ì..ov O'XEVcI<i<XV-CEç Èv XÀLVll E(i foi:pwµÈvn i>Ewv xat vExpwv fXor,.iì..a èqiav-c6.crl>r1: Luc.,
Èx<pÉpovcrw; r ,5 r , 3: yvvo;Lxòç dowÀov xpv- dia!. mori. r6,5: X!'lÀw.:; av "t<XV"!CX. EÀEYE<;, El
cri::ov, "tÒ l>EÀ<pOL -rTjc, à:p-cox61tov -rTjç Kpol:nu crw;.ta 'ilO"ih, vvv oÈ ò:crwµa.-cov E~owÀov d.
Elx6vo; À.Éyovcnv Elv(Xt; Pnlyb. q ,7 ,2: TJ'J yàp 4 Plur., Thcm . 15 (I 119 e): É'."tEpCX. oÈ q>Ò:O'p.o;-ca.
ELOW),ov yvvetLXE~ov ... xa-cà oÈ -.ljv 11opq:>ljv xa,1, d'.5c>lì.a x(Xi}opiiv è'oo!;av Èvo1tÀW'J <ivopwv;
Elc, òµot6-cT)-ca -cii "tOV Nci(kooç yvvo;Lxt ota- Philo, som. 2, r33: EUìwì..wv xo;ì, q>aO"µa:twv
cp6pwç à:1tE~pyao-µÉvov; Philo, congr.6-;: dl)c;,- xat 6ve~p1hwv gl)vTJ µuplo;; spec. leg. r ,26: EL-
Àwv X<XL civopLaV"t'WV; fos., be/l. 5, 5 r 3: 1ta~­ owÀa <iY.La~ç ÈoLX01:Ct xd q>a<i(l!'l<iLV, OVOEVÒç
OEC, oÈ xat vmvlaL oLotoovnEç W0'1tEP EÌ:owì..a. TJP"t'TJ~LÈva. LO')'.Upov xat (3e(3a.t'.ov; Plut., superst.
X<X"tà. -càc, ayopàç civELÀOVV't'O. 3 (u 165 e): ELÒwÀa <ppLXWOTJ (spaventosi, che
2 Polyb. 31,3,13·r5: "tÒ oÈ '1'<7iv à:ya'X.µt.hwv dànno il brivido) xat -cEpacr-cLa <pacrµa-ra.
1tÀi}l)oç ov ovva-.òv È/;TJYTJO'<XO'&ett• mx.v-cwv 5 I Iom., Od. 1 C,476: (3po-cwv ei'.owÀa. xaµ6v-
yàp "tWv 7tap' à:vi'tpwrtoLç À.Eyop-livwv fì voµt- -.wv; 24,14: [vi}a. -cc: va.louat ~uxal. ELl5wì..o;
soµÉvwv ikwv X<XL O<XL(J.OVLWV 1tpoa€-cL OTJ TJPW· xa.µ6v-rwv; Soph., Ai. 126: òpw yò.p 'Ì]µiiç ov·
wv El'.owÀ.a &111e:i:o... Nux-còç ELOWÀov xat /)Èv OV'tCl.ç aÀÀO 1tÀTJV I E~OWÀ', OO'OmEp ~W·
'HµÉpaç "tiic, -cE xat Ovpavov, 'Hovc, x!'lt ME- 11~v fì xovqiT]v crxL6.v e passim.
<iTJµ~plaç. Allo stato atruale delle nosrre cono- " Xcnoph., mem. r .-iA: r.6-rEpci O''Jt ooxovO'Lv
scenze questo è l'unico passo in cui un greco ol ci1tEpya1;0J lEVOL étowÀo; a q>povci 'TE X(LL rixi-
pagano usa Ei'.owÀov in riferirnerHO all'effige di VT]"ta 6.!;to1'au11a.o--c6-cEpoL dvm iì ol s0a Ep.-
una divinità, evidentement e allo scopo <li cvi- Cj)f)'JV("L xa.ì. fv<pya;
dowÀov (F. Bi.ichscl) (u,374) 130

s. )7. Platone definisce le cose particolari magini, e inoltre 'elli 19 e hèbel1.0 che non
tl'.owÀ.a8 proprio per l'irrealtà che le di- indicano le immagini ma definiscono la
stingue dai 1tcxpaoElyµcx-rcx. Ma dow-
À.ov può essere anche l'immagine che un
inconsistenza degli dèi, e infine 'èl21,
oggetto o un essere suscitano nell'ani- 'elohim 22 , ba'al 23 , bama 2•. Si osservi an-
mo 9 • È frequente in Pilone nel senso di zitutto come le raffigurazioni degli dèi
irreale, illusorio 10. Perciò se può essere vengano chiamate non col termine usua-
azzardato affermare che EtowÀ.ov indichi
ciò che non ha consistenza, un puro le èiyaÀ.µa, bensì con El'.owÀ.ov e, secon-
schema, è pur cerro che la parola desi- dariamente, come questa stessa parola
gna sempre non l'efiettiva realtà ma una indichi non soltanto l'immagine ma la
copia di essa.
divinità stessa. Dietro quest'uso sta evi-
I LXX traducono con ErowÀ.ov una
2. dentemente una polemica antipagana
serie di vocaboli che designano le im- che sfrutta l'esistenza d i un culto delle
magini degli dèi o le divinità stesse dei immagini degli dèi per dimdstrare l'in-
pagani: 'ii~ab 11 , pàsz/12, pese/ 13, felem 14, consistenza delle credenze e degli dèi
t' riiflm 15 , f?ammàn 16, termini che indica- pagani 25 • Per i giudei le immagini degli
no le rappresentazioni degli dè i esclu- dèi sono gli stessi dèi pagani e sono
sivamente in quanto tali; rendono an- quindi l:i riprova che i pagani posseggo-
che gitlul2m 17 e siqquf 18 ' che esprimono no soltanto una parvenza del divino.
la perversione intrinseca di siffatte jm- Per questo appunto la stessa parola

'Plar., Theaet , 150 c.: ... ~acravlsEw ... -:to-cEpov 11


r Sam. 31,9; r Chr. 10,9; 2 Chr. 24,18; Ps.
Ernw>..ov xat ~Euéioç à.1to-clx-cEL -rou vfou Ti rr 5,4; 135,15 ; Ts. ro,lI; Is. 48,15; ('oreb); Os.
o ~civo~a fi yov~µov -rt: xat a ÀT)Mç. Cfr. Plat., 4,17; 8,4; l 3,2; x4,9 ; Mich. 1,7 ; Zach. r3 ,2.
soph. 265 b : -i) ycip 7tOV µ iµT)O"i.<; TIOtT)O'iç ;:i.ç 12 :z Chr. 33,22; 34,7; /s. 30,22.
t cr-rw. ElowÀwv 11tv-co~. cpa~lÉv, Ò'.ÀÀ' ovx aù- Il Ex. 20,4 ; Deul. 5.8.
-cwv Éx.à.O"-cwv. Cfr. Philo, som. 2,162: ~Evowv 14 Num. 33,52; .2 Chr. 23,17.
ElowÀwv xcxt ci~E~alwv cpav"tex<rµà."l'wv. 15 C e11. 3r,r9.34 s.
16 2 Chr. 14,5 (4 ); Is. 27,9 ( ?).
8 Cfr. E. CASSJ RE R, Eidns tmd Eidolon in:
17 Lcv. 26,30; Deut. 29,r 7 ( 16); 4 Ba.11. 17,12;
Vortriige dcr 13ibliorhek Warbu rg 1922/23 1
( 1924) 1-27. 2r,rc.21: 23 ,24 ; Ez. 6 ,4·6.13 ; 8,10; 18,12 ; 23,
~9: 36,18 (cod. A). 25; 37,2 3; 44,12.
9 Leucippo, Dcmocrit0 cd Epicuro spiciu1v:mo 18 3 Bo.o-. 1 c,51.
la percezione am mettendo che dalle cose pro- l9 Lev. 19,4; r Cbr. 16,26; ljJ 96,7; Hab. 2,18.
manassero <lcAli Ei'.owÀa i quali, attraverso gli 20 Deut. 32,21 ; l er. q ,22; 16, 19.
occhi, agissero sull'anima ( 11 8,33 s•. D 1ELS). 21 fr. 57,5.
Cicerone, cp. 1 5,16,x, ironi zza sugli Etowì,a t:he 22 N11111 . 25,2 (bis); r Bacr. 17, 43 (cod. A); 3
l'uomo rechr n:bbc nella coscienza. BaO". Il ,2.7 (8).33 ; ls. 37,r9.
10 Cfr. l'indice dcl LEIS f:GANG, ma sopr:ittullo 23 :z Chr. 17, 3.
con/ lini!.. 74, dove r.pa:yµa"t'a vq>ECT<tT}xò-ca 2~ f:z.16,1 6.
xat ov-twc; Vitcxpx;:a vengono COnt r:tppo~!I :Jitli 2S Deut. 4,28; 28 . ~6; 29,16; Js. 2,8.20; 40, 19-
Ern<A1Àa. 0 H111. pro b. lib. r 46: <iµcx•; pcx Ero1.0Àa 20; 44,9-20; 46, 1-7; Tcr. 10,3-9; llab. 2,1 8-19;
CÌ.pE't'ljç opwv-cEc;; con/. lin11.. 69 e I I : CJY.~<b e Ps. ll5 ,4-8; 13 5, 15-18; Sap . 13 ,ro-19; 14 , 1 14;
Eror.iÀov in p:1 r.1 lle lo; praem. pol'n. , ,,: -:iic; i5,1·17; cp. frr. -1·72; dr. S TRACK-BILLER SEC K
i)oovljç i:à t:r.ow>..a. l ii 53.00.
~!'.owÀov (F. Bi.ichsel)

'immagine' può indicare sia le raffigura- espressione linguistica, trasformandone


zioni pagane degli dèi sia gli dèi stessi. una precedente.
La parola nostra 'idolo' non tende com-
Quella riportata in Ditt., Or. 201 è,
piutamente il senso biblico di E~OwÀ.ov. come mostra la nota 8, un'iscrizione as-
L 'idolo è infatti l'oggetto di un falso sai tardiva e non scevra da influssi cri-
culto; ~xowÀ.ov è invece la parvenza in- stiani (forse giudeo-cristiani) e perciò,
pur riscontrandosi in essa l'impiego di
consistente che la stoltezza di certi uo-
dowÀ.ov in riferimento alla divinità, non
mini ha preteso di sostituire al vero comprova nulla circa l'uso linguistico
Dio. Quest'uso di Ei'.owÀ.ov è noto anche della grecità profana anteriore ai LXX.
a Filone e a Giuseppe. In Catal. Cod. Astr. Graec. (ed. Cu-
mcmt, Boll, Kroll, Olivieri) vn 176,22:
Filone cita ad es. Lev. 19.4 in spec.
o òi µÉÀ.À.wv Èv Bl)i)À.Eȵ Èx ·djç TCct.p-
ÌÌÉvou yEvvcio-ìJaL mhòç µÉyaç OLòaO"Jta.-
leg. 1,26; e Gen. 3r,35 in conf. ling. 74. À.oç yEv11vnaL xcx.ì. •Ò &.vi)pwmvov yÉ-
Intende invece Ei'.owÀ.ov nell'altro signi- voç crwO'EL x1tì. 'toùç e:lowlwv vaoùç x1t-
ficato quando svolge le sue interpreta- 'taÀ.UO"EL, l'influsso del linguaggio bibli-
zioni allegoriche. Rachele è la a.i'.cdh10-Lç co è troppo evidente perché l'impiego
(-') r, coli. 503 ss.), e gli dòwÀ.a. su di dowÀ.a in riferimento alle immagini
cui eUa siede sono l'irrealtà, che è og- cultuali ci permetta di trarre conclusio-
getto dei sensi (leg. all. 2,46). Giuseppe ni circa l'uso pagano del termine.
scrive (ant. 10,50) che Giosia 7tapi'Jvn
·djç 7tEpÌ. 'tWV ElowÀ.wv Oé~l)ç wç OVXÌ. 3. All'uso linguistico dei LXX e m
i}Ewv ov't'wv &.7toO"'tfjw1.L e in 9 ,2 73: O"É-
~ELv 'tà Ei'.ÒwÀ.a., in 9,24y ~wµovç &.va.-
genere del giudaismo si attiene invece il
O''t1}0'a:ç xcx.ì. Mwv È7t'a.v'twv 'tot:c, Elow- N.T., dove dowÀ.ov designa appunto
ÀoLç, e in 10, 65: oL tEpEi:ç 'tWv dow- gli dèi pagani e le loro immagini. La
À.wv. A riscontro di Act. 15, 20: &,)..L-
parola e i suoi derivati non si trovano
cry1)µchwv 'tWv E~ÒwÀ.wv, si pu~ ci.ra~e
Ios., ant. 9,273: 't1)V 1t6À.w '!WN'tOC, EXCX.- negli evangeli, ma soltanto in Act. 7 AI;
i}l)pa.v µLcio-p.a.'toç dòwÀ.wv (cfr. 10,69 r5,20, nel corpus paolino (Rom. 2,22;
a proposito di Giosia: µl) 'tL<; EXOL 'tL I Cor. 8,4.7; ro,19; 12,2; 2 Cor. 6,r6;
'twv dòwÀ.wv v"Jtovowv ).
1 Thess. r,9;), in r Io. 5,21; Apoc. 9,20

Il concetto e l'uso giudaico di Eì'.Òw- (i n Eph. e nelle lettere di Pietro si tro-


À.ov sono affatto estranei al pensiero e vano soltanto termini derivati da ELOW-
alla lingua della grecità profana. Il gre- ).ov ). L'uso paolino di Ei:owÀ.ov in riferi-
co infatti o crede veramente a ciò che i mento agli dèi pagani induce a chiedersi
giudei definiscono dòwÀ.ov o, se non vi fìno a che punto Paolo considerasse rea-
crede, non ha, per definirlo, un termi- li queste divinità. È ovvio e certo che
ne unico e complessivo. Perciò l'uso dei per l'Apostolo gli dèi non erano tali in
LXX è veramente ed esclusivamente gre- rapporto all'unico vero Dio (z Thess. 1,
co-biblico o greco-giudaico. In esso la 9) e nemmeno che erano tali per loro
religione giudaica ha trovato una nuova stessa natura (Gal. 4 ,8 ), bcnsl soltanto
133 (JJ ,375 } ElowÀ.Mv-.ov (F. Hi.ichsel) (11,376) 134

prodotti del peccato e della stoltezza u- i giudei - al loro carattere sacro o alla
mana (Rom.1,23). Ma egli non poteva divinità degli stessi idoli. In I Cor. ro,
28 l'ammonitore pagano parlava certa-
contentarsi di un illuminato disprezzo
mente di tep6i)u-ro\I, a cui Paolo sosti-
degli dowÀ.a., perché dietro il loro culto tuisce invece ElowMw-rov. La parola è
vedeva profilarsi la realtà dei demoni. Le attestata dapprima in 4 Mach. 5,2: xpÉ-
parole di Deut. 32,17: ~i)ucra\I ocx.~µo­ W\I uElw\I xcx.t dowÀ.oihhwv &:\lcx.yxa-
SELv &.1toyEuecri>aL 2• Manca in Giuseppe
vlo~c; xat ov i>e<{>, conservavano per lui
ed è estraneo al greco profano, come lo
tutta la loro validità e per questo ri- è EtowÀo\I nel senso di idolo. Le espres-
spetto Paolo può dirsi veramente e pie- sioni rabbiniche per indicare il medesi-
namente giudeo 'Jf>_ mo concetto sono zib~é metim, sacrifici
ai morti, taqrobet 'abodat 'elilim sa- =
L'esiguità delle testimonianze non ci crifici offerti a chi non esiste 3•
permette di stabilire 6.no a che punto
gli dèi e i demoni si identif:ica~sero nel La carne di sacrifici idolatrici era ri-
pensiero di Paolo. Se infatti 1 Cor. 8,5 gorosamente vietata ai giudei; non po-
insinua che dietro gli dèi pagani sta la teva essere mangiata e neppure essere
realtà dei demoni. è certo d'altronde che
oggetto di compravendita 4 : il contatto
i! concetto p<tolino dci demoni è ben di-
verso da qudlu d1ç il pagano aveva del- con pi;i;a era fonte di impurità, allo stes-
le sue divinità; proprio i demoni infatti so modo della coabitazione con un ca-
ingannano gli uomin;., inducendoli a cre- davere in un ambiente chiuso 5 • Costrin-
dere negli dèi 27 • Per altre notizie ~
i>eoc;; ~ OCX.lµwv ( II, COil. 740 SS.). gere un giudeo a mangiare la carne ri-
servata agli i.doli significava costringerlo
t elowMi}u't'ov all'apostasia 6 . Si badi che ad essere col-
ElowÀ.éw't'ov, neutro sostantivato del- pita da questo divieto non era la carne
l'aggettivo, è evidentemente il termine destinata al culto pagano, ma quella che
giudaico che corrisponde a ~ tep6Du't'O\I proveniva da esso 7 • Nella rigorosa proi-
o al rarissimo i>EéitV't'OV 1• Esso indica le
carni provenienti dai sacrifici pagani, bizione di ogni contatto con queste car·
evitando l'accenno - intollerabile per ni si esprime l'ermetica chiusura del

~" STRACK Bll. LEKtlECK III 48·60, spec . .51 · )2. rD.À.'cipxa~ov llE6ilv'tov; praeparatio sophistica
27 Cfr. J. \Xlmss a / Cor. 8,.4·6; 1 0 , 8 · 20; K. (cd . v. BORRH;S 19xx) 74: Ot6i)v•a, lì 01. TCOÀ.·
BARTll, Dù: Au/ersti:brmg der Tote11 ( 1924 } 26. À.ot lrpoihmI XGlÀ.OVOW.
2 [n Pseud- Phokylides 31: etlµet oÈ µi) qxiyÉ·
ElowÀ.òi)v-tov tiv, tLowÀ.oi)u-rwv o 'Ò:TCÉXEO'i)Gl~ secondo J.BER-
P1tEUSCliEN· l3AIJER, CREMF.R ·KOcEL s.v. NAYS, Gesammelle Abhandlungen (herausgcgc-
STRACK-131 LLE:RBl::CK IlI 54,377. hen v. H. U SENER) 1 (1885) 223-226, va consi-
) 0 11. WEJSS, BACHMANN, LIETZMANN a 1 Cor. tlcrata come un 'aggiunta tardiva.
8· 10. 3 STRACK-BILLERllECK Ili 54,377; Ab. 3,3 ; h.
M. RAUER, Die Schwacben i11 Korinth 1111d Rom Hul. 13 b Bar.; b.AZ 8 a Bar.; T .Hul. 2,18.20.
4
(1923) 40-52. A.Z. 2,3.
H. v. SonEN, Sakrament u. Ethik bei Paulus: 5 b. Ilul. 13 b Bar.
M:irburg~r thcol. Studien I (1931) 1-40 . 6 4 Mach. 5,2.
t Phryn., ('d. 138 p. 249: ~p6&v-tov oùx ÉPE~ç. I A.Z. 2.3.
135 (II,376) ElowÀE~ov x-cÀ. (F. Biichsel)

giudaismo nei confronti di ogni sincre- mente anche l'atteggiamento degli av-
tismo religioso 8 La motivazione del di- versati corinzii di Paolo 9 .
vieto comunemente addotta - essere
cioè queste carni sacrificate ai 'morti' o t dow).Ei:ov 1

ad esseri inesistenti - mostra la na-


La parola è attestata solo nella Bib-
tura eminentemente religiosa di questa
bia, Dan. 1,2; 14,ro (nella storia di Bel
proibizione, fondata sul primo coman- e del drago); r 'Ecrop. 2,9; I Mach. I.47
damento (inteso peraltro in maniera le- (cod. S); 10,83; I Cor.8,10 e negli scrit-
galistica) e non su concezioni supersti- tori ecclesiastici (non in Giuseppe). È
un derivato di ~Xòw).ov nel senso di
ziose, come la paura degli spiriti o si- idolo e indica spregiativamente il tem-
mili. pio pagano come casa degli idoli.
Avendo intimamente superato, attra-
verso la fede, il legalismo giudaico, Pao- t xa.-cElòw).oc;
lo può permettere la commestione del-
Arrestato solo in Act. 17,r6 e da in-
1' ElòwÀ.éi}u-cov, purché non a fini cultua- tendere o alla stregua di composti ag-
li (r Cor. 10,r4-22) e purché non leda gettivali come xa.-ccHìEvÒpoc;, 'ricco di
il dovere della carità verso i fratelli ( 8, alheri', xa.-cii).Litoç, 'ricco di pietre' 1, e
quindi nel senso di ricco di immagini
r-13), e può convalidare il proprio atteg- idolatriche; o forse come un composto
giamento richiamandosi tranquillamente analogico e caricaturale di xa-ca.i}wc; 2,
a Ps. 24,1 (ro,26). Questa piena libertà 'conforme a Dio', 'pio' 3 e perciò idola-
trico. A conforto della prima interpre-
dalle prescrizioni della Legge non si tro-
tazione sta la traduzione della Vulgata:
va nella risolu7.ione del concilio aposroli- idolatriae deditam; a favore della se-
co (Act. I 5 ,29;21 ,25) e neppure in Apoc conda la Peschitta: 'pieno di idoli' 4 • In
2,14.20. Per i nicolaiti invece la libertà x7,22.23 entrambi i significati sono
possibili.
di mangiare la carne dei sacrifici idola-
trici era un aspetto del libertinismo, os-
dòw).o),<l.,PTJc,, Elow).oÀa-cpla
sia rappresentava l'affrancamento dalla
E~ÒwÀcÀ.a.-cpi.a (questa e non ElowÀo-
volontà di Dio; tant'è vero che essa si
Àa.i:pEi.a. è la grafia etimologicamente
ricollegava a tutta una pratica licenzio- corretta) cd dowÀoÀ.a.-cpE~v derivano dal
sa di vita; non diverso era probabil- sostantivo dòwÀoÀcii:pT]c,, come yEwµE-

s Cfr. F. BucMSEL, ]oh. u. der hetlenist. Syn- dow).~ov.


kretismus (r928) IO ss.
9 Cfr. F.Buc11SEL, Ceist Gottes im N.T. ( 1926) xa.-rdo,,iì.oc,
367 ss. ' Cfr. \X · c~oT, A~, a.l.
2 Cfr. il composto e~o0i),6i)•;-rov in luogo di
ElowÀEfov iEp61}r:o\I (- <.:o l . r 3·1).
1 In luo;;o di ElowÀ.Ei:ov sarà forse meglio Jeg·
J Philo, spec. leg. 2,256 ; Poli., onom. r,20.
gcre, con BLASS -Di::nRUNNER § 15; § 111 , 5, 4 Cfr. ZAIIN, Ag. 6or n. -16.
137 (11,377) E lxii (F . Biichsel) (u,377) 138

-r:pla e yEwµE-r:pE~v da yEwp.É"tpT)c;; è (e degli altri suoi derivati) nel senso di


quindi certamente errato considerare idolo, fosse comune nel giudaismo pre-
dowÀ.oÀ.a-r:pla come un composto di EL- cristiano, tanto più che il linguaggio dei
owÀ.ov e À.a"tpEla. Ma poiché Ja Elow- rabbini possiede un'espressione esatta-
À.oÀ.a-r:pla consiste effettivamente in una mente corrispondente in 'abodat 'elillm2
ElOwÀ.wv À.a-rpda, si capisce come si 'culto di divinità immaginarie'.
sia potuta affermare la grafia ElOwÀ.oÀ.a-
-r:pda, seguirn costantemente dal cod.B, Tanto etowÀ.oÀ.<hpT)c; quanto elowÀ.o-
tranne in I Cor. 1 0,1 4 , tanto più che la
À.cnpla designano un peccato partico-
parola si è formata in un'epoca in cui
fra -Ela e -la non sussisteva più alcuna larmen te grave e ricorrono negli elen-
distinzione fonetica. chi dci vizi e in contesti analoghi (r
Come la À.a:tpEla contraddistingue i Cor. 5,10.11; 6,9; ro,7.14; Gal. 5,20;
giudei (Rom . 9, 4), cos~ la ElOwÀ.oÀ.a-
•pla. è caratteristica dei pagani. Tanto Col. 3,5; Eph. 5,5; I Petr. 4,3; Apoc.
ElowÀ.oÀ.a-rpla q uanto ElowÀ.oÀ.a"tpT)c; 1 21,8; 22,15). Singolare è l' identificazio-
si trovano solo nel N.T. e nella lettera- ne fra TC).Eoveçla e dowÀ.oÀa.-pla. che
tura cristiana che ne dipende; per quan-
to riguarda il N.T., solo in P aolo, nella ricorre in Col. 3,5 ed Eph. 5,5, dove il
I Petr. e nell'Apocalisse. I LXX, Fi- mammona è concepito alla stregua di
lone e Giuseppe e in genere gli scritto- un idolo, come in Mt. 6,24. Secondo I
ri giudaici non usano questa famiglia di
Cor. 10, T 4.7 la EiOwÀoÀ.a.-pla. consiste
pnrole, come non la usano i pagani; è
molto probabile tuttavia che l'uso di nella partecipazione ai banchetti cultuali
questi vocaboli , come quello d i Ei:OwÀ.ov pagani 3•
F .BUCHSEL

Elxfi
Morfologicamente è un dativo fem- ca 2• Un aggettivo ELxoc; non è comun-
minile usato con \'alore di avverbio 1 e que attestato 3 . L'accezione fondamenta-
perciò presenta, secondo la norma atti- le di dxft è: a piacimento, scnz'ordine
ca, lo iota sottoscritto, che peraltro era né scopo, senza causa (obiettiva) e per-
già caduto in di suso in epoca ellenisti- ciò: senza (effettivo) diritto; a questi

tlowÀ.oM.·q;T)ç x-; )., ELXTI


PR EUSCll EN-8AUER, CR(,'1.1ER-KOcEL s.v. Cfr. i lessici: P APE, P1.ssow, L 10DELL-ScoTT
BLASS 0F.BRUNNER § l 19,2. .f.V.
1 In Herm., sim.9,21 .3; mand.11,4 si trova 1 Cfr. 1tU 'dove, come, perché?', OLXU. 'in due

•111c:he il verbo dow).:>i,o.'t"pÉw. modi', xowfl, 'insieme' ecc.


l h. /-lui. 13 b Bar. 2 B1.ASS -DEBRUNNl!R § 26.
.l La tt:si di (KEMFR-KOcEL 394 che \•orrehhe- J Connesso con tlxn (ff-Exii?) è probabilmen-
ro attribuire a ELliw),:>),ii.,PTJç in 1 Cnr. 6.9 e te. secondo LIDDELL-SCOTT . ExWV, 'volontario'
quindi :anche in i Petr. 4,3; Gal. 5,20 il signi- e l'avverbio EXT)'tL, 'per grazia (di un Dio ), a
(icaw <li LEp61iouÀ.oç (non attestato m:I N.T.) è causa di ...'; non si può trascurare peraltroEtxw,
vizia ta cfo una interpretazione tropp,) ~iM<'m;1 · di cui sono attes tati l'impcrfet 10 dx.E, 'parve
t ic;l dell'ordine $Cguito nell'elenco dci viri. bene' (llom., Il. 18,520) e il perfetto foLxct.
dxwv (G. von Rad)

significati si aggiungono 4 quelli di: in- la Vulgata e Agostino!) è sospetto di


vano e moderatamente, sem plicemente 5• aver alterato il testo con l'intento mo-
Nel N. T. 6 e:lxi) ha quasi sempre il ralistico di attribuirgli la condanna di
qualsiasi ira. I codd. S e B difficilmen-
significato di invano (Rom. r3,4; I Cor. te possono essere indipendenti da Ori-
15,2; Gal. 3,4; 4,r r. Col. 2, r8: senza gene. dxft è presente in quasi tutti i
motivo). testi occidentali e siriaci e sarà perciò
da considerare autentico.
Per quanto concerne Mt. 5, 22 vedi Tanto owpEciv quanto dxii hanno
l'eccellente panorama <lcl problema cri- esteso il loro ambito semantico oltre i
tico nel commento dello Zahn. L'esem- )imiti originari. OWpEciV più ancora di
pio di Giustino non può certo costituire Elxii, almeno ncll 'uso della Bibbia greca
una prova dell'interpolazione di Elxjj = ( ~) . coll. TI 75s.). I due avverbi han-
'senza motivo' dopo 7ta :; ò òpy~s6µEvoç no, almeno nel N.T., l'identico significa-
•W. àoe:À.qx{J 0.1'.rtoù, poiché è noto che to di 'invano', pur giungendo ad esso da
egli cita assai liberamente. Origcne al punti di partenza diversi.
contrario (da cui dipendono Gerolamo,
F. Bucr1 sr.i.

t dxwv
A. JL DIVTETO Or'.LLL; IMMl\Gl!'IT NLL per questo rispetto, un quadro assolu-
L'ANTICO T ESTAME TO
tamente coerente e unitario non essen-
La ripugnanza, che contrassegna la dovi tracce di infrazioni o di una pro-
genuina religione ebraica, per ogni raffi- gressiva scomparsa delle im magini , no n
gurazione sensibile di Jahvé, ha trovato c'è ragione per dubitare che la proibi-
la sua espressione fondamentale e nor- zione rientrasse fra i princìpi costitutivi
mativa nelle parole di Ex. 20,4 1. Poi- della legislazione religiosa di Mosè. È
ché il culto ufficiale di J ahvé presenta, innegabile infatti che questo divieto è

4 Vedi gli esempi in PAPR, PAssow, LrnoEu.- in Jerusafem o/Jizie/l bildlos? Acta Orienralia
Scorr, PREUSCHEN-BAUER. 8 (1930) 25 7<.!79 ·
s Da Etxli deriva dxa.i:oç, 'sconsidcrat0, che Per i punti C e seguenti:
agisce a casaccio' o anche 'che agisce invano' e MooRE, I 446 ss.; STRACK-BILLERBECK 1v 386
infine 'medio, comune'; esempi in PAPE ecc. ss.; W INDISCH, 2 Kor. 137; LIETZMANN, r Kor.
6 Nei LXX dxii si crova una sola volta, in a 15,45; lol!M EYER, Kol. n s. qo ss.; DtBE-
Prov. 28,25, dove non corrisponde ad alcun llUS, Kol. a r ,r5 ss. (con excu rsus ).
termine ebraico. Si trova spesso in Simmaco e ]. HEHN, Zum T ermi1111s «Bild Gol/es» in:
Aquila. Frequence è in\'CCC nei LXX-> owrmiv fcs tschr. f. E. Snchau ( 1915 J 36.52.
nell'accezione più es tesa, 'invano '. W.CASP,\RT, lma;.o Dci, in: Festschr. f. R. See-
Elxwv berg ( 19 29) r 97-208.
Per il punto A: Ph. BACHMANN, DN· Me11scb als Ehe•1bild Co'-
R. H. PFEIFF&R, I mages o/ Yahwe: .TBL -t5 t es, in : Das Erbe Lurhe:-s. rc5t~chr . f. L. 1hmels
( 1926) 2II-22 2. ( 1928) 273-279.
H .Th.OBBINK, jahtcebilder: ZA \VI NF 6 ( 1929) F. K. SCllU"'1ANN, lma;t.o Dei, in: re~•srhr. f.
264. \.. Kriiger (1932) 167 180.
s. MOWINCKEL, \'(101111 w11rde dt:r Jahwiik11/111s I /\d Cl'P:;a antichissima ci ripor1.1 pure il di-
141 (11,378) dxwv (G . von Rad)

profondamente radicato nel dato pri- tare che il più antico culto di Jahvé a
mordiale della religione mosaica - che noi precisamente noto, quello incentrato
non va inteso in senso statico - ossia nell'arca, escludesse ogni immagine 2•
nel concetto del Dio 'geloso'. Preferia- Comunque ci si debba raffigurare ar-
mo invece non indagare sui motivi di cheologicamente l'arca - con ogni pro-
questo divieto, giacché per questa via babilità come un trono vuoto e traspor-
si rischia troppo faci lmente di ridurre tabile - è certo che essa richiamava la
l'opera di Mosè nei limiti di una peda- presenza di Jahvé in guisa affatto spi-
gogia religioso-popolare. Non è detto rituale. Il trasporto dell'arca a Gerusa-
comunque che il legislatore primitivo lemme per opera di David e la sua col·
sia stato indotto a sancire il divieto del- locazione nel tempio per opera di Sa-
le immagini dalla considerazione d i tutti lomone hanno certo modificato l'antico
gli effetti che esso ebbe poi nella vita culto di Jahvé, ma non per questo han-
religiosa del popolo ebraico. In ogni ca- no scalzato la tradizionale esclusione d i
so è però evidente che la condanna del- ogni immagine. G ià la formula di con-
le immagini presuppone una salda fede sacrazione del tempio - se possiamo
nella spiritualità d i Jahvé, intesa non ritenere autentica la versione più am-
come un dato speculativo - ossia co- pia riportata dai LXX 3 - ponendo sin -
me trascendenza ontologica rispetto alla golarmente in risalto l' 'ombra' in cui
materia e al mondo empirico - bensì si trova J ahvé, accenna alla sua presen-
come una realtà che sovrasta il potere za invisibile; la parola 'ara/et è usata in-
conoscitivo umano e soprattutto si sot- fatti di salico nei racconti delle teofanie
trae a qualsiasi detetminazione oggetti- per indicare il velo impenetrabile che
va. Questo principio, che informa d i sé circonda la p resenza di J abvé; tanto in
la vita del culto, agisce pure nell'ambito Ex. 20,2 1 quanto in r Reg. 8,12 essa è,
letterario: coloro stessi che hanno la per così dire, la parola d'ordine che an -
visione di Jahvé non sono in grado d i nunziava il deus absconditus. È note-
descrivere il suo aspetto. Anche in Ex. vole come la formula di consacrazione
24,9 s. e in Is. 6,r ss. la descrizione contrapponga paradossalmente il sole
della teofania non va al di là di un ac- che splende nel firmamento a Jahvé pre-
cenno allo splendore che corona i piedi sente nella cella del tempio e sottolinei
di .Jahvé e all'orlo della sua veste. la superiorità d i questo Dio inafferrabi-
Nessuno può ormai seriamente dubi- le dai sensi rispetto al sole; l'accenno

vicw delle immagini che si legge in Deut.27,15. 44 ).


2 TI Grcssmann :irrivò a pensare che nell'arca 3 3 Ba?". 8,12 : «Jahvé ha collocnto il sole nel
vi fossero le immal\ini d i una divin ità maschile ciclo (il traduttore !1:ggeva hikln ;101iché hé-
e di una femminile: ' (Die Lade Jahwes fr920 ] bln); ma ha dichiarato di abitare ne ll'ombra...».
I43 (n,379) Elxwv (G. von Rad) ( u ,380) 144

alla natura creata del sole, che implica so delle cose create da Jahvé e soggette
la sua cljpendcnza da Jahvé, induce a a lui, tra le quali è perciò assurdo ricer-
pensare che il motivo più vero ed in- care una forma che corrisponda al Crea-
trinseco della proibizione delle imma- tore. La condanna delle immagini appa-
gini sia stato, fin da epoca remotissima, re invece chiaramente e teologicamente
la fede nella creazione. Un'analoga con- fondata sul concetto della creazione nel
trapposizione fra Jahvé e gli elementi Deuteroisaia. In ls. 40, ri ss. il profeta,
creati si ritrova infatti nel racconto del- dopo aver innalzato un inno al Creato-
la teofania di Jahvé ad Elia sull'Horeb re del mondo, per il quale i popoli sono
(I Reg.19,1 r ss. ). Jahvé non è nella tem- come gocce in un secchio, lui che solle-
pesta, nel terremoto o nel fuoco; la sua va le isole come granelli di sabbia, in
presenza, che trascende questi dementi chiara polemica contro il culto delle im-
naturali, viene paradossalmente definita magini esclama: «A chi paragonate ora
come l'alito leggero di una brezza carez- Dio e dove trovate il suo simile?» (v.
zevole. Testimonianze del genere sono i 8).

indispensabili per comprendere l'esclu- Non si può tuttavia affermare che le


sione delle immogini dal culto veterote- ragioni teologiche del divieto delle im-
stamentario, mentre non è sufficiente magini rimangano invariate in tutto l'A.
accertare l'assenza di ogni effigie di Jah- T. Talvolta infatti nella polemica contro
vé dai reperti archeologici 4 ; a tutt'oggi l'idolatria l'accento batte piuttosto sul-
infatti non si è trovata alcuna raffigura- la disobbedienza alla legge che essa im-
zione neppure del dio cananeo Baal; ma plica o sull'intrinseca vanità delle imma-
lo stesso fatto ha un significato sostan- gini idolatriche (Am. 5, 26; Os. 8, 4 s.;
zialmente diverso secondo che si tratti di n ,r ). Fa parte per se stesso l'autore
una divinità naturalistica come 13aal o del Deuteronomio, il quale ricollega il
di Jahvé. divieto delle immagini al fatto che Israe-
È dubbio se questo occulto legame le non vide in alcun modo la figura di
con l'idea della creazione fosse implici- Jahvé quando parlava tra le fiamme del-
to già nell'originario divieto mosaico. Sinai (Deut. 4 ,15 s.).
Certamenre ispirato alla fede nella crea- I più antichi libri storici, e soprat-
zione è però il teste della proibizione tutto profetici, attestano a ogni pié so-
quale noi lo possediamo ( Ex.20,4; Deut. spinto l'impreparazione del popolo elet-
5 ,8 ); in esso infatti le indicazioni co- to al ferreo divieto di ogni immagine.
smologiche - il mondo celeste, la ter- Non bisogna però dimenticare che i
ra, gli inferi - abbracciano il complcs- profeti e gli storici sono portati a giu-

4
Cfr.]. HE,\.IPEL: ZAWI 5 1 ( 193 3 ) 297.
145 (11.380) ELXWV (G. Kittcl)

dicare con rigore intransigente anche ciò feci, e si deve proprio alla loro insisten-
che soltanto alla lontana potrebbe costi- te protesta se nessun culto deUe imma-
tuire una deviazione dal genuino culto gini riuscì mai a stabilirsi nella religione
di Jahvé. Cosl, per esempio, l'archeolo- di Jahvé. Va detto però che soltanto in
gia ci insegna che il 'vitello d'oro' non epoca preesilica il divieto delle immagi-
era affatto un'immagine e neppure un ni poté costituire u na vera rinuncia e
'simbolo' di Jahvé, ma soltanto il piedi- l 'idolatria una vera minaccia. G ià al
stallo del Dio 5, e la frase messa in boc- tempo dell'esilio il D euteroisaia, descri-
ca a Geroboamo («questi sono i tuoi vendo satiricamenle il processo d i fab-
dèi... ») riflette forse la primitiva conce- bricazione delle immagini cultuali, batte
zione popolare (Os. 13, 2! ), ma altera in breccia, si può dire, il pericolo del-
sostanzialmente la realtà storica. Anche l'idolatria ( Js. 44,12 ss.).
quando si tratta di divinità straniere che G. VON R A D
si contrappongono al vero D io 6 , i limi-
ti fra il culto legittimo e l'idolatria so- B. RAFFIGURAZIONE J)l SOGGETTO DIV I NO
no piuttosto fluidi, giacché solo in casi E UMANO NEL GIUDAISMO E NEL CRI-
raris.::imi si può parl::ire cli tm:::t clC'fC'7.io- STIANESIMO

ne vera e propria da Jahvé. È quindi 1.La condanna veterotestamentaria


possibile che molti Israeliti abbiano pre- delle immagini (Ex. 20>4 s. 23; Lev. 26,
gato di fronte, per esempio, all'effigie r; Deut. 4 ,16 ss.; 5,8 s.; 27,15) signifi-
del dio aramaico H adad, ma con l'imen- ca praticamente: a) evitare, e possibil-
to però di rivolgersi a Jahvé. Anche la mente distruggere, le immagini cultuali
introduzione di oggetti del culto assiro delle divinità s traniere; b) non tollerare
nel tempio cli Gerusalemme non sign i- immagin i nel culto giudaico; c) evitare
fica un ripudio di Jahvé, poiché nello le raffìgurazioni di persone umane e, al-
stesso tempio in cui venivano ospitati meno parzialmente, anche di altri esse-
gli idoli dell'astrologia Jahvé rimaneva ri viventi.
pur sempre la divinità superiore e, per Il primo di questi divieti è un daro
così dire, il padrone di casa7 • Era comun- ovvio per i giudei e i cristiani di ogni
que inevitabile che la devozione dell'o- tempo( ~ dowÀov, coli. r30 s.} e ogni
rante venisse in certo modo adulterata trasgressione di esso significa evidente-
da siffatte immagini cultuali e dalla con- menre un'apostasia. Anche la tcr:ta proi-
cezione dcl sacro che esse implicavano; bizione costituisce per ogni giudeo un
di questo appunto si resero conto i pro- principio rigoroso e incrollabile.

5 0BRINK , l . c. 268; \Y/. ElCHRODT, Thcologie !Jab</é 1tekar, Ter 8, t 9.


des 111' ( 1933) 52. 1 K . BuuuE, Auf dem \\'.I l'ge lUlll Mo11otbeiJ-
" 'etohé ha1111ekar, per es. 2 Chr. n. r5 ; cfr. 11111s ( 1910) 10 ss.
Elxwv (G. Kittcll (I1,38r) r48

Per il punto a): malgrado ogni appa- presentazione di figure umane non osino
renza contraria, i segni zodiacali e gli raffigurare che la mano di Dio, e cioè
astri rappresentati sul grande velo del il simbolo del suo agire e della sua po-
tempio (Ios., bell. 5,214) erano figure tenza (~ XElp ), conferma il rigore asso-
meramente simboliche e non immagini luto del divieto di effigiare la divinità.
di esseri divini. Nei mosaici scoperti di La terza indicazione pratica fu segui-
recente nelle sinagoghe di Ain ed-Duk
e Beth Alpha al centro delle figure ani· ta invece con notevole varietà e libertà
mali campeggia la quadriga del sole gui- di atteggiamenti. In genere le rappre·
data dallo stesso Helios 8 . Ma anche in sentaziorù della figura umana erano se-
questo caso gli artisti bizantini non in-
veramente riprovate e perciò scrupolo-
tendevano davvero di rappresentare il
sole come una divinità ; semplicemente samente evitate da molte correnti del-
hanno ripreso un modulo figurativo tra- l'arte giudaica. Un antico aforisma suo-
dizionale. Tn b.A.Z. 43 b Bar. si proibi- na addirittura: «Tutte le immagini so-
scono le immagini del sole, della luna ,
<lelle stelle e dello zodiaco perché tutti no permesse, tranne quella dell'uomo»
questi sarebbero 'servitori' di Dio (an- (b.A.Z. 42 b). Il motivo fondamentale
geli ministri). di questa proibizione era la somiglianza
Per il punto b): la mano di Dio raffi-
perfetta tra I 'uomo e Dio - adombra-
gurata nella scena del sacrificio di Isac-
co a Beth Alpha 9 è sconcertante per un ta , secondo una certa interpretazione ,
giudeo. Il particolare e la scena si tro- anche in Ex. 20,23 11 - per cui raffigu·
vano già in un dipinto parietale della rare un uomo equivale a riprodurre
sinagoga di Dura, recentemente risco-
perto, e così pure, sempre a Dura, nel- 'l'immagine di Dio'. Per questa cagione
la raffigurazione di Ezechiele afferrato quasi tutta l'arte del giudaismo ortodos·
per i capelli dalla mano di Dio: entram- so ripudia i soggetti biblici, soprattutto
bi questi dipinti sono di vari secoli an-
teriori ai mosaici di Alpha 10• In realtà quelli che comportano la presenza della
il fatto stesso che questi artisti, pur con- figura umana 12 • Una sorpresa ci è venu-
cedendosi una libertà inaudita nella rap- ta dagli scavi recenti, che hanno dimo-

8 Vedi le riproduzioni dei due mosaici in E. L. inoltre COMPTE ou MESNIL ou BurssoN, Les
SUKENJK, The Ancient Synagogue of Beth Al- peintures de la Synagogue de Doura- Europos:
pha ( r932) fìg. 49; tav. x; tabella <lei tit0li. Rev. Bibl. 43 (r934) 105-u9 (pl. III 2 [Abra-
Troverai le figure dello zodiaco provenienti da mo) ). C. H. KRAELING ha voluto mettermi
Kefar Bir'in in SuKENIK, tav. 7 b; la ricostru- gentilmente a disposizione alcune fotografie di
zione nella fìg. )O. quesci ritrovamenti davvero straordinari; lo
9 SuKENIK, tav. xix. II particolare della mano stesso ha fatto H. LIETZMANN (cfr. ZNW 32
di Dio è frequente nelle rappresentazioni pro- [ 19 33] 94 s.) con un maggior numero di foto-
tocristiane del sacrificio di Isacco; teoricamen- ~ra6e avute dagli addetti agli scavi.
te si potrebbe quindi ammettere una deriva- 11 Ex. 20,23: Voi non farete accanto a mc =
zione di quesco mosaico del sec. v /vr d.C. dal- 'ifli. R. Joshua (intorno al 300 d.C.) leggeva
l'ar te cristiana; però ~ col. r 50.
10 Vedi le riprodu7.ioni in C. HOPKINS, ]eu:ish
=
'liti ' il mio segno' ='la mia immagine' (b.
Al. -B b). Cir. STRACK-BILLERBECK IV 39r.
Prototyps o/ Early Christian Art?: The Illu- 12 l\'ellc catacombe giudaiche di Villa Torlonia
strated London Ncws, n. 4919 (29 luglio r9~3), vi sono al massimo due affreschi parietali che
188 ss, fig. ro (Abramo ); r e 12 (Ezechiele ); p rob3bil mcnte rapprescntav<1no un fatto hibli-
149( 11 .~8 1 ) Elxwv (G. Kittd)

strato come queste rigorose proibizioni sroria di I sacco si possono riconoscere


s iano state largamente sostituite - per con sicurezza Enoch o Abramo, Mosè
presso il roveto ardente, l'uscita dal-
influsso comunque dell'arte no n giudai- l' Egitto, la morte degli Egiziani nel ma-
ca, a quanto si può affermare (~ coli. re dei giunchi, Aronne col tempio e lo
I 50 s .) - da tendenze più libere. scrigno della Torà, il prodigio delle ac-
que nel deserto (~coll . r 54s.), il recupe-
I grandi mosaici di Beth Alpha e Ain ro dell'arca in forma di scrigno della To-
ed-Duk, nei quali son raffigurati i segni rà dal tempio di Dagon, Ezechiele, Esdra
zodiacali e il sole e, nei primi, anche il col rotolo de lla Scrittura, ecc. 16. Le epi-
sacrificio di Isacco 13 e nei secondi Da- grafi datano le immagini al secondo anno
niele nella fossa dei leoni 14, potevano dell'impero di Fil ippo l'Arabo, quindi al
dianzi esser considerati come tardive ec- 245 d .C.; ora , in quest'epoca non vi era
cezioni a una norma tradizionale. Si po- certamente una tradizione adulta di pit-
teva pensare che in epoca bizantina i fe- tura cristiana, alla quale gli artil>ti g iuda i-
deli della sinagoga avessero cominciato ci potessero ispirarsi; si trova, è vero,
a riprodurre immagini bibliche di altro una decorazione pittorica anche nella
genere per contendere alla chiesa cristia- chiesa scoperta a Dura17, ma essa si pre-
na il monopo lio di siffatte raffigurazioni. senta, a quanto pare, molto più primitiva
A Roma però, in circostanze analoghe, di quella della sinagoga. Piuttosto è da
un inBusso dell'arte ellenistica si è ma- pensare che le pitture parietali dei rem-
nifestato assai prima; ne fan fede le ca- pli pagani (particolarmente pregevoli a
tacomhe giudaiche della Vigna Randa- Dura )13 abbiano stimolato l'ambizione
nini sulla via Appia, dove appare la fi- dei G iudei, i quali (analogamente a
gura della Nike accanto a Pegaso e ad quanto aveva fatto Filone nel campo fi-
altri simboli 15. losofico) no n volevano essere seco ndi
La recente scoperta di Dura ci ha ri- neppure agli artisti pagani di Palmira.
velato come nelle sinagoghe della diaspo- Come però mi fa osservare Karl Wat-
ra si fosse sviluppata - in una misura zinger, il confronto con le raffigurazioni
e in un'estensione che prima non si po- palmirene mostra ]a profonda differen-
tevano immaginare - una tradizione za di contenuto e di stile che intercorre
figurativa di soggetto biblico t! d i alta fra esse e quelle della sinagoga. Evidcn-
q ualità. Nei dipinti di Dura o ltre alla term:nle per queste ultime si fecero ve-

co: anzitucro un prato dcl paradiso terrestre xv/xvi).


con degli animali, ma significativamente se nza IS R. GARRUCcr, Cimitero degli antichi Ebrei
l'uomo, sebbene questi sia il vero e caratteristi- scoperto recentemente in Vigna Ra11da11i11i
co protagonista della storia dell'Eden ( cfr. Il. ( r862); inoltre E. COHN-WIENER, Die jìidircbe
W. BEYER - H. L1ETZMANN, Die judirche Ka- Kunsl ( 19 29 ) ligg. 77,78.
takombe der Villa Torlonia in Rom (1930] 26, 16 Vedi le figure in C. H OPKINS, op. cit.
tav. 14 b), eppoi forse una raffigurazione del· 17 C. HOP KINS, Dura-Europos Discoveries: Thc
l'arca, anch'essa a quanto si può argui re da lle London Ili. News 4869 (13 agosto 1932) 239
figure assai guaste, senza Noè (cfr. K. H . R ENG· ss., ligg. r2 -r 6.
S"rORF: ZNW 3 1 [ 1932] 42 ss.; per la man- 18 Le riproduzion i si trovano in J. H . BREA ·
ça117.a di Noè cfr. spec. 44 s. le riprodur.ioni STEO, Orie11tal Forcrwmers o/ 8)•:r.anti11e Pai11-
dcl dipinto in BEYER-LIETZMANN, tav. 5). ting ( 192 4 ); spcc. in F. CuMONT, Fouilles de
Il SuK ENIK, tav. xrx. Doura·Europos ( 1926); inoltre KrfTEL. op. ci:.
14 F. lL VrNCENT : Rev. Bibl. 28 ( r 9r9) .53 2 ss.
fìgg. I 5 ss.
(lig. 535); 30 (r921) -H2 s.; 577 ss. (lìg.: tav.
I 51 ( ll,382) Elxwv (G. Kitt<~l)

nire dei pittori ellenistici, forse da Ales- l'aquila collocata sulla porta del tempio
sandria 19 , i quali recavano con sé una o della sinagoga 24 , oppure il drago 25 • In
tradizione già formata di arte giudaica 20 • altri casi invece le figure animali erano
Molto spesso in casi del genere i Giu- considerate alla s tregua di innocui ele-
dei di più stretta osservanza hanno poi menti decorativi e perciò guardate sen-
cancellato la fì gura umana; ciò è iivvc- za sospetto 26 •
n uto nelle sculture delle sinagoghe gali - Un tema prediletto dagli artisti giu-
laichc 21 e ne i mosaici di Ain cd-Duk 22 • daici sono gli oggetti dcl loro culto. I
Nei casi di figure parietali , che non si motivi che ritornano con maggior fre-
potevano rimuovere, ci si difendeva non quenza sono il rotolo della Scrittura n e
guardandole (i.A.Z. 42 b 58) 23 • Io scrigno della Torà, rappresentati co-
Nel caso di raffigurazioni animali è me simboli della religione che si fonda
evidente che esse erano inammissibili appunto sulla Torà. Accanto allo scrigno
per il giudeo quando fossero emblemi si trova sempre il candelabro dai sette
cultuali o di una divinità. Tali erano bracci che arde e simboleggia la Torà 28 •
19 se in considerazione. Per gli animali scalpellati
JI W atzi nger mi comunica oralmente la sua
opinione, che cioè lo spunto per tutra la pittu· dr. KoHL·WATZINr.E R, figu ra 16.
ra giudaica di argomenw swrico sarebbe venu· 23 STRACK·B ll.. LERUECK IV ,391 k.
ro dalle illustrmdoni giudaico-ellenistiche dci 24 La distruzione dell 'aquila d 'oro collocata da
testi hiblici. Queste ultime potrebbero essere E rode sul portone dcl tempio è riferita da Ios.,
sorre in Alessandria ne ll 'amhientc della loc-.tle ani. r;,151ss.; vedi l'aquila semiscalpcllata sul-
comuni1à giudaica. l'ingresso della sinagoga di Cafarnao in KOHL-
20
Se e in che misura quest'a rte giud aica abbia WATZINCER, fì~. 17 s.; KITIEL, fig. 35. Inol-
dal canto suo influito su!Ja piuura paleocristia· tre KOHL-WArJ.INCER 195 ss.
na, soprattutto per quanto concerne la raffigu- 25 b. 11.Z..p h: «Tutte le ligure sono ammesse,

razione di fotti veterotestamentari, po trà essere tranne gudla di un drago».


appurato da ricerche ulteriori, per le quali vi 26 Cfr. le figure di delfini e pavoni in BEYER·
è ora m ateriale sufficiente. Cfr. già O . WuLrr:, L1ETZMANN, cav. 7 b, 9 b; KrTTEL, fig. 37 s. È
Altchristl. u. hyumtin. Kunst l ( 191 ;) 69. conlroverso se il pavo ne fosse puramente dc·
21 G li Am o ri che si trovavano sull'ingresso co rativo o avesse un significaro si mbolico (ri-
centrale della sinagor,a di Cafarnao furono ab- surrezione e vira ercrn a); cfr. H. LOTIIER, Der
battuti qu;m<lo ancora la sinagoga stessa era in Pfau in der altchrisll. Krmst (1928) . Svariate
se rvizio; I I. KoHL-K. W ATZINGER, Antikc Sy11- figure di animali tratte da l mosaico della sin~­
agoge11 i11 Galilaa (19 16) 13 fìg. 18; K. WAT· goga di Gerasa si trovano in SUKENIK, 1av. 7 a,
ZINCER, Die a11tike11 Sy11agoge11 Galtfaas: Der XXVI.
Morgen 6 ( •930) 364; G. KrTTEL, Religiom- 27 BEYER-LTETZMANN, tav. 4: K1TTEL, fig. 39.
gesch. " · Urchristentt1m ( 1932) fig. 35. 28 Lo scrigno della Torà, per lo più insieme
22 Nei mosaici di Ain ed-Ouk della figura di col candelabro, si trova raffigurato nelle cata-
Daniele nella fos~a dci leoni t: rimasto solwnto combe giudaicht: (BEYER-l. IET7.MANN, tav. 125.;
il braccio levato in segno di preghi era ( - n. N. MiiLLER · N. A. BP.ES, Die lnschriften der
15), mentre nelle rnffìgurazioni del sole e dello jiid. Katakomhe am Monleverde zu Rom, T919 ,
zodiaco sono sta ti de li beratamente raschi ati g li nr. 179; K11TEL ligg. 40 s. ), su bicchieri dorati
anim ali e gli uo mitii (SUKEN IK, tav. t-.5, spec. (KITTEL, lìgg. 42 ss.; SuKENIK, {igg. :z.i.34 s.,
{ig. 49). Cfr. l'analoga cancellazione delle ligu- 38. tav. 1 a), nei mosaici delle sinagoghe (St.J-
re u mane sulla carta di Madaba. Anche ad Ain KENIK, fig. 27 [Ain cd-Duk] , 28 fGcrasal, tav.
ed-Duk l'ini1.iativa è partita con ogni proba- v111 / 1x [ Beth-Alpha l ; lJOPKINS, lig. r4 [Du-
bilità dai giudei di strerta osservanza (come a ra 1). Circa l'intcrp rc1azione dello scrigno della
Cafarnao - n. 21) e non dai maome1rani; le Torà, vedi le tesi differenti di LrnTZMANN (in
iscrizioni dedicatorie sono state infatti rispar- Altri clementi di questa tematica ngnra-
miate, e ciù denota che esse furono lette e pre- ss.) e di G. Kn"fCL: OLZ
BHvr.R-LTETZ:\<\ANN 21
Elxwv (G. Kittcl)

Vi sono poi gli oggetti delle feste culrua- mento del suo agire, ma non e' è una
li: il ramo di palma (lulab ), il pomogra- storia. Per il giudeo effigiare Dio vuol
nato, l'arancio ('etrog) della festa dei
tabernacoli (cfr. Lev. 23,40), il corno dire rappresentare l'azione storica di lui.
che serviva per annunziare la festa (16- Per questo egli non ha bisogno di raffi-
fiir), il coltello della circoncisione, ecc.29 • gurarne il volto e l'aspetto; al massimo
Per definire e valutare il contenuto può simboleggiare con una mano l'agire
di quest'arte figurativa giudaica, è op- divino. Mentre poi il pagano ama raffi-
portuno stabilire un confronto con le gurare i campioni della pietà religiosa,
decorazioni parietali dei templi pagani, il giudeo ignora l' 'eroe', e rappresenta
per es. quelli stessi di Dura. In queste invece Abramo perché fu lo strumento
abbiamo da una parte la rappresenta- dell'azione divina, Ezechiele perché fu
zione del sacerdote o della persona pia afferrato dal Dio che risuscita i morti,
che o!Irc il sacrificio, dall'altra l'imma- Mosè perché è un richiamo' al roveto
gine cultuale della divinità stessa 30• Nul- ardente; gli Israeliti e gli Egiziani per-
la di Lutto ciò nelle figurazioni giudai- ché Dio protegge gli uni e batte gli al-
che. Laddove infatti il pagano dipinge tri; Esdra perché Jegge la parola di Dio.
il suo dio o gli dà forma con la pietra, Non l'uomo insomma, sia egli il giudeo
il giudeo raffigura lo scrigno della Torà di oggi o il grande di ieri, sta al centro
e il candelabro: rappresenta cioè la pa- dell'arte giudaica, ma soltanto Dio e la
rola del suo Dio. Quella è il suo Dio! E storia da lui promossa.
quando, per soddisfare i proseliti abi- Concludendo, le figurazioni scoperte
tuati alle rappresentazioni sensibili, osa nelle sinagoghe, anche se tecnicamente
raffigurare la grandezza del suo Dio, sce- risentono di influssi esterni, nella so-
gl ie come soggetto la storia sacra, vale a stanza sono di un giudaismo schietto e
dire l 'opera di Dio, ossia la concreta sro- ortodosso. I loro autori hanno dimen-
ria di veri uomini, coi quali e nei qua- ticato, è vero, il divieto di rappresenta-
li Dio stesso ha agito e agisce. Tn que- re figure umane, implicito nella generale
sto appunto l'arte giudaica si distin- proibizione delle immagini; ma proprio
gue dalle rappresentazioni pagane delle per questo, si può dire, han potuto co-
vicende mitiche di Mitra, Arti , Osiride, gliere meglio l'anima della loro religio-
ecc., dove si ripetono determinati mo- ne, che è religione storicamente rivelata.
duli figurativi, desumi dallo stesso mi-
to, della divinità colta in un tipico mo- Circa la raffigurazione del prodigio
35 ( 1932) 459 s. Per la spiegazione dcl cande ne ); 4 ,6 (pomogranato). Cfr. K1TTEL, fig. 39 s.
lahro a ~ette bracci cfr. soprattutto K.11.Hl'.NC· 10 Cfr. per es. il mosaico di Dura con il sacri-
STORF: ZNW 31 ( 1932) 33-6o. licio dell'eunuco Ote alle cinque, e dcl tribu-
2'> B1.YLK-L mT7.M A!l:N, tav.6 (corno); ro ('elr1j.<(); no G iulio Terenzio alle tre divinità di Palmi-
8,10,n (/1iliib); 12 (coltello della circoncisio- ra ; K1rrEJ-, fig . 16 s .
d.xwv (G . Kinel)

delle acque, H. Lietzmann mi fa osser- che siano i suoi addentellati tecnici .


vare che nell' A .T. si fa menzione delle 2) L'atteggiamento cli assoluta pre-
dodici fonti nel deserto nel racconto di
Ex. 15,27 concernente Elim. La tradi- clusione nei confronti delle immagini
zione rabbinica ha ben presto interpre- idolatriche, che abbiamo visto essere ti-
tato questo passo in guisa affatto parti- pico del giudaismo, si mantiene ovvia-
colare. Così in .M. Ex. r5,27 si trovano mente nel cristianesimo primitivo. Non
le seguenti frasi (p. I 58 s. Rabin}: «I)
TI passo della Scrittura mostra che il luo- costituisce invece un problema nell'am-
go era più famoso31 di ogni altro per via bito neotestamentario la raffigurazione
dell'acqua. 2) Tu riconosci che è cos}, di Dio, e tanto meno dell'uomo e de-
perché, vedi, c'erano dodici fonti e ba-
stavano solo per settanta paLne; ma gli animali. A nessuno dei credenti è
quando venne Israele e vicino ad esse si mai venuto in mente di tramandare una
accamparono seicentomila uomini, allora effigie di Gesù o degli apostoli , e meno
esse furono sufficienti per questi due o
che mai di approntare immagini cultua-
tre volte ... 3) R. Eleazar di Modim dice-
va: 'Quando il Santo, sia lodato, creò il li. La mancanza di ogni interesse in que-
suo mondo, vi pose dodici fonti, confor- sto senso è un elemento caratteristico
me alle dodici tribù di Giacobbe, e set- che distingue la nuova rPligione <lai vari
tanta palme conforme ai settanta anzia-
ni'. 4) E che cosa insegnano le parole 'ed culti sincretistici del mondo circostante.
essi si accamparono là presso le acque'? L'immagine di Mitra è saldamente con-
Insegnano che là si occupavano delle pa- nessa con il culto di questa divinità;
role della Torà che erano state date loro
a Mara» . Il passo denota l'importanza l'effigie di Serapide nasce insieme con
che si attribuiva all'interpretazione reli- la sua religione 32 , e il culto imperiale
giosa del miracolo di Elim («più fa- non sarebbe pensabile senza la statua
moso di tutti gli altri luoghi per \'ia del- dell'imperatore. Al centro della religio-
] 'acqua»! ) sicché ben si comprende che il
pittore abbia scelto proprio questo fat- ne cristiana non sta invece un' immagine
to della storia sacra trn quelli più meri- che debba essere adorata e il mito che
tevoli di illustrazione e che nel raffigu- essa rappresenta, ma soltanto la parola,
rarlo abbia inteso simboleggiare con
l'acqua lo studio della Torà, come ci as- che esige l'ascolto(~ <Xxouw r 583 ss.).
~ icura il candelabro posto al di sopra Soltanto nel secondo e terzo secolo nel-
della fonte. Da ciò risulta come que- le catacombe si passa, da una prima fa-
st 'arte figurativa fosse saldamente radi-
se meramente decorativa, alla pittura
cata nella tradizione dell 'esegesi biblica
e come quindi vada considerata, nel suo di simboli cristiani e di figure simboli-
contenuto, prettamente giudaica, quali che - soprarrutto del 'buon pastore'31,

31 Il testo doveva di\'cntare incomprensibile \XltNTER·A. W i.iNSCHE, Mechiltha (1 909] r51


q uando si perse hl 1radi1ionc che il miracolo Il . I ).
di Elim fosse il maggior prodigio delle acque; J2 F .CUM ONT, Die M yslerù:n des Mithra 1( 19 11 )
di qui la variante mqwll -= 'meno prq~evole di 200 ss.; IDEM, Die orientai. Rei. im rom. Ilei-
mni gli altri luoghi' (Mekiltà de-R. Simon b. d en11111t 3(1931) 7!.
Johai , ed . D. HoFF~1ANN ( 1905 I 74; dr . .J. 33 P..:r es. negli aff rcschi delle catacombe dd-
dx.wv (G. Kit1l'l)

- e infìne alla rappresentazione <li Cri- ni di Crisw si cominciò a porre il pro-


sto e dei suoi discepoli e ad alu·i fatti blema della loro liceità: Iren. r,25 ,6;
Act. Jo. 26 ss.; Eus., hist. ecc!. 7,18; ca-
biblici 34 . Può essere che la pittura giu-
none trentaseiesimo del sinodo di Elvi-
daica di soggetto biblico, fiorente già in ra (Mansi II 264: placuit picturas in
epoca precristiana, come ci hanno rive- ecclesia esse non debere, ne quod coli-
tur et adoratur in parietibus depinf!,(l-
lato le recenti scoperte, abbia fornito
tur) 36.
a1 cristiani il modello e lo stimolo per

la rappresentazione dei fatti veterote-


3. Nel N.T. si fa menzione delle im-
stamentari. È cerro comunque cht: solo
magini nei seguenti contesti:
gradualmente si vengono enucleando
quegli elementi di contenuto e di stile a) Mc. 12, 16 par.: l'imm agine del-
che possono dirsi peculiari della nuova l'imperatore raffigurata su una moneta.
religione e che daranno luogo ad una Sembra che né Erode il Grande né i
vera e propria arte cristiana 35 . procuratori romani abbiano osato effi-
Ma come non v'è traccia, nei primor- giare le immagini dei principi sulle mo-
di del cristianesimo, di un interessamen- nete, mentre invece i successori di F.rn-
to positivo per le immagini, così nem- dc, soprat tutto Erode Filippo, impres-
meno si nota un interesse negativo; non sero sulle mo ne te le figure loro e degli
essendovi alcuna tendenza figurativa, imperatori 3; . Queste mo nete erano ce r-
non può esservi logicamente ne ppure rnmenre mo rivo <li scandalo per il giu-
un atteggiamento contrario. Una pro- deo osservante, sia pe r·ché raffiguravano
scrizione delle immagini non ha quindi sovrani stranie ri , si1:1 perché infrangeva-
ragion d'essere. no il divie to delle immagini, sia infine
Solo quando fecero la loro apparizio- perché recavano impressi simboli del pa-
ne da molte parti le prime raffigurazio- ganesimo38. Nahum di T ibcriadc , 'il sa•1-

l'ipogeo di Lucina ( 1" metà del III sec. d. C.): pani, ecc.
J. W!tP 1'RT, Dic Afti frreien der Katakom bcn 35Cfr. I L \\ ' . B EY ER . Die Eigcnart dcr cbrist 1•
Roms (r903), tav. 35 .66 ; l I. P REU SS, Das Bild Kunst im Rchmen dcr Spatantike, in Fe~rsch r.
Christi im \'(/andel der Zeitcn '·'( 19 ) 2) fìg . r. f. V. Schu!t ze ( i93 1) 67 s~ .
Per lo sviluppo <li quest 'arre figurativa d r. H. 36 Cfr. N. B oNwETSCH, RE' III 222.
KocH, Die altchristl. Bilderfrage nach dcn lit. 37 ScuORER r .no n. 10; KITT.EL, Probleme 36
Quellen ( 1917); W. El.LIG ER, Die Stellung der n. 2 ; P. TllOMS EN, Kompendium der pal. Al-
alten Christen zu den Bildern in den crsten vier tertumskunde ( 19r3) 96 (§37 ll d ): monete con
Jahrhunderten (1 9; 0); inoltre H. ACllELI S, la testa d i Augu sto o di Tiberio e la leggenda :
RGG2 I 25r. Ka~crapoç 1:t{3a<r<ou, oppu re Tt~tptoç .!E!3tt-
34 Le figure di C risto e degli Apostoli si t rova· o-.òç Kai:cmp.
no per es. negli affreschi delle catacornhc: di 38 Il retro delle monete cit3te alla n . 37 pre-
Domi1illa (r" metà <ld tv.sec. d .C.): \Xf1LPt::1n, senta il tempio d i Augusto a Panias ( S CHURER
tav.148; PREUSS, fig. 6. Altri soggetti : la ri sur· I 430). La leggenda del denarius w n la Lcsca d i
rc:donc Ji Lazzaro, la guarigione dcl p;trali rico, Ti berio riprodo tta in F. \Y/. MAI>UEN, I-list. of
l 'ador;tzionc dei magi, la molti plicazione dei ]cwish Coinage (186..j ), 2.p, ~uona : Tilbcrius]
Elxwv (H. Kleinknecht)

tissimo' «non guardò mai l'effigie di una me (Tos., beli. 2,r69 ss.; ant. 18,55 ss.).
moneta in tutta la sua vita» (j.A.Z. 42 L'importanza che l'adorazione dell'effi-
c) 39 • Tuttavia per ovvie ragioni prati- gie imperiale rivestiva nei processi a ca-
rico dei cristiani risulta già da Plin., ep.
che in generale non si evitava il con- ro,96. L'atto di vivificare la statua dan-
tano con le monete (dr. T.A.Z. 5,1) 40 • dole la facoltà di parlare, descritto in
Apoc. 13 ,r5, ricorda i molteplici truc-
b) ii dxwv ~ov ~i>11plov, l'immagi- chi coi quali venivano animate le statue
ne delta bestia, ossia <lell'imperatore di degli dèi, come quando nel culto di Mi-
tra si faceva sputar fuoco alla statua del
cui viene imposta l'adorazione, compiu-
dio 43 dalla testa di leone mediante una
ta dagli apostati e rifiutata invece da co- canna che terminava nella bocca, o co-
loro che restano saldi nella fede: è que- me quando si fa dire a Simon Mago :
sto uno <lei temi principali della secon- ego statuas moveri feci et animavi exa-
nima (Ps.-Clcm., recogn. 3,47).
da parte dell'Apocalisse (r3,14 s.; 14,
G. K1TTEL
9.1 1; 15,2; 16,2; 19,20; 20,4).

Questa opposizione al culto dei so- c. L'uso GRECO DI Elxwv


vrani e degli imperatori non è scono-
sciuta neppure al giudaismo; già in Dan . dxwv (connesso etimologicamente con
3,5 ss. si trova lo stesso problema della *~~xw, foLxcx, essere analogo, somiglia-
proskynesis da prestarsi all' immagine re, sembrare) vale immagine in lutti i
del sovrano divinizzato. La collocazione, suoi vari significati: a) in senso proprio
imposta da Caligola, della propria sta- rappresentazione figurata, come dipinto,
tua nel tempio 41 fu impedita soltanto statua o icone numismatica (Hdt.2,130;
dalla sua morte nel 4r d.C. (cfr. Philo, Mt. 22,20), immagine degli dèi (Ditt.,
leg. Gai 188; Ios., ant. 18,261), mentre O.G.I.S. 56,6r; P. Oxy. IX 1380, 139;
in Alessandria, fin dall'anno 38 d.C. la Apoc. r3,14 s.), oppure immagine natu-
plebaglia, connivente il governatore, rale: riflesso speculare (Eur.,Med. r 162),
aveva preso a drizzare statue dell'impe- ;/lusione ottica (PlaL., Phileb. 396); h)
ratore nella sinagoga (Philo, Flacc. 4 r metaforicamente immagine ideale (Tijc;
ss.), statue che furono poi rimosse sollo 4;vxiic;, Plat., Tim . 29 b; àpE~ijc;, epigr.
Claudio 42 • Allo stesso modo sotto Pila- Graec. 435,4), similitudine (Plat., resp.
lo vi era stata una reazione popolare 6,487 e). e) riproduzione, immagine vi·
contro le Ka.lo-a.poc; dxovEc; a.i: O"T)µa.icu vente, nel senso di copia, incarnazione,
xa.À.ovna.L (insegne militari) così vio- manifestazione: Ditt.,O.G.J.S. 90,3; cfr.
lenta , che il governatore si era visto il detto di D iogene Ji Sinope: ~oùc;
costretto ad allontanarle da Gcrusalem- à.ya.~oùc; iivopcxc; ~Ewv Elxova.c; Ei:va.t,

Cacsor Divi Aug(usti] f'[ilius]. Per il Aiudeo 42 All'esistenza di templi ed effigi imperiali in
è sufficiente a qualificare Augusto l'appclla1ivo Samaria, Panias e Cesarea sul mare si accenna
'divus'. in Ios., beli. 1,40} s. '1~3 s. Cfr. Kll"rnr.., Pro·
39 SCllLATTER , Komm . Mt. 648. bleme )6 n. r .
40 Sc:llLATTER, ibid. 43 Cfr. F. CUMONT, Tcxtes et Mommrents fif.u·
41 Asc. ls. 4,11: «Egli
cs po(r?t la sua immagi- rés relati/s aux Mystères de Mithra TI ( 1896)
ne dinnnii a sé in tulle le citcà». Cfr. DrnE· 196 fig. 22; HAAS, Urg. 15 (1930) (Lcipoldt)
uus, Thcss. 139. ligg. 35 e 36.
i61 (n,386)

Diog. L.6 ,5 1; e analogamente Luc., ima- assu n1<1 nel! 'ambito di una concezione
gines 28 4-4. spiccatamente monistica e ottimistica,
I. La defìni7.ione di Cristo data in <li cui si ha la prima testimonianza nelle
Col. 1, r 5: elxwv -i-ou lleou -i-ou à.opà.i:ov, parole conclusive del Timeo platonico
appare contraddittoria per la logica dei c), che costituiscono un parallelo
( 92
moderni; infatti come può darsi l'im- quasi diretto di Col. r, r 5: OOE ò xÒO'µoc;
magine di ciò che è invisibile45 ? In real- o\hw s4)ov ÒpcnÒV 't"Ò: Òpa.-i-à: 1tEpLÉXOV,
tà il pensiero di Col. 1,15 si compren- Elxwv -rou VOT]"tOU ( scl. S~OV) i}eòc; a.l-
de solo se viene rapportato alla conce- <ri>T]-tÒç, µÉyLCT-i-oç xa.t Ci.pur-i-oc; x6:À.À.t-
zione stessa che gli amichi avevano del <r-roc; -i-e xat -rEÀ.Ew-i-a-i-oc; yÉ:yovev EÌ:c;
mondo. Secondo questa l'immagine non ovpavòc; OOE µovoyEvi}c; wv 47 • Per Pla-
è soltanto una rappresentazione funzio- tone quindi il mondo nel su,0 complesso
nale di un oggetto, avvertita come tale (e non soltanto l'uomo, come nel cri-
dalla coscienza umana, ma può anche stianesimo) è l'immagine visibile dcl-
essere un'irradiazione, una manifestazio- i ' av-ros4)ov intelligibile. Dalla cosmo-
ne visibile dell'essenza della cosa e co- logia platonica la linea di sviluppo del
me tale può comportare una partecipa- pensiero ci conduce:: a Filum: (~ wll.
zione sostanziale all'oggetto (µnox1)) 46 • i 7 5 s.). Allo stesso modo che in Plat.

L ' ' immagine', insomma, lungi dall'esse- resp. 6, 509 a I Ielios è definito Elxwv
re un dato meramente di coscienza avul- della lofa -.ou àycxi}où, così anche in
so dalla realtà, partecipa invece del rea- Plutarco il sole è 'immagine di Dio' (E
le, anzi è essa stessa la vera realtà. Per- ap. Delph. 21 [u 393 dJ; Stob., ecl. I,
ciò la parola Elxwv non designa soltanto 293,21 ), e nell'inno di Proclo (Orph. p.
un riflesso stemperato o, per così dire, 277) a Helios questi viene cosl apo-
la brutta copia di un oggetto, bensl la strofato al v. 34: dxwv 7ta.yyEvÉ-rcx.o
proiezione nel visibile della sua stessa ikov. In seguito l'immagine assume un
intimità essenziale. Nel mondo greco- valore addirittura sistematico nella con-
ellenistico l'immagine così intesa viene cezione ermetica del mondo come orga-

44 Dove il greco riponesse la somiglianza fra se non si manifestasse?).


l'uomo e la divinità (prescindendo dalla avy- 46 Lo stesso vale per -+ 1iopq>'l) e -+ voiic:;.
yÉvwx) risulta per es. da Pindaro: cH.).ci -r~ 47 È questa la lezione definitivamente accerta·
r.pocrcpÉpoµEv ~µmxv ft µÉyav v6ov TJ'tO~ q>vcrw ta, malgrado il diverso parere di W. P1rnu-
cii>avci'to~ç. Nem. 6,4. sc11 EN: ZNW r8 (191 7- 18) 243; per la rico-
45 Lo1-1M E Yl!K , Kol .. ad I.
Cfr. del resto il con- struzione del testo cfr. A. E. TAYLOR, A Com-
cetto gocthiaM dcl fenomeno primordiale e i 111c11tary on Plato's Timaeus (1928) 646 s., il
nor i versi: « Der Schein, was ist er, <lem das quale avanza l'ipotesi che la lezione Elxwv -roii
Wescn fehl t? d a) Wescn, war'es, wcnn es nicht 'ltO~TJ"tOV sia stata interpolata do un tenore
erschienc?» (Che cos'è l'apparen7.a a cui manca cristiano .
resscn~:1 ; e l'essenza pom:bbe m:1i )ll)s i~te re
dxwv (G. von Rad)

nismo vivente, secondo la quale il mon- À.ÉyE"t'<l.L vùv ÉVEPYE~V) 49 • b) Se d11nquc


do è la prima e l'uomo la seconda im- I' Elxwv è la manifestazione visihilc del
magine di Dio (Corp.Herm.8,2,5: 1tPW- divino in questo mondo, non fa mera-
-.oc:; yà.p nànwv onwc:; xa.t à~oLoc:; xa.t viglia trovare Elxwv i:où ì}Eou come for-
à:yÉWTJi:Oc:; ò Ol]µLoupyòc:; "tW\I oÀ.wv mula di omaggio cortigiano ai sovrani
ÒEoc:;· oEu'tEpoc; oÈ ò xa.-r' Elxéva. a.v-.ou divinizzati, soprattutto in Egitto 50, co-
ò x6a11oc;, int' a.v-.où auvE)(,ÒµEvoc; xa.t me per es. l'appellativo del Filopatore
'tpEcpOµEVO<:; xa.t àfta.vc<:nsÒ~lEVO<;, wc:; Elx6voc, i:où AL[6ç] (Mitteis - Wilcken,
V7tÒ lo~ov 1tCX'tpÒç à:d swv wc; &.i>civa.- r, 2 nr. ro9, II ( III sec. a.C.) e quello
-roc;, ecc.; Pseud. - Apuleius, Asclepius che si legge sulla stele di Rosetta a pro-
r o) 48• II mondo è quindi la forza coe- posi te di Tolomeo Epifane : ELY..Ovoc:; sw·
siva dell'uomo, come Dio lo è del mon- O-l]c:; -i-ov ALoc, utòç -rov ' IIÀ.lou (Ditt., Or.
do. Al fondo sta l'idea dell'armonia, che 90,3 ). Il sovrano ellenistico è insomma
discende dalla stoica auµmi~rn~. i:wv la divinità stessa che si manifesta (Ém-
oÀv.>V. cpa.vric; ).
J I. KLEINKNECHT
2. Parallelo a questo filone cosmolo-

gico speculativo e nella stessa temperie D. L' UOMO IMMAGINE DI DIO NELL'A.T.
monistica, scorre un filon e religioso che
si può cogliere: a) nel valore acrribuiro 1. TI theologoumcnon vctcrotestamen-
.~ Ile immagini dalla religione greca in t<trio dell'uomo 'fatto ad immagine e
~e ncrale. Ritorna qui l'idea - diffu- som ig lianza di Dio' può essere compre-
!>issima e pur sempre combattuta dalla so in tutta la sua singolarità solo collo-
critica filosofica - che nell 'immagine candolo nell'ambito di una fede religio-
sia presente in qualche modo l'essenza sa tut ra pervasa dal senso dell'infinita
stessa dell<t divinità. Ne fanno fede i distanza che separa l'uomo da Dio. li
prodigi e gli incantesimi deile immagi- <lato centrale dell'antropologia veterote-
ni, alle quali vengono attribuite la stes- stamentaria è infatti il concetto dell'uo-
s.1 sensibilità eJ dTìc::icia dell'originale mo come terra e cenere, come creatura
(Athen.:g., suppi. 26: a y&.p i) d xwv effimera sulla quale sovrasta la santità

48 Cfr. D1t1ELIUS, Gefbr., excursus n Col. 1,15 . nità suprema in riferimento a \':1ri dèi. Analo-
gamente Plutarco fa dire <la Artabano a Temi-
~ Cfr. O. WLI~REtCH, J111ri.l:!e Hc!ilu11gsw1111-
9
stocle che vuol conferire col gran re: i)µi:v oè
der, R\ 'V vili i ( 1909) 140 ss., e la recente di-
TtOÀ),wv v6µwv xcxì. XCXÀWV OV"CWV xaÀÀLO'"t'O;
~;1r.iina complessiva di J. GEFFCKE:", i\RW 19
OV"CO<ç Èo';L, •Lµà.v ~CXO'~À.ÉO: XCXÌ. 7tPOl1XUV€LC'&cx~
( 1916-r9) 286ss.
W<; dxovcx i)eo•j -rov miv-ra. O'<~~ov•oç {Plut.,
50 Proprio nella religione egiziana e babilonese Them . 27 [1 u5 cl), dove è interessante la
J. 1fEM~, op. cii. ~6 ss., ha riscontr~ro l'uso dc- connessione fra il concetto di dxwv e il mo-
~li appdlaci vi ' figlio' e 'immagine' di t:na di\'Ì- mento soreriologico.
inattingibile di Dio; di f rontc ;1 questa to d i plasm:irc la mate ria (biirii' ) e con
intuizione fondamentale l 'idea dell'uo- ciò l 'origine dell 'uomo è posta in rap-
mo 'immagine di Dio' rapprcsenra sol- porto diretto con Dio, rapporto che vie-
tanto un theologoumenon marginale, ma ne teologicamente specificato nelle paro-
resta pur sempre significativo che la re- le di Gen. r ,26: «Facciamo l'uomo a no-
l igione veterotestamentaria sia giunta stra immagine e somiglianza».
ad esso, cioè al punco in cui doveva ne-
cessariamente affacciarsi sul mistero del- 2. Per una retta interpretazione di
1'origine del1'uomo. questa frase è indispensabile tener pre-
Mentre l'autore jahvista distingue sente che essa, ]ungi dal costituire una
nella creazione dell'uomo due elementi, audace novità teologica, si ricollega in-
cioè la materia terrestre ('afar min ha- vece ad una particolare ~oncezione di
'adiima) e H soffio vitale che proviene origine mitologica attestata in numerosi
direttamente da Dio ( nismat haiiim) ~ 1 , frammenti della letteratura mesopota-
il racconto della fonte sacerdotale se- mica, dove si parla di un essere divino
gue invece una linea teologica affatto che, avanti di creare l'uomo, traccia
diversa 52. La crea2ione del monclo n1l- una fieura su una tavola di bronzo. o
mina in quella d ell'uomo. La rigorosa dove si definisce direttamente come
gradualità del processo creativo viene 'controparte', come immagine di Dio la
interrotta dopo la creazione del mondo nuova creatura che dev'essere formata,
animale, quando una speciale:: risoluzio- ossia l'uomo 53 •
ne di Dio annunzia l'evento straordina- Con ciò no n si vuol dire, beninteso,
rio che sta per compiersi. È pure signi- che anche la frase biblica sia un dato
ficativo che la tendenza a distanziare mitologico; so ltanto si vuol mettere in
Dio dal cre::ato, riscontrabile in Gcn. r , guardia dall'interpretarla in una manie-
r -2>4b -dove al racconto della crea- rn non conforme alla mentalità d ell'an-
zione come opera diretta di Dio se ne tico oriente. La somiglianza con Dio
sovrappone un altro per cui la creazione no n consiste nella 'personalità' dell'uo-
è de te rminata dalla parola di Dio - mo o nella 'libe rtà dell'io', e neppu re
venga meno quando si tratta della crea- nella 'dignità dell'uomo' oppure ancora
54
zione dell'uomo. In Cen. 1,28 si trova nel 'libero uso d elle facoltà morali' •

infatti il termine tecnico indicante J'at- Dobbiamo anzi rinunziare a porre una

s1 Ge11. 2,7. hasi (AOT 205 s.), cfr. I lrnN, op. cit. •O· A
" 2 Ge11. 1 ,26. q ues to proposito Hehn accenna pure al nome
:-3 CCr. il ~ma di Gilgamesh dove Enkidu vie- singolare di Tammuz, che significa ' raffigu ra-
ne cre:i to come immagine dcl dio Anu ( r .80 s,;. zione di Ea' (op. cit. 4 3).
[AOT s5 1 .l ). Circa la tes timonianza con tenu ta 54 Cosl, p. es., le teologie dell'A.T. di E. Ru.11M
nell'antico frammenco babilonese su E::: e At,1r- (1889) J70; A. DI LLMA ~N ' 1895) 354 ; G .OEll-
dxwv (G. von Rad)

precisa distinzione fra i due termini del- significativo, giacché presenta la somi-
la frase contrassegnati da un singolare glianza con Dio come un dato attuale e
cambiamento <li preposizioni. ('ui l'au- valido per tutte le generazioni, e non
tore sta lottando evidentemente coi mez- soltanto per il primo uomo, nel qual
zi espressivi: una formula certamente caso ben poco avrebbe importato alla
antichissima gli viene in soccorso for- religione veterotestamentaria. Per quan-
nendogli i due concetti di selem e de. to concerne in particolare il nostro pro·
mut, coi quali egli cerca faticosamente bl.ema, si osservi come Gen. 5,3 presup-
di illuminare il mistero dell'uomo co- ponga inequivocabilmente ima somi-
me immagine terrestre di Dio. Per que- glianza fisica con Dio che si trasmette
sto non vi sono neppure molte possi- fisicamente di generazione in generazio-
bilità di risolvere la questione se la so- ne. La stessa interpretazione si ritrova
miglianza con Dio si riferisca alla parte in Gen. 9, 6, nel divieto dell'omicidio
fisica o a quella spirituale dell'uomo. In motivata con la somiglianza fra l'uomo
realtà, se si può parlare di un'alterna- e Dio: chi lede il corpo dell'uomo ol-
tiva fra lo spirito e il corpo, la somi- traggia in esso la gloria stessa di Dio.
glianza fra Dio e l'uomo andrà intesa Esiste un resto nell'A.T. che può esse-
in senso prevalentemente fisico. Benin- re in qualche modo accostato al theolo-
teso, non perché essa implichi una ri- goumenon sacerdotale dell'uomo fatto
flessione sulla figura e sulla corporeità 'ad immagine di Dio' e che, mentre con-
di Dio, ma perché adombra la presen- ferma ciò che abbiamo detto sinora, di-
za nella persona umana della natura mostra pure come non si possa arrivare
stessa di Elohim. La natura umana - a cogliere il vero significato della somi-
questo viene insomma a dire la frase di glianza fra l'uomo e Dio interpretandola
Gen. r ,26 - non proviene dal basso, esclusivamente come un connotato fisi-
ma è imparentata con il mondo super- co o spirituale. Si tratta di Ps. 8 ,6 s.,
no. Due in particolare sono i passi del- dove si legge che 1'uomo è poco al di
la fonte sacerdotale che ci vietano di sotto di Dio, che l'ha coronaro di
intendere il theologoumenon della somi- gloria e di splendore. La seconda affer-
glianza fra l'uomo e Dio in senso uni- mazione sviluppa in ceno modo la pri-
lateralmente spiritualistico. In Gen. 5, ma, quella della somiglianza con Dio,
I ss., dove si parla della discendenza chiosandola con i rermini hiidilr e kabod.
fisica dal primo uomo, è detto che Seth Di questi il primo si riferisce indubbia-
fu generato in tutto a<l immagine e so- men1c alla maestà dell'aspetto esterno,
miglianza di Adamo. Il passo è molto e<l esprime quello stesso ingenuo stupo-

LER '(r882) 22r; E. KoN1C (r922) 234.


rtxwv (G. von Rad}

re che si ritrova già nei testi babilone- Sufficienti testimonianze abbiamo in-
si 55 ; kabod è invece qualcosa di pit1 di vece nell'A.T. circa il fine a cui è pre-
una realtà sensibile (-4 06ça. n, col. Jisposca la somiglianza fra l'uomo e
I 360 ): è la gravitas dell'uomo, cioè tut- Dio. L'annunzio solenne di Gen. 1,26
ta la potenza interiore di cui egli è do- esprime addirittura, mediante una pro-
tato 56 e che ricongiunge misteriosamen- posizione finale, l'intimo rapporto fra la
te la sua natura a Jahvé, al quale prin- missione dell'uomo, che è di dominare le
cipalmente, secondo la concezione vete- creature, e la sua somiglianza con Dio.
rotestamentaria, compete il kabod. La Il racconto sacerdotale sottolinea in ter-
stessa interpretazione della somiglianza mini straordinariamente drastici questo
fra l'uomo e Dio si ritrova nelle effu- fine dell'uomo 60 , presentando l'insieme
sioni liriche di Ben Sirach su questo della creazione come affidata a lui e bi-
argomento - alle quali è bene peral- sognosa del suo dominio quale princi-
tro rifarsi con molta cautela 57 . Secon- pio ordinatore 61 . Che a questo scopo
do l'autore dell'Ecclesiastico l'uomo è l'uomo sia stato fatto 'ad immagine e
simile a Dio perché al momento della somiglianza di Dio' è del tutto logico,
sua creazione fu 'rivestito di potenzo'58 • perché anche i sovrani della terra so-
Oltre a queste, l'A.T. non ci offre altre gliono far esporre le loro immagini co-
testimonianze che ci permettano di sta- me segno della loro sovranità dove non
bilire più precisamente il significato del- possono essere personalmente presenti62 •
la somiglianza fra l'uomo e il suo Crea- L'uomo, quindi, nell'ambito del suo do-
tore ~9 • In realtà è facile rendersi conto minio è un mandatario di Dio, chiamato
come l'ineffabilità dell'essere divino do- ad esercitare la sovranità e le preroga-
vesse contribuire a stendere l'ombra del tive di lui nel mondo. Ed è importante
mistero anche su questo aspetto della osservare come anche Ps. 8 (che può
natura umana strettamente imparentato avere tutt'al più un legame assai vago
con Dio. con Gen. r) riconnetta il dominio del-

' ; Cfr. il frarnrnen10 assiro ~ulla creazione dd- con ragione, per es., dallo Smend e dal Ryssd,
l'uomo (AOT 136) : «Nella schiera brulicante ad l.
c:gli (E a} rese splendida la sua figura» (A.]ER E- 59 Può essere casuale che in un passo come
MIAS, Das AT im Lichte des Alten Orients Ez. 28,13-15, così intriso di reminiscenze mito-
'[ 1930) 46 s.). logiche, si accenni alla mancanza di peccato
5<>Cfr.anche M.BU.BER, Konip,111m Gol/es ( 1932) nell'uomo primitivo, ma non alla sua somi-
.2l4 n. 17: kabod è il 'peso' o la potenza Ji un glianza con Dio .
60 Gen. 1,i6: w'iirdzl; v. i8: kib'foa; dr. inol-
<.:ssere che si irradia manifestandosi.
tre Gen. 9,2.
-'7 Eccl11s17,3 s . 61 J3ACllMANN, op. iit. 274 S.
ss Che in Ecclus 17 ,3 si debba leggere x(li} 'fo.u- 62 Questo concetto è stato sottolineato dal C.A-
-r6v in luogo di xall' fo.u-rou<; t: stato sostenuto S PARI, op. cit. 208.
17 ! (11,390} EÌXWV (G. Kittel)

l 'uomo sulle creature con la sua somi- col. 176} e della posteriore teologia cri-
glianza con Dio 63 • Non diverso è il con- stiana, la teologia rabbinica ha sentito
cetto di Ecclus I 7 ,3 s. assai poco il problema della somiglian-
za fra Dio e l'uomo. Per i rabbini il
3. L'idea che l'uomo abbia perduto
vero problema esegetico di Gen. 1 ,26 s.
ormai l'originaria somiglianza con Dio
non si appunta - come per Filone -
è sconosciuta all'A.T. La fonte sacerdo-
sul rapporto fra questi versi e Gen. 2,
tale mette anzi esplicitamente in risalto
7 64 , ma sull'enigmatico plurale della so-
- come abbiam visto - il fatto che la
lenne dichiarazione: «Facciamo l'uomo
somiglianza fra Adamo e Jahvé si è t ra-
a nostra immagine e somiglianza». L'in-
smessa a Seth . E certo però che il conti-
terpretazione di questo 'noi' - se esso
nuo e costante ridursi della durata del-
adombri cioè una consultazione del
la vita dei patriarchi antidiluviani, tra-
Creatore col suo cuore 65 , con gli ange-
dotto in termini teologici, non può si-
li 66, con la Torà 67 , col cielo e la terra 68
gnificare altro che il decadere della po-
- era un problema insistentemente e
tenza e della fisionomia conferite all'uo-
vigorosamente dibattuto non solo nelle
mo da Dio. Dopo quanto si è detto sul-
cerchie dei dottori della legge, ma an-
la somiglianza fra l'uomo e Dio, è chia-
che nelle controversie con gli eretici 69•
ro che questa decadenza non può essere
completamente disgiunta da essa. Invece l'affermazione biblica che l'uo-
G. VON RAD mo, e precisamente l'uomo empirico,
fisico-terrestre, è fatto ad immagine di
E. LA SOMIGLIANZA FRA L'UOMO E DIO Dio non ha suscitato mai dubbi né ha
NEL L'INTERPRETAZIONE DEL GlUDA1· costituito mai un problema 70 • Neppure
SMO
si è mai sostenuto, come nel caso del
r. A differenza di Filone ( ~ avanti kabod (~II col. x38r ), che la somiglian-

63 Cfr. la forma hif'il tamfilehu. 68 Gen. r. 8 a r ,26 (R. Joshua in nome di R.


64 Stupisce come questo problema sia ignorato Levi; secondo \Y/. BACHER, Agada der pal.
dalla letteratura rabbinica (STRACK-BILLERDE.CK Amoraer I [ r892] 184 n. r, autore del detto
III 477 s.), pur essendo particolarmente adatto sarebhe R. Joshua b. Levi).
a stimolare l'interesse esegetico. Il motivo, in 69 b. Satth. 38 b; ;. Ber. n d (par.: STRACK-BrL-
questo come in molti casi analoghi, va forse LERDECK nr 543 n. 1). La discussione si ritrova
ricercato nella prassi rabbinica di bandire dal da parte cristiana in Iust., dial. 1,62.
giudaismo i problemi esegetici dibattuti dai 70 Il problema si pone invece nell'interpreta-
cristiani per i loro fini. zione di Gcn. 3,22: «L'uomo è diventato come
65 Gen. r. 8 a t,26 (secondo R. Ammi}. uno di noi». Cfr. l'ampia discussione in Gen. r.
66 lbid. Inoltre 17 a 2,19 (secondo R. Aha}; 2 r a 3,22, e soprattutto la drastica ritorsione
par. STRACK-BTLl.E.RBECK 11r 68r. polemica di Akibà, riferita anche in M . Ex.
07 Pirqé R. [ liezer 1 r (STRACK-BILLERU!:CK II1 q,29, contro l'esegesi di Pappus, che riferiva
479). il plurale agli angeli.
173 (ll,39!) EÌ.Xc;J\I (G. Kittcl) (n,392) 174

za con Dio sia andata perduta m se- che essa non può significare una cancel-
guito al fallo di Adamo 71 • Fra le sci co- latura sostanziale della somiglianza stes-
sa. La distinzione testé accennata ritor-
se che un giorno ritorneranno, e sono na quasi con le stesse parole in b. Hul.
quindi attualmente perdute, i rabbini 91 b, dove si racconta degli angeli che
menzionano lo splendore (zjw), la dura- salgono per contemplare bdmwt 11 m'lh
ra della vita, la figura eretta, ma non la (ossia Dio stesso) e discendono per ve-
dere bdmwt djwqn; sl mth (ossia l'uo-
somiglianza con Dio 72• Anche laddove mo). In linea di massima, quindi, si
si afferma che il peccato può incrinare presuppone che la somiglianza con Dio
o addirittura cancellare la somiglianza permanga nell'uomo attuale che, anche
senza possedere doti straordinarie di
con Dio ci si riferisce sempre non al pietà religiosa, non sia totalmente e ir-
fallo di Adamo e alla condizione meta- rimediabilmente corrotto dal peccato.
fisica di peccato che ne deriva, bensl al Quando i discepoli di Hillcl si meravi-
peccato individuale di uomini o gruppi gliavano che il Maestro potésse definire
il bagno una buona azione, egli si ri-
di uomini post-adamitici. chiamava alla somiglianza dcl suo corpo
con Dio ('nj Inbr'ti b!lm wbdmwt), af-
b. Moed katan r5 b : Bar Kappara in- fermando esser meritorio curare il pro-
segnava: «Jo avevo dato loro la mia im- prio corpo in quanto immagine di Dio.
magine (dmwt djwqni}, ma a causa del (Lev. r. 34 a 25,39). Versare il sangue
loro peccato (b'wnwtjhm, non quindi a significa ledere la figura del re, ossia
causa del peccato di Adamo) io l'ho tra- l 'immagine di Dio (M. Ex. 20,r7). Chi
mutata». Secondo Abbà Kohen la somi- disprezza un uomo, afferma R. Tanhu-
glianza fra l'uomo e Dio ebbe termine ma, sappia «che colui che tu disprezzi è
con Enos (Gen.r.2 3 a 4 ,26). Significativa stato creato da Dio a sua immagine»
è pure la leggenda relativa a R. Banaah (bdmwt 'th;m 'sh 'wtw, cfr. Gen. r. 24
(b.B.B. 58 a): 'Quando egli volle vedere a 5, t ) . In questo senso anche la famosa
i patriarchi misurando le loro tombe, gli tesi di Ben Azza i, che considera Gen . 5 ,
fu permesso per Abramo e gli fu invece r come la proposizione centrale 75 della
proibito per Adamo'; Abramo infatti è Torà, non costituisce un'eccezione ri-
bdmwt djqnj ( = somiglianza della mia spetto alla comune tradizione esegetica
immagine) 1l, Adamo invece bdjwqnj del giudaismo. Anche R. Akibà, che,
·~mh ( = la mia stessa immagine). In stando a S. Lev. 19,18, fu suo avversa-
Adamo, quindi, la divina somiglianza è rio, secondo Ab. 3, r 4 cosl si esprimeva:
rimasta intatta nonostante il peccato 74• «L'uomo è prediletto in quanto è creato
Questa incrinatura della somiglianza nell'immagine (b#m) 76 ».Nessuno però
fra l'uomo e Dio non essendo concepita dei rabbini ha saputo cosl energicamen-
come un principio metafisico, è chiaro te come Ben Azzai estr.atte dalle parole

71 Cfr. MOORE, I 479. in un'interpretazio ne dualistico-metafisica del·


11Ge11. r. a 2,4; Ta11h. Bu nEit Bereshit r8.
T2 l'uomo 4 coli. 176 s.
Conforme alla tradizione rabbinica, anche 4 75 S. Lev. 19,18; j. Ned. 41 c, 3fi Gen. r. ;q a
Erdr. ì.1 r s. non fa cenno ali' 'immagine'. 5, r. Cfr. W. RACll ER, Agada der T armaiten
73(fr. Ro111. 1,23: oµolwµadx6voç.~ol.1ì8. ( 1903) 417 S.j STRACK· Bll.LERBF.CK I 358.
74La ~tessa gradazione, applicata però allo srcs- 76 La stessa frase in Ab. R. Nat. 39,8 è riicrita
so Adamo, ~i rir rovil in Filone, che la inscrÌ>cc :1 R. l\leir. Gr. BACltF.R, op. cii. I 2ì9·
!75 (u,392) dxwv (G. Kittcl) (11,393) 176

deJl'A.T. la concezione dell'uomo e de- s. il problema ottiene questa risposta:


durne le conseguenze fondamentali. o iìEòç fx'TLO"EV i:òv èivì}ptùitOV É1t' &.q>-
La conservazione e la perdita della iìa.pO'lq., e al v. 24 si aggiunge che que-
somiglianza con Dio dipendono quindi sto dono è stato sottratto all'uomo dal
dal comportamento morale del singolo OLa~oÀ.oç, che può essere soltanto il pec-
e dalla sua maggiore o minore osservan- cato 81. Ma è soprattutto Filone 82 che
za della Torà. Secondo R. Jakob di Ke- interpreta nei modi più vari la Elxwv
far Kanan 77 l'uomo è destinato a regna- 'TOV i)Eou.
re se è fatto 'a nostra immagine e somi-
Sotto l'influsso pitagorico Filone equi-
glianza', mentre invece è destinato a de- para la dxwv al numero sette - µ6vo v
cadere quando non lo è; «venga colui oui:E xLvovv oui:E xLVovµEvov (op. mund.
che è fatto a nostra immagine e somi- 100)-ma anche alla µovciç: ì)i:Lç Écri:lv
à.O"wµa.i:oç i}Eou Elxwv, e{) xa.i:à. "t"r1v
glianza e domini colui che non lo è»
µ6vwow tçoµoLou-.a. L(spec.leg. 2, r76)8i.
(Gen. r. 8 a r,27). Essere simili a Dio Ma anche la oupa'IMç O"Oq>ta. è per lui
significa essere degni di lui 78 • Questo CÌ.PX'IÌ xa.t Elxwv xa.t opa.O'Lç i}Eou (la
svolgimento del theologoumenon in sen- É1ttyELoç O"ocpla. è invece àpxhv7tov µl-
µ'l')µa.: leg. alt. I A 3) s-i_ Il vouç celeste è
so etico e individualistico si spiega con xa.i:à i:Tiv Elx6va. yEyovwç xa.t 't'TJV loÉ-
la mancanza di ogni tendenza a inter- av (scl. i}Eoù: leg. ali. 1,33.42) 85 ; l'àv-
pretare e determinare speculativamente ì}pw7tLVoç 'Jouç è dapprima nettamente
distinto da esso - YIJYEVljç xcd <PLÀ.o-
il dato tradizionale dell'immagine e so-
crwµcnoç - ma anch'esso è 1}EOEL01)ç
miglianza con Dio 79 e col fatto che in sia perché, secondo Gen. 2,7, deriva dal
questo settore nel giudaismo il concet- soffio divino, sia perché è informato al
to di peccato si risolve sostanzialmente À.Oyoç, che è la sua cX.pxÉ't'V7toç lofo 86 •
La ~vxn cii)ava.i:oç è fatta xa.•à. -.Tiv
in quello di individuo peccatore ( ~ I, Elx6va. "rou o\Ji:oç, ma questa Elxwv è a
coll. 783 ss.). sua volta il À.Oyoç 87• Il motivo del ~
À.oyoç come Elxwv 't'oli ilEou ritorna con
2. Per influsso del pensiero greco si frequenza negli scritti :fìloniani: con/.
comincia invece a concepire la somi- ling. 97.147; fug. ror; som. r,115.239;
2A5·
glianza divina come una realtà metafisi- Più esattamente in rer. div. her. 23os.
ca e a indagarne la natura80. In Sap.2,23 distingue fra lo Ù7tÈp -iìµciç e il xa.fr' 1)-

17 BACHER, op. àt. III 569 s. 82 Cfr. WINùlSCII, 2 Kor. 137; LIETZMANN, r
78 I due concetti si trovano appaiati in Gen. r. Kor. a 15,45; ~I, col. 383.
8 a l,27. 83 Cfr. rer. div. her. 187; spec. leg. 3,180.
79 MOORE I 446 s.
84 Cfr. Sap. 7,26: (O'oq>la.) Elxwv "tfjç <iya.M"tTJ-
so Cfr. MooRE r448.
"toç cxv-rov.
81 Dal fatto che l'uomo è stato creato come
Ei.xwv di Dio. test. N. 2,5 trae la conseguenza ss Cfr. som. r,240 s.; spec. l e!!, . .3,207.
che il Creatore conosce perfettamente la sua 86 leg. ali. r ,3 3; spec. /ef... 3,207.
creatura. 87 spec. leg. 1,81; cfr. 3,207.
17ì (ll,J 9 .3 ) dxwv (G. Kittcl) (11,393) 178

p.ciç umipxovi:a Myov. Il primo e ap- realtà stessa, la figura rappresentata, che
XÉ"t'v7toç, poiché Mosè lo definisce dxwv si manifesta visibilmente nella sua es-
frEOù. Il secondo è µlµ"f)µa, poiché di
esso si dice soltanto che è xa-ç' Elx6va. senza. Si spiega cosi in Hebr. 10,1 89 la
Perciò esso è solo -çfjç Elxévoç Èxp.ayEi:- netta contrapposizione fra dxwv e la
ov (riflesso), terzo stadio rispetto al semplice 11xta 90 : O'xLà.v yà.p EXWV ò v6-
Creatore ( "t'pl-.ov dvaL "t'U7tOV ànò -roù
µoç -.wv µEÀÀ.6v-.wv àyai)wv, oùx o..ù-
7tE7tOL'Y}Xo-coç) mentre il primo è il suo
prototipo ( napaOELyµa) e il riflesso di -rT]v 't'TJV dxévC1.. -r:wv 7tpa.yµÙ'.'t'wv: la
Dio ( ànnx6vtO'µa). Questa dis tinzione legge interessa solo la O'XtÙ'., ma non l' es-
è naturalmente di grandissima importan- senza delle cose 91 •
za per la concezione dell'uomo come El-
xwv i)Eoù. Certamente anche l'uomo ter- Questa accezione di dxwv, comune in
restre, che fu animato dal soffio di Dio tutto il N.T., può trovarsi anche senza
(Gen. 2,7-) sotto) e possiede un'anima
fatta xa't'à 't'Òv à.pxhv7tov 't'OÙ À.6yov, è un particolare risalt0, comç in Rom. 1,
dxwv DEoù e non Elxwv i;woç 'tWV yE- 2 3, dove si dice che gli uomini hanno
yové'twv (plant. 18 s.). Ma ciò non vale scambiato la oo~a del Dio immutabile
per il suo corpo, ché Dio non ha figura con ]' òµolwµa Elx6voç dell'uomo effi-
umana, e la figura umana d'altronde non
può essere simile a Dio; vale piuttosto mero, degli uccelli, dei quadrupedi, dei
xa'tà i;òv 'tfjç lJ.ivxf)ç 'Ì)yq.1.6va voùv (op . serpenti. ~ evidente la battuta polemica
nzund. 69). Il fondamento esegetico di contro il culto idolatrico delle immagi-
questa djstinzione è costituito per Filo-
n .i ; .ma la singolarità dell'espressione
ne dalla esistenza di due racconti della
creazione in Gen. r,26 s . e Gen. 2,7. Da consiste nell'accostamento di -) 6µolw-
qui appunto la differenza, ora esplicita- µa, che in questo caso significa 'imma-
mente affermata, ora tacitamente pre-
gine' e, Ei.xwv, che designa il prototipo,
supposta, ma comunque caratte ristica di
tutta la teologia e antropologia fìlonia- la stessa realtà rappresentata e la sua fi-
na, fra l'uomo celeste,creato comedxwv gura: «essi scambiarono ... con la ripro-
i)Eov che non partecipa del perituro e del duzio ne della figura umana e animale» 92 •
te rrestre, e l'uomo terrestre che , secon-
do G en. 2,7, è stato tratto dalla polve-
Cfr. Sap. r ,3,x3: il falegname che ha
re (leg. alt. r,31ss. 58 , - ) r ,coll. 383 s.).
costruito l'immagine idolatrica à.7tEi.xa-
f. USO TRASLATO DI 'IMMAGIN E
1
NE L
O'EV aÌJ"t'Ò Ei.x6v~ à.vfrpc;,7te,p. Per l'espres-
NUOVO 1'E STAMEN'f0 sione cfr. b.B.B. 58 a ( ~ col. 173 ): R.
Banaah visita le sepolture dei patriar-
I. Nel N.T. I' 'immagine' è sempre la chi; dopo Abramo vuol vedere anche
SS Cfr. inoltre ibid. l , 53. 90.94; 2,4; r er . div. bra) deriva immediatamente Jal modello (Dio)
her. 57; co11/. li11g . 6 2.146 ; op. mund. 134; leg. mentre gli uomini vengon formati su di essa
spec. 3,8, e passim. (e non quindi secondo il modello primo, Dio).
89 Cf~. R1 GG!;NllA\.ll, H ebr. 293, s pec. n. 9~ ; r. 9l Già J. J. WETTSTEIN, NT II (1752) 418 A
W .GROS!IBIDE, De Brief aan de liebreen ( 1927) rimanùa a Plat ., Crat. 306 e: xat dvm dxévct.<;
269. -rwv 7tpayµa-rwv.
90 Invece in Philo, le.e.. all. 3.96, la stessa dxwv 0
2 LmTZMANN, ad!.; così pure A. SCHLATTER,
è cquip:irata all'o rnb r:1 ; cs~ a (al pari dcll'om- l:'rl. z. N.T., ad l.
179 (11,393) dxwv (G. Kiucl) (11,39.p r8o

Adamo, ma allora risuona una voce: tamentc da Ccn. r ,27 w. e la sua appli-
«Tu hai visto la somiglianza della mia cazione al Cristo presuppone quel dato
immagine (bdmwt djwqnj), ma non puoi
vedere la mia stessa immagine (djwqn)». caratteristico della teologia paolina che
Insostenibili sono tutte Je altre inter- è l'identificazione del Cristo con l'Ada-
pretazioni del passo che sono state pro- mo di Cen. t ,2 7. Ciò risulta pienamen-
poste, come questa: «con una similitu-
dine (òµolwµCl.) che consiste in un'im- te confermato da r Cor. t 5 '4 5 ss., dove
magine di un uomo» 93 , oppure: «col mo- Paolo parb del Cristo come di un altro
dello (oµolwµa) per l'immagine(dxwv), Adamo ( ~ 'Aoap.. r, coll. 377 ss.);
alla cui costruzione anche l'uomo ha
servito da modello)) 94 • evidentemente l'Apostolo, come anche
Filone ( ~ col. t77), riferisce Cen.
2. Cristo come Elxwv -coù i>Eoù
lui è il
l,27 all'uomo 'celeste' che per
Cristo, mentre per Filone è il Logos.
Anche in 2 Cor. 4,4; Col. 1,r5, dove Solo che per l'Apostolo tutto ciò non
Cristo è definito Elxwv 'tov i)Eov, l'ac- riveste alcun interesse speculativo 97 , e
cento batte sull 'i<lenlilà perfetta fra l'El- forse in questo caso ciò che egli sottace
xwv e il prototipo. Cristo è Év p.opqrn è più significativo di ciò che dice apertis
itEov, è nella condizione di dvaL LO'Cl. ikQ verbis. Paolo accoglie qui una particola-
(Phil. 2,6). Questo suo modo di essere re esegesi e portandola alle sue conse-
si potrebbe addirittura esprimere in ter- guenze riferisce determinate affermazio-
rni ni giovannei: ò ÈwpcxxWç ÉµÈ ÉWpcx- ni - come quella dell'immagine di Dio
XEV 'tÒV 1tCl.'tÉpa (lo.14,9; 12,45) 95 . - a Gesù ma non per dimostrare «che il
Anche se alla frase di Col. r, e5 non Padre si è creato la sua immagine in Cri-
facesse riscontro l'espressione parallela sto, bensì per sottolineare che Cristo è
vtòc; 'tfjc; &:yQ:1tT)c; a.ù-cov ( v. r 3), sareb- dato a noi come immagine di Dio, dalla
be nondimeno evidente che definire Ge- quale possiamo riconoscere il volere e
sti 'immagine' è solo un altro modo di l'agire divino. La formula paolina non
presentarlo come Figlio. ha quindi lo scopo di fugare incertezze
La definizione paolina dcl Cristo non into rno alla persona del Cristo, presen-
sarebbe comunque pensabile senza l'ad- tandolo come una forza o una natura
dentellato veterotestamentario dell' im- divina». Per l'Apostolo «anche il con-
magine e somiglianza di Dio. Il concet- L...:tto dell"immag::1~ Ji Dio è soltanto
to di ElxWv -cov l)Eov deriva infatti cer· un modo per for comprendere alla co-

9J HoFMANN, ZAI IN, ad l. 97 La qucsrionc se p1.:r Elxwv "tov ih:ov si <lchb:i


94 Ki.iuL, ad l. inrcnderc il Cri~m prcesisrcnrc o soltanto ri·
95 Cfr. Sap. 7,26: (la sapienza è) Elxwv 'tfiç sorto, esorb it;I quindi compleramcntc d:ill'intc·
<iyal}6TI)'tOç ( i>EOV ). r<·ssi: <li Paolo.
96 Cosl anche Sc111.ATTER, Thcol. d. Ap. 299.
dxwv (C . Kiucl} ( 11,395} 182

munità ciò che per essa rappresenta il e presentare invece la dxwv -roii Éi:ou-
Cristo» 98 . pavi.ov come una realtà avvenire 100 •
L'elemento più vigorosamente rileva-
3. L 'uomo come immagine di Dio
to <li tutta l'antropologia paolina è pro-
Quanto poco le affermazioni di Pao- prio questa condizione di 'immagine',
lo poggino su una interpretazione defi- alla quale l'uomo deve g iungere - o
nita e conclusa di Gen. r ,27. risulta evi- meglio ritornare - mediante l'incor-
dente dal fatto che in I Cor. r r ,7 egli porazione al Cristo, dxwv 'tov ~Eov. In
riferisce tranquillamente ali' uomo - Rom.8,29: crvµµopcpovç -rfiç Ei.x6voç -rov
più esattamente al vir - la somiglian- vtov airtov, non vi è tautologia di µop-
za divina affermata in Gen. r ,27, men- <p{] e dxwv, giacché l'affermazione ge-
tre secondo 1 Cor. r 5 A 5 (Elç \)Jvxi}v sw- nerale del nostro 'diventare, conformi al
O'Cl.\I ) sembrerebbe trattarsi soltanto del- Cristo' (oppure, come è detto al v. 29 b:
l 'umanità puramente fisica e terrestre essere fratelli(--+ I, col!. 388 ss.J d el
adombrata in Gen.2,7. Ugualmente sin- Primogenito) acquista il suo vero signifi-
golari sono le parole di 1 Cor. r 5, 49, cato per il fatto che il cristiano parteci-
sempre che si accetti l'interpretazione pa alla 'somiglianza' - s'intende di Dio
datane dalla maggior parte degli esege- - rivelatasi in Cristo. C hi è immagine
ti. Mentre infatci in 1 Cor. i 1,7 Paolo di Cristo lo è nel senso specifico e ori-
deduce tranquillamente dalla nostra so- ginario della parola, familiare a ogni let-
miglianza divina talune conseguenze tore della Bibbia, nel senso cioè di
pratiche riguardanti la vita concreta dcl- Gen. r ,27. Questa somiglianza è il fi-
i 'eone presente, pochi capitoli dopo, nel- ne del 1tpowp~crEv e dell'El<; di Dio
la stessa lettera - I Cor. 15 ,49 - egli e coincide quindi, come risulta dal
può addurre la Elxwv -rov xot:xov rica- contesto, con la stessa o6~a. con l'es-
vata da Gen. 5 ,3 come un fattore d eter- senza divina manifestata nel Cristo.
minante della nostra esistenza terrestre'l9 Un esatto parallelo è costituito da 2

98 Scm.ATTF.R, Theol. der Ap. 29 (); dr. locM, 100 Sebbene la le7.ione cp:ipfowµEv sia valida-
Pa11l11s dcr Botc }csu (1934) .528. mente attestata, quasi tutti gli editori più re·
9'I L'unica plausibile spiegazione dell'aoristo è centi, a cominciare da T. Beza, scrivono q>opÉ·
che l'Apostolo si trasferisca i<lealmentc ndla croµtv. In effetti lo scambio fra o e w nei mà-
condizione futura; non così G.HEINRICI (1880) noscritti è così frequen te, che non è davvero
542; ( 1896) 5or: «La condizione che per il il ca~o <li sopravvalutare in questo passi l'ab-
credente appartiene al passato in qu:mto egli bondante attestazione di w (dr. ~XOIJEV/~xw­
ha già ricevuto il pegno dello Spirito». Ma il µEv in Rom . .5,I). Un congiuntivo coortativo
concesto non verte su ciò bensl sul contrasto (come ha cercato di interpretare lo HEtNlUCI,
fra il CTWJJ.et 'psichko'-tem .-stre e quello celeste· op. cit.) mal si adatta al contesto <- n. 99}:
'pneum;itico'. rra i due membri del V. 49 non perciò in ogni caso dovrebbe trattarsi di un
~la quin<li la oonvcr~ionc bensì hl morte e l.1 congiuntivo molto vicino, per il significato, al
n surrez1one. futuro . Cfr. IOH. W1::1ss, 1 Kor., 377.
183 (11 ,39 5) EO.~xpwi)c; (F. Buchsel)

Cor. 3, 1 8 '°',
dove si afferma che noi, zione, dalla calu nnia, dalla menzogna
conremplando la o6ça. xvplov, parteci- (vv. 5.8.9 ).
piamo ad essa: TTJV a.ù-.-fJv (quella cioè In tal modo il nostro ingresso nella
che risiede nella 06!;,a.) Elx6va µE•a.µop- condizione di Elxwv risuha determinato
q>ouµEi}a.. Il senso non è quindi che noi anche cronologicamente. Le considera-
ci uniformiamo a un'immagine casual- :r.ioni che si possono fare a questo pro-
mente visibile nd xcX.-.o7t-cpov, bensì che posito sono le stesse che valgono per
nel xcX.-co'lt-cpov apparisce quell'unica El- tutto il pensiero di Paolo. Quanto in-
xwv cui compete questo nome. In ogni faui è evidente il carattere escatologico
caso è sempre la Elxwv -cou È1tovpavlov, del futuro di 1 Cor. 15>49h, e quanto è
la 'somiglianza' divina - l'foxa.•oc; 'A- chiara l'intonazione escatologica del con-
oaf..L, il Cristo (I che il
Cor. T 5A5 ss.) - testo di Rom. 8,29, altrettanlo chiara è
credente deve conquistare. Lo sresso in quest'ultimo passo, e più ancora in
concetto è espresso in termini diversi in 2 Cor._3,r8, l'applicazione del dato esca-

Col.3 1 10: mina. x<.d Év néiow XpLcr-c6c;, tologico alla vita attuale dci cristiani t03 _
il che significa 'rivestire l'uomo nuovo 102 La migliore conferma ci viene poi da
xa.-.' dxéva. -cou X"t"Wa.v-.oç a.1hév'. TI Col. 3,10, dove la nostra uniformazione
riacqufato deUa somiglianza con Dio con- all'Elxwv è vista come il presupposto di
forme all'ordine della creazione si iden- un'attività morale da svolgersi nell'am-
tifica quindi con l'instaurazione d ella bito di questo eone. Anche la EÌ.x.wv -
comunione col Cristo. Ma il passo cita- come tutte le grazie conferite al cristia-
to della lettera ai Colossesi moslra pu- no - è una à7tapx'i) ( ~ r, col. T 292 ),
re come l'interesse di P aolo non sia ri- è e non è ancora; è un possesso già at-
volto a una speculazione mitologica, ma tuale e ancora avvenire; è un dato esca-
si appunti invece concretamente su lle tologico che agisce nel presente e può
conseguenze etico-pratiche che discen- essere presente soltanto in forza del suo
dono dalla nostra condizione di EÌ.xwv: compimento futuro.
dovere cioè di astenersi dalJa fornica- G. KnTEL

t dÀ.1:.xp1..v-r}ç, dÀ.i:.xpi.vw:x
ELÀLxpwi)c; deriva da ELÀTJ ( <iÀ.Éa., quindi: provato alla luce del sole, asso-
f}À.Loc;) ; calore o 'luce solare', e xplvw, lutamente puro, immacolato. Il sostanti-

101 ~ oo!;<l. 11 , coli. 13 9 ~ s.; ~xa.i:07t'!pll;o1i<l.~. oo;av, come 'ponte fra il presente e
06!;l')c; dc;
102 Per analogia con 1 Cor. 15.49 il v. 9 si po· l'escatologia' (~ coli. 79 s.). Paolo avrebbe
trebbe cosl parafrasare: spogliatevi dell'uomo 4 Stando all'indice del LEJSF..GANG, 28 volte.
anrico xa•'Elxo'll<l. •ov xo~xov.
lOJ Cfr. il contesto di 2 Cor. 3,7-18 e~ coli. 78 EÌÀ~xpwi}ç, EÌÀ~xpl'llEUX.
ss.), e soprattutto la parte conccrncn1c à7tò Cfr. i lessici del PAssow, PAPE, CREMER·KO-
E~! t[ (f Buchsel) (11,397) i86

vo derivato dÀ.~xp~VEW. 1 signifìca: im- J\: dÀ.txpwlaç). È usato in senso etico


macolatezza, purità. L 'aggettivo è assai <la P latone in poi.
più freque nte del sostantivo; è attestato
inoltre anche un verbo dÀ.txpwiw, pu- Nel N.T.: EÌÀ.txptvl}ç Phil. r,10; 2
rificare 2• In Platone l 'aggettivo non è Petr. 3,1; ei:À.txplvEta, r Cor.5,8; 2 Cor.
raro 3 ed è frequente in Filone 4 • I LXX r ,12; 2,17 5 . Tanto l'aggettivo quanto
lo usano soltanto in Sap. 7 ,2 5 in riferi-
mento alla Sapienza: cbt6ppow. 'tij<; -.oli il sostantivo designano sempre la puri-
6
1tll.V'toxpchopoc; òé!:,11<; EÌ.À.txpwl)ç (cod. tà morale •

F.BUCHSEL
' , 1 ' ,, ( , , )
P.µL , O WV ~ E(W

r. Già nei LXX l'espressione astratta ra per i giudei di lingua greca ò wv


ò wv è impiegata per designare D io. In diventa il nome vero e proprio di
Ex. 3,14 l'autodefìnizione volutamente Dio 2• Filone lo usa spesso• insieme col
oscura di D io: 'ehjeh 'afer 'ehjeh, oppu- più scolorito -.ò ov
3
; egli vede in ò
re 'ehjeh, è resa acutamente ma anche wv il vero nome di Dio (Abr. 1 21) e
raziona]isticamente con i\yw Ei.µt o wv, colloca l'au tentica pietà religiosa nell'a-
o, semplicemente, con b wv.
Da allo- dorazione d'lddio come 'Colui che è'

G1'L, PREUSCHEN·BAUER, s.v. WINDISCH: 2 Kor. Per il punto 3:


54; LOHMEYER, Phit 33 n. 5; S1CKENBERGER, DEISSMANN, L.0. ro9-112; BULTMANN, Trad.
2
Knr. 26,102. 161-176; BAUER, Joh.J 119; E. NORDEN, Agno-
l Attestate ~ono anche le varianti meno corret- stos Theos ( 191 .3) 177-2 39.
te dÀLxpLvda: e d),Lxpwla:; cfr. BLASS·DE- 1 Per le forme di Elµl cfr. BtASS-DEBRUNNER

BRUNNER § l 19,.f· § 98 e la bibliografia ivi riportata; per l'uso


2 Pscud.-Aristot., mund. p. 397a 35; Stob., ecl. dì Elµl nel N.T. e le sue varie ramificazioni
T,9J6. cfr. PREUSCN EN-BAUER s.v. Ci limiteremo qui
3 Phileb. 53a, 59c; Pbaed.66a; 8rc; Symp.211e. a trattare alcune particolarità dell'uso di Elp.l,
4 Secondo l'indice del L!'.1Sl'.GANG riccorc 28 importanti per il rispetto teologico e religioso.
volte. 2 Lo dimostra la sua penetrazione nel testo dt:i
5 Ei.ÀLXpLvT}ç si trova pure in r Clem. 2,5 2 LXX in seguito a un fraintendimento dell'ori-
Clem. 9,8; ElÀ.Lxpwwç in 1 Clem. 32,r; fl).Lxpl- ginale ebraico. In 'JEp. 1,6; 14, 13; 39 (32), '-7
VELa: manca nei padri apostolici. 'ahafj del T.M. è stato inteso e tradotto come
6 Solo eccezionalmente ELÀ.txplvno:. si trova nel 'ehjch, sulle orme di Ex. J,r4. Cfr. W. GRAF
N.T. come p redicato della d ivinità (con buona BAUOISSIN, Kyrios (r929) I 523,1; III 699.708.
pace di WINDISCH a 2 Cor. r,ii). La definizione veterotestamentaria di Dio si
trova applicata al Cristo anche nel sincretismo.
Elµl Si legge p. es. su una gemma gnostica (dr. F.J.
Per il punto l: DòJ,GER, lchthys I [ 1910) 267 ss.) accanto a
BoussET, ZAHN, LoJIMF.YER, Apok; O. WErN- IX@YI: e IAfl. Nella chiesa greca si trova an-
REICH, ARW 19 (1916-19) 174 ss. ; J. ALLO, cor oggi sulle immagini del Cristo con le tre
L'Apocalypse de S. Jean (1921), Introduction lettere Of!N ripartite fra le tre estremità dei
CXLVIH e passim. bracci della croce, ma anche nelle raffigurazioni
Per il punte 2: di Dio Padre e dello Spirito Santo. Essa è una
ZMIN, BAUF.R, Sc11LATTER, Joh. \YI. LliTGERT, espressione dell'etern ità d i Dio e come tale è
]oh . Christologic ~1916) 55 ss.; G.P. WETTER: stata coniata dai LXX e interpretata dal giudai-
ThStKr 88 (1915) 224-228; F. BOCHSEL, Joh. smo ellenistico e dal cristianesimo [BERTRAM].
u. dcr hellen. Synketismus ( 1928) 36 ss. 3 Cfr. Li;;1sr::GA:-.'G, Indices 226 ss.
dµl (F. Biichscl) (II ,397) r88

(Deus imm. 69). Anche Giuseppe cono- Formule analoghe si trovano anche
sce ò wv come predicato divino; cfr. 7CEi:- nella tradizione giudaica. In Ex. r. a 3,
o-a~ oÈ -ròv Àaòv O'"n µ6voc; E~l) ò ìkòc; 14 .le parole di Ex. 3, 14 sono così inter-
ò wv, ov a7t' &.px ..~c; H}p1)o-xevO'av (ant. pretate: «lo sono colui che sono stato
8,350). Nella sua versione di Ex. ),14 e sono lo stesso ora e nel futuro»; Tg.;.
egli tralascia però esplicitamente il no- I a Ex. 3,14: «Sono io che ero e che sa-
me col quale D io si è chiamato (2,276). rò»; tg.j. I a Deut 32,39: «lo sono co-
lui che è e che era e sono io che sarò e
Nel N.T. ò wv apparisce come nome non vi è altro Dio all'infuori di me» 5 .
di Dio soltanto nell'Apocalisse e preci- È significativo che qui, come nell'Apo-
samente nella forma ò wv xat ò 1)v ( 1 r, calisse, accanto alla formula che abbrac-
cia le tre dimensioni dcl tempo si trovi
n; o
:r.6,r5) e wv xat ò t)v x<.d ò €.px6- quella che concerne soltanto il passato e
µEvoc; ( 1,4.8) e anche ò r}v xat ò wv il futuro, e che questa formula voglia
xat 6 Èpx6µEvoc; ( 4 ,8; ~ Èyw coli. 4 7 riprodurre Ex. 3,14. Tanto più singola-
re è l'ÉpxoµEvoc; di Apoc. 1 A ecc., in cui
s.; 64 ss. ). Queste espressioni vengon palpita l'infocata attesa escatologica che
poste sulla bocca stessa di Dio ( r, è propria dell'Apocalisse; dr. il singola-
8 ), dci vegliardi o degli angeli che ado- re EPXE'TCXL di x,7, 1:'.pxov di 22,17.20
(che riproduce il µapavaM.!) e l'Epxo-
rano Dio (4, 8; 11, i7; r6, 5), e nel-
µ.o.~ di 2,5.r6; 3,u; 22,7.12.20. Nel-
la formula di benedizione ( 1 ,4). Si spie- l'Apocalisse dietro questa formula sta
ga così perché ò c':Jv non venga declina- l'idea della storia della salvezza che vol-
to ed n v sia usato come un participio. ge al suo fine (1:'.wç 1to-rE; 6,10! ), di un
Dio che non è soltanto al di fuori del
Ciò è linguisticamente arduo, ma non tempo, ma domina il tempo.
per questo va considerato come una tra- Cna formula a tre, e anche a due
scuraggine formale, bensì come un espe- tempi n (formula che nbbraccia il pas-
sato, il presente, il futuro o anche solo
diente 4 inteso a preservare in certo mo-
il passaro e il futuro) per designare l'e·
do il cara ttere sacro e intoccabi le delle ternità, è attestata già in Omero (o:;
parole con le quali Dio definisce se stes- flo11 (il vate J -rti -v' Èov-ra -rti -r' f.<Jo-6-
so. Siccome poi questa formula esprime µ<:vo. ;.:po -r' È6v-.a r Hom., Il I ,70]) 7
e nei presocratici: -!iv <id xat fo-rw xat
la trascendenza d'Iddio rispetto al tem- EO""Tet:., ecc. 8 • Essa ritorna come carat-
po, ossia la sua eternità e la sua stessa terizzazione dell 'o:lt:N in Plat., Tim. 37
divinità, si comprende come essa si trovi d ss. e in un'epigrafe eleusina di epoca
augustea (Ditt., Syll.3rr25) in riferimen-
associata a 7tav-roxp1hwp ( 1 ,8; 4 ,8 ; r 1,
to a Zeus in un responso di Dodona:
;) e anche al tris<tgio di ls. 6,3: éi.ywç Zt:ùc; nv'ZEÙç Eo--rlv' ZEvc; EvCiE'tO.L, l~
ayLO<;, aytoc;. l..lEycD,E ZEv. Cfr. Paus. io,12,5 in una

4 BLASS-DEllRUNNER, i1ggiun1a al § q3. participio di dtil con valore di perfetto si sia


5 STRACK-BIT.LERRECK III 750, 788. ov\'i:110 con r.pò -i:'Èo\1-i:a; yEvép.Eva non può
6 \XIEJNREICll, op. cit. I78. essere us:ito in questo caso, tanto più che nel-
7 Il significato religioso della formula (il veg- la lingua di Omero -.à ona sono anche YE-
gente possiede una ~ciema divina!) t notevo- véµEva.
le, e così pure il fatto che alla mancan za di un 8 Cfr. i p~ssi nd Diels s~condo J'Index dd
J89 ( n ,397 ) d~ti (F. BLichscl)

formula <li I side da Sais: Èy<;i dµi. miv te rilievo che vien dato all'dva.L si spie-
-cò yEyovòç xcx.t cv xat tcròp.Evov (Plut., ga a sufficienza con la concezione giudai-
Is. et Os.9 [II 354s.)); nell'e rmetica co-
ca di Dio.
me designazione di Dio si ha hoc est. hoc
f uit, hoc erit semper Asclepius I4 (Corp. Giudaico è parimenti il contesta che
Herm. 3n,10) 9 . Che l'Apocalisse abbia contrappone Gesù ad Abramo e con ciò
tratto la formula, variandola, diretta- supera quell'esaltazione di Abramo che
mente dalla tradizio ne greca è poco pro- era poi un'autoglorificazione del giudai-
babile. È da pensare invece che la for- smo, e giudaico è l'uso enfatico di Èyw,
mula greca sia penetrata nella tradizio- che non esprime un contrasto con altre
ne giudaica e di qui sia giunta all 'Apo- persone, ma si spiega col semilico 'ani
calisse. Che tanto la tradizione greca hu u. L 'interpretazione messianica del-
quanto la giudaica r isalgano a una co- l'hw ElµL, sostenuta dallo Zahn per 8,
mune origine orientale è possibile , ma 24.28; I3,r9 12, di strugge il contesto lo-
poco probabile, giacché presso i Greci gico di 8,58 e degli altri passi, si adatta
la formula è attestata 600 anni prima male a 8,24.28; 13,19 e soprattutto
che p resso i Giudei. misconosce il legame con Is. 43,10. Per
la stessa ragione anche la traduzione : 'lo
2. tyw dµ1., oppure o-ci. Èyw EL(.LL, si sono io' 13, è inammissibile; ciò che
si afferma è il fatto che Gesù è, non ciò
trova come autoddìnizione d i Gesù in
che e~li è. Oe.1 tlltto foll::ice è il tentati-
Io. 8 ,58 e 8,2 ..p8; 13,19 . In 8,58 Èyc;, vo di G.P. Wctter di spiegare lo O"tL
ElµL è chiaramente contrapposto a 7tptv Éyw dµL col sincretismo ellenistico 14 •
'Af3paà.µ yEvÉcri>cu, cd è questo l'unico In corrispondenza di un 'ani oppure
'iinòkl abbiamo nei LXX un singolare
esempio, nel N. T., di opposizione fra uso di Éyw dµL come soggetto di un
dva1. e yEvÉcri>cu. In esso Gesù esprime verbo finito: Éyw Elp.L xai)l11oµa~ (]ud.
la consapevolezza della propria e ternità, 6, 18 ), iyw Elµi Év ya11-.pi. Exw ( 2 Br.<cr.
r I ,5) 15 • Non si tratta di una perifrasi
della propria trascendenza rispet to al
per indicare il nome di Dio, g:acché
tempo 1.,. Ciò che la Scrittura attribuisce questo tyw ElµL ricorre spesso sulla boc-
al Padre viene qui riferito al Figlio che ca di uo mini, e neppure si hanno pro-
è uguale al Padre (5,18 ss.); dr. ani M' ve sufficienti di una sua derivazione dal-
la lingua popolare. Non può quindi trat-
in I s. 43,10 (LXX: o-r1. tyw Ei.11.1.), in cu i
tarsi che di un uso rafforzato dcl pro·
si manifesta l'esse nza stessa di Dio, tut- nome personale, come risulta dal fatto
to ciò che lo distingue dall'idolo. 11 for- che in almeno un caso (2 Ba.cr. 7,29) ab-

KRA NZ r 9 2. sempre conrenuc:1 l'idea <lella vira eterna; d r.


• Pare che la formula si,1 di origine 1ìlosoli.:a e T.i.iTGIZRT, op.cit
solrnnto successiv:1mem e sia stata ,1ssuntJ chl lt Cfr. BtASS·DEllRUNNER § 277,r.2.
lingu~ggio religioso. t2 Non per S, 58 , dr. l'intcrprc:tar.ione <l i
1 ~ Cfr. ,rnche, in 8,24, il co ntrasto frn Èyw Ei.µL Z AHN a 8,24 e inoltre B iic11SEL, op.cii. 37, n . 3.
<: ù-;-;oi)avE~vJE, in 8,28 fo glotifìcazione (ossia '" \Xfnn.:R, op.cit. ; 13AUER, ]oh., ad.I.
!.1 vitwria sulla rr.ortc) di Gesù come presup- 14 Cfr. Bt:c11St:L, op.cii. 37.
~·<>ste JdiJ fede nel suo essere, in 13,r9 il rap- l3 I circa 20 passi sono riport.1ti in IfATC:ll ·
porto nm l.1 morte di G..:sù; nell'iyw EtftL è }{ro1>. 1 3r.;.
ELPTJVT) ( \Xf. F1wrst<:r)

biamo un uso parallelo di <lÙ d come nome del predicato (spcci:ilmcmc m


soggcuo di un verbo finito 16• Giovanni); ~ È.yw col. 66.

3. Per l'uso di È.yw Elµt seguito dal F. Bi.iCHSEL

1 I , I ) ' ) I ) I
e:t.pY)ViJ, e:t.p'r)ve:uw, nprivt.xoç, e:t.p'YJV01tot.oç, e:t.piJV01tOt.EW

portarsi 2 , bensì una condizione: il tem-


po di pace, lo stato di pace, originaria-
A. lL CONCETTO GRECO DI dpTJVT) mente inteso solo come interruzione del-
)'eterno stato di guerra 3 • Mentre il la-
Fondamentale per il concetto greco di tino pax è «in primo luogo il termine
dpiJv11 è il primo significato di questa che, facendo riferimento alle due parti
parola, che designa non già un rapporLo interessate, indica un rapporto giuridi-
tra più persone 1, né un modo di com- co reciproco» 4, Elp1}vT') invece designa

l6 Cfr. THACKl!RAY 55,10,30, IDEM: JThSt 8 rede (1930), p. 242 ss.; dci commenti, che of-
(1907) 277. frono quasi sempre brevi osservazioni sulla
Elpl)VY) maggior parte dt'i passi, ricordo: ZAHN, Lk. a
H. FuCHS, Augustin und der antike Friedens· r,79; BACH~1ANN, Kommentar a r Cor.1,3; ]oH.
gedanke: NPhU 3 (1926) pp. 39-43 e 167-223; We1ss, r Kor. a 7,15; HAUPT, Gefbr. a Col. 1,
EoE W1TT BuRTON, To the Galatia11s (lnter- 2; DoBSCHUTZ, Thers. a r Thcss. 5, 23; KLO-
nat. Crit. Comm. to the N.T. 1921 pp. 424· STER1'1ANK, Mk. a 5,3.J; KLOSTl!R..'1ANN, Lk. a
426); E. LoHMEYER: ZNW 26 (1927), p. 162; 10,6.
J. HEINEMANN, Philons griechische und iiidi- 1 Perciò la derivazio ne dal tema AP con rad-
sche Bildung (1932), p. 414; ]OH. WETSS, 1 doppiamemo in L, sostenuta da K. IlRUGMANN,
Kor. a x,3. ElPHNH (Bcrichre uber die Vcrhandlungen
Per A dr. B. Km., EIPHNH: Beriehte ubcr der Konigl. Sachs. Gcscllschaft der Wisscn-
die Verhandlungcn der Konigl. Sachsisehen Gc- schaf ren, Phil.-hist. Klassc, 68, 3, r9r6) p. 13
sellschaft dcr Wissenschaften, Phil.-hist. Kl.issc ss., non appare molto verisimile, v. FUCHS, p.
68,4 (x9r6); G. HERBTG, Friede, Rektoratsrede 167; cfr. A. DF.BRUNNER: GGA 178 (r916), p.
Rostock ( 19c9). 740 nota 3; E. HERMANN: DLZ 38 (1917), pp.
Per B dr. W. CASPARJ, Vorstelltmg und \17ort 483-485; P. KRETSCllMER: Glotta ro (1920),
«Friede» im A.T.: BFTh 14,4(r910); ID., Der p. 238 s.; F. STi\HELIN in A:-lTIMlPON (Fcst-
biblische Friedens?,edanke (1916); W.Erot RODT schrift for J. Wackernagel 1923-4), p. 151. Cfr.
Die Holfnung des ewigen Friedens im ol1e11 A. DEBRU:-iNF.R in M. EBF.RT, Reallcxikon der
Israel: BFTh 25, 3 (1920). Vorgeschichte IV, 2 (1926), p. 526.
Per e e D: J. HEMPEL: ZDMG 79 (1925) p. 2 Il BRUG.MAN~. p. 2 s., vede in Horn., Od. 24,
51 s.; SCllNIF.WtND, Et1a11f!.. p. 43; MOORF: 11, p. 48 5 s. ("tot o' aÀ). i}Àovc; q>LÀEOV-CWV wc; "tÒ 1tCi-
195: A.MEYt::R, Das Riitsel des Jakobusbrfrfes po;, r:Àov•o; oÈ xo.t ElpT)VT) 0.À.Lc; fo-rw) come
(1930), p. 106; Lo11MEYER, Kol. p. 149 n. t. pure in Hes., tbeog. 90 1 s., dove si parla di Ei-
Per E: A.Tnws, Die neutestamentliche Lehrc rcnc, Dike cd Eunornia come figlie di Zeus e
van der Seligkàt, parre 2• dell'esposizione sto· di Themis, una testimonianza dcl significato di
rica: Der Poulinismus 1111ter dem Gcsichtspunkt 'essere paci(ico' ; ma questi passi non sembrano
der Seligkeit ( 1900), p. 90 s.; B. Wi;css, Dre ,ufficienri per dimostrare raie t<:si.
biblische Tbeologie des N.T. '(1903) 5 83 b; J E. WE1ss, Griechisches Privatrecbt 1 (1923),
K. MITTRING, Heilswirkbchkeit bei Pa11/us p. 171,r8; KEJL, p. 7 ss.
(1929), p. 17 nota 2; O. Zi\NKER: ZSTh 9 4 rucus, p. 40. Di con~cgucn:m in Epict., diss.

(1931-32), p. 418; A. M. BROUWEK, De Berg- 3, 1 3,9, è presente il concetto romano di pax,


EipT)vri ( W. focrster) (ll,400) 194

«all 'inizio null'altro ... che l'opposto <li VT)V xat Ti)V <pLÀ.LCX.V XCX.Ì. -cÒc; opxoc; XCX.L
'JtoÀ.EJJ.Oc;, che si percepisce in modo con- 'Tà.c, oUo'ac; cruvt}1Jxac,, dc, WµOCTEV ... to.
creto e quasi sensibile e che si accecta Avendo alla base il concetto di con-
d 'istint0» 5• Per il termine latino è ca- dizione di tranquillità, elpnvri può an-
ratteristico l' accostamento nel cannen che essere impiegata col genitivo, come
sacculare di Orazio (vv. 57 ss.): iam Fi- 1)irvxla; dr. Plat., teg. 1 ,628 b: Elp1JvTl
des et Pax et Honos Pudorque priscus -rijc, cr-ccicrEwc;, 'fine della guerra civile'.
et ne[!.lecta redire Virtus audet 6 ; per il Elp1JvTl può anche designare l'opposto
termine greco lo è per es. la definizione di irrequietezza, per es. dcl riso; dr.
dello Pseud.-Plat., de/. 413 a: dp1Jvri Plat., symp. i89a-b: yEÀ.w-co7tOLE~c, µÉÀ.-
-iicrvxla cX.1t'€xi)pa.c, 1tOÀ.EµLxfjc, 7 • Anche À.wv À.ÉyELv, xcx.i. q>UÀ.a.xci µE "tOV À.byov
altrove 1}cruxla. accompagna spesso Elpii· à.va.yxcisELc; ylyvEcri)a.L "tOU CTECl.\J't"OV,
VTJ come concetto esplicativo (per es. in M.v "tL yEÀoi:ov EL1t1}c;, Èç6v croL f.v ElpT]-
Plat., resp. 9,575 b).Caratteristici per il vn À.ÉyEtv. ElpTJVTJ può anché designare
concetto greco di dp1JvTJ sono anche gli un comportamento pacifico; cfr. Plat.,
attributi che la dea Eirene riceve nella /eg. l ,628 C: -r6 j'E µ.1}v (i.pLCT"tO\I OV-.E Ò
poesia: per es. ÒÀ.~ooo"tEtpa (colei che 1t6À.Eµoc, ov"tE Ti cr-rcicrLc;... elp1Jvri oÈ
distribuisce ricchezza), 7tOÀ.uoÀ~oc;, "tL· 7tpòc; à,),,).1)).ouc; &µa xo:t q>LÀ.ocppocrvvT1 ;
ih,v1]"tELpa (nutrice) 1toÀ:1iwv, e il mo- Epict., diss. 4,5,24: ovxt ... x71pucrcrELc;,
do in cui essa vien rappresentata nelle O"tL ElpTJVT)V ayEtc, 7tpÒc, 1tliv-ca.c, civi)pw-
arti figurative: con il piccolo Pluto, co· 1tOUC,. Tuttavia anche qui l'espressione è
me ad Atene, con la cornucopia, il cadu- propriamente negativa, come io Isoc. 7,
ceo o le spighe di grano 8 , mentre inve- 5 r, dove si trova itpòc, IÌÀÀ.1)À.ovc, iicrl>-
ce presso i Romani la pax spesso appa- xiav ÉXELV accanto a 7tpòc; -.oùc; li.ÀÀ.ovc;
re incoronata d 'alloro 9 • Elpi}VTJ è ap- EÌ.pYJVr)V ayEW. Anche Epitteto nel pas-
punto lo stato di pace da cui proviene so citato intende piuttosto l'assenza di
ogni prosperità per il paese e per il po- sentimenti ostili verso altri che non la
polo, tanto che Filemone l'esalta come presenza di sentimenti amichevoli. I
i I massi mo bene: yciµouc;, Éop-ccic,, cruy- termini che designano la disposizione
yEvdc;, 1tCX.L0CX.C,, cplÀ.ouc;. 1tÀ.OÙ"tOV, i.Jyl- d'animo pacifica sono propriamente qn-
EL!XV, cri:"tov, otvov, 1)oovnv a.ìhri [scl. À.la. e éµovoLa.; dr. Epict., diss. 4,5,35:
dp1)v71 l olowcrL (fr. 71 [CJ1F II, 496s.) ). --:a.u-ra. 'tà. 06yµa'ta. Èv olxlfl. <pLÀ.lav
I significati di trattato di pace, e con- 1tOLEt, Èv 1tOÀ.Et 6µ6voLCX.\I Èv rnvEO'L\I EL- I

seguentemente di conclusione della pa- PYJV'\1V. Perciò Elpi)V'\1 viene anche usa-
ce, condizioni di pace, fanno la loro to raramente nel senso di 'concordia fra
• •I
comparsa con la ~CX.CTLÀÉwc; dp-fivri, la UOffilnl .
pace di Ancalcida, soppiantando le più In sé il termine, conforme al suo si-
antiche espressioni cr7tovoa.l, cruvt}i)xa.L, gnificato primitivo, si adattava piutto-
xcx.L opXOL. La più antica testimonianza sto a designare la condizione d'animo a
epigrafica di Elp-TJvri io questo nuovo si- cui aspiravan<> gli stoici; ma esso non è
gnificato è indicata in Ditt., Syll. 3 142,7 usato di frequente neppure dalla Stoa.
(384/J a.C.): OLacpuÀci;Ev .. . 'tlJV Elp1)- L'uso in Epict., 3,13, t3: itciv'ta Elp1}-

laddove Epitteto vede l'efficacia della tlpT)vTJ 7 Così K E IL, p . 5 no ta 1.


dclJ 'impcracorc nel proteggere Ja briganti e 8 Tcstimoniam.e in O. \'q ASER s.v. Eirene in
pirati. Pt.U l.Y·W. v (1905), col. 2128 ss.; G. W1sso-
s I.e., p. 39· WA s.v. Pax in ROSCllCR 111, 2, col. 1/19 ss.
6 Per un'altra significativa testimonianza in 9 F11u1s, p. 2oi.
Vcllcio v. FucHs, p. 19r. 10 Tn L)llC'Sto ~<'~110 il Kcil.
195 ( 11,400 ) dpi]v'T) (G. von Rad)

v·nc; µEO"'Hx, TIO:.v-.a Ò':tapa!:,lcx.c:;, si spie- delle immagini comuni, corne sii l o m.
ga per contrapposizione all' ELPTJV1} del- Ciò non giova ad uno studio dcl con-
l 'imperatore. Più usato è yaÀ:i}vl), che cetto. Se salOm è un concetto generico
ricorre spesso in Marco Aurelio 11 • Cfr. della piì1 vasta estensione, ne consegue
Plut., tranq. an. 19 (n 477 a ): oui:t cl- che in quasi tutti i casi la parola assume
xla 7toÀv"'t'EÀ1Ìc; ov"'t'E xpwlov TIÀTji}cç... un che di vago e sfuggente. Perciò noi
EÙolcx.v 7tCX.PÉXEL Sl!{> xa.t yaÀ.rìVTJV 't0- dobbiamo, soprattutto quando si tratta
0'0:U"'C'1)V, Ocr1}V \j;vxli xai1cx.pEVOVO'CX. 7tpay- di affermazioni teologiche, attenerci ai
µO:'tWV xcx.t ~ovÀrnµchwv 7tOV1)pwv 12 • passi in cui il termine non compare iso-
In modo particolare bisogna ricordare lato, bensì riceve per quanto possibi-
la Elp-iJvll che regnò nel mondo mediter- le un'interpretazione dal contesto, o
raneo sotto l'impero di Augusto. Co- in cui il giro del pensiero culmina pro-
me, in generale, a quell'epoca torna a prio nella parola -chiave salom. Infine
risuonare insistentemente l'eco di anti- non si potranno neppure trascurare quei
chissimi aneliti di redenzione, così l 'av- passi che s'imperniano sul pensiero del-
vento della pace sotto l'energica guida la pace, pur non contenendo la parola
dell'imperatore fu auspicato e in segui- sàl6m. Sarebbe tuttavia una restrizione
to celebrato come il ritorno dell'età dell'ambito semantico della parola il vo-
dell'oro, per es. nella quarta Egloga di ler tradurre senz'altro siilom con 'pace' ;
Virgilio. E se è vero che in quella pa- il significato fondamentale della parola
cP. si reali7.7.a piì1 propriamente il con- è qnello di 'benessere', con una chiara
tenuto ciel termine greco dp'l)vl), altret- preponderanza dell'aspetto materiale 13•
tanto vivo nella realtà quotidiana fu il Qua ndo ci si incontra o ci si scrive, ci si
senso della sicurezza giuridica implicito augura 'buona salute'; nella conversazio-
nella pax Romana; cfr. Epict., diss.,3,22, ne si domanda della ' salute' di altri 14 • La
5 5: av 'tLç O"E OÉp--(J, Xp<XVY<XSE O'•àç É'J 'felicità' degli empi è de tta in una pre-
"t"t;l µÉo"((.l' w Kato'ap, Év "t"TI O'TI slpì)vn ghiera.f'l6m r•sa'im15 . In tali e molti altri
o[a 7tacrxw; a:ywµEV É7tÌ "'C'ÒV étvM,.;a.- casi siilom connota in ugual misura la
'tOV. salute fisica 16 e il benessere materiale,
W.FOERSTER come pure il conseguente atteggiamen-
to di soddisfazione 17 . Ancora più spes-
B. siilom NELL'A NTICO TE STAM E~TO so Jiilom si riferisce ad una colletti vità,
per esempio al popolo che gode il be-
1. È difficile trovare nell 'A.T. un al- nessere. In tali casi il concetto si avvi-
tro concetto così trito e comune nella cina a quello che viene designato dalla
vita quotid iana, e tuttavia non Ji rado nostra parola 'pace'. Così per es. Eze-
carico di pregnante contenu to religioso chia ha preso alla leggera la profezia di
e capace di elevarsi al di sopra dcl piano sventura di Isaia perché sperava che per

11 V. indice della editio maior di H. Sc 111.::-:KL 15 Ps. 73, .3; cfr. l'affermazione contraria nel
(1913). Deuteroisaia: ls. 48,22.
12 dpi]v'T) come ordine armonioso dell'anima 16 C:fr. l'occ:isionale connessione concettuale di
appare in Okellos, fr. 2 (HARDER : NPhU r sàlom e n /f,/' in l er. 6,1 4; Is. 57,18 s.; dr. an-
[1926] 27,1 s.: Sixcx.WO'V'\111 ... àpµcvla -yt7.p cht: Ps. 38,4 .
ÈO'"t~ xcx.~ dpcivcx. "t'éiç oÀ.cx.ç ljluxéiç µE-t 'Eui;vD- l7 Frequente in modo particolare nelfe$p rcssio-
µla.ç. sionc «andare in p:ice» (Gen. 26,29; Ex. J8 ,2·$;
13 Iud. 19,20; r Sam. r6,5; 2 Sam. x8,28; ecc. Js. 5,5 ,I2 t:CC. ), o «dormire in pace» ( fJs. 4,9),
Nella le ttera di Esdr. 5.7. «esser sepolto in pace» !Gen. r;.l 5; Icr. 34,5 ;
11 Cen. 29,6; 43,27; 2 Sam. 1R ,i9; 20,9 cci:. 2 Rcg. 22 ,20).
197 (JT,.JOO) Ei.pi)v'r) (G. von Rad)

lui e la sua generazione la 'pace' sareb- e due le volte il contesto Jascia inten-
be durata ancora 18• In questo passo dere che la condizione di siilom designa
siilom è significativamente accostato a il risultato della conclusione di una al-
'emet, il che dimostra come qui si pensi leanza (fa. 34,25; 37,26). Bisogna dire
semplicemente a una situazione stabile, che la parola salom, nelle sue moltepli-
cioè appunto alla 'pace'. Cosl in Ecci. 3, ci possibilità d 'impiego, solo raramente
nella nota elencazione degli opposti, si designa un concetto tanto spirituale co-
trova anche la precisa contrapposizione me in questi casi. Qui essa è non la sa-
siilom / mill;iima. Ma vi sono anche casi lute materialmente intesa, ma l'espres-
frequenti in cui salom designa qualcosa sione di un rapporto pacifico che ha le
di più fondamentale della nostra 'pace'; sue radici nella disposizione d 'animo di
cosl p. es. nell'espressione diiras siilom, coloro che stringono il patto. Non fa
'prendersi a cuore il siilom' , cioè 'il meraviglia che il concetto di Iiilam in
benessere di un popolo' 19• questa accezione fosse adatto a delinea-
Cosl ci avviciniamo a quei numerosi re le più progredite cognizioni profeti-
testi, in cui salom designa non tanto che sul rapporto tra Dio e' il suo popo-
una condi7.ione, quanto piuttosto un lo. Accanto ai due passi di Ezechiele
rapporto. Tra Salomone e Hiram di Ti- sulla berlt salom, che Jahvé elargisce al
ro esisteva siil6m, cioè un rapporto di popolo, ricordiamo ancora in modo par-
pacifico accordo20• Questo può essere ri- ticolare Is. 54,10: «La mia grazia non
ferito ad un popolo 21 . Gli em iss11ri si ti ahhanclonerà e il patto della mia sa-
chiamavano mal'aké Jiilom 22 . Va da sé lute (berit J<lomi) non vacillerà».
che un tale rapporto può esistere anche
tra due individui (Zach. 6, 1 3 ). 2. siilom come dono di Jah vé
Ora, poiché gli Ebrei in casi partico-
lari designano un siffatto rapporto, co-
difìcaco in un trattato, con b'rtl, non È naturale che in ogni tempo in I srae-
c'è da meravigliarsi se il termi ne siilom le i beni e i valori espressi daJla parola
ricorre proprio in quei passi in cui si siilom siano stati riferiti a J ahvé, cioè
parla di un patto inteso in qualsivoglia si siano impetrati da lui, o si siano a lui
senso. In effclli il nesso fra salom e
berit è così costante che in questi casi attribuiti come suoi doni, quando si pos-
Jiilom pare quasi esser stato una specie sedevano. Questo impiego dcl nostro
di termine tecnico ufficiale. La cosa si termfoe nel linguaggio religioso non può
può spiegare o in quanro il rapporto di
siilom viene suggellato dai due contraen- però essere inteso come secondario, per
ti mediante il patto 23 , o, al contrario, esempio come frutto di un più avanza-
in quanto il parto dà inizio a un rap- to stadio di C\'oluzionc. Al contrario :
porto di salom. Per quest'ultimo caso è pur confermando quanto sopra abbiamo
indicati-;o quanto dice Ezechiele, quan-
do in due passi presenta Jahvé che an- detto, cioè che Jal6m quasi mai rinnega
nuncia una b'r2t siilom per Israele; tutte il primitivo carattere di bene materiale,

l8 .2 Rep,. 20,19; v. un uso simile in 2 Sam. 17, 22Is. 33 .7 ; in senso più :tmpio : «messaggero
t: / Reg. 2,5. con messaggio di s:ilutc» in Nab. i ,c; Js. 52,7
1 ~ Detti. 23,7; frr. 29,7 ; 38,4. (1J1as,,,i,1 ialom ).
.'O I Rcp,. 5,i6; similmente in Jud. 4. T7; / Reg. n los. 9,15; r 5m'1. 5.2(.. Tn 1lhd. 7 gli alleati
5...i; Cen. 3+21: 1Par. 1i,x8. ( 'ansé b'rit) pnr:illclistic.1:m."nl« designati anche
21 De111. 20,10: qara' l•Jatom; dr. 1(/(1. 2 r , • 3. <.:ornc "c.11Sé iiilom.
199 (!I,401) E~pr1vri (G. von Rad) (11,402) 200

è il caso di notare che la parola, là Dio a elargire salute al suo popolo è


dove è usata nel suo pieno significato, vista come causa di una perfetta pace
esprime un concetto religioso. A questo terrena, e ciò rappresenta un momento
riguardo è molto pit1 verosimile che il culminante nell'uso del termine siilom
termine, in determinati impieghi, abbia nell'A.T. 25 . Nella parenesi della Legge
perduto nel corso del tempo un'origina- di santità si ha la promessa esplicita
ria sfumatura religiosa, che non l'even- che Jahvé darà salom al suo popolo nel-
tualità contraria. la sua terra (Lev . 26,6). Il contesto mo-
Gedeone ha costruito un altare e gli stra inequivocabilmente che con queste
ha dato il nome di jhwh stilom 24 • An- parole si intende un bene affatto con-
che se non si può più dare un'esatta creto: pace al sicuro e.la eventuali nemi-
spiegazione sintattica di questa espres-
ci e da animali fe roci. E tuttavia si trat-
sione estremamente arcaica, si po trebbe
tuttavia afiermare che questa antichissi- ta gui di un bene in senso particolare:
ma professione di fede, nella sua signi- della tranquillità e della pace del popo-
ficativa pregnanza, riassume in fondo lo nella terra promessa, che è ciò che il
tutto ciò che in seguito i credenti han-
no espresso in multiformi condizioni di Deuteronomio esprime col termine suo
vita e di cui le preghiere dell' A. T. particolare di mc11u~d 26 • Questo ci por-
forniscono un 'eloquente testimonianza. ta vicinissimi alla promessa di siilom
J ahvé crea Jalom nelle sfere celesti, al
dei profeti.
di sopra di tutti gli affanni umani (lob
25 ,2 ). ;\fa anche nei confronti dell'uomo
egli è il garante di sal6m; con la pace 3· salom nei profeti
dona prosperità al popolo; anzi si può
dire che egli vuole (~ti/es) la prosperità
Da Michea ben Jem!à fino ad Eze-
dei suoi servi (Ps. 3>,27; dr. r.p ,I4).
«Possano Davide e i.I suo trono conosce- chiele si possono seguire gli sviluppi di
re stilom ! » (I !Zeg. 2' 3 3 ). «Impetrate una singolare disputa; una piccola mi-
siil6m per Gerusalemme!» ( p s. I 2 2 ,6 ). noranza, quelli a noi noti come 'profe-
La convinzione che stilom in realtà ti di sventura', combatte appassionata-
viene solo e in misura del tutto baste- mente ]'annuncio di salute dei 'falsi'
vole da Jahvé, ha trovato nel Ps.85 una profeti. La parola-chiave attorno a cui
singolare espressione. L 'orante ascolta si sviluppa la disputa, riaccesasi pit1 vol-
l'oracolo: «In verità egli parla di salu- te nel corso di vari secoli, è siilom. An-
te al suo popolo; dice che splendore zi l'A.T. conosce a questo proposito ad-
regna sulla nostra terra .. ., che bontà e dirittura il termine tecnico iinniibé' sa-
fedeltà si dànno la mano, giustizia e sa- lom (ler. 28,9). Sembra che ci siano sta-
lute si baciano». Qui la propensione di ti determinati ambienti profetici, la cui

24 ]ud. 6,24. Si dovrà tuttavia intendere ihwh 2; (AS PARI,op.cit. p. r61.


siilOm come una frase nominale ; cfr. Ex. I 7,r5. 26Su questo theologumcnon cfr. G. VON RAD:
D 'altra opinione il CASPARI, op.cit. p. qr ss. ZdZ I I ( r933), p. ro4 ss.
.201 (11 ,402) itpi)vri (C. von Ra<l)

teologia aveva il suo motto nel termine dove in realtà salute non c'era (Ez. 13,
Jalom, diventato la parola d'ordine at- 16).
torno a cui si è accesa accanita la lotta li problema dei falsi profeti oltrepas-
tra le due parti. Già in occasione dello sa di gran lunga la tematica del concet-
scontro tra Michea ben Jemlà e i profe- to di siilom e non può venir discussa
ti della salute i due gruppi avversari si qui 27 • Una cosa è però certa: le predi-
fronteggiano; solo casualmente manca zioni di siilom in quei profeti non con-
la parola d'ordine (r Reg. 22,5 ss.). Mi- cernono la speranza in una pace escato-
chea di Moreshet si trova di fronte gli logica adombrata in mitiche immagini,
stessi avversari; egli rinfaccia loro c..li es- bensì. la concreta pace politica di Israe-
sere schiavi delle loro condizioni econo- le e in particolare la promessa che tutte
miche, perché annunciano la 'salute' so- le complicazioni politiche, per quanto
lo fintanto che sono in buone condizio- gravi, si risolveranno favorevolmente, in
ni (Mich. 3,5 ss.). modo che Israele potrà vivere in una
Colui che più profondamente fu coin- pace tutelata da Jahvé. Sembra che lo
volto in queste dispute fu Geremia, che stesso Geremia sia riuscito a liberarsi
senza dubbio fu anche più profonda- <la quesla concezione (ler. 4,10) solo do-
mente avversato da questi profeti. In po esser giunto ad affermare che Jahvé
preda a profonda disperazione, egli si aveva «tolto al popolo lo Jalom» (ler.
rivolge a J ahvé per chiedergli che cosa 16,5).
si debba pensare di quelli che promet- Lo tfiEvooç di quei profeti non consi-
tono alla città di Gerualemmc 'eterna ste solo nell'aver predetto lo sdlom (an-
salute' (.'nom 'emet, Ier. q,13). «Essi che Geremia ed Ezechiele fecero lo stes-
sanano in modo semplicistico i mali del so in altre condizioni) bensì nell'aver
popolo e gridano: salute, salute, ma trascurato i peccati commessi dal popo·
non è vera salute!» (Jer.6,14). Nel libro lo e nel non aver saputo riconoscere,
di Geremia è narrato anche un dram- nella grave perturbazione che si profila-
matico incontro tra Geremia e uno di va sull'orizzonte politico, l'approssimar-
questi profeti della salute (Ier. 28). An- si del giudizio di Dio. Così si fa strada
che Geremia e Anania discutono se si in Geremia ed Ezechiele l'opposta pa-
debba promettere sdlom ovvero rti'à. Lo rola d'ordine: 'é1t siilom (non vi è .Sii-
stesso rimprovero troviamo infine in lom) 28 •
Ezechiele che accusa i falsi profeti di Se.: con Geremia cd Ezechiele il di-
aver ingannato il popolo, essi che han lemma sdlom o 'én idlom era diventato,
visto 'visioni di salute' ( ~azon siilom), entro limiti ben definiti, estremamente

27 Cfr. G. \'O'I R.~o, «Dic falschen Prophetem>: 2~ ler. 6,q; 8,JJ; 1 .2, 12: 30.5; Ez. 13,10.16.
ZAW 60 (19n .1, p. 109ss.
ElpT)\11') (G. von Rad)

acuto, con le gravi sconfitte del 597 e lom e sedàqa si vede quale carattere spi-
del 586 si riscontra da questo punto di rituale abbia qui il concetto. Analoga-
vista un'improvvisa attenuazione dcl mente il bene della salute dei figli della
contrasto; anzi la promessa dello salom nuova Gerusalemme è accostato in Is.
diventa ora in entrambi, sotro forme 54,13 a quello della tdiiqa. In una raf-
nuove e più complesse, uno dci temi figurazione profetica della nuova città di
profetici di maggior spicco. Così Gere- Dio nel Triroisaia troviamo ancora una
mia può ora scrivere agli esuli che Jah- volta l'accostamento di sàlom e scdaqa:
vé nutre nei loro confronti «pensieri di « lo ti impongo la pace come tua sovra-
salute e non di sventura» (lcr. 29,CI ): na e la salute come tuo tiranno»,;o. I due
meravigliosa espressione in cui si può termini messi così sullo stesso piano non
dire che si condensa l'essenziale delle consentono tuttavia di ricavare c:hc una
posteriori predizioni di salute di Gere- idea approssimativa del posro occupato
mia. Ci saranno popoli che tremeranno da Jiilom nella scala dci valori com:<::t-
per la salute che Jahvé elargirà a Geru- tuali; con quanto impegno questi pro-
salemme 29. Anche in Ezechiele la predi- feti-poeti si sforzino di usare soltanto
zione de!ln salt1tc raegi11nge. d1H" \'Olte il le espressioni più C\'ocutrici, si n~de nd
suo culmine nell'annuncio d'un patto di passo di Js. 66, T 2 , dove sii/om - cer-
pace che Dio stringerà col suo popolo tamente inteso in senso un po' più ma-
(Ez. 34,25 ss.; 37,26 ss.). reri:ile - è usato in unione con kabod
Invece nel Deutcroisaia e nel Trito- I gloria). Qui <.:ome anche nella belb in-
isaia è chiaro che la disputa sul conc.:et- \'OCazione «Salute, salute, al lont::mo e
to di .l:iilom è dcl tutto spenta. Qui .i·,j. al vicino 1» (Js. 57,19) salom è un moJo
lom non è pil.1 la parola-chiave in cui si pregnante ed enfatico cli esprimere l'at-
iUumina nella sua essenza un :irreggia- tesa della salute; ma forse proprio per
mcnto profetico ben preciso, m:1 (: or- questo non è un thcologoumenon ben de-
mai ridotta a una delle tante note ricche finibile sul piano concettuale. L'espres-
di vaste risonanze che si riscontrano nel sione resta in un certo senso vaga nella
messaggio di questi profeti. Se I sraele sua intima essenza, cosicché il tradut-
avesse prestato ascolto a Jahvé, il suo tore, che non Jispone di un termine al-
salom sarebbe <liventato come un:\ cor- trettanto polivalente, spesso in quei pas-
rente e la sua giustizia (s''JJqJ l come si in cui sal6m rapprcscnt:i un dono dd-
tante onde del m::m:: ( ( s.48 . 1 8 \. Da tJ!•~·­ la gra:i:ia di Jall\'l al suo popolo rinno-
sta contrapposizione p;1rnllelistirn di .U vato, non sa se n:nde rlo con i più con-

29 ler. n .q. L':tu1cnricid dcll;I S.:!l 'C07J \ :,·;· / s. (>0.17. ln haM' .1 / f p.1;. .\1i!om tien d ie-
messa in d ubbio d:i alcuni commcnrntori. ~. ·' ~• _.;. ·J.IqJ.
Elpi)VI'} (G. von Rad )

crcti termin i di 'benessere', 'pace', ov- per la semplice presenza, in questi ulti-
vero con 'salute', vocabolo più impe- mi, del termine sàl6m.
gnativo e preciso dal punto di vista teo-
Tra i nomi del fanciullo-Messia in Is.
logico. Q uest'ultima traduzione è natu-
9,5 l'ultimo, iar-sàlom (principe della
ralmente l'unica possibile in Is. 45,7:
pace), non vuole certo essere u n supe-
«lo sono Jahvé ... che produce salute e
ramento degli altri che lo precedono, ma
crea sventura».
vuol dire che jJ Messia, in quanto man-
4. sàlom come elemento dell'attesa esca-
dato da Dio (iar) 32 , è il garante e cu-
tologica stode della pace nel futuro regno mes-
Un elemento dell'escatologia dell' A. sianico. Ciò viene espresso ancora nel
T. , che ritorna continuamente nei pro- successivo v. 6 per mezzo della signifi-
feti e in altri scritti , è l'attesa di una cativa espressione che 1~ salute legata
condizione fina le di pace. È necessario al trono di David è senza limite di sorta
ricordare questa diffusa aspettativa, che (ulSàl6m 'én qe~). Piuttosto si potrebbe
si presenta sotto molteplici aspetti, seb- considerare come una formula sintetica
bene il termine sàl6m talora manchi in ciò che Michea dice del Messia: «Co-
questi testi. Si tratti della predizione di stui è salute», parole nelle quali si con-
un ritorno delle condizioni paradisia- centra l'intera predizione. Ma il testo
33
che 31 o della promessa d 'una pace tra non è del tutto chiaro •
i popoli raggiunta per disposizione divi- Se tuttavia si considerano nel loro
na (Is. 2,2 ss.), o si tratti ancora del- complesso le molteplici possibilità d'im-
l'attesa di un umile re escatologico che piego di Jàl6m nell' A.T. salta agli occhi
dà inizio ad un'era di pace (Zach. 9,9s.): un dato negativo: non si saprebbe indi-
il fotto che queste fondamentali affer- care nessun testo in cui la parola sal6m
mazioni escatologiche sono fatte senza designi lo specifico atteggiamento spiri-
ricorrere alla parola sà/6m o l'allineano, tLlale della 'pace interiore'. Anzi si può
come fa Zach. 9,ro, ad altre espressio- constatar facilmente che sàlom vien ri-
ni, non può far dimenticare che qui si ferito molto più spesso a più persone
tratta di un annuncio profetico di sàlom che non al singolo. Tipico esempio per
nella massima estensione dcl concetto. quest'ultimo caso si potrebbe conside-
Perciò non è lecito attribuire minote rare Lam. 3,r7: «La mia anima fu al-
importanza a questi testi che ad altri lontanata 34 dalla salute, io dimenticai la

JI l s. n,1 ss.; Os. 2,20 ss.; Am. 9,13 ss. mNrico è del rutto insolita: ma sopratructo è
JZW. CASPARI, Ecbtheit, Hauptbegrilf cmd Ge- controverso se il pronome di mos1r'.Hi\·o si rife-
da11ke11p,ang der 111essia11iscbe11 \Veissag1111g Js. ri~ca al termine precedente (il M~si.i ) o :il se-
9,r-6: BFTh 12, 4 (1908), p. u ss. guente (la sua opera di s:1lute).
n Mich. 5 ,~. L'espressione dal punto d i visc:i 11
· Leggi wal/ozna/J (forma hof'alj.
dpi)v'I) (W. Foerster)

felicità». Ma anche in questi esempi sa- ha anche fatto sì che Elp-fivri assumesse
lom non è qualcosa che si occulta nel- il contenuto del corrispondente ebraico
l'intimo; esso si manifesta invece all'e- o aramaico.
sterno sotto forma di benessere. Se co-
sì è quando è predicato dell'individuo, 2. Comune a Jalom e ad Elp"i]vri è il
sìgnificato di pace come opposto della
tanto piì1 sal6m designa qualcosa di este-
guerra; perciò dp-fivTJ in questo senso
riore, di pubblico nella grande maggio- traduce .falom, ad eccezione di Prov.r7,1
ranza dei testi, quando vien riferito a (Salwd e I s. 14,30 ( beta{J). Il termine
molti. Se si pensa ai passi in cui la pa- designa il tempo di pace (Js.14,30: È1tt
dpl)vriç à.vcrncx.uG"ov·w .L), la pace tra i
rola si trova unita a s'daqa (-4 II, coli.
popoli (/ud. 4, I 7: Elpl)vri ljv à.và. µÉ-
u 95 ss.), a mispaf (giudizio, Zach. 8, G"ov 'Icx.BEì.v ... xcx.ì. à.và. µfo"ov otxou XCX.-
16) o a pequdda 34 bis (Js. 60,17), si deve BEP), lo stato di pace ( r Par. 22,9: Elp-fi-
affe rmare che essa in questo impiego, VTJV xcx.ì. fjG"uxlcx.v owG"w È1tÌ. 'fo"pcx.i}À. Èv
"t"CX.i:ç 1jµÉpa.~ç a.i'.rroù). Tuttavia, nono·
che è tra i più frequenti, assume un va- stante l'apparente identità, affiora il di-
lore ne ttamente sociale 35• verso modo d'intendere proprio della
G. V. RAD lingua greca e dei LXX. Cfr. Zach.8,12 :
òEl!;w Elp-fiVTJV' ii li.µ1tEÀ.oç ÒwG"g "t"ÒV
xapitòv m'.rtfjç, xr.x.t -i] Yiì OWG"EL -rck yE-
C. Elp"f]'VT) NEI LXX v'i}µa.-rr.x. o:u"t"fjç, xa.ì. 6 oupo:vòç ÒwG"n
TTJV op6G"ov cx.u-rov. Qui la fecondità non
r . Mentre l'aspetto essenziale di dp-fi- è, come risulta nel testo greco, una con-
VTJ è la condizione di tranquillità, quel- seguenza della pace, ma il contenuto
stesso dell'Elp-fivTJ divina. Forse anche
lo di salom è il be nessere, l'essere 'sano,
l 'espressione, tradotta con El Elp-fiv'Y),
in salute'. Poiché nei LXX quasi tutti con cui si domandava ad uno il mo-
gli esempi di .l:alom, e solo essi (per le tivo della sua venuta, equivaleva in
eccezioni ~ col. 213), sono stati tra- origine a chiedere se quello veniva
con intenzioni bellicose o pacifiche, co-
dotti con Elp-fivri, ne risulta che la paro- me in 4 Bcx.G".9,17ss.; ma Betsabea quan-
la greca ha assorbito il contenuto del do accoglie Adonia con le parole Elp-i)-
corrispondente ebraico 36. L'uso lingui- VYJ iJ Efooò6ç crou; (3 Bcur. 2,13), chie-
d e se la sua venuta debba significare
stico così creato dai LXX non si è limi-
qualcosa di buono. Nei LXX Elp-fivri non
tato ad ese rcitare influssi sulle prime pare s ignificare ' accordo', in opposizio-
comunità cristiane di lingua greca, ma ne a dissidio e odio personale 37 , né s'in-

34 • ;, T ermine di difficile traduzione, ma che ri· to dcl significato della parola ebraica, per ren-
chiama chiaramente l'idea d i cura provviden- derne anche altri aspetti, e abbiano così por-
ziale, di giustizia. tato molti vocaholi greci ad assumere signili·
35 CA SPARI, op. cit., p. 54. cati altrimenti dcl tut to estranei ad essi, a
36 J.WACKERNAGEL: Indo,germanischc Forschun- cui di pe r sé non sarebbero mai arrivati».
.r;cn 31 ( 19r2 s.) p. 263, ri tiene che i LXX ab- .17 In quesro senso semb ra usato l'aggettivo
biano spesso usato una parola greca, «la cui d~nvix6ç (-+ col. 240 ), ed è sorprendente
funzione corrispondeva <!sanamente ~ un aspcc- che quasi turti i pass i in cui siilom designa la
dp-fivTJ (W. Foers ter)

contra in locuzioni significanti 'fare la non intaccato da alcuna violenza o di-


pace, riconciliarsi'. Buona espressione sgrazia.
greca (esclusa la preposizione che tut·
In nessun luogo ciò appare più chia-
tavia si incontra in Epict., diss. 3,13,
ramente che là dove si dice 'morire' o
ro) è quella di Zach. 8,10: ElpT)vT) à.1tò
'essere seppellito' Èv dpi)vn ('IEp. 41 ,5),
'tij<; ~).ltJ;EW<;.
ovvero µE-.' Elpi)VT)<; ( Gen. r 5 ,I 5 ), for-
Se per il lettore dei LXX il concetto mule con cui si intende la condizione
greco di ELPTJVT) doveva già subire un'e- giusta, contraria a quella in cui si tro-
stensione per questi passi, a maggior va chi subisce violenza (cfr. 3 Bo;cr. 2 ,6 :
ragione ciò succedeva per quei numero- O'Ù [leggi où] X.ct"t'cX.çEL<; 'tllV 7tOÀ.L<Ì.V aÙ·
si testi in cui sàl6m, tradotto appunto 'tOV Èv Elpi)vn dc; aoov ). Significativo è
con Elp'i}vT), non aveva nessuna relazio- anche il passo di Is. 29,24: ai. yÀ.wO"cra.1.
ne con la guerra, ma nel suo significato ai. tJ;EÀ.À.l~,OUO'C!L µa.i>i)croV"t'Cl.L À.<ÙELV d-
generico di benessere costituiva l'oppo- PTJVT)V (il T.M. non ha sal6m); nel con-
sto di 'male' in tutti gli impieghi possi- testo le ultime parole pos,sono significa-
bili di questo termine. Tra questi rien- re solo «impareranno a parlar bene». Il
tra in primo luogo il gran numero di valore di Elpi)VT) è del tutto sbiadito là
passi in cui Elpi)vT) designa il benessere, dove Davide si informa non solo dc; d-
la generica condizione 'sana' dell'uomo. pl]vT]v ' Iwà~ x.aL dc, Elpi)v11v "t'OV À.a.oi:i,
Si tratti del saluto di chi arriva (dpi)vT) ma addirittura El<; ElpiJvTJv "t'OV 1toÀ.ɵ ov
a-ot, I ud. 6 ,2 3 ), o parte ( 7topcvCO'ik èv (2 Bo;cr. r1,7); per contro, esso risulta
dpYJV'[l, !ud. 18,6; ma per lo più ... El<; solidamente acquisito nella forma pre-
dpi}vT)v, z Beta'. 20,42), o dell'inizio di gnante di saluto: x.a."t'É{3T)µEv dc; ElpT]-
una lettera (dpi)vT) ùp.i:v 1tÀ.T)i}vvtMl), VTJV 't<7iv vtwv 'tOV (3a.O'LÀ.Éw<; (4Ba0'. IO,
Dan. 3 ,98 ), oppure di una domanda sul- r 3 ), dove Elc, Elpi)v'Y)v vale 'per saluta-
la salute ( = dpi)vT)) di qualcuno ( 2 re'. Di conseguenza dp1)vT) diventa an-
BaO'. 18,29); sia che si riferisca un sa- che un grido di evviva (z Par. 12 ,1 8) 38 .
luto in un racconto (ÈpW"t'éiv -.à. dc; El- Oltre al benessere esteriore, dpi)vl]
pi)v11v. I Bcw. 10, 4; o semplicemente designa il benessere complessiv o dell'uo-
Èpw·tiiv dc; Elpi)Vl)V, !ud. I 8, I 5 ), o si mo; cfr. tli 34,27: à.yaÀ.À.LiiO'a.tv'to xat
parli dell'andare o ritornare µE"t''dp-fJVT)<; EÙ<ppavi>Ell]O'ctv ol. frÉÀ.ov·m; 'tTJV OLXctLo-
(Gen. 26,29) o Èv d pl]vn (2 B<Xcr. 15, O'VVTJV µov xat Elr.chwcrnv OL<Ì. 1to;v-.6ç·
2 7); si tratti del pio che si sente scosso MEya.À.vvi>ElTJ ò xvpLo<;, ot frÉÀ.ov-n:c; -.i}v
nel vedere la dpi)vT)V àµa.p-.wÀ.wv ( ~ Elpi)VT)'J 'tOV oouÀ.ov mhoi:i. Così dice il
72,3) o di Ben-Sirach che dice che dal cantore in tJ; 12 1 ,8 : ÈÀ.iiÀ.ovv OÈ dpT]-
medico viene la dpi)vT) sulla terra ( 3 8, vl)v 7tEpt O'OV, cioè su Gerusalemme, do-
8 ), il lettore dei LXX si convinceva, dal po che in precedenza aveva augurato
frequente uso di dpi)vT) in questi nessi , alla sua città dpYJVl) e EMrivla; dove si
che la parola aveva un contenuto posi- vede come il concetto si amplii senza
tivo, che non significava solo 'tranquil- sforzo, passando dall'indicazione del be-
lità', ma lo stato di ' salute' dell'uomo, nessere concreto a quella del 'bene'; co-

co ncordia tr:i uomini i LXX usi no dpl)vLxoç all'usanza o rienrnlc, sig nifica esprirw:n:: un vero
(' ff:p. 45,22; Abd. 7; iV 34,20; Gen. 37,4; Deut. e proprio o magg io ; cfr. I Bao'. 30,21 ; .i Bacr.
2,26 ; Zach. 6,13), oppure t rad uca no liberamen- 8,10; r Par. 18,ro; e forse anche iV r21,6 (~
te (Ier. 20, xo ); u n'eccezio ne è in \jJ 40,10. col. 216).
~ A seconda del contesto, il salu to, c:on form<:
211 (H,406) dpi)vT} (W. Foersterl

sì in Prov.3,17, accanto a cx.t oooì. cx.Ùnjç 4' n8,r65 la grande 'pace' per quelli
(sci. della sapienza) oooì. xcx.À.a.l, si tro- che amano la legge di Dio si contrappo-
va miv-rEç ot -rplBoi cx.ù-rijç Èv Elrnivn. ne allo crxcivoaÀ.ov, da cui quegli stes-
Quanto lontano sia anche qui Elp1}Vl) si non saranno toccati; la 'pace' è ciò
dal significare vera e propria 'pace', si che procura salute interiore e non fa ca-
vede da 'IEp. 45.4· La fazione sostcnitri· dere nel peccato, come mostra Ecclus r,
ce della guerra dice del profeta, che con- r8, ove la drnivTJ, che fa nascere il ti-
siglia la conclusione della pace: 6 &v- mor di Dio, si trova nominata accanto
i}pw7toç ov-roç où XPTJCTLµoÀ.oyE'i: ELptJVTJV a ùylELrt. i.cimwç (cfr. Is. 9,7 [6]). Dio
-re{) À.cx.Q -rov'T~ Ò.À.À.'iì 7tOVTJpci, cioè non glorifica se stesso accordando la pace,
consiglia nulla di buono. Infine il con- cioè la salute, come in 4' 84,9 e IO, ove
cetto di Elp-fivn subisce un 'ultima esten- Elpi)v11 e <rw-ri)pLov stanno ìn paralleli-
sione nei LXX quando passa a designa- smo. Questa salute viene espressamente
re il bene in senso etico; cfr. 4' 33,r5: chiamata, in ler. 16,5, salute di Dio. In
ExxÀ.wov Ò.7tÒ xcx.xov xa.ì. 'T':OlT]crov àya.- questi passi dp1)vT] non designa la pace
s
Mv, i)'tTJO'OV ELPTJVTJV xa:ì. olwçov a.ù- interiore dell'individuo; in Lam. 3,17:
-rl)v (similmente in Zach.8 ,19; Mal. 2,6; cX7tWO'a:ro r.ç EÌ.p1iv'l')ç t!JvxiJv µov, viene
Prov. x2,20; Is. 26,3). chiarito dalla frase parallela: È7tEÌ.o:M-
~t'YlV ciya.M.
3. Di qui Elpi)v11 passa focilm cntc a
designare il bene che viene da Dio, in 4. Per quanto concerne la traduzione
qucsco mondo come in quello futuro di siil6m con dpl)vri, va rilevato che
della salvezza. Conforme al caraccere pe- questa, per quanto frequente, non è
culiare della religiosità deU'A.T. tale esclusiva; infatti in una serie di passi i
concetto può indicare qualunque bene LXX scelgono altri termini. Ma si trat-
e.lato da Dio. In Is. 45,7 il significato è ta quasi sempre di casi che parlano del
generico: Éyw ... ò 7tOLWV Elp1Jvriv xcd benessere esteriore dell'uomo, riprodu-
x"lswv xaxà. In questa conce7.ione cono formule di saluto o designano il
rientrano tutti i beni, dalla prosperità giungere o l'andarsene sani e salvi. In
del paese (Lev. 26, 3 - 6: f.à..v -coi:ç 'itpo- tali casi si è cercato di trovare una serie
O''Tciyµa<rlv µov 7topEVTJO'i}E ... òwo-w d - di modi di dire più conformi al senso
p'fiVTJV Èv "TI yfi ùµWv ... xa.ì. CtitOÀ.w linguistico greco, soprattutto nel Gene-
i}l)pla 7tOVl)pà.. Éx -cii<; yijç ùµWv), fino si: cfr. giungere e andarsene: µE-cà. crw-
alla benedizione (Num. 6, 26: fa&pa.i -rl)pla.ç in Gen. 26,3 I (Aquila, Simma-
KupLoç -cò 1tp6o'w7tov aù-rou È7tÌ. cr€. xat co, Teodozione: Èv Elpi)vn ); 28, 2r
Ow'l') O'OL Elrnivl)v ). Seppure spesso non (Aquila, Simmaco: Èv dp1Jvn) e passim;
è possibile indicare concretamente il cfr. Gen. 4 r, r 6 (O'W'tTJpLOV, Simmaco:
contenuto della Elpi)vl), si può dire pe- ElpiJvTJ). Per informarsi della salute di
rò che essa designa sempre quello che uno si usano uyLa.lVELV, ÙyLi)ç; cfr. Gen.
è salutare per l'uomo, ciò in cui consi- 29,6; 37,r4 (Aquila, Simm.: ElpTjvTJ);
ste il suo benessere, il suo esser 'sano'; Tos. lo,21; la rituale domanda di salu-
cfr.Ter. 36,n : À.oywvµa.L f.cp'vµàç À.oyL- to suona in Gen. 4 3,27 : 'ltWç EXE"tE. In
uµòv dp1)v'l')ç xaì. ov xax6.. L'alleanza di Ex. 18,7 sa'al t•falom è reso con à:a"rca-
pace concessa a Finehes (N mn. 2 5 , u; sE<rDm (dr. I Ba.cr. 25,5, var dei LXX e
Ecclus 45 ,24 ), quella conclusa con Levi Simmaco); in Gen. 43 ,23 il saluto suo-
(Mal. 2,5) e con David (fa. 34,25; 37, na ~À.EW<; up.iv (Aq., Simm.: dpiJVTJ); in-
26), è un patto cli 'salute'. Co~ì in vece di èi.vì}pw7to<; '°'fjç ELpTJVl}<; µov, che
E~PTJVTJ (W. Foerster)

è calco sull'ebraico, si trova in Ier. 20, è slmkwn jsg' (T. Sanh. 2,6) 39, o anche
ro livopEç cplÀ.oL a.v-.ov. Notevole è oùx semplicemente slm' l .o; tuttavia si in-
Ecr'tW xa.lpm1 -roi:ç Ò.CTE~Éow, in Is. 48, contrano anche formule come r hm'
22 (Aq., Simm., Teodoz.: Elpi}vT}); 57, wslm' (s. Bar. 78,2). A voce ci si s~luta
21. EùaT}'VÉW, per siil6m, s'incontra in con slwm 'ljk (p. Ber. 2,4 b, 27 [Strack-
lob 21,9; si trova xa.pci in ls. 55, 12 Billerbeck I 383 h], o con slwm l (cfr. b.
(Aq., Simm., Teod. : Elp1}vl)). Ciò signi- Git. 62 a [Strack-Billerbeck I 384 o]).
fica che costante è solo l'uso di dpl)vl') La formula di congedo usuale era lk
per designare la salute elargita da Dio tslwm, lk bslwm o zil bslwm 41 .
agli uomini. Anche nei rabbini 1iil6m significa la
In altri passi Elpl)vl') traduce parole buona salute; cfr. p. Ber. 60, a me-
diverse da 1al6m I Par. 4.40: iq!; lob tà: il testo dice che dal sesto al no-
II, i8 (?); Prov. 3 , 23; ls. i4, 30 ; F.z. no mese di gravidanza si deve im-
34, 27; 38, 8. II. 14; 39,6. 26: be!a!'; plorare che il bambino nasca bslwm;
Prov. 17, I; Os. 2, 18: Ialwa (Simm. ); nello stesso passo, verso la fine, si parla
inoltre, con lettura parzialmente erronea anche di chi arriva e parte·lslwm, forse
del T.M., 2 Ba.cr. 3, 24; 2 'Ea-o;:i. 4, r6; in considerazione del pericolo dci bri-
Mich . 2, 8; ls. 32, 4; (45, 24. cod. S;) ganli. In Tanh. msp{jm 99 a (Strack ·
Ez. 34,29; Prov. 8,18 (Aquila). I3illerbeck I 782) ricorre l'opposizione
1
tra divenwr p:izzo e restare in pace'.
D. siilom NEGLI SCRITTI RABBl!\:! C l In Lev. r. 5,1 a 4,3 slwm mpf;d signili-
\:a '.1Jacc da .. .'. Nel signi6cato di 'essere
L'uso di siil6m nella letteratura rah- sano e in piena salute' sarà da intendere
binica risulta ampliat0. In primo luogo anche il termine siilom inciso sulle tom-
incontriamo, come già dall'A.T., l'esprcs- be giudaiche 42 •
sione s'l bslwm nel senso di 'salutare' (p . Come ncll'A.T., così :mche presso i
Sheq. 2 rscrack- BiJlerbeck I 382 d) ), rabbini .falom è il dono di Dio ai suoi
detta anche del salmo per cenni, pro- fcdcli. L'ultima supplica d ella Shemoneh
prio dci muli: cfr. Gen. r. 5a T.9); inol- esré babilonese, in cui si invoca la divi-
tre si ha ntn slwm (b. Ber. 14, a metà; na benedizione sul popolo, suona così:
a ram. jhb slm'; Lam. r. a 1, 1). Rispon- brwk 'th jj hmbrk 't-'mw jsr'l bslwm;
dere al saluto: hsjb [slwm] (Ber. 2,1). la pace è la porzione dei giusti t.i. Con
La formula di saluto epistolare aram:tica ciò sàlom diventa un concetto paratie-

39 G. DALMA N, Aramiiische Dia!ck tproben Juden i11 Rom ( r879 ), iscr. n. 3r; P. G. 0RFA·
(1896), p. 3. Per il saluto rabbinico cfr. ST KACK· LI: RB 32 ( r 923), p . 2~8; II. W. BEYER ·H.
BILLERBECK J, pp. 380-385; H , p . 584 ~.; .f. L1ETZMANN, Die ;udische Katakombe der Ville.i
FRIEDMANN, Der geseltschaftliche \' erkehr 1111d Torlonia in Rom, (1930), p. 3r n . 18; p. 17 n.
die Umgangsformen in talmudischr:r ùit (Diss. 46. Cfr. inoltre G. BER'l'RAM: Crozer Quarterly
Wiirzburg 19r .J.), pp. 27-38. ro ( r933), p. 264. Dalle iscrizioni sepolcrali
40 b. Sanb. 96 a verso la fine (STRACf: f3 11. Lr. !(· giudaiche l'augurio di pace è passato a quelle
BECK U, 94). paleocristiane; cfr. C. M. KAUFMANN, Dit: se-
41Secondo b. i\!. Q. 29 a, lk lswm è u ~.llo in p11lkrale11 Je11seitsde11kmiiler dcr /ln:ik.· und
vita, lk bslwm si scrive sulla tom b.1. indirj,.. des Urchriste11tu111s ( r900), p . 41 ss.
zato al morto: distinzione, secondo Sou .\ n·1 R, H S. Num . .p a 6 ,26. Per altre testimonianze
Komm. Lk. a 1,29. rroppo sottile e ~t'n cono- della 'pace' intcO'a come dono di D;o, \'. H.
sciuta da Iac. 2,16. \\"'1xo1sa1: ZN\YI 24 ( 1925), p . 245 s.
42 E. Sc1iliRER, Die G ,'mei11duerf~,, !, ·:.c. cl,.,.
Elp-TJVI'] ( W. Foerster) (11,408) ;n6

lo alla benedizione (bereka) 44 e, come sicché essa nel tardo ebraismo pren-
già nell'A. T., simbolo delJa prosperità de il posto che nel N.T. ha il coman-
dell'era messianica. A questa viene qua- damento dell'amore. Tuttavia a questo
si sempre riferito il passo di Is. 52 ,7 45 , proposito bisogna limitare il confronto
e una delle interpretazioni della chiusa all'aspetto negativo, perché non si trat-
della benedizione di Aronne vuole che ta di siilom intesa come salute del pros-
con quelle parole sia intesa la pace con- simo, bensì nel senso di superamento
nessa con l'ascesa al trono della casa di di un dissidio. All'alta stima in cui è
Davide 46 • Tuttavia il termine 'pace' a tenuta la pace può anche aver con-
proposito dell'era messianica fu poi ri- tribuito la convinzione che la discordia
stretto a designare la sola concordia tra nel popolo di Israele impedisce la venu-
il popolo d'I sraele, e ciò rivela profondi ta del Messia - ragion per cui in Ed.
influssi del nuovo uso linguistico che si 8,7 Elia deve per prima cosa metter pa-
sviluppò dopo l'epoca dell'A.T. ce nel mondo - tuttavia si può dire che
Infatti sii!Om significa presso i rabbi- le affermazioni dei rabbini rivelano un
ni anche la pace, in contrapposizione a animo profondamente consapevole che
lite e discordia tra singoli individui, non l'invidia, il dissidio e la discordia sono
solo tra popoli. Cosl si parla spesso e contrari alla volontà di Dio. Questo sen-
in tono particolarmente solenne dell 'im- timento fa si che la stabilità del mondo
portanza del 'mettere pace' ( 'sh slwm, = si riponga nella pace (Ab. 1,18), analo-
o hbj' slwm) tra uomini : secondo Pea gamente a quanto si riscontra anche tra
1, 1, questa è una delle cose di cui l 'uo- i greci 48 ; d'altra parte, però, si parla di
mo già gode i frutti nella vita terrena; un dissidio esistente anche in seno alla
già per Hillel Aronne costituiva il mo- «famiglia superna» 49 •
dello di come si 'insegua' (rdp) la pace Partendo da quest'uso, .falom è pene-
(cfr. Ab. r ,12) 47 • Anche se i pagani o trato in una sfera semantica non docu-
Israele stesso ado rano gli idoli e regna mentata nell'A.T.: quella del rapporto
la pace tra essi, Satana non può toccar- tra Dio e l'uo mo . L'inizio del Documen-
li (cfr. S. Num. 42 a 6,26 [Bar.]), e nel to Damasceno ( r ,2) descrive il conflitto
medesimo capitolo sulla pace si spiega ( rjb) esistente tra Dio e la carne. Que-
come perfino la Scrittura si contraddica sto conflitto divampb prima dell'erezio-
pe r mantenere la pace tra gli uo mini ne del tabernacolo, dopo di che ci fu
(cfr. anche Hen. slav. 52,u-13). Si può pace 50 . In consegue nza del peccato, per
dire che il posto che l'opera in favore es. dell'idolatria, nasce un'ostilità tra
<ldla pace occupa presso i rabbini è as- Dio e Israele 51 , ma le pie tre dell'altare
sai vicino all'idea dell'amore nel N. T., 'gettano' (m!ilwt) pace tra Israele e
44 J. H CMP f.1.: ZDMG 79 ( 1925 ), p. 51 ~-con 47 Per altre testimonianze v. STRACK - BI LLER·
r imando a b. fi<lf.. 12 b ve rso ht fi ne : nd set- RE.CK T, p. 217.
ti mo ciclo ('rb wt) ci sono tra l'altro i tesori 48 Fucus, p . ror ss.
d ella vita, d dl a 'pace· e dell<t prospc ri tù: f.llZj 49 Testimonian ze in D1BJZ LTUS, C e/br. a Col. r ,
bjjm wgnzj slwm wgnz j brkh; d r. Ukzin 3,1 2. 20 , e inoltre S. Num ..p a 6 ,26 . Su tutto que-
4S STRACK·BI LLE RB F.CK lii, p. 282 s . sto v. H. W1 No1sc11: ZNW 24 ( 1925), p. 243
46 S. Num . 4 2 :i 6, 26; cfr . inoltre Pesik. u e STRACK·BJl-l. l:'. RllECK T, p. 2 1 5 ss.
(SCHLATTtR, Komm. Job. a 6 ,41 ) e T anh . wjsb so T anh. (Bu s f'R) ns' § i 5; STRACK·B11.1.r.Rn ECK
7,180 (SCHLATTCR). In q ues ro passo s i norn il TU, p. 59 2 a e b.
restringersi dcl concetto messianico cli !àlom, St Lev. r. 7 a 6,2; Srn ACK R n. LE RBl.:'.r.K m, p.
d i cu i si fo rà pa ro la pili avant i nel testO. Cfr. 2-J OS .
;;11chc Boussn-GRESSM. p. 259 ss.
i:lpiJVTJ ( W. focrstcr)

Dio 52 • La pace e il conflitto tra uomo e ikoù xa.ì. -.Tjv EÙooxt'.av owO"EL aù"toLç
Dio costituiscono un rapporto bilatera- xa.i. 'ltciv-.a.ç EÙÀ.orTicrEL xa.L miv'twv ci.v-
.le, in cui anche l'uomo svolge una par- 'tLÀ T)µ~E't'Cl.L. xat ~Oi}tH10-Et 'l̵Lv, xai.
re attiva, in senso tanto posicivo quan- q>avi)O'E'tCX.L CX.Ù'tOLç rpwç xaì. 1t0Lt)O'EL
to negativo. È7t' a.ù-.oùç dpT)vT)v. Qui la pace si ha
in quanto non si verifica il giudizio;
E. Elpi)'V1') NEGU APOCRIFI DELL A.T., IN 1
pertanto è ricordata accanto al perdono
GIUSEPPE E FILONE (avv'tYJpi)crtç) e alla pietà del giudice
( EÀ.Eoç). Ma, essendo usata anche accan-
Quanto agli apocrifi dcll'A.T. è suffi- to a q>wç, Elpi}v'l') non risulta soltanto un
ciente descrivere l'uso della parola in concetto negativo, bcnsl può essere an-
senso religioso e morale. Nei Testamenti cora una volta l'equivalente di 'salute'.
dei XII Patriarchi e nelle visioni di He- Così accanto al signHìcato tradizionale
noch si incontra 'l'angelo della pace' )l, di 'salute' si trova quello di 'lasciare in
che, stando a test.D.6,2, è µEO'L'tT)<; i>Eov pace', come per es. anche in Hen. aeth.
xa.L &:vl>pw1twv e È7tL -.;;e, Elpi}'V1')c, -:où 5 ,6: xai. fo'tat a.Ù'tOL<; (scl. '"t'O~ ci.va.-
'Icrpa.iJÀ. xa.'t'Èvav·n ·djç ~a.aùd.a.ç 't'OÙ µa.p-.1yroLc,) ÀÙO'L<; aµa.p'tLWV "ai. 7tcXV
i>Eov a't''iJaE-.at. Qui, come in test. L. r 8, iiÀ.EOc, xcxì. dp'livT) xaL Émdxrnr.
4 e D. 5,9.11, Elp1)v'l') designa la salute, Come Jalom presso i rabbini, cosl El-
che si manifesta pure nella cessazione p'iJvri negli apocrifi dell'A.T. indica la pa.
della guerra, ma che in test. lud. 22,r ce tra gli uomini, la concordia; cfr. test.
non si esaurisce in essa. È però impor- G. 6,3: iciv ·w; aµa.rni}crEL Elç crf., El7tÈ
tante notare che in questo apocrifo, e cxv'tQ Elp1}'V1')v. Giuseppe sta chiaramen-
soprattutto in Henoc etiopico, dp1}vT) te nella linea dell'A.T. e dei rabbini; cfr.
costituisce l'opposto non dello stato di µE'tèL Elp'liV'YJC, = 'sano e salvo' (ant. I,
contrasto tra Dio e Israele o l'umanità r79; 8,405); dp-fiv7J= ' concordia tra gli
(come nei rabbini), bensì del giudizio di uomini' (bell. 2, i35: gli Esseni sono
Dio. Così le affermazioni che non saran- Elpfivnç v1tovpyot'.). Jn ant. 6,211 parla
no concessi agli atei EÀ.Eoç... xaL dpi}vn della Elp1}'V1') à1t' etù<wv, (scl. -.wv oa.~­
(Hen . aeth. 5,5) e agli angeli pecca- µovlw v ), espressione che ha paralleli in
tori OVX ... Elp1)V'Y} othE acpEO"L<; (Hen. ebraico e greco, mentre l'accostamento
aeth. r 2,5) si contrappongono alla pro- di Elp1Jvn a EÙvop.la. (ant. r r ,2 r6) è no-
messa che ai pii sarà concessa la pace. to dalla letteratura greca 54 •
Per chiarezza vogliamo addurre il passo Filone si muove, dal punto di vista
di llen. aeth. 1,7 s., dove <lopo l'annun- della lingua e dcl pensiero, completa-
cio di catastrofi della natura si dice: mente nell'ambito della spiritualità gre-
'ltci.V't(l ocra Ecr'tLV É7tÌ. yfjç Ò.1COÀfr•a.L, ca. Un suo tratto caratteristico è, accan-
xaì. xpWL<; fo-.aL xcnèL 7tav'twv· xa.i. µE· to alla positiva valutazione della pace
't'èL 't'WV OLxalwv 't'lÌV ElpT)vT)v 7toL1)crEt, politica 55 , l'uso di Elp'iJvTJ come designa-
xat É7tt -.oùç ÉXÀEX"tOÙç fo-.a.L O'UV't'li- zione della divina pace derivante dalla
1
P'YJO'Lç xat ElpYJV'l'), xai. É?t a1hoùç yEvTi- tranquillità dell'anima, che solo Dio pos-
<TE'taL EÀ.EOç, xcxi. foov-.a.L 7taV'tEC, -.où sicd26 e può accordare, opposta alla lot-

52 Mek. Ex. 29=20, 25 = T.B.Q. 7 ,7; STRACK IJ ( 1931), pp. 3o6-313.


Bit LERllllCK r, p. 215; dr. anche STRACK·Bit- · ~ FucHs, p. 170.
LERllF.CK Hl, p. 2 I 7 S. ~~ HE1NEMANN, p. 4c3 ss.
SJ C. KAPLAN: i\11glie:111 Tlwologic:il }{l'\·icw ~ som. 2, 253: i)eòc; µ6vo:; 1) à:IJ!EuoEo--:à:.ocl}
2 l l)(IJ,..jO<)) tlçiivri (\'i/. Focrstcr)

ta delJe passionis7 • Ciononostante Elpi)vri Elpi)v'T} seguito dal dativo come saluto
è qualcosa di prevalentemente negalivo, al momento dell'arrivo (Le. I 0,5; [ 24,
il che è car:meristico della concezione 36]; Io. 20,19.21.26), sono traduzione
greca; cfr. ebr. 97: -cà 7tEpt i)µO.ç -co-cÈ del saluto allora in uso in Palestina, an-
µÈv 'IÌPEl.LE~, -co•È 8€. òpµ(Li:ç... xPT\•(LV che se Luca, mettendo in bocca al cu-
'X.ai. fo-cw Ti µÈ\I l)crvxltx -.ov-cwv dp1jvT} stode romano dcl carcere di Filippi il
~ai>Ei:a, -.à ÒÈ Èvav't'i.a. 7tOÀEµoç èfo'7tov· saluto di congedo ?topEvE<ri>E f.v Elpi)vn
ooç. Guerra interiore ed esteriore pace I (Aet . x6,36), può esser stato indotto a
interiore ed esteriore sono connesse fra questo 'anacronismo' dalla lettura dei
loro. La guerra nell'intimo dell'uomo è LXX; qui infatti il neo-convertito usa
la più dura ss e da essa viene ogni male; un'espressione 'greco - biblica'. Ugual-
dr. Ios. 57: El ÒÈ -cà È~ àxpmri.ac; CT•ci:· mente la formula di saluto all'inizio di
CTEL<; ɵq>uÀ.LOL xaì. 'ltOÀ.Eµ-OL xaì. xaxà una lettera: xapL<; vµLV Xct.t dpi)V1) ro,
È7tt xaxoi:c; àp.u~-ca., ol}À.ov on -cà h che Paolo usa quasi costantemente e che
crwcppoa-uvl)ç Eua"•al>ELa xat Elpi)vl) xa.ì. si trova pure in Apoc. 1,4, è imitazione
't'EÀElW\I X'tTlO'L<; à:yai)wv XCX.Ì. lX'ltoÀ.av· della formula epistolare ebreo-aramaica,
O'Lç. Analogamente a Filone e come lui e l'inserimento di ~À.Eo<; in I e 2 Tim.,
influenzati dalla filosofia greca, anche i 2 Io. e Iudae, come pure l'aggiunta di
Padri della Chiesa intendono ElpTJ\IT) co- nÀ.r1l>vvìMT) ( 1 e 2 Petr., I udae ), avvi-
me l'opposto di ȵcpuÀ.Loç 7toÀ.Eµoc; 59 ; cinano ancor di più il saluto alle note
cfr. pure ep. Ar. 273: È7t'T}pw-.a ••• formule ebraiche(~ coli. 213 s.). Simil-
1tW<; 8.v xa'tà 4>vxi}v xa.ì. Év -co~c; 1tOÀ.É· mente Elpi'JVTJ fa lalora la sua comparsa
µoL<; ELP'TJ\ILXW<; EXOL. nella chiusa delle lettere; dr. r Petr. 5,
14; 3 Io. 15; dr. Gal. 6,16. La formula
F. dpi)v'Y) NEL NUOVO TESTAM E;-;To greca di saluto xct.lr;ELV s'incontra in Act.
15,23; 23,26; Iac.1,1; cfr.2 Io.10. Il sa-
L'ambito semantico di dp1]vT) nel luto di congedo EppwcrÙE compare solo in
N.T. coincide con quello del rabbinico Act. 15,29 (in 23,30 Eppwv:> o (ppwui>E
Jiilom. Ciò si rileva nel modo più evi- sono varianti). Così pure le espressioni
dente quando Ei.pl]v'Y) è usato in for- a-::r)•.Jìhyra.v ~lE._' Elp'l)v'l')ç iAct. 15,33)
mule di saluto o simili, alla base delle e itpo-::tµ~a.'tE oÈ aù'tèv È\I dpnvn (r
guaii sta il significato <li ' benessere' nel Cor. i 6, 1 i) sono da confrontare 6 l con
senso <li 'essere in salute'. Così V7tayE le formule dell'A.T. 'andarsene f.v dpi)-
vn' e µE• ' Elp'iJvric;'; anche la frase di
1
o nopEuov Elç ElpTJ'JT)V (Mc.5,34 e il par.
Le.; Lc.7,50) e v1tcX.yE-cE i.v Elpi)vn Ciae. Simeone in Le. 2,29: vuv à-::oÀ.UEL<; 'tÒV
2, T6) nel saluto di congedo, come pure 8~vÀ.6v G:>v ... èv Elp1)vn. è da intender-

xa.t 1tpÒc; cH:iJi>EL6.v È<l"tLV ELpTJVTJ, ·~ oÈ YEV'l'J'tii 6i8-697; P. \V'ENDLAND, Dic urchristl. Litera-
xa.t q>l)a.p'tYJ oùofa 1taO'a. O'UVEX'lÌc; 1tOÀEp.oc;. !11r/om:e11 (1912), p. 412 s.; E. v. DollSCHUTZ,
57 vit. Mos. 1 ,304: q>M.vn OÈ X.PTJO'µoi:c; owpri- Der Apostel Paulus I (x926), p. 30 s.; J. Won-
CT<iJlEvoc; ò i)e:òc; èl>LVEEi: 'tÒ µÉyLO"tOV àya.l>6v, JlF., Der Charisgedanke bei Paulus ( r93..:J, p.
dr>flvTJv, o µT}odc; bc.avòc; 6:vì)pw1twv 7ta.pa- 4·1 s.; O. RoLLER, Das formular der paul. Brie-
oxEi:v. fe (r933), p. 61 s. In Otto si trova anche un
ss op. 1111111d. 81. .1ccenno allo scarso inOusso della formula di
saluto del N.T.
59 Testimonianze presso Fuctts, p. 214 ss.
N JoH. WEISS, 1 Kor., al passo cirato, pensa
CIO Cfr., oltre ai commentari, J.
C. TH. OTTO: che si tratti di accompagnare in pace e con-
Jahrbiichcr f . Dcutsche Theol. u ( 1867 ), pp. <:ordìa.
2!1 (11,409 ) dpi}vr, ( W. Fu..:r:;lt:r) (11,4ro) 222

si, dal punto di vista formale, come co- vicina all'uso greco genuino, per quan-
niata su quei modelli. 11 successivo im- to non frequente, che intende dp-i]v'l']
piego Ji Etpi}'Jl) nel senso di '!;icu rcun' è rnme 'pace dell'anima'; dr. soprattutto
documentato da Le. r r ,2 r: Èv dp1Jvn E- Rom. r5,i:3 .
cr·dv "tà v7tcipxov"tet cxv"tov (similmente La tradizione linguistica dell'A. T. e
I Thess. 5,3); in r Cor. r4,33 e~ sotto) tardo-ebraica si manifesta, oltre che in
dp·r1V'l1 è il contrario del disordine; in quanto si è detto sopra, anche in espres-
Aci. 14,2 (secondo il testo occidentale) sioni come Elpi]V'Y)v 7tOLELV, 'far pace'
è il contrario della persecuzione: ò oÈ (lac. 3,18 f-4 col. 215)). EtpT)vnv Bcx-
x.vpLOç é:owxEv ...axù Elp-iJvl)v. ÀELV = hittil (Mt. JO,H [-4 colbr6s.J
Che nel N.T. il concetto di dp1)vri Le. : oov~at), Elpi}v'l']V 0L00V(1,L = 'por-
non sia quello greco, risulta chiaro par- gere il saluto di pace' (Io. 14,27) 62•
ticolarmente dal fatto che il suo signi- Un particolare caso di influsso ara-
ficato principale nel N. T. è quello di maico potrebbe aversi nel passo di Le.
'salute', intesa con particolare profon- r 4 , 2 2, dove il re che si trova a mal par-
dità. Una serie di passi in cui dp1Jvri tito 'i>PE<rBElcxv cbto<ri:tlÀ.a.ç ÈpW't'IÌ- "tà
designa la concordia tra gli uomini si 7tpÒç ElpTJV'l'JV. Ciò non significa che egli
riconnette con un uso tipico della lette- chiede le condizioni di pace, ma che sa-
ratura rabbinica (cfr. Act. 7,26; Gal. 5, luta l'avversario, rendendogli omaggio,
22; Eph. 4,3; Iac. 3,18 [I Petr. 3,n]); e, come esige il contesto, sot tomettendo-
lo stesso dicasi della connessione di El- si senza condizioni 63 •
pTJVTJ con~ÒLWXELV = rdp (~col. 215); Dal punto di vista del contenuto so-
dr. Rom. 14,19; IIebr. 12,14 [r Petr.
3, n] ). Come neì testi rabbinici, così no possibili tre interpretazioni dell'uso
anche nel N.T. si parla di pace con Dio. religioso <lclla parola nel N.T.: a) quel-
Il concetto, comune a siilom e Elp·~vri.
la psicologica, che intende pace come
della pace come contrario della guerra
si riscontra in parabole e racconti; cfr. sensazione di pace e di tranquillità d'a-
Act. 12,20; 24,2 (ove designa la con- nimo 64 ; b) pace come condizione di chi
dizione di pace come nel greco classico); è pacificato con Dio fS ; c) p:ice come lo
Mt . 10 ,34; Apoc. 5,.f.
In Paolo dp-i}vn \'iene usato indiscu- 'stato di salute' dell'uomo intero, in
tibilmente anche in un senso che si av- sostanza come concetto escatologico 66 •

f.1 ~col.213 e Scm.ATTI: R, Komm.Joh. a q,27. designa lo stato di pace che è concesso al cre-
63 Biso::na certamente le~gere Èpw.o;q. tlc; (o dente in quanto il suo r:ipporto con Dio ~ li-
r.pÒc;) dpT}VT]v, col che la form ula di saluto bero da ogni turbamento». Jo11. \VErss, I Kor.,
ebraica risalta ancor pit1 chiaramente. Cfr. H. pensa anche qui all'annoniosa. felìce disposi-
ST. J. THACKERAY: JThSt 14 (19r2 - 13), pp. zione dell'anima, che nel matrimonio misto, a
389-399, ~nota 38. cui Paolo si riferisce, sarebbe impensabile.
"6 Per lo più senza esplicito rilievo del momen-
64 Per es. JoH. Wuss, 1 Kor. a ra: il saluto
to escatologico; v. per es. EwAtD, Ge/br. a
ebraico verrebbe da Paolo riferito «a un equi·
Iibrio armonico della disposizione d'animo».
Epb. 1,2: dp1}'11J è «la condizione di chi è rap-
pacificato, non molestato da turbamenti», dove
Di conseguenza d.P'flVTJ è per Paolo «propria-
l'eliminazione delJa cosciem:a della colpa non
mente la fondamentale dfaposizionc religiosa
designerebbe «il vero fine dell'augurio (di El-
che il cristiano deve al suo Dio e Signore».
pi)v'Y})». Cfr. \XTOHLE:-!BERG, Pt. a II 3, r4 e~
65 BACHMANN, Komme11tar, a T 7,15: «ElfJTivTJ col. 228).
223 (11,.po) dpiJVTJ (W. Foerster)

Tutte e tre le possibilità hanno riscon- estende fondamenrnlmente a tutto l'uni·


tro nel N.T.; tuttavia la terza costitui- verso.
sce il fondamcnro delle altre. Ne è una
conferma il fotto che questo uso si ri-
2. Elp-fivTJ come salute escatologica del-
connette con quello dcli' A. T. e dei l'uomo nella sua totalità
rabbini.
a) Bisogna partire dallo salom del-
1' A.T., come designazione della salute
I. EL(YY)V'Y) nel semo più ampio di nor-
che viene da Dio, particolarmente della
male condizione di tutte le cose
salute escatologica. La salute attesa è
Paolo in I Cor. 14,33, nllo scopo di indicata nel canto di Zaccaria in Le. 1,
evitare una confusione a proposico del- 79: npo7topEucr11 yà.p Èvwmov xupi'.ou ..•
l'azione dei profeti in Corinto, usa un "'t'OU '.JC<X.'t'WtWVet.L 'tOÙS 7tOOCXS i)µwv dç

argomento così formu lato: ou ycip fo-.~v éoòv dpl)vT]ç 69• Nell 'inno angelico in
àXCX.'t<X.O""t'<X.O'iet.ç Oikòç aÀÀèt dpTJV'Y)ç 67• Le. 2,14 (Oéça ÈV uljJlcr"'t'o~s ~EQ xaì. È1tÌ.
Elpi}v'Y) è, in contrapposizione ad àxa- yijç dpi)v'Y) È.V àv~pW7tOLS n)ooxla.ç} 70
,an,cx.alcx., lo stato normale delle cose. Elpi)v'l'} non si può intendere, soprattut-
Non occorre pensare che la contrappo- to nella seconda parte, nel senso di au·
sizione sia trasferita sul piano etico 68 ; gurio 71 , né in quello di pace, vuoi de-
basta ricordare l'uso di salom neH'A.T. e gli uomini tra di loro vuoi con Dio.
nei rabbini. Ma elp-fivTJ così messa in e- Gli angeli annunciano piuttosto che ora
splicita connessione con Dio a conclusio- la salute è scesa sulla terra. Analoga-
ne dell'esposizione, dimostra la relazione mente Le. 19,42 : El t:yvwç Èv -.fj "I̵É-
tra 'esteriorità' ed 'interiotità' rilevabile pq. 'tCX.V""t'"!) xat o-ù 'tèt -rcpòç dpl)v'Y)v 72 ,
anche in altri passi nel N.T. La condizio- l'espressione vale «Ciò che riesce a sa·
ne normale, 'sana', che corrisponde alla Jutc». Così va intesa anche la sorpren-
volontà di Dio, non va limitata all'ani- dente espressione di Le. 19,38": Év ou-
ma o anche soltanto all' uomo, ma si pav@ ElpiJVTJ X.a.Ì. ooça ÉV ùljJ(CT""COLç, di

b7 L'espunzione da p.me di A. HARNACK, SAB e neppure, con DAUSCH, Synopt. ad/., alla ve-
19 19, r, p. 527 ss., di b Ì}Eo<; (d'accordo con ra beatitudine, ma da intendersi, con B.WErss,
Marcione e Tertulliano) è inutile ; la connes- Die Ev. des Marcus und Lucas ( r9ot) e KLO-
sione con quanto precede è chiara, soltanto STF.RMANN, Lk. ad !., come salute messianica.
che Paolo non ritenne necessario d ire che gli 70 Si <leve leggere, come adesso è generalmen-
spiriti dei profeti sono spiriti dello spirito di te riconosciuto, Evooxiai;; cfr. J. ]EREMIAS :
Dio. ZNW 28 (1929), p. 13 ss.
68 Joh. Wsrss, ad I. 7 1 Cfr. anche Apoc. 12,10 e 19, r s.: che crw,n-

tlJ Non da riferirsi, con A. PLUMMU, St. Lu- pla e o6t;a. diventino «di Dio» è un «<lato di
ke' (The lnternational Cri ticai Commentary fauo».
(1906]) ad l., alla pace tra Dio e il suo popolo, 72 Co~Ì \: da (Cf:j.;Cl'C, sen7.a O'OV.
tlr>il'llTJ (W . Focrstcr) ( ll,4I2) 226

cui il più preciso parallelo ricorre in voglia designare la pace interiore del-
A poc. I 2' IO ( ap'tL ÉyÉVE'tO Ti O'W'tT]plcr. ... l'anima (B. Weiss). Il ' mondo ' si limi-
-rou i)Eou 'l')µwv) e in Apoc. I 9, l ( O'W· n ta ad augurare salom, mentre Cristo
'tT)pla xaL Ti o6t;a xa t Ti MvaµLc; -rov dà la salute da lui stesso procurata. A n-
i)Eou i;µwv): essa afferma che ora j n che in Io. 16,33 ad ELP'liVTJ, lo 'star be-
cielo c'è la salvezza; Elpl}vT] è quindi il ne ', l'essere al sicuro, si contrappone la
corrispondente di <1<>li :l)pla dci passi l}À.i:\jJLC,, cioè l'afflizione, non la paura.
dell'Apocalisse 73 • Queste erano le immagini che nei di-
Storicamente la salvezza è venuta sul- scepoli evocava Gesù quando usava il
la terra con Gesù Cristo, come dice me- comune saluto di congedo; perciò esso
taforicamente Apoc. 12 e in forma allu- ci è conservato nei Vangeli (cfr. Mc. 5,
siva Hebr. i3,20, ove si accostano oi)Eòc; 34 par.; Le. 7 ,50 ). Gesù stesso poi ha
'tl\c; Elp-i)VT)c; e 6 à.vaycr.ywv Éx vExpwv attribuito particolare signi!iéato a que-
'tÒV 'ltOLµ.Évcr. -rwv 1tpoPci'tWV 'tÒV p.Éycr.v. sto saluto di pace sulla bocca dei disce-
Perciò in Hebr. 7 ,2 si attribuisce gran- poli. Il saluto con cui questi entrano in
de importanza al titolo, che Mckhise<lec una casa non è un augurio, bensì un
porta in quanto 'tipo' del Cristo, di ~a.­ dono che può essere accettato o rifiu-
O'LÀ.EÙç I:cr.À.1}µ, o
É<1-i:w ~runÀ.Evc; Ei.P'li- tato; esso è così reale che, in caso di ri-
VTJc; ~. La buona novella vien data nel-
7
fiuto, la El!'TivTJ ritorna ai discepoli (cfr.
lo EÙayyÉÀ.Lov 'tfjç Elp-i)VT)c; (cfr. Eph.6, Lc. 10,5s.; .Mt.10,13) 77 • Allo stesso mo-
15; inoltre Act. ro, 36; Eph. 2, 17) 75 . do Paolo ha mantenuto il saluto ebrai-
Questa salute è la salute di Cristo (dr. co, approfondendone il significato 78•
lo. 14,27). La sola ci rcostanza che in Ilehr. 12,14 ammonisce a cercare que-
quest'ultimo passo Gesl.1 si ispira al sa- sta salute: dp-i)VT]V OLWXE'tE µE'tà. 1tcXV·
luto cbraico76 dovrebbe mettere in guar- -.wv, xat "t'Òv à.yLcr.<1µ6v, ov xwptc; où-
dia dal ritenere che questa espressione OEi.ç oqiE"t'aL "t'Ò\I xvpwv. Qui EÌ.p1}v11

73 Cfr. ZAllN, Lk., e SCHLATTER, Komm. Lk. 78 Secondo RoUer (-+ noia 6o), p. 6r l'uso di
ad l. xixlptw nello stile epistolare greco è straordi-
74 Per paralleli tratti da Giuseppe e Filone dr. nariamente costante; solo occasionalmente si
W1No1so1, Hebr. ad I. trovano infiniti come VYLt:l.LVEW O EÙnpa'!'t'EW.
75 In Rom.xo,15 la lezione della koiné, che ìn· Pertanto deve esser consìderata come molto in-
seriscc '<W'll EV<XYYEÀ~l';oµévw'll tlr>iivTJv, è se· verosimile l'ipotesi eh:: Paolo con xcipLc; ùµ~v
con<laria. (xat Elr>il'llTJ} si sia rifatto al xai'.pEw greco;
7h Cosl B. WE1Ss, joh.-Ev. ( 1902); ]. H. BER· questo salu10 epistolare sarà piuttosto un'inno-
NARo, St.joh11 <The l nterna tional Criticai Com- vazione paleocristiana (paolina?) basata, per
r
mentary 1928] ); SCllLATTER, Komm. /oh.; quel che riguarda la forma, sul saluto epistola-
BAUER, ]oh. ad I. re ebraico, che offriva la possibilità <l'impiega-
n Matteo, usando 6.<rnO.l';rni)aL invece che 'di- re, accanto a ialom, anche altri sostantivi (~
re pace", ha reso incomprensibile per il le11orc col. 214).
greco lo spirito dell'espressione.
227 (ll,4 '1 2) dpiJvTJ (W. Focrster) ( il,413) 228

(J..é'ta non può voler dire 'concordia in quanto ostilità contro Dio, non pos-
(con qualcuno)', sia perché in tal caso sono che condurre alla morte 80 . Pensa
si avrebbe 7tpéc; anziché µE't6: (come in quindi a una condizione d'animo che
Rom. 5,r, ~ nota 96), sia perché in non è né armonica 81 né caratterizzata
questo caso il corso del pensiero non dalla pace con Dio 82 • Come sw1i e M.-
sarebbe logico. Dopo l'esortazione a in- va.,.oc; sono modi di essere destinati a
dirizzare i propri passi su vie diritte sì manifestarsi in senso escatologico, cosl
da raddrizzare ciò che è storto, viene lo- può dirsi di dp'l)vT), che sta in paralleli-
gica l'esortazione a ricercare tutti in- smo con sw1J; essa perciò equivale a
sieme la salute. Questa 'salute' ap- .l:iilorn, è la salute perfettamente realiz-
pare come una forza che preserva l'uo- zata; è, in pratica, la condizione nor-
mo (Phil. 4,7) 79 e regna nel cuore (Col. male della nuova creazione.
3,15), dove il credente può stare al si- Un caratteristico parallelo a questo
curo. Tuttavia tale salute non si iden- passo sembra quello di 2 Petr. 3, r4:
tifica con qualcosa di esteriore, anzi può OLO, aycx:7tT)'tOl, ·rn.V"'t(X. rcpoO"ÒOXWV'\Ec;
addirittura causare aspre inimicizie (cfr. vrtouò6:o-a.'tE (fomÀoL xa.t àµwµT)'tOL
Mt . xo,34 s. par.). au·n'.iJ e:vpe:i}i'jva~ iv dp-fiv11. Anche qui
b) In questi contesti il contenuto di ~lp1}vT) non è né la «fondamentale di-
Elp'l)YYJ è definito dal parallelismo con sposizione interiore della pace dell'ani-
sw-fi; cfr. Rom. 8,6: 'tò 'YàP cppévT)µa. ma» 83 né la grazia di Dio 84, ma - co-
·d'tc; cmpxòc; it6:va.nc;, 'tÒ oÈ cppovT)µa me dice il Wohlenberg (Pt., ad l.) -
'tOV 7tVEUJJ.ct.'toç swiJ xa.t dpl)Vl). Qui «il perfetto stato di salute, la normali-
Paolo dice quale è oggettivamente l'a- tà» che non si può concepire «senza un
spirazione della carne e quale quella del- rinnovamento della vita spirituale e ma-
jo spirito e a quali conseguenze esse teriale dei lettori secondo l'immagine
portano: da un lato alla 111orte, dall'al- di Dio» 85 • In questo senso Paolo par-
tro alla vita e all'Elp'l)vT). Egli giustifica la spesso del t}Eòç Tf]ç Elp'l)vT]ç nei suoi
la prima parte di questo versetto col v. saluti di commiato. Questa designazio-
7, ove dice che le brame <lclla carne, rn:: sta in stretta relazione con ciò che

<9 Tenuto conto del v. 6 non si tratterà - co- anche W. SANDAY e A. C. HEADLAM, Romans
me per l lAUPT, Gefbr. e T1LI.!'v1ANN, Gefangbr. (~ nota 93) ad l.
ad I. - di pace in contrapposizione alla preoc- 82 Così SANDAY-HcADLAM.
cupazione, bensì, col LOHMEYER, Phil. ad l., 83 KNOJ' f', Petr. ad t.
della pace di Dio in senso p.roprio. Cfr. an- 84 V 1! EOI':, Kath. 13r. t1d l.
che O. SCHMITZ, Die Christusgemeinschaf t 85 Degna <li nota e anche strnna è la presenza
des Paulus im Lichte seines Genetiv.Qebrauchs del conce1ro ebraico <li falom in 2 Petr., let-
(1924), p. 2r5s. tera per il resto forrcm;nte impregnata di spi-
so Cfr. B. WE1ss (1899) e ZAHN, Rom. ad l. ri ro 1;rcco.
61 Così Jou. WErss, 1 Kor. a r ,3, c. in pan.e,
ripfivl'J (W. Focrster)

Paolo si attende dal Dio della pace, per dell'anima come conseguenza della xci.-
cui dal contesto si può dedurre il signi- ptç, ma allo 'stato di salute' dell'uomo
ficato di Elpi)vn. Cosl in Rom. 16,20: che proviene da Dio 89 .
O OÈ Ì)EÒç -tiic; Elpi}'Jnç <TU\l-tpi'.4'EL 1:0\I Così, sulla base dell'uso linguistico
a-ai:avfi.v Ù1to -toùc; 1toÒac; vµW\I Èv i:ci.- dell' A.T. e della letteratura rabbinica,
XEL. L'annientamento di Satana è visto Elpi)vn assume il significato p iù com-
qui come una parte della salute; l'espres- prensivo e profondo solo quando passa
sione Ì)EÒç i:iic; Elpi)vnc; non vuol dire a designare la salute escatologica del-
che Dio «Vt10l concedere pace e beati- 1'uomo intero, la quale già qui agisce
nidine» 86, bensl che egli disrruggerà come potenza divina e definisce la con-
Satana. Il significato positivo di salute dizione della XO.L\li) xi:li:nc;, presentan-
e di benessere viene sviluppato nel sa- dola come realizzazione definitiva. In
luto finale di I Thess. 5,23, che trova questo senso la salute si è' manifestata
un parallelo dal punto di vista del con- nella risurrezione di Gesù.
tenuto in 2 Petr. 3,14: a.1hòc; ÒÈ ò l>eòc;
·djç Elpi)V'l)<; àyLWr(U uµciç ÒÀ.O'!EÀEL<;,
3. dpTJ'.ITJ come pace con Dio
X<XÌ. ÒÀ.oxÀ l)pov uµwv i:Ò 'ltVEVµ<X X<XL 1)
yuxl} xat i:ò a-wµa ciµÉµ1ti:wc; Èv i:fi Nel N.T. Eipi)'Jn è usato solo rara-
r.apoua-i'.~ i:où xuplou Tjµwv 'Ina-où XpL- mente nel senso di rapport0 di pace con
ai:où i:npnildn. dpl}\ln non è soltanto Dio. Prima di tutto bisogna spiegare il
'prosperità spirituale' 87, ma 'benessere', passo di Eph. 2,14-1 7 90. Paolo ha pre-
salute dell'uomo tutto intero, corpo e sente il testo di ls. 57,19; pertanto El-
anima. Un' eco analoga si avverte in PTJVTJ sembra a prima vista potersi in-
H ebr. 13 120 s.: ò oÈ Ì)Eòc; -tiic; Elpivnc;... terpretare nel senso di 'salute'. Ma il
xai:ap-.i'.a-aç uµac; Èv 7ttl.\l'tL à:ycxàQ Ila. termine ritorna al v. 15 e i commen-
Ora si capisce non soltanto come al- tatori sono incerti se esso e l'opposto
la fine delle altre lettere Dio venga <let- ~ (xì}~ a. alluda all'ostilità dell'uomo
to Dio della pace, ma anche come si nei confronti di Dio o all'inimicizia tra
parli di dp"t)vn all 'inizio delle lettere; Ebrei e pagani. Ma per render conto
qui bisogna pensare non già alla pace del testo bisogna rilevare che la legge

&. Cfr. S 1cKENBERCl!R,Rom. ad l. g9 Così pe r es. E. DF. W1TT BuRTON, Galatia11s


87 J. E. FRAME, Thess. (Thc lnterna tiuna l Cri- (The Internal. Criticai Commentary [19211) ;1
t icai Commcntary [r912)) ad l. Gol. 1 ,3: «t:LpiJvl'J denota lo stato benedetto
Ni J. MOFFAT, To the Hebrews (The lmern:i- di benessere in cui gli uomini son portati e
tional Criticai Commentary ( 1924 ] l ad l.: E~­ .tc:coJti dalla XclPL<; divina».
f>YJVT) avrebbe un senso pienamente anticotc- ~J Cfr. P. FEtNE: ThStKr 72 ( 1899), pp. HO
srnmentario, quello cioè «di S-Olid.i prosperi tà }74; H . ]. HoLTZMANN, Lehrbuch der 11t.lirhr11
assicurata dal trionfo messianico sulle potenze Theologie n '( 19u ), p. 265 ~ . e i com mcnta:·i.
oslili del male».
d.pi1vT) (\'17. Foerster)

ha una duplice funzione: quella di sepa- a.vi:Q ). Si può dire che qui ExDpa. e d-
rare i pagani dalla ci.ttadinanza di Israe- pT}v11 sono dati di fatto oggettivi che
le e di staccare Israele da D io. A causa lasciano una molteplice impronta nella
della legge c'è ostilità tra Ebrei e pa- umanità 92 .
gani 91 e ostilità degli uomini nei con- E se in questo passo in Elp-i)v'l') si av-
fronti di Dio. Perciò bisogna intendere verte l'idea della pace con Dio, in Rom .
il V. I 4 ( aV'tÒç yap ÉCT'tW Ì) ELp-i)Vl) 5,r questa costituisce l'intero contenu-
T)µwv) in senso ampio: Cristo, abolen- to semantico del termine e il passo ci
do la legge, ha eliminato il duplice 'di- permette di definirlo più esattamente.
sordine' in seno all'umanità, quello cioè Diciamo subito che la scelta tra il con-
esistente tra gli uomini e quello che giuntivo e l'indicativo del verbo rimane
guasta i rapporti <legli uomini con Dio. incerta. È importante invece chiarire il
Elp1Jv11 designa la pace con Dio e la pa- valore di i::lpT}vri. Come mostra l'aggiun-
ce fra gli uomini, e quindi significa 'or- ta 7tpÒc; -.òv iké'J, il contesto fa riferi-
dine' universale, normalità di tutti i mento ad una relazione dell'uomo con
rapporti. In senso altrettanto generico Dio, e ciò è in accordo col fatto che,
va inteso il singolare lfxilpcx. dcl v. 14: secondo Rom. 5 ,10 , gli uomini, da ne-
la sua posizione inattesa e sorprendente mici di Dio che erano, vengono con lui
impone, per così dire, di vedere adom- rappacificati (~ x<na.À.À.cU:rcrw I, col.
brata in questo termine u na gran copia 684), come in Eph. 2,16 (~ cbtoxa.-raÀ.-
di riferimenti semantici, quindi qualco- À.ao-o-w r, col. 693 ). Pertanto qui la
sa come 'la legge che significa ostilità' ; 'pace' non è, come presso i rabbini, il
anche il v. r 5, con i due aggetti vi pre- mutuo rapporto che intercorre tra Dio e
senti nel!' espressione Elc; €va. xa.wòv l'uomo e che viene modificato per inizia-
&vi}pw7tov, fa allusione al 'disordine' tiva dell'uomo, ma è il rapporto in cui
dell'umanità nel duplice senso visto pri- il credente è collocato nei confronti di
ma. Un analogo significato generico Dio.
sembra da attribuire al 1tOLWV dpT}v11v In base al contenuto della pericope
del v. r 5, e lo stesso si dica della l!xlJprJ. r-II è bene leggere l'indicativo EX0~1Ev.
del v. 16 ( à'ltox-tElvac; T'Ì")v EXi}pav Év Che EX:WµEv (al congiuntivo) sia meglio

9l Contro l'opinione di HAUPT, Gefbr. ad/., il (Haupt) quanto l'ipotesi (Feine) d'una specie
termine EXl}pa è senz'altro al suo posto Gli di anacoluto, per cui <'Ìl'J EXi>pav del v. q.
Ebrei dovevano, per mezzo della legge e a c:lU- sarebbe ripreso da ci:-;:~x-.Eivaç Tr1v i:';cilpav f.v
sa di essa, tenersi nettamenre separati dai pa- av<c{J del \'. r6, sono supposizioni che fanno
gani e considerarli, in quanro pagani, come ne- violenza al testo; quella dcl Feine è per di
mici, atteggiamento che i pagani ripagavano più esclusa anche per il fa tto che Paolo non
con pari moneta. avrebbe mai lasciaw sospeso con un tale :ma-
92 Tanto l'espunzione di 't'Ì]V EXl>pav al v. 14 coluw il solo -.1)v i!xi);:;a.'J.
Ei.r-i}v11 ( W. focrs1cr) (H,415) 234

attestato, non ha importanza, se si po- ooµijc; -rijc; Elç àU.-i}Àovç. In questa


ne mente che in Rom. 14,19 le testimo- espressione Elp'i}vY) sta in parallelismo
nianze più valide hanno l'impossibile
indicativo OLWXOµ€V anziché il congiun- con otxoooµTj e Paolo può aver espres-
tivo che è l'unica forma possibile; l'in- samente pensato alla pace tra i membri
dicativo e il congiuntivo della prima della comunità. Tuttavia al v. r7 con
persona plurale sono esposti, nella tra-
dpYJVTI non si intende semplicemente
dizione manoscritta, ad oscillazioni in-
controlJabili. questo genere dj pace, ma si vuol piut-
tosto dire che il regno di Dio viene in-
4. dp'i}vl) tra gli uomini staurato là dove nello Spirito Santo si
In Rom. i 4, r 7 Paolo dice: oÌJ yci:p crea qualcosa di salutare ( = dpi}v'T)).
fo-·nv Ti ~acnÀEia -rou i}Eou ~pW<nç xa1. Ciò che è 'salutare', nel caso con-
r.6<nc;, èù.Àà OLX<XLOCTVVTJ xa.1. dp1JVTJ xa.t
creto deila comunità romana può sen-
xapà ÉV 7tvEvµa."tL à.ylcp. L'interpreta- z'altro manifestarsi come 'pace' , perché
zione esatta <li questo passo non può neila comunità la pace è anche la salute.
essere quella religiosa dello Zahn e di Analogo è il caso del difficile passo
B. Wciss, né quella etica di Sanday- di r Cor. 7, l 5": f.v oÈ dpi}vn xÉxÀ.l)xEv
Hea<llam •j, né que lla intermedia del vµCic; U1µ<ic;) ò Dt6ç. Apparentemente
Sickenberger. Qui Paolo vuol dire ai Paolo prende posizione contro la parola
potenti che il regno di Dio non dipen- del Signore che proibisce il divorzio, in
de, come essi credono, dal fatto che in- quanto dice che se il coniuge pagano
ducono gli altri a mangiare e a bere, vuol divorziare la parte cristiana deve
bensì dalla giustizia, dalla pace e dalla lasciar fare; cfr. v. r5: cv
OEOouÀ.w-rcu
gioia che regna tra quel] i. xapa è in re- ò cioEÀq>Òc; +ì Ti à.oEÀ.q>TJ Év 'tO~c; -.oLOV-
lazione con ÀunEi:-raL del v. r 5; OLXaLo- 'tOLç, parole che possono riferirsi sol-
cruvi) mette l'accento sul fatto clic nes- tanto al comandamento dcl Signore, a
suna coscienza viene offesa; ELp'i}vi) ac- cui il cristiano non è in tali casi legato
cenna alla circostanza che nel regno di come uno schiavo. Ora il v. r5c non
Dio giammai si può avere offesa, sven- con tiene una limitazione dcli' affermazio-
tura o discordia. Perciò Paolo continua ne precedente, bensì la sua giustifica-
dicendo che chi serve Cristo in questo :tione; solo così il versetto successivo
campo (Év -rov-tcp) fa piacere a Dio ed può continuare con un yap, per cui U
è gradito agli uomini, e può far coeren- non vale 'però', bensì 'piuttosto'94 • Pao-
temente seguire l'csorcazione a perse- lo, accennando a Dio che ci chiama al-
guire 'ttl 'tfjc; Elp-i}vl)c; xa.ì. "tà. "tfjc; olxo- la pace, giustifica guanto dcttO in pre-

".l To 1he Romans (Thc International Cri1ic:.1l 94 Così )OH. \Xinss e 13ACllMAN ad l.
Cummc:mary ' (1907]) adl.
dpfivTJ (W . foerster)

cedenza; ma, come dimostra la parti- uomini. Così in Eph. 4,3: cr1touoti.sov-
cella 'piuttosto', la giustificazione va ol- 't'Ec; 't'T}!)ELV 't'i}V ÈVO't'T}'t'<X. 't'OV 1tVEUµa.'t'oç
tre il caso in esame, in quanto si aLier- È.V 't'cfl crvvoÉcrµ~ 't'ijc; dp1)vT)c;. Simil-
ma in termini generali che Dio ci ha mente in lac. 3,18 : xcx.p1tòc; oÈ OLX(UO-
chiamati alla pace 95• ElpiiVTJ significa o-vv'Y}ç Èv Elpilvn o-T:ElpE't'CX.L 't'oi:c; 'ltOLov-
pertanto qualcosa di pfo del contrario crw ELPTJV'Y}V: il seme, da cui cresce co-
di 'dissidio' in un'unione coniugale te- me un frutto la giustizia, vien seminato
nuta in vita controvoglia; esso signifi- nella pace da coloro che creano la pace;
ca anche qui la condizione, voluta da sii"ìvoc; ed tpdMa. costituiscono l'oppo-
Dio e pertanto salutare, di tutte le cose, sto di dp'l)vT} '11. Difficile riesce stabilire
la 'condizione normale', l'opposto del in che senso siano state intese le paro-
peccato, che ne è il capovolgimento. le ST)'t'T)O"ti.'t'W Elp'l)VT}V xa.i. o~wl;chw
Anche qui, tuttavia, in questa condizio- aù't''l)v in 1 Petr. 3,xr, che fanno parte
ne normale di tuue le cose rientra sen- d'una citazione piuttosto lunga del Ps.
z'altro la 'pace' degli uomini fra di loro. 34; il senso probabile è quello di 'con-
Questo contenuto concettuale di El- cordia' (dr. v. 9 ).
p{iv-11 <.:ht:: a st::rnu<la <lei ::.ig11iG<.:ali ::.i
concretizza in modi diversi, non si può 5 . Elpi)vT) come pace dell'anima
cogliere con altrettanta chiarezza in al- Il significato di 'pace dell'anima' è
tri passi; al massimo si può ricordare sicuramente documentato in Rom. 15,
ancora 2 Tim. 2,22, ove sicuramente il 13 : ò oÈ ~EÒç ·d)ç ÈÀ7tlooç nÀ.TJPWO"aL
testo non vuol dire 'curare la pace con up.a.e, r.ci:crl]ç xa.pG.ç xcx.t Elpi)vT)ç Év 't'(~
persone intimamente pie' 96 , in quanto 1tLCT't'EVELV. Bisogna tuttavia tener pre-
p.E't'ri X't'À. non si riferisce unicamente sente quale è il punto di partenza del-
ad Elp1JV'YJ, ma è da intendersi come 'in l'evoluzione semantica che ha portato
accordo con', per cui dpljvT) in sé po- a questo significato: si tratterà del va-
trebbe significare 'ciò che porta salute'. lore generale che dp-iJvri ha nel N. T.,
Ma certamente vien fatto implicito ri- cioè 'condizione normale, salutare'. Co-
ferimento alle STJ't''liO"E~ç che causano me per la vita esteriore si parla di un
lotte (v. 23). ~Eòc; 't'i'jc; dpi)vT)ç e come Elp'l)v'Y} appare
Invece in una serie di passi dp1}v"I) come la condizione 'normale' dell'uomo
designa senz'altro la concordia tra gli nella sua totalità, cosl Dio crea nell'uo-

95 tv= tlç; v. LmTZMANNad l. che in analoghi contesti usa piuttosto bén =


96 Wo11LENBERG, Pari. ad!.; cfr. anche Mi::1- µt"ta!;u.
NERTZ, Past. ad l. La lingua greca esprime il 97 A. MEYER, Dar Riitsel des Jakobur·Briefer
comportamento pacifico nei confronti di qual- (1930), p. 263 interpreta il passo in senso fiJo-
cuno con '!tpoç, non con µetti., e quest'uso non niano, per cui 'pacifico' vale ' libero da passio-
può neppure esser stato suggerito d.ill'cbraico, ni', qualità della sapicnia celeste.
ElpTJvEvw (W. Foerstcr)

mo come 'salute' la condizione ' norma- 45 ). Nei Padri apostolici si trova in r


le' dell'anima che è 'in ordine, a posto', Clem. 15,1 e cinque volte nel Pastore
di Erma, conforme a I Thess. 5,13.
condizione che non va disgiunta dalla e) metter pace, rappacificare; cfr. Dio
xapci. Perciò il concetto di dpl]v11 è di- C. 77,12,1: 'tÒV ÒÈ 'tW\I 'ApµEvlwv ~a­
stinto da quello negativo della yaÀ.l]v11 CTLÀÉa ÒL<Xq>Ep611E\IOV µE'tà 'tWV lòlwv
-rtalòwv hciÀ.ECTE µÈv q>LÀ.Lxoi:i; ypaµµa-
degli Stoici(~ col. 195 ).
crw wc;
oT] ElpT)VEUCTWV a1hovi;. Nei LXX
si trova in questo senso in r Mach. 6,
t Elp'l)VEUW 60: à.1tfo-rELÀEv 7tpòc; aù-roui; ELP'rlVEii-
crat, 'per concludere la pace'. Questo
a) vivere in pace, aver pace (come senso non ricorre nel N.T. Flavio Giu-
situazione), cfr. BMI 894 1 : dpl)VEV- seooe lo usa in bell. 2, 367 ; v . anche
oucn µÈv yàp ylj xat iM.À.a-na. In que- Did. 4,3; Barn. 19 ,12. .
sto significato è usato anche al medio;
cfr. Polyb. 5 ,8 ,7: Elp11vrno11Évl)c; Èx 1ta- Nel N.T. si trova solo nel significato
À.aLou 'tljc; xwpru;. Nei LXX com pare di mantenere la pace, con tv e µE-rei:.
spesso come traduzione di sqt e siilom Nel passo di oscura interpretazione di
(2 Par. 20,30; lob 5,23; r5,21), di sii-
léw o s•teh (Iw~ 16,13; Dan-4,I), di slh Mc. 9,50: EXE'tE È\I Éau-.oi:c; aÀ.a xat
(lob 3,26). In Flavio Giuseppe si trova Elpt)VEVE'tE Év à.À.À.1)À.oLç, sembra che
solo al medio e al passivo; cfr. ant. II, venga giustapposta la severità della
214: l'.v' 6.1tò 't01hwv Elpl)VEUi>ft 'tWV
autodisciplina alla 'pace' verso gli al-
xaxwv ii ~a(nÀ.da; beli. 6,300: 'tljc;
1tOMwc; dp1]VEUOµÉv'T]c; xat EÙi>l)VOVCTT]c;; tri. In rThess. 5,13 la critica esterna
inoltre ant. 20,49 e vit. 78 . In questo non consente di scegliere tra le lezioni
senso non si trova nel N. T., ma in I Elpl)VEVE'tE f.v Éau'toi:c; e. .. f.v av-coi:c;,
Clem. 54, 2: ).Lévov 'tÒ 1tolp.vwv 'tOU
XpLCT'tOV dp'l)VEUÉ'tw, e in Ign., Pol. 7, poiché quest'ultimo può essere letto sia
1 ecc. m'.rtoi:c; che mhoi:c;. Bisogna partire dal
presupposto che queste tre parole non
b) mantener la pace, vivere in pace
con qualcuno (come compo rtamento) ; hanno alcun legame né con quanto pre-
dr. Aristot., rhet. I , 4 p. 13 59 b 39: cede né con quanto segue. Riferendole
01tW<; 7tpÒç µÈv -roùi; xpEÌ't-roui; EÌpl)VEU- a ciò che precede, dove si parla dei su-
'r}'taL. Nei LXX è usato come traduzio-
periori, la forza dell'espressione risul-
ne di slm (nelle forme hif'il e hof'al) e
in Ecclus 6,6 per l 'ebraico 'nsi slwmk. terebbe attenuta 2• Pe rciò sarà da legge-
La persona verso la quale si mantiene re É<XU'tOL<; = (X.V'tOLç = ÈV CÌ.À.À.lJÀ.OL<;,
un atteggiamento pacifico sta al dativo intendendo l'espressione come esortazio-
(dr. Ecclus 6, 6 : et EÌpl)vEvov•Éc; <roL
fo-.w<r<XV 7toÀ.À.ol, e anche lob 5 , 2 3 ), op- ne a mantenere la pace gli uni con gli
pure è re tta da µE'ta ( cfr. 3 Ba!I. 2 2 , altri 3 . Lo stesso significato ha EÌpl)vEv-

ELPYJVEVW d i q ues to; <l i consciwe nz,1 ha visto in 13" l'idea-


1 Rj stampato in WEN DLA!\ D, lidi. K11lt. p. 4 10 . le, in r 3b l'csigen;:a p ~~r i ca ; ma ciò no n elimi-
nr. 9. na la <l iflìcolà
2 DJSELIU S . Thess. ad l., si è ben resi.> conto 3 U nn confc nn J d i quesrn in te rpretazione si
Elp11v~x6ç (W. Foerster)

ELV m Rom. 12,18: El òuva:tév, -.ò È!; MÀ.ou 't'Òv dpl)vai:ov ~lov ( = dpl)VL-
uµwv, µE'tà miV'tWV à.vìlpCtl1tWV Elp1]- x6ç e).
Nei LXX s'incontra solo EÌpT)vtxéç,
VEUOV't'E<;, e in 2 Cor. x3, I I : Àom6v,
nel significato a) come traduzione di sà-
à.oEÀ.(j)OL, XCXLPE't'E, XCX'tCXp'tLSE<JÌ)E, 7ta.pa.- lom (dibre siilom) in Deut. 2,26 e 20,
XCXÀ.EtO"tlE, 't'Ò cxtrtò <PPOVEL'tE, ElpT)VEVE'tE. 1 I e spesso nel primo libro dei Macca-
In quest'ultimo passo ElpT)vEuE<E sta in bei, come pure in 2 Mach. 10,12, ludith
3,r; 7,24; nel significato b) in I Par.
parallelismo col precedente •Ò m'.nò 12,38: Èv ljluxfi EÌpT)VLXTI (T.M. V. 39:
cppOVEL'tE. b"lè~àb _Jalèm) _e in Gen. 42,11-34, ·do-
ve s1 chiede se 1 fratelli di Giuseppe sia-
no EtP'Y)VLxol ( kenim) o xa-rcicrxo1toL e
t EÌ.p1]VLXo<; similmente in Gen. 34,2 r (Siilèm) e' in
a) ciò che riguarda la pace; Xenoph., 2 Mach. 5 ,2 5. Spesso Etpl)vtx6ç è usato
oec. 1,17 distingue 1tOÀEµLXCXÌ. e EÌP'Y]VL- n~i LXX per designare la parola di pace
xa.ì. Èmcr-.Tjµm; in Plut., Sertorius 6 (1 dr un u~mo, e il suo opposto non è la pa-
5 71 c) si legge: fiµepoç µÈv wv Èv 'ta.i:ç rola ostile, ma la parola di discordia· in
Elp1]VLil<l.t<; XPELClL<;, q>o0EPÒ<; ÒÈ .-fj 7tCX- questi casi traduce siilom (solo in Mtch.
pcxo-xwfi xa.'tà -.wv 7toÀEµiwv cpawéµE- 7 ,3 rende hawwat napso e in Abd. 7
voç. b) pacifico, detto di discorsi e di sta per b'rit). In questo senso si trova
persone, ma anche qui in contrapposto in Gen. 37,4; ~ 34,20; n9,7; Mich. 7,
aila guerra; v. Isoc. 5,3: éìv ò'v1tEÀciµ- 3; Abd. 7; 'IEp. 9,8; 45,22. Talvolta si
Ba.vov -rwv Àéywv ELP1JVLXW'tcx-.ov d - potr~bb~ sup~orre un significato più
va.L; e ancora Isoc. 2,24: 1tOÀEµtxòç !.1ÈV ampro, m cornspondenza con quello di
~O'tlL -rai:ç È7tLO"'tTjµa.L<; xa.ì. 'ta.i:ç 7tr1.0CX- ElpT]vl) nei LXX. Così in Deut. 23,6: où
cr~EU~tç, ElpT)VLXÒç ÒÈ 't<{j µT)ÒÈv 7t~pà 1tpoo-ayopEu<Je:tç dpTJVLxà a.Ù'toi:ç xa~
't'O OLXcxLov TIÀEOVEX't'Etv. e) In senso cruµcpÉpov'ta aÙ'toi:ç, dove il patalleli-
pit1 _ampio indica il contrario di inquie- smo co~ ~vµ<pÉpo~"'l:a. suggerisce il signi-
tudme: v. Plut., C. Gracch. 10 (r 839 ficato dt salutare . In Ecclus 4,8: xÀ.i:-
b): ovx ÙyLCXLVOVO"'Y]ç ovoÈ EÌ.p1JVLxTjç wv vov 1t't'WX<{°) 't'Ò oùç crou, xa.t Ò:"ltoxplìhyn
7tpocxtpÉcrEwç. Elp'Y)va.foç non differisce aihy EÌ.pTJVLXct Èv 1tpa.u-rr1't'L, il termine
quasi da Elp1]VLx6ç; in Hdt. 6,57 si con- significa 'amichevole', in contrapposto
trappongono gli ȵTioÀɵLet yÉpm del alla parola aspra. In ~ 36,37 àxaxla. e
re spartano agli Etp1Jva.i:a. yÉpEa. ( = El- Evìlu'tTJç è iyxa-raÀe:Lµ1.La. à.vìlpwm~ El-
P1JVLx6ç a); in Thuc. I, 29,4 si legae: P1JVLxQ; il contrario è il successivo 7ttx.-
W<; ÒÈ Ò xTjpu!; 't'E cX1tTJYYEiÀEV oÙÒÈv E~­
0
pcivoµot; e:lpl)vtx6ç dunque equi vale
Pl)Va.fov 7ta.pà. 'tWV KoptvlHwv ( = EÌpl)- guasi a 'pio'. In Zach. 8,r6: àÀT]i>ELav
VLX6ç b); e in Philodem. Philos., de xa.L xplp..a. dpl)VtXÒV XpLVIX'tE Èv -.a.i:<;
oeconomia, ed. Jensen p. 20: EÌ à-o' 7tvÀa.Lç Ù!.LWV, si intende giudizio salu-
vayxa.i:6v Ècr't'L ya.J.LE'tlJ xrxt Àvcn-rEÀÈç tare, giusto, regolare.
Elç TTJV <pLÀo<Jocpov olxovoµiav xaì. xa- Filone usa dp11vLx6ç, come ElpT)va.i:-

ha nel fatto che il Pastore di Erma, in tulli 1: (The Intcrnational Critic. Commentary [ 191 2 ] )
cinque i passi in cui fa aUusione alla parola (vis. ad l., riferisce la parola anche ai capi accusa ti,
3, 6, 3; 3, 9, 2.10; 3, i2, 3; sim. 8, 7, 2 ), pensa che nel tencativo di difendersi non avrcbhcro
a rapporti pacifici dei mcmhri della c<>rntmi tà avuto la mano felice; ma anche questa è una
tra di loro. ].E. FRAME, T o the Thi:sl .i!onùms ipotesi ar tilic io~a.
dpTJVO'lt0~6ç ( \VJ. focrster) (llrtr8)2.p

oc;, a proposito della vita dcl saggio che naturali (spec. leg. 2,192 ).
possiede la pace dell'anima; cfr. spec. Una particolare funzione ha la paro-
ieg. r,224 : ò.noÀɵ~ xcd. tlp'l')VLxQ {3ltp la nella designazione dcl sovrano che col
xpwµtvoc;, e spec. leg. 2,45: i saggi {31.ov suo forte braccio porta la pace nel mon-
a7tOÀEµOV XClL ElpT)WJ.~OV ÉSTJÀWXO'ttç. do e per questo dev'essere venerato.
Così Commodo, in Dio C. 72,15,5, si
Nel N. T. si trova solo ElpTJVLxoc;, e chiama ELPTJV07totòc; -.fjç olxovµÉv'Y}ç àvl-
anche questo solo in H cbr. 12,11 e in XT)-toc;. Per essere artefice di pace occor-
re essere potenti cosicché nel gran-
Iac. 3,17. ln Jac. 3,17: 1i OÈ &vwi>Ev uo- de discorso di Antonio sull'assassinio
c,la. npw'tov µÈv à.yvi) Érnw , E7tEL'tO: d- di Cesare le parole yvµvòc; (disarmato!)
pTJVLXTJ, ÉTCLELx·~c;. EV1tEdh]c; ... , in base ò ELpT}vo7tot6c; costituiscono, come le pre-
al contesto ElpTJVLxoc; significa , in con- cedenti éionÀ.oc; ò EvnoÀ.Eµoc;, una anti-
tesi 1 • In quanto connesso con la po-
trapposto a si)À.oç mxpoç e a ÈpdMa. e
tenza, questo mecter pace è chiaramenre
in parnllelismo con 1tPClV'tT}ç, 'disposto diverso da quello che i rabbini esahano
alla pace, pacifico'. In llebr. 12,II: nà.- e la cui enuncia7.ione ('sh slwm) corri-
sponde a quella dcl N .T. : dp'l')vonot6c; e
a-o: µÈv 1ta.LOela. ... ua-'tEpov ... xo:p1tÒv d-
EÌPTJV07tOLÉw2• Infatti l'esaltazione rabbi-
PTJVLXÒv 'tO~ç OL' a.ù·t"i)c; yEyvµvo:<7µivcLç nica della pacificazione si capisce parten-
ànooi.owow oLxa.toauvric;, Ei.pTJ v t x 6e; do dal presupposto che essa è mossa dal-
sembra significare, come attributo d i éì·. - ! 'amo re, dall'umiltà e dall'abnegazione.
X<XLOC'UVTJ, 'salutare' nel significato di~ Nel N. T. si trova solo in Mt. 5,9:
1
Elpl')vri .F 2 . ~ta.x<i:pLot ol dp11vo7to~oi., O'tL a;Ù'tot vtct
ikoii x)..111>-fiacv'tcr.t. Per spiegare la
t ELpT)vonot6c; espressione bisogna risalire al rabbinico
Artefice di pace, inrcsa questa in ser.- 'sh slu.:m, che indic:i l'()pcra di chi sta-
so greco come contrapposto di guerra: bilisce concordia e pace tra gli uomini .
v. Pluc., Nicias 1 r ( 1 5 30 c): vÉwv i)v
xa.t 7tOÀ.Eµc7totwv éiµ.LÀ.Àa (discordia)
È pe rciò erralo pe nsare , col Dausch,
7tpÒç ElpTJV07tCLOÙc; xa.t 7tpEO"~V'tÉpovc;, in che il passo citato alluda ai propagarori
particolare come rradu7.ione Ji fetiales di fortuna e benessere; ma non designa
accanto a u7t~'10o9?9cL (v. Plut., quaest. neppure la pace co n Dio, per il cui co n-
Rom. 62 , Il 279 b ). Filone chiama Dio
ElpT)vonoL6ç e Elpl)vocpuÀat; in quanro seguimento gli uomin i si aiutano a vi-
difende il popolo da nemici e catasmm cenda, come vuo le il Brouwer. Il testo

dpTJv~x6c; Sy11opt .; H. W1Nm SCH: ZNW 24 ( 1925) p. 240


1 R1GGENBAC11, K.om111. I frbr., ad I., coo s.:ar- ss.; K. BoRNHAUSER, Die Berf!.predigt 1(1927)
sissima verosimiglianz,1 dà a ElPTJv~xéc; il sensn p . 42 s.; Fuctts (~col. 19 1, nut::i ) p.207 ; A.M.
di bea titudine che ac.:ompaRna il rag!!,iu:ito BKOUWF-R (~col!. 19 1 s., no ta) p. 24 ss.; 13.W.
fruuo della giusrizia, in contrappos to alla pre- <;ON: Exp. T. 41 ( 1 9 29-~o) p . 58-6o.
cedente mancanza di gioi.i. 1 Dio C. 4449,2. Ciò corri~pon<lc al concet to
dp1)VOlt0~6c; rom.ino di pax ~ Elpi)VTJ n .4
Vedi i commentari a Mt. 5.9, in rarricolare: 2 Anche il Win<lisch ha vi sto quesw diffcren-
Scr11.11T'l'ER, Komm. Mt. ; Z /\11;-.;, 1Ht. ; l),•. v sc lf . ~ .1, rna non
l'ha m..:ss:1 a bbt.s tanza in luce.
El~ (A. Ocpkc)

parla piuttosto degli uomini ciic, senza co e Teodozione, invece del 1totiiawµEv
proprio tornaconto, si pongono per così dpl]vriv dei LXX , hanno ElprivoitOLlJOH.
dire in mezzo al fuoco di due contenden- Nell'unico passo del N .T. in cui com-
ti e tentano di metter pace. Un giorno pare la parola (Col. 1 , t 9 s.: EÙOOX'Y)CTEV
Dio li chiamerà suoi figli, perché riflet- r..iiv -rò 1tÀ1jpwµa ... OL' aÙ'toii chtoxa.·
tono il suo modo di fare. "taÀ.À.a!;a.L -rà. miv'ta dc:; a.ù-r:6v, dpri-
vonot11<rac:; oLà. -.oii aXµa.-.oc; -.oii a-ra.v·
t ELpr)V0'7tOtÉW pou aù-.oii, ot'aù-.oii EL'tE -.à. É1tL -.fjç
yfjc:; EL't'E -.à. Év 'toi:c:; oùpavo~c:;) si inten-
M etter pace. Il medio si incon tra in
Stob., ecl. I,409, detto dell'anima dopo de, corrispondentememe a •sh slwm,
la morte: -.òv ~òtov òpéµov ElprivoitotEi:- 'stabilire concordia e pace'. Un paralle-
't <tt, «essa percorre la propria strada lo è offerto dalle descrizioni rabbi-
pacifica». In LXX Prov. ro,IO si legge:
Ò É'V'VEVC.ò'V ocpi}a)..µoi:c:; µE'tÒ. o6Àov crvvci-
niche della discordia nella famiglia su-
o
YEt Mmxc:;, oè f>..tyx<ùV µE"tà. 7': <1.ppl)· perna (~ col. 2 16). Anche qui, ana-
afa.e:; ElpTJV01tOtEi:. A causa della contrap- logamente a Eph. 2, r4 ss. (-> coll. 2 30
posi:tione con M1tTJ, il significato non ss. ), s'intende certamente la frattura
è da limitare a quello di 'metter pace'.
ma comprenderà anche quello di creare nel mondo terreno e ultraterreno in se
prosperità. In Is. 27 ,5 Aquila, Simma- stesso e nel rapporto con Dio.
\V/.FOERSTER


Sviluppandosi da espressioni locali , il significato carico di valore teologico

ELP'TIVOito~iw in chartis Aegyptiis Ptolemal'Ort1111 .1cratis urn


Cfr. i commenti a Col. 1,15 e H . J. JI01: rz- (Oiss. Jcna 1909) p. 17,30 ss.
MANN, Lehrbuch der nt.lichen Theologie 11 M. JonANNESSOllN, Der Cebrauch der Priiposi·
'(t9n) p. 284s. fionen in der Sepl11af!.i11ta in: Mittcilungcn des
Septuaginca-Unrernehmcns dcr Ges. d . \Xliss.
EÌ.ç zu Gottingen m 3 (1926) p. 293 s-;.
Cfr. LTDOELL·SCOTT, s.v. PREUSCHEN·!3 \UER, s. M. }OHANNESSOHN, Der Gebr"ucb der Carns
v. PxetsrGKE, Wort., s.v. 11nd der Priipositicmcn in der Sept11agi11ta 1
F.PREISICKE, Cirowesen im griechischen Aegyp- (Oiss. Berlin r910) p. 4 s.
ten (1910) p. 147 ss. P. F. REGARO, Co11trib11tio11 à l'Étude dcs Pré-
MouLT.·MILL., s.v. BL.-DEBR. particolarmen te pnsitions dcms la L a11.1:.11? d:1 N.T ( r9 I9), p.
§ 205-207. 402,2. L 56 SS., .)25 SS.
R ADERMACliER1 particolarmente p. r4,2os., t2.?. H. LJUNGVIK, St11die11 :r.ur Sprache da apkr.
I28,140,r45. Apostelgeschichten (Diss. Uppsala 1926) p . .30
W. KUHRING, De praepositio11um Graecarum ss.
in chartis Aegyptiacis usu (Diss. Bonn 1906) G. R uuRF.RG: Er:mos 19 (1922) p. 2ox.
p. 13,28,3 T. G. N. H.\TZIOAKIS, f.inleilung in die 11e11g.ri,•-
J. KASER, Die Priipositionen bei Dionysius vo11 cbiscbc Grammatik ( 1892) p. 210 s.
Halicarnassus (Diss. Erlangen 1915) p..p ss. A. N. jANN,\RIS , Historical Grcek Grommar
C. RossnERG, De praepositionum Graecaru111 (1897) indice, e particolarmente§§ 1))6~:;.
245 ( 11 ,4 18) EÌ.ç (A. Oepkc)

di questa preposizione, pur non man- Àvp.1t6v "t'E xa.ì. oùpa.vòv à.o--rEpoEv-ra. ~p­
cando nei sinottici e negli Atti, raggiun- XECTi}aL; in Heracl., fr. 30 ( r ,84 Diehls):
x6crµov 't'évòE ovn 't'~<; ikwv ov-rE &.v-
ge il suo culmine in Paolo e in Gio-
l>pwnwv Éitoll}crEv, <.Ì.ÀÀ."rjv à.Et xat enw
vanni. Più sbiadito e meno pregnante xat Ecr't'<XL nùp. Secondo Platone le cose
del suo correlativo ~ Èv - ~ i veda la sono contenute nelle idee 1; perciò è dif-
differenza d 'effetto tra Elç Xprn-r6v e Èv ficile che Elç venga usato per contrad-
distinguere il 'passaggio' da un mondo
Xp~cr-.Q! - , pure anche EÌ.ç acquista nel ali' altro 2 • €!; "ALÒov El<; i>EoÙ<; ( = al
N.T. un suo peculiare significato. mondo celeste ?) à.vEÀ.i}Ei:v è designazio-
ne metaforica di formazione filosofica
A. EL<; IN S E NSO LOCALE (Plat., resp. 7,521 c). Per Antipatro di
Tiro il mondo è uno ~0ov eµIJlvxov xa.i.
r. Significato cosmico-soteriologico À.oyLXOV (Oiog. L., 7,1 39 ). o a'JW x6-
o-µo c; è detto il mondo terreno in con-
Nel!' ambito del pensiero neotesta-
trapposizione agli inferi (Iambl. , vit.
mentario dç esprime in modo singola- Pyth. 2 7 ,r 2 3 ). Lo stesso µnci:pcrL~v [ -rflç
ré la concreta relazione che intercorre avw q>ucrEwç] è un concetto immanen-
tra la realtà divina e quella cosmica, che te (Stob. 1,390,12). Per il monismo è
caratteristico il passo di Corp. H erm.
per sé sono divise.
I 6 .3 : 't'ÒV i)Eòv Èmxa.ÀECT6:µEvoç 't'ÒV
Secondo il modo di sentire greco gli "t'WV OÀ.WV ÒECTitO"t'T]V xa.t 1tOLl}'t''l)v xat
dèi fanno parte del mondo. K6crµoç è 1ta.·tipa xa.t 7tEpl~oÀov, -rÒ\I xa.ì. Eva ov-
il concetto che sta sullo stesso piano, 't'G. [ xa.t] 't'ct -r;av-ra, ov ÒEV'tEpoùv-.o;
se non al di sopra, del mondo divino. 't'OÙ tv6c;, à.À.À.'à..µq>o't'Épw" tvòç ov't'oç.
Anche il dualismo della filosofia non Il x6crµoc; VOl}'t'oç abbraccia ( itEpLÉx;wv )
porta alcun radicale cambiamento. Esso anche il x6CTµoç a.lcr~l}'toç (ibid. 16, 12).
separa, sl, spirito e materia, ma da un Filone, nonostante reminisce nze antico-
punto di vista statico, nel senso di un testamentarie e giudaiche, descrive più
idealismo che in ultima analisi è moni- volte l 'ascesa dell'anima senza usare El~
stico. Il x6crµo ç a.lcrìh1't'6ç e il xécrµoç con valore locale (sacr. A. C. 5; quaest.
vol}'t'Oç si compenetrano. L''altro mon- in Ex. 2,45 s.). In vit. Mos. 2 ,288, no-
do', l'aldilà è prima di tutto l'Ade, non nostante l'espressione El<; oùpavov, l'ac-
il mondo del divino. Di conseguenza , se cento è posto sul mutamento qualitati-
si eccettua qualche modesto tentativo vo 3• In zone di influenza orientale non
( ~ coll. 246 .251 s. ), dç non ha alcun di rado si incontra, come residuo mito-
significato teologico. logico, l'idea di un viaggio al cielo 4 dcl-
In H o m., Il. 19,128 si trova: Èç Ov- l 'anima (si veda anche presso i Mane.lei).

K. KRUMBACHER, Studien zu den Lcf!.enden dcs (1889 ) p. 744ss.


hl. Theodosius, Sitzungsberichtc der Kgl. Bayer. 2 F. As-r, Lcxicon Ploto11ic11m I (r835) p. 637
Akademic der Wissenschafteo, phil.-hist. Klas· s. s.v. L'espressione in Plat., soph. 246 a: o~
se ( 1892) p. 364 s. rtlv (i marerialisti) f:Ì.<; yi'jv È!:, oupo:vou xat
DEISSMANN, B. p. 113 ss.; N. B. p. 23; L. O. -cou àop6:tov 7tciv-co; D-.xovcn, va intesa in scn·
p. 96 s., 138,q 7. so metaforico e quasi mitologico.
W/. HETTMULLER, lm Nomen ]esu (190~) p. 3 E. BRÉHIER, Les ldées Philosophiq11es <?I Rc-
99 ss. ligic>uses de Philo11 d'Alexa11drie( r908 l p. 240 ss.
1 E. ZELI .ER, Philosophie dcr Gricchen' ll, r ~ Cfr. RGG~ 11, p. 1898.
dc; (A. Oepkc)

La 'liturgia di Mitra' tuttavia, nonostan- Passi come Ex. 33,18 ss. o ls. 6 sono a
te .l'insistenza su certe barriere che se- questo riguardo definitivi e classici. Di
parano ciò che sta sotto da ciò che sta qui col maturare dei tempi si sviluppa
sopra {ih'.ipaç ct7tOXEXÀ.wrµÉvrxc;, àvovy- la precisa coscienza che «il cielo e i cieli
µivac;, Preisendanz, Zaub. IV 584 s. e più alti non lo contengono», come in
662 ), non usa la particella EÌ.c;. Il con- stile deuteronomistico si esprime la pre-
cetto di éi..vw x6<rµoç (ibid. 569) resta ghiera di Salomone per la consacrazio-
determinato dal polo e dalla rosa dei ne del tempio in J. Reg. 8 27. Partendo
1

venti ( cf r. dc; u\j.ioç = µÉ<rO\I 'COÙ Ò.Époç, <li qui non si può pii1 intendere la dimo-
ibid. 540 s.). ra di Jahvé nel tempio come una pre-
Analogamente la pietà dell'A.T. parte senza naturnle, e tanto meno si può pen-
da una primitiva concezione del mondo sare che indichi un qualche limite di
e da un'idea antropomorfica di Dio 5, Dio; essa non è che una volontaria e
e<l è quanto mai lontana da un'astratta benevola concessione del Dio dell' al-
spiri tualizzazione di Dio. Di conseguen- leanza (vv. 28 ss.). L'idea è resa in ma-
za, si parla della 'discesa' di Jahvé in niera plastica nella tradizione cultuale
forma tale che, in altro contesro, sareb- relativa al santuario di Bethel, .i n Gen.
be senz'altro sentita come mitologica 28,10 ss. Anche ammettendo che le t ra-
(Gen. 18,21; Ex. 3,8; Ps. J8,10, ecc .). dizioni jahvistica ed elohisrica dì que-
È significativo che manchi l' indicazione sto bel racconto contenessero alcune re-
di una mèta a cui questa discesa tenda. P."liniscenza mitologiche, non si può ne-
Si tratta di un cambiamento di luogo gare che nella forma attuale ve ne sono
all'interno di una stessa sfera, non del assai meno di quanto a prima vista non
passaggio da una realtà all'altra (come sembri . Se in questo contesto la preposi-
è particolarmente evidente in Gen. r8, zione dc; non riceve una più precisa sfu-
2 1 ). Che si parli freque ntemente del matura teologica {dr. v . 12) ciò dipende
Dio del cielo e della terra (G'en. 24,3, unicamente da fenomeni casuali di sti-
cfr. 7; Esdr. 5,II; dr. 12; 6,9 s. ) e del- lizzazione.
la dimora di Jahvé in cielo (lob 22 , 12; Il giudaismo ha una marcata avver-
Ps. ir5 1 3; 2,4) non garantisce di per sé s ione verso ogni forma di mitologia e
che Dio sia <li altra natura e stia in al- uno spiccato senso della trascendenza di
tro luogo, al di fuori dello spazio e del Dio; p~rciò le t:spressioni concrete <lel-
tempo . Può invece trattarsi di linguag- l' A .T., che potevano ofirirc lo spunto
gio primitivo, e così è stato effettiva- a fraintendimenti in senso mitologi-
mente (cfr. l'uso di rkb in :rnaloghi co, vengono spesso sostituite con al-
contesti: Deut. 33,26; Ps.18.11 ; 68 ,34). tre e il cielo di Dio è collocato in una
Ora l'elemento che caratterizza la reli- remota lontananza. Ma la divina tra-
gione dell'A.T. rispetto a tutte le altre scendenza, particolarmente nella lettera-
è qucsro: sotto il velo degli antropo- tura apocalittica , è spinta a tal punto
morfismi e antropopatismi, che escludo- che il legame tra Dio e il mondo sembra
no ogni pericolo di evanescente indeter- quasi spezzarsi, anche se, naturalmente,
minatezza, essa sente con impareggiabi- ciò non succede 6 • Il giudaismo, soprat-
le profondità e sviluppa il concetto del- tutto quello rabbinico, ha conservato
la superiorità di Dio su tutto il creato. una viva fede nella provvidenza, esprcs-

' Cfr. per quanto segue W . Eic11ROOT, Theo- 6 KITTEL, Probleme p. i32 s.; MoORE T p. 4r7,
logie des A.T. r (1933) p. rn.4 ss. : lJie Geistig- 42J -42 3 ss.
k<!it d er G otteSv(JrSldlung.
Etç (A. Ocpkc)

sa, tra l'altro, dalle strane forme che in so di modelli stranieri, il cielo di Dio dal
questo periodo assume la fede nei mira- cielo degli astri e arriva cosl a tre, quat-
coli. All'incontro, la fede in manifesta- tro, sette, o addirictura dieci cieli 8• Le
zioni attuali di Dio appare ridorca ad molte giornate di viaggio inserite nelle
una modesta sopravvivenza ( bat qol e Apocalissi (Bar. gr. 4 e passim) so-
simili), e anche allora, a differenza del no un ingenuo tentativo di esprimere
cristianesimo (cfr. Hehr. 1,1., ecc.), seb- in forma plastica la trascendenza del di-
bene s'innahi ai sette cieli il patto e la vino. In tale contesto la nostra preposi-
Torà, non si ha coscienza di aver assi- zione può assumere occasionalmente si-
s tito ad una teofania definitiva e tutta- gnificato teologico (per es . in lub. 4,r5:
via operante. Il fulcro della religiosità gli angeli di Dio, che si chiamano guar-
è ora lo sguardo retrospettivo al passa- diani, discesero sulla terra, per insegna-
to e la prospettiva avvenire, senza che re ai figli dell 'uomo a praticare la legge
con questo venga eliminato il caratcere e la giustizia sulla terra), soprattutto in
statico della concezione dualistica della connessione con la visione apocali ttica
realtà, l'accostamento, o meglio la so- ( llen. aeth. 7 r, r: in ciclo);• cfr. 2 Cor.
vrapposizione, la coesistenza <lei due 12,4: Elc; 't'Òv 7tetpti.orn:rov; Apoc. 8,5 e
mondi visti con la stessa percezione del passim : Elç "t'i}v yfjv ). Le categorie tem-
reale. porali prevalgono solo nella concezione
Il passo di Ex. 15,3: «Jahv!E è un degli eoni . Finitum non capax infiniti!
guerriero, Jahvé è il suo nome», è così ~ a.l.wv 1, coll. .545 ss.
tradotto dai LXX: xupLoç <TVV"tplf3wv Nel complesso, quindi, anche nel giu-
1tOÀɵovc;, xupLoç ovoµa. a.Ù"t<{). Ex. 24 , daismo il significato teologico della pre-
10: «Ed essi videro il Dio di I sraele» , posizione Ei.c; non è ancora sviluppato.
è tradotto nei LXX con xa.t doov "t'Òv
't'01tOV, OV El<T"tTJXH O i)EÒç "t'OÙ 'f<Tpa.i)), . li N.T. fa propria la ne tta separazio-
Nella Mishna diventano d'uso comune ne dei due mondi come concezione rea-
locuzioni come 'il luogo', 'il ciclo', 'il
parlare', 'la dimora', 'il nome'. Tipico è listica, evitando ogni indeterminatezza
il modo in cui i racconti del Genesi ven- idealistico-panteistica, ma annulla la di-
gono riportati nel libro dei Giubilei. In stanza per mezzo dell'idea del compi-
3 ,2 3, per es., vien tralasciato il partico-
lare dci progenitori che udirono il ru- mento delle promesse. Così dall'escato-
more dei passi di Jahvé che passeggiava logia nasce la 'mistica' dcl N.T. 9 , una
in giardino al fresco della sera ( cfr. Gen. mistica di carattere non naturale, ma
3,8 ). L'avversione di Filone agli antro- spirituale e morale. Il N.T. è ben lon-
pomorfismi 7 ha in parte motivi filoso-
fici. Ma anche il giudaismo palestinese tano da ogni mistica dell'identità. L'uni-
distingue nettamente, anche per l'inOus- tà dei due mondi in tanto esiste m

7 Cfr. p. es. le~. ali. 1, 36 (a Cen. 2 ): 11i1 yàp nrscrr, 2 Kor. p . 37r ss. a 2 Cor. 12,2 ss.
-rocrau'tTJç 6:ro7tlcx.c; d:va7tÀT]cr1'ElT]µEv, wcr-cE
voµlcraL ikòv u·dµa"t'oc; ti µvx-r'l'Jpwv òpy6.voL<; 9 Messa in evidenza quasi contcmporancamcn·
xpTjcri)a.L 7tpÒç 'tÒ ÉJ1(j)VTJO'CX.L' linOLOç yàp Ò te da H. E. WEBER, «Eschalolu.1!,ie» und «Aiv-
lh:òc;, où phvov oùx. à.vi>pw7toµopq>oc;. / hid. i , stih im N.T. (19 30 ) e da A. Sc11wF.tT7.ER, Die
43 Filone designa le raffigurazioni antropomo r- Afyslik des Apostels P11ulus ( 19}0). Non è qui
fe di Dio come ttC'É~EL«. il luogo di discutere se il termine «mistica»
8 Raccolta del materiale e bibliografi a in Wlt N· si.1 pi ù o meno gius1ific:110 .
dc; (A. Oepke)

quanto si realizza; ma si realizza in rnoniaci, è un fattore immanente nel


quanto Dio dona se stesso in Cristo. mondo 12•
Ora è in queste condizioni che il valo- b) L 'amore trascendente scende giù
re teologico dell'uso locale di Elc, si svi- nel mondo a recar la salvezza. Quest'i-
luppa nelle seguenti direzioni: dea, inaudita tanto per l'ellenismo quan-
a) Elc, "'t'ÒV ~ x6CJµov in diversi con- to per il giudaismo, appare nel N.T.,
testi delimita il mondo terreno <lella dove assume un significato peculiare al-
creazione nei confronti di altre realtà, lo rché esprime l'origine eterna del Figlio
indicando nel contempo che esso è con- di Dio. La concezione appare già nei pri-
dizionato in due sensi. mi testi del N.T., anche se non dapper-
tutto proposta con la stessa chiarezza.
EPY.EC111a~
dc, "'t'Ò\I xoClµov in I o. 1 ,9 ha
come soggetto tutti gli uomini '0 ; tra- Una fede escatologica ha di mira anzitut-
duzione del!' espressione rabbinica bo' to la mèta, più che l'origine.
l"oliim oppure 'atii' b"olma' 11 , esso non
suggerisce certo l'idea di preesistenza, La tradizione sinottica risulta ben
ma tuttavia richiama qualcosa di tra- fondata in quanto non registra l'espres-
scendente, le cui tracce si riscontrano sione Etc, "'t'Ò\I x:6Clµov con valore soterio-
ancora in I Tim . 6,7: ovo~v d<n]vÉ:yxa.- logico. Anche nelle lettere paoline sim-
µEv dc, "'t'ÒV xéClµov. In Rom. 5,u si di- ramente autentiche Etc, non è cosl pre-
ce che il peccato e la morte penetrano gnante, nonostante la presenza dei ri-
nel mondo dall'esterno, da una realtà sper.tivi concetti (dr. Rom. 10,6; Phil.
ostile a Dio. Se si ha presente il raccon- 2,5 ss.; 2 Cor. 8,9; Gal. 4,4) 13 ; la cosa
to della prima colpa, qui non si può ne- ~embra dovuta all'u nilaterale accentua-
gare che il maligno appaia come tra- zione dualistica dell'idea del cosmo ope-
scendente, e questo, nonostante il nesso rata da Paolo. Ancora nelle lettere tardi-
causale --:) 8~' ~ Évòc, à.vitpwnc'J. Ana- ve del corpus paolino si trovano qua e
loga incertezza in I Io. 4,1 e 2 lo. 7. là espressioni come r Ti111. r,r5; Hebr.
Idee simili vengono espresse dai Gre- 1,6; ro,5.
ci con altre sfumature di significato; cfr .
Anth. Pal. (Pa11adas) X 58: rfjc, b:t~11v Al contrario, la teologi:1 giovannea ha
·r•Jµvéc,, yuµvòc, it' ùr:ò yafo.v il-;-;nµ~. come tema l'invio, da parte di Dio, del
Platone dice, senza una concre ta indi- suo unico Figlio ne! mondo, perché noi
cazione locale: Etc, cùafo.v &ywJ ( soph.
vivessimo per mezzo suo (1 lo. 4,9). Le
219 b).Per i Greci il male. anch(.'. quan-
do è visto come effe tto di influssi de- idee di preesistenza 14, che senza dubbio

IG Pcc l'uso di ÈlJXCi~E·,::,·J ;:-:ì .. in unior'e a n Gli argomenti con cui E. BARNIKOL, Mensch
;.&.v-ca. a.vfipwr.ov , ..:Jr.Sc1H./\TTLR e \\'r.: l ll \L' · und Messias ( 1932): Phili ppcr 2 (1932) nega
SE:-1 , ad I. D'al trn o p inio ne sono ZAH~, B.>LT R che Paolo padi del Cristo preesistente non so-
e T1LL!\1AN~, ad!. no persuasivi.
14 :\onostantc il parere di A. HARNACK, Dog-
11 Ese mpi in Srn,ç1>:-B11 LU <Bl'.CK u , -, -; ~ .i Io . mc11g .• I ( 1909) p . io9 s., 1'import:in7:1 dcl pro-
1,9. l ogo per l' intero Vangel o è indubi c.; hi k . Cfr.
ii K. L\Trr;, Schuld rmd Siii!.le i:7 1h :· .,.-:e.-.'.·i- J f. J. JTonzMANN, ~t. licbc Theologie' 11 ( 19 1 l)
ff i·cn Rdigio11: 1\R\"\I ~0 lr 9 20 -2 1 1. 2 ; ~. < •. ;> . ..;..1 ..~ ss.
253 ( 11,.J21) EÌ.(, (A. Ocpke)

fanno da sfondo a quel pensiero, si svi- zionale della persona di Gesù, l'in-
luppano quasi insensibilmente dai fon- comparabile ò À6yoc; crapç É')'~VE'tO. La
differenza che separa la redenzione con-
damenti generali(~ a).
cepita come un fatto ontologico da quel-
la ridotta al piano morale non può mai
Il passo di lo. 6,14: ò 'ltpoq>1}TI}<; ò esser trascurata(~ J, coli. n85 ss.).
ipxoµt\loç El<; -i-òv xbaµov, va messo in
connessione con quanto detto sopra ( ~ e) L'inviato di Dio giunge nel mon-
col. 251 ), e si riallaccia pure all'~~p­ do supetno passando attraverso l'umi-
XECT~a.L marcatamente salvifico dei sinot-
liazione. Questo motivo nel N.T. è pri-
tici. In Io. 17,18 l'invio di uomini mor-
tali è messo a confronto con l'invio del mario rispetto alla cristologia della pre-
Logos nel mondo, per modo che si ha esistenza.
la dimostrazione di come continui a
mantenersi elastico questo uso di Elç. I racconti dell'ascensione Ei.ç oùpa.v6v
Ma già in Io. 3,r9 -i-ò q>Wç 0..1}Àv~Ev in Le. 24,51 (?); Act. 1,rr {Mc. 16,19)
Elç -i-òv x6crµov segna un ulteriore pro- possono essere più o meno antichi; ma
gresso. Infatti da dove venga e chi sia già il kerygma primitivo afferma çhe
questa luce, è indicato nel contesto: è Gesù fu elevato al cielo, alla gloria di
colui che il Padre dal suo seno (1 o. r , r Dio: ElcrEÀi>Ei:v Elc; ò6ça.v (Le. 24,26);
ss.) mandò nel mondo (lo. 3,17; 10,36) dc; [ '7~\I J ovpa.vov (Ilebr. 9,24; I Petr.
e cl1e, come Verbo fatto a-cX.pt; ( 1, 14), 3,22), dc; Toùc; oùpavouc, ( Act , ,33 s .),
venne nel mondo (u,27; 12,46; 16,28; Elç v"'oç (Eph. 4,8 ss.); V. anche Aci. 3,
18,37 ). Di conseguenza anche alla mis- 21; Rom. I,4 ; Phil. 2,9- rr.
sione degli apostoli deriva un carattere Che l'ascesa al mondo supcrno sia
di eternità.
L'idea giovannea della missione ha preçeduta da una discesa al mondo de-
numerosi paralleli nella gnosi, partico- gli inferi, solo di rado è detto espressa-
larmente negli scritti mandaici. Cfr. mente, ma in generale è p resupposto 17 .
Lidzbarski, Ginza p. 58,17 ss.: «lo sono
l'inviato della Luce, che il Grande ha L'originalità del passo fondamentale
mandato in questo mondo. Io sono il (1 Petr. 3,19; 4,6) consiste nella descri-
verace inviato, nel quale non è menzo- zione delle circostanze concomitanti e
gna» 15• Qui non è possibile sceverare neJle conseguenze dogmatiche 18• In con-
nettamente e con sicurezza gli elementi testo corrispondente si trova Elc; in Rom.
precristiani e non cristiani. La loro stes- io,7, altrove ~v (cfr. anche Mt . t 2,40).
sa portata è stata più volte sopravvalu- Invece in Eph. 4, 9 dc; -i-à xa:tw-rEpa.
rnta 16• Ma anche se essi fossero stati µipn -tii:; yijç (gen. epesegetico!) si de-
fecondati dalla concezione giovannea dcl ve intendere nel significato ~ b). Su
motivo cristiano, ciò non spiegherebbe q uesto cfr. anche Apoc. 1,r8. Come pa-
ancora il punto essenziale, cioè l'accen- ralleli si possono ricordare, accanto a
to posto da Giovanni sul carattere ecce- 2 Reg. 2,1 ss., antiche scene di diviniz-

15 Copioso materiale in R\1.:ER, ] oh. p. 55. sto degli Atti ): «non lascerai la mia anim'I nel-
l'Ade» (cfr. WF.NDT, A f.. , ad f. ) ~ sotto r l.
16 Cfr. H. Eù1 Beitra?. zur Man·
LIETZ,"1A!\N,
IS Per l'esegesi v. W1No1sc11, Ptbr., ad f., con
difrrfrage: SAB 28 (1930) p . ;;96 ss.
materiale preso dalla storia delle rdi~ioni e
17 Il passo di Act. 2,2 7 va trado tto ( no:I c·ontc· d.11Ja dogma tica e con alcuni cenni b:bl :-.i~rnfid.
255 ( 11,422) ciç (A. Ocpkc)

zazione, per es. nel culto dei sovrani 19, L'ubbidienza (della fede) porta alla vita
e anche certi miti come quelli dcl viag-
tlç ('t'i)v) swiJv (Mt . 7,14; l8,8 s.);
gio di Ishtar agli inferi 21', e in senso
Elc:; TTJV xap<iv ( Mt. 25 ,2 r .2 3). Non di
più esteso il generico motivo di viaggi
rado il pensiero è espresso metaforica-
al cielo e all'inferno 21 , come pure espe-
mente: dr. Elç 't'lÌV à7toD'l)xl]v (Mt. 3,
rienze analoghe nell'ambito delle inizia-
r2 par.); dc; 'tÒv x6À.7tov 'Aç3pa.<iµ (Le.
zioni misteriche ( Apul., met. I I ,2 3 ss.;
16,22). Per lo più si presuppone una
Plut. in Stob. 4,1089 ,3 ss.). Ma anche escatologia macrocosmica; dr. soprat-
qui non si può trascurare la diversità
tutto: Elç 't1}v ç3a.cnÀ.Elav (•ov i}toù, 'twv
delle situazioni religiose.
ovpa.vwv) con ELCTEÀ.i}Ei:\I (Mt. 5,20; 7,
d) Mediante l'azione salvifica l'uomo 2r; r8,3; Mc. 9.47; ro,15 [Lc.18,r7];
vien posto con assoluto rigore di fron- io,23.25; Io. 3,5); con ELCToooç (.2 Petr.
r,rr); con 1tpociytw (Mt. 2r,3r); con
te alla decisione circa la mèta cui la sua cr~snv (2 Tùn. 4, 18); con ç3LastcrDa.L
strada deve condurre. tlç esprime le due (Le. i6,16). L'unico passo di Giovanni
possibili direzioni. contiene quasi una lontana eco dell'an-
nuncio sinottico. La stessa concezione
La disubbidienza, e questo concetto si ha in Paolo (cfr. i Cor. 6,10 con Le.
comprende anche la mancanza di fede 10,25); ma egli non usa El<;, il che è
(~ V'lta.xol} ), porra alla rovina. forse un segno di inizio di spirirualiz-
2a2ione {~ coli . :>9 s .); invece lo im-
Ciò è detto da una serie di espressio- piega quando si tratta dell'attualità del
ni, alcune del.le quali metaforiche, for- regno di Dio (Éppucrino i}µii.c:; Éx 'tijc:;
mate con tlç c con verbi significanti 'an- Èl;oucrlac:; -tov crx6-.ouc:; xa.t µE't'ÉCT'tl}CTEV
dare, condurre' ecc., che si trovano pre- Elc:; -tiiv {3a.crLÀ.Ela.v -cou vtov Tijc:; àya~
valentemente nei sinottici:Elç à1tWÀ.E~a.v 1t'I% mhov, Col. I ,r 3 ). Questa traspo-
(Mt.7,r3; Jlpoc.17,8.rr); dç ('t1}v} yÉ- sizione nel presente è caratteristica so-
tvva.v L'tOV 1tup6ç] (Mt. 5,29 s.; Mc. 9, prattutto della teologia giovannea: il
43.45 .47 par.; Le. 12,5 ); dç ( -cò) 1tÙp ( TÒ fedele Elç xplcrw oùx EPXE'ta.L à.À.À.à µE-
a.lwvLOV, TÒ &cr{3ECTTOV}, (Mt.3,10par.; 7, ..-a~É{31']xEv Èx 'tov i}avchou Elc:; 't'i}v sw-
19; 25,4r; Mc. 9.43; Io. 15,6); El<; 't'i)v 11v (lo. 5,24; dr. I lo. 3,14).
À.(µvt)'J (Apoc. 19,20; 20,3.ro.14s.); r Greci usano l'espressioneElc:; "ALOOIJ.
EL<; xaµwov (Mt. I 3,42.50}; dç q>UÀ.a.- Di contro l'espressione µt'tEÀ.i}Ei:v tlc:;
xi)v (Mt. 5,25 par. ); tlç -.ò crx6Toç TÒ TÒ\I aiva.o\I (eterno) xbcrµov (Ditt., Or.
ÈçwTtpov (Mt. 8,12; 22,13; 25,30); Elç 56,48), su una pietra sepolcrale del sec.
x6À.a.CTLV a.lwvLOV (Ml. 25,46). Il signi- ne a.C. trovata a Kanopos, resta piut-
ficato locale non può essere miscono- tosto isolata. Le gioie dci beati e i tor-
sciuto. Il luogo indicaco è quello del menti dei dannati vengono descritti a
quale han timore anche i demoni (Elç vivi colori, soprattutto nella letteratura
't1jv &{3ucrcrov, Le. 8,31). misterica, in particolare nell'orfismo 22•
19
Così la raffigurazione dell'apoteosi di Anto· vola v, 2.
nino e Faustina sulla hase della colonna anto- 20 RGG' 1, p. 7 1 r.
nina, oggi nel Giardino della Pigna in Vatica- 2t RGG 1 11 , p . 1897 s., r967 s.
no. Cfr. W. AMELU:-iG, Skulpturen des Vatika- 21 Sulla Nckyia delfica d i Poligno10 cfr. P~us.
niscben Museums 1 ( 1903) p. 887 ss. tavoia 10 ,25-31; E. Ro110t:, Psyche'· 10 1 (r925) p . 3 17
116; L.DEUllNER, Rom.J\.li1tt'il11ngen 27 ( 1912), ss. Le arti figurative ci conservano molto mate·
p. r ss.; dr. Wt.:NDLA:-<O , Hd/. Ku/t. p. 4 2 3, rn- riak· auravcrso le decorazioni delle t0mhe c1ru-
dc,(A. Ocpke)

Anche nel giudaismo tali descrizioni non quando egli entra in sé, ritorna a se stes-
mancano (Hen.aeth. 24-25; b.B.B. 74b: so {Elç Èav•Òv ÈÀ.i}wv, Le. 15,r7).
gli Israeliti gusteranno con trasporto
b) Con verbi mandare, dire, insegna-
degli animali favolosi apprestati per lo-
ro fin dalle origini; cfr. d'altra parte re, annunciare, predicare, dc; designa la
Bar. gr. 4 all'inizio, e<:c.). Esse sono pe- direzione in cui si trova la persona a
rò, specialmente per quel che riguarda cui ci si rivolge e significa a; sovente
le gioie dei beati, relativamente mode-
rate. In 4 Esdr. 7 ,81 ss. si trovano chia- sta per il semplice dativo.
ri sintomi di spiritualizzazione. Ancora Gesù è mandato alle pecorelle perdu-
più pudiche, e perciò efficaci, sono le te (Mt. 15,24); Dio fa conoscere Gesù
espressioni usate nel N.T. Solo nell'A- al popolo (Ei.ç ùµiiç, Act. 2,22); il van-
pocalisse di Giovanni e più tardi nella gelo dev'essere predicato dc; itci.v-ra -rà
cosiddetta Apocalisse di Pietro 23 si nota Eìhn) (Mc. r3,10; 14,9; Le. 24;47; cfr.
l'infiltrazione di una certa fantasia in- EÌ.ç ùµiiç in I Thess. 2,9; EÌ.c; ùµiiç 1tÀ.1}·
fernale dalle forme sadiche. pwcrcn •Òv À.6yov -rou ilEou, Col. l ,2 5 ).
Analogo è l'uso di ~ Èv nel N. T., Il Cristo giovanneo parla dc; -ròv x6cr-
anche se questa particella non è altret- µov (lo. 8,26). Analogamente il termine
tanto pregnante. di dc; può essere anche un oggetto ina-
nimato: itÀ.'l'}pouv -ròv À.6yov EÌ.c; -rètc;
2. t'uso psicologico à.xoàç -rou À.aou, Le. 7 ,I; dc; -rèt ÙitEpÉ·
XEtva ùµwv EùayyEÀ.lcracrihL, 2 Cur.
a) dc; designa l'insinuarsi di influssi xo, l 6. L'accezione fondamentale locale
sia perniciosi sia benefici nel centro del- si ha nella frase li.p'tovç ~xÀ.rwa dc;
la personalità. -roùç 'ltEV'taXLCTXLÀlovc; (Mc. 8,r9); essa
si ha anche in I Petr. r ,25, ma talmen-
Si parla di demoni che entrano nel- te sbiadita che EÌ.ç sta semplicemente
l 'uomo (Mt. 9,25; Le. 8,38; cfr. anche per il dativo. Con verbi di annunciare
Mt. 12,44 par.), di Satana che introdu- seguiti da nomi di luogo, dc; sta per
ce il male nel cuore dell'uomo (Io. 13, ~ È'V.
2 ), o entra egli stesso dentro di lui (Le.
Nell'uso frequente di tutti questi co-
22,3; Io. 13,27). La prima espressione
si usa, in determinate circostanze, anche strutti, che in sé appartengono certo al-
a proposito di Dio giudice (Apoc. 17, la buona grecità, ma a cui si può co-
17; cfr. ls. 6,9. 10; Mc. 4, 12; Rom. 9, munque pervenire anche partendo dal-
18). Invece Dio manda il suo spirito
j 'ebraico, il Cristianesimo rivela il suo
nei (cuori dei) fedeli (I Thess. 4,8; Gal.
4,6). carattere di religione della parola, del
In opposizione allo spostamento pec- discorso, del comando, della parola udi-
caminoso del centro di gravità, il racco- ta e dell'ubbidienza (~ À.oyoç, EvayyÉ·
gliersi dell'uomo in se stesso signifìca il
ristabilimento della condizione normale. À.LOV, X'T}!)UO'CTEL\I, x'l)pvyµa, Ò:XOUH\I,
Il ritorno del figliol prodigo comincia àxoi), Ù1taxo1) ).

schc. Cfr.F.Wer,r:E, Etruskische Malerei ( 192 r ); (S isifo e Tizio) ecc.


foto Alinari 26096 (defunti danza nti), 26098 ~· Sulle possibili rela:.doni con l'orlisnio cf r. A.
(uomo e donna al banchetto dci defunti), 35838 D1n 1:NtCH, Nekyia' ( 1913).
r~ç (A . O epke)

Horn ., Il . I ,402: xa.À.foao-' Éç µa.xpòv ficativo che non ov 'lta.pEo6i}'Y}-cE o oc, 7ta-
" OÀ.vµrtov; Hdt. 8,26: El1tEiv É<; miv- pEooi>11 ùµi:v. Il contesto suggerisce l'im-
"ta.<;; Thuc. 1,2 3: a.l È<; "tÒ cpa.vEpov À.e:- magine di un prigioniero che vien dato in
46µe:vaL al-cla.L; Plat. Tim. 28 c: 'tÒV consegna ad un'altra potenza 24 . Si ricor-
'!tOL'Y)'t'Ì)V xcd '!ta.'tÉpa. . .. 'tOÙ '!ta.V'tÒc:; ... dino ancora npocrcxywyi) •.• dc; -ri)v xO:pw
dc, miv-ra.c, ciovva.-rov À.É4ELv. Gen. 24, (Rom. 5 , 2) e f..LE-ra-rli}Ecrt}a.L dc; hepov
28: &:v1}yyEtÀE Elc:; 'tÒv otxov wattagged c.v~yyÉÀ.tov (Gal . r ,6 ). I Greci dicono:
l'bét (cfr. I er. 5,20). Nei LXX, come Elc:; 7tovouc:; xa.t <pò(fovc, xa.t À.vmx.c, D.t}Ei:v
spesso anche nel N.T.,s'impiega con(È~)­ ( Plat., leg. r ,6 3 5 c ).
a.nOO''tÉÀ.À.w, secondo il buon uso greco,
'ltpÒc, (Ex. 3,10; Ter. 7,25 ecc.), con X'Y}-
pwcre:w ed EÙa.yyùl~Eo-ì>at il dativo (Is. B. L'uso TEMPORALE D I Elc,
6 1,1). Cosi anche in Corp. H erm. 1,27:
TJpyµaL X'Y}PVO"O"ELV -rci:c, &.vi>pW1tOLC, "tÒ r. In senso strettamente temporale,
'tfjC, EÙO"E~Ela.c, xa.t yvwa-e:wc, xci.À.À.oc,. quando viene indicato un de terminato
m omento, Elc:; significa fino (a) ( cfr. «per-
3. Etc, come indicazione di una situazione severare dc, -cÉÀ.oc,», fino alla fine, Mt.
ro,22; 24,13 par. ), a meno che non si
QuesL'uso confina con quello regisLra- tratti del significato ~ C, che è pure
to sotto ~ D. Alla base sta sovenLe da prendere in considerazione: fino al-
l'idea di condurxe, ecc. (forse anche con l'estremo, completamente. Il significato
si ha in contesti escatologici, anche altro-
costrizione). I discepoli pregano di non ve: Dio si dimostra fidato ELC, ÈxElV'Y)v
essere indotti dc; nELpacrµÒ'J ( Mt. 6,1 3 -.i)v T}µÉpav ( 2 Tim . r,12). Se viene in-
par.; dr. Mc. 14,38 par.; r Tim . 6,9). dicato un lasso di tempo, allora vale
per: cfr. ELC, E't'Y} TtoÀ.À.ci. (Le. 12,19), so-
Dio ha coinvolto tutti nella disubbidie n- prattutto in formule fisse designanti la
za, per aver misericordia di tutti (Rom. eternità ---+ a.ì.wv, ye:vEci.. Su Ei.c, 'tÒ ~
II,32). Hidurre nell'ambito dell 'ubbi- 1tCXV'UÀ.Éc:; ~ col. 26 2.
diem:a di Cristo ogni tentativo di ribel- Hom., Tl.r4,86: Èx vEÒ'tll'tOç..• Éc; yfj-
pa.c,; Tl. r9,32: Elc, ÈVLa.v-r6v, per un an-
lione, assoggettare all'ubbidienza di no. dc; -rÉÀ.oc:; in Hdt. 3, 40 significa
Cristo, è compito dell'apostolo ( 2 Cor. semplicemente alla fine, e lo stesso si-
10,5). gnificato ha anche in Le. i8 ,5 25 . In I
Thess. 2 ,16 l'uso sembra basarsi su una
Rom. 6, 17 è forse da spiegare in mo- locuzione ebraica {dr. \jJ 76,9; lob 14,
do analogo. Siccome l 'espressione v7ta- 2o=li111esah; test. L. 6,11: E<pÌ}ao-E OÈ
xovEw dc; non è corrente, l'altrazione a.ù-roùc, .;j ÒpyiJ -roù i>EoÙ Elç -rÉÀ.oç ), per
va risolLa in V'!t'l')XOuva.'tE -rv-::w. OLOa- l'eternità; cfr. Dibelius, Thess., ad l . TI
xfic,, dc; ov na.pE06i}11-rE, che è più signi- valore temporale della fo rmula non è

24 B1..·DE11R. § .294,5 ; ZA11N, Rom., ad l. Cfr. te andrà attribuita importanza al prese nte Ép-
Rom. i,24.26.28. xoµÉvl] (invece di tMovcrcx). La progressione
risulta più forte se v1twm6:l;w viene inteso nel
~s 81.. -Dr.llR. § ···20; ,3 vorrchbcro tradurre «af- suo significato proprio di 'picchiare'. Anche la
finché essa non mi distrugga del tutto c:-1 ~uo situazione depone contro un'interpretazione
continuo venire». ed estendere a n111i i passi che riferisca ti.e; -i:D..oç esclusivamente a vv.w-
l'intcrprcta7iOnc m11d.1lc ~ C. :'-Li c!ifficilmcn- nuil;n.
(~e, (A. Oepke)

26
del tutto dimenticato nella koiné • CiCX.V dç SWiJv aÙ;iVLOV, cioè cibo che du-
ra fino alla vita eterna, per la vita eterna ,
2.Nel N.T. è più frequente il senso che serve per la vita eterna 27 ; cfr. 4,36.
temporale-finale, quando si compie una Nella grecità profana questo uso tem-
azione, si constata uno stato di cose o porale-finale sembra abbastanza comu-
ne solo quando si tratta di un lasso di
si tende a conseguirlo, con la previsione tempo; dr. µtcri}ooo'tELv ·nva.ç dç E;
di vederlo entro un preciso termine di p.ijva.ç (Diod. S. x9 ,r5,5); ii Etç ÈvLau-
tempo: -ròv xnµÉvTJ oa1tav11 dç -.òv µfjva oa-
7tav<i•aL, «l'importo della spesa fissato
µEp tµviiv, '"l)PE~v dç -.i)v a.vptov, per un anno viene speso per un mese»
provvedere per il domani, metter da (Xenoph ., oec. 7,36). Invece quando si
parte per il futuro (Ml . 6,34; Act. 4,3; pensa a un determinato momento, que-
dr. lo. r2,7; Act. 25,21); fintp.cwµÉvot st'uso temporale-finale nella grecità è
dç •-i)v wpav (Apoc. 9,15). Il giorno di raro. Si può confrontare Plat., Hi. r
Gesù Cristo riappare senz'altro come il 286 b: µÉU.w èm omcvuvav Eiç -rpl-.nv
fine sia del piano divino di salvezza che 'Ì)µ Épa.v, «voglio tenere la conferenza
delle aspirazioni dei fedeli . In vista del dopodomani»; P . Par. 43, 5: 7ta.pay(-
giorno della redenzione questi hanno ri- VEcri}a.L dc, •Tiv 'Ì)µÉpa.v. Manca però la
vera e propria sfumatura finale. Analo-
cevuto il sigillo dallo Spirito (Eph. 4,
30 ). Essi si sforzano di essere irrepren-
go valore, ma con una sfumatura finale,
sibil i, d i avere buona fama, di costruirsi troviamo in Act. 13,42; L e. 1 ,20; 1 3 ,9 .
una buona base dç 1]µÉpa.v Xptcr'tov, dç ~F .r.
•Ò µÉÀ.À.ov (Phìl. r ,10; 2,16; r Tim. 6,
r9). Tra 2 Petr. 2,4-9 ; 3,7 e I Petr. 1,5 C. USO MODALE
la differenza è appena percettibile. Que-
sti passi gettano luce sul duplice senso In qualche caso dç designa l'inten-
che la parola ha in Gal. 3 ,2 3 : È<ppovpov- sità.
µEi}a crvyxÀ.noµEvot EÌ.ç -rl}v µÉÀ.À.ovaa.v
'ltLO''t"LV à:1toxa.À.ucpi}fjva.t, e 3 ,24: ò v6- lo. 13. r: EÌ.ç -.ÉÀ.oç 'JÌyr.btTJCTEV, ha va-
µoç 1Jµ~v 'lt<J..LOaywyòç yÉyovEv d.ç XpL- lore anzitutto temporale, suggerito dal
(j'-r;év, cioè fino alla fede, a Cristo e, nel precedente participio, ma presenta pu-
piano di Dio, ad ambedue le mète. Tal- re una connotazione modale: fino al-
volta , soprattutto quando parla il Cristo l'ultimo, con perseveranza, fino all'estre-
giovanneo, il significato co incide con m o 28 ; analogamente Elç "tÒ 'lta.V-rEÀ.Éç
quello esaminate sotto~ D ; cfr. Io. 6, (Hebr.7 ,25 29 ; dr. Le. 13, II )30. Più chia-
27 : Èpya.1~,E(j'i}E -rl)v 0pwcrLV 't"YJV f.lÉVOV- ro è 2 Cor. IO ,I 5: µEya.ÀuvlHjvcu ... dç

26 Cfr . Veri:iffcntlichungen aus der Papyrus- 27 Analoga imcrpretazione in Z AIIN, ]oh., ad l.


sam mlung der K. Hof- und Staa tsbibliothek zu 28 Per ZAHN e TrtLMANN (ad l.) esclusivamen-
Mi.i nchcn , 1. Byzanrinische Papyri (ed . A. liEI - t e temporale, per BL.-DEBR.§*207,3 puramente
SENllf.RG e L. W F.NGER, i 9 14) 13,70 (scc. VI d. modale (dr. H . P ERNOT, Etudes sur la Langue
C.! ) : dç ·tD..oç <1\)VEÀcicra~, portare a termine des Evangilcs [19 27 ) p. 207; A. D EBRUNNER :
(cfr . anche P Rf.I SIGKii, WiJrt., s.v. -cO,oç). Qui G nomon tv [ 1928) p. 444). Secondo B AUF.n,
la formula si avvicina al più comune dç i:òv ad l. e P RF.lJSCitF.N-B ALltR, s. v. 3 in questo pas-
c'i7t<X.V't<X. xp6vov (P . Oxy. vm 1u3,r 8) e a Elç so connuiscono ambed ue i significati.
-::òv àd xp6vov (frequente nella chiusa delle 29 TI contesto immediatamen te successivo inùu-
Je nne ). ce ad una in tc r;) ~ct azione temporale (Vg., syr.,
Elç (A. Oepke)

7tEpr.<rCTEi.a.v, trovar riconoscimento in quello causale è documentato in Rom.


misura abbondante. L'espressione Elc:; 't'à. 4,20: d.c, "tfi\I ÉltayyEÀ.lav où otExpmlJ,
aµnpa. xa.vxéiCft}a.L in 2 Cor. 10,T3 .r5 in vista della promessa, in considerazio-
distingue qualitativamente più che quan- ne della promessa di Dio, non dubitò.
titativamente, tra il gloriarsi ingiustifi- Corrispondentemente µe't'avodv dc; 'tÒ
cato, in quanto derivato da meriti altrui xl)pvyµcx (Mt. 12,4I; Le. II,J2) signi-
(Èv à.À.À.o't'plotc; x67totc;), e quello legitti- fica «far penitenza in conseguenza della
mo. Con espressione pleonastica 31 Pao- predicazione»; dc; "tà. lhotµa ~ xav-
lo, in 2 Cor. 4,T7, dice che la lieve tri- XàCTi}aL (2 Cor.10,16) vale «gloriarsi per
bolazione attuale produce xcxi}' Ù7tEp~o­ il lavoro compiuto da altri» ( ~ col.
À. Tjv Elc; Ù1tEp~oÀ.1}\I (lett. di eccesso in 26 3) 32• Similmente nell'espressione Elc;
eccesso) un eterno cumulo di gloria. Cir- Éav't'òv µ6vov 't'Ò ~ xo:vxl]µa E!;Et ovx
ca le espressioni cXitÒ oo!;l}c; Elc; o6!;o:v e elc, 't'Òv hepov (Gal.6,4) non si fa riferi-
Èx itLO''tEtùc:; Elc; 1tLO''tL'll ~ sotto, D, J a. mento a più o meno tacite manifestazio-
ni di autoesaltazione, bensl, come mo-
Elc; -rÉÀ.oc; "t"OV"t"ÉCT·n 1t(.t.V'tEÀ.wc; (Dio- s tra lo stesso contesto (vv. 4a. 5), alla
doro, in Ps. 51,7 [MPG 33, 1589 b]); materies gloriandi: quando un onesto
-r'Ì]v vlxl}v Èc; -rÉÀ.oc; è!;Etpycl.<rav.o (Ap- esame di coscienza non sia già di per sé
pian., Rom. hist. beli. Mithridaticum sufficiente a dissuaderlo dal gloriarsi,
44); <iva.BtBauw <rE Elc; -rO..oc:; (Gen.46, l'individuo giustificherà questo suo at-
4; Ios. 8,24; 2 Par. 12,12; 4i 73, r; lob teggiamento in base a criteri di valuta-
6,9; 2 Mach. 8 , 29); Elc:; -rò 7ta.v-rEÀ.Èc:; zione suoi e non altrui, e sarà 6ero sol-
Ò:<pavLCTt}fjvo:L, esser distrutto completa· tanto per sé stesso, non per gli altri ( =
mente (Philo, leg. Gai. 144; Flav. Ios., xa't'à. -rÒ\I xa.v6vo: TjµWv ... ovx Èv a.À.-
ant.1,267; cfr. 3,264.274 ; 6,30; 7a25). À.o"tpi.ip xavovL, 2 Cor. 10,15 s.) 33 •
Invece in senso temporale per sempre
si ha in Ditt., Or. 642,;>: Elc; -.ò 'lt!X.V'tE- Cfr. P. Gicss. r 66,9 (scc. II d. C.):
À.Èc; alwvtov ·tuµ-iJv; P. Lond. III 1164 Èpw"tw o-E Ei.c; ( =lat. per) -r'Ì)v -rwv t}Ewv
s. II ; Diog. L. 2, 6, 5 r: <pi.À.oc; i'jv ELc; EÙCTÉ~ELO:'ll, ti prego per il timore degli
V'ltEp0oÀ.1)v; Eur., Hipp. 939: Elc; V1tEp- dèi (~ otcl. 11, coli. 9r4 s. 918).
~oÀ.'Ì)v 1t(.X.\IOupyoc;.
2.Elc; designa la destinazione: Mt. 5,
D. Elc; COME ESP RESS!ONE or RAPPOR-
22; Cor.n,22; r4,22; Col.2,22; Iac.
1
TO LOGICO
5,3; Apoc. 22 , 2.
1. Tn rari casi El.e:; indica il motivo. I n contesti di caraltere religioso si
Il passaggio dal significato locale a tratta <li:

kopt. ; W1N1lls C11, Hbr. e RollR, Hbr .. ad l.). interpre tazi o ni). La co ll oc~zionc e il senso fan-
Ma il valore mod:ilc no n può essere escluso no propendere per la seconda ipotesi.
(armen ., R 1cc.;EN 11AC11, Komm. I Tbr., ad f.). Cfr. 31 I tentativi di se mpli ficare il conresro con
v. 1 1: "t'EÀEl'.<>O'~ç. La salvezza è eterna e pcr- un'espunzione non si accordano col caratte re
tanco perfetta. <lell'espre~~iont:,dr. WINDISCH, 2 Kor., ad l.
30 Puramente modale. Da riferirsi o :i llYJ Sv- JZ \X'1No1sc11, 2Kor., propone di kggerc: d;
vaµÉVT) ('essa non poteva affatto lt:v:irsi'; Vulg.: -r:à ÉnpoµE~pa (oppure tlç "t'à Èi:Épotc, 11Ept·
11ec om11ì110 poterai) o a civaxiiljlm ('essa non crOlv-ra) ùéì.ovi:<c, xavxi)O'acri>a~; nia non rie-
p<>teva levarsi pcr/et1ame11te', dr. KLOSTER- sce convincente.
MAN:-1, Lk., ad I.; sy' e sy' pcrme11ono le due J3 Cfr. S!l;rn.:wr, Gt1!. ad I.
dç (A. Ocpkc)

a) destinazione voluta da Dio. messi da parte dei missionari destinati a


compiere un 'opera a cui egli li ha chia-
Gli angeli sono spiriti che compiono mati (Act. r 3,2). Il mandato del Signo-
un santo servizio, che vengono mandati re per la celebrazione della cena suona
a compiere il loro ministero a favore di cosl: 'tOÙ'to noLfrtE Elc; -i:Tiv €µ1)v &.v&.-
quelli che devono ereditare la salvezza µvricrw. Queste parole possono esser sta-
(Hebr. 1, 14). Mosè era ikpcX.nwv Elc; te aggiunte da Paolo riecheggiando le
µa.p-r upLov -rwv À.a.À.T}ih1croµÉvt1w, un formule greche di legazione, ma certa-
servitore destinato a testimoniare ciò mente rispecchiano il pensiero di Gesù
che doveva esser detto (Hebr. 3,5). Ciò (I Cor. I I ,24 s. ). I fedeli devono fare
che si legge nella Scrittura fu scritto ad tutto ciò che fanno a gloria di Dio (I
ammaestramento delle future generazio- Cor. 10,3 r ). La linea di separazione tra
ni (Rom . 15,4). Paolo sa di essere desti- questo significato e quello riportato sot-
nato all'annuncio deJla buona novella to ~ D 3 a è incerta.
(Rom. r, r ). I suoi lettori non sono de-
stinati all'ira divina, bensl all'acqui- EL<; designante la destinazione può
sto della salvezza (r Thess. 5, 9; 2 corrispondere all'ebraico /• (Gen. 3,6:
Thess. 2, 13), ad esser figli di Dio :xa.À.òv -rò l;vÀ.ov Elc; {3pWc:rw ;::: tob ... le-
(Eph. t ,5 ). Dio ha fatto rinascere i fe- ma'akol), ma non è un calco sull'ebrai-
deli ad una speranza viva, ad un 'eredità co. In greco è abbastanza frequente in
incorruttibile (r Petr. 1,3 s.). Nel pen- formule, particolarmente di tipo sacrale.
siero del N.T. però, accanto ad una pre- Cfr. Inscr. Priene 50,39 (sec. n a.C. cir-
destinazione alla vita eterna (Act. 13, ca): 'tCXÙ"t"a. ÒÈ Etva.L Elc; q>uÀ.a.:x1)v -i-ijc;
48: 't'E't'a.yµÉ\IOL dc; ~WTJV a.lWVLOV ), c'è 1tOÀ.Ewc;; Inschr. aus dem Delphinion zu
anche q uella dei ribelli a cadere, che Milet (ed. G.Kawerau e A.Rehm, 1914)
trae origine dal giudizio di Dio pur sen- 134,33 ss. (scc. I d .C.): 'ta.Ù'ta: oÈ EL\la.L
za avere il carattere di decretum absolu- Elc; EÙO"É{3ucxv 'tW\I 't'E ~EWV xa.t 'tW\I LE-
o
tum, cfr. r Petr.2,8: dc; (scl. npocrxo'lt- {3 cx.<i't'WV xa.t ò Laµ o \I Ti V 'ti'jc; 'ltO À.Ewc;,
-rELV ) xa.t héi)T}cra.v (~-rcX.crcrw, 'tL~l"}µL ). «ma questo serva alla pia venerazione
Dio, anche se non ne ha la precisa in- degli dèi e de lle maestà, come pure alla
tenzione, ba tllttavia il diritto e il po- conservazione della città»34 • Il testamen-
tere di prcpamre vasi destinati sia alla to di Epicuro (Diog. L. ro,18) dispone
~ anwÀELa. che alla~ o61;a. (Rom. 9, che si faccia un pranzo commemorativo
2 r ss.; espressione meno cruda in 2 Tim. in onore dello scrivente e di un suo
2 , 20 s. ). Come il pensiero della duplice amico con le parole: Elc; 't1jv Elìh.aµÉ-
predestinazione vada precisato e delimi- VTJV èiyEcr~cxL yEvÉ~ÀLO\I T)µipa.v... Elc;
tato, è una questione a sé. Esso non può -ri)v iiµwv 'tE :xa:l MT)·q;oòwpou µv1J-
comunque essere escluso. l.LT)\I 35.

b) destinazione voluta dall'uomo, che 3. Elc; consecutivo e finale.


però può esser pure attuazione della pre-
La nostra preposizione indica che una
destinazione divina.
azione mira a un determinato risultalo.
Lo Spirito Santo richiede che siano Se questo risultato rappresenti una scm-

.1s Cfr. ]OH. Wrnss e L1F.TZMANN, 1 Kor. a 11,


24.
tl<; (A. Ocpkc)

plice conseguenza oppure lo scopo del- cipi della grazia, edificazione del corpo
)'azione, risulta dal contesto; tuttavia il <li Cristo, lode e gloria di Dio: questi
sono gli scopi a cui mira costantemente
più delle volte la scelta rimane incerta. l'azione salvifica di Dio e che devono
venir realizzati anche con l'agire umano
a) dc, con un sost:intivo o un prono-
(Elç swTiv alwvLov, ( r 1'im. r, r 6 ), EL<;
me all'accusativo ha per lo più senso fì. olxoooµ-i)v 'tOV crwµcx-roç 'tOV XpLO''tOV
nale. Come quest'uso, in espressioni di (Eph. 4,12), El<; E'ltCX.tvov (Eph. 1,6.r4),
E~<; ooç<Xv -rov ~EOV (Rom. I 5,7).
carattere locale, si riallacci a quello esa-
Senso finale hanno anche i nessi pro-
minato sotto ~ D 2 , si vede dal con- nominali dc; -rl (ML. 14, 31; Mc. r4, 4
fronto tra X<XÀEtv dc, µE'tctVOt<X\I (Le. 5, par.; Mc . 15,34 [Mt. 27,46: tvcr.-rl]) ed
32), o Elç xowwvl<Xv (r Cor. I, 9), El<; Elç (aù'tò) -roù-ro (Mc. 1,38), con succes-
siva frase finale in lo. r8,37; Act. 9,21;
o6!;a.v (I Petr. 5, r o) e 0cr.1t'tlSEW EÌ.ç 26,16; Rom.9,17; 14,9; 2Cor.2 ,9; Eph.
J.U:'tavoLa.v (Mt. 3,1 i). Il valore finale 6,22; Col. 4 ,8; 1 Petr. 4,6.
di EÌ.c, cresce nella misura in cui il nesso
preposizionale diventa autonoma deter- Altrettanto s icuro è l'impiego <li Elc;
minazione avverbiale. con valore consecutivo.
Tale è anche la frcguc::11l1.: t:::.prc::.sione In 1 Cor. 11, I7 : oux dc, -rò xpEi:'.TO'O'll
Elc, µ<Xp'tUPLOV cr.ù-roi:ç (Mc. f,44 par.; 6, ciÀÀà EÌ.ç -rò Y)O"crov O'u'llÉPXEO'~E, biasima
n; Le. 9,5; cfr. Mt. 24, 14; Mc. r3, 9 il fauo più che l'intenzione. Così pu-
[consecutivo in Le. 2I,13: a'lto~iicrE't<XL re in 11 ,34 con le parole tvcr. µ-i) EÌ.ç
vµtv ElC, µ<Xp'tUpLOV) ); similmente EÌ.C, Aplµcx. O'U'llÉPXl'lO'i}E non si intende dire
µvTjµ6cruvov a.l'.rd)c, (Mc.14,9 par.). G io- che i Corinti abbiano voluto incorrere
vanni battezza, Gesù versa il suo san- nella condanna, ma che il loro compor-
gue per la remissione dei peccati (Mc. tamento potrebbe avere la condanna co·
rA; Le. 3,3; Mt. 26,28; cfr. Act. 2,38 ). mc conseguenza.
L'evangelo di Cristo è forza di Dio per Altri esempi: focpcxyµÉVTJV dç M.vcx-
la salvezza <li ogni credente (Rom. i,16, -rov ( Apoc. 13,3 ), Ei.ç -rò 'itÀ.ov-roc; 'tijc;
cfr. ro,r.4). Dio ha pubblicamente pre- &'itÀO't'l')'toc; <XV't'WV (2 Cor. 8,2: cosicché
sentato Cristo quale ~ tÀcr.o--ri)pLO'J effi- si produsse una ricca messe di carità);
cace per mezzo della fede nel suo san- ouvcx.µovµEVOL Elç 1tifoa.\I Ù1toµoviiv (Col.
gue, allo scopo di mostrare la sua giu- 1 ,11 ); ÉÀu'Tt:i)i}l'}'tE ELC, µE't'<iVoLCX.V, µE't'ct-
stizia, manifestantesi nella punizione, VOL<X dç crw-r'T)plav (2 Cor. 7,9 s.); dc;
ma soprattutto nella grazia ( ~ rt, coli. OLX<Xtoavvl'}v - dc, crwTT}plcx.v (Rom. 10,
r 269 s. ): Elç (vòuçw -ri'jç otxcr.~"'.ruvl'}c; 10); aot Ei.c; 'tÒ à.ycxi}év (Rom. r 3,4). Le
cxv-rov (Rom.3,25 ). La missione apostoli- contrapposizioni sotcolineate con Elç in
ca di Paolo mira a procurare l'obbed ien- Rom.5,16.18.2r e 6,.c6.21 si riferiscono
za della fede tra tutti ( ~ col. r 1 3) i po- non tanto :i una serie di scopi quanto
poli (o tra i pagani, Rom . 1.5 ). In forza piuttosto di conseguenze, mentre in
del suo mandato apostolico Paolo vuol Rom. 6,t9 :.' inse risce un più marcato
consegnare a Satana l'incestuoso di Co- va lore finale. Cfr. inoltre Rom . .3.7; 8,
rinto affinché il suo corpo venga rovi- r5 .2r.28; q,q; 2 Cor. 9,11. Istruttivo
nato e il suo spirito salvato ( r Cor. 5 ,5 ). è l'accostamento <li un 'espressione con·
Vita eterna di coloro che sono parte- s..:cu1iva e di una finale in Rom. 7 , co.
El<; (A. Oepkc) (n,.428) 270

In alcuni casi i due aspetti si compe- stizia attribuita da Dio giudice ( ~ u,


netrano a tal punto, che una precisa di- coll. i27r ss.), comunque l'ebreo la am-
bisca (OLXatoo-vv'r) 1>Eov corrisponde pres-
stinzione è impossibile. sappoco all'ebraico zckut, che nel suo si-
Cfr. Rom. 14,r: µi) Elc; OLaxplcrw; gnificato forense non può esser reso col
ÒLaÀoyLo-µwv, non per discutere sulle semplice OLXa~ocrVVTJ ), si manifesta nel
opinioni, oppure: senza che si giunga a vangelo come una giustizia che proviene
una discussione delle opinioni 36• I Cor. dalla fede e mira alla fede.
r 2, 13 : Elc; Ev o-wµa è(3a1t"tlcri)TJµEv, af- In 2 Cor. 3 >I 8 anò OOST]<; sta in pa-
finché si formasse un corpo, oppure: col rallelismo con a1tÒ xvpiov ed è pertanto
risultato che si formò un corpo? Proba- da riferirsi alla 06sa. di Cristo, mentre
bilmente l'uno e l'altro significato. Cfr. Elc; ooi;av è consecutivo-predicativo(~
Rom. r3 ,4: dc; òpyljv; Phil. r,u; Hebr . anche F 2 ), cosicché il passo significa:
4,16. Tuttavia questo non può essere in- veniamo trasformati di gloria· in gloria
39
vocato per attenuare il valore finale in e~ Il, col. 1394) .

quei passi dove esso è sicuramente pre-


sente, ma rischia di diventare scomodo; b ) Elc, con l'in6nito sostantivato o con
per es. in affermazioni riguardanti la pre- l'accusativo più l 'infin ito viene pure
destinazione (~ particolarmente coli . usato prevalentemente in senso finale,
265; 27r s.).
Intendere Rom. 1 ,1 7: Èx '1tla-.cwc; dc;
ma talora anche in senso consecutivo.
7tlcr·w.i, e 2 Cor. 3,18: à'ltÒ o6snc; Elc;
o6sav, secondo l'analogia di formule Come il valore finale emerga da quel-
dell'A .T. (come Éx xaxwv Elc; xaxci di lo locale si vede da espressioni come
Ier. 9 ,3; ÈX ovvaµEwc; Etc; ovvaµw di~ cppOVELV Elç "tÒ o-wcppOVELV, por m ente al-
8 3 ,8; ci1tò "t"ou ai.wvoc; €wc; "tov ai.wvoc; la prudenza, (Rom. 12,3), oppure napa·
di 4' 89,2), oppure sul modello di xcipw oouvaL Ei.c; "tÒ Èµ'lt<.ti:l;cxt, <1"tavpWo"at,
av·t°t xapL"tO<; di fo. I,I6 37, non è il Ca- cr-raupwiNjvcxL, i>ava"tWG'at (Mt. 20, 19;
SO, per quanto il ricorso a queste espres- 26,2; 27,31 [Mc. 15,20: tva]; Mc. 14,
sioni sembri ovvio. Infatti Èx 1tLcr"tEwc; 55 [ Mt. 26 ,59: onwc;]). Quando manca
in Rom. r ,17 è un'aggiunta non stretta- un termine reggente si ha un nesso infi-
mente legata al contesto, ma fatta secon- nitivale autonomo di valore finale; dr.
do l'analogia del OLà 7tl<1"tEWç di Rom. dc; 'tÒ CT"t'rJPLXì>iivcxL vµàç (Rom . !,II),
3,2 2, al fine di determinare più precisa- Ei.c; •Ò D..cio-xEo-i>at (H ebr. 2, 17). Elc, "tÒ
mente in senso cristiano-paolino il con- dvat iìµéic; tt'ltapxi)v "tLVa "twv aù"tov
cetto di otxa.too-vvT} ltEou ( ~ n , col. X."tL<1µci.-twv, affinché noi fossimo quasi
38
l'.2 77) , che necessita di un completa- le primizie delle sue creature (Iac. r,
mento. Invece dc; 1tl<1"tLV è finale: la giu- 18), ecc .

.l6 Nella nuova e nella vecchia edizione d ella grazionc è staro giustamente messo in rilievo
Bibbia di Gottingen si trovano contrapPostc le soprattu tto dal Kum., Rom., ad l., per quanto
due traduzioni (una dell'Althaus e l'altra dello non si possa seguire per il resto la sua inter-
.Ji.ilicher). pretazione. Cfr. ThLBI 55 ( r93 4 ) p. 179 s. Giu-
37 LrnTZMANN (Rom. e 2 Kor.) approva questa ste osservazioni anche in S 1CKENB F.RGE R, Rom.,
interpretazione per ambedue i passi, mentre lld I. Invece µer StCKENBERGER, 2 Kor. 3. 18, fa
W1No1sc11, 2 Kor., ad l., l'approva solo per il espressione avrebbe carattere formale .
primo. 39 W1NDISCH, 2 Kor., ha ripreso questa in1er-
J8 Che il concetto abbia bisogno di una intc· prc1uzione, propria della (;hiesa antica.
E~ (A. Oepkc)

Invece dc; è chiaramente consecutivo ni riguardanti la proclività alla colpa,


in passi come Hebr. I I ,3: xa-ri)p-rlcri}cx.L questa venga concepita semplicemente
"toùc; cx.lwvac; p1}µa"tt l>Eoù, dc; "t"Ò µii Èx
cpatvoµÉvwv "tÒ ~À.moµEVOV yEyOVÉV<XL, come conseguenza immanente o in qual-
i mondi sono costruiti dalla parola di che modo anche come voluta dal giudi-
Dio, con la conseguenza che da cose che ce divino.
non si vedono è sorto il visibile; Rom.
6,I2: µ.11 ~cx.crtÀ.whw Ti à:µap-rla ... dc;
"t"Ò u1taxovELV "tcx.~c; Èml)vµlcuc;; I Cor. Il passo di r Thess. 2,16: dc; -rò Ò:va;-
8,IO: Ti O"UVELOi)CTLc;... olxoooµrii}-i)crE"t<lL 1tÀ.T)pWuat au-rwv "tàc; à.µa.p·tlcx.c; 1tciv-
Elc; •Ò "t"à ElowMl>u"ta. Ècri>lnv; 2 Thess. 'tO"tE, che dipende da xwÀ.u6v-rwv, non
2,ro: Elc; "t"Ò <lwM)vcx.t cx.v-rouc;; Rom.7, può essere inteso in senso consecutivo,
4: Elc; "t"Ò "(EVÉCTi}cx.L X"t À. (~va X"t À. è su- perché in questo caso sarebbe richiesto
bordinato); 7 ,5: Elc; "t"Ò xa.p1tocpopfjcrat l'accusativo con l'infinito. L 'infinito sem-
x-rÀ. (v. 6: Wa"tE x-rÀ. par.); 12,2: dc; "t"Ò plice va tradotto con una finale , sicché
ooxtµcisELV. Istruttiva è l'alternanza, in propriamente si afferma che gli Ebrei
Rom. 4,1 r ss., tra elc; 'tÒ Etvat X"t"À. e s tessi hanno l'intenzione di colmar la
dc; 'tÒ À.oytcri}ijvat con valore consecu- misura dei loro peccati. Ma è probabile
tivo, Elc; -rò dvat del v. 16, finale, Elc; che si tratti d'una espressione imprecisa,
-rò yEvfoi}aL <lei v. 18, ancora conse- scelta con mordace ironia, per designare
cutivo. l'intenzione della provvidenza divina 40.
A mezza strada sono quei testi in cui Siccome essi non vogliono diversamente,
è presente un'intenzione, ma l'accento devono colmare la misura dei loro pec-
vien messo sul rapporto di causa cd ef- ca ti.
fetto. È il caso di 2 Cor. 4.4= «i cui pen-
sieri increduli il dio di questo mondo In 2 T hess. 2 , rr: dç -rò 1tLC1'tEÙcrat
ha accecato, in modo che / a/finché es- av'toùc; •{i:l \jJEvOEL, la frase si potrebbe
si non vedano la luce del vangelo della intendere come consecutiva ; ma ciò non
gloria di Cristo». In 2 Cor. r ,4 Paolo è probabile, data la successiva frase fi-
vuol mettere in risalto, al di là dell'idea nale. Anche qui s'intende lo scopo prov-
ovviamente presente che Dio lo consola videnziale 41 • P er Rom. r ,20: dc; -rò d-
affinché egli possa consolare altri, il fat- vat a.Ù"tovc; ò:.va1to).,oy1}"touc;, l'interpre-
to che quesrn conseguenza ormai si è tazione finale è pure possibile 42 • L'idea
realizzata in lui, che lo scopo dunque è della loro colpa inescusabile non è estra-
stato raggiunto. Similmente dc; -rò dvat nea ali' Apostolo (cfr. il triplice 7tctpÉOrJJ-
IXV"tÒ'V oi.xaLOV X"t À. (Rom. 3,26) proba- xEv av-rouç, vv. 24.26.28 ). Ma siccome
bilmente è continuazione del finale dc; Dio è soggetto solo logico, non gram-
EVOEL~LV del v. 25, ma è soprattutto maticale, della principale, e siccome inol-
constatazione dcl risultato. tre per l 'accusa bisogna prima trovare
un fondamento, l'interpretazione di dc;
Da questi dati filologici nasce il pro- come consecutivo sembra qui quella giu-
blema teologico se, in certe affermazio- sta: cosicché essi sono senza scusa 43 •

~ Cfr. Dossc11Urz, Thcss., ad l. In Rom. 7,5 41 Cfr. Donsc11UTZ, Th,•ss., ad l.


l'infinito semplice è rese> possibile dalla presen· 42 Cfr. Ki.im., Rom., ad I.
za di Èvnpyfrt'o. 43 Cfr. L1ETZMANN (' SKKENBF.RGE.lt, Rum., ad l.
E~ç(A . OcpkeJ

E. Eiç COME ESPRESSIONE DI UN HAP- ficante con e/Jello su tutti gli uomini.
PORTO PER~ONALE 1tEPL<TO'EUEW Elc;, che in sé ha signifi-
cato neutro, in Paolo presenta una sfu-
In generale il N.T. distingue corret- matura prevalentemente positiva (Rom.
tamente tra Elc; e '1tp6c;. Elc; nel senso di 5,15; 2 Cor.r,5; 9,8; Eph.1,8) (~E 3).
verso (andare da qualcuno, ecc.) è ome- Eur., Or. 542: EV'tVXEi:v (e; 'tÉxVa, es-
rico; se sia anche classico, è cosa discus- ser felice riguardo ai figli. Cfr. Plat., ap.
sa 44 • I manoscritti sono oscillanti. 35 b: ot OLacpÉpovi:Ec; 'Aì)T]valwv dc; àpE-
In seguito El<; per 1tp6<; diventa pii1 -ri)v, chiaramente distinto dal OL<Xq>ÉpELV
frequente. Elc; esprimente un rapporto àpETfj (ibid. 35 a).
fra persone non è limitato a un deter-
minato ambiente linguistico.
2. Elc; indicante un rapporto ostile.
I. Elc; designa il rapporto in sé, in L'ostilità può esser rivolta:
senso che non è né positivo né negati-
vo. Un paragone viene istituito in vista a) contro Dio, il Figlio dell'uomo, lo
di o vale per una determinata persona Spirito Santo, gli incaricati o le istitu-
(r Cor. 4,6; Eph. 5,32; dr. Hebr. 9,9: zioni di Dio e assumere pertanto forma
'lttXpa.~oÀ.i} dc; i:òv XIXLpÒv '"t'ÒV ÉVEIJ'"t'W- di peccato.
'TCX ).
Cfr. i)µap-.ov Eic; -.òv ovpavov (Le.I 5,
In Le. 12,21 Elc; Ì)EÒV 'ltÀ.ovi:wv, se in- i 8.2 1 ); ciò a cui la carne aspira è la
teso nel senso di Rom. 10,12 o come i1xi)pa dc; ì)E6v (Rom. 8,7); un atteggia-
affermazione che le elemosine costitui- mento privo di carità, soprattutto in
scono un tesoro depositato presso Dio questioni di coscienza, è àµapi:avELV
(~ F r ), non si adatta bene bene alla El<; XpLO''tOV (1 Cor. 8,12); in Act. 25 ,8
parabola precedente. Di qui si sono vo- e 1 Cor. 6,18 àµap"TavEw El<; regge un
lute trarre delle conclusioni critiche -45. oggetto neutro, tuttavia anche qui chi
Turravia non ci sono difficoltà linguisti- subisce l'offesa è in ultima analisi Dio.
che tali (~ col. 274) che impediscano Tale peccato è particolarmente la be-
di pensare a un esser ricco in relazione stemmia: ~À.a<Tcpl)µEi:v, À.ÉyEw À.6yov
a Dio, in modo che si tratti di una ric- El<; (Mc. 3,29; Le. 12,10; Act. 6,n).
chezza che ha valore agli occhi di Dio
o che addirittura ha Dio come oggetto. b) contro uomini. Nel N.T. si parla
In Rom.5,18 la costruzione ellittica è da soprattutto dell'ostilità dei persecutori
integrarsi con ÉyÉvE-ro nella prima e con
nei confronti degli apostoli (lo. 15,21;
yEvi)CTE'tCXL nella seconda parte della fra-
se; qui lo sviluppo del parallelismo esi- Act. 9,1; 23,30), ma è contemplata pu-
ge un carattere neutro e un'integrazione re la possibilità clie un uomo pecchi
alternativa: come pei: una caduta si contro un altro uomo, e addirittura un
giunse alla condanna con effetto su tutti
gli uomini, così per u11 atto di obbedien- fratello contro il fratello (Mt. 18,15.21;
za si giungerà a una giustificazione vivi- Le. 17,3.4; r Cor. 8,12). A questo at-

44 Ku11NER Br.Ass-GERTH 11/1, p. 46s. 45 Cfr. JijLICHER, Cl. ]esu Ir, p. 61 4 ss. e K1.o·
STl:KMANN, Lk., ad I.
dc, (A. Oepke)

teggiamento viene contrapposta la ne- di Rom. r4,19, dove praticamenle è una


cessità di esser sempre pronti al perdo- perifrasi in luogo dcl genitivo. Invece
no, ma anche la possibilità di una dife- questo ds ha pieno valore laddove Pao-
sa che si mantenga nei limiti stabiliti lo viene a parlare della colletta per i po-
per i credenti. In questo contesto Paolo veri della chiesa di Gerusalemme (Rom.
dice che Cristo oùx rurl>EVEL dc, uµCi.c; ( 2 15,26; r Cor. 16,3). Origine e modello
Cor. 13,3). Invece il N.T. per esprimere di quest'amore è l'amore divino:
la reazione di Dio contro il peccato e i
peccatori non si serve di Elc,, e così pu- b) amore di Dio nei riguardi degli uo-
re non designa mai Dio quale nemico mini . Dio, con la motte del suo Figlio,
degli uomini e, probabilmente, 11eppure mette in luce il suo amore verso quelli
gli uomini come ~txl>pol di Dio in sen- che per l'addietro erano suoi nemici
so passivo. (Rom. 5 ,8 ). La giustizia che Dio dona
si estende, allarga le sue ali E~<; 'ltciv'taC,
CCr. Hdt. 6,65: EXì}Pri Eç ·twa; Hdr. [ xcxt É'ltt miY<ac,] <OVC, 'ltLO"'tEUOV't<Xç 46
1 ,86: ÀÉyELv te; ... ; Acsch., Prom. 945:
tça:µap'tEi:v Etc, l>Eouc;; cfr. 2 Mach . 7, (Rom. 3,22). Dono per i fedeli è ciò che
r8; Gen. 20,6: -rou µ1) à.µap>EL\I crE Elc; i profeti videro da lontano e che spin-
鵃. ge quegli stessi che hanno ricevuto la
grazia a celebrare Dio ( r Petr. 1, 10; 2
3. Elc; indicante un rapporto amiche-
Cor. r,n);
vole:

a) tra due persone. c) amore delle creature per Iddio.


Uno dei presupposti fondamentali del
Cfr. Mt. 26,ro a proposito della don- N.T. è che rutto è creato per Dio, in
na che versa l'unguento su Gesù a Be-
tania. In Rom. r,27 Elc; mette in luce la vista di Dio (come fine), ovvero, per
degenerazione cui può giungere l'amore Cristo, in vista di Cristo, il che in fon-
sessuale. <lo t: la stessa cosa, detta in forma pit1
La funzione di dc, acquista soprattut- concettosa ( r Cor. 8,6; Rom.i I ,36; Col.
to iI valore caraueristico <lei N .T. alla l , r6 ). Perciò, dopo la caduta. quella che
luce dell'amore fraterno; cfr. EL<; Ò:ÀÀ'ii· era la condizione dell'uomo al momento
),ouc; q>LÀécnopyoL, >Ò a:v•Ò Elc; Ò:ÀÀ·~ ­ della creazione fu ristabilita in quanto
Àouc, q>povovv•c:c;, xom<iv EL<; -rwa. (Rom . Dio si degnò di riconciliare con sé 47 l'uni-
12,10.16; 16,6). Più sbiadita è la sua vcrso per mezzo di Cristo (Col. T ,20 ).
funzione neIl'espressione El<; aÀ.À.lJÀOUC, Praticamente questo pensiero di audace

46 La lezione lunga, documentata 1.l:tlla koin~. H La discussa questione se dç aù-.6v vada ri-
<lai co<ld. D G, da molti minuscoli, t-cc. sern· ferito •t Dio o a Cristo, può esser qui trascura-
bra nata <lall'inscrimenro <li un'amica varian1 c t•L I .a prima eveniualit~ t: quell;i probabile.
ne::! resto originale. Cfr. LrnTZMANN, Rom., ad I.
Elc; (A. Ocpkc)

specu lazione teosofica si manifesta nelle nelle lettere di Giovanni si è sorpresi


sue conseguenze estreme quando i mes- di trovarlo solo in 1 lo. 5,10, mentre vi
è piuttosto frequente òµoÀ.oydv o m-
saggeri inviati da Dio predicano •'i1v dç
cr-.EvELV O'tL.
i}Eòv µE"t"avoLav (Act. 20,2 .e). Il corre-
lato positivo di quest'ultima - o , forse La fede che si concentra sulla persona
più esattamente, lo stesso fatto espresso di Gesù segna ch iaramente il punto d'ar-
in termini positivi - è la --+ 1tla-nç rivo d'un ' evoluzione, in cui s'è presa
(Act. 24,24; 26,18 ; Col . 2,5), ovvero il sempre pitt chiara coscienza di ciò che
--+ m<T-.EVEL\I dc, "tÒ\I xupto\I 'Jl)O"OÙV, la sin dall'inizio era stato riposto in que-
fede, la fede nel Signore Gesù. Questa s ta stessa persona, come si può rilevare
espressione non corrisponde semplice- nei sinottici.
mente all 'ebraico he'emin [•, che rara- Valore finale paragonabile a quello
mente nell'A.T. è riferito a Dio e vien delle espressioni tecniche della contabi-
reso nei LXX col dativo (Deut. 9,23; l s. lità ellenistica, di cui si avverte qualche
43,10); non è nemmeno l'esatta tradu- influsso, hanno pure le frasi --+ {3a1t-.i.-
zione di he'emin b• (--+col. 281 ), bensì ~ELV EÌ.C, XpL0-1:0\1 e {3a1t"ti.SEL\I Elç 'tÒ ~
è formazione peculiare del N.T. L'alter- ovoµa x-.À.. (--+ J , coli. 69 s.). Ei.c, Xpt-
nanza tra nesso sostantivale e costruzio- o-•6v è ben lontano dal raggiungere la
ne verbale, che si ritrova anche a pro- pregnanza della fo rmula --+ f_v Xpw-.Q.
posito del concetto affine di 'speranza Un semplice sintomo in questo senso si
in Dio' (Act. 24,15; r Petr. I,H; 2 Cor. avverte nel! ' espressione anapx'i) 't f ) C,
1 , r o ), è meno significativo del perfetto 'Arrlac, dc, XpL<T"tO\I (Rom. r 6,5).
parallelismo concettuale, anzi della coin-
Cfr. Thuc. 2,9: q>t).la Èc, à.µcpo-.Épouç.
cidenza fra dc, ilEòv e dc, XptO"'tÒv m-
Elç è frequente con nomi propri in de-
O""tEUEtv ( cfr. particolarmente Io. 14,1 ;diche e consacrazioni; dr. M. Ant. 4,23
(alla natura): Èx o-oii mivi:a, Èv crot miv-
I Petr. r ,2 r) e della diversa distribuzio-

ne di quest'ultima espressione nei testi i:a, dc, crÈ nciv•a; iscrizione su un anel-
lo magico (cod. Marcianus, sec. XI d.
del N.T. C.) 48 : EV -.ò miv xat ot' mhoii 'tÒ miv
xaì. dc, avi:ò •Ò miv. Cfr. ancora P .
mcr-rEuL\I dc,, riferito a Cristo, s'in- Amh. 144,20 (sec. v d.C.): ÈÀ.m'.oa Elc,
contra nei sinottici solo in Mc 9,42 e -ròv l}e:òv EXELV; P. Tandanae e (ed. E.
Mt. 18,6; tre volte negli Atti (10,43 ; Schafer 1912) r 1,2 (scc. 111 d.C. ): ÈÀ.1tl-
14,23; con iper bato in 19,4), tre volte sw
dc, l}E6v. Si vedano le formule dei
pure in Paolo (Rom. ro,14; Gal. 2,16; versamenti «in conto corrente» nel com-
Phil. 1,29); ricorre invece oltre trenta mercio dei cercali in Egitto: dc, 1:apa-
volte in Giovanni (tra 2 , 11 e 17,20); mci8a (P. Fay. 83 ,6 (163 d.C.] ); -.àc,

Cfr. M. BERTHELOT, Collection des A11cie11s


411 E. NORDEN, Agnostos Theos ( 19 r 3), p. 240 e
Alchimistcs Grecs ( 1 888 l. Tntroduction p. 132 ; 249.
279 (IIAJI ) dç (A. Ocpke) ( llAJI ) 28 0

Elç -ròv Mcipwva... olxo\loµlaç, il tra- espressioni pregnanti {3E{3cuovv, a.v~ti­


sferimento sul conto di Marone (CPR VELV Elç XpLcri:ov ( 2Cor. 1,21 ; Eph.4,
1,11 [83/84 d.C.]); OLacr-rELÀ.ov EL<; ovo 15 ); TJ ~1iÀ.À.OVC'<X ool;a. Cb!OXc:tÀ.ucpfrijva.L
(abbreviazione comune per o\loµa.) Ou- dç r'jp.aç (Rom. 8,r8).
ecn l:Exouoa (ostrakon di T ebe, sec. II Tnvece in espressioni come o wv
E~<;
d.C., collezio ne Deissmann)49• All'espres- i:òv x6À.7tov -roi:i m.np6ç (lo. 1,18 ), El<;
sione rabbinica Jcsem quella neotesta- -r.civ-ra. um)xooL ( 2 Cor. 2 ,9 ), e anche Èy-
mentaria El<; (-rò) ovoµa. dcl N.T. si ac- xa.i:a.ÀEl1tELV 't'Ì)V 4.ivxi}\I dç q.o'T')V (Act.
costa solo in Mt. I0,41 s. e 18,20 e for- 2,27.31, nel senso che le dà l'autore de-
se in Hebr. 6,10 50 • gli Atti ), Elç ed Év sono intercambiabili.
La completa coincidenza dei due valori
f. PARTICOLARITÀ. LA QUESTIONE DE· è pe rfettamente dimostrata dal passag-
CLI EBRAISMt gio della funzione strume ntale da~ Év
a El<; in Act. 7 ,53: ÈÀ.a{3E-rE -ròv v6µov
l. EÌ<; compare abbastanza spesso là dç &a-rayàç &.yyiÀ.wv = Èv &a-ra.ya.~ç
ove ci si attenderebbe tv. Lo stato in (cfr. Mt. 9, 34). El<; per Év con valore
temporale si trova in Le. 1,20; I,3.9i
luogo in questi casi viene rappresentato A ct . i3, 42 (con sfumatura finale ? ~
come il risultato di un movimento verso col. 262).
que l luogo. Più raro è il caso di Èv al posto di
dç: dr. Le. 9,46; 19,30; Rom. 5,5; Io .
Cfr. dç con nomi di luogo e di pae- 5.4 (testo incerto), ma non in Le. 7,1752
se nei verbi indicanti 'trovarsi , abitare, ('si diffuse in' ); Mt. 16,28 e Le. 23,42
trattenersi', ecc.: xai:~XTJO'EV dç... Na- ('venire con' ). Su 2 Cor.4 ,6 ~ À.aµ'ltw.
sa.pÉi:, si stabilì a Nazaret (Mt. 2,23); Lo scambio tra El<; e Èv non è un
È7tÉ<iXEV xp6vov dç i:'l)v 'Arrla.v (Act. ebraismo, bensì è già in Omero (Il. 13,
J9,22; inol tre Mt. 4,13 ; Le. 4,2 3; A ct . 628: Èv v11vcrì.v nup {3a.À.Ét.w; 19,121:
7,t 2 ; 8 ,40; 18,21 var.; 20, 14 ; 23, r r ; Èv q>pEcrÌ. itljO'<.> ), nei classici (Hdt. 6,r:
2 5,4 ); anche co n sernpFci sostantivi: 1mpf)v È<; 1:cX.pòi.ç) e, soprattutto, negli
XT)pucrcrEw Elç -rà.ç O'\JVCX.i·wycX.ç (Mc. l, scrittori ellenisti; dr. Act. Thom. 18
39 ); EL<; O'VV<:tywyà.ç oa.pTjO'EO'i>E ( M C. I), (Tcx ts and Studies 5,1 [ 18 97] James):
9 [Mt. 10,17 : Èv 51 ] ; cfr. Mt. 10,9; Mc. µ i} oovÀ.EUC'EL dç i:òv ȵòv OLXOV. N el
6.8; 5,14 par. ); -roù Eua.yyEÀ.lou TOU 7t<X.· greco moderno Elç ha sos tituito Èv 53•
p6vi:oç dç up.Il.<; (Col. 1,6; I Petr. 5,12, Nel N.T. la maggior parte delle testimo-
se la lezio ne è fo-t1}xa.-rE). In Sa7ti:lsEvv nianze di guesro scambio si trovano pro-
EL<; -tòv 'Iopoavriv (M c. r ,9), co me in prio in Luca, me ntre Matteo e l'Apoca-
vl7t-rEcrfrat dç TTJV x oÀ.vµ~ljitpa.v (! 0.9, lisse nel complesso (cfr. tuttavia Apoc.
7), è ancora viva l'immagine dell'immer- J l , r r ) distinguono correttamente tra le
sione dentro l 'acqua. Similmente nelle due pre posizioni.

49 Cfr. DE1 SSMA1'N, L.0 ! p. 96 ss. e PR EISIGK F., sia una ca ttiva correzione, o se E'J 'tU ~a.c:n.M!~
Girowese11, cir., p. i.p ss. (codd. S.C.K. ecc.) sia un ada ttamento fatto a
50 Cfr. HEl'J'MULLER, p. 99 ss.
imitazione di Mt. 16,;z8, è questione che non
si può risolvere con sicureiza.
si Analoghe all crnanze si trovano raccolte in ;;3 Cfr. B L.-DEBR. p. 2 nota 1 e § 20 5 s., 2 18.
gran copia presso REGARD, p. 331 ss. Jnoh rc H ATZIDAKI S, )ANNARI S e KR L'MBACllER,
52 Se qui E~ç -o:nv ~a~ùtiav (co<l<l. B.I.. fo t.) opp. citt.
Elc, (A. Oepke)

Tuttavia in casi particolari l'alternan- (Io. I I ,5 2 ), ·nÀELOU\I (lo. I 7 ,2 3, ecc.).


za si spiega con la diversità di prefissi Cfr. anche ÀoylsEcrilcu dç (Rom . 4,3;
ebraici ovvero come diversa traduzione Gal. 3,6; lac. 2,23 [1 Mach. 2,52]; il
di uno stesso prefisso (cfr. Gen. 16,5: cod. A porta il nominativo, e cosl
ÒÉowxcx. ""ti}v 1tCX.Loioxrrv µou dç -ròv pure l'originale di Gen. 15,6). Anche
XOÀ:TtOV O"OU = bc~éqeka, altrove si ha quest'uso non è semplicemente un cal-
per lo più f.v ). Così anche con òµvvvcx.t co sull'ebraico. Già Theogn. 162 (sec.
in Mt.5,34ss. ( = nisba' b•, propriamen- vr a.C.) scrive: ""tÒ xa.xòv òoxÉov yivE-
te 'giurare in unione con qualcuno'); -ca.L dc; à.yaMv, così pure Eliodoro
con EÙOoxEi:v (=ha/e~ b', in 2 Petr. 1, (Aeth. 6,r4), che, certo, non scrive
l 7 si ha dç, mentre i sinottici hanno in un greco con reminiscenze ebraiche, di-
tutti i passi paralleli f.v) e con 1tLO"""tEVELV ce: -r"Ì"J'J 1tTJpcx.v Elc; xa.ÌÌÉopcx.v 1toLT)i:rcx.-
(con Év in Mc. l,15 54 ; regge anche f.nl µÉvl). Ma anche qui l'influsso dell'ebrai-
col dat. in Rom.9,33 ecc., l'ace. in Rom. co te ha rafforzato una tendenza già pre-
4,5; Act. 9,42, ecc. = he'emin be, ben- sente 55.
ché questo non vada necessariamente
considerato sempre come archetipo; cfr. 3. Etç può anche stare per il genitivo
\jJ 77,22; Dan. 6,23.[24] (Teodoz.); ls. e il dativo. Cfr ..r Petr. r,u: -rà d.ç
28,16 [codd. S.A.Q]; Sap. 12,2). Si de- Xpti:r""tÒV 1t<xi}1)µcx.""tcx., le sofferenze del
ve ricordare anche U7T.CX.YE ( 7T.OpEVOU) dç Cristo; 1,4: 'tE'tT)p1)µÉvT)v ... Etc; ùµà.ç,
dpi)VT)v, Mc. 5,34; Le. 8,48; 7,50 ( = custodita per voi ; Eph. 3,16: xpa-rcx.tw-
lek lesiil6m, cfr. r Bcx.cr. l,17 ecc.; Iac. Mivcx.L dç ""tÒv ECTW &vl}pwTCov, irrobu-
2,16; Act. r6, 36 e il cod. D nei due stirsi quanto all'uomo interiore, ecc.
passi di Luca hanno Év ). Nella koinè e nel greco moderno que-
st'uso è frequente; cfr. Polyb. 1,7,r2:
2. dç s'impiega davanti al nome che -cfjç dc; ÈxElvouç -rtµwplaç; P. Par. (ed .
funge da predicato coi verbi ylvEi:rilcu W. Brunet de Presle, Notices et Extraits
(Mt. 21,42; Mc. 12,ro; Io. 16,21; Act. des Manuscrits de la Bibliothèque lm-
4,11), dvcx.L (Mc. ro,8; I Io. 5,8), EXELV périale XVIII [1865]) 5 II 2 (114 a.Cr.)
(Mt . 21,46), f.yElpEw (Act. 1_3,22); da- xwpiç ""tov Èç aÙ""t"Ì"jv OLxov (leggi: o~xou)
vanti al nome che designa il risultato si fuori della sua casa; ibid. 5 l 7 ( l 14 a.
ha con verbi come cnpÉq>ELV ( Apoc. u, Cr.) : -còv d.ç Tayl)v oì:xov W.xoòoµl)µÉ-
6), crxisEcrilcx.t, (Mt . 27 , 51 ), cruvciyEtv vov, la casa costruita per Tage.
A. 0EPKE

54 Quest~ pas~o è isolato. In lo. ,3,r5 e, Eph . .1 . ma non ancora in 2 Tim. 1, r 3 e ,3,r 5, come mo -
13 7tLCM:EVEW e usato assolutamente. 7tLO''n<; zv stra l'articolo preposto.
quasi sicuramente non si trova in Rom. 3,25 e 55 Esempi presso JOHANNE S SOHN T, p. 4 s. Sul·
Gal. _3,26, dove il nesso preposizionale riguarda la questione dell'influsso dell'ebraico v. BL.·
il verbo; in Eph. r,15 e Col. I.4 appa re in si· D1::i>1c § 145 con l'appendice di p . 298 (ora §
gn ificato ak1uan to pregnan te ~ Év; add ir itt ura *145, p . 97). Lì si troverà pu re la b ibliografia
nel senso <li mO'<EUEtv Èv in r Tim. r ,q; ~. T3, recente e ani ica.
dç (E. Stautkr)

r. Il modo del N.T. d'intendere l'unicità Insistendo su dç si vuole soprattutto


esprimere l'idea che tutto dipende da
Nel N .T. dç è usato solo raramente
come numerale (p. es. 2 Petr. 3,8) 1, per una sola cosa, che la via e il futuro del-
lo più significa solo, unico, incompara- 1'uomo vengono decisi, dipendono da
bile, oppure dotato di validità unica, una sola questione (Mc. ro,21; Le. ro,
anche unitario, unanime, e ancora uno
di due o di molti 2 , uno solo. 42 (variante]). Il valore di tutta la leg-
Il significato teologico di tale dç si ge dipende da un solo comandamento,
manifesta nel modo più pregnante nella con una sola trasgressione disubbidia-
formula frequente Etc; i>Eoç. 'Dio è uno'
mo a tutta la legge; nel solo comanda-
proclama Io Shemà, secondo Deut. 6,4:
;hwh '/:Jd. 'Non c'è alcun Dio accanto a mento dell'amore è contenuta in tutta
lui' (Mc. 12,29.32). Per il popolo di la sua pienezza la volontà di Dio (Mt.
Dio egli è senz'altro l'Unico: 'J̵~v dç 5,18; Iac. 2,10; Gal. 5,14). Per un'ora
i>Eòç ò 1taTi}p, Et, ov
Tà miv'ta xctt
bisogna essere vigili e forti; il potere
'J̵E~ç Elc; air:òv, xa.t dc; xupioc; 'll)CiOU<;
Xpin6c;, ol où T!Ì 'ltftVTOC xa.t i)µEi:ç OL' del Maligno dura un'ora, nel corso di
a.Ù•ov ( 1 Cur. 8 ,6 ). Nel Dio u11u si wm- un'ora la sventura penetra da tutte le
pongono in unità l'origine e il fine del- parti e sotto tutte le forme 4• Il cristia-
l'universo, nell'unico Crisro convergono
la storia dell'uomo e qudla della reden- nesimo delle origini è inte ramente pre-
zione 3 . so dalla coscienza dell'eccezionale im-
Ma anche altrove dç col suo valore portanza del fatto singolo e unico. Il
pregnante ha una particolare solennità
nella lingua del paleocristianesimo. Es- fatto singolo ed unico non scompare nel
so si contrappone ad ogni sorta di dissi- mare dell'universo e della storia; anzi
dio e sottolinea il rapporto di reciproca il singolo fatto racchiude in sé il tutto
esclusione tra Dio e l'antidio; l'uomo e la decisione di un momento vale per
può servire un solo padrone (Mt. 6,24).
Esso sottolinea l'unità fondamentale e sempre.
intangibile, la EVW(nc;, dei coniugi (lgn. Il pensiero del N.T. , pertanto, non è
Pol. 5 ,2) e nello stesso tempo fa riferi- né individualistico né collettivistico, ma
mento ad una Evwcnç più alta, l'unità
col Kyrios (r Cor. 6, r7; Eph. 5, 3r; organico. La volontà di Dio non s'indi-
~ yaµoç n, coll. 355; 360 ss.). rizza alla singola anima né alla massa

dç 3 I problemi del monismo e dcl monoteismo


1 µla. -rwv cra.B~6:-rwv (Mc. r6.2; Act. 20,7 ; 1 veng<mo trattati sotto ~ i)E6ç.
=
Cor. r6,2) è un calco sul semitico ( 'hd bsbt ); 4 Mc. 14,37; Apoc. r7,12; .1 8,8 ss. Cfr. il tar<lo-

v. S. KRAUSS, Talmud. Archiiol. 11 ir9rrl p. ebraico .fii'a 'ahat e inoltre Sc11LATTER, Komm.
422 s.; DALMA~, Arbeit r, I ( 1928) 16,3; K LO- Mt. p. 752 a Mt. 26,40. Nei nostri passi la lo-
STEl<MANN, Mk. a r6,2 . cuzione comune acquista il significato profon-
2 Su Mc. q,ro (ò dç 'TW'J owfo:xo:) V. PRF.U- do di Le. 22,53: a.v•TJ ... Ti wpa. xa.L .. É!:,ov<J(et
SCl!EN-BAl:tR, s.v. '":"OU O"XC-:-ovç.
d:ç (E. Stauffcr)

in quanto tale, bensì costantemente al mente» (Windelband) «come sono an-


membro, condizionato e condizionante, date .realmente le cose». Neppure parla
d'una unità organica , sia essa la casa, di avvenimenti , di uomini e di cose per
il popolo, l'umanità, o il creato (Rom . me ttervi in luce il valore 'nomotetico'
8,19ss.). L'azione divina si esplica com- d'una verità universale. La questione se
plessivamente nel rapporto a tre: Dio, si tratti di casuale evento storico o di
uomo, mondo (~ àycim1 I, coll. I J 5 s. eterna verità razionale non ha senso di
Èyw col!. 93 s.). L'uomo singolo non è fronte alle realtà del N.T., così come
isolato di fronte a Dio, ma sta in nome non ha senso il dilemma tra ind ividua-
dei molti, unito a loro, legato da ciò listico e collettivistico. Il N.T. vede av.
che Ji unisce. I loro problemi vitali so- venimenti, uomini e cose piuttosto co-
no anche i suoi. Il singolo non viene me determinati dall'eredità del passato
'convertito' o 'salvato' soltanto per se e dall 'annunciarsi del futufo, dal carat-
stesso; egli viene chiamato per i molti te re decisivo della scelta tra 'ora e mai'
(Gal. 1,15 ss.; I Cor. r5,9 s.). L 'auten- (Gal . 6,7 ss. ). Vi si parla di tempi , figu-
tico impegno personale culmina nel sa- re ed avvenimenti passati che non ritor-
crificio di quanto è proprio, e la pre- nano più in quella form a e tuttavia sono
ghie ra intima che il cuore del singolo più forti di tutte le realtà presenti, per-
rivolge a Dio si completa nell'interces- ché in essi si è deciso l'avvenire 5• Una
sione per i propri fratelli di sangue volta per sempre: questa è il principio
(1<.om . 9,3; 2 Cor. I.4 ss.; Col. 1,24}. che regola il pensiero storico.
Ma a sua volta il destino e la via della Tutti questi atteggiamenti mentali,
collettività vengono decisi dalla via e però, acquistano validità in un pensiero
dal destino di individui, a cui s'indiriz- fondamentale, il cui vero contrassegno
za in moclo particolare l'opera di Dio è l'Etç del N.T. , nel pensiero cioè che
(Rom . 11,r.14.16}. in un punto si decide la sorte del c rea-
Uno per tutti: questo è il principio to e l'evolversi della storia. Quest 'idea
basilare del pensiero organico. Ma il viene sviluppata in due grandi temi:
pensiero organico è inserito in una su- quello di Adamo e del comune destino
periore concezione storica, che affonda del genere umano, e quello del messag·
le radici in una spiccata sensibilità per gio di Cristo e dell'unità della Chiesa.
ciò che si verifica una sola volta e pe r
ciò che esso comporta. Jl N.T. non par- 2. Adamo e il comune destino del ge-
nere umano
la di avvenimenti, di uomini e di cose
di un tempo per ricavare «idiografica- a) Nel racconto dcl Genesi su Ada-
erç (E. Stauffer l

mo e sulla sua caduta è già presente la sculato sia dalla coscienza morale che
convinzione che la schiatta umana è dalla teodicea: il dogma secondo cui
unica, come unico è il suo destino. En- ciascuna stirpe ha scelto b su.1 straJa
trambe le idee furono sviluppate dal tar- in voluntate sua 1.
do giudaismo (~I, col!. 787 ss.). Men-
tre gli Ebrei alessandrini si servono Non mancò una risposta polemica.
spesso di modi di dire greci per parlare L'Apocalisse di Baruk siriaca offre una
dell'universale destino degli uomini (ep. correzione del quarto di Esdra nel sen-
so voluro della pietà e dalla tradizione
Ar. 208; 3 Mach. 4.4 ), nella Jet tera tura
popolare, affermando che ciascun uomo
apocalittica invece è viva la valutazione
singolo diventa «Adamo per se stesso»
srorica di tale condizione e con ciò an-
(54, 19). Ma in entrambi gli scritti Ada-
che la questione dell'origine del pecca-
mo rappresenta il decisivo punto di par-
to. " Hµap<tov, dice Eva, xat 7tlio"a
tenza della storia con tutte le sue cala-
aµcwrla OL' ȵov yÉyOVEV Èv -rfi x-r(-
6
<TEL • Questo evento primordiale è la
mità (Bar. syr. 54,r5; 56,6). La storia,
pertanto, sta sotto il segno di un fune-
fonte di tutte le afflizioni del mondo,
sto evento primordiale; ma secondo l'a-
anche di quello animale, e soprattutto
pocalittica verso un evento finale di sal-
della morte (Bar. syr. 56,6 ss.; Apoc.
vezza: verso l 'avvento dd Figlio del-
Mos. i i .28 e altri).
l'uomo che, portando la salute!, rinno-
La morte, come pena per il peccato
verà e supererà ]a missione in vista del-
di Adamo è stata decretata per rutta la
umaniLà una volta per sempre? Oppure
la quale il primo uomo fu creato (~
vlòc; "tOV àv~pW'ltOV ).
si tratta di una pena individuale, inflitta
volta per volta per le colpe che il sin- Nella letteratura rabbinica si ritrova-
golo commette nella scia del progenito- no in buona parte le stesse impostazio-
re? La risposta del Genesi è conforme ni e gli stessi contrasti. Adamo si chia-
alla prima interpretazione, e questo pen- ma «il primo uomo» e <di capo di tutti
siero è sviluppato dal quarto libro di gli uomini» 8. Ma anche i rabbini non
Esdra, che elabora le basi di una dot- son d'accordo nel definire fino a che
trina del peccato originale. «Quando tu punto il suo atto sia stato determinan-
peccasti» - grida il veggente al proge- te per la volontà e il destino dei discen-
nitore - non est /actum solius tuus denti. Mentre R. Akibà sostiene appas-
casus, sed et nostrum, qui ex te adL•e- sionatamente la tesi del libero arbitrio
nimus (7,n8). Il cor malignum di Ada- e della responsabilità del singolo (b.
mo continua a vivere nei suoi discen- Qid. 81 a; Ab. 3,r5; cfr. M. Ex.14,25),
denti, et /actum est permanens infirmi- altri sono di parere opposto (b. Sanh.
tas (3,20 ss.). Così un solo chicco di cat- ror a; b. Mak. 24 a ). Così p. es., Dio
tiva semente, t1na volta seminaco, con- dice ad Adamo: «Attento a non rovina-
tinua a produrre una messe abbondante re e distruggere il mio mondo, per::hé
(4,30 ). Con questa antropologia a base se lo rovini e lo distruggi non c'è nes-
storica il quarto di Esdra si metteva co- suno che possa r imetterlo in 0r<linc»; e
scicn rcmcn tc in opposizione a un dog- a Mosè: «Tu muori a cal1Sa dd pecca-
ma comune dd tempo, che pareva po- to dcl primo uomo, :_Jerché egli ho por-

6 Apoc. Mos. 32 ( T1scHENDORF p. 18). Cfr. Ec- ik:iv... ÈV O~XCUOO"VVTI··· XIL't 1 ètvopo:. Co-
!llL"tlL
clus 14,17 SS.: ct'ltÒ YVVILLK~<; ctPX'lÌ aµILp"tlru; sì pure già J::i. l 8,2 ss.; contro Ex. 3~.7.
e Bar. syr. 48A2. s Num. r. 10 a 6,2 presso STRACK-BlLLERBECK
1
4 Esdr. 3,8; analogamente Ps. Sol. 9 ,~ss.: xpi- Ili 478.
dc; (E. StaulTer)

lato al mondo la morte.'. Difatti per la la storia dell'umanità: È7tOL'l'1CTÉ\I 'tE (ò ik-
catastrofe apportata dal loro 'capo', iri òç) iç È\IÒ<; 1t<i\I itìhloç ct\11}pW1tW\I X<X-
questo eone gli uomini vengono al mon-
do come fa il figlio di una prigioniera, 'tOLXE~\I È7tL 7t<X\l'tÒc:; 7tpOCTW1tOU 'tfjc:; yijc:;,
cioè in prigione 9 • Perciò «impara dal oplcrac:; 7tpOO''tE't<XyµÉ\IOUc:; X<XLpOÙc:;... ~l}·
dal primo uomo: a lui era stato impo- 'tEL\I 'tÒ\I l)Eo\I (Act. 17,26 s. ). Pertanto
sto un comandamenro ... guarda quante non è soltanco l'eredità fisica che si tra-
morti sono ... state inflitte ... a l.ui e alle
sue stirpi» 10 • smette da Adamo in poi; oltre ad essa
Al contrario i sostenitori della puni- la stirpe umana ha ricevuto dalla sua
zione individuale introducono Adamo fonte originaria anche un'altra eredità,
che cosl parla ai suoi discendenti: «Nel-
la mia mano c'è solo un peccato» ... cioè il comune destino stabilito da Dio.
«molte colpe» sono invece nelle vostre. Cosl anche la comune miseria degli uo-
Anche la morte dci 'giusti' è imputabi- m ini ha il suo principio in quel dato
le a loro stessi poiché è il castigo delle
primordiale della storia che è Adamo.
loro sia pur lievi mancanze 11 •
Se varie sono le soluzioni di questo Il primo uomo ha violato il divino
dibattuto problema, non meno diversi precetto tirandosi addosso miseria e
sono i tentativi che i rabbini fanno per morte. Ma questo avvenimento unico
stabilire un nesso rra la catastrofe pri-
mordiale ed un corrisponck11tc.; alto sal- eJ irripetibile non è una storia dei tem-
vifico. Si parla di quel grande che fu pi passati, che si può raccontare o an-
creato ancor prima di Adamo affinché che tralasciare; non è neppure u na rap-
un giorno «in vece sua rime tta in ordi-
presentazione, animata da profondo
ne» ciò che quello ha rovinato. Ma que-
sto 'grande' non è il Figlio dell'uomo, simbolismo, delle universali verità del
bensì Abramo (Ge11. r . 14 a 2,7). Inve- peccato e delle sue conseguenze. Quella
ce il Messia porta un nome - r'fom, di Adamo è la storia dell 'origine del
primo - che fa riferimento al primo
uomo e al suo fatidico significato 12 • peccato e dei suoi dietti , che come una
L'incertezza e l'approssimazione di te rribile valanga rimbalzano attraverso
queste idee è evidente. Solo il N.T. ha la storia del mondo; cfr. oi' È\IÒc:; 13 a\l-
portato alle conseguenze ultime questi
i}pw7tov i) aµ<Xp'tla. Elc:; 'tÒ\I x6crµ.o\I EÌ.·
pensieri e problemi, sviluppandoli fino
a ricavarne un quadro storico unitario crl)À.i'E\I, xa.t OLà. -rijç àµ.a.p'tla.c:; ò Mvcx·
che si accentra attorno alle figure del 'toç, xa.t o\hwc; Etc; mxv"t'a.<; à:vl)pc;.movc;
primo e del secondo uomo. ò M.va.'toc; od'jÀi}Ev, (Rom. 5,12). Il ca-
b) Da un sol punto di partenza pren- rattere unitario di questo avvenimento
dono avvio Io sviluppo, la espansione e non può essere inteso in senso atomisti-

9 Deut. r. 9 a 3 r ,q cfr.b.Sbabb. 55 a, ambedue l'universali tà del peccato v. SnACK-Ilt LLERBEK


presso STRACK-BIU.ERBF.CK III 227 ss. lii t56 s.
io 5. Leu. 120 a, a 5, 17 presso STKACK-BIL LER· 12 V. STRACK-BILLERBl'.CK J 65 (-7 'A06:1.L !,
BECK 111 2 JO. coll. 384 ss., civDpw1to<; r, coli. 983 ss. ).
11 Jalkut Sbim~oni a Num. 20,24 (5 764 ) presso n (o~') évoc, in Rom. 5,n-21 si riferisce 8 vol-
STRACK-Btl.l.ERBECK 111 229 ss. Sulb teoria del- te ad Adamo, 4 volte a Cristo.
Etç (E. StauCTer)

co-causale e neppure sulla base di con- versia, posta in forma maldestra quan-
cezioni che abbraccino insieme le leggi do ci si chiede se la morte per l'uomo
della vita o dell'ereditarietà; esso può sia un'eredità ovvero una punizione pi.:r
esser compreso solo in senso tempora- le colpe personali. La caduta di Adamo
le-storico. Infatti, solo in un mondo ha creato una condizione storica che
strutturato storicamente un evento, in non è solo costrizione esterna, ma an-
sé unico ed irripetibile, diventa di ne- che distorsione della volontà nelle sue
cessità il primo di una serie, il punto più profonde radici, con la conseguen-
d'avvio; il fatto dcl peccato diviene co- za che ciascuno dei figli di Adamo per-
sì il principio del peccato che stringe corra la strada dcl progenitore. ovx
sotto il suo dominio tutti i posteri, ben fo"tW olxa.toç OVOÈ Ek ovx fo"tL\I ... ò
al di là dei limiti di una connessione Èxs1rtwv 'tÒV ih:év. L'umanità, senza di-
causale od organica! stinzione alcuna, ha mancato il proprio
destino 15 ( cfr. ovx Ea"tL"V Ewç ~v6ç,
c) Solo chi ha coscienza deJla serietà
Rom. 3,10 ss.). Così l'intera creazione è
di quell'avvenimento unico e irripetibi-
legata a un comune destino, ma la stir-
le è in grado di comprendere il caratte-
pe di Adamo è inoltre stretta in una
re storicamente determinato ed inesora-
colpa comune. Essa è unita al suo pro-
bile della condizione in cui si viene a
genitore nel peccato ed è con lui re-
trovare l'uomo attuale. Egli sta in un
sponsabile della calamità che si è abbat-
cosmo in cui il .ZM.va:toç è ~runÀEuç e
tuta sul mondo. Tutti, nessuno escluso,
tutta Ja Xi'tLuLç è soggetta alla µcx."tcx.té-
poiché tutti sono i" 'Ao6.µ 16 •
'tl)ç, ovx hovo-a.. àÀ.Àà oLà -.òv ù1to"ta-
;cx.v"ta. (Rom. 5, 14.17.21; 8,20), cioè
3. Cristo e l'unità della Chiesa
per opera di quell'uno. Da allora la vo-
lontà in cui l'uomo è situato è tale da a) Adamo è il -.u7toç "tov µÉÀ.À.ov"toç,
spingerlo a commettere volontariamente il 7tPW"toç èi.\ll}pw1toç. Egli preannunzia
quel peccato che getta lui e gli altri in il OEU'tEpoç a\ll}pwitoç, Cristo (Rom. 5'
braccio alla morte 14• r 4; I Cor. r 5 .4 7 17 ; perciò WCJ1tEp iv 'tG.>
Con ciò Paolo supera l'antica contro- 'Aoൠmiv"tE<; <b:oì)vrjo-xoucrw, o\hwç

14 Cfr. Rom. 5,12 b: ò Mv~'toç, È<p' 0 mi.v·m; commemarori cn1ducc : «per il fatto che essi
fiµap'tov. É<p' 1-;J si riferisce al precedente M - tutti peccarono».
va'toç. Co~ì è richiesto dalla corrispondenza 1s _.col.290 : Aci. 17,27 sTJ·H~v.
chiastica dci quattro membri del V. r2 : a cau- 16 Con ciè> Paolo va oltre il pensiero per es. di
sa del peccato venne la morie - alla morte Bar. syr. 48A2 s.; ~.p9 .
(lr.ì. 'tt7> Dava-rtiJ) condusse il peccato commes- 11 OEv-r~p:x; (fiv~pwr.oc) nd v . 47 non pub in-
so. (Cfr. lr.l in Gal. ),13 ; 1 Thcss. 4,7; 2 Tim. tendersi come un semplice riferimento al v. 45
2,14). Il peccato è pertanto ciò che sospinge e significare 'il secondo dei due', perchi: nel v.
\•erso la morte. Invece la m(1ggior pane dci 45 il soggetto è 'A0t:i1t e non av~p<d7toç. liv-
d.ç (E. Stauffcr)

xat Èv -r0 XpLC)-r0 1tav·m; ~wo1tOLlJt>ii­ "tOXO<;, a1tcx.px1} 19• Cosl, con l'uso di tito-
crov-raL. La validità di questa conclusio- li onori{ici sempre diversi e in forme
ne è sicura: ÈnELOÌ'} yàp OL' &.vi)pw1tov sempre nuove, viene assicurata la rela-
Mva-roc;, xcx.t oL' &.vi)pw1tov &.vacr'tacrtc; zione che lega l'uno ai molti, e insieme
vExpwv (I Cor. 15, 21 s.). Qui davanti anche il carattere di unicità che distin-
al ripetuto avi)pw1tOV avvertiamo la gue l'uno dalla moltitudine.
mancanza di Év6c;, analogamente a Rom.
Cristo è uomo e insieme più che uo-
5,15. Tale assenza è ben giustificata. mo. Tra l'uno e i molti si stabilisce una
Il termine livi)pt1->1toc; qui non è usato analogia, ma l'uno finisce poi per sot-
come appellativo, ma come titolo ono- trarsi ad essa. Egli da un lato continua
la linea evolutiva dell'umanità, ma dal-
ri.fico, che a rigore spetta a due sole 1'altro la interrompe e dà inizio ad una
figure: Adamo e Cristo. La massa degli linea nuova. Non è soltanto ~ualcosa di
uomini che vissero e morirono nel tem- più di quelli che lo precedettero, ma ri-
po intercorso tra l'uno e l'altro non con- mane qualcosa di più anche degli &.od.-
q>ol che vengon dopo di lui, dei quali
ta nulla di fronte a questi due livi>pw- egli è il 1tpW't6"toxoc;. Non è dunque so-
'1tOL per eccellenza. In questo senso pie- lo qualcosa di più, ma anche di diverso;
no Adamo è il primo uomo, Cristo, let- egli è unico.
Unico egli è anche nei confronti del
teralmente e realmente, il secondo. primo Adamo, al quale pur lo legano le
In Cristo, la figura che si contrappo- più strette analogie. Essendo uomo, e
ne ad Adamo, l'umanità trova ancora pil.1 che uomo (r Cor. 15.45 ss.), egli è
l'antitipo positivo di Adamo. Nel cap.
una volta un inizio 18 e un principio :
5 della Lettera ai Romani Paolo si stu-
wc; OL' Évòc; napa'lt-rwµcx.-roç dc; 'ltav-rac; Jia di mostrare come le ripercussioni
à.vi>pw1.ovc; Ek, xcx.-rcbcpLµa, oihwc; xat positive della comparsa di Cristo supe-
oL' É.vòc; (~ nota 13) OLXCX.Lwµcx.-.oc; dc; rino quelle, nega tive , di Adamo anche
per la loro portata 20 •
1tci:V'ta<; &.v1}pw-r:ov:; dc; OLXalWO'L'J swf\c; Gesù sta sempre in una serie insie-
(R..om. 5,18). E come il 1tpw'toc; 'AMµ me con altri; ma finisce sempre per oc-
già nella tradizione giudaica è detto il cupare in questa serie un posto di par-
i icolarc rilievo. In ogni serie egli rap-
capostipite degli uomini (cfr. Num. r.
presenta il caso-limite. che già si stacca
IO), COSÌ ]'dc; avi)pWitO<; '!T}O'OU<; è det- dagli altri. La stessa idea è messa in va-
to XE<pcx.À.i} della nuova stirpe, r.pw'té- rio modo in rilievo anche nei Vangeli .

itpw7toç nel v. 45• si ha solo perché si tratta di storia (ls. 51,1; Ez. 33,24; Mal. 2,15).
una citazione, ma disturba lo schematismo dei 19 Cfr. anche in Eph. -+ 6.pxn (1, coli. 128,
v. 45 ss. che innegabilmente vuol mettere in s.), in Hebr. IÌPXTJY6<; (-+ I, coli. r297 s.). Su
risalto le coppie <li concetti: 7tpW-roç e foxa.-roç r.pw-.6-roxoç v. J. B. FR EY: Biblica TI (1930)
'AOciµ, 7tpw-roç e oEV-rEpo<; li.vl)pw1to<;. Forse pp. 373-390.
foxa.<toç e oEir:Epoç risalgono aUa stessa mani· 20 Rom.5,16: oux Wc;&' Évòç <i.µa.p•d1<Ta.v-ro~...
festazione. (Su 1tpw-.oç 'AOO:µ cfr. Bar.gr.9,17 ). EÌ<; O~XO:LWµo:; cfr. ', T5; 1tOÀ.À.lì> µiiÀ.À.OV É'rtE-
18 Il precedente è Abramo come progenitore plO'<TEVO'EV, e 20 v1tEPE1tEP~vO'EVO'EV. Per l'anti·
dd popolo di Dio e punto di pactem:a della sna tesi Erç I -:to'ì...)...ol-+ nota ro.
Etç (E. Staulfer)

Gesti è profeta, e più che profeta; non per H suo popolo, e non solo per que-
è solo l'ultimo nella serie dei profeti, sto 21 • Anzi, la form ula 'uno per tutti'
è l' 6:yanl]•Òc; vt6c;, l'unico: e•t eva
ElxEv, vi.òv àya1t'l)'tov (Mc. 12,6; cfr. sostanzialmente si trova già in quella
Hebr. r,r s.). E ancora: egli è Figlio e professione di fede della comunità reli-
reca a noi la natura di figli, così che an- giosa primitiva su cui si basa Paolo in
che noi diveniamo tali. Tuttavia egli è
r Cor. 15 ,J. Il pensiero viene continua·
Figlio in un senso affatto singolare: µo-
voyEv-i)c; vt6c;. mente chiarito: la realtà di Gesù non è
un evento legato ad un solo e preciso
Ma l'eccezionalità di Gesù nel N. T.
momento del passato, che sottostà ad
non viene illustrata con speculazioni
un continuo processo di svalutazione, e
sulla sua essenza metafisica, bensl resa
non è neppure un semplice esempio o
palese in base alla sua eccezionale posi-
simbolo di un 'eterna legge esistenziale,
zione nella storia. La sua opera è il pun-
il cui significato non conoscerebbe limi-
to verso cui converge ogni avvenimento.
ti di tempo. Piuttosto, questo EL<; rima-
Tutta la storia precedente tende, in sen-
ne saldo nella sua assoluta unicità, e
so positivo o negativo, al µH.Àwv come
insieme è il punto in cui tutte le linee
al suo fine (cfr. Gal. 3,16; Rom. 5,14);
della storia si i11lc:~c1:a110. Quell'evento
da lui è portata alla conclusione e ad un
sta al centro della storia. Perciò questo
nuovo inizio, una volta per sempre: 1tfu;
Etc; è un evento altrettanto unico ed ec·
µÈv LEPEÌ>c; €cr-crpm1 xal>' 'l)µÉpav . .. •à.c:;
cezionale, quanto è determinante per
aù't"à.ç 7tOÀÀaxtc; npocrq>Épwv i>vcrlac:;,
tutta la storia.
ai'.'ttvEc; oùobwtE ouvav-rcx.t 1tEpLEÀEi:v
écµap't"i.ac;· oi'i-roc:; oÈ 1..1.i.av ... npocrEvÉy- b) 'In' Adamo una volta fu deciso il
Y.cxc:; l>vo-i.av dc:; 'tÒ Òt'T)VEXÈc:; ... µtq. •.. destino di tutta l'umanità. Così nell'e-
7tpocrq>opQ. 'tE'tEÀ.ELWXEV ... (Hebr. IO,l 1- vento di Cristo il destino della nuova
14; ~ a:1taç, Èq>amxç 1, coli. 1019 ss.). umanità è determinato 'in compendio'
Egli imprime una direzione e dà una mè- (Ireneo). La perfetta unità del popolo
ta alla storia futura, poiché egli, solo per di Dio è Èv Xpi<r-.Q (cfr. Ttiiv-rEc:; yà..p
tutci, ha aperto la nuova èra: o-rt EL<; ÙµEi:c:; dc; È<r-rE Év Xpt<r•Q 'll]<rou, Gal.
ÌmÈp 7taV'tWV <btÉt)CXVEV' apa OL 7taV"TEc:; 3,28). In Rom. 12.5 Paolo esprime lo
cX1tÉi)avov. xcxt Ù1tÈp TI<iv•wv CÌ7tÉi)avEv, stesso pensiero con una circonlocuzione:
i'.va ol swv-rEc;... (2 Cor. 5,14 s). ot 1tOÀ.À.ot E\I crwµa Éo"µ.Ev É.V XptO''tQ 22 •
Anche il Vangelo di Giovanni affer- È in questo senso profondamente stori-
ma che l' Etc:; avfrpwnoc:; dovetce morire co e per nulla mistico che Paolo chiama

21 Io. II,50 .52; 18,14. Cfr. Ap.Esdr. (TrscHF.N· av imtl.ynv.


DOR.F) p. 25: cruµq>ÉpEt ... µl1tv iJ;uxi]v xo}..6.-
cr1tcri}1tL, X(lÌ. llTJ oÀov -.òv XOO"f lOV El.; 6.r.w)..eL-
dc; (E. Siautfcr)

il Signore ~ xEcpaÀ.1). Cristo è in pri- svi luppati con particolare predilezione


mo luogo la XEcpaÀ.i} mio-T)c; à.pxfic; xat dalla lettera agli Efesini, la quale sotto-
È!;ovo-lac;; ogni potere discende da lui e linea che con Cristo la storia ha ripreso
in lui culmina (Col. 2,10). Egli perciò la propria unità e che ora la storia delJa
è in senso eminente la XEq>aÀ:n. a cui la salvezza può diventare storia universale.
ÈxXÀ.T)o-la. si rapporta come o-wµet. 23 • Infatti Cristo ha distrutto il vecchio or-
Tutto il divenire e la crescita della Chie- dinamento della salvezza, i'.vcx. -coùc; ouo
sa ha la sua origine in Cristo, i!; où mi'V x-clcrn Èv aù-rQ Ei.c; E'Va. xa.wòv èi'Vi}pw-
"CÒ <rwµa ... av!;EL "ti}'V av!;T)O"L'V "COV i}EOV 7tov ... x.a.t <btoxa-cciÀ.À.ci~n -covc; ciµq>o-
(Col. 2,x9). -cipovc; (Eph.2,r4ss.). Ma siccome la
Così la Chiesa ha esistenza e realtà Chiesa deve portare l'unità al genere
solo in virtù dell'avvento storico di Ge- umano, questa unità deve aver a cuore
sù. Essa ha il suo comune centro di for- più d'ogni cosa e rammenta~si di quei
za nello Spirito: OLaLpÉcrnc;... xapLo-µci-
"tW'V ... -cò OÈ aù-cò 7t'VEvµet. (r Cor. 12,4; princìpi che sono le fondamentali ga-
cfr. vv. 9.11); ciò che garantisce la sua ranzie della sua unità : E'V o-wµa. xet.t E'V
perennità è la comunità sacramentale, 1t'VEÙµa ... Etc; xupLoç, µla. 7tl<r-rLc;, (v
in cui ognuno prende parte a quella
(3ém·ncrµet. · Et<; i>Eòç X<Xt 1tcx·d1p nciv-.w\I
realtà vitale, una e uguale per tutti, che
vien data in Cristo: dc; ap-coc;, E'V o-w- (J::ph. 4'4 ss.).
µa ol 7tOÀ.À.ol ÈO"µEV" oi. yà.p 7tti'V"CEç ÈX
-coù È.'Vòc; èip-rov µE-rÉxoµE'V 24 • Un interesse dcl tutto particolare per
Paolo riprende continuamente I' im- J'idea dell'unità si ha nel Vangelo di
magine del crwµa. per mettere in chiaro Giovanni: l'uno è morto per i molti,
come Ja comunità, pur nelJa molteplici-
tà dei doni e dci compiti, sia organica- i'.va ... -r:à -rix.'Va -coù i}Eov 'tà OLEo-xopm-
mente una: È'V È'Vt o-wµa.-cL 7toÀ.À.à µÈÀ.1} crµÉ'Va cruva.ytiyn Ei.c; E'V ( r r ,52 ). Tutte
(Rom. i 2, 4; cfr. 1 Cor. 12,x 2 ss.). La le barriere esistenti tra i popoli e gli
Chiesa è una comunità di membri uniti
uomini cadono; l'umanità si suddivide
neIJo stesso destino, la quale sta sotto
il 'Voµoc; XpLCT"toù; in essa ciascuno deve in nuovi gruppi, di coloro che accettano
agire per l'altro, ciascuno so[rire con Cristo e di quelli che lo respingono. Da
l'altro, e, con il singolo che cade o si una parte scanno i figli della rovina, de-
regge, si reggono e cadono tutti: EÌ. •••
Tt<io-xn E'V µÉÀ.oc;, <rvµ7tciCTXEL 1tci'V'ta. -r:à stinati a naufragare nell'odio e nell'in-
µÉÀ.TJ (r Cor. i 2, 26; dr. Gal. 6, 2; I credulità25; dall 'altra la µt'.a. 1tolµ'VT), rac-
Cor. 4,6). colta attorno a un solo pasrore 26 • Cristo
Questi sono i pensieri fatti propri e stesso forma un'unità col Padre e con-

2l Col. 1,18; dr. l 'espressione dir Cor. 11 ,3, di Ign., Eph. 20,2.
carattere nertamcnte gerarchico: à.vopòç xE<pa- n Anch'essi cosciruiscono un blocco unitario;
À i) XpLo..tòc; ... XEq>aÀ T) XpLCT'tOV ò i>E6ç. l Jue v. Apoc. 17,14.r7. Cfr. 4 Esdr. 13,34 (colligetur
motivi si trovano fusi in Eph. 5,23. in unum) e Bar. syr. 36,5; 40,i.
24 J Cor. 10, 1ì; dr. 12,1 2s. e anche Did. 9,4; 20 lo. ro,r6; dr. 4 fsdr. 8,7 (sofus enim es et
di; (E. Stauffer) (11,439) 300

duce i suoi nella nuova comunita, LV~ unità nella lotta: cr't-i}XE'tE f.v Èvt 'ltVEv-
wcn.v 'tE'tEÀW.ù{J.ÉVOL Elç EV (Io. 17 ,23 ; µ an, 1. n~ ~vxn o-vvaÌ}À.ouv..Eç (Phil. 1 ,
27; d r. 2,2 ss.; Rom. 12 ,6 ). Perciò la
cfr. r7,rr.2 1 s.). cosa pit1 imporrante che gli Atti degli
Apostoli rife riscono riguardo alla Chie-
Si vede bene che il Cristo è sempre sa nascente è questa: 'tOU . .. 7t'X.-i}i}ouç
il punto di partenza e il centro della -rwv mcr.e:u6v..wv ilv xapola xat ~ux'ii
nuova comunità, e lo è in quanto me- p-lcx. (Act. 4 ,J 2; dr. 2,42-46 ecc.).
diatore. Ciò è messo in particolare rilie-
vo nella Lettera agli Efcsini e nel quarto c) Questo carattere unitario della Chie-
Vangelo. Ora, questa posizione d'inter- sa non significa però uniformità, bensl
mediario si basa sull'opera storica che unità organica. In essa le differenze tra
il Cristo ha portato a compimento: essa ricchi e poveri 23 , liberi e schiavi "Z9 sono
ne costituisce il costante presupposto accettate, non eliminate. L'uomo e la
teorico. Il pensiero nelle sue grandi li- donna sono ambedue membri di questa
nee è chiaro : nel mezzo di un mondo unità organica, ma ciascuno alla sua ma-
che sta ancora sotto il segno del peccato niera 30• La differenza dei sessi, secondo
originale, o che proprio ora ha scelto di la loro costituzione biologica e la loro
mettersi sotto quel segno, si costruisce, funzione pratica, acquista proprio nella
sotto il segno della croce, la sola Chiesa Chiesa il suo più profondo significato.
~dl'nnico Signore. La Chiesa è la nuo- La donna deve tacere nella comunità dei
va umanità, iniziata da Cristo; è il xcu- fedeli , non perché sia poco dotata o
vòç cl.vi}pw7toç (Eph. 2, 15). troppo ciarliera, ma perché è donna
La nuova situazione stabilita nel mon- (cfr. I Cor. r4 ,34 s.). La sottomissione
do da quell'evento unico che ruota in- della donna all'uomo non viene per così
torno a Cristo, in questo eone diventa dire 'superata' nella Chiesa; viene piut-
realtà positiva solo nella forma della tosto definitivamente stabilita 31 •
Chiesa. Tuttavia essa, come ogni realtà Nella Chiesa della fede si manifesta-
divina, si realizza nella misura in cui no addirittura nuove differenze, come
la Chiesa, credendo, pensando e operan- quella t ra fo rti e deboli, che non deve
do, prende sul serio quella realtà. Per essere cancellata, ma va presa in seria
questo la Lettera agli Efesi ni esige la considerazione nella teoria e nella pra-
(vo't'll<; della fede 27, il Vangelo di Gio- tica 32 • Anzi, lo stesso Spirito, in cui la
vanni la comunione dell'amore (~ ày6:- Chiesa trova la sua unità, si manifesta
7tT) ), la Lettera ai Filippcsi l'indissolub ile in una ricca varietà di carismi: 7tciv-.a.

una p!asrnatio nos sumus) e Bar. syr. 30, 2 ; 85, della Chiesa d r. particola rmente Herm., sim.
14;Shcmonch Esré 18 (STR ACK·BILL ERBEC!( rv 2,5 ss.
21 4) : «Benedici noi tutti quanti». 29 I Cor. ì , Iì ss.; Col. 3, 2 2 ss.; Pbilm. r r ss.;
21 ÉVOTi'J<:; due volte in Eph. (4,3.1 3); manca passi come Gal. 3,28; I Cor. r 2, 13; Col. J, 1 r
nel resto del N .T ., ma si trova sovente in I gna- vanno in tcrprctaati in questa luce.
zio. Per un esemp io preso dalla grecità profana 30 Cfr. Gal. 3,28 : lifYJ"EV xo:t l)i'}),u st:mno tv
d r. Epic., ep. r, 52. X pLo..-;0 in unità e differenza co me oovÀoç e
28 1 Cor. 1,26 ss.; 2 Cor. 8,9 ss.; Gal. 2,ro ; Act. ÈÀ.Eu ÒEpoç. Cfr. I Cor. r r,u : en tramb i (uomo
5,4; 6,r ss.; gli accen ni al carattere 'comur.is ri- e donna) sono l'uno per l'lil tro ~v xvp~~ .
co' della p rima com unità cristiana in Act. 2,-H :<i .r Cor. 7,36 ss.; u ,3 ss.; q.3-1 ~.; Rom. 7;2.
e 4,3 2 vanno interpretati alla l ll CC di q uest i -' 2 1 Cor. 8,7 ss.; 9 ,22; t0, ) 3; 1 2 . 2 2 ss.; Rom .
passi. Per u na te sti mon ia nzà dci [>r imi te mpi r.p ss.; cfr. I krm. , sim. 2, 5 ss.
t::tç (L Swuffcr) (u,439) 302

oè 'tav'ta ÈvEpyEt "t'o EV xat 't'Ò mhò proprio dei giudeo-cristiani di Gerusa-
1tVEvµa. (r Cor. 12,n ss.). lemme. Paolo combatte appassionata-
Analogamente anche le peculiarità mente quei seguaci di Giacomo i qua~i
etnico-storiche nell' unità della Chiesa credevano che l'unità della Chiesa fosse
non sono eliminate, bensì accolte33 • Par- assicurata soltanto in un cristianesimo
lando di se stesso Paolo dice con volu- livellato e, in luogo dell'assolutezza del
ta insistenza di essere q>vO"E~ 'Jouoatoç34 ; Cristo, proclamavano l'assolutezza del
con l'azione e la preghiera egli intercc· loro cristianesimo, rendendo cosl super-
de Ù1tÈp 'tWV <ruyytvwv ( mhov 't'WV) flua la croce 37 Invece Paolo, al servizio
xa'tèt cr<ipxa. 35 e diventa ebreo per gli dell'unico vangelo, per quelli che sono
Ebrei, allo scopo di conquistare i suoi V1tÒ v6µov diventa w<; V1tÒ v6µ.ov, men-
connazionali 36• In questo atteggiamen- tre per gli livoµo~ si fa egli pure lfvo-
to non c'è nulla dello spirito individua- µoc; J8_
listico-cosmopolitico proprio della tarda Con la sua pre<licazione egli si collo·
civiltà classica; ma non vi è nulla nem- ca in pieno nel mondo dci suoi ascolta-
meno dell' atteggiamento trionfalistico tori, affinché diventi palese il duplice

33 Gal. J,28; 6,r5; 1 Cor. 7,r7 ss.; 12,13; Rom. ben lieli che la loro proposta venisse conside-
ro,12; Col. 3,1 r. rata dall'opinione pubblica di Gerusalemme CO·
34 Gal. 2 1 15; 2 Cor. II, 22; Phil. 3, 5; inoltre mc la decisione, per tutti vincolante, uscita da
Rom. n,24b. quel dibattito. Probabilmente è a tale conside·
35 Rom. 9 13 s.; d r. It,14: i:Yiv O"cipxa. µov. razione che il decreto apostolico deve il suo in-
.l6 I Cor. 9, 20: ÈyEVOµT)V 't'O~c; 'fouOCl'.lo~c; wc; serimento negli Atti, che anche altrove risalgo-
'IovSa.'Loc;. Un µTi wv a.vi:òc; 'IovS~oc; in pa- no in notevole misura a tradizion i gcrosoli·
rallelismo col successivo µiì wv a vi:òc; vn:ò vO- mirane.
µov manca, perché Paolo rimane ebreo di stir- 38 r Cor. 9,20 s. Su questa base bisogna inter-
pe, mentre dal punto di vista della redenzione pretare notizie come quelle di Act. r6,r ss. e
dt Cristo egli non sottostà più alla Torà. E 2 r,24, nonostante l'opinione di F. OvERDECK,
manca una continuazione dcl tipo Ji Èyt::v6· Ag. ( r870) 250 e 376 ss. L'adempimento della
µT]v "EÀÀTJC71.V, perché Paolo non può rrcscn- Torà non porta a salvezza, secondo Gal. 2,r6.
rarsi ai Greci - come invece fa con gli Ebrei Tuttavia Paolo non proclama neppure che
- come uno della loro stessa stirpe. Pert:into ladempimento della legge porli sventura, e
in 9,2ob e 2! parla servendosi di categorie sro- nemmeno che la sua trasgressione sia fonte d i
rico-tcologiche, mentre in 9,20• usa c:11egoric s:1lveu,a.
etnidle, come fa in Gal. 2,15; Rom. 9,~ s.; II, L'adempimento della Torà è, come via di sal-
14.24\ Col. 3,n: "EU.T)v, 'Iovoa~oc;, .Lxu~c: . v~zza, definitivamente accantonaro, perciò dice
37 Cfr. Gal. 2,2-21: èi9cx Xp~O''t'Ò<; owpE!Ì,v à:m\· r i·~ wv o:ù-.òc; Ù7tÒ v6µov (lezione di tutti i mi·
i)a.vEv! 11 cosiddetto decreto apostolico (Jlct . gliori codici, omessa solo dal testo irnpcrinle
r5,20 ;21,25, ccc.) rivela u~ i stilistici propri di JK' I' mascherare l':mtinomismo di Paolo e le
un ebraico corretto cd era forse l'abbozzo di t.:nsioni nella Chiesa primitiva). Ma come mez-
accordo che gli uomini di Giacomo presentaro· ~o di apostobto l'adc1npi111cmo della Torà può
no nel consiglio d ci cinque (Gal. 1.9), scn7.:t arquiscare per p,1vl..i un nu:>vo sig:niiìc,uo: i:o~
tuttavia riuscire a farlo accettare (Gal. 2,6b). i.o.ò 'J6µov Wç Ù7tÒ v6µov , ~va -:oùc; ùr.ò v6µov
Ciononostante gli uomini di G iacomo hanno xe:;S-i]o-w. Questa è la possibilità, il compito,
evidentemente taciuto l'l:~itO di quella seduta, che Ovc rbeck non h :1 visto.
303 (11,439) dç (E. Stauffer)

significato che proprio per quel mondo punto morto, guidandoli all'unico tra-
ha il vangelo della croce: di scandalo e b'Uardo a cui tende la storia della sal-
di compimento. Per il realismo teologi- vezza 42 •
co degli Ebrei esso è dapprima motivo Negli Atti questo compito è inteso
di scandalo, ma poi diventa una dimo- in maniera perfettamente paolina e vie-
strazione della potenza di Dio; per la ne illuminato nel racconto della Pente-
metafisica 61oso6ca dei Greci appare coste, dove un solo Spirito riempie gli
dapprima come una pazzia, ma alla fine Apostoli, che da quel momento annun-
si impone come sapienza di Dio 39• Paolo ciano l'unico À.6yoc; l}Eov in molte
compie quest'opera in questa forma non y À.wo-cra.L. I popoli del mondo ascolta-
solo per incarico di Dio 40, ma anche in no il vangelo nella loro lint,'Ua e rispon-
emulazione con lui 41 . Egli vede infatti dono o con l'assenso o col rifiuto 43. Ciò
come Dio lasci andare Ebrei e Greci per significa che il cristianesimo primitivo
la propria strada, seguendo ognuno il non conosce che un solo evento salvi-
proprio modo di vedere, e questo fin- fico: la croce, e pertanto non conosce
ché non arrivano a un punto morto; al- che una sola Chiesa. Ma q uesta Chiesa
lora, sempre rispettandone le caratteri- non è né nazionale né universale: è la
stiche peculiari, li aiuta a superare il Chiesa dei popoli.

E.STAUFFER

Elcrn.xouw ~ &xouw 1, col. 599. dO-OÉXO(.LctL ~ OÉXoµa.L IT, coli. 884 S.


Elo-ÉpXOl.LctL ~ epxoµcu Elcrxa.À.Éop.aL ~ xa.À.Éw
Ei'.o-oooc; ~ òo6c; ElcrcpÉpw ~ q>Épw
ixa-.òv 'tECTCTEpaxov-.a -.focrapEc; ~ Èx~aÀ.À.w ~ ~aÀ.À.w n , coli. 37 ss.
owoExa. II, coli. r 570 ss. ÈxOT}µiw ~ oi)µoc; II, coll. 901 ss.
hoÉxoµa.L ~ 0Éxo1.La.t JI , coli. 88r ss.

39 I Cor. 1,n ss. Per la diffusione dcl Vangelo l;TJÀ.oiiv \'iene prescritto all'Apostolo dalla pa·
nel mondo ebraico cfr. Rom. ro4; 3;31 e anche rola, dalla volontà e dall'agire stesso di Dio;
Act. i3,r4; r8A ss.; 28,13 ss. Per fa diffusione v. Rom. 10,19; r1,1r.
del Vangelo nel mondo ellenistico dr. Col. 2, 42 Paolo in Rom. 1-3 parla delle vie seguite da

8 ss.; r Cor. 15,12.35 e, con tutte le dovute ri- Dio con i Greci e gli Ebrei nella seguente sue·
serve, Act. 17,22 ss. e 32. cessione tematica : fine della teologia e dell'e-
40 r Cor. 9,16 s. 2 } · ~ rva. ricn naturali; fine della teologia e dell'etica no-
41 Il fine di cui si paila in 1 Cor. 9 , 22 (ì'.va mistiche: l'umanità al punto motto; l'azione
'7taV"tW<; -.wàç <rwo-w) è ricordato anche in salvifica di Dio.
Rom. l r, 14 con un'espressione analoga: EL 'ltWç 43 V. Act. 2, u s.: cixovoµEv À.aÀ.ovv'twv aù-
napa.~-r)À.wo-w µov i:r1v a-apxa xai o-waw "tL· i:wv i:ai:ç i)~LE'tÉpaLç y À.W<T<JaLç 'tà. JJ.Ey<XÀ.E~<X
và.ç i!; aùi:wv. Ma qucst0 metodo dc:! o.ar;a- i:oii l)Eov ... yÀ.Euxovc; µEp.E<ri:wµÉvoL Etdv.
hòtxtw (G. Schrenk)

ÈxOLXÉW, EXOLxoc;, hòlx11cnc;

t ÈXOLXÉW Syll.' I l 81,11: preghiera di Rheneia che


invoca vendetta (u/1 sec. a.C.)\ 4 Bacr.
ÈxoLxÉw, che per assimilazione a Èx- 9 ,7: xat ÈxoLxl)crEt<; ( nqm) •à a.~µa-ra.
otxci.1'.:,w assume soprattutto il signifìcaco -rwv oouÀ.wv µou 'tWV 1tpOq>'f)'tWV ÈJC
di vendicare, punire (--+ è'.xotxoc; b ), si XELpÒç 'IE~ci0EÀ., locuzione pregnante
svolge in questo senso, allo stesso mo- che equivale a 'vendicare in lei il san-
do di è'.xoLxoc;, soltanto nel greco tardi- gue e liberare dalle sue mani (--+ e,
vo, giacché nulla garantisce che il fram- e col. 308); inoltre: Ios., ant. 9,ro8.
mento di Ctesia citato in Ateneo (--+ Nei LXX si ha ancora in I oel 3, 21
qui sotto) riproduca fedelmente il testo (cod. A; cod. B Èxsrrnicrw) -rà.c; àµa.p-
originario ( sec. v /1v av .C.). -rlac;, cÌCTE~da.c;, 1ta.pavop.t'.ai;. Am. 3 ,2.
L'uso biblico del verbo si sviluppa 14 (pqd); Ios., ant. 15,156. c) Anche
secondo la concezione israelitica dell'as- la persona vendicata si trpva all'accu-
soluta sacralità del sangue. Così nei sativo (raramente al dativo): µE ( r Bacr.
LXX hotxÉw 1 è usato spesso nel senso 24,13, Jp!); ȵav-r6v (P. Oxy. VI 937,7
di far vendetta in corrispondenza di [sec. m d. Cr.]); -ròv cÌoEÀ<p6v, -roùç
nqm e pqd; talvolta, soprattutto in cÌoEÀ<pouç (Plut., Agidis et Cleomenis
Ezechiele, di Jpt, raramente di rjb in cum Gracchis comparatio 5 [I 845 e];
forma hif'il, e di drf a) È usato anzi- 1 Mach . 6,22); -.ò ìtwoç (los., ani. r2,
tutto in senso assoluto. Al passivo: es- 284); -ri}v cipx-fiv (ant., 18, 335); -ròv
ser punito. 4' 36,28; cesto dell'Egitto itEév (ant. 20, u6). Col dativo: Ios.,
meridionale, 2r3' Cyr. Alex.: &µwµo~ ant. 18,347: -roi:c; v6µoLç, personificati;
ÈxOtX'r1crov-rcu; Ecclus r2,8; 23,21; Ios., test. Sal. 20,2: µoL. d ) Anche la perso-
ant. 4, 277; 6,307. Al passivo: esser na che viene punita va all'accusativo,
vendicato: Cen. 4,2 4 (cfr. v. 15) a pro- più raramente al dativo. 1)µ<iç, ù1.uiç,
posito di Caino: o·n bc-rci.xtç ÉY.oEol- a-€ (2 Mach. 6, 15; Iudith 8,27; Is. 57,
xT)-rat (nqm forma hof'al ); Ios., ant. 7, 16 [ rjb]; Ecclus 5 ,3 ). I nemici: 1 Bacr.
285. La cosa di cui si fa vendetta, che x4,24; 18,25 (nqm); Nah. 1,2 (nqm);
viene punita, è espressa all'accusativo 2• Ecclus 46,1 (2). Un popolo, una regio-
cp6vov (Ctesias, fr. 37 [C. Mi.iller 1844 ne, la terra: Ier. 25,12 (pqd); Abd. 21
p. 63,11] ), iMva-.ov (Plut., Anton. 67 (Jpf); Iudith 1, r 2; 2, I. Col dativo:
[ I 947 b]; Ios., ant. 7,386 e passim). -.oi:c; à.ÀÀocpuÀo~c; (lud . 16,28, cod. A
ÈxotXELV -rò aì:µa., ,à, o..ì:µa.-ra: Ditt., --+ c). e) La persona che riceve la punì-

hotxÉw. cial.O anche bc.litxii. nel cod.A. [·ii cod.V)). Per


ANZ, Subsidia 364; Ni\GELT, 33; MOULT.-MILL. Éxotx(i. ecc. dr. nel N.T. ÈÀ.EQ. ccc. (BtAss-
192; PREISJGKE, Wort. 442. DEBRUNNER § 90).
I Contro CREMER-KOC.EL 340, va osservato che 2 Per il caso dei complementi di ÈxotXE~v cfr.
ÈxoLxliw non si trova nei LXX. In Lev. r9, .R. HEI.B!NG, Kasussyntax dcr Verba bei den
18, Deut. 32,43 ÈxliLxii:taL è certamente futu- L::X. (1928) 37 s. L'alternanza di dativo e ac-
ro di Èxotxcisw; cfr. }faLB ING 86, THACKERAY cusativo rientra forse nel contesto di Bt.AS S·
l 299. Così pure in Iudith II ,ro. Invece in 2 DEDRUNNER § 151. Cfr. anche il classico ·np.w-
.Mach. 6,1 5 hlitx(i. non può essere futuro per PE~V (à.µuvEw) ·nvl. ' aiutare', e le molteplici
via di rva. In I Mach. 9,26 H;Elilxa. è lectio costruzioni tli 't't{.twpei:~àat e à.µuvea1)at [DE-
deterior rispetto a Ef:,EolxEt (-a secondo H EL- llRUNNER ) .
BING r 1 1; T11,\CKEJ(AY 2,.p, d<ive si trova asso· 3 DElSSMANN, L.O. 35-l ss.
ÈY.OLXÉW (G. Schrenk) (ll,442) J08

zione può anche essere preceduta da Ét chiele) sia invalso in un'epoca successi-
btl, raramente da Év o napci:. É~ (Num. va: P. Gen.47,17 (sec. IV d.C.)5• L'uso
31,2, ~ f; 4 Ba.a. 9,7 [nqm] ~ b); dei papiri che meglio si presta al con-
btl (Am.3,2.14 (pqd); Os.2,13 [2,r5]; fronto con Le. r8,3.5; Rom .12 ,19 è quel-
4,9, pqd; 'fap.23,2, pqd;27,r5, nqm;28, lo di ÉxÒtxEi:v nel significato di sostenere
44, pqd); Év (ler. 5,9, nqm. 29); Tiapci: la causa di qualcuno, tutelare, fare da
(los., ant. 6,303); Elc; (Ez. 25,12, ~ c). avvocato, con l'accusativo della persona
f) Spesso ÉXOLXELV ( 'tTJV) ÉxolxT)CTL'll, op- o della cosa: Gr. Pap. d. Bibl. Strass-
pure Éxo~XT)OÙt.v, si trova col genitivo burg 41,9 (sec. III d.C.): ÉXOLxf)cra.L 'tà.
della persona o della cosa per cui si fa 'tljc; 1tmo6c;; P. Amh. 134,10 (sec. n
vendetta. Dietro quest'uso sta quasi d.C.): Épw•w ere Éxotxfiaat a.ù•6v6• Più
sempre la formula ebraica naqam n"qa- tardi nei papiri ÉxOLXE~v 'tLV<X. viene a
ma e simili (Num. 3r,2; !ud. r6,28 A; significare: aiutare qualcuno ad ottene-
Ez. 25,r2; cfr. I Mach. 2,67; 9,42). Si re il proprio giusto 7•
noti ÉXOLXELV olxT)V col genitivo in Lev.
2 6,2 5: vendicare la rottura dell'allean-
Nel N.T. ÉxotxÉw s'incontra sei vol-
za. Rientra in quest'ambito anche Ez. te. 1. (~ b) 2 Cor. 10,6: Év hol~
16,38; 20,4 (Safat mispii!) e analoga- EXOV'tEc; Éxotxljcra.t 7tiiaa.v 7tapa.xoi)v:
mente 23.45 (ÉxOLXELV ÉXOLXTJCTEL): giu-
dicare, pronunciare un giudizio; qui in- gli apostoli, nella loro battaglia contro
fatti si tratta di un intervento punitivo le munite roccheforti avversarie, sono
con risulrati affauo negativi. Quest'uso pronti a punire qualunque disobbedien-
del verbo in Ezechiele si avvicina però za. Invece i passi di Apoc. 6,10 (lwç
a quello dei papiri, in quanto all'idea
della vendetta subentra quella del pro- 1tO'tE, 6 OECT7tO'tT)c;, où xplvnc; xat Éx&-
cedimento giudiziario. x~i:<; 'tÒ aiµa;) e l 9 ,2 ( É!;EolxT)O'EV -rò
Il molteplice uso del verbo nei papiri atµa 'tWV oouÀ.wv a.Ù"tov) sono esem-
presenta un'accezione maggiormente
positiva, che si riallaccia semplicemente pi a ti sui LXX e in essi ÉxotxEi:v va tra-
:ill'esplicazione giuridica della olxT). Il dotto con vendicare. Entrambi i pas-
verbo infatti è usato sempre con riferi- si, tenuto conto anche di ciò che se-
mento a procedimenti giudiziari. ÉXOL-
gue (rispettivamente: Éx 'tWV xa.•oL-
'.KELV significa perciò decidere un proces-
so (P. Oxy. vn 1020,6, sec. n/m d.C.)4. xounwv ÉTIL 'tfjc; yf]ç, e: Éx XELpÒc;
Contendere di fronte al tribunale (Gr. aù-.fjc;) si collocano nel gruppo e. Apoc.
Pap. d. Bibl. Strassburg [ed. Preisigke t9,2 è ricalcato su 4 Bcxcr. 9,7 (~ b).
r906 ss.J, 79,7 [scc. I a.C.J). Sembra
però che il significato di condurre qual-
2) (~ c) Rom. 12,19: µi) Éau'toùc;
cuno alla punizione (~ sopra in E7e·
4
MOUL'f.-MILL. 193. che hanno attinenza col procedimento giudi·
zi:u:io.
s Anche gli altri esempi di questa accezione 6 Per l'uso dci papiri cfr. MouLT.-MrtL. 192 s.
(Pni;rsTGKe, Wort. s.v.) provengono dal rv sec. P::r l'uso epigrafico: LrnDELt-ScOTT, s.v.
Tralasciamo i significati elevare una pretesa 7 Cfr. gli esempi dal rn fino al V! sec. in P.RET·
giuridica (esempi in LIDDl!Lt-ScoTT s.v.) dr. STGKE, Wlùrt. s.v. o Éx.otxi)cra.; è fn::quente
P. Ryl. n 94,12 (q-37 d . C.), sostenere un sulle iscrizioni = il giudice; cfr. Nii.GELI ) 3.
diritto (cfr. Mouu.-M1LL s.v.), elevare 1111'ac.. Per ÉXOLXE~v i:òv i:611:ov (Ign., Orig., Eus.)
cusa: P. Lips. )3 col. IT, 15 (sec. rv d. C.) dr. PREUSCllF.N-BAUf,R, s.v.
309 ( 11,+-12 ) El!ÒLxoç (G. Sch1.:nk )

lxOLXOUV"tEc;, non significa 'non fatevi della legge. Perciò EXOtxoc;, -ov vale
valere da soli il vostro diritto', bensì contrario alla legge, ingiusto. Detto di
persone: Soph., Oed. Col.920: èi.vopac;
non vendicatevi da soli, lasciando fare Èxo~xouc;. Al neutro: Aesch., Prom.
al giudizio dell'ira divina che si sosti- 1093: ExOLM. -r.ci.a-xw; Eur., H el.i 638:
tuisce cosl alla vendetta privata. EXOLXa (opp. otncx. ). b) Nell'uso preva-
lente lxòtxoc; e derivati sono però so-
3) (~ coli. 308 s.). Invece Le. 18, stanzialmente assimilati a ÈxÒtxcil;w.
Quest 'ultimo, composto di Èç e Òtxcil;w
3; Èxolx11a-6v µE àrcò 'tOU à.v-tLOLXOU non può derivare da EXOtxoc;, com'è in-
(~ àv'tlotxoc; I, col. 1006), allude al vece il caso di ixòixÉw 'esser fuori del
render giustizia del giudice, mentre la giusto'. Èxotxcil;w significa: decido un
negozio giudirico, vendico. In E ur.,
preposizione à.1t6 - in luogo del co-
suppi. i 152, Èxotxcx.a--c1Jc; è appunto il
mune Èl; - va intesa come una costru- vendicatore. Assimilandosi a Èxotx<il;M,
zione pregnante che esprime la libera- EXOLxoc; è passato dall'accezione di ' in-
zione dall'avversario (cfr. però anche giusto' a quella di 'vendicatore' e Èxot-
xÉw da 'essere fuori del giusto' a 'ven-
~ Èxolxncnc; d: 1tOLE~V ÈxOLX'l')O"LV à7t6: dical'e'. Questi trapassi semantici pare
Iud. u ,36). Nello stesso significato di siano avvenuti in epoca ellenistica. Co-
farsi giustizia, con l'accusativo della sl EXOLxoc; come aggettivo significa tu-
tore del giusto, vendicatore in batra-
persona, ricorre in Le. I 8 ,5: ÈxOLXTJ- chomyomachia 97 (ed . T. W. Alle n,
CTW CXV'tTJV. 1-lomeri opera): EXEL i)Eòc; EXOLXOV oµ-
:f: indkativo che mentre l'Apocalisse µa, e come sostantivo vale vendicatore,
esecutore di giustizia, colui che attua la
si riallaccia chiaramente al significato
sentenza. Plut., de garrulitate r4 (II
veterotestamentario di 'vendicare', il 509 s.): cx.t 'l~uxou i!xotxot; Herodian .
greco Luca, a prescindere dalle remini- 7.4,5 : EXOLXOL 'tou yEV'l')<ToµÈvou Epyou;
II r 4 ,6: EXÒtxoc; -.ou TIEp'tlvaxoc;. Cosl
scenze dei LXX, si adegua, costruendo
anche in LXX \jJ 98,8 (cod. l:): EXOtxoc;
il verbo con àr:ò, all'uso forense del per ÉXOLxwv (noqem) È7tt 7tciv-ca •à
suo tempo. Paolo anche in questo ca- btt"t''l')OEuµa"ta mhwv (detto di Dio);
so mostra di sentire più forte l'influsso Ecclus 30,6: Èvav.t'.ov Èxl>pwv xa'tD..t-
i':Ev (xotxov (il padre morente nel suo
veterotestamentario. figlio ); 4 Mach. 15,29 : wµi)-.Ep ElN01Jc,,
EXÒLXE -tou v611ou. Anche in Ios., belt.
t (xotx.oc; 5 ,377 Dio è definito: 'Iouoaltw EXOL-
xoc; (in precedenza si legge i:ì.v Ò.ÒtXW'J-
f::x:Òtxoc; significa anzitutto: a) 6 ÈY.. -ra.t ). Ma Giuseppe usa anche hòtx'l")-
(= (~w) olx11c; wv , colui che si pone 'tYJ<;, in ant. 17,242, <letto di Antipntro
criminosamente al di fuori dei limiti (come in LXX 4' 8 ,3: '::)V 1~rx-.a.À.uo-c:.~

~xo~xoç
NXGELI, 33; MouLT.-MILL. 193 ; MILLTCAN a W. IV (1901) 2366 ss.; L. M1TTe1s, Reichsrccht
r Thess. .1,6; O. GRAllF.~ WITZ Ei11/iihrung in (r89r) r67 ss.; PREISIGKE, Pacbwortcr .r.u.:
die Papyrusk1111de J (r900) i6o; MITTEI S- loEM, Wort. m Abschnitt S s. 1•. In Filon.!
\X'rr.CKF.!'I l r ,80 s.; n I.) 1 ; O. SeECK in P.mly (xo~xoç non è :mestato.
txoixTJ<riç (G. Schrcnk)

ÈXi}pòv xa.t ÈxoLx1}-rl)v ). - c) Difensore litica, della quale, contro le tendenze


pubblico. Come titoJo ufficiale pare sia rivoluzionarie che serpeggiavano nella
molto antico: Inscr. Magn. 93 (sec. u
a.C.). Cicerone (fam. 13,56,1) usa ec- comunità romana, viene riaffermata la
dici accanto a legati come parola stra- vajjdità in quanto esecutrice ( vindex)
niera. In Plin., ep. 10, I ro. r si ha ec- del giudizio dell'ira divina.
dicus Amisenorum civitatis (Ditt., O.
G .I.S. 458,64; Ditt., Syll. 3 II 679,16 e
passim). - d) L'assistente legale in ge- t Éxo lx110-Lc;
nere, il procuratore; è usato regolar-
a) hòlx110-tç, vendetta, punizione, ri-
mente come termine tecnico soprattutto
sarcimento è vocabolo usato prevalente-
nei papiri ma anche nelle iscrizioni . P.
mente dai LXX, ai quali si conforma poi
Oxy. n 261,14 (55 d.C.); Il 237 col. quasi sempre l'uso neotestamentario.
vu 39 ( r 86 d.C.). B.G.U. r r 36,4 sec. Con Éxolxr}o-tç i LXX traducono: toka-
n d.C.). Di epoca successiva è P. Lips.
fJat, niiqiim, n"qiima, p•qudda, sefat1m .
38,17 (sec. rv d.C.). - e) In epoca bizan-
Il vocabolo è usato anche al plurale
tina ~XÒLxoç -rfjç 1tÒÀEwç è il defensor ci-
(Mich . 7,4; Ez. 16,4r; 25,17).
vitatis o plebis, preposto in origine alla Molto comune è l'espressione 1)µÉprx
tutela degli humiliores nella giurisdizio- o xa.Lpòç ÈxÒLx1}o-Ewç, che traduce jom
ne inferiore e divenuto gradualmente o 'et p"qudda oppure n•qama, ecc. In
un eminente funzionario municipale; in Deut. 32 ,35 Év ii11Épq. ÉxOLXTJO-ErJJc; iiv-
Egitto (P. Oxy. I 6,901) già nel 3 36 i:a1toowaw è traduzione libera (per il
d .C. (P. Oxy VI 962, r.ro [465 d.C.J, T.M. ~sotto); Os. 9,7; 'IEp 26,10.21;
in Mitteis- Wilcken n 2,72) 1•
27,31 1 ; 28,6; 26,10; Ecclus 5, 7 (9).
Giuseppe non usa mai Èxòlxr}o-tc;, ma
Nel N.T. EXÒLxoç si trova solo nel soltanto ÉxÒLxla, ed esprime con que-
significato b, come sostantivo. Con ri- sto vocabolo soprattutto l'idea della
vendetta di sangue. Parla quin<li di Éx-
ferimento a Dio si legge in I Thess. ÒLxt'.a. per l'ospite e l'amico (ant. r,208;
4 ,6 : ExOLXO<; xupwç 'itEp~ miV'tWV 't"OU- 19,20), per il fratello (ant. 2,ro7; cfr.
-rwv, dove è detto che oscenità, preva- 137; I 3 ,19 ), per il caduti, gli uccisi, i
violentati (17,291; bell. 2,237; ant. 7,
ricazioni nei rapporti coi fratelli e altri 294, cfr. anche ant. 20,126); esprime
peccati analoghi, che formano il contra- in ogni caso il compimento di questo
rio dello ayLa.O-µÒç, inducono il XUpLOç sacro dovere della vendetta di sangue,
oppure la minaccia incombente della
a intervenire come punitore, forse già
punizione divina.
fin d'ora, comunque nel giudizio finale.
In Rom. r 3 .4: i}Eov yàp ÒLaxovéç fo"·n, Nei papiri troviamo Éxot'.xr}O-Lç nel
senso di punizione (P. Masp. 97 verso,
EY.Òtxoç Elç òpy'Ì)v i:~ -rò xrxxòv npacr- D51 [sec. VI d.C.]), di difesa (P.Lond.
o-ovi:L, €xòtxoç è riferito all'autorità po- v 1674,102 [sec. v1 d.C. ] ). Qui insom-
1 L'evoluzione semantica di El<Stxoç è quanto
=
sta al di fuori del processo giudiziario' rap-
mai singolare. Probabilmenre ci troviamo di presentante di una delle parti del processo
fronte a due composti in origine indipendenti, rDrni< UNNER).
uno attico che significa 'che si trova al di fuo- Èxolx'Y)<Ttç
ri del diritto' e un altro (forse) ionico: 'che I Cfr. m lK' ad l.
Jl3 (II,443) ÈxolxT)crLç (G. Schrenk)

ma la parola rientra, come ÈxoLxÈw ( ~ nitivo (2 Ba.cr. 4,8, n'qamot); il dativo


coli. 307 s.), nell'ambito del diritto pe- è attestato solo in 2 T hess. r ,8 ( ~ col.
nale 2• - b) La persona oggetto della ven- 3r6). Si trova invece con Ò:'ltOOLOéva.L
della e della punizione sta al genitivo (Num. 31,3, liitèt niqmat ihwh; Ecclus
semplice (4i 57,rr, 11oqam; Ez. 9, 1, pc- r 2 ,6) e con à:v-ra.7to&oévcxL holx'l'}aw
quddot; Ecclus 7,r7; Iudith 8,35; 9,2), (Ecclus 32,23).
oppure con Èç (l er. 1 r , 20, n'qoma), op-
pure ancora con É7tl e l'accusativo (Ez. Anche nel N.T. holx'l'}O"L<; significa r.
25 ,14.17, in dipendenza da ÉxolX'l')CfL<;). (~ a) vendetta, punizione, soprattutto
c) Anche la persona o cosa per cui si fa quest'ultima. Così per es. in 2 Cor. 7,
vendetta sta al genitivo. Quest'uso è co-
11, dove Éxolx'l'}crLç è messo in paralle-
stante in Giuseppe (~ col. 3 t 2 ). Per
Num. 31 ,2; r Mach. 2,67; 9.42 e la for- lo con cinoÀ.oyla. come termine del di-
mula Éx&xEi:V "t'Ì}V ÈxolX'l')O'LV ~ ÉXOL- ritto penale 3, che trova riscontro so-
XÉW col. 307. Inoltre 4i 78,10: ii Éx-
prattutto nell'uso dei papiri (~ sopra).
olxT1CfL<; "tOU a.tµa."toç (n°qoma). - d) 1tOL-
ELV Èxolxricrlv "tLVL. M entre in Polyb. 3, Invece nella citazione di Deut. 32,35
8,to "tTJV ÈXOLX'Y}CfLV 1tOL'l')0'6:µEvoç signi- in Rom. r2,r9 e Hebr. io,30: ɵot Éx-
fica dare soddisfazione, e in e I G II olxr}vL<;, iyw àvTCX1tOOWO'W che si pre-
2826,15 ÈxOLXT)O'LV 1tOLEi:cri}a.l ·nvoç vale
senta identica nei due passi ma non
ottenere soddisfazione da qualcuno, i
LXX usano invece l'espressione nel sen- coincide coi LXX, si allude alla vendet-
so di trarre vendetta in corrispondenza ta di Dio.
di 'asa ncqama e simili. Cfr. test. Sat.
22.4 {Cown p.65*): Éav •nv Èxolx'l')crw La citazione surriferi ta è cscmplata
•a.u-r'l')v 1tOLYJCTEL<; -i}p.i:v, detro dcl com- in ambo i passi sul T.M.; si avvicina
pimento dell 'auo punitivo. La persona pure alla versione del Tg. O. 4 • La locu-
sulla quale si com pie la vendetta nei zione profetica -fiµÉpcx ÉXOLxi)crEw<; ritor-
LXX è generalmence preceduta da Év (~ na al plurale in Le. 21 ,22, dove è rife-
149,7, n'qoma; Mich. 5,r 5, niiqilm; Ez. rita al giudizio finale come al giorno in
r 6,4r, 'osa iefafim; 25 ,1 7, n"qam6t; r cui si compirà la punizione divina.
Mach. 3, T 5 e passim). Raro è l'uso di
2 . {~ b) 1 Petr. 2,14: ÙT:O"tciy'l'}'tE
à1t6 (Jud.r t,36, n'qiim6t ; cfr. anche
Ios., ant. 6 ,211: Ti chtò 't<7N 1tOÀ.Eµlwv 1]yEµ6crw wç OL' aù-rou 'itEµ1toµÉVOL<; ELç
h&xlcx}; raramente si trova El<; ( Ez. ÈxOLìCflOW xa.XO'ltOLWV, significa che 1
25 ,1 1, J' fàf2m }. - e) oLoéva.L Éxolx'l')crw o
governatori sono mandati a punire i
ÉxoLxi)crELç (Ez. 25, 14; 25, 17; 2 Bcxcr.
22,48=4' 17,48), sempre in corrispon- malfattori.
denza di natan n"qama. La persona che
viene punita pu(i essere espressa al ge- 3. (~d) .I n Le. 18,7s. s'incontra due

4 STRACK·BILLERBECK 111 300, dr. LIETZMANN,


2 'Taç lyo~xO:cnoç, D1TT. Sy/U 563, 14 == E.
SCHWY:lER, Dialectorum Graec. exempla( 1921) Rom. 106; R1GGENBAC11, Hebr. 330. 11. VoLL·
387,14 (2or a.C. dall'Ecolia) deriva da txol- MER, At. liche Citate bei Paulus ( 1895) 30 ss.,
xa.crLç, con oc breve (dr. L100ELL·ScoTT) non ritiene che la citazione sia tratta da una tradu-
da ÈxolxT)CJLç (NXGELI 33) fDF.BRUNNER]. zione greca diversa dai LXX; secondo il Rii:;-
genbach invece p roverrebbe dalla versione di
3 (Jr. W1NorscH, 2 Kor. 2 35. Tcodozione.
ÈXX(V'tÉW (H. Schlier)

volte 'ltOLE~V •'ÌJV ÉXOLXT}OW seguito dal vovµÉv0, una reminiscenza dci LXX ( =
genitivo, che è raro con questa formula /ar vendetta) è probabile per il fatto che
("'t'WV ÈxÀ.EX'"tW\I, a.Ù•wv ). P robabilmen- }'aggancio alla terminologia dell'A.T. è
te si tratta di una reminiscenza dell'uso nello stile del discorso di Stefano.
di ÈXOtXEL\I •iJv ÈXOLXT}OW (~ ÈxotxÉw
col. 307 ). Per quanto riguarda il senso 4) ("""")e) 2 Thess. 1,8: oto6vi:oç €.x-
dell'espressione, anche qui (~ ÈxoLxÉw òlx11crLv -.o~<; µ.i] Elòécrw i}Eov, va tra-
coli. 307 s.) non sarà il caso di pensare a dotto con fare vendetta. L'uso del da-
un influsso dei LXX, quanto piuttosto tivo per indicare la persona punita si
all'uso ellenistico generale: Dio renderà spiega con una reminiscenza di Is. 66,
giustizia ai suoi eletti nel senso che darà 15 : èt'ltooovvcu ÉxOLY.T}<TW cx.ù-tov (tra-
loro soddisfazione (~ d). Invece in Act. dotto liberamente) e col fatto che quel-
7 ,24: È1tOL1lCJE\I ÈXOLX'T}CTW •4°> Y.a.'ta.'lto- la formula è costruita col dativo (--') e).

G. ScHRENK

ÈxOUW ~ OVW II coli. I 5 5 5 SS.


tx.x.a.i>a.lpw ~ xcx.l)a.lpw

Cavare (gli occhi): Aristot., hist. al?. Nel N.T. ÈxxEv•Éw ricorre soltanto
2,17 p. 508 b 6; perforare con la lan- in due passi, che si ricollegano entram-
cia o la spada e quindi uccidere: Polyb.
5,56,12; r5,33,4; 24,7,6; Polyaen., bi a Zach. 12,to (12).
stra/. 5,3,8; LXX Num. 22,29; Iud. 9,
54; 1 Chr. 10,4 ecc. 'on sempre tutta- i) lo. 19,37: xat 7taÀ.w é-.épa. ypa-
via nell'uso dcl verbo si mantiene l'idea cpi] ÀÉyEL . o4'ov-.at EL<; ov É~EXÉV't'T'}CTO:.\I .
dell'uccisione (cfr. los., r6,ro: xa.t •oùç All 'origine sta l'oscuro testo ebraico di
:XCX.'tOLXOVV'!IJ.<; Èv rasÈP Él;EXÉV't'Y)G'O:.V, Zach. 12, ro: ul'hibb'ì!t't 'eta; 'et 'afrr
e 2 Mach. I 2 .6} tam 'è vero che ÈxxExEv- daqii.ru 'volgeranno lo sguardo a ... colui
-:·f]µÉ·;ot in 'IEp. 44, 10 significa 'feriti che hanno trapassato'. Aquila, Simma-
gravi' e in Lam. 4 ,9 la stessa parola in- co e Teodozione traducono letteralmen-
dica i 'colpiti' in generale. L'equivalen- te (accogliendo però, forse la lezione
te ebraico è !n ls. r 4,r9 t'n (forma pu- J elè J ascr ). Simmaco in luogo di i!;ExÉv-

, al), 2 2 ,29 hrg (fo rma gal), altrove dqr 't'Y)O'CXV porta È1tE!;EXÉv-r·f}crcxv. Che Gio-
(forma qal e pu'al). daqar, come risulta vanni non dipenda da queste versioni,
da Num. 25.8, può esser tradotto anche è dimostraro dal SUO USO di o4'ov'tct.L in
con àr.oxEv-:Éw. luogo dcl l 'Èm~ÀÉ~ov·mL dei traduttori.

ÉXXEV'tÉW T. umi Aquila-Lesarten bei J11stin: ZNW 20


A. RA11trs, Ober Theodotion-Lesarten im N. ( 1921) 182-r99.
Èxx~v•Éw (H. Schlicr)

La versione dei LXX: xa.t 1bn~À.Élj;ov­ dannato a morce alla fine dei tempi si
·ta.L 7tp6c:; µE, <ivi)' wv xa't<,.,Px-fiow.1'to, manifesta come il Signore, per il quale
presuppone un testo con riiqad in luo-
go di daqar. Nell'interpretazione di
il mondo, troppo tardi pentito e atter-
Giovanni il passo di Zaccaria, avulso rito dal suo giudizio (entrambi questi
dal contesto nel quale aveva in origine concetti sono espressi da x6~ov-.cxt.
un significato storico e si riferiva pro- bt' a.v-.6v) 3, proromperà in lamenti.
babilmente a Onia III, si configura co-
me una testimonianza scritturale che Strettamente connesso con Apoc. I ,7 è
preannunzia «l'attuata realtà della mor- Mt. 24,30: xa.t -.6-.e: q>a.vi)cre:'t<XL -.ò
te stabilita per il Cristo» 1 • Quando la O"T}µEfov 'tOU vtov 'tOV à.vi)pw'ltOU È.V où-
lancia penetra nel corpo esanime di Ge-
pav<{}, xat 't'o'te: x6~ovi:a.t. ita~aL at
sù si compie la profezia veterotesta-
mentaria dell''unigenito' e del 'primo- (j)UÀ.a.t 't'ijc:; yfjc:; xat oljlovi:a.t. ·'t'ÒV vtòv
genito' che vien 'trapassato'. Le parole 'tOU ò:vi)pw'ltOV ÈPXOµEVOV É7tL 't'WV VE-
dc:; ov Èçi::xÉV'tT}O'av nel testo di Gio-
(j)EÀ.WV 't'OU oùpa.vov µe:-rà' ovvaµi::wc:;
vanni alludono proprio alla lancia che
penetra nel costato e non possono quin- XCIL 00~1)<; 'ltOÀ.À.fjc:;. L'uso di oljJOV'tCX.L

di essere collegate con oljJov'ta.t sebbe- (in luogo di Èm$À.É~ov-.a.L) e il richia-


ne ciò sia teoricamente possibile~. mo al testo di Zaccaria nelle parole
2.Mentre in Io. 19,3 7 il richiamo a x61{iov-ta.L 1tiirrrn a.i. cpuÀ.a.t -.ijç yfiç de-
Zach. 12, 10 è solo frammentario , in nunciano, come in Apoc. 1 ,7, una con-
Apoc. 1,7: looù ltpxe:'ta.L µe:'tà 'twv ve:- nessione formale dei due passi. Ma a
q>EÀ.wv, xa.t O\j/E't<J.L a:1J-tÒv mie:; Òq>~aÀ.­ questa deve accompagnarsi un'affinità
µÒc:; Y.a.L O~'tLVE<; <J.V'tÒV ÈçEXÉV't'rjO"(.lV, di contenuto, per cui il Signore 'trafit-
xa.t x6~ov'ta.t È7t' a.v'tÒV 1.éi.'7a.~ cd q>u- to' che ritorna si identifica con colui
À.a..t -cfjc:; yi'jc:;, il medesimo passo vete- che appare con il 'segno del Figlio del-
rotestamentario è svolto invece in con- l'uomo'. In Dici. r6,6 il 'segno della
nessione con il 'topos' protocristiano verità', il 'segno Jell'estendersi nel cie-
del ritorno di Cristo. Colui che gli abi- lo', precede la comparsa del Signore
tanti di Gerusalemme compiangono co- sulle nuvole del cielo 4 •
me il 'diletto' (LXX) e ìl 'primogeni- La croce appare quindi separata dal
to' è Gesù Cristo che ritorna e si ma- Cristo che ritorna. Secondo Mt. 24,30
nifesta a pagani e giudei nella lacera- questo 'segno' brillerà nel cielo, dal
zione della sua carne. L'accenno all'Èsc.- quale poi scenderà visibilmente il Fi-
xÉvi:T}crav vuol porre in risalto il fatto glio dell'uomo. La croce e la 'molta po-
che proprio colui che il mondo ha con- tenza e gloria' procedono di pari pas-

J SCJ·ILATTER, Io. ~55 · 3 Cfr. Iust., apol. 52,12 ; dia!. 32,2: 64,7 I ?);
n 8,c
2 Cfr. Iusr., dial. r4,8; 32,2; apol. 52,12; con- 4 Per questa concc;:ionc cfr. W/. BousSET, Der

tro BAuER, lo, ad l. /lntichrist ( 1895) 1 .54 ss.


ÈY.'lt't"UW (H. Schlier)

so negli ultimi tempi: la croce, che il ÈO'•W ov 1tO'tE TJµEL<; ÈO''tG.VpwcraµE\I


mondo ha creduto di nascondere, appa- Èl;ouiJEvl)cra.\l"tE<; xaì. XC11:CX.XE\l'ti)CTC1\l'tE<;
xat ȵ1t-.ucra.v•E<; ; ma cfr., per Apoc.
rirà minacciosa sul mondo come il se- 1,7, Iust., dia!. 32 ,2: ... ÈÀ.ÉyE-.o xa.ì.
gno di vittoria del Signore che si avvi- Civo 7ta.poucrlas aù-roù yEvi)crEO'lJa.L è:1;-
cina glorioso. TJY11crciµ11v, µlav µÈv Èv ii Èl;EXE\l"tTJlJ'Y)
ùcp' vµwv, OEV•Épa.v OÈ O'i:E È1ttY'JWO'EG'-
Il pensiero di Apoc. 1 ,7 è stato so- l}E ds 0\1 Èl;EXE\l'tlJCTCX.'tE, xa.ì. x6\j;ov-.cx.L
vente ripreso in seguito quasi sempre a.i. q>vÀ.cx.ì. ùµc7>v... Inoltre cfr. Iust.,
con un libero richiamo a Zach. 12,10 apol. 52,15; dial. r4,8; 64,7; n8,r.
(I 2 ). Si avvicina invece piuttosto a I o.
19,37 il passo di Barn. 9,7: oux ou-.6<; H. ScHI.IER

Èxx),'Y)crla. ---'>' xcx.À.Éw ÈxX01t'tW ~ X01t"tW


hÀ.Éyw, hÀ.oy'i}, ÈY.À.EX't'O<; ~ À.Éyw ÈxÀ.Uw ---'>' À.Uw
Èxv1Jcpw ~ v1Jcpw ÉxOVG'LO<; ~ Éxwv
h1mpci~w ~ 1tEtpcx.crµ6s ÈX1tL1t"tW ~ 1tl1t'tW
Èx1tÀ.'Y)p6w, Èx'!tÀ.'T)pwcrt<; ~ '1tÀ.'Y)p6w Èx'Jt\/ÉW ~ 1tVEVµa.

t Èx7t"t'UW

Sputar fuori 1, appartiene alla xoLV'i} vedere in Paolo un indemoniato per via
2 della sua infermità, ma lo hanno anzi
popolare e s'incontra nel N.T. solo in
Gal. 4' 14: xa.t "tÒV 'ltE~pru:rµòv vµwv Èv accolto come un'apparizione angelica,
TU cra.pxt'. µou oux Èçoui}EvnO'a."tE ouoÈ anzi, come lo stesso Cristo.
È~rn"tvcra.-.E, à.À.À.Ù.. ws (J.yyEÀ.ov i}Eou Nell'atto di Èx1t-.vEL\I, despuere, oc-
ÈoÉça.O"iM µE, ws Xp~cr-.òv 'l'Y)crouv, dove corre distinguere fra lo sputar fuori e
non è usato nel senso metaforico di 'ma- lo sputar contro e fra l'intenzione di
stornare una minaccia demoniaca, una
nifestare ripugnanza, disprezzare, riget- sventura, una malattia, e quella di sana-
tare', ecc. 3 ma nel suo significato lette- re con lo sputo un malanno già in atto.
rale, e allude all'usanza degli antichi di È naturale però che i due intendimenti
non sempre si possano separare e nem-
sputare per srornare da sé malattie o meno distinguere. Comunque l'uso apo-
altre minacce demoniache. I Galati non tropaico, che è il solo che ci interessa
hanno quindi ceduto alla tentazione di in questa sede 4, è ben documentato da

h7t't"VW
LIETZMANN, Gal. ad l.; STEINMANN, Gal. 103; 1 L rooELL-SCO'l''f, s.v.
M. KRENKEL, Beitrage ( r890) 67 ss.; G. S1TT1., 2 Ni\GELI 58.
Die Gebarden der Griechen und Romer 3 p. es. v. HOFMANN, Gal.' 129; SrEFFERT,
(1890) rr7 ss.; ]. DèiLGER, Der Exorzismus im Gal.' 27r s.; SCHAFER, Gal. (1890) 317; BuR-
altchristlichen Taufrilual (1900) 135s.; J .DoL- TON, Cal. ( r 921) 242.
GER, Die Sonne der Gerechtigkeit und der 4 Per il significato dello sputo nella fede del

Schwarze (r9t8) wss. primitivo dr. M. EBERT, Reallexikon der Vor-


ÈX'rm)w (H. Schlier) (11,447) 322

tutta una serie di testimonianze. Plaut. , v6µEvov oÈ lowv fi ÉnlÀ.T)lt'tOV, <ppll;cxç


captivi 549. parla di un morbus qui spu- Elç xoÀ.itov lt'tvCTa.L; Luc., apologia pro
tatur, e Plin., hist. nat. 10,23,33, d i un mercede conduclis 6.
morbus despui suetus. In ambo i casi Accanto al gesto di despuere cosl va-
si allude all'epilessia. In hist. nat. 28,4, riamente usato si colloca, sempre con in-
7 Plinio tratta dell'efficacia salutare del- tendimento apotropaico, l'adspuere, cioè
lo sputo e rivela come l'uso medico-te- lo sputare contro qualcuno o qualcosa.
rapeutico dello sputO fosse strettamente Anche in questo caso abbiamo la testi-
collcgat& con quello apotropaico e addi- monianza di Plinio. Cfr. hist. nat. 28,4,
rittura fondato su di esso. Leggiamo in- 7: ...cur non et haec credamus rite fieri,
fatti tra l'altro: Despuimus comitiales extranei inlerventu, aut si dormiens
morbos, hoc est contagia regerimus, si- spectetur infans, a nutrice terna adspui
mili modo et /ascinationes repercuti- in os. Cfr. pure Luc., nec.7, dove l'incan-
mus, dextraeque clauditatis occursum. tatore sputa tre volte in faccia al clien-
Veniam quoque a deis spei alicuius au- te, compiendo in tal modo un gesto che
dacioris petimus in sinum spuendo. Ea- rientra nella sua Élt<t'OTJ. Tyr: r 2: ... xat
dem ratione terna despuere praedicatio- xai:mt-rvcraç µou xaì.· Elç i:òv 'tWV &.crE-
ne in omni medicina mos est atque ita ~wv xwpov ami>t, tltmtwv WXE'tO
elfectus adiuvare, incipienti:; furunculos Queste pratiche pagane riaffiorano
ter praesignare ieiuna saliva. La frase nel cristianesimo, insinuandosi in parte
hoc est contagia regerimus rappresenta nel rituale del battesimo. Anche se in
l'incerpretazione razionalistica di un at- mart. Dasii ro (Knopfl 9 4): i.ooù yàp
to che in origine aveva un carattere ma- xaì. i:wv Sa<nÀÉwv crou xat 'tfjç 06ç11ç
gico. Cfr. Theocr., idyll. 7,125 s.; àµi.v aù-cwv xcx-ran•vw, xai. Soi::À.vcrcroµaL
o'à.o"vxla 'tE µÉÀ.OL ypala 'tE 1tC1.pELT), aù-ci}v, XC1'tC1.it'tVEW è usato nel senso
a:rn; Émcpl>vsoLCTC1. ""tCÌ. µi) xa.À.à VOCT(j)L\I metaforico di ' avere in disgusto', 'di-
ÈpvxoL; Plaut., asinaria r, 1, 25 ss.; Ca- sprezzare', lo stesso significato al v. 4
tuli. 50,18 ss. L'atto di sputare durante mostra però lo sfondo effettivo della ce-
l'applicazione di un mezzo terapeutico o rimonia del battesimo: ... ò µC1.x<ipLoç
mentre si fanno gli scongiuri ha natu- A.ao-Loç... xai:rna'tT)CTEv 'tÒv x6crp.ov crùv
ralmente un significato apotropaico. Cfr . -ccxi:ç ànai:CXL<; C1.VTOÙ xaì. X<X""tÉ1t'tUO'EV
Plin ., hist. nat. 26,9,69; Tibull. 1,2,53 i:òv otciBoÀ.ov crùv -ra~ç 7t0µ7ta~ç a.ùwu
s., dove si invita Delia a ripetere tre xat VitÉSEV!;EV ÈC1.V""tÒV "'CQ CT'tC1.VpWi>ÉV'tL
volte una formula accompagnandola con Xptcr-rQ ... cfr. Pali. , hist. Laus. 15: xaì.
tre sputi ; Theocr., idyll. 2,62: la schia- (,"i)craç (Marco) aÀ.À.a EÌ'.XOCTL 7tÈV'tE E'TT)
va deve macerare la materia velenosa ÉV 'tQ Y.EÀ.À.L<t' ÈxELV<t' xaplcrµa'toc; i)çL-
sulla soglia dell'amante infedele xat wi>T) XCX.'tC1.1t'tVEW OC1.Lµovwv, ÈV'tpucpwv
À.Éy' Émq>Ml;,oLCTC1.' ""tCÌ. AÉÀ.cpLÒoç òcr-cla •fi µo voT1J-CL; Eus., hist. eccl. 10,4,r6:
µ<icraw; Varro, de re rustica1,2. Allo wcru i)o'l") ... -roùç ~acrLÀ.ÉC1.ç... vExpwv
stesso modo, ossia come un gesto rivo] . I 1.Zv dowÀ.wv Y.C1.'tC1.1t'TVEW 1tpOO"W'ltOL<;;
to a stornare minacce divine o demonia- Tcrtull., dc idolatria r x. Probabilmen-
che, va giudicato anche lo spuere in si· te 5 la più antica testimonianza di un
num. Cfr. Theophr., char. r 5: ò ÒÈ. OE•.- rigetto battesimale del diavolo median-
O"LOalµwv "'COLOÙ""toç ÈO"'tW' ofoç... llC1.L· 1e lo sputo ci viene dall'ordinamento

geschichte ( 19 24 ss.) J 5 (indice) 411 s.v. 'Spci- Inohrc S n:ACK B1 L1.[ llbi:C~ 11 15·1 7 .
chel'. Ino ltre: v 1 19. Per l'uso dello sputo 11 ' D ò LGt.:R, Oic, So1111e der Gc·rechtigkeit 19 ss.
scopo t<: rapculico dr. M c. 7.B; 8. 2~ ; lo. 9.6.
ExO"'Ta.cnç (A. Ocpke)

ecclesiastico contenuto nel palinsesto ve- nell 'Euchologi um Jella Chiesa 'ortodos-
ronese pubblicato dallo Hauler. In tal so-cattolica' dopo il terzo esorcismo bat-
caso l'usanza risalirebbe al III secolo, tesimale, quando il sacerdote dice al
anzi alla seconda metà del secolo II. In battezzando: xat ȵcpuO"'l)O"O\I xat t:µ-
seguito il gesto è menzionato per es.
H. SCHLIER

tarum 3, x ,6: ExO"'taO"Lc; -rijç cpv<rEwc;), in


particolare il turbamento dello spirito,
a) Propriamente, cambiamento di luo- \lou (Plot. 5,3,7, opp. T]O"vxlcx.; in senso
go: Aristot., an. 1,3 p. 406 b 13: XL\l'l')- assoluto Hippocr., aphorismi 7, 5) per
<nç EXO"-rctcrlç tO"-rL -rou xwov(.LÉ\lou; Hip- meraviglia e timore ( -rèt µT)OÈ 1tpoO"oo-
pocr., de articulis 56: la posizione difet- xwµEv' EXO"'t'aO"W cpÉpEL, Menand., Jr.
tosa delle cosce. In senso metaforico b) 149 [CAF III 44]), per invidia (test. S.
la cessione patrimoniale ( = cessio bono- 4,8). La follia è EXO"'taO"Lc; i.ta\ILXTJ (Ari-
rum ), termine tecnico nei papiri (B G U stot., cat.8 p. roa1). Non sempre 1,
III 9r4,6; P. Oxy. III 472,43). c) La ma molto spesso la parola designa uno
degenerazione (Theophr., de causis pian- stato passeggero di eccitazione, che può

ExO"'TC!.O"~ç
Per la bibliografia anteriore al 1908 dr. RE gen im AT und im anschliessenden Judentum
xx .586 s .; per quella più recente R G G' u (r910); F. HXusSERMANN, Wortempfang und
95-97, cfr. IV r 529 ss. Diamo qui indicazione Symbol in der at.lichen Prophetie (1932); H.
delle opere più significative: GuNKEl., Die \'firkungen des hl. Geistes nach
W. facHRoo·r, Theologie des A.T.1 (1933), Re- der populiiren Anschauung der apostolischen
gist s.v. Ekstase, spec. 162 ss., 177 ss.; E. FA- Zeit und nach der Lehre des Apostels Paulus'
SCHER, flpoq>lJ"t'T)<; (1927) Regist.s.v. Ekstase; (r909); H. WEINEL, Die Wirkungen des Gei-
CHANT. DE LA SAUSSAYE, Rcgist. s.v. Ekstase, stes und der Geister im nacbapostolischen
Diimonen, O/fe11barung, Schama11en, ecc.; F. Zeitalter (1899); F. BiicHSEL, Der Geist Got-
R. LEHMANN, Propbetismus in der Sudsee: tes im N.T. ( 1926) Rcgist. s.v. Ekstase; C.
Christentum un<l \'V'issenschaft to [ r934] .56 SCHNilH>ER, Die Erlebnisechtheit der Apoka-
ss.; J. WAKNECK, Die Religion der Batak lypse des ]oh. ( x930); J. L EIPOLDT, Dionysos
(1909) 89 ss. 104 ss.; T. CANAAN, Diimonen- ( 1931 ); W. F. 0Tro, Dionysos: Frankfurter
glaube im Lande der Bibel (1929); J. TAM- Studien zur Religion und Kultur der Antike 4
BORNINO, De antiquomm dar:monismo: R V V (r933) 96 ss., 124 ss.; ]. QUASTEN, Musik und
7,3 (1909) spec. 62 ss.; E. RoHOE, Psyche '·'0 Gesang in den Kulten der heidnischen An-
hrsg. von O. WEINREICH (1925) spt><:. 14 ss. 58 tike und christlichen Fruhzeit (1930) .51 ss.
ss. 94 ss. 349 ss.; Mithr. Liturgie; F. HEILER, .59.70 - II, coll. .543·.544, 'ltVEvµ.a., itpoq>i}'T'T)<;,
Das Gebef (1923) spec. 252 ss.; 258 ss.; 277 opaµa., lSpa.<rtc; OaLµo'lllsoµm, ljiuxL~6ç, 'lt'llEU-
ss.; 304 ss.; 316 ss.; .524 (con bibliografia); µa"tLX6ç, ftE61t'llEUCl''TO<;.
REITZENSTEIN, Hell. Myst.' spec. 333 s.; H.
LEISEGANG, Der heilige Geist ( 1919) 16_3 ss.; 1 Un proselito augura al disturbatore della sua

IDEM, Pneuma hagion ( T. 922); H. \XTINDISCH, pace sepolcrale, fra l'altro, anche la ExO"'TUO"Lç
Die Frommigkeit Phi!os ( 1909) 60 ss.; Bous- OLa.vola.ç (DITT., Syll.' 1240, 14 s.; cfr. Deut.
SF.T·GRESSMAN 394 ss., 4 49 ss.; P. Votz ,Der 28,28) intesa però come una punizione perma-
Geist G ottes und die t.'erwa;1dte11 Erscheinrm· nente.
txu..a.o-~<; (A. Oc.:pkc)

anche giungere sino a un irrigidimento no il tcsw originale interpretandolo se-


delle membra: EX<r,aaic, q>V<1EWC, xat condo i loro presupposti antropologici
dx.Wv i)a.vci."tov (test. R. 3 ,1 ). È ancora e teologici. In Num. r 3,33 (32) EXCT'ta.-
/'esalta:.ione (Cornut., de natura deomm <1L<; traduce dibba, e in tal modo al di-
30; cfr. Philo, ebr. 15: µéìh1v, -r'Ì}v bc- scorso duramente critico degli esplora-
CT"ta<rEWC, xo:t 'ltapacppocrvvric; at"tlav ). tori sulla terra da essi spiata si so-
Se il pazzo o l'esaltato viene ritenuto stituisce il sentimento di paura suscita-
'pieno di Dio', ispirato, dotato di una to dalle loro parole. Perciò EXC1'tCX.CTLC,,
forza particolare, abbiamo d) il rapi- come il verbo corrispondente e~ col!.
mento estatico. Platone (Phaedr. 244 a) 350 ss.), dimostra che i LXX interpreta-
parla di µo:vlcx., iM~ oocm Ot.ocµÉVTJ, in no in chiave psicologica fatti e avveni-
256 b di ilElcx. µavla. menti che il T.M. presenta in altro mo-
Filone distingue quattro significati di do.
ExCT"tMt.c, (rer. div. ber. 249 ss.): l. fol- Anche nel N.T. sono attestati soltan-
lia (cfr. spec. leg. 3,99; cher. 69); 2. to due significati: c) ma solo nel sen-
stupore e spavento (di Israele sul Si- so di stupore, sbigottimento per le ma-
nai); 3. riposo totale, sonno, stordi- nifestazioni del soprannaturale (Le. 5,
mento (di Adamo, Gen. 2,21; dr. leg. 26); sinonimo è •p6p.oc, (Mc.16,8), Mµ.-
oll.2,31; plant.147); 4. Ti oÈ 7taawv ~oç (Act. 3,ro, ~ É!;fo"t''Y}<ra.v Èxcr"tao-<~
à:plCT"tTJ Evi>e:oc; xa."toxwxli (ispirazione) µEyrlÀ.71, Mc. 5 >42) e il significato d ):
"tE xcx.t µcx.vla, ii "tÒ 7CPO<{>'Y)"ttXÒV "(ÉVOC, rapimento estatico (solo negli Atti), det
XPfi"ta.t. (Abramo, Gen. 15,12 ), évi}ovcrt.- to di Pietro: É7tÉTtECTEV É.1t'av'tÒV Ex<r"t'a-
<.~v.-oc; xc.d i}EocpopiJ•ov 'tÒ ;.cii>oc; (rer crt.ç (10,10), doov Év Éxcr-rcian opaµa
div. ber. 258, cfr. 264 ). L'idea di un ( 11 ,5 ), e di Paolo: yEvfoi}a.i f.v Èxcr•ci.-
temporaneo allontanamento dell'anima <1EL (22,17).
dal corpo non è il <lato originario e fon-
damentale di quest'uso di EX<r"ta.<rt.c; (co- Sebbene nell'A .T. manchi affatto il
me non lo è della parola tedesca Ver- significato tecnico deUa parola e nel N.
rilckt heit ), ma vi si è aggregata poste- T. sia solo debolmente sviluppato in
riormente: EXCT"tTJi>t. o-rn1Y'djç (rer. cliv.
her. 69; cfr. leg. all. 3AO s. ). connessione con influssi marginali de I-
Nell'A.T. si trova soltanto il signi- l 'ellenismo, nondimeno l'importanza del
ficato c) e precisamente quello di follia fenomeno estatico, indubbiamente pre-
I soltanto in Dcut. 28,28 EX<1't<XC1LC, OLCX·
sence nel N.T., richiede un'attenta disa-
''~la.e = timhOn lebizb ); negli altri casi
quasi sempre vale spavento, orrore (ba- mina dcli'' estasi' in senso stretto, della
rrida, pabad, m~huma, fo'ar, ccc.) pro- sua natura e della sua importanza teo-
vocato anche da cause naturali fGen.27, logica.
33; r Bao-. r4, r 5 a) ma quasi sempre
da manifestazioni del soprannaturale ('-I;
30,23; 115,2; Zach. 12,4; Ier. 5.30; fa:.
A. L'ESTASI AL DI FUOR I DEL N.T.

26,16; 27 35; 32,ro; Dan. 7,28; 10,7,


1

Teod. ); sovente nella locuzione EXC1"t'a.· l. Fondamenti primordiali e sviluppo


cn; xvplov (1Bav.11, 7; 14, 15 b; 2 metodico dell'estasi
Chr. q ,14; 15,5; 17,10; 20.29; Zach. Fenomeni straordinari della vita spi-
14,13 ). In Gen. 2 , 21 ; 15,12 EXCT•a<rLç rituale, attribuili a cause soprannatura-
sra per tardema e indica il sopore pro- li, sono diffusi in tutta l'umanità. Il
fondo immesso da Jahvé. I LXX altera- problema Jella loro natura, se :ioè si
i'x<r-ra.<r~ç (A. Oepke)

tratti di un effettivo contatto c0n for.~e yoga, nel neoplatonismo e nella mistica
divine (o demoniache?), oppure di tur- tedesca 4 •
be nervose e autosuggestione, non va
posto e risolto come un 'alternativa. 2. L'estasi nella grecità e nell'ellenismo5
L'autosuggestionc e l'inganno certo non
mancano; ma anche l'autentica esperien- Anche per i Greci la follìa e l'estasi
za di Dio non va esente da condiziona- sono tra loro imparentate (µciv·w;, da
menti storico-psicologici, e non per que- µa.t'.vEO"i)cx.L! ), ma non sono la stessa co-
sto è meno reale. Nel caso dell'estasi ci sa (dr. ancora r Cor. 14,23 ss.). Quali
troviamo di fronte a fenomeni condi- fenomeni estatici i Greci abbiano sin
zionati dalle circostanze più varie e che dalla più remota antichità, non sappia-
vanno giudicati secondo la loro partico- mo. Si riteneva per l'addietro che le for-
lare natura. Se il confine tra l'estasi e me estatiche storicamente attestate fos-
la follia sovente è apparso incerto alla sero giunte nel mondo greco dall'orien-
sensibilità primitiva e moderna, è certo te non prima dell'ottavo secolo; ma ciò
però che già gli antichi distinguevano è stato di recente negato, almeno per
nettamente i due fenomeni, come di- Dioniso 6 • Egli infatti è già noto a Ome-
stinguevano tra l'estasi e l'ossessione 2. ro 7; ma per il suo carattere di deus fu-
L'estasi in senso stretto è la condizione rens rimane estraneo alla religione olim-
salutare di chi viene afferrato e posse- pica e viene perciò quasi sempre igno-
duto da una potenza superiore, che ora rato dall'epica cavalleresca. La festa del-
viene avvertita più come un fluido im- le Antesterie, comune a tutti gli Ioni,
personale, ora piuttosto come un essere sembra dimostrare che il culto di Dioni·
personale, talvolta anche in ambo i mo- so era radicato nell'area della civiltà
di, come quando un Dio, senza pene- greca già almeno dalla fine del secondo
trare nell'uomo, lo rapisce in estasi millennio. Anche l'idea della tomba di
esclusivamente col suo fiato. Dioniso a Del.6 sembra accennare a un
Già allo stadio primitivo è evidente culto indigeno. Non è quindi il caso di
la tendenza a procurare l'estasi con i pensare a un artificioso accoppiamento
narcotici, la musica (soprattutto con gli cultuale di due divinità, nel quale so-
strumenti a fiato), la danza, le esclama- prattutto Apollo, minacciato nel suo
zioni riwali e con l'infliggersi ferite 3 • possesso dall'intruso, avrebbe ricercato
La mistica superiore colloca il suo fine il proprio vantaggio, giacché si tratta
piuttosto in un cosciente sprofondamen- invece di un dato primordiale della re-
to nel divino, al quale possono accom- ligione greca. Il dio olimpico dallo
pagnarsi visioni e audizioni. Anche que- sguardo chiaro che spazia lontano e il
sta mistica più elevata sviluppa una sua dio furente si integrano e si ricercano
tecnica, che raggiunge il vertice nello a vicenda e insieme rappresentano, per

2 Cfr. CANAAN, op.cii. 46 sulla distinzione, pe· le idee di H. KLElNKNEC~tT.


raltro non osservata, fra magdiib e magnli11 - Le parole di Eur., Da.
6 OTTO, op. cit . .51 ss.
D..xw. 13 ss., non sono quindi un 'documento missio-
3 Cosl nvviene presso gli Shamani e i Dcrvi· nario', ma adombrano la natura dcl d io che
sci danzanti e urlanti. Cfr. anche r Reg. r 8, è insieme lontano e vicino.
26.28 s. 7 Il., 6,13oss.; 22461; q ,325; Od., .2..J,/ ) ss.;
4 I vari stadi dell' immersione esta tica ~on:> 11,p 5. Di opinione <livers:i è ancora U. \'.
raccolti in tabelle in Hf.tLER, 312 s. W 1LA:1110 w1Tz-M oELU.NIX>KH' , Der Glaube d er
s Que<;ta sezione è t: laborata in pane secondo H1•lle11en 11 ( 193;z ) 6oss.
EXO"tcz<ns ( /\. Ocpkc) (1IA49) 330

la coscienza greca, l'immensità e la com- rio del fenomeno dionisiaco, che consi-
plessità del cosmo. ste invece in un'esperienza religiosa tra-
Da profondità abissali emerge la figu- scinante per la sua grandezza e terrifi-
ra divina e umana del figlio di Zeus e cante per la sua mancanza di limiti e ài
di Semele. Essa non è, come voleva la scopo.
teoria evoluzionistica, il prodotto di un Da queste profondità dell'essere, che
razionalismo primitivo applicato alla la morte rende abissali, emergono la
brama fisica di vivere, bensì il frutto del- musica e la tragedia e così pure l'estasi.
1'esperienza di chi si sente afferrato e Questa, nella sua forma dionisiaca, si
posseduto dall'infinità dell'essere. Ora manifesta nelle schiere di femmine dan-
maliosamente amichevole, ora sfrenata- zanti (le menadi), di cui numerose raf-
mente selvaggio, il dio, mentre elargisce figurazioni conservatesi ci offrono una
a profusione i suoi doni, versa il sangue chiara immagine 12• Il miglior commen-
della vita per soddisfare la propria vo- to è costituito invece daJle famose de-
luttà. Le donne che gli fanno corteo al- scrizioni di Eur., Ba. 120 ss., 680-768,
lattano maternamente le fiere del bosco e 1043-1147 che, ricollegandosi,in parte
subito dopo dilaniano il capriolo e l'or- a motivi fiabeschi, fanno sentire con
sacchiotto, se non addirittura il loro particolare efficacia come tutto il mon-
bambino. Dioniso è, con la stessa inau- do appaia incantato agli estatici e come
dita insistenza, il dio lontano e occulto questi siano passivamente trascinati in
e il dio vicino e manifesto, il djo del una comunione ora idillica ora selvag-
frastuuuu e Jc::lla quiete. La maschera, gia con la natura. Il trapasso da questa
con il suo richiamo al presente e la sua condizione estatica al carisma profetico
inconsistenza, è il suo simbolo. Ebbrez- si coglie nelle parole di Tiresià (ibzd.
za della voluttà, danza invasata, follìa 298 ss.):
geniale, creatrice s, profetica 9 ma anche
sinistra e distruttrice10, pienezza traboc- Ed è anche indovino questo dio; ché
cante di vita e morte che distrugge la quel tripudiare
vita: sono questi gli elementi che acco- e quella frenesia hanno in sé molta
munano il dio al suo adoratore. Dioniso virtù divinatrice:
vive e soffre egli stesso ciò che dà e fa quando il dio tutto penetra nell'ani-
agli altri. Il simbolo profondo di que- ma
sta tragica lacerazione è la vite, col suc- fa sì che gli invasati predicano il fu-
co che allieta e libera dalle cure ma an- turo 13 •
che eccita e infatua. Anche il vino, l'au-
lo e il timballo 11 , la danza e il grido Nel cult0 delfico l'estasi collettiva
bacchico di euoè vengono usati come (che, a guanto s'è detto, non è dovuta
strumenti per produrre artificialmente probabilmente solo a un'avveduta equi-
l'estasi; ma tutto ciò rappreseT~a pro- parazione di Apollo a Dioniso) è rappre-
babilmente una decadenza e una mecca- sentata dalle i)u~cX.oE:ç che sul Parnaso
nizzazione tardiva, non il dal) origina- invernale si muovono in una danza '10t-

~ OTTO I 2-1 ss. Foto Andcrson 23 709: Brunnenfassung (Va·


9 Orro r 34 ss. ti ca no) ecc.
iJ Piurarco, quaest. conv. 7,10,2 (n 716 b) ri·
IO OTTO 96 ss.
porta questi versi a sostegno di una medita-
11 Eur., 13n. 120 ss. i52 ss. zione, invero poco approfondita, sul tema:
12 Vedi le figure in L E IPOLDT, op.cii. tav. 9, 'in vino veritas'.
331 (!I,449) fanao-~ç (A. Oepke) (ll,.tJO) 332

turna accompagnata da fiaccole. L 'c,t~ si eia - e non potremmo dire con sicu-
profetica individuale è impersonatJ in- rezza se soltanto dopo l'ottavo secolo
vece dalla Pizia che, seduta sul tripode, - singoli individui estatici - Bacchidi
inebriata dai vapori che promanano da e Sibille - che non sono in rapporto
una fessura del terreno, dà i suoi ambi- con particolari misteri e neppure hanno
gui responsi, che il itpoq:>1)-.11ç messo al saldi legami con la religione popolare 20 •
suo fianco riferisce in una lingua più o Dietro gli apparenti nomi propri si ce-
meno comprensibile. A tutto ciò pare lano indubbiamente designazioni gene-
non fosse estranea in qualche caso l'im- riche, che finora non si è riusciti a in-
postura sacerdotale 14 • Una forma al tut- terpretare. Costoro avevano precipua-
to analoga di estasi fu posta in luce dal mente il compito di profetizzare le sven-
processo dei Baccanali (186 a.C.). Sem- ture. Dai responsi messi per iscritto si
bra però che in questo caso avesse mag- sviluppa una profusa letteratura che
giore parte l'elemento maschile. Il pi- non ha più nulla in comune con l'auten-
rno impulso venne infatti da un greco tica estasi: gli oracoli sibillini. Questi
di scarsa cultura venuto in Etruria e erano consultati (nella forma che ci è
chiamato sacrificulus e vates 15 • Nei con- nota soprattutto dalla storia romana)
vegni notturni gli uomini profetizzava- per scopi profetici e in seguito vennero
no contorcendosi furiosamente come os- infarciti di scritti apocrifi giudaico-cri-
sessi. Sono però menzionate anche del- stiani per fini apologetici.
le donne che si atteggiavano a baccan- Nemmeno alla filosofia è sconosciuta
Li 1 ~. Tutti cosroro erano convinti di es- l'estasi. Eradiro credeva a ciò che gli
sere 'trasportati' verso gli dèi, il che pe- annunziava la Sibilla 'con bocca furen-
raltro, secondo la spiegazione razionali- te' 21 • Ma è Platone che dà piena citta-
stica di Livio, era simulato con appositi dinanza filosofica all'estasi mistica, mo-
meccanismi 17 • dellando su di essa la sua famosa descri-
Forme estatiche portate sino aUa fre- àone dell'ispirazione poetica 12 : «Il poe-
nesia sono note anche al culto di At- ta è un essere leggero, alato e sacro e
tis 18 ; altre invece, più attenuate e con- non è capace di poetare 7tpLv <lv f:vi}Eéç
nesse con le catabasi, s'incontrano nel 'tE yÉvi]'tcu xa.t EXq>pwv xat o vovc, µ11-
culto di Iside 19• Si trovano poi in Gre- XÉ'tL Év mhQ Év'fi ... t!;cupovµEvoç -.òv

14 Secondo L. B. Hor.LAND, The Mantic Me- ~i del LEISECANC, scwndo cui si sarebbe trat-
chanism at Delphi: American Journal of Ar· tato di una scena di concepimento (Pneuma
chaeology 37 (1933) 201 ss., è probabile che hagion 32 ss.), non coglie, anche a giudicare
il tripode della Pi:tia, di cui si è rinvenuta la dalle testimonianze figurative (LElPOLOT, op.
base, contenesse in origine le 'sorti' oracolari, cit. tav. ur, sec. v a.C. 1 }, il significato origina-
dette anche ossa di Dioniso o del Pitone, e rio dcl rito. In realtà concetti del genere pare
che la 'tomba di Dioniso' si identificasse con siano stati applicati al procedimento oracolare
l'oµ<paÀ.oç situato davanti al tripode e pur es- in epoca tardiva da chi ne comprendeva poco
~o rinvenuto (dr. le r'.lffigurazioni allegate e il senso e lo giudicava con scarsa bene,·olenza.
anche HAAS, Lfrg. 13/14 Ru MPr' lig. 19). Il va- 15 Liv. 39,8,3 . l6 Li\'. 39,n, r 2.
pore 'estasiante' era probabilmente prodotto 17 Liv. 39,r 3,13
dalla stessa Pizia nell'ad ito posto al di sotto 18 Carull. 63.
d el recinto in cui si davano i responsi, fa. 1~ Apol., met. o ,6.21.24.
cendo carbo nizzare in una padella farina d 'or- 20 PAUL\"·\XI. 11 (1896) 23ots.; 2 serie 11 ( 1923)
70 e foglie d'alloro frammiste a grnnelli di ca· 2076 ss.
napa. Il vapore saliva attraverso il canale si· ~ 1 Jr. 9 2 (r 96,7 ss. D1usl.
tuato nell'o~iqiaÀ.oc; e veniva inspirato. La te· 22 I on .534 h·d.
333 (Tl,450) hcr-.o.cnç (A. Oepke)

\IOVV ... ò frEòç mh6c; fo-cw 6 ÀÉyWV». porea e personale (ibid.635ss.; 695ss.).
Alla concezione della divinità che si Cic., divin. 1,50,II4: ergo et ii, quorum
insinua nell'uomo (XWPE~v -còv i}E6v, animi spretis corporibus evolant atque
lambl., myst. 3, II) si affianca l'altra excurrunt f oras, ardore aliquo infiam-
dell' €vi}Eov yl yvEo-fra.L o Évì>ovo-La.aµ6c; mati atque incitati cernunt illa profecto,
(Plat., Tim. 71 e). L'apparente contra- quae vaticinantes prommtiant, multis-
sto fra di esse non era in realtà avver- que rebus inf/.ammantur tales animi, qui
tilo, perché alla preposizione ~ Èv si corporibus non inhaerent ut ii, qui so-
dava un valore piuttosto situazionale no quodam vocum et Phrygiis cantibus
e si concepiva la divinità più come flui- excitantur (dr. ibid. 51, rr5). Chrys.,
do che come persona. Secondo una ter- hom. in Act. 22,x (MPG 60,172): .. l
za interpretazione, poi, l'estasi vien con- Èo--cw EXO"'ta.cnc;; 7tVEUµo.-cLxi}, cp1)0"l,
cepita come una temporanea separazio- tlrwpla. yÈyovEv a.v-ci;> · -.oG o-wµa.•oc;,
ne dell'anima dal corpo. Per far posto wc; &v Etno~ ·nç, É~ÈO"'t'l) 'Ì1 \jJvx11. Sem-
alla divinità l'anima si allontana, ma es- bra che la parola ~XO""t"O.O"L<; indicante in
sa stessa, liberata dalla materia, può origine il sacro delirio sia stf!ta poi as-
giungere alla visione. L'anima quindi sunta a significare varie forme di ra-
apparisce ora come un ostacolo (tale è pimento 23 •
in ogni caso il corpo), ora come l'orga-
no stesso della visione. Filone è il primo, per quanto ci con-
Nella cosiddetta Liturgia di Mitra si sta, ad usare il termine ~Xa"'ta.O"Lç con
trovano formulate quasi di seguito di- valore tecnico, ma è sommam1mte im-
verse concezioni del fenomeno estatico. probabile che si debba a lui la creazio-
La civì>pwnlvri tYVXLXTJ ouva.µLç deve ne di questo particolare significato 24 •
fermarsi per breve tempo (V1tEl;EO"'tÙ:Va.L, Nel pensiero di Filone si affiancano, sen-
Preisendam:, Zaub. IV 5 2 3 s. ). Segue il za pareggiarsi, la conoscenza razionale
rapimento che mira alla visione di Dio, e quella mistico-estatica. La seconda ac-
ciò avviene dapprima nel corpo sgrava- quista però maggior risalto e importan-
to dalla soma terrena (ibid. 538 ss.). za. Sulle orme di Gen. I 5 ,I 2 cosl Filo-
o
Vedi però 7 2 5 s. : vnÉx). ui:oç È fon ne descrive l'estasi (rer.div.her. 263 ss.):
«Sinché il nostro pensiero razionale ir-
i:fi ~vxfl xa.t oùx Év o-mu-c<;> fon. (cf r.
2 Cor. r2,2 s. ~ à.va.~a.lvw II, col. 23).
raggia e risplende tutt'intorno, river-
La potenza divina apparisce misticamen- sando in certo modo una luce meridia-
te come la vera essenza dell'uomo: «Pri- na in tutta l 'anima, rimanendo in noi
mo divenire del mio divenire, primo ini- stessi non possiamo ricevere nessuna vi-
zio del mio inizio, spirito dello spirito, sita della divinità (où xcx.•ExoµEì>a.) ...
dello spirito primo in me» (ibid. 488 ss). giacché quando risplende la luce divina
D'al tra parte essa viene assorbita col re- quella umana scompare (e viceversa).. .
spiro. «Prendi dai raggi il respiro (1tVEV- TI vovc; che è in noi e migra altrove
p.a.) inspirando tre volte quanto puoi (É~oLxlsE-ca.L) all'arrivo dello spirito di
(ibid. 537 ss.; dr. 628 s.: EÀXE 1hò -.ov Dio, ma, allontanatosi questo, ritorna
frElov ... Elc; o-w.u-còv -rò nvEvµa.). Infine ( i.6.)..w Elo-oLxlsE'tcx.L); è legge infatti che
essa si presenta all'estatico in forma cor- il mortale e l'immortale non possano

?J Analogamente la parola 'mistica' venne trat- 2~ Ciò risulc:i, oltre che dalla su:t :irtilìciosa
ta originariamente da µvEw =- chiudere la classifica?ione (-col. 325), anche dall'uso in-
bocca, e poi da µvEw = chiudere gli occhi. dipendente di Luca (-col. 326).
)-!EtLER, op. cit. 2 48 S.
335 (11,4 51) €xcr-racrLc; (A. Oepke)

coabitare. Una potenza superiore s'im- Sovente i profeti vengon chiamati pazzi
padronisce degli organi del linguaggio (2 Reg. 9,11; Ier. 29,26 ; Os. 9,7 ), e ciò,
(I' estatico diventa un opyct.\10\1 ìkoù
TJXEfov, xpovoµEvov xat 1tÀ.TJ't''t'oµEvov sebbene provenga da astio e malanno,
&:opchwç V1t'ct.v't'où, rer. div. her. 259; lascia nondimeno intravvedere l'origina-
cfr. 68 ss.; leg. alt. 3,40 s. 44-48.82.84; ria identità dei due concetti .
ebr. 146 ss.; op. mund. 7r ccc.).
La teologia ellenistica della rivelazio- Ricostruendo, per quanto ci è possi-
ne estatica tocca il suo ultimo vertice
nel neoplatonismo. I testi più significa- bile, lo sviluppo storico dei vari feno-
tivi in proposito sono in Plot., enn. 4, meni estatici nell'A.T., troviamo all'ini-
8,r ; 6 ,7,22; 9,r r. Come già P lutarco, zio ' l' uomo di Dio', che dispone di
cosl anche Giamblico cerca d i fondare forze soprannaturali, cioè non tanto
il valore dell'estasi su basi razionali e
di illuminarne l'essenza con procedi- l' 'estatico' nel senso nostro, quanto il
menti in parte quasi materialistici 25• 'veggente' o chiaroveggente che possie-
L 'intendimento di Giamblico è di dare de una conoscenza sovrumana (Num.
maggior risalto al fattore umano nell'e-
stasi e ravvivare in tal modo l'interesse 24,3, I Sam. 2,27; 9,6 ss.; 2 Sam. 24,
per l'estasi stessa. Anch'egli definisce n; r Reg. 13,1; 17,18; 2 Reg. 4,7 e
l'estatico opyavov della divinità (myst . passim) e può in determinate circostan-
3,1 l ) .
ze comunicarla ad altri (2 Reg.6,15 ss.).
Questi veggenti (fra i quali sono anche
3. Il significato dell'estasi nella religione
veterotestamentaria donne, come Debora (cfr. l ud.4,4), dàn-
no anzitutto responsi circa i fatti della
Chi restringe l 'estasi all'ellenismo e
vita quotidiana (r Sam. 9,6 ss.; 1 Reg.
ignora i fenomeni analoghi nell'ambito
veterotestamentario e giudaico si pre- 14,1 ss.) e altri affari più importanti ,
clude la via ad una comprensione vera- comprese le questioni politiche (2 Sam.
mente storica del cristianesimo primiti- 24, ll), proprio come gli indovini fili-
vo 26• Occorre quindi rilevare l'analogia
tra i fenomeni estatici presenti nelle stei (r Sam. 6,2) e l'arameo f:;zjn del-
due civiltà e cogliere insieme l'indole l 'iscrizione del re Zakir di Hamat (sec.
particolare di ciascuna di esse. vm a.C. ). Ma il loro compito non si
Anche nell'A.T. troviamo, all'origine esaurisce in ciò, bensl è rivolto in mi-
dell'es tasi, stati psichici in tucto straor- sura sempre crescente ad annunziare la
dinari accompagnati non di rado da volontà e i disegni di Jahvé e ad im-
fenomeni che rasentano la patologia porre i suoi comandamenti morali, co-
(Num . 24, 15 ss.; Ez. 3, 25 s .; 4,4 ss.). me si può vedere non solo in personag-
Sembra dcl resto che la radice nb' si- gi eminenti quali Samuele (I Sam. 15,
gnificasse in origine 'parlare con ira'. 22) e Natan ( 2 Sam. 12,r ss .), ma an-

" Notizie più precise in FRASCHF.R, op. cii. 26 In questa insidia è caduto soprattutto il
ìO SS. Reitzenscein e in parte :mche il Leisegang.
txu-cacnc; ( A. Ocpke)

che in altri minori (1 Sam.2,27). Verso stinguc è il senso di distanza dspetto


l'inizio dcl periodo regio si manifesta alla divinità . Jahvé non entra diretta-
in I sraele il nuovo fenomeno dell'estasi mente nell'uomo, ma agisce in lui me-
collettiva 27 • Ribellandosi alla vita co- diante il suo spirito (ruìil;).
mune, gruppi di nebiim, accompagnan- Il profetismo classico si distingue
dosi col suono di arpe, t imballi , flauti e dalla cerchia dei nebi im che aveva as-
cetre, percorrono il paese annunziando, sunto ormai il carattere di una corpora-
senza esserne richiesti, il futuro e spes- zione o setta chiusa (Am. 7,14; Is. 28,
so anche il giudizio e le calamità. La 7 ss.; 29,9 s.; Ier. 23,9 ss.; Ez. i3). Ciò
loro estasi ha effetto contagioso e può però non deve indurci a trascurare le
afferrare persone lontane ( r Sam. io,5 innegabili relazioni fra i due fenomeni.
ss.; 1 9,20 ss.). Dalle loro file escono Ciò che va condannato è la degenerazio-
uomini come Eliseo (2 Reg. 2,5; 4,38). ne del profetismo collettivo: ma non
I n questo fenomeno non mancano certo bisogna dimenticare che un Amos anno-
elementi primit ivi e forme di degenera- vera i nebiim fra i doni preziosi che
zione, ma non per questo lo si può va- Jahvé ha fatto al suo popolo (2,rr s.) e
lutare e. condannare semplicemente co- che nell'aspetto e neJla vita esterna, nel
me u na infiltrazione cananea nella re- modo di ricevere la rivcla:,,ione, nel con-
ligione di Jahvé. In effetti anche la dan- tenuto stesso delle profezie, molti sono
za sacra del culto di Jahvé può aver i punti di contatto fra i profeti classici
ispirato questo movimento che, consi- e i nebiim . Molti dei profeti canonici
derato nel suo complesso, si presenta si arrogano la definizione di nabf (!s. 8,
come l'antitesi di ogni infiacchimento 3; Os. 9,7), e alcuni di essi venivano
spirituale e religioso prodorto dalla 'ci- probabilmente dalle schiere <lei nebiim.
viltà'. I nebiim rappresentano la dura Perciò anche nel profetismo classico le
grandezza morale del Dio dcl deserto esperienze esratiche - visioni e audi-
(rReg. iB; 2r,17ss.; 2Reg.5,26s .; zioni - sono un elemento indispensa-
per il rapporto fra Elia e i nebiim cfr. bile soprattutto al momento della chia-
2 Reg. 2,5; per F.liseo, oltre ai passi ci- mata del profeta (ls. 6,rss. ; Jer. I,4SS.;
tati, 2 Reg. 6,r ss.; 9,1 ss.). Essi hanno Ez. l , 1 ss. e passim; Am. 7-9; Zach. 1 -
la continua percezione della mano di 6 ). In complesso però una regressione
Jahvé che guida la storia del suo po- del fattore estatico è innegabile. L'esta-
polo. Non è improbabile che la loro si non viene più ricercata con mezzi ar-
predicazione contenesse anche elementi tificiali, ma afferra con potenza elemen-
escatologici; ma ciò che li contraddi- tare l 'uomo che Jahvé ha scelto come

27 Allo siato attuale delle nostre conoscenze ncaloitico tra i fenomeni estatici della Palesri-
non è possibile dire se vi sic1 un mpporto ge· na e quelli della Grecia e dell'Asia Minore.
339 (ll,452) (xcr-.mnç (A. Oepke) (11,453) 340

suo strumento, facendo soffrire più che nuca meno. Gli scrittori stessi del tar-
godere la sua debole umanità. Questo do giudaismo collocano l'ispirazione
profetica nel passato e nel futuro mes-
ripudio di ogni tecnica intesa a provo- sianico (ciò risulta nettamente da r
care lo stato di estasi diventa d'ora in Mach. 4,46; 9,27; r4,4r); ma dal modo
poi un elemento caratteristico della pie- in cui la descrivono si deduce che la
tà biblica. La formula n•'um ihwh non conoscevano per esperienza diretta (-+
II, coll.556s.). Né d'altronde si potrebbe
allude necessariamente a un ascolto negare all'apocalittica ogni genuina espe-
estatico della parola di Jahvé. Le visio- rienza dell'estasi. Anche Filone si pro-
in possono essere fallaci (ls. 28,7 ss.; clama ripetutamente un estatico, e non
c'è motivo di recare in dubbio le sue
1er. 2 3 ,9 ss.; Ez. r 3 ). Ciò che davvero parole 28 • Nonostante il suo ellenismo,
imporra sono le norme etiche volute e egli si rivela un autentico giudeo quan-
rivelate da Jahvé. Lo strumento in ogni do ammette che l'estatico non è posse-
duto direttamente da Dio ma da forze
caso indispensabile dell'annuncio profe-
divine e da esseri intermedi.
tico è il linguaggio comprensibile da tut- Nei rabbini frequenti sono gli accen-
ti, ossia la parola. ni a visioni accompagnate dalla compar-
sa di fuochi 29 e da audizioni 30• Quattro
L'elemento visionario-estatico sembra rabbini ancora viventi avrebbero visto
prima facie ritornare in auge negli scric- il paradiso 31 , ma non è certo che si sia
ti che segnano il trapasso all'apocalitti- trattato di un fenomeno estatico. Stan-
ca, com'è il caso - dopo Ezechiele e Zac- do a tutto il contesto i rabbini si sareb-
caria - <lei libro di Daniele. Qui però il bero occupati di speculazioni cosmolo-
racconto della visione diventa sempre giche - alle quali forniva un modello
più un espediente letterario e non si soprattutto Ez. I (cfr. j. Hag. 77 b 8
può senz'altro ammettere che tutte le ss.}, come in parte avviene ancora
visioni descritte siano effettivamente nel giudaismo mistico di oggi. La
avvenute. comparsa di fuochi sembra accennare
all'avvicinarsi della sfera in cui di-
4 . L'estasi nel giudaismo mora Dio 32 • In b. Hag 14 b Bar. -
nell'aneddoto che ci presenta R. Aqibà
Nella sua forma più evoluta l'apoca- e il suo discepolo R. Eleazar b. Arak
littica, pur intessuta di innumerevoli vi- che si intrattengono sulla merkàba dì
sioni, testimonia piuttosto la regressio- Ez. r - la visione del fuoco è un par-
ne di ogni autentica esperienza estatica. ticolare leggendario assieme al canto
Le visioni degli scrittori apocrifi sono degli alberi e alla voce che proviene dal
in gran parte prodotti letterari ahilmen- fuoco; la versione più aurica, ma già
tc lavorati a tavolino. Ciò non significa anch'essa leggendaria, si legge in j. Hag.
peraltro che ogni forma estatica sia ve- 77 a 5 1 ss. La comparsa del fuoco an-

2s Vedi le testimonianze in BucHSEL, op.cii . JI T. Hag. 2 ,3. Nd passo parallelo di b. Hag.


89. q b si parla di una visione del fuoco e di un:.1
29 STRACK-BILLF.RBECK u 603 s. Da qui alla fi. Yoce celeste.
ne del corpo minore la presente voce è dovu ta >z Cfr. per questo anche la leggenda in M.
a Rcngstorf. BunER, Der grosse Maggid u11d seine Nach/ol·
30 Bat qol: STaACK-BrLLERBECK 1 125 ss. .~e (1922) 4 s.
che in altri casi 33 ha sovente un valore messa del suo operare, vi sia stata una
puramente simbolico nel senso anzidet- vocazione ricevuta mediante l'estasi,
to: essa avviene proprio durante le di-
scussioni sulla scrittura, nella quale ha non ci è dato accertare. Nella tradizio-
gran parte la mrkbh. È significativo che ne sinottica non gli vengono attribuiti
anche nella bat qol non si escluda la né esperienze estatiche né miracoli 35 _
ratio. Inoltre essa è in molti casi soltan-
Il che sta ad attestarne la veridicità.
to la designazione di una voce di cui
si ignora la provenienza; dr. tra gli al- Giovanni è il tipo del profeta della pa-
tri, gli aneddoti di ]eb.r6,6; b. Ber.3a rola, sobrio e pacato, pur se animato da
(una voce del cielo che tuba come una severità etica e acceso da passione esca-
colomba e proviene da una rovina!)
ecc. 34• Come esempio di estasi nel giu- tologica.
daismo si potrebbe ricordare soprattut-
to la danza dei vecchi rabbini nell'atrio
Non si è mancato di affermare da
2.
del tempio in occasione della festa dei
Tabernacoli (Sukkà 5,4; cfr. b. Sukf.?à molte parti che Gesù era un estati-
5 3 a); ma anche in questo caso è inne- w 36• E certo, di fronte ad una critica
gabile un movente razionale. che, vincolata da un dogma ecclesiasti-
co o nazareno-ellenistico, in Gesù sape-
B. L'ESTASI NEL N.T.
va vedere solo una quieta sintesi di ter-
r. Giovanni Battista si ricollega ma- reno ed ultraterreno, lo si sottolineava
nifestamente e volutamente, nel suo a buon diritto. Tuttavia l'affermazione
contegno esteriore e nella sua predica- si fonda su di un concetto poco esatto
zione, al nabismo. È quindi tanto più di estasi 37• Non rientra nell'ambito del-
rilevante che nella sua vita, per quan- l'estasi tutro quanto è inconsueto e non
to ci è nota, manchi il momento del- cade nella normalità. Anche la consape-
l'estasi, nonché ogni tentativo di rag- volezza che Gesù aveva della propria
giungerla mediante artifici. Egli prega missione escatologica non si può defini-
e digiuna nel deserto. Ma non fa ricor- re senz'altro estatica. L'intensa vita di
so ad altri espedienti. Suo fine è il rac- preghiera di Gesù e il suo potere tau-
coglimento, non l'estasi. Se poi, a pre- maturgico, poi, si definiscono meglio co-

33 Nei passi riportati <la STRACK-BILLERBECK re rmedi di Mt. 3,16 s. e Le. 3,ir s.
li 603 s. 36 O. HoLTZ~1ANN, W ar Jesus Ekstatikcr.'
34 Sugli aspetti essenziali del fenomeno dr. G. (1903); C.A. BERNOULLI, Jesus wie sie ihn
DALMAN, Bath K.ol, in RE' I (1897) 4~3 s. sahm (r928) 123 s.
MooRE r 422: «un suono articolato e inrd ligi- 37 Vedine la critica in ]. LEIPOLDT, Vom Jc-
bile che proviene da una fonte invisibile». Cfr. susbilde der Gegenwart1 (1925) J29 ss. Cfr.
però anche L. BtAU in Jew. Enc., s.v. inoltre G. BERTRAM, Die Personlichkeit ]esu,
·15 Io. 1,32 reca troppo chiaramente i segni di Psyçhologische Darstellung und christologì-
una elaborazione ideologica, perché lo si pos- scher Gehalt in der evangelischen Oberliefe-
sa preferire a Mc. i ;ro. La linea di sviluppo rung: Zeitschrift fiir evangeiischen Religions-
Jall'uno all'altro si può seguire negli stadi in- Unterricht 4> (r932) specie 146 ss.
hu-tcxcnç (A. Ocpke) (11,455) 344

mc 'pneumatici' 38 • I contemporanei di questo suo senso della concretezza (cfr.


Gesù avvenirono in lui alcunché di anche Le. 1 0,18-20; Mt. 7,22 s.) 41 • An-
'estatico', inteso nel senso di turbamen- dare alla ricerca di paralleli nella storia
to psichico 39 (Mc. 3,21: É.t,ÉCT•TJ) e per- delle religioni è meno proficuo, ai fini
sino di ossessione (Mc. 3,22 par.). Ma di una comprensione più approfondita,
in entrambi i casi si tratta di giudizi che non tener conto delle situazioni,
sbagliati per mancanza di comprensione inerenti alla persona e alla missione, in
e di sensibilità . Esperienze di Gesù qua- cui quelle esperienze di Gesù si inse-
li il battesimo, con la voce celeste (Mc. riscono 42 • La singolare concomitanza di
i , 1 0 s. par.), la tentazione (Mt. 4,1 ss. elementi sovrumani e della più estrema
par.), il suo esultare (Mt. 1 1,25 ss. par. ), semplicità rientra appunto nell ' incom-
la trasfigurazione (Mc. 9,2 ss. par.) 40, si parabile ricchezza di questa personalità.
possono definire più o meno a buon di- L'essenziale è da ricercare sempre nel
ritto come estatiche. Ma proprio questi singolarissimo rapporto con Dio, nella
stessi fatti mostrano come Gesù fosse missione che ne deriva e nel perfe tto
in contrasto con l'aspetto sensazionale adempimento di quella missione. Tale
delle estasi correnti. Gesù non si isola , carattere peculiare c1i Gei:1'1 non vieni>,
ma nel senso del Deuteroisaia si pone, per l'appunto, definito dalla parola
come Messia, proprio dal lato dei pec- ..
' estasi .
catori . Egli supera le tentazioni ineren-
ti all'idea giudaica del Messia. Ringra- 3. Nel cristianesimo pnm1t1vo emer-
zia Dio per essersi rivelato ai piccoli. ge ben presto e con forza il momento
Dal monre della trasfigurazione discen- estatico, mome nto non tanto essenziale,
de nella mi seria dell'umanità (Mc. 9, r 4 quanto tendente ad accompagnarne e a
ss. par.). Ad ogni momento Gesù rivela sottolinearne i vertici. Le prime appari-

1$ Secondo F. Buc11sE1., op.cii. 149 ss., 157 ]esus als Charakter3 ( 192,) 284. L'estatico ti-
nota. pico ricorna malvolentieri alla vita normale,
39 Sulle negmdoni moderne della sani tà p:.i- e volentieri si immerge <li nuovo nell'estasi.
chica di Gesù v. J. LEIPOLDT, op.cit. 1 3 3 ss. Ne consegue una totale alterazione dello spi-
La conft1tozione piì1 pregevole è quella <li /\. rito.
SC11WFIT7.FR, Dic psychiatrische Deurtcilung 42 «Gesù ebhe anche momenti d'estasi, quando
]csu, Darstell1111p_ 1111d Kritik ( r913). vcdc::va ciò che nessun occhio aveva mai visto
40 A. l IARNACK: SA13, 1922, 62 ss., specie 74 e udiva ciù che nessun orecchio aveva mai udi-
s., pensa piunosto ac.I una predisposizione al- w. quando la sua vita interiore faceva un po-
l'estasi in Pie tro. tentr balw in avanti; simili momenti eccelsi
41 Sottolìncato a ragione appunto dallo Ho1:rz- ~ono patologici solo se indeboliscono e tu rba·
MANN, 114 ss. A quanto affermano autorità no l'uomo. Ma finché lo infiammano a grandi
in campo medico quali Mantegazza, Th. J. azioni e ne raccolgono le energie per spingerlo
Hudson e Binswanger, allucinazioni isolate innanzi, wno un sci:;no di salute e un gran
non sono nulla di anormale anche in persone bene» N1N<:K, op. cit.
del tutto sane. LEIPOLDT 16o,162; ). N1NCK,
~x11-racnc; (A . Oepke)

zioni di Gesù risorto non vengono mai le gravi decisioni dell 'attività missiona-
poste nel N.T. in rapporto con esperien- ria sono di conforto e di guida espe-
~e estatiche 43 • Paolo attrihuiscc valore rienze nettamente estatiche (Act . 7 ,5 5;
completamente diverso all'evento di Da- ro,1oss.; r 1,5ss.; L3,2; r6,6s. 10; 18,
masco ( r Cor. 15,8 ss.; Gal. 1,16 --:)>Év) 9 s.; 22,17 ss.; 27,23 ss.; Gal. 2,1). La
e all'esperienza descritta in 2 Cor. i 2 , 1 comunità si tiene tuttavia sempre lon-
ss. Visioni successive del Cristo in glo- tana da forme estatiche cui difettino il
ria vengono narrate con la coloritura timor di Dio, la costumatezza, la purez-
dell'estasi (Act. 7,55 s., cfr. 6,15; Aci. za e la carità (Act . 8,9 ss. Simon Mago;
T8,9 s.: OL' òpciµo:-.oç, 22,17 ss.: Év ÈY.- r Cor. 12-14).
CT'tMEL)44, ma non Je prime apparizioni. Che Paolo fosse un estatico lo si può
Quanto all'evento di Pentecoste (11, coli. dedurre, non tan to da 2 Cor. 5, r 3 (--:)>
557-560), devono essere prese in consi- coll. 352 s.), quanto piuttosto da I Cor.
derazione le concrete circostanze, stori- 14,18 e da 2 Cor. i 2,r ss. Ed è possi-
che ed escatologiche, in cui si trova per bile che la sua infermità accentuasse la
la sensibili tà della comunità primitiva. predisposizione ad esperienze estatiche-16.
L'analogia con l'estasi ellenisrica, che L'imponenza <lella sua uµera vieta però
pure resta rilevabile, viene sottolineata di valutarlo essenzialmente dal punto di
da Luca, il quale mutua dalla religione vista psicopatico. Q uanto all'Apostolo
dionisiaca (e in particolare dalle Baccan- stesso, a differenza dell'estatico tipico,
ti di Euripide) alcuni particolari della egli non attribuisce particolare impor-
sua narrazione 45 • Il turbamento estati- tanza, malgrado Gal. 2, r , alle sue es ra-
co provoca nella comunità la glossolalia si ( 2 Cor. 12, 1. 1 r; I Cor. T4, T9). Le
già su suolo semitico, e più tardi anche analogie formali certo esistenti non
su suolo ellenistico ( ~II, coll .55os.). La autorizzano ancora a vedere in lui es-
vita di preghiera della comunità confina senzialmente il pncumacico ellenistico47 •
anche altrove con l'estasi (Act . 4,24 ss.; La sapienza superiore che Paolo si at-
3,9; r6,25 ss.; dr. anche i brani salmi- tribuisce (1 Cor. 2,10 ss.) è informata
stici in Le. I -46ss. 68ss. : 2,28ss.). Nel- alla storia della salvezza, e lo scindersi
la persecuzione , nei momenti duri e nel- della coscienza non è per lui occasione

43 ld<'nlifìcare 1':1pparizio ne a pili di c inque · 2 Cor. ·12,2 ss. vil·nc.: rc~pi nta ~ ragio ne da E.
cenio frawlli I r Cor. 15,6) con J'evenro <lcl1:1 JACQ1J11.R, !lctn d cr !lpu/r('s (1 926 ) 65 1 , ad l.
Pcntccos1c· (f. v. DonSCHUTZ, Ostern tmd
•5 Su questi rapporr i ha ~nitto di rt-ccme F.
1'/i11gstr11 f 1Qoì l H : K. HoLL: SAB 1()21.
S:-.1tND: Anitdo-; 1 ( 1925) .p ~s.
92~ ) po rt,·rc·h hc .1 ri solvere dive rse d iflico: r:i
Questo rirna n,· llltt:1via un'ipotes i che non tro- -16 Cfr. al p ropo,i1<1 \'\1 11-ut,1 11, 2 Kor., exCU(·
va fond:1ml·nto diret to nd N .T. S\JS a 12 ,7.
44 L 'idc nt ilic11il>11t· dd fou o q ui n arrato con •; Co~ì :mz it1111<1 il H1 1111,:-1UN, op. cit.
.347 (11,455)

di vanto, ma di modc.:stia e umiltà (2 ghiera e tre giorni prima della sua in-
Cor. 1 2 , 2. 5) 48 . Contro gli eccessi di carcerazione, ebbe la visfone dcl pro-
prio cuscino in fiamme, al che egli dis-
estasi orgiastiche egli conduce una lotta se ai suoi accompagnatori: «Sarò arso
spietata. vivo» (mart. Pol. 5,2). Nel Pastore di:
Sui profeti neotestamentari ~ npo- Erma l'attirudine all'estasi compare co-
me un carisma subordinato all'autorità
qnl'tTK
della Chiesa, nel montanismo invece as-
Anche le visioni dello scrittore del- sume una forma aggressivamente antiec-
l 'Apocalisse non sono al servizio della clesiastica.
sensazione, ma hanno lo scopo di scuo- Che strane fioriture continuasse a pro-
vocare il profetismo orientale fino al se-
tere e fortificare la comunità in situa- colo n inoltrato, appare dalla celebre
zione particolarmente grave, in vista descrizione che ci ha lasciato Celso de-
della collisione temibile con la potenza gli estatici cristiani (in Orig., Cels.7,9):
«Molti sconosciuci, che per qualsiasi ra-
dci Cesari, con la sua gonfiatura religio-
gione fortuita si trovano dentro o fuori
sa. Sono quindi vera e propria profezia. del tempio, in parte vanno anche men-
L'analisi religioso-psicologica rivela che dicando e affiiggono città e caserme, si
si tratta di esperie nze visionario-estati- torcono come fossero indovini. Ognuno
è lesto a v ronuncian: le: solite frasi :
che reali, con forte presa sul sentimen- 'Sono Dio', oppure 'figlio di Dio', op-
to, ma non patologiche, esperienze che pure 'spirito divino'. 'Sono venuto per-
vengono poi elaborate nel pensiero e ché ora il mondo va in rovina e voi, uo-
mini, per la vostra cattiveria siete per-
nella forma letteraria 49 • duri. Ma io vi voglio salvare e mi ve-